Sei sulla pagina 1di 13

1.1 La riforma del disegno in Inghilterra!

Owen Jones - Grammar of Ornaments 1856 - riflessioni sull’ornamento - guarda alla natura!
Walter Crane - linea fondamento primario del disegno - patterns - studia rapporto tra testo e
illustrazione!
Eugene Grasset - sistema grafica con elementi geometrizzanti - 1905 - ornamento astratto !
!
1.2 Il movimento Arts and Crafts!
1851 - Great Exhibition di Londra - Crystal Palace!
meccanizzazione processi -> scadimento bellezza dei prodotti!
!
John Ruskin - esalta immediatezza del gotico e dell’imperfezione - disegno ispirato dalla
dinamicità e dal vitalismo della natura !
!
William Morris - a contatto con i pre-raffaeliti -> inclinazione tardo-romantica - carte da parati con
motivi vegetali e floreali - figurazioni leggere e prive di spessore - ripetizione di pochi elementi
semplici -> Owen Jones!
!
!
1.3 William Morris e la Kelmscott Press!
“le arti dovrebbero ispirarsi a un periodo storico idealizzato tra gotico e quattrocento italiano”!
1861- fonda Morris and Marshall and Faulkner!
si specializza in carte da parati con criteri decorativi e ornamentali innovativi!
1890 - Kelmscott Press - realizza libri e stampe rare - ridisegna alcuni caratteri - annullamento del
naturalismo a favore dell’elemento simbolico bidimensionale!
!
movimento Arts and Crafts in Gran Bretagna riprende insegnamenti di Morris - !
rifiuto della produzione meccanica e rivalutazione lavoro artigianale - rigore tecnico e formale!
!
Mackmurdo - fondatore della Century Guild - grande attenzione alla grafica editoriale!
The Wren’s City Churces - copertina simbolo di Art noveau!
!
!
1.4 Charles Ricketts!
collaboratore di Oscar Wilde !
illustrazioni per “A House of Pomegranates” e “Il ritratto di Dorian Gray” !
inoltre illustra “The Sphinx” sempre di Wilde!
disegno rigoroso - forme allungate - linee di contorno continue!
1896 - fonda la Vale Press !
!
!
1.5 Aubrey Beardsley!
ispirazioni -> Burne-Jones, Morris, giapponismo!
forte carattere della linea - figura netta e decisa - contrasti pieni/vuoti - profili delicati e scattanti!
illustra “Salome” di Wilde -> considerati scandalosi per erotismo!
bidimensionalità assoluta - esasperata figurazione allungata - semplificazione formale!
!
processo a Oscar Wilde provochera il declino delle componenti dell’Art Nouveau inglese!
!
1.5 Will Bradley!
Chicago - ispirato dall Art and Craft inglese!
1894 - The serpentine Dancer - illustrazione fortemente Art Noveau - astrazione pura!
particolare cura per la tipografia !
!
1.6 La Nieuwe Kunst olandese!
influsso inglese + tradizione decorativa orientale!
Jan Toorop - di origine orientale - concezione simbolista + ornamento indonesiano!
LA GRAFICA LIBERTY!
stile che interpreta la società di massa a partire dalla metà del XIX secolo!
principali caratteristiche: linearismo, interpretazione astratta motivi naturalistici!
la linea assume valore percettivo e compositivo, stabilisce i contorni!
importante nel rapporto tra linguaggio verbale e linguaggio visivo - rende omogeneo i due linguaggi
facendo della scrittura stessa un’immagine!
!
1.2.1 I luoghi e i protagonisti!
in Gran Bretagna forte richiamo alla tradizione mediavale (morris) + spinte moderniste e
linearismo serpentino!
Ricketts!
Beardsley!
Mackintosh - stempera il suo geometrismo in forme ricurve e sinuose con accentuato verticalismo!
!
in Francia pittura del Postimpressionismo e del Simbolismo!
linea sinuosa + forte senso del colore -> vaporosa plasticità!
stretti rapporti tra pittura e grafica, giapponismo e lezione di Gauguin nel fare del quadro un
superficie decorativa!
!
in Belgio stretto rapporto tra arte d’avanguardia e grafica!
Henri van de Velde stretta integrazione tra immagine e parola !
1898 - Manifesto per Tropon!
!
in Germania Jugendstil - tendenza alla sintesi delle varie arti!
protagonisti della cultura visiva operanti in campi diversi!
Peter Beherens - immagine coordinata AEG !
!
in Austria movimento della Secessione - 1897 in seguito alla distacco di artisti dall’ambiente
accademico - rivista “Ver Sacrum”!
Hoffmann !
!
in Italia Liberty si diffuse alla fine del XIX secolo e sopravvisse come stile “floreale”!
il principio dell’organicismo diventa puro elemento ornamentale e non struttura portante!
!
