Sei sulla pagina 1di 378

Progettazione di edifici in

zona sismica in c.a.


Prof.ssa A. De Angelis/Prof.ssa M. Pecce
6 CFU

2018/2019
Programma del Corso

1. MATERIALI .............................................................................................................................................................. 6

1.1. LEGAME COSTITUTIVO GENERICO ..................................................................................................................................... 6


1.2. CALCESTRUZZO ............................................................................................................................................................ 8
1.2.1. Legame costitutivo di compressione monoassiale ........................................................................................ 11
1.2.1.1. Cls Ordinario .............................................................................................................................................................11
1.2.1.2. Cls ad Alta Resistenza ...............................................................................................................................................11
1.2.2. Legame costitutivo di compressione ciclica ................................................................................................... 14
1.2.3. Legame costitutivo di trazione monoassiale ................................................................................................. 15
1.2.3.1. Prova di trazione diretta ...........................................................................................................................................17
1.2.3.2. Prova di trazione indiretta (alla “Brasiliana”)............................................................................................................17
1.2.3.3. Prova di flessione ......................................................................................................................................................18
1.2.4. Legame costitutivo pluriassiale ..................................................................................................................... 19
1.3. ACCIAIO ................................................................................................................................................................... 21
1.3.1. Legame costitutivo di trazione monoassiale ................................................................................................. 21
1.3.2. Legame costitutivo di compressione monoassiale ........................................................................................ 22
1.3.3. Legame costitutivo per sforzi ciclici ............................................................................................................... 24
1.4. ADERENZA ACCIAIO – CLS ............................................................................................................................................. 25
1.4.1. Prove di aderenza .......................................................................................................................................... 29
1.4.1.1. Prova diretta .............................................................................................................................................................29
1.4.1.2. Prova di pull-out .......................................................................................................................................................29
1.4.1.3. Prova di beam-test ....................................................................................................................................................30
1.5. ASPETTI NORMATIVI.................................................................................................................................................... 31
1.5.1. Calcestruzzo................................................................................................................................................... 31
1.5.2. Acciaio ........................................................................................................................................................... 32

2. LA SEZIONE ............................................................................................................................................................36

2.1. FLESSIONE RETTA ....................................................................................................................................................... 36


2.1.1. Flessione Retta Semplice ............................................................................................................................... 36
2.1.2. Flessione Retta Composta ............................................................................................................................. 40
2.1.2.1. Esempio di costruzione del dominio .........................................................................................................................47
2.2. FLESSIONE DEVIATA .................................................................................................................................................... 49
2.2.1. Flessione Deviata Semplice............................................................................................................................ 49
2.2.1.1. Dominio della Flessione Deviata semplice ................................................................................................................50
2.2.1.2. Approccio Normativo ................................................................................................................................................51
2.3. LEGAME MOMENTO - CURVATURA ................................................................................................................................ 52
2.3.1. Momento ultimo ........................................................................................................................................... 55
2.3.2. Momento di snervamento ............................................................................................................................. 58
2.3.4. Curvatura relativa a snervamento ................................................................................................................ 60
2.3.5. Momento di fessurazione .............................................................................................................................. 62
2.3.6. Costruzione del legame M-X con il “Metodo delle strisce” ............................................................................ 63
2.4. DUTTILITÀ................................................................................................................................................................. 67
2.4.1. Parametri che influenzano l’asse neutro ultimo xu ........................................................................................ 69
2.4.1.1. Travi ..........................................................................................................................................................................69
2.4.1.2. Pilastri .......................................................................................................................................................................69
2.4.2. Parametri che influenzano la deformazione ultima ε cu ................................................................................. 69
2.4.3. Traduzione degli aspetti fisici in un modello (Legame Costitutivo) ............................................................... 72
2.4.3.1. Esempio numerico ....................................................................................................................................................79

2
2.4.4. Legame costitutivo di Mander (1984) ........................................................................................................... 80
2.4.5. Valutazione della duttilità per elementi inflessi e pressoinflessi ................................................................... 84
2.4.5.1. Elementi inflessi (travi) .............................................................................................................................................84
2.4.5.1.1. Curvatura ultima ...............................................................................................................................................84
2.4.5.1.2. Condizione di Snervamento ..............................................................................................................................85
2.4.5.1.3. Duttilità elementi inflessi..................................................................................................................................86
2.4.5.1.4. Progettazione ...................................................................................................................................................87
2.4.5.2. Elementi pressoinflessi (pilastri) ...............................................................................................................................88
2.4.5.2.1. Curvatura ultima ...............................................................................................................................................88
2.4.5.2.2. Condizione di Snervamento ..............................................................................................................................89
2.4.5.2.3. Duttilità elementi pressoinflessi .......................................................................................................................90
2.4.5.2.4. Progettazione ...................................................................................................................................................92

3. L’ELEMENTO ..........................................................................................................................................................94

3.1. ELEMENTO TRAVE....................................................................................................................................................... 95


3.1.1. Problema del concio ...................................................................................................................................... 98
3.1.2. Parametri che influenzano la Curvatura ...................................................................................................... 104
3.1.2.1. Legame costitutivo dell’acciaio ...............................................................................................................................104
3.1.2.2. Qualità dell’aderenza ..............................................................................................................................................107
3.2. DUTTILITÀ DELL’ELEMENTO ........................................................................................................................................ 108
3.2.1. Modello a Plasticità Concentrata ................................................................................................................ 111
3.2.1.1. Modello Completo ..................................................................................................................................................112
3.2.1.2. Modello a fessurazione e plasticità concentrata ....................................................................................................113
3.2.1.3. Modello a plasticità concentrata ............................................................................................................................113
3.2.1.3.1. Modello a plasticità concentrata 3.a ..............................................................................................................113
3.2.1.3.2. Modello a plasticità concentrata 3.b ..............................................................................................................114
3.2.1.4. Schemi isostatici: ....................................................................................................................................................115
3.2.1.5. Schemi iperstatici: ...................................................................................................................................................117
3.2.2. Modello a Plasticità Diffusa......................................................................................................................... 121
3.3. RIDISTRIBUZIONE DELLE SOLLECITAZIONI PER FESSURAZIONE E PER PLASTICITÀ....................................................................... 125
3.3.1. Approccio normativo alla fessurazione per carichi verticali ........................................................................ 131
3.3.1.1. Analisi Non Lineare .................................................................................................................................................132
3.3.1.2. Analisi Plastica ........................................................................................................................................................132
3.3.1.3. Analisi Elastica.........................................................................................................................................................135

4. LA STRUTTURA .....................................................................................................................................................137

4.1. APPROCCIO NORMATIVO ALLA FESSURAZIONE IN ZONA SISMICA ......................................................................................... 137


4.1.1. Analisi Statica Lineare ................................................................................................................................................137
4.1.2. Analisi Statica Non Lineare ........................................................................................................................................137
4.1.3. Analisi Dinamica Lineare ............................................................................................................................................138
4.1.4. Analisi Dinamica Non Lineare ....................................................................................................................................139
4.2. ANALISI STATICA NON LINEARE (PUSH-OVER) ............................................................................................................... 140
4.2.1. Precisazioni necessarie ................................................................................................................................ 143
4.2.1.1. Dove si posizionano le cerniere plastiche? .............................................................................................................143
4.2.1.2. Quali legami Momento-Rotazione si associano alle cerniere? ...............................................................................146
4.2.1.2.1. Formula empirica diretta per il calcolo della rotazione ultima .......................................................................147
4.2.1.2.2. Formula indiretta per il calcolo della rotazione ultima ...................................................................................149
4.2.1.3. Approssimazioni sui pilastri ....................................................................................................................................152
4.2.1.4. Distribuzioni di forza (da normativa) ......................................................................................................................153
4.2.2. Controllo della curva di capacità ................................................................................................................. 154
4.2.2.1 Tagliante alla base che porta alla formazione di un meccanismo globale ...............................................................157
4.2.2.2 Tagliante alla base che porta alla formazione di un meccanismo locale .................................................................160
3
4.2.2.3 Procedura di bilinearizzazione della curva di capacità per ricavare il fattore di struttura .......................................162
4.3. NORMATIVA SISMICA ................................................................................................................................................ 172
4.3.1. Classi di Duttilità .......................................................................................................................................... 176
4.3.2. Stati Limite per azioni sismiche ................................................................................................................... 180
4.3.3. Regolarità .................................................................................................................................................... 181
4.3.3. 1. Regolarità in pianta ................................................................................................................................................181
4.3.3.2. Regolarità in altezza ................................................................................................................................................185
4.3.3.2.1. Regolarità Geometrica ....................................................................................................................................189
4.3.3.2.2. Regolarità delle masse ....................................................................................................................................189
4.3.3.2.3. Regolarità delle rigidezze ................................................................................................................................190
4.3.3.3. Altre irregolarità: ....................................................................................................................................................191
4.3.6. Effetto delle Tamponature .......................................................................................................................... 192
4.3.6.1. Interazione locale telaio-tamponatura ...................................................................................................................192
4.3.6.2. Innesco di meccanismi di piano soffice a causa di tamponature irregolari in altezza .............................................194
4.3.6.3. Danni a causa di tamponature ad altezza parziale ..................................................................................................197
4.3.6.4. Crisi per torsione a causa di tamponature irregolari in pianta ...............................................................................198
4.3.6.5. Meccanismo di rottura fuori dal piano ...................................................................................................................199
4.3.6.6. Indicazioni del DM per evitare gli effetti negativi causati dalle tamponature ........................................................200
4.3.7. Tipologie Strutturali e fattori di comportamento q ..................................................................................... 208
4.3.8. Requisiti Strutturali degli elementi di Fondazione ....................................................................................... 212
4.4. GERARCHIA DELLE RESISTENZE..................................................................................................................................... 213
4.4.1. Materiali ...................................................................................................................................................... 213
4.4.2. Gerarchia Flessione-Taglio .......................................................................................................................... 216
4.4.2.1 Esercizio: progettazione di un telaio in c.a. con le prescrizioni di normative ..........................................................219
4.4.3. Gerarchia Trave-Colonna ............................................................................................................................ 228
4.4.4. Dettagli costruttivi per le strutture a comportamento dissipativo .............................................................. 231
4.4.5 Gerarchia Nodo Trave-Pilastro ..................................................................................................................... 247
4.4.6 Taglio e interazione Flessione-Taglio ........................................................................................................... 255
4.4.6.1 Elementi non armati a taglio....................................................................................................................................259
4.4.6.1.1. Effetto Pettine ................................................................................................................................................260
4.4.6.1.2 Effetto Ingranamento ......................................................................................................................................261
4.4.6.1.3 Effetto Spinotto ...............................................................................................................................................261
4.4.6.2 Elementi armati a taglio ...........................................................................................................................................264
4.5. FONDAZIONI............................................................................................................................................................ 267
4.5.1. Inquadramento............................................................................................................................................ 267
4.5.2. Problema della progettazione strutturale delle fondazioni ......................................................................... 268
4.5.2.1. Fondazioni Dirette ..................................................................................................................................................269
4.5.2.1.1. Plinto isolato ...................................................................................................................................................269
4.5.2.1.2. Trave di fondazione ........................................................................................................................................279
4.5.2.1.3. Platee ..............................................................................................................................................................284
4.5.2.1. Fondazioni Indirette (profonde) .............................................................................................................................289
4.5.2.1.1. Pali di Fondazione ...........................................................................................................................................289
4.5.2.1.1.1. Plinto su 1 Palo .......................................................................................................................................289
4.5.2.1.1.2. Plinto su 2 Pali ........................................................................................................................................290
4.5.2.1.1.3. Plinto su 3 Pali ........................................................................................................................................295
4.5.2.1.1.4. Plinto su 4 Pali ........................................................................................................................................298
4.5.2.1.1.5. Plinto su 5 Pali ........................................................................................................................................301
4.5.2.1.1.6. Plinto su 6 Pali ........................................................................................................................................302
4.6. PARETI ................................................................................................................................................................... 303
4.6.1. Parete piena ................................................................................................................................................ 306
4.6.2 Parete forata ................................................................................................................................................ 308

4
4.6.2.1. Fori Piccoli ...............................................................................................................................................................308
4.6.2.2. Fori Grandi ..............................................................................................................................................................310
4.6.2.3. Fori Intermedi .........................................................................................................................................................312
4.6.3 Tipologie di rottura e relativa armatura ...................................................................................................... 317
4.6.3.1. Rottura per flessione ..............................................................................................................................................317
4.6.3.3. Rottura per scorrimento .........................................................................................................................................320
4.6.4. Verifiche di normativa ................................................................................................................................. 321
4.6.4.1. La rottura a taglio-compressione del cls dell’anima ...............................................................................................322
4.6.4.2. La rottura a taglio-trazione dell’armatura ..............................................................................................................323
4.6.4.3. La rottura a taglio per scorrimento .........................................................................................................................325
4.6.4.3.1. Effetto spinotto dell’armatura verticale .........................................................................................................325
4.6.4.3.2. Effetto dell’armatura diagonale che si dispone a X ........................................................................................326
4.6.4.3.3. Effetto legato all’attrito ..................................................................................................................................328
4.6.5. Dettagli costruttivi ....................................................................................................................................... 328
4.7. EDIFICI ESISTENTI ..................................................................................................................................................... 332
4.7.1. Prove per la resistenza a compressione del cls ............................................................................................ 338
4.7.1.1. Prove Distruttive .....................................................................................................................................................338
4.7.1.1.1. Carotaggio ......................................................................................................................................................338
4.7.1.2. Prove Non Distruttive .............................................................................................................................................340
4.7.1.2.1. Prova sclerometrica ........................................................................................................................................340
4.7.1.2.2. Prova ultrasonica ............................................................................................................................................341
4.7.1.2.3. Prova SONREB ................................................................................................................................................342
4.7.2. Prove sulle armature ................................................................................................................................... 343
4.7.3. Tipologie di Analisi ...................................................................................................................................... 344
4.7.4. Tipologie di Interventi.................................................................................................................................. 345
4.7.4.1. Intervento di Adeguamento....................................................................................................................................346
4.7.4.1.1. Adeguamento mediante incremento di resistenza ........................................................................................347
4.7.4.1.1.1. Resistenza globale ..................................................................................................................................347
4.7.4.1.1.2. Resistenza degli elementi .......................................................................................................................349
4.8. DETTAGLI COSTRUTTIVI ............................................................................................................................................. 352
4.8.1. Sbalzi ........................................................................................................................................................... 354
4.8.2. Fori (nei solai) .............................................................................................................................................. 361
4.8.3. Scala in c.a. .................................................................................................................................................. 365
4.8.3.1. Scala con trave a ginocchio .....................................................................................................................................365
4.8.3.2. Scala con soletta rampante.....................................................................................................................................374
4.8.4. Trave antisismica alla Giliberti .................................................................................................................... 377
4.8.5. Considerazioni ............................................................................................................................................. 377

5
1. Materiali
1.1. Legame costitutivo generico
Il legame costitutivo di un materiale è fondamentale per descrivere il comportamento
meccanico dello stesso perché tramite esso si è in grado di stabilire i parametri principali che
caratterizzano un materiale e cioè: la rigidezza, la resistenza e la duttilità. Si consideri un legame
costitutivo generico monoassiale cioè di un materiale su cui è stata applicata una tensione in
una sola direzione misurandone la deformazione conseguente solo in quella direzione . Si ha:

Da cui è, appunto, possibile introdurre i concetti di:

- RIGIDEZZA: capacità di deformarsi sotto un determinato carico. Coincide con la pendenza del
tratto iniziale del diagramma ed in campo elastico lineare coincide con il modulo elastico
del materiale. Gran parte dei materiali sono non lineari fin dall’inizio però in un certo senso
fino ad un certo livello di tensione possiamo considerare il comportamento come lineare.
- RESISTENZA: tensione massima a cui il materiale può essere sottoposto. Attenzione che la
resistenza non è detto che coincida con la rottura perché molti materiali possono essere
caratterizzati da un ramo di softening (degradante) e quindi in tal caso la rottura viene assunta in
maniera convenzionale ovvero accetto una certa parte del ramo decrescente. In ambito
strutturale si accetta la perdita del della resistenza massima per il punto di rottura.

In funzione di queste prime due grandezze, nel legame costitutivo posso già rappresentare la
(cioè la deformazione che ho nel tratto elastico) e in corrispondenza della rottura posso
anche riportare la ovvero la deformazione ultima del materiale. Dopo la rottura il tratto lo faccio
tratteggiato poiché non mi interessa proprio quello che c’è dopo. Ovviamente questa parte prende il
nome di che è la deformazione in campo plastico perché supero il campo elastico.

- DUTTILITÀ: definita come il rapporto tra la deformazione plastica e quella elastica cioè:

dunque attraverso la duttilità si tiene in conto del campo plastico.

6
Bisogna sottolineare che perché esistono materiali con la stessa deformazione ultima ma
con diversa duttilità . Supponiamo di prendere due materiali nel diagramma e considero un
primo materiale M1 che è un materiale elastico lineare fino a rottura caratterizzato da , poi
abbiamo un altro materiale M2 che ha un legame caratterizzato dallo stesso valore di deformazione
ma la duttilità non è la stessa infatti M1 non è duttile perché non c’è il campo plastico
mentre il materiale M2 è duttile. Ovviamente un materiale può essere più o meno duttile a seconda
dell’estensione del campo plastico infatti nel passaggio dal materiale M2 al materiale M3 la duttilità
aumenta perché aumenta il campo plastico.

Il parametro più importante da considerare in zona sismica è proprio la duttilità perché significa che
io sto considerando che ci sia un danno permanente sulla struttura, questo lo faccio principalmente
per motivi di natura economica perché realizzare una struttura che resti sempre in campo elastico
richiede un costo enorme, allora progetto considerando un certo danno accettabile riducendo le
accelerazioni e quindi anche le forze attraverso il fattore di struttura .

Accettare il danneggiamento permettendo al materiale l’attingimento del campo plastico crea un


vantaggio fisico oltre che economico perché fa in modo di dissipare energia nel caso di sisma
essendo quest’ultimo dato da un rilascio di energia improvviso (l’area sottesa ad un ciclo è l’energia
dissipata dalla struttura durante un sisma).

7
1.2. Calcestruzzo
Il calcestruzzo è per sua definizione un materiale NON OMOGENEO costituito da:

- Aggregati (inerti grana fine e grana grossa);


- Matrice cementizia (acqua e cemento).

Le proporzioni tra questi elementi influenzano le proprietà finali del materiale ed in particolare
influenzano la resistenza e quindi anche il legame costitutivo. Quindi dato il legame costitutivo
della matrice e il legame costitutivo degli inerti, il legame costitutivo del cls presenta un legame
costitutivo intermedio ai due. In particolare l’inerte rappresenta una rigidezza e una resistenza
maggiore rispetto a quelle del cls e quindi anche della matrice cementizia.

Questo tipo di legame costitutivo è valido solo per calcestruzzi “ordinari” o “normali” mentre per
il cls ad “alta prestazione” o “alta resistenza” il legame costitutivo non è intermedio tra quello
dell’inerte e quello della matrice ma è prossimo al legame dell’inerte.

8
Per modificare il legame costitutivo, dato che non è possibile intervenire in alcun modo sull’inerte,
bisogna proporzionare il rapporto tra acqua e cemento ( ). In particolare vediamo che effetto ha
la riduzione del rapporto acqua cemento sul legame costitutivo della matrice cementizia ( dove col
punto indico il picco). Se voglio aumentare la resistenza deve ridursi cioè deve ridursi il
quantitativo di acqua. La riduzione del rapporto acqua cemento comporta che il punto di picco sale,
si sposta via via sempre di più verso sinistra e l’altro effetto che abbiamo è che il ramo decrescente
post picco diventa via via sempre più ripido. In realtà riducendo il rapporto aumenta sia la
resistenza che la rigidezza. Visto che il ramo post picco diventa più ripido, allora la duttilità si
riduce. Quindi il fatto di avere cls ad alta resistenza è vantaggioso dal punto di vista della rigidezza
e della resistenza ma è svantaggioso in termini di duttilità del materiale.

Il rapporto acqua cemento non influisce solo sul legame costitutivo ma anche sulla modalità di
rottura e questa è una cosa fondamentale in quanto la duttilità, fisicamente, è proprio collegata alla
modalità di rottura ovvero alla distribuzione delle fessure.

CLS ORDINARIO CLS ALTA RESISTENZA

Si ha la formazione di fessure che


La curva tende a quella dell’inerte
interessano la sola matrice e si
e le fessure possono interessare
localizzano nell’interfaccia tra
anche l’inerte e quindi si tratta di
inerte e matrice.
una rottura più fragile e questo
spiega perché il ramo post-picco
in questo caso è più inclinato.

9
È per questo motivo che la normativa classifica il cls in classi di resistenza:

C 20 / 25 Si definiscono:
C 25 / 30 : resistenza cilindrica caratteristica a
C 28 / 35 CLS ORDINARI compressione
… : resistenza cubica caratteristica a
C 45 / 55 compressione
C 50 / 60
Queste resistenze secondo la [11.2.1.] delle NTC
… CLS ALTA RESISTENZA 2018 sono relazionate dalla seguente:

C 90 /105

Considerando che il rapporto è di solito nel range di:

si possono classificare:

CLS ORDINARIO
CLS AD ALTA
PRESTAZIONE
CLS AD ALTA
RESISTENZA

10
1.2.1. Legame costitutivo di compressione monoassiale

1.2.1.1. Cls Ordinario


Muovendoci lungo un legame costitutivo vediamo di capire cos’è la duttilità per un elemento di cls
ordinario sottoposto ad una prova di compressione e vediamo come si formano le fessure.

Dalla prova di compressione su provino cilindrico


di cls (di dimensioni standardizzate di altezza 30
cm e diametro 15 cm) è possibile notare come fino
a (dove è la resistenza cilindrica della
prova a compressione) si ha un andamento lineare
durante il quale il cls è poco fessurato; procedendo
nel campo non lineare si formano le prime fessure
di orientamento verticale proprio perché i carichi
applicati sono di compressione e, siccome il cls è
ordinario, queste fratture interesseranno solo la
matrice. Man mano che si va avanti nella prova
notiamo che il legame curva sempre di più perché si stanno via via formando sempre più fessure, e
si è visto sperimentalmente, che le fessure si concentrano in una zona limitata di lunghezza che
chiameremo . Man mano che si incrementano le fessure si arriva al picco di resistenza , il
provino di cls si sfalda perché non ha più la capacità di portare carico quindi la curva decresce.

1.2.1.2. Cls ad Alta Resistenza


Il meccanismo di rottura è simile a quello del cls
ordinario ma nel caso di cls ad alta resistenza il ramo
elastico si estende ben oltre infatti è vicino al
picco di resistenza ed è come se nel provino
comparissero tutte le fessure contemporaneamente
generando una rottura fragile che può interessare
anche l’inerte. Anche qui le fessure sono verticali e si
formano in una zona di lunghezza limitata .

Già dalla comprensione di questo comportamento


fisico è possibile notare come la duttilità sia minore
proprio perché il campo plastico si è ridotto.

IMPORTANTE: Nel cls la duttilità è legata alla distribuzione delle fessure. Se voglio avere un
cls duttile deve accadere che si formano tante fessure, dunque il cls ordinario si presenta più
duttile rispetto ad un cls ad alta resistenza.

11
Ci soffermiamo ora sulle conseguenze della zona di concentrazione delle fessure di ampiezza ,
per le quali è necessario riprendere il concetto di deformazione:

secondo il comportamento ideale del materiale si ha:

ma, nel provino di cls mi aspetto:

infatti, l’errore commesso è quello di spalmare la


deformazione del provino su tutta la sua lunghezza invece
che della sola zona proprio perché nella restante parte
del provino in realtà la deformazione è più bassa , cioè:

è l’accorciamento della zona in cui si concentrano le fessure.

Il fatto di definire l’accorciamento rapportandolo a tutta la lunghezza del provino mi crea il


fenomeno che prende il nome di effetto scala e che fa si che io ottengo valori di deformazione
diversi a seconda dell’altezza del provino.

Infatti, sperimentalmente si è visto che considerando 3 provini di diversa lunghezza


, la zona di concentrazione delle fessure è sempre la stessa e quindi (pari a circa 2 cm) è il
medesimo per tutti i provini:

Otterrò diversi valori di deformazione:

“effetto scala”

a parità di si ha una deformazione minore per il provino rispetto a quella del provino e del
provino . Ciò comporta che quando rappresento il legame costitutivo, a seconda della lunghezza
del provino mi aspetto diverse deformazioni e quindi devo correggere il legame costitutivo
nell’ultima parte. Fino al picco il cls è poco fessurato e quindi l’errore che commetto nel dire che le
deformazioni si hanno lungo tutta la lunghezza del provino è accettabile. Quando poi si sono
formate tutte le fessure nella zona di lunghezza limitata, commetterei un errore maggiore e quindi
devo correggere le curve.
12
In genere, per evitare di tener conto della lunghezza del provino, il diagramma si fa in questo modo,
cioè il primo tratto è in termini di e poi si va il diagramma .

È, dunque, per questa ragione che la norma ci impone che le prove si svolgano con provini di
dimensioni standardizzate perché quello che abbiamo rappresentato fino ad ora è il comportamento
ideale del provino ma, in realtà, esso non si deforma così per un motivo molto semplice ovvero
nelle nostre considerazioni, è come se l’allargamento trasversale fosse libero ma in realtà quando
vado ad inserire il provino tra i piatti rigidi, all’interfaccia si ha attrito e quindi il provino non si può
muovere liberamente trasversalmente ma se volessi rappresentare la deformata reale del provino,
noterei che in prossimità delle piastre l’allargamento è impedito (effetti di bordo), poi ci sarà
comunque una zona in cui non si risente più degli effetti di bordo.

Per far si che ci sia una zona del provino in cui non si risenta degli effetti di bordi deve rispettarsi
tale relazione tra l’altezza e il diametro del provino:

in generale:

A livello europeo le prove si fanno sempre su provini cilindrici ma in Italia è possibile utilizzare
anche dei provini cubici in cui, di solito, il lato ha lunghezza pari a 15cm e da cui si ricava

Ricordando che (capitolo 4 e 11 della NTC) è possibile ricavare

13
1.2.2. Legame costitutivo di compressione ciclica
Fino ad ora abbiamo ottenuto un legame costitutivo con una curva monotona crescente, cioè a
carico sempre crescente. Oltre alla forma monotona, è importante soprattutto in zona sismica,
definire i legami costitutivi ciclici cioè che cosa succede quando vado a sottoporre il cls ad una
prova di compressione che sia ciclica. Quindi andiamo a sottoporre un provino di cls ad una prova
di compressione ciclica in un diagramma in cui riporto la curva monotona in modo tale da
vedere come si dispone la prova ciclica rispetto a quella monotona. Cosa significa applicare al cls
una prova di compressione ciclica? Devo invertire il segno ma senza andare mai in trazione, cioè
per creare un carico ciclico essenzialmente viene applicato un carico monoassiale, successivamente
si scarica il materiale rimuovendo il carico per poi riapplicarlo in modo ciclico. Si ottiene un legame
costitutivo di questo tipo:

Finché siamo in campo lineare la curva di scarico è lineare cioè parallela al ramo di carico però un
minimo di residuo plastico c’è.

Bisogna fare una precisazione, cioè distinguere il comportamento del cls per:

NUMERO ALTO DI CICLI NUMERO BASSO DI CICLI


A BASSA TENSIONE in CAMPO PLASTICO
quindi in CAMPO ELASTICO

Alto numero di cicli in campo elastico e bassa tensione è il tipico caso della FATICA (esempio
travata da ponte in cui ho il passaggio di una macchina che rappresenta un comportamento ciclico
perché la macchina passando carica e poi se ne va e scarica e poi arriva un'altra macchina e così
via).

Basso numero di cicli in campo plastico è il tipico caso dei TERREMOTI.

In zona sismica noi siamo interessati a ciò che avviene in campo plastico ovvero se prendiamo un
ciclo, poi scarico quasi parallelamente al ramo di carico, poi risale e così via. La prima cosa che
posso notare è che c’è un degrado della rigidezza cioè via via diminuisce la pendenza dei cicli. Ho
un degrado sia di rigidezza che di resistenza però la curva ciclica riesce a ritornare sulla curva
monotona e quindi vuol dire che in zona sismica possiamo fare riferimento alla curva monotona
che è più semplice rispetto alla prova ciclica.
14
È importante vedere anche la curva ciclica perché l’area sottesa tra il ciclo di carico e scarico è
l’energia dissipata istereticamente. Quindi possiamo vedere che nel caso del cls l’energia dissipata è
poca perché i cicli sono molto ristretti mentre per l’acciaio i cicli sono più grandi e quindi l’energia
dissipata è maggiore.

Dunque: degrado di resistenza, degrado di rigidezza, la curva ciclica riesce a tornare sulla
curva monotona e l’area sottesa tra ciclo di carico e scarico è l’energia dissipata. Il cls dissipa
di meno dell’acciaio.

1.2.3. Legame costitutivo di trazione monoassiale


Supponiamo di sottoporre il provino cilindrico di cls ad una PROVA DI TRAZIONE DIRETTA: il
cls a trazione reagisce in modo modesto rispetto alla compressione, infatti:

dove:

è la resistenza a trazione del cls;

è la resistenza a compressione cilindrica del cls.

Osserviamo che si arriva al picco del legame con un diagramma lineare ed il post-picco è
costituito da una vera e propria curva; ciò sta a significare che le fessure, orizzontali (siccome
questa è una sollecitazione di trazione e le fessure si formano ortogonali alla trazione ovvero
pressoché orizzontali), si formano tutte contemporaneamente e si concentrano, come nel caso della
compressione, in una zona ristretta .

Per tracciare il ramo post picco siccome le fessure tendono a concentrarsi in questa zona limitata nel
diagramma allora la deformazione dipenderà dalla lunghezza del provino e se considero dei
provini di lunghezza differente:

“effetto scala” (visto sperimentalmente)

Notiamo, sempre sperimentalmente che le fessure si concentrano in una zona precisa e non su tutto
il provino ma comunque l’intero provino si accorcia di quella quantità (è la stessa cosa dire
), però tale accorciamento si trova in una zona precisa.

15
Quindi fino al picco rappresento il diagramma in termini di e poi dal picco in poi, se continuo
a usare il diagramma mi aspetto di ottenere delle curve diverse in funzione della lunghezza
del provino, mentre in genere è opportuno rappresentare dal picco in poi il diagramma in termini di
.

Rispetto al caso della compressione in cui le curve dopo il picco differivano tra loro ma non di
molto, nel caso delle prove a trazione, dopo il picco c’è una grande differenza tra le curve al variare
della lunghezza del provino proprio perché la trazione è molto più sensibile al fenomeno dell’effetto
scala. Altre volte anziché diagrammare o si utilizza per la seconda parte del diagramma il
termine ovvero l’ampiezza delle fessure dove con si indica la condizione di completa apertura
della fessura e quindi non posso più portare trazione e va a zero.

In laboratorio, si ricava la cosiddetta “energia di frattura” cioè l’energia con cui il provino giunge a
rottura data dall’area sottostante la curva nel ramo del post-picco. È necessario ricavare questo
parametro proprio per la difficoltà di esecuzione della prova di trazione diretta e, di conseguenza,
stabilire il valore della deformazione e di eseguire la misura dell’apertura delle fessure, in
particolare della completa apertura delle fessure ; quindi, determinata l’energia di frattura, si
ricava a ritroso il diagramma ; cioè: se io ho (resistenza a trazione) e in laboratorio ho
ricavato l’energia di frattura (che posso anche determinare mediante molte relazioni presenti in
letteratura), siccome l’energia di frattura è l’area sottesa a questo diagramma, io fisso la forma del
diagramma (in genere si fissa triangolare) e fittiziamente vedo qual è la fine del diagramma.

Questo è un settore molto complesso e di


particolare interesse non tanto per il cls
ma più per le murature, noi infatti lo
abbiamo detto più per completezza ma
non lo prenderemo in considerazione,
anche perché il cls armato affida la
trazione all’armatura e la resistenza a
trazione del cls è importante ma allo
stato limite di esercizio siamo in campo
elastico lineare e poi la resistenza a trazione del cls è importante per l’aderenza ma in tal caso ciò
che conta è il ramo ascendente quindi della seconda parte ci interessa poco. A noi però interessa
solo il primo ramo.

16
Altro aspetto da sottolineare, è la difficoltà di stabilire il valore esatto di , cioè, della resistenza a
trazione del cls, per la quale è possibile eseguire 3 tipologie di prove:

1. Prova di trazione diretta;


2. Prova di trazione indiretta (alla “Brasiliana”);
3. Prova di flessione.

1.2.3.1. Prova di trazione diretta

Le facce superiore ed inferiore del provino vengono incollate ai piatti rigidi del macchinario e,
successivamente, si applica la trazione. Si tratta di una prova poco utilizzata a causa dei problemi di
afferraggio del provino, della difficoltà di eseguire una sollecitazione di trazione pura senza
eccentricità, inoltre, è una prova influenzata dai difetti di confezionamento del provino. Per tale
motivo, al posto di eseguire una prova di trazione diretta si può pensare di eseguire una prova di
trazione indiretta.

1.2.3.2. Prova di trazione indiretta (alla “Brasiliana”)


Consiste nell’applicare la trazione indirettamente ovvero mediante l’applicazione di compressione
sulle parti trasversali del provino in modo tale da provocare una trazione e quindi un allungamento
nella direzione ortogonale all’applicazione della tensione applicata. Ci sono anche per questa prova
delle relazioni presenti in letteratura che legano la resistenza a trazione alla resistenza a
compressione. Anche questa tipologia di prova è poco utilizzata.

17
1.2.3.3. Prova di flessione
È quella più utilizzata e consiste nel generare trazione applicando la flessione. È possibile eseguirla
in due varianti cioè può essere fatta con 3 rulli o con 4 rulli. Lo schema statico a cui far riferimento
è quello di trave appoggiata appoggiata in cui i due appoggi vengono esplicati da 2 rulli. Poi posso
applicare una sola forza e quindi ho il terzo rullo al centro della trave oppure se voglio applicare due
forze metto il terzo e il quarto rullo dove ognuno applica una forza .

1. Prova con 3 rulli → viene applicata una sola forza

2. Prova con 4 rulli → vengono applicate due forze

Nel caso della prova con 3 rulli si ha:

Per ricavare si sfrutta la formula di Navier , dove è la distanza della fibra


considerata dall’asse neutro (essendo nel caso di flessione semplice, l’asse neutro è proprio l’asse
baricentrico):

dove è la resistenza a trazione del cls per una prova di trazione diretta.

18
perché per la prova di trazione diretta, tutte le fibre risultano tese, mentre, per la prova
di flessione, si calcola la resistenza a trazione di una sola fibra ovvero quella al lembo
maggiormente teso. Sto quindi ipotizzando che solo tale fibra raggiunga la massima resistenza a
trazione ma in realtà non è proprio così perché c’è comunque un po’ di plasticizzazione quindi ci
sono anche altre fibre che raggiungono questo valore:

Precisazione: ma la forza F che consideriamo è quella a rottura o quella di prima fessurazione? È la


forza di prima fessurazione altrimenti non saresti in campo plastico e non potresti utilizzare la
formula di Navier.

1.2.4. Legame costitutivo pluriassiale


Fino ad ora abbiamo trattato i legami costitutivi monoassiali cioè abbiamo applicato la tensione in
una sola direzione e abbiamo ricavato la deformazione. Vediamo cosa succede invece se
applichiamo la tensione in entrambe le direzioni. Chiamo la tensione normale verticale e la
tensione normale radiale. Nel caso di doppia tensione necessariamente si deve parlare di dominio di
rottura e non più di legame costitutivo. Sull’asse verticale riporto la e sull’asse orizzontale
riporto la :

19
Posso individuare 4 zone. Considerando la trazione positiva per convenzione. Il primo quadrante
(zona 1) è la zona di doppia trazione, il terzo quadrante (zona 3) è la zona di doppia compressione e
così via.

- Nella zona 3, in direzione verticale ho una tensione di compressione applicata, cosa succede
se applico una tensione di compressione anche nella direzione trasversale via via crescente? Si
ha un effetto benefico perché vi è l’incremento della resistenza dovuto all’applicazione della
compressione in direzione trasversale che può arrivare anche al 40%.
- Nella zona 1 di doppia trazione, se applico una tensione di trazione in una direzione e poi
applico una tensione di trazione anche nell’altra direzione, ciò non comporta nessun effetto
particolare al provino e quindi considero il valore di resistenza a trazione costante cioè per il cls
non c’è un incremento delle proprietà dunque la resistenza resta costante determinando un
effetto quasi nullo.
- Nelle zone intermedie 2 e 4, in realtà non si fa alcun ragionamento se non quello di chiudere il
grafico con dei tratti rettilinei in maniera molto semplice e approssimata cioè si collegano
idealmente i punti a formare il dominio di rottura.

La zona più interessante è la zona 3 poiché in genere il cls lavora a compressione e non a trazione e
poi perché notiamo l’effetto benefico appena descritto. Tale effetto benefico della doppia
compressione è osservabile anche nel legame costitutivo :

Si può notare che man mano che incremento la ,


l’effetto è benefico ovvero aumenta la resistenza a
compressione. Perché dico che l’effetto è benefico?
Perché facendo sempre riferimento alle 3 proprietà
fondamentali ovvero rigidezza resistenza e duttilità del
materiale: la rigidezza si incrementa e lo vediamo
dall’incremento della pendenza del legame costitutivo,
aumenta la resistenza e lo vediamo dall’aumento del
valore di picco che assume il grafico all’ aumentare di
. Infine aumenta anche la duttilità.
Per avere questo risultato è possibile applicare una tensione radiale al cls confinandolo attraverso
delle staffe. Ciò risulta essere particolarmente utile in zona sismica al fine di aumentare la duttilità
del materiale.

20
1.3. Acciaio
L’acciaio è una lega di Ferro e Carbonio ed, al contrario del cls che è un materiale non omogeneo,
costituisce un MATERIALE OMOGENEO con un buon comportamento sia se sottoposto a
trazione che a compressione ma ovviamente a noi interessa di più la trazione.

1.3.1. Legame costitutivo di trazione monoassiale


Sottopongo la mia barra di acciaio ad una
prova di trazione e ottengo un primo tratto
lineare fino a (tensione di snervamento)
caratterizzato da una pendenza del ramo
elastico molto elevato e quindi abbiamo una
elevato valore di rigidezza abbastanza
costante; dopo il tratto elastico si ha un
ramo piatto ( ma ci sono alcune tipologie di
acciaio in cui il ramo piatto non c’è, dunque
l’estensione del ramo piatto dipende dalla
tipologia di acciaio e può anche non esserci
cioè il comportamento degli acciai a minor
resistenza è più duttile di quello degli acciai
ad alta resistenza. I primi infatti presentano una soglia di snervamento ben definita) e poi si
giunge a ovvero la tensione ultima. Abbiamo poi il ramo decrescente e il punto di strizione
ovvero il restringimento della sezione. A differenza del cls dove è possibile accettare una parte del
diagramma decrescente, nel caso dell’acciaio il ramo decrescente non viene preso in considerazione
tanto è vero che la deformazione ultima dell’acciaio viene fissata in corrispondenza del punto di
massimo ovvero di .

Dunque, dal legame costitutivo, così come per il cls è possibile definire i concetti di:

- RIGIDEZZA: capacità di deformarsi sotto un determinato carico. In campo elastico coincide


con la pendenza del ramo elastico dunque con il modulo elastico del materiale.

- RESISTENZA: pari a cioè la tensione massima a cui il materiale è sottoposto. Si osserva che
la resistenza a trazione dell’acciaio è sicuramente molto maggiore di quella del cls:

- DUTTILITÀ: definita come il rapporto tra la deformazione plastica e quella elastica cioè:

dove, per acciaio (accettabile in zona sismica), si ha:

La normativa prevede due tipologie di acciaio B450A e B450C ma solo quest’ultimo si può usare in
zona sismica. I due acciai hanno la stessa tensione di rottura ma ciò che cambia è il rapporto di
21
incrudimento e il valore di deformazione ultima. Per l’acciaio B450 C la
; cioè non fissa un valore massimo ma ci impone che il suo valore sia maggiore di

Considerando, dunque, si ha:

mentre, per il cls si ha:

dunque:

cioè l’acciaio è notevolmente più duttile del cls.

1.3.2. Legame costitutivo di compressione monoassiale


Il comportamento dell’acciaio sottoposto alla compressione è lo stesso di quando è sotto trazione; in
realtà, però, il legame costitutivo non è perfettamente “specchiato” perché entra in gioco il
fenomeno dell’instabilità che dipende dalla snellezza dell’elemento cioè dal rapporto

In particolare:

- se si ha lo stesso legame costitutivo sia a trazione che a compressione;


- se non è più possibile percorrere lo stesso legame costitutivo infatti man mano che
aumenta la snellezza si decade nelle curve di instabilità che possono presentarsi anche in campo
elastico.

22
Più l’elemento è snello e minore è la parte del legame costitutivo a compressione che riesco a
percorrere. Dunque di per sé il materiale ha una buona resistenza a compressione mentre a livello di
elemento bisogna tener conto della snellezza e quindi della instabilità.

Sulla base del fenomeno fisico dell’instabilità, la normativa impone delle limitazioni.

Considerando un pilastro del tipo in figura, le staffe sono disposte nel pilastro per resistere a taglio
ma in realtà dopo il calcolo esse vanno confrontate con delle relazioni fornite dalla normativa (i
valori minimi del passo). Questi limitazioni imposte dalla normativa che significato hanno?

Inflessione delle barre Riduzione della luce


libera di inflessione

La norma impone che il passo delle staffe (in genere ) sia minore di 6 volte il diametro delle
armature longitudinali Questo limite deriva proprio dal fatto che senza staffe le armature
longitudinali si instabilizzano. Cioè abbiamo visto prima che finché si riesce a percorre
l’intero legame costitutivo a compressione. Nel caso delle staffe e ovvero il diametro
delle barre longitudinali. La normativa infatti definisce che è proprio legato a questo
concetto cioè per essere sicuri di riuscire a percorrere l’intero tratto in compressione evitando
l’instabilità.

Inoltre, se non ci fossero le staffe la lunghezza libera di inflessione sarebbe l’intera lunghezza del
pilastro, mentre data la presenza delle staffe che rappresentano dei punti fissi, la lunghezza libera di
inflessione è proprio il passo tra le staffe.

Precisazione: ma noi consideriamo solo l’instabilità delle barre longitudinali verso l’esterno e non
verso l’interno? Si perché verso l’esterno c’è solo un po’ di copriferro che salterebbe via mentre
verso l’interno c’è tutta la sezione di cls che impedisce alla barre di instabilizzarsi verso l’interno.

Passo delle staffe inadeguato: espulsione del copriferro e


instabilizzazione delle barre longitudinali

23
1.3.3. Legame costitutivo per sforzi ciclici
A differenza del cls in cui il legame costitutivo ciclico lo facevamo solo per il comportamento a
compressione (cioè caricavamo a compressione e poi toglievamo il carico e poi ricaricavamo),
per l’acciaio, invece, il carico ciclico avviene applicando la compressione poi scarico poi applico la
trazione poi scarico e così via. Essendo in zona sismica consideriamo direttamente il caso di un
acciaio non generico (senza ramo piatto per ) con basso numero di cicli in campo plastico (anche
perché in campo elastico tende a scaricare parallelamente al ramo di carico e quindi c’è una bassa
energia dissipata). Si ha:

In campo plastico, per l’acciaio i cicli sono molto più ampi rispetto al caso del cls, quindi si ha
un’elevata energia dissipata (area racchiusa tra i cicli). Un’altra particolarità dell’acciaio è la
seguente: guardando il primo ciclo, il raggiungimento della tensione di snervamento è caratterizzato
da un gomito abbastanza evidente. Man mano che vado a fare i cicli, il gomito diventa sempre
meno evidente fino a non vedersi più e soprattutto lo snervamento si raggiunge per valori di
tensione via via più bassi ad ogni ciclo.

In altre parole il diagramma mostra una riduzione


di rigidezza per tensioni molto più basse del primo
limite di snervamento, dopo un ciclo alterno in
campo plastico; cioè, ad ogni ciclo si riduce ed il
gomito della curva diviene sempre meno evidente.

Questo fenomeno è conosciuto come “effetto


Bauschinger” tipico dell’acciaio sottoposto a
carichi ciclici. Peraltro, la prima parte del ciclo di
scarico avviene in modo pressoché elastico, quindi
si assume che i tratti di diagramma corrispondenti
allo scarico abbiano tutti la stessa pendenza del
primo tratto di carico. A trazione, l’acciaio riesce a ritornare sulla curva monotona, mentre, per la
compressione c’è il ritorno alla curva monotona di instabilità qualora questo fenomeno si
presentasse.

24
1.4. Aderenza acciaio – cls
L’aderenza è il fenomeno di trasferimento degli sforzi all’interfaccia tra la barra di armatura ed il
cls circostante. Essa dipende da due caratteristiche:

- tipologia di superficie della barra (liscia o corrugata);


- composizione del cls.

Lo studio del fenomeno di aderenza è legato fortemente al modello fisico che viene utilizzato per
descrivere il comportamento. Generalmente il modello che viene utilizzato fa riferimento ad un
blocco di cls in cui è immersa una barra di acciaio che viene poi tirata da un’ estremità. Si descriva
il modello fisico di aderenza attraverso il suo macrolegame dato dal diagramma dove è
la tensione tangenziale all’interfaccia e è lo scorrimento di aderenza cioè quello relativo tra la
barra di acciaio e il cls circostante. Anche qui andiamo a percorrere il legame costitutivo e andiamo
a vedere cosa succede nel modello che andiamo a utilizzare:

Il primo tratto è pressoché verticale in quanto si hanno scorrimenti nulli o trascurabili per adesione
chimica e attrito tra barra e matrice cementizia. Una volta superato l’attrito, nel legame inizio a
vedere una parte non lineare fino al raggiungimento della , poi ho un ramo discendente fino
alla tensione residua. All’inizio del ramo non lineare si stanno formando le fessure perché sto
tirando la barra creando queste tensioni tangenziali in grado di far iniziare il trasferimento degli
sforzi tra barra e cls. Le fessure che si formano man mano, sono inclinate a 45°. Quindi il campo
non lineare inizia perché si stanno formando le prime fessure e si inizia a formare il meccanismo
resistente. Il meccanismo resistente è formato da bielle compresse interposte tra due fessure
successive. Perché le fessure sono inclinate a 45°?Per capirlo mi isolo un elemento di cls in cui ho
una tensione tangenziale e nota questa posso rappresentare anche le altre perché il tutto deve
essere equilibrato. Su un elemento di questo tipo ho solo tensioni tangenziali quindi ho una tensione

25
principale di trazione con una inclinazione a 45°. Siccome le fessure sono ortogonali alla trazione le
fessure sono inclinate a 45°. Si può anche tracciare il cerchio di Mohr che ha il centro nell’origine.
Si è formato questo meccanismo di bielle compresse, man mano che si formano più fessure salgo
lungo il legame costitutivo fino ad arrivare alla e poi avrò la rottura per schiacciamento delle
bielle compresse con conseguente formazione di un cilindro di cls intorno alla barra. In questo caso
si parla di Rottura per Pull Out. Possiamo notare che c’è comunque una certa resistenza residua
che è dovuta proprio all’attrito del calcestruzzo di questo cilindro con il calcestruzzo
circostante.

Questo legame costitutivo siamo in grado di percorrerlo completamente se la rottura che si verifica
è questa per pull out, ma in realtà potrebbe verificarsi un'altra tipologia di rottura che è la Rottura
per Splitting caratterizzata da fessure che si formano ortogonalmente alla trazione, cioè, si tratta di
fessure longitudinali. Per spiegare la rottura per splitting dobbiamo far riferimento alla sezione
trasversale. Le fessure in generale sono inclinate a 45° e ortogonalmente alle fessure abbiamo la
cosiddetta , cioè la tensione principale di trazione che può essere scomposta ottenendo due
componenti di cui quella verticale è una trazione radiale. Quindi dalla sezione trasversale di cls
capiamo che è sollecitato in maniera radiale, e sperimentalmente si è visto che in realtà questa
trazione radiale va via via svanendo man mano che ci allontaniamo dalla barra. Quindi ci sarà una
certa zona in cui non si risentirà dell’aderenza; in particolare se chiamo il diametro della barra il
limite rispetto al quale non si risente più dell’aderenza lo poniamo pari a dal baricentro della
barra.

26
Ciò ci serve perché abbiamo detto che la componente è una componente radiale, quindi, dato
che sappiamo che le fessure si sviluppano sempre ortogonalmente alla trazione, le fessure sono
longitudinali.

Se il copriferro è ridotto, le fessure longitudinali possono raggiungere il bordo esterno della


sezione attingendo la rottura per splitting che dipende, dunque, dal rapporto al ridursi del quale
è maggiore la probabilità che questa si verifichi proprio perché non mi fa percorrere completamente
l’intero legame costitutivo, quindi succede che si raggiunge prima la rottura per splitting.

Si tratta di una rottura fragile che non ci dà preavviso rispetto invece alla rottura per pull out (che
invece è più duttile) e che non permette all’elemento di esplicitare l’aderenza di cui è capace perché
non può percorrere completamente il legame costitutivo diminuendo la .

Per questo la norma fornisce dei limiti sul copriferro che siamo abituati ad assegnare in funzione
dell’aggressività dell’ambiente ma c’è anche un limite per il copriferro volto ad evitare la rottura
per splitting.

Vediamo qual è la differenza tra barre lisce e barre ad aderenza migliorata attraverso l’andamento
sperimentale del legame di aderenza:

Nel caso di barre ad aderenza arrivo ad


una resistenza di mentre per
le barre lisce arrivo a o . Poi
non è detto che arrivo a questi valori
perché dipende sempre dal fatto che si
verifichi rottura per pull out, mentre per
splitting la rottura avviene prima. Nel
caso di rottura per splitting non si parla
di .

27
Questo è il comportamento sperimentale ma poi si farà riferimento a modelli analitici di aderenza.
Uno dei più noti presenti in letteratura è il modello di BERTERO et al (1982). Sono comunque
modelli basati sulla sperimentazione ed in particolare questo modello è stato ricavato facendo
diverse sperimentazioni su provini di cls caratterizzati da e sempre il blocco di cls
con la barra immersa. Le prove che hanno eseguito Bertero et al. sono prove di Pull Out
considerando barre ad aderenza migliorata. Il legame è caratterizzato da diversi tratti in cui
compaiono 3 valori fissi di scorrimento ( ) e 2 di tensione
.

Per cls con la si ottiene mediante l’espressione seguente:

dove se mettiamo si ritorna al caso precedente con . In questo


caso anche la cambia e c’è una formula di normativa che la esplicita.

28
1.4.1. Prove di aderenza
Esistono diverse tipologie di prove di aderenza e i risultati sono fortemente influenzati dal tipo di
prova:

- prova diretta;
- prova di pull out;
- prova di beam test.

1.4.1.1. Prova diretta


Nel caso della prova diretta c’è un sistema in acciaio che serve ad afferrare il provino da sotto e poi
c’è un macchinario che è tipo la macchina per la prova a trazione per le armature che afferra le
armature del provino e le tira. Tale prova è difficile da fare per problemi di afferraggio, proprio
come la prova diretta per ricavare la resistenza a trazione del cls.

1.4.1.2. Prova di pull-out


Più utilizzata è la prova di pull out in
cui ho il blocco di cls con la barra
immersa all’interno e il macchinario
afferra la barra e la sottopone a
trazione ma in questo caso c’è un
telaio di contrasto in acciaio che
tiene fermo il provino. La cosa che
emerge subito è che mentre nel caso
di aderenza diretta io applico la
trazione direttamente alla barra, nella
prova di pull out, quando vado a
tirare la barra, per effetto di questo
telaio di contrasto, il cls è sollecitato
a compressione. Quindi i risultati
ottenuti dalla prova per pull out sono
maggiori di quelli che otteniamo con
la prova diretta per effetto si questa resistenza aggiuntiva del cls. Quindi i risultati ottenuti con la
prova di pull out sono un po’ più affidabili rispetto a quelli della prova diretta.

29
1.4.1.3. Prova di beam-test
Si hanno due blocchi collegati da una barra che costituiscono uno schema di trave appoggiata
appoggiata. Al centro c’è una cerniera metallica. Si va a caricare con una forza che ovviamente non
può essere applicata proprio al centro poiché lì vi è la cerniera e quindi è leggermente spostato da
una parte o dall’altra e chiamo la distanza dalla forza all’appoggio.

La prova di beam test viene effettuata per creare una situazione che è più simile alla realtà perché si
va ad indurre flessione nel provino per indurre poi trazione nella barra.

Per effetto del momento mi aspetto che si crei compressione nel cls e trazione nella barra e
chiamato con il braccio della coppia interna ovvero la distanza dal bordo di cls al baricentro
della barra. La trazione a cui è sottoposta la barra si ricava semplicemente considerando nota la
forza che stiamo applicando e nota la distanza a dall’appoggio e quindi noto il momento
, esplicito (avendo considerato il polo in corrispondenza della forza di
compressione ) e quindi ricavo la trazione .

In definitiva però la prova più utilizzata è quella di Pull Out.

30
1.5. Aspetti normativi
1.5.1. Calcestruzzo
Per i legami costitutivi si fa riferimento al Capitolo 4 delle NTC2018; mentre per i materiali al
Capitolo 11 delle stesse. Al #4.1.2.1.2.la norma fornisce la possibilità di utilizzare tre differenti
legami costitutivi:

4.1.2.1.2 Diagrammi di progetto dei materiali

4.1.2.1.2.1 Diagrammi di progetto tensione-deformazione del calcestruzzo

Per il diagramma tensione-deformazione del calcestruzzo è possibile adottare opportuni modelli


rappresentativi del reale comportamento del materiale, definiti in base alla resistenza di progetto
e alla deformazione ultima di progetto .

Fig. 4.1.1 – Modelli per il calcestruzzo

In Fig. 4.1.1 sono rappresentati i modelli per il calcestruzzo:

(a) parabola-rettangolo; (b) triangolo-rettangolo; (c) rettangolo (stress block).

In particolare, per le classi di resistenza pari o inferiore a C50/60 si può porre:

Per le classi di resistenza superiore a C50/60 si può porre:

purché si adottino opportune limitazioni quando si usa il modello (c).

Per sezioni o parti di sezioni soggette a distribuzioni di tensione di compressione


approssimativamente uniformi, si assume per la deformazione ultima di progetto il valore
anziché .

31
Con

Vi è una differenza tra cls normale e ad alta resistenza ed in particolare abbiamo visto che i cls ad
alta resistenza hanno una lunghezza del ramo plastico minore e infatti la norma dice che per cls ad
alta resistenza (classe di resistenza > 50-60) la si riduce all’aumentare di , mentre, se
aumento , stanno aumentando quindi rispetto al cls ordinario, per il cls ad alta
resistenza si ha una riduzione di duttilità.

1.5.2. Acciaio
4.1.2.1.2.2 Diagrammi di progetto tensione-deformazione dell’acciaio

Per il diagramma tensione-deformazione dell acciaio è possibile adottare opportuni modelli


rappresentativi del reale comportamento del materiale, modelli definiti in base al valore di
progetto della deformazione uniforme ultima, al valore di progetto

della tensione di snervamento ed al rapporto di sovraresistenza (Tab. 11.3.Ia-b).

In Fig. 4.1.3 sono rappresentati i modelli per l acciaio:

(a) bilineare finito con incrudimento; (b) elastico-perfettamente plastico indefinito.

Fig. 4.1.3 – Modelli per l’acciaio

32
Entrambi sono caratterizzati da un tratto lineare che termina con la tensione di snervamento che
rappresenta la resistenza a trazione di progetto dell’acciaio. Tutti i legami sono caratterizzati da:

Si parla di legame elasto-plastico indefinito perché la normativa non fissa più il valore ultimo della
deformazione , ma se andiamo al Cap.11 NTC, per l’acciaio B450C, la mentre per
l’acciaio B450A la . Ciò è sempre legato alla duttilità in quanto essendo quest’ultima
espressa dal rapporto tra la deformazione plastica rispetto a quella elastica, più aumento la e
più aumenta la duttilità. Per tale motivo in zona sismica in cui è richiesta una elevata duttilità, è
possibile usare soltanto l’acciaio B450C.

Per il legame bilineare con incrudimento, dovendo definire il legame con due rette, c’è bisogno del
valore ultimo di deformazione altrimenti non sarebbe possibile definire il punto e quindi la norma
dice di prendere , con pari all’allungamento, infatti, nel Capitolo 11 non
troviamo la deformazione ultima ma proprio .

Il legame costitutivo reale dell’acciaio è caratterizzato da una tensione di snervamento e da una


tensione di rottura, ma la norma non ci fornisce la tensione di rottura ma la fa definire come volte
la tensione di snervamento dove è il rapporto di incrudimento cioè . Sempre nel
capitolo 11 la norma fornisce valori differenti di per l’acciaio B450C e B450A. Tali limiti sono
proprio legati alla duttilità:

B450A B450C

Ci si sofferma sul limite dell’acciaio B450C di avere un rapporto di incrudimento


ed, in particolare su:

limite che si dimostrerà essere legato alla duttilità.

Innanzitutto bisogna specificare che il fatto di avere un acciaio incrudente conferisce una maggiore
duttilità non tanto al materiale (e quindi al legame costitutivo) ma all’elemento. Per capirlo,
supponiamo di sottoporre una barra d’acciaio (annegata in un blocco di cls) a trazione, man mano
che tiriamo la barra si formano le fessure e abbiamo tanti conci compresi tra due fessure.

33
Isolando il singolo concio è possibile prendere coscienza di cosa succede in termini di tensione e
deformazione. Vediamo 3 grafici in cui uno è relativo alla tensione del cls, uno per la tensione
nell’acciaio e uno per la deformazione dell’acciaio:

Per quanto riguarda il calcestruzzo, la sua tensione agli estremi è nulla mentre è massima cioè
in corrispondenza della fessura il cls non porta niente, infatti, porta tutto la barra. Quindi nella barra
mi aspetto una tensione pari alla forza applicata diviso la sezione trasversale della barra:

Per effetto del fenomeno dell’aderenza ovvero il trasferimento degli sforzi dalla barra al cls, accade
che l’acciaio si scarica e il cls si carica man mano che ci spostiamo dalle fessure verso l’interno del
concio.

Ma cosa cambia se utilizzo un legame elasto plastico oppure un legame incrudente?

Se sta in campo lineare ( i tratti lineari dei due diagrammi elasto perfettamente
plastico indefinito e quello bilineare finito con incrudimento coincidono, quindi, .

34
Se la forza F è applicata in modo sempre crescente, la si trova in campo non lineare e
allora si avranno diagrammi del tipo:

elasto perfettamente plastico indefinito bilineare finito con incrudimento

Si supponga che in corrispondenza di si parta dallo stesso valore di deformazione in modo da


poter confrontare i due grafici. Sto dicendo che quando si raggiunge la , nel diagramma
sottostante ho la per i due casi.

Nel caso di legame elasto perfettamente plastico indefinito se diminuisce anche di poco si
riduce di molto (visibile dal salto nel diagramma delle ) e si passa al campo lineare e tutti i valori
interni corrispondono a .

Nel caso di legame bilineare finito con incrudimento, invece, se diminuisce non si ha subito il
campo lineare quindi si vanno a determinare le zone di plasticizzazione in cui le deformazioni sono
in campo plastico .

Alla luce di ciò, l’incrudimento rende l’elemento più duttile e questo spiega come l’acciaio, che è
un materiale duttile, possa determinare un elemento che non è duttile (caso del legame elasto
perfettamente plastico indefinito) ed è questo il motivo per il quale la norma impone delle
limitazioni su in moda da essere abbastanza elevati per poter conferire la duttilità oltre che al
materiale anche all’elemento.

35
2. La Sezione
Il primo passo è, come per i materiali, determinare le 3 proprietà di interesse. Per quanto riguarda la
RESISTENZA, questa è data semplicemente dal Momento Resistente.

Quindi si andrà a riprendere il concetto di Momento Resistente nel caso di:

1. Flessione Retta (asse di sollecitazione coincidente con uno degli assi principali d’inerzia
della sezione e, quindi, asse neutro ortogonale ad uno degli assi d’inerzia):
 Semplice (solo flessione)
 Composta (sforzo normale + flessione)
2. Flessione Deviata (asse di sollecitazione non coincidente con uno degli assi principali
d’inerzia e, quindi, asse neutro inclinato rispetto all’asse d’inerzia):
 Semplice (solo flessione)
 Composta (sforzo normale + flessione)

2.1. Flessione Retta


2.1.1. Flessione Retta Semplice
Si tratta della sezione soggetta al solo momento flettente.

Facciamo riferimento ad una sezione rettangolare di base e altezza . Chiamo l’armatura tesa e
l’armatura compressa, ipotizzando uguale il copriferro . In questo caso l’asse di sollecitazione
coincide con uno degli assi principali di tensione (infatti per una sezione rettangolare gli assi
principali sono proprio gli assi verticale e orizzontale). Dato che l’asse di sollecitazione delimita il
piano in cui è contenuto il momento cioè l’asse del vettore momento, l’asse neutro sarà
ortogonale ad e andrà a delimitare la parte di cls compressa da quella tesa. Avrò una certa
posizione dell’asse neutro individuato da una distanza dal lembo compresso. Ricordiamo anche
che in corrispondenza dell’asse neutro si ha l’annullamento delle tensioni e quindi anche delle
deformazioni. Disegniamo il diagramma delle deformazioni, poi quello parabolico delle tensioni in
cui si vede il comportamento del cls non lineare, e poi facciamo il diagramma dello stress block in
cui consideriamo l’altezza del rettangolo pari a .

36
I diagrammi rappresentati derivano dalle seguenti ipotesi:

- Conservazione delle sezioni piane: (vale sia in campo lineare che non lineare e quindi sia allo
S.L.U. che S.L.E.) la quale mi consente di rappresentare il diagramma delle deformazioni
lineare. In linea di principio tale ipotesi è lecita e rigorosa nel solido del DE SAINT VENANT
con comportamento elastico lineare e assenza di taglio e torsione, ma non nel nostro caso in cui
sappiamo che il cls ha un comportamento in realtà non lineare fin dall’inizio; allo stesso tempo,
però, abbiamo un conforto sperimentale in quanto si è visto sperimentalmente che le sezioni si
mantengono piane.
- Perfetta aderenza acciaio - cls: cioè gli scorrimenti reciproci sono trascurabili. È valida nel caso
di interesse perché avendo il cls delle basse capacità deformative per i livelli deformativi bassi a
cui facciamo riferimento, si può ritenere accettabile tale ipotesi.
- Cls non reagente a trazione: infatti nel diagramma delle tensioni non abbiamo riportato nulla a
trazione. Tale ipotesi è anch’essa valida in quanto se ci facciamo caso, quando andiamo a fare le
verifiche nelle sezioni più sollecitate, qui la resistenza a trazione del cls, che è comunque bassa,
è stata sicuramente vinta.
- Rottura per schiacciamento del cls (“rottura lato cls”): è valida, infatti, la normativa ha
rimosso la deformazione ultima dell’acciaio perché è improbabile che si attinga prima di quella
del cls ma in genere la rottura avviene per schiacciamento del cls e per questo è sicuramente
un punto noto.
- Ipotesi di armatura tesa snervata: in realtà noi generalmente la ipotizziamo snervata e poi la
andiamo a verificare. Però, per quanto riguarda l’armatura tesa posso ritenere questa ipotesi
valida perché, quando andiamo a progettare in zona sismica, se rispettiamo i quantitativi minimi
di armatura inevitabilmente l’armatura tesa risulta essere verificata. Per quanto riguarda invece
l’armatura compressa non lo possiamo sapere dall’inizio perché dipende dalla posizione
dell’asse neutro, dal fatto che c’è ad esempio lo sforzo normale che fa abbassare l’asse neutro
ecc …

Fatte queste ipotesi, possiamo andare a ricavare il valore del momento resistente attraverso
l’equazione di equilibrio alla traslazione e l’equazione di equilibrio alla rotazione intorno
all’armatura tesa. Dall’equilibrio alla traslazione ricaviamo la profondità dell’asse neutro e poi
dall’equilibrio alla rotazione ricaviamo il momento resistente della sezione.

Equilibrio alla traslazione: la risultante degli sforzi di compressione e quella a trazione sono
eguagliate allo sforzo normale applicato che nel caso di flessione semplice è nullo:

Equilibrio alla rotazione (intorno all’armatura tesa):

dove con e tiene conto della diversa modalità dell’applicazione dei carichi
tra la realtà e le prove di laboratorio in quanto in laboratorio, i carichi sono applicati con una
velocità molto maggiore rispetto alla realtà e quindi per tener conto di questo aspetto andiamo a
decurtare la resistenza per .
37
In realtà si tende ad adimensionalizzare il tutto, perché queste equazioni mi danno il momento
resistente per la sezione caratterizzata da una certa base, una certa altezza, un certo calcestruzzo
(l’acciaio invece è sempre lo stesso B450C). Per definire la duttilità della sezione troveremo delle
formule in normativa che fanno riferimento alle grandezze adimensionalizzate.

ADIMENSIONALIZZAZIONE:

Dall’equilibrio alla traslazione si definisce la posizione dell’asse neutro, quindi,


sostituendo nell’equazione di eq. alla traslazione si ha:

Si divide per in modo da far comparire cioè, l’asse neutro adimensionalizzato:

Definendo la percentuale geometrica di armatura data dal rapporto tra l’area dell’armatura
e quella del cls, si può ricavare il parametro cioè la percentuale meccanica di armatura
così che:

Dunque l’asse neutro adimensionalizzato è pari alla differenza tra la percentuale meccanica di
armatura tesa e la percentuale meccanica di armatura compressa.

Attraverso l’adimensionalizzazione, dunque, si rende indipendente l’asse neutro dalla sezione


(perché si è diviso per ) e dal materiale (grazie a ). Considerando, allora, si ha che:

 se aumenta, allora aumenta cioè l’asse neutro


scende e allora partendo sempre da lato
cls, la deformazione nell’acciaio teso si sta
riducendo e la deformazione dell’acciaio
compresso invece sta aumentando; quindi, è molto
più probabile che l’armatura compressa sia
snervata;
 se aumenta, allora diminuisce cioè l’asse
neutro sale quindi è più probabile che
l’armatura compressa non sia snervata; la
deformazione dell’acciaio teso aumenta ciò vuol
dire che per aumentare la duttilità (avendo già
progettato ), a livello di sezione è necessario
aggiungere anche armatura in compressione e non
quella a trazione come si potrebbe pensare.

38
Ovviamente però aumentando l’armatura in compressione, l’asse neutro sale ed è quindi più
probabile che l’armatura compressa non sia snervata quindi queste formule sono valide finché le
due armature sono snervate. Va sempre controllato che effettivamente le due armature siano
snervate. Come si verifica se l’armatura è snervata? Si ricorre alla similitudine tra triangoli:

Per quanto riguarda l’armatura TESA si ha:

se allora l’armatura è snervata

Per quanto riguarda l’armatura COMPRESSA si ha:

se allora l’armatura è snervata

Qualora la verifica non risulti essere rispettata si sostituisce nell’equazione con .

39
2.1.2. Flessione Retta Composta
Si tratta della sezione soggetta al momento flettente unito allo sforzo normale.

Equilibrio alla traslazione:

La risultante degli sforzi di compressione e quella a trazione sono eguagliate non a zero ma allo
sforzo normale applicato che è positivo perché di compressione:

Attraverso l’adimensionalizzazione si ha:

Definendo cioè lo sforzo normale adimensionalizzato (rapporto tra sforzo normale


sollecitante e quello resistente del solo cls) si ottiene:

Dunque, se aumenta, allora aumenta, quindi, l’asse neutro si abbassa e questo vuol dire che
applicare uno sforzo normale di compressione ha lo stesso effetto dell’armatura tesa cioè quello di
ridurre la duttilità della sezione. Quindi lo sforzo normale bisogna limitarlo e lo vedremo anche con
il diagramma momento-curvatura in cui noteremo che all’aumentare dello sforzo normale si riduce
la duttilità a livello di sezione.

Equilibrio alla rotazione (intorno al baricentro in modo da non far comparire lo sforzo normale):

40
A seconda dello sforzo normale varia il valore del momento resistente , quindi, la resistenza
della sezione. Dunque, nel caso di flessione composta è opportuno introdurre il
(luogo di tutte le coppie resistenti). Entrando con il valore del
momento e sforzo normale sollecitanti, se il punto è interno al dominio la verifica è soddisfatta
altrimenti no.

Quando la sezione è armata simmetricamente si può ricavare un dominio semplificato


attraverso 5 soli punti significativi (A, B, D (picco), C ed E che è il simmetrico di C rispetto al
punto di picco D). Assumiamo per convenzione lo sforzo normale positivo se di compressione e il
momento positivo se tende le fibre inferiori.

41
Analizziamo punto per punto:

- Punto A: è il caso di trazione pura centrata (cioè di trazione applicato al baricentro senza
momento flettente). Siccome il cls non lo consideriamo resistente a trazione, interverranno solo
le armature uguali. Possiamo allora tracciare il diagramma delle tensioni come in figura
ricavando il punto A di coordinate (negativo perché di trazione) e .

Equilibrio alla traslazione:

dato che si ha:

- Punto B: è il caso di compressione pura centrata (cioè di compressione applicato al


baricentro senza momento flettente). In questo caso consideriamo sia il contributo a
compressione del cls che a compressione delle barre di acciaio. Rappresentiamo il diagramma
delle tensioni e quindi le forze e per le barre e per il cls. Scriviamo l’equilibrio alla
traslazione orizzontale e ricaviamo il punto B di coordinate (positivo perché di
compressione) e .

Equilibrio alla traslazione:

dato che si ha:

42
- Punto C: è il caso di flessione semplice perché vediamo dal dominio che .

Secondo il procedimento rigoroso:

Equilibrio alla traslazione:

Equilibrio alla rotazione (intorno all’armatura tesa):

Siccome però vogliamo tracciare un dominio approssimato possiamo fare una


semplificazione ovvero trascuriamo il contributo del cls e diciamo che il momento se lo
portano solo le armature. Ad ogni modo l’errore che commettiamo nell’usare questa
approssimazione è solo dell’ordine dell’1 o 2%.

Precisazione: Nel diagramma reale (approccio rigoroso), se le due armature sono entrambe
snervate l’equilibrio alla traslazione non può mai essere verificato. Non vuol dire che non possono
essere entrambe snervate, anzi sicuramente l’armatura compressa non è snervata, ma il calcolo si
può sempre fare.

43
- Punto E: è simmetrico a C rispetto al punto di massimo D, ciò vuol dire che gli posso attribuire
il momento resistente del punto C cioè . Quindi ho la mia sezione
con armatura simmetrica sollecitata da uno sforzo normale di compressione e da un momento
flettente uguale al momento del punto C. Ma quanto vale lo sforzo normale? Dobbiamo
ricordarci la semplificazione che abbiamo fatto prima cioè il momento resistente lo abbiamo
fatto assorbire alle sole armature e quindi adesso per avere un certo sforzo normale ho bisogno
di chiamare in gioco il cls con un diagramma delle tensioni costante per l’intera sezione. In
questo modo infatti la risultante delle tensioni agenti nel cls è posta nel baricentro della sezione
e quindi non entra in gioco nell’equilibrio alla rotazione. In altre parole se si considera
l’equilibrio alla rotazione intorno al baricentro, allora, non entra in gioco, quindi, l’unico
modo per far sì che è quello di avere una sezione interamente compressa.

- Punto D: è il punto che mi deve dare il valore massimo del momento. Per avere il valore
massimo del momento, devo avere un diagramma delle tensioni che per il cls è pari a metà
altezza della sezione, poi ho una compressione e una trazione rispettivamente nelle due armature
compressa e tesa.

Dall’equilibrio alla rotazione intorno al


baricentro, confondendo con si ha:

è del valore massimo di perché in esso compaiono solo termini positivi che si
sommano; infatti, se l’asse neutro scendesse sotto al baricentro geometrico si avrebbe un tratto
in compressione con una risultante che genera un momento di segno opposto che
determinerebbe un termine negativo dovuto al cls e, quindi, il momento andrebbe a ridursi. Ecco
perché il valore massimo del momento ce l’ho finché l’asse neutro (non è proprio così perché ci
sarebbe ) si trova in corrispondenza del baricentro della sezione.

44
Quando, invece, si hanno armature non simmetriche, il dominio inizia a ruotare ovvero i
punti A e B iniziano a spostarsi e la congiungente dei due punti inizia a inclinarsi e più
tanto più il dominio ruota con la particolarità che i punti ruotano di una stessa quantità .

Come si dimostra che i punti ruotano di una quantità eguale?

Calcoliamo il punto e che tra l’altro sono gli unici punti che possiamo calcolare perché gli
altri se il diagramma inizia a ruotare non posso più definire il simmetrico rispetto all’altro.

Si consideri (cosa generalmente valida):

- Punto : se ho solo sforzo normale di trazione il cls non lo considero e prendo in


considerazione solo le armature. Apparentemente il diagramma delle tensioni è lo stesso del
precedente (punto A) ma guardando le risultanti esse sono diverse perché l’armatura compressa
è minore di quella tesa e quindi se gli sforzi sono diversi non posso più avere trazione pura ma
nascerà un momento flettente (è come se avessi uno sforzo normale eccentrico). Il momento che
nasce tende le fibre inferiori.

45
Equilibrio alla traslazione:

Se , allora, non si tratta di trazione pura ma si genera un momento che tende le fibre
inferiori quindi positivo (quindi si troverà nel quadrante positivo spiegando il perché i
punti ruotino in senso orario):

- Punto : si tratta del caso di sforzo normale centrato, quindi rappresentiamo il diagramma delle
tensioni con la sezione di cls tutta compressa. Il contributo del cls è uguale al caso precedente,
mentre le armature essendo diverse creeranno un momento negativo che tende le fibre
superiori perché :

Dato che effettivamente il punto e si spostano della stessa quantità.

46
2.1.2.1. Esempio di costruzione del dominio
Consideriamo una sezione a doppia armatura con:

Consideriamo vari casi per vedere come viene il dominio ruotato in funzione dell’armatura
compressa e quindi:

1) AS’ = AS

2) AS’ = 0,5 AS

3) AS’ = 0,25 AS

4) AS’ = 0

Il metodo semplificato per ricavare il dominio con soli 5 punti fondamentali lo possiamo applicare
solo se l’armatura è simmetrica altrimenti non ci riusciamo, per questo il software Gelfi è molto
utile.

47
Determiniamo a mano solo il primo caso.

Punto A:

Con:

di trazione e quindi a sinistra dell’origine degli assi.


Ovviamente il punto A ha momento M=0.

Punto B:

Con:

Punto C:

Analogamente si procede per i punti D ed E.

E’ possibile fare nel software gelfi i calcoli e confrontare i risultati con quelli ottenuti col metodo
approssimato appena svolto. Ovviamente gelfi permette di fare anche i casi con armatura non
simmetrica.

N.B.: in gelfi sta impostato ma la normativa ci fa assumere e quindi va


aggiustata questa cosa.

In gelfi c’è un rapporto che veniva definito dalla normativa del 96 e questo rapporto va assunto pari
ad 1 (dove?)

