Sei sulla pagina 1di 148

Ulrich Warnke

FILOSOFIA QUANTISTICA E
SPIRITUALITÀ
La chiave per accedere ai segreti e all’essenza
dell’essere.

2011

Traduzione a cura di Corrado S. Magro

https://www.riflessioni.it/filosofia-quantistica-spiritualita/index.htm

In esclusiva assoluta per l'Italia, per gentile concessione dell’autore e dell’editrice Scorpio la traduzione
del libro di Ulrich Warnke: Quantenphilosophie und Spiritualität.

1
Sommario
Prefazione dell’autore............................................................................................................................... 5

1. Scienza e spiritualità sono inconciliabili in assoluto? .............................................................................. 8

1.1 L’uomo questo essere ancora misterioso ............................................................................................ 8

1.2 La società schiava di dogmi e paradigmi ......................................................................................... 10

1.3 Scienza naturale avulsa dalla realtà? ................................................................................................ 13

1.4 Scienziati alla ricerca del senso della vita ........................................................................................ 16

2. Aspettativa e fede ................................................................................................................................... 21

2.1 Come avviene la commutazione del processo spirituale in quello materiale? ................................. 27

2.2 Come funziona l’effetto Placebo-Nocebo?....................................................................................... 27

2.3 Aspettativa e fede innestano l’avvenimento reale ............................................................................ 28

2.4 Alla ricerca di un mondo creativo diverso ....................................................................................... 31

3. Materia, energia e vuoto nel corpo umano ............................................................................................. 34

3.1 Il corpo e la sua materia? Cos'è? ...................................................................................................... 34

3.2 L'organismo quale sistema quantistico ............................................................................................. 36

3.3 "L'oceano delle infinite possibilità", sorgente del divenire .............................................................. 39

3.4 A qual fine gli esseri viventi necessitano del corpo materiale? ........................................................ 41

3.5 Il paradosso quantistico di Zenone ................................................................................................... 42

3.6 Risonanza: cacciatore e amplificatore di energia ............................................................................. 44

4. Tutto trae origine dalla consapevolezza ................................................................................................. 48

4.1 Indagare l’essenza della vita ............................................................................................................. 50

4.2 Come la consapevolezza pilota la materia del corpo ........................................................................ 52

4.3 Il principio del feedback percettivo .................................................................................................. 54

4.4 La percezione a distanza: Remote Viewing ..................................................................................... 56

4.5 Consapevolezza: causa e non conseguenza dell'attività cerebrale .................................................... 56

4.6 Consapevolezza universale e memoria di fondo campo delle informazioni .................................... 58

4.7 Anche il tempo trae origine dalla consapevolezza ........................................................................... 60

4.9 Retroset, condizionamento di un passato ......................................................................................... 61

5. Realtà e Informazione: Cosa sono per noi? ..................................................................................... 71

5.1 Il mondo dei sogni ............................................................................................................................ 72


2
5.2 Il mondo delle esperienze mentali .................................................................................................... 73

5.3 Un sofisma della logica .................................................................................................................... 76

5.4 Misticismo nella Filosofia quantistica .............................................................................................. 77

5.5 Il ruolo dell’osservatore nella realtà quantistica ............................................................................... 79

5.6 Mondo esterno e interno sono una sola cosa .................................................................................... 81

5.7 Realtà e informazione sono una sola cosa ........................................................................................ 82

5.8 Informazione e “Oceano delle infinite possibilità” .......................................................................... 84

5.9 Possibilità di guida attraverso lo spirito ........................................................................................... 88

5.10 Programmazione di una matrice ..................................................................................................... 88

5.11 Principio dell’accoppiamento reattivo finalizzato .......................................................................... 90

6. Fondamenta delle arti guaritrici ....................................................................................................... 93

6.1 Guarigione come ricostruzione di forma/struttura/configurazione................................................... 95

6.2 Retroset e guarigione ........................................................................................................................ 99

6.3 Operazione bio-cronologica ........................................................................................................... 101

6.4 I potenziali ridanno efficacia a informazioni di fasi che stanno all'inizio dell'evoluzione ............. 101

6.5 Guarigione attraverso informazioni dalla matrice .......................................................................... 103

6.6 Una personalità alterata trasforma l'infermità ................................................................................ 104

6.7 L'infinità della consapevolezza e la scienza ................................................................................... 106

7. L'interfaccia tra mente, anima e corpo materiale ........................................................................... 110

7.1 Lo Spin quale meccanismo elementare di commutazione.............................................................. 112

7.2 Attività dei Quanti dimostrate sperimentalmente in processi di vita e di consapevolezza ............. 114

7.3 Lo Spin: collegamento con il campo universale dell'informazione ................................................ 119

7.4 Da quattro le forze ancestrali diventano tre .................................................................................... 122

7.5 Energia e materia oscura, matrici di anima e intelletto .................................................................. 123

8. Trasposizione delle conoscenze ancestrali e nuove ....................................................................... 126

8.1 L’autoistanza come sistema quantistico ......................................................................................... 126

8.2 Impiego/applicazione della consapevolezza assoluta ..................................................................... 128

8.3 Espansione della consapevolezza è espansione della percezione ................................................... 131

8.4 Cognizioni intuitive ........................................................................................................................ 133

8.5 Organizzati in funzione dello scopo ............................................................................................... 134


3
8.6 Sapere segreto codificato................................................................................................................ 135

8.7 Limitatezza, primo ostacolo per la trasposizione ........................................................................... 135

8.8 Il sogno lucido come stato di trance ............................................................................................... 136

8.9 Breve sguardo panoramico sui metodi ........................................................................................... 137

9. L'alchimia ci indica il sentiero ....................................................................................................... 143

9.1 Discesa dell’intelletto ascesa dell’anima e riunificazione nella Grande e Piccola Opera .............. 146

4
Prefazione dell’autore

Chi ha permesso agli uccelli migratori di orientarsi durante un volo di migliaia di chilometri? Come fanno
alcune persone a presagire l’arrivo di una catastrofe naturale? Dove sono nascosti, archiviati i nostri ricordi?
Cos’è lo spirito, la materia e l’anima?
Tutte domande che mi pongo da quando ho iniziato a riflettere, e che da semplice interesse sono diventate
scopo e occupazione di tutta la mia vita. Assolto lo studio in Biologia, dopo il dottorato ricevetti l’incarico di
“Docente di Tematiche atipiche” in diretto rapporto con gli aspetti vitali dell’essere. Le lezioni impartite e i
seminari trattavano argomenti di Biofisica, Biomedicina, Medicina ambientale, Bionica e Psicologia
fisiologica.
Il mio gruppo di lavoro costruì sistemi per terapie non invasive applicate con successo nella medicina. Ebbi
così durante decenni il privilegio di potere spaziare, osservare “oltre il bordo del piatto” delle singole
discipline, come si suol dire, e sviluppare un processo interdisciplinare in grado di evidenziare gli aspetti
comuni presenti nella biologia, psicologia, fisica, medicina e tecniche relative.
Privilegio che mi diede l’opportunità di applicare sugli organismi biologici in generale e in particolare
sull’essere umano, le cognizioni acquisite grazie a questo processo.
In ultima analisi la domanda era sempre la stessa: “Come siamo composti, come funzioniamo, come
facciamo a rimanere in buona salute e come riusciamo a influenzare i processi del nostro organismo,
adoperandoci con mezzi di lieve impatto?”
In quel periodo era normale considerare alla base della vita la Fisica Molecolare o Chimica. Tutti i modelli
vitali (fisiologici) erano costruiti su questa base, sulla quale troneggiava il comportamento generale (la
Psicologia). Ma in che modo riusciva l’organismo ad accaparrarsi dei vantaggi decisivi per la sua stessa vita?
In questo contesto si collocava la domanda sul concorso, sulla cooperazione tra spirito e materia, tra
intelletto e materia. Come è possibile influenzare con la nostra volontà, principio puramente intellettuale, la
materia e muovere a piacere le nostre braccia o le nostre gambe? Perché possiamo pronunciare parole e
formulare frasi quando lo vogliamo? Dove sono nascosti i nostri ricordi? Da dove sgorgano le nostre
sensazioni? Perché tutti noi possediamo un’inclinazione verso la spiritualità?1
Le vecchie domande del passato erano rimaste ancora senza risposta e ad esse se ne aggiungevano delle
nuove. Anche queste ultime non trovavano risposta né presso me stesso né tra tanti altri esperti di scienze
naturali ben più quotati di me. Ci sono comunque sempre quelli che non si pongono tali interrogativi e tengono
per buono quanto è dato per scontato e quello che è o misurabile o risultato di calcolo. Deduzione che a prima
vista sembra metterci sul sentiero meno faticoso, se non ci chiediamo cos’è in realtà la materia, cosa sono
l’intelletto e lo spirito o, in breve, fuori parentesi, qual è l’essenza della vita.

1
tale inclinazione è oltremodo forte tra chi si dichiara ed è convinto di essere ateo.
5
Mi fu subito chiaro che la Fisica molecolare, uno dei pilastri della mia ricerca scientifica, non era in grado
di fornirmi una risposta soddisfacente. Ci doveva essere qualcosa d’altro. Il compito di riuscire a scoprire chi
siamo veramente, e come noi possiamo diventare quello che siamo in realtà, restava insoluto davanti a me.
Nel momento in cui lo scienziato naturale, partendo da quello che i Fisici quantistici hanno recentemente
scoperto, si mette alla ricerca di risposte alle domande più insistenti che la vita pone, trovandone sempre di
più, scopre anche che gl’individui di tutte le epoche e di tutte le culture avevano accesso a conoscenze di cui
noi oggi ci sforziamo di appropriaci con tanta fatica.
Evidentemente il nostro modo di rappresentarci il sapere, la scienza come qualcosa di sicuro e dimostrabile
ci fa disprezzare le esperienze e le conoscenze dei nostri antenati. Abbiamo osservato il mondo quali esseri
aridi e “scientifici” fin quando non venne qualcuno meglio di noi ad ammaestrarci.

Urich Warnke, aprile 2011

Consapevolezza:
Nel corso di questa lettura, incontreremo svariate volte questo termine. Che significato dargli visto che si
tratta di un termine che negli ultimi decenni ha varcato i limiti precedentemente tracciati dalla psicologia? Per
noi si tratta di consapevolezza quantistica e per evitare interpretazioni ibride, riportiamo una nota tratta
dall’articolo di Fabrizio Coppola: “Consapevolezza": una proprietà del campo unificato” (1993) e che dice:
La "consapevolezza" non sarebbe il prodotto precario e quasi accidentale di un meccanismo biologico
complesso (sistema nervoso e cervello), ma sarebbe una proprietà fisica fondamentale ed universale (presente
a livello latente e primordiale nel "campo unificato” da noi in questo testo chiamato “l’oceano di tutte le
possibilità”). Il cervello avrebbe invece la funzione di "evidenziare" ed "elaborare" questa straordinaria
proprietà, così come un laser evidenzia alcune proprietà latenti della luce che normalmente non vengono
rivelate.
In sostanza la consapevolezza come intesa in questo trattato apre l’accesso all’universo dei quanti a cui
l’individuo, creatura e contemporaneamente creatore, appartiene.

6
7
1. Scienza e spiritualità sono inconciliabili in assoluto?

La chiave per accedere ai segreti e all’essenza dell’essere.

“Chi di noi si occupa seriamente di scienza, arriva alla convinzione che nei principi che regolano l’universo si manifesta la presenza
di uno spirito immane e superiore all’uomo, davanti al quale noi, in possesso di poteri molto modesti, dobbiamo umilmente fare un
passo indietro”.
Albert Einstein

La scienza è basata su ipotesi e teorie nate dall’osservazione, dall’esperienze e dal credere. Da ciò traggono
origine modelli senza valore di verità. Nessuno è in grado di sapere quando un modello scientifico rimane uno
strumento sussidiario o quando esso descrive la realtà e sarà parte di essa. Il modello è solo un esempio di
dialogo tra l’intelletto, lo spirito e la natura ma non spiega né lo spirito né tanto meno la natura. Per potere
enunciare una teoria il problema scelto viene posto dentro un frammento ben delimitato della natura che non
coinvolge in alcun modo la verità. La ricerca costruisce sempre ed esclusivamente modelli mentali dei processi
naturali.

1.1 L’uomo questo essere ancora misterioso

L’essere umano possiede enormi risorse mentali, che la più gran parte di noi non è in grado di utilizzare, o
nemmeno sa di avere.
Basterebbe che ci chiedessimo perché il nostro corpo funziona. Come arrivo a parlare o a camminare?
Oppure, prendiamo un esempio molto banale che riguarda il processo motorio guidato dalla volontà. Mi dico:
“Io voglio alzare il braccio destro”, e in effetti se al voglio segue l’azione, l’organo materiale “braccio” si
solleva vincendo la forza di gravità.
«Ma questo è ridicolmente semplice!» vi viene da dire spontaneamente trattandosi di un fatto abitudinario.
Ebbene, osserviamo in dettaglio la frase che inizia con «Io voglio…». Permettimi di chiederti: «Chi è “io”?
Chi o cosa è la “mia volontà”? Perché servendomi di un principio mentale, accetto al mio volere, posso
influenzare la materia “braccio”?», materia che ubbidisce esattamente alla mia volontà eseguendo il
movimento meccanico, premesso che il mio fisico sia illeso?
Il primo interrogativo si lascia descrivere come segue: In ogni istante del giorno l’intelletto pilota la materia
del nostro corpo. Se così non fosse, come potremmo noi con la sola forza della volontà - principio puramente
intellettuale - parlare, camminare, eseguire tutte le nostre attività motorie? Perché non abbiamo dato fino ad
oggi una spiegazione a questo mistero?
L’affermazione di fondo di questo libro è volutamente provocatoria. Ne farò uso ripetutamente nelle
prossime pagine, a partire già da adesso:

8
In assenza di consapevolezza non esiste assolutamente nulla in questo mondo. Tutto quello che, senza
esclusione di sorta, conosciamo, ciò che lo costituisce, compreso tutto quello che immaginiamo, è transitato
esclusivamente attraverso la consapevolezza dell’essere.
In assenza di consapevolezza impossibile dimostrare l’esistenza del mondo e dell’universo. Laddove non
c’è consapevolezza non c’è nemmeno un “IO”, un ambiente, una natura, nessun sole, nessun cosmo.
Capovolgendo i termini risulta che la consapevolezza crea tutto, sia quello che esiste, quello che i nostri sensi
percepiscono, e sia il totale delle nostre esperienze e di quello che ricordiamo.
Noi non siamo nemmeno in grado di capire i veri prodigi. Il semplice fatto che tramite la nostra
consapevolezza, siamo in grado di pilotare il nostro corpo è un qualcosa che rasenta il prodigio. Camminiamo,
solleviamo, afferriamo solo e soltanto perché lo vogliamo. La nostra volontà ha il potere di ottenerlo. La
volontà però è un principio puramente informativo mentre camminare, sollevare o afferrare sono funzioni che
vengono accompagnate da un cambiamento della materia che costituisce il nostro fisico: viene attivato il
sistema nervoso e i tessuti muscolari si accorciano. La mia volontà e i miei pensieri influenzano la materia. La
domanda cruciale che adesso si pone è: come e dove ha luogo la trasformazione dell’impulso mentale in grado
di gestire il puro condizionamento della materia? P. es., cosa succede quando io sollevo il braccio? Cosa
avviene nel momento in cui la volontà fa appello alla materia per eseguire qualcosa?
Ci troviamo evidentemente in presenza di informazioni che veicolano lo spirito e la materia. Aiutandoci
con un esempio proviamo a capire il ruolo delle informazioni sul piano quantistico.
Cosa provoca sulla materia un influsso sganciato dalla volontà (quindi informazione) quando io sollevo il
braccio?
Per sollevare il braccio devo contrarre i muscoli.
Per potere contrarre i muscoli, le membrane devono essere rese permeabili a minerali specifici (sodio,
potassio, event. cloriti) liberando un potenziale elettrico attivo.
Affinché le membrane siano rese permeabili bisogna che tipi specifici di proteine/enzimi ne aprano gli
accessi.
Affinché proteine/enzimi permettano l’accesso alle membrane, devono sostituire forma/struttura/aspetto
(configurazione) con forma/struttura/aspetto di tipo diverso (conformazione).
Per ottenere il mutamento delle proteine in una conformazione attiva devono agire forze e tempi di
esecuzione sulle coesioni molecolari di proteine/enzimi.
Queste forze e questi tempi di esecuzione necessitano la modifica delle proprietà degli spin (propagazione
universale delle oscillazioni).
Il cambiamento delle proprietà degli spin è possibile solo attraverso informazioni.
Volontà/spirito/psiche/consapevolezza canalizzano queste informazioni.
Il muscolo si contrae solo e soltanto quando tutte queste premesse sono soddisfatte.
Un principio mentale/spirituale, la mia volontà, genera l’effetto forza (causale) capace di agire sulla
coesione molecolare. Ma in effetti come può agire questa forza che sorge dallo spirito? In che modo viene
liberata?

9
Dietro ogni forza c’è indiscutibilmente energia. Da dove sgorga questa energia? Come può il mio IO
avvantaggiarsi di questa energia, come la può pilotare? A queste domande non abbiamo ancora una risposta
accettabile da dare ma, assieme ai fenomeni, disponiamo sia di modelli e sia di indicazioni.
Il processo che durante lo svolgersi nello spazio e nel tempo agisce con la sua energia su una costruzione
molecolare, ottempera alle leggi della Fisica Quantistica.
È evidente che anche la consapevolezza modula le componenti spaziali e temporali di tali strutture
molecolari ottemperando alle leggi della Quantistica.
Scrutare le strutture e le funzioni degli organismi viventi, è compito della scienza naturale. L’effetto di una
“forza intellettuale” sulla vita di questi organismi è stato fino ad oggi oggetto d’indagine filosofica.
La fisica moderna constata ora che sul piano razionale della nostra vita avviene una transizione fluida che
esclude tassativamente una netta separazione tra le due discipline. Il campo di attività dove esse s’intersecano
viene ufficialmente definito con il termine Filosofia Quantistica (Neuser e Neuser-von Oettingen 1997).
Informazione e consapevolezza soggettiva pilotano la materia.
Questa è stata una delle conoscenze più ricche di conseguenze risultata dalle ricerche della fisica attuale.
Nel momento che queste conoscenze in generale vengono applicate alla scienza naturale, la conclusione è che
commettiamo un errore quando scacciamo dalla medicina le coppie gemelle, Informazione e Consapevolezza
da un lato e Spiritualità e Intelletto da un altro lato, perché ritenuta antiscientifica. Come mai, secondo l’OMS,
la medicina dei popoli allo stato naturale, registra ottimi risultati simili a quelli della medicina scolastica?
Osiamo continuare a impiegare placebo per attestare l’effetto dei prodotti farmaceutici anche quando
ignoriamo come agiscono e perché? Osiamo ignorare le innumerevoli pubblicazioni scientifiche su fenomeni
definiti Remote Viewing (“vedere da lontano la situazione”; Puthoff 1996) e i resoconti scientifici sulle
guarigioni a distanza? (vedi anche cap. 4).

1.2 La società schiava di dogmi e paradigmi

Quando esaminiamo la costruzione e la funzione dell’uomo, lo facciamo quasi sempre sotto l’aspetto della
Fisica Molecolare. Da essa, è possibile descrivere l’Anatomia/Morfologia che a sua volta sta alla base della
Fisiologia. Mano nella mano con la Fisiologia troviamo il “Comportamento” che noi descriviamo con il
termine Psiche. Quest’immagine dell’uomo viene incorporata in una concezione del mondo più o meno
meccanicistica che con la sua causalità, fu sviluppata da Newton e viene rigorosamente considerata scientifica
fino ad oggi. Si sorvola il dato di fatto che questa concezione come anche quelle di altri concetti scientifici,
sono dei paradigmi. Ecco come Shimon Malin (Malin 2003) li definisce: “Il paradigma non è altro che
un’astrazione che la società ha fatto propria in una fase ben precisa della sua storia”, e con questo è detto tutto.
Noi facciamo nostra tale astrazione, la riteniamo verità assoluta e procediamo con tutto quello che non
armonizza con essa secondo il motto: quello che non può essere, non può nemmeno esistere.
Si moltiplicano però gl’indizi che dimostrano che non abbiamo ben capito la vita e il mondo in cui viviamo.
La scienza naturale non si domanda al giorno d’oggi cosa in realtà costituisce l’essere animato. Si prodiga a
spiegarci che gli organismi viventi con l’aiuto di circuiti di regolazione, funzionano come sistemi meccanici.

10
È fuor di dubbio che la ricerca medico-scientifica contemporanea esplora la vita umana su un piano unilaterale
dove appare solo una visione parziale di essa: la materia che costituisce il corpo, la sua forma e la sua funzione.
Gli apostoli del materialismo biologico considerano le persone assieme ad altri organismi viventi, macchine
genetiche. Nel frattempo ci rendiamo conto che questo punto di vista è fortemente limitativo in un mondo dove
la materia può diventare elemento creativo sotto la guida dell’intelletto. Per forza di cose ne risulta che concetti
come quello di realtà o verità, assumano un significato completamente diverso. L’attuale cambio di paradigmi
comporta una visione totalmente diversa della persona umana e del suo ruolo nell’universo.
Questo riguarda naturalmente anche la medicina. Una nuova scienza medica è costretta ad ampliare i propri
orizzonti e la ricerca sugli aspetti biologici di una malattia deve coinvolgere lo stato psichico del paziente, la
sua personalità e il suo ambiente sociale. Malattia e guarigione sono processi dentro i quali l’organismo si
organizza da se stesso. Dato poi che tale autogestione viene pilotata in modo significativo dall’intelletto, la
malattia e la guarigione sono in prevalenza fenomeni psichici. Ciò potrebbe essere anche la causa della
propagazione epidemica dei disturbi funzionali di carattere psicosomatico. Nel frattempo, dai rilevamenti e
dagli studi condotti dall’università di Dresden e dall’istituto Max Planck, un terzo degli individui della
Repubblica Federale Tedesca soffrirebbe di tali disturbi. Gli organizzatori del congresso sulle malattie
moderne professionali per la protezione antinfortunistica, che si è tenuto appunto al Max Planck di Monaco
nel 2001, stimarono i costi causati da stress mentale e sociale a 85 miliardi per l’economia nazionale e a 100
miliardi per lo stato. La corporazione medica ha ben pochi mezzi e rimedi da contrapporre a questo fenomeno.
È evidente che per la Biologia e la Medicina è arrivato il momento di osservare attentamente i risultati della
Fisica moderna. Perché?
La medicina è una scienza naturale che trova sostegno in special modo nella Chimica, nella Farmacologia
e Biologia, e poiché la Quantistica gioca un ruolo primordiale in queste discipline, essa dovrebbe anche fare
parte della medicina. Ma proprio questo non arriva ad accedere alla mente della più gran parte dei medici.
Siamo dunque in presenza di un non-sapere giustificabile. Agisce peraltro sfavorevolmente
l’onnipresente dogmatismo di un preteso sapere considerato sacrosanto e intoccabile, anche quando la visione
abituale del mondo da tempo si è rivelata errata ed è stata rivista alla base.
La scienza occidentale si frantuma in un’infinità di discipline e indirizzi che si addentrano in campi
specialistici sempre più ridimensionati e che vicendevolmente s’ignorano quasi del tutto. Sarebbe un modo di
procedere sensato se volessimo evidenziare il valore intrinseco da dare alla ricerca, ma insensato quando la
frammentazione è applicata agl’individui.

Ricapitolando:
In questo libro continueremo a constatare come l’istanza IO è sottoposta ai principi della Filosofia Quantistica
che:
Applica le forze alle masse
Può agire su qualsiasi distanza.
Non conosce né passato né futuro bensì il perpetuo presente.

11
È una parte del campo energetico e informatico universale.
È capace, per così dire di richiamare accadimenti attraverso la programmazione di questa matrice universale.

La crescente specializzazione degli esperti e il loro impegno di scomporre il “sistema individuo” in unità
di funzionamento sempre più piccole e indipendenti l’una dall’altra non si sono rivelati come l’ultima sorgente
di saggezza. Ben al contrario, dal punto di vista della Filosofia Quantistica l’organismo umano si presenta
come un sistema di relazioni infinitamente complesso che non si lascia in alcun caso scomporre in singoli
sistemi chiusi in se stessi. Le componenti di quello che avviene in esso non si lasciano separare dalla loro
origine comune.
Siamo quindi di fronte a un dogma che sottolinea ripetutamente che in definitiva sulla base della descrizione
molecolare, il solo sapere scientifico possibile applicato all’individuo è quello che divide il mondo in
innumerevoli particelle che vengono osservate come conseguenze causali che esistono però indipendentemente
l’una dall’altra senza alcun rapporto visibile con un tutto spirituale.
Una visione del mondo esclusivamente causale mira solo ad un adattamento tecnico-commerciale
dell’intera natura. Fino al giorno d’oggi anche per questo, è rara la presenza della Quantistica nella Biologia
Molecolare sebbene questa biologia si basi solo su di essa.
È proprio questa la ragione per cui il carattere olistico del mondo è stato fino ad ora ignorato. Il timore di
una intelligenza superiore creativa viene messo da parte per forza di cose e la presenza di una componente
spirituale in quello che accade viene contrastata. Il modo di pensare così finalizzato viene assegnato, anche
nell’evoluzione, a favore di un modo di pensare puramente causale, conducendoci in un sentiero senza sbocco.
Il fisico Wolfgang Pauli ha già descritto nel 1954 questa deficienza in rapporto alla teoria dell’evoluzione:
«Tale modello di evoluzione è un tentativo che secondo le idee della seconda metà del 19.simo secolo cerca
di aggrapparsi teoricamente alla completa eliminazione di ogni finalità che viene sostituita in qualche modo
con l’introduzione del caso».
È evidente che non possedendo strumenti di misura che lo registrino, non siamo in grado di dimostrare la
legittimità del principio di spiritualità, possiamo però orientare la nostra consapevolezza per allargare la nostra
percezione.
Le scienze spirituali tradizionali hanno fatto uso della filosofia quantistica applicata per potere desumere
conoscenze concrete dall’immateriale. Ma in che modo possiamo cogliere queste possibilità astratte? Una
risposta con valore di attualità e di cui ci occuperemo più intensamente nel capitolo 8, venne data nel 1930 dal
matematico ceco Kurt Gödel:
1. In primo luogo dobbiamo isolare tutte le sensazioni rifugiandoci p. es. in un luogo tranquillo e solitario.
Naturalmente questa azione che non ha nulla di positivo, non è sufficiente. È necessario impegnare
attivamente il nostro spirito.
2. Permettere che la realtà giornaliera condizioni e limiti le possibilità, è un errore grave che porterebbe
esclusivamente alla rappresentazione di combinazioni e permuta di oggetti fisici. Lo spirito è in grado
di percepirne direttamente senza alcun limite.

12
3. Lo scopo che si prefigge tale modo di pensare assieme a tutte le filosofie, è la percezione dell’Assoluto.
Alla domanda se Gödel credesse all’esistenza di un intelletto o di un tutto spirituale dietro le molteplici
manifestazioni e attività di questo mondo, Gödel rispose che l’intelletto esisteva indipendentemente da ciò.
Egli continuò dicendo di associarsi alla concezione di tutte le grandi tradizioni mistiche che affermano che
l’intelletto non è limitato dentro i confini del nostro cervello ma esiste ovunque. (Schmieke 2009)
Nel frattempo ci sono stati molti scienziati di statura che ci hanno fornito argomenti ben documentati che
dimostrano come la saggezza tradizionale coincida perfettamente con la fisica moderna. Ma dove attinsero i
nostri antenati quello che noi oggi cerchiamo di acquisire faticosamente con teorie ed esperimenti?
Molto probabilmente si tratta di conoscenze dall’osservazione e immersione profonda in noi stessi. Al
centro di questo processo introspettivo si pone l’esperienza unitaria che corrisponde alla presa di coscienza di
un “campo primitivo” omogeneo, non polarizzato che definisco “L’oceano di tutte le possibilità”.
Evidentemente è da questo campo primordiale che sono state ricavate e sono da ricavare ancora molte
conoscenze significative per ognuno di noi.
Può questo essere accettato dalla scienza?
Da decenni viene definito esattamente quello che chiamiamo scienza naturale e scienza umanistica. Tra
queste due discipline non c’è stato alcun dialogo. Tuttavia nel mondo intero gli scienziati hanno riconosciuto
nel frattempo l’errore di questa demarcazione. Eventi ed esperienze indicano chiaramente che nei posti chiave
del mondo atomare e subatomare, il cosiddetto microcosmo o micromondo, scorrono insieme da un lato
energia quale conseguenza di una forza fisica e dall’altro informazione quale componente di un campo
spirituale. Da questo flusso comune viene generata l’energia che noi in ultima analisi sperimentiamo, viviamo
come “la vita” per antonomasia.
Una volta Werner Heisenberg (uno dei corifei della quantistica) disse: L’argomentazione che gli organismi
viventi sono spiegabili solo con le leggi della fisica e della chimica e che non esista alcuna forza vitale, diverge
dalla moderna teoria dei Quanti (Ludwig 1994).
L’influenza reciproca delle forze viene descritta attraverso i campi quantistici che sono composti da
particelle quantistiche che a loro volta sono composte da qubit o bit quantici. Essi sono tutti presenti nella
materia che percepiamo, che ha ricevuto la sua forma/struttura/composizione attraverso la pura informazione
quantistica. Tutte le informazioni quantistiche sono contenute quali possibilità nel campo universale
primordiale.
“Informazione quantistica equivale a sostanza di base; essa dimostra che la materia per principio è della
stessa sostanza dei nostri pensieri” (Thomas Görnitz 2007).

1.3 Scienza naturale avulsa dalla realtà?

È sempre più evidente che le scienze naturali che analizzano unicamente l’apparizione della vita, non
riescono a spiegare cosa sono in realtà gli esseri animati. La scienza dà per scontato che le forme assunte dalla
natura si siano a poco a poco sviluppate dalla polvere stellare. Gli Amminoacidi, componenti di base di queste

13
forme, sono stati e saranno sintetizzati in continuo nell’universo. Essi sono dunque presenti anche nei meteoriti.
Può questo principio spiegare la nascita e lo sviluppo delle forme di vita?
La teoria di Darwin sull’apparizione di nuove specie, che in conseguenza della selezione naturale si basa
su mutamenti casuali, è unicamente un’idea speculativa non dimostrata nemmeno lontanamente. La vita, quale
struttura biologica e informazione, può autogenerarsi e continuare a svilupparsi? Cosa vi si oppone?
Prendiamo ad esempio il flagello (organulo monomotore filiforme) quale forma di costruzione molto
diffusa. Esso è un motore rotante, una struttura estremamente complessa, con cui si muove uno dei più piccoli
esseri viventi. Il batterio Escherichia coli, possiede sei di questi motori elettrici ultraminiaturizzati (lunghezza
30 nano oppure 0.00000003 mm) il cui rotore, statore e supporto si trovano tra l’interno e l’esterno della
membrana terminale del batterio.
La membrana interna è il dielettrico negativo interno di un condensatore con 0.2 Volt. Attraverso il motore
scorrono protoni H+ verso l’interno che sollecitano il motore con la loro forza elettromotrice, facendolo
arrivare fino a 100 giri al secondo, sia in senso orario e sia antiorario.
È pensabile che una costruzione talmente intelligente sia dovuta alla pura mutazione casuale del DNA con
parecchie migliaia di nucleotidi? E dove si troverebbe uno stadio iniziale di questo motore che secondo la tesi
dovrebbe essere ottimizzato attraverso la selezione? Un motore rotante che ancora non è in grado di girare non
possiede in questo caso nessun valore selettivo. Questi sei motori sono stati costruiti a che i colibatteri possano
navigare verso la concentrazione più elevata di sostanze alimentari e contemporaneamente allontanarsi
attivamente dalla concentrazione di sostanze a loro nocive.
Il principio del flusso dei protoni H+ attraverso una membrana viene sfruttato nella struttura dei batteri
anche per la costituzione di energia ATP (adenosina trifosfato) nelle cellule. Questi batteri sono immigrati
nelle nostre cellule con le quali vivono in simbiosi. Noi riceviamo da essi energia in quanto essi estraggono,
beccano i migliori elettroni dal nostro alimento e profittano di una vita propria meglio protetta. Con l’aiuto
dell’energia dell’ATP si sviluppa un motore molecolare lineare che lavora in ogni singolo muscolo: una spinta
da parte dell’ingranaggio ATP alla proteina miosina, sposta la membrana di un centomillesimo di millimetro
contro il cavo della proteina Actina. Poiché il motore elabora continuamente ad alta velocità le stesse distanze
una dopo l’altra, la fibra muscolare si accorcia.
Una combinazione appropriata di sequenze di amminoacido per la formazione dei componenti necessari al
motore nata dal caso corrisponderebbe a 10-85 (alla meno 85.sima potenza), il che vuol dire che sarebbe

necessaria la quantità media di cellule di 1085 per ottenere una singola combinazione indispensabile ad una
mutazione. Anche se gli oceani della preistoria fossero composti solo e soltanto di tali batteri necessiteremmo
di un miliardo di anni per ottenerne una quantità di 1045. Il totale della probabilità di questo evento è dunque:

10-85 x 1045 = 10-40.


Un’immagine di paragone per spiegare questo valore: la possibilità di trovare per caso uno spillo di un
millimetro cubo all’interno del pianeta terra ha una probabilità di 10-32, risultato che indica chiaramente
l’impossibilità che l’evento descritto possa riprodursi da solo.
14
Anche altre domande sulla pianificazione restano sospese in aria. Le singole parti devono essere costruite
prima e in modo da combaciare esattamente nelle loro molteplici combinazioni (principio della costruzione
modulare). Dove sono conservati i “manuali di fabbricazione”?
Al giorno d’oggi noi non conosciamo i meccanismi che conducono alla forma/struttura/configurazione
(formazione campione/fenotipo) di un essere vivente. Solo informazioni disponibili possono entrare in
combinazione. Ma da dove provengono?
Per quasi tutte le funzioni del nostro organismo sono necessarie proteine, in special modo enzimi che sono
anche delle proteine. Nel frattempo un numero considerevole di gruppi di lavoro scientifico (Università di
Princeton, Manchester, Adelaide) hanno scoperto che anche fenomeni psichici quali: paura, gioia, amore ecc.
influenzano sia la materia interna al nostro organismo e sia quella all’esterno di esso. La Psiche è
evidentemente capace di provocare la formazione di enzimi che distribuiscono ormoni e neurotrasmettitori.
Gli enzimi sono biopolimeri, quindi costruzioni molecolari gigantesche. Ogni singolo componente, ogni
amminoacido deve essere trattenuto da esatti ponti di forze in un posto preciso. Se la nostra Psiche modifica
l’attività di un singolo enzima, modifica contemporaneamente anche la costellazione di base all’interno
dell’enzima. Essa modifica quindi non soltanto il singolo enzima, che sarebbe inutile, bensì milioni di enzimi
contemporaneamente.
Questa modifica della struttura degli enzimi è basata sull’informazione, e la nostra consapevolezza è una
di queste informazioni in grado d’influenzare la materia in noi e fuori di noi. L’informazione sorge quando le
diamo significato e valore. Volontà ed emozione o sensazione presuppongono che abbiamo interpretato una
situazione e le abbiamo assegnato valore e significato.
Oggi siamo in grado di manipolare il DNA e fargli produrre le proteine che vogliamo, ma ignoriamo quale
“animazione” viene assegnata alle stesse. Se osserviamo i complessi meccanismi dello sviluppo e della crescita
con la loro puntuale organizzazione che li vede realizzare in momenti precisi, è da escludere che questo sia
dovuto al caso (Zöller-Greer 2007).
Roger Penrose, fisico britannico di fama mondiale, calcola che i valori delle costanti (matematiche) naturali
originarie da incalcolabili possibilità sono stati posti esattamente a (1010)123 (Penrose 1997).
Se i valori delle costanti deviassero dello 0,000000000001 per cento, la vita biologica così come noi la
percepiamo non avrebbe potuto avere luogo. Tuttavia anche con le costanti naturali così come sono, non si è
ancora sviluppata nessuna vita. E ammesso che per puro concorso di diversi fattori casuali si sia sviluppata
una forma di vita primitiva, consapevolezza e intelligenza non sono ancora affatto disponibili.
Se la vita non può essere semplicemente ridotta alla componente fisica e chimica della materia, tutti gli
sforzi di ridurre il suo sviluppo esclusivamente a un’ovvia legge di natura sono impostati erroneamente in
anticipo. E ammesso che tale sviluppo sia avvenuto, la domanda: “da dove traggono origine le leggi naturali?”,
continuerebbe a restare inevasa.

15
1.4 Scienziati alla ricerca del senso della vita

Nel 19.simo secolo era possibile incontrare nelle Università scienziati che non solo si confrontavano con
l’indagine su singoli fenomeni, ma si ponevano anche domande sul senso della vita, domande quindi di
carattere spirituale e religioso. Hans-Peter Waldrich, nel suo libro “Grenzgänger der Wissenschaft” (a parola:
Frontalieri della ricerca) ci descrive alcuni di questi scienziati universali che riunirono tutte le conoscenze
acquisite nelle più diverse competenze, sotto un’unica visione d’insieme. I brevi ritratti che seguono sono
degli estratti del suo trattato. Tutti questi ricercatori sono diventati famosi per la chiarezza del loro pensiero e
alcune norme presero il loro nome per cui la domanda sulla loro credibilità non si pone nemmeno
lontanamente.

Gustav Thedor Fechner (1801-1887)


Fisico, medico, psicologo e filosofo, fondatore della psicologia sperimentale tedesca, precursore della
neurologia. Rappresentante di una visione spirituale ancora attuale nell’epoca materialistica contemporanea.
Titolare a 33 anni della cattedra di Fisica all’università di Lipsia, argomentò in modo plausibile contro la
concezione dello spirito quale prodotto del cervello. Era l’epoca in cui Karl Vogt aveva promulgato il principio
che i pensieri stavano al cervello come la bile al fegato o l’urina ai reni.
Anche Fechner all’inizio era dell’opinione che l’organismo si ammala per un difetto meccanico dei suoi
ingranaggi e guarisce quando gl’ingranaggi vengono riparati.
Gli aprì gli occhi l’incontro con Lorenz Oken (1779-1851), medico zoologo e filosofo docente a Zurigo.
Oken era dell’opinione che la natura fosse un prodotto dello spirito divino, e constatò che la scienza non era
in grado di riconoscere le vere relazioni nella natura, e che all’origine i nostri antenati erano molto più vicini
alla verità.
Spirito e consapevolezza non sono obiettivamente misurabili ma condizionano ogni istante della nostra vita.
Fechner si chiese: “Dove si perdono in natura le linee di demarcazione che indicano dove termina la
consapevolezza e inizia la materia pura”?
La consapevolezza non può per così dire sorgere dal nulla improvvisamente, da cui l’argomento: se tutti gli
organismi hanno un’origine comune, anche la consapevolezza deve essere presente nei germi primitivi della
vita.
Hermann von Helmholtz, fisiologo e fisico di fama mondiale (vedi equazione di Helmholtz, risonatore,
induttore ecc. di…) insieme al medico e fisico Robert Meyer presentarono in quell’epoca la legge della
conservazione dell’energia: “L’energia non si può né distruggere, né tantomeno creare” (vedi anche Lavoisier).
Il risultato costrittivo è che tutte le forze naturali si basano su un unico presupposto in un contesto universale.
Fechner si chiese ora come mai sotto l’aspetto fisico si dà per scontata la concatenazione di tutte le cose e
dall’altro lato viene del tutto negato lo spirito quale fattore di coesione. Proclamare che spirito e
consapevolezza siano stati partoriti in un certo qual modo dal nulla nel cervello degl’individui, sarebbe
tutt’altro che scientifico.

16
Egli scrisse: “La vita è generata dalla vita. l’animato solo dall’animato, lo spirito è creato solo dallo spirito.
La legge di conservazione dell’energia vale anche per lo spirito”.
La natura è una costruzione cosmica universale e le pietre di costruzione costituiscono una unità spirituale-
materiale. Tutta la natura deve essere considerata quale dominio/ricchezza graduale dello spirito. L’uomo è
posto sotto la cupola della consapevolezza universale che contiene e memorizza la coscienza del totale
degl’individui. Il salto più significativo della consapevolezza, che unisce i singoli al tutto, e che comporta un
salto dal mondo frammentato dell’individuo a quello universale, Fechner lo individuò nel processo che
dall’agonia porta alla morte.
Fechner era dell’idea che l’individuo, unità di spirito e materia, non avrebbe potuto cadere facilmente fuori
da questa unità. L’individuo, secondo Fechner abbandona lo sgabuzzino per accedere in un ambiente molto
più vasto. Con la morte la sua coscienza si è estesa in una nuova dimensione.
Fechner dice ancora: “L’aldilà non si trova in qualche parte in cielo, bensì è situato su un piano evolutivo
superiore del mondo terreno” (pag. 229). E ancora: “Come la vita del bruco e della crisalide non sparisce
quando viene fuori la farfalla, ma tramite la farfalla raggiunge una forma superiore più libera” (pag. 196), così
la distruzione del corpo con la morte apre l’accesso ad un piano di sviluppo superiore. Anche il cervello si
dissolve con la morte, ma da ciò, secondo Fechner, viene fuori come da un seme una nuova vita nell’aldilà.
Fechner parte dal principio che l’IO cosciente costruisce su una struttura psichica complessa, di cui il
cervello rappresenta solo una parte. La coscienza però non è limitata solo agli individui, esistono dunque altre
strutture materiali diverse dal cervello quale requisito per una coscienza, così come uno stesso identico tono
può essere prodotto da strumenti o sorgenti totalmente diversi.
Fechner era un precursore quando domandò e spiegò come si formano i ricordi, fenomeno questo che ancora
oggi impegna intensamente la scienza. Dove viene memorizzata l’informazione? Quale meccanismo provvede
che solo il mio IO è in grado di estrarre ricordi dalla mia memoria cerebrale? L’IO, dice Fechner, può cancellare
o evocare eventi a piacere, a secondo se la mia coscienza si apre o chiude di fronte all’evento. John C. Eccles
(premio Nobel australiano 1963 per la medicina e la fisica) si è confrontato più tardi con la stessa domanda ed
è arrivato alla conclusione che lo spirito usa il cervello come fosse un computer.
Secondo Fechner questo meccanismo è analogo alla transizione dalla vita terrena all’aldilà. Per Fechner il
cosmo è un insieme spirito-materia estremamente intelligente. Dal punto di vista di questo sistema intelligente
superiore, noi dopo la morte continuiamo a vivere quale ricordo di una coscienza superiore. Il cosmo che in
ultima analisi ha generato tutto, è da considerare come la coscienza, il cervello universale. Lo spirito usa questo
cervello, che fino al presente ha contenuto ogni vita, per continuare a farla esistere nel ricordo. Il morto
conserva il proprio IO, la propria individualità, ma senza una forma corporea materiale.
La morte secondo Fechner (pag. 168) è la trasformazione in luce dell’intero edificio dello spirito. Poiché il
cosmo è vivo, egli tende a stabilizzarsi e presenta con le molteplici vite sempre nuovi e più complessi fenomeni
di ordine superiore in un continuo processo di sviluppo. Per Fechner l’evoluzione è un sentiero di
trasformazione che vede il disordine mutarsi in ordine, l’instabile in stabile, il semplice in complesso.

17
Fechner morì il 18 novembre 1887 all’età di 87 anni. Nei suoi ultimi manoscritti si trovano frasi come:
Muoio con la convinzione che religione e scienza naturale si rappacificano, che il pessimismo verrà contrastato
e che al materialismo saranno sottratte le armi.

Karl Friedrich Zöllner (1834-1882)


Docente di astrofisica all’università di Lipsia. Famosa e geniale la sua “Fotometria generale del cielo”.
Costruttore di apparecchiature applicate all’astronomia come il fotometro e il calorimetro astronomico,
appartiene a quei fondatori della Metafisica scientifica che venne contrassegnata da Max Dessoir nel 1898
come Parapsicologia.
Zöllner, con le sue esperienze nel campo del paranormale non poteva e non può ancora oggi trovare posto
dentro il paradigma secondo cui si suppone che la verità scientifica è raggiungibile solo quando l’individuo si
pone quale osservatore obiettivo e misurabile della natura. Secondo la Fisica meccanica il cosmo e il mondo
sono un sorta di macchinari. Chi non segue o non accetta questa convinzione è da considerare insano di mente,
ciarlatano o dilettante da mettere da parte.
L’inglese Sir William Crookes corifeo e scettico molto discusso dell’epoca, diede a capire che avrebbe
allontanato in due settimane ogni velo sullo spiritismo rinascente. Beh da quel momento la parapsicologia ha
occupato tutto il resto della sua vita. Egli osservò fenomeni paranormali e “forze psichiche” che non erano
affatto compatibili con la scienza comune e pubblicò i suoi risultati con la richiesta che i fatti devono essere
accettati anche quando non trovano posto nel quadro preconfezionato del mondo. Zöllner andò a trovare
Crookes e fu testimone del fenomeno Katie King. Katie King era uno spirito che oscillava tra l’aldilà e il
mondo terreno e che nel mondo terreno era visibile e materializzato. Il fine di Zöllner era di comprendere,
cogliere l’aldilà come realtà superiore.
Nel 1877 e 1878 Zöllner organizzò a Lipsia oltre 40 sedute spiritistiche in maggioranza nel proprio
appartamento e tra gli altri anche con la partecipazione del medium Henry Slade. A queste sedute presero parte
personalità di spicco quali: Alfred Russel Wallace, zoologo e collaboratore di Darwin, il fisico docente
Wilhelm Weber stretto collaboratore di Karl Friedrich Gauss, il docente di matematica Schiebner. Furono
osservati fenomeni inspiegabili attribuiti alle anime di trapassati. Un’impostura, a detta di questi docenti
esperienti e prevenuti, era esclusa in assoluto. Una fisarmonica suonava per esempio nelle mani di Scheibner
che toccava lo strumento soltanto su un bordo, oggetti fluttuavano a mezz’aria senza che alcuno li toccasse,
veniva spruzzata acqua dall’alto, su una lavagna di ardesia ricoperta apparivano dei messaggi e tutti potevano
sentire e vedere come si formavano senza che qualcuno si adoperasse a farlo. Inoltre sulla lavagna che era stata
ricoperta di ruggine apparvero impronte di piedi.
Zöllner catalogò questi fenomeni designandoli come Fisica Trascendentale, e poiché non era possibile dare
alcuna spiegazione scientifica egli fu ritenuto pazzo, forsennato, accecato e i suoi esperimenti qualificati
stupidi, da caffè concerto e da baraccone. Nel 1880 il Senato accademico dell’Università di Lipsia presentò
ricorso presso il ministro della cultura che sollevò Zöllner dal professorato. Prima che il provvedimento
divenisse effettivo, Zöllner moriva all’età di soli 48 anni.

18
Hans Driesch (1867-1941)
Driesch era zoologo e filosofo e aveva studiato presso Ernst Haeckel libero pensatore, zoologo e filosofo
dell’Università di Jena.
Divenne portavoce del Vitalismo quando dalla domanda: “cos’è la vita?” riconobbe che l’organismo non
può assolutamente funzionare come una macchina. Nel 1926 ebbe la presidenza della Society of Psychical
Research fondata nel 1882 e che fra l’altro indagava su fenomeni di chiaroveggenza, telepatia e telecinesi.
Driesch partiva dal presupposto dell’esistenza di un fattore trascendentale responsabile per la costituzione
degli organismi, che da Aristotele chiamò Entelechia e in collaborazione con Thomas Mann lo ritenne
all’origine dei fenomeni di telepatia. La sua premessa era che il presunto paranormale fosse un fenomeno
quotidiano senza il quale la vita rimane impossibile. Driesch scrisse ben 289 tra libri e saggi su questa tematica
senza che essa fosse in qualche modo ripresa da nessun testo di studio.
Le sue domande di base erano:
Da dove provengono i piani di costruzione, l’energia e l’informazione che pilotano l’organismo?
Quale forza permette performance telecinetiche e telepatiche?
Quando l’embrione diventa individuo e questo individuo si organizza da sé, deve esserci un’intelligenza
centrale che gestisce tutte le attività e determina il momento in cui ogni cellula, a diverse velocità, si divide o
si diversifica, quando da una cellula staminale si sviluppa una cellula muscolare o neurocita, o diventa cellula
sanguigna.
Hans Peter Waldrich nel suo libro richiama l’attenzione sul fatto che per ogni singola cellula è ovvio il
momento quando il suo processo di crescita deve fermarsi perché ha raggiunto la sua forma definitiva. Tra
l’altro sembra che tutte le cellule siano in continuo contatto tra di loro, cosa impressionante se si considera
l’incredibile capacità di trasferimento dell’informazione per un numero di cellule di 1012 con specializzazioni
del tutto diverse.
Anch’io ho fatto notare più volte negli altri miei libri che gli atomi del nostro organismo, ad eccezione di
quelli del cuore, di quelli di alcuni nervi e del DNA, ogni sei anni circa permutano. Eppure continuiamo a
conoscere la persona di un tempo sebbene dopo questo periodo nessuna delle sue molecole occupi il posto di
prima. Noi crediamo sapere che tutto venga pilotato dal DNA, pertanto sorge la domanda come una molecola
può memorizzare e immagazzinare una tale quantità di informazioni così complesse e metterle nuovamente a
disposizione.
Anche se abbiamo decodificato materialmente il DNA non abbiamo alcuna conoscenza del piano e dell’idea
della costruzione dello stesso perché tale piano non è materiale bensì intellettuale, spirituale e l’acido
desossiribonucleico non può pensare.
Driesch contrassegnò questo principio spirituale o intellettuale insito in noi, col nome di Entelechia.
L’Entelechia non è una forza, non possiede quindi energia in senso fisico, bensì informazione con coscienza e
significato. Waldrich interpreta Driesch dicendo che abbia postulato un campo di energia spirituale-mentale
parallelo all’universo materiale, che in modo ancora non chiaro è annodato con questo universo. In assenza di

19
questa comunicazione da campo a campo, sia la fisica e sia la biologia non hanno alcun senso e una scienza
che non fa propri questi fenomeni, rimane incompleta. Gli schemi di costruzione degli organismi sono
memorizzati nel campo dell’energia spirituale-mentale. Da qui trae origine l’informazione sulla direzione e
l’azione nel mondo materiale. L’aldilà è la vera realtà del mondo terreno.
Hans Driesch morì il 16 aprile del 1941.

Ludwig Wittgenstein (1889 1951)


Wittgenstein filosofo con contributi di valore nella logica, il linguaggio e la consapevolezza, durante la sua
vita fuggì il mondo accademico con le sue convenzioni e costrizioni. Abbandonò dopo poco tempo la cattedra
di Filosofia dell’Università di Cambridge ritenendo “l’assurda posizione di un docente di filosofia quasi una
sorta di sepoltura vivente”. Appena diciassettenne si era recato in America, studiò dopo ingegneria meccanica
per alcuni anni a Berlino iniziò poi lo studio d’ingegneria all’Università di Manchester, si rivolse dopo alla
matematica e voleva diventare pilota di aerei. Passò molti mesi in clausura assoluta in una casamatta in
Norvegia e si decise infine per lo studio presso il filosofo Bertrand Russell nel famoso Trinity College di
Cambridge.
Tutti i moderni trattati di filosofia fanno oggi riferimento al genio Wittgenstein. Nel suo diario scrisse frasi
come: “Lo stimolo che ci spinge al mistico nasce dall’insoddisfazione causata dalla scienza. Noi percepiamo
che anche quando tutte le domande possibili abbiano avuto una risposta scientifica, il nostro vero problema
non è stato nemmeno sfiorato”. E più avanti: “la soluzione del mistero della vita nello spazio e nel tempo si
trova fuori dallo spazio e dal tempo”.

20
2. Aspettativa e fede

Domanda: Cos’è la fede?


Budda rispose: «Lasciate fluire libere la vostra fede, la vostra fiducia e apritevi alla verità».

