Sei sulla pagina 1di 103

Sam ael Aun W eor

IL LIBRO GIALLO

Samael Aun Weor


I l libro giallo

NOTA DEL TRADUTTORE


Questo libro da considerarsi una prima stesura di tra-
duzione, pertanto non ufficiale. possibile, infatti, che
il lettore incontri nel testo evidenti spagnolismi o forme
lessicali poco eleganti.
Il testo costituito da due parti, definite dal V. M. Sa-
mael Aun Weor due folletos, ovvero due opuscoli.
Queste due parti costituiscono due libri veri e propri: Il
Libro Giallo (1959) e lOpus Magnum (1958).
I due libri sono da considerarsi indipendenti; infatti il let-
tore noter che in un paio di casi si presentano gli stessi
capitoli in entrambi i libri, con qualche piccola variazione.
stato scelto di mantenere la ripetizione in quanto la
traduzione rimane totalmente fedele alla stesura del
Maestro, la quale presenta una valenza cabalistica ed
esoterica nella scelta dei capitoli stessi e della loro nu-
merazione.
Tutte le parole sanscrite sono state attentamente verifi-
cate nella loro grafia, ed in molti casi stata presentata
al lettore una spiegazione del significato del termine per
facilitare la comprensione del testo.

2
Sam ael Aun W eor

PROLOGO

In questo periodo di guerre, di ambizioni e di fallimento


pi che mai, nasce alla luce del mondo questo Libro
Giallo.

Ci siamo domandati perch noi, gli umani, ci troviamo


nello stato in cui siamo? Assorbiti dal materialismo ateo,
trascorriamo la nostra vita senza sapere da dove venia-
mo n chi siamo. Ogni giorno che passa, a causa del no-
stro stato di incoscienza, percorriamo un nuovo passo
verso lignoranza.

Stanchi delle teorie, abbiamo perfino perso lanelito a


cercare e trovare la soluzione alla nostra angoscia inte-
riore.

giunto il momento definitivo nel quale dobbiamo deci-


dere: o terminiamo la nostra vita adorando il vitello
doro, o produciamo un cambiamento radicale in noi, che
ci conduca al reale, ci che realmente , che sempre
stato e che sar: lEssere, la Verit, Lui.

Questo Libro Giallo, scritto con carboni ardenti dal V.M.


Samael Aun Weor, ci mostra chiaramente il vero cammi-
no iniziatico, attraverso il quale possiamo creare in noi
un cambiamento radicale, una rivoluzione
psicologica e spirituale.
Non incontreremo mai la saggezza fuori di noi, giacch
essa si trova plasmata nel nostro universo interiore.

Liniziazione consiste, precisamente, nel porsi in contatto


con le infinite possibilit che ci offre il nostro Essere inte-
riore profondo, la stessa divinit plasmata in noi fin
dallaurora della creazione.

Fratelli di questo mondo, tentiamo di accorgerci


dellinganno che tutti noi viviamo, risvegliamo una volta
per tutte la realt della nostra vita e combattiamo per
scoprire ed incarnare la saggezza. Lottiamo perch

3
I l libro giallo

lamore sia in noi, lontani dalle banalit del mondo,


dallorgoglio, linvidia e lodio. Uniamoci in una cristallina
fraternit per rendere culto alla Divinit e consacrare la
nostra vita allo stesso Creatore.

Che questo trattato di magia bianca chiarifichi il nostro


intendimento e faccia germogliare nel nostro cuore le
note della lira armoniosa.

INTRODUZIONE

Ladorabile Madre Divina Kundalini il fuoco bruciante


dello Spirito Santo. Lei Iside, Maria, Maya, Adonia, In-
soberta, Rea, Cibele, ecc., ecc., ecc.. Lei ha miliardi di
nomi adorabili. Lei Amore.

Lelettricit, il magnetismo universale, la forza cosmica,


la legge di coesione e di gravit universale, furono crea-
te dalla adorabile Madre.

Tutti i pianeti che brillano, scintillano e palpitano


nellinalterabile infinito, riposano nel delizioso seno della
benedetta Madre Divina del mondo. La Signora di su-
prema adorazione conduce i suoi figli per mano lungo il
pericoloso sentiero del filo del rasoio.

La Divina Madre rimane attorcigliata tre volte e mezza


nella chiesa coccigea. Ladorabile Signora apre le sette
chiese dellapocalisse del midollo spinale. Dobbiamo tro-
vare la Divina Madre nel tempiocuore.

La croce delliniziazione si riceve nel tempiocuore.

Solo ladorabile Signora dellAmore ha il potere di svilup-


pare i suoi figli nel profondo seno dello Spirito universale
di vita.

La Madre deve convertirsi in un lago sereno senza tem-


peste, dove si rifletta tutto il panorama del cielo stellato.

4
Sam ael Aun W eor

Quando la mente calma ed in silenzio, la Divina Madre


si diletta in noi. Questa la beatitudine.

La pace si consegue solo con il controllo della mente.

La purezza del pensiero conduce alla perfezione dello


yogi.

Dobbiamo venerare i maestri. Dobbiamo fare le nostre


pratiche esoteriche colmi di ardente fede. Coloro che
hanno fede si convertono in esseri ineffabili.

La saggezza e lamore risplendono nella mente di coloro


che hanno raggiunto, in samadhi1, lestasi dei santi. Con
questo libro di fuoco ardente, tutti i nostri benamati di-
scepoli potranno convertirsi in veri maestri del samadhi.

Salite, amatissimi, per il sentiero delliniziazione con


somma prudenza.

Ricordate che questo cammino pieno di pericoli da


dentro e da fuori.

Questo il sentiero del filo del rasoio. Bevete il nettare


dellimmortalit dalla fonte purissima dellestasi. Calpe-
state il sentiero della perfetta santit. La Divina Madre
possiede il potere di aprire tutti i chakra del corpo astra-
le. Lei la Signora di totale perfezione. La Signora di
perfezione dimora negli elettroni. Su di lei meditano i
saggi gnostici, i mistici ladorano, gli innamorati la innal-
zano per il canale midollare.

Abbiate cura del vostro liquore seminale. Evitate le pol-


luzioni notturne con lArcano A.Z.F.. Rilassate i vostri
muscoli per la meditazione. Mantenete flessibile la vo-
stra colonna vertebrale. Bevete acqua pura. Alzatevi
allalba.

Ricordate che il miele dapi lalimento della Fraternit


Bianca Universale. Mangiate frutta, cereali e verdure.

5
I l libro giallo

Praticate ogni giorno la meditazione. Ricordate che la


meditazione il pane quotidiano del saggio.

Il Libro Giallo un libro di occultismo trascendentale e


assolutamente pratico. Qui avete, amatissimi, lo yoga
che necessita nella nuova era acquariana. Siate gentili
per ascoltare e buoni per giudicare.

Che il vostro Padre che in segreto e la vostra Divina


Madre Kundalini vi benedicano.

LAutore.

6
Sam ael Aun W eor

Primo libro
Il Libro Giallo

Capitolo I
LAMORE

Lo yoga moderno soprattutto gnostico cristiano. Lo


yoga moderno rifiuta assolutamente lhatayoga.

Molto sinceramente crediamo che le acrobazie


dellhatayogi siano tipiche dei pagliacci del circo. Non
servono a niente.

La cosa pi grande che c nella vita lamore.


Nessuna acrobazia da circo potr mai rimpiazzare
lincanto divino dellamore.

Nei misteri eleusini gli uomini e le donne si magnetizza-


vano reciprocamente nelle danze misteriose dellamore.
Allora nessuno pensava alle porcherie ma solo a cose
sante e pure. La grande festa degli eleusini, lallegria, la
danza, il bacio e la magia sessuale, trasformavano gli
esseri umani in veri dei.

7
I l libro giallo

Tra le delizie dellamore gli uomini e le donne incantano


e risvegliano la Bella Addormentata, il divino serpente
Kundalini.

Quando una donna ed un uomo si adorano, accumulano


le forze terribilmente divine della Madre cosmica. Queste
forze scintillanti spaventosamente divine, inondano con il
loro splendore tutti i chakra3,
centri, ruote, fiori di loto dei corpi interiori delluomo. I
fuochi dorsali sono jehovistici4. I fuochi del cuore sono
cristici. Sulla fronte scintillano i raggi terribilmente divini
del Padre. Questi tre tipi di energia sono puro seme tra-
smutato. Nel liquore seminale si trova la chiave della re-
denzione umana.

Lenergia seminale deve essere sublimata fino al cuore.

Nel cuore la Divina Madre incontra suo Figlio, il Cristo in-


teriore. La Madre e suo Figlio vivono nel tempiocuore.

La croce delliniziazione si riceve nel tempiocuore.

Si pu e si deve avere rapporti sessuali, per sarebbe


meglio morire piuttosto che commettere il crimine dello
spargimento del seme.

Quando il mago versa il vaso di Ermes, i fuochi terribil-


mente divini della Divina Iside (a cui nessun mortale ha
mai sollevato il velo), si ritirano, si
fondono nelle correnti universali e luomo si sommerge
nellabisso.

Il tremendo mantra I.A.O. riassume tutta la scienza


dellArcano A.Z.F. Questo mantra si deve vocalizzare du-
rante latto amoroso della magia sessuale.

I. (Ignis, fuoco) A. (Aqua, acqua) O. (Origo, principio,


spirito).

8
Sam ael Aun W eor

Il fuoco rende feconde le acque della vita perch nasca il


Figlio dellUomo. Il Figlio dellUomo sempre figlio di un
uomo ed una donna.

Quando due esseri si adorano e praticano lArcano


A.Z.F., inevitabilmente si convertono in dei.

Coltivate lallegria nei focolari, la musica ed i fiori. Gli in-


namorati si dispensino da ogni tipo di errore; nessuno
perfetto. La coppia deve perdonarsi reciprocamente i lo-
ro molto umani errori: lamore non colpevole dei di-
spiaceri tra innamorati che si adorano; tutti questi di-
spiaceri sono dellio psicologico (Satana).

Lo yoga moderno amore, musica, danza, profumi, ba-


ci, adorazione, pranayama, meditazione, illuminazione,
saggezza e felicit. Lo yoga moderno segue il Cristo e
adora la donna. Sono passati i tempi in cui gli anacoreti
si torturavano con lhatayoga; ora, gli yogi e le yogini
moderne si amano e si adorano.

Lamore ineffabile, lamore terribilmente divino.

9
I l libro giallo

Capitolo II
KUNDALINI

Il kundalini lenergia primordiale racchiusa nella Chiesa


di Efeso.

Questa Chiesa dellApocalisse un centro magnetico si-


tuato due dita sopra lano e due dita sotto gli organi ge-
nitali. Il serpente sacro dorme dentro la sua chiesa at-
torcigliato tre volte e mezza. Il kundalini il fuoco di
Pentecoste. Il kundalini la Madre Divina. Il santuario
della Madre Divina il cuore.

Il kundalini si sviluppa, evolve e progredisce nellaura del


Mahachoan (la Madre Cosmica, lo Spirito Santo, il Terzo
Logos).

I fuochi dorsali sono jehovistici5; i fuochi del cuore sono


cristici; nella fronte scintillano i raggi terribilmente divini
del Padre.

I fuochi del cuore controllano lascensione del serpente


sacro lungo il canale midollare; il kundalini si sviluppa,
evolve e progredisce in accordo con i meriti del cuore.

10
Sam ael Aun W eor

Il kundalini deve salire fino al cervello ed in seguito


giungere fino al sacro santuario del cuore.

Il kundalini dimora negli elettroni. I saggi meditano sul


kundalini, i devoti lo adorano e nei focolari di perfezione
gli si rende culto.

Beviamo il nettare dellimmortalit quando gli atomi so-


lari e lunari vengono a contatto, poich risvegliano il
kundalini. Gli atomi solari e lunari vengono a contatto
nel triveni, vicino al coccige; quindi risvegliano, per indu-
zione, il kundalini.

Il kundalini si risveglia col pranayama, con la concentra-


zione e la meditazione, con profonda devozione, con la
volont e la comprensione, con i mantra sacri e con la
magia sessuale.

Il kundalini pu essere risvegliato anche per opera di


grazia di alcuni maestri dei misteri maggiori della Loggia
Bianca, o perch la Madre Divina vuole che sia cos.

Quando lo yogi sparge il seme il kundalini non pu ri-


svegliarsi. Lascensione del kundalini lungo il canale mi-
dollare molto lento e difficile: il passaggio del serpente
igneo di vertebra in vertebra significa terribili prove,
spaventosi sacrifici e supreme purificazioni. Non solo
dobbiamo uccidere il desiderio, ma anche lombra stessa
del desiderio.

La nostra divisa thelema (volont).

Quando il kundalini arriva fino alla ghiandola pineale si-


tuata nella parte superiore del cervello, raggiungiamo
lestasi perfetta.

Dobbiamo avvisare che bench il kundalini ha la forma


del serpente pu presentarsi al devoto sotto forma di
Madre Divina, Iside, Rea, Cibele, Maria, ecc.

11
I l libro giallo

Quando risveglia il kundalini, il devoto sperimenta visioni


meravigliose e sente molteplici suoni. Quando si risveglia
il kundalini si sviluppano tutti i poteri dellanima. Quando
risveglia il kundalini, lo studente vede una luce molto
brillante pari a diecimila soli uniti che risplendono di al-
legria allunisono con la Chiesa di Efeso.

Se lo studente sparge il seme dopo aver iniziato


lascensione del kundalini per il canale midollare, allora il
kundalini discende di una o pi vertebre a seconda della
gravit della caduta. Nessun fornicatore potr arrivare
alla realizzazione cosmica.

Lacqua labitazione del fuoco. Se versiamo lacqua


perdiamo, di conseguenza, il fuoco.

La castit il fondamento della Grande Opera. Tutto il


potere del kundalini si trova nel seme.

Tutti coloro che riescono ad innalzare lenergia del kun-


dalini fino alla ghiandola pineale, di fatto rafforzano la
SopraCoscienza (lo stato del nirvikalpasamadhi).

Colui che raggiunge questo livello in Illuminato, un Di-


o.

Il kundalini giace nella cavit triangolare conosciuta co-


me triangolo celestiale, centro della Chiesa di Efeso.

Il meraviglioso tempio di Efeso un loto spendente;


questo loto possiede quattro petali. La chiesa di Efeso
luminosa quanto dieci milioni di soli. La terra elementale
dei saggi corrisponde a questo fiore.

Quando il serpente sacro apre la Chiesa di Efeso, ci ven-


gono conferiti poteri sulle creature elementali che vivono
nelle viscere della terra.

Quindi possiamo operare sui terremoti.

12
Sam ael Aun W eor

Quando il serpente arriva allaltezza della prostata si a-


pre la Chiesa di Esmirna. Questo chakra possiede sei pe-
tali. Il chakra prostatico ci conferisce il potere di creare;
sarebbe impossibile tutta la creazione senza il chakra
prostatico. Limmortale Babaji, il Cristo yogi dellIndia il
cui corpo data molti milioni di anni, tanto che si perdono
nella notte dei secoli, il supremo reggente del chakra
prostatico. Babaji gestisce tutta la vita e ha il potere di
creare e tornare nuovamente a creare. Lacqua elemen-
tale dei saggi (lens seminis) lelemento di questo cha-
kra. Tutti coloro che aprono la Chiesa di Esmirna hanno
il potere sulle acque e le tempeste.

Lascensione del kundalini fino alla regione ombelicale ci


conferisce il potere di operare sul fuoco dei vulcani. Il
chakra della regione dellombelico la Chiesa di Perga-
mo. Questo chakra possiede dieci petali. Il fuoco ele-
mentale dei saggi lelemento di questo chakra.

Quando il kundalini arriva allaltezza del cuore si apre la


Chiesa di Tiatira e ci conferisce il potere di operare sui
quattro venti. Il loto del cuore possiede dodici petali ed il
suo elemento laria elementale dei saggi. Tutti coloro
che vogliono apprendere come portarsi col proprio corpo
fisico nei mondi soprasensibili devono sviluppare il cha-
kra del cuore. Questo ci che nota come scienza ji-
na. Il corpo umano pu uscire dal piano fisico ed entrare
nei mondi soprasensibili.

Quando il serpente sacro arriva allaltezza del cuore si


apre la Chiesa di Tiatira e noi ritorniamo intuitivi.

Lascensione del kundalini fino alla regione della laringe


ci conferisce il potere di udire le voci degli esseri che vi-
vono nei mondi soprasensibili.

Il chakra laringeo la Chiesa di Sardis. Raggiunta que-


sta altezza, fatto Verbo, il kundalini fiorisce sulle labbra
feconde. Il chakra laringeo possiede dieci petali.

13
I l libro giallo

Quando il kundalini arriva allaltezza dellintraciglio si a-


pre la Chiesa di Filadelfia. Questo lOcchio della Sag-
gezza. In questo centro magnetico dimora il Padre. Il
chakra dellintraciglio possiede due petali ed il trono
della mente. Quando la mentemateria si trasforma in
mentecristo riceviamo il mantello dei buddha e lOcchio
di Shiva. Tutti coloro che sviluppano il chakra frontale ri-
tornano chiaroveggenti.

Quando il kundalini arriva alla ghiandola pineale si apre


la Chiesa d Laodicea. Questo chakra possiede mille peta-
li risplendenti. Questa la corona che brilla come una
aureola di luce sulla testa dei santi. Nella ghiandola pi-
neale esiste latomo dello Spirito Santo, dunque ricevia-
mo la bianca colomba dello Spirito Santo e ci colmiamo
di illuminazione, saggezza e onniscienza.

Nella Chiesa di Efeso conquistiamo la terra; nella Chiesa


di Esmirna lacqua; nella Chiesa di Pergamo il fuoco; nel-
la Chiesa di Tiatira laria; nella Chiesa di Sardis il fluido
akasico6; nella Chiesa di Filadelfia conquistiamo la men-
te e nella Chiesa di Laodicea conquistiamo la luce.

cos che noi ci facciamo re e sacerdoti della natura se-


condo lordine di Melchisedek.

