Sei sulla pagina 1di 40

CIRCUITI DI COMANDO

CIRCUITI

DI POTENZA

DI COMANDO

Trasferiscono energia al
sistema

Sono delegati a
trasferire gli ordini
ai dispositivi e
circuiti di manovra

Circuiti di comando
a sicurezza positiva
Failure to safety

Sono circuiti che garantiscono


un comando certo a un
circuito di potenza nel caso in
cui la sua mancata
interruzione possa creare
situazioni pericolose

Analisi comparata di un C.to di


comando elementare formato da
contattore azionato da un
contatto di sicurezza
NB: per contatto di sicurezza si
intende contatto ausiliario di
comando con funzioni di sicurezza

Il motore deve fermarsi quando vengono


meno le condizioni di sicurezza ovvero
quando interviene il contatto venendo meno
la sicurezza

CASO 1

CASO 1

La condizione di sicurezza quella in cui il


contatto S aperto
Se viene a meno questa condizione il
contatto si chiude aprendo t

Inconvenienti al Caso 1
Se viene meno tensione nel c.to di
comando di S e questo non si autorivela
con il fermo Macchina, nel caso di
intervento del dispositivo di sicurezza, il
motore non si ferma
In caso di guasto di S il motore non si
ferma

CASO 2

CASO 2

La condizione di sicurezza quella in cui il


contatto S aperto
Se viene a meno questa condizione il
contatto si chiude eccita T che apre t

Inconvenienti al Caso 2
Se viene meno tensione nel c.to di
comando di S e questo non si autorivela
con il fermo Macchina, nel caso di
intervento del dispositivo di sicurezza, il
motore non si ferma
In caso di guasto di S il motore non si
ferma
In caso di mancanza di tensione sul c.to di
comando T non si eccita

CASO 3

CASO 3
La condizione di sicurezza quella in cui il
contatto S chiuso
Se viene a meno questa condizione il
contatto S si apre diseccitando T che
apre a sua volta t

Inconvenienti al Caso 2
Lunico inconveniente la mancata
apertura di S in caso di guasto al
dispositivo di sicurezza
Nel caso di mancanza di tensione ai
comandi il guasto si autorivela fermando il
motore
Se le condizioni sono in sicurezza ma il
contatto di S non si chiude, il guasto
autorilevato

Le condizioni di sicurezza sono


dunque pi affidabili nel caso 3
Un contatto di sicurezza deve essere posto
sempre in serie alla bobina e la condizione
di sicurezza si deve avere con contatto S
chiuso rispetto alla posizione di normale
aperto quando non premuto

In caso di arresto per mancata


sicurezza meglio :
Combinare il c.to di comando contro
lavvio della macchina in caso di ripristino
della sicurezza
E auspicabile che lintervento di una
sicurezza imponga lintervento di ripristino
manuale con operatore e mai affidato ad
un automatismo

Affidabilit in apertura
Robustezza
Non devono essere frapposti elementi elastici
fra attuatore e contatti mobili
Se possibile applicare i contatti direttamente
sullorgano controllato
Accoppiamento rigido fra organo e contatto e
loro verifica nel tempo delle reciproche
posizioni
Uso in condizioni gravose del doppio contatto
di sicurezza con doppio attuatore

Il solo doppio contatto meno sicuro in


caso inceppamento della meccanica

Affidare sempre lapertura del contatto


allorgano controllato e mai alla molla
antagonista che li deve solo poter chiudere

In caso di danneggiamento alla meccanica


del contatto il guasto si autorivela nel
ripristino

Ovvero protezione contro il


funzionamento intempestivo per
guasti a terra

Uno o pi guasti a terra


possono provocare o il mancato
arresto della macchina, un
avviamento indesiderato o un
by-pass per i contatti di
sicurezza

Il guasto di figura pu tenere eccitato il contattore anche in caso di


intervento di B. Nei sistemi TT potrebbe non scattare il diff.le , nei sistemi TN
se la corrente non elevata potrebbe non intervenire la protezione

In questo caso un secondo guasto annulla tutte le sicurezze

Dunque raccomandabile :
Alimentare i C.ti di comando con trafo
avente un polo a massa e laltro protetto
contro le sovracorrenti
Solo su questo polo inserire il contatti di
sicurezza
Garantire il comune sulle bobine

Qualsiasi guasto a terra L-M o un


c.to c.to

Senza comune sulle


bobine il problema rimane

E dunque necessario collegare a terra tutte le


masse coinvolte nei circuiti di comando a
prescindere dai contatti indiretti.
Un doppio guasto (che by-passa delle sicurezze)
con una massa non a terra non implica lintervento
del fusibile ed elimina i contatti di sicurezza
sicurezza

Il collegamento di figura (piuttosto diffuso), in caso del guasto di figura, la


tensione dimezzata pu tenere eccitata la bobina. Si nota che il guasto
provoca lintervento del solo fusibile in alto.

Nel caso di collegamento a terra del mediano di un


trafo di comando

necessario :

Protezione differenziale bipolare


Oppure
Un rel che interrompa i poli del trafo con un
primo guasto a terra

Circuiti di comando alimentati in


corrente continua

Circuiti di comando alimentati in corrente


continua con ponte di Graetz

E necessario mettere a terra un polo del ponte


Un eventuale circuito in c.a. a monte pu non
essere pi sufficiente

Evitare tratti lunghi di collegamento fra


contattori e dispositivi di sicurezza

I conduttori paralleli sono caratterizzati da


capacit parassite che consentono il circolare
di correnti capacitive capaci di mantenere
eccitato un contattore

Tensione dei C.ti di comando


Non necessaria che sia ridotta salvo che
in taluni casi (luoghi MARCI)
Le pulsantiere portatile sono consigliate di
classe II
In altri casi la bassa tensione rende meno
efficace e talvolta pi gravoso il C.to di
comando

Doppio contattore
Per attuatori molto pericolosi il circuito di
potenza si realizza con la serie di due
contattori
Leventuale saldatura dei contatti di uno
solo pu non arrestare lattuatore

ROSSO

INDICATORI

PULSANTI

Indicazione di pericolo
Presenza di tensione
Blocco di una sicurezza
Intervento di allarmi

Arresto della macchina


Disinserzione di un c.to
Intervento di emergenza,
di un allarme

VERDE
INDICATORI
Via libera
Condizione di sicurezza

PULSANTI
Avviamento
Inserzione
(NB consentito anche per
queste funzioni i colori
nero bianco o grigio)

GIALLO
INDICATORI

PULSANTI

Imminente cambio di
condizioni
Tenere sotto controllo un
evento anche se non
pericoloso

Evitare eventi indesiderati


Soppressione di
condizioni anormali

BLU BIANCO NERO GRIGIO


I comandi a uomo morto o uomo presente sono
consigliati NERI
Si possono usare per azionamenti ripetuti di
marcia o arresto
In tutte le situazioni diverse dalle precedenti