Sei sulla pagina 1di 71

GIOVANNI LESTINI

Dispense di Scienze Motorie

Classe Prima

A.S. 2017-2018
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

SOMMARIO
DISPENSE DI SCIENZE MOTORIE ............................................................................................. 1
CLASSE PRIMA ....................................................................................................................... 1
SOMMARIO ........................................................................................................................... 2
INTRODUZIONE...................................................................................................................... 3
L'APPARATO LOCOMOTORE ................................................................................................... 5
(1) CHE COS'È ............................................................................................................................................................... 5
(2) LE OSSA .................................................................................................................................................................. 7
(3) IL TESSUTO OSSEO ..................................................................................................................................................... 9
(4) LO SCHELETRO ......................................................................................................................................................... 9
(5)IL CAPO ................................................................................................................................................................. 12
(6) IL TRONCO ............................................................................................................................................................. 12
(7) GLI ARTI ................................................................................................................................................................ 15
(8) LE ARTICOLAZIONI ................................................................................................................................................... 18
(8.1) Capsula articolare ...................................................................................................................................... 19
(8.2) Cartilagine articolare ................................................................................................................................. 20
(8.3) Legamenti .................................................................................................................................................. 21
(8.4) Membrana sinoviale .................................................................................................................................. 21
(8.5) Liquido sinoviale ......................................................................................................................................... 21
(8.6) Unità muscolo-tendine ............................................................................................................................... 22
(8.7) Altre componenti articolari ........................................................................................................................ 23
(9) I MUSCOLI ............................................................................................................................................................. 24
(9.1) Il sarcomero ............................................................................................................................................... 26
(10) LE LEVE ............................................................................................................................................................... 27
1. Leva di 1° tipo .............................................................................................................................................. 28
2. Leva di 2° tipo .............................................................................................................................................. 28
3. Leva di 3° tipo .............................................................................................................................................. 29
APPENDICE AL CAPITOLO .......................................................................................................................................................30

PARAMORFISMI E DISMORFISMI.......................................................................................... 40
(1) CHE COSA SONO ..................................................................................................................................................... 40
(2) I PARAMORFISMI DELLA COLONNA VERTEBRALE ............................................................................................................. 41
(3) LA SCOLIOSI ........................................................................................................................................................... 44
(4) ALCUNI CONSIGLI PER LO SCOLIOTICO.......................................................................................................................... 47
(5) CIFOSI E LORDOSI .................................................................................................................................................... 49
CIFOSI ....................................................................................................................................................................... 49
LORDOSI .................................................................................................................................................................... 50
(6) I PARAMORFISMI DEGLI ARTI INFERIORI ........................................................................................................................ 50
(7) IL PIEDE PIATTO ...................................................................................................................................................... 51
(8) IL GINOCCHIO VALGO ............................................................................................................................................... 53
APPENDICE AL CAPITOLO .......................................................................................................................................................54

2
Introduzione
www.motricitascuola.altervista.org

La ricerca scientifica, inerente alla motricità umana, ha effettuato enormi progressi nel campo
della neurofisiologia, della teoria dell’allenamento, della teoria delle attività motorie, della
biomeccanica, della psicologia, della pedagogia, ecc., ma è rimasta "tronca" nel proprio aspetto
fondamentale, che le è peculiare, ovvero di quella visione prospettica (che prospettica non è!) che
concerne la propria filosofia. L’attività motoria ha una sua propria filosofia, la quale è, ormai,
esigenza istanziale, che sussume la totalità degli aspetti motori, dalle multiformi facce poliedriche.
Sin dai tempi più remoti il rapporto tra l’uomo ed il movimento ha assunto un ruolo di
fondamentale importanza, in cui l’essere umano ha cercato di superare gli ostacoli che hanno
circoscritto la sua libertà. Le origini di questo rapporto si perdono nella notte dei tempi, poiché
l’uomo, spinto dalla curiosità, dal senso di libertà, dalle necessità alimentari, dal bisogno di
difendersi dagli animali e da altre mille motivazioni (sopravvivenza, soccorso, svago, ecc.), ha
imparato a spaziare liberamente nel territorio, interagendo con la realtà circostante.

Nelle diverse civiltà ed epoche il concetto di movimento


ha assunto significati differenti, relativamente alle
opportunità ed alle varie esigenze per cui, nella pratica del
movimento stesso, si distinguono:
 la lotta per la sopravvivenza come la caccia e la
pesca;
 l’"addestramento", che consiste nella ripetizione
stereotipata, uniforme e monotona dei singoli gesti;
 la "concezione scientifica" riguardante lo studio sulla motricità umana, per una migliore
comprensione del gesto motorio, sia per quanto riguarda l’equilibrio psico-fisico, sia per
una conoscenza più approfondita circa il funzionamento e le possibilità della “macchina
umana”, quando i giri del suo motore oscillano dal minimo al massimo (compresi tutti i
valori intermedi), per utilizzare al meglio il proprio essere, che è un composto di anima e
corpo, spirito e materia, tangibile ed intangibile, pensiero ed azione.
Pertanto, la definizione dei principi, che regolano l'evoluzione dei componenti il consorzio
umano mediante la motricità, favorisce il miglioramento del panorama cognitivo-formativo offerto
sia dall'educazione motoria sia dalla pratica sportiva, come del resto sostenuto anche dal M.I.U.R.
E' indispensabile favorire il miglioramento del panorama cognitivo-formativo, per coloro che
intendono operare nell’area di formazione, che si ispira a quei principi che oltrepassano il semplice
investimento anatomo-fisiologico, per accedere ad una visione più ampia dalla quale si scorge
l’idea del movimento stesso.
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

Nella riflessione filosofica, inerente all’evoluzione motoria dell’uomo, emerge l’attività euristica
ed esegetica per poter cogliere un mondo posto dietro a quello dell’apparenza. La problematica
cognitiva dell’individuo, mediante la motricità, assume una connotazione la quale caratterizza il
soggetto sia nella peculiarità cognitivo-motoria, sia nell’incessante percorso ascensionale di una
realtà in continuo mutamento, in cui si verificano gli scarti di
interferenze motorie per riscoprirsi ontologicamente
(l’individuo deve elidere tutto ciò che funge da elemento di
disturbo, oltre che per una corretta esecuzione del gesto
motorio, soprattutto per riscoprirsi nella dimensione
ontologica, cioè “essere in quanto essere” ed essere causa e
causato del movimento).
L'immagine a sinistra raffigura un moderno laboratorio di
biomeccanica...quanta strada è stata fatta!!!
Queste dispense sono a tua disposizione per il corrente
anno scolastico. Gli argomenti trattati sono stabiliti dalla
programmazione effettuata dai docenti di Scienze motorie e
sportive dell’Istituto.

Naturalmente le attività svolte durante le lezioni curriculari


avranno una valenza sia pratica, sia teorica, tanto da
conferire il giusto peso alle due componenti che
caratterizzano le Scienze Motorie e Sportive.

«…è straordinario che l’azione più


insignificante risolva, senza farsene una
preoccupazione, un problema in cui
nessuna filosofia è venuta a capo
totalmente, perché nessuna filosofia ha
fatto uno studio completo dell’azione»

(MAURICE BLONDEL, L'AZIONE)

4
L'apparato locomotore
di Giovanni Lestini

(1) Che cos'è

«E’ questo il mio insegnamento: chi vuole imparare a volare,


deve prima imparare a stare, ad andare, a correre, ad
arrampicarsi e a danzare: non s’impara a volare volando.»
(F. W. NIETZSCHE, Così parlò Zarathustra, Dello spirito di gravità)

L’apparato locomotore è la struttura che ci


consente di stare nella posizione eretta, seduti,
camminare, correre, saltare, giocare, andare in
bicicletta e compiere qualsiasi movimento non
soltanto nello sport, ma anche nella vita
quotidiana, come lavarsi, vestirsi, bere, mangiare,
prendere l’autobus e così via. Per l'esecuzione
dei movimenti, l'individuo deve avere dei punti di
riferimento, vale a dire una sorta di coordinate
che consentono (un po' come i naviganti, o i piloti
che utilizzano i meridiani ed i paralleli) di definire
le varie direzioni del movimento. Tali coordinate
sono gli assi e piani del corpo umano (pag. 30).
Naturalmente è il cervello che ordina
all’apparato locomotore l’azione da eseguire. In
altre parole, l’apparato locomotore è l’esecutore
materiale, mentre il cervello ha il potere di
decidere sul da farsi.
L’apparato locomotore è formato dalle ossa,
dalle articolazioni e dai muscoli. Le ossa e le
articolazioni formano lo scheletro, cioè l’apparato
di sostegno, mentre i muscoli svolgono il delicato
compito di imprimere ad esso il movimento.
Tutte le funzioni organiche non potrebbero
essere «fisicamente» svolte se non ci fossero le
ossa che, da un lato si articolano reciprocamente
tra di loro, dall'altro rappresentano l'impalcatura
di sostegno per i tessuti molli e per gli organi.
5
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

6
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

L'apparato scheletrico è un deposito di minerali e lipidi. Il calcio è il sale minerale più copioso
nell'organismo umano. Quest'ultimo ne contiene circa 1,5 kg., di cui il 98% è depositato nello
scheletro. Inoltre, le ossa immagazzinano le riserve energetiche lipidiche costituite dai "grassi"
presenti nel midollo giallo.
Inoltre, non sarebbe possibile, eseguire alcun tipo di
movimento senza il tessuto muscolare; il sangue non
potrebbe circolare nei vasi sanguigni in assenza del
muscolo cardiaco; i polmoni non potrebbero riempirsi e
svuotarsi dell'aria in assenza dei muscoli respiratori;
sarebbero impossibili gli atti della masticazione, della
deglutizione, del transito del cibo nel canale alimentare,
con la conseguente alterazione delle funzioni viscerali.
Benché la nostra vita non dipenda esclusivamente dal
tessuto muscolare, sarebbe pressoché improbabile, se
non impossibile, pensare la vita umana senza i muscoli,
almeno per come siamo abituati a concepire l'attuale esistenza, dal
momento che le nostre interazioni dinamiche con il mondo circostante implicano l'utilizzo del
tessuto muscolare, che si suddivide in tre tipi: il muscolo scheletrico, il muscolo cardiaco o
miocardio ed i muscoli lisci. I muscoli scheletrici esercitano la loro azione sulle ossa permettendo
i movimenti del corpo; il miocardio, come una pompa, spinge il sangue all'interno dei vasi
sanguigni; i muscoli lisci esercitano la loro funzione nei visceri e negli organi interni, sotto il
controllo del sistema nervoso autonomo.
Come si può osservare è come se gli apparati scheletrico, articolare e muscolare si
contendessero il primato assoluto del «migliore» nell'apparato locomotore, ma sappiamo
benissimo che così non è, poiché essi sono
complementari tra di loro e, ad ogni settore,
osseo - articolare - muscolare, è richiesta la
massima efficienza, in assenza della quale
avremmo difficoltà a svolgere anche le azioni
apparentemente più semplici nella normale vita di
relazione.

(2) Le ossa
Lo scheletro umano contiene 206 ossa che,
anche se in apparenza sembrano costituire la
parte passiva dell'apparato locomotore,
intervengono attivamente, con il loro continuo
ricambio, nelle fasi di sviluppo dell'essere umano.
Esse raggiungono il completo sviluppo intorno al
trentesimo anno di età. Le ossa oltre a svolgere le
funzioni di sostegno, ricoprono altri ruoli: 1)
proteggono gli organi interni. Infatti, la gabbia
toracica accoglie i polmoni ed il cuore; le vertebre
nel loro canale avvolgono il midollo spinale; la
scatola cranica custodisce il cervello; la pelvi, cioè
7
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

il bacino, protegge i delicati organi dell'apparato digerente e genitale; 2) producono le cellule del
sangue e precisamente i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine, che sono generati dal midollo
osseo rosso, presente nelle cavità interne delle ossa; 3) i segmenti scheletrici nei loro rapporti
articolari danno luogo ad un sistema di leve, tanto è vero che queste, in seguito alle forze prodotte
dal tessuto muscolare, modificano la direzione e l'ampiezza del movimento che varia dai
movimenti più semplici ma potenti, come quello di spostare il proprio corpo, a quelli più fini e
complessi, come l'orologiaio alle prese con le viti di piccolo calibro o come chi assembla la
componentistica hardware, sempre più piccola e sofisticata, di un computer.
Il tessuto osseo è composto da sodio, magnesio e fluoro, ma soprattutto dai fosfati di calcio,
che costituiscono i 2/3 del peso dell'osso stesso. Questi fosfati interagiscono con l'idrossido di
calcio, dando luogo ai cristalli di idrossiapatite. Questi componenti conferiscono all'osso la
resistenza alla compressione, mentre le fibre proteiche di collagene, che rappresentano 1/3 del
peso dell'osso, lo rendono resistente alla trazione, torsione e flessione.

Nell’uomo l’osso si accresce e si forma, attraverso le seguenti fasi:

 fase membranosa;
 fase cartilaginea;
 fase ossea.

Nelle fasi iniziali dello sviluppo embrionale l'apparato scheletrico è rappresentato da strutture
membranose o cartilaginee. La loro trasformazione in tessuto osseo può distinguersi in due tipi di
ossificazione: membranosa o connettivale e condrale.
L'ossificazione membranosa o connettivale è detta anche ossificazione diretta, poiché gli
osteoblasti si differenziano dal tessuto connettivo e producono il tessuto osseo senza transitare
attraverso lo stadio cartilagineo. In questo caso la formazione dell’osso avviene
contemporaneamente in uno o più punti, detti centri di ossificazione, che poi si fondono.
L'ossificazione condrale è detta anche ossificazione indiretta, poiché dà luogo alla
formazione di tessuto cartilagineo. Quest'ultimo viene progressivamente riassorbito e sostituito dal
tessuto osseo. Pertanto, l'osso può continuare a crescere fin quando sono presenti le strutture
cartilaginee nella zona di accrescimento.

Le ossa sono formate da tre tipi di cellule:

 gli osteociti, che sono le cellule dell'osso maturo. Queste controllano la concentrazione
di proteine e minerali nell'osso, con il rilascio di sali di calcio dall'osso al sangue. Gli
osteociti si trovano in piccoli siti detti lacune, tra gli strati calcificati;
 gli osteoblasti compongono il tessuto osseo interno ed esterno, che è costituito dai sali
minerali (sali di calcio); essi sono responsabili del rinnovamento e della produzione di
nuovo osso, mediante un processo definito osteogenesi; quando un osteoblasto viene
circondato dai cristalli di idrossiapatite e dalle fibre di collagene, si trasforma in un
osteocita;
 gli osteoclasti, mediante l'osteolisi, sciolgono i componenti ossei rilasciando il calcio
ed il fosfato, per la regolazione di questi minerali nei fluidi dell'organismo umano; in
8
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

sostanza facilitano sia il riassorbimento di tessuto osseo in eccedenza, sia


l’allontanamento delle vecchie cellule, e favoriscono il processo di ristrutturazione delle
ossa stesse da parte degli osteoblasti.