1.2.2 Le pubblicazioni periodiche!
le riviste rappresentarono nella seconda metà del XIX secolo un campo aperto a nuove sfide!
britanniche - The Hobby Horse - The Studio - The Yellow Book!
tedesche - Pan - Jugend - Simplicissimus!
austriaca - Ver Sacrum!
presenza di artisti accanto a quella dei disegnatori!
ma è evidente che il modello concettuale del disegno degli architetti sia più appropriato per il
linguaggio grafico - mentre le composizione degli artisti si affidano a spazialità imprecisate!
!
1.2.3 L’editoria e il libro illustrato!
nuove tecniche di stampa -> trasformazione della lettura in abitudine di massa!
1895 - William Morris - “doppia pagina” modulo unitario del libro!
ogni libro una dimensione progettuale unitaria!
elemento ricorrente è l’utilizzo dei capilettera -> la lettera diventava motivo ornamentale!
nell’illustrazione la creatività pura ha la meglio sulla rigorosa progettualità!
i bibliofili rimproveravano agli artisti l’eccessiva libertà!
!
1.2.4 L’evoluzione della stampa!
dalla composizione manuale dei testi a quella meccanica con la linotype!
ricerca di nuove sintesi tra testo e immagine - importanza della fotografia!
!
1.2.5 L’arte del manifesto!
prodotto tipico della nuova società di massa - sui muri delle città come sui quadri nelle pareti!
Jules Cheret e Eugene Grasset furono i primi a equilibrare i rigorosi criteri progettuali
dell’artigianato con la sensibilità della grafica liberty - profondo rapporto da visione e lettura!
Toulose-Lautrect e Bonnard parallelamente si esprimevano in modi artistici -> si individua una
sensibilità visiva ma non una metodologia progettuale !
Jugendstill e Secessione grafica assume connotazione più rigorose e architettoniche!
in Belgio stretto legame tra grafica e pittura!
comunicazione culturale->pubblico in grado di apprezzare le qualità tecniche, figure più complesse!
pubblicitaria -> informazione sintetica e attraente - poche figure ben incise!
!
1.2.6 Jules Cheret!
definito l’inventore del manifesto di qualità artistica!
“Folies-Bergere” 1893 ritmo sinuoso e serpentinato che anticipa art noveau!
effetti pittorici - derivazione dal gusto cromatico impressionista ma linguaggio più sintetico!
tra i più prolifici realizzatori di manifesti!
!
1.2.7 Toulouse-Lautrec!
non sceglie la via simbolista ma resta fedele a pittura postimpressionista!
figure in primo piano taglio esasperato + figure nell sfondo rimpicciolite!
manifesto per “Jane Avril” 1893 taglio diagonale - invenzione dei volti resi veri!
racconto sintetizzato in un’impressione!
!
1.2.8 Eugene Grasset!
influenze giapponesi - anni 90 rappresentazione più fluenti e tipicamente art noveau !
teorie sull’ornamento (tipo walter crane) ispirazione medioevo - giapponese - natura!
“Les plantes et ses applications ornamentales” esce tr tardi per contribuire ad art noveau!
figura femminile rinascimentale - preraffaelita con contorni pesanti + medievalismo!
!
1.2.9 Alphonse Mucha!
cecoslovacco ma vive a Parigi - uno dei cartellonisti più alla del periodo art noveau!
1896 - Gismonda - spettacolo teatrale!
numerose celebri pubblicità - sigarette job!
figure con contorni netti - intrecci virtuosi (capigliatura modelle) !
formato molto verticale - lettering stile decorativo !
rappresentazione bidimensionale - vena simbolista di esotismo orientale!
!
1.3 La grafica in italia!
Liberty primo decennio XXsec trova il suo prolungamento in Italia!
si rielaborano i modelli inglesi-francesi con consapevolezza di trovarsi agli ultimi bagliori di una
cultura al tramonto che si confonde con una nuova sensibilità!
riviste: Emporium, Italia Ride, Novissima!
nuova generazione di grafici con ancora matrice artistica!
Adolfo Hohenstein - locandina per Tosca !
cartellonistica pubblicitaria fa emergere nuovi modelli di comunicazione visiva!
nuova opportunità manifesti cinematografici !
rivalutazione della tradizione grafica italiana !
!
1.3.1 Il manifesto italiano!
valide officine cromolitografiche - tipo casa Ricordi di Milano!
Adolfo Hohenstein dirige l’atelier - viene stampato il manifesto di Tosca che da l’avvio al filone
dell’opera lirica e del melodramma!
sodalizio tra Ricordi e i magazzini Mele di Napoli !
Marcello Dudovich - numerose campagne pubblicitarie!
Aleardo Terzi - impronta verista / impressionista - manifesto Dentol - manif. colorificio italiano!
1.3.2 Leonetto Cappiello!
si trasferisce a Parigi a 22 anni - realizzazione simili a cheret!
1904 - manifesto Chocolat Klaus - colori timbrici sfondo nero, sconvolge tutte le regole!
ormai antirealista e vicino agli espressionisti !
sfondi neri e colori accesi - stile sempre più riconoscibile allontanandosi da ogni modello!
ogni immagine costruita in modo simbolico - prospettiva centrale!
grafica dei caratteri ben equilibrata !
