Sei sulla pagina 1di 50

MANUALE DI RIPARAZIONE

Motori serie12 LD

cod. 1-5302-489_ 3° ed.

12LD 435-2 12LD 435-2/B1 12LD 475-2 12LD 475-2 EPA

MANUALE DI RIPARAZIONE Motori serie12 LD cod. 1-5302-489_ 3° ed. 12LD 435-2 12LD 435-2/B1 12LD 475-2
-
-

REGISTRAZIONE MODIFICHE AL DOCUMENTO

- REGISTRAZIONE MODIFICHE AL DOCUMENTO Qualsiasi modifica di questo documento deve essere registrata dall’ente

Qualsiasi modifica di questo documento deve essere registrata dall’ente compilatore, con la compilazione della seguente tabella.

Ente Codice Modello Data Data Edizione Revisione Visto compilatore documento n° emissione revisione
Ente
Codice
Modello
Data
Data
Edizione
Revisione
Visto
compilatore
documento
emissione
revisione
CUSE/ATLO
1-5302-489
50743
2
29-11-96
14.06.2007

PREMESSA

- Abbiamo cercato di fare il possibile per dare informazioni tecniche accurate e aggiornate all'interno di questo manuale. Lo sviluppo dei motori LOMBARDINI è tuttavia continuo, pertanto le informazioni contenute all'interno di questa pubblicazione sono soggette a variazioni senza obbligo di preavviso.

- Le informazioni qui riportate sono di proprietà esclusiva della LOMBARDINI. Pertanto non sono permesse riproduzioni o ristampe nè parziali nè totali senza il permesso espresso della LOMBARDINI.

Le informazioni presentate in questo manuale presuppongono che:

1 - Le persone che effettuano un lavoro di servizio su motori LOMBARDINI siano adeguatamente addestrate ed attrezzate per provvedere in modo sicuro e professionale alle operazioni necessarie;

2 - Le persone che effettuano un lavoro di servizio su motori LOMBARDINI posseggano un'adeguata manualità e gli attrezzi speciali LOMBARDINI per provvedere in modo sicuro e professionale alle operazioni necessarie;

3 - Le persone che effettuano un lavoro di servizio su motori LOMBARDINI abbiano letto le specifiche informazioni riguardanti le già citate operazioni Service e abbiano chiaramente capito le operazioni da eseguire.

- Questo manuale è stato realizzato dal Costruttore per fornire le informazioni tecniche ed operative ai centri di assistenza LOMBARDINI autorizzati ad effettuare interventi di smontaggio e montaggio, revisioni, sostituzioni e messe a punto.

- Oltre ad adottare una buona tecnica esecutiva e poter rispettare le tempistiche di intervento, i destinatari delle informazioni devono leggerle attentamente ed applicarle in modo rigoroso.

- Un po’ di tempo dedicato alla lettura di tali informazioni permetterà di evitare rischi alla salute e alla sicurezza delle persone e danni economici. Per migliorare la comprensione delle informazioni, esse sono integrate con illustrazioni che rendono più chiare tutte le sequenze delle fasi operative.

INDICE CAPITOLI - Il presente manuale fornisce le principali informazioni per la riparazione dei motori

INDICE CAPITOLI

-
-

Il presente manuale fornisce le principali informazioni per la riparazione dei motori Diesel LOMBARDINI 12 LD 435-2 - 435-2/B1 - 475-2 - 475-2 EPA, raffreddati ad aria, iniezione diretta, aggiornato al 05-03-2007.

INDICE CAPITOLI

1 INFORMAZIONI GENERALI SULLA SICUREZZA

Pag. 7 - 9

CLAUSOLE DI GARANZIA

7

GLOSSARIO E TERMINOLOGIE

8

NORME PER LA SICUREZZA

8-9

NOTE GENERALI SERVICE

7

RICHIAMI E AVVISI

8

2 INFORMAZIONI TECNICHE

10 - 15

CAUSE PROBABILI ED ELIMINAZIONE INCONVENIENTI

10

DATI TECNICI

12-13

DIAGRAMMI PRESTAZIONALI

14

IDENTIFICAZIONE COSTRUTTORE E MOTORE

11

INGOMBRI

15

3 MANUTENZIONE - OLIO PRESCRITTO - RIFORNIMENTI

16- 19

Classificazione SAE

17

LUBRIFICANTI

17

MANUNTENZIONE MOTORE

16

NORME ACEA - SEQUENZE ACEA

17

OLIO PRESCRITTO

18

SEQUENZE API / MIL

17

SPECIFICHE CARBURANTE

19

4 SMONTAGGIO / RIMONTAGGIO

20-31

Albero motore - Bullone di fermo albero motore

28

Alloggi e sedi valvole

23

Alloggi supporti di banco

29

Alternatore

21

Biella - Bronzina piede biellla

26

Bronzina testa di biella

26

Cilindro

24

Componenti presa di moto pompa oleodinamica Gruppo 1

31

Controlli e rugosità cilindro

24

Controllo altezza camme aspirazione / scarico

30

Controllo lubrificazione albero motore

28

Decompressione

22

Diametri interni bronzine di banco e testa di biella

29

Dimensioni perni albero a camme e alloggi

30

Fasatura distribuzione

30

Fasatura distribuzione senza tener conto dei riferimenti

30

Filtro aria a bagno d’olio

20

Filtro aria a secco

21

Giochi tra perni di banco/manovella e bronzine

29

Gioco assiale albero motore

28

-
-

Indice capitoli

- Indice capitoli Gioco valvole - bilancieri 21 Gruppo bilancieri 22 Guide valvole e alloggi 23

Gioco valvole - bilancieri

21

Gruppo bilancieri

22

Guide valvole e alloggi

23

Ingranaggio comando distribuzione

27

Inserimento guide valvole

23

Molla supplemento combustibile all’avviamento

31

Molle regolatore giri con bilanciere

31

Peso biella

27

Peso pistoni

25

Pistone

24

Pistone - Rimontaggio

26

RACCOMANDAZIONI PER LE REVISIONI E MESSE A PUNTO

20

RACCOMANDAZIONI PER LO SMONTAGGIO E IL RIMONTAGGIO

20

Raggio di raccordo albero motore

28

Regolatore giri meccanico

31

Segmenti - Distanza tra le punte

25

Segmenti - Giochi fra le cave

25

Segmenti - Ordine di montaggio

25

Smerigliatura sedi valvole

24

Spazio nocivo

26

Sporgenza iniettore

22

Supporti di banco

29

Supporto centrale albero motore

28

Supporto di banco lato distribuzione

27

Supporto di banco lato presa di forza

27

Testa

22

Valvole

23

Volano

21

5 CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE

32- 34

Cartuccia filtro olio (esterno)

33

Cartuccia filtro olio (interno)

33

CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE

32

Curva pressione olio col motore al massimo

34

Curva pressione olio col motore al minimo

34

Pompa olio

33

Valvola regolazione pressione olio

33

6 CIRCUITO DI ALIMENTAZIONE / INIEZIONE

35- 39

Circuito di alimentazione / iniezione

35

Dati controllo portata pompa iniezione al banco prova

36

Fasatura pompa iniezione / regolatore di giri

37

Filtro combustibile interno al serbatoio

35

Filtro combustibile staccato dal serbatoio (a richiesta)

35

Iniettore , per motori EPA

39

Iniettore, per motori standard

38

Pompa alimentazione

35

Pompa iniezione

36

Regolazione anticipo statico di iniezione

37-38

Rimontaggio pompa iniezione

36

Taratura iniettore

39

7 CIRCUITO ELETTRICO

40- 42

Alternatore 12,5 V, 14 A

40

Alternatore 12V, 18A

41

Controllo funzionamento regolatore di tensione

42

Curva carica batteria alternatore 12 V, 18 A

41

Curva ricarica batteria alternatore 12,5 V, 14 A

40

Curve caratteristiche motorino avviamento Bosch tipo DWL 12 V, 1.7 kW

42

Indice capitoli - Equipaggiamento elettrico opzionale 41 Motorino avviamento Bosch tipo DWL 12 V, 1.7

Indice capitoli

-
-

Equipaggiamento elettrico opzionale

41

Motorino avviamento Bosch tipo DWL 12 V, 1.7 kW

42

Regolatore di tensione

41

Schema avviamento elettrico con spia ricarica batteria

40

8 REGISTRAZIONI

43- 44

Limitatore di portata pompa iniezione e adeguatore di coppia

43

Registrazione del massimo a vuoto

43

Registrazione del minimo a vuoto

43

Registrazione dello stop

44

Registrazione portata pompa iniezione

43

Registrazione portata pompa iniezione col motore al freno

44

9 CONSERVAZIONE

45

CONSERVAZIONE

45

OPERAZIONI DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN SERIVIZIO

45

Protezione apparati di iniezione:

45

Protezione esterna del motore:

45

Protezione interna del motore:

45

10 COPPIE DI SERRAGGIO E UTILIZZO DEL SIGILLANTE

46- 47

Tabella coppie di serraggio dei componenti principali

46

Tabella coppie di serraggio delle viti standard (passo fine)

47

Tabella coppie di serraggio delle viti standard (passo grosso)

47

Tabella utilizzo del sigillante

46

11 ATTREZZATURA SPECIFICA

48

-
-

Note :

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Indice capitoli

. . . . . . . . . . . . . . . .
INFORMAZIONI GENERALI SULLA SICUREZZA 1 CLAUSOLE DI GARANZIA

INFORMAZIONI GENERALI SULLA SICUREZZA

1
1

CLAUSOLE DI GARANZIA

-

La LOMBARDINI S.r.l garantisce i prodotti di sua fabbricazione da difetti di conformità per un periodo di 24 mesi dalla data

di

consegna al primo utente finale.

