Sei sulla pagina 1di 45

YOGA E DISABILITA A SCUOLA

INDICE

1 PERCHE QUESTO ARGOMENTO.. 3 2 PERCHE YOGA A SCUOLA ....5 3 HANDICAP: DISABILITA E DIVERSABILITA..9 3.1 QUALI DISABILITA.12 3.2 DISABILITA E RIABILITAZIONE.14 4- DIVERSABILITA NELLO YOGA15 4-1 ADATTARE LO YOGA18 4-2 ASANA E BENEFICI21 4-3 YOGA E RIABILITAZIONE.24 5 IL MOMENTO DELLA PRATICA..25 5-1 RILASSAMENTO E YOGA NIDRA28 6 PROPOSTA DI UNA PRATICA.30 APPENDICE:MOMENTI DI LEZIONE 44 BIBLIOGRAFIA..53

1-PERCHE QUESTO ARGOMENTO Ho frequentato il primo anno delIIsfy a La Spezia e poi il secondo e il terzo a Padova. Ho dovuto sospendere il corso per due anni per motivi di lavoro e di trasferimento. Ho poi finalmente frequentato il quarto anno a Milano. LIsfy ha rappresentato per me un ciclo che andato di pari passo con la mia maturazione spirituale e la mia crescita interiore. Arrivata al quarto anno dellIsfy, non mi sentivo ancora pronta ad insegnare yoga. Mi sentivo come quando ero arrivata al termine della Ssis (la scuola di specializzazione per linsegnamento nelle scuole secondarie che in due anni forma i futuri docenti), e si avvicinava il momento in cui sarei salita in cattedra per insegnare le mie materie (storia e filosofia nel triennio liceale). Quando arrivato quel momento, subito dopo lesame di stato abilitante nel 2009, mi sono trovata seduta in cattedra davanti ad una quinta superiore e, in un primo momento, mi passato per la testa il pensiero di non avere in realt nulla da insegnare a quei ragazzi che mi guardavano pieni di aspettative. Ho sempre sentito agire in me la massima del filosofo Socrate: So di non sapere. Nel mio percorso di studi, nonch nel mio cammino spirituale, ho studiato, imparato e praticato tanto, eppure ho sempre avuto la consapevolezza che non c niente che si possa insegnare ad unaltra persona, se non a trovare in se stesso ci che lui cerca. Educare un termine che viene dal latino, Ex vuol dire fuori, e il verbo ducere indica il concetto di condurre, quindi il significato guidare fuori; in questo senso educare non significa forgiare e foggiare, bens trarre dalla persona ci che ha dentro di s, in modo che sia sviluppato in maniera autentica e personale. Non avrei cominciato ad insegnare yoga prima di ricevere il diploma (simbolo del completamento di un percorso, non per un traguardo ma un nuovo inizio), ma ho avuto unimportante occasione di poter insegnare prima del previsto. Ho scelto di vivere questa esperienza considerandola come un tirocinio; del resto anche nella scuola di specializzazione per la formazione degli insegnanti scolastici, il tirocinio costituiva un momento importante nelliter, prima ancora di sostenere lesame di stato finale. Ecco come nata questoccasione, nel settembre 2012, quando ho avuto dal provveditorato di xxx un incarico annuale presso listituto xxxxx, non per insegnare le materie della mia classe di concorso, ma un incarico sul sostegno. Un insegnante di sostegno assegnato ad una o
3

pi classi nelle quali sono presenti uno o pi alunni che hanno una certificazione di un tipo di disabilit che pu essere o fisica o cognitiva. Si va dai semplici disturbi specifici di apprendimento o di comportamento, e dai lievi ritardi mentali, fino a casi pi difficili come grave ritardo mentale, autismo, sindrome di down, e cos via. Per poter insegnare sul sostegno, un insegnante deve innanzitutto essere abilitato nella sua materia e poi, deve frequentare un determinato corso di specializzazione chiamato sos, che prevede come la Ssis ordinaria, esami e tirocinio ed esame di stato in uscita. Ho fatto il corso di sostegno subito dopo aver preso la seconda abilitazione Ssis sulle mie materie e ho lavorato su sostegno per due anni consecutivi prima di cominciare il nuovo incarico di ques tanno. Nella scuola dove attualmente lavoro ci sono 28 allievi che presentano disabilit varie, prevalentemente di tipo cognitivo, e 14 insegnanti di sostegno (solitamente c una media di un insegnante di sostegno ogni due alunni). Questa scuola molto attrezzata e organizzata per offrire diverse attivit extracurriculari rivolte agli alunni disabili; gi negli anni precedenti sono state organizzate attivit di musicoterapia, ippoterapia, pittura, ceramica, barca a vela, e laboratori didattici di vario genere. Allinizio dellanno a noi nuovi insegnanti di sostegno stato proposto di attivare un laboratorio di qualunque attivit che si avesse piacere ad insegnare. Ed stato cos che mi sono chiesta perch non fare yoga? Questa idea stata fin da subito accolta con curiosit e interesse sia dagli alunni che dai docenti. Mi sono imbarcata in questo progetto con entusiasmo e allinizio con un po di sana improvvisazione. Nella mia prima lezione non mi sono sentita come quella volta a scuola quando sono salita in cattedra per la prima volta. Ho avuto la consapevolezza che quella non era una lezione che facevo io, ma un momento di pratica guidato da me eppure condiviso tutti insieme. A questo gruppo partecipano 11 alunni, di cui alcuni sono affiancati dai rispettivi insegnanti di sostegno ed educatori. Quindi in sala siamo quasi una ventina. Gli insegnanti che partecipano alla lezione mi sono molto daiuto perch assistono i rispettivi alunni nellesecuzione di ci che di volta in volta propongo. Non me lo aspettavo, ma gi alla fine della prima lezione gli allievi e i rispettivi insegnanti mi hanno manifestato il loro entusiasmo e apprezzamento per il corso. Gli insegnanti hanno notato che gli alunni sono riusciti a raggiungere un obiettivo fondamentale: stare tranquilli in silenzio! E cos difficile al giorno doggi, infatti, mantenere il silenzio e la disciplina in classe! Nel corso di questa tesi far spesso riferimento alla mia esperienza di insegnamento con questo gruppo in modo da associare alla teoria un riscontro pratico.
4

Di solito le tesi, a cominciare da quelle accademico-universitarie, tendono ad esporre

molta teoria, tratta dai svariati testi su cui basata la bibliografia; sicuramente sono molto interessanti e spesso ne vengono fuori lavori eccellenti. Per non da dimenticare che,pur essendo la teoria molto importante, lesperienza fondamentale . Dice SwamiSivananda unoncia di pratica meglio di tonnellate di teoria. Nellaffrontare questo argomento vissuto a livello pratico ho limpressione di poter scrivere qualcosa di vivo in quanto frutto di esperienza personale.

2-PERCHE YOGA A SCUOLA Nel mondo di oggi cos frenetico, i bambini e i ragazzi sono circondati da adulti pieni di ansie e competitivit e cos spesso gli alunni a scuola, soffrono di problemi di stress e ansia da prestazione e sviluppano unattitudine di competizione con i compagni. Di solito gli insegnanti chiedono agli alunni di stare attenti ma non sanno spiegare loro come si fa a raggiungere lattenzione. Gli alunni vengono spesso riempiti di nozioni e costretti a stare immobili e composti, seduti al proprio banco in una postura spesso innaturale. E facile immaginare leffetto di tutto ci nella mente e nel corpo degli studenti. Le enormi potenzialit dei loro cervelli vengono paralizzate e costrette ad abitudini ripetitive e stereotipate. Spesso i docenti, in particolar modo quelli di vecchia generazione che non hanno avuto occasione di approfondire lo studio e la conoscenza dei processi psicologici legati alla concentrazione, allattenzione e allapprendimento (oggetto di studio approfondito nella Ssis, scuola di specializzazione allinsegnamento secondar io) ignorano quali siano le dinamiche di tali processi. Secondo le pi moderne teorie psicologiche e pedagogiche lapprendimento ha luogo non solo in tutto il cervello, ma coinvolge i sensi e perfino il corpo che partecipa attivamente a questo processo. Se condo Einstein laspetto pi importante dellintelligenza la capacit di usare limmaginazione con le informazioni che si conoscono e di coordinare armoniosamente lattivit degli emisferi sinistro e d estro del cervello. Solitamente, infatti, le informazioni sono trasferite da un emisfero allaltro attraverso le fibre nervose; se si allena e potenzia la comunicazione degli emisferi, si mette in pratica lapprendimento con tutto il cervello. Invece i sistemi ordinari di educazione scolastica, gli insegnamenti e gli esami sono basati sullo sviluppo dellemisfero sinistro, legato ai processi di logica, razionalit, calcolo, penalizzando lemisfero destro che invece sede dei processi collegati allintuizione, alla fantasia e alla creativit, e che spesso genererebbe momenti di genialit. Un sistema di apprendimento cos limitato tenderebbe a generare negli studenti svogliatezza e mancanza di
5

coinvolgimento, perch essi non sono portati ad apprendere con tutto il loro essere, nella piena relazione e interazione corpo-sensi-cervello-mente-spirito. Solo cos le informazioni possono essere impresse profondamente in tutto il nostro essere. Grazie allimpegno della FIY, lo yoga approdato allinterno degli Atenei, aggiudicandosi la fiducia del mondo accademico. Nel 2003 stato firmato un Protocollo dintesa tra il Ministero dellistruzione e la FIY, in cui lo yoga stato indicato come un valido coadiuvante educativo e sociale, capace di contribuire allo sviluppo armonico ed equilibrato di un individuo. Lo yoga stato introdotto in via sperimentale non solo in diverse scuole di infanzia ed elementari per essere insegnato ai bambini, ma anche alle medie e superiori per rivolgersi ad un pubblico adolescente. Mentre per i pi piccoli lo yoga un gioco che viene fatto in gruppo e ha lobiettivo di favorire lapprendimento, lascolto di s e dellaltro, invece per i ragazzi pi grandi lo yoga diventa un vero e proprio supporto pedagogico e psicologico. Attraverso lo yoga si sperimenta una nuova possibilit educativa che supporta linsegnamento scolastico. Allinterno dellorganizzazione scolastica, lo yoga non da considerarsi come unaltra materia, bens una solida base, uno spazio di accoglienza, un luogo di creativit e concentrazione, unoasi che avrebbe lo scopo di trasformare le situazioni di disagio, di stress e di tensione in un progetto di scoperta delle risorse personali. Lo yoga quindi diventerebbe un processo di autoeducazione che va di pari passo con la scoperta di nuova modalit per favorire lascolto e la qualit della relazione in classe, attraverso il corpo e la mente. In una societ della quantit e della velocit, in cui le relazioni diventano a volte superficiali e difficili, possibile riscoprire unaltra modalit, disponibile al punto di vista degli altri. Mentre con lo yoga i bambini giocano e imparano a conoscere cosa significano amore e pace, i ragazzi nel loro travagliato periodo delladolescenza imparano a rilassarsi e a prendere coscienza delle proprie risorse e potenzialit. Gli alunni potranno scoprire le possibilit del loro corpo e il loro respiro. Impareranno a concentrarsi e rilassarsi per poter stare meglio, e sperimenteranno in che modo scaricare tensioni. In particolar modo, avranno occasione di scoprire e rispettare il loro spazio e quello degli altri, imparando a gestire limiti e conflitti. Verr stimolato il sistema nervoso e verr rafforzato il sistema immunitario. Gli alunni svilupperanno la consapevolezza del loro corpo e della loro postura, imparando a tenere in equilibrio le loro forze psichiche e fisiche.
6