1909 - manifesto Thermogene - ideazione personaggio Pierrot sputafuoco!
la figura inventata dall’artista diventa inscindibile dal prodotto stesso!
a differenza dei francesi che si occupano di spettacoli, interpreta il prodotto di largo consumo!
!
!
1.4 Dallo Jugendstill alla Neue Sachlichkeit!
!
1.4.1 Glasgow e Vienna!
Mackintosh - figurazione che tende all’astrazione e all’interpretazione simbolica - !
fase di tardo art nuveau - fonda la Scuola di Glasgow - non convenzionale funzionalità!
a Vienna - 1987 fondazione della Secessione !
Josef Hoffmann - guarda all’Inghilterra e alle art and crafts!
presenza del gruppo di Glasgow alla mostra secessionista esercita forte influenza stilistica sui
viennesi!
!
1.4.2 Kolo Moser e la Secessione!
gruppo che si forma attorno a Klimt insieme a Kolo Moser e Josef Hoffmann!
Kolo Moser - affine simbologie mitologiche con disegno più asciutto e rogoroso - diventa poi prof!
1898 nasce Ver Sacrum - ispirazione dalla fonte sacra della cultura romana!
Moser progetti di design per la produzione di diverse fabbriche!
1903 con Hoffman fonda la Wiener Werkstatte laboratori tipo art and crafts!
Moser influssi simbolici geometrici due fonti: grafica giapponese e Mackintosh!
interessante ricerca gestaltica - ambiguità della percezione!
predominio del geometrismo - rende astratto l’elemento figurativo!
la sua invenzione sono i patterns e alternanza di figure positive-negative!
tavole Flachenmuster motivi decorativi con diversi gradi di astrazione!
!
1.4.3 Peter Behrens!
in Germania 2 centri!
Monaco rivista Jugend!
Berlino rivista Pan!
dallo Juugendstil deriveranno due filoni !
- Neue Sachlichkeit -> Deutscher Werkbund !
- Primo Espressionismo con componenti simboliste!
rivista “Simplicissimus” diretto da Heine -> manifesto del Bulldog!
concentrazione contenuto - essenzialità del disegno -> Sachlichkeit!
massimo ispiratore Peter Behrens!
1907 fondazione Werkbund!
sostenitore di una concezione arte-industria stretto sodalizio con AEG!
fede nella qualità e spiccata tendenza alla concretezza oggettività della progettazione!
progettare ogni cosa per società multinazionale (AEG)!
semplicità tecnica e messaggi rigorosi e geometrici - griglia grafica con ordine e ritmo!
progettazione lettering proprio!
!
1.4.4 Lucian Bernhard e Ludwig Hohlwein!
Bernard propone elementi essenziali favorendone memorizzazione - caratteri leggibili!
Hohlwein figura al centro -> uomo elegante sportivo ecc!
esprime modello di un elevato tenore di vita interpretato in modo raffinato!
!
1.5 La grafica nella prima rivoluzione artistica!
!
1.5.1 Espressionismo!
ansia di opposizione al positivismo e al conformismo della società - sfogo dei sentimenti!
pittura dai tratti aspri dai colori violenti ->uso della xilografia nella grafica immagine dal potente
impatto visivo - comunicazione appassionata e irruente!
!
1.5.2 Cubismo!
calcolo e analisi - figura geometriche alla base - tutte le dimensioni in un momento determinato!
valore del tempo -> spazio dinamico!
rinuncia al processo di significazione delle figure sottraendo ogni possibilità di riproduzione della
realtà!
!
1.5.3 Il Futurismo!
ogni forma di espressione dalla letteratura al cinema dal teatro alla pittura!
ma nessuna riflessione specifica sulla grafica!
modo di percepire la realtà e modelli di comportamento dovevano mutare col cambiamento della
società - adeguamento alla velocità e al dinamismo - concetto di simultaneità!
agitato fiume di sensazione!
riflessione sulla poesia e composizione dei testi -> “parole libere” Marinetti !
decostruzione della scrittura guidata dal pathos con un incalzante recitazione!
!
1.5.4 La grafica e la guerra!
1915-1918 comunicazione di massa -> propaganda bellica!
poco riguardo per l’aspetto estetico a favore di una comunicazione semplice e efficace!
immagini occupano quasi tutto lo spazio e scritte ridotte al minimo!
apostrofe (personificazione della patria “zio Sam”) narrazione didascalica ricca di pathos!
(soldato ferito) - gli stereotipi (donna materna)!
!
2.1 La grafica nella prima rivoluzione artistica!
!
2.1.1 il Dada!
Zurigo 1916 - annullare tutti i valori culturali su cui si fondava l’arte!
feroce critica a tutte le categorie estetiche!
ripercussioni indirette ma incise sulla grafica - fotomontaggi di Heartflield !
Gullaume Apollinaire Calligrammes - rapporto tra immagine poetica e forma della scrittura!
!
