Sei sulla pagina 1di 189

Formulario di Matematica

v.6.0b

Daniele Angella1
Leonardo Ferro2

28 marzo 2005

1
daniele.angella@gmail.com
2
leonardoferro@gmail.com
2

0.1 Prefazione
Estragone. Troviamo sempre qualcosa, vero, Didi, per darci l'im-
pressione di esistere?
Vladimiro (spazientito ). Ma sì, ma sì, siamo dei maghi. Non ci
lasciamo mai distogliere dalle nostre risoluzioni. [. . .]

S. Beckett, Aspettando Godot

Copyright ° c 2005 Daniele Angella, Leonardo Ferro. Permission is granted to


copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU
Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the
Free Software Foundation; with the front-Cover Text being: Formulario di
Matematica - Daniele Angella, Leonardo Ferro and and anything before this
section, following the title itself. You can nd a copy of the license on
http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html.

Questo documento è stato scritto con LATEX ed è disponibile sui siti


http://daniangella.interfree.it;

http://www.matematicamente.it;

http://edu.os3.it.

Suggerimenti, commenti e correzioni sono ben accette.


Parte I

Formulario

3
Capitolo 1

Logica e Insiemistica

1.1 Logica
1.1.1 Denizioni
Denizione 1 (Proposizione, Enunciato) Si dice proposizione (o enuncia-
to) un'espressione del linguaggio naturale per cui sia possibile attribuire un valo-
re di verità (vero=T=1=>; falso=F=0=⊥). Una proposizone si dice complessa
se é composta da proposizioni semplici collegate tra loro da connettivi logici.

Denizione 2 (Predicato) Si dice predicato una frase contenente variabili


che diventi una proposizione qualora si specichi il valore delle variabili stesse.

1.1.2 Connettivi Logici


• non ¬ (oppure: ¬p ≡ p̄); unario; complementare; ¬p ha valore vero sse p
ha valore falso;

• e ∧; binario; intersezione; p ∧ q ha valore vero sse p e q hanno entrambi


valore vero;

• o ∨; binario; unione; p ∨ q ha valore vero se almeno uno tra p e q ha valore


vero;

• se ... allora, implica, condizione suciente anchè q..., condi-


zione necessaria anchè p... =⇒; binario; p =⇒ q ha valore vero se p
ha valore falso o se sia p che q hanno valore vero;

• se e solo se (sse, i), coimplica, condizione necessaria e sucien-


te (cnes) ⇐⇒; binario; p ⇐⇒ q ha valore vero se p ha lo stesso valore di
verità di q .

5
6 CAPITOLO 1. LOGICA E INSIEMISTICA

1.1.3 Tabelle di Verità


p q ¬p p∧q p∨q p =⇒ q p ⇐⇒ q

1 1 0 1 1 1 1
1 0 0 0 1 0 0
0 1 1 0 1 1 0
0 0 1 0 0 1 1

Tabella 1.1: Tavole di Verità

1.1.4 Leggi logiche notevoli


* Tabella 1.2 a pag.7

1.2 Insiemistica
Denizione 3 (Insieme) A = {x1 , x2 , . . . , xn } = {x|P(x)}.

Denizione 4 (Intersezione) A ∩ B = {x|x ∈ A ∧ x ∈ B}

Denizione 5 (Unione) A ∪ B = {x|x ∈ A ∨ x ∈ B}

Denizione 6 (Dierenza) A \ B = {x|x ∈ A ∧ ¬(x ∈ B)}

Denizione 7 (Dierenza simmetrica) A∆B = A \ B ∪ B \ A

Denizione 8 (Complementare) Detto U l'insieme universo, Ac =


cA = Ā = {x|x ∈ U \ A} = {x|¬(x ∈ A)}

Denizione 9 (Insieme (potenza) delle parti) P(A) = 2A = {E|E ⊆


A}
|P(A)| = 2|A|

Denizione 10 (Coppie ordinate) (x, y) = hx, yi = {{x}, {x, y}}

Denizione 11 (Prodotto cartesiano) A×B = {(x, y)|x ∈ A∧y ∈ B}


A1 × A2 × · · · × An = {(x1 , x2 , · · · , xn )|xi ∈ Ai ∀i = {1, 2, · · · , n}}

Proposizione 1 (Leggi di de Morgan) (E ∪ F )c = E c ∩ F c


(E ∩ F )c = E c ∪ F c
1.2. INSIEMISTICA 7

A⇒A legge dell'identità


A ⇔ ¬¬A legge della doppia negazione
A∧B ⇔B∧A commutatività di ∧
(A ∧ B) ∧ C ⇔ A ∧ (B ∧ C) associatività di ∧
A∨B ⇔B∨A commutatività di ∨
(A ∨ B) ∨ C ⇔ A ∨ (B ∨ C) associatività di ∨
A∧A⇔A idempotenza di ∧
A∨A⇔A idempotenza di ∨
A∧B ⇔A eliminazione di ∧
A⇔A∨B introduzione di ∨
A ∧ (B ∨ C) ⇔ (A ∧ B) ∨ (A ∧ C) distributività
A ∨ (B ∧ C) ⇔ (A ∨ B) ∧ (A ∨ C) distributività
A ∧ (A ∨ B) ⇔ A legge di assorbimento
A ∨ (A ∧ B) ⇔ A legge di assorbimento
¬(A ∧ B) ⇔ ¬A ∨ ¬B legge di de Morgan
¬(A ∨ B) ⇔ ¬A ∧ ¬B legge di de Morgan
¬A ∨ A ⇔ > legge del terzo escluso
¬(A ∧ ¬A) ⇔ > legge di non contraddizione
(A ⇒ B) ⇔ (B ∨ ¬A) denizione di implicazione
(A ⇒ B) ⇔ (¬B ⇒ ¬A) legge di contrapposizione (contronominale)
A ∧ ¬A ⇒ ⊥ Lewis (ex falso quodlibet)
A ⇒ (B ⇒ A) aermazione del conseguente
¬A ⇒ (A ⇒ B) negazione dell'antecedente
((A ⇒ B) ∧ ¬B) ⇒ ¬A legge di riduzione all'assurdo
(A ⇒ ¬A) ⇒ ¬A riduzione all'assurdo debole
(¬A ⇒ A) ⇒ A consequentia mirabilis
((A ⇒ B) ⇒ A) ⇒ A legge di Peirce
((A ⇒ B) ∨ (B ⇒ A)) ⇒ > legge di Dummett
A ⇒ ((A ⇒ B) ⇒ B) modus ponens
(A ⇒ (B ⇒ C)) ⇔ (B ⇒ (A ⇒ C)) scambio antecedenti
((A ⇒ C) ∧ (B ⇒ C)) ⇔ (A ∨ B ⇒ C) distinzione di casi
((A ⇒ B) ∧ (¬A ⇒ B)) ⇒ B distinzione di casi
(A ⇒ (B ⇒ C)) ⇒ ((A ⇒ B) ⇒ (A ⇒ C)) distributività di ⇒
((A ⇒ B) ∧ (B ⇒ C)) ⇒ (A ⇒ C) transitività di ⇒
(A ⇒ (B ⇒ C)) ⇔ ((A ∧ B) ⇒ C) importazione/esportazione delle premesse

Tabella 1.2: Leggi Logiche Notevoli


8 CAPITOLO 1. LOGICA E INSIEMISTICA
Capitolo 2

Algebra Elementare

2.1 Denizione di |R
La struttura [R, +, ·] è un anello. Si denisce una relazione d'ordine totale
≤. I primi 4 assiomi deniscono [R, +] come gruppo, [R \ {0}, ·] come
gruppo, inoltre vale l'assioma di continuità in una delle sue 4 forme.
R è quindi denito assiomaticamente da:

S1 la somma è associativa;

S2 la somma è commutativa;

S3 esiste l'elemento neutro della somma (zero, 0);

S4 ogni elemento (x) di R ha inverso (opposto, −x);

P1 il prodotto è associativo;

P2 il prodotto è commutativo;

P3 esiste l'elemento neutro del prodotto (uno, 1);

P4 ogni elemento (x) di R\{0} ha elemento inverso (reciproco, 1


x = 1/x =
x−1 );

SP il prodotto è distributivo rispetto alla somma;

OS x ≤ y ⇒ x + z ≤ y + z∀z ∈ R;

OP x ≤ y ⇒ xż ≤ y ż∀z ∈ R, z ≥ 0;

9
10 CAPITOLO 2. ALGEBRA ELEMENTARE

Dedekind siano A e B due insiemi separati, cioè tali che ∀a ∈ A, ∀b ∈


B, a ≤ b; allora ∃c ∈ R : a ≤ b ≤ c.

Denizione 12 (Retta reale estesa) Si denisce l'insieme R̄ = R ∪


{±∞} detto estensione dell'insieme dei reali.

2.2 Scomposizioni Notevoli


2.2.1 Potenza di un polinomio
n µ
X ¶
n
(a ± b)n = an−k bk
k
k=0

Casi particolari: (a ± b)2 = a2 ± 2ab + b2 ;


(a ± b)3 = a3 ± 3a2 b + 3ab2 ± b3 ;
(a ± b ± c)2 = a2 ± 2ab + b2 ± 2bc + c2 ± 2ca.

2.2.2 Fattorizzazione
n
Y n
X
P(x) = an · (x − xi ) = ai · xi
i=0 i=0

P(x) = a(x − x1 ) · (x − x2 ) · · · · · (x − xn )
∀n ∈ N : xn − y n = (x − y) · (xn−1 + xn.2 y + · · · + xy n−2 + y n−1 )
∀n = 2k + 1, k ∈ Z : xn + y n = (x + y) · (xn−1 − xn−2 y + · · · − xy n−2 + y n−1 )

Casi particolari: a2 − b2 = (a − b)(a + b);


a3 ± b3 = (a ± b)(a2 ∓ ab + b2 ).

2.2.3 Risoluzione di equazioni di secondo grado in una


incognita

−b± b2 −4ac
P(x) = ax2 + bx + c: x1,2 = √2a ;
−β± β 2 −ac b
x1,2 = a con β := 2

2.3 Radicali doppi


p √ q √ q √
2 2
A ± B = A+ 2A −B ± A− 2A −B
2.4. DISEQUAZIONI IRRAZIONALI 11

2.4 Disequazioni irrazionali


p
 f (x) ≥ g(x)
½ ½
g(x) ≥ 0 g(x) < 0

f (x) ≥ g 2 (x) f (x) ≥ 0

p
 f (x) < g(x) 
 f (x) ≥ 0
g(x) > 0

f (x) < g 2 (x)

2.5 Potenze
2.5.1 Denizione
Denizione 13 (Logaritmo) ∀y ≥ 0, ∀n ∈ N, si denisce la radice n-
esima di y come:
n√
y = y 1/n = sup{x ∈ R : xn < y} = inf {x ∈ R : xn > y}

2.5.2 Proprietà
a0 = 1
a1 = a
am+n = am · an
m
am−n = aan
(am )n = am·n
am = em·log

a
1
a n =n a
a−m = a1m

2.6 Logaritmi
2.6.1 Denizione
Denizione 14 (Logaritmo) a = logb c ⇔ ba = c

2.6.2 Proprietà
loga 1 = 0
loga a = 1
loga (m · n) = loga m + loga n
loga mn = loga m − loga n
loga mα = α · loga m con α ∈ R
logc b
loga b = log
ca
loga b = log1 a
b
12 CAPITOLO 2. ALGEBRA ELEMENTARE

2.7 Modulo o Valore Assoluto


2.7.1 Denizione
Denizione 15 (Modulo, Valore Assoluto) Si denisce modulo p va-
lore assoluto la funzione:
f : R → R+ 0 = [0, +∞] √
f (x) = |x| = mod(x) = max{x, −x} = x2 .

2.7.2 Proprietà degli Spazi Metrici


M1 ∀a ∈ R, |a| ≥ 0

M2 |a| = 0 ⇔ a = 0

M3, omogeneità ∀λ ∈ R, ∀a ∈ R, |λ · a| = |λ| · |a|

M4, disuguaglianza triangolare ∀a, b ∈ R, |a + b| ≤ |a| + |b|

La M4 in generale assume la forma:


n
X n
X
| ai | ≤ |ai |
i=1 i=1

Può essere scritta anche: ||a| − |b|| ≤ |a − b|.

2.8 Altre funzioni


2.8.1 Fattoriale, Semifattoriale
Denizione 16 (Fattoriale)
n
Y
∀n ∈ N, n! = f att(n) = i=
i=1

= 1 · 2 · · · · · (n − 1) · n

É denito ricorsivamente da:


½
0! = 1
n! = n · (n − 1)!
2.8. ALTRE FUNZIONI 13

Qk
Denizione 17 (Semifattoriale) ∀k ∈ N, (2k + 1)!! = i=0 (2i + 1);
½
1 se k = 0
(2k)!! = Qk
i=1 se k > 0

Si denisce inoltre (−1)!! = 1.

2.8.2 Segno
Denizione 18 (Segno) ∀x ∈ R \ {0}, signum(x) = sign(x) = sgn(x) =
x |x|
|x| = x =
½
1 se x > 0
−1 se x < 0

2.8.3 Parte intera, parte decimale


def
Denizione 19 (Parte Intera) [x] = max{k ∈ Z : k ≤ x}

def
Denizione 20 (Parte Decimale) {x} = x − [x]

2.8.4 Parte positiva, Parte negativa


Denizione 21 (Parte positiva, f + ) f + = max{f, 0}

Denizione 22 (Parte negativa, f − ) f − = min{f, 0}

Osservazione 1 |f | = f + − f −
f = f+ + f−
max{f, g} = (f − g)+ + g
min{f, g} = (f − g)− + g

Osservazione 2 ∀a, b ∈ R : a < b,


b+ − a+ ≤ b − a;
b− − a− ≤ b − a

2.8.5 Funzione di Dirichlet


Denizione 23 (Funzione di Dirichlet)
½
1 se x ∈ Q
f (x) =
0 se x ∈ R \ Q
14 CAPITOLO 2. ALGEBRA ELEMENTARE

2.8.6 Funzioni iperboliche


Denizione 24 (Seno iperbolico) sinh : R → R
ex −e−x
sinh x = shx = 2

Denizione 25 (Coseno iperbolico) cosh : R → [1, +∞)


ex +e−x
cosh x = chx = 2

Osservazione 3 sinh2 x − cosh2 x = 1.


Denizione 26 (Tangente iperbolica) tanh : R → R
sinh x
tanh x = thx = cosh x

Denizione 27 (Cotangente iperbolica) coth : R \ {0} → R


cosh x
coth x = cthx = sinh x

Denizione 28 (Arcoseno iperbolico, Settore Seno iperbolico) ash :


R→R p
sett sinhy = ashy = log(y + y 2 + 1)

Denizione 29 (Arcocoseno iperbolico, Settore Coseno iperbolico)


ach : R → R p
sett coshy = achy = log(y + y 2 − 1)

Denizione 30 (Arcotangente iperbolica, Settore Tangente iperbolica)


ath : R → R
1 1+x
sett tanhx = athy = 2 · log 1−x

2.8.7 Funzione Esponenziale, ex = exp(x)


Teorema 1 (Esistenza ed Unicità della funzione esponenziale) ∃!
la funzione f : R → R che verichi le proprietà:

1. ∀x1 , x2 ∈ R, f (x1 + x2 ) = f (x1 ) · f (x2 );

2. f (1) = e (dove e è il numero di Nepero);


ed è la funzione esponenziale denita ∀x ∈ R da f (x) = ex = exp(x).

Denizione 31 Si denisce f (x) = ax = ex log a .

2.9 Serie
2.9.1 Serie Aritmetiche
an = a1 + (n − 1)d

n
X n(a1 + an ) n(2a1 + (n − 1)d)
Sn = ai = =
i=1
2 2
2.9. SERIE 15

2.9.2 Serie Geometriche


an = a1 · q n−1

n
X 1 − qn
Sn = ai = a1 · con q 6= 1
i=1
1−q
Xn
Se q = 1 si ha Sn = ai = n · a1
i=1
n
X 1 − q n−k+1
Sk,n = ai = q k · con q 6= 1
1−q
i=k

2.9.3 Disuguaglianze Notevoli


 ∀x ∈ [− π2 , π2 ], | sin x| ≤ |x|

 ∀n ∈ N, ∀a ≥ −1, (1+a)n ≥ 1+a·n (disuguaglianza di Bernoulli)

 ∀x ∈ R, ex ≥ x + 1

 ∀x > −1, log(x + 1) ≤ x

 ∀a, b > 0, p, q > 1 : p1 + 1q = 1, a · b ≤ p1 · ap + 1q · bq (disuguaglianza


di Young)

2.9.4 Sommatorie Classiche


n
X n(n + 1)
i=
i=1
2
n
X n(n + 1)(2n + 1)
i2 =
i=1
6
n
X n(n + 1) 2
i3 = ( )
i=1
2
Xn µ ¶
n
= (1 + 1)n = 2n
i
i=0
Xn µ ¶
n
(−1)i =0
i
i=0
16 CAPITOLO 2. ALGEBRA ELEMENTARE
Capitolo 3

Geometria

3.1 Goniometria
3.1.1 Relazione Fondamentale
sin2 x + cos2 x = 1

3.1.2 Tangente e Cotangente: Denizioni


Denizione 32 (Tangente) tan x = sin x
cos x ∀x 6= π
2 + kπ

Denizione 33 (Cotangente 1) cot x = cos x


sin x ∀x 6= kπ

Denizione 34 (Cotangente 2) cot x = 1


tan x ∀x 6= k π2

3.1.3 Secante e Cosecante: Denizioni


Denizione 35 (Secante) sec α = 1
cos α
sec : R \ { pi
2 + kπ, k ∈ Z} → R

Denizione 36 (Cosecante) csc α = 1


sin α
csc : R \ {kπ, k ∈ Z} → R

3.1.4 Formule di Addizione


sin(α ± β) = sin α cos β ± cos α sin β
cos(α ± β) = cos α cos β ∓ sin α sin β
tan α±tan β
tan(α ± β) = 1∓tan α tan β
cot α cot β∓1
cot(α ± β) = cot α±cot β

17
18 CAPITOLO 3. GEOMETRIA

3.1.5 Formule di Duplicazione e di Triplicazione


sin(2α) = 2 sin α cos α
cos(2α) = cos2 α − sin2 α = 1 − 2 sin2 α = 2 cos2 α − 1
2 tan α
tan(2α) = 1−tan 2α

sin(3α) = 3 sin α − 4 sin3 α


cos(3α) = 4 cos3 α − 3 cos α
α−tan3 α
tan(3α) = 3 tan
1−3 tan2 α

3.1.6 Formule di Bisezione


q
sin( α2 ) = ± 1−cos α
q 2
cos( α2 ) = ± 1+cos α
q 2
tan( α2 ) = ± 1−cos α
1+cos α =
sin α
1+cos α = 1−cos α
sin α

3.1.7 Formule Parametriche


 2t
 sin α = 1+t22
def
t = tan α2 −→ 1−t
cos α = 1+t2
 2t
tan α = 1−t 2

3.1.8 Formule di Prostaferesi


sin p + sin q = 2 sin p+q p−q
2 cos 2
p+q p−q
sin p − sin q = 2 cos 2 sin 2
cos p + cos q = 2 cos p+q p−q
2 cos 2
cos p − cos q = −2 sin 2 sin p−q
p+q
2

3.1.9 Formule di Werner


cos p · sin q = 21 [sin(p + q) − sin(q − p)]
sin p · sin q = 12 [sin(p − q) − cos(p + q)]
cos p · cos q = 21 [cos(p + q) + cos(p − q)]

3.1.10 Formule di Conversione


* Tabella 3.1 a pag.19

3.1.11 Archi Noti


* Tabella 3.2 a pag.19
3.1. GONIOMETRIA 19

. Sin Cos Tan


√ tan α
sin α sin α ± 1 − cos2 α ± √1+tan
√ 1

cos α ± 1 − sin2 α cos α ± √1+tan 2α



1−cos2 α
tan α ± √ sin α 2 ± cos α tan α
√1−sin α
1−sin2 α cos α 1
cot α ± sin α ± √1−cos 2α
√ tan α
sec α ±√ 1 2 1
cos α ± 1 + tan2 α
1−sin α √
1 1 1+tan2 α
csc α sin α ± √1−cos 2α
± tan α

Tabella 3.1: Formule di Conversione

Rad Deg Sin Cos Tan Cot


0 0◦ 0 1 0 n.e.
π
√ √
6− 2
√ √
6+ 2
√ √
12 15◦ √ 4√ √ 4√ 2− 3 2+ 3
π 2− 2 2+ 2 √ √
22◦ 300 2√− 1 2+1
8
π
2
1
√2
3 3

6 30◦ √2 √2 3 3
π 2 2
45◦ 1 1
4
π
√2
3
2
1
√ √
3
3 60◦ √ 2√ √ 2√ 3 3
3 2+ 2 2− 2 √ √
8π 67◦ 300 2+1 2−1
5
√ 2√
6+ 2
√ 2√
6− 2
√ √
12 π 75◦ 4 4 2+ 3 2− 3
π
2 90◦ 1 0 n.e. 0

Tabella 3.2: Archi noti

Rad Sin Cos Tan Cot


x sin x cos x tan x cot x
π−x sin x − cos x − tan x − cot x
π+x − sin x − cos x tan x cot x
−x − sin x cos x − tan x − cot x
2π − x − sin x cos x − tan x − cot x
π
2 −x cos x sin x cot x tan x
π
2 +x cos x − sin x − cot x − tan x
3
2π − x − cos x − sin x cot x tan x
3
2π + x − cos x sin x − cot x − tan x

Tabella 3.3: Archi associati


20 CAPITOLO 3. GEOMETRIA

3.1.12 Archi Associati


* Tabella 3.3 a pag.19

3.2 Trigonometria
3.2.1 Triangolo Qualsiasi
Area: S = 21 ab sin γ = 21 bc sin α = 21 ac sin β

S = 12 a2 sin β sin γ 1 2 sin α sin γ 1 2 sin α sin β


sin(β+γ) = 2 b sin(α+γ) = 2 c sin(α+β)

p
Teorema 2 (Formula di Erone) S = p(p − a)(p − b)(p − c)

Teorema 3 (Formula di Brahmagupta o di Erone) Dato un quadri-


latero ciclico (cioè inscrivibile in una circonferenza)
p di lati a, b, c, d e se-
miperimetro p = a+b+c+d2 , l'area vale S = (p − a)(p − b)(p − c)(p − d);
per d = 0, in particolare, si ottiene la formula di Erone per il triangolo.

¯ = 2r sin α
Teorema 4 (delle Corde) : AB

Teorema 5 (dei Seni) : a


sin α = a
sin α = a
sin α = 2R = abc
4S

Proiezioni: a = b cos γ + c cos β ;


b = a cos γ + c cos α;
c = a cos β + b cos α.

Teorema 6 (di Carnot o del Coseno) :


a2 = b2 + c2 − 2bc cos α;
b2 = a2 + c2 − 2ac cos β ;
c2 = a2 + b2 − 2ab cos γ .

