Sei sulla pagina 1di 22

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLT DI INGEGNERIA

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA CIVILE - CURRICULUM EDILE

Corso: Professore: Oggetto Esercitazione:

Architettura Tecnica 2 Pietro Piva Realizzazione di due Organismi Edilizi Residenziali situati nel Comune di Monfalcone, provincia di Gorizia, adiacenti a Via Monti.

Giovanni Cechet

Matricola n. 87300300

A.A. 2008/2009

SOMMARIO
Ambito dintervento ................................................................................................................................................................................3 Inquadramento Territoriale ................................................................................................................................................................3 Identificazione urbanistica ..................................................................................................................................................................3 Dati Catastali .......................................................................................................................................................................................6 Interventi Urbanistici ...............................................................................................................................................................................7 Opere di Urbanizzazione.....................................................................................................................................................................7 Lottizzazione .......................................................................................................................................................................................7 Lotto dintervento...............................................................................................................................................................................8 Descrizione Intervento ............................................................................................................................................................................9 Tipologia edilizia .................................................................................................................................................................................9 Percorso del sole ................................................................................................................................................................................9 Azione agenti atmosferici .................................................................................................................................................................11 Disposizione alloggi ..........................................................................................................................................................................11 Barriere architettoniche ...................................................................................................................................................................12 Distribuzione Interna ........................................................................................................................................................................12 verifiche dimensionali .......................................................................................................................................................................13 Soluzioni costruttive ..............................................................................................................................................................................14 Soluzioni tecnologiche ......................................................................................................................................................................14 Scelte architettoniche .......................................................................................................................................................................15 Materiali ...........................................................................................................................................................................................15 SImulazioni fotorealistiche ....................................................................................................................................................................16 Vista aerea intervento ......................................................................................................................................................................16 Vista complessiva intervento ............................................................................................................................................................17 Vista fronte sud ................................................................................................................................................................................18 Vista fronte nord...............................................................................................................................................................................19 Scorcio su ingresso pedonale............................................................................................................................................................20 Prospetto Sud ...................................................................................................................................................................................21 Prospetto Nord .................................................................................................................................................................................21 Prospetto Ovest ................................................................................................................................................................................22 Prospetto Est ....................................................................................................................................................................................22

AMBITO DINTERVENTO INQUADRAMENTO TERRITORIALE


Il lotto edificabile oggetto di intervento sito in periferia del Comune di Monfalcone, provincia di Gorizia, accessibile da via Monti e Via Goldoni.

IDENTIFICAZIONE URBANISTICA
Il lotto ricade in zona territoriale omogenea C1, zona destinata dal P.R.G.C. vigente alla nuova edificazione, con destinazione prevalentemente residenziale.

Si ritiene opportuno riportare di seguito un estratto delle Norme Tecniche di Attuazione: ART. 16 Zone territoriali omogenee A B C: Residenziali. Le destinazioni duso ammesse nelle zone residenziali (A,B,C) sono le seguenti: residenze; attivit religiose, sociali, assistenziali, culturali e ricreative; attivit commerciali compatibili con la residenza, pubblici esercizi; attivit artigianali di servizio; attivit ricettivo alberghiere; attivit direzionali. [] Zona territoriale omogenea C Comprende le aree destinate alla nuova edificazione prevalentemente residenziali, la cui edificazione deve essere preceduta dallapprovazione di PRPC di iniziativa pubblica o privata, estesi agli interi ambiti cos come individuato nella tavole P6-A e P6-B Zonizzazione, che preveda il conferimento di aree per servizi e delle opere di urbanizzazione nella misura prevista dalla legislazione vigente in materia. Si attuano previa stipula di convenzione che definisce lassunzione, a carico del proponente degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primaria e di quota parte delle opere di urbanizzazione secondaria o di allacciamento della zona ai pubblici servizi. In nessun caso potranno essere completamente scomputate dal pagamento degli oneri di urbanizzazione secondaria le relative opere. Sono ammesse le seguenti destinazioni duso: residenza; attivit artigianali compatibili con la residenza o comunque non classificate insalubri; attivit direzionali e servizi pubblici e privati compatibili con la residenza; attrezzature per la ricettivit e la ristorazione; attivit commerciali compatibili con la residenza, quali negozi e pubblici esercizi. E esclusa qualsiasi attivit inquinante. Le attivit non residenziali devono essere inserite nel contesto residenziale senza comprometterne la qualit. La zona omogenea C si suddivide nelle seguenti sottozone: C1, C2 e C3 i cui parametri sono pi avanti specificati. In apposto elaborato, denominato Quaderno degli ambiti zone omogenee C sono stati comunque esplicitati puntualmente i parametri per ogni singolo ambito incluso nelle zone C1 e C2, a seconda delle caratteristiche e localizzazione del medesimo sul territorio comunale, come pure la dotazione di aree per attrezzature e servizi da attribuire a ciascuno. Zona C1 La nuova edificazione dovr rispettare i seguenti parametri: indice fabbricabilit territoriale: mc/ha 15.000; altezza massima: ml. 10 salvo diversa prescrizione quaderno degli ambiti; 4