Nel campo magnetico alla radice del naso risiede latomo


del Padre, nella ghiandola pituitaria latomo del Figlio e
nella pineale latomo dello Spirito Santo.

14
Sam ael Aun W eor

Capitolo III
I DUE TESTIMONI

I due testimoni si attorcigliano intorno alla spina dorsale


formando il santo otto. I due testimoni, attorcigliati at-
torno alla spina dorsale, formano il caduceo di Mercurio.

I due cordoni simpatici si trovano situati ai lati destro e


sinistro della spina dorsale. I due testimoni ascendono
alternandosi da sinistra a destra fino a formare un nodo
meraviglioso nello spazio compreso tra le due sopracci-
glia.

Il cordone simpatico che procede dal lato destro prose-


gue per quello sinistro e viceversa; quello che procede
per il lato sinistro risulta freddo, quello che procede per
il lato destro caldo. Il freddo lunare, il caldo solare.
Per questo paio di cordoni simpatici ascendono fino al
cervello gli atomi solari e lunari del nostro sistema semi-
nale. Quando gli atomi solari e lunari del nostro sistema
seminale si incontrano nel coccige, inevitabilmente si ri-
sveglia il kundalini.

Il canale midollare ha un orifizio interno che normalmen-


te si trova chiuso nelle attuali persone comuni. I vapori
seminali stappano questo orifizio affinch il kundalini

15
I l libro giallo

passi di l. Lo yoga possiede un esercizio speciale per a-


prire questo orifizio rapidamente; questo esercizio si
chiama pranayama.

Il kundalini, con lascendere vittorioso di chakra in cha-


kra, slega i nodi e gli impedimenti che si oppongono alla
sua ascensione.
necessario avvertire i fratelli gnostici che dobbiamo
apprendere a polarizzare il fuoco sacro del kundalini.

Alcuni devoti ogni giorno godono della passione sessuale


sebbene non spargano mai il seme. Il risultato che po-
larizzano il fuoco nei chakra del basso ventre e perdono
la felicit di godere del loto dei mille petali (la Chiesa di
Laodicea). Questo chakra lOcchio di Diamante che ci
conferisce lestasi perfetta, la grazia ineffabile degli uo-
mini divini: il potere di uscire coscientemente, nello spiri-
to ed in verit, per viaggiare
nelle regioni del nirvana.

Tutti coloro che abbiano innalzato il serpente sul basto-


ne devono essere assolutamente casti nei pensieri, paro-
le e opere. Devono praticare ogni giorno la meditazione
interiore. Sempre puliti, sempre ordinati, sempre puri;
cos si polarizza il fuoco nella Chiesa di Laodicea. Allora,
godiamo dellestasi.

I due testimoni hanno il potere di risvegliare il kundalini.

Questi sono i due olivi e le due lampade che stanno da-


vanti al Signore della terra. Se qualcuno pensasse di far
loro del male, uscir dalla loro bocca un fuoco che divo-
rer i loro nemici. Cos deve perire chiunque pensi di far
loro del male. Essi hanno il potere di chiudere il cielo,
perch non cada pioggia nei giorni del loro mistero pro-
fetico. Essi hanno anche il potere di cambiar lacqua in
sangue e di colpire la terra con ogni sorta di flagelli tutte
le volte che lo vorranno (Ap. 11, 36)

16
Sam ael Aun W eor

Coloro che stanno lavorando col kundalini devono avere


una fede irremovibile nella Divina Madre. Lei colei che
conduce per mano il suo devoto; lei colei che conduce
suo figlio di chakra in chakra; lei colei che assiste lo
studente gnostico e gli insegna, corrobora e prepara af-
finch si realizzi. Tutti i devoti devono pregare la propria
Madre Divina che gli conceda il fuoco sacro, ed in segui-
to allavvento del fuoco, tutti devono meditare quotidia-
namente sulla Divina Madre. Lei gli insegner,
lei lo porter per mano, lei guider i suoi passi per il dif-
ficile sentiero del filo del rasoio. Questo sentiero pieno
di pericoli da dentro e da fuori.

Lo Swami8 Sivananda d una orazione che serve per


meditare sulla Divina Madre; questa orazione la se-
guente:

Madre Divina, io sono tuo. Tu sei il mio unico rifugio


e sostegno. Proteggimi, guidami, abbi piet di me.

Sappiate, fratelli, che la Divina Madre sempre risponde.


Senza la sua grazia sarebbe impossibile innalzare il kun-
dalini di chakra in chakra, fino alla Chiesa di Laodicea.

17
I l libro giallo

Capitolo IV
CANTO MANTRICO PER RISVEGLIARE IL KUNDA-
LINI

I mantra sacri hanno il potere di risvegliare il kundalini.


Langelo Aroch, angelo di comando, ci insegn il canto
mantrico pi poderoso per risvegliare il kundalini;
langelo cant un canto talmente commovente un can-
to talmente dolce che ci sentimmo pieni di estasi. In
seguito langelo ci invit a seguire il suo esempio, e noi
cantammo. Questo canto mantrico si scrive cos: KANDIL
BANDIL RRRRRRRR Questo canto mantrico si canta
cos: KAN con voce molto alta; DIL con voce bassa; BAN
con voce molto alta; DIL con voce bassa; la lettera R
deve vocalizzarsi come se si imitasse il rumore di un mo-
tore, ma con voce somigliante a quella di bambino.
cos, fratelli, cos che si canta il canto del kundalini.

Tutti coloro che stanno lavorando col kundalini non de-


vono scordarsi la lettera S.

Sappiate, amati, che la lettera S ha il potere di trasmu-


tare il liquore seminale in distinti valori energetici.

Il liquore seminale deve trasmutarsi in sette tipi di ener-


gia scaglionata, i sette gradi del potere del fuoco. La S

18
Sam ael Aun W eor

deve farsi risuonare come un sibilo molto fine e grade-


vole; si stringono i denti di sopra con quelli di sotto per
dare questo sibilo finissimo e molto delicato. Questa la
sottile voce che lo yogi deve apprendere ad intonare e
maneggiare.
Lo yogi deve tenere il vaso di Ermes ermeticamente
chiuso. Lo yogi che soffre di polluzioni notturne, che for-
nica ogni giorno, o comunque continuamente, assomiglia
ad un uomo che vuole riempire un orcio o un
barile senza fondo.

Lo yogi deve trasmutare il liquore seminale in sette tipi


di energia; la lettera S possiede il potere di trasmutare il
liquore seminale in sette tipi di energia scaglionata.

La kriya9 di Babaji, il Cristo yogi dellIndia, insegna il po-


tere della lettera S (il sibilo dolce e gradevole). Dietro al
sibilo molto fine che lo yogi riesce a produrre con la pro-
pria bocca, c un sibilo ancora pi fine, la sottile voce
che quando risuona nel cervello conferisce allo yogi il
potere di uscire istantaneamente in corpo astrale.

Tutti quei devoti che stanno lavorando col kundalini non


devono smettere mai di praticare con la lettera S. La S
intonata cos: SSSSSSSS, come un sibilo molto fine,
trasmuta il liquore seminale nel sacro fuoco del kundali-
ni.

Il canto mantrico dellangelo Aroch ed il sibilo dolce e


gradevole sono urgenti per risvegliare il kundalini.

19
I l libro giallo

Capitolo V
I FIGLI DELLA SAGGEZZA

Ogni vero matrimonio gnostico pu e deve procreare fi-


gli della saggezza. Sappiate, amati discepoli, che i figli
della saggezza non sono figli della fornicazione.

Quando un matrimonio gnostico desidera offrire un cor-


po a qualche grande maestro della Loggia Bianca, inevi-
tabilmente deve scendere fino alla nona sfera con
larcano nove dei tarocchi. Questarcano il sesso.

La madre di un figlio della luce si prepara per nove mesi


prima di creare col potere KriyaShakti.

Durante questo periodo deve pregare molto la Divina


Madre, supplicandole con tutto il cuore e con tutta
lanima che le dia la felicit di concepire nel suo ventre
un grande maestro, al fine di aiutare lumanit. Sono
nove mesi di preparazione, nove mesi di castit, santit
e meditazione prima di compiere latto segreto col mari-
to.

Neppure il futuro padre del bambino deve essere forni-


catore. Egli deve astenersi per nove mesi. Lui e lei de-

20
Sam ael Aun W eor

vono solamente pregare molto la Divina Madre, implo-


randole la grazia di avere per figlio un grande maestro.

Gli sposi devono essere casti in pensieri, parole e opere.

La copula sacra si effettua in primavera, durante il mese


dei fiori: maggio. Nel mese di maggio discende il Buddha
per benedire lumanit.

Si deve effettuare latto di venerd durante laurora. A


questa ora vibra intensamente la stella del mattino.

La coppia deve ritirasi dallatto senza aver eiaculato il li-


quore seminale.

Le gerarchie lunari sanno utilizzare un gamete maschio e


un ovulo materno per fare feconda la matrice.

La madre deve coricarsi ogni mese in posizione differen-


te: un mese sulla destra e laltro sulla sinistra. In questo
modo il corpo della creatura che sta nel ventre ricever
ogni beneficio cosmico.

Nella Lemuria si effettuava tutto questo lavoro dentro i


grandi templi dei misteri. Al tempo non esisteva il dolore
nel parto.

Cos come vengono al mondo i figli della saggezza.

Questo il sistema creatore del KriyaShakti.

Con questo sistema antichissimo, tanto che si perde nel-


la notte dei secoli, ogni matrimonio yogi pu offrire vei-
colo fisico a qualcuno dei grandi maestri della venerabile
Loggia Bianca.

Questa chiave meravigliosa dimostra in forma evidente


che non necessario eiaculare sette milioni di sperma-
tozoi per creare un nuovo essere umano. Dio disse:

21
I l libro giallo

Crescete e moltiplicatevi. Dio non disse crescete e for-


nicate. Leiaculazione seminale un delitto.

Leiaculazione seminale brutale fornicazione. Lantico


paradisiaco sistema di riproduzione si realizza senza
leiaculazione seminale nelluomo e senza lorgasmo
femminile.

I tenebrosi luciferi dellantica terra Luna insegnarono


alluomo leiaculazione seminale, di conseguenza perse i
suoi poteri. Questo rappresentato dalluscita dallEden.

Noi non insegniamo cose contro natura. Il normale e na-


turale non spargere il seme. Non stiamo insegnando
raffinatezze sessuali, stiamo insegnando ci che vera-
mente naturale, normale. La gente si scandalizza per-
ch la Pietra Filosofale pietra di inciampo e roccia di
scandalo per i malvagi . La pietra di inciampo il sesso.

I malvagi odiano la magia sessuale. Ai malvagi ripugna


tutto ci che impedisce loro la piena soddisfazione delle
proprie passioni carnali. I malvagi provano ripugnanza
per la castit. Questa la legge di questa povera gente.

Vivono per godere del piacere carnale e odiano la casti-


t.

22
Sam ael Aun W eor

Capitolo VI
URDHVARATA

La magia sessuale (Arcano A.Z.F.) conosciuto in India


col termine sanscrito urdhvarata. Tutti coloro che prati-
cano con lArcano A.Z.F. sono chiamati, in India, urdhva-
rata yogi.

Il grande arcano si incontra nel libro indostano intitolato


Secret of Yoga. Il suo autore uno yogi del sud
dellIndia.

Causa orrore sapere che i tenebrosi Bonzi del clan dei


Dag Dupas, dediti al tantrismo orribile e fatale, eiacula-
no il liquore seminale durante le loro pratiche di magia
nera.

I Bonzi possiedono una tecnica fatale per riassorbire il


seme sparso; questa tecnica il vajroli disgraziatamente
mal impiegato. Non vogliamo approfondire nulla riguar-
do il vajroli applicato nel suo aspetto o fase puramente
negativa, perch sappiamo che esistono molte persone
di mentalit debole che potrebbero facilmente cadere
nellorribile tantrismo dei Bonzi. In quel caso il karma ri-
cadrebbe fatalmente su di noi.

23
I l libro giallo

Il seme sparso e poi assorbito nel verya femminile, or-


ribilmente carico di atomi del nemico segreto, atomi sa-
tanici raccolti dai propri inferni atomici dellessere uma-
no. Linevitabile risultato di questo tantrismo la
discesa del serpente verso il basso, verso gli abissi ato-
mici della natura.

cos che lumana personalit finisce col separarsi defi-


nitivamente con lo Spirito divino. Quindi lessere umano
si converte in demone.

In altri tempi si praticava, negli ashram13 dellIndostan,


lArcano A.Z.F..

Gli yogi si preparavano col vajroli per la magia sessuale.

Disgraziatamente i fratelli e le sorelle cominciarono a da-


re scandalo e cos i guru chiusero la tenda
dellesoterismo e proibirono lA.Z.F. Senza dubbio, in se-
greto, gli yogi e le yogini iniziati praticavano lA.Z.F.,
bench apparentemente fosse proibito.

La realt che questa proibizione fece pi danno che


beneficio in quanto il sistema brahmacharya risulta esse-
re un fallimento, poich nessuno capace di custodire
brahmacharya (astensione assoluta)14.

Alcuni, che apparentemente la custodiscono, soffrono di


polluzioni notturne. In questo modo perdono il seme che
accumulano e si convertono in vittime dellabisso.

LA.Z.F. un sistema per creare figli forti, sani e gran-


diosi. Con lA.Z.F. si seleziona lo spermatozoo che deve
fecondare la matrice.

Lo spermatozoo che riesce a scappare durante la pratica


con lA.Z.F. , di fatto, spermatozoo selezionato e pode-
roso che deve dare origine ad un superuomo. Cos pos-
siamo formare una razza di dei.

24
Sam ael Aun W eor

Con lA.Z.F. si riesce nello sviluppo completo di tutti i


fuochi dorsali. Con lArcano A.Z.F. si consegue la totale
realizzazione fino in fondo.

Dopo che la grande yogini H.P.B. rimase vedova del con-


te Blavatsky, dovette risposarsi per praticare lArcano
A.Z.F. Solo cos riusc a sviluppare completamente i qua-
rantanove fuochi.

Lo yogiavatara Lahiri Mahasalla fu chiamato da Babaji


per liniziazione quando era gi sposato; cos si realizz
lo yogiavatara.

I guru degli ashram devono pagare karma per non aver


parlato chiaro quando era necessario farlo. Non si otten-
ne nulla col velare il Santuario; sarebbe stato meglio a-
ver avuto il coraggio di parlar chiaro.

Nellunione del fallo con lutero si trova la chiave


dellArcano A.Z.F..

Limportante ritirarsi dallatto sessuale senza spargere


il seme. Mai nella vita si deve versare il vaso di Ermes.
Cos ci convertiamo in Deit
terribilmente divine.

La nostra divisa thelema (volont). Con lurdhvarata si


risveglia e sviluppa totalmente il kundalini.

25
I l libro giallo

Capitolo VII
LA MADRE COSMICA

Dio non ha alcuna figura. Dio coessenziale con lo spa-


zio astratto assoluta. Dio Lui Lui Lui Dio possiede
due aspetti: saggezza e amore. Dio come saggezza
Padre; Dio come amore Madre.

Cristo il Figlio di Dio. Cristo non un individuo, Cristo


un esercito.

Cristo lesercito della voce, il Verbo.

Prima che spuntasse laurora del nuovo giorno cosmico,


il Padre, la Madre ed il Figlio erano uno: Lui Lui Lui

Dio come Padre risiede nellOcchio della Saggezza.

Questocchio situato tra le due sopracciglia.

Dio come Madre risiede nel tempiocuore.

Saggezza e amore sono le due colonne portanti della


grande Loggia Bianca.

26
Sam ael Aun W eor

Dentro ogni essere umano esiste un soldato dellesercito


della voce.

Questo il Cristo interiore di ogni uomo che viene al


mondo.

Luomo settuple soltanto lombra peccatrice di questo


soldato dellesercito della voce.

Abbiamo bisogno di incarnare lUomo Sole, il Cristo inte-


riore. La Madre Divina ci aiuta. Chiedete e vi sar dato,
bussate e vi sar aperto.

Dio come amore Iside, a cui nessun mortale ha solle-


vato il velo. Chi colui che si azzarder a sollevare que-
sto velo terribilmente divino?

Poveri loro i profani e i profanatori che si azzarderanno


anche solo a toccare questo velo !

Quando il devoto compie le sue preghiere alla Madre Di-


vina, deve avere sonno e rimanere sommerso in profon-
da meditazione interiore. Il vero devoto non si alza dal
suo letto, non mangia e non beve finch non ha ricevuto
la sua risposta dalla Divina Madre.

La Madre divina non ha forma, per suole prendere al-


cune forme per rispondere al supplicante. Pu presen-
tarsi come Iside, Rea, Cibele, Tonantzin, Maria, ecc.,
ecc., ecc.. Quando la Divina Madre ha dato la sua rispo-
sta al devoto, disintegra la sua forma istantaneamente
in quanto non ne ha bisogno.

La Divina Madre il secondo aspetto di Lui, e si chiama


Amore. Lamore una sostanza che coessenziale con
lo spazio astratto molto profondo.

La Divina Madre non una donna, tantomeno alcun in-


dividuo. unicamente una sostanza incognita.

27
I l libro giallo

Qualunque forma che Egli prenda, si disintegra un istan-


te dopo. Egli Amore.

Dio Madre Amore. Dio Madre ci adora, ci ama terribil-


mente. La Divina Madre del mondo sale per il canale mi-
dollare convertita in serpente di fuoco quando lavoriamo
con lArcano A.Z.F..

La Divina Madre del mondo Devi Kundalini. La Divina


Madre porta suo figlio tra le sue braccia amorose.

Il Cristo interiore di ogni uomo quel figlio. La Madre


Lui Lui Lui Iside Amore Mistero

Il devoto che desidera poteri, deve chiederli alla Divina


Madre. Il vero devoto si umilia davanti a Dio Madre.

