Sei sulla pagina 1di 654

Istruzioni per l´uso

S/BV 12/16 M 628

0297 7466

Numero del motore:

Siete pregati di registrare qui il numero del motore. In questo modo


facilitate l’evasione di questioni relative all’assistenza clienti, alla
riparazione ed ai ricambi.

Ci riserviamo di apportare modifiche tecniche relative alle


rappresentazioni ed alle indicazioni riportate nelle presenti istruzioni
per l’uso risultanti necessarie per il miglioramento dei motori. Le
ristampe e riproduzioni di qualsiasi tipo, anche solo parziali,
necessitano della nostra autorizzazione scritta.
DEUTZ MWM
S/BV 12/16 M 628

Le presente descrizione è destinata al seguente motore:

● Tipo del motore:

● Tipo di impiego:

● Nome dell’impianto:
● Potenza: kW

● Numero di giri: / min

● Messa in funzione in data: . 19

Siete pregati di volere inserire i dati richiesti. In questo modo facilitate l’evasione delle questioni relative
all’assistenza clienti, alla riparazione ed ai ricambi.

La presente documentazione va presentata al PERSONALE DI ASSISTENZA CLIENTI in occasione


di ogni sua prestazione.

Printed in Germany
Contenuto e impaginazione:
Documentazione di servizio VS-TD

Con riserva di tutti i diritti


1a edizione, 05/1998
Tiratura 5 unità

N. d’ordine 0297 7466


DEUTZ MWM
S/BVM 628

● Leggete ed osservate le informazioni riportate nella presente documentazione. Facendo ciò evitate
incidenti, conservate la garanzia del fabbricante e disponete di un motore funzionale e pronto al servizio.

● Il presente motore è stato costruito esclusivamente per lo scopo di impiego corrispondente all’entità della
fornitura - definito dal fabbricante delle relative apparecchiature - (utilizzo conforme allo scopo previsto).
Qualsiasi utilizzo che ecceda tale scopo viene considerato non conforme allo scopo previsto. Il fabbricante
non risponde di eventuali danni risultanti da un tale utilizzo. Il rischio per tali danni va a carico esclusivo
dell’utente.

● Fanno parte dell’utilizzo conforme allo scopo previsto anche l’osservanza delle condizioni di esercizio, di
manutenzione e di riparazione prescritte dal fabbricante. Il motore deve essere utilizzato, manutenzionato
e riparato esclusivamente da persone appositamente addestrate che siano a conoscenza dei pericoli
connessi al suo impiego.

● Assicurate che la presente documentazione sia a disposizione di tutti gli addetti al funzionamento, alla
manutenzione ed alla riparazione e che il suo contenuto venga compreso.

● La non osservanza della presente documentazione può avere per conseguenza disturbi del funzionamento
e danneggiamenti del motore nonché infortuni personali per i quali il fabbricante non si assume alcuna
garanzia.

● Il presupposto per una manutenzione e riparazione a regola d’arte è la disponibilità di tutti gli equipaggiamenti,
utensili manuali e speciali necessari nonché il loro stato perfetto.

● Le parti del motore come le molle, le graffe, gli anelli elastici di sostegno ecc. presentano un notevole
pericolo di infortuni quando utilizzati in modo non appropriato.

● Vanno osservate le prescrizioni antinfortunistiche vigenti in materia nonché le altre regole tecniche di
sicurezza e di medicina del lavoro riconosciute regolarmente.

● La massima economicità, affidabilità e durata di vita sono assicurate esclusivamente utilizzando parti
originali della DEUTZ AG.

● La riparazione del motore deve essere conforme all’utilizzo corrispondente allo scopo d’impiego previsto.
Per i lavori di ristrutturazione vanno utilizzati esclusivamente i pezzi abilitati dal fabbricante per il rispettivo
scopo d’impiego. In caso di modifiche apportate autonomamente al motore è esclusa qualsiasi responsabilità
del fabbricante per i danni da esse risultanti.

0695 0297 6087-0199 Pagina III


Prefazione DEUTZ MWM
S/BVM 628

Egregio cliente,

i motori della marca DEUTZ MWM sono sviluppati per un’ambia gamma di applicazioni. Grazie ad una
vasta offerta di varianti si assicura l’adempimento alle specifiche esigenze di qualsiasi caso di
impiego.

Il vostro motore è equipaggiato secondo il caso di impiego, vale a dire che non tutte le compoennti
descritte nella presente documentazione sono stati applicate al vostro motore.

Abbiamo fatto in modo di evidenziare chiaramente le differenze in modo tale che possiate trovare
facilmente le avvertenze di servizio e di manutenzione di rilievo per il vostro motore.

Siete pregati di leggere la presente documentazione prima di mettere in funzione il vostromotore e


di osservare le relative avvertenze relative all’uso e alla manutenzione.

Siamo volentieri a vostra disposizione per consigliarvi in caso di quesiti.

La vostra
DEUTZ AG

Pagina IV 0297 6087-0199 0695


DEUTZ MWM General
S/BVM 628

Motori DEUTZ MWM


sono il prodotto delle attività di ricerca e sviluppo di molti anni. Il fondato know how conseguito in
seguito a tali attività in combinazione con le elevate esigenze di qualità sono la garanzia per la
fabbricazione di motori vantanti una lunga durata utile, un’elevata affidabilità e unconsumo di
carburante contenuto. Naturalmente vengono soddisfatte anche le severe esigenze relative alla tutela
dell’ambiente.

Manutenzione e cura
contribuiscono ad assicurare che il motore adempia in mdoo soddisfacente alle esigenze impostegli.
L’osservanza degli intervalli di manutenzioe prescritti e l’esecuziona accurata dei lavori di manutenzione
e di cura risultano quindi assolutamente necessari. In particolare va dedicata particolare importanza
alle condizioni di servizio diverse e piú dificcili di quelle previste per il funzionamento normale

DEUTZ AG
In caso di disfunzione e di questioni relative ai ricambi rivolgetevi ad una delle nostre rappresentaze
ei assistena clienti. Il nostro personale specializzato addestrato assicura in caso di danni una
riparazione rapida ed a regola d’arte utilizzando ricambi originali.
I ricambi originali della DEUTZ AG sono fabbricati sedmpre secondo lo stato più recente della tecnica.
Alla fine della presente documentazione trovate avvertenze relative alla nostra assistenza clienti.

Attenzione quando il motore è in funzione


I lavori di manutenzione e le riparazioni vanno eseguiti solamente a motore fermo. I dispositivi di
sicurezza eventualmente rimossi vanno rimontati una volta conclusi i lavori. In caso di lavori svolti
durante il funzionamento del motore gli indumenti di lavoro devono essere ben attilati.

Sicurezza
! Trovate questo simbolo in tutte le avvertenze di sicurezza. Osservate queste ultime scrupolosamente.
Inoltrate le avvertenze di sicurezza anche al vostro personale operatore. Inoltre vanno osservate
le “Prescrizioni generali di sicurezza e di prevenzione degli infortuni” previste dalla legge.

Avvertenza
Trovate questo simbolo nelle avvertenze di carattere generale.
Osservate queste ultime scrupolosamente.

Amianto
Le guarnizioni utilizzate per questo motore sono esenti da amianto. Siete pregati di volere utilizzare
ricambi adeguati nell’ambito delle operazioni di manutenzione e di riparazione.

0695 0297 6087-0199 Pagina V


DEUTZ MWM
S/BVM 628

Pagina vacante.

Pagina VI 0297 6087-0199 0695


Segmento: 0

Indice Pagina: 0-0-01

Tipo del motore: S/BVM 628

1 Avvertenze per l’utilizzo delle istruzioni per l’uso

1.1 Generalità

1.2 Disfunzioni e loro eliminazione

1.3 Manutenzione pianificata

1.4 Ordinazione dei ricambi

1.5 Indicazioni tecniche

1.6 Numerazione delle schede di lavoro

1.7 Utensili normali

1.8 Utensili speciali

1.9 Registro per concetti di gruppo costruttivo KHD, schede di lavoro


e gruppi di manutenzione sistema 333

2 Struttura e funzioni del motore

2.1 01 Testata del cilindro


2.2 02 Meccanismo motore
2.3 03 Incastellatura
2.4 04 Comando del motore
2.5 05 Regolazione del numero di giri
2.6 06 Impianto del gas di scarico / sovralimentazione
2.7 07 Sistema del carburante
2.8 08 Sistema dell’olio lubrificante
2.9 09 Sistema del liquido di raffreddamento
2.10 10 Sistema dell’aria compressa
2.11 11 Apparecchi di sorveglianza
2.12 12 Gruppi ausiliari
2.13 Elementi principali del motore (gruppi costruttivi)
2.14 Visione del motore

1084
Segmento: 0

Pagina: 0-0-02 Indice

Tipo del motore: S/BVM 628

3 Indicazioni tecniche (con spiegazione dei simboli)


3.1 Designazioni di tipo
3.2 Designazioni dei lati del motore, del cilindro e del senso di rotazione
3.3 Dati principali
3.3.1 Dati tecnici del motore
3.3.2 Dati di esercizio del motore
3.3.3 Dati di impostazione per apparecchi di sorveglianza
3.4 Pesi degli elementi del motore
3.5 Coppie di serraggio per raccordi a vite soggetti a forti sollecitazioni
3.5.1 Tabella
3.5.2/3 Spiegazioni relative alle prescrizioni di serraggio
3.5.4 Avvertenza relativa al dispositivo idraulico di serraggio
3.6 Materiali isolanti, prodotti di protezione, lubrificanti, pasta termoconduttrice
3.7 Applicazione di azoto liquido
3.8 Controllo presenza incrinature adottando il procedimento di controllo a liquido
di diffusione

4 Istruzioni per il servizio del motore

4.1 Operazioni prima della messa in funzione del motore con carburante distillato
4.1.1 Operazioni prima della messa in funzione del motore con olio misto o pesante

4.2 Messa in funzione del motore con carburante distillato


4.2.1 Messa in funzione del motore con olio misto o pesante

4.3 Sorveglianza del funzionamento


4.4 Arresto del motore in caso di servizio con carburante distillato
4.4.1 Arresto del motore in caso di servizio con olio misto o pesante
4.5 Controllo della combustione mediante indicazione
4.6 Prescrizioni di rodaggio
4.7 Funzionamento del motore con rotore del turbocompressore a gas di scarico
danneggiato
4.8 Servizio di emergenza

5 Introduzione ai sistemi operativi del materiali di esercizio del motore


5.1 Sistema del carburante
5.2 Sistema dell’olio lubrificante
5.3 Sistema del liquido refrigerante
5.4 Sistema dell’aria compressa
5.5 Blocco del carburante di perdita della pompa d’iniezione
5.6 Raffreddamento dell’iniettore
5.7 Simboli per gli schemi delle tubazioni (secondo DIN)

0884
Segmento: 0

Indice Pagina: 0-0-03

Tipo del motore: S/BVM 628

6 Prescrizioni relative a mezzi di esercizio


7 Disfunzioni di esercizio e loro eliminazione
7.1 Riassunto delle disfunzioni
7.2 Avvertenze generali
7.3 Tabella delle disfunzioni con istruzioni per il rimedio

8 Schemi degli intervalli di manutenzione, visione d’insieme delle


schede di lavoro e schede di lavoro

8.1 Disposizione degli schemi degli intervalli di manutenzione


8.1.1 Primi lavori di manutenzione
8.1.1.1 - Motori in servizio permanente, p. es. motori di navi > 300 ore di servizio / anno
8.1.1.2 - Motori in servizio di attesa, p. es. impianti di corrente di emergenza,
< 300 ore di servizio / anno

8.1.2 Lavori quotidiani di manutenzione


Queste indicazioni si trovano nel capoverso 4.3 nonché nelle istruzioni riassuntive * nel capoverso
“Sorveglianza del funzionamento”.

8.1.3 Lavori periodici di manutenzione per motori in servizio permanente > 300 ore di servizio/anno,
p. es. motori di navi. Questo schema è parte integrante delle istruzioni per l’uso riassuntive *

8.1.4 Lavori periodici di manutenzione per motori < 300 ore di servizio/anno, utilizzati esclusivamente
o prevalentemente in servizio di attesa, p. es. impianti di corrente di emergenza

8.2 Visione d’insieme delle schede di lavoro,


ordinate secondo gruppi di manutenzione

8.3 Schede di lavoro,


ordinate secondo gruppi di manutenzione

01.00.00 Testata del cilindro


02.00.00 Meccanismo motore
03.00.00 Incastellatura
04.00.00 Comando del motore
05.00.00 Regolazione del numero di giri
06.00.00 Impianto del gas di scarico / sovralimentazione
07.00.00 Sistema del carburante
08.00.00 Sistema dell’olio lubrificante
09.00.00 Sistema del liquido refrigerante
10.00.00 Sistema dell’aria compressa
11.00.00 Sistema di sorveglianza
12.00.00 Gruppi ausiliari

9 Impianti
Istruzioni per l’uso riassuntive

* Le istruzioni per l’uso riassuntive sono accluse come allegato delle presenti istruzioni per l’uso.

0996
Segmento: 0

Pagina: 0-0-04

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 1

Avvertenze relative all’utilizzo delle Pagina: 1-0-01


istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

1 Avvertenze relative all’utilizzo delle istruzioni per l’uso

1.1 Generalità

Attendete dal vostro motore una grande affidabilità ed un’elevata disponibilità quali presupposti per
un impiego economico. Nell’ambito del suo sviluppo è stata data particolare importanza a queste
caratteristiche. Possono essere però conservate pienamente per l’intero periodo di impiego del
motore solamente a condizione che tutti i lavori di manutenzione prescritti dalle presenti
istruzioni per l’uso vengano eseguiti entro le scadenze previste e in modo completo.

Quindi non limitatevi a familiarizzarvi con le presenti istruzioni per l’uso precedentemente alla
messa in funzione del nuovo motore, ma utilizzate queste informazioni anche successivamente
come strumento per la conservazione del valore del motore.

Nell’ambito della costruzione, della selezione dei materiali e della fabbricazione del motore sono
state osservate tutte le prescrizioni vigenti in materia di sicurezza. Questa sicurezza viene
mantenuta eseguendo i lavori di manutenzione in modo completo e rispettando le scadenze
previste, assicurando che il personale addetto alla manutenzione sia dotato delle cognizioni
tecniche necessarie e rimontando i dispositivi di sicurezza o di protezione dovuti eventualmente
smontare per eseguire i lavori di manutenzione.

Nell’ambito dei lavori di manutenzione occorre osservare assolutamente le prescrizioni antinfortuni-


stiche e di sicurezza.

Gli intervalli di manutenzione vanno desunti dallo schema degli intervalli di manutenzione. Tale
schema informa sul tipo dei lavori da eseguire nonché sulle scadenze previste al riguardo.

Le schede di lavoro forniscono avvertenze tecniche relative all’esecuzione dei lavori (capitolo 8). Tali
schede sono classificate secondo gruppi di manutenzione corrispondentemente al sistema 333*. A
partire dalla pagina 1-0-05 i numeri delle schede di lavoro e i gruppi di manutenzione sono correlati
in un indice analitico ai concetti dei gruppi costruttivi disposti in ordine alfabetico.

* Institut für Schiffsbetriebsforschung


(Istituto di ricerca nell’ambito del funzionamento delle navi), Flensburg

0884
Segmento: 1

Pagina: 1-0-02 Avvertenze relative all’utilizzo delle


istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

1.2 Disfunzioni e la loro eliminazione

Nel caso in cui dovessero verificarsi disfunzioni del motore consultate il capitolo 7 “Disfunzioni di
esercizio e la loro eliminazione”:

La tabella delle disfunzioni indica per ogni disfunzione diverse cause possibili, fornisce brevi
avvertenze relative alle varie possibilità di rimedio ed indica il rispettivo capoverso delle istruzioni per
l’uso ovvero il numero della scheda di lavoro dalla quale desumere ulteriori dettagli relativi
all’esecuzione dei lavori.

1.3 Manutenzione pianificata

Registrare ad intervalli regolari le ore di servizio del motore e stabilire in base a tali valori le scadenze
da osservare per i lavori di manutenzione.

Lo schema degli intervalli di manutenzione contiene le indicazioni relative ai lavori di manutenzione


da effettuare e dei relativi numeri delle schede di lavoro corrispondenti..

Per l’esecuzione dei lavori di manutenzione vanno osservate le istruzioni di lavoro riportate nelle
schede di lavoro corrispondenti.

1.4 Ordinazione dei ricambi

Fa parte delle presenti istruzioni per l’uso l’”Elenco dei ricambi”, dal quale risultano i numeri dei pezzi
per l’ordinazione dei ricambi ed eventualmente anche dettagliati particolari costruttivi.

L’elenco dei ricambi è ordinato secondo numeri di gruppi costruttivi KHD. Trovate questi numeri di
gruppi costruttivi KHD anche nel numero d’ordine (non nel numero della scheda di lavoro!)
nell’intestazione delle schede di lavoro: il numero riportato tra lineette, p.es. per 0178-08-501 1110,
il numero -08- è il numero del gruppo costruttivo KHD.

Indicazioni dettagliate relative all’esecuzione di un’ordinazione di ricambi risultano dalla prefazione


dell’elenco dei ricambi.

1.5 Indicazioni tecniche

I dati tecnici relativi al motore, i dati di esercizio del motore e i dati di impostazione per gli apparecchi
di sorveglianza non risultano dalle schede di lavoro e vanno desunti dalle “Indicazioni tecniche”,
capoverso 3.

0884
Segmento: 1

Avvertenze relative all’utilizzo delle Pagina: 1-0-03


istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

1.6 Numerazione della scheda di lavoro

Le schede di lavoro sono contrassegnate, oltre che dal numero d’ordine, da un numero di scheda di
lavoro (p. es. 01.02.03) suddiviso in tre gruppi numerici. Questo numero di scheda di lavoro può
essere collegato ad un’altra scheda di lavoro, nel caso in cui ciò dovesse risultare necessario per il
lavoro di controllo, di manutenzione o di riparazione da eseguire.

Esempio: scheda di lavoro 01.02.03

1° gruppo: 01 Gruppo di manutenzione: testata del cilindro

2° gruppo: 02 Suddivisione dei gruppi di manutenzione riportati nel primo gruppo:


Supporto del bilanciere

3° gruppo: 03 Numerazione continua delle schede di lavoro


correlate ai sottogruppi.

1.7 Utensili normali

Per utensili normali si intendono tutti gli utensili contenuti normalmente in una cassetta utensili:

Martello Scalpello
1 serie di chiavi ad anello 1 serie di chiavi a bocca
Giravite Piccola pinza per tubi d’acqua
Tenaglie Pinza combinata
Punta per tracciare Metro a nastro metallico
Diverse lime Sega per ferro
Bulino Spina
Chiave ad esagono interno Chiave ad innesto esagonale
Raschietto triangolare Panni per pulire senza fibre
Spazzola metallica Pressa per grasso
Martello di gomma

1.8 Utensili speciali

Gli utensili speciali e i dispositivi per lo smontaggio ed il montaggio, forniti normalmente in dotazione
al motore, sono riportati nel gruppo costruttivo KHD 49 della lista dei numeri dei ricambi.

1.8.1 Questi utensili speciali sono disponibili esclusivamente presso i punti di assistenza clienti della
Deutz.

0884
Segmento: 1
Avvertenze relative all’utilizzo delle
Pagina: 1-0-04 istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 1

Avvertenze relative all’utilizzo delle Pagina: 1-0-05


istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

1.9 Registro dei concetti di gruppo costruttivo, delle schede di lavoro e dei
gruppi di manutenzione del sistema 333

Concetti di gruppo costruttivo Schede di lavoro Gruppi di manutenzione

63 Accoppiamento 02.17.01 02 Meccanismo motore

05 Albero a gomiti 02.02.01 02 Meccanismo motore

10 Albero a camme 04.05.01 04 Comando del motore


04.06.01

08 Anello della sede della valvola 01.07.01 01 Testata del cilindro


01.13.01

48 Apparecchio di segnalazione 11.06.01 11 Apparecchi di sorveglianza

48 Apparecchio di sorveglianza per 11.05.01 11 Apparecchi di sorveglianza


camera di azionamento

48 Apparecchio di sorveglianza per 11.05.01 11 Apparecchi di sorveglianza


camera di azionamento

29 Azionamento del dispositivo di 05.04.01 05 Regolazione del numero di giri


regolazione del numero di giri

18 Azionamento della pompa d’iniezione 07.04.01 04 Comando del motore

11 Azionamento valvola superiore 01.02.02 01 Testata del cilindro

11 Azionamento valvola inferiore 04.02.01 04 Comando del motore

06 Biella / cuscinetto di biella 02.03.02 02 Meccanismo motore


02.03.03
02.04.01
02.05.01
02.06.01

11 Bilanciere 01.02.02 01 Testata del cilindro


01.02.03

46 Bulloni di fondazione 03.07.01 03 Incastellatura

07 Bulloni degli stantuffi 02.12.01 02 Meccanismo motore

07 Bussola dello spinotto dello stantuffo 02.13.01 02 Meccanismo motore

02 Cuscinetto di banco 02.03.02 02 Meccanismo motore


02.03.03
02.04.01
02.07.01
02.08.01

10 Cuscinetto dell’albero a camme 04.01.01 04 Comando del motore

14 Cassa della pompa 04.14.01 04 Comando del motore

0885
Segmento: 1

Pagina: 1-0-06 Avvertenze relative all’utilizzo delle


istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

Concetti di gruppo costruttivo Schede di lavoro Gruppi di manutenzione

04 Camicia del cilindro 01.05.04 03 Incastellatura


03.02.01
03.02.03
03.03.01
03.04.01
03.05.01

15 Centrifuga dell’olio lubrificante 08.13.01 08 Sistema dell’olio lubrificante

30 Distributore dell’aria di regolazione 10.02.01 10 Sistema dell’aria di avviamento


di avviamento

27 Dispositivo di regolazione del 05.00.01 05 Regolazione del numero di giri


numero di giri 05.03.11
05.03.12
05.03.14

08 Dispositivo di rotazione delle valvole 01.03.01 01 Testata del cilindro


01.03.02

20 Filtro del carburante 07.03.02 07 Sistema del carburante


07.10.01

22 Filtro dell’aria 06.03.11 06 Sovralimentazione

32 Filtro impurità 10.03.02 10 Sistema dell’aria di avviamento

05 Flangia di accoppiamento 04.16.01 04 Comando del motore

15 Filtro dell’olio lubrificante 08.09.01 08 Sistema dell’olio lubrificante


08.10.01
08.20.02

08 Guida valvole 01.06.01 01 Testata del cilindro

48 Interruttore a galleggiante 11.07.01 11 Apparecchi di sorveglianza

16 Lubrificazione della sede della valvola 08.14.01 08 Sistema dell’olio lubrificante

05 Meccanismo motore 02.01.01 02 Meccanismo motore


03.08.01

48 Pressostato 11.01.02 11 Apparecchi di sorveglianza

17 Pompa d’iniezione 07.01.01 07 Sistema del carburante


07.02.01
07.02.03
07.02.04
07.02.05
07.02.06
07.02.07
07.05.01

20 Pompa di alimentazione del carburante 07.11.01 07 Sistema del carburante

37 Pompa centrifuga del liquido 09.07.01 09 Sistema del liquido refrigerante


refrigerante 09.07.02

14 Pompa dell’olio lubrificante 08.01.01 08 Sistema dell’olio lubrificante

0885
Segmento: 1

Avvertenze relative all’utilizzo delle Pagina: 1-0-07


istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

Concetti di gruppo costruttivo Schede di lavoro Gruppi di manutenzione

48 Protezione da numero di giri eccessivo 11.03.01 11 Apparecchi di sorveglianza

05 Ruota dentata dell’albero a gomiti 04.11.01 04 Comando del motore

58 Refrigeratore dell’aria di aliment 06.04.01 06 Sovralimentazione


azione 06.04.02

48 Regolatore di portata 11.01.03 11 Apparecchi di sorveglianza

09 Rotismo 04.04.01 04 Comando del motore


04.08.01

09 Ruota intermedia 04.04.01 04 Comando del motore


04.13.01

34 Smorzatore di 12.01.01 12 Gruppi ausiliari


vibrazioni torsionali 12.01.02/03

32 Sistema dell’aria compressa 10.01.01 10 Sistema dell’aria di avviamento

32 Stazione di riduzione della pressione 10.06.01 10 Sistema dell’aria di avviamento

07 Stantuffi / anelli elastici 02.09.01 02 Meccanismo motore


02.10.01
02.10.02
02.10.04
02.11.01
02.14.01

37 Sistema del liquido refrigerante 09.00.01 09 Sistema del liquido refrigerante

32 Sistema dell’aria di alimentazione 06.02.01 06 Sovralimentazione

15 Sistema dell’olio lubrificante 08.02.01 08 Sistema dell’olio lubrificante

41 Tubazione di raccolta del gas 06.01.01 06 Impianto del gas di scarico/


di scarico sovralimentazione

43 Turbocompressore a gas di scarico 06.05.01 06 Impianto del gas di scarico/


sovralimentazione
06.06.01
06.12.01
06.13.01
06.13.02

21 Tubazione di iniezione 07.03.01 07 Sistema del carburante


07.03.02

29 Tiranteria di regolazione 05.04.14 05 Regolazione del numero di giri

48 Termostato 11.01.01 11 Apparecchi di sorveglianza

51 Termoelementi 11.01.05 11 Apparecchi di sorveglianza

08 Testata del cilindro 01.04.01 01 Testata del cilindro


01.08.01
01.09.01

0885
Segmento: 1

Pagina: 1-0-08 Avvertenze relative all’utilizzo delle


istruzioni per l’uso
Tipo del motore: S/BVM 628

Concetti di gruppo costruttivo Schede di lavoro Gruppi di manutenzione

07 Ugello 02.15.01 02 Meccanismo motore

32 Valvola di avviamento 10.03.01 10 Sistema dell’aria di avviamento


10.03.91

31 Valvola di avviamento 01.11.01 01 Testata del cilindro


01.11.02
01.05.04

08 Valvola di entrata 01.01.01 01 Testata del cilindro


01.05.01
01.05.04
01.05.05
01.07.01

08 Valvola di scarico 01.01.01 01 Testata del cilindro


01.05.01
01.05.04
01.05.05
01.07.01

19 Valvola d’iniezione 07.07.01 07 Sistema del carburante


07.08.01
07.09.01

01 Valvola di scarico 03.01.01 03 Incastellatura

16 Valvola di mantenimento della 08.11.01 08 Sistema dell’olio lubrificante


pressione dell’olio lubrificante

05 Volano 04.09.01 04 Comando del motore

31 Valvola di sicurezza 01.12.01 01 Testata del cilindro

0885
Segmento: 2

Struttura e funzionamento del motore Pagina: 2-0-01

Tipo del motore: S/BVM 628

2 Struttura e funzionamento del motore


2.1 01 Testata del cilindro

La testata del cilindro viene serrata con l’incastellatura mediante 4 viti serrate idraulicamente.

La testata del cilindro è dotata di 2 valvole di alimentazione e di 2 valvole di scarico, di una valvola
d’iniezione del carburante, di una valvola di avviamento, di una valvola di indicazione ed eventu-
almente di una valvola di sicurezza.

Le valvole di scarico vengono dotate di dispositivi di rotazione e le valvole di alimentazione sono


provviste di una lubrificazione della sede riducente l’usura. La lubrificazione della sede delle valvole
viene effettuata mediante iniezione dosata di olio lubrificante nell’aria di alimentazione e opera
senza manutenzione. La valvola di iniezione del carburante, le valvole di alimentazione e di scarico
nonché il loro azionamento vengono coperti con il coperchio della testata del cilindro. La tracima-
zione del refrigerante dall’incastellatura alla testata del cilindro ha luogo mediante elementi ad
innesto all’interno del contorno della testata del cilindro.

2.2 02 Meccanismo motore

L’albero a gomiti fucinato nello stampo è supportato nell’incastellatura in modo sospeso. Il perno di
base e di sollevamento sono temprati e supportati in cuscinetti a più strati divisi. A seconda del
numero di giri del motore l’albero a gomiti viene dotato di contrappesi per la riduzione delle forze di
massa.

I coperchi del cuscinetto di base sono serrati con l’incastellatura mediante 2 viti verticali e 2 viti
orizzontali. Le viti verticali vengono serrate idraulicamente in comune.

Il volano è flangiato all’albero a gomiti sul lato dell’accoppiamento. La flangia è calettata a caldo
idraulicamente sull’albero a gomiti. Sul lato opposto a quello dell’accoppiamento è possibile una
presa di forza secondaria.

Il fusto della biella fucinato nello stampo è diviso in modo diritto ed è strutturato nell’occhio
superiore della biella come biella a gradini.

Gli stantuffi costruiti sono dotati di 3 anelli di compressione e di un anello di separazione dell’olio.
Gli anelli di compressione si trovano nella parte superiore di acciaio, l’anello di separazione dell’olio
si trova nella parte inferiore dello stantuffo al di sopra del perno dello stantuffo supportato in modo
galleggiante.

0883
Segmento: 2

Pagina: 2-0-02 Struttura e funzionamento del motore


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

2.3 03 Incastellatura

L’incastellatura è colata in un unico pezzo. Mediante aperture laterali di montaggio chiuse tramite
coperchi è assicurata la buona accessibilità alla camera della manovella ovvero ai cuscinetti
dell’albero a gomiti. A seconda della versione del motore singoli coperchi del vano della manovella
sono eseguiti come valvole di scarico per la protezione dell’incastellatura in caso di eventuali
esplosioni verificantisi nella camera della manovella.

La profonda vasca dell’olio lubrificante utilizzata normalmente serve come serbatoio di raccolta
dell’olio lubrificante dalla quale aspira la pompa a pressione dell’olio lubrificante. Per i serbatoi in
costruzione alta o profonda viene utilizzata una vasca dell’olio piatta dotata degli appositi allaccia-
menti per lo scarico dell’olio lubrificante ovvero per la pompa di aspirazione dell’olio lubrificante.

La camicia del cilindro è centrata mediante rispettivamente un collare nella parte superiore ed
inferiore dell’incastellatura e si trova appoggiata con il collare in un anello altamente resistente
all’usura inserito a forza nell’incastellatura. L’ermetizzazione del vano del refrigerante viene effet-
tuata nella parte superiore mediante un anello Viton refrigerato situato appena al di sotto del collare
della camicia, nella parte inferiore invece mediante 2 anelli Viton. Tramite un anello di acciaio
situato tra la testata del cilindro e il collare della camicia del cilindro viene assicurata
l’ermetizzazione dal gas.

2.4 04 Comando del motore

Il rotismo montato sul lato dell’accoppiamento aziona gli alberi a camme, le pompe d’iniezione ed
il regolatore mediante ruote intermedie partendo dalla ruota dentata dell’albero a gomiti. L’albero a
camme supportato in gusci di cuscinetto composti di un unico pezzo comanda le valvole di
alimentazione e di scarico corrispondentemente alla sequenza di accensione nonché il distributore
dell’aria di avviamento. È diviso al centro e può essere estratto dal supporto in direzione longitudi-
nale del motore. Le superfici di scorrimento delle camme e dei punti di supporto sono temprate in
superficie.

Sul lato dell’accoppiamento possono essere montate una pompa ad aspirazione dell’olio lubrifi-
cante e due pompe di liquido refrigerante, oltre alla pompa dell’olio lubrificante generalmente
installata. L’azionamento delle pompe viene assicurato tramite ruote dentate, per le pompe dell’olio
lubrificante in modo diretto e per le pompe del refrigernate mediante accoppiamenti elastici
interposti.

0883
Segmento: 2

Struttura e funzionamento del motore Pagina: 2-0-03

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

2.5 05 Regolazione del numero di giri

La regolazione del motore ha luogo mediante un regolatore idraulico che regola autonomamente la
quantità di carburante da iniettare mediante la tiranteria della pompa d’iniezione in funzione del
carico e del numero di giri del motore. Il comando e la sorveglianza del funzionamento del motore
vengono assicurati da un posto di manovra montato sul motore e dotato di pannello di visualizza-
zione o da un posto di manovra del motore o telecomandato installato separatamente.

La disinserzione di emergenza del motore può essere azionata da un’apposita apparecchiatura


elettrica di arresto di emergenza o può essere attivata manualmente agendo sul regolatore del
motore.

2.6 06 Impianto del gas di scarico / sovralimentazione

La tubazione del gas di scarico non isolata scorre longitudinalmente tra le linee di cilindri ed è
circondata da una cassa isolante divisa più volte, facilmente staccabile, ermetica al liquido.
Esternamente alla cassa di isolamento si trovano solamente le curve del gas di scarico raffreddati
ad acqua diretti dalla testata del cilindro alla tubazione del gas di scarico. Le curve del gas di
scarico sono collegati a lato acqua mediante elementi spintori con guarnizione ad anello circolare
in gomma e costituiscono quindi contemporaneamente la tubazione di raccolta del liquido refri-
gerante.
I motori sono dotati di turbocompressore a gas di scarico BBC. Il raffreddamento del turbocom-
pressore a gas di scarico è allacciato al sistema di raffreddamento del motore. Per la depurazione
del lato del compressore è installato un dispositivo di sciacquo.
L’aria di alimentazione viene raffreddata mediante appositi refrigeratori attraverso i quali scorre il
liquido refrigerante.

La tubazione dell’aria di alimentazione è suddivisa per ogni cilindro. I singoli componenti sono
collegati con la guarnizione dell’anello circolare in gomma mediante elementi spintori..

La realizzazione della tubazione del gas di scarico con le curve del gas di scarico raffreddati
mediante refrigerante e con la tubazione integrata di raccolta del liquido refrigerante, la divisione
della tubazione dell’aria di alimentazione, i collegamenti ad innesto del liquido refrigerante tra la
testata del cilindro e l’incastellatura nonché, non da ultimo, l’utilizzo dell’utensile idraulico per
allentare e serrare i bulloni della testata del cilindro rappresentano soluzioni costruttive che
comportano notevoli facilitazioni nell’ambito del montaggio.

2.7 07 Sistema del carburante (vedi anche capoverso 5.1)

I motori della serie S/BVM 628 sono dotati di pompe d’iniezione a blocco in costruzione a schiera,
nella quale

il motore a 12 cilindri viene dotato su ogni lato di 2 pompe a blocco con rispettivamente 3 elementi
di iniezione e il

motore a 16 cilindri viene dotato su ogni lato di 2 pompe a blocco con rispettivamente 4 elementi di
iniezione.

1296
Segmento: 2

Pagina: 2-0-04 Struttura e funzionamento del motore


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Con la disposizione delle pompe a blocco a schiera e con l’allacciamento laterale delle tubazioni
d’iniezione alla testata del cilindro è risultato possibile realizzare tubazioni d’iniezione molto corte.

La lubrificazione delle pompe d’iniezione è allacciata al circuito dell’olio lubrificante del motore e
mediante un blocco integrato dell’olio di perdita viene esclusa la diluizione dell’olio lubrificante con
il carburante.

La valvola d’iniezione, dotata di un iniettore a più fori, è situata al centro della testata del cilindro ed
è collegata lateralmente, mediante quest’ultimo, alla tubazione d’iniezione.

Alle pompe d’iniezione sono montate 2 pompe di alimentazione del carburante. Il carburante viene
depurato mediante un apposito filtro doppio commutabile.

Per i motori equipaggiati per il servizio con olio pesante la pompa del carburante è installata
nell’impianto. Il filtro doppio commutabile del carburante può essere preriscaldato facendo passa-
re il carburante preriscaldato convogliato attraverso il filtro.

Se previste, le valvole d’iniezione raffreddate vengono refrigerate con olio lubrificante del motore o
con gasolio, in casi eccezionali anche con liquido di raffreddamento del motore.

2.8 08 Sistema dell’olio lubrificante (vedi anche capoverso. 5.2)

La pompa di mandata dell’olio lubrificante applicata convoglia l’olio lubrificante dalla vasca
dell’olio lubrificante (a seconda della versione anche dal serbatoio installato in posizione sopraele-
vata ovvero dal serbatoio incassato) attraverso il radiatore dell’olio lubrificante installato nella
maggior parte dei casi, il filtro combinato dell’olio lubrificante - composto di un filtro fine di carta
con filtro lamellare collegato in serie - direttamente nella tubazione di distribuzione incorporata
all’atto della colata nell’incastellatura.

Da questa tubazione incorporata all’atto della colata l’olio lubrificante penetra nell’incastellatura
tramite fori giungendo ai singoli punti del cuscinetto nonché agli ugelli di raffreddamento per la
refrigerazione dello stantuffo. Mediante canali incorporati all’atto della colata nella superficie
frontale dell’incastellatura collegati con la tubazione di distribuzione dell’olio lubrificante il rotismo
viene alimentato di olio lubrificante.

Un addizionale filtraggio dell’olio lubrificante viene effettuato in corrente secondaria mediante una
centrifuga montata sul coperchio dell’incastellatura.

Sono predisposti allacciamenti per pompe di riserva e per la pompa elettrica di prelubrificazione da
azionare prima dell’avviamento.

1083
Segmento: 2

Struttura e funzionamento del motore Pagina: 2-0-05

Tipo del motore: S/BVM 12/16 M 628

2.9 09 Sistema dell’acqua refrigerante (vedi anche capoverso 5.3)


I motori della serie S/BVM 628 sono dotati di standard, a seconda del tipo di impiego, dei seguenti
sistemi di raffreddamento:

1. Sistema di raffreddamento ad un circuito, vale a dire che sia il motore stesso che il radiatore
dell’olio e dell’aria di alimentazione si trovano in un
circuito chiuso comune. La refrigerazione del liqui-
do refrigerante circolante ha luogo tramite refrige-
ratori da installare separatamente.

2. Sistema di raffreddamento a due circuiti, qui il motore stesso e il radiatore dell’olio e


dell’aria di alimentazione sono rispettivamente
dotati di un proprio circuito di raffreddamento. La
refrigerazione del liquido refrigerante circolante
ha luogo tramite refrigeratori da installare separa-
tamente.

3. Sistema di raffreddamento a tre circuiti, questo viene impiegato prevalentemente per il


raffreddamento degli alveoli. Qui il liquido refri-
gerante del motore, il liquido di raffreddamento
dell’aria di alimentazione e l’olio lubrificante ven-
gono refrigerati rispettivamente in un proprio per-
corso di raffreddamento.

Le variazioni relative a detti sistemi di commutazione vengono determinate in funzione dell’ordine


impartito.

2.10 10 Sistema dell’aria compressa (vedi anche capoverso 5.4)

I motori vengono avviati con aria compressa. Il comando dell’avviamento viene effettuato mediante
un distributore dell’aria di regolazione di avviamento che comanda pneumaticamente le valvole di
avviamento nelle testate dei cilindri corrispondentemente all’ordine di accensione e che abilita
l’aria di avviamento con un valore usuale di 30 bar per i singoli cilindri.

2.11 11 Apparecchi di sorveglianza

Tutti i mezzi possono essere sorvegliati mediante la temperatura e/o un dispositivo di controllo
della pressione che attivano i relativi dispositivi di allarme e di disinserzione. Inoltre le temperature
e le pressioni più importanti vengono indicate sul pannello dell’apparecchio montato sul motore o
sul pannello separato dell’apparecchio.

La temperatura del gas di scarico viene indicata o mediante termometri a indicatore o mediante
termoelementi o viene commutata su di un impianto di allarme del valore medio.

A seconda del fabbisogno la concentrazione della nebbia d’olio nel vano della manovella viene
controllata mediante un apparecchio di sorveglianza della camera dell’azionamento.

2.12 12 Smorzatore di vibrazioni torsionali

Per la smorzatura delle vibrazioni torsionali è installato un attenuatore esterno della viscosità o uno
smorzatore di vibrazioni torsionali di gomma.

0883
Segmento:

Pagina:

Tipo del motore:

Pagina vacante
Segmento: 2

Struttura e funzionamento del motore Pagina: 2-1-01

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

2.13 Componenti principali del motore

Gruppi costruttivi Componenti (per la posizione vedi capoverso 2.14)

01 Incastellatura

02 Vasca dell’olio

04 Camicia del cilindro


05 Albero a gomiti

06 Biella

07 Stantuffo
08 Testata del cilindro, valvole di ingresso e di uscita

09 Rotismo

10 Albero a camme
11 Azionamento delle valvole

15 Combinazione filtro dell’olio lubrificante

16 Tubazioni dell’olio lubrificante


17 Pompa d’iniezione

18 Azionamento della pompa d’iniezione

20 Filtro del carburante


21 Tubazioni del carburante

22 Insonorizzatori di aspirazione

27 Regolatore del numero di giri


29 Tiranteria di regolazione

30 Distributore dell’aria di regolazione di avviamento

32 Tubazioni dell’aria compressa


35 Posto di manovra

38 Tubazioni dell’aria di raffreddamento

41 Tubazioni di raccolta del gas di scarico


43 Turbocompressore a gas di scarico

48 Termometro del gas di scarico

51 Pannello degli apparecchi di misura


58 Refrigeratore dell’aria di alimentazione

87 Tubazione dell’aria di alimentazione

1084
Segmento: 2

Pagina: 2-1-02 Struttura e funzionamento del motore


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

2.14 Visione del motore


(rappresentato motore a 8 cilindri)

25 408 1
Segmento: 3.1 u. 3.2

Indicazioni tecniche Pagina: 3-0-01

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

3 Indicazioni tecniche
3.1 Designazione di tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

S = Motore di nave (non M = refrigerato a liquido


(non commutabile) 6 = cifra di costruzione
B = Sovralimentazione mediante 28 = corsa dello stantuffo in cm
turbocompressore a gas
di scarico V = Motore a 4 tempi
12/16 = 12 o 16 cilindri

3.2 Designazione dei lati del motore, dei cilindri e del senso di rotazione

L’osservatore si trova davanti alla flangia dell’accoppiamento per l’erogazione della forza principale
con vista in direzione del motore.

Lato dell’accoppiamento “KS” lato del motore rivolto verso l’osservatore,

Lato opposto all’accoppiamento “KGS” lato del motore disposto in senso opposto
all’osservatore.

Lato sinistro “LS” lato del motore situato sulla sinistra


dell’osservatore.

Lato destro “RS” lato del motore situato sulla destra


dell’osservatore.

Designazione dei cilindri I cilindri vengono contati e designati a partire dal


lato dell’accoppiamento (KS)

12 Zyl. Motor 16 Zyl. Motor


(nuovo segno DIN) (nuovo segnoDIN)
Fila di cilindri Fila di cilindri
A B A B
A1 B1 A1 B1
A2 B2 A2 B2
A3 B3 A3 B3
A4 B4 A4 B4
A5 B5 A5 B5
A6 B6 A6 B6
A7 B7
A8 B8

Senso di rotazione
Il senso di rotazione antioriario viene designato “rotazione sinistrorsa” (LL) e il senso di rotazione
orario “rotazione destrorsa” (RL).

0883
Segmento: 2

Pagina: 2-0-02 Indicazioni


Aufbau tecniche
und Funktion des Motors

Tipo del motore:S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante

0883
Segmento: 3.3

Indicazioni tecniche Pagina: 3-1-01

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

3.3 Dati principali

Potenza e numero di giri (vedi la documentazione di collaudo)


Alesaggio del cilindro 240 mm
Corsa dello stantuffo 280 mm
Cilindrata per ogni cilindro 12,66 l
Cilindrata totale: motore a 12 cilindri 151,92 l
motore a 16 cilindri 202,56 l

Rapporto di compressione 13 : 1

3.3.1 Dati tecnici del motore

01 Testata del cilindro


La valvola di sicurezza apre a 170 ± 5 bar

02 Meccanismo motore
Albero a gomiti
Perno dell’albero-Ø 210 mm
Larghezza portante del cuscinetto 70 mm
Perno della manovella-Ø 175 mm
Larghezza portante del cuscinetto 61 mm

Stantuffo (montato)
Materiale: parte superiore dello stantuffo acciaio di bonifica, scanalature anulari temprate
parte inferiore dello stantuffo metallo leggero, fucinato

Perno dello stantuffo-Ø 105 mm


Numero degli anelli di compressione 3 unità
Numero degli anelli di separazione dell’olio 1 unità
Velocità media dello stantuffo 9,33 m/s a n = 1000/min

Biella
Lunghezza della biella 504 mm
Bussola del piede di biella, larghezza 108 mm/56 mm
portante del cuscinetto

03 Incastellatura
Materiale getto di grafite sferica,
angolo a V 48°
Distanza del cilindro 370 mm

04 Comando del motore

Ordine di accensione
Motore a 12 cilindri, a rotazione destrorsa
Designazione secondo norma DIN: A1-B1-A4-B4-A2-B2-A6-B6-A3-B3-A5-B5
Motore a 12 cilindri, a rotazione sinistrorsa
Designazione secondo norma DIN: A1-B5-A5-B3-A3-B6-A6-B2-A2-B4-A4-B1
Motore a 16 cilindri, a rotazione destrorsa
Designazione secondo norma DIN: A1-B1-A3-B3-A5-B5-A7-B7-A8-B8-A6-B6-A4-B4-A2-B2
Motore a 16 cilindri, a rotazione sinistrorsa
Designazione secondo norma DIN: A1-B2-A2-B4-A4-B6-A6-B8-A8-B7-A7-B5-A5-B3-A3-B1

0491
Segmento: 3.3

Pagina: 3-1-02 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Tempi di commutazione delle valvole

Valvola di alimentazione apre 43,5° KW p. PMS corrisp. ad un gioco dopo punto


Valvola di alimentazione chiude 23,6° KW d. PMS morto inferiore a motore freddo
di 0,2 mm

Valvola di scarico apre 52,9° KW p. PMS corrisp. ad un gioco dopo punto


Valvola di scarico chiude 38,9° KW d. PMS morto inferiore a motore freddo
di 0,5 mm

Valvola di avviamento apre 11° KW p. PMS


Valvola di avviamento chiude 40° KW p. PMS
(KW = angolo albero a gomiti)

05 Regolazione del numero di giri


numero di giri nominale massimo: ≤ 800 801 - 900 901 - 1000/min
numero di giri minimo in funzion. a vuoto: 200 225 250/min

numero di giri di accensione minimo 80/min

06 Impianto del gas di scarico/sovralimentazione


refrigeratore dell’aria di alimentazione per
acqua circolante preparata vedi la documentazione di collaudo

07 Sistema del carburante


Tubazioni di iniezione diametro esterno 10 mm
diametro interno 4 mm

3.3.2 Dati di esercizio del motore

06 Impianto del gas di scarico/sovralimentazione

Sovralimentazione
Temperatura dell’aria di alimentazione
all’entrata nel motore vedi documentazione di collaudo

Resistenza di aspirazione massima 0,025 bar

Impianto del gas di scarico


Per il motore a 16 cilindri i cilindri più vicini ai turbocompressori a gas di scarico sboccano
direttamente nel convertitore multiurto. Ne consegue che su questi cilindri risultano temperature
più basse del gas di scarico. L’ammontare della deviazione risulta dalla documentazione di
collaudo.

Temperatura del gas di scarico posteriormente alla turbina vedi documentazione di collaudo.

Contropressione massima ammissibile 0,025 bar


del gas di scarico Dispersione ammissibile + 25 °C al 100 % della potenza nominale
delle temperature del gas di scarico dal + 30 °C al 75 % della potenza nominale
valore medio di tutti i cilindri: + 50 °C al 50 % della potenza nominale

0491
Segmento: 3.3

Indicazioni tecniche Pagina: 3-1-03

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

07 Sistema del carburante

Per la qualità del carburante vedi “Mezzi di esercizio” capoverso 6 . 3


Per il consumo di carburante vedi documentazione di collaudo
Finezza del filtro del carburante 7 - 60 µm
Pressione del carburante precedentemente alla 3,0 - 4, 5 bar
pompa d’iniezione
Temperatura del carburante precedentemente vedi “Mezzi di esercizio” capoverso 6
alla pompa d’iniezione
Pressione di iniezione delle valvole d’iniezione 350 + 1° bar
Tipo di ugelli d’iniezione vedi documentazione di collaudo
Pressione di accensione vedi documentazione di collaudo
Deviazione ammissibile della pressione di accensione
indicata dal valore medio di tutti i cilindri + 4 bar
Portata necessaria della pompa di alimentazione
del carburante installata separatamente 12 cil.: 2,9 + 1,2 m3/h
(a 5 + 2,5 bar di contropressione) 16 cil.: 3,5 + 0,6 m3/h

08 Sistema dell’olio lubrificante

Per la qualità dell’olio lubrificante vedi “Mezzi di esercizio” capoverso. 6 . 2


Finezza del filtro dell’olio lubrificante
- Filtro di carta 30 µm
- Filtro lamellare 50 µm
Temperatura di ingresso dell’olio lubrificante sul motore:
(Refrigeratore dell’olio predisposto prima del LLK) max. 65 °C
(LLK predisposto prima del refrigeratore dell’olio) max. 75 °C
Pressione minima dell’olio lubrificante posteriormente
al filtro a numero di giri nominale e motore caldo 3,5 bar
Pressione minima dell’olio lubrificante posteriormente
al filtro a basso numero di giri a vuoto 1,0 bar
Pressione di prelubrificazione prima della messa in
funzione (posteriormente al filtro) 0,35 bar
Pressione di prelubrificazione per motori per > 0,35 bar ogni ora,
disponibilità immediata all’avviamento a motore fermo, arrestare per 3 min.

Quantità minima di prelubrificazione a 3 bar 12 cil. 16 cil.


Pressione minima di trasporto (sono possibili valori 7 m3/h 9 m3/h
tra parentesi a temperature dell’olio lubrificante (4 m3/h) (5 m3/h)
inferiori a 50°) Quantità necessaria di olio lubrificante
circolante (contenuto del serbatoio di olio circolante) 0,95 - 1,35 l/kW
(0,7 - 1,0 l/PS)
Pressione dell’olio tenuta nelle pompe d’iniezione min. 1 bar più elevata
della pressione del carburante
Pompa separata dell’olio di tenuta (per funzionamento
con olio pesante): Pressione di olio di tenuta 8 - 10 bar

Quantità di olio di tenuta 12 cil. 16 cil.


- min. 0,3 l/h 0,4 l/h
- max. 0,6 l/h 0,6 l/h
Contenuto di olio per serbatoio installato in posizione
sopraelevata / incassato per: distillato, olio misto MDF min. 0,7 l/kW
Olio pesante > 0,82 l/kW
Consumo di olio lubrificante 1 g/kWh
Quantità minima di olio lubrificante circolante
per impianti di corrente di emergenza 0,2 l/kW

1186
Segmento: 3.3

Pagina: 3-1-04 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Portata per pompa di pressione di olio lubrificante di riserva 12 Zyl.: 40 - 50 m3/h


installata esternamente (min.) 16 Zyl.: 45 - 55 m3/h
Pressione di alimentazione 5 bar

Posizioni inclinate del motore e quantità necessarie di olio lubrificante

Asta di livello con


3 marcature di misura
(sul lato B)

Allacciamento per serbatoio incassato

51 201 0

massima posizione di installazione ammissibile del motore α ± = 3°

massima posizione inclinata ammissibile del motore


(inclusa la posizione di installazione del motore) α ± = 10°
massima posizione inclinata permanente ammissibile del motore β ± = 22,5°

massima posizione inclinata temporanea ammissibile del motore β ± = 45°


(a partire da una pos. obliqua di 22° perdita d’olio limitata in ATL)

12 Zyl. 16 Zyl.
max.

Marca. sup: α= 0° 725 945


vello dell’olio

β= 0° *3
Cont. di olio lubrificante *2
per vasca dell’olio profonda marca. inter: α = ±10° *1 615 800
a marcatura asta di livello β= 0° *3
mind.

in litri
Marca. infer: α = ±10° 425 620
β= 0°

*1) per posizioni inclinate del motore di a ± < 10° il livello dell’olio può essere portato tra la posizione della
marcatura dell’asta di livello superiore e quella intermedia in modo tale che il motore venga alimentato
rispettivamente con la quantità di olio massima possibile onde prolungare in questo modo la durata utile
dell’olio ovvero il tempo di cambio dell’olio (è ammessa una posizione inclinata inferiore di 1° a, α = 10°
livello dell’olio più elevato di ca. 10 mm rispetto alla marcatura intermedia dell’asta di livello).

*2) La lubrificazione a coppa è ammessa in caso di servizio con olio pesante solamente se il contenuto di olio
lubrificante risulta < 0,82 l/kW

*3) A causa della posizione inclinata dell’asta di livello, il livello massimo dell’olio risulta esatto solamente sei
β = 0°

0883
Segmento: 3.3

Indicazioni tecniche Pagina: 3-1-05

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

12 cyl. 16 cyl.

Scarico a scelta A o B
Allacciamento per posizione inclinata α ± < 10° 7°
Serbatoio incassato
(vasca dell’olio piana) scarico su ambo i lati A e B > 7°
per posizione inclinata α ± fino a
10 °

Porta per lubrificazione della sede delle valvole

Numero di giri nom. del motore Portata in gocce/4 min


1/min. 12 cyl. 16 cyl.

1000 42 56
900 37 50
800 34 45
750 32 42
720 30 40

Deviazione ammissibile ± 4 gocce/4 min

09 Sistema del liquido refrigerante


Per la qualità del liquido refrigerante vedi “Mezzi di esercizio”, capoverso 6.4
Contenuto del motore 12 cil.: 425 l
16 cil.: 550 l
Temperatura massima del liquido refrigerante all’uscita dal motore a servizio a pieno carico
(per refrigeratore a 2 stadi dell’aria di alimentazione, misurato precedentemente al refrigeratore dell’aria di
alimentazione)
- per refrigerazione ad un circuito 80°C
- per refrigerazione a due e tre circuiti 85°C
Differenza di temperatura tra il servizio a pieno carico e il servizio a vuoto 8 - 12 °C
all’uscita del motore
Differenza di temperatura tra l’entrata e l’uscita del motore a servizio 8 - 12 °C
a pieno carico
(per refrigeratore a 2 stadi dell’aria di alimentazione, misurato
precedentemente al refrigeratore dell’aria di alimentazione)
Temperatura di preriscaldamento del liquido refrigerante
- per motori per la prontezza immediata all’avviamento 50 °C
- per motori che devono essere avviati con carburante misto
- Viscosità < 180 mm2/s a 50°C (cSt) 50 °C
- Viscosità > 180 mm2/s a 50°C (cSt) 70 °C
- Viscosità > 380 mm2/s a 50°C (cSt) 80 °C
- per tutti gli altri motori 25 °C

Temperatura massima di ingresso dell’acqua di raffreddamento nel 50 °C


refrigeratore dell’aria di alimentazione
Temperatura massima di ingresso dell’acqua refrigerante nel 45 °C
refrigeratore dell’olio lubrificante montato
Temperatura massima di ingresso dell’acqua non potabile nel refrigeratore 32 °C
Pressione del liquido refrigerante all’ingresso del motore ~ 4 bar
(Pompa del liquido refrigerante montata o non montata)
Temperatura del liquido refrigerante del raffreddamento della ca. 85 °C
valvola d’iniezione anteriormente all’ugello
Pressione di alimentazione minima della pompa separata del liquido
refrigerante della valvola d’iniezione 3 bar

0885
Segmento: 3.3

Pagina: 3-1-06 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

10 Sistema dell’aria compressa

Contenuto del serbatoio vedi prescrizioni delle società di classificazione


dell’aria compressa Misura minima 125 l

Aria compressa per l’avviamento


Pressione massima dell’aria 30 bar
Pressione minima dell’aria 10 bar

0883
Segmento: 3.3

Indicazioni tecniche Pagina: 3-1-07

Tipo del motore: S/BVM 628

3.3.3 Dati di impostazione per gli apparecchi di sorveglianza

Entità minima Motori di azionamento Motori ausiliar Motori in


per navi per navi luogo fisso

Indicazioni in “bar”

Pressostato Numero di giri del motore

(Indica. per pressi. in riduzione) ≤ 600/min > 600/min


Pressione dell’olio lubrificante:
Preallarme – – 2,0 –
Allarme principale (arr. del mot.) 1,0 2,0 1,8 2,0

Termostato Indicazioni in „°C“

Temperatura dell’acqua
refrigerante circolante
Circuito I 85 85 85
Temperatura dell’aria di 65 65 65
alimentazioner, max.