distanza dai confini: ml. 5; distanza delle strade: ml. 5. Le distanze minime tra pareti finestrate degli edifici antistanti dovranno essere pari allaltezza del fabbricato pi alto, anche quanto una sola parete sia finestrata, qualora gli edifici si fronteggino per uno sviluppo superiore a ml. 12, fatta salva la distanza minima di ml. 10.

Come indicato nello stralcio del piano regolatore proposto, il lotto in questione viene maggiormente regolamentato e descritto nel Quaderno degli ambiti zone omogenee C, del quale si riporta la sezione riguardante lintervento:

L'area, individuata a sud della via Monti, si estende su una superficie di PRGC di circa mq. 8.995,00. Dati quantitativi e previsionali indice di fabbricabilit territoriale massimo: mc/ha 15.000; parcheggi per la residenza: minimo mq. 500 (da localizzarsi o in sede stradale al di fuori della carreggiata o in sede propria); nucleo elementare di verde minimo: mq 670 (da localizzarsi in posizione baricentrica e con caratteristiche di unitariet); Infrastrutture e servizi: nuova viabilit interna alla zona quale prosecuzione della via Monti Interna e in continuit della viabilit prevista nella zona C3 via Crociera, via Goldoni che dovr avere le stesse caratteristiche e dimensioni. Lasse stradale dovr essere dotato almeno di un marciapiede su uno dei due lati della carreggiata. rapporto massimo di copertura riferito ai singoli lotti edificabili: 30%; altezza massima ml. 10; numero massimo di piani: 3; 5

distanza dai confini laterali e posteriori: ml. 5; distanza dalla strada: ml. 5 tipologie costruttive: singole o abbinate; a schiera; in linea; a blocco. Destinazioni duso residenza attivit artigianali compatibili con la residenza o comunque non classificate insalubri; attivit direzionali e servizi pubblici e privati compatibili con la residenza; attrezzature per la ricettivit e la ristorazione; attivit compatibili con la residenza, quali negozi, pubblici esercizi. E esclusa qualsiasi attivit inquinante. Le attivit non residenziali devono essere inserite nel contesto residenziale senza comprometterne la qualit. Nei lotti residenziali vietata la costruzione di edifici di servizio isolati. Nei lotti residenziali, le aree scoperte, per la quota eccedente il fabbisogno di edifici stanziali, dovranno essere sistemate a giardino con collocamento di alberi ad alto fusto ed essenze autoctone.

DATI CATASTALI
Il lotto in esame interessa la particella catastale 431/1 e parte della particella 429/1, facenti parte del foglio 36 della mappa catastale del Commune Censuario di Monfalcone. Si riporta di seguito (non in scala) il foglio, ove si opportunamente evidenziato il perimetro dellAmbito C1.

INTERVENTI URBANISTICI
Come evidenziato dal rilievo fotogrammetrico proposto, il lotto non presenta alcuna opera di urbanizzazione, per tanto si resa necessaria una prima fase di definizione delle infrastrutture urbane di base per la fruizione pedonale e carraia del lotto, procedendo quindi alla suddivisone dello stesso in lotti di dimensioni pi adeguate alle destinazioni duso proposte.