Se il devoto sinceramente risoluto nel correggere i suoi


errori e a calpestare il sentiero della santit, pu chiede-
re alla Divina Madre il perdono del suo karma passato, e
la Divina Madre lo perdona. Per, se il devoto non si cor-
regge n segue il sentiero della santit, allora diventa
inutile chiedere il perdono alla Madre Divina, in quanto
lei non lo perdoner.

La Madre Divina perdona i suoi figli sinceramente pentiti.


Lei sa perdonare i suoi figli perch sono suoi figli.

Tutto il karma delle cattive azioni delle passate reincar-


nazioni possono essere perdonate dalla Madre Divina.
Quando il pentimento assoluto il castigo superfluo.

28
Sam ael Aun W eor

Capitolo VIII
PRANAYAMA CRISTICO EGIZIO

Prana il grande soffio. Prana il Cristo cosmico.

Prana la vita che palpita in ogni atomo come palpita in


ogni sole.

Il fuoco arde grazie a prana; lacqua fluisce grazie a


prana; il vento soffia grazie a prana; il sole esiste grazie
a prana; la vita che abbiamo prana. Nulla potrebbe e-
sistere nelluniverso senza prana. Non potrebbe nascere
linsetto pi insignificante n sbocciare il pi piccolo fio-
rellino senza il prana.

Prana esiste nellalimento che mangiamo, nellaria che


respiriamo, nellacqua che beviamo, ovunque.

Quando lenergia seminale sublimata e trasformata


completamente, rifornisce il sistema nervoso di ricchis-
simo prana, il quale rimane depositato nel cervello come
vino di luce, come meravigliosa energia cristica.

Esiste una stretta connessione tra la mente, il prana ed


il seme.

29
I l libro giallo

Controllando lenergia seminale con la forza di volont si


consegue tutto, in quanto la mente ed il prana restano
sotto il nostro controllo.

Coloro che spargono il seme non potranno mai controlla-


re la mente e il prana nella loro vita. Questi sono dei fal-
liti.

Chi consegue il controllo del sesso, altrettanto consegui-


r il controllo della sua mente ed il controllo del prana.
Questo tipo di uomini raggiungeranno la liberazione.
Questo tipo di uomini otterranno lelisir di lunga vita.

Tutti gli immortali che vivono con il Cristo yogi dellIndia


(il divino Babaji), conservano i loro corpi fisici per miliar-
di di anni senza che la morte possa ostacolarli.

Questi fratelli, dopo aver ottenuto la suprema castit


conseguirono il controllo del prana e della mente.

Prana energia universale, vita, luce, allegria.


Il principale obiettivo della pratica del pranayama ot-
tenere lunione degli atomi solari e lunari del sistema
seminale per risvegliare il kundalini.

Pratica esoterica

PRIMO. Il devoto si sieda su una sedia con il viso rivolto


verso oriente.

SECONDO. Faccia molte preghiere, supplicando alla Di-


vina Madre che gli risvegli il kundalini.

TERZO. Il petto, il collo e la testa devono restare in linea


verticale. Non si deve piegare il corpo di lato, n in a-
vanti n altrove. I palmi delle mani devono adagiarsi so-
pra le gambe in maniera molto naturale.

30
Sam ael Aun W eor

QUARTO. La mente del devoto deve rimanere diretta


verso linterno, verso la Divina Madre, amandola e ado-
randola.

QUINTO. Chiuda gli occhi affinch le cose del mondo


non lo distraggano.

SESTO. Tappi la fossa nasale destra con il dito pollice


vocalizzando mentalmente il mantra TON mentre si re-
spira o inala molto lentamente laria per la narice sini-
stra.

SETTIMO. Ora chiuda la fossa nasale sinistra col dito in-


dice. Trattenga il fiato. Invii il prana alla Chiesa di Efeso
situata nel coccige per risvegliare il kundalini e pronunci
mentalmente il mantra SA.

OTTAVO. Ora espiri lentamente dalla fossa nasale destra


vocalizzando mentalmente il mantra HAM.

NONO. Ora chiuda la fossa nasale sinistra col dito indice.

DECIMO. Inali la vita, il prana, per la fossa nasale destra


vocalizzando mentalmente il mantra TON. Ora trattenga
il fiato vocalizzando il mantra RA. Chiuda le due fosse
nasali con le dita indice e pollice. Invii il prana al centro
magnetico del coccige per risvegliare il kundalini.

UNDICI. Espiri molto lentamente dalla fossa nasale sini-


stra vocalizzando mentalmente la sillaba mantrica HAM.

DODICI. Questo costituisce un pranayama completo.

TREDICI. Si devono realizzare sei pranayama di seguito,


allalba e al tramonto.

QUATTORDICI. Il devoto si alzer dalla sua sedia e si


inginocchier per terra.

31
I l libro giallo

QUINDICI. Ora collocher i palmi delle mani al suolo fa-


cendo toccare tra loro i due pollici.

SEDICI. Inclinandosi in avanti, prostrato a terra, pieno di


suprema venerazione, con la testa rivolta verso oriente,
appogger la sua fronte sul dorso delle mani allo stile
egizio.

DICIASSETTE. Ora il devoto vocalizzer con la sua larin-


ge creatrice il poderoso mantra RA degli egizi. Questo
mantra si vocalizza allungando il suono delle due lettere
che compongono il mantra RA cos: RRRRRRRRRRRRR
AAAAAAAAAAAA Si vocalizzi sette volte consecutive.

Questi sono i diciassette punti del pranayama egizio. Il


mantra RA ha il potere di far vibrare il kundalini ed i
chakra per risvegliarli.

I mantra del pranayama sono TON SA HAM TON RA


HAM.

Con il pranayama si risveglia il kundalini. Con il prana-


yama si dissipano le oscure regioni delle tenebre e
linerzia. Con il pranayama dissipiamo la pigrizia e
linettitudine.

Il prana si relaziona con la mente. La mente il veicolo


della volont. La volont deve obbedire alla grande Ani-
ma del mondo.
Tutti i veicoli interni devono essere controllati col prana-
yama. Prana la vita.

La fossa nasale destra solare. La fossa nasale sinistra


lunare. I due testimoni si relazionano con le fosse na-
sali. Le vescicole seminali restano unite ai due testimoni
mediante un paio di cordoni nervosi. In ultima sintesi,
possiamo assicurare che i due testimoni dellapocalisse
nascono nelle vescicole seminali. Le due vescicole semi-
nali sono i due oceani della vita. Si racconta che Mos
incontr il suo maestro nella confluenza dei due oceani.

32
Sam ael Aun W eor

In questo capitolo abbiamo insegnato un pranayama e-


gizio per i devoti del mondo occidentale.

Quelli che vogliono risvegliare il kundalini devono perse-


verare quotidianamente e per tutta la loro vita nel pra-
nayama.

La camera destinata alla pratica del pranayama non de-


ve essere umida n tantomeno mal ventilata o sudicia.

Deve essere una camera limpida, pura e pulita. Il prana-


yama si pu pure praticare in un campo, in montagna, in
riva al mare, ecc., ecc.

Col pranayama trasmutiamo lenergia sessuale in ener-


gia cristica. Col pranayama risvegliamo il kundalini e a-
priamo totalmente i chakra.

Il pranayama un sistema di trasmutazione sessuale


per celibi.

33
I l libro giallo

Capitolo IX
TRASMUTAZIONE SESSUALE PER CELIBI

Yoga significa unione con Dio. Nessuno pu arrivare


allunione col Benamato senza aver prima risvegliato il
kundalini.

Nessun essere vivente pu risvegliare il kundalini positi-


vamente senza aver raggiunto la suprema castit. in-
dispensabile lavarsi i piedi con le acque della rinuncia.

Sforzatevi di entrare per langusta pota, perch molti, vi


dico, cercheranno di entrarvi, ma non ci riusciranno
(Lc 13, 24).

urgente sapere che l angusta porta, stretta e difficile


il sesso. Noi usciamo dallEden dalla porta del sesso;
solo attraverso questa porta possiamo entrare nellEden.

LEden il sesso stesso. Nessuno pu entrare nellEden


per false porte. Dobbiamo rientrare da dove siamo usci-
ti.

Questa la legge.

34
Sam ael Aun W eor

Gli studenti di occultismo che per qualche motivo non


possono lavorare con lArcano A.Z.F. devono conoscere
a fondo la scienza della trasmutazione sessuale. Esiste
unaltra chiave segreta, con lausilio della quale i celibi
devoti potranno aprire larca della scienza.

Pratica di trasmutazione sessuale per celibi

Prima posizione: i devoti del sentiero, collocatisi al suolo,


dovranno imitare la posizione del rospo.

Seconda posizione: i devoti, sdraiatisi sul loro letto (o


anche sul suolo), in decubito dorsale (bocca verso lalto),
con il tronco inclinato verso lalto e la testa il pi bassa
possibile, devono in seguito gonfiarsi o ingrossarsi come
il rospo quando furioso.

Attitudine mentale della prima posizione

Volont ed immaginazione unite in vibrante armonia.


Lo studente gnostico si identifichi con il rospo. Si imma-
gini di essere su un ruscello di acque pure di vita.

Unisca la sua volont ed immaginazione per far salire le


sue energie sessuali dagli organi sessuali fino al sacro
calice del cervello. Lo studente gnostico deve far salire le
sue energie seminali per i due cordoni simpatici che si
intrecciano lungo il midollo spinale formando il famoso
caduceo di Mercurio.

Attitudine mentale della seconda posizione

Volont ed immaginazione unite in vibrante armonia.

Lo studente si gonfi come fa il rospo. Questo possibile


solo con la respirazione. Nellinalare laria vitale immagi-
nate lenergia seminale che ascende per i vostri canali
simpatici che si intrecciano graziosamente lungo il midol-
lo spinale. Questa meravigliosa energia seminale arrivi
fino al cervello. Poi, la si conduca fino al cuore.

35
I l libro giallo

Quindi si esali laria vitale fissando lenergia nel tempio-


cuore.

La nostra divisa thelema (volont).

Mantra di questa pratica

Si imiti il canto del rospo. Questo misterioso gracidio del


rospo il mantra.

Origine di questa pratica

La Divina Madre cosmica diede a tutti noi fratelli questa


meravigliosa chiave dellarca della scienza. La Madre Di-
vina veglia su tutti i suoi figli.

Il rospo sopra limmacolato fiore di loto sulle acque pure


della vita un
arcaico simbolo sessuale dellantico Egitto dei faraoni.

36
Sam ael Aun W eor

Capitolo X
ORDINE E DISCIPLINA ESOTERICA

Lo gnostico deve essere moderato, non vociferato dalla


gente, n ghiottone e n pigro.

Lo gnostico deve raccogliersi ogni giorno, alle dieci di se-


ra, nella sua camera per praticare la meditazione interio-
re. Lo gnostico deve alzarsi allalba per praticare tutti i
suoi esercizi esoterici.

Lo gnostico deve essere pulito, in ordine, decente, nobi-


le, onorevole, sempre cortese, sempre allegro, mai ar-
rabbiato con qualcuno o contro qualcosa.

Il devoto deve farsi il bagno ogni giorno e vestire molto


bene. Lo gnostico trasandato, quello che non si lava
mai, quello che vive sempre nel pi grande disordine re-
ca danno allumanit perch con la sua propaganda al
cattivo gusto allontana molte persone da questi studi. La
gente allora direbbe: Cos sono gli gnostici? Io non vo-
glio degenerarmi!

Non entrer in questi studi!, ecc.

37
I l libro giallo

Lo gnostico non deve essere fanatico. Dobbiamo studia-


re tutto, rifiutare linutile ed accettare lutile. La gnosi
non contro alcuna religione, scuola, ordine o setta.
Abbiamo lottato per la purificazione morale di molte
scuole, religioni e sette. Non siamo contro alcuna reli-
gione, scuola o setta. Sappiamo che lumanit si divide
in gruppi e che ogni gruppo umano necessita del suo si-
stema di istruzione particolare.

Realmente, tutte le religioni, scuole e sette sono perle


preziosissime infilate nel filo doro della Divinit.

Noi dobbiamo costruire Chiese affinch in esse si possa-


no officiare tutte le religioni senza distinzioni di nome o
credo. Realmente le religioni sono ineffabili e divine. Si
ha bisogno di tutte le scuole, religioni e sette.

Le gelosie religiose sono le stesse gelosie passionali ele-


vate a gelosie religiose. vergognoso avere gelosie reli-
giose. Questa una passione molto infima. Il Movimento
Gnostico sta dando un insegnamento per
gente di tutte le scuole, religioni e sette.

Una delle infermit pi gravi dellanima la nevrosi. A


causa di questa epoca la gente diventata nevrastenica.

Sappiate che la nevrastenia satanica. Coltivate sempre


la dolcezza, la pazienza e lamore. Educate i vostri figli
con saggezza e amore.

Coltivate nelle vostre case lallegria, la dolcezza e


lamore. Sappiate che la nevrastenia danneggia i fiori di
loto dellanima. Insegnate ai vostri figli con lesempio.
Siate sempre allegri e felici. I focolai gnostici devono es-
sere sempre santuari di amore e felicit. Le grida nevra-
steniche, il bastone e la frusta allontanano la felicit; al-
lora, la bianca colomba dellamore esce dal cuore per
sempre. Questa la disgrazia di molti focolai. Vivete con
saggezza ed amore.

38
Sam ael Aun W eor

Capitolo XI
LA MEDITAZIONE

In una certa occasione scucimmo dalle labbra di uno


swami indostano una esotica affermazione. Quel mae-
stro espresse, davanti al suo auditorio, la necessit
dellhatayoga come mezzo indispensabile per raggiunge-
re le vette del samadhi. Lo yogi disse che molte persone
non avevano raggiunto niente con la meditazione inte-
riore malgrado i loro lunghi sforzi ed allenamento quoti-
diani. Lo swami giudicava questo tipo
di fallimenti come dovuti esclusivamente allesclusione
dellhatayoga.

Noi, francamente, dissentiamo da questa affermazione


del venerabile swami. Coloro che dopo pi di dieci o
venti anni non hanno raggiunto lilluminazione con la
pratica della meditazione interiore, devono cercare la
causa nella mancanza di sonno.

urgente combinare la meditazione con il sonno.

39
I l libro giallo

Capitolo XII
PRIME ESPERIENZE CHIAROVEGGENTI E CHIA-
ROUDIENTI

Se lo yogi persevera nella meditazione interiore, se co-


stante, tenace, infinitamente paziente, dopo un certo
periodo appaiono le prime percezioni chiaroveggenti.

In principio solo punti luminosi, in seguito appaiono vol-


ti, scenari naturali, oggetti come in sogno, in
quellistante di transizione che esiste tra la veglia ed il
sogno. Le prime percezioni chiaroveggenti accrescono
lentusiasmo del discepolo. Queste percezioni gli dimo-
strano che i suoi poteri interiori stanno entrando in atti-
vit.

urgente che lo studente non si stanchi. necessaria


molta pazienza. Lo sviluppo dei poteri interiori alquan-
to difficile. Realmente, sono molti gli studenti che co-
minciano, per sono molto pochi quelli che hanno la pa-
zienza del santo Giacobbe. Gli impazienti non arrivano a
percorrere un solo passo nel sentiero della realizzazione.
Questo tipo di pratiche esoteriche sono per gente molto
tenace e paziente.

40
Sam ael Aun W eor

NellIndia sacra dei Veda, gli yogi praticano la medita-


zione interiore quattro volte al giorno. Nel nostro mondo
occidentale, a causa delle preoccupazioni per il quotidia-
no vivere e al duro battagliare per lesistenza, si pu
praticare la meditazione una sola volta al giorno.

Questo sufficiente, limportante praticare quotidia-


namente senza saltare un solo giorno. La ripetizione in-
cessante, continua e tenace alla fine fa girare i chakra e
dopo un po di tempo cominciano le prime percezioni
chiaroveggenti e chiaroudienti.

Le macchie di luce, gli scenari di luce, le figure viventi, i


suoni di campane, le voci di persone o di animali, ecc.,
indicano con esattezza che lo studente sta progredendo.

Queste percezioni appaiono in quegli istanti in cui, som-


mersi in profonda meditazione, stiamo per addormentar-
ci.

Con la pratica della meditazione interiore cominciano ad


apparire moltissimi tipi di luce. In principio il devoto per-
cepisce luce bianca e molto brillante. Questa luce corri-
sponde allOcchio della Saggezza il quale si trova situato
nellintraciglio. Le luci bianche, gialle, rosse, azzurre,
verdi, cos come i lampi, il sole, la luna, le stelle,
le scintille, le fiamme, ecc., sono particelle formate da
elementi soprasensibili (particelle tanmatriche19).

Quando appaiono piccole bollicine luminose, risplendenti


con colori bianchi e rossi, segnale assolutamente sicu-
ro che stiamo progredendo nella pratica della concentra-
zione del pensiero. Arriver il momento in cui il devoto
riuscir a vedere gli angeli o gli arcangeli, troni, podest,
virt, ecc. Lo studente suole vedere pure, in sogno, du-
rante la meditazione, templi grandiosi, fiumi, valli, mon-
tagne, bei giardini incantati, ecc.

41
I l libro giallo

Alcune persone hanno queste visioni dopo pochi giorni di


pratica. Altre persone cominciano ad avere le prime vi-
sioni dopo sei mesi di esercizio giornaliero.

Nel primo periodo di allenamento giornaliero ci relazio-


niamo solamente con gli esseri del piano astrale.

Nel secondo periodo di esercizio esoterico ci relazionia-


mo con gli esseri del piano mentale. Nel terzo periodo ci
relazioniamo con gli esseri del mondo puramente spiri-
tuale. A quel punto cominciamo realmente a convertirci
in investigatori dei mondi superiori.

