Sei sulla pagina 1di 9

Guida alla realizzazione degli impianti di terra Cabine MT/BT

IMPIANTO DI TERRA DI UNA CABINA MT/BT Per impianto di terra si intende un sistema limitato localmente, costituito da dispersori, da conduttori di terra e da conduttori equipotenziali. La messa a terra dellimpianto consiste nel collegare parte di un impianto elettrico o di una apparecchiatura ad un impianto di terra allo scopo di: Proteggere le persone dallo shock elettrico (messa a terra di protezione); Consentire il corretto funzionamento degli impianti e dei suoi componenti elettrici (messa a terra di funzionamento); Consentire lavori di manutenzione in sicurezza. Il generico sistema di distribuzione in BT, posto a valle della cabina di trasformazione MT/BT, composto da tre conduttori di fase pi un conduttore di neutro collegato al centro stella del trasformatore.

Cabina di trasformazione MT/BT In relazione allo stato del neutro ed alla situazione delle masse, i sistemi elettrici sono individuati con due lettere. La prima lettera indica lo stato del neutro: T = neutro connesso a terra; I = neutro isolato da terra. La seconda lettera indica la situazione delle masse metalliche: T = masse collegate a terra; N = masse collegate al neutro. Si distinguono perci tre tipi diversi di sistemi di distribuzione: SISTEMA TT SISTEMA IT SISTEMA TN
Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc

SISTEMA TT Nel sistema TT il neutro collegato direttamente a terra e le masse sono collegate a un impianto di terra locale, elettricamente indipendente da quello del neutro. Normalmente la resistenza terra-neutro RTN molto minore della resistenza terra utilizzatore RTU. Tale sistema utilizzato nellalimentazione della rete pubblica.

Sistema di distribuzione TT SISTEMA IT Nel sistema elettrico IT il neutro del trasformatore isolato da terra, oppure collegato a terra attraverso unimpedenza di valore sufficientemente elevato, mentre tutte le masse sono collegate a terra. Tale sistema di distribuzione, che non prevede in genere linterruzione dellalimentazione dopo un primo guasto, che attuata quando esistano particolari esigenze di continuit di servizio. Nella pratica, negli impianti aventi tensione nominale di 230/400 V, si raccomanda di scegliere una resistenza avente valore dellordine di qualche centinaio di (CEI 64/8 413.1.5).

Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc

Sistema di distribuzione IT SISTEMA TN Nel sistema TN il neutro collegato direttamente a terra, mentre le masse sono collegate al conduttore di neutro. Si distinguono i seguenti tipi di sistemi TN, a seconda che i conduttori di neutro e di protezione siano separati o meno: TN-C: i conduttori di neutro e di protezione sono in comune. TN-S: i conduttori di neutro e di protezione sono separati. Il conduttore, che svolge la funzione sia di conduttore di neutro (N), che di conduttore di protezione equipotenziale (PE), assume la denominazione di conduttore PEN. Il sistema di distribuzione TN tipico degli impianti aventi una propria cabina di trasformazione.

TN-C

TN-S

Sistema di Distribuzione TN

Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc

TENSIONI DI PASSO ( UP ) E DI CONTATTO ( UC ) Le correnti di guasto a terra (IG) sulla MT sono interrotte in un tempo, che dipende dalle caratteristiche del guasto e dal sistema di protezione previsto. In ogni caso il tempo totale dinterruzione generalmente non supera 1 s, (i tempi di intervento delle protezioni devono essere richiesti alla societ distributrice). Limpianto di terra deve essere dimensionato, in relazione ai tempi di intervento delle protezioni in MT, in modo che il valore della sua resistenza e la geometria del dispersore sia tale da permettere di contenere le tensioni di passo (UP) e di contatto (UC), sia allinterno sia allesterno della cabina. Landamento dei valori delle tensioni di contatto ammessi, UC (V), UTP secondo la nuova norma CEI 11-1), in funzione della durata del guasto tF (s), sono riportati nella curva e riassunti nella tabella di seguito riportata.

Tensioni di contatto ammissibili UTP per correnti di durata limitata.

Note:
Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc

1) La curva rappresenta il valore della tensione, che pu essere applicata al corpo umano da mano nuda a piedi nudi, con un valore dell'impedenza del corpo umano avente una probabilit pari al 50 % di non essere superata dalla popolazione, con una curva corrente tempo, che presenta la probabilit del 5% di provocare fibrillazione ventricolare e con nessuna resistenza addizionale. 2) La curva relativa a guasti a terra in impianti di alta tensione. 3) Se la durata della corrente molto pi lunga di quanto mostrato nel grafico, si pu usare per UTP un valore di 75 V.