3.2.2 Triangolo Rettangolo


Se a,b e c sono le misure rispettivamente dell'ipotenusa e dei cateti di un
triangolo rettangolo e α , β e γ sono le misure degli angoli opposti, sussi-
stono le seguenti relazioni:

b = a sin β = a cos γ
c = a sin γ = a cos β
b = c tan β = c cot γ
c = b tan γ = b cot β
3.3. GEOMETRIA ANALITICA 21

3.3 Geometria Analitica


3.3.1 Punto e Retta
r: y = mx + n (forma implicita)
y = ax + by + c (forma esplicita); m = − ab , n = − ac

P1 (x1 , y1 )P2 (x2 , y2 )P3 (x3 , y3 )

rP1 : (y − y1 ) = m(x − x1 )
s k rP1 :y1 = mconst x1 + n
rP1 P2 : yy−y 1
2 −y1
= xx−x 1
2 −x1

mr = xy22 −y
−x1
1

r k s ↔ mr = ms
r ⊥ s ↔ mr = − m1s
p
P1¯P2 = dist(P1 , P2 ) = (x1 − x2 )2 + (y1 − y2 )2
dist(P1 , r) = |ax√1a+by 1 +c|
2 +b2
2 y1 +y2
Punto medio di P1 P2 = ( x1 +x
2 ; 2 )
Baricentro del triangolo P1 P2 P3 = ( x1 +x32 +x3 ; y1 +y32 +y3 )

3.3.2 Coniche 1: Circonferenza


γ : x2 + y 2 + ax + by + c = 0

C(x0 , y0 ) r2 = x20 + y02 − c ≥ 0


0 0
P (x , y ) ∈ γ ↔ (P C) = r
γ : (x − x0 )2 + (y − y0 )2 =r2
 a
 a = −2x0  x0 = − b2

b = −2y0 −→ y0 =q−2
 2 2 2 
 2 b2
c = x0 + y0 − r r = a4 + 4 −c

3.3.3 Coniche 2.1: Parabola con asse parallelo all'asse


y
P : y = ax2 + bx + c

F (x0 , y0 ); d:y=k
0 0
P
¿ (x , y ) ∈ P ↔ dist(P, F ) = dist(P, d)
y0 > k → a > 0 → ^
 y0 < k 1 → a < 0 → _
 a = 2y0 −2k
  x0 = − 2a b
x0
b = k−y0 −→ 1−∆
y = 4a

 c = x20 +y02 −k2  0 −1−∆
k = 4a
2y0 −2k
22 CAPITOLO 3. GEOMETRIA

b 1−∆
F (− 2a , 4a )
d : y = −1−∆
4a )
b ∆
F (− 2a , − 4a )
b
a : x = − 2a
∆ = b2 − 4ac

3.3.4 Coniche 2.2: Parabola con asse parallelo all'asse


x
P : x = ay 2 + by + c

F (x0 , y0 ); d:y=k
0 0
P
¿ (x , y ) ∈ P ↔ dist(P, F ) = dist(P, d)
x0 > k → a > 0 → ⊂
 x0 < k 1 → a < 0 → ⊃
 a = 2x0 −2k
  x0 = 1−∆
y0 4a
b = k−x0 −→ b
y0 = − 2a

 c= 0 0 x 2
+y 2
−k 2  −1−∆
2x0 −2k
k = 4a
1−∆ b
F ( 4a , − 2a )
d : y = −1−∆ 4a )
∆ b
F (− 4a , − 2a )
b
a : y = − 2a
∆ = b2 − 4ac

3.3.5 Coniche 3: Ellisse


x2 y2
E: 2
+ 2 =1
a b
½ c
2 a2 − b2 se a > b → e = a < 1 → F1 (−c, 0), f2 (c, 0)
c = c
b2 − a2 se b > a → e = b < 1 → F1 (0, −c), f2 (0, c)
E ∩x≡ A(−a, 0) B(a, 0)
E ∩y ≡ C(0, −b) D(0, b)
P (x0 , y 0 ) ∈ E ↔ P F1 + P F2 = 2a

3.3.6 Coniche 4.1.1: Iperbole riferita ai suoi assi di


simmetria con fuochi sull'asse x
x2 y2
I: − =1
a2 b2

c2 = a2 + b2 , c ≥ 0
I ∩x≡ V1 (−a, 0) V2 (a, 0)
F1 (−c, 0) F2 (c, 0); F1 , F2 ∈ x
P (x0 , y 0 ) ∈ I ↔ |P F1 − P F2 | = 2a
a1 : y = ab x
a2 : y = − ab x
e = ac > 1
3.3. GEOMETRIA ANALITICA 23

3.3.7 Coniche 4.1.2: Iperbole riferita ai suoi assi di


simmetria con fuochi sull'asse y
x2 y2
I: − = −1
a2 b2

c2 = a2 + b2 , c ≥ 0
I ∩x≡ V1 (0, −b) V2 (0, b)
F1 (0, −c) F2 (0, c); F1 , F2 ∈ y
P (x0 , y 0 ) ∈ I ↔ |P F1 − P F2 | = 2a
a1 : y = ab x
a2 : y = − ab x
e = cb > 1

3.3.8 Coniche 4.2.1: Iperbole equilatera riferita ai suoi


assi di simmetria con fuochi sull'asse x
I : x2 − y 2 = a2


c=a 2 a=b
I ∩x≡ √ V1 (−a,√0) V2 (a, 0)
F1 (−a 2, 0) F2 (a 2, 0); F 1 , F2 ∈ x
P (x0 , y 0 ) ∈ I ↔ |P F1 − P F2 | = 2a
a1 : y = x
a2 : √
y = −x
e= 2

3.3.9 Coniche 4.2.2: Ip. eq. rif. assi simm. con fuochi
sull'asse y
I : x2 − y 2 = −a2


c=a 2 a=b
I ∩ y ≡ √ V1 (0, −a)√ V2 (0, a)
F1 (0, −a 2) F2 (0, a 2); F 1 , F2 ∈ y
P (x0 , y 0 ) ∈ I ↔ |P F1 − P F2 | = 2a
a1 : y = x
a2 : √
y = −x
e= 2

3.3.10 Coniche 4.3: Iperbole equilatera riferita ai suoi


asintoti
I : xy = k
½ √ √ √ √
k > 0 → I ∩ bI,III : y = x ≡ V1 ( k,p k) p V2 (− k, − p
k) p
k > 0 → I ∩ bII,IV : y = −x ≡ V1 ( |k|, − |k|) V2 (− |k|, |k|)
24 CAPITOLO 3. GEOMETRIA

lef trightarrow|P F1 − P F2 | = 2a
a1 : x = 0
a2 : √
y=0
e= 2

3.3.11 Coniche 4.4: Iperbole equilatera traslata o Fun-


zione omograca
ax + b
I:y=
cx + d

½
c 6= 0
∃I ↔
ad − bc 6= 0

a1 : x = − dc
a2 : y = ac

e= 2

3.3.12 Coniche 5: Conica generica


C : a11 x2 + a22 y 2 + a12xy + a13 x + a23 y + a33 = 0

 1 1

a11 2 a21 2 a13
A =  12 a12 a22 1
2 a23

1 1
2 a13 2 a23 a33

µ 1

a11 2 a21
A= 1
2 a12 a22
¿
|A| = 0 −→ Conica Degenere
|A| 6= 0 −→ Conica Non Degenere

|A| > 0 |A| = 0 |A| < 0


|A| = 0 retta immaginaria rette reali o immaginarie parallele retta reale
|A| 6= 0 ellisse parabola iperbole

Tabella 3.4: Conica Generica

3.4 Trasformazioni: Anità1


T :R × R → R × R
1 prof.ssa Letizia Lorenzini
3.4. TRASFORMAZIONI: AFFINITÀ 25

(x, y) → (x0 , y 0 )

½
x = ax + by + p
y = cx + dy + q
µ ¶
a b
A=
c d

|A| 6= 0

T −1 :R × R → R × R
(x0 , y 0 ) → (x, y)

0
S
S = |A|
(
d 0 −b 0 −d b
x = |A| x + |A| y + |A| p + |A| q
−c 0 a 0 c −a
y = |A| x + |A| y + |A| p + |A| q
à !
d −b
−1 |A| |A|
A = −c a
|A| |A|

Denizione 37 (Punto Unito) Punti uniti sono i punti che coincidono


con i trasformati.

Denizione 38 (Retta Unita) Rette unite sono le rette che coincidono


con le trasformate.

3.4.1 Prodotto di Anità


Il prodotto di due anità T e T 0 è una anità (indicata con T ∗ T 0 ,
dove si applica per prima T 0 e successivamente T ) la cui matrice è pari al
prodotto delle matrici delle anità di partenza.

3.4.2 Casi Particolari di Anità


L'eetto geometrico di un'anità coincide con la composizione di
 inclinazioni;
 simmetrie;
 dilatazioni/compressioni;
 traslazioni.

Isometria
Denizione 39 (Isometria) L' isometria è un'anità che conserva le
distanze.
26 CAPITOLO 3. GEOMETRIA

Traslazione
½
x0 = x + p
y0 = y + q

µ ¶
1 0
A=
0 1

|A| = 1

Rotazione
½
x0 = x cos θ − y sin θ
0
½ y = 0x sin θ + y0 cos θ
x = x cos θ + y sin θ
y = −x0 sin θ + y 0 cos θ
µ ¶
cos θ − sin θ
A=
sin θ cos θ

|A| = cos2 θ + sin2 θ = 1


µ ¶
−1 cos θ sin θ
A =
− sin θ cos θ

|A−1 | = cos2 θ + sin2 θ = 1


½
x0 = ax − by
→ a2 + b2 = 1
y 0 = bx + ay

Rototraslazione
½
x0 = x cos θ − y sin θ
ρ:{ 0
½ y = x sin θ + y cos θ
x0 = x + p
τ :{ 0
y =y+q

½
x0 = x cos θ − y sin θ + p
τ ∗ρ:{
y 0 = x sin θ + y cos θ + q

Simmetria Centrale

½
x0 = 2x0 − x
y 0 = 2y0 − y

con (x0 , y0 ) centro di simmetria.


3.4. TRASFORMAZIONI: AFFINITÀ 27

Simmetria Assiale
Simmetria Assiale con asse parallelo all'asse x
½
x0 = x
Asse: y = y0 →
y 0 = 2y0 − y
¯ ¯
¯ 1 0 ¯¯
|A| = ¯¯ = −1
0 −1 ¯

Simmetria Assiale con asse parallelo all'asse y


½
x0 = 2x0 − x
Asse: x = x0 →
y0 = y
¯ ¯
¯ −1 0 ¯
¯
|A| = ¯ ¯ = −1
0 1 ¯

Simmetria Assiale con asse qualsiasi


½ 1
x0 = 1+m 2
2 [(1 − m )x + 2my − 2mq]
Asse: y = mx + q → 1
y = 1+m2 [2mx + (m2 − 1)x + 2q]
0

¯ ¯
¯ 1−m2 2m ¯
¯ 1+m2 1+m2 ¯
|A| = ¯ 2m 2
−1 ¯¯
= −1
¯ 1+m2 m 1+m2

Omotetia
½
x0 = ax + h
y 0 = ay + k ¯ ¯
¯ a 0 ¯
|A| = ¯¯ ¯ = a2 > 0
¯
0 a

Similitudine
Isometria * Omotetia = Similitudine

Similitudine Diretta
½
x0 = ax − by + p
y 0 = bx + ay + q
¯ ¯
¯ a −b ¯
|A| = ¯¯ ¯ = a2 + b2 > 0
b a ¯

Similitudine Inversa
¯ ¯
x'=ax+by+p ¯ a b ¯¯
|A| = ¯¯ = a2 − b2 < 0
y'=bx-ay+q b −a ¯
28 CAPITOLO 3. GEOMETRIA

Dilatazione e Compressione
|k| > 1 → dilatazione
|k| < 1 → compressione

Dilatazione/Compressione lungo l'asse x


½
x0 = kx
y0 = y

Dilatazione/Compressione lungo l'asse y


½
x0 = x
y 0 = ky

Inclinazione
Inclinazione lungo l'asse x
½
x0 = x + ky
y0 = y

Inclinazione lungo l'asse y


½
x0 = x
y 0 = y + kx

3.4.3 Proprietà Invarianti delle Anità


 Un'anità trasforma rette in rette;
 se due rette si intersecano in un punto P allora le rette trasformate
si intersecano in T (P );
 un'anità trasfrorma triangoli in triangoli;
 un'anità trasforma rette parallele in rette parallele;
 i punti del segmento P Q vengono trasformati in punti del segmento
T (P )T (Q);
 il punto medio del segmento P Q viene trasformato nel punto medio
del segmento T (P )T (Q);
 un triangolo di area S viene trasformato in un triangolo di area S ·
|det(A)|;
 un'anità trasforma coniche in coniche: ellissi in ellissi, parabole in
parabole, iperboli in iperboli, circonferenze in ellissi;
 la retta tangente ad una conica si trasforma in un'altra retta tangente
alla conica trasformata.
Capitolo 4

Analisi

4.1 Elementi di Topologia: Intervalli


Denizione 40 (Maggiorante kMinorantek) M kmk si dice maggiorante kminorantek
dell'insieme A se ∀a ∈ A, M ≥ akm ≤ ak; si denisce quindi l'insieme MA =
{M ∈ R : ∀a ∈ A, M ≥ a}kmA = {m ∈ R : ∀a ∈ A, m ≤ a}k

Denizione 41 (Estremo superiore (sup) k Inferiore (inf)k) Si denisce


estremo superiore (sup))k inferiore (inf) k di A il più piccolo kgrandek dei mag-
gioranti
½ kminorantik, ovvero valgono:
∀a ∈ A, supA ≥ a
∀ε > 0, ∃ā ∈ A : supA − ε ≤ ā ≤ supA
e,
½ analogamente:
∀a ∈ A, inf A ≤ a
∀ε > 0, ∃ā ∈ A : inf A ≤ ā ≤ inf A + ε
Per denizione, se A è illimitato superiormente kinferiorementek allora si pone
supA = +∞kinf A = −∞k

Denizione 42 (Insieme limitato/illimitato) L'insieme A si dice limitato


superiormente kinferiormentek se esiste l'estremo superiore kinferiorek; si dice
limitato se è limitato sia superiormente che inferiormente; si dice illimitato
superiormente kinferiorek se non è limitato superiormente kinferiorek, ossia se
∀x ∈ R, ∃a ∈ A : a ≥ xk∀x ∈ R, ∃a ∈ A : a ≤ xk; si dice illimitato se è illimitato
sia superiormente che inferiormente.

Osservazione 4 Sia A ⊂ R. Allora A è limitato sse ∃M ≥ 0 : ∀x ∈ A|x| ≤ M .


Denizione 43 (Massimo (max) kminimo (min)k) Si denisce massimo
(max) kminimo (min)k l'estremo superiore kinferiorek qualora appartenga al-
l'insieme
½ A. Valgono quindi:
∀a ∈ A, maxA ≥ a
maxA ∈ A
e,
½ analogamente:
∀a ∈ A, minA ≤ a
minA ∈ A

29
30 CAPITOLO 4. ANALISI

Denizione 44 (Intervallo) A ⊂ R si dice intervallo se, dati x, y : x < y ,


allora ∀z : x < z < y, z ∈ A.

Teorema 7 (Intervalli) Se A è un intervallo, è necessariamente di uno dei


seguenti quattro tipi:

aperto (a, b) =]a, b[= {x ∈ R : a < x < b}, con a, b ∈ R̄;

aperto a sx, chiuso a dx (a, b] =]a, b] = {x ∈ R : a < x ≤ b}, con a ∈


R̄, b ∈ R;

chiuso a sx, aperto a dx [a, b) = [a, b[= {x ∈ R : a ≤ x < b}, con a ∈


R, b ∈ R̄;

chiuso, compatto [a, b] = {x ∈ R : a ≤ x ≤ b}, con a, b ∈ R.

Notazione 1 (-A, λ · A, A + B ) Dato A insieme, si denisce −A = {−y ∈ R :


y ∈ A}.
Dato A insieme, λ ∈ R, si denisce λ · A = {λ · x : x ∈ A}.
Dati A e B insiemi, si denisce A + B = {x ∈ R : x = a + b, a ∈ A, b ∈ B}.

Osservazione 5 (Operazioni su inf e sup) sup(A+B) = supA+supB, inf (A+


B) = inf A + inf B
sup(−A) = −inf A, inf (−A) = −supA
λ ≥ 0 : sup(λ · A) = λ · supA, inf (λ · A) = λ · inf A
λ ≤ 0 : sup(λ · A) = −λ · inf A, inf (λ · A) = −λ · supA

Teorema 8 (Principio di Archimede) ∀a > 0, ∀b ∈ N non vuoto, ∃n ∈ N :


na > b;
terza forma del Principio d'Induzione.

Teorema 9 (Principio del minimo intero) Sia A ⊆ R; allora A ammette


minimo.

Teorema 10 (Densità di Q) Q è denso in R, ovvero:


∀a, b ∈ R, a < b, (a, b)Q 6= ∅, dove con (a, b)Q si indica l'insieme {x ∈ Q : a <
x < b}.

Denizione 45 (Intorno, Palla) Sia x0 ∈ A; ssato δ > 0 si dice intorno di


x0 l'intervallo (x0 − δ, x0 + δ), la cui ampiezza vale 2 · δ .

Denizione 46 (Punto interno) Sia A ⊂ R e x0 ∈ A; x0 si dice punto


interno di A se ∃δ > 0 : (x0 − δ, x0 + δ) ⊂ A, ovvero se (x0 − δ, x0 + δ) ∩ A 6= ∅.

Notazione 2 (, intA) Si pone = intA ⊂ A l'insieme dei punti interni di A.


4.2. RELAZIONI E FUNZIONI 31

Denizione 47 (Punto di frontiera) Sia A ⊂ R e x0 ∈ R; x0 si dice punto


di frontiera di A se ∀δ > 0, (x0 − δ, x0 + δ) ∩ A 6= ∅ ∧ (x0 − δ, x0 + δ) ∩ Ac 6= ∅.

Denizione 48 (Punto di accumulazione) Sia A ⊂ R e x0 ∈ R; x0 si dice


punto di accumulazione di A se ∀δ > 0, (x0 − δ, x0 + δ) ∩ A \ {x} 6= ∅, ovvero se
∀r > 0, ∃y ∈ A : y 6= x : y ∈ (x − r, x + r).

Notazione 3 (σA, frontiera di A) Si pone σA l'insieme dei punti di frontie-


ra di A, e si dice frontiera di A.

Denizione 49 (Punto isolato) Sia A ⊂ R e x0 ∈ R; x0 si dice punto isolato


di A se x0 non è punto di accumulazione per A, ossia se ∃δ > 0 : (x0 − δ, x0 +
δ) ∩ A \ {x} = ∅.

Notazione 4 (Ā, chiusura di A) Si pone Ā = A ∪ σA l'insieme dei punti


interni o di frontiera di A, e si dice chiusura di A.

Denizione 50 (Insieme aperto) L'insieme A si dice aperto se A = , ovve-


ro se ogni elemento di A è interno, ovvero se ∀x0 ∈ A, A è intorno di x0 , cioè
∀x0 ∈ A, ∃r > 0 : (x0 − r, x0 + r) ⊂ A.

Denizione 51 (Insieme chiuso) L'insieme A si dice chiuso se Ac è aperto,


ovvero se A = Ā.

Teorema 11 ∀A ⊆ R, l'insieme Ā è chiuso.

Osservazione 6 Gli unici insiemi contemporaneamente aperti e chiusi sono R


e ∅.

Teorema 12 L'unione di insiemi aperti è aperto.

4.2 Relazioni e Funzioni


4.2.1 Relazioni
Denizione 52 (Relazione) Dati A, B insiemi, si denisce R ⊆ A × B e si
dice che R è una relazione da A ( dominio) a B ( codominio o immagine di A).
Se hx, yi ∈ R si dice che x è in relazione con y e si scrive xRy .
Una relazione R può essere:

R1, riessiva ∀x ∈ A, xRx;

R2, simmetrica ∀x ∈ A, ∀y ∈ B, xRy ⇔ yRx;

R2*, antisimmetrica ∀x ∈ A, ∀y ∈ B, (xRy) ∧ (yRx) ⇔ x = y ;


32 CAPITOLO 4. ANALISI

R3, riessiva ∀x ∈ A, ∀y ∈ (A ∪ B), ∀z ∈ B, (xRy) ∧ (yRz) ⇒ (xRz);

Una relazione R soddisfacente le R1, R2 e R3 si dice d' equivalenza.


Una relazione R soddisfacente le R1, R2* e R3 si dice d' ordine. Se inoltre vale la:

R4, ordine totale ∀x ∈ A, ∀y ∈ B, (xRy) ∨ (yRx) ⇒ >

allora la relazione si dice di ordine totale. Se non è vericata la R1 si parla di


relazione di ordine stretto.

Osservazione 7 (Relazione d'ordine totale ≤) Si può denire su R la re-


lazione d'ordine totale ≤ denendo un insieme P (dei numeri positivi o nulli)
vericante le proprietà:

1. (x ∈ P ) ∨ (−x ∈ P ) ⇒ >;

2. (x, y ∈ P ) ⇒ (x + y, x · y ∈ P );

e denendo quindi x ≥ y ⇔ x − y ∈ P .
Da questa relazione si ricavano le altre relazioni d'ordine ≤ (x ≤ y ⇔ y ≥ x), >
(strettamente maggiore, x > y ⇔ (x ≥ y) ∧ (x 6= y)) e < (strettamente nimore,
x < y ⇔ (y ≥ x) ∧ (x 6= y)).

4.2.2 Funzioni
Denizione 53 (Funzione 1) Data f relazione da A a B, f si dice funzione
o applicazione da A in B sse ∀a ∈ A, ∃!b ∈ B : af b e si scrive:
f : A → B;
f : a ∈ A → b ∈ B , f(a)=b.
Se af b si dice che b è immagine di a secondo f e si scrive b = f (a), o che a è
controimmagine di b secondo f e si scrive a = f −1 (b).

Denizione 54 (Funzione 2) Una funzione è una terna di oggetti: l'insieme


A detto dominio, l'insieme B detto codominio e una legge f che associ ad ogni
elemento di A uno ed un solo elemento di B .

Denizione 55 (Iniettività) Una funzione f si dice iniettiva sse ∀b ∈ B, ∃!!a ∈


A : f (a) = b, ovvero se ∀a1 , a2 ∈ A, f (a1 ) = f (a2 ) ⇒ a1 = a2 , ovvero se
∀a1 , a2 ∈ A : a1 6= a2 ⇒ f (a1 ) 6= f (a2 ).

Denizione 56 (Suriettività, Surgettività) Una funzione f si dice suriet-


tiva o surgettiva sse ∀b ∈ B, ∃a ∈ A : f (a) = b.
4.2. RELAZIONI E FUNZIONI 33

Denizione 57 (Biiniettività, Bigettività, Biunivocità) Una funzione f


si dice biiettiva o bigettiva o biunivoca sse f è sia iniettiva che suriettivà,
ovvero sse ∀b ∈ B, ∃!a ∈ A : f (a) = b. Si parla anche di funzione invertibile,
in quanto si può denire f −1 tale che f ◦ f −1 = IdB , f −1 ◦ f = IdA , dove con
IdA e IdB si intendono le funzioni identiche denite rispettivemente su A e B ,
ovvero IdA : A → A, x → x e IdB : B → B, x → x .

Denizione 58 (Monotonia) Una funzione f : A → B si dice monotòna se


verica una delle seguenti (e allora in particolare è come descritto):

monotòna crescente in senso stretto ∀x, y ∈ A, x < y ⇔ f (x) <


f (y);

monotòna crescente in senso debole o largo ∀x, y ∈ A, x < y ⇔


f (x) ≤ f (y);

monotòna decrescente in senso stretto ∀x, y ∈ A, x < y ⇔ f (x) >


f (y);

monotòna decrescente in senso debole o largo ∀x, y ∈ A, x < y ⇔


f (x) ≥ f (y).

Teorema 13 Sia f : I → R, con I intervallo; allora f è iniettiva (e invertibile)


sse è monòtona in senso stretto.

Notazione 5 (f + g , f · g , fg , λ · f , f ◦ g ) Date f e g due funzioni denite su


dominio A ⊆ R e codominio R, si deniscono:

 (f + g)(x) : A → R, x → f (x) + g(x);

 (f · g)(x) : A → R, x → f (x) · g(x);

 ( fg )(x) : {x ∈ A : g(x) 6= 0} ⇒ R, x → f (x)


g(x) ;

 ∀λ ∈ R, (λ · f )(x) : A → R, x → λ · f (x).

Date f : A → B , g : B → C , si denisce:

 (g ◦ f )(x) : A → C, x → g(f (x)),

e si dice che la funzione g ◦ f è la composizione delle funzioni g e f .


34 CAPITOLO 4. ANALISI

Denizione 59 (Funzione Lipschitziana) f : I → R : ∃L > 0 : ∀x, y ∈


I, |f (x) − f (y)| ≤ L · |x − y|, f è detta Lipschitziana. Il minimo L che verica
la denizione è detta costante di Lipschitz e f si dice L-Lipschitziana.

Denizione 60 (Funzione Hölderiana) f : I → R : ∃L ≥ 0 : ∀x, y ∈


I, |f (x) − f (y)| ≤ L · |x − y|α , f è detta Hölderiana di esponente α > 0. Si
scrive: f ∈ C 0,α (I).

4.3 Limiti e Forme Indeterminate


4.3.1 Denizione
Denizione 61 (Limite 1)
∃Iε (x0 )
def
z }| {
lim f (x) = ` = ∀ε > 0, ∃δε > 0 t.c. ∀x, |x − x0 | < δε ⇒ |f (x) − `| < ε
x→x0

Denizione 62 (Limite 2)
∃IM (x0 )
def
z }| {
lim f (x) = ∞ = ∀M > 0, ∃δM > 0 t.c. ∀x, |x − x0 | < δM ⇒ |f (x) > M
x→x0

Denizione 63 (Limite 3)
∃Iε (∞)
def
z }| {
lim f (x) = ` = ∀ε > 0, ∃Nε > 0 t.c. ∀x, |x| > Nε ⇒ |f (x) − `| < ε
x→∞

Denizione 64 (Limite 4)
∃IM (∞)
def
z }| {
lim f (x) = ∞ = ∀M > 0, ∃NM > 0 t.c. ∀x, |x| > NM ⇒ |f (x)| > M
x→∞

Notazione 6 (Limite destro, Limite sinistro) e quanto sopra vale solo per
l'intervallo (x0 , x0 + δ)k(x0 − δ, x0 )k, allora si parla di limite destro ksinistrok.

Teorema 14 Cnes anchè esiste il limite di una funzione in un punto, è che


esistano in quel punto limite destro e sinistro e coincidano, ovvero:

lim f (x) = lim+ f (x) = lim− f (x)


x→x0 x→x0 x→x0

4.3.2 Forme Indeterminate


0
0


0·∞
+∞ − ∞
00
∞0
1∞
4.3. LIMITI E FORME INDETERMINATE 35

4.3.3 Limiti Notevoli


sin x
lim =1
x→0 x

1 x
lim (1 + ) =e
x→+∞ x


 +∞
 se p > q ∧ ab > 0
P(n)  −∞ se p > q ∧ ab < 0
limx→∞ = a
Q(n)  se p=q
 b
0 se p<q

dove P(n) = ap np + ap−1 np−1 + · · · + a1 n + a0 e Q(n) = bq nq + bq−1 nq−1 + · · · +


b1 n + b0

4.3.4 Altri Limiti ricavabili dai Limiti Fondamentali


1 − cos x 1
lim 2
=
x→0 x 2

tan x
lim =1
x→0 x

x + sin x
lim =2
x→0 x

x − sin x
lim =0
x→0 x2

x − sin x 1
lim =
x→0 x3 6

arcsin x
lim =1
x→0 x

arctan x
lim =1
x→0 x

1
lim (1 + x)x =e
x→0 x
36 CAPITOLO 4. ANALISI

log(1 + x)
lim =1
x→0 x

loga (1 + x) 1
lim =
x→0 x log a

log(1 + αx)
lim =α
x→0 x

ex − 1
lim =1
x→0 x

ax − 1
lim = log a
x→0 x

(1 + x)α − 1
lim = α, α ∈ R
x→0 x

αx
lim = +∞ se α > 1 con α, β ∈ R
x→+∞ xβ

lim xα log x = 0 se α > 0 con α ∈ R


x→0+

n x
lim (1 + ) = en con n ∈ R
x→+∞ x

log x
lim = 0 se α > 0 con α ∈ R
x→+∞ xα

xx
lim = +∞ con α ∈ R
x→+∞ xα

n!
lim = +∞, ∀p ∈ R
x→+∞ np

n!
lim = +∞, ∀a ∈ R+
0
x→+∞ an

n!
lim =0
x→+∞ nn
4.3. LIMITI E FORME INDETERMINATE 37

n!
lim √ = 1 Formula di Stirling
x→+∞ nn · e−n · 2·π·n

(2n)!!
lim √ = 1 Formula di Wallis
x→+∞ (2n − 1)!! · 2 · π · n

4.3.5 Operazioni su ±∞
+∞ + ∞ = +∞
−∞ − ∞ = −∞
∞·∞=∞

Sia ` ∈ R.
` + ∞ = +∞
` − ∞ = −∞
` · ∞ = ∞ con ` 6= 0
`
∞ =0

` = 0 con ` 6= 0
+∞` = +∞ se ` > 0
+∞` = 0 se ` < 0
`+∞ = 0 se 0 < ` < 1
`+∞ = +∞ se ` > 1
`−∞ = +∞ se 0 < ` < 1
`−∞ = 0 se ` > 1

4.3.6 Teoremi sui Limiti


Siano: f : A = (a, b) ⊂ R → R, x0 punto di accumulazione per A, ` = limx→x0 f (x); `0 =
limx→x0 f (x); `1 = limx→x0 g(x); `2 = limx→x0 h(x) tali che `, `0 , `1 , `2 ∈ R̄.

