Sei sulla pagina 1di 202

Manuale Tecnico

Manuale
Tecnico

Timken es una marca registrada por


The Timken Company
www.timken.com

2002 The Timken Company

2002
WORLDWIDE LEADER IN BEARINGS AND STEEL
3M-T-03-IT-d-02
Precio : 25 THE TIMKEN COMPANY
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page I

DIMOSTRAZIONE DI COMPETENZA GLOBALE


stato nel 1895 che Henry Timken, il fondatore della Societ Timken, complet
i disegni tecnici di un rivoluzionario cuscinetto a rulli conici per ruote. Il nuovo
"cuscinetto a rulli conici" riusc a ridurre enormemente lattrito nei carri trainati
da cavalli e fu brevettato tre anni pi tardi.

Oggi, 230 tipi di cuscinetti a rulli conici Timken in 26.000 diverse dimensioni
sono lobiettivo per le necessit a livello mondiale dei settori automobilistico,
aerospaziale, industriale in genere e ferroviario. La societ soddisfa queste
esigenze con oltre 140 stabilimenti, uffici e centri di distribuzione situati in
24 paesi nei sei continenti.

Acciai legati Timken - sotto forma di tubi in acciaio senza saldature, barre,
billette e lingotti - sono prodotti in cinque stabilimenti negli Stati Uniti. Questi
prodotti sono anche utilizzati da unampia gamma di industrie manifatturiere
nel mondo.

Timken divisa in otto divisioni globali: Automotive, Aerospaziale & Super


Precisione, Mercati Emergenti, Industria, Ferroviario, Acciai Legati, Acciai
Speciali e Componenti di Precisione in Acciaio. Timken produce la pi ampia
offerta del settore di cuscinetti a rulli conici. In aggiunta ai cuscinetti a rulli
conici, siamo in grado di fornire cuscinetti a sfere, a rulli cilindrici ed a rulli
orientabili, a specifici segmenti di mercato. I prodotti Timken spaziano da
quelli che pesano pochi etti ai cuscinetti che pesano nove tonnellate e larghi
abbastanza da contenere un uomo in piedi.

I
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page II

La Societ Timken il maggiore produttore mondiale di cuscinetti a rulli conici.


Fin dal primo disegno di un cuscinetto ruota equipaggiato di rulli conici,
Timken non ha mai cessato di inventare. Negli anni, abbiamo registrato pi
di 900 brevetti e prodotto pi di sei miliardi di cuscinetti.

Il miglioramento continuo della nostra posizione di leader mondiale pu essere


attribuita ad una ineguagliata conoscenza all'interno delle competenze
principali della societ. Una concentrazione su ogni fattore che influenza le
prestazioni del cuscinetto ci ha guidati al miglioramento continuo. Come
specialisti nei cuscinetti a rulli conici, li conosciamo pi di chiunque altro e
mettiamo questa conoscenza al lavoro ogni giorno per i nostri clienti.

L'applicazione della Societ Timken delle nostre competenze principali offre


ai clienti una base di conoscenza collettiva che perpetua la nostra reputazione
come leader mondiale nei cuscinetti a rulli conici.

II
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page III

TIMKEN RESEARCH
Timken Research ha tre aree di responsabilit tecnologica:

RICERCA - CUSCINETTI ED ACCIAIO


SVILUPPO PRODOTTO E PROCESSO CUSCINETTI
SVILUPPO PRODOTTO E PROCESSO ACCIAI
Queste tre aree contribuiscono a supportare la Societ Timken ed i suoi clienti
in tutto il mondo. L'edificio del Timken Research situato vicino alla direzione
della societ a Canton, Ohio. La superficie del centro di circa 23.000 metri
quad. ed impiega 300 persone tra laureati e tecnici. Un budget annuale di
50 Milioni di Dollari supporta le attivit tecnologiche di entrambi i Settori,
Cuscinetti ed Acciai.

All'interno di Timken Research disponibile una gamma completa di processi


produttivi, compreso la sezione utensileria, lavorazione acciaio (laminatoio)
e costruzione dei cuscinetti prototipo. Laboratori specializzati sono dedicati
alle scienze della metrologia, elettronica e lubrificazione/tribologia. Una
biblioteca tecnica supporta tutti gli sforzi di ricerca. CAD, FEA (analisi agli
elementi finiti) modellazione e disegno avanzato dei cuscinetti sono anche
utilizzati all'interno della struttura.

Le attrezzature per i test sono utilizzate continuamente per testare i cuscinetti


provenienti da tutti gli stabilimenti Timken per assicurare che sia rispettato lo
standard qualitativo. Vengono anche eseguiti test di simulazione delle
applicazioni dei clienti pi test per nuovi prodotti e processi.

III
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page IV

ATTIVIT TIMKEN SETTORE ACCIAIO ATTIVIT TIMKEN SETTORE CUSCINETTI


Nel 1916, quando una nuova acciaieria in Canton esegu la prima colata Tutta la conoscenza e l'esperienza che abbiamo da offrire come societ pu
di acciaio, la Societ Timken divent il primo costruttore di cuscinetti in essere ritrovata nei cuscinetti a rulli conici Timken. Quanta strada ha fatto la
grado di prodursi lacciaio per i propri prodotti. Oggi, i cuscinetti Timken Societ Timken fin dal momento che il cuscinetto a rulli conici stato brevettato
iniziano da acciaio legato fuso in fornaci elettriche e rifinito in siviera nel 1895. Se mettete insieme tutti i sei miliardi di cuscinetti prodotti fino ad
secondo le nostre specifiche. Timken produce la migliore qualit di acciaio oggi, essi potrebbero fare 13 volte il giro del mondo, che corrisponde a circa
legato per la produzione dei nostri cuscinetti a rulli conici. 560.000 km o ben oltre la distanza tra terra e luna.

La nostra crescente base di conoscenza, gli stabilimenti all'avanguardia e Sebbene questi numeri parlino della nostra reputazione su qualit e servizi,
l'impegno per un miglioramento continuo ci permettono un accurato controllo essi non raccontano l'intera storia Timken. L'evidenza del nostro approccio
dei componenti ed eliminano dal metallo liquido gas indesiderati ed impurit "di pi del solo cuscinetto" pu essere ritrovata in ogni aspetto dell'attivit.
non metalliche. Monitoriamo e controlliamo la qualit dell'acciaio dalle Noi stiamo dietro i nostri prodotti con circa 100 anni di esperienza come
analisi chimiche al controllo ad ultrasuoni, test con correnti parassite e con societ e 19.000 dipendenti impegnati a diventare la societ produttiva dalle
particelle magnetiche. Queste possibilit ci permettono di soddisfare le pi migliori prestazioni nel mondo. scienziati impegnati nelle ricerche di base
difficili esigenze con acciaio super puro, acciaio fuso in aria che riduce agli ingegneri di vendita sul campo, la Societ Timken strutturata per
enormemente il contenuto di inclusioni aumentando la durata a fatica. soddisfare e superare le aspettative dei clienti. L'Attivit del Settore Cuscinetti
Timken fornisce ai suoi clienti le risorse necessarie per massimizzare le
Miglioramenti Timken nell'acciaio comprendono il produrlo pi puro, l'aver
prestazioni delle loro applicazioni.
aumentato la durata dei cuscinetti Timken, a partire dal 1980, con un fattore
pari a 16. In aggiunta alla purezza, l'acciaio Timken permette alle coppe,
coni e rulli dei cuscinetti di essere cementati per una dura e durevole
superficie di contatto che pu portare pesanti carichi ed un cuore duttile
resistente agli urti.

La cementazione aiuta i cuscinetti a resistere ai carichi d'urto che potrebbero


danneggiare un cuscinetto a tutta tempra.

IV
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page V

Avanzamenti nella definizione dell'acciaio e dei cuscinetti come pure dei


processi produttivi ha permesso al cuscinetto interno prodotto oggi di offrire le
stesse prestazioni in durata e capacit di carico del cuscinetto esterno prodotto
30 anni prima.

Tutto il supporto disponibile assicura che i clienti Timken ricevano il cuscinetto


Ingegneri di vendita giusto per le loro condizioni applicative. Migliorando in continuazione, la
Gli Ingegneri di vendita sono ingegneri laureati esperti nella tecnologia dei tecnologia Timken nell'acciaio e nella produzione dei cuscinetti ha fornito maggiori
cuscinetti e altamente qualificati per assistere in tutti gli aspetti delle applicazioni opportunit di progetto come non mai. Oggi, i clienti possono lavorare insieme
dei cuscinetti, compresa la progettazione, le prove, la programmazione e la con Timken per applicare i vantaggi di un concetto chiamato "power density".
produzione. Le loro capacit vanno oltre il semplice suggerimento relativo alla Definito semplicemente, il "power density" permette ai clienti di utilizzare cuscinetti
selezione dei cuscinetti o ad informazioni sulle consegne. Molti delicati problemi pi piccoli che possono portare lo stesso carico del cuscinetto originale od offrire
di applicazione possono essere risolti al momento con il cliente. maggiori prestazioni nello stesso ingombro. "Power density" pu risultare in
una considerevole riduzione costi. Potete ora ridurre le dimensioni dei cuscinetti,
Rappresentanti del settore distribuzione alberi, ingranaggi, alloggiamento ed altri componenti attinenti...sfruttando i
I rappresentanti del settore distribuzione collegano la Societ Timken e la sua benefici di un minore ingombro, peso e costo del sistema ma portando gli stessi
rete mondiale di distributori autorizzati. Essi ricevono una formazione specifica carichi. Oppure, potete aumentare la potenza trasmessa ed ottenere una maggiore
per assistere i distributori ed utilizzatori finali nella selezione e manutenzione coppia senza il costoso processo di rifare l'intero sistema.
dei cuscinetti Timken e relativi servizi nei mercati industriali e dell'automobile.

Ingegneri di applicazione
Gli Ingegneri di applicazione forniscono un supporto alle forze di vendita
nelle problematiche relative alla progettazione ed applicazione. Questi
specialisti possono eseguire sofisticate analisi al computer e dispongono di
una profonda conoscenza ed esperienza nel risolvere situazioni di applicazioni
di cuscinetti particolarmente complesse. I loro compiti sono anche di guidare
la ricerca in nuovi campi e concetti di applicazione. Questo, a sua volta,
allarga la loro capacit di risolvere specifici problemi applicativi del cliente.

Ingegneri di assistenza tecnica


Gli Ingegneri di assistenza tecnica sono disponibili per offrire un elevato
livello di supporto tecnico, e fornire soluzioni ad applicazioni e condizioni
specifiche dei clienti. I tecnici di assistenza Timken, formati ed esperti nelle
questioni pratiche di montaggio, registrazione e manutenzione dei cuscinetti,
possono offrire supporto ed informazioni relative ad appropriate procedure
di manutenzione e suggerimenti per la manutenzione preventiva. Essi
lavorano sul posto con il personale del cliente per quanto riguarda la
progettazione, la produzione, la manutenzione e l'assistenza.

V
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page VI

Una delle risposte della Societ Timken alla sfida del "power density" il
super cuscinetto P900. Progettato per aumentare le prestazione con un
fattore tre o superiore, i cuscinetti P900 permettono ai costruttori di
equipaggiamenti di promuovere i loro progetti esistenti o di ridurre le
dimensioni delle nuove applicazioni. Migliorie nei materiali, profili e finiture
superficiali hanno permesso ai cuscinetti P900 di offrire maggiore potenza
con meno materiale, un peso inferiore ed un minor ingombro. Il risultato
una maggiore durata ottenuta da acciaio super puro, una aumentata capacit
di carico, una resistenza ad ambienti ostili, la superfinitura di elementi cruciali
del cuscinetto, profili personalizzati o geometria modificata, minori costi di
garanzia ed una migliore immagine di marchio.

Quando la vostra applicazione richiede la combinazione di "power density"


e personalizzazione, potete utilizzare gli avanzamenti innovativi nella
tecnologia produttiva e nei materiali della nostra famiglia di cuscinetti con
prestazioni Spexx. Gli stessi benefici caratteristici dei prodotti P900 possono
essere selezionati individualmente nei cuscinetti DuraSpexx, che sono
disegnati per una maggior durata e capacit di carico incrementata richiesta
per applicazioni industriali pesanti. I cuscinetti AquaSpexx sono
caratterizzati da un rivestimento speciale resistente alla corrosione per alte
prestazioni dove acqua od umidit rappresentano un problema. I cuscinetti
cilindrici Z-Spexx sono contraddistinti da una geometria interna che offre
agli utilizzatori di laminatoi Sendzimir una maggior precisione ed una
riduzione per ton di prodotto laminato nei loro costi.

L'innovazione Timken ha portato anche


ad una ulteriore integrazione. Ai
cuscinetti odierni si richiede molto di pi
del ridurre l'attrito. Il nostro cuscinetto
SENSOR-PAC il primo e solo
cuscinetto ad offrire la capacit di un
controllo totale della trazione in qualsiasi
condizione - da fermo o in movimento.
Questo cuscinetto ruote automobilistico
flangiato caratterizzato da un sistema con sensore integrato per migliorare
le prestazioni dei sistemi frenanti antibloccaggio (ABS) e dei sistemi di controllo
della trazione (TCS). Il sensore integrato, montato internamente, protetto da
rischi che possono danneggiare i sensori montati esternamente. La tecnologia
"Smart" ha portato a prodotti Timken quali i cuscinetti a compensazione termica
nei transaxle e nelle trasmissioni automobilistiche, i cuscinetti a controllo della
pressione dei pneumatici nei veicoli commerciali e militari ed ai cuscinetti
Hydra-Rib nei mandrini delle macchine utensili.

VI
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page VII

Similmente ai cuscinetti "AP", i cuscinetti Timken con tenute per colli cilindro
di laminatoi sono prodotti per ambienti fortemente contaminati, considerando
che il laminato rappresenta uno degli ambienti pi ostili che un componente
di precisione, come un cuscinetto, possa incontrare.

I cuscinetti con tenute per cilindri di lavoro possono incorporare una scelta di
tenute uniche, brevettate per resistere a variazioni estreme di temperatura ed
ad intrusione di acqua e contaminanti che possono ridurre enormemente la
durata di un cuscinetto. Quando si combinano insieme tenute tecnologiche
dal disegno innovativo con gli acciai legati di qualit e la bassa resistenza
al rotolamento di un cuscinetto Timken, si ottiene un prodotto che ridefinisce
le aspettative degli utilizzatori dei laminatoi.

La Societ Timken produce pi di 26.000 tipi di cuscinetti per assicurarsi che i


clienti possano utilizzare il cuscinetto giusto per le loro applicazioni.

Come per i prodotti innovativi quali i cuscinetti con tenute per cilindri di lavoro,
i cuscinetti SENSOR-PAC e la famiglia di cuscinetti Spexx, molti di questi
prodotti sono personalizzati per un settore industriale od un livello qualitativo
specifico.

Questo il motivo per cui la Societ Timken Company offre i cuscinetti in quattro
classi di precisione per applicazioni quali macchine utensili e le macchine da
Il marchio Timken IsoClass stato stampa che richiedo il pi alto livello di accuratezza. Disponiamo di uno
sviluppato per definire ed espandere la stabilimento dedicato, lo stabilimento di cuscinetti di New Philadelphia, per
nostra gamma di cuscinetti metrici e garantire una affidabilit incomparabile e produrre i cuscinetti a rotolamento
fornirVi un valore superiore adesso e in pi precisi nel mondo. Le classi di cuscinetti prodotte a New Philadelphia sono
futuro. Il risultato una linea completa di identificate come Classi C, B, A e AA nel sistema metrico, mentre nel sistema
cuscinetti ISO con pi di 170 riferimenti in pollici con 3, 0, 00 e 000.
nella serie 30000 facilmente disponibili.
Uno sguardo pi attento mostrer che i La Classe 000 caratterizzata da un precisione inferiore a 40 milionesimi di
cuscinetti Timken IsoClass rappresentano pollice (circa 1/60 del diametro di un capello umano). Il controllo di tutti gli
un impegno che va al di la delladottare un nuovo marchio. aspetti della produzione del cuscinetto, dall'acciaio fuso al cuscinetto finito,
permette alla Timken di assicurare la qualit e di soddisfare anche le richieste
Abbiamo investito pi di 60 milioni di dollari in nuovi stabilimenti e dipendenti
pi esigenti per quanto riguarda le tolleranze.
per supportare la linea di prodotti IsoClass. Abbiamo aggiunto 30 nuovi riferimenti
per poter fornire una linea completa di prodotti per soddisfare questa importante
domanda del mercato.
Offrire qualcosa di innovativo ed unico
non nuovo per la Societ Timken.
Quando i cuscinetti Timken "AP" furono
introdotti per la prima volta nel settore
ferroviario nel 1954, si stim che le
ferrovie avrebbero risparmiato pi dei 55
milioni di dollari se tutti i carri merci
avessero adottato i cuscinetti "AP".
Pi tardi, con oltre 10 milioni di cuscinetti
AP venduti, e pi di 2 trilioni di miglia percorse, le ferrovie hanno capito il valore
offerto da questi cuscinetti. Basati su questo successo, sul potenziale per
installazioni semplici e sulla riduzione dei costi di manutenzione, i mercati
industriali hanno iniziato presto ad utilizzare i vantaggi dei cuscinetti "AP".
Applicazioni industriali, sottoposte ad un utilizzo pesante, situate in un ambiente
severo e che richiedono una elevata capacit di carico dei cuscinetti ed una
buona tenuta, diventano candidate preferenziali per i cuscinetti "AP" poich
essi sono all'interno di un involucro, preingrassati, preassemblati, caratterizzati
da tenute radiali di alta qualit, testate e migliorate, e forniscono una notevole
adattabilit ad una ampia gamma di applicazioni. Un numero crescente di
applicazioni industriali, comprese colate continue, rulli trasportatori, gru, carrelli
da miniera, supporti e pulegge si stanno rendendo conto dei vantaggi offerti VII
dai cuscinetti "AP".
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page VIII

QUALIT MONDIALE
Dal prodotto standard a quello di precisione, una caratteristica comune a
tutti i cuscinetti Timken la qualit.

Centinaia di clienti in tutto il mondo hanno apprezzato la nostra costanza


nei prodotti e servizi assegnandoci riconoscimenti di qualit superiore. In
media, Timken vince un premio qualit dei clienti ogni 1,9 giorni lavorativi.

I clienti chiedono l'impegno di tutta l'organizzazione per un miglioramento


continuo e la soddisfazione del cliente.

Questo l'impegno della Societ Timken. Nessun Vi offre prodotti di maggior


qualit o maggiore talento di quanto facciamo noi. Alla Societ Timken, i
migliori esperti del nostro gruppo - che coprono aree come ingranaggi in
acciaio, stampaggio, disegno dei cuscinetti, metrologia, tenute, acciai legati,
test di durata, rettifica, sistemi di qualit, tribologia, sensori, lavorabilit
alle macchine utensili, valutazioni non distruttive, utensili di alta qualit -
lavorano anche per Voi.
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page IX

COME UTILIZZARE QUESTO MANUALE


In aggiunta allintroduzione ai cuscinetti a rulli conici ed ai
vantaggi legati al suo caratteristico disegno, questo manuale
Vi aiuter a :
- Selezionare il cuscinetto a rulli conici Timken pi idoneo
per una specifica applicazione
- GuidarVi nella scelta dei suggerimenti di montaggio pi
indicati.

Metodo di selezione tradizionale


I cuscinetti sono generalmente scelti per soddisfare le
esigenze di durata stabilita in determinate condizioni di
carico. Lapproccio tradizionale prima analizza e determina
le forze applicate per poi calcolare il carico dinamico
radiale equivalente del cuscinetto.
Basata sulla durata empirica stabilita del cuscinetto (derivata
da positive esperienze in applicazioni simili) e sulla sua
velocit, possibile :
- Calcolare un carico radiale dinamico equivalente per
lapplicazione (le capacit di carico Timken sono basate
sui dati ottenuti da prove di durata standardizzate di
laboratorio)
- Usare tale carico per selezionare il simbolo dalle tabelle
Dati dei cuscinetti.
Lattuale gamma di simboli rappresentano una delle pi
vaste scelte disponibili agli ingegneri progettisti nel settore
di applicazione dei cuscinetti a rulli conici. Essa comprende
numerosi tipi e dimensioni diverse di cuscinetti a rulli conici.

Metodo di selezione avanzato


Le condizioni di funzionamento reali di un cuscinetto
possono differire da quelle create nei laboratori. Perci,
per alcune applicazioni, convenienza del progettista
andare oltre lapproccio a catalogo tradizionale quando
si seleziona un cuscinetto. Pu essere necessario considerare
i fattori ambientali o di correzione della durata legati a
variabili come la lubrificazione, la zona di carico, il
disassamento, la deflessione dellalbero, la temperatura e
la durata utile.
Le formule sono fornite allo scopo di permettere una prima
valutazione della correzione della durata. Tuttavia, per una
pi approfondita ed affidabile analisi della vostra
applicazione, suggeriamo di contattare un ingegnere di
vendita della Societ Timken.
Il successo di unapplicazione non dipende esclusivamente
INTRODUZIONE

dai fattori indicati precedentemente, ma anche da parametri


come il progetto di base della macchina, la qualit della
manodopera e laccuratezza dei dati forniti alla Societ
Timken.
Lopportunit di collaborare con Voi nel verificare sin
dallinizio i fattori che determinano le prestazioni
dellapplicazione, e di essere nuovamente consultati nel
caso intervengano successivamente variazioni sostanziali,
parte del servizio di supporto ai clienti. Solo in questo
modo possiamo essere certi di identificare la soluzione
tecnica ed economica pi appropriata per la Vs.
applicazione.
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page X

The Timken Company


Introduction
Bearing selection process
Bearing data tables
Metric and imperial units
The Timken Company engineering service
Total Quality Management
??

1. Conoscere i cuscinetti a rulli conici


I cuscinetti a rulli conici
Tipi di cuscinetti Timken
Come riconoscere il vostro cuscinetto
I cuscinetti a rulli conici in confronto agli altri tipi

2. Selezionare il cuscinetto idoneo


Selezione per durata e capacit
Selezione per dimensioni
Selezione con un ingegnere di vendita
Selezione per tipo di cuscinetto
Esempi di applicazioni
25

3. Calcolare le prestazioni dei cuscinetti


Determinazione dei carichi applicati
Durata dei cuscinetti
Coppia di rotolamento

45

4. Montaggio, tolleranze e registrazione dei cuscinetti


Tolleranze dei cuscinetti
Configurazioni di montaggio
Tolleranze di accoppiamento
Procedure di montaggio
INDICE

Registrazione
Sistemi di tenuta

69
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page XI

5. Lubrificare i cuscinetti
Funzioni di base del lubrificante
Limiti di velocit
Guida alla scelta olio / grasso
Inquinamento

111

6. Come riconoscere e prevenire i danneggiamenti ai cuscinetti a rulli conici


Introduzione
Modalit tipiche di danneggiamento
Risultati di una corretta manutenzione
Analisi dei danneggiamenti dei cuscinetti

125

7. Tavole Dati dei cuscinetti


Indice de referencias AP
TS TTC
TSF TTSP
TDO TTHD
TDI TSL
TDIT TS - TSF Precisin
TNA HR
TNASW-TNASWE TXR
2S Piezas auxiliares
SR

133
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page XII

A. I CUSCINETTI A RULLI CONICI ................................ 3


B. TIPI DI CUSCINETTI TIMKEN ................................... 6
1. Tipi di cuscinetti pi comuni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.1. Cuscinetti a singola fila di rulli
1.2. Cuscinetti a doppia fila di rulli
1.3. Assemblaggi con distanziale
1.4. Cuscinetti Package
1.5. Cuscinetti reggispinta assiali
2. Cuscinetti con tenute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3. Cuscinetti di precisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.1. Cuscinetti a singola fila di rulli TS e TSF *
3.2. Cuscinetti Hydra-Rib
3.3. Cuscinetti per alte velocit
3.4. Cuscinetti a rulli incrociati TXR *
4. Altri cuscinetti a doppia fila di rulli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
5. Cuscinetti a quattro file di rulli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
6. Cuscinetti reggispinta assiali Heavy Duty . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7. Altri tipi di cuscinetti a rulli conici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1. CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

C. COME RICONOSCERE IL VOSTRO CUSCINETTO ............. 13


1. Simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2. Serie dei cuscinetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
3. Sistemi di numerazione dei cuscinetti in pollici . . . . . . . . . . . . . . 13
3.1. Numerazione originale dei cuscinetti in pollici
3.2. Numerazione AFBMA dei cuscinetti in pollici
3.3. Prefissi e Suffissi
4. Sistemi di numerazione dei cuscinetti metrici . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
4.1. Numerazione dei cuscinetti con prefisso J
4.2. Numerazione originale dei cuscinetti ISO
4.3. Nuovo sistema di numerazione ISO 355
4.4. Nuovi cuscinetti metrici
5. Selezione ottimale dei cuscinetti : standard ISO 355 . . . . . . . 23

6. Numeri di assemblaggio dei cuscinetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

1
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 2
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 3

A. I cuscinetti a rulli conici Moto di puro rotolamento


Il prolungamento delle generatrici delle piste di rotolamento e dei
Per la loro geometria interna i cuscinetti a rulli conici Timken rulli di un cuscinetto a rulli conici converge in un unico punto sullasse
forniscono caratteristiche di funzionamento uniche che ne permettono di rotazione del cuscinetto (Fig. 1-2). Il risultato un puro rotolamento
limpiego in molteplici applicazioni. dei corpi volventi sulle piste in qualsiasi punto della circonferenza.

I cuscinetti a rulli conici sono costituiti da quattro


componenti base che sono : il cono, la coppa, Gabbia
i rulli conici e la gabbia (contiene i rulli) (Fig.
1-1). In condizioni di funzionamento normali il
cono, la coppa ed i rulli sopportano i carichi
applicati mentre la gabbia mantiene i rulli Cono
Coppa
equamente distanziati fra loro. Il cono, i rulli e
la gabbia costituiscono un assemblaggio unico
definito semplicemente "assemblaggio cono"
ed generalmente separabile dalla coppa,
facilitando cos le operazioni di montaggio ed
assemblaggio.

Rulli

Fig. 1-1
Componenti di un cuscinetto a singola fila di rulli conici (tipo TS)

Apex
Capacit di sopportare carichi radiali ed assiali combinati
Linclinazione delle piste di rotolamento permette al cuscinetto a
rulli conici di sopportare, contemporaneamente, carichi radiali ed
assiali. Tanto maggiore langolo tra la pista di rotolamento esterna
e lasse di rotazione del cuscinetto, tanto maggiore il rapporto
tra la capacit di carico assiale rispetto alla radiale (Fig. 1-3). La
lunghezza della linea di contatto tra rulli e piste di rotolamento
determina la maggiore o minore capacit di carico dei cuscinetti.
Questa possibilit, unita alla capacit di sopportare carichi radiali,
Fig. 1-2 carichi assiali o qualsiasi combinazione dei due, rende i cuscinetti
Il punto comune di convergenza delle generatrici sullasse di
a rulli conici la scelta ideale per la maggior parte delle applicazioni.
rotazione del cuscinetto consente un puro rotolamento dei corpi.
volventi. Per un alesaggio ben definito, possibile selezionare cuscinetti a
sezione leggera o pesante per soddisfare le esigenze di una
particolare applicazione (Fig.1-4).

Bassa conicit Forte conicit


Grande capacit radiale Grande capacit assiale
Sezione leggera Sezione pesante
Fig. 1-3
Geometria interna adatta a qualsiasi combinazione di carichi radiali Fig. 1-4
ed assiali. Dimensioni adatte ad ogni spazio disponibile.

3
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 4

Allineamento dei rulli


Leffettivo allineamento dei rulli uno dei maggiori vantaggi offerti
dai cuscinetti a rulli conici. La forma conica del rullo non solo assicura
un rotolamento puro, con un contatto lineare esteso, ma genera
anche una spinta assiale che "assesta" il rullo contro il bordino del
cono. La spinta assiale di assestamento dovuta al diverso angolo
di inclinazione esistente tra la pista di rotolamento interna ed esterna
(vedere il diagramma vettoriale di Fig. 1-5). La spinta assiale generata
impedisce allasse di rotazione del rullo di trovarsi al di fuori del
piano passante per lasse di rotazione del cuscinetto, costringendo
i rulli ad un costante contatto con il bordino del cono. Fig. 1-6
Il profilo degli elementi rotolanti assicura, in normali
condizioni desercizio, uniforme distribuzione dei carichi.
Forza
Risultante radiale
anello esterno

Forza assiale
Forza di
assestamento
Materiale dei cuscinetti
L'affidabilit dei cuscinetti inizia con il materiale con il quale questi
Risultante sono prodotti. La scelta del materiale pu avere un impatto
anello Forza assiale
Risultante fondamentale sulla capacit del cuscinetto di soddisfare le esigenze
anello esterno
dell'applicazione. Inoltre, il processo di trattamento termico che
interno
accompagna la scelta del materiale definisce largamente la resistenza
per il suo impatto su diverse caratteristiche del cuscinetto, compreso
Forza di il profilo di durezza, la microstruttura del cuscinetto, la finitura
assestamento Forza Risultante superficiale finale delle piste e le sollecitazioni residue.
radiale anello interno
Tradizionalmente, i cuscinetti Timken sono stati prodotti con acciaio
da cementazione, a basso tenore di carbonio. L'introduzione del
carbonio durante il processo produttivo, e delle leghe nell'acciaio,
assicura la giusta combinazione tra durezza e resistenza alla fatica
nello strato superficiale e resilienza nella parte interna (Fig. 1-7).
Contatto ellittico
tra rullo e bordino
dell'anello interno

Fig. 1-5
La forza di assestamento mantiene costantemente allineati i rulli
contro il bordino dellanello interno.

La superficie dei rulli, lato sezione maggiore del rullo, rettificata


in forma sferica. Il raggio della superficie sferica leggermente
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

inferiore della distanza tra la sezione maggiore del rullo ed il punto


di congiungimento delle generatrici del rullo sullasse di rotazione
del cuscinetto. Il contatto tra rullo e bordino del cono ha, in assenza
Fig. 1-7
di carichi applicati, forma puntiforme. Sotto carico, la superficie Lo strato cementato provvede la necessaria resistenza a fatica
di contatto assume forma ellittica. La particolare geometria del mentre la parte centrale fornisce una elevata resilienza.
bordino e del rullo favorisce la formazione ed il mantenimento
della lubrificazione idrodinamica nella zona di contatto. I benefici della cementazione comprendono:
La forza assiale di assestamento del rullo contro il bordino Sollecitazioni residue di compressione nello strato superficiale
normalmente di entit ridotta e, quindi, le pressioni di contatto sono che ritardano la propagazione di cricche a fatica.
relativamente contenute. Questo vero quando presente un carico Una migliorata capacit di sopportare forti carichi ad urto come
radiale puro od un carico assiale puro. risultato della parte centrale duttile e tenace.
Una maggiore resistenza alle particelle metalliche dovuta alle
caratteristiche metallurgiche della superficie.
Geometria di contatto I cuscinetti a tutta tempra sono tipicamente prodotti con acciaio al
alto tenore di carbonio. Acciaio con questo alto contenuto di
I cuscinetti a rulli conici standard hanno un profilo dei componenti carbonio non richiede una ulteriore aggiunta di carbonio durante
interni che permette di ottenere, in condizioni di carico normale, il trattamento termico per raggiungere la durezza appropriata per
una distribuzione uniforme delle sollecitazioni sullintera generatrice le applicazioni di cuscinetti. Sebbene l'uniformit di durezza trovata
di contatto del rullo (Fig. 1-6). In presenza di carichi particolarmente nei prodotti a tutta tempra possa risultare in una rapida propagazione
elevati o di notevoli disassamenti, o di entrambe le combinazioni, delle cricche ed una inferiore durata a fatica, la probabilit di un
il profilo dei componenti interni del cuscinetto pu essere modificato cuscinetto di materiale sufficientemente pulito di sviluppare e
per ridurre le concentrazioni di sollecitazione alle estremit di propagare una cricca prematura pu risultare basso quando
contatto dei rulli. l'applicazione soggetta a carichi moderati ed assenza di urti.
4
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 5

largamente accettato che i cuscinetti cementati abbiano prestazioni Per applicazioni che richiedono durate ed affidabilit pi elevate,
superiori dei cuscinetti a tutta tempra in condizioni ambientali difficili dove la durata a fatica limitata dalle inclusioni, sono disponibili
quali carichi elevati, temperature elevate, spessore di lubrificante acciai speciali. Sono disponibili inoltre acciai speciali per applicazioni
sottile, accoppiamenti forzati spinti e carichi ad urto. I prodotti a tutta ad alte temperature. Contattate l'ingegnere di vendita od il
tempra richiedono migliori finiture superficiali delle piste per ottenere rappresentante Timken per chiarimenti relativi al materiale da definire
gli stessi benefici dalla lubrificazione in confronto ai cuscinetti cementati. per le esigenze dell'applicazione.
Tuttavia, ci sono applicazioni dove i cuscinetti a tutta tempra soddisfano
adeguatamente le richiesta di prestazioni. Timken offre i cuscinetti in
entrambi i tipi di materiale per incoraggiare la scelta pi vantaggiosa Forma e materiale della gabbia
economicamente che soddisfi contemporaneamente le esigenze
La gabbia del cuscinetto a rulli conici non deve sopportare carichi
dell'applicazione.
ma la sua funzione di mantenere i rulli equidistanti lungo la
Prestazioni e durate dei cuscinetti sono state studiate estensivamente
circonferenza delle piste di rotolamento. Perci, per la maggior
presso la Societ Timken (come pure direttamente in applicazioni
parte dei cuscinetti, le gabbie sono ottenute mediante stampaggio
esistenti) per determinare la migliore combinazione fra composizione
da acciaio dolce a basso contenuto di carbonio.
dellacciaio e trattamenti termici. Si definiscono condizioni normali
operative per i cuscinetti quando :
Le temperature massime non superano i 150C (300F). Gabbie a perni
La temperatura ambiente minima non scende sotto i 50C (65F).
Le sollecitazioni Hertziane massime di contatto non superano i La gabbia a perni (Fig. 1-8) consiste di due anelli, uno a ciascuna
4.000 MPa (580.000 PSI). estremit dei rulli. I perni della gabbia passano nei fori al centro
La normale temperatura di funzionamento continuativa non dovrebbe di ciascun rullo e sono avvitati in un anello e saldati sullaltro. I
superare i 121C (250F). cuscinetti di medie e grandi dimensioni dotati di gabbia a perni
possono avere pi rulli e perci una capacit di carico incrementata.

Gabbie in polimeri
Alcuni tipi di cuscinetti previsti per applicazioni specifiche, come i
cuscinetti UNIPAC (pag. 9) hanno gabbie in polimeri. Altri cuscinetti
speciali come i cuscinetti a rulli incrociati (pag.10) utilizzano inserti
in polimeri per distanziare i rulli invece di una gabbia in un sol
pezzo.

Gabbie fresate in materiale non ferroso


Alcuni cuscinetti assiali reggispinta sono forniti con gabbie di questo
tipo.

Gabbie speciali rinforzate e guidate


Fig. 1-8
Gabbia a perni per cuscinetti di grandi dimensioni. Per alcune specifiche applicazioni soggette a potenze elevate
combinate con alte velocit, a elevati carichi con urti, a vibrazioni
(torsionali, laterali...) e/o elevate accelerazioni e decelerazioni si
devono selezionare cuscinetti con gabbie speciali rinforzate e
guidate.
Questi tipi di gabbia specifici (L Riding) sono prodotti con materiale
a pi forte spessore, una maggiore sezione del ponte (ci possono
essere perci meno rulli in confronto con i cuscinetti standard) ed
il loro disegno permette alla gabbia di essere guidata sul diametro
del bordino piccolo del cono (Fig.1-9).
Una gamma completa di questi prodotti nella configurazione TS
sono attualmente disponibili. Per maggiori informazioni suggeriamo
di consultare un ingegnere di vendita della Societ Timken.
Quando necessario, gabbie in materiale diverso possono essere
fornite per la maggior parte dei cuscinetti.
In impieghi in cui si richiede la massima capacit di carico si
possono utilizzare cuscinetti a pieno riempimento di rulli, cio senza
gabbia. Lutilizzo di questi cuscinetti limitato ad applicazioni a
velocit di rotazione relativamente bassa.

Fig. 1-9 TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company


Cuscinetti equipaggiati di gabbia "L-riding".

5
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 6

1. Tipi di cuscinetti
1.1. Cuscinetti a singola fila di rulli
TS *
TSF *
1.2. Cuscinetti a doppia fila di rulli
TDO */ DC / CD
TDI / TDIT *
TNA / TNASW / TNASWE *
1.3. Assemblaggi con distanziale
2S *
SR *
2TS-IM
2TS-DM
2TS-TM
1.4. Cuscinetti Package
Pinion-Pac
Unipac
Truck Unipac-Plus
AP *
SP
1.5. Cuscinetti reggispinta assiali
TTC *
TTSP *
TTHD *

2. Cuscinetti con tenute


B. Tipi di cuscinetti Timken TSL *

I tipi di cuscinetti indicati con * sono descritti in dettaglio ed elencati


per simbolo in questa pubblicazione. Ulteriori informazioni su
3. Cuscinetti di precisione
applicazioni tipiche che utilizzano questi cuscinetti sono fornite 3.1. Cuscinetti a singola fila di rulli TS e TSF *
nella sezione 2 "Selezione per tipi di cuscinetto" (da pag. 29 a 3.2. Cuscinetti Hydra-Rib TSHR *
32). Molti altri tipi di cuscinetti a rulli conici sono stati sviluppati 3.3. Cuscinetti per alte velocit TSMA
dalla Societ Timken per applicazioni specifiche. Per maggiori 3.4. Cuscinetti a rulli incrociati TXR *
informazioni suggeriamo di consultare un ingegnere di vendita
della Societ Timken.
4. Altri cuscinetti a doppia fila di rulli
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

TDIE / TDIA
TNASWH / TNASWHF

5. Cuscinetti a quattro file di rulli


TQO / TQOW
TQITS / TQITSE
Cuscinetti con tenute per colli cilindro

6. Cuscinetti reggispinta assiali Heavy duty


TTHDSV / TTHDSX / TTHDFL

7. Altri tipi di cuscinetti a rulli conici

* Cuscinetti elencati nelle tavole Dati dei Cuscinetti.

TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company

6
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 7

1. Tipi di cuscinetti pi comuni TDI - Doppio cono *


TDIT - Doppi cono con alesaggio conico *
1.1. Cuscinetti a singola fila di rulli I due tipi di cuscinetti sono
composti da un cono
TS - Singola fila di rulli * doppio, in un sol pezzo,
da due coppe singole
il cuscinetto a rulli conici di base ed il e, generalmente, sono
pi utilizzato. Esso composto da forniti preregistrati
due parti principali separabili completi di distanziale
:lassemblaggio cono e la coppa. fra le coppe. I cuscinetti
Normalmente utilizzato in TDI e TDIT sono
coppia con un altro cuscinetto a utilizzati nella posizione
rulli conici a singola fila di rulli fissa di applicazioni ad
(vedere "Scelta del tipo di albero rotante. Il
montaggio", Fig. 3-9 a pag. 52). cuscinetto TDI , inoltre,
Durante la fase di montaggio i utilizzato nella posizione
cuscinetti a singola fila di rulli flottante di applicazioni ad TDI
possono essere registrati con il albero stazionario ed anche nelle
valore di gioco o precarico richiesto applicazioni ad albero rotante che
dallapplicazione (vedere pag. 101). richiedono accoppiamenti
TS
liberi dei coni per i
frequenti smontaggi. I
cuscinetti TDIT hanno
TSF - Singola fila di rulli con coppa lalesaggio conico
flangiata* per facilitare lo
smontaggio quando si
Variante del cuscinetto a singola richiede sia montaggi
fila di rulli; il tipo TSF ha una con interferenza dei
coppa flangiato che ne facilita il coni sia frequenti
posizionamento assiale ed un smontaggi.
accurato allineamento delle sedi
per alloggiamenti con alesaggio
passante.
TDIT

TNA - Preregistrato senza


1.2. Cuscinetti a doppia TSF distanziale interno *
fila di rulli
TNASW - Preregistrato senza distanziale interno con scanalature per la
TDO - Doppia coppa* lubrificazione *
un cuscinetto formato da una coppa doppia, in un sol pezzo, da TNASWE - Preregistrato senza distanziale interno con scanalature per la
due coni singoli e, generalmente, viene fornito preregistrato completo lubrificazione e cono esteso lato bordino *
di distanziale fra i coni. Questa configurazione da la maggior
distanza possibile tra i centri effettivi di spinta rendendo il cuscinetto Questi tre tipi di cuscinetti sono simili al tipo TDO e sono quindi
TDO indicato per applicazioni in cui le coppie di ribaltamento costituiti da una doppia coppa, in un sol pezzo, e da due coni,
rappresentano una componente con una estensione dal lato sezione minore, in contatto fra loro
significativa delle forze applicate. eliminando quindi la necessit di
Il cuscinetto TDO impiegato utilizzare un distanziale
nella posizione fissa o flottante separato. I tre tipi di cuscinetti
per compensare le dilatazioni sono forniti con un gioco di
dell'albero. funzionamento standard adatto
Coppe TDODC o TDOCD sono a svariati tipi di applicazioni,
pure disponibili per la maggior fisse o flottanti, dove si richiede
parte delle dimensioni. Queste un montaggio facile e rapido.
coppe hanno dei fori nel
diametro esterno per permettere
l'uso di perni di arresto per
prevenire la rotazione della
coppa nell'alloggiamento.
TDO
TNA

7
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 8

SR - Assemblaggi Set-Right *
Gli assemblaggi SR sono forniti con un campo di registrazione
standard, idoneo a diverse applicazioni industriali, ottenuto con il
Set-Right TM , uno dei metodi di registrazione automatica sviluppato
dalla Societ Timken. Questi
assemblaggi hanno due distanziali
ed un anello elastico, fornito a
richiesta, per il posizionamento
assiale.
TNASW TNASWE
Poich entrambi i tipi di
assemblaggi sono prodotti con SR
I cuscinetti TNASW e TNASWE sono varianti del tipo TNA che cuscinetti a singola fila di rulli
incorporano scanalature ed intagli, lato sezione minore dei due di grande produzione, essi
coni, per consentire larrivo del lubrificante attraverso lalbero. Il rappresentano la scelta pi
cuscinetto TNASWE ha, inoltre, unestensione rettificata degli anelli economica per molte applicazioni.
interni, lato sezione maggiore, che permette limpiego di tenute o
di protezioni, tipiche di applicazioni ad albero fisso. Ci sono tre tipi fondamentali di assemblaggi con distanziali :

1.3. Assemblaggi con distanziale


Tipo 2TS-IM (montaggio indiretto)
Praticamente ogni coppia di cuscinetti a singola fila di rulli (tipo
TS) pu essere fornita come un assemblaggio a due file di rulli, Questo comprende due cuscinetti
preregistrato e pronto per il montaggio semplicemente con laggiunta a singola fila di rulli con distanziali
di distanziali, prodotti con dimensioni e tolleranze prestabilite. tra i coni e le coppe. In alcune
Questo principio , in effetti, adottato nelle due gamme standard applicazioni il distanziale delle
di assemblaggi con distanziali elencati nella sezione centrale di coppe sostituito da uno
questo manuale : i tipi "2S" e "SR". spallamento ottenuto direttamente
Tale concetto pu, comunque, essere applicato per produrre nell'alloggiamento.
assemblaggi a due file di rulli personalizzati per soddisfare specifiche
applicazioni. Oltre a fornire cuscinetti che costituiscono gi un
2TS-IM
assemblaggio preregistrato, senza la necessit di una registrazione
manuale, possibile modificare la larghezza dellassemblaggio,
se richiesta dallapplicazione, semplicemente variando la larghezza Tipo 2TS-DM (montaggio diretto)
dei distanziali.
Questo comprende due cuscinetti a
singola fila di rulli con i due coni
montati faccia a faccia ed un
distanziale coppe.
2S - Assemblaggi formati da due cuscinetti a singola fila di rulli * Questi assemblaggi sono
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

Spesso definiti come "assemblaggi con anello elastico", il tipo 2S generalmente utilizzati nella
consiste di due cuscinetti a singola fila di rulli (tipo TS). Sono forniti posizione fissa di applicazioni ad
completi di distanziali per i coni e le coppe per offrire, a montaggio albero rotante.
avvenuto, un campo di registrazione prestabilito. Gli assemblaggi
2S possono essere forniti
con diversi campi di 2TS-DM
registrazione per poter Tipo 2TS-TM (montaggio in tandem)
essere utilizzati in
molteplici applicazioni. Quando richiesta una capacit di carico combinata radiale ed
Il distanziale fra le coppe assiale, ma la componente assiale particolarmente elevata e
di tipo elastico e quindi supera la capacit del singolo
permette lutilizzo dei cuscinetto (entro un massimo
cuscinetti 2S anche in stabilito), si possono montare due
applicazioni con le sedi cuscinetti a singola fila di rulli in
degli anelli esterni alesate
tandem. In questo caso sono forniti
in linea.
distanziali di dimensioni appropriate
2S
per i coni e le coppe. Per
applicazioni che richiedono questo
particolare tipo di assemblaggio si
suggerisce di consultare un
ingegnere di vendita della Societ
Timken per la migliore soluzione.
2TS-TM

TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company


8
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 9

1.4. Cuscinetti Package Cuscinetti AP*


Pinion-Pac
Il cuscinetto Pinion Pac ununit "AP"
preregistrata, con tenute e
pronto al montaggio costituito I cuscinetti "AP"
da due cuscinetti a singola fila sono assemblaggi
di rulli conici montati in un contenuti in una cartuccia e
supporto idoneo. Il disegno prodotti in una vasta gamma di
specifico per cliente e per dimensioni. Sono formati da due anelli interni singoli, un doppio
applicazione, il pignone anello esterno, un anello di spallamento, due tenute e una piastra
conico di assali per veicoli di bloccaggio con relative viti di fissaggio. I cuscinetti "AP" sono
industriali pesanti. Linsieme forniti preregistrati, prelubrificati e con tenute incorporate.
offre ai costruttori di assali
un aumento considerevole in
affidabilit, semplicit di Cuscinetti SP
montaggio e di gestione dei Concettualmente
PINION PAC fornitori. simili ai cuscinetti
"AP", i cuscinetti
"SP" sono disegnati
Unipac appositamente per gli
assili dei carrelli nelle
Il cuscinetto Unipac un cuscinetto
applicazioni ferroviarie
a doppia fila di rulli conici, forniti
ad alta velocit. I tipi "SP", "SP"
preregistrati, prelubrificati e con
a differenza dei tipi "AP", hanno tenute a labirinto, dimensioni pi
tenute incorporate. Inizialmente
compatte e sono prodotti con dimensioni metriche.
studiati per essere utilizzati nelle
ruote di autoveicoli, quindi con
alti volumi di produzione, i 1.5. Cuscinetti reggispinta assiali
cuscinetti Unipac hanno ora un
largo impiego in mozzi ruota di
veicoli pesanti come pure altri
TTC - Pieno riempimento *
settori dellindustria. TTSP - Per perni di sterzo *
UNIPAC
I cuscinetti Unipac offrono un TTHD - Heavy Duty *
aumento considerevole in affidabilit,
semplicit di montaggio e di gestione.

UNIPAC-PLUS
TTC
Gli Unipac-Plus sono cuscinetti a doppia fila di rulli con anello
esterno flangiato, forniti preregistrati, con tenute e lubrificati a vita.
Si tratta di un assemblaggio per ruote di veicoli pesanti esente da
manutenzione. Questa soluzione, eliminando il tradizionale mozzo
ruota, permette una riduzione di peso del gruppo ruota migliorando
laffidabilit e semplificando la logistica di fornitura ed assemblaggio. TTSP
Un ulteriore vantaggio per assali equipaggiati di freni a disco il
montaggio semplificato dello
stesso freno.
Due sono i tipi base di
cuscinetti reggispinta assiali
Timken progettati per
applicazioni specifiche con
carichi esclusivamente assiali :
il tipo per applicazioni semi
statiche od oscillanti (TTC a TTHD
pieno riempimento di rulli e TTSP
con gabbia) ed il tipo "Heavy Duty" che pu funzionare a velocit di
rotazione relativamente elevate (TTHD).

TRUCK UNIPAC--PLUS TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company

9
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 10

2. Cuscinetti con tenute 3.4. Cuscinetti a rulli incrociati TXR *


I cuscinetti a rulli incrociati sono in effetti cuscinetti doppi le cui
piste di rotolamento, e le rispettive file di rulli, sono cos vicine che
TSL * i rulli posti alternativamente a 90 gradi uno rispetto allaltro, formano
Il cuscinetto tipo TSL incorpora un apparentemente ununica fila, con unaltezza totale quasi pari a
anello di tenuta DUO FACE PLUS quella di un cuscinetto TS. Inoltre, la geometria interna del cuscinetto,
che lo rende ideale per applicazioni a forte conicit, determina una distanza dei centri di spinta effettivi
con moderate velocit di rotazione molte volte superiore allaltezza del cuscinetto stesso. Questo tipo
lubrificate a grasso. di cuscinetto offre una elevata resistenza alle coppie di ribaltamento
Il tipo TXRDO la forma di cuscinetto pi utilizzato, con coppa
doppia e due coni e con separatori in materiale polimerico per
TSL

3. Cuscinetti di precisione distanziare i rulli. I cuscinetti a rulli incrociati sono prodotti solo in
classe di precisione.

3.1. Cuscinetti a singola fila di rulli TS e TSF *


Questi tipi di cuscinetti sono simili nel disegno ai tipi descritti al
punto 1.1. Essi sono solo prodotti in qualit di alta precisione per
essere utilizzati, per esempio, nei mandrini delle macchine utensili,
cilindri delle macchine da stampa ed altre applicazioni dove
richiesta precisione di rotazione
TXRDO
3.2. Cuscinetti Hydra-Rib
HR con dispositivo di
registrazione del precarico*
In molte applicazioni, e particolarmente
4. Altri cuscinetti a doppia fila di rulli
nellindustria delle macchine utensili, i Tipo TDIE - Cono doppio esteso
cuscinetti devono poter raggiungere alte
velocit con una precarico controllato. Tipo TDIA
Nei cuscinetti Hydra-Rib il bordino di Questi due tipi di cuscinetti, a doppia fila di rulli, sono stati progettati
spallamento dei rulli pu scorrere per applicazioni in cui si richiede che il cono montato libero sullalbero,
assialmente, nella sede ricavata possa essere arrestato in rotazione e
nellanello esterno, mediante sistema contemporaneamente fornisca una
idraulico o pneumatico. Lo spostamento ottima superficie per una efficace
assiale permette di mantenere costante tenuta del lubrificante.
il precarico al variare delle dilatazioni Applicazioni tipiche sono
differenziali o dei carichi nel sistema. rappresentate da erpici
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

a dischi ed alberi di
TSHR macchine agricole,
supporti, ecc.

3.3. Cuscinetti per alte velocit Il cuscinetto tipo TDIE TDIE


disponibile in due versioni:
TSMA - A singola fila di rulli con collettore assiale con alesaggio cilindrico e
del lubrificante cono doppio esteso con
fori, ad entrambe le
Alcune applicazioni richiedono velocit di estremit, per il passaggio
rotazione estremamente elevate per cui si delle viti dei collari di
deve provvedere a metodi speciali di bloccaggio oppure con
lubrificazione. alesaggio quadrato e
Il tipo TSMA un cuscinetto a singola fila quindi autobloccante per
di rulli con un collettore speciale per costruzione, ideale per
assicurare una adeguata lubrificazione alle impieghi nel campo delle
alte velocit nella zona critica di contatto macchine agricole.
bordino-rulli. Questo collettore, montato sul
cono lato sezione maggiore, forza lolio nei
fori assiali presenti nellanello stesso
TDIE (Foro quadro)
lubrificando la zona di contatto bordino rulli.
Si consiglia di consultare la Societ Timken per TSMA
altre configurazioni di cuscinetti ad alta velocit che
richiedono sistemi speciali di lubrificazione. TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company

10
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 11

Il cuscinetto TDIA simile


al cuscinetto TDIE ad 5. Cuscinetti a quattro file di rulli
alesaggio cilindrico. La In pratica, i cuscinetti a quattro file di rulli combinano le variabili
sola differenza data di alta capacit radiale ed assiale e montaggio diretto od indiretto,
dal cono doppio con caratteristiche intrinseche dei cuscinetti a rulli conici, in un unico
estensione per un cuscinetto avente la massima capacit di carico nel minor ingombro
collare di bloccaggio possibile. I cuscinetti a quattro file di rulli sono normalmente impiegati
da un solo lato. Il sui colli dei cilindri di laminazione.
ridotto ingombro del Tutti i cuscinetti a quattro file di rulli sono forniti come assemblaggi
cuscinetto TDIA lo rende preregistrati con componenti accoppiati e numerati per assicurare
particolarmente indicato TDIA la corretta sequenza di montaggio durante linstallazione.
per limpiego in supporti od
applicazioni simili. In tutti i tipi lestensione del cono, cementata,
temprata e rettificata, fornisce unottima superficie per un efficace
sistema di tenute. Tipo TQO
Tipo TQOW

Tipo TNASWH - "Heavy duty" preregistrati, senza distanziale interno,


coppa doppia
Tipo TNASWHF - "Heavy duty", preregistrati, senza distanziale interno, con
coppa doppia flangiata

Sono cuscinetti a doppia fila di


rulli con coppa in un sol
pezzo simili ai cuscinetti tipo
TNASWE elencati nella
sezione principale di questo
manuale.
Lanello esterno doppio , TQO
contrariamente ai cuscinetti
TNASWE, a forte spessore e,
quindi, permette limpiego
diretto dello stesso in
applicazioni quali lunette di
supporto, rulli di spianatrici o,
se flangiati (tipo TNASWHF),
come ruota direttamente utilizzabile
su rotaia. TNASWH
La coppa doppia a forte spessore
consente lutilizzo di tenute in
lamierino stampato, per alcune
dimensioni anche tenute a
strisciamento, direttamente
inserite negli appositi TQOW
alloggiamenti previsti a
ciascuna estremit della
stessa. Il cuscinetto pu Due paia di cuscinetti, con montaggio diretto, formati da due coni
essere fornito completo di doppi, due coppe singole ed una doppia, un distanziale per i due
tenute (SENZA GRASSO coni e due distanziali per le coppe. Entrambi i tipi di cuscinetti sono
PER LA LUBRIFICAZIONE) utilizzabili sui colli dei cilindri dei laminatoi a bassa e media velocit
formando, in questo caso, di laminazione essendo i coni montati liberi sui colli dei cilindri.
un assemblaggio completo Con anelli di spallamento, lato tavola e lato opposto, non provvisti
pronto per il montaggio. di scanalature per il passaggio di lubrificante si impiegano i cuscinetti
del tipo TQOW con scanalature ricavate direttamente alle due
estremit dei coni doppi. Il distanziale tra i due coni indurito
TNASWHF superficialmente per ridurre lusura delle facce

11
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 12

Cuscinetti con Tenute per 6. Cuscinetti reggispinta assiali Heavy Duty


Colli Cilindro
Il cuscinetto con tenute Tipo TTHDSV
per colli cilindro
simile al tipo TQO. Tipo TTHDSX
Un sistema di tenute
disegnato
Tipo TTHDFL
espressamente Entrambi i cuscinetti sono
incorporato nel versioni speciali dei
cuscinetto per ENDURE cuscinetti tipo TTHD.
ambienti particolarmente Sviluppati
contaminanti. La speciale principalmente per
configurazione della tenuta integrata Cuscinetti con applicazioni
nel cuscinetto per eliminare la contaminazione Tenute per Colli semistatiche
Cilindro
dal cuscinetto ed aumentarne la durata. (oscillanti) quali le viti
di pressione dei
laminatoi, dove
Tipo TQITS richiesto un tempo di
risposta rapido. La pista di
Tipo TQITSE rotolamento superiore presenta TTHDSV
una sezione a forte spessore
Sono cuscinetti a concava, tipo TTHDSV,
quattro file di rulli con oppure convessa,
alesaggio conico; tipo TTHDSX, che
lalesaggio conico , pu accoppiarsi
ai fini del montaggio, direttamente
continuo anche se allestremit
ottenuto con elementi della vite di
separati. Lalesaggio pressione. Per
conico permette un ottenere la
montaggio con interferenza maggiore capacit
dei coni sul collo dei cilindri TQITS di carico possibile,
dei laminatoi ad alta velocit dove, causa il montaggio libero, causa il gravoso impiego a
i cuscinetti tipo TQO potrebbero causare una eccessiva usura cui sono sottoposti, questi tipi di TTHDSX
del collo dei cilindri. cuscinetti sono a completo
Questi tipi di cuscinetti sono ottenuti con due paia di cuscinetti riempimento di rulli.
disposti indirettamente e sono formati da un cono doppio e due
coni singoli, quattro coppe singole e tre distanziali per le coppe. Il cuscinetto tipo
Le facce interne dei coni sono estese ed a contatto tra di loro TTHDFL simile al
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

eliminando cos la necessit di utilizzare distanziali anche per i cuscinetto di base


coni. La disposizione indiretta delle file di rulli aumenta la distanza TTHD, ma con una
effettiva tra i centri di spinta fornendo una migliore stabilit ed una delle sue piste
maggiore rigidit al cilindro di laminazione. piana.
Il cuscinetto tipo TQITSE uguale al tipo TQITS con la sola eccezione
del cono, lato tavola, che presenta una estensione che, oltre a
fornire una superficie rettificata, indurita e concentrica per limpiego
di tenute a strisciamento, permette di eliminare lanello di spallamento
tra tavola del cilindro e cuscinetto. Leliminazione dellanello di
spallamento consente di avvicinare il cuscinetto alla tavola del TTHDFL
cilindro, con conseguente aumento della rigidit del cilindro stesso,
e di diminuire il costo
dei cilindri riducendo
la lunghezza del
collo.
7. Altri tipi di cuscinetti a rulli conici
Una delle pi importanti caratteristiche del cuscinetto a rulli conici
la sua adattabilit a quasi qualsiasi applicazione.
Questa intrinseca adattabilit ha portato, nel corso degli anni, ad
uno sviluppo di moltissime varianti per soddisfare le esigenze di
specifici campi di applicazione.

TQITSE

12
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 13

In questo manuale, informazioni dettagliate sono necessariamente


limitate a quella gamma di cuscinetti a rulli conici pi comunemente 2. Serie dei cuscinetti
usata nellindustria. Non stato possibile coprire completamente In tutti i sistemi di numerazione il termine "serie del cuscinetto"
le variet degli altri tipi di cuscinetti che la Societ Timken considera usato per descrivere cuscinetti che hanno la stessa geometria interna
come "speciali" e che sono stati sviluppati per settori di applicazione (stessi rulli ed angolo di contatto). Qualsiasi cono pu essere
particolari o specializzati. accoppiato con qualsiasi coppa appartenente alla stessa serie.
Alcuni di questi altri tipi di cuscinetti sono segnalati in questa sezione
e nella maggior parte dei casi disponibile, su richiesta, una
esauriente documentazione tecnica. 3. Sistemi di numerazione dei cuscinetti in pollici
3.1. Numerazione originale dei cuscinetti in pollici

C. Come riconoscere il vostro cuscinetto Il sistema originale sviluppato dalla Societ Timken era basato su
una famiglia di cuscinetti sviluppata attorno ad un rullo comune.
Variando il numero di rulli e langolo delle piste si potevano ottenere
I sistemi di numerazione dei cuscinetti a singola fila di rulli conici cuscinetti diversi idonei per sopportare principalmente carichi radiali
(tipo TS) sono riconosciuti internazionalmente. Diversi sistemi di (bassa conicit) o carichi assiali (forte conicit).
numerazione sono stati sviluppati e classificati in funzione Per esempio tutti i cuscinetti a rulli conici della famiglia "500" usano
dellappartenenza al sistema "metrico" o "pollici". Allinterno di lo stesso rullo. Tuttavia, la serie 595 ha forte conicit e 24 rulli
entrambi i sistemi metrico e pollici, si sono evoluti diversi sistemi di mentre la serie 525 a bassa conicit con 15 rulli.
assegnazione dei simboli. Ai cuscinetti del sistema pollici viene Ogni cono e coppa identificato da un riferimenti o simbolo
normalmente assegnato un riferimento o simbolo individuale per il individuale. Pur con qualche eccezione, la regola generale che
cono e per la coppa, mentre per i cuscinetti ISO viene assegnato la coppa ha un simbolo con una numerazione pi bassa della serie
un unico riferimento per il cuscinetto completo (cono e coppa). mentre il cono ha un simbolo con una numerazione pi alta. Per
esempio :

Serie 575
Anello esterno 572
POLLICI METRICO
Anello interno 576

SCHEMA ISO 355

METRICO
ORIGINALE AFBMA J-LINE NUOVO METRICO
ORIGINALE

<Simboli individuali per cono e coppa><Il simbolo identifica il cono e la coppa>

1. Simboli
T
C
r4 r5
r5
r3

d = diametro interno del cuscinetto


D = diametro esterno del cuscinetto
T = larghezza del cuscinetto
B = larghezza del cono
r5 C = larghezza della coppa
r2
r5

r1

E = diametro interno minore della coppa


B = angolo di contatto del cuscinetto
r1 = altezza smusso lato maggiore cono
D

d
E

r2 = larghezza smusso lato maggiore cono


r3 = altezza smusso lato maggiore coppa
r4 = larghezza smusso lato maggiore coppa
r5 = altezza e larghezza smusso lato minore cono e coppa


13
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 14

3.2. Numerazione AFBMA dei cuscinetti in pollici Sezione 3 - Indicazione della serie
La 2a, 3a e 4a cifra che seguono le lettere di prefisso sono riservate
Un nuovo sistema di numerazione dei cuscinetti in pollici stato per lindicazione della serie.
sviluppato dallAssociazione Costruttori Cuscinetti a Rotolamento Lassegnazione dellindicazione della serie in relazione al diametro
(Anti-Friction Bearing Manufacturers Association - AFBMA) per interno massimo teorico del cuscinetto sar fatta secondo la seguente
soddisfare la crescente richiesta di simboli per nuove applicazioni tabella :
e nuovi cuscinetti a rulli conici.
Diametro Indicazione Diametro Indicazione
Questo sistema di numerazione divenuto lo standard internazionale interno della serie interno della serie
per cuscinetti con dimensioni in pollici. massimo massimo
Il sistema di numerazione AFBMA si applica solo alle nuove serie Pollici Pollici
di cuscinetti. Continueranno ad essere utilizzati sia la numerazione 0-1 00 a 19 inc. 15 - 16 640 a 659 inc.
esistente in rispetto del sistema originale, sia nuovi simboli aggiunti 1-2 20 a 99 inc. 16 - 17 660 a 679 inc.
alle serie esistenti e simboli brevettati per cuscinetti speciali. 000 a 029 inc. 17 - 18 680 a 694 inc.
2-3 030 a 129 inc. 18 - 19 695 a 709 inc.
3-4 130 a 189 inc. 19 - 20 710 a 724 inc.
4-5 190 a 239 inc. 20 - 21 725 a 739 inc.
Sezione 1 - Lettere di prefisso 5-6 240 a 289 inc. 21 - 22 740 a 754 inc.
I prefissi sono costituiti da una o due lettere e definiscono la classe 6-7 290 a 339 inc. 22 - 23 755 a 769 inc.
di servizio per cui il cuscinetto previsto. 7-8 340 a 389 inc. 23 - 24 770 a 784 inc.
EL Extra Leggero HM Medio Pesante 8-9 390 a 429 inc. 24 - 25 785 a 799 inc.
LL Pi Leggero del Leggero H Pesante 9 - 10 430 a 469 inc. 25 - 30 800 a 829 inc.
10 - 11 470 a 509 inc. 30 - 35 830 a 859 inc.
L Leggero HH Pi Pesante del Pesante
11 - 12 510 a 549 inc. 35 - 40 860 a 879 inc.
LM Medio Leggero EH Extra Pesante 12 - 13 550 a 579 inc. 40 - 50 880 a 889 inc.
M Medio T Solo Reggispinta Assiale 13 - 14 580 a 609 inc. 50 - 72,5 890 a 899 inc.
14 - 15 610 a 639 inc. 72,5 e oltre 900 a 999 inc.

HM 5 226 49 ---
Sezione 4 - Designazione del
componente
La 5a e 6a cifra o le ultime due
cifre che seguono le lettere di
prefisso indicano il simbolo del
componente del cuscinetto.
I simboli delle coppe sono indicati
Sezione 5 con cifre da 10 a 19 compreso;
Variazioni alla prima coppa prodotta con la
sezione minima viene assegnato il
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

Sezione 4
numero 10 in ogni serie. Se
Sezione 3 Designazione
Sezione 1 Sezione 2 allinterno della serie compaiono
Indicativo del
Servizio Angolarit pi di 10 anelli esterni, si possono
della serie componente
utilizzare, dove disponibili, numeri
dal 20 al 29.
I simboli dei coni sono indicati con
cifre dal 30 al 49 compreso; al
Sezione 2 - Designazione di angolarit
primo cono prodotto con la sezione minima viene assegnato il
La prima cifra che segue il prefisso rappresenta il codice dellangolo
numero 49 in ogni serie.
definito dallangolo di contatto della pista della coppa.
Angolo di contatto della coppa Codice
0 a 23 59 59,99 1
24 a 25 29 59,99 2
Sezione 5 - Suffisso
25 30 a 26 59 59,99 3
Questo costituito da una sino a tre lettere in combinazione
27 a 28 29 59,99 4
predefinita, indicanti modifiche nella forma esterna o nella
28 30 a 30 29 59,99 5 configurazione interna.
30 30 a 32 29 59,99 6
32 30 a 35 59 59,99 7
36 a 44 59 59,99 8
45 Oltre, ma non solo reggispinta 9
90 Solo cuscinetti reggispinta 0

14
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 15

3.3. Prefissi e Suffissi


Alcuni simboli usati dalla Societ Timken sono prefissi e suffissi che fanno parte della numerazione standard della AFBMA:
PREFISSO SUFFISSO CONO O COPPA SPIEGAZIONE
A Cono & Coppa Simbolo base nella serie
A Cono Raggio diverso dal simbolo base
A Cono Alesaggio diverso dal simbolo base
A Cono Numero di rulli diverso
A Coppa Diametro esterno diverso dal simbolo base
A Coppa Raggio diverso dal simbolo base
A Coppa Larghezza diversa dal simbolo base
AA Cono & Coppa Alesaggio, diametro esterno, larghezza o raggio diversi dal simbolo base
AB Cono Alesaggio, larghezza o raggio diversi dal simbolo base, assemblato con gabbia in ottone
AB Coppa Coppa flangiata. (Non intercambiabile con il simbolo base)
AC Cono Alesaggio o raggio diversi, geometria interna diversa
AC Coppa Diametro esterno, larghezza o raggio diversi dal simbolo base
AD Coppa Coppa doppia. (Non intercambiabile con il simbolo base)
ADW Cono Cono doppio. Centraggi, e scanalature da entrambi i lati, fori nel bordino principale
AH Cono Assemblato con gabbia, rulli, e/o geometria interna speciale
AL Cono Assemblato con tenuta Duo-Face
ARB Coppa Coppa singola con gola per anello elastico
AS Cono & Coppa Alesaggio, diametro esterno, larghezza o raggio diversi dal simbolo base
ASB Cono Cono singolo, alesaggio o larghezza diversa dal simbolo base, assemblato con gabbia in ottone
AV Cono & Coppa Prodotto in acciaio speciale
AW Cono & Coppa Cono o coppa con scanalatura o sede per chiavetta
AX Cono & Coppa Alesaggio, diametro esterno, larghezza o raggio diversi dal simbolo base
AXB Cono Alesaggio, larghezza o raggio diversi dal simbolo base, assemblato con gabbia in ottone
AXD Coppa Coppa ISO - coppa doppia senza gola e fori per lubrificazione
AXV Cono & Coppa Diametro esterno, larghezza o raggio diversi dal simbolo base. Prodotto in acciaio speciale
AXX Cono & Coppa Diametro esterno, larghezza o raggio diversi dal simbolo base. Prodotto in acciaio speciale
B Coppa Coppa flangiata. (Non intercambiabile con il simbolo base)
B Cono Cono con gabbia in ottone
B Cono & Coppa Cuscinetto ISO con le stesse dimensioni esterne del simbolo base, ma con geometria interna
diversa, angolo coppa a forte conicit
BA Coppa Coppa flangiata. (Non intercambiabile con il simbolo base)
BNA Cono Cono ISO usato in assemblaggi con 2 coni accoppiati con coppa doppia per formare un
cuscinetto a due file non registrabile (Non intercambiabile con altri coni con lo stesso simbolo
base, pu variare nelle dimensioni dell'alesaggio o larghezza)
BR Coppa Coppa singola con gola per anello elastico
BS Coppa Coppa flangiata. (Non intercambiabile con il simbolo base)
BW Coppa Coppa flangiata con scanalatura. (Non intercambiabile con il simbolo base)
BX Coppa Coppa flangiata. (Non intercambiabile con il simbolo base)
BXX Coppa Coppa singola flangiata. Prodotta in acciaio speciale
C Cono Cono singolo, stesse dimensioni di ingombro del simbolo base, geometria interna diversa
C Coppa Dimensionalmente diversa dal simbolo base. (Non intercambiabile)
CA Cono Cono singolo, stesse dimensioni di ingombro del simbolo base, geometria interna diversa
CB Cono Cono singolo, dimensionalmente diverso dal simbolo base
CD Coppa Coppa doppia con gola e fori per lubrificazione. Un foro per perno d'arresto
CE Coppa Dimensionalmente diversa dal simbolo base. (Non intercambiabile)
CN Coppa Coppa rivestita di neoprene
CP Cono & Coppa Cromatura rapida. Altrimenti intercambiabile con il simbolo base
CP Cono & Coppa Stesse dimensioni di ingombro del simbolo base, geometria interna diversa, personalizzato per
prestazioni
CR Cono & Coppa Serie cuscinetto con coppa con bordino
CS Cono & Coppa Dimensionalmente diverso dal simbolo base (Non intercambiabile)
CX Cono Dimensionalmente diverso dal simbolo base (Non intercambiabile)
D Cono & Coppa Cono doppio e coppa doppia (Non intercambiabile con il simbolo base)
DA Cono Cono doppio (Non intercambiabile con coni avente il simbolo base)
DA Coppa Coppa doppia con diametro esterno sferico (Non intercambiabile con il simbolo base o con altre
coppe doppie avente lo stesso simbolo base)
DB Coppa Coppa doppia flangiata (Non intercambiabile con il simbolo base o con altre coppe doppie
avente lo stesso simbolo base)

15
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 16

PREFISSO SUFFISSO CONO O COPPA SPIEGAZIONE


DB Cono Cono doppio assemblato con gabbia in ottone
DC Coppa Coppa doppia con foro per perno di bloccaggio
DD Cono & Coppa Cono o coppa doppia speciale lunga. (Non intercambiabile con il simbolo base o con
altre parti doppie aventi lo stesso simbolo base)
DE Cono & Coppa Cono doppio o coppa doppia aventi dimensioni differenti o altre caratteristiche dal
componente singolo o doppio identificato con lo stesso simbolo base
DF Coppa Coppa doppia con gola e fori per la lubrificazione. Gola per anello elastico sul diametro
esterno
DG Cono Cono doppio con gola di rimozione a pressione o gole a spirale nell'alesaggio
DGA Cono Cono doppio con gola di rimozione a pressione o gole a spirale nell'alesaggio (Non
intercambiabile con il simbolo base)
DGE Cono Cono doppio con gola di rimozione a pressione o gole a spirale nell'alesaggio (Non
intercambiabile con il simbolo base)
DGH Cono Cono doppio con gola di rimozione a pressione o gole a spirale nell'alesaggio e con
gabbia, rulli e/o geometria interna speciale
DGW Cono Cono doppio con gola di rimozione a pressione o gole a spirale nell'alesaggio e
scanalature sulle facce
DH Cono Cono doppio con gabbia, rulli e/o geometria interna speciale
DP Cono Cono doppio con gola di rimozione
DR Coppa Coppa doppia per serie coppe con bordino (Non intercambiabile con coppe singole o
doppie identificate con lo stesso simbolo base)
DRB Coppa Coppa doppia con gola per anello elastico
DS Coppa Coppa doppia con diametro esterno bombato. (Non intercambiabile con altre coppe
aventi lo stesso simbolo base)
DT Coppa Coppa doppia con diametro esterno conico (Non intercambiabile con altre coppe avente
lo stesso simbolo base)
DV Cono & Coppa Cono doppio o coppa doppia prodotte con acciaio speciale
DVH Cono Cono doppio, acciaio e/o geometria interna speciale
DW Cono & Coppa Cono doppio o coppa doppia con scanalatura o sede per chiavetta (Non intercambiabile
con coni o coppe identificate con lo stesso simbolo base)
DWA Cono Cono doppio con estensione da un lato e scanalature di lubrificazione sull'estensione.
(Asimmetrico)
DWH Cono Cono doppio con scanalature di lubrificazione, assemblato con gabbia, rulli e/o
geometria interna speciale
DWV Cono & Coppa :Cono doppio o coppa doppia con scanalatura o sede per chiavetta (Non intercambiabile
con coni o coppe identificate con lo stesso simbolo base) Prodotto in acciaio speciale
DX Coppa Adattatore per diametro esterno della coppa sferico o piano
DX Coppa Doppia coppa con diametro esterno filettato (Non intercambiabile con coppe identificate
con lo stesso simbolo base)
DXX Cono & Coppa Cono doppio o coppa doppia prodotti in acciaio speciale
E Cono & Coppa Coni o coppe aventi caratteristiche speciali che differiscono e non intercambiabili con altri
coni o coppe identificati dallo stesso simbolo base
ED Coppa Coppe doppie (Non intercambiabile con altre coppe identificate con lo stesso simbolo
base)
EDC Coppa Coppe doppie, foro speciale nel diametro esterno per perno di bloccaggio
EE Cono Rulli guidati sul bordino grande e piccolo (Non intercambiabile con altri coni aventi lo
stesso simbolo base)
EH Cono & Coppa Serie extra pesante
EL Cono & Coppa Serie extra leggera
EX Cono & Coppa Sperimentale
EXX Cono & Coppa Coni o coppe aventi caratteristiche speciali che differiscono e non intercambiabili con altri
coni o coppe identificati dallo stesso simbolo base. Prodotti in acciaio speciale
F Cono Assemblato con gabbia in polimeri
FL Cono & Coppa Serie free lateral, nessun bordino grande o piccolo
FX Cono & Coppa Solo numero di identificazione dello stabilimento
G Cono Gola di fermo nell'alesaggio
H Cono & Coppa Serie pesante (Non intercambiabile con altri coni o coppe identificate con lo stesso
simbolo base)
H Cono Assemblato con gabbia, rulli e/o geometria interna speciale
HV Cono Assemblato con gabbia, rulli e/o geometria interna speciale. Prodotto in acciaio speciale
HH Cono & Coppa Serie pi pesante del pesante (Non intercambiabile con altri coni o coppe identificate con
lo stesso simbolo base)
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 17

