Sei sulla pagina 1di 10

Gli sniperdel

Uomini in armi | Gli sniper del Col Moschin

Quattro giorni con i tiratori scelti del 9 Col Moschin,


il celebre reggimento dassalto degli incursori dellesercito
italiano. Abbiamo toccato con mano le loro armi, visti
allopera di giorno e di notte e sparare a 300 e a 1.500 metri.
Professionisti assoluti, ma persone normali

Di Renzo Bertonati sbarca il resto del distaccamento operativo il distaccamento operativo raggiunge il
incursori che inizia il movimento sotto la veicolo e assolve la missione assegnata.

A
ppena lelicottero tocca terra, i due copertura dei due colleghi. Poco prima Pur se priva di importanti dettagli, questa
tiratori scelti del 9 reggimento che il dispositivo arrivi a ridosso delle potrebbe essere la descrizione di una gior-
dassalto Col Moschin sbarcano prime case, losservatore nota una mac- nata tipo di lavoro di un tiratore scelto del
con il loro equipaggiamento e muovono china allontanarsi a gran velocit: ricevuto 9 Col Moschin impiegato in teatro ope-
silenziosamente verso il punto pianificato. il via libera allintervento dal comandante, rativo: ma chi sono, come si addestrano e
Una volta in posizione, losservatore con- il tiratore esegue un tiro di precisione al come sono equipaggiati gli uomini spe-
ferma la distanza dallobiettivo e lintensit blocco motore della vettura, provocandone ciali del nostro esercito?
del vento al tiratore che apporta le corre- limmediato arresto e salvaguardando lin- Descrivere chi lo sniper del 9 reggimento
zioni sulla torretta. Al momento opportuno columit degli occupanti. A questo punto dassalto Col Moschin, unica unit di forze
130 ARMI E TIRO 07/2012
Nono
tiro di precisione fino a 2.000 metri, guida
del fuoco aereo, terrestre e navale.
Raggiungere tali livelli operativi richiede
tempo e dedizione ed per questo che
prima di diventare tiratore scelto, lincursore
deve passare almeno cinque anni come
operatore nel distaccamento operativo; se
dimostra di possedere le capacit neces-
sarie, potr frequentare il corso specifico
(in Italia, nello stesso reggimento; allestero
in un istituto di formazione accreditato). Una
volta qualificato, lo junior sniper sar parte
integrante della sua unit operativa e con
essa condivider tutti gli addestramenti in
patria e gli impieghi allestero. Dopo
almeno tre anni di permanenza quale sniper,
e qualora ne abbia le capacit, potr diven-
tare istruttore e curare la formazione e lad-
destramento degli altri tiratori.
Lattivit di sniping non nuova per il 9
reggimento: erede della tradizioni degli
arditi della prima guerra mondiale, il
reparto si occupato di operazioni speciali
e di tiro di precisione sin dai tempi delle
scarpe chiodate e delle trincee. Il mutare
degli scenari operativi e la tecnologia
hanno modificato limpiego e le procedure
dei tiratori scelti del reggimento: quello
che, per esempio, nel periodo in cui il
reparto era impiegato in Libano era un
normale sharpshooter (operatore adde-
strato al tiro di precisione a medie distanze
con compiti di copertura del dispositivo
sul terreno e armato di fucile H&K G3),
attualmente un tiratore completo e spe-
cializzato che ha a disposizione armi ed
equipaggiamenti specifici. Dopo il Libano,
limpiego del reparto in Somalia ha
ampliato lo spettro di missioni assegnate
prevedendone, per esempio, limpiego
anche su piattaforme aeree come gli eli-
cotteri; limpiego nei Balcani, invece, ha
posto laccento sulle operazioni di counter-
sniping in ambiente prevalentemente
durante urbano; lAfghanistan e lIraq, infine, hanno
e sp otte r de l 9 Col Moschin
Sn ip er oner Mark 11 rappresentato la svolta per i tiratori scelti
m en to al tiro rapido con St
ladd es tra po un certo del Nono, sia in termini di impiego, ampio
lim ite de gli ot tocento metri. Do e continuo, sia in termini di scambi con i