48
2.2. Flessione Deviata
2.2.1. Flessione Deviata Semplice
In tal caso, l’asse di sollecitazione non è più coincidente con uno degli assi principali di tensione e
quindi l’asse neutro viene inclinato. Dunque oltre a determinare la profondità dell’asse neutro
vogliamo determinare anche la sua inclinazione rispetto all’orizzontale. L’asse neutro lo definiamo
sempre rispetto al bordo compresso e quindi come diagramma delle tensioni ho un andamento
diverso da punto a punto cioè le armature pur essendo sulla stessa retta orizzontale saranno
sollecitate in maniera diversa.

Si scrivono sempre 2 equazioni ma saranno non lineari:

1. Equazione di equilibrio: lo sforzo normale esterno deve equilibrare quello interno:

dove è l’area di cls compresso e l’area complessiva delle armature, quindi, il primo
addendo rappresenta il contributo del cls ed il secondo quello delle armature.

2. L’inclinazione dell’asse di sollecitazione esterna deve eguagliare quella interna:

Quando ho flessione deviata e l’asse di sollecitazione non è né orizzontale e né verticale il


momento sollecitante esterno si scompone secondo l’asse x e l’asse y. Per ricavare i
momenti interni dobbiamo fare sempre gli integrali:
con

con

49
2.2.1.1. Dominio della Flessione Deviata semplice
Nella realtà è improponibile mettersi a calcolare gli integrali. Infatti, in genere si procede sempre
con metodi approssimati. Ad ogni modo, nel caso di flessione deviata si ottiene un dominio di
resistenza 3D:

Operare con un dominio tridimensionale è complicato allora generalmente si va a sezionare il


dominio con dei piani o a sforzo normale costante o a uno dei due momenti sollecitanti costanti
ottenendo così domini bidimensionali. Non costruiamo i domini bidimensionali risolvendo gli
integrali ma utilizzando trattazioni semplificate che forniscono le espressioni per costruire il
dominio.

50
Normalmente si fa riferimento al dominio con sforzo normale resistente costante e si
traccia il dominio al variare dei due momenti. Questo dominio può essere espresso in modo
semplificato introducendo una tipologia detta alla "Bresler" che prevede:

dove :

e sono i momenti resistenti nel caso di flessione deviata;

e sono i momenti resistenti nel caso di flessione retta (cioè con il pedice 0
indichiamo la flessione retta);

sono coefficienti fissati e noti. Cautelativamente questi coefficienti si possono assumere


pari ad 1 ma ci sono delle trattazioni più complesse dove l’espressione è la stessa ma i coefficienti
non sono più costanti ma dipendono da ulteriori parametri funzione della sezione, dello sforzo
normale, ecc.

Un esempio di trattazione più precisa è quella di Alessandri e Monti (1997) che è molto simile a
quella riportata in normativa che prevede:

Dove ed sono la base e l’altezza della sezione; sono le percentuali meccaniche di


armatura e è lo sforzo normale adimensionalizzato. I coefficienti sono tabellati in
funzione dello sforzo normale a seconda che esso sia positivo, negativo o nullo.

2.2.1.2. Approccio Normativo


L'approccio normativo è simile a quello di Alessandro e Monti ma prevede:

dove :

ciò vale per il legame costitutivo in caso di flessione deviata semplice.

51
2.3. Legame Momento - Curvatura
Il legame Momento – Curvatura che è il legame che esprime il comportamento della sezione.
Quindi siamo a livello di sezione e anche qui facciamo riferimento a sezioni inflesse e
pressoinflesse.

Il primo tratto del legame è lineare fin quando la sezione non si fessura e cioè quando si raggiunge
il "momento di cracking" a cui corrisponde la curvatura di fessurazione .

Dopo la fessurazione si ha un a caduta di rigidezza e il legame curva fino a raggiungere il momento


di snervamento (che si ha quando l'acciaio si snerva) a cui corrisponde la curvatura di
snervamento .

Raggiunta la curvatura di snervamento, il legame diventa fortemente non lineare fino al


raggiungimento del momento ultimo che coincide con la condizione di rottura della sezione cioè
per schiacciamento del cls per tutte le ipotesi già enunciate (andando nel diagramma delle
deformazioni la raggiunge il suo valore ultimo che dalla norma è posto pari al ).

Possono farsi delle approssimazioni:

- Trascurare il momento di fessurazione ;


- a il legame si ritiene lineare.

N.B.: Fino a dove siamo in campo elastico? Fino al momento di fessurazione siamo in campo
elastico, però con buona approssimazione possiamo ipotizzare che siamo in campo elastico fino allo
snervamento, anche se in realtà tutto ciò è un approssimazione perché il diagramma è non lineare
fin dall’inizio.

52
Nelle sezioni in c.a. si può semplificare il legame momento curvature attraverso due metodologie:

1) ritenere in quanto la loro differenza è minima, pertanto, il momento ultimo è pari


allo snervamento e non viceversa. Quindi possiamo fare un diagramma semplificato
elasto plastico perché sto dicendo che e quindi ho bisogno di soli 3 valori (uno per
e poi e ).
2) considerare un tratto lineare da fino allo snervamento per poi valutare e
quindi considerare un certo incrudimento.

Quest’ultimo diagramma è sicuramente più preciso rispetto al precedente ma è comunque


approssimato ed inoltre cambia poco dal diagramma con .

Per poter costruire questo legame, o in maniera approssimata o in maniera rigorosa, bisogna
calcolare queste 6 grandezze:

- Momento di fessurazione
- Momento allo snervamento
- Momento ultimo
- Curvatura di fessurazione
- Curvatura allo snervamento
- Curvatura ultima

53
È necessario, quindi, richiamare il concetto di curvatura:

Andiamo a vedere perché è definita in questo modo: si parta da una sezione c.a. di base b e altezza
h, con semplice armatura ovvero con armatura solo in trazione soggetta al momento flettente. Per
effetto di questo momento flettente avrò una certa posizione dell’asse neutro distante x dal bordo
della sezione e andiamo a riportare il diagramma delle deformazioni che è lineare perché ci stiamo
portando dietro l’ipotesi di conservazione delle sezioni piane.

La curvatura è definita come la pendenza del diagramma delle deformazioni (definizione valida
sempre sia in campo lineare che non lineare).

Dimostrazione: Si estrapoli un concio elementare di semilunghezza unitaria da una trave


appoggiata appoggiata sottoposta a momento. Come si deforma questo elemento (in ipotesi di
conservazione delle sezioni piane)?

Essenzialmente al di sotto dell’asse neutro il


cubetto si allarga e al di sopra dell’asse neutro si
restringe. Questa deformata la posso assimilare
ad un cerchio di raggio . Quindi con si
esprime la tangente dell’angolo che il raggio
forma con la verticale baricentrica. Tale angolo
lo chiamo Ovviamente in ipotesi di piccoli
spostamenti allora
Per la condizione di angoli alterni interni
individuiamo anche un altro angolo che è pari ad
omega. La quantità di cui si è ridotta la base in
sommità, è proprio la deformazione ovvero
ma siccome la lunghezza di metà base
è stata posta inizialmente unitaria, allora tale segmento è proprio .

54
Abbiamo detto, allora, che la curvatura è uguale all’angolo omega,

ma questo angolo lo possiamo esprimere come ovvero la pendenza del diagramma delle
deformazioni. Quindi la curvatura essendo la pendenza del diagramma delle deformazioni la posso
ricavare o come oppure come (si tratta di una similitudine: ). Che
cosa cambia, però, nei vari casi? Cambia che una volta avrò che il valore dell’asse neutro è quello
allo snervamento, un’altra volta avrò che il valore dell’asse neutro è quello ultimo. Questa
definizione di curvatura vale sempre sia in campo lineare che non lineare in quanto l’unica ipotesi
che abbiamo utilizzato è quella di conservazione delle sezioni piane che può essere considerata sia
in campo lineare che non lineare. L’unica cosa che possiamo dire in campo lineare che vale la
formula di Navier ovvero:

dove è il momento applicato, è l’inerzia della sezione e è la distanza della fibra considerata
dall’asse neutro.

Facciamo riferimento al cls quindi:

In campo lineare dalle tensioni possiamo subito passare alle deformazioni perché: dove
sostituendo l’espressione precedente a si vede come la curvatura in campo elastico lineare è
proprio pari a :

Si possono ora definire i punti del legame:

2.3.1. Momento ultimo


Si è detto che possiamo calcolare il momento ultimo della sezione utilizzando come diagramma
delle tensioni lo stress block, in particolare però, per il cls, la normativa dà la possibilità di utilizzare
3 legami costitutivi (parabola- rettangolo, triangolo-rettangolo, rettangolo) e a seconda di quale
legame decido di adottare, vado a collegare tensione e deformazione in maniera differente ma le
equazioni che usiamo sono sempre le stesse.

55
Facciamo riferimento alla sezione di base e altezza a semplice armatura chiamando
l’armatura tesa e l’obiettivo è quello di determinare il momento ultimo della sezione. Per
determinare il momento ultimo della sezione significa che io sto stabilendo qual è la condizione di
rottura. Generalmente però, abbiamo detto la condizione di rottura avviene lato calcestruzzo.
Chiamo l’asse neutro in quanto il pedice sta per ultimo perché mi sto riferendo alla rottura. In
corrispondenza della fibra più compressa della sezione di calcestruzzo ho raggiunto la deformazione
ultima cioè . Questo, indipendentemente dal tipo di legame che utilizzo è sempre il
Mentre in corrispondenza dell’acciaio la deformazione è generica e non lo possiamo dire a priori.

Come già specificato, dal diagramma delle deformazioni dobbiamo passare al diagramma delle
tensioni e quest’ultimo dipende dal tipo di legame che decido di utilizzare. In particolare ho 3
opzioni (in tutti e tre i casi ipotizzo che l’armatura tesa sia snervata) cioè parabola rettangolo,
triangolo rettangolo e rettangolo come di seguito riportato:

Vediamo come cambia il calcolo a seconda del legame costitutivo utilizzato. In particolare il primo
caso ovvero il legame parabola rettangolo non lo analizziamo perché dovremmo tener conto
dell’andamento non lineare dell’andamento parabolico e quindi vedremo il caso dello stress block e
il caso triangolo rettangolo.

56
Per quanto riguarda il caso del legame rettangolo, lo abbiamo già visto, banalmente dall’equilibrio
alla traslazione ricavo l’asse neutro e dall’equilibrio alla rotazione ricavo il momento .
Dunque, si ha:

Stress- block:

 Eq. Traslazione:
 Eq. Rotazione ( ):

Per quanto riguarda il legame triangolo rettangolo, quand’è che si passa dal triangolo al rettangolo?
Quando nel diagramma delle ho raggiunto che la normativa ci fa assumere pari a .
Quindi è come se ci fossero due zone di lunghezza e . L’estensione di queste due zone
dipende da ma a sua volta dipende dall’asse neutro quindi il problema è iterativo nel
senso che voglio scrivere l’equilibrio alla traslazione per ricavare , ma dipende a sua volta
dall’estensione dei due tratti che a loro volta dipendono da . Quindi quando scrivo l’equilibrio alla
traslazione valuto separatamente i due contributi cioè vado a sommare il contributo rettangolare con
il contributo della parte triangolare e ne sottraggo il contributo dell’armatura ponendo tutto pari a
zero. Per ricavare quanto valgono le lunghezze e , devo andare per forza nel diagramma delle
deformazioni e l’unico punto noto è e per similitudine dei triangoli ricavo e . Se
andiamo a sostituire i valori e nell’equilibrio alla traslazione (caso triangolo-rettangolo)
ricavo la posizione dell’asse neutro . A questo punto dall’equilibrio alla rotazione intorno
all’armatura tesa posso banalmente ricavare . Riepilogando si ha:

Triangolo rettangolo: si passa da rettangolo a triangolo quando

 Eq. Traslazione:
Similitudine:
Sostituendo:

 Eq. Rotazione ( ):

57
2.3.2. Momento di snervamento
Abbiamo detto che il momento di snervamento coincide con lo snervamento dell’acciaio quindi
vuol dire che il diagramma delle in parte è fissato nel senso che ho un punto noto nel diagramma
delle deformazioni. Vale sempre l’ipotesi di conservazione delle sezioni piane e quindi l’andamento
del diagramma delle deformazioni è lineare e in corrispondenza dell’armatura, avrò (lo posso
chiamare anche ), mentre in corrispondenza del cls avrò una che sicuramente non è
coincidente con ma è appunto un incognita . Nel momento in cui in corrispondenza
dell’acciaio raggiungo la deformazione allo snervamento, la deformazione del cls può essere tanto
maggiore tanto minore di e quindi il cls può essere tanto in campo lineare tanto in campo non
lineare. Quindi abbiamo due casi

- Cls in campo lineare


- Cls in campo non lineare

N.B.: Questa cosa del campo lineare e non lineare la facciamo sia per il triangolo rettangolo che per
lo stress block? No perché lo stress block non lo puoi proprio utilizzare perché non passi per le
deformazioni. Nel momento in cui si va a calcolare il momento di snervamento si devono utilizzare
dei legami del cls che almeno ci facciano entrare nel diagramma delle deformazioni. Come minimo
devo utilizzare il diagramma triangolo rettangolo oppure quello parabola rettangolo che però è
molto più complicato.

1) Caso lineare :

58
Una volta valutato che il cls sta in campo lineare dal diagramma delle deformazioni possiamo
banalmente passare al diagramma delle tensioni. Posso subito determinare l’asse neutro imponendo
l’annullamento del momento statico e da qui ricavo l’asse neutro

Annullamento del momento statico

Qui ci sarebbe da discutere sul valore del coefficiente di omogeneizzazione “ ” che in genere viene
posto uguale a 15. In realtà dipende da quand’è che effettuo il calcolo perché assume valori
diversi a seconda se tenevamo conto di tutti gli effetti reologici del cls come la viscosità e così via.
Ipotizziamo che sto facendo il calcolo immediatamente dopo il getto, allora posso ritenere che
ancora non si siamo sviluppati i fenomeni viscosi e in tal caso dovrei utilizzare il valore reale; con
buona approssimazione però in generale si può utilizzare . Il coefficiente di
omogeneizzazione è il rapporto tra i moduli elastici dei due materiali e lo abbiamo introdotto per
rappresentare un diagramma delle tensioni unico, perché la tensione dell’acciaio è molto maggiore
di quella del cls e quindi se voglio rappresentare oppure sullo stesso diagramma,
quest’ultimo è altrimenti non lo potrei rappresentare sullo stesso diagramma quindi va
portato dall’altro lato perché in campo elastico lineare per avere un unico diagramma delle tensioni
devo per forza dividere per in corrispondenza dell’acciaio.

Siamo in campo lineare e allora utilizzo la formula di Navier, ovviamente, il momento di


snervamento si ha quando l’acciaio raggiunge lo snervamento e quindi . Cioè per determinare il
momento , sto sfruttando questa formula in corrispondenza dell’acciaio quindi al posto di vado
a mettere e al posto di devo mettere la distanza dell’acciaio dall’asse neutro e quindi la mia
sarà ( ).

Formula di Navier con

N.B.: è il momento di inerzia della sezione reagente rispetto all’asse neutro calcolato applicando il
teorema del trasporto ovvero calcolando l’inerzia propria + il trasporto ovvero l’area per la distanza
al quadrato.

59
Nel caso in cui sia presente oltre all’armatura tesa anche quella compressa (caso degli esercizi) si è
fatto riferimento alle seguenti formulazioni:

Per quanto concerne l’annullamento del momento statico che ci consente di ricavare l’asse neutro si
ha:

con

Per quanto riguarda, invece, il calcolo del momento d’inerzia che ci consente di calcolare il
momento di snervamento si ha:

Calcolato il momento di snervamento mi serve poi di volta in volta la coppia – e quindi mi


serve anche la curvatura .

2.3.4. Curvatura relativa a snervamento


La curvatura è sempre la pendenza del diagramma delle deformazioni e quindi consider banalmente
così da poter calcolare tramite una similitudine che serve per verificare se
effettivamente il cls sia in campo lineare :

Se siamo in campo lineare e il calcolo fatto è corretto, altrimenti significa che e


quindi siamo in campo non lineare.

60
2) Caso non lineare

Se siamo in campo non lineare il diagramma delle tensioni non è più lineare ma devo almeno
considerare un legame costitutivo come quello visto prima. Il calcolo è molto simile al calcolo del
momento ultimo nel caso di utilizzo del legame , ma c’è una piccola differenza in quanto mentre
quando abbiamo calcolato il momento ultimo era noto e pari , adesso non è noto ma
dipende a sua volta da e quindi il problema è iterative.

Eq. Traslazione:

Similitudine:

Essendo il procedimento iterativo (perché normalmente io dovrei, dall’equilibrio alla traslazione,


ricavarmi xy ma xy dipende da ma quest’ultimo a suo volta dipende da x y) si può fissare un di
primo tentativo (il valore di primo tentativo, serve solo a fissare il diagramma delle deformazioni e
quindi stabilire bene la posizione dei due tratti), calcolare e poi e ricalcolando che va
confrontato con quello di primo tentativo. Si ci ferma quando si arriva a convergenza.

Una volta determinato xy, il momento allo snervamento lo ricavo dall’equilibrio alla rotazione
intorno all’armatura tesa:

61
2.3.5. Momento di fessurazione
Quando andremo a fare il foglio di calcolo rigoroso del legame momento curvatura, la fessurazione
la trascureremo ma ora vediamo a mano come andrebbe calcolata. Il coincide con il momento
in cui il lembo teso di cls attinge ovvero la resistenza a trazione per flessione. Ovviamente
ricordiamoci che prima della fessurazione la sezione è tutta reagente.

Il calcolo si può fare in maniera rigorosa ( tenendo conto l’armatura) o in maniera approssimata
(trascurando l’armatura). Cioè l'armatura può non essere considerata:

- con armatura: l'asse neutro non coincide con il baricentro perché questo è influenzato
dall'armatura .
Si sceglie come fondamentale il lembo superiore:

- senza armatura: l'asse neutro coincide con il baricentro

N.B.: Cosa comporta il fatto che il modulo elastico del cls teso e compresso è diverso? Sto
trascurando questo aspetto altrimenti devi introdurre oltre ad anche ma noi questo aspetto lo
trascuriamo anche perché cambia veramente poco.

È possibile calcolare il momento di fessurazione con Navier perché prima della fessurazione siamo
in campo lineare:

Trascurando le armature ricordiamo che l’asse neutro coincide proprio con ed anche nella
formula di Navier ovvero la distanza del lembo teso dall’asse neutro mentre l’inerzia è
data semplicemente da ; dunque si ha

Si sono, così, determinati tutti i punti del legame momento curvatura.


62
2.3.6. Costruzione del legame M-X con il “Metodo delle strisce”
Attraverso il “metodo delle strisce” è possibile ricavare per punti il legame tra momento e
curvatura.

Si va a discretizzare la sezione di altezza totale suddividendola con un numero di strisce


equidistanti (ogni -esima striscia sarà caratterizzata da un’altezza ). In realtà potrei
anche usare altezze diverse per le strisce ma non lo faccio per comodità. Si individua per ogni
striscia la distanza tra il suo baricentro e il bordo superiore della sezione. La suddivisione in
strisce non deve interessare solo la parte in cls ma anche le armature ed in particolare, tutte le
armature che si trovano sulla stessa linea è come se rappresentassero una striscia. Chiamo la
distanza dal baricentro della -esima armatura al bordo superiore.

Dunque: indico con il pedice che utilizzo per il cls e col pedice ci riferiamo alle armature.

In questo modo abbiamo discretizzato la sezione e a questo punto per ricavare i due punti
significativi del legame momento curvatura in maniera approssimata abbiamo stabilito la
condizione di snervamento e la condizione di rottura e abbiamo rappresentato il diagramma delle
deformazioni corrispondenti.

Siccome voglio costruire tutti i punti del legame momento curvatura, non ho un unico diagramma
delle deformazioni ma devo fissare per ogni punto un diagramma delle deformazioni differente o
meglio la formula è la stessa ma i valori sono differenti. Allora si fissa un diagramma delle
deformazioni (lineare per l’ipotesi di conservazioni delle sezioni piane) di primo tentativo. Fissare
un diagramma delle deformazioni di tentativo vuol dire che ho fissato un valore di deformazione
della fibra; in particolare fisso la deformazione del cls in corrispondenza del bordo superiore pari a
. Fissata questa deformazione posso riportare anche ovvero la distanza dall’asse neutro dal
bordo superiore. Devo fissare il legame delle deformazioni perché preso il legame costitutivo del cls
( ), è come se stessi suddividendo questo diagramma in tante parti

63
Fissati e l’equilibrio alla traslazione orizzontale da cui ricavare l’asse neutro in
corrispondenza di ogni striscia è possibile ricavare la sua deformazione tramite similitudini tra
triangoli:

Triangoli superiori :

che è possibile fare per ogni striscia con la sola variabile .

Triangolo superiore e inferiore:

64
Per passare dalla deformazione alla tensione bisogna sfruttare i legami costitutivi dei materiali:

- Acciaio:

Considerando il legame elastico-perfettamente plastico:


 se → cioè la zona lineare sia a trazione che a compressione
(diagramma speculare)
 se → ramo plastico diagramma a trazione
 se → ramo plastico diagramma a compressione
Considerando il legame bilineare finito con incrudimento:
 se →
 se →
 se →
con
- Cls:

Il legame rettangolo non si può utilizzare perché non passa proprio attraverso la definizione
delle deformazioni.

Considerando il legame triangolo-rettangolo:


 se (cls in trazione) → perché il cls non è reagente a trazione
 se → perché si è in campo lineare
 se →

65
Si ottiene:

Una volta definito sia il legame delle deformazioni che il legame delle tensioni, posso scrivere
l’equilibrio alla traslazione orizzontale e ricavare la posizione dell’asse neutro.

- Equilibrio alla traslazione:

con:
= numero di strisce
=numero di strati di armatura
= area dell’i-esima striscia
=0 nel caso di sezione semplicemente inflessa

Attraverso l’equilibrio alla rotazione intorno al baricentro geometrico della sezione (in modo tale da
annullare il momento dovuto allo sforzo normale) possiamo ricavare il momento.

- Equilibrio alla rotazione (intorno a G):

I due addendi relativi all’equilibrio alla rotazione sono sempre positivi poiché anche quando in
braccio si trova al di sotto del baricentro geometrico e quindi risulta essere negativo, anche la
corrispondente è negativa e quindi in definitiva il termine complessivo è sempre positivo.

Noto l’asse neutro e noto il momento, conosco anche la curvatura perché essendo quest’ultima, la
pendenza del diagramma delle deformazioni, posso calcolare la curvatura come:

66
Così facendo ho costruito il primo punto del diagramma . Poi fisso il punto successivo nel
legame costituivo e ripeto la procedura e calcolo un altro punto nel diagramma Momento-
Curvatura. Ripeto tante volte questo procedimento fino ad arrivare a rottura in modo da disegnare
tutto il diagramma. La precisione del diagramma dipende dal numero strisce e dal passo con cui
definisco la . Ovviamente bisogna scegliere un giusto compromesso tra la rigorosità dei
calcoli e il tempo necessario ad attuare la procedura.

2.4. Duttilità

Il valore che incide maggiormente sulla duttilità è la curvatura ultima in quanto è sempre
molto piccola.

Stiamo, quindi, definendo la duttilità della sezione.

Poiché lo scopo in zona sismica è quello di aumentare la duttilità, conseguentemente, bisogna


aumentare dunque devono definirsi i parametri che fanno aumentare la curvatura ultima.

La curvatura è la pendenza del diagramma delle deformazioni, in condizioni ultime, nel diagramma
delle deformazioni, un punto noto è sicuramente la perché la rottura avviene lato cls e quindi la
curvatura ultima l’abbiamo definita come:

Quindi i due parametri su cui dobbiamo agire per incrementare la curvatura ultima sono e .

Partiamo dall’asse neutro in condizioni ultime , che in realtà, abbiamo in parte già visto quando
abbiamo calcolato i momenti ultimi resistenti della sezione. In particolare considerando una sezione
solo inflessa abbiamo scritto l’equilibrio alla traslazione ovvero l’equilibrio in cui entra in gioco
l’asse neutro e poi lo abbiamo adimensionalizzato attraverso l’altezza della sezione ricavando la
seguente equazione:

con .

Questa relazione ci permette di capire subito che per variare la profondità dell’asse neutro bisogna
far variare la percentuale meccanica dell’armatura tesa o la percentuale meccanica di armatura
compressa . In particolare:

- Se la percentuale meccanica di armatura tesa aumenta allora anche la profondità dell’asse


neutro lo farà e quindi, siccome l’asse neutro si trova al denominatore della formula della
curvatura, la curvatura diminuisce.
- Se la percentuale meccanica di armatura compressa aumenta allora l’asse neutro si riduce
e quindi la curvatura aumenta.

67
Si capisce come, in zona sismica, per progettare una sezione duttile devo cercare di aumentare la
percentuale meccanica di armatura in compressione . L’effetto della percentuale
geometrica della armatura compressa lo possiamo vedere anche nel legame momento curvatura.

Supponiamo di considerare il legame momento


curvature in figura di una sezione caratterizzata da
(ragioniamo in termini di percentuale
geometrica in compressione invece di percentuale
meccanica tanto abbiamo visto che è lo stesso); è
proprio la percentuale geometrica in compressione
il parametro che mi fa ridurre l’asse neutro e di
conseguenza aumentare la curvatura ultima, quindi
avere un legame momento curvatura di una
sezione con quindi vuol dire che c’è solo
armatura in trazione; mentre, se incremento l’armatura in compressione, il momento resistente
aumenta di poco mentre aumenta in maniera significativa la curvatura ultima.

Data una sezione presso inflessa come per i pilastri è già noto che nell’equilibrio alla traslazione
compare lo sforzo normale adimensionalizzato (rapporto tra sforzo normale sollecitante e sforzo
normale resistente del solo cls); si è ricavato che:

con

Si è osservato che:

- L’incremento di sforzo normale


adimensionalizzato comporta un aumento del
valore dell’asse neutro cioè l’asse neutro
scende e la curvatura ultima si riduce.
- Il decremento dello sforzo normale
adimensionalizzato comporta una riduzione
del valore dell’asse neutro cioè l’asse neutro
sale e la curvatura ultima aumenta.

Quindi la presenza dello sforzo normale ha un effetto non benefico sulla sezione. Anche questo
parametro lo possiamo vedere come effetto nel diagramma momento curvatura. Man mano che lo
sforzo normale adimensionalizzato passa da zero a valori sempre crescenti, si nota come si ha un
incremento del momento resistente della sezione ma si ha una riduzione significativa della
curvatura ultima e quindi una riduzione della duttilità.

68
2.4.1. Parametri che influenzano l’asse neutro ultimo xu
Gli andamenti del diagramma momento curvatura al variare della percentuale geometrica di
armature compressa e dello sforzo normale adimensionalizzato ci permettono di spiegare il perché
la normativa fornisce delle limitazioni per le travi (elementi inflessi) e per i pilastri (elementi presso
inflessi).

2.4.1.1. Travi
Le limitazioni di normativa connesse al concetto di duttilità sono espresse al #Capitolo7
Progettazione per azioni sismiche NTC2018.

#7.4.6.2.1. Travi:

( Si chiamano “Zone Dissipative” per l’NTC2018 e “Zone Critiche” per l’NTC2008)

All’interno di un elemento si possono distinguere, appunto, le zone dissipative in cui bisogna


garantire una maggiore duttilità e infatti la normativa impone che la percentuale geometrica di
armatura compressa deve essere superiore al 50% della percentuale geometrica dell’armatura tesa e
non più al 25%. Ogni limitazione di normativa ha dei fondamenti teorici e molte di queste
limitazioni sono proprio legate al concetto di duttilità.

2.4.1.2. Pilastri
#7.4.4.2.1. Pilastri - Verifiche di Resistenza (RES) - Pressoflessione:

Per le strutture, suddivise dalla norma in classi di duttilità alta e bassa , la domanda a
compressione non deve eccedere del 55% o 65% la capacità massima a compressione della sola
sezione in cls ; cioè si sta limitando lo sforzo normale adimensionalizzato :

A
B

2.4.2. Parametri che influenzano la deformazione ultima εcu


Quando si è studiato il legame costitutivo del cls sottoposto a sola compressione si è detto che la
deformazione ultima del cls rispetto a quella dell’acciaio è molto piccola; in realtà, non è sempre
così, infatti, per i legami costituitivi pluriassiali ha molta importanza la zona di doppia
compressione in quanto, grazie all’applicazione di una tensione trasversale si ha un duplice
effetto benefico:

1) si fa incrementare la resistenza ma questo ci interessa relativamente poco:


2) si fa incrementare la deformazione ultima , quindi la curvatura ultima aumenta e
dunque aumenta la duttilità .

69
Visto che il cls è caratterizzato da valori di deformazione ultima molto bassi devo applicare una
tensione radiale . Non lo posso fare in maniera diretta ma in maniera indiretta o passiva attraverso
il confinamento.

Se prendiamo il nostro cilindro di cls, soggetto a compressione in direzione verticale, sappiamo che
l’elemento tende ad accorciarsi nella direzione di applicazione della sollecitazione e si dilata
trasversalmente. Come applico in maniera indiretta la tensione trasversale? La cosa più semplice è
inserire un confinamento e per capirlo facciamo l’ipotesi di inserire un tubo di acciaio di spessore
intorno al cilindro di acciaio. In tal caso, quando applico la tensione verticale al mio cilindro di cls,
esso tenderebbe accorciarsi e a spanciare lateralmente ma essendoci l’acciaio intorno, esso non può
farlo. In altre parole è noto che il cilindro di cls sottoposto ad una tensione di compressione tende a
dilatare e se si cercasse di limitare questa dilatazione è come se si stesse applicando una tensione
confinandolo. È possibile, dunque, confinare idealmente il cilindro attraverso un tubo di acciaio
che risulta teso perché il cls tende a dilatare mentre il cls è compresso dal tubo.

Se considero metà tubo e considerando una tensione (in realtà la tensione massima del tubo di
acciaio non è ma in questo ragionamento stiamo trascurando l’incrudimento); chiamo con , le
tensioni radiali di confinamento.

70
Scriviamo la condizione di equilibrio di un tubo di altezza sezionato lungo il diametro. Il nostro
obiettivo è quello di ricavare la sigma radiale.

Equilibrio:

con:
= pressione di confinamento;
= perimetro (circonferenza) della base del tubo;
= volume di acciaio;
= volume di cls compreso nel cilindro.

Dunque il valore della tensione di confinamento ovvero , dipende dal rapporto tra il volume di
acciaio dell’elemento che utilizzo per confinarlo, in questo caso ho utilizzato un tubo, diviso il
volume di cls confinato cioè compreso all’interno di questo elemento. Questo è il caso della
tensione di confinamento esplicata da un tubo di acciaio, ma questo discorso lo abbiamo fatto
soltanto per capire l’aspetto fenomenologico.

Tale concetto, poi, lo possiamo tradurre in termini di legame costitutivo del cls.

71
2.4.3. Traduzione degli aspetti fisici in un modello (Legame Costitutivo)
Se riportiamo il legame costitutivo del cls non confinato notiamo che esso è caratterizzato da un
certo valore di resistenza e un valore di deformazione ultima; nel momento in cui andiamo a
confinare il cls, il legame costitutivo cambia in quanto il confinamento ci fa sia aumentare la
resistenza in quanto passiamo da a (l’ulteriore pedice sta per “confinato”) e sia aumentare
la deformazione ultima passando da a .

Abbiamo poi bisogno di modelli che ci permettono di tradurre questi concetti in espressioni per fare
i calcoli. Uno dei più noti modelli di riferimento è quello di Mander ma nell’NTC2018 (che
riprende i concetti dell’EU8) si fa riferimento ad una data dalla seguente espressione:

Ma con non è specificato il modo con cui è eseguito il confinamento (di solito attraverso staffe).

Considerando un tubo di acciaio si ha:

Sapendo che:

= percentuale geometrica volumetrica di acciaio di confinamento

= percentuale meccanica volumetrica di acciaio di confinamento

Quindi:

72
Nella realtà, il confinamento è fatto con le staffe e non con il tubo di acciaio quindi inevitabilmente
dobbiamo modificare la formula per due motivi riportati in seguito. Consideriamo la sezione
verticale di un pilastro:

1) Si passa da un sistema continuo ad un sistema discontinuo in quanto le staffe sono ad una certa
distanza l’una dall’altra.

2) mentre prima il confinamento lo effettuavamo con un tubo che racchiudeva completamente la


nostra sezione, adesso le staffe stanno all’interno della sezione e non più all’esterno e quindi c’è un
aspetto fondamentale da tenere presente ovvero la presenza del copriferro cioè la parte di cls che
ricopre le staffe. Il copriferro in realtà non è confinato e la parte di cls confinata è solo quella
interna alle staffe. Per tale motivo definiamo due zone: quella interna confinata e quella esterna non
confinata. Inoltre, bisogna aggiungere che non tutta la parte interna alle staffe risulta essere
efficacemente confinata perché bisogna tener conto di alcuni aspetti legati alle caratteristiche delle
staffe e alla tipologia di sezione che abbiamo. Mi aspetto che le staffe non siano completamente
efficienti e quindi devo introdurre nella formula che mi da la deformazione ultima del cls confinato,
un parametro che tenga conto di questa inefficienza delle staffe ( ).

Se utilizzo le staffe la prima modifica che apporto è quella di mettere al posto di , dove
sta per staffe cioè metto la percentuale meccanica volumetrica delle staffe. Inoltre per tener conto di
questo aspetto di inefficienza delle staffe devo introdurre un coefficiente che prende il nome di
“coefficiente correttivo di inefficienza”.

N.B.: questo sarebbe il modello previsto dalla normativa o è valido a prescindere dalla normativa?
Il modello è generale cioè sono modelli di letteratura, poi, la normativa ha preso questi modelli e li
ha particolarizzati al caso in esame.

# Capitolo 4 – NTC2018

con
73
Per tener conto dell’inefficacia delle staffe, dunque, introduciamo questo coefficiente correttivo
che è dato dal prodotto di due fattori e perché l’inefficacia delle staffe si deve valutare sia in
orizzontale (a livello di sezione) che in verticale (a livello di elemento). Vediamo prima questi
aspetti da un punto di vista fenomenologico e poi vediamo come si traducono in termini analitici
all’interno della formula.

 Efficacia delle staffe in orizzontale (a livello di sezione)


Dipende dalla forma della sezione cioè se è circolare o rettangolare. Individuiamo le
armature longitudinali e la staffa che va a confinare il cls. La parte esterna ovvero il
copriferro sicuramente non è confinata mentre la parte racchiusa dalle staffe rappresenta il
cls confinato.
N.B.: quando parliamo di copriferro ci si riferisce al copriferro netto ovvero dall’esterno
della barra e fino al bordo di cls e non dal baricentro della barra.

Sezione circolare Sezione quadrata

Se la sezione è circolare e quindi la staffa è All’esterno della staffa c’è sempre il copriferro in cls che
circolare, la staffa è tutta efficiente e è sempre una zona non confinata e poi però non tutto il
quindi l’area di cls confinata è proprio nucleo di cls racchiuso dalla staffa risulta confinato
tutto ciò che è racchiuso dalla staffa perché perché ci sono dei punti in cui l’efficacia è massima (in
il sistema è assial simmetrico e quindi corrispondenza delle barre longitudinali) e dei punti in
l’efficienza è uguale in tutti i punti. cui l’efficacia si riduce. Questo è stato visto
sperimentalmente e la zona di cls interno, che è
effettivamente confinata, è quella evidenziata in rosso. Si
individua quindi un contorno delimitato da parabole che
racchiude zone non confinate.

Perché l’efficacia della staffa va via via riducendosi? Perché quando il cls soggetto a
compressione tende a dilatare trasversalmente spinge sulla staffa ed essendo la staffa un
elemento deformabile, più la lunghezza della staffa è grande e meno il cls sarà confinato.
Quindi la soluzione più semplice da adottare è quella di ridurre la lunghezza del braccio
della staffa e ciò lo posso fare inserendo delle barre longitudinali intermedie perché se i
punti in cui ci sono le barre longitudinali l’efficienza è massima allora aumento l’efficienza
complessiva perché si è ridotto il braccio della staffa.

74
Per questo la normativa limita la distanza tra le barre longitudinali in modo da aumentare la
zona confinata.

In realtà c’è anche un altro effetto che però è collegato non tanto alla sezione orizzontale ma
alla sezione verticale. Se andiamo al # Capitolo 7 –Dettagli costruttivi NTC2018 troviamo
che in zona sismica le staffe devono essere chiuse nel senso che devono avere i ganci
inclinati di rispetto alla verticale ed una lunghezza di prolungamento
all’interno del cls che deve essere maggiore di 10 volte il diametro della staffa
( .

Perché questo dettaglio costruttivo è legato al confinamento?


Questo limite è legato al confinamento proprio perché se la staffa non fosse chiusa, non
riuscirebbe ad esercitare il confinamento; infatti, se fosse aperta, il copriferro salterebbe,
dunque, è necessario che la staffa sia ancorata al cls interno.
Ci domandiamo allora perché sia necessaria l’inclinazione a 135° dei ganci e non una
semplice staffa chiusa. Innanzitutto nella zona esterna del copriferro non c’è confinamento e
quindi quando arriva il sisma, la prima cosa che salta è il copriferro e quindi la staffa non è
più vincolata da niente e quindi quando poi il cls tende a spingere non c’è niente che si
oppone a tale spinta e il tutto tende ad aprirsi.
Questi concetti a livello europeo si conoscono dagli anni ‘80 ma poi per motivi legati alla
maggiore difficoltà di sagomare le staffe non sempre veniva fatto in cantiere.

Nella sezione, oltre alle staffe possono trovarsi le “legature” (o “tiranti”) che connettono
due bracci opposti della staffa e, contemporaneamente circondano la barra longitudinale. Se
vediamo la sezione verticale di un pilastro e immaginiamo che sia una sezione inflessa o
pressoinflessa, ci saranno delle armature compresse e delle armature tese. Le armature in
compressione hanno un problema legato all’instabilità e quindi quando queste armature
longitudinali compresse tendono a instabilizzarsi, spingono sulla staffa e se la staffa non è
chiusa bene non riesce a sopportare questa azione e tende facilmente ad aprirsi. Però per
75
migliorare il grado di vincolo e fare in modo che queste barre longitudinali che tendono a
instabilizzarsi, spingano di meno sulle staffe, si inseriscono questi tiranti che collegano le
barre compresse alle barre tese in modo tale che quando le barre compresse tendono a
instabilizzarsi viene chiamata in gioco anche l’altra barra e si ha una riduzione della spinta
sulla staffa. La normativa poi, ci da una limitazione del passo tra le staffe proprio per
limitare l’instabilizzazione per le barre; mentre poi, proprio per garantire un miglior
confinamento e fare in modo che le barre compresse spingano di meno sulla staffa, si
collega con questo tirante (legatura).

N.B.: Le legature vengono messe fuori calcolo?


Le staffe le progetti a taglio però non le progetti solo per quello ma anche per il
confinamento. Quindi le legature non vengono fuori dal calcolo, se per calcolo ti riferisci
alla verifica a taglio, ma vengono fuori dal calcolo relativo al confinamento e la norma ti
fornisce delle indicazioni proprio relativamente a questo aspetto.
N.B.: la legatura deve prendere sia la staffa che le barre longitudinali affinché sia
correttamente posizionata.

Fatti tutti questi ragionamenti è possibile dire che:

per sezioni circolari

per le altre sezioni

In particolare in normativa la formula di è stata scritta facendo riferimento al modello di


Mander:

dove è distanza di interasse tra le barre. Il denominatore è come se fosse un volume di cls
confinato e invece il numeratore è come se fosse rappresentativo dell’andamento parabolico.

76
 Efficacia delle staffe in verticale (lungo l’elemento)
Consideriamo una sezione verticale con le barre di armatura longitudinali e con le staffe
poste ad una certa distanza l’una dall’altra. Anche in questo caso possiamo identificare
una zona di cls racchiusa tra le staffe che è effettivamente confinata, ed una parte che
invece, non è confinata.

Se il passo delle staffe diminuisce, si incrementa la zona di confinamento quindi, in questo


caso, il parametro di maggiore influenza è proprio .

Visti gli aspetti fenomenologici, vediamo come questi si traducono in termini analitici.
Considerando la percentuale meccanica volumetrica delle staffe si ha che:

Per sezioni regolari (quadrata, rettangolare..) la percentuale geometrica volumetrica di staffe


è calcolata come somma delle nelle direzioni e . Consideriamo la seguente
sezione rettangolare:

dove e sono misurate dalla asse delle barre e non dal lembo esterno delle barre.

77
Si ha:

dove :

Generalmente, , dunque, viene definito il perimetro complessivo delle


staffe (sia staffe che tiranti):

Questa forma è molto utile perché nelle sezioni non regolari non è
facile distinguere i bracci in x e in y. Nelle sezioni esagonali ad
esempio è difficile capire quale braccio entra in x e in y e allora
andiamo a ragionare direttamente in termini di perimetro.

Dunque:

Formula derivante dal rapporto tra volume confinato e non confinato.

Ricapitolando:

dove:

- con:

- con:

 con:

78
2.4.3.1. Esempio numerico

 per la sezione quadrata


( e sono le lunghezze dei bracci della staffa in direzione e rispettivamente.
Tali lunghezze sono valutati in asse con la staffa)

1 =

(Nel numero di bracci si considerano sia le staffe che le legature).


-

Quindi:

Da ciò si evince che l’incremento di deformazione ultima tra cls non confinato e confinato è
notevole:

79
2.4.4. Legame costitutivo di Mander (1984)
Viene riportato sullo stesso diagramma sia
il legame costitutivo del cls non confinato che
quello confinato. In realtà Mander fa anche di più
perché, come abbiamo visto in precedenza, il cls
presenta anche un ramo discendente che però non
è mai arrivato a zero. Mander, invece, tiene conto
del cls non confinato del copriferro e ci dice che,
una volta superato il valore di , fa assumere
una retta che va da questo valore fino ad dove
il pedice sta per “spalling” che in inglese
significa espulsione (fenomeno di espulsione del
copriferro). La curva riportata in alto invece è relativa al cls confinato. Il legame costitutivo si
modifica sia in termini di resistenza passando da ad ’ (si incrementa la resistenza) sia in
termini di incremento di deformazione.

Perché è così importante il legame costitutivo ricavato da Mander?

Perché Mander ci da proprio la funzione del legame sigma epsilon e quindi può essere
implementato in un software o in Excel. È una funzione unica sia per per descrivere sia il ramo
ascendente che discendente del legame costitutivo in modo unico cioè in termini di e non di
allungamento.

L’espressione che ci fornisce Mander nel caso di cls confinato è la seguente:

con:

con

dove:

dove:

80
N.B.: Anche nel SAP è implementato il legame costitutivo di Mander ma per poterlo sfruttare
bisogna andare su section define dove possiamo definire o delle sezioni predefinite oppure andiamo
a definire manualmente una sezione e così facendo troviamo l’opzione section define in cui
possiamo dare una forma qualsiasi alla sezione, possiamo riportare le armature e il software
costruisce sia il legame momento curvatura sia i domini di resistenza. Una cosa particolare è che,
essendo definito tutto per coordinate, alla parte esterna possiamo assegnare un certo legame
costitutivo relativo al cls non confinato, mentre, alla parte interna possiamo assegnare il legame
costitutivo del cls confinato e tra i vari legami costitutivi il SAP ci permette di caricare proprio
quello di Mander. Questo metodo è molto più preciso in quanto noi in genere con i calcoli
semplificati andiamo a considerare solo il cls interno confinato trascurando il contributo del
copriferro.

Ma qual è il reale vantaggio di questo legame costitutivo? Per capirlo dobbiamo andare a definire
direttamente il confinamento attraverso l’espressione di .

Definisce una tensione laterale come quando si è ricavato il confinamento in cui inizialmente si
applica una tensione laterale con il tubo o con le staffe; anche qui, definiamo una pressione che
possiamo applicare con qualsiasi strumento.

Secondo lo stesso principio si introduce ovvero un coefficiente di efficienza (simile al


coefficiente ):

dove:

sarebbe l’area complessiva della sezione di cls ovvero si sottrae all’area complessiva di cls
( ) l’area occupata dalle barre di armatura.

è l’area effettivamente confinata.

Nelle strutture in c.a. il confinamento si fa con le staffe quindi


rifà lo stesso ragionamento che si è fatto in precedenza
sostituendo alle formule prese per buone di ed mentre
Mander le ricava direttamente.

Considerando la sezione circolare:

Chiamo il diametro della sezione di cls e il diametro


della sezione racchiusa dalla staffa (valutato in asse alla staffa).

Disegniamo anche la sezione verticale perché per una sezione


circolare siccome vi è assial simmetria non c’è inefficienza in
orizzontale. L’inefficienza però la abbiamo in verticale perché
81
le staffe sono distanziate l’una dall’altra con un certo passo: è il passo tra le staffe e valutato in
asse con le staffe; mentre, è la distanza in verticale tra le staffe.

Dalla sperimentazione Mander ha visto che per effetto di questi elementi discontinui (staffe) si
creano delle zone inefficaci delimitate da parabole che hanno una tangente iniziale inclinata a 45°.

L’area effettivamente confinata è l’area del cerchio con un diametro ridotto cioè ( )
che rappresenta il diametro effettivo della zona confinata.

L’ sarebbe l’area della sezione confinata a cui viene sottratta l’area occupata dalle armature.

Se trascurassimo l’area delle armature e quindi mettessimo al posto di proprio l’intera sezione
di cls confinato ovvero , si ritorna all’espressione del coefficiente che abbiamo scritto in
precedenza. In altre parole la normativa opera una semplificazione considerando il contributo di
trascurabile, dunque, il coefficiente di efficienza diviene:

Si tratta di un coefficiente che tiene conto dell’efficienza in verticale per una sezione circolare così
come si è introdotto il coefficiente per la sezione rettangolare. Dalla norma si ha:

Dato che per la sezione circolare si ha: si ottiene proprio la stessa espressione di
che ritroviamo in normativa:

Questo spiega come le formule di normativa derivino dal modello di Mander anche se questo risulta
essere più preciso per due ragioni:

- al posto di usa
- all’area della sezione confinata viene sottratta l’area occupata dalle armature

82
Considerando la sezione rettangolare:

Anche qui identifichiamo delle zone inefficaci delimitate da parabole inclinate a 45°.

(nel disegno è indicato come ) è la distanza tra i bracci più esterni della staffa misurati sempre
in asse alla staffa. La grandezza che, però, devo chiamare in gioco è .

In verticale lo devo vedere nell’altra direzione cioè avrò .

Nel caso della sezione rettangolare bisogna considerare oltre all’efficienza delle staffe in verticale
anche l’efficienza delle staffe in orizzontale che dipende dalla distanza tra le armature
longitudinali che Mander chiama .

L’area delimitata dalle parabole è data da:

Quindi:

83
2.4.5. Valutazione della duttilità per elementi inflessi e pressoinflessi
L’obiettivo è quello di ricavare delle formule anche approssimate che ci permettono di capire come
è possibile progettare una sezione per duttilità.

2.4.5.1. Elementi inflessi (travi)

A livello di sezione si è definita la duttilità in termini di curvatura come , quindi per


dettagliare da cosa dipende la duttilità si andranno a specificare le singole curvature.

In realtà queste espressioni le abbiamo già ricavate ma le andiamo a riprendere.

2.4.5.1.1. Curvatura ultima


Consideriamo una sezione semplicemente inflessa, avremo un certo asse neutro e se vado a
rappresentare il diagramma delle deformazioni, in condizioni ultime, la deformazione che governa il
problema è quella del cls compresso ; poi abbiamo e rispettivamente delle armature tesa e
compressa:

Si ricorda che la curvatura non è altro che la pendenza del diagramma delle deformazioni, dunque:

Si è già giunti alla conclusione che l’asse neutro ultimo dipende dalla percentuale meccanica di
armatura tesa e compressa e e si è ricavata quella dipendenza passando dal diagramma delle
deformazioni a quello delle tensioni utilizzando lo stress block invece degli altri legami perché
vogliamo ottenere una formula semplificata. Quindi traccio il diagramma delle tensioni ipotizzando
che entrambe le armature siano snervate.

84
Scrivo l’equilibrio alla traslazione:

Si adimensionalizza dividendo per :

Ricordando che si ottiene:

Quindi la curvatura ultima diviene:

2.4.5.1.2. Condizione di Snervamento


In condizioni di snervamento avrò una certa profondità dell’asse neutro e sappiamo che il
problema è governato dall’acciaio ovvero quando l’acciaio teso raggiunge lo snervamento che
diventa allora il punto noto della deformazione.

L’espressione della curvatura relativa allo snervamento deriva, appunto, dal fatto che si considera
come deformazione ultima quella di snervamento dell’acciaio:

85
Abbiamo detto però che quando l’acciaio è allo snervamento, il cls può stare tanto in campo
elastico, tanto in campo inelastico, ma siccome il nostro obiettivo è quello di ricavare una formula
semplificata, supponiamo che il cls sia in campo elastico così da poter rappresentare più facilmente
il diagramma delle tensioni con andamento lineare. Quindi nel diagramma delle tensioni avremo
in corrispondenza dell’armatura tesa, traccio tratteggiato il diagramma sotto l’asse neutro,
perché il cls non lo consideriamo resistente a trazione e poi al di sopra dell’asse neutro il
diagramma è triangolare indipendentemente dal valore di al lembo compresso della sezione.

Introduciamo la grandezza che chiamiamo “braccio della coppia interna” che consideriamo come
(con pari all’altezza utile della seszione). è la distanza tra la risultante della
compressione e della trazione (in campo elastico). Di conseguenza, la distanza dalla forza al
lembo compresso (superiore) è pari a e trascurando il contributo dell’armatura compressa
(essendo questa una trattazione semplificata), la risultante di questo diagramma triangolare è
proprio la risultante della compressione che si troverà, allora, a distanza pari a dal bordo
superiore; dunque:

Da ciò si evince che la curvatura è:

2.4.5.1.3. Duttilità elementi inflessi

A questo punto, ricavata la curvatura allo snervamento, ho un espressione sia della curvatura ultima
che la curvatura allo snervamento e quindi posso ricavare la duttilità.

Si può trascurare la curvatura allo snervamento (questa semplificazione la possiamo fare perché la
curvatura allo snervamento è un valore molto piccolo e quindi al numeratore anche se non lo
mettiamo cambia veramente poco). Dunque:

Considerando cioè il copriferro si ha:

dove .

86
È possibile utilizzare questa formula (non la ritroviamo nella nostra normativa NTC ma
nell’Eurocodice 8) per progettare in duttilità un elemento semplicemente inflesso in modo da
ricavare quanta armatura mettere in sezione per avere una predeterminata duttilità (in genere si
assumono valori di 8 o 10 come duttilità). Il termine di progetto sarà, dunque .

2.4.5.1.4. Progettazione

Isoliamo il termine di progetto :

Conviene passare dalla percentuale meccanica alla percentuale geometrica di armatura e


ricordando che si ha:

L’EC8 fornisce una limitazione in merito per avere sempre un valore minimo di duttilità prefissato:

Esempio:

Supponiamo di voler progettare la sezione con un fattore di duttilità pari a .

Utilizziamo un acciaio con e e per il cls si ha


( non lo esplicitiamo in modo tale da ottenere un progetto in funzione della
tipologia di cls che vogliamo utilizzare).

Dunque:

Questo è proprio il valore che viene riportato nell’ Eurocodice 8 che ci dice che nel caso di travi in
zona sismica, affinchè sia garantito un certo valore di duttilità (non riporta però il valore) bisogna
utilizzare .

87
2.4.5.2. Elementi pressoinflessi (pilastri)
Consideriamo una sezione rettangolare soggetta sia a momento flettente che a sforzo normale
(ovvero flessione composta) in cui abbiamo (armatura tesa) e (armatura compressa)
ipotizzando sempre che entrambe le armature siano snervate.

L’obiettivo è sempre quello di arrivare ad una formula per la duttilità che in generale può essere
sempre espressa come:

Quindi per dettagliare da cosa dipende la duttilità si andranno a specificare le singole curvature:

2.4.5.2.1. Curvatura ultima

Si ricorda che la curvatura non è altro che la pendenza del diagramma delle deformazioni, dunque:

Dall’equilibrio alla traslazione si ha:

Si adimensionalizza dividendo per in modo da far comparire alcune grandezze note:

88
Ricordando che la percentuale meccanica di armatura tesa è pari a e che lo sforzo

normale adimensionalizzato è pari a si ottiene:

Nei pilastri, in genere, si ha armatura simmetrica, dunque quindi:

Quindi la curvatura ultima diviene:

2.4.5.2.2. Condizione di Snervamento

Ricordando l’ipotesi di armatura simmetrica che in genere è prevista nei pilastri, si ha che
l’asse neutro in campo elastico nella condizione di snervamento passa per il baricentro della sezione
a causa del contemporaneo snervamento delle armature che generalmente avviene per sezioni
armate appunto simmetricamente. Dunque il diagramma delle deformazioni è a farfalla con sia
in corrispondenza dell’armatura tesa che compressa. Se chiamo il copriferro, allora la distanza tra
le due armature è proprio – . La curvatura allo snervamento allora la posso scrivere come:

Considerando come ulteriore semplificazione si ha:

89
2.4.5.2.3. Duttilità elementi pressoinflessi

A questo punto ho una relazione sia per la curvatura ultima che per la curvatura allo snervamento e
posso andare a sostituirle nella definizione di duttilità facendo anche qui un ulteriore
semplificazione ovvero quella di definire la duttilità come il rapporto tra la curvatura ultima e quella
di snervamento.

È possibile, dunque, utilizzare questa formula per progettare in duttilità un elemento presso inflesso.
Si può notare come nel caso di elementi presso inflessi, la duttilità dipende da e da mentre
è abbastanza fisso. Quindi per aumentare la duttilità posso seguire due strade:

1) Limitare lo sforzo normale adimensionalizzato ν perché se questo diminuisce, la duttilità


aumenta (posso agire poco perché potrei solo aumentare la classe di cls ma cambia poco);
2) Confinare il cls in modo che la deformazione ultima aumenti facendo, di conseguenza,
aumentare la duttilità.

Il parametro con il quale si può incidere maggiormente sulla duttilità è la deformazione ultima .
Vediamo, quindi, come fare entrare il confinamento all’interno della duttilità ovvero come bisogna
modificarne la formula al fine di considerare anche l’effetto del confinamento. La duttilità la
abbiamo ricavata come:

Per quanto riguarda la curvatura allo snervamento la presenza o meno del confinamento non
comporta modifiche in quanto la curvatura allo snervamento dipende solo dall’acciaio . Mentre, il
confinamento interviene nella definizione della curvatura ultima:

Curvatura ultima senza confinamento Curvatura ultima con confinamento

dove è la deformazione del cls confinato

Consideriamo allora la curvature ultima con confinamento e analizziamone i termini:

dove:

è l’asse neutro ultimo.

90
C’è una correzione da fare nell’espressione di , perché il confinamento normalmente lo facciamo
con le staffe e queste sono interne alla sezione dunque non tutta la sezione di cls in realtà è
confinata e in particolare dobbiamo escludere sicuramente il copriferro e poi anche una parte
interna.

La grandezza sarebbe la distanza tra i due bracci della staffa valutati in asse alla staffa. Se ci
facciamo caso, definisce proprio il nucleo confinato, quindi, quando vado a ricavare ho
sfruttato l’equilibrio alla traslazione in cui non devo mettere ma perché la parte di cls
effettivamente confinata è .

Quindi riscriviamo l’equilibrio nella traslazione tenendo conto di questo aspetto (ricordandoci che
siamo innanzitutto in condizioni ultime):

perché

dunque:

dividendo e moltiplicando per si ottiene:

La curvatura ultima, allora, diviene:

Quindi la duttilità diventa:

Il termine è quello che permette di progettare una sezione con una certa duttilità sfruttando
il confinamento.

91
2.4.5.2.4. Progettazione

Si va ad isolare dalla formula della duttilità il termine :

Si divide per :

Questa formula ci permette di progettare il quantitativo di staffe al fine di ottenere una certa duttilità
come da normativa al #7.4.6.2.2:

Dettagli costruttivi per la duttilità


Per le zone dissipative allo spiccato dei pilastri primari e per le zone terminali di tutti i pilastri
secondari devono essere eseguite le verifiche di duttilità indicate al § 7.4.4.2.2. In alternativa, tali
verifiche possono ritenersi soddisfatte se, per ciascuna zona dissipativa, si rispettano le limitazioni
seguenti:
[7.4.29]

[7.4.30]
dove:
è il rapporto meccanico dell armatura trasversale di confinamento all interno della zona
dissipativa (il nucleo di calcestruzzo è individuato con riferimento alla linea media delle staffe) che
deve essere non minore di 0,12 in CD”A” .
è la domanda in duttilità di curvatura allo SLC;
è la forza assiale adimensionalizzata di progetto relativa alla combinazione sismica SLV ();
è la deformazione di snervamento dell acciaio;
è la profondità della sezione trasversale lorda;
è la profondità del nucleo confinato (con riferimento alla linea media delle staffe);
è la larghezza minima della sezione trasversale lorda;
è la larghezza del nucleo confinato corrispondente a (con riferimento alla linea media delle
staffe);
è il coefficiente di efficacia del confinamento, uguale a con:
a) per sezioni trasversali rettangolari
[7.4.31a]

[7.4.31b]

dove: è il numero totale di barre longitudinali contenute lateralmente da staffe o legature,


è la distanza tra barre consecutive contenute e è il passo delle staffe;
92
b) per sezioni trasversali circolari con diametro del nucleo confinato D0 (con riferimento alla
linea media delle staffe)
[7.4.31c]
[7.4.31d]
dove: è il numero totale di barre longitudinali contenute lateralmente da staffe o legature,
è la distanza tra barre consecutive contenute, = 2 per staffe circolari singole, = 1 per
staffa a spirale.

N.B.: Qual è la differenza tra l’NTC 2008 e l’NTC 2018?

L’ NTC 2008 parlava di limitazioni geometriche e di armatura mentre l’NTC 2018 è più esplicita
infatti per i dettagli costruttivi va a specificare quali sono le limitazioni per la duttilità e in
particolare al posto Del valore è riportato (cioè è ancora più a vantaggio di sicurezza e poi
dipende dalle approssimazioni che si fanno). Inoltre c’è una differenza di simbologia in quanto la
duttilità la norma la chiama ma è la stessa cosa.

Il confinamento ci permette di modificare principalmente quella che è la deformazione ultima del


cls. Questa formula era riportata sull’Eurocodice 8 che poi è stata ripresa nelle NTC 2018 ma come
già specificato questa deriva dal modello di Mander.

93
3. L’Elemento
L’obiettivo è sempre quello di individuare i vari parametri che governano la duttilità. A questo
proposito è particolarmente importante riprende il concetto di aderenza.

Si è fatto riferimento al modello di barra d’acciaio immersa in un blocco di cls soggetta ad una forza
di trazione. Indico con la tensione che nasce in corrispondenza della barra, ovviamente sarà
pari alla forza applicata diviso l’area della sezione trasversale della barra:

Si è detto che l’aderenza è quel fenomeno che consente il trasferimento delle tensioni a cui è
soggetta la barra al cls. Nelle sezioni di estremità la tensione s ( tensione dell’acciaio) parte da un
certo valore, per effetto del fenomeno dell’aderenza la barra si scarica e il cls si carica, quindi la
tensione nell’acciaio va via via riducendosi mentre quella nel cls teso parte da zero alle due
estremità e si incrementa fino ad un valore massimo.

Quando viene superata


(massima tensione di trazione nel cls,
quindi resistenza massima a trazione
del cls) si ha la comparsa di una fessura
e l’elemento si divide in due conci.
Posso continuare a rappresentare
l’andamento della s e della ct di
questi due conci in cui è diviso
l’elemento, poiché in corrispondenza
della fessura, la tensione nel cls è pari a
zero mentre la barra si ritrova a portare
la s .

A questo punto il processo si ripete e se si arriva alla massima resistenza del cls ci saranno
delle nuove fessure e così via.

In realtà si è visto sperimentalmente che ad


un certo punto si arriva arriva alla
“condizione di fessurazione stabilizzata”
dove non si formano più fessure ma si
assisterà all’apertura di quelle che sono già
presenti (ovviamente nel tempo
all’aumentare nel carico).

94
3.1. Elemento trave
Il nostro obiettivo è quello di traslare il concetto di aderenza all’elemento. Vediamolo per un
elemento inflesso, ad esempio una trave appoggiata-appoggiata soggetta ad un carico (forza
concentrata in mezzeria). Ci si soffermerà, allora, sulla costruzione del diagramma delle
deformazione e delle tensioni per un concio compreso tra due fessure in condizione di fessurazione
stabilizzata cioè quando si sono già aperte tutte le fessure che si potevano aprire. Siamo più o meno
nella stessa condizione precedente ad eccezione delle fessure che in questo caso non arrivano, come
prima, fino al bordo superiore, poiché l’elemento è inflesso, quindi ci sarà una certa posizione
dell’asse neutro quindi si potrà distinguere una zona compressa e una zona tesa che è quella in cui si
forma la fessura. Andrò pertanto ad isolare un concio compreso tra due fessure, chiamo la
distanza tra le due fessure del concio considerato, per particolarizzarlo mi rappresento il diagramma
del momento, al fine di caratterizzare le sollecitazioni a cui è soggetto questo concio, per uno
schema di trave app.-app. con una forza al centro avremo un certo diagramma del momento, in
corrispondenza di due lesioni, dunque, avrò due valori differenti del momento ed :

Sull’i-esimo concio vedo le tensioni s1 e s2 , cioè le tensioni che ci sono nella barra nelle sezioni 1
e 2, le si sono diverse, rappresento nel concio compreso tra due fessure anche le ad, a
dimostrazione del fatto che la barra tenderà a scaricare e si caricherà il cls. Ad ogni sezione che mi
definisce la fessura, posso associare la sezione trasversale rettangolare ma nulla vieta che la mia
sezione abbia una forma qualsiasi. Questa sezione trasversale del generico elemento è caratterizzata
da una larghezza che chiamo by poiché essa potrebbe variale lungo l’asse y. Supponendo che questa
sia la sezione trasversale in corrispondenza della fessura 1, se si è formata la fessura, sicuramente
non vale più l’ipotesi di perfetta aderenza acciaio-cls, allora vorrà dire che dovrò necessariamente
considerare gli scorrimenti che si formano. Lo scorrimento lo abbiamo definito come lo scorrimento
assiale della barra d’acciaio e lo spostamento del cls intorno alla barra. Dato che l’elemento è
inflesso, la parte superiore è compressa (schiacciamenti), mentre inferiormente ho degli
allungamenti.

95
Possiamo definire lo scorrimento come:

dove:

è lo scorrimento;

è lo spostamento assiale della barra;

è lo spostamento del cls teso alla quota della barra.

Perché queste sono funzioni di ? Perché questi spostamenti possono essere diversi in funzione
della sezione in cui mi sto mettendo lungo l’asse dell’elemento (asse x). Generalmente quando si ha
il fenomeno dell’aderenza assumiamo che il trasferimento degli sforzi sia limitato in un’area
efficace di cls teso intorno alla barra, per semplicità si assume che lo spostamento del cls in
corrispondenza della barra sia costante in una zona e che quindi anche la deformazione si mantenga
costante in questa zona efficace.

L’intento è quello di arrivare a definire qual è l’andamento sia delle tensioni che delle deformazioni
di tutti i materiali: acciaio, cls compresso e cls teso, nel concio compreso tra due fessure.

Dobbiamo capire quali sono le incognite e quali le equazioni che abbiamo a disposizione.

INCOGNITE:

1)
2)
3)
4)

96
EQUAZIONI:

 Equazioni di equilibrio globale per la sezione trasversale:


1) Equilibrio alla traslazione orizzontale:

dove:
= area di cls compresso; = area di cls teso
Si tratta di integrali poiché la forma della sezione è generica. Le tensioni sia nel cls
compresso sia in quello teso dipendono dalla quota x in cui mi posiziono lungo l’asse
dell’elemento e dalla quota y perché è facile comprendere che in verticale si hanno diversi
valori di tensione.

2) Equilibrio alla rotazione intorno al baricentro (che coincide anche con l’origine del sistema
di riferimento):

 Equazioni di equilibrio locale:


3) Equilibrio locale della barra di armatura cioè l’equilibrio tra la forza che viene trasferita alla
barra e quella sulla superficie laterale della barra

4) Equazione di congruenza che esprime lo scorrimento in funzione delle deformazioni.

Si ha allora un problema di 4 equazioni in 4 incognite quindi la soluzione esiste sicuramente,


tuttavia, non è di immediata risoluzione poiché si tratta di equazioni non lineari che si risolveranno
utilizzando il metodo alle differenze finite secondo un processo iterativo che prende il nome di
Problema del Concio.

97
3.1.1. Problema del concio
L’applicazione del metodo alle differenze finite presuppone che io
vada a discretizzare non solo la sezione trasversale ma anche la
sezione lungo l’asse dell’elemento, cioè supponendo che sia la
distanza tra due fessure, andrò a suddividere in concio in n parti di
larghezza , avrò dunque una sezione 1, una sezione 2,…,
generica sezione , fino ad una sezione . Se il con cui si
discretezza è sufficientemente piccolo, si può ritenere con buona
approssimazione che nel tratto compreso tra due parti la tensione
di aderenza costante.

Sia per che per si avrà:

poiché quando si forma la fessura la tensione nel cls teso di conseguenza anche la deformazione
sono entrambe nulle, perché dico di conseguenza anche la deformazione? Perché noi possiamo
sfruttare sempre i legami costitutivi che ci consentono di passare immediatamente dalle tensioni alle
deformazioni e viceversa, in particolare sfruttiamo:

non è proprio un legame


costitutivo anche se lo definiamo
così, è il macrolegame di aderenza

98
Dato che si annullano i termini di riferimento (quelli che contengono ct), nelle prime due
equazioni di equilibrio globale che governano il problema ottenendo dunque due equazioni in sole
due incognite che sono la tensione del cls e la tensione dell’acciaio :

pertanto da queste due equazioni di equilibrio io potrò ricavare immediatamente, in base a quelle
che sono le sollecitazioni applicate per la sezione ; e per la sezione ; .

A questo punto riscrivo ultime 2 equazioni (quelle locali) alle differenze finite ( i termini
differenziali diventano termini finiti quindi che possono essere ulteriormente
specificate come segue:

Specificando che con indico il generico tratto in cui ho suddiviso il mio concio in cui la può
essere considerata costante e che per quanto riguarda lo scorrimento farò una media tra le e tra le
dal momento che non ho un unico valore, avrò il valore medio della deformazioni dell’acciaio e
il valore medio della deformazione del cls.

Come si rende il processo iterativo?

1. Si parte dai dati noti cioè quelli della sezione fessurata 1:


;
nota dall’equilibrio
2. Si fissa un valore di scorrimento di primo tentativo per la sezione 1 (cioè la sezione in cui ho
la prima fessura) compreso all’interno di un range di variazione:

dove:
in ipotesi di perfetta aderenza acciaio-cls;
valido quando non c’è aderenza ovvero quando non c’è trasferimento di sforzi tra
acciaio e cls. Data distanza tra due fessure si ha poiché in
generale lo scorrimento è la differenza tra la deformazione dell’acciaio e quella del cls ma
non essendo presente il legame di trasferimento tra l’acciaio ed il cls (no aderenza) non
posso definire la deformazione del cls.

3. Conoscendo è possibile entrare nel legame di aderenza (noto) e ricavare:

4. Dall’equazione di equilibrio locale è possibile ricavare:

99
5. Dal legame costitutivo, conoscendo si ricava ;
6. Dalle equazioni di equilibrio globale si ricava e :

7. Dal legame costitutivo si ricava e ;


8. Note le deformazioni dall’equazione di congruenza esplicitata alle differenze finite si può
ricavare :

9. Arrivati alla sezione 2 si ripetono i passaggi perché è come se si andasse a fissare un valore
di scorrimento di primo tentativo pari proprio a fino ad arrivare poi al tratto .

Cioè: Fisso entro nel legame di aderenza e ricavo  entro nella equazione della barra
esplicitata alle differenze finite ed ottengo e dal legame costitutivo , poi dalla equazione di
equilibrio globale mi ricavo e , entro nel legame costitutivo e mi ricavo e e
nell’ultima equazione (quella di congruenza alle differenze finite) mi ricavo . A questo punto
sono arrivato in una nuova sezione, ripeto la stessa procedura fino a ricavare . (N.B. essendo
partiti da uno scorrimento di primo tentativo tutto ciò che otterremo fino alle caratteristiche
dell’ultima sezione avrà l’apice di primo tentativo).

NB: arrivati alla sezione al passaggio 4 è necessario fare la seguente verifica al fine di proseguire
nel processo iterativo:

 Se il valore di tentativo che ho assunto come scorrimento è troppo piccolo, dovrò


incrementarlo, pertanto dovrò scegliere un valore di secondo tentativo maggiore
considerando che dovrò ricominciare dall’inizio con tutta la procedura.
 Se lo scorrimento ipotizzato è troppo grande, dovrò ridurlo, sceglierò pertanto un
valore di scorrimento di secondo tentativo minore .
 Se (nella realtà è impossibile che venga l’uguaglianza) allora si stabilisce un errore
di circa l’1% calcolato come: .

100
σs1 nota

Equazione di s1I fissato


congruenza s2I

Legami costitutivi Legame di


εc2I εct2I aderenza τadI

Equilibrio globale
σc2I σct2I Equilibrio locale σs2I

Legame costitutivo
VERIFICA
εs2I

Questa procedura è utile per ricavare nel concio tra due fessure tutti i valori delle tensioni e delle
deformazioni in tutti i materiali. Questo comporta che note tensioni e deformazioni, conosco anche
altre due grandezze: posizione dell’asse neutro (dalla conoscenza delle tensioni) e la curvatura (nota
poiché non è altro che la pendenza del diagramma delle deformazioni). Tutto questo percorso è teso
alla conoscenza di quest’ultima grandezza, la curvatura sia nel concio compreso tra due fessure che
in alcune sezioni note.

101
L’intento è, dunque, quello di rappresentare qual è l’andamento della curvatura in un elemento, sia
in corrispondenza delle fessure, che nel concio compreso tra due fessure, in quest’ultimo caso non
devo fare nient’altro che risolvere il problema precedente (problema del concio).

Facciamo una considerazione sul diagramma momento-curvatura


riportato, questo lo abbiamo ricavato trascurando il contributo del
cls teso, entrano in gioco solo il cls compresso e l’armatura pertanto
il diagramma vale soltanto in corrispondenza delle fessure
poiché è proprio in corrispondenza delle fessure che non ho il
contributo del cls teso.

Si riporta il diagramma del momento, al di sotto della trave


fessurata, perché è indicativo dell’andamento della sollecitazione
specifica (momento flettente) nell’elemento fessurato. All’interno
del diagramma del momento individuo con delle linee verticali i
valori noti del momento, che conosco in corrispondenza di ogni fessura. Oltre a questi individuo
anche i valori corrispondenti ai punti significativi, (prima fessurazione), (snervamento),
(momento ultimo). Questo mi permette di capire quali sono le zone del mio elemento che sono
fessurate e quelle non fessurate. Oltre a queste posso individuare anche un’altra zona, perché
quando il momento è compreso tra ed siamo in campo plastico pertanto posso individuare
anche la zona plasticizzata cioè la zona dell’elemento che sta in campo plastico.

Al di sotto del diagramma del momento si riporta il diagramma delle curvature, a questo punto
entro nel legame e riporto il valore della curvatura corrispondente al valore del momento che
è noto in ogni punto, il legame di cui parlo è un legame ricavato in condizioni di sezione
parzializzata, il legame lo sfrutto nelle sole sezioni fessurate.

L’andamento ottenuto è un andamento qualitativo, devo riportare inizialmente i soli punti


rappresentativi dei valori ottenuti in corrispondenza delle sezioni fessurate noti i momenti, a questo
punto dovrò preoccuparmi del completamento del diagramma della curvatura, al fine del suo
completo tracciamento.

Nelle sezioni tra l’elemento e gli appoggi tenendo presente che la sezione non è fessurata e che
siamo in campo elastico il diagramma sarà composto da una retta (quindi una a destra una a
sinistra), ma cosa succede alla curvatura nel concio compreso tra due fessure?

Ecco perché abbiamo risolto prima il problema del concio perché questo mi consente di determinare
l’andamento delle tensioni, ad esempio, quella dell’acciaio, di conseguenza potrò ricavare sia la
posizione dell’asse neutro che la curvatura, perché questa è la pendenza del diagramma delle
deformazioni. Ragioniamo in termini di acciaio, la curvatura l’abbiamo definita come:
quindi per conoscere l’andamento della curvatura nel concio compreso tra due fessure, mi serve sia
l’andamento dell’asse neutro che l’andamento delle deformazioni dell’acciaio.

Prendo in riferimento un concio con armatura in trazione (siamo interessati all’andamento


qualitativo della curvatura nell’elemento), mi traccio, rispetto a questo, l’andamento della s in
modo che da qui entro nel legame costitutivo e mi ricavo la s, tra le due fessure avrò due valori
102
dell’asse neutro uno più in alto a sinistra uno più in basso a destra, ottengo questo poiché la tensione
nell’acciaio, per effetto del fenomeno dell’aderenza, si riduce (andamento tensionale), l’andamento
della deformazione, invece, sarà lo stesso, essendo la curvatura direttamente proporzionale alla
deformazione dell’acciaio, per cui se si riduce la deformazione tra due fessure anche la curvatura si
ridurrà. Per quanto riguarda l’asse neutro, invece, riducendosi s, l’asse neutro scende da sinistra
verso destra, quindi sta scendendo come profondità e aumentando come valore (questo rispetto al
bordo superiore), a causa del fenomeno del tension stiffening, cioè l’effetto irrigidente del cls teso.

NB: Nel disegno è riportato andamento della curvatura al di sotto di quello del momento, contiene i
valori di curvatura in corrispondenza dei valori noti di momento relativamente ai punti in cui
compaiono le fessure, infatti, il legame lo posso sfruttare SOLO nelle sezioni fessurate.

In definitiva il cls teso inizia a collaborare, l’asse neutro aumenta, aumentando fa sì che la curvatura
si riduce, pertanto, sia l’asse neutro che la s hanno lo stesso effetto sulla curvatura. Tuttavia,
l’effetto preponderante è quello della s (deformazione dell’acciaio) cioè, nel concio compreso tra
due fessure, la curvatura si riduce e lo fa perché si sta riducendo la s. A questo punto posso
tracciare l’andamento qualitativo della curvatura. Se lo volessi risolvere precisamente non devo far
altro che risolvere il precedente problema tratto per tratto ricavando la s quindi la curvatura.

103
3.1.2. Parametri che influenzano la Curvatura
I parametri che influenzano la curvatura sono:

 Il legame costitutivo dell’acciaio (quindi se l’acciaio è caratterizzato da un legame elasto-


plastico perfetto piuttosto che molto o poco incrudente, e vedremo perché è meglio avere un
acciaio incrudente);
 La qualità dell’aderenza (barre lisce, barre ad aderenza migliorata).