Altri dispositivi di sorveglianza n1 = numero di giri nominale

Dispositivo di protezione da 110 %n1 110 %n1 110 %n1


survelocità

Per ulteriori dati di impostazione vedi il registro dei punti di misurazione fornito unitamente alla documenta-
zione relativa al motore.
Segmento:

Pagina: Indicazioni tecniche


Tipo del motore:

Pagina vacante
Segmento: 3.3

Indicazioni tecniche Pagina: 3-1-09

Tipo del motore: S/BVM 628

3.3.4 Disposizione elettrica dei componenti

N. del punto di misura secondo Funzionamento ovvero designazione dell’apparecchio o


il registro dei punti di misura del punto di misura
fornito in dotazione separatamente

1.3.1 Pressione all’entrata del carburante


1.3.3 Sorveglianza Pme
1.3.4 Sorveglianza carico pieno (sovraccarico)
1.3.7 Indicazione del percorso della tiranteria
1.3.8 Sorveglianza delle tubazioni d’iniezione schermate
2.3.1 Interruttore del numero di giri esclusione pressostato
2.3.2 Pressione dell’olio lubrificante n < 600 l/min
2.3.3 Pressione dell’olio lubrificante n > 600 l/min
2.3.4 Pressione dell’olio lubrificante
2.3.5 Temperatura dell’olio lubrificante
2.3.7 Temperatura dell’olio lubrificante min.
2.3.8 Pressione differenziale filtro dell’olio lubrificante
2.3.9 Livello della vasca dell’olio lubrificante
2.4.1 Pressione dell’olio lubrificante
2.4.6 Temperatura dell’olio lubrificante
2.4.8 Pressione dell’olio di tenuta
2.4.10 Blocco di avviamento pressione dell’olio lubrificante
2.4.11 Livello vasca dell’olio lubrificante pompa di riserva inserito
2.6.3 Temperatura dell’olio lubrificante
3.3.2 Temperatura dell’acqua di raffreddamento circolante
3.3.3 Pressione dell’acqua di raffreddamento circolante, circuito I
3.3.4 Pressione dell’acqua non potabile
3.3.5 Temperatura dell’acqua di raffreddamento circolante min.
3.3.7 Pressione dell’acqua di raffreddamento circolante, circuito II
3.3.10 Esclusione pressostato interruttore del numero di giri
3.4.4 Temperatura dell’acqua di raffreddamento circolante
3.6.4 Temperatura dell’acqua di raffreddamento circolante
4.3.1 Temperatura dell’aria di alimentazione max.
4.3.2 Temperatura dell’aria di alimentazione min.
4.3.3 Individuazione di acqua nella tubazione dell’aria di
alimentazione
4.6.2 Temperatura dell’aria di alimentazione
5.4.1 Temperatura del gas di scarico per ogni cilindro
5.4.3 Temperatura del gas di scarico dietro alla turbina
6.3.1 Disfunzione della sorveglianza della camera dell’azionam.
6.4.5 Sorveglianza della camera dell’azionamento
7.3.1 Pressione dell’aria di avviamento
7.3.2 Pressione dell’aria di regolazione
7.3.3 Manovra fallita blocco aria di avviamento (il motore
non parte)
7.3.4 Interruttore di regolazione del numero di giri uscita
7.3.5 Interruttore di regolazione del numero di giri ingresso
7.3.6 Interruttore posto di manovra a distanza motore (BVM)
7.3.6 Indicazione posto di manovra motore a distanza (SBVM)
7.3.9 Lampada di segnalazione comando a distanza inserita
7.3.10 Valvola a 3/2 vie fusibile di commutazione

0685
Segmento: 3.3

Pagina: 3-1-10 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BVM 628

N. del punto di misura secondo Funzionamento ovvero designazione dell’apparecchio o


il registro dei punti di misura del punto di misura
fornito in dotazione separatamente

7.3.14 Sorveglianza del trasduttore del numero di giri


7.5.8 Elettromagnete arresto di emergenza
7.5.9 Valvola magnetica di avviamento, valvola a 3/2 vie
7.510 Tasto sbloccaggio arresto di emergenza
7.5.12 Motore di regolazione del numero di giri
7.5.12 Motore di regolazione del numero di giri
7.514 Tasto di arresto
7.5.15 Elettromagnete arresto di emergenza
7.5.16 Elettromagnete arresto
7.5.16 Elettromagnete arresto
7.5.17 Elettrovalvola a tre vie (blocco di avviamento)
7.5.20 Tasto di avviamento
8.1.1 Trasduttore del numero di giri
8.1.2 Indicatore del numero di giri

0685
Segmento: 3.3

Indicazioni tecniche Pagina: 3-1-11

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

3.3.4.1 Turbocompressore a gas di scarico sul lato dell’accoppiamento

25 441 2

0984
Segmento: 3.3

Pagina: 3-1-12 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

25 442 2

0984
Segmento: 3.3

Indicazioni tecniche Pagina: 3-1-13

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

3.3.4.2 Turbocompressore a gas di scarico sul lato opposto all’accoppiamento

25 443 2

0984
Segmento: 3.3

Pagina: 3-1-14 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

25 442 2

0984
Segmento: 3.4

Indicazioni tecniche Pagina: 3-2-01

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

3.4 Pesi delle componenti del motore


Indicazioni per unità

N. Denominazione 12 cyl. 16 cyl.


corr. ca. kg ca. kg

1 Peso del motore con volano 16300 20200

2 Incastellatura senza coperchio del cuscinetto di banco 3360 4381


Incastellatura con coperchio del cuscinetto di banco 3600 4680

3 Vasca dell’olio (costruzione profonda) 395 480


Vasca dell’olio(costruzione piatta) 345 410

4 Camicia del cilindro 58 58

5 Albero a gomiti senza contropesi 1080 1350

6 Contropesi con dischi e rosette 32 32

7 Volano Ø 930 x 86 199 oppure 252 oppure 305


Ø 970 x 130 480 oppure 505
Ø 990 x 240 1040
Ø 1140 x 277 1452 oppure 1572

8 Cuscinetto (guscio superiore e inferiore)


1 cuscinetto dell’albero a gomiti 2 2
1 cuscinetto di biella 1 1

9 Biella 36,5 36,5

10 Stantuffo senza anelli elastici 22 22

11 Perno dello stantuffo 10,8 10,8

12 Testata del cilindro (completa) 120 120

13 Valvole di alimentazione e di scarico 1 1

14 Valvola d’iniezione 3,3 3,3

15 Smorzatore di vibrazioni torsionali a viscosità


Ø 490 x 85 104
Ø 620 x 100 200
Ø 640 x 120 255

16 Massa addizionale Ø 538 x 55 90


Ø 680 x 42,5 108

17 Smorzatore di vibrazioni torsionali in gomma


Ø 675 x 130 – 135
Ø 680 x 153 230 –

18 ATL VTR 214 senza insonorizzatore 230 230


ATL VTR 254 dell’aria di aspirazione 360 360

1296
Segmento: 3.4

Pagina: 3-2-02 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

N. Denominazione ca. kg
corr.

19 Accoppiamento Serie

Misura 1120 1121 1300 1301

EZR 1232 133 142 181 188

EZR 1412
217 220 305 307
EZR 1422

EZR 1712
373 378 479 484
EZR 1722

EZR 2012 594 603 736 753

20 Accoppiamento Serie

Misura 2100 2101 2200 2201

Rato-S 1811
141 170 141 178
Rato-S 1812

Rato-S 2011
169 207 169 216
Rato-S 2012

Rato-S 2211
205 250 205 261
Rato-S 2212

Rato-S 2411
275 330 275 346
Rato-S 2412

Rato-S 2521
318 372 339 394
Rato-S 2522

Rato-S 2611
334 402 334 420
Rato-S 2612

Rato-S 2721
387 455 412 481
Rato-S 2722

Rato-S 2811
421 505 421 530
Rato-S 2812

Rato-S 2921
478 562 511 597
Rato-S 2922

1185
Segmento: 3.4

Indicazioni tecniche Pagina: 3-2-03

Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

N. Denominazione 12-cyl. 16-cyl.


corr. ca. kg ca. kg

21 Tubazione dell’aria di alimentazione 23 23


(componente parziale per ogni cilindro)

1185
Segmento: 3.2

Pagina: 3-1-01 Indicazioni tecniche


Technische Angaben

Tipo del motore:S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante

0491
Segmento: 3.5

Indicazioni tecniche Pagina: 3-3-01

Tipo del motore: S/BVM 628

3.5 Prescrizioni di serraggio per raccordi a vite soggetti a forti sollecitazioni


3.5.1 Tabella

N. N. cost- Raccordi a vite serrati con dispositico Filettatura Pressione Osservazioni


riga ruzione idraulico di serraggio dell´olio bar Scheda di lavoro n.

01 01 Incastellatura / Testata del cilindro M 33 x 2 835 bar Scheda di lavoro 01.09.01

02 01 Incastellatura / Coperchio cuscinetto (vertic.) M 33 x 2 1030 bar Vedi capoverso 3.5.2, Ak 02.08.01

N. N. cost- Raccordi a vite serrati con momento di Filettatura Momento di Coppia Angolo di Osservazioni
riga ruzione precaricamento e angolo di riserratura precarica- torcente riserratura in
ovvero coppia torcente mento Nm Nm )°
03 01 Incastellatura / coperchio del cuscin. (orizzo) M 22 x 2 70 Nm - 210 ° -

04 06 Fusto della biella/ coperchio della biella M 20 x 1,5 70 Nm - 240 ° 1° stadio 90 °


2° stadio 90 °
3° stadio 60 °

05
05 Albero a gomiti / contropesi M 27 x 2 130 Nm - 90 ° -
06

07 11 Bilanciere / testata del cilindro M 14 x 1,5 30 Nm - 150 ° 1° stadio 30 °


2° stadio 60 °
3° stadio 60 °

08 11 Asse del bilanciere / blocco del bilanciere / M 16 x 1,5 30 Nm - 240 ° 1° stadio 60 °


testata del cilindro 2° stadio 90 °
3° stadio 90 °

09 09 Scatola ingranaggi / incastellatura M 14 - 112 Nm - -

10 17 Pompa d’iniezione: parte super. / parte infer. M 12 30 Nm - 90 ° -

11 17 Pompa d’iniezione: fissaggio dell’elemento M 12 85 Nm - 60 ° -

12 17 Pompa d’iniezi.: albero a camme / ruota den. M 14 x 1,5 30 Nm - 60 ° non lubrificata

13 17 Pompa d’iniezione / incastellatura M 12 30 Nm - 90 ° -

14 18 Azionam. della pompa d’iniezione / lamella M 20 x 1,5 130 Nm - 90 ° -

15 18 Azionam. d. pompa d’iniezi./ albero a camme M 14 x 1,5 30 Nm - 90 ° -

16 09 Azionam. d. pompa d’iniezi. / ruota dentata M 16 x 1,5 30 Nm - 90 ° -

17
34 Antivibratore / albero a gomiti M 24 x 2 130 Nm - 90 ° -
18

19 37 Girante della pompa centrifuga / albero M 16 x 1,5 50 Nm - 120 ° -

20 43 Mensola ATL / Incastellatura M 16 x 1,5 - 250 Nm - -

21 14 Albero a gomiti / ruota dentata M 10 - 50 Nm - -

22 14 Ruota dentata / azionamento della pompa M 16 50 Nm - 90 ° -


dell’olio lubrificante

23 19 Fissaggio / valvola d’iniezione M 16 x 1,5 - 120 Nm - -

24 05 Volano / albero a gomiti M30 x 2 x 100 128 Nm - 75 ° 1° stadio 45 °


2° stadio 30 °

M30 x 2 x 200 128 Nm - 150 ° 1° stadio 90 °


2° stadio 60 °

0992
Segmento: 3.5

Pagina: 3-3-02 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BVM 628

N. N. cost- Raccordi a vite serrati con momento di Filettatura Momento di Coppia Angolo di Osservazioni
riga ruzione precaricamento e angolo di riserratura precarica- torcente riserratura in
ovvero coppia torcente mento Nm Nm )°
25 05 Albero a gomiti / ruota dentata M 12 - 120 Nm - -

26 10 Ruota dentata di azionam. / albero a camme M 10 - 70 Nm - -

27 10 Albero a camme / albero a camme M 10 - 70 Nm - -

28 01 Coperchio dell’incastellatura M 10 x 30 - 70 Nm - -

29 14 Fissaggio della cassa della pompa M 12 - 75 Nm - -

30 30 Albero di com. di avviam. / albero a camme M 14 x 1,5 30 Nm - 90 ° -

31 21 Tubazione d’iniezione / dado a risvolto 30 Nm - 30 ° forza di mano

32 M 16 x 1,5 - 250 Nm - -
09 Scatola ingranaggi / incastellatura
33 M 20 x 2 - 280 Nm - -

35 M 16 x 1,5 - 250 Nm - -

36 58 Mensola del refrigeratore dell’aria di M 12 x 1,25 - 108 Nm - -


alimentazione / incastellatura
37 M 10 - 70 Nm - -

38 ATL VTR 251 M 10 30 Nm - 240 ° 1° stadio180 °


Filtro dell’aria di aspirazione 2° stadio 60 °
22 sul motore
39 (viti lunghe) ATL VTR 201 M 10 30 Nm - 150 ° 1° stadio 90 °
2° stadio 60 °

40 M 16 x 1,5 - 130 Nm - -
09 Asse della ruota dentata / fissaggio
41 M 20 x 2 - 280 Nm - -

42 EZ 121 S M 14 20-30 Nm - 60 ° 1° stadio 30 °


EZ 135 S 2° stadio 30 °

43 EZ 142 S M 18 x 1,5 40 Nm - 90 ° 1° stadio 30 °


Accoppiamento elastico EZ 166 S 2° stadio 60 °
63 (con flangia di allacciamento /
44 volano) EZ 171 S M 22 x 1,5 69 Nm - 120 ° 1° stadio 60 °
EZ 195 S 2° stadio 60 °

45 EZ 201 S M 27 x 2 128 Nm - 60 ° 1° stadio 30 °


2° stadio 30 °

47 52 Applicazione generatore M 30 x 2 128 Nm - 90 ° 1° stadio 30 °


2° stadio 60 °

48 34 Antivibratore / albero a gomiti M 24 x 2 130 Nm - 120 ° con massa addizio.

49 27 Azionamento del regolatore / ruota conica M 24 x 1,5 70 Nm - 90 ° -

50 19 Valvola d’iniezione / dado dell’iniettore M 28 x 1,5 - 120 Nm - -

51 EZ 121 S M 14 20 -30 Nm - 60 ° 1° stadio 30 °


EZ 135 S 2° stadio 30 °

52 EZ 142 S M 18 x 1,5 40 Nm - 90 ° 1° stadio 60 °


Accoppiamento elastico EZ 166 S 2° stadio 30 °
63 (senza flangia di allacciamento /
53 volano) EZ 171 S M 22 x 1,5 68 Nm - 150 ° 1° stadio 90 °
EZ 195 S 2° stadio 60 °

54 EZ 201 S M 27 x 2 128 Nm - 120 ° 1° stadio 60 °


2° stadio 60 °

0883
Segmento: 3.5

Indicazioni tecniche Pagina: 3-3-03

Tipo del motore: S/BVM 628

N. N. cost- Raccordi a vite serrati con momento di Filettatura Momento di Coppia Angolo di Osservazioni
riga ruzione precaricamento e angolo di riserratura precarica- torcente riserratura in
ovvero coppia torcente mento Nm Nm )°
55 M 10 x 20 - 60 Nm - -

56 M 10 x 25 - 60 Nm - -

57 34 Antivibratore / elemento di gomma M 12 x 140 - 170 Nm - -

58 M 14 x 35 - 220 Nm - -

59 M 14 x 50 - 220 Nm - -

60 29 Asta di regolazione / asta di collegamento M 8 x 30 - 40+5 Nm - -

61 10 Albero a camme / piastra di guida M 10 - 50 Nm - -

62 M 14 x 80 - 125 Nm - -

63 M 16 x 40 - 280 Nm - -

64 M 16 x 45 - 190 Nm - -

65 M 16 x 50 - 280 Nm - -

66 M 16 x 80 - 280 Nm - -

67 43 Turbocompressore a gas di scarico / M 16 x 90 - 280 Nm - -


mensola
68 M 16 x 170 - 280 Nm - -

69 M 20x 1,2x45 - 700 Nm - -

70 M 20x1,5x50 - 430 Nm - -

71 M 20x1,5x65 - 300 Nm - -

72 M 20 x 50 - 380 Nm - -

73 M 20 x 160 - 380 Nm - -

74 16 Ugelli dell’olio refrigerante dello stantuffo M 12 x 40 - 135 Nm - -

0992
Segmento: 3.5

Pagina: 3-3-04 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BVM 628

3.5.2 Spiegazione relativa alle righe 2 e 3 delle prescrizioni di serraggio

Successione di serraggio delle viti del cuscinetto dell’albero a gomiti.

● Caricare le viti I e II con l’ausilio del dispositivo idraulico di serraggio fino ad una pressione di
100 bar.
● Serrare le viti III e IV con la coppia di precompressione di 70 Nm.
● Successivamente a ciò serrare le viti III e IV alternativamente in 3 stadi a 90°, 90° e 30°
sull’angolo di serraggio a fondo di complessivamente 210°.
● Caricare le viti I e II mediante il dispositivo idraulico di serraggio su di una pressione di 1030 bar.
Serrare i dadi circolari a forza di mano.
● Successivamente a ciò scaricare il dispositivo di serraggio a 0 bar.
● Per sicurezza e per eliminare eventuali fenomeni di assestamento caricare il dispositivo di
serraggio ancora una volta a 1030 bar e stringere possibilmente i dadi circolari a forza di mano.

51 202 0

1187
Segmento: 3.5

Indicazioni tecniche Pagina: 3-3-05

Tipo del motore: S/BVM 628

3.5.3 Spiegazioni relative alle prescrizioni di


serraggio
Quanto descritto nel presente capoverso
relativamente alle viti vale analogamente
anche per i dadi.

Prima del montaggio sulle filettature appli-


care olio lubrificante - altri tipi di lubrificanti
secondo le indicazioni riportate nelle sche-
de di lavoro - sul raccordo a vite -

● Avvitare e precomprimere le viti


- Coppie di precompressione di fino
a 30 Nm
Precomprimere le viti. Afferrare la chiave ad
innesto con il connettore in modo tale che
le mani tocchino la chiave. Ora serrare
bene le viti eventualmente in modo incro-
ciato più volte alternativamente, ma senza
esercitare violenza.
In caso di utilizzo di una chiave ad anello o
a bocca quest’ultima va afferrata con una
mano in maniera tale che il pollice tocchi la
testa della chiave.

● Coppia di precompressione oltre30 Nm


Precomprimere le viti possibilmente facen-
do uso di una chiave torsiometrica osser-
vando la coppia di precompressione indi-
cato nelle prescrizioni di serraggio. Per fare
ciò preserrare le viti eventualmente in
modo incrociato a stadi alternativamente
fino a raggiungere il valore prescritto.
Nel caso in cui non dovesse essere dispo-
nibile una chiave torsiometrica o qualora le
circostanze locali non dovessero permet-
terne l’utilizzo, possono essere utilizzati
utensili normali. A questo riguardo vedi lo 51 203 0
schizzo riportato qui accanto nonché la ta-
bella riportata qui di seguito con i relativi
esempi di applicazione per la lunghezza
della leva e la forza di trazione per la coppia
prescritta.

- Serrare le viti. Coppia di Lunghezza Forza di trazio.


Vale a dire, serrare le viti - eventualmente precompressione di leva necessaria
alternativamente in modo incrociato - fa- momento torcente
cendo uso di chiavi speciali ad innesto Nm mm N
(eventualmente dotate di prolunga) osser-
vando l’angolo di serraggio a fondo riporta- 30 500 60
to nella prescrizione di serraggio. In questo
contesto occorre tenere presente che i rac- 40 500 80
cordi a vite con più di una vite e con un
angolo di serraggio a fondo maggiore di 70 1000 70
60° vanno serrati alternativamente e gra-
dualmente osservando una particolare 130 1000 130
prescrizione di serraggio.

1187
Segmento: 3.5

Pagina: 3-3-06 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BVM 628

Non girare indietro le viti serrate eccessivamente, ma allentarle completamente e riserrarle in


osservanza delle prescrizioni vigenti in materia.

Se dopo avere riserrato più volte dovessero risultare contrazioni sul gambo delle viti, occorre
sostituire la vite.

3.5.4 Avvertenza relativa al dispositivo idraulico di serraggio

Per il montaggio, il riempimento e lo sfiato del dispositivo idraulico di serraggio nonché per le
indicazioni relative agli oli idraulici adatti vedi scheda di lavoro 02.16.02.

0685
Segmento: 3.6

Indicazioni tecniche Pagina: 3-4-01

Tipo del motore: S/BVM 628

3.6 Materiali di tenuta, prodotti di protezione, lubrificanti, pasta termoconduttrice

Indicazione Denominazione Stato di- Direttive per Osservazioni Fabbricante e/o design.
del materiale trattamento l’utilizzo del fabbricante

Materiali di tenuta:

Amianto con
legante resistente
It-Ö all’olio spessore 1,5 mm olio lubrificante, gasolio

Amianto Amianto di spessore 2,0 mm gas di combustione


serpentino

Gomma naturale o Acqua da -20 a


Gi Deutz 2b gomma +110 °C con
sintetica antigelo e olio
anticorrosivo

Deutz DW 5 Carta spessore 0,3 mm Aria, acqua,


olio lubrificante, gasolio

Deutz DW 20 Cartone uso cuoio spessore 1,5 mm Acqua fino a 65 °C


olio lubrificante, gasolio

Deutz DW 30 Anello di tenuta Anelli di tenuta per Corrisp. Deva-Metall


impianti di gas di scarico della ditta Deventer

Deutz DW 40 Anello di tenuta Amianto con lenti di Tenuta per tubazione Corrisp. Reinz 4402
tenuta per legame del gas di scarico (Ferrolastic della
resina sintetica Diring)

Mastice duroplastico Chiusure plastiche Corrisp. Silastik


Deutz DW 47 indurente con caucciù al silicone elastiche per giunti Q3-3305, nero d.
ammine per incastellatura per Fa. DOW-CORNING
motori Aders-Str.71
4 Düsseldorf

Ermetizzazione Di interspazi Corrisp. Silastik


duroplastica Silikon- (chiusure plastiche 732RTV d.Fa. Dow-
Deutz DW 48 Mastice Vulcanizzato elastiche di giunti Corning, Brüssel,
per incastellature come anche Terostat 33
di motori) nero, della ditta
Teroson GmbH.,Heidel-
berg

Deutz DW 49 Mastice ermetizzazione di tappi infiammabile Corrisp. mastice


Foro nucleo 54 della ditta
Sonderhoff, Köln

Deutz DW 50 Mastice Mastice ermetizzazione infiammabile Corrisp. Curil ovvero


liquido di pompe ecc. Teroson-Fluid

Deutz DW 51 Mastice Mastice infiammabile Corrisp. Sigma della


liquido ditta Sonderhoff, Köln

Prodotti di protezione:

Deutz DW 55 Materiale plastico fluido, sicurezze per viti Corrisp. Loctite tipo
liquido- molto solido fino a M16; fissaggio di 601 (finora elementi da
monocomponente, gusci di cuscinetto-, ruote assemblaggio Loctite)
Chiusura ermetica dentate e bulloni
all’aria
Deutz DW 56 con contemporaneo viscoso, sicurezze per viti a partire Corrisp. Loctite tipo
contatto con molto solido da M10, tirante a vite- AVX (finora Loctite
metalli sicherg., ermetizzazione di ermetizzazione di tubi
facilmente superfici e di filettature extra forte)
staccabile.
Deutz DW 57 fluido, Sicurezza di viti facilmente Corrisp. Loctite tipo
facilmente staccabile allentabili fino a M14 221 (finora Loctite
(viti di regolazione) sicurezza per viti
debole)

Deutz DW 59 mediamente viscoso, sicureze per viti, Corrisp. Loctite tipo


molto solido ermetizzazione di 270 (finora sicurezza
filettature e di superfici idraulica Loctite)

Deutz DW 60 viscoso, tutte le sicurezze per viti Corrisp. Loctite Typ


a media forza ermetizzazione filettature CVX (finora ermetizzazione
e superfici (idr. per tubi Loctite forte)
e pneumat.)

Deutz DW 61 Attivatore Attivatore solo per non corrosivo Corrisp. Locquic tipo T
DW 56 e DW 60 per
pezzi non metallici e
trattati in superficie
Segmento: 3.6

Pagina: 3-4-02 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BVM 628

Indicazione Denominazione Stato di- Direttive per Osservazioni Fabbricante e/o design.
del materiale trattamento l’utilizzo del fabbricante

Lubrificante:

Spray speciale Evitare il fest Corrisp. „Never Seez“


Deutz S1 resistente Pasta o. per filettature della ditta P.H. Weid-
al calore Spray (p.es. impianti ling & Sohn KG
gas di scarico)

Deutz S2 Pasta speciale Anelli di scorrimento Anelli di scorrimento Corrisp. pasta speciale
per sistema idraulico per sistema idraulico Molykote G-n Rapld

Deutz S4 Pasta di disulfuro di Pasta Per componenti con pezzi Tlene o tricloro— Corrisp. ditta DOW
molibdeno stretti. Reduce l´abrasione etilene pasta molto Corning GmbH
Protegge da ruggine sottile, ca Emanuel-Leutze-Str.1
da abrasione. 0,005 mm, applicare 4000 Düsseldorf 11
Per temp. da come
-40 °C bis +450 °C. ditta Van Laar KG
Dechen Str. 6
4030 Ratingen

Pasta al silicone Pasta elettroisolante Corrisp. pasta Molykote


Deutz F2 sintetica con raccordi ad innesto P4 della ditta
in sistemi di accensione Westinghouse

Lubrificante Grasso multiuso per


Deutz F5 senza cuscinetti volventi e di
acidi scorrimento per temp. da
-30 a +120 °C

MOLYKOTE Grasso per Cuscinetti, profili


Longterm 2 pressioni massime, e accoppiamenti per
estremamente temperature da -25
resistente, a +110 °C
buona protezione
contro la corrosione

Pasta termoconduttrice:

Rame con Pasta conduttrice per Corrisp. pasta termo-


Deutz P1 legante contenente termostato conduttrice-della Fa. Stein
olio Sohn, Hamburg

0883
Segmento: 3.7

Indicazioni tecniche Pagina: 3-5-01

Tipo del motore:S/BVM 628

3.7 Utilizzo di azoto liquido

I lavori di installazione facendo uso di azoto liquido devono essere eseguiti esclusivamente
in officina in osservanza delle prescrizioni di sicurezza vigenti in materia.

Evitare ad ogni costo i contatti della pelle con l’azoto liquido. Non toccare mai con la mano i
componenti congelati. Anche per l’introduzione dei pezzi nel bagno di azoto utilizzare una
pinza o un altro mezzo ausiliario appropriato.

Applicazione dell’azoto liquido


In caso di lavori occasionali di breve durata con azoto liquido per il bagno ad immersione inserire
due contenitori concentrici l’uno dentro l’altro ed isolare l’interspazio con lana di vetro, polvere di
sughero o sabbia.

In caso di necessità l’azoto liquido, dai contenitori in cui viene fornito, viene introdotto nella vasca
di immersione nella quale vengono inseriti i pezzi. All’inizio del raffreddamento del metallo, l’azoto
“bolle” fortemente, la formazione di bolle si protrae finché le componenti metalliche non hanno
raggiunto la temperatura dell’azoto liquido (-196 °C).
Una volta terminata la formazione di bolle, le componenti sono pronte per essere installate.

Consumo di azoto liquido


Sotto condizioni normali per il raffreddamento di un chilo di metallo da +15 °C a -196 °C risulta
necessario il seguente quantitativo di azoto liquido:

0,6 litri per l’acciaio


0,96 litri per l’alluminio
0,45 litri per il bronzo, il rame, l’ottone
0,66 litri per la ghisa

0883
Segmento: 3.3

Pagina: 3-1-14 Indicazioni tecniche


Technische Angaben

Tipo del motore:S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante

0984
Segmento: 3.8

Indicazioni tecniche Pagina: 3-6-01

Tipo del motore: S/BVM 628

3.8 Controllo presenza incrinature


adottando il procedimento di
controllo a liquido di diffusione

Mezzi ausiliari:
Detergenti (tricloroetilene),
Liquido di diffusione (rosso di diffusione),
Sviluppatore (bianco)

Depurazione del componente


- Sgrassare il componente da controllare
facendo uso del detergente “tricloroeti-
lene” (avvertenza di sicurezza pagina
3-6-02). Fare agire il detergente per cir-
ca 5 - 10 minuti prima di applicare il
liquido di diffusione.
- Strofinare le superfici con un panno
asciutto.
- Adottando questa misura vengono eli-
minati tutti i residui di grasso che pot-
rebbero eventualmente riempire e co-
prire le incrinature esistenti (fig. 1).

Applicazione del liquido di diffusione


- Applicare il liquido di diffusione (rosso
didiffusione) mediante nebulizzazione
utilizzando, ad esempio, un’apposita
bomboletta o pistola, immergendo il
componente o applicandolo con un
pennello. Successivamente a ciò farlo
agire in osservanza delle istruzioni per
l’uso (fig. 2).
- Pulire il componente con acqua finchéil
liquido di diffusione risulta lavato via 25 459 1
dalla superficie e non rimane che nelle
incrinature (fig. 3).
- Asciugare le superfici strofinandole
con un panno.

Applicazione dello sviluppatore


- Una volta che il componente si è asci-
ugato, applicare un sottile strato
di “sviluppatore” (bianco) facendo uso
di una bomboletta a nebulizzazione o
di un pennello. Evitare di applicare due
volte sulla stessa superficie.
- Fare essiccare lo sviluppatore per uno -
due minuti.
- Grazie all’effetto di “carta assorbente”
dello sviluppatore il liquido di diffusione
viene assorbito visibilmente dall’incr-
inatura (fig. 4).

0883
Segmento: 3.8

Pagina: 3-6-02 Indicazioni tecniche


Tipo del motore: S/BVM 628

Giudizio
A causa del liquido di diffusione assorbito si formano nella zona delle incrinature e delle altre
sconnessità superficiali tracce rosse nello strato bianco dello sviluppatore.

- Le linee rosse indicano la presenza di incrinature.


- I punti rossi indicano cavità o porosità..

Le incrinature molto sottili divengono visibili, in determinate circostanze, solo dopo molte ore. Una
linea rossa punteggiata viene a crearsi in caso di:

● incrinature molto sottili,

● un affaticamento del metallo al punto corrispondente,

● una rottura solo parziale.

Il tricloroetilene è tossico. Assicurare una ventilazione sufficiente del locale. Evitare di


inspirare. Durante il lavoro indossare indumenti protettivi (occhiali protettivi, guanti
protettivi).

0883
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-0-01

Tipo del motore:S/BVM 628

4.1 Operazioni prima della messa in funzione del motore con carburante
distillato

Per quanto concerne le disfunzioni e la loro eliminazione vedi capoverso 7. Lavori di controllo, di
manutenzione e di riparazione, vedi visione d’insieme delle schede di lavoro al capoverso 8.2 e le
schede di lavoro capoverso 8.3. Una parte di questo capoverso contiene anche le “istruzioni
riassuntive” accluse alle istruzioni per l’uso.

A Messa in funzione di motori avviati dopo una breve pausa di servizio.


B Messa in funzione di motori in seguito a lavori di riparazione come p.es. in seguito a cambio
degli stantuffi, delle camicie o dei gusci di cuscinetto.
C Messa in funzione di motori nuovi o di motori messi fuori servizio per periodi prolungati (oltre 3
mesi).

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

1 Asportazione dello strato Eliminare dal motore i vedi materiali


protettivo conservanti, le vernici di esercizio
antiruggine, i residui ● Capover. 6.5
di olio e di grasso.

2 Testata del cilindro Controllare il gioco delle valvole 01.01.01


di alimentazione e di scarico. ● ●

Controllare la mobilità
delle valvole di alimentazione
e di scarico nei ●
guidavalvola.

3 Raccordo a vite Controllare secondo le


di fondazione prescrizioni di serraggio ● 03.07.01
dell’installatore dell’impianto.

4 Regolazione del numero di giri Controllare la regolarità del funz.


namento dell’asta del regolatore ● 07.01.01

Controllare il livello dell’olio


del regolatore idraulico. ● 05.03.11

Cambio dell’olio per il


regolatore idraulico ● 05.03.11

Sfiatare il regolatore idraulico. ● 05.03.12

5 Impianto del gas di scarico/ Controllare il livello dell’olio


Sovralimentazione del turbocompr. a gas di scarico ● ● 06.05.01

Controllare il turbocompressore ● 06.06.01

0486
Segmento: 4

Pagina: 4-0-02 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

6 Sistema Depurare il serbatoio giornaliero


del carburante. del carburante ●

Riempire il serbatoio giornaliero


del carburante. ● ●

Depurare il filtro
del carburante. ● ● 07.10.01

Controllare le valvole d’iniezione


del carburante. ● ● 07.08.01

Controllare il livello dell’olio


nel serbatoio dell’olio di tenuta. ● ●

Disacquare il serbatoio
giornaliero del carburante. ● ●

Aprire la valvola di chiusura del


serbatoio giornaliero del carbura.
e inserire la pompa di alimenta- ● ● ●
zione del carburante (se esistente).

Sfiatare il sistema del carburante. ● ● 07.03.02

7 Sistema dell’olio Riempire la vasca dell’olio o il


lubrificante serbatoio dell’olio lubrificante. ●

Controllare il livello dell’olio


lubrificante circolante. ● ● ●

Manutenzionare la combinazione
di filtri dell’olio lubrificante. ● ● 08.10.01

Inserire la pompa di prelubrifica-


zione installata separatamente.
Mantenere la pressione di prelu- ● ● ● > 0,35 bar
brificazione per almeno 3 minuti.

Se è prevista una pompa dell’


olio lubrificante di riserva come ● ● ●
pompa di prelubrific., inserirla.

8 Sistema del liquido refrigerante rabboccare liquido refrigerante ●

Contr. il livello del liquido refrige.


nel serbatoio di compensazione. ● ● ●

Sfiatare il sistema di raffredda-


mento in caso di necessità. ● ●

0185
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-0-03

Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

8 Sistema del liquido preparare acqua di raffredda-


refrigerante mento, controllare. ● ● capoverso 6.4

Depurare filtro dell’acqua non pot


abile dell’impianto (se esistente) ●

Aprire le valvole nelle tubazioni


dell’acqua non potabile e del
liquido refrigerante ovvero con- ● ●
trollare le posizioni di commutaz.

Inserire il dispositivo di
preriscaldamento del liquido
refrigerante ● ● ●
(se presente).

Controllare la temperatura di
preriscaldamento del liquido vedi capoverso
refrigerante per l’immediata ● ● ● 3.3.2
disponibilità per l’avviamento

9 Sistema dell’aria Controllare la regolarità di funzio-


compressa namento della valvola di avvia- 01.11.01
mento aria compressa e della ● ● 10.03.0
valvola del sistema di avviamento.

Scarico del liquido dai filtri ● ● 10.03.02

Svuotamento della condensa d.


stazione di riduzione della press. ● ● 10.06.01

Pulire ovvero installare il filtro


protettivo situato davanti alla ● ● 10.03.91
valvola di avviamento.

Scaricare il liquido dal serbatoio


dell’aria compressa. ● ● ● 10.01.01

Controllare la pressione nel


serbatoio dell’aria compressa. ● ● ● 10.01.01

10 Apparecchi di In caso di pompe installate


sorveglianza separatamente osservare la
pressione e/o la temperatura del
carburante, dell’olio lubrificante, ● ● ●
del liquido refrigerante e
dell’aria compressa.

Controllare l’impianto di avverti-


mento otticamente e acusticamente ● ● ●

0585
Segmento: 3.2

Pagina: 3-1-01 IstruzioniTechnische Angaben


per il servizio del motore
Tipo del motore:S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-0-05

Tipo del motore: S/BVM 628

4.1.1 Operazioni prima della messa in funzione del motore con olio misto (olio pesante)

Per quanto concerne le disfunzioni e la loro eliminazione vedi capoverso 7. Lavori di controllo, di
manutenzione e di riparazione, vedi visione d’insieme delle schede di lavoro al capoverso 8.2 e le
schede di lavoro al capoverso 8.3. Una parte di questo capoverso contiene anche le “Istruzioni
riassuntive” accluse alle istruzioni per l’uso.

A Messa in funzione di motori avviati dopo una breve pausa di servizio.


B Messa in funzione di motori in seguito a lavori di riparazione come p.es. in seguito alla
sostituzione degli stantuffi, delle camicie o dei gusci di cuscinetto.
C Messa in funzione di motori nuovi o di motori messi fuori servizio per periodi prolungati
(oltre 3 mesi).

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

1 Asportazione dello strato Eliminare dal motore i conservanti, vedimateriali


protettivo le vernici antiruggine, i residui esercizio
di olio e di grasso. ● capoverso 6.5

2 Testata del cilindro Controllare il gioco delle valvole 01.01.01


di alimentazione e di scarico. ● ●

Controllare la mobilità
delle valvole di alimentazione
e di scarico nei guidavalvola. ●

3 Raccordo a vite Controllare secondo le


di fondazione prescrizioni di serraggio ● 03.07.01
dell’installatore dell’impianto.

4 Regolazione del numero di giri Controllare la regolarità del


funzion. dell’asta del regolatore ● 07.01.01

Controllare il livello dell’olio


del regolatore idraulico. ● 05.03.11

Cambio dell’olio per il


regolatore idraulico ● 05.03.11

Sfiatare il regolatore idraulico. ● 05.03.12

5 Impianto del gas di scarico/ Controllare il livello dell’olio del


Sovralimentazione turbocompress. a gas di scarico ● ● 06.05.01

Controllare il turbocompressore ● 06.06.01


a gas di scarico

Controllare la quantità dell’ ● ● 06.13.03


acqua di sciacquo

0486
Segmento: 4

Pagina: 4-0-06 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

6 Sistema del carburante Depurare il serbatoio giornaliero


del carburante. ●

Riempire il serbatoio giornaliero


del carburante. ● ●

Depurare il filtro del carburante. ● ● 07.10.01

Controllare le valvole d’iniezione


del carburante. ● ● 07.08.01

Controllare il livello dell’olio


nel serbatoio dell’olio di tenuta. ● ●

Preriscaldare il serbatoio
giornaliero del carburante. ● ● ● vedi capo. 6.3

Scaricare il liquido dal serbatoio ● ● ●


giornaliero del carburante.

Aprire la valvola di chiusura del


serbatoio giornaliero del carbur. ● ● ●

Inserire la pompa dell’olio di tenuta. ● ● ●

Inserire la pompa del carburante


(dopo aver raggiunto una press. ● ● ●
di 6+2 bar dell’olio di tenuta).

Riscaldare il filtro del carburante


nell’impianto (se arr.olio pesante). ● ● ● vedi capo 6.3

Inserire l’impianto di regolazione


della viscosità. ● ● ●

Sfiatare il sistema del carburante. ● ● ● 07.03.02

7 Sistema dell’olio Riempire la vasca dell’olio o il


lubrificante serbatoio dell’olio lubrificante. ●

Controllare il livello dell’olio


lubrificante circolante. ● ● ●

Manutenzionare la combinazione
di filtri dell’olio lubrificante. ● ● 08.10.01

Inserire la pompa di prelubrifica-


di filtri installata separatamente.
Tenere la pressione di prelubrifi. ● ● ● 0,35 bar
per almeno 3 minuti.
Se è prevista una pompa dell’olio
lubrifi. di riserva come pompa di ● ● ●
prelubrificazione, inserirla.
0883
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-0-07

Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

8 Sistema del liquido refrigerante Rabboccare liquido refrigerante ●

Controllare il liquido refrigerante


nel serbatoio di compensazione. ● ● ●

Sfiatare il sistema di raffredda-


mento in caso di necessità. ● ●

Preparare e controllare l’acqua


di raffreddamento. ● ● capoverso 6.4

Depurare filtro dell’acqua non


potabile dell’impianto (se presente). ●

Aprire le valvole nelle tubazioni


dell’acqua non potabile e del
liquido refrige. ovvero controllare ● ●
le posizioni di commutazione.

Inserire il dispositivo di preriscal-


damento del liquido refrigerante. ● ● ●

Inserire il dispositivo di preriscal vedi a


damento del liquido refrigerante ● ● ● questo
della valvola d’iniezione (s. p.). riguardo
capoverso
Inserire la pompa del liquido 6.3
refrigerante della anche ● ● ●
valvola d’iniezione.

9 Sistema dell’aria Controllare la regolarità del 01.11.01


compressa funzionamento della valvola di
avviamento. ● ● 10.03.01

Scarico del liquido dei filtri ● ● 10.03.02

Svuotamento della condensa


della stazione di riduzione della ● ● 10.06.01
pressione.

Pulire ovvero installare il filtro


protettivo situato davanti alla ● ● 10.03.91
valvola di avviamento.

Scaricare il liquido dal serbatoio


dell’aria compressa. ● ● ● 10.01.01

Controllare la pressione nel


serbatoio dell’aria compressa. ● ● ● 10.01.01

0185
Segmento: 4

Pagina: 4-0-08 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

10 Apparecchi di In caso di pompe installate


sorveglianza separatamente osservare la
pressione e/o la temperatura del
carburante dell’olio lubrificante, ● ● ●
del liquido refrigerante e
dell’aria compressa .

Controllare l’impianto di
otticamente e acusticamente ● ● ●
avvertimento

0883
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-1-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.2 Messa in funzione del motore con carburante distillato

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

1 Aprire le valvole di indicazione. ● ● ●

2 Fare girare due volte il motore manualmente con asta di virata sul
volano comunque al più tardi 1 ora dopo la prelubrificazione, ● ●
altrimenti prelubrificare ancora una volta.

3 Impostare il numero di giri sul valore minimo in funzionamento a vuoto vedi capover.
● ● 3.3.1

4 Deve esservi una persona pronta alla disinserzione di emergenza per


essere in grado divedi scheda di lavoro
portare il motore manualmente su “Stop” in caso di necessità. ● ● 05.00.01

5 Portare la leva di marcia da “Stop” a “Avviamento” a serbatoio


dell’aria compressa chiuso agendo sul posto di manovra del
motore. Aprire lentamente la valvola di chiusura del serbatoio dell’aria
compressa e fare girare (stasare con aria compressa) brevemente il
motore con le valvole di indicazione aperte. Chiudere il serbatoio ● ● ●
dell’aria compressa, portare la leva di marcia in posizione “Stop”
e chiudere le valvole di indicazione.

6 Aprire completamente il serbatoio dell’aria compressa. ● ● ●

7 Portare la leva di marcia del posto di manovra del motore da “Stop”


a “Avviamento” vedi capoverso e posizionarla su “Servizio” dopo
avere raggiunto il numero di giri di accensione. ● ● ● 3.3.1

8 Nel caso in cui il motore non dovesse accendersi entro circa 3 sec.,
ripetere l’operazione di avviamento. Qualora il motore non dovesse vedi
partire dopo diversi tentativi di avviamento, ● ● ● capoverso 7
determinarne la causa e rimediare.

9 Disinserire il dispositivo di preriscaldamento del liquido refrigerante - vedi


se esistente -(al raggiungimento della temperatura prevista). capoverso
● ● ● 3.3.2

10 In caso di utilizzo della pompa di riserva dell’olio lubrificante


come pompa di prelubrificazione, quest’ultima va disinserita
una volta raggiunto il basso numero di giri in funzionamento a vuoto ● ● ●
ovvero al superamento del blocco di avviamento della pressione
dell’olio lubrificante.

11 Aumentare il numero di giri del motore agendo sul


dispositivo di regolazione del numero di giri. ● ●

0185
Segmento: 4

Pagina: 4-1-02 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

12 Avviare il motore. ● vedi capo. 4.6

13 Dopo aver raggiunto le temperature di esercizio secondo la document-


azione di collaudo il motore può essere sottoposto al massimo carico. ● ● ●

Le attività descritte nel presente capitolo ai punti 5 e 7 si riferiscono al posto di manovra del motore
montato con la leva di marcia. Per i motori fissi invece dello spostamento della leva di marcia va
azionato il tasto della pressione di avviamento.

0883
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-1-03

Tipo del motore: S/BVM 628

4.2.1 Messa in funzione del motore con carburante misto (olio pesante)

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

1 Aprire le valvole di indicazione ● ● ●

2 Fare girare due volte il motore manualmente con asta di virata sul
volano comunque al più tardi 1 ora dopo la prelubrificazione, ● ●
altrimenti prelubrificare ancora una volta.

3 Impostare il numero di giri sul valore minimo in funzionamento a vuoto vedi capov.
● ● 3.3.1

4 Deve esservi una persona pronta alla disinserzione di emergenza per


essere in grado divedi scheda di lavoro portare il motore
manualmente su “Stop” in caso di necessità. ● ● 05.00.01

5 Portare la leva di marcia da “Stop” a “Avviamento” a serbatoio


dell’aria compressa chiuso agendo sul posto di manovra del
motore. Aprire lentamente la valvola di chiusura del serbatoio
dell’aria compressa e fare girare (stasare con aria compressa)
brevemente il motore con le valvole di indicazione aperte ● ● ●
Chiudere il serbatoio dell’aria compressa, portare la leva di marcia in
posizione “Stop” e chiudere le valvole di indicazione.

6 Aprire completamente il serbatoio dell’aria compressa. ● ● ●

7 Portare la leva di marcia del posto di manovra del motore da


“Stop” a “Avviamento” vedi capoverso e posizionarla su
“Servizio” dopo avere raggiunto il numero di giri di accensione. ● ● ● 3.3.1

8 Nel caso in cui il motore non dovesse accendersi entro circa 3 sec.,
ripetere l’operazione di avviamento. Qualora il motore non dovesse ved
partire dopo diversi tentativi di avviamento, ● ● ● capoverso 7
determinarne la casa e rimediare.

9 In caso di utilizzo della pompa di riserva dell’olio lubrificante


come pompa di prelubrificazione, quest’ultima va disinserita ● ● ●
una volta raggiunto il basso numero di giri in funzionamento a vuoto
ovvero al superamento del blocco di avviamento della pressione
dell’olio lubrificante.

10 Fare funzionare il motore in modo possibilmente rapido a circa il


25 % di potenza e aumentare fino a circa il 60 % di potenza. ● ●

0486
Segmento: 4

Pagina: 4-1-04 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire (controllo e A B C capoverso o.


corr. manutenzione) Scheda di
lavoro Nr.
(Capover. 8.3)

11 Avviare il motore. ● vedi


capoverso 4.6

12 Disinserire il dispositivo di preriscaldamento del liquido refrigerante vedi capov.


(al raggiungimento della temperatura prevista). ● ● ● 3.3.2

13 Disinserire il filtro riscaldato del carburante nell’impianto. ● ● ●

14 Disinserire il dispositivo di preriscaldamento della valvola d’iniezione vedi capov.


(se presente). ● ● ● 3.3.2

15 Dopo aver raggiunto le temperature di esercizio secondo la documen


azione di collaudo il motore può essere sottoposto al massimo carico. ● ● ●

Le attività descritte nel presente capitolo ai punti 5 e 7 si riferiscono al posto di manovra del motore
montato con la leva di marcia. Per i motori fissi invece dello spostamento della leva di marcia va
azionato il tasto della pressione di avviamento.

0885
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-2-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.3 Sorveglianza del funzionamento


Le temperature, le pressioni ed il numero di giri vanno letti regolarmente prima dell’inizio
dell’avviamento annotandoli per iscritto (in caso di servizio periodico senza sorveglianza questa
operazione viene assunta dalla stampante dei valori di disturbo) e vanno confrontate con i valori
risultanti dalla documentazione di collaudo relativa al corrispondente carico del motore. Tutti i dati di
esercizio sono riportati nel capoverso 3.3 sotto la voce “Indicazioni tecniche” nonché nella documen-
tazione di collaudo.

N. Controlli e lavori di manutenzione giornalieri Capoverso Osservazioni


corr. Scheda di
lavoro N.
(Capover. 8.3)

1 Generalità Localizzare acusticamente i rumori di


funzionamento.

Controllare la colorazione del gas di vedi


scarico. capoverso 7

Controllare l’ermeticità dell’intero


motore e delle tubazioni esterne.

Confrontare i valori d’esercizio del


motore, il numero di giri e la potenza
con i valori riportati nel verbale
di collaudo.

2 Temperature Temperatura di ingresso dell’olio capoverso max. 65 °C


lubrificante vedi nel motore. 3.3.2 max. 75° C

Temperatura del liquido refrigerante vedi capoverso max. 80 °C


all’uscita dal motore 3.3.2 max. 85 °C

Differenza della temperatura del liquido


refrigerante all’ingresso nel motore e 8 - 12 °C
all’uscita dal motore a pieno carico.

Temperatura del carburante vedi capoverso


nella pompa d’iniezione. 6.3

Temperatura dell’aria di alimentazione: vedi


entrata nel motore in funzionamento documentazione
a pieno carico. di collaudo

Temperatura del gas di scarico vedi document.


dietro alla turbina. di collaudo

3 Pressioni Pressione dell’olio lubrificante dietro al


filtro dell’olio lubrificante a numero di > 3,5 bar
giri nominale e a motore caldo.

Pressione dell’olio di tenuta nelle vedi capoverso


pompe d’iniezione. 3.3.2

0885
Segmento: 4

Pagina: 4-2-02 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

N. Controlli e lavori di manutenzione giornalieri Capoverso Osservazioni


corr. Scheda di
lavoro N.
(Capover. 8.3)

3 Pressioni Pressione del liquido refrigerante ~ 4 bar


all’entrata nel motore.

Pressione del carburante precedente- 3,0 + 1,5 bar


mente alle pompe d’iniezione.

Pressione dell’aria di alimentazione vedi document. di collaudo

Pressione dell’aria di avviam. max/min 30/10 bar

Pressione dell’acqua non potabile

4 Regolazione del numero Controllare il livello dell’olio del 05.03.11


di giri regolatore idraulico del numero di giri

5 Impianto del gas di Turbocompressore a gas di scarico:


scarico/sovralimentazione depurazione lato compressore 06.12.01

Confrontare il valore medio delle


temperature del gas di scarico
con la documentazione di collaudo. vedi
Le deviazioni della temperatura di documentazio.
singoli cilindri non sono determinanti di collaudo
per la diversità delle prestazioni. vedi capoverso
Confrontare i valori limite. 3.3.2

Controllare il livello dell’olio del


turbocompressore a gas di scarico 06.05.01

6 Sistema del carburante Scaricare il liquido dal serbatoio del


carburante

Controllare il livello del carburante nel


serbatoio giornaliero.

Controllare il dispositivo di sorveglian-


za delle perdite di carburante
delle tubazioni di iniezione schermate 11.01.03
(se presente).

7 Sistema dell’olio Controllare il livello dell’olio nella


lubrificante vasca dell’olio, controllare il serbatoio
installato in posizione sopraelevata
ovvero il serbatoio incassato.

Manutenzionare il filtro lamellare


metallico. 08.09.01

Controllare l’indicatore di manuten-


zione del filtro dell’olio lubrificante 08.10.01

Controllo visivo della lubrificazione


della sede della valvola. 08.14.01

0185
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-2-03

Tipo del motore: S/BVM 628

N. Controlli e lavori di manutenzione giornalieri Capoverso Osservazioni


corr. Scheda di
lavoro N.
(Capover. 8.3)

8 Sistema dell’acqua Controllare il livello del liquido


refrigerante nel serbatoio di compensazione per il
liquido refrigerante del motore.

9 Sistema dell’aria Riempire il serbatoio dell’aria com-


compressa pressa e scaricarne il liquido contenuto
successivamente al suo raffreddamento.

Scarico del liquido dai filtri 10.03.02

Scarico della condensa della stazione


di riduzione della pressione. 10.06.01

0285
Segmento: 4

Pagina: 4-0-01 Anleitung


IstruzioniTechnische
zum
per il Betrieb
Angaben
serviziodes Motors
del motore
Tipo del motore:S/BVM 628

Pagina vacante

0984
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-3-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.4 Arresto del motore in caso di servizio con carburante distillato

A Arresto del motore per una breve pausa di servizio, mantenendolo però pronto ad essere
avviato.
B Arresto del motore per una pausa di servizio prolungata.
C Messa fuori servizio del motore per lunghi periodi (superiori ai 3 mesi).

N. Lavori da eseguire A B C
corr.

1 Onde evitare una congestione di calore a seguito di un arresto


repentino, fare funzionare il motore per circa 10 minuti dopo l’arresto.
In caso di installazione separata delle pompe dell’olio lubrificante e
del liquido refrigerante si raccomanda di fare funzionare queste ultime ● ● ●

2 Portare la leva di marcia in posizione “Stop” ovvero


azionare il tasto “Stop”. ● ● ●

3 Serrare la valvola di chiusura del serbatoio dell’aria compressa. ● ●

4 Chiudere la valvola di chiusura del serbatoio giornaliero del carburante. ● ●

5 Chiudere le valvole di chiusura situate anteriormente e


posteriormente al refrigeratore del liquido refrigerante. ● ●

6 In caso di pericolo di gelo inserire i dispositivi di preriscaldamento del


liquido. In caso contrario occorre aggiungere al liquido refrigerante
un prodotto antigelo o scaricare completamente il liquido
refrigerante dal motore, dai gruppi, dalle tubazioni e, dalle armature. ●
(vedi scheda di lavoro 09.00.01).

7 Scaricare completamente il liquido refrigerante dal motore, dai gruppi,


dalle tubazioni e dalle armature (vedi scheda di lavoro 09.00.01). ●

8 Scaricare completamente l’olio lubrificante dal motore, dai gruppi,


dalle tubazioni e dalle armature (non per il regolatore del numero di giri). ●

9 Applicare uno strato protettivo al motore, vedi capoverso 6.5. ●

10 Durante il periodo di arresto far girare il motore 1 volta alla settimana.


A questo scopo inserire dapprima la pompa di riserva dell’olio
lubrificante e aprire le valvole di indicazione. (Questo vale solamente
in caso di vibrazione del motore arrestato dovuta p.es. ad altri ●
motori ancora in servizio.)

0185
Segmento:

Pagina: Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore:

Pagina vacante
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-3-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.4.1 Arresto del motore in caso di esercizio con carburante misto (olio pesante)

A Arresto del motore per una breve pausa di servizio, mantenendolo però pronto ad essere
avviato.

B Arresto del motore per una pausa di servizio prolungata.

C Messa fuori servizio del motore per lunghi periodi (superiori ai 3 mesi).

N. Lavori da eseguire A B C
corr.

1 In caso di servizio con carburante misto < 380 mm2 /s (cSt) / 50 °C


raccomandiamo di fare funzionare il motore prima della messa fuori
servizio per almeno 1 ora con carburante distillato. ● ●

In caso di servizio con carburante misto > 380 mm2 /s (cSt) / 50° C il
motore deve essere fatto funzionare precedentemente alla messa
fuori servizio - per un periodo superiore alle 72 ore - per almeno 1
carburante distillato finché il sistema del carburante
ora con risulta pieno di carburante distillato.

2 Onde evitare una congestione di calore in caso di arresto repentino


del motore, fare funzionare quest’ultimo prima della messa fuori
servizio per circa 10 Min. in servizio a vuoto. Nel caso in cui vi siano
pompe dell’olio lubrificante e del liquido refrigerante installate ● ● ●
si raccomanda di fare funzionare queste ultime per ulteriori 10 minuti.

3 Portare la leva di marcia in posizione “Stop” o azionare il


pulsante “Stop”. ● ● ●

4 Disinserire l’impianto di regolazione della viscosità, la pompa del


liquido refrigerante della valvola d’iniezione,
la pompa del carburante e la pompa dell’olio di tenuta. ● ●

5 Chiudere la valvola di chiusura del serbatoio dell’aria compressa. ● ●

6 Chiudere la valvola di chiusura del serbatoio giornaliero del carburante. ● ●

7 Chiudere le valvole di chiusura davanti e dietro al refrigeratore del


liquido refrigerante. ● ●

8 In caso di pericolo di gelo inserire i dispositivi di preriscaldamento del


liquido refrigerante. In caso contrario occorre aggiungere al liquido
refrigerante un prodotto antigelo o scaricare completamente il liquido
refrigerante dal motore, dai gruppi, dalle tubazioni e dalle armature. ●
(vedi scheda di lavoro 09.00.01).

9 Scaricare completamente il liquido refrigerante dal motore, dai gruppi,


dalle tubazioni e dalle armature (vedi scheda di lavoro 09.00.01). ●

0885
Segmento: 4

Pagina: 4-3-04 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori da eseguire A B C
corr.

10 Scaricare completamente l’olio lubrificante dal motore, dai gruppi,


dalle tubazioni e dalle armature (non per il regolatore del numero di giri). ●

11 Applicare uno strato protettivo al motore, vedi capoverso 6.5. ●

12 Durante il periodo di arresto far girare il motore 1 volta alla settimana.


A questo scopo inserire dapprima la pompa di riserva dell’olio
lubrificante e aprire le valvole di indicazione. (Questo vale solamente
in caso di vibrazione del motore arrestato dovuta p.es. ad altri ●
motori ancora in servizio).

0885
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-4-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.5 Controllo della combustione mediante indicazione

Mediante indicazione va controllato il ciclo di combustione.

Solo gli apparecchi di misura operanti in modo perfetto consentono di ottenere risultati di
misurazione perfetti!
Raccomandiamo l’indicatore a barra di torsione Maihak ipo S, stantuffo 1/2 con

pressione max. di accensione molla

100 bar F 100 bar N. 50

120 bar F 120 bar N. 60

140 bar F 140 bar N. 70

160 bar F 160 bar N. 80

Le pressioni massime di accensione vanno desunte dalla documentazione di collaudo selezionan-


do successivamente a ciò la molla corrispondente.

Indicazione
Pulire bene le valvole di indicazione a soffio d’aria in modo che non possano penetrare
nell’apparecchio di misura componenti fuligginose o di coke, successivamente a ciò avvitare
l’indicatore in modo fisso.

Portare la carta da diagrammi sul tamburo di scrittura e tracciare la linea di base. Aprire la valvola di
indicazione e girare lentamente il tamburo di scrittura per la registrazione delle pressioni di
accensione pz.

La pressione all’entrata pc può essere registrata dopo aver disinserito la portata alla pompa
d’iniezione del carburante (vedi scheda di lavoro 07.01.01). L’asta di regolazione della pompa
d’iniezione non deve essere appoggiata al bloccaggio.

Su diagramma occorre registrare quanto segue:


Data, numero della molla utilizzata e misura relativa, cilindro, relativa temperatura del gas di
scarico, posizione dell’asta del regolatore, numero di giri e pressione di alimentazione.

Valorizzazione:
i valori misurati vengono confrontati con i valori riportati nella documentazione di collaudo.

0185
Segmento:

Pagina: Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore:

Pagina vacante
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-5-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.6 Prescrizioni di rodaggio


I motori che lasciano lo stabilimento del fabbricante sono già rodati; non occorre quindi provvedere
al rodaggio sul posto.

Dopo avere eseguito lavori di manutenzione sui cuscinetti di banco e di biella, sugli stantuffi, sugli
anelli elastici e sulle camicie dei cilindri occorre avviare nuovamente il motore.

Il rodaggio deve essere effettuato utilizzato olio di rodaggio d’uso in commercio. Per il primo
cambio dell’olio lubrificante secondo lo schema degli intervalli di manutenzione, capoverso 8, l’olio
di rodaggio va sostituito con un olio lubrificante secondo quanto indicato nel capitolo 6.

Per i diversi modi di azionamento vengono applicati i programmi di rodaggio riportati qui di seguito:

Modo di azionamento “elica fissa e azionamenti simili”


(il carico del motore risulta principalmente dal numero di giri, n = variabile)

● Mettere in funzione il motore, capoversi 4.1 e 4.2 e fare funzionare per 5 minuti a basso numero di giri.
● Arrestare il motore, capoverso 4.4.
● Controllare il cuscinetto e l’albero a gomiti.

Qualora si dovesse constatare un forte riscaldamento occorre cercarne ed eliminarne immediatamen-


te la causa.
● Rimettere in funzione il motore ed operarlo per 30 minuti a basso numero di giri.
● Arrestare ancora una volta il motore.
● Controllare il cuscinetto e l’albero a gomiti.
Qualora si dovesse constatare un forte riscaldamento occorre cercarne ed eliminarne immediatamen-
te la causa.

● Rimettere in funzione il motore e aumentare gradualmente il numero di giri attenendosi alla tabella
riportata qui di seguito.

Tempo di rodaggio Numero di giri del


in minuti motore in % del
numero di giri nominale
60 35
30 45
60 55
15 35
45 70
15 55
45 80 Questa parte del programma non deve
15 65 essere effettuata a nave legata per gli
45 90 azionamenti ad elica!
15 70
45 95

● Controllare i valori di esercizio del motore e confrontarli con il protocollo di riparazione / collaudo. In caso
di deviazione di grande entità occorre cercare la causa e rimediare.

Nel corso delle 24 ore di servizio successive il motore non andrebbe fatto funzionare né con
bloccaggio della pompa d’iniezione inserito e con numero di giri ridotto né in sovraccarico per
intensificare l’effetto di rodaggio.

0996
Segmento: 4

Pagina: 4-5-02 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BVM 628

Modo di azionamento “elica regolabile con generatore ad albero, generatori elettrici ed azionamenti
simili”
(carico del motore regolabile indipendentemente dal numero di giri, n = costante)

● Mettere in funzione il motore, capoversi 4.1 e 4.2 ed operare a basso numero di giri per 5 minuti.

● Arrestare il motore, capoverso 4.4.

● Controllare il cuscinetto e l’albero a gomiti.

Qualora si dovesse constatare un forte riscaldamento occorre cercarne ed eliminarne immediatamen-


te la causa.

● Rimettere in funzione il motore e farlo funzionare per 30 minuti a basso numero di giri.

● Arrestare ancora una volta il motore.

● Controllare il cuscinetto e l’albero a gomiti.

Qualora si dovesse constatare un forte riscaldamento occorre cercarne ed eliminarne immediatamen-


te la causa.

● Rimettere in funzione il motore e aumentare gradualmente il numero di giri attenendosi alla tabella
riportata qui di seguito.

Tempo di rodaggio in Numero di giri del Potenza del motore in


minuti motore in % del % della
numero di giri nominale potenza nominale

60 30 - 50 bis 5
30 50 5 - 10
60 100 bis 20
15 30 - 50 bis 5
45 100 30 - 40
15 100 bis 25 Questa parte del
45 100 50 - 60 programma non deve
15 100 20 - 30 essere effettuata
45 100 80 - 90 a nave legata
15 100 30 - 40 per gli azionamenti
45 100 80 - 90 ad elica!

● Controllare i valori di esercizio del motore e confrontarli con il protocollo di riparazione / collaudo. In caso
di deviazione di grande entità occorre cercare la causa e rimediare.

Nel corso delle 24 ore di servizio successive il motore non andrebbe fatto funzionare né con
bloccaggio della pompa d’iniezione inserito e con numero di giri ridotto né in sovraccarico per
intensificare l’effetto di rodaggio.

0996
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-6-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.7 Funzionamento del motore con rotore del turbocompressore a gas di scarico
danneggiato

Nel caso in cui dovessero risultare piegate o rotte palette di un compressore o di una turbina del
turbocompressore a gas di scarico - fattore riconoscibile tra l’altro a causa di scuotimenti o rumori
del turbocompressore a gas di scarico - o in caso di surriscaldamento dei cuscinetti del turbocom-
pressore a gas di scarico il motore può essere operato ulteriormente a potenza ridotta se il rotore
del turbocompressore a gas di scarico viene fissato secondo le istruzioni per l’uso B.B.C.

