Sei sulla pagina 1di 6

TTM tension technology s.r.l.

Tiranti sfilabili TPS-12


Engineering geotechnical applications ( secondo UNI EURO NORM EN 1537 2002 )

I tiranti permanenti tipo TPS-12 a sfilamento totale sono realizzati secondo la norma Europea e
Italiana “Esecuzione di lavori geotecnici speciali TIRANTI D’ANCORAGGIO EURO NORM EN
1537-2002”, paragrafo 6.9.3 e sono costituiti da trefoli di acciaio armonico secondo EN 10138
singolarmente inguainati ed ingrassati nella parte libera.
Il tirante permanente tipo TPS-12 di norma è utilizzato per la costruzione di paratie e di diaframmi
laddove la tipologia del terreno non presenti particolari problematiche geotecniche e dove sia richiesto
lo sfilamento totale del tirante dopo l’utilizzo abbinato ad un servizio permanente dello stesso. La
sfilabilità è ottenuta con ancoraggi estrusi a resistenza calcolata sul valore richiesto di sfilamento.

Il tirante è così realizzato :


- Nella parte attiva i trefoli sono separati da appositi distanziatori ed essendo disposti in forma
sinusoidale, tramite opportune reggiature e nastrature, consentono di incrementare la loro aderenza
con la miscela di cemento della fondazione. L’iniezione avviene tramite un tubetto in polietilene
16x20 mm. La reazione della parte attiva è realizzata attraverso la piastrina d’estremità a cui sono
collegati degli speciali ancoraggi a resistenza calibrata sullo sfilamento richiesto.
- La protezione della parte libera è ottenuta tramite ingrassatura ed inguainatura di ogni singolo
trefolo e ulteriore protezione con guaina liscia a richiesta. Non esiste separazione tra parte libera e
fondazione essendo i trefoli violati su tutta la loro lunghezza.

Varianti allo standard


- Inserimento sacco otturatore,
- Tubo 27/34 mm valvolato esterno corredato di valvole manchette esterne per consentire iniezioni
ripetute e selettive,
- Parte libera protetta con guaina liscia,
- Ulteriori tubetti d’iniezione,
- Distanziatori esterni,
- Cap di protezione.

PROVA SFILAMENTO
Consiste nell’incidere ogni singolo trefolo è dotato nella parte terminale del tirante di un ancoraggio
estruso calibrato al valore di sfilamento; il dispositivo è realizzato con particolari attrezzature a
controllo numerico che garantiscono la ripetibilità dell’operazione e lo sfilamento del trefolo quando
sottoposto ad un carico prossimo al tiro massimo di rottura ( Psf. ) deve essere limitato a 0,75 ÷ 0,80
Ptk o come diversamente stabilito in fase d’ordine.
Il tirante è tesabile normalmente al tiro massimo di bloccaggio ( Po ) che deve essere limitato a 0,6 Ptk;
finita la funzione permanente dello stesso, incrementando il tiro trefolo per trefolo ( va applicato il
carico ad un trefolo per volta ) al valore ( Psf. ) = 0,75 ÷ 0,80 Ptk si ottiene lo sfilamento nella parte
più estrema della fondazione ancorato.
Lo sfilamento è ottenuto con martinetti tipo TTM250KN-200

Tiranti TPS 12_08_ rev.E.doc Rev. E


Pagina 1 di 6
TTM tension technology s.r.l. Tiranti sfilabili TPS-12
Engineering geotechnical applications ( secondo UNI EURO NORM EN 1537 2002 )

Schema tirante permanente tipo TPS-12 a sfilamento totale

Lunghezza libera
Lunghezza fondazione

Tiranti TPS 12_08_ rev.E.doc Rev. E


Pagina 2 di 6
TTM tension technology s.r.l. Tiranti sfilabili TPS-12
Engineering geotechnical applications ( secondo UNI EURO NORM EN 1537 2002 )

Riferimenti normativi secondo EURO NORM EN 1537-2002


Norma Italiana “Esecuzione di lavori geotecnica speciali TIRANTI D’ANCORAGGIO EURO NORM
EN 1537-2002”, stabilisce e definisce i principi relativi alla tecnologia degli ancoraggi. Si applica
all’installazione, al collaudo ed al controllo dei tiranti di ancoraggio permanenti, temporanei e dove la
capacità di carico è sottoposta a prova.
Nella norma EURO NORM EN 1537-2002 è lasciata facoltà al responsabile tecnico del cliente, di
approvare le varie modifiche apportate al tirante in fase d’acquisto, modifiche alle quali il produttore si
attiene.
Armatura EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.2
Le armature impiegate nella realizzazione del tirante sono in accordo con la norma EURO NORM EN
1537-2002 paragrafo 6.2 e in accordo con la norma EURO NORM EN 10138 ( Design of
prestressing steel ),