3.1.2.1. Legame costitutivo dell’acciaio

Si considera un concio compreso tra due fessure, con una barra immersa al suo interno. Si suppone
che il momento sia uguale alle estremità destra e sinistra (se lo mettessi differente dovrei mettere
due S differenti tuttavia può capitare che ci siano schemi con momenti diversi a destra e sinistra)
per cui avrò una tensione uguale a destra e sinistra tale che :

104
Siamo interessati a riportare l’andamento della S e l’andamento della S nei 3 casi (el.-pl., poco e
molto incrudente). Poiché la deformazione dell’acciaio entra in gioco nella curvatura, come da
relazione vista in precedenza, chiamo S la tensione a destra e a sinistra, per il legame el.-pl. avrò
un tipo di andamento, così come per gli altri due legami.

Notiamo come le tensioni che nascono considerando i diversi legami costitutivi sono maggiori nel
caso di quello molto incrudente rispetto a quelli del poco incrudente che risultano a loro volta
maggiori di quelli per il legame el.-pl.. Essi producono delle sezioni estreme gli stessi valori di
deformazione, considerando l’andamento delle deformazioni individuiamo un campo plastico che
risulta maggiore nel legame poco incrudente rispetto a quello molto incrudente che a sua volta è
maggiore di quello del legame el.-pl.. Per cui quello che si vede è che il fatto che il legame
costitutivo dell’acciaio sia incrudente permette di aumentare l’estensione delle zone in cui si
concentra la plasticizzazione.

Si passa, dunque, a tradurre questi concetti nel diagramma momento-curvatura.

Quando utilizzo il legame el.pl. avrò una relazione tra momento curvatura uguale a quella che si ha
tra deformazione e tensione, stesso andamento, due tratti uno lineare crescente l’altro orizzontale.
La stessa cosa avviene per il legame el.pl.incrudente dove quindi sarà diverso da con
. Il fatto di utilizzare un determinato legame costitutivo incide in primo luogo sul legame
momento curvatura, poiché esso sarà diverso in funzione del legame costitutivo scelto. A questo
punto andiamo a tracciare l’andamento della curvatura, come abbiamo fatto in precedenza, in
corrispondenza delle lesioni posso sfruttare il legame momento curvatura pertanto partendo dal
momento entro nel legame e mi vado a legger la curvatura corrispondente, partendo dal legame
el.pl., vado a tracciare l’andamento di curvatura considerando che dove non ci sono lesioni
l’andamento è elastico (retta) e che la curvatura diminuisce tra due lesioni.
105
Vado a ripetere lo stesso ragionamento fatto in precedenza (legame el.pl.incrudente) partendo dalla
fessura centrale e così via … la curvatura si ridurrà come nel caso precedente ma ciò che
è evidente è che la riduzione in questo caso è molto meno a picco, infatti, è vero che la
deformazione dell’acciaio si sta riducendo ma ciò avviene più lentamente, in particolare è tanto più
lenta quanto più l’acciaio è incrudente.

Nel caso di acciaio elasto – perfettamente plastico si ha un andamento della curvatura con un picco
perché dalla deformazione si passa in modo brusco alla cosa che non accade nel caso di
acciaio incrudente; inoltre, quando l’acciaio è elasto – perfettamente plastico, la zona di
plasticizzazione è costituita da un solo punto (la mezzeria) quindi è come se una sola fessura si
trova ad essere caratterizzata da un valore di curvatura molto elevato; mentre, quando l’acciaio è
incrudente, la zona plasticizzata è proprio quella delimitata tra il momento ed il momento
perciò capitano più fessure nella zona plasticizzata e quindi ci sono più punti caratterizzati da valori
di curvatura più elevati.

106
3.1.2.2. Qualità dell’aderenza

L’aderenza influenza la posizione e il numero delle fessure che si formano essendo il fenomeno
dell’aderenza quello che consente il trasferimento degli sforzi dalla barra d’acciaio al cls per cui
aumenta la tensione nel cls a scapito di quella dell’acciaio che diminuisce, ora: se l’aderenza è
scarsa, diminuisce e si necessita si una lunghezza maggiore per trasferire gli sforzi dall’acciaio
al cls e quindi si formano meno fessure caratterizzate da una distanza maggiore tra di loro;
diversamente, nel caso di buona aderenza, avremo più fessure e più vicine fra loro.

Per quanto riguarda il diagramma del momento avremo, essendo sempre uguali le sezioni
trasversali, ? (come anche nel caso precedente quando abbiamo visto
l’incidenza del legame costitutivo sulla curvatura). Siamo interessati al tracciamento della curvatura
rispetto alle diverse qualità dell’aderenza , stiamo considerando la stessa tipologia di acciaio
caratterizzato, in entrambi i casi da un legame costitutivo incrudente. Costruisco l’andamento della
curvatura entrando nel legame e leggendo il valore di curvatura corrispondente al momento. Si nota
che nel caso di scarsa aderenza, dove sono di meno le fessure, succede che sono poche quelle che
capitano in campo plastic, per cui, i valori più elevati di curvatura sono concentrati in poche sezioni;
mentre, se l’aderenza migliora ci saranno più fessure, per cui, ci sono più fessure che capitano nella
zona in cui si concentra la plasticizzazione.

107
C’è un'altra precisazione da fare per quanto riguarda la curvatura nel concio compreso tra due
fessure, ovvero, se l’aderenza è scarsa la riduzione della tensione e quindi della deformazione
avviene in maniera più graduale quindi non scende proprio a picco ma scende più allargato,
diversamente, dove migliora l’aderenza vedremo una discesa a picco dell’andamento della
curvatura.

Aderenza migliorata e legame costitutivo incrudente ci sono più zone in cui può “penetrare” la
plasticizzazione.

Aderenza ridotta e legame poco incrudente saranno di meno le zone in cui può penetrare la
plasticizzazione.

3.2. Duttilità dell’elemento


Per definire la duttilità dell’elemento bisogna fare un ragionamento sugli spostamenti. È possibile
notare che il diagramma forza spostamento è molto simile al legame momento curvature perchè
presenta un primo tratto lineare, un secondo non lineare per poi terminare con un ultimo tratto in
campo plastic. Vedremo, dunque, come si calcola la e come si calcola il (spostamento) per
poter tracciare il grafico.

Comportamento della sezione Comportamento dell’elemento

Nel caso di uno schema isostatico come una trave appoggiata-appoggiata si passa facilmente da a
:

Conoscendo il diagramma del momento è possibile calcolare il Momento in mezzeria e,


dunque, la Forza conseguente (mi metto in mezzeria poiché quella è la sezione più

108
sollecitata e lì avrò lo spostamento massimo). Detto ciò è facile capire come posso ricavare i punti
corrispondenti ai valori di conoscendo , ed .

Per passare agli spostamenti ci ricordiamo che la curvatura è la derivata seconda dello
spostamento:

Ma molto più semplicemente, dal momento che abbiamo a che fare con uno schema isostatico,
basta usare il PLV in virtù del quale bisogna utilizzare due schemi:

- SCHEMA 0: schema con i carichi effettivamente agenti,nel nostro caso semplicemente la forza
F applicata.

Si calcolano le reazioni vincolari ricavando il momento ed in particolare la funzione


per poi passare alla curvatura . in campo elastico eravamo abituati a ricavare la
curvatura come rapporto , in questo caso, dal momento che siamo interessati alla
costruzione dell’intero diagramma e quindi non solo del campo elastico, il passaggio da M a
possiamo farlo banalmente tramite il legame momento curvatura, poiché lo abbiamo
costruito per la nostra sezione trasversale per cui entriamo con il M e ricaviamo il
corrispondente valore di .

- SCHEMA 1: lo schema statico è praticamente lo stesso, quello che cambia sono i carichi
applicati, andrò ad applicare una forza unitaria in mezzeria.

Si ricavano le reazioni vincolari calcolando cioè funzione momento per lo schema 1.

PLV:

109
Ovviamente sia la funzione curvatura che la funzione momento dovrebbero essere discontinue
lungo l’asse della trave vorrà dire che mi aspetto che ci sia uno sdoppiamento dell’integrale per le
due diverse zone in cui la funzione è discontinua : zona plastica di lunghezza e zona elastica di
lunghezza (dire che nella lunghezza siamo in campo elastico è una approssimazione poiché da
ad il comportamento è già non lineare):

Quindi nello spostamento entra in gioco sia il contributo elastico sia quello plastico . Lo
abbiamo visto anche per la curvatura dove abbiamo detto che quindi il
contributo maggiore in termini di spostamento è dato dal secondo addendo e di conseguenza
dall’estensione della zona plastica . Pertanto curvatura in campo plastico ed estensione della zona
plastica sono i due parametri di riferimento per lo spostamento.

Ho bisogno di modelli, capaci di descrivermi il comportamento plastico dell’elemento, da questo


punto di vista abbiamo due possibilità:

Comportamento Plastico dell'Elemento

Modello a Modello a
Plasticità Diffusa Plasticità Concentrata

Dove, per il modello a plasticità concentrata, la plasticità è, appunto, concentrata in un punto ben
preciso o in determinati punti; mentre, per il modello a plasticità diffusa, la plasticità è diffusa lungo
tutto l’elemento (viene usato molto di più per schemi isostatici rispetto a quelli iperstatici).

110
3.2.1. Modello a Plasticità Concentrata
Partiamo sempre dall’elemento trave con
forza applicata in mezzeria e riportiamo
anche il diagramma del momento e
prendiamo in considerazione ed ).
Individuo al centro una zona plastic di
lunghezza (zona in cui si concentra la
plasticizzazione). Si fa riferimento ad una
trave in cui la zona plastica è molto ridotta
( ).

Considerando che la zona elastica dà un


ridotto contributo, l’elemento presenta una
deformata le cui zone laterali ruotano
rigidamente, mentre la parte centrale
(plastica), subisce le maggiori rotazioni
quindi i maggiori spostamenti. È allora
evidente dalla deformata che il modello
assume di concentrare in un punto, quello centrale, la zona di plasticizzazione, questo vuol dire che
nella zona centrale io vado ad inserire una cerniera plastica dove confluiscono gli altri due tratti di
trave con comportamento elastico (la cerniera plastica è, però, solo un modello che mi permette di
tener conto di ciò che succede in questa zona in cui si concentrano le plasticizzazioni, ma, in sito in
seguito ad un sisma, la si può intendere come delle fessure, delle barre snervate ecc).

Vediamo che nasce una certa rotazione che chiamo


(angolo relativo alla rotazione della cerniera plastica).
L’angolo non è nient’altro che la rotazione delle due facce
della trave. È possibile vedere l’angolo dal particolare di
un concio i-esimo lunghezza :

111
Il legame che attribuisco alla cerniera è quello che chiamo legame momento-produzione ( ),
in questo modello, le rotazioni in particolare e dipendono da una serie di parametri e, per
questo, generalmente si utilizzano direttamente delle espressioni che ci vengono fornite dalla
normativa.

Quindi dato che la plasticità è data dalla sola cerniera plastica descritta dal legame , si può
esprimere la duttilità in termini di rotazione della cerniera plastica:

Quali sono i possibili legami da utilizzare per il modello a plasticità concentrata?

3.2.1.1. Modello Completo

Si va a concentrare tutto (parte elastica, fessurazione e plasticità) nella cerniera quindi, se si è


concentrata anche la parte elastica nella cerniera vuol dire che gli altri due tratti di trave sono rigidi.

Questo modello è poco utilizzato perché non ha senso concentrare l’elasticità perché se pensiamo ad
un software, disegnando un telaio o una trave assegniamo una sezione e un materiale quindi la parte
elastica il software la mette già lì per cui è inutile andare a concentrare l’elasticità altrimenti si va a
considerare due volte.

112
3.2.1.2. Modello a fessurazione e plasticità concentrata

Il primo tratto del diagramma è verticale cioè non c’è elasticità nel senso che la cerniera per
entrare in gioco deve ruotare e lo fa solo dopo aver raggiunto (fessurazione). In questo caso
l’elasticità è diffusa sull’elemento mentre sto concentrando la fessurazione e la parte plastica.

Questo modello è poco usato perché in zona sismica è poco importante la fessurazione.

3.2.1.3. Modello a plasticità concentrata


Modello molto più utilizzato, l’elasticità e la fessurazione sono diffuse nell’elemento, l’unica cosa
che concentro è la plasticizzazione. La cerniera entrerà in gioco solo quando supero il momento .
Questo modello può essere ulteriormente semplificato, perché, come abbiamo fatto anche con il
legame momento curvatura, possiamo confondere il con il , ottenendo due legami che
chiamo 3.a e 3.b.

3.2.1.3.1. Modello a plasticità concentrata 3.a

La cerniera entra in gioco solo quando si supera .

Questo modello è molto utilizzato per le strutture isostatiche.

113
3.2.1.3.2. Modello a plasticità concentrata 3.b
Questo modello è la semplificazione del modello 3.a ottenuto andando a confondere il momento
allo snervamento con il momento ultimo e lo chiamo direttamente momento plastico .
posso prenderlo o pari ad o pari ad ; in genere si prende quello che riesco a calcolare più
facilmente e solitamente il Mu è più facile da calcolare ad esempio dallo stress block; quindi,
calcolo il e pongo e questo momento lo pongo uguale al momento plastic. Il concetto
è lo stesso cioè la cerniera si attiverà solo nel momento in cui raggiungo il e la rotazione
corrispondente sarà .

È usato per le strutture iperstatiche.

Abbiamo detto che il modello completo è praticamente mai utilizzato, il modello a fessurazione e
plasticità concentrata non è molto utilizzato poiché in zona sismica è poco importante la
fessurazione e dato che quello che ci interessa è il comportamento plastico si vanno ad utilizzare gli
ultimi due modelli proposti, in particolare il 3.b è quello più semplice in assoluto, però, non sempre
viene utilizzato nel senso che questo modello va benissimo se la struttura è molto iperstatica (più
punti in cui possono formarsi le cerniere plastiche) perché tener conto della differenza tra ed
è poco influente; cioè, quando la struttura è molto iperstatica cambia poco l’utilizzo di uno
piuttosto che l’altro e a questo punto semplifico al massimo. Nelle strutture isostatiche io ho un solo
punto in cui posso concentrare per cui è preferibile utilizzare un modello di tipo 3.a.

Per capire perché si utilizza il metodo 3.b per le strutture iperstatiche ed il 3.a per quelle isostatiche
facciamo riferimento ai seguenti schemi.

114
3.2.1.4. Schemi isostatici:
1. Consideriamo la struttura isostatica più semplice, la mensola:
il comportamento dell’elemento viene espresso attraverso il diagramma , quindi, il
mio obiettivo in generale dovrebbe essere quello di costruire questo diagramma per
conoscere il comportamento della struttura.

Per effetto della forza, in corrispondenza dell’incastro si ha il momento massimo quindi


questo costituisce il primo punto in cui è possibile raggiungere e quindi formarsi la
cerniera in virtù del fatto che per il modello 3.b si ha . La cerniera può
ruotare di , allora, ci sarà uno spostamento elastico (calcolabile banalmente in funzione
dello schema statico) e un grande contributo allo spostamento è dovuto alla plasticizzazione
cioè alla cerniera. Cioè, nel diagramma , in corrispondenza di si forma la cerniera,
poi, raggiunto il ramo plastico l’elemento non può più portare carico ma può solo ruotare
incrementando il .

2. Considerando il caso di trave appoggiata-appoggiata si ha:

Per costruire il diagramma bisogna calcolare la forza e gli spostamenti. Le forze sono
semplici da calcolare poiché legate ai momenti dallo schema statico nella fattispecie:

115
Si ha un andamento lineare nel diagramma fin quando la forza applicata non fa
raggiungere :

dove .
Il punto sul diagramma in corrispondenza di in termini di spostamento sarà
proprio pari ad . Così facendo, ho caratterizzato il primo tratto che è quello lineare del
diagramma forza spostamento.
Continuando ad aumentare il carico, cioè, quando ,quindi , allora si andrà
a formare la cerniera (in mezzeria perché si ha il momento massimo) che comincia a ruotare.

Man mano che incremento il carico la cerniera continua a ruotare ma il momento resta
costante quindi sul diagramma forza spostamento si avrà un tratto a
mentre lo spostamento aumenta fino ad arrivare ad un ultimo punto dato dal valore di
spostamento in corrispondenza di :

Questo è uno schema isostatico, quindi nel momento in cui si è formata la cerniera avrò 3
cerniere allineate quindi la struttura è diventata labile perciò non potrò più portare altro
carico e il diagramma finisce così.

116
3.2.1.5. Schemi iperstatici:
1. Incastro- appoggio:
Voglio costruire anche questa volta il diagramma utilizzando sempre il legame 3.b
per la cerniera e voglio vedere che effetto ha l’utilizzo di quel legame sulla struttura
iperstatica.
SCHEMA 0: Incastro-Appoggio

Mentre prima la cerniera l’ho messa direttamente al centro qui dobbiamo fare delle
considerazioni e vedere dove si può formare la cerniera. Studiando il sistema, lo schema è
comunque uno schema noto dove si avrà un momento negative ed uno positivo. Dato che
, la cerniera si forma prima in corrispondenza dell’incastro.
Prima di raggiungere il diagramma è lineare, raggiunto che fa attingere il ,
si forma una cerniera in corrispondenza dell’incastro e si passa allo schema 1.

SCHEMA 1: Appoggio-Appoggio

valore in corrispondenza del quale si forma la prima cerniera.


L’incastro è stato trasformato in una cerniera, dunque, lo schema si è declassato, cioè, lo
schema 1 si presenta come una trave appoggiata-appoggiata, che essendo uno schema
isostatico da la possibilità di continuare ad applicare carico. Potrò quindi applicare un in
più che mi produrrà un certo incremento di momento , questo è noto e vale .

L’incremento di carico che io posso applicare è tale da far raggiungere in mezzeria il


momento plastico, quindi, nel momento in cui anche in mezzeria raggiungo il momento
plastico si formerà un’altra cerniera. In definitiva, il che posso applicare sarà dato dal
contributo in mezzeria che avevo per effetto dell’applicazione di pari a un valore di
a cui devo aggiungere il provocato dal che è pari a .

117
Quando in mezzeria raggiungo , allora, anche in mezzeria si forma un’altra cerniera e
non posso più applicare carico passando allo schema 2.
SCHEMA 2: 3 cerniere allineate

Si tratta di uno schema labile per il quale non si può più portare carico.

In definitiva si è visto come l’effetto di un modello di questo tipo su uno schema iperstatico
è sia di incremento di spostamento sia di incremento di carico che è qualcosa di nuovo che
non avevamo visto per lo schema isostatico.
Bisogna però controllare che ci sia effettivamente un incremento di carico e ciò dipende
dalla capacità rotazionale della cerniera espressa da :

Quando dallo schema 0 siamo passati allo schema 1, ovvero in presenza della formazione
della prima cerniera, la rotazione richiesta alla cerniera in A (incastro) perché possa
applicarsi è data da dove è il massimo incremento di carico
che porta al raggiungimento del e quindi della cerniera anche in mezzeria che
calcoliamo dall’espressione . In pratica devo valutare
se la rotazione di questa cerniera sia possibile o meno cioè valutare se sia
maggiore o minore di cioè quella che io ho assunto nel modello (NTC):

se si arriva allo schema 2.


se vuol dire che si può applicare un carico che
ricavo sempre dalla capacità rotazionale della cerniera . Non arriviamo allo
schema2 quindi alla formazione dell’altra cerniera, si avrà meno spostamento, in ogni caso
uno spostamento tale da non permettere al sistema la formazione di una nuova cerniera.

Questo è un confronto che dovrò fare sempre. è il valore che io chiedo al sistema
affinché nella sezione di mezzeria si raggiunga il valore di , questo aspetto è
penalizzante poiché prevede una duttilità inferiore dell’elemento, ci sarà uno spostamento
più basso, perciò in zona sismica è opportuno avere una struttura quanto più iperstatica
possibile, più è iperstatica più saranno le cerniere, ma non basta, dipende anche dalla
capacità della cerniera plastica quindi da più è lungo il tratto orizzontale nel
diagramma più ho la possibilità di far formare altre cerniere. Se il tratto è corto è sprecata la

118
alta iperstaticità che potrei avere poiché non ci sarà comunque la formazione di molte
cerniere.

Per uno schema come un telaio è ancora più immediata, perchè, nei telai le cerniere si
possono formare all’estremità delle travi e all’estremità dei pilastri quindi nel telaio ci sono
tantissimi punti in cui si possono formare le cerniere, più cerniere si formano e più vado
avanti (come nell’esempio precedente), tuttavia non è detto che si possano formare tutte
quante perché se ce n’è una che non soddisfa la disuguaglianza riportata in precedenza,
questo fa interrompere l’incremento di carico.

2. Incastro-Incastro:
Voglio seguire anche in questo caso l’evoluzione in termini di formazione delle cerniere
plastiche.
SCHEMA 0:

Anche in questo caso ho dei momenti positivi e dei momenti negative e dato che
mi aspetto che le cerniere si formino contemporaneamente (perché
il momento a destra e a sinistra è uguale) alle 2 estremità.

Devo associare, ancora una volta, alle due cerniere una relazione ed è importante
precisare che per una sezione trasversale armata con armature diverse, essa presenta un certo
e presenta un negativo diverso da quello positivo poiché le armature sono diverse
per cui i moment positivi li dovrò confrontare con positivo e quelli negativi con
negativo. Per rendere più semplice la trattazione consideriamo la sezione armata
simmetricamente cosicché ).Quindi per sezioni non armate
simmetricamente potrebbero essere diversi i legami che vado ad utilizzare, il tutto è
funzione della sezione.

119
Quale incremento di carico si può avere?
Se con si indica il carico che porta alla formazione della prima cerniera plastica (la
cerniera si forma contemporaneamente alle due estremità) si ha:

A questo punto lo schema statico è cambiato, non è più incastro incastro ma appoggio
appoggio.
SCHEMA 1: appoggio-appoggio
Lo schema è ancora uno schema isostatico posso continuare ad applicare il carico, quando
vale il che posso applicare che mi porta al raggiungimento della cerniera plastica in
mezzeria?

, dunque, il valore dell’incremento di carico che mi porta alla formazione di questa


cerniera plastica è il 30% in più del carico che mi ha portato alla formazione della prima
cerniera plastica.
SCHEMA 2: 3 cerniere allineate

Si tratta di uno schema labile per il quale non si può più portare carico.

Per capire se è possibile che si formi la cerniera in mezzeria ragioniamo sulle rotazioni:

Se si forma la cerniera in mezzeria, cioè, si arriva allo schema 2.


Se vuol dire che non possono mettere il calcolato ma un
valore più piccolo ciò comporta una complessiva duttilità dell’elemento che è più bassa.
La duttilità di un elemento si può definire sia in termini di rotazione che in termini di
spostamento ovvero .

120
3.2.2. Modello a Plasticità Diffusa

Si suppone di conoscere già il legame della sezione e si vuole costruire il legame con
spostamento della freccia massima in mezzeria. Per ricavare questo diagramma per il calcolo
delle forze non abbiamo difficoltà poiché abbiamo detto che le forze sono legate ai momenti
attraverso lo schema statico, dalla trave app.-app. con forza in mezzeria, ricavato il momento in
mezzeria da , invertita otterremo .

Si identificano ancora i 3 punti significativi di che definiscono anche 3 condizioni in cui si


trova l’elemento.

a)
Per sezione non fessurata si ha:
.
Si ricorda che è quello che si attinge quando la fibra tesa di cls arriva alla tensione
massima di trazione :
Formula di Navier invertita
dove può essere calcolata con o senza armature.
In realtà abbiamo visto che il momento di fessurazione lo posso ricavare o in maniera
semplificata, quindi trascurando le armature come: ; oppure in maniera
rigorosa dall’annullamento del momento statico da cui ricaviamo la posizione
dell’asse neutron e quindi ricaviamo l’inerzia.
Caratterizzato , lo spostamento corrispondente (dato che siamo in campo elastico, primo
tratto sarà dunque caratterizzato da un andamento lineare) sarà pari a

121
b)
L’elemento si è fessurato.

NB: Abbiamo visto che se vado a riportare i valori del momento di fessurazione e quello di
snervamento sul diagramma del momento posso individuare la zona di trave che si fessura.
Noi non andremo a studiare la posizione delle fessure (quindi è come se trascurassimo il
fenomeno della tension stiffening) ma vediamo soltanto la differenza tra prima e dopo, cioè
prima non c’erano le fessure adesso ci sono ma non ci interessiamo delle zone tra le fessure
altrimenti dovremmo risolvere un sistema non lineare, dunque, trascuriamo la posizione
delle fessure, interessandoci del solo aspetto legato alla plasticità, così, andiamo a riportare
sul diagramma l’intera zona fessurata che è quella d’interesse per noi. In altre parole la zona
fessurata si studia nel suo complesso e non va a considerarsi più la singola fessura.

Per sezione snervata si ha:


.

Ma una volta superato il in realtà l’andamento è già non lineare, quindi, non posso usare
le formule precedent e per il calcolo dello spostamento corrispondente andiamo a sfruttare il
principio dei lavori virtuali nel tratto della zona fessurata.

SCHEMA 0

il sistema è simmetrico perciò farò tutto tra ed e poi raddoppio, è inutile scrivere la
funzione lungo tutta la lunghezza della trave.
Dal momento si ricava la curvatura .

122
SCHEMA 1

Risolti questi due schemi, per il plv, lo spostamento delta lo posso calcolare come:

(Si moltiplica per 2 a causa del raddoppio di cui parlavamo in precedenza).

Per la risoluzione di questo integrale mi servono le funzioni, ora la funzione momento ce


l’ho la funzione curvatura non ce l’ho però abbiamo ricavato il diagramma momento
curvatura per punti con il metodo delle strisce, quindi vuol dire che io conosco i valori della
curvatura per determinati valori del momento ma non ho la funzione curvatura, questo vuol
dire che dovrò trasformare gli integrali in sommatorie e applicare una procedura similare a
quella utilizzata per il metodo delle strisce

Quindi si segue il seguente procedimento:


 Si suddivide l’elemento in parti di lunghezza , ognuna avente un baricentro :
 Ricavo il momento nello SCHEMA 0 per ogni baricentro.
 Si imposta un foglio di calcolo in cui si riporta:

Per ogni elemento conosco i valori riportati nella prima riga della tabella.
Attenzione, dal momento che lo schema deve essere simmetrico (per semplicità),
dovrò far in modo che nessun pezzettino capiti a cavallo della mezzeria, n dovrà
dunque essere un numero pari, in modo che faccio tutto fino ad e poi vado a
raddoppiare.
 Nota la curvatura si può calcolare lo spostamento:

Il punto cruciale è nel passaggio da a in quanto è stato calcolato per punti.


Ciò vuol dire che non per forza è uno di questi punti, di conseguenza per ricavare la
curvatura dovrà farsi un’interpolazione lineare.

123
Supponiamo che il momento è intermedio rispetto a due valori noti ed , quindi
banalmente, da interpolazione lineare:
– –

Ogni risultato è per un certo valore di e quindi dovranno scegliersi diversi valori di ,
almeno 10 in modo da rappresentare il diagramma, compresi fra e .
c)
Si ripete tal quale il procedimento del caso precedente poiché anche qui siamo in campo non
lineare. Ripetiamo che l’unica accortezza che dobbiamo avere è quella di scegliere un n pari
(sfruttiamo la simmetria), cosa comporta la scelta di n? Se prendo un valore di sul
diagramma , entro in questo e ottengo il relativo valore di curvatura, ovviamente sto
assumendo che la curvatura sia costante in questo tratto poiché io prendo un solo valore,
cioè il valore di curvatura , quello relativo al baricentro che andrò ad estendere per tutto il
tratto, dunque il diagramma delle curvature che sto utilizzando è una sorta di diagramma a
scaletta, ergo quanto più piccolo è il minore è l’approssimazione che commetto perché
io sto attribuendo il valore di curvatura ricavata nel baricentro su tutto il pezzo di trave (per
lunghezze di L=5/6m n =20/30).

La plasticità è diffusa lungo l’elemento e sfruttiamo il plv, questo è il modello a plasticità diffusa.

Una volta ricavato , possiamo anche calcolare la duttilità del nostro elemento trave come:

Mentre, quando abbiamo fatto il modello a plasticità concentrata, siccome la plasticizzazione si


concentra in una cerniera che è caratterizzata da un legame , la duttilità l’abbiamo definita in
termini di rotazione.

NB: Modelli di questo tipo si utilizzando principalmente quando siamo di fronte a schemi isostatici
(plv) , in realtà si potrebbe utilizzare anche in presenza di uno schema iperstatico ma diventa
iterativo, perché man mano che va in campo plastico, cambia lo schema e quindi, se cambia lo
schema lo cambia il diagramma del momento, se cambia il diagramma del momento cambia tutto.
Quindi il più delle volte si utilizza quello a plasticità concentrata.

124
3.3. Ridistribuzione delle sollecitazioni per fessurazione e per
plasticità
Anche la fessurazione, come la plasticizzazione, può essere diffusa lungo l’elemento. Generalmente
la fessurazione fin ora l’abbiamo trascurata perché abbiamo detto che in zona sismica non ha una
grande rilevanza e questo perché in condizioni ultime ciò che governa il sistema è il comportamento
in campo plastico avanzato quindi, tutto ciò che accade prima, tutti i fenomeni precedenti, tra i quali
appunto la fessurazione, sono di minore importanza. In realtà però la fessurazione ha importanza
per i carichi verticali, infatti, quando abbiamo visto il legame forza-spostamento si aveva un primo
tratto lineare e dopo la fessurazione l’andamento è non lineare; quindi, è come se la fessurazione
portasse ad una non linearità. Quindi capiamo che la fessurazione è importante essenzialmente per
carichi verticali perché determina una diversa distribuzione delle sollecitazioni lungo l’elemento
trave. Anche la norma ci dice che ne possiamo tener conto di questo aspetto cioè Vedremo come la
non linearità indotta dalla fessurazione dà luogo ad un fenomeno di questo tipo, ovvero, che le
sollecitazioni si possono ridistribuire lungo l’elemento trave, per carichi verticali.

Si supponga di avere una trave con 3 appoggi armata con ferri longitudinali sia superiormente che
inferiormente soggetta all’azione di due forze concentrate una per ogni mezzeria tra due appoggi
consecutivi. Si riporta, inoltre, la sezione trasversale supponendo uno schema simmetrico:

Nell’ andamento del diagramma del momento si individuano 2 sezioni significative, quella
corrispondente all’appoggio B e quella in mezzeria della campata AB rispetto ai quali e
.

Se il mio intento è quello di rappresentare la rispetto al si avranno relazioni diverse a seconda


del momento che scelgo, vado a rappresentare due relazioni: una è , l’altra è , e le
riporto sullo stesso grafico. Sappiamo, da risoluzione dello schema che . Per tracciare
queste relazioni immagino di incrementare gradualmente il carico , un primo punto significativo,
che individuo sul grafico, è quello che chiamo che è quel valore del carico che comporta il
raggiungimento del per la prima sezione.

N.B. Dobbiamo fare una considerazione, il momento di fessurazione, , è legato alla sezione
quindi alle sue caratteristiche. Ipotizziamo che l’armatura sia simmetrica e la sezione trasversale
125
dell’elemento sia rettangolare, scelgo questa tipologia di sezione poiché in questo caso il momento
di fessurazione positivo e negativo è lo stesso per entrambe le sezioni significative A e AB. Tutto
questo vale se la sezione è rettangolare perché in realtà l’armatura incide poco, infatti, quando
calcoliamo il momento di fessurazione possiamo calcolarlo o in maniera rigorosa o trascurando
l’armatura, proprio perché il contributo di questa non è particolarmente rilevante. Pertanto, faremo
attenzione in questo senso soltanto al tipo di sezione (se avessi avuto una sezione a T, ad esempio,
ciò detto non sarebbe più stato vero).

Dal momento che è maggiore di mi aspetto che si instauri prima in appoggio.

Prima della fessurazione sappiamo che l’andamento è lineare (siamo in campo elastico lineare)
quindi la relazione tra la forza e il momento mi aspetto che sia lineare, quindi mi aspetto delle rette
sul grafico . Ma qual è la retta relativa ad MB e quale quella relativa ad MAB? Sicuramente
saranno rette con pendenza differente e in particolare la retta relativa ad M B è sempre più inclinata
rispetto a quella relativa ad MAB poiché a parità di forza dovrà verificarsi sempre che il momento in
appoggio (B) sia sempre più grande del momento in mezzeria (AB).

perché

Continuando ad incrementare la forza e cioè poiché si sono create le fessure, il diagramma


del momento si modifica o, meglio, aumenta ma con lo stesso andamento.

Individuata la zona fessurata in corrispondenza dell’appoggio (B), zona in cui il momento supera il
momento di fessurazione, vuol dire che la trave si fessura (le fessure nascono superiormente).

126
Ma cosa vuol dire che la trave si è fessurata in questa zona? Quando l’elemento trave si fessura, ciò
che cambia principalmente è l’inerzia della sezione. Indicando l’inerzia della sezione non fessurata
con I1, quando facciamo riferimento alla sezione fessurata l’inerzia diventa I2, cioè, inizio ad avere a
che fare con una trave ad inerzia variabile. Molto più difficile è la risoluzione di questo schema,
infatti, per noi gli schemi considerati sono sempre stati ad inerzia costante. Dovrò risolvere lo stesso
schema e calcolarmi, quindi, il momento nel caso di un sistema ad inerzia variabile. Il sistema è
diventato non lineare, perché l’inerzia varia, in particolare, la zona interessata da I2 man mano che
incremento il carico può cambiare a seconda di dove si fessura la trave.

Si sta parlando di un sistema non lineare risolvibile generalmente con il metodo degli spostamenti
per cui risolveremo un sistema con le equazioni di equilibrio alla rotazione del tipo:

(tipico dei telai a nodi fissi)

ovviamente l’equazione in termini matriciali, era risolvibile agevolmente poiché la rigidezza,


funzione dell’inerzia e del modulo elastico si manteneva costante, ma, nel sistema ad inerzia
variabile è molto più complicato poiché cambia la matrice delle rigidezze proprio per questa
difformità delle inerzie. Noi non siamo interessati a risolvere il sistema bensì a vedere l’effetto su
una trave ad inerzia variabile. Un punto di partenza è quello relativo al valore delle inerzie, infatti si
ricorda che (inerzia sezione fessurata) è minore di (inerzia sezione non fessurata) poiché mi
aspetto da un elemento con inerzia minore una maggiore deformabilità per cui il momento aumenta,
ma aumenta di meno rispetto al caso precedente.

Aumentando il carico avrò un nuovo momento di fessurazione così individuo il valore


rappresentativo del valore del carico rispetto al quale anche nella seconda sezione (cioè nella
sezione di campata) raggiungo il momento di fessurazione.

Vediamo cosa succede nello stadio compreso tra ed , il momento MB continua ad aumentare
ma non segue la retta iniziale allontanandosi da questa (andando verso sinistra, per intenderci con
inclinazione maggiore della precedente), mentre il momento MAB aumenta di più e questo perché in
corrispondenza dell’appoggio ho l’elemento più deformabile a differenza della campata dove ho
l’inerzia della sezione integra (I1).

127
A questo punto possiamo introdurre il fenomeno della ridistribuzione dovuta alla fessurazione: dal
momento che la trave si sta fessurando è come se la parte di elemento più caricata (quella che si
fessura) stesse trasferendo alla parte meno caricata (quella in campata) le sollecitazioni (in questo
caso i momenti), infatti quello che “perde” il momento MB lo recupera il momento MAB, questo è
importante perché io posso sfruttare meglio l’elemento, nel senso che grazie a questo fenomeno è
come se fosse minore la differenza tra il momento negativo in appoggio e il momento positivo in
campata. In generale in appoggio il momento è maggiore, di conseguenza nel progetto
dell’armatura avrò più ferri in appoggio.

A questo punto siamo arrivati ad , cioè abbiamo


incrementato il carico e anche in mezzeria abbiamo
raggiunto e ci accingiamo ad analizzare il caso
in cui : possiamo distinguere diverse zone in
cui il momento supera il momento di fessurazione
(in appoggio ma anche in campata) cosa che si vede
anche dal quadro fessurativo riportato in figura
(fessure in appoggio e in campata). Nel momento in
cui, incrementando il carico la trave inizia a
fessurarsi anche in campata, avremo diverse zone
(tra zone fessurate e non fessurate) ed è come se la
trave tendesse a diventare di nuovo una trave ad
inerzia costante però una diversa inerzia rispetto a quella di partenza, quindi non più I1 (inerzia
iniziale) ma I2; trave con inerzia uguale pari ad I2. In altre parole, man mano che cresce, l’inerzia
variabile diventa un’unica inerzia che adesso è pari cioè è quella della trave fessurata.

Vediamo l’effetto sul diagramma e ci si va a riferire al tratto da al valore


Considerando che la trave tende ad avere inerzia costante è come se tendesse ad avere gli andamenti
iniziali, ovviamente non saranno esattamente gli stessi tuttavia saranno molto simili, infatti, avremo
un andamento dove le linee continue tendon a quelle tratteggiate, quindi si ritorna ad avere lo stesso
effetto di prima quando la trave aveva inerzia I1, ovviamente, i valori saranno diversi poiché la trave
è fessurata e presenta inerzia diversa.

128
Ma perché ho rappresentato fino ad ? Perché è un altro punto significativo, o meglio il valore
di è quel valore del carico in corrispondenza del quale in una delle sezioni si raggiunge ,
dunque, in questa sezione si forma una cerniera plastica dal momento che abbiamo scelto di
utilizzare un modello a plasticità concentrate. In questo caso guardando l’andamento qualitativo del
momento, siccome il momento in appoggio (B) è maggiore di quello in campata, mi aspetto che si
raggiunga prima all’appoggio (B) il momento e che quindi si formi quì la cerniera.

Scelto il modello a plasticità concentrata, ipotizzo che si formino delle cerniere plastiche,
ovviamente, alla cerniera attribuisco un legame e decido di attribuire il legame più semplice in
assoluto che è il legame rigido plastico in cui . Se si è formata una cerniera plastica
significa che lo schema statico è cambiato, detto questo, la cerniera avrà una sua capacità
rotazionale definita dal legame e potendo ruotare è possibile incrementare ancora il
carico.

129
Cosa succede a questo punto nel momento in B? Sulla cerniera, come detto si ha , e una volta
raggiunto il valore di , il momento all’appoggio (B) MB non può aumentare, si mantiene
costante, infatti, a questo punto, sul diagramma andremo a tracciare una retta verticale
relativamente al segmento del MB fino ad .

Come detto, il fatto che la cerniera può ruotare fa sì che io possa portare un ulteriore incremento di
carico e da questo vediamo che il momento in AB aumenta, e aumenta molto più velocemente
grazie alla maggiore deformabilità indotta dalla cerniera plastica. Allora, sullo schema dovrò
tracciare un andamento che cresce, e cresce più velocemente.

Si osserva un’ulteriore fenomeno di ridistribuzione delle sollecitazioni dovuto però alla


plasticizzazione.

Avrei potuto fare anche il caso incrudente piuttosto che quello rigido plastico, in quel caso per
quanto riguarda il momento MB non avrei avuto più un tratto verticale ma un tratto inclinato però
anche qui c’è una ridistribuzione perché, se non tenessi conto della plasticizzazione, nel momento in
cui raggiungo il momento plastico nel punto B per me la struttura diventa labile (?) ma dal
momento che la struttura ha una sua capacità rotazionale, la cerniera può ruotare ed io posso
continuare ad incrementare il carico, quindi ho un altro fenomeno di ridistribuzione per il quale le
sollecitazioni non le porta più l’appoggio B tanto è vero che il momento in B non può più
aumentare, però la trave trasferisce in campata tutto questo a patto che non sia superata la capacità
rotazionale della cerniera, nuovo effetto di ridistribuzione questa volta dovuta alla plasticizzazione.

130
L’ultimo punto sul diagramma è relativo al valore , valore del carico in corrispondenza del
quale anche in campata ho raggiunto e quindi si sono formate due cerniere.

A questo punto ho raggiunto la crisi poiché la struttura è diventata labile.

Come già specificato, non è detto però che questo si possa avere, nel senso che affinché si possano
effettivamente formare le cerniere io dovrò sempre verificare che: cioè
che la rotazione richiesta al punto B sia minore della rotazione disponibile del punto B (che è quella
del legame considerato).

N.B. per carichi verticali, in fase di progettazione non esiste la gerarchia delle resistenze quindi il
progetto per gerarchia che si utilizza in zona sismica.

Quindi per carichi verticali la ridistribuzione è dovuta o alla fessurazione o alla plasticizzazione e
sono due cose distinte perché:

- la ridistribuzione dovuta alla plasticizzazione avviene in campo plastico ed è legata alla capacità
rotazionale della cerniera quindi dovrò fare in modo che la sezione sia duttile poiché più è
duttile la sezione, maggiore è la disponibile, maggiore può essere la ridistribuzione.
- la ridistribuzione dovuta alla fessurazione avviene in campo elastico non lineare, in campo
elastico perché io sto applicando il carico e si formano le fessure, se tolgo il carico io ipotizzo
che fessure si chiudano (campo elastico, quindi è come se avessi “recuperato”), non lineare
poiché ha inerzia variabile (essendosi fessurata e ha inerzia variabile, fenomeno di non
linearità). La ridistribuzione dovuta alla fessurazione è utile in fase di progettazione poiché ci fa
progettare campate e appoggi più o meno simili evitando di sprecare ferri ad esempio.

3.3.1. Approccio normativo alla fessurazione per carichi verticali


La normativa tiene conto di quello che è il reale comportamento della struttura, quindi dei fenomeni
di non linearità ad esempio sia nell’attuale normativa sia in quelle precedenti (NTC08, D.M.96, già
c’erano queste indicazioni).

Si tratta di carichi verticali quindi il capitolo di riferimento è il #4.1.1.Valutazione della Sicurezza e


Metodi di Analisi.

Le analisi per le strutture sotto carichi verticali sono:

- Analisi Elastica;
- Analisi Plastica;
- Analisi Non Lineare.

131
3.3.1.1. Analisi Non Lineare
L’abbiamo già trattata, nel caso di una trave incastrata-incastrata con carico distribuito.

Abbiamo calcolato il massimo carico che la trave poteva portare, seguendo tutto il percorso
(percorso non lineare), cioè tracciando il diagramma del momento, avendo detto che avremmo
utilizzato la plasticità concentrata come modello, abbiamo visto passo passo l’andamento del
diagramma del momento, abbiamo visto dove si formavano le prime cerniere (estremità poi
mezzeria), quindi abbiamo calcolato il carico che portava alla formazione di queste cerniere, infine
abbiamo visto come essendosi modificato lo schema statico fino alla cerniera in mezzeria (3
cerniere allineate) schema labile, ci siamo fermati perché non era più possibile aggiungere altro
carico. L’analisi non lineare per carichi verticali è un’analisi al passo, cioè io seguo tutto il percorso
non lineare della struttura, cioè vedo come la sequenza con cui si formano le cerniere fino ad
arrivare al meccanismo. Facendo attenzione (verifica della capacità rotazione delle cerniere) poiché
occorre verificare che le cerniere possano formarsi (controllo sulla capacità rotazionale quindi
implicitamente sulla duttilità).

3.3.1.2. Analisi Plastica


Simile all’analisi non lineare, ma con questa ultima seguiamo tutto il percorso non lineare fino al
raggiungimento del meccanismo, con quella plastica, invece, andiamo direttamente allo stadio
finale cioè individuiamo il meccanismo quindi il carico che la struttura può portare , dunque, non si
segue l’evoluzione ma si va direttamente allo step finale.

Nel caso di trave incastrata-incastrata con carico uniformemente distribuito lo schema di partenza
sarà quello con la formazione delle 3 cerniere plastiche già avvenuta come di seguito riportato:

Come detto già si è formato il meccanismo, dunque è chiaro ch io debba già sapere qual è il
meccanismo finale, in questa struttura è facile poiché conosciamo il diagramma del momento
dunque conosciamo il punto in cui si formeranno le cerniere, conosco già lo stadio finale. Di contro
però, se immaginiamo una struttura meno semplice quale può essere ad esempio un telaio si capisce
bene che è difficile individuare quello che sarà il meccanismo finale, in questo caso si utilizzano i
metodi del calcolo a rottura dove si ipotizzano appunto quelli che saranno i meccanismi finali.

Dicendo che il mio punto di partenza è quello con le cerniere plastiche già formate non mi
preoccupo della possibilità di arrivare a tale meccanismo è come se dessi per assunto che ci possa
arrivare a questo tipo di meccanismo per cui non faccio nessun controllo sulla capacità rotazionale.
132
Pertanto l’analisi consiste, fissato il meccanismo, di calcolare qual è il carico totale che la struttura è
in grado di portare .

A questo punto, dal momento che la struttura è labile (3 cerniere allineate), l’unico modo che ho per
calcolare il carico totale è per equilibrio:

Le incognite sono: , , . Ho 3 incognite, servono 3 equazioni per risolvere il problema.

Risolvo come si risolvono le isostatiche cioè considero prima l’equilibrio della struttura globale e
poi considero l’equilibrio locale dei singoli tratti:

Dalla risoluzione del sistema si ha:

Notiamo come per analisi plastica e analisi non lineare, per lo stesso schema otteniamo lo stesso
valore di carico massimo. Quindi mi viene da pensare, a questo punto perché mettermi a fare
l’analisi lineare (molto più dispendiosa in termini computazionali, quindi di tempo ed il tempo è
prezioso) se poi ottengo gli stessi risultati? La differenza è che mentre con la non lineare man mano
che facevamo i vari passi controllavo (verifica) se potevo procedere o meno con un ulteriore
incremento di carico, nell’analisi plastica non faccio nessun controllo per cui è come se
implicitamente stessi dicendo che quando faccio l’analisi plastica sto considerando che i materiali
siano infinitamente duttili solo in questo modo io non sono tenuto a fare alcun controllo poiché con
questa ipotesi ammetto che si possano formare certamente le cerniere plastiche. L’ipotesi
fondamentale dell’analisi plastica mi permette partire dal meccanismo finale, dall’ipotesi capiamo
che anche se formano le cerniere queste devono ruotare in maniera indefinita, è come se nel legame
M- vedessi un andamento infinito, nel senso che non esiste un valore finale dunque con cui alla
fine potrò fare il confronto/verifica.

133
Questo ci fa capire che l’analisi plastica non si può applicare sempre ci sono delle limitazioni alla
sua applicazione , dipende soprattutto dal materiale:

- pensiamo per assurdo che la trave oggetto di studio fosse di vetro, materiale fragile, niente
analisi plastica, materiale non duttile.
- pensiamo invece all’acciaio, molto duttile si ma non infinitamente duttile. La duttilità è
legata la sezione, infatti, la sua notazione è in termini di sezione, per le sezioni in acciaio
(Tecnica 2) esistono 4 classi d’acciaio (Classe 1,2,3,4), 1 e 2 sono ad elevata duttilità, per la
3 riesco a raggiungere lo snervamento ma la duttilità è ridotta mentre per la sezione di classe
4 il momento di snervamento non lo riesco neanche a raggiungere. La norma, infatti, ci
impone l’utilizzo della analisi plastica per l’acciaio per le sole sezioni di classe 1 e 2.
- per il c.a. è già più complicato perché questo non è un materiale molto duttile, inoltre la
duttilità del materiale non dipende solo dal materiale ma anche da come l’abbiamo
progettato il materiale (abbiamo visto che la duttilità dipendeva dalla percentuale di
armatura in trazione, dalla percentuale di armatura compressa rispetto a quella tesa, dal
confinamento del cls quindi mettiamo le staffe, etc), dipende da tanti aspetti, per cui se
dovessi eseguire un’analisi plastica su una sezione in c.a. devo essere certo che la sezione
sia duttile.

N.B.: La NTC18 ci dice che: “al materiale si può attribuire un diagramma tensioni-deformazioni
rigido-plastico verificando che la duttilità delle sezioni dove si localizzano le plasticizzazioni sia
sufficiente a garantire la formazione del meccanismo previsto, l analisi plastica può essere usata
per i soli SLU”. Mentre, nell’ottica del progettista bisogna: fare la verifica della duttilità delle
sezioni prima di capire se puoi andare avanti con l’analisi plastica, per il resto è normale che si
riferisca agli SLU perché i meccanismi plastici non ce li aspettiamo agli SLE.

Ancora, l’NTC18 ci dice che: “l analisi non lineare è utilizzabile sia per gli SLU che per gli SLE”.
L’analisi non lineare è basata sui legami , è possibile collegare la rotazione alla curvatura
adesso pensando al legame possiamo usarlo anche in campo elastico ovvero prima della
fessurazione, è complicato sicuramente ma si può fare, si può usare anche per gli SLE, inoltre un
po’ di non linearità è presa già in considerazione agli SLE, basti pensare al calcolo delle frecce,
dove sebbene in maniera approssimata, già ne tenevamo conto, infatti, nella formula delle frecce
entravano in gioco I1 e I2 .

Infine, per l’analisi non lineare, per quanto riguarda i legami costitutivi la NTC18 ci dice che si può
usare qualsiasi legame costitutivo nel senso che possiamo usare tanto quelli di normativa tanto
quelli reali (sperimentazioni) ovviamente in questo secondo caso risulterà più difficile tenerne conto
ma posso scegliere comunque di usarlo.

134
3.3.1.3. Analisi Elastica
È qui che entra in gioco la ridistribuzione delle sollecitazioni.

È possibile scindere 2 casi, secondo le NTC2018:

1) Senza Ridistribuzione: si studia l’elemento senza tener conto delle fessure. Conoscendo la
mia geometria ed il carico applicato, si può tracciare il diagramma del momento, da cui si va
a prendere il valore del momento nelle sezioni significative cioè in campata e nell’appoggio
centrale così da poter progettare le armature, cioè, questa è la classica analisi elastica senza
ridistribuzione.

2) Con Ridistribuzione: tenuto conto del reale comportamento dell’elemento (ridistribuzione),


il concetto che abbiamo visto prima è che io posso ridurre il momento in appoggio e
aumentare quello in campata, perché quando l’elemento trave si fessura l’elemento “sposta”
la sollecitazione dalla parte più sollecitata che era l’appoggio che si è fessurato, alla parte
meno sollecitata cioè la campata. La norma prescrive un aumento e una riduzione del
momento della stessa quantità.

Secondo la norma il momento varia di un coefficiente dato dal rapporto tra il momento post-
ridistribuzione e il momento pre-ridistribuzione :

dove per si ha la massima ridistribuzione (vuol dire che al massimo posso ridurre il valore
del momento del 30%) e per non si ha ridistribuzione.

Ridurre il diagramma del momento è legato alla necessità di non avere congestione di armatura in
appoggio, infatti, in appoggio arrivano armature da destra e da sinistra, invece riducendo il
momento avrò minori armature.

135
Dalle NTC18:

I valori di si ricavano dalle espressioni:

Dove è l altezza della zona compressa dopo la ridistribuzione, è l altezza utile della sezione
(Fig.4.1.4) ed è definita in #4.1.2.1.2.1.

Come abbiamo già detto, la ridistribuzione è implicitamente legata alla duttilità della sezione
dipende dalla curvatura che non è nient’altro che . Spiegato il motivo per il quale nelle
formule compaiono sia che ,o meglio il rapporto (una sorta di asse neutro
adimensionalizzato), vediamo che effetto ha:

- se incremento cu aumenta la curvatura ultima quindi aumenterà la duttilità,  diminuisce ma


sempre compreso nell’intervallo ovviamente, e se  diminuisce vuol dire che ridistribuisco di
più. (Se voglio una struttura duttile dovrò avere un asse neutro alto,  è più piccolo e quindi
ridistribuisco di più).
- viceversa se è alto.

La differenza che c’è tra cls ordinari e ad alta resistenza in questo


caso è dovuta al fatto che i cls ad alta resistenza sono meno duttili di quelli ordinari, infatti, ci sono
coefficienti più grandi nella formula relativa ai cls ad alta resistenza, in questo caso avrò dei valori
di  più elevati e quindi potrò ridistribuire di meno. Infine, la NTC 2018 specifica che l’analisi
elastica non si può usare su pilastri e nodi perché, nei pilastri c’è lo sforzo normale (elemento poco
duttile rispetto alle travi), i nodi sono elementi fragili quindi di certo non si può utilizzare an.el. con
ridistribuzione. Tale analisi si può, però, utilizzare per travi continue e solette a condizioni che le
sollecitazioni di flessione siano prevalenti su quelle di taglio (perchè il taglio è una tipologia di
rottura fragile, meno duttile rispetto alla flessione) e che le luci di campata presentino un rapporto
tra luci continue compreso tra 0,5 e 2. Dai coefficienti numerici nelle espressioni delta capiamo che
queste sono state ricavate facendo delle sperimentazioni numeriche su schemi abbastanza regolari,
cioè con rapporti tra le luci contigue non troppo differenti, quindi il range riportato è relativo al
campo d’analisi delle sperimentazioni fatte.
136
4. La Struttura
4.1. Approccio normativo alla fessurazione in zona sismica
NTC2018 #Capitolo7:

Analisi Analisi
Statica Dinamica

Lineare Lineare
(ASL) (ADL)

Non Lineare Non Lineare


(ASNL) (ADNL)

4.1.1. Analisi Statica Lineare


Si dice “statica” perché prevede la semplificazione adottata rispetto alla trasformazione delle azioni
sismiche (che in realtà sono delle accelerazioni) in forze.

Consideriamo, ad esempio, un telaio a 3 piani (per il quale localizzo


le masse di ogni piano in un punto , , ) che sottoponiamo
ad una assegnata distribuzione triangolare di forze , , (n.b. la
distribuzione o menglio la forma della distribuzione dipende dalle
masse che se fossero tutte uguali darebbe luogo ad una distribuzione
triangolare ma se le masse sono differenti non è detto che sia
triangolare). A destra del telaio riportiamo il modello di oscillatore
semplice.

Tuttavia questa è caratterizzata da una forte limitazione (soprattutto per edifici esistenti) che è la
regolarità strutturale: in elevazione, pianta e rigidezza.

Abbiamo fatto una approssimazione anche nell’input considerato, perché in realtà il nostro input è
rappresentato dallo spettro, infatti il tagliante sismico alla base si ricavava facendo riferimento
ad una accelerazione ottenuta entrando nello spettro con il nostro periodo.

4.1.2. Analisi Statica Non Lineare


Il comportamento dell’elemento è descritto dalla relazione . Anche in questo caso mi aspetto
di poter descrivere nello stesso diagramma il comportamento, però, dal momento che mi trovo in
corrispondenza di un telaio, non avrò un solo valore di forza con un solo relativo valore di
spostamento, quindi, sul diagramma metterò, in ordinate, la (tagliante alla base,

137
), in ascissa, un relativo al nodo di controllo cioè il nodo che vado a monitorare (cioè un
punto dell’ultimo piano).

In generale il nodo di controllo dovrebbe essere il baricentro delle masse perché le forze, che sono
forze d’inerzia, devono essere applicate al baricentro delle masse; se i solai sono infinitamente
rigidi, non c’è differenza tra un punto ed un altro e posso prendere il nodo di controllo ovunque.
Questo diagramma contiene la CURVA DI CAPACITA’, la capacità che verrà fuori dovrà poi
essere confrontata con la domanda.

Essendo un’analisi non lineare dovremmo tener conto del comportamento non lineare, per tener
conto di questo aspetto noi utilizzeremo un modello a plasticità concentrata quindi nella mia
struttura ci saranno delle zone in cui si formeranno queste cerniere plastiche, a queste io attribuisco
un legame ad esempio, rigido plastico. Per stabilire l’ubicazione delle cerniere guardiamo il
diagramma del momento ottenuto considerando, per semplicità, che non ci siano carichi verticali,
sebbene in realtà ci siano e si riferiscano alla combinazione sismica: . Quindi il
momento lo otteniamo per le sole azioni orizzontali:

Siamo interessati a vedere dove si formano le cerniere plastiche. I punti in corrispondenza dei quali
possono formarsi le cerniere non sono nient’altro che le estremità di tutti gli elementi, travi e pilastri
poiché è qui che avrò i momenti massimi. Mettiamo, allora, le cerniere in tutti questi punti e le
iniziamo a vedere quando iniziano ad attivarsi. Questo presuppone che dato il nostro telaio, note
dunque le armature su tutte le travi e tutti i pilastri, considerando che dipende dalla geometria e
dalle armature, dovremo calcolare tanti diagrammi quanti sono le differenti travi e i diversi
pilastri in termini di geometria e armatura poiché si prevede un differente. Stabiliti in maniera
intuitiva la posizione delle cerniere plastiche, le calcoliamo in tutti i punti e attribuiamo loro un
certo legame.

L’Analisi Statica Non Lineare è quella che tratteremo principalmente nel corso, quindi, la si studia
separatamente.

Con un’analisi del genere voglio valutare il comportamento (la prestazione) della struttura. Si
applicano delle distribuzioni di forze (questa analisi si chiama anche analisi di push over
“spingere”), la forma di questa distribuzione è costante, però, voglio incrementare i carichi e quindi
è come se moltiplicassi tutto per un certo fattore (forma uguale, ma carichi incrementati); spingo
la struttura (in una sezione particolare si formerà una cerniera e da lì otterrò un primo punto della
struttura),etc. perché voglio capire come questa si comporta.

4.1.3. Analisi Dinamica Lineare


Bisogna innanzitutto fare un’analisi modale ricavando i periodi e i modi corrispondenti (forme
modali) poi combino le forme modali con le regole di combinazione SRSS e CQC. Anche qui ci
sono delle limitazioni ad esempio la norma mi dice di prendere un numero di modi tale che la massa
totale partecipante sia >85%.

138
4.1.4. Analisi Dinamica Non Lineare
È ancora più complessa e tale complessità è legata sia alla non linearità sia al fatto che i carichi
sono carichi dinamici.

La caratteristica fondamentale di questa analisi è nell’input, qui noi mettiamo direttamente le


accelerazioni, mettiamo direttamente l’accelerogramma. Ora, l’accelerogramma può essere naturale
o artificiale ed è la norma stessa a dirci quale dobbiamo scegliere; in particolare, essendo collegati
allo spettro, essi devono essere accelerogrammi spettrocompatibili. Ancora la norma ci dice che se
ne devono usare o 3 o 7: se consideriamo 3 prendiamo il massimo valore delle sollecitazioni,
mentre, se consideriamo 7 prendiamo il valore medio (è come se implicitamente fossimo stati più
precisi nella analisi).

Altra complessità risiede nel fatto che è un’analisi non lineare, ergo, legami costitutivi non lineari.
Inoltre, il legame deve anche essere ciclico poiché se io metto l’accelerogramma , esso può avere
sia valori positivi che valori negativi, potendo, dunque, avere inversioni di segno il legame dovrà
essere ciclico.

N.B.: La norma fa una distinzione tra carichi statici e carichi dinamici e all’interno di questa
suddivisione sopra riportata ci consente di fare un’analisi lineare o un’analisi non lineare.

139
4.2. Analisi Statica Non Lineare (Push-Over)

L’obiettivo è quello di definire il comportamento della struttura in termini di curva dove


è il tagliante alla base mentre è lo spostamento del nodo di controllo (generalmente ne
scegliamo uno appartenente all’ultimo piano sempre nell’ipotesi di impalcati rigidi). Questa curva
prende il nome di Curva di Capacità. Tale curva andrà confrontata con la domanda, fornita dalla
NTC18. Trattandosi di un’analisi non lineare dobbiamo introdurre il comportamento non lineare
della struttura. A tal proposito utilizzeremo un modello di comportamento non lineare ed in
particolare quello a plasticità concentrata, quindi, ci aspettiamo la formazione di cerniere plastiche
plausibilmente alle estremità di travi e pilastri perché abbiamo tracciato il diagramma del momento
per azioni orizzontali e abbiamo visto come i valori massimi si hanno proprio nelle estremità.

Vediamo di seguire il comportamento della struttura,le


cerniere si formeranno nel momento in cui il momento
supererà il valore del momento plastico, dobbiamo
definire tante cerniere quante sono le sezioni differenti
di travi e pilastri (armature differenti), come detto,
consideriamo il legame rigido-plastico , dunque
il valore del momento plastico coincide con il
valore di momento ultimo , a cui corrisponde un
valore di rotazione ultima, .

140
La norma ci dice di applicare alla struttura una certa distribuzione di forze che vanno ad essere
incrementate con il coefficiente . Perché inserisco il coefficiente α? Perché attraverso l’analisi
static non lineare si vuole incrementare gradualmente il carico, quindi, si vogliono incrementare
gradualmente queste forze, mantenendo la forma della distribuzione. Cosa succederà? Man mano
che incremento α, e incremento dunque le forze, il momento aumenta, e quindi ci sarà un primo
elemento, supponiamo ad esempio l’elemento trave (punto 1), in cui si raggiunge il valore del
momento plastic , si sarà, pertanto, formata la prima cerniera, avrò, di conseguenza un punto nel
, questo punto rappresenta il valore del tagliante alla base in corrispondenza del quale si
forma la prima cerniera, in ascissa il corrispondente valore di spostamento del nodo di controllo che
vado a leggere. Man mano che vado ad incrementare i carichi, considerando che la capacità
rotazionale della cerniera mi permetta di farlo, avrò il raggiungimento in un’altra sezione del ,
quindi la formazione di una nuova cerniera. Dopo la formazione di una nuova cerniera si capisce
come sul diagramma avrò un nuovo punto. Ancora, questa cerniera ha una sua capacità
rotazionale, può ruotare, perciò incremento il carico e avrò una nuova cerniera, dunque, un altro
punto sul diagramma . Ovviamente, man mano che si formano le cerniere mi aspetto di
vedere la curva sempre meno pendente cioè mi aspetto una riduzione delle rigidezze perché se si
stanno formando le cerniere vuol dire che la struttura sta diventando via via sempre più
deformabile, quindi, io continuerò ad incrementare i carichi fin quando non si formerà un certo
numero di cerniere (in travi e pilastri) e sulla curva di capacità ho tanti punti che sono
rappresentativi delle coordinate (tagliante alla base, spostamento del nodo di controllo) in
corrispondenza dei quali si sono formate le cerniere. Traccerò curva di capacità fin quando non si
saranno formate cerniere tali da rendere la struttura labile; a questo punto non posso incrementare
il carico, quindi, si ferma la curva. Se, quando si sono formate cerniere tali da rendere la struttura
labile, le cerniere possono ancora ruotare, allora ci potrà essere un ulteriore spostamento (ramo
costante dopo il punto ).

N.B. Se la cerniera arriva alla rotazione ultima, anche con una struttura non labile cosa facciamo?
Dobbiamo comunque interrompere la curva.

141
Ogni volta che si forma una cerniera noi dobbiamo fare la nostra solita verifica, controllando che la
capacità rotazionale disponibile sia maggiore o al più uguale alla capacità rotazionale richiesta,
perché, qualora così non fosse, ad esempio, arrivati alla formazione della terza cerniera, io
incremento il carico ma al contempo la prima cerniera ha raggiunto la , il meccanismo,
dunque, non potrà formarsi e dovrò interrompere la curva. Ovviamente, se ciò dovesse accadere,
sarebbe sinonimo del fatto che la struttura non è stata progettata bene.

Ci sono diverse tipologie di meccanismo che si possono attivare, cioè diversi modi in cui la struttura
può diventare labile:

Meccanismo Globale Meccanismo Locale


Le cerniere si formano alle estremità di tutte le Le cerniere si formano alla base e in testa ai
travi e solo alla base dei pilastri del piano terra. pilastri del piano terra.

È il meccanismo migliore perché: Questo meccanismo si verifica per edifici senza


- si forma un numero di cerniere più alto; tamponature (es. negozi con vetrate). È da
- le cerniere si formano principalmente evitare perché:
nelle travi che sono elementi più duttili - si formano meno cerniere plastiche;
(con capacità rotazionale maggiore) - interessa i pilastri che sono elementi poco
rispetto ai pilastri; duttili che non ci permettono di dissipare
- le travi sono più facilmente riparabili tanta energia come per le travi.
rispetto ai pilastri.

In realtà nella nostra struttura potrebbe anche non formarsi nessuno dei due meccanismi quindi ad
esempio qualcosa di intermedio tra i due, ciò dipende da come è stata progettata la struttura. Ad
esempio, il telaio considerato al corso di tecnica 2 è stato progettato seguendo la gerarchia delle
resistenze: flessione-taglio e trave-pilastro. Quando parlo di gerarchia flessione-taglio sto dicendo
che voglio che la sezione si rompa a flessione e non a taglio, mentre, quando abbiamo fatto la
gerarchia trave-pilastro abbiamo progettato pilastri più resistenti delle travi perché vogliamo che le
cerniere si formino nelle travi. In sintesi se abbiamo progettato per gerarchia delle resistenze si
dovrebbe formare il meccanismo globale perché è come se tutti i dettagli costruttivi che abbiamo
rispettato (molti valori vengono fuori dal calcolo, altri quali ad esempio le limitazioni di armatura o
di passo delle staffe, vengono fuori dalla norma e sono limitazioni connesse alla duttilità) siano
funzione della possibilità che si verifichi il meccanismo globale.
142
L’ASNL è una metodologia di analisi che potrebbe essere usata sia per il progetto che per la
verifica:

- è assurdo pensare di utilizzarla per il progetto in quanto diventerebbe un processo iterativo


nel senso non posso mettere le armature se non conosco dove e se si formano le cerniere.
Diventa difficile e molto scomodo, dunque, non si usa quasi mai per la progettazione; al
limite, potremmo pensare di progettare con l’ASL (struttura regolare) o ADL (struttura non
regolare), da qui faccio una ASNL e mi vado a controllare il fattore di struttura “ ”.
Ricordando tecnica 2, abbiamo progettato passando dallo spettro elastico a quello di progetto
riducendo lo spettro elastico per il fattore di struttura (preso dalla norma in funzione della
classe di duttilità scelta ma soprattutto in funzione alla tipologia strutturale). Fatta l’ASNL
possiamo andare a ricavare, partendo dalla curva di capacità, qual è l’effettivo fattore di
struttura, quindi, vado a fare un confronto con quel valore di “ ” utilizzato per la
progettazione.
- invece, è molto più utilizzata in fase di verifica. Ovviamente, se la vado a fare per una
struttura progettata con le nuove normative mi aspetto di trovare un meccanismo globale,
mentre, se la applicassi su un edificio esistente (che magari è stato progettato per soli carichi
verticali) sicuramente non si verificherà un meccanismo globale.

4.2.1. Precisazioni necessarie

4.2.1.1. Dove si posizionano le cerniere plastiche?


Per avere un’idea su dove mettere le cerniere plastiche devo guardare il diagramma del momento; in
particolare, andiamo a guardare il diagramma dei momenti per sole forze orizzontali. Questa, in
realtà, è una semplificazione perché, considerando il diagramma dove vediamo vari punti
relativi alla formazione delle cerniere, tra un punto e l’altro abbiamo delle rette, cioè è come se tra
uno step e l’altro l’andamento fosse lineare perché noi non teniamo conto, ad esempio, della
fessurazione, quindi, tra una fessura e l’altra non teniamo conto del fatto che la struttura si sta
modificando, infatti, inizialmente il telaio ha una sua matrice delle rigidezza che si modifica
nel momento in cui si formerà una cerniera, tuttavia, noi non teniamo conto di questo aspetto
mantenendo la stessa matrice delle rigidezze (anche se in realtà si ha la possibilità di tenerne conto
andando incontro ad una tipologia di analisi che si chiama push over adattiva, cioè per ogni step un
software va a ricalcolare la nuova matrice delle rigidezze e su quella andare a fare il nuovo
incremento di carico). Sebbene si vada a svantaggio di sicurezza in questo modo (perché avrò delle
sollecitazioni connesse ad una struttura con rigidezza invariabile sebbene questa si riduca step by
step) la NTC ci dice di utilizzare l’ASNL e non quella adattiva a meno di casi specifici.

Le cerniere, in definitiva, si formeranno alle estremità di travi e pilastri poiché l’andamento del
momento ci dice questo, tuttavia, questo è il risultato che vien fuori, come già specificato,
considerando l’andamento del momento per sole forze orizzontali, in realtà, quando si fa l’ASNL il
primo step, lo STEP 0, prevede l’applicazione di carichi verticali nella combinazione sismica

143
Ci verrebbe da pensare che la cerniera si formi in mezzeria dove si ha il momento massimo ma ci
ricordiamo che oltre ai carichi verticali si applicheranno delle forze orizzontali e quindi si procede
all’inviluppo del diagramma del momento. Inoltre, ci ricordiamo che le forze sono applicate in
entrambi i versi quindi l’inviluppo si ha per 3 casi:

Inviluppo su una trave del diagramma del momento relativo al


caso di carico distribuito e della forza orizzontale in un solo
verso:

Considerando il particolare di una trave, guardando i diagrammi dei momenti ottenuti, l’inviluppo
fornirà un diagramma del momento con un massimo ad un estremo e un andamento parabolic.
Otterremo il diagramma complessivo, dal quale possiamo notare che in mezzeria non abbiamo un
valore del momento molto elevato, questo giustifica il perché non si mette la cerniera in mezzeria,
tuttavia, nulla vieta di farlo, sebbene si complichi ulteriormente la computazione legata ad uno
schema più complicato.

144
In definitiva si svolge l’inviluppo tra i carichi verticali e forze orizzontali in una direzione, poi, tra
carichi verticali e forze orizzontali nell’altra direzione e di questi due andamenti faccio l’inviluppo
totale.

Quindi le cerniere saranno poste alle estremità delle travi. Ma dove di preciso?

Le estremità delle travi o dei pilastri coincidono con quelle che la NTC2018 chiama “zone
dissipative” (cioè le “zone critiche” della NTC2008) che rappresentano quelle zone in cui la norma
ci fa curare maggiormente i dettagli costruttivi, ad esempio, sono quelle zone in cui ci faceva
infittire il passo delle staffe.

Al # Capitolo 7 la norma definisce la lunghezza della zona critica in funzione della classe di
duttilità:

con data dall’ altezza della sezione della trave ed misurata a partire dalla faccia esterna del
pilastro:

Nella zona dissipativa individuata ci sarà la cerniera


plastica. La cosa più semplice da fare è posizionarla in ;
se, però, andiamo a fare riferimento a quella che è la
schematizzazione che noi adottiamo (quella della linea
d’asse), la cerniera si troverà ad una certa distanza dallo
spigolo, quindi ad una distanza maggiore rispetto al punto in
cui l’avevo posizionata. In realtà, c’è una precisazione dallo
spigolo comprende una parte di pilastro oltre che la trave,
praticamente è la parte di nodo, quindi, correttamente dovrei
rappresentare un concio rigido in corrispondenza dello
spigolo (quello che il software SAP200 chiama braccio rigido
dal comando END LENGTH OFFSET), quindi, seguendo la
norma io dovrei mettere un concio rigido (metà dimensione
del pilastro) e, ad una certa distanza da esso dovrei
posizionare la cerniera. In questa posizione si avrà una
discordanza tra il comportamento rigido del concio quello
elastico della trave, quello plastico della cerniera e di nuovo
quello elastico della trave (si ha, ad esempio, un incremento
di momento sulla cerniera, oppure potrebbe accadere che
nello spigolo si raggiunga il valore del momento che mi porta
alla formazione della cerniera ma nel punto in
corrispondenza del quale io ho inserito la mia cerniera non si ha ancora quel valore di momento,
comunque succedono cose strane); detto questo, per semplicità, si posiziona la cerniera all’estremità
della trave proprio all’incrocio trave-pilastro trascurando il concio rigido.
145
4.2.1.2. Quali legami Momento-Rotazione si associano alle cerniere?
Definita la posizione delle cerniere plastiche, ad ognuna di questa devo assegnare un legame ,
quindi, potremmo avere tanti legami quante sono diverse le sezioni di travi e pilastri
(tenendo conto anche, ad esempio, del fatto che ed potrebbero essere diversi dovuti alla
diversa armatura inferiore e superiore) quindi io dovrò caratterizzare tutte le zone. Nei pilastri
l’armatura sarà sempre simmetrica, il problema più che altro si ha nelle travi, dove sicuramente le
armature non saranno uguali.

Quando abbiamo parlato del modello a plasticità concentrata abbiamo detto che esistono diverse
possibilità per il legame : il modello completo in cui si concentrava tutto (elasticità,
fessurazione, plasticità) che però non si utilizzava quasi mai, ancora avevamo un modello un po’
più sofisticato in cui concentravamo sia la fessurazione che la plasticizzazione, infine, il modello
più semplice in cui andavamo a concentrare la sola parte plastica. Li abbiamo ripresi poiché
sappiamo calcolare , , che ci serviranno per il calcolo delle rotazioni. Se scegliamo il
legame più sofisticato, come si evince in figura, ci serve sia la rotazione allo snervamento che
quella ultima; mentre, se scegliamo quello rigido plastico (dove confondo ed ) mi serve solo
la rotazione ultima.

Nel software SAP2000 quando si vuole usare il legame rigido plastico


allora si inserisce solo mentre per considerare l’incrudimento devo
inserire

La valutazione della capacità rotazionale ed, in particolare le espressioni


di e di vanno ricavate sulla circolare (la circolare delle NTC18 è stata approvata ma non
pubblicata, quindi ci si riferisce a quella del 2009 cioè la Circolare Esplicativa del NTC08, in ogni
caso, la formulazione non è cambiata neanche nella NTC18).

146
4.2.1.2.1. Formula empirica diretta per il calcolo della rotazione ultima
Essenzialmente sarà data dal prodotto tra coefficienti numerici ricavati sperimentalmente e tutti
quei parametri che entrano in gioco nella duttilità, quindi mi aspetto di trovare:

 la percentuale meccanica di armatura tesa (nella norma non c’è il pedice “d”
perché l’ASNL può essere utilizzata tanto per il progetto quanto per la verifica e ad esempio,
nel caso di verifica di edifici di esistenti non si utilizza il valore di progetto ma i valori medi,
e in particolare questi valori medi vengono poi divisi per i fattori di confidenza che sono
funzione del grado di conoscenza che ho della struttura. Nel caso del nostro telaio dobbiamo
trattarlo come se fosse un edificio nuovo, quindi utilizziamo grandezze di progetto) in
particolare se aumenta, la duttilità diminuisce quindi mi aspetto di trovarla al
denominatore;
 la percentuale meccanica di armatura compressa . All’aumentare di la duttilità
aumenta quindi me l’aspetto al numeratore;
 lo sforzo normale adimensionalizzato All’aumentare di la duttilità si riduce quindi mi
aspetto di trovarlo al denominatore;
 il confinamento espresso dalla percentuale volumetrica di staffe dove cioè
il coefficiente di efficienza delle staffe.

Si esplicita, allora, la formula di normativa per il calcolo della capacità rotazionale:

Da notare che le resistenze non hanno il pedice e che si tratta di una formula sperimentale
(ricavata da sperimentazioni in cui è stato fatto variare un parametro per volta ed è stata ricavata la
rotazione), il fatto che sia piena di coefficienti numerici ci fa capire il perché la formula la troviamo
nella circolare e non la troviamo nella norma in quanto la norma è legge e la circolare è come se
fosse esplicativa della norma quindi la formula potrebbe subire modifiche, non tanto per i parametri
che restano quelli ma per i coefficienti numerici/sperimentali quindi si riporta in circolare perchè
essa è aggiornabile più facilmente rispetto alla norma che è legge ed è quindi più difficile da
aggiornare.