PREFISSO SUFFISSO CONO O COPPA SPIEGAZIONE


HM Cono & Coppa Serie medio pesante (Non intercambiabile con altri coni o coppe identificate con lo stesso
simbolo base)
HP Cono Cono assemblato con gabbia, rulli e/o geometria interna differente. Personalizzato per
prestazioni
HR Coppa Coppa speciale usata nel cuscinetto Hydra-Rib
J Cono & Coppa Usata da sola o con altre lettere di prefisso per indicare alesaggio e/o diametro esterno
metrico
JC Cono & Coppa Serie Metrica
JD Cono & Coppa Serie Metrica
JE Cono & Coppa Serie Metrica
JF Cono & Coppa Serie Metrica
JG Cono & Coppa Serie Metrica
JN Cono & Coppa Serie Metrica
JP Cono & Coppa Serie Metrica
JR Cono & Coppa Serie Metrica
JRM Cono & Coppa Cuscinetto UNIPAC Serie Metrica
JS Cono & Coppa Serie Metrica
JT Cono & Coppa Serie Metrica
JU Cono & Coppa Serie Metrica
JW Cono & Coppa Serie Metrica
K Coppa Coppa doppia con sezione pesante. Pu avere caratteristiche inusuali come flangia,
diametro esterno conico, etc.
K Cono & Coppa Componenti a tutta tempra, Simboli non DIN 720
K Miscellanea Prefisso K seguito da 5 o 6 caratteri usato anche per componenti vari (tenute, viti, anelli di
spallamento etc.)
KP Cuscinetto Assiale Cadmiato
L Cono & Coppa Serie leggera (Non intercambiabile con altri coni o coppe identificati con lo stesso simbolo
base)
L Cono Cono assemblato con tenuta Duo-Face
L Coppa Bordino separato. (Parte del cuscinetto Unit-Bearing)
LA Cono Cono assemblato con tenuta Duo-Face-Plus
LA, LB, Tenuta Questi suffissi sono usati sul simbolo base del Duo-Face-Plus per identificare
l'assemblaggio risultante dall'uso della tenuta con i diversi coni nella serie
LC, etc.
LL Cono & Coppa Serie LL
LM Cono & Coppa Serie LM
M Cono & Coppa Serie media
M Cono & Coppa Componenti a tutta tempra, Simboli DIN 720, Simboli IsoClass
N Cono Cuscinetti tipo Bock o Gilliam
NA NA Cono Due coni accoppiati con coppa doppia per formare un cuscinetto non registrabile (Non
intercambiabile con altri coni con lo stesso simbolo base, pu variare nelle dimensioni del
diametro esterno, alesaggio o larghezza)
NA Coppa Marcato con penna elettrica su coppa doppia abbinata a due coni singoli tipo NA per
formare un cuscinetto a due file di rulli non registrabile
NAV Cono Cono NA prodotto in acciaio speciale
NC Coppa Coppa rivestita (generalmente con neoprene)
NI Cono Alesaggio conico o filettato
NP Cono & Coppa Utilizzato con numeri casuali per differenziare il prodotto
NR Cono Cono senza bordino tipo NA per coppa serie con bordino
NW Cono Cono tipo NA con scanalature nelle facce piccole
NWV Cono Cono tipo NA con scanalature nelle facce piccole. Prodotto in acciaio speciale
NX Cono Facce piccole lappate
P Cono Gola di rimozione
P Cono & Coppa Personalizzato per prestazioni
R Cono & Coppa Serie di sostituzione del Gilliam (Non intercambiabile con altri coni o coppe identificati
con lo stesso simbolo base)
R Cono & Coppa Cuscinetto con caratteristiche speciali (Non intercambiabile con cuscinetti aventi lo stesso
simbolo base)
R Cono & Coppa Cuscinetto tipo Bock
R Cono Simbolo base con lubrificante in polimeri
RB Coppa Anello elastico sul diametro esterno
RC Cono & Coppa Cuscinetto con coppa speciale con bordino
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 18

PREFISSO SUFFISSO CONO O COPPA SPIEGAZIONE


RN Varie Usato con numeri random, non deve superare le sei (6) cifre, per componenti acquistati e
poi distribuiti da Timken
RR Cono & Coppa Pista alleggerita
S Cono & Coppa Cuscinetto con caratteristiche speciali (Non intercambiabile con cuscinetti aventi lo stesso
simbolo base)
SA Cono & Coppa Cuscinetto con caratteristiche speciali (Non intercambiabile con cuscinetti aventi lo stesso
simbolo base)
SB Cono Assemblato con gabbia in ottone
SB Coppa Coppa flangiata
SC Cono Con alesaggio quadrato
SD Cono & Coppa Cono doppio con alesaggio quadrato o coppa doppia
SH Cono Cuscinetto con caratteristiche speciali, con gabbia, rulli e/o geometria interna speciale.
(Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
SL Cuscinetto assiale Simbolo base con lubrificante polimerico
SR Cono Raggio diverso dal simbolo base
SW Cono & Coppa Scanalatura o sede per chiavetta (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso
simbolo base)
SWB Cono Scanalatura o sede per chiavetta assemblato con gabbia in ottone (Non intercambiabile
con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
SWV Cono Scanalatura o sede per chiavetta prodotto in acciaio speciale (Non intercambiabile con
cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
SX Coppa Cuscinetto con caratteristiche speciali (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso
simbolo base)
T Pista Assemblaggi di cuscinetti assiali
T Coppa Coppa doppia con sezione pesante. Pu avere caratteristiche inusuali come flangia,
diametro esterno conico, etc.
T Cono Alesaggio conico
T Coppa Diametro esterno conico
TA Cono Cono tipo NA con alesaggio conico
TA Coppa Diametro esterno conico
TB Cono Cono con alesaggio conico e gabbia in ottone
TC Pista Cuscinetto assiale assemblato
TC Cono Alesaggio conico
TD Cono Doppio con alesaggio conico
TDB Cono Doppio con alesaggio conico , assemblato con gabbie in ottone
TDE Cono Doppio con alesaggio conico e bordino esteso
TDG Cono Doppio con alesaggio conico, con gola di rimozione a pressione o gole a spirale
nell'alesaggio
TDGV Cono Doppio con alesaggio conico, con gola di rimozione a pressione o gole a spirale
nell'alesaggio. Prodotto con acciaio speciale
TDH Cono Doppio con alesaggio conico, gabbia, rulli o geometria interna speciale
TDL Cono Doppio con alesaggio conico, con dispositivo di blocco
TDV Cono Doppio con alesaggio conico. Prodotto in acciaio speciale
TDW Cono Doppio con alesaggio conico e scanalatura o sede per chiavette
TDXX Cono Doppio con alesaggio conico. Prodotto in acciaio speciale
TE Cono Singolo con alesaggio conico e bordino esteso
TEV Cono Singolo con alesaggio conico e bordino esteso. Prodotto in acciaio speciale
TL Cono Alesaggio conico con interlock feature
TLE Cono Alesaggio conico con interlock feature e bordino esteso
TP Cono Cono con alesaggio conico con gola di estrazione
TPE Cono Cono con alesaggio conico e gola di estrazione, bordino esteso
TV Cono & Coppa Alesaggio del cono o diametro esterno della coppa conico. Prodotto in acciaio speciale
TW Cono & Coppa Alesaggio del cono o diametro esterno della coppa conico scanalatura o sede per
chiavette
TWE Cono & Coppa Alesaggio del cono o diametro esterno della coppa conico con sede per chiavetta sulla
faccia piccola, bordino o larghezza coppa estesa
TXX Cono Alesaggio conico. Prodotto in acciaio speciale
U Cono & Coppa Simbolo base nella serie, combinato, contenuto in cartuccia
U Cono & Coppa Simbolo base nella serie, combinato, contenuto in cartuccia
US Cono & Coppa Stand speciale ridotto
V Cono & Coppa Stand speciale ridotto
V Cono & Coppa Prodotto in acciaio speciale
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 19

PREFISSO SUFFISSO CONO O COPPA SPIEGAZIONE


VC Cono Geometria interna speciale. Prodotto in acciaio speciale
VH Cono Gabbia, rulli e/o geometria interna speciale. Prodotto in acciaio speciale
W Cono & Coppa Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e)
W Cuscinetto assiale Fori di lubrificazione nel fermo
WA Cono & Coppa Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e)
WB Cono Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e) con gabbia in ottone
WC Cono & Coppa Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e)
WD Cono & Coppa Cono o coppa doppia con scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e)
WE Cono & Coppa Faccia estesa con scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e)
WS Cono & Coppa Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e)
WV Cono & Coppa Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e). Prodotto in acciaio speciale
WXX Cono & Coppa Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e). Prodotto in acciaio speciale
X Cono Simbolo ISO
X Cono Scanalatura(e) o sedi per chiavetta(e)
X Cono & Coppa Cuscinetto con caratteristiche speciali (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso
simbolo base)
X Cono & Coppa Cuscinetto ISO con le stesse dimensioni di ingombro del simbolo base ma con geometria
interna diversa, prodotto con capacit aumentata
XA Cono & Coppa Cuscinetto con caratteristiche speciali (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso
simbolo base)
XAA Cono Cono singolo ISO (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
XAB Cono Cono singolo ISO (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
XB Cono Alesaggio, larghezza o raggio diverso dal simbolo base. Assemblato con gabbia in
ottone
XB Coppa Coppa flangiata con caratteristiche speciali (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo
stesso simbolo base)
XC Cono & Coppa Cuscinetti a produzione limitata ai quali non sono stati assegnati i riferimenti di base della
serie
XD Coppa Coppa doppia, nessuna gola o fori per la lubrificazione
XD Cono Cono doppio, alesaggio o larghezza diversa dal simbolo base
XD Cono Cono doppio, fori di lubrificazione nel bordino
XDXP Coppa Coppa doppia, nessuna gola o foro di lubrificazione, materiale e processi speciali
XE Coppa Alesaggio o raggio diverso dal simbolo base
XGA Cono Cono singolo ISO. (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
XGB Cono Cono singolo ISO. (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
XP Cono Acciaio e processo speciale
XR Cono & Coppa Cuscinetti a rulli incrociati
XS Cono & Coppa Alesaggio, diametro esterno, larghezza o raggio diversi dal simbolo base
XV Cono & Coppa Cono o coppa con caratteristiche speciali. Prodotto in acciaio speciale
XW Cono Scanalato
XX Cono & Coppa Cono singolo o coppa singola. Prodotto in acciaio speciale
Y Coppa Simbolo ISO
YD Coppa Coppa doppia con fori per la lubrificazione, nessuna gola
YDA Coppa Coppa doppia con fori per la lubrificazione, nessuna gola (Non intercambiabile con
cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
YDV Coppa Coppa doppia con fori per la lubrificazione, nessuna gola. Prodotto in acciaio speciale
YDW Cono Coppa doppia con fori per la lubrificazione, nessuna gola, scanalatura(e) o sede per
chiavetta(e) nella faccia(e)
YKA Coppa Coppa singola ISO (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
YKB Coppa Coppa singola ISO (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
YSA Coppa Coppa singola ISO (Non intercambiabile con cuscinetti avente lo stesso simbolo base)
Z Cono & Coppa Componente con stand ridotto
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 20

4. Sistemi di numerazione dei cuscinetti metrici


4.1. Numerazione dei cuscinetti con prefisso J
La lettera di prefisso "J" usata in accordo con il sistema di
numerazione AFBMA identifica le dimensioni e le tolleranze metriche
per i coni e le coppe. La designazione della serie del cuscinetto
non contiene la lettera di prefisso "J", quindi i cuscinetti "J-Line"
sono in qualche caso considerati come cuscinetti in pollici con
alesaggio, diametro esterno e larghezza metrificati.

J HM 5 226 49 ---

Sezione 5
Variazioni

Sezione 3 Sezione 4
Sezione 1 Sezione 2
Indicativo Designazione
Servizio Angolarit
della serie del componente

4.2. Numerazione originale dei cuscinetti ISO Sezione 4 - Designazione dell'alesaggio del cono
Le ultime 2 cifre si riferiscono allalesaggio del cono, che pu essere
3 calcolato moltiplicando il numero indicato per 5, se l'alesaggio
2 303 313 323
302 322 332
del cono compreso tra 20 e 500 mm. Per esempio il cuscinetto
1
331 32218 ha un alesaggio di 90 mm. Se l'alesaggio inferiore a
0 330
320 20 mm, le due ultime cifre possono essere interpretate come segue:
Serie dei
diametri 00=10 mm, 01=12 mm, 02=15 mm e 03=17 mm. Se l'alesaggio
del cono superiore a 500 mm, allora le tre ultime cifre, precedute
da segno "/" corrispondono alla dimensione dell'alesaggio.
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

0 1 2 3
Serie delle larghezze

La numerazione originale metrica dei cuscinetti a rulli conici si


basava sullo schema dimensionale ISO 15 per cuscinetti radiali. 3 2 2 18
Un simbolo di 5 cifre che inizia con il numero 3 descrive un cuscinetto
assemblato (cono e coppa).

Sezione 1 - Simbolo per tipo di cuscinetto Sezione 4


Il numero 3 si applica sempre ai cuscinetti a rulli conici. Designazione
alesaggio del
Sezione 2 - Serie delle larghezze cono
La larghezza del cuscinetto classificata da 0 a 3, in ordine
crescente con la larghezza. Sezione 3
Serie dei
diametri
Sezione 3 - Serie dei diametri Sezione 2
La sezione radiale del cuscinetto classificata da 0 a 3 in ordine Serie delle
crescente di diametro esterno per un dato diametro interno. larghezze
Sezione 1
Cuscinetto
a rulli conici

20
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 21

4.3. Nuovo sistema di numerazione ISO 355


Trovando che i cuscinetti a rulli conici non erano conformi al Il simbolo del cuscinetto allora definito aggiungendo lalesaggio
piano generale ISO 15, poich le dimensioni fornite non erano dellanello interno dopo la serie del cuscinetto. Sebbene a tutti i
ottimali, la ISO ha introdotto un nuovo sistema di numerazione simboli con numerazione metrica originale sia stata assegnata
per i cuscinetti a rulli conici definito ISO 355. Questo sistema una nuova designazione nello schema ISO 355, i riferimenti
utilizza 3 campi alfa-numerici per definire la serie dei cuscinetti. originali sono ancora utilizzati.

Serie dei
diametri
G

F
E
D
C
B

B CD E B CD E B CDE B C D E

Serie delle larghezze

T 4 C B 100

Simbolo per cuscinetti a rulli conici (opzionale)


Designazione serie degli angoli

Designazione serie
degli angoli
pi di incl.

1 Riservato per uso futuro


2 10 13 52
3 13 52 1559
4 1559 18 55
5 18 55 23
6 23 27
7 27 30

Designazione serie dei diametri


D
Designazione serie
dei diametri d 0,77
pi di incl.

A Riservato per uso futuro


B 3,40 3,80
C 3,80 4,40
D 4,40 4,70
E 4,70 5,00
F 5,00 5,60
G 5,60 7,00

Designazione serie delle larghezze


T
Designazione serie
(D d) 0,95
delle larghezze
pi di incl.

A Riservato per uso futuro


B 0,50 0,68
C 0,68 0,80
D 0,80 0,88
E 0,88 1,00
Alesaggio del cuscinetto (mm)
21
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 22

4.4. Nuovi cuscinetti metrici Sezione 2 - Alesaggio del cono


Il diametro dellanello interno (in mm) incluso nella designazione
Nuove serie di cuscinetti metrici sono state inserite nel programma del simbolo sia per lanello interno che per lanello esterno.
ISO 355. Questi nuovi cuscinetti sono progettati per ottenere le
migliori prestazioni in applicazioni specifiche.
Per identificare facilmente questi simboli in riferimento al tipo di Sezione 3 - Designazione del componente
applicazione, la Societ Timken ha introdotto una nuova La stessa identificazione utilizzata nel sistema di numerazione
designazione alfa-numerica. La struttura del simbolo simile a AFBMA.
quella dei riferimenti "J-Line" con assegnazione di un numero
separato per i coni e le coppe Per ulteriori chiarimenti sui prefissi e suffissi utilizzati, o sui simboli
brevettati di cuscinetti speciali, si consiglia di contattare un ingegnere
di vendita della Societ Timken.
Prefisso J
Tutti i nuovi cuscinetti metrici sono identificati con un prefisso J per
indicare dimensioni e tolleranze metriche.
J P 100 49

Sezione 1 - Servizio
Indica il tipo di applicazione :
C, D e F = applicazioni di carattere generale
N = combinazione di applicazioni generali e pignoni
Sezione 2 Sezione 3
P = alta velocit
Sezione 1 Diametri interno Designazione del
SeT = pignoni Servizio del cono componente
W = elevati carichi assiali

Tavola di confronto: aumento della sezione per un cuscinetto con 55 mm di alesaggio


Angolo
di contatto tra (mm)
100
90
80

55

11 30'
e 15 10' 32911 JC5500 32011X 33011 JD5500 33111 30211 32211
(2BC) (2CC) (3CC) (2CE) (2CD) (3CE) (3DB) (3DC)
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI

120
110
100

55

11 30'
e 15 10' 33211 JF5500 30311 32311
(3DE) (2ED) (2FB) (2FD)

120
110
100

55

18 15' JP5500 JS5500 JT5500 JW5500 JN5500 31311 32311B


e 30 (7FB) (5FD)
(4CB) (5DD) (5ED) (7FC) (4FE)

22
CHAP1IT.QXD 21/06/02 15:19 Page 23

5. Selezione ottimale dei cuscinetti : standard ISO 355 6. Numeri di assemblaggio dei cuscinetti
Lo standard ISO 355 offre per una data applicazione diverse Ai cuscinetti a pi file di rulli e agli assemblaggi di coppie di
opzioni di selezione per un definito alesaggio. In funzione cuscinetti viene assegnato un codice alfa-numerico di cinque cifre,
dellapplicazione e del tipo di carico assiale e/o radiale, si pu in combinazione con il simbolo del cono per descrivere i componenti
selezionare il cuscinetto con angolo e sezione ottimale. Per esempio, individuali, il grado di ispezione ed il valore di registrazione
i cuscinetti del pignone hanno forte conicit e sezione pesante, dellassemblaggio preregistrato : es. LM48548-9K2A7.
mentre i cuscinetti per macchine utensili sono generalmente con Per nuove applicazioni, il numero di assemblaggio viene assegnato
angolo ridotto e sezione leggera. La tavola precedente mostra al ricevimento del primo ordine. molto importante per una
queste caratteristiche per cuscinetti con alesaggio di 55 mm. corretta funzionalit del cuscinetto per una data applicazione
che lo stesso numero di assemblaggio sia citato per ordini
successivi.
Nel caso siano richieste ulteriori informazioni sull'assemblaggio
si suggerisce di consultare la Societ Timken.

23
CONOSCERE I CUSCINETTI A RULLI CONICI
CHAP1IT.QXD

Note
21/06/02
15:19
Page 24
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page XIII

A. SELEZIONE PER DURATA E CAPACIT ........................ 27


1. Capacit di carico dinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2. Capacit di carico dinamica Timken . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.1. Fattore K

B. SELEZIONE PER DIMENSIONI ................................ 28


C. SELEZIONE CON UN INGEGNERE DI VENDITA ....... 28
D. SELEZIONE PER TIPO DI CUSCINETTO ........................ 28
1. Tipi di cuscinetti correnti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.1. Cuscinetti a singola fila di rulli - Tipi pi comuni
1.2. Cuscinetti a due file di rulli
1.3. Assemblaggi con distanziale
1.4. Cuscinetti Package
1.5. Cuscinetti reggispinta assiali
2. Cuscinetti con tenute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
3. Cuscinetti di precisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4. Altri tipi di cuscinetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2. SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

5. Cuscinetti a quattro file di rulli - Tipi pi diffusi . . . . . . . . . . . . . . . 32


6. Cuscinetti reggispinta assiali Heavy duty . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

E. ESEMPI DI APPLICAZIONI .................................... 33


Automobilistico
Impianti di movimentazione
Macchine agricole
Macchinari da costruzione
Macchine utensili
Ferroviario
Industria in genere

25
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:25 Page 26
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:25 Page 27

A. Selezione per durata e capacit


Poich le condizioni operative effettive di un cuscinetto possono
variare rispetto alle condizioni di riferimento indicate
precedentemente, risulta necessario nellanalisi del progetto e nella
I cuscinetti sono normalmente selezionati per sopportare un dato fase di selezione dei cuscinetti la valutazione e la compensazione
carico per una certa durata. di queste differenze. Lapproccio tradizionale nella selezione ed
Lapproccio tradizionale inizia con la determinazione delle forze analisi dei cuscinetti stato, in questa pubblicazione, ampliato per
applicate ed il calcolo del carico radiale dinamico equivalente (P). includere alcuni fattori ambientali, oltre al carico ed alla velocit,
Usando la "durata di progetto" (L 10 ) stabilita su positive esperienze che influiscono sulla durata prevista del cuscinetto. Un approccio
di applicazioni simili e la velocit del cuscinetto (n), si pu calcolare pi completo descritto nella sezione del manuale definita "Bearing
la "capacit di carico radiale dinamica richiesta" (C 90 ) ed utilizzarla Systems Analysis".
per selezionare un cuscinetto dalle tavole "Dati dei cuscinetti". In aggiunta al materiale del cuscinetto ed alle condizioni ambientali
Si suggerisce di includere nel tradizionale approccio nella selezione controllate che esistono nei programmi di prova, la capacit di
di un cuscinetto anche i fattori correttivi della durata collegati ad un carico di un cuscinetto funzione della sua geometria interna che
numero di variabili come la lubrificazione, la zona di carico, il comprende langolo di contatto, il diametro dei rulli e la lunghezza
disassamento e la durata utile. Le formule seguenti permettono al effettiva di contatto fra rulli e piste. Essa dipende anche dal numero
progettista di considerare questi parametri, anche se in misura limitata. di rulli in ciascuna fila e dal numero di file che compongono il
cuscinetto. Questi fattori, pi la costante di fatica del materiale,
1 concorrono alla formazione dellequazione che stabilisce le capacit
L10 x n
C90 =
( a x 3000 x 500 ) 10/3 xP di carico del cuscinetto.

C90 = capacit di carico radiale dinamica richiesta


L10 = durata di progetto 2. Capacit di carico dinamica Timken
n = velocit in G/min
Le capacit di carico pubblicate dei cuscinetti Timken comprendono
P = carico radiale dinamico equivalente
le capacit di carico radiali dinamiche, C 90 e C 90(2), per cuscinetti
a = fattore di correzione della durata
a singola e doppia fila di rulli rispettivamente, e la capacit di
carico assiale dinamica, C a90 . Queste sono calcolate sulla base
1. Capacit di carico dinamica di 90 milioni di cicli corrispondenti a 3000 ore a 500 G/min.
Le capacit di carico dei cuscinetti a rotolamento, pubblicate da
La Societ Timken ha sviluppato, fin dal 1915, metodi di calcolo organizzazioni quali ISO (International Organisation for
atti a determinare le capacit di carico dinamiche dei propri cuscinetti Standardisation) e AFBMA (Anti-Friction Bearing Manufacturers
a rulli conici. Periodicamente gli utilizzatori hanno beneficiato di Association) hanno come base 1 milione di cicli. La capacit
aumenti delle capacit di carico solo dopo essere stati confermati ISO/AFBMA considerata solo un valore di riferimento, poich
da esaurienti ricerche e prove pratiche. Lattuale ciclo di prove, carichi applicati di intensit pari alla sua capacit possono produrre
definito come "Programma Internazionale di Verifica della Qualit", deformazioni plastiche nel cuscinetto. Per determinare il carico del
preleva i cuscinetti casualmente dai centri di distribuzione della cuscinetto che pu fornire 90 milioni di cicli, dividere la capacit
Societ Timken. Le capacit di carico pubblicate in questo manuale ISO/AFBMA del cuscinetto a rulli per :
sono state aggiornate nel 1986. Questa revisione stata
1
implementata per il significativo miglioramento nella qualit
dell'acciaio dei cuscinetti.
I continui aumenti delle capacit di carico hanno reso indispensabile ( )90
1
10/3
o 3,857

considerare, durante il calcolo e la selezione, linfluenza che i fattori


Comunque, un confronto diretto tra le capacit di costruttori diversi
ambientali esercitano sui cuscinetti e le loro prestazioni. Inoltre, la
pu trarre in inganno a causa di differenze nella filosofia delle
richiesta di unefficienza energetica e produttivit maggiore induce
capacit, materiale, produzione e disegno.
il progettista a definire specifiche pi accurate e ad imporre requisiti
pi severi ai cuscinetti. quindi indispensabile che il progettista Nota : per rendere pi agevole la consultazione del manuale agli
possa confrontare le condizioni di esercizio presupposte per la utilizzatori, le tavole dei cuscinetti riportano sia la capacit per
macchina con le condizioni a cui i cuscinetti sono stati sottoposti 90 milioni di cicli (C90) che per 1 milione di cicli (C1).
durante le prove per determinare le capacit di carico pubblicate. Le capacit di carico dei cuscinetti Timken sono basate su dati
Le capacit di carico dei cuscinetti Timken sono state stabilite sulla ottenuti da test di durata standardizzati eseguiti in laboratorio.
base delle seguenti condizioni operative :

Carichi : Fr = C90 o Fa = Ca90


Velocit : n = 500 G/min
Lubrificazione : Viscosit dellolio lubrificante,
33 Cst @ 55 C
Temperatura di esercizio dei cuscinetti : = 55 C
Registrazione : Equivalente a 150 di zona di carico
Allineamento : Disassamento tra gli assi del cono e
della coppa inferiore a 0,0005 radianti
Dimensione della superficie
danneggiata a fatica : 6 mm2

27
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 28

2.1. Fattore K
Il fattore K, pubblicato per tutti i cuscinetti, il valore del rapporto C. Selezione con un ingegnere di vendita
tra la capacit di carico radiale dinamica C 90 e la capacit di
carico assiale dinamica C a90 di un cuscinetto a singola fila di rulli.
Questo rapporto assume una zona di carico di 180 per la capacit
di carico radiale dinamica:
C90
K=
Ca 90

Pi piccolo il fattore K, pi forte sar la conicit dell'angolo della


coppa. Questa relazione :

K = 0.389 cot

B. Selezione per dimensioni La Societ Timken non solo produce cuscinetti della migliore
qualit, ma offre anche ai suoi clienti un esauriente supporto di
progettazione e calcolo. Con limpiego di avanzati programmi
al calcolatore, gli ingegneri della Timken sono in grado di risolvere
la maggior parte dei problemi applicativi. In caso di applicazioni
particolarmente complesse, interviene il supporto del "team" di
specialisti disponibili presso la sede della Societ e dei programmi
di calcolo pi sofisticati residenti nel calcolatore principale.

D. Selezione per tipo di cuscinetto

I cuscinetti a rulli conici Timken coprono una gamma ampia di


dimensioni metriche ed in pollici. Le tavole per i diversi tipi di
cuscinetti sono riportate in ordine crescente di diametro interno,
diametro esterno e larghezza. Le tavole "Dati dei cuscinetti"
elencano le combinazioni di coni/coppe pi utilizzate. Lesauriente
gamma di dimensioni metriche ed in pollici dar la possibilit
SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

di selezionare il cuscinetto ottimale, nel caso di limitazioni


dimensionali e applicative definite. Nel caso non si riesca a
definire il cuscinetto idoneo per una specifica applicazione, si
suggerisce di contattare la Societ Timken per maggiori dettagli
su tutti i cuscinetti non riportati, per ragioni di spazio, in questa
pubblicazione.

In funzione del tipo di carico applicato al cuscinetto, la selezione


sar effettuata tra :

un cuscinetto a singola fila di rulli,


un cuscinetto a doppia fila di rulli,
un cuscinetto a quattro file di rulli in relazione allaumentare
del carico radiale,
un cuscinetto reggispinta assiale per un forte carico assiale ed
assenza di carico radiale.

28
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 29

1. Tipi di cuscinetti correnti 1.2. Cuscinetti a due file di rulli


(I cuscinetti marcati * sono elencati nelle Tabelle Dati dei Cuscinetti)
TDO (Doppia coppa a due
file di rulli)*
1.1. Cuscinetti a singola fila di rulli - Tipi pi
comuni I cuscinetti TDO sono utilizzati
nei riduttori ad ingranaggi per
Questi cuscinetti sono normalmente montati in coppia, in
servizi pesanti e per molte altre
configurazione indiretta o ad "O" o diretta o ad "X". Durante la
applicazioni. Questi cuscinetti
fase di montaggio devono essere registrati per ottenere le
possono essere utilizzati sia per
condizioni di gioco o precarico richiesto per ottimizzare le
la posizione fissa che flottante.
prestazioni.

TS (Gabbia in acciaio
stampato)*

Il cuscinetto TS particolarmente TDI (Doppio cono a due file di


indicato per la maggior parte delle rulli)*
applicazioni automobilistiche ed
industriali. Il cuscinetto TDI utilizzato per riduttori
ad ingranaggi, impianti di
sollevamento, cilindri di calandre ed
altri macchinari industriali. Un
cuscinetto simile, il tipo TDIT*, viene
prodotto con alesaggio conico ed
previsto per supporti adattatori di
grandi dimensioni, cilindri di laminatoi
e cilindri di calandre. I cuscinetti TDI
sono utilizzati generalmente nella
posizione fissa.
TS (Gabbia a perni)*

I cuscinetti TS di medie e grandi TNA (Preregistrato a due file


dimensioni possono avere pi rulli (quindi di rulli)
maggior capacit di carico) quando
sono prodotti con gabbia a perni. Il tipo TNA un cuscinetto
preregistrato senza distanziale
interno e pu essere utilizzato sia
nella posizione fissa che flottante.

TSF (Coppa flangiata)* TNASW (TNA con


scanalature per la
lubrificazione)*
Il cuscinetto TSF molto utilizzato nei
riduttori, nelle trasmissioni e transaxle Il cuscinetto TNASW utilizzato
automobilistici moderni e nei mandrini nelle carrucole ed altre
delle macchine utensili. applicazioni ad albero stazionario
dove il lubrificante inviato al
cuscinetto attraverso lalbero.
Questo cuscinetto pu essere
utilizzato sia nella posizione fissa
che flottante.

TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company

29
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 30

TNASWE (TNASW con Assemblaggi 2TS-TM


cono esteso lato bordino)* (montaggio in tandem)
Il cuscinetto TNASWE largamente
utilizzato nelle carrucole di impianti I cuscinetti 2TS-TM sono utilizzati nelle
di sollevamento e di impianti di pompe e motori idrostatici a pistoni
trivellazione petrolifera. Questo assiali, dove sono presenti elevati
cuscinetto viene prodotto carichi assiali.
preregistrato.

1.3. Assemblaggi con distanziale

2S (Assemblaggi a due file di 1.4. Cuscinetti Package


rulli con distanziale ed anello
elastico)*
TDOUP - UNIPAC
I cuscinetti 2S sono utilizzati in molte
applicazioni dove si richiede un Sviluppato inizialmente per le ruote
cuscinetto a due file di rulli preregistrato di veicoli stradali, il cuscinetto UNIPAC
con un campo ristretto di registrazione pu essere utilizzato anche in
che utilizza un anello elastico per il applicazioni industriali. Il cuscinetto
posizionamento assiale. UNIPAC una unit preregistrata,
prelubrificata e completa di tenute.

SR (Assemblaggi
SET-RIGHT
con distanziali)*
AP - Cuscinetti ALL-PURPOSE*
I cuscinetti SR sono utilizzati in
molte applicazioni dove si richiede I cuscinetti "AP" sono assemblaggi contenuti in una cartuccia e
un cuscinetto a due file di rulli forniti preregistrati, prelubrificati e con tenute incorporate. Progettati
preregistrato con un campo in origine per carri ferroviari e locomotive, esso attualmente
ristretto di registrazione. utilizzato anche per ruote di gru, tavole a rulli e carrucole. Queste
applicazioni possono richiedere modifiche alla piastra di bloccaggio
e allanello di spallamento e laggiunta di ingrassatori.

Assemblaggi 2TS-IM e
SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

Assemblaggi 2TS-DM

Disponibili in tutte le dimensioni dei cuscinetti TS.

Montaggio indiretto o ad "O" Montaggio diretto o ad "X"


I cuscinetti assemblati 2TS IM/DM sono utilizzati in molte
applicazioni, per esempio riduttori ad ingranaggi e macchine
industriali. Questi cuscinetti preregistrati a due file di rulli sono
utilizzati nella posizione fissa, o come due cuscinetti a singola fila
di rulli con centro di carico allargato TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company

30
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 31

1.5. Cuscinetti reggispinta assiali 3. Cuscinetti di precisione


TTC (A pieno riempimento)* Cuscinetti a singola fila di rulli TS e TSF*

Il cuscinetto TTC un assemblaggio in un contenitore utilizzato in


applicazioni oscillanti o a basse velocit di rotazione dove sono
applicati carichi assiali puri.

TTSP (Per perni di sterzo)*

Questi cuscinetti devono essere montati in coppia, in configurazione


indiretta o diretta e devono essere registrati durante il montaggio
per ottimizzare le prestazioni.
I cuscinetti TS e TSF in classe di precisione sono tipicamente usati
nei mandrini delle macchine utensili.
Il cuscinetto TTSP utilizzato nei perni di sterzo di autoveicoli ed
in applicazioni industriali dove non richiesta una rotazione
Cuscinetti Hydra-Rib TSHR*
completa.
Il cuscinetto "Hydra-Rib" stato sviluppato
TTHD (Heavy Duty)* per applicazioni dove la registrazione
in un campo ampio di velocit e/o carichi
risulta critica. Il cuscinetto "Hydra-Rib"
un cuscinetto tipico per macchine utensili
ed montato nella posizione posteriore
del mandrino, in genere accoppiato con
il tipo TSMA o TS nella posizione
anteriore.
Il cuscinetto TTHD disegnato per applicazioni con velocit basse
o moderatamente elevate, quali piattaforme girevoli di pozzi
petroliferi, estrusori e gruppi reggispinta di laminatoi perforatori,
dove sono previsti alti carichi assiali.
Cuscinetti per alte velocit TSMA
(Con collettore assiale per lolio)
2. Cuscinetti con tenute Il cuscinetto TSMA si utilizza in
TSL (Con tenuta DUO FACE-PLUS)* applicazioni con elevate velocit di
Il cuscinetto TSL simile al tipo TS, ma rotazione che i cuscinetti standard non
con un anello di tenuta "DUO FACE-PLUS" possono raggiungere. Questo cuscinetto
pressato sul diametro lato sezione notoriamente utilizzato nellindustria
maggiore del cono. Il cuscinetto TSL delle macchine utensili ed aerospaziale.
utilizzato in applicazioni con velocit di
rotazione moderate, come ruote di
dispositivi agricoli, carrelli per natanti,
rulli folli e ranghinatori da fieno. Cuscinetti a rulli incrociati TXR*
Il cuscinetto a rulli incrociati ideale per
applicazioni su macchine utensili come i
torni verticali, le rettifiche verticali ed altre
applicazioni simili.

31
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 32

4. Altri tipi di cuscinetti TQOW (TQO con scanalature alle estremit dei coni)

Simile al tipo TQO ma


TNASWH / TNASWHF con scanalature per
I cuscinetti TNASWH sono applicati ai rulli di appoggio, alle vie lubrificazione alle due
a rulli, ai carrelli e (nel caso dei TNASWHF) allequipaggiamento estremit dei doppi
circolante su rotaie. coni.

TQITSE (TQIT con cono esteso)

Il cuscinetto TQITSE
uguale al tipo TQITS
5. Cuscinetti a quattro file di rulli - Tipi pi diffusi con la sola eccezione
del cono, lato tavola,
Questi cuscinetti non sono elencati per simbolo in questo manuale, che presenta una
ma sono trattati pi dettagliatamente in una pubblicazione specifica estensione rettificata,
Timken sugli impianti siderurgici. indurita e concentrica
per limpiego di tenute
a strisciamento.
TQO
(Cuscinetti a quattro file di rulli ad alesaggio cilindrico)
Tutti i cuscinetti per
I cuscinetti TQO sono utilizzati cilindri di laminatoi
sui colli dei cilindri dei possono essere forniti
laminatoi a bassa e media con gole a spirale
velocit di laminazione. nellalesaggio del cono.

6. Cuscinetti reggispinta assiali Heavy duty


SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

TTHDFL (TTHD con una pista piana)

TQITS (Cuscinetti a quattro file di rulli ad alesaggio conico)

I cuscinetti TQITS sono


montati con forte
interferenza sul collo dei
cilindri dei laminatoi ad
alta velocit di rotazione.
Il cuscinetto TTHDFL simile al tipo TTHD. Il cuscinetto TTHDFL
formato da una pista di rotolamento conica e da una pista di
rotolamento piana, dai rulli e dalla gabbia.

TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company

32
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 33

E. Esempi di applicazioni
Automobilistico

Ruota anteriore motrice, fusello rotante Gruppo differenziale ipoide, pignone a sbalzo

Autovettura a quattro ruote motrici - assale anteriore e posteriore

33
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 34

Automobilistico (continua)

Trasmissione di autocarro

Ruota anteriore - Cuscinetto Unipac


SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

34
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 35

Impianti di movimentazione

Ruota di impianto di sollevamento Heavy duty - Cuscinetto AP

Assale sterzante di carrello elevatore

35
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 36

Macchine agricole

Ruota anteriore motrice di trattore agricolo


SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

Trasmissione di trattore e presa di forza

36
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 37

Macchine agricole (continua)

Assale anteriore e posteriore di caricatore

37
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 38

Macchinari da costruzione

Ruota motorizzata di veicolo fuori strada


SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

Trattore agricolo

38
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 39

Macchine utensili

Centro di lavoro verticale

Articolazione di robot

Mandrino di macchina utensile con Hydra-Rib

39
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 40

Ferroviario

Treno ad alta velocit - trasmissione e ruote


SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

Fusello di locomotiva ad alta velocit Fusello di locomotiva ad alta velocit

40
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 41

Industria in genere

Gru di sollevamento "Heavy duty" con quattro pulegge

Configurazione eccentrica di macchina da stampa

41
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 42

Industria in genere (continua)

Compressore rotativo
SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO

Riduttore di velocit Pompa idrostatica

42
CHAP2IT.QXD 21/06/02 15:26 Page 43

Industria in genere (continua)

Riduttore a vite senza fine

Riduttore di velocit con ingranaggi elicoidali

43
SELEZIONARE IL CUSCINETTO IDONEO
CHAP2IT.QXD

Note
21/06/02
15:26
Page 44
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page XIV

Elenco dei simboli utilizzati nel determinare i carichi applicati..................47


A. DETERMINAZIONE DEI CARICHI APPLICATI ..........................................48
1. Ingranaggi ............................................................................................................. 48
1.1. Ingranaggi a denti diritti
1.2. Ingranaggi a dentatura elicoidale
1.3. Ingranaggi conici a dentatura diritta
e Zerol con angolo di spirale zero
1.4. Ingranaggi conici a dentatura elicoidale e ipoidi
1.5. Trasmissione a vite senza fine
1.6. Trasmissione a vite senza fine a doppio inviluppo
2. Fattori di trasmissione di cinghie e catene .................................... 51
3. Forza centrifuga .................................................................................................. 51
4. Urti .................................................................................................................................. 51
5. Formule generali ................................................................................................. 52
5.1. Sforzo di trazione e velocit alle ruote
5.2. Relazione coppia / potenza
6. Reazioni sui cuscinetti .................................................................................... 52
6.1. Centri di spinta effettivi
6.2. Albero su due supporti
6.3. Albero su tre o pi supporti
6.4. Esempi di calcolo
3. CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

B. DURATA DEI CUSCINETTI ...................................................................................53


1. Condizioni di carico dinamico ................................................................. 53
1.1. Durata a catalogo
1.1.1. Durata dei cuscinetti
1.1.2. Durata L10
1.1.3. Formule della durata
1.1.4. Carichi equivalenti e capacit di carico dei cuscinetti
1.1.5. Carico radiale dinamico equivalente
1.1.6. Formule per cuscinetti
a singola fila di rulli
1.1.7. Formule per cuscinetti a doppia fila di rulli
1.2. Durata corretta
1.2.1. Formula generale
1.2.2. Fattore correttivo dellaffidabilit a1
1.2.3. Fattore correttivo del materiale a2
1.2.4. Fattore correttivo delle condizioni operative a3
1.2.5 Fattore correttivo della durata utile a4
1.2.6. Select-A-Nalysis
1.3. Durata del sistema e media ponderata
delle durate e dei carichi applicati
1.3.1. Durata del sistema
1.3.2. Formule per la media ponderata
delle durate e dei carichi
1.3.3. Relazioni tra carichi, potenza, velocit
e durata del cuscinetto
1.3.4. Esempi di calcolo di durata
2. Condizioni di carico statico ...................................................................... 63
2.1. Capacit statica
2.2. Carico radiale statico equivalente
(cuscinetto a singola fila di rulli)
2.3. Carico radiale statico equivalente
(cuscinetti a doppia fila di rulli)
3. Cuscinetti Performance 900 (P900) .............................................. 64

C. COPPIA DI ROTOLAMENTO ...........................................................................65


1. Cuscinetti a singola fila di rulli.................................................................. 65
2. Cuscinetti a doppia fila di rulli ............................................................. 65 45
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 46
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 47

Elenco dei simboli utilizzati nel determinare i carichi applicati


SIMBOLI DESCRIZIONE UNIT DI
MISURA

b Lunghezza dente mm
dc Distanza tra i centri degli ingranaggi mm
Dm Diametro medio o diametro di lavoro effettivo
di un rocchetto, puleggia, ruota o pneumatico mm
Dm Diametro medio o diametro di lavoro effettivo di
una ruota (DmG), pignone (DmP), o vite senza fine (DmW) mm
Dp Diametro primitivo di una ruota (DpG), pignone (DpP), o vite senza fine (DpW) mm
fB Fattore di tiro della cinghia o catena
Fa Forza assiale sulla ruota (FaG), pignone (FaP), o vite senza fine (FaW) N
Fb Tiro della cinghia o catena N
Fo Forza centrifuga N
Fs Forza di separazione sulla ruota (FsG), pignone (FsP), o vite senza fine (FsW) N
Ft Forza tangenziale sulla ruota (FtG), pignone (FtP), o vite senza fine (FtW) N
Fte Sforzo di trazione sulle ruote del veicolo N
Fw Forza di sbilanciamento N
G Ruota, usato come pedice
H Potenza kW
L Passo. Avanzamento assiale di unelica per una rotazione completa mm
M Momento Nm
m Rapporto di trasmissione
N Numero di denti nella ruota (NG), pignone (NP), o rocchetto (NS)
n Velocit di rotazione della ruota (nG), pignone (nP) o vite senza fine (nW) G/min
p Passo. Distanza tra le superfici dei denti equamente
spaziate lungo la circonferenza primitiva mm
P Pignone, usato come pedice
r Raggio dal centro della massa mm
T Coppia N.m
V Velocit lineare km/h
Vr Velocit di strisciamento o superficiale m/s
W Vite senza fine, usato come pedice
(gamma) (1) Ingranaggi conici - angolo primitivo della ruota ( G) o pignone ( P) gradi
(2) Ingranaggi ipoidi - angolo esterno del pignone ( P) e
angolo della generatrice interna della ruota ( G) gradi
(eta) Efficienza frazione decimale
(lambda) Vite senza fine - angolo dellelica gradi
(mu) Coefficiente di attrito
(pi) Rapporto tra la circonferenza di un cerchio ed il suo diametro ( = 3,1416)
(phi) Angolo di pressione normale per la ruota ( G) o pignone ( P) gradi
x (phix) Angolo di pressione assiale gradi
(psi) (1) Ingranaggi elicoidali - angolo delica per la ruota (G) o pignone (P) gradi
(2) Ingranaggi conici a spirale e ipoidi - angolo di spirale per la ruota (G) o pignone (P) gradi

47
CHAP3IT.QXD 4/07/02 12:41 Page 48

A. Determinazione dei carichi applicati 1.3. Ingranaggi conici a dentatura diritta e


Zerol con angolo di spirale zero (Fig. 3-4)
Negli ingranaggi conici a dentatura diritta e Zerol, le forze di
1. Ingranaggi ingranamento tendono a spingere il pignone e la ruota fuori dal
punto di ingranamento cos che la direzione delle forze assiali e
1.1. Ingranaggi a denti diritti di separazione sempre la stessa indipendentemente dal senso di
rotazione (Fig. 3-3).
Forza tangenziale
Nel calcolare la forza tangenziale, F tP o F tG , per gli ingranaggi
(1,91 x 107) H conici, si usa il diametro del pignone o della ruota, D mP o D mG
Ft = (N) invece del diametro primitivo, D pP o D pG . Il diametro medio viene
Dp n
calcolato come segue :

Forza di separazione DmG = DpG b sin G


Fs = Ft tan o
DmP = DpP b sin P

Negli ingranaggi conici a dentatura diritta e Zerol


FtP FtP = FtG

FsG

FsP

Forze a
ssiali p
os
+ opposte all'a itive
pice

rio
FtG
del pig

Ora
none

o
a ri
Fig. 3-1

or
A n ti
Ingranaggi a denti diritti

1.2. Ingranaggi a dentatura elicoidale (Fig. 3-2)


Forza tangenziale
Fig. 3-3
(1,91 x 107) H Ingranaggi conici a dentatura diritta e Zerol - le forze assiali e
Ft = (N)
Dp n di separazione sono sempre nella stessa direzione
indipendentemente dal senso di rotazione.
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

Forza di separazione Pignone


Ft tan Forza tangenziale
Fs =
cos
(1,91 x 107) H
Forza assiale FtP = (N)
DmP nP
Fa = Ft tan

Nota : per ingranaggi a dentatura bielicoidale FaG = 0


Forza assiale

FaP = FtP tan P sin P

FtP Forza di separazione


FaG
FsP = FtP tan P cos P
FsG

FsP
Ruota
FaP FtG

Forza tangenziale

(1,91 x 107) H
FtG = (N)
Fig. 3-2 DmG nG
Ingranaggi a dentatura elicoidale

48
CHAP3IT.QXD 5/08/02 11:46 Page 49

Forza assiale
FaG = FtG tan G sin G

Forza di separazione
FsG = FtG tan G cos G

FtP

FaP

FaG FsP

FsG

FtG

Fig. 3-4
Ingranaggi conici a dentatura diritta

1.4. Ingranaggi conici a dentatura elicoidale e


ipoidi (Fig. 3-6)
Negli ingranaggi conici a dentatura elicoidale e ipoidi, la direzione
della forza assiale e di separazione dipende dallangolo dellelica,
dal senso dellelica, dalla direzione di rotazione e se lingranaggio
motore o condotto (vedere tabella 3-A). Il senso dellelica
determinato dalla curvatura dei denti dellingranaggio (Fig. 3-5)
inclinati a sinistra o a destra rispetto allasse dellalbero. La direzione
di rotazione definita dal punto di osservazione verso lingranaggio
o verso lapice dellingranaggio.

Negli ingranaggi conici a dentatura elicoidale Forza tangenziale


FtP = FtG (1,91x 107) H
F = (N)
tG DmG nG
Per ingranaggi conici ipoidi
FtG cos P
F =
tP cos G

Diametro di lavoro effettivo del pignone ipoide Diametro di lavoro effettivo della ruota ipoide

DmP = DmG
( NN ) ( coscos )
G
P G
P
DmG = DpG b sin G

FtP

FaP
Forza
assi FaG FsP
o direz ale positiv
ione
oppo a nella
+
i

FsG
Orar

dell'a sta
pice
del p
o

ignon
a ri

e
_Forza ass
or

A n ti iale n
egati
l'apic va ve
e del rso
pigno FtG
ne

Fig. 3-5 Fig. 3-6


Ingranaggi conici a dentatura elicoidale - la direzione della forza Ingranaggi conici a dentatura elicoidale e ipoidi.
assiale e di separazione dipende dallangolo dellelica, dal senso
dellelica, dalla direzione di rotazione e se lingranaggio motore o
condotto.
49
CHAP3IT.QXD 4/07/02 12:41 Page 50

Rotazione Forza assiale Forza di separazione


elemento motore
Elemento motore Elemento motore
Elica destra -
FtP FtP
rotazione oraria F = (tan sin sin cos ) F = (tan cos + sin sin )
aP cos P P P P P sP cos P P P P P
o
Elemento condotto Elemento condotto
Elica sinistra -
FtG FtG
rotazione antioraria F = (tan sin + sin cos ) F = (tan cos sin sin )
aG cos G G G G G sG cos G G G G G

Elemento motore Elemento motore


Elica destra - FtP
FtP
rotazione antioraria F = (tan sin + sin cos ) F = (tan cos sin sin )
aP cos P P P P P sP cos P P P P P
o
Elemento condotto Elemento condotto
Elica sinistra -
FtG FtG
rotazione oraria F = (tan sin sin cos ) F = (tan cos + sin sin )
aG cos G G G G G sG cos G G G G G

Tabella 3-A
Formule per ingranaggi conici a dentatura elicoidale e ipoidi

1.5. Trasmissione a vite senza fine (Fig. 3-7)


Vite senza fine
Forza tangenziale
(1,91 x 107) H
F = (N)
tW DpW nW Sistema metrico

Forza assiale 0,146


* = (5,34 x 107) Vr3 + 0,103
(1,91 x 107) H Vr0,09
F = (N)
aW DpG nG
o DpW nW
V = (m/s)
FtW r (1,91 x 104) cos
FaW =
tan
Forza di separazione * Coefficiente di attrito approssimato per una gamma di velocit
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

di strisciamento da 0,015 a 15 m/s (da 3 a 3000 ft/m).


FtW sin
F =
sW cos sin + cos
Ruota
Forza tangenziale
FsW
force (1,91 x 107) H
F = (N)
tG DpG nG FaW
o FtW

FtW
FtG =
tan FaG
Forza assiale
(1,91 x 107) H FtG FsG
F = (N)
aG DpW nW
Forza di separazione
FtW sin
Separating force F =
sG cos sin + cos
dove :
DpG
= tan 1
( m DpW ) = tan 1
( ) L
DpW
Fig. 3-7
cos -- tan Trasmissione a vite senza fine
=
50 cos + cot
CHAP3IT.QXD 4/07/02 12:41 Page 51

1.6. Trasmissione a vite senza fine a doppio inviluppo


Tipo fB
Vite senza fine
(1,91 x 107) H
Forza tangenziale F = (N) Catene singole .......................................... 1,00
tW DmW nW

Forza assiale FaW = 0,98 FtG Catene doppie .......................................... 1,25

Usare questo valore per F tG per calcolare i carichi sui cuscinetti Cinghie a V ........................................... 1,50
che supportano la ruota. Per il calcolo della coppia utilizzare le
formule seguenti. Tabella 3-B
Fattore di tiro di catene o pulegge basato su un angolo di
avvolgimento di 180 gradi
Forza di separazione
0,98 FtG tan
Separating force F =
sW cos

Ruota
nto
Forza tangenziale Dm , lato le
F 2 = tiro
Tangential force (1,91 x 107) H m
F = (N)
tG DpG nW
o Fb
(1,91 x 107) H
F = (N)
tG DpG nG F1 = tiro
, lato te
so
Usare questo valore per il calcolo della coppia negli ingranaggi
ed alberi successivi. Per il calcolo dei carichi sui cuscinetti utilizzare
le formule per FaW.
Fig. 3-8
Forza assiale Trasmissione a cinghia o catena
(1,91 x 107) H
Thrust force F = (N)
aG DmW nW

Forza di separazione 3. Forza centrifuga


0,98 FtG tan
Separating force F = Forza centrifuga risultante da un elemento squilibrato in
sG cos
dove : rotazione :
= rendimento (fare riferimento al catalogo del costruttore)
Fw r n2
DmW = 2dc 0,98 DpG F = (N)
c 8,94 x 105
Angolo delica al centro della vite senza fine
DpG L
= tan 1
( m DpW ) = tan 1
( DpW ) 4. Urti
difficile valutare leffetto reale di urti sulla durata dei cuscinetti.

2. Fattori di trasmissione di cinghie e catene (Fig. 3-8) Lentit degli urti dipende dalle masse dei corpi in collisione, dalla
loro velocit e deformazione allimpatto.
Tra il punto di applicazione ed il cuscinetto esiste sempre una
Dovuta alla differenza nel tiro della cinghia definito dai diversi dispersione dovuta alleffetto smorzante delle strutture interposte.
utilizzatori, una formula esatta per mettere in relazione il tiro La forza che in realt grava sul cuscinetto deve essere tale da
totale della cinghia con il tiro dal lato teso F 1 e dal lato lento non causare danni permanenti. Leffetto degli urti sui cuscinetti
F 2 (Fig. 3-8), difficile da stabilire. La formula seguente e la dipende, oltre che dallintensit della forza, anche dalla sua
tabella 3-B possono essere usate per valutare il tiro totale per diversi frequenza e durata.
tipi di cinghie, pulegge e configurazioni di rocchetto e catena: Come minimo, un carico applicato istantaneamente equivale a
due volte il suo valore statico ma pu essere anche notevolmente
(1,91 x 107) H fB
Fb = (N) superiore, in funzione della velocit di impatto..
Dm n Poich lanalisi degli effetti derivanti da urti coinvolge molte
Diametro medio standard del rocchetto di una catena a rulli variabili non conosciute o difficili da quantificare, buona norma
affidarsi a precedenti esperienze. Per tutte le applicazioni che
D = P presentano sollecitazioni ad urto dei cuscinetti si consiglia di
m
180 contattare un ingegnere di vendita della Societ Timken.
sin ( )
NS
51
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 52

5. Formule generali
5.1. Sforzo di trazione e velocit alle ruote
Distanza effettiva
Le relazioni tra lo sforzo di trazione, la potenza, la velocit alle dei cuscinetti
ruote del veicolo sono :

Fte V
H= (kW)
3600

5300 V
n = (RPM) Montaggio indiretto
Dm

5.2. Relazione coppia / potenza

60 000 H
T = (N.m) Distanza effettiva
2 n
dei cuscinetti

2 n T
H= (kW)
60 000
Montaggio diretto

Fig. 3-9
6. Reazioni sui cuscinetti Tipi di montaggio possibili per cuscinetti a singola fila di rulli e
posizione dei centri di spinta effettivi

6.1. Centri di spinta effettivi


Un carico applicato al cuscinetto a rulli conici genera, tra rulli e del cuscinetto quale punto di reazione, o supporto delle forze,
piste di rotolamento, forze che sono perpendicolari alle piste tranne quando leventuale spinta assiale esterna al cuscinetto
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

stesse (Fig. 1-5 a pag. 4). Tali forze hanno componenti radiali tanto elevata da scaricare completamente una delle due file di
ed assiali e, con lesclusione dei soli carichi assiali esterni puri, rulli del cuscinetto. In questo caso il punto di reazione delle forze
il cono e lalbero saranno sottoposti a dei momenti originati applicate il centro di spinta effettivo del cuscinetto; per il calcolo
dallasimmetricit delle forze assiali che agiscono sui rulli. delle reazioni si utilizzano ancora le equazioni isostatiche
supponendo che la rigidezza dellalbero e degli alloggiamenti
matematicamente dimostrabile che tali momenti, generati dal
sia infinitamente grande. Introducendo leffettiva rigidezza dei
disegno interno dei cuscinetti, possono essere trascurati se si
componenti, che potrebbe comportare anche notevoli variazioni
considera lalbero come supportato nei centri effettivi di spinta;
delle forze che agiscono sui cuscinetti, il sistema risulterebbe
solo le forze assiali esterne dovranno essere considerate e le
staticamente indeterminato. In questo caso il calcolo delle reazioni
spinte radiali, dovute agli eventuali momenti da loro generati,
richiederebbe, causa lelevato numero di iterazioni, limpiego di
calcolate utilizzando i centri reali di spinta dei cuscinetti.
un calcolatore.
In Fig. 3-9 sono rappresentati il montaggio "diretto" e "indiretto"
dei cuscinetti a singola fila di rulli. Il tipo di montaggio utilizzabile
funzione delle caratteristiche di ogni specifica applicazione.
6.3. Albero su tre o pi supporti
Le equazioni dellequilibrio statico non sono applicabili al calcolo
delle reazioni sui cuscinetti per alberi con tre o pi supporti. Il
6.2. Albero su due supporti calcolo delle reazioni , in questo caso, effettuato con calcolatori
appositamente programmati per risolvere applicazioni iperstatiche.
Il calcolo delle reazioni sui cuscinetti utilizza le equazioni
Nelle applicazioni iperstatiche le reazioni calcolate sono influenzate
dellequilibrio statico relative alle travi su due supporti. La distanza
dai valori di rigidezza dellalbero e dei supporti; ogni variazione
tra i supporti la distanza tra i centri effettivi di spinta dei cuscinetti.
dei valori di questi parametri pu determinare una variazione,
Nei cuscinetti a doppia fila di rulli si considera il centro geometrico anche di notevole entit, delle reazioni sui supporti.
52
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 53

6.4. Esempi di calcolo Componente verticale della reazione sul cuscinetto A

FrAv = FsG cos 1 + FtG sin 1 + F cos 2 FrBv


Simboli utilizzati negli esempi di calcolo Componente orizzontale della reazione sul cuscinetto A
ae Distanza effettiva dei cuscinetti mm
A, B, ... Posizione del cuscinetto (usato come pedice) FrAh = FsG sin 1 FtG cos 1 + F sin 2 FrBh
c1, c2, ... Distanza lineare (positiva o negativa) mm
Reazione radiale risultante
F Forza applicata N
Fr Carico radiale sul cuscinetto N FrA = (FrAv2 + FrAh2) 1/2
h Orizzontale (usato come pedice)
FrB = (FrBv2 + FrBh2) 1/2
H Potenza kW
K Fattore K dalle tavole Dati dei cuscinetti Vedere la sezione B 1.4.2. per gli esempi di calcolo della durata.
M Momento o coppia N.mm
v Verticale (usato come pedice)

B. Durata dei cuscinetti


1, 2, 3 Angolo di ingranamento relativo al
piano di riferimento definito in Fig. 3-10 gradi

Reazioni radiali sui cuscinetti - Albero su due supporti


Le reazioni radiali sui cuscinetti sono determinate nel modo seguente :
1. Condizioni di carico dinamico
1. Scomponendo le forze applicate allalbero in componenti
orizzontali e verticali relative ad un piano di riferimento 1.1. Durata a catalogo
2. Calcolando i momenti riferiti al supporto opposto
3. Combinando le reazioni orizzontali e verticali per ogni supporto
e determinando la reazione risultante 1.1.1. Durata dei cuscinetti
Le formule seguenti si riferiscono ad un albero su due supporti con
forze di ingranamento Ft (tangenziale), Fs (separazione), e Fa Esistono molti criteri di selezione basati sulle prestazioni dei cuscinetti;
(assiale), un carico radiale esterno F e un momento esterno M. I questi includono durata a fatica, precisione di rotazione, requisiti
carichi sono applicati ad angolazioni arbitrarie (1, 2 e 3) relative di potenza, limiti di temperatura, limiti di velocit, rumorosit, ecc.
al piano di riferimento indicato in Fig. 3-10. Utilizzando il principio Questo manuale considera la durata a fatica dei cuscinetti legata
della sovrapposizione, le formule per le reazioni orizzontali e alla fatica associata al materiale.
verticali (Frv e Frh) possono essere usate per includere un qualsiasi
numero di ingranaggi, forze esterne o momenti. Utilizzare gli stessi I danneggiamenti dei cuscinetti possono anche non
segni determinati dalle formule delle forze di ingranamento. essere dovuti a fatica

Ci sono altri fattori che possono limitare la durata dei cuscinetti,


FaG
FsG
FsG specialmente se non sono stati considerati nellanalisi del progetto
FtG
iniziale, quali una lubrificazione inadeguata, un montaggio non
F FaG FtG
dei
corretto, tenute insufficienti, temperature estreme, elevate velocit
2 no nti
1 Pia ome F e presenza di vibrazioni insolite (traslazionali e torsionali), oltre
m
3 Cuscinetto A Cuscinetto B ad una corretta manipolazione e manutenzione. Questi fattori non
M
saranno trattati in questo manuale, ma potranno essere discussi,
riferimento

FrAh FrBh
Piano di

per qualsiasi applicazione, con un ingegnere di vendita della


FrAv FrBv Societ Timken.
c1 La durata di un cuscinetto definita dal numero di ore, o cicli, che
c2
ae
il cuscinetto raggiunge prima che si sviluppi una superficie scagliata
a fatica di valore prestabilito.
Poich la fatica dei metalli un dato statistico, non possibile stabilire
Fig. 3-10
Reazioni radiali sui cuscinetti
con esattezza la durata di un cuscinetto; un gruppo di cuscinetti
apparentemente identici, sottoposto a condizioni di prova esattamente
uguali, pu fornire durate estremamente diverse. necessario quindi
prevedere la durata dei cuscinetti base di valutazioni statistiche di
Componente verticale della reazione sul cuscinetto B
FrBv =
1
[
c (F cos 1 + FtG sin 1) +
ae 1 sG
1
2 pG
(D b sin G) FaG cos 1 +c2 F cos 2 + M cos 3 ]
Componente orizzontale della reazione sul cuscinetto B

FrBh =
1
[
c (F sin 1 FtG cos 1) +
ae 1 sG
1
2
(DpG b sin G) FaG sin 1 +c2 F sin 2 + M sin 3 ] 53
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 54

un esteso gruppo di cuscinetti, sottoposto ad identiche condizioni 1.1.3. Formule della durata
di impiego. La funzione della distribuzione di Weibull comunemente
utilizzata per stabilire la durata dei cuscinetti per qualsiasi livello di Quanto segue aiuta a visualizzare gli effetti del carico e della
affidabilit richiesto. velocit sulla durata dei cuscinetti :

Raddoppiando il carico la durata (cicli, ore) si riduce a circa un


1.1.2. Durata L10
decimo. Riducendo di met il carico la durata aumenta circa di
dieci volte.
La durata L10 la durata che il 90 % di un gruppo di cuscinetti
uguali raggiunge, o supera, prima che si verifichi un cedimento a Raddoppiando la velocit la durata si riduce di met. Riducendo
fatica di tipo od entit precedentemente stabilito. La durata L10 di met la velocit la durata si raddoppia.
anche associata al 90 % di affidabilit per il singolo cuscinetto
sottoposto ad un dato carico. Con la cresciuta importanza tra le condizioni di riferimento e le
Il limite di durata di un cuscinetto a rulli conici, correttamente reali condizioni di funzionamento dei cuscinetti nella macchina, le
utilizzato e lubrificato, determinato dallaffaticamento prodotto formule tradizionali sono state ampliate per includere certe variabili
dalle sollecitazioni cicliche nelle zone di contatto tra rulli e piste di addizionali che influenzano le prestazioni dei cuscinetti. Solo
rotolamento; secondo i criteri Timken adottati nelle prove di recentemente la tecnologia ha permesso una valutazione quantitativa
laboratorio, il raggiungimento della durata utile del cuscinetto si delle condizioni operative ambientali, come la lubrificazione, la
determina quando la superficie scagliata (pitting o spalling) raggiunge zona di carico e il disassamento sotto forma di diversi fattori di
i 6 mm2. Questa una assunzione arbitraria per cui la durata utile correzione della durata. Il modo in cui questi fattori pi il fattore
del cuscinetto, in funzione dellapplicazione, pu estendersi ben della durata utile sono considerati nella selezione ed analisi dei
oltre questo punto. cuscinetti viene definito dalla Societ Timken.

20
Durata
Numero di cuscinetti che hanno ceduto a fatica

Durata L10
media

15

10

5
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
Durata in multipli della durata L10

Fig. 3-11
Diagramma della dispersione teorica della durata a fatica di un gruppo di 100 cuscinetti apparentemente uguali

Se un gruppo di cuscinetti apparentemente identici sottoposto Le formule ampliate per la durata dei cuscinetti sono :
a determinate condizioni di prova in laboratorio fino a far
sviluppare, per affaticamento del materiale, su ogni cuscinetto
una superficie scagliata pari a 6 mm2, ci si attende che il 90 %
di questi cuscinetti raggiunga durate maggiori della durata stabilita.
L =a a a a
na 1 2 3 4 ( ) C90
P
10/3
(90 x 106) (cicli)

Per cui solo il 10 % dei cuscinetti avr una durata inferiore alla o
durata stabilita. Lesempio di Fig. 3-11 mostra che la dispersione

( ) ( )
della durata dei cuscinetti segue la funzione della distribuzione 10/3
C90 1,5 x 106
di Weibull con un parametro di dispersione (pendenza) uguale L =a a a a (ore)
na 1 2 3 4 P n
a 1,5. Centinaia di prove concorrono a stabilire e verificare le
capacit e le durate L10 dei cuscinetti.
Per garantire una costante qualit del prodotto a livello mondiale, dove :
la Societ Timken conduce continue prove di durata a fatica in
laboratori negli Stati Uniti ed in Inghilterra. Queste prove a1 = fattore correttivo dellaffidabilit
confermano la validit delle capacit di carico pubblicate dalla a2 = fattore correttivo del materiale
Societ Timken.
a3 = fattore correttivo delle condizioni operative
a4 = fattore correttivo della durata utile

54
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 55

Nel caso di carichi assiali esterni puri, Fa, le formule precedenti dalla met dei rulli, corrispondente ad una zona di carico di 180.
diventano : In questo caso, il carico assiale indotto nel cuscinetto :

L = a a a a
na 1 2 3 4 ( ) (
Ca90
Fa
10/3 1,5 x 106
n
) (ore) Fa (180) =
0.47 Fr
K
Le formule per determinare le reazioni assiali nei cuscinetti e i carichi
I calcoli tradizionali di durata L10 sono basati sulla capacit di carico
radiali equivalenti in un sistema di due cuscinetti a singola fila di
dinamica del cuscinetto, sul carico radiale equivalente (ved. pag.
rulli sono basate sullassunzione di una zona di carico di 180 in
60) e sulla velocit. Il metodo del calcolo della durata L10 della Societ
uno dei due cuscinetti e uguale o superiore a 180 nel cuscinetto
Timken basato sulla capacit di carico C90, corrispondente al carico
opposto.
sotto il quale un gruppo di cuscinetti raggiunger una durata L10 pari
a 90 milioni di cicli. Il metodo ISO si basa su una capacit di carico
C1, che produce nel gruppo una durata L10 pari a 1 milione di cicli.
1.1.5. Carico radiale dinamico equivalente
Mentre questi due metodi considerano giustamente le differenze di
La capacit di carico radiale dinamica di un cuscinetto, C 90 ,
base, altre differenze possono interessare il calcolo della durata del
definita come la capacit di sopportare un carico radiale con una
cuscinetto. Per esempio, i due metodi di calcolo del carico radiale
zona di carico nel cuscinetto di 180. Quando il carico assiale nel
dinamico equivalente (pag. 57) possono evidenziare leggere differenze
cuscinetto supera il carico assiale indotto, Fa(180) , per il calcolo
che sono accentuate nella formula di durata dall'esponente 10/3.
della durata dei cuscinetti si deve usare il carico dinamico equivalente.
Inoltre, importante distinguere tra il metodo di calcolo ISO della
Il carico radiale dinamico equivalente corrisponde al carico radiale
durata L10 e la capacit di carico ISO del cuscinetto. Confronti tra
che, se applicato al cuscinetto, produce la stessa durata dei carichi
durate dei cuscinetti dovrebbero essere fatte tra valori ottenuti sulla
combinati assiali e radiali effettivamente applicati.
stessa base (C1 o C90 ) e con la stessa formula della capacit di
Le formule riportate permettono il calcolo approssimato del carico
carico (Timken o ISO). I due metodi sono illustrati di seguito.

1) Il metodo Timken dove :

( ) 10/3 Ca90 = capacit di carico assiale dinamica per una durata L10
C90
L = 90 x 106 (cicli) (1) di 90 milioni di cicli
10 P
Fae = carico assiale esterno

L
10
= ( ) (
C90
P
10/3 1,5 x 106
n
) (ore) (2)
2) Il metodo ISO (ISO 281)

dove :
L10 = durata a catalogo (durata probabile associata ad una
affidabilit del 90 %)
L
10
= ()
C1
P
10/ 3
1 x 106 (cicli) (3)

C90 = capacit di carico radiale dinamica di un cuscinetto a

() ( )
singola fila di rulli per una durata L10 di 90 milioni di 10/ 3
C1 1 x 106
cicli (3000 ore a 500 G/min) L = (ore) (4)
10
P= carico radiale dinamico equivalente P 60 n
n= velocit di rotazione, G/min
dove :
Nota : per carichi assiali puri e per cuscinetti reggispinta, le
formule 1 e 2 diventano : C1 = capacit di carico radiale dinamica per una durata L10

( )
di 1 milione di cicli
Ca90 10/3
L = 90 x 106 (cicli) (1a)
10 Fae Nota : le capacit C1 utilizzate nelle formule 3 e 4 riportate
nelle tavole Dati dei Cuscinetti sono le capacit Timken
L
10
= ( ) (
Ca90
Fae
10/3 1,5 x 106
n
) (ore) (2a) calcolate per una durata L10 di 1 milione di cicli e non
le capacit ISO 281.

dinamico radiale equivalente supponendo che uno dei due cuscinetti


1.1.4. Carichi equivalenti e capacit di carico dei cuscinetti abbia una zona di carico di 180 e uguale o superiore a 180 nel
cuscinetto opposto. Lutilizzo di programmi al calcolatore permette un
I cuscinetti a rulli conici possono sopportare indifferentemente carichi
calcolo pi esatto potendo considerare parametri come le costanti
radiali ed assiali in qualsiasi combinazione. Per la sua configurazione
elastiche dei cuscinetti, la registrazione e la rigidezza dellalloggiamento.
intrinseca, un carico radiale sul cuscinetto svilupper una reazione
La formula approssimata :
assiale nello stesso che dovr essere bilanciata da una forza assiale
equivalente per mantenere uniti i coni e le coppe. Il numero di rulli P = XFr + YFa
in contatto come risultato di questo rapporto determina la zona di Le tavole seguenti riportano le formule per determinare il carico
carico del cuscinetto. Se tutti i rulli sono in contatto, la zona di assiale nei cuscinetti e il carico dinamico radiale equivalente per
carico viene assunta pari a 360. diverse configurazioni, sia con il metodo Timken che con il metodo
Quando un cuscinetto a rulli conici sottoposto a carico radiale ISO. I fattori necessari per eseguire i calcoli sono riportati nelle
puro, per convenzione si assume nel calcolo che il carico sia supportato tavole "Dati dei cuscinetti".
55
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 56

1.1.6. Formule per cuscinetti a singola fila di rulli


Carico radiale ed Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)
assiale combinati Cuscinetto A Cuscinetto B
Cuscinetto A Cuscinetto B

n n

Fae Fae
FrA FrB FrA FrB

Metodo ISO Metodo Timken


Condizione assiale 1 Condizione assiale 2 Condizione assiale 1 Condizione assiale 2
0,5 FrA 0,5 FrB 0,5 FrA 0,5 FrB 0,47 FrA 0,47 FrB 0,47 FrA 0,47 FrB
+ Fae > + Fae + Fae > + Fae
YA YB YA YB KA KB KA KB
Carico assiale sul cuscinetto Carico assiale sul cuscinetto Carico assiale sul cuscinetto Carico assiale sul cuscinetto
0,5 FrB 0,5 FrA 0,47 FrB 0,47 FrA
FaA = +F FaA = FaA = +F F =
YB ae YA KB ae aA KA
0,5 FrB 0,5 FrA 0,47 FrB 0,47 FrA
FaB = FaB = Fae F = F = Fae
YB YA aB KB aB KA
Carico radiale dinamico Carico radiale dinamico Carico radiale dinamico Carico radiale dinamico
equivalente equivalente equivalente equivalente
se FaA eA , PA = FrA
FrA PA = 0,4 FrA + KA FaA PA = FrA
FaB se PA < FrA , PA = FrA PB = 0,4 FrB + KB FaB
PA = FrA se eB , PB = FrB
FrB
PB = FrB se PB < FrB , PB = FrB
se FaA > eA , FaA =
0,5 FrA
FrA YA
F
PA = 0,4 FrA + YA FaA se aB > eB ,
FrB
PB = FrB PB = 0,4 FrB + YB FaB
Durata L10 Durata L10

L10A =
60n PA( )
106 C1A 10/3
(ore) L
10A
= ( )
C90A
PA
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)

( ) ( )
C90B 10/3 500
106 C1B 10/3
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

L10B = (ore) L10B = x 3000 x (ore)


60n PB PB n

Solo carico Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)


assiale
Cuscinetto A Cuscinetto B
Cuscinetto A Cuscinetto B

n n

Fae Fae

Condizione assiale Carico assiale Condizione assiale Carico assiale


FaA = Fae FaA = Fae FaA = Fae FaA = Fae
FaB = 0 FaB = 0 FaB = 0 FaB = 0
Carico dinamico equivalente
PA = YA FaA
PB = 0

Durata L10 Durata L10

L10A =
60n PA( )
106 C1A 10/3
(ore) L
10A
= ( )
C90A
FaA
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)

( ) ( )
C90B 10/3 500
106 C1B 10/3
L10B = x 3000 x (ore)
L10B = (ore)
60n PB FaB n
56
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 57

1.1.7. Formule per cuscinetti a doppia fila di rulli


Cuscinetti della Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)
stessa serie, FrAB FrC
FrAB FrC
KA = KB
Cuscinetto A Cuscinetto B
Cuscinetto A Cuscinetto B Cuscinetto C Cuscinetto C

n n

Cuscinetto fisso Fae Cuscinetto flottante Cuscinetto fisso Fae Cuscinetto flottante

Metodo ISO Metodo Timken


Condizione assiale Condizione assiale
Fae e Fae 0,6 FrAB 0,6 FrAB
>e F > F
Fr Fr ae KA ae KA

Carico radiale dinamico equivalente Carico radiale dinamico equivalente

PAB = FrAB + Y1AB Fae PAB = 0,67 FrAB + Y2AB Fae PA = 0,4 FrAB + KA Fae PA = 0,5 FrAB + 0,83 KA Fae
PB = 0 PB = 0,5 FrAB 0,83 KA Fae
PC = FrC PC = FrC PC = FrC PC = FrC

Durata L10 Durata L10

L
10AB
= ( )
106 C1 (2)
60n PAB
10/3
(ore) L
10A
= ( )
C90A
PA
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)

L
10C
=
60n PC
( )
106 C1 (2) 10/3
(ore) L
10B
= ( )
C90B
PB
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)

L
10C
= ( )
C90(2)C
PC
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)

C90 (2) = capacit di carico radiale dinamica di un cuscinetto a


2 file di rulli

Cuscinetti di serie Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)


diversa FrAB FrC FrAB FrC
KA =
/ KB
Cuscinetto A Cuscinetto A
Cuscinetto B Cuscinetto B Cuscinetto C
Cuscinetto C

n n

Cuscinetto fisso Fae Cuscinetto flottante Cuscinetto fisso Fae Cuscinetto flottante

Metodo Timken
Condizione assiale Durata L10

F >
ae
0,6 FrAB
KA
F
ae
0,6 FrAB
KA L
10A
= ( )
C90A
PA
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)

Carico radiale dinamico equivalente

KA
L
10B
= ( )
C90 B
PB
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)

( )
PA = 0,4 FrAB + KA Fae PA = (F + 1,67 KB Fae) 10/3
KA + KB rAB C90(2)c 500
L = x 3000 x (ore)
10C PC n
KB
PB = 0 PB = (F 1,67 KA Fae)
KA + KB rAB

PC = FrC PC = FrC

57
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 58

1.2. Durata corretta 1.2.4. Fattore correttivo delle condizioni operative a3


Utilizzando il fattore correttivo a3, composto da tre diversi fattori,
1.2.1. Formula generale possibile modificare la durata calcolata e stabilire, mediante
confronto con durate di precedenti applicazioni, linfluenza dei
Per considerare linfluenza che le condizioni operative reali hanno diversi parametri :
sulle prestazioni dei cuscinetti, le tradizionali formule di calcolo a3 = a3k a3l a3m
della durata sono state ampliate, includendo fattori correttivi
a3k = fattore correttivo della zona di carico
relativi alle condizioni operative ipotizzate o rilevate.
Il calcolo della durata , quindi, completato con limpiego della a3l = fattore correttivo della lubrificazione
formula : a3m = fattore correttivo del disassamento

Lna = a1 a2 a3 a4 L10
a3k - fattore della zona di carico
dove La zona di carico la porzione di pista sottoposta a carico ed
Lna = durata con base di affidabilit uguale a (100 n) % misurata in gradi (Fig. 3-12). Essa unindicazione diretta di quanti
rulli sopportano il carico applicato.
a1 = fattore correttivo dellaffidabilit Lestensione della zona di carico funzione della quantit di gioco
o precarico esistente nei cuscinetti; il gioco o precarico dipendono,
a2 = fattore correttivo del materiale a loro volta, dalla registrazione iniziale, dalla geometria interna
a3 = fattore correttivo delle condizioni operative dei cuscinetti, dai carichi applicati e dalla deformazione di tutti i
componenti (albero, cuscinetti, alloggiamento).
a4 = fattore correttivo della durata utile
a3k = 1 La durata a catalogo L10 assume una zona di carico
L10 = durata ottenuta con le formule da 1 a 4 (pag. 55) minima nel cuscinetto di 180.
a3k =/ 1 Il calcolo del fattore a3k richiede, in funzione del gioco
o precarico, unanalisi al calcolatore da parte dalla Societ
1.2.2. Fattore correttivo dellaffidabilit a1 Timken.