Nella tradizione buddista la fiducia nella fede (saddha) viene applicata conseguentemente per reimpostare
i legami con il nostro intimo e così richiamare a nuova vita verità sperimentabili. La volontà è una delle parti
che compongono la fede, l’altra parte ingloba emozioni e in particolare sensazioni di fiducia come anche di
certezza e di aspettativa. La speranza è piuttosto una componente negativa della fede. Se io spero che avvenga
qualcosa anche il mio corpo inevitabilmente lo spera, ma la realtà rimane identica. Invece la fede profonda,
solida e incontestabile in qualcosa, è coscienza insita nel proprio corpo dove tutte le funzioni dell’organismo
sono indirizzate verso quel qualcosa.
Esempio: Se io al mattino esco dal letto, l’azione mi riesce perché io sono convinto che lo posso fare.
Proviamo il contrario: Se io sono irreversibilmente convinto che non posso alzarmi, non mi alzerò.
La potenza della fede è quindi un’esperienza quotidiana, ma, e questo è molto importante, “È l’esperienza
il regolatore della fede!”, e l’esperienza si basa sulla consapevolezza. Generalmente vengono distinti diversi
generi di consapevolezza: della veglia, del sonno, del coma e dello stato condizionato dalle droghe. Ma
attenzione, a cambiare non è la consapevolezza che rimane sempre identica. Quello che cambia è soprattutto
la percezione, quel frammento di mondo che può essere percepito, ed è questa percezione modificata di cui
noi siamo consapevoli.
Osserviamo il ragionamento in dettaglio: quello a cui noi crediamo da svegli, viene bilanciato
dall’esperienza che per via dell’interazione tra energia ambientale e organismo materiale abbiamo
collezionato.
Esempio: Se io credo di essere un uccello e così potere volare, questo è incompatibile con lo stato di veglia
consapevole e quindi lo escludo. Ma se la mia percezione è deformata dall’azione dell’LSD o di altre droghe,
la compatibilità con l’esperienza dello stato di veglia può essere annullata. È proprio per un effetto di
neutralizzazione che gli sciamani sono spesso in pericolo di vita abbisognando di esperienze che vanno ben
oltre quello che lo stato di veglia consapevole concede.
Ogni pensiero profondo è collegato automaticamente e strettamente alla sensazione di accertamento
valutativo, senza dovere intervenire con uno stato di consapevolezza per pilotarlo. I pensieri profondi guidano
le funzioni del nostro organismo. Ognuno di noi può verificare su se stesso il potere di una forte visione reale.
Prova a rappresentarti intensamente che stai mordendo in un limone. Hai notato che la ghiandola salivare fa
scorrere la saliva per diluire l’acidità del limone?
Nel laboratorio del praticantato universitario si misurava la dimensione delle pupille con un apparecchio a
infrarossi. I praticanti vennero esortati a rappresentarsi una luce bianca, penetrante, in grado di accecare.
L’effetto istantaneo misurato fu una contrazione delle pupille, sebbene la luminosità ambientale fosse rimasta
invariata.
21
Un esperimento del gruppo di ricerca di Christopher Davoli e Richard Abrams dell’università di
Washington, apparso nell’aprile 2009 nella rivista Psychological Science, confermò la seguente ipotesi:
Rappresentarsi qualcosa e credervi intensamente basta affinché quello che si è rappresentato divenga realtà.
La rappresentazione concreta dell’adempimento di un compito ha per effetto che esso venga assolto a fondo
con successo. Chi non conosce il detto biblico: “la fede può muovere le montagne?”, dove fede sta per
immaginazione, visione mentale.
Che la realizzazione possa andare nella direzione sbagliata, è stato scoperto dagli scienziati della North
Carolina State University. A degli anziani oltre i 60 anni venne fatto fare un test di memoria. Risultato: quelli
che in qualche modo erano stati informati che le persone anziane normalmente ottengono risultati scadenti,
fornirono effettivamente risultati scadenti. Questo effetto è stato constatato già più volte. Si parla in tal caso di
profezia che si autorealizza.
La fede si compone della volontà di osservare esattamente una situazione specifica e della sensazione di
valutazione che viene data a tale situazione. È il corrispondente del “dare valore e significato”. Se le situazioni
vengono osservate positivamente si parla di Placebo, se negativamente si parla di Nocebo, l’effetto opposto.
L’effetto Nocebo sorge dal colore negativo dato a immaginazioni e ad aspettative ed è in grado di causare
disturbo funzionale, malattia e qualche volta anche la morte.
È risaputo che la convinzione che l’ambiente ci possa causare delle malattie, convinzione che è un fattore
puramente psichico, può in realtà inficiare le funzioni del nostro organismo anche quando non agisce su di noi
alcun fattore ambientale nocivo.
Tra i cinesi è diffusa la credenza che il destino degl’individui viene stabilito dal suo anno di nascita. Quando
spunta un malanno con le caratteristiche specifiche di quelli elencati nell’anno di nascita, esso viene sentito
come destino. Proprio tale correlazione fu analizzata scientificamente in America sugli immigrati cinesi e i
loro discendenti (Phillips e Wagner 1993). Paragonato con un gruppo di controllo non composto da cinesi, i
discendenti dei cinesi America legati alla tradizione morirono da 1,6 fino a 5 anni prima, affetti da tumori
polmonari o bronchiali, neuroplasie maligne, infarti cardiaci, enfisema o asma, quando uno di questi malanni
era associato al loro anno di nascita. E il decorso letale della malattia era tanto più breve quanto più forte era
l’identificazione con la tradizione.
Un altro caso venne descritto nel 2007 nella rivista specialistica General Hospital Psychiatry: Il 26enne
D.A. con lo scopo di suicidarsi, perché abbandonato dalla sua ragazza, ingoiò 29 pastiglie di antidepressivo.
L’abbassamento repentino della pressione sanguigna, dovuto alla dose eccessiva, che non fu possibile
stabilizzare nemmeno in clinica, spaventò mortalmente D.A..
D.A. aveva ricevuto le pastiglie partecipando a un doppio studio cieco, per verificare l’effetto placebo
dell’antidepressivo. Quello che D. A, non sapeva, era che lui apparteneva al gruppo placebo e che le sue
pastiglie non contenevano alcun principio attivo.
McMahon in Psychological Medecine (1976), dimostrò che l’aspettativa di un evento temuto, spesso aveva
conseguenze per la persona in causa ben più gravi dell’evento. La paura della morte uccide con la stessa

22
precisione della ferita mortale inflitta con un’arma. La rappresentazione viva e forte di malattia, febbre, paralisi
o soffocamento è sufficiente a richiamarne i rispettivi sintomi.
Già all’inizio del 1980 apparve una vasta bibliografia con oltre 1300 articoli scientifici sul potere dello
spirito sul sistema immunitario e neuroendocrino (Lock 1983).
Da questo momento fu chiaro che il sistema immunitario di una persona era in diretta relazione con le sue
emozioni. Immaginare di essere gravemente malato ha un effetto misurabile sulla frequenza cardiaca, sulla
tensione muscolare, e sulla resistenza elettrica cutanea. Le rappresentazioni controllano e gestiscono i campi
del sistema immunitario (Lichstein e Lipshitz 1982, Shaw 1940). La sensazione di sentirsi abbandonato può
condurre alla morte a secondo delle circostanze (Schneider e altri 1983). Questo effetto si lascia definire con
“lo smarrirsi d’animo”, sentirsi finito. Si cade prima in uno stato di profonda depressione, poi nell’apatia e
nella perdita di ogni stimolo o motivazione (Seligmann 1975).
Cardiologi di fama, dalle esperienze fatte evidenziano il potere della parola che a secondo del suo valore e
significato può annientare o guarire il paziente (Girstenbrey 1986).
Oggi è risaputo che la rappresentazione figurativa e intensa di un evento vissuto, va mano nella mano con
spiccati fenomeni fisiologici collaterali quasi fosse qualcosa di realmente presente. Basta il pensiero intenso
di partecipare ad una gara per attivare lo stimolo del tasso di adrenalina e noradrenalina, del metabolismo, del
tasso di potassio, della tensione muscolare, del battito cardiaco, della grandezza delle pupille, della
conducibilità cutanea e via dicendo. Quanto detto era già noto nel 1929 quando Jacobsen trovò e dimostrò che
già la visione mentale dell’oscillazione della mazza da golf, libera un potenziale attivo nei muscoli
corrispondenti. Le prove eseguite sistematicamente riconfermarono senza ombra di dubbio tale fenomeno
(Shaw 1940).
Così come resta impossibile vivere la sessualità senza fantasia e senza rappresentarsela, lo stesso possiamo
dire delle paure. Capovolgendo i termini, quando arriviamo a rappresentarci fenomeni che incutono paura, il
nostro corpo è invaso da una sensazione di brivido (Lichstein & Lipshitz 1982).
“Le immagini che ci rappresentiamo vengono trasferite nel loro corrispondente naturale, tali che la morte
temuta e prospettata da un medico di fiducia sulla base di una diagnosi è la stessa di quella di un haitiano
perseguitato dalla stregoneria (Achterberg 1987).”

Jeanne Achterberg, medico e psicologa, ci riferisce di una signora morta poche ore dopo che l’analisi di un
tessuto del seno confermava il sospetto di un tumore: “morte a causa di una visione animata”. Questa donna
aveva davanti agli occhi la propria madre che lei aveva assistito per anni e spentasi lentamente tra sofferenze
atroci proprio per un tumore al seno. Poteva così dipingersi un quadro vivo di quello che l’attendeva. A seguito
di ciò il suo organismo cessò di funzionare.
Viene anche riferito di casi totalmente opposti: perfino in presenza di situazioni disperate il bubbone
cancerogeno sparisce e i pazienti ritornano ad essere sani. Essi hanno interpretato e fatto proprie, determinate
asserzioni del medico, tanto che l’organismo ha allontanato tutto quello che gli nuoce eliminando ogni ostacolo
presente sulla via della guarigione.

23
Un gruppo di scienziati e di medici americani (Ira Collerain, Par Craig, Jeanne Achterberg e altri) eseguì
una ricerca sulle cause di morte di handicappati cerebrali. I risultati ottenuti combaciavano con quelli ottenuti
in Inghilterra, Grecia, Romania. Individui che non sono in grado di capire cosa vuol dire la diagnosi di cancro,
presentano un tasso di decessi di gran lunga inferiore. Se tra la popolazione “normale” il tasso di mortalità è
del 14 al 18 per cento in presenza di queste diagnosi, quella dei gruppi degli handicappati si situa tra il 4 e il 7
per cento. Poiché l’attività del sistema immunitario dipende significativamente dalle capacità cognitive, il detto
popolare: “quello che non so non mi tocca” si riveste di plausibilità.
Al giorno d’oggi si conoscono molte correlazioni tra la psiche e la scomparsa di cellule cancerogene. Ben
noto è il caso del signor Wright ammalato terminale di cancro, che in un ospedale americano pretese che
gl’inoculassero crebiozene, un nuovo farmaco ritenuto miracoloso. Migliorò dopo pochi giorni sebbene lo
stato di quei pazienti che non vi collegavano nessun effetto terapeutico non mostrava miglioramenti. Il tumore
del signor Wright invece poco dopo l’inoculazione si ridusse della metà (come neve in una stufa furono i
commenti ufficiali). Una regressione talmente veloce e a fondo era impensabile anche dopo un trattamento
intensivo.
Il signor Wright lasciò la clinica praticamente guarito e se ne tornò a casa con l’aereo che lui stesso pilotava.
Più avanti, da una trasmissione televisiva apprese che il crebiozene era un medicinale altamente contestato. La
sua fede fu scossa e due mesi dopo, privo di speranza, ricadde nello stato precedente. Poiché i medici erano
convinti che ormai non c’era nulla da perdere, almeno a parole gli inocularono una doppia dose di crebiozene.
In realtà si trattava di pura acqua distillata. E guarda caso, il signor Wrigt si riprese nuovamente. La seconda
guarigione era stata molto più drammatica della prima e il paziente veniva dimesso completamente guarito.
Senonché due mesi dopo, l’American Medical Association comunicava che le prove eseguite in tutto il paese,
dimostravano che la terapia con il crebiozene era del tutto inefficace ed inutile. Pochi giorni dopo il signor
Wright moriva (Achtergerb 1987). Questo esempio dimostra chiaramente come l’effetto Placebo-Nocebo,
allora ritenuto soltanto opinione di esperti, può neutralizzarsi scambievolmente con risultati drammatici, come
in questo ultimo caso dove l’aspetto Nocebo ebbe la meglio.
I risultati della famosa ricerca Framington svelano che quelle donne che si autoconsideravano a rischio,
soffrirono di un infarto cardiaco quasi quattro volte più sovente, indipendentemente dai comuni fattori di
rischio. Il solo pensiero della predisposizione a infarto rappresenta quindi un fattore di rischio accentuato
(Voelker 1996). A questo proposito esistono molti esempi, dei quali ne riportiamo uno a titolo rappresentativo.
A diversi asmatici venne detto che nell’aria che respiravano erano state aggiunte determinate sostanze
allergiche. In realtà si trattava della migliore aria di salina senz’alcuna sostanza nociva. Quasi uno su due
asmatici accusò problemi tipici respiratori e 14 persone dovettero essere ricoverate in clinica. Gli attacchi si
ridussero immediatamente dopo che la somministrazione della stessa aria venne dichiarata adatta alla terapia.
Con l’aiuto d’iniezioni del tutto neutrali sulla base di sale di cucina, furono anche provocate allergie con
intensità a piacere, a secondo della suggestione più o meno forte esercitata dal responsabile della ricerca sulle
persone coinvolte e sulle loro aspettative. Soggetti disegnati psicogeni, subirono perfino attacchi simili

24
all’epilessia dopo che gli venne incollato sulla pelle un cerotto intriso nominalmente con medicinali. Ben il 77
per cento degl’individui in esame, con nessuna sostanza attiva nel cerotto subirono un attacco.
Sotto questo punto di vista, gli effetti collaterali riferiti al farmaco, rappresentano un vero problema.
Esantemi e disturbi. vegetativi accentuati si manifestarono pur sempre nel 20 per cento dei soggetti di una
ricerca che dovettero “immaginare” di avere preso un farmaco (il tranquillizzante Menefesina) che causa questi
effetti collaterali. Anche in questo caso era manifesto l’effetto Nocebo. Ovviamente ciò non vuol dire che non
esistano effetti collaterali causati dai farmaci, ma sorge il sospetto che alcuni pazienti che vengono a
conoscenza di tali effetti, sviluppano una sensibilità accresciuta. Perfino nelle applicazioni di Chemioterapia
il 30 per cento dei soggetti della ricerca furono vittime dell’effetto Nocebo. Gli caddero i capelli anche in
assenza di sostanze attive, credendo solo avere ricevuto un trattamento chemioterapico.
Anche la perdita del partner accresce il sentimento di abbandono e quindi la mortalità. Esso è causa di un
aumento delle malattie cardiocircolatorie, aumento tanto importante quanto il verificarsi dei tumori.
L’indebolimento del sistema immunitario raggiunge la sua massima evidenza dopo due a otto settimane dalla
perdita.
Che ogni stato di stress causa cambiamenti dell’apoptosi, o morte cellulare programmata, è ormai un dato
di fatto. O l’apoptosi viene ridotta e allora i ripristini difettosi del DNA si trasformano in cellule di sviluppo
tumorali, oppure la morte cellulare supera la normalità. I meccanismi sono: un tono del simpatico accentuato,
aumento delle catecolamine (p.e. adrenalina e noradrenalina), livello più elevato di glucocorticoidi, aumento
della trasmissione in relazione a neurotrasmettitori. Meccanismi secondari sono la riduzione del sonno REM
con conseguenze negative su molteplici funzioni. Anche la psiche si trova sotto pressione intensa.
Non è nemmeno necessario lasciarsi coinvolgere da particolari momenti di stress. Ogni argomentazione,
ogni vampata emotiva si riflette sulle funzioni del nostro organismo. Gli effetti sono misurabili attraverso il
riflesso psicogalvanico cutaneo che si basa sull’abbassamento della resistenza delle membrane sudorifere
(spesso confuso con la misura dei punti dell’agopuntura).
I medici che, impegnati nelle cure, non tengono conto né della psiche né dello spirito, praticano una
medicina non equilibrata. Anche “l’onnipotenza” di chi detta responsi e diagnosi necessita un adattamento per
evitare di stravolgere quelle informazioni efficienti e utili alla guarigione, aprendo le porte alla malattia e in
casi limiti alla morte già solo con il responso dato con la diagnosi.
La manifestazione dell’effetto placebo o nocebo sull’organismo è ampiamente documentata. La giusta
rivendicazione della scienza medica suona pertanto come segue: Effetti placebo devono essere ottimizzati per
aiutare la guarigione.
Che su questo piano, in presenza di pazienti fiduciosi agisca più che il solo effetto placebo, lo dimostra
l’esempio seguente.
Herbert Benson, docente di medicina all’Università Harward ha dimostrazioni di guarigione avvenute
soltanto attraverso la fede. Egli le definisce autoguarigioni, ponendole nell’ambito di una medicina moderna.
Secondo natura, la guarigione è sempre un’autoguarigione. La medicina può solo indurre e amplificare questo
principio.

25
Negli USA il Therapeutic Touch, una forma standardizzata dell’imposizione delle mani, la cui efficienza è
stata dimostrata in diversi studi clinici in doppio cieco, è un metodo riconosciuto che infermieri e infermiere
possono applicare.
L’esperimento iniziale coinvolgeva 44 giovani in buona salute ai quali venne inferta una piccola ferita con
un bisturi. Le ferite erano tutte apportate sullo stesso punto e avevano tutte la stessa grandezza e profondità.
Sia ai soggetti che al medico che li trattava, venne detto che si voleva esaminare la bioelettricità durante il
processo di risanamento della ferita. I giovani dovevano recarsi quotidianamente presso l’istituto dove gli
sostituivano la fasciatura. Per questa operazione dovevano infilare il braccio in un vano invisibile attraverso
una parete preparata a tale scopo.
In quel vano avveniva quanto segue: i 44 individui erano stati divisi in due gruppi selezionati con metodo
a caso. A un gruppo le infermiere applicavano l’imposizione ravvicinata delle mani senza contatto fisico,
all’altro gruppo no. L’esperimento durò 16 giorni, ogni giorno le ferite venivano misurate e protocollate e i
dati analizzati.
Il risultato non poteva essere più chiaro. La ferita degli appartenenti al gruppo non trattato con l’imposizione
delle mani, dopo otto giorni era in media 19,3 millimetri quadri, quella dell’altro gruppo era di 3.9 millimetri
quadri. Al 16.esimo giorno quella dei non trattati era circa 5.9 millimetri quadri e quella degli altri di appena
0,4 e completamente guarita su 13 persone di questo gruppo, mentre non c’era stata alcuna guarigione tra gli
appartenenti all’altro gruppo.
A questo punto dobbiamo renderci all’evidenza che c’è qualcosa che va oltre l’effetto placebo. A dare più
credibilità a questo risultato contribuì lo studio che Ted Kaptchuk dell’Harvard Medical School eseguì su 80
pazienti: finti farmaci alleviano i disturbi da sindrome gastro intestinale anche quando le persone in trattamento
sanno che il farmaco non ha alcun effetto. L’etichetta con la scritta “Placebo” a grossi caratteri, stava addirittura
incollata sulle bottiglie che contenevano la soluzione utilizzata per il trattamento. I disturbi gastro intestinali
diminuirono significativamente sul 59 per cento dei partecipanti consapevoli del trattamento placebo e di solo
il 35 per cento nel gruppo di controllo. L’effetto placebo era addirittura paragonabile a quello del farmaco per
il sindrome gastro intestinale. Sul perché e sul come l’effetto placebo possa funzionare anche senza manovre
di diversione, possiamo solo speculare. I responsabili della ricerca conclusero che già il semplice rituale
medico sia stato in grado di provocare un miglioramento evidente.
Ci si può chiedere: effetto placebo e guarigione indotta, sono pianificabili? L’ottimizzazione dell’effetto
placebo a fini terapeutici sembra in ogni caso possibile. Tuttavia affinché la medicina accetti l’applicazione di
tali processi nella pratica quotidiana, bisogna che il meccanismo di base gli venga spiegato e dimostrato
scientificamente.

26
2.1 Come avviene la commutazione del processo spirituale in quello materiale?

Al problema di base non abbiamo dato ancora alcuna risposta: la mia volontà e le mie emozioni sono
processi puramente ideali. Essi influenzano però strutture materiali e quindi materia. Ma dove risiede il
meccanismo capace di renderli attivi? E come avviene questa commutazione?
I manuali ci dicono che le emozioni sono liberate dai neuroni e dai neurotrasmettitori. Questa
rappresentazione non è esaustiva perché lascia aperta la problematica iniziale. Il dilemma è simile alla nota
domanda se esisteva prima l’uovo o la gallina. In altre parole non sappiamo se sono le emozioni a lasciare
distribuire ormoni ai neurotrasmettitori o se è la distribuzione di ormoni dai neuro trasmettitori a generare
emozioni.
Se dunque sono le emozioni a provocare distribuzione di ormoni da parte dei neurotrasmettitori, come è da
pensare, rimane ancora la domanda: Chi ha causato le emozioni? Dove risiede la sorgente delle emozioni?
Sappiamo bene che le sensazioni di base sono congenite e che esse sono quasi l’esperienza dei nostri
antenati. C’è da restare stupiti chiedendosi: come può essere innato qualcosa che viene attivato mentalmente?
Tutto il patrimonio congenito necessita il trasferimento d’informazioni. Dov’è memorizzata questa
informazione e come viene trasferita? La scienza spicciola attribuisce al DNA l’istanza di memorizzare
l’informazione, senonché il DNA della mia mano è identico a quello dei miei piedi, del mio fegato, della mia
saliva eccetera. Chi fornisce al DNA le informazioni che gli permettono di costruire l’organo e mettere insieme
le molecole?
Nessun individuo conosce una sola risposta accettabile ad una sola di queste domande e fin quando la verità
non è chiara sul tappeto, tutte le tesi sono valide se plausibili.
Si profila già adesso il paradosso seguente: Gl’individui critici appartenenti al mondo occidentale
marcatamente scientifico accettano una convinzione come valida solo se quello che viene creduto viene anche
dimostrato. D’altro canto per pilotare una convinzione valida, rimane indispensabile la conoscenza del
meccanismo che guida quello che avviene, in primo luogo per ottimizzarlo e in secondo luogo per evitarlo nel
caso si tratti per esempio di una convinzione sviata in grado di causare perfino una psicosi

2.2 Come funziona l’effetto Placebo-Nocebo?

Quest’effetto è la conseguenza della trasformazione in realtà nel nostro corpo dei nostri pensieri impregnati
di emozioni, ed è anche vero che qualcosa di simile è suscettibile di apprendimento. Perfino tutto quello che
vogliamo fare, è spiegabile ed imputabile a questo effetto: IO voglio camminare, voglio andare in bicicletta,
voglio guidare l’auto ecc., sono tutte cose che dobbiamo imparare. La tendenza ad attivare il motorio è innata
e ogni bambino impara poi a proiettare su tale tendenza l’impiego di questo principio mentale, la volontà. Di
conseguenza, la volontà quindi può intervenire sulla materia (Rosso E. 2002).
Il training autogeno è uno degli aspetti di questo principio. Con l’esercizio e con l’accoppiamento reattivo
(feedback) del successo si sviluppa una sorta di risonanza. Il feedback diventa effettivo quando il successo

27
attraverso l’apprendimento o l’esercizio può essere constatato sulla base dei cambiamenti percepiti nel nostro
organismo e di conseguenza anche nel nostro comportamento.
Se sulla base del pensiero viene registrato un successo supplementare, l’effetto viene amplificato a
dismisura ottenendo un sorta di altalena della risonanza che può provocare una catastrofe in analogia alla
risonanza meccanica (la risonanza è un fenomeno fisico che ha luogo quando l’accoppiamento reattivo si
sovrappone all’oscillazione del segnale d’ingresso sommandosi alla sua energia e arrivando a causare la
distruzione del sistema. In analogia, nel nostro organismo il fenomeno si manifesta quando per esempio
restiamo vittime del panico).
Risultato del training autogeno: Laddove i fini mentali sono controllabili è possibile apprendere il loro
influsso in caso di effetto positivo e a cui segue un automatismo agevolato. Il tempo di apprendimento si situa
tra un minimo di 14 giorni ma può richiedere anche qualche mese.
Ogni pensiero possiede due componenti: una prima, quella consapevole che mira sul traguardo, lo riveste
linguisticamente con parole e frasi, seguendo una logica determinata, e una seconda di coloritura
inconsapevole, non verbale, emozionale. Nella vita di tutti i giorni noi diamo agli eventi scopo e significato, e
proprio per questo gli eventi acquistano per noi importanza.
Sensazioni come la certezza, pilotano la materia, p.e. enzimi e ormoni, e dall’altro lato, enzimi e ormoni
pilotano emozioni. Diverse emozioni sono il risultato dell’elaborazione di segnali campione che sorgono dai
ricettori sensoriali. La qualità delle emozioni è collegata a scopo e significato. Nessuna emozione può essere
direttamente pilotata dalla volontà: “Adesso voglio essere allegro”, non attacca senza una vera occasione o
rappresentazione profonda per esserlo.

2.3 Aspettativa e fede innestano l’avvenimento reale

Il nostro cervello si suddivide in aree funzionali molto diverse l’una dall’altra. Noi ci limiteremo a trattare
solo quelle due che si riveleranno importanti per capire i meccanismi che descriveremo più avanti.
Abbiamo da un lato un’area (la paleocorteccia) collegata all’evoluzione ancestrale che alberga l’universo
delle nostre emozioni e dei ricordi, il sistema limbico con le regioni dell’ippocampo (apprendimento e
memoria), l’amigdala (controllo delle emozioni ancestrali come la paura) e la corteccia cingolata (per emozioni
e memoria). Il sistema limbico serve da collegamento tra le funzioni cognitive superiori e le reazioni emotive.
Queste ultime sono caratterizzate dalla difficoltà di poter essere neutralizzate attraverso la volontà.
Dall’altro lato abbiamo la parte più giovane del ceppo storico, la neocorteccia che svolge molteplici compiti
tra cui l’importante istanza di censore del sistema limbico.
Stimoli che alimentano la corteccia cerebrale generano una rappresentazione del mondo. Non appena le
informazioni dettagliate dalle aree associative sono integrate nella corteccia frontale, vengono trasmesse al
sistema limbico. L’accoppiamento reattivo alla corteccia cerebrale genera una consapevolezza per sensazioni
e stato d’animo che vengono assegnati all’informazione, mentre canali che scendono verso l’ipotalamo e il

28
tronco cerebrale avviano il comportamento arbitrario e le reazioni inconsapevoli (sistema autonomo,
endocrino, immune e nervoso-autonomo). Gli stati d’animo sono stati emotivi di lunga durata.
Nessun organo del sensorio è in grado di percepire una sensazione. Non si può né vedere, né ascoltare,
oppure odorare. Ciononostante sono proprio le sensazioni i meccanismi più importanti che regolano il nostro
adattamento. La complessità di come noi veniamo pilotati da sensazioni, o emozioni, ce la indica anche il
riflesso definito psico-galvanico.
Esso viene provocato da un’inquietudine, un’emozione causata da qualcosa di penoso, simile a ciò che ci
fa arrossire. Negli USA questo riflesso sta alla base della macchina della verità. Il processo fisiologico è il
seguente: Gli ioni Na+ prodotti da enzimi ormonali attraversano le membrane delle ghiandole sudorifere e
attirano particelle idriche. Le particelle connesse agli ioni generano una pressione eccessiva all’interno delle
ghiandole sudorifere, pressione che le stesse ghiandole eliminano estraendola. La superficie cutanea così
inumidita ha un grado di conducibilità elettrica più elevato. Questo grado di conducibilità può essere
trasformato in suoni o colori che testimoniano visualmente o acusticamente la commozione o il dispiacere del
soggetto.
Questo principio venne all’origine impiegato quale forma di comunicazione non verbale. L’umidità delle
ghiandole sudorifere contiene infatti feromone che inconsapevolmente l’individuo assorbe dall’ambiente.
L’organo che assolve a questa funzione è il vomero nasale che si trova alla base della cavità nasale, all'interno
del setto cartilagineo nella parete divisoria. Lo stimolo assorbito va a collegarsi direttamente al sistema limbico
e pilota le sensazioni di identificazione con i nostri simili.
In presenza di una forte eccitazione del sistema limbico nella zona del lobo temporale scaturisce una
percezione molto speciale.
Quando questo scomparto cerebrale cade sotto la tempesta di un potenziale elettrico attivo, quasi un attacco
epilettico, l’individuo avverte una luce abbagliante che spesso collega ad una visione trascendentale.
Contemporaneamente sorgono forti sensazioni di unione con il cosmo, di visione che ne illumina il
funzionamento. L’essere è pervaso da un’immensa felicità e non trova parole per descrivere quello che prova.
In presenza di un bombardamento sincronizzato di neuroni sul lobo temporale (principio della coerenza)
viene attivato una sorta di modello creatore, artefice soprannaturale. La disciplina che si occupa di studiare
questo fenomeno ha preso il nome di Neuroteologia.
Il lobo temporale è in realtà una necessità cerebrale determinante. Esso è responsabile dell’elaborazione del
linguaggio, del riconoscimento degli oggetti, dei visi e dei concetti. Per finire, il mondo di cui facciamo
esperienza trova qui la sua coscienza e il suo significato. Esso contiene in buona parte il sistema limbico già
accennato con la coppia dell’amigdala dove convergono i segnali che provengono da tutte le regioni cerebrali
che elaborano sensazioni: caldo, freddo, odori, suoni, immagini, contatti e tatto.
Quello che in special modo caratterizza questo centro di raccolta di stimoli ambientali è l’accumulo di
sensazioni, un processo unico nel suo genere. Il coordinamento delle sensazioni che hanno avuto accesso in
noi trasferisce il subcosciente nella condizione di proporre una valutazione integrativa di questi campioni di
energia. Sono essi dannosi? Mi sono utili? Adesso, come devo reagire? Questo indica che le sensazioni, al di

29
là di tutto, provocano subito un pilotaggio automatico della materia pronta a reagire in presenza della situazione
percepita.
Le amigdale tragittano agli ippocampi senza intoppi una nuova sollecitazione cruciale. Nell’ippocampo
viene scelto quello che può continuare a vivere nei ricordi e quello che deve essere dimenticato. L’ippocampo
contemporaneamente ordina gli avvenimenti in fasulli o corretti e li cataloga in una sorta di cassetti. Proprio
questo compito rischia di caricare oltre misura l’ippocampo che, per rispettare fedelmente tale schema,
paragona il nuovo che viene percepito con quello che lo spirito si attendeva. Eventi improvvisi e astrusi, che
non possono appartenere al retroscena delle esperienze vissute fino al momento, vengono rifiutati. A meno che
il filtro dell’ippocampo non sia esattamente predisposto ad accettare l’impossibile, l’aldilà, che è estraneo alla
quotidianità.
Una tale predisposizione, non è prevista su larga scala per tutti gli individui e resta solo prerogativa di
alcuni “iniziati”. Il problema è che l’individuo, con filtri più ampi del normale rischia di annegare in una
fiumana d’informazioni ricevendone possibilmente danno. D’altro canto un filtro limitato gli preclude la
creatività condannandolo ad una vita piatta e noiosa.
Il principio di una vita nell’aldilà è più o meno attivo in noi tutti. Un sondaggio eseguito negli USA presso
diverse Università, portò alla luce che ben 40 per cento degli scienziati credono in Dio e in una vita eterna
dopo la morte, e sono convinti che le preghiere vengono ascoltate. In Germania una persona su tre crede nella
resurrezione e una persona su due all’angelo custode.
Con la meditazione possiamo, p.e., indurre consapevolmente lo stato particolare di esperienza estraterrena.
Tale stato può essere individuato fisiologicamente tramite misurazioni specifiche. La frequenza respiratoria si
abbassa, il consumo di ossigeno diminuisce fino al 30 per cento, la resistenza elettrica cutanea aumenta
rapidamente, lo stomaco rinuncia al suo ambiente acido per la digestione e in contropartita è il sangue che
diventa più acido e purificato attraverso i reni.
Nel cervello, circa un minuto dopo l’inizio della meditazione, si possono misurare frequenze di tipo Alfa e
talvolta addirittura quelle più lente di tipo Theta, segno che i neuroni si sono uniti in un fuoco coerente. Questo
stato viene raggiunto raramente nella vita quotidiana e soprattutto mai ad occhi aperti.
Con l’aiuto di un metodo infallibile, lo SPECT (Single Photon Emission Control Tomography) è stato
possibile dimostrare in modo chiaro una forte diminuzione dell’attività del metabolismo nelle regione cerebrale
parietale. Bisogna anche tenere conto che in questa regione sono radunate tutte le informazioni corporali:
posizioni dei muscoli, delle articolazioni, i segnali di equilibrio, le impressioni ottiche, praticamente l’intero
stato fisico. Quando questa regione cerebrale viene meno irrorata di sangue, la percezione del proprio
organismo impallidisce e l’individuo si trasforma in puro spirito. Esattamente questo riferiscono i soggetti che
ne fanno la prova: non si sente più la forza di gravità, libero da ogni legame terrestre, svanire per così dire
nell’infinito.
Particolarmente affascinante sono quelle esperienze che in questo stato raggirano l’autocensura
dell’ippocampo. Ne segue l’apertura improvvisa di orizzonti di nuovi mondi che prima si sono affacciati come
fantasia e ora appaiono pienamente reali.

30
In questa eccezionale situazione il corpo libera droghe proprie che hanno lo stesso effetto degli allucinogeni
che permetterebbero di riprodurre tali situazioni se esse non fossero interdette perché molto pericolose. Altri
metodi che permettono di entrare in questo stato sono i ritmi dei tamburi, riti di danza, digiuni, privazione di
sonno o lampi di adrenalina. Nel pieno della situazione si registra una maggiore sensibilità temporanea, un
livello di attenzione più elevato, qualche volta anche chiaroveggenza, previsioni e sempre nuove percezioni e
sensazioni che ricordano un Artefice onnisciente.
Evidentemente, questa capacità di allucinazione ha preso posto “deliberatamente” nell’essere umano già
all’origine della sua storia evolutiva. Effettivamente l’evoluzione ha costruito un corpo che sottostà a norme
naturali valide in generale, e nello stesso tempo dotato di uno spirito che si sottrae a queste norme.

2.4 Alla ricerca di un mondo creativo diverso

Dopo avere fatto conoscenza più ravvicinata con queste due regioni cerebrali possiamo spiegare il percorso
funzionale della fede.
Una fede intensa vuol dire fisiologicamente:
Diminuzione dell’attività della corteccia cerebrale sinistra (= riduzione del raziocinio).
Elevata attività del sistema limbico (= alla mercé delle sensazioni).
Quando il sistema limbico è attivo, anche le regioni temporali lavorano più intensamente e il mondo assume
senso e significato. L’emisfero sinistro del cervello (centrato sul raziocinio e sulla logica, analitico, lineare)
viene frenato. Nello stesso momento diventa più attivo l’emisfero destro (creazione, intuizione).
Come incide questa attività più intensa del sistema limbico sul nostro comportamento e sulla nostra
esperienza? Per rispondere a questo quesito ci rivolgiamo al meccanismo più intelligente di cui la natura ci ha
dotato.
Al centro degli avvenimenti ci sta la ghiandola pineale. Situata quasi al punto mediano del cervello umano,
produce alcune sostanze essenziali per il ritmo che regola il sonno e la veglia e interferisce in modo massivo e
manifesto sulla nostra vita interiore. Julius Axelrod scoprì nel 1972 che anche la DMT (dimetiltriptamina, un
allucinogeno) del nostro corpo viene prodotta dalla ghiandola pineale.
1. Riassunto dell’effetto della DMT:
2. Attività aumentata nel sistema limbico
3. Soppressione del filtro di determinate istanze del cervello
4. Leggera inibizione specialmente della regione sinistra della corteccia (logica e raziocinio)
Queste funzioni precedentemente elencate sono esattamente quelle che ci permettono la descrizione
fisiologica dello stato di fede intensiva. Con questo non c’è più nulla che ostacola l’influenza dell’intelletto
sulla materia. Come può la dimetiltriptamina pilotare il subconscio, il conscio o consapevolezza e infine la
materia?
La DMT si aggancia ai recettori della serotonina del sistema limbico e regola al di là anche i recettori
NMDA (N-Metil-d-Aspartato: canali cationici che vengono attivati dal glutammato e bloccati dal magnesio).
Serotonina è il termine volgare per 5-hidroxitripatmina (5-HT), una molecola che agisce come sostanza

31
veicolare e ormonale e che insieme all’ormone della dopamina e della noradrenalina è responsabile delle nostre
sensazioni di gioia e felicità.
La DMT è un agonista ed epigono della serotonina, che dopo avere agganciato uno dei sette recettori
secondari della serotonina, aumenta la quantità di quest’ultima nello spazio sinaptico. Dopo la produzione e
distribuzione di una elevata dose di DMT, gl’individui vivono esperienze mistiche, hanno contatti telepatici
con la realtà vivente e sono certi di possedere forze speciali che agiscono sulla materia.
La produzione e distribuzione di DMT può essere appresa e rispettivamente condizionata. Ambiente ed
autosuggestione, rituali ed esercizi di yoga (in special modo yoga Kundalini) la rafforzano. Ogni sogno (e ogni
stato di coma) stimola la produzione e ripartizione di DMT. I contenuti dei sogni sono possibili solo grazie
alla DMT. Nel momento del trapasso la distribuzione di DMT è particolarmente elevata. Il morituro ha delle
percezioni paranormali, accesso alle sfere divine, avverte la presenza di un angelo che lo assiste e prova la
sensazione di essere nella sua vera casa (Strassmann 2004).
Oltre che nel cervello umano, la DMT è contenuta in alcune piante quali ayahuasca o psychotria viridis.
Per ragioni di sicurezza la produzione di DMT nell’individuo è collegata a delle condizioni. In
contemporanea con la DMT deve essere prodotta e distribuita dalla ghiandola pineale anche un’ammina
organica endogena chiamata beta-carboline che ha il compito di evitare che la DMT venga subito distrutta
dagli enzimi. Anche la beta-carboline è presente nelle piante come p.e. nella Banisteriopsis caapi.
Se viene anche costituita una sostanza analoga alla chetamina che ha un effetto rilassante ed anestetico, il
contatto con un universo consapevole diverso è perfetto, con sogni lucidi, esperienze extracorporali, sensazioni
singolari e luminose. L’attività elevata del sistema limbico accresce la creatività e l’intuizione nell’emisfero
destro, mentre viene ridotta quella dell’emisfero sinistro, analitica e accentrata sulla logica.
A causa dell’attenuazione dell’attività nella corteccia, vengono indeboliti rumori di sottofondo e la
coscienza può concentrarsi in pieno sull’altro universo. Se il sistema limbico è attivo, anche le zone parietali
temporali lavorano più intensamente e il mondo che ci circonda assume significato e importanza più marcati.
La sensazione di essere separato dal mondo sparisce, la rappresentazione dell’IO perde la sua validità e noi ci
sentiamo parenti, parti di una Entità universale.
Trasportiamo dunque in noi uno stimolo dell’aldilà che non è artificioso o indotto dall’esterno, bensì facente
parte della nostra natura. Gli sciamani di tutte le culture c’informano che con i loro rituali sono in grado di
aumentare la produzione di DMT e che stimolano le loro visioni con gli estratti di decotti di piante specifiche.
L’inibizione dell’attività del neocortex è in grado di elevare nel proprio organismo la quantità di DMT in
modo affidabile. Per la parziale depressione del sistema nervoso centrale, cioè la riduzione parziale dell'attività
dei neuroni del tratto cerebro-spinale dove sono localizzati i centri che regolano le funzioni vitali attraverso
per esempio iperventilazione o consumo massivo di alcol, si può essere certi dell’erogazione più elevata di
DMT endogena e di una maggiore attività del sistema limbico.
In tale stato gl’individui percepiscono il mondo trascendentale come reale in assoluto. Confrontati a questo
fenomeno abbiamo solo due possibilità per spiegarcelo: o quello di cui facciamo esperienza esiste di fatto in

32
un universo parallelo che normalmente resta precluso ai nostri sensi e alla nostre esperienze e si presenta solo
quale allucinazione, o è pura allucinazione la stessa esperienza vissuta.
Indipendentemente dalla soluzione di questa problematica possiamo riaffermare che sensazioni e stati
d’animo commutano la materia per farle produrre e liberare droghe endogene. Queste droghe mettono in
circuito sensazioni e stati d’animo più consistenti che in cambio modificano la propria componente materiale
e, come vedremo più avanti, amplificata in una certa guisa, anche la materia all’esterno del corpo. Vengono
così innescate e sono spiegabili esperienze vicine al momento del trapasso, tunnel di luce, incontro con angeli
e altro. Questo però non vuol dire che esse siano prodotte dal cervello. È anche del tutto plausibile che il
cervello venga “truccato”, manomesso per ricevere a distanza campioni d’informazione spirituale. Come noi
già sappiamo, la semplice visione di qualcosa di reale, di qualcosa rappresentata solo come tale, o vista in
sogno, ha le stesse conseguenze per le funzioni della materia che compone il corpo.
Quello che noi ancora non conosciamo, è in che modo emozioni e fede riescano a pilotare la materia in
dettaglio. Per questo adesso vogliamo mettere insieme tutti gli attori, tutti i tasselli ed esaminare attentamente
come essi funzionano.

33
3. Materia, energia e vuoto nel corpo umano

“Abitualmente noi rivolgiamo la nostra attenzione solo alla materia perché è ciò che possiamo vedere e
toccare. Molto più importanti sono però le interazioni dei quanti che tengono insieme la materia e ne
determinano la struttura”.
Carlo Rubbia, premio Nobel 1984 per la fisica

Quando gli esempi quotidiani dicono con chiarezza che la nostra fede e la nostra aspettativa possono guidare
le funzioni del nostro corpo in ogni direzione, è giusto cercare di sapere come questo avviene. Se abbiamo
capito il meccanismo, non ci serve solo lasciare pilotare le funzioni che riguardano salute e benessere del nostro
organismo, per così dire, automaticamente da un potere sconosciuto, bensì dovremmo potere arrivare a tale
effetto anche tramite la nostra volontà. Una visione assolutamente splendida.
In questo capitolo vogliamo in primo luogo elencare tutte le componenti che giocano un ruolo importante
dentro tale meccanismo.

3.1 Il corpo e la sua materia? Cos'è?

Senza ombra di dubbio noi siamo materia. Ma cos’è in realtà questa materia? Vedremo subito che la materia
è una costruzione abbastanza complessa. Tutta la materia si compone di masse e di spazio tra le masse. Gli
elementi di base di queste masse sono i nuclei degli atomi e gli elettroni. Per la forza di gravità, percepiamo
queste masse come peso. Le masse però, contro ogni percezione sensoriale, non sono qualcosa di solido e
coeso in assoluto, bensì vortici di energia.
Una massa si connette con un’altra massa attraverso ponti di forza. Il nucleo dell’atomo si connette così
con l’elettrone per formare un atomo e gli atomi che si interconnettono danno luogo alla costruzione delle
molecole. Questi ponti di forza sono di natura elettrostatica ed elettromagnetica e come tali sempre legati ad
una massa. Nello spazio privo di massa, che per definizione noi chiamiamo vuoto, non agiscono forze. Poiché
lo spazio privo di massa non contiene forze, esso non conosce limiti né ostacoli alla propagazione della luce e
alla sua velocità. La formula che definisce la velocità della luce è 1/√εμ, dove la forza magnetica della
permeabilità μ, e quella elettrica della permettività ε, sono interconnesse. Secondo la fisica quantistica, queste
forze non esistono nel vuoto dove sono uguali a zero per cui la velocità di propagazione della luce diventa
infinitamente grande. Velocità infinitamente grande equivale però a stasi. Riuscite ad immaginare una
grandezza che gira attorno alla terra ad una velocità infinita? Riuscendovi vi renderete conto che essa è già
qui, da dove era partita. Sembra essere rimasta sempre allo stesso posto. Essa “è” sempre qui.
Probabilmente rimarrete di stucco e non dimenticherete mai il contenuto della prossima constatazione se
ne venite a conoscenza per la prima volta. Tutta la materia e in particolare il corpo umano è composto al
99,999999999 per cento del suo volume da un “vuoto” privo di massa! Se fosse possibile eliminare questo

34
vuoto di noi resterebbe appena una grandezza di 20 µm. Per vedere il nostro corpo sarebbe necessario il
microscopio.
L’incredibile è che ciò a cui noi tutti facciamo riferimento nella nostra vita sono le masse del nostro fisico.
Ci identifichiamo addirittura con esse, quando in realtà, quantitativamente, sono un “nulla”. Le masse fanno
lo 0,000000001 per cento del volume del nostro corpo. Ne avanza qualcosa dopo la morte ma perdono sempre
più le loro forze di coesione fin quando non ritornano allo stadio iniziale: polvere di stelle, elettroni liberi e
atomi.
Ma per quale ragione durante la nostra vita intera prestiamo attenzione quasi esclusivamente alla massa
della materia? Si tratta di una conseguenza dei nostri sensi che sono anche costruzioni di masse; intuiamo
l’ambiente esterno ed interno al nostro corpo con l’aiuto delle forze che sgorgano da queste masse sensoriali,
assieme agli operatori delle evoluzioni temporali. Misuriamo per così dire le energie che ci circondano, e che
sono insite in noi, attraverso le forze che agiscono sulle masse. Guardiamo ora con più attenzione questo
principio.
La domanda impellente che ognuno di noi si pone, è: Se noi siamo quasi totalmente composti da una massa
con dimensione vicino allo zero, cosa ci sta d’importante all’interno di essa? Gli organismi dotati d’intelligenza
e di funzioni di sopravvivenza devono avere in qualche posto un omologo, una rappresentanza? In effetti essi
l’hanno. Lo spazio privo di masse o meglio, lo spazio tra le masse, contiene esclusivamente energie potenziali
e informazioni. Potenzialità e informazioni sono probabilità e come tali sono virtuali. Non è poi detto che un
potenziale debba sboccare immediatamente in un rendimento, esso resta a priori solo una possibilità di
rendimento. Un potenziale non occupa spazio, non ha inizio né fine, quindi rimane fuori dal tempo. L’azione
risolutiva consiste nel commutare in realtà queste probabilità per poterle rendere operative.
Cerchiamo di osservare ancora una volta l’immagine reale del nostro corpo sotto l’aspetto fisico quantistico.
Le masse, cioè i nuclei degli atomi e degli elettroni, con l’aiuto delle forze che ne derivano si uniscono insieme
e formano la materia. La materia assume forme e aspetti che possono occupare un volume relativamente
grande. Il volume, delimitato dall’ambiente che lo circonda, l’atmosfera terrestre nel nostro caso, è composto
quasi esclusivamente di energia e informazione. Il volume può formarsi solo perché le forze tra le masse
vengono “quasi”, attenti al “quasi”, fornite attraverso il vuoto.
Senonché nel vuoto non possono esserci delle forze. Esse si manifestano sempre in primo luogo nelle masse
e il vuoto per definizione è esente da ogni massa. Sembra mordersi la coda. Allora come può consolidarsi la
costruzione nonostante tutto? In realtà tutti noi siamo delle strutture relativamente solide, resistiamo all’azione
di tante forze che agiscono su di noi, e con l’aiuto di scheletro e muscoli siamo in grado di sollevare oggetti
anche pesanti. Ebbene questo può avvenire perché all’interno del vuoto, esente di materia, può essere attivata
l’informazione (soggetto immateriale) responsabile delle forze che sgorgano dalle masse.
Quando due masse corrispondono l’una con l’altra, nel rumore (il “noise") virtuale dell’informazione, a cui
assegno il nome di “oceano di tutte le possibilità”, o soffio di tutte le possibilità immaginabili, viene definita
un’unica proprietà, o un’unica proprietà campione, che permette all’informazione di base un’azione di forza

35
tra le masse. L’interessante è che tutta la nostra percezione consapevole può esattamente modificare questa
informazione per mezzo della propria energia.
Da questo momento quando parliamo di materia intendiamo sempre la fusione di masse all’interno di un
“pieno” senz’alcuna massa, e universalmente diffuso, che possiamo chiamare “Campo Universale”, “Campo
del punto Zero”, Campo “Psi” oppure “Oceano delle infinite possibilità”.

3.2 L'organismo quale sistema quantistico

La più gran parte dei fisici sono d’accordo con l’enunciato di John Weehler, uno tra i più grandi quantistici:
”Il mondo è un mondo di quanti e ogni sistema è indubbiamente un sistema quantistico”.
Nel mondo dei quanti vigono proprietà e principi inconsueti per noi, individui che ci muoviamo in un
mondo di macrostrutture. Ci permettiamo qui di richiamare l’attenzione su alcuni estratti per l’interpretazione
del principio di Copenaghen della fisica quantistica che porta l’impronta determinante di Niels Bohr e di
Werner Heisenberg.
I sistemi quantistici sono privi di proprietà fisse prima della loro osservazione e misurazione, operazione
questa da considerare come una sorta di risonanza molto particolare. Essi, i sistemi, sono solo particelle virtuali
di probabilità di una funzione oscillante. Nessuna particella quantistica prima di essere misurata possiede
proprietà quali p. es. uno spin.
Soltanto gli elettroni ai quali si assegna senso e valore e quindi una funzione, si rivelano sorgenti di carica
e informazione per forza e tempo. Di conseguenza la funzione oscillante delle proprietà degli elettroni si
collassa (decoerenza per osservazione) e il collasso dell’oscillazione è proprio il passaggio dalla sfera
potenziale a quella reale.
Diamo ancora uno sguardo d’insieme sulla cascata delle attività quantistiche:
• Possibilità inerenti a energia e informazione quali funzioni di onda (coerenza), diventano campi
quantistici dopo la decoerenza.
• Campi quantistici influenzano reciprocamente le masse.
• I campi quantistici sono composti da particelle quantistiche.
• Le particelle quantistiche sono composte da Bit quantici (Qubits)
• Qubits stanno alle basi della materia e dei nostri pensieri.
• Materia è quindi per principio della stessa sostanza dei nostri pensieri (Görnitz 2007).
Per tutte le funzioni quantiche necessitiamo consapevolezza, perché senza consapevolezza, da quanto detto
nel primo capitolo, per noi non esiste nulla di concreto. Questo concetto viene spiegato meglio nel capitolo
seguente.
Il collasso delle oscillazioni necessario a questo scopo è il modo che permette di comunicare tra la
conoscenza universale e quella individuale. Il sapere, la conoscenza si orienta verso una realtà comune a tutti.
Fanno parte di ciò beninteso anche sistemi viventi come l’individuo. Paul Davies, fisico di statura eccelsa
più volte premiato e profondo conoscitore in materia, constata che il miracolo della vita si basa sull’effetto
36
singolare del mondo dei quanti. Secondo Davies, delle cellule viventi si potrebbe senz’altro dire che sono
elaborazioni d’informazioni quantistiche amplificate (Davies 2004, pag. 28). Nelle cellule, sempre secondo
lui, possono giocare un ruolo anche altri fenomeni del mondo quantistico, come p. es. l’effetto tunnel o il
condensato Bose-Einstein. Varrebbe la pena di ricercare se le cellule abbiano trovato un modo, una via che
permetta di frenare la decoerenza (il sorpasso del confine tra probabilità ed evento concreto, o in altre parole
tra il mondo dei quanti e la vita di ogni giorno). Poiché un atomo isolato nel suo stato di probabilità ubbidisce
alle leggi del mondo dei quanti e finisce di essere tale quando troppe influenze agiscono dall’esterno sul suo
stato, Davies ritiene possibile che le cellule abbiano trovato una via che permette di evitare parzialmente la
decoerenza.
È proprio questo il problema sul quale lavorano anche quelli che sviluppano il calcolatore quantistico.
Secondo Werner Heisenberger le unità materiali le più piccole (quelle alla base) non sono proprio oggetti
fisici nel significato comune, bensì forme, strutture o, in senso platonico, idee sulle quali possiamo esprimerci
inequivocabilmente tramite il linguaggio matematico (Wilber 1984, pag., 51). Restiamo quindi convinti che,
come la materia, gli organismi sono sempre costituiti soltanto da atomi. Gli atomi a loro volta sono costituiti
da masse: nuclei ed elettroni, pura polvere stellare. I nuclei degli atomi e gli elettroni di un individuo hanno
già reso servizio nell’organismo di altri individui, di animali e di piante ed erano già presenti, immortali e in
altre galassie. Gli elettroni sono immortali e i protoni hanno una vita stimata ad anni 10 80 (alla 80esima
potenza) che per noi si avvicina all’infinito.
I nuovi gnostici di Princeton e Pasadena hanno applicato calcoli scientifici paradossali su queste grosse
cifre. Uno di essi ha espresso quanto segue:
Nel 44 prima di Cristo, quando Cesare scendendo dalle scale del Campidoglio venne assassinato, nel
momento della morte emise un ultimo respiro. Per l’ultima volta espulse dai polmoni circa un litro di aria.
Questo litro di aria si divise nel tempo in parti uguali nello strato che circonda il nostro pianeta a circa 100 km
di altezza. Ne segue che noi ad ogni ciclo respiratorio, inaliamo 25 a 50 elettroni che Cesare espirò allora.
Calcoli simili sono stati eseguiti da Charon, già fisico all’Università di Parigi, sugli elettroni del DNA che,
al contrario degli altri atomi del nostro organismo, non vengono sostituiti mai durante la nostra vita.
Il DNA di una singola cellula pesa circa 1 (uno) microgrammo, e contiene circa 100 milioni di elettroni.
Essi, qualche anno dopo la nostra morte si distribuiranno in modo uniforme in uno strato atmosferico a circa
100 km di altezza e in ogni centimetro cubo di questo strato di aria saranno contenuti alcuni di quegli elettroni
che hanno ottemperato alle loro funzioni nel nostro DNA: “Chi vivrà dopo di noi ad ogni ciclo respiratorio
inalerà alcuni dei nostri elettroni (del DNA) e questo durante la durata di vita del pianeta terra”, (Charon 1981).
Bisogna rendersi conto che questa polvere di stelle viene elaborata in costruzioni spazio-temporali negli
organismi. Noi non sappiamo ancora “chi” costruisce ma possiamo plausibilmente postulare: “Organismi e
quindi anche l’essere umano, sono costruzioni spazio-temporali materiali che sottostanno ai principi della
fisica quantistica”.

37
Queste costruzioni “nuotano” in un mare di energia virtuale e d’informazioni potenziali e possono
“innestare la realtà” sulla base dei principi della filosofia quantistica. Il concetto di filosofia quantistica dice
che al centro degli eventi ci sta la consapevolezza, aspetto che tratteremo da vicino nel prossimo capitolo.
L’insieme di atomi compongono le molecole che poi formano gli organi. Questi a loro volta costruiscono
circuiti di regolazione che danno forza vitale a noi individui. Ognuna di queste funzioni è quasi collegata con
le attività degli enzimi. Questi ultimi, che sono delle proteine, vengono costruiti dal DNA e “sanno” in quale
punto e in quale preciso momento devono trovare posto nel nostro corpo e quali attività devono verificarsi di
volta in volta. Ogni secondo hanno luogo operazioni fisico-chimiche esattamente sincronizzate in numero di
1030. La comunità scientifica contemporanea crede che questa informazione sia contenuta nelle molecole del
DNA. Questo però non è coercitivo. È altrettanto possibile che le molecole, dunque le strutture degli acidi
nucleici così come le strutture ad elica delle proteine siano necessarie per rilevare un’informazione che si trova
all’esterno della massa molecolare. In questo modello le molecole fungerebbero da antenne per i segnali.
Per la costruzione della materia in ambito microscopico e macroscopico è decisiva
forma/struttura/configurazione che si sviluppa attraverso collegamenti attivati con precisione tra atomi e
molecole. Senonché, come si sviluppa di volta in volta l’adeguata energia per il legame?
I processi di collegamento tra atomi e molecole appartengono al campo della fisica quantistica. Tutte le
energie di collegamento possono essere convertite con un fattore costante, in frequenze di oscillazioni
elettromagnetiche.
Le forze comuni di Van-der-Waals che uniscono le molecole hanno un’energia di 0,04 a 0,08 eV e
corrispondono a valori che vanno da 10 a 19 THz (Tera-Hertz), campo di oscillazione dell’emissione dei raggi
infrarossi.
I composti di idrogeno con 0,13 a 0,30 eV, oscillano tra 31 e 73 THz ossia nel campo della luce visibile
con una lunghezza d'onda di tra 970 e 410 nm (nanometri) che va dal confine degli infrarossi fino alla luce blu.
Composti ionici con 0,2 eV e 48 THZ, emettono raggi infrarossi con una lunghezza d’onda di 630 nm
quando liberano l’energia assorbita.
Composti covalenti sono carichi di energia con 2,2 e 4,8 eV, che corrispondono ad una frequenza tra 532 e
116 THz e quando emettono, irradiano luce ultravioletta tra 60 e 30 nm.
Ognuno di questi aggregati di atomi e molecole oltre all’oscillazione intrinseca alla struttura, possiede uno
spettro di frequenze con un’oscillazione fondamentale e diverse oscillazioni complementari. Le frequenze
relative cambiano in funzione delle condizioni ambientali.
Si avvera così quello che i saggi appartenenti alle più svariate culture, dicono: Non esiste nulla così come
noi lo percepiamo nella sua forma e struttura. La vera causa prima di tutte le cose è null’altro che una sinfonia
illimitata di oscillazioni e sovrapposizioni di frequenze campioni.
Tutte le forme, strutture e configurazioni che noi vediamo, dipendono dall’oscillazione degli elettroni e dei
nuclei degli atomi presenti in quel corpo specifico. Quando essi saltano da un livello energetico ad un altro,
assorbono o emettono (riflettono) fotoni che trasmettono l’immagine di ogni corpo. Noi e tutti gli altri composti

38
materiali, non siamo affatto quello che il nostro cervello ci mostra sotto forma di figure, ma piuttosto un
insieme di oscillazioni complesse e di campi olografici.

3.3 "L'oceano delle infinite possibilità", sorgente del divenire

“Nell’oceano delle infinite possibilità” non esistono né masse, né forze e nemmeno tempo, perché sia le
forze che il tempo traggono origine dalle masse e le masse sono tutte quelle strutture soggette alla forza di
gravità come p.es. i nuclei degli atomi e gli elettroni. Quest’oceano si situa dunque nel vuoto fisico che per
definizione è privo di massa. Nel vuoto non esistono né nuclei atomari, né tanto meno elettroni quali particelle.
Lo spazio privo di massa del nostro corpo scorre fluido nello spazio identico dell’aria che ci circonda,
raggiunge l’atmosfera terrestre, e alla fine il cosmo e da lì l’infinità dell’universo. Tutto insieme forma il campo
base di cui abbiamo già riferito. Questo campo è quindi presente in ognuno degli atomi del mio fisico (tra
nucleo ed elettroni) come anche tra gli stessi atomi e quindi tra gli elettroni che assieme agli atomi formano le
molecole. Questo campo e del tutto identico con quello che attraversa, percorre l’universo. Il campo base è
infinito ed eterno.
Se noi siamo quasi completamente il prodotto di questo campo, vogliamo naturalmente sapere cosa si
nasconde in esso, cosa ne possiamo fare, e come utilizzarlo.
Questo campo è esente di masse, ma in compenso colmo di energia e informazione impossibile da
immaginare, sebbene solo come possibilità e quindi virtuale, descrivibile matematicamente come funzioni
oscillanti che si sovrappongono. E poiché noi, anche se in forma ridimensionata, evidentemente
corrispondiamo con questo campo dal nome scientifico “Campo Psi” o “Campo del punto zero”, gli scienziati
parlano anche di un pieno immaginario (Psi) di funzioni oscillanti cariche di energia e informazione. Le
funzioni Psi valgono non solo per gli elettroni e i nuclei degli atomi, ma anche per molecole, cristalli e appunto
per tutte le parti che compongono la materia. Lo Psi in sé non si lascia osservare e in assenza di distorsioni è
alternativo a spazio e tempo, quindi non causale (esente da curvature spaziali). Psi al quadrato sta per intensità
e campo di probabilità dimostrabile (vedi anche funzioni d’onda). Indica, secondo le esperienze, la probabilità
della presenza di una particella energetica in un posto preciso in un momento specifico.
Il vuoto di una lampada elettrica a filamento contiene secondo Wehler, un pioniere della fisica quantistica,
tanta energia da portare ad ebollizione tutte le acque dei mari presenti sul pianeta terra.
Nel campo del vuoto giacciono energia e informazione quali funzione d’onda codificata priva di spazio e
tempo, capace come tale di propagazione infinita e istantanea e quindi ad ogni istante universale. Schrödinger
a cui fa capo la funzione d’onda, la chiama “Sapere”. In riferimento, possiamo contrassegnare l’universo come
campo del “Sapere”.
Questo campo ha di conseguenza le caratteristiche seguenti: l’informazione viene immagazzinata,
riconosciuta, memorizzata, utilizzata intelligentemente (finalizzata), accoppiata a senso e valore, e poi
elaborata complessivamente con una consapevolezza che permette di fare esperienza. Questo campo si
potrebbe senz’altro definire “spirito universale”.