OPERE DI URBANIZZAZIONE
Nel rispetto delle indicazioni fornite dal P.R.G.C., si prevede la realizzazione di una strada a doppia corsia, con marciapiede, che colleghi Via Monti interna al lotto in oggetto di intervento, ed al lotto edificabile adiacente. Si posta attenzione nella progettazione di tale strada, agli accessi carrai dei lotti esistenti. Sono previsti parcheggi e verde in metrature sufficiente a soddisfare le norme imposte. Per quel che riguarda i parcheggi si ritenuto opportuno un loro posizionamento lungo strada, in modo da garantirne la miglior fruizione degli stessi. Per quel che riguarda il verde pubblico invece, si previsto un piccolo parco in posizione centrale, quindi una piccola zona adiacente ai parcheggi. Si propone quindi una tabella riepilogativa degli interventi previsti, raffrontanti con i parametri imposti P.R.G.C.: P.R.G.C. verde pubblico parcheggi viabilit lotti edificabili totale 670 mq 500 mq PROGETTO 675 mq 600 mq 2629 mq 5091 mq 8995 mq

LOTTIZZAZIONE
Considerata la superficie del lotto e la particolare conformazione dello stesso, si ritenuto opportuno procedere con una sua suddivisione in lotti con metratura consona a singole unit edilizie. Per ogni singolo lotto si sono definite superfici e cubature massime di edificazione, nel rispetto dellindice di fabbricabilit territoriale e dei limiti imposti dal P.R.G.C..

Con tale operazione, si giunti allidentificazione di 11 lotti edificabili, dimensionati tenendo conto delle due tipologie costruttive previste in fase di progettazione: in linea e bifamiliare; per un solo lotto, identificato dalla sigla C1, causa particolare conformazione e posizione, non stata prevista alcuna destinazione particolare, preferendo identificare le sole linee di inviluppo ed indicarlo come terreno edificabile. Si riporta quindi una tabella riepilogativa del risultato ottenuto: LOTTO A1 A2 B1 B2 B3 B4 B5 B6 B7 B8 C1 edificabile bifamiliare bifamiliare bifamiliare TIPOLOGIA in linea in linea bifamiliare SUP. [mq] 825 826 334 315 323 329 339 334 335 455 676 SUP. COPERTA [mq] 247 247 93 93 93 93 93 93 93 93 203 (30%) (30%) (28%) (30%) (29%) (28%) (27%) (28%) (28%) (20%) (30%) VOL. [mq] 1970 1970 558 558 558 558 558 558 558 558 608

Lobiettivo perseguito stato di raggiungere il massimo sfruttamento possibile del lotto, cercando quindi di compensare aspetti ambientali e di distribuzione con laspetto economico. Per maggiore chiarezza espositiva si riporta di seguito una tabella contenente i risultati ottenuti rispetto ai parametri imposti dal piano: INDICA FABBR. TERRITORIALE SUPERFICIE LOTTO VOLUME REALIZZABILE VOLUME REALIZZATO INDICE FABBR. FONDIARIA 1,5 8995 13493 9012 1,01 mc/mq mq mc mc mc/mq

Lindice di fabbricabilit fondiaria ottenuto, molto pi basso rispetto allindice di fabbricabilit territoriale, causato dalla scelta di realizzare non solamente edifici in linea, o comunque con relativa elevazione verticale, ma a anche organismi residenziali di tipo bifamiliare con due piani fuori terra, riducendo di fatto il volume totale edificato. Inoltre parametri imposti dal piano regolatore, come ad esempio la superficie coperta massima del 30%, rendono pi difficoltoso uno sfruttamento di tutti i metri cubi consentiti. La particolare conformazione del lotto ha reso difficile il posizionamento ideale della strada descritto in precedenza, con la posizione scelta si favorisce, in quanto esposizione, i due edifici in linea previsti, mentre si sfavoriscono gli edifici bifamiliari. Per un ulteriore approfondimento di questi aspetti si rimanda alla Tavola 1 in allegato.

LOTTO DINTERVENTO
Si deciso di sviluppare la progettazione al livello di progetto definitivo di due organismi edilizi residenziali posti nei lotti identificati dalle sigle A1 e A2, lasciando il resto dei lotti alla sola definizione dei parametri base di progettazione. La scelta ricade su tali lotti, in quanto su questi che si decisa ledificazione dei due interventi pi rilevanti in termini di cubatura e superficie. In questo modo favorito laspetto didattico dellesercitazione.

Inoltre i due lotti in oggetto risultano essere quasi equivalenti, consentendo quindi la realizzazione di due organismi edilizi uguali. In seguito quindi si identifica con organismo edilizio residenziale in oggetto uno dei due organismi edilizi di cui sopra.