Laffidabilit, nel contesto della durata di un gruppo di cuscinetti


apparentemente identici sottoposti alle stesse condizioni di utilizzo,
corrisponde alla percentuale del gruppo che raggiunge o supera
la durata stabilita. Laffidabilit di un cuscinetto singolo la
probabilit che quel cuscinetto ha di raggiungere o superare la
durata stabilita.
La durata L10 di un singolo cuscinetto, o di un gruppo di cuscinetti
uguali sottoposti alle stesse condizioni di impiego, la durata Gioco assiale Zona di carico di 180o,
associata al 90 % di affidabilit. Alcune applicazioni richiedono gioco zero
per i cuscinetti una affidabilit diversa dal 90 %. Il fattore correttivo
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

della durata per calcolare unaffidabilit diversa dal 90 % :

a = 4,48 ln
1 ( ) 100
R
2/3

ln = logaritmo naturale (Base e)

Per ottenere la durata Ln, che la durata per una affidabilit R %, Leggero precarico Zona di carico di 360o,
moltiplicare la durata calcolata L10 per il fattore a1. Per definizione forte precarico
a1 uguale ad 1 per affidabilit del 90 %, per cui a1 < 1 per Fig. 3-12
affidabilit maggiori del 90 % ed a1 >1 per affidabilit inferiori Effetto zona di carico - carico radiale applicato
al 90 %.

1.2.3. Fattore correttivo del materiale a2 a3m - fattore correttivo del disassamento
Per cuscinetti Timken prodotti con acciaio legato di qualit per Lottimizzazione delle prestazioni e della durata si ottiene quando
cuscinetti, fuso ad arco elettrico e rifinito in siviera, a 2 gli anelli del cuscinetto a rulli conici sono perfettamente allineati.
generalmente uguale ad 1. I cuscinetti possono essere prodotti Questo non sempre ottenibile a causa del disassamento tra albero
anche con acciai di maggior qualit che contengono impurit in ed alloggiamento come pure a causa delle deformazioni sotto
quantit e dimensioni minori degli acciai normali per cuscinetti. carico (Fig. 3-13).
La maggior purezza determina una maggiore durata a fatica dei a3m = 1 Per i calcoli di durata a catalogo si assume che il
cuscinetti nel caso questa sia limitata da inclusioni non metalliche. disassamento sia equivalente alle condizioni di riferimento di 0,0005
Al fattore a2 pu essere applicato un valore maggiore di uno. radianti.
58
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:36 Page 59

a3l = Cgx Cl x Cjx Csx Cvx Cgr


dove :
C g = fattore correttivo della geometria
C s = fattore correttivo della velocit
C l = fattore correttivo del carico
Disassamento C v = fattore correttivo della viscosit
Coppa C j = fattore correttivo della zona di carico
Cgr = fattore correttivo della lubrificazione a grasso

Cono Nota : Per tutti i cuscinetti il valore massimo di a3l 2,88. Il valore
minimo di a3l 0,20 per cuscinetti cementati e 0,06 per cuscinetti
a tutta tempra.
Nel fattore correttivo della lubrificazione non stato considerato
nessun fattore per linquinamento perch i test di durata Timken
sono condotti utilizzando un filtro di 40 mm per ottenere un livello
realistico di pulizia del lubrificante.
Fig. 3-13
Disassamento
Fattore correttivo della geometria - Cg
a3m < 1 Cg fornito per ogni simbolo nelle tavole "Dati dei Cuscinetti" per
i cuscinetti TS (da pag. 169 a 247). Questo fattore non applicabile
Se il disassamento superiore a 0,0005 radianti le prestazioni dei ai cuscinetti Timken in P900 (ved. pag. 64).
cuscinetti saranno influenzate negativamente. Comunque, la durata
calcolata dipendente da fattori come la geometria interna, la zona Fattore correttivo del carico - Cl
di carico ed il carico applicato. I cuscinetti P900 sono prodotti con
speciali profili nei componenti per soddisfare particolari condizioni Il fattore Cl ottenuto dalla Fig. 3-14. Da notare che il fattore
applicative come il disassamento. Unanalisi al calcolatore da parte diverso tra cuscinetti cementati e tutta tempra. F a il carico assiale
della Societ Timken necessaria per quantificare il fattore a3m nelle su ciascun cuscinetto determinato dal metodo di calcolo di pag.
condizioni operative reali e per valutare i benefici del P900. 64. Vengono fornite curve separate per carichi in N o lb.
necessario trasformare tutti i carichi sullalbero in reazioni sui
a3l - fattore correttivo della lubrificazione
Le continue ricerche condotte dalla Societ Timken hanno dimostrato 1
0.9 Cementato (N)
che la durata di vita calcolata, utilizzando solo il carico e la velocit, Tutta tempra (N)
0.8
pu essere molto diversa dalla durata reale, quando le condizioni
0.7
operative differiscono in modo sensibile dalle condizioni di laboratorio.
0.6
Parametri come la lubrificazione, la registrazione, il disallineamento,
0.5
le temperature e la rigidezza dellalbero e dellalloggiamento, pos- 0.4
sono avere influenze significative sulla durata dei cuscinetti. Fra questi 0.3
parametri il pi semplice da quantificare la lubrificazione. 0.2
Storicamente, la Societ Timken ha calcolato il fattore correttivo della 0.1
durata a catalogo per la lubrificazione (a3l ) come funzione di tre 0
parametri: 0 10 100 1000 10000 100000
Fa
velocit del cuscinetto (G/min)
temperatura operativa del cuscinetto (C)
Fig. 3-14
viscosit dellolio.
Fattore correttivo del carico (Cl ).

Questi parametri sono necessari per determinare lo spessore del film cuscinetti (FrA , FrB ) e in un carico assiale esterno (Fae ) prima di
di lubrificante in condizioni elastoidrodinamiche (EHD) nelle zone di calcolare il carico assiale per ogni cuscinetto.
contatto degli elementi volventi del cuscinetto. Negli ultimi 10 anni,
numerose prove sono state completate per quantificare gli effetti di Fattore correttivo della zona di carico - Cj
altri parametri, legati alla lubrificazione, sulla durata dei cuscinetti.
La finitura superficiale delle piste e dei rulli in relazione allo spessore a) Calcolare X, dove X = Fr
Fa K
del film lubrificante ha evidenziato leffetto maggiormente apprezzabile,
seguito dalla geometria del cuscinetto, dal materiale, dai carichi e b) Se X > 2,13, la zona di carico inferiore a 180, allora:
dalla zona di carico. Per cuscinetti cementati, C j = 0,747
Lequazione seguente ha lo scopo di fornire un metodo semplice per Per cuscinetti tutta tempra, C j = 0,691
calcolare il fattore correttivo della lubrificazione, valutando linfluenza
della lubrificazione sulla durata del cuscinetto (L 10a ). Se X < 2,13, la zona di carico del cuscinetto maggiore di
180 e C j pu essere determinato dal grafico (Fig. 3-15)

59
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 60

1 Fattore di correttivo della lubrificazione a grasso - Cgr


Per lubrificazione a grasso, lo spessore del film lubrificante EHL si
0.9 impoverisce di olio nel tempo e si riduce in spessore.
Conseguentemente, un fattore di riduzione (Cgr ) dovr essere usato
0.8
per correggere questo effetto.
Per cuscinetti cementati, Cgr = 0.79
Cj

.747
Per cuscinetti tutta tempra, Cgr = 0.74
0.7 .691

Cementato
0.6
Tutta tempra 1.2.5 Fattore correttivo della durata utile - a4
Il criterio che definisce il limite della durata a fatica unarea
0.5
0 0.5 1 1.5 2 2.5
scagliata di 6 mm 2 . Questa la condizione di riferimento della
X Societ Timken nelle capacit di carico con a 4 = 1.
Se per una specifica applicazione si pu definire accettabile una
Fig. 3-15 superficie scagliata a fatica pi grande, allora si pu utilizzare
Fattore zona di carico (Cj ).
un valore di a 4 superiore ad 1.

Fattore correttivo della velocit - Cs


Cs si determina dalla Fig.3-16 dove G/min (RPM) la velocit di 1.2.6. Select-A-Nalysis
rotazione della pista interna rispetto alla pista esterna.
Basata sui risultati del programma di ricerche della Societ Timken,
la tecnica BSA (Bearing Systems Analysis) analizza gli effetti sulle
1000
prestazioni dei cuscinetti di molte variabili reali in aggiunta alle
considerazioni sul carico e la velocit utilizzate nellapproccio
Cementato
tradizionale del calcolo di durata a catalogo.
Tutta tempra
100
Il programma Select-A-Nalysis (SAN) della Societ Timken, unico
nel suo genere, aggiunge alla tecnica di calcolo BSA una sofisticata
Cs

logica di selezione dei cuscinetti.


10 La tecnica BSA permette ai progettisti di quantificare le differenze
nelle prestazioni dei cuscinetti dovute a variazioni nelle condizioni
operative.
1 In una frazione del tempo precedentemente richiesto si possono
1 10 100 1000 10000 eseguire selezione e calcolo estremamente complessi dei cuscinetti.
RPM La procedura di selezione pu essere basata sia sulle prestazioni
Fig. 3-16
che sul prezzo.
Fattore correttivo della velocit - (Cs ).
1.3. Durata del sistema e media ponderata
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

delle durate e dei carichi applicati


Fattore correttivo della viscosit - Cv
La viscosit cinematica, in Centistokes (cSt), considerata alla 1.3.1. Durata del sistema
temperatura operativa del lubrificante. Questa pu essere stimata Laffidabilit del sistema la probabilit che tutti i cuscinetti in un
usando il grafico, (Fig. 5-7), Sezione 5 "Lubrificare i cuscinetti". Il sistema raggiungano o superino la durata richiesta. Laffidabilit
fattore correttivo della viscosit (Cv) pu essere determinato dalla del sistema il prodotto dellaffidabilit di ogni singolo cuscinetto
Fig. 3-17. del sistema :
R (sistema) = RA RB RC ... Rn
10000 In una applicazione, la durata L 10 del sistema per un certo numero
di cuscinetti, ciascuno con una durata L 10 diversa :
Cementato
1000

[( ) ( ) ( ) ]
Tutta tempra 3/2 3/2 3/2 2/3
1 1 1
L10(systema) = + + ... +
L10B
Cv

100 L10A L10n

10
1.3.2. Formule per la media ponderata delle durate e dei carichi
1
In quasi tutte le applicazioni i cuscinetti sono sottoposti a condizioni
1 10 100 1000 10000 di carico variabile. Tuttavia la scelta dei cuscinetti quasi sempre
Viscosit cinematica (cSt) fatta considerando esclusivamente il carico e la velocit massima
applicati.
Fig. 3-17 Unanalisi pi corretta delle condizioni di carico effettive dei cuscinetti
Viscosity factor (Cv). pu essere fatta determinando i valori medi di carico e velocit di
rotazione in base al ciclo di funzionamento della macchina.
TM = Marchio di Fabbrica della The Timken Company

60
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 61

Il carico medio risultante tiene conto delle singole condizioni di Nota : con lesclusione della condizione di funzionamento a
carico presenti nel ciclo: carico applicato, velocit di rotazione velocit costante, le formule elencate non permettono lutilizzo
e tempo di utilizzo proporzionale alla durata totale del ciclo di del fattore di correzione della durata per la lubrificazione a3l .
funzionamento. comunque indispensabile controllare che la Utilizzando le formule di cui sopra la selezione dei cuscinetti, in
condizione estrema di carico, presente nel ciclo, non produca funzione della durata L10 richiesta, dovr essere effettuata mediante
nei cuscinetti pressioni di contatto o disassamenti tali da paragone tra le prestazioni fornite da una machina gi esistente
pregiudicarne il corretto funzionamento. e funzionante nelle medesime condizioni previste per la nuova
applicazione. Il confronto pu essere effettuato solo tra risultati
Carico medio ponderato ottenuti con lo stesso sistema di calcolo. Per utilizzare il fattore
correttivo della lubrificazione, necessario calcolare la durata
media ponderata:
Velocit, carico e tempo di applicazione variabili:

Fwt = (
n1 T1 F1 10/3 +...+ nn Tn Fn 10/3
na ) 0.3 Durata media ponderata

1
dove, per ogni singola condizione di carico : L10wt =
T = percentuale del tempo di applicazione sul tempo totale del ciclo T1 T T
+ 2 +...+ n
F = carico applicato (L10)1 (L10)2 (L10)n
n = velocit di rotazione, G/min
na = velocit di rotazione, G/min, utilizzata nel calcolo della
durata. Impiegando formule di durata Timken utilizzare n dove, durante un ciclo di carico :
a = 500 G/min.
T = percentuale del tempo di applicazione sul tempo totale del ciclo
L10 = durata L10 (pag. 55) del cuscinetto in ciascuna condizione
Carico uniformemente crescente, velocit costante: di carico

[( )] 1.3.3. Relazioni tra carichi, potenza, velocit e durata del cuscinetto


0.3
3 Fmax13/3 Fmin13/3
Fwt =
13 Fmax Fmin
In applicazioni soggette a condizioni di carico variabili, una
volta stabilita la durata del cuscinetto per una condizione, la
dove, durante un ciclo di carico : durata per qualsiasi altra condizione pu essere facilmente
calcolata dal rapporto di certe variabili. Per utilizzare questi
Fmax = carico massimo applicato rapporti il carico del cuscinetto deve variare proporzionalmente
Fmin = carico minimo applicato con la potenza o la velocit, o entrambe. Tuttavia ci si applica
solo a durate a catalogo o durate corrette con qualsiasi fattore
di correzione della durata.

61
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 62

Le relazioni seguenti, tabella 3C, valgono in condizioni specifiche


definite :

Condizione Formula Condizione Formula

( ) ( ) ( )
P1 10/3 n1 n2 7/3
Carico variabile (L10)2 = (L10)1 Potenza costante (L10)2 = (L10)1
Velocit variabile P2 n2 Velocit variabile n1

( ) ( ) ( )
H1 10/3 n2 7/3 P1 10/3
Potenza variabile (L10)2 = (L10)1 Carico variabile (L10)2 = (L10)1
Velocit variabile H2 n1 Velocit costante P2

( ) ( )
n1 H1 10/3
Carico costante (L10)2 = (L10)1 Potenza variabile (L10)2 = (L10)1
Velocit variabile n2 Velocit costantel H2

Tabella 3-C
Formule del rapporto di durata

P = Carico, coppia o forza tangenziale dell'ingranaggio

1.3.4. Esempi di calcolo di durata


Esempio Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)
Carico radiale ed
assiale combinati Cuscinetto A Cuscinetto B
Cuscinetto A Cuscinetto B

A n
B
n
32012X 32011X
C1A = 89600 N C1B = 88000 N
Fae Fae
YA = 1,39 YB = 1,48
eA = 0,43 FrA FrB FrA FrB eB = 0,41
C90A = 23200 N C90B = 22800 N
KA = 1,36 Velocit n = 600 G/min Fae = 4000 N KB = 1,44
Temperatura operativa = 60C FrA = 9000 N
Viscosit dellolio = VG46 FrB = 7000 N

Metodo ISO Metodo Timken


CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

Condizione assiale Forza assiale sul cuscinetto Condizione assiale Forza assiale sul cuscinetto

0,5 x 9000 < 0,5 x 7000 + 4000 FaA = 0,5 x 7000 + 4000 0,47 x 9000 < 0,47 x 7000 + 4000 FaA = 0,47 x 7000 + 4000
1,39 1,48 1,48 1,36 1,44 1,44

FaA = 6365 N FaA = 6285 N

FaB = 0,5 x 7000 FaB = 0,47 x 7000


1,48 1,44

FaB = 2365 N FaB = 2285 N

62
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 63

Metodo ISO Metodo Timken


Carico radiale dinamico equivalente Carico radiale dinamico equivalente

6365 = 0,707 eA = 0,43


9000

0,707 > 0,43

PA = 0,4 x 9000 + 1,39 x 6365 PA = 0,4 x 9000 + 1,36 x 6285

PA = 12447 N PA = 12147 N

PB = FrB = 7000 N PB = FrB = 7000 N

Durata L10 Durata L10

L10A = 106
60 x 600 ( )
89600
12447
10/3
= 20006 ore L10A =
( )
23200
12147
10/3
x 3000 x 500 = 21610 ore
600

L10B = 106
60 x 600 ( )
88000
7000
10/3
= 128325 ore L10B =
( )
22800
7000
10/3
x 3000 x 500 = 128054 ore
600

Durata corretta per la lubrificazione Durata corretta per la lubrificazione

a3l A= 0,04138x(6365)0,3131 x0,830x(600)0,6136 x(20)0,7136 = 0,951 a3l A= 0,04138x(6285)0,3131 x0,830x(600)0,6136 x(20)0,7136 = 0,954

a3l B= 0,03874x(2365)0,3131 x0,690x(600)0,6136 x(20)0,7136 = 1,009 a3l B= 0,03874x(2285)0,3131 x0,690x(600)0,6136 x(20)0,7136 = 1,020

L10aA = 20006 x 0,951 = 19026 ore L10aA = 21610 x 0,954 = 20616 ore
L10aB = 128325 x 1,009 = 129480 ore L10aB = 128054 x 1,020 = 130615 ore

2. Condizioni di carico statico 2.2. Carico radiale statico equivalente


(cuscinetto a singola fila di rulli)
2.1. Capacit statica
Il carico radiale statico equivalente quel carico che, in assenza
La capacit di carico radiale statica C 0 di un cuscinetto, non di rotazioni od oscillazioni, produce nel cuscinetto gli stessi valori
rotante od oscillante, si basa su una pressione di contatto massima, di sollecitazione a compressione, nella zona centrale di contatto
al centro del contatto, di 4.000 MPa ed una zona di carico di di un rullo, che produrrebbero carichi combinati radiali ed assiali
180 (porzione delle piste di rotolamento sottoposte a carico). effettivamente applicati. Le formule sotto riportate permettono il
La pressione di 4.000 MPa pu causare, sulle piste di rotolamento calcolo del carico radiale statico equivalente, assumendo per uno
del cuscinetto, leggere tracce di "brinelling". Le tracce, anche se dei due cuscinetti una zona di carico di 180 ed uguale o superiore
visibili, non hanno rilevante effetto sulla durata finale del cuscinetto a 180 nel cuscinetto opposto.
sottoposto, in seguito, a rotazione e carichi di modesta entit. Se
rumore, vibrazioni o coppia di rotolamento sono parametri critici,
si dovr considerare un limite inferiore.
Le formule che seguono possono essere utilizzate per determinare
il carico radiale statico equivalente nei cuscinetti sottoposti a
condizioni di carico statico. Lidoneit dellimpiego dei cuscinetti
prescelti data dal confronto tra le capacit statiche radiali dei
cuscinetti ed i carichi statici equivalenti calcolati. Suggeriamo
comunque, per tutte le applicazioni prevalentemente sottoposte a
carico statico, di contattare la Societ Timken per la definitiva
conferma della scelta effettuata.

63
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 64

Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)


Cuscinetto A Cuscinetto B
Cuscinetto A Cuscinetto B

Fae Fae
FrA FrB FrA FrB

Forza assiale sul Carico radiale statico


Condizione assiale
cuscinetto equivalente (P0)
P0B = FrB
0,47 FrB
0,47 FrA 0,47 FrB F = +F per FaA < 0,6 FrA / KA
aA KB ae
+ F
KA KB ae P0A = 1,6 FrA 1,269 KA FaA
0,47 FrB per FaA > 0,6 FrA / KA
F =
aB KB P0A = 0,5 FrA + 0,564 KA FaA
per FaB > 0,6 FrB / KB
0,47 FrA
F = P0B = 0,5 FrB + 0,564 KB FaB
aA KA
0,47 FrA 0,47 FrB per FaB < 0,6 FrB / KB
> + F
KA KB ae
0,47 FrA P0B = 1,6 FrB 1,269 KB FaB
F = F
aB KA ae P0A = FrA

dove : Nota : usare il valore di P0 calcolato per confronto con la capacit


Fr = carico radiale applicato statica C0 anche se P0 inferiore al carico radiale applicato Fr.
Fa = forza assiale sul cuscinetto. FaA e FaB calcolata dalle formule

2.3. Carico radiale statico equivalente (cuscinetti


Effetti della geometria P900 sulla durata a fatica del cuscinetto
a doppia fila di rulli)
5
Geometria standard
Le tavole Dati dei cuscinetti non riportano le capacit di carico radiali 4,70
Geometria migliorata P900 4,55
Durata relativa

statiche dei cuscinetti a due file di rulli. La capacit radiale statica dei 4
cuscinetti a due file di rulli pu essere stimata come segue : 3,65
3
C0(2) = 2C0
dove : 2
C0(2) = capacit radiale statica del cuscinetto a due file di rulli
C0 = capacit radiale statica del cuscinetto a singola fila di rulli (tipo 1 1,15
1 1 1 1
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

TS), appartenente alla stessa serie del cuscinetto a due file di 0


Carico 50% C90 100% C90 150% C90 200% C90
rulli (vedi Indice dei cuscinetti) Disassamento 0,001 Radianti 0,002 Radianti 0,003 Radianti 0,004 Radianti
Qualora lapplicazione comporti carichi combinati, assiali e radiali, si
suggerisce di contattare un ingegnere di vendita della Societ Timken. Fig. 3-15
La geometria migliorata dei cuscinetti P900 elimina virtualmente le

3. Cuscinetti Performance 900 (P900)


concentrazioni di sollecitazione alle estremit causate da carichi
elevati o disassamento.

I cuscinetti P900 consentono di ridurre gli ingombri in applicazioni critiche


Effetto del processo di finitura P900
mediante limpiego di cuscinetti pi piccoli e pi leggeri e permettono sulla durata a fatica del cuscinetto
di aumentare la potenza trasmessa prolungandone la durata e 5
migliorandone laffidabilit. Finitura standard
4,60
I cuscinetti P900 possono aumentare le prestazioni dei cuscinetti standard 4 Finitura migliorata P900
fino a 3 volte o pi, a parit di ingombri.
Durata relativa

3
I prodotti P900 offrono: Spessore del film lubrificante
=
Una maggiore durata dovuta ad acciai super-puri. 2
Finitura superficiale composita

2,15
Una capacit di carico aumentata per la migliorata geometria del
cuscinetto. 1
1,20
1 1 1
Prestazioni migliorate in condizioni critiche di spessore ridotto del
film lubrificante per la super-finitura delle superfici. 0
Condizioni di prova 1 Condizioni di prova 2 Condizioni di prova 3
Capacit di analisi tecnologicamente avanzate per applicare queste =1,1 = 2,1 = 0,4 =1,5 = 0,6 = 2,1

migliorie. Fig. 3-16


Per ulteriori informazioni sulle prestazioni di questi nuovi cuscinetti, Vi La superfinitura migliora sostanzialmente la finitura delle superfici a contatto
suggeriamo di contattare un ingegnere di vendita della Societ Timken. e la durata a fatica quando questa legata a fatica di contatto superficiale.
Essa inoltre produce cuscinetti con errori di ovalizzazione e di eccentricit
TM = Marchio di Fabbrica della The Timken Company delle superfici estremamente ridotti.

64
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 65

C. Coppia di rotolamento
Le formule che seguono forniscono una approssimazione della
coppia di rotolamento dei cuscinetti. Le formule sono valide per
cuscinetti lubrificati ad olio. La coppia di rotolamento di cuscinetti
lubrificati a grasso, o con nebbia dolio, generalmente inferiore,
Coppia di rotolamento M anche se questa dipende dalla quantit e consistenza del grasso.
La resistenza alla rotazione di un cuscinetto a rulli conici funzione Le formule sotto riportate sono relative a cuscinetti gi rodati.).
di vari fattori quali : carico applicato, velocit di rotazione, condizioni
di lubrificazione e geometria interna.

1. Cuscinetti a singola fila di rulli


Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)

Cuscinetto A Cuscinetto B
Cuscinetto A Cuscinetto B

n n

Fae Fae
FrA FrB FrA FrB

Forza assiale sul a) KA FaA


Condizione assiale >2
( )
cuscinetto FrA 0,3
f1 FrA
MA = k1 G1A (n)0,62
K F KA
0,47 FrA 0,47 FrB 0,47 FrB f = A aA
+ Fae F = +F 1 FrA
KA KB aA KB ae
f2 = f1 + 0,8

F =
0,47 FrB b) 0,47 < KA FaA 2
aB KB FrA
1 f1, f2 : usare il grafico 3.17

( )
c) KA FaA 0,3
= 0,47 0,06FaA
FrA MA = k1 G1A (n)0,62
0,47
f1 = 0,06
f2 = 1,78

2
f1 = 0,06
f2 = 1,78 ( )
MB = k1 G1B (n)0,62
0,06FaB
0,47
0,3

( )
0,47 FrA 0,47 FrB 0,47 FrA a KB FaB 0,3
> + Fae F = >2 f1 FrB
KA KB aA KA FrB MB = k1 G1B (n)0,62
KB
K F
f = B aB
0,47 FrA 1 FrB
F = F
aB KA ae
f2 = f1 + 0,8
K F
b) 0,47 < B aB 2
1 FrB
f1, f2 : usare il grafico 3.17

c) KB FaB
FrB
= 0,47 ( )
MB = k1 G1B (n)0,62
0,06FaB
0,47
0,3

f1 = 0,06
f2 = 1,78

2
f1 = 0,06
f2 = 1,78 MA = k1 G1A (n)0,62 ( 0,06FaA
0,47 ) 0,3

MA o MB sottostimer la coppia di rotolamento se la velocit di funzionamento n : n< ( )


k2 f2 Fr
G2 K
2/3

65
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 66

2. Cuscinetti a doppia fila di rulli


Schema (forza assiale esterna Fae sul cuscinetto A)
FrAB FrAB FrC
Cuscinetto Cuscinetto Cuscinetto Cuscinetto Cuscinetto
A B A B C

n n n
Fae Fae

a) Posizione fissa
Condizione assiale Forza assiale sul
cuscinetto

0,47 FrAB K Fae MA = k1 G1A (n)0,62 x (Fae)0,3


La fila di rulli B scarica >2
Fae > FrAB
K
FrA = FrAB K Fae
FaA = Fae f =
1 FrAB

f2 = f1 + 0,8

0,47
K Fae
FrAB
2 M = k G (n)0,62
A 1 1A ( )
f1 FrAB
K
0,3

f1 , f2 : usare il grafico 3.17

FrAB
F = + 1,06 K F

( )
rA 2 ae
0,47 FrAB 0,060 0,3
Fae M = k1 G1 (n)0,62 (FrA0,3 + FrB0,3)
K F K
F = rAB 1,06 K F
rB 2 ae

b) Posizione flottante

( )
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

0,030 FrC 0,3


MC = 2 k1 G1C (n) 0,62
KC
MA sottostimer la coppia di rotolamento se la velocit di funzionamento n <
k2
G2 ( ) f2 FrA
K
2/ 3

MAB sottostimer la coppia di rotolamento se la velocit di funzionamento n <


G2 K( )
k2 1,78 FrA 2/ 3

MC sottostimer la coppia di rotolamento se la velocit di funzionamento n <


k2
G2 ( )
0,890 FrC
KC
2/3

dove :
M = coppia di rotolamento, N.m
Fr = carico radiale, N
G1 = fattore della geometria interna del cuscinetto (vedi tavole Dati dei cuscinetti)
G2 = fattore della geometria interna del cuscinetto (vedi tavole Dati dei cuscinetti)
K = fattore K
n = velocit di rotazione, G/min
k1 = 2,56 x 106
k2 = 625
= viscosit dinamica del lubrificante alla temperatura di funzionamento (centipoise). Per il grasso usare la viscosit dellolio
di base (Fig. 3-18).
f1 = fattore combinato di carico (Fig. 3-17)
f2 = fattore combinato di carico (Fig. 3-17)
66
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 67

2,8

2,6

2,4

2,2

f2
Fattori combinati di carico f1 e f2

2,0

1,8

1,6

1,4

f1
1,2

1,0

0,8

0,6

0,4

0,2

0
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 1,4 1,6 1,8 2,0

KFa/Fr

Condizioni di carico f1 e f2

KFa /Fr > 2,0 f1 = KFa /Fr


f2 = f1 + 0,8

0,47 KFa/ Fr 2,0 Usare il grafico precedente

KFa /Fr = 0,47 f1 = 0,06


f2 = 1,78

Fig. 3-17
Fattori combinati di carico f 1 e f 2.

67
CHAP3IT.QXD 21/06/02 15:37 Page 68

10000
7500
5000
4000
3000
2000

1000
750
500
400
300
Viscosit dimanica in mPa.s (centipoise, cP)

200
150

100
80
60
50
40

30
25 1500
20 1000
18
680
16
14
460
12

Grado di viscosit ISO/ASTM


320
10
9 220
8
7 150

6
100
5

4,5 68
4

3,5 46
CALCOLARE LE PRESTAZIONI DEI CUSCINETTI

22 32
3
30 40 50 60 70 80 90 100 110 120 C

Temperatura

Fig. 3-18
Viscosit in mPa.s (centipoise, cP) dei fluidi lubrificanti industriali con grado
di viscosit secondo le norme ISO/ASTM. Le curve sono state stabilite per
un indice di viscosit di 90 e peso specifico di 0,875 a 40 C.

68
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page XV

A. TOLLERANZE DEI CUSCINETTI .............................. 71


1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
2. Cuscinetti metrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Cuscinetti in pollici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
4. Cuscinetti reggispinta assiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78

B. CONFIGURAZIONI DI MONTAGGIO ........................ 80


1. Spallamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2. Diametri degli spallamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
3. Sedi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
3.1. Geometria
3.2. Finitura superficiale - cuscinetti standard
3.3. Finitura superficiale - cuscinetti di precisione

4. MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI


C. TOLLERANZE DI ACCOPPIAMENTO ......................... 82
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
2. Indicazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
2.1. Tolleranze di accoppiamento - Applicazioni industriali -
Cuscinetti metrici
2.2. Tolleranze di accoppiamento - Applicazioni industriali -
Cuscinetti in pollici
2.3. Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti di precisione -
Cuscinetti Metrici
3. Casi particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
3.1. Cuscinetti reggispinta assiali tipo TTC, TTSP e TTHD
3.2. Alloggiamenti in materiali non ferrosi
3.3. Alberi cavi
3.4. Accoppiamenti forzati "Heavy duty"
3.5. Assemblaggi a due file di rulli con coppe doppie
3.6. Cuscinetti assemblati tipo SR, TNA, TNASW e TNASWE

D. PROCEDURE DI MONTAGGIO ............................ 102


E. REGISTRAZIONE .......................................... 102
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
2. Influenze sulla registrazione dei cuscinetti . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
2.1. Considerazioni generali
2.2. Effetti della temperatura
2.3. Effetto degli accoppiamenti con interferenza
3. Metodi di registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
3.1. Campo di registrazione
3.2. Registrazione manuale
3.3. Cuscinetti assemblati preregistrati
4. Tecniche di registrazione automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
4.1. Set-Right
4.2. Acro-Set
4.3. Torque-Set
4.4. Projecta-Set

F. SISTEMI DI TENUTA ....................................... 107


1. Considerazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
1.1. Finitura superficiale degli alberi
1.2. Lubrificazione a grasso - sfiati
1.3. Tenute per alberi verticali - lubrificazione ad olio
2. Tenute senza strisciamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
2.1. Tenute in lamierino stampato
2.2. Tenute meccaniche
2.3. Tenute con scanalature anulari
3. Tenute a strisciamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
3.1. Tenute radiali
3.2. Tenute DUO FACE-PLUS
3.3. Tenute a diaframma
3.4. Segmenti di pistone 69
3.5. Tenute V-Ring
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 70
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 71

A. Tolleranze dei cuscinetti


ristrette sulla larghezza. Le classi C, B, A e AA sono classi di
"precisione". Queste tolleranze rientrano nello standard ISO
492 con leccezione di alcune dimensioni indicate nelle tavole.
Queste differenze hanno normalmente un effetto trascurabile

1. Introduzione sul montaggio e sulle prestazioni dei cuscinetti a rulli conici.

Classe dei cuscinetti


I cuscinetti Timken sono prodotti in diverse "Classi" che definiscono
le tolleranze di esecuzione per il diametro interno, il diametro
esterno, la larghezza, lerrore di rotazione, ecc.
La Societ Timken produce cuscinetti con dimensioni metriche ed Classe dei cuscinetti
in pollici. Le tolleranze di esecuzione sulle dimensioni di ingombro
dei cuscinetti appartenenti alle due categorie non sono uguali.
Timken K N C B A AA
La maggiore differenza consiste nel diverso modo in cui la
tolleranza di esecuzione dell'alesaggio e del diametro esterno
espressa nei due sistemi: nel sistema in pollici il valore della ISO Normal 6X 5 4 2 -
tolleranza positivo mentre nel sistema metrico il valore della
tolleranza negativo.

2. Cuscinetti metrici (Cuscinetti ISO e con prefisso "J") La tabella seguente mostra la corrispondenza, approssimativa,
La Societ Timken produce cuscinetti metrici in sei diverse classi tra le classi metriche Timken e la designazione ISO.
di tolleranza. Le classi K e N sono considerate normali o Per la corrispondenza esatta, consultare un ingegnere di vendita
"standard" la classe N ha, rispetto alla classe K, tolleranze pi della Societ Timken.

Tolleranze di fabbricazione (m) - Cuscinetti metrici


CLASSE DEI CUSCINETTI
ALESAGGIO CONO Standard Precisione
K N C B A AA
Tipo di Alesaggio
cuscinetto interior (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min
10 18 0 12 0 12 0 7 0 5 0 5 0 5
18 30 0 12 0 12 0 8 0 6 0 6 0 6
30 50 0 12 0 12 0 10 0 8 0 8 0 8
50 80 0 15 0 15 0 12 0 9 0 8 0 8
80 120 0 20 0 20 0 15 0 10 0 8 0 8
120 180 0 25 0 25 0 18 0 13 0 8 0 8
180 250 0 30 0 30 0 22 0 15 0 8 0 8
TS 250 265 0 35 0 35 0 22 0 15 0 8 0 8
265 315 0 35 0 35 0 22 0 15
TSF 315 400 0 40 0 40 0 25
400 500 0 45 0 45 0 25
SR 500 630 0 50 0 30
630 800 0 80 0 40
800 1000 0 100 0 50
1000 1200 0 130 0 60
1200 1600 0 150 0 80
1600 2000 0 200
2000 0 250
I cuscinetti SR sono prodotti solo in classe N.

71
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 72

Tolleranze di fabbricazione (mm) Cuscinetti metrici


Cont.
CLASSE DEI CUSCINETTI
DIAMETRO ESTERNO Standard Precisione
COPPA K N C B A AA
Tipo di Diametro
cuscinetto esterno (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min
10 18 0 8 0 8
18 30 0 12 0 12 0 8 0 6 0 8 0 8
30 50 0 14 0 14 0 9 0 7 0 8 0 8
50 80 0 16 0 16 0 11 0 9 0 8 0 8
80 120 0 18 0 18 0 13 0 10 0 8 0 8
120 150 0 20 0 20 0 15 0 11 0 8 0 8
150 180 0 25 0 25 0 18 0 13 0 8 0 8
TS 180 250 0 30 0 30 0 20 0 15 0 8 0 8
250 265 0 35 0 35 0 25 0 18 0 8 0 8
TSF 265 315 0 35 0 35 0 25 0 18
315 400 0 40 0 40 0 28
SR 400 500 0 45 0 45 0 30
500 630 0 50 0 50 0 35
630 800 0 80 0 40
800 1000 0 100 0 50
1000 1200 0 130 0 60
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

1200 1600 0 165 0 80


1600 2000 0 200
2000 0 250
I cuscinetti SR sono prodotti solo in classe N.

CLASSE DEI CUSCINETTI


LARGHEZZA CONO Standard Precisione
K N C B A AA
Tipo di Alesaggio
cuscinetto (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min
10 50 0 100 0 50 0 200 0 200 0 200 0 200
50 120 0 150 0 50 0 300 0 300 0 300 0 300
120 180 0 200 0 50 0 300 0 300 0 300 0 300

TS 180
250
250
265
0
0
200
200
0
0
50
50
0
0
350
350
0
0
350
350
0
0
350
350
0
0
350
350

TSF 265
315
315
500
0
0
200
250
0
0
50
50
0
0
350
350
0

350









500 630 0 250 0 350
630 1200 0 300 0 350
1200 1600 0 350 0 350
1600 0 350

72
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 73

CLASSE DEI CUSCINETTI


LARGHEZZA Standard Precisione
COPPA K N C B A AA
Tipo di Diametro
cuscinetto esterno (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min
10 18 0 120 0 100
18 80 0 150 0 100 0 150 0 150 0 150 0 150
80 150 0 200 0 100 0 200 0 200 0 200 0 200
150 180 0 200 0 100 0 250 0 250 0 250 0 250
180 250 0 250 0 100 0 250 0 250 0 250 0 250
TS 250 265 0 250 0 100 0 300 0 300 0 300 0 300
265 315 0 250 0 100 0 300 0 300
TSF 315 400 0 250 0 100 0 300
400 500 0 300 0 100 0 350
500 800 0 300 0 350
800 1200 0 350 0 400
1200 1600 0 400 0 400
1600 0 400
Non conforme alle specifiche ISO 492-1981. La leggera differenza non ha, normalmente, effetto sul
montaggio e sulle prestazioni dei cuscinetti. I cuscinetti della serie ISO 30000 sono disponibili secondo le
specifiche ISO 492.