Svilupperanno lattenzione e la concentrazione necessaria per il loro impegno scolastico e per gli apprendimenti disciplinari; potranno imparare ad esprimere e condividere il proprio sentire, senza essere limitato da giudizi e inibizioni. Le emozioni potranno essere percepite come normali e giuste, degne di essere espresse e condivise. I passaggi delicati della loro et saranno visti come naturali e necessari. Lobiettivo quello di far raggiungere in loro questa consapevolezza: Io esisto nella mia meravigliosa unicit e nella relazione con le persone con cui vivo. Non c giusto o sbagliato riguar do a ci che sento: ogni percezione della realt soggettiva, il punto di vista dellaltro sempre diverso, perch la percezione soggettiva. Essi impareranno infine a collaborare con gli altri compagni e a sostenersi reciprocamente nelle difficolt senza nessuna competitivit. Rispetteranno le regole non come una forma di costrizione ma come un mezzo per vivere meglio insieme. Lo yoga si vive, non lo si pu solo raccontare o studiare: si ricollega in modo immediato ai ritmi profondi della vita in noi. I ragazzi di oggi sono in intenso contatto con la vita, ma spesso non possiedono gli strumenti per esprimere gioie e disagi e soprattutto per trasformare le emozioni in vissuto positivo. Si renderanno conto che possibile lavorare sulle emozioni al fine di produrre una mente calma e creare le giuste condizioni per una pacifica e costruttiva convivenza scolastica. Lobiettivo imparare a conoscere e rispettare la diversit degli altri; la presenza mentale svilupper la consapevolezza necessaria per riconoscere c i che laltro , ed accoglierlo con apertura e disponibilit a considerare il suo punto di vista. La diversit diventer quindi unoccasione di arricchire gli strumenti che stanno alla base dei processi di relazione sociale. Si scoprir, inoltre, che nonostante le rispettive differenze i propri meccanismi psicologici di comportamento sono analoghi a quelli degli altri. Nella consapevolezza del proprio collegamento con gli altri, gli alunni avranno modo di intravedere ci che significa il collegamento tra se stessi e il tutto. I banchi e la cattedra non saranno pi barriere, ma diventeranno luoghi di relazione e occasione di crescita sociale e spirituale: la pratica yoga sar integrata allinterno delle materie di insegnamento e della didattica. La pratica yoga non sar solamente indirizzata agli alunni ma anche al corpo insegnanti che potranno quindi avere occasione di apprendere tecniche di rilassamento, concentrazione e meditazione che si riveleranno utili per il loro lavoro in classe. In particolare, i docenti potranno sviluppare la calma e tenere sotto controllo lo stress che viene solitamente prodotto dalla vivacit dei ragazzi. Gli insegnanti potranno
7

quindi sperimentare in prima persona come ritrovare le proprie risorse nei momenti pi difficili. Negli Stati Uniti lo yoga entrato nella moderna educazione e alcune scuole lo hanno aggiunto alle attivit scolastiche, con risultati promettenti. In una scuola media americana la maggior parte degli studenti di cui sono state raccolte testimonianze affermano che dopo lo yoga si sentono pi pronti ad apprendere e disposti a compiere le loro attivit quotidiane con maggiore calma e tranquillit. Inoltre le sospensioni degli alunni sono diminuite del 60% e i valori dei risultati delle verifiche sono aumentati. Quindi evidente che le tecniche yoga incrementano la capacit di recupero da fatica e stress, facilitano il rilassamento e favoriscono una maggiore attenzione e concentrazione. Gli allievi sviluppano labitudine allinteriorizzazione e allattenzione sia per il proprio s che per quello dellaltro. In sostanza saranno migliorate la comunicazione e le relazioni dellalunno con i compagni e con gli insegnanti. Lespressione delle potenzialit individuali sar facilitata e la personalit crescer secondo uno sviluppo armonico, allinsegna dellautostima e della sicurezza di s. Sono dimostrati scientificamente i benefici per le lievi deviazioni della colonna vertebrale (scoliosi, cifosi e lordosi). Non esiste chi arriva primo ma si vince tutti! Solo imparan do ad apprezzare il valore che vive in noi e nellaltro potr nascere un sentimento sincero di fratellanza in cui diventer inutile essere primi: legoismo si dissolver. E molto importante insegnare qualcosa di vivo, non soltanto rivolto alla testa, ma a tutto lessere degli allievi, che sono molto ricettivi e intuiscono se linsegnante appassionato a ci che insegna e sperimenta in prima persona ci che va a proporre alla classe. Ci vale per le materie curricolari e quindi deve maggiormente valere per lo yoga. Lo yoga pu essere proposto alla scuola come attivit extracurricolare in orario extrascolastico con uniscrizione volontaria da parte delle famiglie, oppure pu essere inserito come corso allinterno dellorario scolastico come offerta formati va per le classi; in questultimo caso saranno concordati con gli insegnanti il numero di incontri e le classi da coinvolgere.

3-HANDICAP: DISABILITA e DIVERSABILITA Prima di entrare nel cuore dellargomento, necessario comprendere che cosa significano le parole handicap e disabilit. E ormai riconosciuto che lhandicap prim a di tutto un fattore mentale e quindi, occuparsi di handicap e di riabilitazione significa innanzitutto occuparsi di corpo e mente. Il corpo da intendersi come il luogo della nostra identit fisica e psichica: ci che ci permette di essere nel mondo, di incarnarci, dando concretezza e materia alla nostra esistenza, ci permette di sentire, la sede delle nostre emozioni, del nostro dolore cos come della nostra gioia. Molte sono le teorie di psichiatri, neurologi e psicologi che hanno confermato il profondo legame esistente tra corpo e mente. La pratica yoga studia e approfondisce ulteriormente questa connessione. La persona possibilit reale di realizzazione sensata per s e per le altre. Se la realizzazione consiste in una potenzialit o capacit positiva che viene attuata, la persona persona non perch attua o raggiunge lo scopo, ma soltanto perch ha la possibilit reale di raggiungerlo. Un bambino affetto da deficit persona perch possibilit reale di realizzazione, non di questa o quella capacit, ma di una qualche capacit. Gli ostacoli posti dalla natura o dalla cultura non tolgono la possibilit reale, la rendono solo pi difficile. Sino ad alcuni anni fa si era convinti, da un punto di vista neurologico, che i caratteri genetici influissero su tutto l'individuo e che anche il tutto del sistema nervoso ubbidisse alle programmazioni genetiche. Le differenze dei singoli erano viste solo a carico della diversa programmazione genetica. L'invecchiamento dei neuroni e l'insostituibilit della deflorazione neuronale erano considerate basi sufficienti allimpossibilit di modificare il temperamento e il carattere di un individuo. Alcune scoperte degli ultimi decenni hanno rivoluzionato non solo le neuroscienze, ma anche la pedagogia e la pedagogia speciale: lapprendimento ed esperienza moltiplicano la plasticit neuro-sinaptica. Le conseguenze di tali scoperte non solo sottolineano l'importanza dell'azione e dell'attivazione dell'individuo, ma anche che l'apprendimento frutto di una serie di strategie di eliminazione del superfluo culturale e che l'osmosi tra un uomo e il suo mondo un dato di fatto: il mondo in cui l'uomo vive, le esperienze che fa, le azioni che compie e i modi in cui le compie agiscono in lui e lo aiutano a diversificarsi. Certi tipi di apprendimenti potrebbero quindi influire in modo da offrire ai soggetti in difficolt quei supporti educativi che consentano loro di vivere in pienezza la propria avventura esistenziale .La comprensione dei nessi esistenti tra affettivit e cognitivit,
9

ossia tra cervello emotivo e cervello cognitivo, consentir alla futura educazione di operare attivazione di canali o di modalit comunicative tra educatore ed educando tali da operare incrementi di sviluppo che oggi sono ancora inconcepibili. Se a tutto questo si aggiungono le prospettive di cosa oggi la saggezza spirituale yogica ci offre, i risultati possono diventare ancora pi interessanti.

Le persone disabili sono spesso pensate e definite come "sfortunate, angeli, senza altri bisogni se non quelli di assistenza e di accudimento fisico, incapaci di autonomia, prive di una propria intenzionalit, di desideri, di una sessualit, di una propria emotivit o all'opposto, preda dei loro impulsi e delle loro emozioni". E' come se nell'immaginario delle persone, la presenza di una disabilit, indipendentemente dalle sue caratteristiche, fosse vissuta come totalizzante, giungendo ad oscurare completamente la percezione della persona e dell'individuo. Queste idee condizionano pesantemente la qualit della vita delle persone con disabilit ed il loro uso consueto e quotidiano, contribuisce alla riproduzione ed alla diffusione di queste attribuzioni, che altro non sono che pregiudizi. I pregiudizi non condizionano solamente la nostra percezione ed il nostro linguaggio ma anche il nostro modo di entrare in relazione con l'altro, le nostre scelte e le nostre azioni. Al contrario, invece, la persona disabile pu essere considerata come portatrice di risorse e potenzialit da sviluppare: in questo caso la persona potr fare l'esperienza della partecipazione e della condivisione alle attivit scolastiche, maturando apprendimenti e crescite sulla base delle sue reali possibilit. Questo presuppone una reale conoscenza della persona disabile e di pratiche educative e didattiche che tengano conto anche della necessit di un intervento centrato sulle caratteristiche individuali. Il pensiero di persona con disabilit come soggetto, come portatore di diritti, come parte della societ molto pi recente. Solo a partire dalle lotte del movimento operaio post 68 si inizia a parlare del diritto al lavoro, delle pari opportunit, dei temi dellintegrazione e dellinclusione. Tutta la legislazione sulle disabilit si concentra in pochi anni, dal diritto allo studio al diritto al lavoro: il diritto ad avere un ruolo e una identit come persone la scommessa quotidiana, il diritto di diventare grandi, il diritto alle normalit possibili, il diritto di essere. Nel 2006 lONU ha approvato la Convenzione Internazionale sui Diritti delle Persone con Disabilit e lItalia ha svolto in questo processo un ruolo primario.