-

Per i motori installati su gruppi stazionari (con impiego a carico costante e/o lentamente variabile entro i limiti di regolazione)

la

garanzia è riconosciuta sino ad un limite massimo di 2000 ore di lavoro, se il periodo sopra citato (24 mesi ) non è stato

 

superato.

-

In

assenza di strumento conta ore verranno considerate 12 ore di lavoro per giorno di calendario.

-

Per quanto riguarda le parti soggette ad usura e deterioramento (apparato iniezione/alimentazione, impianto elettrico, impianto di raffreddamento, componenti di tenuta, tubazioni non metalliche, cinghie ) la garanzia ha un limite massimo di 2000 ore di funzionamento, se il periodo sopra citato (24 mesi) non è stato superato.

-

Per la corretta manutenzione e la sostituzione periodica di queste parti è necessario attenersi alle indicazioni riportate nella manualistica fornita a corredo di ogni motore.

-

Al

fine dell’operatività della garanzia, l’installazione dei motori, in ragione delle caratteristiche tecniche del prodotto, deve

essere effettuata solo da personale qualificato.

-

La

lista dei centri di servizio autorizzati da LOMBARDINI S.r.l è contenuta nel libretto “ Service “ fornito a corredo di ogni motore.

-

Nel caso di applicazioni speciali che prevedono modifiche rilevanti dei circuiti di raffreddamento, lubrificazione (esempio:

sistemi di coppa a secco), sovralimentazione, filtrazione, valgono le clausole speciali di garanzia espressamente pattuite per iscritto.

-

Entro i suddetti termini la LOMBARDINI S.r.l si impegna, direttamente o a mezzo dei suoi centri di servizio autorizzati, a effettuare gratuitamente la riparazione dei propri prodotti e/o la loro sostituzione, qualora a suo giudizio o di un suo rappresentante autorizzato, presentino difetti di conformità, di fabbricazione o di materiale.

-

Rimane comunque esclusa qualsiasi responsabilità ed obbligazione per spese, danni e perdite dirette o indirette derivanti dall’uso o dall’impossibilità di uso dei motori, sia totale che parziale.

-

La riparazione o la fornitura sostitutiva non prolungherà, ne rinnoverà la durata del periodo di garanzia.

Gli obblighi della LOMBARDINI S.r.l previsti ai paragrafi precedenti non sono validi nel caso in cui:

- I motori non vengano installati in modo corretto e quindi ne vengano pregiudicati ed alterati i corretti parametri funzionali.

- L’uso e la manutenzione dei motori non siano conformi alle istruzioni della LOMBARDINI S.r.l riportate sul libretto di uso e manutenzione fornito a corredo di ogni motore.

- Vengano manomessi i sigilli apposti sui motori dalla LOMBARDINI S.r.l .

- Si sia fatto uso di ricambi non originali della LOMBARDINI S.r.l.

- Gli impianti di alimentazione e iniezione siano danneggiati da combustibile inidoneo o inquinato.

- Gli impianti elettrici vadano in avaria a causa di componenti ad essi collegati e non forniti o installati dalla LOMBARDINI S.r.l.

- I motori vengano riparati,smontati o modificati da officine non autorizzate dalla LOMBARDINI S.r.l.

Allo scadere dei termini temporali sopra citati e/o al superamento delle ore di lavoro sopra specificate la LOMBARDINI S.r.l si riterrà sciolta da ogni responsabilità e dagli obblighi di cui ai paragrafi precedenti della seguente clausola.

Eventuali richieste di garanzia relative a non conformità del prodotto devono essere indirizzate ai centri di servizio della LOMBARDINI S.r.l.

NOTE GENERALI SERVICE

1 - Utilizzare solo ricambi originali LOMBARDINI. Il non uso di particolari originali potrebbe causare prestazioni non corrette e scarsa longevità.

2 - Tutti i dati riportati sono in formato metrico, cioè le dimensioni sono espresse in millimetri (mm), la coppia è espressa in Newton-meters (Nm), il peso è espresso in chilogrammi (kg), il volume è espresso in litri o centimetri cubi (cc) e la pressione è espressa in unità barometriche (bar).

1
1

Informazioni generali sulla sicurezza

1 Informazioni generali sulla sicurezza GLOSSARIO E TERMINOLOGIE

GLOSSARIO E TERMINOLOGIE

Vengono descritti alcuni termini ricorrenti all’interno del manuale in modo da fornire una visione più completa del loro significato.

- Cilindro numero uno: è il 1° pistone con “vista motore lato prima presa di moto”. - Senso di rotazione: antiorario con “vista motore lato prima presa di moto”.

RICHIAMI E AVVISI

- Per evidenziare alcune parti di testo di rilevante importanza

o per indicare alcune specifiche importanti, sono stati adottati alcuni simboli il cui significato viene di seguito descritto.

simboli il cui significato viene di seguito descritto. Pericolo - Attenzione Indica situazioni di grave pericolo

Pericolo - Attenzione

Indica situazioni di grave pericolo che, se trascurate, possono mettere seriamente a rischio la salute e la sicurezza delle persone.

seriamente a rischio la salute e la sicurezza delle persone. Cautela - Avvertenza Indica che è

Cautela - Avvertenza

Indica che è necessario adottare comportamenti adeguati per non mettere a rischio la salute e la sicurezza delle persone e non provocare danni alla macchina e/o all'impianto.

e non provocare danni alla macchina e/o all'impianto. Importante Indica informazioni tecniche di particolare

Importante

Indica informazioni tecniche di particolare importanza da non trascurare.

NORME PER LA SICUREZZA

- I Motori Lombardini sono costruiti per fornire le loro prestazioni in modo sicuro e duraturo nel tempo, condizione per ottenere questi risultati è il rispetto delle prescrizioni di manutenzione nell'apposito libretto e dei consigli per la sicurezza riportati di seguito.

-

Il

motore è stato costruito su specifica del costruttore di una macchina, ed è stata sua cura adottare tutte le azioni necessarie

per soddisfare i requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute come prescritto dalle leggi in vigore, ogni utilizzo del motore al di fuori di quello cosi definito non può essere considerato conforme all'uso previsto dalla Lombardini che quindi declina ogni responsabilità per gli eventuali infortuni conseguenti a tale operazione.

-

Le indicazioni che seguono sono rivolte all'utente della macchina per ridurre o eliminare i rischi in relazione al funzionamento del motore in particolare e le operazioni di manutenzione ordinaria relative.

-

L'utente legga attentamente queste istruzioni e prenda famigliarità con le operazioni ivi descritte, in caso contrario si può andare incontro a gravi pericoli per la sicurezza e la salute propria e delle persone che vengano a trovarsi in prossimità della macchina.

-

Il

motore può essere utilizzato o assemblato a una macchina solo da personale adeguatamente addestrato sul funzionamento

i pericoli connessi, a maggior ragione tale condizione vale per le operazioni di manutenzione sia ordinaria che, soprattutto, straordinaria, nel quale ultimo caso si dovrà fare riferimento a personale specificatamente addestrato dalla Lombardini e

e

operante sulla base della letteratura esistente.

-

Variazioni ai parametri funzionali del motore, alle registrazioni di portata combustibile e di velocità di rotazione, la rimozione dei sigilli, lo smontaggio e rimontaggio di parti non descritte nel manuale d'uso e manutenzione da parte di personale non autorizzato portano alla decadenza di ogni responsabilità della Lombardini per eventuali incidenti o per il mancato rispetto di norme di legge.

-

All'atto dell'avviamento assicurarsi che il motore sia in posizione prossima all'orizzontale, fatte salve le specifiche della macchina. Nel caso di avviamenti manuali assicurarsi che le azioni relative possano avvenire senza pericolo di urtare pareti o oggetti pericolosi, tenendo conto anche dello slancio dell'operatore. L'avviamento a corda libera (quindi escluso il solo avviamento autoavvolgente) non è ammesso nemmeno nei casi di emergenza.

-

Verificare la stabilità della macchina per evitare rischi di ribaltamento.

-

Famigliarizzarsi con le operazioni di regolazione della velocità di rotazione e di arresto del motore.

-

Non avviare il motore in ambienti chiusi o scarsamente ventilati, la combustione genera Monossidi di Carbonio, un gas inodore

altamente velenoso, la permanenza prolungata in un ambiente nel quale il motore scarichi liberamente può portare a perdita di conoscenza e alla morte.

e

Informazioni generali sulla sicurezza 1 - motore non può funzionare in ambienti nei quali siano

Informazioni generali sulla sicurezza

1
1

-

motore non può funzionare in ambienti nei quali siano presenti materiali infiammabili, atmosfere esplosive, polveri facilmente combustibili a meno che non siano state prese precauzioni specifiche adeguate e chiaramente indicate e certificate per la macchina.