Teorema 15 (dell'Unicità del Limite) ` = `0 , ovvero ∃` −→ ∃!`.

Teorema 16 (della Permanenza del Segno) Sia A = (a, b), x0 ∈ [a, b]. Se ∃` 6=
0 allora esiste I(x0 )
in cui f (x) ha lo stesso segno di ` (escluso al più x0 ).

Teorema 17 (∃δ > 0 : ∀x ∈ (x0 − δ, x0 + δ) \ {x0 }, f (x) = g(x)) ⇒ (∃` ⇔


∃`1 ∧ ` = `1 ).

Teorema 18 (del Confronto o dei Carabinieri) ∀x ∈ (a, b) \ {x0 }, f (x) ≤


g(x) ≤ h(x) ∧ ` = `2 −→ `1 = ` = `2 .

Teorema 19 (del Confronto) ∀x ∈ (a, b) \ {x0 }, f (x) ≤ g(x) ∧ ` = +∞k`1 =


−∞k −→ `1 = +∞k` = −∞k.
38 CAPITOLO 4. ANALISI

Teorema 20 (Limite della Composizione di Funzioni) Sia denita g◦f .Se


∃ limy→` g(y) = `1 e vale una delle seguenti:

1. ∃δ > 0 : ∀x ∈ (x0 − δ, x0 + δ) \ {x0 }, f (x) 6= `;

2. g(`) = `1 (continuità di g );
allora ∃ limx→x0 g ◦ f (x) = `1 .

4.3.7 Teoremi di de l'Hôpital


Teorema 21 (di de l'Hôpital 1) Sia f, g : (a, b) → R, x0 ∈ [a, b]. Siano vali-
de le ipotesi:

1. f, g derivabili in (a, b);

2. ∀x ∈ (a, b) \ {x0 }, g 0 (x) 6= 0;

3. f (x0 ) = g(x0 ) = 0;

f 0 (x)
4. ∃ limx→x0 g 0 (x) = ` ∈ R̄.

Allora:

f (x)
∃ lim =`
x→x0 g(x)

Eventualmente, si considera l'unico limite calcolabile.

Teorema 22 (di de l'Hôpital 2) Sia f, g : (a, b) → R, a, b ∈ R̄. Siano valide


le ipotesi:

1. f, g derivabili in (a, b);

2. ∀x ∈ (a, b), g 0 (x) 6= 0;

3. ∃ limx→a+ f (x) = ±∞; ∃ limx→a+ g(x) = ±∞;

f 0 (x)
4. ∃ limx→a+ g 0 (x) = ` ∈ R̄.

Allora:

f (x)
∃ lim+ =`
x→a g(x)

Lo stesso risultato vale per x → b− .


4.3. LIMITI E FORME INDETERMINATE 39

4.3.8 Proprietà sui Limiti


Siano ` = lim x → x0 f (x); `1 = lim x → x0 g(x); `2 = lim x → x0 h(x) tali che
`, `1 , `2 ∈ R.
Siano: α, λ, µ ∈ R; a ∈ R+ +
0 \ {1}; b ∈ R0 ; n ∈ N.
Sia: x0 = α ∈ R oppure x0 = ±∞. Allora:

 limx→x0 [f (x) + g(x)] = ` + `1

 limx→x0 [λf (x) + µ · g(x)] = λ · ` + µ · `1

 limx→x0 [f (x)]n = `n con ` > 0

 limx→x0 1
f (x) = 1
` ⇔ ` 6= 0

 limx→x0 1
f (x) = 0 ⇔ limx→x0 f (x) = ±∞

 limx→x0 f (x)
g(x) = `
`1 ⇔ `1 6= 0

 limx→x0 |f (x)| = |`|

 limx→x0 loga f (x) = loga `

 limx→x0 bf (x) = b`

 limx→x0 [f (x)]g(x) = ``1 con ` > 0

4.3.9 Limiti di Funzioni Monotòne


Teorema 23 Sia f : (a, b) → R, a, b ∈ R̄, a < b, una funzione monotòna cre-
scente k decrescentek, s0 ∈ (a, b); allora:

∃ lim− f (x) = sup{f (y) : y < x0 }k = inf{f (y) : y < x0 }k = supf ((a, x0 ))k = inff ((a, x0 ))k
x→x0

e:

∃ lim f (x) = inf{f (y) : y > x0 }k = sup{f (y) : y > x0 }k = inff ((x0 , b))k = supf ((x0 , b))k
x→x+
0

Se x0 ∈ σ(a, b), allora il teorema è vero per l'unico limite che si può calcolare.

4.3.10 Innitesimi
Denizione 65 (Innitesimo) Sia x0 ∈ R̄, siano f, g due funzioni denite in
un intorno di x0 escluso al più x0 tali che limx→x0 f (x) = limx→x0 g(x) = 0.
40 CAPITOLO 4. ANALISI

Si dice che f è innitesima di ordine superiore a g per x → x0 o che f è un o


piccolo di g per x → x0 e si scrive f = o(g, x0 ) o semplicemente f = o(g) se:

f (x)
lim =0
x→x0 g(x)

Notazione 7 (Funzioni Innitesime) Funzioni che hanno limite uguale a 0


per x → x0 si dicono innitesime e si indicano con o(1, x0 ).

Denizione 66 (Innitesimi di ordine α) Sia limx→x0 f (x) = 0; se ∃α >


f (x)
0 : limx→x0 (x−x α = ` ∈ R \ {0}, si dice che f è un innitesimo di ordine α
0)
per x → x0 e che la sua parte principale è (x − x0 )α . Analogamente per limite
sx e per limite dx.

Osservazione 8 (Proprietà o piccoli) Se f1 = o(g, x0 ), f2 = o(g, x0 ), allo-


ra:

1 f1 + f2 = o(g, x);

2 ∀k ∈ R, kf = o(kg, x0 ) = o(g, x0 ).

Se f1 = o(g1 , x0 ), f2 = o(g2 , x0 ), allora:

3 f1 +g1
f2 +g2= gg21 in un intorno di x0 , cioè esiste un limite sse esiste l'altro,
e sono uguali.

4 ∀x, l > 0, xk = o(xl , x0 ) = o(xl+k , xo );

5 f1 · f2 = o(g1 · g2 , x0 );

inoltre, se f = o(g, x0 ), g = 0o(h, x0 ), allora:

6 f = o(h, x0 );

Teorema 24 Sia x0 ∈ R, f continua in x0 e invertibile in un intorno di x0


tale che f (x) = f (x0 ) + a · (x − x0 ) + o(x − xo , x0 ), a 6= 0. Allora f −1 (y) =
x0 + a1 · (y − y0 ) + o(y − y0 , y0 ) dove y0 = f (x0 ).

Denizione 67 Siano f, g denite in un intorno di x0 ∈ R̄ : f, g 6= 0 in tale


intorno ad eccezione al più di x0 . Si dice che f è asintotica a g per x → x0 se
∃ limx→x0 fg(x)
(x)
= ` ∈ R \ {0} e si indica con f ∼ g .

Osservazione 9 (Proprietà funzioni asintotiche) 1 f ∼ g ∼ f


4.4. FUNZIONI CONTINUE 41

2 f ∼g∧g ∼h⇒f ∼h

Osservazione 10 f ∼ g ⇒ (∃ limx→x0 f (x) ⇔ ∃ limx→x0 g(x)).

4.4 Funzioni Continue


4.4.1 Denizione
Denizione 68 (Funzione Continua) y = f (x) si dice continua in x0 se lim x → x0 f (x) =
f (x0 ) o,
il che è lo stesso, se ∀ε > 0∃δ > 0 t.c. ∀x, |x − x0 | < δ ⇒ |f (x) − f (x0 )| < ε

Teorema 25 Siano f, g continue in x0 , λ ∈ R. Allora f + g, f · g, λ · f sono


continue in x0 .
Se è denita g ◦ f , anch'essa è continua in x0 .
Se è denita f −1 , anch'essa è continua in x0 .

Teorema 26 Sia f : I → R, allora se f (x0 ) > 0, ∃δ > 0 : ∀x ∈ (x0 − δ, x0 + δ)


in cui f(x)>0.

Teorema 27 (di Weierstrass) Ogni funzione continua in un intervallo chiu-


so [a, b] con a, b ∈ R è dotata di massimo e minimo assoluti nell'intervallo,
ovvero:

inf sup
f ([a, b]) = [x ∈ [a, b] f (x), x ∈ [a, b] f (x)]

e in particolare ∃c1 , c2 ∈ [a, b] :

inf sup
f (c1 ) =x ∈ [a, b] f (x), f (c2 ) =x ∈ [a, b] f (x)

Teorema 28 (dei Valori Intermedî) Una funzione continua in un interval-


lo I assume nell'intervallo tutti i valori compresi tra il minimo m e il mas-
simo M , ovvero, dati x, y : f (x) < f (y), λ ∈ R : f (x) < λ < f (y), allora
∀λ, ∃z ∈ I : f (z) = λ.

Teorema 29 (dell'Esistenza degli Zeri o di Bolzano) Se una funzione con-


tinua su un intervallo assume valori di segno opposto in due punti x − 1 e x2
dell'intervallo, allora esiste almeno un punto interno all'intervallo ]x1 , x2 [ in
cui f (x) = 0, ovvero, data f : [a, b) → R, continua in [a, b], a, b ∈ R, a < b :
f (a) · f (b) < 0, allora ∃c ∈ (a, b) : f (c) = 0.
42 CAPITOLO 4. ANALISI

4.5 Derivate
4.5.1 Denizione
Denizione 69 (Rapporto Incrementale) Sia I intervallo con x0 punto in-
terno di I ; si dice rapporto incrementale in x0 la funzione:

f (x) − f (x0 )
Rx0 f (x) =
x − x0
denita in I \ {0}.

Denizione 70 (Derivata) f è derivabile in x0 se ∃ lim x → x0 Rx0 f (x) ∈ R


e si denota con:

df f (x + h) − f (x)
f 0 (x) = D[f (x)] = = f˙(x) = lim = lim Rx0 f (x).
dx h→0 h x→x0

Analogamente si deniscono le derivate destra e sinistra. Se possono calcolarsi


derivata destra e sinistra, allora esiste la derivata e coincide con derivata dx e
sx.

Teorema 30 Se f : I → R è derivabile in x0 , allora f è continua in x0 , ma


non viceversa.

Notazione 8 (Dierenziabilità) f (x)−f (x0 )


x−x0 0f 0 )x0 ) + o(1, x0 )
0
f (x) − f (x0 ) = f (x0 ) · (x − x0 ) + (x − x0 ) · o(1, x0 )

f (x) = f (x0 ) + f 0 (x0 ) · (x − x0 ) + o(x − x0 , x0 )

Denizione 71 (Dierenziabilità) Sia fI → R, x0 punto interno di I ; f si


dice dierenziabile in x0 se ∀x ∈ I, ∃L > 0 : f (x) = f (x= ) + L · (x − x0 ) + o(x −
x0 , x0 ).

d2 ˙
Denizione 72 (Derivata Seconda, k-esima) f 00 (x0 ) = dx2 = f˙(x) = d 0
dx f (x).
dk d (k−1)
f (k)
(x0 ) = dxk
= dx f .

Notazione 9 (Classe C k ) f ∈ C k , k ∈ N, k ≥ 1 sta ad indicare che f è deri-


vabile k volte in I con derivate continue in I (in particolare, è continua f (k) .
In particolare, C 0 (I) = C(I) denota lo spazio vettoriale delle funzioni continue
in I ; C +∞ (I) denota l'insieme delle funzioni che ammettono derivate di ogni
dk
ordine in I e tali che ∀k, dx k f ∈ C(I).

dk
Osservazione 11 I polinomî appartengono a C+∞(R) con la proprietà dxk
P =
0 se k > degP .
ex ∈ C +∞ (R).

Teorema 31 La funzione f : I → R è dierenziabile in x0 punto interno di I


sse è derivabile in x0 e in tal caso L = f 0 (x).

Teorema 32 Siano f, g : I → R, x0 punto interno di I , f ≡ g in un intorno di


x0 ; allora f è derivabile in x0 sse lo è g e in tal caso f 0 (x0 ) = g 0 (x0 ).
4.5. DERIVATE 43

4.5.2 Proprietà locali di una funzione


Osservazione 12 (Derivata prima e monotonia) Sia f : I → R derivabile
in x0 e debolmente crescente kdecrescentek in un intorno di x0 . Allora f 0 (x0 ) ≥
0k ≤ 0k.

Denizione 73 (Punto di Massimo kMinimok relativo debole (locale))


Sia f : I → R derivabile in x0 ∈ I ; x0 si dice punto di massimo kminimok rela-
tivo debole (locale) di f se ∀x ∈ I ∩ (x0 − δ, x0 + δ), ∃δ > 0 : f (x) ≤ f (x0 )k ≥
f (x0 )k.

Denizione 74 (Punto di Massimo kMinimok relativo forte (stretto))


Sia f : I → R derivabile in x0 ∈ I ; x0 si dice punto di massimo kminimok re-
lativo forte (stretto) di f se ∀x ∈ I ∩ (x0 − δ, x0 + δ), ∃δ > 0 : f (x) < f (x0 )k >
f (x0 )k.

Denizione 75 (Punto di Massimo kMinimok assoluto) x0 di dice pun-


to di massimo kminimok assoluto di f se ∀x ∈ I, f (x) ≤ k ≥ kf (x0 ).

Denizione 76 (Punto stazionario) Se x0 è tale che f 0 (xo ) allora x0 è detto


punto stazionario di f .

Teorema 33 (Fermat) Sia f : I → R derivabile in x0 , sia x0 ∈ I estremo


relativo, allora f 0 (x0 ) = 0.

Teorema 34 (Conseguenza 1 Teorema di Lagrange) Sia f : I → R con-


tinua in I e derivabile nei punti interni di I , con derivata prima positiva (stret-
tamente positiva, negativa, strett. negativa) in tali punti. Allora f è crescente
(decrescente, str. crescente, str. decrescente) in tale intervallo.

Teorema 35 (Conseguenza 2 Teorema di Lagrange) Sia f : I → R con-


tinua in I e derivabile nei punti interni di I , con derivata prima nulla in tali
punti. Allora f è costante in tale intervallo.

Criterio 1 (Massimi, minimi relativi) Se ∃δ > 0 : f 0 (x) ≤ 0(≥) in (x0 −


δ, x0 ) e f 0 (x) ≥ 0(≤ 0) in (x0 , x0 +δ) allora x0 è un punto di minimo (massimo)
relativo di f . Se le disuguaglianze valgono con i segni forti, allora x0 è punto
di minimo (massimo) relativo stretto.

Teorema 36 Sia f : I → R ∈ C 2 , f 0 (x0 ) = 0, f 00 (x0 ) > 0(<), x0 punto interno


di I . Allora x0 è punto di minimo (massimo) relativo forte di f , e viceversa
condizione necessaria anchè x0 sia punto di minimo (massimo) relativo forte
è che f 00 (x0 ) ≥ (≤)0.

4.5.3 Convessità
Denizione 77 (Funzione Convessa) f : I → R si dice convessa se:
∀x0 , x1 ∈ I : x0 < x1 , ∀t ∈ [0, 1], f (t · x0 + (1 − t) · x1 ) ≤ t · f (x0 ) + (1 − t) · f (x1 ).
44 CAPITOLO 4. ANALISI

Denizione 78 (Funzione Concava) f si dice concava se −f è convessa.

Teorema 37 Sia f convessa in I ; allora:


0
∀x > x0 , f (x) ≥ f (x0 ) + f+ (x0 ) · (x − x0 );
0
∀x < x0 , f (x) ≥ f (x0 ) + f− (x0 ) · (x − x0 ).

Denizione 79 (Punto di esso) f : (a, b) → R, x : 0 punto interno di I : f


convessa (concava): in (a, x0 ) e concava (convessa) in (x0 , b). x0 si dice punto
di esso per f . x0 si dice esso ascendente (discendente) se f è localmente
crescente (decrescente) in un intorno di x0 .

Denizione 80 (Asintoto obliquo) f : (a, +∞) → R ha asintoto obliquo a


+∞ se limx→+∞ = ±∞ e:

f (x)
lim = a ∈ R \ {0}
x→+∞ x
;

lim f (x) − a · x = b ∈ R
x→+∞
.
In questo caso l'asintoto obliquo è y : a · x + b.

Osservazione 13 f, g convesse in I ⇒ f + g convessa in I .

4.5.4 Teoremi
Teorema 38 (di Rolle) Sia f : [a, b] → R continua in [a, b] e derivabile su
(a, b) e sia f (a) = f (b); allora ∃x0 ∈ (a, b) t.c. f 0 (x0 ) = 0.

Teorema 39 (di Lagrange o del Valor Medio) Sia f : [a, b] → R continua


f (b)−f (a)
in [a, b] e derivabile in (a, b); allora ∃x0 ∈]a, b[ t.c. b−a = f 0 (x0 ).

Teorema 40 (di Cauchy) Siano f (x) e g(x) due funzioni continue su [a, b] e
f (b)−f (a)
derivabili su ]a, b[ e sia g 0 (x) 6= 0∀x ∈ [a, b]; allora ∃x0 ∈]a, b[ t.c. g(b)−g(a) =
0
f (x0 )
g 0 (x0 ) .

4.5.5 Teoremi Funzioni Convesse


Teorema 41 (1) Sia f : I → R convessa; siano x0 , x1 ∈ I : x0 < x1 . Allora
def
∀x ∈ [x0 , x1 ], f (x) ≤ f (x0 ) + f (xx11)−f
−x0
(x0 )
· (x − x0 ) = rx0 x1 (x);
∀x 6∈ [x0 , x1 ], f (x) ≥ rx0 x1 (x).

Teorema 42 (2) Siano f : I → R convessa in I , r una retta; Se ∃x0 < x1 <


x2 ∈ I : f (xj ) = r(xj ), j = 0, 1, 2 allora ∀x ∈ [x0 , x2 ], f (x) = r(x).
4.5. DERIVATE 45

Teorema 43 (3) Sia f : I → R, sia x0 ∈ I . Sia:


Rx0 f : I \ {x0 } → R,
Rx0 f (x) = f (x)−f
x−x0
(x0 )
,
allora f è convessa in I sse Rx0 f è crescente in I \ {x0 }. Eventualmente, si
considera l'unico rapporto incrementale calcolabile.

Teorema 44 Sia f convessa in I ; allora è continua in tutti i punti interni di


I in quanto ∃ lim Rx0 f (x).

Teorema 45 (Convessità-derivabilità) Sia f : (a, b) → R derivabile in (a, b);


f è convessa (concava) in (a, b) sse f 0 è crescente (decrescente) in (a, b), è
strettamente convessa (concava) se f 0 è str. crescente (decrescente).

4.5.6 Derivate Fondamentali


f (x) f 0 (x)
k 0
xn nxn−1
sin x cos x
cos x − sin x
tan x 1 + tan2 x
1
tan x cos2 x
cot x −1 − cot2 x
cot x − sin12 x
ex ex
ax x
a log a
1
log x x
loga e
loga x x
arcsin x √ 1
1−x2
1
arccos x − √1−x 2
1
arctan x 1+x2
1
arccotx − 1+x 2

Tabella 4.1: Derivate Fondamentali

4.5.7 Regole di Derivazione


Siano f, g : I → R derivabili in x0 , x0 punto interno di I , λ ∈ R; allora valgono
i seguenti teoremi algebrici o regole di derivazione.
pag.46

Osservazione 14 (Conseguenza) I polinomî sono derivabili in R e la deri-


vata di un polinomio di grado n è un polinomio di grado n − 1.

Teorema 46 (Derivabilità della funzione inversa) Sia f strettamente mo-


notòna denita in I e ivi continua, derivabile in x0 punto interno di I tale che
46 CAPITOLO 4. ANALISI

y = f (x) ± g(x) y0 = f 0 (x) ± g 0 (x)


y = k · f (x) y0 = k · f 0 (x)
y = f (x) · g(x) y0 = f 0 (x) · g(x) + f (cx) · g 0 (x)
0
(cx)·g 0 (x)
y = fg(x)
(x)
y0 = f (x)·g(x)−f
g 2 (x)
y = f (g(h(x))) y0 = f 0 (g(h(x))) · g 0 (h(x)) · h0 (x)
f 0 (x)
y = [f (x)]g(x) y0 = [f (x)]g(x) · [g 0 (x) · log f (x) + g(x) · f (x) ]

Tabella 4.2: Regole di Derivazione

f 0 (x0 ) 6= 0, allora f è invertibile e la sua inversa è derivabile in f (x0 ). Inoltre:


1
(f −1 )0 (f (x0 )) = f 0 (x 0)
1
(f −1 )0 (y) = f 0 (f −1 (y))

4.6 Integrali
4.6.1 Denizione
R
Denizione 81 (Integrale) f (x) dx = F (x) + c ⇔ F 0 (x) = f (x)
F (x) si dice primitiva di f (x).
Rb
Teorema 47 (di Torricelli-Barrow) a
f (x) dx = F (b) − F (a)

4.6.2 Integrale di Riemann


Denizione 82 (Partizione) Si dice partizione di [a, b] ogni insieme di punti
a = t0 < t1 < · · · < tn = b. Data δ partizione di [a, b], si ha:
n−1
[
[a, b] = [tj , tj+1 ]
j=0

Notazione 10 (Somme superiori e inferiori)


n−1
X inf
s(f, δ) = { t ∈ [tj , tj+1 f (t) · (tj+1 − tj )}
j=0

n−1
X sup
S(f, δ) = { t ∈ [tj , tj+1 f (t) · (tj+1 − tj )}
j=0

Denizione 83 (Funzione Riemann-integrabile) f è integrabile se esiste


unico l'elemento separatore tra s(f ) e S(f ) ovvero se sups(f ) = infS(f ). Tale
elemento separatore si dice integrale di f in [a, b] e si scrive:
Z b
f (x) dx = sups(f ) = infS(f )
a
ovvero f : [a, b] → R limitata è integrabile in [a, b] se ∀ε > 0, ∃δ : S(f, δ) −
s(f, δ) ≤ ε.
4.6. INTEGRALI 47

Osservazione 15 (Conseguenza) f monotòna è integrabile.


f continua è integrabile.
Lo spazio R delle funzioni integrabili è vettoriale e l'applicazione R → R, f →
Rb
1
f (t) dt è lineare.
Rb Ra
Notazione 11
Ra a
f (x) dx = − b
f (x) dx
a
f (x) dx = 0

Denizione 84 (Funzione integrale) f : [a, b] → R R-integrabile in [a, b],


c ∈ [a, b] ssato; la funzione F : [a, b] → R denita da:
Z x
F (x) = f (t) dt
c
si dice funzione integrale di f .