Caratteristiche dei trefoli:


Carico Limite
Trefolo Diametro Area di elastico Rilassamento dopo
Diametro Norma Massa
tipo nominale nominale ftk rottura allo 0,1% 1000 h.0,7 - 0,8 f pk
( Ptk ) ( Pt0,1k )
2 %
mm. mm gr./m N/mm2 KN KN %

T15 normale 15.2 140 1095 1860 260 224 2.5 4.5
pr EN 10138
T15S super 15.7 150 1170 1860 279 240 2.5 4.5

ASTM
T15C A779/90 Compatto 15.2 165 1290 1860 300 258 2.5 4.5
pr EN 10138

Modulo d’elasticità = 196 +/- 10 KN / mm2

Messa in tensione EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 8.4


la messa in tensione del tirante deve essere eseguita con un idonea attrezzatura atta a permettere le
seguenti funzioni:
- mettere in trazione l’armatura e fissarla al suo tiro di bloccaggio,
- accertare e registrare il comportamento del tirante sotto carico,
La messa in tensione e la registrazione devono essere svolte da Personale esperto, sotto il controllo di
un supervisore adeguatamente qualificato, proveniente preferibilmente da un impresa specializzata in
tiranti o da un fornitore di attrezzature, in accordo con EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 8.4.1.
A tale scopo T.T.M. è disponibile:
- promuovere corsi di formazione del personale sull’uso delle proprie attrezzatura,
- rilasciare attestati d’uso delle proprie attrezzatura dopo lo svolgimento di un corso presso la
propria sede,
- fornire supporto tecnico specialistico direttamente in cantiere, con proprio personale,

Tiranti TPS 12_08_ rev.E.doc Rev. E


Pagina 3 di 6
TTM tension technology s.r.l. Tiranti sfilabili TPS-12
Engineering geotechnical applications ( secondo UNI EURO NORM EN 1537 2002 )

Attrezzatura/Taratura EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 8.4.2.


Attrezzatura è fornita completa di istruzioni operative e di Marcatura CE, è identificata da un numero
di matricola e da una tipologia costruttiva per ogni componente dell’attrezzatura stessa.
E’ fornita tarata a richiesta secondo EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 8.4.2. e la taratura ha
validità semestrale e accompagna la macchina e i martinetti di tesatura.
Il sistema martinetti centralina, permette di mettere in tensione l’intero cavo simultaneamente,
applicando lo stesso carico a tutti i trefoli dell’armatura.
- Tiro massimo di bloccaggio EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 9.8
Il tiro massimo di bloccaggio ( Po ) deve essere limitato a 0,6 Ptk.
- Prove di indagine preliminare EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 9.5
Il tirante deve essere caricato a rottura ( Ra ) oppure al carico di prova che corrisponde al minor
valore fra 0,80 Ptk oppure 0,95 Pt0,1K.
Tiranti temporanei o permanenti EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.9
In riferimento ala norma EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.9 sono definiti:
Tiranti temporanei EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.9.2
Quelli per i quali è prevista una durata di servizio non oltre i due anni.
Tiranti permanenti EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.9.3
Quelli per i quali è prevista una durata di servizio superiore ai due anni.
La norma prevede ai punti 6.9.2 e al punto 6.9.3 la possibilità per il responsabile tecnico del cliente, di
variare le protezioni e la fattura del manufatto.
MATERIALI IMPIEGATI E RIFERIMENTI NORMATIVI
Il sistema offerto è stato sottoposto ad una prova di sistema che ne ha verificato la validità, i risultati
tecnici delle prove sono a disposizione del responsabile tecnico del cliente per approvazione e risultano
in accordo con quanto prescritto dalla norma EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.1. Il sistema è
stato testato secondo la circolare Circolare del 15 Ottobre 1996 n° 252 AA.GG./S.T.C. Paragrafo F
Testa ancoraggio EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.3
Permette il tiro dell’armatura, la prova di carico e il bloccaggio, come pure, se richiesto, il rilascio, il
detensionamento e il nuovo tiro. Inoltre è in grado di sostenere al 97% la trazione caratteristica Ptk
dell’armatura. La testa d’ancoraggio distribuisce il carico dell’armatura sulla struttura ancorata,
attraverso componenti sottoposti a prova, in accordo con EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.3
Gli ancoraggi T15 e le piastre TTM e TTR sono realizzate secondo la circolare Circolare del 15 Ottobre
1996 n° 252 AA.GG./S.T.C. Paragrafo F e le prove sostenute sono a disposizione del responsabile
tecnico del Cliente.