39
Quale quadro complessivo difficile da accettare, risulta il seguente assunto: Il campo d’informazione
universale può essere strutturato attraverso la locale attività mentale dell’individuo. L’uomo attinge
continuamente dal vuoto energia/informazione ed emette onde di un campo elettrico con componenti
longitudinali oltre a parti di energia oscura, e con esse manovra una energia “informazionale” sulla terra intera.
Queste onde si accoppiano sia con altra materia e sia all’energia/informazione del vuoto.
Tutti gli eventi biologici e fisici portano il marchio del campo energetico del vuoto e il pensiero umano può
influenzare direttamente strutture spaziali di aggregati molecolari e apparecchi di controllo. In quest’ultimo
caso il processo di misurazione perde la propria obiettività.
Noi come organismi siamo comunque in grado di estrapolare una parte infima di energia e informazione da
questo campo. Facciamo tuttavia uso di questa “fase di piena” per scambiare informazioni. Come lo facciamo?
Siamo in grado di intensificare questo scambio? Possiamo scaricare informazioni dal pieno?
Il premio Nobel Erwin Schrödinger nel 1956, in occasione di una lezione al Trinity College di Cambridge,
disse: “Il nostro modo di pensare attuale necessiterebbe di una piccola trasfusione sanguigna del patrimonio
intellettuale orientale”.
Dal punto di vista della cultura orientale la realtà consiste in quello che è contenuto nel vuoto cosmico,
universale. Il vuoto costruisce, crea il mondo. Vecchie tradizioni originarie dell’India parlano in termini fisici
corretti della potenzialità del “grande vuoto” capace di produrre una miriade di oggetti di forme e contenuti i
più diversi.
Nel Buddismo tibetano il grande vuoto è “Quello che contiene tutto, non accessibile ai sensi, quello che
quale infinito grembo materno del cosmo partorisce ogni forma, la nutre e racchiude in sé, dove la luce scorre
eterna senza mai andare smarrita”.
Il vuoto viene definito come l’assenza di ogni normativa, di ogni disciplina che Budda designò
“l’indeterminato, non germinato, non concepito, esente da forma” (sunyata o ston-pa-nid in tibetano).
Anche secondo la fisica quantistica il mondo sboccia dal nulla, dal vuoto. Tutto viene fuori dal nulla e
prende un aspetto di verità effettiva. Ma effettiva si avvicina a effetto, efficienza e così sorge, si sviluppa la
materia efficiente e con essa la realtà obiettiva. Un qualcosa esiste solo e durante il tempo che fa sentire il suo
effetto.
Secondo la tradizione orientale, l’origine ha le proprietà seguenti:
a) È una unità assolutamente amorfa.
b) Non può fuoriuscire da se stessa.
c) Si differenzia.
Nel Buddismo si distinguono tre corpi (Kayas):
• Dharma-kaya (il corpo dell’ordine immenso), un tutto amorfo, creativo senza limiti e da cui prendono
origine tutte le cose.
• Sambhoga-kaya (il corpo dell’entusiasmo) l’immediato, durevole balenare di energia dal fondo del
vuoto.

40
• Nirmana-kaya (il corpo della trasformazione) l’incessante addensarsi di energia esteriorizzata nella
forma (la materia).
Quanto elencato corrisponde nei dettagli alla realtà secondo le cognizioni della quantistica. In effetti il
campo di fondo offre ben più che probabilità e possibilità. Vengono ripetutamente liberate per brevi istanti
quantità di energia anche concrete, esattamente come descritto nel Sambhoga-kaya. Quando questa energia
entra in risonanza con la materia viene trattenuta quale forma: Nirmana-kaya. Altrimenti ricade “nell’oceano
delle infinite possibilità” e la legge della conservazione dell’energia è rispettata.
“La realtà intera trae origine da uno stato indifferenziato del nulla originario, un sottofondo tanto importante
quanto il silenzio per la parola” (da un proverbio dal Taoismo).

3.4 A qual fine gli esseri viventi necessitano del corpo materiale?

Il principio della genesi, dell’origine e del condizionamento, degli elementi di costruzione e funzione e, in
ultima analisi, dell’essere intero, si sviluppa come segue:
Dagli stati virtuali emergono fotoni con effetti di forza:
Fase virtuale ➔ Energia reale e informazione ➔ Risonanza ➔ Generazione della forza ➔ Elettrone ➔
Effetto della forza.

Dal campo Psi (funzioni d’onda virtuali e sovrapposte del vuoto) sorge:
1. Trasmissione di energia ➔ forza sulle masse nello spazio
2. Trasmissione “Time-like” ➔ Sequenza di eventi prima-dopo-prima
(“time-like" in parole povere è un modello matematico che assembla tempo e spazio in un singolo intreccio
continuo)
3. Trasmissione d’informazione ➔ Senso e valore

Queste tre trasmissioni portano a forma/struttura/aspetto per la costruzione spazio-temporale. Nasce così
l’Essere, l’esistenza, l’essenza vitale, la “realtà” secondo la nostra cultura occidentale, “l’immagine illusoria”
(Maya) dal punto di vista delle culture orientali.
La materia possiede il potenziale (capacità, probabilità, possibilità) di trasformare in forze l’energia virtuale
per mezzo dell’informazione e in tal modo di commutare la realtà del nostro mondo fisico, tridimensionale.
Per noi essa è la “Realtà” perché con le forze che l’hanno originata ne è risultata qualcosa di misurabile e di
cui possiamo giustificare l’evidenza.
La commutazione dalla virtualità (potenzialità) in quello che noi chiamiamo realtà viene avviata con
l’assorbimento di una grandezza energetica selezionata, ossia attraverso risonanza. Un principio molto noto
dell’ermetismo dice: “Ogni simile può essere generato solo dal proprio simile”. Attraverso l’assorbimento,
attraverso la risonanza si collassa la probabilità (la potenzialità) e sorgono i quanti che sviluppano forze

41
concrete. Per indirizzare la risonanza e così costruire i giusti ponti di forza, è necessaria l’informazione. Ogni
essere materiale e ogni evento riposa sempre ed esclusivamente su fisica e informazione.
Informazione, come la intendiamo in questo contesto, è un principio mentale con basi fisiche. Non ha senso
parlare d’informazione senza che sia riferita a qualcosa. Informazione nasce per il fatto che viene quasi fissata
una grandezza energetica o un campione energetico, “dall’oceano delle infinite possibilità” dandogli
significato e valore. Ciò vuol dire: - È in primo luogo il comprendere l’informazione che la fa divenire
informazione.
Informazioni in ultima analisi non sono altro che risposte a domande poste da noi o da altri sistemi. Esse
sono energia codificata che su richiesta viene intesa e decodificata (elemento base dell’informazione e
l’alternarsi sì-no = 1-0= 1 bit).
Ogni energia che con l’aiuto delle masse sviluppa forze all’interno della materia, è pulsata. Ogni energia
codificata da impulsi serve all’informazione. Anche il linguaggio appartiene a questa categoria.
Descriveremo più avanti e ancor più da vicino l’essenza dell’informazione (vedi cap. 5). Qui ci limitiamo
a fare presente un principio della fisica quantistica per cui la pulsazione assume un ruolo decisivo.

3.5 Il paradosso quantistico di Zenone

Nel National Institut of Standards Technology, Boulder Colorado, (NIST), gli ioni di berillio all’interno di
un contenitore furono sottoposti a onde radio ed eccitati durante 256 ms (millisecondi). A seguito di ciò il
totale degli ioni erano eccitati con il cento per cento delle probabilità. Gli ioni però “si decisero”, credettero
necessitare di uno stato di eccitazione più elevato nel momento in cui vennero misurati (osservati) con un
raggio laser.

Ecco in dettaglio i risultati:


Quando gli scienziati osservarono gli ioni dopo 128 ms, quelli eccitati, secondo le aspettative, erano la
metà.
Osservandoli 4 volte in intervalli regolari entro i 256 ms, gli ioni eccitati erano solo un terzo.
Osservando (naturalmente sempre al laser) 64 volte (ogni 4 ms) riscontravano pochi ioni in stato di
eccitazione. Erano tutti rimasti in uno stato di quiescenza (Itano 2009).

Si tratta qui del paradosso di Zenone adattato alla quantistica, dimostrato e ripetuto in molteplici
esperimenti: Stati quantici sotto osservazione continua, non si modificano nemmeno quando su di essi agisce
o provano ad agire energie eccitanti e in risonanza. Se noi non distogliamo da loro la vista i loro livelli
energetici rimangono congelati. Soltanto gli stati quantici che non vengono osservati si trasformano.
L’osservazione, la misura, il riconoscerli impedisce la diffusione delle onde di probabilità. Per questo non ci
sono più nuovi stati dentro un periodo di tempo definito.

42
Osservazione ➔ Stato d’inerzia

Osservazione continua ➔ Congelamento

Osservazione a impulsi ➔ Nuovi stati continui

Affinché il processo non resti congelato, quiescente, entra in gioco la forza del pulsare. Nell’organismo è
tutto una pulsazione. In particolare, le coesioni dei composti molecolari esistono solo in un lasso di tempo
limitato. La durata della loro vita è in diretta correlazione con l’energia del legame:
Valore medio dell’energia di Durata media della coesione
coesione molecolare
0,13-0,32 eV (agglomerato acqua) 10-10 a 10-12 secondi
0,9 eV 0,1 secondi
1,5 eV 1,3 anni
1,8 eV 30.000 anni
eV = elettrone Volt

Ogni qualvolta un legame si rompe, viene liberata l’energia precedentemente immagazzinata. Interessante
in questo contesto è l’energia media del legame della sostanza ereditaria del DNA. Essa corrisponde ad una
durata di vita che coincide con molta esattezza al nostro assetto arcaico interno. La costruzione dell’individuo
di oggi conta un età di circa 30mila anni. Questo lo si può dedurre dal fatto che il moderno “homo sapiens”
dell’Africa non si distingue dalle forme conosciute di 35-mila anni fa in Europa. L’uomo di Cro-Magnon, il
primo “homo sapiens” vivente in Europa, appartiene anatomicamente all’individuo moderno ed è vecchio di
25mila anni. Le sue caratteristiche sono una fronte alta, un grosso cervello, un palato parabolico e un mento
sporgente. Dai suoi discendenti sono venuti fuori gli europei di oggi.
Cristalli e alcuni tipi di pietra sono strutture molecolari a griglia il che vuol dire che in esse, atomi, ioni e
molecole, si ripetono periodicamente costituendo una struttura spaziale geometrica appariscente. I componenti
di tali strutture si ripresentano e interagiscono energeticamente in intervalli sempre uguali differenziandosi
così dalla materia vivente. A causa di questa osservazione continua, risonante, all’interno della griglia
cristallina resta esclusa una modifica veloce come nell’organismo vivente dentro cui tutto pulsa. Destino di
ogni materia è il continuo ciclo del costruire-ricostruire e così fare posto al nuovo.
Un’analogia interessante ce la fornisce l’induismo con la divina trinità Brahma, Vishnu e Shiva.

43
Risultato: tutto quello che noi come individui chiamiamo realtà, deve essere trasformato dalla costruzione
dell’informazione con il concorso d’informazione già esistente da una energia virtuale nello spazio privo di
massa (vuoto) in forza concreta. Nel nostro mondo spazio-temporale non può esistere nulla che non abbia
percorso questo processo.
L’origine delle forze, delle fasi temporali e dell’informazione “senso e valore” risulta, secondo la
quantistica, dalla commutazione di virtualità:
= “Oceano delle infinite possibilità”
= Sovrapposizione
= Coerenza con realtà
= Ancoraggio ad una delle possibilità
= Collasso della funzione d’onda
= Decoerenza

Dopodiché assumono validità le leggi della fisica classica.


Masse sempre più grandi sono sempre più soggette alla causalità e non più alla possibilità statistica, alla
virtualità, e diventano quindi oggetto di trattamento della fisica classica.
Le forze che agiscono tra le masse (nuclei degli atomi, elettroni) e le molecole (coesione) hanno
determinato:
Spazio: coordinate tra quello su cui agisce la forza di coesione.
Tempo: durata durante la quale la coesione rimane. Questa durata sta in correlazione con l’energia di
coesione.
Senso e valore: che deve essere interpretato dalla struttura finale affinché l’informazione possa adempiere
il suo compito.

3.6 Risonanza: cacciatore e amplificatore di energia

Quali possibilità abbiano noi per arrivare all’energia e all’informazione proveniente “dall’oceano di tutte
le possibilità”?
Energie che generano forze vengono di preferenza catturate tramite risonanza. Affinché la situazione di
risonanza venga riconosciuta come tale, devono affluire delle informazioni. Quali sono queste informazioni?
44
Costruzioni di massa-spazio-tempo generano spazi che pongono limiti ad un volume. Nell’individuo, quale
costruzione, oggetto spazio-temporale, questi confini sono composti da costituzioni più consistenti
dell’ambiente che lo circonda: membrane, pareti cellulari, pareti dei vasi sanguigni, tessuti che avvolgono il
corpo con la pelle e molto più. Masse consistenti significano un numero maggiore di molecole e quindi anche
più elettroni.
Quando sugli elettroni agisce energia elettromagnetica che può scaturire da cariche oscillanti in movimento
(ogni elettrone accelerato o frenato emette quanti, nella più parte fotoni), gli elettroni vengono eccitati,
ripiombano poi nel loro stato originale e in questo istante emettono, cedono energia propria sotto forma di
oscillazione elettromagnetica spesso con la stessa frequenza o con una simile alla loro. Siamo in presenza di
riflessione.
Nel caso che questa oscillazione inviata si sovrapponga all’oscillazione in caduta, se le ampiezze d’onda si
sommano può risultare un’ampiezza di oscillazione più elevata, una risonanza. In tal modo s’intensificano
sempre di più anche le forze che risultano dall’informazione all’interno delle oscillazioni. Da una piccola
eccitazione energetica possono nascere costellazioni di forze di enorme intensità che possono condurre alla
distruzione, alla catastrofe (effetto distruttivo ben noto in ingegneria).
In presenza di risonanza acustica i bicchieri di vetro si frantumano; nella risonanza elettromagnetica in
modalità di accoppiamento relativo i microfoni emettono improvvisamente suoni stridenti. In presenza di
risonanza psichica le vittime subiscono attacchi di panico, “panic disorder”, come comunemente chiamati in
gergo.
Ogni spazio permette oscillazioni di natura acustica ed elettromagnetica tipiche ad esso. Tutti i quanti,
anche gli elettroni, possono assumere due identità: oscillazioni o particelle in presenza di comunicazione
associata. Tutti gli elettroni presenti in uno spazio definito restano subordinati alle grandezze oscillanti
ammesse. La frequenza dell’oscillazione collettiva degli elettroni dipende quindi da dimensione e forma dello
spazio relativo. Sono ammessi solo onde intere con valori di picco e di vallo. Le onde devono calzare
esattamente tra le pareti opposte, non sono ammesse semionde. Anche gli atomi che si trovano in questa cavità
spaziale possono venire eccitati dalle onde di risonanza spaziali adeguate. Questa energia essi la possono
riflettere nuovamente solo quando la cavità spaziale rimane identica. Se in presenza d’influssi meccanici lo
spazio si è deformato e la lunghezza d’onda non è più adeguata, l’atomo rimane nello stato di eccitazione.
Questo effetto venne per la prima volta confermato nel 1958 dagli esperimenti di J.M. Sprnaay, dieci anni
dopo la teoria di H. B. G. Casimir che gli diede il nome (effetto Casimir). L’effetto Casimir vale in fisica per
dimostrare che il vuoto è “quasi” vivo, pieno di fluttuazioni che contengono energia.
In questo modo le composizioni materiali seguenti: atomo, densità degli elettroni e lo spazio che avvolge
questi due componenti e che regola le oscillazioni risonanti (propriamente detto, la componente temporale
dell’oscillazione, ovvero la frequenza di ripetizione di un’oscillazione), sono sempre da considerare una unità.
Anche uno spazio limitato, pieno o vuoto che sia, è adatto per l’energia di risonanza e per le informazioni come
le antenne riceventi e trasmittenti che dal canto loro sono strutture spaziali limitate, specifiche per gli elettroni.
C’è ancora un’altra particolarità: il plasma. Viene così chiamato l’ambiente carico di particelle. Ricerche russe

45
hanno evidenziato che il nostro organismo è pieno di plasma sebbene la fisica riconosce solo un ambiente di
elettroni e ioni (Warnke 2008). Una tale fase del plasma non sviluppa soltanto onde elettromagnetiche che
oscillano sempre in perpendicolare sull’onda di propagazione, bensì anche oscillazioni longitudinali. Si tratta
qui di una forma oscillante mediante la quale noi gustiamo, apprezziamo l’acustica. Nel plasma queste
oscillazioni non sono acustiche bensì di natura elettrostatica. Dentro la fase del plasma possono propagarsi
solo quelle onde la cui frequenza è più elevata della frequenza fondamentale degli elettroni del plasma. In
presenza di onde di bassa frequenza, cosa che vale per le oscillazioni longitudinali con ioni ed elettroni quali
portatori, avviene sempre riflessione totale simile a quella di una piastra metallica e da ciò sorgono nuovamente
le nostre tipiche strutture risonanti.
Ogni elettrone percepisce la particolarità di uno spazio e adatta di conseguenza il suo comportamento. Egli
si subordina alle frequenze oscillanti specifiche. Ogni spazio ha quindi la sua frequenza fondamentale che è
l’informazione per determinare la lunghezza delle onde. Ogni frequenza corrisponde ad una precisa grandezza
energetica quantica e con ciò ad una determinata proprietà delle particelle di trasmissione. Noi abbiamo
bisogno, usiamo, necessitiamo degli spazi costruiti nel nostro organismo per attaccare ed estrarre dal vuoto
determinate grandezze energetiche tramite risonanza, amplificarle nello stesso tempo nel collettivo delle
particelle reagenti e per costruire ponti di collegamento tra le masse.
Ricapitoliamo per meglio memorizzare questi fatti nella loro futura esposizione:
La materia così costruita del nostro organismo, con i suoi campi di oscillazioni è necessaria:
• Perché così sorgono risonanze che costruiscono i ponti di collegamento tra le masse.
• Perché può venire estratta energia “dall’oceano delle infinite possibilità”. Essa viene poi trattenuta,
trasformata e nuovamente ridata come descritto precedentemente.
• Perché beninteso, anche con l’aiuto delle masse il nostro organismo, costruzione materiale, possa essere
tenuto sulla superficie terrestre attraverso la forza di gravità.
Sorgono ora problemi inderogabili: In che modo possono venire selezionate e trasportate dallo stato virtuale
in quello reale determinate grandezze energetiche e d’informazione? E come possono venire utilizzate nel
mondo materiale queste energie e informazioni selezionate, per la costruzione di un sistema sensato?
Innanzitutto è necessario un sistema di trasformazione che renda reali energie e informazione trasportandole
nel mondo materiale. Il secondo requisito è una memoria per questo campione d’informazione, memoria che
contenga il totale delle costruzioni e delle esperienze e a cui si possa accedere a piacere. L’oceano delle infinite
possibilità si presta naturalmente a questo scopo.
Ci stanno due vie che ci indicano come da una “possibilità” si arrivi alla realtà o altrimenti detto: come da
energia e informazione virtuali indefinite possa sorgere materia e il suo effetto. Una via, già delineata, della
capacità di risonanza è data da strutture materiali esistenti con orientamenti spaziali differenziati e spazi tra le
masse. Per percorrerla necessitiamo il nostro organismo. L’altra si sviluppa attraverso l’attività della
consapevolezza e su questa ci concentreremo più avanti.
La costruzione materiale diretta del nostro organismo, diventa possibile perché la memoria del DNA con
la memoria dell’oceano di tutte le possibilità provvedono a che molecole in oscillazione risonante vengano

46
continuamente distrutte e costruite e depositate al posto giusto all’interno della matrice predeterminata del
nostro organismo. In questo modo vengono trasmesse le forze che ci conferiscono la resistenza necessaria
permettendoci di funzionare.
La costruzione interna che abbiamo delineato adesso, è di nuovo dipendente dalle energie presenti
nell’ambiente esterno dell’individuo. Da una parte sono soprattutto i neuroni cerebrali a contrassegnare in
continuo nell’oceano delle infinite possibilità le diverse informazioni individuali. D’altro canto l’individuo va
ad attingere continuamente informazioni da questo campo. In questo modello si può inserire anche la memoria
del DNA. La costruzione elicoidale delle molecole del DNA, come antenna di risonanza potrebbe servire ad
attaccare informazioni ben definite dell’oceano delle infinite possibilità (vedi cap. 5). Il nostro spirito o la
consapevolezza relativa interpreta queste informazioni “realizzate”, vi assegna senso e valore e pilota
conseguentemente la materia.
Dobbiamo adesso distinguere:
• L’auto-organizzazione della materia (operazioni autoregolate energia-spazio)
• La modulazione della materia attraverso l’intelletto (operazioni energia-spazio regolati dalla
consapevolezza)
• La modulazione della materia sotto l’influsso di energie esterne.
Sebbene tutti e tre i fattori siano concatenati e coesistenti, ci occuperemo di seguito solo del secondo, la
modulazione della materia per mezzo dell’intelletto.

47
4. Tutto trae origine dalla consapevolezza

“La materia non esiste, esiste bensì un tessuto di energie a cui lo spirito intelligente diede la forma…”
Max Planck

Possiamo senz’altro osare affermare che noi su questa terra viviamo in un corpo per accumulare esperienze
che non potremmo fare soltanto con le particelle elementari che lo compongono. Ed è proprio a causa di questo
processo: “fare esperienze”, che necessitiamo di una consapevolezza.
Nel capitolo precedente abbiamo appreso che, con l’impiego della materia del nostro corpo, “dall’oceano
delle infinite possibilità” riusciamo a fissare informazioni concrete di particelle (dai cosiddetti contenuti
virtuali del vuoto), tramite le quali poi le forze agiscono sulla materia. La domanda che adesso si pone è: Chi
esegue questa azione e chi sono “IO”? Anche la risposta a queste domande necessita di una consapevolezza.
Ma cos’è, propriamente detto, questa consapevolezza che noi rendiamo responsabile della nostra esperienza?
La consapevolezza è per noi talmente naturale che nessuno ormai si chiede cos’è. Essa per noi di solito non è
conscia, pur restando in assoluto la cognizione più importante che possediamo.
In che cosa consiste dunque lo stato di “essere consapevole” proprio all’essere umano? La ricerca
neurologica non ha ancora dato alcuna risposta valida a questa domanda.
Si è cercato di identificare in generale l’attività cerebrale con la consapevolezza, ma la prova è fallita. Una
gran parte delle nostre aree cerebrali rimangono attive nel sonno profondo, sotto narcosi, in alcuni stati
comatosi e negli attacchi epilettici, senza che si registrino stati consapevoli. Anche il cervelletto è sempre
attivo, possiede una concentrazione più elevata di neuroni del cervello, eppure il suo contributo all’esperienza
consapevole è irrilevante.
Dalla nascita della psicanalisi si parla sempre più di processi consapevoli e inconsapevoli, e riallacciandosi
alla dottrina di Sigmund Freud si suppone l’esistenza della struttura di una rete molto vasta in grado di
determinare le nostre funzioni vitali, senza che ciò ci sia consapevole. A partire da tale momento inizia anche
la distinzione del conscio dall’inconscio. Nella letteratura vengono menzionati stati ulteriori di
consapevolezza: della veglia, del sonno, del coma, dell’agonia, ma per nessuno di essi esiste una definizione
inequivocabile.
Non possedendo quindi una definizione generalmente valida per consapevolezza conscia e/o inconscia,
siamo costretti a cercarne una che stabilisca il significato da dare a questi termini, nel contesto di questo trattato.
Le persone convinte che gli stati di consapevolezza cambiano a secondo delle situazioni, molto probabilmente
sbagliano. La consapevolezza può infatti essere intesa come un modo unico e ben preciso non soggetto a
cambiamenti. Quello che cambia è la finestra della percezione che viene aperta dal commutatore della
”consapevolezza”. Non ci troviamo in un altro stato di consapevolezza, ci troviamo solo in presenza di
percezioni diverse: una percezione dell’IO, una percezione con caratteristiche di memoria che “fissa i ricordi”,
una percezione del sogno, e perfino una della morte vicina. Di certo, sono attivi altri tipi di percezione come
p.e. lo speciale sensorio nel sonno profondo.
48
Inoltre, la consapevolezza inconscia, o subcosciente, è sempre attiva e ci alimenta con informazioni dal
mondo delle emozioni. Il subcosciente, che più avanti nel capitolo 7 identificheremo quale anima, riconosce
l’immensità. Ciò è un’evidenza basata sulle emozioni primordiali (amore, odio, ecc.) che sono innate e sul
fatto che la ragione non è in grado di cogliere, rilevare l’attimo emotivo. Se la ragione si sforza d’individuare
l’emozione attiva dell’attuale momento, la stessa emozione sparisce e lascia il posto ad una nuova: “alla
curiosità della ragione”. La ragione quindi non è mai in condizione di dirigere direttamente l’emozione. Però
attraverso i pensieri scelti tramite la volontà è possibile dirigere stati d’animo. Anche la fede appartiene a
questa categoria perché è piuttosto causa di una guida indiretta dell’attenzione.
Lo stato emotivo che noi definiamo “motivazione”, è decisivo per il nostro agire, tuttavia esso agisce in
modo del tutto inconscio. Non c’è nulla che avvenga senza motivazione. Forme di motivazione dominanti sono
cupidigia (volere avere tutto) e rifiuto (volere evitare). Per questo definiamo:

Consapevolezza conscia è un modo che apre l’accesso al discernimento e all’elaborazione


dell’informazione che affluisce alla ragione. Consapevolezza inconscia è lo stesso modo che apre l’accesso al
discernimento e all’elaborazione dell’informazione che affluisce all’emozione.

Questa definizione serve a rendere chiara l’esistenza di una sola consapevolezza che a seconda delle attività
cerebrali fa ricorso a differenti possibilità e finestre di percezioni, suscitando l’impressione di avere davanti a
sé diversi stati di consapevolezza.
Se il modo cosciente/subcosciente gioca un ruolo talmente importante nella nostra vita, dovremmo
brevemente elencare tutto quello che con ciò ci è possibile collegare.
La consapevolezza conscia/inconscia necessita ad esempio di percezione e intelligenza, memoria e ricordi.
La consapevolezza organizza negli individui il totale dei pensieri, conoscenze ed esperienze, il sapere, la
volontà, i desideri e le intuizioni, come anche tutti i modelli di emozioni e gli stati d’animo. Quando quindi
incontreremo il termine “consapevolezza” nel testo seguente, la consapevolezza subcosciente fa sempre parte
di esso.
La consapevolezza, aprendo l’accesso all’informazione selezionata, assume anche la funzione di motore
dell’intelletto. L’intelletto condiziona il pensare, a cui seguono i pensieri. I pensieri del sistema nervoso
centrale sono emozioni elaborate in informazioni dal sistema nervoso vegetativo. Il solo pensare non genera
alcuna modifica della materia, ma pensieri combinati con le emozioni influenzano sempre la materia del corpo,
cosa che per esempio si lascia leggere dalla mimica e dal lieve irrigidimento chiaro e palpabile della
muscolatura se confrontati, p. es., con pensieri avversi. La consapevolezza assume quindi il ruolo d’interfaccia
tra il campo dell’informazione e la materia.
Essa però va ben più avanti e, oltre ad aprire l’accesso all’informazione, comanda anche la percezione. I
sensi vengono indirizzati e messi a fuoco su uno scopo specifico. Il che significa che essi vengono scelti dalla
consapevolezza per un’attività ben definita. La percezione stessa è un atto dell’osservazione consapevole.
Questo di nuovo contiene l’arte della ”omissione creativa” di innumerevoli possibilità, filtro anche delle

49
caratteristiche sensate estratte dal coacervo generale. Possiamo quindi affermare che la consapevolezza è il
modo mirato che porta a livello di percezione e ordina le caratteristiche di oggetti e processi secondo il
principio “dell’identico che riconosce l’identico” e che noi abbiamo precedentemente conosciuto come
risonanza. Il percepito viene interpretato dalle emozioni, corredato di significato e importanza e classificato
dall’intelletto in uno schema. Così ha origine il mondo.
Le idee (visioni) sono figure consapevoli generate con significato e importanza. Esse guidano, come in un
sogno, la materia fisica esattamente quasi si trattasse di una situazione reale.
Proprio per questo, rappresentandosi una luce accecante le pupille si restringono. È il significato di
“accecante” che ha un ruolo determinante. Il solo pensiero di mordere in un limone ci produce salivazione, il
cui detonatore è il termine “estremamente agro”. Guai a pensare intensamente di soffrire di tachicardia o di
altri disturbi cardiaci. Un pensiero che con molta probabilità si trasformerà in realtà.
Per noi un mondo senza la nostra consapevolezza non può esistere. Anche le leggi naturali, considerate
irrefutabili e obiettive, non esisterebbero senza consapevolezza, perché anch’esse traggono origine da essa.
Tutto quello che gli individui sanno oggi e sapevano in passato, trae sempre origine dalla consapevolezza. Essa
è il procacciatore di tutto lo scibile. Non esiste scienza e conoscenza che non sia passata attraversato il filtro
della consapevolezza. Realtà che non possiamo ignorare, ma che noi non prendiamo mai abbastanza in
considerazione.
Se riteniamo le nostre definizioni plausibili, esiste quindi un ordine gerarchico dei momenti di
consapevolezza: così come la “consapevolezza delle cellule del corpo” costruisce gli organi con l’aiuto delle
informazioni interscambiate, la consapevolezza degli organi costruisce organismi e gli organismi formano le
società, allo stesso modo la struttura percettiva del fattore della consapevolezza assume un livello superiore
con ogni nuova associazione, in quanto stanno sempre a disposizione nuove strutture d’informazione.
Se dunque la consapevolezza è talmente essenziale per tutto, la teoria secondo la quale lo spirito (vettore di
consapevolezza) quale utente della consapevolezza si è sviluppato dalla materia, dovrebbe essere invalidata.
Dovrebbe invece essere la materia a derivare dallo spirito, visto che ogni materia può essere riconosciuta
sempre e solo attraverso la consapevolezza. L’essenza della natura è di conseguenza piuttosto spirituale che
materiale.

4.1 Indagare l’essenza della vita

Il miglior modo di comprendere l’essenza della vita è indagare in noi stessi, nel nostro IO, ponendoci le
giuste domande.
Stenditi rilassato e indirizza i tuoi pensieri su te stesso. Tu sai: “Qui giace il mio corpo e il mio IO”. Mentre
tu pensi a questo, si fa viva un’altra istanza che osserva tutto, compresi i tuoi pensieri. Chi osserva i tuoi
pensieri?
In ogni momento noi possiamo concentrare la nostra consapevolezza su un dato di fatto, una circostanza
precisa, p. es. su un bel fiore mentre passeggiamo. Oppure ci concentriamo su qualcosa di preciso per poter

50
azzeccare una scelta e mettere ordine nella giungla delle informazioni. Chi impartisce questo incarico nello
stato di veglia consapevole?
Esistono interessanti risultati da prove che dimostrano che il nostro cervello è attivo, pronto per un’azione,
sebbene la nostra consapevolezza sia ancora all’oscuro dell’azione (vedi più avanti considerazioni nel
paragrafo 4.9: “retroset” ecc.). Chi agisce in questo caso sebbene sia dimostrato che non si tratta della
consapevolezza da sveglio?
È stato anche più volte dimostrato in molteplici esperimenti che gli spettatori che hanno seguito su uno
schermo la proiezione di una sequenza d’immagini a caso, possono anticipare il contenuto relativo alla
prossima, per esempio di un panorama, di un incidente o di una tematica a sfondo sessuale. In altri termini: gli
spettatori immaginano già quali contenuti seguiranno, sebbene l’immagine non sia ancora visibile. Questo
fenomeno si può riprodurre e porta il nome di effetto anticipante. Ma chi o cosa di noi è in grado di sapere
quello che ancora non è stato presentato?
Quando un raggio laser, come quello del puntatore, si posa a piacere sui punti di una curva proiettata da
un’apparecchiatura su una parete bianca, il nostro occhio si posiziona esattamente sei millesimi di secondo
prima sul punto preciso dove il raggio sarà indirizzato casualmente senza alcuna informazione conscia che lo
prevede.
È evidente che in un primo momento potremmo immaginare il proprio IO dietro l’istanza superiore. Nessun
dubbio: Io vivo con consapevolezza ma il mio IO evidentemente non è identico alla consapevolezza. Esso resta
fuori dalla consapevolezza. Il mio IO amministra e usa la consapevolezza. Esso è come quello che indica la
strada e in quanto tale è esso stesso autoistanza. In effetti il mio IO impiega la consapevolezza per stabilire gli
scopi. Consapevolezza e IO si condizionano vicendevolmente. Ciò non esclude che esistano altre essenze che
presentano ugualmente le caratteristiche di una consapevolezza.
Nel contesto di questo trattato e a complemento di quanto stabilito sopra, vogliamo quindi definire la
consapevolezza come segue:

Consapevolezza è il movente e la capacità di un essere di riconoscere l’informazione come tale e di


elaborarla conforme allo scopo, ossia intelligentemente.

La consapevolezza è di conseguenza un processo. Se questa definizione è esatta, ci troviamo di fronte ad


un problema. Così dicendo ogni computer avrebbe una consapevolezza e l’essere umano alla fine verrebbe
ridotto ad un computer. Assolutamente no! Al concetto di consapevolezza non abbiamo ancora assegnato il
valore riconosciuto al ruolo della consapevolezza subconscia.
Questa consapevolezza inconscia, definita anche “emotiva”, è la capacità di riconoscere ed elaborare
intelligentemente informazioni che defluiscono dalle emozioni innate. Più del 95 per cento del totale delle
informazioni elaborate che fanno capo alle proprie funzioni vitali viene attuato tramite la consapevolezza
subconscia che immagazzina circa un miliardo di unità d’informazioni al secondo e delle quali normalmente
solo l’uno per cento supera la soglia della percezione consapevole.

51
Alla consapevolezza conscia, diurna, dell’intelletto, sfugge ogni controllo sulle attività delle emozioni di
quella inconscia, che scorrono automaticamente e va bene così, perché l’automatismo estremamente
intelligente della consapevolezza inconscia serve in ultima analisi a proteggere quella conscia permettendoci
di concentrarci sull’essenziale senza rimanere sommersi, inibiti, travolti dalla piena delle informazioni.
Un computer non ha emozioni e non ha nemmeno alcuna capacità di elaborarle. Per questo gli organismi
sono di gran lunga ben più che un computer e l’essere umano non sarà mai sostituito da una intelligenza
artificiale.
L’IO, con l’aggiunta di conscio/subconscio lo possiamo definire autoistanza. È importante sapere che
l’autoistanza senza una consapevolezza resterebbe completamente isolata e non potrebbe sussistere così come
noi esseri umani la conosciamo dalla natura. Uno sviluppo ulteriore sarebbe escluso in assoluto. Con la
consapevolezza invece l’autoistanza è causa e origine di ogni assetto perché elabora diligentemente le
informazioni. L’autoistanza è una entità in sviluppo continuo con una grande capacità di memoria. Essa
appartiene all’essenza della nostra vita.

4.2 Come la consapevolezza pilota la materia del corpo

La nostra quotidianità è impregnata dalla volontà di fare qualcosa e dalla fede di poterla fare senza che
questo richieda una riflessione particolare. Il processo si svolge inconsciamente. Motivazione, fiducia e fede
si servono di emozioni innate per regolare automaticamente il totale delle funzioni del nostro corpo
(circolazione del sangue, ripartizione e alimentazione dell’energia, mimica, portamento e ben oltre) e
indirizzarle per mettere a fuoco ed eseguire l’azione desiderata. Se motivazione e fede, giorno dopo giorno
guidano il nostro corpo, questo avviene anche in caso di malattia. Se noi potessimo manipolare la fede tanto
da farla operare come potere curativo, la guarigione non sarebbe facile da ottenere? Quali energie si celano
dietro questo meccanismo dell’inconscio? Dove si situano i confini della sua efficacia?
Il processo di messa a fuoco si scontra però con un ostacolo massiccio e di non poco conto. Non ti sei mai
reso conto che nella tua mente ronzano una quantità di pensieri impossibile da rimuovere? Questo inizia al
mattino quando apri gli occhi e finisce la sera quando ti addormenti. E i pensieri non si assentano nemmeno
dai nostri sogni, solo nelle fasi di sonno profondo essi ci lasciano in pace. Si stima che una persona elabori la
media di 40 mila pensieri al giorno. Essi sono indispensabili per pianificare poi l’elaborazione delle
informazioni. Ed essi non solo possono attivare “il Volere” che agisce sulla materia, ma possono anche
“snervare” e bloccare proprietà e stati d’animo quali saggezza, tranquillità e calma che ci sarebbero molto più
utili. I pensieri fluiscono sempre secondo un modello ricorrente. Essi si riferiscono o ad esperienze passate o
a possibili eventi futuri. Per molte persone è fatale la sensazione di frustrazione quando in passato qualcosa
non è andata per il verso desiderato mentre il futuro si delinea incerto. Domina la paura che potrebbe succedere
un guaio o che il passato insoddisfacente si ripresenti ancora una volta. I motivi che mettono paura, e terrore,
che ci rendono incerti, sono tanti, e così il presente, unica situazione reale della vita, viene avvelenato da
emozioni negative.

52
I pensieri consumano un’enorme quantità di energia. In particolare i pensieri negativi che segnalano
“allarme” persistente, gravano sul totale del nostro bilancio energetico.
La designazione “buono”/“cattivo”, “utile/ “dannoso” sull’etichetta incollata nella centrale di valutazione,
dipende dal senso e dal valore o significato/importanza che diamo a qualcosa, ad una situazione. Come si
sviluppa questo?
Noi, ognuno per sé, quando commutiamo la realtà, siamo creativi. Ciò ci riesce sempre quando ci rifacciamo
alle caratteristiche di qualcosa o di un processo. Per riconoscere caratteristiche, dobbiamo necessariamente dar
loro significato e importanza. Contemporaneamente dobbiamo essere in grado di paragonarle con altre
caratteristiche alle quali già in passato abbiamo dato significato e importanza o valore. Brevemente detto: noi
usiamo esperienza.
E qui si pone nuovamente il seguente quesito: “Chi dentro di noi è in grado di giudicare, di assegnare valore
e significato?” La risposta è inequivocabile: È il mondo delle nostre emozioni! Stranamente le emozioni
primarie che ci permettono di esprimere un giudizio su un processo o un evento, sono innate. Assieme a tante
altre abbiamo da un lato gioia, tristezza, amore, senso di benessere e sicurezza e d’altro lato odio, ira, paura.
Sotto questi aspetti noi tutti ci rassomigliamo ben più che sotto altri. Anche molti animali posseggono questo
tipo di emozioni. Se noi possediamo qualcosa comune a tutti noi, stimoli risonanti sono possibili. Ci lasciamo
quindi contaminare vicendevolmente da determinate emozioni. Gioiamo insieme, piangiamo insieme e così
innestiamo l’unione e la dinamica di gruppo e avvaloriamo l’azione. Da piccoli siamo costretti ad apprendere
dai nostri genitori e dalle persone di nostro riferimento come proiettare le nostre emozioni innate sui processi
appropriati. L’effetto di gruppo ci facilita questo apprendimento che, una volta compiuto, ci permette di
valutare integralmente gli eventi che si riproducono dentro di noi e attorno a noi. “Integralmente”, in questo
contesto, significa che non ci soffermiamo all’analisi dei singoli fattori che accompagnano gli eventi. Più di
ogni altra cosa è la sensazione che cresce dentro di noi a farci dire quello che in ciò è buono e quello che è
cattivo. Proprio questo gli assegna significato e importanza e solo adesso l’evento diventa per noi reale.
Gli impulsi più importanti della nostra esistenza, traggono origine dalla centrale delle nostre emozioni.
Questo dato di fatto ci occuperà continuamente in questo trattato. Emozioni e pensiero non si lasciano separare.
La realtà che attraverso le nostre emozioni entra nella nostra vita, guida le funzioni del nostro corpo. Emozioni
sono la sostanza che accompagna tutti i nostri pensieri. Se impieghiamo le emozioni con molta parsimonia
diamo la sensazione di essere piuttosto “freddi” o intellettuali, se invece le esprimiamo con forza ci mostriamo
“emozionali”. Intellettuale in questo caso significa che in primo piano c’è lo sforzo di capire un processo o
una faccenda determinata. Emozionale, che etimologicamente si riferisce al “muoversi verso l’esterno,
esteriorizzarsi”, significa che il mio corpo si prepara alla reazione ad un evento e contemporaneamente segnala
al mio ambiente quello che avviene in me stesso e come si manifesta.
Il totale degli interessi, ogni motivazione, tutti i valori poggiano sulle emozioni. Noi viviamo i nostri giorni
felici, allegri, eccitanti o deprimenti, noiosi, deludenti. Perfino il proposito di abbordare una situazione da un
punto di vista strettamente logico è una scelta, una decisione emozionale.

53
Nel sistema nervoso cerebrale pienamente occupato a elaborare il totale degli stimoli sensori per un impiego
utile, assegnando continuamente significato e importanza e occupato a pianificare i pensieri, da stime
riconosciute hanno luogo circa 2,3 milioni di miliardi (2,3 x 1015) di operazioni di calcolo al secondo. E poiché
l’alimentazione energetica del cervello è sempre prioritaria, questa energia fa difetto in altri posti. Influenze
ambientali come antenne di comunicazione mobili o statiche più una grande quantità di Noxa o agenti patogeni,
acuiscono significativamente il problema del consumo energetico.
La deficienza energetica rende estremamente vulnerabili le cellule del sistema nervoso e muscolare.
All’inizio noi siamo nervosi e tesi, e quando la mancanza di energia tende a durare arrivano allora i disturbi
funzionali più diversi. Corpo e psiche soffrono e queste sofferenze si amplificano a vicenda. Tinnito, sordità,
insonnia, irrequietezza, bourn-out e depressioni sono le conseguenze. La prossima intensificazione sbocca
nella malattia che si manifesta quasi ovunque come infiammazioni in più organi con espansione nel corpo
intero. Dopo diversi anni il cancro è un risultato quasi ineluttabile.
Il tremendo carico di stimoli e informazioni in presenza di deficienza energetica è la causa del forte aumento
di malattie psichiche. Dai dati delle casse malati, in Germania queste patologie da 500mila nel 1990, erano il
doppio nel 2012. Anche in Francia, Nordamerica e Giappone le malattie psichiche sono in continuo aumento.
Lo stesso vale per i paesi con una crescita economica esplosiva come Cina e Brasile. Le depressioni secondo
quando rilevato dall’OMS, si situano nel frattempo al secondo posto come causa di invalidità di lunga durata.
Come possiamo invertire la marcia? Come lavorano insieme dentro di noi le componenti? È un tema che
tratteremo nel prossimo capitolo.
Fino ad ora abbiamo presentato le proprietà più importanti delle singole componenti delle persone in forma
più o meno isolata. Ma è proprio il gioco di squadra di tutte le componenti che connota gl’individui.
Dall’osservazione di questo gioco di squadra si schiudono ai nostri occhi meccanismi che ci lasciano con il
fiato sospeso.

4.3 Il principio del feedback percettivo

La ricerca cerebrale utilizza congegni sempre più complessi e dispendiosi come gli scanner, ma le risposte
decisive restano tanto lontane quanto in passato: Come e perché io sono in grado di stimare, valutare
l’ambiente? Come posso lasciare fluire un comportamento specifico? Come mi viene assegnato il libero
arbitrio? Anche queste domande restano al presente senza risposta.
Noi siamo capaci di rendere visibili sia aree cerebrali che vengono attivate in presenza di compiti specifici
e sia il livello di metabolismo, ma nessuno sa perché questo avviene e quali esatte deduzioni possa io trarre da
queste mie attività cerebrali.
Si sorvola sempre sul fatto che le nostre attività cerebrali e il comportamento che ne deriva, siano state
precedute da processi di apprendimento molto intensi. Esperienza e competenza cognitiva sono una
combinazione del sapere acquisito, ed è proprio tale combinazione che guida la nostra vita dentro la comunità
sociale.

54
Un cervello, se trattato superficialmente, rassomiglia ad un calcolatore, ma le sue prestazioni non trovano
spiegazioni nella struttura meccanica. Prestazioni e strutture cerebrali possono cambiare continuamente e
risultano da un processo interattivo tra il mondo interiore e l’ambiente. È decisiva l’attribuzione di un senso,
di un significato precisamente sempre diverso. Ma chi attribuisce al processo in corso un significato? La
risposta plausibile suona: l’IO sommato alla consapevolezza, e quindi la nostra autoistanza.
La reazione mirata di un organo la richiamo p. e. quando m’immedesimo consapevolmente nell’organo
relativo in modo retroattivo. Sollevare il braccio quando lo voglio, mi riesce perché dall’esperienza sono
convinto che ciò funziona. Il successo deve diventare consapevole con l’aiuto dei sensi. Solo allora posso
veramente avvertire, p.es. l’irrorazione sanguigna (la vampata) riattivata dalla rappresentazione mentale e il
calore del viso o dei piedi, proprio perché in realtà adesso tutto ciò si riproduce per esperienza, in modo
retroattivo. Allenandomi per un certo periodo, la reazione si riproduce automaticamente, quindi
inconsciamente.
È come andare in bicicletta o guidare un’auto. Una volta appreso ed esercitato va da sé. Reazioni
condizionate e/o acquisite possono defluire inconsciamente come risultato di riflessi consapevoli.
Condizionate significa che in presenza di un evento, stimolo-reazione, hanno anche un ruolo l’ambiente e le
circostanze. Facciamo conto che io ogni sera prenda posto in una poltrona specifica, accendo la TV e guardo
il telegiornale e quello che vedo mi fa sempre arrabbiare. Dopo due settimane sono già arrabbiato quando
prendo posto nella poltrona sebbene ancora non abbia acceso la TV. Il mio organismo ha assorbito le diverse
influenze senza sceglierle e reagisce. Questo principio viene messo a profitto positivamente nell’allenamento
autogeno che produce una miscela di ormoni servita solo in presenza di condizionamento.
Abitualmente viene tacitamente premesso che in ogni essere l’IO soggetto è presente come previsto dalla
natura.
Evidentemente, perfino l’accettare il proprio IO e la sua utilità è un processo di apprendimento. Da lattanti
scopriamo in primo luogo la soggettività delle persone che si occupano di noi. In una fase più avanzata
“assorbiamo” tali caratteristiche. I mediatori di questo processo sono i neuroni riflessi. Quando il bimbo
riconosce il sorriso della mamma, risponde con un sorriso. La successiva reazione del comportamento della
madre viene registrata e il bimbo impara a vedere se stesso detonatore di questa reazione. Ne risulta un riflesso
che possiamo definire sociale. Non passa poi molto a che il bambino si serva volutamente di questo
meccanismo e si stabilisca un IO attore arbitrario.
Wofgang Prinz, direttore e ricercatore di neurologia scientifica e cognitiva dell’istituto Max Planck di
Lipsia si occupa di self construal. La sua tesi suona così: «L’IO non è il mio cervello. Non è nemmeno il mio
corpo o il mio intelletto. Il “Se Stesso” individuale e spirituale è costruito dall’ambiente secondo la norma e
attraverso un continuo effetto retroattivo durante lo sviluppo. Esso funziona come l’intero processo di
evoluzione dell’essere, evoluzione che in definitiva è l’adeguamento di una prestazione all’esigenze e al
feedback dell’ambiente rispettivo. Decisivo per il self construal è, accanto al rapporto iniziale bambino-
ambiente, la cultura specifica nella quale il bambino cresce. Nelle culture asiatiche, il concetto di sé come
persona si differenzia chiaramente da quello dei paesi industriali occidentali».

55
I processi di apprendimento diventano abitudini e anche queste modificano l’immagine del “Sé”, ma
l’effetto reattivo gioca sempre un ruolo decisivo. Il che vuol dire che gl’individui non sono affatto stabili, bensì
si lasciano “formare” senza interruzione dai condizionamenti. L’IO è una costruzione che trae origine dal
contesto dell’ambiente relativo, attraverso l’effetto reattivo. Senza un dirimpettaio sociale non è possibile
formare una demarcazione dell’IO. Ci troveremmo davanti al fenomeno Kaspar-Hauser.
Da questo possiamo dedurre che un IO può essere trovato e riconosciuto solo in interazione con l’ambiente,
cosa che può avvenire soltanto in connessione con una consapevolezza. È così che si costituisce la comunità
dominante con le sue norme di coabitazione.
Il nostro IO e la nostra consapevolezza sono inseparabili come le due facce di una medaglia. Sebbene noi
poc’anzi fossimo risaliti alla causa e origine del nostro IO, restiamo ancora all’oscuro sul ruolo che esso gioca
nella struttura della realtà.

4.4 La percezione a distanza: Remote Viewing

“Remote Viewing” tratta quei fenomeni che mostrano che la persona tramite l’attività cerebrale propria e
rispettivamente del subcosciente può arrivare a spillare frammenti di dati da una sorta di campo delle
informazioni. Alla base ci sta l’idea che l’essere umano e l’animale sono in condizioni di accedere mentalmente
a informazioni lontane nel tempo e nello spazio.
Nel 1972 si diede mano a un progetto di ricerca della durata di ben più di dieci anni presso lo Standford
Research di Menlo Park in California. Scopo del progetto con il nome SCANATE (scan by coordinate) era di
mettere mano concretamente al subcosciente al fine di ottenere frammenti di dati di situazioni reali ed eventi
lontani nello spazio e nel tempo. Il progetto era promosso dalla CIA, dalla DIA (defence Intelligence Agency)
e dall’US Army con finanziamenti che tra il 1983 e il 1989, ammontarono a circa 20 milioni di Dollari.
Cognizione acquisita: con Remote Viewing fu possibile fornire risultati utilizzabili punto per punto, ma il
procedimento non permise alcuna costante in grado di riprodurli a piacere dietro comando. I risultati migliori
si ottennero quando il soggetto di prova descrisse spontaneamente le impressioni che emergevano, così come
esse gli si offrivano senza provare a mischiarle con ricordi e interpretazioni o di falsificarle attraverso
associazioni (Puthoff 2001).

4.5 Consapevolezza: causa e non conseguenza dell'attività cerebrale

L’IO e la consapevolezza albergano nella mente o nel cervello? La domanda è posta erroneamente almeno
tanto come quella che dice: I programmi televisivi sono nel televisore? Oppure: La musica è nel CD?
Televisore e CD sono solo ricevitore e strumenti per la riproduzione di volta in volta di proprietà e così
anche il cervello. Il cervello è un attrezzo che ci permette soprattutto di fare esperienza e di potere memorizzare
contemporaneamente ricordi in una rete. Lo possiamo definire l’Hardware. Medici, psicologi, neurologi e
fisici, tutti designano la consapevolezza come nocciolo dell’essenza dell’Essere e spesso anche quale centro
delle loro attività di ricerca. Eppure s’impantanano senza sapersi trarre d’impiccio quando si tratta di spiegare
56
la consapevolezza. Il loro errore è presumere la consapevolezza come conseguenza dell’attività del sistema
nervoso cerebrale. Sembra invece essere più corretto che la consapevolezza sia la causa dell’attività neuro-
cerebrale e non la conseguenza. La consapevolezza si serve del sistema nervoso al fine di percepire.
Alcune ferite possono beninteso distruggere i collegamenti neuronali del cervello e compromettere la
consapevolezza, così almeno sembra. Ma ciò non dimostra affatto che la consapevolezza sia una effetto
dell’attività della rete neuro-cerebrale. Si può sempre postulare che sia il cervello ad essere una conseguenza
del principio di consapevolezza. Ha sofferto soltanto la percezione, ed è distrutta la trasformazione motoria
del percepito che con l’aiuto del cervello e delle sue reti nervose viene pilotato attraverso la nostra
consapevolezza.
Rifacciamoci nuovamente all’esempio del televisore per meglio illustrare il postulato. Un difetto può
compromettere la funzionalità dell’apparecchio sebbene il raggio di frequenza esterno che convoglia le
informazioni sia presente. Informazioni, enunciati, senso e importanza che l’immagine della TV contiene, non
possono essere misurati con un’apparecchiatura e, secondo i criteri scientifici, tutto quello che non è misurabile
è in pratica irrilevante e probabilmente inesistente.
Nonostante questa incoerenza, l’establishment scientifico affermerebbe obiettivamente che l’informazione
contenuta nell’immagine è disponibile sebbene non fruibile. Tuttavia ecco la prossima difficoltà: davanti a una
TV funzionante, tutti guardano la stessa emissione ma ognuno la trasforma in informazione secondo la propria
struttura mentale assolutamente soggettiva, interpretata diversamente secondo il proprio punto di vista. Ogni
informazione che con l’aiuto della consapevolezza arriva all’IO, viene dunque elaborata diversamente in
funzione del substrato di esperienze che questo IO ha fatto fino a quel momento (vedi cap. 5). Le conseguenze
di tale processo sono le diverse convinzioni che s’incontrano nella realtà sociale.
Il cervello resta sempre solo uno strumento per accoppiare con la materia il principio spirituale di
consapevolezza. La consapevolezza non comprende nemmeno l’aspetto microscopico del corpo come terreno
dell’organizzazione, sebbene in esso vi scorra l’evento funzionale. Essa lavora più che altro con fini, fatti,
immagini, forme, strutture, raffigurazioni e li àncora alla materia.
Eppure, sensazioni attivate dal subcosciente, influenzano il piano microscopico. Come potrebbero
altrimenti svilupparsi le emozioni? Riso, pianto, stimoli ormonali, distribuzione di neurotrasmettitori, tutto
questo si basa sul condizionamento di composti molecolari. Quando i miei muscoli facciali plasmano un
sorriso, quando le mie ghiandole lacrimali versano lacrime, siamo sempre in presenza di una modifica di
strutture molecolari. E tutto questo avviene solo attraverso la modulazione degli spin degli elettroni coinvolti.
La modulazione dello spin è un meccanismo decoerente necessario per innestare la realtà. Come questo
meccanismo funziona, lo vedremo nel capitolo 7.
Con ciò, le emozioni sono i “tecnici” specialisti che si servono dell’energia per commutare la realtà. Quello
che viene percepito come “vero” convince, guida quindi la realtà. Noi siamo sia
raziocinio/sentimento/intelletto e sia anche anima/umore/emozioni. Per la nostra forma di comunicazione
interpersonale impieghiamo un linguaggio che abbiamo appreso all’interno di una cultura, e con esso creiamo

57
un mondo immaginifico esclusivamente intellettuale. Il linguaggio è una convenzione circa il significato di un
gruppo di segnali, di un segnale campione, che noi riceviamo e interpretiamo sotto forma d’immagini.
Sebbene i nostri pensieri operino e si manifestino con parole e immagini, lo stesso cervello non si esprime
attraverso parole con il resto del corpo, bensì nel linguaggio di campi e oscillazioni che si sovrappongono
come un ologramma. È il linguaggio delle fasi delle oscillazioni, della loro elongazione e della loro frequenza.
Noi percepiamo il mondo esterno entrando con lui in una sorta di risonanza e sollecitando le nostre oscillazioni
che si trovano “in attesa”, quasi sincronizzandole con quelle degli oggetti, come Lynne MacTaggert sviluppa
nel suo libro “Il Campo del Punto Zero” al capitolo 5.
L’argomento centrale è rimasto ancora inosservato: La mia volontà e le mie sensazioni sono puri processi
mentali informativi. Essi però influenzano le strutture materiali. Dove troviamo noi il meccanismo che
commuta i processi mentali in processi materiali? E come funziona questa commutazione? Daremo le risposte
nel capitolo 7 di questo trattato.