4.6.3 Teoremi
inf Rb sup
Teorema 48 (della Media) [a, b] f ≤ 1
b−a · a
f (x) dx ≤[a, b] f
Rb
a
f (x) dx
∃c ∈ [a, b] t.c. f (c) =
b−a

Teorema 49 (fondamentale del Calcolo Integrale) f : [a, b] → R R-integrabile


in [a, b]; allora:

Rx sup
1. ∀c ∈ [a, b], F (x) = c
f (t) dt è lipschitziana e |F (x)−F (y)| ≤t ∈ [a, b]
|f (t)| · |y − x|;

2. se f è continua in x0 ∈ (a, b), allora F è derivabile in x0 e F 0 (x0 ) =


f (x0 );

3. se f è continua in a (b), allora F è derivabile a dx (sx) in a (b) e


F+0 (a) = f (a)(F−0 (b) = f (b));

4. ∀α, β ∈ [a, b] : α ≤ β, α
f (x) dx = F (β) − F (α)

4.6.4 Integrali Notevoli Fondamentali


Z
xn+1
xn dx = + c con n 6= −1
n+1

Z
1
dx = log |x| + c
x
48 CAPITOLO 4. ANALISI

Z
sin x dx = − cos x + c

Z
cos x dx = sin x + c

Z
1
dx = tan x + c
cos2 x

Z
(1 + tan2 x) dx = tan x + c

Z
1
dx = − cot x + c
sin2 x

Z
(1 + cot2 x) dx = − tan x + c

Z
ex dx = ex + c

Z
ax dx = ax · loga e + c

Z
dx
√ = arcsin x + c
1 − x2

Z
dx
= arctan x + c
1 + x2

4.6.5 Regole di Integrazione


Z Z
1a k · f (x) dx = k · f (x) dx
Z Z Z
1b [f1 (x) + f2 (x) + · · · + fn (x)] dx = f1 (x) dx + f2 (x) dx + · · · +
Z
fn (x) dx

Rb Rb
2, monotonia ∀x ∈ [a, b], f (x) ≤ g(x) ⇒ a
f (x) dx ≤ a
g(x) dx
4.6. INTEGRALI 49

Rb
2bis ∀x ∈ [a, b], g(x) ≥ 0 ⇒ a
g(x) dx ≥ 0

Rb Rc Rb
3, spezzamento a
f (x) dx = a
f (x) dx + c
f (x) dx

4.6.6 Altri Integrali Notevoli


Z p
xp 2 a2 x
a2 − x2 dx = a − x2 + arcsin + c
Z p 2 2 a
x p x p
a2 + x2 dx = · log(x + a2 + x2 ) + · a2 + x2 + c
Z 2 2
1 p
√ 2
dx = log |x + a + x | + c 2
Z a2 + x2
1 x
√ dx = arcsin + c
Z
2
a −x 2 a
1 p
√ dx = log |x + x2 ± a2 | + c
2
x ±a 2
Z
1 1 x−a
2 2
dx = · log | |+c
x −a 2a x+a r
Z
1 p p p2
p dx = log |x + + (x + )2 + q − | + c
x2 + px + q 2 2 4
Z
sin(α + β)x sin(α − β)x
cos αx cos βx dx = + +c
Z 2(α + β) 2(α − β)
1
ex · sin x dx = − ex (sin x − cos x) + c
Z 2
1
ex · cos x dx = − ex (sin x + cos x) + c
2

4.6.7 Integrali per Serie


Z
1
In = sin2n x dx = [− sin2n−1 x cos x + (2n − 1)In−1 ] con I0 = x + c; I1 =
2n
1 1
− sin x cos x + x + c
2 Z 2
In = logn x dx = x logn x − n · In−1 con I0 = x + c; I1 = x log x − x + c
Z
In = xn · ex dx = xn · ex − n · In−1 con I0 = ex + c; I1 = xex − x + c
Z
1 x 2n − 1
In+1 = dx = + In−1 con I0 = arctan x +
(1 + x2 )n+1 2n · (1 + x2 )n 2n
x
c; I1 = + f rac12 arctan x + c
2(1 + x2 )

4.6.8 Integrazione di Funzioni Goniometriche


Z Z Z
sin2k+1 x dx = sin2k x · sin x dx = − (1 − cos2 x)k d cos x
Z Z
1 1 − cos 2x k
sin2k x dx = ( ) d2x
2 2
50 CAPITOLO 4. ANALISI

4.6.9 Integrazione di Funzioni Razionali

P (x)
f (x) = =
Q(x)
R(x)
= S(x) + =
Q(x)
A1 A2 Ar 1
= S(x) + + 2
+ ··· + +
(x − x1 ) (x − x1 ) (x − x1 )r1
B1 B2 Rr2
+ + 2
+ ··· + + ··· +
(x − x2 ) (x − x2 ) (x − x2 )r2
α1 · x + β1 αl · x + βl1 γ1 · x + δ1
+ + ··· + 1 + ··· +
(x2 + a1 · x + b1 ) + (x2 + a1 · x + b1 )
γ l2 · x + δ l2
+ ···
+
Z Z Z
P1 (x) R(x)
I= dx = Q(x) dx + dx dove vale P1 (x) =
P2 (x) P2 (x)
P2 (x) · Q(x) + R(x) ed è %R(x) < %P2 (x)
Considerato il caso in cui %P2 (x) = 2 e quindi %R(x) = 0 ∨ 1, essendo P2 (x) =
ax2 + bx + c con a, b, c costanti assegnate, dette α1 , α2 le radici di P2 (x) = 0,
denito ∆ = b2 − 4ac, considerati A e B costanti in R, si hanno i seguenti tre
casi, a seconda del segno di ∆:
R A R B
1. ∆P2 (x) > 0 −→ I = a1 x−α 1
dx + 1
a
A
x−α2 dx = a log |x − α1 | +
B
a log |x − α2 | + c

1
R A 1
R B
2. ∆P2 (x) = 0 −→ I = a x−α dx + a (x−α)2 dx = a1 A log |x − α| −
Aα+B
a(x−α) + c

R
3. ∆P2 (x) < 0 −→ I = axgx+h2 dx =
R d(ax2 +bx+c) R +bx+c
dx
= gs x2 +bx+c + ht (kx+j) 2 +1 =
2
= gs log |ax + bx + c| + ht arctan(kx + j) + c

4.6.10 Tecniche di Integrazione


R R
Integrazione per Sostituzione
R 0 : x = g(t) −→ f (x) dx
0
R = f 0(g(t)) · g (t) dt
Integrazione per Parti: f (x)g(x) dx = f (x)g(x) − f (x)g (x) dx

4.6.11 Integrazione Numerica 1

Metodo 1 (dei rettangoli) Si approssima l'area sottesa alla curva alla som-
ma di n rettangoli la cui base tende a 0 tendendo l'errore e a 0 e la cui altezza
è pari al valore della funzione all'estremo sinistro o destro della base.
1 Marcello Pedone, Integrazione Numerica e Valutazione dell'errore,
http://www.matematicamente.it
4.7. POLINOMIO DI TAYLOR 51

Z b
b−a
f (x) dx ' · [f (x0 ) + f (x1 ) + · · · + f (xn−1 )]
a n
(b − a)2
e≤ · M con |f 0 (x)| ≤ M
2n

Metodo 2 (dei trapezî) Si approssima l'area sottesa alla curva alla somma
di n trapezi la cui altezza tende a 0 tendendo l'errore e a 0 e le cui basi sono i
valori della funzione all'estremo destro e sinistro della base.
Z b
b−a
f (x) dx ' · [f (x0 ) + f (xn ) + 2 · [f (x1 ) + · · · + f (xn−1 )]]
a 2n
3
(b − a)
e≤ · M con |f 00 (x)| ≤ M
12n2

Z b
b−a
Metodo 3 (di Cavalieri-Simpson) f (x) dx ' · [f (x0 ) + f (xn ) + 4 ·
a 3n
[f (x1 ) + f (x3 ) + · · ·] + 2 · [f (x2 ) + f (x4 ) + · · ·]]
(b − a)5
e≤ · M con |f iv (x)| ≤ M
180n4

4.6.12 Lunghezze di Archi di Curva, Volumi e Superci di


Solidi di Rotazione
x2 p Z
`= 1 + [f 0 (x)]2 dx
½ x 1
Z t2 p
x = x(t)
→`= [x0 (t)]2 + [y 0 (t)]2 dt
y = y(t) t1
Z b
V =π· [f (x)]2 dx
a

Teorema 50 (di Guldino) Il volume di un solido generato da una supercie


piana S che compie una rotazione completa intorno ad una retta del suo piano
che non l'attraversa è dato dal prodotto dell'area di S per la lunghezza della
circonferenza descritta dal baricentro di S .

Teorema 51 (Regola di Archimede) L'area di un segmento parabolico è i


2
3 dell'area del rettangolo in cui è inscritto.

Z b p
Slaterale = 2 · π f (x) · 1 + [f 0 (x)]2 dx
a

4.7 Polinomio di Taylor


Teorema 52 n ∈ N, δP = δQ = n : f (x) = P (x) + o((x − x0 )n , x0 ) =
Q(x)o((x − x0 )n , x0 ) ⇒ P ≡ Q
52 CAPITOLO 4. ANALISI

Teorema 53 (Polinomio e Formula di Taylor, Polinomio di Mac Laurin)


f : (a, b) → R, x0 ∈ (a, b), f derivabile n−1 volte in (a, b) e n volte in x0 . Allora
la seguente è una approssimazione di f :
n
X f (k) (x0 )
f (x) = · (x − x0 )k + o((x − x0 )n , x0 )
k!
k=0

e si dice polinomio di Taylor di grado n centrato in x0 il seguente:


n
X f (k) (x0 )
Pn,x0 f = · (x − x0 )k
k!
k=0

Per x0 = 0 si ha il polinomio di Mac Laurin.

4.7.1 Formula di Taylor con resto di Lagrange


Teorema 54 Sia f : (a, b) → R, x0 ∈ (a, b), f derivabile n+1 volte in x0 ; allora
∃c = c(x) ∈ (min{x0 , x}, max{x0 , x}) :

f (n+1) (c(x))
f (x) = Pn,x0 f (x) + · (x − x0 )n+1
(n + 1)!

4.7.2 Formula di Taylor con resto di integrale


f : I → R, x0 ∈ I, f ∈ C n (I):
Z x
1 n
f (x) − Pnx0 f (x) = · f (n+1)(t)·(x−t) dt
n! x0

4.7.3 Sviluppi di Taylor


n
X f (k) (x0 )
f (x) = Pn,0 f + o(xn , 0) = · (x − x0 )k + o(xn , 0)
k!
k=0

x2 xn
ex = 1 + x + + ··· + + o(xn , 0)
2 n!
x2 x3 xn
log(1 + x) = x − + + · · · + (−1)n−1 · + o(xn , 0)
2 3 n
x3 x5 x2n+1
sin x = x − + + · · · + (−1)n + o(x2n+2 , 0)
3! 5! (2n + 1)!
x2 x4 x2n
cos x = 1 − + + · · · + (−1)n + o(x2n+1 , 0)
2 4! (2n)!
x3 2 · x5
tan x = P6,0 tan +o(x6 , 0) = x + + + o(x6 , 0)
3 15
1 x3 3 x5 (2n − 1)!! x2n+1
arcsin x = x + · + · + ··· + + o(x2n+2 , 0)
2 3 8 5 (2n)!! 2n + 1
4.8. STUDIO DI FUNZIONE 53

π 1 x3 (2n − 1)!! x2n+1


arccos x = −x− · + ··· − + o(x2n+2 , 0)
2 2 3 (2n)!! 2n + 1
x3 x5 x2n+1
arctan x = x − + + · · · + (−1)n · + o(x2n+2 , 0)
3 5 2n + 1
x3 x5 x2n+1
sinh x = x + + + ··· + + o(x2n+2 , 0)
3! 5! (2n + 1)!
x2 x4 x2n
cosh x = 1 + + + ··· + + o(x2n+1 , 0)
2 4! (2n)!
x3 2 · x5
tanh x = P6,0 tanh +o(x6 , 0) = x − + + o(x6 , 0)
3 15
1 x3 3 x5 (2n − 1)!! x2n+1
arcsinhx = x − · + · + · · · + (−1)n · + o(x2n+2 , 0)
2 3 8 5 (2n)!! 2n + 1
1 1+x x3 x5 x2n+1
arctanhx = · log =x+ + + ··· + + o(x2n+2 , 0)
2 1−x 3 5 2n + 1
α · (α − 1) 2 α!
(1 + x)α = 1 + α · x + · x + ··· + · xn + o(xn , 0)
2 (α − n)! · n!
1
= 1 − x + x2 + · · · + (−1)n · xn + o(xn , 0)
1+x

4.8 Studio di Funzione


1. Dominio;

2. Intersezione con gli assi;

3. Segno;

4. Limite (asintoti):

(a) Asintoto Verticale: limx→x0 f (x) = ∞;

(b) Asintoto Orizzontale: limx→∞ f (x) = `: %den = %num;

(c) Asintoto Obliquo: limx→∞ f (x) = ∞: %den = %num − 1:


m = limx→∞ f (x)
x
n = limx→∞ [f (x) − mx]
A.Ob. : y = mx + n

5. Derivata Prima: Crescenza+ /decrescenza− ; Punti di Massimo e Mi-


nimo Relativi0 ;

6. Derivata Seconda: Concavità verso l'alto+ /basso− ; Punti di Flesso0 .


54 CAPITOLO 4. ANALISI

4.9 Approssimazione di Radici Reali


Metodo 1 (di Bisezione o Dicotomico) Sia f (x) una funzione continua in
[a, b] t.c. f (a)·f (b) < 0. Allora f (x) si annulla in almeno un punto x0 ∈]a, b[ (*
Teorema 29 a pag.41). Considerato il nuovo punto f ( a+b 2 ), la radice si troverà
tra ]a, a+b2 [[⇔ f (a) · a+b
2 < 0 , oppure tra ] a+b
2 , b[[⇔ a+b
2 · f (b) < 0. Iteran-
do il procedimento, si ottengono intervalli di soluzione con un'approssimazione
sempre minore.

Metodo 2 (della Secante) Sia f (x) una funzione continua in [a, b] t.c. f (a)·
f (b) < 0. Allora f (x) si annulla in almeno un punto x0 ∈]a, b[ (* Teorema 29
a pag.41). Per determinare questo valore, si consideri la retta passante per i due
punti (a, f (a)) e (b, f (b)); questa retta intersecherà l'asse x : y = 0 in un punto c
a cui corrisponderà f (c). La radice si troverà tra ]a, c[[⇔ f (a) · f (c) < 0, oppure
tra ]c, b[[⇔ f (c) · f (b) < 0. Iterando il procedimento, si ottengono intervalli di
soluzione con un'approssimazione sempre minore.

Metodo 3 (della Tangenteo di Newton) Sia f (x) una funzione continua


in [a, b] t.c. f (a) · f (b) < 0. Allora f (x) si annulla in almeno un punto x0 ∈]a, b[
(* Teorema 29 a pag.41). Per determinare questo valore, si consideri la retta
tangente alla curva in (a, f (a)) o (b, f (b)) e t.c. intersechi l'asse x : y = 0 in
un punto c ∈]a, b[ a cui corrisponderà f (c). La radice si troverà tra ]a, c[[⇔
f (a) · f (c) < 0, oppure tra ]c, b[[⇔ f (c) · f (b) < 0. Iterando il procedimento, si
ottengono intervalli di soluzione con un'approssimazione sempre minore.
Capitolo 5

Combinatoria e Probabilità

5.1 Combinatoria
5.1.1 Fattoriale
Denizione 85 (Fattoriale)
n
Y
n! = 1 · 2 · · · · · (n − 1) · n = i
i=1

½
0! = 1
n ! = n · (n − 1) ! per n ≥ 1

5.1.2 Coecienti Binomiali


Denizione 86 (Coeciente Binomiale)
µ ¶
n n!
=
k (n − k) ! k !

µ ¶ µ ¶
n n
=
k n−k
µ ¶ µ ¶ µ ¶
n n−1 n−1
= +
k k−1 k

5.1.3 Combinazioni
 Natura.
n!
¡n¢
Pn,k = =
0
¡(n−k)!k!
n+k−1
¢ k
Cn,k = k

55
56 CAPITOLO 5. COMBINATORIA E PROBABILITÀ

5.1.4 Permutazioni
 Ordine.
Pn = n!
n!
Dn0 k1 ,k2 ,···,kn = k1 !·k2 !· ··· ·kn !

5.1.5 Disposizioni
 Natura;
 ordine.
n!
Dn,k = Cn,k · Pk = (n−k)!
0
Dn,k = nk

5.2 Probabilità
5.2.1 Denizioni
1. Denizione Classica (Laplace): per casi equiprobabili è p = f
n;

2. Denizione Frequentista (Legge dei Grandi Numeri o Legge


f
Empirica del Caso): p = lim ;
n→∞ n

3. Denizione Soggettivista;
4. Denizione Assiomatica:
(a) p(∅) = 0

(b) p(Ω) = 1

f
(c) 0 ≤ f ≤ n → 0 ≤ n ≤1→0≤p≤1

(d) p(Ac ) = p(Ā) = 1 − p(A)

5.2.2 Probabilità Condizionata


p(A∩B)
p(A \ B) = p(B)

5.2.3 Somma
 Per eventi incompatibili (tali cioè che A ∩ B = ): p(A ∪ B) =
p(A) + p(B).

 Per eventi compatibili (tali cioè che A ∩ B 6= ): p(A ∪ B) = p(A) +


p(B) − p(A ∪ B).
5.2. PROBABILITÀ 57

5.2.4 Prodotto
 Per eventi stocasticamente indipendenti (tali cioè che p(A) = p(A\B ):
p(A ∩ B) = p(A) · p(B).

 Per eventi stocasticamente dipendenti (tali cioè che p(A) 6= p(A \ B ):


p(A ∪ B) = p(A) · p(B \ A).

5.2.5 Formula di Bayes


p(Hi ) · p(E \ Hi )
p(Hi \ E) = n
X
p(Hi ) · p(E \ Hi )
1

5.2.6 Distribuzione Binomiale di Bernoulli


µ ¶
n
pn,k = · pk · (1 − p)n−k
k

5.2.7 Speranza Matematica o Valor Medio


n
X
M(X) = xi pi
1
58 CAPITOLO 5. COMBINATORIA E PROBABILITÀ
Capitolo 6

Aritmetica

6.1 Rappresentazione in base b


6.1.1 Rappresentazione in base b degli interi
Ogni intero positivo N si può scrivere nella forma

N = an bn + an−1 bn−1 + . . . + a1 b + a0 ,

dove 0 ≤ ai < b per ogni i = 1, . . . , n.

6.1.2 Rappresentazione in base b dei reali


Ogni numero reale R si può scrivere nella forma


X
R = an bn + an−1 bn−1 + . . . + a1 b + a0 + a−i b−i ,
i=1

dove 0 ≤ ai < b per ogni i ≤ n, positivo, negativo, o nullo.

6.2 Divisibilità
6.2.1 Divisibilità
Denizione 87 (Divisibilità) Un numero intero c è detto divisibile per un
secondo numero intero b diverso da zero se e solo se esiste un terzo numero
intero x tale che c = b · x.

Osservazione 16 Si dice anche, equivalentemente, che b è un divisore di c


ovvero che c è un multiplo di b. La proprietà c è divisibile per b ovvero b ' un
divisore di c ovvero c è un multiplo di b si indica con la graa:

59
60 CAPITOLO 6. ARITMETICA

b|c

Teorema 55 (Divisione euclidea) Siano a e b due interi, con a 6= 0. Allora


esistono due interi q ed r tali che

b = aq + r,
0 ≤ r < |a|.

Inoltre q ed r sono unici. Questa si chiama divisione euclidea, o divisione con


resto. In tal caso b si chiama dividendo, a si chiama divisore, q si chiama
quoziente e r si chiama resto.

6.2.2 Numeri primi


Denizione 88 (Numeri primi) Un numero primo è un intero > 1 che ha
come divisori positivi soltanto 1 e se stesso. Esistono inniti numeri primi.

Teorema 56 (Teorema fondamentale - fattorizzazione) Ogni n > 1 può


essere scritto in uno ed in un solo modo come prodotto di fattori primi:

n = pn1 1 · pn2 2 · · · pnmm ,

dove p1 , p2 , . . . pm sono primi distinti e n1 , n2 , . . . nm sono interi ≥ 1. Tale


scrittura si dice fattorizzazione di n. La fattorizzazione è unica.

6.2.3 Massimo Comun Divisore e Minimo Comune Mul-


tiplo
Denizione 89 Dati due interi a e b, un intero c viene detto un loro divisore
comune se

c|a e c|b.

Denizione 90 (Massimo Comun Divisore) Un intero positivo D è detto


Massimo Comun Divisore dei due interi (positivi) a e b se:
1. D|a e D|b
2. se x|a e x|b allora x|D
e si indica con MCD(a, b) o D = (a, b).

Denizione 91 (Interi comprimi) Due interi a e b si dicono comprimi se


MCD(a,b)=1.

Denizione 92 (Combinazioni lineari) Assegnati due numeri interi A e B


si dicono loro combinazioni lineari tutti gli interi

h·A+k·B
6.3. CONGRUENZE 61

ottenibili sommando o sottraendo tra loro multipli di A e di B.

Teorema 57 (Teorema di Bezout) Siano a e b due interi e sia D = (a, b).


Allora esistono sempre interi m ed n tali che

ma + nb = D

Denizione 93 (Minimo Comune Multiplo) Si dice Minimo Comune Mul-


tiplo di due interi positivi a e b un intero m tale che:

1. a|m e b|m
2. per ogni n tale che a|n e b|n =⇒ m|n

e si indica con mcm(a,b).

6.3 Congruenze
6.3.1 Congruenza
Denizione 94 (Congruenza) Si dice che a è congruo a b modulo m se
m|(a − b) e si indica con

a ≡ b mod m.

La congruenza modulo m è una relazione di equivalenza, infatti:

 qualunque sia a, a ≡ a mod m (riessività)

 se a ≡ b mod m allora b ≡ a mod m (simmetria)

 se a ≡ b mod m e b ≡ c mod m allora a ≡ c mod m (transitività).

6.3.2 Classi di congruenza


L'insieme quoziente dei numeri interi rispetto alla relazione di congruenza mo-
dulo m si chiama insieme delle classi resto modulo m, ed è formato da m
classi distinte. La classe di resto modulo m di un numero a si indica con

[a]m

Per denizione [a]m + [b]m = [a + b]m e [a]m · [b]m = [a · b]m .

Osservazione 17 Saper decidere se un numero a ∈ [0]m equivale a saper deci-


dere se b è divisibile per m.
62 CAPITOLO 6. ARITMETICA

6.3.3 Criteri di congruenza


Tali criteri servono per determinare a che cosa è congruo un numero intero.
Questi diventano criteri di divisibilità, cioè a è divisibile per m, se a ≡ 0 mod m

 Modulo 2. Un intero è congruo modulo 2 alla sua cifra delle unità.


 Modulo 3. Un intero è congruo modulo 3 alla somma delle sue cifre.
 Modulo 4. Un intero è congruo modulo 4 all'intero constituito dalle
sue due ultime cifre a destra.
 Modulo 5. Un intero è congruo modulo 5 alla sua cifra delle unità.
 Modulo 10. Un intero è congruo modulo 10 alla sua cifra delle
unità.
 Modulo 11 Un intero è congruo modulo 11 alla somma a segno
alterno delle sue cifre.

6.3.4 Il Teorema di Wilson


Teorema 58 (Teorema di Wilson) Se p è primo allora

(p − 1)! ≡ −1 mod p.

6.3.5 Il Teorema di Eulero-Fernat


La funzione euleriana φ(m) esprime il numero degli interi minori di m primi con
m, ovvero il numero degli interi r tale che:

1. 1 ≤ r < m;
2. (r, m) = 1.

Teorema 59 (Teorema di Eulero-Fermat) Se (b, m) = 1 allora bφ(m) ≡


1 mod m.

6.3.6 Piccolo Teorema di Fermat


Teorema 60 (Piccolo Teorema di Fermat) Sia a un intero e p un primo
tale che (a,p)=1. Allora

ap−1 ≡ 1 mod p.

Teorema 61 (Corollario del piccolo Teorema di Fermat) Per ogni inte-


ro a si ha che

ap ≡ a mod p
6.4. PRINCIPIO DI INDUZIONE 63

6.4 Principio di induzione


Sia Pn una successione di proposizioni, ciascuna collegata a un numero naturale
n. Supponiamo che
1. P0 è vera,
2. per ogni n ∈ N si ha l'implicazione Pn vera ⇒Pn+1 vera.

Allora Pn è vera per ogni n ∈ N.


64 CAPITOLO 6. ARITMETICA
Capitolo 7

Alfabeto Greco

A α alfa/alpha angoli piani


B β beta angoli piani
Γ γ gamma angoli piani
∆ δ delta area; ∆ = b2 − 4ac (discriminante )
E ²/ε epsilon
Z ζ zeta
H η eta
Θ θ/ϑ theta angoli
I ι iota
K κ kappa
Λ λ lambda scalare di un vettore
M µ mu/mi [SI]: micro (10−6 )
N ν ni/nu ν : frequenza
Ξ ξ xi
O omicron
Π π /$ pi/pi greco Π: produttoria; π ' 3, 141592653589793238462643383279...
P ρ/% rho
Σ σ /ς sigma Σ: sommatoria; σ : deviazione standard
T τ tau τ : sezione aurea (1, 618...)
Υ υ upsilon
Φ φ/ϕ phi ~ ): usso
φ: sezione aurea (1, 618...); φ(n): funzione di Eulero; Φ(V
X χ chi
Ψ ψ psi
Ω ω omega angoli solidi

Tabella 7.1: Alfabeto Greco

65
66 CAPITOLO 7. ALFABETO GRECO
Parte II

Bibliograa

67
Bibliograa

[1] Richard Courant, Herbert Robbins, Che cos'è la Matematica?, Bollati


Boringhieri, 2002, Seconda Edizione riveduta da Ian Stewart.
[2] Massimo Gobbino, Schede Olimpiche, Pitagora, 2003, Prima Edizione.
[3] Emilio Acerbi, Giuseppe Buttazzo, Primo Corso di Analisi
Matematica, Pitagora Editrice, 1997, Prima Edizione.
[4] Emilio Acerbi, Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora
Editrice, 1997, Prima Edizione.
[5] Enrico Giusti, Analisi Matematica 1, Bollati Boringhieri, 2002, Terza
Edizione.