147
Nella formula di troviamo i seguenti parametri:

- per gli elementi primari e per elementi secondari (come definiti al


#7.2.3 delle NTC). Per elementi primari si intendono travi, pilastri, edifici intelaiati; mentre,
per elementi secondari si intendono colonne negli edifici misti pareti-colonna cui le pareti
(che assorbono le azioni sismiche) sono gli elementi primari, invece, i pilastri sono quelli
secondari (è come se gli chiedessi di meno in termini di capacità rotazionale). Sia gli
elementi primari che secondari sono elementi strutturali, ovvero quelli deputati
all’assorbimento delle forze sismiche. Il valore di mi fa abbassare la , quindi è a
vantaggio di sicurezza.
- è la luce di taglio. La luce di taglio è la distanza tra il punto in cui il momento è massimo
e quello in cui è nullo.

Dallo schema riportato si capisce che per schemi isostatici la luce di taglio è facile da
riportare perché è sempre la distanza tra la reazione vincolare e la forza applicata. Quando
abbiamo a che fare con schemi iperstatici oppure ad esempio nei telai, non conoscendo
l’effettivo diagramma del momento è più complessa l’individuazione di questa lunghezza.

Quanto detto vale per le travi, mentre, nei pilastri, dove governano principalmente i carichi
orizzontali . Per le travi è una nostra scelta, potrei prendere e dire che
prevalgono i carichi orizzontali. Ad esempio. Metto , anche se spesso si mette
per le travi e invece per i pilastri.

148
Ma perché compare in una formula che esprime la capacità rotazionale e quindi mi dà la
duttilità? In realtà è connessa all’interazione flessione-taglio cioè mi dice quando prevale
la flessione rispetto al taglio, quindi questo è legato implicitamente al concetto di duttilità
perché la flessione come tipologia di sollecitazione è più duttile rispetto al taglio; in
particolare, all’aumentare di si evince come la flessione prevalga sul taglio e vi sia un
aumento di duttilità.

- è l altezza della sezione;


- è lo sforzo normale di compressione agente su tutta la sezione ;

- e percentuali meccaniche di armatura longitudianale in trazione e


compressione rispettivamente (nelle pareti tutta l armatura longitudinale d anima è da
includere nella percentuale in trazione);
- sono la resistenza a compressione del calcestruzzo e la resistenza a snervamento
dell acciaio, longitudianle e trasversale, ottenute come media delle prove eseguite in sito,
eventualmente corrette sulla base di fonti aggiuntive di informazione, divise per il fattore di
confidenza appropriato in relazione al Livello di Conoscenza raggiunto;
- la percentuale di armatura trasversale ( = interasse delle staffe nella zona
critica);
- è la percentuale di eventuali armature diagonali in ciascuna direzione, che è nulla nelle
travi o nei pilastri(nei telai dunque è sempre nulla), ma è diversa da zero nelle pareti, in cui
si può formare la cerniera plastica, questa è schematizzabile come una mensola in cui la
cerniera plastica potrà formarsi soprattutto alla base.
- sono le dimensioni del nucleo confinato,
mentre, sono le distanze delle barre longitudinali trattenute da tiranti o staffe presenti sul
perimetro.

4.2.1.2.2. Formula indiretta per il calcolo della rotazione ultima


Dalla NTC18:

In alternativa per la valutazione di si può usare la seguente equazione:

dove è la rotazione rispetto alla corda allo snervamento definita in (8.7.2.1a) e (8.7.2.1b), è
la curvatura ultima valutata considerando le deformazioni ultime del conglomerato (tenuto conto
del confinamento) e dell acciaio (da stimare sulla base dell allungamento uniforme al carico
massimo, in mancanza di informazioni si può assumere che la deformazione ultima dell acciaio sia
pari al 4%), è la curvatura a snervamento valutata considerando l acciaio alla deformazione di
snervamento , è la luce di taglio e è la lunghezza di cerniera plastica valutabile come:

149
dove è l altezza della sezione, è il diametro (medio) delle barre longitudinali, ed e sono
rispettivamente la resistenza a compressione del calcestruzzo e la resistenza a snervamento
dell acciaio longitudinale (in MPa), ottenute come media delle prove eseguite in sito e da fonti
aggiuntive di informazione, divise per il fattore di confidenza appropriato in relazione al Livello di
Conoscenza raggiunto.

La capacità rotazionale totale rispetto alla corda allo snervamento, , può essere valutata
mediante:

per travi e pilastri (8.7.2.1a)

per pareti (8.7.2.1b)

La è una formula “indiretta” perché non ci dà direttamente il valore di U ma passiamo


attraverso le curvature e in particolare, la norma utilizza il simbolo per la curvatura, e , per
noi saranno semrpre indicate con la lettera .

Essenzialmente si ha una espressione nella forma dove compaiono diversi valori


ma il senso è questo. La formula viene fuori partendo dalla scrittura di dove
.

Per poter utilizzare la formula indiretta dobbiamo prima calcolare le curvature e la lunghezza della
zona plastica , quindi, per ogni sezione mi dovrò calcolare prima la curvatura allo snervamento e
la curvatura ultima, poi la , che ricavo in funzione della curvatura allo snervamento oltre agli altri
parametri che compaiono nella formula 8.7.2.1a oppure 8.7.2.1b, tra i quali la luce di taglio e il
diametro delle barre longitudinali .

150
è come se fosse la lunghezza della zona plastica, fittizia allo stesso modo di come lo sono le
cerniere plastiche, nel senso che in sito io non le vedo, non è confrontabile con nulla (ad esempio
non posso pensare di confrontarla con la lunghezza della zona dissipativa, la non ha nessun
significato fisico, è uno stratagemma matematico per tener conto e per poter calcolare la rotazione
plastica). Quando abbiamo visto in precedenza la lunghezza della zona di plasticizzazione abbiamo
detto che dipendeva dal legame incrudente del cls ma anche dalla qualità dell’aderenza, perché
l’aderenza mi modifica la formazione o la posizione delle fessure, migliore è l’aderenza più fessure
si possono generare.

Come il parametro che è legato all’aderenza perchè è implicitamente legato alla lunghezza di
trasferimento delle tensioni di aderenza.

Ricordiamo che quando abbiamo studiato l’aderenza e abbiamo riportato l’equilibrio locale della
barra longitudinale (di lunghezza con le di aderenza lungo la barra posta in trazione mediante
due forze che generano tensioni a una parte e dall’altra) da questo equilibrio avremo:

Il diametro delle barre longitudinali è connesso implicitamente all’aderenza, come detto. Il


parametro che noi leggiamo (tutto ciò che c’è intorno a ) è connesso all’aderenza.

Ovviamente il progettista è libero di scegliere con quale delle due formule progettare (diretta o
indiretta).

Se per uno stesso elemento trave andiamo ad applicare la formula diretta e la formula indiretta
usciranno risultati molto differenti. Localmente la differenza può sembrare anche sostanziale ma se
poi andiamo effettivamente a mettere le cerniere ad esempio nel SAP e mettiamo i valori ricavati
con le due formule e andiamo avanti con l’analisi non lineare, nella curva finale non mi accorgerò
neanche delle differenze, ovviamente conviene usare direttamente quella diretta poiché abbiamo
tutti i parametri e non dobbiamo passare attraverso le curvature, altrimenti per ogni trave bisognerà
fare tutto l’iter che è più lungo.

151
4.2.1.3. Approssimazioni sui pilastri
Pensiamo al calcolo di una cerniera plastica per un pilastro
utilizzando la formula diretta all’interno della quale compare ν
(sforzo normale adimensionalizzato). Data una forma alla
distribuzione, incrementando i carichi, cambiano: sforzo
normale, taglio e momento flettente. Metto la cerniera in
alcuni punti del telaio e attribuisco a queste cerniere un
legame (es. rigido-pl.) ma la che compare sul
legame è funzione dello sforza normale, adesso, dal momento
che nella procedura da uno step all’atro lo sforzo normale
varia, la capacità rotazionale nei pilastri dipende dallo sforzo
normale, quindi, nella realtà la cerniera dovrebbe essere una cerniera dinamica perché man mano
che cambiano i carichi e quindi varia lo sforzo normale, cambia il valore del momento e quindi il
valore in corrispondenza del quale raggiungo la formazione della cerniera plastica. Dunque, in linea
di principio, è come se io dovessi tener conto del dominio .

Per una data sezione (con armature simmetriche)


abbiamo visto come si costruisce il dominio e,
nel SAP, sono libero di farlo perché questo mi dà la
possibilità di inserire per i pilastri il dominio
che io vado a definire per punti o con Gelfi (VCA
SLU), quindi in SAP per ogni armatura di pilastro
(perché il dominio cambia al variare
dell’armatura dei pilastri), avrò un dominio in cui i
punti sono caratterizzati da un legame diverso
perché la curvatura e poi ovviamente anche la
rotazione cambia al variare dello sforzo normale. In
questo senso la cerniera è una cerniera dinamica e il
SAP automaticamente man mano che applico i carichi vede qual è il valore dello sforzo normale e
associa il legame corrispondente; questo comporta di dover costruire domini per gli
pilastri e per tutti i punti del dominio dovrò costruire il legame , in realtà, questo è vero se
fosse un telaio piano ma gli edifici reali sono telai spaziali, ergo, avrò i momenti nelle due direzioni,
quindi il legame dovrebbe essere in un dominio tridimensionale (SAP permette di fare anche
questo). Noi però non faremo così, tratteremo i pilastri come se fossero delle travi e attribuiremo
una sola relazione momento-rotazione ma questa relazione l’abbiamo ricavata per un (sforzo
normale) fisso. Questo valore di sforzo normale è quello derivante da carichi verticali sismici
perché è quello più immediato da calcolare, inoltre, è quello precedente all’applicazione delle forze
orizzontali. Dato il mio telaio applico i carichi verticali sul SAP, per ogni pilastro mi vado a
prendere il valore dello sforzo normale e con quel valore dello sforzo normale mi calcolo il , in
particolare mi calcolo il , o con la formula diretta o con la formula indiretta. Questo comporta che
anche se armati allo stesso modo, essendo lo sforzo normale variabile da pilastro a pilastro la
cerniera che si crea è diversa. In generale mi aspetto di dover calcolare tante cerniere plastiche
quanti sono i pilastri. Per le travi sono ancora di più.

152
4.2.1.4. Distribuzioni di forza (da normativa)
La normativa ci dice di costruire di costruire la curva di capacità considerando almeno due
distribuzioni, una deve appartenere al gruppo delle distribuzioni principali e un’altra al gruppo delle
distribuzioni secondarie.

Distribuzioni di Forza

Principali Secondarie

Al #7.3.4.2 - ANALISI NON LINEARE STATICA si riporta:

L analisi non lineare statica richiede che al sistema strutturale reale sia associato un sistema
strutturale equivalente non lineare. Nel caso in cui il sistema equivalente sia ad un grado di libertà,
a detto sistema strutturale equivalente si applicano i carichi gravitazionali e, per la direzione
considerata dell azione sismica, in corrispondenza degli orizzontamenti della costruzione, forze
orizzontali proporzionali alle forza d inerzia aventi risultante (taglio alla base) . Tali forze sono
scalate in modo da far crescere monotonamente, sia in direzione positiva che negativa e fino al
raggiungimento delle condizioni di collasso locale o globale, lo spostamento orizzontale di un
punto di controllo coincidente con il centro di massa dell ultimo livello della costruzione (sono
esclusi eventuali torrini). Vanno considerati anche punti di controllo alternativi, come le estremità
della pianta dell ultimo livello, quando sia significativo l accoppiamento di traslazioni e rotazioni.
Il diagramma – rappresenta la curva di capacità della struttura.

Si devono considerare almeno due distribuzioni di forze d inerzia, ricadenti l una nelle
distribuzioni principali (Gruppo 1) e l altra nelle distribuzioni secondarie (Gruppo 2) appresso
illustrate.

Gruppo 1 - Distribuzioni principali:

- se il modo di vibrare fondamentale nella direzione considerata ha una partecipazione di


massa non inferiore al 75% si applica una delle due distribuzioni seguenti:
 distribuzione proporzionale alle forze statiche di cui al § 7.3.3.2
, cioè, quella distribuzione statica triangolare
usata per progettare il nostro telaio, utilizzando come seconda distribuzione
la a) del Gruppo 2;
 distribuzione corrispondente a un andamento di accelerazioni proporzionale alla
forma del modo fondamentale di vibrare nella direzione considerate (facciamo
l’analisi dinamica lineare, ricaviamo la prima forma modale e applichiamo una
distribuzione proporzionale a quella; il SAP lo fa direttamente senza che noi ci
mettiamo a farla a mano);
- in tutti i casi può essere utilizzata la distribuzione corrispondente all andamento delle forze
di piano agenti su ciascun orizzontamento calcolate in un analisi dinamica lineare,
includendo nella direzione considerata un numero di modi con partecipazione di massa
153
complessiva non inferiore allo 85%. L utilizzo di questa distribuzione è obbligatorio se il
periodo fondamentale della struttura è superiore a 1,3 .

Cioè il valore del periodo è funzione in un certo qual modo della regolarità della struttura, infatti, se
la struttura ha queste caratteristiche vuol dire che essa è abbastanza regolare, quindi posso utilizzare
le prime due distribuzioni, altrimenti dovrò usare la terza cioè la distribuzione proporzionale alle
forze di piano calcolate con analisi dinamica lineare.

Gruppo 2 - Distribuzioni secondarie:

a. distribuzione di forze, desunta da un andamento uniforme di accelerazioni lungo


l altezza della costruzione (strutture regolari);
b. distribuzione adattiva, che cambia al crescere dello spostamento del punto di
controllo in funzione della plasticizzazione della struttura (man mano che si formano
le cerniere plastiche, cambia la struttura e con questa analisi verrà cambiata anche la
distribuzione di forze, distribuzione proporzionale al primo modo);
c. distribuzione multimodale, considerando almeno sei modi significativi.

Dunque per strutture regolari, se si usa una distribuzione principale di forze statiche (la prima delle
distribuzioni principali), allora, come distribuzione secondaria devo usare la a) cioè la distribuzione
uniforme. Quando la struttura non è regolare entrano in gioco altre distribuzioni b) e c).
Utilizzeremo queste nelle nostre applicazioni.

4.2.2. Controllo della curva di capacità


Riprendiamo il comportamento non lineare del telaio soggetto ad un analisi di pushover. Per il
telaio oggetto di studio abbiamo simulato l’applicazione dell’ASNL, il risultato principale è la curva
di capacità nel diagramma: tagliante alla base- spostamento di un nodo di controllo
(all’ultimo piano).

154
L’ultimo tratto della curva di capacità dovrebbe coincidere con il raggiungimento del meccanismo
cioè quando la struttura diventa labile. Come abbiamo detto diverse volte, non è detto che questo
meccanismo si possa raggiungere e questo potrebbe essere dovuto al fatto che magari la struttura
presenta delle limitazioni di spostamento, ovvero man mano che si formano le varie cerniere nella
mia struttura una di queste supera la sua capacità rotazionale disponibile (che andrò a leggere sul
legame che io ho assegnato alla cerniera) e quindi io dovrò bloccare la curva in
corrispondenza di quello step.

In realtà, questo non è l’unico motivo per cui non si raggiunge il meccanismo: come tipologia di
rottura noi consideriamo sempre e solo quella che avviene per flessione, infatti, parliamo di cerniere
a flessione (si capisce anche dal legame ), quindi, stiamo escludendo la possibile rottura per
taglio (nel progetto con ASL, progettando per gerarchia, stiamo escludendo la crisi a taglio cioè
diciamo che non dovrebbe verificarsi) ma non è questo il nostro caso, cioè negli edifici rispetto ai
quali possiamo pensare di utilizzare l’ASNL (ad es. edifici esistenti) può verificarsi prima la crisi a
taglio per cui dovrò tenerne conto. Ad ogni step di analisi io dovrò valutare il taglio sollecitante
e dovrò confrontarlo con il taglio resistente , questo, ovviamente, vale sia per le travi che per i
pilastri. Il di un elemento in c.a. si assume come il minimo tra delle sole bielle di cls e
delle staffe (tenendo sempre presente che la famosa debba rientrare nei limiti di normativa,
poiché si potrebbe verificare la contemporanea crisi delle bielle di cls e delle staffe oppure solo la
crisi lato acciaio o solo la crisi lato cls), questo volendolo fare manualmente quindi, considerando
che ad ogni step ho una distribuzione di forze, per ogni distribuzione di forze diagrammo il taglio e
poi vado a confrontare e per le singole travi.

Questo si potrebbe fare in automatico anche sul SAP, infatti, dal momento che mettiamo le cerniere
a flessione, potremmo pensare anche di mettere le cerniere a taglio, in modo che è proprio il
software a segnalarci quando si è formata quella cerniera a taglio. Andiamo, allora, a vedere com’è
fatta una cerniera a taglio.

Una cerniera a taglio è data in termini di diagramma taglio-spostamento:

in ordinata riporto il valore di e il grafico è


caratterizzato da un tratto orizzontale che parte da ,
(con indico il taglio resistente della cerniera),
supponendo che quella riportata sia la cerniera a taglio di
una trave, ogni trave potrebbe avere delle cerniere a taglio
differenti poiché potrebbe avere un taglio resistente
differente. Nel momento in cui il taglio sull’elemento trave
in corrispondenza di un determinato step, supera il valore
del taglio resistente, si forma la cerniera a taglio.

In realtà non ha senso considerare la duttilità (tratto orizzontale) perche la crisi è fragile però serve
al software. Quando si ha rottura a taglio (formazione di cerniere a taglio) si deve interrompere la
curva di capacità.

155
A differenza delle analisi lineare, quando abbiamo a che
fare con analisi non lineari, controllare il comportamento
non lineare non è affatto semplice, ottenuta la curva,
possiamo controllare l’aspetto legato alla formazione dei
meccanismi, come già detto in precedenza, l’ultimo tratto
del diagramma ( ) corrisponde alla formazione
del meccanismo, quindi è come se noi avessimo un
valore, che è un limite superiore di resistenza della
struttura. Questo valore lo possiamo ricavare facendo un
calcolo a rottura, la cosiddetta analisi plastica che
abbiamo già visto, dunque, con il calcolo a rottura posso determinare qual è il valore di che mi
porta alla formazione di un determinato meccanismo, sono io a scegliere qual è il meccanismo.

Possiamo fare una cosa analoga a quella che abbiamo fatto per carichi verticali,prendiamo una trave
incastrata-incastrata soggetta ad un carico uniformemente distribuito :

Su di essa abbiamo fatto un’analisi non lineare, quindi abbiamo seguito l’evoluzione della
formazione delle cerniere arrivando a determinare il carico qtot. che la trave poteva portare.
Abbiamo anche fatto un’analisi plastica, cioè basata sui metodi di rottura in cui abbiamo detto senza
seguire l’evoluzione della formazione delle cerniere con il calcolo a rottura e quindi con analisi
plastica noi ipotizziamo già che si formi quel meccanismo, quindi stiamo implicitamente
assumendo l’ipotesi di infinita duttilità dei materiali, quindi assumo che il meccanismo si possa
formare senza andare a fare controlli sulle cerniere e vado a ricavare direttamente il carico totale
che la struttura può portare. Lo stesso possiamo fare con il telaio, fissiamo noi il meccanismo,quindi
sto implicitamente dicendo che la struttura può arrivare a quel meccanismo, e mi ricavo il tagliante
alla base relativo a quel meccanismo.

tagliante alla base che porta alla formazione di quel meccanismo

Così come per la trave incastrata –incastrata con carico distribuito chiamavamo in gioco soltanto
equazioni di equilibrio perché ormai la struttura è diventata labile, cioè se si forma il meccanismo la
struttura è labile, anche qui le uniche equazioni che possiamo chiamare in gioco sono equazioni di
equilibrio, quindi faremo la stessa cosa che abbiamo già fatto per uno schema più semplice sul
nostro telaio.

Quindi ipotizziamo che si raggiunga un determinato meccanismo e determiniamo qual è il tagliante


alla base che porta alla formazione di questo meccanismo. In realtà abbiamo detto che i meccanismi
possono essere di diverse tipologie: globale e locale.

156
4.2.2.1 Tagliante alla base che porta alla formazione di un meccanismo globale
Si può calcolare cioè il tagliante alla base che porta alla formazione di un meccanismo
globale; cioè quello che porta alla formazione di cerniere alle estremità di tutte le travi e solo alla
base dei pilastri considerando una certa distribuzione di forze:

Nell’effettuare questo calcolo a rottura per arrivare per arrivare a determinare il tagliante alla base,
faccio due ipotesi semplificative:

1) Escludo la formazione di cerniere a taglio quindi la crisi per taglio, saranno presenti le
sole cerniere a flessione, per una questione di semplicità perchè nel caso delle cerniere a
flessione so determinare rapidamente l’espressione, mentre, se metto in gioco le cerniere
a taglio diventa molto più complicato e comunque noi stiamo cercando quello che è il
limite superiore, o meglio il valore che otterremo per noi è il limite
superiore, questo vuol dire che una volta ricavato posso vedere se la mia curva è
inferiore a questo limite, questo è l’unico “controllo” che posso fare.

2) Assumo una distribuzione lineare delle forze agenti sul telaio lungo l’altezza. Se chiamo
, il valore della forza che ho all’ultimo piano e considero la forza all’i-esimo
piano, nel momento in cui adotto una distribuzione di forze lineari, potrò esprimere la
forza all’i-esimo piano in funzione della e di quelle che sono le caratteristiche
geometriche dell’edificio facendo una proporzione nata da una di equivalenza
geometrica tra triangoli rettangoli:

A questo punto, nel calcolo a rottura, nel momento in cui ho ipotizzato la formazione di quel
meccanismo e che quindi si sono formate le cerniere io so che in corrispondenza delle cerniere ho
un momento che è proprio il momento plastico della cerniera.
157
Denominiamo:

La distinzione è dovuta al fatto che i pilastri così come le travi potrebbero differire tra loro in
termini geometrici o di armature.

Riportiamo i momenti in corrispondenza delle cerniere.

È facile capire come vanno i segni perché questa distribuzione di forze tende a ruotare in senso
orario, ovviamente il telaio si deve oppore ergo i momenti che nascono non possono che essere
antiorari.

158
A questo punto, posso scrivere solo equazioni di equilibrio poiché la struttura è una struttura labile.

Equilibrio alla rotazione al piede del pilastro (punto A):

dove:

 = momento dovuto alla distribuzione di forze;


 = momento plastico delle travi;
 = momento plastico dei pilastri;
 = numero di piani;
 = numero di travi;
 = numero di pilastri.

Si può scrivere:

Nell’ipotesi di distribuzione lineare di forze:

Dato che e sono costanti si ha:

Mi serve il tagliante alla base per fare un controllo:

Eguagliando le due equazioni si ha:

Si ha:

159
4.2.2.2 Tagliante alla base che porta alla formazione di un meccanismo locale
Il meccanismo globale non è l’unico che può formarsi, potrei avere anche meccanismo locale
(formazione delle cerniere in testa e al piede del pilastro ad un determinato piano, caso più
frequente è quello che interessa il piano terra), dovremo ripetere la stessa procedura e arrivare al
calcolo di un , è importante osservare come il più piccolo tra i due sarà il valore limite
superiore a cui dovrò far riferimento perché è indice del meccanismo che si verifica per primo.

Le ipotesi fatte nel caso di meccanismo globale valgono anche adesso.

Equilibrio alla rotazione al piede del pilastro (punto A):

dove:

 = momento dovuto alla distribuzione di forze;


 = momento plastico dei pilastri;
 = numero di piani;
 = numero di pilastri al piano terra o comunque al piano interessato dal meccanismo.

160
Si può scrivere:

Nell’ipotesi di distribuzione lineare di forze e di rottura a flessione:

Dato che e sono costanti si ha:

Mi serve il tagliante alla base per fare un controllo:

Eguagliando le due equazioni si ha:

Si ha:

Quindi ipotizzo diverse tipologie di meccanismo, faccio per ognuna di queste il calcolo a rottura e
quello che è presumibile che si verifichi sarà quello caratterizzato dal valore di tagliante alla base
più basso:

Nel caso di edifici esistenti (pilastri snelli rispetto alle travi) si ha la progettazione pilastro debole
trave forte, cioè, il pilastro elasticizza prima delle travi, dunque, mi aspetto prima meccanismo
locale anche se non è detto che avvenga così pulito questo meccanismo, è più probabile un
meccanismo misto.

161
4.2.2.3 Procedura di bilinearizzazione della curva di capacità per ricavare il fattore di
struttura
Una volta eseguita l’analisi statica non lineare ovvero ottenuta la curva di Push Over (curva di
capacità in SAP) vediamo come fare la verifica e come ricavare da questa curva il rapporto di
sovraresistenza e soprattutto il valore del fattore di struttura per poterlo confrontare con quello
preso dalla normativa in funzione della tipologia strutturale, numero di piani e di campate.

Utilizziamo gli stessi simboli usati nella normativa:

taglio alla base

spostamento del nodo di controllo

Nel momento in cui eseguiamo un’analisi push over otteniamo una curva di capacità sulla quale
individuiamo 2 punti fondamentali che la normativa chiama:

taglio massimo alla base

spostamento ultimo (prestazione della struttura)

NB: Sulla normativa o meglio sulla circolare esplicativa, troviamo rappresentiamo una curva di
push over con un ramo finale decrescente. In realtà la curva di push over potrebbe avere un ramo
decrescente nel momento in cui nel legame Momento-Rotazione che noi attribuiamo alle cerniere
abbiamo messo il ramo decrescente. Ma noi in genere non attribuiamo un legame M-θ decrescente
in quanto usiamo un legame elastico perfettamente plastico con il ramo orizzontale per cui non
troveremo il ramo decrescente nella curva di push over, però in generale il ramo decrescente può
capitare.

La curva di capacità dice che per una data azione (Taglio massimo alla base ) la prestazione
della mia struttura cioè il massimo spostamento che la mia struttura può avere è

162
Se la prestazione è espressa in termini di spostamento, immagino che anche la sollecitazione deve
essere espressa in termini di spostamento, al fine di poter effettuare la verifica.

Normalmente la sollecitazione (cioè l’azione sismica) noi la rappresentiamo in termini di


accelerazione e non in termini di spostamento, dunque dovrò far riferimento non più allo spettro
delle accelerazioni orizzontali ma in termini di spettro degli spostamenti orizzontali. È banale
passare dallo spettro delle accelerazioni allo spettro degli spostamenti:

: accelerazione

: spostamento

pulsazione propria del sistema non smorzato

Avendo assunto l’ipotesi di piccoli smorzamenti ovvero e quindi


ovvero si considera che i massimi valori dell’accelerazione, velocità e spostamento si raggiungono
nello stesso istante.

In termini di normativa troviamo:

Spettro degli spostamenti

Spettro delle accelerazioni orizzontali

Pulsazione

: Periodo della nostra struttura vista come uno S.D.O.F

NB: ma ce lo impone la normativa di prenderlo in corrispondenza della fine del ramo


decrescente? Quando hai una curva col ramo decrescente ( nelle strutture in c.a possiamo anche
accettare rami decrescente ma nell’ordine di 0,2) la norma dice di prendere in corrispondenza
dell’85% di . Nel nostro caso essendo un legame elasto plastico perfetto caratterizzato dal tratto
orizzontale, il è quello in corrispondenza del tratto finale del ramo orizzontale.

Tornando a quanto stavamo dicendo, gli spettri sono ricavati a partire da un oscillatore semplice ad
un solo grado di libertà ( S.D.O.F. ), mentre la curva di capacità che abbiamo ricavato è relativa in
genere alla nostra struttura che spesso è un sistema a più gradi di libertà (M.D.O.F.). Allora per
rendere paragonabili e confrontabili la domanda con la capacità, devo convertire la mia curva di
capacità per uno M.D.O.F. in una curva equivalente ad uno S.D.O.F.

163
Qui entra in gioco il metodo proposto dalla normativa che è riportato nella circolare esplicativa del
2009 e che verrà riportato anche sulla circolare del 2018 con l’aggiunta di un ulteriore metodo che
era già presente nella normativa americana che però è molto più lungo e laborioso perché è
iterativo. Il metodo proposto dalla normativa italiana è un metodo non iterativo e più semplice che
si basa sull’utilizzo di una grandezza che viene fuori dall’analisi dinamica della struttura. Tale
grandezza è cioè il coefficiente di partecipazione modale.

Questa curva l’abbiamo ottenuta in corrispondenza di diversi step e quindi abbiamo diversi punti
nella curva e per ogni punto divido le due coordinate del punto per il coefficiente di
partecipazione modale. E’ una semplice operazione di scalatura.

Che cos’è il coefficiente di partecipazione modale?

: Matrice delle masse della struttura

matrice simmetrica e diagonale (in coordinate assolute)

vettore di trascinamento (indica la direzione)

vettore della forma modale corrispondente al modo principale (è un vettore colonna)

Da una analisi modale fatta nel S.A.P. prendiamo gli spostamenti dei vari piani relativi al modo
principale, poi li adimensionalizziamo rispetto al valore massimo e otteniamo

trasposta di . (è un vettore riga)

164
Dunque, il coefficiente di partecipazione modale si esplicita nel seguente modo:

Il coefficiente di partecipazione modale ci permette di passare dalla curva di capacità di un


sistema a più gradi di libertà, alla curva di capacità equivalente ad un sistema ad un solo grado di
libertà.

Inoltre bisogna sostituire alla curva di capacità equivalente ad un solo grado di libertà, una curva
bilineare, costituita da un primo tratto elastico e da un secondo tratto perfettamente plastico.

Come si definisce la bilineare? Servono due termini .

Il tratto elastico è facile da definire, in quanto la norma ci impone il passaggio per il punto in
corrispondenza di e poi ovviamente il tratto elastico parte da zero cioè dall’origine degli
assi.

Se chiamo:

pendenza del ramo elastico

si ricava imponendo l’uguaglianza delle aree cioè l’area sottesa a tutta la curva di capacità
equivalente ad un solo grado di libertà deve essere uguale all’area sottesa alla curva di capacità
bilineare.

area sottesa alla curva di capacità equivalente ad uno S.D.O.F.

165
area del triangolo della bilineare

area del rettangolo della bilineare

Posso allora fare il calcolo in Excel attraverso una funzione obiettivo. Simulo l’impostazione del
foglio che andremo a fare in Excel:

A B C D E F G H

1) I valori da mettere nelle celle A, B e H sono noti in quanto li andiamo a ricavare dalla curva.
Sono quindi celle fisse.
2) Poi calcola facendo il rapporto tra la cella A e la cella B.
3) lo calcoliamo semplicemente facendo il rapporto fra le celle E e C.
4) lo facciamo variare finché non si ottiene l’uguaglianza delle aree e ottengo la bilineare
cioè attraverso il comando “Ricerca Obiettivo” imposto l’uguaglianza tra le aree e cioè
l’uguaglianza tra la cella G e la cella F andando a far variare cioè la cella E.

5) Calcolo con la formula riportata in precedenza.

166
6) Qualche considerazione in più va fatta per il calcolo dell’area totale (cella F):

L’area totale la possiamo considerare come la


somma di tanti trapezi e l’area dell’i-esimo
trapezio la posso calcolare come:

Siccome il grafico parte da zero, il primo


elementino sarà un triangolo e poi tutti gli altri
saranno trapezi. Ad ogni modo, l’area totale
sarà data dalla sommatorie delle singole aree
.

A questo punto abbiamo definito in maniera completa la curva di capacità riportata ad un solo grado
di libertà e bilinearizzata.

Quindi adesso la verifica la possiamo fare confrontando lo spostamento della nostra curva di
capacità con lo spostamento richiesto ovvero ottenuto dallo spettro degli spostamenti.

Deve però entrare in gioco il periodo al fine di poter entrare nello spettro e ricavare il valore dello
spostamento che è richiesto per la nostra struttura.

Il periodo del sistema equivalente ad un solo grado di libertà lo calcolo come:

Dove sarebbe la pendenza del tratto elastico della nostra curva bilineare e rappresenta la
rigidezza del nostro sistema equivalente ad un solo grado di libertà.

rappresenta la massa di un sistema equivalente ad un solo grado di libertà. Anche (come )


è noto e lo calcoliamo come:

Posso definire il fattore di struttura ovvero il rapporto tra la forza che avrebbe il mio sistema se
fosse infinitamente elastico e la forza allo snervamento cioè:

Dove è la forza che avrei se il mio sistema equivalente ad un solo grado di libertà fosse
indefinitamente elastico: (dalla seconda legge di Newton).

167
La verifica consiste nel confrontare gli spostamenti.

Lo spostamento con cui fare la verifica dipende da e da

Chiamo lo spostamento massimo richiesto alla struttura.

Supponiamo di aver ricavato per la struttura in esame, possono accadere due casi:

:
(Periodi lunghi) (Periodi corti)

Principio di uguaglianza degli spostamenti Principio di uguaglianza delle aree

dove:

spostamento richiesto alla mia struttura.

spostamento che avrebbe il sistema ad un solo grado di libertà se fosse infinitamente


elastico.

capacità

forza elastica del sistema ad un grado di libertà calcolata come:

168
Nel lo spostamento che richiedo per la mia struttura lo prendo uguale allo spostamento del
sistema ad un solo grado di libertà infinitamente elastico.

Nel entra in gioco ovvero il fattore di struttura che riduce le forze. L’analisi statica non
lineare si può anche utilizzare per trovare il reale fattore di struttura . Il valore del fattore di
struttura calcolato con la push over bilinearizzata dovrebbe uscire maggiore di quello usato come da
normativa in quanto la nostra struttura ha una maggiore capacità di lavorare in campo plastico
rispetto al valore più cautelativo che la normativa ci fa assumere. Qualora ci viene più piccolo di
quello definito da normativa vuol dire che abbiamo sbagliato qualcosa nei calcoli.

Precisazione:

Supponiamo dunque di aver fatto l’analisi pushover, ottenuto la curva di capacità e passati alla
bilineare. Il fattore di struttura è indicativo della riduzione delle forze sismiche:

Il fattore di struttura è calcolato con il sistema ad un solo gradi di libertà ed è banalmente


pari al rapporto Definisco:

: spostamento in corrispondenza della forza

: spostamento del sistema anelastico

La duttilità è pari a (in realtà è pari a , tuttavia, con buona


approssimazione possiamo scriverla anche come ).

Quando siamo in ipotesi di uguaglianza degli spostamenti il fattore di struttura coincide proprio con
la duttilità, lo vedo mediante similitudine tra triangoli ( costruiti nel
grafico.

NB: sulle dispense fornite non lo chiama q il fattore di struttura ma R poiché rappresenta il fattore
di riduzione delle forze.

169
Individuo in questo caso un’altra grandezza, : spostamento del sistema elastico.

Quando sono in questo caso non posso dire che il fattore di struttura (calcolato per sistema
ad un gdl) sia pari alla duttilità. In questo caso dovremmo tener conto dell’uguaglianza delle aree
cioè l’area sottesa alla bilineare che è rappresentativa del comportamento anelastico del sistema
deve essere pari all’area sottesa alla retta che indica il comportamento elastico.

In questo caso la formula per ricavare il fattore di struttura è questa formula nasce
proprio dal fatto di voler garantire l’uguaglianza delle aree.

In particolare per ricavare la formula si sfruttano le seguenti:

1) Uguaglianza delle aree tra il triangolo e il rettangolo :

2) Similitudine tra triangoli:

3) Definizione di duttilità:

NB: dove

Sostituendo queste tre espressioni tra di loro si ottiene la formula del fattore di struttura.

170
Precisazione:

Nella pushover avrete sicuramente applicato sia la distribuzione triangolare che quella uniforme e vi
sarete accorti che escono risultati diversi. Perché innanzitutto noi utilizziamo più distribuzioni di
forze e non una sola?

La distribuzione di forze di tipo triangolare è come se fosse quella corrispondente al primo modo.
Tale distribuzione funziona bene se effettivamente il primo modo di vibrare è proprio quello
preponderante della struttura (il che dovrebbe risultare nel nostro caso). Però non è sempre così
perché essendo la struttura sollecitata da un’azione sismica che potrebbe eccitare diversi modi di
vibrare e ci potrebbero essere dei danneggiamenti progressivi, allora la norma ci fa utilizzare anche
un'altra distribuzione di forze ovvero quella uniforme che è anche più gravosa. Alla distribuzione
uniforme è associata sia una minore duttilità sia uno spostamento più basso. La norma mi fa
considerare queste due distribuzioni di forze perché è come se il comportamento reale fosse una via
di mezzo rispetto alle due distribuzioni. Inoltre, la distribuzione uniforme ha anche la caratteristica
di tendere ad amplificare le sollecitazioni ai piani bassi e quindi può capitare che le cerniere
plastiche si formano prima nei piani bassi. Però se è stata fatta una buona progettazione rispettando
la gerarchia delle resistenze in ogni caso dovrebbe verificarsi il meccanismo di rottura globale.

171
4.3. Normativa Sismica
La normativa italiana è basata su di un obiettivo prestazionale (Performance Base Design) secondo
l’approccio semiprobabilistico agli stati limite.

- Un obiettivo prestazionale rappresenta il tipo di risposta strutturale desiderato (assenza di


danno, danno solo ad elementi secondari, danni strutturali limitati o gravi, assenza di collasso)
per ciascun livello di azione sismica attesa. In altre parole l’obiettivo dipende dallo stato
limite; ad esempio allo S.L.O. la risposta che vogliamo è l’assenza di danni mentre allo S.L.D.
l’obiettivo è l’assenza di danni agli elementi strutturali mentre accettiamo danni agli elementi
non strutturali e allo S.L.V. l’obiettivo è quello di avere danni anche agli elementi anche
strutturali purché sia salvaguardata la vita delle persone.
- L’obiettivo prestazionale deve essere fissato sulla base del tipo di utilizzo del manufatto,
dell’importanza delle funzioni, considerazioni economiche (capacità economica del Paese),
costo connesso alla riparazione del danno ed alla interruzione del servizio, ecc.

In sintesi gli obiettivi prestazionali dipendono: dallo stato limite, dalla tipologia di struttura, dalla
sua funzione (civile abitazione o edifici aperti al pubblico) e da aspetti di natura economica nel
senso che, soprattutto quando si progetta in zona sismica, siccome il sisma non avviene tutti i
giorni, ma che ha una certa probabilità di accadimento, non si può progettare come accade per i
carichi verticali (sarebbe antieconomico).

Quindi quando si affronta la progettazione di strutture in zona sismica dobbiamo chiamare in gioco
un’altra grandezza e cioè la duttilità. Quindi oltre a progettare per resistenza progettiamo per
duttilità. La struttura può essere classificata in base al fato che sia dotata o meno di duttilità:

- Se una struttura non è dotata di duttilità si chiama non dissipativa (progettiamo solo per
resistenza). Ciò significa che le azioni che andiamo ad applicare sulla struttura sono quelle
calcolate in campo elastico mediante lo spettro di risposta elastico ( ) poiché la struttura
non ha risorse in campo plastico da sfruttare.
- Se la struttura è dotata di duttilità si chiama dissipativa e le azioni di progetto in campo
elastico si possono ridurre per considerare il contributo della duttilità e quindi lo spettro
elastico viene trasformato in uno spettro di progetto attraverso il fattore di struttura ( ).
Il fattore di struttura ci fa scalare lo spettro elastico, è come se implicitamente in esso si
racchiudono tutti gli aspetti legati alla duttilità e quindi alla capacità di dissipare in campo
plastico. Questo è l’unico modo per progettare strutture abbastanza economiche perché se io
progettassi le strutture per soli carichi verticali e quindi punto solo sulla resistenza, per
l’azione sismica che ha un’ intensità maggiore dovrei progettare delle strutture enormi.
Scelgo di progettare una struttura dissipativa (accetto che la struttura si possa danneggiare) e
in questo modo riduco le azioni e quindi riduco le sezioni e le quantità di armature. Il
principio che c’è alla base della progettazione di strutture dissipative è legato alla duttilità e
l’obiettivo è quello di amplificare il più possibile la duttilità a tutti i livelli. Il danno deve
essere il più distribuito possibile lungo la struttura cercando di evitare meccanismi locali.

172
Nel progetto si dovrebbe, dunque, amplificare la duttilità quanto più possibile poiché tale proprietà
non si traduce in un incremento delle dimensioni degli elementi (maggiore ingombro) ma in una
migliore prestazione in caso di sisma. Per amplificare la duttilità delle strutture in c.a. si deve
ottenere la crisi per flessione evitando quella a taglio o i fenomeni di crisi locale (sfilamento delle
armature, punzonamento, ecc …). Gli elementi che si rompono per primi devono essere i più duttili
e quindi i più deboli in termini di resistenza.

Questo si traduce nel principio di gerarchia delle resistenze.

I danni si devono diffondere a tutta la struttura quindi si devono evitare irregolarità che comportino
concentrazioni del danno. Le riduzioni di duttilità (ad esempio in strutture molto irregolari per
motivi architettonici) si compensano con incrementi di resistenza.

N.B.: È importante sottolineare che quando si progetta una struttura dissipativa si progetta tutto per
duttilità tranne la fondazione che si progetta solo per resistenza (perché secondo il principio di
gerarchia delle resistenze, gli elementi che si rompono per primi devono essere più duttili e deboli
in termini di resistenza); quindi la fondazione che deve essere l’elemento che si rompe per ultimo
deve essere più resistente e rigida, in pratica, poco duttile.

Che cosa vuol dire gerarchia delle resistenze?

È come se stessimo guidando la tipologia di


rottura della struttura. Progettiamo in modo
che la struttura si rompa secondo un
meccanismo globale in modo che si
formano più cerniere plastiche e quindi c’è
una maggiore capacità di dissipazione di
energia sismica. Dobbiamo cercare di
distribuire quanto più possibile il danno e
stabilire quale elemento deve rompersi
prima dell’altro e in che modo si deve
rompere (per flessione e non per taglio). Se
rispettiamo tutta una serie di accorgimenti
volti a sfruttare la duttilità della struttura,
siamo autorizzati ad utilizzare il fattore di struttura per abbattere lo spettro elastico. Ma cosa c’è
dietro questo fattore di struttura ?

dove:

 rappresenta la forza che porta alla formazione del meccanismo, ovvero, mi rende la
struttura labile);
 rappresenta la forza che porta alla formazione della prima cerniera plastica in un
qualsiasi elemento.

173
Del rapporto la norma ci fornisce un numero in funzione del numero di piani e di campate. Tale
rapporto lo potrei ricavare proprio da un’analisi non lineare, però questo lo posso fare a posteriori,
cioè prima progetto e poi attraverso l’analisi statica non lineare ricavando la push over calcolo il
reale rapporto . A questo punto possiamo confrontare il reale rapporto con quello che la
normativa ci fa assumere. Ad esempio la normativa, per un telaio ad un solo piano e una sola
campata ci fornisce un valore di prossimo all’unità, mentre se aumentano i piani e le campate, il
rapporto aumenta perché ho più travi e pilastri ne quindi più punti in cui si possono formare le
cerniere plastiche che andranno a dissipare energia.

N.B.: ma è il valore della forza per la quale la struttura diventa labile, ma se noi abbiamo ad
esempio un meccanismo di tipo locale? Se si verifica un meccanismo locale prima del meccanismo
globale, ovviamente ci dobbiamo fermare prima e non percorriamo tutta la curva di push over.

Ogni volta che abbiamo analizzato il materiale nel


diagramma sigma epsilon, la duttilità l’abbiamo
definita come l’estensione di questo legame in campo
plastico; a livello di sezione la duttilità è data dalla
formula della curvatura. Quando abbiamo una
struttura, data la curva , la duttilità la definiamo
in termini di spostamento. La duttilità è la capacità
della struttura di dissipare energia in campo plastico. È
un’energia perché l’area sottesa alla curva è
proprio un’energia ( e quindi energia).
Quale energia vogliamo dissipare? Solo l’energia
plastica perché l’energia dissipata in campo elastico si
recupera perché ad essa non è associata nessuna deformazione permanente. L’aspetto più
importante da tenere in considerazione è proprio l’estensione del ramo plastico.

Dalla NTC 2018 al #7.2.2. Criteri Generali di Progettazione dei Sistemi Strutturali si stabilisce
che:

Le costruzioni devono essere dotate di sistemi strutturali che garantiscano rigidezza, resistenza e
duttilità nei confronti delle due componenti orizzontali delle azioni sismiche, tra loro ortogonali.

I sistemi strutturali sono composti di elementi strutturali primari ed eventuali elementi strutturali
secondari. Agli elementi strutturali primari è affidata l intera capacit antisismica del sistema; gli
elementi strutturali secondari sono progettati per resistere ai soli carichi verticali (v. § 7.2.3).

Se abbiamo una struttura mista pareti e pilastri, alle pareti viene dato il compito di resistere ai
carichi orizzontali (elementi strutturali primari) mentre i pilastri vengono progettati per resistere ai
soli carichi verticali (elementi strutturali secondari).

La progettazione deve tener conto delle componenti orizzontali delle azioni sismiche e poi bisogna
fare una precisazione sulle azioni verticali dell’azione sismica: quando abbiamo progettato il telaio
piano abbiamo considerato solo la componente orizzontale trascurando la componente verticale. Nel
174
caso di ponti o strutture con luci molto elevate, bisogna valutare anche la componente verticale.
Infatti, la norma precisa che:

La componente verticale deve essere considerata, in aggiunta a quanto indicato al § 3.2.3.1, anche
in presenza di elementi pressoché orizzontali con luce superiore a 20 m, elementi precompressi
(con l esclusione dei solai di luce inferiore a 8 m), elementi a mensola di luce superiore a 4 m,
strutture di tipo spingente, pilastri in falso, edifici con piani sospesi, ponti e costruzioni con
isolamento nei casi specificati in § 7.10.5.3.2.

Nei casi precisati in § 3.2.4.1 si deve inoltre tener conto della variabilità spaziale del moto sismico.

Gli orizzontamenti, ove presenti, devono essere dotati di rigidezza e resistenza tali da consentire la
ridistribuzione delle forze orizzontali tra i diversi sistemi resistenti a sviluppo verticale.

Il sistema di fondazione deve essere dotato di elevata rigidezza estensionale nel piano orizzontale e
di adeguata rigidezza flessionale. Eccetto che per i ponti, deve essere adottata un unica tipologia di
fondazione per una data struttura in elevazione, salvo che questa non consista di unità
indipendenti. In particolare, nella stessa struttura, deve essere evitato l uso contestuale di
fondazioni su pali e di fondazioni dirette o miste, salvo che uno studio specifico non ne dimostri
l accettabilità.

COMPORTAMENTO STRUTTURALE

Le costruzioni soggette all azione sismica, non dotate di appositi dispositivi d isolamento e/o
dissipativi, devono essere progettate in accordo con uno dei seguenti comportamenti strutturali:

a) comportamento strutturale non dissipativo;

b) comportamento strutturale dissipativo.

Per comportamento strutturale non dissipativo, nella valutazione della domanda tutte le
membrature e i collegamenti rimangono in campo elastico o sostanzialmente elastico; la domanda
derivante dall‘azione sismica e dalle altre azioni è calcolata,in funzione dello stato limite cui ci si
riferisce, ma indipendentemente dalla tipologia strutturale e senza tener conto delle non linearità di
materiale, attraverso un modello elastico (v. § 7.2.6)

Per comportamento strutturale dissipativo, nella valutazione della domanda un numero elevato di
membrature e/o collegamenti evolvono in campo plastico, mentre la restante parte della struttura
rimane in campo elastico o sostanzialmente elastico; la domanda derivante dall‘azione sismica e
dalle altre azioni è calcolata, in funzione dello stato limite cui ci si riferisce e della tipologia
strutturale, tenendo conto della capacità dissipativa legata alle non linearità di materiale. Se la
capacità dissipativa è presa in conto implicitamente attraverso il fattore di comportamento q
(v.§7.3), si adotta un modello elastico; se la capacità dissipativa è presa in conto esplicitamente, si
adotta un adeguata legge costitutiva (v. § 7.2.6).

In linea di principio, a parità di prestazione, potrei avere infiniti progetti. Il requisito prestazionale è
la risposta che vogliamo dalla struttura; ad esempio, vogliamo che la struttura raggiunga un
determinate .

175
ZONE DISSIPATIVE E RELATIVI DETTAGLI COSTRUTTIVI

(Nelle NTC2008 si parlava di zone critiche mentre nelle NTC2018 si parla di zone dissipative)

Nel caso di comportamento strutturale dissipativo il comportamento sismico della struttura è


largamente dipendente dal comportamento delle sue zone dissipative, esse devono formarsi ove
previsto e mantenere, in presenza di azioni cicliche, la capacità di trasmettere le necessarie
sollecitazioni e di dissipare energia, garantendo la capacità in duttilità relativa alla classe di
duttilità scelta.

I dettagli costruttivi delle zone dissipative e delle connessioni tra queste zone e le restanti parti
della struttura, nonché dei diversi elementi strutturali tra loro, sono fondamentali per un corretto
comportamento sismico e devono essere esaurientemente specificati negli elaborati di progetto.

4.3.1. Classi di Duttilità


Comportamenti sismicamente equivalenti: se progettassi solo per resistenza escludendo la duttilità,
posso progettare in campo elastico lineare e utilizzo delle forze elastiche che mi portano al valore di
prestazione richiesto (Comportamento B). Oppure, possiamo ridurre le forze che applico alla
struttura e quindi fino ad un certo valore di forze siamo in campo elastico, mentre, superato un certo
valore, si va nel campo plastico e si sfrutta la duttilità che garantisco attraverso i dettagli costruttivi
(Comportamento A).

L’ha detto anche in merito all’ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI

Teoricamente potrei avere infiniti tipi di comportamento (più o meno duttile) ma la norma ne
definisce solo 2 che chiama Classe di Duttilità A o Classe di Duttilità B al #7.2.2:

Una costruzione a comportamento strutturale dissipativo deve essere progettata per conseguire una
delle due Classi di Duttilità (CD):

- Classe di Duttilit Alta (CD”A”), ad elevata capacit dissipativa;

- Classe di Duttilit Media (CD”B”), a media capacit dissipativa.


176
La differenza tra le due classi risiede nell entit delle plasticizzazioni previste, in fase di
progettazione, sia a livello locale sia a livello globale.

In cosa differiscono le due classi di duttilità?

La differenza sta nel livello di duttilità richiesto, infatti se progetto in CD A i dettagli costruttivi
sono più stringenti rispetto alla classe di duttilità B. In generale si progetta sempre in classe B anche
per tutelarsi in quanto molti dettagli costruttivi definiti dalla normativa sono specifici per la duttilità
e quindi data l’incertezza della messa in opera è sempre preferibile tutelarsi progettando in classe B.
La classe di duttilità alta si usa in casi particolari ad esempio quando voglio ridurre gli scarichi in
fondazione infatti più è alta la duttilità e più sono basse le forze sulla struttura e quindi che vanno a
scaricare sulla fondazione. Sia per la classe di duttilità Alta che Bassa si usano i procedimenti tipici
della progettazione in capacità (gerarchia delle resistenze).

PROGETTAZIONE IN CAPACITÀ E FATTORI DI SOVRARESISTENZA

Sia per la CD”A” sia per la CD”B”, s impiegano i procedimenti tipici della progettazione in
capacit . Nelle sole costruzioni di muratura, essi s impiegano dove esplicitamente specificato.

Questa progettazione ha lo scopo di assicurare alla struttura dissipativa un comportamento duttile


ed opera come segue:

- distingue gli elementi e i meccanismi, sia locali sia globali, in duttili e fragili;

- mira ad evitare le rotture fragili locali e l attivazione di meccanismi globali fragili o instabili;

- mira a localizzare le dissipazioni di energia per isteresi in zone degli elementi duttili a tal fine
individuate e progettate, dette “dissipative” o “duttili”, coerenti con lo schema strutturale
adottato.

Tali fini possono ritenersi conseguiti progettando la capacità in resistenza allo SLV degli
elementi/meccanismi fragili, locali e globali, in modo che sia maggiore di quella degli
elementi/meccanismi duttili ad essi alternativi. Per assicurare il rispetto di tale diseguaglianza, a
livello sia locale sia globale, l‘effettiva capacit in resistenza degli elementi/meccanismi duttili è
incrementata mediante un opportuno coefficiente , detto “fattore di sovraresistenza”; a partire
da tale capacità maggiorata si dimensiona la capacità degli elementi/meccanismi fragili
indesiderati, alternativi ai duttili.

Per ogni tipologia strutturale:

 occorre assicurare, anche solo su base deduttiva a partire dai fattori di sovraresistenza
da utilizzare nella progettazione in capacità a livello locale, un adeguato fattore di
sovraresistenza dei meccanismi globali fragili. Ove non esplicitamente specificato nella
presente norma, tale fattore deve essere almeno pari a 1,25;
 i fattori di sovraresistenza da utilizzare nella progettazione in capacità a livello locale
per i diversi elementi strutturali e le singole verifiche, sono riassunti nella tabella 7.2.I.

177
In sintesi: la norma fa una differenza importante tra elementi duttili e elementi fragili ma anche di
meccanismi duttili e fragili. La flessione è un meccanismo duttile mentre il taglio è un meccanismo
fragile. La gerarchia delle resistenza la facciamo in diversi livelli:

- Elementi (la trave deve rompersi prima dei pilastri)


- Meccanismi (la rottura a flessione deve avvenire prima della rottura per taglio)

Al fine di soddisfare questa condizione la normativa ci fa utilizzare dei coefficienti di


sovraresistenza.

Tab. 7.2.I - Fattori di sovraresistenza (fra parentesi quadre è indicato il numero


dell’equazione corrispondente)

Progettazione in
Tipologia strutturale Elementi strutturali
capacità CD”A” CD”B”
Travi (§ 7.4.4.1.1) Taglio 1,20 1,10
Pressoflessione [7.4.4] 1,30 1,30
Pilastri (§ 7.4.4.2.1)
Taglio [7.4.5] 1,30 1,10
C.a. gettata in opera
Nodi trave-pilastro Taglio [7.4.6-7, 7.4.11-
1,20 1,10
(§ 7.4.4.3.1) 12]
Pareti (§ 7.4.4.5.1) Taglio [7.4.13-14] 1,20 -
Collegamenti di tipo a)
Flessione e taglio 1,20 1,10
C.a. prefabbricata (§ 7.4.5.2.1)
a struttura intelaiata Collegamenti di tipo b)
Flessione e taglio 1,35 1,20
(§ 7.4.5.2.1)
C.a. prefabbricata
con pilastri incastrati Collegamenti di tipo
alla base e fisso Taglio 1,35 1,20
orizzontamenti (§ 7.4.5.2.1)
incernierati
Si impiega il fattore di sovraresistenza definito al § 7.5.1
Acciaio
Colonne (§ 7.5.4.2) Pressoflessione [7.5.10] 1,30 1,30
Composta Si impiega il fattore di sovraresistenza definito al § 7.5.1
acciaio-calcestruzzo Colonne (§ 7.6.6.2) Pressoflessione [7.6.7] 1,30 1,30
Legno Collegamenti 1,60 1,30
Muratura armata con
Pannelli murari (§
progettazione in Taglio 1,50
7.8.1.7)
capacità
Ponti Si impiegano i fattori di sovraresistenza definiti al § 7.9.5

Da notare dalla tabella è che nella classa di duttilità alta i fattori di sovraresistenza sono maggiore di
quelli in classe bassa.

178
Riassumendo:

Per quanto riguarda la duttilità si vanno a considerare i materiali, i dettagli costruttivi e la


regolarità:

- utilizzare materiali con specifici requisiti di duttilità;


- progettare le sezioni in modo da ottenere una rottura di tipo duttile dovuta
all’acciaio;
- curare i dettagli costruttivi in modo da incrementare la duttilità locale;
- ottenere un meccanismo globale di crisi con una elevata duttilità globale.

Per quanto riguarda la gerarchia delle resistenze si vanno a considerare i materiali, i dettagli
costruttivi, la regolarità e la sovraresistenza:

- si devono amplificare le resistenze relative a crisi di tipo fragile per avere sempre
modalità di crisi duttili (es. la resistenza a taglio deve essere maggiore della
resistenza a flessione)
- si devono amplificare le resistenze di alcuni elementi strutturali per ottenere un
meccanismo globale di collasso con molte zone di plasticizzazione (es. nelle strutture
a telaio la resistenza dei pilastri deve essere amplificata per indurre la
plasticizzazione delle travi)

Processo di Progettazione:

179
4.3.2. Stati Limite per azioni sismiche
#3.2.1. STATI LIMITE E RELATIVE PROBABILITÀ DI SUPERAMENTO

Nei confronti delle azioni sismiche, sia gli Stati limite di esercizio (SLE) che gli Stati limite ultimi
(SLU) sono individuati riferendosi alle prestazioni della costruzione nel suo complesso, includendo
gli elementi strutturali, quelli non strutturali e gli impianti.

Gli Stati limite di esercizio (SLE) comprendono:

- Stato Limite di Operatività (SLO): a seguito del terremoto la costruzione nel suo complesso,
includendo gli elementi strutturali, quelli non strutturali e le apparecchiature rilevanti in relazione
alla sua funzione, non deve subire danni ed interruzioni d'uso significativi;

- Stato Limite di Danno (SLD): a seguito del terremoto la costruzione nel suo complesso,
includendo gli elementi strutturali, quelli non strutturali e le apparecchiature rilevanti alla sua
funzione, subisce danni tali da non mettere a rischio gli utenti e da non compromettere
significativamente la capacità di resistenza e di rigidezza nei confronti delle azioni verticali ed
orizzontali, mantenendosi immediatamente utilizzabile pur nell interruzione d uso di parte delle
apparecchiature.

Gli Stati limite ultimi (SLU) comprendono:

- Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV): a seguito del terremoto la costruzione subisce
rotture e crolli dei componenti non strutturali ed impiantistici e significativi danni dei componenti
strutturali cui si associa una perdita significativa di rigidezza nei confronti delle azioni orizzontali;
la costruzione conserva invece una parte della resistenza e rigidezza per azioni verticali e un
margine di sicurezza nei confronti del collasso per azioni sismiche orizzontali;

- Stato Limite di prevenzione del Collasso (SLC): a seguito del terremoto la costruzione subisce
gravi rotture e crolli dei componenti non strutturali ed impiantistici e danni molto gravi dei
componenti strutturali; la costruzione conserva ancora un margine di sicurezza per azioni verticali
ed un esiguo margine di sicurezza nei confronti del collasso per azioni orizzontali.

Le probabilità di superamento nel periodo di riferimento , cui riferirsi per individuare l azione
sismica agente in ciascuno degli stati limite considerati, sono riportate nella Tab. 3.2.I.

Tab. 3.2.I – Probabilità di superamento in funzione dello stato limite considerato

Stati Limite : Probabilità di superamento nel periodo di riferimento


Stati limite di SLO 81%
esercizio SLD 63%
Stati limite SLV 10%
ultimi SLC 5%
N.B.: In genere si progetta allo S.L.U. e in particolare allo S.L.V. e poi si verifica allo S.L.E. in
particolare allo S.L.D. Invece, lo S.L.O. si va a verificare solo in casi particolari come ad esempio
un ospedale in cui è richiesto un uso immediato della struttura durante e immediatamente dopo
l’evento sismico.
180
4.3.3. Regolarità
Se pensiamo alla filosofia della norma, la quale ci fa distribuire il danno quanto più possibile, il
modo per sfruttare al massimo le risorse della struttura è quello di garantire la regolarità:

- Regolarità in pianta
- Regolarità in altezza

Per regolarità non si intende solo la regolarità geometrica ma principalmente facciamo riferimento
alla regolarità legata al comportamento dinamico della struttura.

Dalla norma:

#7.2. CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE E MODELLAZIONE


#7.2.1.CARATTERISTICHE GENERALI DELLE COSTRUZIONI

REGOLARITÀ
Le costruzioni devono avere, quanto più possibile, struttura iperstatica caratterizzata da regolarità
in pianta e in altezza. Se necessario, ciò può essere conseguito suddividendo la struttura, mediante
giunti, in unità tra loro dinamicamente indipendenti.

4.3.3. 1. Regolarità in pianta


#7.2.1

Per quanto riguarda gli edifici, una costruzione è regolare in pianta se tutte le seguenti condizioni
sono rispettate:

a. la distribuzione di masse e rigidezze è approssimativamente simmetrica rispetto a


due direzioni ortogonali e la forma in pianta è compatta, ossia il contorno di ogni
orizzontamento è convesso; il requisito può ritenersi soddisfatto, anche in presenza
di rientranze in pianta, quando esse non influenzano significativamente la rigidezza
nel piano dell orizzontamento e, per ogni rientranza, l area compresa tra il
perimetro dell orizzontamento e la linea convessa circoscritta all orizzontamento
non supera il 5% dell area dell orizzontamento;
b. il rapporto tra i lati del rettangolo circoscritto alla pianta di ogni orizzontamento è
inferiore a 4;
c. ciascun orizzontamento ha una rigidezza nel proprio piano tanto maggiore della
corrispondente rigidezza degli elementi strutturali verticali da potersi assumere che
la sua deformazione in pianta influenzi in modo trascurabile la distribuzione delle
azioni sismiche tra questi ultimi e ha resistenza sufficiente a garantire l efficacia di
tale distribuzione.

181
Si è detto che l’analisi statica lineare si può applicare qualora il periodo fondamentale del telaio
avesse massa partecipante superiore all’85%. Se la regolarità dell’edificio è rispettata è come se
potessimo prevedere il suo comportamento in quanto si prende in considerazione solo il primo
modo di vibrare e tutti gli altri hanno un effetto molto marginale. Al punto a. la norma specifica che
“la distribuzione di masse e rigidezze è approssimativamente simmetrica rispetto a due direzioni
ortogonali” questo perché le forze sismiche sono forze di inerzia e quindi la sua risultante si applica
nel baricentro delle masse mentre la risposta della struttura si applica nel baricentro delle rigidezza.
Vogliamo che il baricentro di masse e rigidezza siano più vicini possibili altrimenti si iniziano ad
avere effetti torsionali non trascurabili. Per strutture miste pareti e pilastri il baricentro delle masse e
quello delle rigidezze tendono ad essere più distanti tra loro e quindi ho maggiori effetti torsionali.

è diverso da perché abbiamo pareti e pilastri.

Al punto c. la norma si riferisce agli impalcati infinitamente rigidi: il ruolo dell’impalcato è quello
di distribuire le azioni e quindi se l’impalcato è molto rigido ho una ripartizione più uniforme sugli
elementi mentre se l’impalcato fosse deformabile, i pilastri o le pareti prenderebbero aliquote di
forze molto differenti a seconda dell’area di influenza e quindi ancora una volta non posso
prevedere il comportamento.
L’impalcato rigido rappresenta una maggiore regolarità ma comunque vi possono essere effetti
torsionali:
 Le forze di inerzia sono applicate in corrispondenza degli impalcati dove si concentra la
maggior parte della massa degli edifici in c.a.;
 Le forze di inerzia si possono considerare applicate nel baricentro delle masse mentre le
reazioni esercitate dagli elementi strutturali sono applicate nel baricentro delle rigidezze;
 Quando baricentro delle masse e delle rigidezze non coincidono si riscontrano
effetti torsionali sulla struttura con conseguente concentrazione di danno su alcuni
pilastri.

182
L’impalcato si può considerare infinitamente rigido nel proprio piano se ha una soletta di spessore
almeno pari a 4 cm.
Anche per l’impalcato si deve fare una verifica per resistenza, nel senso che il solaio deve essere in
grado di trasferire le forze che vengono fuori dall’analisi, amplificate del 30%.
Come si fa questa verifica?

#7.4.4.4 DIAFRAMMI ORIZZONTALI


#7.4.4.4.1 Verifiche di resistenza (RES)

Gli orizzontamenti devono essere in grado di trasmettere le forze ottenute dall analisi, aumentate
del 30%.
#7.4.5.3. ELEMENTI STRUTTURALI
Diaframmi
Il comportamento a diaframma è reso più efficace se nelle zone di collegamento degli
orizzontamenti sono predisposti apposite supporti. Un appropriata cappa di calcestruzzo armato
gettato in opera può migliorare significativamente la rigidezza dei diaframmi.
Le forze di trazione devono essere portate da apposite armature disposte lungo il perimetro del
diaframma e nelle connessioni interne con gli altri elementi prefabbricati. Se si prevede una cappa
di calcestruzzo armato gettato in opera, dette armature possono essere posizionate nella cappa
stessa.
Gli elementi di sostegno, sia al di sotto sia al di sopra del diaframma, devono essere
adeguatamente connessi ad esso; a tal fine non si considerano le forze di attrito dovute alle forze di
compressione esterne. Per le strutture a comportamento dissipativo, le forze di taglio lungo le
connessioni piastra-piastra o piastra-trave devono essere moltiplicate per un fattore maggiorativo
pari a 1,30.

N.B.: Il solaio è un elemento bidimensionale. Gli elementi bidimensionali si possono distinguere in


due categorie in funzione di come sono caricati:
- Lastre (nel piano medio del solaio)
- Piastre (caricato fuori piano cioè ortogonale al piano)

Un esempio di schema per i diaframmi è quello di trave appoggiata con una dimensione
prevalente e con due sottostrutture alle estremità (pareti o telai tompagnati) molto più rigide di
quelle intermedie. Dalla figura si vede il comportamento prevalente degli impalcati degli
edifici

183
Dalle relazioni fondamentali della flessione (formula monomia ) emerge che il
valore delle massime tensioni cresce con il quadrato della dimensione principale ( ) del
diaframma. Onde prevenire rotture localizzare, si dispongono in genere armature nei solai e
nelle travi perimetrali.

Nella figura sono riassunti alcuni possibili effetti dovuti alla forma degli impalcati:

Le zone di indebolimento sono localizzate in corrispondenza degli angoli e delle riduzioni di


sezioni dovuti alla presenza di nuclei scala e/o ascensori.

Esempio di verifica a flessione del diaframma orizzontale:

La sezione maggiormente sollecitata è quella di mezzeria .

Tale sezione è ridotta dalla presenza della scala (che ne riduce la lunghezza a ).

La sezione è spessa ed è armata con una rete elettrosaldata .

Considerando la presenza di sole 3 travi , vale a dire non portando in conto la presenza della
trave esterna dal lato della cassa scale ed ipotizzando per ogni trave solo i ferri di parete che
non lavorano per la flessione. La verifica a taglio si fa considerando l’armatura della soletta.

184
4.3.3.2. Regolarità in altezza
#7.2.1: Sempre riferendosi agli edifici, una costruzione è regolare in altezza se tutte le seguenti
condizioni sono rispettate:

d. tutti i sistemi resistenti alle azioni orizzontali si estendono per tutta l altezza della
costruzione o, se sono presenti parti aventi differenti altezze, fino alla sommità della
rispettiva parte dell edificio;
e. massa e rigidezza rimangono costanti o variano gradualmente, senza bruschi
cambiamenti, dalla base alla sommità della costruzione (le variazioni di massa da
un orizzontamento all altro non superano il 25%, la rigidezza non si riduce da un
orizzontamento a quello sovrastante più del 30% e non aumenta più del 10%); ai fini
della rigidezza si possono considerare regolari in altezza strutture dotate di pareti o
nuclei in c.a. o di pareti e nuclei in muratura di sezione costante sull altezza o di
telai controventati in acciaio, ai quali sia affidato almeno il 50% dell azione sismica
alla base;
f. il rapporto tra la capacità e la domanda allo SLV non è significativamente diverso,
in termini di resistenza, per orizzontamenti successivi (tale rapporto, calcolato per
un generico orizzontamento, non deve differire più del 30% dall analogo rapporto
calcolato per l orizzontamento adiacente); può fare eccezione l ultimo
orizzontamento di strutture intelaiate di almeno tre orizzontamenti;
g. eventuali restringimenti della sezione orizzontale della costruzione avvengano con
continuità da un orizzontamento al successivo; oppure avvengano in modo che il
rientro di un orizzontamento non superi il 10% della dimensione corrispondente
all orizzontamento immediatamente sottostante, né il 30% della dimensione
corrispondente al primo orizzontamento. Fa eccezione l ultimo orizzontamento di
costruzioni di almeno quattro orizzontamenti, per il quale non sono previste
limitazioni di restringimento.

Per quanto riguarda la regolarità in altezza anche qui si parla di una regolarità geometrica e una
“dinamica”.

La regolarità geometrica è espressa al punto g. dove si specifica che dobbiamo evitare


restringimenti troppo elevati (>10%) di sezione tra un piano e l’altro.

185
Piramidi Piramidi moderne a Piramidi invertite a Dallas
egiziane Indianapolis negli USA

Per la regolarità “dinamica” (punto d. della norma) si specifica che tutti i sistemi resistenti si
devono estendere per tutta l’altezza della costruzione, ad esempio se gli elementi resistenti sono i
pilastri essi devono estendere per tutta l’altezza della struttura o comunque non devo avere
variazioni di tipologia di elementi resistenti da un piano all’altro. Non devo inoltre avere una
variazione di massa eccessiva tra un piano e l’altro. Le variazioni devono essere graduali e non
eccessive. Tale condizione vale sia per le masse che per le rigidezze.

Come si calcola la rigidezza di piano?


Innanzitutto facciamo riferimento alle rigidezze taglianti e poi partiamo da una relazione molto
semplice:

Allora posso applicare una forza unitaria e poi misuro lo spostamento. Faccio l’inverso e ricavo la
rigidezza. Lo schema che sappiamo risolvere velocemente è quello del Telaio alla Grinter anche se
non rispetta la gerarchia delle resistenze.

Si considerano gli spostamenti relativi


d’interpiano ; si ha:

Telaio alla Grinter

Nel SAP in cui abbiamo applicato una distribuzione di forze possiamo andare a leggere il valore
dello spostamento assoluto in un nodo e quindi siccome ci interessa lo spostamento relativo basterà
fare la differenza con lo spostamento del piano di sotto.

186
Al punto f. la norma specifica che ad ogni piano si deve avere un rapporto di sovraresistenza
pari a:

Per calcolare la Domanda ci ricordiamo che per progettare la nostra struttura intelaiata abbiamo
applicato una distribuzione di forze di tipo triangolare (forze sismiche) e quindi avremo un certo
diagramma del momento. Consideriamo i pilastri dell’ultimo piano e vediamo il diagramma del
momento e del taglio.

dove:

La sollecitazione (domanda) deve essere riferita al comportamento della struttura nel suo complesso
(dalla curva di push-over) riferito al taglio.

187
Per quanto concerne la Capacità sappiamo che il rapporto costituisce una
sovraresistenza, dunque, tenendo conto del fatto che progettiamo per gerarchia, in particolare una
gerarchia trave-pilastro quindi, andiamo a sovradimensionare i pilastri rispetto alle travi in modo
che si formi la cerniera dapprima nelle travi.
Se prendiamo un generico pilastro il taglio su questo pilastro viene fuori dalla gerarchia e non è
semplicemente quello dovuto alle sollecitazioni. Cioè il taglio a cui facciamo riferimento è quello
derivante dal raggiungimento del momento plastico cioè cioè il taglio legato alla rottura
per flessione e non per taglio secondo la gerarchia delle resistenze.

La verifica del rapporto di sovraresistenza è una verifica che posso fare solo a posteriori perché: il
problema è che conosco solo se ho già progettato le armature se non conosco il momento
plastico non posso calcolare le armature e quindi non posso calcolare il rapporto ; quindi,
se dopo aver completato la progettazione mi accorgo che il rapporto ho la possibilità di
seguire due strade in grado di risolvere il problema:

a) Sappiamo che le forze applicate dipendono dal fattore di struttura q con il quale abbiamo
abbattuto lo spettro elastico. Il fattore di struttura q è dato da:

dove:
per strutture regolari
per strutture non regolari

Quindi possiamo modificare il coefficiente da 0,8 a 1,0.

b) O faccio in modo che il rapporto del piano più debole si avvicini a


quello dei piani più forti cioè, identificato il piano debole (dove si formano le cerniere), si
aumenta il rapporto cioè aumento la resistenza del piano debole
grazie all’aumento delle armature per quel determinato piano così che aumenta il momento
plastico e quindi la capacità (perché la domanda è sempre la stessa).

È importante che la struttura sia regolare così sono autorizzato ad utilizzare l’analisi statica lineare
più semplice e veloce.
188
Vediamo quali possono essere le possibili irregolarità in altezza:

4.3.3.2.1. Regolarità Geometrica

4.3.3.2.2. Regolarità delle masse

189
4.3.3.2.3. Regolarità delle rigidezze
Affinché il sistema sia regolare in altezza gli elementi resistenti devono estendersi per tutta l’altezza
della struttura.

Nell’inserire una trave a ginocchio io vado a


interrompere il pilastro e quindi il pilastro diventa
più corto e tozzo. I pilastri corti si rompono a taglio
e il taglio è una rottura fragile e da evitare.

190
4.3.3.3. Altre irregolarità:

Nel caso di pilastri non allineati collegati da una trave si ha un errore nella modellazione in quanto
nel SAP noi facciamo riferimento alla linea baricentrica dell’elemento bidimensionale e in questo
caso l’asse della trave non passa per l’asse baricentrico dei due pilastri e ciò comporta un errore.
Data questa particolare conformazione in pianta, è come se avessi una eccentricità dovuta al dis-
assamento quindi anche solo per carichi verticali si genera un momento aggiuntivo anche nell’altra
direzione. Quindi ho flessione deviata già per soli carichi verticali.

Un altro caso è quello dei pilastri non allineati in altezza in cui si creano delle discontinuità nelle
armature in quanto quando le vado a portare al piano superiore ho una discontinuità.

Un caso più problematico è quello dei pilastri in falso cioè quelli poggiati su travi perché causano
problemi locali perché è come se concentrassero il danno in una certa zona; in questo caso non ha
senso parlare di cerniere plastiche perché non si possono formare alla base di questo pilastro.

Un altro caso di irregolarità è dovuto alla presenza dei solai sfalsati che vanno a creare un pilastro
corto e molto tozzo in cui si ha la crisi fragile a taglio.

191
4.3.6. Effetto delle Tamponature
Un altro elemento che può essere fonte di irregolarità sia in pianta che in elevazione è rappresentato
dalle tamponature che sono elementi non strutturali che portano solo il peso proprio e non il carico
della struttura. Le tamponature a differenza degli altri elementi non strutturali, intervengono nella
risposta della struttura in presenza di sisma in quanto irrigidiscono la struttura e quindi possono
modificare il comportamento della struttura. Il problema è legato al fatto che la progettazione di una
struttura intelaiata è caratterizzata da telai nudi cioè non inseriamo il contributo della tamponatura.
Siccome però, le tamponature riescono a irrigidire la struttura vanno a modificare il comportamento
della struttura. Soprattutto nel caso delle tamponature si capisce come sia di fondamentale
importanza la progettazione integrata tra progettazione strutturale e architettonica.

Ci chiediamo come collaborano le tamponature con la struttura.

4.3.6.1. Interazione locale telaio-tamponatura

192
Vediamo come la norma ci fa portare in conto il contributo delle tamponature:

Realizziamo un telaio in cui inseriamo la tamponatura e vediamo perché vogliamo evitare che la
tamponatura collabori con la struttura. Quando applico una Forza orizzontale, il telaio si deforma e
la deformata prevalente è quella per flessione. In questo telaio però ho inserito un elemento rigido
che è la tamponatura la quale si deforma prevalentemente a taglio. Lavorando insieme il telaio con
la tamponatura si deformeranno prevalentemente a taglio.