sino al i ruoli:
m ero di in ga gg i, la coppia inverte colleghi delle forze speciali alleate, sia in
nu tati sniper
tra m bi gl i op er atori sono brevet termini di risultati raggiunti. Le recenti ope-
en leggere
in grado di saper
e devono essere azione.
razioni di lotta alla pirateria, inoltre, hanno
lottica da osserv rappresentato loccasione per affinare tec-
le correzioni con
niche e tattiche nello specifico ambiente.
Tutte queste esperienze hanno contribuito
a fare dei tiratori scelti del 9 reggimento
speciali dellesercito italiano, non cosa questo, necessario padroneggiare speci- incursori altamente specializzati e completi,
facile, visto lo stretto riserbo che avvolge fiche capacit operative: navigazione ter- in grado di lavorare congiuntamente con i
lintera unit. Il tiratore scelto del 9 reggi- restre, movimento occulto in territorio distaccamenti operativi, come elementi
mento un soldato professionista di lite ostile, capacit di valutazione della situa- avanzati indipendenti: rappresentano gli
in grado di assolvere tutti i compiti asse- zione tattica, comunicazioni radio strategi- occhi e le orecchie del comandante del
gnati alle forze speciali. In particolare, che e tattiche, osservazione, raccolta e tra- dispositivo dassalto e, dalle loro posizioni
chiamato a operare inserito in un distacca- smissione di informazioni anche tramite occulte, devono essere in grado di comu-
mento operativo incursori, unit di base che lausilio di apparati audio-video-fotografici, nicare, in tempo reale e in modalit discreta,
compone la compagnia incursori, in linea capacit di inserzione in ambiente terrestre, le informazioni acquisite sul bersaglio. A
con le modalit di azione proprie delle sole aereo e marino (anche subacquea), mime- loro pu, tra laltro, essere delegata dal
forze speciali, ma in autonomia. Per fare tizzazione e occultamento, sopravvivenza, comandante, in virt della loro posizione
07/2012 ARMI E TIRO 131
Uomini in armi | Gli sniper del 9 Col Moschin
privilegiata, la decisione se attaccare lo- delle forze speciali (riservato quindi sol-
biettivo con un intervento diretto delle forze tanto a operatori in possesso della qualifica
o utilizzare una modalit di tipo stand off, di incursore) della durata di sei settimane
dirigendo cio il fuoco terrestre, aereo o con la partecipazione di istruttori appar-
navale sul target. tenenti al reparto stesso. Gli scambi adde-
strativi rappresentano, invece, un impor-
LA FORMAZIONE E LEQUIPAGGIAMENTO tante momento di confronto e aggiorna-
Il tiratore scelto del 9 un soldato pro- mento per i tiratori che possono cos modi-
fessionista di elite in grado di assolvere ficare o standardizzare procedure, tecniche
tutti i compiti assegnati alle forze speciali e tattiche, nonch visionare e provare
ed , quindi, innanzitutto un incursore. La nuovi equipaggiamenti e armamenti.
formazione avviene attraverso la frequenza Molti dei tiratori scelti del 9 reggimento
di specifici corsi e scambi addestrativi in sono anche operatori specializzati e qua-
Italia e allestero. I corsi, svolti nelle prin- lificati nella guida terminale di muniziona-
cipali scuole per tiratori scelti dei pi mento aereo, terrestre o navale su obiet-
importanti Paesi europei e dOltreoceano, tivi specifici nonch coordinatori di assetti
hanno lo scopo di qualificare il personale in volo durante unoperazione tattica. Le tre cartucce della Fiocchi munizioni,
non ancora in possesso di specifica quali- Questo rende la coppia di operatori (tira- protagoniste del test a fuoco.
fica, di specializzarlo. Il 9 reggimento tore e spotter) uno Special force joint ter- Da sinistra: la .408 Chey-tac, la .338 Lapua
organizza anche un corso per tiratori scelti minal attack controller (Sfjtac) qualificato e la. 308 Winchester.