69
70 BIBLIOGRAFIA
Parte III

Indici

71
Elenco delle tabelle

1.1 Tavole di Verità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6


1.2 Leggi Logiche Notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

3.1 Formule di Conversione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19


3.2 Archi noti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3.3 Archi associati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3.4 Conica Generica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24

4.1 Derivate Fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45


4.2 Regole di Derivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

7.1 Alfabeto Greco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65

73
74 ELENCO DELLE TABELLE
Indice

0.1 Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

I Formulario 3
1 Logica e Insiemistica 5
1.1 Logica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1.1 Denizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1.2 Connettivi Logici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1.3 Tabelle di Verità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.1.4 Leggi logiche notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.2 Insiemistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

2 Algebra Elementare 9
2.1 Denizione di |R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.2 Scomposizioni Notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.2.1 Potenza di un polinomio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.2.2 Fattorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.2.3 Risoluzione di equazioni di secondo grado in una incognita 10
2.3 Radicali doppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.4 Disequazioni irrazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.5 Potenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.5.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.5.2 Proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.6 Logaritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.6.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.6.2 Proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.7 Modulo o Valore Assoluto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.7.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.7.2 Proprietà degli Spazi Metrici . . . . . . . . . . . . . . . . 12

75
76 INDICE

2.8 Altre funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12


2.8.1 Fattoriale, Semifattoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.8.2 Segno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.8.3 Parte intera, parte decimale . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.8.4 Parte positiva, Parte negativa . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.8.5 Funzione di Dirichlet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.8.6 Funzioni iperboliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
x
2.8.7 Funzione Esponenziale, e = exp(x) . . . . . . . . . . . . 14
2.9 Serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.9.1 Serie Aritmetiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.9.2 Serie Geometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.9.3 Disuguaglianze Notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.9.4 Sommatorie Classiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

3 Geometria 17
3.1 Goniometria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.1.1 Relazione Fondamentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.1.2 Tangente e Cotangente: Denizioni . . . . . . . . . . . . . 17
3.1.3 Secante e Cosecante: Denizioni . . . . . . . . . . . . . . 17
3.1.4 Formule di Addizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.1.5 Formule di Duplicazione e di Triplicazione . . . . . . . . . 18
3.1.6 Formule di Bisezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.1.7 Formule Parametriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.1.8 Formule di Prostaferesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.1.9 Formule di Werner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.1.10 Formule di Conversione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.1.11 Archi Noti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.1.12 Archi Associati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.2 Trigonometria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.2.1 Triangolo Qualsiasi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.2.2 Triangolo Rettangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.3 Geometria Analitica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3.3.1 Punto e Retta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3.3.2 Coniche 1: Circonferenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3.3.3 Coniche 2.1: Parabola con asse parallelo all'asse y . . . . 21
3.3.4 Coniche 2.2: Parabola con asse parallelo all'asse x . . . . 22
3.3.5 Coniche 3: Ellisse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
INDICE 77

3.3.6 Coniche 4.1.1: Iperbole riferita ai suoi assi di simmetria


con fuochi sull'asse x . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.3.7 Coniche 4.1.2: Iperbole riferita ai suoi assi di simmetria
con fuochi sull'asse y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.3.8 Coniche 4.2.1: Iperbole equilatera riferita ai suoi assi di
simmetria con fuochi sull'asse x . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.3.9 Coniche 4.2.2: Ip. eq. rif. assi simm. con fuochi sull'asse y 23
3.3.10 Coniche 4.3: Iperbole equilatera riferita ai suoi asintoti . . 23
3.3.11 Coniche 4.4: Iperbole equilatera traslata o Funzione omo-
graca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3.3.12 Coniche 5: Conica generica . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3.4 Trasformazioni: Anità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3.4.1 Prodotto di Anità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
3.4.2 Casi Particolari di Anità . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
3.4.3 Proprietà Invarianti delle Anità . . . . . . . . . . . . . . 28

4 Analisi 29
4.1 Elementi di Topologia: Intervalli . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
4.2 Relazioni e Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4.2.1 Relazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4.2.2 Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.3 Limiti e Forme Indeterminate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
4.3.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
4.3.2 Forme Indeterminate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
4.3.3 Limiti Notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4.3.4 Altri Limiti ricavabili dai Limiti Fondamentali . . . . . . 35
4.3.5 Operazioni su ±∞ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.3.6 Teoremi sui Limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.3.7 Teoremi di de l'Hôpital . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
4.3.8 Proprietà sui Limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.3.9 Limiti di Funzioni Monotòne . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.3.10 Innitesimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.4 Funzioni Continue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.4.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.5 Derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
4.5.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
4.5.2 Proprietà locali di una funzione . . . . . . . . . . . . . . . 43
4.5.3 Convessità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
4.5.4 Teoremi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
78 INDICE

4.5.5 Teoremi Funzioni Convesse . . . . . . . . . . . . . . . . . 44


4.5.6 Derivate Fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
4.5.7 Regole di Derivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
4.6 Integrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
4.6.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
4.6.2 Integrale di Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
4.6.3 Teoremi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
4.6.4 Integrali Notevoli Fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . 47
4.6.5 Regole di Integrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
4.6.6 Altri Integrali Notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
4.6.7 Integrali per Serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
4.6.8 Integrazione di Funzioni Goniometriche . . . . . . . . . . 49
4.6.9 Integrazione di Funzioni Razionali . . . . . . . . . . . . . 50
4.6.10 Tecniche di Integrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
4.6.11 Integrazione Numerica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
4.6.12 Lunghezze di Archi di Curva, Volumi e Superci di Solidi
di Rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.7 Polinomio di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.7.1 Formula di Taylor con resto di Lagrange . . . . . . . . . . 52
4.7.2 Formula di Taylor con resto di integrale . . . . . . . . . . 52
4.7.3 Sviluppi di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
4.8 Studio di Funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
4.9 Approssimazione di Radici Reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54

5 Combinatoria e Probabilità 55
5.1 Combinatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.1.1 Fattoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.1.2 Coecienti Binomiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.1.3 Combinazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.1.4 Permutazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.1.5 Disposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.2 Probabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.2.1 Denizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.2.2 Probabilità Condizionata . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.2.3 Somma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.2.4 Prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
5.2.5 Formula di Bayes . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
5.2.6 Distribuzione Binomiale di Bernoulli . . . . . . . . . . . . 57
5.2.7 Speranza Matematica o Valor Medio . . . . . . . . . . . . 57
INDICE 79

6 Aritmetica 59
6.1 Rappresentazione in base b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
6.1.1 Rappresentazione in base b degli interi . . . . . . . . . . . 59
6.1.2 Rappresentazione in base b dei reali . . . . . . . . . . . . 59
6.2 Divisibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
6.2.1 Divisibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
6.2.2 Numeri primi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
6.2.3 Massimo Comun Divisore e Minimo Comune Multiplo . . 60
6.3 Congruenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6.3.1 Congruenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6.3.2 Classi di congruenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6.3.3 Criteri di congruenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
6.3.4 Il Teorema di Wilson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
6.3.5 Il Teorema di Eulero-Fernat . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
6.3.6 Piccolo Teorema di Fermat . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
6.4 Principio di induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63

7 Alfabeto Greco 65

II Bibliograa 67
Bibliograa 69

III Indici 71
Elenco delle Tabelle 73

Indice 75
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

11. Geometria piana


1. Formule fondamentali
Rettangolo
A A
A = b⋅h b= h=
h b
2 p = 2 ⋅ (b + h) p =b+h h = p −b b = p−h
d = b2 + h2 b = d 2 − h2 h = d 2 − b2

b = base h = altezza
d = diagonale A = area
2p = perimetro p = semiperimetro

Quadrato
A = l2l= A
d
d =l 2 l=
2

l = lato d = diagonale
A = area 2p = perimetro p = semiperimetro

A A
Parallelogramma A = b⋅h b= h=
h b
a 2 p = 2 ⋅ (b + a ) b = p−a a = p −b

I lati opposti sono paralleli e uguali.


Gli angoli opposti sono uguali.
b = base h = altezza Gli angoli adiacenti sono supplementari.
a = lato obliquo Le diagonali si tagliano reciprocamente a metà.
A = area 2p = perimetro
b⋅h 2⋅ A 2⋅ A
Triangolo A= b= h=
2 h b
A = p ( p − a )( p − b)( p − c) formula di Erone
c a+b+c
a 2p = a +b+c p=
m 2
h 1
Mediana relativa al lato a è ma = 2b 2 + 2c 2 − a 2
2
b 2
Bisettrice relativa al lato a è la = bcp ( p − a )
a, b, c = lati h = altezza b+c
A = area 2p = perimetro
p= semiperimetro

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 1
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Triangolo rettangolo a ⋅ h c ⋅b c ⋅b
A= = h= 2p=a+b+c
C 2 2 a
H Teorema di Pitagora
γ a
M a = b2 + c 2 , c = a 2 − b2 , b = a 2 − c2
b 2 2
h 1° teorema di Euclide AB = BC ⋅ HB , AC = BC ⋅ HC
2
α 2° teorema di Euclide AH = BH ⋅ HC
β
A c B Il triangolo rettangolo è sempre inscrivibile in una
semicirconferenza di diametro l’ipotenusa e raggio AM.
a = ipotenusa b = cateto c = cateto
a
h = altezza relativa all’ipotenusa AM =
AM = mediana relativa all’ipotenusa 2
A = area 2p = perimetro

Triangoli particolari

Rombo
d1 ⋅ d 2 2A 2A
2 p = 4⋅l A= d1 = d2 =
2 d2 d1
d12 d 22 d1 ⋅ d 2
l= + r=
4 4 4l

l = lato d1, d2 = diagonali


A = area 2p = perimetro
r = raggio del cerchio inscritto

Deltoide d1, d2 = diagonali, A=area

d1 ⋅ d 2 2A 2A
A= d1 = d2 =
2 d2 d1

Il deltoide ha le diagonali perpendicolari e i lati uguali a


due a due.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 2
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Trapezio
b1 = base maggiore b2 = base minore A = area

(b1 + b2 ) ⋅ h 2A 2A
A= h= b1 = − b2
2 b1 + b2 h
2A
b2 = − b1
h

Trapezio isoscele B = base maggiore, b = base minore, l = lato, h = altezza


d = diagonale, A = area, 2p = perimetro
b
A=
( B + b) ⋅ h 2 p = 2l + b + B
 B −b 
2

l = h2 +  
l
d
l 2  2 
h 2 2
 B−b   B+b 
h = l2 −   d = h2 +  
 2   2 
B

Trapezio rettangolo DC = base minore, AB = base maggiore, CB = lato


D C obliquo, DA = CH = altezza, AC e DB diagonali
2 2
HB = AB − DC CB = CH + HB
2 2 2 2
DB = DA + AB AC = DC + AD
2 2
CH = CB − HB
A B
H

Poligono regolare lato triangolo equilatero l3 = r 3 , lato quadrato l4 = r 2


10 − 2 5
lato pentagono regolare l5 = r
l 2
5 −1
lato decagono regolare l10 = r
r O 2
1
a A = p ⋅ a = n⋅l ⋅ a = l2 ⋅ f
l 2
2
2 A l
a =l⋅N = 2 p = n ⋅l r = a + 2

p 2
N numero fisso apotema f numero fisso area
Ha tutti gli angoli e tutti i lati uguali. Triangolo 0.289 0.433
l = lato del poligono, n = numero di lati Quadrato 0.5 1
r = raggio del cerchio circoscritto, pentagono 0.688 1.72
a = apotema = raggio del cerchio inscritto, esagono 0.866 2.598
ettagono 1.038 3.634
2p = perimetro, p = semiperimetro,
ottagono 1.207 4.828
A = area, f = numero fisso area, ennagono 1.374 6.182
N = numero fisso apotema decagono 1.539 7.694

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 3
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Circonferenza e cerchio C = Circonferenza A = area d = diametro
π ≈ 3.14159265359...
C C
C = 2π r r= C =πd =π
2π d
r
A
A = π r2 r=
π
α = angolo del settore, l = lunghezza dell’arco
Settore circolare

l
π ⋅ r ⋅α l ⋅180o l ⋅180o
l= r= α=
180o π ⋅α π ⋅r
π ⋅ r2 A ⋅ 360 o
A ⋅ 360o
A= ⋅α α= r =
360o π ⋅r2 π ⋅α

r = raggio del cerchio interno,


Corona circolare
R = raggio del cerchio esterno,
A = area
r
R A = π ( R2 − r 2 )

Poligono circoscritto a una circonferenza

2p = perimetro del poligono, p = semiperimetro


A = area del poligono
r = raggio del cerchio inscritto
A = p ⋅ r r = A 2 p = 2A
p r

Triangolo inscritto e cricoscritto a una circonferenza

R A = area del triangolo a, b, c lati del triangolo


R = raggio del cerchio circoscritto
r = raggio del cerchio inscritto
r p = semiperimetro
a ⋅b ⋅c a ⋅b ⋅c A
A= R= r=
4⋅ R 4⋅ A p

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 4
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
2. Prime definizioni di geometria razionale
Enti primitivi. Gli enti primitivi della geometria sono punto, retta, piano.
Semiretta. Si chiama semiretta la parte di retta costituita da un punto di essa, detto origine della
semiretta, e da tutti i punti che stanno dalla stessa parte rispetto all’origine.
Semipiano. Si dice semipiano di origine la retta r la figura formata dalla retta r e da una delle due parti
in cui essa divide il piano.
Segmento. Si chiama segmento AB l’insieme dei punti A e B e di tutti quelli che stanno tra A e B.
Segmenti consecutivi. Due segmenti si dicono consecutivi se hanno in comune soltanto un estremo.
Segmenti adiacenti. Due segmenti si dicono adiacenti se sono consecutivi ed appartengono alla stessa
retta.

A
C E
D F

B
Figura 1. AB e BC sono segmenti consecuti; DE e EF sono segmenti adiacenti.

Punto medio. Si chiama punto medio di un segmento il punto interno al segmento che lo divide in due
parti congruenti.

Angolo
Si dice angolo ciascuna delle due parti in cui un piano è diviso da due semirette aventi l’origine in
comune; le semirette si dicono lati dell’angolo; l’origine comune alle due semirette si dice vertice
dell’angolo.
Angolo concavo. Un angolo si dice concavo se contiene i prolungamenti dei suoi lati.
Angolo convesso. Un angolo si dice convesso se non contiene i prolungamenti dei suoi lati.

L’angolo in grigio è concavo poiché L’angolo in grigio è convesso poiché non


contiene i prolungamenti dei suoi lati contiene i prolungamenti dei suoi lati
Angolo piatto è quello che ha i lati che sono uno il prolungamento dell’altro.
Angolo nullo è quello costituito solo da due semirette sovrapposte.
Angolo giro è quello che ha per lati due semirette sovrapposte e che contiene tutti i punti del piano.
Angolo retto è l’angolo metà dell’angolo piatto.
Angoli consecutivi. Due angoli si dicono angoli consecutivi se hanno il vertice e un lato comune e
giacciono da parte opposta rispetto al lato comune.
Angoli adiacenti. Due angoli si dicono angoli adiacenti se sono consecutivi e se i lati non comuni
giacciono sulla stessa retta.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 5
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
α
β
γ δ

Figura 2. Gli angoli α e β sono consecutivi; gli angoli γ e δ sono adiacenti

Angoli opposti al vertice. Due angoli convessi si dicono angoli opposti al vertice se i lati del primo
sono i prolungamenti dei lati dell’altro.
Bisettrice. Si dice bisettrice di un angolo la semiretta che ha origine nel vertice dell’angolo e divide
l’angolo in due angoli congruenti.
Angoli complementari. Due angoli si dicono complementari se la loro somma è un angolo retto.
Angoli supplementari. Due angoli si dicono supplementari se la loro somma è un angolo piatto.
Angoli esplementari. Due angoli si dicono esplementari se la loro somma è un angolo giro.
Angolo acuto. Un angolo si dice acuto se è minore di un angolo retto.
Angolo ottuso. Un angolo si dice ottuso se è maggiore di un angolo retto.

Misura degli angoli


Sistema sessagesimale (DEG). L’unità di misura per gli angoli è il grado, definito come la 360a parte
dell’angolo giro. I sottomultipli del grado sono il primo che è la sessantesima parte di un grado
(60’=1°) e il secondo che è la sessantesima parte del primo (60”=1’).
Sistema sessadecimale (GRAD). Nel sistema sessadecimale l’unità è sempre il grado ma i suoi
sottomulpli sono il decimo di grado, il centesimo di grado, ecc.
Esempio. Passare da gradi sessadecimali a sessagesimali:
35,12° = 35° 0,12 ⋅ 60 ' = 35° 7, 2 ' = 35° 7 ' 0, 2 ⋅ 60" = 35° 7 '12"
Radianti (RAD). Un'altra unità di misura per i gradi è il radiante, definito come angolo al centro di una
circonferenza tale che la misura dell’arco da esso individuato è uguale alla misura del raggio della
circonferenza.
Per passare da gradi a radianti e viceversa si usa questa proporzione
180 : gr = π : rad
Dove gr è la misura in gradi dell’angolo, rad è la misura inradianti dello stesso angolo.
180°
1 rad = = 57,29578° = 57° 17’ 45”
π
3
135 π 3
Esempio. Trasformare 135° in radianti. 180 :135 = π : rad → rad = = π
180 4 4
Rette complanari. Due rette si dicono complanari se appartengono a uno stesso piano.
Rette sghembe. Due rette si dicono sghembe se non appartengono a uno stesso piano.
Rette incidenti. Due rette complanari si dicono incidenti se hanno uno, e uno solo, punto in comune.
Rette parallele. Due rette complanari che non hanno nessun punto in comune si dicono parallele.
Rette perpendicolari. Due rette si dicono perpendicolari se incontrandosi formano quattro angoli retti.
Distanza punto-retta. La distanza di un punto P da una retta r è il segmento di perpendicolare condatta
dal punto alla retta.
Asse di un segmento. Si dice asse di un segmento la retta perpendicolare al segmento e passante per il
punto medio.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 6
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Figura concava o convessa. Una figura si dice convessa se, considerati due qualsiasi suoi punti, il
segmento che li unisce è contenuto nella figura. Si dice concava se esistono almeno due punti per i
quali il segmento che li unisce non è interamente contenuto nella figura.

A
F G
B

Figura 2. La figura F è concava perché il segmento che unisce i suoi punti A e B cade
in parte esternamente a F; G è convessa perché tutti i suoi punti sono uniti da segmenti
che cadono sempre internamente a G

Figure congruenti. Due figure si dicono congruenti quando esiste un movimento rigido che le so-
vrappone perfettamente.

Rette parallele tagliate da un trasversale.


Due rette parallele tagliate da una traversale formano le seguenti coppie di angoli

δ α
γ β

δ' α'
γ' β'

• alterni interni congruenti: γ=α’; β=δ’


• alterni esterni congruenti: γ’=α; β’=δ
• corrispondenti congruenti: α =α’; β= β ‘; γ= γ ‘; δ =δ’
• coniugati interni supplementari: γ+δ’=180°; α’+β=180°
• coniguati esterni supplementari: γ’+δ=180°; α+β’=180°

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 7
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
3. Triangoli
Si dice altezza relativa a un lato il segmento di perpendicolare al lato condotta dal vertice opposto.
Si dice mediana relativa a un lato il segmento che unisce il punto medio del lato con il vertice opposto.
Si dice bisettrice di un angolo la semiretta uscente dal vertice dell’angolo e che divide a metà l’angolo
stesso.
Si dice asse di un lato la retta perpendicolare al lato e passante per il suo punto medio.
Criteri di congruenza dei triangoli
Dati due triangoli come in figura

β a' β'
c'
a
c
γ'
γ α'
α
b b'

1° criterio: i due triangoli sono congruenti se hanno congruenti due lati e l’angolo compreso
a=a’; b=b’; γ=γ’
2° criterio: i due triangoli sono congruenti se hanno congruenti un lato e i due angoli a esso adiacenti
α=α’; β=β’; c=c’
3° criterio: i due triangoli sono congruenti se hanno congruenti rispettivamente i tre lati
a=a’; b=b’; c=c’
Criteri di congruenza dei triangoli rettangoli
Due triangoli rettangoli sono congruenti se hanno ordinatamente congruenti:
• due cateti;
• un cateto e un angolo acuto;
• l’ipotenusa e un angolo acuto;
• l’ipotenusa e un cateto.
Proprietà di angoli e lati di un triangolo
• In un triangolo ogni angolo esterno è maggiore di ciascuno degli angoli interni ad esso non
adiacenti.
• In un triangolo un angolo esterno è congruente alla somma dei due angoli interni a esso non
adiacenti.
ϕ =α +β
β
φ
α
• In un triangolo la somma degli angoli interni è un angolo piatto.
• In un triangolo la somma degli angoli esterni vale 360°.
• In un triangolo con due lati disuguali, a lato maggiore è opposto angolo maggiore.
• In un triangolo con due angoli disuguali, all’angolo maggiore è opposto il lato maggiore.
• In un triangolo ciascun lato è minore della somma degli altri due e maggiore della loro differenza.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 8
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

a a<b+c, b<a+c, c<a+b


c
a>|b-c|, b>|a-c|, c>|b-a|

b
• In un triangolo rettangolo gli angoli acuti sono complementari.
• Se per il punto medio di un lato si traccia la parallela ad un altro lato, essa taglia il terzo lato nel
suo punto medio.
• Congiungendo due punti medi di due lati di un triangolo si ottiene un segmento parallelo al terzo
lato e congruente alla sua metà.

Proprietà del triangolo isoscele


Definizione. Un triangolo che ha due lati congruenti si dice isoscele.
• In un triangolo isoscele gli angoli adiacenti alla base sono congruenti.
• In un triangolo isoscele la bisettrice dell’angolo al vertice è mediana e
altezza.

Punti notevoli di un triangolo


Gli assi dei lati di un triangolo si incontrano in uno stesso punto detto circocentro.
Le bisettrici degli angoli interni di un triangolo passano per uno stesso punto detto incentro.
Le altezze di un triangolo si incontrano in uno stesso punto detto ortocentro.
Le mediane di un triangolo si incontrano in uno stesso punto detto baricentro.

Figura 2. Il punto D è l’intersezione delle altezza, quindi è l’ortocentro. Il punto E è l’incontro delle
bisettrici, quindi è l’incentro. Il punto I è l’intersezione delle mediane, quindi il baricentro.

Teoremi sul triangolo rettangolo


Teorema di Pitagora. In un triangolo rettangolo la somma dei quadrati costruiti sui cateti è
equivalente al quadrato costruito sull’ipotenusa.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 9
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
1° teorema di Euclide. In un triangolo rettangolo il quadrato costruito su un cateto è equivalente al
rettangolo avente per lati l’ipotenusa e la proiezione di quel cateto sull’ipotenusa.
2° teorema di Euclide. In ogni triangolo rettangolo il quadrato costruito sull’altezza relativa
all’ipotenusa è equivalente al rettangolo avente per lati le proiezioni dei cateti sull’ipotenusa.
Teorema di Talete. Un fascio di rette parallele tagliate da due trasversali determina su di esse due
insiemi di segmenti direttamente proporzionali.
r r’

A A’
AB BC AC
= =
B B’ A ' B ' B 'C ' A 'C '

C C’

Figura 3. Teorema di Talete

Teorema della bisettrice dell’angolo interno. La bisettrice di un angolo interno di un triangolo divide
il lato opposto in parti proporzionali agli altri due lati.
C

K AC:AB=CK:KB

A B
Teorema della bisettrice dell’angolo esterno. La bisettrice di un angolo esterno di un triangolo, se
non è parallela al lato opposto, incontra il prolungamento del lato opposto in un punto le cui distanze
dagli estremi del lato stanno fra loro come i lati adiacenti.
D
AH bisettrice dell’angolo esterno B AD
A H punti di intersezione tra la bisettrice e
il prolungamento del lato BC.
Il teorema afferma che
AC:AB=HC:HB

C B H
Teorema della parallela a un lato. In un triangolo una qualsiasi parallela a un lato che interseca gli
altri due lati determina su di essi segmenti in proporzione.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 10
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
C

AE:EC=BD:DC
E D
A B

Criteri di similitudine dei triangoli


1° criterio. Due triangoli sono simili se hanno due angoli ordinatamente congruenti, cioè disposti allo
stesso modo rispetto all’angolo tra essi compreso.
2° criterio. Due triangoli sono simili se hanno due lati proporzionali e l’angolo tra essi compreso
congruente.
3° criterio. Due triangoli sono simili se hanno i tre lati proporzionali.

Proprietà dei triangoli simili


• In due triangoli simili le altezze, le mediane e le bisettrici che si corrispondono sono proporzionali
ad una coppia di lati omologhi, il loro rapporto è uguale al rapporto di similitudine.
• In due triangoli simili i perimetri sono proporzionali a una coppia di lati omologhi, il loro rapporto
è uguale al rapporto di similitudine.
• In due triangoli simili le aree sono proporzionali al quadrato di una coppia di lati omologhi, cioè il
loro rapporto è uguale al quadrato del rapporto di similitudine.
• Due triangoli equilateri sono sempre simili.
• Due triangoli rettangoli, con un angolo acuto congruente, sono simili.
• Due triangoli isosceli, con gli angoli al vertice congruenti, sono simili.

4. Poligoni
Proprietà degli angoli di un poligono
• La somma degli angoli interni di un poligono convesso di n lati è congruente a n-2 angoli piatti.
• La somma degli angoli esterni di un poligono è sempre congruente a due angoli piatti.
γ'

β' β γ δ'

Somma degli angoli interni


δ
α+β+γ+δ+φ=(n-2)180°
α φ Somma degli angoli esterni
φ' α’+β’+γ’+δ’+φ’=360°
α'

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 11
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Proprietà del parallelogramma
Definizione. Si dice parallelogramma un quadrilatero convesso che ha i lati opposti paralleli tra di loro.
A B
α β
O
δ γ
D C
Il parallelogramma ha
• Lati opposti congruenti: AB=DC; AD=BC
• Angoli opposti congruenti: α=γ; β=δ
• Angoli adiacenti allo stesso lato sono supplementari: α+δ = 180°; γ+β=180°
• Le diagonali si incontrano nel loro punto medio AO=OC; DO=OB
• Il punto di incontro delle diagonali è il centro di simmetria

Proprietà del rettangolo


Definizione. Si dice rettangolo un parallelogramma che ha tutti gli angoli congruenti.
Il rettangolo ha le diagonali congruenti.

Proprietà del rombo


Definizione. Si chiama rombo il parallelogramma che ha tutti i lati congruenti
Il rombo ha:
• le diagonali perpendicolari;
• le diagonali sono bisettrici degli angoli opposti.

Poligoni inscritti e circoscritti a una circonferenza


Un poligono si dice inscritto in una circonferenza se tutti i suoi vertici sono punti della circonferenza;
la circonferenza si dice circoscritta al poligono; il raggio della circonferenza si dice anche raggio del
poligono.
Un poligono si dice circoscritto a una circonferenza se tutti i suoi lati sono tangenti alla circonferenza;
la circonferenza si dice inscritta nel poligono, il raggio della circonferenza si dice apotema del
poligono.

apotema

Poligono inscritto Poligono circoscritto

Teorema. Un poligono è inscrivibile in una circonferenza se gli assi dei suoi lati si incontrano tutti
nello stesso punto.
Teorema. Un poligono è circoscrivibile ad una circonferenza se le bisettrici dei suoi angoli interni si
incontrano tutte nello stesso punto.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 12
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Teorema. Un quadrilatero inscritto in una circonferenza ha gli angoli opposti supplementari; viceversa
un quadrilatero con una coppia di angoli opposti supplementari è inscrivibile in una circonferenza.
α
α+β=180°
β+δ=180°
β
δ
γ

Teorema. In un quadrilatero circoscritto a una circonferenza la somma di due lati opposti è congruente
alla somma degli altri due lati; viceversa se in un quadrilatero la somma di due lati opposti è
congruente alla somma degli altri due lati esso è circoscrivibile a una circonferenza.

d
a a+c=b+d

c
b

Teorema di Tolomeo. In un quadrilatero inscritto in una circonferenza risulta che: il rettangolo che ha
per dimensioni le diagonali del quadrilatero è equivalente alla somma dei rettangoli che hanno per lati i
lati opposti del quadrilatero.

a
d
n m·n=a·c+b·d
m
c b

Definizione. Un poligono si dice poligono regolare se ha tutti i lati congruenti e tutti gli angoli
congruenti.
Teorema. Ogni poligono regolare è sia inscrivibile sia circoscrivibile a una circonferenza e le due
circonferenze hanno lo stesso centro.