(3) Il tessuto osseo


Il tessuto osseo sostanzialmente di
differenzia in: osso compatto ed osso
spugnoso. L'osso compatto è denso e
solido e la sua unità funzionale di base è
l'osteone (pag. 31), mentre l'osso
spugnoso è paragonabile ad una rete
costituita da lamine e trabecole (pag.
32). I due tipi di tessuto osseo (compatto
e spugnoso) sono presenti nei vari
segmenti scheletrici, come ad esempio
nell'omero o nel femore. Il tessuto osseo
compatto costituisce la parte esterna
dell'osso, mentre il tessuto osseo
spugnoso forma uno strato interno che
avvolge la cavità midollare. Questa
contiene il midollo osseo, che si
distingue in midollo giallo (costituito da
adipociti) ed il midollo rosso (che
produce le cellule del sangue). Il midollo
giallo, che è una importante riserva
energetica, di norma, è presente nella
cavità midollare della diafisi. Il midollo
rosso è presente in quantità abbondante nell'epifisi spugnosa del femore, costituendo una
importante risorsa che genera le cellule sanguigne.

(4) Lo scheletro
Lo scheletro dell’uomo è composto da due parti: assile ed appendicolare. Lo scheletro assile è
formato da 80 ossa, che rappresentano circa il 40% delle ossa totali. Esso comprende:
 il cranio (22 ossa);
 la gabbia toracica (24 coste, 1 sterno);
 la colonna vertebrale (24 vertebre, 1 sacro, 1 coccige);
 ossa associate al cranio (6 ossicini uditivi, 1 osso ioide).
La funzione dello scheletro assile è quella di creare una struttura protettiva per gli organi interni.
L'ampia superficie dello scheletro assile consente ai muscoli di inserirsi su queste ossa per
regolare la posizione della testa, del tronco, dello scheletro appendicolare e per consentire i
movimenti respiratori. Inoltre, alcune regioni dello scheletro assile (vertebre, sterno, coste)
contengono il midollo rosso per la produzione delle cellule sanguigne.

9
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

Lo scheletro appendicolare è costituito da 126 ossa e comprende le ossa degli arti e delle
articolazioni scapolo-omerale e coxo-femorale.
La superficie esterna dell'osso è avvolta dal periostio. Esso esternamente è costituito da uno
strato fibroso ed internamente da uno strato cellulare. Il periostio protegge l'osso dai tessuti
limitrofi, lo mette in comunicazione con i vasi sanguigni ed i nervi, interviene nella crescita dell'osso
e nella sua eventuale riparazione. Inoltre, in prossimità delle articolazioni sinoviali, il periostio è
collegato con la capsula articolare, la quale come un «manicotto» avvolge l'articolazione. Le fibre
periostali sono intrecciate con quelle dei tendini che vanno a cementarsi con l'osso, in modo tale
che le fibre collagene periostali e tendinee penetrano all'interno dell'osso stesso (fibre di Sharpey),
per rendere più saldo il legame tendine-osso. La fusione tra questi due elementi è talmente
resistente che una trazione di grave intensità esercitata su un tendine (o su un legamento) causa,
generalmente, la rottura dell'osso, invece che il distacco del tendine dall'osso stesso.
La struttura ossea è talmente complessa e delicata che non può essere sufficientemente
protetta soltanto dall'esterno, ma necessita anche di una protezione interna, viste le intense
sollecitazioni (compressione, trazione, rotazione, schiacciamento) alle quali è sottoposta.
Internamente la superficie dell'osso è rivestita dall'endostio, che avvolge la cavità midollare.
Questa «tunica» riveste le trabecole dell'osso spugnoso e protegge la superficie interna del canale
centrale. Come per il periostio, anche l'endostio partecipa alla crescita dell'osso, alla riparazione
ed al rimodellamento del tessuto osseo.
Quando un segmento scheletrico viene stimolato attraverso il movimento, i suoi sali minerali
generano dei piccoli campi elettrici, che attraggono gli osteoblasti, i quali in seguito a questo
evento iniziano a produrre nuovo tessuto osseo. Questo processo rende le ossa adattabili alle
varie situazioni. Quindi, se i muscoli diventano più potenti, aumenterà la dimensione dell'osso,
specialmente laddove i tendini si fondono con l'osso stesso. Si deduce che le ossa, in seguito ad
un regolare esercizio, divengono più spesse e resistenti,
mentre in assenza di una consueta attività fisica
diventano più fragili, deboli e sottili.
Ogni anno, circa 1/5 del tessuto osseo di un adulto è
sostituito, o ricostruito, da nuove cellule. Il ricambio
osseo può determinare un rimodellamento
dell'architettura ossea. Nonostante ciò, la velocità di tale
ricambio varia a seconda delle regioni di ciascun osso.
Ad esempio, la testa del femore, che sappiamo essere
costituita da osso spugnoso, viene sostituita due o tre
volte l'anno, mentre nella diafisi, che è costituita da osso
compatto, il ricambio è estremamente più lento. La
velocità del rimodellamento osseo si riduce con
l'aumentare dell'età. Pertanto, negli anziani, l'attività
degli osteoblasti rallenta drasticamente, rispetto a quella
degli osteoclasti, con il seguente risultato: maggiore
riassorbimento osseo, minore deposito di sali
minerali, con il graduale indebolimento dello
scheletro. Questo tipo di ossificazione è definito
osteopenia. Tale processo inizia verso la quarta
decade di vita. Non tutte le ossa, però, sono interessate
10
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

contemporaneamente al calo fisiologico. Questo si verifica inizialmente nelle epifisi e nelle vertebre
con una perdita di massa ossea, fragilità degli arti, riduzione dell'altezza. Soprattutto nelle donne,
nel corso degli anni, inizia a comparire il processo
dell'osteoporosi, in cui si registra la riduzione della massa
ossea, tanto da comprometterne la normale funzionalità.
Nello scheletro umano è possibile differenziare quattro tipi di
ossa:
 ossa lunghe;
 ossa piatte;
 ossa brevi;
 ossa pneumatiche.
Le ossa lunghe sono formate da un corpo e da due estremità.
Il corpo dell’osso, detto diafisi, è di forma cilindrica, mentre le
due estremità sono dette epifisi. Nella parte interna della diafisi
c'è il canale midollare in cui è presente il midollo osseo.
La diafisi presenta un tessuto osseo compatto, mentre le epifisi si differenziano per la struttura
ossea compatta all’esterno e spugnosa all’interno. Alcuni esempi tipici di ossa lunghe sono:
l’omero, il radio, l’ulna, il femore, la tibia, il perone.

Le ossa piatte hanno la particolarità di possedere una superficie alquanto estesa ed uno
spessore molto sottile. Esse sono composte al loro interno da tessuto osseo spugnoso e ricoperte
da tessuto osseo compatto. Tra le ossa piatte si ricordano: le ossa del cranio, lo sterno, le scapole
e la rotula.
Le ossa brevi sono dette anche "ossa corte". Esse non presentano una forma regolare e sono
formate da tessuto osseo spugnoso, rivestito all’esterno da una sottile superficie di osso compatto.
Le ossa piatte più comuni sono: le ossa del carpo, le
ossa del tarso e le vertebre.
Le ossa pneumatiche hanno la caratteristica di
essere colme d’aria al loro interno e di essere rivestite
di mucosa. Le ossa pneumatiche nello scheletro
umano sono la mascella, lo sfenoide, l'etmoide, l'osso
frontale ed i seni paranasali.
«La resistenza fisica dell'osso compatto è notevole
e varia con l'età e il sesso: secondo le ricerche di Amar
nell'adulto di sesso maschile è di 12-16 Kg/2mm2 alla
pressione, di 9-12 Kg alla trazione, di 4,3 Kg alla
trazione in senso radiale, di 2-3-kg alla flessione»
(Francesco Perrotta, Chinesiologia, Ellissi, Gruppo Editoriale Simone, pag.141).

11
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

La struttura altamente dinamica delle ossa è intimamente correlata con gli altri apparati. Esse
sono in rapporto con il sistema muscolare, con i sistemi cardiocircolatorio, linfatico e con il sistema
endocrino che ne controlla la crescita. Anche il sistema digerente gioca un ruolo fondamentale
nello sviluppo delle ossa,
attraverso il prezioso
apporto di sali minerali di
calcio e fosfato che ne
garantiscono la corretta
crescita.

(5)Il capo
Lo scheletro del capo
rappresenta il primo
segmento dello scheletro
assile ed è composto
dalle ossa piatte, che si
distinguono in otto ossa
craniche ed in
quattordici ossa facciali.
Le ossa craniche
formano il cranio, una
solida "scatola"
contenente un liquido,
detto liquor, che
ammortizza e protegge
l'encefalo. Esse sono
composte dalle seguenti ossa: 2 parietali, 2 temporali, 1 frontale, 1 occipitale, 1 etmoide, 1
sfenoide.
Le ossa craniche sono congiunte fra loro per mezzo di articolazioni ad incastro, dette suture.
Le ossa facciali sono composte da: 2 nasali, 2 lacrimali, 2 cornetti nasali, 2 mascellari, 2
zigomatiche, 2 palatine, 1vomere, 1 mandibola.
Fra tutte le ossa che compongono lo scheletro della faccia, la mandibola è l’unico osso mobile.
Sulla superficie interna del cranio si inseriscono i nervi ed i vasi sanguigni, che consolidano la
posizione del dell'encefalo, cioè del cervello. Nella superficie esterna delle ossa craniche si
inseriscono i muscoli che controllano la mandibola, la testa e gli occhi. Inoltre, gli ampi movimenti
del capo sono resi stabili da un'articolazione costituita dall'osso occipitale e dall'atlante (1^ vertebra
cervicale, il cui nome deriva dal personaggio mitologico – Atlante - che reggeva il mondo sulle
spalle), in modo tale da rendere più saldo il collegamento tra l'encefalo ed il midollo spinale.

(6) Il tronco
La restante parte dello scheletro assile è costituita dal tronco. Esso, a sua volta, è composto
dalla colonna vertebrale, dalle coste e dallo sterno, da cui origina la gabbia toracica. A connettere
lo scheletro assile con quello appendicolare sono preposti i complessi ossei delle articolazioni
12
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

scapolo-omerale e coxo-femorale. Le prime congiungono l'estremità superiore del tronco con gli
arti superiori, le seconde collegano la parte inferiore del tronco con gli arti inferiori. In sostanza,
queste articolazioni fungono da collegamento tra lo scheletro assile con quello appendicolare.
La colonna vertebrale rappresenta la struttura di sostegno, che sorregge il peso del capo, del
collo e del tronco, propagandolo allo scheletro appendicolare degli arti inferiori. Essa è formata da
24 vertebre, oltre che dal sacro e dal coccige, per un totale di 26 segmenti ossei.
E' opportuno precisare che, durante lo sviluppo, il sacro si evidenzia come un complesso osseo
di cinque vertebre, che completano la loro fusione
intorno al venticinquesimo anno di età.
Il coccige appare come un gruppo di quattro-
cinque piccole vertebre la cui ossificazione non
avviene prima della pubertà e la loro fusione si
verifica in tempi variabili.
Ogni vertebra è costituita dalle seguenti parti:
 da una parte anteriore di forma cilindrica
detta corpo vertebrale;
 dal forame vertebrale (foro all’interno del
quale alloggia il midollo spinale) che
origina dall’unione tra l’arco osseo
posteriore di una vertebra ed il corpo
vertebrale;
 da alcune sporgenze, dette apofisi.
La colonna vertebrale ha una lunghezza di circa
70-80 cm. ed è formata dalla sovrapposizione delle
vertebre (dette anche metameri) che,
mediante l'allineamento verticale dei loro
forami vertebrali, danno luogo al canale
vertebrale, all'interno del quale alloggia il
midollo spinale, le sue meningi,
l'organizzazione nervosa, oltre alle
strutture vascolari, fibrose ed adipose.
Il corpo vertebrale presenta due facce,
una superiore e l'altra inferiore. Queste
sono congiunte saldamente con il disco
fibro-cartilagineo che le connette
stabilmente alle vertebre soprastante e
sottostante.

13
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

La colonna vertebrale, considerata sul proprio piano sagittale, presenta quattro curve: due
anteriori e due posteriori. Le curve delle zone cervicale e lombare sono dette lordosi, quelle delle
regioni dorsale e sacrale-coccigeo sono dette cifosi.
La colonna vertebrale è molto flessibile a causa della presenza delle curve e del disco
intervertebrale, che la rendono più elastica,
contro il pericolo di eventuali traumi.
Percorrendo la colonna vertebrale dall'alto
verso il basso, possiamo notare che essa
presenta quattro parti:
 cervicale (7 vertebre);
 dorsale (12 vertebre);
 lombare (5 vertebre);
 sacrale-coccigea (1+1).
Le curve dorsale e sacrale sono dette curve

di accomodazione, poiché si adattano alla


presenza dei visceri toracici, addominali e pelvici.
Le curve cervicale e lombare sono dette curve di
compensazione, perché fungono da sostegno al peso del corpo che si
proietta sugli arti inferiori. Le curve della colonna vertebrale si sviluppano
completamente intorno ai primi dieci anni di vita.
Tra le sette vertebre cervicali meritano una particolare attenzione la prima
e la seconda, dette atlante ed epistrofeo.
L'atlante ha una struttura differente dalle altre vertebre, poiché non
possiede il corpo e presenta due masse laterali, che sono riunite tra di loro da
un arco anteriore e da uno posteriore. In ognuna delle masse laterali si
trovano due faccette articolari: la superiore e l’inferiore. Le faccette superiori
si articolano con i condili dell'osso occipitale, mentre quelle inferiori con le
faccette dell’epistrofeo, che rappresenta la seconda vertebra cervicale.
L'epistrofeo sulla faccia superiore del corpo vertebrale, presenta una
sporgenza verticale a forma di perno cilindroide, detto dente dell’epistrofeo,
attorno al quale ruota la prima vertebra cervicale, l'atlante.