2.1.2 Le avanguardie russe!
rivoluzione russa 1917 - a contatto con influenze futuriste e cubiste!
rifiuto della pittura oggettiva e naturalistica!
Kazimir Malevic - suprematismo - annullamento di ogni forma di rappresentazione pittorica della
realtà - profonda incidenza sull’arte e sulla grafica futura -!
forme come elementi di un sistema collettivo ma di indipendenza individuale!
dal 1917 ansia di rinnovamento della cultura visiva - ideali futuristi!
modello di produzione industriale -> progettualità prese il posto della pura creatività!
architettura e disegno industriale -> settori d’avanguardia!
Costruttivismo - Rodcenko intensa ricerca nel campo della grafica!
struttura tecnica degli artefatti e funzionalità di ogni componente - !
composizioni di assoluto rigore geometrico!
El Lissitzy - Insinua nei bianchi il cuneo rosso - ordine apparentemente casuale ma costruito!
!
!
!
2.1.3 Rodcenko e il costruttivismo!
influenze futuriste e suprematiste - primi collage manipolazione di immagini e tipografia!
li linea, lo scheletro definisce l’intera costruzione nel suo insieme!
nei manifesti - elementi dinamici tipo freccia - scritte in diagonale - punti esclamativi!
notevole fotografo - forza d’impatto della fotografia come mezzo espressivo!
!
2.2 La geometrizzazione dello spazio!
!
2.2.1 nuove figurazione simboliche!
figure geometriche elementari esaltate per il loro valore simbolico!
!
2.2.2 De Stijl e il Neoplasticismo!
1917 - Theo van Doesburg -> rivista De Stijl - Neoplasticismo!
pittura di Mondrian!
escludeva dall’arte ogni carattere rappresentativo - valore della linea retta e del rettngolo come
coscienza di una “cultura nuova” - non puramente formalistica ma anche ideologica!
civiltà dalle “pure relazioni” - spazialità fondata u rigorosi schemi geometrici!
!
2.3 il Bauhaus e la grafica moderna!
1919 Walter Gropius - scuola di Weimar - Bauhaus!
1925 si sposta a Dessau!
direzione di Meyer!
direzione di Mies van De Rohe!
si sposta a Berlino!
1933 chiude per ostilità del regime nazista!
!
insegnanti: Paul Klee - Kandinskij - Josef Albers - Marcel Breuer - Herbert Bayer -!
Laszlo Moholy-Nagy!
incessante sperimentazione di modelli formali e funzionali in grado di esprimere i valori nascenti!
conflitto (tipico della cultura tedesca) tra rigorosa ragione tecnica e forte inclinaizone a una
spiritualismo spesso mistico!
!
Bauhaus e cultura visiva!
corso propedeutico + serie di “officine” laboratori!
studio della teoria dei colori!
Wilhelm Ostwald - approccio scientifico!
!
Kankinskij - Punto linea superficie - retta orizzontale forma fredda - verticale forma calda!
angolo retto -> elemento freddo-caldo!
divide l’effetto del colore in fisico e psichico -> studio implicazioni psicologiche !
!
Johannes Itten - aspetti soggettivi e psicologici della percezione del colore !
a favore della sensibilità intuitiva piuttosto che del calcolo!
forme geometriche con riferimenti spirituali - conflitto bene male!
studio anche di aspetti chimici e scientifici!
!
Laszlo Moholy-Nagi rinuncia agli aspetti teorici e punta su didattica basata sull’esperienza
sensoriale, visiva e tattile!
!
Josef Albers analisi delle forme - inserisce studio delle illusioni ottiche!
!
2.4 Grafica e tipografia al Bauhaus!
laboratorio di grafica pubblicitaria 1925 a Dessau - con Herbert Bayer e Joost Schmidt!
studio dei media, della pianificazione pubblicitaria - psicologia di comunicazione - Stile Bauhaus!
insistenza su figure geometriche elementari -> studio di nuovi caratteri tipografici!
“Universal” - disegnato da Bayern!
decisa eliminazione delle grazie - soluzione obiettive e standardizzate!
impaginazione si rifaceva a modelli architettonici!
particolare attenzione nell’uso della fotografia nella grafica!
!
2.2.5 Herbert Bayern e il lab di grafica a Dessau!
a Weimar -> Lyonel Feininger -> impostato intorno alla ricerca artstica!
1923 - 1925 Moholy-Nagy -> avanzate tendenze grafica internazionale!
1925 - 1928 Herbert Bayer Laboratorio per la stampa e la pubblicità!
studio della scienza pubblicitaria e rapporti con la psicologia!
disposizione non più esigenza di simmetria ma sul significato delle parole!
Bauhaus-bucher - quaderni di teoria della progettazione, pagina usata come un campo cinetico!
uso esclusivo delle minuscole nella scrittura -> rendendola più leggibile!
disegno di un nuovo carattere ottimale -> rigorosamente razionale!
composizione lettere basata su forme primarie !
!