I ferri del mestiere


Larmamento dello sniper del 9 a dir poco impressionante. La disponibilit di armi, calibri e tipi di munizioni vastissima, frutto di attento e approfondito studio
da parte del reparto che, oltretutto, investe tempo e risorse in ricerca e sviluppo di nuovi equipaggiamenti e procedure. La dotazione in possesso agli incursori
dellesercito quanto di meglio il mercato possa offrire. I sistemi darma prescelti devono rispondere a precisi requisiti operativi: tiro diurno con ottica con correzioni
in centimetri ad alto potere di ingrandimenti; tiro notturno con sistemi a intensificazione di luce e termici; possibilit di illuminazione e puntamento infrarosso;
dispersione dei colpi (utilizzando munizioni match specificamente ricaricate per il reparto) non superiore al mezzo moa (15 mm a 100 metri).

Produttore: Accuracy international (Gran


Bretagna)
Modello: Artic warfare 50
Calibro: .50 Bmg
Lunghezza totale: 1.420 mm
Peso (scarica): 15.000 grammi
Lunghezza canna: 686 mm
Passo rigatura: 1:15 (381 mm)
Peso di scatto: 1.800 grammi

Produttore: Pgm precision (Francia)


Modello: Hecate II
Calibro: .50 Bmg
Lunghezza totale: 1.380 mm
Lunghezza canna: 700 mm
Peso (scarica): 13.800 grammi
Lunghezza canna: 700 mm
Passo Rigatura: 1:15 (381 mm)
Peso di scatto: 2.000 grammi

Produttore: Barrett (Stati Uniti)


Modello: M 107
Calibro: .50 Bmg
Lunghezza totale: 1.450 mm
Lunghezza canna: 737 mm
Peso (scarica): 14.000 grammi
Lunghezza canna: 737 mm
Passo rigatura: 1:15 (381 mm)
Peso di scatto: 2.000 grammi

132 ARMI E TIRO 07/2012


e, in virt del mantenimento di questa qua- impieghi. La tecnologia ha un peso note- ufficiale e due sottufficiali responsabili della
lifica, costantemente addestrato durante vole nei moderni conflitti e laggiorna- Sezione addestramento del battaglione
larco dellanno sia in Italia sia allestero. mento dellequipaggiamento a loro dispo- incursori, lunit operativa del reparto, e,
La molteplicit delle missioni assegnate sizione sempre al passo con i tempi. in particolare, della sezione adibita al tiro
agli sniper del 9 tale da richiedere mol- Nonostante ci, per, laddestramento e di precisione. Dopo le presentazioni di rito,
tissimo equipaggiamento specifico: dal le procedure operative rimangono incen- partiamo per il luogo delladdestramento,
sovra vestito mimetico (ghillie suit) ai trep- trate sempre sulla qualit e sullesperienza sullAppennino tosco-emiliano.
piedi per il tiro in ginocchio e in piedi; dagli degli incursori che rappresentano il vero Il gruppo inizia la quattro giorni con una
zaini per il trasporto dellarma ai palmari e proprio elemento che fa la differenza. seduta di attivit ginnica prima di cena e
con software balistici su specifiche militari; anche io mi unisco al gruppo, anche se
dalle radio per le comunicazioni criptate AL POLIGONO CON IL NONO con i ritmi diversi... Questi uomini cercano
agli apparati optoelettronici per la visione Le nostre quattro giornate con gli sniper sempre di mantenere un livello di prepa-
diurna-notturna. Come le tattiche, anche cominciano un luned mattina nella sede razione atletica eccellente anche quando
lequipaggiamento si adattato ai moderni del reggimento dove incontriamo il gruppo sono impegnati in attivit stressanti dal
scenari operativi e quello in dotazione di tiratori che effettuer le giornate di punto di vista psicologico come ladde-
riesce a coprire la totalit dei possibili addestramento. Ci fanno da Cicerone un stramento al tiro di precisione.

Il Gac (Grande armeria camuna)


calibro .408 Chey-tac,
qui dotato di soppressore.

Produttore: Knights armament (Stati Uniti)


Modello: Mk 11 Mod. O e Mod. 2
Calibro: .308 Winchester
Lunghezza totale: 1.118 mm
Lunghezza canna: 510 mm
Peso (scarica): 4.880 grammi
Passo rigatura: 1:11,25 (286 mm)
Peso di scatto: 2.200 grammi

Produttore: Sako (Finlandia)


Calibro: Trg42
Calibro: .338 Lapua magnum
Lunghezza totale: 1.200 mm
Lunghezza canna: 690 mm
Peso (scarica): 5.300 grammi
Passo rigatura: 1:10 (254 mm)
Peso di scatto: 1.500 grammi

Produttore: Accuracy international (Gran Bretagna)


Modello: Artic warfare super magnum
Calibro: .338 Lapua magnum
Lunghezza totale: 1.230 mm
Lunghezza canna: 686 mm
Peso (scarica): 6.500 grammi
Passo rigatura: 1:10 (254 mm)
Peso di scatto: 1.200 grammi