14
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

La settima vertebra cervicale si articola con la prima vertebra dorsale o toracica. Le dodici
vertebre dorsali formano la regione mediana posteriore. Esse lateralmente si articolano con le
coste. Queste insieme con lo sterno formano il torace.
Le cinque vertebre lombari costituiscono la regione posteriore inferiore ed hanno una
grandezza maggiore delle altre, poiché debbono sostenere tutto il peso della parte superiore del
corpo. La quinta vertebra lombare si articola con il sacro che a sua volta si articola con il coccige.
GABBIA TORACICA. Lo scheletro della gabbia toracica, come già accennato sopra, è costituito
dalle vertebre dorsali, dalle coste e dallo sterno. Le
principali funzioni del torace consistono: 1) nel
proteggere il cuore, i polmoni, il timo; 2) nell'offrire ai
muscoli gli opportuni punti d'inserzione per la
respirazione, per la postura della colonna vertebrale e
per i movimenti del cingolo scapolare.
Le dodici vertebre dorsali lateralmente si articolano
con le dodici paia di coste, che compongono il torace.
Esse hanno una struttura curva, lunga e piatta.
Le prime sette paia sono dette coste vere, perché
ognuna di esse posteriormente si articola con le
vertebre, mentre anteriormente ciascuna costa si

inserisce, mediante le cartilagini costali,


singolarmente sullo sterno, un osso impari e
piatto, che si trova anteriormente e
centralmente nel torace. Le tre paia di coste
successive sono dette coste false, in quanto
non sono saldate direttamente allo sterno,
ma si uniscono in un unico corpo, fondendosi
con la cartilagine del settimo paio. Le ultime
due paia di coste sono libere da qualsiasi
legame con le altre. Esse sono meglio
conosciute come coste fluttuanti perché, nella
parte anteriore del torace, non hanno alcun
tipo di collegamento né con lo sterno né con
le cartilagini.

(7) Gli arti


Elencando rapidamente tutte le attività che compiamo ogni giorno, ci rendiamo conto delle
funzioni indispensabili eseguite dallo scheletro appendicolare: camminare, correre, lavarci,
scrivere, mangiare, giocare, e così via. A differenza dello scheletro assile che ha il compito di
proteggere e supportare gli organi interni.
Lo scheletro appendicolare comprende gli arti superiori, gli arti inferiori, e le strutture di
supporto, i cingoli, che li uniscono al tronco.

15
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

Il cingolo scapolare o toracico rappresenta la «zona di collegamento» tra la parte superiore


dello scheletro assile e quello appendicolare. Il cingolo toracico è composto dalla clavicola e dalla
scapola. La clavicola è un osso a forma di «S» e si
articola lateralmente con l'acromion della scapola e
medialmente con il manubrio dello sterno, sito in cui si
evidenzia l'articolazione sterno-clavicolare, che
rappresenta le connessione diretta tra lo scheletro
assile e lo scheletro appendicolare.
Di forma triangolare, la scapola si articola in alto
con la clavicola mediante l'articolazione
acromioclavicolare, scendendo più in basso e
lateralmente troviamo la cavità glenoidea all'interno
della quale alloggia la testa dell'omero: è
l'articolazione scapolo-omerale, da cui prende inizio la
parte superiore dello scheletro appendicolare.
L’arto superiore è composto da: braccio,
avambraccio, mano.
Il braccio è formato dall’omero, mentre il radio e
l’ulna compongono l’avambraccio.
L'articolazione del gomito unisce il braccio
all'avambraccio. Questa articolazione è formata a sua
volta da tre articolazioni: la prima è composta
dall'omero e dall'ulna; la seconda dall'omero e dal
radio; la terza dal radio e dall'ulna. Queste tre
diartrosi (LA DIARTROSI è un'articolazione mobile, in cui le ossa si mettono in rapporto mediante
superfici articolari rivestite da cartilagine, circondate da un manicotto di tessuto connettivo: la
capsula articolare) costituiscono un'unica articolazione poiché hanno in comune la capsula fibrosa
e la membrana sinoviale.
Lo scheletro della mano è costituito da: carpo, metacarpo, falangi. Il carpo, vale a dire il polso,
è costituito da otto ossa brevi, di cui quattro prossimali (scafoide, semilunare, piramidale,
pisiforme) e quattro distali (trapezio, trapezoide, capitato, uncinato). Il metacarpo, cioè la parte
corrispondente al palmo e al dorso della mano, è formato da cinque ossa, che collegano il
metacarpo alle falangi. Queste ultime, che danno origine alle dita della mano, sono tre per ciascun
dito (falange prossimale, falange mediale, falange distale), ad esclusione del pollice che ne ha due
(falange prossimale, falange distale).
Il cingolo pelvico, detto anche pelvi o bacino, rappresenta la «zona di collegamento» tra la
parte inferiore dello scheletro assile e quello appendicolare. Le ossa del cingolo pelvico
proteggono e sostengono i visceri, gli organi genitali e il feto nelle donne. Le ossa pelviche,
essendo sollecitate dalla locomozione e sottoposte al peso del corpo, hanno una maggiore
robustezza rispetto a quelle del cingolo toracico. La pelvi è un complesso di tre ossa piatte: ileo,
ischio, pube, che durante lo sviluppo corporeo si uniscono fra loro, per completare la loro fusione
in un unico osso coxale intorno ai 25 anni. L'osso iliaco contiene gli organi addominali, oltre ad
offrire una notevole superficie per l'inserzione dei muscoli. All'altezza dell'acetabolo l'ileo si fonde
con l'ischio. Quest'ultimo è il più robusto delle tre ossa dell'anca; esso con la sua tuberosità

16
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

ischiatica sostiene il peso del corpo durante la


posizione seduta. L'ischio con un sottile ramo, detto
ramo dell'ischio, descrivendo una curva che risale
verso l'alto, si fonde con il ramo del pube nella parte
anteriore. Dai due rami origina il forame otturatorio la
cui membrana connettivale costituisce un'area di
inserzione di muscoli, di nervi e di vasi sanguigni.
L'articolazione fra l'osso coxale e il sacro sulla
superficie postero-mediale dell'ileo prende il nome di
articolazione sacroiliaca. Le ossa coxali mediante un
disco fibrocartilagineo si uniscono alla sinfisi pubica.
Sulle due estremità laterali ed inferiori dell'osso coxale
è presente una cavità dal diametro di 5 cm., detta
acetabolo, dove alloggia la testa del femore,

originando così l'articolazione coxo-


femorale.
L’arto inferiore è formato da: coscia,
gamba, piede. L’osso della coscia è
rappresentato dal femore. Esso misura
circa cm. 40-45 ed è il più lungo del corpo.
La sua estremità superiore (testa del
femore) prende parte, come già accennato
sopra, all’articolazione coxo-femorale.
L’estremità inferiore del femore contribuisce
a formare l’articolazione del ginocchio.
Le ossa della gamba sono due: la tibia ed il perone o fibula. La tibia prende parte all'articolazione
del ginocchio insieme con il femore e con la rotula. La tibia, più solida rispetto al perone, percorre
la gamba dal ginocchio fino all'articolazione tibio-tarsica, in direzione del primo dito del piede. Il
perone si dispone parallelamente al margine laterale della tibia, senza prendere parte
all'articolazione del ginocchio, percorrendo la gamba fino all'articolazione tibio-tarsica in prossimità
del quinto dito del piede.
Lo scheletro del piede è composto da: tarso, metatarso, falangi. Il tarso, corrispondente alla
caviglia, è formato da sette ossa: l'astragalo, il calcagno, il cuboide, l'osso navicolare, le tre
ossa cuneiformi. Le cinque ossa lunghe, che sono interposte tra il tarso e le falangi,
17
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

rappresentano il metatarso. Le ossa delle dita sono dette falangi e ne risultano tre per ciascun
dito (falange prossimale, falange mediale, falange distale), tranne che per il primo dito, o alluce, il
quale ne ha soltanto due (falange prossimale, falange distale).

(8) Le articolazioni
Abbiamo già affermato in precedenza che l'apparato scheletrico sostiene tutto il corpo umano,
ma questo supporto sarebbe inutile se tale struttura non ci permettesse di eseguire il
«movimento». Un segmento osseo, di per sé, non può eseguire alcun tipo di movimento, né tanto
meno può flettersi o curvarsi: in questi
casi ci troveremmo di fronte ad una
frattura. Abbiamo bisogno di "cerniere"
che consentano il movimento, più o
meno ampio, tra due o più segmenti
ossei. Tali cerniere sono rappresentate
dalle articolazioni o giunture.
Le articolazioni esistono laddove due
o più ossa si «incontrano» con una
delle loro estremità. Queste ultime,
meglio conosciute con il nome di epifisi,
possono essere a diretto contatto tra di
loro ed, a seconda del tessuto che
presentano, possono essere di tipo:
sinartrosi, anfiartrosi, diartrosi.
SINARTROSI. Sono le articolazioni
fibrose che consentono movimenti
limitati o addirittura nessun movimento,
come ad esempio le suture che
uniscono lo ossa del cranio, in cui i capi
ossei sono tenuti assieme da tessuto
connettivo denso.
ANFIARTROSI . Sono le articolazioni
cartilaginee che permettono un
movimento limitato e controllato, come
nella sinfisi pubica, che presenta la
cartilagine ialina interposta nel punto in
cui le ossa del pube si uniscono. Nelle
anfiartrosi, le ossa, generalmente, sono
più distanziate fra di loro, rispetto ad
una sinartrosi e posso essere collegate
da fibre collagene o da cartilagine. Rientrano nelle anfiartrosi le seguenti articolazioni:
l'articolazione distale tra tibia e perone (sindesmosi), in cui le due ossa sono tenute assieme da un
legamento; le articola- zioni tra i corpi vertebrali, mediante il disco intervertebrale e la sinfisi pubica
di cui sopra.

18
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

DIARTROSI. Sono le articolazioni sinoviali. Si trovano, in genere, nelle epifisi delle ossa lunghe,
come negli arti superiori ed inferiori. Pur avendo una connessione mobile, le superfici ossee sono
sempre in relazione tra di loro, mediante un contatto mobile. I loro movimenti sono limitati dai
muscoli, dai legamenti e dalle capsule articolari; sono avvolte dalla capsula fibrosa e ricoperte
dalla membrana sinoviale, che secerne il liquido sinoviale necessario per nutrire e lubrificare le
superfici articolari.
Un’articolazione è il complesso organizzato delle parti anatomiche che mette in relazione tra
loro due o più ossa. Oltre alle superfici ossee o cartilaginee, ogni articolazione presenta una
struttura articolare costituita dalla capsula articolare, dalla cartilagine articolare, da un apparato

legamentoso, dalla membrana sinoviale, dal liquido sinoviale e dall'unità tendine-muscolo.

(8.1) Capsula articolare


La capsula articolare è composta da due parti. All'esterno troviamo uno strato fibroso di
consistenza dura che, in alcune aree della capsula, si ispessisce per formare i legamenti. Nella
superficie interna della capsula articolare troviamo lo strato sinoviale di consistenza molle con la
presenza di molti vasi sanguigni. Questa superficie si fonde con la membrana sinoviale
dell'articolazione. La capsula articolare avvolge l'articolazione come un manicotto cilindrico,
fissandosi alle ossa lungo il margine dell'articolazione. La capsula è ricca di terminazioni nervose
le quali, nella loro funzione propriocettiva, sono responsabili del "senso cinestetico" (pag. 33),
cioè della raccolta di informazioni sulla posizione corporea e sul movimento articolare. La funzione
19
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

della capsula articolare è talmente delicata, che se ne apprezzano le funzioni soltanto in seguito ad
un trauma distorsivo, in seguito al quale l'articolazione si gonfia, causando l'accumulo di liquido
sinoviale, che stira la
capsula con la comparsa di
dolore, provocando la
functio lesa. In seguito alla
lesione, la capsula può
limitare la mobilità
dell'articolazione, per cui si
deve ricorrere alle tecniche
fisioterapiche ed al
regolare esercizio fisico
mediante lo stretching, per
recuperare la normale
escursione articolare.

(8.2) Cartilagine
articolare
La cartilagine
articolare, detta anche
cartilagine ialina, è una
sostanza, simile al "gel",
che riveste i capi ossei
dell'articolazione. E'
composta per il 70-80% di
acqua ed, essendo sprovvista di vasi sanguigni e di nervi, riceve il proprio nutrimento dai vasi della
membrana sinoviale, dai vasi sanguigni della sottostante cavità midollare, oltre che dal liquido
sinoviale, il quale agisce per diffusione, consentendo l'ingresso e l'uscita delle sostanze nutritive
dalla cartilagine. Naturalmente, questo processo è favorito dalla regolarità del movimento, che
modifica la pressione del liquido. Ad esempio, durante la corsa od una semplice passeggiata, gli
elementi nutritivi vengono spinti all'interno ed all'esterno della cartilagine ialina. Lo spessore della
cartilagine è direttamente proporzionale alla pressione sopportata dall'articolazione. La cartilagine
ialina è dotata di una superficie molto levigata ed è resistente all'attrito (non prolungato nel tempo)
per la presenza del liquido sinoviale, che consente l'effettuazione del movimento, evitando ogni
tipo di usura delle superfici articolari. La sua elasticità ammortizza gli urti, distribuendo equamente
le pressioni su tutte le superfici articolari. Inoltre, la cartilagine ialina favorisce la resistenza
articolare alle forze di compressione e rende l'articolazione flessibile. Quando alla cartilagine ialina
viene applicato un carico costante (come avviene nella stazione eretta prolungata), questa è
costretta a subire un'ulteriore pressione, che non permette l'assorbimento delle sostanze nutritive.
Ad esempio, lo spessore medio della cartilagine del ginocchio è di 7 mm. Se l'individuo passa gran
parte del proprio tempo in piedi, la prolungata compressione della cartilagine può provocare lo
schiacciamento della cartilagine, causando la riduzione dello spessore cartilagineo fino al 40%. Un
simile danno articolare è causa dell'artrosi, cioè della degenerazione dei rapporti articolari. Se si
esercita una forte trazione su un'articolazione, ad esempio quella delle dita, le due superfici
cartilaginee perdono contatto tra di loro, emettendo il caratteristico rumore. La cartilagine articolare
è un tessuto vivente, che si rinnova ad opera dei condrociti, che eliminano la vecchia cartilagine e

20
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

generano quella nuova. Nell'adulto la cartilagine ialina si trova anche nelle cartilagini costali, nella
laringe, nella trachea, nei bronchi e nel naso.

(8.3) Legamenti
I legamenti originano nei settori della capsula articolare in cui c'è un aumento di spessore, per
opporsi a determinate sollecitazioni sopportate dalle articolazioni. La capsula articolare, che riveste
l'intera articolazione, si fonde con il periostio dei capi articolari. Le fibre del tessuto connettivo dei
legamenti sono disposte lungo le linee della sollecitazione a cui l'articolazione è soggetta. Le
articolazioni sono dotate anche di legamenti accessori (legamenti extracapsulari e legamenti
intracapsulari), che si trovano rispettivamente all'esterno ed all'interno della capsula, per
rinforzarla. Quando l'articolazione è sottoposta al movimento, i legamenti si allungano, dapprima
con una trazione delle fibre, in seguito si tendono con la loro estensione. Una regolare attività
motoria rinforza i legamenti, oltre a renderli più elastici. Debbono, però, essere evitati gli
esercizi di stretching che sollecitano i legamenti in maniera eccessiva. Questi fungono da sostegno
all'articolazione, pertanto, se si riscontra una certa lassità legamentosa, i rapporti articolari
divengono instabili, con il conseguente rischio di lesioni a carico dell'articolazione.