Nell’ambito di questo “servizio di emergenza” vi è un notevole pericolo di sovraccarico del


motore, per questo motivo non bisogna oltrepassare i valori della temperatura del gas di
scarico a pieno carico risultanti dal protocollo di collaudo.
Per i motori dotati di un turbocompressore a gas di scarico in queste circostanze è possibile far
proseguire il funzionamento con una pressione utile di 4,5 bar (~ kp/cm2).

Valori approssimativi per i numeri di giri del motore massimi raggiungibili ovvero per le
prestazioni del motore a funzionamento con rotore fissato del turbocompressore a gas di
scarico in funzione della pressione utile della potenza nominale secondo il protocollo di
collaudo specificamente per motori di navi dotate di elica fissa.

Pressione utile della potenza Valore approssimativo del Valore approssimativo -


nominale in bar (~ kp/cm2) numero di giri raggiungibile in della potenza raggiungibile
% del numero di giri nominale in % della potenza nominale

11 64 26

14 56,5 18

16 53 15

18 50 12,5

20 47,5 11,5

Anche per i motori dotati di più di un turbocompressore a gas di scarico nei quali non vengono
fissati tutti i rotori non devono essere operate potenze più elevate di quelle sopraindicate.
Segmento:

Pagina: Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore:

Pagina vacante
Segmento: 4

Istruzioni per il servizio del motore Pagina: 4-7-01

Tipo del motore: S/BVM 628

4.8 Servizio di emergenza


4.8.1 Servizio del motore con il dispositivo di servizio di emergenza

In caso di guasto del dispositivo di servizio del motore (pulpito di manovra ovvero telecomando) è
possibile avviare o arrestare il motore manualmente.

In questo contesto vanno osservati i


presupposti secondo i capoversi da
4.1 a 4.4.
Onde evitare commutazioni errate
occorre portare la leva della stazio-
ne di riduzione della pressione
(pulpito di manovra ovvero teleco-
mando) nella posizione indicata nel-
la fig. 1.

51 204 0
Fig. 1

4.8.1.1 Avviamento del motore


Estrarre il dispositivo di sicurezza sul dado
zigrinato (1) - fig. 2 e tirare la leva verso il
basso.
Nel caso in cui il motore non dovesse ac-
cendersi entro 3 secondi, non ripetere
l’operazione di avviamento.
Nel caso in cui il motore non dovesse par-
tire dopo diversi tentativi di avviamento,
determinare la causa e rimediare.

25 135 1
Fig. 2

0484
Segmento: 4

Pagina: 4-7-02 Istruzioni per il servizio del motore


Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

4.8.1.2 Regolazione del numero di giri

La regolazione del numero di giri va eseguita in osservanza delle istruzioni per l’uso del fabbricante
del regolatore del numero di giri.

4.8.2 Arresto del motore

L’arresto del motore viene effettuato azionando il pulsante di disinserzione, vedi a questo riguardo
le istruzioni per l’uso del fabbricante del regolatore del numero di giri.

Inoltre il motore può essere arrestato mediante una chiave a bocca (5) sulla leva dell’albero del
regolatore (6) girando in direzione del lato dell’accoppiamento a condizione che la tiranteria del
regolatore sia impostata in modo giusto (vedi fig. 3).

25 282 1
Fig. 3

0484
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-0-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5 Introduzione ai sistemi operativi dei materiali di esercizio del


motore
5.1 Sistema del carburante
5.1.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi
5.1.2 Schema per il servizio con carburante distillato o con olio misto MDF
5.1.3 Schema per il servizio con olio pesante

5.2 Sistema dell’olio lubrificante


5.2.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi
5.2.2 Lubrificazione a coppa
5.2.3 Versione con serbatoio in posizione sopraelevata (Lubrificazione a coppa a secco)
5.2.4 Versione con serbatoio interrato (Lubrificazione a coppa a secco)

5.3 Sistema del liquido refrigerante


5.3.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi
5.3.2 Raffreddamento ad un circuito
5.3.3 Raffreddamento a due circuiti
5.3.4 Raffreddamento a tre circuiti

5.4 Sistema dell’aria compressa


5.4.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi
5.4.2 Aria di avviamento e di comando

5.5 Blocco del carburante di perdita della pompa d’iniezione


5.5.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi
5.5.2 Pompa di alimentazione del carburante montata sul motore
5.5.3 Pompa di alimentazione del carburante non montata sul motore

5.6 Raffreddamento dell’iniettore

5.7 Simboli per gli schemi delle tubazioni (secondo DIN)

0583
Segmento: 5

Pagina: 5-0-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante

1185
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-1-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.1 Sistema del carburante

0583
Segmento: 5

Pagina: 5-1-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.1 Sistema del carburante

5.1.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi

5.1.1.1 Componenti montate sul motore


F 16.2 Lardone di raccolta a tubo per il controllo della pressione
*) K 1 Pompa di alimentazione
K 9 Pompa di alimentazione
K 10 Filtro a maglia finissima montato sul motore (per servizio con gasolio)
*) K 10 Filtro a maglia finissima montato sul motore (per servizio con olio pesante)
K 11 Pompa d’iniezione
*) K 37 Flussometro (tubazione d’iniezione schermata)

5.1.1.2 Raccordi a tubo del motore


H 375 Allacciamento controllo pressione
*) H 401 Tubazione di aspirazione alla pompa di travaso del carburante
*) H 402 Tubazione di mandata alla pompa di travaso del carburante
H 404 Tubazione di aspirazione alla pompa di alimentazione
H 405 Tubazione di tracimazione di filtro a maglia finissima / pompa d’iniezione
H 406 Riflusso dalle valvole d’iniezione
*) H 408 Tubazione di mandata dalla pompa di alimentazione di riserva
*) H 410 Flusso al filtro a maglia finissima
*) H 413 Tubazione di mandata alla pompa d’iniezione (in caso di filtro separato)
*) H 417 Tubazione dell’olio di perdita di tubazioni d’iniezione dotate di rivestimento
*) H 418 Scarico dalla vasca dell’olio di perdita (filtro)

*) Previsto sul motore a seconda della versione del motore ovvero in base alle esigenze del cliente.

Per la spiegazione dei simboli vedi capoverso 5.7

0885
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-1-03


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.1.2 Schema per servizio con carburante distillato

5.1.2.1 Pompa di alimentazione del carburante montata

51 205 0

0885
Segmento: 5

Pagina: 5-1-04 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.1.2 Schema per servizio con carburante misto

5.1.2.2 Pompa di alimentazione del carburante non montata

51 206 0

0885
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-1-05


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.1.3 Schema per servizio con carburante misto (olio pesante)

5.1.3.1 Sistema del carburante aperto

51 207 0

0885
Segmento: 5

Pagina: 5-1-06 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.1.3 Schema per servizio con carburante misto (olio pesante)

5.1.3.2 Sistema del carburante chiuso

51 208 0

0885
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2 Sistema dell’olio lubrificante


Segmento: 5

Pagina: 5-2-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2 Sistema dell’olio lubrificante

5.2.1 Registro dei componenti e dei raccordi a tubo negli schemi

5.2.1.1 Componenti montati sul motore


F 16.2 Lardone di raccolta a tubo per il controllo della pressione
S 2 Pompa di aspirazione dell’olio lubrificante
S 4 Pompa di mandata dell’olio lubrificante
S 7 Refrigeratore dell’olio lubrificante
S 8 Filtro lamellare dell’olio lubrificante
*) S 22 Centrifuga dell’olio lubrificante
S 33 Filtro a maglia fine della corrente principale
S 35 Pressostato
S 37 Termometro
S 40 Termostato
S 57 Sonda del livello
S 62 Valvola di antiritorno
S 63 Distributore dell’olio lubrificante

5.2.1.2 Raccordi a tubo del motore


H 375 Raccordo per il controllo della pressione
H 601 Scarico dalla vasca dell’olio
H 604 Pressione di mandata alla pompa d’aspirazione dell’olio lubrificante
H 605 Tubazione d’aspirazione alla pompa di alimentazione dell’olio lubrificante
H 608 Ingresso nel filtro dal refrigeratore separato dell’olio
*) H 609 Tubazione d’aspirazione alla pompa di riserva dell’olio lubrificante
*) H 610 Tubazione di mandata dalla pompa di riserva dell’olio lubrificante
*) H 617 Tubazione d’aspirazione dalla pompa di scarico al separatore
*) H 618 Tubazione di mandata dalla pompa di scarico al separatore
H 620 Tubazione di mandata al refrigeratore separato dell’olio
H 622 Ingresso nel motore
H 627 Tubazione d’aspirazione al gruppo di prelubrificazione
H 628 Tubazione di mandata dal gruppo di prelubrificazione
H 632 Dal dispositivo automatico di filtraggio dell’olio lubrificante H 633 al dispositivo
automatico di filtraggio dell’olio lubrificante
H 634 Scarico dell’olio sporco dal filtro lamellare dell’olio lubrificante e dal filtro a maglia
finissima
H 635 Riflusso dell’olio lubrificante nella parte inferiore dell’incastellatura
H 644 Possibilità di allacciamento per l’aspirazione dell’olio residuo
*) H 657 Flusso di mandata dell’olio puro

*) Previsto sul motore a seconda della versione del motore ovvero in base alle esigenze del cliente

0686
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-03


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.2 Lubrificazione a coppa

5.2.2.1 Refrigeratore dell’olio montato

51 209 0

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-04 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante

0883
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-05


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.2 Lubrificazione a coppa

5.2.2.1 Refrigeratore dell’olio montato

5.2.2.1.1 Dispositivo automatico di filtraggio per lavaggio a controcorrente nell’impianto

51 210 0

(*1) Solo in caso di presenza di un dispositivo automatico di filtraggio per lavaggio a controcorrente

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-06 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante

0984
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-07


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.2 Lubrificazione a coppa

5.2.2.1 Refrigeratore dell’olio non montato

5.2.2.1.1 Con o senza dispositivo automatico di filtraggio per lavaggio a controcorrente nell’impianto

51 211 0

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-08 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante

0883
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-09


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.3 Versione con serbatoio in posizione sopraelevata (lubrificazione a coppa a secco)

5.2.3.1 Refrigeratore dell’olio montato

51 212 0

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-10 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-11


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.3 Versione con serbatoio in posizione sopraelevata (lubrificazione a coppa a secco)

5.2.3.1 Refrigeratore dell’olio montato

5.2.3.1.1 Dispositivo automatico di filtraggio per lavaggio a controcorrente nell’impianto

51 213 0

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-12 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-13


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.4 Versione con serbatoio interrato (lubrificazione a coppa a secco)

5.2.4.1 Refrigeratore dell’olio montato

51 214 0

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-14 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-15


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.4 Versione con serbatoio interrato (lubrificazione a coppa a secco)

5.2.4.1 Refrigeratore dell’olio montato

5.2.4.1.1 Dispositivo automatico di filtraggio per lavaggio a controcorrente nell’impianto

51 215 0

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-16 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-2-17


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.2.4 Versione con serbatoio interrato (lubrificazione a coppa a secco)

5.2.4.2 Refrigeratore dell’olio non montato

5.2.4.2.1 Con o senza dispositivo automatico di filtraggio per lavaggio a controcorrente nell’impianto

51 216 0

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-2-18 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.3 Sistema dell’acqua di raffreddamento

0583
Segmento: 5

Pagina: 5-3-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.3 Sistema dell’acqua di raffreddamento

5.3.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi

5.3.1.1 Componenti montate sul motore


A 4 Turbocompressore a gas di scarico
F. 16.2 Lardone di raccolta a tubo per il controllo della pressione
L 2 Refrigeratore dell’aria di alimentazione
*) R 5 Pompa dell’acqua non potabile
S 1 Tubo di raccolta dell’acqua di raffreddamento
U 2 Pompa dell’acqua di raffreddamento
U 6 Tubo di distribuzione dell’acqua di raffreddamento
U 9 Manometro
U 15 Termostato
U 16 Sfiatatoio, automatico
U 22 Pressostato
U 34 Valvola di antiritorno
U 43 Termometro

5.3.1.2 Raccordi a tubo sul motore


A 4 Turbocompressore a gas di scarico
*) H 101 Tubazione di aspirazione della pompa dell’acqua non potabile
*) H 102 Tubazione di mandata sulla pompa dell’acqua non potabile allo scambiatore di calore
H 109 Afflusso al refrigeratore dell’aria di alimentazione
H 110 Scarico dal refrigeratore dell’aria di alimentazione
H 117 Tubazione di sfiato
H 201 Tubazione d’aspirazione alla pompa dell’acqua di raffreddamento del sistema di
refrigerazione
H 202 Tubazione di mandata alla pompa dell’acqua di raffreddamento
H 204 Afflusso al tubo di distribuzione
*) H 206 Tubazione di mandata dalla pompa dell’acqua di raffreddamento di riserva HT
H 207 Scarico dal tubo di raccolta dell’acqua di raffreddamento al sistema di refrigerazione
H 209 Tubazione di sfiato dal motore
*) H 210 Tubazione di compensazione dal serbatoio di compensazione
H 213 Tubazione di preriscaldamento (afflusso)
H 214 Tubazione di preriscaldamento (scarico)
H 222 Tubazione di sfiato dal refrigeratore dell’aria di alimentazione
H 223 Afflusso al refrigeratore dell’aria di alimentazione
H 224 Scarico dal refrigeratore dell’aria di alimentazione
*) H 226 Afflusso al refrigeratore dell’acqua di raffreddamento dalla valvola d’iniezione
H 228 Allacciamento per la tubazione di sfiato all’ATL
H 234 Tubazione di aspirazione alla pompa dell’acqua di raffreddamento NT
*) H 235 Tubazione di mandata della pompa dell’acqua di raffreddamento di riserva NT
*) H 237 Tubazione di sfiato dal refrigeratore dell’aria di alimentazione HT
*) H 238 Scarico dal refrigeratore dell’aria di alimentazione
*) H 239 Allacciamento: aggiramento del refrigeratore dell’aria di alimentazione NT
*) H 240 Tubazione di compensazione NT
H 251 Afflusso al refrigeratore dell’olio lubrificante
H 252 Scarico dal refrigeratore dell’olio lubrificante
H 253 Tubazione di mandata alla pompa del liquido refrigerante NT
H 375 Allacciamento per il controllo della pressione

*) Previsto sul motore a seconda della versione del motore ovvero in base alle esigenze del cliente.

Per la spiegazione dei simboli vedi capoverso 5.7.

1186
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-03


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.2 Raffreddamento ad un circuito

5.3.2.1 Refrigeratore dell’olio applicato, installato a monte del refrigeratore ad uno stadio dell’aria di
alimentazione

5.3.2.1.1 Pompa del liquido refrigerante applicata, pompa dell’acqua non potabile applicabile

51 217 0

* Per SBVM solamente H 222


Per BVM a scelta H 222 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-04 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-05


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.2 Raffreddamento ad un circuito

5.3.2.1 Refrigeratore dell’olio applicato, installato a monte del refrigeratore ad uno stadio dell’aria di
alimentazione

5.3.2.1.2 Pompa del liquido refrigerante non applicata, pompa dell’acqua non potabile applicabile

51 218 0

* Per SBVM solamente H 222


Per BVM a scelta H 222 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-06 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-07


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.3 Raffreddamento a due circuiti

5.3.3.1 Refrigeratore dell’olio applicato, installato a monte del refrigeratore ad uno stadio dell’aria di
alimentazione

5.3.3.1.1 Due pompe del liquido refrigerante applicate

51 219 0

* Per SBVM solamente H 222


Per BVM a scelta H 222 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-08 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-09


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.3 Raffreddamento a due circuiti

5.3.3.1 Refrigeratore dell’olio applicato, installato a monte del refrigeratore ad uno stadio dell’aria
di alimentazione

5.3.3.1.2 Pompe del liquido refrigerante non applicate

51 220 0

* Per SBVM solamente H 222


Per BVM a scelta H 222 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-10 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-11


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.3 Raffreddamento a due circuiti

5.3.3.1 Refrigeratore dell’olio applicato, installato a valle del refrigeratore a due stadi dell’aria
di alimentazione, con disinserzione del circuito a bassa temperatura

5.3.3.1.1 Due pompe del liquido refrigerante applicate

51 221 0

* Per SBVM solamente H 222 ovvero H 237


Per BVM a scelta H 222 ovvero H 237 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-12 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-13


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.3 Raffreddamento a due circuiti

5.3.3.2 Refrigeratore dell’olio applicato, installato a valle del refrigeratore a due stadi dell’aria
di alimentazione, con disinserzione del circuito a bassa temperatura

5.3.3.1.1 Pompe del liquido refrigerante non applicate

51 222 0

* Per SBVM solamente H 222 ovvero H 237


Per BVM a scelta H 222 ovvero H 237 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-14 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-15


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.4 Raffreddamento a tre circuiti

5.3.4.1 Refrigeratore a due stadi dell’aria di alimentazione, senza disinserzione del circuito a bassa
temperatura, refrigeratore dell’olio non applicato

5.3.4.1.1 Due pompe del liquido refrigerante applicate

51 223 0

* Per SBVM solamente H 222 ovvero H 237


Per BVM a scelta H 222 ovvero H 237 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-16 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-17


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.4 Raffreddamento a tre circuiti

5.3.4.1 Refrigeratore a due stadi dell’aria di alimentazione, senza disinserzione del circuito a bassa
temperatura, refrigeratore dell’olio non applicato

5.3.4.1.1 Pompe del liquido refrigerante non applicate

51 224 0

* Per SBVM solamente H 222 ovvero H 237


Per BVM a scelta H 222 ovvero H 237 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-18 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-19


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.4 Raffreddamento a tre circuiti

5.3.4.2 Refrigeratore a due stadi dell’aria di alimentazione con disinserzione del circuito a bassa
temperatura, refrigeratore dell’olio non applicato

5.3.4.2.1 Due pompe del liquido refrigerante applicate

51 225 0

* Per SBVM solamente H 222 ovvero H 237


Per BVM a scelta H 222 ovvero H 237 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-20 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-3-21


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.3.4 Raffreddamento a tre circuiti

5.3.4.2 Refrigeratore a due stadi dell’aria di alimentazione con disinserzione del circuito a bassa
temperatura, refrigeratore dell’olio non applicato

5.3.4.2.2 Pompe del liquido refrigerante non applicate

51 226 0

* Per SBVM solamente H 222 ovvero H 237


Per BVM a scelta H 222 ovvero H 237 oppure U 16

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-3-22 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-4-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.4 Sistema dell’aria compressa

0686
Segmento: 5

Pagina: 5-4-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.4 Sistema dell’aria compressa

5.4.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi

5.4.1.1 Componenti montate sul motore


D 6 Valvola di avviamento
D 8 Distributore dell’aria di regolazione di avviamento
D 54 Valvola a scatto rapido
F 1 Posto di manovra
F 5 Regolatore del numero di giri
F 16.1 Lardone di raccolta a tubo per il sistema pneumatico
F 16.2 Lardone di raccolta a tubo per il controllo della pressione
F 4 Booster
*) S 56 Controllo della camera dell’azionamento
K 11 Pompa d’iniezione

5.4.1.2 Raccordi a tubo sul motore


H 302 Tubazione di avviamento
*) H 371 Allacciamento per il posto di comando a distanza
H 375 Allacciamento per il controllo della pressione
*) H 702.2 Controllo della camera dell’azionamento (sfiato)

*) Previsto sul motore a seconda della versione del motore ovvero in base alle esigenze del cliente.

Per la spiegazione dei simboli vedi capoverso 5.7.

0285
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-4-03


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.4 Sistema dell’aria compressa

5.4.2 Aria di avviamento e di regolazione

51 227 0

0285
Segmento: 5

Pagina: 5-4-04 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-5-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.5 Blocco del carburante di perdita della pompa d’iniezione

0285
Segmento: 5

Pagina: 5-5-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.5 Blocco del carburante di perdita della pompa d’iniezione

5.5.1 Registro delle componenti e degli allacciamenti dei tubi negli schemi

5.5.1.1 Componenti montate sul motore

F 16.2 Lardone di raccolta a tubo per il controllo della pressione


K 11 Pompa d’iniezione

S 28 Filtro dell’olio di blocco


S 49 Pompa dell’olio di blocco
S 55 Valvola di sostituzione

5.5.1.2 Raccordi a tubo sul motore

H 375 Allacciamento per il controllo della pressione


H 640 Allacciamento della pressione della pompa dell’olio di blocco
H 641 Allacciamento della pressione del serbatoio a posizione sopraelevata (olio di blocco)

Per la spiegazione dei simboli vedi capoverso 5.7.

0285
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-5-03


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.5 Blocco del carburante di perdita della pompa d’iniezione

5.5.2 Pompa di alimentazione del carburante applicata al motore

51 228 0

5.5.3 Pompa di alimentazione del carburante non applicata al motore

51 229 0

0285
Segmento: 5

Pagina: 5-5-04 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-6-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

5.6 Raffreddamento degli iniettori

0285
Segmento: 5

Pagina: 5-6-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-6-03


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

5.6 Raffreddamento degli iniettori

Registro dei raccordi a tubo del motore

H 504 Afflusso alle valvole d’iniezione


H 505 Riflusso dalle valvole d’iniezione

51 230 0

0285
Segmento: 5

Pagina: 5-6-04 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV 12/16 M 628

Pagina vacante
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-7-01


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BV M 628

5.7 Simboli relativi agli schemi delle tubazioni (secondo norma DIN)
5.7.1 Tubazioni

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

1.01 2481 Materiale principale acqua di raffreddamen-


4.01 to olio lubrificante,
carburante o tubazione
di mandata

1.02 2481 Indicazione della dire- Freccia direzionale


4.01 zione di flusso sopra alla tubazione o
nella tubazione

1.03 2481 Acqua non potabile


4.01

1.04

1.05

1.06

1.07 2481 Linea d’azione p.es. sul regolatore della


temperatura 8.07, 8.08

1.08

1.09 Tubazione isolata

1.10

1.11 2481 Incrocio di due tubazioni


4.25 senza punto di giunzione
2429
1.7

1.12 2429 Incrocio di due tubazioni


1.8 con punto di giunzione
Segmento: 5

Pagina: 5-7-02 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

1.13

1.14

1.15 2429 Compensatore Tubo flessibile


4.1.1.5

1.16 2481 Imbuto di scarico 582


4.32

1.17 2481 Modifica della sezione 580 p.es. riduzione ovvero


4.36 trasversale di una tubazione ampliamento di una
elemento di riduzione tubazione

1.18 2481 Scarico verso l’esterno 583


Protezione pioggia

1.19

5.7.2 Armature di chiusura

2.01 2481 Valvola di chiusura 588


5.05 Valvola di passaggio

2 . 02 2481 Valvola d’angolo 590


5.07

2 . 03 2481 Valvola a tre vie 591

2.06 2481 Valvola antiritorno 604 Il punto sul lato di


5.10 di passaggio ingresso impost a la
funzione di
antiritorno
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-7-03


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

2.07 2481 Valvola antiritorno 605


d’angolo

2.08 2481 Valvola di passaggio 594 Sezione trasversale


di riduzione della pressione maggiore sul lato della
5.17 pressione
più bassa

2.09 2481 Valvola di riduzione 595


della pressione d’angolo

2.10 2481 Valvola galleggiante 578


5.15 a sfera

2.11 2481 Saracinesca di chiusura 586

2.12 2481 Rubinetto di passaggio 599


5.25

2.13 2481 Rubinetto d’angolo 600


5.26

2.14 2481 Rubinetto di 601


commutazione a tre vie

2.15 2418 Rubinetto di commu- 602


tazione a quattro vie

2.16

2. 17 2481 Valvola di chiusura 607


5.29

2.18 2481 Valvola con comportamento 608 p.es. valvola a farfalla


5.30 di regolazione costante valvola di regolazione,
Valvola di regolazione
Segmento: 5

Pagina: 5-7-04 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

2.19 2481 Valvola di antiritorno 606 Il punto si trova sul lato


5.31 di ingresso del
materiale scorrente

2.20 2429 Cesto di aspirazione con


3.2.2.1 valvola a pedale

2.21 2481 Azionamento manuale


5.34

2.22 2481 Azionamento mediante


5.36 elettro-magnete

2.23 2481 Azionamento mediante M


5.36 elettro-motore

2.24 2481 Azionamento mediante p.es. idraulico o


5.37 fluido pneumatico

2.25 2481 Azionamento mediante Valvola a chiusura


5.40 forza di peso rapida

2.26 2481 Valvola di sicurezza Forma costruttiva


5.42 caricata a molla angolare 2.02

2 27

2.28 2481 Armatura di chiusura Applicazione per


5.58 chiusa raffigurazione dello
stato di servizio di un
impianto

2.29 2481 Armatura di chiusura


5.59 aperta

2.30
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-7-05


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

2.31 2481 Limitatore di flusso con 612 p.es. diaframma


5.65 diaframma di strozzamento di strozzamento

2.32 2481 Tubo di livello di flusso 611


5.67

24300
2.34 Fogli 3 Valvola di sostituzione
2.3

5.7.3 Elementi accessori

3.01 2481 Silenziatore 615


5.72

3.02 2481 Dispositivo di scarico 629


5.79 della condensa
2429
5.2

3.03 2421 Separatore


5.1

3.04 2429 Vaglio


5.3

3. 05 2429 Filtro

3.06 Doppio filtro

3.07 Filtro multiplo

3.08 Filtro di risciacquo con B B Energia del motore


preparazione dell’olio 9.02 oppurer 9.03
di sciacquo (A) M B : olio puro
A
Segmento: 5

Pagina: 5-7-06 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

3.09 Valvola di sfiato

3.10 Apparecchio di preriscal- Energia anche 9.05


damento dell’acqua del
motore M

3.11 Apparecchio di preriscal- I Energia anche 9.05


damento dell’acqua del A
motore e dell’olio I A : della vasca dell’olio
lubrificante B serbatoio dell’olio
M
I : allacciamento dell’acqua II B : al motore
C
II : allacciamento dell’olio M C : alla vasca / al
lubrificante serbatoio
II

3.12 Impianto viscosimetro B T A : Afflusso dell’olio


pesante
M
B : Scarico dell’olio
pesante
A Energia anche 9.05

3.13 Separatore, depurazione B D C A A : Afflusso dell’olio


manuale sporco
M M B : Scari. dell’olio puro
C : Afflusso dell’acqua
D : Scarico dell’acqua
E : Scarico del fango
E

3.14 Separatore autodetergente B D C A

M M

3.15 Cassa nautica S : Lato di aspirazione


S D D : Lato di mandata

3.16 Valvola di sovrapressione-


sottopressione
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-7-07


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

3.18

3.19

3.20

3.21

5.7.4 Scambiatore di calore

4.01 2481 Scambiatore di calore di Attraverso il tratto


superficie con incrocio lineare a zigzag
dei flussi di materiale scorre il materiale che
assorbe il calore

5.7.5 Serbatoio

5.01 2431 Serbatoio


10.02

5.02 2481 Serbatoio con


10.08 serpentino
Segmento: 5

Pagina: 5-7-08 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

5.03

5.04 43609 Serbatoio dell’aria B A 732 A = tubazione di


3.2.2.2 compressa con testata riempimento
della valvola B = tubazione di preli.
E = scarico dell’acqua

5.7.6 Maschinen
5.7.6.1 Antriebsmaschinen

6.01 2481 Turbina 632 p.es. turbocom-


11.01 pressore a gas di

6.02 2481 Motore diesel 633


11.11

6 . 03 2481 EIettromotore 635


11.14 M

6.04

6.05

5.7.6.2 Macchine azionate

6.06 2481 Generatore di corrente 636


11.47
G

6.07 2481 Pompa centrifuga 708


11.22

6.08 2481 Pompa a stantuffo 697


11.23
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-7-09


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

6. 09 2481 Pompa ad ingranaggi 702


11.26

6.10 Pompa a mano

6.11 2481 Compressore 715 p.es. ventilatore,


11.33 soffiante

6.12 2481 Hubkolbenverdichter 716 p.es. compressore


11.34

6.13 2481 Turbocompressore 724 p.es. turbocompressore


11.37 a gas di scarico

6.14

6.15

6.16

5.7.7 Impianti di raffreddamento dell’acqua

7.01 2481 Torre di raffreddamento 658


14.01

7.02

7.03

7.04
Segmento: 5

Pagina: 5-7-10 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

5.7.8 Misurazione e regolazione Apparecch. (apparecchio di misura


di misure rappresentato a scelta
con o senza cerchio)

8.01 2481 Portata 687 Lettera di riferimento F


15.01

8.02 2481 Livello di riempimento 776 Lettera di riferimento L


misurazione del livello

8.03 2481 Misurazione della 681 Lettera di riferimento P


15.04 pressione

8.04 2481 Misurazione della 688 Lettera di riferimento T


15.03 temperatura

8.05 Indicatore di manutenzione

8.06

8.07 Regolatore della temperat. B C A : dal motore


(ripartitore di portata) B : alla pompa
C : al refrigeratorer
A

8.08 Regolatore della temperat. C A : temp. di mescolaz


(mescolatore) B B : caldo
C : freddo
A

8.09

8.10

5.7.9 Caratteri di energia (rappresentazione solo in posizione orizzontale)

9.01 2481 Energia meccanica 273


16.01
Segmento: 5

Introduzione ai sistemi operativi Pagina: 5-7-11


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Foglio DIN Denominazione Simboli Foglio Osservazioni


corr. n. corr. n. DlN 30600 N.

9.02 2481 Energia pneumatica 274


16.02

9.03 2481 Energia elettrica 278


16.06

9.04 2481 Energia idraulica 279


16.07

9.05 2431 Energia termica 275


16.03

9.06 2481 Energia di vapore 276


16.04

9.07

9.08
Segmento: 5

Pagina: 5-7-12 Introduzione ai sistemi operativi


dei materiali di esercizio del motore
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 6

Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio Pagina: 6-0-1

Tipo del motore: S/BVM 628

6 Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio


Le istruzioni relative ai mezzi di esercizio risultano dalle nostre Circolari Tecniche in modo che
vengano adeguate agli sviluppi in corso nel settore dell’olio minerale e degli additivi per liquidi
refrigeranti.

Attualmente sono in vigore le seguenti circolari:

6.1 TR 0199-2082 relativa agli oli lubrificanti per turbocompressori a gas di


scarico BBC

6.2 TR 0199-2090 relativa agli oli lubrificanti per motori

6.3 TR 0199-2089 relativa ai carburanti

6.4 TR 0199-2091 relativa al liquido refrigerante

6.5 TR 0199-2068 relativa alla conservazione

0491
Segmento: 6
Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio
Pagina: 6-0-2

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante

1185
Segmento: 6.1

Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio Pagina: 6-1-01

Tipo del motore: S/BVM 628

6.1 Prescrizioni relative agli oli lubrificanti per turbocompressori a gas di


scarico BBC

vedi a questo riguardo l’allegata circolare TR 0199-2082.

1184
Segmento: 6.1
Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio
Pagina: 6-1-02

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Circolare tecnica
0199 - 2082 it
KHD 1a sostituzione
DEUTZ SERVICE Prodotto:
DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH
DEUTZ MWM
Un'impresa del gruppo KHD Data: 12.11.1984 Con ciò viene annullata la C.T. no.:

Codice di distribuzione: Indirizzo:

Service partner nazionale e all’estero


(Società affiliate, rappresentanze, concessionari)
Service Center nazionale
Titolare del libro tascabile
(DEUTZ MWM)
Distributore aziendale (02)
(DEUTZ MWM, DEUTZ SERVICE)
Clienti installatori con servizio proprio (OEM), clienti finali
Redazione : AZ-TD 3 Tel. : (0221) 822 - 3687
Fonte di riferimento: AI-MD Tel. : (0221) 822 - 3173

Osservazioni: questo documento non è soggetto al servizio modifiche.


Impegnativa per la determinazione dei pezzi di ricambio è esclusivamente la documentazione dei pezzi di ricambio.

La presente sostituisce la circolare tecnica TR 0199-2071.

BAM 528, BVM 628 / 536 / 545 / 350 / 358 / 540 / 640, PA 6 280
Olio lubrificante in turbocompressori a gas di scarico BBC della serie VTR

Le seguenti norme BBC valgono anche per la nuova serie VTR..4 di turbocompressori a gas di scarico
(contrassegnata da “4” al sesto posto della sigla caratterizzante la specifica, ad esempio VTR 354), per
il tipo di motore BVM 640 e per motori con temperatura di uscita dal motore del liquido di raffreddamento
aumentata fino a 85 °C.

1 Tipo e viscosità dell’olio lubrificante

Devono essere utilizzati solo oli lubrificanti a base di olio minerale. Devono essere utilizzati oli per
turbine a causa della loro miglior resistenza all’invecchiamento rispetto ad oli lubrificanti per motori.

La viscosità dell’olio nuovo deve avere un valore compreso fra 30 e 55 mm+/s (da 30 a 55 cSt) alla
temperatura di 50 °C ovvero fra 45 e 90 mm+/s alla temperatura di 40 °C, oppure corrispondere al grado
di viscosità ISO-VG68 secondo la classificazione ISO.

2 Frequenza di cambio dell’olio

L’olio lubrificante deve essere sostituito almeno una volta l’anno ed al più tardi ogni 1000 ore di
funzionamento.

La frequenza di cambio dell’olio deve essere stabilita in modo che, durante il periodo di impiego dell’olio,
il coefficiente di neutralizzazione non superi il valore di 2 mg KOH/g e la viscosità aumenti al massimo
del 20%.

Una maggiore temperatura del liquido di raffreddamento accelera, tra l’altro, l’aumento del coefficiente
di neutralizzazione e della viscosità. Se, in casi eccezionali, ad esempio a causa di un intasamento
eccessivo del radiatore, la temperatura di uscita dalla turbina del liquido di raffreddamento supera il
valore di 85 °C non solo per un breve periodo, l’olio deve essere cambiato già ogni 500 ore di
funzionamento.
TR_it_11/84 AZTD

Printed in Germany 0299 2082 …/2


-2-

3 Formazione di schiuma dell’olio lubrificante

Una formazione anomala di schiuma si può formare a causa alla presenza di impurità nell’olio. Nella
maggior parte dei casi è sufficiente cambiare l’olio due o tre volte. Se non si ha successo, deve essere
contattato il fornitore dell’olio. La formazione di schiuma dell’olio è innocua se non si verificano perdite
di olio.

Klöchner-Humboldt-Deutz
Società per azioni

Fausten Kräling
Segmento: 6.2

Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio Pagina: 6-2-01

Tipo del motore: S/BVM 628

6.2 Prescrizioni relative agli oli lubrificanti per motori

vedi a questo riguardo l’allegata circolare TR 0199-2090.

0491
Segmento: 6.2
Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio
Pagina: 6-2-02

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Circolare tecnica
0199 - 2090 it
4a sostituzione
Prodotto:
DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH
DEUTZ MWM
Un'impresa del gruppo KHD Data: 22.11.1996 Con ciò viene annullata la C.T. no.: *1

Codice di distribuzione: Indirizzo:

Service partner nazionale e all’estero


(Società affiliate, rappresentanze, concessionari)
Service Center nazionale
Titolare del libro tascabile
(DEUTZ MWM)
Distributore aziendale (02)
(DEUTZ MWM, DEUTZ SERVICE)
Clienti installatori con servizio proprio (OEM), clienti finali
Redazione : AZ-TD 3 Tel. : (0221) 822 - 3687
Fonte di riferimento: AI-MD Tel. : (0221) 822 - 3173

Osservazioni: questo documento non è soggetto al servizio modifiche.


Impegnativa per la determinazione dei pezzi di ricambio è esclusivamente la documentazione dei pezzi di ricambio.

Olio lubrificante

La 4a sostituzione avviene per

● nominazione di oli rappresentativi per le serie di motori


D/TBD 234, TBD 616, TBD 604B, TBD 620, S/BAM 816, allegato 2
● cambiamento nel capitolo 1.2
● cambiamento della tabella degli oli lubrificanti, allegato 1
● cambiamento della manutenzione del filtro dell’olio
● aggiunta della serie di motori TBD 632

Ambito di validità:

Questa circolare tecnica è valida per i seguenti motori DEUTZ MWM:


D/TBD 234, TBD 616, TBD 604B, TBD 620, S/BVM 816,
D/TBD 440, S/BVM 628, R/S/BVM 640, TBD 645, TBD 632
Per motori che non sono più nel programma di produzione, procedere relativamente.
In caso di dubbi, rivolgersi al servizio DEUTZ competente.

Indice

1 Qualità dell’olio

2 Viscositá dell’olio

3 Intervalli del cambio dell’olio

4 Manutenzione del filtro dell’olio lubrificante installato nel motore

5 Olio per sistema d’olio di bloccaggio

Allegati 1 e 2: tabelle degli oli lubrificanti


TR_de_03/94 AZTD

*1 Con ciò viene annullata la C. T. 0199-2090 3a sostituzione e TR 0120-99-007


Printed in Germany 0299 4046 …/2
-2-

1 Qualità dell’olio lubrificante


Per i motori della serie D/TBD 234, TBD 616, TBD 604B, TBD 620, S/BAM 816, sono stati determinati
oli lubrificanti secondo le specificazioni quì sotto elencate. Nella tabella degli oli lubrificanti, allegato
2, vengono menzionati oli lubrificanti con i quali sono state fatte esperienze positive.

Per i motori della serie D/TBD 440, S/BVM 628, R/S/BVM 640, TBD 645, TBD 632, vengono
nominati alcuni oli lubrificanti rappresentativi nell’allegato 1.

Per la corrispondenza dell’olio alle esigenze di qualità, è responsabile il produttore, che deve
pure garantire la costanza di qualità del prodotto.

1.1 Serie di motori D/TBD 234, TBD 616, TBD 604B, TBD 620, S/BAM 816

Gli oli lubrificanti devono soddisfare le specificazioni quì sotto elencate:

● Classificazione API ........................................... CD, CE oppure CF-4


e
● CCMC .............................................................. D4 oppure D5 (olio SHPD)

Previo consultazione con la casa madre, si possono usare oli secondo specificazioni
corrispondenti, quì non elencati.

Gli oli adatti sono elencati nell’allegato 2; essi sono ordinati in funziione della potenza del motore.
Osservare immancabilmente la limitazione per TBD 616 con n > 2100/min.

1.2 Serie di motori D/TBD 440, S/BVM 628, R/S/BVM 640, TBD 645, TBD 632

La scelta del tipo d’olio lubrificante deve avvenire secondo l'allegato 1 e il genere di combustibile
del motore. Per l’uso dei tipi d’olio lubrificante appropriato, si deve fondamentalmente consultare
il produttore dell’olio.

In condizioni d’esercizio estremamente difficili, facendo uso di olio normalmente reperibile in


commercio, con combustibile distillato con contenuto di zolfo < 0,5 peso %, si può generare la
formazione di vernice sulle canne dei cilindri. In questi casi, si consiglia l’uso di altri lubrificanti
e di rivolgersi al produttore dell’olio.

Per l’esercizio con combustibile miscelato, usare l’olio lubrificante con valore TBN di 40 mg/
KOH/g, soltanto dopo consultazione con la DEUTZ MWM o con il DEUTZ SERVICE; oppure si
può usarlo per il rabbocco dell’olio, nel modo descritto nel capitolo 3.2.

Se per l’esercizio del motore si fa uso di una miscela di combustibile (olio pesante) il cui
contenuto di zolfo è inferione all’1 %, si consiglia di consultare la casa madre e chiedere se si
può fare uso di un olio con valore TBN più basso.

Se si fa uso d’olio sintetico oppure di olio anticorrosivo (aggregati per corrente elettrica di
emergenza), consultare il DEUTZ SERVICE.

2 Viscosità dell’olio lubrificante

La suddivisione della graduazione di viscositá dell’olio lubrificante avviene secondo la


classificazione SAE J 300 9/87 (Society of Automotive Engineers). Essa non determina la qualità
dell’olio lubrificante.

../3
-3-

2.1 Serie di motori D/TBD 234, TBD 616, TBD 604B, TBD 620, S/BAM 816

Determinante per la scelta della classificazione SAE appropriata, è la temperatura ambiente. Per l’impiego
per tutto l’anno (estate ed inverno), si possono usare i cosiddetti oli multigrade, per es. SAE 15W - 40.

Tabella delle viscositá:

-30 -25 -20 -15 -10 -5 0°C 5 10 15 20 25 30



SAE 10W - 40



SAE 10W - 30



SAE 15W - 40

SAE 20W - 40 ➤

SAE 30 ➤
SAE 40

2.2 Serie di motori D/TBD 440, S/BVM 628, R/S/BVM 640, TBD 645, TBD 632

Per questi motori è prescritta la viscositá SAE 40.

Per i motori della serie BVM 628 già in esercizio, per i quali finora si è fatto uso d’olio con categoria
di viscositá SAE 30 (vecchia esecuzione de refrigeratore dell’olio prima del refrigeratore dell’aria di
sovralimentazione), si può immediatamente fare uso di olio della categoria SAE 40.

3 Intervalli del cambio dell’olio

Effettuare il cambio dell’olio possibilmente a motore a temperatura d’esercizio; l’olio da sostituire ha


in questo caso una maggiore fluiditá e si può scaricare più facilmente.

3.1 Serie di motori D/TBD 234, TBD 616, TBD 604B, TBD 620, S/BAM 816

Il primo cambio dell’olio dopo la messa in esercizio oppure dopo la rimessa in esercizio dopo
riparazioni, si deve effettuare al più tardi dopo 50 ore d’esercizio. In seguito attenersi agli intervalli di
cambio dell’olio quì sotto indicati.

Filtro centrifugo dell’olio


senza con

Motore Tipo di combustibile


Combust. distillato Olio miscelato B2/M2 Combust. distillato Olio miscelato B2/M2

D 234 500 h d’es 250 h d’es


TBD 234 250 h d’es 125 h d’es

TBD 616 250 h d’es 125 h d’es

TBD 604B 250 h d’es 125 h d’es 500 h d’es 250 h d’es
TBD 620 250 h d’es 125 h d’es 500 h d’es 250 h d’es

S/BAM 816 250 h d’es 500 h d’es

cambio dell’olio almeno una volta all’anno

.../4
-4-

Gli intervalli del cambio dell’olio si possono prolungare a seconda del genere d’esercizio del motore
e della qualitá dell’olio. Essa deve venire determinata mediante una serie di analisi dell’olio usato.
L’olio si deve sempre cambiare quando vengono superati i valori-limite verso l’alto o verso il
basso.

Viscositá cinem. a 100 °C (DIN 51 562)


Olio lubrificante SAE 30, SAE ... W - 30 min. 9 mm2/s (cSt)
Olio lubrificante SAE 40, SAE ... W - 40 min. 11 mm2/s (cSt)
Aumento di viscositá max. 25 % del valore nuovo
Punto d’infiammabilitá (DIN 51 376) min. 180 °C
Inquinamento totale (DIN 51 365 =^ centrifuga) max. 2,0 massa %
Contenuto d’acqua max. 0,2 massa %
Totale di base TBN (DIN ISO 3771) min. 50 % del valore nuovo

3.2 Serie di motori D/TBD 440, S/BVM 628, R/S/BVM 640, TBD 645, TBD 632

Per questi motori si deve effettuare il cambio dell’olio sempre dopo avere analizzato l’olio
usato.
L’olio lubrificante si deve sostituire in parte o cambiare, dopo avere consultato il produttore
dell’olio, quando viene superato uno dei valori-limite verso l’alto o verso il basso.

Se durante l’esercizio con combustibile miscelato, il valore TBN scende a disotto del valore
minimo, si può rabboccare (rinfrescare) con olio lubrificante con valore TBN di 40 mgKOH/g, vedi
capitolo 1.2.

Viscositá cinem. a 100 °C (DIN 51 562)


Olio lubrificante SAE 40 min. 11 mm2/s (cSt)
Aumento di viscositá max. 25 % del valore nuovo
Punto d’infiammabilitá (DIN 51 376) min. 180 °C
Inquinamento totale (DIN 51 365 =^ centrifuga) max. 1,5 massa %
Contenuto d’acqua max. 0,2 massa %
Totale di base TBN (DIN ISO 3771)
conbustibile distillato min. 50 % del valore nuovo
conbustibile miscelato min. 18 mgKOH/g

3.3 Analisi dell’olio usato

L’analisi dell’olio deve essere rappresentativa per l’intero pieno dell’olio lubrificante e deve avvenire
in tempo utile prima di un cambio d’olio previsto (vedi il manuale d’istruzioni). Meglio ancora è iniziare
con la serie di analisi già alla messa in funzione oppure poco dopo di essa per potere stabilire un
eventuale cambiamento dell’olio lubrificante in riferimento alla durata di esercizio.

L’analisi dell’olio usato può venire effettuata da una società petrolifera, istituti specializzati oppure
dalla DEUTZ MWM.

Un’analisi rapida della qualità dell’olio si può effettuare con la valigetta per analisi DEUTZ MWM.
Questa prova rapida pemette di determinare una tendenza circa il cambiamento dell’olio. La
valigetta per analisi DEUTZ MWM si può ordinare al DEUTZ SERVICE indicando il no. d’ordine
12130382.

4 Manutenzione del filtro dell’olio lubrificante installato nel motore

Per la manutenzione del filtro dell’olio procedere come segue (vedi anche il manuale d’istruzioni
valido):

● D/TBD 234
Sostituzione della cartuccia 50 ore d’esercizio dopo la messa in funzione di un
del filtro dell’olio motore nuovo oppure revisionato, in seguito
ogni 500 ore d’esercizio, al più tardi dopo 1 anno

.../5
-5-

● TBD 616
Sostituzione della cartuccia dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in
funzione di un motore nuovo oppure
revisionato, in seguito ogni 500 ore d’esercizio,
al più tardi dopo un anno

Pulizia del filtro centrifugo dell’olio dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in
funzione di un motore nuovo oppure revisionato,
in seguito ogni 250 ore d’esercizio

● TBD 604B
Pulizia del filtro a rete dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in
Sostituzione della cartuccia
Pulizia del filtro centrifugo dell’olio
} funzione di un motore nuovo oppure revisionato,
in seguito ogni 500 ore d’esercizio

● S/BAM 816, TBD 620


Pulizia del filtro a rete dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in
Sostituzione della cartuccia } funzione di un motore nuovo oppure revisionato,
in seguito ogni 500 ore d’esercizio

Pulizia del filtro centrifugo dell’olio dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in
funzione di un motore nuovo oppure revisionato,
in seguito ogni 250 ore d’esercizio

● S/BVM 628
Filtro dell’olio combinato:
- Attivazione del filtro lamellare giornalmente
- Pulizia della camera del filtro ogni 1500 ore di esercizio
- Filtro di carta: dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in funzione
sostituzione dell’inserto di carta di un motore nuovo oppure revisionato, in
seguito dopo il superamento della pressione
differenziale ammissibile, al più tardi dopo
3000 ore d’esercizio con combustibile
distillato; dopo 1500 ore d’esercizio con
combustibile miscelato

Pulizia del filtro centrifugo dell’olio dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in funzione
di un motore nuovo oppure revisionato, in
seguito ogni 250 ore d’esercizio

● D/TBD 440
Filtro dell’olio combinato:
- Attivazione del filtro lamellare giornalmente
- Pulizia della camera del filtro ogni 1000 ore di esercizio
- Filtro di carta: dopo 50 ore d’esercizio dalla messa in funzione
sostituzione dell’inserto di carta di un motore nuovo oppure revisionato, in
seguito ogni 1000 ore d’esercizio

● R/S/BVM 640, TBD 645


Pulizia delle candele filtranti dopo 500 ore d’esercizio dalla messa in funzione
di un motore nuovo oppure revisionato, in
seguito ogni 5000 ore d’esercizio

Gli intervalli di manutenzione indicati sono da considerarsi approssimativi. Secondo il genere


d’impiego e d’esercizio del motore, può derivarne un’accorciamento degli intervalli di manutenzione.

5 Olio per sistema d’olio di bloccaggio


Per motori dotati di un sistema d’olio di bloccaggio separato (S/BVM 628, R/SBVM 640), fare uso di
un olio lubrificante con basso valore TBN. Oli lunificanti appropriati si possono rilevare nell’allegato
1. Si possono pure usare oli equivalenti non contenuti nella lista.

DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH (DSI)


Settore tecnico

- Sonntag - - Asselborn -
Pagina vacante
Tabella degli oli lubrificanti Allegato 1
D/TBD 440, S/BVM 628, R/S/BVM 640, Ct 0199 - 2090
TBD 645, TBD 632 4. sostituzione
11/1996

Olio lubrificante per motori Olio lubrificante per


sistema d’olio di
Tipo di combustibile bloccaggio
Produttore Combustibile distillato e Combustibile miscelato Motore
olio miscelato (MDO; MDF) secondo CIMAC (Viscosità SAE 30)

(Viscosità SAE 40) (Viscosità SAE 40) D/TBD BVM BVM TBD
440 628 640 645
TBN TBN TBN


Agip Agip DIESEL SIGMA S 10,7 X X X X Agip ACER 100 -
Agip CLADIUM 120 12 X X X X Agip CLADIUM 50 5
Agip CLADIUM 300 30 - X X X
Agip CLADIUM 400 *2 40 - X X X

Aral Aral Turboral BM 15 X X X X Atlanta Marine D3005 5


Aral Disola M 4015 *1 15 X X X X
Aral Aurelia 4030 30 - X X X
Aral Aurelia 4040 *2 40 - X X X

BP BP Energol DS3-154 *1 15 X X X X BP OE - HT 30 6
BP Vanellus C3 10,5 X X X X
BP Energol IC-HF304 30 - X X X
BP Energol IC-HF404*2 40 - X X X

Castrol Castrol MXD 154 15,5 X X X X Castrol Marine CDX30 5


Castrol Marine CRD-DB 10,6 X X X X
Castrol MLC *1 12 X X X X
CASTROL MXD 304 30 - X X X
CASTROL MXD 404*2 40 - X X X

Chevron Delo 1000 Marine Oil X X X X


Delo 3000 Marine Oil - X X X

Elf Elf Performance Super 11 X X X X


Elf Disola M 4015 *1 15 X X X X
Aurelia 4030 30 - X X X
Aurelia 4040 *2 40 - X X X

ESSO EXXMAR 12 TP *1 12 X X X X EXXMAR XA 6


Essolube XD-3+ *1 11,3 X X X X
Essolube TDS X X X X
EXXMAR 30 TP 40 30 - X X X
EXXMAR 40 TP 40 *2 40 - X X X

Fina Kappa Super 11 X X X X


FINA CAPRANO 412 *1 12 X X X X
FINA CAPRANO TD 9,5 X - - -
FINA STELLANO 430 30 - X X X
FINA STELLANO 440*2 40 - X X X

Fuchs Titan SDX 11 X X X X Renolin MR 30 4


Titan HD Superior 11 X X X X

Mobil Mobilgard 412 *1 16 X X X X Mobil DTE Oil No. 3


Mobilgard ADL 15 X X X X
Mobil Delvac 1340 *1 10 X X X X
Mobilgard HSD 10,5 X X X X
Mobilgard 430 32 - X X X

Shell Shell Gadinia Olio 40 *1 12 X X X X Shell Melina S Olio 30 5


Shell Olio Diesel R *1 13 X X X X
Shell Rimula X Monograd*1 11,3 X X X X
Shell Sirius FB Olio 13 X X X X
Shell Argina T Olio 40 30 - X X X
Shell Argina X Olio 40 *2 40 - X X X

Texaco Taro XD X X X X
Taro DP - X X X
*1 per motori con p > 16,0 bar bloccato *2 vedi capitolo 1.2
me
Tabella degli oli lubrificanti Allegato 2
D/TBD 234, TBD 616, TBD 604B Ct 0199 - 2090
TBD 620, S/BAM 816 4. sostituzione
11/1996

Produttore oli lubrificanti Potenza del Motore Osservazioni


per motori motore
D/TBD TBD TBD TBD S/BAM
234 616 604B 620 816

BP Energol SHPD X X*1 X X X

Castrol CastrolMarine HLX Potenza X X*1 X X X Oli SHPD

ESSO Exxmar CM Super continua X X*1 X X X *1 non per TBD 616


n > 2100/min
Mobil Mobil Delvac 1400 pe ≥ 18 bar X X*1 X X X

Shell Sirius X Oil X X*1 X X X

Texaco Ursa Super TD X X*1 X X X

BP Vanellus C3 X X X X X

Castrol Castrol Marine CRD-DB Potenza X X X X X

ESSO Essolube XD 3+ continua X X X X X

Mobil Mobilgard ADL pe < 18 bar X X X X X

Delvac 1300 X X X X X

Shell Rimula X X X X X X
Oli sintetici
Mobil Delvac 1 SHC X X*2 X X X
*2 prescritto per
Shell Myrina TX X X*2 X X X TBD 616
n > 2100/min
Segmento: 6.3

Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio Pagina: 6-3-01

Tipo del motore: S/BVM 628

6.3 Prescrizioni relative ai carburanti

vedi a questo riguardo l’allegata circolare TR 0199-2089.

0690
Segmento: 6.3
Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio
Pagina: 6-3-02

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
1

Circolare tecnica
0199 - 2089 it
KHD Prodotto :
DEUTZ SERVICE
DEUTZ MWM
DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH
Un impresa del gruppo KHD Data : 25.04.1990 con ciò viene annullata la C.T. no. : 0199-2089

Indirizzo :
Service partner nazionale ed estero
(Società affiliate, rappresentanze, commercianti)
Service center nazionale
Titolare del libro tascabile
(DEUTZ MWM)
Distributore aziendale (02)
(DEUTZ MWM, DEUTZ SERVICE)
Clienti installatori con servizio proprio (OEM),
clienti finali

Osservazioni : I numeri dei pezzi menzionati in questa documentazione, non sottostanno il servicio d'aggiornamento.
Impegnativa per la determinazione dei pezzi di ricambio è esclusivamente la documentazione dei pezzi di ricambio.

Carburanti, trattamento dei carburanti


La presente circolare sostituisce le circolari tecniche TR 0199-2073, TR 0172-88-253 per i motori sopra citati.
Per i motori che non fanno più parte del programma di fabbricazione contattare il servizio DEUTZ SERVICE
competente.

Indice

1 Tipi di carburante
1.1 Carburante distillato
1.2 Carburante miscelato
1.2.1 Olio miscelato MDF o MDO
1.2.3 Olio pesante

2 Osservazioni sul carburante


2.1 Qualità di accensione
2.2 Miscele di carburanti
2.3 Additivi per carburanti
2.4 Effetto del carburante sulla potenza bloccata
2.5 Funzionamento invernale con carburante diesel

3 Temperatura del carburante


3.1 Temperatura idonea per garantire la pompabilità
3.2 Temperatura del carburante a monte della pompa di iniezione
3.2.1 Funzionamento con carburante distillato
3.2.2 Funzionamento con carburante miscelato

4 Separazione di carburanti

5 Raffreddamento iniettori

6 Avvertenze per il funzionamento con carburante miscelato


6.1 Comportamento a carico parziale
6.2 Funzionamento “da molo a molo”
6.3 Passaggio al carburante distillato
6.4 Componenti, durata, intervalli di manutenzione

Allegati: Tabelle dei lubrificanti; Andamento temperatura-viscosità


TR_it_03/96 AZ-TD3

Printed in Germany …/2


-2-

1 Tipi di carburante

Per il funzionamento di motori diesel si usa fare differenza tra due tipi di carburante:

● Carburante distillato
● Carburante miscelato

I carburanti che possono essere utilizzati per i predetti motori di marca DEUTZ MWM sono indicati nella
seguente tabella. Per i carburanti non esposti in tabella, richiedere informazioni alla DEUTZ MWM fornendo
i dati delle analisi oppure un campione di carburante, soprattutto nel caso di carburanti miscelati.

Carburanti ammessi TBD TBD BAM BVM BVM


234 604/620 816 628 640

Carburante diesel secondo


DIN 51601

Carburante Gasolio secondo


destillato BS 2869 CLASS A1 und A2
ISO-8217 DMX y DMA
ASTM 0975 Grade-No. 1-D y 2-D

Destillato MDF o MDO secondo:


BS 2869 CLASS B1
BS MA 100 CLASS M1

Olio miscelato MDF o MDO


secondo:
BS MA 100 CLASS M2
ISO-8217 DMB
carburante a base di olio
Carburante per fusi
distillato Aceite de mezcla MDF o MDO
según: BS 2869 CLASS B2
*
Carburante miscelato

con olio Olio miscelato MDF o MDO


secondo: BS MA 100 CLASS M3
residuo ASTM D 975-B1 Grade No. 4D

Olio pesante secondo CIMAC


A10, B10
E25
Olio pesante C10, D15
F25,

G35, H35, H45 K45, H55, K55

* Ammesso solo per motori ausiliari di bordo


Vietato

.../3
-3-

1.1 Carburante distillato


Per carburante distillato si intendono tutti i carburanti, oli carburanti leggeri e (prevalentemente in nautica)
distillati MDF o MDO senza oli residui (vedere tabella pag. 11).

Devono essere rispettati i seguenti valori limite

● Limitazione della densità ≤ 900 kg/m3


● Limitazione numero di cetano ≥ 40

Per eventuali scostamenti da questi valori indicativi (se necessari per la vendita), rivolgersi alla casa
produttrice indicando le condizioni tecniche generali e la motivazione di tali differenze.

Per i carburanti distillati puri non è necessaria una dotazione particolare del motore.

I carburanti per iniettori devono essere trattati come il carburante diesel. A causa della bassa densità e della
maggiore presenza di perdite dovute alla bassa viscosità si dovrà prevedere una perdita di rendimento del
10%, a seconda dei giri del motore e della coppia.

Non è ammesso il bloccaggio !

1.2 Carburante miscelato

Per i carburanti miscelati distinguiamo tra

● Olio miscelato MDF o MDO e


● Olio pesante.

1.2.1 Olio miscelato MDF o MDO


Con questa definizione si comprendono i carburanti distillati a cui vengono aggiunte quantità ridotte di oli
residuati (vedere tabella a pag. 12).

I carburanti basati su olio per fusi disponibili in Austria vanno classificati come oli miscelati a causa della
densità elevata, della loro viscosità e della curva di distillazione alle temperature elevate nonché a causa dello
sporco maggiore che causano.

Valori limite per gli oli miscelati

● Limitazione della densità: vedere tabella pag. 12


● Limitazione numero di cetano ≥ 40

Se il numero di cetano non è indicato e non può essere determinato, come numero di valutazione tenere
presente quanto segue:

Valore CCAI ≤ 825


Valore CCAI ≤ 830 per olio miscelato conforme a BS 2869 CLASS B2.

Può essere necessario il preriscaldamento (vedere par. 3.2) e una separazione (vedere par. 4).

Gli oli miscelati conformi a BS MA 100 CLASS M2 e ISO-8217 DMB e i carburanti a base di olio per fusi non
necessitano di motori con dotazioni particolari. Con il modello TBD 234 considerare una riduzione di potenza
del 10%.
Limitazione
Dall’esperienza è emerso che l’olio miscelato conforme a BS 2869 CLASS B2 peggiora nel tempo. Per
garantire un funzionamento sicuro del motore, la DEUTZ MWM impone anche i seguenti requisiti:

● Limitazione densità ≤ 900 kg/m3


● Limitazione numero di cetano ≥ 40
● Limitazione valore CCAI ≤ 830
● Limitazione contenuto di vanadio ≤ 30 mg/kg.

Se il carburante non rispetta una o più di queste caratteristiche, esso dovrà essere classificato
come olio pesante. .../4
-4-

Gli oli miscelati conformi a BS MA 100 CLASS M3, ASTM D 975-81 Grade-No. 4D e conformi a ISO 8217 DMC
sono ammessi solo per i motori BVM 628 e, per quanto concerne la dotazione del motore e la potenza
nominale, devono essere trattati come oli pesanti.

Osservazione per il motore TBD 234

L’olio miscelato conforme a BS 2869 CLASS B2 è ammesso per il motore TBD 234 solo se il motore viene
utilizzato come motore ausiliario di bordo e il motore principale viene fatto funzionare con questo carburante.
Il trattamento del carburante avviene congiuntamente per il motore principale e per il motore ausiliario.