07/2012 ARMI E TIRO 133


Uomini in armi | Gli sniper del 9 Col Moschin

Una Fiocchi per il Nono


Da poco tempo, il 9 reggimento ha iniziato una collaborazione tecnica alle Sierra Match king di 175 grs per il .308 Win e alle Lapua Scenar di 300
con la Fiocchi munizioni. Alcuni tiratori del reparto si sono recati nella sede grs per il .338 Lapua magnum.
di Lecco per collaborare con i tecnici dellazienda. Per lassemblaggio La cartuccia finita sottoposta a severi controlli qualit: lunghezza massima;
di queste cartucce, non vengono utilizzate le classiche linee di caricamento cameratura minima, grazie allausilio di particolari strumenti; concentricit,
per le munizioni commerciali, ma torrette a singolo stadio maneggiate garantita in un range massimo di 6 centesimi di millimetro. Per ogni lotto che
da operatori specializzati che producono al massimo mille cartucce al giorno, esce dalla fabbrica. vengono certificate e garantite rosate di mezzo moa sino
una quantit modesta per unazienda quale la Fiocchi, ma lo scopo finale a 700 metri per il .308 e rosate sino a 0,80 moa per il .338 sino al limite
di questa particolare linea produttiva fornire agli operatori del 9 un del chilometro. Anche per il confezionamento, la Fiocchi ha puntato su un
prodotto senza compromessi e di livello assoluto, per garantire interventi packaging antiurto con celle in plastica rigida e fornendo la confezione finale
mirati di tipo chirurgico in situazioni tattiche super specializzate. in busta di polietilene neutro trasparente con sigillo sottovuoto, per eliminare
I bossoli sono di produzione Fiocchi come anche gli inneschi, mentre sulle completamente eventuali influenze negative di umidit e altri agenti
polveri utilizzate per il caricamento, i tecnici non si sbilanciano, anche se atmosferici di sorta. Un particolare interessante quello dellinnesco
abbiamo saputo che vengono utilizzati propellenti di varie aziende, studiati crimpato per la cartuccia .308 che, essendo destinata al Mark 11
per le esigenze particolari degli sniper, come, per esempio, ridurre la vampa semiautomatico, elimina completamente i rischi derivati da eventuali
di bocca; di volta in volta si sceglie la polvere in base alle migliori prestazioni disassemblaggi accidentali durante il fuoco con i relativi problemi
globali mostrate dai lotti disponibili. Anche per quanto riguarda i proiettili, di malfunzionamento dellarma (come successo recentemente in Francia
la Fiocchi ha scelto quello che considerava il meglio sul mercato, puntando durante le prove di una nota munizione svizzera durante i test con lH&K 417).

Tutte le palle utilizzate per il caricamento delle Anche il controllo del peso unitario fa parte
munizioni Fiocchi Exo sono controllate entro del processo di confezionamento
limiti strettissimi di concentricit con strumenti della cartuccia. I macchinari per il controllo
di elevatissima precisione non disponibili sono di elevatissima precisione
sul mercato civile. e non disponibili per la ricarica domestica.

Tutte le ogive sono verificate Anche le misure interne del bossolo sono
per la larghezza massima con micrometri verificate con un comparatore prima
di precisione a interfaccia digitale. dellintroduzione nella linea di caricamento.

Ogni colpo caricato con torretta


monostadio e la quantit caricabile per unit
di tempo non raggiunge i quantitativi
di quella industriale classica, ma la precisione
finale risulta incredibilmente superiore.

Ogni colpo assemblato controllato


Niente viene lasciato al caso: nella concentricit con controllo manuale,
perfino il peso degli inneschi verificato un sistema non economico, ma che assicura
alla pesa elettronica. una eccezionale qualit finale del prodotto.

134 ARMI E TIRO 07/2012


Sniper del Nono occupano la posizione finale prima del tiro (final firing position). che linsistenza sui fondamentali sia la chiave
Gli operatori si sono volutamente esposti per permetterne lidentificazione da parte del fotografo. per lapprendimento degli schemi motori
necessari al raggiungimento del risultato.
Tutta la mattina viene spesa per questo
tipo di attivit, poi il gruppo si dirige nella
zona field shooting, con sagome metal-
liche poste tra i 500 e i 1.500 metri. Nella
seconda parte della giornata, mi rendo
conto di come lavorano le coppie osser-
vatore-tiratore, di come riescono a leggere
il vento e le scie dei proiettili in volo per
apportare correzioni immediate sino al rag-
giungimento dellingaggio del bersaglio.
Le armi utilizzate in questa seduta sono
quelle camerate in .338 Lapua, gli Accu-
racy e i Sako Trg, la maggior parte degli
operatori utilizza questi ultimi, e la seduta
ha come obiettivo il test della nuova Fioc-
chi con palla Scenar di 300 grani.
Effettuate le necessarie correzioni ai pro-
grammi balistici settati sulla munizione con
palla di 250 grani, gli sniper cominciano
lingaggio delle mezze sagome metalliche
alle varie distanze: i 500 metri sono ingag-
giati senza il minimo indugio anche al

Il giorno successivo ci dirigiamo nella zona


di azzeramento dove i tiratori verificano
i settaggi delle armi, impegnandosi nel
cosiddetto grouping: effettuare rosate
le pi strette possibili alle tre distanze cano-
niche di 100, 200 e 300 metri, training con-
siderato fondamentale dal sottufficiale
istruttore, in quanto molto stressante dal Parte della
dotazione
punto di vista psicologico in considerazione degli sniper
del fatto che vengono considerate valide del 9 reggimento
soltanto le rosate che si assestano intorno dedicata alla
al mezzo minuto dangolo sulle tre distanze. designazione laser
In questa fase, inoltre, si pone molta atten- dei bersagli
zione alle tecniche base del tiro come la per la condotta
di guide terminali
postura, la capacit di rimanere in punta- di munizionamento
mento e lingaggio del bersaglio a sganciato
comando. Parlando con i responsabili da velivoli
delladdestramento, mi parso di capire ad ala fissa.