Il

-

Per prevenire rischi d’incendio mantenere la macchina ad almeno un metro da edifici o da altri macchinari.

-

Bambini e animali devono essere mantenuti a debita distanza dalle macchine in moto per evitare pericoli conseguenti al funzionamento.

-

II combustibile è infiammabile, il serbatoio deve essere riempito solo con motore fermo, asciugare accuratamente il combustibile eventualmente versato, allontanare il contenitore del combustibile, stracci eventualmente imbevuti di carburante od oli. Accertarsi che eventuali pannelli fonoassorbenti costituiti di materiale poroso non siano imbevuti di combustibile od olio, accertarsi che il terreno sul quale si trova la macchina non abbia assorbito combustibile od olio.

-

Richiudere accuratamente il tappo del serbatoio dopo ogni rifornimento, non riempire il serbatoio fino all’orlo ma lasciare un volume libero adeguato per l’espansione del combustibile.

vapori di combustibile sono altamente tossici, effettuare le operazioni di rifornimento solo all’aperto o in ambienti ben ventilati.

I

-

Non fumare od usare fiamme libere durante le operazioni di rifornimento.

-

Il

motore deve essere avviato seguendo le istruzioni specifiche riportate nel manuale d’uso del motore e/o della macchina,

evitare l’uso di dispositivi ausiliari d’avviamento non installati sulla macchina all’origine (p. es. Startpilot’).

-

Prima dell’avviamento rimuovere eventuali attrezzi che siano stati utilizzati per la manutenzione del motore e/o della macchina, accertarsi che siano state rimontate tutte le protezioni eventualmente rimosse.

-

Durante íl funzionamento la superficie del motore raggiunge temperature che possono essere pericolose, in particolare occorre evitare qualunque contatto con il sistema di scarico.

-

Prima di procedere a qualsiasi operazione sul motore, fermarlo e lasciarlo raffreddare. Non effettuare operazioni a motore in moto.

-

Durante le operazioni di pulizia del filtro aria a bagno d’olio assicurarsi che l’olio venga smaltito nel rispetto dell’ambiente. Le eventuali masse filtranti spugnose nei filtri aria a bagno d’olio non devono essere imbevute d’olio. La vaschetta del prefiltro a ciclone non deve essere riempita d’olio.

-

L’operazione di scarico dell’olio dovendo essere effettuata a motore caldo (T olio ~ 80°C) richiede particolare cura per evitare ustioni, evitare comunque il contatto dell’olio con la pelle per i pericoli che ne possono derivare alla salute.

-

Accertarsi che l’olio scaricato, il filtro olio e l’olio in esso contenuto vengano smaltiti nel rispetto dell’ambiente.

-

Attenzione alla temperatura del filtro dell’olio nelle operazioni di sostituzione del filtro stesso.

-

Durante le operazioni che comportino l’accesso a parti mobili del motore e/o rimozione delle protezioni rotanti interrompere ed isolare il cavo positivo della batteria per prevenire corto circuiti accidentali e l’eccitazione del motorino awiamento.

-

Controllare lo stato di tensione delle cinghie solo a motore fermo.

-

Per spostare il motore utilizzare solo i golfari previsti dalla Lombardini, questi punti di sollevamento non sono idonei per l’intera macchina, quindi utilizzare i golfari previsti dal costruttore.

2
2

INFORMAZIONI TECNICHE

2 INFORMAZIONI TECNICHE CAUSE PROBABILI ED ELIMINAZIONE INCONVENIENTI

CAUSE PROBABILI ED ELIMINAZIONE INCONVENIENTI

QUANDO IL MOTORE DEVE ESSERE IMMEDIATAMENTE ARRESTATO:

1) - I giri del motore aumentano e diminuiscono improvvisamente; 2) - Viene udito un rumore inusuale e improvviso; 3) - Il colore dei gas di scarico diventa improvvisamente scuro; 4) - La spia di controllo pressione olio si accende durante la marcia.

TABELLE PROBABILI ANOMALIE IN FUNZIONE DEI SINTOMI

La tabella fornisce le cause probabili di alcune anomalie che possono presentarsi durante il funzionamento. Procedere in ogni caso sistematicamente effettuando i controlli più semplici prima di smontaggi o sostituzioni.

INCONVENIENTI CAUSA PROBABILE Tubazioni ostruite Filtro combustibile intasato Aria nel circuito combustibile Foro
INCONVENIENTI
CAUSA PROBABILE
Tubazioni ostruite
Filtro combustibile intasato
Aria nel circuito combustibile
Foro disareazione serbatoio otturato
Pompa alimentazione difettosa
Iniettore bloccato
Valvola pompa iniezione bloccata
Iniettore non tarato
Trafilamento eccessivo pompante
Comando portata pompa iniezione indurito
Taratura portata pompa iniezione errata
Livello olio alto
Valvola regolazione pressione olio bloccata
Pompa olio usurata
Aria al tubo aspirazione olio
Manometro o pressostato difettoso
Condotto aspirazione olio ostruito
Batteria scarica
Collegamento cavi incerto o errato
Interruttore avviamento difettoso
Motorino avviamento difettoso
Filtro aria intasato
Funzionamento prolungato al minimo
Rodaggio incompleto
Motore in sovraccarico
Iniezione anticipata
Iniezione ritardata
Leveraggi regolatore giri fuori fase
Molla regolatore giri rotta o sganciata
Minimo basso
Segmenti usurati o incollati
Cilindri usurati o rigati
Guide valvole usurate
Valvole bloccate
Bronzine banco-biella usurate
Leveraggi regolatore giri non scorrevoli
Albero motore non scorrevole
Guarnizione testa danneggiata
LUBRIFI-
MANUTEN- IMPIANTO
REGISTRAZIONI/RIPARAZIONI
CIRCUITO COMBUSTIBILE
ELETTRI.
CAZIONE
ZIONE
Non parte
Parte e si ferma
Non accelera
Regime
incostante
Fumo nero
Fumo bianco
Pressione
olio bassa
Aumento
livello olio
Consumo
olio
eccessivo
Gocciola olio e
combustibile
dallo scarico
Informazioni tecniche 2 IDENTIFICAZIONE COSTRUTTORE E MOTORE

Informazioni tecniche

2
2

IDENTIFICAZIONE COSTRUTTORE E MOTORE

B A D C F E
B A D C F E
B A D C F E
B
A D
C
F E
2 4 6 1 3 5 7

2

4

6

2 4 6 1 3 5 7

1

3

5

7

La targhetta di identificazione raffigurata è applicata direttamente sul motore. In essa sono riportate le seguenti diciture:

A) Identificazione costruttore

B) Tipo motore

C) Matricola identificazione motore

D) Regime massimo di rotazione (giri/1')

E) Numero della versione cliente (modulo K)

F) Dati omologazione

Dati omologazione

I riferimenti di omologazione direttive CE sono situati sulla targhetta motore.

La targhetta per Norme EPA è applicata sul convogliatore.

In essa sono riportate le seguenti diciture:

1) Anno corrente 2) Cilindrata motore 3) Potenza dichiarata espressa in Kw 4) N° identificazione famiglia motore 5) Anticipo iniezione 6) Pressione di taratura iniettore

7) Gioco valvole

2
2

Informazioni tecniche

2 Informazioni tecniche DATI TECNICI

DATI TECNICI

   

Tipo Motore, 12LD:

 
     

475-2

435-2

435-2/B1

475-2

EPA

 

GENERALITÀ

Ciclo di funzionamento

 

Diesel quattro tempi

 

Cilindri

 

2 in linea

 

Alesaggio x corsa

mm

86x75

86x75

90x75

90x75

Cilindrata

cm 3

871

871

954

954

Rapporto di compressione

 

18.0:1

18.0:1

18.0:1

20.0:1

Aspirazione

Filtro aria a bagno d'olio o a secco

 

Raffreddamento

 

aria volano ventilatore

 

Rotazione albero a gomiti

Senso anti-orario (vista lato 1° P.T.O.)

 

Sequenza di scoppio

gradi albero motore

 

180°

 

Distribuzione

asse a camme laterali, aste e bilancieri

 

Valvole

 

2 per cilindro

 

Albero

a camme nel basamento

 

Punterie

 

meccaniche

 

Iniezione

 

diretta sul pistone

 

Peso del motore a secco

kg

80

80

80

80

Massima inclinazione di funzionamento

fino a 1 minuto max.

35°

35°

35°

35°

Massima inclinazione di funzionamento

fino a 30 minuti max.

25°

25°

25°

25°

Volume aria combustione a 3000 giri/min.

l/min

1050

1250**

1150

1150

Volume aria raffreddamento a 3000 giri/min.

l/min

13300

16200**

15500

15500

 

POTENZA E PRESTAZIONI

 

Regime massimo di esercizio

giri/min.

