Sei sulla pagina 1di 14

A08

245

Mario Como

STATICA DELLE COSTRUZIONI STORICHE IN MURATURA

ARCHI, VOLTE, CUPOLE ARCHITETTURE MONUMENTALI EDIFICI SOTTO CARICHI VERTICALI E SOTTO SISMA

STORICHE IN MURATURA ARCHI , VOLTE , CUPOLE ARCHITETTURE MONUMENTALI EDIFICI SOTTO CARICHI VERTICALI E SOTTO

Copyright © MMX ARACNE editrice S.r.l.

www.aracneeditrice.it

info@aracneeditrice.it

via Raffaele Garofalo, 133/A–B 00173 Roma (06) 93781065

ISBN 978–88–548–3196–4

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi.

Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell’Editore.

I edizione: luglio 2010 I ristampa aggiornata: marzo 2011

A Ida

Prefazione

Indice

15

Capitolo I

Resistenza e deformabilità delle murature

Tipologie delle murature negli edifici storici. Caratteristiche meccaniche degli elementi in la- terizio e in pietra e delle malte. Prove su campioni di materiale lapideo o di malta. Richiami sulla resistenza dei materiali lapidei naturali ed artificiali sotto stati tensionali complessi. Re- sistenza a compressione e resistenza sotto stati tensionali complessi delle murature. Defor- mabilità elastica e viscosa delle murature.

105

Capitolo II

Principi di statica

Modelli del materiale in muratura non reagente a trazione. Il materiale rigido a compressione non reagente a trazione. Il solido murario: cinematica delle deformazioni e dei distacchi, con- dizioni di compatibilità per le sollecitazioni. Equilibrio e compatibilità. La formulazione del principio dei lavori virtuali per i corpi murari. Stato di meccanismo, Stato di collasso. Il te- orema statico. Il teorema cinematico. Sistemi senza meccanismi. L’analisi delle costruzio- ni in muratura nel loro stato effettivo. Stato di cedimento. Il teorema statico e il teorema cinematico della minima spinta. Appendice: la lezione dal crollo nella cattedrale di Noto.

221

Capitolo III

L’arco

La nascita della statica dell’arco e sua evoluzione. L’equilibrio interno dell’arco. Analisi limite dell’arco. Minima e massima spinta nell’arco. Sistemi accoppiati di archi di diversa luce. L’arco soggetto a forze orizzontali. L’arco rampante: Minima spinta. Analisi sperimentali e relativi commenti sul comportamento a rottura di archi in muratura

297

Capitolo IV

La volta

Sezione I: considerazioni Introduttive. Sezione II: cupole. Evoluzione della costruzione della cupola. Statica del guscio di rivoluzione e statica della cupola muraria. Lo stato di minima spin- ta. Calcolo della spinta minima con il teorema cinematico e con il teorema statico. La tholos mi- cenea. Le cupole romane a concrezione. Il Pantheon. La spinta della cupola del Pantheon. Un’opera del Rinascimento: la cupola di S Maria del Fiore. Artifici costruttivi di Brunelleschi.

7

Indice

La statica della cupola durante la costruzione. I quadri fessurativi. Valutazione della spinta della cupola. Interpretazione del suo comportamento statico. La cupola di S. Pietro di Michelangelo. Sviluppo del suo stato di dissesto ed avvio degli studi sulla sua stabilità. Il restauro statico effettuato nel Settecento. Determinazione della minima spinta della cupola. Confronti con altre cupole. Verifica del tamburo/attico/contrafforte.

La cupola barocca dell’Assunta di Gian Lorenzo Bernini. Analisi statica.

Sezione III: volte a botte, Stati di sollecitazione di membrana in un guscio cilindrico. Fessura- zione della volta. Sistemi composti da volte a botte e muri. L’azione dei carichi verticali e dei carichi orizzontali, Sistemi volta/muro a spinta eliminata. Sezione IV: volte a crociera e a padiglione. Sollecitazioni di membrana nella crociera. Principi

di funzionamento statico della volta a crociera. Stato di minima spinta. Geometria delle linee di

frattura. Campi di spostamento da meccanismo. Analisi della crociera con il teorema statico e

con il teorema cinematico della minima spinta. Analisi statica delle volte a crociera delle terme

di Diocleziano in Roma. Statica della volta a padiglione. Sollecitazioni di membrana. La fessu-

razione della volta. Il modello statico della volta a padiglione. Procedimento di calcolo semplifi- cato.