In particolare l’azione orizzontale nel piano della tamponatura determina lungo la diagonale la
formazione di una biella compressa; se il pannello di tamponatura è privo di aperture, rigido e mal
collegato superiormente al telaio, l’azione della biella compressa va ad esercitarsi sulla testa del
pilastro, determinando una forte sollecitazione tagliante e conseguenti dislocazione del pilastro
rispetto al nodo e possibile collasso a taglio. Generalmente questo tipo di meccanismo si innesca nei
pannelli di estremità della facciata, ove manca il contrasto laterale del lato opposto.

La lesione è perpendicolare alla direzione di trazione.

Lungo la diagonale CB l’elemento risulta compresso mentre lungo AD è tesa. Quindi quando arriva
il sisma orizzontale (verso destra) si formerà una fessura ortogonale alla trazione. Siccome però il
sisma può avvenire in qualsiasi direzione la fessura si può formare anche nell’altra direzione.
Andando in zone che hanno appena subito un sisma noteremo nelle tamponature la classica
fessurazione a X. Siccome la muratura è un materiale non reagente a trazione, (la parte a trazione si
trascura) il meccanismo che funziona meglio è quello di compressione che collabora con la struttura
qualora la tamponatura sia ben aderente al telaio circostante.

In definitive trascurando la trazione si va a formare un flusso di compressione che collabora con la


struttura intelaiata, dunque si fa riferimento al modello a bielle diagonali:

Siccome lungo la diagonale della tamponatura si genera compressione, questa compressione va a


sollecitare localmente il pilastro in prossimità del nodo.

193
In generale le tamponature potrebbero portare un effetto benefico alla struttura in quanto aumentano
la rigidezza complessiva e tendono a fessurarsi molto prima rispetto al telaio e quindi dissipano
energia (non dissipano molta energia perché comunque si tratta di una rottura fragile). Se però non
sono correttamente progettate, possono rendere irregolare la struttura perché creano questi effetti di
eccessiva compressione locale nel nodo.

Nel caso di tamponature aderenti rigide/resistenti, è necessario tener conto dell’effetto della
componente orizzontale della spinta del puntone prodotto dalle tamponature sul telaio in c.a.

Quindi le tamponature sembrerebbero degli elementi positivi ma diventano negativi se rendono


irregolare la struttura.

4.3.6.2. Innesco di meccanismi di piano soffice a causa di tamponature irregolari in


altezza
Ricordiamo che è possibile avere due tipi di meccanismo:

Meccanismo Locale Meccanismo Globale

Presenta un numero limitato di zone plasticizzate e Presenta un numero elevato di zone plasticizzate
un minore rapporto (sovraresistenza). e un elevato rapporto (sovraresistenza).
Le cerniere dei pilastri hanno generalmente una Le cerniere delle travi hanno generalmente una
minore capacità di rotazione per la presenza di elevata capacità di rotazione soprattutto se sono
sforzo normale che può essere incrementata snelle (elevato rapporto Momento/Taglio) e con
mediante confinamento (staffatura). sezioni a debole armatura.

194
Dato che le tamponature sono elementi rigidi, allora, aumenta
la rigidezza dei piani in cui sono presenti e le cerniere vanno a
formarsi nei piani sprovvisti di tamponature. Considerando un
edificio in cui le tamponature non sono presenti al piano terra,
siccome le tamponature irrigidiscono la struttura, i piani
superiori risultano essere molto più rigidi rispetto al piano terra
e quindi è molto probabile che le cerniere plastiche si formano
prima in testa e alla base del piano terra (piano soffice). Si
verifica, appunto, in edifici caratterizzati dalla presenza di un
piano meno resistente rispetto agli altri o, più precisamente, da
un rapporto tra domanda (sollecitazioni) e resistenza
nettamente diverso ad un piano rispetto agli altri.

La debolezza del singolo piano può essere dovuta sia alla minore resistenza relativa della struttura,
sia all’assenza in quel piano di tamponature presenti negli altri piani e capaci di fornire una
considerevole resistenza (aggiuntiva) alle azioni sismiche. Il meccanismo si concentra solo ad un
piano, perché la plasticizzazione di quel piano impedisce la crescita del taglio agente sui piani
superiori ed inferiori nella struttura.

Esempi:

Terremoto di Kobe 1995

Esempio relativo ad un edificio di sette piani con la struttura di


cemento armato, realizzato negli anni '70. Il piano terra era
destinato ad autorimessa e, quindi, mancava della tamponatura.
Per di più, le carenze dell'armatura a taglio sono evidenti
nell'immagine a destra ed il calcestruzzo si è dimostrato di
qualità pessima. Di fatto, si è avuta la disgregazione dei pilastri
ed il collasso irreparabile della struttura.

Nel caso a sinistra l'edificio, con


struttura intelaiata di cemento armato,
ha subito il rovesciamento parziale, di
nuovo a causa della distruzione dei
pilastri del piano terra. Nel caso a destra
la costruzione, con struttura a pannelli
di cemento armato, per la crisi del piano
soffice è arrivata al ribaltamento
completo, abbattendosi come un
monolite sulla strada sottostante.

195
Terremoto di Kocaeli 2009

Mentre il primo piano è collassato completamente, il danno ai quattro piani superiori è limitato.

Terremoto de L Aquila 2009

Quando si ha una distribuzione molto irregolare in


altezza dei tamponamenti, con assenza di questi
soprattutto nei piani inferiori, si verifica una
concentrazione dello sforzo nei pilastri di tali piani con
conseguente formazione di cerniere plastiche alle
estremità; si innesca cosi un meccanismo di piano
debole, estremamente pericoloso.

Terremoto di Pettino (AQ)

196
Fino al danneggiamento delle tamponature, l’energia in ingresso viene dissipata solo dalle colonne
del piano soffice, che quasi immediatamente si rompono alle estremità.

Il piano soffice potrebbe essere anche intermedio qualora le tamponature non siano presenti ad un
piano intermedio.

È da notare che la restante parte della struttura risulta integra ma resta non recuperabile.

4.3.6.3. Danni a causa di tamponature ad altezza parziale


Nel caso di finestre a nastro (finestre continue) si genera rottura a taglio e di conseguenza pilastro
tozzo cioè anche la forma delle aperture può provocare delle irregolarità:

In tal caso è come se avessi il pilastro più corto (si


considera solo la lunghezza non a contatto con la
tamponatura) e quindi è come se il pilastro fosse tozzo,
corto e tende a rompersi a taglio il che non è compatibile
con il progetto in cui al fine di rispettare la gerarchia delle
resistenze si è assunta una rottura per flessione dei
pilastri.

Esempi:

Nella città di Gemona si è registrato il caso di un edificio per il


quale, pur con una distribuzione simmetrica in pianta delle
tamponature, la presenza di finestre a nastro, quindi di tamponature
ad altezza parziale, ha portato alla concentrazione delle
deformazioni plastiche nei tratti di pilastro adiacenti agli infissi. Si
sono verificate rotture per flessione e taglio accoppiati, insieme con
un degrado notevole della tamponatura.

197
La pericolosità delle tamponature con le finestre a
nastro è testimoniata da un edificio che ha subito il
sisma del Cile del 1985. Si nota la disgregazione
completa del nucleo di calcestruzzo del pilastro,
peraltro esclusivamente in corrispondenza degli infissi,
a causa delle forti sollecitazioni di taglio. Ciò è
avvenuto in assenza di specifiche armature diagonali e
malgrado una staffatura che, probabilmente, era
adeguata.

Un esempio di rottura fragile a taglio di elementi


portanti in zone inattese a causa della presenza di
tamponature parziali. Si viene ad avere il cosiddetto
meccanismo di “pilastro corto”. Tale meccanismo
avviene soprattutto nel caso di muratura molto
resistente e pilastri con scarsa resistenza a taglio.

4.3.6.4. Crisi per torsione a causa di tamponature irregolari in pianta

Edificio nel quale le tamponature non sono state disposte in modo efficiente. La loro
configurazione irregolare si è dimostrata essenziale nella definizione del centro di torsione del
fabbricato e quindi, essendo stata trascurata in sede di progetto, ha condotto alla crisi per
torsione (ho concentrato la rigidezza solo da un lato e allora ho spostato il baricentro delle
rigidezze rispetto a quello delle masse e allora si è creata torsione che ha portato ad una
maggiore sollecitazione di alcuni pilastri rispetto ad altri proprio perché una sola parete era
tamponata delle 4 pareti presenti al piano terra). Si è avuta la rottura dei pilastri sia interni sia
perimetrali, nonostante sull'edificio, ancora in fase di costruzione, gravassero solo carichi
permanenti e di esercizio ridotti rispetto a quelli di progetto.

198
4.3.6.5. Meccanismo di rottura fuori dal piano

In occasione del terremoto di magnitudo 6.3 che ha colpito l’Aquila nel 2009 è stato osservato che i
pannelli di tamponamento in muratura si sono danneggiati, principalmente, per effetto di un
meccanismo fuori dal piano, a causa delle deboli connessioni tra i pannelli che costituiscono i due
strati verticali, l’interno e l’esterno.

In figura è mostrato il collasso del pannello interno, con la formazione di una cerniera verticale. Il
crollo è avvenuto in contemporanea al collasso dello strato esterno a causa del cinematismo fuori
dal piano. È possibile riconoscere il collasso del pannello esterno posto su un solaio sporgente dalla
trave di piano e senza vincolo laterale.

Esempi di espulsioni del pannello in muratura dal telaio strutturale, derivanti da una ridotta
connessione. Vale la pena notare che i pannelli murari sono costituiti da un doppio strato con uno
spessore di ciascuno strato sottile (8-12cm) in relazione alle dimensioni della larghezza e
dell’altezza, senza alcuna connessione tra gli strati e con una ridotta connessione alla struttura.

199
In alcuni casi il collasso fuori dal piano della tamponatura è stato ulteriormente favorito da elementi
secondari portati, come insegne, piante, ecc. Un esempio è riportato in Figura e mostra la facciata
dell’Ospedale Regionale “San Salvatore” prima e dopo il terremoto dell’Aquila (2009). Durante il
terremoto l’enorme insegna legata alla facciata ha fatto aumentato il valore delle forze di inerzia
favorendo il collasso fuori dal piano del tamponamento dell’ultimo piano.

Esempi di ribaltamento della fodera esterna della tamponatura:

Per le tamponature, dunque, si deve fare la verifica fuori piano (vedi paragrafo successive #4.3.6.6).

4.3.6.6. Indicazioni del DM per evitare gli effetti negativi causati dalle tamponature
# 7.2.3.CRITERI DI PROGETTAZIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI SECONDARI ED
ELEMENTI COSTRUTTIVI NON STRUTTURALI

ELEMENTI SECONDARI: alcuni elementi strutturali possono essere considerati “secondari”;


nell analisi della risposta sismica, la rigidezza e la resistenza alle azioni orizzontali di tali elementi
possono essere trascurate. Tali elementi sono progettati per resistere ai soli carichi verticali e per
seguire gli spostamenti della struttura senza perdere capacità portante. Gli elementi secondari e i
loro collegamenti devono quindi essere progettati e dotati di dettagli costruttivi per sostenere i
carichi gravitazionali, quando soggetti a spostamenti causati dalla più sfavorevole delle condizioni
sismiche di progetto allo SLC, valutati, nel caso di analisi lineare, secondo il § 7.3.3.3, oppure, nel
caso di analisi non lineare, secondo il § 7.3.4. In nessun caso la scelta degli elementi da
considerare secondari può determinare il passaggio da struttura “irregolare” a struttura
“regolare” come definite al § 7.2.1, né il contributo totale alla rigidezza ed alla resistenza sotto
azioni orizzontali degli elementi secondari può superare il 15% dell analogo contributo degli
elementi primari.

200
ELEMENTI COSTRUTTIVI NON STRUTTURALI: per elementi costruttivi non strutturali
s intendono quelli con rigidezza, resistenza e massa tali da influenzare in maniera significativa la
risposta strutturale e quelli che, pur non influenzando la risposta strutturale, sono ugualmente
significativi ai fini della sicurezza e/o dell incolumit delle persone.

La capacità degli elementi non strutturali, compresi gli eventuali elementi strutturali che li
sostengono e collegano, tra loro e alla struttura principale, deve essere maggiore della domanda
sismica corrispondente a ciascuno degli stati limite da considerare (v. §7.3.6). Quando l elemento
non strutturale è costruito in cantiere, è compito del progettista della struttura individuare la
domanda e progettarne la capacità in accordo a formulazioni di comprovata validità ed è compito
del direttore dei lavori verificarne la corretta esecuzione; quando invece l elemento non strutturale
è assemblato in cantiere, è compito del progettista della struttura individuare la domanda, è
compito del fornitore e/o dell installatore fornire elementi e sistemi di collegamento di capacit
adeguata ed è compito del direttore dei lavori verificarne il corretto assemblaggio.

Se la distribuzione degli elementi non strutturali è fortemente irregolare in pianta, gli effetti di tale
irregolarità debbono essere valutati e tenuti in conto. Questo requisito si intende soddisfatto
qualora si incrementi di un fattore 2 l eccentricit accidentale di cui al § 7.2.6.

Se la distribuzione degli elementi non strutturali è fortemente irregolare in altezza, deve essere
considerata la possibilità di forti concentrazioni di danno ai livelli caratterizzati da significative
riduzioni degli elementi non strutturali rispetto ai livelli adiacenti. Questo requisito s intende
soddisfatto qualora si incrementi di un fattore 1,4 la domanda sismica sugli elementi verticali
(pilastri e pareti) dei livelli con significativa riduzione degli elementi non strutturali.

#7.2.6. CRITERI DI MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA E DELL AZIONE SISMICA


Per tenere conto della variabilità spaziale del moto sismico, nonché di eventuali incertezze, deve
essere attribuita al centro di massa un’eccentricità accidentale rispetto alla sua posizione quale
deriva dal calcolo. Per i soli edifici e in assenza di più accurate determinazioni, l eccentricit
accidentale in ogni direzione non può essere considerata inferiore a 0,05 volte la dimensione media
dell edificio misurata perpendicolarmente alla direzione di applicazione dell azione sismica. Detta
eccentricità è assunta costante, per entità e direzione, su tutti gli orizzontamenti.

Per capire meglio questi aspetti di normativa si fa il seguente esempio:

dato un piano dell’edificio, noi abbiamo assegnato una massa e l’abbiamo concentrata nel
baricentro delle masse di quel piano.

Le forze sismiche si possono applicare nel baricentro delle masse ma la norma ci dice di considerare
una eccentricità accidentale del 5% della dimensione media dell’edificio misurata
perpendicolarmente alla direzione dell’azione sismica.

Dal progetto architettonico ci possiamo subito rendere conto se ad esempio le tamponature sono
previste solo su una parete e in tal caso andiamo ad aumentare l’eccentricità accidentale.
L’eccentricità accidentale che la norma ci fa assumere in questo caso è il 5% moltiplicato per 2.

201
Se dal progetto architettonico viene fuori che ci sarà una distribuzione particolare delle tamponature
in altezza (ad esempio non sono previste tamponature al secondo piano) la norma ci fa incrementare
l’azione dei piani interessati dall’assenza delle tamponature di un fattore pari a 1,4.

Quando vado a progettare i pilastri al secondo piano dobbiamo tener conto di questo aspetto. è
il tagliante al piano 2 (somma anche del tagliante al piano superiore). Anche al piano inferiore deve
essere incrementato di 1,4 (?).

Abbiamo visto che le tamponature sono soggette a taglio e quindi la rottura avviene nel piano delle
tamponature. Si è visto, però, che le tamponature possono essere soggette anche ad una rottura fuori
piano (paragrafo precedente #4.6.6.5). Questo perché essendo il sisma una forza data dalla massa
per l’accelerazione, se l’accelerazione ha direzione ortogonale al piano della tamponatura si ha
ribaltamento. La rottura fuori piano è ancora più pericolosa della rottura nel piano perché allo
S.L.V. se la tamponatura si ribalta sulle persone

Per le tamponature si deve fare la verifica fuori piano. I crolli fuori piano dipendono da:

- Tipologia della tamponatura ( a singola fodera o a doppia fodera con materiale isolante). Se le
fodere non sono ben collegate si potrebbe avere l’espulsione di una delle fodere
- Da come le tamponature sono collegate al telaio circostante. Ci possono essere dei casi in cui
la tamponatura è parzialmente esterna al telaio ( e questo si fa in genere per evitare i problemi
legati ai ponti termici ) e in questo caso la tamponatura è più vulnerabile.

202
Verifica Fuori Piano

La domanda sismica (dunque la norma ci dice come calcolare la domanda ma non la resistenza per
la quale dobbiamo far riferimento agli eurocodici) sugli elementi non strutturali può essere
determinata applicando loro una forza orizzontale definita come segue:

[7.2.1]

dove

- è la forza sismica orizzontale distribuita o agente nel centro di massa dell elemento non
strutturale, nella direzione più sfavorevole, risultante delle forze distribuite proporzionali
alla massa;
- è l accelerazione massima, adimensionalizzata rispetto a quella di gravità, che
l elemento non strutturale subisce durante il sisma e corrisponde allo stato limite in esame
(v. § 3.2.1);
- è il peso dell elemento;
- è il fattore di comportamento dell elemento.

In assenza di specifiche determinazioni, per e può farsi utile riferimento a documenti di


comprovata validità.

dove:
 è il rapporto tra accelerazione massima del terreno su sottosuolo tipo A per lo stato
limite in esame (vedi § 3.2.1) e l’accelerazione di gravità g;
 è il coefficiente che tiene conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni
topografiche secondo quanto riportato nel §3.2.3.2.1;
 è la quota del baricentro dell’elemento non strutturale misurata a partire dal piano di
fondazione (vedi § 3.2.2);
 è l’altezza della costruzione misurata a partire dal piano di fondazione.

Per le strutture con isolamento sismico si assume sempre .


Il valore del coefficiente sismico non può essere assunto minore di .

Il rapporto è legato all’effetto di risonanza. In assenza di informazioni specifiche pongo


questo rapporto pari ad 1 a vantaggio di sicurezza ma dato che per le tamponature che sono
elementi molto rigidi (soprattutto quelle in muratura) è molto basso prossimo a zero quindi
conviene ….?

203
Differenza piccola tra NTC08 e NTC18 in cui troviamo una tabella in cui è specificato quali
verifiche devo effettuare a seconda dello Stato limite considerato e dell’importanza dell’opera
(cambia il cu). La norma definisce 5 tipologie di verifiche (RIGIDEZZA, RESISTENZA,
FUNZIONAMENTO, STABILITA’, DUTTILITA’).

N.B.: Siccome i pilastri sono progettati per gerarchia e l’obiettivo è quello che le cerniere si formino
alla base dei pilastri e non nella fondazione.

7.3.6. RISPETTO DEI REQUISITI NEI CONFRONTI DEGLI STATI LIMITE


Per tutti gli elementi strutturali primari e secondari, gli elementi non strutturali e gli impianti si
deve verificare che il valore di ciascuna domanda di progetto, definito dalla tabella 7.3.III per
ciascuno degli stati limite richiesti, sia inferiore al corrispondente valore della capacità di
progetto.
Le verifiche degli elementi strutturali primari (ST) si eseguono, come sintetizzato nella tabella
7.3.III, in dipendenza della Classe d Uso (CU):
- nel caso di comportamento strutturale non dissipativo, in termini di rigidezza (RIG) e di
resistenza (RES), senza applicare le regole specifiche dei dettagli costruttivi e della
progettazione in capacità;
- nel caso di comportamento strutturale dissipativo, in termini di rigidezza (RIG), di
resistenza (RES) e di duttilità (DUT) (quando richiesto), applicando le regole specifiche dei
dettagli costruttivi e della progettazione in capacità.
Le verifiche degli elementi strutturali secondari si effettuano solo in termini di duttilità.
Le verifiche degli elementi non strutturali (NS) e degli impianti (IM) si effettuano in termini di
funzionamento (FUN) e stabilità (STA), come sintetizzato nella tabella 7.3.III, in dipendenza della
Classe d Uso (CU).

Tab. 7.3.III – Stati limite di elementi strutturali primari, elementi non strutturali e impianti

CU I CU II CU III e IV
STATI LIMITE
ST ST NS IM ST NS IM(*)
SLO RIG FUN
SLE
SLD RIG RIG RES
SLV RES RES STA STA RES STA STA
SLU
SLC DUT(**) DUT(**)
(*)Per le sole CU III e IV, nella categoria Impianti ricadono anche gli arredi fissi.
(**)Nei casi esplicitamente indicati dalle presenti norme.

Le verifiche allo stato limite di prevenzione del collasso (SLC), a meno di specifiche indicazioni, si
svolgono soltanto in termini di duttilità e solo qualora le verifiche in duttilità siano espressamente
richieste (v.§7.3.6.1)

204
7.3.6.1 ELEMENTI STRUTTURALI (ST)

VERIFICHE DI RIGIDEZZA (RIG)


La condizione in termini di rigidezza sulla struttura si ritiene soddisfatta qualora la conseguente
deformazione degli elementi strutturali non produca sugli elementi non strutturali danni tali da
rendere la costruzione temporaneamente inagibile.
Nel caso delle costruzioni civili e industriali, qualora la temporanea inagibilità sia dovuta a
spostamenti di interpiano eccessivi, questa condizione si può ritenere soddisfatta quando gli
spostamenti di interpiano ottenuti dall analisi in presenza dell azione sismica di progetto
corrispondente allo SL e alla CU considerati siano inferiori ai limiti indicati nel seguito.

Per le CU I e II ci si riferisce allo SLD (v. Tab. 7.3.III) e deve essere:


a) per tamponature collegate rigidamente alla struttura, che interferiscono con la deformabilità
della stessa:
per tamponature fragili [7.3.11a]
per tamponature duttili [7.3.11b]
b) per tamponature progettate in modo da non subire danni a seguito di spostamenti d interpiano
, per effetto della loro deformabilità intrinseca oppure dei collegamenti alla struttura:
[7.3.12]
c) per costruzioni con struttura portante di muratura ordinaria
[7.3.13]
d) per costruzioni con struttura portante di muratura armata
[7.3.14]
e) per costruzioni con struttura portante di muratura confinata
[7.3.15]

dove:
 è lo spostamento di interpiano, cioè la differenza tra gli spostamenti del solaio superiore
e del solaio inferiore, calcolati, nel caso di analisi lineare, secondo il § 7.3.3.3 o, nel caso
di analisi non lineare, secondo il § 7.3.4, sul modello di calcolo non comprensivo delle
tamponature,
 h è l altezza del piano.

Per le CU III e IV ci si riferisce allo SLO (v. Tab. 7.3.III) e gli spostamenti d interpiano devono
essere inferiori ai 2/3 dei limiti in precedenza indicati.
In caso di coesistenza di diversi tipi di tamponamento o struttura portante nel medesimo piano
della costruzione, deve essere assunto il limite di spostamento più restrittivo. Qualora gli
spostamenti di interpiano siano superiori a 0,005 h (caso b), le verifiche della capacità di
spostamento degli elementi non strutturali vanno estese a tutte le tamponature, alle tramezzature
interne ed agli impianti.

205
In altre parole :
Verifica SLD:

La norma fa una differenza a seconda del tipo di tamponatura (vedi sopra). A seconda di come le
tamponature sono collegate al telaio circostante avrò diversi requisiti da rispettare. Inoltre, la
NTC2018 (a differenza dell’NTC08) considera la differenza tra tamponature fragili e duttili proprio
per i nuovi progressi tecnologici che hanno portato alla creazione di tamponature duttili attraverso
giunti che sono scorrevoli al posto dei giunti di malta classici. Cioè in corrispondenza del letto di
malta ci sono degli elementi in plastica che possono scorrere se sottoposti a forza orizzontale.
Quindi essendo elementi più duttili ci consentono di avere una limitazione meno stringente rispetto
al caso di tamponatura fragile.

Lo SLD è uno SLE per azioni sismiche che serve per verificare che gli elementi resistenti restino in
campo elastico (cioè che non ci sia la formazione di cerniere plastiche) cioè si va a limitare la
deformazione plastica (DRIFT).

VERIFICHE DI RESISTENZA (RES)


Si deve verificare che i singoli elementi strutturali e la struttura nel suo insieme possiedano una
capacità in resistenza sufficiente a soddisfare la domanda allo SLV.
La capacità in resistenza delle membrature e dei collegamenti è valutata in accordo con le regole
contenute nei capitoli precedenti, integrate dalle regole di progettazione definite di volta in volta
nei successivi paragrafi.
Per le strutture a comportamento dissipativo, la capacità delle membrature è calcolata con
riferimento al loro comportamento ultimo, come definito di volta in volta nei successivi paragrafi.
Per le strutture a comportamento non dissipativo, la capacità delle membrature è calcolata con
riferimento al loro comportamento elastico o sostanzialmente elastico, come definito di volta in
volta nei successivi paragrafi.
La resistenza dei materiali può essere ridotta per tener conto del degrado per deformazioni
cicliche, giustificandolo sulla base di apposite prove sperimentali. In tal caso, ai coefficienti
parziali di sicurezza sui materiali si attribuiscono i valori precisati nel Cap. 4 per le situazioni
eccezionali.
206
VERIFICHE DI DUTTILITÀ (DUT)
Si deve verificare che i singoli elementi strutturali e la struttura nel suo insieme possiedano una
capacità in duttilità:
- nel caso di analisi lineare, coerente con il fattore di comportamento q adottato e i relativi
spostamenti, quali definiti in 7.3.3.3;
- nel caso di analisi non lineare, sufficiente a soddisfare la domanda in duttilità evidenziata
dall analisi.

Nel caso di analisi lineare la verifica di duttilità si può ritenere soddisfatta, rispettando per tutti gli
elementi strutturali, sia primari sia secondari, le regole specifiche per i dettagli costruttivi
precisate nel presente capitolo per le diverse tipologie costruttive; tali regole sono da considerarsi
aggiuntive rispetto a quanto previsto nel Cap. 4 e a quanto imposto dalle regole della progettazione
in capacità, il cui rispetto è comunque obbligatorio per gli elementi strutturali primari delle
strutture a comportamento dissipativo.
Per strutture a comportamento dissipativo, qualora non siano rispettate le regole specifiche dei
dettagli costruttivi, quali precisate nel presente capitolo, occorrerà procedere a verifiche di
duttilità.
Per le sezioni allo spiccato dalle fondazioni o dalla struttura scatolare rigida di base di cui al §
7.2.1 degli elementi strutturali verticali primari la verifica di duttilità, indipendentemente dai
particolari costruttivi adottati, è necessaria qualora non diversamente specificato nei paragrafi
successivi relativi alle diverse tipologie costruttive, accertando che la capacità in duttilità della
costruzione sia almeno pari:
- a 1,2 volte la domanda in duttilità locale, valutata in corrispondenza dello SLV, nel caso si
utilizzino modelli lineari,
- alla domanda in duttilità locale e globale allo SLC, nel caso si utilizzino modelli non
lineari.
Le verifiche di duttilità non sono dovute nel caso di progettazione con .

Non c’è una vera e propria verifica di duttilità ma rispettando i dettagli costruttivi implicitamente si
sta verificando per duttilità.

7.3.6.2 ELEMENTI NON STRUTTURALI (NS)


VERIFICHE DI STABILITÀ (STA)
Per gli elementi non strutturali devono essere adottati magisteri atti ad evitare la possibile
espulsione sotto l azione della (v. §7.2.3) corrispondente allo SL e alla CU considerati.
7.3.6.3 IMPIANTI (IM)
VERIFICHE DI FUNZIONAMENTO (FUN)
Per gli impianti, si deve verificare che gli spostamenti strutturali o le accelerazioni (a seconda che
gli impianti siano più vulnerabili all effetto dei primi o delle seconde) prodotti dalle azioni relative
allo SL e alla CU considerati non siano tali da produrre interruzioni d uso degli impianti stessi.
VERIFICHE DI STABILITÀ (STA)
Per ciascuno degli impianti principali, i diversi elementi funzionali costituenti l impianto, compresi
gli elementi strutturali che li sostengono e collegano, tra loro e alla struttura principale, devono
avere capacità sufficiente a sostenere la domanda corrispondente allo SL e alla CU considerati.

207
4.3.7. Tipologie Strutturali e fattori di comportamento q
#7.4.3. TIPOLOGIE STRUTTURALI E FATTORI DI COMPORTAMENTO q

#7.4.3.1 TIPOLOGIE STRUTTURALI

Le strutture sismo-resistenti in calcestruzzo armato previste dalle presenti norme possono essere
classificate nelle seguenti tipologie:

- strutture a telaio, nelle quali la resistenza alle azioni sia verticali che orizzontali è affidata
principalmente a telai spaziali, aventi resistenza a taglio alla base della resistenza a
taglio totale;
- strutture a pareti, nelle quali la resistenza alle azioni sia verticali che orizzontali è affidata
principalmente a pareti (v. §7.4.4.5), aventi resistenza a taglio alla base della
resistenza a taglio totale; le pareti, a seconda della forma in pianta, si definiscono semplici
o composte (v.§7.4.4.5), a seconda della assenza o presenza di opportune “travi di
accoppiamento” duttili distribuite in modo regolare lungo l altezza, si definiscono singole o
accoppiate;
- strutture miste telaio-pareti, nelle quali la resistenza alle azioni verticali è affidata
prevalentemente ai telai, la resistenza alle azioni orizzontali è affidata in parte ai telai ed in
parte alle pareti, singole o accoppiate; se più del 50% dell azione orizzontale è assorbita
dai telai si parla di strutture miste equivalenti a telai, altrimenti si parla di strutture miste
equivalenti a pareti;
- strutture a pendolo inverso, nelle quali almeno il 50% della massa è nel terzo superiore
dell altezza della costruzione e nelle quali la dissipazione d energia avviene alla base di un
singolo elemento strutturale;
- strutture a pendolo inverso intelaiate monopiano, nelle quali almeno il 50% della massa è
nel terzo superiore dell altezza della costruzione, in cui i pilastri sono incastrati in sommit
alle travi lungo entrambe le direzioni principali dell edificio. In ogni caso, per questo tipo
di strutture, la forza assiale non può eccedere il 30% della resistenza a compressione della
sola sezione di calcestruzzo;
- strutture deformabili torsionalmente, composte da telai e/o pareti, la cui rigidezza
torsionale non soddisfa ad ogni piano la condizione , nella quale:
 = raggio torsionale al quadrato è, per ciascun piano, il rapporto tra la rigidezza
torsionale rispetto al centro di rigidezza laterale e la maggiore tra le rigidezze laterali,
tenendo conto dei soli elementi strutturali primari, per strutture a telaio o a pareti
(purché snelle e a deformazione prevalentemente flessionale), può essere valutato,
per ogni piano, riferendosi ai momenti d inerzia flessionali delle sezioni degli elementi
verticali primari.
 = per ogni piano, è il rapporto fra il momento d inerzia polare della massa del
piano rispetto ad un asse verticale passante per il centro di massa del piano e la massa
stessa del piano; nel caso di piano a pianta rettangolare ,
essendo e le dimensioni in pianta del piano.

208
Una struttura a pareti, nei termini sopra definiti, è da considerarsi come struttura a pareti estese
debolmente armate se le pareti sono caratterizzate da un estensione a buona parte del perimetro
della pianta strutturale e sono dotate di idonei provvedimenti per garantire la continuità strutturale
così da produrre un efficace comportamento scatolare. Inoltre, nella direzione orizzontale
d interesse, la struttura deve avere un periodo fondamentale, in condizioni non fessurate e
calcolato nell ipotesi di assenza di rotazioni alla base, non superiore a .

Vogliamo commentare come varia il fattore di struttura a seconda della tipologia strutturale.
A seconda del tipo di struttura c’è un diverso.
Nella NTC2018 il fattore non si chiama più fattore di struttura ma fattore di comportamento.

#7.4.3.2 FATTORI DI COMPORTAMENTO


Il fattore di comportamento q da utilizzare per ciascuna direzione dell azione sismica orizzontale è
calcolato come riportato nel §7.3.1 e nella tabella 7.3.II.
Ai fini della determinazione del fattore di comportamento q, una struttura si considera a pareti
accoppiate se è verificata la condizione che il momento totale alla base, prodotto dalle azioni
orizzontali, è equilibrato, per almeno il 20%, dalla coppia prodotta dagli sforzi verticali indotti
nelle pareti dall azione sismica.
Le strutture a pareti possono essere progettate sia in CD”A” sia in CD”B”, mentre le strutture a
pareti estese debolmente armate solo in CD “B”.
Le strutture aventi i telai resistenti all azione sismica realizzati, anche in una sola delle direzioni
principali, con travi a spessore devono essere progettate in CD ”B” salvo che tali travi non si
possano considerare elementi strutturali “secondari”.

Per strutture regolari in pianta, possono essere adottati i seguenti valori di :

a) Strutture a telaio o miste equivalenti a telai

b) Strutture a pareti o miste equivalenti a pareti

209
Per tipologie strutturali diverse da quelle sopra definite, ove s intenda adottare un valore q > 1,5 il
valore adottato deve essere adeguatamente giustificato dal progettista mediante l impiego di
analisi non lineari.
Tab. 7.3.II – Valori massimi del valore di base del fattore di comportamento allo SLV per
diverse tecniche costruttive ed in funzione della tipologia strutturale e della classe di duttilità CD

Tipologia strutturale CD”A” CD”B”


Costruzioni di calcestruzzo (§ 7.4.3.2)

Strutture a telaio, a pareti accoppiate, miste (v. § 7.4.3.1)

Strutture a pareti non accoppiate (v. § 7.4.3.1)


3,0

Strutture deformabili torsionalmente (v. § 7.4.3.1) 3,0 2,0


Strutture a pendolo inverso (v.§7.4.3.1) 2,0 1,5
Strutture a pendolo inverso intelaiate monopiano (v. § 7.4.3.1 3,5 2,5
Costruzioni con struttura prefabbricata (§ 7.4.5.1)

Strutture a pannelli 3,0

2,0
Strutture monolitiche a cella 3,0

3,5
Strutture con pilastri incastrati e orizzontamenti incernierati 2,5

Costruzioni d’acciaio (§ 7.5.2.2) e composte di acciaio-calcestruzzo (§ 7.6.2.2)


Strutture intelaiate
4,0
Strutture con controventi eccentrici
Strutture con controventi concentrici a diagonale tesa attiva 4,0 4,0
Strutture con controventi concentrici a V 2,5 2,0

Strutture a mensola o a pendolo inverso 2,0

Strutture intelaiate con controventi concentrici 4,0

Strutture intelaiate con tamponature in murature 2,0 2,0


Costruzioni di legno (§ 7.7.3)
Pannelli di parete a telaio leggero chiodati con diaframmi incollati, collegati
mediante chiodi, viti e bulloni 3,0 2,0
Strutture reticolari iperstatiche con giunti chiodati
Portali iperstatici con mezzi di unione a gambo cilindrico 4,0 2,5
Pannelli di parete a telaio leggero chiodati con diaframmi chiodati, collegati
5,0 3,0
mediante chiodi, viti e bulloni.
Pannelli di tavole incollate a strati incrociati, collegati mediante chiodi, viti,
bulloni 2,5
Strutture reticolari con collegamenti a mezzo di chiodi, viti, bulloni o spinotti

210
Strutture cosiddette miste, con intelaiatura (sismo-resistente) in legno e
tamponature non portanti
Strutture isostatiche in genere, compresi portali isostatici con mezzi di
unione a 1,5
gambo cilindrico, e altre tipologie strutturali
Costruzioni di muratura (§ 7.8.1.3)
Costruzioni di muratura ordinaria
Costruzioni di muratura armata
Costruzioni di muratura armata con progettazione in capacità
Costruzioni di muratura confinata
Costruzioni di muratura confinata con progettazione in capacità
Ponti (§ 7.9.2.1)
Pile in calcestruzzo armato
Pile verticali inflesse 3,5λ 1,5
Elementi di sostegno inclinati inflessi 2,1λ 1,2
Pile in acciaio
Pile verticali inflesse 3,5 1,5
Elementi di sostegno inclinati inflessi 2,0 1,2
Pile con controventi concentrici 2,5 1,5
Pile con controventi eccentrici 3,5 -
Spalle
In genere 1,5 1,5
Se si muovono col terreno 1,0 1,0

È possibile ricavare il fattore di struttura dalla curva di Push-Over:


Considerando come prestazione richiesta
alla struttura; a parità di prestazione il fattore
di struttura è dato da due contributi
cioè il fattore di sovraresistenza e
l’altro fattore è legato alla duttilità.

Una volta ricavata la curva non lineare la si


va a rendere bilineare (tratto elastico + tratto
plastico) e andremo a ricavare il fattore di
struttura reale che possiamo poi confrontare
con quello della norma.

211
4.3.8. Requisiti Strutturali degli elementi di Fondazione
#7.2.5. REQUISITI STRUTTURALI DEGLI ELEMENTI DI FONDAZIONE

Le azioni trasmesse in fondazione derivano dall analisi del comportamento dell intera opera, in
genere condotta esaminando la sola struttura in elevazione alla quale sono applicate le pertinenti
combinazioni delle azioni di cui al § 2.5.3.
Sia per CD“A” sia per CD“B” il dimensionamento delle strutture di fondazione e la verifica di
sicurezza del complesso fondazione-terreno devono essere eseguiti assumendo come azione in
fondazione, trasmessa dagli elementi soprastanti, una tra le seguenti:
- quella derivante dall analisi strutturale eseguita ipotizzando comportamento strutturale non
dissipativo (v. § 7.3);
- quella derivante dalla capacità di resistenza a flessione degli elementi (calcolata per la forza
assiale derivante dalla combinazione delle azioni di cui al § 2.5.3), congiuntamente al taglio
determinato da considerazioni di equilibrio;
- quella trasferita dagli elementi soprastanti nell ipotesi di comportamento strutturale dissipativo,
amplificata di un coefficiente pari a 1,30 in CD“A” e 1,10 in CD“B”.

FONDAZIONI SUPERFICIALI
Le strutture delle fondazioni superficiali devono essere progettate per le azioni definite al
precedente capoverso, assumendo un comportamento non dissipativo; non sono quindi necessarie
armature specifiche per ottenere un comportamento duttile.
Le platee di fondazione in calcestruzzo armato devono avere armature longitudinali, secondo due
direzioni ortogonali e per l intera estensione, in percentuale non inferiore allo 0,1% dell area della
sezione trasversale della platea, sia inferiormente sia superiormente.
Le travi di fondazione in calcestruzzo armato devono avere, per l intera lunghezza, armature
longitudinali in percentuale non inferiore allo 0,2% dell area della sezione trasversale della trave,
sia inferiormente sia superiormente.

FONDAZIONI SU PALI
I pali in calcestruzzo devono essere armati, per tutta la lunghezza, con una armatura longitudinale
in percentuale non inferiore allo 0,3% dell area della sezione trasversale del palo e un armatura
trasversale costituita da staffe o da spirali di diametro non inferiore a 8 mm, passo non superiore a
8 volte il diametro delle barre longitudinali.
Qualora non fosse possibile escludere il raggiungimento della capacità dei pali, devono essere
soddisfatte le seguenti condizioni:
 se la capacità è raggiunta in prossimità della testa del palo, deve considerarsi una zona
dissipativa estesa fino a una profondità pari ad almeno dieci volte il diametro del palo; se
la capacità è raggiunta in profondità, per esempio in corrispondenza di contatti tra strati di
terreno di rigidezza molto diversa (§7.11.5.3.2), deve considerarsi una zona dissipativa a
cavallo dei contatti avente estensione pari ad almeno cinque diametri;
 nelle zone dissipative le sezioni devono essere progettate per esibire un comportamento
duttile per effetto delle azioni di calcolo;

212
In tali zone dissipative l armatura longitudinale deve avere area non inferiore all 1% dell area
della sezione trasversale del palo, mentre l armatura trasversale deve essere costituita da staffe
singole di passo non superiore a 6 volte il diametro delle barre longitudinali.

In sintesi si assumono le azioni sulla fondazione secondo tre criteri:


1) comportamento non dissipativo quindi spettro elastico.
2) flessione + taglio: siccome abbiamo progettato i pilastri per gerarchia rispetto alla
fondazione vogliamo che si formino prima le cerniere plastiche alla base dei pilastri quindi
ho solo i momenti plastici nei pilastri. E allora prendo direttamente i momenti plastici come
momenti mentre come sforzo normale la norma ci dice che la forza assiale deve derivare
dalla combinazione delle azioni a a paragrafo 2.5.3. cioè lo sforzo normale è dato dai carichi
verticali sismici e le azioni orizzontali calcolate con il nostro fattore di struttura, mentre il
taglio è calcolato da considerazioni di equilibrio.
3) prendere le azione degli elementi resistenti sovrastanti la fondazione ed amplificarle per un
coeff. che ha valore differente a seconda della classe di duttilità con cui abbiamo
progettato.
Il principio è proprio quello per il quale bisogna sovradimensionare le fondazioni in modo che siano
gli ultimi elementi strutturali ad andare a rottura.
La vecchia normativa diceva di considerare la più gravosa tra le 3 a patto che non sia inferiore di
quella ottenuta con opzioni mentre nella nuova non è specificato cioè possiamo prendere una
qualsiasi delle 3.

4.4. Gerarchia delle resistenze


4.4.1. Materiali
La risposta meccanica dei materiali da costruzione è in genere espressa in termini di legami
tensioni-deformazioni . Se la prova di caratterizzazione è svolta con carico sempre crescente
si definisce il legame monotono.

Rigidezza: è espressa dalla pendenza del tratto iniziale lineare ( );


Resistenza: è espressa dal valore terminale del tratto elastico ( );
Sovraresistenza: è espressa dal rapporto del valore massimo ( ) della tensione e di quella ( ).
Duttilità: è espressa dal rapporto ( ) tra la deformazione corrispondente a e della
deformazione ultima ( ).

213
Per quanto concerne la duttilità abbiamo già visto che:
- l’acciaio deve avere un adeguato allungamento a rottura: e un adeguato
rapporto di incrudimento (per diffondere la plasticizzazione): inoltre
legato alla gerarchia perché molto spesso trascuriamo l’incremento di resistenza
considerando solo lo snervamento e se la differenza tra e è eccessiva rischio di
sballare la gerarchia. I calcoli li ho fatti con ma in realtà ho una resistenza maggiore
ma se poi questa differenza è eccessiva rischio di sballare la gerarchia tanto è vero che
la norma mi da delle indicazioni sul rapporto tra che è sempre legato
alla gerarchia.

è il valore fornito dal produttore dell’acciaio mentre è il valore che


ricavo in laboratorio e quindi devo verificare che quello che viene dichiarato e quello effettivo
siano coerenti in modo da rispettare la gerarchia.

- la duttilità del calcestruzzo è governata dall’effetto di confinamento esercitato


dall’armatura trasversale e l’efficacia del confinamento dipende da passo e diametro
delle staffe ma anche dalla disposizione delle armature longitudinali.

Procedura di gerarchia delle resistenze. Partendo dalle travi ci ricordiamo che quando le abbiamo
progettate la sollecitazione l’abbiamo ricavata dall’analisi e abbiamo progettato le armature e poi
abbiamo fatto la verifica momento resistente > momento sollecitante. La norma ci dice che per i
telai spaziali le armature che considero per il calcolo del momento resistente sono anche quelle
contenute nelle solette nella zona di confluenza trave-pilastro dove c’è anche il solaio e quindi ci
214
saranno le armature della soletta. Ovviamente prendiamo in considerazione solo quelle contenute
nella lunghezza di collaborante delle travi. Questa dipende dal fatto che la trave si innesta in un
pilastro esterno o interno e se ci sono o meno delle travi trasversali. In sostanza la lunghezza
collaborante è sempre la base del pilastro e al massimo posso aggiungere 2 volte o 4 volte l’altezza
della soletta. E questo serve per fare la verifica a flessione.

Una volta progettata la trave e le armature a flessione viene applicato il primo criterio di gerarchia
cioè la crisi a flessione deve venire prima di quella a taglio andando a sovradimensionare il taglio. Il
taglio l’abbiamo calcolato isolando l’elemento trave applicando alle estremità i momenti plastici
che sono funzione delle armature e applicando il carico distribuito verticale. Con questo valore del
taglio sollecitante vado a progettare le staffe attraverso il metodo del traliccio variabile cioè con
angolo di inclinazione variabile. Ciò vale per la CD”B”, mentre, per la CD”A” si utilizza sempre il
metodo del traliccio variabile ma nelle zone dissipative . Inoltre per la CD”A” bisogna
valutare se il segno del taglio si inverte o meno.

Per quanto concerne, invece, la gerarchia delle resistenze, ricordiamo i suoi aspetti fondamentali:

- Tipo di rottura fragile più resistente di quella duttile (Flessione/Taglio);


- Tipo di elemento pilastro più resistente di trave (Trave/Pilastro, Pilastro/Nodo).

Sintesi dei criteri:


 I nodi non devono rompersi quindi sono progettati in modo che la resistenza sia maggiore di
quella dei pilastri e delle travi che convergono nel nodo;
 I pilastri devono avere una resistenza maggiore delle travi che ad essi sono collegati perché
devono plasticizzarsi dopo, ma comunque devono avere una certa duttilità e quindi la
resistenza a taglio deve essere maggiorata rispetto a quella per flessione;
 Le travi devono essere meno resistenti dei pilastri perché devono plasticizzarsi prima e devono
avere una elevata duttilità e quindi la resistenza a taglio deve essere maggiorata;
 La fondazione si progetta solo per avere resistenza maggiore degli elementi in essa
convergenti poiché non deve elasticizzarsi.

215
4.4.2. Gerarchia Flessione-Taglio
Dalla norma:

#7.4.4.1 TRAVI

#7.4.4.1.1 Verifiche di resistenza (RES)

In ogni sezione la capacità deve essere superiore o uguale alla corrispondente domanda.

Flessione

La domanda a flessione è quella ottenuta dall analisi globale della struttura per le combinazioni di
carico di cui al § 2.5.3.

La capacità a flessione deve essere valutata come indicato nel § 4.1.2.3.4 sulla base delle armature
flessionali effettivamente presenti, compreso il contributo di quelle poste all interno della larghezza
collaborante di eventuali solette piene, se ancorate al di fuori della campata in esame (Fig.7.4.1).

La larghezza collaborante è da assumersi uguale alla larghezza del pilastro (Fig. 7.4.1a) su cui
la trave confluisce, più:

- due volte l altezza della soletta da ciascun lato, nel caso di travi confluenti in pilastri interni
(Fig.7.4.1b);

- due o quattro volte l altezza della soletta da ciascun lato in cui è presente una trave trasversale di
altezza simile, nel caso di travi confluenti rispettivamente in pilastri esterni o interni ( Fig.7.4.1c e
7.4.1d).

Nel caso di travi perimetrali si considera unicamente la soletta collaborante dal lato interno.

216
Taglio
La domanda a taglio, per ciascuna direzione e ciascun verso di applicazione delle azioni sismiche,
si ottiene dalla condizione di equilibrio della trave, considerata incernierata agli estremi, soggetta
ai carichi gravitazionali e all azione della capacità flessionale di progetto nelle due sezioni di
plasticizzazione (generalmente quelle di estremità) determinati come indicato in § 4.1.2.3.4 e
amplificati del fattore di sovraresistenza di cui alla Tab. 7.2.I.

La domanda a taglio, nei casi in cui le zone dissipative non si localizzino nella trave ma negli
elementi che la sostengono, è calcolata sulla base della capacità flessionale di progetto di tali
elementi.
Per le strutture in CD”B”, la capacit a taglio è valutata come indicato nel § 4.1.2.3.5.

Per le strutture in CD”A”, vale quanto segue:


 la capacità a taglio si valuta come indicato in § 4.1.2.3., assumendo nelle zone dissipative
;
 se nelle zone dissipative il rapporto tra le domande a taglio, minima e massima, risulta
inferiore a , e se il maggiore tra i valori assoluti delle due domande supera il valore:

rilevante inversione del segno

dove è la larghezza dell anima della trave e d è l altezza utile della sua sezione, allora
nel piano verticale di inflessione della trave devono essere disposti due ordini di armature
diagonali, l uno inclinato di +45° e l altro di -45° rispetto all asse della trave. In tal caso,
la capacità a taglio deve essere affidata per metà alle staffe e per metà ai due ordini di
armature inclinate, per le quali deve risultare:

dove è l area di ciascuno dei due ordini di armature inclinate.

217
In altri termini per quanto riguarda l’amplificazione del taglio nelle travi:
abbiamo applicato un carico distribuito e alle estremità i momenti resistenti in un verso e nell’altro.

Per la CD”B” la norma ci dice di valutare le sollecitazioni mediante le combinazioni. Poi la


sollecitazione va confrontata con la resistenza a taglio valutata con il meccanismo a traliccio
variabile calcolando ; mentre, per la CD”A” la sollecitazione si determina sempre allo stesso
modo amplificando i momenti resistenti mediante il e poi la capacità si valuta sempre con il
meccanismo a traliccio variabile ma si pone . Nell’ultimo caso (CD”A”), però, bisogna
verificare se compare una rilevante inversione del segno del taglio (cioè sovrapponendo gli schemi
1, 2 e 3 potrebbe capitare che il taglio inverta di segno) perché, qualora ci fosse una significativa
inversione del segno del taglio, bisogna predisporre delle armature inclinate.

Per effetto di (schema 1) il taglio ha sempre lo stesso segno e il


taglio agli estremi coincide con le reazioni vincolari (diagramma a
farfalla).
I momenti resistenti delle travi li prendiamo con i versi concordi
una volta antiorario positive (schema 2) e una volta orario negative
(schema 3).
Il primo caso (schema 1 + schema 2) è con e i due momenti agli
estremi positivi antiorari e il taglio all’estremo destro è dato dalla
somma delle due reazioni, mentre, il secondo caso (schema 1 +
schema 3) è quello con e i due momenti agli estremi negativi
orari e il taglio all’estremo destro è dato dalla somma delle
reazioni vincolari mentre a sinistra è dato dalla differenza delle
reazioni.
Se l’aliquota di taglio dovuta all’applicazione dei momenti
resistenti alle estremità è maggiore di quella dovuta a , allora si
ha l’inversione del segno del taglio.

Il segno del taglio è importante in zona sismica perché dà un’informazione sull’inclinazione delle
fessure cioè mi dice in che verso sono inclinate le fessure. Ad esempio, se volessi tracciare le
fessure, esse vanno tracciate dalla parte compressa:

218
Le fessure saranno inclinate perché è presente sia il taglio che la flessione (a differenza della
mezzeria dove e presente solo la flessione) ma l’inclinazione non è di 45° proprio perché non c’è
solo taglio. Il verso dell’inclinazione dipende dal segno del taglio (come è mostrato negli “zoom”
sulle fessure). Il meccanismo resistente a taglio è di bielle compresse e se si inverte il segno del
taglio le bielle si inclinano nell’altro verso dove, però, l’elemento era già stato danneggiato. Quindi
si vanno a porre delle armature trasversali in modo da “cucire la biella”.

4.4.2.1 Esercizio: progettazione di un telaio in c.a. con le prescrizioni di normative


L1=6.5 m
L2=4.5 m
H1=4 m
H2=3 m
G1=21 kN/m peso proprio
G2=15 kN/m peso permanente
Q1=12kN/m accidentale
Dalla normativa sismica si ricavano:

I carichi G1 e G2 rappresentano gli scarichi dei due solai a desta e a sinistra del telaio.
Il solaio Ha una luce di 6m ed una altezza di 25 cm.
Si illustra la procedura da seguire:

 Predimensionamento del telaio


Utilizziamo una COMBINAZIONE SLU CARICHI VERTICALI
COMBINAZIONE SISMICA
è l’azione sismica e viene valutata con la seguente combinazione:

Per poter valutare l’azione sismica occorre procedere con la:

 Definizione dello spettro e del fattore di struttura


L’edificio si trova a Benevento; il terreno è di categoria C pianeggiante;
VN=50 anni; classe 2 Cu=1;
Il fattore di struttura:

perché l’edificio è regolare in altezza e per edificio a più piani e più


campate.

219
Lo spettro avrà la forma riportata in figura:

Entrando nello spettro in corrispondenza di T1 si ricava ag=0,205 g.


 Calcolo delle forze applicate nel baricentro delle masse

dove:
è la quota dell’impalcato
wi è il peso dell’ i-esimo impalcato

Sd(T1) è l’ordinata dello spettro ridotta del fattore q,


λ è un coefficiente pari a 1
W è il peso sismico ovvero la combinazione G1 +G2+ψ21Q1

Si ricavano:

 Predimensionamento delle travi


Calcolate le forze si padda al dimensionamento delle travi. Le travi vengono
dimensionate per carichi verticali e sismici considerando la schematizzazione di
telaio alla Grinter.

Il momento che agisce sulle travi dell’impalcato superiore all’incastro è:

220
Mentre sulle travi dell’impalcato inferiore si ha:

Dall’equilibrio alla traslazione e alla rotazione si ricava:


T1=300x600 mm
T2=300x500 mm
T3=300x500 mm
T4=300x400 mm

 Predimensionamento pilastri P5 e P2

Si utilizza la combinazione SLU:


Si considera l’area di influenza del pilastro. G1 e G2 vanno moltiplicati per 6 per
ottenere lo sforzo normale nei pilastri.
P1= P2=P3=300x600 mm
P4= P5=P6=300x400 mm

 Modellazione della struttura nel SAP


Una volta predimensionata la struttura la si introduce nel SAP con i carichi
effettivamente agenti per calcolare le sollecitazioni.
 Dimensionamento della trave T3
La trave T3 è sollecitata in campata da un momento MSd=18639 kNm.
Dall’equazione di equilibrio alla traslazione e alla rotazione
calcoliamo As,inf:

Secondo le NTC2008 occorre mettere nelle zone non tese almeno il


25% dell’armatura in trazione:

Vado a calcolare il momento resistente di questa sezione:

Passiamo alla valutazione dell’armatura della trave T3 in corrispondenza


dell’appoggio A.

221
Nelle zone critiche la norma prevede che quindi .

Occorre verificare che siano rispettati i limiti di armatura previsti dalla norma:

M-Rd M+R
d
157,5 79,18
T3 259,1 135,4

Andiamo a dimensionare l’armatura della trave T3 in corrispondenza dell’appoggio B:

 Dimensionamento del pilastro P5 :

Mcsd=112,59 kNm
MRsd=125,3kNm
Nsd=259,88 kN max sismico
Mcsd=76,65 kNm
Ncsd=437,27 kN max sismico MRsd=133,3kNm

Questi ferri si dispongono sia perché danno


contributo al momento sia perché la norma
impone che la distanza non deve essere >35cm.

222
Dimensioniamo il piede del pilastro P5 attraverso la gerarchia delle resistenze:
calcoliamo il moltiplicatore di amplificazione del momento sollecitante sul pilastro come:

Noto α calcoliamo αMcsd (dove Mcsd deriva dalla combinazione simica) ed è questo ilo
momento per cui bisogna progettare il pilastro.

In realtà bisogna considerare anche l’altra combinazione sismica:

Ovviamente si considera il moltiplicatore in valore più grande.

Lo sforzo normale da considerare è quello della combinazione sismica:

MRd=145 kNm
In testa al pilastro non si applica la gerarchia delle resistenze in quanto anche se
si forma la cerniera non si attiva il meccanismo.

223
 Dimensioniamo il pilastro P2 in testa:

MCRd=310 kNm
 Dimensioniamo il pilastro P2 al piede:
Bisogna scegliere il max tra Mcsd al piede(163 kNm) e McRd in testa (310kNm).
NE,Sd=532,25 kN
Con questi valori la sezione risulta verificata.
 Fondazione
Secondo la norma la fondazione deve rimanere in campo elastico:

Si deve risolvere il problema della linea elastica con i valori sopra riportati.
Inoltre, bisogna verificare che siano minori di quelli ottenuti dall’analisi sismica
ottenuta con q=1. Cioè bisogna verificare che le sollecitazioni dovute allo spettro
elastico siano maggiori di quest’ultime. Poi, devono essere anche minori del
momento e del taglio sollecitanti amplificati per 1,1.

 Verifica a taglio delle travi


Per evitare la rottura a taglio sulle travi si fa riferimento al seguente schema:

in classe di duttilità bassa e in classe di duttilità alta mentre gli MRd


sono i momenti resistenti delle travi. Più di questo come carico non ci può stare sulle travi.

Dalla prima combinazione si ricavano un valore pari a 178,3 mentre dalla seconda si ricava
185,9.
Per cui andiamo ad armare la sezione per il valore maggiore ovvero 185,9.

224
Cominciamo a calcolare il taglio resistente in compressione per ϑ=45° e vediamo se la
sezione incalcestruzzo ce la fa a portare questa sollecitazione.

Questo è il taglio max che il calcestruzzo può sopportare.


 d è l’altezza utile della sezione;
 bw è la larghezza utile della trave;
 αc è un fattore che tiene conto dello sforzo normale applicato sull’elemento;

 α è l’angolo di inclinazione dell’armatura resistente a taglio;
 ϑ è l’angolo di inclinazione della biella.

Il valore ottenuto dal calcolo è decisamente maggiore per cui la sezione in cls a taglio ce la
fa. Se viene fuori un valore minore di quello sollecitante io devo riprogettare la sezione
perché non ce la fa. Se il valore del taglio sollecitante rientra nell’intervallo tra il valore
calcolato con ϑ=45 e ϑ=21,82 bisogna eguagliare il taglio resistente del calcestruzzo con il
taglio resistente dell’acciaio per ottimizzare il ϑ. Se, invece, viene minore devi dimensionare
solo l’armatura a taglio e la eguagli al taglio sollecitante.

Vado ora a calcolare il taglio in corrispondenza di ϑ=21,82 con la formula precedente:

anche in questo caso viene maggiore.

Quindi, quello che governa la resistenza a taglio è l’armatura perché anche nella peggiore
ipotesi di biella inclinata a 22° il calcestruzzo ce la fa abbondantemente a sopportare il taglio
sollecitante; di conseguenza dobbiamo dimensionare solo l’armatura.

Fissata l’area della staffa , scriviamo la formula della resistenza:

Per progettare o fissiamo l’area della staffa o fissiamo il passo; in questo caso abbiamo
fissato l’area della staffa e quindi ricaviamo il passo:
s=217 mm
Questa trave è stata progettata in classe di duttilità bassa e la norma prevede che nelle zone
critiche si abbia un infittimento delle staffe. La lunghezza della zona critica è pari a:
L=1,5h CD ”A”;
L=h CD “B”

225
I limiti da rispettare sono:

Per una distanza dall’appoggio, pari nel nostro caso a 50mm, metteremo staffe alla distanza
di 112mm; mentre fuori dalla zona critica ci sarà un passo pari a quello di calcolo. In realtà è
anche sovradimensionato man mano che ci spostiamo verso il centro perché il taglio non è
costante ma ha un diagramma a farfalla.

 Verifica a taglio dei pilastri


Lo schema statico è lo stesso di quello visto per le travi ma ovviamente non c’è il carico
distribuito perché l’elemento è verticale.

 Calcolo del comportamento della cerniera plastica agli estremi dei vari elementi
Progettato il telaio bisogna calcolare il comportamento della cerniera plastica agli estremi
dell’elemento per poi fare l’analisi di Pushover.

Il SAP ci consente di mettere la cerniera plastica o in termini di M-Χ o intermini di M-ϑ;


nel caso del M-Χ bisogna inserire anche la lunghezza della cerniera plastica Lpl. Il legame
momento curvatura abbiamo visto precedentemente come si calcolava per punti. Mi serve in
questo caso la lunghezza di cerniera plastica che la norma consiglia di calcolare con
questa formula.

dove è il diametro delle barre longitudinali, mentre, è la lunghezza della luce di


taglio (circolare C8.A.6).

226
Se, invece, si sceglie di usare il diagramma M-ϑ:

per travi e pilastri (8.7.2.1a)

Per la rotazione ultima “ϑu“ ci sono due formule:


- la formula diretta: 

ω e ω’ sono le percentuali meccaniche di armatura, fc è la resistenza a compressione del cls, Lv


è la lunghezza della luce di taglio, α tiene conto dell’effetto del confinamento ed è pari a:

sh è il passo tra le staffe, b0 e h0 sono le dimensioni del calcestruzzo confinato, bi è la


distanza tra le barre longitudinali racchiuse da staffe o tiranti.
- la formula indiretta:

227
4.4.3. Gerarchia Trave-Colonna
L’obiettivo è quello di avere telai ad alta duttilità nel senso che per la gerarchia delle resistenze, la
plasticizzazione deve avvenire prima nella trave e poi nella colonna in modo che la crisi per
flessione si abbia prima di quella per taglio.
Nelle travi, allora, andremo a considerare mentre nei pilastri consideriamo il momento che
viene fuori dalle analisi.

#7.4.4.2 PILASTRI

#7.4.4.2.1 Verifiche di resistenza (RES)

In ogni sezione la capacità deve essere superiore o uguale alla corrispondente domanda.

Presso-flessione

Per le strutture in CD “A” e in CD “B” la domanda a compressione non deve eccedere,


rispettivamente, il 55% e il 65% della capacità massima a compressione della sezione di solo
calcestruzzo, per tutte le combinazioni considerate.

Ai fini della progettazione in capacità, per ciascuna direzione e ciascun verso di applicazione delle
azioni sismiche, per ogni nodo trave-pilastro (ad eccezione dei nodi in corrispondenza della
sommit dei pilastri dell ultimo orizzontamento), la capacit a flessione complessiva dei pilastri
deve essere maggiore della capacità a flessione complessiva delle travi amplificata del coefficiente
, in accordo con la formula:

dove:

per il valore di si veda la Tab. 7.2.I;

è la capacità a flessione del


pilastro convergente nel nodo,
calcolata per i livelli di sollecitazione
assiale presenti nelle combinazioni
sismiche delle azioni;

è la capacità a flessione della


trave convergente nel nodo.

228
Alla base dei pilastri il momento sollecitante è quello di massimo tra il momento al piede che viene
fuori dall’analisi ed il momento ricavato tramite un fattore in testa al pilastro stesso.

In particolare dalla circolare si ha:

#C7.2 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE E MODELLAZIONE


In particolare uno dei modi per soddisfare tale formula consiste nell amplificare i momenti flettenti
di calcolo dei pilastri derivanti dall analisi per un fattore di amplificazione ,dato
dall espressione:

dove:

per le strutture in CD”A” e per le strutture in CD”B”;

è il momento resistente di progetto della generica trave convergente nel nodo.

è il momento sollecitante del generico pilastro convergente nel nodo, calcolato per i livelli di
sollecitazione assiale presenti nelle combinazioni sismiche delle azioni.

Nel caso in cui si sia adottato il modello elastico incrudente di fig. 4.1.2.a, i momenti e
si determinano come specificato nel § 4.1.2.1.2., assumendo la deformazione massima
dell acciaio . Nella [7.4.4] si assume il nodo in equilibrio ed i momenti, sia nei pilastri sia
nelle travi, tra loro concordi. Nel caso in cui i momenti nel pilastro al di sopra e al di sotto del
nodo siano tra loro discordi, al primo membro della formula [7.4.4] va posto il solo momento
maggiore in valore assoluto, mentre il minore va sommato ai momenti resistenti delle travi (v. fig.
7.4.2). Per la sezione di base dei pilastri del piano terreno si adotta come momento di calcolo il
maggiore tra il momento risultante dall analisi e il momento della sezione di sommità del
pilastro.

Il suddetto criterio di gerarchia delle resistenze non si applica alle sezioni di sommità dei pilastri
dell ultimo piano.

229
Esempio:

Progetto travi ad armatura simmetrica – sia positivo che negativo:

Progettando le travi ad armatura non simmetrica si può ottenere un coefficiente più basso perché i
momenti resistenti delle travi che si sommano sono quello negativo e quello positivo e quindi
possono essere molto diversi. In questo caso non c’è momento positivo sulle travi in appoggio e
quindi l’armatura inferiore sarebbe quella minima pari alla metà di quella superiore , da cui:

Il momento resistente alla testa del pilastro è molto più grande di quello al piede (circa volte),
pertanto all’attacco in fondazione si considera quello amplificato.

Amplificazione del Taglio nei pilastri:


#7.4.4.2 PILASTRI

#7.4.4.2.1 Verifiche di resistenza (RES)

Taglio
Ai fini della progettazione in capacità, per ciascuna direzione di applicazione del sisma la
domanda a taglio si ottiene imponendo l equilibrio con i momenti delle sezioni di estremit
(superiore e inferiore) del pilastro , determinate come appresso indicato ed amplificate
del fattore di sovraresistenza secondo l espressione:

[7.4.5]
dove:
 per il valore di si veda la Tab. 7.2.I;
 è il momento nella sezione di estremità (superiore o
inferiore) in corrispondenza della formazione delle cerniere nelle travi, dove i valori in
sommatoria sono quelli impiegati nella [7.4.4];
 è la capacità a flessione nella sezione di estremità (superiore o inferiore);
 è la lunghezza del pilastro.
Una volta progettate le armature sia a flessione che a taglio andrebbero fatte le verifiche di duttilità.
Ma le verifiche di duttilità risulteranno soddisfatte se abbiamo rispettato tutti i particolari relativi ai
dettagli costruttivi.

230
4.4.4. Dettagli costruttivi per le strutture a comportamento dissipativo
#7.4.6 Dettagli costruttivi per le strutture a comportamento dissipativo

Le indicazioni fornite nel seguito in merito ai dettagli costruttivi si applicano alle strutture in c.a. a
comportamento dissipativo, sia gettate in opera sia prefabbricate. I dettagli costruttivi sono
articolati in termini di:

- limitazioni geometriche,

- limitazioni di armatura.

#7.4.6.1 LIMITAZIONI GEOMETRICHE

#7.4.6.1.1 Travi

La larghezza b della trave deve essere e, per le travi “a spessore di solaio”, deve essere
non maggiore della larghezza del pilastro, aumentata da ogni lato di met dell altezza della sezione
trasversale della trave stessa, risultando comunque non maggiore di due volte , essendo la
larghezza del pilastro misurata ortogonalmente all asse della trave.

Il rapporto b/h tra larghezza e altezza della trave deve essere .

Non deve esserci eccentricit tra l asse delle travi che sostengono pilastri in falso e l asse dei
pilastri che le sostengono. Le travi devono avere almeno due supporti, costituiti da pilastri o pareti.

Le zone dissipative si estendono, per CD”A” e CD”B”, per una lunghezza pari rispettivamente a
1,5 e 1,0 volte l altezza della sezione della trave, misurata a partire dalla faccia del nodo trave-
pilastro o da entrambi i lati a partire dalla sezione di prima plasticizzazione. Per travi che
sostengono un pilastro in falso, si assume una lunghezza pari a 2 volte l altezza della sezione
misurata da entrambe le facce del pilastro. Le pareti non possono appoggiarsi in falso su travi o
solette.

#7.4.6.1.2 Pilastri

La dimensione minima della sezione trasversale non deve essere inferiore a 25 cm.

Se , quale definito nel § 7.3.1, risulta > 0,1, la dimensione della sezione trasversale nella
direzione parallela al piano d inflessione non deve essere inferiore ad un ventesimo della maggiore
tra le distanze tra il punto in cui si annulla il momento flettente e le estremità del pilastro.
Quest ultima limitazione geometrica non si applica quando gli effetti del secondo ordine siano
presi in conto incrementando gli effetti dell'azione sismica di un fattore pari a 1/(1- ) quando è
compreso tra 0,1 e 0,2 o computati attraverso un analisi non lineare quando è compreso tra 0,2 e
0,3.

In assenza di analisi più accurate, si può assumere che la lunghezza della zona dissipativa sia la
maggiore tra: l altezza della sezione, 1/6 dell altezza libera del pilastro, 45 cm, l altezza libera del
pilastro se questa è inferiore a 3 volte l altezza della sezione.

231
#7.4.6.1.3 Nodi trave-pilastro

Sono da evitare, per quanto possibile, eccentricit tra l asse della trave e l asse del pilastro
concorrenti in un nodo. Qualora tale eccentricità superi 1/4 della larghezza del pilastro, la
trasmissione degli sforzi deve essere assicurata da armature adeguatamente dimensionate allo
scopo.

Le limitazioni geometriche posso essere schematizzate nel seguente modo:

1)

Questa limitazione è legata ad un aspetto tecnologico del c.a. che


è poco affidabile per elementi piccoli nel senso che se la
larghezza della trave o del pilastro fosse inferiore a tale
limitazione e considerando lo spazio occupato dalle armature
longitudinali e quelle trasversali, il quantitativo di cls intermedio
alla armature risulterebbe davvero esiguo cioè a stento riesco a
gettare il cls. Nella figura è riportata una trave con larghezza
ed in particolare di Sottraendo la larghezza del
copriferro, della staffa e delle barre, il quantitativo di cls
collaborante è di soli .

2) Per quanto concerne la lunghezza delle zone dissipative si ha:

232
#7.4.6.2 LIMITAZIONI DI ARMATURA
Le giunzioni di barre mediante saldatura o dispositivi meccanici sono vietate in corrispondenza
delle zone dissipative degli elementi strutturali. Nelle colonne e nelle pareti, la giunzione di barre
mediante dispositivi meccanici di collegamento è concessa se dispositivi ed elementi, qualificati
secondo quanto indicato al § 11.3.2.9, sono oggetto di prove appropriate in condizioni compatibili
con la classe di duttilità scelta.
#7.4.6.2.1 Travi
Armature longitudinali
Almeno due barre di diametro non inferiore a 14 mm devono essere presenti superiormente e
inferiormente, per tutta la lunghezza della trave.
In ogni sezione della trave, salvo giustificazioni che dimostrino che le modalità di collasso della
sezione sono coerenti con la classe di duttilità adottata, il rapporto geometrico relativo
all armatura tesa, indipendentemente dal fatto che l armatura tesa sia quella al lembo superiore
della sezione o quella al lembo inferiore della sezione ,deve essere compreso entro i seguenti
limiti:
[7.4.26]
dove:
è il rapporto geometrico relativo all armatura tesa, pari ad oppure ad );
è il rapporto geometrico relativo all armatura compressa;
è la tensione caratteristica di snervamento dell acciaio (in MPa).
Inoltre deve essere ovunque e nelle zone dissipative

L armatura superiore, disposta per il momento negativo alle estremità delle travi, deve essere
contenuta, per almeno il 75%, entro la larghezza dell anima e comunque, per le sezioni a T o ad L,
entro una fascia di soletta pari, rispettivamente, alla larghezza del pilastro, od alla larghezza del
pilastro aumentata di 2 volte lo spessore della soletta da ciascun lato del pilastro, a seconda che
nel nodo manchi o sia presente una trave ortogonale. Almeno ¼ della suddetta armatura deve
essere mantenuta per tutta la lunghezza della trave.

233
Spieghiamo le limitazioni di armatura:

1)

Il limite superiore è legato al concetto di duttilità, mentre, il limite inferiore

viene imposto per evitare che si possano avere rotture di tipo fragile dovute alla
fessurazione.
Limite inferiore:
Dato che in zona sismica è possibile usare solo l’acciaio B450C quindi possiamo calcolare
direttamente questo limite e sarà pari a :

Finché il momento sollecitante è inferiore a quello di fessurazione sappiamo che la sezione


reagente è costituita da tutta la sezione cioè sia cls compresso che teso.
Passando al diagramma delle tensione si può ricavare dalla formula di Navier proprio
perché e quindi siamo in campo elastico lineare:

Prima della fessurazione l’inerzia è corrispondente alla sezione integra quindi è un valore
grande allora è molto piccola.

234
Quando :

la sezione reagente sarà la sezione parzializzata ed in particolare sarà costituita dal solo cls
compresso e dalle armature. Ancora una volta posso ricavare la tensione in corrispondenza
dell’armatura con la formula di Navier:

Un secondo prima che la sezione si fessurasse ho è molto grande ma quando si fessura si


ha e allora essendo l’inerzia al denominatore la tensione aumenta.
Prima della fessurazione anche il cls teso collaborava alla resistenza della sezione ma
quando questa si fessura la parte di sezione che veniva portata dal cls teso adesso se la deve
portare l’armatura mentre prima questa lavorava pochissimo (2-3MPa). Nel momento in cui
si fessura istantaneamente l’armatura si trova a dover portare una tensione molto maggiore e
come fa ad aumentare improvvisamente la tensione? Affinché l’acciaio si possa caricare si
deve deformare perchè la tensione è legata alla deformazione e quindi in questo istante si ha
la fessurazione, l’acciaio si deve deformare molto per potersi caricare e quindi nel
diagramma momento curvatura reale (dalle sperimentazioni) ci sarà una discontinuità. Se la
deformazione aumenta di molto anche la curvatura lo farà e allora si ritrova una
discontinuità. Se non c’è armatura tesa, nel momento in cui raggiungo il momento di
fessurazione, non c’è più nessuno che può portare il momento perché non c’è più cls teso e
allora man mano che la fessura si apre si avrà un ramo decrescente. Quando è presente
l’armatura prima di raggiungere il momento di fessurazione l’armatura porta poco, superato
il momento di fessurazione l’armatura si carica e si deforma dapprima poco e segue il ramo
decrescente, quando poi l’acciaio si riesce a deformare e va in tensione riesce a portare il
momento.
Ma esiste un quantitativo minimo di armatura tale per cui questo effetto di discesa e poi
risalita è trascurabile che è proprio .

235
Limite inferiore armatura per carichi verticali viene stabilito in modo tale che all’atto della
fessurazione la tensione che si viene a creare non sia tale da snervare l’acciaio perché passo
da un valore molto piccolo ad un valore sigma s molto elevato e il limite inferiore serve
per evitare che l’acciaio snervi in campo elastico cioè troppo presto.

Il limite inferiore si può ricavare imponendo la seguente diseguaglianza:

Sappiamo che per ipotesi di copriferro quindi:

Cioè proprio il limite di normativa.

236
Il limite superiore è invece legato al concetto di duttilità:

In zona sismica dobbiamo garantire una certa duttilità e quando abbiamo parlato di duttilità
all’interno della sezione abbiamo detto che uno dei parametri che governa la duttilità è la
posizione dell’asse neutro.

La duttilità è legata alla deformazione dell’acciaio perché da essa posso passare alla
curvatura e quindi alla duttilità. Se voglio garantire un’elevata duttilità devo fare in modo
che la deformazione dell’acciaio sia elevata. Se la deformazione del cls è fissa ed è pari a
allora devo agire sull’asse neutro ed in particolare questo si deve ridurre cioè per
garantire una certa duttilità a livello di sezione devo cercare di avere assi neutri alti cioè di
valore minore. Allora possiamo dimostrare che nell’equazione del limite superiore,
implicitamente, c’è una limitazione sulla posizione dell’asse neutro.

Scriviamo l’equilibrio alla traslazione in ipotesi in cui entrambe le armature siano snervate
(ipotesi da verificare successivamente):

Quindi voglio ricavare la percentuale geometrica di armatura tesa ricavata come:

Divido tutto per :

Deve essere garantito che:

237
Dalla norma si ha , quindi:

Sostituendo si ha:

NB: In dove e

Per un cls C20/25 si ha e sapendo che :

Al posto del rapporto siamo abituati al rapporto quindi, ricordando che si ha:

Ci ricordiamo che il valore dell’asse neutro che porto ad una rottura bilanciata è
. Si ha rottura bilanciata quando contemporaneamente si verifica la
rottura del cls compresso per schiacciamento e dell’armatura tesa per snervamento. E allora
nel diagramma delle deformazioni abbiamo contemporaneamente e .
Nel DM96 a differenza delle nuove normative si dava un limite ultimo alla deformazione
dell’acciaio pari all’1%, invece attualmente a partire dall’NTC2008 la norma non si da un
valore ultimo alla deformazione. Si ha crisi bilanciata quando si ha crisi
contemporaneamente dei due materiale in che vuol dire che sul diagramma delle
deformazioni ho e .
Se facciamo la similitudine tra triangoli con questi valori esce proprio il valore di .