1928 Gropius si dimette e così anche Bayer e Moholy-Nagy!
Bayer si trasferisce a Berlino - diventa direttore di “Vogue” - atteggiamento meno dogmatico!
!
2.2.6 Piet Zwart e la scuola olandese!
visione di concretezza e di oggettività !
insegna all’accademia di arte e tecnica di Rotterdam !
incontra Kurt Schwitters - influenzato da El Lissitzky - nuovs tecnica comuniczionale per chi
recita poesie rompendo gli schemi accentuando necessità ritmiche!
1923 - inizia collaborazione con NKF !
uso della fotografia e della tipografia come mezzo espressivo - esaspera vocaboli e frasi
imprimendo scansioni ritmiche - introduzione dell’alfabeto minuscolo!
rapporti perfettamente equilibrati - uso del colore e di compenetrazioni e integrazioni!
insegna al Bauhaus sotto direzione di Meyer!
collaborazione con poste olandesi -> immagine fotografica prevale - coraggiose inquadrature!
!
2.2.7 Le riviste come circuito ideologico!
Olanda - nazione con maggiore ricchezza pubblicistica nel primo dopoguerra!
rivista De Stijl - letteratura per la divulgazione delle attività artistiche!
eliminazione di ogni elemento emotivo dalla pittura !
Vilmos Huszar - grafico che opera nel gruppo!
piani rettangolari stile Mondrian!
1917 - primo numero - impostazione grafica modesta 16 pagine!
1921 “De Stijl” assume formato orizzontale e grafica più pretenziosa!
1927 - numero 10 anni della rivista!
1931 - cessazione pubblicazioni - morte di van Doesburg!
!
1918 rivista “Wendingen” - indiscutibile livello formale - quadrata!
interessante grafica delle copertine - sperimentalismo tipografico!
rottura della simmetria - testo in verticale - caratteri sans serif!
!
1927-29 rivista “i 10” - Arthur Lehning !
copertina di Moholy-Nagy + Lehning !
documentazione nuove tendenza in arte, scienza, filosofia!
!
in Germania rivista “Merz” 1923 - Kurt Schwitters!
forte sperimentalismo grafico - pagina dinamica - concezione geometrica!
!
in Italia “Valori Plastici” - Mario Broglio 1918-1922!
ma non allineata con gli orientamenti delle avanguardie internazionali!
!
2.3 Gli anni tra le due guerre!
!
2.3.1 L’art deco, storia e motivi!
stile dominante seconda metà anni 20 - !
Parigi 1925 mostra Arts Decoratives and Industriels!
fu arte d’elite ma anche popolare - interesso nuovi mezzi di comunicazione - fenomeno culturale!
modello tra piccola e la media borghesia !
tramonta nel 1929 -> crisi economica!
linearismo geometrizzante - struttura a gradienti - esaltazione colori netti e delle sagome nervose!
esasperata stilizzazione delle figure !
!
2.3.2 La cultura visiva negli anni 20!
primo dopoguerra - attenuata febbrile sperimentazione delle avanguardie!
invito del “ritorno all’ordine”!
in Italia - Giorgio De Chirico, metafisica!
1923 mostra Novecento - sguardo attonito e incantato della realtà - Realismo Magico!
in Germania Nuova Oggettività 1925 drammaticità e critica ai problemi sociali - opposizione
rivoluzionaria - si rivolge alle masse - !
Otto Dix - immagini grottesche!
George Grosz - grafica come mezzo di ribellione contro il potere della borghesia - stile incisivo e
brutale!
Fotografia e Cinema -> nuovi modelli formali che influenzano grafica!
!
2.3.3 La grafica negli anni 20!
il manifesto come protagonista della comunicazione pubblicitaria!
in Francia si definisce la nuova struttura del manifesto!
motivi figurativi contemporanei composti in stili formali Cubisti, Futuristi ecc!
essenzialità astratta non priva di un sottile intellettualismo!
Cassandre - “L’intransigeant” 1925 - elementi cultura artistica e grafica moderna!
in Italia - da un lato ancora schemi del Liberty dall’altro incisività della lezione futurista nell’opera di
Fortunato Depero !
in Germania elementi espressionisti e motivi geometrici scuola Bauhaus!
!
marcato linearismo - linea come contorno e non come struttura - forte carattere geometrico -
schema ortogonale con elemento in diagonale che rompe il rigore!
lettering costruiti su moduli quadrati - !
organico inserimento tipografia nella struttura iconografica -> lezione Liberty!
!
!
2.3.4 Cassandre e il nuovo cartellonismo!
figurazione della tradizione francese mediata con rigorose composizioni costruttiviste!
arte sintetica - simbolica - bidimensionale - rigore geometrico!
introduzione della linea diagonale !
qualità vitale di un’immagine generata tra tensione delle forze spaziali - 3 problemi!
1 - ottico - preciso rapporto dei valori in campo!
2 - grafico - senso ideografico ed emblematico - sintassi grammaticale visiva!