DESCRIZIONE INTERVENTO TIPOLOGIA EDILIZIA


Fatte le opportune considerazioni in base ai parametri edilizi fissati per il lotto ed alle caratteristiche dello stesso, si optato per la progettazione di due organismi edilizi residenziali aderenti alla tipologia in linea, anche se con qualche distinzione dalla definizione esatta. Di tale tipologia di edifici infatti si data particolare importanza alle seguenti caratteristiche: comunicazioni verticali comuni posizionate sul lato nord delledificio lotto di pertinenza comune presenza di pi (due) alloggi per piano tre piani fuori terra

Si deciso invece di non dare particolare rilievo, nel caso specifico, ad una delle caratteristiche pi connotanti di queste tipologie di edifici: laggregabilit sui lati corti; tale aspetto infatti risulta rilevante nel caso di organismi edilizi posti in centri storici o comunque densamente abitati. La scelta risulta quindi lecita, in quanto si considera un lotto in una periferia urbana; inoltre operando in questo modo si potuta favorire una migliore illuminazione e ventilazione dei locali interni, come verr esposto in seguito. Nella tabella seguente viene riepilogata la composizione dellorganismo edilizio base: n.6 autorimesse n.6 cantine area di manovra n.2 alloggi n.2 alloggi n.2 alloggi

PIANO INTERRATO PIANO TERRA PIANO PRIMO PIANO SECONDO

Il collegamento tra gli alloggi sistemati su piani diversi garantito da un apparato di comunicazione verticale in posizione centrale (come sottolineato in precedenza) comprensivo di una scala comune e un ascensore a norma per quel che riguarda labbattimento delle barriere architettoniche.

PERCORSO DEL SOLE


Lesposizione dei due organismi edilizi (cos come quella del lotto edificabile in generale) risulta ottimale, in quanto il lato sud / sud - ovest risulta completamente privo di edifici o altre barriere per la luce solare a distanza rilevante. La situazione ben dimostrata dalla seguente illustrazione, in cui si vuole rappresentare il percorso del sole nei due solstizi e nei due equinozi:

Inoltre si riporta per completezza espositiva anche la carta solare relativa a tale latitudine e longitudine, anche se, viste le considerazioni fatte in precedenza, risulta completamente pulita da qualsiasi ostruzione allilluminazione.
90 85 80 75 70 65 60 55 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 21 MARZO - 21 SETTEMBRE 21 GIUGNO 21 DICEMBRE 21 gennaio - 21 novembre 21 febbario - 21 ottobre 21 aprile - 21 agosto

ALTEZZA SOLARE []

ORA

10

AZIONE AGENTI ATMOSFERICI


Lagente atmosferico maggiormente rilevante nella zona risulta essere il vento caratteristico delle aree poco lontane dal mare della regione Friuli Venezia Giulia: la bora; seppur soffi con meno intensit rispetto allarea triestina, lazione di tale agente atmosferico va tenuto in debita considerazione. Si riporta quindi una planimetria generale che ne identifica la direzione e limpatto sullintervento edilizio. Nellillustrazione sono inoltre evidenziati gli altri principali venti presenti nella zona.

DISPOSIZIONE ALLOGGI
Prima di analizzare la distribuzione interna dei singoli alloggi, si ritiene opportuno trattare la disposizione degli stessi allinterno delledificio, ed esplicitare la convenzione nella nomenclatura degli stessi nellillustrazione proposta di seguito. Inoltre dalle tavole proposte si verifca che stata prevista (come da regolamento edilizio) una rimessa al servizio di ogni singolo alloggio, posizionate nel piano interrato dellorganismo edilizio. Le rimesse cos posizionate risultano essere servite da unadeguata area di manovra esterna e messe in comunicazione con la viabilit di lottizzazione con una rampa di pendenza inferiore al 20%. Si cos garantito il rispetto del rapporto di 1 metro quadro di partheggio privato ogni 10 metri cubi di volume edificato. Infine si evidenzia come sia stato sfruttato lo spazio eccedente alle rimesse nel piano interrato, per garantire ad ogni alloggio una cantina di pertinenza. Rimane escluso uno spazio di dimensioni ridotte, assegnato ad uso comune come deposito.