1.2.2 Olio pesante

Gli oli pesanti sono miscele formate da oli residuati e distillati. Sono ammessi solo per i motori BVM 628 e BVM
640.

Gli oli pesanti vengono classificati secondo le specifiche CIMAC e ISO (vedere tabella 13). In pratica vengono
spesso citate altre specifiche tipiche di ogni paese. Se non è possibile fare una classificazione dei valori delle
analisi secondo la tabella 13, bisogna consultare la DEUTZ MWM.

In base al valore CCAI è possibile valutare la qualità di accensione degli oli pesanti
(vedere nomogramma pag. 5).

Valori límite:
● BVM 628 Valore CCAI ≤ 860
● BVM 640 Valore CCAI ≤ 890

Per il funzionamento con olio pesante è necessaria una dotazione particolare del motore e dell’impianto,
comprendente sostanzialmente quanto segue:

● Filtro doppio per carburante con riscaldamento

● Pompa del carburante e pompa separata per l’olio di tenuta (vale per BVM 628,
il BVM 640 ha sempre pompe separate)

● Trattamento del carburante mediante separatore

● Filtro di lavaggio automatico per il carburante

● Filtro di lavaggio automatico per l’olio lubrificante nell’impianto


(per BVM 628 con CIMAC A 10, B 10 non necessario)

● Dispositivo di preriscaldamento elettrico o a vapore con regolazione in funzione


della viscosità.

Per gli oli pesanti conformi a CIMAC A 10, B 10 ed E25 è ammesso un sistema di carburante aperto, anche
se è comunque raccomandato il sistema chiuso. Per tutti gli altri carburanti miscelati conformi a CIMAC è
prescritto il sistema di pressione carburante chiuso.

Nel funzionamento con carburante miscelato a partire da CIMAC E 25 (> 80mm2/s a 50 °C) è necessario il
raffreddamento degli iniettori; vedere paragrafo 5.

.../5
-5-

2 Osservazioni sul carburante

2.1 Qualità di accensione

Per i carburanti distillati e alcuni carburanti miscelati (distillati con olio residuato) la qualità di accensione viene
indicata dal numero di cetano. Un basso numero di cetano comporta difficoltà di avviamento dovute a un lungo
ritardo di accensione e, in alcuni casi, può causare danni derivanti da un sovraccarico termico e meccanico
del motore.

Per i carburanti miscelati, soprattutto l’olio pesante, la qualità di accensione viene determinata dal valore CCAI
che, unitamente alla densità (kg/m3 a 15 °C) e alla viscosità cinematica (mm2/s a 50 °C), può essere rilevato
dal nomogramma seguente.

Nomogramma per la determinazione del valore CCAI

Viscosità a 50º C Densità a 15º C Valore CCAI Esperienze con


motori sperimentali
1 800 800

820 810
Normal
840
820 Normale
trouble-free operation
2 860
830
880
3 840
900
4
5 850
920 kann zu Störungen führen
puòmay
causare
result inanomalie
problem
940 860
10
960 870

20 980 kann verstärkt zu


880
30 può causare
Störungen führen
1000
50 890 may result in serious
maggiormente anomalie
1020 problems
100
900
200 1040
400 910
1 000 kann zu Schäden führen
920 può causare
may danni
cause demage
5 000
930
20 000
50 000
940
führt
causa zu Schäden
danni
950 will cause demage

Per i valori CCAI ammessi vedere i dati tecnici, par. 2.2

Esempio

1 CIMAC 10 B 2 BS MA 100 CLASS M2


dati disponibili: viscosità 40 mm2/s a 50 °C dati disponibili: viscosità 8 mm2/s a 50 °C
densità 991 kg/m3 a 15 °C densità 900 kg/m3 a 15 °C
dato rilevato: valore CCAI = 881 dato rilevato: valore CCAI = 822

.../6
-6-

2.2 Miscele di carburanti

In caso di miscele di carburanti di varia origine o bunkeraggio, esiste il pericolo che si verifichino
precipitazioni. In caso di incompatibilità è meglio separare i carburanti di bunkeraggio diverso.

2.3 Additivi per carburante

In commercio vengono offerti vari additivi, soprattutto per i carburanti miscelati, ai quali i rispettivi produttori
attribuiscono numerose caratteristiche positive, per esempio

● additivi per agevolare la separazione di acqua e prodotti di decomposizione dal carburante


mediante la rottura dell’emulsione (demulsificanti)

● additivi per la riduzione della corrosione a caldo sulle valvole di scarico durante il funzionamento
con carburante miscelato.

In linea di principio gli additivi non servono, ma possono venire utilizzati se il produttore del prodotto si assume
la responsabilità dell’idoneità degli stessi e se viene garantito il rispetto delle norme di applicazione.

Gli additivi che dissolvono il fango possono causare


ostruzioni del filtro del carburante.

2.4 Effetto del carburante sulla potenza bloccata

In caso di bloccaggio delle pompe di iniezione la potenza del motore aumenta proporzionalmente alla densità
del carburante.

Eliminare il bloccaggio se successivamente si dovrà passare a un carburante con densità maggiore di quella
considerata per la realizzazione del bloccaggio in fabbrica, per es. con il carburante a base di olio per fusi.

Far eseguire l’intervento solo al DEUTZ SERVICE..

2.5 Funzionamento invernale con


carburante diesel Carburante diesel estivo

Se i motori vengono fatti funzionare in inverno


senza preriscaldamento (es. veicoli), utilizzare
solo carburante diesel invernale. In presenza
di temperature molto basse o se si dispone Carburante diesel invernale
solo di carburante diesel estivo, per l’aggiunta
di petrolio per motori raccomandiamo di
attenersi ai valori indicativi riportati a lato.

Carburante diesel super

Percentuali di aggiunta petrolio


Temperatura esterna

3 Temperatura del carburante

Il preriscaldamento può essere necessario a seconda del tipo di carburante

● per garantire la pompabilità


● per una separazione ottimale
● per ottenere la giusta viscosità per l’iniezione.

.../7
-7-

3.1 Temperatura idonea per garantire la pompabilità


Per poter essere pompati, i carburanti distillati puri e i carburanti distillati con oli residuati (oli miscelati)
devono essere preriscaldati.

Il limite per un funzionamento razionale delle pompe (potenza motrice, usura) dei carburanti miscelati (olio
pesante) è di 600 mm2/s. La temperatura d’impiego deve essere almeno del 10% superiore al punto di
scorrimento indicato.

3.2 Temperatura del carburante a monte della pompa di iniezione

3.2.1 Carburanti distillati


Non devono entrare nella pompa di iniezione a una temperatura inferiore a 30 °C. Di norma non è
necessario preriscaldare questi carburanti, ad eccezione del caso in cui avviene la separazione.

Se, per esempio per i carburanti esposti a temperature esterne molto basse, nonostante il riscaldamento nel
serbatoio di miscelazione la temperatura del carburante a monte della pompa di iniezione fosse inferiore al
valore indicato nel diagramma a pag. 14 e corrispondente alla viscosità giusta, è comunque necessario il
preriscaldamento.

3.2.2 Carburanti miscelati


In linea di principio devono essere preriscaldati fino a raggiungere una viscosità di iniezione compresa tra
9,5 e 12,00 mm2/s. Per i carburanti miscelati conformi a BS MA 100 CLASS M2 e ISO-8217 DMB si può
tralasciare il preriscaldamento a condizione che la temperatura di iniezione non sia inferiore a 40 °C. Per la
temperatura di iniezione necessaria vedere pag. 14.

Il preriscaldamento può avvenire

● elettricamente con un preriscaldatore elettrico (possibilmente vari livelli di riscaldamento, carico


massimo superfici di riscaldamento 1,1 W/cm2)
● con il vapore mediante uno scambiatore di calore comandato da una valvola regolatrice del
vapore
● con olio termovettore mediante scambiatore di calore.

Limitazione per motori TBD 604B, TBD 620

Per la pompa d’iniezione di questi motori la BOSCH ammette temperature massime di uscita di 80 °C. Ciò
significa che, con un t nella pompa di iniezione (entrata/uscita) di 30 °C, si ha una temperatura d’entrata
ammessa di 50 °C.

4 Separazione dei carburanti

I carburanti miscelati (ad eccezione dell’olio miscelato conforme a BS MA 100 CLASS M2, ISO-821/DMB e i
carburanti a base di olio per fusi) devono essere separati. IN nautica si consiglia anche la separazione di
carburanti distillati, soprattutto per il contenuto di acqua e la percentuale di fango.

In linea di principio si devono prevedere 2 separatori di carburante autopulenti, progettati e installati in modo
tale che ogni separatore possa pulire tutto il carburante necessario.
È possibile

● una separazione a due livelli


il primo livello come separatore (purificatore) che separa l’acqua e lo sporco, il secondo
come chiarificatore che elimina lo sporco residuo.

● una separazione a un livello


con 2 separatori collegati in parallelo che separano l’acqua e lo sporco e che sono impostati
ciascuno su metà portata.

La separazione a un livello produce un risultato migliore grazie al dimezzamento della portata.

.../8
-8-

Per il funzionamento con carburanti miscelati aventi una densità massima di 1010 kg/m3 a 15 °C (vedere
tabella CIMAC), si devono prevedere forti oscillazioni del contenuto di acqua e di corpi solidi. A questo
proposito si trovano in commercio separatori speciali che, mediante comandi e dispositivi di controllo
particolari, garantiscono una separazione ottimale anche per questi carburanti.

Concordare la separazione migliore nei singoli casi consultando il fornitore.

Installazione dei separatori

Per l’installazione di un separatore considerare i seguenti fattori:

● consumo massimo di carburante in 24 ore


● tempo di separazione effettivo in 24 ore
(con i separatori autopulenti si possono considerare 23-24 ore)

● portata del carburante in % della potenza nominale del separatore


(in funzione della viscosità del carburante)

● temperatura di separazione

In linea di principio il separatore deve essere largamente dimensionato in vista del peggioramento dei
carburanti.

Portata massima
carburante in
Temperatura di
percentuale della
separazione
potenza nom. del
separatore

Carburante destillato 66 % 40 - 60 °C

Olio miscelato MDF o


60 % 50 - 98 °C
MDO

CIMAC A10, B10, C10 80 - 98 °C

CIMAC D15 50 % 90 - 98 °C
Carburante
miscelato
conforme a CIMAC E25, F25 30 % 90 - 98 °C

CIMAC G35, H35, K35 25 % 98 °C

CIMAC H45, K45 20 % 98 °C

CIMAC H55, K55 15 % 98 °C

I dati valgono per la separazione a un livello. Per i separatori collegati in serie (purificatore-chiarificatore più
separatore di riserva), la portata massima è maggiore del 35%.

Avvertenza per i motori TBD 604B / TBD 620

A causa degli elevati costi di approvvigionamento, l’impiego di un separatore per i motori TBD 604B/TBD
620 è raramente possibile dal punto di vista commerciale. Al suo posto è possibile prevedere un prefiltro
del carburante con separatore d’acqua.

.../9
-9-

5 Raffreddamento iniettori

I motori funzionanti con carburante miscelato secondo CIMAC E 25 e inferiore (> 80 mm2/s a 50°C) devono
essere provvisti di un raffreddamento degli iniettori. Come refrigerante viene prescritto olio lubrificante per
motori, carburante distillato o olio termovettore. Si deve inoltre utilizzare acqua condizionata con grado di
classificazione 8V aut.

Se i motori provvisti di raffreddamento iniettori vengono utilizzati provvisoriamente o per lungo tempo con
carburante per il quale non è normalmente previsto il raffreddamento iniettori, il raffreddamento non deve
venire interrotto. Si consiglia soprattutto di non sospendere il raffreddamento, se viene utilizzata l’acqua
come refrigerante perché ciò potrebbe causare corrosione e ostruzioni nel sistema di raffreddamento.

Installazione del raffreddamento degli iniettori

Per gli impianti a più motori ogni motore dovrà essere provvisto di un sistema di raffreddamento.

Considerata la temperatura elevata del refrigerante, soprattutto se il refrigerante è l’acqua, il sistema di


raffreddamento degli iniettori deve essere eseguito come struttura chiusa.

Per il funzionamento “da molo a molo”, la pompa del refrigerante deve essere attivata già prima del tempo di
preriscaldamento al fine di preriscaldare anche gli iniettori prima dell’avviamento del motore.

6 Funzionamento con olio pesante

6.1 Comportamento a carico parziale

Il funzionamento con carburante miscelato, rispetto al funzionamento con carburante distillato, in condizioni
estreme di mezzo carico presenta ulteriori problemi quali una scarsa polverizzazione e combustione
(aumento dell’intorbidamento del gas di scarico, residui di combustione e quindi maggiore usura) e maggiore
sporco dell’olio lubrificante.

Dopo una prolungata fase di mezzo carico è necessario far funzionare il motore a una potenza maggiore per
un determinato periodo di tempo.

Funzionamento a mezzo carico ammesso in Funzionamento


ore d´esercizio necessario con potenza
opportuna

senza limitazioni
C
on
po
Co
Con

te
np

nz
a
ote
pote

al
50
nz

%
nza

aa
l7
al 90

0%
%

solo con limitazioni


(consultare la casa produttrice)

.../10
- 10 -

6.2 Funzionamento da molo a molo

Per i motori navali e per i motori ausiliari di bordo funzionamento “da molo a molo” significa che il motore
viene avviato e spegno con olio pesante e viene fatto funzionare sempre con olio pesante anche per le
manovre e i giri di perlustrazione.

In caso di fermo del motore bisogna verificare che tutti i filtri del carburante presenti nell’impianto (prefiltro,
filtro automatico) siano riscaldati e che l’olio pesante circoli e venga preriscaldato nel sistema a bassa
pressione isolato. Controllare che la pompa separata dell’olio di tenuta funzioni e il raffreddamento iniettori
sia in funzione.

Anche i motori progettati per il funzionamento “da molo a molo” devono essere convertiti al carburante
distillato in caso di fermo prolungato prima dello spegnimento del motore.

6.3 Passaggio al carburante distillato e viceversa

Se l’impianto non è stato progettato per il funzionamento “da molo a molo”, il motore deve venire avviato e
portato alla temperatura di regime con carburante distillato. Solo a questo punto si può passare al carburante
miscelato.

Prima di spegnere il motore occorre passare tempestivamente dal carburante miscelato al carburante
distillato; se l’impianto resta inattivo, il sistema a bassa pressione non deve contenere carburante miscelato.

Se, ciò nonostante, il carburante miscelato si dovesse raffreddare e non dovesse essere scorrevole,
procedere nel modo seguente:

● smontare le tubazioni di iniezione

● liberare le tubazioni di iniezione e gli iniettori con l’apposito dispositivo

● liberare il sistema a bassa pressione e la pompa di iniezione con carburante distillato attraverso
la pompa di alimentazione del carburante oppure la pompa manuale installata nel circuito del
distillato, bloccando la valvola limitatrice di pressione prima del filtro doppio del carburante.

6.4 Durata dei componenti e intervalli di manutenzione nel funzionamento con carburante miscelato

Nonostante una buona separazione, i carburanti miscelati contengono sempre residui che giungono nel
motore e comportano effetti negativi in termini di usura dei componenti, riducendo a volte la durata degli
stessi e gli intervalli previsti per la manutenzione.

Klockner Humboldt - Deutz AG


DEUTZ SERVICE

- Fausten - - Asselborn -

.../11
Especificación (requistos minimos)

DEUTZ MWM Especificación de ASTM Designation BS


carburantes (extractos) D 975-78 British Standard 2869 ISO - 8217
MA 100
TDB 234/604B/620/510B Class
Grade- Grade- Class Class Class M1 DMX DMA
NO 1-D No 2-D A1 A2 B1

Valores caracteristicos Dimens. Limite Situa. 02/86 Situa. 1978 Situa. 1978 Situa. 1983 Situa. 1983 Situa. 1978 Situa. 1982 Situa. 1987 Situa. 1987

densidad a 15 °C g/cm3 0,82 - 0,86 2) 2) 2) 2) 2) 0,890

Curva de máx. 65% - 250°C  90% - 288 


Vol. % °C u. max.   
ebullición min. 85% - 350°C 90% - 288°C 350 °C 85% hasta 350 °C

Viscosidad a 20 °C mm2/S 2 - 8     

cinemática a 40 °C /cST)  1,3 - 2,4 1,9 - 4,1 1,5 - 5,5 máx. 13 1,5 - 5,5 1,4 - 5,5 1,5 - 6,0

Punto de inflam. Abel-P. sup. 55     


°C
Crisol cerrado P.-Mart. min.  38 52 56 60 43 43 60

Resduos seg. Conradson 0,1     


% en
máx.
masa 1) 1) 1) 1) 1)
de coque seg. Ramsbottom  0,15 0,35 0,2 0,25 0,2 0,2

% en
Azufre máx. 0,2 0,5 0,3 0,5 1,5 1,0 1,0 1,5
masa
- 11 -

Masa
máx. 0,05     
mg/kg
Agua
% en vol máx.   0,05 0 ,1 0,05 

% en
Sedimentos máx.   0,01 0,02 0,01 
masa
Tabella carburanti distillati

Agua y sedimentos % en vol máx.      

% en
Cenizas mvx. 0,02 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01
masa

3) 4)
Punto de fluidez °C máx.   0,0  

3) 5)
Punto de opa. (Trübungspunkt) °C máx.    - 16 - 16 

Valor limite Verano 0 Verano 0


3)
°C máx.   
Invierno -15 Invierno -9

6)
Indice de cetano min. 45 40 50 45 35 45 45 40

Corrosión de cobre Grados máx.  3 1v   

1) de 10% de residuos de refinación 4) Invierno: max. -6 °C 6) Requisto minimo DEUTZ MWM


2) Requesito minimo DEUTZ MWM ≤ 0,900g/cm3 SVerano: max. = °C ≥
3) según acuerdo 5) Este carburante puede utilizare sin
precalentamiento hasta -15 °C

.../12
Carburanti miscelati (carburante distillato con oilio residuato)
DEUTZ
Especificación de carburante de mezcla British Standard 2869 British Standard Ma 100 ISO - 8217 Carburanti a base di
1) olio per fusi
Class Class DMB
Valorei B2 M2
Dimens. Limite
caratteristici Data 1970 Data 1982 Data 1978 (valori indicativi)

Densità a 15 °C g/cm3 max.  0,900 0,900 0,900

qauntità di
Curva de 50% a 360 °C
distillato % en vol.   
distillazione 90% a 415 °C
raccolta

Viscosità a 20 °C mm2/s a
cinematica a 40 °C (cST) max. 13 max. 11 max. 11 máx. 18

Punto de Abel-P, oltre    120


°C
inflammabilità P.-Mart. min. 66 60 60 
- 12 -

sec Conradson    0,05


Residui di coke masaa % max.
sec Ramsbott. 1,5 0,25 0,25 

Zolfo masaa % max. 1,8 2,0 2, 0 0,25


Tabella carburanti miscelati

Masa mg/kg    0,1


Acgua max.
% en vol. 0,25 0,25 0,3 
(carburanti miscelati con olio residuato)

Sedimenti % en vol. max. 0,05 0,02 0,07 0,01

Cenere masaa % max. 0,02 0,01 0,01 0,01

Pour point °C max. 3, 0 1) 1) -40

Numero di cetano min.  35 4) 35 4) 40 3)

1) Requisito minimo DEUTZ MWM 2) Autorizzazione tecnica necessaria per ogni singolo caso
Densità ≤ 0,9 g/cm3 Valore CCAI ≤ 830 3) Requisito minimo DEUTZ MWM
INumero di cetano ≥ 40 Vanadio ≥ 30 mg/kg 4) Requisito minimo DEUTZ Numero di centano ≥ 40

.../13
Specifica carburanti Specifica CIMAC per carburanti miscelati
miscelati
DEUTZ MWM
CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC CIMAC
BVM 628/640, TBD 510B A 10 B 10 C 10 D 15 E 25 F 25 G 35 H 35 K 35 H 35 K 45 H 55 K 55

RMA 10 RMB 10 RMC 10 RMD 15 RME 25 RMF 25 RMG 35 RMH 35 RMK 35 RMH 45 RMK 45 RMH 55 -
ISO-F

1)
BS MA 100
MA -- M5 -- M6 -- M7 -- M8 -- M9 --

CIMAC 82 4 3 2 5 6 7 -- 8 9 10 11 12 --

Valori Caratteristici Dimens. Limite

Densità a 15 °C kg/m3 máx. 975 991 991 991 1010 991 1010 991 1010

Viscosità mm2/S máx 10 15 25 35 15 55


cinematica a 100 °C (cST) min. 7 -- 15 15 -- 15AAAAΩAAAA35 15AAAAΩAAAA35

Punto di
°C min. 60 60 60 60 60 60
infiammabilità

Pour point Inverno 0 24


°C máx. 30 30 30 30 30
AEstate 6
- 13 -

Residui di coke
massa % máx. 10 14 14 15 20 18 22 22 22
secondo Conradson
(olio pesante)

Ceneri massa % máx. 0,10 0,10 0,10 0,15 0,15 0,20 0,20 0,20

Acgua % en vol. máx. 0,50 0,80 1,0 1,0 1,0 1, 0


Tabella carburanti miscelati

Zolfo massa % máx. 3,5 4,0 5,0 5,0 5,0 5, 0

Vanadio mg/kg máx. 150 300 350 200 500 300 600 60 0 600

Alluminio mg/kg máx. 30 30 30 30 30 30

Sedimenti (totale) massa % máx. 0,10 0,10 0,10 0,10 0,10 0,10

Ulteriori requisiti DEUTZ MWM

Sodio máx. 50 100 100 50 100 100 100 10 0

1) Residuo di coke para BSMA = 12 Confronto viscosità (aprox.):


Viscosità cinematica a 100 °C mm 2/S (cST) 10 15 25 35 45 55
Viscosità cinematica a 150 °C mm 2/S(cST) 40 80 180 380 500 700
Viscosità cinematica a 100 °F Redw. 1 sec. 300 600 1500 3500 5000 7000

.../14
- 14 -

Andamento temperatura - viscosità


(Viscosità di iniezione)
1

Circolare tecnica
0199 - 2089 it
1. supplemento
Prodotto :
DEUTZ AG DEUTZ MWM
Deutz-Mülheimer Straße 147-149
51057 Köln Data : 26.05.1997 con ciò viene annullata la C.T. no. :

Codice di distribuzione: 0079 Indirizzo :


Service partner nazionale ed estero
(Società affiliate, rappresentanze, commercianti)
Service center nazionale
Titolare del libro tascabile
(DEUTZ MWM)
Distributore aziendale (02)
(DEUTZ MWM)
Clienti installatori con servizio proprio (OEM),
clienti finali
Redazione : VS-TD 3 Tel. : (0221) 822 - 3687
Fonte di riferimento : VV-AD Tel. : (0221) 822 - 3173

Osservazioni : I numeri dei pezzi menzionati in questa documentazione, non sottostanno il servicio d'aggiornamento.
Impegnativa per la determinazione dei pezzi di ricambio è esclusivamente la documentazione dei pezzi di ricambio.

Combustibili DEUTZ MWM

Il coordinamento degli oli di residuo finora effettuato secondo le specificazioni CIMAC, avviene
immediatamente secondo la norma ISO 8217, edizione 15.3.1996. Contemporaneamente sono state di
nuovo definite le esigenze supplementari della DEUTZ MWM per l’uso di olio di residuo secondo la norma
ISO 8217.

Si prega di sostituire nella circolare tecnica 199 - 2089, la tabella con la tabella pagina 13 quì allegata e
di annotare le esigenze supplementari della DEUTZ MWM.

Esigenze supplementari della DEUTZ MWM per l’uso


di oli di residuo secondo la norma ISO 8217:

Specificazione Valori-limite Procedimento di analisi

Contenuto di asfalti max. 14 % massa DIN 51595

Valore CCAI <860 Valore densità - viscosità

Contenuto di sodio in dipendenza del conte- ICP (Inductively Coupled Plasma)


nuto V, vedi diagramma

Na (mg/kg)

12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
50 12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890
12345678901234567890123456789012123456789 1234567890123456
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
12345678901234567890123456789012123456789
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890
Campo di sicurezza 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890 1234567890123456
1234567890123456
25 12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890
1234567890123456
1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890 1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890 1234567890123456
1234567890123456
12345678901234567890123456789012123
123456789012345678901234567890 1234567890123456
TR_it_01/97 AZ-TD3

100 200 300 600


V (mg/kg) ➝
Printed in Germany 0299 4067 …/2
-2-

● Sono vietati additivi di natura non minerale,


(oli lubrificanti usati, ardesia di catrame, oli carbonici , oli vegetali, dissolventi, rifiuti dell’industria
chimica)

● Se la densità supera 991 kg/m3, necessitano sistemi di separatori secondo gli ultimi sviluppi
tecnici e previo accordo con il produttore.

● Esigenze e procedimento di analisi del combustibile prima del suo ingresso nel motore:

Unità di
Cratteristiche misura Limite Valore Procedimento di analisi

Somma mg/kg max. 20 *1


Sostanze
estranee
inorganiche
solo At mg/kg max. 5 *1 ICP oppure AAS *2

Contenuto d’acqua % volume max. 0,2 ISO 3733

*1 Dimensioni delle particelle < 5 µm

*2 ICP = Inductively Coupled Plasma


AAS = Atomic Absorption Spectroscopy

DEUTZ AG
Settore tecnico

- Sonntag - - Asselborn -

Allegati: tabella oli residui, pagina 13


Esigenze e procedimento di analisi per oli di residuo allo stato di fornitura, secondo ISO 8217 del 15.03.1996

Specificazione - Denominazione RMA RMB RMC RMD RME RMF RMG RMH RMK RMH RMK RML RMH RMK RML
10 10 10 15 25 25 35 35 35 45 45 45 55 55 55

CIMAC 1990 A 10 B 10 C 10 D 15 E 25 F 25 G 35 H 35 K 35 H 45 K 45 H 55

Unità di
Caratteristiche misura Limiti Procedimento di analisi
3
Densità a 15°C kg/m max. 975,0 981,0 985,0 991,0 991,0 1010,0 991,0 1010,0 - 991,0 1010,0 - ISO 3675 oppure ISO 12185
Viscosità
cinematica*) mm2/s max. 10,0 15,0 25,0 35,0 45,0 55,0 ISO 3104
a 100°C

Punto d’infiammabilità °C min. 60 60 60 60 60 60 ISO 2719

Pour Point
- inverno °C max. 0 24 30 30 30 30 30 ISO 3016
- estate °C max. 6 24 30 30 30 30 30 ISO 3016

Residuo di coke massa % max. 10 14 14 15 20 18 22 22 - 22 - ISO 10370

Cenere massa% max. 0,10 0,10 0,10 0,15 0,15 0,20 0,20 0,20 ISO 6245

Contenuto d’acqua volume % max. 0,5 0,8 1,0 1,0 1,0 1,0 ISO 3733

Zolfo massa % max. 3,5 4,0 5,0 5,0 5,0 5,0 ISO 8754

Vanadio mg/kg max. 150 300 350 200 500 300 600 600 600 ISO 14597

Alluminio e
silicio mg/kg max. 80 80 80 80 80 80 ISO 10478

Residui (totale) massa % max. 0,10 0,10 0,10 0,10 0,10 0,10 ISO 10307-2

Per le esigenze supplementari della DEUTZ MWM vedi CT 0199-2089 1. supplemento

*) Viscosità comparabili (approssimative):


Viscosità cinematica a 100°C mm2/s (cSt) 10 15 25 35 45 55
Viscosità cinematica a 50°C mm2/s (cSt) 40 80 180 380 500 700
Viscosità cinematica a 100°F Redw. 1 sec 300 600 1500 3500 5000 7000
4
Segmento: 6.4

Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio Pagina: 6-4-01

Tipo del motore: S/BVM 628

6.4 Prescrizione relativa al liquido refrigerante

vedi a questo riguardo l’allegata circolare TR 0199-2091.

0691
Segmento: 6.4
Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio
Pagina: 6-4-01

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
1

Circolare tecnica
0199 - 2091 it
2a sostituzione
Prodotto:
DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH DEUTZ MWM
Data: 27.09.1996 con ciò viene annullata la C.T. no: 0199-2091,
Un'impresa del gruppo KHD 1a sostituzione

Codice di distribuzione: 0079 Indirizzo:

Service partner nazionale ed estero


(Società affiliate, rappresentanze, commercianti)
Service center nazionale
Titolare del libro tascabile
(DEUTZ MWM)
Distributore aziendale
(DEUTZ MWM, DEUTZ SERVICE)
Clienti installatori con servizio proprio (OEM), clienti finali

Redazione: AZ-TD 3 Tel.: (0221) 822 - 3687


Fonte di riferimento: AI-MD Tel.: (0221) 822 - 3173

Osservazioni: i codici d’ordine dei pezzi menzionati in questa documentazione non sono soggetti al servizio modifiche.
Impegnativa per la determinazione dei pezzi di ricambio è esclusivamente la documentazione dei pezzi di ricambio.

Liquido refrigerante per i motori DEUTZ MWM

La 2a sostituzione avviene per

● Aggiornamento dei prodotti consigliati

● Registrazione della durezza minima del carbonato

Indice

1 Generalità

2 Qualità dell’acqua
3 Additivi di protezione per il sistema di raffreddamento

3.1 Anticorrosivi chimici

3.2 Anticongelanti con inibitori anticorrosivi


3.3 Inibitori anticorrosivi

4 Dati relativi al sisetma di raffreddamento

4.1 Controllo del sistema di raffreddamento


4.2 Pulizia del sistema di raffreddamento

4.3 Smaltimento del liquido refrigerante

Allegato: Additivi di protezione per il sistema di raffreddamento consigliati


TR_de_02/96 AZTD

Printed in Germany 0299 4052 …/2


-2-

1 Generalità

Per i motori con raffreddamento ad acqua, il liquido refrigerante si deve preparare e controllare
altrimenti il motore può subire danni per

● corrosione

● cavitazione

● congelamento

2 Qualitá dell’acqua

Un fattore importante per la preparazione del liquido refrigerante è la qualitá appropriata


dell’acqua. Se il produttore o il fornitore non hanno fornito alcuni dati in proposito, fare uso di acqua
limpida e pulita i cui valori non superino quelli riportati quì sotto:

Valori d’analisi min. max.

Valore pH a 20 °C 6,5 8,5


Ioni di cloruro mg/dm3 - 100
Ioni di solfato mg/dm3 - 100
Durezza carbonato °dKH 3 -
Durezza totale °dGK - 12

Per i valori relativi alla qualità dell’acqua rivolgersi alle centrali idriche locali oppure rilevarli con la
valigetta per analisi DEUTZ MWM, no. d’ordine 1213 0382.

In caso di deviazioni dai valori di analisi, si deve preparare l’acqua.

● Valore pH troppo basso:


il valore si può aumentare aggiungendo soluzione di soda caustica oppure di potassa caustica
diluita. Si consiglia di fare una piccola prova di miscelazione.

● Durezza globale dell’acqua °dGK troppo alta:


trattare l’acqua con mezzo di addolcimento per es. fosfato trisodico oppure mescolarla con
acqua distillata.
Per addolcire 100 litri d’acqua di 1 °dGK, occorrono 4 g di fosfato trisodico.

● Durezza globale dell’acqua °dGK troppo bassa:


in casi rari si deve indurire l’acqua con gesso.
Per indurire 100 litri d’acqua di 1 °dGK, occorrono 3 g di gesso.

● Durezza dei carbonati troppo bassa:


Mescolare l’acqua con acqua di maggiore durezza oppure indurirla con cosiddette colonne di
dolomite (calcio oppure sali indurenti di magnesio vengono sciolti con il flusso dell’acqua)

● Cloruri e/oppure solfati troppo alti:


in caso di troppo alto contenuto di cloruri e/oppure solfati, aggiungere acqua distillata. Se i
valori di analisi sono eccessivamente alti, non è più possibile l’aggiunta di acqua distillata.
Trattare l’acqua con scambiatori di ioni.

Dopo la preparazione effettuare per sicurezza una nuova analisi dell’acqua.

Per evitare danni al motore non fare mai uso per la preparazione del liquido
! refrigerante di acqua di mare, di fiume, salmastra o industriale.

.../3
-3-

3 Additivi di protezione per il sistema di raffreddamento


La preparazione del liquido refrigerante si effettua aggiungendo un additivo di protezione
all’acqua di raffreddamento. Elenco degli additivi in uso:
● anticorrosivi chimici
● anticongelanti con inibitori anticorrosivi
● olio anticorrosivo

Vista complessiva dei criteri di scelta:

Anticorrosivo Anticongelante con Olio


chimico inibitori anticorrosivi anticorrosivo

Protezione buona buona buona


anticorrosiva
Protezione di sufficiente sufficiente buona
cavitazione
Protezione nessuna secondo il rapporto di nessuna
anticongelante miscelazione, fino a -45°C

Spesa di cura irrilevante irrilevante* molto alta

Sicurezza d’esercizio buona buona insufficiente

Costi medi molto alti medi

* Normalmente solo controllo dell’effetto anticongelante, sostituzione necessaria ogni 2 anni.

Nel foglio allegato consigliamo alcuni prodotti rappresentativi, adatti secondo i dati forniti dal
produttore/fornitore per la preparazione del liquido refrigerante. Alternativamente si possono
usare anche equivalenti prodotti di altri produttori/fornitori. Quest’ultimi devono assicurare e
garantire l’idoneità degli additivi di protezione per il sistema di raffreddamento. Da parte nostra
non possiamo assumerci alcuna responsabilitá.
Quì a seguito sono descritti i diversi additivi di protezione per il sistema di raffreddamento.

3.1 Anticorrosivi chimici


Gli anticorrosivi chimici sono combinazioni che generano, grazie ad una reazione chimica, una
pellicola protettiva sulle superfici metalliche. I vantaggi rispetto all’olio anticorrosivo sono la
semplicitá di applicazione e di controllo.

La miscelazione di additivi liquidi si può effettuare direttamente nel motore; additivi in polvere
si devono invece mescolare a parte prima d’introdurli nel motore. Per la concentrazione e il
controllo degli anticorrosivi chimici attenersi alle indicazioni del produttore.

Il produttore/fornitore deve garantire la resistenza rispetto ai materiali usati nel motore (per es.
guarnizioni).
Usare cautela per i componenti d’alluminio del sistema di raffreddamento. In questo caso non
tutti gli anticorrosivi chimici sono appropriati. Un fattore importante è il giusto dosaggio, poichè
una concentrazione troppo bassa di anticorrosivo chimico ha, condizionato dal sistema, effetto
dannoso. Nella scelta dei prodotti consigliati (vedi allegato), abbiamo tenuto conto dell’idoneità
(innocuità) dell’anticorrosivo per motori con componenti d’alluminio.

Provvedere alla regolare messa a terra dei componenti d’alluminio, soprattutto non devono
venire condotte su di essi correnti elettriche supplementari causate da isolamenti difettosi
(sensori ad un polo e trasmettitori di controllo).

.../4
-4-

Anticorrosivi chimici contenenti silicati possono avere un effetto negativo sulla durata di vita degli
anelli di scorrimento. Questi prodotti devono venire impiegati soltanto in motori con pompe del
liquido refrigerante installate separatamente.

Alternativamente sono disponibili anche sistemi di filtrazione, filtranti, supplementarmente


all’anticorrosivo, particelle solide dal sietma di raffreddamento. Questi filtri contengono un
anticorrosivo chimico solido che si scioglie nell’acqua di raffreddamento.

Anticorrosivi chimici e anticongelanti si possono usare insieme secondo il capitolo 3.2.

☞ Non tutti gli anticorrosivi chimici e gli anticongelanti sono mescolabili. Mescolando
anticorrosivi chimici a base di ammina con anticongelanti a base di nitrito, vengono
generate nitroammine cancerogene. Per la compatibilità dei mezzi rivolgersi al produttore/
fornitore.
La mescolanza della maggior parte degli anticorrosivi chimici consigliati con gli
anticongelanti della DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH, no. d’ordine 0101 1490
è innocua.

3.2 Anticongelanti con inibitori anticorrosivi

Gli anticongelanti si devono usare normalmente per i motori DEUTZ MWM soltanto quando la
temperatura ambiente scende al disotto di 0 °C. Ciò può avvenire supplementarmente ad un
anticorrosivo chimico (è indispensabile informarsi presso il produttore/fornitore circa la compatibilità
dei prodotti) oppure si può aggiungere all’acqua quale protettivo unico contro il gelo e la
corrosione.

Attenersi alle concentrazioni quì sotto indicate:

Anticongelante 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% 50%

Acqua 90% 85% 80% 75% 70% 65% 60% 55% 50%
Protezione antigelo fino a -4°C -7°C -10°C -13°C -18°C -22°C -28°C -35°C -45°C

Facendo uso dell’anticongelante quale mezzo anticorrosivo unico, esso deve rimanere d’inverno
e d’estate nel liquido refrigerante e la sua concentrazione non deve scendere al disotto del 35 %.

Facendo uso di anticongelante, si riduce il valore di passaggio del liquido refrigerante. Si


☞ deve verificare se l’impianto di raffreddamento è adatto a ciò.

È vietato mescolare l’anticongelante con un’emulsione dell’anticorrosivo.

Se si vuole fare uso di un anticongelante con inibitori anticorrosivi appropriato, impiegare il


mezzo di protezione del sistema di raffreddamento della DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL
GmbH (DSI). Questo prodotto non contiene nitriti, ammine e fosfati e non danneggia perciò
l’ambiente.

3.3 Olio anticorrosivo

L’uso di oli anticorrosivi presenta difficoltà a causa della cattiva stabilitá d’emulsione, della
conseguente problematica d controllo e dei possibili danni.

Gli oli anticorrosivi sono oli minerali emulsionabili, ai quali sono aggiunti additivi. Sulle parti
metalliche del sistema di raffreddamento si posa una pellicola sottile che impedisce la corrosione
e il deposito di calcio.
L’emulsione si deve preparare in un recipiente a parte, al difuori del circuito del motore,

.../5
-5-

aggiungendo all’acqua, mescolando con forza, la quantità di olio anticorrosivo prescritta. Per la
concentrazione attenersi alle indicazioni del produttore/fornitore.

Le perdite di liquido refrigerante vanno ricompensate. Una concentrazione troppo bassa si deve
compensare con l’aggiunta di un’emulsione altamente concentrata.

Gli oli anticorrosivi non si devono usare

! - in sistemi di raffreddamento ai quali è collegato un riscaldamento del locale


- nei motori a gas

4 Dati concernenti il sistema di raffreddamento

4.1 Controllo del sistema di raffreddamento

Il sistema di raffreddamento si deve controllare regolarmente (vedi le istruzioni d’uso valide). Il


controllo prevede oltre al controllo del livello e dell’inquinazione del liquido refrigerante, anche
la verifica della concentrazione del protettivo del sistema di raffreddamento.

● Anticorrosivo chimico:
controllare la concentrazione; i produttori/fornitori possono fornire mezzi di controllo appropriati
quali ad es. stecche di prova.

● Anticongelante con inibitori anticorrosivi:


controllare il grado di protezione antigelo e anticorrosiva con l’apposito apparecchio.

● Olio anticorrosivo:
controllare la concentrazione di anticorrosivo mediante un rifrattometro, controllo dello stato
dell’emulsione.

Il liquido refriegrante si deve immancabilmente sostituire nei seguenti casi:

● rottura dell’acqua naturale (collasso)

● rottura dell’olio lubrificante

● intorbidamento evidente da residui di corrosione oppure altre sostanze in sospensione

● un’emulsione d’olio anticorrosivo rotta

● l’anticongelante ogni 2 anni

4.2 Pulizia del sistema di raffreddamento

In caso d’inquinamento del sistema di raffreddamento, di rottura dell’emulsione anticorrosiva,


dell’olio lubrificante o dell’acqua naturale, si deve provvedere alla pulizia del sistema di
raffreddamento. Allo scopo si deve fare uscire tutto il liquido refrigerante e risciacquare il
sistema di raffreddamento con un detergente appropriato. La pulizia del sistema di raffreddamento
si deve effettuare anche se viene cambiato il tipo di anticorrosivo.

Il mercato offre detergenti appropriati per i quali il produtore/fornitore deve garantirne l’idoneitá.

.../6
-6-

4.3 Smaltimento del liquido refrigerante

È vietato scaricare il liquido refrigerante nella canalizzazione. Si deve provvedere al suo


smaltimento secondo le indicazioni del produttore/fornitore, in conformitá alle prescrizioni
legislative, oppure incaricarne un’impresa di smaltimento.

Per lo smaltimento del protettivo del sistema di raffreddamento DSI, no. d’ordine 0101
☞ 1490, vedi la circolare tecnica 0199-38-3007.

DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH (DSI)


Settore tecnico

- Sonntag - - Asselborn -

Allegato: prodotti consilgiati

.../7
Allegato alla
Prodotti per la protezione del sistema CT 0199 - 2091
di raffreddamento consigliati 2a sostituzione
27.09.1996

Anticorrosivi chimici
Produttore/ Denominazione Motore Osservazioni
fornitore del prodotto Diesel Gas Diesel, Gas
234, 604 234, 604 628, 640
616, 620 616, 620 645, 632
BEDIA Bedia Liquid BL1 * - X X
Bedia BS/BT con BP1 * X X Sistema di filtrazioni
Bedia BL2 X X X

DREW AMEROID DEWT-NC - - X in polvere


Liquidewt - - X
Maxiguard - - X

Fuchs ANTICORIT S 2000-A X X X

Houseman Limited Cooltreat 651 * - X X

NALFLEET 9-108 - - X
9-111 * - X X
9-131 C - - X

Perry Liquid Perry * - X X


(W. Lösing) Perry Filter * - X X Sistema di filtrazioni

Texaco Havoline XLI X X X

UNITOR Rochem Dieselguard NB Pulver - - X non mescolabile con


anticongelanti
ROCOR NB Liquid - - X

Vecom CWT Diesel / QC 2 - - X

* I prodotti contengono silicati

Anticongelanti con inibitori anticorrosivi


Produttore/ Denominazione Motore Osservazioni
fornitore del prodotto Diesel Gas Diesel, Gas
234, 604 234, 604 628, 640
616, 620 616, 620 645, 632
DEUTZ SERVICE No. d’ordine 0101 1490 X X X
INTERNATIONAL
GmbH

Olio anticorrosivo - non per motori a gas -


Produttore/ Denominazione Motore Osservazioni
fornitore del prodotto Diesel Gas Diesel, Gas
234, 604 234, 604 628, 640
616, 620 616, 620 645, 632
Deutsche Castrol CASTROL PRODUCT 481/43 X - X

Deutsche Shell AG Shell Donax CM X - X


Shell Donax CC X - X

ESSO AG Kutwell 40 X - X

DEA Targon D X - X

Mobil Coolant Inhibitor X - X


AZ-TD3 As 2.8.96
8

Pagina vacante
Segmento: 6.5

Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio Pagina: 6-5-01

Tipo del motore: S/BVM 628

6.5 Prescrizione relativa alla conservazione

vedi a questo riguardo l’allegata circolare TR 0199-2068.

0883
Segmento: 6.5
Prescrizioni relative ai mezzi di esercizio
Pagina: 6-5-02

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Circolare tecnica
0199 - 2068 it
KHD
DEUTZ SERVICE Prodotto :
DEUTZ MWM
DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH
Un impresa del gruppo KHD Data : 04.07.1978 con ciò viene annullata la C.T. no. :

Codice di distribuzione : 0079 Indirizzo :


Service partner nazionale ed estero
(Società affiliate, rappresentanze, commercianti)
Service center nazionale
Titolare del libro tascabile
(DEUTZ MWM)
Distributore aziendale (02)
(DEUTZ MWM, DEUTZ SERVICE)
Clienti installatori con servizio proprio (OEM),
clienti finali
Autore : AZ-TD 3 Tel. : (0221) 822 - 3687
Fonte : AI-MD Tel. : (0221) 822 - 3173

Osservazioni : I numeri dei pezzi menzionati in questa documentazione, non sottostanno il servicio d'aggiornamento.
Impegnativa per la determinazione dei pezzi di ricambio è esclusivamente la documentazione dei pezzi di ricambio.

La presente circolare sostituisce la parte 4 del nostro stampato „Mezzi di esercizio“ (H 0199-27, 1a
e 2a edizione ovvero 297 1597 GE 0199-99, 3a edizione).

Ogg.: B/FM 716 - B/AM 816/528 - BVM 628/540/350/358 - PA6-280


Conservazione

1. Visione d’insieme
I motori, i gruppi e i ricambi vengono conservati prima di essere spediti dallo stabilimento.
Precedentemente alla messa in funzione ovvero precedentemente all’installazione vanno eseguite
le operazioni descritte al capitolo 2.

La durata di protezione della conservazione dipende dalle condizioni del luogo di installazione
ovvero di stoccaggio. L’elevata umidità dell’aria, forti variazioni della tempertura, il contenuto di
sale dell’aria nonché il magazzinaggio all’aperto promuovono la corrosione. In caso di condizioni
molto favorevoli una buona conservazione può fornire una protezione sufficiente per un periodo di
fino a 2 anni.

I controlli e le conservazioni successive descritti al capitolo 3 vanno eseguiti ad intervalli di 3 - 6


mesi a seconda delle condizioni di cui in precedenza per gli impianti fuori servizio.

Gli impianti che vengono messi fuori servizio per periodi superiori ai 3 mesi vanno trattati secondo
quanto riportato al capitolo 4. Alcune indicazioni relative ai conservanti sono riassunte al capitolo
5.
TR_it_03/96 AZ-TD3

Printed in Germany …/2


-2-

2 Operazioni preliminari per la messa in funzione di motori conserva-


ti ovvero per l’installazione dei ricambi .
2 1 Esternamente al motore
.
Dopo avere rimosso gli imballaggi ed eventualmente i disidratanti eliminare il grasso anticorrosivo
ovvero i rivestimenti a base di cera o di resina dalle superfici esterne ovvero lavare con carburante
diesel o con un’appropriata miscela di solvente, eventualmente anche dalle scanalature delle
pulegge delle cinghie trapezoidali. Togliere le chiusure dalle aperture, p. es. i tappi di materiale
plastico dalle estremità delle tubazioni e dei canali nonché le chiusura della tubazione del gas di
scarico, dello sfiato dell’incastellatura e dell’apertura di aspirazione per l’aria di combustione.

2.2 Interno del motore


Controllare l’eventuale presenza di precipitazioni umide, di danni da corrosione e di altro tipo come
per i vani del meccanismo motore e degli alberi a camme nonché per i lati superiori delle testate dei
cilindri con azionamento a valvola. Fare girare una volta l’albero a gomiti con le valvole di indicazione
aperte ovvero con le candele ad incandescenza smontate ed assicurarsi che le varie componenti
presentino una mobilità normale.

2.3 Introdurre l’olio prescritto per il servizio


nel sistema dell’olio lubrificante e in tutti i vani da riempire con olio (cfr. capoversi 4.1.4 e 4.1.5)
qualora l’olio dovesse essere stato scaricato per la messa fuori servizio ovvero nel caso in cui sia
stato introdotto olio motore anticorrosivo od olio di conservazione.

2.4 Sistema di raffreddamento


Per il trattamento del sistema di raffreddamento e del liquido refrigerante vedi TR 0199-2062.
Qualora non dovesse essere assicurata la compatibilità del conservante utilizzato per il sistema di
raffreddamento con l’additivo prescritto per il liquido refrigerante (vedi capoverso 4.1.3) vanno
eseguite almeno le operazioni prescritte per i motori nuovi, p. es. per Nalcool 2000 sciacquare con
acqua fresca pulita e calda (vedi TR 0199-2062, capoverso 3.5).

2.5 Istruzioni per l’uso


Ulteriori operazioni e misure di sicurezza per la messa in funzione vanno eseguite in conformità alle
istruzioni per l’uso relative al motore ovvero al turbocompressore a gas di scarico.

3 Controllo e conservazione successiva di un motore fuori servizio.


Per gli impianti (non) ancora in servizio vanno eseguite le seguenti operazioni ad intervalli di 3 - 6
mesi a seconda del luogo di installazione ovvero delle condizioni di stoccaggio:

3. 1 Conservazione interna

Vanno eseguiti i controlli riportati al capoverso 2.2. Successivamente a ciò applicare negli stessi vani
olio per conservazione interna procedendo a nebulizzazione secondo quanto riportato al capoverso
5.2 oppure olio per motori secondo quanto riportato al capoverso. 5.1. Applicare a nebulizzazione lo
stesso olio sulla coppa dell’olio lubrificante delle pompe d’iniezione nonché nei vani interni del posto
di manovra e del regolatore meccanico del numero di giri (se presente) azionando la leva di marcia e
la tiranteria di regolazione. Per i motori B/FM 716 e B/AM 816 smontare le candele ad incandescen-
za, nebulizzare le precamere e riapplicare le candele ad incandescenza. Per gli ulteriori tipi di motore
smontare le valvole d’iniezione, nebulizzare le camere di combustione attraverso i fori delle testate
dei cilindri rispettivamente con lo stantuffo in posizione di punto morto inferiore e di punto morto
superiore e rimontare le valvole d’iniezione.

.../3
-3-

Procedere alla conservazione successiva del sistema di raffreddamento a motore fermo facendo
uso di una pompa di circolazione azionata separatamente, in particolare se non si è provveduto in
precedenza alla conservazione mediante un conservante speciale ma solamente tramite la pellicola
d’olio che è rimasta dopo il servizio con un’emulsione anticorrosiva come liquido refrigerante e dopo
lo scarico di quest’ultimo. Per ulteriori avvertenze vedi capoverso 4.1.3.

3 . 2 Conservazione esterna
Controllare l’eventuale presenza di danneggiamenti della conservazione e di corrosione. Applicare a
nebulizzazione o a pennello conservanti esterni secondo quanto indicato al capoverso 5.3.

4 Conservazione di impianti che vengono messi fuori servizio per periodi superiori ai 3 mesi. Gli
impianti che vengono operati con olio pesante od olio misto come carburante vanno fatti passare a
carburante distillato almeno 3 ore di servizio prima della messa fuori servizio (vedi TR 0199-2061,
capoverso 1). A seconda del tipo di impianto e delle circostanze vigenti va adottato il procedimento
previsto dal capoverso 4.1, 4.2 o 4.3.

4 Conservazione di impianti che vengono messi fuori servizio per


peri odi superiori ai 3 mesi.
Gli impianti che vengono operati con olio pesante od olio misto come carburante vanno fatti passare
a carburante distillato almeno 3 ore di servizio prima della messa fuori servizio (vedi TR 0199-2061,
capoverso 1). A seconda del tipo di impianto e delle circostanze vigenti va adottato il procedimento
previsto dal capoverso 4.1, 4.2 o 4.3.

4.1 Procedimento con scarico dell’olio lubrificante dal motore e conservazione


del sistema dell’olio lubrificante in caso di arresto.

4.1.1 Filtro dell’aria a bagno d’olio


In caso di presenza di un filtro dell’aria a bagno d’olio, scaricare l’olio dalla parte inferiore, depurare
la parte inferiore e riempire con olio anticorrosivo per motori secondo quanto indicato al capoverso
5.1 oppure con olio di conservazione interna secondo quanto indicato al capoverso 5.2.

4.1.2 Carburante
Introdurre nel serbatoio di servizio del carburante il 10 % di olio anticorrosivo per motori e il 90 % di
carburante distillato ben mescolati. Fare funzionare il motore con tale miscela per un periodo di 10 -
15 minuti (combinare eventualmente con funzionamento del motore secondo quanto indicato al
capoverso 4.1.3). Prima dell’arresto del motore applicare a nebulizzazione olio anticorrosivo per
motori oppure olio per conservazione interna nei fori di aspirazione per l’aria di combustione, p. es.
nel filtro di aspirazione del turbocompressore a gas di scarico.

4 .1. 3 Sistema di raffreddamento

Scaricare completamente il liquido refrigerante, anche dalle testate dei cilindri, dagli scambiatori di
calore, eventualmente dai turbocompressori a gas di scarico e dai cesti delle valvole di scarico. Da
queste ultime aspirare il liquido o scaricarlo con aria compressa. Osservare le prescrizioni vigenti in
materia di tutela dell’ambiente. Se è stato utilizzato sempre olio di protezione anticorrosivo emulsio-
nabile secondo quanto indicato al capoverso 3.2 della nostra circolare TR 0199-2062 in osservanza
delle prescrizioni vigenti in materia, il sistema di raffreddamento non risulta sporco e tutte le aperture
vengono chiuse a tenuta d’aria, la pellicola d’olio residua può rappresentare una protezione
sufficiente per un periodo di fino ad 1 anno e mezzo senza dovere prendere particolari misure di
conservazione, a condizioni favorevoli.

In tutti gli altri casi il sistema di raffreddamento va conservato dopo lo scarico del liquido di
raffreddamento, eventualmente in seguito alla depurazione di quest’ultimo (vedi TR 0199-2062,
capoverso 4.3). Tra l’altro è possibile selezionare un procedimento secondo i seguenti capoversi
4.1.3.1, 4.1.3.2 o 4.1.3-.3.

.../4
-4-

4.1.3.1 Applicare detergente o conservante „Nalprep 330 V“


secondo le istruzioni del fabbricante, la ditta Nalco Chemie, fare circolare la soluzione Nalprep nel
sistema di raffreddamento con una pompa di circolazione di liquido refrigerante o con una pompa di
circolazione di riserva azionata separatamente a motore fermo per almeno 3 ore o fare funzionare il
motore con soluzione Nalprep come liquido di raffreddamento per 1 - 2 ore (combinare questo TR
con il funzionamento del motore secondo quanto riportato nel capoverso 4.1.2). Secondo le
indicazioni della ditta Nalco il sistema di raffreddamento può essere riempito nuovamente con il
liquido refrigerante prescritto (vedi TR 0199-2062) prima della rimessa in funzione senza prendere
particolari misure, e per la precisione indipendentemente dall’additivo da utilizzare.

4.1.3.2 Applicare emulsione al 20 % da olio anticorrosivo della Esso „Rust-Ban 310“


attenendosi alle istruzioni della ditta Esso. Questo olio, secondo le indicazioni della ditta Esso, è
compatibile con oli anticorrosivi secondo quanto indicato al capitolo 3.2 della nostra circolare TR
0199-2062. Nel caso in cui dovesse essere stato utilizzato ultimamente un altro additivo nel liquido
refrigerante, la cui compatibilità con Rust-Ban 310 non viene confermata dal fabbricante, il sistema
di raffreddamento va dapprima sciacquato con acqua fresca pulita. Fare circolare l’emulsione Rust-
Ban 310 a motore fermo per almeno 3 ore nel sistema di raffreddamento con una pompa di
circolazione di liquido refrigerante o con una pompa di circolazione di riserva azionata separatamen-
te o fare funzionare il motore per mezz’ora a vuoto o a carico basso con questa emulsione come
liquido refrigerante (con funzionamento del motore secondo quanto indicato nel campoverso 4.1.2
di questa TR/circolare tecnica).

4.1.3.3
Fare funzionare il motore con emulsione del 2 - 3 % da un olio anticorrosivo secondo quanto
indicato nel capoverso 3.2 della nostra circolare TR 0199-2062 come liquido refrigerante per un
periodo di 1 - 2 ore (combinare con il funzionamento del motore secondo quanto indicato nel
capoverso 4.1.2 della presente circolare TR). Per la preparazione dell’emulsione attenersi a quanto
riportato nei capoversi 3.2.2 e 3.2.3 della circolare TR 0199-2062.
Nel caso in cui sia stato utilizzato ultimamente un additivo per il liquido refrigerante la cui compatibi-
lità con questo olio anticorrisivo non è stata confermata dal fabbricante, occorre dapprima sciac-
quare il sistema di raffreddamento con acqua fresca pulita. È prevedibile che questa conservazione
sia meno durevole di quella ottenibile con conservanti speciali (p. es. secondo i capoversi 4.1.3.1 o
4.1.3.2).

Relativamente ai capoversi 4.1.3.1 - 4. i .3.3 Successivamente scaricare completamente il liquido di


conservazione, anche dalle testate dei cilindri, dagli scambiatori di calore, eventualmente dai
turbocompressori a gas di scarico e dalle gabbie delle valvole di scarico. Osservare le normative di
tutela dell’ambiente. Chiudere il sistema di raffreddamento a tenuta d’aria. Indicare il procedimento
di conservazione applicato su una targhetta da appendere. La responsabilità relativa all’idoneità del
conservante ricade sul fabbricante.

4.1.4 Dopo l’arresto,


a motore ancora caldo, scaricare l’olio lubrificante dal circuito del motore, dal filtro dell’olio e dal
refrigeratore dell’olio, dal regolatore meccanico (se presente) e dalle pompe d’iniezione. Depurare il
vano della manovella. Dopo il raffreddamento del motore pompare olio anticorrosivo per motori
oppure olio per conservazione interna facendo uso di una pompa di prelubrificazione o di una
pompa di olio lubrificante di riserva finché le componenti interne del motore risultano bagnate d’olio.
Durante questa operazione fare girare almeno due volte l’albero a gomiti. Applicare a nebulizzazione
il medesimo olio nel vano della manovella o su tutte le componenti mobili in tale vano nonché su
tutte le ruote dentate, nella coppa della pompa d’iniezione, nei vani interni del posto di manovra e del
regolatore meccanico del numero di giri (se presente) azionando la leva di marcia e la tiranteria del
regolatore.

.../5
-5-

4.1.5 Applicare a nebulizzazione olio anticorrosivo per motori


oppure olio per conservazione interna a motore raffreddato - per i motori B~FM 716 e B/AM 816
nelle precamere dopo avere smontato le candele ad incandescenza, - per gli altri tipi di motore
attraverso l’apertura della testata del cilindro per la valvola d’iniezione per gli stantuffi sia nel punto
morto inferiore che nel punto morto superiore (durante la rotazione dell’albero a gomiti secondo
quanto indicato nel capoverso 4.1.4), -
dopo avere staccato i coperchi della testata dei clindri ovvero i coperchi del bilanciere sul lato
superiore della testata del cilindro con tutti i componenti montati nonché l’azionamento valvola, - nei
vani dell’albero a camme. In caso di presenza di cilindri di inversione, di cilindri di freni del volano o
di bariletti riempiti di olio, scaricare l’olio da questi ultimi e introdurre olio motore anticorrosivo
oppure olio per conservazione interna. Successivamente a ciò azionare due volte l’inversione e il
freno. Sul lato interno di ogni coperchio di chiusura dell’incastellatura e sotto ad ogni coperchio di
bilanciere e di testata di cilindro applicare disidratanti (vedi capoverso 5.4): la relativa posizione deve
essere indicata su di una scheda sistemata sul motore.
Rimontare le candele ad incandescenza ovvero le valvole d’iniezione. Riapplicare in modo ermetico
tutti i coperchi e le chiusure. Applicare a nebulizzazione olio motore anticorrosivo oppure olio per
conservazione interna nell’uscita (nelle uscite) dello sfiato dell’incastellatura e della tubazione (delle
tubazioni) del gas di scarico. Chiudere le aperture in modo ermetico contro la polvere e l’umidità
facendo uso di carta oleata dotata di inserto di tessuto.

Attenersi alle istruzioni del fabbricante dei turbocompressori a gas di scarico e del regolatore
idraulico del numero di giri.

Conservazione esterna
Staccare la cinghia trapezoidale e appenderla nelle vicinanze. Pulire il motore esternamente facendo
uso di carburante diesel o detergente a freddo.

Ermetizzare tutte le uscite dell’albero con grasso. Applicare a nebulizzazione un prodotto di


conservazione esterna su tutte le superfici non verniciate incluse le scanalature delle cinghie
trapezoidali, le viti, i dadi, le tubazioni, le leve, gli alberi, gli assi, le bielle ecc. (vedi capoverso 5.3).

Avvolgere le armature ed i quadri di distribuzione in carta oleata con inserto di tessuto. Fissare
disidratante nelle cassette di distribuzione e negli armadi di distribuzione (vedi capoverso 5.4).
Successivamente a ciò chiudere con carta oleata in modo ermetico all’aria.

4.2 Procedimento per sostituire l’olio lubrificante con olio motore anticorrosivo e
ciclo motore per la conservazione del sistema dell’olio lubrificante.