2 - poetico - provocare associazione d’idee, emozione!
equilibrio tra strutturazione geometrica elemento figurativo e lettering!
1927 - manifesti per le ferrovie - asse ottico all’altezza dei binari!
1927-35 - manifesti per le crociere - vista fortemente prospettica - !
1932 trittico per Dubonnet - sequenza progressiva!
1932 - manifesto Nicolas - orientamento futurista!
uso decorativo e ritmato della tipografia!
ispirato a alfabeti carolingi - disegna il carattere “Bifur” e il “Peignot”!
numerosi manifesti sole scritte!
a Parigi Severo Pozzati - Sepo!
ispirato da criteri geometrici e metafisica!
1928 - manifesto Noveltex !
!
2.3.5 Fortunato Depero e il secondo Futurismo!
futurista che non disdegna la pubblicità!
viene a contatto con Balla , Marinetti e le tendenze più innovatrici: dada, costruttivismo, de stijl!
idee per un “Teatro Plastico” Balli plastici - legato al mondo del teatro!
struttura scenografica “mobile” - ritmi meccanici - arte dinamica!
1926 - Squisito al selz - segna inizio collaborazione con Campari - !
1927 - libro Depero Futurista - esempio di libro-oggetto!
a New York si propone come pitore, pubblicitario, scenografo -> molteplice attività tipica futurista!
disegna copertine di Vogue e Vanity Fair!
continua rivisitazione iconografica recuperante i soggetti dal mondo teatrale!
spiccato diagonalismo che rende dinamica la composizione!
aggressività futurista - forte segno - poetico mondo iconico!
!
Marcello Nizzoli - Bottiglia di Bitter su cabaret - pubblicità salvaguardando valori pittorici!
in seguito indissolubile collaborazione con Olivetti nel disegno industriale!
!
!
2.4 La comunicazione visiva negli anni 30!
si definì il passaggio della grafica dal versante artistico e artigianale a quello tecnico e
professionale!
!
2.4.1 Gli sviluppi della cultura visiva!
tendenze della pittura da una parte arte astratta, concezione geometrica dello spazio!
dall’altra surrealismo in opposizione al dada!
1930 Parigi gruppo “Cercle et Carrè” mondo razionale e mondo sensoriale!
Astrattismo italiano -> rigoroso ordine spaziale e cromatico, rifiuto nturalismo!
secondo Futurismo -> esaltazione dell’aeroplano - Depero!
surrealismo -> automatismo psichico pure - potere assoluto del sogno - spiazzamento !
fotografia e cinema apporto decisivo alla grafica contemporanea!
!
2.4.2 La grafica tra pubblicità e propaganda!
uniformazione dei modelli di vita - negli stati democratici e in quelli totalitari !
ruolo cruciale della grafica nella pubblicità e propaganda!
ancora protagonista è il manifesto!
marchio di fabbrica e identità aziendale e del prodotto sempre più importanza!
!
2.4.3 Il nuovo corso italiano!
1933 - fondazione dell’IRI (istituto per la ricostruzione industriale)!
! si inaugura la Triennale di Milano!
! esce rivista “Campo Grafico”!
! studio Boggeri!
!
si rafforza processo di industrializzazione !
!
2.4.4 Campo Grafico e lo Studio Boggeri!
1933-1939 Carlo Dradi e Attilio Rossi - Campo Grafico!
si oppone alla linea classica de “il risorgimento grafico”!
incessante sperimentazione tecnica, ogni numero progettato in una forma nuova!
calcolata asimmetria + innesti fotografici !
ruolo pedagogico - rivalutazione estetica elementi + comuni, biglietti/fatture!
ritorno della tipografia al suo originario ruolo di art applicata assimilando la lezione moderna!
insistenza comunicazione tra tecnici e artisti!
!
Studio Boggeri!
organizzazione dello studio insieme unitaria e articolata!
Antonio Boggeri - si riserva ruolo nella fotografia sperimentale!
entra in contatto con Imre Renner - ungherese che ha lavorato a Parigi!
Xanti Schawinsky - studiato e lavorato al Bauhaus!
lavori più importanti -> Olivetti, allestimento negozio!
uso determinante della fotografia still life - oggetto formalmente perfetto!
numerosi grafici collaborano: Nizzoli, Hube, Albe Steiner!
grafica italiana -> solida tecnica + cultura artistica!
gravava la presenza del regime fascista -> propaganda politica !
motivi propagandistici anche nei manifesti pubblicitari !
!
2.4.5 Max Bill e la prima scuola elvetica!
notevole contributo della Svizzera nella grafica dagli anni 30!
Jan Tschichold - teorizza regole per moderna tipografia !
rifiuto scritture differenziate - eccessi nelle dimensioni - le minuscole spaziate - gli ornamenti!
predilige caratteri grotteschi !
scuola elvetica - tendenza al rigore assoluto - modularità basata su forme geometriche -
fotografia basata su realismo!
Costruttivismo di Zurigo contribuì nell’influenzare la grafica tra cui Max Bill!