Il devoto che ha cominciato ad avere le prime percezioni


dei mondi superiori, allinizio devono essere sigillati co-
me un giardino con sette sigilli. Coloro che andranno de-
cantando agli atri tutto quello che vedono o che sento-
no, falliranno in questi studi perch gli si chiuderanno le
porte dei mondi superiori.

Uno dei pericoli pi gravi che assaltano il devoto la va-


nit e lorgoglio.

Molti studenti si riempiono di orgoglio e vanit quando


cominciano a percepire la realt dei mondi soprasensibi-
li, allora si autoqualificano come maestri e senza aver
raggiunto a pieno lo sviluppo dei suoi poteri interiori,
cominciando a giudicare gli altri erroneamente, basan-
dosi sulle sue incomplete percezioni chiaroveggenti.

Il risultato di questo procedere equivoco che il devoto


si crea molto karma in pi, poich si converte in calun-
niatore del prossimo e riempie il mondo, quindi, di la-
crime e dolore.
Lo studente che ha avuto le prime percezioni chiaroveg-
genti deve essere come un giardino sigillato con sette
sigilli, finch il suo maestro interiore non lo inizia ai
grandi misteri e gli ordina di parlare.

42
Sam ael Aun W eor

Un altro dei gravi errori che assaltano a tutti coloro che


si sottopongono alla disciplina esoterica disprezzare
limmaginazione. Noi abbiamo appreso che
limmaginazione il traslucido, lo specchio dellanima, la
divina chiaroveggenza. Per il devoto immaginare vede-
re. Quando il chakra frontale comincia a girare, le im-
magini che vengono al traslucido ritornano brillanti, ri-
splendenti, luminose.

Il devoto deve distinguere tra immaginazione e fantasia.

Limmaginazione positiva, la fantasia negativa, pre-


giudizievole, dannosa per la mente perch pu condurci
ad allucinazioni e alla pazzia.

Tutti coloro che vogliono risvegliare la chiaroveggenza


disprezzando limmaginazione, cadranno nello stesso as-
surdo di coloro che vogliono praticare la meditazione con
assoluta assenza di sonno. Questa gente fallir nello svi-
luppo dei propri poteri interiori. Questa gente viola le
leggi naturali e linevitabile risultato il fallimento.

Immaginazione, ispirazione, intuizione sono i tre cammi-


ni obbligatori delliniziazione. Per primo appaiono le im-
magini e per ultimo penetriamo nel mondo puramente
spirituale.

Tutti i chiaroveggenti necessitano liniziazione. La chia-


roveggenza senza liniziazione esoterica conduce lo stu-
dente al mondo del delitto. urgente ricevere
liniziazione cosmica.

Se un chiaroveggente penetra nel subcosciente della na-


tura, l potr leggere tutto il passato della terra e delle
sue razze. L incontrer anche i suoi esseri pi cari. Potr
vedere, ad esempio, la sua amata sposata con altri uo-
mini, o talvolta adultera. Se il chiaroveggente non ha
liniziazione confonder il passato col presente e calun-
nier la sua sposa dicendo: Lei mi stata infedele.

43
I l libro giallo

Lei adultera perch io sono chiaroveggente e la sto


vedendo nei mondi interni in pieno adulterio. Nel mon-
do subcosciente della natura esiste il ricordo delle nostre
passate incarnazioni.

Se un chiaroveggente penetra nellinfracosciente della


natura, l trover tutte le malefatte della specie umana.

Nellinfracosciente della natura vive il Satana di tutti gli


esseri umani. Se il chiaroveggente non ha ricevuto
liniziazione, l vedr il Satana dei santi, rivivendo inces-
santemente tutti i crimini e le malefatte che questi
commisero nelle antichissime incarnazioni, prima di es-
sere santi. Per il chiaroveggente inesperto non sapr
distinguere realmente tra passato e presente, tra il Sa-
tana e lEssere vero di un uomo. Il risultato sar la ca-
lunnia. Il chiaroveggente inesperto dir: Questuomo
che si crede santo un assassino, un ladro o un terribile
mago nero, perch io con la mia chiaroveggenza lo sto
vedendo cos. Questo , precisamente, quello che si
chiama calunnia. Molti chiaroveggenti sono degenerati
terribilmente in calunniatori. Uno dei gravi pericoli della
calunnia lomicidio.

Luomo geloso, diffidente, ecc., ecc., incontrer


nellinfracosciente della natura tutti i suoi dubbi e so-
spetti convertiti in realt. Allora calunnier la sua sposa,
i suoi amici, i suoi vicini, i maestri dicendo:

Adesso vedo, avevo ragione dei miei dubbi. Il mio ami-


co un ladro o un mago nero o un assassino; mia mo-
glie sta adulterando con tizio, come sospettavo; la mia
chiaroveggenza non fallisce, io non mi sbaglio, ecc.,
ecc.. Il poveruomo, a causa della sua mancanza di ini-
ziazione, non avr sufficiente capacit di analisi per ren-
dersi conto che penetrato nel subcosciente della natu-
ra, dove vivono le sue creazioni mentali.

44
Sam ael Aun W eor

Considerando tutti questi pericoli, bisogna che gli stu-


denti esoteristi non lancino giudizi sulle persone. Non si
giudichi per non essere giudicati.

Il devoto deve essere come un giardino sigillato con set-


te sigilli. Colui che gi ha le prime percezioni chiaroveg-
genti e chiaroudienti tuttavia un chiaroveggente ine-
sperto, e se non sa tacere si convertir in un calunniato-
re di persone. Solo i grandi iniziati chiaroveggenti non
equivocano. Rama, Krishna, Buddha, Ges Cristo, ecc.,
ecc., furono veri chiaroveggenti, infallibili, onniscienti.

45
I l libro giallo

Capitolo XIII
LA SOTTILE VOCE

Esiste un mistico suono che lo yogi deve imparare ad


ascoltare. Gli aztechi conoscevano questo mistico suono.

Ricordiamoci la roccia di Chapultepec. Un codice messi-


cano rappresenta sulla roccia un grillo. Nella Roma degli
antichi cesari, il grillo era venduto in gabbie doro a
prezzo elevatissimo. I maghi dellantica Roma
compravano questanimaletto per impiegarlo nella magia
pratica.

Se teniamo questanimaletto vicino alla testata del letto


e se meditiamo sul suo delizioso canto, ascolteremo la
sottile voce in queglistanti prima di addormentarci.

Questo fenomeno simile a quello che accade a due


pianoforti ugualmente accordati. Se tocchiamo, per e-
sempio, la nota SI di uno dei due pianoforti, nellaltro
pianoforte si ripete la stessa nota senza che mano uma-
na lo tocchi. Questo un fenomeno vibratorio molto in-
teressante che chiunque pu verificare. Esattamente la
stessa cosa succede con il misterioso canto del grillo. Nel
cervello esiste il mistico suono che risuona quando
lanimaletto canta. questione di affinit e vibrazione.

46
Sam ael Aun W eor

Lalimentazione di questanimaletto non un problema,


sappiamo che si alimenta di vegetali, si mangia anche i
tessuti nelle case di famiglia, e la gente lo teme perch
nessuno vuole perdere i propri tessuti.

Chiunque pu reperire questo animaletto in montagna.

Colui che sa ascoltare la sottile voce pu uscire istanta-


neamente in corpo astrale ogni volta che vuole. Se il de-
voto si concentra nel canto del grillo, se lo yogi medita
nel canto del grillo, se lo yogi si addormenta
ascoltando questo canto, subito risuoner nel suo cer-
vello lo stesso canto, il mistico suono, la sottile voce.

Allora le porte del mistero si apriranno. In quegli istanti,


lo gnostico si pu sollevare dal suo letto con tutta natu-
ralezza ed uscire da casa sua in corpo astrale.

Fuori dal corpo fisico sentiamo una volutt spirituale de-


liziosa. Non c maggior piacere che sentire lanima di-
staccata. Nei mondi superiori possiamo conversare con
gli Dei ineffabili. Nei mondi superiori possiamo studiare
ai piedi del Maestro. Cos, noi ci liberiamo dalle tante te-
orie.

Cos, beviamo dalla fonte viva della Conoscenza.

Ogni devoto deve apprendere ad ascoltare la sottile vo-


ce. Con il mistico suono, il devoto pu realizzare meravi-
glie e prodigi.

Se il devoto vuole ascoltare il mistico suono, la sua con-


centrazione deve essere perfetta. Allinizio lo studente
ascolter molti suoni, per se si concentra con intensit
sul canto del grillo, alla fine riuscir a sentirlo.

Allora avr la vittoria. Col mistico suono inevitabilmente


arriviamo allIlluminazione.

47
I l libro giallo

Il mistico suono, in ultima analisi, deriva dal cuore tran-


quillo. Lorigine remota del mistico suono dobbiamo tro-
varlo nella Madre Divina. Il devoto deve pregare molto,
implorando la Divina Madre che gli conceda la grazia di
ascoltare il mistico suono.

Con la grazia della Madre Divina ogni devoto pu ottene-


re la fortuna di ascoltare il mistico suono, il quale ci
permette listantanea uscita in corpo astrale.

Il devoto che vuole realizzare con esito questa pratica,


quando ha sufficiente sonno deve consegnarsi alla medi-
tazione interiore. Sappiate che ogni esercizio esoterico di
meditazione, con assenza del fattore sonno, dannoso,
inutile, sterile, danneggia la mente e rovina il cervello.

La meditazione interiore deve combinarsi intelligente-


mente col sonno.

Se lo studente gnostico sfortunatamente non ha in suo


potere il meraviglioso animaletto menzionato in questo
capitolo, allora deve far risuonare la lettera S, cos:
SSSSSSSSSSSS, come un sibilo molto fine e delicato
(labbra socchiuse e i denti di sopra che si toccano con
quelli di
sotto). Dietro questo finissimo suono si trova la sottile
voce che ci permette luscita istantanea in corpo astrale.

Per la meditazione interiore il devoto si deve trovare una


posizione ben comoda. Di seguito andremo a menziona-
re due posizione ben comode.

Posizione delluomo morto

Il devoto si sdrai in posizione di cadavere. Collochi le


due braccia lungo i fianchi, appoggiate sul letto od il
suolo (dove si sdraiato). Distenda bene le gambe, co-
me le tengono distese i cadaveri; in seguito unisca i tal-

48
Sam ael Aun W eor

loni tra di loro separando le punta dei piedi a destra e a


sinistra a forma di ventaglio.

Posizione a stella fiammeggiante

Il devoto si sdrai in posizione di stella fiammeggiante,


aprendo le gambe e le braccia a destra e a sinistra e con
il corpo ben rilassato. Cos abbiamo laspetto della stella
a cinque punte. Questa la posizione del Maestro. I
grandi Maestri utilizzano questa posizione per la medita-
zione
interiore. Davanti a questa figura i tenebrosi fuggono
pieni di terrore.

Quando il Maestro si solleva lascia l la sua copia fiam-


meggiante che fa fuggire i tenebrosi.

Il devoto non deve meditare con lo stomaco pieno.


necessario che i devoti abbandonino il peccato della go-
la. Si devono fare tre pasti al giorno.

Dieta esoterica

Colazione
Pane tostato con miele dapi e latte caldo. Pu aggiun-
gersi alla colazione della frutta.

Pranzo
Il pranzo deve essere a base di vegetali e frutta. Si pos-
sono anche mangiare tutti i tipi di cereali.

Cena
Latte caldo e pane con miele dapi. Questo tutto,
nullaltro.

La meditazione si deve realizzare alle dieci di sera.

Si deve meditare anche allalba.

49
I l libro giallo

Se lo studente pratica alle dieci della sera e allalba, pro-


gredir rapidamente.

50
Sam ael Aun W eor

Capitolo XIV
STATO DI JINA

Liperspazio pu essere dimostrato matematicamente


con lipergeometria. La scienza jina appartiene
alliperspazio e allipergeometria.

Se conosciamo il volume, dobbiamo accettare anche


lipervolume come base fondamentale del volume. Se
accettiamo la sfera geometrica dobbiamo accettare an-
che lipersfera.

Liperspazio permette agli gnostici di realizzare atti stra-


ordinari. Ges pot far uscire il suo corpo da dentro il
sepolcro grazie alliperspazio. Da allora, il Maestro resu-
scitato vive con il suo corpo dentro liperspazio.
Ogni iniziato che riceve lelisir di lunga vita, muore ma
non muore. Il terzo giorno sfugge al sepolcro utilizzando
liperspazio e il sepolcro resta vuoto.

La scomparsa o la comparsa di un corpo nello spazio


oggettivo tridimensionale, od il passaggio di una perso-
na attraverso un muro, si realizza con pieno esito quan-
do si utilizza scientificamente liperspazio.

51
I l libro giallo

Gli gnostici scientifici collocano il proprio corpo in stato


di jina e si muovono coscientemente nelliperspazio.

Quando il corpo dello yogi si mette nelliperspazio, di-


ciamo che si trova in stato di jina.

Lo yogi, in stato di jina, pu passare attraverso il fuoco


senza bruciarsi, pu camminare sopra le acque come lo
stesso Ges, pu fluttuare nellaria e pu attraversare
una roccia o un muro da lato a lato senza subire alcun
danno.

La scienza jina si fonda sulliperspazio ed un ramo


speciale della fisica atomica. Le persone ignoranti che
nella vita non hanno mai studiato lipergeometria, nega-
no lo stato di jina. Questo tipo di persone sono
degne di piet, poich sono ignoranti.

La vecchia geometria si fonda sullipotesi assurda che


per un punto in un piano si possa, con certezza, traccia-
re una sola parallela ad una retta (detto in parole pove-
re).
Il Movimento Gnostico rifiuta il punto di vista euclideo
delle tre dimensioni conosciute, in quanto totalmente
antiquato per lera atomica.

La detta parallela unica, ponendoci nel senso spaziale


assoluto, si moltiplica nelle distinte dimensioni
delliperspazio. Quindi non unica.

La parallela unica di Euclide un sofisma per abbindola-


re gente ignorante. La gnosi rifiuta questo tipo di sofi-
smi.

Il Movimento Gnostico non pu accettare il postulato in-


dimostrabile che dice: Per un qualunque punto ci venga
in mente, si pu tracciare una e una sola parallela reale,
nella realt visibile.

52
Sam ael Aun W eor

La parallela unica non esiste. Lo spazio tridimensionale


assoluto e dogmatico del geometra Euclide indimo-
strabile e falso. Lassurda affermazione che il mondo di
sperimentazione fisica lunico reale,
risulta essere unopinione molto diffusa tra gli illustri i-
gnoranti, i quali mai hanno investigato i campi elettro-
magnetici e la cosiddetta promateria, causa causorum
della materia fisica.

La quarta dimensione iperspaziale. Gli gnostici possie-


dono metodi speciali per mettere i propri corpi fisici
nelliperspazio.

Gli gnostici affermano che lo spazio infinito interplaneta-


rio curvo.

Affermiamo che linfinito vive in incessante movimento.


Affermiamo che esistono una serie infinita di spazi rota-
tori di distinte dimensioni, che si penetrano e compene-
trano mutuamente senza fondersi. Affermiamo che tutti
questi spazi dellinfinito stellato, hanno forma iperellis-
soidale.

Affermiamo che con la forza della mente, luomo pu


mettere il suo corpo fisico in qualsiasi spazio rotatorio
iperellissoidale.

Affermiamo categoricamente che lastrofisica rivoluziona-


ria dimostrer al mondo lesistenza delliperspazio. Af-
fermiamo che dentro una linea ne
esistono altre iperspaziali.

Affermiamo che il Salvatore del mondo attualmente vive


nelliperspazio con lo stesso corpo che aveva in Terra
Santa. Affermiamo che tutti gli iniziati che ricevono
lelisir di lunga vita, muoiono ma non muoiono.

Affermiamo che tutti coloro che ricevono lelisir di lunga


vita, sfuggono col proprio corpo il terzo giorno, approfit-
tando dellopportunit che ci offre liperspazio.

53
I l libro giallo

Questi conservano il proprio corpo fisico per milioni di


anni. Limmortale Babaji e sua sorella Mataji conservano
i loro corpi da milioni di anni, e compiranno una grande
missione con lumanit della futura sesta e settima
grande razza.

Affermiamo categoricamente che tutti coloro che lavora-


no con lArcano A.Z.F. possono chiedere lelisir di lunga
vita. Questi muoiono ma non muoiono.

Affermiamo che tutti gli esseri umani possono porre il


proprio corpo fisico in stato di jina, nellistante che desi-
derano, se veramente hanno fede nella Divina Madre.

Tutti i saggi dellarte elementale possono fare il gran sal-


to. I maestri della scienza jina possono andarsene dalla
Terra per vivere in altri pianeti con il corpo fisico che
hanno qui. Loro possono portarsi questo corpo fisico di
carne ed ossa su altri pianeti. Questo il gran salto.

Alcuni uomini della scienza jina hanno gi fatto questo


salto.

Con il pranayama si ottiene il potere che ci permette di


porre il corpo fisico in stato di jina. Esistono molte chiavi
per porre il corpo in stato di jina.

urgente praticare il pranayama prima di usare queste


chiavi. Risulta
interessante che i testimoni ida e pingala, in ultima sin-
tesi, hanno le loro radici nei testicoli destro e sinistro
delluomo, e nelle ovaie della donna. Per questo paio di
canali nervosi salgono gli atomi solari e lunari del siste-
ma seminale fino al calice (il cervello). Le fosse nasali e
gli organi sessuali si trovano connessi mediante i due te-
stimoni. Questo ci invita alla riflessione. Realmente il
pranayama , tra le altre cose, un sistema di trasmuta-
zione sessuale per celibi.

54
Sam ael Aun W eor

Ogni gnostico deve cominciare le due pratiche jina dopo


essersi preparato intensamente con il pranayama. I
grandi maestri dello yoga, fluttuano nellaria mentre
stanno praticando il pranayama. Pu fluttuare nellaria
solamente il corpo che si mette nelliperspazio.