238
La rottura bilanciata sarebbe la rottura auspicabile per la sezione, in quanto, sto sfruttando
al massimo i due materiali e in più l’acciaio sta molto in campo plastico e quindi ha una
deformazione molto elevata (sfrutto molto la duttilità). Nel caso di rottura bilanciata voglio
che non è proprio 0,25 ma 0,31 (ma è la stessa cosa) ovvero sto limitando l’asse neutro e
cioè sto dicendo che per , più l’asse neutro è piccolo (cioè sta in alto), visto che
è fissa, maggiore sarà la deformazione nell’acciaio e maggiore sarà la duttilità della
sezione. Ovviamente 0,31 è stato ottenuto considerando un cls C 20/25 ma la formula
generale è valida per qualunque cls, e ad esempio se avessi utilizzato un C25/30 il valore
che avrei ottenuto sarebbe stato più basso che si avvicina a 0,2593.
Quando a tecnica 1 dovevate progettare sia l’altezza della sezione che le armature, non vi
bastavano le 2 equazioni ma bisognava imporre un certo valore perché l’acciaio ha
un valore di deformazione molto maggiore dell’1%. Prima con le vecchie normative si
progettava per rottura bilanciata imponendo ma implicitamente lo abbiamo fatto
anche noi a tecnica 1 infatti progettavamo limitando il rapporto in modo da avere una
sezione più duttile e da qui ricavavamo l’altezza della sezione.

2) La normativa nelle zone dissipative impone che l’armatura in compressione deve essere pari
almeno alla metà dell’armatura in trazione e questo lo abbiamo visto in termini di duttilità
cioè abbiamo visto come aumentando l’armatura in compressione aumenta anche la duttilità
della sezione. Nelle zone dissipative l’armatura tesa è quella superiore perché in appoggio il
momento tende le fibre superiore e quindi a compressione devo mettere un armatura pari
almeno al 50% di quella a trazione.
NB: nei riguardi del limite di ? Almeno superiori e inferiori. Perché la norma
dice almeno due barre? Perché se non avessi almeno due barre negli spigoli non puoi
mettere la staffa perché intorno a cosa la metti. Potrebbe capitare che hai un determinato
andamento del diagramma del momento in cui sono tese solo le fibre superiori e sotto non
c’è proprio momento e quindi in teoria potremmo anche non progettare le armature
inferiormente ma, (a parte il fatto di dover mettere almeno il 50% dell’armatura tesa anche
in compressione se siamo in zona critica) ma ammettiamo di non essere in zona critica
progettiamo solo l’armatura superiore; la norma però ci dice di mettere lo stesso almeno

239
anche sotto perché altrimenti come facciamo a chiudere le staffe se non ci sono barre
agli spigoli.
NB: Ma perché proprio ? Per evitare il problema dell’instabilità, infatti le barre di
armatura longitudinale essendo elementi snelli tendono a instabilizzarsi. Per limitare
l’instabilità la norma impone un certo passo delle staffe e il valore minimo di per
l’armatura longitudinale. Il diametro è in un certo senso il diametro che limita il
problema di instabilità a prescindere dalle staffe.

3) Inoltre, la norma dice che l’armatura superiore, quando c’è un momento negativo, deve
essere contenuta per almeno il 75% entro la larghezza dell’anima. Questa è una limitazione
importante soprattutto quando si hanno le travi a spessore. Prendiamo ad esempio un
pilastro di larghezza bP su cui c’è una trave. Siamo in appoggio e quindi le fibre tese sono
quelle superiori e per assorbire questo momento devo aver progettato delle armature (ad
esempio ).

In pratica circa il 75% delle armature si deve trovare proprio nell’intersezione trave pilastro.
Se siamo in presenza di travi emergenti la larghezza della trave è poco differente da quella
del pilastro e quindi il problema nasce prevalentemente per le travi a spessore. Questo
perché si vuole fare in modo da avere una migliore collaborazione tra trave e pilastro.
La zona di diffusione deve essere pari alla larghezza del pilastro (se nel nodo non ci arrivano
altre travi) oppure alla larghezza del pilastro aumentata di 2 volte lo spessore della soletta
(se nel nodo ci arrivano altre travi). Il pilastro cioè diffonde a circa 45° le tensioni e in tal
modo ho definito la zona di diffusione.

4) Dalla norma: Le armature longitudinali delle travi, sia superiori sia inferiori, devono
attraversare, di regola, i nodi senza ancorarsi o giuntarsi per sovrapposizione in essi.
Quando ciò non risulti possibile, sono da rispettare le seguenti prescrizioni:
- le barre vanno ancorate oltre la faccia opposta a quella di intersezione con il nodo,
oppure rivoltate verticalmente in corrispondenza di tale faccia, a contenimento del
nodo;
- la lunghezza di ancoraggio delle armature tese va calcolata in modo da sviluppare una
tensione nelle barre pari a 1,25 , e misurata a partire da una distanza pari a 6
diametri dalla faccia del pilastro verso l interno.
La parte dell armatura longitudinale della trave che si ancora oltre il nodo non può
terminare all interno di una zona dissipativa, ma deve ancorarsi oltre di essa.

240
La parte dell armatura longitudinale della trave che si ancora nel nodo, deve essere
collocata all interno delle staffe del pilastro.
Per prevenire lo sfilamento di queste armature il diametro delle barre non inclinate deve
essere volte l altezza della sezione del pilastro, essendo

dove:
è la forza assiale di progetto normalizzata;
vale 1 o 2/3, rispettivamente per CD”A” e per CD”B”;
vale 1,2 o 1, rispettivamente per CD”A” e per CD”B”.

Se per nodi esterni non è possibile soddisfare tale limitazione, si può prolungare la trave
oltre il pilastro, si possono usare piastre saldate alla fine delle barre, si possono piegare le
barre per una lunghezza minima pari a 10 volte il loro diametro disponendo un apposita
armatura trasversale dietro la piegatura.

In pratica: visto che le barre di armatura vengono prodotte in stabilimento con una
lunghezza standard di 12 m, potrebbe capitare che ho bisogno di lunghezze superiori e in tal
caso si rendono necessarie le sovrapposizioni. Eventuali sovrapposizioni non devono
capitare nella zona critica ovvero nella zona dissipativa oppure se proprio non fosse
possibile evitarlo, la sovrapposizione deve avvenire nel nodo e nelle staffe del pilastro

La sovrapposizione infatti crea effetti locali e per questo motivo devo evitare qualsiasi
effetto locale nella zona dissipativa la quale deve risultare duttile e comunque devo sempre
evitare incertezze quanto più possibile in questa zona particolare.

241
#7.4.6.1.2 Pilastri

Si è già detto che, per i pilastri la norma specifica che:

La dimensione minima della sezione trasversale non deve essere inferiore a 25 cm.

Se , quale definito nel § 7.3.1, risulta > 0,1, la dimensione della sezione trasversale nella
direzione parallela al piano d inflessione non deve essere inferiore ad un ventesimo della maggiore
tra le distanze tra il punto in cui si annulla il momento flettente e le estremità del pilastro.
Quest ultima limitazione geometrica non si applica quando gli effetti del secondo ordine siano
presi in conto incrementando gli effetti dell'azione sismica di un fattore pari a 1/(1- ) quando è
compreso tra 0,1 e 0,2 o computati attraverso un analisi non lineare quando è compreso tra 0,2 e
0,3.

In assenza di analisi più accurate, si può assumere che la lunghezza della zona dissipativa sia la
maggiore tra: l altezza della sezione, 1/6 dell altezza libera del pilastro, 45 cm, l altezza libera del
pilastro se questa è inferiore a 3 volte l altezza della sezione.

LIMITI GEOMETRICI

La prima limitazione è che la larghezza del pilastro deve essere almeno 25 cm per motivazioni
tecnologiche. Inoltre nel caso di pilastri ovvero in presenza di sforzo normale, bisogna valutare se
gli effetti del secondo ordine siano significativi. Cosa sono questi effetti del secondo ordine?

Se prendo una mensola soggetta sia a sforzo normale


che a forza orizzontale, questo elemento si deformerà e
chiamo d lo spostamento subito in testa. Se d è piccolo
allora è lecito confondere la configurazione deformata
con quella indeformata. Se invece d comincia ad essere
grande non posso più confondere le due
configurazione. In particolare se c’è sforzo normale ci
sarà un momento aggiuntivo dato dallo sforzo normale
per lo spostamento d. Qualora gli effetti del secondo
ordine siano significativi bisogna tener conto di un
ulteriore elemento di non linearità ovvero la non
linearità geometrica. Nel cemento armato gli effetti del
secondo ordine è difficile che siano significativi,
mentre è più probabile che lo siano per strutture in
acciaio.

242
Per valutare se sono significativi questi effetti secondari devo calcolare :

N: sforzo normale

dN: spostamento interpiano

V: Tagliante di piano

h: altezza

Si calcola ai vari piani e deve risultare sempre :

Se affinché gli effetti del secondo ordine siano trascurabili

Se bisogna tener conto della non linearità geometrica

Anche il SAP può tener conto di questo ultimo aspetto.

LIMITI SULLE ARMATURE

#7.4.6.2.2 Pilastri

Nel caso in cui le tamponature non si estendano per l intera altezza dei pilastri adiacenti,
l armatura risultante deve essere estesa per una distanza pari alla profondit del pilastro oltre la
zona priva di tamponamento. Nel caso in cui l altezza della zona priva di tamponamento fosse
inferiore a 1,5 volte la profondità del pilastro, devono essere utilizzate armature bi-diagonali.

Nel caso precedente, qualora il tamponamento sia presente su un solo lato di un pilastro,
l armatura trasversale da disporre alle estremit del pilastro ai sensi del § 7.4.5.3. deve essere
estesa all intera altezza del pilastro.

Armature longitudinali

Per tutta la lunghezza del pilastro, l interasse tra le barre non deve essere superiore a 25 cm.

Nella sezione corrente del pilastro, la percentuale geometrica di armatura longitudinale, con
rapporto tra l area dell armatura longitudinale e l area della sezione del pilastro, deve essere
compresa entro i seguenti limiti:

[7.4.28]

Se sotto l azione del sisma la forza assiale su un pilastro è di trazione, la lunghezza di ancoraggio
delle barre longitudinali deve essere incrementata del 50%.

Spieghiamo tali limitazioni:

243
Nel caso delle armature, nei pilastri, vi è un limite inferiore e uno superiore. Mentre nelle travi si fa
una differenza tra armatura tesa e compressa, nei pilastri si parla di armatura totale. Mentre nelle
travi il limite superiore era legato alla duttilità, per i pilastri non è così in quanto nei pilastri
essendoci sforzo normale, essi non sono molto duttili. Allora il limite superiore di armatura per i
pilastri è legato ad un problema relativo al rischio di intasamento dei ferri.

Nelle zone critiche il limite superiore aumenta un po’ e si arriva al 6%.

Il limite inferiore di armature è legato tra virgolette alla duttilità non tanto dell’elemento ma alla
duttilità globale. Definendo un quantitativo minimo di armatura sto dicendo che voglio una gabbia
minima di ferri nel pilastro. Pensiamo alla duttilità delle sezioni in c.a., abbiamo detto che un modo
per incrementare la duttilità è quello di confinare. Il confinamento ha una sua efficacia sia in
orizzontale che in verticale, ma in particolare uno dei parametri che influenza l’efficacia del
confinamento in orizzontale è la distanza tra le barre longitudinali. Quindi assegnando un
quantitativo minimo voglio che ci siano più ferri longitudinali e quindi vado a ridurre la distanza. Il
valore di questo limite inferiore è cambiato nel tempo tra le varie normative che si sono susseguite
ma il concetto alla base è sempre lo stesso ( in passato era 0,3%).

Armature trasversali

Per quanto riguarda le armature trasversali la norma definisce dei quantitativi minimi legati proprio
al concetto di duttilità. Infatti il passo delle staffe interviene molto nei confronti della duttilità della
sezione. Inoltre il passo tra le staffe è importante anche per limitare il problema di instabilità delle
barre longitudinali.

1) Travi
Nelle zone critiche devono essere previste staffe di contenimento. La prima staffa di
contenimento deve distare non più di 5 cm dalla sezione a filo pilastro; le successive devono
essere disposte ad un passo non superiore alla minore tra le grandezze seguenti:
 un quarto dell’altezza utile della sezione trasversale;
 175 mm e 225 mm, rispettivamente per CD”A” e CD “B”;
 6 volte e 8 volte il diametro minimo delle barre longitudinali considerate ai fini delle
verifiche, rispettivamente per CD”A” e CD “B”
 24 volte il diametro delle armature trasversali.
Per staffa di contenimento si intende una staffa rettangolare, circolare o a spirale, di
diametro minimo 6 mm, con ganci a 135° prolungati per almeno 10 diametri alle due
estremità. I ganci devono essere assicurati alle barre longitudinali.
244
2) Pilastri
Nelle zone critiche devono essere rispettate le condizioni seguenti: le barre disposte sugli
angoli della sezione devono essere contenute dalle staffe; almeno una barra ogni due, di
quelle disposte sui lati, deve essere trattenuta da staffe interne o da legature; le barre non
fissate devono trovarsi a meno di 15 cm e 20 cm da una barra fissata, rispettivamente per
CD”A” e CD”B”.
Il diametro delle staffe di contenimento e legature deve essere non inferiore a 6 mm ed il
loro passo deve essere non superiore alla più piccola delle quantità seguenti:
1/3 e 1/2 del lato minore della sezione trasversale, rispettivamente per CD”A” e CD”B”;
125 mm e 175 mm, rispettivamente per CD”A” e CD”B”;
6 e 8 volte il diametro delle barre longitudinali che collegano, rispettivamente per
CD”A” e CD”B”.

Il minimo di staffe nei pilastri è definito dalla seguente:

In cui è l’area complessiva dei bracci delle staffe, è la distanza tra i bracci più esterni
delle staffe ed è il passo delle staffe.
Si tratta della % volumetrica minima da controllare in ciascuna direzione.

 Fuori dalle zone critiche in classe A e sempre in classe B si fissa che sia maggiore di
0,08 (8%)
 Nelle zone critiche in classe A si fissa che sia maggiore di 0,12 (12%)
Utilizzando ferri con diametro 8mm si ha:

Fuori dalla zone critiche si può aumentare il passo o


togliere delle legature

245
Dettagli costruttivi per la duttilità
Per le zone dissipative allo spiccato dei pilastri primari e per le zone terminali di tutti i pilastri
secondari devono essere eseguite le verifiche di duttilità indicate al § 7.4.4.2.2. In alternativa, tali
verifiche possono ritenersi soddisfatte se, per ciascuna zona dissipativa, si rispettano le limitazioni
seguenti:
[7.4.29]

[7.4.30]
dove:
è il rapporto meccanico dell armatura trasversale di confinamento all interno della zona
dissipativa (il nucleo di calcestruzzo è individuato con riferimento alla linea media delle staffe) che
deve essere non minore di 0,12 in CD”A” .
è la domanda in duttilità di curvatura allo SLC;
è la forza assiale adimensionalizzata di progetto relativa alla combinazione sismica SLV ();
è la deformazione di snervamento dell acciaio;
è la profondità della sezione trasversale lorda;
è la profondità del nucleo confinato (con riferimento alla linea media delle staffe);
è la larghezza minima della sezione trasversale lorda;
è la larghezza del nucleo confinato corrispondente a (con riferimento alla linea media delle
staffe);

è il coefficiente di efficacia del confinamento, uguale a con:


c) per sezioni trasversali rettangolari
[7.4.31a]

[7.4.31b]

dove: è il numero totale di barre longitudinali contenute lateralmente da staffe o legature,


è la distanza tra barre consecutive contenute e è il passo delle staffe;
d) per sezioni trasversali circolari con diametro del nucleo confinato D0 (con riferimento alla
linea media delle staffe)
[7.4.31c]
[7.4.31d]
dove: è il numero totale di barre longitudinali contenute lateralmente da staffe o legature,
è la distanza tra barre consecutive contenute, = 2 per staffe circolari singole, = 1 per
staffa a spirale.

246
4.4.5 Gerarchia Nodo Trave-Pilastro
Diciamo che i nodi trave pilastro sono l’ultimo elemento che è rimasto relativo alla progettazione in
zona sismica delle strutture in c.a. Innanzitutto questo è un argomento piuttosto complesso che è
stato preso in considerazione a livello di ricerca solo negli ultimi anni perché fare la
sperimentazione su un nodo trave-pilastro è abbastanza complesso poiché sono richieste
attrezzature che devono essere in grado di sollecitare un sistema assemblato tra trave e pilastro.

Per nodo si intende la zona del pilastro in cui si sovrappongono le travi concorrenti.

La normativa stessa ci fa distinguere i nodi in:

- Nodi interamente confinati


- Nodi non interamente confinati

Partiamo dai nodi interamente confinati:

Affinché un nodo si possa definire interamente confinato devono essere rispettate le seguenti
condizioni:

- su ognuna della 4 facce del pilastro si deve innestare una trave;


- la larghezza della trave che si innesta nel pilastro deve essere maggiore o uguale a ¾
della larghezza del pilastro ::

- su ogni coppia di facce opposte del pilastro le travi che concorrono nel nodo si devono
ricoprire per almeno i ¾ , cioè l’altezza delle due travi: .

Quindi sono queste le tre condizioni che ci permettono di definire un nodo interamente confinato.

247
Quando non sono rispettate queste tre condizioni, invece, si parla di nodo non interamente
confinato:

Per esempio, per un nodo di estremità, in questo pilastro andranno solo due travi e quindi questo è
sicuramente un nodo non confinato. I nodi interni invece è molto probabile che siano nodi
interamente confinati perché in esso confluiscono 4 travi però poi dobbiamo verificare le altre due
condizioni.

Adesso vediamo quali sono le sollecitazioni che interessano il nodo in modo tale da vedere come si
effettua la verifica e come eventualmente si progettano le armature nei nodi.

Per vedere quali sono le sollecitazioni del nodo, facciamo ad esempio riferimento per una pilastrata
ad un nodo interno e vediamo tutto quello che arriva su questo nodo in termini di sollecitazioni.

Ho disegnato le armature perché quando progettiamo in zona sismica, uno dei criteri che
applichiamo è il criterio di gerarchia fra gli elementi. La gerarchia non la facciamo solo tra la trave
e il pilastro ma anche al nodo perché si vuole evitare che il nodo plasticizzi e quindi vogliamo che
le cerniere plastiche si formino nelle due estremità della trave. Quindi anche il nodo dovrà essere
sovradimensionato (in modo da rispettare la gerarchia) e le sollecitazioni che dobbiamo andare a
prendere sono quelle che vengono fuori quando alle due estremità delle travi si formano le cerniere
plastiche e quindi i momenti plastici.

Quindi, per determinare le azioni che vanno a finire sul nodo, mi metto nella condizione in cui alle
estremità delle travi si è raggiunto il momento plastico (li metto con lo stesso segno in modo da
determinare la condizione più gravosa).

NB: è un pò come quando andiamo a progettare i pilastri cioè ipotizziamo che alle estremità delle
travi si sia raggiunto il momento plastico e i segni li mettiamo concordi una volta di una direzione e
una volta nell’altra per ottenere la condizione peggiore.

248
Il momento plastico lo possiamo sempre scomporre in una coppia trazione e compressione.

Nella trave a destra del nodo avrò sopra trazione (T) e sotto compressione (C). Al bordo inferiore
cioè quello compresso, avremo due compressioni, perché abbiamo la compressione che nasce
nell’armatura compressa (C) e poi abbiamo lo sforzo di compressione che nasce nel cls (C’).

Nella trave a sinistra del nodo è soggetta a un momento che tende le fibre inferiori e quindi avrò in
basso trazione (T’) e in alto avrò due sforzi di compressione ovvero uno per l’armatura (C’’) e uno
per il cls (C’’’).

Siccome siamo allo S.L.U. nell’armatura tesa avrò la tensione di snervamento e quindi:

Inoltre, al pilastro superiore verrà trasferito un taglio (VC) della colonna superiore.

Siamo interessati alla sollecitazione che c’è nel nodo e nel nodo c’è un taglio che chiamiamo Vjbd.
L’armatura superiore da un lato viene tirata e dall’altra viene compressa ma comunque i contributi
si sommano.

249
Quindi il taglio che sollecita il nodo è dato da:

In cui, ricapitolando:

T: trazione nell’armatura superiore

C’’: compressione armatura superiore

C’’’: compressione nel cls

VC: taglio che viene dal pilastro superiore (tale termine è nullo solo all’ultimo piano dove non parte
nessun pilastro).

Questi sono i contributi che entrano nella sollecitazione di taglio sul nodo.

Facciamo un’ulteriore considerazione e cioè, per l’equilibrio:

Allora, il taglio sollecitante lo posso esprimere come:

Se andiamo ad esplicitare ulteriormente, andiamo ad ottenere proprio la formula che c’è nella
normativa:

Questa è proprio la formula per il calcolo della sollecitazione tagliante relativa ai nodi interni che
troviamo nella normativa, a meno del fattore ovvero un fattore di sovraresistenza, in modo da
rendere il nodo sovraresistente rispetto agli altri elementi e quindi progettare nel rispetto della

250
gerarchia delle resistenze. Cioè, il fatto che venga sottratto è un effetto benefico perché riduce il
taglio nel nodo quindi non si usa il .

Tale fattore di sovraresistenza è funzione della classe di duttilità alta e bassa:

Questa è una novità dell’N.T.C.2018 in quanto nella vecchia N.T.C.2008 la verifica dei nodi si
faceva solo per i nodi per le strutture progettate in classe di duttilità alta. Ora invece la verifica dei
nodi va fatta in entrambe le classe di duttilità.

NB: ma il moltiplica solamente l’armatura o anche ? Moltiplica solamente l’armatura perché


è un termine benefico e quindi già che lo sottraiamo già è tanto.

Vediamo adesso i nodi esterni (nodi di angolo)

Prendiamo un nodo esterno caratterizzato da pilastro in cui si innesta una sola trave. Chiamo As1 e
As2 le armature longitudinali rispettivamente superiore e inferiore.

Siccome progettiamo per gerarchia delle resistenze, dobbiamo ipotizzare che all’estremità della
trave si è raggiunto il momento plastico che genera trazione T nell’armatura superiore e
compressione nell’armatura compressa (C’) e compressione nel cls (C).

Nel pilastro superiore avrò sempre il taglio VC e quindi avrò che il taglio sollecitante nel nodo è:

Ovviamente non cambia niente se inverto il segno perché tanto C + C’ = T per equilibrio e quindi
seppure fossero tese le fibre inferiori i contributi che entrano in gioco sono sempre gli stessi.
251
Quindi quando ho a che fare con i nodi esterni, la formula che trovo in normativa è:

Una volta determinata la sollecitazione nel nodo, per effettuare la verifica, dobbiamo calcolare la
resistenza. Per calcolare la resistenza dobbiamo prima capire qual è il meccanismo resistente nel
nodo.

Vediamo il meccanismo resistente che si ha nel nodo.

Il nodo è un elemento tozzo soggetto a taglio e quindi le fessure che si generano sono inclinate e se
fosse taglio puro l’inclinazione sarebbe proprio a 45°. A seguito della fessurazione nel nodo si tende
ad avere una biella compressa di cls che avrà una sua resistenza. Ovviamente, la forza orizzontale
del taglio sollecitante nel nodo cioè Vjbd non può essere assorbita solo dalla biella compressa
(puntone) ma serve anche un altro elemento ovvero l’armatura e, in teoria, la cosa migliore sarebbe
quella di mettere un’armatura inclinata. Inoltre, siccome il sisma inverte il segno (nel senso che può
arrivare in una direzione ma anche in quella opposta), allora in linea di principio dovrei mettere
un’armatura a croce. Ci rendiamo subito conto però che mettere un armatura inclinata in questa
zona del nodo diventa praticamente molto difficile e per tale motivo, l’armatura, dunque, si dispone
attraverso staffe orizzontali che lavorano per componenti.

La cosa importante è capire che il funzionamento è quello che a seguito della fessurazione si genera
un meccanismo resistente tirante-puntone. Quindi, abbiamo una resistenza dovuto alla biella
compressa di cls e poi abbiamo un meccanismo di resistenza a trazione delle armature.

252
Questo ci permette di capire il perché la norma ci fa eseguire delle verifiche:

1) Innanzitutto verificare che nella biella compressa di cls non si superi la resistenza a compressione
perché non vogliamo che la biella di cls si schiacci.

è sforzo normale adimensionalizzato (proveniente dal pilastro)

è un parametro ricavato sperimentalmente e può essere espresso come:

con espresso in [MPa)

Questa verifica mi serve per verificare che nella biella di cls compresso non venga superata la
resistenza a compressione del cls ovvero serve ad escludere che la biella di cls si schiacci. Infatti,
non entra proprio in gioco l’armatura ma solo le caratteristiche del cls e geometriche.

Se la verifica non è soddisfatta vuol dire che il cls da solo non ce la fa e quindi ho necessità di
armare il nodo. Quindi in teoria se la verifica risultasse soddisfatta potrei anche evitare di mettere le
staffe ma in realtà si mettono lo stesso in ogni caso.

2)Vediamo qual è la formula per dimensionare le staffe ovvero come si calcola l’area delle
staffe orizzontali:

: area delle staffe orizzontali che si vanno a disporre

: percentuale meccanica di staffe

: taglio sollecitante

: resistenza a compressione per trazione del cls

: larghezza effettiva del nodo

: distanza tra le giaciture delle due armature

Tutto quello che non riesce ad assorbire il cls lo prendono le armature.

253
Prima devo verificare che la resistenza a compressione nelle bielle del cls non superi la resistenza a
compressione del cls e poi devo progettare le staffe.

3)La norma ci dà anche un’altra alternativa cioè, siccome uno dei due contributi è dovuto alla
resistenza delle bielle di cls e siccome il sisma può invertire di segno, se il sisma va in una direzione
e si forma la biella compressa e se poi il segno si inverte avrò a che fare con una biella di cls che si
è già danneggiata dal segno del sisma precedente e quindi una parte del cls tende a frantumarsi.
Allora possiamo escludere il contributo della biella di cls e affidare tutto alle sole armature. In tal
caso le formule che si devono utilizzare sono:

Vediamo che è presente proprio l’espressione del taglio sollecitante vista precedentemente ma senza
in quanto quest’ultimo era un contributo benefico che mi faceva ridurre il taglio sollecitante.
Ora, invece, siccome voglio fare portare tutto alle armature, non lo sottraggo il termine .

L’unico contributo benefico di cui tengo conto (anch’esso è un termine sottrattivo) è lo sforzo
normale a compressione . Esso è benefico in quanto nel cls la presenza di compressione è
benefico nei confronti del confinamento, infatti, se l’elemento è compresso aumenta la resistenza e
anche la duttilità.

254
4.4.6 Taglio e interazione Flessione-Taglio
Argomento, quello dell’interazione flessione-taglio molto utile nella progettazione sismica perché
quando un elemento trave è soggetto a flessione, normalmente alla flessione si accoppia anche il
taglio. È difficile trovare elementi soggetti solo a flessione, sono pochi i casi, ad esempio, quello di
una mensola su cui c’è solo il momento agente. Dato che solitamente i carichi agenti sulla struttura
sono o carichi uniformemente distribuiti o carichi concentrati inevitabilmente ogniqualvolta c’è
flessione questa sarà accompagnata dal taglio. Andremo a valutare come la presenza del taglio
influisca sulla flessione.

Dobbiamo riprendere alcuni concetti relativi al taglio, per parlare di questa sollecitazione conviene
far riferimento ad un elemento come quello nella figura (trave app.-app.), faccio riferimento a
questo schema che è lo stesso che si adotta nella sperimentazione, cioè, è proprio quello che si
adotta per fare le prove di flessione sulle travi. Nella sperimentazione si adotta proprio uno schema
di questo tipo poiché ci fornisce due zone: una zona in cui c’è solo momento flettente ed un'altra in
cui c’è l’interazione flessione-taglio.

Supponiamo, quindi, che sia avvenuta una sorta di prova flessione sulla trave mediante incremento
di carico. Abbiamo sempre detto che fin quando la trave non si fessura siamo in campo elastico
lineare e quindi in campo elastico lineare io posso tracciare il quadro tensionale, dove per quadro
tensionale mi riferisco all’andamento delle tensioni principali di trazione e di compressione che
vediamo anche nello schema riportato in precedenza: vediamo come la compressione parte
pressoché verticale in corrispondenza degli appoggi per poi tendere a curvare allontanandosi da
questi. Nella zona centrale, laddove il taglio è nullo, le isostatiche di compressione sono pressoché
orizzontali. Quelle di trazione hanno un andamento caratterizzato dall’essere ortogonali a quelle di
compressione.
255
Le isostatiche di trazione ci danno un’idea circa la formazione e l’apertura delle fessure perché
sappiamo che le fessure si formeranno ortogonalmente alle isostatiche di trazione e quindi mi
aspetto un determinato andamento delle fessure.

Le isostatiche di compressione sono utili poiché ci permettono già prima della fessurazione di
individuare delle particolari zone che definiamo bielle compresse fra due fessure.

Ovviamente il quadro tensionale riportato vale finché siamo in campo elastico lineare. Nel
momento in cui si iniziano a formare le prime fessure il quadro fessurativo e quello tensionale
cambiano.

Restando in campo lineare andiamo a ricordare come ricavare le tensioni tangenziali (formula di
Jourawski). Possiamo distinguere due casi e cioè quello dello sforzo che deve essere assorbito dalle
armature che vado a predisporre a taglio (questo se vado a creare un elemento armato a taglio) e
quello per il quale la sollecitazione c’è anche se l’elemento non ha armatura a taglio (elementi non
armati a taglio come il SOLAIO, no predisposizione staffe ma comunque resistente a taglio). In
particolare noi sappiamo che se prendiamo delle sezioni con almeno un asse di simmetria, ad
esempio, una sezione rettangolare o almeno una sezione a T abbiamo il seguente andamento delle
tensioni tangenziali definito, appunto, dalla formula di Jourawski:

dove:

: taglio applicato,

: momento statico dell’area al di sotto/al di sopra della corda considerata rispetto al baricentro
della sezione reagente (campita nei disegni),

: momento d’inerzia della sezione reagente rispetto al baricentro della sezione reagente,

: larghezza della corda in corrispondenza della quale andiamo a calcolare le tensioni tangenziali (è
sempre uguale nella sezione rettangolare, cambia in quella triangolare).

Tra le ipotesi della trattazione di Jourawski c’è che le tensioni tangenziali sono costanti lungo una
corda. ed sono due termini che fissata la sezione sono costanti, e variano lungo la sezione.

256
Per una sezione in c.a. considerando il fatto che cambiano i baricentri delle sezioni reagenti avremo
che il massimo valore delle tensioni tangenziali sarà sempre in corrispondenza del baricentro.

L’andamento è parabolico poiché è legato all’espressione del momento statico, questa presenta dei
termini al quadrato, ad esempio per sezione rettangolare si ha:

In campo non lineare per ricavare le tensioni tangenziali si può utilizzare un’altra formula, che è
comunque una formala approssimata e che vale sia in campo lineare che in campo non lineare-
Questa formula semplificata viene ricavata imponendo condizioni di equilibrio:

con : braccio della coppia interna.

257
Come già detto questa formula si ricava da condizioni di equilibrio:

Isoliamo un concio di trave dall’elemento iniziale:

Equilibrio forze alla traslazione orizzontale:

Associo la compressione al momento :

Da cui si può scrivere:

Si ha:

Ricordando che per definizione otterremo in definitiva:

Formula approssimata per il calcolo delle tau utilizzabile sia in campo lineare che in campo non
lineare poiché ottenuta esclusivamente da condizioni di equilibrio.

258
4.4.6.1 Elementi non armati a taglio
A cosa mi serve ? Se conosco conosco quali sono gli sforzi che devono essere assorbiti dalle
armature trasversali, oppure, se ho un elemento non armato a taglio la è lo sforzo che dovrà essere
assorbito da quelli che sono i meccanismi resistenti che si vengono ad instaurare.

Vediamo proprio questo aspetto, ovvero, prendiamo in considerazione una trave non armata a
taglio. Consideriamo una trave app.-app., con fessure, soggetta a forze concentrate, armata con ferro
longitudinale inferiore:

In questo caso abbiamo due meccanismi resistenti:

- Meccanismo a trave
- Meccanismo ad arco

Affinché si attivino questi meccanismi resistenti la trave dovrà fessurarsi. Le fessure saranno
ortogonali alle isostatiche di trazione come si vede nella figura: si avranno fessure verticali dove c’è
solo il momento flettente (zone centrali) e fessure inclinate dove c’è interazione momento-taglio
(zone adiacenti agli appoggi).

Dal disegno si evince la parte tesa dove ci sono le fessure ed un corrente compresso sopra, il
meccanismo ad arco è facilmente individuabile guardando le isostatiche di compressione (linee
tratteggiate), queste, è come se componessero una sorta di arco che trasferisce la compressione,
ovviamente a livello dell’armatura avrò la trazione.

Momento:

Taglio (derivata del momento):

259
: è il contributo del meccanismo a trave (variazione di trazione dell’armatura da cui verranno i
vari effetti: pettine, spinotto e ingranamento che sono proprio legati alla variazione della trazione
nell’armatura);

: è il contributo meccanismo ad arco (variazione di d* cioè il braccio della coppia interna,


dovuta al fatto che la compressione non è orizzontale ma segue la forma ad arco), l’arco che si
viene a creare è un arco a spinta eliminata perché l’equilibrio è sempre chiuso nel senso che c’è
sempre equilibrio tra compressione e trazione (è un po’ come per le strutture in muratura ad arco
dove per eliminare la spinta in orizzontale mettiamo la catena, nel nostro caso la catena è
rappresentata dall’armatura longitudinale).

I due contributi sono sempre presenti ed è difficile separare un contributo dall’altro, inevitabilmente
interagiscono tra di loro anche se c’è un parametro che ci permette di stabilire quale contributo
predomina rispetto all’atro.

Il contributo di meccanismo a trave è legato, come detto, alla variazione della trazione, esso è
connesso alla formazione di tre effetti:

1) Effetto Pettine
2) Effetto Ingranamento
3) Effetto Spinotto

4.4.6.1.1. Effetto Pettine


Consideriamo una biella compressa tra due fessure (è un dente del pettine) sottoposta a trazione T.
Lo schema statico a cui fa riferimento è una mensola incastrata nel corrente superiore di cui si
rappresenta l’andamento tensionale che nasce sull’incastro per l’azione delle sollecitazioni agenti:

Nel caso dell’effetto pettine avremo dunque tanti denti (mensole incastrate nel corrente superiore)
soggette alla variazione di trazione dell’armatura per effetto di questa variazione in
corrispondenza dell’incastro nasce il momento . Lo stato tensionale che si instaura al
bordo superiore comporta la possibilità che venga superata la resistenza a trazione del cls.

260
4.4.6.1.2 Effetto Ingranamento
Anche questo effetto è connesso all’apertura delle fessure. L’effetto
ingranamento è da ricondurre al fatto che il c.a. è costituito da una matrice e
dagli inerti: per effetto della presenza degli inerti le facce che delimitano la
fessura non sono lisce ma si presentano scabre, per effetto del taglio, lo
scorrimento tra queste non è agevole, infatti, c’è una sorta di opposizione
connessa proprio a questa scabrezza rispetto allo scorrimento.

Questo effetto dipende da vari parametri:

- altezza della sezione :incide sul grado di apertura di una fessura, più la trave è alta maggiore
è l’apertura delle fessure, tanto è vero che si è visto sperimentalmente che per travi con
si può ritenere irrilevante l’effetto ingranamento;
- snervamento delle armature: considerando che la formazione delle fessure ci fa pensare allo
SLU dove l’armatura tesa è snervata e se l’armatura tesa è snervata io mi aspetto una
maggiore apertura delle fessure;
- classe/tipologia di cls: per cls ordinari le fessure si formano nella matrice, proprio intorno
all’inerte, fessure non lisce ma scabre, seguono l’inerte, mentre, per cls ad alta resistenza, la
fessura può interessate tanto la matrice tanto l’inerte, si tende ad avere delle fessure dritte,
più nette. Per quanto detto concludiamo con il dato relativo al fatto che l’effetto
ingranamento è maggiore nel cls ordinario rispetto al cls ad alta resistenza ciò si traduce nel
fatto che i cls ordinari danno un maggiore contributo di resistenza a taglio rispetto ai cls ad
alta resistenza.

4.4.6.1.3 Effetto Spinotto


Ancora per effetto del taglio le due facce tra una fessura
tendono a scorrere l’una rispetto all’altra, quindi, l’armatura
tende a deformarsi: c’è ancora una volta un contributo
dell’armatura longitudinale, questo contributo o, meglio,
l’efficacia di questo contributo, dipende principalmente da chi
vincola la barra cioè il copriferro. La barra deformandosi
tende a far saltare il copriferro, quindi, l’efficacia di questo effetto è data proprio dal copriferro e
non solo, un modo per poter incrementare l’effetto spinotto è quello di inserire qualcosa che mi
vincoli la barra, ma cosa? Basterà mettere delle staffe in modo da non gravare sul copriferro.

Le staffe hanno diverse funzioni: fanno da armatura trasversale, utili per il confinamento, poi,
servono ad incrementare l’effetto spinotto.

261
Complessivamente questi tre effetti danno luogo al meccanismo a trave, che è sempre presente
insieme al meccanismo ad arco, quando andiamo a realizzare degli elementi non armati a taglio,
come dicevamo già in precedenza non è facile separare questi due contributi che interagiscono
sempre tra di loro, tuttavia è possibile definire un parametro che ci consente di stabilire quale dei
due meccanismi predomina rispetto all’altro, questo parametro è il rapporto .

Se è molto grande, trave molto allungata, l’effetto del meccanismo ad arco tende a ridursi
poiché è come se si riducesse, quindi, predomina il meccanismo a trave.

Se è basso predomina invece il meccanismo ad arco.

Dal grafico possiamo valutare l’interazione flessione-taglio e vedere quale meccanismo predomina:
ci sarà una linea orizzontale che è indice del valore della resistenza a taglio dovuta al meccanismo a
trave al quale tende l’andamento della resistenza a taglio teorico che sarà più alto dell’andamento
della resistenza a taglio sperimentale (“teorico” perché calcolato con delle formule di letteratura in
particolare le NTC); i due andamenti individuano un fuso che è indice della resistenza a taglio. Sia
l’andamento teorico che quello sperimentale sono complessivi di meccanismo ad arco e
meccanismo a trave.

262
Per travi molto corte cioè ho un valore della
resistenza a taglio molto elevato e il contributo è sostanzialmente
offerto tutto dalla resistenza con meccanismo ad arco (è come se
ci si riferisse ad una sorta di meccanismo puntone-tirante).
Questa è la tipica situazione che si verifica nei plinti di
fondazione, quando la trave è molto corta la resistenza a taglio è
talmente elevata che si potrebbe addirittura evitare di mettere le
staffe.

Invece, se aumenta e la trave è lunga diventa difficile distinguere i due contributi però
sicuramente si ha una riduzione della resistenza a taglio.

Se, invece, (es. lunghezza della trave pari a dove è altezza utile
della sezione) predomina il meccanismo resistente a trave che però rispetto al meccanismo
resistente ad arco è molto più basso. In generale, infatti, i meccanismi resistenti a trave sono dei
meccanismi abbastanza carenti se paragonati a quelli ad arco.

Quanto detto vale per elementi non armati a taglio.

In normativa si tiene conto del solo meccanismo a trave perché si preferisce prendere, a vantaggio
di sicurezza, una resistenza più bassa; questo è connesso al fatto che generalmente tendiamo a
realizzare travi lunghe, infatti, sebbene le travi corte presentino una elevata resistenza a taglio, di
contro non garantiscono una buona resistenza a flessione e questo non è affatto positivo (è stato
dimostrato sperimentalmente). Si riporta il diagramma (una
precisazione doverosa da fare è che il momento resistente è funzione delle armature e della sezione,
in particolare, può influire l’altezza utile della sezione):

Nel diagramma abbiamo una linea orizzontale indice dell’andamento teorico. Sperimentalmente,
invece, si è visto che più la trave è corta più si ha una riduzione della resistenza a flessione perché è
come se questa venisse “danneggiata” dalla presenza del taglio o delle fessure inclinate. La prima
conseguenza del taglio è la fessura, se ho delle travi corte il taglio è elevato e le fessure sono molto
inclinate e danneggiano la resistenza a flessione.

263
In particolare si è visto, sempre sperimentalmente, che per rapporti la riduzione della
resistenza a flessione e quasi del 50%. Ciò si traduce nella necessità di realizzare sempre travi
lunghe perché voglio realizzare degli schemi statici in cui il taglio è più basso rispetto alla flessione,
cioè voglio che la flessione predomini rispetto al taglio e questo garantisce delle fessure meno
inclinate.

Quando c’è taglio elevato la zona d’appoggio, che è quella su cui conto di più, è quella
maggiormente danneggiata, quindi, dobbiamo evitare l’azione tagliante cioè il taglio deve restare
basso rispetto alla flessione.

4.4.6.2 Elementi armati a taglio


Nel caso degli elementi armati a taglio le formule sono le stesse già viste al corso di tecnica 1: il
meccanismo resistente a cui facciamo riferimento è il traliccio ad inclinazione variabile.

In linea di principio quando si ha la necessità di predisporre un’armatura a taglio, sappiamo che


questa può avere un’inclinazione qualsiasi; obiettivo di questa armatura è quella di cucire le
fessure ma, soprattutto nel progetto del nuovo, come armatura a taglio siamo abituati a vedere le
staffe che per assorbire il taglio lavorano per componenti, quindi, armature inclinate a 90°. Nel caso
di edifici esistenti, invece, molto spesso si ritrova come armatura a taglio anche le staffe, infatti, la
vecchia normativa prevedeva un assorbimento del 50% della sollecitazione di taglio da parte delle
staffe, mentre, per il restante 50% si faceva affidamento a dei ferri piegati che prendono il nome di
ferri sagomati/piegati e che sono generalmente piegati a 45°:

Venivano progettati a 45° perché in passato il modello di calcolo che si utilizzava era quello di
traliccio di Morsh che prevedeva bielle inclinate a 45°:

il momento resistente è costituito da un corrente teso


(armature) e da un corrente compresso superiore e poi c’erano
le bielle (inclinate a 45°) con le staffe verticali (armature a
taglio). Si utilizzava, praticamente, un modello che però non
trova riscontro nella realtà poiché per avere bielle inclinate a
45°, cioè, per avere fessure inclinate a 45°, dovrei avere una
condizione di taglio puro, mentre, nella realtà non è mai così
in quanto ho sempre fessure con inclinazione minore di 45° poiché è presente l’interazione
flessione-taglio.

264
Il modello di traliccio di Morsh è stato usato per molti anni, infatti, c’era nel D.M.96,
nell’OPCM04-05, sostituito poi nella NTC08, oltre ad essere attualmente contenuto nella NTC18
sostituito, però, dal modello a traliccio ad inclinazione variabile. La norma ci dà una limitazione
rispetto a questa inclinazione cioè , anche se poi come armatura mettiamo sempre le
staffe, quindi, sempre armatura inclinata a 90°. Negli edifici esistenti non era così ma è anche vero
che questi venivano progettati per i soli carichi verticali, senza tener conto del sisma. Per carichi
verticali io conosco il segno del taglio, quindi l’andamento del taglio cioè so qual è l’inclinazione
delle fessure, quindi, si andava a sagomare opportunamente i ferri direttamente per cucire le fessure.
Il problema dei ferri sagomati è che nel momento in cui la resistenza a taglio è assorbita dai ferri
sagomati, quando c’è il sisma questo inverte di segno quindi i ferri predisposti per assorbire un dato
taglio quando c’è inversione non servono a nulla, le staffe, invece, lavorando per componenti
tengono conto dell’inversione di segno del sisma.

Il problema del taglio incide anche sulla duttilità, nel senso che va inevitabilmente a ridurre la
duttilità delle zone terminali che sono quelle zone che usualmente sono denominate zone critiche o
zone dissipative, ovvero, quelle zone che noi progettiamo in modo che la formazione delle cerniere
plastiche avvenga lì. Se il taglio è molto elevato avrò una inclinazione delle fessure molto più
accentuata, questo, unito al fatto che il sisma inverte di segno fa si che le bielle compresse di cls, su
cui io faccio affidamento, siano molto danneggiate, quindi, la soluzione è legata a far in modo che il
taglio sia più basso rispetto alla flessione e questo si traduce nella realizzazione di travi lunghe.

È vero che la rottura a taglio è una rottura di tipo fragile ma ci sono dei casi che ci permettono di
affermare che la rottura a taglio è più o meno duttile, nel senso che puntiamo su altre cose:
pensiamo a quando, ad esempio, l’armatura a taglio è costituita dalle staffe, se la trave è poco
armata a taglio, ci sono poche staffe, queste snerveranno di più. Dato che le staffe sono d’acciaio e
l’acciaio ha una sua duttilità, posso affermare che a parità di rottura a taglio, posso avere una rottura
più o meno duttile in funzione dell’armatura a taglio, nel senso che è più duttile quando è meno
armata a taglio per quanto detto prima. Ciò è vero solo per gli edifici esistenti perché con la nuova
progettazione per gerarchia, per edifici nuovi quindi, tendiamo ad escludere completamente questo
tipo di rottura.

Introduciamo il problema della deformabilità tagliante (molto importante nel caso di travi corte):

quando trattiamo un elemento trave, generalmente teniamo conto solo della sua deformabilità
flessionale e abbiamo sempre escluso la deformabilità a taglio quando abbiamo calcolato le frecce,
sia in campo lineare che in campo non lineare (poiché possiamo definire la curvatura sia in campo
lineare che in campo non lineare).

265
Per il calcolo abbiamo sfruttato il principio dei lavori virtuali, tenendo conto della sola
deformabilità flessionale, implicitamente ammettendo di analizzare sempre travi molto lunghe.

Schema 0 ci fornisce la deformazione Schema 1 ci fornisce la sollecitazione

Il contributo della deformazione assiale è trascurabile mentre, nelle travi corte, il contributo a taglio
è maggiore del contributo flessionale, quindi non posso assolutamente non riportarlo. Quindi si
scrive:

dove:

è il contributo connesso alla deformabilità flessionale;

è il contributo connesso alla deformabilità tagliante (con si indicano le distorsioni


cioè lo scorrimento angolare):

in campo elastico si ha:

dove:
- (taglio agente, sollecitazione)
- (modulo di rigidezza tagliante)
- (area sezione)
- (coefficiente di forma) per sezioni rettangolari
Ultima precisazione è connessa al fatto che del contributo a taglio posso tenerne conto
esclusivamente in campo lineare, sebbene sia in grado di ricavare la curvatura in campo non lineare
non sono in grado di calcolare il gamma (distorsione/scorrimento angolare) in campo non lineare e
questo perché al taglio che è una rottura fragile, non si associa la duttilità, e la duttilità è legata
all’estensione del campo plastico quindi è connessa al campo non lineare, quindi nel caso del taglio
non esiste proprio in campo post elastico è questo il motivo fondamentale per cui il taglio è definito
come rottura fragile e non possiamo definire in questo caso la duttilità quindi non c’è contributo
tagliante in campo non lineare.

266
4.5. Fondazioni
4.5.1. Inquadramento

La verifica della fondazione riguarda due aspetti:

- uno riguarda la rottura del terreno in cui entrano in gioco due elementi struttura e terreno
che interagiscono tra di loro: la crisi del sistema può essere dovuta al terreno che non è in
grado di sopportare i carichi e le azioni provenienti dalla struttura. In questo caso le
competenze sono del geotecnico, nel senso che il problema è di natura geotecnica, perché la
geotecnica, quando si occupa delle fondazioni, si preoccupa di fornire i criteri (in base alle
caratteristiche del terreno) per valutare se il terreno è in grado di sopportare i carichi. C’è già
un’interazione perché l’approccio geotecnico sulle fondazioni è un approccio che porta al
calcolo del carico limite del terreno ( ), questo è funzione anche delle dimensioni e della
forma delle fondazioni, quindi c’è un aspetto di interazione nel senso che la portanza del
terreno è dipendente dalla tipologia di fondazione utilizzata, tuttavia, la fondazione a sé,
vista dal punto di vista strutturale, come verifica del cemento armato è cosa a parte e viene
successivamente.
- Superata la fase in cui il è sufficiente, cioè non è il terreno il problema della
fondazione, bisogna vedere se l’azione trasmessa dalla fondazione al terreno (e che diventa
una reazione sulla fondazione stessa) è “ammissibile” per la fondazione e quindi se il c.a.
resiste all’azione a cui è sottoposto (le fondazioni sono prevalentemente in c.a. , potremmo
trovarle per edifici esistenti in muratura).

Mi serve un modello di calcolo oltre ad un modello specifico, ad esempio, per il calcolo delle
armature.

In NTC vi è la suddivisione, appunto, tra verifiche strutturali e verifiche geotecniche; tuttavia, vi è


una correlazione tra le due nel senso che se ad esempio non mi trovo con il carico limite non posso
di certo pensare di cambiare terreno ma dovrò cambiare la fondazione: allargare la fondazione,
utilizzare un altro tipo di fondazione.

267
La seconda modalità di interazione si ha sulla sovrastruttura, questo è un problema di resistenza,
problemi di resistenza, problemi di modello (non trattiamo questi problemi in questo corso).
Facciamo un esempio per avere almeno idea di quello che stiamo dicendo:

L’incastro alla base, non è un vero e proprio incastro, non è un vincolo ben definito nel senso che in
realtà il vincolo lo fa la fondazione sul terreno, di conseguenza, non possiamo parlare di vincolo
fisso; esso è cedevole, all’applicazione del carico il terreno tenderà a deformarsi , di conseguenza, il
vincolo si deforma, quando arriva un carico eccentrico la struttura presenta una deformabilità di
base per via del vincolo che ha una sorta di rotazione, quindi, esiste un’altra interazione tra terreno e
struttura che comporta una modifica sulla rigidezza dei vincoli e quindi sulla risposta della
sovrastruttura per il fatto che i vincoli non sono quelli reali (vincoli fissi). Questo fenomeno non è
sempre rilevante, ma ci sono dei casi specifici in cui la normativa impone di tenerne conto poiché è
rilevante, per cui ci sono dei casi in cui è opportuno inserire la fondazione nel modello di calcolo e
quindi non assimilarla a un vincolo ideale che non è quello reale.

4.5.2. Problema della progettazione strutturale delle fondazioni


Esistono diverse tipologie di fondazioni:

Fondazioni dirette: il carico viene scaricato direttamente sul terreno, i carichi vengono scaricati
direttamente sul piano su cui mettiamo la nostra fondazione (piano di fondazione 1,2,3 m).

- Plinti
- Travi
- Platee

Fondazioni indirette (profonde, anche se non è la stessa cosa rispetto a quelle indirette ma segue di
più la linea delle indirette piuttosto che delle dirette): non trasferiscono il carico direttamente su una
superficie ma indirettamente al terreno in profondità (previe analisi geotecniche si evince che gli
strati più profondi siano quelli più resistenti).

- Pali (elementi molto allungati che si vanno a infiggere nel terreno in modo da trasferire in
carico non su una superficie ma lungo una superficie (in parte) , in parte anche in profondità
- Cassoni (non riguardano gli edifici ma ad esempio i ponti): grosse scatole annegate in
profondità utilizzati perché i pali non riuscirebbero a trasferire in profondità o lateralmente
- Pozzi

268
Esistono degli edifici dove troviamo diversi tipi di fondazioni (esempio: fondazioni dirette da una
parte, pali da un'altra perché ad esempio ci sono terreni differenti), cosa che la NTC generalmente
sconsiglia perché il comportamento delle fondazioni molto diverse tra di loro può produrre degli
effetti negativi e siccome c’è molta incertezza sulle caratteristiche dei terreni e sul reale
comportamento delle fondazioni, è sconsigliabile; tuttavia, la norma non lo vieta ma impone una
particolare attenzione qualora si volesse agire in questo senso.

Partiamo dal caso più semplice di come si arrivava una volta alla fondazione senza prendere in
considerazione il sisma (perché tempo fa non si considerava la presenza del sisma), tenendo in
considerazione il dato seguente: la scelta del tipo di fondazione dipende essenzialmente dal tipo di
azione, ad esempio, se arrivano solo carichi verticali, i carichi sono piccoli; il vero problema sarà
diffondere lo sforzo su una superficie più ampia.

Se arriva il sisma il problema sarà legato ai carichi orizzontali, se generano momenti alla base il
problema non sarà più un semplice problema di diffusione, ci saranno delle eccentricità, le
fondazioni tendono a lavorare localmente non c’è la possibilità di diffondere. In tal caso non sempre
alcune tipologie sono adoperabili, il problema è anche connesso al tipo di edificio e al tipo di
esigenza.

4.5.2.1. Fondazioni Dirette

4.5.2.1.1. Plinto isolato


Consideriamo il caso più semplice di Carico Verticale. Questo caso è utili in quanto molti sono gli
edifici in zona non sismica. Consideriamo un pilastro che scarica su un plinto trapezoidale: la forza
che scarica è indicata con (sforzo normale). Nasceranno delle tensioni nel c.a che chiamo
. Grossomodo se io dovessi dare un ordine di grandezza
alla tensione massima che arriva alla base di un pilastro sul
calcestruzzo mi aspetto 13-14-15 MPa / 20 MPa (se vogliamo
considerare un cls allo stato limite ultimo per un C25/30), o
addirittura possiamo di arrivare al valore caratteristico di 25/30 MPa
per il cls (un ordine di grandezza importante), mentre, se parliamo
dell’acciaio questo può arrivare in compressione ad un valore di 200
MPa e può essere anche superiore a questo, tutto questo rispetto al
terreno, considerando di andare a fare un’analisi tesa alla valutazione
del carico limite, troveremo dei numeri molto più bassi, 2/3 MPa (e
già parliamo di un ottimo terreno), questo vuol dire che questa se
io portassi il pilastro fino a terra, sarebbe altissima (troverei una sigma localmente altissima), e mai
il carico limite potrebbe farcela, anche perché il carico limite è collegato a un bulbo di terreno che
viene coinvolto, è piccola la dimensione e la tensione è molto alta , quindi il terreno verrebbe
coinvolto in una dimensione molto piccola, non solo, ma gli si chiederebbe anche una tensione
molto alta. E’ quasi intuitivo che per ridurre localmente le tensioni indotte, tendo ad allargare la
base del pilastro per distribuire meglio le tensioni , quindi costruire un elemento di cls armato che
va a produrre una tensione sul terreno pari a , dove l’ di cui parliamo sarà più grande
dell’ (area) riportata in precedenza.

269
Il ragionamento fatto sul singolo pilastro ci porta alla definizione di questa tipologia di fondazione,
il plinto. Andrò a guardare ciò che ogni singolo pilastro va a scaricare sul terreno, la tipologia in
considerazione si chiama plinto isolato, è una fondazione diretta, scarica il carico direttamente sulla
superficie su cui la fondazione si appoggia. Forma e dimensione di questo derivano da diverse
esigenze.

N.B. Ricordiamo che quando diciamo (generico)


stiamo parlando di un modello alla De Saint Venant
(significa che la tensione è uguale in ogni punto
dell’elemento) ma non è proprio così perché la tensione si
deve diffondere, in particolare esiste una zona di
trasferimento che dovrà portare ad un allargamento,
l’elemento plinto che ci accingiamo a progettare non è
affatto un solido alla De Saint Venant poiché è un solido
tozzo, tridimensionale, quindi dire N/A si, ma a che
distanza? Si deve prendere in considerazione la diffusione
del carico e da qui si va a dare una forma ai plinti (Si evince dal disegno il progetto che si faceva
una volta del plinto, con una certa inclinazione, che si vede dal disegno, del plinto è pari a 45°) in
tridimensionale si presenta come un tronco di piramide tagliato, oggi queste forme sono in disuso,
problemi di oneri di manodopera e casseformi oltre che sagomatura dei ferri, oggi lo troviamo
rettangolare.

Questo allargamento di cui parliamo lo facciamo in base alla sigma che ci serve sul terreno, quindi
l’impronta è collegata più al carico limite che al problema strutturale poiché la larghezza mi serve
per calcolare la (sul terreno) data dal plinto, e paragonarla al carico limite, . In
definitiva è importante l’impronta e il tipo di terreno al di sotto per poter calcolare la
disuguaglianza. Abbiamo parlato dell’area e anche di cosa essa è funzione, ma l’altezza a cosa è
collegata? Sarà legata a problemi di resistenza ma fondamentalmente è connessa a problemi di
rigidezza, il plinto deve essere un elemento rigido, quanto più rigido possibile.

270
Come posso schematizzare il plinto sul terreno?

Posso schematizzare il plinto come una piccola travetta su suolo elastico, considerando per il
terreno uno schema alla Winckler, dunque, la trave non la appoggio su uno schema fisso ma su
qualcosa deformabile. Se metto una forza concentrata, la risposta della struttura dipende dalla
rigidezza della struttura rispetto alla rigidezza del terreno: se la travetta è molto rigida questa
tenderà a scendere uniformemente e quindi a diffondere sul terreno una tensione uniforme; se la
trave è, invece, deformabile (es. foglio di carta, lo poggio su un materasso e ci metto una forza al
centro, il foglio tende a sollevare gli estremi, questo comporta una concentrazione enorme di
tensioni localmente), lavorerà una parte molto ridotta, ergo, non conviene avere un elemento
deformabile, perché questo non distribuisce su tutta l’area.

La rigidezza del sistema è collegata prevalentemente all’altezza, infatti, pensando ad una trave
rettangolare, l’inerzia vale (rigidezza collegata all’inerzia, quindi, all’altezza).

I plinti, indipendentemente dalla resistenza che ci viene richiesta si fanno alti, per evitare di avere
una concentrazione di sforzo locale e quindi distribuire quanto più possibile sul terreno, diceva suo
padre l’effetto tampone, dice lei: se oggi qualcuno usa ancora i timbri è quello che spiega cosa
vogliamo raggiungere, se il timbro fosse deformabile non verrebbe tutto ciò che c’è in rilevato sul
foglio ma, dal momento che esso è rigido, applicato sul foglio vedrò tutto ciò che c’è in rilevato,
effetto timbro sul terreno prendo tutta l’area.

Non ci sono indicazioni precise ma indicazioni di “buona regola”, .

Mentre le grandezze geometriche, H(altezza); B(base); A(area), si decidono in base al altri principi,
l’unica cosa che si va a progettare è l’armatura.

271
Il plinto si approccia in maniera molto approssimata, ma efficiente, come uno schema a 4 mensole:

Il punto dove c’è il pilastro è un punto che si oppone ai movimenti del terreno che spinge da sotto,
perché è qui che c’è lo sforzo normale che equilibra l’azione. Un’altra cosa che bisogna tenere
presente è che l’elemento ha 3 dimensioni, quindi non possiamo ragionare vedendola come una
travetta rettangolare.

Chiamo “ ” la lunghezza della mensola che vedo in sezione trasversale.

Se sul plinto ci mettiamo uno sforzo normale N, un momento flettente M ed un taglio V. Dal
momento che ci sono N ed M la tensione sarà disuniforme, questo vuol dire che, dato che avrò 4
mensole, andrò a calcolare quella sottoposta alle tensioni maggiori, piuttosto che prenderla trapezia
vado a prendere una agente sulla mensola in modo tale da avere un solo carico uniforme dal
basso verso l’alto:

: baricentro dell’area 1, che non sarà mai il baricentro di un rettangolo.

272
Calcolate le sollecitazioni passo alle armature.

Dovrà essere inserita certamente una armatura inferiore, quella principale, perché ho individuato
(nel diagramma del momento riportato per la mensola della figura precedente) sotto le fibre tese,
inoltre dovrò tener conto che le massime sollecitazioni sono all’incastro.

Posso verificare la sezione (rettangolare) scrivendo le equazioni di equilibrio. Si consiglia di


scrivere le equazioni rigorose, trovare i ferri che ci vogliono (progetto delle armature utilizzando le
equazioni rigorose) poi fare la verifica del momento considerando i diametri veri.

Per quanto riguarda la flessione, considerando che quello in esame non è un solido
monodimensionale, nel momento flettente questo dato conta poco, il meccanismo resistente sarà
sempre quello di armatura tesa e cls compresso, quindi, il fatto che sia non tridimensionale non ha
particolare rilevanza.

Cosa ben diversa accade nel taglio, che non è una resistenza che si valuta in una sezione ma è una
resistenza che si valuta con un funzionamento di meccanismo a traliccio, cioè che riguarda la trave.
Per calcolare la resistenza a taglio vado a guardare ciò che succede lungo la trave tracciando bielle

273
compresse e tese, non quello che fa una sezione (non guarda ciò che fa una sezione), nel taglio ho
bisogno di capire qual è il comportamento dell’elemento longitudinalmente, questo elemento è
molto corto, presenterà sempre delle fessure inclinate (tipiche del taglio),

In questo caso, pensare al funzionamento con le staffe come funzionamento di traliccio variabile
non è opportuno, a meno che il plinto non sia molto arrugato, in quel caso prevale il funzionamento
con le staffe. Le fessure che si generano per via della sollecitazione di taglio dovranno essere cucite
dai ferri, quindi conviene usare armature inclinate, dobbiamo riferirci alle fessure di trazione,
considerando inoltre le bielle compresse, la cui geometria non è legata solamente ai 22° ma alla
geometria del plinto, ad esempio, se questo fosse molto lungo se ne creerebbero tante ma se questo
fosse corto basterà una biella sola: si instaura un meccanismo “puntone-tirante” con compressione
da una parte e trazione dall’altra. È efficiente su plinto corto una tipologia di ferro inclinato a 45°
perché nel taglio in fase elastica le tensioni principali sono inclinate a 45°, poi se non hanno questa
inclinazione lavoreranno per componente ma dovendo scegliere un angolo d’inclinazione sceglierò
questo, i ferri inclinati a 45 ° possono stare in diverse posizioni, vengono calcolati comunque con la
formula del taglio, c’è α nella formula del taglio, non è detto che siano staffe (α=45°).

Se facciamo un ragionamento connesso al fatto che siamo di fronte ad un elemento tridimensionale,


vedendo la diffusione capiamo che potrebbe lavorare in tutt’altra forma.

Se il plinto è molto tozzo ( ) la diffusione è a 45° e abbiamo la formazione di un triangolo


isoscele; vediamo come il trasferimento degli sforzi avvenga in maniera diretta con due bielle
compresse che diffondono, queste saranno equilibrate da un elemento teso.

274
Se ad esempio prendiamo come riferimento un arco a 3 cerniere caricato da una forza, in un punto
tenderà ad aprirsi e avrà una spinta, per equilibrare il sistema completamente bisogna far sì che
questa spinta venga eliminata, se mettiamo un tirante, creeremo un arco a spinta eliminata. Adesso,
nel momento in cui si parla di elementi molto tozzi, il trasferimento degli sforzi avviene con degli
effetti più ad arco, più locali, nel senso che sono lontani dai meccanismi di trave, sono dei
meccanismi locali (problematica frequente nella mensola tozza del carroponte, anche questo è un
modello locale puntone-tirante).

Non è sempre necessaria l’armatura a taglio; la struttura va studiata con particolare attenzione, in
ogni caso, dopo lo studio posso anche decidere di metterla comunque al limite sarà in più.

I ferri calcolati ovviamente vanno inseriti in entrambe le direzioni (i modelli sono spaziali) e non è
detto che siano uguali.

Il disegno completo deve avere: la disposizione in pianta, la disposizione in sezione e la distinta (si
può fare sia per la pianta che per la sezione).

L’armatura va completata con ulteriori ferri che vanno messi per forza sebbene non siano funzione
del calcolo, per non lasciare da solo il cls.

Fatta l’armatura principale dobbiamo fare la secondaria, si mette una maglia che va anche dove non
ci sono i ferri principali (es. φ12/25 dove 25 cm è il lato del quadratino della maglia) non molto fitti
perché non di taglio.

Il plinto va chiuso anche superiormente, ci sarà un’armatura superiore, ferri sagomati Ovviamente
anche questi in distinta, per evitare confusione, è solito riportare due piante, una con i ferri superiori
l’altra con i ferri inferiori.

275
Se il plinto è rettangolare, cioè è un prisma, l’armatura sarà più facile da fare perché è chiaro che
verranno tutti ferri dritti senza troppe sagomature.

276
Progettazione strutturale significa fare bene il disegno e pervenire ad un modello di calcolo quale
può essere una mensola ad esempio (questo spiega il fatto che potremmo anche avere un plinto
triangolare) la risoluzione del momento flettente su una mensola non è progettazione strutturale, è
una cosa semplice, immediata, progettazione strutturale è pervenire da uno schema, anche
geometricamente strano ad un modello semplice e immediato da risolvere, poi calcoliamo le
armature etc.

Copiamo il perché del collegamento, i plinti isolati presentano vari problemi: cedimenti
differenziali, problemi come la nascita di fessurazione (dove poggio la tamponatura?)), che se il
terreno fosse tutto omogeneo e per carichi verticali, potrebbero non rappresentare un grosso
problema; a se il terreno è disomogeneo potremmo avere dei cedimenti differenziali e quindi questi
plinti, senza alcun collegamento si muove “per i fatti suoi” e questo è molto problematico. Inoltre,
considerando che l’edificio ha anche dei muri di tamponamento, se vado in fondazione a fare dei
plinti, mi immagino di dover scavare da una parte, considerando che nel carico limite il terreno
sopra la fondazione è connesso ad uno dei termini ( ) (N: coefficiente numerico, D:
approfondimento), questa D è importante, io non posso pensare di creare una condizione dove,
considerando di aver approfondito la mia fondazione non avrò terreno sulla fondazione, questo
dovrà sempre esserci (es. cantine).

277
A questo punto, dal momento che io la tamponatura al piano terra, ovviamente devo farla, dovrò
interessarmi anche del fatto che la tamponatura da qualche parte dovrò pur poggiarla, e dove
l’appoggio? Sul terreno? Questa cosa in passato è stata fatta generando fessure e altri danni. Ci
vuole lungo il perimetro una trave, questa consente di appoggiare il muro. Se il plinto è in
profondità potrei trovare (edifici esistenti) questa trave di collegamento che si estende collegando i
pilastri, tutto questo se sono solo carichi verticali, ma se pensiamo alla sismica, considerando un
pezzettino di pilastro tozzo, avremo un disastro enorme.

I plinti isolati non sono più consentiti, e non serve solo la trave per portare il tompagno, i plinti
vanno collegati fra di loro per evitare : non i cedimenti differenziali in verticale poiché quelli sono
inevitabili ma quelli orizzontali per effetto del sisma.

Le travi dovranno stare in corrispondenza di tutti i telai, utili perché i tompagni possano poggiarsi
su di loro, il collegamento in oltre funge da vera e propria catena, le travi si calcolano in funzione
del sisma, tutte le considerazioni di calcolo si trovano in normativa. Le travi di collegamento non
c’entra niente con il carico che arriva sul terreno, la trave deve entrare con i ferri nel plinto, è molto
più stretta del plinto, la trave di collegamento è sollevata da terra(non c’entra nulla con in carico che
arriva sul terreno).

Cosa succede se gli sforzi normale (N) sono molto gradi (edificio con molti piani)? O se i momenti
(M) sono molto grandi? Se il momento è molto grande avremo un diagramma, connesso alla
relativa sollecitazione, che si presenta disuniforme, fintanto che, per valori molto elevati del
momento si può passare ad un diagramma di parzializzazione, quindi più il momento è grande più
grande dovrà essere la superficie che ci serve, il tutto al fine di non rompere il terreno, addirittura se
l’eccentricità fosse sul bordo, non avrebbe proprio resistenza. Quindi, via via che aumentano i
carichi, sia quelli verticali che quelli sismici (soprattutto quelli sismici), la dimensione del plinto
diventa molto grande, perché io devo avere un elemento che reagisca completamente (tutto
l’elemento reagisce alle sollecitazioni, no parzializzazioni), se non reagisse tutto si tradurrebbe in
una parte che non serve, è mal utilizzato, per avere un diagramma triangolare l’eccentricità
(deve stare dentro al nocciolo centrale d’inerzia); già così la è il doppio rispetto a
quella che avremmo se la facessimo uniformemente distribuito, è già un funzionamento modesto del
plinto, se l’eccentricità è alta perché il momento è grande ed è facile aspettarsi che lo sia poiché in
sismica i momenti sono grandi, la conseguenza sarà quella di avere un plinto enorme affinché il
terreno possa funzionare tutto a compressione altrimenti va in trazione.

In conclusione se usati in caso sismico i plinti verrebbero enormi, addirittura talmente grandi da
superare l’interasse che c’è tra di loro, quindi richiedere una dimensione tale da arrivare a toccarsi,
questo presuppone una illuminazione ovvero decidere di adottare degli elementi uniti, passiamo alla
trave di fondazione. Non è più in uso approcciare con una fondazione diretta (plinto isolato) in zona
sismica.

278
4.5.2.1.2. Trave di fondazione
Trave che, nel caso di strutture intelaiate ad esempio, segue
lo stesso andamento dei telai della sovrastruttura. Il reticolo è
lo stesso di quello dei telai che sono sopra, in sismica
sarebbe opportuno che i pilastri siano collegati in entrambe
le direzioni, non è proprio obbligatorio; infatti una volta i
telai non chiudevano completamente (quando lavoravano
solo per carichi verticali), in zona sismica gli edifici si
trovavano a non avere nessun elemento strutturale capace di
contrastare il sisma in sistemi così fatti. Oggi è l’approccio è
diverso, il pilastro deve stare su due telai (“incrociare in entrambe le direzioni” è il termine con cui
si definisce questa soluzione strutturale), non è obbligatorio ma è una buona regola.

Normalmente è a T rovescia, poiché l’allargamento


della base serve solo sotto, sopra non mi serve avere
una base più larga, tendo quindi ad ottimizzare la
forma dell’elemento alleggerendolo in base anche a
quella che è la sua funzione ovvero quella di
distribuire “largo” sotto, inoltre è largo sotto anche
perché mi serve lo spazio per mettere l’armatura,
anche se l’armatura va anche sopra. Per edifici
piccoli, ad esempio un piano, la trave può avere anche una sezione rettangolare, per ottimizzare
tempi di realizzazione in quando mettere in opera una T rovescia comporta tempi e oneri di
casseforma.

Vediamo un altro particolare, prima di porre in opera una


struttura di fondazione, che sia trave di fondazione o plinto, è
bene predisporre uno strato di cls detto magrone che non ha
funzione strutturale, (immaginiamo al getto di cls contro
terra irregolarità) il magrone aiuta nella distribuzione più
uniforme del carico sul terreno oltre che agevolare la
manodopera, è essenzialmente una questione di buona regola,
magro poiché a basso tenore di cls, abbiamo due dimensioni,
una in verticale (h) una in orizzontale (a), queste, è necessario
che siano tali che

L’anima superiore della trace viene fissata anche in funzione della larghezza del pilastro che si
poggerà sopra di essa , in particolare ho bisogno di allargarmi un po’ rispetto al pilastro, poiché
costruisco prima la trave di fondazione e in un secondo momento il pilastro, e per mettere in opera
quest’ultimo avrò bisogno di allestire la casseforma e per farlo occorre un po’ di spazio da ambo i
lati, basteranno 5cm da una parte e dall’altra, potrebbero essere anche di più per esigenze
particolari, in generale non meno di 5 cm da una parte e dall’altra. L’altezza, come nel plinto può
essere intorno ai 70/80 cm , se l’edificio è molto alto occorre andare a guardare l’inerzia di ciò che
c’è sopra, qualcuno dice che se l’inerzia è molto grande sarebbe opportuno che fosse = 5 volte
l’inerzia delle travi che stanno sopra ( ) in riferimento alla
279
“travatura di piano” (?), questa appena detta è una “regola” , bypassabile se ho un buon modello di
calcolo, che mi permette di vedere se la trave ripartisce bene e se è rigida o meno, potrei quindi
essere un po’ più “permissivo” in tal senso, abbandonando l’idea di 5volte l’inerzia delle travi di
sopra.. Le troviamo facilmente alte 1/1,5 metri alte, una osservazione per il magrone, come detto, è
che , cioè non fare una cosa molto allungata, perché questo “elemento” non è armato, può
inflettersi e se è molto lungo il momento flettente è alto, non avendo questo l’aratura è facile capire
come questo possa spezzarsi, se lo facciamo lungo quanto è alto, questo lavora a taglio. Es. 15x15,
20x20. Questo principio appena detto vale un po’ anche per l’ala, non possiamo farla lunghissima,
rischia di non funzionare più bene, perché quest’ala spinta da sotto comincia ad avere degli effetti
laterali rilevanti.

Non esiste un approccio tridimensionale, le travi così come tutti gli elementi strutturali, sono
tridimensionali, un bravo progettista deve capire in una data direzione qual è lo schema di calcolo
più verisimile e più affidabile per la trattazione dei vari problemi strutturali. Anche in questo
vediamo come le dimensioni si fissano in base all’esigenza oltre che al fatto che queste geometrie
devono essere “equilibrate”.

La trave è caratterizzata da un’anima e un ‘ala, cosa succede in un incrocio? Che arriva la trave
dall’altra parte, l’anima dall’altra parte e l’ala dall’altra parte (spero di capisca dal disegno della
pianta della struttura di fondazione ), quindi nell’incrocio il problema delle dimensioni dei pilastri
non c’è e anche questo potrebbe vedersi dal disegno (un pilastro si poggia su una dimensione
adeguata perché mentre da una parte arriva una parte stretta, dall’altra ne arriva una più larga),
quindi non avremo problemi nell’incrocio.

Un altro accorgimento è che quando si va a chiudere sul’estremità non conviene chiudere a filo ma
conviene fare una piccola sporgenza, significa che una data trave uscirà da un lato, c’è una piccola
sporgenza rispetto al pilastro.

280
Lo schema di calcolo di questa trave è caratterizzato dai carchi dei pilastri e dalle molle:

In realtà il calcolo dovrebbe essere fatto in tridimensionale, la sismica richiede il calcolo con
l’azione in una direzione e contemporaneamente il 30% del carico sismico nell’atra direzione e
questo presuppone un funzionamento in entrambe le direzioni, ci pensa il software a fare questa
cosa, è uno sforzo inutile cercare di tirare fuori il telaio piano di questo schema, tuttavia se lo
facessi, ci potrei mettere al di sotto una trave di Winckler. Nel tridimensionale, invece dovrei fare
un graticcio di travi di Winckler con sopra tutti i carichi.

Oggi è diventato difficilissimo separare l’azione dal calcolo, dal momento che ci sono 32
combinazioni di calcolo e riportare i carichi sul graticcio in un secondo momento diventa
complicato, la tendenza diventa quella di avere un graticcio con i carichi sopra di esso. Fare 32
combinazioni di carico su un graticcio di travi alla Winckler ottenendo un risultato verosimile è un
bel successo, è pericoloso implementare un modello del genere in un software, un modello così
fatto modificherà i vicoli alla base (non più incastri), il periodo della struttura i vincoli alla base
sono elastici il periodo aumenta, la distribuzione delle sollecitazioni cambia, in base al K di
Winckler che è un numero “vago” e il solo fatto che ci sia una variazione del periodo della struttura
è un dato molto rilevante poiché parliamo di un parametro abbastanza importante e sensibile.