11

BARRIERE ARCHITETTONICHE
Si posta particolare attenzione allabbattimento delle eventuali barriere architettoniche, consentendo la visitabilit secondo normativa (legge 13/89) di tutti gli alloggi, oltre allaccessibilit completa delle parti comuni quali comunicazioni verticali, lotto di pertinenza e piano interrato. Si inoltre verificata leventuale adattabilit degli alloggi per la completa fruizione da parte di persone diversamente abili. Si verifica che tale requisito soddisfatto con la modifica di sole partizioni interne non portanti, installazione di porte scorrevoli e comunque senza alcuna modifica alla sezione impiantistica delledificio. Si rimanda alla Tavola 6 per la verifica illustrata dei due requisiti di visitabilit ed adattabilit.

DISTRIBUZIONE INTERNA
Tra le varie strade percorse in fase progettuale, si prediletta la soluzione che maggiormente soddisfa i requisiti di benessere ambientale, quali illuminazione naturale, ventilazione e facilit di movimento. Tali criteri sono stati opportunamente bilanciati con lo sfruttamento degli spazi, cos da tenere in considerazione il non meno importante aspetto economico. Si quindi giunti ad una soluzione abbastanza canonica per una casa in linea, disponendo (come illustrato nella pianta proposta di seguito riguardante un alloggio tipo) le due fasce funzionali principali: giorno e notte, sui due lati pi estesi delledificio, mantenendo invece la fascia relativa ai servizi in posizione centrale.

12

Grazie alla scelta operata e descritta in precedenza di mantenere anche i lati corti liberi, si potuto realizzare ambedue i servizi igienici completi di apertura e quindi areazione naturale. Gli alloggi sono tutti previsti di due camere, di dimensioni e disposizione sufficienti a rispettare le normative vigenti, come verr pi in dettaglio verificato in seguito. Laccesso alla zona notte, comprensiva dei due bagni, e la separazione della stessa dalla zona giorno, garantito grazie alla presenza di un disimpegno. Solamente negli alloggi del primo e secondo piano stato possibile linserimento di un piccolo ripostiglio, subito allingresso, in zona giorno. Negli alloggi al piano terra tale spazio invece sacrificato in favore al posizionamento dellingresso delledificio. Il soggiorno risulta di dimensioni adeguate in relazione alla tipologia edilizia; pur essendo passante per laccesso alla in cucina, si cercato di creare un percorso preferenziale con la disposizione dellarredamento proposta. Si optato per la progettazione di una cucina separata dalla zona giorno vera e propria, seppur consentendo, previo abbattimento della partizione interna, la creazione di un angolo cottura unito al soggiorno. Si fa notare infine come sia dalla cucina che dal soggiorno sia raggiungibile un ampio terrazzo, che consente (come evidenziato nellarredo proposto) anche il posizionamento di un tavolo per ospiti. Nella parte posteriore delledificio, ovvero quella lato nord, si invece deciso di posizionare un balcone in comunicazione con la camera principale. Essendo di dimensioni relativamente ridotte, e comunque in posizione sfavorevole, luso previsto puramente di servizio, ad esempio per lasciugatura dei panni. Per un dettaglio maggiore sugli aspetti distributivi e di arredabilit, si rimanda alla Tavola 5 in allegato.

VERIFICHE DIMENSIONALI
Si propone in questo paragrafo una tabella riepilogativa dei dimensionamenti di ogni vano dei 6 alloggi che vanno a comporre lorganismo edilizio. Tali valori si sono opportunamente confrontanti con i parametri imposti dal Regolamento Edilizio Vigente.

13

VANO soggiorno cucina disimpegno ALLOGGIO A1 PIANO TERRA portico balcone camera matrim. camera doppia bagno bagno totale soggiorno cucina disimpegno PIANO PRIMO ALLOGGIO B1 terrazza balcone camera matrim. camera doppia bagno bagno ripostiglio totale soggiorno cucina disimpegno PIANO SECONDO terrazza ALLOGGIO B3 balcone camera matrim. camera doppia bagno bagno ripostiglio totale

SUP. [mq] 26,43 10 4,56 12,6 3,28 13,63 12,81 5,33 4,29 92,93 28,46 10 4,56 12 3,28 13,63 12,81 5,33 4,29 2,63 96,99 28,46 10 4,56 12 3,28 13,63 12,81 5,33 4,29 2,63 96,99

R.E. 14 6 12 12 14 6 12 12 ALLOGGIO B2 ALLOGGIO A2 -

VANO soggiorno cucina disimpegno portico balcone camera matrim. camera doppia bagno bagno totale soggiorno cucina disimpegno terrazza balcone camera matrim. camera doppia bagno bagno ripostiglio totale