Con la forza mentale, coscientemente maneggiata, pos-


siamo mettere il corpo fisico nelliperspazio. La scienza
jina questione di vibrazione. Al disopra e al disotto dei
limiti della percezione oggettiva esistono mondi collocati
in altre dimensioni. Con la forza del pensiero, mediante
certe chiavi della scienza jina che continuamente diamo,
possiamo accelerare la frequenza oscillatoria vibraziona-
le normale del corpo fisico. Allora, penetriamo con il
corpo fisico nelliperspazio. Quando gli scienziati rag-
giungono il controllo assoluto del movimento atomico,
possono porre qualsiasi corpo nelliperspazio. I devoti
della religione jina, prima di
praticare con il pranayama devono pregare la Divina
Madre supplicandole che dia loro il potere di porre il
corpo fisico in stato di jina. Si deve praticare moltissimo
pranayama per conquistare i poteri jina. Lo studente de-
ve selezionare con attenzione la chiave che pi gli piace
per praticare la scienza jina. urgente che lo studente
comprenda che la religione jina esige castit assoluta e
suprema santit.

Ricorda, benamato discepolo, che i poteri divini della


scienza jina sono molto sacri. Questi poteri si possono
usare solamente per sanare infermi a distanza, per cura-
re, per entrare nei templi della Loggia Bianca, per stu-
diare le meraviglie della creazione nel seno della natura.
Tutti coloro che intendono fare un uso egoista dei poteri
jina, si convertiranno in terribili demoni ed inevitabil-
mente rotoleranno nellabisso.

La legge legge. Il karma castiga gli abusivi. Il devoto


deve scegliere la chiave jina che pi gli piace e praticarla
ogni giorno, intensamente, fino ad ottenere la vittoria.

55
I l libro giallo

Questa scienza non per i deboli, n per la gente versa-


tile, volubile, incostante. Questa scienza per gente che
abbia tanta pazienza come il santo Giacobbe. Questa
scienza per gente tenace, instancabile, valorosa, solida
come lacciaio.

Questa scienza non per gente scettica, queste persone


non servono alla scienza jina.

Questa scienza non la si pu mai esibire, poich la Log-


gia Bianca lo proibisce. La scienza jina non questione
di prestidigitazione, illusionismo o questione di stile.
Questa scienza terribilmente divina e si pratica solo in
segreto. Quando lautore di questo libro volle fare dimo-
strazioni pubbliche della scienza jina, intervenne istanta-
neamente il Maestro Moria, dicendo: Da dieci anni ti
stiamo aiutando e ora vuoi esibire i tuoi poteri? I poteri
sono molto sacri. I poteri non si devono esibire in pub-
blico. Da allora abbiamo compreso che la scienza jina
segreta.

Molti vogliono dimostrazioni. Noi, i Fratelli del Tempio,


non siamo cavie da laboratorio. Reale ci che uno spe-
rimenta. Nessuno pu sperimentare sulla pelle altrui.

Noi diamo le chiavi affinch ognuno sperimenti sulla


propria pelle. Alla gente che piena di dubbi, agli scetti-
ci, consigliamo di non mettersi in questi studi perch po-
trebbero diventare matti. La lotta tra le tremende antite-
si pu turbare il cervello degli scettici e condurli al mani-
comio. La scienza jina e per gente che abbia una fede ir-
removibile come lacciaio.

Questa non per persone piene di dubbi.

Seguono le chiavi jina per gente piena di fede.

56
Sam ael Aun W eor

Prima chiave

Il devoto si sdrai sul lato sinistro. Appoggi la testa sul


palmo della mano sinistra. Il devoto si addormenti vigile
sul proprio sonno, si converta in un vigilante del proprio
sonno.

Quando il devoto comincia ad avere le visioni tipiche del


sogno, si sollevi molto lentamente dal proprio letto, con-
servando il sonno come un prezioso tesoro.

Prima di uscire dalla propria casa, il devoto deve fare un


saltino con lintenzione di rimanere fluttuante
nellambiente circostante. Se nel dare il saltino il devoto
fluttua nellambiente perch il suo corpo fisico entra-
to in stato di jina. Se il devoto non fluttua perch non
si trova in stato di jina. Quando il devoto si trova in stato
di jina pu uscire da casa sua in tutta sicurezza, senza
alcun timore. In stato di jina i devoti possono viaggiare
verso i luoghi pi remoti della Terra in pochi istanti.

Se il devoto fallisce nellesperimento, se non raggiunge


in un primo momento lo stato di jina, non si scoraggi, si
rimetta sul suo letto e ripeta lesperimento tante volte
quante sono le ore ed i minuti della notte. Alcuni rag-
giungono il successo immediatamente, questi sono i for-
tunati, coloro che praticarono la scienza jina in antiche
reincarnazioni. Altri, mai hanno praticato questa scienza
e devono cominciare ad ottenere questo potere, prati-
cando il pranayama ed esercitandosi per diversi anni fino
a conseguire i poteri jina.
In realt questa chiave risulta essere una modifica del
sonnambulismo, un sonnambulismo volontario, provoca-
to.

Durante il sonno entrano in funzione tremende energie


subcoscienti che il devoto deve sfruttare come leva per
mettere il suo corpo nelliperspazio.

57
I l libro giallo

Seconda chiave

Esiste una mandorla molto comune chiamata volgar-


mente occhio di cervo. Questa mandorla possiede me-
ravigliosi poteri jina. Il devoto deve addormentarsi te-
nendo in mano questa mandorla. Il devoto si collochi
nella stessa postura della chiave precedente, per con-
servando nella mano destra la meravigliosa mandorla.
urgente ricordare che questa mandorla possiede un ge-
nio elementale meraviglioso che pu aiutare il devoto a
porre il suo corpo in stato di jina.

Durante questa pratica il devoto deve addormentarsi


pronunciando il mantra INVIA. Allora accorrer un genio
elementale che lo aiuter a porre il suo corpo in stato di
jina.

Il devoto deve alzarsi dal suo letto conservando il sonno


come oro puro.

Prima di uscire di casa, il devoto deve fare un saltino


con lintenzione di fluttuare nellambiente. Se il devoto
fluttua pu uscire da casa sua in stato di jina. Se non
fluttua ripeta lesperimento per ore, mesi, anni, finch
non otterr la vittoria.

Terza chiave

Esiste un Maestro il cui nome Oguara. Questo jina


aiuta realmente tutti coloro che lo chiamano in nome del
Cristo. Il devoto si sdraier nella stessa posizione di pri-
ma, per chiamer il jina Oguara in nome del Cristo, di-
cendo: In nome del Cristo, io ti chiamo Oguara, Ogua-
ra, Oguara. Metti il mio corpo in stato di jina. Si ripeta
questa invocazione moltissime volte fino ad entrare nel
sonno, in seguito lo studente si alzi conservando il sonno
come oro puro. Il devoto dia un saltino con lintenzione
di fluttuare nello spazio. Se fluttua perch si trova in
stato di jina. Se non fluttua, si rimetta a letto e ripeta
lesperimento.

58
Sam ael Aun W eor

Quarta chiave

Il devoto si sieda davanti ad un tavolo. Posizioni le brac-


cia incrociate sul tavolo. Il devoto si addormenti con la
testa appoggiata sulle braccia incrociate. Il devoto deve
invocare i Maestri jina affinch lo aiutino in questa prati-
ca. Si pu chiamare Babaji (il Cristo yogi dellIndia) o
sua sorella Mataji.

Si pu invocare Arpocrate o San Pietro, ecc.. Quando lo


studente gi comincia a sognare, si sollevi dalla sedia
senza fare ragionamenti di alcuna specie, automatica-
mente, istintivamente e conservando il sonno come oro
puro. Quindi, lo studente deve fare un salto il pi lungo
che possa con lintenzione di fluttuare nello spazio. Il
devoto deve segnare sul suolo, con una matita, il punto
esatto fin dove arriv il salto. Ogni giorno lo studente
deve ripetere lesperimento instancabilmente, paziente-
mente, disegnando sempre una riga sul suolo con una
matita, per marcare la lunghezza di ogni salto.

Questo sistema meraviglioso in quanto lo studente jina


pu apprezzare il suo livello di progresso jina. Pu esse-
re che oggi il suo salto sia stato lungo un metro, domani
pu essere aumentato di un centimetro, dopodomani di
un altro centimetro, ecc., cos, lo studente va misuran-
do con esattezza il suo progresso jina. Alla fine, un bel
giorno, noter con sorpresa di aver fatto un salto ecces-
sivamente lungo, un salto strano, che nessun atleta pu
fare; questi segnali indicano chiaramente il suo progres-
so nella scienza jina.

Dopo di un simile strano salto, il devoto potr rimanere


fluttuante nelliperspazio, avr ottenuto la vittoria.

Questa chiave formidabile. Limportante,


nelloccultismo, la pratica.

59
I l libro giallo

La gente stanca di teorie, ora c bisogno di occultismo


pratico. I teorici n fanno n lasciano fare. Lo studente
non deve perdere tempo
teorizzando. meglio praticare di nascosto, custodire in
segreto i trionfi. Si deve mantenere molto silenzio per-
ch questa scienza segreta. meglio tacere, cos ci e-
vitiamo le burle deglinutili teorici, che non fanno n la-
sciano fare; questi sono parassiti sociali.

Quinta chiave

Nel preciso istante in cui si sveglia dal normale sonno, lo


studente pu balzare gi dal suo letto allistante, senza
analisi cosciente n subcosciente, senza il processo di
elezione concettuale, in modo istintivo, estasiato dalla
Saggezza e pieno di una tale fede come fosse lacciaio di
una spada molto ben temprata e pronta alla battaglia.

Prima di uscire di casa, lo studente deve saltare, e se


fluttua nellambiente perch il suo corpo entrato in
stato di jina. Allora, lo studente pu dirigersi ovunque
voglia con il suo corpo fisico in stato di jina.

Se non fluttua, lo studente deve ripetere lesperimento.

Con pazienza si va molto lontani in questi studi.

Sesta chiave

I cavalieri tigre del Messico azteco, portavano il loro cor-


po in stato di jina con laiuto della forza elementale della
tigre.

Alcuni codici messicani raffigurano i cavalieri tigre men-


tre si dirigono al tempio con sembianze di tigre. Si dice
che quando arrivavano al tempio riprendevano nuova-
mente figura umana.

Nel Messico antico, il Tempio delle Tigri era molto sacro.


La forza elementale della tigre permette di porre il corpo

60
Sam ael Aun W eor

in stato di jina. Lo studente pu sdraiarsi sopra una pelle


di tigre . Il devoto si addormenti invocando i deva che
regnano sulla tigre. Si supplichino che ci aiutino con la
forza della tigre.

I devoti aztechi del sacro Ordine delle Tigri, si identifica-


vano con la tigre, si addormentavano ed in seguito, con-
servando il sonno come fosse oro puro, si alzavano dal
letto andando a quattro zampe come la
tigre. Quindi dicevano pieni di fede: noi ci appartenia-
mo.

Cos, con il corpo in jina e con sembianze di tigre, i cava-


lieri tigre arrivavano al tempio. I codici messicani ci di-
cono che l riprendevano nuovamente figura umana. Gli
yogi dellIndostan si siedono a meditare su una pelle di
tigre.

Gli aztechi raccontano che la prima razza umana fu divo-


rata dalle tigri, simbolo della forza divina.

Che il sole dellentusiasmo vi rischiari il cammino.


Che Xhcoc canti al vostro passaggio.
Che la forza della tigre vi accompagni.
Che i pirofori22 di saggezza illuminino il vostro intelletto.
Che il Picr rumoroso dia ombra al vostro riposo.
Che le rane di smeraldo segnalino il sentiero, gracchian-
do senza sosta.
Che lei, la natura, si prodighi con voi.
Che la Forza universale vi benedica e diriga.

Lo yogi occidentale, sdraiandosi sulla pelle della tigre e


con il corpo seminudo, deve fare la pratica esoterica dei
cavalieri tigre. Cos potr entrare in stato di jina.

Settima chiave

Coloro che sanno uscire in corpo astrale, possono invo-


care il proprio corpo da lontano. La prima cosa che deve
fare lo gnostico che va a lavorare con questa chiave,

61
I l libro giallo

uscire in corpo astrale. Quando si trova lontano dal suo


corpo pu chiamare uno qualunque dei Maestri jina e
supplicargli che gli porti il proprio corpo; si possono in-
vocare Arpocrate, Babaji, Mataji, San Pietro, Oguara,
ecc. Allora, i geni jina prendono il corpo dal letto e lo
portano al devoto che lo chiede.

Prima che il corpo arrivi davanti al devoto, si vedono ve-


nire dapprima delle bolle. Lultima bolla di colore ros-
so. Dietro questa bolla viene il corpo in stato di jina.

Gi mentre il corpo si avvicina lo studente sente che le


spalle diventano pi pesanti. tremenda lemozione che
si sente quando il corpo si trova davanti a noi. La cosa
pi curiosa, che stupisce, quando scopriamo che anche
il corpo fisico ha coscienza e risponde a ci che gli do-
mandiamo.

In quei momenti il devoto deve dominare tutta


lemozione e controllare la mente per non fallire
nellesperimento. Se il devoto si lascia prendere
dallemozione, entrambi, corpo e devoto, ritornano istan-
taneamente nel letto e fallisce lesperimento.

Lavoro di tavola

In occultismo si dice lavoro di tavola il momento il cui


il corpo, invocato da lontano, deve inevitabilmente en-
trare nel corpo siderale del devoto. Questopera diffici-
le in quanto il corpo deve imparare e lanima deve do-
minare lemozione e saper ordinare.
Il corpo deve entrare nellanima attraverso il chakra co-
ronario o loto dei mille petali, situato nella parte superio-
re della testa siderale. Il devoto deve dare ordine al cor-
po, ed il corpo obbedisce; se non obbedisce perch
non sa, allora il devoto deve insegnargli.

Si deve ordinare al corpo che esca dalla testa siderale


del corpo astrale e che entri nel devoto da questa porta.
Il risultato meraviglioso. Il corpo obbedisce ed entra

62
Sam ael Aun W eor

nel devoto. Nel piano astrale non il devoto che deve


entrare nel corpo; in astrale le cose sono differenti: l il
corpo che deve entrare nel devoto.

cos che il devoto rimane col suo corpo nel piano a-


strale. Il sistema jina di questa settima chiave per gen-
te gi molto pratica nelluso e maneggio del corpo astra-
le.

Con il corpo in stato di jina possiamo visitare i templi


della grande Loggia Bianca e ricevere insegnamenti di-
retti dai grandi Maestri che iniziarono laurora della crea-
zione.

Questo ci che si chiama occultismo pratico, questo


ci di cui si ha ora bisogno urgentemente. Gli studenti
delle diverse scuole si sono giustamente stancati delle
tante teorie. Disgraziatamente la maggior parte degli
studenti vogliono conseguire poteri regalati, senza sfor-
zo, senza sacrificio, con ogni tipo di comodit, rapida-
mente, in pochi giorni, come bersi un bicchiere dacqua.

Dobbiamo avvertire che tutto nella vita in salita, nulla


si ottiene regalato. Chi vuole ottenere questi poteri jina
deve avere la pazienza del Santo Giacobbe, il valore del-
la tigre, la tenacia del toro e sete insaziabile di vera
saggezza divina.

Questa scienza non per gente incostante. Gli incostanti


meglio che rinuncino a questi studi. Questa scienza
non neppure per gente curiosa.

Sostanze jina

Esistono molte sostanze che aiutano nella scienza jina.

Lo studente di occultismo deve conoscere queste so-


stanze e maneggiarle. LUovo Orfico, lUovo dOro di
Brahama, lUovo Egizio, ecc., simbolizza chiaramente la

63
I l libro giallo

materia prima della Grande Opera. Dalla materia prima


nascono universi, piante, animali, uomini e dei.

Luovo pieno di grandi poteri occulti. Luovo di gallina


utilizzato per gli stati jina.

Formula

Si intiepidisca un uovo nellacqua. Lo si buchi nella parte


appuntita. Si estragga la chiara ed il tuorlo per lorifizio
praticato nelluovo.

Si riduca in polvere il guscio delluovo. Questa polvere


utilizzata dagli yogi per la scienza jina.

Prima di fare le pratiche jina, tutte le notti, il devoto de-


ve distribuirsi questa polvere sul petto e sotto le braccia,
nella regione delle ascelle.

In seguito lo studente si copra bene e cominci la sua


pratica jina. Si pu tenere una buona quantit di questa
polvere per le pratiche jina.

In queste polveri si trovano i grandi poteri della scienza


jina. Queste polveri sono meravigliose.

Santit

Lo studente che si incontra studiando e praticando la


scienza jina, deve, inevitabilmente, farla finita con tre
peccati: ira, cupidigia, lussuria. Solo cos possibile evi-
tare lattacco dei tenebrosi. Se lo studente non corregge
questi difetti non raggiunger mai un progresso real-
mente positivo nel senso completo di questo termine.

Vestiario

Gli uomini che si dedicano alla scienza jina devono usa-


re, per le proprie

64
Sam ael Aun W eor

pratiche, unicamente un costume da bagno di colore


giallo. Questo tutto. Il corpo nudo risulta migliore per
le pratiche jina, perch i chakra
girano liberamente senza il disturbo dei vestiti.

Donne

Le donne che praticano con la scienza jina, devono usa-


re, per le proprie pratiche, una tunica molto lunga e lar-
ga, la pi ampia possibile. La tunica deve essere molto
bella, imitante le tuniche delle samaritane. La donna che
si dedica alla scienza jina non deve accorciarsi i capelli.
Il capello, nella donna, realmente il simbolo del pudore
e della castit.
Nei tempi antichi, si tagliavano i capelli alla donna adul-
tera. Questo era il suo castigo.

La donna che pratica con la scienza jina, non deve usare


per le sue pratiche i costumi da bagno, come gli uomini,
perch questo immorale nella donna. Le gerarchie di-
vine esigono modestia, pudore, castit.