1931 - manifesto per esposizione “Arte nera” - Max Bill !
rinuncia a qualsiasi simbolismo - esaltazione elementi tipografici - proporzioni matematiche!
criteri di modularità strutturale!
operare in ambito funzionalista senza scadere in soluzioni banali!
1930 a Zurigo inizia attività architetto!
ogni progetto organizzato secondo equilibrio armonico e ordine ritmico!
!
Herbert Matter - pubblicità turistica - fotomontaggio e sovrapposizione di più negativi!
!
!
2.5 I riformatori della scrittura!
!
2.5.1 L’area anglosassone!
dopo invenzione Lynotype forte esigenza di nuovi caratteri!
Goudy - a Chicago - importante apporto alla tradizione latina “Old Style”!
“Deepene” - “Goudy Modern” - “Italian Old style”!
!
2.5.2 Eric Gill e Stanley Morison in Inghilterra!
influenza di Morris sui tipografi inglesi!
Edward Johnston - 1916 alfabeto lineare adottato per a segnaletica dell’intero servizio dei
trasporti di Londra!
Eric Gill - allievo di Johnston!
1927 - Gill sans - commissionato da Monotype Corporation - riprende carattere di Johnston con
opportune modifiche geometriche matematiche!
“Perpetua” - carattere romano - raffinare e non ricreare alfabeto classico!
!
Stanley Morison - con la Monotype Corporation programma di sviluppo di caratteri - produzione di
caratteri originali e redesign di caratteri esistenti !
Centaur, Gill, Perpetua, Bembo, Baskerville, Garamond, Times New Roman!
!
riprogettazione del giornale Times -> disegno di un nuovo carattere !
1931 - Times New Roman !
!
2.5.3 Il progetto del lettering in Germania!
Rudolf Koch - maggiore rappresentante della tradizione germanica !
assimila cultura gotica e disegna nuovi caratteri lineari!
“Kabel”!
Jan Tschichold - influenzato dalla tradizione del Bauhaus - rifiuta i caratteri della tradizione in
favore dei sans serif e composizioni asimettriche!
1937 - manifesto costruttivismo - miglior esempio di dinamismo asimettrico!
1946 - Penguin Books -> ritorno ai caratteri serif come soluzione visiva - mette a punto una
composition rules !
disegna il “Sabon”!
Paul Renner - tra i primi ad aderire al Deutscher Werkbund!
1928 - Futura - fonderia Bauer - eleganza formale e armonia compositiva!
1933 - curatore sezione grafica tedesca alla Triennale di Milano che ha assunto valore storico per
qualità di elaborati esposti!
!
2.5.4 I biblio-tipografi: Merdersteig e Tallone!
Mardersteig - nato a Weimar - forte influenza dall’opera di Bodoni !
nella sua “officina Bodoni” reinterpreta caratteri bodoniani!
1926 si aggiudica la stampa di Opera Omnia di D’Annunzio e si trasferisce a Verona!
disegna Griffo - Zeno - Dante derivati da cancellerie cinquecentesche!
!
Alberto Tallone!
libro presenza costante fin dagli anni giovanili!
1932 - si trasferisce in Francia da stampatore Darantiere che gli lascia la tipografia!
edizioni accuratissime - impostazione grafica classica e moderna!
1950 - disegna carattere che porta il suo nome!
1960 - rientra in Italia e si stabilisce ad Alpignano dove continua a realizzare edizioni di grande
pregio!
!
2.6 Diffusione della cultura popolare!
!
2.6.1 Lo streamlining americano!
dopo crisi del 29 forte incremento dei consumi - comunicazione visiva di massa si adeguò al gusto
popolare dominante - stereotipi sociali -> nucleo di composizioni di carattere figurativo!
influenza dell’Art Deco europea!
grafica editoriale che puntava a una raffinata geometrizzazione della pagina!
1933 elezione di Roosevelt - ripresa economia americana - velocità divenne valore della modernità!
svelti fasci di linee in aerei e treni in seguito anche elettrodomestici ecc -> stile Streamlining!
linearismo geometrico tipicamente deco + dinamismo e velocità!
!
2.6.2 L’editoria di massa: libri tascabili e fumetti!
cultura e settore editoriale in rapida espansione!
1935 - Penguin Books - Londra - produzione di massa - libri di buona qualità a basso prezzo!
1937 - collana Pelican - socialogia, economia, politica!
1951 - collana architettura - affidata a Pevsner!
progetto grafico curato da Jan Tschichold !
creare equilibrio tra comunicazione immediata rivolta a pubblico di massa e qualità estetica!
!
linguaggio visivo può assumere valenze simboliche!
il caso dei “gialli” mondadori” collana nata nel 1929 - copertina di colore giallo divenuta simbolo
non solo della collana ma dell’intero genere!
completa interdipendenza tra linguaggio visivo e verbale!
!
rapporto linguaggio visivo verbale si sviluppa la nascita del fumetto!
1896 USA Yellow Kid!
anni 30 personaggi fumetti -> identità precisa e alone culturale attorno alla propria figura!