3000

3600

3000

3000

 

N 80/1269/CEE ISO 1585

 

14.0/19.0

14.7/20.0

15.8/21.5

-

Potenza max. di esercizio

NB ISO 3046 IFN

kW/CV

12.7/17.2

13.2/18.0

14.8/20.1

14.8/20.1

NA ISO 3046 ICXN

11.4/15.5

12.0/16.3

13.5/18.3

13.5/18.3

Coppia massima (Potenza NB)*

Nm/kgm

49.0/5.0

49.0/5.0

57.0/5.8

48.0/4.9

Coppia massima 3° presa di moto

Nm/kgm

25.0/2.5

25.0/2.5

25.0/2.5

25.0/2.5

Carico assiale ammissibile albero a gomiti

Kg

300

300

300

300

 

CONSUMO

Consumo specifico combustibile***

g/kWh - g/CVh

260-191

280-206

245-180

257-189

Consumo olio

kg/h

0,020

0,020

0,025

0,025

*

2000 rpm per 435-2 e 435-2/B1, 2100 rpm per 475-2, 2200rpm per 475-2 EPA

**

***

Riferito a 3600 rpm Rilevato alla potenza NB

Informazioni tecniche 2     Tipo Motore, 12LD:         475-2 435-2 435-2/B1

Informazioni tecniche

2
2
   

Tipo Motore, 12LD:

 
     

475-2

435-2

435-2/B1

475-2

EPA

CIRCUITO ALIMENTAZIONE CARBURANTE

 

Tipo di combustibile

 

Gasolio automobilistico min. 51 cetano

 

Alimentazione combustibile

 

Pompa meccanica a membrana

 

Filtro combustibile, esterno

 

Superficie filtrante

cm

2

 

2400

 

Grado di filtrazione

µ

 

2÷3

 

Pressione massima di esercizio

bar

 

4

Filtro combustibile, interno

 

Superficie filtrante

cm

2

 

460

 

Grado di filtrazione

µ

 

7

CIRCUITO LUBRIFICAZIONE

 

Tipo di lubrificazione

 

Completamente forzata

 

Alimentazione circuito

 

Pompa a ingranaggi

 

Quantità massima olio

filtro incluso (I)

2.7

2.7

2.7

2.7

Quantità massima olio

filtro escluso (I)

2.5

2.5

2.5

2.5

Pressione olio a regime minimo (temp. olio 120°C)

bar

0,6

0,6

0,6

0,6

Filtro olio, esterno

 

Pressione massima di esercizio

bar

 

7

Pressione massima di scoppio

bar

20

Grado di filtrazione

µ

 

15

Taratura valvola by-pass

bar

 

1.5÷1.7

 

Superficie filtrante

cm

2

 

730

 

Filtro olio, interno

   

Pressione massima di esercizio

bar

 

4.5

 

Grado di filtrazione

µm

70

Taratura valvola by-pass

bar

 

0.60÷0.75

 
 

IMPIANTO ELETTRICO

 

Alternatore Interno Standard (tensione nominale)

V

 

12,5

 

Alternatore Interno Opzionale (tensione nominale)

V

 

12

Alternatore Interno Standard (corrente nominale) *

A

 

14

Alternatore Interno Opzionale (corrente nominale)*

A

 

18

Potenza motorino di avviamento (Bosh GF)

kW

 

1.7

 

* (vedi “Diagrammi curve di carica alternatore” pagine 40÷41 )

2
2

Informazioni tecniche

2 Informazioni tecniche DIAGRAMMI PRESTAZIONALI

DIAGRAMMI PRESTAZIONALI

12 LD 435-2

12 LD 435-2 B1

12 LD 435-2 12 LD 435-2 B1 12 LD 475-2 12 LD 475-2 EPA

12 LD 475-2

12 LD 435-2 12 LD 435-2 B1 12 LD 475-2 12 LD 475-2 EPA

12 LD 475-2 EPA

12 LD 435-2 12 LD 435-2 B1 12 LD 475-2 12 LD 475-2 EPA

N (80/1269/CEE - ISO 1585) POTENZA AUTOTRAZIONE : Servizi discontinui a regime e carico variabili.

NB (ISO 3046 - 1 IFN) POTENZA NON SOVRACCARICABILE:

variabile NA (ISO 3046 - 1 ICXN) POTENZA CONTINUA SOVRACCARICABILE: Servizi gravosi continui con regime e carico costanti.

MN Curva di coppia (in curva N) - MB (in curva NB) - MA (in curva NA).

Servizi leggeri continui con regime costante e carico

C Curva del consumo specifico rilevata alla potenza NB.

Le potenze qui indicate si riferiscono al motore munito di filtro aria, di marmitta standard a rodaggio ultimato ed alle condizioni ambientali 20°C e di 1 bar. La potenza massima è garantita con una tolleranza del 5%. Le potenze si riducono dell’1% circa ogni 100 m di altitudine e del 2% per ogni 5°C al di sopra di 25°C.

Nota: Per le curve di potenza,di coppia motrice, consumi specifici a regimi diversi di quello sopra riportato consultare LOMBARDINI.

LA

Informazioni tecniche 2 INGOMBRI

Informazioni tecniche

2
2

INGOMBRI

12LD 435-2 – 435-2/B1 – 475-2 – EPA

12LD 435-2 – 435-2/B1 – 475-2 – EPA
12LD 435-2 – 435-2/B1 – 475-2 – EPA
12LD 435-2 – 435-2/B1 – 475-2 – EPA
3
3

MANUTENZIONE - OLIO PRESCRITTO - RIFORNIMENTI

3 MANUTENZIONE - OLIO PRESCRITTO - RIFORNIMENTI MANUTENZIONE MOTORE

MANUTENZIONE MOTORE

Il mancato rispetto delle operazioni descritte in tabella può comportare il rischio di danni tecnici alla macchina e/o all'impianto- OLIO PRESCRITTO - RIFORNIMENTI MANUTENZIONE MOTORE MANUTENZIONE STRAORDINARIA DOPO LE PRIME 50 ORE Sostituzione

MANUTENZIONE STRAORDINARIA

DOPO LE PRIME 50 ORE

Sostituzione olio motore.

Sostituzione filtro olio.

MANUTENZIONE ORDINARIA

DESCRIZIONE OPERAZIONE

   

PERIODICITA’ x ORE

 
 

10

125

250

500

1000

2500

5000

 

LIVELLO OLIO MOTORE

                 

PULIZIA FILTRO ARIA BAGNO D'OLIO

 

(***)

             

FILTRO ARIA SECCO

 

(***)

             

TUBI CARBURANTE

                 

PULIZIA SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO

               

REGISTRO GIOCO VALVOLE-BILANCIERI

(***)

             

CONTROLLO

TARATURA E PULIZIA INIETTORI

                 

TUBO IN GOMMA ASPIRAZIONE (FILTRO ARIA - COLLETTORE D'ASPIRAZIONE)

               

PULIZIA

INTERNO

RADIATORE

OLIO

               

MOTORE

ALTERNATORE E MOTORINO DI AVVIAMENTO

                 

PULIZIA SERBATOIO COMBUSTIBILE

                 
 

OLIO MOTORE

 

(*)

             

FILTRO OLIO ESTERNO

 

(*)

             

FILTRO COMBUSTIBILE

 

(*)

             

SOSTITUZIONE

TUBO IN GOMMA ASPIRAZIONE (FILTRO ARIA - COLLETTORE D'ASPIRAZIONE)

(**)

             

TUBI CARBURANTE

 

(**)

             

CARTUCCIA

ESTERNA

FILTRO

ARIA

(***)

 

DOPO 6 CONTROLLI CON PULIZIA

 

SECCO

(°)

CARTUCCIA

INTERNA

FILTRO

ARIA

(***)

 

SECCO

(°)

 

DOPO 3 CONTROLLI CON PULIZIA

 

REVISIONE

PARZIALE

               

GENERALE

               

(*)

-

In caso di scarso utilizzo: ogni anno.

(**)

-

In caso di scarso utilizzo: ogni due anni

(***) -

Il periodo di tempo che deve intercorrere prima di pulire o sostituire l’elemento filtrante è subordinato all’ambiente in cui opera il motore. In condizioni ambientali molto polverose il filtro dell’aria deve essere pulito e sostituito più spesso.

(°)

-

Alternativamente quando l'indicatore di intasamento, se presente, segnala la necessità della sostituzione.

Manuntenzione - Olio prescritto - Rifornimenti 3 LUBRIFICANTI

Manuntenzione - Olio prescritto - Rifornimenti

3
3

LUBRIFICANTI

Classificazione SAE

Nella classificazione SAE gli oli vengono identificati in base alla viscosità non tenendo conto di nessun altra caratteristica qualitativa. Il primo numero si riferisce alla viscosità a freddo, per uso invernale (simbolo W=winter), mentre il secondo prende in considerazione quella a caldo. Il criterio di scelta deve tener conto, per l’inverno della minima temperatura ambiente cui il motore sarà sottoposto e della massima temperatura di funzionamento per l’estate. Gli oli monogradi sono utilizzati generalmente quando la temperatura di funzionamento varia poco. Un olio multigrado è meno sensibile alle variazioni di temperatura.