Ma come funziona questa trave di Winclker? Innanzitutto dipende da se questa è rigida o


deformabile, poiché cerchiamo di farla rigida poiché ci teniamo ad una ripartizione dei carichi
uniforme, ma poiché la rigidezza è un parametro relativo, nella trave di Winckler a governare la
281
rigidezza è la distanza tra i pilastri, non basta fare una trave con dimensioni molto grandi rispetto
alla sovrastruttura, se i pilastri sono molto allungati, il sistema potrebbe tendere a non avere un
comportamento molto rigido. Attenzione al calcolo, perché se decidessimo di fare il calcolo a mano
nel caso di trave rigida non abbaiamo particolare rogne, cosa diversa se vogliamo invece fare la
trave elastica, con integrali e via dicendo.

La trave, anche se è rigida, localmente tende da scendere un po’, suddividendo di fatto il sistema in
parti più collaboranti e parti meno collaboranti più è rigida più coinvolge tutto l’interasse dei
pilastri, sicuramente dove funziona molto bene la trave è dove c’è la presenza dei momenti perché il
fatto che è molto lunga comporta che se anche l’eccentricità sono grandi (non come nel caso del
plinto dove poi ci ritroviamo solo una piccola parte reagente) nel caso della trave ci troviamo ad
avere tutta (o quasi) la trave reagente e quindi è più efficiente.

Rispetto allo schema fatto, dove ho potuto constatare che la trave con quei carichi (tra cui i momenti
agenti) lavora molto bene, se io penso a questo punto di applicare i momenti nell’altra direzione,
guardando il mio schema il momento applicato in questa direzione troverà una base di
funzionamento cortissima, non potrà mai funzionare, di fatto però perché funziona? Perché
nell’altra direzione, per il sisma, c’è l’altra trave a reagire, questo è il motivo per cui se abbiamo 3
telai “”così”” e niente nell’altra direzione, in fondazione c’è un problema grave, non ci sono i
vincoli, perché chi vincola il pilastro alla base qua in questa direzione? Nessuno! Ci sarà solo sforzo
normale e il telaio finisce con il lavorare solo a sforzo normale, senza incastri perché l’incastro lo
dobbiamo creare noi ma noi in questo caso parliamo di un sistema che non prende momento.
I problemi delle fondazioni sono tridimensionali.

Dal punto di vista delle armature, la trave di fondazione non è un grosso problema perché la trave di
fondazione si calcola, si perviene alle sollecitazioni, e si calcola il diagramma del momento e quello
del taglio. Come è fatto il diagramma del momento? (schema precedente), i momenti risultano
negativi e positivi , viene chiamata trave rovescia proprio perché in termini di andamento delle
sollecitazioni è il contrario di una trave con gli appoggi caricate dalle sigma del terreno.

Lo “sbalzo” serve anche ad evitare che si parta da zero, poiché se non lo mettiamo verrà molto
grande il momento negativo, invece mettendolo lo facciamo scendere un po’.

Dato il diagramma si arma la trave, essa avrà armature superiori e armature inferiori, ci saranno
sempre armature continue però ci possono essere poi delle armature concentrare localmente. In
distinta mi aspetto : armatura inferiore, armatura superiore (continue), poi mi aspetto, dati i picchi di
momento, che possono stare sia in campata che in appoggio e quindi mi aspetto dei ferri aggiuntivi.

Sono tutti ferri calcolati, c’è da fare attenzione soltanto al fatto che non è una trave soggetta ai
vincoli sismici delle travi con capacity design , cioè non si deve fare la gerarchia taglio momento,
non si devono considerare le cerniere plastiche, non si devono prendere in considerazione i limiti di
armatura né nelle armature né nelle staffe. I calcoli delle fondazioni sono basati su criteri di
resistenza e rigidezza, non si progetta per duttilità, ammettere la duttilità in fondazione significa
ammettere grandi deformazioni in fondazioni, e se cede la fondazione cede tutto l’edificio, non ci
deve essere plasticizzazione in questi elementi (Capitolo 4 ).

282
Si mettono anche le staffe le staffe nella struttura di fondazione non si mettono mai in
corrispondenza del pilastro proprio perché si devono estendere (con passo meno fitto) le staffe
presenti nel pilastro, quindi le staffe partono dal filo del pilastro.

Non è opportuno distribuire i ferri calcolati lungo tutta la lunghezza, sarebbe sempre opportuno
concentrarli nella parte e una percentuale un po’ più piccola in altre parti a meno che non sia molto
stretta in questo caso conviene metterli uniformi (ferri
inferiori). Ci saranno due staffe: una è quella vera per
il taglio, quella calcolata, il taglio viene preso dai ferri
di anima, solo le staffe presenti qui possono prendere
il taglio. Un'altra (orizzontale), questa si porta dietro la
necessità di portarsi dietro dei ferri fuori calcolo, se lo
spazio è molto grande si mette un ferro ogni 20/25cm
per non lasciare mai il cls da solo magari ferri più
piccoli, in ogni caso mai ferri minori del 12, perché
minori del 12 non si può usare.

La staffa orizzontale non è calcolata a taglio, ma è calcolata tenendo conto che in un direzione io
avrò comunque la del terreno.

La del terreno sarà variabile,


per effetto di questa sigma avrò
un momento flettente, e il ferro
che mi serve qua è dato questo
schema. Il piedino è
consigliabile farlo tozzo. Non si
calcolano ferri su un elemento
non sollecitato a taglio
(piedino), se è alto quanto è
lungo non sarà dunque
necessario calcolare i ferri per il taglio, la resistenza sarà garantita dalla resistenza a trazione.

283
In generale armatura di calcolo più ferri in più per il fenomeno del ritiro ad esempio (ferri fuori
calcolo). La norma non dice nulla; nel caso di trave di fondazione la staffa non necessariamente
deve essere chiusa a 135°, perché questa chiusura a 135° della staffa è per la duttilità ma non
abbiamo in questo caso questa necessità. Aperta o chiusa (duttilità e confinamento) non è così
importante poiché questa non è progettata per duttilità ma per resistenza e rigidezza, meglio
sovrabbondare in questo senso piuttosto che mettersi a vedere questi dettagli.

4.5.2.1.3. Platee
Platea significa che facciamo una piastra, un elemento
tridimensionale poggiato sul terreno, non a grandi
profondità.

La platea ha problemi di rigidezza, sarebbe dunque


opportuno che avesse una buona rigidezza perché nel
momento in cui applichiamo dei carichi localmente
potremmo andare incontro agli stessi problemi visti per la
trave, cioè se l’elemento è deformabile lo sforzo tende a
concentrarsi in tensioni locali. Immaginiamo di avere un
foglio di gomma molto sottile sulla sabbia e di applicare una forza su questo in quel punto
“affonda” non distribuisco, se invece la piastra è rigida vado a distribuire tutti i carichi.

Quindi, lo spessore della platea deve garantire una certa rigidezza, ad esempio per un edificio
abbastanza consistente, se devo fare una platea di 79/80cm che non è economico, ma se i pilastri
sono lontani dovrà avere per forza uno spessore elevato per garantire una certa rigidezza, Esiste a
tal proposito una soluzione strutturale che è la platea nervata, che è una via di mezzo, cioè è un
sistema con platea più delle travi in corrispondenza dei pilastri (nervata dalle travi).

Le nervature la rendono rigida, spessore da 30/40cm + travi (nervature). Il lavoro del c.a. lo
garantiscono le travi localizzate, la platea intera serve per diffondere meglio sul terreno quindi per
aumentare il carico limite, ma non per cambiare il calcolo, per il carico limite sfrutto la platea,
quando arrivo a fare il calcolo delle armature mi “stacco” il graticcio di travi, ignorando il resto,
perché la concentrazione degli sforzi starà dove c’è maggiore rigidezza, gli elementi più rigidi si
caricano di più.

284
Se non c’è questo concetto di platea + travi ma è una piastra piatta la nostra struttura di fondazione,
anche se lo spessore è uguale dappertutto non è vero che in carichi interesseranno allo stesso modo
tutto l’elemento perché in ogni caso c’è una concentrazione degli sforzi in tutti gli elementi, quindi
c’è una notevole concentrazione locale che richiede una concentrazione di armature e delle
verifiche localizzate in corrispondenza dei pilastri, quindi l’armatura deve essere infittita in
corrispondenza dei pilastri, il calcolo dell’armatura dipende da come lo facciamo, il problema da
risolvere è quello di una piastra bidimensionale.

Una piastra ha momenti in entrambe le direzioni, oltre a questo c’è da considerare che la piastra non
è caricata uniformemente perchè se lo fosse si potrebbe pensare di predisporre una armatura
uniforme. Quando su una piastra arriva un carico concentrato ci si deve chiedere quanta parte di
piastra reagisce al carico: nasce un problema di larghezza
collaborante, di area collaborante, un classico problema
degli elementi caricati localmente che poi si traduce in un
problema di diffusione, sarebbe bello se una piastra
caricata da un pilastro prendesse una
tensione pari a cioè il rapporto tra lo sforzo normale
prodotto dal pilastro e l’area della piastra, ma non è così,
non è detto che sia così, non è una cosa banale. Esiste
un’area collaborante.

In questa ottica, se lo si volesse fare a mano ci si dovrebbe porre questo problema, qual è la
larghezza coinvolta dallo scarico del pilastro? Tutta? Metà? O è troppo larga e non viene coinvolta?

Dovendolo fare a meno sceglierei una larghezza collaborante più o meno accettabile, quindi in
termini di armatura possiamo pensare di infittire una data zona intorno al pilastro (punzonamento),
inserire inoltre un armatura longitudinale tra tutte le pilastrate e qualche ferro fuori calcolo.

285
Questo approccio è un approccio conservativo rispetto alla realtà, è sicuramente un approccio che a
mano è abbastanza serio. Se invece si utilizza un software, questo non si pone questi problemi,
questo ha un modello implementato, ha quindi delle equazioni. Esistono delle equazioni che
gestiscono i problemi delle piastre e delle piastre su suolo elastico, non si possono risolvere in
forma chiusa, se non in casi particolari. Attenzione però, perché il software risolve il calcolo
elastico lineare della piastra proprio come De Saint Venant fa nella trave.

Il progetto delle armature nel bidimensionale è un secondo problema, perché il c.a. si fessura e non
è resistente a trazione quindi ci vorrà un modello per il c.a. in bidimensionale e su questo ci sono
dei fortissimi dubbi su come possa fare un programma di calcolo, mentre invece se lo facciamo a
mano scegliamo un modello come quello alla De Saint Venant (modello monodimensionale) ma è
meglio poiché i software in commercio non sono del tutto affidabili. Fatto a mano il consiglio è
quello di riconoscere delle fasce di collaborazione con i pilastri e fatto ciò il problema diventa un
problema tipo “traliccio di travi” avrò un carico limite migliore un po’ più alto (il viene fuori
dallo studio degli effetti di una piastra,in questo caso, sul terreno).

Un altro problema tipico delle platee, dovuto al fatto che il pilastro è un elemento molto sottile
mentre la platea è molto estesa, quindi riguarda elementi di piccola dimensione che sono collegati
ad elementi bidimensionali.

Ma è vero anche per il contrario ad esempio un pilastro al di sotto di una soletta in c.a., si genera un
problema locale che prende il nome di punzonamento: fenomeno che vede il pilastro che ha un area
molto piccola (appoggia con un area molto piccola) e appoggia su un elemento sottile, tende a
bucare l’elemento (es. pratico, foglio di carta bucato da penna, non viene bucato per la forza che
facciamo, ma la punta è così sottile da creare, localmente, una tensione elevatissima, se penso di
appoggiare 100kg su un tavolo , il tavolo li regge ma se penso di appoggiarli su un chiodo poggiato
sul tavolo sebbene li regga ugualmente si farà un buco, provocato da queste enormi tensioni locali).
In genere gli effetti locali non sono previsti dai software di calcolo che tengono conto
essenzialmente degli effetti globali. Sul punzonamento l’EUROCODICE2 fornisce tutta una serie
di informazioni, anche in modo abbastanza complicato, per la verifica a punzona mento
dell’elemento, in NTC Italiana abbiamo un estratto dell ‘EUCOD2 (è quindi molto ridotto).

286
Vediamo qual è il ragionamento che si fa per fare la verifica (senza guardare le formule, che sono in
normativa).

Si cerca di individuare una superficie di diffusione all’interno dell’elemento; la situazione


peggiore sarebbe quella che vede l’elemento entrare nella soletta mantenendo la sua
dimensione.

Questo ci darebbe delle tensioni tangenziali che vanno a sollecitare il materiale fino al limite
che è rappresentato dalla resistenza del cls. Questa è un po’ cattiva come ipotesi ma non è
neanche vera perché quando l’elemento entra tende a coinvolgere un tronco di piramide; se
invece consideriamo che diffonde, significa che la zona che viene interessata assume questa
forma:

Vediamo che dimensioni ha la zona che si è generata, questa è prevalentemente funzione


del’angolo alfa che si è generato, la zona, formata da grandezze note si può facilmente
ricavare. A questo punto possiamo individuare la sezione dell’area laterale considerando un
pilastro rettangolare

Si moltiplica per 2 perché sono uguali a due a due i lati.


Su quest’area laterale (immaginando che dalla definizione di questa arriviamo a definire
anche la parte che si fessura) vediamo come il meccanismo fa sì che una parte del sistema si
stacchi proprio perché c’è il raggiungimento della massima tensione di trazione del cls e l’
la identifica.

287
Proiettando la otteniamo la componente verticale, che è quella che mi interessa poiché si
oppone alle sollecitazioni (N):

Per non rompersi:

Dove:
è la componente verticale della resistenza massima a trazione del cls di
progetto;
è la max. forza che posso portare ortogonalmente.

Il sistema si rompe al raggiungimento della tensione massima di trazione lungo un lato


(questo lato rappresenta una dimensione della area laterale di diffusione che stiamo
considerando per la verifica). Le formule dell’EUCOD2 mettono nelle formule una serie di
coeff. che identificano il problema .
Detto ciò posso pensare di aiutarmi con l’inserimento dell’armatura, la così detta armatura
per punzonamento, questa deve essere disposta in maniera tale da cucire la fessura che si è
generata, calcolo quanta area mi serve per assorbire la tensione e metto l’armatura; sebbene
di difficile inserimento sono le migliori, fare attenzione affinché il braccio sia piegato in
corrispondenza della fessura cioè dobbiamo sagomare il ferro dove immaginiamo che si
instauri la fessura quando si attiva il meccanismo di rottura (come foglio di carta con
scotch); c’è un’alternativa, ovvero se li mettiamo dritti, questi funzioneranno per
componente poiché la trazione che devono prendere resta inclinata, questa alternativa
prevede una facilitazione in termini di disposizione.

In conclusione se c’è problema di punzona mento si aggiungono delle armature localizzate,


non solo quella di sotto e quella di sopra perché potrebbe non bastare, si mettono degli strati
intermedi di armatura, esiste la possibilità di inserire una rete aggiuntiva intermedia magari
tra i ferri sup. e inf. (come riportato nella pianta precedente).
Per capire se abbiamo dimensionato un sistema infinitamente rigido, ad esempio su un
software di calcolo, andiamo a guardare le tensioni sul terreno, se la distribuzione delle
tensioni sul terreno presenta molti picchi e non è uniforme la platea non è sufficientemente
rigida. Le tensioni devono presentare i valori medi molto vicini ai valori massimi affinché la
platea sia infinitamente rigida, altrimenti è come se l’avessimo progettata per punti.

288
4.5.2.1. Fondazioni Indirette (profonde)

4.5.2.1.1. Pali di Fondazione


Sistema per trasferire il carico della sovrastruttura non su una
superficie ma lungo una superficie, il palo può avere due funzioni
dal punto di vista di trasferimento dei carichi: carico laterale che si
oppone e carico di punta. Ci sono ad esempio sistemi generati per
far sì che il carico venga portato ad uno strato di roccia ad
esempio e quindi in quel caso si sfrutta il carico di punta
(prolungamento dei pilastri fino allo strato di roccia); se invece il
terreno che raggiungo con la punta non ha caratteristiche
meccaniche sufficienti per portare il carico io utilizzo la capacità
laterale del palo, in questo caso, la lunghezza dipende dal carico,
più è lungo il palo più superficie avrò, più grande sarà il carico
che riuscirò a portare.

La lunghezza è funzione del calcolo della portanza laterale.

La portanza laterale dipende dal terreno attraversato,ogni terreno attraversato avrà una capacità
portante differente,non solo, il terreno risente anche della profondità (la profondità in cui si trova),
infatti, più andiamo in profondità ,più c’è una tensione verticale, più c’è una resistenza laterale
(formule geotecniche per valutarla).

4.5.2.1.1.1. Plinto su 1 Palo


Per valutare qual è lo sforzo che arriva sulla testa del palo bisogna passare attraverso la struttura di
fondazione, per capirlo dovrò tornare indietro e ricordare come è fatta la fondazione su pali quindi
la sovrastruttura poggerà su una delle strutture che abbiamo già visto fin ora (infatti può essere
anche una platea, questa, il palo sarà disposto al di sotto di essa), in genere c’è il plinto in mezzo
poiché non dovendo essere troppo grande (è cmq il palo quello deputato allo scarico in
fondazione). Ci sono anche delle strutture particolari, ad esempio una pala eolica, megasforzo in un
punto, per cui il sistema sarà quello di una grossa platea su pali, stessa cosa per un serbatoio.

289
Molto comune negli edifici è l’utilizzo del plinto isolato per la sistemazione con palo.

Se il plinto fosse a un palo che è proprio il caso in cui trasferiamo lo sforzo normale al palo che c’è
al di sotto, il cubo (gabbia di armature) è 5/10 cm più grande del palo e la sua armatura non si
calcola (quando si parla di cubo ci si riferisce all’elemento (plinto) predisposto tra pilastro e palo)
l’armatura deve essere continua tra pilastro e palo (al massimo il palo può essere leggermente più
largo del pilastro), in pianta si vedono i tanti ferri in orizzontale che vado a predisporre, oltre a
questi ci andranno quelli verticali, crea dunque una maglia. Questa gabbia di armature non ha un
calcolo vero e proprio. Non è tipico il plinto ad un palo, o meglio è tipico degli edifici non sismici,
dove a preoccuparci è solo lo sforzo normale (N), ed ho semplicemente una situazione dove i terreni
in profondità hanno migliori caratteristiche meccaniche e per non scendere con il pilastro libero
scendo con un palo poiché questo ha un’altra tipologia di realizzazione e non va bene scavare tanto.

4.5.2.1.1.2. Plinto su 2 Pali


Il primo plinto che assorbe ad esempio anche il momento flettente quindi è utile in zona sismica.
Poiché qui i pali sono due, questi dovranno stare ad una certa distanza tra di loro, noi sappiamo
dalla geotecnica che la distanza tra due pali si stabilisce in modo che non si creino sovrapposizioni
tra i due bulbi altrimenti si riduce la loro resistenza, esiste una distanza minima che scongiura
questo problema e solitamente vale 3d (d: diametro del palo), così i pali sono i piena efficienza.
Posso predisporli come voglio, in qualsiasi direzione o in diagonale ad esempio, questo lo decide il
progettista in funzione da come lavora il palo.

290
Partendo dallo schema, vediamo come si caricano i
pali, si fa l’ipotesi non ha un contatto con il terreno
tale da scaricare qualche sollecitazione, va tutto sui
pali, è come se il plinto non lo considerassimo (lo
trascuriamo). Quindi plinto infinitamente rigido (non
deformabile), dallo schema si vedono le sollecitazioni
che arrivano sui pali ,plinto abbastanza alto.
Facciamo un piccolo focus sulla ripartizione delle
sollecitazioni sui pali, che se iniziano ad essere più di
due dipende dalla rigidezza nel senso che se il sistema
al di sopra è rigido i pali prendono tutti lo stesso
contributo, se il sistema è deformabile allora ciò che
prendono i pali dipende dalla loro distanza dal
pilastro, quindi è bene che il plinto sia rigido.

Date le sollecitazioni sui pali:

dove

Se il momento flettente e il taglio sono dovuti al sisma, il segno non ha nessuna importanza (il
sisma si inverte di segno), dunque, dobbiamo tenere in considerazione questo dato e procedere
facendo il calcolo per la situazione peggiore; ad esempio, se il palo è compresso, la situazione
peggiore sarà sicuramente quella della somma, ma potrebbe capitare anche che uno dei due pali
possa andare a trazione e quindi vanno fatte le verifiche, in generale il palo in trazione sarebbe bene
non averlo, perché perderebbe la portanza di punta, tra l’altro il terreno non è un materiale
simmetrico (non lavora ugualmente a compressione e a trazione) ciò comporta altre problematiche,
in alcuni casi si fa andare in trazione quando gli sforzi normali sono bassi ed i momenti sono alti
cosa che può capitare sotto degli elementi di controvento elementi che servono, nelle
strutture sismiche per portare i soli carichi orizzontali e non quelli verticali.

Il palo va verificato per lo sforzo al quale è sottoposto, oltre alla verifica geotecnica, c’è il
progetto/verifica strutturale sia del palo sia del plinto.

Nel caso di plinto a due pali, il plinto si presenta come una travetta anche se è tozzo (di fatto non
lavorerà proprio alla De Saint Venant) però si può anche approssimare.

291
Questo modello di calcolo si può fare in due modi:

1) se il plinto è molto allungato, si può assumere come una mensola. La lunghezza della
mensola considerata è pari alla distanza tra la faccia del pilastro ed il baricentro del palo.

A questo punto ci preoccupiamo dell’armatura nel plinto: staffe (a taglio), ma potrei


aggiungere anche un ferro sagomato (si legge benissimo la sua funzione connessa alla
formazione delle fessure), questo assorbirà la tensione in trazione che si genera dopo la
fessurazione + armatura longitudinale (a flessione) + armatura superiore (fuori calcolo
perché sopra non ci sono fibre tese per cui questa è un’armatura secondaria). Vado a
progettare l’armatura calcolata con le sollecitazioni viste nello schema precedente. Se il
plinto è molto alto ci mettiamo anche un ferro di parete.

292
2) se il plinto è molto tozzo, invece, immaginiamo che la posizione delle reazioni ( ) si trovi
alla stessa distanza dell’altezza del plinto, se ammettiamo la diffusione a 45° posso
riconoscere nel plinto una modalità di trasferimento che non ha niente a che fare con la trave
del De Saint Venant, si avrà la generazione di due bielle compresse che trasferiscono
direttamente sui pali, questo se è abbastanza alto; se un palo è basso tende alla trave, il
problema è tutto nel rapporto altezza/lunghezza, più è lungo rispetto all’altezza più si
comporterà come trave ma è anche deformabile e sarebbe bene non farlo molto deformabile.

Dallo schema capisco che mi serve un elemento che prenda la trazione che sarà un’armatura,
è nella stessa posizione di quella vista nel caso precedente in questo caso rappresenta la
“chiusura” del triangolo ottenuto che si può vedere nello schema riportato, questo lo si può
anche vedere come un arco a spinta eliminata abbiamo visto uno schema di funzionamento
puntone –tirante dove l’arco apre e la catena lega che si ha in presenza di un elemento tozzo)
il calcolo in questo caso va fatto per componente, cioè significa che l’armatura deve
prendere una trazione funzione dell’angolo ,
Se è verificato così il plinto tozzo posso star certo che non avrò problemi.

In generale, allo SLU, capiti i possibili meccanismi di rottura intervengo con la predisposizione
delle armature, è questo il criterio di massima che io devo tenere sempre a mente.

293
Come orientare il plinto?

L’orientamento dipende anche dal momento flettente, perché ad esempio il plinto a due pali prende
il momento flettente soltanto sulla linea che unisce i due pali. Si capisce bene che il plinto a due pali
è un po’ carente in sismica in quanto quando arriva il sisma il momento agisce sicuramente in una
direzione, ma c’è una percentuale in un’altra direzione e questo sistema non è in grado di fornire
buone risposte in questo senso. Potrei , in zona sismica decidere di non usare il plinto a due pali che
va benissimo per carichi verticali, oppure potrei decidere di orientarlo in maniera particolare in
modo da avere in entrambe del direzioni interessate comunque un aliquota di resistenza, ci sarà
sempre un braccio capace di assorbire in entrambe le direzioni le sollecitazioni sismiche.

In generale mettendo un plinto su più pali ci sono aspetti positivi nella resistenza rispetto al
momento, tuttavia, ci sono anche aspetti negativi, pensando allo sforzo normale dato dalla somma
dello sforzo normale N e il rapporto momento/braccio , se vengono predisposti pochi pali, lo sforzo
normale di compressione si riduce e il momento aumenta e si rischia di mandare il palo in trazione ,
quindi un pilastro d’angolo, che presenta un carico sicuramente inferiore a quello degli altri genera
il rischio di mandare in trazione il palo.

Un accorgimento che si può adottare è quello di mettere i pali più distanti tra loro, aumentando il
braccio l’effetto del momento diventa più piccolo, (es. 3d 4d problemi di costo, dovrò fare il
plinto più grande, ma migliore soluzione).

Orientamento: scelta del progettista.

Poiché i pilastri hanno sforzi normali e momenti diversi, all’interno della stessa pianta possono
essere presenti plinti a 2 pali, plinti a 3 pali, plinti a 4 pali , etc.

294
4.5.2.1.1.3. Plinto su 3 Pali
Considerando le distanze 3d tra ogni palo vi sarà la generazione
di un triangolo equilatero, questo è indice del “funzionamento
palo-pilastri”, dopodiché mi servirà una forma da assegnare al
plinto che mi consente di collegare il tutto, le parti che escono al
di fuori del pilastro sono piccole, ma sono utili per la
predisposizione di una casseforma, per sagomare un ferro,etc.,
sono delle zone non calcolate perché le sollecitazioni si fermano
sul palo (10cm oltre il palo).

Partiamo da una considerazione sull’elemento, detto che arrivano il solito M,N,V e che possono
arrivare in tutte le direzioni (sisma), potrei vedere questo sistema come se ognuno di questi fosse
collegato all’elemento principale, quindi disegno un sistema con 3 denti collegati ad un braccio
principale poiché è questo lo schema a cui farò riferimento, un parallelo possiamo farlo con gli
alberi di natale artificiali che poggiano su un piedistallo mai a 2 (ribaltamento) bracci ma da
3(trepiede) in su.

I piedi sono come delle mensole di braccio l (si vede anche nella pianta), quindi lo schema a cui
facciamo riferimento è quello di una mensola incastrata nel plinto, nel nostro caso 3 mensole.
Questa schematizzazione mi suggerisce come mettere al meglio l’armatura, nel senso che mettiamo
l’armatura proprio come sono fatti i tre piedi, dicendo che sono queste 3 travi che sono dentro al
cubo, perché il cubo non lavora tutto, lavora la parte del cubo che serve, quella che mi aiuta a
congiungere la sollecitazione che arriva con la risposta del palo, quindi individuo 3 mensole.

295
Nella sezione ricavata vedo il ferro longitudinale + quello sagomato in modo tale che assorba il
taglio, dall’eventuale distinta che uscirebbe da qui capiamo che in questo caso sarebbe più
opportuno fare le distinte rispetto alla pianta. Quindi le armature a flessione le mettiamo valutando
le tre mensole oppure il sistema di diffusione questa volta a 3 pali anziché 2. Dalla pianta sono
visibili le armature inserite. Le armature a taglio sono più difficili da decidere poiché se le
dovessimo vedere come staffe dovremmo mettere delle armature in modo da creare 3 travette,
questo è inusuale, siamo più propensi a mettere i ferri inclinati (sagomati) si vedono dalla sezione
AA. Quelle viste sono le armature calcolate, dopodiché andiamo a predisporre altra armatura poiché
non si lascia mai il cls senza armatura e le mettiamo lungo tutto il contorno, si vede dalla pianta.

C’è un’alternativa, qualcuno la utilizza, anche se non ci


convince tantissimo, funzionante soltanto nel caso in cui il
pilastro è molto grande, il ragionamento è legato alla
creazione di 3 travi diverse dalle precedenti,il pilastro
poggia sopra, se è piccolo buca in mezzo, ma in realtà esso
tende a diffondere un po’, si aggiunge dell’armatura. C’è un
problema tecnico, ci sono più strati di armatura che arrivano
nello stesso punto, si sovrappongono, problema di contagio.
Nel caso precedente non c’era questo inconveniente.

296
Il calcolo di N nel singolo palo si fa considerando il sistema di analisi seguente; si arriva alla base,
ogni palo prende , con .

Il momento M, viene calcolato prendendo ad esempio un sistema,costituito dai tre pali, in base
all’orientamento del palo e alla direzione scelta del momento. (Capire come cambia la ripartizione
in base al diverso segno del momento).

Se il momento non è allineato con nessuno dei pali e va per componente, si dovrà fare una
ripartizione, stabilendo l’asse del momento che potrebbe essere un asse qualsiasi, si calcolano le
distanze dei pali dall’asse (di : distanza del palo i-esimo dall’asse) e si stabilisce che ognuno di loro
prende uno sforzo normale Ni che è dato da:

Una ripartizione come quelle che vediamo nella formula di Navier, o tipo frangia dei bulloni, ha la
stessa forma), ovviamente sempre nell’ipotesi che il plinto è rigido.

297
4.5.2.1.1.4. Plinto su 4 Pali
Tendenzialmente è quadrato ma non è detto, si può anche fare diversamente.

Lo schema di lavoro più efficiente è quello che vede la formazione di 2 travi, 2 travi appoggiate, dal
disegno si evince quali sono le sollecitazioni agenti sulle travi quindi le reazioni della trave,
partendo da questo schema andrò a calcolare le armature.

Possono essere interpretate o come detto in precedenza o come 4 mensole incastrate nel punto
coincidente con la posizione del pilastro.

Sulla trave appoggiata calcoleremo le armature inferiori.

Sono presenti anche le staffe per assorbire le sollecitazioni di taglio, attenzione: le staffe non
passano mai nella zona del pilastro (sotto di esso per intenderci, si vede dalla sezione riportata).

Inoltre sono presenti dei ferri fuori calcolo molto più larghi, mettiamo una rete, sia sopra che sotto.

298
Riportare le distinte, facendo attenzione alle quote dei ferri e capendo se le armature possono
davvero entrare, quindi è sempre conveniente fare il disegno “prima” del calcolo, dobbiamo fare
attenzione e capire se le armature possano davvero entrare nell’elemento progettato. Si fa prima il
progetto e poi il calcolo. Progetto significa che se io ho deciso di inserire in un determinato modo le
armature allora potrò rifarmi a schemi statici come mensola o trave appoggiata, diversamente potrei
avere anche altri schemi (come ad esempio quello che si riporta sotto).

N.B. Progetto- Disegno- Calcolo delle armature.

Si riporta un’ alternativa di armatura:

questo è uno schema che non convince a meno che il pilastro è


molto grande,non solo, dovrò avere anche un plinto molto alto
allora avrò una buona diffusione (diffusione a 4 a 45°). Se il
plinto è più piatto la cosa diventa pericolosa poiché si crea una
trave quando diffonde e se questa trave non è armata , potrei
avere più problemi.

299
Sollecitazioni sul palo

Il modello di calcolo usato per schematizzare il palo è un modello alla Winckler (i colleghi di
geotecnica dicono che non va bene ma i software questo fanno) tale modello è elastico lineare e
prevede K variabili lungo l’altezza poiché le rigidezze ovviamente sono variabili; se siamo in
campo elastico-lineare di calcolo, nonostante la geotecnica fugga dal Winckler, a me che faccio una
struttura come faccio una fondazione diretta e la metto su Winckler, non mi serve fare calcoli non
lineari, se poi ho un modello non lineare anche della struttura allora è il caso che io inizi a pensarci,
ma in un modello lineare ci metto Winckler. Il plinto è visto come un doppio pendolo (molto
rigido). Una volta caricato con il taglio, nascerà un diagramma del momento, tipico schema della
trave di fondazione).

Per il calcolo a rottura si vede il (momento ultimo del palo) ipotizzando una cerniera ad una
certa altezza.

Si prendono i valori massimi delle sollecitazioni, in genere sono sempre i punti d’attacco quelli più
sollecitati, si prende la sezione e si fa la verifica a pressoflessione.

Di solito i ferri si distribuiscono in maniera uniforme, anche se


il momento è direzionale, le armature da taglio sono o spirali
(più frequenti) o cerchi. Il momento così come il taglio
diminuiscono con l’altezza ovviamente ci sono più ferri in
sommità. Quando si rompe il palo è buona regola che
l’armatura di sotto entri dentro al plinto, come l’armatura del
pilastro entra dentro al plinto e sarebbe bene far entrare anche
l’armatura a taglio, dato che il punto di massima sollecitazione
è l’attacco e non è il caso di interrompere l’armatura proprio
all’attacco, questa cosa in cantiere è di difficile applicazione
perché una volta entrati i ferri a spirale i ferri del plinto non si
riescono più a montare,problemi tecnologici. Si può fare un
compromesso, far fermare l’aspirale ad un certo punto e far
entrare degli anelli per chiudere i ferri.

300
4.5.2.1.1.5. Plinto su 5 Pali

301
4.5.2.1.1.6. Plinto su 6 Pali

302
4.6. Pareti
È anche questo un sistema resistente ed, in particolare, è un elemento bidimensionale. Mentre, un
elemento monodimensionale (come una trave o un pilastro) è caratterizzato da una dimensione che
prevale rispetto alle altre due, nell’elemento bidimensionale abbiamo due dimensioni paragonabili
che prevalgono sulla terza:

In generale le pareti sono caratterizzate da rapporti di allungamento pari a .

La parete strutturalmente si comporta come travi e pilastri negli edifici a telaio, parleremo, allora,
di edifici a pareti.

Consideriamo una pianta tipo di edificio a parete con l’aggiunta di qualche pilastro:

quando abbiamo a che fare con gli edifici a parete, non è


detto che ci siano solo pareti come elementi strutturali,
infatti, potrebbero esserci anche i pilastri perché in generale
la parete è un elemento molto resistente e ne bastano
poche per assorbire tutte le sollecitazioni, i pilastri negli
edifici a pareti prendono i soli carichi verticali.

La parete si riconduce molto al taglio, cioè, nella parete l’effetto del taglio è significativo e non può
essere trascurato come accadeva nel caso di un elemento monodimensionale.

303
La parete funziona come una mensola, quindi, si riporta lo schema statico di una mensola.

La progettazione in zona sismica è tesa alla formazione di un meccanismo globale


(cerniere plastiche in più elementi possibili); nel caso della mensola la cerniera
può formarsi soltanto alla base, quindi, gran parte della capacità rotazionale cioè
della duttilità si ha alla base. Paradossalmente potrebbe sembrare che, visto che la
cerniera plastica si può formare in un solo punto (alla base della parete), gli edifici
a pareti siano meno dissipativi, in realtà non è così: sebbene ci siano meno punti in
cui possono formarsi le cerniere plastiche va considerato il fatto che in un edificio
di questo tipo non c’è una singola parete, infatti, in un edificio a pareti abbiamo
una distribuzione di pareti e quindi in generale ci saranno più punti in cui si possono formare le
cerniere. In conclusione un edificio a pareti è sicuramente meno duttile di un edificio a telaio
tuttavia abbiamo una certa distribuzione della duttilità dovuta al fatto che un edificio a pareti è
costituito da più elementi.

Tanto è vero che il fattori di struttura per le pareti che troviamo sulla norma sono dello stesso ordine
di grandezza di quelli per gli edifici a telaio perché in un sistema a pareti, formato dunque da tante
pareti c’è una serie di zone in cui possono formarsi le cerniere plastiche garantendo quindi una
distribuzione della duttilità. Quando abbiamo visto la definizione del fattore di struttura:

abbiamo detto che dipende dalla tipologia costruttiva (telaio, pareti, misti telaio/pareti): per la
norma un edificio a parete è un edificio in cui più del 65% dell’azione sismica è assorbita dalle
pareti, quindi, se questa percentuale non è superata si parla di edifici misti telaio-pareti (la norma fa
questa distinzione quando entra in gioco il fattore di struttura), potremmo trovare anche delle travi
nel sistema, anch’esse sono presenti per la sola resistenza dei carichi verticali.

La parete si sviluppa su più elementi ed è soggetta ad una certa distribuzione di forze con
conseguenti diagrammi del momento e del taglio con massimo valore nella sezione di base:

La zona in cui dovrà formarsi la cerniera plastica coincide con la zona in cui sono massimi
momento e taglio cioè alla base dove si ha sia il massimo del taglio che del momento.

304
Dagli andamenti delle due deformate flessionale e tagliante (rappresentate di seguito) si evince che
lo spostamento è caratterizzato dal contributo tagliante e da quello flessionale
dunque, in nessun modo nelle pareti può essere trascurata la deformabilità a taglio, che è
significativa.

Consideriamo una mensola caricata da un carico uniformemente distribuito di cui si rappresentano


taglio e momento (cambia solo la forma ma l’andamento significativo è sempre quello). Si notano
ancora i massimi nella sezione di base; questa, è solo una semplificazione che operiamo per trattare
questi elementi resistenti, fermo restando che noi andremo ad applicare sempre una distribuzione di
forze ai vari piani e non un carico uniformemente distribuito.

Il caso più semplice da considerare è dato dalla singola parete piena o cieca, ma, la parete può avere
anche dei fori (apertura finestre). Sicuramente un edificio a parete è meno flessibile nei confronti di
eventuali aperture rispetto ad un sistema a telaio: se prevedo un’apertura non sarà modificabile
(estendibile ad esempio), dunque, ne risentirebbe lo schema statico, idem nel caso di parete cieca
nella quale si vorrebbe predisporre un’apertura, non sarà possibile cioè si potrebbe stabilire solo in
fase di progettazione.

305
Si prevede il progetto di un edificio a pareti quando si vuole concentrare l’azione sismica in pochi
elementi, utile da una parte ma negativo nei confronti delle fondazioni perché queste in
corrispondenza delle pareti saranno molto caricate, di conseguenza lo sarà anche il terreno. Questo è
un limite o un possibile limite di questi edifici; la problematica non si pone, invece, in edifici a
telaio dove ho uno scarico più o meno uniforme. In questi edifici dovrò avere certamente un terreno
caratterizzato da buona portanza.

La presenza di fori caratterizza la risposta delle pareti. Si distinguono:

Piene fori piccoli


Pareti
Forate fori grandi

fori intermedi

Si comportano in maniera differente hanno diversi progetti, diverse armature e diversa


predisposizione delle armature.

4.6.1. Parete piena


Per analizzare la parete dobbiamo applicare ad essa una distribuzione di forze, normalmente , ad
esempio quando si fa un’analisi statica lineare, si adotta una distribuzione forze, per semplicità e
solo per semplicità, facciamo riferimento ad un carico uniformemente distribuito:

Vediamo cosa possiamo dire rispetto al comportamento, partiamo dal caso del momento flettente
nella sezione di base. Il momento totale (momento alla base indotto dal carico distribuito) è
calcolabile come:

306
Vediamo l’effetto di questo momento per una sezione qualsiasi poi passiamo al c.a.

Per effetto di questo momento sollecitante, se fossi in campo elastico lineare, avrei un diagramma
delle tensioni a farfalla come di seguito riportato. Se faccio riferimento ad una sezione in c.a. in
realtà è più o meno lo stesso andamento: nel cemento armato avrò una certa posizione dell’asse
neutro e quindi un diagramma con una zona compressa e una zona tesa (nel diagramma,
considerando che il cls non è reagente a trazione vediamo come la parte a trazione non è
rappresentata). Sapendo che il momento mi trasferisce una compressione in una zona ed una
trazione nell’altra inevitabilmente la trazione dovrò assorbirla mettendo delle armature:

Inoltre, considerando che il sisma inverte di segno avrò le armature sia da un lato che dall’altro;
ovviamente, in questo caso il diagramma delle tensioni sarà l’opposto del precedente agendo il
momento nell’altro verso.

Vediamo adesso cosa succede per effetto del taglio: consideriamo ancora la sezione di base ed il
relativo andamento delle tensioni tangenziali. Utilizzando la formula di Jourawski, la tensione
tangenziale massima è al centro: per una sezione di base rettangolare, l’andamento è quello tipico
per queste sezioni con asse neutro nella mezzeria e massime tensioni tangenziali in quel punto.

Formula di Jourawski

307
Note le sollecitazioni che nascono del caso di parete piena si passa al calcolo delle armature.

4.6.2 Parete forata

4.6.2.1. Fori Piccoli


Abbiamo inserito dei fori nella parte centrale dell’edificio ma il diagramma del taglio e del
momento non cambiano, infatti, lo schema è sempre quello di una mensola e in uno schema
isostatico le caratteristiche interne della sollecitazione dipendono solo dal carico agente, quindi,
ancora una volta momento e taglio massimo sono nella sezione di base. di larghezza e base
dove si riporta il momento considerando che non ho la parte centrale che è quella occupata dal foro.

Guardiamo adesso il diagramma delle tensioni normali che nascono per effetto del momento: i fori
se sono piccoli, soprattutto se si trovano nella parte centrale, vanno a capitare in una zona dove le
tensioni sono basse o pressoché nulle. Pensando ad esempio al c.a. i fori vanno a capitare a cavallo
dell’asse neutro dove le tensioni già senza fori tenderebbero ad estinguersi. Ciò detto, possiamo
ritenere con buona approssimazione che è come se la parete non si accorgesse proprio dei fori per
cui assumerà un comportamento identico a quello di una parete piena. Quindi se volessi progettare
una parete con fori piccoli per il calcolo dell’armatura non avrò problemi poiché si effettua allo
stesso modo della parete piena. In termini di momento flettente possiamo affermare dunque che non
cambia niente tra parete piena e parete a fori piccoli.

Vediamo nei confronti del taglio qual è il comportamento della parete a fori piccoli. Quando la
parete era piena abbiamo detto che per effetto del taglio nascono delle tensioni tangenziali e,
siccome le tensioni tangenziali massime sono al centro, faccio riferimento alla zona centrale; nel
caso di fori piccoli, però, in corrispondenza del foro (al centro) non possono esserci tensioni
tangenziali, tuttavia, queste si possono trasferire ai lati del foro come riportato nella figura
precedente.

308
Nel caso di queste pareti ci interessiamo del comportamento di un elemento in particolare che è
quello al di sopra del foro o contenuto tra due fori, il traverso, elemento orizzontale che collega le
due parti della parete a destra e a sinistra del foro. Se chiamo l’altezza del traverso, considerando
che questo elemento è soggetto a taglio, dovrò valutare il taglio nei traversi e calcolare la resistenza
a taglio degli stessi, dovrò pertanto andare a predisporre delle armature che assorbano il taglio.

Vediamo a questo punto come si calcola il taglio nei traversi:

dove è l’area dei traversi.

Esplicitando la con la formula di Jousawski per il taglio avremo:

dove:

- : taglio applicato
- : inerzia della parete piena (posso considerare parete piena nel caso di fori piccoli e
centrati)
- : momento statico dell’area al di sopra o al di sotto della corda considerata (il
valore è legato al fatto che mi sto mettendo in mezzeria poiché sono interessato a calcolare la
).

In definitiva:

A questo punto noto il taglio nel traverso sarò in


grado di progettare l’armatura per il traverso, ma
che considerazioni ho fatto per descrivere
l’andamento del taglio nei traversi? Non tutti i
traversi saranno soggetti allo stesso taglio, b
cambia lungo l’altezza (spero di aver capito bene,
ma credo di si), quindi il taglio diminuisce dal
basso verso l’alto, mi aspetto che i traversi in alto
saranno soggetti a dei tagli più piccoli,
diversamente quelli più in basso a dei tagli
maggiori, l’andamento è lineare, simile a quello
del taglio complessivo a meno di fattori di scala in quanto ci sono altri termini che concorrono. In
definitiva quando la parete forata presenta dei fori piccoli la possiamo considerare come una parete
piena, tenendo conto, però, della presenza dei traversi che vanno progettati a taglio, poiché,
essendo degli elementi molto corti e molto tozzi, la sollecitazione prevalente per questi è quella di
taglio.
309
4.6.2.2. Fori Grandi

Si nota da subito che la parete è come se venisse separata in due pareti indipendenti tra di loro ( di
larghezza ed non necessariamente uguale), abbiamo, dunque, individuato due pareti che
lavorano separatamente a mensola cioè si fa riferimento a delle pareti di larghezza ed ,
schematizzate come mensole, collegate da pendoli semplici che nascono in corrispondenza dei
traversi. In realtà queste pareti non sono completamente separate perché c’è sempre la presenza del
traverso, elemento orizzontale che in questo caso collega le due parti della parete ( ed ).

Nel caso di parete a fori grandi, i traversi non sono in grado di trasferire né taglio né momento ma
solo sforzo normale; in sintesi, questi traversi si comportano, appunto, come pendoli, come si vede
anche dallo schema riportato in figura: due mensole separate collegate da due pendoli. Le due pareti
non sono dunque completamente separate, ognuna si muove come una mensola ma la presenza del
pendolo impedisce gli spostamenti relativi, quindi, se una mensola si sposta di una quantità pari a
anche l’altra mensola si sposterà della stessa quantità (i pendoli, impedendo gli spostamenti
relativi, mi impongono lo stesso spostamento alle due parti di parete).

La prima considerazione che possiamo fare è che dal momento che ci sono due pareti ci sarà la
possibilità che si formino due cerniere plastiche ognuna alla base di ciascuna parete, quindi, mi
aspetto che lo schema di parete a fori grandi sia più duttile rispetto a quella a fori piccoli: ho quindi
un vantaggio, tuttavia avrò anche uno svantaggio, infatti, perdo una caratteristica fondamentale

310
della parete che è quella connessa alla rigidezza, cioè, la parete a fori grandi è certamente meno
rigida di quella a fori piccoli.

La parete dovrà assorbire il momento totale, vediamo come si trasforma questo momento totale
(diagrammi a farfalla): constatato che abbiamo due pareti indipendenti avremo un momento ed
un momento , per cui il momento totale verrà ripartito sulle due pareti in
funzione della loro rigidezza. Chiamando e le rigidezze delle due pareti, avremo:

Il momento totale, che dovrà essere assorbito dal sistema parete, in questo caso è ripartito per
ciascuna parete nel modo espresso nelle formulazioni riportare sopra.

Ulteriore precisazione/confronto tra il sistema parete piena rispetto a quello a fori grandi è
sull’inerzia:

L’inerzia della parete piena a fori grandi è molto minore rispetto a quella della parete piena, questo
è uno svantaggio della parete a fori grande perché viene meno uno dei motivi che ci induce a
scegliere le pareti: abbiamo detto che le pareti concentrano l’azione sismica in alcuni punti e questo
potrebbe essere svantaggioso a livello di fondazione, però, spesso si scelgono le pareti perché
queste sono elementi molto rigidi che mi garantiscono degli spostamenti piccoli, per cui. quando ho
la necessità di avere spostamenti piccoli. scelgo di adottare il sistema a parete; questa caratteristica
però si riduce al ridursi della rigidezza dell’elemento, cosa che accade nel caso di parete a fori
grandi.

Ovviamente date le caratteristiche diverse della parete a fori larghi è facile intendere che sia diversa
l’armatura di questa rispetto a quella a fori piccoli o della parete piena.

311
4.6.2.3. Fori Intermedi
Anche in questo caso, come nel caso della parete a fori grandi,
possiamo individuare due pareti di larghezza ed , queste
due porzioni di parete, come prima, dovranno assorbire il
momento totale, , ma questo non assumerà
proprio questo valore, come vedremo di seguito.

A cambiare è il comportamento dei traversi, nel caso di fori


intermedi, infatti, i traversi sono in grado di trasferire sia
taglio che momento: se i traversi sono in grado di trasferire
taglio, il taglio nei traversi diventerà sforzo normale per le due
porzioni di parete, questo vuol dire che in questo caso avrò la
presenza anche di uno sforzo normale. A questo punto
andiamo a definire il momento totale, definendo la distanza
tra i baricentri delle due mensole si ha:

Si parla in questo caso di pareti accoppiate: pareti in cui ci


sono dei fori di dimensioni tali da permettere ai singoli
traversi di trasferire sia taglio che momento. L’accoppiamento
è legato al fatto che le pareti non sono più indipendenti ma, grazie ai traversi, abbiamo un
contributo che è indice di accoppiamento tra le pareti. Questa è l’unica tipologia che viene riportata
sulla norma, che scinde il fattore di struttura tra quello delle pareti accoppiate e quello delle pareti
non accoppiate. In realtà la norma è ancora più precisa in quanto dice che si può parlare di pareti
accoppiate se:

ciò significa che possiamo parlare di pareti accoppiate quando questo effetto di accoppiamento, cioè
il contributo di accoppiamento dovuto ai traversi, è almeno pari al 20% di quello totale.

A questo punto bisogna capire qual è lo schema di calcolo:

in questo caso avremo due mensole non


indipendenti, lo schema prende il nome di schema a
telaio equivalente. In linea di principio le pareti le
potrei modellare direttamente come elementi
bidimensionali (SAP elementi shell), però,
ovviamente, possiamo fare anche delle
semplificazioni cioè quella di considerare uno
schema di telaio equivalente (simile a quello che si
utilizza per la muratura): come ci suggerisce il nome
stesso, è come se trasformassimo la parete in un
telaio, quindi è un po’ come se individuassimo elementi trave ed elementi pilastri.

312
Innanzitutto dobbiamo individuare gli assi che per noi saranno travi e pilastri), riportiamo il telaio
ottenuto, aggiungendo però altri elementi funzioni di ulteriori considerazioni: partiamo dalle
differenze tra gli elementi di un telaio (pilastri e travi) e una parete; i primi sono elementi
monodimensionali cosa non valida per le pareti che hanno due dimensioni paragonabili. Per tenere
conto anche dell’altra dimensione si vanno ad inserire dei conci rigidi, attraverso questi si tiene
conto del fatto che la trave che io ho schematizzato in realtà ha una lunghezza che, come si vede
dal disegno in base ai diversi conci rigidi è pari a oppure /2, cioè tengo conto del fatto che
la parte elastica della trave è solo quella corrispondente alla lunghezza del traverso, la stessa
considerazione dobbiamo farla anche in verticale per i traversi , quindi dovrò mettere dei conci
rigidi anche in verticale.

I conci rigidi più importanti sono quelli in orizzontale proprio perché abbiamo detto che la parete si
comporta come una mensola (si vede anche dalla deformata riportata nel disegno) perciò si capisce
bene come ad entrare in gioco sono i conci rigidi orizzontali.

NB: l’angolo tra la deformata e il concio resta retto essendo questo rigido.

Data la presenza dei conci rigidi, l’elemento trave non può ruotare rispetto ai conci (da come si
evince dal particolare di una trave con i conci rigidi che si deformano), i conci rigidi non ruoteranno
rispetto al pilastro, è un po’ come quando si riportano le deformate dei telai, ho fatto prima ruotare i
conci rigidi e in un secondo momento ho rappresentato la deformata della trave.

Consideriamo il particolare di una trave soggetta ad uno spostamento relativo e ad una


rotazione . Dal disegno si vede la configurazione iniziale e poi quella deformata, dalla quale si
evincono Questi spostamenti
possono essere facilmente determinati:

Questa rotazione è dovuta alla rotazione dei


pilastri, la trave, invece, è soggetta ad uno
spostamento relativo .

313
Detto ciò, torniamo al nostro obiettivo che è ancora una volta quello di determinare le sollecitazioni
che ci sono nel traverso sia in termini di momento che in termini di taglio, sollecitazioni dalle quali
partirò per la progettazione dell’elemento traverso.

A questo punto il mio intento è quello di collegare rotazione e spostamento alle caratteristiche
interne della sollecitazione , per farlo sfrutto il principio di sovrapposizione degli effetti:

A questo punto vado a scrivere l’equazione relativa al momento all’estremo (siamo di fatto
interessati al calcolo delle sollecitazioni agli estremi):

Sapendo che:

Si ottiene:

Si è ottenuta una equazione composta dal prodotto di (rotazione che nasce per effetto i pilastri che
rappresentano le due porzioni di parete si deformano a mensola) e di un insieme di grandezze
geometriche .

314
A questo punto per ricavare l’espressione del momento mi servirà ricavare l’espressione della
rotazione che ad ora è una incognita.

Si considera una mensola di altezza soggetta ad un carico uniformemente distribuito :

Siamo interessati a collegare la rotazione che nasce ai carichi applicati, per questo, faccio un taglio
in un punto al fine di ricavare la funzione momento lungo l’asse z:

A questo punto, per collegare il momento alla rotazione,posso sfruttare la linea elastica:

Per calcolare la costante mi serve una condizione al contorno, ovvero:

mentre per si ha:

315
Ottengo, dunque, la rotazione in testa (valore massimo della rotazione che si ha in testa):

Dall’andamento della rotazione lungo i traversi si evince che i traversi più sollecitati, ovvero
soggetti a taglio maggiore, saranno quelli in testa, (parete a fori intermedi) in quanto l’andamento
della rotazione è lo stesso dell’andamento del taglio e del momento lungo il traverso. Mentre,
l’andamento del taglio nel caso di fori piccoli è differente e ci dà modo di capire come i traversi più
sollecitati siano quelli alla base.

La dimensione dei fori fa sì che l’andamento del taglio nel traverso sia differente e che si possa
presentare il valore massimo in testa o alla base, in dipendenza della tipologia di parete.

Nei casi intermedi a quelli di fori piccoli- fori intermedi, sovrapponendo i due andamenti del taglio
otteniamo il massimo taglio, cioè il traverso che è sottoposto al taglio maggiore si troverà a
partendo dalla base. Questo mi serve poiché se conosco il taglio nei traversi posso progettare le
armature: prenderò il taglio massimo e con quello progetterò tutti i traversi, dunque, era necessario
conoscere il taglio massimo.

316
4.6.3 Tipologie di rottura e relativa armatura
Abbiamo studiato il comportamento delle pareti, adesso passiamo al c.a., vediamo, dunque, come si
comportano questi elementi strutturali (pareti) sia in termini di resistenza che in termini di duttilità.
Per fare questo dobbiamo introdurre quelle che sono le principali modalità di rottura, rottura a
flessione o rottura a taglio, proprio come avviene in travi e pilastri, con la differenza che nel caso
delle pareti può essere presente un’altra tipologia di rottura che è la rottura per scorrimento.
Vediamo a questo punto le tipologie di rottura e studiamo per ognuna di queste qual è l’armatura da
inserire al fine di ovviare alla rottura alla quale la parete può essere soggetta.

4.6.3.1. Rottura per flessione


Consideriamo una parete soggetta ad un carico uniformemente distribuito lungo l’altezza:

Per effetto del carico nascerà un momento flettente; come abbiamo già visto, il valore massimo del
momento flettente si ha alla base. Il momento che nasce determina una zona compressa ed una zona
tesa (nella zona tesa dovrò progettare le armature), ma dato che il sisma può invertire anche il
segno, dovrò prevedere la presenza di altri ferri considerando un momento alla base con un altro
verso. Generalmente, per le pareti si dispongono le armature lungo tutto il bordo e queste armature
vengono prese in considerazione nel calcolo della resistenza a flessione. In particolare:

- per una trave, dato il momento, le armature che consideriamo sono quelle di estremità, per
cui, quando calcoliamo il momento resistente (a meno che non si tratti di una trave alta, in
cui possiamo decidere di considerare anche il ferro di parete; trascurandolo l’errore che
commettiamo è minimo), ci riferiamo alle armature superiori e inferiori;
- nel caso, invece, delle pareti, dal momento che le armature vengono disposte lungo tutto il
bordo (e in questo caso il braccio delle armature non è trascurabile), per calcolare il
momento resistente si devono considerare le armature a tutti i livelli, quindi, non si possono
trascurare le armature centrali perché comunque hanno un certo braccio che è significativo
nel calcolo del momento resistente. Questa è l’unica differenza rispetto ad una trave.

317
Le fessure verticali riportate nel disegno tengo conto, tra le altre cose dell’inversione del segno da
parte del sisma.

Se la flessione è accompagnata dalla presenza dello sforzo normale, a cambiare sarà la sola
posizione del’asse neutro, non cambia il quadro fessurativo.

NB: Nel caso di rottura per flessione la norma ci dà una indicazione più specifica che riguarda la
presenza di sforzo normale. In generale sappiamo che lo sforzo normale ha un effetto negativo in
termini di duttilità, adesso, soprattutto nella sezione di base che è la zona in cui vogliamo che si
formi la cerniera plastica, cioè in cui vogliamo che ci sia maggiore duttilità, dobbiamo evitare che lo
sforzo normale sia elevato. Per questo la norma ci fa limitare lo sforzo normale e la limitazione è
funzione della classe di duttilità con cui progettiamo:

Dove

4.6.3.2. Rottura a taglio

Come si vede dal disegno, il valore massimo del taglio me lo aspetto nella sezione di base; in
generale, per effetto del taglio, nasceranno delle fessure inclinate e l’inclinazione di queste dipende
dalla direzione del taglio ma, dal momento che il sisma può invertire di segno troverò delle fessure
inclinate sia da un lato che dall’altro.

318
Ma come viene assorbito il taglio? Normalmente le armature che facciamo
lavorare a taglio sono le staffe, una considerazione analoga si fa nelle pareti,
cioè si fanno lavorare delle armature orizzontali, queste dovranno essere
chiuse come le staffe.

Ovviamente, dal momento che il taglio è variabile lungo l’altezza, potrei


pensare di ridurre l’armatura lungo l’altezza ma generalmente non si fa,
solitamente si prende il valore massimo del taglio, che è quello alla base, e
si progettano tutte le armature rispetto a questo valore.

Dobbiamo sottolineare un aspetto: rispetto ad una trave, che è un elemento


allungato ( ), è impensabile che una staffa, in un elemento così
lungo sia veramente efficace in termini di confinamento, perché noi
sappiamo che la staffa ha anche l’effetto benefico di confinamento del cls, e
ovviamente più è lungo l’elemento minore sarà l’efficacia del confinamento,
quindi, nelle pareti si fa un’altra considerazione, cioè, ci si domanda qual è la zona che in realtà ci
interessa confinare di più?

La zona di cls compresso. Si va a guardare il particolare


della sezione dove è l’estensione della zona
compressa ed è su ambo gli estremi per via del fatto che
il sisma inverte il suo segno. La risposta alla domanda
iniziale è appunto questa, ovvero, che è in queste due
zone compresse che mi interessa maggiormente andare a
confinare il cls , allora cosa si fa? La staffa lunga si mette
ugualmente, ma nelle zone in considerazione (non per
tutta l’altezza della parete) si vanno a mettere delle staffe
aggiuntive, in queste particolari zone è come se
andassimo ulteriormente a confinare il cls con delle
staffe aggiuntive. Questo dettaglio viene garantito per
una altezza detta “altezza critica” , perché anche nelle
pareti c’è il concetto di zona critica/zona dissipativa
connessa al concetto di formazione della cerniera
plastica.

A differenza di travi e pilastri, qui la zona critica ha due


dimensioni (altezza e lunghezza).

Dalle NTC:

che coincide proprio con i valori detti in precedenza di lunghezza della zona compressa
(è qui che voglio garantire una maggiore duttilità).

In voglio garantire una maggiore duttilità quindi vado ad inserire più staffe.

319
4.6.3.3. Rottura per scorrimento
Questa tipologia di rottura è sempre legata al taglio, guarderò
sempre il diagramma del taglio, massimo alla base, quindi,
anche questa è una tipologia di rottura che interesserà la
sezione di base.

A differenza della rottura a taglio , caratterizzata dalla


presenza di fessure inclinate , la rottura per scorrimento è
caratterizzata da una fessura orizzontale; da ciò si capisce
anche il nome della rottura, perché, è come se fosse uno
scorrimento tra la parete e la sezione di base, nella stragrande
maggioranza dei casi, infatti, questa rottura interessa la
sezione di base.

Come si fa ad assorbire lo sforzo di taglio?

Generalmente si introducono dei ferri verticali, che devono attraversare la fessura. Ovviamente, non
è detto che la parete sia soggetta solo a taglio o solo a momento, anzi, è molto probabile che ci sia
lo sforzo normale; in questo caso, nel caso della rottura per scorrimento, la presenza di sforzo
normale è benefico in quanto la sua presenza e quindi della compressione, è come se creasse un
attrito aggiuntivo che riduce lo scorrimento.

La rottura per scorrimento è la peggiore che esista, per due motivi fondamentali:

1) Essendo legata al taglio è una rottura di tipo fragile e in zona sismica noi vogliamo evitare
rotture di questo tipo.

2) E’ peggiore della rottura per taglio, infatti, quando abbiamo parlato della rottura per taglio,
questo lo abbiamo fatto assorbire alle staffe che sono ferri orizzontali, i ferri in quel caso lavorano a
trazione, mentre nel caso dello scorrimento, i ferri, lavorano proprio a taglio, quindi facciamo
affidamento sulla resistenza a taglio dei ferri che è la cosa peggiore.

Dal disegno possiamo notare la deformazione a


taglio subita dai ferri: l’armatura prende il taglio
e lavora a taglio, mentre nel caso della rottura a
taglio le armature prendono il taglio ma lavorano
a trazione, che per l’armatura non è una cosa
negativa, anzi.

320
4.6.4. Verifiche di normativa
A questo punto vediamo come la NTC ci fa calcolare le sollecitazioni e determinare le armature.

Prima di vedere le singole verifiche, dobbiamo dire che anche per le pareti, come per gli edifici a
telaio, la norma introduce il concetto di gerarchia, la differenza è che l’unica gerarchia a cui
facciamo riferimento è la gerarchia taglio-momento (non facciamo gerarchia tra gli elementi poiché
nel caso di pareti c’è un unico elemento), in particolare, il taglio, che è una rottura di tipo fragile, la
vogliamo evitare.

Il principio è lo stesso, per scongiurare la crisi a taglio:

dove:

: taglio di progetto

: taglio di calcolo che viene fuori dall’analisi (esempio a.s.l.)

: fattore moltiplicativo; può essere:

Parete snella Parete tozza


Prevalenza della Flessione Non trascurabile la presenza del taglio

dove:

e sono riferiti alla base della parete

è il coefficiente di resistenza

è il fattore di struttura

è la coordinata dello spettro elastico in corrispondenza del periodo


(fine ramo piatto)

è la coordinata dello spettro elastico in corrispondenza del periodo


(periodo fondamentale della struttura).

Questa differenza tra le due pareti (snelle e tozze) la ritroveremo anche dopo

321
ed è legata ad un aspetto che abbiamo già trattato, quando abbiamo ripreso il concetto del taglio e
quello d’interazione taglio flessione, perché cosa succede, quando una parete è tozza il taglio non è
trascurabile, dunque, l’interazione taglio-momento non si può trascurare.

Per ognuna delle due formule vale la seguente disuguaglianza:

Questo perché, se mettessimo , è come se moltiplicassimo il taglio di calcolo per il fattore di


struttura ( ), ma noi le sollecitazioni, passando dallo spettro elastico
a quello di progetto le avevamo decurtate per : è come se non stessimo più applicando la gerarchia
e facendo il calcolo elastico e ciò non avrebbe nessun senso.

Noto si ricava il taglio di progetto , e noto questo bisogna progettare le armature, sia per
ovviare alla rottura a taglio sia per la rottura a scorrimento.

La norma mi dice che noto il taglio di progetto ( ) devo valutare:

4.6.4.1. La rottura a taglio-compressione del cls dell’anima


La norma è di poche parole rispetto a questa verifica, dice che la resistenza a compressione deve
essere calcolata con riferimento al paragrafo #4.1.2.3.5 (paragrafo della NTC relativo alle travi)
dove la resistenza a compressione del cls dell’anima può essere ricavata con le stesse formule che si
utilizzano per le travi apportando due sole modifiche: assunzione del braccio delle forze interne pari
a ( ) ed un’inclinazione delle bielle compresse ( ) pari a 45°.

Dove:

è la resistenza delle bielle di cls: prendiamo in considerazione questa poiché noi vogliamo
evitare che si abbia lo schiacciamento delle bielle di cls (in generale la resistenza di riferimento è il
minimo tra due valori).

Nella formula per le travi troviamo dove è il braccio della coppia interna; quindi,
per le travi il braccio delle forza interna è facile da determinare poiché è inteso come la distanza tra
la compressione e la trazione.

322
Cosa ben diversa per le pareti dove lo assumiamo pari a
, questo perché abbiamo detto che le armature si dispongono lungo
tutto il bordo, si vede chiaramente che è difficile capire dove sia la
risultante della trazione, quindi definire il braccio della coppia interna;
per questo la norma lo stabilisce a priori pari a , dove ad esempio
per una sezione rettangolare è proprio pari ad .

( : ), infatti, facciamo riferimento al cls e


all’armatura che disponiamo nell’anima.

L’altra correzione, come detto, è , mentre per le travi , l’angolo di inclinazione


delle bielle compresse è variabile, tanto che a noi è richiesta la determinazione di questo valore.

4.6.4.2. La rottura a taglio-trazione dell’armatura


Prima di definire come si calcola la resistenza a taglio trazione dell’armatura, la norma dice che
dobbiamo introdurre un coefficiente:

Dove:

= sollecitazione di flessione

= sollecitazione di taglio

= lunghezza dell’anima

Guardando questo coefficiente, questo è simile ad una cosa che abbiamo già visto e cioè quando
abbiamo parlato del taglio nell’interazione taglio-flessione abbiamo detto che il parametro che ci
permette di dire se il taglio predomina rispetto alla flessione o meno è il rapporto geometrico :

che rappresenta lo stesso concetto di in quanto entrambe le formulazioni mi dicono se prevale la


flessione o il taglio.

323
La norma mi dice che:

- se la flessione predomina rispetto al taglio e possiamo utilizzare le stesse formule che si


utilizzano per le travi con alcune modifiche:

dove:

- se il taglio non è trascurabile; non posso più utilizzare le formule valide per le travi ma
delle formule specifiche fornite dalla norma; in particolare si utilizzeranno due formulazioni che
devono essere entrambe valide:

Dove:

è la resistenza a taglio per elementi non armati a taglio (quella che si utilizzava nel solaio,
tiene conto di tutti i contributi: effetto pettine, effetto spinotto, etc)

è il contributo offerto dalle armature orizzontali che vado a disporre (con il


pedice intendo appunto armature orizzontali). In particolare il termine relativo alle armature
orizzontale deve essere minore di cioè il termine
relativo alle armature verticali ( pedice sta per verticali) cioè le armature previste per la flessione.
Guardando questo termine si evince che è come se ci fosse una sorta di gerarchia tra le armature
orizzontali che utilizziamo per il taglio e quelle verticali utilizzate per la flessione, implicitamente la
norma con quella disuguaglianza (seconda formulazione) ci fa adottare la gerarchia.

324
4.6.4.3. La rottura a taglio per scorrimento

Dove:

è la resistenza a taglio per scorrimento (pedice )

resistenza che tiene conto dell’effetto spinotto dell’armatura verticale

effetto dell’armatura diagonale che si dispone a X

effetto legato all’attrito

Vediamoli uno per uno:

4.6.4.3.1. Effetto spinotto dell’armatura verticale


è dato dal valore minimo tra due termini:

: generica armatura verticale che attraversa il


piano di scorrimento

Nella prima formula compare , che è legato a ciò


che vediamo nel disegno: per effetto del taglio,
infatti, l’armatura spinge sul cls, ciò potrebbe portare
alla rottura per schiacciamento del cls.

Nella seconda formula prendo la resistenza a


trazione dell’armatura , ridotta con un fattore
per tener conto del fatto che in questo caso l’armatura non lavora a trazione bensì lavora a
taglio (resistenza a trazione ridotta).

325
4.6.4.3.2. Effetto dell’armatura diagonale che si dispone a X
La presenza del contributo di è prevista solo qualora nella
parete abbiamo disposto armature diagonali ad X.

Questa formula esprime nient’altro che il contributo della


componente orizzontale dell’armatura ad X che vado ad
introdurre nella parete. C’è la sommatoria poiché ne potrei
predisporne tante di armature ad X e c’è il pedice davanti
all’angolo di inclinazione poiché potrei scegliere diversi
angoli di inclinazione per ogni ferro ad X che vado a
predisporre.

Si tratta del contributo più importante tra quelli che compongono il termine di resistenza allo
scorrimento.

Perché si ha la necessità di predisporre questa armatura ad X?

Questo è un problema che si ha principalmente per le pareti tozze ( ). Andiamo a


riprendere il valore del fattore per le pareti tozze cioè il rapporto tra momento resistente e
momento sollecitante alla base della parete:

Supponiamo di aver prima progettato l’armatura per flessione, quindi per flessione avremo delle
armature verticali. In base a queste armature mi calcolo il momento resistente e lo chiamo ,
faccio il rapporto tra momento resistente e momento sollecitante e mi calcolo il coefficiente ,
cioè, il coefficiente che mi dice di quanto devo amplificare il taglio. Noto calcolo il valore del
taglio sollecitante e da qui vado a progettare le armature a taglio.

Flessione armature verticali

Per progettare le armature a taglio abbiamo detto che utilizziamo le armature orizzontali per la
resistenza a taglio-compressione, ma, utilizziamo anche delle armature verticali che servono per la
resistenza a taglio per lo scorrimento; quindi, è possibile che, determinato il taglio, le armature
presenti non siano sufficienti per la resistenza al taglio per lo scorrimento, dunque, ne metterò delle
altre. Nel momento in cui aggiungo queste armature avrò un nuovo momento resistente , da cui
, da cui che è diverso da quello precedente che magari si è incrementato.

armature a taglio verticali

326
Parlando del taglio di progetto a questo punto è possibile che le armature non mi bastino
nuovamente: è una sorta di circolo vizioso per il quale io ho bisogno di armature verticali per il
taglio, queste le devo calcolare sulla base di un taglio che è stato moltiplicato per e in questo
entra in gioco il momento resistente delle armature verticali. Dunque, si capisce bene il circolo
vizioso, ovvero, più voglio incrementare la resistenza a taglio per scorrimento più sarà necessario
armare ma senza far aumentare troppo il momento resistente; è questo il motivo per il quale si
predispongono armature diagonali, quindi, armature che vanno bene per il taglio man non
incrementano di molto la resistenza a flessione: le due componenti dell’armatura diagonale danno
un contributo certamente minore di quello che dà una armatura verticale; aumenterà ma di meno la
resistenza a flessione.

La norma dice che nel caso di pareti tozze:

cioè dice che più del 50% del taglio sollecitante deve essere assorbito con questo contributo, proprio
per ovviare a questo problema.

Nel caso di pareti snelle non si risente allo stesso modo di questa problematica.

327
4.6.4.3.3. Effetto legato all’attrito
Se c’è sforzo normale, se c’è dunque compressione, avremo un attrito
aggiuntivo, quindi con questo termine ( ) si vuole tener conto dell’effetto
benefico dell’attrito aggiuntivo dovuto alla compressione. Chiamando
l’estensione della zona compressa ed la lunghezza della parete, definisco un
asse neutro adimensionalizzato: , che troviamo anche nelle formule,
questo termine vuol tener conto dell‘estensione della zona in cui c’è
compressione che mi dà un termine aggiuntivo in termini di attrito.

Dove è il coefficiente d’attrito cls-cls , che in assenza di info specifiche è


assunto nelle NTC pari a 0,6.

4.6.5. Dettagli costruttivi


Così come per travi e pilastri, la norma definisce anche per le pareti i dettagli ed è come se
implicitamente ci obbligasse a garantire una certa duttilità.

Questi dettagli costruttivi devono essere garantiti in corrispondenza della zona critica che ha
dimensioni

328
La norma ci dice che nella zona critica come dettagli costruttivi bisogna utilizzare gli stessi dettagli
costruttivi che si utilizzano per i pilastri.

- Per le armature verticali:

- Per le staffe (infittimento del passo delle staffe):

- Per le barre longitudinali, sia verticali che orizzontali:

dove è lo spessore della parete.

- Per una parete forata, in particolare il caso con fori intermedi, dove hanno fondamentale
importanza i traversi, per i quali abbiamo individuato il taglio sollecitante. Una volta noto il
taglio sollecitante si vanno a predisporre le armature nei traversi che la norma chiama “travi di
accoppiamento”.

La normativa dice che se:

allora il traverso è equivalente ad un elemento trave normale e quindi si mettono le classiche


armature che si mettono nelle travi.
Qualora, invece, anche una sola delle condizioni non fosse verificata, si devono predisporre delle
armature specifiche per il traverso.

329
è il taglio sollecitante nel traverso, noto questo posso calcolare qual è la trazione e la
compressione che le armature devono assorbire. Se conosco la trazione o la compressione,
divido per e ricavo (armatura).

Queste barre longitudinali la normativa mi dice che devono essere racchiuse o da staffe di
contenimento con passo non superiore a 10 cm ( ) oppure chiuse con una spirale.
Queste sono le armature che progetto.
Inoltre, ulteriore dettaglio costruttivo è quello dell’ancoraggio: dovrò garantire una certa
lunghezza di ancoraggio pari a

cioè incremento la lunghezza di ancoraggio del 50 %.

Inoltre, la norma mi dice di mettere anche una armatura superiore e inferiore, cioè al bordo
superiore e inferiore dovrò mettere delle altre armature e devono essere almeno ed una
maglia di armatura di diametro 10 e passo .

330
La parete che la norma definisce accoppiata è quella con

dove è il momento alla base,

sono gli sforzi normali

è la distanza tra i baricentri delle due sezioni

331
4.7. Edifici Esistenti
A differenza delle strutture nuove in cui abbiamo un certo fattore di struttura garantito dai dettagli
costruttivi, per gli edifici esistenti la cosa più importante è la conoscenza della struttura. Più
conosciamo la struttura (livello di conoscenza) e meno penalizzo le resistenze dei materiali e posso
utilizzare più tipologie di analisi. Il processo logico da seguire è :

- Conoscenza della struttura (geometria, materiali e stato di conservazione della struttura)


- Definizione delle prestazioni richieste (in funzione della destinazione d’uso e della zona
sismica)
- Verifiche allo stato di fatto ( definizione del modello di calcolo e del tipo di analisi che si
vuole adottare)
- In base alle analisi dello stato di fatto si definisce un possibile intervento di adeguamento
- Dopo aver progettato l’intervento secondo le carenze secondo l’analisi dello stato di fatto, si
effettua una verifica dello stato di progetto.

STATO DI SCELTA STATO DI


FATTO INTERVENTI PROGETTO

La fase più importante è quella relativa alla conoscenza della struttura ricavabile attraverso diverse
fonti di informazione:

- Documenti di progetto
- Rilievo strutturale
- Prove in sito e in laboratorio

E’ importante conoscere le norme vigenti all’epoca del progetto della struttura in modo da poter
effettuare una verifica con le vecchia normativa e poi progettare gli interventi e verificarli con
l’attuale normativa.