Sono sempre di pi gli studenti con disabilit che accedono alle scuole superiori; accanto alle persone con deficit sensoriali e motori che da molti anni si sono conquistate questo
10

diritto, sono sempre pi presenti persone con disabilit intellettive. Parallelamente per ci sono davvero un sacco di ragazzi per i quali la scuola superiore proprio importante e pu dare loro opportunit di vita; ci sono infatti scuole superiori che lavorano tanto sui temi dellintegrazione e dellinclusione. Un altro ambiente che favorisce lincontro e la cultura dello stare insieme tra diversi quello dello sport: lo sport di tutti, lo sport accessibile per tutti: il Coni, la Federazione Sport Disabili e tantissime realt locali dove si sperimentano progetti interessanti. Attualmente l'OMS, con l'approvazione nel 2001 dell'ICF, approva scientificamente la prospettiva culturale della disabilit all'interno di un contesto di "salute. ICF acronimo di Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilit e della Salute (OMS, 22 maggio 2001). Il modello di riferimento si pone lobiettivo di proporre l'uso di un linguaggio comune standardizzato. Scopo dichiarato dellICF "fornire un modello di riferimento linguistico standardizzato che permetta la comunicazione in materia di salute e di assistenza sanitaria in tutto il mondo e soprattutto tra le varie scienze e discipline. A questo proposito si ritiene che: uno stesso disturbo pu esprimersi, a seconda delle persone, attraverso manifestazioni e comportamenti differenti; in una stessa persona possono esserci delle limitazioni di diversa natura dettate dalla propria normalit; ciascuna delle limitazioni ha propria evoluzione che varia in funzione delle interazioni permanenti con l'ambiente e con le strategie ricercate dal soggetto per dare la migliore risposta alle situazioni che sta vivendo. Secondo le nuove indicazioni, "La disabilit viene definita come la conseguenza o il risultato di una complessa relazione tra la condizione di salute di un individuo, i fattori personali e i fattori ambientali che rappresentano le circostanze in cui vive un individuo" . La disabilit pu essere considerata una condizione universale e pertanto non applicabile solo alla persona che si trova su una carrozzina o che ha determinati problemi cognitivi. Quindi assai importante valutare linfluenza dellambiente sulla vita degli individui: la societ, la famiglia, il contesto lavorativo possono influenzare lo stato di salute, diminuire le nostre capacit di svolgere mansioni che ci vengono richieste e porci in una situazione di difficolt. Un esempio che riflette la posizione metodologica assunta dall'OMS, riguarda il termine "handicap": questo nella revisione apportata nell'ICF stato sostituito dal termine
11

"disabilit", per cui attualmente il termine disabilit definisce il ruolo e lo status sanitario e sociale di una persona nel contesto salute. Il soggetto viene quindi posto al centro delle componenti della salute e non della malattia. Da questo punto di vista anche il termine benessere racchiude tutto luniverso dei domini della vita umana, inclusi aspe tti fisici, mentali e sociali, che costituiscono luniverso completo della vita umana. In questo contesto viene introdotto limportante concetto dei facilitatori che, nellambito dei fattori ambientali di una persona, sono fattori che migliorano il funzionamento e riducono la disabilit. Ad esempio, un ambiente fisico accessibile, la disponibilit di una rilevante tecnologica dassistenza e, soprattutto, atteggiamenti positivi delle persone verso la disabilit. Lindividuo deve essere considerato non solo come persona avente malattie o disabilit, ma soprattutto come individuo unico e irripetibile. In questo senso, la disabilit potrebbe addirittura essere intesa come una condizione di salute in un ambiente sfavorevole. Lanalisi delle varie dimensioni esistenziali dellindividuo porta a evidenziare non solo come le persone convivono con la loro patologia, ma anche cosa possibile fare per migliorare la qualit della loro vita. Tutto ci, secondo il professor Lino Vianello (Introduzione allIcf: psicologia della disabilit e della riabilitazione ) dunque un invito alla comunit della scuola, alla famiglia e al mondo del lavoro di cogliere un'opportunit per migliorare la qualit della propria normalit quotidiana attraverso il contesto salute. Lintegrazione un percorso umano a cui tutti devono contribuire. Alla luce di tutto questo mi viene spontaneo considerare lo yoga come il migliore esempio di facilitatore nella vita di un disabile! Lo yoga pu nettamente migliorare la qualit della loro vita. 3 1 QUALI DISABILITA Prima di poter parlare di cosa lo yoga pu fare per i disabili, opportuno fare brevissimi cenni su cosa comportano le varie disabilit. Ci sono diversi tipi di disabilit: la disabilit motoria (tetraplegia, paraplegia, poliomielite, cerebro-lesione), la disabilit sensoriale (non vedenti e ipovedenti), e la disabilit mentale. La mia esperienza stata rivolta a questultimo tipo di disabilit, sulla quale interessante fornire alcuni cenni in riferimento ai casi del mio corso: ritardo mentale, sindrome di down, autismo. Per Ritardo Mentale si deve intendere una sindrome complessa ma ben definita in cui il sintomo prevalente una mancanza duratura di sviluppo delle funzioni cognitive ed adattive, tipiche della specie umana, in rapporto allet. Il funzionamento intellettivo generale quindi significativamente sotto la media ed associato a difficolt di
12

adattamento o difetti di prestazione che si manifestano inizialmente durante il periodo evolutivo. Si pu osservare una povert di comunicazione che si manifesta nello sguardo, nel sorriso, negli schemi gestuali. Vi poi un difetto di interazione con ladulto, specie un difetto di anticipazione nellalimentazione. Linteresse per lambiente anche per le persone scarso. La sindrome di Down una malformazione congenita dovuta ad un'anomalia cromosomica, infatti nella persona si riscontra la presenza di 3 cromosomi 21 anzich 2. Una persona con Sindrome di Down presenta fin dalla nascita delle lievi anomalie del cranio, del volto, delle orecchie e delle mani, talvolta associate ad una modesta riduzione del tono muscolare. A queste anomalie si associano un modesto deficit

dell'accrescimento, un ritardo dello sviluppo motorio e del linguaggio ed un ritardo mentale moderato o severo. Oggi noto che la maggior parte delle caratteristiche tipiche, fatta eccezione per il ritardo mentale e lipotonia, sono variabili e possono addirittura non essere presenti. Una caratteristica neurologica peculiare la degenerazione del sistema nervoso, che configura un quadro clinico simile alla malattia di Alzheimer. Un altro tipo di disabilit lautismo, che consiste in una compromissione della comunicazione ed interazione sociale e in una ristrettezza degli interessi e delle attivit. Infine, sono da citare i sempre pi frequenti disturbi specifici dellapprendimento. A differenza di altre disabilit, il disturbo di apprendimento un handicap nascosto. Si tratta di un disturbo che altera la capacit di un soggetto di interpretare ci che egli vede o sente o di collegare le informazioni da diverse parti del cervello. Queste difficolt possono mostrarsi in diverse maniere attraverso difficolt specifiche con il linguaggio scritto e parlato, la coordinazione dei movimenti, lautocontrollo e lattenzione. Tali difficolt si estendono al lavoro scolastico e possono impedire lapprendimento della lettura o della scrittura, o le capacit matematiche; inoltre possono avere ripercussioni sulle abitudini quotidiane, la vita di famiglia, le amicizie. Questi problemi possono inoltre essere associati a determinati disturbi del comportamento come ad esempio un comportamento ostile, impulsivo, o provocatorio (tipico della sindrome Adhd). Non tutti i problemi di apprendimento sono necessariamente disturbi specifici di apprendimento in termini di disabilit, che dipendono da diverse cause e presentano determinati sintomi e sviluppi. Vedremo come lo yoga pu essere assai utile per questi disturbi.

13

3-2 DISABILITA E RIABILITAZIONE

Il concetto di riabilitazione si inserisce in un programma per affrontare la disabilit. In particolare, ci si propone di limitare lhandicap, il disagio emotivo e linsoddisfazione della persona per la sua condizione che ricade nellambiente circostante. La riabilitazione cognitiva consiste in azioni in cui il soggetto con disabilit il protagonista dei processi mentali rivolti allo sviluppo dellautonomia e alla costruzione della propria normalit. I fattori contestuali (ambientali e personali) risultano fondamentali per la costruzione della propria ordinariet, attraverso azioni mirate che migliorino lo stato di agio e benessere. Si assistito ad un sensibile aumento del numero effettivo di alunni con disabilit iscritti alla scuola secondaria di secondo grado. Si sempre pi diffuso il sistema dellintegrazione sia allinterno che fuori dalla classe. Ci sono diversi tipi di difficolt incontrate da questi alunni, spesso espressione di una serie di svariati fattori: disturbi dellapprendimento, disturbi del deficit attentivo, disturbi della comprensione del te sto, disturbi di tipo visuale-spaziale e cos via. Le difficolt riscontrate pi frequentemente sono quelle di tipo comportamentale, spesso connesse a scarso rendimento scolastico o a disturbi della sfera emozionale, oppure a problematiche di tipo sociale, risalenti spesso alla sfera familiare dei soggetti. A ci conseguono quadri spesso complessi, che vanno opportunamente analizzati nel tentativo di rintracciare le cause e di studiare opportunamente il contesto, al fine di pianificare opportune strategie di intervento. Ci sono diverse strategie base di insegnamento e apprendimento e tecniche che possono essere utilizzate allo scopo di far acquisire agli allievi lapprendimento di abilit adattative e di comportamenti adeguati. Particolare attenzione, inoltre, deve essere posta allimmagine e alle concezioni di s che lo studente di scuola ha in quanto persona che apprende. Indispensabile sar, a questo proposito, che linsegnante sappia come stimolare la motivazione, lavorando sul rinforzo delle emozioni positive e sulla creazione di ambienti psicologicamente protetti, allinsegna di rapporti umani positivi. Deve essere dato particolare risalto alla qualit della relazione insegnante-alunno, in un clima di ascolto attivo e disponibilit, empatia e reciprocit, nonch accettazione della persona nelle sue potenzialit e nei suoi limiti. E in base a queste prospettive che diventa quindi possibile passare dal progetto educativo, ad un vero e proprio progetto di vita, rispettando i criteri che caratterizzano la significativit dellapprendimento, valorizzando le abilit di tutti i componenti della classe, in una vera e propria rete dinamica di sostegno. E sulla base di
14

questi presupposti che diventa possibile introdurre lo yoga a scuola in un progetto di pedagogia speciale rivolto ad alunni disabili. Lidea di riabilitazione cognitiva si orienta sulle azioni che vedono il soggetto c on disabilit protagonista di processi mentali rivolti alla propria autonomia personale come componente significativa nello sviluppo funzionale della propria normalit. E possibile oggi sostenere la tesi che i linguaggi non verbali possono essere di particolare aiuto alla reintegrazione nelle situazioni di disabilit, perch producono mappe di significati, reti aperte di simboli, che si organizzano in modelli di rappresentazione emotiva, in immagini di un Se che va ascoltato prima che interpretato. In questo processo lo yoga riveste unimportanza fondamentale in quanto ha come obiettivo il cuore dellessere di ciascuno.