1936 - nascita Mickey Mouse!
notevole peso nella costruzione di nuovi modelli visivi attraverso i quali si è modificata la nostra
percezione del mondo!
codice visivo capace di tratteggiare con segni elementari situazioni psicologiche o eventi complessi !
intimo rapporto tra linguaggio verbale e visivo!
non solo libertà espressiva ma anche inventiva - creazione di forme, creature, macchine ecc!
influenzando tutti gli altri medium cinema pubblicità e grafica!
!
2.6.3 La propaganda di regime e di guerra nel manifesto!
nei regimi totalitari comunicazione visiva ruolo preminente!
simboli fascisti e nazisti stesso carattere del marchio aziendale - strutturata come una vera propria
“immagine coordinata”!
natura propagandistica -> pochi moduli linguistici e retorici!
stile figurativo monumentale - messaggio visivo -> pochi segni semplici e chiari!
seconda guerra mondiale -> manifesto di propaganda - figurativo con accorgimenti retorici!
esaltazione dei valori nazionali - evidenziare elementi tecnologici del conflitto !
aerei - armi - navi di tipo moderno!
grafica per la mimetizzazione dei fabbricati, navi e aerei - studio di accurate tecniche!
!
!
3.1 Lo sviluppo economico e la grafica!
nel dopoguerra e successivamente comunicazione visiva al centro di complesse strategie sociali,
culturali e di mercato - economia mondiale orientata verso produzione di beni di consumo!
ammodernamento delle aziende produttrici - studio del marchio e dell img coordinata!
compito di diffusione di nuovi valori, progetti sociali e informazioni generali!
!
3.1.1 La grafica europea negli Stati Uniti!
negli USA si è cercato di ricostruire il patrimonio del Bauhaus prossimo alla chiusura!
1938 al Moma mostra “Bauhaus 1919-1928” !
1937 Harvard University - cattedra per Walter Gropius e per Marcel Breuer!
Mies van der Rohe emigra a Chicago - continua attività di architetto (numerosi grattacieli)!
Josef Albers - 1933 insegna al Black Mountain College!
Herbert Bayer - 1938 negli USA !
Bauhaus ha influito non solo nell’architettura e nell’industrial design ma anche nella pedagogia!
!
3.1.2 il New Bauhaus di Chicago!
Moholy-Nagy !
1937-39 - a Chicago dirige il New Bauhaus che chiude subito!
1939 - fonda la School of Design fino al 1946 (morte)!
spiccata tendenza verso una nuova educazione visiva - con un’impronta di ricerca cinetica!
si studia la tecnologia, utilizzo delle macchine - colore - fotografia - modellazione!
ricerche sulla percezione visiva e sulla complessità dell’organizzazione visuale!
che anticipano Opt Art e Arte Programmata!
!
3.1.3 L’editoria negli Stati Uniti!
esperienze costruttiviste europee più lezione bauhaus influenzano la grafica delle redazioni
statunitensi dalla metà anni 30!
rivista Fortune 1930 all’inizio impostazione classica basata su simmetria!
riviste fashion Vogue, Vanity Fair (Condè Nast), Harper’s Bazaar (Hearst)!
impagninazione più sperimentale!
!
Agha per Condè Nast!
prima redazione tedesca di Vogue - chiamato a New York per il suo gusto estetico!
semplifica l’impaginazione - stretto rapporto tra parola e immagine!
impaginazione fotografie al vivo e ricercando equilibri asimmetrici!
registro rigoroso e senza eccessi!
!
Brodovitch entra in Harper’s Bazaar chiamato dal direttore contagiato dalla grafica di Agha!
nuovi stili nella fotografia di moda - dagli scatti in studio a quelli esterni con vitalità e movimento!
momento e ritmo nell’impaginazione!
tiene corsi alla School of Art di New York influenzando un’intera generazione!
uso della tipografia di grande equilibrio integrandosi armoniosamente con la fotografia!
!
Will Burtin - si forma in Germania pensiero costruttivista!
1945 - art director per Fortune - semplificazione formale - integrazione elementi!
1949 - art director per Scope - rivista scientifica !
forma di visualizzazione chiara ma anche gradevole!
!
Lester Beall - costruisce nuove figurazione assemblando foto, incisioni, elementi grafici!
!
Leo Lionni - sostituisce Burtin come art director di Fortune - segno lieve e armonioso cromatismo!
!
Bradbury Thompson - allievo di Brodovitch - tecnica foto originale in nero trattata con colori della
tricromia (Piet Zwart)!
interesse per psicologia della percezione!
Storch - allievo di Brodovitch - art director di “McCall’s” - maggior esponente del nuovo
fotogiornalismo americano - con rinnovamento grafico alla rivista imprime segno
determinante ai contenuti facendo lievitare la tiratura!
!
Henry Wolf - allievo di Brodovitch - art director di Equire, Harper’s Bazaar e Show!
invenzioni graffianti nelle copertine vicino al surrealismo e pop art!
!