SUP. [mq] 26,43 10 4,56 12,6 3,28 13,63 12,81 5,33 4,29 92,93 28,46 10 4,56 12 3,28 13,63 12,81 5,33 4,29 2,63 96,99 28,46 10 4,56 12 3,28 13,63 12,81 5,33 4,29 2,63 96,99

R.E. 14 6 12 12 14 6 12 12 -

14 6 12 12 ALLOGGIO B4

soggiorno cucina disimpegno terrazza balcone camera matrim. camera doppia bagno bagno ripostiglio totale

14 6 12 12 -

SOLUZIONI COSTRUTTIVE SOLUZIONI TECNOLOGICHE


Le soluzioni tecnologiche adottate sono tradizionali ed in linea con la tipologia edilizia realizzata. Di seguito si descrivono a sommi capi le scelte efettuate, per un maggior dettaglio sui particolari costruttivi, ci si rif alla Tavola 7 in allegato. La struttura portante del tipo intelaiata in cemento armato, per quel che riguarda i piani fuori terra; mentre per il piano interrato una struttura di tipo scatolare sempre in cemento armato. 14

Per i solai si utilizzata la soluzione del laterocemento, aggiungendo gli opportuni strati di isolamento ed eventuale alloggiamento impianti. Le fondazioni si realizzano con la tipologia a piastra, questo in linea con le scelte apportate in zona, visto che ci si trova non molto distanti dal mare, ed il terreno presenta alta percentuale di materiale a granatura fine. Per la chiusura perimetrale esterna si scelta una soluzione che favorisse una buona coibentazione termica proponendo un pluristrato non portante in laterizio; si posta particolare attenzione nei nodi in cui alloggiano i pilastri perimetrali, andando ad arginare eventuali ponti termici, come ben visibile anche nella Tavola 5 in allegato. Per gli infissi esterni si sono scelte delle soluzioni in PVC, con vetrocamera, sempre per favorire lisolamento termoacustico. Gli oscuranti, anchessi in PVC, sono del tipo a libro a scorrimento, in particolare per motivazioni di tipo architettonico. Per il resto delle soluzioni tecnologiche e per un maggior dettaglio, si rimanda, come detto prima, alla Tavola 7.

SCELTE ARCHITETTONICHE
Si prediletto uno stile architettonico moderno e piuttosto razionale. Tali scelte si evincono immediatamente dalla scelta di una copertura piana a scapito della pi tradizionale copertura a falde; inoltre si privilegiato forme elementari, una su tutte il parallelepipedo, il quale sostanzialmente, secondo varie dimensioni, va a comporre la quasi totalit dellintervento. Tali scelte si ripercuotono anche al di fuori delledificio stesso, ovvero nel lotto di pertinenza, dove ad esempio si ricercato un portoncino dingresso coperto, anchesso composto da forme elementari, richiamato al recinto ed ai parapetti, per i quali si sono preferiti muretti pieni piuttosto che ringhiere pi tradizionali. Ci si concessa tale libert, in quanto la zona in cui si prevede lintervento risulta, come detto in precedenza, una zona di periferia, in cui i vari edifici presentano caratteristiche eterogenee.

MATERIALI
I materiali seguono pari passo le scelte architettoniche descritte in precedenza. Si propongono pertanto materiali costruttivi come il cemento armato molto presente nellintervento. La rigidezza di tale materiale viene compensata con la scelta di una casseratura delle parti in calcestruzzo armato a vista con tavolette di legno per realizzare una finitura pi leggera. I tratti verticali del calcestruzzo a vista sono contrapposti alle finiture delle pareti esterne delledificio con intonaco tradizionale. Sempre per favorire questo contrasto, per alcuni particolari si scelta una colorazione di forte contrapposizione, come il rosso. Per una migliore lettura delle soluzioni architettoniche scelte, si rinvia alle simulazioni foto realistiche qui inserite, in modo tale da proporre una visione complessiva dellintervento edilizio proposto.

15

SIMULAZIONI FOTOREALISTICHE VISTA AEREA INTERVENTO

16

VISTA COMPLESSIVA INTERVENTO

17

VISTA FRONTE SUD

18

VISTA FRONTE NORD

19

SCORCIO SU INGRESSO PEDONALE

20

PROSPETTO SUD

PROSPETTO NORD

21

PROSPETTO OVEST

PROSPETTO EST

22