4- DIVERSABILITA NELLO YOGA Alla luce di quanto detto finora, un corso yoga pu essere molto utile per una persona disabile, sia dal punto di vista fisico che mentale. Prima di cominciare il mio corso ho cercato informazioni e testimonianze su internet, sia su siti italiani che stranieri. Riporto una testimonianza che mi ha colpito, di Gian Piero, malato di focomelia: La pratica stata per me unincredibile iniezione di fiducia. Guardando gli altri mi sono reso conto che la disabilit trasversale e che anche i cosiddetti normali hanno le loro difficolt. Ho capito che potevo fare cose che fino ad allora credevo mi fossero precluse. Con lo yoga ho imparato ad accettare i miei limiti, a concentrarmi su ci che ho senza lamentarmi di ci che mi manca. (..)Grazie a questo sforzo di concentrazione sono riuscito a utilizzare il mio corpo, quella forma che era una gabbia per me, proprio per superare tale gabbia. Con gli anni, lo yoga mi ha anche insegnato a concentrarmi sul momento presente, su ci che sto facendo, senza rimuginare sul passato o perdermi in elucubrazioni sul futuro. Lo yoga ti ncora al qui e ora e questa una vera salvezza per chi non sta bene. La grande lezione dello yoga soprattutto questa: affrontare ogni evento della nostra vita senza sfuggirgli, saperlo leggere, anche il pi sfortunato, il pi doloroso, come unopportunit, unoccasione di cambiamento e di crescita spirituale. In questo se nso lo
15

yoga ha un potere terapeutico, salvifico. A volte penso che se non fossi stato focomelico forse non avrei mai scoperto lo yoga. Oggi sono molto meno arrabbiato di un tempo. Certo, ci sono giorni in cui ancora la rabbia riaffiora e confrontarsi con essa sempre faticoso. Ma per la maggior parte del tempo sono sereno, penso positivo, mi concentro sulle cose che devo fare e sul piacere che ne traggo. Oggi cammino per strada tranquillo, in armonia con ci che mi circonda. Anzi credo che il disabile abbia un ruolo fondamentale in questa societ che fa dellimmagine del corpo perfetto un modello dominante. Ha il ruolo di portare limperfezione, la diversit come elemento naturale, aiutando tutti a capire che il diverso, ci che non conosciamo, che non uguale a noi, sempre un preziosissimo arricchimento. Unaltra testimonianza quella di Arthur Boorman, veterano della prima Guerra del Golfo rimasto ferito dopo un lancio dal cielo. Secondo la diagnosi dei medici, Arthur non avrebbe mai pi potuto camminare senza stampelle e, depresso dalla notizia, luomo si lasci andare completamente, prendendo molti chili e smettendo di fare qualsiasi tipo di esercizio fisico. Fino allincontro con un maestro di yoga che non solo riuscito a fargli tornare il sorriso, ma gli ha restituito anche la possibilit di correre con le proprie gambe. Poi c il caso di Matthew che allet di 13 anni ebbe un gravissimo incidente stradale insieme alla sua famiglia. Suo padre e sua sorella morirono, mentre lui sub gravi lesioni interne e la rottura di collo e braccia. La conseguenza delle lesioni alla colonna vertebrale fu la paralisi dal torace in gi. Quando lui diceva alle persone che poteva ancora percepire una sensazione di formicolio nelle sue gambe, i dottori dicevano che si trattava di illusorie sensazioni fantasma e gli consigliarono di ignorarle e di dimenticare la parte inferiore del suo corpo, e che non sarebbe pi stato capace di utilizzare le sue gambe. Allet di 25 anni lui incontr un insegnante yoga della scuola di Iyengar. Attraverso la pratica yoga Matthew ha potuto imparare a diventare cosciente delle energie sottili che scorrono attraverso le diverse parti del corpo e del collegamento tra corpo e mente, potendo riconnettersi sottilmente alle sue parti paralizzate. In questo modo lui ha potuto scoprire il potere curativo di questa connessione mente-corpo. Dice Matthew:"Questo essenziale per me in quanto studente che vive con una disabilit perch io avr solo pieno accesso ad un limitato numero di asana. Devo imparare di pi dallesperienza del meno. Devo inoltre imparare asana sia dallinterno allesterno che dallesterno allinterno()
16

Quindi lo Yoga pu essere una pratica non solo per persone perfettamente integre ma pu e deve essere eseguito da persone disabili sia nel corpo che nella mente. Limpegno messo da questo genere di allievi potrebbe risultare addirittura pi serio ed intenso rispetto agli altri praticanti normodotati che spesso possono essere ottimi esecutori fisici di asana anche complesse, senza per aver raggiunto la profonda consapevolezza del significato spirituale dello yoga e delle sue fondamentali basi di Yama e Niyama (seriet, impegno, rispetto, educazione). Ogni cosa che impariamo nelle scuole e in qualunque altro posto dovrebbe portarci pi vicini al punto dellunit del mondo, dove tutte le differenze si dissolvono e si immergono nellunit (Swami Satyananda Saraswati) Quindi lo yoga per tutti: i suoi principi e i suoi benefici sono applicabili a ciascun tipo di vita. Ogni genere di persona ha diritto ad imparare a connettere corpo, mente e anima! E da rilevare che nel momento in cui viene rivolto ad una particolare categoria di persone, lo yoga pu essere modificato per accogliere con armonia i limiti, le necessit, i bisogni di qualunque individuo. Gli insegnanti che intraprendono un determinato percorso di insegnamento rivolto a questa specifica categoria devono innanzitutto informarsi sugli aspetti di cosa la disabilit. Quando si lavora con diversi tipi di disabilit importante considerare ciascuna persona come un individuo unico e irripetibile. Lallievo disabile non dovr credere che lobiettivo della pratica sia il raggiungimento di una condizione da persona pienamente abile, bens dovr essere posto nelle condizioni di potenziare se stesso al fine di poter raggiungere il proprio personale traguardo. La riflessione che un insegnante dovrebbe fare : Assisto lallievo nellasana applicando qualche genere di pressione? O, piuttosto , lo incoraggio a trovare da s la posizione? Linsegnante dovrebbe provare a modificare e adattare le asana a seconda dei casi; le asana possono essere modificate in vari modi e possono essere utilizzati diversi tipi di supporti. Rendere lo yoga accessibile a tutti dovrebbe essere lobiettivo di qualunque insegnante di yoga, nel creare unit e uguaglianza. Attraverso lo yoga la disabilit si pu trasformare in speranza e potenzialit.

17

4-1 ADATTARE LO YOGA Larmonia corpo-mente generata dallo yoga accessibile a tutti; lo yoga pu essere adattato e pu essere insegnata lesperienza creata attraverso ciascuna posizione, dando agli allievi accesso ad un livello di interconnessione mente-corpo che non viene in alcun modo compromessa dalla loro disabilit. Nellesecuzione delle varie asana possibile dare un supporto fisico ciascun allievo (ad esempio, alcune posizioni possono essere eseguite in coppia alternando i ruoli). Possono essere usati supporti come il muro, un cuscino o qualunque piccolo oggetto posto sul pavimento. E importante stabilire un chiaro inizio della lezione, con il silenzio e un momento di raccoglimento interiore ad occhi chiusi e con la focalizzazione sul respiro. Questo momento pu essere preceduto dalla lettura di un breve passo tratto da testi. Anche la fine della lezione altrettanto importante; dopo shavasana e yoga nidra si torna seduti e ci si ringrazia con un namast , e poi si canta lOm tutti insieme. Lo yoga pu anche essere reso divertente e giocoso; ad esempio si pu immaginare di essere tutti insieme in una fattoria e si possono praticare diverse asana imitando gli animali, e adattando le asana classiche con un po di improvvisazione. Si possono poi imitare i singoli animali, anche sul sottofondo di qualche musica. Alloccorrenza si possono usare libri illustrati o cd di musiche di animali per bambini. Tutto ci che pu fare divertire gli alunni contribuisce ad aumentare la gioia e il benessere. Lo yoga pu fornire unefficace supporto per le difficolt di apprendimento, in quanto le funzioni del sistema nervoso, sviluppa i muscoli deboli e migliora la circolazione del sangue. Gli esercizi respiratori del pranayama, come scrive Andre Van Lysebeth nella sua opera Pranayama: la scienza del respiro stimolano il sistema nervoso centrale e contribuiscono a rafforzare il sistema immunitario, in combinazione con le asana e il rilassamento profondo. In questo senso il pranayama contribuisce a sviluppare la consapevolezza del corpo, lequilibrio interiore, la memoria e la concentrazione. Gli esercizi yoga in sinergia col pranayama, stimolano determinate aree del cervello e quindi possono produrre un miglioramento delle capacit cognitive. Pi avanti vedremo i benefici di determinate asana e di alcuni esercizi di pranayama.

18

Le persone non vogliono essere identificate con le loro limitazioni, ma vogliono essere considerate per ci che sono e per ci di cui sono capaci. Linsegnante dovr quindi focalizzarsi ad individuare le potenzialit di ciascun allievo, in modo da poter intuire cosa lo yoga potrebbe fare per loro. Affinch lo yoga diventi accessibile a tutti, opportuno abbandonare ogni attaccamento a forme, processi, o strutture. Bisogna creare le vie affinch lo yoga possa raggiungere chiunque. Lobiettivo non sar quello di far raggiungere allallievo la perfezione di unasana, ma la pace della mente che sorge dalla consapevolezza del s, obiettivo finale dello yoga. In questo modo, lo yoga rivolto ai disabili diventa una grande opportunit sia per gli allievi che per linsegnante stess o, che viene posto dinanzi alla sfida di liberarsi dalle strutture rigide e di scoprire nuove forme di apprendimento. Linsegnante si porr nella condizione di imparare egli stesso limportante lezione del ritorno alla semplicit e allessenzialit. Tra i primi effetti di qualunque tipo di seduta yoga c la stimolazione degli organi interni e il miglioramento delle funzioni biologiche. Il funzionamento cerebrale viene stimolato dal maggior apporto di ossigeno nel sangue e, di conseguenza i processi mentali e lo sviluppo intellettuale vengono influenzati positivamente. Affinch le asana siano efficaci, bisogna che il respiro abbia una centralit: ogni movimento deve essere effettuato in armonia con il respiro, avendo consapevolezza del respiro che entra ed esce dalle narici. Il respiro infatti aiuta a potenziare lallungamento muscolare, allevia le tensioni e scioglie le contratture. La costante concentrazione sul respiro durante una sessione di yoga svilupper gradualmente lattitudine alla concentrazione mentale e aumenter la consapevolezza. Alcune ricerche preliminari hanno indicato che soggetti con disabilit di sviluppo mentale, dopo aver seguito un corso di yoga, hanno mostrato un miglioramento nel quoziente intellettivo e nel comportamento sociale. Lautostima di un soggetto disabile, inoltre, spesso danneggiata dalla frustrazione e da un senso di inabilit e ci crea blocchi mentali; la pratica dello yoga pu invece avere una profonda influenza nellimmagine di s di una persona disabile, contribuendo a diminuire questi sentimenti negativi. Questo possibile per il fatto che lo yoga non ha obiettivi espliciti e non prevede nessuna sfida specifica che debba essere intrapresa e nessuno contro cui competere. Inoltre, praticando insieme ai compagni, in un ambiente protetto, viene incrementata la fiducia in se stessi, senza che sia presente nessun tipo di pressione rivolta al successo e nessun tipo di ansia da prestazione. Lo yoga qualcosa che chiunque pu fare ed il fatto di poterlo svolgere senza lo stress da performance produce una sensazione di libert.
19

In particolare, per i soggetti che soffrono di disturbi di comportamento e di mancanza di controllo, lo yoga pu riuscire a instaurare una sensazione di autocontrollo attraverso lesecuzione e la concentrazione su semplici asana. Vivere con una disabilit mentale non semplice, ma pu essere reso pi facile attraverso lo yoga. Se da una parte le persone con disabilit possono presentare diversi limiti, nessuna di loro meno abile ad apprezzare e partecipare pienamente alla vita. Lo yoga quindi pu contribuire a migliorare e ad arricchire la qualit delle loro vite, facilitando la loro integrazione nella societ. Lo yoga pu essere utile per alleviare determinate patologie; sono molti i testi che parlano di yoga-terapia. Nelle ricerche riportate nel The Integrated Approach of Yoga: a Therapeutic tool for mentally retarded children: a one year controller study-Ref: Journal of Mental Deficiency Research, 1989 stato dimostrato che attraverso una pratica yoga quotidiana soggetti con ritardo mentale hanno avuto un miglioramento in diverse sfere: quoziente intellettivo, abilit di socializzazione, manualit, coordinazione oculare, livello di concentrazione. Esistono diverse asana che possono essere adattate e modificate al fine di catturare lattenzione degli allievi. E possibile mostrare immagini corrispondenti alle posizioni (libro, altalena, dondolo, lepre, fior di loto, leone, cavalletta) in modo da stimolare la fantasia prima dellesecuzione delle rispettive asana. Si possono includere nella sessione yoga posture che migliorano la circolazione sanguigna: posture in piedi come Padahastasana, Trikonasana che aiutano a migliorare la circolazione del sangue verso il cervello. Poi ci sono posture che aumentano la concentrazione: Vrikshasana, Ardhachakrasana, che possono essere praticate con un aiuto e un supporto anche per poco tempo per poter avere i benefici di queste posizioni; posizioni che migliorano la flessibilit del corpo (Suryanamaskar saluto al sole); posizioni di piegamento allindietro come Bhujangasana, Ushtrasana, Chakrasana, che sono utili per migliorare la postura del corpo e la fiducia in se stessi.