(8.4) Membrana sinoviale


La membrana sinoviale delimita la capsula articolare ed è costituita da due strati: uno strato
interno ed uno esterno. Lo strato interno secerne il liquido sinoviale, mentre quello esterno è ricco
di fibre collagene, di vasi sanguigni e di cellule adipose. I vasi sanguigni presenti nella membrana
sinoviale scambiano gli elementi nutritivi con il liquido sinoviale. Gli accumuli adiposi, le pliche e le
frange, presenti nelle membrane sinoviali di molte articolazioni, formano dei cuscinetti elastici, che
riempiono le irregolarità nelle articolazioni non completamente sature di liquido sinoviale, per
eliminare ogni potenziale frizione tra i capi articolari. In costanza con il movimento, questi si
adattano ai cambiamenti di forma e di volume, aumentando la superficie articolare. Di forma
ellittica, le cellule della membrana sinoviale sono del tipo A e B. Esse hanno il compito di
sintetizzare alcuni costituenti del liquido sinoviale. Le cellule sinoviali di tipo A sintetizzano e
rilasciano enzimi litici (ENZIMI LITICI: sostanze di origine cellulare che distruggono i microrganismi
patogeni attraverso la rottura delle membrane cellulari – lisi -; in alcuni casi possono danneggiare
cellule dello stesso organismo che li produce - autolisi o autodigestione - Fonte:
http://www.neuroscienze.net) e fagocitano i detriti articolari. Le cellule di tipo B sintetizzano l'acido
ialuronico e le glicoproteine presenti nel liquido sinoviale.

(8.5) Liquido sinoviale


Il liquido sinoviale è presente nelle guaine tendinee, nelle borse e nelle articolazioni sinoviali.
Il suo colore è chiaro e la consistenza è viscosa. Il volume del liquido sinoviale è esiguo, basti
pensare che dall'articolazione del ginocchio se ne possono estrarre circa 0,5 ml (Gray), anche se
la sua quantità complessiva, all'interno di una articolazione sinoviale, può arrivare fino a 3 ml. Il
liquido sinoviale costituisce un sottile velo, a protezione e nutrimento dei condrociti, che
compongono le superfici cartilaginee. Le proteine di origine ematica (plasmatica), contenute nel
liquido sinoviale, sono presenti nella quantità di circa 0,9 mg/100 ml. Il 2% delle proteine sinoviali
origina dalle cellule sinoviali di tipo B, invece lo 0,5% è costituito dalle glicoproteine, che
conferiscono al liquido sinoviale un'azione lubrificante. Un'articolazione umana, a riposo, contiene
circa 60 cellule per ogni millilitro, meno di 200 per mm3. Il liquido sinoviale, infatti, ingloba un
esiguo numero di cellule, rappresentate dai leucociti, dalle cellule sinoviali, dai monociti, dai linfociti

21
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

e dai macrofagi. I macrofagi hanno il compito di rimuovere sia i detriti, sia le macromolecole, anche
per l'intervento delle cellule sinoviali di tipo A, mentre le vie linfatiche sinoviali, in condizioni
fisiologiche normali, provvedono all'equilibrio tra sintesi e rimozione del liquido sinoviale. Inoltre,
esso contiene la lubricina e l'acido ialuronico, determinanti per le proprietà viscoelastiche, che
eliminano ogni tipo di attrito, favoriscono la lubrificazione articolare e mantengono la stabilità nei
movimenti dei capi articolari. Il liquido sinoviale svolge, altresì, la funzione di ammortizzatore su
tutto l'impianto articolare, in quanto distribuisce, in maniera uniforme, la pressione esercitata
sull'articolazione. Si pensi al peso ed allo schiacciamento esercitato sulle articolazioni coxo-
femorale, del ginocchio, della caviglia durante la camminata, o addirittura mentre si effettua una
corsa: se non ci fosse il liquido sinoviale, la continua compressione sarebbe la causa di danni
irreversibili, che si sostanziano nell'artrosi, cioè nella degenerazione di tutto l'impianto articolare.

(8.6) Unità muscolo-tendine


L'unità muscolo-tendine, pur non partecipando anatomicamente alla struttura articolare, è
situata in prossimità di questa, soprattutto con il tendine, che è costituito dal 70% di fibre
collagene. La massa muscolare è relativamente lontana dall'articolazione, ma indirettamente

collegata a quest'ultima mediante la struttura tendinea, che funge da collegamento tra il muscolo e
l'osso. Infatti, i muscoli si inseriscono sulle ossa per mezzo dei tendini che, da un lato sono
collegati al corpo muscolare in funzione dell'apparato muscolo-tendineo, dall'altro si cementano
all'osso per mezzo della struttura teno-ossea, per trasmettere all'osso stesso la forza generata dal
muscolo per muoverlo.
«I tendini sono elementi biomeccanicamente critici dell'apparato muscolo-scheletrico, con il
compito di trasmettere la tensione muscolare ai segmenti scheletrici mobili. Sono elementi
notevolmente resistenti alla trazione, quasi come l'osso. Un tendine con una sezione trasversa di
10 mm può sostenere fino a 600-1000 kg di peso. Sono peraltro strutture poco elastiche, potendo
tollerare un allungamento massimo del 6% senza subire danni» (cit. da: Fabio Martino, Enzo
Silvestri, Walter Grassi, Giacomo Garlaschi - Ecografia dell'apparato osteoarticolare, Anatomia,
semeiotica e quadri patologici, Trento, Springer-Verlag Italia, 2006, pag. 99).

22
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

I tendini si presentano come organismi nastriformi, variabili per dimensioni e forma e sono
costituiti da tessuto fibroso, le cui fibre sono disposte parallelamente, a differenza dei legamenti, in
cui le fibre del connettivo sono disposte nelle varie direzioni in cui l'articolazione è sollecitata. Tra
le fibre collagene dei tendini, sono distribuite le fibre elastiche, nella misura del 4%, con il compito
di ammortizzare la contrazione iniziale del muscolo. Il complesso delle fibre tendinee, allineate
lungo le linee di forza, è immerso in un gel di proteoglicani ed acqua (PROTEOGLICANI: in
biochimica, sostanza ad elevato peso molecolare, costituita principalmente da catene
polisaccaridiche, presente nei vari tessuti in concentrazioni diverse -molto abbondante nei tessuti
connettivi dove costituisce la sostanza fondamentale della matrice extracellulare. I proteoglicani
svolgono una funzione lubrificante a livello delle articolazioni, impartiscono elasticità e resistenza
alla compressione e, inoltre, impediscono il deflusso dell’acqua dagli interstizi tissutali; alterazioni
della biosintesi e degradazione delle catene polisaccaridiche portano a gravi patologie conosciute
come mucopolisaccaridosi) [Fonte: http://www.treccani.it].

(8.7) Altre componenti articolari


Oltre alle strutture articolari appena descritte, si deve tenere presente che le articolazioni sono
dotate anche di altre componenti, che supportano e completano l'impianto articolare: i menischi, i
dischi intrarticolari, le borse ed i cuscinetti adiposi.
I menischi ed i dischi articolari si trovano tra le superfici articolari, che presentano un basso
grado di concordanza. Essi sono costituiti da cartilagine fibrosa e non sono ricoperti dalla
membrana sinoviale. I "menischi" sono dei "dischi articolari" incompleti, come quelli che si trovano
nel ginocchio e nell'articolazione acromioclaveare. I dischi completi sono presenti nell'articolazione
radioulnare distale ed in quella sternoclaveare. Le borse sono elementi anatomici che possono
essere situate nelle vicinanze articolari (borse non comunicanti), o direttamente a contatto con
l'articolazione (borse comunicanti). Le borse non comunicanti, collocate in prossimità
dell'inserzione dei tendini di ancoraggio in numerose articolazioni, hanno il compito di diminuire
l'attrito fra i tendini e l'osso. Le borse comunicanti, in presenza di un versamento endoarticolare,
hanno la funzione di distendersi, per diminuire la pressione del liquido all'interno dell'articolazione.
I cuscinetti adiposi sono di consistenza molle, mutevoli nella forma, ed hanno il compito di colmare
lo spazio che si genera nella cavità articolare durante il movimento o la posizione dei capi
articolari.
Mediante l’interazione fra tutti questi elementi è possibile il movimento, cioè la contrazione
muscolare che, applicata allo scheletro ed alle articolazioni, produce un lavoro che consente
all’individuo di condurre una sana vita di relazione ed una regolare attività motoria.

23
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

(9) I muscoli

Molte cellule sono dotate di elementi citoscheletrici (CITOSCHELETRICI: in biologia, rete di fibre
proteiche -microtubuli, microfilamenti- presenti nel citoplasma della cellula eucariotica - Fonte:
Treccani), che hanno la caratteristica di accorciarsi, consentendo alla cellula di mutare la propria
forma. Tale capacità è importante per le numerose funzioni cellulari, tra cui il movimento che è
prodotto dalla massa muscolare. Le cellule muscolari hanno la particolarità di contrarsi, ossia di
ridurre la propria lunghezza, permettendo di eseguire le varie funzioni motorie.
Questo tessuto contrattile è formato da due filamenti proteici: l'actina (pag. 34) e la miosina
(pag.35). L’actina (più sottile) e la miosina (più spessa), scorrono l’una sull’altra dando luogo
all'actomiosina, che produce la contrazione delle relative cellule muscolari. Ciò accade con
dispendio di energia, fornita dall’ATP.
Nelle cellule muscolari i filamenti proteici di actina e miosina sono talmente abbondanti da
colmare, quasi completamente, l’interno della cellula muscolare. Essi sono disposti in una
direzione, in modo tale che la loro contrazione sia lineare in tutte le cellule muscolari, evidenziando
la loro capacità più importante, che è quella di modificare la propria forma.
Dal punto di vista fisiologico i muscoli si possono distinguere in tre famiglie:
 i muscoli striati, detti anche volontari, o scheletrici, la cui caratteristica è quella di
possedere i filamenti proteici di actina e miosina, organizzati con una sequenza regolare e
ripetitiva. Essi si contraggono sotto il controllo della volontà ed agiscono obbedendo alle leggi del
Sistema Nervoso Centrale;
 il miocardio, che rappresenta l'unico muscolo striato, ma involontario, con le stesse
caratteristiche dei muscoli striati. Meno potente, ma molto più resistente del muscolo scheletrico,
esso si contrae con una velocità ed una forza, sottoposte al controllo di ormoni e del sistema
nervoso autonomo;
 i muscoli lisci, detti anche involontari, vascolari o viscerali, che, pur possedendo i
miofilamenti di actina e miosina, non presentano la sequenza ripetitiva di questi, mancando,

24
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

pertanto, la striatura. Essi sfuggono al controllo della volontà e si contraggono sotto la supervisione
del Sistema Nervoso Autonomo.
I muscoli lisci si trovano nei vari apparati del corpo, nelle pareti viscerali, nella tonaca media dei
vasi sanguigni, nei muscoli interni dell'occhio, nello strato muscolare delle borse scrotali, nel derma
(per l'erezione del pelo) e nell'utero. In alcuni siti del corpo umano, i muscoli lisci sono collegati con
quelli scheletrici, come nei muscoli tarsali della palpebra, nei legamenti e nelle fasce della zona
pelvica, nel muscolo sospensorio del duodeno e nell'esofago. La loro contrazione è lenta, ma
prolungata. Meno potenti dei muscoli scheletrici, i muscoli lisci hanno la capacità di produrre un
numero di contrazioni di gran lunga superiore.
Nel sistema muscolare i muscoli striati scheletrici sono composti da un ventre muscolare, che
compone la parte centrale, e dai
tendini collocati alle estremità del
muscolo.
I muscoli striati si differenziano
in lunghi, larghi e brevi ed il loro
numero è di circa 700. Nell’uomo,
il tessuto muscolare, rappresenta
circa il 45% della massa corporea
(MASSA CORPOREA: la massa è la
quantità di materia che compone
un corpo, a prescindere dal luogo
in cui si trova il corpo. A
differenza del peso, che misura la
forza con cui un corpo è attratto
da un altro corpo).
Riguardo al numero dei ventri
e della collocazione, è possibile
riconoscere i muscoli bicipiti,
tricipiti, quadricipiti, quando
due, tre, quattro ventri muscolari
sono situati parallelamente tra
loro fino a riunirsi in un unico
tendine. Ciascun muscolo
scheletrico è avvolto da tre
lamine connettivali fibrose
disposte in tre strati concentrici:
 l'epimisio, ovvero uno strato connettivo che avvolge l'intero muscolo separandolo dai
tessuti limitrofi;
 il perimisio che delimita, all'interno del muscolo, una serie di fibre muscolari in una
struttura detta fascicolo. Il perimisio è dotato di vasi sanguigni e nervi che mettono in
comunicazione i fascicoli;
 l'endomisio che avvolge ogni singola fibra muscolare, connettendola alle fibre
circostanti. Esso è irrorato da capillari sanguigni.

25
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

Inoltre, i muscoli striati sono costituiti da fibre rosse a contrazione lenta e da fibre bianche a
contrazione rapida. Le stesse fibre, per le loro caratteristiche contrattili, possono essere definite
come slow twich (St) (fibre lente) e fast twich (Ft) (fibre veloci).
I muscoli, secondo la loro funzione, possono essere agonisti od antagonisti. I muscoli sono
agonisti quando lavorano per produrre un movimento, sono antagonisti quando contrastano
l’azione degli agonisti. Un esempio di muscoli agonisti ed antagonisti si ha nei flessori e negli
estensori, negli adduttori e negli abduttori, nei pronatori e nei supinatori.
In seguito alla cooperazione di più muscoli, che intervengono per la realizzazione di un
movimento complesso, ci si trova di fronte alla costituzione delle cosiddette catene cinetiche
(pag. 36).
Per una visione sintetica e globale dei muscoli, riguardo alle loro azioni, consultare la tabella in
fondo all’appendice al capitolo (pagg. 38-39).
Il muscolo scheletrico è composto da fibre polinucleate, disposte in fasci paralleli. Esso è in
grado di eseguire contrazioni molto energiche, che raggiungono la soglia dei 100 watt per
chilogrammo, in virtù della regolare disposizione delle proteine contrattili. Durante lo sviluppo
embrionale le singole fibre muscolari scheletriche originano dalla fusione dei mioblasti, ovvero
delle cellule embrionali dalle quali deriva la fibra muscolare striata. Ciò spiega la ragione per cui
ogni fibra può contenere alcune centinaia di nuclei, a differenza delle fibre muscolari lisce e del
miocardio che possiedono un solo nucleo. Alcuni mioblasti non si legano con le fibre muscolari in
via di formazione, rimanendo sotto forma di cellule satelliti, così chiamate per la loro posizione
marginale nelle fibre. Esse costituiscono il 2-5% dei nuclei compresi nella membrana basale ed
hanno la funzione di riparare e rigenerare il tessuto muscolare danneggiato.
Il muscolo scheletrico, cosiddetto perché partecipa ai movimenti dei vari sistemi di leve dello
scheletro, spesso è detto anche «volontario», in quanto il moto che imprime è eseguito sotto il
controllo della coscienza. Ciò è inadeguato, poiché il muscolo scheletrico è coinvolto in molte
attività come la deglutizione, il movimento delle palpebre, la respirazione, l'attività muscolare che
permette il movimento dell'orecchio medio e del perineo, svolte di norma a livello inconscio.

