Sei sulla pagina 1di 3

COME ACQUISIRE LA VISTA SPIRITUALE E VEDERE I MONDI INVISIBILI

L'orgoglio che si può provare in conseguenza dell’avanzamento spirituale può favorire l’introduzione nell’aura di Elementali che sono poi la causa del nostro fallimento. Per questa ragione la Bibbia è scientificamente esatta quando ci previene contro la superbia. Detto pericolo si affaccia seriamente, soprattutto,quando abbiamo iniziato il nostro viaggio sul Sentiero del Conseguimento, lungo il quale i veicoli dell’aspirante si sensibilizzano in misura sempre maggiore in relazione al suo vivere in rettitudine e per la pratica dei necessari esercizi. Egli deve, pertanto,essere assai più diligente di ogni altra persona e cercare, particolarmente, di evitare qualsiasi forma di sensualità perché ciò lo fermerebbe nel cammino e lo farebbe cadere con maggiore facilità degli altri. Uno dei primi esercizi che l’aspirante alla conoscenza diretta deve praticare è l’osservazione minuziosa di ogni dettaglio. È ovvio che la gente ha occhi per vedere, ma generalmente non vede. L’aspirante deve esercitarsi nell’arte di osservare in modo assai minuzioso tutto ciò che lo circonda : in caso contrario si creerebbe un contrasto tra i ricordi coscienti della mente e i ricordi subcoscienti del corpo vitale e detta condizione produrrebbe disarmonia. Camminando per la strada possiamo migliorare il nostro spirito di osservazione esaminando attentamente, in ogni particolare, le case, i giardini, gli stili architettonici, ecc. e più tardi dovremo cercare di ricordarli: così facendo aumenteremo notevolmente la nostra facoltà di osservazione. La concentrazione e il creare pensieri positivi sono facoltà mentali che occorre sviluppare successivamente. A tale scopo dobbiamo fissare la nostra mente su un solo punto ed evitare di distrarci perché la distrazione è uno dei processi più distruttivi che esistono : essa distrugge il potere del pensiero, quanto la concentrazione, invece, lo crea e lo fortifica. Il pensiero negativo è debole e non produce buoni risultati; il pensiero positivo ci doterà, invece, di una mente capace di fare miracoli, in qualsiasi campo di applicazione, e ci apporterà successo . Il pensiero negativo espone, invece, la nostra aura ad entità di natura indesiderabile che, con l’andar del tempo, possono esercitare dominio su di noi fino al punto di farci diventare loro vittime. Per tale ragione dobbiamo effettuare costantemente la concentrazione. Esercizi di grado più avanzato sono per l’aspirante la MEDITAZIONE e il DISCERNIMENTO, la CONTEMPLAZIONE e l’ADORAZIONE. Informazione su ciò si possono trovare nella “Cosmogonia dei Rosacroce” e ne raccomandiamo lo studio. La RIPETIZIONE SISTEMATICA DELLE VERITÀ SPIRITUALI le introduce e le fissa nel corpo vitale, cosicché gradatamente faranno parte del nostro carattere se,

tuttavia, saranno corroborate da corrispondenti opere. In tal caso possiamo fare del nostro carattere ciò che vogliamo e non dimentichiamo che “Carattere è destino” L’aspirante ritarda a volte il proprio progresso, perché si mette in uno stato di ansietà, che è poi una forma di paura, la quale crea nella mente Elementali della stessa natura; l’aspirante dovrà compiere azioni buone e allora si libererà da tale situazione. “L’amore perfetto annulla la paura” e, di conseguenza, se abbiamo la tendenza ad avere paura di qualsiasi cosa, per proteggerci contro la stessa dobbiamo costruire i nostri veicoli superiori mettendo in pratica l’Amore. È necessario realizzare la cosa prima che i nostri poteri occulti siano sviluppati, perché se non avremo vinto la paura non potremo avere la calma e la sicurezza occorrenti per entrare nei piani invisibili e non saremo in grado di viaggiare in detti piani, lontani dal nostro corpo fisico. Se siamo soggetti alla paura logicamente lo saremo anche alle dannose attività degli esseri abitanti i piani invisibili, e il fatto stesso di trovarci in tale stato emotivo prova che non siamo ancora idonei a difenderci contro dette entità. La paura è, quindi, il primo grande nemico che lo studente di occultismo deve debellare. Talvolta lo studente mistico cade nell’errore di sviluppare la vista spirituale con l’ausilio di droghe, specchi magici o inadeguati esercizi di respirazione. Quale risultato di tali esperimenti di carattere negativo si avranno degli squilibri fisici e mentali. Lo sviluppo della vista spirituale con i detti sistemi avviene tramite vibrazioni irregolari e, pertanto, chi li segue si espone al pericolo di aprire la propria individualità al Mondo del Desiderio inferiore e alla viziose entità ivi risiedenti. Gli esercizi di respirazione degli Orientali non sono indicati per gli Occidentali: essi espellono talvolta il corpo vitale dal corpo fisico, spezzando i legami fra i centri sensori eterici e le cellule cerebrali e causando, di conseguenza, la pazzia. In altri casi producono la rottura tra l’Etere Vitale e l’Etere Chimico : conseguenza di ciò è la tubercolosi. I nostri studenti debbono diffidare seriamente di tali sistemi ed astenersi dal fare anche la minima prova. Una respirazione igienica e profonda è indubbiamente buona e raccomandabile. Per concludere, l’equilibrio in tutti i piani è il grande obiettivo che lo studente di occultismo deve raggiungere. Esso consta di tre requisiti: in primo luogo nel realizzare la concentrazione mentale, secondariamente nel conseguire l’equilibrio emozionale e, per ultimo, nel raggiungere il potere spirituale. Tuttavia, anche avendo ottenuto tutto ciò e sviluppato la vista superiore e, quindi, essere in grado di abbandonare coscientemente il proprio corpo, l’alunno non possiede l’onniscienza : si trova solo al punto di apprendere la conoscenza dei mondi spirituali, ove dobbiamo imparare - esattamente come facciamo quaggiù - con un lungo, paziente lavoro e assidua applicazione ai problemi riguardanti la nuova sfera. Possiamo, dunque, comprendere quanto sia assurdo seguire gli insegnamenti di un professore che abbia casualmente sviluppato null’altro che uno dei tre gradi di vista spirituale e non sempre in modo perfetto, e altresì quanto sia errato venerare come idolo chiunque abbia lo sviluppo della chiaroveggenza e accettare tutto quanto venga presentato come genuino e meritevole di stima. Tutto ciò che si ottiene dai mondi interni, tramite un qualsiasi grado di vista spirituale, dev’essere sottoposto al vaglio

della logica e del buon senso : se non resiste a ciò siamo autorizzati a respingerlo o, per lo meno, a fare nuove investigazioni prima di accettarlo.