Avvertenza

Queste tuniche gialle per i jina non devono essere usate


per assistere ai rituali gnostici. Sono unicamente per la
scienza jina.

La tunica gialla per la scienza jina deve essere indossata


posta direttamente sulla pelle del corpo. Sotto lampia
tunica non si deve indossare alcun altro indumento.

65
I l libro giallo

Capitolo XV
UTENSILI E PROFUMI

Si deve disporre sempre di una stanza speciale per lavo-


rare con la scienza jina. Tuttavia, quando non si pu di-
sporre di questa stanza speciale, la camera da letto, la
stessa alcova, pu convertirsi in un vero santuario.

Avendo la castit, ovunque andr molto bene.

Si deve profumare la camera da letto ogni giorno con i


cinque profumi.

Questi cinque profumi sono i seguenti: incenso, mirra,


aloe, zolfo e canfora.

necessario disegnare sulla soglia del locale il segno del


pentagramma, la stella a cinque punte. I sue raggi infe-
riori devono puntare verso lesterno; il raggio superiore
deve restare verso linterno. Questa stella si pu dise-
gnare col carbone. Si pu altrettanto disegnare un qua-
dretto, incorniciato con il suo vetro, e porlo alla testata
del letto. In questo caso langolo superiore star verso
lalto e i due angoli inferiori verso il basso.

66
Sam ael Aun W eor

Il locale o la camera da letto devono essere tutti adorna-


ti con colori gialli. Tappeti o scendiletto gialli, luce gialla,
ornamenti gialli, ecc.

Liniziato, oltre al costume da bagno giallo, bene che


abbia la vestaglia da notte di colore giallo.

Nella camera da letto o stanza da lavoro, devono essere


sempre presenti le immagini del Cristo, Buddha e la
Vergine. Sia questultima rappresentata come Iside, o la
Madre cosmica dellIndia, Maria, Tonantzin, o semplice-
mente come la bianca colomba dello Spirito Santo. Tutte
queste immagini non rappresentano ad alcuna figura di-
vina o umana, se non semplicemente a Dio Madre. Sap-
piamo che Dio come Padre Saggezza e come Madre
Amore. Come Padre risiede nellOcchio della Saggezza,
situato tra le due ciglia. Come Madre risiede nel tempio-
cuore.

Il serpente sulla verga rappresenta altrettanto la Divina


Madre.

Si deve selezionare con attenzione il simbolo che pi ci


piace ed usarlo nella stanza da lavoro.

Nella camera da letto bisogna avere un altare ed il fuoco


sullaltare. Non deve mai mancare il fuoco in casa di un
iniziato.

Questo il Libro Giallo, questa la saggezza dei bud-


dha, questa la scienza della mente cosmica.

I buddha usano il mantello giallo. Il colore del mondo


mentale giallo.

Quando luomo si libera dei suoi quattro corpi del pecca-


to, un buddha.

Tutti i buddha usano il mantello giallo. Il raggio del Cri-


sto il giallo oro.

67
I l libro giallo

La scienza della mente costituisce veramente il Libro


Giallo. Questo il Libro Giallo perch la scienza della
mente.

Liniziato deve rinchiudersi ogni giorno alle dieci della


notte per lavorare nella scienza della mente.

Liniziato deve evitare con attenzione ogni tipo di discus-


sione e litigio con gente incredula, che non fanno e non
lasciano fare, che vogliono che il mondo vada daccordo
con le loro sagge affermazioni, piene di necessit e ma-
lizia del peggior genere.

Il devoto deve lavarsi quotidianamente. La camera deve


essere sempre pulita, in ordine e sistemata.

La religione jina molto sacra. Qui, in questo Libro Gial-


lo, abbiamo insegnato la scienza sacra dei jina per tutti
gli esseri umani.

Non devono mai mancare i fiori nella stanza da lavoro.

I fiori, i profumi, le immagini simboliche, la buona musi-


ca, contribuiscono a formare un ambiente pieno di Sag-
gezza e Amore.

68
Sam ael Aun W eor

CONCLUSIONI

Con infinita allegria abbiamo concluso questo lavoro, che


umilmente offriamo alla povera umanit dolente.

Si detto che esistono tre raggi di autorealizzazione in-


tima. Questi tre raggi sono: quello mistico, quello dello
yogi e quello della via del focolare domestico.

I benamati della gnosi, appoggiati al loro bastone, ricor-


rono a questo sentiero trino. La nostra divisa thelema
(volont).
Amatissimi, qui avete un libro di occultismo assoluta-
mente pratico. Per lamore degli amori, noi, i Fratelli del
Tempio, vi consigliamo con infinita umilt di non perdere
tempo teorizzando. Loppio delle teorie pi amaro della
morte.

Siate umili per raggiungere la Saggezza e, dopo averla


raggiunta, siate ancora pi umili.

Praticate gli insegnamenti di questo libro e svilupperete i


vostri poteri divinatori.

69
I l libro giallo

Siate costanti, amatissimi, siate pazienti, abbiate fede


assoluta nella Divina Madre Kundalini. La Signora di tut-
ta adorazione conduce i suoi devoti di chakra in chakra.

Quando si risveglia il serpente igneo dei nostri magici


poteri, il devoto passa per sei brevi esperienze indimen-
ticabili da conoscere: felicit divina, tremore del corpo e
delle membra, uscite in astrale, voluttuosit spirituale,
dolore nellosso coccigeo e strani svenimenti, sonno mol-
to profondo e pieno di lucidit spirituale.

Questi sei segnali indicano al discepolo il risveglio del


kundalini, cos come il giardiniere innaffia il suo delicato
giardino interiore, con il nettare sublime dellamore, fin-
ch appaiono i frutti delicati dellEden.

Il Libro Giallo realmente un manuale di esoterismo


pratico. Sappiate, benamati discepoli, che questo libro
una guida sicura per il sentiero delliniziazione.

Studiate questo libro e praticate con intensit e suprema


pazienza. Con il risveglio del kundalini compaiono molti
poteri occulti. Quando questo accade, abbiate cura di
non cadere in orgoglio. Pur avendo questi poteri, siate
come se non li aveste. Riconoscete la vostra propria mi-
seria ed i peccati. Rifugiatevi nel nulla. Voi siete solo
lombra peccatrice di Colui che mai ha peccato.

Sviluppate i vostri poteri interiori ma dissolvete lio, il me


stesso, lego reincarnante. Solamente dissolvendo lio, si
conseguir la liberazione totale.

Lio una larva orribile, presente nei diversi piani della


mente. Quando
lio si dissolve, la grande Signora della Luce entra
nellanima e crea in lei la sua dimora.

Noi, i Fratelli del Tempio, proviamo grande amarezza


quando vediamo alcuni Maestri che, malgrado abbiano

70
Sam ael Aun W eor

risvegliato il kundalini, conservano ancora vivo lio nei


profondi piani della mente.

Amatissimi, qui avete un libro per risvegliare il kundalini


e sviluppare tutti i poteri occulti. Praticate, amatissimi,
ma dissolvete lio.

Riconoscete la vostra propria miseria ed i peccati.

Digiunate molto, pregate, calpestate con fede, pazienza


e carit il roccioso sentiero che conduce al Nirvana.

Samael
Aun
Weor

71
I l libro giallo

Secondo libro
Opus Magnum

Capitolo I
IL MAGNUM OPUS

La Magna Opera ha per oggetto trasmutare, trasformare


la luna in sole.

La luna lanima, il sole lagnello immolato. Quando


lagnello entra nellanima, Lui si trasforma in Lei, e Lei si
trasforma in Lui. Da questa meravigliosa simbiosi deriva
ci che il nostro amatissimo Ges Cristo chiam, con
tanta riuscita, il Figlio dellUomo.

LOpus Magnum possiede ventidue chiavi fondamentali.

La forza sessuale viene dal Terzo Logos. Il Terzo Logos


lo Spirito Santo.

Luomoanimale fa fluire lenergia del Terzo Logos verso il


basso e verso fuori. Luomoangelo, per mezzo del Ma-
gnum Opus, fa ritornare lenergia del Terzo Logos verso
il dentro e verso lalto. Cos come luomoangelo
diviene creatore in altri livelli superiori di coscienza.

72
Sam ael Aun W eor

Prima si fa creatore nel piano astrale, poi nel mentale ed


in seguito nei mondi superiori dello spirito puro.

Il laboratorio del Terzo Logos il nostro stesso organo


sessuale. Il flusso ascendente del fuoco sacro il risulta-
to della trasmutazione sessuale. E questa trasmutazione
sessuale ha ventidue Arcani fondamentali. Qui si hanno i
ventidue Arcani maggiori dei tarocchi.

ARCANO 1. Il Mago. QuestArcano rappresenta luomo.


il principio maschile.

ARCANO 2. La Sposa Sacerdotessa. La moglie del ma-


go.

ARCANO 3. La Madre Celeste. LImperatrice. Lanima


cristificata mediante lArcano A.Z.F.

ARCANO 4. La Croce dellIniziazione. La croce rivela la


quadratura del cerchio. La chiave del moto perpetuo. Il
moto perpetuo possibile solo mediante la forza sessua-
le del Terzo Logos. Se lenergia del Terzo Logos smet-
tesse di fluire nelluniverso, il moto perpetuo termine-
rebbe e si avrebbe uno sconquassamento cosmico.

Il Terzo Logos organizza il vortice fondamentale di tutto


luniverso nascente, ed il vortice infinitesimale
dellultimissimo atomo di qualunque creatura.

Linserimento del fallo verticale dentro lutero formale


forma la croce, la croce delliniziazione che dobbiamo
portare sulle nostre spalle.

ARCANO 5. Lo Ierofante23. Il rigore, la legge.


QuestArcano rappresenta il karma delliniziato. Dobbia-
mo sapere che il karma, in ultima sintesi, serve a vivere

73
I l libro giallo

in carne ed ossa tutto il dramma della passione di nostro


Signore Ges Cristo.

Possiamo pagare i nostri debiti lavorando nella Grande


Opera del Padre.

ARCANO 6. LInnamorato. Luomo, tra vizio e virt.

Questo Arcano viene espresso dal sigillo di Salomone. Le


sei punte della stella di Salomone sono maschili, mentre
le sei profonde rientranze che esistono tra una punta e
laltra sono femminili. In tutto, questa stella ha dodici
raggi, sei maschili e sei femminili. Mediante il Magnum
Opus, questi dodici raggi cristallizzano nei dodici segni
zodiacali. Nel sigillo di Salomone si nasconde la genesi
sessuale dello zodiaco. Nel sigillo di Salomone si incontra
lintima relazione esistente tra lo zodiaco e linvisibile So-
le centrale. Il sigillo di Salomone , realmente,
lautentica stella cometa. I suoi due triangoli, che uni-
scono e separano lAmore, sono le spole che si tessono e
si disfano nel telaio di Dio. Ogni volta che
liniziato riceve una nuova iniziazione o un nuovo grado
di coscienza, allora risplende la brillante stella. Nel sigillo
di Salomone c la suprema affermazione e la suprema
negazione. La lotta terribile tra Dio ed il diavolo!

ARCANO 7. Il Carro della Guerra. Bisogna lavorare


nellArcano A.Z.F. per conseguire la spada. La lotta
terribile! Il guerriero pu liberarsi dei quattro corpi del
peccato solamente mediante larcano A.Z.F.

ARCANO 8. LArcano di Giobbe. Prove e dolori. Le pro-


ve delliniziazione sono molto terribili! Bisogna avere una
grande pazienza per non cadere nellabisso siamo pro-
vati molte volte!

74
Sam ael Aun W eor

ARCANO 9. LEremita. QuestArcano la nona sfera: il


sesso. E la discesa nella nona sfera, nei tempi antichi,
era la prova massima per la suprema dignit dello Iero-
fante; Ermes, Buddha, Ges Cristo, Zoroastro, Dante,
ecc., e molti altri grandi iniziati dovettero scendere nella
nona sfera per lavorare con il fuoco e lacqua, origine dei
mondi, delle bestie, degli uomini e degli dei. Tutte le au-
tentiche iniziazioni bianche cominciano da l. Nel nono
strato della terra incontriamo il segno dellinfinito.

Questo segno ha la forma di un 8 (otto). In questo se-


gno simbolizzato il cervello e il sesso del Genio della
Terra.

La lotta terribile. Cervello contro sesso, sesso contro


cervello, e ci che pi terribile, cuore contro cuore!

ARCANO 10. La Ruota della fortuna. Questa la ruota


del samsara. La reincarnazione! Lincessante trasmuta-
zione della forza sessuale produce il suono anahat. Con
questo suono possiamo uscire in corpo astrale.

Quando vogliamo ascoltare il mistico suono, vocalizze-


remo prima il mantra LA alternandolo con il mantra RA.
Questo mentalmente. Quando il suono intenso pos-
siamo tranquillamente uscire in corpo astrale. E con
lArcano A.Z.F. ci liberiamo dellevoluzione. Per luomo
che si cristificato, levoluzione smette assolutamente di
esistere.

ARCANO 11. Il Leone domato. Nei tempi antichi, i Re


divini si sedevano su troni i cui braccioli erano di oro
massiccio. Horus si sedeva su un trono simile. LOro, Ho-
rus, oro potabile, il fuoco sacro del Terzo Logos, sim-
bolizzato dal leone domato e dai leoni doro dei Re divi-
ni.

75
I l libro giallo

Luomo una unit; la donna unaltra: questo il nume-


ro undici dei tarocchi. Solo grazie alla donna, lavorando
nella Grande Opra, possiamo incarnare il Bambino dOro,
Horus, il Verbo, la grande Parola! Cos, dunque, il nume-
ro undici il numero pi moltiplicabile.

ARCANO 12. LApostolato. Nella lamina di questo ta-


rocco vediamo un uomo appeso per un piede. Le gambe
si incrociano formando una croce.

Le mani, legate dietro alle spalle, formano la punta di un


triangolo.

Abbiamo qui il legame della croceuomo con il triangolo-


spirito.

Solo per mezzo delloro potabile possiamo ottenere il le-


game della croce col triangolo. Bisogna lavorare con lo
zolfo vivo, con il fuoco vivente e filosofale. Lens seminis
il mercurio della filosofia segreta. Dentro lentit del
seme incontriamo loro potabile: il fuoco vivo. Bisogna
fecondare il mercurio della filosofia segreta affinch
questo mercurio si converta nel maestro e nella rigene-
razione del sale.

Lo zolfo vivo, il fuoco, feconda il mercurio, ed il mercurio


fecondato rigenera luomo, il sale della terra.

ARCANO 13. La Morte. Ci sono vari tipi di morte: la


morte delluomo profano, comune e normale, la morte
degli iniziati e la morte di tutti coloro che hanno ricevuto
lelisir di lunga vita.

La morte profana gi la conosciamo. Molti autori rosa-


croce, teosofi, ecc., hanno gi scritto su questa materia.
La morte delliniziato pi profonda! Bisogna scendere
nella fucina accesa di Vulcano, il sesso, per

76
Sam ael Aun W eor

tagliare la testa di Medusa con la spada fiammeggiante


di Perseo! La Medusa lego, lio, il me stesso. Questio
trino.

Questio costituito dagli atomi del nemico segreto.

Questa trina entit maligna controlla i veicoli astrale,


mentale e causale.

Questi sono i tre traditori di Hiram Abiff, essendo


questultimo, il rispettabilissimo e venerabile Hiram, il
Dio interiore di ogni uomo. Bisogna decapitare e dissol-
vere i nostri tre traditori! Dobbiamo vivere tutta la leg-
genda di Hiram Abiff nei mondi interni.

Morto lio, dentro di noi regna solamente il Figlio


dellUomo. Nella fucina di Vulcano scende Marte per ri-
temprare le sue armi e conquistare il cuore di Venere.

Liniziazione venusta lincarnazione della Parola.

Lincarnazione del Re del Sole, dellUomoSole, dentro di


noi stessi la stella crocifissa sulla croce rappresenta
lUomoSole incarnato.

Nella fucina di Vulcano scende Ermete per ripulire le


stalle di Auga24, le stalle dellanima, con il fuoco sacro.

Nella fucina di Vulcano scende Perseo per tagliare la te-


sta di Medusa, lio, con la spada fiammeggiante.

Questa la morte iniziatica!

C unaltra morte. Questo terzo tipo di morte per i


nirmanakaya, i quali hanno gi ricevuto lelisir di lunga
vita. In questo caso, gli angeli della morte non tagliano il
cordone dargento.

Il terzo giorno Ges venne in corpo astrale davanti al


sepolcro. Allora invoco il suo corpo, il quale giaceva den-

77
I l libro giallo

tro il sepolcro. Lo accompagnarono le santi donne, gli


angeli della morte, i Signori del movimento, i Signori del-
la vita, ecc., e questo corpo fu trattato dalle santi donne
con droghe ed essenze aromatiche. Esse vennero in
corpo astrale. Obbedendo ad ordini supremi, il corpo si
immerse nel piano astrale. La tomba rimase vuota!

Dopo tutto questo, il corpo penetr dentro il Maestro,


attraverso la corona (del suo cervello astrale), ossia at-
traverso la ghiandola pineale.

E fu cos che il Maestro rimase dentro il suo corpo. In


seguito apparve ai discepoli di Emmaus. Gli comprov la
sua resurrezione cenando con loro.

Si apparecchi anche alle undici, e Tommaso,


lincredulo, pot introdurre il suo dito nelle ferite del Si-
gnore! Oggigiorno, il Maestro vive nel paese segreto, nel
Shamballa orientale. Questo paese si trova in stato di ji-
na. L vive il Maestro col suo corpo fisco resuscitato! Per
questo tipo di resurrezione passano tutti Loro, i nirma-
nakaya, che gi ricevettero lelisir di lunga vita.