4.6 Consapevolezza universale e memoria di fondo campo delle informazioni

Secondo la nostra definizione precedente, la consapevolezza è in primo luogo una proprietà del nostro
sistema fisico-mentale-spirituale (vedi anche cap. 7). Come può la natura nel corso della sua evoluzione dotarci
di consapevolezza se essa stessa non ne possiede una? Di rimbalzo, la natura è un prodotto dell’universo per
cui noi possiamo postulare che anche l’universo possiede una consapevolezza.
Dopo avere appreso che la nostra consapevolezza può azionare la realtà ed elaborare informazioni
finalizzate e dopo avere stabilito che la consapevolezza è una proprietà universale, ci dobbiamo chiedere se
anche la consapevolezza universale può azionare la realtà. Per logica la risposta è affermativa: essa commuta
informazioni finalizzate. Gli effetti li vediamo nei risultati del processo dell’evoluzione. Con ciò è chiaro che
la consapevolezza cosmica compresa quella del settore che noi chiamiamo natura, in principio è identica alla
nostra.
Il fisico Eugene Paul Wigner (1902-1995), premio Nobel 1963, a proposito di ciò disse: «la teoria quantica
dimostra l’esistenza di una consapevolezza universale nel cosmo».
Noi postuliamo: la consapevolezza universale è composta dalla consapevolezza del totale degli enti. Essa
comprende la somma di tutti gli istanti di consapevolezza dei singoli esseri e causa la forza creativa universale.
Albert Einstein disse: «Un essere umano è la parte di un tutto che noi chiamiamo Universo… Egli apprende
se stesso, le proprie emozioni e i propri pensieri, come separati da tutto il resto, una sorta d’illusione ottica
della propria consapevolezza» (vedi Wilber, Halbzeit der Evolution, 1984).
Esperienze consapevoli, ricordi, il vissuto, necessitano capacità di memorizzazione e la possibilità di
riaccedervi velocemente. Se noi siamo parte del tutto è ovvio che la consapevolezza non solo ricorre al
trasferimento d’informazioni limitato a noi stessi ma anche che si serva dell’Oceano delle Immense Possibilità.
Tutti i nostri ricordi non traggono origine dalle strutture cerebrali, come lo scibile ufficiale pretende sempre di
specificare, bensì da un serbatoio universale di immane grandezza che memorizza informazioni (Campo Psi,

58
Campo Punto Zero, Vuoto, Oceano delle Immense Possibilità). L’intensità del collegamento con questo
serbatoio d’informazioni varia da individuo a individuo.
Alcuni esperti di questo settore, sulla base delle ricerche, propagano una interdipendenza tra campo
d’informazione, consapevolezza, e memoria. Walter Schempp, docente di matematica all’università di Siegen
e ricercatore del Campo Punto Zero, afferma che memoria a lungo e memoria a breve termine non giacciono
nel cervello, bensì nel Campo Punto Zero (Schempp 1993/McTaggert 2007 cap. 5).
M. Jibu e K. Yasue, due ricercatori con eccellenti conoscenze della materia, dicono: «Quello che noi
conserviamo nei ricordi, è semplicemente un’emissione coerente di segnali dal Campo Punto Zero. Ricordi
più estesi sono raggruppamenti strutturati di tali funzioni oscillanti» (Jibu/Yasue, 1993).
Di conseguenza tutto quello che un giorno accadde, è impresso in un campo d’informazioni. Ma le
informazioni possono essere elaborate da noi solo sulla base del vissuto di cui abbiamo fatto esperienza fino
ad ora. In questo modo la consapevolezza ci permette di fare esperienze e di elaborarle in forma mirata. Ogni
conoscenza individuale è quindi punto di partenza per processi trasformati dalla consapevolezza, motivo per
cui ogni singolo individuo agisce, pensa e sente diversamente.
Secondo la fisica quantistica sono solo forza competente, tempo competente e informazione competente,
quindi reale, le caratteristiche possibili di evidenziare. L’entità (= ciò che ha un essere) che non espone alcuna
caratteristica, resta oscillazione nell’Oceano delle Infinite Possibilità.
Da queste proprietà quantistiche risulta un aspetto interessante: poiché la consapevolezza non ha alcuna
proprietà al di fuori di se stessa, essa può rimanere universale quale oscillazione e, nel caso di uso concreto,
presentare attraverso l’IO alla ragione e alle emozioni che sviluppano le percezioni come entità, ma anche
come singoli bocconcini del tutto, e così mediare tra il campo d’informazione universale e la materia.
Ma se la consapevolezza è una proprietà universale, essa sorpassa il piano dell’autoistanza. Devono dunque
esserci una o più istanze superiori al nostro IO.
Esiste un IO paragonabile dell’universo? Oppure un Se Stesso universale che contiene la consapevolezza
assoluta?
Il campo universale dell’informazione viene modulato nella sua struttura attraverso noi individui, e il suo
effetto rimbalza su di noi. Anche qui interviene il principio dell’effetto retroattivo:

❯ Noi crediamo (sappiamo) basandoci sui nostri pensieri e sulle nostre emozioni.
❯ I nostri pensieri e le nostre emozioni sono una conseguenza delle nostre esperienze.
❯ Le nostre esperienze provengono dalla nostra consapevolezza conscia e inconscia.
❯ I nostri momenti di consapevolezza sono parte di un campo d’informazione individuale.
❯ Il campo d’informazione individuale è parte essenziale dello spirito universale.
Nel Dhammapada, una raccolta di massime del Budda, sta scritto:
«Lo spirito è il precursore di tutte le cose, l’essenza di base di tutto quello che esiste. Tutte le cose traggono
origine dallo spirito, sono state create e guidate dallo spirito».

59
Il Se Stesso universale con consapevolezza assoluta sarebbe un campo delle informazioni ancestrali
complete e potenza dell’ordine. Possiamo noi raggiungere e attingere a questo Se Stesso universale con il
nostro volere per ottenere per esempio guarigione intesa come ripristino di un ordine primordiale?

4.7 Anche il tempo trae origine dalla consapevolezza

Il tempo non si mette in discussione. Lo conosciamo fin da piccoli come un susseguirsi cronologico o come
orario. Il movimento rotatorio della terra attorno al proprio asse regola il giorno e la notte in relazione al sole.
L’asse terrestre determina i mesi e le stagioni durante il suo movimento di rivoluzione. L’orologio accompagna
da tempo l’uomo, e il tempo è oggi una componente con sempre maggiore importanza. Tutta la vita è
sincronizzata sul tempo. Poiché esso è fortemente ancorato nel nostro pensiero, nel nostro linguaggio e nel
nostro modo di agire, siamo certi in assoluto che esiste:
* un passato ben definito,
* un presente immediato,
* un futuro aperto.
Questo è solo una illusione perché passato e futuro sono puri risultati del pensiero. L’impressione di un
tempo che va, è l’effetto che la consapevolezza con l’aiuto della percezione, delle emozioni e della ragione ci
presenta come un susseguirsi di singoli eventi. Senza consapevolezza non esistono eventi e in assenza di eventi
la consapevolezza si spegne.
Ecco un esempio da esperimenti eseguiti in Russia: Il soggetto di prova giace nell’acqua calda nel buio più
assoluto dentro un tubo totalmente insonorizzato. A seguito dei risultati è accertato che, per l’assenza assoluta
di avvenimenti, la sua facoltà mentale consapevole e pianificatrice si arresta abbastanza presto. Al suo posto
subentrano allucinazioni o l’immersione in un altro mondo.
L’interpretare, dare valore, catalogare e dividere il mondo, generare una struttura del tempo è oggetto della
ragione. Assetto e logica sono connessi a decorsi di tempo passati, presenti e futuri.
La consapevolezza non fa altro che rilevarli e computarli quali contrasti, diventando così anche generatrice
del tempo. Luce e buio, caldo e freddo, silenzio e rumore sono opposti che rendono possibili la percezione di
un cambiamento di un prima e di un dopo e così del flusso del tempo. Noi dipendiamo quindi dalla percezione
degli opposti. Io non posso sapere cosa è il freddo se non ho mai conosciuto il caldo e il torrido. Io non so cosa
è la gioia senza avere conosciuto la tristezza e la melanconia. Esempi del genere ce ne stanno un’infinità.
Riceviamo informazioni solo quando noi discerniamo differenze tra punti nello spazio e nel tempo e possiamo
percepire l’ambiente attorno a noi solo quando esso ci presenta differenze fisiche che abbondano nei campioni
d’interferenza delle frequenze fondamentali.
Il tempo non è altro che un susseguirsi di eventi: la percezione di un prima e di un dopo. Lo scorrere del
tempo è il movimento tra un “prima di” e un “dopo di” e quale grandezza misurabile deve essere riconosciuto
e valutato da una consapevolezza, senza la quale non sarebbe una grandezza misurabile. Noi interpretiamo

60
tutte queste grandezze immagazzinate nella nostra memoria come lo scorrere del tempo. Se la mente è ferma
noi restiamo solo nel presente. Passato e futuro si sviluppano solo nei nostri pensieri.
Einstein dice: «Il passare del tempo è una pura illusione».
Il flusso del tempo così generato può cessare. Nella condizione di equilibrio termodinamico non esiste una
percezione del tempo perché non vi sono differenze e quindi nemmeno più eventi.
Il tempo vive di differenze, cambiamenti, opposti e di quello che ne deriva. In assenza di diversità e di
contrasti non c’è una durata e non c’è più un tempo. Senza tempo il mondo percepibile resta fermo. E poiché
noi nella nostra vita quotidiana restiamo tributari delle differenziazioni, una visione olistica di questo mondo
ci risulta così estranea.
La velocità del tempo che scorre nella giovinezza è diversa da quella della vecchiaia. Poiché la percezione
del tempo dipende da quello che avviene in un periodo, fasi ricche di eventi sembrano “volare via” in un
istante, mentre periodi poveri di avvenimenti durano un’eternità e danno origine alla noia. Uno sguardo
retrospettivo ci presenta tuttavia una situazione paradossale. Dato che in un periodo ricco di eventi è stata
memorizzata molta informazione, questo periodo appare lungo in retrospettiva. Al contrario, periodi poveri di
eventi ci sembrano brevi: «Un altro anno è volato via. Il tempo fugge via sempre più veloce». È questa la
sensazione dominante quando abbiamo memorizzato una piccola quantità d’informazioni.

4.9 Retroset, condizionamento di un passato

In nessuna formula di fisica sulle leggi di natura s’incontra un vettore selettivo di tempo diretto soltanto
verso il futuro. Tutte le formule sono simmetriche sull’asse temporale, per cui passato e futuro assumono lo
stesso valore e non sono da distinguere a piacere.
Eppure fino ad oggi viene ignorato che nel mondo delle particelle microscopiche in presenza di una
qualsiasi emissione affluiscono indietro onde sulle particelle cariche (oscillazioni avanzate) e dalla medesima
sorgente scorrono ugualmente onde verso il futuro (oscillazioni ritardate). Un elettrone eccitato sviluppa una
irradiazione di campo che presenta un mix di oscillazioni simmetriche nel tempo, che si propagano in direzione
del futuro e in direzione del passato. Le particelle entrano così tempo-simmetriche in azione reciproca tra di
loro e precisamente con un continuo accoppiamento reattivo di informazioni avanzate e ritardate (Cramer
1986). Riferiremo in dettaglio nel capitolo 5 su questo meccanismo.
Anche le equazioni di Maxwell prevedono due soluzioni, una con l’equivalente positivo delle oscillazioni
di energia che vanno verso il futuro, mentre l’altra descrive un’oscillazione negativa che scorre verso il passato.
Per i fisici non è una sorpresa constatare che, contro ogni nostra esperienza quotidiana, i sistemi energetici
si orientano al passato.
In presenza di sistemi non lineari in fase coniugata (conosciute nell’ottica come riflesso) la materia viene
pompata con una radiazione specifica e un raggio incidente viene “riflesso” nel passato, diffratto all’indietro.
Questo effetto quasi sconosciuto all’origine, fu scoperto nel 1972 presso il Moscow’s P. N. Lebedev Physical
Institute. La conseguenza è che p. es. in presenza di diffusione stimolata all’ indietro di Brillouin (dal fisico

61
francese) da una situazione di disordine, di caos, nasce un nuovo ordine. Il raggio incidente viene inviato
indietro con esattezza alla sorgente, “time reversed” e amplificato (viene irradiata indietro più energia di quella
inserita). Il sistema è totalmente autarchico, tuttavia tutta l’energia viene dall’ambiente e genera negentropia
(Pepper 1982, 1986, Fisher 1983).
L’effetto dell’esperimento non fu constatato soltanto nell’ottica (determinante nelle trasmissioni a fibra
ottica). Lo si ricercò anche negli elettroliti e i risultati sono stati a dir poco fantastici. Venne fuori che reazioni
chimiche possono scorrere indietro sulla coordinata del tempo e quindi nel passato. Fu così che il gruppo di
lavoro di Denis Evans dell’Australian National University, poté ricondurre nel tempo l’evento di una reazione
chimica fino al suo stato iniziale di partenza. Ciò ha lo stesso significato della produzione di negentropia:
tempo che avanza = operazione entropica, tempo che indietreggia = operazione negentropica (time reversed)
(Wang e altri 2002).
Il vettore del tempo postulato in direzione del futuro risulta dalla seconda legge della termodinamica (Ball
1999).
Dalle ricerche però è dimostrato ora che il secondo principio della termodinamica non può essere
salvaguardato nei piccoli accorpamenti e con esso non più il binario a senso unico del tempo (Calmers 2002,
Gerstner 2002).
Nei sistemi poveri di particelle possono riprodursi situazioni che con molta probabilità sono presenti nei
sistemi più ricchi. Questo è il motivo per cui la seconda legge della termodinamica non può essere applicata
generalmente nei piccoli accorpamenti (Schewe e altri 2002).
È importante: Effetti macroscopici appropriati traggono origine da negentropia macroscopica. Nel caso che
l’ordine microscopico in itinere venga capovolto, distrutto o nuovamente restaurato, questo genera effetti
macroscopici (Sachs 1987).

Dimostrazioni di previsione trascendentale? L’effetto anticipante


Quando riconosciamo qualcosa coscientemente, lo definiamo con “Adesso”, il presente. Risultati di diverse
ricerche mostrano però che parti dell’organismo “sanno” già in questo momento che presto avverrà qualcosa.
Come riusciamo noi a vedere l’esatta posizione di un’auto lanciata a 300 km all’ora (83m/sec)? È
impossibile con un cervello con una velocità di risposta di riconoscimento ritardata di 100 millisecondi (ms)
che alla velocità data della macchina da corsa corrispondono a 8,3 metri dopo.
Noi possediamo un meccanismo precognitivo, un riconoscere anticipatorio di stimoli mobili attraverso la
retina. È stato possibile dimostrare che l’organo visivo precede l’oggetto, sotto la guida di una consapevolezza
inconscia.
Derek H. Fender del Politecnico della California confermò tale effetto con un esperimento: l’occhio fissa
esattamente sei millisecondi prima il punto dove si fermerà un raggio luminoso traballante che scorre sulla
traiettoria a caso di una parete.
Teniamo presente che dal momento che l’occhio registra un oggetto, occorrono ben 30 ms fino a quando
vengono eccitati i nervi ottici sensibili alla luce. Altri 5 ms sono necessari per fare arrivare l’informazione al

62
cervello. Perché l’oggetto visto venga riconosciuto è necessaria un’associazione dell’evento con un’esperienza
relativa della durata di altri 100 ms.
Dalla percezione dell’oggetto fino al suo riconoscimento, passano quindi 135 ms. Aggiungendo i 6 ms
iniziali per la messa a fuoco dell’occhio, arriviamo a 141 ms per il riconoscimento consapevole dell’oggetto.
Già gli esperimenti pubblicati negli anni del 1980 dimostrano che con il nostro cervello avvistiamo qualcosa
di ben mirato prima che la nostra consapevolezza ne prenda conoscenza (Benjamin Libet e altri 1983, Libet
1985).
Libet misurò il gradiente del potenziale simmetrico d’immediatezza. Si tratta di un potenziale elettrico
negativo misurabile con un elettroencefalografo, che si sviluppa quando deve essere eseguito volutamente un
movimento.
Fu un risultato sorprendente quando il potenziale d’immediatezza si attivò in media circa 550 ms prima del
movimento. La consapevolezza dell’intenzione di muovere un dito, in media si fece però notare solo 350 ms
dopo la constatazione del potenziale d’immediatezza, quindi 200 ms prima dell’esecuzione del movimento.

potenziale d’immediatezza = -550 ms (considerare il segno meno)


coscienza dell’intento = -200 ms
movimento = 0 (esecuzione)

L’interpretazione che Libet diede ai suoi risultati fu che il cervello introduce un movimento o come minimo
la preparazione ad un movimento, prima che di questo esista una qualsiasi presa di coscienza soggettiva che
lo abbia deciso (Libet 1985).
Questo risultato scatenò un dibattito su diversi fronti. Libet non fu creduto perché alla fine ciò avrebbe
potuto significare che noi non possediamo affatto il tanto declamato libero arbitrio. Secondo E. Kant la libertà
del mio volere comporta che io dia a me stesso le norme del mio agire. Nel frattempo gli esperimenti di Libet
vennero ripetuti diverse volte e migliorati ma i risultati rimasero in sostanza identici (Haggard & Eimer 1999,
Miller & Trevena 2002, Trevena & Miler 2002).
Lo stesso Libet non vide contrapposizione tra i risultati ottenuti e il principio del libero arbitrio e dimostrò
che i soggetti di prova preparavano già il movimento inconsciamente, ma erano pure in grado di interromperlo
da se stessi 100 ms prima dell’esecuzione.

potenziale d’immediatezza = -550 ms


coscienza d’intento = -200 ms
interruzione =-100 ms
assenza di movimento = 0

Se consideriamo i risultati di nuovi esperimenti, la successione degli eventi presenta comunque delle
singolarità: L’esperienza soggettiva di un atto voluto si manifesta in media 200 ms dopo l’inizio dell’attività

63
cerebrale (potenziale d’immediatezza). E ancora molto più singolare: L’esperienza soggettiva a seguito di uno
stimolo cutaneo subentrò 50 ms prima dell’applicazione effettiva dello stimolo (Roth 1998).
Anche la conoscenza del contenuto di un’immagine prima che venga proiettata, si riveste di misticismo. I
soggetti di prova che visionano le immagini che appaiono su uno schermo mostrano un diverso potenziale
d’immediatezza a seconda del contenuto delle immagini. Queste significative correlazioni vengono fuori prima
che le immagini appaiono. Evidentemente l’organismo “sa” ben più di quello che lascia immaginare
l’informazione vocale trasmessa attraverso la consapevolezza.
Anche in Germania furono eseguiti esperimenti sulla previsione. Clemens Maidhof del Max Planck di
Lipsia per la Ricerca Neuroscientifica e Cognitiva, ha stabilito che la consapevolezza di un pianista che per
una svista inconsapevole sbaglia tasto, ha registrato l’errore già prima e qualche volta arriva a correggere un
decimo di secondo prima dell’esecuzione l’errore registrato. Anche questo è stato misurato con l’EEG.
Ed ecco il sorprendente risultato di un esperimento eseguito dal gruppo di Daryl Ben della Cornell
University. In un test di memoria i soggetti in prova “ricordavano”, o meglio sapevano già, con un’elevata
probabilità quali parole, generate più tardi sulla base di un generatore di casistica, avrebbero dovuto trascrivere
al computer. Questa capacità di “previsione” fu confermata da un’altra prova. Da tempo sappiamo che le parole
a commento di un’immagine, anche se mostrate per un momento talmente breve, che non può varcare la soglia
della consapevolezza, influenzano la valutazione dell’immagine. Quando p. es. venne inserita per un attimo la
parola “bello” sul quadro di un paesaggio eseguito a grosse pennellate di colore, la maggior parte di chi lo
contemplava, lo giudicò bello. Se invece la parola inserita era “brutto” la maggior parte lo giudicò tale. Questi
“sublimal primings” (adescamenti subliminali) sono stati proibiti nella pubblicità per evitare di manipolare i
clienti.
Il già noto procedimento di test venne modificato. I soggetti ora avrebbero dovuto giudicare il quadro prima
che la parola di valutazione venisse inserita. Ed ecco che il giudizio sui quadri, dato ben prima dell’inserimento
del termine di valutazione, veniva a coincidere con quest’ultimo, quasi che la consapevolezza conoscesse già
quale parola sarebbe stata inserita più tardi.
Test supplementari fornirono risultati identici con individui del tutto normali che furono in grado di
prevedere eventi futuri con una rilevanza leggermente superiore al tasso della casistica. Le grandezze
dell’effetto (grandezze di valutazione in rapporto alla probabilità della riproduzione dell’evento) si situavano
tuttavia a un livello superiore di quelli di una serie di effetti causali scientificamente riconosciuti, grossomodo
dell’uso di preservativi e della diminuzione d’infezioni da AIDS, o dell’assunzione di calcio e dell’aumento
della massa ossea, o del fumo passivo e il rischio di cancro ai polmoni. Dagli esperimenti venne anche rilevato
chiaramente che ci sono individui che manifestano una capacità precognitiva fino al doppio di quella della
media (Bem e altri 2010).

Psicocinesi retroattiva - un effetto quantistico che svela un aspetto trascendentale della consapevolezza
Alla base c’è l’estrema sorpresa del risultato di uno studio scientifico di Leonard Leibovici, docente di
medicina interna in Israele, esperto in infezioni cliniche, oppositore accanito della medicina complementare.

64
Leibovici si confrontò con la seguente domanda: Che effetto hanno le preghiere per la guarigione su un gruppo
di 4000 pazienti ammalati di sepsi? Il metodo di studio e di valutazione, fu costruito su basi rigorosamente
scientifiche. I pazienti, sulla base di un generatore di casistica, furono divisi in due gruppi: A e B. Si pregò per
uno solo dei due gruppi, ma nessuno, né i pazienti né il personale curante, sapeva per quale. I nominativi delle
persone del gruppo relativo vennero dati ad una terza persona che da molto lontano pregava per lo stato di
benessere e per la salute del gruppo.
I risultati:
Nel gruppo per cui venne pregato, morirono meno pazienti del gruppo di controllo nella proporzione
28,1:30,2 per cento
Il periodo di degenza del gruppo per cui si pregava era stato significativamente più breve.
Altrettanto più breve fu la durata dello stato febbrile di questo gruppo (Leibovici 2001)
Che le preghiere abbiano un effetto positivo sulla guarigione, non è una cosa nuova. Nel caso elencato però
si trattava di pazienti che erano stati in ospedale tra il 1990 e il 1996 e le preghiere furono recitate nel 2000,
cioè 4 a 10 anni dopo (Mc Taggart2007).
Dai risultati ottenuti si possono trarre le conclusioni seguenti:
❯ Determinate condizioni di consapevolezza possono forzare la guarigione inter-individuale.
❯ Queste condizioni di consapevolezza agiscono senza limite di spazio e tempo
Quale meccanismo si cela dietro questi effetti?
L’informazione spirituale data (qui: preghiera per guarire) è sempre efficace? I medici Larry Dossey e Brian
Olshansky esperti anche in medicina alternativa sono dell’opinione che spazio e tempo dentro fasi specifiche
di consapevolezza, riferite alla guarigione, non hanno alcun ruolo (Dossey 2002 e Olshansky 2003).
Oggi noi siamo in grado di concentrarci su qualcosa per influenzare eventi già trascorsi? È possibile fare
retrocedere una patologia al suo stato iniziale prima di propagarsi nel corpo?
Fu proprio questo il risultato di una serie di esperimenti.

Deviazione del tempo con generatori aleatori - causa di retroattività per mezzo dell’intenzione.
I soggetti di prova di 87mila esperimenti eseguiti dal gruppo di ricerca PEAR - Princeton Engineering
Anomalies Research, dovevano modificare con il loro pensiero e fare dominare nel lancio a caso una delle due
possibilità: “testa o numero”, ma attenzione, dopo alcuni giorni e fino a due settimane dalla funzione eseguita
dalle apparecchiature.
E anche in questo caso i risultati sono significativi: Il generatore aleatorio può essere influenzato attraverso
i pensieri. In presenza di sistemi statistici binari, dai pensieri deriva una deviazione cumulativa. ”I pensieri
possono trascendere lo spazio e il tempo consueto” sganciando effetti che hanno origine nel “passato” (Jahn
& altri 1997).
Gli esperimenti ancora più raffinati del fisico Helmuth Schmidt della Lockeed Martin (ricerca aerospaziale,
difesa Hightech ecc.) fornirono esattamente lo stesso risultato.

65
Ad un sistema audio-stereo venne collegato un generatore aleatorio e sul nastro (originale) vennero
registrati brevi tacche acustiche (crepitii) senza che qualcuno li udisse e che furono ripartiti grossomodo sul
canale destro e sinistro uniformemente a caso.
L’originale fu copiato e messo via sottochiave.
Le copie furono date a studenti e studentesse di medicina che le ascoltarono con le cuffie con l’intenzione
di rilevare più rumori all’orecchio sinistro.
Contemporaneamente e indipendentemente dalla copie in funzione furono registrati con l’apparecchio
audio (generatore aleatorio) nastri di controllo senza che nessuno ascoltasse.
Ed ecco il risultato: L’analisi di oltre 20mila prove (dal 1971 al 1975) rilevò che nel 55 per cento dei casi
sia sul nastro originale non ascoltato e sia sulle copie ascoltate erano presenti più tacche acustiche sul canale
sinistro. Sul nastro di controllo invece la ripartizione aleatoria non era cambiata (Schmidt e Stapp 1993).
Di conseguenza, istanti emozionali e mentali entrano in interazione quantica extratemporale (nel caso
presente) con possibilità numeriche e realizzano gli eventi intenzionalmente voluti in maggioranza.
L’energia quantistica pura è esente di spazio e tempo. La consapevolezza della nostra natura umana crea
tuttavia sia spazio sia tempo, in quanto percepisce questa energia esente di spazio e tempo e la trasforma poi
in forze e operazioni temporali. Con questa trasformazione vengono proiettati oggetti separati e una serie di
eventi: un prima diventa un dopo e per mezzo dell’intenzione eventualmente di nuovo un prima.
Questo effetto retroattivo attraverso l’intenzione, viene anche confermato dai fisici ricercatori Dick
Biermann e Joop Houtkoper dell’Università di Amsterdam: l’intenzione può agire indietro nel tempo, il che
vuol dire che eventi trascorsi possono essere influenzati “a posteriori”. Ciò avviene nel momento in cui
proprietà specifiche e forme tipiche di comportamento vengono in generale a manifestarsi e anche solo e
soltanto quando nel frattempo le caratteristiche coinvolte del sistema non furono in qualche modo osservate e
quasi richiamate (Biermann e Houtkoper 1975).
In rapporto a questi meccanismi potrebbero anche situarsi i risultati degli esperimenti di un gruppo di
scienziati degli USA. I soggetti percipienti ricevettero informazioni telepatiche che nell’80 per cento dei casi
coincisero con quello che era stato inviato. La sorpresa fu che le informazioni arrivarono un’ora prima che
l’induttore (colui che inviava) le avesse trasmesse/irradiate, (Puthoff e Targ 1976).
Gli esperimenti di un gruppo di ricerca di W. P. Kasnatschee dell’Accademia di Scienze Mediche Russa di
Nowosibirsk che aveva eseguito prove per bypassare le distanze, ebbero lo stesso risultato: informazioni di
carattere specifico furono ricevute a distanza di diverse migliaia di chilometri ma molto prima che “per caso”
fossero “scelte” per essere trasmesse mentalmente. Da ciò gli scienziati dedussero: l’informazione di eventi
che ancora giacciono nel futuro possono essere lette prima che appaiano.
Quadrano con questo anche gli esperimenti eseguiti da Caslav Brukner e Vlado Vedral nel laboratorio
Zeilinger dell’Università di Vienna: Un metodo di misura eseguito più tardi modifica le proprietà dei
precedenti esperimenti. Generalmente detto: “Azioni momentanee possono influenzare risultati di azioni
eseguite prima e modificarli”.

66
Nel 2004 il New Scientist, nell’editoriale del titolo in prima pagina “… in che modo il futuro può
influenzare il passato” (Brooks, 2004) scrive: “La meccanica quantistica sembra piegare le leggi di causa ed
effetto. I risultati ottenuti da Brukner lasciano presumere che alla nostra facoltà di capire sfugga qualcosa
d’importante su come funziona il mondo”.
Prove eseguite prima in USA avevano dato i risultati seguenti e alla pari di altre: I pensieri possono
influenzare retroattivamente tempi di reazione precedenti. In oltre 5000 prove fu chiaro che il tempo che i
soggetti di prova impiegarono per risolvere più tardi un secondo esercizio, influenzò il tempo che avevano
impiegato per il primo esercizio (Klintman 1983, 1984). Il campo totale di questa ricerca si chiamò: Psicocinesi
Retroattiva.
Poiché era evidente, che questo avrebbe provocato molte domande sull’intensità di tali effetti, venne ideata
una misura di “effettività”: GE = la Grandezza di Effetto. Essa indica un cambiamento statistico accertato della
norma che determina la capacità di reazione e il numero di reazioni nel totale della prova.
La GE dell’Aspirina: 0,032, quella del betabloccante Propranolol: 0,032, quella di risultati di esperimenti
di psicocinesi retroattiva: 03-07 (Meta analisi: Braud 2000). Un risultato viene considerato significativo
quando la GE ha un valore di almeno 0,4 (valore medio).
Le ipotesi su lavori e ricerche sulla Psicocinesi Retroattiva furono verificate da altri gruppi con risultati
rilevanti. Fu possibile agire sul motorio di animali e persone influenzando in fase retroattiva la frequenza e la
direzione del movimento (GE 0,3-0.7) (Gruber 1979, 1980).
Fu anche possibile fare regredire un’infezione provocata a titolo sperimentale su un ratto (GE 0.47) (Snel
& Van der Sijde 1990).
Anche la registrazione del ritmo respiratorio venne modificata “a posteriori” per mezzo dell’intenzione
(Schmidt 1997).
Nelle prove eseguite da Braud, furono scritti protocolli di emozioni di due gruppi. Ad uno dei gruppi furono
poi inviate intenzioni di calma. Il protocollo di chiusura mostrò chiaramente che questo gruppo confrontato
all’altro era realmente più calmo (Braud 2000).
Questo genere di risultati ci sconvolge e traumatizza perché non siamo preparati a riconoscerli. Ognuno di
noi riflette e si chiede inevitabilmente subito a cosa siamo esposti, dove si può arrivare sotto queste condizioni.
Non ha peraltro alcun senso chiudersi e rifiutare il confronto con queste possibilità. Al contrario: dobbiamo
individuare come funzionano i meccanismi e prefiggerci di ottimizzarli a nostro vantaggio e benessere.
Il fisico Evan Harris Walker già nel 1970 disse: «Un’influenza retroattiva si lascia spiegare con la fisica
quantistica quando noi vi includiamo l’effetto della consapevolezza osservante, dunque lo spirito umano»
(Walker 1970).

Tentativi di spiegare l’influenza retroattiva. Energie positive e negative, ci danno l’illusione del tempo.
La materia non è affatto così consistente come comunemente la vediamo. Anche il nostro corpo è sottoposto
ad un continuo processo di soppressione e ricostruzione. Composti atomari e molecolari restano salvaguardati

67
solo per un tempo breve (in funzione dell’energia di coesione) e in seguito si dissolvono per essere nuovamente
ricostruiti.
Abbiamo già constatato che l’energia si può trasformare in forze. Le forze causano un prima e un dopo,
quindi un’operazione temporale. Il tempo si sviluppa sempre in primo luogo con le masse. Fondamentale per
questo è l’energia positiva e negativa che viene separata dal campo punto zero (il vuoto). La sua trasformazione
sulla base d’informazione ancestrale compone senza pausa forma e struttura in ambito microscopico e
macroscopico.

In che cosa consiste l’energia negativa?


Dedotta dall’equazione di Schrödinger sulla teoria del campo quantistico e dalla teoria di Dirac sugli
elettroni, esiste una “possibilità negativa” che nel linguaggio dei fisici viene anche contrassegnata con “energia
negativa”.
Questa energia può entrare in azione reciproca con le possibilità del vuoto prima che essa generi forze
assieme alla materia. Quando tuttavia le forze sono già sviluppate, questa energia può impedire la durata
continua dei ponti di forza, che vuol dire abbattere una forza esistente. Il che significa, modifica e scioglimento
(dentro certi limiti) di ogni stato materiale osservato (Dirac 1942, Lawrie 1990, Solomon 2006).
Nello scopo di fare chiarezza la teoria può essere interpretata nel modo seguente: Ogni stato di modello
osservabile è con certezza energia positiva al 100 per cento di probabilità. L’aggiunta di energia negativa
riduce questo 100 per cento di probabilità positiva. Ciò corrisponde ad “un andare indietro nel tempo”, ad un
recarsi nel passato.
Noi e tutto il resto esistiamo sulla base dell’influsso di due meccanismi contrapposti: Energia positiva (Qi
= spirito pacifico) che costruisce l’ordine e quando fluisce l’informazione crea forma/struttura/aspetto. Energia
negativa (spirito distruttivo) che riduce l’ordine e ci porta al disordine.
Il tempo non scorre. Siamo piuttosto noi che attraverso la mutazione tra energia positiva e negativa lungo
una linea cosmica generiamo l’essere.
evento energetico

Rammentiamo: i risultati degli esperimenti di Benjamin Libet e Bertram Feinstein al Mount Zion Hospital
di San Francisco mostravano che il cervello inizia già a generare oscillazioni cerebrali e segnali 1,5 secondi
prima che il soggetto di ricerca voglia eseguire un’azione.

68
Il fisico americano Wolf spiegò questa attività incosciente anticipata con l’effetto appena descritto delle
energie assieme all’effetto eco che troveremo nel capitolo 5: Il cervello libera onde quantistiche che si
diffondono dall’istante attuale nel futuro e nel passato, e contemporaneamente ritornano onde quantistiche di
eco dal passato e dal futuro. Ha luogo una interazione: sviluppo d’informazione per operazioni forza-temporali.
Quando il fine dell’IO è fissato consapevolmente, viene fatta partire nello stesso tempo attraverso l’offerta
e la conferma di oscillazioni la preparazione per il raggiungimento del fine. Il futuro supposto può essere
anticipato.
Eventi registrati con apparecchiature ma rimasti fin là inosservati (caratteristiche non richiamate fino a quel
momento), possono tramite ciò essere modificati. Il passato presupposto può essere influenzato
intenzionalmente.
Suona anche così la spiegazione di H. Schmidt sulla Psicocinesi Retroattiva: I soggetti di prova non avevano
modificato i nastri dopo che essi erano stati preparati. Più che altro il loro influsso (osservato dall’esterno)
aveva agito indietro nel tempo. Il clic di emissione dell’apparecchio si è modificato attraverso l’intenzione, nel
momento in cui il nastro fu registrato la prima volta. I soggetti di prova non hanno modificato quindi un passato
esistente, bensì influenzato in modo da farlo sviluppare come presente.
I valori numerici registrati rimangono in una potenzialità (nell’oceano delle possibili serie numeriche) fin
quando un osservatore consapevole che dia senso e significato, legge questi valori e rispettivamente ascolta la
loro trasposizione audio.
Questi effetti sono sempre possibili soltanto in ambito ristrettissimo dove avvengono scambi strategici
decisivi nel campo dei quanti. La domanda è, perché essi non funzionano a livello macroscopico degli eventi.
Perché non possiamo ricostruire i cocci del vaso caduto dal tavolo nella sua forma originale? Risposta: In
questo caso, lo stato macroscopico iniziale, è composto da una miriade di particelle elementari che non si
possono modificare in sincronismo. Resta impossibile indirizzare il vettore del tempo nel passato, non perché
le leggi naturali non lo permettono (esse lo permettono sempre) bensì perché lo stato iniziale corretto non è
più disponibile. Un vaso cade dal tavolo e abbiamo i cocci. Lo stato iniziale corretto è dunque una funzione
della probabilità. Chi decide se dai cocci si possa nuovamente ricavare la tazza o il vaso sono pure norme
statistiche.
Ne deriva la domanda: Come si forma la futura direzione determinante del tempo per noi? In natura i
processi si manifestano attraverso successioni veloci e continue di commutazioni della realtà. Dalle probabilità
sovrapposte (coerenza), attraverso il collasso delle funzioni oscillanti (decoerenza) nasce una proprietà
concreta.
La natura in questo modo opera sempre una nuova scelta “qui e adesso”, quindi nell’immediato presente.
Tuttavia questa scelta ha un effetto su eventi che si producono più avanti, quindi nel futuro e così entra a far
parte del gioco la futura direzione del tempo.
Il processo stesso è atemporale ed ha luogo fuori dallo spazio e dal tempo ma attivo dopo un evento effettivo
nello spazio e nel tempo. Attraverso i collassi atemporali, che sorgono dal sottofondo delle possibilità e

69
spariscono nuovamente nell’oceano di tutte le possibilità, si modificano di volta in volta le possibilità del
futuro.
Risultato: le nostre intenzioni attuali e future, le azioni, le decisioni, sono processi creativi del nostro mondo
di esperienze e della nostra condizione fisica. Sistemi aperti e labili al loro inizio sono quelli che si lasciano
influenzare con più facilità. Lo stesso vale per eventi di cui abbiamo un impellente bisogno (Braud 1999).
Cosa dà dunque la spinta decisiva per le mie attività e per la mia realtà?

❯ La mia consapevolezza e i suoi fini?


❯ Gli effetti dell’energia dentro il mio corpo?
❯Gli effetti dell’energia che dall’esterno s’infiltrano nel mio corpo?

Evidentemente tutto ha un effetto nello stesso tempo, restano decisivi gli avvenimenti che si verificano. I
nuovi avvenimenti noi li avvertiamo sempre come tempo.

70
5. Realtà e Informazione: Cosa sono per noi?

«Tutto quello che attraverso osservazione o astrazione della nostra percezione riteniamo “Cosa Vera” e
che secondo la scienza naturale definiamo reale (materiale), sotto tale forma non può essere considerato
identico alla realtà intrinseca».
Hans Peter Dürr

Nessuno dubita che siamo “reali”, che esistiamo qui e adesso. Ma cos’è questo “reale”? In che modo siamo
noi “reali”?
Sono domande di rilievo. Perché, se la nostra consapevolezza commuta la realtà, bisogna riflettere
seriamente di quale realtà si tratta. In effetti noi percepiamo veri e reali aspetti della nostra vita completamente
diversi. Distinguiamo un mondo immaginato che viene definito esclusivamente nei nostri pensieri e un mondo
sognato che nasce in qualche modo anch’esso dai nostri pensieri. O si tratta di un errore? Forse all’origine del
mondo sognato ci sta qualcosa di diverso e i nostri pensieri sono solo un suo risultato. Sennonché sia esso
come sia, il ruolo principale lo gioca la nostra percezione della vita di ogni giorno. È questo il mondo reale, o
forse no?
Dal punto di vista dell’uomo moderno, realtà è quello che noi possiamo percepire con i sensi, quindi
misurare, perché anche i sensi sono apparecchiature di misura. Si può però solo misurare ciò che scambia
energia con le apparecchiature di misura e che può essere trasformato in forze che agiscono sulle masse. Ma
sia le apparecchiature di misura e sia gli organi del sensorio, sono costrutti di materia che possono essere
influenzati da pensieri ed emozioni. Ciò è possibile sia durante veglia consapevole come anche nel sogno. Noi,
dove ci situiamo adesso?
Noi crediamo di osservare, di percepire la verità. Se un auto sembra venirci addosso, è comprensibile se
saltiamo per scansarci. Questo però, checché se ne dica, non è un criterio per definire se stiamo sognando o se
stiamo vivendo un evento “reale”. La percezione dell’auto normalmente è un processo complesso durante il
quale le impressioni sensoriali e la loro valutazione giocano un ruolo importante nelle strutture nervose del
cervello. Le impressioni destate dai sensi vengono valutate secondo regole proprie al cervello. Ma come faccio
a stabilire se l’impressione sensoriale trae origine da qualcosa che sta veramente accadendo, o se è solo
un’allucinazione o un qualunque altro stato cerebrale a farmelo credere? Tutto quello che noi percepiamo è un
costrutto eseguito con l’aiuto del nostro cervello. Solo lui decide quello che è reale. Egli fa uso di informazioni
proprie, ricorre alle sue proprie esperienze, e interpreta gli stimoli secondo le sue proprie regole. Tutto questo
è dunque pura soggettività, ugualmente valida per sogno e realtà.
I costrutti ci appaiono veri perché altri individui riferiscono di eventi uguali nelle stesse condizioni. Questo
però è ancora lontano dallo stabilire che il mondo fuori di noi è un mondo obiettivo. Noi valuteremmo veri e
reali anche sensazioni fisiche quali i dolori. Ma proprio questi stimoli possono essere repressi e così sparire
dalla consapevolezza, come possono anche essere recepiti con intensità e tal modo amplificati.
71
La formazione di realtà incosciente ha luogo per esempio nel sogno, in presenza di allucinazioni e nella
fantasia; quella della realtà cosciente, ha luogo p.es. nel mondo rappresentato mentalmente al fine di pianificare
la nostra condotta di vita.

5.1 Il mondo dei sogni

Dal punto di vista delle funzioni fisiologiche, per i sogni esiste una spiegazione del tutto razionale. Noi,
quali animali a sangue caldo, siamo dipendenti da una temperatura intrinseca di 37 °C. Questo calore sorge dai
processi metabolici attraverso la combustione del cibo, come p.es. dei grassi, come pure dall’attività muscolare.
Nel sonno però una grande attività muscolare è assente. Nel sonno profondo essa viene addirittura impedita
attivamente e durante questa fase noi non prendiamo nulla per nutrirci. La conseguenza è che la temperatura
del corpo si abbassa. Tanto più a lungo dormiamo e tanto più elevato è l’abbassamento della temperatura
corporale. Il limite critico si situa circa sui 36 °C. Valori inferiori impediscono che dai globuli rossi si diffonda
ossigeno a sufficienza, al punto di condurci in uno stato di pericolo di vita. Evidentemente la saggezza del
corpo sembra essere consapevole di questo pericolo perché sogni che di notte vengono attivati regolarmente
come fasi REM (Rapid Eye Movement), e che verso il mattino diventano sempre più lunghi, impediscono un
calo di temperatura oltre misura. Ciò avviene perché i sogni, come gli eventi da svegli, producono esperienze
che attivano ormoni quali p.es. adrenalina e noradrenalina. Ambedue questi ormoni avviano la combustione
dei grassi e il corpo si riscalda.
In ogni modo quello che sogniamo ci appare talmente reale da renderci conto solo al risveglio che si trattava
di un sogno. Durante il sonno normalmente noi non siamo consapevoli di trovarci nel mondo dei sogni. Ci
sono poi dei sogni durante i quali noi sappiamo di sognare e possiamo addirittura dirigere il sogno con la nostra
volontà. Questo viene chiamato sogno lucido e, cosa molto interessante, può essere allenato. Dopo un sogno
lucido noi ci ricordiamo anche del suo contenuto, cosa che ci riesce raramente con il sogno normale dove nella
più gran parte dei casi echeggiano solo eccitazione o altre emozioni che producono bagni di sudore e batticuore.
Nel sogno, anche la consueta struttura del tempo è annullata. Pochi secondi reali all’orologio si dilatano
offrendo spazio per lunghe storie. Il semplice sbattere di una imposta all’inizio o alla fine del sogno può essere
percepito come l’inizio o la finale di un avvenimento di lunga durata.
La capacità di agire, fortemente ridotta nel sogno, può rivelarsi molto spiacevole. Probabilmente tutti noi
abbiamo sognato una volta di essere confrontati con una situazione minacciosa da cui volevamo allontanarci
e di annaspare, di essere nell’impossibilità di correre, scappare. Anche qui agisce un saggio soccorso. Se nel
sogno mettessi in atto la reazione come nello stato di veglia consapevole, potrei p.es. correre e sbattere contro
una parete, cascare e ferirmi.
La domanda se i sogni sono più che una fase di necessario surriscaldamento è senz’altro avvincente. Si
specula dicendo che essi servono all’esercizio della fantasia, che consolidano sotto forma di ricordo le strutture
dei neuroni, che offrono soluzioni per accadimenti fino a quel momento non rielaborati e che diano spazio a

72
desideri non soddisfatti. Tutto può essere vero ma chissà, essi potrebbero anche avere un significato ben più
grande.
Partiamo dal principio che i meccanismi della consapevolezza nello stato di veglia siano identici a quelli
dello stato di sogno. Gli argomenti presentati più avanti tendono ad affermare che la percezione consapevole
è creativa e genera realtà indipendente dai limiti di spazio e tempo. Anche i sogni sottostanno a questi
meccanismi.
Sotto l’aspetto fisiologico quello che sogniamo si distingue dallo stato di veglia per il fatto che gli stimoli
provenienti dalla periferia del corpo, che distesi e ad occhi chiusi sono senz’altro meno forti, non vengono
presi in considerazione dal cervello. Sono inibiti anche ARAS (ascending reticular activating system) e RAS
(reticular activating system), che trasferiscono il cervello nello stato di veglia. Di giorno la consapevolezza è
occupata ad azionare la realtà attraverso le sensazioni temporali. Solo quando i sensi non hanno un ruolo
predominante può la consapevolezza (del subcosciente) tuffarsi nell’Oceano delle infinite possibilità e
realizzare altri avvenimenti.
Dobbiamo considerare che il cervello di tanto in tanto è occupato con se stesso e le reti dei neuroni
prelevano immagini ed esperienze più o meno a caso. Un indicatore di ciò lo troviamo nel raduno caotico e
illogico di singoli eventi nel sonno o anche nei pensieri confusi da svegli.
Dobbiamo però tener conto che un cervello non distratto dai fatti del giorno, è il ricettore di eventi reali che
avvengono in qualche parte di questo mondo, che sono una volta avvenuti o che avverranno. Per cui già adesso
ci poniamo il quesito: “I nostri sogni sono esperienze vissute da altre persone? Nel sogno facciamo esperienza
di qualcosa che altri esseri viventi hanno già memorizzato? Si tratta forse di sogni precogniti? Noi, attraverso
i sogni, veniamo trasferiti in una situazione che allarga la nostra percezione su altre realtà?
Tutto è nei limiti del possibile.

5.2 Il mondo delle esperienze mentali

Rappresentarsi qualcosa e estenderne la rappresentazione al mondo mentale è un esercizio che dominiamo


tutti con maestria. Immaginando il “qualcosa” creiamo così un mondo possibile. La raffigurazione di queste
immagini ci permette quasi tutto a condizione di conoscere i componenti per l’immagine, altrimenti detto, a
condizione di avere già vissuto una siffatta esperienza. Noi siamo in grado di vagliare il decorso dell’azione,
la sua espressione linguistica, sogniamo ad occhi aperti, fantastichiamo, viviamo in un mondo desiderato. Tutto
questo è provare un qualcosa in modo indolore e senza alcun pericolo.
Il mondo dei sogni si distingue nettamente da quello dell’esperienza mentale perché nel primo noi siamo
alla mercé dei sogni. Essi vengono e vanno secondo norme che quasi sempre non siamo in grado di gestire.
Diverso è invece per il mondo delle esperienze mentali: vi accediamo volutamente e sappiamo quasi sempre
che stiamo solo pensando. (Bloch 1994)
I bambini non riescono alla loro età a separare chiaramente il mondo reale da quello immaginato. Non si
accorgono se hanno percepito realmente qualcosa, se solo e unicamente rappresentata o se si tratta di un

73
ricordo. Addirittura anche tra molti individui in età matura questa separazione è assente. Essa premette molta
esperienza, è quindi accoppiata a un vissuto ricco di eventi e non può svilupparsi se si rimane tutto il giorno
seduti sul divano.
Un aspetto interessante è la possibile sovrapposizione delle immagini rappresentate alle immagini percepite
realmente. Con un certo allenamento è possibile proiettare rappresentazioni sull’ambiente reale. L’attenzione
è il raggio pilota della mia consapevolezza che può trovarsi nel mondo delle esperienze mentali e dopo, o nello
stesso tempo, nel mondo reale che mi circonda. Io posso fantasticare mentre taglio il pane, lo spalmo e lo
mordo.
«Anche al cervello adulto non sono disponibili in assoluto distinzioni fidate tra da un lato l’effettivo e
dall’altro lato l’immaginato o il frutto di allucinazioni». (Emrich 1992)
Sono delle precise sostanze prodotte dal nostro cervello, contrassegnate come droghe proprio
dell’organismo, che In ultima analisi sono responsabili di tutte le immagini di cui è costituita la nostra verità.
Sia la quantità delle droghe distribuite e sia anche l’incisività delle istanze di controllo, determinano come il
vissuto viene assemblato. Cocktail trasmettitori ben precisi, possono essere assegnati a stati d’animo ben
precisi, e anche droghe assimilate dall’esterno influenzano stati d’animo e sensazioni. È possibile così
ricostruire il modo come vengono modulate le sensazioni dopo il loro sorgere.
Quello che noi designiamo volentieri con oggettivazione è un puro prodotto di apprendimento. Il cervello
attribuisce ai diversi stimoli attributi e contrassegni. Quando questi si presentano ripetutamente in luoghi e
tempi ben precisi, le associazioni a cui appartengono si rafforzano sempre più. L’anatomia del cervello subisce
una trasformazione: la reazione agli stimoli avviene ora senza indugio. D’istinto apprendiamo e reagiamo da
una memoria.
In tutte queste attività diventa chiaro che chi decide se una percezione potenziale debba diventare realtà o
meno è soltanto il cervello. Dal conteggio di informazioni diverse sorge l’impressione soggettiva degli oggetti
reali e con ciò la certezza di trovarsi nella realtà come d’abitudine.
Noi siamo contemporaneamente proiettori e spettatori e le due attività sono collegate attraverso un
accoppiamento reattivo: 1) noi creiamo la realtà su cui indirizziamo la nostra percezione, 2) noi percepiamo la
realtà che noi creiamo e 3) la nostra realtà esiste solo nella nostra percezione.
Non osiamo e non possiamo nemmeno ignorare che il riconoscimento della realtà abituale è il risultato di
un processo di apprendimento sostenuto dalla genetica, che inizia già nel lattante. (Roth 1987, 1995)
Se siamo noi stessi a creare il nostro mondo attraverso i nostri pensieri e le nostre sensazioni, così come
suona il contenuto della tesi, il concetto di mondo passivo dei sogni e di quello attivo per le nostre esperienze
mentali, calza a perfezione. Ma come la mettiamo con il mondo reale giornaliero dove noi dobbiamo esistere
e che prestabilisce le situazioni alle quali reagiamo? Noi “crediamo” sapere distinguere quando sogniamo
solamente e c’immergiamo nei nostri pensieri, e quando viviamo il mondo reale consapevolmente. Esistono
differenze fisiologiche inequivocabili tra da un lato la modalità mentale e del sogno e quella dell’evento reale
d’altro lato?

74
Sì, perché il “vero mondo” alberga nel nostro cervello in due settori separati. Noi percepiamo a) un ambiente
e b) un mondo fisico.
Ognuna di queste due percezioni ha la sua caratterizzazione nel cervello. L’energia dell’ambiente viene
assorbita da un sensorio specializzato: occhi, orecchi, mucosa nasale, sistema sensorio meccanico, ed è
elaborata nei rispettivi reticoli nervosi cerebrali. Il corpo con gli altri organi sensori: recettori muscolari, delle
articolazioni, recettori dell’equilibrio, recettori di contatto, del dolore, del caldo e del freddo, è caratterizzato
in altri centri cerebrali. La differenza più evidente in effetti è che il corpo è rappresentato sia sotto l’aspetto
sensoriale e sia sotto quello motorio, cosa questa assente nel mondo degli stimoli ambientali. Ne conseguenze
un’indicazione chiara che ci dice : adesso tu sei nel mondo reale. Ed è sempre nel momento quando noi
trasmettiamo un comando motorio con la nostra volontà, per esempio di volere andare in qualche posto, che
entra in azione un controllo che esamina se noi abbiamo eseguito l’ordine. Attraverso un accoppiamento
reattivo sensorio-somatico persistente, noi quindi sappiamo sempre quello che in questo istante il nostro corpo
esegue.
«Per il cervello questo significa che tutto quello che è accoppiamento reattivo senso-motorio, è corpo,
quello però che in assenza di accoppiamento reattivo conduce ad un’eccitazione nei centri del sensorio, è
ambiente». (Roth 1987)

Nel caso in cui gli eventi si ripresentano in luoghi o in momenti precisi, nell’intreccio alla base del reticolo
nervoso del cervello, le sequenze si rafforzano. Noi c’impossessiamo del principio e lo memorizziamo. È così
che viene costruita una memoria. Questo possiede il vantaggio che eventi futuri saranno aggiunti e paragonati,
e quindi computati, con i contenuti della memoria. Tutto quello che noi rileviamo viene stabilito assieme alla
nostra percezione antecedente. (Roth 1987 e 1992)
Dopo che l’individuo ha classificato sensatamente nelle sue esperienze le impressioni sorte così, può
consolidarsi la realtà del quotidiano. Essa si stabilisce momentaneamente quale forza efficace, quale
conseguenza. Sulla base di sempre nuove esperienze questa realtà, soggetta a un cambiamento continuo,
corrisponde ad un’esperienza che viene costruita con l’aiuto dell’ambiente.

«Questo ambiente comunicativo è generato e conservato (saggiamente) dagli individui attraverso


percezione, motorio dei sensi, cognizione, memoria ed emozioni, agire comunicativo e non…». (Schmidt 1994)

Le persone si costruiscono la propria realtà che resta sempre in ogni caso una realtà fenomenica. La
costruzione della realtà giornaliera in maggior parte non è pianificata bensì più o meno arbitraria perché
l’individuo deve confrontarsi con influssi ambientali imprevedibili. Ciò accade nella più gran parte dei casi
inconsapevolmente. Già il semplice avviarsi al mattino al posto di lavoro è per molti individui un vero stress
causato da rumori, gas di scarico, sporcizia, confusione e tempo che viene a mancare. Una tale situazione può
essere modificata consapevolmente dirigendo la propria percezione e i propri pensieri verso qualcosa di
diverso.

75
Se la costruzione della realtà non deve essere solo un fenomeno che s’impadronisce automaticamente
dell’individuo bensì uno da assimilare e da modificare secondo la propria volontà, l’individuo deve adottare
misure particolari che verranno descritte più avanti verso la fine dell’ottavo capitolo.