Similitudine tra poligoni


Due poligoni di uguale numero di lati sono simili se hanno i lati omologhi in proporzione e gli angoli
ordinatamente congruenti.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 13
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
5. Circonferenza e cerchio
Definizioni
Si chiama circonferenza il luogo dei punti del piano che hanno distanza costante da un punto fisso
detto centro.
Si chiama cerchio l’insieme dei punti di una circonferenza e dei suoi punti interni.
Si chiama corda un qualsiasi segmento i cui estremi sono punti della circonferenza.
Si chiama segmento circolare di base una corda AB ciascuna delle due parti in cui la corda divide il
cerchio.
Si chiama segmento circolare a due basi la parte di cerchio delimitata da due corde.
Si chiama arco di circonferenza la parte di circonferenza delimitata da due suoi punti.
Si chiama angolo al centro un angolo che ha il vertice nel centro della circonferenza.
Si chiama angolo alla circonferenza un angolo che ha il vertice sulla circonferenza e i lati entrambi
secanti o uno secante e l’altro tangente alla circonferenza.
Si chiama settore circolare una parte di cerchio delimitata da due raggi.

Teorema della tangente. Se da un punto esterno a una circonferenza si mandano le tangenti alla
circonferenza stessa, i segmenti di tangente sono congruenti e la semiretta di orgine il punto esterno e
passante per il centro è bisettrice dell’angolo formato dalle tangenti.

T PT e PT’ sono tangenti


PT=PT’
O P T PO = OPT '
OTP = OT 'P = 90°

T’ α
Teorema dell’angolo al centro. Ogni angolo alla circonferenza è la metà del α 2α
corrispondente angolo al centro.

Teorema delle corde. Se due corde di una circonferenza si intersecano, i segmenti dell’una sono i
medi e i segmenti dell’altra sono gli estremi di una proporzione.
C B
DK:AK=BK:CK
K

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 14
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria piana
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Teorema delle secanti. Se da un punto esterno a una circonferenza si tracciano due secanti, una
secante e la sua parte esterna sono i medi, l’altra secante e la sua parte esterna sono gli estremi di una
proporzione.
B
PB:PD=PC:PA
A
P

D
Teorema della secante e della tangente. Se da un punto esterno a una circonferenza si conducono una
secante e una tangente alla circonferenza, il segmento di tangente è medio proporzionale fra l’intera
secante e la sua parte esterna.
T
PB:PT=PT:PA

Sezione aurea. La parte aurea di un segmento AB è il segmento AD che è medio proporzionale tra
l’intero segmento e la parte rimanente BD, quindi AB:AD=AD:DB.

A D B 5 −1
AD = AB = 0, 618 AB
2
Rapporto aureo. Si chiama rapporto aureo il rapporto tra un segmento e la sua parte aurea, questo
AB 1 + 5
rapporto vale ϕ = = ≈ 1, 618 .
AD 2
Rettangolo aureo. Si dice rettangolo aureo un rettangolo nel quale il rapporto tra la base e l’altezza è il
rapporto aureo.

…………………………………www.matematicamente.it ………………………………… 15
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria solida
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
14. GEOMETRIA SOLIDA
Nel seguito: V volume, Al area laterale, Ab area di base, At area totale, 2 pb perimetro di base, C
circonferenza, d diagonale, h altezza, l lato, r raggio, ri raggio della sfera inscritta, rc raggio della sfera
circoscritta, a apotema (in alcuni casi può essere un semplice spigolo).

1. Parallelepipedo rettangono
V = Ab ⋅ c = a ⋅ b ⋅ c Al = 2 pb ⋅ c Ab = a ⋅ b
At = 2 Ab + Al = 2 ( ab + bc + ac ) d = a2 + b2 + c2
At − Al V A
Al = At − 2 Ab Ab = = 2 pb = l
2 c c
Il baricentro è il punto di intersezione delle diagonali.

2. Cubo
V = l3 Al = 4l 2 At = 6l 2 d =l 3
l l At Al
ri = rc = 3 l = 3V = =
2 2 6 4

3. Prisma retto
Il prisma retto ha la superficie inferiore congruente e parallela alla superficie
superiore, le facce laterali sono rettangoli.
A
V = Ab ⋅ h Al = 2 pb ⋅ h At = Al + 2 Ab 2 pb = l
h
Al V At − Al V
h= = Al = At − 2 Ab Ab = Ab =
2 pb Ab 2 h

4. Prisma obliquo h
V = Ab ⋅ h At = Al + 2 Ab

5. Piramide retta
1 2 pb ⋅ a 3V
V= Ab ⋅ h Al = At = Ab + Al Ab =
3 2 h
2A 2 Al 3V
2 pb = l a= h=
a 2 pb Ab

6. Tronco di piramide
1 (2 p + 2 p′) ⋅ a
V = ⋅ h ⋅ ( Ab + Ab′ + Ab ⋅ Ab′ ) Al =
3 2
2 Al
a= At = Al + Ab + Ab′
2 p + 2 p′

…………………………………www.matematicamente.it …………………………………  1
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria solida
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
7. Poliedri regolari
Area e volume si possono calcolare in maniera approssimata utilizzando i numeri fissi φ e σ
A = ϕ ⋅l2 V = σ ⋅ l3
Poliedro Tetraedro Esaedro Ottaedro Dodecaedro Icosaedro
o cubo
Numero fisso per 1,73 6 3,464 20,64 8,66
l’area φ
Numero fisso per 0,118 1 0,471 7,663 2,182
il volume σ

Tetraedro: formato da 4 triangoli equilateri


l3 2 l 6 l 6 l
V= At = l 2 3 ri = rc = l h
12 12 4

Esaedro: formato da 6 quadrati è il cubo


l l
Ottaedro: formato da 8 triangoli equilateri tetraedro

l3 2 l 6 l 2
V= At = 2l 2 3 ri = rc =
3 6 2
Dodecaedro: formato da 12 pentagoni regolari
(
l 3 15 + 7 5 ) (
l 10 25 + 11 5 ) (
l 3 1+ 5 )
V=
4
(
At = 3l 2 5 5 + 2 5 ) ri =
20
rc =
4
Icosaedro: formato da 20 triangoli equilateri
(
5l 3 3 + 5 ) (
l 3 3+ 5 )
V=
12
At = 5l 2 3 ri =
12
rc =
l
4
2 5+ 5 ( )
8. Cilindro
V = Ab ⋅ h = πr 2 h Ab = πr 2 Al = C ⋅ h = 2πrh
V
At = Al + 2 Ab = 2π r (h + r ) Ab =
h
Al Al V A V
C = 2π r = h= = 2 r= l =
h 2π r π r 2π h πh

9. Cono
Ab ⋅ h π ⋅ r 2 ⋅ h C ⋅a
V= = Al = = πra Ab = πr 2
3 3 2
A A 3V 3 ⋅V
At = Ab + Al = πr 2 + πra a= l r= l = h=
πr πa πh π r2

…………………………………www.matematicamente.it …………………………………  2
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria solida
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
10. Tronco di cono
V = hπ ( r12 + r1r2 + r22 )
1
Al = π ⋅ a ⋅ (r1 + r2 ) Ab = πr12 + πr22
3
a = h 2 + ( r1 − r2 )
2

11. Sfera
4 A 3 3V
V = πr 3 A = 4πr 2 r= =
3 4π 4π

Calotta sferica e segmento sferico Settore sferico


ad una base o sezione sferica
1
V = πh 2 (3r − h) A = 2πrh Al = π r ( r1 + 2h )
3
2
r1 = h ( 2r − h )
h r1
V = π r 2h
h r1 3
r
r

Zona sferica e segmento sferico a due basi Fuso sferico e spicchio sferico
π ⋅ h ⎛ h2 ⎞ π r3 π r2
V = ⋅ ⎜⎜ + r12 + r22 ⎟⎟ A = 2πrh V= α Al = α,
2 ⎝ 3 ⎠ 270° 90°

α è misurato in gradi
Al è la parte di
superficie sferica
α
r

12. Altre figure particolari


Cilidro circolare retto a sezione obliqua Corona cilindrica
V = π r2
(a + b) Al = π r ( a + b ) V = π h ( r12 − r22 ) Al = 2π h ( r1 + r2 )
2
⎛ ⎛ a − b ⎞ ⎞⎟
2

At = π r ⎜ a + b + r + r 2 + ⎜ ⎟ At = 2π ( r1 + r2 )( h + r1 − r2 )
⎜ ⎝ 2 ⎠ ⎟
⎝ ⎠
r1

a r
b
r2

…………………………………www.matematicamente.it …………………………………  3
G. Sammito, A. Bernardo, Formulario di matematica Geometria solida
F. Cimolin, L. Barletta, L. Lussardi
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Obelisco Cuneo
Le superfici laterali sono trapezi, le superfici Superficie di base rettangolare, le superfici laterali
superiore e inferiore sono rettangoli non simili. sono triangoli e trapezi isosceli.
h bh
V = ⎡⎣( 2a + c ) b + ( 2c + a ) d ⎤⎦ V = ( 2a + c )
6 6
c
d
c
h h

b b
a
a

Toro Prisma obliquo triangolare


a+b+c
V = 2π r r2 2
2 1 At = 4π r1r2 2
V = Ab
3

r1
r2 a b c

Ab

…………………………………www.matematicamente.it …………………………………  4
!
# $

"

-
"

! "
" " # $ % &
' # $ % &'
# $ % ( '
( "

) *!

! !
" " ' ) + + *#) + + *% #
%

'
!
" " + $ % &'
' + $ % ) $ % *

)
*!
' !
" " # $ % &'
# $ %

! ! ! !
$
, %&' ( ' # $ & 0
( ! % ( & ( &
!% ' " 1
1 2
) * + 3

• !"# $!%# && - $$ $ "


, - 4 !1 /1 ,1
- &&' 1
. %&' ( - ,(&%,' & ! / 2
& &
• &&' ( )#*$(*# 5 , 1
!6/7,6 1 0 &
2 & ! /
• & #*"+$!*# 0 & & 2 , "
/ '
-
• & #*"+$!*# &
"

• &, " **# .


$
0 !6/7,6 !6/7
,6 1
• && -, " **# 7 '

) !./* $
. - 2 3

• &, " **# && -, " **# &


8! ! ( !
) !./* - 9 : 2
3! "
) *

$
. - 2 3
;
&
8! ! ( !
- 9 : 2
3! "
) 1 < & = & *
/ 0 $
$ ! 1 / ! ! 2 !
. 3 !
* + % + 5

* 4 % 4

* +) + *%) + *+ % + + 5

* 4) 4 *%) 4 *4 % 4 4

* 4) + *% 4 + 4 1

# $ $
# $ 6

' 1 "
& & ( -
4 6
-

- "
6 '
-

-
"
5 6
-

- "
6 6
- -

"
6 '
- -
'
"
/ 0
. ! -
' !
!
' "

. ! -
' !
- - ( -
"

## $ .

! -
! '
!
' !
"

!!

## $

. $ / 47 /
7 1 ' - - • 5 '
)
*&
! • 5 '
)
*&

" • 5 '
) '
*"
"
" ( # $ ( !
! ! ( & & !
"

8 ! 9 ) *

" 7 5
5 "

" 7 : $
$ ) *

" ( ' ( / : (
6
0 '

"
; ' 6

"

$ 6'
'

' "
. $ / 7/
7 ' - <- " !
6
0 < ! :
"
6

" 0 5 '
# !
6

" $ $
## 3 . $

&

!
• =
$ (
- 2 &
& ;
8 ! $ ! 7

"
% /
$

• >
$ ! / 0

" 0 5 '
"

" 0 5 '
-
/ !
" # $ 6 " ! ! 6

!
!

"

!
! ! .

" . !

7 -( !
-( "

7 = "

, - "?
5 > - ?> "

/ #$#*"( ! $( '
5 ' "@ '
- ' "A ! !
"

B - ' ! : ( (
!3

" ( ! ! .

, = & @ ) -( *
6

, = & -
- - ) *"

" ( ! ! . $

, = & @ ) -( *

- - "
C 5 - "

D- - "( *# , " %#"# $!*#!


-
& - - -
- 5 ! - "

0 ! 6

?5 ( '
- ' - ) * 5 "

! &
"#$%& ' ( "")(0
@ ! !
- ! - -
- - "

"

* -( 6

* -( '
- ! E 6

* - - F
' F6

* - - !
6
- ) 0) / .
- (

@ -
BG % ! BH % <! GH %
GIH % α! BGH % β! BHG % γ
"

9 % 5!
% !
% &!
(% -
% J) + < + *!
!%

; ( 6 - -
" 6

! !

" ' 3 6

" /1 $$ ! 6

! !
" ) ! ! 6

" % 6

! !

! !
" ) ! 3 / 6
" ) ! 3 / 6

) - *
" // # $ 6

! !
" // # $ 6

! !

! !
" // # $ , 6

! !

! !
" $$ 6

" ) ! ) ? *

, - 5 - 6

" ) !

, - 5 - -
6

%
" ) ! $ 6

, - ' ' ! -
- - - ( "

! !
" ) ! ) H *

, - ' - ' -
' 5 - 6

! ! "
" ! % //

! !

" ) ! / ) C *

, - ' ' -
- - - 6

( : ( 6
- ) 0) / /
- (

@ -
"
BG % A B! BH % < ) *! GH %
) *
GIH % α % <! BGH % β! BHG % γ
BK % 5!
BL % !
!%

( - '
" ) ! / 6
M A @ - )
, - - ' *! <A ? ) *"
5 ' M <A
? ) *"
' "

" 47 ) ! 6

, - - '
'
- ( (
5 5 "

&
" 7) ! 6

, - - 5

5 "

" ! 6

" ' 3 6

!
" 3 $$ 6

" $ # // # $ 6
" 47 ! / / 6

, - - - 5
5 - 5 -

!
" 7 ! / / 6

, - - - 5
- 5 - - 5 -

!
- ) 0' 1 # $
- (

/ -( 6
N -- %

B ( 6

/ -( 5 6

B 6

B ( 6

B ' 6

B 6

B - 6
5 5 - "

" ) ! ) (
*
M A !
1 1 -

M A "

@ B G - @
' - -
5 -- !/ 3 - "
" ) ! 6
0 - - !
" .! 1 ! H!
! -
! H%.%A"
" ) ! 6

" ) ! /
6

!
- ) 0:
- (
L ' "
BG % ! GH % <! H. % 1 .B % 1
.LH % α!
%
" ' 3 6

" ' $ 6

" ' $ 6

" ! . 6

)O G ( - *

)A A *

)A / - *

N --

" ) $ 6
: ") $ )
*"
L ' '
- ""

: 0) $ )
' - *"
L G '
" ) $ 6 B "
' -

" $ 6
#P - -
#/ - -
#, '
( -
--
#, '
-
"

" ) $ / 6
" / !! 6 '
: 0) $ 0
/ !! ) -
*"

" / !! 6
#P - - -

# D- -
- - -
#/ - -

" ! 6 -
' -
: 0 / !!
0 ! ) -
- *"

" ! 6
#P - - -

#/ - -

#/ - - - !
- -
" / 6 -
: 0 ! 0
: )
*"

" : 6
- ! 0 /
. 6 ( / ; 1 6 - - Q - -
- (
- ( "
A 6 - - / . 6
- - 5 &
- "
A 6 !! / / -

# $ -- 6
A 6 !! / / -
- - - ) <*! ' '

A 6 - ' ! -
- (
) # * - 6
-- 6
A 6 - : - B 6!
) *

A 6 - :
- ) *
- ! 0 / /
. 6 / / ' ; 1 6 - Q - -
Q - ( -
' - " - H ,,

@ 6 - - - ! , - / / &
( " 6
. 6 ! - - -- (
- "
) *
/ / ! ! ) &* ) **
)<*

) / <

: <

/
<

/ <

/
<

( /
<

( /

( /
<

- (
6&
65
- 6
6
6
6
-- 6*
-- 6
B 6!
) / . :

/ - ' 6
, ' - 6
/5 - ' 6

&
/ / / /
, - - /5 - - -- -
5 -

- 6 ( / /
/ - - - 6 , - - -

-- 6

; 1 - Q - - Q - ( - - H ,,
- ! 0 / / ! #
. 6 / / ' ; 1 6 - -
-
' - "
@ 6 - - - ! / /
( "
A - !
. 6 ! - - -- ( M !
- "
@ - !

0 -- * ( - - ! ? - !
5 @ - "
? - !
D - !
@ 6 - - - 5
! - "B ? - !
. - !

- 2 6
@ 5 ! - - !
- ! "
/5 - 6

/5 : 5 - ! 5
/ / ϕ
A - !
α 5 - - 6
M
@ (R - - - 5 '
! - ! ( @ - !
? - !

" ? - !
D - !
/5 / / 6
? - !

C - . - !
"
- ! 8 0

/ - - ( - 6
' - ! '
"

7 - ( -
"

A - - - $ 6 + % +

, / ! ! ! !
- ( "
- ! 8 0 /

7 / - - - -
- - "
, - ( ! ( & & "

7 /
/ 7 7 7
$$ / # ; !
/ # /

) -

'
'

( -

- (

%
% -

% -

%B

%;

) )

-
@ ! ' -
"@ ! !
" !
- ! -

)
'
)
-
- -
-
! !
! !
!
!
- ! -
- ! -
*
*
)
( )
-
- -
-
! !
! !
!
!
- ! -
- ! -
*
*

- ! 8 0 0 ! 2 2

/ # # !

, ! - - ) *
- ) *' - "

! . 6 - 5
- -

! 6 5
- -

! / 6 - - )
- - *"

7 - "
7 : 6

6 ) -
- *

/ 6 - )
- - *

'
, - - "
, - ' ) *"
- ! 8 0 0 ! !

# # !

! .

/ ! - ' - ' ' - !


"

- (

;
BGH.?O ) - *
;BG ) - *
;K ) *
;L
K 5
;G -
BG -

7 ! -
5
' "

/5 ! ! 5 "

7 ! / -
- - "

) !

A - -
6 ! 5
! ", - (
! # "/
5 $$ "

7 !
"

7 ! /
- "
/ -
- "
/5 ' ' 5 !
"

/ ! <!

! !
L @
" H - 6 - 1 - "
""" @

"H -
! !/, 6

" . 6

" B - !/, 6
" .
' 6

! !

L D
"

" .
'

" - !
6
" ' # ! ! 6 " ' # ! 6

" - 6
" - 6

" 6
" 6
" H
6

" '
" H
! 6
6

L @ @ 1
"
" '

) *

"

! 6

"

! 6

" - !
6
# $
" ' 6 " . 6 # $ -
- '
! 0
" 6
@ - @)S!T*
" -- 6 ! H) ! *
-- "
" 6
" ;
" ' 6
! '
(
" - -
6 1 "

" . 6 -
$$ -
' !
" ' 6 " ' 6 # ! !
( "
6 " 6
. K
O ! ;
- OK" , ;
( "
" 6
" 6
@ O O! .
"0 K -
@ "

" 6 " ;
" 6 " 6 !
" 6 ' (

" - - "
- " -
-
6
6
/ ! 0 $ /
" $ / / 0
<A "
, - - ! -
5 5 -
5 - "

!
<A "
, - - ! - '
5 5 - !
5 - "

" / . 0
/5 - ' - 5 - "

" $ / . 0
) ! = > ) ! = ' > ) ! $

, - ' ' , - ' ' , - ' ' !


5 - - -
6 ' -
' -
5 - 6 - - (
6

C "/
"
)) ! *
, -
5 - -
6 C ", H -
A @ - !
- - "

%
) '

@ - ' ". '


' 6

* - ) *
* ) *
* 5 - ) *
* - ) : ! *"
!
@ --

. --
8 8) 8*!

H --
8 8) 8*!

@ --
8 - ) * ) *

. --
8 8) 8*
H --
8 8) 8*
# /

Α α #

Β β
Γ γ / !!

∆ δ
Ε ε
Ζ ζ $

Η η
Θ θ, ϑ 1

Ι ι
Κ κ ?

Λ λ !

Μ µ !

Ν ν
Ξ ξ ,

Ο ο !

Π π
Ρ ρ 1

Σ σ, ς /!

Τ τ
Υ υ
Φ ϕ, φ 1
Χ χ 1
Ψ ψ
Ω ω ! /
! !

L - "@
T -( ( )UH T -( LHL2/;,,,U
UH T -( U*! )UL.HHH/222;,,,U
U U*" @ ! !
- "
V ( 1 ,
N "

@ U U- ( !
( ( 1 U & & U"

C ! /
( & ; ". - -
! W 2; ;;; 2,,,,,"
6 . : - ( ! !
"M
& 4 -
;& 6 !
! /2222;,,,,"
@& 4
, !' ! (
&
; !' ! !
'& 4 ,; # "
(& , - ! : (
& 4 # 1 !! !
* 1 ! ! //
"

? - - # 1
6
!
• ! A !! < ! 0
.H & H. '
) !U U*" H, & ,H "
) (R C 1
: &
2H,2! U " )P
U*" (
• ! $ 40
$ ",
BCB ! 0
' (
% " ! % " ! % " ! %
&
" "

' (
! $
( X*"
40 0
B&B ! 0 C 1
'
% " " " -
"
C 1

"

H <! (
& ) ! ! ! "*! - - -
& ) ! ! "*"
, - 6

• &
• - / -- &
• ( &
• ) *"

B 6 - ( & '
& (R U,U - U U ( U
Formulario di Geometria

FORMULARIO DI GEOMETRIA

A cura di Valter Gentile

E-Notes pubblicata dalla Biblioteca Centrale di Ingegneria


Siena, 12 settembre 2006
Edizione 2006 1
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

GEOMETRIA
Principi ( da scheda 1 a 5) Solidi (da scheda 18 a 35) Teoremi Di Guldino (sch. 50 - 51)
Figure Piane (da scheda 6 a 17) Relazioni notevoli (da scheda 36 a 49) Esempi solidi di rotazione(sch. 52)
Figure piane Solidi
S = area h = altezza Sl = area laterale St = area totale h = altezza del solido π = 3,141592
b = base π = 3,141592 Sb = area di base V = Volume S = area
Indice Schede Pag.
Scheda 1 : Geometria del piano: definizioni 3
Scheda 2 : Geometria del piano: angoli 4
Scheda 3 : Geometria del piano: angoli, tipi di triangoli 5
Scheda 4 : Triangoli: proprietà angoli, similitudine 6
Scheda 5 : Poligoni convessi: proprietà angoli 7
Scheda 6 : Quadrato 8
Scheda 7 : Rettangolo e parallelogrammo 9
Scheda 8 : Triangolo 10
Scheda 9 : Rombo 11
Scheda 10: Trapezio 12
Scheda 11: Poligono regolare 13
Scheda 12: Circonferenza 14
Scheda 13: Arco 15
Scheda 14: Cerchio 16
Scheda 15: Settore circolare 17
Scheda 16: Segmento circolare ad una base 18
Scheda 17: Corona circolare 19
Scheda 18: Prisma retto 20
Scheda 19: Parallelepipedo rettangolo 21
Scheda 20: Cubo 22
Scheda 21: Piramide retta 23
Scheda 22: Tronco di piramide retta 24
Scheda 23: Tetraedro 25
Scheda 24: Ottaedro 26
Scheda 25: Dodecaedro 27
Scheda 26: Icosaedro 28
Scheda 27: Cilindro circolare 29
Scheda 28: Cilindro equilatero 30
Scheda 29: Cono circolare retto 31
Scheda 30: Cono equilatero 32
Scheda 31 Tronco di cono circolare retto 33
Scheda 32: Sfera 34
Scheda 33: Calotta sferica e segmento sferico ad una base 35
Scheda 34: Zona sferica e segmento sferico ad due basi 36
Scheda 35: Fuso sferico o Spicchio 37
Scheda 36: Equivalenza e Similitudine nello spazio 38
Scheda 37: Teorema di Pitagora 39
Scheda 38: I° teorema di Euclide ( per i triangoli rettangoli ) 40
Scheda 39: II° teorema di Euclide ( per i triangoli rettangoli ) 41
Scheda 40: Raggio del cerchio inscritto ( in un triangolo qualsiasi ) 42
Scheda 41: Raggio del cerchio circoscritto ( in un triangolo qualsiasi ) 43
Scheda 42: Quadrilatero convesso inscritto in una circonferenza (teorema di Tolomeo)
44
Quadrilatero convesso circoscritto ad una circonferenza
Scheda 43: Raggio del cerchio exinscritto ( in un triangolo qualsiasi ) 45
Scheda 44: Triangolo equilatero ( relazioni notevoli ) 46
Scheda 45: Triangolo isoscele – Triangolo isoscele circoscritto ( relazioni notevoli ) 47
Scheda 46: Teorema Di Pitagora Generalizzato ( Triangolo qualsiasi ) 48
Scheda 47: Applicazioni della similitudine (teoremi: bisettrici, corde, secante, tangente) 49
Scheda 48: Trapezi circoscritti a semicirconferenze ( relazioni notevoli ) 50
Scheda 49: Trapezi circoscritti a cerchi ( relazioni notevoli ) 51
Scheda 50: I° Teorema di Guldino 52
Scheda 51: II° Teorema di Guldino 53
Scheda 52: Esempi svolti per solidi di rotazione 54
Scheda 53/54: Esempio svolto per i teoremi di Guldino 55
Edizione 2006 2
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Geometria del piano: definizioni

Concetti fondamentali
Elementi della geometria : gli elementi fondamentali della geometria sono il punto, la retta, il piano
Concetto di punto : Ci si forma il concetto di punto, osservando corpi minutissimi (granello di
sabbia); lo si rappresenta con un segno piccolissimo della matita sulla carta,
lo si indica con una lettera maiuscola.
Concetto di retta : Ci si forma il concetto di retta, osservando un filo teso, prolungato all’infinito
da ambo le parti. Una retta si indica con una lettera dell’alfabeto minuscola,
o con due lettere maiuscole indicanti due qualsiasi dei suoi punti.
Concetto di piano : Ci si forma il concetto di piano osservando la superficie levigata di un tavolo,
prolungata all’infinito da ogni parte. Un piano si indica con una lettera
dell’alfabeto greco ( α = alfa, β = beta etc…)
Definizione di spazio : Dicesi spazio l’insieme di tutti i punti esistenti
Definizione di figura : Si chiama figura geometrica un qualsiasi gruppo di punti
Definizione di geometria : Si chiama geometria la scienza che tratta delle figure geometriche;
geometria piana quella che tratta di figure costituite da punti di uno stesso
piano; geometria solida, quella che tratta di figure costituite da punti non
giacenti tutti sullo stesso piano , e cioè di figure nello spazio.
Postulato della retta : per due punti distinti passa una retta ed una sola, i punti di una retta sono
ordinati in due versi distinti, opposti l’uno all’altro, in modo che non v’è né un
primo né un ultimo punto e che fra i due punti, vi sono infiniti punti intermedi.
Postulato del piano : Data una retta qualsiasi di un piano, i punti del piano vengono da essa divisi
in due gruppi o semipiani tali che :
1) ogni punto del piano appartiene all’uno o all’altro dei due semipiani
2) la retta che congiunge due punti situati in semipiani opposti incontra la
retta data, in un punto compreso fra di essi, mentre la retta individuata
da due punti situati nello stesso semipiano non ha in comune con la
retta alcun punto compreso fra essi.
Definizione di semiretta : Si chiama semiretta quella parte di retta costituita da un suo punto (origine)
e dai suoi successivi in uno dei due versi segnati sulla retta
┼ ┼ semiretta AB
A B
Due semirette si dicono opposte se, essendo situate sulla stessa retta,
hanno versi opposti ┼
A
Segmenti : Chiamasi segmento la figura formata da due punti distinti (estremi) e da
quelli della retta da essa determinata, che sono fra essi compresi
┼ ┼ segmento AB
A B
Segmenti consecutivi ed Due segmenti si dicono consecutivi se hanno solo un estremo in comune o
adiacenti : gli altri due da parti opposte; adiacenti se, oltre ad essere consecutivi
giacciono su di una stessa retta.
B
┼ ┼ ┼
C A B C
A
segmenti consecutivi segmenti adiacenti

Osservazione: Se due segmenti non hanno estremi in comune possono


trovarsi in tre posizioni diverse :
1) un estremo di uno è interno all’altro; in tal caso si dice che si separano
2) i punti di uno sono tutti interni all’altro e allora si dice che uno è interno
all’altro
3) I punti di ciascuno sono estremi all’altro e allora si dice che uno è tutto
esterno all’altro.