Ancoraggio TTM Ancoraggio TTR

Tiranti TPS 12_08_ rev.E.doc Rev. E


Pagina 4 di 6
TTM tension technology s.r.l. Tiranti sfilabili TPS-12
Engineering geotechnical applications ( secondo UNI EURO NORM EN 1537 2002 )

- Piastre d’ancoraggio TTM e TTR


Sono realizzate in acciaio C40-45 UNI EN 10083/1 che offre un'alta resistenza alle sollecitazioni.
- Bussole / morsetti d’ancoraggio T15
Sono realizzate in acciaio:
- Bussole C40-45 UNI EN 10083/1
- Morsetti tipo con morsetti tipo 7015-T15 in acciaio 16NiCr4Pb UNI EN 10277-4 o tipo 7017-T15
in acciaio 9SMnP28 UNI 4838.
Distanziatori EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.6.
I tiranti sono forniti su richiesta del cliente, dotati di centratori che permettono il centraggio del tirate
nel foro e una copertura minima di 10 mm. di malta cementizia verso la parete del foro. I
distanziatori/centratori, non ostacolano il flusso della malta d’iniezione e sono realizzati in materiale
resistente alla corrosione.
I sistemi di centraggio proposti sono di due tipi, nel rispetto dell’EURO NORM EN 1537-2002
paragrafo 6.6 o come diversamente stabilito dal responsabile tecnico del cliente :
Il tipo DD-ED ( a fiasco ), garantisce un effetto dinamico del centratore, che deformandosi, permette
una centratura dell’intera sezione nel foro di perforazione e su tutta la circonferenza della sezione
interessata.
Il tipo DD-EF ( a dentellature fisse ), che garantisce solo una spaziatura fissa del tirante dalle pareti di
perforazione su quattro punti.

Guaine e tubi i plastica EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.10.1.


Le guaine e tutti i materiali impiegati nell’assemblaggio del tirante sono conformi a quanto richiesto
nella norma EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.10.1.

Cap di protezione EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.11.3.


Cap di protezione sono conformi a quanto richiesto all’EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 6.10.9.
e sono disponibili su richiesta del cliente nelle versioni TTR-100 e TTR-450, per testate d’ancoraggio:
- TTR-100 normali in cui i baffi di tesatura sono tagliati in prossimità dell’ancoraggio,
- TTR-400 speciali in cui i baffi di tesatura sono L = 400 mm. tali da garantire la possibilità di ri
tesatura nel tempo.

PRODUZIONE TIRANTI
Fabbricazione secondo EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 8.2.1.
La fabbricazione del tirante rispetta quanto richiesto dall’ EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo
8.2.1. , rispettando le indicazioni di stoccaggio ed assemblaggio richieste.
Trasporto, manipolazione e posa, sono svolte secondo EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 8.2.2.
La manipolazione in fase di lavorazione e stoccaggio, il carico per il trasporto del tirante al cantiere,
rispetta quanto richiesto dall’ EURO NORM EN 1537-2002 paragrafo 8.2.1.

Tiranti TPS 12_08_ rev.E.doc Rev. E


Pagina 5 di 6
TTM tension technology s.r.l. Tiranti sfilabili TPS-12
Engineering geotechnical applications ( secondo UNI EURO NORM EN 1537 2002 )

Compensatore d’angolazione da 15° a 35°

Compensatore d’angolazione da 0° a 15°

Uffici e stabilimento: Via Alberto da Giussano 9 - 20011 Corbetta (MI) - Tel.: 0039/02/97.48.02.17
Fax: 0039/02/97.27.75.23 - e-mail: ttm.tec@libero.it
Tutti dettagli dei particolari offerti, sono visibili sul nostro sito www.ttmsrl.it,
Azienda certificata ISO 9001-2000 il 12 Aprile 2003 documento N° 39061031

Tiranti TPS 12_08_ rev.E.doc Rev. E


Pagina 6 di 6