5.3 Un sofisma della logica

Un dogma ritenuto scientifico, e tutt’ora in auge, parte dal punto di vista che il mondo reale di cui facciamo
esperienza esista senza consapevolezza alcuna. Anche Einstein fu vittima di questa conclusione constatando:
«La natura esiste indipendentemente da una consapevolezza e gli oggetti materiali hanno caratteristiche
proprie».
Tale enunciato non è dimostrabile. Perché la constatazione di Einstein, alla luce delle conoscenze attuali, è
da considerare errata? La risposta è a portata di mano. Perché la percezione è sempre senz’alcuna eccezione
accompagnata con la creazione di un costrutto spirituale che noi definiamo esperienza. Enunciati scientifici
poi, sono sempre ed esclusivamente interpretazioni e in alcun caso esiste una scienza naturale
indipendentemente da una consapevolezza umana. Giacché nulla in assoluto esiste senza che venga percepito,
denominato e interpretato da una consapevolezza dell’individuo e le informazioni su ciò vengono propagate
esclusivamente attraverso l’individuo, un’oggettività in senso ristretto, indipendente da una consapevolezza, è
illusoria già in anticipo. La percezione, anche della natura, è sempre e senza eccezione creazione di un costrutto
spirituale.
Ancora una volta: la “Realtà” può essere riconosciuta solo ed esclusivamente attraverso le lenti del nostro
intelletto. Con ciò, ogni esistenza nello spazio e nel tempo è il risultato di una costruzione mentale, un mero
sofisma.
Noi possiamo quindi solo immaginare (lo immaginò anche Einstein) che la natura esista anche senza presa
di coscienza. Se applichiamo gli effetti quantistici della “commutazione della realtà attraverso l’osservazione”,
è senz’altro plausibile che non siamo solo noi gli esseri in grado di commutare la realtà. Le forme della natura
potrebbero senz’altro stabilizzarsi attraverso le molteplici risonanze che si manifestano ovunque nella materia.
Ma sono ipotesi non dimostrabili, perché per gestirle necessitiamo di una consapevolezza dell’essere.
Una materia indipendente dallo spirito è quindi una chimera. Gli scettici, che fino ad oggi non hanno voluto
prendere atto di questo, pensano veramente di avere monopolizzato la verità ritenendosi più accorti dei
pensatori che qui di seguito riportiamo e che hanno ormai dimostrato la loro attendibilità?

«La materia assume realtà quando viene percepita da uno spirito qualsiasi.»
Georges Berkeley, vescovo e filosofo (1685-1753)

«L’universo dilatato nello spazio e nel tempo, esiste solo nella nostra immaginazione. Che esso sia qualcosa
di diverso, neanche l’esperienza, come già riconobbe Berkeley, ci fornisce alcun punto di riferimento.»
Erwin Schrödinger, Nobel 1933 per la fisica

76
«Consapevolezza genera realtà.»
Eugene Wigner, Nobel 1963 per la fisica

«La realtà viene creata dall’osservazione.»


Niels Bohr, Nobel 1922 per la fisica

«La fisica quantistica c’insegna che la materia può assumere un’esistenza concreta e ben definita solo in
unione con lo spirito.»
Paul Davies, fisico

«La distinzione tra materia e spirito è un’astrazione. La base è sempre una sola.»
David Bohm, fisico quantistico

Il determinismo del mondo di Newton perde la sua pretesa di assoluto e per noi si apre un universo dove la
materia è elemento creativo, perché essa, come mette in chiaro Paul Davies, viene pilotata dall’intelletto. Di
conseguenza non esiste una fisica obiettiva bensì solo un consenso raggiunto attraverso esperienze.

5.4 Misticismo nella Filosofia quantistica

Una delle cognizioni fondamentali della fisica quantistica dice che nel mondo subatomico un evento esiste
in “tutti i suoi stati possibili” solo fino a quando una misurazione o un’osservazione, che ha sempre alla base
una sorta di risonanza, non lo fissa ad uno stato specifico.
Tutti gli stati che non sono stati portati a livello di realtà, esistono quali possibilità, quali funzioni
matematicamente descrivibili di oscillazioni. Le funzioni di onda sono sovrapposte tutte l’una all’altra
costituendo una coerenza, subordinandosi ad una potenza superiore, che crea un ordine universale puramente
virtuale. Questa virtualità universalmente propagata viene definita quale “Oceano delle infinite possibilità”. Si
tratta di un rumore incommensurabile, gigantesco ma nello stesso tempo anche di una precisa unità
inconcepibile. Questo “Oceano delle infinite possibilità” è ovunque nello stesso tempo, senza alcuna differenza
temporale in tutti i luoghi immaginabili. Esso è in ognuno di noi, nella materia che costituisce la terra e la
natura, come anche nell’atmosfera e in tutto il cosmo.
Come scrive Anton Zeilinger. oggi si è affermato il punto di vista che i sistemi subatomici esistono quali
probabilità create dal processo dell’osservazione. L’interazione con l’ambiente corrisponde ad una
osservazione o rispettivamente ad una misurazione e in ultima analisi dipende dall’impressione sensoriale in
presenza di ogni osservazione. E questo è di nuovo un’esperienza immediata. (Zeilinger 2003)

77
Fenomeni quantistici restano indefiniti fino al momento che essi vengono in qualche modo “misurati” e
quindi osservati. Misura e osservazione significano essere sempre in presenza di uno scambio di energia e di
informazioni.
Cosa fa un’entità quantistica prima di essere osservata e così diventare reale?
L’entità “inosservata” esiste in una sovrapposizione coerente di tutti gli stati possibili, permessi e pensabili
dalle funzioni oscillanti. (Erwin Schrödinger, 1926)
Ma nell’istante in cui viene eseguita una misurazione, analoga ad una osservazione, la funzione oscillante
collassa con le molteplici probabilità degli stati e il sistema è costretto a prendere un unico e solo stato. Esso
è stato commutato in realtà. “Essere è essere percepito”, dice George Berkeley.
Possono collassare, essere incoerenti, slegarsi, non solo l’energia con le sue oscillazioni bensì anche
funzioni oscillanti di informazione e Bit quantici (Qubit). L’informazione viene così trasferita in uno “stato
classico”, che vuol dire che, “dall’Oceano delle infinite possibilità” scaturiscono entità definite di significato
e valore. Ecco cosa dice Meister Eckart: «La nostra vita sulla terra si basa quasi del tutto sul fatto che noi
consideriamo Dio e tutte le cose come semplici possibilità». (Meister Eckehart 1934)
È determinante il fatto che la sovrapposizione delle funzioni oscillanti, isolata dall’ambiente, resta in tale
stato fino a quando non si presenta un osservatore consapevole e sensibile. Gli esperimenti in tale direzione
hanno fornito risultati stupefacenti: Quando un’apparecchiatura misura un sistema quantistico, i risultati
rimangono in sovrapposizione fino a quando una persona consapevole viene ad osservare il processo di
misurazione dell’apparecchiatura. Ritorneremo più avanti su questo argomento.
Cosa vuol dire ”osservatore consapevole e sensibile”? Con ciò si vuole indicare il totale di cosciente e
subcosciente di una persona che lascia collassare le oscillazioni. L’auto-istanza, l’intelletto e l’anima crea
quindi la realtà. Questa conseguenza fa parte della “Interpretazione di Kopenhagen” sostenuta da Heisenberg
e soprattutto da Niels Bohr.
Un altro fisico, Hugh Everett, è dell’idea che ogni collasso crea un nuovo mondo, con la conseguenza di
una infinità di universi paralleli. Questa idea è degna di analisi perché essa eventualmente permette che singole
e importanti funzioni di uno stato nel mondo A, possono essere trasferite in uno stato diverso nel mondo B
come per esempio succede in sogno.
Al centro di tutto ci sta sempre la persona con le sue sensazioni e la sua consapevolezza. Ogni realtà trae
origine anche attraverso sensazioni e libera nuovamente altre sensazioni e percezioni. Essa, la realtà, viene
sentita e percepita.
«Quando si è un’unica cosa con le sensazioni dirette e con le intuizioni, si riconosce a che livello è distorta
e paradossale la scienza naturale, quella scienza moderna che c’impone il modo di pensare».

Alfred North Witehead, Filosofo e matematico (1861-1947)


L’insieme connesso di ragione, sensazioni, consapevolezza individuale e universale è quindi
manifestamente il commutatore determinante della realtà.

78
5.5 Il ruolo dell’osservatore nella realtà quantistica

Scienziati eminenti sono tutti d’accordo nell’affermare che nella realtà quantistica l’osservatore assume un
ruolo decisivo.
Niels Bohr dice: «Una visione, un fenomeno, è soltanto tale quando è un fenomeno osservato». E John
Wheeler sul concetto di decisivo aggiunge che ciò vale a dire che colui che osserva, «è qualcuno che si serve
di un’apparecchiatura di osservazione e si associa all’origine del significato». (Yam 2003)
Wheeler dice ancora: «L’insegnamento più importante della fisica quantistica è che i fenomeni fisici
vengono definiti attraverso la domanda che ci poniamo su di essi». E il francese Zurek, basandosi sugli
esperimenti da lui eseguiti, si esprime in forma ancora più generale: «Il sistema diventa decoerente (decoerenza
= quando un sistema interagisce con l’ambiente) perché le informazioni trapelano verso l’esterno». (Yam
2003)
La risposta alla domanda: «In quale stadio del processo di misurazione, rispettivamente osservazione,
avviene il collasso?» suona così: «Quando un essere umano si rende consapevole di una
osservazione/misurazione»
Come funziona questo?
Ogni azione reciproca con un elettrone o anche con ogni altra particella elementare, idonea a rilevare una
qualsiasi proprietà sulla particella, appartiene alla categoria “misurazione”. Ecco come si esprimono su ciò
Paul Davies e John Gribbin: «Non appena viene eseguita una misurazione quantistica, l’oscillazione si collassa
perché il processo di misurazione modifica la nostra conoscenza del sistema, cosa che di ritorno influenza il
comportamento del sistema misurato». (Davies/Gribbin 1993)
L’osservazione/misurazione genera dunque un fenomeno quantistico elementare. La particella fissata
attraverso l’osservazione, corrisponde ad una misurazione di luogo e noi apprendiamo la “Realtà” per lo
sviluppo seguente delle forze sulle masse.
Contemporaneamente viene definito per quanto tempo deve durare lo sviluppo di queste forze.
«Senza la percezione sensoriale non esiste alcuna osservazione. Senza osservazione, senza misurazione noi
non siamo in grado di assegnare una qualsiasi proprietà ad un sistema». (Zeilinger 2003)
Esistono frammenti di nuclei atomici che negli anni tra il 1980 e il 1987 furono analizzati in molti laboratori
e ai quali venne dato il nome di “Anomalons”. Un Anomalon vive solo frazioni di secondi e i suoi effetti sono
visibili solo attraverso metodi di dimostrazione molto complessi. La particella mostra una iterazione inconsueta
e forte con altre particelle, ma le sue proprietà si modificano anche sotto le identiche esatte condizioni di
laboratorio. La sua realtà dipende da chi di volta in volta la trova, rispettivamente di come se l’immagina chi
la scopre (Thomson 1984). Nei laboratori sovietici vennero scoperti una serie di neutrini dotati di massa, ma
niente parallelamente nei laboratori americani (Sutton 1985).
Sembra addirittura come se gli scienziati non scoprissero le particelle del mondo subatomico ma le
creassero essi stessi. Da ciò si può dedurre: il mondo è da una parte nell’evento e l’evento è dall’altro lato
incluso nel mondo. Ogni evento s’impossessa del proprio mondo.

79
Se i fisici non scoprono il mondo subatomico ma lo creano, per quale motivo allora gli effetti di certe
particelle, poniamo il caso degli elettroni, hanno una realtà stabile? Perché caratteristiche ed effetti di un
elettrone sono sempre gli stessi, indipendentemente di chi sta ad osservare gli effetti dell’elettrone? La
soluzione del rebus potrebbe essere che l’elettrone quale grandezza efficace è noto da tanto e che i dettagli su
di esso si siano ormai diffusi da tempo. Si potrebbe quasi dire che si sono accordati e generalmente accettati.
Se allora non possiamo prescindere dall’individuo e dalla sua autoistanza per svegliare le forze che
commutano la realtà, dove rimane l’obiettività quale criterio più importante per la scienza e del quale noi
andiamo così orgogliosi?
L’oggettività non esiste. Quando l’intelletto umano “oggettivizza” il proprio mondo, esso rimane per forza
di cose all’esterno, poiché secondo la propria essenza non è oggettivabile, dice Schrödinger. Però, siccome
tutto quello che esiste nei nostri pensieri e nella consapevolezza viene esclusivamente prodotto
dall’intelletto/spirito, questo resta sempre l’artefice di tutto anche della scienza e dei suoi risultati. Schrödinger,
nella stesura delle letture di Tarner che nell’ottobre 1956 furono presentate in suo nome presso il Trinity
College di Cambridge, in un momento in cui era degente, riassume così: «…mentre l’immagine del mondo, è
e rimane essa stessa e per ognuno una creazione del proprio spirito, e oltretutto non possiede alcuna esistenza
dimostrabile, lo stesso spirito rimane nondimeno un estraneo all’immagine, egli non vi trova posto e all’interno
non s’incontra in nessuna parte».
Suona paradossale. Il nostro spirito proietta la sua forza con l’aiuto dei pensieri e della consapevolezza
verso l’esterno in una propria costruzione spazio-temporale e crede fermamente che il divenire possegga una
realtà indipendente da se stesso.
Schrödinger dice ancora: «L’intelletto, confrontato con questo compito veramente ciclopico (la costruzione
del mondo esterno reale da “sostanze spirituali”, come annota l’autore) non può farcela altrimenti e non gli
resta che tirarsi indietro dal suo stato comprensibile di spossatezza mediante un artificio semplicistico».
(Schrödinger 1989)
Possiamo dunque fissare il concetto che tutto viene pilotato dall’intelletto. Argutamente potremmo dire che
il nostro agire è ascientifico, quando non ci poniamo la domanda sull’intelletto e del suo effetto sulla materia
e sulla vita. La carenza di conoscenze che ne deriva, si fa notare massivamente nella società odierna.
Gli effetti della dipendenza quantistica, specifica all’osservante, emergono anche nell’universo
macroscopico. I grandi oggetti, sono in ogni caso sempre composti in esclusiva da piccole unità. Incontreremo
naturalmente sempre scettici che applicano i principi della fisica classica sugl’individui e vogliono lasciar fuori
la consapevolezza dei medici e del paziente coinvolto. Sennonché, proprio perché si tratta della salute delle
persone si dovrebbe evitare l’errore comune d’ignorare le componenti intellettuali che giocano un ruolo
decisivo sull’essenza della vita e di assumere invece il ruolo dell’osservatore sempre più consapevolmente.
Ciò, secondo Shimon Malin, consiste «nel creare determinate condizioni, finalizzate per la transizione del
possibile al reale». Tali condizioni stabiliscono «il tipo di realtà che emerge alla superficie», ma non le sue
particolari proprietà. (Malin 2003)

80
5.6 Mondo esterno e interno sono una sola cosa

Ciò che noi chiamiamo esperienze vissute, sono reazioni che si manifestano all’incontro tra energie.
Prendiamo per esempio la percezione: la volontà di focalizzare un organo del sensorio incontra l’oscillazione
elettromagnetica di una emittente, da cui risulta la percezione.
Vedo per esempio un albero. Cosa avviene? L’energia solare, quale spettro delle oscillazioni di frequenze
elettromagnetiche che comunemente chiamiamo luce, colpisce gli elettroni delle foglie, del tronco e dei rami
dell’albero. Questi elettroni vengono eccitati dalle irradiazioni e ricascano alla fine nel loro stato primitivo.
Nel frattempo emettono verso l’esterno frequenze luminose con le quali erano stati eccitati prima. Alcune di
queste frequenze oscillanti vengono imprigionate in strutture molecolari ben precise. Le frequenze che non
vengono assorbite, irradiano anche nella nostra direzione ed entrano in risonanza con le strutture di coni e
bastoncelli del fondo dell’occhio: la retina, dove l’assorbimento di questa energia provoca una modifica delle
strutture molecolari. Attraverso lo scambio ionico e di complesse modifiche della membrana cellulare arrivano
poi al cervello segnali che noi interpretiamo come l’immagine dell’albero. Sebbene sia tutto per intero
radiazione elettromagnetica, noi selezioniamo l’albero in un posto specifico nello spazio. Questo diventa poi
la nostra realtà.
Generalmente detto: per la configurazione della realtà viene condotta energia alla nostra consapevole
attenzione, da ciò in seguito generiamo forma/struttura/configurazione con senso e valore quali unità separate
e creiamo così spazio e tempo. Il mio “IO” ha creato, plasmato l’albero.
Quando prendiamo un oggetto in considerazione, noi in effetti osserviamo il nostro cervello occupato ad
elaborare energia elettromagnetica irradiata dall’oggetto. L’universo non è quindi la diretta riproduzione delle
energie che attivano i nostri sensi. Più che altro sono il nostro intelletto e la nostra consapevolezza che creano
il mondo dando al totale delle singole energie captate momentaneamente “senso e valore” o senso e significato.
Dal punto di vista della filosofia quantistica gli oggetti dell’universo materiale esistono soltanto in relazione
alla nostra consapevolezza. Secondo la tradizione asiatica, le manifestazioni da svegli del mondo cosciente
sono Maya, ovvero “illusioni, fantasmi, fantasmagorie”. Tutto quello che viene creato dall’osservazione, ha la
facoltà di osservarsi da se stesso e di creare nuove realtà esse stesse osservanti.
Concretamente detto, significa che “ogni invenzione crea nuove invenzioni”. Noi siamo parti di una
creazione che si scinde all’infinito in molteplici creazioni e queste possono nuovamente percepirsi a vicenda
scambievolmente e per mezzo di ciò stabilizzarsi.
L’IO attinge ad energie del mondo esterno e le conserva nel proprio mondo interno (consapevolezza,
intelletto), plasma le immagini interne (trasformazione) e restituisce al mondo esterno queste rappresentazioni
sotto forma di creazione. Senza riflesso del mondo interno, il mondo materiale non può esistere. (Laitman
2007)
Ogni Co-Creazione è quindi una proprietà intrinseca.
Tutte le manifestazioni sono collegate ad una consapevolezza. In concreto avviene quanto segue:
Un’informazione potenziale esiste universalmente “prima” solo come funzione d’onda e diventa “poi”
informazione locale, concreta, quando noi individui che ce la raffiguriamo quale costrutto spazio-temporale,
81
consciamente per generare sapere, o domandiamo, osserviamo, misuriamo ecc. Tramite la consapevolezza
dell’individuo vengono connesse con la locale materia informazioni universali, quindi non locali e
virtualmente latenti, e con ciò si ottiene la commutazione semantica e reale dell’informazione.
Dalla cognizione che la consapevolezza fa diventare reali le particelle subatomiche dobbiamo fare
attenzione a non trarre conclusioni affrettate, poiché: «Noi e anche l’intero universo creiamo sì particelle
subatomiche, ma inversamente esse creano anche noi. L’uno crea l’altro nell’ambito della cosmologia
autoregolatrice». (Wheeler e altri 1973)
Quello che noi designiamo mondo esterno, si basa in esclusiva sulla nostra percezione intellettuale. Io creo
il mondo esterno nella mia consapevolezza. Per mezzo della mia consapevolezza io sono così contenuto nel
mondo esterno, ma il mondo esterno è anche in me attraverso la mia stessa consapevolezza. «Quando noi
crediamo di avere fatto esperienza di un mondo fuori di noi, in realtà viviamo questo stesso mondo dentro di
noi», dice il filosofo e mistico Paul Brunton (1898-1981).
La consapevolezza interpretativa rimane in un continuo gioco alternato con l’ambiente ed è mutevole.
Quando il corpo è esausto, la qualità della percezione che segue per mezzo della consapevolezza è diversa da
quella di un corpo fresco, rigenerato. Questo è un problema di non poco conto per l’auto-guarigione. Quando
ci sentiamo male perché siamo ammalati, anche la nostra percezione non è più in armonia e in grado di guarirci.
Una consapevolezza dislocata (pazza) a causa di droga, ipnosi, innamoramento, trance o sotto simili
influssi, modifica la nostra esperienza e ci trasferisce in un mondo completamente diverso. Il morale o l’umore
interno genera la realtà individuale. La materia tutta esiste solo sulla base dell’idea che noi ci facciamo di essa.
Noi pensiamo in immagini e modelli che corrispondono alle nostre aspettative e che si basano di nuovo sulle
nostre esperienze.
La consapevolezza impiega il corpo per osservare e così fare esperienze. La costruzione del corpo serve
quale strumento, così come noi usiamo i telescopi per osservare le stelle nel cosmo. In realtà noi siamo puro
intelletto in uno strumento di misura che si chiama corpo. Fare esperienze è un gioco di dimensione cosmica.
Il mondo materiale è il palcoscenico o il terreno da gioco, le leggi naturali sono le regole del gioco.

5.7 Realtà e informazione sono una sola cosa

Il nostro universo, natura compresa, è alla fin fine la costruzione intellettuale che sorge sulla base delle
informazioni che si riversano su di noi. Noi non veniamo separati dalla natura e da un oggetto di ricerca. Noi
anzi creiamo sia la natura e sia la nostra vita attraverso la nostra attività intellettuale. Il fisico quantistico Anton
Zeilinger dice: «Realtà e informazione sono la stessa cosa. L’informazione è l’elemento primordiale
dell’universo». (Zeilinger 2003)
Gli scienziati «esaminano l’universo fisico sempre meno come un’agglomerazione degli ingranaggi di una
macchina e sempre più spesso come un sistema che elabora informazioni. Ormai il goffo ammasso di materia
è tramontato, al suo posto è entrata l’informazione e i suoi bit». (Davies/Gribbin 1993)

82
Tutto quello che noi abbiamo e che riceviamo attraverso canali specifici è informazione:
❯ emessa dalle nostre impressioni sensoriali,
❯ emessa dalle sensazioni presenti al vaglio di una situazione,
❯ emessa dalle risposte elaborate intellettualmente alle domande che noi poniamo,
❯ emessa dall’interpretazione e dall’assegnare senso e valore.

Funzioni d’onda per caratteristiche potenziali, inondano l’intero universo. Esse non sono vincolate né allo
spazio, né al tempo. Queste oscillazioni sono informazione pura, puro software, che descrivono tutto quello
che può essere portato a conoscenza su un sistema. Schrödinger che sta all’origine della denominazione delle
“funzioni d’onda”, le contrassegnò come “Sapere”. Per cui l’universo può essere contrassegnato come
“Sapere” o campo d’informazione.
Il nostro subcosciente (l’animo) riceve dati vitali da questo campo d’informazione. Esso possiede
“intuizione”, percepisce e “conosce”, “sa”. La consapevolezza (raziocinio, intelletto) trasmette questi dati poi
in un codice verbale o simbolico: concetti, norme, “archivi” o cassetti.
Componenti più importanti della consapevolezza attiva sono quindi:
❯ riconoscere tramite l’elaborazione di energia e informazione,
❯ assegnare senso e valore con emozioni e fede
❯ commutare la realtà quale mediazione di forza e tempo con la massa della nostra materia (volere).

Dal Buddismo come anche dal Talmud giudeo e dai monasteri cristiani tra origine la seguente saggezza:

Sta attento ai tuoi pensieri, essi diventeranno le tue parole.


Sta attento alle tue parole, esse diventeranno le tue azioni.
Sta attento alle tue azioni, esse diventeranno abitudini.
Sta attento alle tue abitudini, esse saranno il tuo carattere.
Sta attento al tuo carattere, esso sarà il tuo destino.

Quello che tu pensi, lo pensi con le parole del linguaggio appreso dopodiché tu pronuncerai queste parole.
Ogni frase detta viene prima preparata nei pensieri e poi pronunciata. Quello che dico faccio. E qui entra in
gioco la materia. Le nostre abitudini quindi scolpiscono una statua “materiale”, che significa che le attività
mutabili vengono congelate sempre di più. L’intelletto si perpetua nel mondo materiale e gli dà forma. Alla
fine anche il mio IO viene formato da questa statua. Il mio carattere si consolida e tutto sbocca in quello che
sembra una inevitabile manifestazione del destino.
Noi pensiamo in immagini, modelli che corrispondono alle nostre attese, e queste ultime traggono origine
dalla base delle nostre esperienze. Esperienze sono le fondamenta di tutto quello che esiste: esperienze del
conscio e dell’inconscio. Tutto, proprio tutto quello pensabile è dedotto dalla nostra esperienza, alla quale noi

83
aggiungiamo, facciamo tesoro anche di quella del nostro prossimo. Non viviamo in un universo di cose, bensì
in un universo di esperienze.
«Io sono una parte dell’universo, e poiché faccio di esso esperienza, l’universo di cui faccio conoscenza, è
parte di me stesso». (Malin 2003)

5.8 Informazione e “Oceano delle infinite possibilità”

Ma dove si nasconde l’informazione che dà forma all’essenza della vita da cui dipende sia l’anima e sia
l’intelletto? Nel capitolo precedente avevamo già esposto che la nostra consapevolezza si serve delle
informazioni virtuali presenti nel vuoto privo di massa, “Oceano delle infinite possibilità”, sinonimo di “campo
punto zero” e di campo Psi. Avevamo anche accennato che in questo campo d’informazione spazio e tempo
sono assenti. Ciò vuol dire: tutte le nostre esperienze di spirito/intelletto sono memorizzate in un campo
presente ovunque, sempre dentro di noi e nello stesso tempo presente in tutto l’universo. Già i fisici quantistici
Wheeler e Feynmann e più tardi anche Jaynes constatarono che questo campo non ha un’esistenza spazio-
temporale, bensì rappresenta una unità di memorizzazione dell’informazione. (Wheeler/Feynmann 1949,
Jaynes 1990)
Tutto quello dunque che è memorizzato nel vuoto, esente dai limiti di velocità della luce che come tale è
legata per definizione a componenti di forze che non esistono nel vuoto, con il denominatore della formula che
può essere considerato zero (c=1/√ɛu, con c = 1/0, c diventa ∞ o infinito), si espande (quasi) istantaneamente
in tutto l’universo.
E mentre impulsi misurati, energia misurata e cariche elettriche misurate sono grandezze locali, le funzioni
di onda sono non locali in questo campo e descrivono connessioni che esistono indipendentemente da spazio
e tempo. Esse sono quindi globali anzi, meglio detto, universali.
Con ogni cambiamento del divenire energetico assieme a quello che viene modificato dall’uomo e dalla
natura, viene introdotta tacitamente informazione ora e adesso in questo campo (in sintesi quindi attraverso
tutto quello che succede). Siamo in tal caso in presenza di modifiche del modello spazio-temporale. La
testimonianza del passato partecipa ad ogni istante e in ogni singola parte alla gestione del presente di questo
mondo. Ci sono individui che stesi sul divano si rilassano e ricevono frammenti di quello che è accaduto in
passato. Uno di questi fu il famoso Edgar Cayce del Kentucky (il profeta dormiente o il profeta dell’inconscio)
che descrisse la storia degli Esseni di Qumran indicando i luoghi ben undici anni prima che i rotoli degli scritti
venissero scoperti nelle grotte di Qumran sul Mar Morto. La decifrazione del loro contenuto confermò
l’esattezza della sua versione. (Kittler 1970)
A noi comunque non serve andare alla ricerca di eventi spettacolari. Il totale delle nostre sensazioni
congenite che in precisi momenti ci raggiungono, in ultima analisi non sono altro che esperienze che i nostri
antenati ci tramandano. Memorizzazione dell’informazione è identica a memorizzazione dell’esperienza.
Queste esperienze si sono impresse nell’Oceano delle infinite possibilità e nel frattempo possono per così dire

84
venire richiamate quali archivio di documentazione, ovunque e da tutti gli individui come anche da animali.
Principio questo che nella natura ha stabilito l’evoluzione.
L’Oceano delle infinite possibilità, sulla base della propria struttura permette che tutto può comunicare con
tutto fin nel profondo delle strutture microscopiche dove ha luogo la guida della vita. La tesi nel frattempo
diffusa sotto il nome di Epigenetica è da collocare in questo contesto. La cellula riceve informazione e con
essa pilota il proprio gene. Il gene produce su richiesta molecola di proteina. Questa proteina, che diventa
anche enzimi, pilota infine l’intero organismo e perfino i discendenti. Tutto questo avviene alla fine sulla base
dell’informazione richiamata dall’Oceano delle infinite possibilità.
Nella vita di tutti i giorni noi tutti facciamo continuamente uso di questo speciale strumento di
memorizzazione. Realtà e virtualità, un continuo prendere e dare da e nell’Oceano delle infinite le possibilità.
Qui e adesso vengono universalmente memorizzate costellazioni di energie vissute e le loro informazioni. La
rinnovata selezione di questo modello è possibile ovunque e in ogni momento attraverso risonanza e
associazione. “Risonanza” assieme ad energia virtuale codificata e informazione memorizzata che noi
facciamo rivivere, assegnandovi senso e valore, genera forma/struttura/configurazione della materia.
Questo principio della messa in memoria era già evidente nelle culture antiche per esempio in India. Nel
Lankavatara Sutra, un testo buddista, radicato nel quarto e quinto secolo, si parla di Citta, consapevolezza di
baseal posto di Oceano delle infinite possibilità. Il vissuto è designato quale: semi di “Karma(n)”, che migrano
nella consapevolezza di base, una sorta di campo base, e possono essere riutilizzati per costruire il mondo
materiale.

«Il Karman viene collezionato da Citta (consapevolezza di base), concentrato dal pensare (a individuo) e
reso consapevole dalla consapevolezza (pensante). Attraverso i cinque (tipi di consapevolezza sensoriale)
viene (poi) immaginato il mondo visibile (degli oggetti)». (Lankavatara-Sutra 2)

Guarderemo questo processo con più esattezza nei capitoli 6 e 7.


Nella fisica esistono modelli con i quali ci si può rappresentare concretamente la messa in memoria di
informazioni nel vuoto (identico con Oceano delle infinite possibilità). Per cui il vuoto è gremito di particelle
di Higgs. Queste particelle fino ad ora non trovate (quando Warnke scrisse questo trattato, il collaudo
dell’acceleratore del CERN per tale applicazione non era stato ancora chiuso), hanno preso il nome di un
fisico inglese che le ha postulate per la prima volta. Ci si può ora rappresentare quest’agglomerato di particelle
che viene sempre più strutturato da ogni informazione che è anche sempre collegata ad energia. Queste strutture
formano poi unità di informazione, che possono venire nuovamente richiamate. Quanto più spesso
informazioni identiche viaggiano avanti e indietro, tanto più stabile diventa la struttura e tanto più facile gli
organismi vi hanno accesso. Ma chi ha accesso a queste strutture e chi le genera?
Per chiarire questi interrogativi, non ci resta che speculare e orientarci verso dati di fatto. Senza alcun
dubbio noi sappiamo che la nostra consapevolezza quotidiana dipende dall’attività dei neuroni nel cervello. Se
i neuroni sono iper-polarizzati, quindi con una carica elettrica sopraelevata verso le loro membrane cellulari,

85
o se viene modificato il trasporto di ossigeno e monossido di azoto, come nella narcosi, sparisce la nostra
consapevolezza quotidiana. Noi sappiamo ancora che la nostra consapevolezza pilota l’informazione. Se si
accetta la teoria presentata prima, i neuroni sono i traduttori dell’informazione proveniente dal vuoto: Oceano
delle infinite possibilità.
In alcuni centri cerebrali, per esempio nel sistema limbico, noi possediamo dei componenti organici molto
speciali: i ganglioni. I ganglioni sono composti da intrecci di neuroni, spesse volte con elementi a spirale.
Quando questi neuroni diventano attivi elettricamente, dalle onde elettromagnetiche sorgono dei campioni
d’interferenza, vortici e potenziali. Ogni campione specifico è accoppiato con attività periferiche ben definite
come anche con le attività del sensorio. L’energia di base, attraverso la quale si trasformano in informazione i
diversi vortici, può entrare nel vuoto in interazione con le particelle di Higgs.
Di conseguenza i neuroni, attraverso il loro tipico campo di vortice elettromagnetico che sgorga dalle
strutture dei dipoli, servono da trasformatori e campione d’informazione e agiscono in questo modo dentro il
campo d’informazione universale (campo dello spirito, dell’intelletto) e dentro il campo di forza, tipico della
materia, nel rispettivo meccanismo riverso, partendo dal campo dell’informazione.
Già nel 1980 si fece viva l’idea che i conglomerati dei neuroni possedessero la capacità di oscillare in
risonanza con una informazione specifica. (Gibson 1980)
Se i neuroni descritti, insieme in “formazione”, liberano energia elettromagnetica, si sviluppa una
radiazione con proprietà omogenee, che è quindi coerente. Questa coerenza è un presupposto affinché dalla
sovrapposizione di oscillazioni elettromagnetiche si possano sviluppare ologrammi. Gli ologrammi hanno la
proprietà di immagazzinare una enorme quantità di informazione che può essere prelevata nello stesso modo
da ogni singolo punto dell’ologramma.
Questa formazione dell’ologramma è un’attività di ogni singolo cervello. Per comporre per esempio dai
segnali luminosi una immagine, il cervello effettua un’analisi di Fourier e stabilisce, frequenza, elongazione e
rapporto di fase di una oscillazione in relazione con altre onde luminose.
Karl Pribram sviluppò per il cervello la teoria olonome di campo quantistico (con holos si contrassegna il
campo dello spettro e con nomos la generalizzazione della sua teoria), per cui tutte le impressioni apprese,
sono presenti in quasi tutte le parti del cervello. Secondo Pribram, il cervello con le sue funzioni olografiche è
armonizzato all’ordine olografico dell’universo.
Anche David Bohm (1917-1992) suppose: «Probabilmente, l’universo non è altro che un gigantesco
ologramma creato dallo spirito».
Chi dunque reagisce quale risonanza sotto l’influsso di questi campi di vortici olografici che si propagano
sia nel cervello e sia nel vuoto universale (il nostro Oceano delle infinite possibilità)? Non sono altro che gli
Spin dei nuclei degli atomi e degli elettroni. Questi Spin sono essi stessi delle strutture di vortici e per la
loro capacità inerente di particelle di comunicazione che descriveremo nel capitolo sette, posseggono la
necessaria capacità di risonanza. Spin modificati, modificano anche le coesioni molecolari e ogni cambiamento
di coesione all’interno della materia del nostro corpo è memorizzato nel vuoto come informazione. Nello stesso
tempo, noi individui siamo una precisa ed esatta costruzione e connessione di atomi e molecole e come tali

86
rappresentiamo una particolare struttura spazio-temporale. Ognuno di noi quindi, quali singoli individui, siamo
raffigurati anche nell’Oceano delle infinite possibilità. Viceversa, ogni individuo e ogni struttura, per
microscopica che sia, può attingere alle immagini nell’Oceano delle infinite possibilità. Il termine impiegato
da Puthoff è “Cosmologia dell’autoregolazione”. (Puthoff 1989-1990).
Riassumiamo: Tutti le vicende di cui facciamo esperienza nel nostro mondo si “imprimono” per sempre
come una sorta di struttura di onde, nell’Oceano delle infinite possibilità universalmente diffuso. Ne sorgono
campioni d’interferenza, molto simili agli ologrammi. Da questo “Oceano”, nuovamente e in ogni momento,
tali campioni possono essere scelti e trasportati negli eventi energetici proprio attraverso altrettanti campioni
risonanti simili agli ologrammi, come essi vengono consumati dal nostro cervello e dalle nostre cellule. Questo
ricorda l’inconscio collettivo. Una parte di tutto il processo viene guidato dalla consapevolezza verso la ragione
o verso l’emozione.
Abbiamo prima ricordato che ogni frammento di ologramma per piccolo che sia, contiene il totale delle
informazioni dell’intero ologramma.
Questo ologramma è tra l’altro descritto nel Buddha-Avatamsaka-Sutra, un famoso testo sanscrito che
intorno al 420 fu tradotto in cinese e che si divulgò ampiamente anche nell’Asia orientale.
«Tutte le immagini dell’universo spirituale (Dharmadhātu= lett. "ambito della realtà assoluta" o "campo
del reale") sono visibili in un singolo granello di polvere».
«Il totale dell’universo si rispecchia nuovamente in ogni cosa fin nell’intimo del più piccolo granello di
polvere. Tutte le cose che sembrano diverse si compenetrano totalmente: l’una è parte di tutte e tutte sono parte
dell’una senza alcun limite. Uccelli, fiori, montagne non sono più separati bensì fusi gli uni con gli altri, senza
con ciò perdere la loro appartenenza a fiori, uccelli, montagne; uno stato dell’essere diverso, trasparente e
lucente».
In questa sezione abbiamo trattato tante singolarità che vale la pena ricapitolare i punti salienti e metterli in
rapporto con gli enunciati del capitolo precedente. Da quanto detto si traggono le conclusioni seguenti:
sensazioni, quali principi intellettuali sono gerarchicamente superiori alla materia. Esse modulano la materia,
per esempio con i neuro-trasmettitori. La materia modulata ricrea nuove costellazioni, affinché possano sorgere
sensazioni nuove e ulteriore informazione emessa, sganciata dal campo spirituale/intellettuale. In tal modo
l’uno condiziona l’altro e tutto è solo possibile con l’aiuto della costruzione materiale: individuo.
Noi come esseri viventi siamo il risultato degli irremovibili, “in itinere”, collassi di potenzialità del vuoto
sotto l’azione di energie in risonanza. L’energia potenziale di un volume scrutato nello spazio, come più avanti
verrà spiegato, viene dunque trasportata nella realtà del vicino ambiente attraverso l’influsso elettromagnetico
immediato di deboli oscillazioni elettriche, formando particelle quali elettroni, quanti e fotoni e producendo
forze che poi conducono al mondo percepibile con i sensi.
All’interno del nostro corpo la memoria del DNA insieme agl’influssi epigenetici rendono possibile la
costruzione di materia e si occupano affinché le giuste molecole oscillanti e in risonanza, che senza posa si
costruiscono e degradano, vengano sistemate esattamente al posto giusto nella matrice assegnata. In questo

87
modo ci vengono trasmesse le forze che ci danno la resistenza necessaria, permettendoci di funzionare. La
funzione di questa architettura interna dipende a sua volta dall’energia ambientale del costrutto individuo.
Da un lato, speciali neuroni cerebrali contrassegnano sempre, e sempre di nuovo nell’Oceano delle infinite
possibilità, i più svariati campioni d’interferenza individuali. D’altro canto l’individuo trae fuori
continuamente dal campo universale l’informazione ivi contenuta sotto forma di memoria. (In questo modello
si può inserire anche la memoria del DNA). Il nostro intelletto/spirito interpreta questa informazione, le dà
significato e valore e pilota la materia conseguentemente.

5.9 Possibilità di guida attraverso lo spirito

Funzioni d’onda teoriche-quantistiche si collassano con un diverso grado di probabilità. Alcuni eventi
possono avvenire agevolmente quando la nostra consapevolezza permette un accesso facile alla percezione,
altri restano praticamente preclusi perché l’accesso resta improbabile se non impossibile, necessitando troppi
passi intermedi.
E questo è bene che sia così perché, se la consapevolezza in ogni situazione può commutare la realtà al di
sopra dei pensieri e della volontà, succederebbe in ogni momento tutto il possibile e l’immaginabile solo e
soltanto perché noi lo pensiamo. Un disastro!
«Stiamo per precipitare». Un tale pensiero in un momento di panico in volo, avrebbe un effetto
inimmaginabile. Se ciò fosse così facile, la specie umana non sarebbe sopravvissuta. In verità la natura è assai
saggia nel tenere conto dei quattro punti seguenti quando commuta la realtà:

❯ La realtà non la commutano i pensieri da soli, bensì anche le emozioni e gli umori che ci pervadono
contemporaneamente.
❯ Solo un collettivo d’individui con emozioni e stati d’animo identici, commuta la realtà immediata anche
all’esterno del proprio corpo.
❯ Le emozioni possono commutare la realtà se ciò è stato esercitato, appreso, condizionato. Esempi: rituali,
allenamento autogeno, meditazione, Yoga, patologie psicosomatiche.
❯ Soltanto quando le informazioni ambientali prendono un assetto altamente suggestivo, può una funzione
liberare una commutazione anche subito, come in presenza di situazioni estreme, in presenza di un incidente
o quale effetto placebo-nocebo, sotto ipnosi, in un posto particolare spiritualmente suggestivo, come per
esempio in un duomo medioevale.

5.10 Programmazione di una matrice

Come già detto, informazioni vengono assorbite e memorizzate nel campo universale (campo di Base,
campo Psi, campo Punto zero, Oceano delle infinite possibilità) e da qui utilizzate intelligentemente
(finalizzate) e associate a significato e valore. Ci permettiamo a questo punto un paragone con Internet:

88
contributi individuali producono un campo d’informazione immane, mostruoso. Nello stadio di
sovrapposizione (Oceano delle infinite possibilità) i Qubit possono comunicare nel tempo e nello spazio senza
barriere, in istantanea e in tutti i posti, che vuol dire con una capacità probabile infinita. Questa capacità
d’informazione, è stimata alla inimmaginabile possibilità di stato di 10107 per ogni volume di Planck.

Per dare un’idea: scala di Planck = 10-33 cm che è la più piccola grandezza fondamentale. Un volume

Planck è quindi (10-33)3 centimetri cubi. Il volume Planck può modificarsi entro l’unità di tempo Planck di 10-
41
secondi.

«Nell’universo, le interazioni tutte non trasportano soltanto energia, bensì anche informazione. Le particelle
non solo entrano in collisione, ma calcolano anche. Con la progressione del calcolo si sviluppa, si apre, anche
la realtà.»
Loyd 2006

Seth Loyd è docente al famoso Massachusetts Institut o Technology, Cambridge, USA, e ha sviluppato il
primo calcolatore quantistico in grado di funzionare. Egli è profondamente convinto che il nostro universo è
programmabile. Non è il solo che coltiva questa visione. Anche Jurgen Schmidhuber, uno specialista
riconosciuto nel campo dei calcolatori la propugna (Schmidhuber 1997) e Konrad Zuse (1910-1995) che nel
1941 costruì il primo computer completamente automatico, programmabile a piacere, già nel 1970 disse:
«L’universo intero funziona come un computer con un codice che rende tutto possibile».
I calcolatori lavorano con binary digits, e questo lo può anche il campo dell’informazione universale.
«Tutto, ogni particella, ogni campo di forza, perfino il “continuo” spazio-tempo riferisce la sua funzione, il
suo significato, la sua propria esistenza totalmente alla decisione binaria dei bit. Quello che noi chiamiamo
realtà nasce solo dalla domanda “sì/no”» (Weehler conferenza del 1989). È suo lo slogan molto significativo:
The It from the Bit (l’Essere dall’unità d’informazione).
Computer usuale Computer Universale
1 oppure 0 onda o particella
“a” oppure “da” possibilità o concreto
Sì oppure No virtualità o realtà
+ oppure - immateriale o materiale,
non qui/adesso o qui/adesso,
infinito o finito

Gregg Braden ha mostrato una panoramica degna di dibattito sulla programmabilità dell’universo tramite
un paragone al computer convenzionale (Braden 2008).

89
5.11 Principio dell’accoppiamento reattivo finalizzato

L’essenza della vita è la commutazione della realtà per mezzo dell’accoppiamento istantaneo
d’informazione. Chi agisce sono gli elettroni, i positroni e i fotoni. Ma cosa ci sta alla base di questo processo?
Le equazioni di Maxwell, che formulano le basi matematiche dell’elettromagnetismo, hanno sempre due
soluzioni:
Soluzione no. 1: Le onde si propagano in avanti nel tempo verso particelle cariche.
Soluzione no. 2: Le onde si propagano all’indietro nel tempo verso particelle cariche.
La scienza ignora la seconda equazione di Maxwell, perché la nostra esperienza esclude di recarsi nel
passato. Osiamo tuttavia facilitarci la situazione ignorando la seconda soluzione?
Misurazioni evidenziano che elettroni accelerati quando avvertono un urto irradiano oscillazioni
elettromagnetiche (onde radio). Gli elettroni quindi entrano in interazione con qualcosa che abbiamo chiamato
resistenza di irradiazione. Ma con che cosa entrano esattamente in interazione gli elettroni? La resistenza
d’irradiazione agisce perché gli elettroni, nell’istante in cui assorbono energia si contrappongono ad una
accelerazione e per questo si sentono frenati. Ma quale energia assorbono gli elettroni?
Se li osserviamo dall’esterno, succede quanto segue:
Elettrone 1 invia nel futuro fotoni che vengono tra l’altro assorbiti dall’elettrone 2 (= radiazione ritardata).
In questo esempio ignoriamo la radiazione in direzione del passato.
Elettrone 2 che si trova quindi nel futuro, dopo l’assorbimento dell’energia, invia anche lui fotoni. Questi,
poiché la radiazione si propaga nel futuro come nel passato vengono tra l’altro assorbiti dall’elettrone emittente
1 (radiazione avanzata). L’elettrone 1 mostra adesso la resistenza d’irradiazione misurabile e si oppone ai
tentativi di essere spinto in giro verso il futuro.
Gli elettroni sono per i fotoni specchi di tempo nello spazio. Le particelle entrano insieme in un processo
di scambio simmetrico nel tempo. Essi scambiamo “ambasciate” ritardate e avanzate in un continuo
accoppiamento reattivo. Ne consegue qualcosa di meraviglioso: quando un elettrone invia il suo fotone
ambasciatore nel futuro quale offerta d’onda verso un altro elettrone (andata), e questo risponde subito con il
suo fotone verso il passato quale onda di conferma (ritorno), la risposta è qui nell’istante in cui il fotone fu
inviato la prima volta. Ogni elettrone sa quindi già (in anticipo) quando invia il suo fotone, chi lo ha ricevuto.
(Cramers 1986)
Shu-Yuan Chu, fisico presso l’Università della California commenta questo effetto come segue: «Quando
noi adesso, qui sulla terra, diamo una spinta ad un elettrone, ogni particella carica nella galassia Andromeda
lontana circa due milioni di anni luce sa all’istante quello che noi abbiamo causato. (Chu 1993)
Questa interferenza di offerta e conferma, innesca il collasso della funzione di onda. In questo momento
esatto si liberano informazioni con i loro effetti sulle forze.
Sulla base dell’influsso di tutte le particelle cariche, vengono qui scambiate informazioni con il futuro e
con il passato anche nelle galassie più lontane, e che si rendono percettibili senza che i segnali che trasmettono
le informazioni con velocità superiore a quella della luce debbano viaggiare avanti e indietro.

90
Didascalia sullo scambio delle informazioni:
Onda offerta: l’emittente invia un’onda (offerta) nel futuro e nel passato.
Onda confermata: l’offerta viene intercettata dal ricevente che invia un’onda di conferma all’emittente e
nel futuro.
Transazione: onda offerta e onda confermata si neutralizzano ovunque nell’universo tramite interferenza,
ma non tra emittente e ricevente, dove si amplificano scambievolmente generando una transazione quantistica:
la realtà.
La transazione quantistica corrisponde al collasso di una funzione di onda attraverso l’accoppiamento
reattivo dell’eco. La versione aggiornata di questo effetto è conosciuta oggi quale teoria di assorbimento
secondo Wehler-Feynman. Essa infine spiega perché si sviluppa la realtà.
Quando l’insieme delle onde, quella verso il futuro e quella verso il passato, entrano in interazione con tutte
le particelle cariche dell’universo, per via dei fenomeni d’interferenza, rimangono solo le onde ritardate.
Ognuno di noi sa: l’energia può agire solo quando essa è riconosciuta e riassorbita da una struttura finale.
Nello stesso identico modo può agire l’informazione quando essa viene compresa da una struttura finale e
corredata con “significato e valore”.
L’onda offerta verso il futuro, contiene informazione che con “una” possibilità va in risonanza nel brusio
del futuro. Questa risonanza invia un’onda di conferma e inserisce così l’esperienza di questa variante della
realtà. Ogni impostazione di vita, alla quale partecipano elettroni, provvede per esempio al “valore sensato”
per questa risonanza. Per tale compito non è decisiva la ragione, bensì il sistema emotivo: risultato del
congenito, di esperienze, emozioni e condizionamento che questo meccanismo vive sempre e sempre di nuovo.

Funzione d’onda x Funzione d’onda


parte reale + parte parte reale + parte immaginaria
immaginaria coniugata*
passato ⇒ futuro futuro ⇒ passato
onda offerta ⇒ eco, onda di conferma
*coniugata = riflessa, direzione immaginaria. Il tempo deve scorrere indietro.

La modulazione delle due funzioni di onda, corrisponde ad una moltiplicazione. Il prodotto di questa
moltiplicazione significa che la probabilità dell’evento è elevata. Ciò corrisponde al presente di cui facciamo
esperienza. Questo principio è proprio il più importante meccanismo per la costruzione della realtà.
Controlla ora tu stesso: nel momento in cui profondamente rilassato sei consapevole di essere della stanco,
tu ti addormenti rapidamente. Allo stesso modo tu puoi provocare funzioni di disturbo nel tuo organismo se
porti continuamente questi disturbi a livello consapevole. Percepisci per così dire lo scopo attraverso
accoppiamento reattivo. Allo stesso modo funziona con tutti gli altri fini che ti poni. Nella vita di tutti i giorni
noi siamo talmente abituati a questo meccanismo e al suo impiego, che ormai non gli assegniamo alcuna
importanza particolare. Eppure dovremmo prestargli più attenzione perché è proprio qui che risiede la chiave

91
per influenzare la materia. Esattamente così viene prodotto l’effetto placebo-nocebo. Se noi sappiamo farne
uso corretto, ogni singolo elettrone e ogni “Quanto” consapevole “sa” già nell’istante in cui emette un’onda,
chi ha ricevuto questa “notizia”. La qualità dell’energia (funzione di onda e particelle) cambia apparentemente
con effetto retroattivo, ma in realtà questa energia/informazione è orientata ad uno scopo. Quando ci
rappresentiamo un fine, ne avvertiamo gli effetti e il fine prende forma in noi. Invero noi facciamo quello che
prescrive la fisica quantistica: la nostra consapevolezza pilota l’attenzione verso una scelta dal brusio
universale e definisce il campione di energia di base quale forza e tempo, dandogli anche significato e valore.
Il collasso delle funzioni di onda è compiuto, e solo ora risulta informazione. Questa informazione estratta, per
modo di dire, agisce in ogni modo all’indietro sulla propria origine, dove tutto è memorizzato e può essere
modulata attraverso l’esperienza e rispettivamente arricchita. Il termine informazione deriva dal latino
informare = dare forma, figura. Modo di dire che indica che questo risulta dalle immense quantità di energie
che si sovrappongono. Proprio con ciò inizia l’esistenza di una cosa (existere = venire fuori). È questo principio
l’essenza della vita?
Nel frattempo è stato eseguito da Wheeler il famoso esperimento della doppia fenditura, che conferma
esattamente l’interpretazione delle profezie auto-adempienti.
Un raggio luminoso è inviato attraverso una fessura doppia. I cannocchiali servono per la
misurazione/osservazione delle particelle (principio di risonanza). Se dopo l’invio del raggio si solleva lo
schermo, a causa del lumeggio dei cannocchiali non si sviluppano più particelle come in presenza di risonanza,
bensì campioni d’interferenza quali indicatori di onde. Da dove sapeva la luce che dopo l’invio non ci sta più
risonanza?
Questo risultato venne interpretato come segue: la formazione di onde avveniva in retroattiva, quindi nel
passato, sebbene prima sulla base delle condizioni di risonanza da misurare attraverso i cannocchiali, la luce
avrebbe dovuto avere il carattere di particelle.
Possiamo dare a questo effetto una spiegazione plausibile: La natura dell’energia luminosa si adegua senza
interruzione al fine preposto. Fin quando il fine è noto alla luce (i cannocchiali di misura) la natura delle
particelle trae origine dall’accoppiamento reattivo. Se il fine viene coperto, la possibilità dell’accoppiamento
reattivo sparisce e al posto della formazione di particelle si sviluppa la natura neutra delle onde.
Questa spiegazione si accorda con l’effetto della cancellazione dei quanti. Se le possibilità di osservazione
e rispettivamente di misurazione vengono impedite, l’energia si trasferisce indietro dal Quanto alla funzione
d’onda. Anche se le funzioni di onda non sono affatto da considerare uguali a quelle delle oscillazioni
elettromagnetiche, l’effetto della cancellazione delle particelle tuttavia rimane.
Questo principio ha delle conseguenze per l’effetto della nostra fede. Fede vuol dire certezza che il fine
venga raggiunto. In questo caso un accoppiamento reattivo del fine è possibile. Se però noi dubitiamo che il
fine possa essere raggiunto, l’accoppiamento reattivo del fine e la commutazione della realtà vengono bloccati
istantaneamente.

92
6. Fondamenta delle arti guaritrici

«Quello che determina le funzioni degli organi non è materiale, non è spiegabile all’aiuto di atomi e
particelle. Lo si vede nei processi di guarigione quando il tutto è ricostruito sebbene la funzione delle singole
parti fosse distrutta».
Roger W. Sperry premio Nobel 1981 per la medicina

Nei capitoli precedenti sono state esposte molte singolarità sugli attori che fissano l’essenza della nostra
vita. Abbiamo stabilito che consapevolezza cosciente/incosciente, è un modo universale in grado di
convogliare informazione su di noi. Questa informazione virtuale, alla quale è possibile attingere, è
memorizzata nell’Oceano delle infinite possibilità che ingloba sia noi, sia la materia e sia l’universo nel suo
totale. Conscio/subconscio è per così dire il vettore, ovvero il mediatore delle possibilità delle percezioni
concrete. Conscio/subconscio è un modo universale il cui compito consiste nel riconoscere e pilotare singole
informazioni o campioni d’informazione dal gigantesco “Oceano delle infinite possibilità”. Nel capitolo 7, le
percezioni del subcosciente vengono messe in relazione con l’anima mentre quelle coscienti sono messe in
relazione con l’intelletto. La percezione è possibile perché onde di energia universale che riempiono l’Oceano
delle infinite possibilità, collassano in particelle con proprietà particolari. Queste particelle influenzano la
materia del nostro corpo sviluppando forze sulle masse. La fisica quantistica descrive i meccanismi alla base.
Quello che al centro dell’attenzione dell’individuo concerne anima e intelletto lo descrive la filosofia
quantistica.
Ogni individuo deve apprendere da sé l’impiego ben mirato di questa modalità. Già da piccoli apprendiamo
a connettere sensazioni innate con una data situazione. Inoltre impariamo a camminare, ad andare in bicicletta
e ben altre cose. Come abbiamo già appreso, l’IO quale personalità si sviluppa in primo luogo sulla base delle
esperienze fatte dall’individuo. Secondo il principio dell’accoppiamento reattivo, le esperienze sono il risultato
di avvenimenti che seguono in parte uno sviluppo ben preciso. Questo principio di accoppiamento reattivo
vale per le funzioni della vita nel loro insieme.
Le singolarità descritte nei capitoli precedenti ci possono aiutare a comprendere i principi che vanno al di
là di avvenimenti e azioni quotidiani. Solo quando noi avremo capito come tutto funziona, saremo in grado di
ottimizzare gli eventi e beneficiare di un certo potere sulla materia. Vedremo nell’ottavo capitolo, cosa bisogna
fare a tal fine.
Uno dei più importanti settori di applicazione riguarda la salute e la guarigione. Nel capitolo 2 abbiamo
appreso che l’effetto Placebo-Nocebo è da fare risalire interamente all’informazione applicata, informazione
a cui l’inconscio aggiunge quasi automaticamente “senso e valore” attraverso sensazioni specifiche. Quando
questo avviene, noi lo rileviamo dal conseguente cambiamento, in meglio o in peggio, delle funzioni della
materia del nostro corpo. Il cambiamento della materia in un sorta di accoppiamento reattivo, provoca
un’amplificazione delle impronte dei sensi. Siamo in presenza di emozioni.
93
Tutto quello che fino ad ora abbiamo appreso sul ruolo che conscio/subconscio assume nella costruzione
della realtà, può essere trasferito integralmente su quello che avviene nel momento della guarigione. Nella
teoria quantistica che sta alla base della realtà, la causalità è assente. Causalità è un prodotto della
consapevolezza cosciente. La consapevolezza si muove nell’Oceano delle infinite possibilità, sceglie
avvenimenti ben precisi, li seleziona e lascia che l’intelletto li spieghi. Sorge così p.es. la sensazione del tempo
attraverso l’allineamento degli eventi.