4.2.1 Applicare filtro dell’aria per bagno d’olio, capoverso 4.1.1.

4.2.2 Applicare sistema del carburante e vie dell’aria di combustione


capoverso 4 .1. 2. Combinare ciclo di servizio del motore con il ciclo secondo il capoverso 4 . 2 . 3 ed
eventualmente 4.2.4.

4.2.3 L’olio lubrificante


A motore ancora caldo scaricare l’olio lubrificante dal circuito del motore, dal filtro dell’olio e dal
refrigeratore dell’olio, dal regolatore meccanico (se presente) e dalla pompa (dalle pompe)
d’iniezione. Pulire la camera della manovella. Introdurre l’olio motore anticorrosivo secondo quanto
riportato al capoverso 5.1 almeno fino alle marcature inferiori del livello dell’olio. Fare funzionare il
motore per 15 minuti possibilmente a vuoto e al massimo numero di giri (combinare con il ciclo di
funzionamento del motore previsto secondo i capoversi 4.1.2 ed eventualmente 4.2.4) . L’olio
motore anticorrosivo può rimanere inserito fino alla rimessa in funzione (cfr. capoverso 2.3). Applica-
re a nebulizzazione l’olio motore anticorrosivo o l’olio di conservazione interna secondo quanto
riportato al capoverso 5.2 nei vani interni del posto di manovra e del regolatore meccanico del
numero di giri (se presente) azionando la leva di marcia e la tiranteria del regolatore.

4.2.4 Sistema di raffreddamento


Applicare sistema di raffreddamento capoverso 4.1.3. Eventualmente combinare ciclo di servizio del
motore secondo i capoversi 4.2.2 e 4.2.3.

4.2.5 Applicare capoverso 4.1.5


4.3 Procedimento senza particolare conservazione del sistema dell’olio lubrifi-
cante

Gli oli lubrificanti per il motore, sviluppati prevalentemente per il servizio di autoveicoli e rispondenti
alle esigenze della specifica Mil -L-2104 C o Mil -L-46 152 o della classe API CD/SD o CC/SE hanno
anche un certo effetto conservante - a condizione che siano in buono stato - effetto conservante che
però non raggiunge quello offerto dai buoni oli motore anticorrosivi o dagli oli per conservazione
interna. Per venire a conoscenza delle caratteristiche di altri oli lubrificanti per motori diesel in questo
senso, p. es. per oli da marina, ci si rivolga eventualmente al fabbricante di tali oli..

Alle condizioni riportate qui di seguito è possibile rinunciare alla migliore conservazione del sistema
dell’olio lubrificante secondo quanto riportato nel capoverso 4.1.4 ovvero
4.2.3 ed eventualmente alla migliore conservazione dei filtri dell’aria in bagno d’olio secondo quanto
riportato nel capoverso 4.1.1

- le condizioni vigenti nel luogo di installazione devono essere favorevoli (vedi capoverso 1).
- La durata della messa fuori servizio non deve superare i 6 mesi.
- L’olio lubrificante introdotto viene sostituito con olio fresco del tipo descritto all’inizio del pre-
sente capoverso poco prima della messa fuori servizio (quando il cambio dell’olio sarebbe
comunque da eseguire) pulendo in questa occasione la camera della manovella in caso di
necessità oppure -
- Il fabbricante dell’olio conferma mediante un campione di olio usato rappresentativo per l’intero
olio introdotto che l’olio è ancora utilizzabile e sufficientemente conservabile. (Il campione di olio
deve essere preso a motore caldo e in funzione e deve essere introdotto in un contenitore
perfettamente pulito dopo avere assicurato che non venga utilizzato come campione dell’olio
stantio.)

In questo caso vanno effettuate le operazioni riportate qui di seguito:

4.3.1 Sistema di raffreddamento


Applicare quanto riportato nel capoverso 4. 1. 3.

4.3.2 Sistema del carburante e conduzioni dell’aria di combustione

Applicare quanto riportato nel capoverso 4 . 1. 2.

4.3.3 Applicare a nebulizzazione olio motore


anticorrosivo (vedi capoverso 5.1) od olio per conservazione interna (vedi capoverso 5.2) nei vani
interni del posto di manovra e del regolatore del numero di giri meccanico (se presente) azionando la
leva di marcia e la tiranteria del regolatore.

Applicare quanto riportato nel capoverso 4.1.5. Per l’applicazione a nebulizzazione può essere
utilizzato anche olio fresco del tipo descritto nel primo punto des Capoverso 4.3, ma non per scopi
di conservazione esterna .
5 Indicazioni relative ai conservanti
Le società di olio minerale offrono numerosi conservanti secondo i capoversi 5.1 - 5.3. In caso di
necessità di ulteriori informazioni relative alle caratteristiche assicurate nonché alle prescrizioni di
utilizzo relative ai conservanti in questione ci si rivolga a tali società.

5. 1 Oli motore anticorrosivi

Possono essere utilizzati come olio motore anticorrosivo anche oli di alimentazione, di
conservazione o di primo riempimento con cui viene effettuato il rodaggio e in parte anche la
spedizione dei motori diesel. Tali oli devono
- essere „resistenti a pieno carico“ per un periodo limitato e rispondere quindi almeno ai requisiti
validi per i motori diesel secondo Mil-L-2104 B o Mil-L-46 152 o API CC,
- presentare una viscosità secondo SAE 30,
- neutralizzare prodotti di combustione acidi ed essere resistenti contro l’invecchiamento,
- proteggere dalla corrosione durante il trasporto ed il magazzinaggio le superfici interne dei motori
- bagnate da olio lubrificante anche in caso di alto tenore di umidità e di sale nell’aria,
- essere compatibili con gli oli lubrificanti prescritti per il funzionamento del motore,
- essere innoqui per le guarnizioni da essi bagnate,
- evitare separazioni resinose o simili ad asfalto nonché corrosioni nel sistema di iniezione quando
miscelati con carburante diesel in rapporto 1: 10.

5.2 Gli oli per conservazione interna devono

- proteggere dalla corrosione durante il trasporto ed il magazzinaggio le superfici interne dei motori
bagnate da olio lubrificante anche in caso di alto tenore di umidità e di sale nell’aria,
- essere compatibili con gli oli lubrificanti prescritti per il funzionamento del motore,
- essere innoqui per le guarnizioni da essi bagnate.

5.3 I mezzi di conservazione esterna

devono lasciare una pellicola protettiva idrorepellente dopo l’evaporazione del loro solvente.

5.4 Disidratanti (vedi norma DIN 55 473)


La quantità necessaria di disidratante (p. es. gelo di silice) in TME = unità di disidratante, risulta dalla
misura della superficie dello strato di blocco, p. es. dalla misura della foglia utilizzata e dalla durata
di protezione necessaria. Per ogni m2 di strato di blocco sono necessarie 6 TME per un periodo di 6
mesi, 10 TME per un periodo di protezione di 2 anni. I sacchetti di disidratante depositati nella nostra
casa madre contengono 8 TME. Gli disidratanti possono essere acquistati ad esempio anche dalla
ditta Wefa-Vertrieb, 8021 Neuewied b. MŸnchen.

Deutz AG
Pagina vacante
Segmento: 7

Disfunzione, cause e remedi Pagina: 7-0-01

Tipo del motore: S/BVM 628

7 Disfunzioni di esercizio
7.1 Riassunto delle disfunzioni

Pagina

Il motore non parte 7-0-02

Il motore parte all’avviamento, ma non si accende 7-0-03


o si ferma dopo pochi giri 7-0-05

Il motore non raggiunge la potenza prevista 7-0-04

Il motore batte, funzionamento duro del motore 7-0-05

La potenza o il numero di giri cade

Il regolatore segue i cambiamenti di carico solo


lentamente o in modo fluttuante
7-0-06
Il motore raggiunge numeri di giri troppo elevati

Non risulta poss. disinserire il mot. agendo sulla leva di marcia

La press. dell’olio lubrifi. scende e viene a mancare del tutto

La temperatura dell’olio lubrificante sale 7-0-07

Forte fuoriuscita di vapori d’olio dall’incastellatura

Acqua nell’olio lubrificante

Pressione dell’aria di alimentazione troppo bassa

Pressione dell’aria di alimentazione troppo elevata 7-0-08

Temperatura dell’aria di alimentazione troppo elevata

La pressione nel serbatoio dell’aria compressa cade

La tubazione dell’aria di avviamento diviene troppo calda


7-0-09
Il liquido refrigerante diviene troppo caldo

Colorazione nera del gas di scarico 7-0-10

Combustione: colorazione blu del gas di scarico


7-0-11
colorazione bianca del gas di scar.

Contr. della camera dell’azion., scatta l’allarme secondario 7-0-12


Segmento: 7

Pagina: 7-0-02 Disfunzione, cause e remedi


Tipo del motore: S/BVM 628

7.2 Avvertenze generali


Qualora dovessero risultare irregolarità all’avviamento o durante il funzionamento occorre appurare
immediatamente la disfunzione eliminandola. Solo successivamente a ciò si può rimettere in
funzione il motore.
Per lavori svolti nella camera del meccanismo motore vanno osservate dapprima le prescrizioni di
sicurezza secondo la scheda di lavoro 02.00.01.
L’elencazione riportata qui di seguito contiene disfunzioni che possono verificarsi in caso di
operazione e manutenzione non appropriate.
L’elencazione rappresenta un riassunto delle disfunzioni più frequenti e non pretende di essere
completa.

7.3 Tabella delle disfunzioni con istruzioni per il rimedio

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Il motore La pressione dell’aria Riempire il serbatoio dell’


non parte di avviam. è troppo bassa aria compressa a 30 bar

Manca il gioco della valvola *) Impostare il gioco della 01.01.01


tra il gambo della valvola valvola
e il bilanciere

Le valvole di alimentazion Controllare le valvole 01.07.01


o di scarico *) e rismerigliarle
perdono in caso di necessità

La valvola di alimentazione Ripristinare il funzionamento


o di scarico è bloccata *) della valvola facendo uso
di una miscela 01.05.01
del 50 % di gasolio e del
50 % di olio lubrificante
controllare le molle delle
valvole

La saracinesca del distri- Riparare 10.02.01


butore dell’aria di regolazio. il distributore dell’aria di
di avviamento è bloccata *) regolazione

La valvola di avviamento è Manutenzionare la valvola


bloccata di avviamento 10.03.01

Il filtro è stato rimosso Smontare il setaccio 10.03.91


dalla valvola di avviamento
dopo le prime 250 ore di
servizio

*) Questa disfunzione Le valvole di avviamento e *) Controllare le valvole di 01.11.01


può essere causata da di sicurezza ovvero avviamento e di uno sicurezz
uno o più cilindri le tubazioni dell’aria di smerigliandole in caso di
comando non sono necessità. Ermetizzare le
ermetiche tubazioni dell’aria di
regolazione.
Segmento: 7

Disfunzione, cause e remedi Pagina: 7-0-03

Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Il pressostato dell’olio Controllare il pressostato 11.01.02


lubrificante è difettoso o dell’olio lubrificante,
sregolato in modo tale che reimpostarlo o sostituirlo in
la valvola elettromagnetica caso di necessità.
blocca l’operazione di
avviamento.

Danni del dispositivo Controllare il dispositivo 01.12.01


di sicurezza nella tubazione di sicurezza (piastra elastica
dell’aria di avviamento o valvola di sicurezza)
riparare in caso di necessità

Il motore parte Non vi è carburante Aprire il rubinetto del carbu- 07.10.01


all’avviamento rante Inserire la pompa di
ma non si accende alimentazione,
o si ferma riempire il serbatoio giornali.,
dopo pochi depurare eventualmente le
giri tubazioni ed i filtri,
sfiatare il sistema 07.03.02

Se vi è aria Controllare l’eventuale pre- 07.03.02


nelle tubazioni senza- di punti di perdita d.
del carburante tubazioni a bassa pressione
del carburante
Sfiatare le tubazioni
del carburante

Se vi è acqua nel serbatoio, nel filtro e 07.10.01


nel carburante Eliminare l’acqua dalle
tubazioni e depurarle.
Introdurre nuovo carburante
sfiatare il sistema 07.03.02

Se è stato carbonato Utilizzare carburante Capoverso 6.3


carburante scadente appropriato

Se si è raffreddato Preriscaldare il serbatoio Capoverso


olio pesante giornaliero ed il filtro 4.1.1
del carburante.
Aprire la tubazione bypass
per il preriscaldamento de
filtro del carburante montato
sul motore e richiuderla una
volta raggiunta la temperat.
di circa 50 °C nel filtro.
Segmento: 7

Pagina: 7-0-04 Disfunzione, cause e remedi


Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Stasare il sistema Capoverso 6.3


a bassa press. del carburan.
delle pompe, delle tubazioni
e delle valvole d’iniezione.

Se il liquido del motore Inserire il dispositivo di Capoverso


è sufficientemente preriscaldamento del 4.1.1
preriscaldato liquido refrigerante

Se la pompa d’iniezione Controllare la pompa 07.01.01


funziona difettosamente d’iniezione, sostituire
eventualmente l’element
difettoso della pompa 07.02.01

Controllare la valvola
d’iniezione 07.08.01

Se le valvole di alimentazione Controllare le molle delle


o di scarico sono bloccate o valvole Ripristinare il regol.
se non sono ermetiche funzionamento delle valvole
(nessuna compressione) con una miscela del 50 %
Controllare eventuali errori di gasolio e del 50 % di olio
di coassialità del gambo lubrificante.
delle valvole.
Rismerigliare eventualmente
le valvole 01.07.01

Se la compressione Smontare lo stantuffo 02.10.01


è troppo bassa e pulirlo, sostituire gli anelli
gli anelli dello stantuffo
sono a posto

Se è bloccata la tiranteria di Ripristinare la funzionalità 05.04.14


regolazione a monte della della tiranteria 07.01.01
pompa d’iniezione o l’ag
del regolatore.

Viene raggiunto Controllo di eventuali


il numero di giri danni meccanici (stantuffo,
grippaggio cuscinetto ecc. )

Il motore non La compressione è troppo Sostituire gli anelli elastici 02.10.01


raggiunge la bassa. Sono danneggiati
potenza dovuta gli anelli elastici

Le valvole di alimentazione Smerigliare le valvole 01.07.01


e di scarico sono difettose

Gli iniettori sono incrostati. Depurare gli iniettori, 07.08.01


sono Controllare gli aghi eventualmente
degli iniettori., grippati sostituire l’elemento degli
iniettori
Segmento: 7

Disfunzione, cause e remedi Pagina: 7-0-05

Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

L’elemento pompa della Sostituire l’elemento 07.02.01


pompa d’iniezione è grippato pompa

Poma di alimentazione del Sostituire la pompa 07.11.01


carburante difettosa

La pressione dell’aria di Depurare il turbocompress. 06.12.01


alimentazione è troppo a gas di scarico, il lato 06.03.11
bassa compressore, il filtro dell’ 06.04.02
aria e il refrigeratore dell’
aria di alimentazione. Eli
minare le perdite di aria e
di gas

Vi è aria nel sistema di Sfiatare il sistema del 07.03.02


iniezione carburante

Riduzione del rendimento Fare controllare da


dovuta ad un specialista della Deutz
bloccaggio del riempimento
nel regolatore in funzione del
numero di giri del motore,
della pressione di
alimentazione ecc.

La tubazione d’iniezione Sostituire la tubazione 07.03.03


è contratta nella zona d’iniezione
del raccordo a vite

Il motore Grippatura o Disinserire immediatamente


batte, danneggiamento dello il motore Nuovo rodaggio 03.02.01
funzionamento duro stantuffo delle camicie Controllare il 02.10.01
del motore meccanismo motore del Capoverso 4.6
cilindro e del motore

Grippatura del cuscinetto Fare controllare l’albero a


gomiti da uno specialista
della Deutz per appurare
eventuali incrinature da
incendio

Il gioco del cuscinetto Misurare il gioco 02.03.03


di biella è eccessivo Sostituire il cuscinetto 02.04.01

Le pressioni di accensione Indicare il motore Capoverso 4.5


di tutti i cilindri sono troppo Controllare l’inizio del
elevate trasporto 07.06.01

La pressione di accensione Controllare il sistema 07.06.01


di un cilindro è troppo d’iniezione del cilindro 07.08.01
elevata interessato
Segmento: 7

Pagina: 7-0-06 Disfunzione, cause e remedi


Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Un cilindro è Controllare la 07.01.01


sovraccarico pompa d’iniezione

La temperatura del gas Controllare termoelemento 11.01.05


di scarico è troppo elevata e valvola d’iniezione 07.08.01
Controllare eventuali danni 01.07.01
della valvola di scarico
Sostituire l’elemento della 07.02.01
pompa d’iniezione

Motore sovraccarico Ridurre il carico del motore

La valvola d’inizione non Controllare le 07.08.01


funziona correttamente valvole d’iniezione

La pressione dell’aria di Turbocompressore a gas di 06.12.01


alimentazione è troppo scarico: pulire il lato del com- 06.03.11
bassa pressore, il filtro dell’aria e il
refrigeratore dell’aria di
alimentazione 06.04.02

Il turbocompressore a gas Riparare ilturbocompressore 06.06.01


di scarico è danneggiato a gas di scarico

Fissaggio del motore Controllare il fissaggio


allentato del motore 03.07.01

Danno nell’azionamento Riparare l’azionamento


della valvola della valvola 04.02.01

La potenza Singoli cilindri non Vedi capoverso: “Il motore


o il numero di si accendono parte all’accensione, ma Pagina
giri cade non si accende, …” 7-0-03

Singoli cilindri o tutti i Vedi a:


cilindri presentano una “Combustione non buona” Pagina
combustione non buona 7-0-10

Grippatura di uno stantuffo Vedi a: Pagina


o di un cuscinetto “Motore batte” 7-0-05

Il motore è sovraccarico Ridurre il carico del motore

La pressione dell’aria di Turbocompressore a gas di


alimentazione è troppo scarico: pulire il lato 06.12.01
bassa / alta del compressore, 06.03.11

pulire il filtro dell’aria ed il 06.04.02


refrigeratore dell’aria di
alimentazione
Segmento: 7

Disfunzione, cause e remedi Pagina: 7-0-07

Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Il turbocompressore a gas di Riparare il turbocompressore 06.06.01


scarico è danneggiato a gas di scarico

Il filtro del carburante Pulire il iltro


è sporco del carburante 07.10.01

Il regolatore e la tiranteria del Controllare il regolatore e la 05.04.14


regolatore non funzionano tiranteria del regolatore
perfettamente 07.01.01

Il regolatore La tiranteria del regolatore Rendere funzionale 05.04.14


segue i cambi e della pompa d’iniezione la tiranteria 07.0.01
di carico solo blocca
lentamente o in
modo oscillante

Il motore raggiunge La tiranteria del regolatore Rendere funzionale la 05.04.14


numeri di giri è bloccata o impostata tiranteria del regolatore o 07.01.01
troppo elevati in modo errato reimpostarla

Non è possibile Il dispositivo di disinserzione Arrestare il motore 05.00.01


disinserire il motore della pompa d’iniezione premendo il pulsante
agendo sulla leva è impostato non corrett regolatore idraulico, poi
di marcia amente o consumato controllare il disposiitivo di
disinserzione

La pressione dell’olio La riserva di olio nella Rabboccare olio 08.02.01


refrigerante si vasca dell’olio nel serbatoio
abbassa o viene a in posizione elevata o nel
mancare serbatoio incassato è
insufficiente

L’olio lubrificante è troppo Controllare gli iniettori e 07.08.01


diluito o diluizione dell’olio l’accoppiamento di blocco 08.20.01
lubrificante dovuta al dell’olio di perdita
carburante della pompa d’iniezione

Sostituire l’olio lubrificante 08.02.02

Il filtro dell’olio lubrificante Pulire il filtro dell’olio 08.10.01


è sporco lubrificante

Le tubazioni di aspirazione Ermetizzare o pulire


o di mandata perdono le tubazioni
o sono intasate

Il manometro della pressio. Controllare o sostituire


dell’olio è guasto il manometro

La valvola di sicurezza Controllare la valvola di 08.04.01


blocca della pompa dell’ sicurezza
olio lubrificante
Segmento: 7

Pagina: 7-0-08 Disfunzione, cause e remedi


Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

La pompa dell’olio Riparare o sostituire 08.04.01


lubrificante è consumata la pompa dell’olio
lubrificante

La valvola di tenuta della Pulire o rendere funzionale 08.11.01


pressione dell’olio la valvola
lubrificante è sporca o
bloccata

I giochi dei cuscinetti di biella Installare nuovi cuscinetti 02.03.03


e di banco sono eccessivi

La temperatura Il refrigeratore dell’olio Pulire il refrigeratore


dell’olio lubrificante lubrificante è sporco dell’olio lubrificante
aumenta Controllare il regolatore
della temperatura dell’
olio lubrificante

Forte fuoriuscita del I segmenti elastici Smontare lo stantuffo e


vapore d’olio sono bruciati o manutenzionare o
dall’incastellatura danneggiati. Giungono sostituire i segmenti elastici 02.10.01
gas di combustione
all’incastellatura
che fuoriescono poi
visibilmente allo sfiato
del vano della manovella

Acqua nell’olio L’incastellatura o la testata Controllare le componenti


lubrificante del cilindro presenta
un’incrinatura

Gli anelli circolari di tenuta Smontare la camicia del, 03.04.01


tra la camicia del cilindro cilindro sostituire gli anelli 03.05.01
e l’ncastellatura sono di tenuta circolari
difettosi

Il refrigeratore dell’olio Staccare il refrigeratore


lubrificante perde dell’olio lubrificante
ermetizzare il tubo di
refrigerazione che perde

Il separatore dell’olio Controllare l’impostazione


lubrificante funziona del separatore
con acqua addizionale

Pressione dell’aria Il filtro dell’aria di aspirazione Pulire il filtro dell’aria e il 06.03.11


di alimentazione o il filtro dell’aria di refrigeratore dell’aria di 06.04.02
troppo bassa alimentazione è sporco alimentazione

Risulta perdita Controllare l’ermeticità della 06.02.01


d’aria nella tubazione tubazione dell’aria di
dell’aria di alimentazione alimentazione sostituire le
guarnizioni
Segmento: 7

Disfunzione, cause e remedi Pagina: 7-0-09

Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Fuoriescono gas di Controllare la tubazione del 06.01.01


scarico tra il motore ed il gas di scarico, Controllare
turbocompressore a gas l’ermeticità del compen-
di scarico satore a tubo ondulato

Il lato del compressore del Pulire il lato del 06.12.01


des turbocompressore a compressore
gas di scarico è sporco

La pressione Vi sono disturbi Controllare l’inizio dell’ 07.06.01


dell’aria di alimenta- nella combustione. alimentazione e le valvole 01.07.01
zione è troppo elevata Il lato turbina del di scarico Pulire il lato
turbocompressore a gas turbina Controllare l’anello
di scarico è sporco dell’iniettore

La tempertatura Il refrigeratore dell’aria di Pulire il refrigeratore dell’aria 06.04.02


dell’aria di alimenta- alimentazione è sporco di alimentazione
zione è troppo elevata
La temperatura dell’aria di Proseguire il servizio
aspirazione è troppo elevata a potenza ridotta

Ad una temperatura dell’


aria di aspirazione di oltre
45 °C risulta:
5 °C di aumento della
temperatura 2% di
riduzione della potenza

La quantità di acqua non Controllare la portata di


potabile è insufficiente acqua non potabile pulire
eventualmente il filtro

La temperatura dell’acqua n. Controllare il regolatore


potabile- è troppo elevata dell’aria di alimentazione
Proseguire il servizio a
potenza ridotta

La pressione Valvole del serbatoio dell’ Pulire le valvole, smeri-


nel serbatoio dell’aria aria compressa perdono gliare eventualmente le sedi
compressa cade o sostituire i coni valvola

La tubazione dell’aria Valvole di avviamento Smontare le valvole di 01.11.02


di avviamento si perdono avviamento e smerigliarle
riscalda

Il liquido refrigerante Vi è troppo poco In caso di evaporazione Capoverso 6.4


si surriscalda liquido refrigerante aggiungere acqua dolce, in
nel sistema caso di perdite aggiungere
liquido refrigerante preparato

La portata di acqua non Controllare la portata


potabile è insufficiente di acqua non potabile,
pulire il filtro
Segmento: 7

Pagina: 7-0-10 Disfunzione, cause e remedi


Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Lavori temperatura dell Controllare il regolatore


’acqua della refrigerante
non corretti (regolatore in
circuito HT e NT)

Vi è aria nel sistema Sfiatare il sistema del


del liquido refrigerante liquido refrigerante

Refrigeratori, valvole o Pulire i refrigeratori,


tubazioni di raffreddamento le valvole e le tubazioni
sono sporchi o intasati

La tabella riportata qui di seguito indica cause e rimedi per tre tipi di disfunzioni di esercizio: colorazione
nera, blu e bianca del gas di scarico.

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Combustione La combustione Controllare le valvole 07 . 08 . 01


non buona è incompleta d’iniezione
colorazione
nera del gas La pressione dell’aria di Turbocompressore a gas d 06.03.11
di scarico alimentazione è insufficiente scarico: Pulire il filtro di 06.12.01
aspirazione, lato del del
compressore e della turbina.
Pulire il refrigeratore dell’aria 06.04.02
di alimentazione sul lato
dell’aria. Controllare l’er
meticità delle tubazioni
dell’aria di alimentazione,
sostituire eventualmente
le guarnizioni

Vi sono valvole d’iniezione Riparare le valvole 07 . 08 . 01


difettose d’iniezione

Il motore viene fatto Ridurre il carico


funzionare a numero di giri del motore
ridotto e la tiranteria del
regolatore delle pompe
d’iniezione si trova
sul bloccaggio

Valvole di alimentazione e di Regolare il gioco delle 01.01.01


scarico perdono valvole Controllare
o non chiudono le valvole e smerigliarle 01.07.01
in caso di necessità

Gli iniettori sono incrostati Pulire e controllare 07.08.01


gli iniettori
Segmento: 7

Disfunzione, cause e remedi Pagina: 7-0-11

Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Il momento di iniezione è Regolare l’inizio dell’ 07.06.01


sregolato alimentazione

È stato carbonato carburante Utilizzare carburante adatto Capoverso 6.3


scadente pulire gli ugelli

Il motore è sovraccarico Controllare l’inizio dell’ 07 . 06 .01


(fuoriesce fuliggine dal tubo alimentazione e l’impostazi-
di scappamento) one della tiranteria del 05.04.14
regolatore Capoverso 4.5

Colorazione blu Anelli di separazione dell’olio Sosituire gli anelli 02.10.01


del gas di scarico sono bloccati di separazione dell’olio
(olio lubrificante o consumati.
nel gas di scarico) Ne consegue combustione
di olio lubrificante

Le camicie del cilindro Manutenzionare le 03.02.01


presentano forti striature camicie del cilindro

Colorazione bianca Il carburante non In caso di funzionamento Capoverso 6.3


del gas di scarico si accende con olio pesante: controllare
(carburante o acqua la temperatura dell’olio 07 . 06 . 01
nel gaso di scarico) pesante controllare l’inizio
dell’alimentazione
Valvole d’iniezione Ripararare 07.08.01
sono difettose le valvole d’iniezione

Il motore è troppo Controllare le temperature Capoverso


freddo del liquido refrigerante, 3.3.2
dell’olio lubrificante circolante
e dell’aria di alimentazione.

Vi è acqua Utilizzare carburante Capoverso 6.3


nel carburante adatto.
Controllare le valvole 07.08.01
d’iniezione

Il refrigeratore dell’aria Riparare il refrigeratore 06.04.01


di alimentazione perde dell’aria di alimentazione

Penetra liquido refrigerante Controllare i pezzi 01.08.01


nelle camere di combustione e staccarli, sostituire
eventualmente attraverso in caso di necessità
curva rottadel tubo di
scappamento, attraverso
una testata di cilindro o
attraverso la camicia del
cilindro
Segmento: 7

Pagina: 7-0-12 Disfunzione, cause e remedi


Tipo del motore: S/BVM 628

Disfunzione Interrogazione relativa Istruzione per il rimedio Capoverso n.


constatata alla causa della scheda di
lavoro. (Cap. 8)

Nella sorveglianza Caduta della tensione Controllare la rete elettrica, 11.05.01


della camera di esercizio. Nessun segnale. sostituire eventualmente
dell’azionamento Allarme generale possibile il fusibile
scatta “Allarme
secondario” Lampada Se la luminosità Pulitura delle 11.05.01
“Ready” si spegne. della fonte luminosa superfici delle finestre
Nessun segnale raggiunge più del 50 % del percorso di misura
Allarme principale del valore massimo
possibile mediante il dispositivo di
regolazione automatica della
sensibilità

Mancanza di alimentazione Controllare l’alimentazione


di aria

Coperchio aperto attrezzo Chiudere il coperchio


di misura (p.es. nell’ambito
di una depurazione).

Filtri dell’aria Pulire o sostituire 11.05.01


sporchi i filtri dell’aria

Mancanze di ermeticità Controllare le guarnizioni


dell’apparecchio del coperchio tra l’attrezzo
di misura e la piastra di
montaggio e i soffietti
Segmento: 8

Schemi degli intervalli di manutenzione Pagina: 8-0-01


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

8 Schemi degli intervalli di manutenzione, visione d’insieme delle


schede di lavoro e schede di lavoro
8.1 Disposizione degli schemi degli intervalli di manutenzione
Tutte le armature, tutti gli organi di chiusura e di regolazione dei sistemi dei materiali di esercizio
nonché del sistema dell’aria compressa non indicati nei presenti schemi degli intervalli devono
essere manutenzionati in osservanza delle relative istruzioni del fabbricante.

8.1.1 Primi lavori di manutenzione


8.1.1.1 - Motori in servizio permanente, p. es. motori di navi > 300 ore di servizio / anno
8.1.1.2 - Motori in servizio di attesa, p. es. impianti di corrente di emergenza,
< 300 ore di servizio / anno

8.1.2 Lavori quotidiani di manutenzione


Queste indicazioni si trovano nel capoverso 4.3 nonché nelle istruzioni riassuntive * nel capoverso
“Sorveglianza del funzionamento”.

8.1.3 Lavori periodici di manutenzione per motori in servizio permanente > 300 ore di servizio/
anno, p. es. motori di navi.
- Questo schema è parte integrante delle istruzioni per l’uso riassuntive *

8.1.4 Lavori periodici di manutenzione per motori < 300 ore di servizio/anno, utilizzati esclusivamen-
te o prevalentemente in servizio di attesa, p. es. impianti di corrente di emergenza.

8.2 Visione d’insieme delle schede di lavoro,


ordinate secondo gruppi di manutenzione

8.3 Schede di lavoro,


ordinate secondo gruppi di manutenzione

* Le istruzioni riassuntive sono accluse in allegato alle presenti istruzioni per l’uso.

0795
Segmento: 8
Schemi degli intervalli di manutenzione
Pagina: 8-0-02 e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 8

Schemi degli intervalli di manutenzione Pagina: 8-1-01


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

8.1.1 Primi lavori di manutenzione

Operazi.. Bh 8.1.1.1 Motori in servizio permanente, p. es. N. scheda vedi note


dopo messa motori di navi, > 300 ore di servizio / anno di lavoro in calce
in funzione

Controllo e manutenzione del liquido refrigerante del motore X


1
con additivi a base di olio non minerale

25 Bh Controllo dei giochi delle valvole di alimentazione e di scarico 01.01.01 —


Controllo respirazione braccio di manovella / misurazione 02.02.01 —
del gioco assiale
Depurazione filtro doppio del carburante 07.10.01 —
Manutenzione centrifuga dell’olio lubrificante 08.13.01 —
Controllo apparecchio di sorveglianza camera di azionamento 11.05.01 x

50 Bh Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x


Controllo campioni di olio 08.01.01 —
Manutenzione filtri fini di carta per olio lubrificante 08.10.01 —
Depurazione filtro protettivo a monte della valvola di avviamento 10.03.91 —
Depurazione filtro della stazione di riduzione della pressione 10.06.01 x

100 Bh Cambio olio turbocompressore a gas di scarico 06.05.01 —

125 Bh Controllo liquido motore con olio anticorrosivo — x


secondo capoverso 6.4

250 Bh Controllo campioni di olio 08.01.01 —


Depurazione filtro acqua non potabile — x
Controllo funzionale sistema di avviamento e aria di regolazione 10.01.01 —
Depurazione filtri impurità 10.03.02 —
Smontaggio del filtro protettivo a monte della valvola di 10.03.91 —
avviamento

1000 Bh Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x

2000 Bh Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x

3000 Bh Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x

4000 Bh Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x

x A seconda della versione del motore

x1 A seconda della versione del motore e degli additivi (intervallo secondo capoverso 6.4,
registrare nello schema degli intervalli)

0795
Segmento: 8

Pagina: 8-1-02 Schemi degli intervalli di manutenzione


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

Operazi.. Bh 8.1.1.2 Motori in servizio permanente, p. es. N. scheda vedi note


dopo messa motori di navi, > 300 ore di servizio / anno di lavoro in calce
in funzione

Controllo e manutenzione del liquido refrigerante del motore X


1
con additivi a base di olio non minerale

50 Bh Controllo dei giochi delle valvole di alimentazione e di scarico 01.01.01 —


Controllo respirazione braccio di manovella / misurazione 02.02.01 —
del gioco assiale
Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x
Depurazione filtro doppio del carburante 07.10.01 —
Manutenzione centrifuga dell’olio lubrificante 08.13.01 —
Controllo campioni di olio 08.01.01 —
Manutenzione filtri fini di carta per olio lubrificante 08.10.01 —
Depurazione filtro protettivo a monte della valvola di avviamento 10.03.91 —
Depurazione filtro della stazione di riduzione della pressione 10.06.01 x
Controllo apparecchio di sorveglianza camera di azionamento 11.05.01 x

1 anno Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x

2 anno Controllo orientamento del motore e supporto elastico 03.07.01 x

x A seconda della versione del motore

x1 A seconda della versione del motore e degli additivi (intervallo secondo capoverso 6.4,
registrare nello schema degli intervalli)

0795
Segmento: 8

Schemi degli intervalli di manutenzione Pagina: 8-1-03


e schede di lavoro
Tipo del motore:S/BVM 628

8.1.2 Lavori quotidiani di manutenzione, vedi capoverso 4.3

8.1.3 Lavori periodici di manutenzione per motori in servizio permanente > 300 ore di servizio/anno,
p. es. motori di navi .
Tutte le armature, tutti gli organi di chiusura e di regolazione dei sistemi dei materiali di esercizio nonché del
sistema dell’aria compressa non indicati nei presenti schemi degli intervalli devono essere manutenzionati
in osservanza delle relative istruzioni del fabbricante

N. Lavori periodici di manutenzione N. scheda vedi


corr. di lavoro note in calce

Controllo e manutenzione del liquido refrigerante del motore X1


con additivi a base di olio non minerale

1 Intervallo: ogni 250 ore di servizio del motore


Controllo dispositivo di rotazione delle valvole 01.03.01
Depurazione della turbina del turbocompressore a gas di scarico
(a seconda della qualità del carburante) 06.13.01 M1 / M2 / M3
Manutenzione della centrifuga dell’olio lubrificante 08.13.01
Manutenzione della barriera luminosa dell’apparecchio di
sorveglianza della camera di azionamento 11.05.01 X
Controllo della pompa centrifuga del liquido refrigerante 09.07.01 X

2 Intervallo: ogni 500 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1
Depurazione filtro doppio del carburante 07.10.01 X
Depurazione filtro della stazione di riduzione della pressione 10.06.01 X

3 Intervallo: ogni 750 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1
Controllo e manutenzione del liquido refrigerante del X
motore con olio anticorrosivo secondo capoverso 6.4

4 Intervallo: ogni 1000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 e 2
Controllo dei giochi delle valvole di alimentazione e di scarico 01.01.01 M3
Controllo camera di combustione 01.05.04 M3
Cambio dell’olio del turbocompressore a gas di scarico 06.05.01
Controllo delle valvole d’iniezione 07.08.01 M3
Depurazione dei filtri impurità 10.03.02
Controllo apparecchio di sorveglianza camera di azionamento 11.05.01 X

5 Intervallo: ogni 1500 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 3
Controllo dei giochi delle valvole di alimentazione e di scarico 01.01.01 D / M1 / M2
Controllo della camera di combustione 01.05.04 M1 / M2
Controllo delle valvole d’iniezione 07.08.01 M1 / M2
Controllo dei campioni d’olio 08.01.01
Manutenzione filtri fini di carta per olio lubrificante 08.10.01 M1 / M2 / M3
Controllo dei termostati dell’olio, dell’acqua e dell’aria 11.01.01
Controllo dei pressostati dell’olio, dell’acqua e dell’aria 11.01.02
Controllo dei flussometri 11.01.03 X
Controllo protezione da survelocità 11.03.01
Controllo interruttore a galleggiante per livello dell’olio lubrificante 11.07.01 X
Controllo interruttore di manutenzione per filtro lamellare metallico
per l’olio lubrificante 11.08.01 X

0394
Segmento: 8

Pagina: 8-1-04 Schemi degli intervalli di manutenzione


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori periodici di manutenzione N. scheda vedi


corr. di lavoro note in calce

6 Intervallo: ogni 3000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 5
Controllo della camera di combustione 01.05.04 D
Manutenzione testata del cilindro 01.08.01 M3
Controllo respirazione braccio di manovella /
misurazione del gioco assiale 02.02.01
Controllo bulloni di fondazione 03.07.01
Cambio dell’olio regolatore idraulico 05.03.11 X
Controllo tiranteria del regolatore della pompa d’iniezione 07.01.01
Controllo delle valvole d’iniezione 07.08.01 D
Riparazione delle valvole d’iniezione 07.09.01 M3
Manutenzione filtri fini di carta per olio lubrificante 08.10.01 D
Controllo portata della lubrificazione della sede della valvola 08.14.01
Depurazione filtro fine olio lubrificante (blocco olio di perdita) 08.20.02

7 Intervallo: ogni 4500 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1, 2 , 3 e 5
Manutenzione testata del cilindro 01.08.01 M1 / M2
Riparazione delle valvole d’iniezione 07.09.01 M1 / M2

8 Intervallo: ogni 6000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 6
Controllo del meccanismo motore 02.01.01
Controllo stantuffo 02.10.01 M3
Controllo tiranteria del regolatore 05.04.15 X2
Controllo sistema dell’aria di alimentazione 06.02.01 M3
Depurazione refrigeratore aria di alimentazione, lato aria 06.04.02
Riparazione valvole d’iniezione 07.09.01 D
Controllo del funzionamento del sistema dell’aria di
avviamento e di regolazione 10.01.01
Controllo smorzatore vibrazioni torsionali di gomma 12.01.02 X

9 Intervallo: ogni 8000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1, 2 e 4
Manutenzione del turbocompressore del gas di scarico 06.06.01

10 Intervallo: ogni 9000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 7
Controllo dello stantuffo 02.10.01 M1 / M2
Controllo sistema dell’aria di alimentazione 06.02.01 M1 / M2

11 Intervallo: ogni 12000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 6 e 8
Manutenzione testata del cilindro 01.08.01 D
Controllo stantuffo 02.10.01 D
Controllo rotismo 04.08.01
Controllo azionamento idraulico regolatore numero di giri 05.04.01 X
Manutenzione elemento telescopico 05.04.15 X
Controllo sistema dell’aria di alimentazione 06.02.01 D
Manutenzione valvola di avviamento 10.03.01

0996
Segmento: 8

Schemi degli intervalli di manutenzione Pagina: 8-1-05


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Lavori periodici di manutenzione N. scheda vedi


corr. di lavoro note in calce

12 Intervallo: ogni 15000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 6
Controllo cuscinetto albero a gomiti 02.04.01 M3
Controllo pompa d’iniezione presso la DEUTZ SERVICE M3
Sostituzione smorzatore vibrazioni torsionali di viscosità 12.01.01 X

13 Intervallo: ogni 18000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 8 e 10
Controllo cuscinetto albero a gomiti 02.04.01 M1 / M2
Controllo pompa d’iniezione presso la DEUTZ SERVICE M1 / M2

14 Intervallo: ogni 24000 ore di servizio del motore


Lavori secondo n. corr. 1 - 6, 8, 9 e 11
Controllo cuscinetto albero a gomiti 02.04.01 D
Controllo bullone, bussola e portata dello stantuffo 02.13.01
Manutenzione camicia del cilindro 03.02.03
Controllo curva del gas di scarico 06.01.03
Controllo cuscinetto albero a camme 04.01.01
Controllo pompa d’iniezione presso la DEUTZ SERVICE D
Manutenzione pompa dell’olio lubrificante 08.04.01
Riparazione filtro lamellare metallico 08.09.01
Riparazione pompa centrifuga del liquido refrigerante 09.07.02 X
Riparazione armature ed organi di regolazione dell’impianto — X4

15 Intervallo: ogni 10 anni


Riparazione smorzatore vibrazioni torsionali di gomma 12.01.02 X

16 In caso di fabbisogno
Riparazione dispositivo di rotazione valvola 01.03.02
Depurazione turbina turbocompressore a gas di scarico 06.13.01 M1 / M2 / M3
Depurazione filtro dell’aria di aspirazione del turbocompressore
a gas di scarico 06.03.11 X
Depurazione refrigeratore aria di alimentazione, lato aria 06.04.02
Manutenzione combinazione filtri olio lubrificante 08.10.01
Riparazione smorzatore vibrazioni torsionali a viscosità 12.01.01 X

X A seconda della versione del motore


X1 A seconda della versione del motore e degli additivi (intervallo secondo capoverso 6.4, registrare nello
schema degli intervalli)
X2 Al più tardi annualmente o dopo un massimo di 500 manovre di avviamento
X3 Al più tardi dopo 2 anni o dopo un massimo di 1000 manovre di avviamento
X4 Vanno osservati gli eventuali intervalli più brevi previsti dai fabbricanti delle componenti estranee.
D Per servizio con carburante distillato, capoverso 6.3
M1 Per servizio con carburante misto, British Standard / Class B2, capoverso 6.3
M2 Per servizio con carburante misto, British Standard MA 100 / Class M3, CIMAC A10 / B10 / E25,
capoverso 6.3
M3 Per servizio con carburante misto, CIMAC C10 / D15, capoverso 6.3

Aumento o riduzione degli intervalli

I lavori di controllo riportati nello schema degli intervalli di manutenzione vanno eseguiti in osservanza
delle scadenze indicate, ma a seguito dei controlli effettuati può risultare un aumento o una riduzione degli
intervalli previsti conseguentemente alle condizioni di esercizio locali. Lo schema degli intervalli di
manutenzione comprende un riassunto di tutti i lavori di controllo, di manutenzione e di riparazione e fa
riferimento ai singoli capitoli ed alle singole schede di lavoro del capitolo 8.

0494
Segmento: 8
Schemi degli intervalli di manutenzione
Pagina: 8-1-06 e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 8

Schemi degli intervalli di manutenzione Pagina: 8-1-07


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

8.1.4 Lavori di manutenzione periodici per motori < 300 ore di servizio/anno, operanti esclusivamente o
prevalentemente in servizio di attesa (requisito minimo KHD).
Inoltre esistono ampie normative nazionali ed internazionali le quali possono essere anch’esse applicate a
meno che non limitino le istruzioni qui riportate.
Tutte le armature e tutti gli organi di chiusura e di regolazione dei sistemi dei materiali di esercizio nonché
del sistema dell’aria compressa vanno manutenzionati in osservanza delle istruzioni del relativo fabbrican-
te.

N. Intervallo: Motore Della scheda


corr.: Lavoro: al servicio ? di lavoro
Capoverso:

1 Intervallo: giornaliero
Controllo: pressione dell’aria di avviamento sì
scarico del liquido dai filtri delle impurità 10.03.02

2 Intervallo: settimanale
Lavori secondo il n. corr. 1
Controllo: livello dell’olio lubrificante circolante sì 08.02.01
Controllo: livello di carburante nel serbatoio giornaliero
Controllo: livello del liquido refrigerante nel serbatoio di
compensazione
Manutenzione: scarico del liquido dal serbatoio dell’aria compressa
Manutenzione: Svuotamento del serbatoio del carburante di perdita
Controllo: ermeticità del motore e delle tubazioni
dei mezzi d’esercizio

3 Intervallo: trimestrale
Lavori secondo il n. corr. 1 e 2
Corsa di prova di 1/2 ore con il massimo carico possibile sì vedi
(almeno carico del 25%) capoverso 4

Controllo: dati di esercizio, pressioni, Temperature


ecc. secondo la documentazione di collaudo
- dopo il raggiungimento dello stato di inerzia
circa 1/2 ora di servizio dopo l’avviamento
- prima dell’arresto del motore
Controllo: uscita turbina turbocompressore a gas di scarico
Controllo: sistema dell’olio lubrificante 08.02.02
Manutenzione: azionare il filtro lamellare metallico dell’olio lubrificante 08.09.01
Controllo: termostato 11.01.01
Controllo: pressostato 11.01.02

4 Intervallo: semestrale
Lavori secondo il n. corr. 1 - 3
Controllo composizione del liquido refrigerante sì vedi
capoverso
6.4

0394
Segmento: 8

Pagina: 8-1-08 Schemi degli intervalli di manutenzione


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Intervallo: Motore Della scheda


corr.: Lavoro: al servicio ? di lavoro
Capoverso:

5 Intervallo: annuale
Lavori secondo n. corr. 1 - 4
Controllo: giochi delle valvole di alimentazione e di scarico no 01.01.01
Controllo: camera dell’azionamento 02.01.01
Controllo: supporto del motore (fondazione) 03.07.01
Controllo: tiranteria del regolatore x1 05.04.01
Depurazione: filtro dell’aria 06.03.01
per filtro dell’aria in bagno d’olio o a secco a
seconda del grado di impurità
Controllo: tiranteria del regolatore 07.01.01
Controllo: valvola d’iniezione del carburante 07.08.01
Depurazione: filtro del carburante 07.10.01
Controllo: combinazione di filtri dell’olio lubrificante 08.10.01
sostituzione delle cartucce e depurazione
della combinazione di filtri
Depurazione: filtro lamellare metallico 08.09.01
Controllo: cambio dell’olio lubrificante
- motore 08.02.02
- regolatore idraulico del numero di giri 05.03.11
- turbocompressore a gas di scarico 06.05.01
Controllo: dispositivo di protezione da survelocità 11.03.01
Controllo: interruttore a galleggiante per il livello dell’olio
lubrificante 11.07.01

6 Intervallo: dopo 2 anni


Lavori secondo n. corr. 1 - 5
Manutenzione: elemento telescopico x2 no 05.04.15

7 Intervallo: dopo 4 anni


Lavori secondo n. corr. 1 - 6
Manutenzione: testata del cilindro no 01.08.01
Controllo: stantuffo 02.10.01
Controllo: cuscinetto di biella 02.04.01
Manutenzione: camicia del cilindro 03.02.01
Manutenzione: depurazione del refrigeratore dell’aria di alimentazione 06.04.02
Manutenzione: sostituzione degl inserti dei filtri lamellari metallici 08.09.01
Manutenzione: distributore dell’aria di regolazione di avviamento 10.02.01
Manutenzione: valvola di avviamento 10.03.01
Manutenzione: filtro delle impurità 10.03.02
Sostituzione: pressostato 11.01.02
Riparazione: posto di manovra
sostituzione di:
- valvole elettromagnetiche, di riduzinoe della
pressione, di distribuzione
- manutenzione filtro alta pressione

0696
Segmento: 8

Schemi degli intervalli di manutenzione Pagina: 8-1-09


e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

N. Intervallo: Motore Della scheda


corr.: Lavoro: al servicio ? di lavoro
Capoverso:

8 Intervallo: dopo 7 - 8 anni


Controllo: cuscinetto di banco (2 unità) 02.04.01
controllo visivo camme e rulli 04.02.01
controllo visivo rotismo 04.08.01
Manutenzione: turbocompressore a gas di scarico no 06.06.01
sostituzione termostato 11.01.01
sostituzione termoelementi
(impianto di misurazione della temperatura del gas di scarico) 11.01.04

Una volta scaduto questo periodio di esercizio occorre fare intervenire


uno specialista KHD per la determinazione dell’ulteriore ciclo di
manutenzione.

Per gli impianti a corrente di emergenza valgono elevati requisiti in materia di affidabilità. Per potere
soddisfare queste esigenze vanno prese le misure riportate qui di seguito, tra l’altro per evitare “Disfunzioni
precoci”:

● La messa in funzione deve essere eseguita da un ingegnere specificamente addestrato dalla KHD che
sorveglia il preriscaldamento, la prelubrificazione ed il dispositivo automatico di avviamento durante il
ciclo di messa in funzione, controlla gli apparecchi di indicazione, di allarme e di disinserzione ed effettua
le correzioni risultanti eventualmente necessarie.

● Vanno osservate le istruzioni per l’uso del fabbricante del motore per quanto riguarda l’acqua di
raffreddamento, il carburante e l’olio lubrificante.

● Osservare le istruzioni per l’uso del motore, capitolo 4.

● I motori vanno manutenzionati secondo lo schema degli intervalli di manutenzione e vanno eseguite
regolarmente le corse di prova previste. Nel caso in cui i periodi di servizio dovessero risultare nettamente
superiori alle 300 ore/anno la manutenzione va eseguita secondo quanto riportato al capoverso 8.1.3.

● I periodi di funzionamento a vuoto ininterrotti non devono oltrepassare le 24 ore.

In linea di massima dopo un periodo di funzionamento a vuoto prolungato l’impianto deve essere fatto
funzionare per almeno mezz’ora con un carico minimo del 50 % onde eliminare mediante combustione
eventuali residui di incrostazione che possono formarsi nella camera di combustione, sulle valvole nonché
nel sistema del gas di scarico durante il periodo di funzionamento a vuoto.

x1 Al più tardi dopo un massimo di 500 manovre di avviamento


x2 Al più tardi dopo un massimo di 1000 manovre di avviamento

0486
Segmento: 8
Schemi degli intervalli di manutenzione
Pagina: 8-1-10 e schede di lavoro
Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
Segmento: 8

Visione d’insieme delle schede di lavoro Pagina: 8-2-01

Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

01.00.00 TESTATA DEL CILINDRO

11 01.01.01 Giochi delle valvole di alimentazione e


di scarico ●

11 01.02.02 Smontaggio e montaggio bilanciere ●

11 01.02.03 Supporto bilanciere ● ●

08 01.03.01 Controllo dispositivo di rotazione delle ●


valvole

08 01.03.02 Dispositivo di rotazione delle valvole ●

08 01.04.01 Smontaggio testata del cilindro ●

08 01.05.01 Smontaggio e montaggio delle valvole di ●


alimentazione e di scarico

08 01.05.04 Controllo della camera di combustione ●


mediante endoscopio

08 01.05.05 Smontaggio e montaggio della molla di ●


compressione delle valvole di
alimentazione e di scarico

08 01.06.01 Gioco dei guidavalvola ● ●

08 01.07.01 Anello riportato della valvola e cono valvola ● ● ●

08 01.08.01 Testata del cilindro ●

08 01.09.01 Applicazione testata del cilindro ●

31 01.11.01 Valvola di avviamento ●

31 01.11.02 Valvola di avviamento ●

31 01.12.01 Valvola di sicurezza ●

08 01.13.01 Anello riportato della valvola ●

0185
Segmento: 8

Pagina: 8-2-02 Visione d’insieme delle schede di lavoro


Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

02.00.00 MECCANISMO MOTORE

01 02.00.01 Prescrizioni di sicurezza ●

05 02.01.01 Meccanismo motore ●

05 02.02.01 Respirazione bracci manovella ●

06 02.03.02 Inclinazione gusci albero a gomiti e



albero cuscinetto di biella

06 02.03.03 Gioco albero a gomiti e cuscinetto di biella ●

02 02.04.01 Valutazione di gusci di cuscinetto utilizzati ●

06 02.05.01 Smontaggio cuscinetto di biella ●

06 02.06.01 Montaggio cuscinetto di biella ●

02 02.07.01 Smontaggio cuscinetto di biella ●

02 02.08.01 Montaggio cuscinetto di biella ●

07 02.09.01 Smontaggio stantuffo ●

07 02.10.01 Stantuffo ● ●

07 02.10.02 Scanalatura segmento elastico stantuffo ●

07 02.10.04 Stantuffo ●

07 02.11.01 Scanalatura anello elastico per anelli ●


elastici di misura maggiorata
07 02.12.01 Smontaggio e montaggio perno stantuffo ●

07 02.13.01 Bussola perno stantuffo ●

07 02.14.01 Installazione stantuffo ●

07 02.15.01 Ugello olio refrigerante stantuffo ●

49 02.16.02 Riempimento e sfiato del



dispositivo idraulico di serraggio

63 02.17.01 Giunto elastico (giunto vulcanizzato) ●

0785
Segmento: 8

Visione d’insieme delle schede di lavoro Pagina: 8-2-03

Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

03.00.00 INCASTELLATURA

01 03.01.01 Valvola di scarico dell’incastellatura ● ●

04 03.02.01 Camicia del cilindro ●

04 03.02.03 Camicia del cilindro ● ●

04 03.03.01 Camicia del cilindro ●

04 03.04.01 Smontaggio camicia del cilindro ●

04 03.05.01 Smontaggio camicia del cilindro ●

04 03.06.01 Irruvidimento camicia del cilindro ●

46 03.07.01 Bulloni di fondazione ●

46 03.08.01 Riparazione del meccanismo motore di



motori supportati elasticamente

04.00.00 COMANDO MOTORE

10 04.01.01 Posizione dell’albero a camme ● ●

11 04.02.01 Azionamento valvole inferiore ●

09 04.04.01 Smontaggio e montaggio ruote dentate ●

10 04.05.01 Smontaggio albero a camme ●

10 04.06.01 Montaggio albero a camme ●

10 04.06.02 Tempi di comando valvola ●

09 04.08.01 Rotismo ●

05 04.09.01 Smontaggio e montaggio volano ●

05 04.11.01 Smonta. e mont. ruota dent. albero a gomiti ●

14 04.13.01 Smontaggio e montaggio ruota intermedia



cassa pompa

14 04.14.01 Smontaggio e montaggio cassa pompa ●

05 04.16.01 Smonta. e monta. flangia di accoppiamento ●

49 04.16.02 Riempimento della pompa dell’olio ●

0983
Segmento: 8

Pagina: 8-2-04 Visione d’insieme delle schede di lavoro


Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

05.00.00 REGOLAZIONE DEL NUMERO DI GIRI

27 05.00.01 Prescrizioni di sicurezza regolazione


numero di giri

27 05.03.11 Cambio olio regolatore idraulico ●

27 05.03.12 Impostazione regolatore idraulico ●

27 05.03.13 Imposta. trasduttore num. di giri elettromag. ●

27 05.03.14 Regolatore idraulico ed elettronico ● ●

27 05.04.01 Azionamento regolatore idraulico ●

29 05.04.14 Impostazione tiranteria del regolatore ●

29 05.04.15 Manutenzione tiranteria del regolatore ● ● ●

0486
Segmento: 8

Visione d’insieme delle schede di lavoro Pagina: 8-2-05

Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

06.00.00 IMPIANTO GAS DI SCARICO / SOVRALIMENTAZIONE

41 06.01.01 Tubazione di raccolta del gas di scarico ●

87 06.02.01 Sistema dell’aria di alimentazione ●

87 06.03.11 Filtro dell’aria di aspirazione ●

58 06.04.01 Refrigeratore dell’aria di alimentazione ●

58 06.04.02 Refrigeratore dell’aria di aliment. (lato aria) ●

43 06.05.01 Cambio dell’olio turbocomp. gas di scarico ●

43 06.06.01 Turbocompressore gas di scarico ● ●

43 06.12.01 Compressore turbocomp. gas di scarico ●

43 06.13.01 Turbina turbocompressore gas di scarico ●

43 06.13.02 Ugelli di sciacquo ●

43 06.13.03 Ugelli di sciacquo ●

0885
Segmento: 8

Pagina: 8-2-06 Visione d’insieme delle schede di lavoro


Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

07.00.00 SISTEMA DEL CARBURANTE

17 07.00.01 Prescrizioni sistema del carburante

17 07.01.01 Asta del regol., disinserzi. eleme. di innesto ●

17 07.02.01 Smontaggio e montaggio elementi di innesto ●

17 07.02.02 Impostazione della corsa a vuoto ●

17 07.02.03 Smontaggio e montaggio asta del regolat. ●

17 07.02.04 Ermetizzazione elementi ●

17 07. 02. 05 Impostazione di alimentazione uguale ●

17 07.02.06 Smontaggio e montaggio punteria ●

17 07.02.07 Pres. di accensione e temp. gas di scarico ●

21 07.03.01 Tubazione di iniezione ●

17 07.03.02 Sfiato del sistema del carburante ●

21 07.03.03 Tubazione di iniezione ●

17 07.04.01 Smontaggio e montaggio pompa d’iniezione ●

17 07.05.01 Smontaggio e montaggio albero a camme



pompa d’iniezione

17 07.06.01 Impostazione inizio di alimentazione

19 07.07.01 Smontaggio e montaggio valvola d’iniezione ●

19 07.08.01 Valvola d’iniezione ●

19 07.09.01 Valvola d’iniezione ●

20 07.10.01 Filtro doppio del carburante ●

1284
Segmento: 8

Visione d’insieme delle schede di lavoro Pagina: 8-2-07

Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

08.00.00 SISTEMA OLIO LUBRIFICANTE /


SISTEMA BLOCCO OLIO DI PERDITA

16 08.00.01 Prescrizioni sistema olio lubrificante

15 08.01.01 Prelievo campioni di olio lubrificante ●

15 08.02.01 Sistema olio lubrificante ●

15 08.02.02 Cambio olio lubrificante motore ●

14 08.04.01 Pompa olio lubrificante ●

15 08.09.01 Filtro lamellare metallico olio lubrificante ●

15 08.10.01 Filtro fine di carta olio lubrificante ●

16 08.11.01 Valvola di manten. della press. olio lubrifi. ●

15 08.13.01 Centrifuga olio lubrificante ●

16 08.14.01 Lubrificazione sede valvola ●

17 08.20.01 Valvo. di sostituzione (blocco olio di perdita) ●

17 08.20.02 Filtro fine olio lub. (blocco olio di perdita) ●

0983
Segmento: 8

Pagina: 8-2-08 Visione d’insieme delle schede di lavoro


Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

09.00.00 SISTEMA LIQUIDO REFRIGERANTE

37 09.00.00 Scarico liquido sistema liquido refrigerante ●

37 09.07.01 Guarnizione an. scorrevole e an. di tenuta



della pompa centrifuga del liq. refrigerante

37 9.07.02 Pompa centrifuga del liquido refrigerante ●

10.00.00 SISTEMA ARIA DI AVVIAMENTO

32 10.01.01 Sistema dell’aria compressa ●

30 10.02.01 Distrib.e dell’aria di regolazi. di avviamento ● ●

32 10.03.01 Valvola di avviamento ●

32 10.03.02 Filtro delle impurità ●

32 10.03.91 Filtro di prot. a monte d. valv. di avviamento ●

32 10.06.01 Stazione di riduzione della pressione ● ●

0185
Segmento: 8

Visione d’insieme delle schede di lavoro Pagina: 8-2-09

Tipo del motore: S/BVM 628

Gruppo N. scheda Indicazioni di intervallo relative allo schema Le schede di lavoro contengono
costrutti. di lavoro di manutenzione. Schema di manutenzione i seguenti lavori:
vedi capoverso 8.1.3 ovvero le istruzioni
per l’uso allegate Controllo

Manutenzione

Riparazione

Lun-
edì

11.00.00 APPARECCHI DI SORVEGLIANZA

48 11.01.01 Termostati per olio, acqua e aria ●

48 11.01.02 Pressostati per olio, acqua e aria ●

48 11.01.03 Flussometri ● ●

51 11.01.04 Smontaggio e montaggio termoelementi ●

51 11.01.05 Termoelementi ●

48 11.03.01 Dispositivo di protezione da survelocità ●

17 11.05.01 Apparecchio di sorveglianza della camera


dell’azionamento ● ●

48 11.06.01 Riconoscimento acqua nella tubazione


dell’aria di alimentazione ●

48 11.07.01 Interruttore a galleggiante ●

48 11.08.01 Interruttore di manutenzione filtro olio


lubrificante ●

12.00.00 SMORZATORE DI VIBRAZIONI TORSIONALI

34 12.01.01 Smontaggio e montaggio ●



Smorzatore di vibrazioni torsionali viscosità

34 12.01.02 Smorzatore di vibrazioni torsio. di gomma ● ●

34 12.01.03 Smontaggio e montaggio -



Smorzatore di vibrazioni torsio. di gomma

1087
Segmento: 8
Visione d’insieme delle schede di lavoro
Pagina: 8-2-10

Tipo del motore: S/BVM 628

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro:
Giochi delle valvole di alimentazione e di scarico 01.01.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-11-10 1065 S/BVM 628

Controllo
Controllare il gioco delle valvole di alimentazione e di
scarico e provvedere eventualmente alla reimposta-
zione. Controllo visivo dell’azionamento superiore
delle valvole.