CLASSE DEI CUSCINETTI


STAND CONO Standard Precisione
K N C B A AA
Tipo di Alesaggio
cuscinetto (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min
10 80 +100 0 +50 0 +100 100 * * * * * *
80 120 +100 100 +50 0 +100 100 * * * * * *
120 180 +150 150 +50 0 +100 100 * * * * * *
TS 180 250 +150 150 +50 0 +100 150 * * * * * *
250 265 +150 150 +100 0 +100 150 * * * * * *
Stand cono: Lo stand del
cono la misura della
TSF 265 315 +150 150 +100 0 +100 150 * *
variazione nella dimensione e 315 400 +200 200 +100 0 +150 150
conicit della pista del cono e
400 * * * * * *
dimensione e conicit dei rulli
che viene controllata misurando * I cuscinetti con queste dimensioni sono prodotti solo con componenti accoppiati.
la posizione assiale della
superficie di riferimento di un
calibro campione rispetto alla
CLASSE DEI CUSCINETTI
faccia di riferimento del cono.
STAND COPPA Standard Precisione
K N C B A AA
Tipo di Alesaggio
cuscinetto (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min
10 18 +100 0 +50 0 * * * * * *
18 80 +100 0 +50 0 +100 100 * * * * * *
TS 80 120 +100 100 +50 0 +100 100 * * * * * *
120 265 +200 100 +100 0 +100 150 * * * * * *
TSF 265 315 +200 100 +100 0 +100 150 * *
315 400 +200 200 +100 0 +100 150
Stand coppa: Lo stand della
400 * * * * * *
coppa la misura della
variazione nella dimensione e * I cuscinetti con queste dimensioni sono prodotti solo con componenti accoppiati.
conicit della pista della Lo stand per coppe flangiate misurato sul lato interno della flangia (superficie di appoggio).
coppa che viene controllata
misurando la posizione assiale
della superficie di riferimento
di un calibro campione
rispetto alla faccia di
riferimento della coppa. 73
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 74

Tolleranze di fabbricazione (mm) Cuscinetti metrici


Cont.
CUSCINETTO ASSEMBLATO - CLASSE DEI CUSCINETTI
LARGHEZZA Standard Precisione
K N C B A AA
Tipo di Alesaggio
cuscinetto (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min
10 80 +200 0 +100 0 +200 200 +200 200 +200 200 +200 200
80 120 +200 200 +100 0 +200 200 +200 200 +200 200 +200 200
120 180 +350 250 +150 0 +350 250 +200 250 +200 250 +200 250
180 250 +350 250 +150 0 +350 250 +200 300 +200 300 +200 300
TS 250 265 +350 250 +200 0 +350 300 +200 300 +200 300 +200 300
265 315 +350 250 +200 0 +350 300 +200 300
315 500 +400 400 +200 0 +350 300
TSF 500 800 +400 400 +350 400
800 1000 +450 450 +350 400
1000 1200 +450 450 +350 450
1200 1600 +450 450 +350 500
1600 +450 450

SR

10 500 0 150

Nei cuscinetti TSF la tolleranza relativa alla dimensione T 1 .


I cuscinetti SR sono prodotti solo in classe N.
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

CUSCINETTO ASSEMBLATO - MASSIMO


ERRORE DI ROTAZIONE RADIALE CLASSE DEI CUSCINETTI
Tipo di Diametro Standard Precisione
cuscinetto esterno (mm)
pi di a (inc.) K N C B A AA
10 18 1.9 1
18 30 18 18 5 3 1.9 1
30 50 20 20 6 3 1.9 1
50 80 25 25 6 4 1.9 1
80 120 35 35 6 4 1.9 1
120 150 40 40 7 4 1.9 1
150 180 45 45 8 4 1.9 1
TS 180 250 50 50 10 5 1.9 1
250 265 60 60 11 5 1.9 1
TSF 265 315 60 60 11 5
315 400 70 70 13

SR 400
500
500
630
80
100
80

18
25






630 800 120 35
800 1000 140 50
1000 1200 160 60
1200 1600 180 80
1600 2000 200
2000 200
I cuscinetti SR sono prodotti solo in classe N.

74
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 75

3. Cuscinetti in pollici
I cuscinetti in pollici sono prodotti in diverse classi di tolleranza.. Le classi 4 e 2 sono definite "standard" ; la 2 presenta, rispetto alla
4, tolleranze pi ristrette per alcune dimensioni richieste da applicazioni specifiche. Le classi 3, 0, 00 e 000 sono le classi di "precisione".

Tolleranze di fabbricazione (m) - Cuscinetti in pollici


CLASSE DEI CUSCINETTI
ALESAGGIO CONO Standard Precisione
4 2 3 0 00 000
Tipo di Alesaggio
cuscinetto (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min

0 76.200 +13 0 +13 0 +13 0 +13 0 +8 0 +8 0

TS 76.200 266.700 +25 0 +25 0 +13 0 +13 0 +8 0 +8 0


TSF
TSL 266.700 304.800 +25 0 +25 0 +13 0 +13 0 +8 0 +8 0
SS 304.800 609.600 +51 0 +25 0
TDI
TDIT 609.600 914.400 +76 0 +38 0
TDO
TNA 914.400 1219.200 +102 0 +51 0

1219.200 +127 0 +76 0

Per i cuscinetti TSL queste sono le tolleranze normali per lalesaggio. Tuttavia, lalesaggio lato sezione maggiore dell'anello
interno pu essere leggermente inferiore a causa del montaggio con interferenza della tenuta sul bordino. Questo non
dovrebbe avere nessun effetto sulle prestazioni dei cuscinetti.
Nota: Per le tolleranze dellalesaggio dei cuscinetti TNASW e TNASWE vedere "Tavole dei cuscinetti" a pag. 319.

CLASSE DEI CUSCINETTI


DIAMETRO ESTERNO Standard Precisione
COPPA 4 2 3 0 00 000
Tipo di Diametro
cuscinetto esterno (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min

TS 0 266.700 +25 0 +25 0 +13 0 +13 0 +8 0 +8 0


TSF
TSL 266.700 304.800 +25 0 +25 0 +13 0 +13 0 +8 0 +8 0
SS
304.800 609.600 +51 0 +51 0 +25 0
TDI
TDIT 609.600 914.400 +76 0 +76 0 +38 0
TDO
TNA 914.400 1219.200 +102 0 +51 0
TNASW
1219.200 +127 0 +76 0
TNASWE

75
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 76

Tolleranze di fabbricazione (mm) - Cuscinetti in pollici


Cont.

CLASSE DEI CUSCINETTI


STAND CONO Standard Precisione
4 2 3 0 00 000
Tipo di Alesaggio
cuscinetto (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min

0 101.600 +102 0 +102 0 +102 102 * * * * * *


TS 101.600 266.700 +152 152 +102 0 +102 102 * * * * * *
TSL
SS 266.700 304.800 +152 152 +102 0 +102 102 * *
TDI
TDIT 304.800 406.400 +178 178 +102 102
TDO 406.400 * * * * * *
Stand cono: Lo stand del
cono la misura della
variazione nella dimensione e * I cuscinetti con queste dimensioni sono prodotti solo con componenti accoppiati.
conicit della pista del cono e Per i cuscinetti TDI e TDIT in classe 2 con alesaggio compreso fra 101,600 e 304,800 mm, il valore dello stand cono di 102.
dimensione e conicit dei rulli
che viene controllata misurando
la posizione assiale della
superficie di riferimento di un
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

calibro campione rispetto alla


faccia di riferimento del cono.

CLASSE DEI CUSCINETTI


STAND COPPA Standard Precisione
4 2 3 0 00 000
Tipo di Alesaggio
cuscinetto (mm)
pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min

0 101.600 +102 0 +102 0 +102 102 * * * * * *


TS
TSF 101.600 266.700 +203 102 +102 0 +102 102 * * * * * *
TSL 266.700 304.800 +203 102 +102 0 +102 102 * *
SS
TDI 304.800 406.400 +203 203 +102 102
TDIT
Stand coppa: Lo stand della
406.400 * * * * * *
coppa la misura della
variazione nella dimensione e * Dimensioni in cui i cuscinetti sono prodotti solo con componenti accoppiati.
conicit della pista della Lo stand per coppe flangiate misurato sul lato interno della flangia (superficie di appoggio).
coppa che viene controllata
misurando la posizione assiale
della superficie di riferimento
di un calibro campione
rispetto alla faccia di
riferimento della coppa.

76
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:41 Page 77

Tolleranze di fabbricazione (mm) - Cuscinetti in pollici


Cont. CLASSE DEI CUSCINETTI
CUSCINETTO ASSEMBLATO - Standard Precisione
LARGHEZZA 4 2 3 0 00 000
Tipo di Alesaggio Diametro
cuscinetto (mm) esterno (mm)
pi di a (inc.) pi di a (inc.) max min max min max min max min max min max min

0 101.600 +203 0 +203 0 +203 203 +203 203 +203 203 +203 203

101.600 266.700 +356 254 +203 0 +203 203 +203 203 +203 203 +203 203

TS 266.700 304.800 +356 254 +203 0 +203 203 +203 203


TSF 304.800 609.600 0 508.000 +381 381 +203 203
TSL
304.800 609.600 508.000 +381 381 +381 381

609.600 +381 381 +381 381

TNA 0 127.000 +254 0 +254 0


TNASW
TNASWE 127.000 +762 0 +762 0

0 101.600 +406 0 +406 0 +406 406 +406 406 +406 406 +406 406

101.600 266.700 +711 508 +406 203 +406 406 +406 406 +406 406 +406 406
TDI 266.700 304.800 +711 508 +406 203 +406 406 +406 406
TDIT
304.800 609.600 0 508.000 +762 762 +406 406
TDO
304.800 609.600 508.000 +762 762 +762 762

609.600 +762 762 +762 762

2S 0 101.600 +457 51 +457 51

Nei cuscinetti TSF la tolleranza relativa alla dimensione T1

CUSCINETTO ASSEMBLATO - CLASSE DEI CUSCINETTI


MASSIMO ERRORE DI Standard Precisione
ROTAZIONE RADIALE 4 2 3 0 00 000
Tipo di Diametro
cuscinetto esterno (mm)
pi di a (inc.)
TS
TSF 0 266.700 51 38 8 4 2 1
TSL
SS 266.700 304.800 51 38 8 4 2 1
TDI 304.800 609.600 51 38 18
TDIT
TDO 609.600 914.400 76 51 51
TNA
TNASW 914.400 76 76
TNASWE

77
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 78

4. Cuscinetti reggispinta assiali


Cuscinetti reggispinta assiali - Tipo TTC & TTSP

Tolleranze di fabbricazione (m)


ALESAGGIO
Dimensione (mm) Deviazione (mm)

pi di a (incl.) max min

0 25.400 +76 76

25.400 76.200 +102 102

76.200 +127 127


MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

DIAMETRO ESTERNO
Dimensione (mm) Deviazione (mm)

pi di a (incl.) max min

0 127.000 +254 0

127.000 203.200 +381 0

203.200 +508 0

LARGHEZZA
Dimensione (mm) Deviazione (mm)

pi di a (incl.) max min

0 76.200 +254 254

76.200 127.000 +381 381

127.000 +508 508

78
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 79

Cuscinetti reggispinta assiali - Tipo TTHD

Tolleranze di fabbricazione (m)


CLASSE DEI CUSCINETTI
ALESAGGIO Standard Precisione
Dimensione (mm) 2 3

pi di a (incl.) max min max min

0 304.800 +25 0 +13 0

304.800 609.600 +51 0 +25 0

609.600 914.400 +76 0 +38 0

914.400 1219.200 +102 0 +51 0

1219.200 +127 0 +76 0

CLASSE DEI CUSCINETTI


DIAMETRO ESTERNO Standard Precisione
Dimensione (mm) 2 3

pi di a (incl.) max min max min

0 304.800 +25 0 +13 0

304.800 609.600 +51 0 +25 0

609.600 914.400 +76 0 +38 0

914.400 1219.200 +102 0 +51 0

1219.200 +127 0 +76 0

CLASSE DEI CUSCINETTI


LARGHEZZA Standard Precisione
2 3

max min max min

Tutte le dimensioni +381 381 +203 203

79
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 80

B. Configurazioni di montaggio
1. Spallamenti
La funzione principale degli spallamenti quella di fornire, oltre In alcuni montaggi si utilizza un anello distanziale interposto
ad un preciso posizionamento assiale, un corretto allineamento tra lo spallamento dellalbero e del cono del cuscinetto. Una
dei cuscinetti con le parti adiacenti in qualsiasi condizione di possibile alternativa rappresentata da spallamenti ottenuti con
funzionamento e di carico prevista dal progetto. anelli elastici o anelli in due parti (Fig. 4-2).

Per ottenere la massima durata ed efficienza da un cuscinetto Distanziali o anelli elastici possono essere impiegati per ottenere
a rulli conici indispensabile che lo spallamento di ciascun spallamenti anche per le coppe (Fig. 4-3). Nel caso lo
anello sia perpendicolare allasse di rotazione del cuscinetto e spallamento sia ottenuto con un anello elastico si consiglia di
che il diametro dello spallamento fornisca una superficie montare la coppa del cuscinetto con interferenza.
dappoggio sufficientemente ampia da poter sopportare carichi
assiali costanti, o pulsanti, senza deformarsi e deve resistere
all'usura nella zona a contatto con il cuscinetto.

Di norma lo spallamento ricavato direttamente, durante la fase


di lavorazione, sullalbero o negli alloggiamenti (Fig. 4-1).
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

Anello intero Anello elastico

Fig. 4-3
Tipi di spallamento utilizzabili per gli alloggiamenti.

Fig. 4-1 La coppa utilizzata nella registrazione di cuscinetti a montaggio


Spallamenti di alberi ed alloggiamenti. diretto (diametro piccolo dei rulli verso lesterno) generalmente
tenuta in posizione da un coperchio con battuta o da un
coperchio porta-coppa (Fig. 4-4).

Anello intero Anello elastico

Anello in due parti Coperchio porta-anello Coperchio con battuta

Fig. 4-2 Fig. 4-4


Tipi di spallamento utilizzabili per gli alberi. Dispositivi per la registrazione dei cuscinetti utilizzati in montaggi
diretti.
80
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 81

Nei montaggi indiretti (diametro piccolo


dei rulli verso linterno) la registrazione
dei cuscinetti, tramite il cono, pu essere
ottenuta con diversi sistemi (Fig. 4-5).

In applicazioni con cuscinetti di


precisione si utilizzano ghiere di
registrazione speciali di precisione.
Questi tipi di ghiere adottano
generalmente un sistema di bloccaggio Doppia ghiera Ghiera con rosetta Ghiera Piastra di bloccaggio
ottenuto con una pastiglia di metallo con rosetta e rondella indurita co bloccaggio
tenero bloccata con una vite contro la con dente di arresto per deformazione
filettatura dellalbero. Altre soluzioni
prevedono ghiere tagliate e/o distanziali Fig. 4-5
rettificati dove la registrazione non pu Dispositivi per la registrazione dei cuscinetti utilizzati in montaggi indiretti.
essere alterata (Fig. 4-6).
Fig. 4-6
Dispositivi di
registrazione, per
cuscinetti di precisione,
con ghiera intagliata
e/o distanziale
rettificato.

2 viti
diposte
o
a 180

Anelli elastici
Qualora la registrazione dei cuscinetti richieda lutilizzo di anelli
elastici, si consiglia di utilizzare spessori aventi sezione e
durezza adeguata ad evitare deformazioni ed usura degli stessi.
Si consiglia di fare attenzione per evitare possibili danni alla
gabbia durante il montaggio e lo smontaggio dell'anello elastico.

Smontaggio
Per agevolare lo smontaggio dei cuscinetti si dovranno prevedere
mezzi adeguati. Sulle superfici di spallamento si potranno
prevedere intagli, scanalature di estrazione o fori assiali per
facilitare lo smontaggio sia dei coni che delle coppe quando
richiesto (4-7). In casi specifici si potranno utilizzare anche dei
Fig. 4-7
dispositivi idraulici. Intagli e scanalature per facilitare lo smontaggio degli anelli
del cuscinetto.

2. Diametri degli spallamenti


I diametri degli spallamenti, i raggi di raccordo e lo spazio
richiesto dalla gabbia sono indicati per ciascun cuscinetto nelle ATTENZIONE:
tavole "Dati dei cuscinetti". I valori dei diametri degli spallamenti NON USARE DIAMETRI DI SPALLAMENTO CHE
dovrebbero essere considerati come valori minimi per gli alberi FORNISCANO UNA SUPERFICIE DI APPOGGIO INFERIORE
e valori massimi per gli alloggiamenti. A QUELLA RACCOMANDATA.

81
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 82

3. Sedi C. Tolleranze di accoppiamento


3.1. Geometria
Le due cause principali di disassamento si hanno quando le sedi 1. Introduzione
dei coni e/o coppe non sono ortogonali rispetto allasse di
rotazione dei cuscinetti o quando le sedi sono parallele ma non Nei cuscinetti a rulli conici la registrazione, gioco o precarico,
allineate. effettuata al montaggio e, non essendo influenzata dagli
accoppiamenti utilizzati, pu essere ottimizzata in funzione
delle particolari esigenze operative della macchina. Questa
3.2. Finitura superficiale - cuscinetti standard particolarit consente di utilizzare le pi ampie tolleranze di
Per applicazioni industriali fare riferimento ai seguenti valori esecuzione possibili, compatibilmente al tipo di applicazione,
guida: e di impiegare gli accoppiamenti pi adatti per i coni e le coppe
dei cuscinetti.
Alberi rettificati
Tutte le sedi degli alberi dovrebbero essere rettificate, dove La scelta delle tolleranze di accoppiamento dipende
possibile, ad un valore massimo di rugosit R a pari a 1,6 m. principalmente dai seguenti parametri :

Classe di precisione dei cuscinetti


Alberi torniti Anello rotante o stazionario
Quando le sedi degli alberi sono tornite, si suggerisce di Tipo di cuscinetto (singola o doppia fila di rulli)
utilizzare un accoppiamento forzato pi consistente. In questo Tipo e direzione del carico (continuo/alternato rotante)
caso la rugosit R a massima per lalbero tornito di 3,2 m. Condizioni operative particolari con urti, vibrazioni,
sovraccarichi od alte velocit
Alloggiamenti
Capacit di lavorazione delle sedi (rettifica, tornitura od
La rugosit R a massima per gli alloggiamenti dovrebbe essere alesatura)
pari a 3,2 m. Sezione e materiale dellalbero e degli alloggiamenti
Condizioni di montaggio e di registrazione
3.3. Finitura superficiale - cuscinetti di Cuscinetti preregistrati devono essere montati con gli
accoppiamenti raccomandati
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

precisione
Le tolleranze di esecuzione delle sedi dei cuscinetti in classe di
precisione non devono essere inferiori alle tolleranze di
esecuzione ed al grado di finitura delle superfici dei diametri
2. Indicazioni generali
interno ed esterno.
La configurazione di un cuscinetto a rulli conici Timken permette
Inoltre, si dovr prevedere un grado di finitura delle superfici il controllo del gioco assiale interno durante la registrazione per
insieme a tolleranze ristrette per le sedi dei cuscinetti. Le tabelle ottimizzare le prestazioni dei cuscinetti.
seguenti forniscono le indicazioni per i parametri trattati:
Le tolleranze di accoppiamento per applicazioni industriali in
genere per coni e coppe sono riportate nelle tabelle seguenti.
Finitura superficiale - Ra (m) Queste tabelle si applicano ad alberi in acciaio pieni o con forte
Tutte le Classe dei cuscinetti spessore, alloggiamenti in materiale ferroso con forte spessore e
condizioni operative normali. Per utilizzare queste tabelle,
dimensioni C B A AA
necessario determinare se il componente rotante o stazionario,
3 0 00 000
l'entit, la direzione e il tipo di carico e la finitura superficiale.
Albero 0,8 0,6 0,4 0,2
Alcune tolleranze di accoppiamento possono risultare non
Alloggiamento 1,6 0,8 0,6 0,4 adeguate ad alberi ed alloggiamenti a sezione sottile, alberi non
in acciaio, alloggiamenti in materiale non ferroso, condizioni di
funzionamento critiche quali alta velocit, condizioni termiche o
Tolleranze di esecuzione ed accoppiamento corrette e una di carico inusuali o una combinazione di queste. Anche le
registrazione accurata influiscono sia sulla rigidezza che sulla procedure di assemblaggio ed i sistemi per ottenere la
precisione finale. registrazione dei cuscinetti possono richiedere tolleranze di
Tolleranze non adeguate possono creare problemi come accoppiamento speciali. In questi casi, si dovr utilizzare
insufficienti prestazioni di asportazione, strisciamento dellanello l'esperienza come linea guida o consultare per conferma o
interno sullalbero o dellanello esterno nellalloggiamento, suggerimenti un Ingegnere di vendita della Timken.
insufficiente rigidezza del mandrino. Coni rotanti dovranno essere montati generalmente con
interferenza. In casi speciali, se confermati da test o esperienze
precedenti positive, si possono utilizzare accoppiamenti liberi. Il
termine "cono rotante" descrive una condizione in cui il cono
ruota relativamente al carico. Questo si verifica quando si ha un
cono rotante con un carico stazionario o un cono stazionario con

82
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 83

un carico rotante. Accoppiamenti liberi possono permettere ai Per i cuscinetti del sistema metrico sono state incluse le classi
coni di strisciare ed usurare l'albero e lo spallamento. A sua K ed N (cuscinetti standard) e le classi C, B e A (cuscinetti in
volta questo pu portare ad un gioco eccessivo nei cuscinetti precisione).
ed a possibili danneggiamenti dei cuscinetti e dell'albero.
I cuscinetti in classe di precisione dovrebbero essere montati
Tolleranze di accoppiamento con cono libero dipendono in alberi ed alloggiamenti lavorati almeno nella stessa classe
dall'applicazione. In condizioni di alta velocit, forti carichi di precisione dell'alesaggio e del diametro esterno del
od urti, si dovranno utilizzare tolleranze di accoppiamento con cuscinetto. Si dovr pure definire una finitura superficiale di
interferenza "heavy duty". Con coni montati su alberi non alta qualit.
rettificati soggetti a carichi moderati (senza urti) e velocit
contenute, si utilizzano accoppiamenti incerti con valore medio Per maggiori informazioni relative ai cuscinetti di precisione,
vicino a zero. In applicazioni di pulegge e ruote con alberi non si suggerisce di consultare la pubblicazione "Cuscinetti a rulli
rettificati, o con alberi rettificati e carichi moderati (senza urti), conici di precisione per macchine utensili".
si suggerisce un accoppiamento che va da zero a libero e varia
Cuscinetti a due file ed a quattro file di rulli, che sono forniti
in funzione della dimensione dell'alesaggio del cono. In
assemblati con distanziali, sono preregistrati con un valore
applicazioni con cono stazionario che richiedono alberi induriti
prestabilito di gioco al banco (BEP). La registrazione stabilita
e rettificati, pu essere soddisfacente un accoppiamento
con gioco stata determinata dallo studio del tipo di montaggio
leggermente libero. Tolleranze di accoppiamento speciali
del cuscinetto e relative condizioni di funzionamento. La
possono essere necessarie per applicazioni tipo pulegge
preregistrazione dipende dalle tolleranze di accoppiamento
multiple per gru di sollevamento.
e dalla registrazione richiesta a cuscinetto montato. Errori
In applicazioni con coppa rotante dove la coppa ruota nell'utilizzo del valore stabilito delle tolleranze di accoppiamento
relativamente al carico si suggeriscono sempre accoppiamenti nell'applicazione del cuscinetto possono portare a prestazioni
forzati. insufficienti o ad improvvisi malfunzionamenti del cuscinetto.
Questo pu causare danneggiamenti ai macchinari dei quali
In applicazioni con coppa singola fissa e non registrabile si il cuscinetto un componente.
suggeriscono accoppiamenti forzati dove possibile. In generale,
accoppiamenti registrabili possono essere utilizzati dove la Per tolleranze di accoppiamento relative ai cuscinetti per cilindri
registrazione dei cuscinetti si ottiene facendo scorrere di laminatoi, si suggerisce di contattare un Ingegnere di vendita
assialmente la coppa all'interno dell'alloggiamento. Tuttavia, della Societ Timken. Per altri equipaggiamenti associati
in alcune applicazioni "heavy duty" molto caricate, all'industria siderurgica, si suggerisce l'utilizzo delle tolleranze
accoppiamenti forzati sono necessari per prevenire di accoppiamento nelle tabelle che seguono.
martellamenti o deformazioni plastiche della sede della coppa.
In aggiunta a tutte le altre tolleranze assiali e alla tolleranza
Si possono utilizzare coppe montate forzate in coperchi porta
sulla larghezza assemblata del cuscinetto, l'aumento della
coppe. Accoppiamenti forzati sono raccomandati quando il
larghezza dovuto all'accoppiamento forzato del cono o della
carico ruota relativamente alla coppa.
coppa, o di entrambi, dovr essere considerato quando si
Per permettere un alesaggio passante quando il diametro esegue la somma delle tolleranze assiali. Conoscendo i valori
esterno dei cuscinetti a singola fila di rulli montati alle due dell'accoppiamento risultante, per definire le dimensioni iniziali
estremit dell'albero lo stesso e uno fisso mentre l'altro di progetto si potr determinare l'aumento minimo e massimo
registrabile, si suggerisce lo stesso accoppiamento registrabile della larghezza del cuscinetto. Per esempio, tutte le tolleranze
per entrambe le posizioni. Tuttavia, si dovrebbero utilizzare pi il campo di aumento della larghezza del cuscinetto per
accoppiamenti forzati se le coppe sono in appoggio su anelli effetto dell'interferenza dovr essere conosciuto per poter
elastici, per prevenire eccessivo dishing degli anelli elastici, calcolare la gamma di spessori necessari per registrare una
usura delle gole e possibile perdita della tenuta dell'anello. coppa, in configurazione di montaggio diretto.
Solo coppe con raggio massimo dello spallamento pari a 1,3
In cuscinetti preregistrati o montaggi SET-RIGHT dove la
mm o inferiore potranno essere prese in considerazione per
larghezza del cuscinetto non pu cambiare, anche se sono
appoggio su anelli elastici.
previsti accoppiamenti forzati, l'espansione del cono o la
Coppe doppie stazionarie sono generalmente montate con contrazione della coppa dovuti all'accoppiamento forzato,
accoppiamenti liberi per facilitare il montaggio e lo smontaggio. riduce il gioco assiale interno del cuscinetto.
L'accoppiamento libero permette di ottenere la posizione
Perdita di Gioco per un Cono Singolo
flottante del cuscinetto quando montato in concomitanza con
un cuscinetto in posizione fissa assialmente all'altra estremit Removed for Single Cone
dell'albero.

Le tavole delle tolleranze di accoppiamento che seguono sono


= 0.5
( ) ()
K
0.30
d
do

state preparate per cuscinetti sia con dimensioni metriche che


in pollici.
Nello stesso modo si possono utilizzare le altre formule per
Per i cuscinetti del sistema in pollici, sono state incluse le classi Sezioni Normali e Sezioni Sottili per calcolare la perdita di
4 e 2 (cuscinetti standard) e le classi 3, 0 e 00 (cuscinetti in gioco.
precisione).

83
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 84

2.1. Tolleranze di accoppiamento - Applicazioni industriali Cuscinetti metrici


(serie ISO e con prefisso "J") - Classe K e N
Sede dei coni (m)
Scostamento dal diametro nominale (massimo) del cono del cuscinetto ed accoppiamento
risultante (m)
Alesaggio del cuscinetto Albero rotante Albero rotante o stazionario
Sede rettificata Sede rettificata o tornita
Dimensioni Tolleranza Carichi costanti con urti moderati Forti carichi od alte velocit o urti
mm (m)
Simbolo Scostamento Accoppia- Simbolo Scostamento Accoppia-
dal diametro mento dal diametro mento
pi di incl. nominale risultante nominale risultante

10 18 12 +18 30F +23 35F


m6 n6
0 +7 7F +12 12F
18 30 12 +21 33F +28 40F
m6 n6
0 +8 8F +15 15F
30 50 12 +25 37F +33 45F
m6 n6
0 +9 9F +17 17F
50 80 15 +30 45F +39 54F
m6 n6
0 +11 11F +20 20F
80 120 20 +35 55F +45 65F
m6 n6
0 +13 13F +23 23F
120 180 25 +40 65F +68 93F
m6 p6
0 +15 15F +43 43F
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

180 200 +106 136F


+77 77F
200 225 30 m6 +46 76F r6 +109 139F
0 +17 17F +80 80F
225 250 +113 143F
+84 84F
250 280 +126 161F
35 +52 87F +94 94F
m6 r6
280 315 0 +20 20F +130 165F
+98 98F
315 355 +144 184F
40 +73 113F +108 108F
n6 r6
355 400 0 +37 37F +150 190F
+114 114F
400 450 +166 211F
45 +80 125F +126 126F
0 n6 +40 40F r6
450 500 +172 217F
+132 132F
500 560 +194 244F
50 +88 138F +150 150F
0 n6 +44 44F r6
560 630 +199 249F
+155 155F
630 710 +255 335F
80 +130 210F +175 175F
n7 r7
710 800 0 +50 50F +265 345F
+185 185F
800 900 +300 400F
100 +146 246F +210 210F
n7 r7
900 1000 0 +56 56F +310 410F
+220 220F

84
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 85

F = Forzato
L = Libero
Albero stazionario
Sede tornita Sede rettificata Sede tornita Sede indurita e rettificata
Carichi moderati senza urti Carichi moderati senza urti Pulegge, ruote, ingranaggi folli Perni di ruote

Simbolo Scostamento Accoppia- Simbolo Scostamento Accoppia- Simbolo Scostamento Accoppia- Simbolo Scostamento Accoppia-
dal diametro mento dal diametro mento dal diametro mento dal diametro mento
nominale risultante nominale risultante nominale risultante nominale risultante

0 12F 6 6F 6 6F 16 4L
h6 g6 g6 a6
11 11L 17 17L 17 17L 27 27L
0 12F 7 5F 7 5F 20 8L
h6 g6 g6 a6
13 13L 20 20L 20 20L 33 33L
0 12F 9 3F 9 3F 25 13L
h6 g6 g6 a6
16 16L 25 25L 25 25L 41 41L
0 15F 10 5F 10 5F 30 15L
h6 g6 g6 a6
19 19L 29 29L 29 29L 49 49L
0 20F 12 8F 12 8F 36 16L
h6 g6 g6 a6
22 22L 34 34L 34 34L 58 58L
0 25F 14 11F 14 11F 43 18L
h6 g6 g6 a6
25 25L 39 39L 39 39L 68 68L

0 30F 15 15F 15 15F 50 20L


h6 g6 g6 a6
29 29L 44 44L 44 44L 79 79L

0 35F 17 18F 17 18F 56 21L


h6 g6 g6 a6
32 32L 49 49L 49 49L 88 88L

0 40F 18 22F 18 22F


h6 g6 g6
36 36L 54 54L 54 54L

0 45F 20 25F 20 25F


h6 g6 g6
40 40L 60 60L 60 60L

0 50F 22 28F 22 28F


h6 g6 g6
44 44L 66 66L 66 66L

0 80F 24 56F 24 56F


h7 g7 g7
80 80L 104 104L 104 104L

0 100F 26 74F 26 74F


h7 g7 g7
90 90L 116 116L 116 116L

85
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 86

2.1. Tolleranze di accoppiamento - Applicazioni industriali


Cuscinetti metrici (serie ISO e con prefisso "J") - Classe K e N
Sede delle coppe (m)
Scostamento dal diametro nominale (massimo) della coppa del cuscinetto ed accoppiamento
risultante (m)

Diametro esterno del cuscinetto Coppa stazionaria

Dimensioni Tolleranza Coppa flottante o bloccata


mm (m)
Simbolo Scostamento Accoppiamento
dal diametro risultante
pi di incl. nominale

18 30 0 +7 7L
12 G7 +28 40L
30 50 0 +9 9L
14 G7 +34 48L
50 65
0 +10 10L
G7
65 80 16 +40 56L

80 100
0 +12 12L
G7
100 120 18 +47 65L

120 140
0 +14 14L
G7
140 150 20 +54 74L
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

150 160
0 +14 14L
G7
160 180 25 +54 79L

180 200

200 225 0 +15 15L


30 G7 +61 91L
225 250

250 280
0 +17 17L
G7
280 315 35 +69 104L

315 355
0 +62 62L
A7
355 400 40 +119 159L

400 450
0 +68 68L
A7
450 500 45 +131 176L

500 560
0 +76 76L
A7
560 630 50 +146 196L

630 710
0 +80 80L
A7
710 800 80 +160 240L

800 900
0 +86 86L
A7
900 1000 100 +176 276L

86
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 87

F = Forzato
L = Libero
Alloggiamento stazionario Alloggiamento rotante

Coppa registrabile Coppa non registrabile o montata Coppa non registrabile o montata in un
in un coperchio coperchio, pulegge - coppa bloccata assialmente
Simbolo Scostamento Accoppiamento Simbolo Scostamento Accoppiamento Simbolo Scostamento Accoppiamento
dal diametro risultante dal diametro risultante dal diametro risultante
nominale nominale nominale

9 9F 35 35F 41 41F
J7 +12 24L P7 14 2F R7 20 8F
11 11F 42 42F 50 50F
J7 +14 28L P7 17 3F R7 25 11F
60 60F
12 12F 51 51F 30 14F
J7 P7 R7
+18 34L 21 5F 62 62F
32 16F
73 73F
13 13F 59 59F 38 20F
J7 P7 R7
+22 40L 24 6F 76 76F
41 23F
88 88F
14 14F 68 68F 48 28F
J7 P7 R7
+26 46L 28 8F 90 90F
50 30F
90 90F
14 14F 68 68F 50 25F
J7 P7 R7
+26 51L 28 3F 93 93F
53 28F
106 106F
60 30F
16 16F 79 79F 109 109F
J7 +30 60L P7 33 3F R7 63 33F
113 113F
67 37F
126 126F
16 16F 88 88F 74 39F
J7 P7 R7
+36 71L 36 1F 130 130F
78 43F
144 144F
18 18F 98 98F 87 47F
J7 P7 R7
+39 79L 41 1F 150 150F
93 53F
166 166F
20 20F 108 108F 103 58F
J7 P7 R7
+43 88L 45 0 172 172F
109 64F
220 220F
35 35F 148 148F 150 100F
JS7 P7 R7
+35 85L 78 28F 225 225F
155 105F
255 255F
40 40F 168 168F 175 95F
JS7 P7 R7
+40 120L 88 8F 245 265F
185 105F
300 300F
45 45F 190 190F 210 110F
JS7 P7 R7
+45 145L 100 0 310 310F
220 120F

87
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 88

2.2. Tolleranze di accoppiamento - Applicazioni industriali


Cuscinetti in pollici - Classe 4 e 2
Sede dei coni (m)
Scostamento dal diametro nominale (minimo) del cono del cuscinetto ed accoppiamento
risultante (m)

Alesaggio
Bearingdel cono
bore Albero rotante
Rotating shaft
Dimensioni
Range Tolleranza
Tolerance Sede rettificata,
Ground costanti
carichi
(mm)(mm)
inches (m)
0.0001 in (m) con urti moderati
constant loads with
moderate shock
Scostamento Accoppia-
over incl. Shaft O.D.
dal diametro Resultant
mento
pi di incl. deviation
nominale fit
risultante

0 76.2 0 +38 38F


+13 +25 12F
76.2 88.9

88.9 114.3

114.3 139.7

139.7 165.1

165.1 190.5 0 +64 64F


+25 +38 13F
190.5 215.9

215.9 241.3
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

241.3 266.7

266.7 292.1

292.1 304.8

304.8 317.5

317.5 342.9

342.9 368.3

368.3 393.7

393.7 419.1

419.1 444.5

444.5 469.9

469.9 495.3 0 +127 127F


+51 +76 25F
495.3 520.7

520.7 546.1

546.1 571.5

571.5 596.9
Le tolleranze di accoppiamento "heavy-
duty" mostrate precedentemente si 596.9 609.6
applicano ai cuscinetti cementati. Si
suggerisce di consultare un Ingegnere di 609.6 914.4 0 +190 190F
vendita Timken per tolleranze di +76 +114 38F
accoppiamento pesanti specifiche per 914.4 1219.2 0 +252 252F
cuscinetti a tutta tempra +102 +150 48F
1219.2 0 +305 305F
+127 +178 51F

88
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 89

F = Forzato
L = Libero

Albero rotante
Rotating o stazionario
or stationary shaft Albero stazionario
Stationary shaft
Sede rettificata o tornita,
Unground or ground forti Sede tornita
Unground Sede rettificata
Ground Sede tornita
Unground Sede induritaand
Hardened e rettificata
ground
carichi heavy
od alte velocit
loads, o urti Carichi moderati senza urti
moderate loads, Carichi moderati
moderate loads,senza urti Pulegge, ruote,
sheaves, wheels, Perni di
wheel ruote
ingranaggi folli
high speed or shock no shock no shock idlers spindles
Scostamento
Shaft O.D. Accoppia-
Resultant Scostamento
Shaft O.D. Accoppia-
Resultant Scostamento
Shaft O.D. Accoppia-
Resultant Scostamento
Shaft O.D. Accoppia-
Resultant Scostamento
Shaft O.D. Accoppia-
Resultant
dal diametro mento dal diametro mento dal diametro mento dal diametro mento dal diametro mento
deviation fit deviation fit deviation fit deviation fit deviation fit
nominale risultante nominale risultante nominale risultante nominale risultante nominale risultante

+64 64F +13 13F 0 0 0 0 5 5L


+38 25F 0 13L 13 26L 13 26L 18 31L
+76 76F
+51 25F
+76 76F
+51 25F
+89 89F
+64 38F
+102 102F
+76 51F
+114 114F +25 25F 0 0 0 0 5 5L
+89 64F 0 25L 25 50L 25 50L 30 55L
+127 127F
+102 76F
+140 140F
+114 89F
+152 152F
+127 102F
+165 165F
+140 114F
+178 178F
+152 127F
+203 203F
+152 101F
+216 216F
+165 114F
+229 229F
+178 127F
+241 241F
+190 139F
+254 254F
+203 152F
+267 267F
+216 165F
+279 279F
+229 178F
+292 292F +51 51F 0 0 0 0
+241 190F 0 51L 51 102L 51 102L
+305 305F
+254 203F
+318 318F
+267 216F
+330 330F
+279 228F
+343 343F
+292 241F
+356 356F
+305 254F
+457 457F +76 76F 0 0 0 0
+331 305F 0 76L 76 152L 76 152L
+625 625F +102 102F 0 0 0 0
+534 432F 0 102L 102 204L 102 204L
+813 813F +127 127F 0 0 0 0
+686 559F 0 127L 127 254L 127 254L

89
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 90

2.2. Tolleranze di accoppiamento - Applicazioni industriali


Cuscinetti in pollici - Classe 4 e 2
Sede delle coppe (m)
Scostamento dal diametro nominale (minimo) della coppa del cuscinetto ed accoppiamento
risultante (m)
Diametro esterno del cuscinetto Anello esterno stazionario

Dimensioni Tolleranza di Coppa flottante o


(mm) fabbricazione bloccata assialmente
pi di incl. (m) Scostamento Accoppiamento
dal diametro risultante
nominale

0 76,2 +25 +51 26L


0 +76 76L
76,2 127 +25 +51 26L
0 +76 76L
127 304,8 +25 +51 26L
0 +76 76L
304,8 609,6 +51 +102 51L
0 +152 152L
609,6 914,4 +76 +152 76L
0 +229 229L
914,4 1219,2 +102 +204 102L
0 +305 305L
1219,2 +127 +254 127L
0 +381 381L

* Il montaggio di coppe non bloccate assialmente si pu applicare solo a pulegge con angolo di deriva
della fune trascurabile.
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

90
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 91

F = forzato
L = libero

Anello esterno stazionario Anello esterno stazionario o rotante Anello esterno rotante
Anello esterno non registrabile o montato in
Anello esterno registrabile un coperchio porta anello esterno, pulegge, Pulegge, anello esterno
anello esterno bloccato assialmente non bloccato assialmente*
Scostamento Accoppiamento Scostamento Accoppiamento Scostamento Accoppiamento
dal diametro risultante dal diametro risultante dal diametro risultante
nominale nominale nominale

0 25F 38 63F 76 101F


+25 25L 13 13F 51 51F
0 25F 51 76F 76 101F
+25 25L 25 25F 51 51F
0 25F 51 76F 76 101F
+51 51L 25 25F 51 51F
+26 25F 76 127F 102 153F
+76 76L 25 25F 51 51F
+51 25F 102 178F
+127 127L 25 25F
+76 25F 127 229F
+178 178L 25 25F
+102 25F 152 279F
+229 229L 25 25F

91
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 92

2.3. Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti di precisione


CUSCINETTI METRICI (ISO E PREFISSO J)
Sede dei coni
Scostamento dal diametro nominale (massimo)
del cono del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m)
Alesaggio del cuscinetto CLASSE C
Dimensioni Tolleranza Simbolo Scostamento Accoppia-
(mm) dell'alesaggio dal diametro mento
pi di incl. cuscinetto (m) nominale albero risultante

10 18 7 k5 +9 16F
0 +1 1F
desde
18 30 8 k5 +11 19F
0 +2 2F
30 50 10 k5 +13 23F
0 +2 2F
50 80 12 k5 +15 27F
0 +2 2F
80 120 15 k5 +18 33F
0 +3 3F
120 180 18 k5 +21 39F
0 +3 3F
180 250 22 k5 +24 46F
0 +4 4F
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

250 315 22 k5 +27 49F


0 +4 4F

CUSCINETTI IN POLLICI
Sede dei coni
Scostamento dal diametro nominale (massimo)
del cono del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m) F = Forzato

Alesaggio del cuscinetto CLASSE 3 E 0 CLASSE 00 E 000


Dimensioni Tolleranza Scostamento Accoppia- Tolleranza Scostamento Accoppia-
(mm) dell'alesaggio dal diametro mento dell'alesaggio dal diametro mento
pi di incl. cuscinetto (m) nominale albero risultante cuscinetto nominale albero risultante

304,8 0 +30 30F 0 +20 20F

+13 +18 5F +8 +13 5F

304,8 609,6 0 +64 64F

+25 +38 13F

609,6 914,4 0 +102 102F

+38 +64 26F

La Classe O prodotta solo fino a 304,8 mm di diametro esterno.