07/2012 ARMI E TIRO 135


Uomini in armi | Gli sniper del 9 Col Moschin

I compiti del 9
Il 9 reggimento Col Moschin lunico
reparto di forze speciali dellesercito italiano
e dipende per limpiego dal comando
interforze per le operazioni delle forze speciali
(www.difesa.it/SMD/COFS/Pagine/default.
aspx). Il reggimento inserito nel contesto
euro-atlantico delle forze speciali e svolge
i suoi compiti istituzionali rimanendo sempre
in linea con la dottrina Nato. Le missioni
assegnate al reparto sono numerose
e articolate e hanno abitualmente una
rilevanza strategico-politica.
I compiti degli operatori del reggimento
comprendono azioni dirette su obiettivi
specifici; ricognizioni speciali anche
Un operatore esegue una sessione di tiro in notturna con il Mark 11. Da notare lintensificatore Npvs davanti
in territorio ostile; assistenza militare; allottica Schmidt & Bender 4-16x, utilizzata ormai sulla quasi totalit delle armi in dotazione.
contro-terrorismo; liberazione di ostaggi; Con questo assetto e leccellente camera termica da designazione Coral si eseguono ingaggi sino a 750 metri.
attivit di contro-insurrezione; contrasto alla
proliferazione di armi radiologiche-chimiche- sul primo piano focale e Zeiss con Mil-dot pochissimi secondi con una precisione asso-
biologiche; evacuazione di connazionali da
di seconda generazione: lorientamento del luta. Sia in configurazione standard sia sup-
zone a rischio; scorta e tutela di personalit
reparto, comunque, rimane quello di pas- pressed, gli azzeramenti non cambiano;
politico-militari; collegamento fra fazioni
sare allo Zeiss. Sulle ottiche di puntamento, quello che cambia completamente, per,
nellambito dello sviluppo della assistenza
militare.
il reggimento si gi mosso, uniformando lapproccio tattico al tiro, in quanto con
Gli incursori del 9 reggimento, inoltre, hanno tutte le armi in .338 Lapua e adottando lo la modalit suppressed si possono accor-
partecipato a tutte le missioni allestero Schmidt & Bender Pm-II 5-25x. La capacit ciare le distanze dingaggio, contando sulla
che hanno coinvolto lesercito italiano, di ingaggio alle massime distanze stata pi difficile possibilit di essere individuati
nonch hanno condotto la quasi totalit delle notevole, quasi fosse un giochino abba- anche con sistemi acustici di triangola-
operazioni di evacuazione di non combattenti stanza semplice, mentre si tratta di un pro- zione. Questo tipo darma fornito dalla-
da zone a rischio a cui ha partecipato lItalia. cesso molto complicato come sanno bene zienda con ottiche Leupold Mark IV 3,5-
i tiratori appassionati delle lunghe distanze. 10x42 con torrette graduate di 1/2 moa e
Il terzo giorno stato tutto incentrato sullu- reticolo Mil-dot di seconda generazione,
tilizzo del Knights armament Mark 11 Mod. ma per uniformare saranno sostituite con
mutare della luminosit e del vento; stesso 0 e Mod. 2, sia nella versione suppressed le Schmidt & Bender Pm-II.
discorso sulle sagome a 750 metri. Pi tec- sia in quella standard, entrambi con canna Osservando i tiratori, abbiamo notato le-
nico diventa lingaggio dai 950 ai 1.500 lunga 510 millimetri e passo di rigatura di strema facilit ad attingere le sagome
metri, passando per le distanze intermedie 1:11,25, perfettamente settato per la metalliche sino ai 750 metri, con una
dei 1.000 e 1.150. La cosa che mi ha col- munizione Fiocchi Exo di 175 grani. Come costanza e una precisione quasi imbaraz-
pito stata la perfetta simbiosi tra osser- sempre, la giornata parte con lattivit di zanti (complice anche una giornata con
vatore e tiratore: le correzioni sono impar- grouping sino a 300 metri, distanza a cui pochissimo vento), riuscendo anche a
tite con un codice specifico e di immediata laccoppiata arma-munizione dimostra vedere due o tre hit a 950 metri!!!
assimilazione senza errori di interpreta- eccellenti doti di precisione per una semi- Finiti i tiri diurni, ci siamo preparati per il
zione da parte di uno dei due operatori. auto, con rosate del tutto simili rispetto ad pezzo forte della giornata: il tiro notturno.
Sentendoli interagire, appare tutto di una armi a otturatore. Questo tipo darma rap- Laddestramento in notturna stato com-
semplicit disarmante, ma vi posso assi- presenta il vero tuttofare del tiratore, in piuto sempre con il Mark 11 in modalit
curare che il procedimento richiede un quanto permette di coprire tutta una serie suppressed e, ovviamente, con lausilio di
addestramento costante e impegnativo di scenari operativi che una bolt action non sistemi di puntamento idonei al tiro in con-
per diventare un vero automatismo. sarebbe in grado di assolvere. Eccezionale, dizioni di luce nulla. Il reggimento, attual-
infatti, appare la possibilit di doppiaggio mente, utilizza due sistemi a intensifica-
LE OTTICHE DEL NONO del colpo e la possibilit di saturazione di zione di luce Anpvs: uno medium, laltro
Per losservazione, utilizzano apparati ottici una determinata zona, grazie ai caricatori large, che differiscono per le dimensioni
diurni Leupold Mark IV con reticolo Mil-dot da 20 colpi e la possibilit di scaricarli in del telaio e, ovviamente, per la nitidezza