Utensili:
- Utensili normali,
- Spessimetro

Avvertenza In caso di gioco eccessivo delle


valvole, queste ultime si aprono ad urto in
modo tale che ne può derivare un danneggia-
mento delle camme. In caso di gioco delle
valvole insufficiente, le valvole non chiudono e
vengono distrutte dai gas fuoriuscenti.

Sequenza operativa
Aprire le valvole di indicazione di tutti i cilindri. Svita-
re le viti a testa esagonale (1) e staccare il coperchio
della testata del cilindro (2). Girare l’albero a gomiti in
modo tale che lo stantuffo del cilindro da impostare
si trovi nel punto morto superiore di accensione. Il
rullo della punteria dell’azionamento valvola si trova
sul basamento della camma.
Il gioco della valvola “X” tra l’estremità dello stelo
della valvola e l’elemento di spinta ammonta a moto-
re freddo a 0,2 mm per la valvola di alimentazione ed
a 0,5 mm per la valvola di scarico.

Per l’impostazione del gioco della valvola allentare il


controdado (3), spingere lo spessimetro tra
l’estremità dello stelo della valvola e il tassello di
spinta e impostare il gioco della valvola prescritto
girando la vite di pressione (4) in modo tale che risulti
appena possibile muovere ancora lo spessimetro tra
la sede di perno sferico e lo stelo della valvola. 50 541 1
Tenere la vite di pressione (4) ferma in questa posi-
zione e serrare il controdado (3). Controllare ancora
una volta il gioco della valvola. Prima di appoggiare il
coperchio della testata del cilindro (2) controllare la
guarnizione (7). Sostituire la guarnizione danneggia-
ta. Chiudere le valvole di indicazione.

Avvertenza
Onde facilitare il controllo del gioco delle val-
vole è possibile effettuare l’impostazione della
posizione del punto morto di accensione dello
stantuffo (sono chiuse ambo le valvole) anche
mediante la pompa d’iniezione.

Staccare il coperchio del foro visivo della pompa


d’iniezione. Osservare la molla di pressione
dell’elemento ad innesto per il relativo cilindro. Le
valvole di alimentazione e di scarico sono chiuse e il
gioco delle valvole può essere controllato quando la
molla di pressione inizia a comprimersi girando len-
tamente il motore.

0185
N. della scheda di lavoro:
Giochi delle valvole di alimentazione e di scarico
01.01.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-11-10 1065

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro:
Smontaggio e montaggio del bilanciere 01.02.02
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-11-10 1066 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 01.01.01, 02.00.01

Utensili:
- Utensili d’uso in commercio,
- Spina d’ottone

Sequenza operativa
Osservare le prescrizioni di sicurezza secondo la scheda di lavoro 02.00.01.
Aprire le valvole di posizionamento. Staccare il coperchio della testata del cilindro (1), per fare ciò svitare le viti
a testa esagonale (5). Girare il motore in modo tale che i rulli della punteria dell’azionamento valvole inferiore
dell’unità cilindro interessata vengano a trovarsi sul circuito di base della camma in modo tale che il bilanciere
venga scaricato e le valvole di alimentazione e di scarico siano chiuse.

Smontaggio:
Bilanciere d’uscita con asse del bilanciere
Svitare le viti a testa esagonale (2) e staccare le
rondelle (14). Sollevare il bilanciere (3) con l’asse del
bilanciere (4). Estrarre l’asse del bilanciere dal bilan-
ciere.

Smontaggio:
Bilanciere d’entrata con supporto di bilanciere Svita-
re. Staccare il supporto di bilanciere (6). Spostare i
lati del bilanciere. Il lato dotato dell’intaglio è quello
di spessore maggiore.

Depurazione
Depurare le parti del bilanciere. Soffiare aria com-
pressa attraverso tutti i fori dell’olio nei bilancieri e
nelle viti di pressione e controllare la regolarità del
passaggio. Prima dell’assiemaggio oliare le bussole
e gli assi del bilanciere. Depurare le superfici di
appoggio per il bilanciere sulla testata del cilindro.
Fare attenzione alle bussole di centraggio. Non de-
vono andare perdute o essere danneggiate.
50 542 1
Montaggio:
Bilanciere d’entrata con supporto di bilanciere
Tenere il bilanciere (7) nel supporto di bilanciere (6) e introdurre l’asse del bilanciere (8) nel supporto di
bilanciere (6) facendo uso della spina di ottone. Per l’installazione occorre osservare la posizione dell’intaglio
(9) (vedi illustrazione).
Portare il supporto di bilanciere con il bilanciere sulla testata del cilindro facendo attenzione all’infilamento
delle bussole di centraggio (12). Avvitare le viti con gambo scaricato a testa esagonale (11) con le relative
rondelle (10).

Montaggio:
bilanciere d’uscita con asse del bilanciere
Spingere il bilanciere d’uscita (3) sull’asse del bilanciere (4) e appoggiarla sul supporto del blanciere (6)
facendo attenzione all’infilamento delle bussole di centraggio (13). Avvitare le viti con gambo scaricato a testa
esagonale (2) con le relative rondelle (14).

Serraggio delle viti con gambo scaricato a testa esagonale


Serrare le viti con gambo scaricato a testa esagonale (2) attenendosi alle prescrizioni di serraggio, vedi
indicazioni tecniche, capoverso 3.5, riga 8 e serrare le viti con gambo scaricato a testa esagonale (11)
attenendosi alle prescrizioni di serraggio, vedi indicazioni tecniche, capoverso 3.5, riga 7. Serrare dapprima
le viti con gambo scaricato a testa esagonale (2) e (11) con la coppia di serraggio prevista e serrare
successivamento con l’angolo di serraggio.

0185
Arbeitskarten-Nr.:
Smontaggio e montaggio del bilanciere
01.02.02
Motortyp:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-11-10 1066

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Supporto del bilanciere 01.02.03
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-11-10 1067 S/BVM 628

Controllo
In combinazione con la scheda di lavoro 01.02.02
Misurare il gioco del cuscinetto del bilanciere e sosti-
tuire i gusci del cuscinetto in caso di necessità.

Utensili:
- Utensili normali,
- Spessimetro o calibro a corsoio
- Spina di ottone

Sequenza operativa Smontare il bilanciere secondo


quanto indicato nella scheda di lavoro 01.02.02.
Pulire tutte le componenti. Misurare il gioco radiale
del cuscinetto tra il guscio del bilanciere (2) e l’asse
del bilanciere (3) facendo uso di uno spessimetro
stretto.

Attenzione:
La maggiore usura si verifica nella parte infe-
riore del guscio del bilanciere.

Gioco nel guscio del bilanciere:

Gioco a nuovo Massimo gioco ammissibile

0,041 - 0,115 0,2

Facendo uso di un calibro a corsoio va misurato il


„D“ interno del guscio (2) . e il 0 „d“ esterno ‚ del
perno (3).

Controllare l’eventuale presenza di danni e di usura


sulle superfici di appoggio delle viti di pressione(1) e
del perno sferico (4) nonché \ sulle superfici di avvia-
mento (6) Sostituire le parti in caso di necessità.
51 231 0
Riparazione
In caso di superamento del massimo gioco ammissi-
bile . Jo di altri danneggiamenti va sostituito esclu-
sivamente il guscio (2)
Estrarre il guscio battendo con un apposito perno di
ottone.

Inserire il nuovo guscio con il foro dell’olio rivolto


verso il basso.
Per fare ciò serrare il bilanciere con il guscio in una
morsa a vite e inserire il guscio con cautela.
Non inclinare il guscio. Successivamente a ciò inser-
ire il guscio ulteriormente con cautela nel bilanciere
facendo uso del perno di ottone finché il guscio
viene a trovarsi ad una distanza di 1,5 mm dallo
spigolo (vedi illustrazione).
Spingere il bilanciere sull’asse del bilanciere (3) e
controllare il gioco.
Per la sostituzione del perno sferico (4) occorre
osservare la posizione giusta dell’intaglio (5).
Arbeitskarten-Nr.:
Supporto del bilanciere
01.02.03
Motortyp:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-11-10 1067

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Dispositivo di rotazione della valvola 01.03.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-11-10 1797 S/BVM 628

Controllo
Ogni 250 ore di servizio controllare la rotazione dei
dispositivi di rotazione delle valvole di scarico duran-
te il funzionamento e provvedere alle sostituzioni
risultanti eventualmente necessarie.

Utensili:
- Utensile normale,
- Lampada,
- Orologio

Sequenza operativa:
Svitare la vite di chiusura (1) con l’anello di tenuta
circolare (2), dal coperchio della testata del cilindro
(3). Controllare mediante una lampada se il disposi-
tivo di rotazione della valvola si gira a 7 0 0 / m i n u t i
per un’intera rotazione della valvola visibile sulla
camma (5) Nel caso in cui questo tempo dovesse
risultare superiore a 40 secondi, occorresostituire
alla prossima occasione il dispositivo di rotazione
dato che è prevedibile un prossimo arresto del dis-
positivo di rotazione.
Qualora non dovesse essere invece constatabile
alcuna rotazione sostituire il dispositivo di rotazione
non appena risulta possibile
arrestare il motore.

Riparazione del dispositivo di rotazione vedi scheda


di lavoro 01.03.02. Successivamente al controllo
verificare l’eventuale presenza di danneggiamenti
dell’anello circolare di tenuta (2), provvedendo a
sostituirlo in caso di necessità. Avvitare la vite di
chiusura con l’anello circolare di tenuta nel coper-
chio della testata del cilindro e serrare a forza media.

25 466 1

1083
Arbeitskarten-Nr.:
Dispositivo di rotazione della valvola
01.03.01
Motortyp:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-11-10 1797

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Dispositivo di rotazione delle valvole 01.03.02
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1382 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 01.01.01, 01.02.02, 01.03.01, 01.05.05

Riparazione
Qualora dovesse risultare un difetto di un dispositivo di rotazione secondo „Controllo“ sulla scheda di lavoro
01.03.01 occorre sostituire il relativo dispositivo di rotazione.

Utensili:
- Utensili normali

Sequenza operativa
Smontare il bilanciere della valvola per la valvola di scarico secondo la scheda di lavoro 01.02.02. Smontare
e sostituire il dispositivo di rotazione della valvola mediante l’apposito dispositivo di smontaggio secondo
quanto indicato nella scheda di lavoro 01.05.05.

L’installazione viene effettuata in ordine inverso. Dopo l’installazione il gioco delle valvole va controllato
secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 01.01.01.

0285
Arbeitskarten-Nr.:
Dispositivo di rotazione delle valvole
01.03.02
Motortyp:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-08-10 1382

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Smontaggio della testata del cilindro 01.04.01 Pagina 1 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1333 S/BV 12/16 M 628

In combinazione con la scheda di lavoro 08.01,


01.09.01, 02.00.01, 02.16.02, 09. 00 . 01

Utensili:
- Utensili normali,
- Dispositivo di sollevamento,
- Dispositivo idraulico di serraggio (capoverso 1.8),
- Dispositivo di sollevamento della testata del
cilindro (capoverso 1.8) supporto di legno

Sequenza operativa
Prescrizioni di sicurezza secondo scheda di lavoro
02.00.01Da osservare. Scaricare il liquido refrigeran-
te del motore, smontare il cilindro e girare il motore
in modo tale che le valvole di alimentazione e di
scarico risultino chiuse. Allentare le viti di regolazio-
ne del gioco della valvola (3) sui bilancieri. Allentare 51 232 0
la tubazione dell’aria di regolazione al punto di sepa- Fig. 1
razione al di sopra del comando di avviamento
dell’aria compressa. Allentare le due viti a testa esa-
gonale per il fissaggio del rubinetto indicatore e
girare il rubinetto indicatore o smontarlo in caso di
necessità. Spingere gli elementi di arresto laterali
(16) - fig. 3 - agli elementi di spinta della tubazione
dell’aria di alimentazione (5) e spostare lateralmente
gli elementi di spinta. Smontare le tubazioni di inie-
zione e allentare la tubazione principale dell’aria di
avviamento sulla testata del ciliNdro. Svitare le 4 viti
a testa esagonale (22) sulla curva raffreddata ad
acqua del gas di scarico (2).

Avvitare la vite di separazione (19) alla curva del gas


di scarico e togliere la guarnizione del gas di scarico
(21).

24 814 2
Fig. 2

51 233 0
Fig. 3

1083
N. della scheda di lavoro
01.04.01 Pagina 2 de 3
Smontaggio della testata del cilindro
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine 0178-08-10 1333

Allentare il dado cilindrico (15) - Fig. 4


Accoppiare il dispositivo di serraggio (10) con i tubi
flessibili per alta pressione e la pompa dell’alta pres-
sione e riempire con olio idraulico secondo quanto
riportato nella scheda di lavoro 02.16.02. Pulire la
filettatura delle viti prigioniere con gambo scaricato
(14) con gasolio. Avvitare il bullone di serraggio (12).

Applicare le bussole di serraggio (11) (4 unità, rispet-


tivamente 2 unità formano una coppia - fig. 5 - con la
staffa (7) ed il dispositivo di serraggio (10). Deve
essere escluso che una bussola di serraggio si ap-
poggi ad una testata di cilindro adiacente. Applicare
le rosette (9) e avvitarle con i dadi esagonali (8) finché
lo stantuffo del dispositivo di serraggio chiude in
modo allineato con il relativo cilindro. Successiva-
mente a ciò girare indietro i dadi esagonali (8) di 1
giro.

24 868 1
Fig. 4

Azionare la pompa ad alta pressione fino a raggiun-


gere la pressione prescritta dell’olio in osservanza
delle prescrizioni di serraggio, vedi „Indicazioni tec-
niche“, capoverso 3.5, riga 1. Nel caso in cui non
dovesse risultare ancora possibile allentare il dado
cilindrico (15), aumentare la pressione dell’olio lenta-
mente di circa 10 - 20 bar finché il dado cilindrico (15)
risulta allentato. Successivamente a ciò inserire la
staffa (13) attraverso il foro della bussola di serraggio
(11) nei fori laterali della spina del dado cilindrico e
avvitare quest’ultimo verso l’alto di 10 giri parziali.

51 234 0
Fig. 5

1083
N. della scheda di lavoro
Smontaggio della testata del cilindro 01.04.01 Pagina 3 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1333 S/BV 12/16 M 628

Onde evitare una torsione del dado cilindrico (1) - fig.


4 - con il bullone di serraggio (12) occorre fare
attenzione durante l’aumento del numero di giri che il
dado cilindrico (15) non venga avvitato contro il
bullone di serraggio (12). Scaricare la pressione
dell’olio, disaccoppiare il tubo flessibile ad alta pres-
sione.

Svitare i dadi esagonali (8) e sollevare i dispositivi di


serraggio (10) con le bussole di serraggio (11). Svita-
re i bulloni di serraggio (12) e di dadi circolari (15).
Montare il dispositivo di sollevamento (1) - fig. 6 - e
sollevare con cautela la testata del cilindro con il
dispositivo di sollevamento. Evitare danneggiamenti
delle superfici di tenuta e delle viti prigioniere con
gambo scaricato (14). Appoggiare la testata del ci-
lindro su di un supporto di legno.
24 871 1

Per la manutenzione della testata del cilindro vedi Fig. 6


scheda di lavoro 01.08.01. Per il montaggio della
testata del cilindro vedi scheda di lavoro 01.09.01.

1083
N. della scheda di lavoro

Tipo di motore:
N. d’ordine

Pagina vacante.
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio valvola di alimentazione 01.05.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1580 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro


01.01.01, 01.04.01, 01.05.05, 01.07.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Dispositivo di montaggio e di smontaggio per
valvole (capoverso 1.8)

Sequenza operativa
Smontaggio
Dopo lo smontaggio della testata del cilindro (vedi
scheda di lavoro 01.04.01) smontare il cono di ser-
raggio ( 7 ) con l’apposito dispositivo di smontaggio
(vedi scheda di lavoro 01.05.05).

Staccare lo scodellino per molla ( 6 ), le molle di


pressione (4) e (5) e lo scodellino per molla (9).
Estrarre la valvola di alimentazione verso il basso
dalla testata del cilindro. Sostituire l’anello circolare
di tenuta (10).

Pulire le componenti della valvola, i canali di alimen-


tazione ed il fondo della testata del cilindro. Control-
lare le sede della valvola.
Per la riparazione della valvola vedi scheda di lavoro.

Montaggio
Controllare che la scanalatura per il cono di serrag-
gio (7) e la scanalatura (11) per il dispositivo di
montaggio e di smontaggio nello stelo della valvola
siano assolutamente esenti da sbavature onde evita-
re un danneggiamento dell’anello circolare di tenuta.
Inserire la valvola di alimentazione (8) con olio e
supportarla dal basso. Facendo ciò fare attenzione
che l’anello circolare di tenuta non venga danneggia-
to. Applicare lo scodellino per molla (6) e le molle di
24 999 1
compressione (4) e (5). Successivamente a ciò appli-
care lo scodellino per molla (6). Installare il disposi-
tivo di montaggio (vedi scheda di lavoro 01.05.05) e
inserire il cono valvola (7).

Scaricare il dispositivo di montaggio e smontarlo.

Fare attenzione che i coni di serraggio siano in


posizione corretta.

0184
Arbeitskarten-Nr.:
Smontaggio e montaggio valvola di alimentazione
01.05.01
Motortyp:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-08-10 1580

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio della valvola di scarico 01.05.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 2067 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 01.01.01,


01.04.01, 01.05.05, 01.07.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Dispositivo di smontaggio e di montaggio per le
valvole (capoverso 1.8)

Sequenza operativa
Smontaggio successivamente allo smontaggio della
testata del cilindro (vedi scheda di lavoro 01.04.01).
Smontare il cono di serraggio con il dispositivo di
smontaggio (vedi scheda di lavoro).
Staccare il dispositivo di rotazione (2), le molle di
compressione (4) e (5) e lo scodellino per molla della
valvola (3). Estrarre la valvola di scarico dalla testata
del cilindro verso il basso.

Sostituire l’anello circolare di tenuta. Pulire le com-


ponenti della valvola, i canali di scarico ed il fondo
della testata del ciliNdro. Controllare le sede valvola.

Per la riparazione della valvola vedi scheda di lavoro


01.07.01.

Montaggio
Controllare che la scanalatura per il cono di serrag-
gio (7) e la scanalatura (11) per il dispositivo di
montaggio e di smontaggio siano assolutamente
prive di sbavature nello stelo della valvola onde
evitare un danneggiamento dell’anello circolare di
tenuta (10). Inserire la valvola di scarico (1) con olio.
Fare attenzione che l’anello di tenuta circolare (10)
non venga danneggiato. Controserrare la valvola dal
basso, applicare il piatto della molla della valvola (3)
e le molle di pressione (4) e (5). Successivamente a 25 220 1
ciò applicare il dispositivo di rotazione (2). Montare il
dispositivo di installazione (vedi scheda di lavoro
01.05.05) e installare il cono di serraggio (7). Scarica-
re il dispositivo di installazione e smontarlo.

Assicurarsi che i coni di serraggio si trovino in


posizione giusta.

1090
Arbeitskarten-Nr.:
01.05.01
Smontaggio e montaggio della valvola di scarico
Motortyp:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-08-10 2067

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Controllo della camera di combustione mediante 01.05.04 Pagina 1 de 2
endoscopio
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1660 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 07 . 07 . 01

Controllo
Senza lo smontaggio della testata del cilindro pos-
sono essere esaminate con l’endoscopio le valvole
nonché la parete del cilindro.

Utensili:
- Utensili normali
- Endoscopio, pinza per valvole
(fornitura su richiesta del cliente)

L’endoscopio con trasformatore per


l’allacciamento 110/220 Volt di corrente alter-
nata e la pinza per valvole sono disponibili
tramite la casa madre Deutz.

Sequenza operativa
Installazione
Staccare il coperchio della testata del cilindro. Girare
l’albero a gomiti in modo tale che lo stantuffo raggi-
unga il punto morto superiore e le valvole da ispezio-
nare siano completamente aperte. Smontare la val-
vola d’iniezione secondo quanto indicato nella
scheda di lavoro 07 . 07 . 01 e pulire il foro della
valvola di alimentazione nella testata del cilindro 83).
Collegare l’endoscopio (2) al trasformatore di regola-
zione (1), inserire successivamente nel foro della
valvola di alimentazione e abbassare ad illuminazio-
ne debole finché sono visibili i funghi valvola ovvero
le sedi valvola.

Fare funzionare la lampada dell’endoscopio


possibilmente solo ad 11 volt e non lasciarla
accesa innecessariamente per lunghi periodi
dato il grande sviluppo di calore. Non toccare
la lampada. Data la presenza delle lenti incor- 51 235 0
porate nell’endoscopio, quest’ultimo è sensi-
bile agli urti ed alle piegature!

Trattare con cautela!

0185
N. della scheda di lavoro
01.05.04 Pagina 2 de 2
Controllo della camera di combustione mediante
endoscopio
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-08-10 1660

Controllo delle valvole


Girare l’endoscopio finché diventa visibile un’intera
sede di valvola. Osservare la posizione dello stelo
(6), della sede (7) e del fungo della valvola (8), vedi
sezione „X“. Tener presente che l’immagine
dell’endoscopio appare con i lati inversi e capovolta.

Adeguare la luminosità della lampada indivi-


dualmente all’occhiellocon il regolatore del trasfor-
matore.

Girando i funghi valvola mediante la pinza (9) pos-


sono essere ispezionate le valvole da tutti i lati.

In caso di stato non buono della camera di


combustione occorre eseguire gli appositi la-
vori di manutenzione secondo quanto indica-
to nella scheda di lavoro 01.08.01. o 03.02.01.

21 236 0

0185
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio delle molle di pressione 01.05.05
delle valvole di alimentazione e di scarico
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1073 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 01.05.01

Utensili:
- Dispositivo di smontaggio per
valvola di alimentazione e di scarico

Per lavori svolti sulla testata di cilindro monta-


ta portare lo stantuffo al punto morto superio-
re.

Sequenza operativa
smontaggio
Spingere il manicotto (4) verso l’alto (4) e allargare
facendo uso di un apposito cacciavite. Applicare il
dispositivo di smontaggio sell’estremità dello stelo
della valvola e fare scattare in arresto con i due
innesti a denti di sollevamento nella scanalatura
dello stelo della valvola. Premere il manicotto (4)
verso il basso finché il dispositivo di smontaggio
risulta serrato in modo sicuro sullo stelo della valvo-
la.

Gli innesti a denti di sollevamento consumati


non devono essere più utilizzati. In tal caso
occorre provvedere alla sostituzione del com-
ponente interessato. Anche le valvole presen-
tanti una scanalatura consumata non devono
piú essere installate. Se gli innesti a denti non
sono serrati esattamente nella scanalatura
dello stelo della valvola, vi è pericolo che
scivolino fuori e che il dispositivo di serraggio
scatti improvvisamente verso l’alto attraverso
le molle di compressione serrate.

Girando il dado esagonale (1) con un’apposita chia-


50 059 1
ve serrare le molle della valvola ed estrarre il cono di
serraggio della valvola (6). Scaricare completamente
le molle della valvola allentando il dado esagonale
(1). Staccare il dispositivo di smontaggio spingendo
il manicotto verso l’alto.

Con la testata di cilindro montata non togliere i


pezzi (3) e (4), lo scodellino per molla può essere
infilato.

Montaggio
Il montaggio delle molle della valvola viene eseguito
con l’apposito dispositivo procedendo in ordine in-
verso.

0785
Arbeitskarten-Nr.:
Smontaggio e montaggio delle molle di pressione
01.05.05
delle valvole di alimentazione e di scarico
Motortyp:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-08-10 1073

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Gioco dei guidavalvola 01.06.01 Pagina 1 de 2

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1799 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro


01.05.01, 01.07.01

Controllo
Controllare il gioco dei guidavalvola In combinazione
con la riparazione delle valvole di alimentazione e di
scarico (AK 01.07.01).

Utensili:
- Utensili normali
- Calibro a corsoio
- Perno di ottone

Sequenza operativa
Estrarre la valvola. Per alimentazione per scarico
dal guidavalvola ( 1 ) o (2).
Pulire la valvola ed il guidavalvola. Misurare il diame-
tro interno del guidavalvola (1) ovvero (2) nell’ambito
di fino a circa 10 mm dalla sua estremità inferiore. Nel
caso in cui in questo ambito dovesse essere supera-
to il diametro interno di 16,2 mm, occorre sostituire il
relativo guidavalvola.

Riparazione
Sostituzione dei guidavalvola

Le lunghezze dei guidavalvola delle valvole di


alimentazione e di scarico variano. Occorre
assicurare che queste ultime non vengano
confuse. Lunghezza dei guidavalvola: alimen-
tazione 136 mm, scarico 179 mm.

Estrarre il guidavalvola (1) ovvero (2) battendo con


un perno di ottone. Facendo ciò non danneggiare
l’alesaggio di introduzione. Gli spigoli rifilati vanno
51 237 0
eliminati facendo uso di un raschietto. Per
l’installazione dei guidavalvola vedi a pagina 2.

0583
N. della scheda di lavoro
06.04.02 Pagina 2 de 2
Gioco dei guidavalvola
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-08-10 1799

L’installazione del nuovo guidavalvola ha luogo me-


diante l’ausilio di congelamento. Le superfici di ca-
lettamento (alesaggio nella testata del cilindro e nel
guidavalvola) devono essere metallicamente lucide,
vale a dire che l’olio, il grasso, l’anticorrosivo, la
ruggine e simili devono essere stati eliminati.

Per la contrazione la temperatura del guidavalvola


deve ammontare a -170 ¡C - -195 ¡C. Il congelamen-
to viene effettuato in azoto liquido (temperatura di
ebollizione -195,8 ¡C). La durata dell’operazione di
raffreddamento deve assicurare che il componente
sia raffreddato fino al proprio nucleo. Questo avviene
quando l’azoto non bolle più (vedi a questo riguardo
il capoverso 3.7).

Spingere la guida della valvola nella testata del ci-


lindro fino a raggiungere la misura determinata (vedi
pagina 1).

Smerigliare e controllare la valvola procedendo se-


condo la scheda di lavoro 01.07.01. Sostituire
l’anello circolare di tenuta per l’ermetizzazione dello
stelo della valvola e spingere nella sua scanalatura
mediante lo stelo della valvola mentre si evita con un
secondo stelo di valvola che l’anello scivoli oltre la
scanalatura. Installare le valvole secondo quanto
indicato nella scheda di lavoro 01.05.01.

51 238 0

1084
N. della scheda di lavoro
Sede di valvola riportata e cono valvola 01.07.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-297 6506 S/BVM 628

Controllare il cono della valvola di aspirazione e di scarico e la sede di


valvola riportata; eventualmente sottoporre a riparazione
Prima di riutilizzare le valvole, queste ultime devono essere controllate ed eventualmente riparate secondo le
modalità descritte qui di seguito.

Uno stato difettoso o imperfetto del motore, un cattivo trattamento e preriscaldamento del carburante
e dell’acqua di raffreddamento, una trasmissione di coppia inammissibile (caduta del numero di giri con
conseguente bloccaggio), ecc. possono causare, tra l’altro, il guasto precoce delle valvole.

Utensili:
- utensili normali
- comparatore
- lente d’ingrandimento (ingrandimento minimo 4 x)

Mezzi ausiliari:
- carburante distillato

Schede di lavoro:
- 1-5-1
- 6-2-1

Successione delle fasi di lavoro:


Operazioni preliminari
● Smontare le valvole secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 1-5-1.

● Pulire la superficie delle sedi da eventuali residui ed incrostazioni.

● Con un raschietto togliere i residui carbonizzati dalle teste e dalle sedi delle valvole e lavare con carburante
distillato.

Per togliere più facilmente residui ed incrostazioni solubili in acqua e contenenti zolfo, i coni delle
valvole possono essere immersi in acqua per alcune ore.

Controllo dei coni delle valvole


I coni delle valvole possono essere riutilizzati se soddisfano ai seguenti requisiti:

● superficie delle sedi senza bruciature, bolle, fessure o tracce di colpi;

● assenza di danneggiamenti sulla scanalatura del cono di bloccaggio,


● nelle zone X ed Y

1283
N. della scheda di lavoro
01.07.01 Pagina 2 de4
Sede di valvola riportata e cono valvola
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-08-297 6506

300 valvola di scarico


230 valvola di alimentazione
campo di serraggio per
ripassot
245 valvola di scarico
205 valvola di alimentazione

285 valvola di scarico


215 valvola di alimentazione

prima del ripasso della


superficie della sede
50 659 0

- assenza di interruzioni sullo strato di cromo (lucido),

- Tra le zone X ed Y
- assenza di alveoli da corrosione di profondità maggiore di 0,2 mm,
- diametro dello stelo in nessun punto < 15,5 mm.
- Errore di corsa (battuta) massimo di 0,2 mm del bordo pulito della testa rispetto allo stelo. Per la misura
collocare lo stelo su lame in corrispondenza di A e B. In nessun caso raddrizzare il cono della valvola!
Sostituire il cono della valvola se l’errore di corsa è troppo grande.

La superficie sede del cono della valvola deve essere lavorata se:
- la superficie pulita della sede non è priva di bruciature, bolle, vaiolature o altri danneggiamenti (controllare
con la lente d’ingrandimento), oppure se

- l’errore di corsa (battuta) della superficie della sede altrimenti regolare rispetto allo stelo è maggiore di
0,1 mm.

0484
N. della scheda di lavoro
Sede di valvola riportata e cono valvola 01.07.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-297 6506 S/BVM 628

Controllo delle sedi di valvola riportata


Le sedi di valvola riportata possono essere riutilizza-
te se soddisfano ai seguenti requisiti:
- superficie delle sedi senza bruciature, bolle, fes
sure o tracce di colpi.

La superficie delle sedi di valvola riportata devono


essere lavorate nello stato montato - nella testata -
se
- la superficie pulita della sede non è priva di bru
ciature, bolle, vaiolature, rigature, gradini (vedi
figura), corrosione o altri danneggiamenti (con-
trollare con la lente d’ingrandimento).

In casi di danneggiamenti delle sedi delle valvole di


aspirazione causati dalla corrosione, esaminare inol-
tre se sono presenti depositi di sale e corrosione 51 240 0
nella condotta dell’aria di compressione e se si veri-
ficano perdite sul radiatore dell’aria di compressione
(vedi scheda di lavoro 06.02.01).

Riparazione
La riparazione deve essere eseguita solo dai centri di
servizio DEUTZ dotati di attrezzature speciali.

1084
N. della scheda di lavoro
Sede di valvola riportata e cono valvola
01.07.01 Pagina 4 de 4

Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-08-297 6506

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Testata del cilindro 01.08.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1982 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 01.04.01, 01.05.04, 01.09.01

Manutenzione
A seconda dell’impiego e della sollecitazione del motore nonché in funzione della qualità del carburante e
dell’olio lubrificante gli intervalli di manutenzione per le testate dei cilindri risultano molto vari per quanto
concerne la „manutenzione pianificata“. Onde essere in grado di stabilire un intervallo di manutenzione
razionale, proponiamo il metodo riportato qui di seguito.

Controllo
In caso di utilizzo di un endoscopio vengono controllate dapprima tutte le testate dei cilindri secondo
quanto indicato nella scheda di lavoro 01.05.04. Nel caso in cui dovesse essere constatata in questo contesto
un’usura anormale, viene smontata una testata di cilindro per ogni linea di cilindri. Onde evitare giudizi errati
raccomandiamo in questo contesto di smontare, di controllare e di manutenzionare la testata del cilindro
presentante l’aspetto esterno peggiore (scheda di lavoro 01.04.01). La testata di cilindro smontata e
scomposta servirà da paragone.
Procedendo in questo modo vanno osservati in ogni caso gli intervalli relativi al controllo della camera di
combustione mediante endoscopio attenendosi al piano di manutenzione.

Generalmente occorre però osservare che l’utilizzo di un endoscopio serve da un canto a semplificare la
manutenzione e dall’altro a determinare i tempi utili del componente dipendenti dal tipo di impiego.

In caso di mancanza di un endoscopio, per il controllo viene smontata, controllata e manutenzionata per
ogni linea di cilindri una testata di cilindro - non una testata terminale di accoppiamento o controlato di
accoppiamento - (scheda di lavoro 01.04.01).

Per lo smontaggio della testata del cilindro vanno eseguite le operazioni riportate qui di seguito:

● Controllo supporto del bilanciere, Scheda di lavoro 01.02.03

● Controllo gioco guidavalvola, Scheda di lavoro 01.06.01

● Controllo sede riportata di valvola e cono valvola, Scheda di lavoro 01.07.01

● Controllo valvola di avviamento, Scheda di lavoro 01.11.01

● Manutenzione valvola di sicurezza, Scheda di lavoro 01.12.01

● Controllo tubazione di raccolta gas di scarico, Scheda di lavoro 06.01.01

Qualora i precedenti controlli dovessero aver dato esito positivo, il controllo delle restanti testate di cilindro
può essere rimandato alla prossima scadenza di manutenzione, attenendosi al piano degli intervalli. In questa
occasione avrà poi luogo per la seconda volta un controllo nel modo indicato.

In caso di esito nuovamente positivo la manutenzione di tutte le testate di cilindro può essere rimandata
nuovamente di un intervallo di manutenzione.

Nel caso in cui nell’ambito di uno di questi controlli si dovesse però constatare che la testata di cilindro
smontata presenti difetti, occorre smontare, controllare ovvero manutenzionare anche le restanti testate di
cilindro .

Smontaggio della testata di cilindro, secondo scheda di lavoro 01.09.01

Il numero di ore di servizio del motore fino al momento in cui devono venire manutenzionate per la prima
volta tutte le testate di cilindro viene considerato come intervallo di manutenzione per le testate di
cilindro in caso di „manutenzione pianificata“.
Registrare l’intervallo di manutenzione nello schema degli intervalli di manutenzione.

0485
N. della scheda di lavoro
01.08.01
Testata del cilindro
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-08-10 1982

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Montaggio testata di cilindro 01.09.01 Pagina 1 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1334 S/BV 12/16 M 628

In combinazione con le schede di lavoro 01.01.01,


02.16.02, 06.02.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Dispositivo di sollevamento,
- Dispositivo di separazione

Sequenza operativa
Dispositivo di sollevamento di testate di cilindro e di
tubazioni del gas di scarico (capoverso 1.8), chiave
speciale (capoverso 1.8). Bullone di centraggio.

24 872 1
Fig. 1

Sostituire gli anelli di tenuta degli elementi ad innesto


da (1) a (5)
Fig. 1 - . Osservare il giusto posizionamento della
guarnizione della testata di cilindro (6).

Montare il dispositivo di sollevamento della testata


(1) (vedi fig. 2). Ingrassare leggermente tutti gli ele-
menti ad innesto ed inserirli nell’incastellatura. Mon-
tare i perni di centraggio (7) - fig. 1-. Inserire le aste di
punteria per l’azionamento degli iniettori. Posiziona-
re la testata senza inclinarla e prestare attenzione a
far inserire gli elementi ad innesto ed il perno di
centraggio nella testata.

La distanza fra la testata e l’incastellatura deve esse-


re uguale su tutto il perimetro. Smontare il disposi-
tivo di sollevamento della testata. Svitare il manicot- 24 871 2
to di protezione delle viti prigioniere con gambo Fig. 2
scaricato.

0784
N. della scheda di lavoro
01.09.01 Pagina 2 de 3
Montaggio testata di cilindro
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine 0178-08-10 1334

In questo caso occorre tendere le cinghie di trazione


(27) (vedi Fig. 5), in modo tale che le curve del gas di
scarico si spostino verso il centro del motore e
possano essere montate le testate del cilindro. Tra la
testata del cilindro e l’incastellatura deve essere
presente una distanza omogenea sull’intera circon-
ferenza. Smontare il dispositivo di sollevamento del-
le testate di cilindro Fig. 2 -.

Serraggio dei dadi circolari (vedi fig. 3)


Oliare la filettatura delle viti prigioniere a gambo
scaricato (14) con olio lubrificante. Controllare la
scorrevolezza dei dadi circolari (15) su tutta la lung-
hezza della filettatura delle viti prigioniere a gambo
scaricato. Avvitare i dadi circolari e serrarli a forza di
mano. Controllare mediante uno spessimetro se i
dadi circolari sono appoggiati su tutta la circonferen-
za senza fessure. Montare il dispositivo idraulico di
serraggio con la pompa ad alta pressione come
descritto alla voce „Allentamento dei dadi circolari
(15), vedi scheda di lavoro 01.04.01. Sviluppare la
pressione prevista secondo le prescrizioni di serrag-
gio, vedi indicazioni tecniche, capoverso 3.5, riga 1.
Ora la vite prigioniera a gambo scaricato presenta
l’allungamento necessario.
Serrare le viti circolari (15) con la staffa (13) fino
all’appoggio.

24 869 1
Fig. 3

51 233 1
Fig. 4

0784
N. della scheda di lavoro
Montaggio testata di cilindro 01.09.01 Pagina 3 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1334 S/BV 12/16 M 628

Applicare gli elementi di arresto laterali (16) e avvitarli


con l’anello di sicurezza (17) e la vite a testa esago-
nale (18). Sollevare la tubazione del gas di scarico
facendo uso del dispositivo di sollevamento (24) -
fig. 5 - finché il perno di centraggio (25) entra in uno
dei quattro fori filettati della testata del cilindro. Rie-
strarre il perno di centraggio. Avvitare le viti a testa
esagonale (L9) - fig. 6 - nella curva del gas di scarico
(20) e premere quest’ultimo nella testata del cilindro
finché risulta possibile introdurre la guarnizione (21).
Ora inserire il perno di centraggio in uno dei quattro
fori filettati della testata del cilindro e girarlo finché
risulta possibile avvitare le viti a testa esagonale (22),
poi serrare con la chiave speciale (26) - fig. 5 -.

Collegare le tubazioni dell’aria di avviamento,


dell’aria di regolazione e del carburante.
24 871 1
Impostare il gioco delle valvole procedendo secon-
do quanto indicato nella scheda di lavoro 01.01.01. Fig. 5
Portare il rubinetto indicatore in posizione normale e
serrare la viti a testa esagonale per il fissaggio del
rubinetto indicatore.

Le filettature delle nuove viti prigioniere a


gambo scaricato, avvitate nell’incastellatura,
vanno lubrificate facendo uso del prodotto di
protezione Deutz DW 57. Le viti prigioniere a
gambo scaricato (14) vanno avvitate
nell’incastellatura fino alla base del „foro cieco
sacco della filettatura“ e serrate successiva-
mente osservando una coppia di 130 Nm
(13 kpm).
La fessura anulare tra lo stelo della vite e la
parte superiore dell’incastellatura va chiusa
facendo uso di mastice Deutz DW 48.
24 809 2
Fig. 6

1083
N. della scheda di lavoro

Tipo di motore:
N. d’ordine

Pagina vacante.
N. della scheda di lavoro
Valvola di avviamento 01.11.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-31-10 1606 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 01.11.02,


02.00.01

Controllo
Controllare la scorrevolezza e l’ermeticità delle val-
vole di avviamento.

Utensili:
- Utensili normali

Le valvole che non tengono si riconoscono


durante il funzionamento del motore a seguito
del surriscaldamento della tubazione dell’aria
di avviamento sulla testata del cilindro.

Sequenza operativa
Osservare le prescrizioni di sicurezza secondo la
scheda di lavoro 02.00.01.

Controllo della scorrevolezza dello stelo della


valvola e dello stantuffo di guida.
Svitare la vite cava (58) - fig. 1 - e premere verso il
basso la valvola di avviamento (1) con una spina. In
caso di scarsa scorrevolezza smontare la valvola di
avviamento e ripassarla. (Vedi scheda di lavoro
01.11.02).

Controllo dell’ermeticità della valvola di avvia-


mento
Svitare la vite cava (58) sul distributore dell’aria di
regolazione di avviamento - fig. 2 - ed ermetizzare al
suo posto la tubazione dell’aria di regolazione medi-
ante una vite a testa esagonale, le guarnizioni (67) ed
un dado esagonale.
Fare girare il motore in modo tale che lo stantuffo del
cilindro da controllare si trovi nel punto morto supe- 24 971 1
riore di accensione (le valvole di alimentazione e di
scarico sono chiuse). Mettere la leva di marcia in Fig. 1
posizione di „avviamento“ e aprire lentamente la
valvola del serbatoio dell’aria compressa. In caso di
mancanza di ermeticità della valvola di avviamento
fuoriuscirà ora aria dalla valvola di indicazione di
questo cilindro. In questo caso prima dello smontag-
gio della valvola controllare se la mancanza di erme-
ticità è dovuta a residui di cokificazione o a blocchi
delle valvole. Per fare ciò svitare la vite cava (58) - fig.
1 - della tubazione dell’aria di regolazione, togliere le
guarnizioni (66) e dopo avere svitato la vite a testa
esagonale (10), togliere l’anello elastico (11) ed il
coperchio (8). Applicando una chiave ad innesto sul
controdado (7) è possibile muovere la valvola avanti
e indietro ed eventualmente liberarla da residui di
combustione. Nel caso in cui in questo modo non si
dovesse ottenere l’ermetizzazione della guarnizione
della valvola, occorre smontare la valvola. Vedi a
questo riguardo la scheda di lavoro 01.11.02. 24 ??? 0
Fig. 2

0983
N. della scheda di lavoro
01.11.01
Valvola di avviamento
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-31-10 1606

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Valvola di avviamento 01.11.02 Pagina 1 de 2

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-31-10 1869 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 01.04.01

Manutenzione
In combinazione con la manutenzione della testata
di cilindro (scheda di lavoro 01.08.01) smontare la
valvola di avviamento e manutenzionarla.

Utensili:
- Fresa per sede valvola (capoverso 1.8.1),
- Chiave ad innesto per tubi (capoverso 1.8.),
- Utensili normali,
- Pasta per rettifica,

Sequenza operativa
Deporre la testata del cilindro sul supporto di legno.
Svitare la vite a testa esagonale (10) - fig. 1 - con
l’anello elastico (11). Staccare il coperchio (8). Ap-
poggiare la testata del cilindro sul lato, togliere
l’anello di sicurezza (12), allentare il dado esagonale
assicurato (7) e (6). Per fare ciò occorre inserire sul
dado esagonale (7) una chiave ad innesto e spingere
sopra il dado la chiave ad innesto per tubi per tenere
saldo il dado esagonale (6). Fare attenzione, dato
che lo stantuffo (3) è soggetto alla pressione della
molla (2). Togliere la rosetta (5). Scomporrre la valvo-
la nelle sue singole componenti. Pulire i pezzi in
gasolio e controllarne lo stato di usura.

Controllare la sede della valvola, ripassare eventu-


almente con la fresa per sedi valvola - fig. 2 - e
smerigliare. Per fare ciò applicare in modo omoge-
neo pasta per smerigliare sulla superficie della sede.
Dotare la valvola di avviamento (1) di stantuffo (3) per
la guida nell’ambito della smerigliatura. L’operazione
di smerigliatura risulta completata quando la super- 24 923 2
ficie di tenuta presenta un colore grigio opaco su
tutta la sua circonferenza. Fig. 1

Eliminare completamente i residui di lavorazione.

25 054 0
Fig. 2

1084
N. della scheda di lavoro
01.11.02 Pagina 2 de 2
Valvola di avviamento
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-31-10 1869

L’installazione della valvola nella testata del cilindro


viene effettuata procedendo in ordine inverso. Per
fare ciò occorre comunque utilizzare un anello cir-
colare di tenuta (9) nuovo e, in caso di necessità,
nuovi anelli di compressione (4). Serrare il dato a
testa esagonale (6) con una chiave ad innesto per
tubi controserrando la valvola di avviamento (1) nella
fessura della testa della valvola facendo uso di un
cacciavite.

Controserrare il dado esagonale (7) mediante una


chiave ad innesto e il dado esagonale (6) mediante
una chiave ad innesto per tubi. Montare l’anello di
sicurezza (12). Prima di applicare il coperchio (8)
controllare la regolarità del funzionamento della val-
vola di avviamento.

In caso di controtorsione non regolare dei dadi


esagonali (6) e (7) vi è pericolo che i dadi si
allentino e che la valvola di avviamento cada
nel cilindro. In questo modo possono verificar-
si gravi danni.

Nei motori a V le valvole di avviamento si


trovano solamente in una linea di cilindri. Nel
motore a 12 cilindri cilindri da bl a 6 e nel
motore a 16 cilindri cilindri da B1 a 8. La linea
cilindri al bis 6 ovvero al bis 8 contiene appo-
siti elementi di chiusura.

0684
N. della scheda di lavoro
Valvola di sicurezza 01.11.02
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-31-10 1080 S/BVM 628

Manutenzione

In combinazione con una manutanzione della testata


del cilindro ovvero in caso di mancanza di ermeticità
smontare la valvola di sicurezza, scomporla e, in
caso di necessità, smerigliarla.

Utensili:
- Utensili normali,
- Pasta di rettifica fine
- Mezzi ausiliari Cordoncino di amianto, lubrifican-
te Deutz S1 (capoverso 3.6)

È inammissibile ermetizzare una valvola di


sicurezza serrando la molla della valvola.
51 246 0

Sequenza operativa Disinserire il motore. Sfiatare la


camera di combustione aprendo la valvola di indica-
zione. Svitare la valvola di sicurezza (9) dal coperchio
(12). Allentare il dado a testa esagonale (2). Svitare la
vite di regolazione (1). Estrarre la valvola (4), la molla
di compressione (5), le bussole a labirinto (7) dal
corpo della valvola (3). Depurare tutti i componenti e
controllarne lo stato di usura. Smerigliare la sede di
valvola riportata (8) e il cono valvola (4), in caso di
necessità, con una pasta di rettifica fine.

Liberare il corpo (3) e la valvola (4) da residui di


rettifica. Sostituire l’anello di tenuta (11). Sostituire il
cordoncino di amianto (10). Prima dell’assiemaggio
oliare leggermente tutti i componenti. Inserire la val-
vola (4), le boccole a labirinto (7) (per la posizione di
installazione vedi la figura) e la molla di compressio-
ne (5) nel corpo della valvola (3). Avvitare la vite di
regolazione (1), pressione di apertura vedi „indica-
zioni tecniche“, capoverso 3, regolare mediante dis-
positivo di spruzzo delle valvole d’iniezione (A K 07 .
08 . 01 ) e controserrare con i dadi esagonali (2).
Applicare sulla filettatura del corpo (3) del lubrifican-
te Deutz „S1“.
Applicare la valvola di sicurezza (9) e avvitare il
coperchio (12).

51 247 0
N. della scheda di lavoro Valvola di sicurezza
01.11.02
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-31-10 1080

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio sede di valvola riportata 01.13.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1854 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 01.05.01,


01.07.01

A seconda dell’equipaggiamento del motore - in


funzione del tipo di carburante indicato in occasione
dell’ordinazione del motore - le testate cilindriche
possono essere dotate di sedi di valvole di scarico
riportate raffreddate o non raffreddate. Le valvole di
scarico riportate di avviamento sono sempre non
raffreddate.

Utensili:
- Utensili normali, utensile di montaggio e di smon-
taggio per le sedi riportate delle valvole (capover-
so 1.8).
- Prodotto di protezione Deutz DW 57
(capoverso 3.6).

Sequenza di lavoro smontare la valvola secondo la


scheda di lavoro 01.05.01.

Smontaggio della sede riportata della valvola


non raffreddata - Fig.1 -

Pulire la scanalatura tra la sede riportata della valvola


e la testata del cilindro da residui e inserire l’anello di
sicurezza (6). Avvitare la bussola di estrazione (5)
sull’anello di sicurezza rispettivamente attraverso il
canale di alimentazione o di scarico e avvitare la
piastra (7) sulla bussola di estrazione operando dal
lato della camera di combustione. Questo è neces-
sario in modo che l’anello di sicurezza non venga
premuto fuori dalla sua scanalatura nell’ambito
dell’estrazione.

Ora avvitare la vite a testa esagonale (4) nella busso-


la di estrazione insieme alle rosette (2), al cuscinetto 25 138 2
(3) ed al supporto di estrazione (1). Mediante il ser-
raggio della vite a testa esagonale estrarre la sede Fig. 1
riportata della valvola. Pulire il foro di alloggiamento
nella testata del cilindro senza danneggiarlo.

1084
N. della scheda di lavoro
01.13.01 Pagina 2 de 4
Smontaggio e montaggio sede di valvola riportata
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-08-10 1854

Smontaggio della sede riportata di valvola raf-


freddata - Fig . 2
Applicare la bussola di estrazione (5) sulla sede
riportata della valvola attraverso il canale di scarico.
Avvitare la vite a testa esagonale (4) nella bussola di
estrazione unitamente alla rondella (2), al cuscinetto
(3) ed al supporto di estrazione (1) dal lato della
camera di combustione. Serrando la vite a testa
esagonale estrarre la sede riportata della valvola.
Pulire il foro di alloggiamento della testata del ci-
lindro senza danneggiarlo.

Prima dell’installazione misurare il foro di alloggia-


mento della testata del cilindro. Qualora il diametro
della sede riportata della valvola -

- non raffreddata dovesse essere superiore a


79,03 mm,

- raffreddata risulti in alto maggiore di 72,03 mm


e / o in basso maggiore di 91,03 mm,

occorre installare un anello di interferenza. Per det-


tagli rivolgersi ai nostri punti di assistenza clienti
Deutz.
Fig. 2

Occorre evitare inclinazioni e formazioni di


sbavature. Non è ammissibile inserire a colpi
invece di introdurre facendo uso dell’apposito
utensile.

Montaggio della sede riportata della valvola non


raffreddata - Fig. 3 -
Oliare leggermente la sede riportata della valvola
sulla circonferenza esterna e spingerla nella testata
del cilindro. Montare la vite senza testa completa-
25 137 2
mente filettata (1) con il dado esagonale (6), la ron-
della (5), il cuscinetto (4) e la bussola (3). oliare Fig. 2
leggermente la sede riportata sulla circonferenza
esterna e spingerla nella testata del cilindro. Montare
la vite senza testa completamente filettata (1) con il
dado esagonale (6), la rondella (5), il cuscinetto (4) e
la bussola (3). Avvitare la bussola (2). Serrando il
dado esagonale (6) la sede riportata della valvola
viene tirata nella propria sede. In questo contesto
assicurare che la sede riportata della valvola sia
poggiata senza fessure nella testata del cilindro.
Ripetendo l’inserzione si provoca un certo ingrandi-
mento del foro di alloggiamento della testata del
cilindro, fattore che può comportare la necessità
dell’utilizzo di un anello di interferenza.

1084
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio sede di valvola riportata 01.13.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-08-10 1854 S/BVM 628

Montaggio della sede riportata della valvola raf-


freddata - fig. 4 -
Il foro di alloggiamento per la sede riportata nella
testata del cilindro e le superfici di accoppiamento
della sede riportata della valvola vanno bagnati su
tutta la superficie con il prodotto Deutz DW 57. Fare
attenzione che il passaggio di liquido refrigerante
non causi intasamenti della testata del cilindro / della
sede riportata della valvola. Spingere la sede riporta-
ta nella testata del cilindro. Montare l’asta filettata (1)
con il dado esagonale (6), la rosetta (5), il cuscinetto
(4) e la bussola (3). Avvitare il manicotto (2). Serrando
il dado esagonale (6) la sede riportata della valvola
viene ritirata fino all’appoggio assiale. Un ripetuto
ritiro ha per effetto un certo ingrandimento del foro di
alloggiamento nella testata del cilindro, fattore che
può comportare la necessità di un anello di interfe-
25 140 2
renza.
Fig. 3
Dopo un periodo di attesa di almeno 1 ora controllare
l’ermeticità della testata del cilindro mediante una
prova sotto pressione con liquido refrigerante (vedi
capoverso 6.4) per almeno 5 minuti. Pressione di
prova 7 bar.

Dopo il montaggio
Smerigliare il cono valvola sulla sede riportata della
valvola attenendosi a quanto riportato nella scheda
di lavoro 01.07.01.

25 139 2
Fig. 4

1084
N. della scheda di lavoro
01.13.01 Pagina 4 de 4
Smontaggio e montaggio sede di valvola riportata
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-08-10 1854

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Prescrizioni di sicurezza per operazioni sul 02.00.01
meccanismo motore
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-01-10 1081 S/BVM 628

Per le operazioni svolte sul meccanismo motore


vanno osservate le prescrizioni riportate qui di segui-
to:

Prima dell’inizio del lavoro


● Disinserire il motore.
● Chiudere le valvole di chiusura sui serbatoi
dell’aria compressa.
● Sfiatare le tubazioni dell’aria di alimentazione.
● Aprire le valvole di indicazione.
● Non prima di 10 minuti dopo l’arresto del motore
e successivamente all’interruzione della circola-
zione dell’olio staccare il coperchio dell’incast-
ellatura. Iniziare le operazioni solo dopo un deter-
minato periodo di ventilazione.

Per smontare il coperchio dell’incastellatura


con un dispositivo di misura dell’olio, smonta-
re il coperchio (3) unitamente all’asta di misura
dell’olio (1) ed al tubo di guida (2).

Durante le operazioni
Prima di girare l’albero a gomiti controllare che non vi
siano altre persone impegnate nel motore o nelle
vicinanze di quest’ultimo; che non vi siano utensili
impedenti la rotazione dell’albero a gomiti e causanti
in questo modo danni; che il meccanismo motore
non perda l’equilibrio a seguito dello smontaggio di
sue componenti; che per motori di navi l’albero
dell’elica sia disaccoppiato o, nel caso in cui non
dovesse risultare possibile il disaccoppiamento,
l’elica possa girare liberamente; il dispositivo di rota-
zione sia inserito regolarmente; assicurare che il
motore non giri alla rotazione dell’albero dell’elica.
25 231 1

Occorre assolutamente fare attenzione che


non possa penetrare in nessun caso polvere o
sabbia nella camera dell’azionamento, ad es-
empio in ambienti polverosi.

Dopo il termine delle operazioni


● Prima che vengano chiusi i coperchi dell’in ca-
stellatura controllare che tutti gli utensili, i panni
ecc. siano stati eliminati dal vano della manovel-
la.
● Determinare lo stato delle guarnizioni dei coper-
chi dell’incastellatura. Sostituire le guarnizioni di-
fettose.
● Serrare le viti a testa esagonale per il fissaggio dei
coperchi dell’incastellatura.
● Prima della messa in funzione del motore con le
valvole di indicazione aperte fare girare il motore.
● Chiudere le valvole di indicazione.

1084
N. della scheda di lavoro
Prescrizioni di sicurezza per operazioni sul
02.00.01 meccanismo motore
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-01-10 1081

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Meccanismo motore 02.01.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-05-10 1082 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 02.00.01, 02.15.01, 04.02.01

Controllo
Eseguire regolari controlli del meccanismo motore.

Utensili:
- Asta per girare (capoverso. 1.8)
- Utensili normali

Sequenza operativa
Osservare le prescrizioni di sicurezza previste dalla scheda di lavoro 02.00.01.

Aprire le valvole di indicazione. Tastare il coperchio dell’albero a gomiti e del cuscinetto di biella e appurare se
presentano una temperatura omogenea.

Dedicare particolare attenzione al grado di impurità del meccanismo motore. Fare attenzione anche
all’eventuale presenza di metallo del cuscinetto nella vasca dell’olio, di corrosione e di perdite d’acqua.

Controllare accuratamente la superficie di scorrimento della camicia del cilindro e le relative guarnizioni sul
lato del meccanismo motore. Gli stantuffi devono trovarsi rispettivamente sul punto morto superiore.

Eseguire un controllo della lubrificazione: azionare la pompa di prelubrificazione e controllare se in ciascun


punto di supporto fuoriesce visibilmente dell’olio lubrificante. Effettuare un controllo corrispondente sui
cuscinetti dei bilancieri. Per fare ciò staccare il coperchio della testata del cilindro.

Fare girare il motore e controllare le superfici di scorrimento delle camme (vedi scheda di lavoro 04.02.01).
Lisciare lievi rigature o punti di grippatura con pietra ad olio.

Nell’ambito di queste operazioni far sì che gli ugelli dell’olio refrigerante del raffreddamento dello
stantuffo non vengano piegati. Per il controllo attenersi a quanto indicato nella scheda di lavoro
02.15.01.

0984
N. della scheda di lavoro
Meccanismo motore
02.01.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-05-10 1082

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Sfiato della spalla della manovella 02.02.01 Pagina 1 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-05-10 1863 S/BV 12/16 M 628

In combinazione con la scheda di lavoro 02.00.01

Controllo
Eseguire il controllo regolarmente ovvero secondo le
necessità.

Utensili:
- comparimetro con prolunga
(distanza spalle 151 mm)
- specchio a mano con manico

Per quanto concerne lo sfiato della spalla di


un albero a gomiti si distingue

- la misura assoluta dello sfiato, misurabile dalla


differenza tra la misura minima e la misura massi-
ma della distanza tra le spalle con una rotazione
dell’albero a gomiti e
- la positività o negatività dello sfiato.
Dagli schizzi ovvero dalle formule riportati qui di
seguito risulta ciò che è uno sfiato positivo ed uno
sfiato negativo.

Tenere presente che in genere l’indicazione del com-


parimetro si riduce con l’aumento della distanza tra
le spalle e viceversa

Dato che lo sfiato delle spalle viene influenzato dalla Comparimetro


temperatura del motore, la misurazione va eseguita
esclusivamente a motore caldo.
I motori di navi vanno misurati prima e dopo la messa
in bacino, non nel bacino.
Bulinatura
51 248 0

Sfiato positivo Sfiato zero Sfiato negativo

Distanza a4 > Distanza a1 Distanza a4 = Distanza a1 Distanza a< Distanza a1


51 249 0

1283
N. della scheda di lavoro
02.02.01 Pagina 2 de 3
Sfiato della spalla della manovella
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine 0178-05-10 1863

Sequenza operativa
Meßstellungen
Posizioni di misura
Inserire il comparimetro nelle bulinature esistenti del-
le spalle della manovella e non tra contropesi e
girarlo più volte nelle contropunte. Poi impostare il
comparimetro nella posizione di misura 1 o 2 sul
valore di scala 25/100.

Per la lettura con uno specchio:


immagine speculare!
Durante l’operazione di misurazione non toc-
care il comparimetro.

A stantuffo montato leggere misurazione in posi-


zione 2, 3, 4, 5 e 6

A stantuffo smontato leggere misurazione in posi-


zione 1, 3, 4 e 5.

Posizioni di misurazione viste dal lato


dello giunto:

Posizione di Posizione del perno di


misurazione manovella

1 Posizione più profonda

2 Prima posizione di deviazione

3 Prima posizione orizzontale

4 Posizione più elevata

5 Seconda posizione orizzontale

6 seconda posizione di deviazione 51 250 0

Nell’ambito del controllo l’albero a gomiti viene gira-


to in senso sinistrorso.