20

4- 2 ASANA E BENEFICI Satyananda nel suo Asana, Pranayama, Mudra, Bandha ci ricorda che la

consapevolezza essenziale nelle pratiche delle asana, che hanno come scopo quello di armonizzare tutti i livelli dellessere: fisico, pranico, mentale, emozionale e spirituale. Quando parliamo di consapevolezza si intende, usando le parole di Satyananda, il notare coscientemente le sensazioni del corpo, il movimento fisico, la posizione in se stessa, il controllo e la sincronizzazione del respiro, il movimento del prana, la concentrazione su unarea del corpo o su un chakra e, aspetto pi importante, losserv azione di qualsiasi pensiero o sensazione che pu sorgere durante la pratica . Secondo Satyananda le asana dinamiche hanno come scopo quello di aumentare la flessibilit del corpo, migliorare la circolazione del sangue, tonificare i muscoli e le articolazioni, liberare i blocchi di energia. Questi movimenti dinamici sono particolarmente adatti ai principianti (pawanamuktasana, suryanamaskara, chandranamaskara, paschimottanasana). E importante, infine, che gli allievi trovino il loro ritmo nella respirazione, che deve essere piena e profonda, regolare e fluida, con effetto calmante e rilassante. Losservazione del respiro deve essere finalizzata a trovare il proprio ritmo personale. Vediamo qui sotto i benefici di particolari asana da prediligere nella scelta di una seduta rivolta a questo tipo di allievi, tenendo conto del fatto che sono principianti e che quindi ciascuna asana sar adattata a loro ed eventualmente semplificata: Tadasana: Stimola il processo della respirazione. Allunga i muscoli addominali e delle gambe. Allunga la colonna vertebrale. Permette alle ossa in fase di sviluppo di crescere pi lunghe. Migliora la postura del corpo. Promuove la fiducia in se stessi e lequilibrio fisico e mentale. Pranamasana: Stimola la concentrazione e la calma e prepara alle successive asana. Purnatitali asana: Scioglie le articolazioni delle anche e delle ginocchia, allunga la parte interna delle gambe, e la zona lombare. Pawanamuktasana: E indicata come terapia per diversi disturbi ed adatta ai principianti. Rimuove i blocchi che impediscono allenergia di fluire nel corpo. Questa posizione consente di allungare e stirare il tratto cervicale e il tratto lombare. Massaggia gli organi interni. Favorisce il relax.

21

Trikonasana: (variante semplificata): Influisce sui muscoli laterali del tronco, della vita e della parte posteriore delle gambe. Stimola il sistema nervoso e migliora la digestione. Rinforza larea pelvica. Bandhahastautthanasana (mani incrociate che si sollevano): Raddrizza le spalle curve ed elimina la rigidit del dorso e delle spalle. Influisce sul cuore e migliora la circolazione sanguigna. Tutto il corpo ricever un maggiore apporto di ossigeno. Posizione del gatto (Marjari Asana): (fase dinamica): Migliora la flessibilit del collo, della colonna vertebrale. Tonifica il sistema riproduttivo. Dice Andr Van Lisebeth nel suo Imparo lo yoga, che questo esercizio permette di acquisire il controllo dei muscoli addominali durante la respirazione e di sbloccare il diaframma. Suptaudarakarshanasana: Questa posizione tonifica i fianchi, i glutei e le gambe. Migliora la digestione. Distende la muscolatura della schiena e aumenta la flessibilit della colonna vertebrale. Rafforza i nervi spinali, stimola il metabolismo e la funzionalit intestinale. Dwikonasana: Questasana adatta ai giovani in fase di crescita, in quanto rinforza i muscoli della parte alta della colonna vertebrale e delle scapole e sviluppa il torace e il collo. Albero (Vrkshasana): Allunga il corpo, favorisce lequilibrio, la calma e la concentrazione. Padahastana (praticata con le dovute precauzioni): Massaggia e tonifica gli organi digestivi, aumenta la vitalit, migliora il metabolismo. Aumenta la concentrazione e la quantit di ossigeno che giunge al cervello Bhujangasana (cobra): Andre Van Lisebeth nel suo Imparo lo yoga, dice che leffetto molto importante della posizione sulla colonna vertebrale in quanto essa il prolungamento del cervello e contiene i centri di energia e di coscienza cari alla tradizione yogica che rappresentano altrettanti gradi di risveglio a nuove realt. Questasana migliora e approfondisce la respirazione. Mantiene la colonna vertebrale flessibile e sana. E benefica per gli organi addominali, specialmente fegato e reni. E importante la fase dinamica per preparare la muscolatura dorsale, la struttura corporea alla esecuzione vera e propria (fase statica). La fase dinamica viene quindi vista in funzione di quella statica. Si sincronizza il movimento di
22

andata e ritorno con il respiro per meglio impregnare la coscienza, attraverso lutilizzo del ritmo respiratorio, a quella che la sensazione del corpo, soprattutto alle sensazioni che emergono dal dorso. Bujangasana ha, tra i suoi effetti, anche quello importantissimo di invertire la cifosi dorsale. Laspetto sottile di questa pratica che impariamo a piegare il capo, quindi a dire om: questo lo si pu fare soltanto quando i muscoli del capo sono perfettamente sciolti e liberi. Questo per motivi fisiologici ma soprattutto per motivi esoterici, om significa aum cio s. Non sappiamo dire s, non sappiamo aderire a una volont pi grande della nostra e questo causa di disarmonia. Ci dobbiamo riappropriare di questa sfera fisica ma anche psichica del nostro essere. ArdhaMatsyendrasana: Allunga i muscoli di una parte della schiena e delladdome e nello stesso tempo contrae i muscoli della parte opposta. Rende flessibili i muscoli dorsali, tonifica i nervi della colonna vertebrale. Massaggia gli organi addominali e facilita la digestione. Regola la secrezione delle ghiandole surrenali, del fegato e del pancreas. Sukhasana: E una posizione meditativa che favorisce il rilassamento. Agevola lequilibrio fisico senza causare sforzo o dolore. Posizione dellEroe (semplificata): rafforza e allunga i muscoli delle gambe, allarga la gabbia toracica e stimola la circolazione. Posizione dellOnda: rafforza i muscoli delle gambe, i dorsali e gli addominali, distende i muscoli toracici Suryanamaskara (Saluto al sole, da eseguire molto lentamente e gradualmente, scandendo ogni posizione che verr eventualmente semplificata): Rinforza i muscoli delle gambe e delle braccia, sviluppa il torace e mobilita la zona della colonna vertebrale tra le scapole. Rinforza i muscoli della schiena. Andr Van Lisebeth in Imparo lo yoga, dice che i movimenti di Surya Namaskara tonificano il sistema digerente, stirando e comprimendo laddome, massaggia i visceri e attiva la digestione. Sincronizza il movimento e la respirazione, ossigena e disintossica il sangue favorendo lespulsione dellan idride carbonica. Stimola lattivit cardiaca e la circolazione del sangue in tutto lorganismo. Tonifica il sistema nervoso, regola le funzioni del sistema nervoso simpatico e di quello parasimpatico. Sviluppa la concentrazione e migliora la memoria. preoccupazioni e diminuisce lansia. Allontana le

23

4-3 YOGA E RIABILITAZIONE La vera salute nasce dallequilibrio tra la rappresentazione che abbiamo di noi come corpo e quella che abbiamo di noi come mente. E ormai da tempo che nella pratica degli sport ordinari si acquisito il concetto dellimportanza dei fenomeni psicologici e mentali che influenzano la percezione che si ha nel corpo. Ricordo che nella pratica Isfy ci veniva suggerito, prima di intraprendere lasana, di visualizzarla mentalmente, come se attraverso la mente si fosse gi nella posizione. I blocchi fisici sono prima di tutto mentali. I praticanti disabili hanno bisogno di essere accolti nei loro bisogni, desideri, sogni e vogliono essere assecondati nella ricerca di progetti e soluzioni che diano senso alla loro vita e un significato alla sua storia e alla sua esperienza. In questo modo il praticante disabile sar posto nella situazione di incontrare se stesso, i suoi limiti, le sue fragilit, allo scopo che sia incrementata la consapevolezza di s e della realt che lo circonda. Lo scopo della pratica sar quello di aumentare lautostima del soggetto e rafforzare lo sviluppo dellio nella graduale presa di coscienza del corpo. In questo senso la pratica yoga equilibra la relazione tra psiche e soma e ci andrebbe quindi a curare in profondit gli eventuali stati di frammentazione nellorganizzazione dellio, producendo quindi un maggiore senso di personalizzazione e consapevolezza di s. Questo si configurer come un processo di riabilitazione sia fisica che psicologica che avr come obiettivo quello di dare spazio e valore al corpo e ai processi mentali profondamente collegati ad esso. Il corpo acquista pertanto una speciale centralit nel suo valore di corpo vissuto e soggettivit del corpo (Sofia Tafella: Psicologia dellhandicap e della riabilitazione nello sport ). Spesso nel disabile il corpo ha di per s una valenza centrale, in quanto si trova in una situazione dove prevalgono i bisogni: essere accudito e accarezzato, essere considerato e amato, analogamente ai bambini che si affidano e chiedono affidabilit. E tramite il movimento che si pu promuovere nel disabile la presa di coscienza del valore del corpo, contribuendo alla crescita e alla maturazione della persona. In una pratica yoga rivolta a tali destinatari, importante far precedere ogni asana da movimenti preparatori che possano potenziare e migliorare il corretto uso del corpo ed inoltre esprimere la personalit individuale di ciascun praticante. E da raccomandare che il movimento de bba essere adeguato alle diverse situazioni e non si debba mai spingere oltre i limiti naturali di ciascuno: deve essere finalizzato alla crescita armonica, equilibrata e gioiosa del corpo prima ancora che alla prestazione connessa allesecuzione di ciascuna asana. Il movimento e le successive asana devono favorire processi di acquisizione della serenit e
24

non causare alcuno stress psico-fisico. Lasana deve essere comoda e generare una sensazione di benessere e rilassamento, In questo senso, il movimento deve diventare liberazione di energie per aumentare le energie, attraverso luso del corpo. Ma il principio di fondo che laumento delle energie, e quindi della prestazione, deve avvenire solo attraverso il profondo rispetto del corpo. () Il movimento deve nascere dal corpo per il bene del corpo e della mente (Sofia Tavella, op. citata). Nel movimento armonico del corpo e nel graduale raggiungimento di unasana , il praticante avr una nuova immagine di s nel senso di una nuova e inedita rappresentazione cognitivo-affettiva: sensazioni tattili, termiche: eventuali blocchi e tensioni verranno gradualmente alla luce facendo raggiungere lesperienza dellesistenza del proprio corpo come qualcosa in pi di una semplice percezione. Lesistenza del corpo non qualcosa di scontato, e questa percezione in stretta relazione con il modo in cui una persona sperimenta e considera il proprio corpo in relazione a s stesso e al mondo esterno: lesperienza di essere corpo e di avere un corpo. In questo processo gli allievi saranno posti dinanzi alla consapevolezza dei loro limiti, che consentir di scoprire le caratteristiche del proprio corpo e della propria mente; secondo questa prospettiva accettare il limite non significa accettare un sconfitta ma inseguire altre vittorie verso la conoscenza di se stessi. Scoprire i propri limit i significher affacciarsi su ci che sta oltre questi confini, per indagare sul diverso e mettersi in relazione con laltro . E nel momento in cui si scoprir laltro, si scoprir anche se stessi. Si scoprir quindi la propria identit e lidentit dellaltro, e si imparer a conoscere, accettare e rispettare i propri e altrui limiti, possibilit, pregi e difetti.