543

Capitolo V

Il Colosseo

La struttura originaria del Colosseo e la sua statica. Sollecitazioni nei pilastri. Comporta- mento statico complessivo. I meccanismi della sezione radiale. Il moltiplicatore di collas-

dei carichi disposti su tutte le volte. I danni e le conseguenti passate riparazioni. Analisi delle possibili cause del danneggiamento: i passati terremoti o i lavori di smontaggio Ecci- tabilità sismica del monumento: effetto dell’interazione terreno–struttura e resistenza del monumento alle forze sismiche. La congettura dello smontaggio. Conclusioni

so

593

Capitolo VI

Muri, pilastri e torri sotto carichi verticali

Impianto murario degli edifici e relativi schemi resistenti. Dissesti e quadri fessurativi negli edi- fici per carichi verticali. Analisi delle sollecitazioni nei muri per carichi verticali . Effetti instabi- lizzanti nell’inflessione del pilastro o del muro soggetto a carico assiale eccentrico e relativo ca- rico di collasso. Problemi statici delle torri. Modello anelastico della fondazione e stabilità delle torri pendenti. Applicazione alla Torre di Pisa

673

Capitolo VII

La cattedrale gotica

Principi costruttivi e tecniche esecutive. Problemi statici specifici: resistenza al vento tra- sversale e stabilità dei pilastri. Schemi resistenti al vento trasversale. Velocità critica del vento per la cattedrale modello Amiens. Il limite estremo non raggiunto: la Cattedrale di Beauvais: vicende della sua costruzione. L’analisi del crollo del 1284: le varie congetture

8

Indice

sulle cause del crollo. Ipotesi del crollo per lenta inflessione dei pilastri per effetto della vi- scosità delle malte.

737

Capitolo VIII

La scala

Caratteri geometrici delle scale in muratura. Scale alla romana. Apparecchiatura dei rampanti. Il paradosso del comportamento statico delle scale alla romana. Ricerca del modello resistente. Un problema preliminare: statica del rampante a sbalzo vincolato a pianerottoli e soggetto a carico flesso – torcente. Modello resistente di rampante ad ar- chi longitudinali piatti e trasversali intrecciati. Modello resistente della scala alla roma- na come complesso articolato di rampanti e volte pianerottoli. Scala con muro di spina centrale.

767

Capitolo IX

L’edificio sotto azione sismica

Comportamento del pannello murario pesante sotto spinta come modello elementare dell’edificio sotto forze orizzontali. Duttilità geometrica del pannello murario. Spettri di risposta e spinte sismiche nei sistemi murari: l’oscillatore elastico bilineare. Coefficien- te di struttura. Spinte sismiche. Analisi dell’organismo dell’edificio sotto forze sismi- che. Muri attivi e muri passivi alle spinte. Resistenza dei muri sotto spinte ortogonali al loro piano. Sistemi resistenti ad archi verticali e ad ad archi orizzontali. Resistenza dei muri nel loro piano. La parete muraria multipiano con aperture. Il modello della parete multipiano con aperture a connessioni orizzontali elastiche unilatere. Resistenza sismi- ca dell’edificio isolato e di agglomerati di edifici. Esempi di calcolo. Curve di push– over.