1283
N. della scheda di lavoro
Sfiato della spalla della manovella 02.02.01 Pagina 3 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-05-10 1863 S/BV 12/16 M 628

Modello foglio di misura


Tipo di motore: N. di motore:

Motore caldo deposto lateralmente

Motore preriscaldato Acqua °C Öl °C

Posizione Posizione di misura del Lettura nel comparimetro nel piegatura a


di misura perno di manovella gomito della manovella del cilindro n.:

Zeile A/B A/B A/B A/B A/B A/B A/B A/B


1 2 3 4 5 6 7 8

1 Posizione più profonda

2 Prima posizione di deviazione

3 Prima posizione orizzontale

4 Posizione più elevata

5 Seconda posizione orizzontale

6 Seconda posizione di deviazione

Aspiratione Linea 1 min.rigae 4


verticale oppure
( ∆ „a“ ) Z1.2+Z1.6
min. Z1.4
2

Aspiratione Linea 3 min. riga 5


orizzontale
( ∆ „a“ )

Gioco assiale dell’albero a gomiti: gioco max. ammissibile 1,5 mm

Avvertenza di caduta dell’indicazione del comparimetro se la distanza delle spalle diviene


maggiore di „a“.
Osservazioni

Valori massimi di aspirazione ∆ „a“ = Differenza tra due posizioni delle gambe della manovella a
motore caldo

Piegatura a gomito 1 Ultima piegatura a


gomito, restante
Volano Volano con riduzione della forza piegatura a gomito
libero cuscinetto di supporto di piegatura a gomit
e senza volano o alla KGS

+ 0,00 + 0,06 * + 0,03 + 0,03


- 0,10 - 0,06 * - 0,08 - 0,08

Qualora lo sfiato dell’albero a gomiti dovesse superare i valori di cui sopra, occorre controllare il supporto
e riorientare eventualmente il motore.
In caso di riduzione della forza radiale sull’albero a gomiti - p. es. trasmissione a cinghia - sul lato opposto
a quello dell’accoppiamento sono ammissibili altri valori di sfiato. A questo riguardo risulta necessario
interpellare il reparto di assistenza clienti della casa madre.

1084
N. della scheda di lavoro

Tipo di motore:
N. d’ordine

Pagina vacante.
N. della scheda di lavoro
Inclinazione alberi a gomiti e semicuscinetti biella 02.03.02
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-06-10 1603 S/BV 6/8/9 M 628

Controllo
Il semicuscinetto deve avere un’inclinazione positiva
per un’aderenza perfetta nel foro di alloggiamento
dopo il montaggio.

Utensili:
- Calibro a corsoio

Tutti i nuovi semicuscinetti hanno


un’inclinazione positiva salvo che siano stati
trattati con poca cura, ad esempio durante il
trasporto.

Sequenza operativa:
Si parla di inclinazione positiva se la quota “a” misu-
rata a temperatura ambiente è maggiore della quota
“D”. Su semicuscinetti nuovi la quota “D” è stam-
pigliata sul retro del cuscinetto. Vedere tabella in
caso di scritta illeggibile.

Se un cuscinetto usato ha un’inclinazione negativa -


quota “a” minore di quota “D” - ciò può derivare, in
assenza di altre cause apparenti, dalla deformazione
plastica del cuscinetto a causa di surriscaldamento
con conseguente perdita del precarico. Poiché cu-
scinetti di questo tipo dopo il montaggio non potran-
no essere fissati sufficientemente bene nel foro di
alloggiamento del cuscinetto e poiché lo spigolo
interno del semicuscinetto può interrompere la pelli-
cola di olio lubrificante sul perno del cuscinetto
stesso, non è ammissibile riutilizzare semicuscinetti
con inclinazione negativa.

Non sono ammissibili correzioni con utensili di bor- MaßLa


„D“ hier aufgestempelt
quota “D” è stampigliata qui
51 251 0
do: esiste il pericolo che il metallo del cuscinetto si
stacchi dal supporto oppure che il cuscinetto si
deformi. Questi danni potranno causare serie an-
omalie durante l’esercizio.
Cuscinetto albero Cuscinetto di
.
a gomiti „D“ biella „D“

Cuscin. +0,029 +0,029


normale Ø 220,0 0,000 Ø 182,0 0,000

Cuscin. +0,029
rip. Ø 220,5 0,000

Cuscin. +0,029
rip. Ø 221,0 0,000

Cuscin. +0,029
rip. Ø 221,5 0,000

Cuscin. +0,029
rip. Ø 222,0 0,000
N. della scheda di lavoro
Inclinazione alberi a gomiti e semicuscinetti biella
02.03.02
Tipo di motore:
S/BV 6/8/9 M 628 N. d’ordine: 0178-06-10 1603

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Gioco del cuscinetto di banco e del 02.03.03
cuscinetto di biella
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-06-10 1085 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 02.00.01

Controllo
In caso di dubbio controllare il gioco del cuscinetto .

Utensili:
- Comparimetro con supporto magnetico,
- Pezzo di legno squadrato lungo circa 2.000 mm
- Spessimetro

Normalmente non risulta necessario control-


lare il gioco del cuscinetto dato che possono
essere montati esclusivamente cuscinetti ori-
ginali in fori di alloggiamento non danneggiati
in osservanza del relativo serraggio prescritto
delle viti.

Sequenza operativa
Misurazione del gioco del cuscinetto di biella.
Girare il perno di manovella del cuscinetto di biella
da misurare in posizione di punto morto inferiore.
Applicare il comparimetro (3) ed il montante magne-
tico (2) al fusto della biella (1). Mettere il comparime-
tro in posizione „0“. Con legno squadrato sollevare il
fusto della biella (1) e leggere il gioco „S“ sul com-
parimetro (3). Viene aggiunto lo spessore della pelli-
cola lubrificante (5) di 0,05 mm sul lato di pressione
del cuscinetto di biella.

Misurazione del gioco del cuscinetto di banco.


Misurare il gioco del cuscinetto sotto e sopra il perno
di banco dell’albero a gomiti con un calibro a spes-
sore. Il gioco può essere rilevato anche inserendo
materiali deformabili plasticamente.

Misurazione del gioco assiale dell’albero a gomiti.


Togliere il coperchio di montaggio sul lato sinistro e
destro del motore del cuscinetto di banco 2. Misura-
re il gioco assiale su ambo i lati tra il segmento di
scorrimento e l’albero a gomiti facendo uso di un
calibro a spessore.

Indicazioni gioco:

Giochi radiali gioco a gioco max.


(mm) nuovo ammissibile

Cuscinetti di banco 0,160 - 0,248 0,3


Cuscinetto di biella 0,140 - 0,224 0,3

Gioco assiale ( mm)


Cuscinetto flangiato 0,6 - 0,754 1,5
In caso di superamento del gioco max. ammissibile
occorre smontare e sostituire il segmento di scorri-
mento ovvero i gusci dei cuscinetti. Questi ultimi non
51 252 0
devono essere ripassati.
N. della scheda di lavoro
Gioco del cuscinetto di banco e del
02.03.03
cuscinetto di biella
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-06-10 1085

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Valutazione dei cuscinetti utilizzati 02.04.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-01-10 1852 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 02.03.02 e 02.03.03 per cuscinetti di biella con le schede di lavoro
02.05.01 e 02.06.01 per gli alberi a gomiti con le schede di lavoro 02.07.01 e 02.08.01

Controllo
I controlli dei cuscinetti di biella vengono effettuati in occasione di ogni smontaggio dello stantuffo. Nel caso
in cui nell’ambito di detti controlli dovesse essere constatato uno schema di funzionamento non buono dei
cuscinetti di biella ovvero profonde rigature di impurità o numerosi incorporamenti di impurità, occorre
controllare anche un cuscinetto di banco.

Il controllo dei cuscinetti degli alberi a gomiti viene effettuato secondo lo schema degli intervalli di
manutenzione. In genere occorre controllare un solo cuscinetto di banco, iniziando dal cuscinetto centrale,
procedendo successivamente a quest’ultimo in un ordine qualsiasi. A seconda dell’esito del controllo
verificare altri cuscinetti.

I cuscinetti di biella e dell’albero a gomiti che al momento del controllo erano già in funzione

da 20 000 ore di servizio con carburante distillato,


da 18 000 ore di servizio con olio misto o con olio pesante 1 e
da 15 000 ore di servizio con olio pesante 2

vanno sostituiti anche nel caso in cui il loro aspetto esteriore dovesse risultare ancora buono.

Dopo questo lungo periodo di servizio il terzo strato ha raggiunto un grado di usura che provoca un degrado
delle caratteristiche di rodaggio in misura tale che in caso di riutilizzo potrebbero risultare danni. Dopo circa
40.000 ore di funzionamento del cuscinetto vanno sostituiti in linea di massima tutti i cuscinetti degli alberi a
gomiti e tutti i cuscinetti di biella.

Per il controllo dei gusci dei cuscinetti che devono essere utilizzati ulteriormente valgono le direttive riportate
qui di seguito:

● Allargamento sufficiente (scheda di lavoro 02.03.02)

● giusto gioco dei cuscinetti (scheda di lavoro 02.03.03)

● schema di funzionamento dei gusci di cuscinetto.

A seconda del loro numero di ore di servizio e delle condizioni di funzionamento, i gusci di cuscinetto utilizzati
presentano diversi schemi di funzionamento. Le principali differenze sono frequentemente riconoscibili
solamente da parte di uno specialista appositamente addestrato. In caso di dubbio raccomandiamo di
consultare il servizio assistenza clienti Deutz per la valutazione dei gusci di cuscinetto.

1083
N. della scheda di lavoro Valutazione dei cuscinetti utilizzati
02.04.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-01-10 1852

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Smontaggio del cuscinetto di biella 02.05.01
Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-06-10 1087 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 02.00.01,


02.06.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Eventualmente pezzo di legno squadrato,
- Chiave ad innesto (capoverso 1.8)

Sequenza operativa
Con lo smontaggio dello stantuffo osservare le
prescrizioni di sicurezza previste dalla scheda di
lavoro 02.00.01.

Per i motori S/BV12/16M 628 occorre utilizza-


re la chiave ad innesto incurvata per allentare
le viti della biella al cilindro A1.

Girare l’albero a gomiti in modo tale che le viti di


biella (6) possano essere allentate con l’utensile.
Questa posizione si trova approssimativamente nel-
la zona del punto porto superiore. Sorreggere il
coperchio del cuscinetto di biella (5). Poi estrarre
completamente le viti di biella (6). Sollevare il coper-
chio del cuscinetto di biella (5) dall’incastellatura.
Estrarre il guscio di cuscinetto inferiore dal coper-
chio del cuscinetto di biella (5).

Estrarre il cuscio di cuscinetto superiore dalla biella


in occasione dello smontaggio dello stantuffo (vedi
scheda di lavoro 02.09.01). Avvolgere il perno di
manovella in nastro adesivo (non in nastro adesivo
trasparente), in un panno pulito o in carta impregnata
d’olio per prevenire la penetrazione di impurità nel
foro dell’olio.

Senza smontaggio dello stantuffo


51 253 0
Il guscio di cuscinetto superiore può essere smonta-
to anche a stantuffo montato. Smontare il coperchio
del cuscinetto di biella (5) come descritto in „Se-
quenza operativa con smontaggio dello stantuffo“.
Deporre un pezzo di legno squadrato sotto lo stan-
tuffo. Girare lentamente l’albero a gomiti finché lo
stantuffo si depone sul pezzo di legno squadrato e la
biella è liberamente sospesa. Togliere il guscio di
cuscinetto superiore.

Per la valutazione dei gusci di cuscinetto vedi sche-


da di lavoro 02.04.01.

1084
N. della scheda di lavoro
Smontaggio del cuscinetto di biella
02.05.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine 0178-06-10 1087

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Montaggio cuscinetto di biella 02.06.01 Pagina 1 de 2

Tipo di motore:
N. d’ordine 0178-06-10 1336 S/BV 12/16 M 628

In combinazione con la scheda di lavoro 02.03.03, 02.14.01, 02.15.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Eventualmente pezzo di legno squadrato,
- Chiave ad innesto, (capoverso 1.8)

Valutare i gusci di cuscinetto secondo la scheda di lavoro 02.04.01 sostituendoli in caso di necessità.
I gusci dei cuscinetti, i coperchi dei cuscinetti, le viti di biella non devono essere sostituiti e devono
essere installati nella stessa biella nella stessa posizione. Gli stantuffi, il piede di biella e il coperchio del
cusicnetto sono contrassegnati con il loro numero di cilindro.
Verificare lo stato del perno di sollevamento. L’errore di coassialità ammissibile ammonta a 0,1 mm.
Avviare il ripasso, in caso di necessità, dopo avere consultato in merito la casa madre della Deutz.

Sequenza operativa
Pulire accuratamente il perno di biella, il guscio di cuscinetto superiore (1) e il piede della biella (8). Controllare
con precisione la condizione della superficie del perno di biella e lisciare con una pietra ad olio eventuali punti
di urto che possono essere stati causati nell’ambito dello smontaggio del cuscinetto.

A stantuffo smontato
Montare lo stantuffo procedendo secondo quanto riportato nella scheda di lavoro 02.14.01 e abbassarlo
finché risulta possibile inserire il guscio del cuscinetto. Per il montaggio fare attenzione al contrassegno (vedi
punto x e y). Oliare la superficie di scorrimento del guscio del guscinetto e del perno di biella. Assicurare che
il dorso del cuscinetto e le scanalature di separazione siano esenti da grasso e da olio per garantire una
perfetta trasmissione del calore.

Il guscio superiore e il guscio inferiore sono


identici, pericolo di sostituzione. Assicurarsi
che i gusci di cuscinetto utilizzati vengano
rimontati nella loro posizione originaria.

Inserire il guscio di cuscinetto (1) nel piede di biella. I nasi di fissaggio (3) dei gusci di cuscinetto superiori e
inferiori devono stare precisamente nelle scanalatura del piede e del coperchio della biella. Abbassare la biella
lentamente con lo stantuffo sul perno di sollevamento.

51 254 0

1084
N. della scheda di lavoro
02.06.01 Pagina 2 de 2
Montaggio cuscinetto di biella
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine 0178-06-10 1336

A stantuffo montato
Se lo stantuffo e la biella non sono stati smontati ed è stato solamente sollevata la biella con un pezzo di legno
squadrato, inserire il guscio di cuscinetto (1) come descritto per „A stantuffo smontato“ e girare il perno di
sollevamento lentamente nel piede della biella. Togliere il pezzo di legno squadrato.

Pulire il coperchio del cuscinetto (5) e il guscio del cuscinetto (4). Oliare la superficie di scorrimento del guscio
di cuscinetto. Fare attenzione che il dorso del cuscinetto e le scanalature di scorrimento siano esenti da
grasso e da olio onde garantire una trasmissione perfetta del calore. Installare il coperchio del cuscinetto (5)
con il guscio di cuscinetto (4). Per l’installazione le due spine cilindriche (2) devono fissare il coperchio del
cuscinetto.

Per fissare le viti della biella al cilindro va utilizzata la chiave ad innesto incurvata.

Avvitare le viti di biella (6) con le rondelle (7) e serrare a croce. Per le prescrizioni di serraggio vedi „Indicazioni
tecniche“, capoverso 3.5, riga 04.

In caso di dubbio misurare il gioco del cuscinetto (vedi scheda di lavoro 02.03.03).

Il gioco assiale della biella ammonta a:

Gioco a nuovo Gioco max. ammissibile

0,40 - 0,64 mm 0,75 mm

Prescrizione di rodaggio per gusci di cuscinetto nuovi o usati vedi „Operazione del motore“, capoverso 4.6,
prescrizione di rodaggio.

Nell’ambito di queste operazioni assicurare che non vengano incurvati gli ugelli dell’olio refrigerante del
raffreddamento degli stantuffi. Controllo vedi scheda di lavoro 02.15.01.

1186
N. della scheda di lavoro
Smontaggio del cuscinetto di biella 02.07.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
Ordnungs-Nr.: 0178-01-10 1836 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 02.00.01,


02.16.02, 02.04.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Spina di trascinamento (capoverso 1.8),
- Dispositivo idraulico di serraggio
(capoverso 1.8),
- Pompa ad alta pressione con manometro
(capoverso 1.8),
- Tubi flessibili per alta pressione e distributori
(capoverso 1.8),
- Dispositivo di allargamento (capoverso 1.8),
- Leva (capoverso 1.8).

Prima dello smontaggio dei cuscinetti di ban-


co appurare se le marcature dei cuscinetti (n.
cilindro) sono presenti sul lato frontale dei
coperchi dei cuscinetti e sono rivolte verso il
lato dell’accoppiamento. Qualora dovessero
mancare, applicarle nel modo dovuto.
Onde evitare che l’albero a gomiti sia appeso
liberamente su più cuscinetti di spinta, occor-
re smontare contemporaneamente soltanto
un cuscinetto di banco su due. Nell’ambito
dello smontaggio del cuscinetto adiacente al
volano va appeso solamente il volano.

Sequenza operativa
Osservare le prescrizioni di sicurezza riportate nella
scheda di lavoro 02.00.01. Svitare le viti a testa
esagonale a gambo scaricato (3) - fig. 1 - da ambo i
lati del motore. Riempire di olio idraulico due dispo-
sitivi idraulici di serraggio per allentare i dadi circolari
(4) - fig. 2 - (vedi scheda di lavoro 02.16.02). (Qui di
seguito viene descritta la sequenza operativa per
allentare una sola vite prigioniera a gambo scaricato, 51 255 0
procedere analogamente per ambo i lati.) Fig. 1
Avvitare il dado di serraggio (7) sulla vite prigioniera a
gambo scaricato (2) fino all’arresto. Montare la bus-
sola di serraggio (8) sul dado di serraggio (7). Spin-
gere la staffa di serraggio (12) sulla bussola di ser-
raggio (8) e inserire il dispositivo idraulico di
serraggio (11). Mediante la vite a testa esagonale
(10) e le rosette (9) avvitare il dispositivo idraulico di
serraggio finché lo stantuffo del dispositivo di ser-
raggio chiude in modo allineato con il relativo ci-
lindro.

0683
N. della scheda di lavoro
02.07.01 Pagina 2 de 4
Smontaggio del cuscinetto di biella
Tipo di motore:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-01-10 1836

Continuazione scheda di lavoro

Successivamente a ciò girare indietro la vite a testa


esagonale (10) di 1 giro. Collegare la pompa ad alta
pressione con i tubi flessibili e azionare la pompa ad
alta pressione fino a sviluppare la pressione dell’olio
prevista dalle prescrizioni di serraggio (vedi „Indica-
zioni tecniche“, capoverso 3.5, riga 2). Qualora non
dovesse risultare ancora possibile allentare i dadi
circolari (4) mediante il perno (13) - fig. 3 - attraverso
il foro della bussola di serraggio (8), aumentare la
pressione dell’olio lentamente di circa 10 - 20 bar
finché i dadi circolari (4) risultano allentati.

Fare attenzione che durante il pompaggio la


scanalatura di marcatura - fig. 2 - nello stan-
tuffo non fuoriesca dal cilindro. (Controllare
con uno specchio).

Con il perno (13) riavvitare il dado cilindrico (4) fino a


poco prima del dado di serraggio (7), ovvero di circa
9 passi nell’asola della bussola di serraggio (8), vedi
fig. 3. Successivamente a ciò scaricare la pressione
dell’olio. Togliere i tubi flessibili per alta pressione dai
dispositivi idraulici di serraggio.

Smontare i dispositivi idraulici di serraggio e preme-


re lo stantuffo a raso nel cilindro. Montare la leva (27)
- fig. 4 -. Svitare i dadi circolari (4) - fig. 1 -. Abbassare
il coperchio del cuscinetto nella vasca dell’olio su
un’asse di legno mediante una leva. Nel caso in cui
non dovesse risultare possibile abbassare il coper-
chio del cuscinetto (17), può essere installato nel
punto di supporto un dispositivo di allargamento (16)
(per la posizione di installazione vedi fig. 1). I dadi
circolari (4) rimangono avvitati finché l’incastellatura 51 256 0
risulta inclinata. Fig. 2

51 257 0 51 258 0
Fig. 4 Fig. 3

0683
N. della scheda di lavoro
Smontaggio del cuscinetto di biella 02.07.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
Ordnungs-Nr.: 0178-01-10 1836 S/BVM 628

Continuazione scheda di lavoro

Per fare ciò occorre allentare le viti di fondazione sul


lato del motore opposto a quello dei bulloni di ac-
coppiamento allargando leggermente
l’incastellatura con il dispositivo di allargamento (16)
girando il dado esagonale (18). Svitare i dadi circolari
(4) e abbassare il coperchio del cuscinetto mediante
la leva (27) - fig. 4 - nella vasca del’olio su un’asse di
legno di uno spessore di circa 10 mm.

Smontaggio dei gusci di cuscinetto


Estrarre il guscio inferiore del cuscinetto e controlla-
re se è presente la marcatura sul dorso della
sporgenza. Se dovesse mancare, applicarla nel
modo previsto.
Nel caso in cui non dovesse risultare possibile spin-
51 259 0
gere fuori con la mano il guscio superiore del cusci-
netto (14), inserire la spina di trascinamento (15) nel Fig. 5
foro dell’olio (X) dell’albero a gomiti (1) e girare
l’albero a gomiti con cautela in direzione della freccia
(vedi fig. 5) finché la spina di trascinamento (15) è
appoggiata con il suo lato diritto alla scanalatura di
separazione del guscio di cuscinetto superiore (14).
Successivamente a ciò continuare a girare con cau-
tela finché risulta possibile estrarre il guscio di cusci-
netto girandolo manualmente. Controllare il guscio
superiore del cuscinetto per accertare la presenza
della marcatura sul dorso della sporgenza (vedi
scheda di lavoro 02.08.01). Nel caso in cui dovesse
mancare, applicarla nel modo previsto, togliere la
spina di trascinamento (15).

Onde evitare la penetrazione di impurità negli ale-


saggi aperti dell’olio del perno di banco interessato
dell’albero a gomiti, tali alesaggi vanno chiusi p. es.
con nastro adesivo visibile. L’utilizzo di nastro ade-
sivo trasparente (scotch) è assolutamente ammissi-
bile, dato che nell’ambito delle operazioni di mon-
taggio si dimentica troppo facilmente di togliere
questo „freno delle impurità“.

Per la valutazione dei gusci di cuscinetto vedi sche-


da di lavoro 02.04.01.

0683
N. della scheda di lavoro
Smontaggio del cuscinetto di biella
02.07.01 Pagina 4 de 4

Tipo di motore:
S/BVM 628 Ordnungs-Nr.: 0178-01-10 1836

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Montaggio cuscinetto di banco 02.08.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-01-10 1837 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 02.03.02,


02.03.03

Utensili:
- Utensili normali,
- Spina di trascinamento (capoverso 1.8),
- Dispositivo idraulico di serraggio (capoverso 1.8),
- Pompa ad alta pressione con manometro,
- Tubi flessibili ad alta pressione e distributore
(capoverso 1.8),
- Leva (capoverso 1.8),
- Lubrificante Deutz S 2 (capoverso 3.6)

Giudicare i gusci di cuscinetto secondo quan-


to indicato nella scheda di lavoro 02.04.01 e
sostituirli in caso di necessità. I gusci di cusci-
netti già utilizzati non devono essere sostituiti
e devono essere nuovamente installati nel cu-
scinetto originario. Il guscio superiore (14) -
fig. 1 - è dotato, al contrario del guscio inferio-
re (5), di scanalature per l’olio lubrificante. I
nuovi gusci di cuscinetto vanno installati sen-
za ripassature (come raschiature ecc.) e van-
no contrassegnati sui dorsi delle sporgenze
corrispondentemente ai gusci di cuscinetti
vecchi in modo durevole e senza pregiudicare
il loro funzionamento. Per l’installazione dei
due gusci di cuscinetto i contrassegni devono
trovarsi sempre l’uno sopra l’altro. I coperchi
dei cuscinetti (17) sono contrassegnati sul lato
frontale verso il lato del giunto. Controllare lo
stato del perno di manovella. In caso di neces-
sità lisciare con pietra ad olio.

Sequenza operativa
51 260 0
Inserzione dei gusci di cuscinetto Pulire accurata-
mente tutte le componenti del cuscinetto. Togliere le Fig. 1
coperture dai fori dell’olio dell’albero a gomiti (1) - fig.
2 -. Oliare leggermente il perno di banco e il lato
interno dei gusci di cuscinetto. Fare attenzione che
non penetri olio sul dorso del cuscinetto e nel foro di
alloggiamento del cuscinetto. Nella maggior parte
dei casi è possibile girare manualmente il guscio
superiore del cuscinetto (14) - fig. 1 - in posizione.

25 578 1
Fig. 1

0185
N. della scheda di lavoro
02.08.01 Pagina 2 de 4
Montaggio cuscinetto di banco
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-01-10 1837

Continuazione scheda di lavoro

In caso contrario inserire la spina di trascinamento


(15) nel foro dell’olio dell’albero a gomiti (1) e girare
l’albero a gomiti finché la spina di trascinamento si
trova in posizione di avvitamento (vedi fig. 2).

Girare lentamente l’albero a gomiti in direzione della


freccia finché il guscio superiore del cuscinetto (14) -
fig. 1 - presenta su ambo i lati la medesima distanza
dal supporto del coperchio. Fare attenzione che non
venga danneggiato il naso sporgente situato sulla
circonferenza esterna del guscio del cuscinetto.
Togliere la spina di trascinamento (15) - Fig. 2 -.
Inserire il guscio di cuscinetto inferiore (5) -fig. 1
(marcatura in direzione del lato dell’accoppiamento),
nel coperchio del cuscinetto (17). Oliare le viti prigio-
niere con gambo scaricato (2) con olio motore. Con-
trollare il regolare funzionamento dei dadi circolari (4)
su tutta la lunghezza della filettatura delle viti prigio-
niere con gambo scaricato (2). Installare il coperchio
del cuscinetto (17) con l’aiuto della leva (27) - fig. 3 .
e avvitare i dadi circolari (4) a forza di mano. Nel caso
in cui non dovesse risultare possibile inserire il
coperchio del cuscinetto (17) nella guida laterale, è
possibile allargare l’incastellatura mediante un dis-
positivo di allargamento (16). Per fare ciò occorre
installare sul punto di supporto il dispositivo di allar-
gamento procedendo secondo quanto indicato nella
fig. 4. Le viti di fondazione vanno allentate sul lato del
motore opposto a quello del bullone calibrato e
l’incastellatura va allargata mediante il dispositivo di
allargamento (16) girando il dado esagonale (18)
(vedi fig. 4). Ora è possibile installare il coperchio del
cuscinetto (17) - fig. 1 - e avvitarlo a forza di mano
con i dadi circolari (4). Smontare il dispositivo di
allargamento (16) - fig. 4 - e serrare le viti di fondazio-
ne attenendosi alle prescrizioni di serraggio 51 261 0
dell’installatore dell’impianto. Fig. 3

Serraggio dei dadi circolari con il dispositivo id-


raulico di serraggio
Riempire due dispositivi idraulici id serraggio con
olio idraulico (vedi scheda di lavoro 02.16.02).

Avvitare i dadi di serraggio (7) - fig. 3 - sulle viti


prigioniere con gambo scaricato (2). Montare le bus-
sole di serraggio (8) sui dadi di serraggio (7). Spinge-
re la staffa di supporto (12) sulle bussole di serraggio
(8). Inserirvi i dispositivi idraulici di serraggio (11) e
avvitarli mediante le viti a testa esagonale (10) e le
rondelle (9) finché gli stantuffi dei dispositivi di ser-
raggio chiudono a raso con i relativi cilindri. Succes-
sivamente a ciò girare le viti a testa esagonale (10)
indietro di 1 giro. Allacciare la pompa ad alta pressio-
ne con i tubi flessibili. Ingrassare le superfici di ap-
poggio delle viti con gambo scaricato a testa esago-
51 262 0
Fig. 4

0185
N. della scheda di lavoro
Montaggio cuscinetto di banco 02.08.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-01-10 1837 S/BVM 628

nale (3) (vedi fig. 1) con lubrificante Deutz S2. Dopo la prima operazione di serraggio delle viti prigioniere con
gambo scaricato (2) avvitare le viti a gambo scaricato a testa esagonale (3) con le relative rondelle (19).
La sequenza di serraggio dell’intero gruppo da serrare deve corrispondere a quanto indicato nelle prescrizioni
di serraggio riportate nei dati tecnici, capoverso 3.5.2 Misurare il gioco del cuscinetto dopo l’installazione di
nuovi gusci di cuscinetto secondo quanto riportato nella scheda di lavoro 02.03.03. Montare il coperchio
dell’incastellatura.

Riavviare il motore, vedi „Istruzioni per il funzionamento del motore“, capoverso 4.6.

Per sostituire le viti prigioniere a gambo scaricato (2) occorre lubrificare con il prodotto protettivo DEUTZ
DW48 la filettatura delle nuove viti prigioniere a gambo scaricato che viene avvitata nell’incastellatura. Le viti
prigioniere a gambo scaricato (2) vanno avvitate nell’incastallatura fino alla base del „foro cieco della
filettatura“ e vanno poi serrate osservando una coppia di 130 Nm (13 kpm).

Se per un qualsiasi motivo dovesse essere stata smontata la vasca dell’olio, in occasione
dell’installazione di quest’ultima occorre ermetizzarla nel modo riportato qui di seguito: applicare il
mastice Deutz DW 48 come rombo continuo come illustrato nella Fig. 5. Il rombo non dovrebbe essere
di una larghezza superiore ai 2 - 3 mm. In caso di applicazione molto più larga di ciò non è più assicurata
un’ermetizzazione sicura.

Mastice

51 263 0
Fig. 5

0185
N. della scheda di lavoro
Montaggio cuscinetto di banco
02.08.01 Pagina 4 de 4

Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-01-10 1837

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Stantuffo 02.10.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-297 5843 S/BVM 628

Controllo Utensili:
- utensili normali
A seconda dell’impiego e del carico a cui è sotto-
posto il motore ed inoltre a seconda del carburante e Schede di lavoro:
della qualità dell’olio lubrificante, relativamente alla - 01-05-04 - 01-08-01
“manutenzione prevista” gli intervalli di manutenzio- - 02.04.01 - 02.09.01
ne per i pistoni possono differire di molto. Per poter - 02.10.02 - 02.10.04
determinare un intervallo di manutenzione razionale, - 02.12.01 - 03.02.01
stabiliamo il seguente metodo. - 06.02.01

Successione delle fasi di lavoro:


● Al momento del primo controllo dei pistoni secondo lo schema degli intervalli di manutenzione, lo stato dei
pistoni e delle fasce elastiche viene controllato ispezionando dapprima le superfici di scorrimento delle
canne dei cilindri attraverso la camera di combustione tramite endoscopio secondo quanto indicato nella
scheda di lavoro 01.05.04, oppure attraverso la scatola dell’albero a gomiti. Se le testate dei cilindri sono
smontate, il controllo avviene secondo la scheda di lavoro 01.08.01.
● Quindi viene smontato un pistone per ogni fila di cilindri. Per evitare giudizi errati, smontare il pistone con
la superficie di scorrimento della canna del cilindro avente l’aspetto peggiore; scheda di lavoro 02.09.01.
● Smontaggio della biella secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 02.12.01.
● Pulire le camere di raffreddamento, i fori di ingresso e di uscita nella parte superiore ed inferiore del
pistone.
● Togliere con cautela le incrostazioni di olio carbonizzato tramite un raschietto. Se l’incrostazione è ≥ 3 mm,
esaminare il pistone per verificare l’assenza di altri danneggiamenti.
● Misurare il perimetro della camera di combustione. Il perimetro deve stare indietro di
0,8 mm - 1,1 mm per motori con rapporto di compressione
e = 11,7 e di 2,3 mm - 2,6 mm per motori con rapporto di compressione e = 13,0.

● Se
- dalle superfici di scorrimento di tutte le canne dei cilindri sono assenti punti di lucidatura, rigature o altri
danneggiamenti (vedi anche la scheda di lavoro 03.02.01),
- i pistoni estratti sono in uno stato normale (nei motori funzionanti ad olio pesante si deve controllare se
nella camera di raffreddamento del pistone sono presenti incrostazioni carbonizzate. A questo scopo,
mediante un cacciavite infilato attraverso il foro di scarico dell’olio di raffreddamento si deve controllare
se sono presenti incrostazioni. Se si sente uno strato incrostato, cioè di spessore maggiore di circa 0,5
mm, devono essere controllati tutti i pistoni e devono essere sottoposti a manutenzione secondo
quanto indicato nella scheda di lavoro 02.10.04),
- nella zona di getto degli iniettori sono presenti erosioni di profondità massima di 1 mm,
- tutte le fasce elastiche non presentano tracce di bruciatura (marrone/blu),
- tutte le fasce elastiche sono lente e non eccessivamente usurate, cioè
- gli strati di scorrimento sono ancora completamente intatti e senza sfaldature e spigoli vivi,
- lo strato di cromo del segmento elastico è ancora completamente intatto e senza fessure,
- l’anello smussato non presenta una costola più alta di 1 mm,
il controllo degli altri pistoni può essere rimandato al periodo successivo secondo lo schema degli
intervalli di manutenzione. In questo momento viene poi controllato per la seconda volta nel modo indicato.
In caso di nuovo risultato positivo, la manutenzione di tutti i pistoni può essere rimandata ancora di un periodo
di controllo.
Se durante uno di questi controlli risulta che il pistone estratto ha difetti, devono essere smontati anche gli altri
pistoni e tutti i pistoni devono essere sottoposti a manutenzione.
● Se vengono misurati valori diversi da quelli normali, i pistoni non devono essere riutilizzati! In questo caso
è necessario contattare la DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH.

● Per aumentare la sicurezza, esaminare le altre canne dei cilindri dalla scatola dell’albero a gomiti.

Il numero di ore di funzionamento del motore fino all’istante in cui tutti i pistoni devono essere smontati
per la prima volta vale come intervallo di manutenzione dei pistoni nella “manutenzione prevista”.
Riportare l’intervallo di manutenzione nello schema generale degli intervalli di manutenzione.

0785
N. della scheda di lavoro
02.10.01 Pagina 2 de 4
Stantuffo
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-297 5843

MANUTENZIONE Utensili:
- pinza per fasce elastiche (sez. 1.8)
Le fasce elastiche di pistoni smontati devono essere
sempre sostituite. Solo in casi eccezionali e dopo un
Mezzi ausiliari:
attento esame, le fasce elastiche con meno di 1.000
- frammento di fascia elastica lucidato
ore di funzionamento possono essere rimontate.
(lunghezza 100 mm)
- tela smeriglio fina, n° 250
- pietra al carburo di silicio
Successione delle fasi di lavoro:
● Smontare le fasce elastiche con la pinza per fasce Pezzi di ricambio:
elastiche (1). - set di fasce elastiche

● Togliere i residui di olio carbonizzato dai pistoni.


Schede di lavoro:
● Pulire accuratamente le scanalature delle fasce - 02.10.02
elastiche. A questo scopo utilizzare il frammento
di fascia elastica come raschietto. La superficie di
raschiatura deve essere la parte interna della
fascia elastica a causa dello smusso. Non dan-
neggiare i raggi delle scanalature e dei fianchi
delle scanalature.

● Lisciare leggeri punti di abrasione e di grippaggio


eventualmente presenti sulla superficie di scorri-
mento del pistone utilizzando una pietra al carbu-
ro di silicio fina.
In caso di danneggiamenti maggiori o forte for-
mazione di rigature, sostituire il pistone.

● Prima del rimontaggio, misurare il pistone pulito;


vedi la scheda di lavoro 02.10.02.

● Montare le fasce elastiche iniziando con quella


più in basso. A questo scopo utilizzare solo la
pinza per fasce elastiche.

“Top” sui fianchi della fascia elastica deve


essere diretto sempre verso l’alto.
24 962 1
Fig. 1 Pinza di montaggio delle fasce elastiche

0785
N. della scheda di lavoro
Stantuffo 02.10.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-297 5843 S/BVM 628

Set di fasce elastiche

1. Segmento elastico

2. Anello elastico con smusso

3. Anello smussato a cielo

Misure nominali per scanalature e


fasceelastiche

Misura nuova Gioco


Fascia 1 4,925 - 4,940
0,190 - 0,225
Scanalatura 1 5,130 - 5,150

Fascia 2 4,925 - 4,940


0,160 - 0,195
Scanalatura 2 5,100 - 5,120

Fascia 3 6,965 - 6,987


0,063 - 0,105
Scanalatura 3 7,050 - 7,070

51 265 0

Dopo la sostituzione dei pistoni, controllare i Fig. 2 Set di fasce elastiche


cuscinetti delle bielle; vedi scheda di lavoro
02.04.01.

1083
N. della scheda di lavoro
Stantuffo
02.10.01 Pagina 4 de 4

Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-297 5843

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Scanalature di anello elastico 02.10.02
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-10 1093 S/BVM 628

Controllo delle scanalature per fa-


sce elastiche
Dopo ogni smontaggio dei pistoni, sostituire le fasce
elastiche e misurare il gioco assiale “S” tra la nuova
fascia elastica ed il fianco inferiore della scanalatura
su 8 punti a 45° l’uno dall’altro. Vedi fig. 1.

Utensili:
- spessimetro

Schede di lavoro:
- 02.10.01
- 02.11.01

50 618 1

Fig. 1 Punti di misura per il gioco assiale

Successione delle fasi di lavoro:


● Montare nuove fasce elastiche secondo quanto
indicato nella scheda di lavoro 02.10.01.

● Su uno spessimetro da 0,4 mm marcare la pro-


fondità di 5 mm; vedi fig. 2.

● Premere la fascia elastica contro il fondo della


scanalatura nella zona del punto di misura.

● Inserire lo spessimetro sul fianco inferiore della


fascia elastica tra il pistone e la fascia elastica
stessa.
Se lo spessimetro penetra per più di 5 mm su
almeno un punto di misura, il pistone deve essere
sottoposto a manutenzione secondo quanto indi-
cato nella scheda di lavoro 02.11.01. 50 696 1

La manutenzione è necessaria anche se si Fig. 2 Procedimento di misura del gioco assiale


prevede che il gioco assiale “S” venga supera-
to durante il periodo successivo di funziona-
mento del pistone secondo lo schema degli
intervalli di manutenzione.
N. della scheda di lavoro
Scanalature di anello elastico
02.10.02
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-10 1093

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Stantuffo 02.10.04 Pagina 1 de 2

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-297 5844 S/BVM 628

Riparazione
Uno smontaggio del pistone nelle sue parti non è
normalmente necessaria. Se tuttavia il pistone deve
essere smontato nelle sue parti a causa del risultato
del controllo, ciò deve essere effettuato solo dalla
DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH o da
un’officina autorizzata.

Utensili:
- utensili normali
- calibro
- spina di rame o di plastica

Mezzi ausiliari:
- lubrificante DEUTZ S2 (sez. 3.6)

Schede di lavoro:
- 02.10.01
- 02.10.02

Successione delle fasi di lavoro:


Smontaggio
● Controllo del pistone secondo quanto indicato
nella scheda di lavoro 02.10.01.

● Controllo delle scanalature per fasce elastiche


secondo quanto indicato nella scheda di lavoro
02.10.02.

● Svitare i dadi (4) e togliere gli elementi di spinta (5)


dalla parte inferiore del pistone (3).

● Inserire la spina di rame o di plastica attraverso il


foro di scarico dell’olio di raffreddamento della
parte inferiore del pistone e separare la parte
superiore (1) dalla parte inferiore del pistone me- 50 052 1
diante colpi di martello.
Fig. 1 Riparazione del pistone
● Pulire tutti i pezzi.

Non danneggiare i pezzi!


Non effettuare nessun lavoro manuale o mec-
canico sulle superfici di contatto fra la parte
superiore e la parte inferiore del pistone e sulle
sedi di centraggio!

● Misurare la distanza “X” delle viti con gambo


scaricato tramite un calibro di profondità.
Se la distanza “X” è maggiore di 96 mm, la vite
con gambo scaricato deve essere sostituita.

● Sostituire i pezzi usurati o danneggiati.

0785
N. della scheda di lavoro
02.10.04 Pagina 2 de 2
Stantuffo
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-297 5844

Montaggio

● Se necessario, avvitare le viti prigioniere con gam-


bo scaricato (6) nella parte superiore del pistone
applicando una coppia di serraggio di 25 Nm.

● Collocare la parte superiore del pistone (1) sulla


parte inferiore del pistone (3) facendo attenzione
alla spina (2).

● Spingere gli elementi di spinta (5) nella parte infe-


riore del pistone sulle viti con gambo scaricato e
con l’estremità bombata in avanti.

● Lubrificare la filettatura e le superfici di contatto


dei dadi (4) con DEUTZ S2.
50 052 1
● Avvitare i dadi (4) sulle viti con gambo scaricato
Fig. 2 Riparazione del pistone
(6).

- Serrare i dadi procedendo a croce e con una


coppia di serraggio di 35 Nm.
- Allentare i dadi.
- Serrare i dadi procedendo a croce e con una
coppia di serraggio di 15 Nm.
- Ruotare i dadi di altri 60° - 90°.

Controllo:
- Serrare i dadi applicando una coppia di serrag-
gio di 35 Nm; i dadi non devono continuare a
ruotare.

In caso contrario, ricercare, trovare ed eliminare la


causa; eventualmente le superfici di contatto sono
sporche, danneggiate, ecc.

0785
N. della scheda di lavoro
Scanalature di anello elastico 02.11.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-297 5838 S/BVM 628

Manutenzione
Questa operazione va eseguita esclusivamente da parte della DEUTZ SERVICE INTERNATIONAL GmbH o da
parte di un’officina specializzata autorizzata.

0292
N. della scheda di lavoro
Scanalature di anello elastico
02.11.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-297 5838

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio perno stantuffo 02.12.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-10 1656 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 02.09.01,


02.13.01, 02.14.01

Utensili:
- Pinza di montaggio per anelli di sicurezza
- Dispositivo di sollevamento

Smontare lo stantuffo procedendo secondo


quanto indicato nella scheda di lavoro
02.09.01. Prima dello smontaggio del perno
dello stantuffo controllare se le marcature del
numero di cilindro (posizioni I, II e III della
figura riportata qui accanto) dello stantuffo,
del fusto di biella e del coperchio del cuscinet-
to di biella sono presenti, altrimenti applicarle.
Dopo lo smontaggio del perno dello stantuffo
controllare la bussola e il perno. (Scheda di
alvoro 02.13.01).

Sequenza operativa
Smontaggio
Agganciare il fusto di biella con lo stantuffo (7) verso
il basso in un dispositivo di sollevamento e appog-
giare con cautela sul fondo dello stantuffo. Togliere
gli anelli di sicurezza (6). Spingere fuori il perno dello
stantuffo (5). Sollevare lo stelo di biella dallo stantuf-
fo facendo uso del dispositivo di sollevamento. De-
purare il foro del perno dello stantuffo, il perno dello
stantuffo e la bussola.

Per la sostituzione di un fusto di biella


Se un fusto di biella viene sostituito con un fusto
nuovo, fare attenzione che prima dell’assiemaggio lo
stelo di biella e il coperchio del cuscinetto di biella
vengano muniti del contrassegno del numero del
cilindro ai punti „II“ e „III“ (vedi fig. 1).
51 268 0
Montaggio
Inserire un anello di sicurezza (6) nello stantuffo (7). Fig. 1
Agganciare la biella con il dispositivo di sollevamen-
to in modo tale che all’introduzione dello stelo di
stantuffo nello stantuffo i numeri dei cilindri dello
stantuffo (I) e del fusto di biella (II) si trovino l’uno
sopra l’altro (vedi fig. 1).

Oliare il perno dello stantuffo (5) e la bussola. Suc-


cessivamente a ciò inserire il perno e applicare il
secondo anello di sicurezza.

Gli anelli di sicurezza (6) vanno inseriti in modo


tale che la fessura degli anelli di sicurezza sia
rivolta verso il piede di biella (3). (Vedi fig. 2)

51 269 0
Fig. 2

1083
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio perno stantuffo
02.12.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-10 1656

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Perno di stantuffo, bussola di perno di stantuffo 02.13.01 Pagina 1 de 2
e occhiello di Perno di stantuffo
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-10 1096 S/BVM 628

Controllo
Misurazione del gioco del cuscinetto.

Utensili:
- Spessimetro,
- Micrometro esterno,
- Micrometro interno
- Dispositivo di montaggio per bussola del piede
di biella (capoverso 1.8.1)

Sequenza operativa
Smontare la bussola del piede di biella secondo la
scheda di lavoro 02.12.01. Sistemare la biella (3) in
posizione verticale. montare il perno dello stantuffo
(1) pulito nella bussola pulita finché risulta una
sporgenza (a) omogenea del perno dello stantuffo (1)
su ambo i lati.

Misurare il gioco del cuscinetto (S) facendo uso di


uno spessimetro. Inserire il perno dello stantuffo in
un occhiello depurato del perno dello stantuffo e
misurare anche in questo caso il gioco. Al raggiungi-
mento del massimo gioco ammissibile i pezzi vanno
misurati singolarmente e vanno sostituite le parti
soggette ad usura.

Giochi di Gioco max. gioco


cuscinetto a nuovo ammissibile

Perno di stantuffo-
bussola di perno 0,09 - 0,155 0,2
di stantuffo

Perno di stantuffo -
occhiello di perno 0,01 - 0,03 0,1 51 270 0
di stantuffo

Diametro Misura Max. misura


a nuovo ammissibile
Bussola di perno
di stantuffo 105,090 bis
diametro interno 105,145 105,15

Perno di stantuffo 104,990 bis 104,95


105,000

Occhiellodi perno 105,010 bis 105,07


di stantuffo 105,020

1084
N. della scheda di lavoro
02.13.01 Pagina 2 de 2
Perno di stantuffo, bussola di perno di stantuffo
e occhiello di Perno di stantuffo
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-10 1096

Riparazione

Segare le camicie vecchie ed espellerle mediante il dispositivo di smontaggio. Congelare la nuova bussola,
se presente, con azoto liquido (vedi capoverso 3.7) o soprafondere la bussola p. es. in una camera frigorifera
e riscaldare l’occhiello della biella (in alto) in bagno d’olio fino ad una temperatura di 80 - 90 °C. Inserire la
bussola con il dispositivo di montaggio in modo tale che sporga in modo omogeneo a destra ed a sinistra
dell’occhiello della biella. Succesivamente a ciò occorre misurare la coassialità della bussola del perno dello
stantuffo e controllare la parallelità dell’allineamento del cuscinetto facendo uso di un apparecchio di
misurazione per biella (4) secondo quanto indicato nella figura qui accanto. Deviazione di parallelità: 0,04 mm
per 100 mm di lunghezza. Qualora non dovesse essere disponibile un apparecchio di misura adatto si
proceda nel modo seguente:

Staccare gli anelli elastici dallo stantuffo secondo quanto riportato nella scheda di lavoro 02.10.01. Installare
lo stantuffo secondo quanto riportato nella scheda di lavoro 02.14.01, ma senza anelli elastici. Spiare lo
stantuffo nella bussola, vale a dire che tra lo stantuffo e la bussola deve esservi lo stesso gioco in direzione
longitudinale e trasversale del motore. Qualora non dovesse esservi un gioco distribuito omogeneamente o
l’errore di parallelità dovesse esser maggiore di quello indicato, sostituire la biella. È vietato registrarla.

1084
N. della scheda di lavoro
Montaggio stantuffo 02.14.01 Pagina 1 de 2

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-07-10 1339 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 01.09.01, 02.06.01, 02.10.01, 02.10.02, 02.12.01, 02.15.01, 03.02.01

Utensili:
- Dispositivo di montaggio per stantuffi (capoverso 1.8),
- Dispositivo di serraggio per anelli elastici (capoverso 1.8),
- Pinza per anelli elastici (capoverso 1.8),
- Dispositivo di sollevamento.

Prima dell’installazione controllare, manutenzionare e misurare lo stantuffo e gli anelli elastici secondo
quanto indicato nelle schede di lavoro 02.10.01 e 02.10.02. Controllare la camicia del cilindro in
osservanza della scheda di lavoro 03.02.01. Per l’attribuzione dei tipi di anelli elastici alle scanalature
degli anelli elastici vedi scheda di lavoro 02.10.01.

Se la biella era smontata dallo stantuffo il montaggio deve essere eseguito in osservanza di quanto
previsto dalla scheda di lavoro 02.12.01.

Sequenza operativa
Applicare il dispositivo di montaggio dello stantuffo
(1) sullo stantuffo (5). Fare attenzione che il taglio
della molla del segmento raschiaolio sia sfalsato di
180 ° rispetto al taglio dell’anello elastico. Installare
gli anelli elastici facendo uso dell’apposita pinza
iniziando con l’anello elastico più basso. Distribuire i
tagli degli anelli elastici sulla circonferenza dello
stantuffo. Oliare bene il mantello dello stantuffo e i
suoi anelli elastici. Applicare l’espansore (2) e serrare
il dado ad alette (6) battendo alternativamente con le
mani sulla circonferenza dell’espansore. (Il battere
con le mani è necessario per assicurare un appoggio
omogeneo degli anelli elastici nell’espansore in
modo che gli anelli elastici si sistemino nelle relative
scanalature senza inclinazioni).
Girare il perno dello stantuffo dell’albero a gomiti del
rispettivo cilindro in posizione di punto morto supe-
riore. Rimuovere il coperchio del perno della mano-
vella. Oliare bene la camicia del cilindro, la superficie
di scorrimento del guscio superiore del cuscinetto e
il perno della manovella. Inserire il guscio del cusci-
netto di biella nel piede della biella. Per guidare lo
stantuffo può essere applicato un tubo sul disposi-
tivo di montaggio (1). Inserire lo stantuffo (5) con
cautela nella camicia. La marcatura della biella è
rivolta verso il coperchio di montaggio. Fare atten-
zione che il piede della biella non danneggi la cami-
cia. Per l’ulteriore introduzione dello stantuffo
l’espansore (2) deve essere appoggiato sullo spalla-
mento interno della camicia per evitare rotture
dell’anello elastico. Abbassare ulteriormente lo stan-
tuffo finché il piede della biella è appoggiato con il
guscio superiore del cuscinetto sul perno della ma-
novella. Smontare il dispositivo di montaggio (1) e
togliere l’espansore (2). Per il montaggio del cusci-
netto di biella vedi scheda di lavoro 02.06.01. 24 968 1

0983
N. della scheda di lavoro
02.14.01 Pagina 1 de 2
Montaggio stantuffo
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-07-10 1339

Se è stato smontato l’iniettore dell’olio refri-


gerante dello stantuffo, rimontarlo. Gli ugelli
sono contrassegnati con numeri di cilindro.
Non confonderli. Controllare la posizione di
montaggio dell’iniettore mediante una spina
di registro secondo quanto riportato nella
scheda di lavoro 02.15.01.

Osservare le prescrizioni per il rodaggio, vedi


capoverso 4.6.

0983
N. della scheda di lavoro
Iniettore olio refrigerante stantuffo 02.15.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-16-10 1980 S/BVM 628

Controllo
Utensili:
- Lampada a mano o torcia elettrica,
- Specchio (capoverso 1.8),
- Spina di registro (capoverso 1.8),
- Leva di orientamento (capoverso 1.8).

Per assicurare un raffreddamento regolare


dello stantuffo occorre controllare se il getto
dell’olio refrigerante penetra centricamente
nel foro di entrata dell’olio refrigerante. Per
questo motivo assicurare un giusto posiziona-
mento dell’iniettore dell’olio refrigerante.

Sequenza operativa
Controllo della spina di registro
Controllare l’eventuale presenza di danni meccanci
sull’estremità inferiore della spina di registro (2) e
verificare se la spina di registro è perfettamente
diritta. Inserire la spina di registro (2) in un iniettore di
olio refrigerante di riserva e girare manualmente. Se
l’estremità superiore dovesse ballare occorre regola-
re la spina di registro.

Controllo dell’orientamento
Togliere il coperchio dell’incastellatura. Girare lo
stantuffo del relativo cilindro in posizione di punto
morto superiore.
Posizionare uno specchio (4) in modo tale che sia
ben riconoscibile l’entrata dell’olio refrigerante (1)
nello stantuffo e nell’ugello dell’olio refrigerante. Fis-
sare un cordoncino alla spina di registro (2) e assicu-
rarlo esternamente al motore in modo tale che la
spina di registro non possa cadere nella vasca
dell’olio ovvero possa esservi estratta.

Abbassare lo stantuffo con cautela girando l’albero a


gomiti di circa 30° introducendo nel contempo la
spina di registro nell’ingresso dell’olio refrigerante (1)
e nell’iniettore dell’olio refrigerante (3).

Controllo della posizione dell’iniettore girando la spi-


na di registro. La spina di registro deve essere girabi-
le facilmente, ovvero senza toccare la valvola di
strozzamento di antiritorno. Qualora la spina di
registro non dovesse risultare facilmente girabile, la
posizione dell’iniettore va corretta mediante la leva
di orientamento osservando l’iniettore nello spec-
chio.

Dopo il controllo verificare se è stato smontato


la spina di registro.

51 271 0

0385
N. della scheda di lavoro
Iniettore olio refrigerante stantuffo
02.15.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-16-10 1980

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Riempimento e sfiato del dispositivo 02.16.02 Pagina 1 de 4
idraulico di serraggio
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-49-10 1100 S/BVM 628

Manutenzione
Per un perfetto funzionamento del dispositivo idraulico di serraggio l’intero sistema delle tubazioni
deve essere esente da aria. Lo sfiato risulta tuttavia necessario solamente in caso di fabbisogno, dato
che normalmente le metà giunto, che chiudono automaticamente, evitano la fuoriuscita di olio e la
penetrazione di aria.

Maneggio del dispositivo idraulico di serraggio vedi schede di lavoro 01.04.01, 01.09.01, 02.07.01 und
02.08.01

1 Pompa ad alta pressione 7 Manometror


2 Contenitore dell’olio 8 Tubo flessibile per alta pressione
3 Foro di riempimento con vite di chiusura 9 Elemento di distribuzione
4 Leva della pompa 10 Metà giunto di sicurezza
5 Molla di tenuta 11 Dispositivo idraulico di serraggio
6 Volano per il riflusso 12 Metà giunto di sicurezza(pezzo
(corrispondente)

51 272 0

0683
N. della scheda di lavoro
02.16.02 Pagina 2 de 4
Riempimento e sfiato del dispositivo
idraulico di serraggio
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-49-10 1100

Montaggio
Mediante la pompa ad alta pressione (1) viene condotta pressione d’olio attraverso tubi flessibili per alta
pressione (8) nel dispositivo di serraggio (11).
Una valvola di sicurezza limita la pressione dell’olio. La pressione dell’olio prescritta per il serraggio del
raccordo a vite viene letta sul manometro (7). Per la riduzione della pressione dell’olio nel sistema delle
tubazioni aprire il volano (7). Il collegamento dei tubi flessibili per alta pressione (8) con i dispositivi di serraggio
(11) nonché con l’elemento di distribuzione (9) viene realizzato mediante le metà giunto di sicurezza (10)
ovvero (12).

Se vengono collegati più di quattro dispositivi di serraggio contemporaneamente, i tubi flessibili non utilizzati
devono essere chiusi assolutamente con le metà giunto (10) e con i relativi nippli di chiusura.
La normale posizione di servizio della pompa ad alta pressione (1) è orizzontale, può comunque essere
operata anche in posizione verticale con il raccordo del tubo flessibile in basso.

Riempimento e sfiato dei dispositivi di serraggio

Per il riempimento della pompa ad alta pressione (1) deve essere utilizzato solamente uno degli oli
idraulici riportati qui di seguito.

BP Energol oli idraulici 50 Mobil oli idraulici


BV oli idraulici E 100 Shell oli AB 11
Esso Zerice 36 Viscobil oli Sera I
Gasolin Spezial AS Viscobil oli CL 40

L’utilizzo di altri oli può comportare disfunzioni dovute al rigonfiamento delle guarnizioni. Sono del tutto
inadatti, tra gli altri, l’olio per freni, l’olio per ammortizzatori, l’olio diesel, il petrolio e la benzina.

Sequenza operativa
Riempire la pompa ad alta pressione (1) attarverso il foro di riempimento (3) con almeno 1,5 l di olio idraulico.
Collegare la pompa ad alta pressione (1), il dispositivo di tenuta per il manometro (7) e l’elemento distributore
(9) con il tubo flessibile per alta pressione. Azionare la leva della pompa finché i tubi flessibili per aria
compressa vengono sfiatati.
Svitare la metà giunto di sicurezza (12) dal dispositivo idraulico di serraggio. Riempire il dispositivo idraulico
di serraggio con olio idraulico e avvitare la metà giunto di sicurezza (12). Successivamente a ciò collegare i
tubi flessibili dell’aria compressa.

A causa del pericolo di incidenti tutte le componenti del dispositivo idraulico di serraggio, in particolare
i tubi flessibili per alta pressione, devono trovarsi in stato perfetto. Non piegare, curvare fortemente o
tirare i tubi flessibili dell’alta pressione.

0583
N. della scheda di lavoro
Riempimento e sfiato del dispositivo 02.16.02 Pagina 3 de 4
idraulico di serraggio
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-49-10 1100 S/BVM 628

In caso di disfunzioni del dispositivo idraulico di serraggio, p. es. in caso di mancanza di pressione o di
sviluppo di pressione insufficiente o di caduta della pressione, procedere nel modo riportato qui di
seguito:

In caso di pompa ad alta pressione verticale (1) (collegamento del tubo flessibile in basso) azionare più volte
rapidamente la leva della pompa (4) aprendo e chiudendo alternativamente la valvola di riflusso mediante il
comando (6). Riparare in caso di necessità la valvola a sfera situata nel dispositivo di serraggio del manometro
(7).
In caso di necessità andrebbe controllata la corretta indicazione del manometro (7) mediante confronto con
il manometro fornito in dotazione all’elemento di riserva. Il manometro di riserva è dotato di una metà giunto
di sicurezza (12) per il collegamento ad uno dei tubi flessibili dell’alta pressione (8).

51 273 0

0683
N. della scheda di lavoro Riempimento e sfiato del dispositivo
02.16.02 Pagina 4 de 4
idraulico di serraggio
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-49-10 1100

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Giunto elastico 02.17.01 Pagina 1 de 2
(Giunto Vulkan -con flangia di collegamento)
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-52-10 1609 S/BV 12/16 M 628

Misura del giunto: EZ 166 S / EZ 171 S /


EZ 195 S / EZ 201 S

Utensili:
- Utensili normali,
- Dispositivo di sollevamento,
- Viti di separazione.

Avvertenza Il giunto è smontabile radialmente


senza dover spostare le macchine collegate.

Sequenza operativa
Smontaggio

Sostenere il giunto con il dispositivo di sollevamen-


to, marcare il mantello della flangia (4) - fig. 1 - verso
il volano (6) e la flangia del giunto (9) verso il mozzo
della flangia (10). Allentare le viti a testa esagonale (1)
gradualmente in direzione della circonferenza della
misura „X“.

Misura del giunto Misura „X“

EZ 166 S 13 mm
EZ 171 S / EZ 195 S 14 mm
EZ 201 S 18 mm

Le viti a testa esagonale (1) rimangono parzialmente


nell’anello di copertura esterno (2). Mediante leggeri
urti sulle teste delle viti (1) staccare l’anello di coper-
tura esterna (2) dall’elemento (3) e premerlo fuori dal
centraggio del mantello della flangia. Le bussole di
serraggio (5) rimangono fisse nel mantello della flan-
gia (4) e come guida in parte nell’anello di copertura
esterno (2).
Svitare le viti a testa esagonale (7) e staccare le
rosette (14). Togliere le spine di registro ovvero i
bulloni calibrati (8) e le lamiere di sicurezza (13) - se
esistenti -. Svitare le viti a testa esagonale (11) e
togliere il perno (12).

Premere il mantello della flangia (4) - Fig. 2 -


all’indietro dal volano (6) mediante viti di separazione
M 18x50 ovvero M 20x50 finché il centraggio del
volano e del mozzo della flangia risulta libero.

Premere il mozzo della flangia (10) fuori dal centrag-


gio della flangia del giunto (9) mediante le viti di
separazione. Smontare il giunto radialmente. La so-
stituzione dell’elemento va eseguita nel modo con-
sueto attenendosi alle prescrizioni del fabbricante
del giunto.