Sono molti i Maestri figli della resurrezione. Paracelso


usc dalla sua tomba e vive in Boemia. Zanoni visse per
migliaia danni, con il suo stesso corpo fisico. Commise
lerrore di innamorarsi di una giovane di Napoli e per
questo cadde! Perse il suo corpo fisico sulla ghigliottina,
durante la rivoluzione francese. Un nostro amico, un
Maestro tartaro, il cui corpo data alcune migliaia di anni,
ci disse questo: Vero Maestro unicamente colui che
mangi la terra! Uno, prima di mangiare la terra, crede
di sapere molto e si sente molto poderoso; per, in veri-
t, solamente un povero tonto!

ARCANO 14. La Temperanza. Qui vediamo una donna


che mescola le due essenze con le quali si elabora lelisir
di lunga vita. Queste due essenze sono lelisir rosso e
lelisir bianco, i principi sessuali delluomo e della donna.

78
Sam ael Aun W eor

Larcano 14 ci insegna a maneggiare gli stati jina. Un


corpo in stato di jina pu adottare qualunque forma. In
questo caso, agisce nei mondi interni senza perdere le
sue caratteristiche fisiche. Bisogna sublimare la nostra
energia sessuale fino al cuore! La comunione del pane e
del vino ha il potere di sublimare lenergia sessuale fino
al cuore. Possiamo mettere un pane ed una coppa di vi-
no vicino al nostro letto e, dopo avere lavorato con
lArcano A.Z.F., pregare e benedire il pane ed il vino; in
seguito mangiare il pane e bere il vino. Larcano 14 con-
verte il pane ed il vino nel sangue del Cristo. Con questo
arcano, il pane ed il vino si caricano con gli atomi cristici
che discendono dal Sole centrale.

ARCANO 15. Tiphon Bafometo. Davanti la porta


dellEden c un guardiano terribile: la sfinge di Mos, la
sfinge Assira, la sfinge con la testa di toro, che tiene in
mano la spada fiammeggiante per far retrocedere coloro
che non sono preparati. Questo larcano 15 dei taroc-
chi! il proprio io di ogni uomo! Realmente, questo lio
psicologico di ogni uomo, la bestia interiore che ci serra
il passo fino allEden. LEden il sesso stesso, e la bestia
alla porta del sesso per invitarci alla eiaculazione del
liquore seminale o per deviarci da questa porta facendo-
ci vedere scuole, teorie, sette, ecc., ecc..

ARCANO 16. La Torre fulminata. Quando cade il raggio


della giustizia sulla torre di Babele, muore lio. Questa
morte dellio terribilmente dolorosa! Lio non vuole mo-
rire, ma il raggio della giustizia divina cade sopra di lui
e lo fulmina!

ARCANO 17. La Stella della speranza. In questa carta


dei tarocchi si vede una giovane ignuda, con due anfore
dalle quali esce fuoco ed acqua. Nel cielo brilla la stelle a
otto punte, la stella di Venere, la stella del mattino. Bi-

79
I l libro giallo

sogna lavorare con il fuoco e lacqua per ricevere


liniziazione venusta! La stella, crocifissa sulla croce, il
Cristo degli abraxas, il Figlio dellUomo, il Verbo incarna-
to.

ARCANO 18. Crepuscolo della Luna. Larcano 9


liniziazione. Larcano 18, due volte nove, sono i pericoli
delliniziazione, i nemici occulti e segreti che si propon-
gono di danneggiare liniziazione: la Loggia Nera,
labisso, le tentazioni, i demni che non vogliono che
liniziato scappi dalle loro grinfie. Questo il sentiero del
filo del rasoio! Questo il sentiero pieno di pericoli da
dentro e da fuori, come dice il venerabile Maestro Siva-
nanda.

ARCANO 19. Il Fuoco creatore. Questo il Magnum


Opus, lOpera Magna. Per realizzare il lavoro della Gran-
de Opera, dobbiamo lavorare con la Pietra Filosofale.
Quando il sole era basso, gli antichi adoravano la figura
simbolica di una pietra nera. Questa pietra nera la pie-
tra eliogabalica28. Questa la pietra che dobbiamo por-
re a fondamenta del Tempio! Questa pietra il sesso!
Coloro che edificano sulla pietra viva, incarnano il Verbo.

Coloro che edificano sulla sabbia, falliranno e le loro edi-


ficazioni rotoleranno nellabisso. Queste sabbie sono le
teorie, le religioni morte, ecc., ecc..

ARCANO 20. La Resurrezione dei morti. Realmente, la


resurrezione dellanima possibile solo per mezzo
delliniziazione cosmica. Gli esseri umani sono morti e
possono resuscitare solo per mezzo delliniziazione.

ARCANO 21. Il Matto. Linsensatezza. Luomo una


stella a cinque punte. Se estendiamo le braccia e le
gambe destra e sinistra, otteniamo il pentagono. Il cer-

80
Sam ael Aun W eor

vello deve controllare il sesso. Quando il cervello perde il


controllo sul sesso, il sesso pu arrivare a dominare il
cervello, di conseguenza la stella a cinque punte cade di
testa nellabisso! Questo il pentagono invertito, il sim-
bolo della magia nera.

ARCANO 22. La Corona della vita. Se sommiamo


questarcano tra di s, otterremo il seguente risultato:
due pi due uguale a quattro: uomo, donna, fuoco e ac-
qua. Iod He Vau He. Uomo, donna, fallo, utero. Qui ab-
biamo il santo e misterioso pentagrammaton.

Nellarcano 22 appare una corona sostenuta da quattro


animali sacri.

Sopra questa corona una giovane ignuda danza tenendo


in ogni mano una bacchetta magica.

Questa giovane la verit. Le due bacchette corrispon-


dono alluomo e alla donna. Nel Tempio di Salomone,
larcano 22 era rappresentato dallArca dellAlleanza, so-
stenuta da una corona. Nei quattro angoli dellArca si
vedono i quattro animali dellalchimia sessuale. Anche le
sfingi di Ezechiele hanno quattro facce come la Sfinge
egizia. Il fuoco rappresentato dal leone.

Questo loro potabile. Il mercurio della filosofia segreta


rappresentato dallaquila volante. Il sale rappresen-
tato dalle zampe di toro della Sfinge. Lacqua rappre-
sentata dalla faccia di uomo della Sfinge.

La chiave fondamentale lArcano A.Z.F.. Limportante


evitare lorgasmo e leiaculazione del liquore seminale.
Questa la chiave fondamentale delliniziazione. Questo
lArcano A.Z.F.!

Che il Padre che sta in segreto e la vostra benedetta e


adorabile Madre
Kundalini vi benedica.

81
I l libro giallo

Paz Inverencial !!!

82
Sam ael Aun W eor

Capitolo II
KUNDALINI

Il kundalini lenergia primordiale racchiusa nella Chiesa


di Efeso. Questa Chiesa dellApocalisse un centro ma-
gnetico situato due dita sopra lano e due dita sotto gli
organi genitali. Il serpente sacro dorme dentro la sua
chiesa attorcigliato tre volte e mezza. Il kundalini il
fuoco di Pentecoste. Il kundalini la Madre Divina. Il
santuario della Madre Divina il cuore.

Il kundalini si sviluppa, evolve e progredisce nellaura del


Mahachoan (la Madre Cosmica, lo Spirito Santo, il Terzo
Logos).

I fuochi dorsali sono jehovistici; i fuochi del cuore sono


cristici; nella
fronte scintillano i raggi terribilmente divini del Padre.

I fuochi del cuore controllano lascensione del serpente


sacro lungo il canale midollare; il kundalini si sviluppa,
evolve e progredisce in accordo con i meriti del cuore.

Il kundalini deve salire fino al cervello ed in seguito


giungere fino al sacro santuario del cuore.

83
I l libro giallo

Il kundalini dimora negli elettroni. I saggi meditano sul


kundalini, i devoti lo adorano e nei focolari di perfezione
gli si rende culto.

Beviamo il nettare dellimmortalit quando gli atomi so-


lari e lunari vengono a contatto, poich risvegliano il
kundalini. Gli atomi solari e lunari vengono a contatto
nel triveni, vicino al coccige; quindi risvegliano, per indu-
zione, il kundalini.

Il kundalini si risveglia col pranayama, con la concentra-


zione e la meditazione, con profonda devozione, con la
volont e la comprensione, con i mantra sacri e con la
magia sessuale.

Il kundalini pu essere risvegliato anche per opera di


grazia di alcuni maestri dei misteri maggiori della Loggia
Bianca, o perch la Madre Divina vuole che sia cos.

Quando lo yogi sparge il seme il kundalini non pu ri-


svegliarsi.

Lascensione del kundalini lungo il canale midollare


molto lento e difficile: il passaggio del serpente igneo di
vertebra in vertebra significa terribili prove, spaventosi
sacrifici e supreme purificazioni. Non solo dobbiamo uc-
cidere il desiderio, ma anche lombra stessa del deside-
rio. La nostra divisa thelema (volont).

Quando il kundalini arriva fino alla ghiandola pineale si-


tuata nella parte superiore del cervello, raggiungiamo
lestasi perfetta.

Dobbiamo avvisare che bench il kundalini ha la forma


del serpente pu presentarsi al devoto sotto forma di
Madre Divina, Iside, Rea, Cibele, Maria, ecc..

Quando risveglia il kundalini, il devoto sperimenta visioni


meravigliose e sente molteplici suoni. Quando si risveglia
il kundalini si sviluppano tutti i poteri dellanima. Quando

84
Sam ael Aun W eor

risveglia il kundalini, lo studente vede una luce molto


brillante pari a diecimila soli uniti che risplendono di al-
legria allunisono con la Chiesa di Efeso.

Se lo studente sparge il seme dopo aver iniziato


lascensione del kundalini per il canale midollare, allora il
kundalini discende di una o pi vertebre a seconda della
gravit della caduta. Nessun fornicatore potr
arrivare alla realizzazione cosmica.

Lacqua labitazione del fuoco. Se versiamo lacqua


perdiamo, di conseguenza, il fuoco.

La castit il fondamento della Grande Opera. Tutto il


potere del kundalini si trova nel seme. Tutti coloro che
riescono ad innalzare lenergia del kundalini fino alla
ghiandola pineale, di fatto rafforzano la
SopraCoscienza (lo stato del nirvikalpasamadhi).

Colui che raggiunge questo livello un Illuminato, un


Dio.

Il kundalini giace nella cavit triangolare conosciuta co-


me triangolo celestiale, centro della Chiesa di Efeso.

Il meraviglioso tempio di Efeso un loto spendente;


questo loto possiede quattro petali. La chiesa di Efeso
luminosa quanto dieci milioni di soli. La terra elementale
dei saggi corrisponde a questo fiore.

Quando il serpente sacro apre la Chiesa di Efeso, ci ven-


gono conferiti poteri sulle creature elementali che vivono
nelle viscere della terra.

Quindi possiamo operare sui terremoti.

Quando il serpente arriva allaltezza della prostata si a-


pre la Chiesa di Esmirna. Questo chakra possiede sei pe-
tali. Il chakra prostatico ci conferisce il potere di creare;

85
I l libro giallo

sarebbe impossibile tutta la creazione senza il chakra


prostatico. Limmortale Babaji, il Cristo yogi dellIndia il
cui corpo data molti milioni di anni, tanto che si perdono
nella notte dei secoli, il supremo reggente del chakra
prostatico. Babaji gestisce tutta la vita e ha il potere di
creare e tornare nuovamente a creare. Lacqua elemen-
tale dei saggi (lens seminis) lelemento di questo cha-
kra. Tutti coloro che aprono la Chiesa di Esmirna hanno
il potere sulle acque e le
tempeste.

Lascensione del kundalini fino alla regione ombelicale ci


conferisce il
potere di operare sul fuoco dei vulcani. Il chakra della
regione dellombelico la Chiesa di Pergamo. Questo
chakra possiede dieci petali. Il fuoco elementale dei
saggi lelemento di questo chakra.

Quando il kundalini arriva allaltezza del cuore si apre la


Chiesa di Tiatira e ci conferisce il potere di operare sui
quattro venti. Il loto del cuore possiede dodici petali ed il
suo elemento laria elementale dei saggi. Tutti coloro
che vogliono apprendere come portarsi col proprio corpo
fisico nei mondi soprasensibili devono sviluppare il cha-
kra del cuore. Questo ci che nota come scienza ji-
na. Il corpo umano pu uscire dal piano fisico ed entrare
nei mondi soprasensibili.

Quando il serpente sacro arriva allaltezza del cuore sia-


pre la Chiesa di Tiatira e noi ritorniamo intuitivi.

Lascensione del kundalini fino alla regione della laringe


ci conferisce il potere di udire le voci degli esseri che vi-
vono nei mondi soprasensibili.

Il chakra laringeo la Chiesa di Sardis. Raggiunta que-


sta altezza, fatto Verbo, il kundalini fiorisce sulle labbra
feconde. Il chakra laringeo possiede dieci petali.

86
Sam ael Aun W eor

Quando il kundalini arriva allaltezza dellintraciglio si a-


pre la Chiesa di Filadelfia. Questo lOcchio della Sag-
gezza. In questo centro magnetico dimora il Padre. Il
chakra dellintraciglio possiede due petali ed il trono
della mente. Quando la mentemateria si trasforma in
mentecristo
riceviamo il mantello dei buddha e lOcchio di Shiva. Tut-
ti coloro che sviluppano il chakra frontale ritornano chia-
roveggenti.

Quando il kundalini arriva alla ghiandola pineale si apre


la Chiesa di Laodicea. Questo chakra possiede mille pe-
tali risplendenti. Questa la corona che brilla come una
aureola di luce sulla testa dei santi. Nella ghiandola pi-
neale esiste latomo dello Spirito Santo, dunque ricevia-
mo la bianca colomba dello Spirito Santo e ci colmiamo
di illuminazione, saggezza e onniscienza.

Nella Chiesa di Efeso conquistiamo la terra; nella Chiesa


di Esmirna lacqua; nella Chiesa di Pergamo il fuoco; nel-
la Chiesa di Tiatira laria; nella Chiesa di Sardis il fluido
akasico; nella Chiesa di Filadelfia conquistiamo la mente
e nella Chiesa di Laodicea conquistiamo la luce.

cos che noi ci facciamo re e sacerdoti della natura se-


condo lordine di
Melchisedek.

Nel campo magnetico alla radice del naso risiede latomo


del Padre, nella ghiandola pituitaria latomo del Figlio e
nella pineale latomo dello Spirito Santo.

Con al magia sessuale si risveglia, evolve e sviluppa to-


talmente il fuoco del kundalini.

87
I l libro giallo

Capitolo III
LA RESURREZIONE DEI MORTI

Il Magnum Opus si realizza totalmente con larcano 13


della cabala. Le ventidue chiavi fondamentali dellopera
del sole, conducono liniziato fino alla resurrezione al-
chemica.

Tutti coloro che raggiungono la quinta iniziazione dei mi-


steri maggiori possono, se vogliono, rinunciare alla gra-
zia ineffabile del nirvana.
Coloro che rinunciano al nirvana per amore dellumanit,
hanno diritto a chiedere lelisir di lunga vita.

Dalla miscela dellelisir rosso con lelisir bianco, risulta


lelisir di lunga vita.

Il meraviglioso elisir un gas di immacolata bianchezza.


Questelisir depositato nel fondo vitale dellorganismo
umano.

Ogni iniziato che ricevute lelisir di lunga vita, muore ma


non muore. Il terzo giorno fuori dal sepolcro.

Approfittando delliperspazio i Maestri riescono a sfuggi-


re al sepolcro col proprio corpo in carne ed ossa.

88
Sam ael Aun W eor

Questa la resurrezione.

Quando un Maestro resuscita, il Magnum Opus com-


piuto. Il terzo giorno, il Gran Maestro Ges si rec in
corpo astrale davanti al suo santo sepolcro. La tradizione
esoterica sa che il Maestro venne accompagnato dalle
sue sante donne (loro vennero in astrale).

Accompagnarono il Maestro anche gli angeli della morte,


i signori del movimento cosmico, ecc., ecc..

Il Gran Maestro invoc il suo corpo a gran voce. Quel


corpo, animato dal verbo, penetrando nelliperspazio, si
sollev sommergendosi assolutamente nel piano astrale.

Il sepolcro rimase vuoto e le sue tele gettate.

Nel piano astrale, le sante donne trattarono il corpo di


Ges con droghe ed unguenti aromatici.

Obbedendo ad ordini supremi, il corpo resuscitando pe-


netr nellanima del Maestro dalla parte superiore della
testa siderale.

Fu cos che il Maestro rimase in possesso del suo corpo


nel piano astrale. Quel corpo rest in stato di jina.

Il Maestro mor ma non mor. Il sepolcro rest vuoto e le


tele gettate. Il sudario che era stato sulla sua testa non
fu posto con le altre tele, ma avvolto in un luogo a par-
te.

Ges dimostr la resurrezione alchemica presentandosi


davanti ai suoi discepoli. Tommaso lincredulo disse: Se
non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto
il mio dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano
nel suo costato, non creder.

89
I l libro giallo

Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo a casa e


cera con loro anche Tommaso. Venne Ges, a porte
chiuse, si ferm in mezzo a loro e disse: Pace a voi!

Poi disse a Tommaso: Metti qua il tuo dito e guarda le


mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato;
e non essere pi incredulo ma credente!.

Rispose Tommaso: Mio Signore e mio Dio!. Ges gli


disse: Perch mi hai veduto, hai creduto: beati quelli
che pur non avendo visto crederanno!

Ges resuscit dai morti, Ges si sollev dal sepolcro uti-


lizzando liperspazio. Ges attraversava qualunque muro
e penetr nel recinto degli apostoli utilizzando
liperspazio. Lastrofisica scoprir molto presto
lesistenza delliperspazio. Liperspazio pu essere dimo-
strato con lipergeometria.

Coloro che ricevono lelisir di lunga vita, devono attra-


versare, nel panteon o cimitero, le terribili prove funera-
rie dellarcano 13 della cabala. Le prove dellarcano 13
sono pi spaventose che la morte stessa.