Tensioni di contatto ammissibili UTP per correnti di durata limitata

Quando non possibile limitare la tensione totale di terra entro i limiti fissati dalla Norma, soprattutto in caso di elevate correnti di guasto, la geometria del dispersore assume unimportanza fondamentale nel limitare le tensioni di passo e contatto. Un impianto di terra tanto pi efficiente, quanto minore risulta la sua resistenza di terra e quanto pi esso realizza unelevata equipotenzialit sulla superficie del terreno. Le tensioni di passo e di contatto dipendono, infatti, dalla tensione totale di terra e dallandamento dei potenziali, che si stabiliscono sulla superficie calpestabile.

Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc

TENSIONI DI PASSO ( UP ) E DI CONTATTO ( UC ) Le caratteristiche dellarea di cui si dispone per linstallazione della cabina possono imporre il tipo dimpianto da realizzare. In particolare la resistivit del terreno pu assumere nel tempo valori anche molto diversi. Essendo la resistivit del terreno molto influenzata dallumidit, i rilievi dellarea interessata devono essere eseguiti, con uno dei metodi prescelti, possibilmente nelle condizioni pi sfavorevoli (ad esempio con condizioni di terreno secco). Il dispersore pu assumere diverse forme, in funzione della pianta della cabina, dellarea disponibile e del valore della resistenza di terra che si vuole ottenere. Le figure mostrano alcune tra le soluzioni pi diffuse con dispersori ad anello, integrati eventualmente con picchetti.

Impianto di terra per cabina con dispersore ad anello con quattro picchetti agli angoli.

Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc

Impianto di terra con dispersore ad anello integrato con quattro picchetti periferici. O Dispersore verticale Dispersore orizzontale I Collettore di terra

Tali configurazioni risultano, con le normali correnti di guasto, pi che sufficienti. Quando le correnti di guasto o la caratteristica del terreno non permettono di raggiungere risultati sufficienti, si pu adottare un dispersore del tipo a maglia. La distribuzione del potenziale sulla superficie del terreno tanto pi uniforme quanto pi fitta la magliatura. Si riducono in tal modo le tensioni di passo e contatto, limitando generalmente i punti critici alla periferia del dispersore. Per questo motivo, allo scopo di uniformare meglio il potenziale sulla superficie del terreno e ridurre le tensioni di passo e di contatto, bene intensificare lorditura della maglia nelle zone periferiche.

Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc

Materiale comunemente utilizzato per la realizzazione degli impianti di terra Tondo di dispersione, diametro 10, in acciaio zincato a caldo per immersione e trascinamento dopo lavorazione per la realizzazione del dispersore orizzontale Bandella in acciaio zincato a caldo dopo lavorazione, zincatura minima di 500g/m2 dimensioni 30x3 mm per la realizzazione del dispersore orizzontale Dispersore a croce, profilato omogeneo in acciaio zincatura a caldo per immersione dopo lavorazione, sezione 50x50x5, lunghezza 2 m, con bandella a tre fori 11 mm Morsetto per collegamento terminale in acciaio zincato a caldo per immersione dopo lavorazione per collegamento di dispersori a croce e tondino 8-10 mm Piastra equipotenziale in acciaio inox con basi isolanti, 10 possibilit di collegamento, completa di tassello e viti per il montaggio a muro Morsetto a croce per l'accoppiamento di tondo da 8-10 mm e bandelle in acciaio zincato a caldo per immersione dopo lavorazione

Art. RD 10

Cod. 5021103

Art.5052/DIN

Cod. 5019344

Art. 214/C 2

Cod. 5000984

Art. 5001/DIN

Cod. 5304105

Art. 1802/10-VA

Cod. 5015866

Art. 252/DIN

Cod. 5312310

Morsetto a croce per l'accoppiamento di tondo da Art. 252/FL DIN 8-10 mm e bandelle massimo 30mm in acciaio zincato a caldo Dispersore di terra a piastra, zincata a caldo dopo lavorazione, completo di Art. 1816/F bandella di collegamento 50x3. Misure 500x500x3 Soluzione salina per la diminuzione del valore della resistivit del terreno Gelosal

Cod. 5312655

Cod. 5009219

Cod. 2362910

Documento ad uso interno dedicato alla formazione della rete vendita OBO Bettermann Srl. All rights reserved. OBO, 2012 FF / 01.2012 / Guida alla realizzazione degli impianti di terra_i.doc