Edizione 2006 3
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Geometria del piano : angoli

Concetti fondamentali
Semipiani ed angoli: Si dice semipiano la figura costituita dai punti di una retta e dai punti del
piano , che si trovano dalla stessa parte rispetto a quella della retta, la quale
si dice contorno.
Angolo: Si dice angolo una delle due parti in cui viene diviso il piano da due
semirette uscenti da uno stesso punto; oppure
Si dice angolo l’insieme dei punti comuni a due semipiani i cui contorni si
incontrano in un punto detto vertice, mentre le semirette che lo limitano si
dicono lati. A
Osservazione :
1) Un angolo si può considerare generato O angolo AÔB
dalla rotazione di una semiretta attorno ad un punto B
2) Due punti interni ad un angolo sono estremi di un segmento
tutto interno all’angolo, mentre un segmento che congiunge un punto
interno con un punto esterno incontra certamente uno dei lati dell'angolo
3) Una retta passante per il vertice e per un punto interno ad un angolo
lascia i lati da parti opposte, mentre una retta passante per il vertice e
per un punto esterno, lascia i lati dalla stessa parte.
Angolo convesso e Un angolo dicesi convesso se non contiene il prolungamento dei suoi lati;
concavo: Un angolo dicesi concavo se contiene il prolungamento dei suoi lati
A
O convesso
concavo
B

Angolo piatto e giro: Un angolo si dice piatto quando i suoi lati sono semirette opposte; giro
quando i lati sono sovrapposti.

┼ O
O
angolo piatto angolo giro
Angoli consecutivi, Due angoli si dicono:
adiacenti, opposti al 1) consecutivi quando hanno un lato in comune e gli altri due da parti
vertice: opposte rispetto a questo lato;
2) adiacenti quando, oltre ad essere consecutivi hanno gli altri due lati sulla
stessa retta e opposti;
3) opposti al vertice quando i lati dell’uno sono il prolungamento dei lati
dell’altro; due angoli opposti sono congruenti.

C β A
A B B γ δ
α B
C D O
O A O C α=β γ=δ
Angoli consecutivi angoli adiacenti angoli opposti al vertice
Misura degli angoli: Gli angoli possono misurarsi in :
1) gradi : un grado è la novantesima parte di un angolo retto
2) radianti : un radiante è la misura di un angolo al centro di una
circonferenza che sottende un arco di lunghezza pari al raggio
Relazione tra misure degli angoli espresse in gradi (α )e radianti ( r )
360° : 2π = α : r
da cui r = π α / 180 o α = 180 r /π
se α < 90° ( π/2) = angolo acuto se α = 90° ( π/2) = angolo retto
se α > 90° ( π/2) = angolo ottuso se α = 180° ( π) = angolo piatto
se α = 360° (2 π) = angolo giro
Angoli complementari: Due angoli si dicono complementari se: α + β = 90°
Angoli supplementari: Due angoli si dicono supplementari se: α + β = 180° (es. angoli adiacenti)

Edizione 2006 4
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Geometria del piano: angoli, tipi di triangoli

Concetti fondamentali
Angoli formati da due
rette tagliate da una 2
trasversale: 1
4 3
a

5 6
b
8 7
c
4 e 6 ; 3 e 5 sono detti alterni interni 4 e 5 ; 3 e 6 sono detti coniugati interni
2 e 8 ; 1 e 7 sono detti alterni esterni 1 e 8 ; 2 e 7 sono detti coniugati esterni
1 e 5 ; 4 e 8 ; 2 e 6 ; 3 e 7 sono detti corrispondenti
Se la retta a è perpendicolare alla retta b allora gli angoli alterni interni, alterni
esterni, corrispondenti sono congruenti, mentre sono supplementari gli angoli
coniugati interni e coniugati esterni
I triangoli sono detti:

scaleno se a ≠ b ≠ c equilatero se a = b = c
isoscele se a = b ≠ c rettangolo se α = 90
Criteri di congruenza
dei triangoli: I triangoli ABC e A’B’C’ sono congruenti (ABC = A’B’C’) se si verifica una delle
seguenti condizioni:
1) hanno congruenti due lati e l’angolo compreso
b = b’; c = c’ ; α = α’
2) hanno congruenti due angoli ed il lato ad essi comune
α = α’ ; β = β’ ; c = c’
3) hanno congruenti due angoli ed il lato opposto ad uno di essi
α = α’ ; β = β’: a = a’
4) hanno i tre lati rispettivamente congruenti
a = a’ ; b = b’; c = c’

Edizione 2006 5
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Triangoli: proprietà angoli, similitudine

Figure angoli Figure similitudine


α, β, γ = ampiezze angoli interni
Nomenclatura specifica
δ = angolo esterno

B1C1 = a1
C1A1 = b1
A1B1 = c1
A1H1 = h1

B2C2 = a2
C2A2 = b2
A2B2 = c2
A2H2 = h2

a1 + b1 + c1 = 2p1
a2 + b2 + c2 = 2p2

S1 = area triangolo A1B1C1


S2 = area triangolo A2 B2C2

Proprietà degli angoli di un triangolo: Proprietà triangoli simili :


1) α + β + γ = 180° 1) Due triangoli si dicono simili se hanno gli angoli
2) un angolo esterno di un triangolo è rispettivamente uguali e i lati omologhi in proporzione
uguale alla somma degli angoli interni A1 = A2 B1 = B2 C1 = C2
non adiacenti δ = α + β a1 : a2 = b1 : b2 = c1 : c2
3) gli angoli alla base di un triangolo 2) Per dire che due triangoli sono simili occorre e basta
isoscele sono uguali α = β che sia soddisfatta una delle seguenti condizioni:
4) gli angoli acuti di un triangolo rettangolo a) che gli angoli siano ordinatamente uguali
sono complementari A1 = A2 B1 = B2 C1 = C2
α + β = 90° α = 90°– β β = 90°– α b) che un angolo dell’uno sia uguale ad un angolo
dell’altro e che i lati che li comprendono formino
una proporzione
A1 = A2 b1 : b2 = c1 : c2
c) che i lati dell’uno siano proporzionali ai lati
dell’altro
a1 : a2 = b1 : b2 = c1 : c2
3) In due triangoli simili i perimetri stanno come due lati
omologhi
2p1 : 2p2 = a1 : a2
4) In due triangoli simili le altezze relative a due lati
omologhi stanno come due lati omologhi
h1 : h2= a1 : a2
5) Due triangoli simili stanno come i quadrati costruiti su
due lati omologhi o su due altezze omologhe.
2 2
(A1B1C1 ) / (A2B2C2) = S1/S2 = (a1 / a2 ) = (h1 : h2)

Due lati di due triangoli simili si dicono corrispondenti od


omologhi quando sono opposti ad angoli uguali.

Edizione 2006 6
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Poligoni convessi: proprietà angoli, similitudine

Nomenclatura n = numero lati poligono


Figura angoli
specifica a, b, c, d, e, f = angoli interni
a’, b’, c’, d’, e’, f ’ = angoli esterni

Nel caso della figura a lato: esagono equiangolo si ha:

a + b + c + d + e + f = ( 6 – 2 )180° = (4) 180° = 720°

a’ + b’ + c’ + d’ + e’ + f ‘ = 360°

a = (4) 180° / 6 = 720° / 6 = 120°

a’ = 360° / 6 = 60°

Proprietà angoli interni ed esterni di un poligono convesso


1) La somma delle ampiezze degli angoli interni di un poligono convesso è ( n – 2 ) 180°
2) La somma delle ampiezze degli angoli esterni è 360°, qualunque sia il numero dei lati
3) L’ampiezza di ciascun angolo interno di un poligono equiangolo di n lati è ( n – 2 ) 180° : n
4) L’ampiezza di ciascun angolo esterno di un poligono equiangolo di n lati è 360° : n
Figure similitudine

1) Due poligoni si dicono simili quando hanno gli angoli rispettivamente uguali e i lati omologhi
proporzionali.
A = A’ ; B = B’ ; C = C’ ; D = D’ ; E = E’
AB = A’B’ ; BC = B’C’ ; CD = C’D’ ; DE = D’E’ ; EA = E’A’
2) I perimetri di due poligoni simili stanno tra loro come due lati omologhi
2p : 2p’ = AB : A’B’
3) Due poligoni regolari dello stesso numero di lati sono simili; i loro perimetri, i loro raggi , le loro
apoteme stanno fra loro come due lati omologhi
2p : 2p’ = r : r ‘ = a : a’ = AB : A’B’
4) Due poligoni simili stanno fra loro come i quadrati costruiti su due lati omologhi
2 2
S : S’ = (AB) : (A’B’)

Edizione 2006 7
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

QUADRATO

l = lato
Figura Nomenclatura specifica
d = diagonale

2
S=l
d
Formule dirette
l
2
S=d /2

l = √S
Formule inverse
d = √2S

d = l√2
Relazioni notevoli
l = d / √2

Edizione 2006 8
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

RETTANGOLO e PARALLELOGRAMMO

d = diagonale minore
Figura Nomenclatura specifica
D = diagonale maggiore

S = bh
d _______
2 2
h Formule dirette d=√b +h
(valida per il solo
rettangolo)
b

d D
h
b=S/h
Formule inverse
h=S/b
b

Dicesi parallelogramma un quadrilatero con i Relazioni notevoli


lati opposti paralleli:
1) I lati opposti sono uguali e paralleli;
2) Gli angoli opposti sono uguali e quelli
adiacenti supplementari (somma pari a
180°)
3) Ogni diagonale scompone il
parallelogramma in due triangoli uguali.
4) Le diagonali si tagliano scambievolmente
per metà.
5) L’area si ottiene moltiplicando la
lunghezza della base per quella della
altezza.

Edizione 2006 9
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRIANGOLO

a, b, c lati del triangolo


Nomenclatura p = semiperimetro
Figura e note
specifica ma= mediana relativa al lato BC
ba= bisettrice relativa all’angolo Â

S = ah / 2
_____________
2 2 2
ma=(√ 2b + 2c – a ) / 2
_____________
2 2 2
mb=(√ 2a + 2c – b ) / 2
_____________
2 2 2
Formule dirette mc=(√ 2a + 2b – c ) / 2
___________
ba=(2√ bc p(p – a ) ) / ( b + c )
___________
bb=(2√ ac p(p – b ) ) / ( a + c )
___________
bc=(2√ ab p(p – c ) ) / ( a + b )

Punti notevoli di un triangolo:


Circoncentro = intersezione degli assi dei lati
di un triangolo;
a = 2S / h
Incentro = intersezione delle bisettrici degli
Formule inverse
angoli interni di un triangolo;
h = 2S / a
Baricentro = intersezione delle mediane di
un triangolo

Vedi scheda 31 Relazioni notevoli


___________________
Area in funzione dei S = √p (p – a)(p – b )( p – c )
lati (form. Erone)

Edizione 2006 10
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

ROMBO

d = diagonale minore
Figura Nomenclatura specifica
D = diagonale maggiore

S = ( D d )/ 2
d
b h S = bh
Formule dirette
D ____________
2 2
b = √(d/2) + (D/2)

D = 2S / d

d = 2S / D
Formule inverse
b=S/h

h=S/b

Dicesi rombo un parallelogramma con quattro


lati uguali.
1) gli angoli opposti sono uguali e gli
adiacenti supplementari (somma pari a
180°)
Relazioni notevoli
2) Le diagonali si tagliano scambievolmente
a metà e sono fra loro perpendicolari;
3) Le diagonali sono bisettrici degli angoli, i
cui vertici sono gli estremi delle diagonali;

Edizione 2006 11
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRAPEZIO

b = base minore
B = base maggiore
l = lato obliquo
Figura Nomenclatura specifica
d = diagonale minore ( nel
trapezio isoscele sono uguali)
D = diagonale maggiore

Formule dirette S = ( B + b )h / 2

2 2 2
l = h + [( B – b )/2]
Formule per il
2 2 2
trapezio isoscele d = h + [( B + b )/2]

2 2 2
l =h +(B–b)
2 2 2
Formule per il D =h +B
trapezio rettangolo
2 2 2
d =h +b

(B + b) = 2S / h
Formule inverse
h = 2S / ( B + b )

Relazioni notevoli
Un trapezio dicesi isoscele quando ha i lati
obliqui uguali e anche gli angoli alle basi sono
uguali

Un trapezio dicesi rettangolo quando ha un


lato perpendicolare alle basi

Edizione 2006 12
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

POLIGONO REGOLARE
(e relazioni fra i lati e i raggi dei cerchi circoscritti)

Figura r = raggio cerchio circoscritto


p = semiperimetro
a = apotema
n = numero dei lati
Triangolo equilatero Nomenclatura specifica l3 = lato triangolo equilatero
Esagono regolare
Quadrato
Decagono regolare
l4 = lato quadrato
Pentagono regolare l5 = lato pentagono regolare
l6 = lato esagono regolare
l10 = lato decagono regolare

S = p a = nla / 2
Formule dirette
2p = nl

a=S/p
Formule inverse
p=S/a

_________
2 2
Un poligono dicesi regolare quando ha i lati e r = √ a + ( l/2)
gli angoli uguali. __
l3 = r √ 3
Congiungendo i vertici di un esagono reg. con ___
il centro otteniamo sei triangoli equilateri di l4 = r √ 2
lato l. _________
Relazioni notevoli
l5 = [ r( √ 10 – 2√ 5 ) ] / 2
Il lato del decagono regolare inscritto in un
cerchio è la sezione aurea del raggio. l6 = r
__
l10 = [ r (√ 5 – 1 ) ] / 2

Edizione 2006 13
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CIRCONFERENZA

c = circonferenza
Figura Nomenclatura specifica
r = raggio

O
Formule dirette c = 2π r

Formule inverse r = c / 2π
Relazioni notevoli

Edizione 2006 14
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

ARCO

l = misura dell’arco
r = raggio della circonferenza
Figura Nomenclatura specifica
n° = misura, in gradi dell’angolo
al centro

r l
2π r : 360° = l : n°
O n° A
Formule dirette quindi

l = (π r n°) / 180°

n° = 180°l / π r
Formule inverse
r = 180°l / π n°
Relazioni notevoli

Edizione 2006 15
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CERCHIO

l = misura dell’arco
r = raggio della circonferenza
Figura Nomenclatura specifica
n° = misura, in gradi dell’angolo
al centro

O 2
Formule dirette S=πr

______
Formule inverse r = √(S / π)
Relazioni notevoli

Edizione 2006 16
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

SETTORE CIRCOLARE

r = raggio della circonferenza


n° = ampiezza angolo al centro
Figura Nomenclatura specifica
del settore
l = lunghezza dell’arco

Dalle proporzioni:
B
l : π r = n° : 180°
r l
2
S : π r = n° : 360°
O n° A
Formule dirette
Otteniamo :
2
S = (π r n°) / 360

S = lr /2

______
r = √(360°S / π n°)
2
n° = 360°S / π r
Formule inverse
l = 2S / r

r = 2S / l
Relazioni notevoli

Edizione 2006 17
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

SEGMENTO CIRCOLARE AD UNA BASE

Nomenclatura
Figura r = raggio della circonferenza
specifica

2 2
S = [(π r n°) / 360] – (r sen n°) / 2
Formule dirette
p = [(π r n°) / 180] + 2rsen (n°/ 2)

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 18
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CORONA CIRCOLARE

Nomenclatura R = raggio del cerchio maggiore


Figura
specifica r = raggio del cerchio minore

B
r 2 2
S = π ( R – r ) = π ( R – r )( R + r )
O A
Formule dirette
R
2p = 2 π ( R + r )

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 19
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

PRISMA RETTO

Figura Nomenclatura specifica 2p = perimetro di base

Sb = dipende dalla figura di base

Sl = 2ph
Formule dirette
St = Sl + Sb

V = Sb h

h = Sl / 2p

2p = Sl /h
Formule inverse
Sb = V / h

h = V / Sb

Relazioni notevoli

Edizione 2006 20
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

PARALLALEPIPEDO RETTANGOLO

a, b = dimensioni di base
c = altezza
Figura Nomenclatura specifica
d2 = diagonale del parallelepipedo
d1 = diagonale della base

Sb = a b

Sl = 2( a + b ) c
Formule dirette
St = 2 ( ab +bc + ac )

V=abc

c = Sl / 2 (a + b )

2 ( a + b ) = Sl /c
Formule inverse
ab=V/c

c=V/ab

__________
2 2 2
Relazioni notevoli d2 = √ a + b + c
Dai triangoli rettangoli: _______
2 2
ACD e ABC d1 = √ a + b

Edizione 2006 21
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CUBO

AB = BC = DA = l
l = spigolo del cubo
Figura Nomenclatura specifica
d1 = diagonale di base del cubo
d2 = diagonale del cubo

2
Sb = l
2
Sl = 4 l
Formule dirette
2
St = 6 l
3
V=l

_____
l = √ Sl / 4
_____
Formule inverse l = √ St / 6

l=∛V

Relazioni notevoli __
d1 = l √ 2
__
d2 = l √ 3 = 1,7320 l

Edizione 2006 22
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

PIRAMIDE RETTA

VA = s = misura dello spigolo laterale


della piramide,
VH = h = misura dell'altezza della
piramide
Nomenclatura
Figura VK = a = apotema della piramide
specifica
BC = l = misura del lato della base,
HK = b = misura dell'apotema di base,
HB = r = misura del raggio della base,
p = semiperimetro di base

Sb = dipende dalla figura di base

Sl = p a

St = Sl + Sb
Formule dirette
Per la piramide retta
St = Sl + Sb = p a + pb =p ( a + b )

V = (Sb h) / 3

p = Sl / a

a = Sl / p
Formule inverse
Sb = 3V / h

h = 3V / Sb

Sezionando una piramide con un piano Relazioni notevoli


2 2 2
parallelo alla base, si ottiene un poligono Dai triangoli s = h + r (da VHB)
2 2 2
sezione che è simile alla base. Inoltre la rettangoli: a = h + b (da VHK)
2 2 2
piramide data e quella che si ottiene per r = (l/2) + b (da BKH per pir. Reg.)
2 2 2
sezione sono tali che gli elementi lineari s = (l/2) + a (da VKB per pir. Reg.)
omologhi sono proporzionali,

due facce omologhe stanno come i quadrati


costruiti su due spigoli corrispondenti;

le due piramidi stanno come i cubi costruiti su


due segmenti omologhi

Edizione 2006 23
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRONCO DI PIRAMIDE RETTA

AB = h = misura dell’altezza del tronco


CD = a = apotema del tronco
2p’ = perimetro della base minore
Nomenclatura
Figura 2p = perimetro della base
specifica
maggiore
Sb = area base minore
SB = area base maggiore

Sb = dipende dalla figura di base

Sl = ( p + p’ ) a
Formule dirette
St = Sl + Sb + SB
____
V = h (Sb + SB + √Sb SB ) / 3

p + P = Sl / a
Formule inverse
a = Sl / ( p+ P )

Si ricordi che le basi Sb, SB sono due poligoni Relazioni


simili, e che notevoli
stanno fra loro, oltre che come i quadrati di
due lati omologhi,
anche come i quadrati delle loro distanze dal
vertice della piramide cui appartiene il
tronco.