Operatori eseguono
tiri dinterdizione con
Ghillie Ir appositamente
confezionate per eludere
locchio delle camere
termiche. Il particolare
disegno frastagliato
permette una fuoriuscita
del calore smorzata,
limitando la rilevazione
di osservatori ostili.

136 ARMI E TIRO 07/2012


Diventare tiratore scelto
Le esperienze maturate sia in addestramento sia in operazioni allestero hanno
consentito al 9 reggimento Col Moschin di costituire un vero proprio corso
per tiratori scelti delle forze speciali. Il corso, riservato a personale esperto
in possesso della qualifica di incursore, viene svolto in parte in Italia e in parte
allestero. Articolato su sei settimane molto intense, copre tutte le materie
fondamentali per la formazione dello sniper: navigazione terrestre, comunicazioni, Incursori
mimetizzazione, osservazione del campo di battaglia, tiro in posizioni supportate del 9 impegnati
e non, cenni di balistica esterna, tiro su distanze variabili da 100 a 800 metri, in operazione di
avvicinamento occulto al bersaglio (stalking), tiro su bersagli in movimento, counter sniper a
Sarajevo (1996).
test scritto, test pratici ed esercitazione finale. Per ottenere la qualifica di tiratore
scelto delle forze speciali, lallievo deve superare tutte le prove con un punteggio
minimo del 75%. Larma a disposizione degli aspiranti sniper una carabina
a ripetizione ordinaria (bolt action) calibro 308. Winchester. La scelta di tale
calibro deriva dal fatto che, non essendo particolarmente pesante, risente degli
effetti del vento sul tiro alle lunghe distanze e costringe laspirante a valutarne
intensit e direzione in maniera molto precisa.

dellimmagine. Quello pi compatto rivela


una maggiore sgranatura dellimmagine
rispetto alla versione di maggiori dimen-
sioni, ma consente sempre una capacit
di ingaggio notevolissima, con centri per-
fetti sino al limite dei 750 metri. La versione
large consente di aumentare leggermente
la portata reale, ma a discapito della
maneggevolezza dellinsieme. In contem-
poranea, alcuni operatori stavano testando
una camera termica di puntamento di
ultima generazione della Zeiss per valu-
tarne lefficacia sul terreno. Lutilizzo di
questa particolare ottica richiede un adde-
stramento a parte, in quanto i rilievi dei
bersagli non sono cosi intuitivi come nel
caso dei visori a intensificazione: il vantag-
gio di questo sistema risiede nella capacit
di individuare i calori di corpi o di auto-
mezzi anche se coperti da vegetazione o

Operatore in assenza totale di luce stellare.


del Nono Il pezzo forte stata la camera termica da
attraversa osservazione della Koral di produzione
uno specchio
dacqua
israeliana, dotata di telemetro laser incor-
durante porato e con la possibilit di montare un
il corso Sniper illuminatore/puntatore laser per la desi-
interno gnazione dellobiettivo. La qualit video
al reggimento. di questa camera ha quasi dellincredibile
I candidati tanto che a ben due chilometri di distanza
vengono scelti
era possibile vedere i contorni chiarissimi
tra quelli
che mostrano di alcuni daini intenti a brucare.
doti di tiro
superiori SOSTITUIRE IL BARRETT?
alla media. La giornata si chiusa alluna e trenta di
notte, prima di ritiraci tutti negli alloggi e
Training riposare in previsione dellultima giornata,
al tiro
di precisione nel corso della quale sono state effettuate
in ambiente sessioni di tiro su distanze dagli 800 ai
innevato. 1.500 metri con i fucili in .50 Bmg e prove
valutative di una carabina in .408 Chey-tac.
Attualmente, larma in dotazione al reparto
il Barrett M-107, arma di precisione di
tipo anti materia che, per, pone qualche
problema nel caso la si utilizzi su bersagli
07/2012 ARMI E TIRO 137
Uomini in armi | Gli sniper del 9 Col Moschin