9

Indice

Prefazione

I centri storici delle città e dei più piccoli paesi, sia in Italia che in Europa, sono generalmente costituiti da edifici in muratura, spesso co- struiti centinaia di anni orsono. Le più importanti opere della storia dell’architettura sono anch’esse in buona parte realizzate in muratura. Tutte queste costruzioni, che costituiscono forse ancora oggi la tipolo- gia costruttiva più presente in edilizia, vanno tutelate: urgente e conti- nua è pertanto la richiesta di valutazioni statiche del loro stato di sicu- rezza e degli eventuali più idonei interventi di consolidamento. Tuttavia la statica di tali costruzioni non è ancora trattata in modo generalmente condiviso. Il modello elastico lineare, universalmente riconosciuto e alla base dell’analisi strutturale classica, non è infatti applicabile alle strutture in muratura per il diverso comportamento a trazione e a compressione della muratura stessa. Ancora oggi nella let- teratura tecnica non si riscontra la presenza di un approccio unitario e consolidato all’analisi del comportamento statico delle strutture in mu- ratura che possa, in qualche modo, paragonarsi a quello che esiste per le costruzioni in c.a. o in acciaio. Questo libro vuole contribuire a colmare questa lacuna realizzando un proprio originale percorso. Il testo raccoglie, tra l’altro, i risultati di molti studi e ricerche da me svolti. Partendo dal semplice e geniale modello di Heyman si svi- luppa una nuovo modello al continuo delle strutture murarie che vie- ne poi applicato sistematicamente allo studio del comportamento strutturale sia dei più importanti monumenti che delle opere più co- muni. Il volume si articola in nove capitoli, ognuno dei quali contiene un’introduzione in cui si evidenziano gli aspetti centrali degli argo- menti trattati.

11

Prefazione

Nel primo capitolo si analizzano la resistenza e la deformabilità delle murature; nel secondo la deformazione e l’equilibrio del solido murario in generale, tenendo conto del carattere specifico del compor- tamento della muratura, in particolare di quella storica, che presenta certamente resistenza a trazione quasi nulla rispetto a quella a com- pressione. Piuttosto che richiamare direttamente i teoremi dell’analisi limite, come si fa frequentemente, si studiano in via preliminare sia la deformazione dei solidi murari, in particolare la cinematica delle le- sioni o dei distacchi, che lo stato di sollecitazione interna. Si formaliz- zano così preliminarmente i principi base dell’equilibrio ammissibile e poi quelli che regolano la resistenza al collasso delle strutture in mura- tura, evidenziando la stretta connessione tra geometria e resistenza. Viene poi introdotto il concetto di stato di minima spinta: l’analisi di tale stato, che riprende ancora direttamente studi specifici da me svol- ti, consente di allargare il campo di applicazione dell’analisi limite, fi- nora ristretta alla tradizionale ricerca dei carichi di collasso, anche allo studio degli assetti statici effettivi delle strutture in muratura. Una ve- rifica dei risultati teorici presentati nel capitolo viene effettuata analiz- zando il crollo della cattedrale di Noto, in Sicilia, avvenuto nel 1996. Nei capitoli terzo e quarto viene specificamente esaminato il com- portamento statico degli elementi strutturali di base delle costruzioni in muratura, quali l’arco e le strutture voltate, e in particolare la volta a botte, la cupola, la volta a crociera e quella a padiglione, e si fornisco- no semplici e talvolta nuove metodologie per la loro analisi. Non ci si limita solo allo studio di modelli astratti di volte in muratura, ma si af- fronta, con un approccio sempre unitario, l’analisi statica di alcuni ri- levanti strutture voltate presenti nel patrimonio architettonico, quali le antichissime cupole micenee, le grandi coperture delle Terme di Dio- cleziano, il Pantheon, la cupola di S. Maria del Fiore e la cupola di S. Pietro, ripercorrendo, per quest’ultima, la storia del magistrale conso- lidamento effettuato nel Settecento da Poleni e Vanvitelli. Nel quinto capitolo si studia l’originale statica del Colosseo e si di- scute sulle possibili cause che hanno condotto questo monumento all’ attuale stato di degrado. Il sesto capitolo è dedicato all’analisi sotto carichi verticali dei pila- stri e dei muri degli edifici storici. Nel comportamento dei pilastri e dei muri sotto carico verticale è in genere non trascurabile l’intera-