5- IL MOMENTO DELLA PRATICA Una pratica yoga per disabili presenta diversi punti in comune con la pratica yoga per bambini. Per prendere spunti di didattica ho quindi consultato diversi testi di yoga per bambini e ho messo in pratica diversi suggerimenti. Innanzitutto , ho rinunciato ad usare i nomi sanscriti delle posizioni, perch ho notato che gli allievi riescono sicuramente a capire meglio le definizioni nella loro lingua e magari non con una traduzione letterale dal sanscrito. Certe posizioni, ad esempio, possono assumere nuovi nomi che per i ragazzi siano pi vicini al loro immaginario, alla loro vita quotidiana, ai disegni, ad immagini da colorare. In particolare, i ragazzi autistici sono pi portati allimitazione, quindi sar efficace
25

chiedere loro di imitare un animale e di immedesimarsi in posizioni di animali, anche facendone il verso. Linsegnante deve stare costantemente attento ai f eedback ricevuti dagli allievi, avendo cura di controllare se ciascun allievo esegue lesercizio in una maniera che sia per lui piacevole e che porti benessere al fisico. Al contrario, bisogner essere attenti ad eventuali situazioni di disagio o tensione e rimediare con una correzione che modifichi la posizione dellallievo in una maniera per lui pi naturale. Lesercizio quindi non dovr essere eseguito per arrivare ad unastratta perfezione; lallievo potr quindi fare una sua personale interpretazione e imitazione della posizione che linsegnante propone e potr esprimere se stesso attraverso questa personalizzazione. State comodi nella posizione, respirate ripeto costantemente, come un continuo mantra. Ben venga dunque che una posizione sia imperfetta ma pur sempre un momento di espressione consapevole delle potenzialit di chi la esegue. In tal modo gli allievi disabili avranno la preziosa possibilit di percepire se stessi in modo nuovo e meraviglioso. Si potr sottolineare il collegamento tra asana e natura, animali, piante, fenomeni atmosferici. Quellora di yoga dovr offrire agli allievi la possibilit di riposarsi e di vivere il silenzio attraverso un profondo rilassamento e una distensione consapevole. Certe asana rafforzano i muscoli, allungano i legamenti e i tendini e sciolgono le tensioni della schiena, avendo leffetto di un automassaggio, sia per i muscoli che per gli organi interni. Unaula scolastica liberata dai banchi pu inizialmente dare limpressione di essere un ambiente freddo. Ho escogitato alcuni piccoli trucchi per modificare lenergia della stanza: un bastoncino di incenso, una candela, un bruciatore di essenze e niente luce artificiale. In sottofondo, musica new age o mantra cantati dolcemente. Per prima cosa molto importante aprire le finestre e arieggiare la stanza. Andre Van Lisebeth nel suo Pranayama la dinamica del respiro dice che molto importante respirare aria pulita carica di prana: i moderni ambienti riscaldati o condizionati sono spesso causa di malesseri e di mancanza di energia, in quanto non caricati di prana. Esistono diverse possibilit per trasformare una situazione quotidiana in qualcosa di magico, particolare. E poi diversi tappetini. Tutti disposti in circolo, un uno spazio in cui potersi sentire bene! E come trovarsi nella prospettiva di fare un gioco insieme: il grande gioco dellimmergersi nella propria interiorit, condividendo con gli altri questa magica esperienza. E poi la fiducia: quando un allievo disabile entra in relazione con lo yoga, si apre con tutto se stesso e si applica con il corpo, il pensiero e i sentimenti. Questa disponibilit consente di aprirsi a nuove esperienze ma potrebbe anche portare a sentirsi
26

vulnerabili; pertanto necessario ispirare fiducia a coloro che si aprono allo yoga, e far sentire ciascun allievo compreso, accettato e rispettato in quelle che sono le sue necessit e le sue paure. In questo senso, lo yoga potrebbe diventare per loro una struttura precisa che infonde loro sicurezza. Lappuntamento del marted alla terza ora un momento atteso, unoasi di rifugio, un viaggio dal quale gli alunni sanno che ritorneranno arricchiti. Ci che ho imparato innanzitutto dalla mia esperienza di insegnante di scuola, che prima di fare una lezione importante porsi determinati obiettivi , sia a breve termine che a lungo termine. La pratica yoga rivolta a questo gruppo di allievi ha come obiettivi a lungo termine quello di trovare forme di movimento e di serenit; esercitare il corpo per rendere elastiche le articolazioni, rafforzare i muscoli e conservare la forza degli organi; mantenere lo spirito concentrato, riordinare i pensieri e chiarire i sentimenti, equilibrando le emozioni. Inoltre lobiettivo quello di imparare a conoscere e ad usare consapevolmente la respirazione, in modo da rendere la mente pi sensibile. Ogni singola sessione, invece, comprender micro-obiettivi a breve termine: ci sar la lezione che avr come obiettivo un lavoro su determinate fasce muscolari o parti del corpo (ad esempio la schiena, di cui gli studenti spesso si lamentano per le posizioni innaturali alle quali sono costretti quando stanno seduti sul banco o quando studiano a casa), oppure la lezione che avr come obiettivo una maggiore interiorizzazione della coscienza. Ho rilevato che, a prescindere dagli obiettivi contingenti, opportuno che ogni lezione sia equilibrata e armonica e mai monotona: tutte le parti del corpo devono avere la possibilit di muoversi. Inoltre, soprattutto nelle prime lezioni, ciascuna asana non deve essere tenuta per troppo tempo, e tra unasana e laltra buona idea far compiere movimenti ginnici , lentamente e con consapevolezza, al fine di sciogliere le articolazioni. Gli allievi comprenderanno gradualmente che ogni esercizio non deve essere fatto solo con il corpo, ma con la propria totalit di corpo, mente e spirito. Impareranno ad essere consapevoli del respiro in ogni movimento e posizione e, in questa presenza al respiro, potranno pian piano avvicinarsi alla presenza a se stessi. La cosa pi importante sentirsi bene, non dimostrare chiss quali capacit. Nella maggior parte dei casi ho pianificato la seduta yoga con un accurato progetto che precedeva la lezione. In altri casi invece ho improvvisato, non in maniera casuale, ma con particolare attenzione al mio istinto e a come percepivo gli allievi quel giorno. Per una volta abbandonate i doveri, tutto ci che vi imp egna nella vita quotidiana, i pensieri, le preoccupazioni. Prendetevi del tempo per voi stessi. Chiudete gli occhi e
27

immaginate di essere su una spiaggia. Sentite il vento tiepido sul vostro viso, respiraterespirate

lo

sciabordio delle onde sulla spiaggia, il verso dei gabb iani, annusate laria salmastra,

5-1-RILASSAMENTO E YOGA NIDRA Ho notato che tra un esercizio e laltro ci sono momenti di cambiamenti di coscienza: un passaggio dallo stato di veglia ad una specie di trance, come un sogno ad occhi aperti, come se alcuni allievi (in particolare gli allievi con disturbo autistico) per un attimo immaginassero di essere altrove. In questi momenti di apparente ozio pare che nella mente avvengano moltissime cose e gli allievi diventano particolarmente ricettivi a messaggi e segnali. Se questi spazi di tempo vengono riempiti con immagini positive, i praticanti potranno formare la propria autocoscienza. La pratica yoga potrebbe quindi utilizzare in totale consapevolezza questi stati di rilassamento e guidarli con tecniche mirate. Le onde celebrali rallenteranno e passeranno a un grande stato di calma, che offrir un accesso facilitato alle informazioni e a ci che emerger dalle profondit dellinconscio. Ecco una tecnica di rilassamento che ho utilizzato con efficacia: La posizione di shavasana viene adattata alle singole esigenze: c chi preferisce stare a gambe unite e chi a gambe divaricate. Consiglio di tenere le mani sulla pancia. Ascoltate il vostro respiro: quando laria entra, la pancia si solleva; quando laria esce, la pancia si abbassa.

Ho rilevato che con questi allievi non opportuno utilizzare espressioni per loro pi complesse come inspirate ed espirate, ma meglio laria entra e laria esce; oppure non termini come addome, ma pancia. E quindi pi utile impiegare forme di linguaggio pi elementare, pi vicine alla loro vita quotidiana, ai loro orizzonti di conoscenza e immaginazione. Ogni volta che respirate, prendete ossigeno e nuova energia. Ogni volta che laria esce, fate uscire tutte le tensioni. Concentratevi sul respiro che entra ed esce, e ad ogni respiro sentirete che il corpo rilassato in tutte le sue parti. I vostri piedi sono appoggiati e terra e quando fate uscire laria, le tensioni vanno via verso il pavimento. Poco per volta sentirete i piedi calmi.
28

Si proceder a rilassare ciascuna parte del corpo nel seguente ordine: bacino, schiena, pancia, spalle, braccia, collo, testa. Ho trovato sul libro di Angela Dunemann, Benessere yoga per bambini, un suggerimento che potrebbe arricchire la pratica in maniera fantasiosa: una fatina da visualizzare ( possibile mostrare un cartellone dove disegnata una fatina). Immaginate che la fatina (si pu dare un nome a questa fatina)vi tocca molto dolcemente la gamba destra. Una meravigliosa sensazione di calma e rilassamento percorre la vostra gamba destra. Poi vi tocca la gamba sinistra; una meravigliosa sensazione di calma e rilassamento percorre la vostra gamba sinistra. Entrambe le gambe sono

meravigliosamente calme e rilassate. Ora la fata vi tocca il braccio destro. Una meravigliosa sensazione di calma e rilassamento percorre il vostro braccio destro. Si proseguir con la medesima formula per le altre parti del corpo. Ed infine: () La fatina vi tocca ovunque voi desiderate. Alla fine tutto il vostro corpo attraversato da una meravigliosa sensazione di calma e di rilassamento. La fatina vi sussurra una formula magica e viene avvolta da uno scintillio di luci e suoni, che dissolver tutte le vostre tensioni. E inoltre possibile utilizzare limmagine fantastica del tappeto volante: Immaginate di stare distesi su un tappeto volante di colore blu, morbido, avvolgente. Potete abbandonarvi e sprofondare in modo meraviglioso. Ogni volta che respirate, il tappeto si solleva un po da terra. A poco a poco il tappeto comincer a volare nellaria . Sentite il respiro che esce e come diventate sempre pi leggeri, e gi volate via, leggerissimi, quasi senza peso, sul tappeto. Ogni volta che il vostro respiro esce, diventano pi leggeri: le gambe, il bacino, la schiena, la pancia, le braccia, la testa. Volate sempre pi in alto e guidate il tappeto in un luogo in cui vi sentite molto bene Dopo il rilassamento assai importante far tornare gli allievi alla percezione del loro corpo e alla loro vita quotidiana in maniera assai lenta e graduale. Inizialmente si indicher loro di compiere lenti movimenti di mani, poi piedi, poi braccia , poi gambe. Si potr contare alla rovescia da 10 a 1. Nella tecnica di rilassamento possibile proporre agli allievi di provare a contrarre e in seguito a rilasciare ciascuna parte del corpo, in modo che si avvicinino maggiormente a
29

comprendere cosa significa rilassare. E importante che essi prendano coscienza di ogni singola parte del corpo, entrando gradualmente in diretta comunicazione con ogni punto del loro corpo. Dopo il rilassamento si pu procedere allo yoga nidra. Satyananda nel suo testo Yoga nidra fa capire gli innumerevoli benefici di questa pratica e propone diverse tecniche. Nella sezione pratica propongo questa tecnica alla fine della lezione (ved. pg 38).