Specifiche internazionali

- - - - - - - - + + + + + + +
-
-
-
-
-
-
-
-
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
40 35 30 25 20 15 10
5
0
5
10 15 20 25 30 35 40 45 50
SAE 10W*
SAE
20W*
SAE 30*
SAE 40*
SAE 10W-30**
SAE 10W-40**
SAE 10W-60**
SAE 15W-40 **
SAE 15W-40 **
SAE 20W-60 **
SAE 5W-30
***
SAE 5W-40
***
SAE 0W-30 ***

Gradazioni - SAE

* Base minerale ** Base semi-sintetica *** Base sintetica

Esse definiscono prestazioni e procedure di prova che i lubrificanti devono superare con successo in varie prove motore ed esami di laboratorio per essere valutati idonei e considerati in norma per il tipo di lubrificazione richiesta.

A.P.I

: ( American Petroleum Institute )

MIL

: Specifica militare U.S.A. per oli motore rilasciata per motivi logistici

ACEA

: Associazione dei Costruttori Europei Automobilistici

Le tabelle riportate di seguito un riferimento da utilizzare quando si compra un olio. Le sigle sono normalmente stampigliate sul contenitore dell’olio e risulta utile capire il loro significato per poter confrontare oli di diversa marca e poterne scegliere le giuste caratteristiche. In genere una specifica con un numero o una lettera maggiore è migliore di una con un numero o lettera minore. Per esempio un olio SF ha migliori prestazioni rispetto ad un olio SE ma meno di un SG.

NORME ACEA - SEQUENZE ACEA

BENZINA

A1 =Bassa viscosità, per riduzione attritiolio SE ma meno di un SG. NORME ACEA - SEQUENZE ACEA BENZINA A2 =Standard A3

A2 =StandardACEA BENZINA A1 =Bassa viscosità, per riduzione attriti A3 =Elevate prestazioni DIESEL LEGGERI B1 =Bassa viscosità,

A1 =Bassa viscosità, per riduzione attriti A2 =Standard A3 =Elevate prestazioni DIESEL LEGGERI B1 =Bassa viscosità,

A3 =Elevate prestazioni

DIESEL LEGGERI

attriti A2 =Standard A3 =Elevate prestazioni DIESEL LEGGERI B1 =Bassa viscosità, per riduzione attriti B2 =Standard

B1 =Bassa viscosità, per riduzione attriti

DIESEL LEGGERI B1 =Bassa viscosità, per riduzione attriti B2 =Standard B3 =Elevate prestazioni (iniezione indiretta)

B2 =Standard B3 =Elevate prestazioni (iniezione indiretta)

B2 =Standard B3 =Elevate prestazioni (iniezione indiretta) B4 =Elevate qualità (iniezione diretta) DIESEL PESANTI
B2 =Standard B3 =Elevate prestazioni (iniezione indiretta) B4 =Elevate qualità (iniezione diretta) DIESEL PESANTI

B4 =Elevate qualità (iniezione diretta)

DIESEL PESANTI 1234567890 E1 = OBSOLETO 1234567890
DIESEL PESANTI
1234567890
E1 =
OBSOLETO
1234567890

E2 =StandardDIESEL PESANTI 1234567890 E1 = OBSOLETO 1234567890 E3 =Condizioni gravose ( motori Euro 1 - Euro

PESANTI 1234567890 E1 = OBSOLETO 1234567890 E2 =Standard E3 =Condizioni gravose ( motori Euro 1 -

E3 =Condizioni gravose ( motori Euro 1 - Euro 2 )

=Standard E3 =Condizioni gravose ( motori Euro 1 - Euro 2 ) E4 =Condizioni gravose (

E4 =Condizioni gravose

( motori Euro 1 - Euro 2 - Euro 3 )

E5 =Elevate prestazioni in condizioni gravose ( motori Euro 1 -

=Elevate prestazioni in condizioni gravose ( motori Euro 1 - Euro 2 - Euro 3 )

Euro 2 - Euro 3 )

SEQUENZE API / MIL

DIESEL BENZINA 23456789012345678 1234567890123456789012345678 23456789012345678 1234567890123456789012345678 API
DIESEL
BENZINA
23456789012345678
1234567890123456789012345678
23456789012345678
1234567890123456789012345678
API
23456789012345678 CE CD CC CB CA
1234567890123456789012345678 SA SB SC SD SE SF SG SH
CH-4
CG-4
CF-4
CF-2
CF
SJ
SL
23456789012345678
1234567890123456789012345678
L - 2104
D / E
MIL
L - 46152
B /
C / D / E
2345678
CORRENTI
OBSOLETI
2345678
3
3

Manuntenzione - Olio prescritto - Rifornimenti

3 Manuntenzione - Olio prescritto - Rifornimenti OLIO PRESCRITTO

OLIO PRESCRITTO

AGIP

SUPERDIESEL

MULTIGRADE

10W40

specifiche

API CF4 / SG ACEA B2 - E2 MIL - L-4165 D/E

Nei paesi ove i prodotti AGIP non sono disponibili è prescritto olio per motori con specifiche API SJ/CF oppure corrispondente alla specifica militare MIL-L-4165D/E. Con una temperatura di -10°C si consiglia un olio con viscosità 5W40. Con una temperatura di -15°C si consiglia un olio di viscosità 0W30.

CAPACITÁ OLIO MOTORI - 12LD

435-2

435-2/B1

475

VOLUME OLIO AL LIVELLO MAX (CON FILTRO OLIO)

Litri

2.5

2.7

VOLUME OLIO AL LIVELLO MAX (SENZA FILTRO OLIO)

Litri

2.4

2.5

VOLUME OLIO AL LIVELLO MAX (SENZA FILTRO OLIO) Litri 2.4 2.5 Pericolo - Attenzione - Il

Pericolo - Attenzione

- Il motore può danneggiarsi se fatto lavorare con insufficiente quantità di olio.

- É inoltre pericoloso immettere troppo olio perchè la sua combustione può provocare un brusco aumento della velocità di rotazione.

- Utilizzare l'olio di lubrificazione prescritto al fine di proteggere il motore. La buona o la scarsa qualità dell'olio di lubrificazione incide sulle prestazioni e la durata del motore.

- Impiegando olio di qualità inferiore o in mancanza del rispetto di una regolare manutenzione, aumentano i rischi di grippaggio del pistone, incollaggio degli anelli elastici, e di una rapida usura del cilindro, dei cuscinetti e tutte le altre parti in movimento. La durata del motore ne risulterà notevolmente ridotta.

- La viscosità dell’olio deve essere adeguata alla temperatura ambiente in cui il motore opera.

adeguata alla temperatura ambiente in cui il motore opera. Pericolo - Attenzione - L’olio motore esausto

Pericolo - Attenzione

- L’olio motore esausto può essere causa di cancro alla pelle se lasciato ripetutamente a contatto e per periodi prolungati.

- Se il contatto con l'olio fosse inevitabile, si consiglia di lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone non appena possibile.

- Non disperdere l’olio esausto in ambiente in quanto altamente inquinante.

Manuntenzione - Olio prescritto - Rifornimenti 3 SPECIFICHE CARBURANTE

Manuntenzione - Olio prescritto - Rifornimenti

3
3

SPECIFICHE CARBURANTE

Olio prescritto - Rifornimenti 3 SPECIFICHE CARBURANTE Pericolo - Attenzione - Non fumare o usare fiamme

Pericolo - Attenzione

- Non fumare o usare fiamme libere durante le operazioni onde evitare esplosioni o incendi.

- I vapori di combustibile sono altamente tossici, effettuare le operazioni solo all'aperto o in ambienti ben ventilati.

- Non avvicinarsi troppo al tappo con il viso per non inalare vapori nocivi.

- Non disperdere in ambiente il combustibile in quanto altamente inquinante.

Per ottenere le prestazioni ottimali del motore, usare combustibile di buona qualità con determinate caratteristiche:

Numero di cetano (51 minimo):

Un combustibile con un numero di cetano basso può causare problemi di avviamento a freddo e influire negativamente sulla combustione. Viscosità (2,0/4,5 centistoke a 40°C): è la resistenza a scorrere e le prestazioni possono decadere se non rientrano nei limiti.

Densità (0,835/0,855 Kg/litri): una densità bassa riduce la potenza del motore, una troppo alta aumenta le prestazioni e l’opacità allo scarico

è un’indicazione della miscela dei diversi idrocarburi nel combustibile. Un alto rapporto di idrocarburi leggeri può influire negativamente sulla combustione.

un alto contenuto di zolfo può provocare l’usura del motore. Nei paesi dove è disponibile solo gasolio con un alto contenuto di zolfo è consigliabile introdurre nel motore un olio lubrificante molto alcalino o in alternativa sostituire l’olio lubrificante consigliato dal costruttore più frequentemente.

Zolfo ( 0,05% del peso, massimo):

Distillazione (85% a 350°):

indica la capacità di accensione.

OLIO CONSIGLIATO

Carburante con basso contenuto di zolfo

API CF4 - CG4

Carburante con alto contenuto di zolfo

API CF - CD - CE

I paesi dove normalmente il gasolio è a basso contenuto di zolfo sono: Europa, Nord America e Australia.