92
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 93

F = Forzato
CLASSE B CLASSE A E AA
Alesaggio
Tolleranza Simbolo Scostamento Accoppia- cuscinetto Tolleranza Simbolo Scostamento Accoppia-
dell'alesaggio dal diametro mento Dimensioni (mm) dell'alesaggio dal diametro mento
cuscinetto (m) nominale albero risultante pi di incl. cuscinetto (m) nominale albero risultante

5 k5 +9 14F 10 18 5 k4 +6 11F
0 +1 1F 0 +1 1F
6 k5 +11 17F 18 30 6 k4 +8 14F
0 +2 2F 0 +2 2F
8 k5 +13 21F 30 315 8 +13 21F
0 +2 2F 0 +5 5F
9 k5 +15 24F
0 +2 2F
10 k5 +18 28F
0 +3 3F
13 k5 +21 34F
0 +3 3F
15 k5 +24 39F
0 +4 4F
15 k5 +27 42F
0 +4 4F

93
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 94

2.3. Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti di precisione (Cont.)


CUSCINETTI METRICI (ISO e prefisso J)
Sede delle coppe (m)
Scostamento dal diametro nominale (massimo)
del cono del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m)

Diametro
Bearing O.D. CLASSE
CLASS C C
esterno
rangedel Bearing
Tolleranza NonNon-adjustable
registrabile o in Floating
Flottante Adjustable
Registrabile
cuscinetto
mm O.D.
diametro unorcoperchio
in carrier
Dimensioni esterno
tolerance Symbol Scostamento
Simbolo Housing Accoppia-
Resultant Simbolo
Symbol Scostamento
Housing Accoppia-
Resultant Simbolo
Symbol Scostamento
Housing Accoppia-
Resultant
(mm) (m)
m bore
dal diametro fit
mento bore
dal diametro fit
mento bore
dal diametro fit
mento
pi
overdi incl.
incl. deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante

18 30 0 N5 21 21F G5 +7 7L K5 8 8F
8 12 4F +16 24L +1 9L
30 50 0 N5 24 24F G5 +9 9L K5 9 9F
9 13 4F +20 29L +2 11L
50 80 0 N5 28 28F G5 +10 10L K5 10 10F
11 15 4F +23 34L +3 14L
80 120 0 N5 33 33F G5 +12 12L K5 13 13F
13 18 5F +27 40L +2 15L
120 150 0 N5 39 39F G5 +14 14L K5 15 15F
15 21 6F +32 47L +3 18L
150 180 0 N5 39 39F G5 +14 14L K5 15 15F
18 21 3F +32 50L +3 21L
180 250 0 N5 45 45F G5 +15 15L K5 18 18F
20 25 5F +35 55L +2 27L
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

250 315 0 N5 50 50F G5 +17 17L K5 20 20F


25 27 2F +40 65L +3 28L

CUSCINETTI IN POLLICI
Sede delle coppe
Scostamento dal diametro nominale (massimo)
del cono del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m)
Diametro
Bearing O.D. Bearing CLASSE
CLASS 3 E 00
3 AND
esterno
Rangedel O.D.
Tolleranza Non-adjustable
Non registrabile o in Floating
Flottante Adjustable
Registrabile
cuscinetto
in (mm) tolerance
diametro or
un in carrier
coperchio
Dimensioni esterno in) Scostamento
(0.0001 Housing Resultant Housing
Scostamento Resultant Housing Resultant
Accoppia- Accoppia- Scostamento Accoppia-
(mm) (m)
(m) dalbore
diametro fit dalbore
diametro fit bore
dal diametro fit
mento mento mento
over
pi di incl.
incl. deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante

152,4 +13 13 26F +25 12L 0 13F


0 0 0 +38 38L +13 13L

152,4 304,8 +13 25 38F +25 12L 0 13F


0 0 0 +38 38L +25 25L

304,8 609,6 +25 25 50F +38 13L 0 25F


0 0 0 +64 64L +25 25L

609,6 914,4 +38 38 76F +51 13L 0 38F


0 0 0 +89 89L +38 38L

La Classe 0 prodotta solo fino a 304,8 mm di diametro esterno

94
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 95

F = Forzato
L = Libero

CLASSE
CLASS B B
Bearing Non registrabile
Tolleranza Non-adjustableo in un Floating
Flottante Adjustable
Registrabile
O.D.
diametro or in carrier
coperchio
esterno
tolerance Symbol Scostamento
Simbolo Housing Accoppia-
Resultant Simbolo
Symbol Scostamento
Housing Accoppia-
Resultant Simbolo
Symbol Scostamento
Housing Accoppia-
Resultant
(mm) bore
dal diametro fit
mento bore
dal diametro fit
mento bore
dal diametro fit
mento
deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante

0 M5 14 14F G5 +7 7L K5 8 8F
6 5 1L +16 22L +1 7L
0 M5 16 16F G5 +9 9L K5 9 9F
7 5 2L +20 27L +2 9L
0 M5 19 19F G5 +10 10L K5 10 10F
9 6 3L +23 32L +3 12L
0 M5 23 23F G5 +12 12L K5 13 13F
10 8 2L +27 37L +2 12L
0 M5 27 27F G5 +14 14L K5 15 15F
11 9 2L +32 43L +3 12L
0 M5 27 27F G5 +14 14L K5 15 15F
13 9 4L +32 45L +3 16L
0 M5 31 31F G5 +15 15L K5 18 18F
15 11 4L +35 50L +2 17L
0 M5 36 36F G5 +17 17L K5 20 20F
18 13 5L +40 58L +3 21L

Diametro
Bearing O.D. Bearing CLASSEA AND
CLASS A E AAAA
esterno del
range O.D.
Tolleranza Non-adjustable
Non registrabile o in Floating
Flottante Adjustable
Registrabile
cuscinetto
mm (in) tolerance
diametro or
un in carrier
coperchio
Dimensioni esterno Housing Resultant
Scostamento Housing
Scostamento Resultant Housing Resultant
Accoppia- Accoppia- Scostamento Accoppia-
(mm) (mm) dalbore
diametro fit dalbore
diametro fit bore
dal diametro fit
mento mento mento
over
pi di incl.
incl. deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante

0 315 0 16 16F +8 8J 8 8F
8 8 0 +16 24L 0 8L

Diametro
Bearing O.D. Bearing CLASSE
CLASS 0000AND
E 000
000
esterno
Rangedel O.D.
Tolleranza Non-adjustable
Non registrabile o in Floating
Flottante Adjustable
Registrabile
cuscinetto
in (mm) diametro
tolerance un in
or coperchio
carrier
Dimensioni esterno Housing Resultant
Scostamento Housing
Scostamento Resultant Housing Resultant
Accoppia- Accoppia- Scostamento Accoppia-
(mm) (mm) dal bore
diametro fit dal bore
diametro fit bore
dal diametro fit
mento mento mento
over
pi di incl.
incl. deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante deviation
nominale risultante

0 304,8 +8 -8 16F +15 7L 0 8F


0 0 0 +23 23L +8 8L

95
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 96

3. Casi particolari
3.1. Cuscinetti reggispinta assiali tipo TTC,
TTSP e TTHD
I cuscinetti reggispinta assiali tipo TTC (a pieno riempimento) e tipo
TTSP (per perni di sterzo) vengono montati con un accoppiamento Il diametro esterno degli anelli deve disporre di un gioco radiale
libero, tra albero ed alesaggio, compreso tra 125 m e 400 m. sufficiente per potersi liberamente centrare.

Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti tipo TTHD


Tolleranze del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m) F = Forzato

Dimensioni Anello rotante Anello stazionario


(mm) Classe 2 Classe 3 Classe 2 e 3

Tolleranza Scostamento Accoppia- Tolleranza Scostamento Accoppia-


di fabbri- dal diametro mento di fabbri- dal diametro mento
pi di a (incl.) cazione nominale risultante cazione nominale risultante

0 304,800 0 + 76 76 F 0 + 51 51 F
+ 25 + 50 25 F + 13 + 38 25 F

304,800 609,600 0 + 152 152 F 0 + 102 102 F


MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

+ 51 + 102 51 F + 25 + 76 51 F

609,600 914,400 0 + 204 204 F 0 + 127 127 F Assicurare


Tutte
+ 76 + 127 51 F + 38 + 89 51 F le un gioco radiale
dimen- minimo di 2,5 mm
sioni tra lalesaggio del
cuscinetto e lalbero
914,400 1219,200 0 + 254 254 F 0 + 153 153 F
+ 102 + 153 51 F + 51 + 102 51 F

1219,200 0 + 305 305 F 0 + 204 204 F


+ 127 + 178 51 F + 76 + 127 51 F

Il diametro esterno dellanello rotante deve disporre di un gioco radiale minimo di 2,5 mm.
- Il diametro esterno dellanello stazionario del tipo TTHD deve avere un accoppiamento libero minimo da 0,25 a 0,37 mm.
- Lanello piano del tipo TTHDFL, se stazionario, pu essere montato con accoppiamento libero (lo stesso del TTHD) o con accoppiamento forzato
da 0,026 a 0,076 mm sul suo diametro esterno.

96
CHAP4IT.QXD

Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti in pollici - Applicazioni automobilistiche - Classe 4 e 2


Sede dei coni (m)
21/06/02

Scostamento dal diametro nominale (minimo) del cono del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m)
F = Forzato
L = Libero
15:42

Alesaggio del cono


Cone Bore Cono stazionario
Stationary Cone Cono rotante
Rotating Cone Cono rotante
Rotating Cone
Transaxle
ruote wheels
front anteriori Ruote posteriori Ruote wheels
rear posteriori Pignone Differenziale transaxles
Trasmissioni
ruote wheels
rearposteriori (assali wheels
rearsemi flottanti) (UNIT-BEARING)
(Cuscinetto "UNIT") pinion differential transmissions
Ripartitori
(full floating
(assale axles)
flottante completo) (semi-floating axles) (semi-floating axles)
(assali semi flottanti) transfer
Alberi cases
intermedi a 90
Page 97

trailer wheels
ruote di carrello Distanziale cross shafts
non-adjustable
non registrabile non-adjustable
Non registrabile non-adjustable
Non registrabile clamped
Bloccato assialmente collapsible spacer
collassabile non-adjustable
Non registrabile non-adjustable
Non registrabile non-adjustable
No ajustable
resultant
Deviazione Accoppiamento shaft o.d. resultant shaft o.d. resultant shaft o.d. resultant shaft o.d. resultant shaft o.d. resultant shaft
Scostamento dal Accoppiamento Scostamento dal Accoppiamento Scostamento dal Accoppiamento Scostamento dal Accoppiamento Scostamento dal Accoppiamento Scostamento o.d.
dal resultant scostamentoo.d.
Accoppiamento shaft dal resultant
Accoppiamento
pi di
over incl.
incl tolerance
Tolleranza deviation risultante fit diametro nominale
deviation risultante
fit diametro nominale
deviation risultante
fit diametro
deviationnominale risultante
fit diametro nominale
deviation risultante
fit diametro nominale
deviation risultante
fit diametro nominale
deviation risultante
fit diametro nominale
deviation risultante
fit
in in in in in in in in in in in in in in in in in in in
0 3.0000 0 .0002 .0002 L +.0020 .0020 F +.0022 .0022 F +.0015 .0015 F +.0012 .0012 F +.0020 .0020 F +.0040 +.0040 F +.0015 .0015 F
+.0005 .0007 .0012 L +.0015 .0010 F +.0015 .0010 F +.0010 .0005 F +.0007 .0002 F +.0015 .0010 F +.0025 .0020 F +.0010 .0005 F
3.0000 12.0000 0 .0005 .0005 L +.0030 .0030 F .0025 .0025 F +.0030 .0030 F +.0040 .0040 F +.0025 .0025 F
+.0010 .0015 .0025 L +.0020 .0010 F .0015 .0005 F +.0020 .0010 F +.0025 .0020 F +.0015 .0005 F
m m m m m m m m m m m m m m m m m m m
0 76.200 0 5 5L +51 51 F +56 56 F +38 38 F +30 30 F +51 51 F +102 102 F +38 38 F
+13 18 31 L +38 25 F +38 25 F +25 13 F +18 5F +38 25 F +64 51 F +25 12 F
76.200 304.800 0 13 13 L +76 76 F +63 63 F +76 76 F +102 102 F +64 64 F
+25 38 63 L +51 26 F +38 13 F +51 26 F +76 51 F +38 13 F
Heavy duty : interferenza min. di 0,5 m per ogni mm di alesaggio del cono

97
98
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI
CHAP4IT.QXD

Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti metrici - Applicazioni automobilistiche - Classe K e N


23/06/02

Sede dei coni (m)


Scostamento dal diametro nominale (massimo) del cono del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m)
14:40

F = Forzato
L = Libero
Page 98

Cone Bore
Alesaggio del cono Ltationary
Cono Cone
stazionario ConoRotating Cone
rotante Rotating
Cono Cone
rotante
rear wheela
posteriori (aemi-floating
Ruote posteriori (Unit-Bearing)
Ruote posteriori Transaxle
Ruote anteriori Ruote(full floating rear wheela
(assali axlea)
semi flottanti) rear (aemi-flowing pinion differential tranaaxlea trana- tranafer
front wheela (assale flottante (Cuscinetto
wheela "UNIT") Pignone Differenziale Trasmissioni
axlea) axlea)
(assali semi flottanti) miaaiona caaea
Ripartitori
completo)
non-adjuatable
Non registrabile Nonnon-adjuatable
registrabile Nonnon-adjuatable
registrabile Bloccatoclamped
assialmente collapaible
Distanziale apacer
collassabile Nonnon-adjuatable
registrabile non-adjuatable
Non registrabile Nonnon-adjuatable
registrabile
pi di incl. toler-
Tolle- Scostamento
ahaft o.d.dal reaultant
Accoppiamento ahaft o.d.
Scostamento dal reaultant
Accoppiamento ahaft o.d.
Scostamento dal reaultant
Accoppiamento Scostamento
ahaft o.d.dal reaultant
Accoppiamento ahaft o.d.
Scostamento dal reaultant
Accoppiamento ahaft o.d.
Scostamento dal reaultant ahaft
Accoppiamento Scostamento reaultant
o.d. Accoppiamento ahaft o.d.
Scostamento dal reaultant
Accoppiamento
over incl ance
ranza deviation
diametro nominale fit
risultante deviation
diametro nominale fit
risultante deviation
diametro nominale fit
risultante deviation
diametro nominale fit
risultante deviation
diametro nominale fit
risultante deviation
diametro nominale fit
risultante deviation
dal fit
diam. nom. risultante deviation
diametro nominale fit
risultante
m m m m m m m m m m m m m m m m m m m
18 30 12 f6 20 8L p6 +35 47 F p6 +35 47 F k6 +15 27 F k6 +15 27 F p6 +35 47 F +56 68 F m6 +21 33 F
0 33 33 L +22 22 F +22 22 F +2 2F +2 2F +22 22 F +35 35 F +8 8F
30 50 12 f6 25 13 L p6 +42 54 F p6 +42 54 F k6 +18 30 F k6 +18 30 F p6 +42 54 F +68 80 F m6 +25 37 F
0 41 41 L +26 26 F +26 26 F +2 2F +2 2F +26 26 F +43 43 F +9 9F
50 80 15 f6 30 15 L p6 +51 66 F k6 +21 36 F k6 +21 36 F p6 +51 66 F +89 104 F m6 +30 45 F
0 49 49 L +32 32 F +2 2F +2 2F +32 32 F +59 59 F +11 11 F
80 120 20 f6 36 16 L n6 +45 65 F j6 +13 33 F n6 +45 65 F +114 134 F m6 +35 55 F
0 58 58 L +23 23 F 9 9L +23 23 F +79 79 F +13 13 F
120 180 25 f6 43 18 L n6 +52 77 F j6 +14 39 F n6 +52 77 F +140 165 F m6 +40 66 F
0 68 68 L +27 29 F 11 11 L +27 29 F +100 100 F +15 15 F
in in in in in in in in in in in in in in in in in in in
.7087 1.1811 .0005 f6 .0008 .0003 L p6 +.0013 .0018 F p6 +.0013 .0018 F k6 +.0006 .0011 F k6 +.0006 .0011 F p6 +.0013 .0018 F +.0022 .0027 F m6 +.0008 .0013 F
0 .0013 .0013 L +.0008 .0008 F +.0008 .0008 F +.0001 .0001 F +.0001 .0001 F +.0008 .0008 F +.0014 .0014 F +.0003 .0003 F
1.1811 1.9865 .0005 f6 .0010 .0005 L p6 +.0016 .0021 F p6 +.0016 .0021 F k6 +.0007 .0012 F k6 +.0007 .0012 F p6 +.0016 .0021 F +.0028 .0033 F m6 +.0010 .0015 F
0 .0016 .0016 L +.0010 .0010 F +.0010 .0010 F +.0001 .0001 F +.0001 .0001 F +.0010 .0010 F +.0018 .0018 F +.0004 .0004 F
1.9685 3.1496 .0006 f6 .0012 .0006 L p6 +.0021 .0027 F k6 +.0008 .0014 F k6 +.0008 .0014 F p6 +.0021 .0027 F +.0034 .0040 F m6 +.0012 .0018 F
0 .0019 .0019 L +.0014 .0014 F .0001 .0001 L +.0001 .0001 L +.0014 .0014 F +.0022 .0022 F +.0005 .0005 F
3.1496 4.7244 .0008 f6 .0014 .0006 L n6 +.0019 .0027 F j6 +.0005 .0013 F n6 +.0019 .0027 F +.0044 .0052 F m6 +.0014 .0022 F
0 .0023 .0023 L +.0010 .0010 F .0004 .0004 L +.0010 .0010 F +.0030 .0030 F +.0005 .0005 F
4.7244 7.0866 .0010 f6 .0016 .0006 L n6 +.0022 .0032 F j6 +.0006 .0016 F n6 +.0022 .0032 F +.0056 .0066 F m6 +.0016 .0026 F
0 .0026 .0026 L +.0012 .0012 F .0004 .0004 L +.0012 .0012 F +.0040 .0040 F +.0006 .0006 F
Heavy duty: interferenza min. di 0,5 m per ogni mm di alesaggio del cono
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 99

Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti in pollici - Applicazioni automobilistiche -


Classe 4 e 2
Sede delle coppe (m)
Scostamento dal diametro nominale (massimo) del cono del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m)

Diametro esterno
Cup O.D. Coppa rotante
Rotfting Cup Coppa stazionaria
Stftionfry Cup Coppa stazionaria
Stftionfry Cup
Ripartitori Pignone Differenziale
della coppa frontRuote
wheels Ruote
refr posteriori
wheels refrRuote
wheels (assali semi
(semi-flofting Differenziale
differentifl (sede(splitinseft)
due *trfnsmissions Albericfses (alloggiament
** Trasmissioni trfnsfer pinion *Transaxle
differentifl
anteriori (ruote
(full diflofting
carrello posteriori fxles)
flottanti) parti) cross shffts
intermedi o massiccio)
a 90 (solid seft) Ripartitori
**trfnsfxles
flottanti)
trfiler wheels *Trasmissione trfnsfer cfses
trfnsmission
Bloccata
Non registrabile
non-fdlustfble Registrabile
fdlustfble(TS) assiclfmped
almente (TSU) Registrabile
fdlustfble Registrabile
fdlustfble Non registrabile
non-fdlustfble
(TS) (TSU)
Scostamento Accoppia- Scostamento Accoppia- Scostamento Accoppia- Scostamento Accoppia- Scostamento Accoppia-
pi di incl- Tolleranza dal diametro
housing bore resultfnt
mento dal diametro
housing bore resultfnt
mento dal diametro
housing bore resultfnt
mento dal diametro
housing bore resultfnt
mento dal diametro
housing bore resultfnt
mento
over incl tolerfnce nominale
deviftion risultante
fit nominale
deviftion risultante
fit nominale
deviftion risultante
fit nominale
deviftion risultante
fit nominale
deviftion risultante
fit

in in in in in in in in in in in in in
0 3.0000 +.0010 .0020 .0030 F +.0015 .0005 L +.0010 0 0 .0010 F .0015 .0025 F
0 .0005 .0005 F +.0030 .0030 L +.0020 .0020 L +.0010 .0010 L .0005 .0005 F
3.0000 5.0000 +.0010 .0030 .0040 F +.0015 .0005 L +.0010 0 0 .0010 F .0020 .0030 F
0 .0010 .0010 F +.0030 .0030 L +.0020 .0020 L +.0010 .0010 L .0010 .0010 F
Cuscinetti 5.0000 12.0000 +.0010 .0030 .0040 F 0 .0010 F 0 .0010 F .0030 .0040 F
in pollici 0 .0010 .0010 F +.0020 .0020 L +.0020 .0020 L .0010 .0010 F
Classi m m m m m m m m m m m m m
4e2
0 76.200 +25 51 76 F +38 13 L +25 0 0 25 F 38 63 F
0 13 13 F +76 76 L +51 51 L +25 25 L 13 13 F
76.200 127.00 +25 77 102 F +38 13 L +25 0 0 25 F 51 76 F
0 25 25 F +76 76 L +51 51 L +25 25 L 25 25 F
127.00 304.800 +25 77 102 F 0 25 F 0 25 F 77 102 F
0 25 25 F +51 51 L +51 51 L 25 25 F
Alloggiamenti in alluminio: interferenza min. 1 m per ogni mm di diametro esterno della coppa
Alloggiamenti in magnesio: interferenza min. 1,5 m per ogni mm di diametro esterno della coppa

99
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 100

Tolleranze di accoppiamento - Cuscinetti metrici


Applicazioni automobilistiche - Classe K e N
Sede delle coppe (m)
Scostamento dal diametro nominale (massimo) della coppa del cuscinetto ed accoppiamento risultante (m)

Diametro esterno
Cup O.D. Coppa rotante
Rotating Cup Coppa stazionaria
Stationary Cup
della coppa frontanteriori
wheels Pignone
pinion differenziale
Ruote Ruote posteriori Differenziale ***transmissions
Trasmissioni differential
(alloggiamento massiccio)
rearposteriori
Ruote wheels rear
(assali wheels
semi flottanti) (sededifferential
in due parti) transfer cases
Ripartitori (solid seat) *transaxles
(full floating axles) (semi-floating axles) (split seat) cross shafts
*Transaxle
*transmissions
(assali flottanti completi) Alberi intermedi a 90 *Trasmissione
transfer cases
Registrabile (TS) Ripartitori
Non registrabile
non-adjustable adjustable (TS)
Bloccata assialmente
adjustable
Registrabile adjustable
Registrabile non-adjustable
Registrabile
clamped (TSU) (TSU)
pi di incl- Tolle-
toler- Scostamento
housing boredal resultant
Accoppiamento housing
Scostamento dal resultant
bore Accoppiamento Scostamento dal resultant
housing bore Accoppiamento Scostamento dal resultant
housing bore Accoppiamento Scostamento
housing bore Accoppiamento
dal resultant
over incl ranza
ance diametro nominale risultante
deviation fit diametro nominale risultante
deviation fit diametro nominale risultante
deviation fit diametro nominale risultante
deviation fit diametro nominale risultante
deviation fit
m m m m m m m m m m m m m
30 50 0 R7 50 50 F G7 +9 9L H7 0 0 K6 13 13 F R7 50 50 F
14 25 11 F +34 48 L +25 39 L +3 17 L 25 11 F
50 65 0 R7 60 60 F R7 60 60 F
16 30 14 F G7 +10 10 L H7 0 0 K6 15 15 F 30 14 F
65 80 0 R7 62 62 F +40 56 L +30 46 L +4 20 L R7 62 62 F
16 32 16 F 32 16 F
80 100 0 R7 73 73 F R7 73 73 F
18 38 20 F G7 +12 12 L H7 0 0 K6 18 18 F 38 20 F
100 120 0 R7 76 76 F +47 65 L +35 53 L +4 22 L R7 76 76 F
18 41 23 F 41 23 F
120 140 0 R7 88 88 F R7 88 88 F
20 48 28 F G7 +14 14 L J7 14 14 F K6 21 21 F 48 28 F
140 150 0 R7 90 90 F +54 74 L +26 46 L +4 24 L R7 90 90 F
20 50 30 F 50 30 F
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

150 160 0 R7 90 90 F R7 90 90 F
25 50 25 F G7 +14 14 L J7 14 14 F K6 21 21 F 50 25 F
160 180 0 R7 93 93 F +54 79 L +26 51 L +4 29 L R7 93 93 F
25 53 28 F 53 28 F
180 200 0 R7 106 106 F R7 106 106 F
30 60 30 F 60 30 F
200 225 0 R7 109 109 F J7 16 16 F J7 16 16 F R7 109 109 F
30 63 33 F +30 60 L +30 60 L 63 33 F
225 250 0 R7 113 113 F R7 113 113 F
30 67 37 F 67 37 F
250 280 0 R7 126 126 F R7 126 126 F
35 74 39 F J7 16 16 F J7 16 16 F 74 39 F
280 315 0 R7 130 130 F +36 71 L +36 71 L R7 130 130 F
35 78 43 F 78 43 F
in in in in in in in in in in in in in
1.1811 1.9685 0 R7 .0020 .0020 F G7 +.0004 .0004 L H7 0 0 K6 .0005 .0005 F R7 .0020 .0020 F
.0006 .0010 .0004 F +.0014 .0020 L +.0010 .0016 L +.0001 .0007 L .0010 .0004 F
1.9685 2.5591 0 R7 .0023 .0023 F R7 .0023 .0023 F
.0006 .0011 .0005 F G7 +.0004 .0004 L H7 0 0 K6 .0006 .0006 F .0011 .0005 F
2.5591 3.1496 0 R7 .0023 .0023 F +.0016 .0022 L +.0012 .0018 L +.0001 .0007 L R7 .0023 .0023 F
.0006 .0011 .0005 F .0011 .0005 F
3.1496 3.9370 0 R7 .0029 .0029 F R7 .0029 .0029 F
.0007 .0015 .0008 F G7 +.0005 .0005 L H7 0 0 K6 .0007 .0007 F .0015 .0008 F
3.9370 4.7244 0 R7 .0029 .0029 F +.0019 .0026 L +.0014 .0021 L +.0002 .0009 L R7 .0029 .0029 F
.0007 .0015 .0008 F .0015 .0008 F
4.7244 5.5118 0 R7 .0035 .0035 F R7 .0035 .0035 F
.0008 .0019 .0011 F G7 +.0006 .0006 L J7 .0006 .0006 F K6 .0008 .0008 F .0019 .0011 F
5.5118 5.9055 0 R7 .0035 .0035 F +.0022 .0030 L +.0010 .0018 L +.0002 .0010 L R7 .0035 .0035 F
.0008 .0019 .0011 F .0019 .0011 F
5.9055 6.2992 0 R7 .0035 .0035 F R7 .0035 .0035 F
.0010 .0019 .0009 F G7 +.0006 .0006 L J7 .0006 .0006 F K6 .0008 .0008 F .0019 .0009 F
6.2992 7.0866 0 R7 .0035 .0035 F +.0022 .0032 L +.0010 .0020 L +.0002 .0012 L R7 .0035 .0035 F
.0010 .0019 .0009 F .0019 .0009 F
7.0866 7.8740 0 R7 .0042 .0042 F R7 .0042 .0042 F
.0012 .0024 .0012 F .0024 .0012 F
7.8740 8.8583 0 R7 .0042 .0042 F J7 .0007 .0007 F J7 .0007 .0007 F R7 .0042 .0042 F
.0012 .0024 .0012 F +.0011 .0023 L +.0011 .0023 L .0024 .0012 F
8.8583 9.8425 0 R7 .0042 .0042 F R7 .0042 .0042 F
.0012 .0024 .0012 F .0024 .0012 F
9.8425 11.0236 0 R7 .0047 .0047 F R7 .0047 .0047 F
.0014 .0027 .0013 F J7 .0007 .0007 F J7 .0007 .0007 F .0027 .0013 F
11.0236 12.4016 0 R7 .0047 .0047 F +.0013 .0027 L +.0013 .0027 L R7 .0047 .0047 F
.0014 .0027 .0013 F .0027 .0013 F
Alloggiamenti in alluminio: interferenza min. 1 m per ogni mm di diametro esterno della coppa
Alloggiamenti in magnesio: interferenza min. 1,5 m per ogni mm di diametro esterno della coppa

100
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 101

3.2. Alloggiamenti in materiali non ferrosi 3.5. Assemblaggi a due file di rulli con coppe
Nel pressare le coppe in alloggiamenti in alluminio o magnesio doppie
richiesta una particolare attenzione per evitare raschiamenti Gli anelli esterni doppi, stazionari, dei cuscinetti tipo TDO e
di materiale. Questo potrebbe provocare un accoppiamento, TNA sono generalmente montati liberi per facilitare il montaggio
appoggio o allineamento non soddisfacente a causa di particelle e lo smontaggio (Fig. 4-10). Laccoppiamento libero del
di materiale intrappolate tra la coppa e lo spallamento. Di cuscinetto della posizione "flottante" permette anche il necessario
preferenza, la coppa dovrebbe essere raffreddata o spostamento assiale, quando allaltra estremit dellalbero
l'alloggiamento riscaldato, o tutte due, durante il montaggio. montato il cuscinetto "bloccato" assialmente. Gli anelli esterni
Per facilitare il montaggio si pu usare anche un lubrificante doppi tipo CD e DC consentono limpiego di un perno darresto
speciale. In alcuni casi, le coppe sono montate in inserti in per evitare le rotazioni differenziali del doppio anello nella sede.
acciaio che sono attaccati all'alloggiamento in alluminio o Possono essere utilizzate le tolleranze e gli accoppiamenti
magnesio. Si possono allora utilizzare le tabelle delle tolleranze consigliati nelle tavole seguenti per applicazioni industriali.
di accoppiamento. Quando la coppa montata direttamente
in un alloggiamento in alluminio, si suggerisce l'utilizzo di un
accoppiamento forzato minimo di 1 m per mm di diametro
esterno della coppa. Per alloggiamenti in magnesio, si
suggerisce un accoppiamento forzato minimo di 1,5m di
diametro esterno della coppa.

3.3. Alberi cavi


In caso di alberi cavi a sezione sottile, le interferenze di
accoppiamento indicate nelle tavole per applicazioni industriali
devono essere aumentate per evitare il rischio di strisciamento
dellanello interno in certe condizioni operative.
Cuscinetto fisso Cuscinetto flottante

3.4. Accoppiamenti forzati "Heavy duty"


Fig. 4-10
Accoppiamenti forzati "Heavy duty" sono generalmente Cuscinetti a due file di rulli con accoppiamenti liberi.
raccomandati per applicazioni soggette a carichi elevati, urti
o alte velocit senza considerare se le sedi dei coni sono tornite
o rettificate. 3.6. Cuscinetti assemblati tipo SR, TNA,
Dove risulta impraticabile rettificare l'albero per le sedi dei coni, TNASW e TNASWE
si suggerisce un accoppiamento forzato pesante. In questo caso Le tolleranze di esecuzione e di accoppiamento dei cuscinetti
la finitura superficiale dell'albero tornito non dovrebbe superare tipo SR, TNA, TNASW e TNASWE sono riportate, con le altre
il valore medio di 3,2m (Ra). dimensioni, direttamente nelle tavole "Dati dei cuscinetti".
L'interferenza media del cono per cuscinetti in pollici con Linosservanza delle tolleranze indicate pu causare riduzioni
alesaggio superiore a 76,2 mm dovrebbe essere 0,5m per delle prestazioni e cattivo funzionamento dei cuscinetti con
mm di alesaggio del cono. Per coni con alesaggi inferiori, vedere conseguente danneggiamento della macchina; tolleranze diverse
le tabelle delle tolleranze di accoppiamento. L'accoppiamento determinano accoppiamenti diversi e quindi variazioni rispetto
forzato minimo non dovrebbe essere inferiore a 25m. Se il alla registrazione prestabilita.
diametro dell'albero lavorato con la stessa tolleranza
dell'alesaggio del cuscinetto, utilizzare l'accoppiamento forzato
medio. Per esempio, per un cuscinetto con alesaggio di 609,600
mm l'interferenza media pari a 305m. Il campo di tolleranza
sar di 305m di interferenza, pi o meno la tolleranza
dell'alesaggio del cuscinetto.

Ved. le tabelle delle tolleranze di accoppiamento "heavy duty"


per coni con dimensioni metriche.

101
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 102

D. Procedure di montaggio E. Registrazione


Procedure di montaggio non corrette o scarsa cura durante la
fase di assemblaggio possono influenzare negativamente le 1. Introduzione
prestazioni dei cuscinetti. Con registrazione si intende lammontare di gioco o precarico
presente nel cuscinetto. Un vantaggio intrinseco dei cuscinetti
Ambiente a rulli conici la possibilit di definire la registrazione al
momento del montaggio. Essi possono essere registrati per
Per ottenere le migliori prestazioni e durate indispensabile che fornire le migliori prestazioni per qualsiasi tipo di applicazione.
i cuscinetti a rulli conici siano montati in luoghi e con utensili La Fig.4-11 da un esempio della relazione tra la durata a fatica
puliti. I cuscinetti spediti in contenitori, o in imballi singoli, sono e la registrazione del cuscinetto. A differenza di alcuni tipi di
protetti da uno strato di sostanza anticorrosiva. Lo strato cuscinetti a rotolamento, la registrazione dei cuscinetti a rulli
anticorrosivo non fornisce la lubrificazione richiesta per il conici non dipende dalle tolleranze di accoppiamento con
funzionamento ma compatibile con la maggior parte dei lalbero o lalloggiamento. Lo spostamento assiale di un anello
lubrificanti in commercio, per cui per la maggior parte delle rispetto allaltro permette di ottenere la registrazione desiderata.
applicazioni non necessario rimuoverlo.
Sbavature, corpi estranei o spallamenti danneggiati possono
essere cause di disassamento. Durante la fase di montaggio si
richiede una certa attenzione per evitare rimozione di materiale
o danneggiamento della sede, causa di disassamento o di
variazione nella registrazione durante il funzionamento.

