Sei sulla pagina 1di 5

I nomi delle nove Muse

Calliope: il cui nome in greco significa "dalla bella voce", era l'ispiratrice della Poesia Epica Erato: deriva il nome da Eros ed considerata l'ispiratrice della Poesia lirica e del canto corale Clio: "Colei che pu rendere celebri" la Musa della Storia. Euterpe: nella mitologia Greca e Romana era la musa della Musica, protettrice di strumenti a fiato e, pi tardi, anche della poesia lirica. Melpomene: "colei che canta la Tragedia" era la musa del Canto, dell'armonia musicale e della tragedia. Polimnia: la musa protettrice dell'orchestica, della pantomima e della danza associate al canto sacro e eroico. Talia: thallein (fiorire), colei che presiede alla commedia ed alla poesia bucolica. Tersicore: (greco Terpsichr ; latino Terpsich re) la musa della Danza, il suo nome viene dalla parola o ("danza"). ("mi piace") e

Urania: (dal greco antico Ouranos, cielo) figlia di Zeus e di Mnemosine era la musa dell'astronomia e della geometria. Nella Mitologia, le Muse sono figlie di Zeus e di Mnemosine, figlia di Urano e di Gaia, personificazione della memoria.

Zeus si un a lei per nove notti di seguito ed in un anno ne ebbe nove figlie, ossia le Muse.

La leggenda non una sola, come non lo il numero stesso delle Muse, che varia da leggenda a leggenda. Le Muse, che alla fine arrivarono fino a noi, sono le nove figlie di Zeus, chiamate Pieridi (di "Pieria", in Tracia) e quelle della Beozia, alle pendici dell'Elicona, alle dipendenze di Apollo che ne dirigeva i canti. Originariamente le Muse erano legate alla musica considerata la prima di ogni arte, ma in seguito venne loro attribuita la protezione di ogni forma di pensiero che gli uomini di allora esprimevano, in tutte le sue f orme: eloquenza, persuasione, saggezza, storia, matematica, ed astronomia. Una leggenda racconta che le Muse impegnate in una gara di canto riuscirono, con le loro soavi melodie, ad arrestare il corso delle sorgenti e dei fiumi e che addirittura il monte cominci a salire verso il cielo. Le Muse, che rappresentavano l'ideale supremo dell'Arte, ne erano anche patrone e ad esse vennero attribuiti molti appellativi, spesso riferiti alle localit in cui esse soggiornavano: Aganippidi, dal nome della fonte omonima, Aganippe, posta in prossimit del monte Elicona; Aonidi (perch il Monte Elicona era abitato dagli Aoni), Camene, Castalidi, Eliconidi (poich la loro sede era il monte Elico na), Ilissiadi, Libetriadi, Meonidi, Olimpiadi e Olimpiche, Pegasdi, Pierid i, Tespiadi o Tespie, Alate, Ardalidi, Citeriadi, Janzie, Ligie, Lidie, Mnemosinidi, Parnassidi o Parnassie, Partenie o Partenidi, Pateidi, Pimpleiadi o Pimplee, ma erano sempre e sol o nove. Esiodo, che scrisse il poema mitologico Teogonia circa 700 anni a.C., le enumera fissandone il numero in nove, ma non specifica quale sia il raggio d'azione di ognuna. Sempre secondo il mito, Apollo era il loro protettore, e le muse venivano invitate alle feste degli dei e degli eroi perch allietassero i convitati con canti e danze. Le Muse erano considerate anche le depositarie della memoria, infatti era con il canto ripetuto, delle gesta degli dei e degli eroi greci, che esse contribuivan o a mantenere negli uomini la memoria del passato. Sembra che le Pieridi, abilissime nel canto, fossero le nove figlie di Pierio di Pellae e di Evippa i cui nomi fossero: Colimba, Iunce, Cencride, Cissa, Cloride, Acalantide, Nessa, Pipo, Dracontide. Un giorno ebbero la cattiva idea di andare sul monte Elicona, per sfidarle in una gara di canto. Calliope cant anche per le sorelle e le Ninfee, nominate arbitri della contesa, di chiararono vincitrici le Muse. Le Pieridi, invece di accettare umilmente la sconfitta, cominciarono ad insultare le Ninfe, tanto che le Muse, per punirle, le trasformarono in uccelli. Il greco Pausania afferma nei suoi scritti che le Pieridi portavano gli stessi nomi delle Muse, da qui le confusioni sui nomi e sui figli attri buiti alle Muse considerate in genere vergini. Il culto delle muse fu assai diffuso fra i Pitagorici, prima che ad ognuna di loro fosse affidato uno specifico campo d'azione. La filosofia pitagorica, fa delle Muse il motore dell'etere fra i pianeti: garantendo i movimenti armonici planetari esse assicurano che tutto sia pervaso da ordine, sapienza e armonia. La Musa Clio Raffigurata seduta e con una pergamena in mano, Clio rappresentava la Storia. Clio, la sorella maggiore, la prima fra le muse, riceve dalla madre Mnemosine, personificazione della memoria, il potere di trasmettere il ricordo di fatti e personaggi. Clio, "Colei che pu rendere celebri" dunque Musa della storia. Nell'antichit questa musa veniva invocata dai poeti che si accingevano a comporre testi che avrebbero contenuto fatti storici come Stazio che, nella Tebaide (1, 41 e X, 630), la invoca come ispiratrice del suo poema. Ai giorni nostri possibile allargare l'interesse della Musa Clio ai saggi, alle recensioni ed ai componimenti che hanno come obiettivo di indagare con rigore, ma anche con obiettivit, la Storia e le sue proiezioni. Della vita mitologica di Clio ci giungono leggende contrastanti riguardanti il fatto che le Muse fossero eternamente vergini e le attribuzioni di maternit di semidei che affollano la mitologia greca e la tina. Una leggenda vuole che Orfeo fosse nato dall'unione tra la musa Clio ed Apollo, il dio della musica. Un'altra leggenda narra che Giacinto, il bellissimo giovane, fosse figlio di Piero e della musa Clio.