(9.1) Il sarcomero
Il muscolo scheletrico è costituito da molte fibre muscolari striate. Queste sono strutture
allungate di forma cilindrica, il cui diametro, secondo i vari gruppi muscolari, può variare da 10 a
100 µm, mentre la loro lunghezza oscilla da pochi millimetri a 30-40 centimetri. Le miofibrille,
stipate all'interno della fibra muscolare, presentano numerose striature trasversali dovute
all'allineamento di strutture disposte in serie, dette sarcomeri.
Questi presentano una disposizione alternata tra i miofilamenti proteici, più spessi, di miosina,
con quelli più sottili di actina, assumendo un aspetto a "bande". Il sarcomero, che è l'unità
contrattile ripetitiva del muscolo scheletrico, è delimitato da due linee scure, dette linee Z o dischi
Z. Su entrambi i lati di una linea Z sono posti i filamenti sottili di actina, da cui origina una banda
chiara, detta banda I. All'interno della superficie posta tra due bande I, troviamo la banda A, che
contiene i filamenti spessi di miosina. I filamenti di actina si sviluppano dalla linea Z verso il centro
del sarcomero e si sovrappongono parzialmente ai filamenti di miosina. Nella parte centrale del
sarcomero si nota un'area chiara, detta banda H, che rappresenta la porzione della banda A che
contiene i filamenti di miosina, ma non quelli di actina. Infine, al centro del sarcomero troviamo la

26
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

linea M, che contiene le proteine fondamentali per l'allineamento e l'organizzazione della miosina
nel sarcomero.
10.000 sarcomeri, allineati tra di loro, in successione lineare, formano una miofibrilla, che è
costituita da circa 3.000 filamenti di actina e 1.500 filamenti di miosina, tra loro adiacenti. Queste
due proteine sono responsabili della contrazione della miofibrilla stessa. La lunghezza del
sarcomero è di 2-2,2 µm. Quando la fibra muscolare è contratta i filamenti di actina, lunghi circa 1
µm, sono completamente sovrapposti a quelli di miosina, che misurano 1,6 µm ciascuno.
E' proprio la presenza dei filamenti spessi di miosina e più sottili di actina, a conferire alla fibra
muscolare un aspetto striato, che caratterizza le bande corrispondenti ai singoli sarcomeri. Questo
dipende sia dalla differente disposizione dei miofilamenti contrattili di miosina e actina, sia dalle
loro dimensioni. Ciò consente di visualizzare il sarcomero stesso come un complesso organizzato
a bande alterne scure e chiare. Le bande scure sono dette anisotrope o bande A, le bande chiare
sono dette isotrope o bande I.

27
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

(10) Le leve
Nel corpo umano l’organizzazione e la correlazione tra i
sistemi scheletrico e muscolare producono un’armoniosa
sinergia che si sintetizza nel «movimento». Dall’inserzione di
un muscolo sullo scheletro scaturiscono la velocità, la forza e
l’estensione del movimento realizzato.
Infatti, le componenti meccaniche della contrazione
muscolare, cioè la velocità, la forza e la direzione del
movimento possono variare relativamente all’inserzione del
muscolo rispetto alla leva.
E’ evidente, quindi, che i muscoli, unitamente ai segmenti
scheletrici sui quali si inseriscono, danno luogo alle «leve»
simili a quelle della «meccanica». Pertanto, anche per le leve
del corpo umano abbiamo la potenza, ovvero la forza
applicata (AF) esercitata dal muscolo, la resistenza (R), vale
a dire il segmento anatomico che deve essere spostato, infine
il fulcro (F), cioè il punto di appoggio, o il perno, che
corrisponde ad un’articolazione. Una leva, infatti, è una
struttura rigida che si muove facendo perno su un punto fisso,
cioè un’articolazione detta
«fulcro».
Nel corpo umano possiamo
distinguere 3 tipi di leve dove il «fulcro» corrisponde ad
un’articolazione, la «forza applicata» coincide con il muscolo, la
«resistenza» è rappresentata dal segmento da spostare.

1. Leva di 1° tipo
Il fulcro (F) si trova tra la forza applicata (AF) e la resistenza (R),
come ad esempio il capo che è mosso dai muscoli che estendono il
collo.
In questo caso il fulcro è collocato sull’articolazione tra il cranio e
l’atlante (ovvero la prima vertebra cervicale); la resistenza è
rappresentata dal peso anteriore del capo; la forza applicata risiede
nei muscoli della nuca (splenio, parte alta del trapezio, spinale).

2. Leva di 2° tipo

La resistenza (R) si trova tra la forza applicata (AF) ed il fulcro


(F). In questo tipo di leva la forza applicata è più lontana dal fulcro
rispetto alla resistenza, pertanto è sufficiente una forza limitata per
spostare un grande peso. Nel corpo umano esistono pochi esempi
di questo tipo di leva, tra cui troviamo il segmento piede-gamba
mosso dai muscoli posteriori della gamba responsabili della
flessione plantare.
28
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

Nella fattispecie il fulcro è situato nelle articolazioni metatarsofalangee; la resistenza è prodotta


dal peso del corpo; la forza applicata è esercitata dai muscoli posteriori della gamba (soleo,
gastrocnemio).

3. Leva di 3° tipo

La forza applicata (AF) si trova tra la resistenza (R) ed il fulcro


(F). Le leve di 3° tipo sono tra le più diffuse nel corpo umano. I
risultati di questo tipo di leva sono opposti a quelli delle leve del
2° tipo, in quanto con l’aumento della velocità e della distanza di
spostamento aumenta anche la forza.
Di fronte ad una leva di 3° genere il fulcro è disposto
nell’articolazione omero-radiale; la resistenza è generata dal
carico dell’avambraccio; la forza applicata è attivata dal bicipite
brachiale.
Anche se ciascun muscolo non interviene necessariamente
come parte di una leva, nel corpo umano il sistema di leve
consente una velocità ed un adattamento maggiore rispetto a ciò
che si potrebbe prevedere sulla base della pura fisiologia
muscolare.
Le fibre muscolari scheletriche sono molto simili tra loro, anche per la capacità di contrarsi e di
generare una tensione.
Supponiamo di trovarci di fronte ad un muscolo che può contrarsi in 500 msec (millisecondi) e
di accorciarsi di 1 cm esercitando una tensione di 10 kg. Senza l’uso delle leve, tale muscolo
potrebbe spostare un peso di 10 kg ad 1 cm di distanza. Attraverso un sistema di leve lo stesso
muscolo può spostare un peso di 20 kg a 0,5 cm, oppure 5 kg a 2 cm, ovvero 1 kg a 10 cm.
Pertanto, l’organizzazione delle leve produce il più ampio movimento con la maggiore efficacia ( Cfr.
F. Martini, M. Timmons, R. Tallitsch Anatomia Umana).

29
APPENDICE AL CAPITOLO

ASSI E PIANI DEL CORPO


UMANO
I piani sagittale,
frontale e trasverso sono
i punti di riferimento
relativi alle posizioni e
movimenti dell'apparato
locomotore.

30
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

OSTEONE
L'osteone o sistema di Havers è l'unità funzionale di base dell'osso compatto maturo. Gli
osteociti all'interno dell'osteone sono collocati in strati concentrici, formati da lamelle
concentriche che avvolgono un canale centrale, detto canale di Havers, provvisto di vasi
sanguigni che irrorano l'osteone. Inoltre, questo è ulteriormente vascolarizzato dai canali di
Volkmann (detti canali perforanti), che sono disposti perpendicolarmente alla superficie

dell'osteone. Le lamelle concentriche, disposte parallelamente al canale centrale, danno


forma ad una serie di anelli concentrici, collocati intorno al canale centrale. Le fibre
collagene si avvolgono sull'asse di ciascuna lamella, formando delle spirali che, con i vari
cambi di direzione, rendono più resistente l'osteone.
Cfr.: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia Umana, Napoli,
EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pagg. 114-115.
Immagine tratta da: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia
Umana, Napoli, EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pag. 115.

31
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

TRABECOLE
Le trabecole rappresentano la parte distintiva tra l'osso compatto e l'osso spugnoso.
Quest'ultimo presenta delle lamelle parallele da cui originano delle sottili lamine dette
trabecole. Inoltre, nell'osso spugnoso non ci sono gli osteoni, pertanto, il nutrimento degli
osteociti avviene per diffusione, mediante i canalicoli, presenti nella parte superficiale delle
trabecole. Queste creano una rete aperta rendendo l'osso spugnoso più leggero dell'osso
compatto. L'osso spugnoso è presente nelle regioni ossee sollecitate nelle varie direzioni o

nei siti in cui l'osso non subisce stress notevoli.


Le trabecole, per di più, rendono l'osso spugnoso leggero, ma molto resistente,
permettendo al tessuto muscolare di imprimere alle ossa un movimento oltremodo agevole.
Cfr.: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia Umana, Napoli,
EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pagg. 115-116.
Immagine tratta da: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia
Umana, Napoli, EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pag. 115.

32
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

IL SENSO CINES TETICO


La problematica inerente all'attività percettiva (elaborazione dei dati informativi),
presume l'esistenza di porte d'ingresso, attraverso le quali sono introdotti i dati ed i segnali
offerti dal mondo sensibile (fenomenico), cioè dalla realtà circostante. Tali porte sono
individuate nei "sensi".
L'individuo costituisce la propria banca dati sia attraverso i cinque sensi tradizionali, sia
mediante il senso cinestetico, per acquisire le informazioni e per operare nello spazio e
nel tempo, concorrendo ad una proficua presa di coscienza di se stesso e del mondo
esterno. Infatti, con il movimento si percepiscono il proprio essere, lo spazio, il tempo e le
cose gestite dall'individuo stesso. La gestione delle cose avviene mediante il processo
adattivo, indispensabile per far fronte alle continue mutazioni fenomeniche ed alle
variazioni della realtà circostante. Ad esempio, una persona che cammina in una strada
extraurbana rivela l'attività sensoriale (degli organi di senso) nei molteplici aspetti. Con il
senso cinestetico può percepire la qualità e la quantità dei propri movimenti, con il senso
della vista può osservare la strada che percorre ed il panorama circostante; con il senso del
tatto può esperire la pressione del vento sul proprio corpo; con i sensi del tatto e della vista
può valutare il tipo di manto stradale; con il senso dell'udito può ascoltare il rumore di
un'automobile che sopraggiunge e quello del vento che sibila fra gli alberi; con l'avvicinarsi
ad un frutteto può sentire l'odore delle essenze emanate dagli alberi; con il senso del gusto
può assaporare un frutto colto nel frutteto.
Naturalmente tutto questo avviene mediante l'invio delle informazioni sensoriali verso i
centri superiori dell'encefalo, in cui si elaborano e si decodificano tutti i messaggi in
afferenza. I recettori sensoriali hanno il compito di catturare i segnali esterni, li trasformano
in impulsi elettrici ed in sostanze chimiche che vengono inviate al cervello. Quest'ultimo
elabora l'informazione e, mediante le fibre nervose efferenti, invia la risposta ai recettori
sensoriali.
L'approccio al gesto motorio, mediante il movimento, fa sì che il senso cinestetico,
primo grado della conoscenza motoria, cioè della presa di coscienza tra se stessi ed il
contesto spazio-temporale, possa essere considerato un senso proprio, introdotto ed
integrato nella sfera dei sensi tradizionali.
D'altronde, come tutti gli altri sensi, anche il senso cinestetico è dotato di recettori
specifici quali: gli organi del Golgi, corpuscoli del Pacini e le terminazioni di Ruffini,
presenti nelle strutture articolari e muscolo-tendinee.
Pertanto, il movimento si può definire come il prodotto del rispettivo senso cinestetico, in
quanto fonte di conoscenza e di conoscenza motoria. Ad esempio, l'atto di elevare un arto
superiore conferisce al soggetto la possibilità di acquisire un'ulteriore conoscenza mediante
il proprio arto, in quanto l'individuo giunge ad una determinata presa di coscienza del gesto
da compiere sia attraverso il movimento relativo alle proprie possibilità esplorative spazio-
temporali, sia mediante il proprio corpo, rispetto a se stesso ed al mondo circostante.
Si è già fatto cenno agli organi di senso ed alle relative strutture muscolo-tendinee ed
articolari, preposte alla trasmissione di informazioni al SNC. Si può affermare che il senso,
in generale, è l'elemento che influenza e condiziona la lettura della realtà per cui, si vive, si
subisce e ci si affida alla percezione, ma la percezione può aver luogo soltanto mediante
33
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

l'informazione del rispettivo senso. In altri termini, il relativo senso da cui origina la
percezione-interpretazione motoria è il senso cinestetico, il quale veicola ai centri
superiori dell'encefalo i dati informativi, inerenti alla relazione tra l'individuo e la propria
collocazione spazio-temporale.

ACTI NA

"Ogni filamento sottile ha un diametro di 5-6 nm e una lunghezza di 1 µm, ha un


andamento a spirale e viene definito F-actina. E' costituito da 300-400 molecole di G-actina
di forma globulare; un sottile filamento della proteina nebulina tiene insieme i filamenti di F-
actina. Ogni molecola di G-actina contiene un sito attivo che può legarsi a un filamento
spesso, nello stesso modo in cui una molecola di substrato si lega al sito attivo di un
enzima. Un filamento sottile contiene anche le proteine associate tropomiosina e
troponina. Le molecole di tropomiosina formano una lunga catena che copre i siti attivi,
prevenendo interazioni actina-miosina. La troponina stabilizza la tropomiosina. Prima
dell'inizio di ogni contrazione, le molecole di troponina devono cambiare posizione,
spostare le molecole di tropomiosina ed esporre i siti attivi; (omissis). Alle due estremità del
sarcomero i filamenti sottili sono uniti dalla linea Z, la quale viene chiamata linea perché
appare come un tratto scuro sulla superficie della miofibrilla, ma che in sezione è più simile
a un reticolo formato da proteine chiamate actinine. Per questo motivo la linea Z viene
chiamata anche disco Z."
Citato da: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia Umana,
Napoli, EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pag. 250.
Immagine tratta da: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia
Umana, Napoli, EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pag. 251.