Come si diventa incursore dellesercito La pulizia delle armi


La formazione di un incursore dellesercito un processo che richiede tempo e risorse. Lend state che Appena terminata la sessione di tiro, ogni
si prefigge liter formativo, che nel complesso dura circa due anni e viene svolto in gran parte allinterno operatore verifica che larma sia scarica ed
della sezione formativa e addestrativa del 9 reggimento, il Rafos (Reparto addestramento forze speciali), effettua lo smontaggio primario. Poi, inizia
il condizionamento di un soldato maturo ed equilibrato in grado di operare in autonomia operativa la pulizia, passando nella canna uno scovolo
e logistica in condizioni di isolamento e in contesti ostili. di rame bagnato con olio solvente Kg-1 per 6-7
Il reparto recluta militari gi competenti con alle spalle almeno tre anni di vita militare e li sottopone, volte, facendo ben attenzione a far uscire ogni
prima delliter vero e proprio, a un percorso selettivo e impegnativo sia dal punto di vista fisico sia da volta lo scovolo dal vivo di volata. Fatto ci,
quello dellimpegno psicologico, che prevede una serie di esercizi valutativi e prove di resistenza fisica in si asciuga completamente la canna con
assetto da combattimento e in condizioni di stress psico-fisico. Alla fine delle tre settimane, il personale pezzuole di tessuto fino a che non escono
idoneo ammesso alla frequenza del corso Obos (Operatore basico per operazioni speciali) della durata completamente bianche. Successivamente,
di circa 5 mesi, durante il quale laspirante acquisisce le abilit comportamentali di base. La fase bagna uno scovolo in nylon con olio sramatore
successiva, della durata di circa 6 mesi, ha lo scopo di abilitare gli aspiranti incursori alla pianificazione, Kg-12 e lo passa per due volte nella canna.
organizzazione e condotta di operazioni speciali; a seguire, gli aspiranti incursori frequentano il corso Dopo aver fatto agire il liquido per circa 20-30
di combattimento avanzato, i cui contenuti rappresentano lambito di eccellenza di impiego delle forze minuti, asciuga la canna completamente.
speciali. Il corso fornisce le tecniche e gli strumenti base per il combattimento in ambienti ristretti Se sono ancora presenti residui di rame sulle
(room clearing, impiego di esplosivi e breaching, combattimento offensivo ravvicinato, impiego sniper, rigature della canna, prosegue passando
eccetera) a livello individuale, di nucleo e di team. Il secondo anno delliter formativo rivolto nuovamente lo scovolo in rame con il Kg-1 per
principalmente ai cosiddetti corsi ambientali (corso basico di alpinismo, corso basico di sci e sci- 4-5 volte. A questo punto, loperatore asciuga
alpinismo, corso anfibio, corso aviolanci con la tecnica della caduta libera, corso sub per forze speciali definitivamente la canna e passa una
che include labilitazione allimpiego di autorespiratori a ossigeno) svolti nelle scuole di specializzazione pezzuola impregnata di olio protettivo Kg-4.
dellesercito (Cealp e Capar) La pulizia sul campo, invece, viene effettuata
e della marina militare passando pi volte il bore snake (funicella di
(Comsubin). tessuto contenente piccole spazzole di bronzo)
Al termine delliter formativo, allinterno della canna.
(su 100 aspiranti che si
presentano, dopo due anni ne
escono meno di 20 qualificati
incursori), il personale riceve il
brevetto di incursore ed andr
ad alimentare il battaglione
incursori. In tale ambito
la formazione continua con
attivit di specializzazione
avanzate in funzione degli
incarichi da ricoprire allinterno
dei distaccamenti operativi
(Haho/Halo, Fac, Medical, Incursore dellallora 9 battaglione impiegato come sharpshooter
Sniper, Breacher, operatore in Libano nel 1982. Rosata a 200 metri con Sako Trg 42 calibro .338
Close protection team, corsi Lapua e munizioni Fiocchi Exo con palla di 300 grs.
di istruttore sci, alpinismo, tcl, eccetera) e si perfeziona attraverso la partecipazione alle molteplici Questa la precisione richiesta ai tiratori del Nono.
missioni allestero e agli addestramenti congiunti con forze speciali italiane (il gruppo operativo incursori
della marina militare, il 17 stormo dellaeronautica militare e il Gis dei carabinieri, con le quali il 9,
grazie al coordinamento del comando interforze per le operazioni delle forze speciali, opera e si addestra
quotidianamente) e straniere, nonch a corsi professionali specifici tra cui quelli svolti negli Stati Uniti
e presso il Nato special operations headquarter in Belgio.
Una vita ricca di soddisfazioni, a fronte di grandi sacrifici, fatiche, periodi lontani dalle famiglie e rischi
sia in addestramento sia in operazioni. A copertura dei maggiori rischi e dei maggiori disagi connessi
con la specificit e unicit delle attivit condotte dal personale del reparto, gli incursori percepiscono
indennit non trascurabili, che vanno anche a contribuire alla formazione del trattamento di quiescenza.
Per il personale ancora non in servizio permanente, il conseguimento del brevetto da incursore costituisce
un vero e proprio trampolino di lancio per il passaggio in servizio permanente effettivo.
Rosata a 200 metri con Mark 11 con moderatore
Informazioni generali sul reclutamento al 9 Col Moschin sul sito dellAssociazione nazionale incursori di suono e munizioni Exo con palla Sierra di 175 grs.
esercito (www.incursoriesercito.com).