6- PROPOSTA DI UNA PRATICA

In silenzio, prendiamo i nostri posti e ci disponiamo in posizione seduta. Mettiamo da parte tutti i nostri pensieri e le nostre preoccupazioni. Chiudiamo gli occhi e respiriamo profondamente per un paio di minuti.

* * * * * * Tadasana e scioglimento * * * * * * *

Lentamente e con consapevolezza, ci alziamo in piedi . Posizioniamo il bacino in linea con la colonna, ci radichiamo al suolo, percepiamo il peso del nostro corpo ben distribuito tra le punte dei piedi ed i talloni. Manteniamo gli occhi chiusi, sciogliamo le spalle. Portiamo
30

lattenzione alla colonna vertebrale che dobbiamo percepire ben allineata e ci aiutiamo con unimmagine: immaginiamo le nostre vertebre come se fossero mattoni impilati uno sullaltro con alla sommit una palla in equilibrio. Lasciamo scaricare al suolo il peso del nostro corpo, abbandoniamo le tensioni. Iniziando la nostra pratica ricordiamo che yoga unione e, volontariamente, decidiamo di unire il movimento al respiro, se manteniamo, durante la nostra pratica, la consapevolezza del respiro potremo mantenere questa unione. Distanziamo leggermente i piedi ed iniziamo a ruotare la colonna lasciando andare le braccia sui due lati mantenendo le braccia totalmente passive lasciando che accompagnino la nostra rotazione. Lentamente ci prepariamo a tornare nella posizione centrale. Puntiamo le dita del piede destro e torniamo, quindi il sinistro e continuiamo come in una camminata, lasciando il respiro libero. Al termine, nella posizione centrale, verifichiamo lallineamento della colonna, la posizione del bacino e del capo accogliendo le sensazioni. Dopo aver lasciato cadere il mento verso la gola iniziamo una rotazione lenta del capo in un senso e poi nel senso opposto, mantenendo le spalle rilassate. Portiamo le mani in appoggio sulle gambe, ripieghiamo il capo ed espirando svuotiamo a fondo i polmoni, inspirando risaliamo portando i gomiti allaltezza delle spalle e proseguendo linspirazione apriamo le braccia. Allespiro torniamo e ripetiamo il movimento. Al prossimo inspiro, solleviamo le braccia verso lalto ed espirando dalla bocca svuotiamo a fondo abbracciando le ginocchia. Al termine, ascoltiamo le sensazioni del corpo. Poi ci portiamo molto lentamente in una posizione seduta comoda.

*********Sukhasana**********

31

In questa posizione, chiudiamo gli occhi e manteniamo consapevolezza sul respiro per un minuto. Teniamo il dorso ben dritto con lombelico spinto in a vanti portiamo le mani allaltezza del petto e, durante linspiro, facendo attenzione ai gruppi muscolari che entrano in funzione, ruotiamo le spalle verso sinistra, un braccio si estende anticipando il movimento, il capo segue la rotazione. Ripetiamo dallaltro lato.

**************** MOVIMENTI DINAMICI *************

Movimenti dei piedi : Nella posizione di base di Prarambhiksthiti ci sediamo con le gambe allungate, piedi vicini, palmi delle mani a terra lateralmente e dietro i glutei; dorso , collo e capo dritti. Ci si appoggia leggermente indietro sulle braccia, utilizzandole come supporto. A questo punto rilassiamoci completamente. Il rilassamento fisico verr trasmesso alla mente. Da questa posizione soffermate lattenzione sulle dita dei piedi e in seguito le muoviamo lentamente avanti e indietro, mantenendo i piedi in verticale e le caviglie immobili e rilassate. Nella seconda fase divaricate leggermente le gambe e compiete rotazioni di ciascun piede attorno alla caviglia, dieci volte in senso orario e poi dieci volte in senso antiorario.

Movimenti delle mani: Braccia dritte di fronte al corpo allaltezza delle spalle. Le mani vengono aperte, con i palmi rivolti verso il basso. Si tendono e allargano le dita il pi possibile. Poi si chiudono le dita a pugno con i pollici allinterno. Si ripete per alcune volte.

32

Flessione dei gomiti: Braccia dritte di fronte al corpo allaltezza delle spalle; mani aperte e palmi rivolti verso lalto. Si pongano le braccia ai gomiti e si toccano le spalle con le dita. Si distendono nuovamente le braccia e si ricomincia per dieci volte.

Rotazione dellarticolazione delle spalle: Si pongono le dita della mano destra sulla spalla destra, e le dita della mano sinistra sulla spalla sinistra. Si compiono dieci rotazioni in senso orario e dieci in senso antiorario, lentamente. Movimenti del collo: Sempre in sukhasana, mani rilassate sulle ginocchia. Ascoltate per alcuni secondi il respiro. Flettete lentamente la testa in avanti toccando con il mento la parte alta del torace e poi indietro, senza forzare. Si pu coordinare il respiro con i movimenti: linspirazione al momento della flessione allindietro, e lespirazione al momento della flessione in avanti. Poi inclinate la testa verso destra portando lorecchio destro verso la spalla destra, e ripetete a sinistra. Poi ruotate la testa a destra in modo che il mento sia in linea con la spalla destra, e si far lo stesso a sinistra, lentamente. Infine si compir una rotazione completa della testa, sia in senso orario che antiorario. Questo solo per un paio di volte (per evitare il rischio di vertigini).

**************** Purnatitali asana (farfalla)********

Dalla posizione di base a gambe allungate, si piegano le ginocchia e si uniscono le piante dei piedi, avvicinando il pi possibile i talloni al perineo. Si afferrano i piedi con entrambe le mani. Si muovono gentilmente le ginocchia su e gi verso il pavimento.

33

Adesso sentitevi come un uccello che si alza in volo: Ispirate e allargate le braccia. Quando espirate, chiudete le braccia davanti al corpo, fate toccare i palmi delle mani e abbassate i piedi. Vi trasformate nel vostro uccello preferito e allins pirazione allargate le vostre ali! ***************JanuSirsasana**************

Portate lentamente la gamba sinistra distesa in avanti e la destra piegata con il tallone pi vicino possibile allinguine. Afferrate lalluce del piede sinistro, con lindice e il pollice. Durante lespirazione, spingete dolcemente la fronte verso il basso, senza forzare. Rimanete in posizione per tre respiri, e poi lentamente tornate su. Ripetete con laltra gamba.

**************** Amaca ************** Nella posizione dellamaca ricomponiamo lassestamento delle vertebre, unamaca modificata in cui le braccia non sono tese, ma piegate. In questa posizione, vanno percepiti quali muscoli delle braccia sono contratti per mantenere la posizione stessa. Le mani, viste lateralmente, sono molto pi avanti delle spalle. (Lo stiramento dei gruppi muscolari dorsali lo stesso della posizione classica).

*********Posizione dellOnda (variante di sethu-bandhasana)************

34

Vi distendete lentamente sulla schiena con i piedi appoggiati a terra e distanziati tra loro, portati in corrispondenza della larghezza delle anche. Inspirate e sollevate il bacino, appoggiando il peso sulle spalle. Allungate le braccia dietro la testa e appoggiatele a terra, mentre srotolate la schiena dal basso verso lalto. Spingete i piedi verso il basso e stendetevi fino alla punta delle dita. Espirate e ritornate nella posizione iniziale abbassando la schiena. Ripetete il movimento ed infine rimanete in posizione per alcuni secondi, concentrandovi sulladdome e sul respiro.

* * * * * * * * Pavanamuktasana-interiorizzazione* * * * * * *

Sul dorso, gambe ripiegate, raccogliamo le ginocchia sulladdome, le tratteniamo con le braccia e le avviciniamo al petto, per rendere pi facile la trattenuta portiamo gli avambracci intorno alle ginocchia. Annuiamo con il capo e quindi avviciniamo il mento al petto e la fronte alle ginocchia. Manteniamo per qualche istante. Infine riportiamo il capo a terra e rimaniamo con le ginocchia al petto, per un minuto di interiorizzazione.

****************Suptaudarakarshanasana***************

35

Come movimento preparatorio: distesi sulla schiena; piegate le gambe e appoggiate i piedi per terra. Le gambe sono chiuse. Allargate le braccia allaltezza delle spalle. Muovete lentamente e dolcemente le gambe chiuse verso destra e verso sinistra. Appoggiate i piedi a terra. Ascoltate attentamente il respiro e concentratevi sul movimento delladdome. Sollevate le braccia e unite i palmi delle mani, mentre espirate e vi allungate verso lalto, come una conchiglia chiusa. Inspirate, lasciate andare le ginocchia verso terra e fate toccare le piante dei piedi, come una conchiglia aperta. Immaginate di essere una conchiglia. Infine, sempre distesi supini, ginocchia piegate, mani distese allesterno sul pavimento, palmi rivolti verso il basso. Respirate e piegate la gamba destra al ginocchio. Espirate usando la mano sinistra premete dolcemente il ginocchio destro verso il lato sinistro. Contemporaneamente ruotate la testa e fissate lo sguardo sulla mano destra. Rimanere in posizione respirando profondamente. In seguito tornare lentamente nella posizione iniziale e poi ripetere dallaltro lato.

* * * * * * Sul dorso interiorizzazione * * * * * * * Scendiamo con le gambe ripiegate. Permeiamo di coscienza lintero corpo, avvertendo la presenza dei piedi, delle caviglie, delle gambe, del tronco - osservando il dorso, il capo. Facciamo la conoscenza del respiro, sentiamo il movimento libero delladdome. Portiamo le mani incrociate sulladdome e sentiamo che laddome si espande e si rilascia. Siamo ben consapevoli di questo movimento e della colonna vertebrale che tocca il suolo. Chiudiamo gli occhi in ascolto. ********************* Gatto (con precauzione)**************

36

Aprite gli occhi e portatevi lentamente nella posizione a quattro zampe. Abbassate i glutei in modo che siano abbastanza vicino ai talloni . Disponete le braccia in modo che anche loro abbiano langolazione rispetto al suolo quasi parallele alle cosce. Da questa posizione prendiamo lestensione, inspirando inarcatevi, ed espirando, senza sollevare i glutei, guardate lombelico incurvando il dorso. Mentre inspiriamo evitiamo di sollevare i glutei mantenendoli nella stessa posizione. (Prendendo questa precauzione si impedisce alla colonna vertebrale di sovra estendersi nel tratto lombare e agire in maniera pi profonda sul tratto dorsale correggendone nella curvatura)

* * * * * * * * * * Foglia ripiegata - Balasana * * * * * * * * * *

Ci portiamo seduti sui talloni, scivoliamo in avanti depositando laddome sulle cosce unite, ci allunghiamo e compensiamo con questo stiramento mantenendo labbandono, la scioltezza del respiro.