34
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

MIOSINA

«I filamenti spessi hanno un diametro di 10-12 nm e sono lunghi 1,6 µm. Sono costituiti da
circa 500 molecole di miosina, ognuna delle quali consiste di un doppio filamento caratterizzato da
una coda e da una testa globosa. Filamenti spessi adiacenti sono interconnessi al centro tramite le
proteine della linea M. Le molecole di miosina sono orientate distalmente rispetto al centro del
filamento, con le teste rivolte all'esterno verso i filamenti sottili. Le teste di miosina, al momento
della contrazione, connettono i filamenti spessi e sottili, ed è per questo che vengono definite
anche ponti crociati. Ciascun filamento spesso ha un core costituito da titina. Su entrambi i lati
della linea M un filamento di titina allunga il filamento spesso, per continuare dopo la porzione di
miosina fino all'attacco della linea Z. La parte di titina esposta all'interno della banda I è molto
elastica, e una volta stirata si riavvolge a spirale. In stato di riposo i filamenti di titina sono
completamente distesi, e vengono messi in tensione soltanto quando forze esterne stirano il
sarcomero. Durante questa fase i filamenti di titina contribuiscono a mantenere la normale
disposizione dei filamenti spessi e sottili; quando cessa lo stato di tensione, il riavvolgimento a
spirale dei filamenti di titina contribuisce al ritorno del sarcomero alla lunghezza iniziale».

Citato da: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia Umana,
Napoli, EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pag. 250.
Immagine tratta da: Frederich H. Martini - Michael J. Timmons - Robert B. Tallitsch, Anatomia
Umana, Napoli, EdiSES s.r.l., II edizione, 2004, pag. 251.
35
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

Catene cinetiche
Nell’attività motoria è di peculiare importanza rivolgere l’attenzione all’impianto
neuromuscolare, in quanto, mediante una simile conoscenza, ciascun individuo può comprendere
sia il modo in cui i muscoli rispondono agli stimoli, sia l’evolversi dei processi d’acquisizione delle
abilità motorie.
Pertanto, la conoscenza di specifici processi fisiologici si rivela di fondamentale rilievo, per
comprendere la ragione del gesto motorio, in particolare, dell’azione, in generale.
La presenza di circa 700 muscoli nel corpo umano costituisce circa il 40% del peso corporeo.
La catena del movimento, o catena cinetica, è composta da un sistema formato da segmenti
rigidi, uniti mediante giunzioni che ne permettono il movimento stesso.
Il corpo umano è composto da tante catene cinetiche, i cui segmenti sono rappresentati dalle
ossa ed i giunti dalle articolazioni, mentre i muscoli costituiscono il motore della catena cinetica.
La produzione di movimento, da parte dei muscoli, rappresenta l’anello terminale di un
processo che origina dal mondo fenomenico, in altre parole, dal mondo sensibile.
Soltanto attraverso un complesso e delicato, sistema di ricezione, percezione, apprendimento,
risposta, l’individuo raccoglie, elabora, conosce, rimanda le informazioni ricevute dall’esterno ed
adattate alla situazione, in funzione dello scopo.
E' bene precisare che esistono tre tipi di catene cinetiche:
catena cinetica aperta;
catena cinetica chiusa;
catena cinetica frenata.
La prima si ha quando l'estremità distale (cioè quella più lontana dall'asse longitudinale) della
catena motoria, è libera, e non ha alcun vincolo con l'ambiente circostante.
Alcuni esempi:
l'estensione della gamba dalla posizione seduta;
l'arto inferiore durante la deambulazione nella fase oscillante;
muovere l'arto superiore come avviene nel gesticolare, nel lancio di una palla, di un giavellotto,
di un peso;
La seconda si ha quando l'estremità distale della catena motoria è fissa, cioè ostacolata
durante l'esecuzione dell'atto motorio.
Esempi:
l'arto inferiore nella deambulazione nella fase di appoggio del piede;
gli arti superiori che premono contro una parete;
gli arti inferiori di un atleta che sta sollevando un peso da terra.
La terza si ha quando la resistenza distale di una catena cinetica è inferiore al 15% della
resistenza massimale, in questo caso la catena cinetica è frenata ed aperta. Al contrario, se
36
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

questa resistenza supera il 15% la catena cinetica deve considerarsi frenata e chiusa. In
quest'ultimo caso l'apparato locomotore è molto limitato nella libertà di movimento.

37
Tabella Muscoli Forma Azione Origine-inserzione

frontale quadrilatero innalza la pelle delle sopracciglia aponeurosi epicranica, orbita


massetere quadrilatero elevatore mascella inferiore arcata zigomatica, mandibola
Del capo buccinatore quadrilatero permette di soffiare mascella, mandibola
orbicolare delle palpebre circolare chiude l'orifizio palpebrale angoli mediale e laterale dell'orbita
temporale triangolare innalza la mandibola osso temporale, arcata zigomatica
sternocleidomestoideo rettangolare movim. later. e rotaz. testa, soll. torace, clav. e spalla clavicola, sterno, temporale
milo-joideo quadrangolare deglutizione mandibola, osso joide
Del collo
stilo-joideo quadrangolare innalza l'osso joide apofisi stiloide, osso joide
scaleni anter. e poster. conica e triangolare movimenti respiratori prima e seconda costa
gran pettorale a ventaglio adduttore del braccio, muove le spalle clav., sterno, cartil. prime sei coste
Del torace grande dentato dentellato muove scapole e spalle prime nove coste
intercostali lamina movimento inspiratorio coste
grande obliquo quadrilatero movimento espiratorio ultime otto coste
rettangolo
Addome
grande retto irregolare espiratore, flette il torace sul bacino in alto alla V-VI-VII costa, in basso al pube
trasverso quadrilatero espiratore, comprime i visceri addominali ultime sei coste, in basso alla cresta iliaca
trapezio triangolare soll.spalle-scapole,sposta indietro-spalle, avanti-torace nuca, VII cerv., prime 10 dorsali,clav., scap.
Del dorso grande dorsale quadrilatero abbassa l'omero, indietro il braccio, raddrizza il tronco omero, ult.dorsali, tutte le lombari,sacro, ileo
romboide quadrilatero avvicina la scapola alla colonna vert.e la porta in alto nuca, prime 5 vert. Dorsali, scapola
Diaframma diaframma cupola movimenti respiratori sterno, vertebre lombari
deltoide triangolare abduttore del braccio clavicola, scapola, omero
bicipite brachiale fusiforme flette l'avambraccio sul braccio cavità glenoide e apof. coracoide scapola, radio
tricipite brachiale fusiforme estende l'avambraccio sul braccio, adduttore dell'arto sup omero, scapola, olecrano dell'ulna
Arto superiore
pronatore rotondo fusiforme porta l'avambraccio in pronazione, flette l'avamb. sul braccio ulna, radio
cubitale anteriore fusiforme flessore della mano sull'avambraccio ulna, osso pisiforme
grande palmare fusiforme flessore della mano sull'avambraccio omero, II metacarpo

38
APPARATO LOCOMOTORE GIOVANNI LESTINI

I-II radiale fusiforme estensore della mano omero, II metacarpale


grande gluteo semipenniforme estensore e rotatore della coscia osso iliaco, sacro, coccige, femore
sartorio fusiforme flette la gamba sulla coscia, flette la coscia sul bacino spina iliaca, tibia
bicipite femorale fusiforme flette la gamba sulla coscia ischio, perone
quadricipite femorale fusiforme estensore della gamba sulla coscia spina iliaca, femore, tibia
popliteo semipenniforme flette la gamba sulla coscia condilo laterale del femore, tibia
Dell'arto tibiale anteriore fusiforme flette dorsalmente il piede, lo ruota indentro, lo adduce tibia, I cuneiforme, I metatarsale
inferiore soleo penniforme flette plantarmente il piede testa del perone, tibia, calcagno
gemelli (gastrocnemio) penniforme flette plantarmente il piede femore, calcagno
pedidìo triangolare estende le dita del piede calcagno, I falange dell'alluce, del II-III-IV dito
flessore breve delle dita penniforme flette le seconde falangi delle ultime 4 dita sulle prime calcagno, II falange delle ultime quattro dita
abduttore dell'alluce fusiforme flette l'alluce sul metatarso e l'abduce calcagno, I falange dell'alluce
adduttore dell'alluce penniforme avvicina l'alluce al II dito ossa metatarsali, cuboide, alluce

tab. A. Tavola schematica del sistema muscolare

39
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Paramorfismi e Dismorfismi
di Giovanni Lestini

(1) Che cosa sono


I paramorfismi sono le carenze morfologiche e posturali, che scompaiono con un
adeguato esercizio fisico e con la ginnastica posturale.

Molti paramorfismi sono presenti soprattutto nei giovani in età


evolutiva e scolastica.
Ciò è dovuto, in particolar modo, all’assunzione di una posizione
scorretta per molto tempo.
I paramorfismi, che dipendono da una serie di alterazioni meccaniche
del corpo umano, si possono correggere quando è possibile eliminare la
causa dell’errata posizione, mediante un’adeguata serie di esercizi,
finalizzati al recupero dell’equilibrio strutturale della persona.
Gli esempi più comuni di paramorfismi sono: il dorso piatto, il dorso
curvo, gli atteggiamenti scoliotici, la depressione del cingolo scapolare, le
scapole alate, l'inclinazione laterale del capo, alcune alterazioni della
volta plantare ed, entro certi limiti, il valgismo ed il varismo delle
ginocchia.
I dismorfismi sono alterazioni strutturate, conseguenti ad alterazioni congenite od acquisite,
irriducibili ed evolutive, del complesso osteo-legamentoso e muscolare, che presenta alcune
degenerazioni nella forma e nella struttura, per cui è necessario rivolgersi all'ortopedico o al fisiatra
per le cure del caso. In altre parole, l’esercizio fisico poco o nulla può fare, se non fungere da
supporto all’opera del medico, che potrà stabilire le cure per le relative alterazioni e anomalie
morfologiche. In questo caso, la ginnastica posturale e gli opportuni esercizi contribuiscono a non
peggiorare le degenerazioni morfologiche della struttura muscolo-scheletrica dell'individuo,
apportando, a volte, alcuni miglioramenti strutturali, anche se in forma limitata.
I dismorfismi assumono denominazioni differenti, in base al piano della deformità: i vari tipi di
scoliosi si possono osservare sul piano frontale, l'ipercifosi ed l'iperlordosi sono visibili sul piano
sagittale, il valgismo ed il varismo delle ginocchia si possono ispezionare sul piano frontale.
Pertanto, in presenza di posture scorrette è consigliata un'accurata visita medica, attraverso la
quale il medico può stabilire con certezza e sollecitudine il livello di gravità di eventuali
paramorfismi o dismorfismi.

40
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

PARAMORFISMI DISMORFISMI

Sono le anomalie della


Sono le anomalie della
struttura corporea, che si
struttura corporea, che non
possono correggere
si possono correggere con il
mediante un adeguato
movimento, poiché sono
movimento correttivo e
irreversibili.
posturale.

La posizione del corpo umano è condizionata dal giusto livello di contrazione dei muscoli
agonisti, dall’intervento degli antagonisti, e delle masse muscolari grazie alle quali l’individuo
assume una posizione corretta.
I muscoli agonisti consentono di eseguire il gesto motorio, mediante la relativa contrazione,
imprimendo il movimento al segmento osseo mobile. Alcuni muscoli specifici possono essere
agonisti in un movimento ed antagonisti in un altro. Ad esempio, l'atto di calciare un pallone vede
come muscolo agonista il quadricipite femorale, che ha la funzione di distendere la gamba sulla
coscia, mentre il bicipite femorale funge da antagonista. Quest'ultimo diventa agonista se l'atleta
colpisce la palla con il tacco, in quanto il bicipite femorale flette la gamba sulla coscia, mentre il
quadricipite svolge il ruolo di antagonista.
I muscoli antagonisti consentono di effettuare il movimento opposto, relativamente all’azione
degli agonisti, determinando così la direzione del movimento, la velocità con cui si sposta la parte
mobile, oltre ad esercitare un’azione frenante al termine dell'atto motorio, fino ad arrestare il
movimento, per proteggere l'articolazione da eventuali traumi. Inoltre, i muscoli antagonisti sono
condizionati dalla specificità della loro innervazione (innervazione specifica di Sherrington): essi
all'inizio del movimento si rilasciano, ma con il procedere del movimento si tendono, fino ad
aumentare progressivamente la loro tensione in via riflessa. Quando la tensione raggiunge un
valore elevato, questa rappresenta la causa meccanica dell'interruzione del movimento.
Pertanto, è di fondamentale importanza il tono muscolare, che è dato dall’idoneo grado di
contrazione del muscolo in condizioni di riposo. E’ chiaro, quindi, che si devono mantenere le
masse muscolari in attività, per favorire sia il loro sviluppo, sia l’elasticità a vantaggio di una
maggiore autonomia motoria.
Per questo motivo è indispensabile eseguire gli esercizi senza un carico eccessivo, poiché ad
un enorme sviluppo delle masse muscolari corrisponde una ridotta elasticità. Di conseguenza si
verificano sia un enorme grado di contrazione, sia un eccessivo accorciamento dei muscoli.
Questa situazione potrebbe favorire, soprattutto nei giovani, un errato assetto corporeo.

(2) I paramorfismi della colonna vertebrale


La colonna vertebrale, o rachide, può essere paragonata alla Torre Eiffel, con una struttura a
base larga e slanciata verso l'alto.
Questo fondamentale organo di sostegno può essere soggetto ad alcune deviazioni causate da
carenti punti di appoggio alla sua base.

41
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Ad un'attenta ed accurata osservazione della colonna


vertebrale, si evince che la sua particolarità consiste nella
sovrapposizione di anelli ossei, detti vertebre o
metameri, separati da un cuscinetto cartilagineo elastico,
il disco intervertebrale, collocato sul corpo della
vertebra, che ha la funzione di ammortizzare le varie
sollecitazioni tra una vertebra e l'altra. Il disco
intervertebrale, inoltre, svolge il delicato compito di
mantenere le vertebre costantemente distanziate tra di
loro, per evitare gli eventuali schiacciamenti dei nervi
spinali, che si dipartono dal midollo spinale, per
raggiungere i vari distretti corporei da innervare.
Questa flessibile struttura di sostegno si àncora
all'osso sacro, un segmento osseo composto da quattro-
cinque vertebre saldate tra loro, per terminare con il
coccige, anch'esso formato da quattro-cinque vertebre
che formano un unico blocco osseo.
Per una maggiore completezza, possiamo dividere
tutta la colonna vertebrale in quattro "regioni", relative ai
tratti che essa percorre:
 cervicale - comprendente le prime sette
vertebre;
 dorsale - il segmento costituito dalle successive dodici vertebre;
 lombare - il tratto composto da cinque vertebre;
 sacrale-coccigeo - la regione appena descritta con otto-dieci vertebre saldate tra loro.