Combustibili per le basse temperature

Per il funzionamento del motore a temperature inferiore agli 0°C è possibile usare degli speciali combustibili invernali. Questi combustibili limitano la formazione di paraffina nel gasolio alle basse temperature. Se nel gasolio si forma paraffina il filtro combustibile si intasa arrestando il flusso del combustibile.

I combustibili vengono suddivisi in:

-

Estivi:

Temperatura minima di esercizio 0°C

-

Invernali:

-10°C

-

Alpini:

-20°C

-

Artici:

-30°C

In tutti questi combustibili il numero di cetano non è inferiore a 51.

Cherosene AVIO e combustibili RME (Biocombustibili)

L’uso di questi combustibili è ammesso, tuttavia è possibile che condizionino le prestazioni del motore.

I soli combustibili AVIO che possono essere usati in questo motore sono i tipi: JP5, JP4, JP8 e JET-A se viene aggiunto il 5%

di olio.

Per ulteriori informazioni sui combustibili AVIO e Biocombustibili (RME, RSME) rivolgersi al reparto applicazioni della Lombardini.

Rifornimento serbatoio combustibile standard

Litri

15

Per filtri, serbatoi e carter speciali, attenersi alle istruzioni della LOMBARDINI

4
4

SMONTAGGIO / RIMONTAGGIO

4 SMONTAGGIO / RIMONTAGGIO RACCOMANDAZIONI PER LO SMONTAGGIO E IL RIMONTAGGIO

RACCOMANDAZIONI PER LO SMONTAGGIO E IL RIMONTAGGIO

RACCOMANDAZIONI PER LO SMONTAGGIO E IL RIMONTAGGIO Importante Per rintracciare facilmente gli argomenti

Importante

Per rintracciare facilmente gli argomenti specifici di interesse, consultare l’indice analitico.

Questo capitolo oltre alle operazioni di smontaggio e rimontaggio, comprende controlli, messe a punto, dimensioni, riparazioni e cenni di funzionamento.

Per una corretta riparazione è necessario usare sempre ricambi originali LOMBARDINI.

Prima di procedere al montaggio dei componenti e all’installazione dei gruppi, l’operatore deve lavarli, pulirli e asciugarli accuratamente.

L’operatore deve verificare che le superfici di contatto siano integre, lubrificare le parti di accoppiamento e proteggere quelle soggette ad ossidazione.

Prima di qualsiasi intervento, l’operatore deve predisporre tutte le attrezzature e gli utensili per effettuare le operazioni in modo corretto e sicuro.

Al fine di effettuare gli interventi in modo agevole e sicuro, è consigliabile installare il motore su un apposito cavalletto rotativo per revisione motori.

Per garantire l’incolumità dell’operatore e delle persone coinvolte, prima di qualsiasi attività, è necessario accertarsi che sussistano adeguate condizioni di sicurezza.

Per fissare correttamente i gruppi e/o componenti, l’operatore deve effettuare il serraggio degli elementi di fissaggio in modo incrociato o alternato.

Il fissaggio dei gruppi e/o componenti, per i quali è prevista una specifica coppia di serraggio, deve essere effettuato dapprima con un valore inferiore a quello prestabilito e, successivamente, con la coppia di serraggio definitiva.

RACCOMANDAZIONI PER LE REVISIONI E MESSE A PUNTO

definitiva. RACCOMANDAZIONI PER LE REVISIONI E MESSE A PUNTO Importante Per rintracciare facilmente gli argomenti

Importante

Per rintracciare facilmente gli argomenti specifici di interesse, consultare l’indice.

Prima di qualsiasi intervento, l’operatore deve predisporre tutte le attrezzature e gli utensili per effettuare le operazioni in modo corretto e sicuro.

Per evitare interventi che potrebbero risultare errati e causare danni al motore, gli operatori devono adottare gli accorgimenti specifici indicati.

Prima di eseguire qualsiasi operazione, pulire accuratamente i gruppi e/o i componenti ed eliminare eventuali incrostazioni o residui.

Lavare i componenti con appositi detergenti ed evitare di usare vapore o acqua calda.

Non usare prodotti infiammabili (benzina, gasolio,ecc.) per sgrassare o lavare i componenti, ma utilizzare solo prodotti adeguati.

Asciugare accuratamente con un getto d’aria o appositi panni tutte le superfici lavate e i componenti prima di rimontarli.

Ricoprire tutte le superfici con uno strato di lubrificante per proteggerle dall’ossidazione.

Verificare l’integrità, l’usura, i grippaggi, le incrinature e/o i difetti di tutti i componenti per assicurare il buon funzionamento del motore.

Alcune parti meccaniche vanno sostituite in blocco, unitamente alle parti accoppiate (es. valvola-guida valvola ecc.) come specificato nel catalogo ricambi.

valvola ecc.) come specificato nel catalogo ricambi. Pericolo - Attenzione Durante le operazioni di riparazione,

Pericolo - Attenzione

Durante le operazioni di riparazione, quando viene utilizzata aria compressa è importante utilizzare occhiali protettivi.

1
1

Filtro aria a bagno d'olio

Controllare lo stato delle guarnizioni e sostituirle se danneggiate. Verificare che le saldature del tubo attacco flangia siano prive di lesioni o porosità. Pulire accuratamente la vaschetta e la massa filtrante con gasolio e soffiarla con aria compressa. Rifornire la vaschetta di olio motore fino al livello indicato. Al rimontaggio serrare i dadi a 25 Nm. Per periodicità pulizia e sostituzione olio vedi pag. 16.

Componenti: 1 Vaschetta

5 Anello di tenuta interno

2 Riferimento livello olio

6 Coperchio

3 Massa filtrante

7 Fascetta

4 Anello di tenuta

8 Prefiltro

Smontaggio / Rimontaggio 4 2 Filtro aria a secco Componenti : 1 Volantino 2 Coperchio

Smontaggio / Rimontaggio

4
4
2
2

Filtro aria a secco

Componenti:

1 Volantino

2 Coperchio

3 Cartuccia

4 Anello tenuta

5 Supporto

6 Indicatore di intasamento

4 Anello tenuta 5 Supporto 6 Indicatore di intasamento Importante Quando sostituirla subito . l'indicatore

Importante

Quando

sostituirla subito.

l'indicatore

segnala

l'intasamento

della

cartuccia,

3
3

Volano

Smontare con estrattore matr. 7271-3595-048. Controllare l'integrità della corona di avviamento e la superfice conica del foro di accoppiamento all'albero motore. Svitare il bullone 1 in senso orario, al rimontaggio serrarlo a 180 Nm.

Nota: Per sostituzione corona d'avviamento riscaldarla a 200 ÷ 250°C e applicarla rapidamente sul volano ribattendo sulla sede.

4
4
5 6
5
6

Alternatore

Rimuovere lo statore riponendolo all'interno del rotore per evitare che particelle metalliche vengano attratte dai magneti. Al rimontaggio serrare le viti del rotore e quelle dello statore a 10 Nm. Caratteristiche alternatore vedi pag. 40÷41.

Gioco valvole - bilancieri

alternatore vedi pag. 40÷41. Gioco valvole - bilancieri Cautela - Avvertenza Eseguire la registrazione a motore

Cautela - Avvertenza

Eseguire la registrazione a motore freddo.

Togliere il coperchio bilancieri e verificare l'integrità delle guarnizioni. Portare il pistone di ciascun cilindro al punto morto superiore di compressione e registrare il gioco A a 0,15 ÷ 0,20 mm. Al rimontaggio serrare le viti del coperchio di 20 Nm.

4
4

Smontaggio / Rimontaggio

4 Smontaggio / Rimontaggio 7 Decompressione (a richiesta) Portare il pistone al punto morto superiore di
7
7

Decompressione (a richiesta)

Portare il pistone al punto morto superiore di compressione. Svitare il tappo laterale del coperchio bilancieri e misurare il gioco A che deve essere 0,30÷0,40 mm. Per registrare togliere il coperchio bilancieri, svitare il controdado C e regolare il gioco A agendo sulla vite B.

8 9
8
9

Gruppo bilancieri

Particolari:

1 Foro 2 Tubicino di lubrificazione

Dimensioni (mm):

A = 18.032 ÷ 18.050 B = 17.989 ÷ 18.000

Se i gioco A-B è superiore a 0,135 mm sostituire perno e bilancieri. Al rimontaggio fare attenzione che il tubicino di lubrificazione si inserisca bene nel foro del perno. Serrare le viti a 25 Nm.

10
10
11
11

Sporgenza iniettore

La sporgenza dell'estremità del polverizzatore A rispetto al piano della testa deve essere 3,00 ÷ 3,35 mm; 2,00÷2,50mm per motori EPA. Registrare con guarnizioni di rame B di spessore 0,5 e 1,0 mm.

Testa

con guarnizioni di rame B di spessore 0,5 e 1,0 mm. Testa Importante Non smontare a

Importante

Non smontare a caldo per evitare deformazioni.