****************Bhujangasana*********************

Prepariamo qualche piccolo movimento di flessione e di estensione del capo, attivando maggiormente i muscoli del capo e poco quelli del collo. Mani sotto le spalle, durante linspiro, scivoliamo con il naso, con la bocca, con il mento e poi solleviamo di poco il capo. Durante lespiro appoggiamo il mento a terra, spinto in avanti e torniamo
37

richiamando la bocca, il mento e appoggiamo la fronte a terra. Ripetete sincronizzando con il respiro, cercando di portare la consapevolezza nel tratto cervicale. Estendiamo il movimento, durante linspiro saliamo estendendo allindietro anche il collo, senza aiutarsi con le mani, espirando riavvolgiamo, scendendo prima con il mento a terra e attivando i muscoli flessori del capo. Ripetiamo alcune volte, quindi ci portiamo in makarasana per un piccolo relax e scopriamo le sensazioni in questa posizione, chiudendo gli occhi e focalizzandoci sul movimento

delladdome.

Riapriamo gli occhi e compiamo una lenta rotazione sul fianco:

Infine, usando come perno le mani, riportatevi molto lentamente prima in posizione seduta ed poi in piedi.

* * * * * * * * * * Ardhachandra * * * * * * * * * *

38

Separate i piedi mantenendo le braccia lungo i fianchi. Inspirate, tendete il braccio destro accanto all'orecchio destro, create una trazione verso l'alto. Espirate, inarcatevi a sinistra mantenendo il braccio sinistro rilassato. Inspirate, raddrizzate il busto mantenendo la trazione del braccio e della schiena. Ripetete 3 volte questo piegamento. Rotate il palmo della mano all'esterno e abbassate il braccio lungo il fianco. Ripetete questo movimento sul fianco opposto. *****************Dwikonasana*****************

In posizione eretta, gambe distanziate circa 30 cm, le braccia vengono portate dietro la schiena e vengono intrecciate le dita. Si flette delicatamente il busto a livello delle anche in modo che il viso e la schiena siano paralleli al pavimento. Le braccia agiscono come leva per effettuare lo stiramento della colonna vertebrale, ma questo deve essere fatto senza nessuno sforzo.

**********Posizione eroe (virabhadrasana)*************

In piedi , divaricate le gambe, sollevando le braccia allaltezza delle spalle e allungandole fino alla punta delle dita. Ruotate verso lesterno il piede sinistro e piegate il ginocchio
39

finch in corrispondenza del piede. Il bacino orientato in avanti e lo sguardo rivolto a guardare la mano sinistra. Sentite i piedi ben saldi sul pavimento. Respirate nella posizione e tenetela per qualche tempo. Ripetete dallaltro lato.

**************Albero semplificato***********

Spostate il peso del corpo sul piede sinistro. Provate ad alzare il piede destro e scuotetelo leggermente. Portatelo in corrispondenza della parte interna della gamba sinistra, con le dita del piede che toccano per terra. Immaginate che al di sotto del piede sinistro crescano radici che creano un appoggio per lalbero. Congiungete i palmi delle mani davanti al petto e spingete le mani lentamente verso lalto. Le braccia sono come rami che crescono verso il cielo. Respirate profondamente e cercate di rimanere in equilibrio per pochi secondi. Ripetete dallaltro lato.

************Piccolo pranayama: PranaMudra semplificato********** (Nota: Essendo questo un corso per principianti, non ho ancora ritenuto opportuno inserire veri e propri esercizi di pranayama. Durante la pratica delle asana invito costantemente gli allievi ad ascoltare il loro respiro, senza influire sul ritmo, ma semplicemente concentrandosi sullaria che entra ed esce dalle narici. Ho fatto praticare una versione semplificata (senza bandha) del pranamudra; la versione originale non semplificata si pu trovare sia nel testo di Satyananda che in quello di Van Lisebeth sul pranayama. Questa versione semplificata mi sembrata adatta a principianti.

40

Seduti

in

posizione

comoda

(sukhasana),

occhi

chiusi,

alcuni

secondi

di

interiorizzazione e rilassamento. Inspirate ed espirate profondamente. Allinspiro, sollevate le mani fino allaltezza dellombelico. Le mani sono aperte con le dita orientate le une verso le altre e i palmi rivolti verso il corpo. Le braccia e le mani devono essere rilassate. Mentre continua linspirazione espandete il torace e alzate le mani portandole prima davanti allombelico, poi di fronte allo sterno, ed infine di fronte alla gola. Mentre trattenete il respiro, le braccia vengono allargate fuori, le mani al livello delle orecchie (i palmi rivolti verso lalto). Durante lespirazione si riporteranno le mani verso il basso, passando prima dalla gola, poi di fronte allo sterno ed infine di fronte allombelico. (Satyananda dice che pranamudra risveglia lenergia vitale e la distribuisce in tutto il corpo, producendo un aumento della salute, della forza e della fiducia in se stessi. Sviluppa un senso di pace ed equanimit).

***********Rilassamento finale************** Ci disponiamo in shavasana. (vedere descrizione della tecnica nel paragrafo 5.1 pg 21)

41

************Yoga nidra************

La pratica di Yoga Nidra consiste nel portare lattenzione nella parte del corpo che viene nominata e mentre ripetiamo mentalmente il nome della parte del corpo dirigiamo su quellarea la nostra coscienza ricercandone le sensazioni e pacificandola. Mentalmente ripetiamo a noi stessi: sto per iniziare la pratica di Yoga Nidra. Pensiamo ad un proposito che vorremmo attuare nella nostra vita, utilizziamo poche parole chiare e positive, che ripetiamo mentalmente tre volte. Iniziamo a nominare e a percepire le parti del corpo:

pianta del piede destro, caviglia destra, polpaccio destro, ginocchio destro, coscia destra, gluteo destro, fianco destro, ascella destra, spalla destra, braccio destro, gomito destro, avambraccio destro, polso destro, pollice destro, indice medio anulare mignolo. Pianta del piede sinistro, caviglia sinistra, polpaccio sinistro, ginocchio sinistro, coscia sinistra, gluteo sinistro, fianco sinistro, ascella sinistra, spalla sinistra, braccio sinistro, gomito sinistro, avambraccio sinistro, polso sinistro, pollice sinistro, indice, medio, anulare, mignolo. La parte destra delladdome, la parte sinistra delladdome, la parte destra del torace, la parte sinistra del torace, la parte destra del dorso, la parte sinistra del dorso, la gola, la nuca, il mento, guancia destra, guancia sinistra, orecchio destro, orecchio sinistro, denti a destra, denti a sinistra, la fronte, sopracciglio destro, sopracciglio sinistro, la palpebra superiore dellocchio destro, la palpebra inferiore dellocchio destro, la linea tra le pal pebre, la palpebra superiore dellocchio sinistro, la palpebra inferiore dellocchio sinistro, la linea tra le palpebre, la narice destra, la narice sinistra, labbro superiore, labbro inferiore, la linea tra le labbra, tutta la parte destra del corpo, tutta la parte sinistra del corpo, il corpo tutto intero, il corpo tutto intero. -Consapevolezza del movimento naturale delladdome che si solleva e si abbassa ad ogni respiro, e mentre si solleva contiamo mentalmente 108 e mentre si abbassa 108, si solleva 107, si abbassa 107, cos contiamo a rovescio fino al numero 1 ricominciando da 108 se sbagliamo a contare, e lasciamo il respiro completamente spontaneo. -Rilasciamo il contare, mentalmente ripetiamo tre volte lo stesso proposito dellinizio. -Ripetiamo mentalmente a noi stessi: sto per terminare la pratica di Yoga Nidra -Inviamo un pensiero luminoso ad ogni parte del corpo.
42

Dopo il rilassamento, gli alunni saranno gradualmente riportati al contatto con la realt esterna, prima con piccoli movimenti dei piedi, poi delle mani, poi piedi e gambe. Infine ruoteranno su un fianco e, trovando appoggio nelle mani, si riporteranno molto lentamente e con consapevolezza in una posizione seduta comoda, conservando il silenzio e lo stato di rilassamento acquisito. Rimaniamo ad occhi chiusi e ci prepariamo per il canto dell OM.

Considerazioni sulla pratica: Durante lo svolgimento della lezione importante ricordare costantemente agli allievi di non cambiare mai posizione bruscamente (ad esempio, da seduti in piedi e viceversa). Gli allievi saranno cos abituati a movimenti lenti, graduali, consapevoli. Soprattutto nei primi tempi, le asana non andranno tenute per tempi lunghi. In questa lezione sono state messe in movimento diverse fasce muscolari del corpo e si sono alternate posizioni statiche a movimenti dinamiche, sia da posizioni in piedi che da seduti. Non ci sono ancora posizioni capovolte, perch la muscolatura deve ancora essere preparata sufficientemente. Linsegnante avr cura di notare ogni reazione degli allievi e, se necessario, le singole asana potranno essere variate e semplificate in base ai limiti eventualmente riscontrati. Ogni posizione deve essere per loro comoda e piacevole, e non generare nessun tipo di tensione n fisica n mentale. La lezione deve essere per loro un momento di relax e soprattutto di consapevolezza. Lobiettivo il loro benessere, e che escano dallaula sentendosi ricaricati, rinvigoriti, gioiosi e rilassati, pronti ad affrontare il resto della giornata scolastica.

43

Per me non ha nessuna importanza vedere compiere dai miei alunni unasana perfetta. Ci che invece mi apre il cuore vedere i loro sorrisi e la luce nei loro occhi mentre diventano uno con lo yoga!

44

BIBLIOGRAFIA: Andr Van Lysebeth , Pranayama, La dinamica del respiro, Astrolabio Ubaldini Editore Andr Van Lysebeth, Imparo lo yoga, Mursia Satyananda, Asana Pranayama Mudra Bandha, Satyananda edizioni Satyananda, Yoga Nidra, Satyananda Edizioni Satyananda, Le applicazioni dello yoga nel trattamento delle malattie comuni, Sat.Edizioni Graziella Fioretti, La porta della felicit. Lo yoga in classe per educare, Edizioni la Meridiana Sofia Tafella, Psicologia dellhandicap e della riabilitazione, Armando Editore Angela Dunemann Gulde, Benessere yoga per bambini. Esercizi di respirazione, rilassamento e relazione con gli altri, Erickson Editore Lino Vianello, Dispense della SOS- Scuola di specializzazione per le attivit di sostegno nella scuola superiore (neuropsichiatria e pedagogia speciale per la disabilit), Venezia Beatrix Kilchenmann, Apprendre et enseigner le Yoga, Lanore Sonia Sumar, Yoga for the special child: A therapeutic approach for children with down syndrome, cerebral palsy, learning disabilities (formato kindle)

45