Sei sulla pagina 1di 5

ACCORDI FONDAMENTALI DI TRE E QUATTRO SUONI

(di Massimo Mantovani)

ACCORDI DI TRE SUONI (TRIADI)


Gli accordi di tre suoni sono anche chiamati triadi. Nella pratica della musica moderna si usano
quattro tipi di triadi.

Triade maggiore
La triade maggiore si ottiene sovrapponendo un intervallo di quinta giusta e uno di terza maggiore a
partire dalla stessa nota.

Es. 1: costruzione della triade maggiore di DO e triadi di MI e di LAb.

Triade minore
La triade minore si ottiene sovrapponendo un intervallo di quinta giusta e uno di terza minore a
partire dalla stessa nota.

Es. 2: tradi minori e sigle corrispondenti.

Triade aumentata o eccedente


La triade aumentata o eccedente si ottiene sovrapponendo un intervallo di quinta eccedente e uno di
terza maggiore.

Es. 3: triadi aumentate e sigle corrispondenti.

1
Triade diminuita
La triade diminuita si ottiene sovrapponendo un intervallo di quinta diminuita e uno di terza minore.

Es. 4: triadi diminuite e sigle corrispondenti.

NOTE
1) In tutti gli accordi, compresi quelli di quattro o più note, la nota più grave si chiama
fondamentale, la seconda nota a partire dal basso si chiama terza, quella successiva quinta, e così
via.
2) Le note di un accordo possono essere suonate simultaneamente oppure consecutivamente. Inoltre
possono essere suonate in registri diversi o essere raddoppiate più volte. Questi metodi di
disposizione delle note di un accordo non cambiano la caratteristica sonora intrinseca dell'accordo
stesso, ma possono talvolta modificarne il colore.

Es. 5

3) Un accordo può essere rivoltato se come nota più grave viene suonata una nota diversa dalla
fondamentale. Per esempio una triade di DO minore potrebbe essere suonata con il MIb nel basso
(terza nel basso). Nel sistema moderno di siglatura il rivolto viene indicato con una sigla sbarrata
che riporta in alto la sigla dell'accordo e in basso la nota più grave.

Es. 6: rivolti dell'accordo di FA e sigle corrispondenti.

2
Es. 7: confrontare l'effetto musicale della prima successione armonica con quello della seconda in
cui l’accordo di MI è stato rivoltato (terza al basso).

4) Nel sistema di siglatura moderna le indicazioni # e b indicano l'innalzamento o l'abbassamento di


un semitono della nota, indipendentemente dal fatto che la nota in questione diventi diesis, bemolle
o naturale. Ad esempio la quinta b (b5) in un accordo di SI è in realtà un FA naturale e non un FAb.

ACCORDI DI SETTIMA
Gli accordi di settima si ottengono sovrapponendo un intervallo di settima ad una delle triadi
precedentemente analizzate. Le combinazioni possibili sono molte perché qualsiasi tipo di settima
può essere aggiunto a qualsiasi tipo di accordo. Nella pratica della musica moderna questi sono gli
accordi più spesso utilizzati.

Accordo di settima di dominante


Si ottiene aggiungendo la settima minore ad una triade maggiore.

Es. 8: accordo di settima di dominante e sigla corrispondente.

Accordo di settima maggiore


Si ottiene aggiungendo la settima maggiore ad una triade maggiore.

Es. 9: accordo di settima maggiore e sigle corrispondenti.

3
Accordo minore settima
Si ottiene aggiungendo la settima minore ad una triade minore.

Es. 10: accordo minore settima e sigle corrispondenti.

Accordo minore con settima maggiore


Si ottiene aggiungendo la settima maggiore ad una triade minore.

Es. 11: accordo minore con settima maggiore e sigle corrispondenti.

Accordo semidiminuito
Si ottiene aggiungendo la settima minore ad una triade diminuita. Lo stesso accordo può anche
essere visto come un accordo minore settima con la quinta abbassata di un semitono (vedi la
seconda sigla riportata nell'esempio 18).

Es. 12: accordo semidiminuito e sigle corrispondenti.

Accordo di settima diminuita


Si ottiene aggiungendo la settima diminuita ad una triade diminuita.

Es. 13: accordo di settima diminuita e sigle corrispondenti.

Un metodo rapido per costruire l’accordo di settima diminuita consiste nel sovrapporre di seguito
tre intervalli di terza minore (un tono e mezzo).

4
Es. 14: l'accordo di settima diminuita come somma di terze minori.

QUADRO RIASSUNTIVO DEI PRINCIPALI ACCORDI DI SETTIMA

ACCORDI DI SESTA
Gli accordi di sesta si ottengono aggiungendo un intervallo di sesta maggiore ad una triade
maggiore o minore.

Es. 15: accordi maggiore e minore di sesta e sigle corrispondenti.