«La causalità può essere vista come una sorta di percezione, attraverso la quale noi riduciamo a un ordine
le nostre impressioni sensoriali».
Niels Bohr

Nel capitolo 5 abbiamo già accennato a quello che in dettaglio presenteremo nel capitolo 7: “Le funzioni
di onde dei quanti materiali dell’organismo, straripano al di là dell’organismo in interazione con un fine
prescelto. Questo avviene anche tra individui, come p.es. tra terapista e paziente. Ne derivano conseguenze
sorprendenti per la intermediazione di impulsi di guarigione. Seguire un’olistica obiettivamente o secondo uno
schema è impossibile. Come terapista si deve soprattutto osservare il caso singolo e fare agire la percezione
intuitiva personale sia nella diagnosi e sia nella terapia. Il trattamento è quindi consapevolmente soggettivo.
Presenteremo nel capitolo 8 alcune prove di tele-guarigione, i cui risultati possono essere generalizzati e quindi
anche resi validi per trattamenti diretti.
La guarigione è un meccanismo che con tutta evidenza viene messo facilmente in atto dalla natura senza
farsi fuorviare. Anche noi possediamo un sistema rigenerativo continuamente impegnato a fornire una
prestazione immensa. Milioni di cellule muoiono ogni minuto, vengono scomposte e asportate, e altrettante
nuove se ne formano ogni minuto.
Il nostro corpo necessita inoltre più di 50 mila, addirittura forse oltre 100 mila enzimi diversi (finora ne
sono stati classificati circa 3 mila). Questi enzimi devono essere richiesti e costruiti dal DNA e indirizzati
nell’organismo nel momento esatto e nel posto giusto. Tutti gli enzimi sono al corrente dell’attività del totale
degli altri enzimi. Nel mondo non esiste nessun calcolatore con una potenza del genere.
Secondo le conoscenze attuali e con la considerazione di teorie plausibili, la guarigione all’aiuto degli
enzimi funziona su diversi piani gerarchici. L’effetto degli enzimi dipende coercitivamente dalla loro
conformazione. Questa dal canto suo si basa di nuovo sulle forze specifiche di coesione molecolare che
costruiscono l’enzima/proteina. Una falsa conformazione causata da forze di coesione sbagliate, toglie
all’enzima ogni effetto. Trattata da questo punto di vista la malattia in fin dei conti si riduce ad un disturbo
(spazio-temporale) locale della coesione molecolare. La guarigione è di conseguenza la ristrutturazione della
coesione adeguata. Solo il controllo continuo della degradazione e restaurazione al punto giusto e al momento
giusto di una data forza di coesione prestabilita può garantire la salute.
Nel quadro della nostra visione medico-scientifica attuale, noi trattiamo la guarigione solo come un
processo molecolare che si sviluppa secondo la legge di causa ed effetto. Se p.es. una ferita guarisce noi lo

94
attribuiamo ai fattori di crescita o ai fattori immunitari che costruiscono strato dopo strato un tessuto distrutto
fino a quando tutto è di nuovo ripristinato.
Proprio da qui sorgono le domande: Perché con lo scorrere del tempo può instaurarsi un nuovo ordine?
Perché “il tempo sana tutte le ferite”? La seconda legge della termodinamica dice esattamente il contrario:
“Con lo scorrere del tempo aumenta il disordine” (entropia).
Da dove apprende l’organismo come viene costruito un tessuto e quando deve avere fine la sua costruzione
o, detto altrimenti, quando crescita e fattori immunitari devono essere disattivati? La risposta usuale forse
suona: “Il DNA lo sa”. Tuttavia questo non può soddisfarci perché il DNA della mia mano è identico a quello
della radice dei miei capelli. Da dove sa il DNA come riparare la mano o il capello?
Ormai si dà la responsabilità all’Epigenetica che costruisce i ponti tra l’ambiente e l’impianto genetico. Il
concetto di “Epigenetica” fece la sua apparizione nella letteratura già verso la metà del diciannovesimo secolo
sebbene tragga le sue origini da Aristotele (383-322 a.C.). Il filosofo parlò di Epigenesi quale sviluppo di forme
organiche individuali dalla sostanza amorfa.
John Walter, docente di genetica all’Università di Saarland, illustra l’Epigenetica paragonandola ad un
computer: il DNA sarebbe la memoria di massa, e i programmi l’Epigenoma: “l’insieme di tutti gl’influssi
informativi”. Dai programmi del computer possiamo accedere ai dati specifici della memoria di massa. Settori
ben definiti sono protetti da codici di accesso, altri no. Dobbiamo arrivare a conoscere perché è così, chi
inserisce il codice di accesso e come decifrarlo. Assieme a questo troviamo anche un sintomo già conosciuto
da tempo: se una struttura materiale dell’organismo viene spenta, eliminata, quale l’amputazione di un braccio
o di una gamba, nonostante tutto la sua funzione resta conservata nel cervello quale informazione e provoca
per esempio il dolore fantasma.
Domande ancora oggi in sospeso trovano una risposta se guardiamo la guarigione come processo che
coinvolge l’informazione presente nell’intelletto, a cui segue una riparazione che equivale a un processo
materiale. Lo stato che permette la guarigione non viene ristrutturato, bensì adeguato ad una informazione
antecedentemente memorizzata. In pratica siamo di fronte ad un salto nel passato.
Anche processi intellettuali informativi necessitano di una energia di base. Le energie guaritrici possono
essere spiegate scientificamente? Noi qui vogliamo concentrarci soprattutto su un aspetto: l’informazione
primordiale per la nostra costruzione e per la nostra architettura.

6.1 Guarigione come ricostruzione di forma/struttura/configurazione

La materia che costituisce gli organismi viventi e quindi anche quella del nostro corpo, possiede una forma
consistente ed una fisionomia che si costituisce sulla base di una “informazione” memorizzata, valida anche
per aggregati molecolari (proteine, nucleotidi). Forma/struttura/configurazione è decisiva per la funzione degli
organismi sia in ambito microscopico e sia in ambito macroscopico.
Che forma/struttura/configurazione di un organismo resti identica per una vita intera in quanto, messe a
parte poche eccezioni (DNA, alcuni neuroni e alcune cellule del cardiaco), il totale dei componenti del corpo

95
si rinnova ogni cinque, sette anni, è per lo meno sorprendente. Ci deve quindi essere qualcosa al di là che
indipendentemente da questo continuo cambiamento si occupa della preservazione durevole di
forma/struttura/configurazione: una informazione primordiale. Informazione garante di ogni nuova
architettura, a che forma/struttura/configurazione sia identica alla precedente con le sue esatte coesioni attive
tra atomi e molecole.

Definiamo quindi la guarigione come segue: “Guarigione della materia corporale è in primo luogo ripristino
di forma/struttura/configurazione per un’ottima funzionalità. Un animo sano e un intelletto equilibrato sono le
condizioni che premettono la persistenza di questa ricostruzione”.

È ora evidente che la guarigione si serve di un relais biologico temporizzato e rispettivamente di un salto
nel tempo verso il passato. Siamo in presenza di un andare a ritroso verso un’informazione depositata
antecedentemente. Nel capitolo cinque abbiamo già parlato di una matrice, modello originario di un campo
superiore nell’Oceano delle infinite possibilità, probabilmente programmabile ma compenetrato soprattutto di
informazioni primordiali. Più avanti porteremo degli esempi che spiegano come questa informazione
primordiale viene richiamata automaticamente ed in ampia misura nel nostro corpo. Prima però abbiamo
bisogno di alcune spiegazioni introduttive che ci aiutino a comprendere.
Modelli tipici vengono costruiti in periodi di tempo da diverse componenti di forze che “comunicano” tra
le molecole. Questo vale per tutti i modelli che ci compongono e che sono presenti in ogni cellula, sia essa
membrana, costrutto per le proteine, nucleo delle cellule, vescica ed altro. Per semplificare: prendiamo ad
esempio un fiocco di neve che per la sua struttura esagonale è un modello determinante dell’efficacia
dell’acqua presente nel corpo in ogni essere vivente. Questo modello possiede in primo luogo e in ampia
misura, una forza costante come conseguenza dell’energia di coesione covalente dell’acqua con 2,5 eV per
ogni legame (241 kJ/Mol) e in secondo luogo una forza variabile quale legame d’idrogeno con 0,13 a 0,32 eV
(30,5 kJ/Mol), che corrisponde all’oscillazione magnetica di una frequenza tra 3,14 a 7,26 x 1013 Hz (ben oltre
la scala dei TeraHertz). Ed è proprio questa oscillazione elettromagnetica che entra in risonanza con gli enzimi
attivi, come sostegno energetico della loro attività.
Forze e tempo come già ampiamente spiegato, si sviluppano sempre nelle masse. Elettroni e protoni, la più
piccola unità di carica delle masse, sono la sorgente di un campo di forza in continuo deflusso. Questa fonte
di energia sempre presente che noi chiamiamo carica elementare, trae origine dal vuoto. Chi attiva operazioni
di forza e tempo, sono esattamente queste cariche con il loro potenziale elettrico. Le cariche sono veicolate dai
fotoni, virtuali nel caso di campi statici e reali nel caso di campi elettromagnetici.
I fotoni però veicolano soltanto informazione per le forze che agiscono sulle masse, ma non le forze stesse.
I fotoni sono quindi veicoli di comunicazione. L’insieme delle connessioni nell’organismo viene garantito
infine dalle attività degli elettroni, attività veicolate dagli spin di elettroni. Spin sono informazioni del collasso
di funzioni di onda dell’elettrone, informazioni divenute realtà.

96
Da dove sanno elettroni e protoni come dobbiamo essere costruiti, come riparati in presenza di lesioni e
come renderci di nuovo performanti? A tal fine necessitano di un’informazione avanzata: l’informazione
primordiale.

«Realtà e informazione sono una sola cosa. L’informazione è l’essenza ancestrale dell’universo».
Anton Zeilinger

Avevamo già chiaramente specificato che noi con l’aiuto di consapevolezza conscia/inconscia possiamo
convogliare informazione verso la materia. La costruzione di base del nostro corpo è già assicurata da altri
meccanismi. Per capire come esso recluta l’informazione primordiale menzionata, diamo uno sguardo alle
forze con cui lavora e come l’informazione agisce in questo caso:
Forze elettrostatiche in Coulomb (tutte le tensioni, i sistemi Redox, coesioni molecolari, potenziali delle
membrane ecc.)
• Segnali elettrostatici a impulsi e ripetitivi (potenziali attivi di muscoli e nervi ecc.)
• Oscillazioni elettrostatiche longitudinali, fononi e solitoni (proteine, enzimi in particolare, DNA ecc.)
• Forze elettromagnetiche dalle oscillazioni trasversali (coesione molecolare, enzimi, DNA ecc.)
• Segnali elettromagnetici a intermittenza (membrane di neuroni, neuro-trasmettitori, mediatori ecc.)
In assenza dell’attività delle proteine (proteina significa all’inizio della vita) nel nostro organismo non
avviene nulla. Gli enzimi, che sono costruiti sulle proteine partecipano alla quasi totalità delle funzioni del
corpo. Le proteine con la loro particolare forma/struttura/configurazione agiscono o come struttura alfa elica
o a struttura pieghevole. Una modifica di questa struttura, si parla in questo caso di configurazione o
conformazione, rende possibili funzioni d’importanza vitale. La modifica di tutta la struttura è resa possibile
dalla mutazione “sfumata”, dei legami tra i componenti e tra gli aminoacidi, o più precisamente dalla
alterazione evanescente dei legami degli angoli. Questo però premette un cambiamento dell’energia di
coesione, e poiché queste con le loro frequenze sono identiche a quelle di oscillazioni elettromagnetiche, bande
passanti strettissime possono influenzare configurazione/conformazione e attività di proteine/enzimi.

La figura vuole mostrare i valori specifici degli angoli di collegamento tra gli aminoacidi che secondo
natura devono misurare 117°, 122° e così via di seguito. Quando uno solo di questi angoli sfasa di un singolo
97
grado e quindi non è più al posto previsto, le conseguenze sono proteine ed enzimi deformati, una melma
fangosa per l’organismo. Un esempio sono i prioni riscontrati nella mucca pazza, proteine deformate che se in
grande quantità permettono la malattia. Gli angoli vengono in generale stabilizzati, riportati al loro posto dai
vicini campi elettrici ed elettromagnetici naturali che si trovano in un equilibrio adeguato.
Forma/struttura/configurazione errata, trae origine anche da frequenze di oscillazioni elettromagnetiche
“inadeguate” come per esempio quelle, tra le tante non naturali, generate dalla tecnica e a cui ci esponiamo
con l’uso dei telefoni mobili. Una iperacidità del corpo può causare elongazioni e intensità elevate delle
oscillazioni elettromagnetiche degli ioni d’idrogeno (H+). Oppure nell’organismo difetta la quantità di
elettroni con carica negativa, che vengono trasportati dall’idrogeno, e quindi una bassa densità di idruro
(potenziale redox, anione dell’idrogeno) che si manifesta quando non consumiamo abbastanza frutta fresca e
legumi. Oppure ancora, una quantità di fotoni troppo elevata in presenza di febbre o troppo bassa per
congelamento, entro un campo di lunghezza d’onda elettromagnetica tra 3 e 10 µm (millesimi di millimetro o
micron).
Forma/struttura/configurazione e i modelli dipendenti sono sempre mal costruiti quando le connessioni
nello spazio e nel tempo sono disturbate. La conseguenza è una perturbazione delle funzioni con relativo
impedimento della guarigione.
Al perché noi necessitiamo la materia, avevamo risposto già nel capitolo 3 ipotizzando che la “guarigione”
della materia (costruzioni spazio-tempo) sia una necessità per garantire risonanze adeguate per la costituzione
della realtà, quindi forza, fase di tempo, senso e significato. Sotto tale aspetto è evidente che la malattia si
riduce ad una perturbazione delle connessioni molecolari, che non permette alcuna risonanza, mentre
guarigione è la ricostruzione di connessioni adeguate attraverso cui le caratteristiche necessarie per
trasmissione e ricezione di energia sono nuovamente possibili.
Questo vale sia in campo microscopico (struttura primaria e secondaria delle proteine, angolatura esatta,
conformazione degli enzimi, forma elicoidale del DNA), e sia in quello macroscopico.
Condizioni necessarie e indispensabili per la costituzione della realtà di un modello spazio-temporale quale
forma/struttura/configurazione, è il richiamo di informazioni primordiali per:

> Risonanza energetica (come nei processi di misurazione),


> Coerenza: essere in fase o identico orientamento spazio-tempo,
> Polarizzazione o, in altre parole, direzione delle oscillazioni definita nello spazio e nel tempo.

Già nel capitolo 3 abbiamo descritto che la risonanza sorge anche in presenza di dimensioni volumetriche
specifiche che a loro volta traggono origine da una più elevata limitazione di densità di elettroni. Queste
“pareti” decidono la riflessione o l’assorbimento da cui risulta la scelta di frequenze di oscillazioni
elettromagnetiche ben precise.
La coerenza nell’organismo, è un importante principio di amplificazione. Membrane e pareti cellulari con
i loro componenti lipidi allineati, sono dei mediatori inequivocabili di coerenza, soprattutto perché con la

98
diffusione di radicali paramagnetici, come ossigeno e monossido di azoto, vengono allineati in gruppi anche
gli spin delle molecole delle membrane e precisamente per mezzo del campo magnetico naturale più elevato
(3,8 Tesla). Anche l’intreccio dei neuroni è un attrezzo di coerenza. Questo è rilevabile dalla somma
dell’attività elettrica nell’EEG: onde Alfa (stato meditativo, occhi chiusi), onde Delta (sonno), onde Theta
(stato comatoso). Campi elettrici coerenti si sviluppano anche nelle fibre muscolari e i neuroni pilotano
l’impostazione e rigenerazione dell’albumina. Nel capitolo 4 abbiamo appreso che tutto, anche le proprietà
delle connessioni molecolari, dipende dalla consapevolezza. Però la legge conosciuta come “paradosso
quantistico di Zenone” che è stata già presentata in dettaglio nel capitolo 3, dice che il cambiamento di stati
quantici sotto osservazione continua (e le connessioni veicolano quasi un’osservazione reciproca) non è
possibile, nemmeno quando ulteriori eccitamenti energetici vogliono imprimervi un effetto risonante. I loro
gradi energetici sono congelati perché la diffusione delle onde di probabilità è impedita dalla connessione.
Solo stati quantici “inosservati” possono mutare. Per questo non esistono più nuovi stati dentro un lasso di
tempo determinato. È così garantito che connessioni deboli avviate dalla consapevolezza vengano
continuamente modificate, mentre connessioni salde possono essere influenzate molto difficilmente dalla
consapevolezza.
Connessioni deboli, o elastiche sono presenti nel nostro corpo tra i filamenti muscolari, associate quindi a
miosina e actina all’interno delle fibre e anche nei canali delle membrane delle cellule nervose. È proprio per
questo che ci risulta facile apprendere ad utilizzare queste strutture. Le connessioni salde o rigide sono presenti
tra altre proteine e nel DNA. Le informazioni che provengono dalla consapevolezza non hanno su di esse
alcuna influenza, per esse sono tabù.
Anche energie e informazioni estranee che premono dall’esterno, se non sono ionizzanti come la
radioattività di tipo gamma, arrivano a esercitare un effetto sulle coesioni molecolari se il loro tempo è scaduto.
In ogni modo, in seguito non solo è possibile una nuova costruzione bensì anche una ricerca del passato, quasi
una messa a zero, un resettaggio. Per questo meccanismo esistono già dei brevetti che guarderemo più avanti.
Qualcosa del genere può riprodursi anche nel corpo umano? Sì.
Stabiliamo in primo luogo quanto segue: La guarigione del corpo avviene sia attraverso processi di
consapevolezza e sia all’aiuto della tecnica.

6.2 Retroset e guarigione

Tutti gli elementi che costituiscono la nostra massa presentano due forme basilari: nuclei di atomi ed
elettroni, ambedue sempre insieme, corredati di cariche. Le cariche sono sorgenti di potenziali.
Energia di campo e potenziale sono da 15 miliardi di anni rigorosamente correlati con le cariche. Questa
energia approvvigiona l’intero universo. Cariche e distribuzione delle cariche, con i loro campi relativi e con i
potenziali, azionano il totale dei processi detti chimici, che in realtà sono processi fisici.
Agglomerati diversi generano potenziali diversi. Quando potenziali diversi si trovano l’uno accanto
all’altro, sorgono dei gradienti. Questi rapporti di potenziale generano le forze dei campi elettrici ed
elettromagnetici, con alcuni dei quali abbiamo già fatto conoscenza. Ogni organismo sia esso corpo intero,

99
tessuto muscolare, organo, cellula, molecola, fino al protone ed elettrone, alberga cariche specifiche e di
conseguenza anche grandezze specifiche di potenziali. Con l’aiuto del campo elettrico la carica può lavorare e
l’energia di cui necessita è inesauribile. Ma da dove viene questo continuo rifornimento energetico?
La fisica ha difficoltà a dare una risposta. Il fisico D. K. Sen dice a tal caso: «La connessione tra il campo
e la sua origine è stata e continua ad essere il problema insoluto più difficile dell’elettrodinamica classica e
quantistica» (Sen 1968). Nel frattempo è opinione comune considerare che questa energia può essere fornita
esclusivamente dal vuoto.
L’insieme delle funzioni del nostro corpo è connesso a specifici potenziali: di lavoro, di riposo, Zeta, di
lesione, Redox, tanto per elencarne alcuni. Il ruolo che i potenziali di lesione hanno sulle membrane cellulari
generiche, è da tempo conosciuto. La lesione di una membrana significa il fluire insieme delle cariche ioniche
prima separate. La polarizzazione del rapporto di cariche negative e positive diminuisce. Questi indebolimenti
di polarità pilotano reazioni immunitarie e processi di riparazione, in altre parole attivano i processi di
guarigione. Che succede quindi?
Consideriamo l’esempio concreto di qualcosa che si svolge in noi continuamente. Ladri di elettroni,
chiamati anche radicali liberi, distruggono coesioni molecolari in una membrana che a causa di ciò diventa un
“passino” permeabile agli ioni. La conseguenza è il sorgere localmente di una tensione elettrica inversa al
potenziale delle altre membrane. Ai confini della membrana intatta si spengono i gradienti elettrici di senso
opposto. Questo è il processo strategico per la stimolazione d’istanti di tempo (fotoni Time-Like). Proviamo a
capirlo meglio.
I potenziali più noti sono quelli di lavoro e riposo di nervi e muscoli. Dalla fisiologia dei muscoli, sappiamo
che le cellule staminali del muscolo si formano sempre dove potenziali di attività muscolare provocano la
sintesi e la rigenerazione del colesterolo (bodybuilding).
Cellule che devono compiere il loro compito in organi specifici, si differenziano. Ma affinché le cellule si
rigenerino, devono sempre nuovamente de-differenziarsi (vedi biologia), che significa ritornare ad uno stato
precedente. Da ciò trae origine la formazione di cellule staminali.
Anche le cellule del sistema nervoso necessitano sempre un nuovo azzeramento per potere rispondere
flessibilmente agli stimoli ambientali. Melitta Schachner del centro di Amburgo di Neurobiologia molecolare
dice a tal proposito: «Quando le vecchie cellule vogliono formare nuove sinapsi, devono riconvertirsi ad uno
stadio immaturo quando le era possibile farlo» (Melitta Schachner in Spiegel 43/2003).
Il segnale per la de-differenziazione delle cellule del sistema nervoso parte dai propri impulsi elettrici: i
potenziali di lavoro già ricordati.
La formazione di cellule staminali per via degli impulsi nervosi, può essere descritta come segue: eccitati
da speciali impulsi elettrici, sulle punte delle fibre nervose che si erigono nell’area ferita, si formano cellule
primordiali incapaci e capaci di nulla e di tutto. Si tratta di cellule embrionali, in uno stadio iniziale così come
si formano all’inizio della vita nell’utero materno. Da ognuna di queste cellule si potrebbe costruire un essere
nuovo o rispettivamente una copia esatta di ogni singola persona, oppure solo una qualche cellula molto
specifica con funzioni limitate all’interno dell’organismo. Questa mutazione di cellula indifferenziata nella

100
differenziata, avviene con la chiusura enzimatica di specifiche predisposizioni ereditarie nella cellula e solo di
volta in volta fin quando è attivo il programma necessario a specificare la cellula stessa.
Altre particolarità delle funzioni del potenziale sono state definite senza ombra di dubbio in tempi molto
recenti: se un muscolo viene attivato spesso, all’aiuto del proprio potenziale attivo, fa crescere la massa delle
molecole di proteina actina e miosina per essere in grado di sostenere meglio la più elevata sollecitazione delle
fibre. È questo quello che oggi è definito bodybuilding. In parallelo viene sollecitata la perfusione tissutale,
attraverso cui viene forzato un arricchimento sensato di ossigeno e substrato e con questo la formazione di
adenosina trifosfato (ATP) nei tessuti cellulari. Tutti profittiamo di questo effetto benefico quando
intuitivamente, dopo un lungo periodo di riposo sentiamo il bisogno di sgranchirci e stiracchiarci a cui segue
lo scatenarsi di un temporale del potenziale attivo.
Risultato: l’attività di muscoli e nervi eccitano geni per la sintesi di proteine e quindi per la rigenerazione
dei tessuti attraverso il fluire contemporaneo del proprio potenziale campione. I geni ricevono l’informazione
dagli enzimi che, per modo di dire, vengono inseriti elettromagneticamente.

6.3 Operazione bio-cronologica

Questo tipo di reazioni nelle cellule di organi e tessuti sono decisive anche per malattia e guarigione. Il
modello indica che con l’aiuto di potenziali specifici, il punto strategico di partenza che ha attivato una malattia
può essere revocato, e così fare regredire il processo fino allo stato antecedente allo sviluppo della malattia
stessa.
Al centro dell’evento ci sta un meccanismo “in fase coniugata”, dove i segnali scorrono indietro nel tempo
e nello spazio con intensità amplificata, un effetto che si lascia riprodurre a piacere in laboratorio. Esiste la
raffigurazione concreta di parecchi scienziati che affermano che questo processo ha esattamente luogo in talune
parti delle cellule dei nostri tessuti o addirittura nel totale delle cellule.
Per mettere in atto tale processo, le cellule dovrebbero essere “pompate” con energia coerente,
preferibilmente per mezzo di oscillazioni longitudinali. Quando questa condizione viene rispettata, la cellula
può essere riportata al suo stato iniziale.
Se tale meccanismo si potesse effettivamente trasmettere sulle cellule, la cellula ammalata potrebbe
ritornare allo stato sano primordiale, proprio come avviene quando si elimina un virus dalla memoria di massa
di un computer quando, all’aiuto di un meccanismo di ripristino, riportiamo il computer allo stato non infetto.
Come detto, per le cellule necessitiamo di un’oscillazione coerente. Bene, ma da dove provengono quelle
onde longitudinali che dovrebbero venire “pompate”?

6.4 I potenziali ridanno efficacia a informazioni di fasi che stanno all'inizio


dell'evoluzione

Secondo la teoria della fisiologia moderna, correnti elettriche prioritarie e intensità di correnti sono
responsabili di stati di attivazione ed eccitazione. Partiamo dal punto di vista che non solo correnti, bensì anche
potenziali siano detonatori in grado di attivare alcuni processi. All’origine di quanto detto c’è un effetto
101
sbalorditivo che la società farmaceutica Ciba-Geigy brevettò quale processo nel 1989 e che oggi è conosciuto
anche come effetto Ebner, dal nome del ricercatore.
Già solo imprimendo potenziali specifici su impianti per embrioni che dalla fecondazione vennero
mantenuti per alcuni giorni fino a 4 settimane dentro campi elettrostatici, nei pesci, nelle felci, nei muschi, nel
grano, nel mais, si svilupparono specie straordinariamente vitali con nuove caratteristiche e vennero fuori
addirittura varietà scomparse da tempo come p. es. una forma primordiale della trota iridea o arcobaleno, con
uncini poderosi nella mandibola inferiore simili a quelli del salmone selvaggio. Questo tipo di trota era estinto
da oltre 150 anni. Fu possibile identificare anche archetipi di grano e mais con un elevato grado di
germinazione, crescita e maturazione veloce, piante selvatiche precorritrici delle specie coltivate da noi e del
tutto immuni agli attacchi degli attuali parassiti. Grande sorpresa causò la trasformazione del licopodio, o felce
vermina, in scolopendria comune o lingua di cervo, con la modifica dei cromosomi da 36 per il licopodio a 41
per la scolopendria dentro un unico periodo di vegetazione. Perfino le felci antiche, identiche a fossili
carboniferi, che dopo alcuni anni mutarono in felci di faggio e monilophyta sudafricana. Quando la pianta si
trova sotto l’influsso di campi elettrostatici simili a quelli dello sviluppo del periodo arcaico, i programmi
allora vigenti, vengono riesumati. In conclusione furono anche richiamati a vita dalla carota batteri vecchi di
milioni di anni. (Burgin 2007)
Queste prove potrebbero spiegare come sorge una memoria delle specie dalla interazione tra campi elettrici
ambientali e informazioni degli esseri viventi. I potenziali risvegliano informazioni che, secondo le esperienze
finora eseguite da alcuni fisici, sono memorizzate nel vuoto. Già nel 1960 fu dimostrata l’esistenza fisica (non
puramente matematica) dei potenziali. La caratteristica particolare dei potenziali è che essi, in assenza di un
qualunque campo di forza elettromagnetica classica, influenzano le fasi delle oscillazioni degli elettroni e così
agiscono sulle cariche. (Chamber 1960)
Anche l’effetto Aharonov-Bohm mostra che i potenziali sono una realtà fisica e non solo un costrutto
matematico. I potenziali non hanno la capacità di produrre lavoro perché privi di forza, e quindi non hanno
alcuna influenza sulla massa. Essi però hanno le possibilità di indurre modifiche sulle cariche (carattere
informativo puro).
«…in contrapposizione alle conclusioni della meccanica classica gli effetti del potenziale sulle particelle
cariche esistono anche in regioni dove tutti i campi (e quindi tutte le forze sulle particelle) sono scomparsi».
(Aharanov/Bohm 1959)
Questi potenziali, secondo William Tiller, docente emerito alla Standford University, hanno la funzione di
mediare tra il vuoto e un campo elettromagnetico. Potenziali del vuoto organizzano le forze del campo
elettromagnetico, che a loro volta costruiscono spazio e tempo. I potenziali sono ben più di ciò che fino ad ora
in generale gli venne attribuito. Essi sono grandezze fisiche assemblate e, cosa ignorata totalmente fino al
presente, posseggono strutture implicite (oscillazioni di Whittaker) polarizzate longitudinalmente e
temporalmente. Impulsi elettrici di tensione, sono necessari per avviare operazioni temporali. In effetti c’è
una teoria che descrive esattamente questo, e che venne formulata già da Whittaker negli anni 1903-1904.

102
Questa teoria dice che tra le pieghe dei potenziali elettrici sono presenti oscillazioni longitudinali, che
sarebbero le onde che pompano energia coerente nella cellula, oltre a strutture temporali. Ne segue la
conversione di un’oscillazione elettromagnetica in oscillazione “Time-Like” attraverso “l’accoppiamento
successivo di fasi coniugate”. Ho riferito ampiamente su questo nel mio trattato: “Disseits und jenseits der
Raum-Zeit-Netze” (Al di qua e al di là della rete spazio-temporale). (Warnke 2001)
Il fisico quantistico rumeno Costinel Lepadatu, in un suo nuovo lavoro arriva alle stesse conclusioni: «Un
risultato interessante è che la geometria spazio-temporale è influenzata dall’interazione elettrostatica reciproca
delle particelle con cariche elettriche che vengono trasportate in un campo elettrostatico». (Lepadatu 2007). E
la ricerca russa aveva già da tempo postulato la presenza di Quanti di tempo negli impulsi elettrici. Il suo
enunciato dice: “Per mezzo di campi specifici di torsione, le componenti delle radiazioni degli spin possono
essere guidate e sincronizzate in direzione passato o futuro e in modelli spazio-temporali”.
Il gruppo di lavoro Becker, USA, descrive la rigenerazione di estremità amputate ad anfibi sotto
l’applicazione di potenziali elettrici impressi. Già all’inizio del 1970 si era arrivati ad una differenziazione e
de-differenziazione sorprendente applicando potenziali a piante e anfibi (Murray 1967, Becker-Murray 1970).
Negli anni del 1980 fu brevettato un apparecchio ad uso medico e un metodo di trasmissione dell’informazione
tramite campi di potenziali. (Gellinas 1984)

6.5 Guarigione attraverso informazioni dalla matrice

In relazione a quanto detto nel capitolo 5 e in questo capitolo sull’informazione primordiale o matrice,
esperimenti russi degli anni 1990 hanno fornito risultati molto interessanti. A dei ratti fu iniettato Alloxan
causandogli gravi lesioni nella cellula beta del pancreas.
Alloxan è un veleno letale per le cellule del pancreas che producono insulina. All’assenza di produzione
d’insulina la glicemia assunse valori patologici molto elevati. Un gruppo di ratti non ricevette alcun trattamento
e morì. L’altro gruppo venne trattato con onde radio sulle quali era stata impressa una “informazione
guaritrice” attraverso un raggio al laser. Grazie a questo trattamento la glicemia si abbassò velocemente e i
ratti guarirono.
L’informazione consisteva nella scansione elettromagnetica del pancreas di ratti neonati e in perfetta salute,
eseguita rilevando la radiazione elettromagnetica propria agli organi dei rispettivi pancreas. L’irradiazione dei
giovani roditori sani era stata sommata e amplificata sul raggio laser che era stato modulato con questa
informazione. (Gariev 1994, 2003)
Sembra a questo punto che il sogno di riportare indietro una cellula ammalata allo stato sano sia ormai solo
l’ultimo tocco di pennello artistico della bioingegneria.

103
6.6 Una personalità alterata trasforma l'infermità

La seconda possibilità è di eseguire il retroset o resettaggio, solo attraverso la consapevolezza come già
descritto nel capitolo 4. Gli esempi seguenti non sono soltanto spettacolari bensì, tramandati dopo controlli
molto accurati su larga scala, spiegano con attendibilità come la consapevolezza può esercitare sulla materia
un dominio potentissimo.
In relazione a ciò sono interessanti i mutamenti della personalità. Un problema di natura patologica è
palesemente legato ad una personalità specifica che dipende da un preciso stato percettivo pilotato dalla
consapevolezza. Se l’individuo modifica la propria personalità, cosa possibile tramite allenamento, spesso
sparisce la malattia. Daniel Goleman riferisce di un paziente allergico al succo di arancia che gli causava
esantemi. Nel momento in cui riuscì ad entrare in una condizione che non reagiva all’allergia, sparì l’esantema
e non riapparve nemmeno dopo avere bevuto succo di arancia a piacere (Goleman 1988). Un altro esempio è
quello del diabete notevole di una paziente che in clinica, con la modifica della personalità, fu liberata dai
sintomi della malattia (Goleman1985).
Chiedendo a chi è riuscito a modificare la propria personalità come ha fatto, il più spesso delle volte ci
sentiamo rispondere che ha impiegato tecniche di visualizzazione o “elaborazioni parallele” che vuol dire,
quest’ultimo, pensare ed agire contemporaneamente su diversi canali. Le tecniche più importanti ed efficaci di
chi è riuscito ad “oscurare” la malattia in assoluto, sono appunto quelle in relazione al pensiero e alla
meditazione tutte indirizzate verso il ritorno allo stato di salute (Hurley 1985).
Rifiutato pochi decenni addietro, ignorato poi e finalmente oggi accettato, è l’enunciato che gl’individui
con un indice elevato di aggressività soggiacciono sette volte più spesso ad una crisi cardiaca (Fackelmann
1989). L’immunologia neuro-psichica ha da tempo reso noto che coppie felicemente sposate possono contare
su un sistema immunitario più forte, che malati di AIDS o di cancro che hanno uno spirito combattivo hanno
una ben più elevata probabilità di sopravvivenza, che pessimisti acchiappano influenze e raffreddori più
sovente degli ottimisti, che ogni tipo di stress alla lunga ci espone agli attacchi di malattie. Su questo tema
esiste una letteratura molto vasta che non lascia spazio a dubbi di sorta.
Nel 1970, presso l’Istituto Neuropsichiatrico dell’Università della California furono messe sotto
osservazione le capacità di un certo Jack Schwarz al quale, attraverso una convinzione ferrea, riusciva il
dominio assoluto delle funzioni del proprio corpo. Documentato dall’EEG, era in condizione di bucarsi un
braccio con un ago di 18 centimetri di lunghezza senza provare alcun dolore. Non colava sangue e dopo
l’estrazione dell’ago non c’era alcuna traccia di ferita. Anche carboni accesi tenuti per breve tempo nella mano
non gli causarono scottature. Schwarz rivelò che quando era nel campo di concentramento aveva allenato la
propria percezione consapevole a cancellare la sensazione del dolore. Egli era convinto che ogni individuo è
in condizione di apprenderlo (Raymond 1978). Queste pratiche sono ben documentate in Tailandia e nello Sri
Lanka. Una relazione dettagliata fu pubblicata nel numero di aprile del 1996 su “National Geographic
Magazine”.
Fu nel decennio del 1940 che l’olandese Mirin Dajo suscitò clamore anche tra gli scienziati. Il 31 marzo
1947, Mirin Dajo fu visitato e osservato accuratamente da un gran numero di medici sotto la guida del Dr.
104
Werner Braun, primario del reparto chirurgico della casa di cura cantonale di Zurigo. Dopo che l’uomo per
alcuni minuti si era consapevolmente trasferito in uno stato particolare, davanti a tutti, si lasciò trapassare dalla
lama di un fioretto. La radiografia mostrò che il fioretto aveva ferito organi vitali. Dopo 20 minuti, la lama fu
estratta. Niente sangue, niente ferita. Unico segno era un punto leggermente arrossato sull’epidermide. Altri
scienziati ripeterono a Basilea la prova su Marin Dajo ottenendo un risultato identico (Stelter 1984). Oggi
esistono in Internet filmati originali dell’evento (www.mysteries-magazine.com/mirindajo).
I meccanismi di pilotaggio della realtà insiti in noi hanno bisogno per agire di essere riconosciuti e attivati.
Culture ormai lontane nel tempo sapevano come trasferirli nella pratica e in questo campo, popoli che vivono
allo stato naturale sono anche oggi ben più avanti di noi “civilizzati”.
Al sesto congresso asiatico sul tema “Malattie cardiache e polmonari” tenutosi a Bombay nel marzo 1980,
il cardiologo Dr. Yogesh Chandra Matur, a nome di un gruppo di scienziati, riferì del Samadhi: uno stato
fisiologico controllato. L’Yogi Satyamurthi era stato letteralmente seppellito in una fossa lunga m. 2,5 larga
m. 2,5 e profonda m. 1,8. La fossa era stata coperta da uno strato di terra battuta di 15 cm di spessore. Gli
scienziati avevano piazzato apparecchiature di misura in un vicino doppione della fossa: un monitore cardiaco
per l’ECG, apparecchi per misurare la resistenza cutanea, la temperatura del corpo e dell’aria. Alcuni microfoni
registravano i battiti cardiaci ed altri eventi sonori. A turno, 24 ore su 24 e durante sette giorni, gli scienziati
rimasero ad osservare gli apparecchi per esplorare le capacità fin là misteriose di questo Yogi.
Yoga in sanscrito sta per connessione, unione. Con ciò secondo l’induismo si vuole significare la
connessione dell’animo umano individuale (visto come “scintilla” dell’animo universale) con lo spirito
universale. La costruzione di questa connessione è un duplice evento, “la grande e la piccola opera” come gli
alchimisti la designano. Ritorneremo su questo argomento nell’ultimo capitolo. Il collegamento ottimale viene
raggiunto nello stato chiamato “Samadhi”. Yogi ben allenati, nel pieno dominio delle tecniche tramandate,
sono in grado di trasferirsi a piacere in questo stato di profonda meditazione. Essi usano la consapevolezza per
unire lo spirito racchiuso nel proprio corpo con lo spirito universale. Queste pratiche di Yoga sono descritte da
oltre 3000 anni negli antichi Veda (v. Induismo). Il fine ultimo è di mobilitare una forza potenziale latente di
norma nel corpo per entrare in contatto diretto con l’Onnipotenza universale.
Torniamo alla prova riferita dal dottor Mathur. 40 ore dopo l’inizio l’Yogi entrò in un stato “non
fisiologico” profondo (nelle prove iniziali gli era già riuscito dopo cinque ore). La resistenza cutanea, che
normalmente si situa tra 3 e 8 Kilo Ohm, raggiunse per alcune ore valori impensabili oltre la gamma di quelli
dell’apparecchiatura di misura che arrivava a 2 Mega Ohm. Ancora più interessante era il monitoraggio del
cuore. I battiti aumentarono all’inizio, poi rallentarono per aumentare nuovamente con forza e alla fine
spegnersi totalmente. La relazione dello scienziato suonava incredibile: “L’Yogi aveva arrestato il suo cuore”!
Mathur escludeva in assoluto un qualsiasi trucco. Gli elettrodi bene incollati, lo erano alla fine sempre nello
stesso punto che era stato ben contrassegnato all’inizio. Inoltre era stata montata una piccola finestra
insonorizzata nella parete della fossa, che senza farsi fuorviare permetteva di controllare che i sensori non
venissero manomessi. Furono eseguite riprese cinematografiche e quale ulteriore misura, i microfoni
ultrasensibili erano in grado di rilevare una qualsiasi benché minima manipolazione.

105
Cinque ore dopo avere raggiunto lo stato Samadhi, tutte le funzioni fisiche del corpo dello Yogi, all’infuori
di quelle del sistema nervoso centrale, si erano fermate. Questo arresto, misurato con l’ECG, perdurò cinque
giorni, che significa: assenza di respirazione, nessuna circolazione sanguigna, tutte condizioni assolutamente
incompatibili con l’essere in vita. Gli scienziati provarono a dare una spiegazione al fenomeno postulando un
sorta di entrata in letargo. Questo purtroppo non è affatto sufficiente per essere considerato una spiegazione
accettabile.
Sette giorno dopo l’inizio della prova, venne aperta la fossa. Swami Satyamurthi stava lì dentro, il corpo
rigido di un morto. Sua moglie cominciò a massaggiargli il capo e il busto con olio caldo, e quando ritornò in
sé chiese un bicchiere di latte e della frutta. Otto ore dopo si sentiva nuovamente bene e rigenerato. Aveva
perso cinque chili.
La scienza dovrebbe impegnarsi a fondo per decifrare tali fenomeni inspiegabili con le conoscenze attuali,
ma nulla di tutto questo. Tuttavia, gli scienziati che si avventurano nel campo della medicina, devono
riconoscere che l’analisi riduttiva del corpo come macchinario non può fornire la concezione piena e valida di
salute e malattia. L’individuo deve essere scrutato e trattato come il risultato dell’interazione tra spirito, corpo
e ambiente.
La medicina moderna, presunta disciplina scientifica, evita di prendere atto delle domande filosofiche ed
esistenziali e lascia la sfera spirituale fuori dall’ambito di applicazione. La valutazione errata sta in una visione
troppo ristretta delle formulazioni delle domande. Aspetti psicologici e spirituali sottili, che tutt’ora sono
incompresi e non vengono presi in considerazione, sono parte integrante della scienza naturale che definisce
la vita dell’individuo. Una scienza “obiettiva” indipendente dallo spirito è una chimera, una conclusione
ingannevole.
Esiste un effetto diretto dell’informazione intellettuale/spirituale sulla materia. C’è un’informazione che
permette lo sviluppo delle caratteristiche delle strutture molecolari e c’è un’informazione su un piano
superiore, che indipendentemente da spazio e tempo può influenzare i costrutti delle masse.

6.7 L'infinità della consapevolezza e la scienza

Reincarnazione
Se la consapevolezza è qualcosa che non nasce dal cervello bensì esiste universalmente e senza limiti di tempo,
se noi all’aiuto della consapevolezza universale viviamo la nostra vita in una costruzione materiale per fare
esperienze che non possiamo fare con le nostre particelle elementari, e se noi infine depositiamo nella memoria
dell’Oceano di tutte le possibilità tutte le nostre esperienze, di conseguenza quello che noi chiamiamo anima
e spirito dovrebbe essere immortale. In qualche posto si dovrebbe trovare traccia di vita anteriore. Una vita
anteriore potrebbe quindi partecipare alla gestione della nostra vita attuale che sarebbe una rinascita. Questa
riflessione non è affatto nuova.
Reincarnazione significa “ritornare nella carne”. Il secondo concilio di Costantinopoli del 553, dichiarò la
reincarnazione eterodossia.

106
Ciò nonostante emergono spesso nei racconti ricordi di una vita precedente che però non sono quasi mai
esaminati secondo criteri scientifici, motivo forse per cui tale tematica non suscita l’attenzione dei media
“seri”. Potrebbe anche darsi che “non può essere quello che non osa essere”, perché stranamente da un paese,
l’India, dove la reincarnazione è data per scontata nella tradizione culturale, ci arrivano sempre nuove notizie
su casi di reincarnazione, alcuni dei quali esaminati e documentati come quello che riguarda Shanti Devi (vedi
Ricard e Thuan, 2001).
Shanti Devi nasce a Delhi nel 1929 e all’età di circa quattro anni spiega che la sua vera casa è la città di
Mathura distante più o meno 130 km. Poiché nessuno la prende sul serio, all’età di sei anni prova a raggiungere,
da sola, Mathura. L’impresa fallisce. A scuola dichiara di non chiamarsi Shanti bensì Lugdi Devi, che è sposata
e che ha un bimbo a cui non può accudire essendo morta dieci giorni dopo il parto. I dettagli della sua
descrizione sono talmente affascinanti che il direttore e il suo insegnante due anni dopo l’inizio della scuola le
chiedono della sua casa natale. Shanti descrive la propria vita a fianco di suo marito e indica in dettaglio anche
alcune località di Mathura. Quello che però impressiona particolarmente chi l’ascolta, è che Shanti si esprime
in un dialetto che non viene parlato né a scuola né tanto meno in casa degli attuali genitori. Più tardi si scopre
che si tratta di un idioma della regione di Mathura, Dopo avere appreso anche il nome del marito, il direttore
inizia a cercare a Mathura e trova Kedarnath Chaube proprietario di un negozio rimasto vedovo nove anni
prima, la moglie morta dieci giorni dopo il parto del figlio. A seguito di ciò, Chaube invia suo cugino a Delhi
per apprendere qualcosa di più sul conto di Shanti. Quando il cugino arriva nella casa dei genitori di Shanti,
costei lo riconosce subito, lo saluta calorosamente riesumando dettagli della vita di lui tra cui quello che
durante l’assenza del marito l’aveva “abbordata”. Dopo che il cugino ebbe la certezza di avere incontrato la
Ludgi Devi di una volta, viene a Dehli Kedarnath assieme al fratello e al figlio. Tuttavia si scambiano i ruoli
ed è il fratello a dirsi Kedarnath. Shanti riconosce subito chi era stato suo marito e gli chiede se aveva tenuto
fede al giuramento fatto sul letto di morte che non si sarebbe più risposato. Kedarnath che aveva una nuova
moglie esitò prima di dare una risposta e pose domande su eventi che solo loro due conoscevano. Le risposte
di Shanti convinsero Kedarnath che si trattava della reincarnazione della sua prima moglie.
Poco tempo dopo la ragazza accompagnata dai genitori, da personalità ufficiali e di elevata reputazione:
avvocati, notai e giornalisti si recò a Mathura. Alla stazione furono accolti da un gran numero di persone e qui
Shanti si recò direttamente da un uomo che salutò come suo nonno chiedendogli del basilisco. L’uomo
confermò essere il nonno di Lugdi Devi e di avere ricevuto da lei in punto di morte un basilisco sacro (rettile
simile a una lucertola). Dopodiché Shanti guidò i presenti verso casa sua e più tardi anche alla casa dei suoi
genitori di una volta (Gupta/Sharma/Mathur 1936 e Lonnerstrand 1998).
Questo caso di reincarnazione è il più conosciuto e documentato, ma non l’unico ad essere documentato
con metodi scientifici. Jan Stevenson (1918-2007) docente di psichiatria alla Virginia di Charlottesville è
ritenuto il fondatore della ricerca scientifica di reincarnazione. Dai verbali di diverse centinaia di persone che
si erano ricordate di una vita precedente, ne scelse una ventina che giudicò significativi. Questi 20 li descrisse
nel 1966 nel suo libro Twenty Cases Suggestive of Reincarnation (Stevenson 1992).

107
Esperienze ai confini della morte
Se la consapevolezza esiste veramente indipendentemente dalle funzioni fisiologiche del corpo, a certe
condizioni potrebbe avere luogo anche un trasferimento d’informazione quando già abbiano cessato le funzioni
fisiche. E in realtà vengono riferite di esperienze ai limiti della morte già nell’epopea di Gilgamesh (non più
tardi se non prima del 18esimo secolo a.C.) e anche di altre avvenute più tardi. Nel mio libro “Disseits und
jenseits der Raum-Zeit-Netze” (Al di qua e al di là della rete spazio-temporale) di cui ho fatto precedentemente
menzione, ho trattato il tema in dettaglio sulla base delle informazioni scientifiche attuali.
Nel frattempo sono disponibili ricerche supplementari su questo fenomeno. Pin van Lommel scienziato
specialista in malattie cardiache presso la casa di cura Rijnstate in Arnheim, indagò su 344 pazienti che
avevano subito un arresto cardiaco e che erano stati considerati clinicamente morti chiedendo loro cosa
avevano provato, che esperienze avevano avuto. Il suo studio fu pubblicato nella rivista scientifica medica The
Lancet (Van Lommel e a. 2001). In una intervista con il giornale olandese De Telegraf che apparve il
13.12.2001 sotto il titolo “Bijna-dooderwaring blijf mysterie” van Lommel arriva alla conclusione seguente:
“Quello che ora sappiamo è che le spiegazioni abituali sulle esperienze in punto di morte sono errate. Esse non
insorgono sulla base del processo di necrosi cellulare o di una modifica nell’adduzione del sangue. Anche età,
sesso, professione o religione sono privi di significato”.
Quando il cuore si arresta, il sangue non trasporta più ossigeno ed energia verso le cellule nervose del
cervello, la pressione sanguigna scende rapidamente, la respirazione si ferma e la consapevolezza da sveglio
sparisce. Se il paziente viene rianimato nei prossimi cinque a dieci minuti, la circolazione sanguigna viene
riattivata attraverso il cuore e una disintegrazione irreversibile delle cellule cerebrali può essere evitata.
Dei 344 pazienti dello studio, solo 61 (il 18%) avevano il ricordo di una esperienza pre-morte. Se tale
esperienza sarebbe da spiegare solo come processo fisiopatologico, p.es. per la mancanza di ossigeno o di
energia nel cervello, dovrebbero essere ben più numerosi i pazienti con ricordi tipici pre-morte: abbandono del
corpo, sguardo retrospettivo sulla vita, tunnel con luce splendente all’uscita, creature pieni di premure, incontro
con parenti già deceduti, amici e animali domestici, musica, paesaggi stupendi. È particolarmente interessante
che nei 61 pazienti con esperienze pre-morte inequivocabili era sparita invero la percezione dell’ambiente
locale visto dalla prospettiva abituale, quella che noi chiamiamo consapevolezza da svegli ma non sparì la
percezione dell’IO. Essi avevano una chiara coscienza dei propri pensieri e delle proprie emozioni, essi
sapevano di trovarsi fuori dal proprio corpo sebbene osservassero la propria rianimazione, e avevano ricordi
della fanciullezza. Poiché in alcuni singoli segmenti di prova l’EEG fu registrato senza interruzione e la morte
clinica era ben contraddistinta da un EEG inanimato totalmente “piatto”, che vuol dire l’estinzione totale
dell’attività elettrica cerebrale, un tale tipo di attività consapevole in grado di osservare il processo di
rianimazione non sarebbe stata possibile.
Nell’ambito dello studio i pazienti vennero consultati direttamente non solo dopo la rianimazione ma anche
due e otto anni dopo. Venne fuori che 43 per cento dei pazienti che avevano avuto una profonda esperienza ai
confini della morte, nei 30 giorni dalla rianimazione era deceduto.

108
Il design di uno studio quasi identico preparato e realizzato in Inghilterra anche se su un numero inferiore
di pazienti, approdò a risultati analoghi (Parina 2001).
La conclusione che si può trarre da queste analisi è che un EEG piatto non è affatto un indice dell’estinzione
del processo di consapevolezza. Nello stesso tempo si constata che la percezione in tale stato è modificata e
che il modulo “aldilà” viene disattivato, come già trattato nel capitolo due.
Van Lommel ha pubblicato il totale dei risultati e le proprie interpretazioni in un libro. Nello scritto egli
sostiene la tesi che la consapevolezza non ha il suo posto ancestrale nel cervello (Van Lommel 2010).
Questa tesi viene anche avallata da Günter Ewald, docente emerito di matematica, fisica, chimica e filosofia
a Bochum (Ewald 2006).
Il medico, zoologo e filosofo Lorenz Oken (1779-1851) docente a Zurigo, sosteneva che la natura è
l’espressione del divino intelletto. Egli constatò che la scienza non era in condizione di riconoscere le reali
relazioni nella natura. Gli aborigeni erano stati molto più vicini alla verità.
Nonostante questa cognizione fino al giorno d’oggi non è cambiato nulla nel nostro modo di pensare attuale.