Edizione 2006 24
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Tetraedro

Atri = area triangolo equilatero (una faccia)


Nomenclatura Atot = area totale
Figura
specifica l = spigolo ( VC=BC=AV ecc )
h = altezza (VO)

2
Atri = l √3 / 4 si avrà
2 2
Atot = 4 ( l √3 / 4) = l √3
Formule dirette
2
V = [ (l √3 / 4) (l √6 / 3) ] / 3
3
= l √2/12

Formule inverse
Relazioni notevoli
Per il teorema di Pitagora si ha poi:
____________
2 2
VO = h = √[ l – ( l√3 / 3) = (l √6) / 3

Edizione 2006 25
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Ottaedro

Atri = area triangolo equilatero (una faccia)


Atot = area totale
Nomenclatura
Figura l = spigolo ( VC=BC=AV=BU ecc )
specifica h = altezza piramide(VO)
AC = diagonale

2
Atri = l √3 / 4 si avrà
2 2
Atot = 8 ( l √3 / 4) = 2 l √3
Formule dirette
2
V = [ (2l /3) (l√2 / 2) ] cioé
3
= (l √2)/3

Formule inverse
Relazioni notevoli AC = l √2

VO = (l √2) / 2

Edizione 2006 26
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Dodecaedro

Apeni = area pentagono regolare (una


Nomenclatura faccia)
Figura Atot = area totale
specifica
l = spigolo

________
2
Atot = 3 (√25 + 10√5) l
Formule dirette
__
3
V = ( 15 + 7√5 ) l / 4

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 27
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

Icosaedro

Atri = area triangolo equilatero (una


Nomenclatura faccia)
Figura Atot = area totale
specifica
l = spigolo

2
Atot = 5 l √3
Formule dirette
__
3
V = ( 3 + √5 ) 5l / 12

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 28
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CILINDRO CIRCOLARE

Nomenclatura BC = r = misura raggio di base


Figura
specifica AB = h = misura dell’altezza del cilindro

2
Sb = π r

Sl = 2πr h
Formule dirette
St = 2πr ( h + r )
2
V=πr h

h = Sl / 2πr

r = Sl / 2πh
Formule inverse
2
h=V/πr
_______
r = √ V / πh

Relazioni
notevoli

Edizione 2006 29
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CILINDRO EQUILATERO

r = raggio di base
Nomenclatura h = 2r
Figura
specifica La sezione mediana individuata dai
punti ABCD è un quadrato.
2
Sb = π r
r
A B 2
Sl = 4πr
Formule dirette
h 2
St = 6πr
C D 3
V = 2π r
______
r = √ Sl / 4π
_______
Formule inverse r = √ St / 6π
_______
r = ∛( V / 2π )

Relazioni notevoli

Edizione 2006 30
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CONO CIRCOLARE RETTO

HB = r = misura raggio di base


Nomenclatura
Figura VB = a = misura apotema del cono
specifica
VH = h = misura dell’altezza del cono

2
Sb = π r

Sl = πr a
Formule dirette
St = πr ( a + r )
2
V = ( π r h )/3

a = Sl / πr

r = Sl / πa
Formule inverse 2
h = 3V / π r
________
r = √ ( 3V / πh )

Relazioni notevoli
2 2 2
Dai triangoli a = h + r ( da VHB)
rettangoli :

Edizione 2006 31
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CONO EQUILATERO

Nomenclatura r = raggio di base


Figura
specifica a = 2r

2
Sb = π r
2
Sl = 2π r
Formule dirette 2
St = 3π r
__
3
V=(πr √3)/3

_______
r = √ Sl / 2πr
_______
r = √ Sl / 3π
Formule inverse
2
h = 3V / π r
________
r = √ ( 3V / πh )

__
Relazioni notevoli h = r √ 3

Edizione 2006 32
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRONCO DI CONO CIRCOLARE RETTO

AB = h = misura altezza del tronco


CD = a = misura apotema del tronco
Nomenclatura
Figura BD = r = misura raggio della base magg.
specifica
AC = r’ = misura raggio della base min.
ED = r – r ‘

2 2
Sb = π r’ SB = π r

Sl = πa ( r + r’ )
Formule dirette 2 2
St = πa ( r + r’ ) + π (r + r’ ) =
2 2
= π[a ( r + r’ ) + r + r’ ]
2 2
V = π h ( r + r’ + rr’ )/ 3

a = Sl / π ( r + r’ )
Formule inverse
( r + r’ )= Sl / πa

Relazioni
2 2 2
notevoli a = h + ( r - r’ ) ( da CED )
Da triangoli
rettangoli :

Edizione 2006 33
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

SFERA

Nomenclatura
Figura r = raggio
specifica

2
S = 4π r
Formule dirette
3
V = 4π r / 3

_______
r = √ S / 4π
_________
Formule inverse
r = ∛ 3 V / 4π

Relazioni notevoli

Edizione 2006 34
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

CALOTTA SFERICA E SEGMENTO SFERICO AD UNA BASE

OB = R = misura raggio della sfera


Nomenclatura AC = h = misura altezza della calotta
Figura
specifica CB = r = misura raggio cerchio base
calotta e segmento

Area calotta
S = 2πR h

Formule dirette Volume segmento ad una base


2
V = πh ( R – h / 3 )

Formule inverse
2
Relazioni notevoli r = h ( 2R – h) ( da ABD per il 2°
Da triangoli teor. Euclide)
rettangoli

Edizione 2006 35
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

ZONA SFERICA E SEGMENTO SFERICO A DUE BASI

OA = R = misura raggio della sfera


BC = h = misura altezza della zona
Nomenclatura
Figura e segmento
specifica
BA = r1 = misura raggio di una base
CD = r2 = misura raggio altra base

Area zona
S = 2πR h

Formule dirette Volume segmento ad due basi


2 2 2
V = πh/6 ( 3r1 + 3r2 + h )

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 36
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

FUSO SFERICO o SPICCHIO

n° = ampiezza angolo del fuso e


Nomenclatura
Figura spicchio
specifica
OA = R = misura raggio della sfera

Area fuso
2
S = πR n° / 90
Formule dirette
Volume spicchio
3
V = S R / 3 = πR n° / 270

_________
Formule inverse
R=√90 A / πn°
Relazioni notevoli Sussistono le proporzioni
2
1) 4πR : A = 360° : n°
3
2) (4 πR ) / 3 : V = 360° : n °

Edizione 2006 37
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

EQUIVALENZA E SIMILITUDINE NELLO SPAZIO

S, S’ = superfici di poliedri
Nomenclatura
Concetti fondamentali e definizioni V, V’ = volumi di poliedri
specifica
l, l’ = spigoli omologhi di poliedri
Due solidi si dicono equivalenti quando
occupano la stessa porzione di spazio.
Detto volume di un solido, la misura dello
spazio che esso occupa, si può dire che:due
solidi sono equivalenti quando hanno ugual
volume
Due figure nello spazio sono simili se una di
esse è congruente ad una figura omotetica
dell’altra.
Due poliedri si dicono simili se hanno
rispettivamente uguali gli angoloidi, e
ordinatamente simili le facce che li
comprendono.
Teorema 1° Le superfici di due poliedri simili
2 2
sono proporzionali ai quadrati degli spigoli Relazioni notevoli S : S’ = l : l’
omologhi
Teorema 2° I volumi di due poliedri stanno fra
3 3 3 3
loro come i cubi di due spigoli omologhi o Relazioni notevoli V : V’ = l : l’ = h : h’
delle rispettive altezze.

Edizione 2006 38
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TEOREMA DI PITAGORA
(per i triangoli rettangoli)

Nomenclatura a = ipotenusa
Figura
specifica be c = cateti

_______
2 2
a =√ b + c
Formule dirette
S = ah/2 =bc/2

_______ ____________
2 2
b =√ a – c = √ (a – c )(a + c )
Formule inverse _______ _____________
2 2
c =√ a – b = √ (a – b )(a + b )

La mediana relativa all’ipotenusa è uguale al


raggio del cerchi circoscritto al triangolo e, ah = bc = 2S
quindi, alla metà dell’ipotenusa.
Relazioni notevoli ah = bc da cui h = bc/a
ma = a/2
S = |xy|

Edizione 2006 39
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

I° TEOREMA DI EUCLIDE
(per i triangoli rettangoli)

a = ipotenusa
Nomenclatura b e c = cateti
Figura
specifica n = proiezione di b sull’ipotenusa
m= proiezione di c sull’ipotenusa

2 2
b =an c =am
Formule dirette 2 2
a=b /n a=c /m

____
____
c = √ am
b = √ an
Formule inverse
2
2 m=c /a
n=b /a
Relazioni notevoli

Dividendo membro a membro le ultime due relazioni delle formule inverse otteniamo:
2 2
n/m=b /c

e cioè il rapporto delle proiezioni dei due cateti sulla ipotenusa di un triangolo rettangolo è uguale al
quadrato del rapporto dei corrispondenti cateti.

Edizione 2006 40
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

II° TEOREMA DI EUCLIDE


(per i triangoli rettangoli)

a = ipotenusa
b e c = cateti
m e n = proiezioni di c e b
Nomenclatura
Figura sull’ipotenusa
specifica
h = altezza relativa all’ipotenusa
ma = lunghezza mediana relativa
all’ipotenusa

2
Formule dirette h =mn

2
m=h /n
2
Formule inverse n=h /m
_____
h= √mn

Relazioni notevoli

Dal triangolo di Pitagora applicato ai triangoli


ABC, ACH, ABH abbiamo:
2 2 2 2 2 2 2 2 2
a =b +c ;b =h +n ;c =h +m

per lo stesso teorema applicato al triangolo


AHM si ha:
2 2 2 2 2
(ma) = h + MH = h + ( MB – HB )
ma essendo MB = a / 2 = ma e HB = m
2 2 2 2 2
(ma) = h + ( ma – m ) = h + ( n – ma )

Dall’uguaglianze

S = bc/2 = ah/2 si deduce

bc = ah da cui

h = bc /a

Edizione 2006 41
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

RAGGIO DEL CERCHIO INSCRITTO


(in un triangolo qualsiasi)

r = raggio del cerchio inscritto


Nomenclatura
Figura S = area del triangolo
specifica
p = semiperimetro del triangolo

Formule dirette r=S/p

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 42
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

RAGGIO DEL CERCHIO CIRCOSCRITTO


(ad un triangolo qualsiasi)

r = raggio del cerchio circoscritto


Nomenclatura
Figura S = area del triangolo
specifica
a, b, c = lati del triangolo

Formule dirette r = abc / 4S

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 43
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

QUADRILATERO CONVESSO INSCRITTO IN UNA CIRCONFERENZA


(Teorema di Tolomeo)

Nomenclatura r = raggio del cerchio circoscritto


Figura
specifica a, b, c, d = lati del quadrilatero

Formule dirette mn = bd + ac

Formule inverse
Relazioni notevoli
Se un quadrilatero convesso è inscritto in una
circonferenza, il rettangolo delle diagonali è
equivalente alla somma dei rettangoli che
hanno per dimensioni i lati opposti.

In un quadrilatero convesso, inscritto in una


circonferenza, gli angoli opposti sono α + γ = 180°
supplementari.

QUADRILATERO CONVESSO CIRCOSCRITTO AD UNA CIRCONFERENZA

Nomenclatura r = raggio del cerchio circoscritto


Figura
specifica AB, CD, AD, BC = lati del quadrilatero

Formule dirette AB + DC = AD + BC

Formule inverse
In un quadrilatero circoscritto ad un cerchio la Relazioni notevoli
somma dei lati opposti è uguale alla somma
degli altri due.

Edizione 2006 44
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

RAGGIO DEL CERCHIO EXINSCRITTO


(in un triangolo qualsiasi)

ra = raggio del cerchio exinscritto sul


lato a
rb = raggio del cerchio exinscritto sul
Nomenclatura lato b
Figura
specifica rc = raggio del cerchio exinscritto sul
lato c
S = area del triangolo
p = semiperimetro del triangolo

ra = S / p – a

Formule dirette rb = S / p – b

rc = S / p – c

Formule inverse
Relazioni notevoli

Edizione 2006 45
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRIANGOLO EQUILATERO
(relazioni notevoli)

h = altezza
Nomenclatura l = lato del triangolo
Figura
specifica S = area
Tutti gli angoli uguali a 60°

h = ( l√3 ) / 2 = 0,8660 l

Formule dirette
2 2
S = ( l √3 ) / 4 = h √3 / 3

h = h1 + h2 + h3

Formule inverse l = 2h / √3 = (2h √3) /3 = h / 0,8660

Le formule trovate per il quadrato e per il


triangolo equilatero sono particolarmente
utili nel caso di problemi nei quali compaiono
fig. aventi angoli di 45°, 30°, 60°, 120° . Infatti, Relazioni notevoli
in tali problemi è possibile ricondursi a
considerare quadrati o triangoli equilateri o,
più spesso, loro parti.

Edizione 2006 46
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRIANGOLO ISOSCELE – TRIANGOLO ISOSCELE CIRCOSCRITTO


(relazioni notevoli)

h = altezza
l = lato del triangolo
Nomenclatura b = base del triangolo
Figura
specifica S = area
k = altezza relativa ad un lato
▀ = angolo retto

________
2 2
l = √b /4 + h
Formule dirette
S = bh/2 = lk/2

1) la bisettrice dell’angolo al vertice, l’altezza e


la mediana relative alla base coincidono;
2) Le altezze relative ai lati uguali sono uguali,
Formule inverse k = bh / l
come pure le mediane relative a quei lati e
le bisettrici degli angoli alla base.

2 2 2
l = h + (b/2)

CT = l – b/2
Relazioni notevoli
Dai triangoli simili COT e CHB
si ha :

l : h – r = b/2 : r = h : l – b/2

Edizione 2006 47
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TEOREMA DI PITAGORA GENERALIZZATO


(per i triangoli qualsiasi)

a = ipotenusa
Nomenclatura
Figura b e c = cateti
specifica
B = angolo acuto

Se B = angolo acuto
____________
2 2
b =√ a + c – 2am
Formule dirette
Se B = angolo ottuso
_____________
2 2
b =√ a + c + 2am

Se B = angolo acuto
_____________
2 2
a =√ b – c + 2am
_____________
2 2
c =√ b – a + 2am
Formule inverse
Se B = angolo ottuso
_____________
2 2
a =√ b – c – 2am
_____________
2 2
c =√ b – a – 2am

Relazioni notevoli

Edizione 2006 48
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

APPLICAZIONI DELLA SIMILITUDINE


(teoremi: bisettrici, corde, secante, tangente)

Nomenclatura
Figura
specifica Formule

AB = c
CA = b
Teoremi delle bisettrici
BP = m
PC = n
I° Teorema
QB =prolungamento
lato BC che
c : b = m : n ed anche
incontra in Q la
c : b = QB : QC
bisettrice esterna

AP bisettrice angolo
II° Teorema
interno A
2
(AP) + mn = b c
AQ bisettrice angolo
esterno A

AB e CD corde
passanti per P
Teorema delle corde
AP = a
PB = b
a : c = d : b cioè ab = cd
CP = c
PD = d

Teorema delle due secanti


AB e CD due corde i
cui prolungamenti a : c = d : b cioè ab = cd
passano per P
AP = a Teorema della secante e della
BP = b tangente
CP = c
2 2 2
DP = d a : t = t : b cioè ab = t = e – r

PT = t
OT = r
OP = e

Edizione 2006 49
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRAPEZI CIRCOSCRITTI A SEMICERCHI


(relazioni notevoli)

Figura
Considerazioni

Disegnamo la figura del trapezio circoscritto ad un


semicerchio ed indichiamo con S, M, T i punti di contatto
dei lati BC, CD, DA, con il semicerchio e con O, H, K, il
centro del semicerchio e le proiezioni dei vertici C, D,
sulla retta AB.
Osserviamo che i triangoli CHB, OSB sono uguali per
avere l’angolo B comune e i cateti VH, OS uguali perché
entrambi uguali al raggio OM del semicerchio. I ha quindi:

CH = OS HB = SB CB = OB

Analogamente, sono uguali i triangoli DKA, OTA, per cui


si ha pure

DK = OT KA = TA DA = OA

Applicando il teor. di Pitagora ai triangoli rettangoli CHB,


DKA, otteniamo:
2 2 2 2 2 2
HB = CB – HC e KA = DA – KD

Poiché i segmenti di tangente condotti da uno stesso


punto ad una medesima circonferenza sono ugiuali,
abbiamo:

CD =CS + DT = (CB – SB) + (DA – TA) =


(CB – HB) + (DA – KA)

La proprietà detta è di carattere generale ed in particolare


Se il trapezio è rettangolo il quadrilatero OBCM è un
quadrato

Se infine il trapezio è isoscele i quattro triangoli CHB,


OSB, DKA,OTA sono uguali e fra le misure B, b,r della
base maggiore, della base minore e del raggio sussiste la
relazione dovuta al teor. di Pitagora :
2 2 2
(B/2) = r + [( B-b)/2] cioè
2 2
4 r + b = 2Bb

Edizione 2006 50
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

TRAPEZI CIRCOSCRITTI A CERCHI


(relazioni notevoli)

Figura
Considerazioni

Disegnamo la figura del trapezio circoscritto ad un cerchio ed


indichiamo con H, K, O, i punti di contatto del cerchio con la
base maggiore e con la base minore e il centro del cerchio.
Osserviamo, intanto, che il triangolo COB è retto in O. Infatti,
dall’uguaglianza dei triangoli KOC, SOC e dei triangoli
HOB,SOB risulta

KOC = SOC = α HOB = SOB = β

e poiché KOH = 180° , si ha:

2 α + 2 β = 180°

α + β = COB = 90°

In modo del tutto analogo si dimostra che anche il triangolo


DOA è retto in O. Si osserva inoltre, che i raggi OS, OT sono
le altezze relative alle ipotenuse BC, DA di detti triangoli.
Inoltre ricordando che i segmenti di tangente condotti da uno
stesso punto ad una medesima circonferenza sono ugiuali
abbiamo:
AB – CD = ( AH + HB ) – ( CK + KD ) =
( AT + BS ) – ( SC + DT )

La proprietà detta è di carattere generale, e si può affermare


che in ogni trapezio circoscritto ad un cerchio:
1) il triangolo, ottenuto congiungendo gli estremi di uno dei
lati obliqui col centro del cerchio è retto
2) il raggio del cerchio è medio proporzionale fra due
segmenti nei quali il punto di tangenza divide un lato
obliquo.

Se, in particolare, il trapezio è isoscele indicate con B, b, r le


misure della base maggiore, della base minore e del raggio si
ha :
_______
2
r = (B/2) (b/2) da cui r = √ B/2 b/2

ovvero
2
(2r) = Bb
da cui si deduce che il diametro del cerchio ( cioè l’altezza del
trapezio) è la media geometrica delle due basi.

Edizione 2006 51
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

I° TEOREMA DI GULDINO

Figura Considerazioni
1° Teorema di Guldino

La ricerca del volume di un solido generato dalla rotazione


attorno ad un asse di una superficie piana, la si può fare tenendo
presente il seguente teorema:
Il volume del solido generato dalla rotazione di una superficie
piana attorno ad un asse complanare e che non l’attraversi, è
dato dal prodotto dell’area della superficie per la lunghezza della
circonferenza, descritta dal baricentro.

Sia data, una superficie piana, chiusa, di area S, limitata dagli


archi di due curve rispettivamente di equazioni: y = f(x) e y = g(x)
( con la condizione che per ogni a ≤ x ≤ b, si abbia: f(x) > g(X), e
che tanto la f(x), quanto la g(x) siano funzioni continue, positive,
ad un sol valore).
Il volume V del solido, che tale superficie genera ruotando
attorno all’asse x, sarà evidentemente dato dalla differenza dei
volumi generati dalla rotazione attorno a detto asse, dei
trapezoidi di base (a.b) e limitati rispettivamente dall’arco di curva
y = f(x) e y = g(x).
Cioè:
b b
V = π ∫{f ( x ) } 2 dx − π ∫ { g ( x ) } 2 dx =
a a
b
= π ∫ {[ f ( x ]2 − [g ( x ) ]2 } dx (*)
a
Dal caso generale, indicando con G ed YG, rispettivamente il
baricentro dell’area S piana (consideriamola come una sottile
lamina di densità costante e nota) e la sua ordinata, per quanto
affermato dal teorema enunciato, si potrà scrivere:

b
V= π ∫ {[ f ( x ) ]2 − [g ( x ) ]2 } dx = 2πYG • S
a

Tale formula consente:

di determinare il volume V senza ricorrere all’operazione di


integrazione, una volta nota l’area della superficie S, e la misura
della distanza YG del baricentro dall’asse di rotazione;

di determinare la distanza YG del baricentro, dall’asse di


rotazione, noti il volume del solido e l’area S della superficie che
lo genera;

di determinare l’area S della superficie che ruota, noti il volume V


del solido e la distanza YG del baricentro dall’asse di rotazione.

Per il volume V del solido delimitato dalla superficie torica si


ottiene l’espressione
2
V = 2d(πr)

Edizione 2006 52
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

II° TEOREMA DI GULDINO

Figura Considerazioni
2° Teorema di Guldino

Inoltre la ricerca della superficie di un solido generato dalla


rotazione attorno ad un asse di una superficie piana, la si può
fare tenendo presente il seguente teorema:
L’area della superficie generata dalla rotazione di un arco di
linea piana, attorno ad un asse, complanare e che non
l’attraversi, è misurata dal prodotto della lunghezza dell’arco
per la circonferenza descritta dal baricentro della linea. (la
linea piana AB la si può pensare come un’asta pesante, di
sezione estremamente piccola, e di densità costante e nota).

Volendo determinare la lunghezza l dell’arco di curva AB di


equazione: y = f(x) (con la condizione che f(x) sia continua,
positiva e ad un sol valore, per ogni x compreso in (a,b)), si
consideri un elemento piccolissimo, dell’arco AB, tale da
confondersi con la sua corda.
Detti: dx e dy, rispettivamente l’intervallino base e l’incremento
della funzione, relativi all’elemento dl, si può scrivere:
dl = (dx) 2 + (dy ) 2
2
 dy 
da cui dl = 1 +   dx
 dx 
conseguentemente la lunghezza dell’arco sarà:

2
b
 dy
l=∫ 1+   dx
a
 dx
cioè:
b

l = ∫ 1+ {f ' ( x ) } dx (**)
2

Indicando con G ed YG, il baricentro e la sua distanza rispetto


all’asse di rotazione, e con S l’area della superficie, descritta
dall’arco di lunghezza l, potremo scrivere

b
S = 2πYG l = 2πYG • ∫ 1 + [ f ' ( x ) ] dx
2

a
Tale formula consente:

a) di trovare S, noti l ed YG;


b) di trovare l, noti S ed YG;
c) di trovare YG, noti S ed l.

Edizione 2006 53
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

ESEMPI SVOLTI PER SOLIDI DI ROTAZIONE

Figura

Considerazioni
La fìg. 28 mostra i solidi ottenuti facendo ruotare di un giro completo determinati poligoni intorno alla retta r
(asse) del loro piano, che non li attraversa. Qui di seguito diamo le espressioni che consentono di calcolare il
volume V e l'area A di tali solidi.
2 2 2
a) V= πAD .DH + (πBH HC) / 3 = π AD (3 DH + HC) ;
2
A = πAD + 2 π AD AB + π BH BC = πAD{.AD + 2 AB + BC).
Si noti che abbiamo sfruttato l'uguaglianza AD = BH.
2 2 2
b) V = πAK AB – (πAK KC)/3 – (πBH CH )/3=
2 2 2
= (πAK )/3 [3 AB – (KC + CH )] = (πAK )/3 (3 AB – AB )= (2πAK AB)/3;
A = 2π AK•AB + πAK•AC + πBH•CB = πAK(2AB + AC + CB);
dove si è considerato AK = BH e KC + CH = KH = AB.
2 2 2 2 2
c) V = (π MK)/3 (AM + BK + AM • BK) + (π KH )/3 (CH + BK + CH•BK) - πAM • MH=
2 2 2
= π/3 (AM + BK + AM•BK) (MK + KH) - πAM • MH=
2 2 2
= π/3 (AM + BK + AM•BK) MH - πAM MH=
2 2 2 2
= π MH /3 (AM + BK + AM•BK - 3 AM ) = π MH /3 [BK + AM (BK-2AM)];

A = π (AM+BK)•AB + π (HC+BK)•BC+2π AM•AC = π [(AM + BK) (AB + BC) + 2 AM•AC];


avendo considerato che si ha: AM = CH ed MK + KH = MH = AC.
2 2 2 2
d) V = π AM •MK + (π KH)/3 [BK + CH + BK•CH) – πDM •MH;
2 2
A = π ( AM - DM ) + 2 π AM•AB + π BC•(BK + CH) +2 π DM•DC.
REGOLA PRATICA. Mentre il volume di un solido di rotazione si ottiene come somma algebrica (cioè somma o
differenza) di altri solidi di volume noto, la superficie del solido stesso si ottiene come somma (aritmetica)
delle superficie generate nella rotazione dai singoli lati del poligono ruotante, che non giacciono sull'asse di
rotazione.
NOTA. Facciamo rilevare agli alunni che, nella ricerca del volume e dell'area della superficie di un solido di
rotazione, è opportuno impostare, prima, le operazioni usando le lettere della figura e, solo dopo, sostituire i
dati numerici o letterali forniti dall'enunciato del problema o deducibili da questo. Infatti, spesso ciò consente
di effettuare delle semplificazioni preliminari, mediante le quali si possono evitare i calcoli relativi alla ricerca
dei valori di determinati segmenti.
Così, nell'esempio b), i passaggi relativi al calcolo di V consentono, qualora l'enunciato assegni solo le
lunghezze del lato AB e dell'altezza AK ad esso relativa, di evitare la ricerca della misura delle due proiezioni
KC e CH.
La precedente avvertenza vale, in particolare, per i problemi che richiedono la determinazione di un rapporto
di volumi o di aree. In questi problemi,
infatti, gli enunciati forniscono solo i dati essenziali, cioè quelli delle grandezze che non vengono
semplificate. Pertanto chi, senza impostare i rapporti e fare le relative semplificazioni, passasse subito alla
ricerca dei valori delle grandezze necessarie per la determinazione dei singoli volumi o delle singole aree,
rischierebbe di trovarsi ad un punto morto per mancanza di dati.
Edizione 2006 54
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

ESEMPIO SVOLTO CON IL I° TEOREMA DI GULDINO

Figura Considerazioni

I° Teorema di Guldino

Per il volume V del solido delimitato dalla superficie torica si


ottiene l’espressione
2
V = 2d(πr)
come già detto.

Vediamone l’impostazione teorica:

La superficie torica, o toro, è la superficie generata dalla


rotazione completa di una circonferenza intorno ad una retta del
suo piano e non secante rispetto ad essa. Riferiamo il piano ad
un sistema cartesiano così fatto: l’asse delle x coincidente con
l’asse di rotazione, l’asse delle y passante per il centro C dalla
circonferenza e diretto positivamente da O verso C. In tale
sistema se a è l’ordinata di C e r il raggio della circonferenza (r ≤
a) l’equazione di questa è:
2 2 2
x + (y – a) = r

Il volume V richiesto è la differenza fra il volume V1 del solido


generato dalla rotazione del trapezoide M’MPNN’ e il volume V2
generato dalla rotazione del trapezoide M’MQNN’. Le
semicirconferenze MPN e MQN hanno rispettivamente le
equazioni

y=a+ r 2 − x2 y=a– r 2 − x2

conseguentemente applichiamo la (*):

r
V = V1 – V2 = π ∫ (a +
−r
r 2 − x 2 ) 2 dx −
r
π ∫ (a −
−r
r 2 − x 2 ) 2 dx =

∫[(a + r − x ) − (a − r − x ) ]dx
r r

∫ r 2 − x 2 dx =
2 2 2 2 2 2
=π = 4aπ
−r −r

πr 2
4aπ = 2a(πr)2
2
2
e quindi : V = 2a(πr)

Edizione 2006 55
A cura di Gentile Valter
Formulario di Geometria

ESEMPIO SVOLTO CON IL II° TEOREMA DI GULDINO

Figura Considerazioni

II° Teorema di Guldino

Analogamente per l’area S della superficie torica si ottiene


l’espressione
S = 2πd(2πr)

Vediamone l’impostazione teorica:

Facendo riferimento al precedente esempio e figura, la superficie


torica si può pensare generata dalla rotazione delle due
semicirconferenze

y=a+ r 2 − x2 y=a– r 2 − x2
intorno all’asse x.

Si ha, per tutte e due le curve,


rdx
ds =
r 2 − x2

Data la simmetria della superficie rispetto al piano perpendicolare


ad Ox e passante per Oy si può calcolare solo la metà dell’area.

Per la (**), risulta:


a + r 2 − x2 a − r 2 − x2
r r
S
= 2π ∫ rdx + 2π ∫ rdx =
2 0 r 2 − x2 0 r 2 − x2
r r
dx  x
= 4 π ar ∫
2
= 4πar arcsen  = 2π ar
0 r2 − x2  r 0
2
e quindi S = 4π ar

Bibliografia

Autore Titolo opera Casa editrice - anno Volumi

Geometria
E. Bovio – G. Repetti Lattes 1986 I° e II°
Nuovi orientamenti
L. Cateni – R. Fortini Il pensiero geometrico Le Monnier 1966 I° e II°
S. Perotti Vanni Aritmetica – Geometria – Algebra Signorelli 1936
E.Carboni –F.Ventola Corso di Matematica Paccagnella Ed. BO 1983 IV°

Alla memoria di mia madre.

Edizione 2006 56
A cura di Gentile Valter