La Musa Erato Raffigurata come una giovane ninfa coronata di mirti e di rose, che nella mano sinistra regge una lira e nell'altra il plettro. Spesso, collocato vicino a lei, c' un Amorino armato d'arco e di turcasso. Erato, che si dice significhi "Amabile", deriva i l nome da Eros ed considerata l'ispiratrice della Poesia lirica, del canto corale e della poesia anacreontica, la poesia che rifiuta i valori eroici in cambio di un nuovo equilibrio, situato nel canto, nell'amore, nella temperanza che favorisce la pace. Erato la mu sa collegata all'amore e molti poeti antichi la invocano nelle composizioni amorose.La leggenda vuole che Erato fosse la madre del poeta e cantore Tamiri e di Cleomene. Altra leggenda racconta che dal suo amore per Arcade, che diede il nome alla terra di Arcadia, nacque Azan. La Musa Calliope Raffigurata con una tavoletta su cui scrivere, un rotolo di carta o un libro ed in capo una corona d'oro, la Musa Calliope, il cui nome in greco significa "dalla bella voce", era l'ispiratrice della Poesia Epica. La poesia epica il racconto in versi dell e imprese leggendarie di un popolo, dei suoi miti e dei suoi eroi.Nella nostra cultura occidentale, per poesia epica ci si riferisce ad Omero con l'Iliade e l'Odissea, a Virgilio con l'Eneide, ad Ariosto con la Gerusalemme liberata e l'Orlando furioso. Il compito "mo rale" della Poesia Epica era esaltare i valori dell'amicizia, del coraggio, dell'amore, della famiglia, della gratitudine e della p ace.Ai nostri giorni la poesia epica ha abbandonato la forma in versi divenendo il genere narrativo proprio del romanzo specificatamente d'avventura, storico o didascalico. La Musa Euterpe Raffigurata con un "Aulos", la Musa Euterpe, nella mitologia Greca e Romana era la musa della musica, protettrice di strument i a fiato e, pi tardi, anche della poesia lirica. Il suo nome deriva dal greco eu (bene) e (piacere) e significa "colei che rallegra". Lantico Aulos greco, spesso tradotto erroneamente come flauto", era uno strumento di canna (giunco) a due ance, come l'oboe e, secondo la leggenda, fu inventato proprio da Euterpe. LAulos accompagnava una vasta gamma di attivit Greche: era presente ai sacrifici, alle rappresentazioni drammatiche, agli incontri di lotta, al salto in lungo, al lancio de l disco, alla danza dei marinai sul triremo. Platone lo associava al culto estatico di Dionisio e dei Coribanti (Sacerdoti della dea Cibele). La Musa Melpomene Raffigurata nella mitologia greca con un lungo chitone teatrale e un mantello allacciato sulle spalle, Melpomene tiene fra le mani, una maschera, una spada o un pugnale insanguinato. Il nome Melpomene, significa "colei che canta la Tragedia" era la musa del canto, dell'armonia musicale e della tragedia. Melpomene sarebbe, secondo alcuni, la madre delle sirene esseri favolosi rappresentati con testa di donna e corpo di uccello, (secondo altre versioni con corpo di pesce), la cui voce seducente attirava i marinai per farli morire. Altri ancora ne fanno la madre del musico Tamiri. La Musa Polimnia Polimnia o Polinnia una figura della mitologia greca, una delle nove Muse, figlie di Zeus e Mnemosine, raffigurata come una giovane donna dall'aspetto devoto, avvolta da velo e mantello, con il capo cinto da una corona di perle. Polimnia la Musa protettrice dell'orchestica, della pantomima e della danza associate al canto sacro e eroico. Talvolta viene associata anche alla retorica, la memoria, la geometria e la storia. A Polimnia sono attribuite le invenzioni della lira e della agricoltura. Platone cita una leggenda che considera Polimnia madre di Eros. La Musa Talia Talia ( ) thallein (fiorire), una figura della mitologia greca. una delle Muse, colei che presiede alla commedia ed alla poesia bucolica. Comunemente raffigurata come una ragazza dall'aria allegra, che porta una corona di alloro sul capo e tiene una maschera in mano e calza degli stivaletti. ritenuta la madre con Apollo dei Coribanti che, nella mitologia greca, sono sacerdoti