109
7. L'interfaccia tra mente, anima e corpo materiale

L’IO iniziato, L’IO che sa, non è nato e non muore. È scaturito dal nulla. Non è stato partorito; eterno,
continuo e antico, non può essere annullato quando viene eliminato il corpo.
(Katha-Upanishad 2.28 - Nikhilananda 1963)

Tra le funzioni dell’essere distinguiamo in generale quelle del corpo che a volte chiamiamo materia, quelle
dello spirito che chiamiamo anche intelletto e quelle dell’anima. Si tratta di concetti di uso comune da secoli
e poiché più in là tratteremo “l’introduzione all’alchimia per il raggiungimento di una certa onnipotenza”, per
meglio comprendere ci soffermiamo già ora su questi concetti. In passato abbiamo definito cos’è la materia. I
concetti di intelletto o spirito e anima sono impiegati in modi molto diversi, e si rivela necessario definirli
nuovamente nel nostro contesto.
Fino ad ora abbiamo parlato di cosciente/subcosciente e della relativa funzione di comunicazione interposta.
Inoltre abbiamo collegato quasi sempre consapevolezza conscia alla saggezza (intelletto) e riferito l’inconscia
alle emozioni. Ora vogliamo provare a connettere i concetti “spirito” e “anima” con consapevolezza conscia
da un lato e con quella inconscia da un altro lato. Spirito/anima sono nell’essenza dell’individuo l’unità
complementare identica a consapevolezza conscia/inconscia.
Il termine “spirito” (o intelletto) presente anche nella espressione biblica di “Spirito Santo”, fa parte di re-
spirare (nota del traduttore: per analogia ricordiamo l’espressione del nuovo testamento “e furono ripieni di
spirito santo”, quando si racconta che l’alito dello spirito pervase l’intelletto degli apostoli permettendogli di
esprimersi in piùlingue). “Respiro, alito di vento” indicava in passato anche animazione quale altro significato
di spirito. È proprio così che viene interpretato il termine ebraico rûah del Tanach, la bibbia giudaica, tradotto
con “spirito” e che indica anche “aria in movimento”, “vento”. Nel mondo animale, uomo compreso, rûah è il
respiro che infonde vita alle creature e con ciò assicura le funzioni vitali spirituali e arbitrarie. L’origine del
rûah, o come preferiamo chiamarlo, è essa stessa un’essenza spirituale, intellettuale.
Rûah corrisponde nella nostra bibbia allo “spirito divino che scivola sulle acque”, in altre parole: il nostro
collegamento con il soprannaturale. Permettendoci un paragone interculturale con l’induismo, lo possiamo
definire Shakti, quello che rende il divino inattivo in attivo e così conoscibile, praticabile. Shakti stesso resta
però inseparabile dal Dio a cui appartiene, come Yin da Yang, come il giorno dalla notte e animus da anima
(vedi archetipi di C. G. Jung).
Considerazione di valore questa che ci aiuta a dimostrare come la nostra consapevolezza conscia/inconscia,
o intelletto/anima vengano retti da unità di energia estremamente piccole la cui sorgente è un campo di fondo
intellettuale infinito.
Per la definizione di intelletto proviamo a facilitarci il compito riferendoci alle funzioni fisiologiche
dell’individuo, sebbene non sia sufficiente. Avevamo già accennato che nel nostro cervello c’è una
suddivisione funzionale con da un lato la neocorteccia, responsabile a grandi linee per ragione (ratio) e
conoscenza (intelligentia) con la sua attività neuronale, e dall’altro lato il metencefalo con il sistema limbico
110
per l’universo delle emozioni. Con capacità cognitive intellettuali dell’individuo, intendiamo il percepire,
l’apprendere, come anche ricordo e immaginazione, insomma il totale delle forme di pensiero di cui la
neocorteccia si rende garante.
Ambedue gli aspetti dello spirito sono chiamati pneuma (alito) e nous (saggezza) nell’antica Grecia.
Alla fine della lettura di questo capitolo constaterete che l’interpretazione di Agostino (354-430) filosofo e
maestro di dottrina della chiesa, è quella che probabilmente si avvicina di più alla verità. Egli fa differenza tra
intelletto (mens, animus) e anima e definisce lo spirito umano “occhio dell’anima” (oculus animae). Come
ancora dice, la conoscenza della verità eterna è possibile attraverso la luce incommutabile dello spirito divino
(lumens incommutabilis). Questa luce è la parte più intima dell’essere umano. La conversione dell’individuo
verso il proprio se stesso più profondo è il ritorno alle sue origini effettive. Lo spirito assoluto è quindi concetto
di verità e causa prima di tutto l’essere.
Ernst Hackel (1834-1919), biologo dell’evoluzione, era certo che lo spirito fosse un fenomeno
scientificamente comprensibile. Sigmund Freud (1856-1919) manifestò più volte la convinzione che i processi
intellettuali nel maggior numero dei casi sono processi inconsci. L’individuo non si rende conto delle paure,
della rabbia e delle altre sensazioni che egli trasporta con sé in giro e alle quali “dà sfogo”.
Oggi nell’idioma usuale, l’insieme di tali sentimenti viene spesso designato con “anima”.
Democrito, vissuto tra il 460 e il 371 a.C. descrisse l’anima come un agglomerato di atomi di fuoco di
formato sferico e liscio che si differenzia dagli altri atomi per la loro maggiore mobilità alla quale devono la
loro forma.
Intelletto/spirito assieme all’anima costituiscono la psiche. E anche qui entrano in funzione le proprietà
delle particelle fini. L’antico termine greco psyche fa parte del verbo psychein (soffiare, respirare) che all’inizio
significava “alito, respiro” e quindi vita. Per Democrito gli atomi dell’anima sono distribuiti ovunque
all’interno del corpo e imprimono movimento a quelli del corpo durante tutta la vita. Anche i fenomeni mentali
nel loro insieme sono meccanicamente spiegabili con il movimento degli atomi dell’anima. Ed è così che p.
es. questo movimento determina la salute dell’essere. Era questa la teoria di Democrito sull’anima che con
Aristotele è arrivata fino a noi.
Epicuro (342/341 a.C. a 271/270 a.C.) ritenne l’anima come un corpo dentro un corpo, secondo lui quindi
la psicologia apparteneva alla fisica. Per Epicuro la materia dell’anima si distingue dalla materia rozza per la
sua tenue costituzione simile al soffio del vento.
Il romano epicureo Lucrezio (forse 97-55 a.C.) si addentrò più in dettaglio. Per lui l’anima era un miscuglio
di atomi di calore, di aria e di vento e di un quarto tipo di atomi che permettono la trasmissione verso il
raziocinio. Questi atomi, paragonati agli altri della materia, sarebbero lisci, rotondi e piccolissimi.
René Descartes (1596-1650) parte dal presupposto basato sulla sua concezione dualistica che non localizza
l’anima nel corpo o in un qualsiasi luogo appartenente al mondo materiale.
Secondo la sua concezione, la comunicazione tra anima e corpo ha il suo epicentro nella ghiandola pineale.
(v. Remnant 1979)

111
Complessivamente nelle tradizioni riguardanti anima e intelletto si parla di una sostanza che come un alito
si adagia su tutto e che noi per così dire possiamo dirigere come respiro dentro di noi. Vedremo più avanti che
gli argomenti considerati vengono rappresentati in modo abbastanza simile sotto il punto di vista della fisica
attuale.
Se noi parliamo di uno spirito universale (assoluto) e individuale vogliamo porre alla base quanto segue:
L’informazione viene :
⟫ incorporata,
⟫ memorizzata,
⟫ valorizzata (finalizzata) intelligentemente,
⟫ collegata con senso e valore,
in un “campo”, e totalmente elaborata con una consapevolezza che permette di fare esperienza. L’intelletto
riceve informazioni e le trasforma in tempo, spazio ed energia codificata.
Anima e intelletto sono in grado di liberare forze? Secondo la nostra esperienza dovremmo rispondere con
un sì. Noi con la nostra volontà e le nostre emozioni, siamo in grado di influenzare la materia. Le forze però
non possono sgorgare in assenza di energia alla base, ragion per cui intelletto e anima devono ricorrere a
energie ben precise.
Boguslav Lipinski docente all’Università di Boston, con un dosimetro per radiazioni ionizzanti come quelli
per misurare la radioattività di particelle atomiche in millesimi di REM per ora, rilevò in diverse chiese
americane l’energia durante il rito religioso. I valori abituali oscillavano tra 20 e 70 mR/h. Ebbene, durante
alcune preghiere recitate nel santuario di Medjugorje, per brevi momenti misurò valori di 100mila mR/h.
Radiazioni talmente elevate sono per l’individuo estremamente dannose, eppure nessuno dei presenti si
ammalò.
L’interpretazione di questo fenomeno fu che campi specifici di energia sono già misurabili con tali
apparecchiature, ma non si tratta di normale radioattività, bensì di una forza che genera un evento a livello
dell’atomo simile alla radioattività.
C’è una tale forza della consapevolezza? Se è così, quella della fede dovrebbe sviluppare una propria
energia.
La tesi che ”consapevolezza fa uso di entità quantistiche”, fu enunciata già nel decennio del 1960 e da quel
momento sempre perorata.
Niels Bohr disse: “Il pensiero consapevole porta con se un piccolissimo interscambio di energia ed è per
questo che solo una spiegazione fisico-quantistica qualifica la descrizione della consapevolezza”. (Bohr 1958)

7.1 Lo Spin quale meccanismo elementare di commutazione

Nel primo capitolo ci eravamo chiesti: Cosa provoca sulla materia un riflesso voluto (attraverso
informazione) quando per esempio io sollevo il braccio? Dopo avere scomposto il processo in singoli passi
fisiologici siamo arrivati al risultato che la mia volontà, principio intellettuale, ha generato una forza sulle
coesioni molecolari. A tal fine era necessario il cambiamento degli Spin degli elettroni che sono responsabili
112
delle coesioni molecolari. Sugli spin incombe quindi un ruolo importante quando intelletto e anima influiscono
sulla materia.
Ma cosa fanno gli Spin e come vengono influenzati?
Tutte le forze presenti nella natura sono una combinazione di massa e Spin. Gli Spin sono gli architetti delle
molecole efficienti e quindi di tutto l’organismo. Gli Spin di elettroni e il loro orbitare attorno al nucleo
dell’atomo generano le coesioni molecolari. Da molte di queste che si dispongono in diverse direzioni nello
spazio, risultano di nuovo forma/struttura/configurazione tanto nell’ambito microscopico quanto anche in
quello visibile macroscopico. Per gli effetti delle forze, gli elettroni emettono fotoni quali particelle
messaggere. Queste particelle posseggono anche uno Spin. Svariate particelle messaggere posseggono
proprietà diverse. Fermioni, particelle a Spin semintero o Bosoni a Spin interi, determinano forze di attrazione
tra Fotone e Gluone (sostanza agglutinante tra i Quark che costruiscono il nucleo degli atomi). Spin dimezzati
generano forze respingenti.
L’insieme di spin delle particelle elementari provoca nella costruzione della molecola un’asimmetria, la
cosiddetta chiralità (chiralitàfisica, v. Treccani). Questa assume un ruolo di enorme importanza nella funzione
dell’organismo. A titolo di esempio, noi individui tolleriamo solo molecole levogire di aminoacidi e molecole
destrogire di carboidrati. Una chiralità errata è causa di disfunzione che può condurre alla morte.

Dalla collocazione degli Spin dipendono fra l’altro:


> l’effetto dell’influenza reciproca di energia elettrostatica (Coulomb) (Spin opposti posseggono più
energia di quelli in parallelo),
> l’energia cinetica degli elettroni, e con essa,
> le proprietà delle coesioni molecolari, quindi forma/struttura/configurazione e di conseguenza la funzione
delle molecole.

Gli ultimi risultati delle ricerche dimostrano che la materia è costruita da componenti di Spin sempre più
piccoli: i nuclei di atomi che si scompongono in Quark. I Quark si scompongono in Tauoni e Muoni (tauone
fa riferimento al termine ebraico Tohuwabohu, “deserto e vuoto”. Tutto all’inizio nella bibbia c’èTohuwabohu
e Ruach…Dio parla soltanto dopo)

> “Lo Spin è responsabile di tutti gli effetti dei Quanti”. (Hestens 1983)
> “Spin è il processo che aziona la meccanica quantistica”. (Kien 1999)
> “Spin è la causa dell’incrocio dei Quanti”. (Schröder 1935)
> “Lo Spin dei quanti genera informazione per la forza e operazioni temporali tra e sulle masse”. (Dirac
1928, Penrose 1960,1967)

Cosa ha a che fare tutto questo con la consapevolezza?

113
Abbiamo sperimentato che la consapevolezza può influenzare gli Spin e da qui forza e tempo sulle masse
oltre a interferire nell’ordine (forma/struttura/ configurazione).
Paul Davies scrive: “La fisica moderna riporta indietro l’intelletto in un posto centrale nella natura. […]
Quando qualcuno osserva un atomo, l’atomo salta verso una modalità particolare/caratteristica, che nessuna
abituale interazione può imitare”. (Davies 1990)
Ciò permette che noi, p.es., se lo vogliamo possiamo muovere muscoli e scheletro del nostro corpo. Tuttavia
cade all’occhio una particolarità: sotto l’influsso della forza di gravità, il nostro corpo resta stabile solo se
siamo coscienti. Se incoscienti, la forza di gravità ci trascina a terra. Per spiegarci questo fenomeno tipico,
saltano alla mente due possibilità:
❯ La prima è che noi con il continuo esercizio già in tenera età per bilanciare la forza di gravità abbiamo
addestrato forza dei muscoli e riflessi, che agiscono solo quando siamo coscienti. Quale esempio vediamo il
riflesso della tosse. Possiamo tossire solo se svegli quindi solo se in presenza del relativo stato di coscienza.
❯ La seconda, di carattere puramente speculativo, è che gli effetti degli Spin di gravità sul totale delle masse
del nostro fisico, sono da neutralizzare attraverso una consapevolezza.
In ogni caso, una cosa è chiara: tutto ciò che influenza gli Spin, influenza anche malattia e guarigione.

7.2 Attività dei Quanti dimostrate sperimentalmente in processi di vita e di


consapevolezza

1. Sovrapposizione (sorgente d’informazione universale) sinonimo di interferenza di “possibilità”, coerenza


di funzioni d’onda.
2. Scelta di possibilità (definizione d’informazione locale e temporale), sinonimo di collasso di funzioni di
onda, decoerenza, consolidamento, osservazione e misurazione
3. Accavallamento, etanglemnent, (veicolo per il non locale-temporale , ovvero espansione universale di
caratteristiche specifiche con opzioni di richiamo locale-temporale) sinonimo di non località, coinvolgimento
quantistico, paradosso di Einstein-Podolski-Rosen.

Principio della sovrapposizione (sorgente d’informazione universale)


Il principio dice che ogni energia e ogni informazione esistono dapprima in una sovrapposizione di onde di
tutte le diverse proprietà possibili, che abbiamo chiamato: “Oceano delle infinite possibilità”. Le informazioni
potenziali di queste proprietà possibili sono memorizzate in onde coerenti dal nome di costrutti matematici di
“funzioni d’onda”.
Lo stesso sistema d’interferenza non può essere misurato direttamente, esso non ha né posizione né impulso
definibile.
Queste funzioni d’onda per caratteristiche potenziali, sono diffuse nell’universo intero, esenti di spazio e
tempo.
Funzioni di onda sono informazione pura, puro Software perché la funzione d’onda descrive quello che può
essere conosciuto sul sistema.
114
L’universo intero è quindi un campo d’informazione pensabile come una sorta di ologramma.
Le possibilità di memorizzazione in Qubits, ammontano per estrapolazione di calcolo all’incredibile e
impensabile cifra di 10 stati alla potenza 107, (10107) per ogni singolo volume di Planck che misura (10-99 (10-
99
) cm3).
(Osservazione del traduttore: Provate a rappresentarvi queste grandezze. Dopo qualche minuto io ho
dovuto smettere).

Principio della scelta di possibilità (decoerenza) (definizione locale e temporale dell’informazione)


La sovrapposizione di funzioni di onda è una fase molto labile.
Quando in qualche posto nell’universo viene fuori dalla materia o da un intelletto individuale
un’informazione definitiva per l’osservazione concreta di una caratteristica specifica, la funzione di onda di
questa caratteristica collassa in tutto l’universo. Ciò significa che la funzione di onda è spenta in tutto
l’universo (decoerenza) e al suo posto subentra una informazione locale per forza e tempo, focalizzata sulla
materia e rispettivamente sull’intelletto che la tratta.
Risultato di questa decoerenza è dunque una proprietà della materia di cui possiamo fare esperienza perché
esiste ora qualcosa di misurabile: la realtà.
Stabiliamo quindi: “il totale delle possibilità di una caratteristica, senza un’informazione definita sulla
stessa, interferisce sempre (sovrapposizione) con altre possibilità di caratteristiche”.
Non appena però ha luogo una interferenza dell’onda possibile con l’ambiente (quando c’è scambio di
energia e informazione) la coerenza dell’onda va perduta, che significa che il rapporto consolidato di tutte le
onde parziali viene disturbato o addirittura distrutto. Siamo in presenza di decoerenza e il collasso della
funzione di onda è la transizione dal potenziale al reale.
Osservazione/misurazione crea così realtà ed esperienza.
Elettroni indeterminati non esistono quale esperienza sensoriale, l’aiuto o meno di un apparecchio di misura
non ha alcuna influenza. Sistemi quantici non hanno proprietà definite prima dell’osservazione, essi sono
soltanto probabilità virtuali di una funzione di onda. Nessuna particella quantistica ha uno Spin prima di essere
misurata. Nel tempo e nello spazio non esiste nulla a cui non sia stata assegnata alcuna proprietà. Solo gli
elettroni a cui è pervenuto senso e valore quindi funzione, si rivelano come sorgenti di carica e informazione
per forza e tempo e solo allora la funzione d’onda della proprietà degli elettroni, collassa.
Alla domanda “In quale stadio del processo di osservazione/misurazione avviene il collasso”, rispondiamo:
“Quando un essere umano è consapevole di un’osservazione/misurazione”.
Questo tipo d’informazione ha effetti tangibili sulle forze tra gli atomi, sulle molecole biologiche, tra cui
proteine e acidi nucleici.

«È così che si presenta il nuovo paradigma dell’universo: sistema complesso, dove spirito, intelligenza e
informazione sono come Hardware». Paul Davies e John Gribbin

115
In generale vale quanto segue: decoerenza sorge quando da un sistema in sovrapposizione coerente con
funzioni di onda, viene trasportata nell’ambiente informazione sullo stato del sistema.
Fin quando una informazione di questo tipo è assente o fin quando non c’è osservazione, rimane valida la
sovrapposizione. In tal caso significa che energia e informazione alla base del sistema sono diffuse
virtualmente in tutto l’universo.
In questo campo ci sono esperimenti interessanti eseguiti dal ricercatore Eigler dell’IBM: foto eseguite con
microscopio a effetto tunnel mostrano su una superficie di rame gli elettroni che vengono tenuti prigionieri da
48 atomi di ferro ammassati e disposti ad anello.
Così, questi elettroni assediati non hanno la possibilità di allargare la comunicazione necessaria all’effetto
potenziale di forza e tempo. Nell’impossibilità di presentare all’esterno le loro proprietà gli elettroni si
chiudono tutti insieme in un’onda coerente d’informazione, esattamente come la teoria aveva previsto in
precedenza.

L’intreccio o accavallamento quale centro del divenire mistico.


Con il principio della sovrapposizione e del meccanismo della realizzazione attraverso la materia, quando
forza e tempo si costituiscono dalle masse, non è stato detto ancora nulla sul più importante aspetto della vita:
il fenomeno di “entanglement quantistico” o coinvolgimento, come viene chiamato dai fisici, che ha in sé dello
stupefacente.
Qui brevemente uno schizzo. Sotto influenza energetica, due particelle possono gemellarsi. Quando il
gemellaggio viene separato, se lo stato di una particella è modificato, tale modifica indipendentemente della
distanza che la separa, si ripercuote nello stesso istante anche sull’altra particella.
Particelle reali e informazioni che hanno acquistato uno stato concreto, come anche strutture o immagini, a
secondo, in condizioni particolari, se ben isolate e protette da influssi esterni, possono entrare in interazione
(stato di Bell). Tale stato resta immutato anche dopo la separazione. Dopo tuttavia, le particelle coinvolte
perdono tutte le loro proprietà definite e sviluppano un nuovo stato.
Esse smettono di essere oggetti individuali ed entrano a far parte di un totale, simile a un tappeto che si
compone di tanti singoli punti annodati.
Poiché ora le proprietà individuali non hanno alcun ruolo, ne deriva una sovrapposizione. In questa funzione
di onda sono ingabbiate, quali pure probabilità, non solo tutte le proprietà individuali delle particelle pertinenti,
ma in supplemento anche il nuovo stato d’interferenza.
La funzione di quest’onda, che conosciamo dalla sovrapposizione, si espande quasi all’istante in ogni
direzione. Ciò significa che sistemi quantistici originari sono in relazione tra di essi anche su grandi distanze.
È per questo che tale processo straordinario è definito “etanglement”. Questi stati sono descrivibili
matematicamente con precisione.
Nello stato di “entanglement" o coinvolgimento, la proprietà della singola particella può essere totalmente
sconosciuta. Se attraverso risonanza selettiva si procede, qui e adesso, a misurare questo stato (principio di

116
prova ed errore), il coinvolgimento viene distrutto ma le proprietà individuali delle singole parti si manifestano
nello stesso momento in ogni punto dell’universo.
Erwin Schrödinger, a cui risale il concetto di “etanglement”, vide in esso l’essenza della fisica quantistica.
(Schrödinger 1935)
La teoria che descrive questo effetto non incontrò l’avallo di Einstein che la considerò l’effetto a distanza
di uno spettro, e con dei colleghi redasse uno scritto descrivendo un esperimento mentale conosciuto oggi sotto
il nome di paradosso di Einstein-Podolski-Rosen (EPR). Questa costruzione mentale doveva dire chiaramente
che alla fisica quantistica mancava qualcosa. Fu scritto: “La teoria è incompleta, perché non può essere quello
che non osa essere”. Oggi sappiamo con certezza che Einstein e i suoi colleghi non avevano ragione e che può
essere anche ciò che non osa essere.

“Etanglement”chiave della telepatia quantistica


Ripetiamo ancora una volta il principio: Non appena in qualche luogo c’è uno scambio d’informazione,
quindi osservazione o misurazione di una funzione oscillante di “etanglement”, indipendentemente da luogo
e tempo, emergono all’istante le rispettive caratteristiche originarie delle parti avviluppate.
Questo effetto inimmaginabile è ormai sapere assodato. Tali misteriosi risultati sono oggi riproducibili e
applicati alla telepatia quantistica o telecinesi delle proprietà. Ciò riesce già con aggregati di oltre 3-mila atomi
come dimostrato con gli aggregati delle molecole di carbonio, il fullerene. (vedi Zeilinger 2003)
Sperimentalmente tra il 1981 e il 1983 al gruppo di lavoro Alain Aspect a Parigi, riuscì per la prima volta
di eseguire con i fotoni la prova del “tele-effetto fantasma” escogitata da Einstein con i colleghi Podolski e
Rosen nel 1935.
Nel 2008 Antoine Suarez non solo confermò i risultati di Aspect, ma interpretò anche la loro piena
convergenza affermando che dietro la telepatia quantistica c’è una “intelligenza invisibile e possente”.
Egli, con i suoi esperimenti stabilì senz’alcuna ombra di dubbio: “Nel momento della correlazione tra le
particelle, il tempo si ferma. È come se nella telepatia quantistica il tempo venisse cancellato, annullato”.
(Suarez 2003-2008)
Particelle dell’intreccio possono essere ovunque nello stesso istante. Esse non sono localmente controllabili
con la nostra volontà. Se questo funziona, dedusse Suarez, allora anche la nostra stessa libera volontà deve
essere un sistema quantistico. E poiché la libera volontà ci viene data dalle leggi di natura, queste leggi devono
avere carattere quantistico.
Questo scienziato è talmente convinto dell’influenza della telepatia quantistica, che assieme a dei colleghi
ha redatto un libro in cui descrive il cammino che alla fine conduce a Dio. (Driessen/Suarez 1997)
Telepatia quantistica ormai non è solo una esclusività realizzabile con i singoli Quanti (Charles H. Bennett,
1993, Watson Research Center della IBM in Yorktown-Heights, New York) bensì anche:
> con campi luminosi (Jeff Kimble e colleghi di Caltech di Pasadena)
> con raggi laser che contenevano informazioni codificate, (UniversitàNazionale Australiana, 2002 e
Harald Weinfurter dell’UniversitàLudwig-Maximilian Monaco di B.),

117
> con nuclei di atomi il cui senso di rotazione all’interno di una molecola è stato possibile trasmettere ad
un altro nucleo (Laboratorio Nazionale di Los Alamos, Nuovo Messico),
> con atomi interi che spuntavano nuovamente in luoghi a piacere. Nel 2004 a due gruppi di lavoro riuscì
per la prima volta a eseguire con più precisione con Ioni che con atomi, la telepatia quantistica (Riebe e altri,
Universitàdi Innsbruck, Barrett e altri, National Institute of Standards and Technology di Boulder, Colorado),
> con ioni di Calcio (Blatt e Riebe. Universitàdi Innsbruck),
> con ioni di Berillio (David Wineland e MD Barret del National Institute of Standards and Technology di
Boulder,Colorado),
> e perfino con intere molecole (fullereni) (Zeilinger Universitàdi Vienna).

Risultato: l’etanglement è un processo d’influsso universale azionato dall’attività locale della materia. Il
Quanto gemello può trovarsi ovunque nell’universo e avverte all’istante il trattamento sul partner in
laboratorio. Secondo il modello, ciò è possibile perché il fotone “1” comunica il proprio influsso fisico
all’Oceano delle infinite possibilità e il fotone “2”, che da gemello entra in risonanza, rilegge e valorizza tale
informazione non importa in che punto dell’universo al momento esso sia.
Si continua a speculare sul principio del coinvolgimento della fisica quantistica che potrebbe essere il ponte
teso tra scienza e spiritualità.
Il fisico americano Jack Sarfatti si esprime così: “Con ogni pensiero e con ogni azione, imprimiamo non
solo la nostra piccola memoria di massa ma memorizziamo qualcosa anche nell’universo quantistico, un
qualcosa che sopravvive alla nostra vita terrena”.
Beninteso anche le proprietà del cervello come quelle di tutti i sistemi materiali poggiano sulla fisica
quantistica. La domanda è se anche all’interno del cervello sono presenti stati di “etanglement”.
La risposta di Max Tegmark, esperto di decoerenza è: “Anche se essi una volta si siano formati, secondo il
calcolo, sono destinati a sparire nuovamente in meno di 10-13 secondi (0’01 pico-secondi). Dato che i circuiti
neuro-cerebrali elaborano informazioni ad una velocità almeno dieci volte più lenta, nel cervello non c’è
nessuno stato influente di coinvolgimento”. (Science 4.2.2000)
Prove che hanno dell’incredibile, dimostrano che, come spesso succede, anche questa opinione era troppo
affrettata.

Etanglement di due molecole attraverso l’energia ambientale


Che Spin di Quanti siano sottomessi a questo fenomeno, lo si sa da tempo. Huping Hu e sua moglie Maoxin
Hu sfruttarono questa conoscenza per procedere all’esperimento seguente chiedendosi: È possibile intrecciare
Spin delle molecole dell’acqua con Spin di droghe e rilevarne l’effetto nell’acqua? Proprio ciò, non solo
funzionò ma fu riprodotto usando per l’etanglement una sorgente di energia coerente, laser, campo magnetico
o micro-onda. L’acqua così trattata se bevuta provocava gli stessi sintomi della droga che in questo caso era
un anestetico. (Hu/Wu 2006)

118
Con questo esperimento fu perfino possibile dimostrare l’affermazione dell’indipendenza di spazio e tempo
degli effetti dell’etanglement, dividendo in due parti l’acqua del rubinetto intrecciata con micro-onde.
La prima porzione viene bevuta al posto A. Il soggetto di prova si reca poi (in auto o aereo) al posto B
distante chilometri e chilometri. Nel nostro caso da Pechino si reca a 5mila km a San Francisco. In A (Pechino)
la seconda porzione di acqua viene intrecciata con una droga il cui effetto si manifesta sul soggetto di prova
che si trova in B a San Francisco.
Non è nemmeno necessario di eseguire gli esperimenti con l’acqua. Si ottengono gli stessi risultati quando
un etanglement viene eseguito con Spin della materia cerebrale e Spin delle molecole di medicinali attraverso
impulsi specifici di campo magnetico. A tal fine la bottiglia della droga viene posta direttamente sulla testa; il
campo magnetico applicato scorre attraverso il cervello e attraverso la droga. Ed eccoci di nuovo in presenza
di sensazioni che corrispondono all’effetto della droga. Se invece all’insaputa del soggetto (per evitare ogni
eventuale influenza) si riempie di acqua la bottiglia della droga, allora non succede un bel nulla.
L’esperimento diventa ancora più avvincente: Hu e Wu trovarono che è possibile un intreccio di spin
quantici di due cervelli per mezzo di energia coerente. Ciò era stato già scoperto precedentemente da altri
gruppi di lavoro senza che però qualcuno ne potesse dare una spiegazione.
Helmut Schmidt, non il famoso politico ma il famoso fisico e scienziato della Lockhead USA, nel 1994
descrisse un esperimento mediante il quale riuscì a stabilire una trasmissione di potenziale evocato di EEG tra
due individui in due spazi separati.
Più esattamente: il soggetto B riceve 16 flash di luce che l’elettroencefalogramma registra come risposta
allo stimolo. A e B siedono singolarmente in due gabbie di Faraday buie e separate tre metri l’una dall’altra.
Esperimento Nr. 1: Prima di essere separati, i due soggetti hanno meditato insieme in un’unica gabbia di
Faraday. In questo caso dopo la separazione il potenziale evocato con la luce viene trasmesso da B ad A.
Esperimento Nr. 2: I soggetti non meditano insieme. In questo caso non avviene alcuna trasmissione.
(Schmidt 1994)
Gli effetti dei risultati di queste prove sono incalcolabili.

7.3 Lo Spin: collegamento con il campo universale dell'informazione

Tutti i processi degli organismi viventi sono basati su fluttuazioni quantistiche. Il fisico Paul Davies si
esprime in questo caso con “amplificazione quantistica dell’elaborazione dell’informazione” nelle cellule
viventi. Tuttavia solo atomi isolati da influssi esterni si conformano alle norme del mondo dei Quanti e
smettono di farlo quando influenze ambientali incrementate agiscono su di essi.
In realtà oggi si discute se elementi isolati delle cellule, che non “vengono osservati” dall’ambiente, si
trasformano in una sovrapposizione coerente universale e se sono dopo di nuovo disponibili quali informazione
per le forze quando vengono utilizzati. Ciò significa che strutture (modelli di Spin) di cui al momento non si
ha bisogno, non richieste, né osservate e quindi non (più) dentro la realtà, rientrano nel campo universale
dell’informazione (intelletto).

119
Gli Spin dei Quanti sono dunque interfacce tra il “locale” e il “non locale”. Se richiesti essi stanno sotto
l’influsso della forza elettrica debole ma nello stesso tempo sono intrecciati e sparsi nell’universo intero.
Innanzitutto, pura speculazione, si potrebbe così spiegare come ogni singola cellula “sa” del totale di esse
e così opera in sintonizzazione con il tutto, poi come il fenomeno attenzione codifica informazione e infine
come viene integrata olograficamente l’informazione. Ma in particolare modo si potrebbe rispondere al come
il contenuto dei pensieri è memorizzato e richiamato dall’Oceano delle infinite possibilità.
Gli Spin sono moti di spirale e le spirali hanno sempre avuto un ruolo importante in tutte le culture
tradizionali. Teillard de Chardin lo puntualizza con: “La spirale è la vita”.
Presso i Maori il moto delle spirali è la connessione durevole con l’energia cosmica. I tatuaggi a spirale
erano indispensabili per conseguire la vita eterna come continua reincarnazione. (v. Latour 1985)
Gl’indiani Oraibi e Shipaluovi credono che le spirali generano il collegamento tra la materia e l’energia
causale.
Per gl’indiani Hopi e per i greci delle generazioni più antiche le disposizioni delle spirali simboleggiano
l’unione eterna tra l’uomo e la terra. E poiché tutto è generato dall’energia cosmica, questa, come anche la
terra, nella tradizione antica viene contrassegnata quale “madre”.

La figura è il particolare di una rappresentazione del 18esimo secolo, che graffiata su pietra nell’Asia
orientale, porta sopra la scritta “TAO - l’alchimia interiore dell’individuo”. Cade subito all’occhio la spirale
racchiusa in un anello di fuoco e l’uomo che tocca con le mani l’orsa maggiore. Questa piccola scena possiamo
interpretarla come segue: La spirale è identica alla consapevolezza attivata dal fuoco, che permette la
percezione dell’universo. Sotto la scena si trova l’immagine completa di un paesaggio dal significato: “l’anima
si eleva sopra la materia” (vedi capitolo 9).
In tutte le culture preistoriche dell’Europa, la spirale è la madre natura, simbolo di fertilità, ritorno e
rinnovamento e anche movimento ed evoluzione del cosmo, della natura e dell’individuo.

120
I templi arcaici di Malta sorti tra il 4000 e il 3000 a.C. presentano spirali che sono state interpretate come
il cammino dalla vita alla morte e di ritorno alla vita. Gl’indiani della tribù dei Navajo praticano un rito di
guarigione dove la spirale assume un ruolo importante. (Hartmann/Mislin 1985).
Una doppia spirale significa “muori e divieni”. Il caduceo, la sbarra avvolta da due serpi in una spirale in
controsenso, è nato in Mesopotamia già 3000 anni a.C. e poi più tardi assegnato a Ermes (Mercurio) che lo
porta come chiave simbolica di tutto il sapere (vedi Cap. 9). Uguale significato assume il bastone di Asclepio,
il dio della salute. E la spirale accompagna i grandi padri della chiesa nel bastone ricurvo.
Agostino, filosofo e padre della chiesa (354-430) descrive l’angelo con il “volo della spirale” così come
Hildegard von Bingen più tardi (1098-1179) che da una visione trasse il detto: “Gli angeli volano in spirale, il
demonio solo diritto” (Bökeller 1929).

Quali energie entrano in interazione da un lato con la consapevolezza e dall’altro lato con lo Spin di un
Quanto?
Sappiamo già che le forze sorgono dalle masse quando sono riconoscibili le caratteristiche. Fino ad oggi
venivano considerate quattro forze primordiali:
Forza di gravità
Forza elettromagnetica
Forza debole
Forza (energia) nucleare forte
Le informazioni per la costituzione delle forze sono trasmesse da particelle piccolissime che osiamo
rappresentarci solo come vortici di energia che contengono informazioni codificate. Riferite agli elettroni che
comunicano tra di loro, queste particelle sono i fotoni. Oltre agli effetti delle forze elettromagnetiche ci sono
tra gli elettroni anche quelli dei Coulomb: forze elettrostatiche che agiscono sui fotoni virtuali con l’ausilio
delle informazioni.
Senza il fotone, le informazioni restano ingabbiate nelle rispettive funzioni di onda nell’Oceano delle
infinite possibilità. Affinché questi vortici concreti di energia, che noi chiameremo particelle, possano esistere
veramente, la premessa è il collasso delle funzioni di onda della probabilità. Questo viene provocato da influssi
ambientali, per es. con la misurazione. Ogni funzione di onda contiene l’informazione per la particella che
verrà fuori da essa in futuro. Non appena si procede a una misurazione di meccanica quantistica, nel fruscio
dell’Oceano delle infinite possibilità viene fissata una grandezza. Attraverso ciò la funzione di onda collassa.
La misurazione libera informazione che possiamo valorizzare. Con ciò viene veicolato sapere (informazione)
attraverso il sistema per cui l’onda si commuta in particella. E poiché per ogni cambiamento di stato serve
energia (capacità di lavoro), l’energia deve essere trasportata assieme all’onda. Le onde trasportano quindi
sempre energia e informazione.
La nuova particella “venuta fuori” è dunque provvista d’informazione e di energia dell’onda e produce un
effetto di forza e di trasmissione di energia sulle masse. Il vuoto fornisce le condizioni di base per l’influenza

121
di forza e tempo da un punto di tempo-spazio-massa a quello successivo. A tal fine tiene pronte soltanto energia
potenziale e informazione, e non forza e tempo come postula la fisica classica ancora oggi.
Da dove traggono origine le onde e le loro funzioni?
Secondo la teoria, esse traggono origine dallo stato di oscillazione specifica di una stringa (di una
membrana) in un spazio endeca-dimensionale. Il totale delle particelle che compongono il nostro mondo, sono
quindi stati di oscillazioni specifiche di stringhe nello spazio, rispettivamente nell’Oceano delle infinite
possibilità (la stringa,èuna struttura sub-atomica ipotetica). Ciò vuol dire che le informazioni per la
costruzione del nostro corpo e il totale delle sue funzioni, in primo luogo non traggono origine dalle molecole
bensì dalle oscillazioni di base delle stringhe.
Se quindi struttura di base e funzione del corpo vengono modulate, da un lato per tale effetto sono
responsabili le energie che premono dall’esterno e dall’altro lato il nostro intelletto e la nostra consapevolezza.
In ogni modo alla base di queste energie si trovano di nuovo delle stringhe specifiche. Tutto quello che
influenza e costruisce forma e struttura, è disponibile nel vuoto quale stato specifico di stringa. Una stringa,
secondo Michio Katu, docente di fisica teorica al City College di New York, può memorizzare una gigantesca
quantità d’informazioni riproducibili in qualunque momento.

7.4 Da quattro le forze ancestrali diventano tre

Nella sfera vitale tutto è composto di tre o quattro forze primordiali (energie ancestrali) a secondo della
distanza dal luogo dove agiscono. La qualità delle forze tra le masse, si modifica in funzione della distanza
dalla particella. Da tenere presente che le forze diventano sempre più uguali tra di loro se questa distanza è
piccolissima.
I fisici Glashow, Weinberg e Salam considerano l’interazione elettromagnetica e l’interazione debole, la
diversa manifestazione di una forza comune, la forza elettrica debole. Per questo postulato ottennero il Nobel
1979 per la fisica.
Poiché la forza elettromagnetica venne riconosciuta come traccia della forza elettrica debole, oggi in
presenza di distanze d’influsso normali vengono prese in considerazione solo le tre forze: GEN

G = Gravità, E = Elettrica debole, N = Nucleare forte

La forza elettrica debole è l’unica energia ad essere collegata con tutte le altre. Essa emerge sugli altri livelli
selettivi di energia: la gravità G e la nucleare forte N.
Noi deduciamo quasi esclusivamente il nostro mondo visibile dalla luce, forza elettromagnetica. Tuttavia
l’energia elettromagnetica fa solo il 4% dell’energia della nostra realtà.
Sta di fatto che il 96 per cento delle energie che ci circondano (73% materia oscura e 23% energia oscura)
sono incomprensibili, restando un enigma anche per gli specialisti. Fin quando gli scienziati osservano la realtà

122
solo con l’aiuto del campo elettromagnetico, possono vedere di essa soltanto un piano molto ridotto. Tutti gli
altri piani ci restano preclusi.

7.5 Energia e materia oscura, matrici di anima e intelletto

Perché gli scienziati parlano di energia oscura e di materia oscura?


Ci sono due motivi: uno è che stelle, nebulose e galassie si allontanano l’una dall’altra come fossero attratte
da un forza invisibile e due che gli enigmi della fisica delle particelle, esigono forze supplementari fino ad ora
sconosciute.
Già nel 1930 gli astronomi in presenza di forze centrifughe inspiegabili nella normale materia, presenza
che non concorda con la gravità, si aprirono all’esistenza di una materia oscura. L’energia oscura risultò da un
lato dall’energia del vuoto con il suo fluttuare dei Quanti, di cui abbiamo riferito nel capitolo 5, e d’altro lato
dalla così chiamata quintessenza, una forma dinamica di energia che diede all’occhio per una interazione
inspiegabile con la materia. Mentre la materia oscura occupa lo spazio in modo irregolare, l’energia oscura è
distribuita uniformemente, quasi fosse tessuta con lo spazio come l’Oceano delle infinite possibilità.
Le due insieme costituiscono un mondo a sé con particelle proprie che con nuovi tipi di forze naturali
entrano in interazione con i componenti dell’universo che conosciamo.
La materia oscura non è barionica, e non segue alcuna legge di natura, essa è soprannaturale. L’esotico in
verità è la materia normale. Il soprannaturale, paragonato al naturale, è senza alcun dubbio la parte più grande
del nostro universo. La materia percepita visualmente dalla radiazione elettromagnetica è solo un’aggiunta. Il
vero potere nell’universo resta invisibile eppure esso governa e dirige quasi tutto.
È naturale chiedersi come una massa talmente gigantesca possa sfuggire alla nostra osservazione diretta.
Lo può perché è costituita di particelle che non entrano affatto in interazione con la nostra materia “luminosa”
alla quale siamo abituati. Quello che però abitualmente non entra in interazione, potrebbe essere pilotato
esattamente da criteri particolari.
L’astronoma Giuliana Conforto è ben la prima scienziata al mondo che ha avuto l’idea di pensare che tutto
ciò che è dominato dall’energia e dalla materia oscura sta in relazione con il mondo delle nostre sensazioni
(Conforto 2006). Proviamo a seguire il filo di questi pensieri. Vogliamo scoprire perché le nostre emozioni
hanno la capacità di agire sulla materia, e non solo sulla materia del nostro corpo ma anche su quella all’esterno
di essa.
Abbiamo già visto che la consapevolezza può modificare gli Spin delle particelle elementari e così anche i
composti molecolari, con effetti su forma/struttura/configurazione. Sappiamo inoltre che la consapevolezza
(coscienza) non si presenta sola assieme al nostro io, bensì sempre insieme alla consapevolezza inconscia
(l’inconscio). Tale combinazione sta per informazioni dall’universo delle emozioni.
Allo stesso tempo siamo consapevoli che la consapevolezza inconscia con il suo 95 per cento corrisponde
alla percentuale della presenza di energia e materia oscura dell’universo.

123
Forse che il nostro subcosciente si serva della materia e dell’energia oscura e possibilmente sia identico a
esse? E cosa collega insieme materia visibile e materia oscura invisibile?
La sola energia che unifica materia visibile con materia/energia oscura è la forza nucleare debole (100mila
volte più debole della forza nucleare forte). Il fisico atomico Enrico Fermi (1901-1954) invocò l’esistenza di
una nuova forza di natura e di particelle per spiegare la disintegrazione del nucleo dell’atomo. Questa forza
nuova viene chiamata oggi forza nucleare debole. Le sue particelle di scambio (bosoni vettori) sono state
scoperte nel decennio del 1980 e contrassegnati con particele W-, Z°, W+. Esse stesse non sono materia oscura
ma le loro proprietà vanno in tale direzione e proprio per questo corrispondono con questa energia.
Tutto è pervaso da questa combinazione di “luce” e “tenebra”, anche le proteine, gli ormoni e i geni del
DNA.
Inoltre la forza debole possiede due importanti specialità.
Prima: L’energia delle particelle messaggere dei propri bosoni, al contrario di quella dei fotoni, è molto
elevata. La temperatura è di 10 milioni di miliardi di gradi con una frequenza di 10 26 Hz. Evidentemente la
forza debole è enormemente poderosa. Essa ha anche una massa di ben 100 miliardi più grossa di quella dei
protoni di cui è costruito l’intero universo visibile.
Seconda: I bosoni rompono la simmetria con i loro rispettivi impulsi sugli spin. Ciò rende possibile le
strutture specifiche delle proteine (enzimi) e degli acidi nucleici (geni).
Esattamente qui giacciono i principi che ci permettono di dirigere la materia del corpo con la nostra volontà.
La forza debole e la forza elettrica debole permeano ogni corpo e assumono un ruolo chiave: esse costruiscono
i nuclei degli atomi causando lo spin e così possono modificare il livello energetico della materia. Inoltre
provocano la chiralità essenziale per la vita degli amminoacidi (levogiri o fermioni) che costruiscono le
proteine, e degli zuccheri (destrogiri) che formando gli acidi nucleici sono interattivi e responsabili per tutte le
forme.
Ordine e qualità di enzimi e ormoni dipendono dallo spin del nucleo che a sua volta dipende dalla quantità
e attività delle particelle messaggere della forza debole e della forza elettrica debole - stati a cui vengono
attribuiti anche emozioni (per esempio nella psico-endocrinologia e nella psico-neuro-immunologia). La
convinzione corrente è che gli individui sono “intelligenti e pieni di sentimenti”, mentre costellazioni di forze
è impossibile che lo siano, anche se questa convinzione non gode di alcuna dimostrazione scientifica. Al
contrario, è chiaro che la normale intelligenza è connessa all’attività fisica e cerebrale, immancabilmente
soggetta alla forza elettrica debole. Dunque per reciprocità anche le costellazioni di forze potrebbero essere
“intelligenti”.
In che rapporto stanno energia oscura e materia oscura, equiparata nel nostro modello al mondo delle
emozioni, con la forza debole e quella elettrica debole?
Le particelle che compongono la materia oscura si manifestano solo indirettamente attraverso il loro effetto
di gravità. Si conoscono però alcune condizioni alle quali devono rispondere. Quali particelle della materia
oscura (weakly interacting massive particles = WIMPs) come vengono nel frattempo contrassegnate, sono da
considerare in primo luogo i partner asimmetrici del fotone, che già sono stati designati con Quanti Z°. Le

124
particelle rappresentanti l’energia oscura sono i partner supersimmetrici delle particelle di Higgs, quindi delle
particelle ipotetiche che riempiono l’Oceano delle infinite possibilità: i Quanti neutralini. Ambedue sono
neutrali e aderiscono a una influenza reciproca selettiva con le altre particelle.
Le WIMPs influenzano il loro ambiente sempre e soltanto attraverso la forza nucleare debole, e non
reagiscono affatto alle forze elettriche e magnetiche che dominano la vita di ogni giorno. Per questo restano
invisibili e normalmente non ne abbiamo percezione. Si stima che in pochi minuti il nostro corpo venga
attraversato da quasi un miliardo di WIMPs senza effetto percettibile. Questa quantità di particelle corrisponde
a quella necessaria per giustificare la materia cosmica oscura.
Proprio questa interazione estremamente debole fa sì che noi possiamo commutare efficacemente tale forza
con la nostra volontà o attraverso sensazioni che sorgono in noi. Se essa restasse sempre attiva affogherebbe
le commutazioni selettive nel rumore di fondo (rumore analogo al concetto di quello in fisica delle
trasmissioni).
Recentemente i fisici delle particelle contano su particelle con una forza di reazione ancora più debole,
quella delle super WIMPs che non reagiscono più con la forza nucleare debole ma solamente con la gravità.
Le WIMPs possono disgregarsi in super WIMPs e come derivato generare fotoni o elettroni, un meccanismo
ideale di pilotaggio per agire sulla materia.
Può la nostra consapevolezza conscia e inconscia mettere in funzione questo meccanismo? La nostra
volontà e il mondo delle nostre emozioni, impostano forse i loro effetti attraverso l’energia oscura dominante
e la materia oscura? È da supporre, visto che i presupposti esistono: Spin e nuclei di atomi vengono modificati
e ciò comporta il cambiamento degli Spin degli elettroni. Con ciò si ottiene proprio l’effetto che la nostra
consapevolezza conscia con la inconscia provocano.
Sebbene l’energia e la materia oscura siano onnipresenti qui sulla terra, noi non siamo in grado di misurarle.
Lo stesso avviene con le nostre sensazioni ed emozioni. Ogni individuo sa di avere sensazioni ed emozioni ma
non esiste uno strumento di misura che le dimostri, esistono solo gli effetti. Ebbene, anche quando gli strumenti
che la scienza mette a disposizione non reagiscono, tutti gli esseri viventi lo fanno.
Come precedentemente scritto, la materia oscura è accompagnata da una forza nucleare debole latente e
forse anche da una versione latente dell’elettromagnetismo. Questo però significa che la materia oscura emette
e riflette luce riposta che normalmente resta invisibile e con ciò ci rimane occulta. Eppure forze nuove
potrebbero avere effetti del tutto visibili. Modelli nuovi conseguono con la forza la possibilità di fare entrare
in interazione la materia oscura con l’energia oscura. Sotto l’influenza di una tale forza, la materia oscura si
adopera per liberarsi da ogni mescolanza con la materia comune. (Feng/Trodden 2011)
Giace qui nascosto il segreto di quello che definiamo illuminazione? E questo meccanismo è in grado di
apprenderci qualcosa sulla separazione di anima e corpo dopo la morte?

125
8. Trasposizione delle conoscenze ancestrali e nuove

«Il vero valore della vita dipende dalla consapevolezza e dalla forza di contemplazione, non dal puro
sopravvivere».
Aristotele

«Se noi siamo i signori del vento, delle onde, delle maree e della forza di gravità, le energie dell’amore ci
renderanno utili…, solo allora l’uomo avrà scoperto il fuoco per la seconda volta nella storia del mondo».
Pierre Teilhard de Chardin

Come è costruito il mondo? Quale ruolo ha l’uomo in questo mondo? Cos’è l’essenza della vita? Come
possiamo cambiarlo a beneficio nostro e del tutto?
Queste sono domande che gl’individui si pongono fin dai tempi remoti. La chiave della risposta non è poi
tanto difficile da trovare. In effetti non abbiamo nemmeno bisogno di cercare perché essa è davanti a noi e
accessibile a tutti. Tre sorgenti sicure ci permettono di attingere le risposte a tali domande:
1. Fisica quantistica e filosofia quantistica,
2. Cervello, strumento della consapevolezza,
3. Campo d’informazione universale al quale possiamo accoppiarci intuitivamente.

8.1 L’autoistanza come sistema quantistico

La fisica quantistica parte dal presupposto che tutto in assoluto è da fare risalire all’informazione. Questa
informazione in un primo momento non è tangibile, ma esclusivamente potenziale, quindi una informazione
possibile. Quando l’informazione è accostata a un tipo di risonanza o associazione, come una misurazione
oppure osservazione, essa diventa concreta.
Di conseguenza ogni informazione possibile diventa sempre tangibile quando una consapevolezza pone
domande su “senso e valore”. In questo momento esatto le particelle elementari partoriscono un modello, una
struttura quantistica di campo. Molti Quanti insieme formano domini di campi quantistici. Ci troviamo qui
davanti a qualcosa di molto potente: “Ogni singolo Quanto possiede ora l’informazione per forze determinate
e diverse altre proprietà. Poiché le forze possono essere misurate o i nostri sensi reagiscono ad esse, dal nostro
punto di vista consapevole vediamo spuntare un evento reale.
Ma è anche noto che elementi isolati di cellule senza effettivo richiamo si trasformano in una
sovrapposizione universale coerente. Strutture che al momento non sono necessarie, non vengono richieste né
osservate e quindi non (più) trasportate nella realtà, si ordinano nuovamente come funzioni di onda nel campo
delle possibili informazioni universali (l’intelletto/spirito universale). Qualcosa del genere avviene anche
quando, assorti in meditazione, ci alleniamo a vagare nel vuoto.

126
Alla base della produzione di una realtà libera da antinomie, tramite la consapevolezza, ci sta il meccanismo
seguente: funzioni teoriche di possibilità quantiche collassano con probabilità di diverso valore.
Rispettivamente, la realizzazione di possibilità specifiche dall’Oceano di tutte le possibilità, è anche soggetta
alle probabilità. Alcuni eventi possono riprodursi facilmente perché la cascata della percezione ha accesso
facile sulla nostra consapevolezza. Altri eventi restano praticamente impossibili perché il loro accesso
necessita di troppi stadi intermedi. Con l’aumento del numero di stadi per accedervi, l’evento diventa sempre
meno probabile. Inoltre la probabilità è una funzione delle realtà ambientali e rispettivamente della realtà
interiore e dell’esperienza. Se p. es. nelle mie vicinanze non c’è nessun laghetto io non posso saltarci dentro e
se eventualmente è necessario percorrere molti cammini, per arrivarci il tempo di realizzazione (per tuffarmi)
può anche essere lungo.
Prima di passare all’uso delle conoscenze fino ad ora acquisite, dovremmo ritornare a leggere ancora una
volta l’inizio del capitolo 2 dove abbiamo chiarito che il costrutto dell’IO si forma in interazione con
l’ambiente. Le esperienze che l’IO fa si ripercuotono sulla personalità e all’IO per fare esperienza serve una
consapevolezza. Ma questo è esattamente anche il modo in cui dall’Oceano di tutte le possibilità sorgono
proprietà come entità quantiche, modelli o forme di Quanti. Soltanto attraverso risonanza associativa con
l’ambiente e consapevolezza si sviluppano i Quanti che in ultima analisi veicolano proprietà, di solito
informazione per forze.
È possibile che tutto è costruito secondo lo stesso principio? Come nel microcosmo così nel macrocosmo?
Se è così per il nostro IO valgono le stesse regole della quantistica. Detto inversamente: I principi della
quantistica valgono anche per il costrutto del mio IO.
Il mio IO non è un oggetto, bensì niente più e niente meno che l’insieme di un modello d’informazioni in
continuo cambiamento.
Il mio IO con la consapevolezza conscia è il mio spirito pensante, il mio giudizio, il mio intelletto, una parte
dell’auto-istanza. Il mio IO con la consapevolezza inconscia è la mia anima, il mondo delle mie emozioni, la
parte preponderante dell’autoistanza. Il mio IO impiega il processo innato di consapevolezza per attivare la
volontà e stabilire il fine. Il mio IO fa uso del processo innato di consapevolezza inconscia per pilotare la
materia per fare e memorizzare esperienze. L’IO con consapevolezza conscia e inconscia è l’istanza più
importante nella vita di tutti noi.
Esiste un IO privo di conscio/inconscio? Non siamo in grado di rispondere a questa domanda, poiché in
assenza di conscio/inconscio un IO non può conoscere e tanto meno elaborare informazione, e quindi rendersi
percettibile. Se il nostro IO perdesse la sua consapevolezza, sarebbe da quel momento in poi un modello isolato
d’informazione nell’Oceano di tutte le possibilità, perché non in grado di presentare alcuna proprietà. Come
modello campione possederebbe l’ultimo stato attualizzato, che aveva ricevuto prima della perdita della
consapevolezza. È come in fisica quantistica dove non esiste elettrone senza fotone. Ogni elettrone manifesta
le proprietà della sua esistenza sempre ed esclusivamente attraverso i Quanti emessi.
Il nostro IO, potrebbe essere tra l’altro la costruzione virtuale di elettroni delle nostre esperienze di vita?
Non c’è nulla che lo vieti.

127
Nessun individuo ha mai visto un elettrone. Si manifesta solo il suo effetto, e gli effetti avvengono sempre
attraverso fotoni attivati dagli elettroni e altri Quanti. Il nostro conscio/inconscio potrebbe essere un costrutto
di Quanti messaggeri? Anche qui non c’è nulla che lo vieti.
Come per l’elettrone, nessuno può dire come appare l’IO, ma possono essere mostrati ogni momento gli
effetti che egli manifesta all’aiuto della consapevolezza. I fotoni che non sono attivati sono presenti quali
funzioni di onda nell’Oceano di tutte le possibilità e sono diffusi ovunque.
Anche la consapevolezza che non è stata attivata giace nell’Oceano di tutte le possibilità ed è presente
ovunque. È la consapevolezza cosmica, che nei testi degli antichi viene chiamata anche “consapevolezza
assoluta”.

8.2 Impiego/applicazione della consapevolezza assoluta

La consapevolezza assoluta si differenzia da quella che si è adattata al nostro mondo fisico, unicamente per
una percezione ampliata. La consapevolezza adattata permette soltanto una finestra a servizio della percezione,
però, in cooperazione con il campo intellettuale (campo dell’informazione), possiede in principio la stessa
qualità creativa dello spirito universale con la consapevolezza assoluta.
Della consapevolezza assoluta non si può fare facilmente esperienza nel quotidiano perché la nostra
consapevolezza adattata a spazio e tempo resta bloccata nella sua percezione abituale e distolta quasi
continuamente dà segnali provenienti da sensi, emozioni, piani e verifica dei fatti.
Eppure nel sonno, quando molte delle attività giornaliere e molti segnali sono repressi, la consapevolezza
assoluta si rischiara parzialmente. È la fase del sogno quando noi viviamo una percezione più estesa. Lo stesso
mondo dominante delle emozioni, l’inconscio, irraggia tutto. Però nella fase del sogno l’esperienza del conscio
e dell’inconscio assoluto non può essere memorizzata perché l’attivazione relativa è interrotta.
Tuttavia ci sono due stadi importanti durante i quali questi blocchi sono permeabili: all’inizio, uno stadio
sensibilissimo mentre ci addormentiamo e alla fine, uno simile al momento della sveglia. Questi stadi sensibili
sono presenti quando noi ancora non dormiamo o quando non dormiamo più, senza trovarci più o senza trovarci
ancora nella normale attualità giornaliera. Questo significa che la nostra neocorteccia non ha ancora commutato
sulla realtà giornaliera o non l’ha ancora abbandonata. È qualcosa di simile al sogno lucido. Con una percezione
allargata, è possibile un’esperienza voluta, un annullamento voluto della forza di gravità, una trasformazione
delle condizioni di vita e una modifica della materia sempre tramite la volontà.
Anche se non è tutto trasferibile, queste manipolazioni hanno a volte un effetto stupefacente sulla realtà
giornaliera, specialmente quando si tratta di guarigione.
Un’altra variante è una consapevolezza attenta e sveglia in assenza di pensieri. Sebbene questo si lascia
mantenere solo brevemente, ci avviciniamo già di molto all’esperienza della consapevolezza assoluta. In
questo stato di quiete, del nulla apparente durante il quale il flusso dei nostri pensieri si ferma, la distrazione è
quasi assente. Nello stesso tempo per mezzo dell’attenzione viva, viene attivato il commutatore per la
costituzione della realtà (collasso della funzione di onda).

128
Il matematico Kurt Godel dal retroscena delle proprie esperienze ci riferisce come si può accedere alle
conoscenze relative. (Schmieke 2009):
• Prima d’iniziare è necessario astrarsi da ogni sensazione in posizione rilassata in un posto tranquillo
dove nessuno venga a disturbarci. Fare questo non è sufficiente, bisogna promuoverlo e viverlo con
l’intelletto.
• È un grande errore, permettere che la realtà giornaliera limiti e condizioni le possibilità, e così
rappresentarsi solo combinazioni e permute di oggetti fisici. L’intelletto può percepire una quantità
indefinita di possibilità.
• Lo scopo di queste riflessioni e di ogni filosofia è la percezione dell’Assoluto.
Il “Nulla” è identico con l’Oceano delle infinite possibilità ed è la sorgente di ogni pensiero. Un pensiero
posa su un’esperienza e su altri pensieri e proprio per ciò deve essere creato, e tutto ciò che è creato trae origine
dall’Oceano delle infinite possibilità. A pensiero concluso il mio IO rinnova il Nulla. Ciò vuol dire che la fase
ricercata tra due pensieri in uno stato di consapevolezza da sveglio è il momento in cui percepiamo mondi
totalmente nuovi. Essi si rivelano a noi senza il nostro intervento.
Se a ciò accomuniamo quello che la tradizione ci tramanda, le condizioni decisive si manifestano
inequivocabili:
• Il flusso dei pensieri si arresta.
• La ragione (intelletto) pilota la sfera emozionale (anima).
• L’emozione in reciprocità, pilota la ragione.
Tutto questo insieme corrisponde ad uno stato particolare, una capacità d’immedesimazione che comprende
intenzione (ragione) e altrettanta intuizione (sensazione). Le condizioni per conseguire una intuizione pilotata
dalla volontà non sono senz’altro date, ma si possono ottenere con una buona dose di esercizio. Le condizioni
per ottenere una consapevolezza assoluta che Meister Eckart elenca, sono:
Amore
Mente libera (spensieratezza)
Quiete nel luogo (tranquillità)
Ogni attività del corpo cessa, non si parla, non si ascolta, non si guarda, niente indolenza e niente
stanchezza.
(da: Meister Eckart Schriften, editore E. Dietrich, Jena 1934)

L’amore di cui parla Meister Eckart significa l’unione della consapevolezza individuale dell’individuo e
della sua anima con la consapevolezza cosmica. Ma come ci avviciniamo a questa unione?
Emozioni e sensazioni tra anima e consapevolezza, intelletto e materia, albergano in ogni persona ma non
si lasciano senz’altro pilotare dalla volontà. Una barriera lo impedisce e a giusta ragione. Se non esistesse, ogni
pensiero che affiora all’improvviso e che è sempre accompagnato da componenti emotivi, potrebbe avere
influsso sulla materia. Il più stupido dei pensieri diventerebbe all’istante realtà rendendo impossibile una vita
normale.