Se il piano della testa è deformato, spianare asportando massimo 0,3 mm. Al rimontaggio, prima di serrare accertarsi che il tubicino di lubrificazione bilancieri sia ben alloggiato nei suoi fori e che le due teste siano ben allineate montando provvisoriamente il collettore di scarico o di aspirazione. Sostituire sempre la guarnizione di rame; per la scelta dello spessore vedi fig. 32 (pag. 26). Serrare i dadi gradualmente con sequenza 1, 2, 3, 4 a 50 Nm.

Smontaggio / Rimontaggio 4 12 13 Valvole Componenti : 1 Valvola aspirazione 2 Disco reggimolla

Smontaggio / Rimontaggio

4
4
12 13
12
13

Valvole

Componenti:

1 Valvola aspirazione

2 Disco reggimolla

3 Gommino

4 Molla

5 Piattello

6 Semiconi

Per togliere i semiconi premere con forza come in figura.

Per togliere i semiconi premere con forza come in figura. Importante Il gommino 3 va montato

Importante

Il gommino 3 va montato solo sulla valvola di aspirazione.

14
14

Guide valvole e alloggi

Componenti:

1 = Guida scarico 2 = Guida aspirazione

Rif.

Dimensioni (mm)

A

42,0

B

53,5

C

14,000÷14,018

D

14,050÷14,060

Sono previste anche guide valvole con diametro esterno maggiorato di 0,5 mm; in questo caso per il montaggio, è necessario maggiorare l'allogio C di 0,5 mm.

15
15
VALVOLA VALVOLA SCARICO ASPIRAZIONE 16
VALVOLA
VALVOLA
SCARICO
ASPIRAZIONE
16

Inserimento guide valvole

Riscaldare la testa a 160 ÷ 180°C. Forzare le guide tenendo conto della distanza A e B rispetto al piano della testa.

Rif.

Dimensioni (mm)

A

30,80÷31,20

B

24,80÷25,20

Nota: Se le guide hanno la sede per l'anellino C, inserire l'anellino e piantare le guide senza preoccuparsi di A e di B.

Alloggi e sedi valvole

Rif.

Dimensioni (mm)

A

40,000÷40,016

B

40,120÷40,140

C

34,000÷34,016

D

34,120÷34,140

Piantare le sedi nell'alloggio e fresare ααααα = 45°.

4
4

Smontaggio / Rimontaggio

4 Smontaggio / Rimontaggio 17 18 Smerigliatura sedi valvole Dopo fresatura smerigliare con spuntiglio fine in
17 18
17
18

Smerigliatura sedi valvole

Dopo fresatura smerigliare con spuntiglio fine in sospensione d'olio. La superficie di tenuta S non deve superare 2 mm. Incasso valvole dopo smerigliatura D = 0,75 ÷ 1,25 mm; Limite di usura: 1,65 mm.

19 20
19
20

Cilindro

Verificare il diametro Ø diverse altezze.

in due punti diametralmente opposti a tre

Per 12 LD 435-2 / 435-2B1:

Per 12 LD 475-2 / 475-2 EPA

Ø = 86,00 ÷ 86,02 mm; Ø = 90,00 ÷ 90,02 mm.

Se si riscontra un'usura superiore a 0,10 mm alesare il cilindro e montare segmenti e pistone maggiorato. Per usure inferiori sostituire solo i segmenti.

21

21
21
22 23
22
23

Controlli e rugosità cilindro

Il cilindro non deve avere soffiature o porosità; provare la tenuta a 4 bar con immersione in acqua per 30 secondi. Le alette devono essere integre. L'inclinazione delle tracce incrociate di levigatura deve risultare fra i 45° e i 55°: esse devono essere uniformi e nitide in entrambe le direzioni. La rugosità media deve essere compresa tra 0,5 e 1 µm.

Pistone

Togliere gli anelli di arresto e sfilare lo spinotto. Togliere i segmenti e pulire le cave. Misurare il diametro a 2 mm dalla base.

Per 12 LD 435-2 / 435-2B1:

Per 12 LD 475-2 / 475-2 EPA

il

segmenti.

Se

diametro

ha

un'usura

a

0,05

Ø = 86,00 ÷ 86,02 mm; Ø = 90,00 ÷ 90,02 mm.

mm

sostituire

pistone

e

Nota : Le maggiorazioni previste sono di 0,50 e 1,00 mm.

Smontaggio / Rimontaggio 4 24 Peso pistoni Per evitare squilibri quando si sostituiscono i pistoni

Smontaggio / Rimontaggio

4
4
24
24

Peso pistoni

Per evitare squilibri quando si sostituiscono i pistoni è necessario pesarli. La differenza di peso non deve superare i 6 gr.

25
25

Segmenti - Distanza tra le punte (mm)

Inserire i segmenti nella parte inferiore del cilindro e misurare la distanza tra le punte.

Rif.

Dimensioni

(mm)

A

0,030÷0,050

26 27
26
27
28
28

Segmenti - Giochi fra le cave

 

Dimensioni

Limite di usura

Rif.

(mm)

(mm)

A

0,060÷0,065

0,12

B

0,030÷0,035

0,07

C

0,020÷0,025

0,05

Segmenti - Ordine di montaggio

A = 1° segmento cromato

B = 2° segmento torsionale (interno conico)

C = 3° segmento raschia olio

torsionale (interno conico) C = 3° segmento raschia olio Importante Prima di inserire il pistone nel

Importante

Prima di inserire il pistone nel cilindro girare i segmenti in modo tale che i t agli risultino sfasati tra loro di circa 120°

4
4

Smontaggio / Rimontaggio

4 Smontaggio / Rimontaggio 29 30 Pistone - Rimontaggio Accoppiare il pistone alla biella in modo
29 30
29
30

Pistone - Rimontaggio

Accoppiare il pistone alla biella in modo tale che il centro della camera di combustione b venga a trovarsi perpendicolarmente sotto la punta a del polverizzatore alloggiato nella testa. Lubrificare lo spinotto ed introdurlo nel pistone con la semplice pressione del pollice. Accertarsi che i due anelli di arresto siano ben alloggiati nelle loro sedi.

31 32
31
32

Spazio nocivo

A = Spazio nocivo = 0,65÷0,70 mm 0,55÷0,60 mm per motori EPA B = Guarnizione di rame

Il valore di A si determina tenendo conto della posizione del pistone al punto morto superiore rispetto al cilindro e dello spessore della guarnizione di rame B.

Le guarnizioni fornite sono di spessori (in mm.):

0,45 - 0,50 - 0,55 - 0,60 - 0,65 - 0,70 - 0,75 - 0,80 - 0,85 - 0,90 - 0,95 - 1,00

33
33
34 35
34
35

Biella - Bronzina piede biellla

Dimensioni e giochi (mm)

A

117,95÷118,05

C

22,015÷22,025

D

21,995÷22,005

C-D

0,01÷0,03

0,07

(a bronzina piantata e lavorata)

limite usura

Bronzina testa di biella

Al rimontaggio le due tacche di centraggio A e B devono trovarsi dallo stesso lato. Serrare le viti a 40 Nm. Per dimensioni vedi pag. 29.

Smontaggio / Rimontaggio 4 36 Peso biella Per evitare squilibri, quando si sostituiscono le bielle

Smontaggio / Rimontaggio

4
4
36
36

Peso biella

Per evitare squilibri, quando si sostituiscono le bielle è necessario pesarle. La differenza di peso non deve superare 10 gr.

37
37

Ingranaggio comando distribuzione

Per estrarre l'ingranaggio comando distribuzione utilizzare l'attrezzo 1 matr. 7560-4000-052 e l'estrattore 2 matr. 7271- 3595 -048.

38
38
39
39

Supporto di banco lato distribuzione

Per

lunghezza 40 mm interamente filettata oppure l'estrattore matr.

M8x1,25

estrarre

il

supporto

di

banco

occorrono

due

viti

7271-3595-048.

Nota: Per evitare deformazioni non è possibile sostituire la bronzina; vengono pertanto forniti come ricambio, supporti completi di bronzine di diametro interno standard, minorate di 0,25 e 0,50 mm.

Per dimensioni vedi pag. 29.

Supporto di banco lato presa di forza

Per estrarre utilizzare due viti M8x1,25, lunghezza 40 mm interamente filettata. Controllare l'anello di tenuta olio e se deformato, indurito o usurato, sostituirlo. Al rimontaggio serrare i dadi a 25 Nm. Per dimensioni vedi pag. 29.

4
4

Smontaggio / Rimontaggio

4 Smontaggio / Rimontaggio 40 Albero motore - Bullone di fermo albero motore Prima di togliere
40
40

Albero motore - Bullone di fermo albero motore

Prima di togliere l'albero motore è necessario raddrizzare il lamierino 1 e svitare il bullone 2. Al rimontaggio serrare il bullone 2 a 30 Nm.

41
41

Gioco assiale albero motore

Al rimontaggio dell'albero motore controllare con spessimetro il gioco assiale; il suo valore è di 0,08 ÷ 0.38 mm e si registra variando lo spessore della guarnizione A del supporto di banco lato volano. Sono fornite guarnizioni di spessore 0,30 ÷ 0,50 mm.

42
42
43 44
43
44

Supporto centrale albero motore

Al rimontaggio le due tacche di centraggio A e B devono risultare dallo stesso lato. Serrare le viti a 25 Nm. Per dimensioni vedi pag. 29.