42
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Ciascuna vertebra è costituita: anteriormente dal corpo vertebrale, di forma cilindrica;


centralmente dal forame vertebrale, che origina dall'unione tra l'arco osseo posteriore di una
vertebra ed il corpo vertebrale, per
consentire il passaggio del midollo
spinale al suo interno; posteriormente da
tre appendici, dette apofisi (una spinosa
e due trasverse), oltre alle due apofisi
articolari superiori, che si inseriscono
sull'arco osseo posteriore.
In un soggetto normale la colonna
vertebrale appare dritta, se la osserviamo
sul piano frontale (pag. 54), mentre se la
consideriamo sul piano sagittale (pag.
55), presenta quattro curve, due a
concavità posteriore e due a concavità
anteriore.
Le curve a concavità posteriore
(lordosi) riguardano i tratti cervicale e
lombare, quelle a concavità anteriore
(cifosi) interessano i segmenti dorsale e
sacrale-coccigeo.
Queste curve sono dette fisiologiche,
perché fanno parte della struttura
naturale del rachide. Esse sono di
fondamentale importanza poiché hanno
la doppia funzione di consentire sia i
movimenti di flesso-estensione, sia l'ammortizzamento nel caso di sollecitazioni subite dalla
colonna vertebrale stessa, grazie anche all'intervento delle 23 articolazioni disco-vertebrali.
L’acquisizione delle posizioni errate e mantenute per molto tempo è causa di alterazioni
vertebrali, che possono essere ridotte e migliorate mediante l’esecuzione di alcuni appropriati
esercizi.
Tali alterazioni, come è già stato accennato, si possono osservare sia sul piano sagittale, sia sul
piano frontale. Le cause che producono le patologie della colonna vertebrale sono ancora oscure e
possono dipendere dai fattori più svariati, certo è che il rachide è la struttura più soggetta alle
sollecitazioni della gravità.
Le alterazioni del rachide sul piano sagittale possono presentare una esagerazione, un
annullamento o un'inversione delle curve fisiologiche, mentre sul piano frontale si può verificare la
comparsa di una o più curve, in luogo di una colonna vertebrale rettilinea.
Pertanto, sul piano sagittale avremo una ipercifosi in seguito ad una concavità anteriore
esagerata del rachide nel tratto dorsale, ed una iperlordosi in seguito ad una accentuata
concavità posteriore della colonna vertebrale, nelle regioni cervicale e lombare. Sul piano frontale
avremo una scoliosi, in seguito alla comparsa di una o più curve laterali.

43
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Per quanto riguarda queste ultime la "Scoliosis Reaserch Society" ha proposto la seguente
classificazione per le scoliosi strutturate:
 idiopatiche - cause ignote;
 neuromuscolari - neuropatiche e miopatiche;
 congenite - difetti di formazione e/o di segmentazione;
 neurofibromatosi;
 artrite reumatoide;
 traumi - fratture, post-chirurgiche;
 infezioni ossee.
Le altre cause delle scoliosi possono essere di tipo: auditivo e visivo, ma le idiopatiche
rappresentano il 70-80% di tutta la casistica e, per la difficoltà di una diagnosi precoce, il medico
può prenderne visione soltanto tardivamente, quando il dismorfismo è ormai instaurato.

(3) La scoliosi
Solitamente accompagnata da un’alterazione dell’attività respiratoria, la scoliosi è una
deviazione della colonna vertebrale sul piano frontale (pag. 54).
Normalmente, su questo piano, il rachide è in
posizione verticale. Tale verticalità è data dalla idonea
tensione dei muscoli spinali (pag. 56) e degli obliqui
(riportati qui a sx).
I muscoli spinali agiscono direttamente e
simmetricamente sui due lati della colonna vertebrale, ma
se il loro tono o il grado di tensione sono alterati, il
rachide può subire una flessione laterale.
I muscoli obliqui, che sono compresi tra la colonna
vertebrale e l'addome, intervengono sulle coste, che
fungono da "intermediarie" tra il rachide e la parte
anteriore del tronco. Qualora si verifichi una tensione
asimmetrica dei muscoli obliqui, le vertebre sarebbero
sottoposte ad un movimento di "torsione", con la
conseguente rotazione della gabbia toracica.
La scoliosi è una curvatura del rachide sul piano
frontale, che se è di lieve entità (minore di 10°) può
essere corretta con la ginnastica posturale; nei casi più
gravi essa, di solito, è associata ad una rotazione delle
vertebre, con la comparsa del gibbo.
Gli individui scoliotici presentano un atteggiamento
asimmetrico in cui si evidenzia lateralmente una flessione
più o meno accentuata del tronco.
L’atteggiamento asimmetrico è quella posizione in cui le due metà laterali del corpo non sono
corrispondenti.

44
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Si dice che una scoliosi è destra se la sua convessità laterale è a destra; se, invece, la
convessità è a sinistra ci troviamo di fronte ad una scoliosi sinistra.
Di solito, una scoliosi si presenta con una sola curva e rimane tale se il tono muscolare è
sufficiente per mantenere il capo in posizione corretta, al di sopra del centro di gravità. Se, però, il
tono muscolare non è sufficientemente adeguato a svolgere un simile lavoro, il tronco si inclinerà
dalla parte della convessità, provocando la comparsa di una seconda curva, detta di compenso.
Si dice che una scoliosi è equilibrata (pag. 57) quando il filo a piombo, dalle vertebre cervicali,
cade nella piega interglutea, è squilibrata (pag. 58) quando il filo a piombo cade a destra o a
sinistra di detta piega.
Poiché il trattamento delle scoliosi è legato al valore
angolare della curva, è indispensabile misurare il loro grado
di gravità. Il sistema più utilizzato per definire il valore
angolare della curva scoliotica è il "metodo di Cobb". La
misurazione si esegue nel modo seguente: si tracciano due
tangenti rispettivamente al piatto vertebrale superiore della
vertebra terminale superiore, ed al piatto vertebrale inferiore
della vertebra terminale inferiore (per vertebre terminali si
intendono quelle vertebre posizionate ai limiti superiore ed
inferiore della curva scoliotica), si segnano poi le
perpendicolari alle tangenti. L'angolo che si ottiene
dall'incrocio delle perpendicolari alle tangenti indica il valore
angolare della scoliosi.
L'individuo affetto da scoliosi, nel tempo, inizia ad
avvertire un senso di stanchezza e dolore nella regione
lombare, soprattutto nelle ore serali. Il dolore è dovuto alle
anomalie degenerative delle faccette articolari, il cui
orientamento è alterato. Si parla di scoliosi quando l'angolo
è maggiore di 10°. Negli adulti sono importanti solo le curve che sono maggiori di 40°, perché nel
tempo tendono ad aggravarsi, in quanto possono causare compressioni radicolari, che richiedono
un trattamento ortopedico.
Esistono tre tipi di scoliosi:
 congenita;
 statica;
 dinamica.
La scoliosi congenita è dovuta a malformazione della colonna vertebrale sin dalla nascita.
Questo tipo di scoliosi può presentare l'associazione con altre malformazioni congenite (renali,
cardiache, ecc.). Il trattamento terapeutico, in questo tipo di scoliosi, riguarda il campo medico, in
quanto con l’esercizio non si può intervenire in maniera valida.
La scoliosi statica è causata dalla posizione alterata del bacino, dovuta alla differente
lunghezza degli arti inferiori. Questa deviazione del rachide può essere annullata quando si applica
uno spessore sulla calzatura dell’arto inferiore in difetto.
La scoliosi dinamica è dovuta all’alterazione muscolo-legamentosa o da paralisi del sistema
nervoso.

45
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Nelle deviazioni sul


piano frontale si
distinguono, inoltre, le
attitudini scoliotiche e le
scoliosi vere o strutturate.
Le prime si possono
ridurre facilmente con gli
adeguati esercizi posturali;
le seconde sono più gravi,
in quanto le vertebre sono
deformate.
La categoria più
frequente delle scoliosi è
quella idiopatica, di cui
non si conosce la causa.
La scoliosi idiopatica
è una patologia complessa del rachide, caratterizzata da un'anomalia anatomica delle strutture di
sostegno del tronco e dei metameri. Questo tipo di scoliosi compare in età evolutiva, in quanto si
manifesta nel periodo pre-puberale, seguito da un potenziale peggioramento nella fase di
accrescimento rapido. Questo dismorfismo si presenta macroscopicamente con una deviazione
del rachide sul piano frontale. Di conseguenza, la colonna vertebrale si inclina lateralmente,
perdendo la propria verticalità. La maggior parte degli individui affetti da scoliosi idiopatica
presentano una sola curva principale; meno frequenti sono i casi in cui compaiono due curve
principali. Queste possono essere destro-convesse o sinistro-convesse, mentre i segmenti
vertebrali interessati sono localizzati nei siti cervicale, cervico-dorsale, dorsale, dorso-lombare,
lombare.
La colonna vertebrale, in questa situazione di «disagio strutturale», nella ricerca di un proprio
equilibrio, attiva un meccanismo naturale di difesa, modificandosi sopra e sotto la curva principale,
mediante la comparsa di quelle che vengono definite "curve di compenso".
La scoliosi idiopatica, vera e propria scoliosi strutturale, presenta una modificazione anatomica
delle vertebre nelle tre dimensioni dello spazio: ci troviamo di fronte ad una nuova ed alterata
"strutturazione" del rachide. In sintesi, la colonna vertebrale, soggetta alla modificazione
deformante dei corpi vertebrali, subisce una torsione su se stessa, in quanto le vertebre ruotano
intorno all'asse verticale, trascinando le coste, che, all'indietro, formano un gibbo (pag. 59) dal lato
della convessità. Le conseguenze di questo processo sono negative anche per la struttura artro-
osteo-muscolare e tendinea, non esclusi gli organi interni alla gabbia toracica, deformata in seguito
alla rotazione vertebrale.
La gibbosità, nell’individuo scoliotico, si può facilmente individuare quando egli esegue una
flessione del busto per avanti in basso.
Inoltre, ad un gibbo posteriore di un emitorace (pag. 60), in genere, corrisponde una gibbosità
anteriore dell'emitorace opposto.
Infine, si deve ricordare che tutto ciò che è causa di spostamento laterale sia delle spalle, sia
del bacino, produce una curva laterale del rachide. Tale spostamento può essere provocato da un
arto inferiore più corto dell'altro. Ciò potrebbe essere dovuto ad un difetto momentaneo della
46
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

crescita (qualche mese). In qualsiasi caso e qualunque sia la causa iniziale, il rachide acquisisce
una nuova posizione e, di conseguenza, i muscoli, che agiscono direttamente o indirettamente su
questa struttura portante, si modificano asimmetricamente in tonicità ed in lunghezza. Se non si
interviene celermente con un trattamento di ginnastica posturale, ciò che inizialmente è soltanto
una attitudine scoliotica può trasformarsi in una scoliosi vera.
Per quanto riguarda la prevenzione della scoliosi, De Mauroy sostiene che:
«Quando l’angolazione della scoliosi è inferiore ai 20°, la sua evolutività non si può prevedere,
non essendo lineare l’evoluzione, dobbiamo applicare le leggi del caos deterministico nello
"school-screening" e nella nostra relazione col paziente e la famiglia.
Una tra le particolarità della teoria del caos è il carattere multifattoriale dell’eziologia e, se un
difetto dell’articolazione temporo-mandibolare, un disturbo posturale..., possono essere l’elemento
all’origine della scoliosi, non serve a nulla partire a cacciare la farfalla in Brasile per evitare il
tornado in Texas, cioè il trattamento "eziologico" della scoliosi non ha senso.
Allo stesso modo il trattamento preventivo è discutibile. Come prevenire un terremoto?
La fisioterapia realizza una costruzione anti-sismica che non impedirà il terremoto, ma ne
ridurrà le conseguenze.
Davanti ad ogni scoliosi di meno di 20°, la sorveglianza clinica regolare è l’elemento
fondamentale soprattutto in periodo di crescita puberale. In effetti il trattamento ortopedico
conservativo che si indirizza soltanto alle scoliosi evolutive, stabilizzerà ma non permette di tornare
indietro e meglio vale stabilizzare una scoliosi a 25° che non ai 45°».

(4) Alcuni consigli per lo scoliotico


Le deviazioni della colonna vertebrale, anche quelle apparentemente meno gravi, possono
diventare molto pericolose per l’individuo se l’azione di recupero non è tempestiva.
E' di fondamentale importanza l'assistenza dei parenti nei confronti dello scoliotico, che consiste
nel tenerlo sotto controllo, invitandolo a non assumere una postura, che potrebbe favorire un
eventuale peggioramento della curva, anche per non annullare
l’effetto benefico della ginnastica terapeutica.
E' bene conservare tutte le radiografie, che devono essere
eseguite in ortostatismo, cioè in piedi, affinché il medico possa
osservare l'evoluzione scoliotica, con gli eventuali miglioramenti,
anche se di modesta entità.
Si deve rassicurare lo scoliotico, in quanto questa deviazione
del rachide non è dovuta ad una cattiva abitudine e nemmeno
alla cartella scolastica o allo zaino. Quindi, la responsabilità della
comparsa di questa curva non si può attribuire ad alcuno ... nel
70% dei casi (scoliosi idiopatica) la causa è sconosciuta. Nelle
altre circostanze i motivi possono dipendere da fattori congeniti,
muscolari, ossei, articolari e dalle conseguenze di patologie del
sistema nervoso.
Inoltre, è bene precisare che agli individui scoliotici si
consiglia la rieducazione posturale della scoliosi stessa, vale a
47
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

dire l’attività correttiva finalizzata a mobilizzare la colonna vertebrale ed a tonificarne la relativa


muscolatura.
Ma perché fare un trattamento se non si sente dolore?
La scoliosi rischia di aggravarsi fino alla fine dell'accrescimento, soprattutto durante la fase
puberale. Bisogna, pertanto, curarla appena possibile, specialmente quando ci troviamo di fronte
ad una scoliosi evolutiva.
Se non si segue il trattamento consigliato dal medico, la curva scoliotica e la gibbosità
aumenteranno, con una maggiore probabilità di disturbi dolorosi nella vita quotidiana.
Il trattamento con il corsetto non raddrizzerà la colonna vertebrale, e nemmeno la guarirà, ma
contrasterà l'aggravarsi della scoliosi e ne rallenterà il suo evolversi.
Il medico prescriverà delle sedute di rieducazione posturale, per eseguire gli esercizi correttivi
da fare con e senza il corsetto. L'uso del corsetto necessita di una maglietta, che deve essere in
cotone ed indossata a rovescio, per evitare che le cuciture segnino la pelle, altrimenti ci si deve
procurare una maglia senza cuciture laterali. La maglietta dovrà uscire dalla parte inferiore del
corsetto, per evitare che quest'ultimo sia a diretto contatto con la pelle.
Molti pensano che lo scoliotico debba sospendere la pratica dello sport. Assolutamente no!
Si può continuare ad effettuare l'attività sportiva senza alcuna controindicazione, che il medico
individuerà solo in casi particolari. Non bisogna dimenticare che sono i muscoli a sostenere la
colonna. Inoltre, durante l'attività motoria o sportiva, i sali minerali di calcio, fissandosi meglio sulle
vertebre, ne favoriscono la crescita ed il rafforzamento.
Nella complementarità del movimento, lo sport consente il moto in generale, mentre la
chinesiterapia permette un'attività più controllata nell'esecuzione. Gli esercizi proposti nelle sedute
chinesiterapiche sono differenti a seconda del tipo di scoliosi. Pertanto, il fisioterapista ed il medico
verificano e controllano gli esercizi, alcuni dei quali si eseguono con il corsetto, altri senza.
Pertanto, è auspicabile evitare una vita sedentaria e tutte quelle posizioni che possano
provocare gli atteggiamenti scorretti, ribadendo che una sana attività motoria contribuisce
all’acquisizione di una postura corretta, ma soprattutto di un valido e sano equilibrio dell’intero
organismo.