12

Prefazione

zione tra l’effetto instabilizzante del carico assiale con la non resisten-

za a trazione della muratura, sulla scia dei magistrali risultati di Yokel. In questa interazione, esaminata a fondo nel capitolo, gioca un ruolo rilevante la stessa deformazione elastica della muratura, che in questo caso non può essere trascurata. Una sezione del capitolo tratta poi il caso dell’instabilità delle torri, il cui comportamento è fortemente condizionato dalla deformabilità delle loro fondazioni. In questo con-

testo è affrontato lo studio della stabilità delle torri pendenti, con qual- che riflessione sulla stabilità della torre di Pisa. Nel settimo capitolo si analizza la statica delle cattedrali gotiche esaminando le funzioni dei vari elementi del loro articolato e originale organismo strutturale, dedicando una particolare attenzione allo studio della loro resistenza al vento e dell’instabilità degli snelli pilastri. Il capitolo si conclude con l’esame del crollo, avvenuto nel 1294, della cattedrale di Beauvais. L’ottavo capitolo tratta della statica delle scale, in particolare di quelle a sbalzo, cosiddette alla romana, il cui comportamento statico, oggi non più ben compreso, può sembrare paradossale. Nel capitolo, attraverso la formulazione di un originale modello resistente della sca-

la a sbalzo e di un relativo semplice procedimento di verifica, si evi-

denzia ancora una volta l’antica sapienza dei costruttori del passato. Il nono capitolo infine è dedicato all’analisi sotto azione sismica del comportamento degli edifici storici in muratura. Per tali edifici, che possono essere sia preziosi monumenti del patrimonio architetto- nico che tante piccole costruzioni distribuite nel territorio, è rilevante e drammatico il problema della loro protezione e quindi quello della scelta dei provvedimenti necessari al loro rinforzo. In questo capitolo vengono proposti modelli per l’analisi del comportamento di tali edi- fici sotto sisma, modelli che si rifanno sempre ai principi base del comportamento delle strutture in muratura analizzati nei primi capito-

li. In questo contesto si analizza lo studio della resistenza sismica della parete multipiano con aperture, elemento principale dell’organismo strutturale dell’edificio murario. I risultati dell’analisi consentono di mettere a fuoco il sistema di trasmissione, da controllare puntualmen- te, delle forze sismiche nell’interno dell’organismo strutturale dell’edificio e di effettuare con semplicità sia le necessarie valutazioni

di resistenza che la progettazione dei sistemi di rinforzo.

13

Prefazione

Il libro si rivolge, da un lato, agli studenti di Ingegneria Civile e di

Architettura, e dall’altro a tutti gli ingegneri e architetti che operano professionalmente nel settore del Consolidamento e del Restauro.

Come già detto, il libro si ricollega a tanti studi da me svolti, spesso anche con colleghi del Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Univer- sità degli Studi di Roma “Tor Vergata”, e in primo luogo con Antonio Grimaldi, con il quale nell’ormai lontano 1980 ho iniziato, nell’Istitu-

to

allora diretto dall’indimenticabile Elio Giangreco, lo studio delle strut- ture in muratura.

Il testo è anche il risultato di molte riflessioni scaturite durante lo

svolgimento delle lezioni di “Consolidamento degli Edifici” e poi di “Problemi strutturali dei monumenti e dell’edilizia storica” da me te-

nute da circa venti anni per i corsi di laurea di Ingegneria Civile, Inge- gneria Edile – Architettura nella Facoltà di Ingegneria dell’Università

di Roma Tor Vergata, corsi svolti per diversi anni con la collaborazio-

ne dapprima di Alberto De Rubeis e poi di Francesca Fabiani, ai quali

va il mio ringraziamento. Un ringraziamento ancora ad Angelo Carratelli ed a Francesca Ne-

rilli per l’assistenza da essi fornitami nella correzione delle bozze ed a Simona Coccia per la costante attenzione mostratami durante l’elabo- razione del testo.

A questo libro hanno anche collaborato tanti studenti dei corsi sud-

detti, sia con lo svolgimento di esercizi che con l’elaborazione delle tesi di laurea. Ad essi va un mio particolare affettuoso ringraziamento. Un ringraziamento ancora alla casa editrice Aracne, e in particolare a Claudio Gotti, per tutta la gentile assistenza fornitami nella correzione delle bozze.

Mario Como

Roma, Giugno 2010

di Tecnica delle Costruzioni della Facoltà di Ingegneria di Napoli,

14