La norma definisce 3 livelli di conoscenza:

LC3
CONOSCENZA
LC2 ACCURATA
CONOSCENZA
LC1 ADEGUATA
CONOSCENZA
LIMITATA

332
Questi 3 livelli di conoscenza si differenziano in base alla geometria, ai materiali e ai dettagli
strutturali.

LIVELLI DI DETTAGLI
TIPOLOGIA FC
CONOSCENZA GEOMETRIA MATERIALI STRUTTURALI
DI ANALISI

Certificati di
Documenti di
prova o valori Statica
Documenti di progetto o progetto
LC1 tipici dell’epoca Lineare e
progetto o simulato validato 1,35
(LIMITATA) validati Dinamica
rilievi in sito da prove in sito
attraverso prove Lineare
limitate
in sito limitate
Certificati di
prova allegati al
Documenti di Documenti di Tutte e 4 le
LC2 progetto
progetto o progetto e prove in tipologie di 1,20
(ADEGUATA) dell’epoca
rilievi in sito sito estese analisi
o prove in sito
estese
Certificati di
prova allegati al
Documenti di
Documenti di progetto Tutte e 4 le
LC3 progetto e prove in
progetto o dell’epoca tipologie di 1,00
(ACCURATA) sito estese o
rilievi in sito o prove in sito analisi
esaustive
estese o
esaustive

A seconda del livello di conoscenza cambia la tipologia di analisi che è possibile utilizzare. La
norma associa ad ogni livello di conoscenza un fattore di confidenza usato per calcolare le
caratteristiche meccaniche dei materiali.
Precisiamo la differenza tra verifiche limitate, estese ed esaustive esplicitate nella circolare:

Tabella C8A.1.3.a – Definizione orientativa dei livelli di rilievo e prove per edifici in c.a.
Rilievo (dei dettagli costruttivi) (a) Prove (sui materiali) (b) (c)
Per ogni tipo di elemento “primario” (trave, pilastro..)
1 provino di cls per 300 di piano
Verifiche La quantità e disposizione dell’armatura è verificata per dell’edificio,
limitate almeno il 15% degli elementi 1 campione di armatura per piano
dell’edificio
2 provini di cls per 300 di piano
La quantità e disposizione dell’armatura è verificata per dell’edificio,
Verifiche estese
almeno il 35% degli elementi 2 campioni di armatura per piano
dell’edificio
3 provini di cls per 300 di piano
Verifiche La quantità e disposizione dell’armatura è verificata per dell’edificio,
esaustive almeno il 50% degli elementi 3 campioni di armatura per piano
dell’edificio

333
Conviene dividere la campagna di indagini in due fasi:
- Fase preliminare
- Fase dettagliata
Nella fase preliminare le informazioni più importanti sono gli elaborati di progettato, le info sul
costruttore, il periodo di progettazione e di costruzione, ed eventuali info sul cambiamento di
destinazione d’uso, eventuali variazioni ecc. La conoscenza dell’anno di progettazione è importante
anche perché se l’opera è stata progettata prima degli anni 70 quando era ancora in vigore il regio
decreto del 1939, è difficile reperire il progetto in quanto il progetto non veniva depositato. A
partire dal 1971 tutti i progetti devono essere obbligatoriamente depositati presso il Genio Civile
all’atto della denuncia dei lavori. Una volta determinati i livelli di conoscenza bisogna passare ai
saggi ovvero alle prove su pilastri, travi, solai, tamponature e fondazioni.

I sondaggi dovranno essere decisi in numero e caratteristiche tali da ottenere (o verificare nel caso
sia disponibile una documentazione tecnica) le seguenti informazioni:

1. pilastri: passo e diametro delle staffe, quantità e disposizione delle armature longitudinali;
2. travi: passo e diametro delle staffe, quantità e disposizione delle armature longitudinali;
3. solai: orditura, interasse tra le nervature, armature principali, armature di ripartizione;
4. tamponature: tipologia e caratteristiche degli elementi utilizzati (laterizi forati, pieni, blocchi
in calcestruzzo, ecc.), spessore, numero strati, presenza di intercapedini;
5. fondazioni: tipologia, piano di posa.

Per quanto riguarda il progetto simulato, esso si può fare sia per carichi verticali che per carichi
sismici ma questo dipende sempre dall’anno di costruzione. Le strutture per carichi verticali
venivano calcolati per schemi molto semplici e semplificati come ad esempio travi su più appoggi
oppure travi incastrate incastrate, mentre per carichi orizzontali, la progettazione avveniva in
maniera molto semplificata basata su un modello a telaio piano alla Grinter (travi molto più rigide
dei pilastri, al contrario della progettazione attuale bastata sulla gerarchia delle resistenze).

334
Fino agli anni 80 si progettava con il metodo alle tensioni ammissibili mentre poi si è passati al
metodo semiprobabilistico agli stati limite.
Normative precedenti:

335
Riportiamo un caso di una pianta piano tipo in cui si notano caratteristiche progettuali non più
utilizzabili come ad esempio l’orditura dei solai tutte nella stessa direzione e telai resistenti solo
nella direzione lunga. Ciò ci fa capire che la struttura è stata progettata per soli carichi verticali.

In questo altro caso è riportata la distinta delle armatura con i ferri piegati usati per il taglio.

Il diagramma del momento flettente resistente


presenta un andamento a scaletta che oggi non è più
utilizzato soprattutto in campata in quanto per avere
un diagramma del genere, dovrei lasciare un ferro
libero in campata ( ), cosa che oggi non viene
più fatta poiché si tende a disporre i ferri da un
appoggio all’altro. In passato infatti veniva usato il
ferro sagomato in cui la parte inclinata a 45°
assorbiva il taglio e la parte superiore orizzontale
assorbiva il momento flettente nell’appoggio.

Inoltre si nota la presenza di ganci in tutte le armature al fine di garantire


l’ancoraggio. Ciò era dovuto alla concezione di voler risparmiare sulle
armature mentre oggi si preferisce risparmiare sulla manodopera e quindi
si realizza l’ancoraggio semplicemente aumentando la lunghezza di
sovrapposizione delle barre.
I sagomati non hanno alcuna funzione di confinamento e non sono idonei nel caso di inversione del
segno del sisma a cui corrisponde anche una inversione del segno del taglio.

Diagramma del taglio per carichi Diagramma del taglio in presenza


verticali o modeste azioni sismiche di elevate azioni sismiche

336
Da questo particolare costruttivo dei pilastri si nota la presenza di soli 4 ferri longitudinali senza la
presenza di ferri intermedi e legature e quindi si hanno molti problemi:
- bassa duttilità delle zone critiche
- inefficacia del confinamento
- bassa resistenza a taglio
- rottura per taglio
- instabilità delle barre longitudinali

Per determinare le caratteristiche meccaniche dei materiali si effettuano diverse tipologie di prove
per il calcestruzzo:

Per determinare le caratteristiche meccaniche dei materiali si effettuano diverse tipologie di prove
per l’acciaio:

337
4.7.1. Prove per la resistenza a compressione del cls
Distinguiamo:
- Prove distruttive
- Prove non distruttive

4.7.1.1. Prove Distruttive

4.7.1.1.1. Carotaggio
La prova distruttiva per eccellenza è il carotaggio che consiste nell’estrarre un cilindro di cls
attraverso la carotatrice.

Bisogna scegliere in maniera molto accurata i punti in cui estrarre le carote. Tale scelta si basa su
due aspetti:
- Scegliere punti in cui il cls lavora “di meno”
- Evitare o almeno limitare di intaccare le armature

Un diagramma tipico per carichi verticali è quello rappresentato in basso. Conviene effettuare il
carotaggio lontano dagli appoggi in quanto queste sono zone dissipative e molto delicate. In
campata, le fibre tese sono quelle inferiore quindi conviene fare la carota in prossimità della
posizione dell’asse neutro (circa in maniera approssimata) e non conviene scendere troppo
perché potrei trovare una barra di armatura che verrebbe spezzata e il risultato sarebbe quello di
danneggiare sia la trave che la carota da sottoporre a trave.

338
Prima di effettuare un carotaggio conviene sempre prima fare una prova pacometrica ovvero
attraverso uno strumento detto pacometro si va ad individuare la posizione delle armature in modo
da evitare di coinvolgere l’armatura durante il carotaggio. Conviene sempre effettuare il carotaggio
sulle travi e non sui pilastri in quanto questi ultimi sono sempre elementi compressi.

Un altro aspetto fondamentale delle carote è rappresentato dalla direzione della carota, anche perché
spesso si parla di:

- carote

- microcarote

Tale distinzione avviene in base al diametro della carota.

In realtà è opportuno che la carota abbia un diametro di almeno 10 cm perché essendo il cls una
miscela tra matrice ed inerti e tenendo conto che gli inerti possono avere anche dimensione di
2 o 3cm, se la dimensione della carota è troppo piccola e prossima alla dimensione dell’inerte, la
resistenza che ottengo dalla prova di laboratorio è falsata o meglio si riferisce alla resistenza
dell’inerte e non al cls nel suo complesso. In passato gli inerti utilizzati impropriamente potevano
raggiungere anche i 5 o 6 cm dati gli scarsi controlli, e quindi, siccome le carote le preleviamo da
edifici esistenti e in alcuni casi anche abbastanza datati è bene scegliere carote di diametro non
inferiore ai 10 cm.

Le microcarote sono quelle con diametro almeno di 6 cm e in alcuni casi anche di almeno 3 cm ma
queste sono proprio da evitare in quanto l’affidabilità del risultato è scarsa. Le microcarote in
generale sono da evitare.

Oltre al diametro, bisogna guardare anche il rapporto in quanto se vogliamo ricavare la


resistenza cilindrica, è opportuno che risulti:

: lunghezza della carota

: Diametro della carota

Si riporta la correlazione tra la resistenza misurata sulla carota e la resistenza cubica a


compressione:

Nel momento in cui il rapporto , allora il provino tende a farci ottenere una resistenza cubica
ma si può sempre utilizzare per ricavare la resistenza a compressione cilindrica apportando delle
modifiche attraverso dei coefficienti correttivi.

339
La carota inoltre può essere estratta sia in orizzontale che in verticale ma generalmente si estrae in
orizzontale. La tipologia di estrazione influenza il risultato finale in quanto, se ci pensiamo, quando
viene gettato il cls, l’inerte tende a segregare ovvero a scendere verso il bassa e quindi mi aspetto
nelle zone basse un maggiore quantitativo di inerte a cui è associata una maggiore resistenza a
compressione. Per tale motivo si sceglie in genere di effettuare le carote in orizzontale.

Il risultato di una prova eseguita in laboratorio su una carota potrebbe essere influenzato da un
eventuale danneggiamento della carota che può essere dovuto a:

- Cattiva esecuzione nel prelievo della carota


- Prelievo di una carota in una zona fessurata

N.B.: il foro provocato dall’estrazione della carota deve poi essere chiuso mediante materiali
espansivi o fibro rinforzati.

4.7.1.2. Prove Non Distruttive


Per risalire alla resistenza a compressione del cls possiamo anche utilizzare prove non distruttive
come:

- Prova sclerometrica
- Prova ad ultrasuoni
- Prova SONREB (consiste nel fare entrambe le prove precedenti e correlare i risultati)

4.7.1.2.1. Prova sclerometrica


Tale prova non distruttiva, effettuata mediante
uno strumento detto sclerometro, permette di
risalire all’indice di rimbalzo. La prova consiste
nello spingere una massa metallica contro la
superficie di cls e in base alla difficoltà di
avanzamento viene misurata in un certo senso la
durezza superficiale del materiale. Attraverso
l’indice di rimbalzo è possibile correlare questo
valore alla resistenza a compressione cubica del
cls. Proprio perché la resistenza a compressione
è legata alla durezza superficiale, la resistenza a
compressione potrebbe dipendere dal punto in
cui vado ad effettuare la prova sclerometrica. Infatti, se nell’effettuare la prova becco proprio
l’inerte, ottengo una durezza superficiale maggiore di quella del cls nel suo complesso.

Per questo motivo, una volta individuato il punto in cui vado ad eseguire la
prova (in figura indicato con l’asterisco), vado poi a ripetere la stessa prova
in altri punti vicini (in figura di colore rosso), e l’indice di rimbalzo sarà la
media dei valori ottenuti in tutti questi punti.

340
4.7.1.2.2. Prova ultrasonica
Sulle due facce dell’elemento vengono
poste una sonda emettitrice e una sonda
ricevente e si calcola il tempo che impiega
l’onda sonica d attraversare lo spessore
dell’elemento. Noto lo spessore
dell’elemento e calcolato il tempo di
propagazione dell’onda sonica, si determina
la velocità di propagazione dell’onda sonica
che può essere poi correlata alla resistenza a
compressione.

Esiste una relazione teorica che lega la velocità di propagazione di onde longitudinali alle
caratteristiche elastiche di un mezzo infinito, omogeneo, isotropo ed elastico.

in cui:
è il modulo elastico dinamico
è il modulo di Poisson dinamico
è la densità di massa
si ottiene in

341
In realtà dall’onda ultrasonica si può ricavare la resistenza a compressione, ma tale prova viene più
che altro utilizzata per capire se ci non dei vuoi, dei difetti all’interno del cls. Sarebbe più opportuno
effettuare una prova diretta (tipo nel disegno iniziale) in cui la sonda emettitrice e quella ricevente
sono posizionate sulle facce opposte dell’elemento. Ciò però, non sempre è possibile farlo e quindi
si può operare con prove indirette (tipo e nel disegno iniziale) e in tal caso bisogna utilizzare dei
coefficienti correttivi.

4.7.1.2.3. Prova SONREB

Attualmente si tende ad utilizzare come prova non distruttiva per eccellenza la prova SONREB che
è in sostanza la combinazione della prova sclerometrica e della prova ultrasonica. Tale tecnica è
utile perché consente di limitare gli svantaggi di entrambe le prove.

In particolare, usando la prova SONREB, si hanno due vantaggi:

- si va a limitare l effetto dell umidit e del grado di maturazione. Infatti, l’umidità relativa e
il grado di maturazione hanno un effetto benefico sulla prova sclerometrica e un effetto
negativo sulla prova ultrasonica. Combinando le due prove mediante la prova SONREB si
compensano questi effetti.
- nella prova SONREB è meno influente la variazione di rigidezza tra strati superficiali e
strati profondi di cls. Infatti con la prova sclerometrica si misura la durezza superficiale
mentre il cls interno potrebbe avere caratteristiche un po’ differenti. Rispetto ad una prova
ultrasonica viene compensato pù che altro l’aspetto legato al dosaggio di cls e al tipo di
additivo che si utilizza durante il getto.

342
L’applicazione del metodo Sonreb richiede la valutazione dei valori locali della velocità ultrasonica
V (prova ultrasonica) e dell’indice di rimbalzo S (prova sclerometrica), a partire dai quali è
possibile ottenere la resistenza del calcestruzzo Rc mediante espressioni del tipo:

In cui:
sono coefficienti
è l’indice di rimbalzo
è la velocità di propagazione dell’onda sonica

In bibliografia vengono fornite numerose espressioni o grafici per ricavare la resistenza a


compressione:

4.7.2. Prove sulle armature


Per quanto riguarda le prove sulle armature, non ci sono prove non distruttive, in quanto bisogna
necessariamente prelevare un campione di armatura in sito e portarlo in laboratorio per essere
sottoposto a una prova di trazione. Prelevato il campione di barra di acciaio da sottoporre a prove di
laboratorio, posso pensare di ripristinare l’armatura in sito mediante un pezzo di barra più piccolo
che vado a riscaldare in modo da farlo allungare, lo metto in posizione e poi quando si raffredderà
tenderà ad accorciarsi e rimetterà l’armatura in trazione. Conviene scegliere la posizione in cui
andare a prelevare il ferro. Sicuramente non conviene prelevare l’armatura dai pilastri in cui in
343
genere, per strutture esistenti, c’è già poco acciaio (in genere troviamo solo le 4 barre longitudinali
nei 4 angoli). Anche in questo caso quindi conviene prelevare l’armatura dalle travi e ovviamente
siccome l’armatura la facciamo lavorare prevalentemente a trazione, conviene prelevare l’armatura
in zona compressa. Nella campata di una trave, l’armatura compressa è quella superiore ma per
prelevarla dovrei rompere il pavimento e quindi è più oneroso. Allora conviene andare in prossimità
dell’appoggio in cui l’armatura compressa è quella inferiore e quindi posso prelevare all’intradosso
l’armatura rovinando solo l’intonaco.

4.7.3. Tipologie di Analisi


Le prove sono utili a stabilire il livello di conoscenza della nostra struttura e poi, una volta noto il
livello di conoscenza posso scegliere il tipo di analisi.

Nella progettazione del nuovo mediante un’ analisi statica lineare, le forze sismiche le ricaviamo a
partire dallo spettro di progetto, ovvero lo spettro elastico scalato per un fattore di struttura
tabellato. Nel caso di edifici esistenti, il fattore di struttura da utilizzare è:

Meccanismi/Elementi Duttili
Meccanismi/Elementi Fragili

La verifica a flessione (Duttile) si fa in genere con le sollecitazioni ricavate con un fattore di


struttura .
La verifica a taglio (Fragile) si fa in genere con le sollecitazioni ricavate con un fattore di struttura
.
Questo presuppone che devo fare almeno due calcoli ovvero devo ricavare le forze sismiche sia con
per fare le verifiche a taglio e sia con per fare le verifiche a flessione.

Resistenza dei materiali

Nel momento in cui vado a fare le verifiche entra in gioco il fattore di confidenza FC.

VERIFICA A FLESSIONE VERIFICA A TAGLIO

N.B.: si mette sia il che FC in modo da


N.B.: non si mette il ma solo FC penalizzare di più la verifica del meccanismo
fragile

Per gli edifici esistenti, innanzitutto non si utilizzano i valori di resistenza caratteristica ma si usa i il
valore di resistenza medio ottenuto facendo la media dei valori sperimentali ottenuti dalle prove.
Ovviamente si penalizzano di più le resistenze dei materiali nella verifica a taglio, rispetto alla
verifica a flessione, poiché si vuole sempre rispettare la gerarchia delle resistenze.

344
4.7.4. Tipologie di Interventi
Una volte fatte le verifiche dello stato di fatto, si mettono in evidenza eventuali carenze della
struttura e sulla base di queste si progettano gli interventi.

La normativa definisce 3 tipologie di interventi (C.8 NTC2018):

- Riparazione locale
- Miglioramento
- Adeguamento

L’intervento di riparazione locale riguarda solo determinati elementi e non altera la capacità della
struttura esistente.
L’intervento di miglioramento incrementa la capacità della struttura esistente senza raggiungere le
gli obiettivi fissati dalla norma attualmente in vigore.
L’intervento di adeguamento incrementa la capacità della struttura esistente raggiungendo gli
obiettivi fissati dalla norma attualmente in vigore.

Per gli edifici esistenti, la norma NTC2018 definisce un fattore:

Il miglioramento lo puoi fare quando non modifichi le masse della struttura ad esempio fai un
cambio di destinazione d’uso senza modificare molto le masse, se non fai sopraelevazioni, se non
metti altri pilastri o pareti, ecc.

N.B.: per gli edifici pubblici sono previsti solo interventi di adeguamento oppure di miglioramento
a patto che

Il concetto di intervento fa sempre riferimento alla curva di push over, in cui F è il tagliante
massimo alla base (ovvero la forza che la struttura deve assorbire) e è lo spostamento ovvero la
prestazione richiesta alla struttura.

345
4.7.4.1. Intervento di Adeguamento
Supponiamo che questo sia il nostro edificio esistente:

: resistenza dell’edificio esistente ottenuta da un analisi push over.


prestazione richiesta

Per effettuare un intervento di adeguamento possiamo avere 3 possibilità:


1. incrementare la resistenza della struttura in modo da assorbire elasticamente lo
spostamento richiesto (prolungamento tratto elastico)
2. incrementare solo la duttilità lasciando inalterata la resistenza
3. incrementare sia la resistenza che la duttilità

La scelta dell’intervento va valutato caso per caso, infatti se ad esempio, ho una struttura che è stata
progettata per soli carichi verticali, già intuisco che le staffe hanno un passo troppo grande, che non
ci sono legature, non c’è differenza tra le zone dissipative e non dissipative, allora in questo caso è
impensabile intervenire incrementando solo la duttilità. Generalmente per le strutture di questo tipo
si interviene incrementando la resistenza.
Gli interventi volti a incrementare solo la duttilità possono essere attuati per strutture che erano state
progettate in una zona che già era classificata come zona sismica e che è stata progettata con il DM
96 e quindi con poche accortezze riesco a far trovare verificata la struttura intervenendo solo la
duttilità. Però in generale, le strutture progettate per soli carichi veritcali necessitano di interventi
volti ad incrementare la resistenza.

346
4.7.4.1.1. Adeguamento mediante incremento di resistenza
Gli interventi di incremento della resistenza si differenziano in 2 tipologie:
- Resistenza globale (Locale)
- Resistenza degli elementi (Diffuso)

4.7.4.1.1.1. Resistenza globale


In una struttura intelaiata con travi e pilastri decido di inserire delle pareti che vanno ad
incrementare la resistenza globale della struttura. E’ un intervento di tipo locale perché in alcuni
punti cioè localmente inseriamo qualche nuovo elemento strutturale (parete).

Dalla pianta vedo che i solai sono orditi in una sola direzione, ha più telai in una direzione e quindi
intuisco che la struttura è stata progettata per soli carichi verticali. Dunque la struttura ha una
resistenza minore nell’altra direzione. Decido di intervenire al fine di incrementare la resistenza
globale mediante l’inserimento di pareti. Ovviamente se voglio che l’intervento sia meno invasivo
devo inserirle nei telai perimetrali e quindi demolisco le tompagnature e costruisco una parete in
c.a. Cosa succede quando in un edificio esistente inseriamo una parete?
La parete è un elemento strutturale che deve prendersi solo le forze sismiche in quanto siccome
l’edificio è esistente e sta in piedi, vuol dire che i carichi verticali vengono già assorbiti
correttamente dai pilastri esistenti.
Il problema principale è rappresentato dalla fondazione in quanto
le pareti hanno dei carichi concentrati in fondazione e se la
struttura è progettata per soli carichi verticali, voglio che le forze
sismiche orizzontali devono essere assorbite dalle pareti le quali
prenderanno un valore abbastanza elevato sia di taglio che di
momento flettente. Ci sarà anche lo sforzo normale ma è in
sostanza il peso stesso della parete e quindi un valore basso.
Isoliamo la fondazione della parete: avrò un momento molto
elevato e uno sforzo normale basso. Se N è piccolo la risultante
del carico si troverà abbastanza distante dal baricentro e ciò non
va molto bene soprattutto per fondazioni dirette. Per cui quando
si inseriscono le pareti si usano fondazioni su pali.

347
Per tale motivo si realizza una platea su pali sotto la parete e la platea si interseca con i plinti dei
pilastri esistenti (come rappresentato nella pianta iniziale). Affinchè questo intervento sia efficiente
bisogna avere il solaio infinitamente rigido perché se così non fosse, non si avrebbe il completo
trasferimento dell’azione sismica sulle pareti.

Quindi il solaio e la parete devono essere collegati correttamente mediante 2 possibilità:

Soluzione 1: ferri tra parete tra due colonne

Inserisco la parete tra due pilastri e poi per collegarla al


solaio. In realtà il collegamento non avviene direttamente
con il solaio ma attraverso la trave. Si praticano dei fori
verticali nella trave, si inseriscono delle barre di acciaio che
collegano la trave alla parete. Se chiamo la forza di piano
e ho disposto n barre, ognuna di queste si prenderà e
lavoreranno a taglio perché il collegamento è in verticale.
Affinché l’intervento sia eseguito correttamente, la parete
deve aderire bene all’intradosso della trave perché non deve
esserci vuoto. In quest’ottica, in genere il getto si esegue
attraverso un foro nella trave in modo da gettare dall’alto
verso il basso ed evitare di lasciare vuoti tra trave e parete.

Soluzione 2:parete esterna


Inserisco la parete esternamente al
telaio in modo da avere una
tecnologia realizzativa più semplice
e rapida. In questo caso, il
collegamento avviene in orizzontale
attraverso le barre di acciaio inserite
sia tra parete e pilastri che tra parete
e solaio. E’ importante valutare il
collegamento con il solaio avvenga
in modo tale che le barre siano
annegate nel cls. Se non fosse
presente la fascia piena, si deve
demolire il forato, realizzare la fascia
piena e inserire il collegamento nella
fascia piena.

348
Potrei inserire anche dei controventi:

4.7.4.1.1.2. Resistenza degli elementi


Scelgo di incrementare la resistenza di tutti gli elementi strutturali ( travi e pilastri di una struttura
intelaiata). E’ un intervento di tipo diffuso perché vado ad incrementare la resistenza di tutti gli
elementi strutturali (travi e pilastri).

Pilastri
Supponiamo che questo sia il mio pilastro esistente:

Ci sono 4 barre longitudinali agli angoli, collegati


dalla staffa. Dall’analisi della struttura è risultato
magari che sia la verifica a flessione che quella a
taglio non sono soddisfatte.
Una tecnica che si può attuare è la cosiddetta
INCAMICIATURA, la quale prevede:
- La rimozione del copriferro ammalorato
- E’ importante non si abbia il distacco di cls nuovo rispetto a quello esistente. Per favorire il
contatto si spalmano delle resine epossidiche sul cls esistente prima di effettuare il getto di
cls nuovo.
- Si dispongono le nuove armature aggiuntive longitudinali a flessione
- Si dispongono le nuove staffe per assorbire il taglio
- Metto le casseforme ed eseguo il getto di cls

Dal punto di vista tecnologico l’inserimento delle barre longitudinali


non è particolarmente difficoltoso, mentre per quanto riguarda le staffe,
esse devono essere chiuse ma siccome c’è già il pilastro esistente non le
posso infilare da sopra e quindi o la piegatura la devo fare direttamente
in sito ma è più oneroso, oppure si utilizzano delle staffe con manicotto.

Un altro problema è relativo al calcolo in quanto noi in genere allo S.L.U. assumiamo che tutti i
materiali raggiungano la resistenza ultima tanto è vero che usiamo e . Nel nostro caso però
abbiamo due cls differenti in quanto uno è quello vecchio esistente e l’altro e quello è nuovo; lo
stesso discorso vale anche per l’acciaio in quanto ho un acciaio vecchio e uno nuovo.
349
Per tener conto di questo aspetto, chiamo:

N.B.: ho diviso solo per FC e non per


considerando il caso a flessione, mentre nel caso
del taglio si divide sia per FC che per

Quando si fa il calcolo per l’intervento di adeguamento devo stabilire quante armature mi servono
per far si che sia soddisfatta la verifica a flessione.

Travi
L’intervento di incamiciatura si può fare anche per le travi. Immaginiamo di avere una trave carente
a flessione, quindi l’armatura tesa non è sufficiente e in tal caso l’incamiciatura è un po’ più
complessa rispetto al caso visto per i pilastri.

350
Come faccio l’incamiciatura?
- Rimuovo il copriferro ammalorato mettendo a nudo le armature
- E’ importante non si abbia il distacco di cls nuovo rispetto a quello esistente. Per favorire il
contatto si spalmano delle resine epossidiche sul cls esistente prima di effettuare il getto di
cls nuovo.
- Dall’alto realizzo dei fori nella trave (quindi si rovina anche il pavimento) e inserisco quindi
le barre che fungeranno da staffe. Ovviamente i fori li faccio in funzione del passo che mi è
uscito dal calcolo.
- Posiziono le barre longitudinali poggiandole sulle staffe
- Dispongo le casseformi ed eseguo il getto proprio attraverso i fori che abbiamo realizzato.
Per tale motivo il cls dovrà essere più fluido per poter passare e diffondersi attraverso i fori.

Quindi l’incamiciatura è utile sia per la flessione che per il taglio, ma ovviamente richiede una certa
cura del dettaglio di esecuzione in quanto la procedura è abbastanza difficile e onerosa.
Data la difficoltà di eseguire l’incamiciatura, si possono usare altri sistemi come ad esempio gli
angolari in acciaio.

Angolari in acciaio
Si incrementa la resistenza a flessione eseguendo il placcaggio con piatti metallici ovvero degli
angolari in acciaio. Questi angolari o vengono incollati tramite resine al cls esistente, oppure per
migliorare il collegamento si bullonano, cioè si utilizzano angolari con i fori, si eseguono i fori nel
cls e si bullona l’angolare al pilastro. Ovviamente se il copriferro è ammalorato si fa saltare e si
sostituisce, e poi si dispongono gli angolari. I piatti metallici vengono in genere collegati tra loro
mediante o delle barre che vengono saldate oppure dei veri e propri piatti dette calastrelli:

Ovviamente l’incremento di resistenza che si ottiene mediante gli angolari in acciaio è molto più
elevato rispetto all’incamiciatura, per il semplice fatto che l’acciaio ha una resistenza molto più
grande di quella del cls.
Nel caso del calcolo se effettivamente sono state disposte queste resine epossidiche, si può
considerare nel calcolo del momento resistente, o l’intera sezione reagente (sia cls interno che
l’acciaio) oppure, a vantaggio di sicurezza utilizzi solo gli angolari.

351
4.8. Dettagli Costruttivi
Noi facciamo un piccolo progettino, tuttavia dovremmo progettare un edificio completo ed andare
ad inserire in esso scale, fori e balconi per capire quali sono tutti i problemi che vengono fuori.

Oggi si pensa più al calcolo che al progetto, diciamo che il calcolo è l’ultima fase di un progetto
strutturale. La cosa importante non è tanto il calcolo quanto i disegni che spiegano come viene fatto
e che rendono il progetto esecutivo.

Vediamo quali sono in un edificio i possibili problemi che si possono verificare:

In un edificio possiamo avere una scala che può essere sia interna che esterna, la scala è una
struttura che va realizzata ed entra fino ad un certo punto nella struttura globale, ha una sua
progettazione che vedremo a parte, ancora potrebbe esserci un ascensore quindi ci sarà un foro, la
foratura potrebbe anche essere predisposta al fine di far passare gli impianti, ancora possiamo
trovare gli sbalzi, in generale lo sbalzo può essere di due tipi: immaginando il solaio orientato in un
modo, lo sbalzo è in un certo qual modo la continuazione del solaio però non è detto che sia sempre
così, ad esempio per uno sbalzo come quello riportato in figura (ad angolo) abbiamo una parte di
sbalzo in sequenza rispetto al solaio ed un’altra parte che non è in sequenza ma si presenta
ortogonale al solaio , e ancora potrei avere anche un’altra parte nello stesso solaio che è orientata ad
angolo, quindi dovrò risolvere un problema complesso.

352
Un altro problema potrei averlo sul tetto, che potrebbe presentarsi come tetto spiovente.

Il problema della sismica nella progettazione di questi elementi entra in


seconda battuta, l’edificio presenta tetti spioventi, fori, sbalzi e scale che
innanzitutto dovranno reggersi per carichi verticali, solo dopo entra in
gioco il problema della sismica, quello della sismica, infatti, è un problema
di modellazione globale, mentre quelli dei dettagli costruttivi sono
problemi locali di modellazione e sono tutti diversi tra di loro, sarà diverso
fare/modellare un foro in un solaio in c.a. rispetto a modellare lo stesso
foro in un solaio in acciaio ad esempio, analogamente lo stesso discorso
vale per la scala, un conto è farla in c.a. un conto è farla in acciaio.

La soluzione a questi problemi non si trova sul libro come una formula come ad esempio la prima
legge di Newton ma è una soluzione quella che cerchiamo di tipo ingegneristico, proviamo a
trasportare la realtà in schemi che conosciamo, quando abbiamo delle difficoltà nella traduzione
della realtà in schemi di calcolo noti utilizziamo un “sistema di fascia” che si utilizza quando io ho
dei dubbi, ad esempio, in un punto se il vincolo è incastro o appoggio decido di farli entrambi e
prendo la sollecitazione più gravosa tra i due, è così che fa un ingegnere che trova si trova di fronte
ad un vincolo intermedio tra due vincoli e non presente sul libro di scienza delle costruzioni, si
mette a vantaggio di sicurezza.

353
4.8.1. Sbalzi
Lo sbalzo, come sbalzo di continuità è un qualcosa che noi abbiamo già visto nei solai.

Immaginiamo di avere un solaio in c.a. ordito in un certo modo, nel disegno riportiamo una comune
sezione di un solaio in c.a., potremmo farlo anche tutto pieno, ma in generale, soprattutto se è
abbastanza grande conviene alleggerirlo, potrei andare in continuità rispetto al solaio e questa è la
soluzione più immediata o meglio rappresenta ciò che io so fare più facilmente, questo significa che
il travetto di solaio, che io individuo con una linea nel disegno, non mi comporta nessuna
particolare difficoltà poiché quando io calcolo il solaio, questo solaio avrà uno sbalzo, andrò a
mettere le mie armature dentro realizzando un semplice solaio, questo lo so fare.

Vediamo adesso la parte di solaio che devo mettere in opera dove i travetti sono ortogonali al solaio
dell’edificio. Innanzitutto partiamo dalla considerazione che è sempre conveniente alleggerirlo,
ulteriori accortezze sono quelle di lasciare delle fasce piene alle estremità, mai arrivare con i laterizi
fino alla fine ma è sempre utile lasciare una zona di cls alla fine, avrò dunque creato un solaio
ortogonale.

354
Che schema devo utilizzare?

1)Ipotesi numero 1, lo sbalzo si incastra nella trave

Ho due possibilità, vado ad esempio a prendere in considerazione una sezione, la chiamo AA fatta
sul laterizio. Parto dalla considerazione di intendere lo schema come uno schema a mensola, vedo
l’incastro del solaio nella trave, cioè vado ad ammettere che lo sbalzo si incastra nella trave. In
questa ipotesi il completamento delle armature è fatto pensando che il momento lo prende la trave,
il solaio si incastra nella trave, e quindi l’armatura lo trasferisce il ferro che è in trazione e lo
trasferisce nella trave, la conseguenza di questo è la generazione di un carico verticale più un
momento torcente il tutto nella trave.

355
Chiamando “ ” la lunghezza dello sbalzo e “ ” il carico applicato, quindi avremo che la trave viene
caricata da:

Il momento torcente è a metro lineare che per lo sbalzo è una flessione mentre per la trave è una
torsione, in questa ipotesi il ferro va ancorato nella trave perché l’ancoraggio del ferro rappresenta il
trasferimento della flessione; la flessione la prende l’elemento a cui noi trasferiamo trazione e
compressione, la trazione la porta il ferro e viene trasferita sottoforma di torsione all’elemento
trave. Il disegno è connesso allo schema di calcolo, io faccio il disegno pensando al ferro ancorato
nella trave in questo modo posso esplicitare il mio schema come uno schema incastrato; c’è un
insieme di due aspetti: io penso di farlo lavorare come un incastro, a questo punto vado a realizzarlo
come un incastro.

Questo schema non è la soluzione migliore poiché crea un effetto locale di torsione sulla trave,
quindi questo potrebbe produrre una sollecitazione concentrata che le altre travi dell’edificio non
hanno, inoltre il problema locale di torsione nella trave non è trascurabile poiché la sollecitazione di
torsione si trasferisce anche nei pilastri poiché la trave è vincolata nei pilastri che sarebbero
sottoposti ad una flessione dovuta a questa torsione.

2)Ipotesi numero 2, ancoraggio dello sbalzo nel solaio dietro la trave

L’idea è quella di coinvolgere il solaio nello sbalzo che esce fuori.

Immagino che l’elemento mensola che avevo in precedenza, piuttosto che essere bloccato nella
trave possa trovare dietro dei vincoli nei travetti ortogonali, quindi me lo prolungo, oltre alla trave
anche in corrispondenza dei vari travetti metterò degli appoggi, in questo caso l’armatura che
356
inserisco non la ritroverò nella trave appunto perché non vado a vincolare lo sbalzo attaccandolo
dentro la trave bensì lo vado a vincolare nei travetti che ci sono dietro il che significa che il ferro
non si ferma nella trave ma prosegue e può coinvolgere più di un travetto cioè posso mettere più
ferri ancorati ognuno in un travetto diverso.

Questo significa che lo sbalzo, piuttosto che attaccarlo nella trave, i ferri vanno dietro e si
agganciano ai travetti , è come se i vincoli fossero rappresentati dal travetto.

Senza fare troppi schemi mentali o pensare alla normativa pensiamo banalmente di dover fare un
prolungamento di un tavolo (elemento aggiuntivo da mettere in corrispondenza di un lembo del
tavolo)

Ho varie possibilità: prendo un chiodo e mi attacco al bordo, faccio fare dei piatti di acciaio fermo
restando che se si decidesse di mettere qualche piede (2) il problema sarebbe di facile risoluzione
ma io voglio che il prolungamento sia a sbalzo, quindi inserisco dei piatti d’acciaio bullonati in 2
punti (tavolo e prolungamento) considerando che la rotazione dello sbalzo possa avvenire in diversi
punti lo avrò vincolato in più punti.

357
Ulteriore soluzione può essere quella di fare un buco nel tavolo ed inserire un perno, perno che
potrei fare di varie lunghezze coinvolgendo una pare del tavolo, (fare attenzione a problemi locali
come il rifollamento, etc) , ulteriore soluzione è quella di inserire un ferro a C sotto la prolunga (la
soluzione prevede 2 chiodi). Il funzionamento di questi sistemi, che non degli agganci locali e non
c’entrano nulla con i problemi convenzionali (De Saint Venant, etc), abbiamo un trasferimento in
un punto, teniamo in considerazione che per problemi di aderenza nelle varie soluzioni citate
sarebbe meglio avere dei piatti anche sotto o nella soluzione con perno sarebbe meglio avere due
perni, per evitare di incorrere in problemi locali, problemi locali che possono ridurre qualora
decidiamo di far partecipare una parte di struttura più grande, ma è chiaro, in questo caso, che c’è
un limite ad esempio se decidessi di fare un piatto molto molto lungo mi illuderei rispetto alla
possibilità di coinvolgere tutto il tavolo ma in realtà non sarà così perché i fenomeni si estinguono e
a collaborare sarà sempre un primo pezzo. Il caso del piatto d’acciaio è simile a quello appena visto
perché i bulloni è come se fossero tanti vincoli, ed è la stessa cosa dei ferri che si agganciano ai
travetti che stanno dietro. Quindi, piuttosto che scaricare torsione sulla trave io trasformo il
diagramma del momento che possiamo vedere nello schema, lo andrò a considerare come un
diagramma del momento al contrario poiché negli appoggi nascono delle forze che tendono a tirare
e quindi ad equilibrare e che sono più distribuite all’interno del mio sistema.

Pro NON AVRO’ LA TORSIONE SULLA TRAVE, COINVOLGO PIU’ TRAVETTI (NON
PIU’ DI 2 O 3)

Contro GENERAZIONE DI FORZE DI TRAZIONE SUI TRAVETTI (MENTRE I


TRAVETTI SONO PROGETTATI PER REGGERE IL CARICO DALL’ALTO VERSO IL
BASSO E INVECE IN QUESTO CASO VENGONO TIRATI)

Bisognerà fare un calcolo per vedere se i pesi che ci sono sopra di esso non producono un tiro
troppo alto, ovviamente il tiro è funzione del valore del momento e cioè alla lunghezza dello sbalzo,
se uno sbalzo non è molto lungo è chiaro che i travetti non avranno problemi, se fosse uno sbalzo
molto grande i travetti non ce la farebbero, se lo faccio in fase di progettazione però potrei avere
l’accortezza di mettere delle armature superiori nei travetti (questo l’ho dedotto io :siamo nel caso

358
in cui immaginiamo di dover predisporre uno sbalzo con questa tipologia costruttiva e inseriamo dei
ferri superiori così che questi possano assorbire il tiro ai quali saranno soggetti).

Se si presenta uno che dice io voglio mettere uno sbalzo laddove non era stato progettato oppure
dice io voglio allungare il mio sbalzo, questa cosa va verificata perché va visto in un caso (ipotesi1)
se la torsione può essere assorbita dalla trave o (caso 2) se i travetti sono in grado di assorbire il tiro
a cui sono sottoposti.

Non voglio interrompere il balcone, mi serve progettare lo spigolo.

E’ una situazione questa che è diversa dalle precedenti, questo schema non va né in continuità né in
ortogonalità, lo sbalzo d’angolo è la situazione peggiore poiché è capace di generare una con
concentrazione di forze nello spigolo.

Il primo problema che abbiamo è quello realizzativo, ci chiediamo se ci convenga o meno


alleggerire, essenzialmente questo problema dipende dalla dimensione poiché se è molto piccolo
non conviene mettere i laterizi per difficoltà di realizzazione (manodopera complicata), i laterizi
non vanno né in un direzione (ortogonali) né nell’altra (continuità), molto spesso questo pezzo si fa
pieno, se voglio vederlo come un elemento monodimensionale (autonomo) allora questo dovrà
essere ancorato da qualche parte, a questo punto ho due soluzioni: o mi attacco nello spigolo quindi
nel pilastro oppure mi porto i ferri dietro.

1) Soluzione 1 Ferri nel pilastro

Vuol dire che il pilastro regge i ferri e quindi regge il sistema a mensola , sul pilastro arriverà
sicuramente un momento torcente, per semplicità è come se la risultante del carico q che c’è sullo
sbalzo d’angolo fosse applicata nel baricentro del sistema (individuiamo quanto detto mediante una
distanza che chiamiamo d), arriverà un momento torcente , e questo va tutto
nel pilastro, significa che i ferri entrano tutti nel pilastro e questo crea congestione anche perché i
ferri arrivano a raggiera e potrebbero non essere pochi, secondo problema è connesso alla
generazione sul pilastro di una sollecitazione concentrata che è da evitare, soprattutto se il pilastro
è piccolo. Schema a mensola caricata da una forza concentrata pari a .
359
2) Soluzione 2 Ferri ancorati nei travetti

Trascurando la possibilità di alleggerire o meno che è un problema di manodopera, spesso si fa


pieno soprattutto se l’angolo è piccolo, in modo tale da mettere i ferri come vogliamo.

I ferri in questo caso li porto dietro e si vede benissimo nel disegno, anche in questo caso dipende
dal numero di travetti che vogliamo coinvolgere, 2 o 3 andranno benissimo, lo schema in questo
caso è sempre quello di un elemento che ripartisce la flessione, avremo una trave con 3 appoggi (ad
esempio, dipende dalla disposizione dei ferri quindi dal numero di travetti coinvolti). Schema tanto
più regolare quanto è regolare la geometria delle sbalzo, lo schema va fatto in base alla disposizione
è funzione dei ferri. Se ho uno schema quadrato i ferri vanno in diagonale parto da un ferro e poi
vanno a raggiera. Non immaginiamo di inserire delle staffe, non riconosciamo una trave, il taglio
verrà portato dalle formule che si utilizzano per elementi non armati a taglio, riconosciamo un
elemento piatto bidimensionale.

Non cambia niente se lo sbalzo è circolare, anzi è ancora meglio per disporre a raggiera i ferri.

Nel caso dei ferri nei travetti, affinché non tirino lo spigolo è opportuno disporli in più travetti,
questo è il principio.

Se vengono troppe armature c’è un errore ovvero il solaio è troppo basso perché l’armatura viene
tanto più grande quanto l’altezza utile a flessione è modesta, si ovvia facendo il solaio più grande.

Si può pensare di fare un piccolo sforzo di alleggerimento poiché il cls pieno pesa tantissimo, oggi
ci sono soluzioni innovative, quando le forme sono particolari ad esempio un solaio ovale o
circolare ci sono delle forme di alleggerimento con le sfere, palle di polistirolo che si mettono
all’interno con la creazione di alcune zone in cui passano i travetti.

360
4.8.2. Fori (nei solai)
I fori possono essere di diverse dimensioni in base alle esigenze.

Fermo restando che noi parliamo dei carichi verticali, perché sulla foratura c’è anche un altro
problema, nel calcolo sismico ipotizziamo che il solaio abbia il compito di trasferire le forze
orizzontali e gli diamo infinita rigidezza, a quel punto la foratura potrebbe incidere sulla rigidezza
del solaio e rispetto a questo bisognerà poi fare attenzione a quanto è grande il foro, perché se il
foro è piccolo non c’è una grande incidenza, se il foro è grande questo dato ci permette di affermare
che viene minato il modello globale della struttura.

Questa è una percezione numerica che deve avere l’ingegnere, ad esempio io posso pensare che una
foratura del 3% sia piccola e del 30% sia grande, se invece questa percezione mi dovesse mancare
servirebbe fare un calcolo complesso poiché deve avere una modellazione del solaio con il
comportamento nel piano e verificare non la resistenza ma la rigidezza del solaio, quindi dovrò
implementare un modello tridimensionale del solaio, sottoporlo ad azioni orizzontali e devo
verificare che significa che il solaio può assumere l’ipotesi di infinita rigidezza, fermo restando che
infinito non è un numero esistente, quindi il solaio avrà una deformabilità, dovrò pertanto valutare
se l’ipotesi fatta di infinita rigidezza resta valida o meno. Tutto si può fare ma bisogna avere un po’
di occhio.

361
I problemi dei fori nel solaio sono tantissimi, vedremo il principio con il quale si affronta, ma non
tutti i casi, molto conta la dimensione, infatti, diverso è aprire in un solaio un foro 30x30 cm da un
foro per un ascensore ad esempio.

Ha una grande importanza la dimensione del foro soprattutto per un solaio alleggerito e questo
perché in questo tipo di solaio ci sarà di certo la presenza dei laterizi che noi abbiamo
fondamentalmente trascurato nei calcoli, il ché significa che se facciamo un foro che rientra nelle
dimensioni dei laterizi non cambierà nulla nei calcoli nella realtà se è molto grande un po’ di
rigidezza locale la perde, ma molto grande non può essere perché il laterizio è 40cm, quindi se
facciamo un foro per un cavedio (esigenze impiantistiche, soprattutto per edificio pubblico), se
quando l’impiantista vuole ottenere un cavedio e interpella lo strutturista siamo tutti più fortunati, se
il progetto non è coordinato l’impiantista viene e fa il buco senza criteri.

A questo punto, escludiamo di fare buchi nelle travi sebbene questa è una cosa che usualmente si fa,
ad esempio nelle travi a spessore è molto frequente, ma bisogna fare molta attenzione con gli
elementi strutturali, non tanto perché crolla, perché per crollare si devono fare tanti buchi ma è
proprio una questione di principio, perché poi avrò una trave diversa da quella che avevo progettato,
sarebbe meglio passar fuori dagli elementi strutturali, sicuramente fuori dalla zona critica, se la
trave è emergente è facile che si passa di fianco e si va quindi nel solaio.

Come detto se faccio un foro piccolo che entra nel laterizio non cambierà nulla, è un alleggerimento
si tratta semplicemente di un buco nella soletta il che significa che la rete che passa nella soletta va
leggermente interrotta per far passare il foro che stiamo facendo.

362
Se il foro è più grande, ad esempio un foro 1,0x1,0m, se mi trovo nella possibilità di poter scegliere
o comunque di potermi “contrattare” una posizione, decido di andarlo a mettere a cavallo di una
trave, il problema che sorge è che il carico che portavano i travetti che vengono rimossi con la
messa in opera del foro da qualche parte dovrà pur andare,mi potrebbe convenire creare una trave,
trave che raccoglie gli elementi che vengono tagliati, è in questo modo che riporto il carico sulla
struttura principale che è rappresentata da travi e pilastri, mi conviene rinforzare alcune zone ovvero
riquadrare il foro. Prima di “cancellare” , dovrò realizzare questi due elementi (trave e “riquadro
del foro”), se è in fase di progetto lo si fa facilmente, se invece siamo in una fase di messa in opera
del foro in un edificio esistente il “ringrosso” andrà studiato , se siamo molto preoccupati
eliminiamo “””questi””” laterizi e facciamo diventare tutto una trave, ci sono n-possibili soluzioni.

Una volta individuato il percorso avrò bisogno di valutare questi due elementi, ad esempio la trave
come la potrei calcolare? Potrei ipotizzare che è una trave appoggiata caricata dalla scarico dei
travetti (nel disegno è indicata con la lettera ), gli scarichi sono due forze concentrate che chiamo
(R1 ed R2 che rappresentano le reazioni vincolari dei travetti), R1 ed R2 sono diverse poiché è
diversa l’area che prendono i due travetti in questione pertanto diremo che esiste un travetto 1 ed un
travetto 2, a questo punto mi calcolo la trave, questa trave avrà delle dimensioni che io stabilisco e
dove ciò che io posso governare è più la larghezza che l’altezza se non voglio cambiare tutta
l’altezza del solaio.

Attribuirò alla trave una larghezza , sezione di dimensioni , metto l’armatura e faccio i
miei calcoli in base al momento che esce fuori dallo schema.

Potrei avere dei dubbi sui vincoli d’estremità , il dubbio potrebbe essere che piuttosto che appoggi
siano incastri , nel qual caso dovrei considerare l’altro schema (penso quello incastro-incastro)
oppure calcolare con quello appoggiato e fare l’armatura simmetrica (legati a dubbi sul diagramma
del momento che cambia nei due schemi anche in termini di segno), su elementi del genere, che
sono così dubbi, bisogna ragionare ingegneristicamente senza fare i farmacisti; più di schema
appoggiato non può venire, sulla trave appoggiata, mentre nel caso
incastrato sarebbe un , a questo punto io metto e metto l’armatura doppia, non mi
conviene su un elemento così dubbio prendermi un rischio.

Questa roba non viene fuori dai computer, o almeno non facilmente , perché nel caso di calcoli
globali il solaio entra come impalcato e come “travetto corrente”, oppure ci voglio dei software
particolari che ci fanno dei calcoli di dettaglio dell’impalcato, ma non è una cosa proprio facile da
avere.

Andiamo a vedere il travetto 3,che potrebbe anche proseguire e che non è come gli altri, perché qui
nasce una reazione vincolare che chiamiamo R3 e caricherà il travetto nella posizione riportata nel
disegno, quindi il travetto 3 che fa parte del solaio, oltre ad avere i carichi distribuiti che gli
vengono dal solaio ha anche uno sforzo concentrato che è la reazione vincolare R3, pertanto è un
po’ più sollecitato di un travetto ordinario.

Se ci troviamo a fare un foro in una struttura esistente possiamo anche pensare di fare dei rinforzi ,
intanto demolire pezzi di laterizio e mettere cls pieno ad esempio se ho una altezza del solaio
363
imposta potrei pensare di aumentare la base B, se proprio sono in difficoltà poso anche pensare di
montare una trave in acciaio o una placcatura d’acciaio, ovviamente parliamo di problematiche che
potrebbero sorgere in edifici esistenti.

Quando si fanno fori per il vano ascensore è tipica la predisposizione di travi dette di quadratura, si
andranno a collocare pertanto il vano ascensore ed il vano scala in modo tale che sia assicurata la
presenza delle travi.

Il foro potrebbe stare al centro, in quel caso è necessaria la predisposizione di due travi, una che
raccoglie i travetti da sinistra l’altra che li raccoglie da destra.

Se il foro è molto grande il solaio inizia a diventare preoccupantemente deformabile poiché


potrebbe rappresentare una irregolarità nella pianta quindi quel pezzo non trasferisce correttamente.

Le travi sono armate sia a taglio che a flessione e si calcoleranno con tutte le tecniche.

Problemi possibili sono che si sfonda la trave o la fessurazione locale.

364
4.8.3. Scala in c.a.
La scala in c.a. si può fare con diversi schemi di calcolo, o meglio di funzionamento, ce ne sono
due:

- Scala con trave a ginocchio


- Scala con soletta rampante

Questi sono gli schemi, poi la scala può stare in un vano scala a parte o ad esempio stare all’esterno
dell’edificio, in generale la scala , che ha un suo schema crea problemi poiché disturba i telai.

4.8.3.1. Scala con trave a ginocchio

La cosa migliore per una scala che si trova all’interno di un edificio sarebbe quella di ubicarla nel
baricentro di questo in modo da non creare eccentricità, ma non è così perché spesso sta ovunque e
questo accorgimento non viene rispettato.

La scala va prima disegnata architettonicamente, poiché quella esigenza non può essere superata,
quindi ci saranno dei rapporti tra alzata e padata o la pendenza che sono funzione della sicurezza o
della destinazione d’uso (diversi valori tra edifici pubblici e privati).

365
Nota la geometria, si deve tener conto anche
dell’ingombro della scala in base all’interpiano, il
disegno fatto non è nient’altro che la sezione che
ho riportato sulla pianta, in cui si nota l’ingombro
che avrà la scala nell’edificio, perché scegliamo
di fare sempre più di una rampa? Perché l’altezza
da superare è almeno 3 metri (h=3metri si vede
sul disegno esemplificativo) e per le grandezze
relative ad alzata e pedata ci vorrebbe una
estensione della scala molto grande per avere una
rampa sola che sale a tre metri, la cosa più logica
sarà farne 2 di rampe, per cui avrò un
pianerottolo intermedio che è ubicato in funzione
dello smonto.

La sagoma che mi serve è: un tratto orizzontale , un tratto inclinato, un tratto orizzontale , il tratto
orizzontale potrebbe far parte del solaio che sta dietro in entrambi i tratti orizzontali. (questo per
scale interne) per scale esterne sta tutto nei pilastri.

L’elemento portante del sistema con trave a ginocchio sono le due travi laterali, adesso entra in
gioco la trave spezzata e quindi la sua sagoma,quindi significa che esiste una trave che poi andrà
dimensionata , questa trave parte da un pilastro e arriva ad un piano intermedio e si attacca, ma
dove? A questo punto devo pensare se mettere una trave intermedia, potrei anche non metterla , la
trave a ginocchio va da pilastro a pilastro in realtà, si muove da un pilastro ad un altro, in profondità
ci sarà un pianerottolo, questo pianerottolo potrebbe appoggiare dalla trave a ginocchio al pilastro
che sta dietro di lui, per cui il mio pianerottolo può andare da trave a trave, la parte piatta della trave
si prende il pianerottolo.

Volendo potrei chiudere con un’altra trave esterna, se mettiamo questa trave (parla di trave che
sporge penso verso l’interno), è un po’ fastidiosa (a questo punto fa il disegno di un telaio e dice che
questo telaio apparirà non solo con i suoi piani ma anche con una trave intermedia, trave che spezza
366
il pilastro in due parti che si trasformano eventualmente in pilastro tozzo, questo è un enorme
problema sulla duttilità , un problema quasi irresolubile, in qualunque schema con il calcolo della
scala vi è la generazione di pilastri tozzi e questo produce dei grossi problemi nel funzionamento
della struttura con la duttilità poiché il pilastro si meno che dimezza quindi non ce la fa mai con le
staffe (problema di gerarchia)), quindi l’inserimento della trave che sembrerebbe una buona
cucitura tra i due produce questa problematica del pilastro tozzo, fenomeno non auspicabile. Oltre al
pilastro tozzo si produce un’altra particolarità che il telaio che ha la trave intermedia è più rigido
degli altri telai perché avendo delle travi intermedie nella ripartizione delle azioni sismiche è più
[1.11.30] [non si capisce una ceppa] quindi produce delle irregolarità, l’irregolarità non è un
problema se ben gestita in fase di progetto, se invece viene trascurata in fase di progetto quando
l’edificio si comporterà globalmente (scala compresa) saranno dolori poiché non avremo tenuto
conto (della irregolarità) nei calcoli, pensando che la scala non entrasse nella globalità della
struttura.

Come sono fatti i gradini? I gradini sono fatti a sbalzo dalla trave, sono come tanti denti che escono
dalla trave a ginocchio, il gradino esce a sbalzo, viene poi unito da una piccola soletta ed è attaccato
dentro la trave.

Prendiamo una sezione della trave (AA sul mio disegno) per capire varie cose ,innanzitutto
vediamo come esce il gradino , dente della trave, ogni dente potrebbe essere completamente
separato anche se conviene che ci sia una soletta che li unisce altrimenti quando ci si cammina si
forma una fessura tra un gradino ed un altro o addirittura si spezza.

Riportiamo diversi disegni tra i quali un particolare del gradino armato, il gradino viene armato con
dei ferri: ci sono dei ferri che entrano nella soletta (che è una sorta di staffa) e poi ci sono i ferri

367
longitudinali, i ferri nascono dal fatto che quando camminiamo sul gradino il gradino lo vediamo
come mensola che si incastra nella trave a ginocchio. Dopodiché c’è una staffa che in dipendenza
del progettista può avere forma variabile, esistono diverse forme di sagomatura dei ferri che si
mettono nella soletta.

Il gradino convenzionalmente è quello del disegno prende circa 5 cm di soletta , anche un po’ di
più, ma il minimo è di 5cm, in più ci sono i ferri superiori che sono gli unici che contano, a livello
di flessione, tra l’altro la flessione è una flessione deviata poiché avendo la sezione una forma in cui
l’asse principale non è quello verticale secondo cui è diretto il carico pertanto l’asse principale sarà
inclinato avendo un carico verticale l’elemento va in flessione deviata.

Come si calcolano? Un modo potrebbe essere quello di riconoscere una sezione rettangolare più o
meno accettabile, sebbene ci sia flessione deviata, considerando il fatto che abbondiamo con
l’acciaio e ci mettiamo a vantaggio di sicurezza con gli schemi statici è lecito pensare di poter
prendere una sezione rettangolare, sempre in maniera conservativa, per cui ad esempio metterò
un’altezza un po’ più piccola.

Ci sarebbe l’analisi dei carichi da fare quindi valutare tra le altre cose anche il peso proprio della
mensola oltre che al peso proprio di ogni gradino, fare attenzione nell’ottenimento del carico a ,
ricordarsi di dividere per la sezione del gradino, esiste il peso proprio del gradino, esiste il
completamento della scala: massetto (normalmente è niente) e pavimento (ad esempio il marmo) +
sovraccarico variabile + intonaco.

Indipendentemente dall’ubicazione della scala in termini anche di destinazione d’uso, questa


presenterà sempre un sovraccarico maggiore rispetto a quello del solaio, perché siccome viene
considerata come una via di fuga anche in una scala per civile abitazione il sovraccarico sarà più
elevato proprio perché si presume che sia sempre a pieno carico, durante qualsiasi evento.

Civile abitazione (SOLAIO) , (SCALA).

368
Progettato il gradino si va sulla trave, cosa porta il
gradino sulla trave ? La torsione, perché è chiaro che ci
sono dei carichi che sono gli omini che camminano o i
pesi propri, per cui sulla trave arriverà la risultante che è
il carico (peso proprio, carico variabile, etc)
moltiplicata per la lunghezza del gradino ( ) sulla trave
diventa un carico a metro lineare poiché sul gradino è
stato calcolato a metro quadro e adesso viene
moltiplicato per la lunghezza del gradino stesso, ma ciò
non basta poiché il gradino è una mensola incastrata
nella trave cioè il gradino è stato calcolato con lo
schema a mensola pertanto c’è anche la torsione, il
momento torcente vale .

A questo punto torno sulla trave sarà caricata


dai carichi già visti, inoltre c’è da valutare il
carico che potrebbe arrivare sul pianerottolo
che è un carico diverso perché il pianerottolo
non è a sbalzo con il gradino, indicando con
la lunghezza del pianerottolo, considerando
che il pianerottolo potrebbe essere fatto come
un pezzo di solaio pertanto ci sarà un carico
diverso per cui avremo (carico del
pianerottolo) che agisce su di esso, a questo
punto ci si chiede se c’è torsione o meno nel
pianerottolo? Questo in realtà dipende poiché
il pianerottolo posso schematizzarlo in due
modi: o appoggiato-appoggiato in questo caso
la torsione non c’è oppure incastrato-incastrato la torsione c’è lo vediamo dal diagramma del
momento che nel caso di schema appoggiato non porterà nulla sulle travi cosa diversa per il caso
incastrato la torsione vale , cioè quello che è il momento flettente ancora una volta diventa
torsione.

A questo punto per quanto riguarda la trave a ginocchio mettiamo nel calcolo il momento torcente,
diversamente, per quanto riguarda il pianerottolo conviene avere la trave appoggiata, adotto la
strada che mi porta a considerare il peggio per tutte e due cioè torsione sulla trave (è come se
vedessi solo per considerare la trazione lo schema incastrato del pianerottolo) e appoggio-appoggio
del pianerottolo in modo da avere un momento più grande in mezzeria, questo è lecito poiché i
vincoli sono sempre incerti e così noi ci mettiamo a vantaggio di sicurezza.

369
In generale la cosa peggiore per la trave è l’appoggio semplice ( ), la cosa peggiore per la
trave a ginocchio è ( ) (incastro).

A questo punto dovrò calcolarmi la trave, quindi dovrò fare il calcolo del momento flettente, taglio
e torsione sulla trave ad asse spezzato, i carichi sono verticali, fare attenzione a questo aspetto,
poiché sono carichi gravitazionali, io non cammino inclinato rispetto alla scala, il momento si
calcola prendendo le distanze in orizzontale, considerando che è più grande è il carico e non il
braccio, quindi il risultato non è fare con il braccio più lungo ma il risultato è quello di
applicare un carico equivalente più grande quindi prendiamo la distanza in orizzontale (nel tratto
inclinato) ma amplifichiamo il carico per equilibrare il fatto che la distanza in orizzontale non è
uguale a quella reale che è inclinata, in questo caso torna la semplificazione, oppure non facciamo
nessuna semplificazione prendiamo lo schema per quello che è e facciamo il calcolo con la trave ad
asse spazzato, lei alla fine del discorso dice che si risolve la trave ad asse spezzato perché le fa male
sentire che si cerca una formula semplificata (carico amplificato) per la risoluzione di una trave
appoggiata ad asse spezzato.

370
A questo punto dobbiamo mettere le armature a flessione, taglio e torsione
ricordando che la torsione si arma con ferri longitudinali e staffe e che i ferri
longitudinali vanno lungo tutto il contorno perché se calcoliamo l’armatura a
torsione non ricordando che il funzionamento per la torsione fa riferimento ad
una sezione cava, calcoliamo l’armatura e la mettiamo tutta sotto, succede che
la trave se ne cade! L’armatura a torsione va predisposta lungo tutto il bordo!
Perché non è il totale dei ferri che conta, ma conta la distribuzione dei ferri
poiché le fessure si aprono su tutti e quattro i lati, pertanto ci vorrà una
adeguata distribuzione dei ferri, i ferri vanno messi dove serve.

Prendendo i calcoli di flessione, taglio e torsione dobbiamo tener conto che quello che consideriamo
ad esempio per la flessione (in termini di ferri) non possiamo considerarlo attivo per la torsione
poiché allo SLU ogni armatura che calcoliamo la facciamo lavorare ad ( , snervamento) una volta
che ha lavorato ad per il momento flettente non prenderà la torsione. Di conseguenza sono tutte
somme: le staffe del taglio si sommano a quelle della torsione, i ferri longitudinali si sommano a
quelli della flessione. [NON SI CAPISCE BENE SE LE ARMATURE SI “SOMMANO” O SI
VEDANO COME INDIPENDENTI.]

Nella trave a ginocchio c’è tutto, è uno dei pochi casi in cui si trovano tutte le sollecitazioni che
abbiamo studiato, e ci saranno anche le verifiche accoppiate taglio-torsione ad esempio.

In realtà ci sono dei tratti in cui ci sarà anche sforzo normale, partendo dal fatto che agisce una
reazione verticale, quando andiamo a vedere la sollecitazione sulla trave ci sarà anche la
componente di sforzo normale.

371
Come si disegna l armatura?

Ci sono dei dettagli dell’armatura che non vengono dal calcolo, il calcolo si fa considerando la trave
appoggiata, anche se noi utilizziamo quella della trave appoggiata ma è opportuno mettere anche il
caso della trave incastrata come calcolo oppure raddoppiamo i carichi nella trave appoggiata, ma
non dobbiamo neanche sognarci di non mettere nulla nel momento negativo poiché il vincolo del
pilastro qualche effetto lo produce sempre, facciamo l’armatura superiore ed arrivati in un certo
punto vediamo come l’armatura superiore non si fa girare perché nasce un problema, ovvero se io
ho un ferro sagomato in un certo modo, questo risulterà essere teso, quando il ferro è teso tende a
dare una componente nello spigolo che spinge fuori, questo tradotto significa che il copriferro salta
in quel punto, andando a spingere in uno spigolo in cui c’è uno spessore di cls molto piccolo si
capisce bene come il copriferro salti, porteremo il ferro più sotto a quel punto lo faremo girare
mettiamo un moncone aggiuntivo per evitare che in quel punto il momento negativo resti
“scoperto”. Per quanto riguarda l’armatura con momento positivo faccio lo stesso discorso di non
sagomare il ferro e inserisco anche qui un moncone aggiuntivo, questa volta il ragionamento lo
faccio però nella parte superiore poiché con momento positivo a preoccuparmi è il copriferro nello
spigolo superiore, nella parte inferiore posso sagomare/girare il ferro e posso farlo perché vado
verso lo spessore di cls e non verso il copriferro. Dei ferri è necessario fare la distinta fuori, sotto la
scala vanno riportati tutti i ferri utilizzati con relative lunghezze, sagomature e diametri, perché in
cantiere devono montarle e contano molto i disegni. In genere si fa tutto uguale perché è scomodo
mettere più ferri alle estremità, tuttavia gli andamenti delle sollecitazioni non sono costanti e li
vediamo.

372
Si riportano gli andamenti delle sollecitazioni: taglio, momento e torsione nel caso di trave
schematizzata come appoggiata (andrà comunque fatto anche nel caso incastrato in fase
progettuale).

Per quanto riguarda la torsione dobbiamo valutare la presenza nei vari punti in base allo schema che
abbiamo deciso di adottare, quello riportato nel disegno è quello nel caso completo dove c’è
presenza di momento torcente anche nei pianerottoli, la normativa indica la torsione come T, i
vincoli ai quali facciamo riferimento sono vincoli di tipo torsionali, significa che i vincoli possono
prendere la torsione che diversamente non potremmo mettere. L’andamento della torsione è
assimilabile a quello del taglio con una forza concentrata, ovviamente i valori saranno, in questo
caso, caratterizzati dalla presenza della coppia torcente. Questi andamenti mi fanno capire che le
sollecitazioni non sono uguali in tutti i punti, quindi l’armatura potrebbe essere anche variabile,
potrei ad esempio trovarmi in condizioni dove per l’appoggio potrei avere una maggiore armatura
per torsione armatura che si riduce in campata. Da un punto di vista progettuale il principio che
occorre seguire è quello di fare le cose quanto più semplici possibile in modo da ridurre i possibili
errori in cantiere. Ulteriore difetto della trave a ginocchio è quello di irrigidire troppo un telaio
rispetto agli altri, è molto irregolare e genera una serie di problemi.
373
4.8.3.2. Scala con soletta rampante
La soletta rampante agisce su un principio totalmente diverso, che è un principio banale;
essenzialmente in un telaio devo arrivare da un piano all’altro, attraverso l’interposizione di travi al
piano e delle travi intermedie.

Si vede dal 3D che si è creato un sistema trave-trave intermedia-trave, il principio è quello di


appoggiare un solaio inclinato che va da una trave ad un'altra, questo solaio/soletta la sagomiamo
per diverse esigenze tra le quali creare il pianerottolo, avrò creato una soletta che ha una certa
sagomatura, la soletta sarà larga tanto quanto mi serve, riportiamo in figura un esempio, avrò
all’attacco delle scale un pianerottolo di ad esempio.

La mia struttura portante sarà una


soletta piatta, normalmente piena,
non conviene farla alleggerita
anche se a volte si fa, viene fuori
proprio come un solaio, lo
spessore dipende da quanto è
lunga mediamente
si cls pieno se la scala
è molto lunga potrà avere anche
uno spessore di di cls
pieno.

374
Abbiamo usato 1,2m poiché le scale in genere hanno come modulo multipli di 60, poiché i vigili del
fuoco indicano 60 come modulo per la fuga di 50 persone.

Potrebbe esserci anche un piccolo spazio in mezzo in modo tale che il pianerottolo venga un po’ più
largo.

Il gradino non ha una valenza strutturale , i gradini si dice che siano riportati, nel senso che sono
gettati sopra , sono dei gradini il cls sagomati, non hanno alcuna capacità portante, si possono fare
in laterizio si possono fare in pietra la cosa importante è che non abbia sfondamenti locali per via
del materiale.

Cosa cambia dallo schema precedente di trave a ginocchio?

Anche nel caso della soletta abbiamo lo stesso schema di calcolo (schema appoggiato), anche nella
soletta non conosco con precisione quali sono i vincoli poiché anche in questo caso non so se
all’aggancio con la trave si ha con un incastro oppure con un appoggio, probabilmente è una via di
mezzo , se la trave è molto deformabile a torsione allora la trave rappresenta uno scarso vincolo
allora la vedo come un appoggio, diversamente se è molto rigida la trave come un incastro, nel
dubbio o li faccio entrambi oppure lei consigli di fare solo la trave appoggiata e di fare un armatura
simmetrica.

Qual è il carico in questo caso?

I gradini, i gradini li realizzo in cls per esempio saranno certamente con un po’ di armatura poiché
non ha mai senso fare cls senza armatura, i gradini non hanno nessuna valenza strutturale, i tondini
presenti in essi sono semplicemente “buttati” all‘interno dei gradini stessi, tutto questo ha un peso
però , questo peso concorre nell’analisi dei carichi, quindi il peso totale è dato dal peso della soletta
che non è poco perché il cls pesa tantissimo,poi c’è gradino infine ci sono rivestimenti (marmo) e
ringhiere e intonaci,ovviamente qualcosa ci sarà anche sul pianerottolo. Il calcolo è diverso da
prima poiché in questo caso non c’è torsione in quanto la soletta è un elemento che appoggia da un
punto ad un altro, di conseguenza è soggetta unicamente ad un carico verticale, ci saranno dunque
solo flessione e taglio.

375
La sezione resistente è una sezione molto larga e piatta, diciamo ma in ogni caso
dobbiamo progettarla, la sezione si arma fondamentalmente a flessione, poiché essendo un elemento
piatto a soletta quindi non è un vero e proprio elemento trave non la trattiamo da tale,infatti, a taglio
non mettiamo le staffe, faremo il calcolo della resistenza a taglio proprio come si fa per un solaio
quindi con l’armatura longitudinale si arma anche a taglio.

Quando una trave è piatta è una soletta non è una trave pertanto la staffa non ha lo stesso
funzionamento che avrebbe in una trave quindi in genere resiste poiché la B è molto grande e nella
formula della resistenza a taglio compare anche la B, però comunque si mettono dei ferri anche
nell’altra direzione e questo perché non si lascia mai senza mettere il ferro nell’atra direzione anche
perché si può camminare sul lato o eccentricamente ad esempio quindi mettiamo delle armature
anche se non le facciamo chiuse poiché non ha la valenza di una staffa, tuttavia farle chiuse è
comunque meglio (ricordiamo che la staffa è chiusa affinché una trave sia duttile) ma se il problema
non è né il taglio né la duttilità è semplicemente un problema di ripartizione, i ferri longitudinali in
termini di sagomatura sono uguali a quelli nella trave vista in precedenza.

376
4.8.4. Trave antisismica alla Giliberti
Dopo il terremoto dell’Irpinia, ma anche a L’Aquila ci sono stati li stessi problemi: pilastro tozzo si
rompe, la botta locale, etc, si inventò una scala, la cosiddetta scala a soletta rampante antisismica, la
scala alla Giliberti professore di Napoli, nata dall’idea di evitare la trave intermedia poiché la trave
intermedia è quella che dà “fastidio”, abbiamo due piani , la rampa deve arrivare a metà, io debbo
agganciarmi alla metà, piuttosto che mettere la trave intermedia tu progettista fai scendere due
tiranti (agganciati alla trave di sopra) alle quali estremità è collegata una trave sospesa, questa trave
non spinge sui due pilastri è semplicemente una massa che è appesa alla trave superiore e in un
calcolo globale non entra come spinta sui due pilastri non generando le problematiche riportate
sopra, crea una massa aggiuntiva che va a reggere la trave, si fanno uscire due piccoli pilastri che
non hanno funzione sismica poiché non si collegano all’implacato li mettiamo poiché la trave è
meglio che sia appoggiata e non sospesa poiché sappiamo che il cls a trazione lavora male anche se
un piccolo tirante non genera una grande trazione.

4.8.5. Considerazioni
Esiste una soluzione fantastica per risolvere tutti i miei problemi q=1 così non devo guardare la
duttilità non devo fare gerarchia non devo fare niente, esistono dei casi nel c.a. non spesso ma
nell’acciaio spesso in cui mettere q(fattore di struttura) =1 non porta un grande aggravio. In
generale esistono dei casi in cui fare q=3 o fare q=1 non porta un grande aggravio con la differenza
che nel primo caso devo fare gerarchi stare attento al pilastro tozzo fare duttilità,etc, metto q=1 e
vado per resistenza e il corso di progettazione scompare. A volte edificio di 2 piani metto q=1
metterò certamente qualche ferro in più, ferro che poi però non metterò in gerarchia perché il nodo
ha una gerarchia enorme, il taglio ha una gerarchia enorme, ad esempio l’acciaio ___ q=1.

Soluzione universale per quanto riguarda la scala potrebbe essere un giunto, si fa un giunto tutto
intorno alla scala, ma in piccolo edificio può essere molto costoso, inoltre c’è anche la
manutenzione che non è da poco.

377
Sulla irregolarità strutturale …

L’irregolarità in pianta non dà un grandissimo problema, dà la torsione, la torsione si calcola, solo


per questo l’irregolarità in pianta aggrava un po’ il progetto, crea in sintesi dei telai che lavorano
peggio di altri in quanto trasla e ruota, ma non è un problema l’irregolarità, semplicemente le
sollecitazioni verranno distribuite in maniera irregolare, non si commette un errore. Per quanto
riguarda il giunto sismico, è necessario se venissero cose “strane” fuori dai calcoli della torsione,
ma se io ho un edificio irregolare, avrò dei telai più sollecitati quindi avrò una progettazione “più
grave” lì ma se la struttura tiene non ho nessun problema, se sono eccessivi posso pensare di
spezzare i telai o controventarli, non è detto che il giunto sia l’unica soluzione per regolarizzarla,
fermo restando che se resta irregolare me la tengo con la torsione e amen, pace, va bene lo stesso !

Non bisogna confondere l’edificio esistente che ha un problema con l’edificio che io progetto
tenendo conto delle irregolarità, irregolarità= sovraccarico= alcuni pilastri stanno peggio, ci vuole
più ferro , ma la norma di certo non dice che non si può fare.

L’analisi statica lineare ve la potete dimenticare , non si può fare mai la facciamo in triennale per un
telaio piano per il resto la possiamo eliminare dalla nostra vita, non è una tecnica utilizzabile, pensi
che se fai il giunto puoi fare l’analisi statica lineare ? sei uno/a sciocco/a ! Si usa per fare qualche
calcolo di verifica semplificato. Dovresti avere prevalenza del primo modo, regolarità in pianta ed
in altezza e la irregolarità in altezza non lo puoi controllare mai, il controllo della regolarità in
altezza a priori è impossibile, per via della sovra resistenza di piano che si calcola a posteriori ,
perché si vuole che il rapporto di sovra resistenza tra un piano ed un altro abbia un valore preciso
ma la sovra resistenza si calcola dopo aver calcolato tutto, ferri sezioni, etc, pertanto è
incontrollabile. A priori mai si può dire se è regolare o no perché almeno quella (sovra resistenza di
piano) non la possiamo calcolare se non a posteriori. Al di là del fatto che non c’è nessuno che
abbia dato una risposta coerente sulla rigidezza di piano che ad oggi resta un concetto molto
complicato e quindi anche quello è una irregolarità.

Metodo comune: analisi dinamica lineare.

378