Durata relativa (percentuale)


100

Montaggio
Utensili appropriati devono essere utilizzati per montare
adeguatamente senza rischio di danneggiamento gli anelli
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

Precarico Gioco
interni ed esterni sullalbero e nellalloggiamento. Si deve evitare
che urti siano trasmessi direttamente agli anelli del cuscinetto. 0
In alcuni casi, per facilitare il montaggio, gli anelli del cuscinetto 0.15 0.10 0.05 0.00 0.05 0.10 0.15 mm
0.0060 0.0020 0.0020 0.0060 in
devono essere riscaldati o raffreddati. Nel riscaldamento non
0.0040 0.00 0.0040 mm
si deve superare la temperatura di +150 C (+65 C per
Registrazione assiale
cuscinetti di precisione), mentre nel raffreddamento delle piste
esterne non si deve superare la temperatura di -55 C (-30 C 360 180 135 100
216
per cuscinetti di precisione).
Zona di carico (gradi)

Nota : per maggiori informazioni su questo argomento, Fig. 4 -11


contattare il Servizio Assistenza Tecnica della Societ Timken Relazione tra registrazione e durata a fatica dei cuscinetti.
o consultare i Manuale di manutenzione Timken.

102
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 103

A cuscinetto assemblato, le condizioni di registrazione sono


definite come: 2. Influenze sulla registrazione dei cuscinetti
Gioco - Un gioco assiale tra piste e rulli che permette un
movimento assiale dellalbero misurabile quando si applica 2.1. Considerazioni generali
una moderata spinta assiale, alternativamente nelle due
direzioni, facendo ruotare lentamente lalbero (Fig. 4-12). Per ogni applicazione esiste un valore ideale di registrazione
dei cuscinetti. Per ottenere questa condizione, nella registrazione
dei cuscinetti si devono considerare sia le deformazioni sotto
Gioco assiale carico (radiali ed assiali) sia le dilatazioni termiche legate ai
materiali utilizzati.

a) Montaggio standard
Registrazione operativa = registrazione a cuscinetti montati
effetti della temperatura + deflessione

b) Assemblaggi preregistrati
Registrazione a cuscinetti montati, gioco o precarico = Gioco
o precarico al banco (a cuscinetti non montati) - effetti degli
accoppiamenti

Registrazione operativa = gioco o precarico a cuscinetti montati


+ deflessione effetti della temperatura

Gli effetti della temperatura e degli accoppiamenti dipenderanno


dal tipo di montaggio, dalla geometria e dimensioni dei
cuscinetti, dalle dimensioni e materiale dellalbero e
dellalloggiamento secondo lo schema seguente (Fig. 4-13):

Fig. 4 -12
Distanza tra pista esterna e rulli o "Gioco assiale".

Precarico - Una interferenza assiale tra piste e rulli tale da


non permettere nessun movimento assiale dellalbero anche Centro geometrico del cuscinetto
in presenza di una moderata spinta assiale, applicata
alternativamente nelle due direzioni, con rotazione lenta
dellalbero.
Gioco zero - Condizione di registrazione a zero : il punto di
passaggio tra gioco e precarico.
DH dO dS DO D d

La registrazione ottenuta nella fase iniziale di montaggio definita


registrazione a freddo dei cuscinetti e viene stabilita prima che il
dispositivo entri in servizio.
La registrazione dei cuscinetti in servizio conosciuta come la
registrazione operativa ed il risultato delle variazioni di registrazione
dei cuscinetti dovute alle dilatazioni termiche ed alle deformazioni Fig. 4 -13
che si incontrano in funzionamento. Influenza delle condizioni operative sulla registrazione.
La registrazione a freddo dei cuscinetti necessaria per produrre la
registrazione ottimale in funzionamento dei cuscinetti varia con S = interferenza anello interno/albero
lapplicazione. Esperienza su applicazioni similari o prove permettono H = interferenza anello esterno/alloggiamento
di determinare la registrazione ottimale. Molto spesso, comunque, K = fattore K del cuscinetto
la relazione esatta tra la registrazione a freddo e quella operativa d = diametro interno del cuscinetto
non nota, per cui si deve fare una stima ragionata. Per determinare dO = diametro medio della pista dellanello interno
la registrazione iniziale dei cuscinetti per una specifica applicazione,
D = diametro esterno del cuscinetto
contattare un ingegnere di vendita della Societ Timken.
DO = diametro medio della pista dellanello esterno
In linea di massima, la registrazione ideale in funzionamento
L = distanza tra i centri geometrici dei cuscinetti, mm
vicina a zero per massimizzare le prestazioni dei cuscinetti
= coefficiente di dilatazione lineare per alberi ed alloggiamenti in materiale
(Fig. 4-11). La maggior parte dei cuscinetti registrata con gioco 6
ferroso : 11 x 10 C
al montaggio per ottenere a condizioni operative stabilizzate la
dS = diametro interno dellalbero
registrazione desiderata vicino a zero.
DH = diametro esterno dellalloggiamento
T = differenza di temperatura tra lalbero/anello interno + rulli
e alloggiamento/anello esterno, C
103
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 104

2.2. Effetti della temperatura Funzionamento dei componenti meccanici


adiacenti che trasmettono il moto
(cuscinetti a due file di rulli) Variazioni della registrazione dovute a

1 2
deflessioni e a differenze di temperatura
Montaggio diretto o ad X Dimensioni dei cuscinetti e metodo di

[( ) ]
registrazione
K1 DO1 K2 DO2
T=T
0,39
x
2
+
)( x
0,39 2
+ L
L
Montaggio diretto
Tipo di lubrificazione
Materiale dell'albero e dell'alloggiamento.

Montaggio indiretto o ad 0 Il valore della registrazione richiesto al


1 2
montaggio deve considerare qualsiasi
variazione che si pu verificare durante il
T=T [( K1 D
0,39 2 )(
x O1 +
K2 DO2
x
0,39 2
L
) ] funzionamento. Per tutte quelle applicazioni
dove non sono disponibili precedenti
L esperienze, basate su condizioni operative
Montaggio indiretto comparabili, la Societ Timken in grado di
2.3. Effetto degli accoppiamenti con fornire lassistenza necessaria per determinare
la registrazione corretta dei cuscinetti.
interferenza (cuscinetti a singola fila)
Alberi pieni ed alloggiamenti con forte spessore
3.2. Registrazione manuale
Anello interno :
Definire lentit di gioco assiale presente spingendo avanti ed indietro
K d
F = 0,5
( )( )
0,39 dO
S lalbero o lalloggiamento, avendo cura di farli ruotare per assestare
i rulli. Correggere tale valore di gioco di riferimento sino ad ottenere
lammontare stabilito di gioco o precarico tramite il dispositivo di
Anello esterno : registrazione disponibile.
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

K DO Fig. 4-14 e 4-15 sono tipici esempi di applicazioni con registrazione


F = 0,5
( )( )
0,39 D
H
manuale.

Alberi ed alloggiamenti di ridotto spessore

[ ]
Anello interno :
( ) 1
dS
d
2

F = 0,5 ( )( )K
0,39
d
dO dS
S

( ) 1
dO
2

)( )[
( ) ]
D
Anello esterno :
( ) 1
DH
2
Fig. 4-14

F = 0,5 ( K
0,39
DO
D
1
DO 2
H Registrazione con gioco assiale.

DH

Nota : le formule sono valide solo per applicazioni con alberi ed


alloggiamenti in materiale ferroso.

3. Metodi di registrazione
3.1. Campo di registrazione
I valori massimi e minimi del campo di registrazione sono determinati
da considerazioni sui fattori seguenti : Fig. 4-15
Tipo di applicazione Ruota non motrice
di autocarro.
Tipo di servizio
104
CHAP4IT.QXD 23/06/02 14:40 Page 105

3.3. Cuscinetti assemblati preregistrati

TDI con distanziale tra gli anelli esterni TDO con distanziale tra gli anelli interni

TNA TNASW TNASWE

SR 2S

AP

TQO

Fig. 4 -16
Tipici cuscinetti assemblati preregistrati.

105
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 106

Se lapplicazione richiede lutilizzo di cuscinetti assemblati a pi 4.1. Set-Right


file di rulli, si possono utilizzare cuscinetti preregistrati (Fig. 4-16).
Questa tecnica applica la legge delle probabilit. La registrazione nei
Diversi tipi di cuscinetti, a pi file di rulli, possono essere forniti
cuscinetti si basa sul controllo delle tolleranze radiali ed assiali di tutti i
con distanziali rettificati su misura per offrire la registrazione
componenti costituenti lassemblaggio.
richiesta dallimpiego specifico (Fig. 4-17). Esempi di questi
cuscinetti, riportati nel manuale, sono i tipi : SS, TDI, TDIT e TDO.
Ciascun componente dei cuscinetti a pi file di rulli porta impresso
4.2. Acro-Set
un numero di identificazione seriale marcato su ciascuna coppa, La registrazione con il metodo Acro-Set ottenuta misurando il valore
cono e distanziale. Solo alcuni cuscinetti di piccole dimensioni della luce, che sar occupata dal distanziale o dallo spessore, con
non hanno i numeri didentificazione sui componenti, ma, in applicata una forza assiale predefinita. Il valore corretto dello spessore
questo caso, essi sono forniti gi assemblati in scatole singole. o distanziale da impiegare rilevato da un diagramma
I cuscinetti preregistrati hanno un ben determinato gioco interno, precedentemente preparato o letto direttamente su un indicatore
o precarico, espressamente stabilito durante la fabbricazione. appositamente tarato.
Tale valore di registrazione, detto anche "gioco al banco" (BEP) Questa tecnica si basa sulla legge di Hooke: allinterno del limite
o "precarico al banco" (BPL), generalmente stabilito dalla elastico del materiale la deformazione del materiale proporzionale
Societ Timken durante la fase iniziale di progettazione della al carico applicato. Essa applicabile a registrazioni sia in gioco
nuova macchina. I componenti di un assemblaggio NON sono che in precarico.
intercambiabili con gli stessi componenti provenienti da unaltro
assemblaggio. 4.3. Torque-Set
Nei cuscinetti tipo TNA, TNASW, TNASWE (versione standard) La tecnica di registrazione Torque-Set utilizza la coppia di rotolamento a
e SR la registrazione ottenuta mantenendo ristrette tolleranze bassa velocit dei cuscinetti per stabilire lammontare della deformazione
assiali dei componenti i cuscinetti; tali componenti, per cuscinetti che le parti costituenti lassemblaggio subiscono durante loperazione di
con diametro interno inferiore a 305 mm, sono tra di loro registrazione dei cuscinetti. Tale metodo pu essere impiegato in applicazioni
intercambiabili. che richiedono registrazioni con gioco o precarico.

4.4. Projecta-Set
4. Tecniche di registrazione automatica La tecnica Projecta-Set utilizzabile in tutte quelle applicazioni in cui
estremamente difficile effettuare misure dirette degli spessori di registrazione.
La Societ Timken ha sviluppato diverse tecniche di registrazione
Utilizzando distanziali ed altri particolari meccanici opportunamente
MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

automatizzata. I vantaggi di queste tecniche sono:


predisposti, si ottiene una "proiezione" esterna della dimensione che deve
Tempi ridotti di set-up
essere misurata. Limpiego della tecnica di registrazione Projecta-Set
Costi di assemblaggio ridotti
particolarmente utile in tutte le applicazioni che richiedono distanziali tra
Aumento dellaffidabilit e ripetibilit delle registrazioni
gli anelli interni dei cuscinetti montati con interferenza, per cui lo smontaggio
Ridotta abilit e valutazione richieste alloperatore
risulterebbe pi difficile e richiederebbe pi tempo.
In molti casi si pu applicare alle linee di montaggio per volumi
La scelta della tecnica di registrazione automatizzata, che si intende
di produzione medi ed elevati.
utilizzare nel montaggio dei cuscinetti, deve essere effettuata nella fase
Per una ampia gamma di applicazione possibile selezionare e iniziale del progetto. Per ciascuna particolare applicazione necessario
adattare uno dei metodi seguenti di registrazione automatizzata. determinare la tecnica pi economica, lattrezzatura e gli utensili necessari.
La scelta finale sar, inoltre, determinata dalle dimensioni e dal peso
dellunit da produrre, tolleranze di esecuzione richieste, volume di
produzione, accessibilit ai sistemi di bloccaggio (ghiere, dadi, piastre
di bloccaggio, ecc.) e dagli utensili gi disponibili.
Gli ingegneri di vendita ed il Servizio Assistenza Tecnica della Societ
Timken possono fornire laiuto necessario per determinare il metodo di
registrazione pi idoneo per la corretta registrazione dei cuscinetti.
A richiesta disponibile della documentazione specifica sui diversi metodi
di registrazione automatizzata.

Fig. 4-17
Distanziali TDO
La foto mostra come si presenta un distanziale per cuscinetto TDO.
La mano sul lato destro tiene il distanziale utilizzato tra i due anelli
interni a singola fila di rulli.

106
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 107

F. Sistemi di tenuta
formando un labirinto.
Gli schermi in lamierino stampato devono avere, a montaggio
avvenuto, un gioco radiale di 0,5-0,6 mm ed un gioco assiale di
Nella fase di scelta del tipo di tenuta per qualsiasi applicazione con almeno 3,2 mm tra parti rotanti e parti fisse.
cuscinetti Timken necessario considerare il tipo di lubrificante, il
tipo di contaminante che si deve mantenere allesterno della camera
dei cuscinetti, la velocit dellapplicazione e le condizioni generali
di funzionamento.
2.2. Tenute meccaniche
Tenute meccaniche lavorate di macchina utensile, ed eventualmente
1. Considerazioni generali utilizzate con altri tipi, sono impiegate nelle applicazioni che richiedono
tolleranze pi ristrette tra parti rotanti e parti fisse. Giochi pi
1.1. Finitura superficiale degli alberi ristretti permettono di ottenere tenute pi efficienti con migliore
La finitura superficiale degli alberi deve essere tale da non produrre ritenzione del grasso ed esclusione di particelle esterne. Esempi di
effetti pompanti, in rotazione, tendenti a spingere il lubrificante applicazione sono rappresentati nelle Fig. 4-20 e 4-21.
fuori dal cuscinetto o fluidi contaminati allinterno. Loperazione di
rettifica produce, normalmente, una finitura superficiale soddisfacente.

1.2. Lubrificazione a grasso - sfiati


Nella lubrificazione a grasso con sistemi di tenuta striscianti e non
striscianti, necessario prevedere un foro di comunicazione tra i due
cuscinetti e lesterno. Questo aiuter a prevenire l'ingresso di
contaminanti nel caso di un differenziale di pressione tra la camera
dei cuscinetti e l'esterno.

1.3. Tenute per alberi verticali - lubrificazione ad olio Fig. 4-20


La lubrificazione dei cuscinetti montati su alberi verticali sempre Tenuta meccanica con deflettore e labirinto.
problematica. Normalmente, si utilizza grasso, nebbia d'olio o aria-
olio per la loro semplicit. In applicazioni ad alta velocit e/o carichi
elevati si utilizza anche la circolazione d'olio. Ci richiede un sistema
di tenuta molto efficace ed una pompa di aspirazione per rimuovere
l'olio dal cuscinetto in posizione inferiore.

2. Tenute senza strisciamento


2.1. Tenute in lamierino stampato Fig. 4-21
Gli schermi in lamierino stampato sono utilizzabili in tutte quelle Deflettore con sezione ad "L" e tenuta meccanica con scanalature
angolari.
applicazioni funzionanti in ambienti puliti. Gli schermi in lamierino
sono anche utilizzati in combinazione ad altri tipi di tenute per formare
labirinti idonei a prevenire lentrata di corpi estranei nella camera In Fig. 4-21 rappresentato limpiego di un deflettore con sezione
del cuscinetto. ad "L" unitamente ad una tenuta meccanica con scanalature anulari.
Lo schermo in lamierino stampato di Fig. 4-18 particolarmente Tale sistema trattiene efficacemente lolio e mantiene lo sporco
indicato per cuscinetti lubrificati a grasso e funzionanti in ambienti all'esterno nelle applicazioni con alberi rotanti ad elevata velocit.
privi di polveri. La Fig. 4-19 mostra limpiego di schermi in lamierino
stampato su entrambi i lati del cuscinetto, adatti a mantenere il grasso
in prossimit del cuscinetto. Il deflettore interno, lato sezione maggiore
2.3. Tenute con scanalature anulari
dellanello interno del cuscinetto, fornisce un ulteriore effetto di tenuta Normalmente le tenute con scanalature anulari sono impiegate nella
lubrificazione a grasso in applicazioni dove sono presenti polveri
abrasive o comunque particelle che potrebbero rendere inefficienti
i sistemi di tenuta a strisciamento. La tenuta, a seconda dellimpiego,
presenta un certo numero di scanalature anulari sul diametro interno
od esterno. Durante il funzionamento le scanalature si riempiono di
una miscela di grasso e polvere, che nel tempo tende ad indurirsi,
fornendo cos la tenuta necessaria. Le scanalature anulari, se impiegate
nella lubrificazione ad olio, tendono ad interrompere leffetto di
capillarit che potrebbe produrre una lenta e continua fuoriuscita
del lubrificante.
Tenute con scanalature anulari e labirinto incorporato sono impiegate
Fig. 4-18 Fig. 4-19 nella lubrificazione a grasso dei cuscinetti di macchine operanti in
Schermo in lamierino Schermi in lamierino stampato. ambienti estremamente contaminati (Fig. 4-22).
stampato.

107
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 108

Questo tipo di tenuta tanto pi efficiente quanto minore il gioco Gli anelli di tenuta a strisciamento sono disponibili con o senza molla
esistente tra parti rotanti e fisse e quanto maggiore il numero di di pressione. La molla serve ad esercitare una pressione costante
scanalature presenti sullanello. In Fig. 4-23 sono riportate le dimensioni sul labbro della superficie di strisciamento e, quindi, ad assicurare
consigliate delle scanalature e del gioco radiale. una pi efficiente tenuta nel tempo. Se le condizioni operative
richiedono contemporaneamente lesclusione degli agenti contaminanti
e ritenzione del lubrificante nella camera dei cuscinetti si utilizzano
anelli di tenuta con due o tre labbra. Per proteggere e prevenire
rapide usure e danneggiamenti delle parti striscianti in presenza di
estrema contaminazione ed abrasivi, si utilizzano spesso tenute
esterne metalliche addizionali (Fig. 4-25).
Le superfici di strisciamento degli anelli di tenuta richiedono, in genere,
un grado di finitura superficiale compreso entro 0,25-0,40 mm R a.
Le superfici di strisciamento in applicazioni con presenza di
contaminanti ed abrasivi devono avere una durezza superficiale
minima di 45 Rockwell C. Per applicazioni particolari si consiglia
di consultare il produttore degli anelli di tenuta.
Fig. 4-22
Tenuta meccanica con scanalature anulari e labirinto.

a c

b
70
Holgura

dimensione a 3,20 - 4,80

dimensione b 4,00 - 4,80


MONTAGGIO, TOLLERANZE E REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI

dimensione c 0,5a
gioco diametrale 0,25 - 0,40 Per diametri fino
a 50 mm
1,3 max. Per diametri
maggiori di 50 mm

Fig. 4-23 Fig. 4-25


Scanalature anulari. Dimensioni consigliate (mm). Anello di tenuta a strisciamento e labirinto meccanico.

3. Tenute a strisciamento 3.2. Tenute DUO FACE-PLUS


Lanello di tenuta "DUO FACE-PLUS" (Fig. 4-26) costituito da un
3.1. Tenute radiali doppio labbro: un labbro effettua la tenuta nellalloggiamento, laltro
Una vasta gamma di tenute radiali a strisciamento, in grado di labbro direttamente in contatto con la superficie rettificata, lato
soddisfare la maggior parte delle esigenze, commercialmente sezione minore dellanello esterno del cuscinetto. Limpiego dellanello
disponibile. Nelle applicazioni prive di agenti contaminanti e nei di tenuta "DUO FACE-PLUS" non richiede quindi la rettifica di ulteriori
casi in cui lo scopo principale della tenuta quello di mantenere il superfici di strisciamento. Lanello di tenuta"DUO FACE-PLUS" ha
lubrificante nei cuscinetti, viene impiegato, generalmente, un anello fornito ottime prestazioni in applicazioni lubrificate a grasso. La
di tenuta con singolo labbro diretto verso linterno della camera del gamma di cuscinetti disponibile con anelli di tenuta "DUO FACE-
cuscinetto; se lo scopo principale della tenuta quello di impedire PLUS" elencata in questo manuale. Inoltre, a richiesta, disponibile
lentrata di agenti contaminanti, il labbro rivolto verso lesterno una pubblicazione con esempi dimpiego.
(Fig. 4-24).

Fig. 4-24 Fig. 4-26


Anello di tenuta radiale a strisciamento Anello di tenuta DUO FACE -PLUS
108
CHAP4IT.QXD 21/06/02 15:42 Page 109

3.3. Tenute a diaframma 3.5. Tenute V-Ring


Le tenute a diaframma (Fig. 4-27) sono facilmente reperibili in Le tenute di tipo V-Ring possono essere impiegate indifferentemente
commercio. Il labbro del diaframma svolge la sua azione strisciando nella lubrificazione a grasso o ad olio. A velocit di rotazione elevate
contro lanello esterno, lato sezione minore. La tenuta in Fig.4-28 lanello di tenuta V-Ring si comporta come un deflettore. Questa tenuta
ha, in pi, un labbro supplementare che agisce su una sporgenza pu essere utilizzata sia con lubrificazione a grasso che ad olio. Si
dellalloggiamento. suggerisce di consultare il fornitore delle tenute per limitazioni
nell'applicazione (Fig. 4-30).

Fig. 4-27 Fig. 4-28 Fig.4-30


Anello di tenuta a diaframma. Tenuta a diaframma. Tenuta V-ring.

3.4. Segmenti di pistone


Questo tipo di tenuta spesso usato in ambienti estremamente
contaminati dove le velocit di rotazione sono basse. La Fig. 4-29
mostra uno dei tipi di tenuta a segmenti di pistone disponibili. Questo
tenuta ha necessit di funzionare in bagno d'olio. Sono disponibili
anche configurazioni diverse per alte velocit ed altre applicazioni
speciali.

Fig. 4-29
Tenuta a segmenti di pistone per basse velocit ed ambienti
contaminati.

109
CHAP0IT.QXD 21/06/02 19:20 Page XVI

A. FUNZIONI DI BASE DEL LUBRIFICANTE ...................... 113


1. Lubrificazione elastoidrodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
2. Spessore del film sulle piste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
3. Spessore del film nella zona di contatto rulli/bordino . . . . . 114

B. LIMITI DI VELOCIT ......................................... 114


1. Velocit di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
2. Limiti di velocit - Indicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
3. Limiti del materiale dei cuscinetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115

C. GUIDA ALLA SCELTA OLIO/GRASSO ........................ 115


1. Lubrificazione a grasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
1.1. Tipo di sapone
1.2. Consistenza
1.3. Riempimento
1.4. Quantit di grasso richiesta
1.5. Intervalli di rilubrificazione
1.6. Indicazioni per la lubrificazione a grasso
1.6.1. Grassi industriali per applicazioni generiche
2. Lubrificazione ad olio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
2.1. Oli minerali
2.2. Oli sintetici
2.3. Scelta del tipo di olio
2.4. Classificazione degli oli
2.5. Indicazioni per la lubrificazione ad olio
2.5.1. Oli per impiego generico con inibitori
di corrosione ed ossidazione
2.5.2. Oli industriali Estrema Pressione
(EP) per ingranaggi
2.6. Generazione e smaltimento del calore
2.6.1. Generazione del calore
2.6.2. Smaltimento del calore
2.6.3. Smaltimento del calore con circolazione dolio
2.6.4. Smaltimento del calore attraverso lalloggiamento
2.7. Sistemi di lubrificazione ad olio
5. LUBRIFICARE I CUSCINETTI

2.7.1. Sistemi a livello dolio


2.7.2. Sistemi a circolazione forzata dolio
2.7.3. Sistemi a nebbia dolio
3. Additivi del lubrificante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

D. INQUINAMENTO .......................................... 122


1. Particelle abrasive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
2. Acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
3. Filtraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123

E. CONCLUSIONE ............................................ 123

111
CHAP5IT.QXD 21/06/02 15:57 Page 112
CHAP5IT.QXD 21/06/02 15:57 Page 113

A. Funzioni di base del lubrificante 2. Spessore del film sulle piste


Limportanza del meccanismo di lubrificazione idrodinamica sta
Le brillanti prestazioni di ogni cuscinetto sono legate ad una corretta nel fatto che lo spessore del film di lubrificante tra i due contatti
lubrificazione che necessariamente deve includere un tipo adeguato pu essere messo in relazione con le prestazioni dei cuscinetti. Lo
di lubrificante, una corretta quantit ed applicazione del lubrificante spessore del film generato dipende dalle seguenti condizioni
sui cuscinetti. operative :

l lubrificanti devono rispondere a tre requisiti fondamentali : Velocit


Mantenere separate le superfici degli elementi rotolanti e ridurre
Carichi
lattrito Viscosit del lubrificante
Relazione pressione/viscosit.
Dissipare il calore (con la lubrificazione ad olio) Per calcolare lo spessore del film minimo e medio sono state
sviluppate delle relazioni analitiche :
Proteggere dalla corrosione e, con lubrificazione a grasso, dalla
contaminazione. Spessore minimo del film (basato sulla formula di Dowson) :

Queste funzioni includono considerazioni sulla lubrificazione e hmin = KD (o V) 0,7 0,54 W 0,13 R 0,43
sullo spessore del film generato nelle piste (in accordo con gli
effetti elastoidrodinamici) e nel contatto rulli/bordino.
dove :

hmin = spessore minimo del film di lubrificante


1. Lubrificazione elastoidrodinamica KD
o
= costante contenente i moduli di elasticit
= viscosit del lubrificante alla pressione atmosferica
La formazione del film di lubrificante tra le superfici in contatto del V = velocit relativa della superficie
cuscinetto definito meccanismo di lubrificazione elastoidrodinamica = coefficiente di pressione/viscosit del lubrificante
(EHD). Le due principali considerazioni nella lubrificazione EHD W = carico per unit di lunghezza
sono : R = raggio equivalente

La deformazione elastica dei corpi in contatto sotto carico.


Spessore medio del film (basato sulle formula di Grubin) :
Gli effetti idrodinamici che forzano il film di lubrificante a
separare le superfici in contatto mentre la pressione le deforma.
h = 0,039 ( V ) 0,728 (P/ l) 0,091 ( 1/ R) 0,364

dove :
Pressione h = spessore del film di lubrificante (m)
= viscosit del lubrificante
V = velocit superficiale
Velocit
= coefficiente di pressione/viscosit del lubrificante
h P = carico tra lanello interno (pista) ed i rulli
h min.
l = effettiva lunghezza di contatto tra i rulli
Velocit e la pista interna
1/ R = sommatoria degli inversi dei raggi di contatto

zona di entrata Zona Hertziane zone di uscita


I principali fattori influenzanti lo spessore del film di lubrificante
sono la viscosit e la velocit mentre il carico ha una importanza
Fig. 5-1 minore.
Durata relativa a fatica del cuscinetto in funzione dello spessore del Gli spessori di questi film EHD sono spesso della stessa entit,
film EHD (velocit costante - temperatura variabile).
come altezza, della rugosit superficiale.

Gruppo Temperatura Visc. @ temp. di prova Film EHD (hmin) Durata


di Prova C mm2/sec m %

A-1 135 2,0 0,038 13 - 19

A-2 66 19,4 0,264 100

Tabella 5-A
Durata relativa a fatica del cuscinetto in funzione dello spessore del film EHD (velocit costante - temperatura variabile)

113
CHAP5IT.QXD 21/06/02 15:57 Page 114

B. Limiti di velocit
Come mostrato nella Sezione 3 "Calcolare le prestazioni dei
cuscinetti", la durata a fatica di un cuscinetto legata in modo
complesso alla velocit, carico, lubrificazione, temperatura,
registrazione e disassamento. Il ruolo del lubrificante in questa Il limite di velocit di un cuscinetto in qualsiasi applicazione
interazione determinato principalmente dalla velocit, viscosit legato ad un certo numero di fattori che comprendono:
e temperatura, e gli effetti di questi fattori sulla durata a fatica del
cuscinetto possono essere estremamente rilevanti. Per esempio, in Temperatura
un programma di prova (tabella 5-A), due gruppi di cuscinetti di Registrazione dei cuscinetti
prova sono stati sottoposti a condizioni di carico e velocit costanti Lubrificazione
con diversi spessori del film di lubrificante ottenuti variando la Configurazione del cuscinetto
temperatura di funzionamento e la gradazione dellolio. La durata Limportanza relativa di ciascuno di questi fattori dipende dal tipo
si ridotta enormemente alle temperature pi elevate, con viscosit di applicazione. Leffetto di ciascun fattore non indipendente ;
pi basse e conseguente pi sottile spessore del film risultante. ognuno contribuisce, in modo diverso in funzione dellapplicazione,
ai limiti di velocit globali del progetto.
In unaltra ricerca (tabella 5-B), viscosit e carico sono stati mantenuti
costanti mentre la velocit variabile ha prodotto risultati simili a Per raggiungere i limiti di velocit caratteristici dei cuscinetti a rulli
quelli della tabella 5-A - velocit pi elevate producono film pi conici necessario comprendere come ognuno di questi fattori
spessi ed aumentano le durate. condizioni le prestazioni dei cuscinetti al variare della velocit.

La scelta del lubrificante idoneo per ogni singola applicazione


richiede unattenta analisi delle condizioni ambientali ed operative
previste. Le formule proposte nella Sezione 3, permettono la
1. Velocit di rotazione
valutazione del lubrificante e di quelle condizioni che, nella forma Per poter confrontare cuscinetti di diverse dimensioni la velocit
del fattore di correzione per il lubrificante, influenzano la durata di rotazione di un cuscinetto a rulli conici espressa come velocit
a fatica. La durata calcolata L10 viene moltiplicata per questo lineare misurata nella mezzeria della zona di contatto del bordino
fattore per ottenere la durata corretta per gli effetti della (Fig. 5-2) e si pu calcolare come :
lubrificazione.
Velocit lineare al bordino :

Dmn
Vr = (m/s)
Gruppo Velocit Film EHD (hmin) Durata 60 000
di Prova G/min m %
dove :
B-1 3600 0,102 100 Dm = diametro medio della zona di contatto
del bordino dellanello interno mm
B-2 600 0,028 40 n = velocit di rotazione G/min

Tabella 5-B
Durata relativa a fatica del cuscinetto in funzione dello spessore del
film EHD (velocit variabile - temperatura costante).

Diametro del bordino


3. Spessore del film nella zona di contatto rulli/bordino dell'anello interno

Il contatto tra la superficie della base del rullo ed il bordino Fig. 5-2
LUBRIFICARE I CUSCINETTI

dellanello interno descritto come un contatto elasto-idrodinamico Diametro del bordino del cono. Il diametro del bordino dellanello
interno pu essere rilevato da un disegno in scala del cuscinetto.
od un contatto idrodinamico (la deformazione elastica risulta
trascurabile). Poich i carichi fra rulli e bordino sono decisamente
inferiori ai carichi tra rulli e piste, lo spessore del film nella zona La dimensione Dm pu essere rilevata da un disegno in scala del
di contatto rulli/bordino normalmente superiore allo spessore cuscinetto, se disponibile, o pu essere richiesta ad un ingegnere
del film nella zona di contatto rulli/piste (circa 2 volte). di vendita della Timken o ancora essere approssimata prendendo
il 99% del diametro del cono.

I valori DN (prodotto dellalesaggio in mm per la velocit in G/min)


sono spesso utilizzati come misura della velocit di rotazione. Non
c una relazione diretta fra la velocit al bordino del cuscinetto
a rulli conici ed il valore DN per la notevole variazione nella
sezione (larghezza) dei cuscinetti a rulli conici. Comunque, in via
approssimativa, un metro al secondo di velocit lineare al bordino
corrisponde circa a 16 000 DN per cuscinetti con sezione media.
114
CHAP5IT.QXD 21/06/02 15:57 Page 115

2. Limiti di velocit - Indicazioni


La Fig. 5-3 riporta un sommario dei suggerimenti relativi a
velocit e temperature basate su esperienze dei clienti, test dei
clienti e ricerche condotte dalla Societ Timken. Per qualsiasi
chiarimento relativo ai limiti di velocit si suggerisce di contattare
la Societ Timken.

Cuscinetti speciali per alte velocit con circolazione d'olio

Getti d'olio

Nebbia d'olio Indicazione delle velocit limite


L'esperienza dell'industria indica l'assenza
di problemi in circostanze normali.
Circolazione d'olio
L'esperienza dell'industria suggerisce di
effettuare delle prove per ottimizzare il sistema.
Livello d'olio
Per raggiungere queste velocit oltre alle prove
Grasso possono essere necessari cuscinetti speciali.

0 10 20 30 40 50 40 100 200 m/s

V elocit al bordino

Fig. 5-3
Indicazioni delle velocit limite per i diversi sistemi di lubrificazione

3. Limiti del materiale dei cuscinetti


L'acciaio standard dei cuscinetto in grado di funzionare C. Guida alla scelta olio / grasso
continuamente fino a 135 C per periodi prolungati senza alterare
la sua durezza. Per funzionamento a temperature pi elevate, sono 1. Lubrificazione a grasso
disponibili acciai speciali per alte temperature. Si suggerisce di
Il sistema di lubrificazione pi semplice per qualsiasi applicazione
contattare l'ingegnere di vendita Timken.
di cuscinetti il grasso. Il "National Lubricating Grease Institute",
(NLGI), definisce questo lubrificante come "il prodotto solido, o semi-
liquido, ottenuto dalla dispersione di un agente indurente in un
liquido lubrificante". Generalmente i grassi utilizzati nelle applicazioni
dei cuscinetti Timken sono oli minerali con viscosit definita portati
alla consistenza desiderata mediante limpiego di alcuni tipi di
saponi metallici. I grassi sono disponibili con vari tipi di saponi
metallici come sodio, calcio, composti di calcio e composti di
alluminio. Per alcuni grassi sono utilizzati indurenti organici ed
inorganici non appartenenti alla categoria dei saponi.

1.1. Tipo di sapone


I grassi di calcio hanno buona resistenza allacqua, ma non
permettono temperature desercizio superiori ai 65 C. I grassi al
sodio sono, generalmente, molto stabili e possono operare a
temperature pi elevate dei grassi al calcio ma assorbono acqua e
non possono essere impiegati in presenza di vapori. Grassi al calcio,
ai composti di calcio ed ai composti di alluminio forniscono le
prestazioni combinate dei grassi al calcio ed al sodio, temperature
desercizio pi elevate, stabilit e resistenza allacqua. Questi grassi
sono anche definiti "multi-uso" perch riuniscono le principali
caratteristiche che si richiedono ad un grasso in un solo prodotto.

TM = Marchio di Fabbrica della The Timken Company 115


CHAP5IT.QXD 21/06/02 15:57 Page 116

1.2. Consistenza Un cuscinetto completamente riempito di grasso si spurgher


automaticamente delleccesso appena entrato in rotazione. Se non
La consistenza (durezza) di un grasso definita come la profondit sono state previste delle uscite per il grasso dalla cavit, il
(in decimi di mm) di penetrazione raggiunta da un cono standard rimescolamento del grasso potrebbe causare una eccessiva
in un campione di grasso in condizioni di prova definite. La NLGI generazione di calore se le velocit di rotazione sono elevate.
ha definito i grassi (tabella 5-C) sulla base della consistenza Nella fase di montaggio iniziale, raccomandabile spalmare un
misurata con il metodo della penetrazione. po di grasso sulla pista dellanello interno. Lo spazio tra la gabbia
e la pista interna dovrebbe essere riempito (Fig. 5-4). Pu essere
vantaggioso utilizzare degli schermi per mantenere il grasso
N NLGI Indice di penetrazione spurgato vicino al cuscinetto (Fig. 5-5). Una pubblicazione separata
della Societ Timken, relativa alle pratiche dofficina, descrive le
000 445 - 475 procedure di assemblaggio in dettaglio e mostra alcuni dispositivi
00 400 - 430 per iniettare automaticamente la corretta quantit di grasso nei
0 355 - 385 cuscinetti.
1 310 - 340
2 265 - 295
3 220 - 250
4 175 - 205
5 130 - 160
6 85 - 115
Tabella 5-C
Classificazione del grasso secondo NLGI

La consistenza dei grassi normalmente utilizzati nella lubrificazione


dei cuscinetti a rulli conici NLGI N 2 o N 1. Grassi di consistenza
N 3 o ancora pi densi sono raramente utilizzati nei cuscinetti
Timken perch tendono a incanalarsi, causando la mancanza di
circolazione del lubrificante. Grassi di consistenza NLGI N 0 o
pi fluidi, circolando rapidamente nella camera del cuscinetto,
accelerano la tendenza ad ammorbidirsi e la possibilit di perdite. Fig. 5-5
Schermi in lamierino per mantenere il grasso spurgato a ridosso del
cuscinetto.
1.3. Riempimento
Una volta scelta la lubrificazione a grasso, questo dovr essere 1.4. Quantit di grasso richiesta
immesso nel cuscinetto assicurandosi che sia distribuito tra i rulli e Per assicurare la lubrificazione ottimale, nel cuscinetto deve essere
la gabbia. Nel riempimento manuale dei cuscinetti, per una corretta immessa la quantit di grasso stabilita. Questa quantit si basa sul
distribuzione forzare il grasso attraverso il cuscinetto sotto la gabbia volume libero del cuscinetto calcolato come segue:
dal lato superficie maggiore del rullo verso il lato superficie minore.

[4 ] M