129
Ignoranti e inconsapevoli non hanno così alcuna possibilità di modificare la materia del proprio corpo e
quella al di fuori di esso o di realizzare idee a piacere. Non tutto funziona solo se lo si vuole. La vita della più
gran parte delle persone non è solo regolata da norme sociali ed esperienze bensì anche da meccanismi innati
che servono alla sopravvivenza.
Il vivere la vita appieno che cerchiamo, e il cercare di fuggire dalle paure, forniscono una vaga
dimostrazione sul modo come eventualmente la barriera potrebbe essere permeata. L’amore, nella gerarchia
dei principi decisionali, si colloca tutto in alto. Amore è il codice per la fusione. Ultimo fine è la fusione della
consapevolezza inconscia con quella conscia, quindi di emozione (anima) e giudizio (intelletto/spirito). Una
volta raggiunto questo fine, l’individuo può pilotare le sue emozioni con raziocinio. Non sembra essere
qualcosa di molto eccitante, ma in esso si nasconde un potenziale enorme, ché le sensazioni sono proprio loro
il commutatore della realtà, come noi sappiamo dalla psicosomatica (relazione tra anima e intelletto e processi
corporali), dalla psiconeuroimmunologia (dipendenza del sistema immunitario da sensazioni e umori) e dalla
psicoendocrinologia (dipendenza del sistema ormonale dalle emozioni e viceversa).
Dobbiamo apprendere a dirigere con consapevolezza/ raziocinio le manifestazioni di emozioni e viceversa
armonizzare anche il raziocinio con emozione/inconscio, fare scorrere i due processi insieme per arrivare ad
una sintesi di intenzione e intuizione. Questa condizione d’ora in avanti guidata e non più sporadica presente
a impulso, possiede una certa forza. Quando noi mettiamo le nostre emozioni sotto il controllo della nostra
consapevolezza possiamo guidare il nostro corpo positivamente attinente all’effetto placebo e ricaricarlo a
piacere di energia.
Tuttavia se questo è uno dei lati della medaglia, l’altro è ancora più importante. L’insieme di raziocinio e
sensazione adesso deve “bruciare di amore”, ovvero fondersi con lo spirito universale. A tal fine è necessaria
una fede incrollabile, la certezza che ciò sia possibile e che si avveri. In pratica questo collegamento con lo
spirito universale è ovvio. Chi altrimenti ci ha creato se non la natura e con essa il campo d’informazione
universale, lo spirito universale? Purtroppo di questo ne siamo raramente consapevoli e dimentichiamo sempre
che la nostra autoistanza sta sopra al tutto ed è della stessa sostanza dello spirito universale. Il collegamento
per comunicare esiste già ma solo in una direzione: dall’intelligenza universale con noi. La fusione necessita
ancora della nostra dedizione, della nostra anima e del nostro senno.
«Tu devi amare il signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutto il tuo senno».
(Matteo)
Questa fusione porta a una super-consapevolezza capace di cogliere quasi tutte le possibilità di percezione.
Il raggiungimento di una tale super-consapevolezza è il Samadhi (risveglio o ispirazione) del buddismo e
dell’induismo e significa che per norma la propria consapevolezza si lascia ora allargare all’intera esistenza.
«Nel momento in cui l’energia intuitiva con il suo spettro completo di emozioni pertinenti all’anima, ha il
dominio della volontà, si consegue la consapevolezza universale (vista di Dio, consapevolezza divina)», dice
Martino. (Todt 2008)
Anche dallo studio decodificato dell’alchimia e dalle altre tradizioni ermetiche si può estrarre la
quintessenza che “il segreto per influenzare la materia” consiste nel raggiungere lo stato dove si può entrare in

130
contatto con l’intelletto/spirito universale (o con la consapevolezza assoluta) e così potere acquistare il dominio
d’influenzare ogni condizione e ogni cosa. Che si ritenga per vero qualcosa nell’intelletto e lo si sente vero
anche “nel cuore e nel ventre” è un segnale infallibile della fusione tra intelletto e intuizione-anima.

8.3 Espansione della consapevolezza è espansione della percezione

Il cervello entra in azione aiutato dalla consapevolezza. Il corpo intero è impiegato con il supporto della
consapevolezza inconscia. Scopo di questo intervento non è un’espansione della consapevolezza come spesso
si legge o si sente dire, bensì un’espansione della percezione. Come detto nel capitolo 2, l’espansione di questa
percezione arriva dall’abolizione o come minimo dall’indebolimento dell’autocensura della neo-corteccia nei
confronti del sistema limbico, rafforzando la distribuzione di DMT (dimetiltriptamina) dalla ghiandola pineale.
Avevamo definito l’effetto con “modulo dell’aldilà”. Quando questo modulo è attivo, ha via libera quello che
poi noi abbiamo definito anima. La percezione richiamata in questo momento dalla consapevolezza inconscia
viene percepita inoltre dalla consapevolezza nello stato di veglia, e così una visione allargata del mondo diventa
possibile.
Come cause di eliminazione o indebolimento dell’istanza di censore della neocorteccia e la conseguente
stimolazione del modulo dell’aldilà, entrano in conto:

❯ Deficienza energetica delle cellule nella rete neuronale, causata da alcol.


❯ Iperventilazione (restringimento dei vasi sanguigni)
❯ Spossatezza da sport
❯ Arresto di stimoli periferici e di pensieri
❯ Concentrazione sul respiro, mandala ecc.
❯ Rituali
❯ Yoga, meditazione
❯ Neurotrasmettitori e formazione di ormoni
❯ Apporto di amminoacido triptofano per serotonina
❯ Apporto di amminoacido tirosina per dopamina
❯ Sonno, in cui viene repressa l’attività del sistema reticolare ascendente (ARAS)
❯ Droghe di diversa natura
In compenso, a seconda che la capacità di percezione allargata si avverta più o meno positiva, è importante
anche il punto fisiologico di partenza in riferimento al cocktail ormonale disponibile al momento, cocktail che
a sua volta dipende dall’umore. Spaventi e terrore in presenza di una miscela ormonale che provoca stress e
paura, non sono una rarità. Questo potrebbe essere uno dei motivi che prima di avviare pratiche spirituali
spesso si premette un’atmosfera di calma in un ambiente appositamente preparato. Anche i rituali servono a

131
mantenere elevato uno stato d’animo positivo di gruppo. La messinscena fastosa di alcune chiese serve a tale
scopo, come la messinscena che facilita l’accettazione della fede. Questo può essere raggiunto anche con
amuleti, oggetti votivi e oggetti usati nei rituali.
La percezione emotiva reattiva è un commutatore della realtà, mentre i pensieri in sé sono irrilevanti, se si
tratta del cambiamento della realtà quotidiana. I pensieri infatti vengono realizzati attraverso l’accoppiamento
reattivo dopo il controllo della loro consistenza. Sotto l’aspetto fisico quantistico questo è una misura e sotto
quello della filosofia quantistica è una osservazione. Si tratta dunque della concentrazione consapevole sulla
risposta della struttura finale scelta, e questo concentrarsi consapevole è il fattore decisivo di ogni religione
(religio = involuzione).
Per valutare quello che avviene si ricorre alle emozioni. Ciò significa che in tutti questi processi di
consapevolezza in accoppiamento reattivo, la consapevolezza inconscia assume un ruolo decisivo. Un attore
che all’inizio di una sequenza deve piangere, non può semplicemente dire: “adesso è ora di piangere”. Deve
prima immedesimarsi nella scena e rivivere l’evento in accoppiamento reattivo. Solo allora sarà in condizione
di attivare le ghiandole lacrimali. Quando poi noi spettatori lo vediamo piangere scorre anche in noi lo stesso
processo. I fattori decisivi come si vede da questo semplice esempio, sono sempre accoppiamento reattivo e
risonanza.
Abbiamo più volte evidenziato che le emozioni sono i commutatori effettivi per agire sulla realtà o per
realizzare le idee. L’emozioni però possono essere molto diverse. Noi distinguiamo p. es. tra emozioni che
riguardano l’Ego in funzione delle situazioni, quali ribrezzo, odio, gelosia, astio ed emozioni che promuovono
armonia illimitata come benessere, gioia e il sentirsi al sicuro.
Non si tratta certo di un gesto vuoto e insignificante dei culti tradizionali e delle religioni, la scelta di riti e
ambienti per stimolare emozioni adeguate. Ambiente appropriato, ritmi, musica e canti promuovono la
coerenza di gruppo. All’aiuto dei segnali emanati dall’ambiente sentiamo più gioia e sicurezza, cresce in noi
fiducia e armonia interna ben più facilmente che sotto uno sforzo personale del tutto controproducente, perché
ogni sforzo occupa il sistema con una sensazione che esclude quelle che ci servono.
Basta immergersi e abbandonarsi nella natura ancora intatta e piena di pace, godere la vista dei paesaggi,
respirare odori, osservare i colori, e ascoltare il dolce mormorio del vento e lo sciabordare dell’acqua per
sentirci stimolati.
Tutto il creato si basa sulle leggi di natura e tutte le leggi di natura, a detta degli scienziati che le hanno
scoperte, sono “belle”. Bellezza con l’armonia costruita su di essa richiamano sensazioni e stati d’animo
piacevoli. Sotto queste condizioni ci riesce più facile modificare all’interno e all’esterno del nostro corpo la
realtà quotidiana guidata dalla volontà. Il commutatore della realtà è un operatore di forza e tempo attivato da
fede, intuizione, accoppiamento reattivo e dall’assegnare senso e valore. Questo commutatore funziona con un
potenziale energetico proprio, collegato probabilmente con l’energia elettrica debole conosciuta e definita dalla
fisica.

132
Per mettere in moto tale meccanismo naturale dobbiamo acuire la nostra capacità di percezione.
Concretamente detto, è necessario sviluppare un’attenzione identica alla direzione della percezione
consapevole. Questo provoca il collasso della distribuzione delle probabilità, oggetto della teoria dei Quanti.
È inoltre importante “prestare orecchio” e tenere conto dell’intuizione, che corrisponde all’accoppiamento
reattivo più volte richiamato. Convinti di tutto quello che fino al momento abbiamo avuto modo di analizzare
sull’accoppiamento reattivo, riteniamo vero ciò di cui siamo convinti e lo poniamo al centro della nostra vita.
Un’altra cosa non osiamo dimenticare: elasticità e piacere assieme a una buona dose di curiosità sono di gran
lunga più efficaci di una serietà rigida. I rituali rafforzano efficientemente il morale, la fede incanala e guida
l’attenzione e la musica amplifica le sensazioni fin dall’alba dei tempi.

8.4 Cognizioni intuitive

Tutti gl’individui sono in grado di agganciarsi intuitivamente al campo dell’informazione universale, che
apre “verità assolute”. Accanto alla mia propria esposizione desidero qui presentare un riassunto della
cosiddetta “Terminologia-X” formulata dal filosofo danese Martinus Thomsen (1890 - 1981). L’ho scelta
perché essa presenta nel modo più semplice e nello stesso tempo il più conciso, cosa essa vuole dire sulla verità
supposta.
Nel divenire universale vicino agli stati iniziali ciclici ci sono tre livelli:

X0 ➔ Un qualcosa d’infinito ed eterno

X1 ➔ Un “Oceano di tutte le possibilità”, l’IO dell’universo, latente nell’ambito della energia oscura e
dell’informazione oscura. Egli si recluta e modula dalle miriadi degli IO di ogni singolo individuo. Ciò vuol
dire che ogni essere umano con il proprio IO consapevole è parte dell’universo sotto forma di autoistanza.

X2.➔ La forza creativa con l’aiuto di una consapevolezza conscia e inconscia. Ogni individuo genera da
sé la propria personalità fisica coniata e il mondo così come gli appare.

X3 ➔ Il mondo costruito, tutto quello che appare sia esterno che interno. Il mondo esterno viene rilevato
con i sensi, riplasmato internamente e poi estratto come impressione e ridato al mondo esterno spesso sotto
forma di un’immagine creativa propria. Tutto quello che appare all’esterno è comunque un’espressione
esclusiva del nostro mondo interiore. Per il mondo interiore (psiche e anima) è di nuovo fondamentale il
risultato di esperienze che abbiamo fatto nel mondo esterno proiettato così come supposto.

Tutti i piani sono collegati tra di loro e restano indivisibili. Non c’è in nessun caso una manifestazione
(livello X3) che non sia scaturita dalla consapevolezza (livello X2). Tutto in assoluto, proprio tutto quello che

133
noi conosciamo è sempre ed esclusivamente arrivato nel mondo attraverso il filtro della consapevolezza umana.
Abitualmente non ce lo spieghiamo.
L’equazione per la nostra capacità creativa suona così:

IO individuale, parte dello “Stesso” universale (X1) + (X2) consapevolezza conscia/inconscia = (X3)
pensieri, percezione, conoscenza dell’informazione, attribuzione di senso e valore, flusso di energia.

8.5 Organizzati in funzione dello scopo

Anche se la teoria dell’evoluzione postula qualcosa del tutto diversa, tramite le conoscenze degli
innumerevoli costrutti naturali e delle funzioni presenti in natura diventa sempre più chiaro che la natura ha
organizzato gli esseri viventi in funzione dello scopo.
È qualcosa di analogo alle moderne apparecchiature di navigazione: inseriamo la meta e il computer sceglie
uno dei tanti percorsi possibili per raggiungerla.
Allo stesso modo sono indirizzati intelligentemente costruzione e funzioni dell’organismo e dei suoi
sistemi. È decisivo il fatto che tutti i sistemi organici, comprese le loro diverse funzionalità degli enzimi,
“sanno” come devono organizzarsi complessivamente.
Ma non solo i sistemi organici del corpo sono indirizzati allo scopo, anche la consapevolezza quotidiana
mostra questa tendenza. È per questo che noi possiamo pronunciare solo frasi complete, perché il nostro
intelletto forma già in anticipo l’enunciato dell’intera frase. Tutte le nostre azioni hanno un indirizzo. Resta
decisivo l’accoppiamento reattivo che deriva dall’evento e/o dal fine. Sulla base delle mie esperienze “IO”
sono capace di questo o di quello. Il desiderato è già prefigurato, lo stato effettivo è impresso. Allo stesso modo
noi abbiamo trasferito sotto il controllo della consapevolezza attività vegetative del nostro corpo, che si
svolgono inconsciamente come p. es. svuotare la vescica o l’intestino.
Abbiamo appreso a puntare la mira su uno scopo e controlliamo lo stato dello scopo il più delle volte
attraverso accoppiamenti reattivi inconsci. In questo modo pilotiamo il nostro modo di vivere.
Ecco due esempi a titolo chiarificatore:
• Cammino attraverso il paradiso. Mi circondano colori splendidi e odori esaltanti… Se non mi concentro
su questi odori e colori e non li faccio miei, il paradiso per me non esiste.
• Se mentre mangio leggo un giornale, non mi concentro su quello che mangio, è evidente che non me
lo posso gustare.
In linea di massima ogni pensiero è connesso con una sensazione che lo interpreta.
Tutti i sistemi del corpo, all’aiuto di questa combinazione di sensazione e ragione, possono apprendere un
programma. Ciò vale anche per i sistemi vegetativi che non sono pilotati dalla volontà. La combinazione di
raziocinio ed emozione può essere condizionata dall’esercizio. Un esempio valido è l’allenamento autogeno
in cui p. es. ci poniamo in anticipo consapevolmente lo scopo mirato” piedi freddi diventano caldi”. Vengono
investite emozioni (consapevolezza inconscia) che rafforzano rappresentazione/attesa/fiducia che lo scopo sia
già stato raggiunto.
134
8.6 Sapere segreto codificato

Il sapere tradizionale, che sia quello trasmesso dall’alchimia o dalle sacre scritture di tutte le culture, è
rigorosamente codificato. Proprio per questo il Nazareno si esprime spesso con parabole nel nuovo testamento.
Questa codifica aveva ed ha ancora oggi il suo valore, perché la conoscenza delle funzioni dell’universo è una
scienza segreta. Se l’uomo sapesse come tutto funziona, potrebbe p. es. influenzare ogni apparecchiatura
elettronica come vi è già riuscito con risultati statisticamente significativi negli esperimenti del gruppo PEAR
(Princeton Engineering Anomalies Research) e del Global Consciouness Project. Un individuo di carattere
malevolo teso a raggiungere fini a dir poco egoisti, potrebbe così fare precipitare un velivolo, provocare
incidenti disastrosi in una centrale atomica e mettere in moto scenari distruttivi.
Quando un iniziato si prodiga a trovare il cammino che lo conduce allo scopo, deve confrontarsi con le
vecchie scritture, comprendere la fisica moderna e così purificato sarà tributario delle conoscenze
effettivamente incredibili di una intelligenza benevola universale. E, se assolve un allenamento all’aiuto della
sua consapevolezza inconscia allo scopo di ripetere a piacere questa procedura, alla fine è rafforzato nel proprio
carattere. In questo modo, privo di sentimenti egoisti, crea le giuste premesse per l’adeguata consapevolezza e
la giusta costellazione emozione-senno per arrivare ad attraccare al sapere e alla felicità onnipresente.
In altre parole, le persone che s’incamminano per questa strada devono possedere una maturità che gli
permetta che il segreto gli possa essere manifestato completamente.
Per molti quello che conta è denaro e stato sociale. Per questo essi, come da molte generazioni possiamo
leggere, sono pronti a tutto, anche al peggio, alla distruzione dei principi di vita e di natura, tendenza che
continua a crescere. Anche tra quelli che ancora non sono arrivati alla grande ricchezza ci stanno tanti pronti
a far tutto per denaro, senza prestare attenzione se questo reca danno al prossimo. Gli accadimenti quotidiani
presenti nei media sono abbastanza significativi.

8.7 Limitatezza, primo ostacolo per la trasposizione

* L’anima, entità dell’essere, è per principio priva di spazio e tempo. Essa è momentaneamente connessa
alla materia del corpo (incarnata) per poter fare esperienze impossibili quale anima pura senza corpo. Ma, con
l’incarnazione l’anima è connessa e limitata dal corpo.
* Intelletto/consapevolezza è un processo che viene utilizzato individualmente dalla più parte delle persone.
Il processo è anch’esso universale e come l’anima, è privo di spazio e tempo. Ma, consapevolezza individuale
senza esercizio quotidiano particolare rimane prigioniera dentro la consapevolezza dello stato di veglia e
limitata dalle esperienze abituali del corpo e dell’ambiente.
Dobbiamo mettere in chiaro: consapevolezza (intelletto/spirito) ed emozioni (anima), originariamente
libere e universali, sono collegate solo per abitudine al corpo. Bisogna quindi infrangere l’abitudine, cosa
possibile solo con molto esercizio. Esercitarsi è apprendere, e apprendere comporta una ristrutturazione della
struttura cerebrale che da quel momento può mettere di lato l’apprendere una volta assodato. L’esercizio ha un
ruolo determinante tra gl’iniziati di tutte le religioni e tradizioni.

135
Anche il commutare la salute è un programmare a cui partecipano emozioni (anima) e raziocinio (intelletto),
e che non funziona spontaneo ma attraverso allenamento e condizionamento. L’apprendere esercitandosi è il
superamento indispensabile di una scissione, una crepa creata per proteggere l’individuo dagli effetti
catastrofici che possono sorgere dai pensieri liberi tramutandosi in realtà.

8.8 Il sogno lucido come stato di trance

Nel sogno lucido, chi sogna è consapevole che sta sognando. Egli sa che il suo fisico dorme. Se però è
cosciente di questo, la sua consapevolezza è attiva come fosse sveglio. L’autoistanza pensante in azione e in
grado di percepire, è attiva. Tuttavia la consapevolezza non media attivamente con la materia. La percezione
avviene più che altro nel proprio elemento originale. È il mondo dove valgono le direttive dell’intelletto e non
le leggi di natura spazio-temporali, né quelle di gravità, che ambedue dipendono dalle masse. Eppure tutto
quello che l’intelletto architetta, accade ed è reale come il mondo che ci circonda da svegli.
La prerogativa del sogno lucido è che il sognatore ricorda chiaramente parti di esso e ne ricava conoscenza
residua. Ciò equivale ad una esperienza chiave che partecipa d’ora in poi alla gestione del nostro modo di
vivere.
Sogni lucidi possono presentarsi improvvisamente anche durante le fasi di distensione usuali e qualche
volta si sviluppano in stati del tutto singolari con esperienze uniche nel loro genere. La persona implicata prova
un senso di benessere irrefrenabile, una tranquillità mai conosciuta, una scioltezza completa. Essa si sente
pienamente sotto la custodita di un dolce potere. Non c’è più un prima e nessun futuro per cui sia stata in
apprensione, solo il magnifico presente attuale. Anche il suo IO è in piena armonia e saturo di quello che lei
altrimenti avrebbe considerato separato. La persona è collegata con tutte le bellezze naturali, addirittura con
tutto il cosmo ed emana una luce singolare.
Più d’uno che fa questa esperienza pensa di essere già forse morto, poiché egli vede e ascolta del tutto
diversamente dall’usuale. È semplicemente di una bellezza travolgente e quando egli prova ad applicare i
pensieri con la sua volontà comprende come tutto funziona, come è costruito il mondo, che ruolo hanno piante,
animali e persone, come tutto è in relazione e interdipendente l’uno dall’altro. Il dominio di una forza di sapere
benevola domina ininterrottamente nel contesto e trasmette intuitivamente la “verità definitiva assoluta”.
Sennonché altrettanto all’improvviso così come questo stato si è manifestato, sparisce nuovamente e
l’individuo ritorna nel suo mondo abituale. Non era morto e non si trattava nemmeno di un sogno.
Purtroppo il soggetto non può memorizzare l’insieme delle particolarità “della funzione del tutto” di cui
appunto ha fatto ovvia esperienza e che ha anche compreso. La valanga della saggezza presente nelle impronte
era preponderante. Ma l’esperienza fatta ha conseguenze incalcolabili. Unica nel suo genere, essa cambia
profondamente la vita di chi l’ha fatta e che si chiede perché noi non siamo in grado di richiamare a piacere
questa sensazione magnifica e questa conoscenza universale. Cosa ci stava dietro? Cosa blocca questa
esperienza paradisiaca tenendola lontana dalla nostra vita di tutti i giorni?

136
Nello Zen nipponico essa viene chiamata Satori o Kensho, che significa: vedere l’essenza o la natura e
percepirle come sorgente di tutti i segreti. Il vissuto sale dalla consapevolezza inconscia e si manifesta come
un “porsi al disopra di tutto” senza alcuna divisione dell’evento. Ci si trova per così dire tutto all’inizio del
divenire e si fa conoscenza delle funzioni elementari che esattamente ci portano al fine desiderato. Questo è
un nuovo modo di vedere il totale delle realtà. L’esperienza del Satori significa diventare un’altra persona e
ripetere il Satori vuol dire conoscere infine tutto quello che il mondo tiene raccolto in sé, contiene.
Guarigioni avvenute in stato di Satori sono state esposte più volte ma restano tutt’ora esperienze prive di
osservazione scientifica. Non è da ignorare un nesso con l’antico sonno sacro nel tempio, elemento importante
della medicina ai tempi di Ippocrate. La guarigione era allora nelle mani dei sacerdoti. Sacro e santo,
meditazione e medicina hanno ancora oggi in comune le prime sillabe. Il sonno sacro si può paragonare alla
ipnoterapia spirituale con meccanismi per pilotare il sogno lucido.
Quando avremo finalmente individuato quali effetti benefici possono avere le condizioni, come noi le
viviamo grossomodo nel sogno lucido, desidereremo anche sapere come poterle ottenere e ottimizzare.

8.9 Breve sguardo panoramico sui metodi

Chi osserva se stesso, constata che la funzione del fisico viene modificata dalla rappresentazione dei propri
pensieri. Questa influenza è particolarmente chiara quando la stabilità del proprio circuito di regolazione si
attenua. È il caso quando la formazione di energia all’interno delle cellule diminuisce significativamente, come
p. es. in presenza di assenza elevata di zucchero. Le cellule nervose che non posseggono abbastanza energia
non sono in grado di mantenere la tensione elettrica delle membrane (impossibilità di ricostruzione completa
del potenziale di riposo) e a causa di ciò “bruciano” con più facilità potenziale attivo. Il risultato è un
nervosismo sproporzionato. Si fanno vive agitazioni, tensioni e malessere generale. È esattamente questo il
momento in cui l’individuo si chiude sempre più in se stesso. L’accoppiamento reattivo resta immobile. È
inevitabile che arrivi quello che si aspetta e la più gran parte delle persone non si aspetta nulla di buono in tale
situazione. Ben diverso è per le persone allenate che capiscono il meccanismo. Esse possono guidare il proprio
corpo nella direzione voluta non solo in presenza di una situazione eccezionale, ma di continuo.
Tu, con rappresentazione/visualizzazione/aspettativa/fiducia assieme ad una scelta finalizzata puoi
richiamare attraverso l’istanza della saggezza una sensazione di calma e serenità, o influenzare positivamente
un organo che forse mostra dei punti deboli. Il successo poi, infonde sempre più coraggio e l’allenamento
rende sempre più sicuri.
L’intera faccenda diventa veramente avvincente quando per modo di dire si sale il prossimo scalino: fuori
dal mondo delle contrapposizioni, necessario e urgente per fare esperienza, determinare, decidere, e dentro
nell’unità con aggancio alla consapevolezza universale. Giacché si tratta di una unità che è matrice
d’informazione virtuale, possiamo utilizzare un semplice formalismo come per il computer: accesso -
esecuzione - scollegamento. È di aiuto in tal caso arrestare i pensieri e volgere al momento dell’accesso una
elevata attenzione al campo intellettuale con la sua “consapevolezza assoluta”. Il principio appare intelligente

137
anche perché spesso la realizzazione di un fine semplice arriva subito. Questo effetto da tempo noto è definito
come l’avverarsi dell’auto-profezia.
La realizzazione di condizioni complesse dipende tuttavia dalla loro posizione sulla scala delle probabilità:
quanto più probabile tanto più veloce. Se uno scopo non è raggiungibile direttamente con le risorse
dell’organismo, allora vengono coinvolti effetti estranei: occasioni che si danno “per caso”, vengono
riconosciute e messe a profitto. Prendiamo come esempio l’evoluzione. Essa non scorre come processo
sottoposto alle condizioni del caso, bensì attraverso uno sforzo intenso di consapevolezza comune e di pensieri
finalizzati delle entità più disparate.
Quale metodo tra quelli elencati è il più efficace, deve provarlo ognuno per sé. Ogni individuo ha le sue
preferenze e caratteristiche che gli permettono d’individuare e stabilire la scelta del cammino che gli garantisce
più successo.

Primo metodo: Conoscenza del proprio corpo


La conoscenza del nostro corpo si compone di fede, intenzione e funzione. L’intelletto con la sua saggezza
sa, il cuore e il ventre sentono e percepiscono la conoscenza. Si basa su questo l’effetto Placebo-Nocebo del
capitolo 2. Per questi processi naturali, congeniti, è già stabilito e deve solo essere messo in pratica quello che
segue:
❯ la sensazione di “necessità” come motivazione,
❯ persuasione/sicurezza,
❯ fiducia/certezza,
❯ nessuna coercizione, piuttosto invito giocoso,
❯ vedere e credere come fosse già realizzato invece di sperare.
(nota del traduttore: alcuni dei termini qui usati potrebbero sembrare dei sinonimi che però la lingua
tedesca, più profonda nei suoi significati, tende a specificare separatamente)
La più gran parte della nostra percezione viene guidata dalla nostra consapevolezza inconscia.
Come si arriva ad ottenere che l’inconscia “consapevolezza inconscia” faccia ciò che si desidera? E perché
la fede nel “come fosse già realizzato” può essere talmente efficace?
Volgiamo uno sguardo al principio dell’allenamento. Pensieri che si ripetono entro un lasso di tempo
relativamente breve, modificano i collegamenti del sistema nervoso centrale e vegetativo. Questo processo
corrisponde all’apprendere e rispettivamente al condizionare in presenza di uno stimolo supplementare
estraneo.
Se un argomento di fede viene ripetuto abbastanza spesso, il corpo alla fine è certo che alla fine si tratta di
un dato di fatto.
Molti scritti sacri e tra questi la bibbia, ci dicono esattamente cosa è da prendere a cuore. Solo che noi fino
al presente non l’abbiamo veramente capito.

138
«Che ciò avvenga per la vostra fede.» Matteo 9,29
«Potete pregare per qualsiasi cosa e, se avrete fede, la otterrete di sicuro! In verità vi dico: chi dicesse a
questo monte “levati e gettati in mare”, senza dubitare in cuor suo ma credendo che quanto dice avverrà, ciò
gli sarà concesso. Per questo vi dico: tutto quello che domandate nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto
e vi sarà accordato». Marco 11, 22-24

Secondo metodo: Rappresentazione simbolica, immagini mentali del cambiamento voluto


Si visualizza quello che si desidera ottenere (immagine mentale) e si carica, si fa propria, questa visione
con l’energia della consapevolezza, con una profonda concentrazione e forza di volontà. Il Dhammapada
Budda a tal proposito dice: “Noi siamo quello che pensiamo”. Oppure: “Tutto quello che noi siamo sorge dai
nostri pensieri”. Oppure ancora: “Con i nostri pensieri creiamo il mondo”. Byron 1976
La percezione dovrebbe essere nei pensieri totalmente satura del fine mirato e fusa negli stessi pensieri con
quello che deve accadere. Se la funzione di un organo è perturbata e provoca dolori, ci si sposta nell’organo
come concentrazione per così dire dell’anima,: “Io sento, avverto come sente avverte il mio organo”. La
consapevolezza provoca una trasposizione dell’IO sulla struttura finalizzata, permette la percezione intensa e
poi la modifica della percezione. Adesso è possibile spostare il proprio pensiero dalla percezione di dolore in
quella senza. Spesse volte riesce. La ragione per cui quanto descritto non riesca sempre a piacere, è in relazione
da un lato con una percezione insufficiente della causa del dolore, ma soprattutto dall’umore e dalla
motivazione che ci accompagnano e dall’assenza di un rituale per la messa a punto. In altri momenti può
riuscire di nuovo meglio. Per capire correttamente questo punto riepiloghiamo ancora una volta tutte le maglie
della catena degli argomenti:
❯ Percezione genera realtà.
❯ Il comando del percepito avviene attraverso la motivazione (impulso di avvio)
❯ La motivazione (avere o volere) dipende dagli umori
❯ Gli umori sorgono da conglomerati di sensazioni
❯ Conglomerati di sensazione sono richiamati dai pensieri che rispecchiano le esperienze
❯ La sensazione di: “certezza senz’alcun dubbio”, è un presupposto essenziale per la commutazione della
realtà. Non basta il pensiero puro, è indispensabile l’orientamento della percezione su un fine e il suo
accoppiamento reattivo vissuto per generare la realtà.

Un esempio comprensibile a tutti: Ti trovi in un ambiente sconosciuto, sporco, rumoroso, con gente sporca
e di cattivo umore. La sensazione di minaccia spinge automaticamente il tuo corpo in uno stato fisico e mentale
opprimente. Solo l’accoppiamento reattivo della distensione ti libera da questo irrigidimento, premesso che tu
ti sia già allenato con questo metodo sperimentandone spesso l’efficacia.

139
Consapevolezza nell’ambito della nostra esperienza permette la scelta di aspetti parziali come percezione
dal tutto. Solitamente ci perviene solo l’informazione che attraversa i filtri della cornice dell’esperienza
proteggendoci dal sovraccarico.

Terzo metodo: Programmazione


Pregare mentre si celebrano riti e cerimoniali, ha una tradizione ultra millenaria. Un metodo che dura tanto
nel tempo può essere considerato privo di senso? Colpisce il fatto che le preghiere hanno una struttura interna:
si invoca un essere. Entriamo in un rapporto personale con questo essere, lo invochiamo per qualcosa e p. es.
chiudiamo l’intera fase della preghiera con un “così sia”. Ciò rassomiglia al formalismo di una
programmazione o di una commessa. È quasi un ordine al computer con meccanismo di accoppiamento
reattivo nella modalità sensazione e anima: inviare - ricevere - riflesso, “è”; comando per “avviare - lavorare -
completare”, identico con “messa a fuoco dei pensieri - investire nelle sensazioni - emozioni (e-mozioni = si
muove verso l’esterno).
Il medico Luciano Bernardi dell’Università di Pavia dice: rientrare in se stessi è molto salutare. Nel
contempo si deve commissionare il proprio “diventar sani”. In relazione a ciò è interessante anche un passo
del vangelo di Giovanni, capitolo 16 versetto 24 che Lutero ha tradotto come segue:
«Fino ad ora non avete chiesto nulla nel nome mio; chiedete e riceverete, affinché la vostra allegrezza sia
completa».
Esiste però un vecchio manoscritto biblico in aramaico, la lingua degli Esseni. Il passo specifico tradotto
nel linguaggio attuale, suona così:
«Prega esplicito e diretto per tutte le cose…/ fino ad ora non l’hai mai fatto…/ sii avviluppato di quello che
vagheggi…/ e la tua gioia sarà immensa.» (Douglas-Klotz 2007)

È un’eccellente introduzione alla comunicazione con la matrice dell’informazione universale. Si tratta di


indicare un fine ben preciso e d’impiegare poi le giuste sensazioni. L’intento deve essere formulato esatto e
conciso, e concentrato sul risultato finale. Uno stato d’animo positivo e sereno è indispensabile. Non si tratta
assolutamente di combattere o eliminare qualcosa, bensì di richiedere amorevolmente tutto come fosse un
invito.
Secondo Cramer, del quale ci siamo occupati nel capitolo 5, il totale corrisponde all’onda di offerta e
conferma. L’onda di offerta lascia collassare una variante futura possibile e invia indietro al mittente il
rispettivo modello energetico concreto da questo evento. A questo punto è la nostra consapevolezza che
converte l’informazione in realtà. Questo processo in continuo deflusso si può addirittura considerare come
legge di natura.

Quarto metodo: Twilight-Time (momento delle due luci)


Con “Twilight-Time”, intendiamo la transizione da veglia a sonno nella sera tardi e viceversa al mattino.

140
Se pienamente coscienti delle singole fasi fino all’arrivo del sonno, noteremo che in un momento preciso
avremo raggiunto un punto particolarmente sensibile. La nostra neocorteccia smette di pensare estesamente, è
sempre meno attiva, tutti i segnali del corpo si acquietano, non ci sta più nulla da azionare. Questo è il momento
esatto quando il censore dell’universo delle nostre emozioni viene disattivato. Domina ora il sistema limbico
per percepire informazioni. Ma, e questo è decisivo, non siamo ancora addormentati. Sappiamo esattamente
quello che accade e possiamo influenzarlo. La neocorteccia non viene più fuorviata e può concentrarsi in modo
del tutto evidente sul mondo della nuova percezione.
Lo stesso avviene al mattino al momento del risveglio quando la neocortceccia non ha ripreso ancora
totalmente il domino sulle percezioni nella modalità di consapevolezza da sveglio.
La situazione assomiglia sorprendentemente al sogno lucido come già descritto. Nel sogno lucido l’evento
sognato può essere manipolato volontariamente. Anche nella fase Twilight-Time può essere tutto pilotato nel
modo in cui giova a corpo e anima. Volutamente si possono richiamare situazioni e persone. Lo scenario è
stimolante, saturo di tensione ed energia. Sono percepibili contorni particolarmente abbaglianti, colori e
qualche volta anche odori.
Ciò può essere interpretato quale richiamo dal fondo di un campo olografico di un modello reale spazio-
temporale, quindi all’aiuto di un raggio energetico coerente di consapevolezza sintonizzata. Al di là di ciò, con
le informazioni così richiamate viene elaborata anche la consapevolezza liberata dalla vita quotidiana. La
propria personalità può essere modificata a piacere e nello stesso tempo è addirittura possibile eliminare
patologie (vedi anche cap. 6).

Quinto metodo: Meditazione


Ci sono molti tipi di meditazione che hanno in comune alcuni importanti principi di base, uno fra tutti:
l’arresto dei pensieri fuorvianti. Dobbiamo apprendere ad attivare ed eliminare gl’impulsi dei pensieri così
come facciamo con quelli della parola. Noi non parliamo sempre ma solo quando abbiamo qualcosa da dire.
Allo stesso modo, anche se non è un’impresa facile, dobbiamo prelevare i pensieri quando sono necessari. Nel
momento in cui vi riusciamo accade esattamente quanto avvenuto già con gli altri metodi. La neocorteccia
permette che il dominio sul nostro IO parta dal sistema limbico e questo dominio poi è percepibile, nonostante
la riduzione della consapevolezza. La meditazione può disporre il completo dissolversi della prospettiva IO:
un intelletto individuale senza padrone. La sensazione del se stesso quale personalità separata da tutto può
appiattirsi e ci si assimila a una intelligenza trascendente. Già nel capitolo 4 ci eravamo dischiusi a una
intelligenza di questo tipo. I Kahuna hawaiani chiamano aumakua questa entità intelligente continuamente
presente, termine che si può tradurre con “l’eccelso se stesso”. Lo stato che adesso viene assunto apre una
percezione allargata del mondo. Affluiscono informazioni che prima erano escluse: immagini, risposte a
quesiti, esperienze che non erano state fatte da noi stessi. Ci sono delle indicazioni su spiritualità allenate che
a tal fine sincronizzano sistema limbico e regioni della neocorteccia in forma coerente. (Krippner 2005)
Con l’aiuto della risonanza magnetica (un metodo che mette in risonanza campi magnetici e onde
elettromagnetiche con gli Spin dei nuclei degli atomi creandone delle immagini) è stato possibile dimostrare

141
come attraverso processi ben precisi di meditazione, funzioni emozionali e cognitive cascano effettivamente
in una fase interdipendente. Attivazione quindi del sistema limbico e messa a riposo della banda larga della
neocorteccia a favore di un segnale di alta attenzione selettiva. (Lazar/Benson 2000)
Abbiamo esattamente descritto questo stato nel metodo del Twilight-Time. Infine l’IO viene dislocato
nell’universo e la “consapevolezza assoluta” indirizzata su di noi. Questo è anche lo scopo dello Yogi
contrassegnato con illuminazione (Samadhi). Tanta più forte è la percezione di essere una sola unità, tante più
informazioni si trasformano in realtà.
Cosa vuol dire conseguire l’unità? La mia consapevolezza mi dice che io, come ogni individuo, agisco in
un mondo esterno. Nello stesso tempo plasmo questa conoscenza con il mio mondo interno, che significa che
io sono attivo quale mondo interiore per immaginarmi/credermi parte del mondo esterno. A questo principio
di diversificazione è assoggettata tutta la natura con il totale delle sue creature. C’è sempre uno che osserva e
uno che è osservato. L’osservato è nello stesso tempo osservatore di altro. Con la meditazione può essere
infranta questa inevitabile pseudo diversificazione.
Un metodo che agevola alcune persone a meditare con facilità è la ricerca e l’andare a trovare vuoti di
pensiero, e con ciò una percezione ampia all’aiuto della “consapevolezza assoluta”. Alla base ci sta l’idea che
ogni pensiero fuggevole ha un inizio e una fine. Tra due di questi pensieri ci sta un vuoto. Se noi ci
concentriamo esattamente su questo vuoto, percepiamo quello che prima era mascherato. Questo tipo di
percezione porta allo scioglimento del complesso collegamento con la realtà. Un metodo supplementare, molto
simile è la ricerca del vuoto lasciando andare: il non pensare.
È noto anche il metodo della messa fuoco della consapevolezza quale blocco di pensieri: ci si concentra su
qualcosa di attuale, che è semplice e facilmente visibile, p. es. su un mandala.

«Nell’istante in cui si volge la propria piena attenzione a qualcosa, anche un filo d’erba si trasforma in un
mondo indescrivibile, grandioso, misterioso, che impone rispetto». Henry Miller

Per mettere in atto regolarmente gli effetti descritti ci serve una ristrutturazione del cervello, detta anche
condizionamento. La premessa per un tale condizionamento è l’esercizio continuo di una lezione per almeno
due, quattro settimane. In funzione della complessità del processo desiderato questa ristrutturazione può durare
anche mesi. D’altronde abbiamo impiegato mesi per apprendere a restare in equilibrio e camminare e anche
per andare in bicicletta. Concludendo, tutti i metodi presentati provocano lo stesso effetto. Essi lasciano la
precedenza all’attività del sistema limbico, provvedendo che la neocorteccia, occupata quotidianamente a
impedirlo, venga più o meno messa a riposo. Il sistema limbico è il ponte verso l’Oceano delle infinite
possibilità.
Proposta: esercita giornalmente senza forzature, anzi piuttosto come un gioco, questa doppia fusione di
consapevolezza conscia/inconscia e all’improvviso vivrai l’esperienza Satori. Tanto più spesso la vivrai, tanto
più saggio ed esperto sarai, e la tua vita scorrerà impregnata di un sentimento di benessere e di prosperità.
Stanne certo.

142
9. L'alchimia ci indica il sentiero

«Quando farete di due uno, e farete l’interno come l’esterno, e l’esterno come l’interno, il superiore come
l’inferiore e quando farete il maschio e la femmina un solo essere…, allora entrerete nel regno».
Estratto dal Logion 22 di Tommaso l’evangelista.

Nel capitolo precedente abbiamo letto che le esperienze quotidiane le facciamo in primo luogo con le nostre
emozioni inconsce e in secondo luogo tramite il volere conscio. La gran parte delle esperienze sono connesse
ad avvenimenti che hanno a che fare con il nostro corpo e le sue funzioni materiali. Le esperienze
dell’inconscio le abbiamo catalogate con “anima” e quelle della consapevolezza con “intelletto individuale”
(intelletto equivale a spirito). Nella presenza fisica, intelletto e anima sono intrecciati, tessuti con le sue
funzioni e con gl’influssi che agiscono su di noi dall’esterno.
Dal punto di vista filosofico quantistico significa che noi all’aiuto della nostra consapevolezza imprimiamo
saldamente nella nostra materia una quantità enorme e caotica di energia e informazione trasformate in forze.
Questo processo serve quasi in esclusiva alla preservazione della vita, della protezione e del nutrimento,
della procreazione ed eventualmente per assicurarsi una posizione di potere nella società. La vita dell’individuo
ha però un germe, purtroppo da molto tempo sepolto, che potrebbe fornire ben più possibilità di sviluppo. Si
tratta del superamento del tempo e dello spazio per agire volutamente sulla materia anche a fini terapeutici,
per preservare un ottimo stato di salute, per la conservazione della natura con tutti i suoi esseri e infine per la
restaurazione di “condizioni paradisiache”.
Lo sviluppo del seme nascosto è praticamente il nostro compito vitale e le chiavi per accedervi sono
contenute in molte tradizioni e in numerosi testi di saggezza: eliminare ogni sorta di dualismo, ritrovare l’unità
originaria, essere assorbito dalla causa prima dell’essere da cui tutto sorge senza limiti di tempo e spazio.
Sul sentiero verso questo fine non sono decisive le parole che veicolano il sapere razionale, bensì solo la
conoscenza cresciuta sul vissuto, sulla propria esperienza. Noi possiamo provare e riprovare a formulare con
parole proprie un manuale ma non ci riuscirà mai di descrivere quello che in realtà si svolge dentro di noi. Per
quello di cui noi possiamo fare esperienza, non ci sono termini adatti nella lingua parlata. Gli individui non
s’intrattengono a dialogare su ciò che succede all’interno di se stessi, soprattutto perché noi normalmente non
dirigiamo l’attenzione all’interno di noi stessi. Anche le religioni istituite non sono adatte a promuovere ciò e
a guidare l’attenzione sugli avvenimenti decisivi per l’individuo, perché troppe occupate a istituzionalizzarsi
con dogmi e gerarchie.
Ci sono però testi dove quello che stabilisce l’essenza della vita dell’uomo è stato trascritto in simboli e
parabole. I testi di alchimia, su alcuni dei quali getteremo uno sguardo, arrivarono in Europa solo all’inizio del
Medio Evo dopo essere passati attraverso molte traduzioni. Un esempio sono i testi greci antichi tradotti nel
632 in arabico e siriano e poi tra il 1114 e il 1187 in catalano (Gherardo da Cremona) e dall’arabo in latino
nel 1142 (Robert of Ketton alias Robertus Castrensis: Liber de compositione Alchemiae). Si può senz’altro
immaginare che tutte queste traduzioni abbiamo portato a una massiva distorsione dei contenuti. Tuttavia molto
143
spesso gli alchimisti trasmisero le loro conoscenze in immagini e simboli che erano di dominio universale e
quindi impossibile a essere distorti.
Ancora più antichi di quei testi di alchimia più volte tradotti, sono quelli trovati da un contadino egiziano
nel 1945 presso Nag Hammadi. Si tratta di 52 appunti originali in lingua copta, datati tra il 42 e il 400 d.C. Tra
di essi si trovavano anche saggezze dal forte stampo orientale come p. es. gli scritti con il Vangelo di Tommaso
e quelli chiamati oggi “Atti di Tommaso”. Questi “Atti” riferiscono del viaggio dell’apostolo in India e sui
miracoli che laggiù avrebbe compiuto. La comunità che Tommaso avrebbe fondato verso il 52 in Crangamore,
sulla costa occidentale indiana, è ancora oggi molto attiva. In una cronaca contemporanea della città di Edessa
è descritta la morte di Tommaso in India e la sua sepoltura in Edessa. L’Edessa aramaica era nell’antichità un
centro importante del cristianesimo e fungeva da ponte con le culture di India e Persia.
Il contenuto degli scritti di Tommaso rispecchia il pensiero gnostico, anche perché essi riproducono visioni
ermetiche. Dai documenti sui viaggi dell’apostolo Tommaso in India si deduce che anche lui, come Gesù, era
in confidenza con il patrimonio spirituale buddista. A fonte di ciò si riscontrano nell’ermetismo e nello
gnosticismo sempre nuovi paralleli con le saggezze orientali, come quella che l’individuo può arrivare
all’illuminazione solo attraverso la purificazione che nel buddismo consiste nel percorso dell’ottuplice
sentiero. Il vangelo di Tommaso che, giudicato apocrifo, non trovò posto nella nostra bibbia, fa testo alla
riproduzione delle parole del Gesù vivente attraverso testimonianze dirette. 114 enunciati codificati di Gesù
sono stati annotati come logia (plurale di logion). Tutti i logia riportati qui traggono origine dal “Vangelo
secondo Tommaso”,
www.meyerbuch.de/pdf/Thomas-Evangelium.pdf

La raccolta viene introdotta con:


Logion 1: «Queste sono le parole segrete che pronunciò Gesù il vivente e scrisse Didimo Giuda
Tommaso».,

Sembra confrontarsi con un gioco di parole voluto, infatti il significato greco di Didymos e quello aramaico
di Tommaso è “gemelli”, dando ad intendere gemello di Gesù nello spirito. In altri brani si legge di Tommaso
il “non credente”, così chiamato perché custodiva il vero sapere. Conoscenza sostituisce fede. All’apostolo
Tommaso la semplice fede non era più necessaria. A questo Tommaso di poca fede furono affidate le parole
occulte di Gesù perché egli, spiritualmente affine, ne comprese il contenuto e fu indicato per una divulgazione
presso i solitari, coloro che ormai “tutt’uno”, avevano trovato l’unità dell’essere. In riferimento al contesto, è
interessante che “monaco” deriva dal greco monachos, termine imparentato con monaché e che significa
“uno”, “solo”.
Argomento centrale degli scritti è il riconoscimento di una scintilla divina nell’uomo. Esattamente come
quello che prima abbiamo chiamato sviluppo del germe. Questa scintilla apre l’ingresso sulla conoscenza che
possiamo identificare con intelletto universale.
Logion 113: «…il regno del padre è ovunque sulla terra e gli uomini non lo scorgono».

144
Un individuo normale, non allenato, non può conseguire senz’altro conoscenze intuitive. Le parole erano
misteriose perché con l’applicazione di una percezione allargata può attivarsi l’onnipotenza del singolo che se
di carattere cattivo, può causare gravi danni.
Logion 62 lo spiega: «Manifesto i miei segreti a coloro che ne sono degni».
Soltanto iniziati con conoscenze ed esperienze, e quindi “gemelli”, simile che riconosce il proprio simile
(in precedenza abbiamo chiamato questo con risonanza, che vale anche per informazione), potevano
decodificare gli enunciati. Che tipo di enunciati codificati sono contenuti in dettaglio negli atti di Tommaso e
nel suo vangelo?
I concetti femmina e maschio: sposa e sposo come nell’alchimia dove vengono espressi con re e regina,
vogliono significare anima e intelletto. Queste due polarità si riuniscono in matrimonio nel talamo per mezzo
dell’amore. Così secondo il Logion 22 diventano «il maschio e la femmina una sola cosa». Questo si ricollega
all’origine nel paradiso, dove Eva e Adamo non erano separati bensì, ambedue parti di un corpo, costituivano
il tutto. (Friedrich 2007)
Logion 22: «Quando farete in modo che due siano uno, e farete sì che l'interno sia come l'esterno e l'esterno
come l'interno, e l'alto come il basso, e quando farete del maschio e della femmina una cosa sola, cosicché il
maschio non sia più maschio e la femmina non sia più femmina, e quando metterete un occhio al posto di un
occhio e una mano al posto di una mano e un piede al posto di un piede, un immagine al posto di un immagine,
allora entrerete nel regno».
La sostanza di questo messaggio codificato, è anche quella della scienza ermetica della Tabula Smaragdina:
«Ciò che sta sotto è a immagine di ciò che sta sopra e ciò che sta sopra è a immagine di ciò che sta sotto per
operare i miracoli dell’una e unica cosa; e come tutte le cose sono e appaiono dall’Uno tramite la meditazione
dell’Uno, così tutte le cose nascono da quest’unica cosa tramite adattamento». (Löber 2007)
Intelletto e anima restano nella norma prigionieri delle esperienze focalizzate sulla sicurezza della
preservazione della vita che il corpo può fare nella vita quotidiana. Individui che pensano secondo la gnostica,
mirano invece alla “Epinoia di Luce”: l’esperienza personale di una luce spirituale dello pneuma psychikon
(spirito animale), che s’imprime nel pensiero come una fiamma della conoscenza. Ognuno deve fare da sé
questa esperienza che corrisponde a una conoscenza di se stesso. Il risultato è sempre anima-intelletto,
collegamento dell’anima individuale con lo spirito individuale. Questo si unisce poi con l’intelletto universale
e apprende la percezione dell’unità, una risurrezione e una rinascita dell’origine. Da questo processo emergono
forze mai immaginate: il miracolo effettivo, secondo il vangelo di Tommaso.
Logion 2: «Non si fermi colui che cerca mentre cerca finché trovi, e quando avrà trovato egli sarà turbato,
e se sarà turbato egli sarà meravigliato, ed egli dominerà il Tutto».
Logion 49: «Beati voi solitari ed eletti, perché troverete il regno».
Ribadiamo che non è la scarna fede religiosa l’aspetto più importante del nostro sforzo, bensì la conquista
di una profonda conoscenza, una convinzione derivata attraverso il sapere dal “connubio” tra anima e spirito
della verità.

145
Durante il concilio di Nicea nel 325 d. C., gli scritti apocrifi che si richiamavano all’autocoscienza furono
messi da parte dai funzionari della chiesa arrivati al potere, che miravano a stabilire una fede orientata verso i
dogmi. Evitavano così che non sarebbe stato facile dominare come previsto individui che attraverso la propria
autocoscienza avessero acquisito conoscenze privilegiate. Ecco il motivo per cui questi cammini di esperienza
furono marchiati di eterodossia e il patrimonio intellettuale gnostico destinato alla distruzione.
La verità però non si lascia mai chiudere fuori e verità naturali, reali, sono intramontabili. Ci vollero tuttavia
quasi duemila anni fino al momento in cui oggi noi osiamo di nuovo appropriarci di quello che alcuni già allora
possedevano: La conoscenza e l’acquisto di una nuova percezione allargata, con tutte le conseguenze per una
realtà quasi programmabile, pilotata dalla volontà. In primo piano non c’è più la fede sprovveduta, ingenua e
la speranza che qualcosa del genere sia possibile, bensì un cammino concreto, legittimo, di conoscenza su
come funziona il tutto e come si può influenzare.
Logion 10: «Io ho gettato il fuoco sul mondo ed ecco che lo conservo finché bruci».
Logion 82: «Colui che è presso di me è presso la fiamma. E colui che è lontano da me è lontano dal regno».
Nell’ermetismo il fuoco e simbolo della facoltà di generare e contemporaneamente gestore della
trasformazione che nel nostro caso significa che un’anima purificata è unita allo spirito della verità. Il fuoco
sta anche per una consapevolezza che veicola una percezione mutata. Esso viene anche chiamato il” fuoco
occulto”, identico alla passione dominante di uno spirito profondo.

9.1 Discesa dell’intelletto ascesa dell’anima e riunificazione nella Grande e Piccola


Opera

146
1. La chiave
2. I primi tre piani dell’opera
3. Anima che spira all’ascesa
4. I tre piani della grande opera
5. Incarnazione dello spirito/intelletto
6. Mercurio
7. Luna
8. Venere
9. Giove
10. Marte
11. Saturno
12. Sole
13. Ricostituzione della purezza dell’anima
14. Ispirazione dell’anima con la rivelazione dello spirito/intelletto
Il primo piano della piccola opera viene dominato da Saturno. L’anima si reca nella materia oscura per
purificarsi. Sinonimi e simboli sono: aberrazione (nox profunda), oscuramento, putrefazione, mortificazione,
livello snaturato, teschio, tomba. Acquista qui significato la parabola del chicco di grano che rimane solo,
sepolto nella terra dove la sua forma deve disfarsi affinché possa arrivare a sviluppare il germoglio e il frutto.

Il secondo piano della piccola opera è dominato da Giove. L’anima si eleva sul buio per dispiegare nuove
energie.

Il terzo piano della piccola opera è dominato dalla falce di luna. Situata ben più in alto della croce, in
bianco perfetto, l’anima si è potuta dispiegare e non viene più deviata dal caos. Essa è pronta a ricevere la
parola divina che viene spesso simbolizzata dalla vergine sopra o in trono che domina la falce di luna.

Il quarto piano della piccola opera è il primo piano della grande opera, dominato da Venere. La forza
plasmante della ragione conia nuovamente la croce degli elementi e provoca una “cristallizzazione”, una nuova
creazione della forma corpo-anima. La fase del rame mostra già qualcosa della lucentezza dell’oro ma quella
del rame è effimera.

Il quinto piano della piccola opera è il secondo della grande ed è dominato da Marte. Nel suo segno c’è il
sole nella stessa collocazione come la luna nel segno di Saturno. L’intelletto scende e permea ogni strato del
corpo e della materia. Ciò significa che viene sorpassata la soglia dell’ultima rifinitura e la trasformazione del
corpo è ora in uno stato di dominio dell’intelletto, il “farsi carne della parola divina”.

147
Sul sesto piano della piccola opera e sul terzo della grande regnano i sensi. Avviene qui il compimento
della grande opera. Si arriva all’unità di microcosmo e macrocosmo dominata dallo spirito della verità. Per
cui, anche se ora avviene una nuova fusione tra la terza fase della piccola opera dominata dalla luna e questa
terza fase della grande opera dominata dal sole, simbolizzata in ermafroditi e androgeni, gli opposti sono
eliminati e tutto diventa possibile.

Ulrich Warnke

Prima di congedarmi.

Ai lettori appassionati all’argomento e a “riflessioni.it”, che mi ha offerto la possibilità di presentarlo, va il


mio GRAZIE, scusandomi per i refusi e gli errori che sottobanco sono riusciti a gabbarmi. Mi scuso anche
per la traduzione di taluni concetti non sempre malleabili e che ogni tanto ho dovuto tirare per i capelli. Lo
scopo che mi sono proposto, fiducioso che sia stato raggiunto, è stato di presentare un argomento degno di
riflessione, coinvolgendo il lettore anche se su una linea d’onda diversa da quella dell’autore, a cui va il mio
ringraziamento per la fiducia che mi ha accordato assieme al suo editore. Ulrich Warnke, scienziato e
personalità di spessore, si è adoperato a costruire ponti tra l’osservazione nata dalla quantistica e la
riflessione filosofica del piano superiore universale o forse del piano “accanto”, come si potrebbe dire. E chi
di noi, in una notte con un cielo terso trapuntato da miliardi di luci, tra quelli che abbiamo avuto la fortuna
di osservarlo, non si sia chiesto se quest’universo non sia parte integrante di noi stessi e se noi non siamo un
riflesso infimo di esso?

Corrado S. Magro
scmagro.mps@ggaweb.ch

148