CLASSIFICAZIONE DELLE SCOLIOSI

Scoliosi ad 1 Scoliosi a 2 Scoliosi a 3


curva curve curve

dorsale cervicale-
dorsale e
dorsale-lombare
lombare
lombare (combinate)

48
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

A scopo puramente descrittivo ci si limita ad indicare alcuni esercizi preventivi a carattere


generale, anche per acquisire una valida tonicità muscolare, a beneficio delle funzioni svolte dalla
colonna vertebrale.
Esercizi respiratori (pag.61).
Esercizi per gli estensori del rachide (pag. 62).
Esercizi per la mobilizzazione della colonna vertebrale (pag.63).
Esercizi per la tonicità del trapezio e del romboide (pag. 64).

(5) Cifosi e lordosi


Il corpo umano è una struttura alla ricerca del costante equilibrio.
Esso, a volte, assume un atteggiamento scorretto a causa della
forza di gravità (pag. 65) , che tende a spingerlo verso il basso, per
cui il rachide può accentuare le curve fisiologiche (pag. 65) sia a
livello dorsale (da cifosi a ipercifosi), sia a livello lombare (da
lordosi a iperlordosi).
Solitamente, i paramorfismi, che compaiono durante
l'adolescenza, possono essere causati da una lassità legamentosa e
ipotonia muscolare. Ci troviamo di fronte a carenze posturali
benigne, che si risolvono spontaneamente con la ginnastica
posturale e con lo sport.
E’ proprio in questo periodo che i polmoni, alloggiati all’interno
della gabbia toracica, hanno bisogno:
 di tutto lo spazio disponibile per esercitare la loro
funzione;
 della colonna vertebrale, come supporto a cui si collegano
le coste, che rappresentano la struttura ed il collegamento
elastico, vincolato alle vertebre stesse.

Cifosi. Abbiamo già considerato, in precedenza, che le curve fisiologiche a concavità anteriore
del rachide, nei tratti dorsale e sacrale-coccigeo, rappresentano le due cifosi naturali della colonna
vertebrale.
Se ci soffermiamo alla cifosi dorsale, possiamo osservare che questa curva, in sinergia con
un'altra curva di compenso, detta lordosi lombare, ha la funzione di ammortizzare, come una
"molla", tutte le sollecitazioni che gravano sul rachide.
A causa della ipotonia dei muscoli dorsali e della ipertonia dei muscoli pettorali, il dorso assume
una forma sempre più arrotondata, fino alla comparsa della ipercifosi. Questa anomalia del
rachide può essere corretta con gli opportuni esercizi e con l'attività sportiva, se non presenta
alterazioni strutturali.
Purtroppo, ci sono alcuni casi in cui l'ipercifosi non è correggibile, poiché essa è dovuta ad una
grave patologia, detta malattia di Scheuermann, nella quale almeno tre vertebre contigue
49
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

assumono la forma di un "cuneo", compaiono i nodi di Schmorl's, in cui il materiale discale penetra
nel corpo della vertebra, oltre alle deformazioni del piatto vertebrale.
L'aumento di questa curva fisiologica è la causa di forti dolori vertebrali e di alterazioni
respiratorie, in quanto i diametri sagittale e trasversale del torace sono ridotti, oltre allo squilibrio
muscolo-scheletrico sulla linea di gravità (pag. 66).
Nella classificazione delle ipercifosi, non correggibili, vi sono
quelle congenite, la cui origine può essere di natura neurologica,
muscolare, neuromuscolare e metabolica (osteoporosi,
osteogenesi, osteomalacia - carenza di vitamina D e calcio).

Lordosi. La lordosi è una compensazione della cifosi per cui,


nel tratto lombare, la colonna vertebrale compensa lo squilibrio
precedente con un’altra curva, detta appunto lordosi. Questo
compenso è del tutto fisiologico, poiché è deputato alla funzione di
ammortizzare tutte le sollecitazioni che gravano sul rachide.
Quest'ultimo è una struttura ossea mobile, sostenuta da un
complesso equilibrio muscolare, in cui i muscoli addominali
rappresentano un sostegno naturale, che mantiene eretto l'ultimo
tratto dorsale e quello lombare. Se gli addominali sono ipotonici ed i
flessori dell'anca sono ipertonici, la colonna lombare forma
un'eccessiva concavità posteriore ed il bacino bascula in avanti.
Quanto più sono deboli i muscoli addominali, tanto più è
accentuata la curva lordotica.
Di conseguenza, i glutei sporgono all’indietro evidenziando l'"aumento" della classica concavità
lombare, detta iperlordosi.
Anche in questo caso è opportuno ricorrere al parere del medico, il quale fornirà delle adeguate
indicazioni circa le procedure da seguire.
Specialmente in età giovanile sono consigliati gli esercizi posturali, di mobilizzazione della
colonna vertebrale e tonificanti, in special modo i muscoli addominali (pag. 67) e dorsali (pag. 67),
oltre a quelli precedentemente citati.
Come accade in tutte le deviazioni della colonna vertebrale, l'ipercifosi dorsale e l'iperlordosi
lombare tendono a stabilizzarsi, mediante un processo che provoca la deformazione delle
vertebre, a causa dell'errata posizione per un tempo prolungato, verificandosi nell'individuo adulto
una contrazione costante dei muscoli spinali lombari e della porzione superiore del trapezio,
interessando anche i muscoli della nuca.

(6) I paramorfismi degli arti inferiori


Oltre alla colonna vertebrale, anche gli arti inferiori possono essere oggetto di paramorfismi.
Soprattutto durante la fase evolutiva è auspicabile osservare attentamente la crescita
dell’individuo per prevenire eventuali paramorfismi più gravi.

50
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Gli arti inferiori sopportano tutto il peso del corpo. Una valida attività motoria preventiva può
contribuire a limitare i rischi di eventuali alterazioni funzionali degli arti inferiori.
Un paramorfismo, apparentemente insignificante, se trascurato,
può causare delle alterazioni ben più gravi, come ad esempio: le
attitudini scoliotiche che possono evolversi in scoliosi conclamate; le
posizioni scorrette del ginocchio che ne deviano la normale
impalcatura, come accade nel ginocchio valgo o nel piede piatto.
Quando si assumono determinate posizioni errate e protratte nel
tempo, si possono verificare alcune modificazioni strutturali
permanenti dei vari segmenti. Queste modificazioni, in seguito ad un
loro consolidamento non possono essere più modificate
volontariamente dall'individuo.
Pertanto, quando si accusa un dolore ad una determinata regione
degli arti inferiori (ginocchio, caviglia, piede) è consigliabile fare
immediatamente i dovuti accertamenti. Se tale dolore è trascurato
può provocare una reazione a catena fino a coinvolgere anche le
parti più alte del dorso (scoliosi).
Ad esempio, un difetto dell'asse nell'arto inferiore o un appoggio
errato del piede, possono trasmettere
un'alterazione dell'assetto relativo alle
articolazioni interessate
compromettendone il corretto
movimento.
Un caso piuttosto ricorrente
riguarda il piede piatto che, a causa
del cedimento della volta plantare
costringe l'individuo in età evolutiva ad appoggiare la pianta del
piede nella sua parte interna, con conseguente spostamento del
ginocchio all'interno, conferendo a questa articolazione la classica
conformazione ad "X" detta valgismo.
Al contrario, nel piede cavo, l'individuo appoggerà a terra il
piede con la parte esterna, vincolando il ginocchio ad uno
spostamento verso l'esterno causando un altro paramorfismo,
detto varismo.
In ultima analisi, si deve ricordare che è fondamentale
controllare la lunghezza degli arti inferiori, poiché spesso sono la
causa dello sbilanciamento del bacino che provoca un'alterazione
posturale del rachide, meglio conosciuta come scoliosi, ma di
questo si è già detto.

(7) Il piede piatto


Il piede, in situazioni normali, sostiene il peso del corpo, attraverso una serie di arcate che
conferiscono elasticità al piede stesso, il quale prende contatto con il suolo mediante tre ossa:
51
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

 il calcagno;
 il primo metatarso;
 il quinto metatarso.
Nel caso del piede piatto, che di solito si
associa al piede valgo, si ha una scomparsa
della volta plantare (pag. 68), con
l’appiattimento del piede.
La struttura scheletrica e lo scarso tono
muscolare della volta plantare sono la causa di
questo paramorfismo che si verifica, in genere,
nelle persone che spesso sono costrette a rimanere in piedi per molte ore.
In ogni caso, la caduta verso il basso della volta plantare è dovuta all'ipotonicità muscolare.
Il bordo interno del piede, nella norma, descrive un arco che va da un'estremità all'altra del
piede stesso, mentre la parte esterna appoggia al suolo per tutta la lunghezza.
Il peso del corpo grava sull'astragalo (pag. 68) che può essere considerato la chiave di volta
del piede stesso, ma la volta si schiaccerebbe se non fosse mantenuta da una serie di tendini e
muscoli, che hanno il compito di tenerla sollevata.
Se questi muscoli diventano ipotonici, la parte interna del piede si abbasserà ed il piede ruoterà
all'esterno. Ci troviamo di fronte ad un piede valgo o piatto.
Tale diagnosi è abbastanza semplice, anche perché se si osserva l'impronta del piede , o sulla
sabbia o su una pavimentazione porosa quando il piede stesso è bagnato, si nota la totale
assenza della rientranza
corrispondente alla volta
plantare.
Questo abbassamento
dell'arcata plantare provoca
una diminuzione della
lunghezza dell'arto inferiore,
il cui accorciamento può
raggiungere i tre centimetri.
Se questo paramorfismo
riguarda soltanto un arto
inferiore, il bacino registra
uno sbilanciamento che
produce una deviazione del
rachide (scoliosi).
La correzione di questo
difetto consiste
nell’applicazione di un plantare per restituire al piede la conformazione iniziale. In alcuni casi è
necessario l’intervento chirurgico, ma un’adeguata programmazione di esercizi preventivi, in età
evolutiva, può ridurre questo paramorfismo.

52
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

E’ bene eseguire alcuni esercizi (pag. 69) di prensione con il piede, camminare
alternativamente sui talloni e sugli avampiedi, flettere le dita dei piedi.

(8) Il ginocchio valgo


Il ginocchio è un'articolazione che
consente i movimenti di flessione e di
distensione.
Se si osserva questa articolazione
anteriormente, si nota che l'angolo
esterno, formato dall'asse coscia -
gamba, misura circa 170° gradi.
Quando questo angolo aumenta oltre
i 170° gradi si verifica il cosiddetto
ginocchio varo, se tale angolo assume
un'ampiezza inferiore ai 170° gradi, il
ginocchio è detto valgo.
In sintesi il ginocchio valgo, che di
solito è conseguente al piede valgo, è
un paramorfismo che si evidenzia
quando la gamba e la coscia formano,
con la faccia interna del ginocchio, un
angolo molto accentuato, che di solito
interessa tutti e due gli arti inferiori, i
quali formano una "X".
Considerando il ginocchio nella sua struttura articolare e muscolare si rileva che la sua
flessione avviene ad opera di tre muscoli: il bicipite femorale, il semimembranoso, il
semitendinoso.
Alcuni esercizi (pag. 70) indicati per il ginocchio valgo tendono a rinforzare determinati gruppi
muscolari, per evitare l'accentuarsi di tale paramorfismo per una corretta postura dell'individuo.

53
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

APPENDICE AL CAPITOLO

PIANO FRONTALE

Il piano frontale è quel piano immaginario, virtuale, che divide il corpo in due parti: una anteriore
ed una posteriore.

54
PIANO S AGITTALE

Il piano sagittale è quel piano immaginario, virtuale, che divide il corpo in due parti simmetriche:
una destra ed una sinistra.

55
Muscoli spinali

56
Scoliosi equilibra ta

57
Scoliosi squilibrata

58
GIBBO

Il gibbo è una protuberanza, presente sul dorso dello scoliotico, dovuta alla rotazione delle
vertebre, che spingono le coste all’indietro.

59
EMITORACE

L'emitorace è una metà (destra o sinistra) della gabbia toracica, attraversata dal piano sagittale.

 emitorace destro
 emitorace sinistro
 sterno
 clavicole
 scapole
 vertebre

60
Esercizi preventivi

Esercizi respiratori

61
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Esercizi per gli estensori del rachide

62
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Esercizi per la mobilizzazione della colonna vertebrale

63
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Esercizi per la tonicità del trapezio e del romboide.

64
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

FORZ A DI GRAV ITA'


Newton l'ha definita così:
"Qualsiasi oggetto dell'Universo attrae ogni altro oggetto con una forza diretta lungo la linea che
congiunge i baricentri dei due oggetti, di intensità direttamente proporzionale al prodotto delle loro
masse ed inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza".

CURVE FISIOLOGICHE
Le curve fisiologiche sono le concavità e le convessità naturali del rachide.

65
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

LINEA DI GRAVI TA'

La linea di gravità è quell'asse verticale immaginario il quale definisce la funzionalità della


colonna vertebrale equilibrata.
Ciò si può misurare con un semplice filo a piombo osservando che questo passi per i seguenti
punti di riferimento: canale uditivo esterno, porzione anteriore della spalla, parte centrale
dell'articolazione coxo-femorale, parte anteriore del ginocchio, porzione centrale dell'avampiede.

66
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Esercizi per i muscoli addominali

Esercizi per i muscoli dorsali

67
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

VOLTA PLANTARE

La volta plantare è la concavità che caratterizza la pianta del piede.

ASTRAGALO

L'astragalo è l'osso che si articola con la tibia.


Mediante quest'ultima il peso del corpo si scarica
sull'astragalo stesso che lo distribuisce a tutto il
piede.

68
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Esercizi per il piede piatto

69
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Esercizi per il ginocchio valgo

70
PARAMORFISMI E DISMORFISMI GIOVANNI LESTINI

Ad uso degli studenti


Dell’I.P.S.E.O.A. Pellegrino Artusi
Roma
A.S. 2017-2018

71