della dea Cibele, che inventarono il tamburo a cornice e con esso crearono una musica basata sul ritmo ossessivo che doveva servire per curare lepilessia e per sconfiggere la malinconia di Giove. La Musa Tersicore Tersicore (greco Terpsichr ; latino Terpsich re) una delle nove muse della mitologia greca, il suo nome viene la parola "tersicoreo" ("mi piace") e o ("danza"). Di solito Tersicore si rappresentata come una bella giovane, coronata dalloro, la pianta sacra ad Apollo e vestita con labito lungo dei suonatori di cetra, nellatto di trarre accordi con le dita affusolate dal suo strumento, per accompagnare, con la sua musica le danzatrici. quindi la protettrice della danza e della lirica corale. La Musa Urania Urania (dal greco antico Ouranos, cielo) una figura della mitologia greca, figlia di Zeus e di Mnemosine. Era la Musa dell'astronomia e della geometria. Viene rappresentata vestita di un abito azzurro, coronata di stelle, mentre sostiene con le mani un globo che sembra misurare ed una verga. Ai suoi piedi diversi strumenti matematici. Secondo Esiodo fu amata da Apollo, dando alla luce Lino e Orfeo, cantori mitici. Secondo Catullo, fu la madre di Imene, il dio delle nozze, il cui padre era Bacco.

Quante sono le Muse? Pausania ci narra che le Muse, Dee dei Monti, erano in origine tre, figlie della Madre Terra e dell'Aria, mentre la Mit ologia dalle originarie tre, ne individua nove o addirittura dieci, secondo Omero, che chiam Saffo "Decima Musa". Esiodo e la Mitologia, ci tramandano la nascita delle nove Muse da Mnemosine, Dea della Memoria, figlia del Cielo e della Terra, con cui Zeus (l'Autorit) giacque per nove notti. Nella rappresentazione del mito risiede il suo significato: le Muse, Dee delle Arti e delle Scienze, sono figlie della Memoria e del Potere. Quando le muse erano tre Esse rappresentavano la triplice Dea Madre nel suo aspetto orgiastico per il quale il culto antichissimo della Dea legato ai cicli naturali. Questa triplicit , di volta in volta, associata ai cicli della vita (nascita, morte, rinascita) e a quelli della Luna. La Dea Madre viene dipinta nel suo triplice aspetto di Donna Vergine, Donna Adulta e Donna Vecchia. In verit tutte le rappresentazioni delle Dee nelle tradizioni politeiste traggono origine dal culto ancestrale della Dea Madre, radicato profondamente nelle nostre culture. Quando le Muse erano nove o...dieci I miti greci sono scatole magiche giunte fino a noi, le cui narrazioni si incastrano e si intersecano all'infinito. Soltanto in epoca pi "moderna", Zeus si vant di essere padre delle Muse, di nove Muse, generate con Mnemosine, Dea della Memoria. Perch gli uomini non dimentichino, spetta alla Muse tramandare le consuetudini pubbliche e familiari: Zeus e Mnemosyne, potere e memoria, si fondono nella loro arte. La voce dell'istruzione e dell'autorit nello stesso tempo la voce del piacere: le Muse, che stanno accanto a Zeus e accanto ai re, sanno essere cos gradevoli da distogliere i mortali dai loro dolori e dalle loro preoccupazioni. le muse, ritratte dagli artisti rinascimentali, si tengono per mano, indicando come le scienze e le arti siano connesse le une alle altre. Omero, in omaggio alla poesia chiama Saffo "Decima Musa", ma il decimo posto non apparteneva alla tradizione e rimase vacante. La decima e l'undicesima Musa? Il giudice, gastronomo Brillat-Savarin, che visse a cavallo fra il '700 e l'800 aveva designato come decima Musa Gastarea, per presiedere ai piaceri del Gusto. L'undicesima Musa avrebbe dovuto essere Peith (persuasione), figlia di Hermes (eloquenza) e Afrodite (seduzione), divinit caratterizzata dallassenza di violenza nel suo modo d'essere, che avvince senza costringere, vincolando eros e logos nella persuasione, irresistibile perch sa cedere. Ai nostri tempi si sono aggiunte altre due Muse, l a

decima Musa, quella delle Arti Cinematografiche e l'undicesima che non ha ancora una fisionomia definita e sembra sia l'ispiratrice per alcuni della pubblicit, per altri dell'informatica o la multimedialit (vedremo).