Montaggio
L’installazione del giunto viene effettuata proceden-
do in ordine inverso, vale a dire che va realizzato il 51 274 0
collegamento tra il volano (6) e il mantello della
flangia (4) dopo avere inserito il giunto. Fig. 1

0385
N. della scheda di lavoro
02.17.01 Pagina 2 de 2
Giunto elastico
(Giunto Vulkan -con flangia di collegamento)
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine: 0178-52-10 1609

Le viti a testa esagonale (7) - fig. 1 - vanno serrate


attenendosi alle prescrizioni di serraggio, vedi „Indica-
zioni tecniche“, capoverso 3.5, riga 44 Per il giunto EZ
171/ EZ 195 S ovvero riga 45 per il giunto EZ 201 S.

Successivamente a ciò va realizzato il collegamento


della flangia del giunto (9) - fig. 2 - con il mozzo della
flangia (10) e va effettuato il fissaggio esterno
dell’elemento.

51 275 0
Fig. 2

0385
N. della scheda di lavoro
Giunto elastico Giunto Vulkan 02.17.01
senza flangia di collegamento
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-52-10 1610 S/BVM 628

Misura del giunto: EZ 121 S, EZ 135 S, EZ 142 S,


EZ 166 S, EZ 171 S, EZ 195 S,
EZ 201 S

Utensili:
- Utensili normali,
- Viti di separazione.

La sostituzione dell’elemento è effettuabile


senza dovere spostare le macchine collegate.

Sequenza operativa
Sostituzione dell’elemento

Allentare le viti a testa esagonale (1) gradualmente in


direzione della circonferenza. A metà lunghezza
portante della filettatura nell’anello di copertura
esterna (2) staccare l’anello di copertura esterna
dall’elemento (3) mediante leggeri urti sulle teste
delle viti (1) e premere fuori dal centraggio del man-
tello della flangia (4). Per lo smontaggio le bussole di
serraggio (5) rimangono nel mantello della flangia.
Svitare le viti a testa esagonale (7) e togliere le
rosette (4). Rimuovere i bulloni calibrati (8) e la lamie-
ra di sicurezza (13) - se presenti.
Premere il mantello della flangia(4) all’indietro medi-
ante le viti di separazione, estrarre l’anello di smon-
taggio (15).

L’ulteriore cambio di elementi va eseguito secondo


le prescrizioni del fabbricante del giunto.

Successivamente a ciò realizzare il collegamento del


mantello della flangia (4) con il volano (6). Per fare ciò
inserire il bullone calibrato (8), applicare la lamiera di
sicurezza (13) - se presente - e serrare le viti a testa
esagonale (7) con le rosette (14) attenendosi alle
prescrizioni di serraggio, vedi „Indicazioni tecniche“,
capoverso 3.5, riga 51 per i giunti EZ 121 S / EZ 135
S, riga 52 per i giunti EZ 142 S / EZ 166 S, riga 53 per
i giunti EZ 171 S / EZ 195 S e riga 54 per il giunto EZ
201 S.

51 276 0

0385
N. della scheda di lavoro
Giunto elastico Giunto Vulkan
02.17.01
senza flangia di collegamento
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-52-10 1610

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Valvola limitatrice dell’incastellatura 03.01.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-01-10 1101 S/BVM 628

Controllo
Verificare che le guarnizioni del coperchio dell’incastellatura siano in stato regolare e che le valvole limitatrici
funzionino perfettamente.

Utensili:
- Utensili normali

Dopo lo smontaggio dei coperchi dell’incastellatura (1) controllare con le valvole limitatrici (4) le
guarnizioni di camicia tra la camera dell’acqua di raffreddamento e la camera dell’azionamento.
Prepompare olio lubrificante ed eseguire un controllo visivo di tutti i punti di supporto. La vasca dell’olio
deve essere esente da fango, in caso contrario va pulita.

Sequenza operativa
Svitare le viti a testa esagonale (3), staccare il coperchio della carcassa della manovella (1) con la valvola di
scarico (4). Premere manualmente la valvola di scarico dal lato interno e scaricarla. Nel caso in cui la rosetta
(6) devesse bloccarsi nel premere o non dovesse essere premuta indietro dalla molla della vite (10) contro
l’anello circolare di tenuta (7) occorre scomporre e pulire la valvola limitatrice (4).

Scomposizione delle valvole limitatrici


Svitare i dadi esagonali (14), staccare gli anelli di tenuta (13). Svitare le viti cilindriche, staccare la guarnizione
della flangia circolare (11) e il supporto dell’anello (8) con l’anello di tenuta circolare (7). La rosetta (6) e la molla
della vite (10) sono situate liberamente nella scatola della valvola limitatrice (4). Sostituire le parti difettose.

Prima dell’assiemaggio controllare o sostituire l’anello di tenuta della flangia circolare (ll), la guarnizione
(2) e l’anello di tenuta circolare (7).

Serrare le viti a testa esagonale (3).

25 229 1

0985
N. della scheda di lavoro
Valvola limitatrice dell’incastellatura
03.01.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-01-10 1101

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Camicia di cilindro 03.02.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-04-10 1102 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 02.09.01,


03.03.01, 03.06.01

Manutenzione
In occasione di ogni controllo dello stantuffo verifica-
re lo stato della superficie di scorrimento della cami-
cia del cilindro in stato montato nonché la superficie
di appoggio della guarnizione della testata del ci-
lindro.

Utensili:
- Utensili normali

Le camicie di cilindro presentanti forti rigature,


come possono risultare ad esempio nel caso
in cui gli spigoli degli anelli elastici siano acuti,
vanno levigate solo meccanicamente o sosti-
tuite.

Sequenza operativa
Prima della pulitura della camicia del cilindro coprire
bene la camera della manovella. Controllare lo spi-
golo di avviamento della camicia del cilindro al punto
morto superiore del primo anello elastico (marcatura
di inversione del primo anello) prima del montaggio
dello stantuffo ed eliminarlo in caso di necessità.
Per l’installazione degli anelli di interferenza tale spi-
golo va in linea di massima eliminato. Per non dan-
neggiare la superficie di scorrimento della camicia
del cilindro nel punto di inversione ed al di sotto di
tale punto si raccomanda di procedere nel modo
riportato qui di seguito: appoggiare il coperchio di
lamiera, che presenta un diametro inferiore di 1 mm
a quello della camicia, sullo stantuffo. Applicare una
smerigliatrice a mano dotata di una mola di sme-
rigliatura a grano fine in posizione verticale sulla 24 873 1
piastra di lamiera.. Girare lo stantuffo nella posizione
in cui non risulta possibile danneggiare la superficie
di scorrimento situata sotto lo spigolo di avviamento
nell’ambito della ripassatura.
Prima dell’inizio della rettifica otturare con grasso la
fessura tra lo stantuffo e la camicia del cilindro. Dopo
aver concluso i lavori pulire accuratamente la cami-
cia del cilindro.

Dopo la pulitura della camicia del cilindro deve


essere effettuata una misurazione dell’usura
(vedi scheda di lavoro 03.03.01).

Le camicie di cilindro vengono irruvidite in


linea di massima in occasione di ogni smon-
taggio dello stantuffo
(scheda di lavoro 03.06.01).

0683
N. della scheda di lavoro
Camicia di cilindro
03.02.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-04-10 1102

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Camicia di cilindro 03.02.03
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-04-10 1853 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 03.02.01, 03.03.01, 03.04.01, 03.05.01, 03.06.01, 09.00.01

Manutenzione
Smontare, controllare e riparare, in caso di necessità riparare o sostituire tutte le camicie di cilindro.

Raccomandiamo di fare effettuare da un punto di assistenza clienti della Deutz la riparazione delle
camicie di cilindri ed eventualmente dell’incastellatura.

Utensili:
- Utensili normali.

Sequenza operativa:
● scaricare il liquido refrigerante attenendosi a quanto riportato nella scheda di lavoro 09.00.01.

● Smontare e pulire la camicia del cilindro secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 03.04.01.

● Controllare l’eventuale presenza di striature e spigoli consumati della camicia del cilindro nonché la
superficie di appoggio della testata del cilindro - vedi scheda di lavoro 03.02.01 -.

● Misurare il diametro interno e l’errore di coassialità secondo quanto indicato nella scheda di lavoro
03.03.01.

● Controllare l’eventuale presenza di danni, cavitazioni, corrosione e formazione di incrostazioni di caldaia


sulla parte esterna della camicia del cilindro.
La corrosione e la formazione di incrostazioni di caldaia sono indicatori dell’impiego di un refrigerante
inadatto. Osservare le prescrizioni relative al liquido refrigerante riportate nel capitolo 6.

● Sostituire gli anelli circolari di tenuta - per l’ermetizzazione della camera di raffreddamento - e l’anello di
tenuta sotto al collare della camicia.

● Montare la camicia del cilindro secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 03.05.01.

1083
N. della scheda di lavoro
Camicia di cilindro
03.02.03
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-04-10 1853

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Camicia 03.03.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-04-10 2068 S/BVM 628

Controllo
Dapprima risulta sufficiente verificare, per le camicie
di cilindro già utilizzate, il punto di inversione
dell’anello elastico superiore. Qualora dovesse es-
sere constatabile uno spigolo di usura consistente
(superiore a circa 0,2 mm), sarebbe opportuno misu-
rare la camicia del cilindro. Dopo l’installazione di
una nuova camicia di cilindro è necessaria solamen-
te una misurazione di controllo della coassialità.

Utensili:
- Pertica per camicie di cilindro (da realizzare spe-
cificamente)
- Micrometro interno con calibro a blocchetto.

Prima dell’inizio della misurazione pulire accu-


ratamente la camicia del cilindro e la pertica e
coprire bene la camera della manovella.

Sequenza operativa
Impostare il micrometro sulla misura nominale del
diametro della camicia del cilindro. Aggangiare la
pertica (1) alla camicia del cilindro (2). Misurare la
camicia del cilindro in direzione longitudinale e tras-
versale del motore nei piani di misurazione della
pertica (1). Per fare ciò agganciare la pertica nella
rispettiva direzione.

I piani di misura sono stabiliti mediante 3 fori praticati


nella pertica. Tutti i valori misurati vanno registrati e
valorizzati. In caso di superamento della massima
misura ammissibile occorre sostituire la camicia del
cilindro.

Misura nominale 240 mm Ø


Misura massima ammissibile (misurata al punto di
inversione superiore del primo e del secondo anello
di compressione): 241 mm Ø
Errore di circolarità massimo
ammissibile 0,15 mm

In caso di superamento dell’errore di circola-


rità massimo di 0,15 mm smontare la camicia
del cilindro ed accertarne la causa (vedi sche-
da di lavoro 03.04.01).

Distanza dallo spigolo superiore della camicia del


cilindro
a = 60 - 61 mm
b= 190 mm
c= 340 mm

Le camicie di cilindro utilizzate per più di 50


000 ore di servizio che risultano avere quasi
raggiunto il limite di usura, vanno sostituite. 51 277 0

1090
N. della scheda di lavoro
Camicia
03.03.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-04-10 2068

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Smontaggio camicia cilindro 03.04.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-04-10 1104 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 03.02.01,


03.03.01, 09.00.01

Al raggiungimento della massima misura di


usura ammissibile o in caso di necessità di
riparazione occorre smontare la camicia del
cilindro.

Utensili:
- Utensile di smontaggio e di montaggio per
camicia di cilindro (capoverso 1.8).
- Utensili normali.
- Dispositivo di sollevamento

Primo dello smontaggio misurare la camicia


del cilindro. (vedi scheda di lavoro 03.03.01).

Sequenza operativa
Scaricare il liquido dalle camere dell’acqua di raf-
freddamento nell’incastellatura. Coprire la camera
della manovella, applicare ponte (2) sull’incastell-
atura (5). Agganciare la vite del tirante (3) attraverso il
foro del ponte (2) nella camicia del cilindro.
Premere la staffa di trazione (2) dalla camera della
manovella contro la camicia del cilindro.
Avvitare la vite del tirante (3) nella staffa di trazione (6)
e applicare il dado a testa esagonale (4).
Serrare il dado a testa esagonale (4) finché la camicia
del cilindro si solleva dalla guida. Con il dispositivo di
sollevamento estrarre la camicia del cilindro verti-
calmente dall’incastellatura e deporla su di un sup-
porto di legno.

Togliere l’anello di tenuta (1). Controllare la superficie


di scorrimento della camicia del cilindro secondo
quanto indicato nella scheda di lavoro 03.02.01. 50 083 1
Pulire accuratamente la camicia del cilindro
dall’esterno - in particolare le scanalature degli anelli
di tenuta circolari.

La formazione di incrostazioni di caldaia indica la


presenza di acqua circolante inadatta.
Osservare le prescrizioni relative all’acqua di raffred-
damento secondo quanto riportato nel capoverso
6.4.

A seconda dell’esito del controllo occorre decidere


sull’eventuale necessità di estrarre altre camicie.
N. della scheda di lavoro
Smontaggio camicia cilindro
03.04.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-04-10 1104

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Montaggio camicia cilindro 03.05.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-04-10 1341 S/BV 12/16 M 628

In combinazione con le schede di lavoro 03.02.01,


03.03.01, 03.06.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Lubrificante Deutz F5
(capoverso 3.6)
- Dispositivo di smontaggio e montaggio per cami-
cie di cilindro (capoverso 1.8) l dispositivo di
sollevamento, legno quadro (70 x 70 x 300)

Misurare la nuova camicia di cilindro dopo


l’installazione. Errore di coassialità max. 0,15
mm. Per la reinstallazione di camicie di ci-
lindro già utilizzate verificare il settore di inver-
sione (vedi scheda di lavoro 03.02.01).

Sequenza operativa
Con la camera della manovella coperta pulire la
parete della camera dell’acqua di raffreddamento, la
superficie di scorrimento del collare della camicia del
cilindro nonché le superfici di guida e le superfici
inclinate di introduzione per gli anelli di tenuta cir-
colari. Ingrassare l’anello circolare di tenuta Viton (7)
(5 mm 0) in alto e gli anelli circolari di tenuta Viton (8)
(4 mm 0) in basso con lubrificante Deutz F5 e inserire
le scanalature anulari. Fare attenzione che gli anelli di
tenuta non si contorcano nell’inserirli. In linea di
massima utilizzare esclusivamente anelli originali
nuovi.
Controllare l’anello di tenuta (6), sostituirlo in caso di
necessità ed inserire il centraggio nell’incastellatura.
Applicare il dispositivo di installazione per la camicia
di cilindro. Serrare un legno quadro (5) tra il ponte (1)
e il collare della camicia di cilindro per proteggere la
camicia di cilindro.
Agganciare la camicia di cilindro in un dispositivo di
50 082 1
sollevamento ed inserirla nell’incastellatura. La ca-
micia di cilindro scivola sotto leggera pressione nella
sua sede. Smontare il dispositivo di montaggio per la
camicia di cilindro. Misurare la camicia del cilindro
(vedi scheda di lavoro 03.03.01).
Nel caso in cui ciò non sia stato ancora fatto, irruvidi-
re la superficie di scorrimento della camicia di ci-
lindro con una levigatrice (vedi scheda di lavoro
03.06.01). Qualora non fosse disponibile una leviga-
trice, la superficie va irruvidita manualmente facendo
uso di tela smeriglio di misura 100 (vedi in questo
contesto anche la scheda di lavoro 03.06.01 relativa-
mente alla direzione di smerigliatura). Dopo
l’irruvidimento pulire accuratamente la camicia del
cilindro.

Procedere ad un nuovo rodaggio del motore.


Vedi capoverso 4.6, prescrizioni per il rodag-
gio.
N. della scheda di lavoro

Tipo di motore:
N. d’ordine:

Pagina vacante.
N. della scheda di lavoro
Levigatura della camicia del cilindro 03.06.01 Pagina 1 de 2

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-04-10 2063 S/BVM 628

Levigatura della camicia del cilindro


Una camicia di cilindro va levigata
- in occasione dell´installazione di nuove fasce elastiche del pistone ovvero di un nuovo pistone,
- nel caso in cui la superficie di scorrimento sia denudata interamente o parzialmente, vale a dire che
le rigature da levigature non sono più visibili,
- in caso di rigature profonde.

La levigature deve essere effetuata esclusivamente da punti di assistenza clienti DEUTZ


(DEUTZ SERVICE) appositamente equipaggiati.

1192
N. della scheda di lavoro
03.06.01 Pagina 2 de 2
Levigatura della camicia del cilindro
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-04-10 2063

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Bulloni di fondazione 03.07.01
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-46-10 1173 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 02.02.01

Controllo
Dato che la fondazione può essere alterata a seguito dell’effetto del calore e delle ventature, controllare che
tutti i bulloni di fondazione siano ben serrati (anche quelli difficilmente accessibili, perché coperti ad esempio
da tubazioni).

Utensili:
- Utensili normali.

Controlli particolari durante le prime 50 ore di servizio.

Sequenza operativa
Controllare gli elementi di accoppiamento (2), in caso di supporto rigido ovvero i rasamenti (3) in caso di
supporto elastico battendovi sopra. Nel battere, il suono metallico indica un collegamento ben fisso. Serrare
le viti allentate (4), (5) e (6) osservando le prescrizioni di serraggio dell’installatore dell’impianto. Successiva-
mente a ciò misurare la respirazione degli spallamenti dell’albero a gomiti (scheda di lavoro 02 . 02 . 01 ) e
controllare eventualmente l’orientamento.

osservare la massima pulizia, in particolare tenere lontani olio ed acqua dalla fondazione.

Supporto rigido Supporto elastico

51 278 0
N. della scheda di lavoro
Bulloni di fondazione
03.07.01
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-46-10 1173

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Riparazione dei meccanismi motori dei motori 03.08.01
supportati elasticamente
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-46-10 1604 S/BVM 628

Riparazione
I motori supportati elasticamente richiedono squilibri possibilmente contenuti del meccanismo motore.

Utensili:
- Eventualmente bilancia

Per lo smontaggio del meccanismo motore dei motori supportati elasticamente fare attenzione che lo
stantuffo, la biella e il cuscinetto siano contrassegnati con il relativo numero di cilindro. Nell’ambito del
montaggio lo stantuffo, la biella ed il cuscinetto vanno rimontati - come d’uso - allo stesso cilindro e in
osservanza del medesimo accoppiamento. Questo è particolarmente importante per i motori suppor-
tati elasticamente onde evitare un aumento dello squilibrio del meccanismo motore.
N. della scheda di lavoro Riparazione dei meccanismi motori dei motori
03.08.01
supportati elasticamente
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-46-10 1604

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Cuscinetto dell’albero a camme 04.01.01 Pagina 1 de 2

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-10-10 1824 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 02.00.01, 04.05.01, 04.06.01, 07.04.01

Controllo
Misurare i giochi dei cuscinetti degli alberi a camme accessibili. Qualora dovesse essere constatata l’usura di
un cuscinetto, vanno misurati anche gli altri cuscinetti di albero a camme. Per fare ciò occorre smontare le
pompe d’iniezione (vedi scheda di lavoro 07.04.01).

Utensili:
- Utensili normali,
- Spessimetro.

Per sostituire i gusci di cuscinetto occorre smontare l’albero a camme (vedi scheda di lavoro 04.05.01).

Sequenza operativa
Misurazione del gioco del cuscinetto
Smontare i coperchi accessibili (1). Misurare con lo spessimetro il gioco del cuscinetto tra l’albero a camme
e il guscio del cuscinetto.

Giochi di cuscinetto:
Gioco a nuovo: 0,111 - 0,208 mm
Max. gioco ammissibile: 0,3 mm

In caso di superamento del max. gioco ammissibile di 0,3 mm occorre sostituire i cuscinetti dell’albero a
camme.

Riparazione
Raccomandiamo di fare eseguire la riparazione da un punto di assistenza clienti della Deutz.

Smontaggio dei gusci di cuscinetto


Smontare l’azionamento della pompa d’iniezione, la pompa d’iniezione ed il coperchio (1) secondo quanto
indicato nella scheda di lavoro 07.04.01. Smontare l’albero a camme secondo quanto indicato nella scheda
di lavoro 04.05.01. Segare i gusci di cuscinetto (2) e/o farli fuoriuscire dall’incastellatura (3) mediante una
spina d’ottone (0 94 mm) o estrarli facendo uso di un dispositivo di estrazione.

Montaggio dei gusci di cuscinetto.


Il montaggio dei gusci di cuscinetto (2) viene effettuato mediante congelamento. Le superfici di contrazione
(alesaggio nell’incastellatura nonché gusci di cuscinetto) devono essere metallicamente lucide, vale a dire
che il grasso, l’anticorrosivo, la ruggine e simili devono essere stati eliminati. La temperatura dei gusci del
cuscinetto da contrarre ammonta a -170 ¡C - -196 ¡C. Il congelamento viene effettuato in azoto liquido (vedi
capoverso 3.7). Per l’inserimento occorre fare attenzione che gli alesaggi interni ai gusci siano allineati con i
fori dell’incastellatura

0985
N. della scheda di lavoro
04.01.01 Pagina 2 de 2
Cuscinetto dell’albero a camme
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-10-10 1824

Gli alesaggi dell’olio


devono essere allineati !

Dettaglio „X“
51 279 0

Dettaglio „X“

Montare l’albero a camme secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 04.06.01. Riapplicare il coperchio
(1). I relativi bulloni vanno serrati attenendosi alle „Indicazioni tecniche, capoverso 3.5, riga 28“. Successiva-
mente a ciò montare la pompa d’iniezione secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 07.04.01.

0985
N. della scheda di lavoro
Azionamento inferiore della valvola 04.02.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-11-10 1346 S/BVM 628

In combinazione con le schede di lavoro 01.04.01,


01.09.01, 07.04.01

Controllo
Controllo visivo dei rulli della punteria e delle camme
accessibili. Qualora dovessero essere constatati rulli
della punteria e camme difettosi, vanno controllati
anche gli altri rulli della punteria e le altre camme. Per
fare ciò vanno smontate le pompe d’iniezione (vedi
scheda di lavoro 07.04.01 ).

Utensili:
- Utensili normali,
- Lampada,
- Prisma,
- Blocco di legno duro o lamiera d’alluminio.

Sequenza operativa
Smontare i coperchi accessibili (10) - Fig. 1 -. Fare
girare il motore e controllare se i rulli della punteria
funzionano regolarmente e le camme ed i rulli della
punteria non presentano sconnessità o scheggiature
di materiale.

Fare particolare attenzione a

● sfaldature o incrinature nei punti soggetti a carico

● tracce di colore blu di riscaldamento sulle super-


fici di scorrimento delle camme.

Se le camme e i rulli della punteria sono in stato


perfetto, rimontare il coperchio (10) e serrare i bulloni
secondo le „Indicazioni tecniche“, capoverso 3.5, 50 123 1
riga 28. Fig. 1

Riparazione
Se necessario, ad esempio in caso di danneggia-
mento del rullo e in caso di blocco dell’azionamento
valvola.

A seconda della posizione dell’azionamento


valvola occorre smontare la pompa
d’iniezione e l’azionamento della pompa
d’iniezione (vedi a questo riguardo la scheda
di lavoro 07.04.01 ).

1285
N. della scheda di lavoro
04.02.01 Pagina 2 de 4
Azionamento inferiore della valvola
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-11-10 1346

girato di 90°

50 116 1
Fig. 2

Sequenza operativa
Smontaggio dell’azionamento valvola
Smontare la testata del cilindro (vedi scheda di lavoro 01.04.01). Estrarre le aste della punteria (25) - fig. 2 -..
Svitare le viti a testa esagonale (16) con gli anelli elastici (17).
Con un cacciavite è possibile premere la guida della punteria (30) verso l’alto. A questo scopo è prevista una
borsa sulla flangia della guida della punteria. Togliere l’anello di sicurezza (23).

Controllare lo stato di usura di tutte le componenti, in particolare della guida della punteria (30), della punteria
(29), del rullo della punteria (31) e della ralla (28).
Sostituire le componenti difettose.

1285
N. della scheda di lavoro
Azionamento inferiore della valvola 04.02.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-11-10 1346 S/BVM 628

Smontaggio del rullo della punteria


Dopo lo smontaggio dell’intera punteria (29) si può
procedere allo smontaggio del rullo della punteria. A
questo scopo il metodo migliore è quello di utilizzare
un prisma su cui viene collocato il rullo allo scopo di
estrarre il perno del rullo (32), vedi fig. 3. Se un
prisma non è a disposizione, si può eventualmente
collocare la punteria su un ceppo di legno duro (33) o
su un blocco di alluminio con un’apertura di dimen-
sioni adeguate per il passaggio del perno del rullo
durante la sua estrazione.
Prima dell’estrazione del perno, mediante spina di
ottone (35) e pressa, tra entrambi i lati del rullo della
punteria (31) e la punteria stessa (29) deve essere
collocata una lamiera dello spessore di 0,3 - 0,4 mm.
In questo modo si impedisce che la punteria si
deformi nella zona inferiore.
50 117 1
Fig. 3
Montaggio azionamento valvola
Pulire e oliare tutte le componenti dell’azionamento
valvola ed assiemarle procedendo in ordine inverso.
Controllare che il rullo della punteria(31) sia facilmen-
te girabile. Dotare la guida del rulli della punteria (30)
di un nuovo anello di tenuta circolare (14) e inserirla
nell’incastellatura unitamente al rullo della punteria
(29) tenendo d’occhio la bussola di serraggio (15).

La fessura nella bussola di serraggio (15) deve


essere rivolta in direzione longitudinale del
motore.

Avvitare e serrare le viti a testa esagonale (16) con l’anello elastico (17).
Controllare il regolare funzionamento del rullo della punteria (29) nella guida del rullo della punteria (30).
Inserire le aste di punteria (25) e montare la testata del cilindro (vedi scheda di lavoro 01.09.01). Impostare il
gioco della valvola (vedi scheda di lavoro 01.01.01) .

Avvertenza per facilitare il lavoro nell’ambito dello smontaggio dell’albero a camme


Le testate di cilindro possono rimanere montate. Devono essere rimosse solamente le aste di punteria (25).
Mediante fili di apporto possono essere sollevati i rulli della punteria (29) e può essere smontato l’albero a
camme attenendosi a quanto riportato nella scheda di lavoro 04.05.01.
Per fare ciò occorre piegare leggermente i fili di apporto all’estremità inferiore. Con essi si penetra nei fori di
riflusso dell’olio dei rulli della punteria, si sollevano questi ultimi e si agganciano sul bordo superiore delle
testate di cilindro piegando i fili metallici.

1285
N. della scheda di lavoro
04.02.01 Pagina 4 de 4
Azionamento inferiore della valvola
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-11-10 1346

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Azionamento valvola inferiore 04.02.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-11-10 1992 S/BVM 628

In combinazione con la scheda di lavoro 01.04.01,


01.09.01, 07.04.01

Controllo
Controllo visivo dei rulli della punteria e delle camme
accessibili. Qualora dovessero essere constatati rulli
della punteria e camme difettosi, vanno controllati
anche gli altri rulli della punteria e le altre camme. Per
fare ciò vanno smontate le pompe d’iniezione (vedi
scheda di lavoro 07.04.01).

Utensili:
- Utensili normali,
- Lampada,
- Prisma,
- Blocco di legno duro o lamiera d’alluminio

Sequenza operativa
Smontare i coperchi accessibili (10) - Fig. 1 -. Fare
girare il motore e controllare se i rulli della punteria
funzionano regolarmente e le camme ed i rulli della
punteria non presentano sconnessità o scheggiature
di materiale.

Fare particolare attenzione a

● sfaldature o incrinature nei punti soggetti a carico

● tracce di colore blu di riscaldamento sulle super-


fici di scorrimento delle camme.

Se le camme e i rulli della punteria sono in stato


perfetto, rimontare il coperchio (10) e serrare i bulloni
secondo le „Indicazioni tecniche“, capoverso 3.5,
riga 28. 50 123 1
Fig. 1

Riparazione
Se necessario, ad esempio in caso di danneggia-
mento del rullo o in caso di blocco dell’azionamento
valvola.

A seconda della posizione dell’azionamento


valvola occorre smontare la pompa
d’iniezione e l’azionamento della pompa
d’iniezione (vedi a questo riguardo la scheda
di lavoro 07.04.01).

1285
N. della scheda di lavoro
04.02.01 Pagina 2 de 4
Azionamento valvola inferiore
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-11-10 1992

girato di 90°

50 040 1
Fig. 2

Sequenza operativa
Smontaggio dell’azionamento valvola
Smontare la testata del cilindro (vedi scheda di lavoro 01.04.01). Estrarre le aste della punteria (25) - fig. 2 -..
Svitare le viti a testa esagonale (16) con gli anelli elastici (17).
Con un cacciavite è possibile premere la guida della punteria (30) verso l’alto. A questo scopo è prevista una
borsa sulla flangia della guida della punteria. Togliere l’anello di sicurezza (23) e. se esistenti, la rosetta e la
molla di compressione.

Tutti i pezzi devono essere controllati per verificarne l’usura, in particolare la guida della punteria (30), la
punteria (29), il rullo della punteria (31) e la ralla (28).
Sostituire i pezzi difettosi.

1285
N. della scheda di lavoro
Azionamento valvola inferiore 04.02.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-11-10 1992 S/BVM 628

Smontaggio del rullo della punteria


Dopo lo smontaggio dell’intera punteria (29) è possi-
bile smontare il rullo della punteria. A questo scopo
la cosa migliore è utilizzare un prisma su cui si
appoggia la punteria per estrarre il perno del rullo
(32) - fig. 3 -. Nel caso in cui non dovesse esservi un
prisma è possibile, se proprio necessario, deporre la
punteria su di un blocco di legno duro (33) o su di un
pezzo di alluminio dotato di un foro di misura suf-
ficiente per consentire il libero passaggio del perno
del rullo a seguito dell’estrazione di quest’ultimo.
Prima di estrarre mediante spina di ottone (35) e
pressa va inserita rispettivamente una lamiera di
spessore di 0,3 - 0,4 mm (34) tra i due lati del rullo
della punteria(31) e la punteria (29). In questo modo
si evita che la punteria si possa eventualmente defor-
mare nella zona inferiore.
50 118 1
Fig. 3

Montaggio azionamento valvola


Pulire e oliare tutte le componenti dell’azionamento valvola ed assiemarle procedendo in ordine inverso.
Controllare che il rullo della punteria (31) sia facilmente girabile. Dotare la guida della punteria (30) di un nuovo
anello di tenuta circolare (14) e inserirla nell’incastellatura unitamente alla punteria (29) tenendo d’occhio la
bussola di serraggio (15).

La fessura nella bussola di serraggio (15) deve essere rivolta in direzione longitudinale del motore.

Avvitare e serrare le viti a testa esagonale (16) con l’anello elastico (17).
Controllare il regolare funzionamento della punteria (29) nella guida della punteria (30). Inserire le aste di
punteria (25) e montare la testata del cilindro (vedi scheda di lavoro 01.09.01). Impostare il gioco della valvola
(vedi scheda di lavoro 01.01.01)

Avvertenza per facilitare il lavoro nell’ambito dello smontaggio dell’albero a camme


Le testate di cilindro possono rimanere montate. Devono essere rimosse solamente le aste della punteria (25).
Mediante fili di apporto possono essere sollevate le punterie (29) e può essere smontato l’albero a camme
attenendosi a quanto riportato nella scheda di lavoro 04.05.01.

A questo scopo si trova sul bordo superiore della punteria(29) un foro. In questo foro può essere inserito un
filo metallico, la punteria può essere sollevata e può essere agganciata al bordo superiore della testata del
cilindro.

1285
N. della scheda di lavoro
04.02.01 Pagina 4 de 4
Azionamento valvola inferiore
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-11-10 1992

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio ruote intermedie 04.04.01 Pagina 1 de 6

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-09-10 1377 S/BV 12/16 M 628

In combinazione con le schede di lavoro 04.05.01, 04.06.01, 04.06.02, 04.08.01, 05.04.01,


05.04.14, 05.00.01, 07.04.01, 07.06.01

Utensili:
- Utensili normali,
- Prodotto protettivo Deutz DW 60 (vedi capoverso 3.6)
- Dispositivo di smontaggio per assi (15), (23), (29), (40) (vedi capoverso 1 .8)

rendere impossibili le rotazioni involontarie dell’albero a gomiti. Vedi scheda di lavoro 05.00.01.
Non devono cadere pezzi nella scatola ingranaggi.

Sequenza operativa: smontaggio della tiranteria di regolazione vedi scheda di lavoro 05.04.14.

Smontaggio delle leve (1), (2) e (3).


Togliere il coperchio (45 e 46) unitamente alle guarnizioni, svitare il bullone di chiusura (6) con l’anello di tenuta.

Lato A Lato B

51 280 0
Fig. 1

1285
N. della scheda di lavoro
04.04.01 Pagina 2 de 6
Smontaggio e montaggio ruote intermedie
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine: 0178-09-10 1377

51 281 0
Fig. 2

Svitare la vite a testa esagonale (47) dalla leva (3).

La bussola di serraggio (34) non deve cadere


nella scatola ingranaggi.

Espellere a percussioni dalla leva (3) e dall’albero di regolazione (48) la bussola di serraggio (34) con il
cacciacopiglie, il quale viene inserito attraverso il foro filettato della vite di chiusura (6). Togliere la leva.
Togliere l’anello di sicurezza (49). Sul lato B allentare le viti a testa esagonale (50) e togliere la lamiera di
sicurezza (51). Espellere l’albero di regolazione (48) verso il lato B facendo uso di un perno morbido (1 e 2)
Vista X (senza leva). Smontare allo stesso modo dall’albero di regolazione come la leva (3).

Smontaggio delle ruote dentate dell’albero a camme (50 e 51) (vedi fig. 2)
Togliere il coperchio (52 e 53) con le guarnizioni. Per l’ulteriore smontaggio vedi scheda di lavoro 04.05.01.

Smontaggio della ruota dentata di azionamento (8) per le pompe d’iniezione (vedi fig. 3 e 4)
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio ruote intermedie 04.04.01 Pagina 3 de 6

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-09-10 1377 S/BV 12/16 M 628

51 282 0
Fig. 3
N. della scheda di lavoro
04.04.01 Pagina 4 de 6
Smontaggio e montaggio ruote intermedie
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine: 0178-09-10 1377

Ruota dentata di azionamento (8) dal lato A


Smontare il coperchio (7). Svitare le viti a testa cilind-
rica (9). Estrarre l’elemento d’albero (10) e togliere la
ruota dentata (8). Pulire tutti i pezzi. Controllare se la
ruota dentata (8) presenta usura sui fianchi.

Sezione E - F
Ruota dentata di azionamento (8) dal lato B
(vedi fig. 3 e 4)
Smontare la pompa dell’olio con il coperchio e tuba-
ture secondo quanto indicato nella scheda di lavoro
07.06.01. Svitare le viti a testa cilindrica (9), estrarre
l’elemento d’albero (10) e togliere la ruota dentata
(8). Pulire tutti i pezzi. Controllare se la ruota dentata
(8) presenta usura sui fianchi.

Sezione C - D

51 283 0
Fig. 4

Smontaggio della ruota dentata intermedia (24)


(vedi fig. 3 e 5)
(Lato A o lato B)

Virare l’apertura del volano prima della vite esagona-


le con gambo scaricato (21). Svitare le viti esagonali
(32) (vedi fig. 3) e togliere la piastra di testa (33).
Svitare la vite esagonale (21).
Estrarre dal centraggio l’asse (23) mediante il dispo-
sitivo di smontaggio (staffa e vite esagonale, vedi
sez. 1.8). Bloccare la ruota dentata (24), estrarre
completamente l’asse (23). Togliere la ruota dentata
(24) ed il disco (25) lateralmente dalla scatola.
Pulire tutti i pezzi. Controllare se la ruota dentata (24)
presenta usura sui fianchi e se il guscio di cuscinetto
ed il disco (25) sono affetti da rigature.
Controllare gli O-ring (20) e (22) e, se necessario,
sostituirli.

51 284 0
Fig. 5
N. della scheda di lavoro
Smontaggio e montaggio ruote intermedie 04.04.01 Pagina 5 de 6

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-09-10 1377 S/BV 12/16 M 628

Smontaggio e montaggio della coppia di ruote


intermedie(36) (vedi fig. 3 e 6)
lo smontaggio avviene come per le ruote intermedie
(24).

Smontaggio delle ruote intermedie


Smontare il coperchio (44).
Smontare il regolatore del numero di giri procedendo
secondo la scheda di lavoro 05.04.01.
Le ruote intermedie (19) e (30) vanno smontate come
le ruote intermedie (24).

Montaggio della coppia di ruote intermedie (36)


(vedi fig. 3, 6, 7, 8)

Posizionare la piegatura a gomito della manovella 1


verticalmente in alto. oliare leggermente le superfici
di scorrimento dell’asse (40) e il guscio di cusinetto
nella coppia di ruote intermedie (36). Incollare la
puleggia (41) nell’incameramento della coppa di ruo-
te intermedie con grasso. Inserire la coppia di ruote
intermedie nella scatola degli ingranaggi in modo
tale che l’intaglio (42) della coppia di ruote interme-
die corrisponda con la marcatura incorporata all’atto
della colata (43) situata nella scatola degli ingranaggi
(vedi fig. 7).
Spingere l’asse (40) con l’anello circolare di tenuta
(37) nei due fori del cuscinetto della scatola degli
ingranaggi. Applicare la piastra di chiusura (33). Av-
vitare le viti a testa esagonale (32) con prodotto di
protezione Deutz Dw 60 e serrarle. Spingere l’anello
circolare di tenuta (38) sulla vite a testa esagonale a
gambo scaricato (39) (per la posizione vedi fig. 8).
Inserire la vite a testa esagonale a gambo scaricato
(39) nell’asse (40), serrarla e stringere in osservanza
delle prescrizioni di serraggio, vedi „Indicazioni tec-
niche“ capoverso 3.5, riga 41.
51 285 0
Fig. 6

51 286 0 51 286 0
Fig. 7 Fig. 8
N. della scheda di lavoro
04.04.01 Seite 6 von 6
Smontaggio e montaggio ruote intermedie
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine: 0178-09-10 1377

Montaggio delle ruote intermedie (24) (vedi fig. 3 e 5)


Girare l’apertura nel volano davanti all’apertura del cuscinetto nella scatola degli ingranaggi. Oliare legger-
mente le superfici di scorrimento dell’asse (23) e il guscio di cuscinetto nella ruota intermedia (24). Incollare
il disco (25) nell’incameratura della ruota intermedia (24). Sollevare la ruota intermedia (24) nella scatola degli
ingranaggi e spingere l’asse (23) con l’anello di tenuta circolare (20) in ambo i fori del cuscinetto della scatola
degli ingranaggi. Applicare la piastra di chiusura(33). Avvitare le viti a testa esagonale (32) con il prodotto di
protezione Deutz DW 60 e serrarle. Spingere l’anello di tenuta circolare (22) sulla vite a gambo scaricato a
testa esagonale (21) (posizione vedi fig. 8). Inserire la vite a gambo scaricato a testa esagonale (21) nell’asse
(23), avvitarla e serrarla in osservanza delle prescrizioni di serraggio - „Indicazioni tecniche“, capoverso 3.5,
riga 41.

Montaggio ruota di azionamento (8) per pompe d’iniezione (vedi fig. 3 e 4)


Oliare leggermente le superfici di scorrimento della sezione di albero (10) e del guscio del cuscinetto nella
flangia del cuscinetto (11). Inserire la ruota intermedia (8) nella scatola degli ingranaggi. Spingere la sezione
dell’albero (10) nella flangia del cuscinetto (11) e nella ruota di azionamento (8). Avvitare le viti cilindriche (9).
Impostare l’inizio dell’alimentazione secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 07.06.01. Per il montag-
gio sul lato A montare il coperchio (7) con la guarnizione (7a). Per il montaggio sul lato b montare la pompa
dell’olio con il coperchio e le tubazioni secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 07. 06.01.

Montaggio della ruota intermedia (30) (vedi fig. 3 e 5)


Oliare leggermente le superfici di scorrimento (29) e il guscio di cuscinetto nella ruota intermedia (30). Incollare
il disco (31) con grasso. Sollevare la ruota intermedia (30) nella scatola degli ingranaggi e spingere l’asse (29)
con l’anello di tenuta circolare (26) in ambo i fori del cuscinetto della scatola degli ingranaggi. Applicare la
piastra di chiusura (33). Avvitare le viti a testa esagonale (32) con il prodotto di protezione Deutz DW 60 e
serrarle. Spingere l’anello di tenuta circolare (27) sulla vite a gambo scaricato a testa esagonale (28) (posizione
vedi fig. 8). Inserire la vite a gambo scaricato a testa esagonale (28) nell’asse (29), avvitarla e serrarla in
osservanza delle prescrizoni di serraggio - „Indicazioni tecniche“, capoverso 3.5, riga 40.

Montaggio della ruota intermedia (19) (vedi fig. 3 e 4)


Montaggio della ruota intermedia (19) come ruota intermedia (30), ma la vite a gambo scaricato a testa
esagonale (14) viene avvitata sul lato posteriore della scatola degli ingranaggi con il dado a cappello (16).
Prima di avvitare il dado a cappello applicare l’anello di tenuta circolare (17).

Montaggio delle ruote dentate dell’albero a camme (50) e (51) (vedi fig. 3)
Vedi scheda di lavoro 04.06.01 . Montare i coperchi (52 e 53) con le guarnizioni.

Dopo l’installazione delle ruote dentate va controllato il gioco dei fianchi dei denti secondo quanto indicato
nella scheda di lavoro 04.08.01. Successivamente a ciò (1), (2) e (3) (vedi fig. 1)

Montaggio delle leve (1) , (2) e (3) (vedi fig. 1, 2 e 3)


Applicare le leve (1 e 2) sull’albero di regolazione (48) e serrarle mediante manicotti di serraggio (34). Avvitare
le viti a gambo scaricato a testa svasata (47) con prodotto di protezione Deutz DW 60 e serrarle. Mediante
leggeri urti praticati tramite spina sull’albero di regolazione si procede al montaggio di quest’ultimo finché il
cuscinetto a sfere (54) viene a trovarsi a contatto del collare nella scatola degli ingranaggi . Montare la lamiera
di sicurezza (51) con le viti (50) che vengono inserite facendo uso del prodotto di protezione Deutz-DW 60. Sul
lato A inserire l’anello di sicurezza (49). Applicare la leva (3) e serrare con manicotto di serraggio (34). Avvitare
la vite a gambo scaricato a testa svasata (47) con prodotto di protezione Deutz DW 60 e serrarla. Montare i
coperchi (45 e 46) con le guarnizioni. La vite di chiusura (6) con.
N. della scheda di lavoro
Comando del motore 04.05.01 Pagina 1 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-10-10 2498 S/BV 12/16 M 628

Smontaggio dell’albero a camme


Lo smontaggio ha luogo in occasione della sostitu-
zione del cuscinetto dell’albero a camme o per la
riparazione dell’albero a camme. Nel caso in cui non
risulti possibile per mancanza di spazio spingere
l’albero a camme fuori dall’incastellatura in direzione
„KS o „KGS“ viene separato al centro, al collega-
mento flangiato.

Utensili:
- Utensili normali
- Riga a coltello
- Utensile speciale (capoverso 1.8)
- Chiave torsiometrica
- Utensile da innesto
- Utensile speciale (capoverso 1.8.1) 50 638 1
- Spina di guida

Mezzi ausiliari:
- prodotto di protezione DEUTZ DW 55
(capoverso 3.6)
- carburante distillato

Schede di lavoro:
01.02.02 / 04.02.01 / 07.04.01 / 10.02.01

Sequenza operativa:
Lavoro preliminare
Lato destro (linea di cilindri B):
● Smontare il coperchio (4) ed il coperchio (3) con il
distributore dell’aria di regolazione di avviamento
attenendosi a quanto riportato nella scheda di
lavoro 10.02.01.

Lato sinistro (linea di cilindri A):


● Smontare i coperchi (1) e (2). 50 640 1

● Girare l’albero a gomiti finché le marcature „L“ e


„R“ ovvero gli intagli (1 ) sulle ruote dentate corris-
pondono con le marcature (2) e (3) delle superfici
di tenuta della scatola degli ingranaggi.

● In caso di necessità smontare le pompe


d’iniezione, scheda di lavoro 07.04.01.

● In caso di necessità smontare il coperchio di


montaggio dell’incastellatura, nella zona degli al-
beri a camme.

● Smontare il bilanciere, scheda di lavoro 01.02.02.

● Sollevare l’azionamento valvola inferiore, scheda


di lavoro 04.02.01.
50 639 1

0592
N. della scheda di lavoro
04.05.01 Pagina 2 de 3
Comando del motore
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine: 0178-10-10 2498

Smontaggio verso il controlato del giunto „KGS“


● Svitare i dadi a testa esagonale (13) e le viti a testa
esagonale (9).

● Togliere il coperchio (14) e la guarnizione (8).


● Aprire la lamiera di sicurezza (12) piegandola.
● Svitare la vite a testa esagonale (11 ).
● Togliere il galoppino (7) e la piastra di guida (6).
● Togliere la spina di serraggio (10).

50 642 1

Fig. 4 Fissaggio dell’albero a camme “KGS”

Albero a camme destro (linea di cilindri B):


● svitare la vite con gambo scaricato a testa esago-
nale (5).
● Staccare le camme di avviamento (4).
● Togliere la spina di serraggio (6).

Togliere gli alberi a camme a destra e a sinistra


(linee di cilindri A e B):
● Togliere i fili di sicurezza delle viti cilindriche (3),
estrarre le viti.
● Togliere la ruota dentata (1).
● Togliere la spina di serraggio (2).
● Avvitare la spina di guida con il lato di spina
filettata corto sull’estremità lato „KS“dell’albero
a camme.
● Girare l’albero a camme e spingerlo fuori con
cautela. Deporre cautamente l’albero a camme
50 528 1
su due blocchi di legno.
Fig. 5 Ruota motrice dell’albero a camme “KS”

Smontaggio verso il lato del giunto „KS“


● Svitare i dadi a testa esagonale (13) e le viti a testa
esagonale (9).
● Togliere il coperchio (14) e la guarnizione (8).
● Aprire la lamiera di sicurezza (12) piegandola.
● Svitare la vite a testa esagonale (11 ).
● Togliere il galoppino(7) e la piastra di guida (6).
● Togliere la spina di serraggio (10).
● Avvitare la spina di guida nell’albero a camme
con il lato lungo della vite senza testa completa-
mente filettata su „KGS“.
● Girare l’albero a camme ed estrarlo dalla ruota
dentata .
● Deporre cautamente l’albero a camme su due
blocchi di legno.

50 642 1
Fig. 6 Fissaggio dell’albero a camme “KGS”

0592
N. della scheda di lavoro
Comando del motore 04.05.01 Pagina 3 de 3

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-10-10 2498 S/BV 12/16 M 628

Smontaggio in caso di mancanza di spazio


● Smontare l’albero a camme come descritto per
„KS“ o „KGS“ finché il collegamento flangiato
abbandona la zona cuscinetto all’estrazione. Qui
può essere staccato.

Assicurare la prima sezione dell’albero a


camme contro la caduta.

● Togliere il filo di sicurezza (2).


● Svitare le viti cilindriche ( 1 ).
● Estrarre la sezione dell’albero a camme e deporla
cautamente su due blocchi di legno.
● Togliere la spina di serraggio (3).

Assicurare la seconda sezione


dell’albero a camme contro la caduta.
50 641 1

● Estrarre la sezione dell’albero a camme e deporla Fig. 7 Collegamento a flangia dell’albero


cautamente su due blocchi di legno. a camme

Ripassatura
● Pulire tutti i pezzi con carburante distillato.
● Controllare le superfici di scorrimento delle cam-
me, lisciare eventuali rigature con pietra ad olio,
contattare eventualmente una delle nostre rap-
presentanze di assistenza clienti.
● Svitare le viti prigioniere (15) dalla piastra di guida
(6).
● Controllare la planarità della piastra di guida con
una riga a coltello, controllare lo stato di usura del
rullo di guida (7), sostituire in caso di necessità.
● Avvitare le viti prigioniere con prodotto di prote-
zione DEUTZ DW 55 manualmente nella piastra
di guida, fare indurire il prodotto di protezione.
50 640 1
Fig. 8 Rullo, piastra di guida dell’albero
a camme

0592
N. della scheda di lavoro

Tipo di motore:
N. d’ordine:

Pagina vacante.
N. della scheda di lavoro
Comando del motore 04.06.01 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-10-10 2499 S/BV 12/16 M 628

Montaggio dell’albero a camme


Utensili:
- utensili normali
- utensili speciali (capoverso 1.8)
- chiave torsiometrica, - utensile da innesto
- utensile speciale (capoverso 1.8.1)
- spina di guida

Mezzi ausiliari:
- olio lubrificante
Ricambi:
- filo di sicurezza
- guarnizioni per coperchio della scatola degli in-
granaggi, se smontato guarnizioni per il coper-
chio dell’incastellatura
50 638 1
N. delle schede di lavoro:
01.01.01 /01.02.02 /04.02.01 /04.06.02/04.08.01 / Fig. 1 Albero a camme
07.04.01/10.02.01

Sequenza operativa:
Lavoro preliminare
● Oliare i punti di supporto.
● Serrare a forza di mano la spina di serraggio (10),
il galoppino(7), la nuova lamiera di sicurezza (12)
e la vite a testa esagonale (11 ), montare.
- L’albero a camme deve essere scaricato,
cioè l’azionamento valvola è sollevato.
- L’albero a gomiti deve trovarsi nel punto
morto superiore di accensione del cilindro
1, cioè le valvole sono chiuse.
Montaggio dal lato opposto a quello del giunto
„KGS“
● Avvitare la spina di guida con il lato corto della
vite senza testa completamente filettata
sull’estremità dell’albero a camme sul lato „KS“. 50 643 1
● Spingere l’albero a camme con la spina di guida
Fig. 2 Fissaggio dell’albero a camme “KGS”
con cautela attraverso i cuscinetti degli alberi a
camme.
● Poco prima di raggiungere la posizione finale,
inserire la piastra di guida (6) nella scanalatura del
galoppino(7) e spingere ulteriormente l’albero a
camme.
● Smontare la spina di guida.
Le superfici di contatto tra la ruota dentata (1)
e l’albero a camme devono essere assoluta-
mente pulite nonché esenti da olio e da grasso
● Inserire la spina elastica (2) nell’estremità
dell’albero a camme.
● Applicare la ruota dentata (1 ).
● Avvitare le viti cilindriche (3) e serrarle attenendo-
si alle prescrizioni di serraggio, capoverso 3.5,
riga 26.
● Assicurare le viti cilindriche con un filo metallico
nuovo.
● Spostare l’albero a camme finché la ruota denta- 50 644 1
ta risulta liberamente girabile, cioè la ruota denta-
Fig. 3 Ruota motrice dell’albero a camme “KS”
ta non ingrana con la ruota intermedia.
0592
N. della scheda di lavoro
04.06.01 Pagina 2 de 4
Comando del motore
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine: 0178-10-10 2499

Albero a camme destro (linea di cilindri B):


● Girare la ruota dentata finché la marcatura „L“
ovvero l’intaglio ( 1 ) sulla ruota dentata corris-
ponde con la marcatura sulla superficie di tenuta
della scatola degli ingranaggi (2).

Albero a camme sinistro (linea di cilindri A):


● Girare la ruota dentata finché la marcatura „L“
ovvero l’intaglio (1 ) sulla ruota dentata corrispon-
de con la marcatura sulla superficie di tenuta
della scatola degli ingranaggi (3).

50 639 1
Fig. 4 Ruota motrice dell’albero a
camme, segnare
Alberi a camme a destra e a sinistra (linee di
cilindri A e B):
● Fare ingranare la ruota dentata con la ruota inter-
media.
● Avvitare la vite a testa esagonale (11) dotata della
nuova lamiera di sicurezza (12).
● Serrare la vite a testa esagonale (11 ) e assicurare
la lamiera di sicurezza (12).
● Montare il coperchio (14) con la nuova guarnizio-
ne(8).
● Avvitare le viti a testa esagonale(9) e serrarle.
● Serrare le viti a testa esagonale(13) secondo le
prescrizioni di serraggio, capoverso 3.5, riga 61.
● Controllare il gioco del fianco dei denti sulla ruota
dentata di azionamento dell’albero a camme,
scheda di lavoro 04.08.01.
50 645 1

Fig. 5 Fissaggio dell’albero a camme “KGS”

Albero a camme destro (linea di cilindri B):


● Inserire la spina elastica (6) nell’estremità
dell’albero a camme.
● Applicare la camma di avviamento (4).
● Avvitare la vite a testa esagonale(5) e serrarla
secondo le prescrizioni di serraggio, capover-
so3.5, riga 30.

50 646 1

Fig. 6 Ruota motrice dell’albero a camme

0592
N. della scheda di lavoro
Comando del motore 04.06.01 Pagina 3 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-10-10 2499 S/BV 12/16 M 628

Montaggio dal lato del giunto „KS“

Le superfici di contatto tra la ruota dentata (1)


e l’albero a camme devono essere assoluta-
mente pulite nonché esenti da olio e da gras-
so.

● Inserire la spina elastica (2) nell’estremità


dell’albero a camme.

● Applicare la ruota dentata (1).

● Avvitare le viti cilindriche (3) e serrarle secondo le


prescrizioni di serraggio, capoverso 3.5, riga 26.

50 644 1

Fig. 7 Ruota motrice dell’albero a camme “KS”

● Avvitare la spina di guida nell’estremità


dell’albero a camme con il lato lungo della vite
senza testa completamente filettata su „KGS.

● Spingere l’albero a camme con la spina di guida


cautamente attraverso i gusci di cuscinetto.

● Girare l’albero a camme con la ruota dentata


finché la marcatura „R“ o „L“ ovvero l’intaglio (1)
sulla ruota dentata corrisponde con le marcature
(2) o (3) sulla superficie di tenuta della scatola
degli ingranaggi.

● Fare ingranare la ruota dentata con la ruota inter-


media.

● Svitare la spina di guida.


50 639 1

Fig. 8 Ruota motrice dell’albero a camme, segnare

● Inserire la spina elastica (10), applicare il galoppi-


no(7) unitamente alla piastra di guida (6).
● Avvitare la vite a testa esagonale(11 ) dotata della
lamiera di sicurezza(12).
● Serrare la vite a testa esagonale(11 ) e assicurarla
con la lamiera di sicurezza(12).
● Montare il coperchio (14) con la nuova guarnizio-
ne (8). Serrare le viti a testa esagonale (9).
● Serrare le viti a testa esagonale(13) secondo le
prescrizioni di serraggio, capoverso 3.5, riga 61.
● Controllare il gioco del fianco dei denti sulla ruota
dentata, scheda di lavoro 04.08.01.

50 642 1
Fig. 9 Fissaggio dell’albero a camme “KGS”

0592
N. della scheda di lavoro
04.06.01 Pagina 4 de 4
Comando del motore
Tipo di motore:
S/BV 12/16 M 628 N. d’ordine: 0178-10-10 2499

Ripassatura
Lato destro (linea di cilindri B):
● Smontare il coperchio (4) e il coperchio (3) con il
distributore dell’aria di regolazione di avviamento
attenendosi a quanto riportato nella scheda di
lavoro 10.02.01.

Lato sinistro (linea di cilindri A):


● Montare i coperchi (1 ) e (2) con le nuove guarni-
zioni.

Lato destro e sinistro (linee di cilindri A e B):


● Abbassare l’azionamento valvola inferiore, sche-
da di lavoro 04.02.01.
● Montare il bilanciere, scheda di lavoro 01.02.02.
● Regolare il gioco delle valvole, scheda di lavoro
01.01.01.
50 640 1
● Controllare i tempi di commutazione delle valvo-
le, scheda di lavoro O4.06.02. Fig. 10 Cassa dell´ruotismo
● Applicare i coperchi delle testate di cilindro.
● Se smontate, montare le pompe d’iniezione,
scheda di lavoro 07.04.01.
● Se smontato, montare il coperchio
dell’incastellatura nella zona dell’albero a camme
unitamente alla nuova guarnizione, serrare le viti
a testa esagonale secondo le prescrizioni di ser-
raggio, capoverso 3.5, riga 28.

Montaggio in caso di mancanza di spazio

I punti di collegamento delle sezioni


dell’albero a camme devono essere assoluta-
mente puliti nonché esenti da olio e grasso.

● Inserire la prima sezione dell’albero a camme con


spina di guida e spina elastica (3) spingendola
nell’incastellatura.
50 641 1
● Inserire la seconda sezione dell’albero a camme e
serrare con le viti cilindriche (1), secondo le pres- Fig. 11 Collegamento a flangia dell’albero a camme
crizioni di serraggio, capoverso 3.5, riga 27.
● Assicurare le viti cilindriche con filo metallico di
sicurezza (2).
● Fare girare l’albero a camme - manualmente -
all’estremità libera. Controllare la coassialità
sull’estremità liberamente sospesa dell’albero.
● Eseguire l’ulteriore installazione dal lato „KS“ o
„KGS“ come descritto.

0592
N. della scheda di lavoro
Tempi di commutazione delle valvole 04.06.02
Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-10-10 1113 S/BVM 628

Controllo
Controllo dei tempi di commutazione delle valvole .

Utensili:
- Utensili normali
- Metro a nastro

Dopo l’installazione dell’albero a camme (vedi scheda di lavoro 04.06.01) e dopo i lavori svolti sul
rotismo ovvero in occasione del controllo del rotismo (vedi scheda di lavoro 04.08.01) vanno controllati
i tempi di commutazione delle valvole.

Sequenza operativa
Controllare il gioco delle valvole secondo quanto indicato nella scheda di lavoro 01.01.01. Girare l’albero a
gomiti lentamente nel senso di rotazione del motore finché risulta un accoppiamento di forza nel comando
valvola del cil. A1 (cil. 1) ovvero B1 (cil. 7 o 9) e risulta difficile girare l’asta della punteria della valvola di
alimentazione e di scarico. Marcare il volano sulla freccia dell’incastellatura. Da questo segno alla marcatura
del punto morto superiore del cilindro 1 per i motori in linea ovvero del cilindro A1 o B1 per i motori a V
misurare sul volano la distanza „B“ e convertirla in gradi di angolo di manovella „OC“. Utilizzare le medesime
unità di lunghezza per la distanza ed il diametro.

Conversione in gradi di angolo di manovella „α“

α = Gradi di angolo di manovella


b = Distanza sul volano
d = diametro del volano
360 x b
α =
d x π

Confrontare il valore „α“ calcolato in questo modo con i tempi di commutazione riportati al capoverso 3.3.1
delle „Indicazioni tecniche“. Sono ammesse differenze di fino a + 4 KW. Nel caso in cui le differenze dovessero
risultare maggiori occorre controllare l’azionamento valvola superiore ed inferiore scheda di lavoro 04.02.01
nonché il rotismo scheda di lavoro 04.08.01.
N. della scheda di lavoro
Tempi di commutazione delle valvole
04.06.02
Tipo di motore:
S/BVM 628 N. d’ordine: 0178-10-10 1113

Pagina vacante
N. della scheda di lavoro
Rotismo 04.08.02 Pagina 1 de 4

Tipo di motore:
N. d’ordine: 0178-09-10 1398 S/BV 12/16 M 628

Controllo
Controllo visivo e misurazione del gioco dei fianchi dei denti delle ruote dentate nel rotismo/lato giunto e
azionamento pompa/controlato giunto.

Utensili:
- Utensili normali,
- Comparimetro con montante magnetico

La lubrificazione del supporto della ruota dentata è collegata al circuito dell’olio lubrificante circolante.
Le ruote dentate stesse vengono lubrificate mediante olio di spruzzo. Sotto condizioni normali le ruote
dentate nel rotismo e nell’azionamento della pompa sono esenti da manutenzione. Le ruote dentate
presentano un’elevata durata utile, eventuali corpi estranei possono tuttavia provocare un’usura
precoce.

Sequenza operativa
Con