Molto pochi sono gli esseri umani che hanno potuto pas-
sare le prove dellarcano 13 della cabala.

Nella figura simbolica di Abraham il giudeo, si hanno tut-


te le pratiche alchemiche che conducono lo studente
gnostico fino alla resurrezione iniziatica.

Le tredici figure alchemiche del libro dorato di Abraham


sono le seguenti:

1. Mercurio con un caduceo e Saturno che scende tra le


nubi con una clessidra sopra la testa (importanza del
tempo e allungamento della vita quando non violiamo la
legge). Langelo di Saturno armato con una falce si pre-
para a tagliare i piedi di Mercurio (separazione totale
delleiaculazione seminale, fissaggio del mercurio, vale a

90
Sam ael Aun W eor

dire immagazzinamento del liquore seminale, coppella-


zione31 dellargento col piombo, questo significa lavoro
con lArcano A.Z.F. per trasmutare il piombo della per-
sonalit in oro puro dello Spirito).

2. Montagna con sette caverne e sette serpenti di colore


nero e giallo; un serpente ne divora un altro con ali do-
rate, ed una grifo si prepara a mangiarne un altro (su-
blimazione del mercurio seminale, mortificazione mezzo
del sacrificio. Sublimazione dellenergia sessuale).
Le sette caverne di questo simbolo sono i sette corpi
delluomo. I sette serpenti sono i sette gradi di potere
del fuoco. Il kundalini settuple nella sua costituzione
interna. Sono sette serpenti, due gruppi di tre con la su-
blime coronazione della settima lingua di fuoco che ci
unisce allUno, o alla Legge, al Padre. Ognuno di questi
sette serpenti, vive nella sua caverna sacra. Quando
luomo innalza il quinto serpente, ha diritto a chiedere
lelisir di lunga vita. Il quinto serpente appartiene alla
quinta caverna del mistero. Il quinto serpente appartie-
ne al corpo causale o corpo di volont. Le tappe della
Grande Opera sono rappresentate nella seconda figura
di Abraham il giudeo, dalla cima, dai rami azzurri con
foglie dorate e fiori bianchi e rossi.

3. Il giardino delle esperidi, con un rovere cavo (tronco),


un bel rosaio ed una fonte di acqua bianca che i ciechi
cercano infruttuosamente (rivivificazione del mercurio
sublimato). Il giardino delle esperidi lEden della Bib-
bia. LEden il sesso stesso. Siamo usciti dallEden dalla
porta del sesso. Solo per questa porta possiamo rientra-
re nellEden. Il trono sta nel sesso. Il Re non sta nella
fronte, il Re sta nel sesso. Il sesso il Re dei re e Signo-
re dei Signori. La fonte di acqua bianca che i ciechi delle
diverse scuole, religioni e sette, cercano inutilmente
senza mai trovarla, il liquore seminale. Il bel rosaio
sono i chakra, ruote o deit del corpo astrale che girano
pieni di splendore, come soli brillanti, quando risveglia-
mo il serpente sacro.

91
I l libro giallo

4. Il re Erode ordina di sgozzare gli innocenti; delle ma-


dri implorano, sette bambini giacciono morti, i soldati
versano il sangue degli innocenti (spirito universale dei
metalli) in una botte dove il sole e la luna si lavano. Ogni
iniziato deve passare per la decapitazione iniziatica.

Esistono sette decapitazioni del fuoco. Esistono anche


tre grandi decapitazioni basilari che appartengono
alliniziazione venusta.

Ad ognuno dei sette serpenti di fuoco corrisponde una


decapitazione.

Quando innalziamo il primo serpente, che corrisponde al


corpo fisico, passiamo per la prima decapitazione; quan-
do si innalza la seconda, che
corrisponde al corpo eterico, liniziato passa per la se-
conda; nel corpo astrale si passa per la terza, nel men-
tale per la quarta, nel corpo di volont per la quinta, nel
corpo di coscienza per la sesta, e nel corpo dello spirito
per la settima. Sono sette bambini decapitati.

Queste cerimonie sono terribilmente divine. Tutte queste


cerimonie si realizzano nei mondi superiori.

Ogni volta che uno dei serpenti sacri passa per il collo, si
realizza la terribile cerimonia della decapitazione. Il sole
e la luna, luomo e la donna, si lavano nella botte dove
c il sangue dei sette decapitati.

Solo con la pratica della magia sessuale (Arcano A.Z.F.)


si ottiene linnalzamento di ognuno dei sette serpenti.

Solo praticando magia sessuale possibile passare per


le sette decapitazioni spaventosamente divine.

5. Un caduceo con due serpenti che si divorano (solu-


zione e volatilizzazione). Esistono due serpenti: il ser-
pente tentatore del delizioso Eden ed il serpente di
bronzo che sanava gli israeliti nel deserto.

92
Sam ael Aun W eor

Inevitabilmente, uno deve divorare laltro: se quello divi-


no fosse divorato, noi ci convertiremmo in demoni; se
vincesse il divino, saremmo salvi. La nostra divisa the-
lema (volont).

La chiave sta nella soluzione e volatilizzazione. Si deve


sublimare il liquore seminale fin sopra, fino al cuore. Si
deve cerebrizzare il seme. Non si deve eiaculare il seme.

Dobbiamo saperci ritirare dallatto segreto senza sparge-


re il seme.

Questo lArcano A.Z.F..

6. Un serpente sacrificato (coagulazione e fissaggio del


volatile). I vapori seminale salgono per i due canali sim-
patici che si attorcigliano nel midollo spinale; allora arri-
vano al distillatore del cervello dove vengono fissati.

Questa la trasmutazione sessuale.

7. Un deserto con quattro fonti che formano dei fiumi e


quattro serpenti striscianti (moltiplicazione delloro pota-
bile). Loro il fuoco sacro che si moltiplica accendendo i
divini poteri. I quattro fiumi sono i quattro elementi:
fuoco, aria, acqua e terra. Con questi quattro elementi
dobbiamo lavorare nella Grande Opera.

8. Dentro larco della vittoria alchemica c Flamel, che


come un pellegrino porta un manto color arancione, ne-
ro e bianco (colori che simbolizzano la trasmutazione
sessuale), inginocchiato ai piedi di San Pietro (la Pietra
Filosofale, il sesso). Perrenelle, la sposa di Flamel
lalchimista, sta inginocchiata davanti a San Pietro, per-
ch lei la compagna dellalchimia, con la quale si prati-
ca la magia sessuale. In mezzo appare il Santo Padre,
pronto a giudicare il mondo (il mondo si pu salvare solo
con la pietra di grazia, il sesso!).

93
I l libro giallo

9. Sotto, esistono due dragoni ed uno di loro alato (il


volatile ed il fisso): il dragone bianco ed il dragone nero,
il Cristo interiore di ogni uomo e lio psicologico.

10. Una donna ed un uomo. Le due nature riconciliate


lavorando nella Grande Opera.

11. Tre resuscitati: corpo, anima e spirito (si resuscitano


col potere della pietra bianca). Ora comprendiamo per-
ch Pietro, che vuole dire pietra, detiene le chiavi del
cielo. Questa pietra il sesso. La chiave del cielo il
grande Arcano. Il grande Arcano consiste nellavere re-
lazioni sessuali e ritirarsi, senza spargere il seme. Questa
pratica lArcano A.Z.F.. Con questa chiave si risveglia-
no tutti i poteri e si consegue lelisir di lunga vita.
Limportante non versare mai nella vita il seme.

12. Due angeli. Langelo delluomo e della donna.

Ambedue cooperano nella Grande Opera per risvegliare


il kundalini e conseguire la resurrezione.

13. Un uomo sottomette un leone dalla zampa (il leone


il fuoco). Col raggiungimento del dominio totale del
fuoco, si realizza la resurrezione in quanto si consuma-
ta la Grande Opera.

In questi tredici simboli di Abraham il giudeo, si ha tutta


la scienza che ci porta fino alla resurrezione dei morti.
Nicolas Flamel riprodusse queste tredici figure nel fron-
tespizio di uno dei portoni del cimitero degli
innocenti a Parigi.

Colui che sappia intendere, intenda. La morte pu esse-


re vinta con successo. La magia sessuale il cammino

Possiamo conservare il corpo fisico per milioni di anni al


fine di lavorare per lumanit dolente.

94
Sam ael Aun W eor

Su ambo i lati del portone sul quale si trovano le figure


simboliche, Nicolas Flamel scrisse: A Dio piace molto la
processione, se la fanno con devozione. Questo si in-
terpreta nel senso che la successione dei colori nella
Grande Opera, vale a dire la trasmutazione sessuale,
gradita a Dio, perch ci convertiamo in divinit: Dei e
Dee.

Tutti i nostri discepoli e discepole gnostici possono resu-


scitare dai morti e conservare il proprio corpo fisico per
milioni di anni se praticano con la magia sessuale, vale a
dire lavorando con il grande Arcano.

Attualmente, nel mondo vivono grandi Maestri i cui corpi


datano fino a molti milioni di anni.

Il conte Saint Germain, che oper nelle corti di Europa


durante i secoli sedicesimo, diciassettesimo e diciottesi-
mo, vive ancora con il suo stesso corpo fisico.

Lenigmatico e poderoso conte Cagliostro, conserva an-


cora il corpo fisico che aveva in mezzet. Esistono mi-
lioni di esseri umani che formano lumanit divina, e che
conservano il proprio corpo in stato di jina.

Questimmortali lavorano per lumanit dolente. Alcuni di


questi esseri umanidivini, hanno dato il grande salto,
hanno portato il loro corpo fisico in altri pianeti pi a-
vanzati.

Se tu, benamato lettore, vuoi raggiungere queste altez-


ze delliniziazione, pratica magia sessuale e rimani con
fermezza nel nostro Movimento Gnostico, non te ne devi
andare da questo grande Movimento esoterico.

Sappi che attualmente siamo noi, gli gnostici, gli unici


che stiamo dando il grande Arcano allumanit dolente.

95
I l libro giallo

Attualmente esistono mentalit sfavillanti di intellettuali-


t, che lottano per fare uscire gli studenti gnostici
dallunico sentiero che pu realmente, ed in forma asso-
lutamente pratica, convertirli in divinit terribilmente di-
vini.

Se tu, benamato discepolo, provi la tua fedelt alla


Grande Causa, noi, i Fratelli Maggiori del Tempio, ti por-
teremo per mano fino alla resurrezione alchemica.

96
Sam ael Aun W eor

Capitolo IV
LA MADRE COSMICA

Dio non ha alcuna figura. Dio coessenziale con lo spa-


zio astratto assoluta. Dio Lui Lui Lui Dio possiede
due aspetti: saggezza e amore. Dio come saggezza
Padre; Dio come amore Madre.

Cristo il Figlio di Dio. Cristo non un individuo, Cristo


un esercito.

Cristo lesercito della voce, il Verbo.

Prima che spuntasse laurora del nuovo giorno cosmico,


il Padre, la Madre ed il Figlio erano uno: Lui Lui Lui

Dio come Padre risiede nellOcchio della Saggezza.

Questocchio situato tra le due sopracciglia.

Dio come Madre risiede nel tempiocuore.

Saggezza e amore sono le due colonne portanti della


grande Loggia Bianca.

97
I l libro giallo

Dentro ogni essere umano esiste un soldato dellesercito


della voce.

Questo il Cristo interiore di ogni uomo che viene al


mondo.

Luomo settuple soltanto lombra peccatrice di questo


soldato dellesercito della voce.

Abbiamo bisogno di incarnare lUomo Sole, il Cristo inte-


riore. La Madre Divina ci aiuta. Chiedete e vi sar dato,
bussate e vi sar aperto.

Dio come amore Iside, a cui nessun mortale ha solle-


vato il velo. Chi colui che si azzarder a sollevare que-
sto velo terribilmente divino?

Poveri loro i profani e i profanatori che si azzarderanno


anche solo a toccare questo velo!

Quando il devoto compie le sue preghiere alla Madre Di-


vina, deve avere sonno e rimanere sommerso in profon-
da meditazione interiore. Il vero devoto non si alza dal
suo letto, non mangia e non beve finch non ha
ricevuto la sua risposta dalla Divina Madre.

La Madre divina non ha forma, per suole prendere al-


cune forme per rispondere al supplicante. Pu presen-
tarsi come Iside, Rea, Cibele, Tonantzin, Maria, ecc.,
ecc., ecc.. Quando la Divina Madre ha dato la sua rispo-
sta al devoto, disintegra la sua forma istantaneamente
in quanto non ne ha bisogno.

La Divina Madre il secondo aspetto di Lui, e si chiama


Amore. Lamore una sostanza che coessenziale con
lo spazio astratto molto profondo.

La Divina Madre non una donna, tantomeno alcun in-


dividuo. unicamente una sostanza incognita.

98
Sam ael Aun W eor

Qualunque forma che Egli prenda, si disintegra un istan-


te dopo. Egli Amore.

Dio Madre Amore. Dio Madre ci adora, ci ama terribil-


mente. La Divina Madre del mondo sale per il canale mi-
dollare convertita in serpente di fuoco quando lavoriamo
con lArcano A.Z.F..

La Divina Madre del mondo Devi Kundalini. La Divina


Madre porta suo figlio tra le sue braccia amorose.

Il Cristo interiore di ogni uomo quel figlio. La Madre


Lui Lui Lui Iside Amore Mistero

Il devoto che desidera poteri, deve chiederli alla Divina


Madre. Il vero devoto si umilia davanti a Dio Madre.

Se il devoto sinceramente risoluto nel correggere i suoi


errori e a calpestare il sentiero della santit, pu chiede-
re alla Divina Madre il perdono del suo karma passato, e
la Divina Madre lo perdona. Per, se il devoto non si cor-
regge n segue il sentiero della santit, allora diventa
inutile chiedere il perdono alla Madre Divina, in quanto
lei non lo perdoner.

La Madre Divina perdona i suoi figli sinceramente pentiti.


Lei sa perdonare i suoi figli perch sono suoi figli.

Tutto il karma delle cattive azioni delle passate reincar-


nazioni possono essere perdonate dalla Madre Divina.
Quando il pentimento assoluto il castigo superfluo.

99
I l libro giallo

CONCLUSIONE

Abbiamo concluso questo lavoro. Qui, benamato lettore,


hai un libro doro. Questo il libro dei grandi misteri.
Mai nella storia dei secoli, alcun Maestro si azzardato a
dare pubblicamente i terribili segreti contenuti in questo
libro. Qui, amatissimo fratello, hai un libro con il quale
puoi trasformarti in un dio terribilmente divino.

Studia, caro lettore, questo libro. Pratica con il grande


Arcano. Non perdere tempo teorizzando. Loppio delle
teorie pi amaro della morte.

Ricorda, benamato discepolo, che noi Fratelli Maggiori


della gran Loggia Bianca, vogliamo aiutarti. Lavora con
intensit nella Grande Opera.

Tu puoi risvegliare il fuoco serpentino con le chiavi date


in questo libro.

Tu puoi far ruotare i chakra con il fuoco sacro. Tu puoi


apprendere ad entrare nei mondi interni a volont, con i
tesori che ti regaliamo in questo libro.

Qui hai, benamato lettore, lelisir di lunga vita, la scienza


spaventosamente divina che riempie di orrore i profani.

100
Sam ael Aun W eor

In questo libro abbiamo regalato i tredici segreti della


resurrezione. Con questa scienza misteriosa tu otterrai
poteri per vincere la morte.

Qui hai la chiave del mistero 13. Ora, benamato lettore,


tutto dipende da te. Puoi resuscitare dai morti e restare
vivo per milioni di anni.

Se vuoi trionfare, abbi forza e volont, non ti lasciare


portar fuori dal reale cammino. Ricorda che attualmente
esistono personaggi tenebrosi di sfavillante intellettuali-
smo che lottano contro il Movimento Gnostico Cristiano
Universale. Rimani allerta e vigilante come la vedetta in
tempo di guerra.

Il nostro maggior anelito, fratello della mia anima, ser-


virti, aiutarti, condurti per mano per il cammino angusto,
stretto e difficile, che conduce alla luce.

Studia questo libro. Medita, prega e lavora col grande


Arcano. La nostra divisa thelema.

Che il vostro Padre che sta in segreto e la vostra Divina


Madre Kundalini vi benedicano.

Vostro proprio Essere.

Samael
Aun
Weor

101
I l libro giallo

INDICE
Nota del traduttore .................................................... 3
Prologo. .................................................................... 5
Introduzione ............................................................. 7

IL LIBRO GIALLO
Capitolo I................................................................ 6
Lamore
Capitolo II .............................................................. 8
Kundalini
Capitolo III .......................................................... 12
I due testimoni
Capitolo IV ........................................................... 14
Canto mantrico per risvegliare il kundalini
Capitolo V ............................................................. 16
I figli della saggezza
Capitolo VI ........................................................... 18
Urdhvarata
Capitolo VII .......................................................... 20
La Madre Cosmica
Capitolo VIII ........................................................ 22
Pranayama cristico egizio
Capitolo IX ........................................................... 26
Trasmutazione sessuale per celibi
Capitolo X ............................................................. 28
Ordine e disciplina esoterica
Capitolo XI ........................................................... 30
La meditazione
Capitolo XII .......................................................... 31
Prime esperienze chiaroveggenti e chiaroudienti
Capitolo XIII ........................................................ 35
La sottile voce
Capitolo XIV ......................................................... 38
Stato di jina
Capitolo XV ........................................................... 50
Utensili e profumi

102
Sam ael Aun W eor

Conclusioni ........................................................... 52

OPUS MAGNUM .................................................... 54


Capitolo I .............................................................. 54
Il Magnum Opus
Capitolo II............................................................. 62
Kundalini
Capitolo III ........................................................... 66
La resurrezione dei morti
Capitolo VII .......................................................... 73
La Madre Cosmica
Conclusione .......................................................... 75

103