pi contenuti come la figura umana, spe- mostrano caratteristiche tali da consentire


cialmente al limite del chilometro e mezzo. ingaggi sicuri sulle massime distanze anche
Proprio per questo, il reggimento sta in condizioni atmosferiche sfavorevoli,
testando a fondo, anche in teatri operativi, quando i calibri minori mostrano i propri
altri tipi di armi che consentano un livello limiti. Rispetto al Barrett, garantiscono una
di precisione superiore nel tiro di interdi- migliore costanza e una pi sostenuta
zione ai piccoli bersagli. Per quanto capacit di raggruppamento dei colpi,
riguarda il calibro .50, i tiratori stanno lavo- grazie al sistema di chiusura a otturatore
rando su due armi dalle caratteristiche girevole-scorrevole di tipo manuale, senza
notevoli: il Pgm Hecate II e lAccuracy masse in movimento e sistemi di recupero Rosata a 200 metri con Accuracy international
Arctic Warfare .50. Questi sistemi darma gas. Ma grazie anche alle munizioni sele- Aw calibro .338 Lapua e munizioni Fiocchi Exo.

138 ARMI E TIRO 07/2012


Lautore con parte del gruppo
dei tiratori che ha preso parte
alle sedute di allenamento,
unesperienza incredibile
con uomini speciali che ben
poco hanno da invidiare
ai pi blasonati reparti dlite
stranieri.

zionate per il tiro di precisione con palla


Lapua monolitica (coefficiente balistico G1
di ben 960 punti) e velocit alla bocca di
circa 820 m/sec. Entrambe le armi si sono
rivelate eccellenti, ma ci sembrato che
il Pgm fosse ritenuto leggermente pi pre-
ciso rispetto allAccuracy: un difetto del
francese sta nel fatto che non predispo-
sto al montaggio di rail supplementari.
Questi fucili sniper in calibro .50 sono armi
Rosata a 200 metri con carabina Gac Rosata a 300 metri con il Sako Trg 42 dalle potenzialit elevatissime che possono
calibro .408 Chey-tac e munizioni e munizioni Fiocchi Exo. mettere fuori combattimento bersagli
Fiocchi con palla Lutz Moeller monolitica. morbidi protetti da strutture murarie e
bersagli duri come autoblindo o stazioni
La sagoma
radar sino al limite dei due chilometri a
ribaltabile
autorisalente seconda del tipo di munizionamento adot-
a batteria, tato. Lunico difetto il peso, che si aggira
un sistema intorno a 15 chilogrammi, poco adatto a
molto valido missioni di infiltrazione a lungo raggio per
Sagoma che rende lunghi periodi. Il reparto sta sperimentando
a 750 metri. molto istintivo un nuovo fucile pi leggero e manegge-
lingaggio del
bersaglio e che vole, ma dotato di una balistica esterna
non consente ancora pi spinta e, forse, pi adatto allin-
errori gaggio di bersagli morbidi: un .408 Chey-
di valutazione. tac prodotto dalla Grande armeria camuna,
con munizionamento sperimentale Fiocchi
con palla Lutz Moeller monolitica di 419
La sagoma Sagoma
grs. Larma proposta con soppressore e
terrorista posta a mille metri.
sulla finestra Tra i molti colpi con freno di bocca (ma prevista anche
di un rudere al limite di .338 Lapua la versione senza) a pi camere e rimane
degli ottocento magnum c perfettamente gestibile nel tiro celere con
metri, una delle pi anche qualche riarmo veloce. La scelta del nuovo calibro
ostiche a causa del hit fatto stata fatta in funzione della necessit di
particolare effetto col . 308, un gran allungare il raggio di azione sino a due
ottico e delle bel risultato
correnti daria poco viste le correnti chilometri per il tiro su bersagli morbidi.
prevedibili (in ogni daria che La precisione ci parsa eccellente e larma
caso morta attraversavano ha realizzato ripetuti hit sulla distanza
parecchie volte). la vallata. di un chilometro gi nei primi ingaggi.
07/2012 ARMI E TIRO 139