Controllo lubrificazione albero motore

Togliere i tappi, pulire il condotto A con una punta e soffiare con aria compressa. Rimettere i tappi e verificarne la tenuta.

Raggio di raccordo albero motore

e verificarne la tenuta. Raggio di raccordo albero motore Importante è necessario ripristinare il valore di

Importante

è

necessario ripristinare il valore di R raccordandosi con lo spallamento.

Quando

si

rettificano

i

perni

banco

e

di

manovella

Il raggio R che raccorda i perni agli spallamenti è di 2,8 ÷ 3,2 mm.

Smontaggio / Rimontaggio 4 45 46 47 Diametri interni bronzine di banco e testa di

Smontaggio / Rimontaggio

4
4
45
45
46
46
47
47

Diametri interni bronzine di banco e testa di biella

Rif.

Dimensioni (mm)

Rif.

Dimensioni (mm)

A

71.981÷72.000

 

E 72.070÷72.090

B

40.004÷40.020

 

F 40.045÷40.076

C

55.340÷55.350

 

G 55.404÷55.435

D

54.931÷54.950

 

H 55.000÷55.020

Le dimensioni riportate sono riferite alle bronzine piantate e serrate. Sia per le bronzine di banco che per quelle di testa di biella sono previste minorazioni sul diametro interno di 0,25 e 0,50 mm.

Giochi tra perni di banco/manovella e bronzine

Rif.

Dimensioni (mm)

Limite di usura (mm)

E-A

0,070÷0,109

 

0,195

F-B

0,025÷0,072

 

0,150

G-C

0,051÷0,095

 

0,190

H-D

0,050÷0,089

 

0,180

     

Dimensioni

 

Rif.

(mm)

I

 

130.000÷130.020

L

 

76.980÷77.020

M

 

128.000÷128,018

N

 

59.074÷59.092

O

 

75.990÷76.010

P

 

60.000÷60.020

Supporti di banco

1 Lato presa di forza

2 Centrale

3 Lato distribuzione

48
48

Alloggi supporti di banco

Rif.

Dimensioni

(mm)

A

130,000÷130,020

B

128,000÷128,020

C

76,000÷76,020

4
4

Smontaggio / Rimontaggio

4 Smontaggio / Rimontaggio 49 Dimensioni perni albero a camme e alloggi   Dimensioni   Limite
49
49

Dimensioni perni albero a camme e alloggi

 

Dimensioni

 

Limite di usura

Rif.

(mm)

Gioco (mm)

(mm)

A

41.940÷41.960

   

C

42.000÷42.025

0.040÷0.085

0.160

B

27.940÷27.960

   

D

28.000÷28.020

0.040÷0.080

0.150

50 51
50
51

Controllo altezza camme aspirazione / scarico

A1 = camma aspiraz. 1° cilin. A2 = camma aspiraz. 2° cil. S1 = camma scarico 1° cilin. S2 = camma scarico 2° cil.

Le camme di aspirazione e scarico hanno, per lo stesso motore, la stessa altezza H.

H = 33,62 ÷ 33,65

Se H è inferiore di 0,1 mm del valore minimo dato sostituire l'albero

a camme.

52
52
53
53

Fasatura distribuzione

Montare l'ingranaggio albero a camme facendo coincidere il riferimento 1 con quello sull'ingranaggio comando distribuzione 2. Serrare il bullone dell'albero a camme a 60 Nm.

Gioco assiale albero a camme

Il valore del gioco assiale è 0,10 ÷ 0,26 mm; controllarlo con un comparatore spingendo e tirando l'albero a camme.

Fasatura distribuzione senza tener conto dei riferimenti

Disporre il pistone n°1 (quello lato volano) al punto morto superiore. Porre sulle punterie due cilindretti A di uguale altezza. Ruotare l'albero a camme e fermarsi quando le punterie del cilindro n°1 si trovano in posizione di incrocio (aspirazione apre e scarico chiude). Controllare con la riga B che le punterie siano alla stessa altezza. Impegnare l'ingranaggio dell'albero a camme con quello della distribuzione.

Smontaggio / Rimontaggio 4 54 Componenti presa di moto pompa oleodinamica Gruppo 1 1 Anello

Smontaggio / Rimontaggio

4
4
54
54

Componenti presa di moto pompa oleodinamica Gruppo 1

1 Anello di tenuta

2 Anello centraggio

3 Giunto

4 Semigiunto

5

Flangia

6

Ingranaggio

7

Supporto

8

Anello reggispinta

9

Anello di fermo

10

Coperchio

La coppia max. totale derivabile è 27 Nm corrispondente a 7,64 kW

a 3000 giri/min.

55
55
56
56
57
57

Regolatore giri meccanico

Componenti:

1 Ingranaggio

5 Forcella

2

Massa

6 Leva

3

Campana mobile

7 Puntalino

4

Anello di fermo

8 Molla regolatore

9

Leva controllo pompe iniezione

Le masse spinte alla periferia dalla forza centrifuga spostano assialmente una campana mobile collegata, tramite leveraggi, alla leva comando cremagliera pompa iniezione. Una molla posta in tensione dal comando acceleratore contrasta l'azione della forza centrifuga delle masse.

L'equilibrio tra le due forze mantiene pressochè costante il regime

di giri al variare del carico.

Per fasatura vedi fig. 52.

Molle regolatore giri con bilanciere

Particolari:

1 Bilanciere ancoraggio molle

2 Molle regolatore giri

3 Piastrina

4 Tirante

5 Leva

Molla supplemento combustibile all'avviamento

Particolari:

1 Molla supplemento combustibile

2 Forcella comando pompa iniezione

3 Molla regolatore giri

Il dispositivo è automatico: a motore fermo, la molla 1 richiama la forcella comando pompa iniezione 2 in massima portata, fino all'entrata in funzione del regolatore di giri.

5
5

CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE

5 CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE

CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE

CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE CIRCUITO DI LUBRIFICAZIONE Pericolo - Attenzione La durata del motore ne risulterà

Pericolo - Attenzione

La durata del motore ne risulterà notevolmente ridotta.

-

Il motore può danneggiarsi se fatto lavorare con insufficiente quantità di olio.

-

La viscosità dell’olio deve essere adeguata alla temperatura ambiente in cui il motore opera.

-

É

inoltre pericoloso immettere troppo olio perchè la sua

- É inoltre pericoloso immettere troppo olio perchè la sua

combustione può provocare un brusco aumento della velocità

 

Pericolo - Attenzione

di

rotazione.

-

Utilizzare l'olio di lubrificazione prescritto al fine di proteggere

- L’olio motore esausto può essere causa di cancro alla pelle se lasciato ripetutamente a contatto e per periodi prolungati.

il

motore. La buona o la scarsa qualità dell'olio di

lubrificazione incide sulle prestazioni e la durata del motore.

- Se il contatto con l'olio fosse inevitabile, si consiglia di lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone non appena possibile.

-

Impiegando olio di qualità inferiore o in mancanza del rispetto

di

una regolare manutenzione, aumentano i rischi di

grippaggio del pistone, incollaggio degli anelli elastici, e di

una rapida usura del cilindro, dei cuscinetti e tutte le altre parti in movimento.

- Non disperdere l’olio esausto in ambiente in quanto altamente inquinante.

58
58

Particolari:

1) Indicatore pressione olio 2) Tubo sfiato 3) Bronzina testa di biella 4) Supporto albero motore lato distribuzione 5) Valvola regolazione pressione olio 6) Raccordo per attacco manometro 7) Filtro a cartuccia 8) Pompa olio

9) Tappo rifornimento olio 10) Perni bilancieri 11) Tubo protezione aste punterie 12) Perno ingranaggio comando pompa oleodinamica 13) Perno albero a camme lato volano 14) Asta livello olio 15) Tappo scarico 16) Filtro interno

Circuito di lubrificazione 5 59 60 Pompa olio Verificare l'integrità dei denti degli ingranaggi e

Circuito di lubrificazione

5
5
59 60
59
60

Pompa olio

Verificare l'integrità dei denti degli ingranaggi e controllare che il gioco tra periferia ingranaggi e corpo pompa non superi 0,15 mm e che l'alberino di comando giri liberamente con gioco assiale non superiore a 0,15 mm. Portata pompa olio a 3000 giri/min. del motore è di 9 litri/min.

61
61
62
62
1 2 3 45
1
2
3
45

64

giri/min. del motore è di 9 litri/min. 61 62 1 2 3 45 64 63 Cartuccia

63

Cartuccia filtro olio (interno) Fino a matricola motore 4877736.

Componenti:

1 Tappo

2 Anello di tenuta

3 Spring

4 Cartuccia

Caratteristiche:

Grado di filtrazione:

 

70 µm

Pressione apertura valvola by-pass :

0,60 ÷ 0,75 bar.

Pressione max di esercizio :

4,5 bar

Cartuccia filtro olio (esterno) A partire da matricola motore 4877736.

Componenti:

 

1

Guarnizione

5 Elemento filtrante

2

Piastra

6 Valvola by-pass

3

Gommino

7 Molla

4

Molla

Caratteristiche: