Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Diocesi

Attualit

11

Cesena

Gioved
15 settembre 2016
anno XLIX (nuova serie)

numero 33 - contiene I.P.


euro 1,30

33
14

Gambettola

16

In Diocesi
tre appuntamenti
da fare propri

Dal terremoto
allinizio
della scuola

Maurizio Bufalini
Un patrimonio
per la citt

Fulgor, un centro
polivalente
per la comunit

accolta pro terremotati,


Assemblea degli opeR
ratori pastorali e incontro

giorno di lezione
per i bambini di AmaPtrice,rimo
duramente colpita

on la vicina Biblioteca Malatestiana poC


trebbero nascere progetti

omenica 25 settembre
lnaugurazione dei rinD
novati spazi parrocchiali.

con larcivescovo di Torino


Cesare Nosiglia

dal sisma. Il racconto di


tante emozioni

condivisi. La proposta di
Daniele Vaienti

Comprendono la cucina e
una sala modulabile

Editoriale
Un eloquente gesto di prossimit

ALZHEIMER, demenze e anziani. La parola ai medici, alle famiglie e alle associazioni

di Francesco Zanotti

na colletta straordinaria. quella che si


terr domenica prossima in tutte le
chiese in Italia. Anche nella nostra
Diocesi si svolger questa raccolta del tutto
particolare in favore delle popolazioni del
Centro Italia colpite dal terremoto del 24
agosto. Il rischio quello di fare labitudine,
anche alle tragedie pi tremende. Tutto passa
e a tutto ci si abitua, purtroppo.
Ecco perch domenica molto importante
che il gesto venga avvertito e sia davvero
sentito. Non per dovere, si intende, ma per
volont. Direi di pi, per desiderio. Per
laspirazione di mettere insieme quello che si
ha, anche fossero i pochi euro che ciascuno
pu donare. Non ha importanza il quantum.
Hanno importanza, crediamo, il come,
lapproccio, la condivisione di cui spesso
parliamo ma che molte volte, invece, non
pratichiamo.
Quella terribile notte dagosto anche i nostri
letti hanno ballato. Quasi tutti abbiamo
compreso che probabilmente qualcosa di
poco bello doveva essere successo da qualche
parte, nella nostra martoriata Italia. Nel giro
di poche ore abbiamo immediatamente
compreso che la tragedia cera e non era
neppure di poco conto. Cos, purtroppo
successo.
Ora, al dolore e alla disperazione dei primi
momenti deve subentrare la volont di
ricominciare, come gi accaduto con gli
studenti nella scuola di Amatrice. Un segno,
un gesto tangibile di una rinascita possibile, a
cui nessuno deve rinunciare. Come si stanno
risollevando quelle popolazioni, cos anche
noi siamo chiamati a compiere la nostra parte.
La mobilitazione popolare a favore delle
popolazioni del Centro Italia vittime del sisma
ha mostrato e continua ancora a mostrare
il volto pi bello dellItalia, ha scritto Daniele
Rocchi in una nota dellagenzia Sir pubblicata
marted scorso. La priorit ha proseguito -
restare in costante ascolto dei bisogni che
man mano emergono per poter concordare
interventi mirati, nella consapevolezza di un
contesto in continuo mutamento.
Lappuntamento con la colletta che si terr
domenica in tutte le chiese vuole essere un
gesto concreto di amicizia, di stima e di
solidariet. Vuole essere lavvio di un percorso
da condurre insieme, anche se ognuno
rimane a casa propria. Ma il cuore che deve
rimanere in quelle vie devastate, in quelle
abitazioni sventrate, in quei volti impolverati
e impauriti. Non possiamo fare finta di niente.
In un mondo in cui tutto scivola nel volgere di
pochi giorni, la comunit cristiana chiamata
a farsi prossima, compagna di viaggio.
chiamata a non fare sentire soli quanti sono
rimasti senza nulla, ma hanno ancora la
speranza. A ciascuno di noi il compito di
alimentarla con un gesto di tangibile carit.

Pennellate
di nuova vita

ATTIVIT DI ARTE TERAPIA


ALLINTERNO DEI LABORATORI RIATTIVAMENTE
ORGANIZZATI DALLASSOCIAZIONE AMICI DI CASA INSIEME

Domenica 18 settembre nel Cesenate si terr la 5 edizione della Maratona


Alzheimer, evento sportivo e solidale organizzato dallAssociazione Amici di
Casa Insieme. Si parte dalla collina, da Mercato Saraceno, per arrivare al mare,
al parco di Levante di Cesenatico. Pi di 50 le associazioni coinvolte, pi di
4mila i partecipanti che potranno scegliere tra le tante corse e camminate
proposte (anche nei giorni precedenti la Maratona). Un appuntamento che
giunge in prossimit della Giornata mondiale dellAlzheimer, il 21 settembre
prossimo. Nel Cesenate che conta pi di 46mila persone sopra i 65 anni, il 7
per centro ha disturbi neuro-cognitivi. Di queste il 70 per cento ha lAlzheimer,
malattia destinata ad aumentare con linvecchiamento della popolazione.
Primo piano alle pagg. 4 e 5

Parrocchie

13 Cesenatico

Festa a San Rocco,


a San Pio X
e a Macerone

Valle Savio
Lago di Quarto
Una pulizia
possibile

15

Pesca e acquacoltura
Il Comune
si mette in rete

17 Alfero

23

La comunit
saluta il parroco
don Edero Onofri

Opinioni
re
11 settemb
2001

Linizio della guerra mondiale a pezzi

QUASI 3MILA FURONO I MORTI DEGLI ATTENTATI IN USA NEL SETTEMBRE 2001
(FOTO AFP/SIR)

ono gi passati quindici anni da quel giorno che molti in Occidente ricordano come se fosse
accaduto un mese fa. Chi nel 2001 seguiva la politica internazionale si ricorder che allepoca il
dibattito era quasi totalmente monopolizzato dal tema della globalizzazione economica. Il G8
di Genova si era tenuto pochi mesi prima e a dieci anni dalla fine della Guerra fredda gli analisti erano
in cerca di una chiave interpretativa altrettanto semplice, seppure diversa, che desse un senso a tutto il
sistema internazionale. La politica e soprattutto la guerra sembravano destinate a scomparire dal
grande scacchiere mondiale. Le guerre civili e i conflitti etnici degli anni Novanta erano stati tragici
incidenti, ma la tendenza generale, seppure non dichiarata apertamente, era quella di considerarli
episodi strettamente locali.
Molti non vedevano che una volta saltato il tappo del confronto fra le due superpotenze si era scoperta
una pentola in piena ebollizione.
Diseguaglianze economiche, discriminazioni politiche, tensioni etniche, regimi dittatoriali e corrotti
concorrevano a sfaldare il sistema internazionale sul piano politico, mentre i flussi commerciali e
dinvestimenti tendevano a connetterlo sul piano economico.
La guerra mondiale a pezzi cos ben descritta da Papa Francesco era gi iniziata oltre quindici anni
fa. Con gli attentati di Al Qaeda negli Stati Uniti si rivel a tutto il mondo. Da quel giorno il terrorismo
diventato un fenomeno tipico del nostro tempo, una preoccupazione che si affaccia quasi
quotidianamente nelle nostre vite, un filo che ci lega ad allora e contribuisce a fare di questi anni un
lungo presente.

Con gli attentati negli Stati Uniti, Al Qaeda si rivel a tutto il mondo. Da quel giorno il terrorismo diventato
un fenomeno tipico del nostro tempo, una preoccupazione che si affaccia quasi quotidianamente
nelle nostre vite, un filo che ci lega ad allora e contribuisce a fare di questi anni un lungo presente

Muro di Calais e isola isolata


Migranti sgraditi
e inglesi prigionieri di se stessi
I muri delimitano, difendono, preservano. Ma, allo stesso
modo, i muri chiudono, ingabbiano, dividono. Fanno
sentire (relativamente) sicuri, ma di certo non
accrescono le amicizie, non aiutano a coltivare relazioni,
non costruiscono n alimentano le identit. Vale per una
famiglia che si rintana dietro la porta di casa, tra quattro
mura; vale per una nazione che erge barriere di cemento e
filo spinato per evitare invasioni, vere o presunte.
Il muro che Londra vuole costruire lungo lautostrada per
Calais vorrebbe essere una risposta agli arrivi di migranti che,
fuggiti da Africa o Medio Oriente, attraversano mari e terre
con il mito dellEuropa del nord
dove son convinti di trovare una civilt ricca, accogliente,
moderna, paladina di democrazia e diritti, che apre le braccia
a chi scappa dalla morte. I fuggiaschi sbagliano, si illudono.
Daltro canto i britannici, e non solo loro, non hanno affatto
voglia di condividere la loro ricchezza, sicurezza e modernit
con chi bussa alla porta di Calais o di Dover. Cos, dopo i
contestati muri in Ungheria, Austria, Grecia, Bulgaria, dopo
le chiusure in Croazia, Slovenia, Polonia, Repubblica ceca,
Slovacchia, ecco che una nuova trincea solca lEuropa.
La questione riguardante larrivo in massa di migranti e
richiedenti asilo davvero complessa e sostenere solamente
posizioni di principio accoglienza senza limiti oppure
respingimenti senza eccezioni non ha senso, non produce
effetti efficaci, non risolve il problema. I numeri degli afflussi
sono cresciuti in modo esponenziale e si consolida
limpressione che bisogna fare qualcosa. Occorrono regole
condivise, pragmatismo, organizzazione, tanti soldi; il tutto
unito a una certa dose di comprensione dei drammi che
unampia parte di umanit sta vivendo in varie regioni del
mondo oggi, anno 2016.
A nulla servono, come spiegano tutti gli esperti di geopolitica,
sbarre, fili spinati, muri: lumanit in movimento e occorre
che i Paesi di transito e destinatari dei flussi si rimbocchino le
maniche. Non senza rinunciare a tutelare i propri cittadini, la
sicurezza interna, il benessere costruito a fatica. Servono poi
interventi a monte, sul versante della cooperazione e
politiche di sostengo allo sviluppo dei Paesi di origine delle

Gioved 15 settembre 2016

La fotografia
Reshma Qureshi, 19 anni, una
donna indiana sfregiata con
lacido dal cognato per aver difeso
la sorella. Ha sfilato venerd scorso
come modella sulla passerella
della moda di New York. Anche se
ha un occhio cieco e il viso
deturpato ha avuto il coraggio di
sfidare ogni pregiudizio per
sensibilizzare su un fenomeno
inquietante: secondo lorganizzazione britannica Acid survivors
trust international le aggressioni
con lacido colpiscono ogni anno
1500 donne nel mondo, la maggioranza in India. LItalia non ne
immune, come testimoniano
alcuni tristi casi di cronaca degli
anni passati.
migrazioni, per fare in modo che i popoli possano vivere dignitosamente, in
pace e sicurezza, a casa loro. Non devono per mancare, sul versante
europeo, una sana dose di responsabilit condivisa e un minimo di
solidariet, con le quali sarebbe possibile attutire londa durto dei profughi.
LItalia qui ha molto da insegnare, nonostante al suo interno risuonino voci
contrarie al senso di umanit che ha sempre intessuto litalianit.
Resta, per, il muro di Calais. Per ora innalzato a barriera contro i migranti.
E se domani ai confini inglesi venissero fermati anche polacchi e ungheresi,
greci e spagnoli, italiani e tedeschi? E se, per converso, da questa parte del
continente si ergessero barriere rivolte ai sudditi di sua maest, alle merci
Made in United Kingdom, ai servizi finanziari della City?
Nel 1989 lEuropa intera aveva inneggiato al crollo di ogni cortina che aveva
fino allora diviso popoli e Stati e allimplosione di regimi fondati sulla paura e
il sospetto.
Oggi, a est e a ovest della vecchia Cortina di ferro, risorgono sentimenti di
divisione e paura, assieme a nuovi egoismi politici e sociali. Ripensando al
Muro di Berlino ci si domanda ancora chi fosse davvero prigioniero: i
cittadini di Berlino ovest, scomodo avamposto delle societ democratiche,
oppure i tedeschi dellest, comunisti al servizio di Mosca, che avevano eretto
il recinto? E oggi, con la barriera a Calais, i reclusi saranno i migranti che si
accalcano sulle rive della Manica assieme agli europei continentali, oppure i
britannici, autoesclusisi dallUnione europea e oggi rintanati nel loro per
ora splendido isolazionismo?
Gianni Borsa

Dal 2001 anche completamente cambiata


lattenzione dei governi e delle opinioni
pubbliche occidentali nei confronti
dellIslam. Prima solo gli specialisti si
interessavano al fenomeno del
fondamentalismo islamico, mentre oggi
ciascuno di noi si preoccupa per gli attentati
organizzati da reti terroristiche
transnazionali che propugnano la jihad e si
interroga sullintegrazione delle comunit
islamiche in Europa e in Italia.
Anche la radice di questo fenomeno affonda
negli anni che vanno dalla fine della Guerra
fredda all11 settembre 2001. Venuto meno il
sostegno e la protezione delle due
superpotenze, molti stati clienti videro
indebolirsi le loro strutture istituzionali,
piagate dallinefficienza e dalla corruzione,
sormontate da governi invisi alle proprie
popolazioni. Altri stati colsero loccasione
della maggiore libert concessa loro dal
nuovo sistema internazionale per
propagandare direttamente o
indirettamente unideologia di matrice
religiosa che tracciava la strada per cambiare
con la violenza uno status quo percepito da
molti in Medio Oriente come fonte di
discriminazione, diseguaglianza,
frustrazione. Imam fondamentalisti
iniziarono cos a propagarsi per il Medio
Oriente e per le periferie delle grandi citt
europee, dove con gli imperi coloniali prima
e i flussi migratori poi si sono formate
ingenti comunit islamiche non sempre ben
integrate.
questa tuttoggi la questione del rapporto
fra noi e lIslam, di cui dovremo continuare
a occuparci con attenzione e saggezza anche
dopo che lIsis sar sconfitto nella sua forma
territoriale.
Se vogliamo uscire dal lungo presente
iniziato quindici anni fa, dobbiamo agire sia
sul fronte interno che su quello della politica
estera. In Europa e nel nostro Paese
dobbiamo riscoprire e difendere la nostra
identit culturale e religiosa, ma allo stesso
tempo lottare contro le discriminazioni. Le
leggi devono essere rispettate da tutti, cos
come i principi che le ispirano, ma allo
stesso tempo dobbiamo evitare
ghettizzazioni e costruire una societ in cui
ci sia spazio anche per chi si professa
musulmano. Sul fronte esterno, necessario
rimediare ai molti errori commessi negli
ultimi quindici anni, iniziando finalmente a
ricostruire, invece di continuare a
distruggere. indispensabile favorire
lapertura dei regimi mediorientali e
nordafricani, sostenendo fattivamente chi,
come la Tunisia, sta facendo grandi sforzi in
quella direzione. Senza investimenti
massicci dallaltra parte del Mediterraneo,
sia sul piano politico che su quello
economico, otterremo solo soluzioni
tampone. LEuropa deve tornare quel faro di
libert e giustizia che pu essere, capace di
affascinare persone di culture e fedi diverse
e di illuminare la propria radicale differenza
rispetto a progetti politici basati sulla
violenza e la schiavit.
Stefano Costalli

Gioved 15 settembre 2016

Primo Piano

La testimonianza di chi ha vissuto con una persona da accudire.Mia madre malata per 19 anni. Le cure di mio padre le hanno allungato la vita

Oltre al male, combattere una solitudine invadente


M

ia mamma ha avuto per diciannove


anni il morbo Alzheimer. Un
percorso pi lungo del solito e di
conseguenza pi duro, soprattutto per chi,
come mio padre, lha quotidianamente
accudita: e forse proprio le sue cure hanno
permesso a mia mamma di vivere tanto. Un
morbo talmente capace di stravolgere,
dunque, colpisce non una sola persona, ma
chiunque si prenda in carico limpegno di
assisterla. Le difficolt sono di due ordini.
Prima di tutto lAlzheimer una malattia
progressiva, chi ne affetto, cio, perde pian
piano la memoria, prima a breve termine,
poi tutta, persino quella dei gesti pi comuni (mangiare, cura di s), infine ogni
autonomia fino allimmobilit quasi totale. Chi li ha in carico, perci, costretto
a cambiare col mutare della malattia stessa. Allinizio si vedr non riconosciuto
dal caro ammalato, che perde la cognizione dei nomi, delle parentele, delle
amicizie. Questo uno strappo gi doloroso, spesso traumatizzante, ci si pu
star di fronte solo tenendo in mente che non dipende da scelte personali, ma

dallinesorabile progredire del male. Spesso


proprio i primi tempi sono i pi duri per chi sta
vicino a un malato, e si sa di persone che
ritengono quasi imperdonabile, come fosse
una colpa, la crudele dimenticanza o la
stranezza di improvvisi vuoti di memoria. I
primi tempi, poi, sono anche i pi difficili dal
punto di vista della sorveglianza: nei malati la
memoria va e viene e spesso, rendendosene
conto, possono reagire in modo aggressivo,
persino fuggire, per poi trovarsi sperduti in
luoghi che non riconoscono pi, col rischio
della loro incolumit. Poi questo rischio si
attenua, la persona malata si calma: pi facile
accudirla e sorvegliarla, potrebbe sembrare un
bene, ma invece segno del progressivo
distacco dalla coscienza e dallautonomia.
Tanto che lultimo periodo lo passa
nellimmobilit, su un letto o un divano, e nella
perdita totale di autonomia di movimento e di

I grandi nemici
della memoria?
Conosciamoli

statistiche ai primi posti come sofferenti


questa patologia sono operai e agricoltori.
Mentre i lavori pi protetti sono quelli degli
assistenti sociali, psicologi, e insegnanti.
In Italia ci sono un milione di persone con
demenza. E un problema sociale non da
poco perch ha dei costi di gestione, diretti
e indiretti, altissimi: un malato di demenza
pu venire a costare fino a 50 mila euro
allanno.

A colloquio col dottor Giovanni Giannelli,


neuropsichiatra dellAusl di Cesena e responsabile
del Centro demenze dellAusl di Cesena

LABORATORI ORGANIZZATI
DA CAIMA

on il dottor Giovanni Giannelli, neuropsichiatra e responsabile del


Centro demenze dellAusl di Cesena siamo entrati nel merito della
malattia.

Dottor Giannelli, pu tracciare un quadro della situazione dei malati del


nostro territorio?
I disturbi cognitivi si evidenziano soprattutto dopo i 65 anni di et. I casi sotto
i 65 anni (demenze pre senili) sono un numero limitato. Si tratta di un 5% di
tutte le demenze che troviamo nel nostro territorio. Di solito le demenze
presenili hanno una componente genetica.
In un comprensorio come quello di Cesena che conta circa 46.500 persone
sopra i 65 anni, il 7% circa ha disturbi neuro-cognitivi. Di questi il 70% ha
lAlzheimir, laltro 30% ha altri tipi di demenze. Di solito lAlzheimer la
demenza che ha la progressione meno grave. Sono pi aggressive le altre
forme.
Quando diciamo Alzheimer di cosa parliamo?
La caratteristica principale che la persona che ne affetta perde molto
lentamente la memoria. I primi segni cognitivi sono di solito legati alla
perdita della memoria recente e immediata con disturbi dellattenzione e,
sempre di pi, della personalit. Il malato comincia ad avere comportamenti
che non sono pi quelli originali: marcata irritabilit, disturbi del sonno,
comportamenti pi aggressivi. E che tendono ad aggravarsi nel tempo,
diventando veri disturbi comportamentali. Una persona inizia ad avere
comportamenti diversi dal suo solito in senso peggiorativi, anche deliri.
Quali sono i veri nemici della memoria?
Diabete, depressione (chi ha gravi disturbi depressivi molto spesso scivola
nella demenza), ipertensione, disturbi dansia, rumore ambientale (molto
rumore fa male), le patologie dentali (ligiene orale molto importante perch
si pensa che una causa della demenza siano fattori infiammatori),
ipercolesterolemie, sedentariet, e un basso livello di istruzione. Nelle nostre

Quali terapie propone la medicina?


Abbiamo delle terapie convenzionali che
hanno un buon risultato soprattutto nelle
demenze senili. Al momento stiamo
utilizzando quattro farmaci, e sono
discretamente efficaci nelle forme senili.
Sono in fase di sperimentazione due nuovi
farmaci, sono prodotti che attaccano la
proteina tau. Le terapie non convenzionali
sono a base di fitocomplessi.
Altri fattori sono la
stimolazione
cognitiva, lattivit
fisica, lascolto di
musica, la dieta a base
di pesce, frutta e
verdura, la lettura,
interessi, la cura
delligiene orale, la
cura dellinsonnia e
della depressione. Il
caff unottima
sostanza che ha una
buona azione sulla
memoria.
I malati e le loro famiglie...
ll malato poggia completamente sulla
famiglia. Nel nostro territorio c un circuito
che prevede linterazione tra servizi
pubblici, associazioni di volontariato,
Caima, Amici di casa Insieme, i vari comuni
che si fanno carico della non
autosufficienza delle persone e dell
inserimento in centri diurni e in strutture
protette. Esistono corsi per aiutare le
persone e i familiari che si occupano di
malati di Alzheimer, come ci sono corsi di
stimolazione cognitiva che vengono fatti da
Caima insieme a noi e che sono indirizzati
alle persone che hanno problemi cognitivi.
E una sorta di giornata di lavoro in cui si
spiega come tenere attiva la propria mente.
La ricerca dove si sta orientando?
E volta a capire come il nostro cervello va
incontro a questi fenomeni di
degenerazione. Si sa con precisione quali
sono le sostanza che determinano questo
sfascio. Si tratta di proteine tossiche che
inquinano tutti i collegamenti intracerebrali
e che portano alla riduzione del
funzionamento di tutti i circuiti cerebrali. Il
punto centrale della nostra memorizzazione
sta in una parte del cervello che si chiama
ippocampo. Si sta lavorando per cercare di
capire come mai queste sostanze attaccano
il cervello. La ricerca orientata a trovare
sostanze che ostacolino la formazione di
queste proteine tossiche. Si prevede che
possa venire fuori un vaccino contro la
degenerazione indotta da queste sostanze.
Mm

rapporto con tutto. Il secondo ordine di


difficolt per chi assiste un malato la
solitudine: nonostante la buona volont di
associazioni (la Caima a Cesena, per
esempio), parrocchie e volontari, persino
maggiore di tanti paesi europei, la nostra
comunque una societ in cui fare rete,
comunit, solidariet sociale difficile.
Spesso nemmeno allinterno delle famiglie,
per tantissimi motivi, possibile trovare il
sollievo di pi di qualche momento di aiuto
settimanale. Ci non riguarda soltanto i
familiari di malati di Alzheimer: cos che
abbiamo costruito il mondo in cui viviamo e
in cui chi vive in una periferia (per citare il
Papa), come lo sono sicuramente le famiglie
dei malati di Alzheimer, deve combattere,
oltre che col male, con una solitudine
invadente e nefanda.
Gianfranco Lauretano

Prevenzione e non solo

Lattivit di Caima
Accanto ai malati
e ai familiari
Lassociazione Caima da quattordici anni attiva
nel Cesenate a sostegno delle famiglie e dei
malati di Alzheimer con progetti e iniziative. Nel
2015 sono stati quasi 850 gli utenti che hanno
partecipato alle attivit promosse volte a diversi
soggetti interessati.
Per i malati di demenza non esiste ancora cura,
ma gli studi scientici hanno evidenziato
signicativi rallentamenti del progredire della
malattia grazie alla stimolazione sia sica che
cognitiva.
Divese le attivit che verranno organizzate nei
prossimi mesi: in programma quattro corsi di
stimolazione cognitiva e un laboratorio
occupazionale.
Per i familiari verranno organizzati un corso
informativo sulla malattia, due corsi sulla
stimolazione cognitiva a Cesena e sette serate
pubbliche a Cesenatico con diversi professionisti
(psicologi, medici, sioterapisti, avvocati,
assistenti sociali) impegnati a spiegare cosa fare
di fronte alle difficolt che si possono incontrare
quotidianamente vivendo con un malato.
Oltre a questo verranno organizzati anche un
gruppo di sostegno psicologico, un gruppo di
auto-mutuo aiuto serale, le consulenze legali per
i familiari e il punto di ascolto psicologico.
Per gli anziani sani, al ne di promuoverne il
benessere e prevenire la malattia, sono in
previsione due corsi di ginnastica per la
memoria: a Gattolino e a Macerone. Questi
interventi psico-sociali mirano a incentivare gli
adulti sopra ai 65 anni a mantenersi attivi e
avere uno stile di vita sano, al ne di prevenire il
pi possibile linsorgere della malattia, la cui
incidenza pi accentuata in anziani
cognitivamente e sicamente meno attivi.
Caima, insieme allassociazione Penelope, si
occupa anche di fornire localizzatori Gps, per
ritrovare gli anziani disorientati che tendono ad
allontanarsi da casa, mettendosi in potenziali
situazioni di pericolo. Il progetto nato grazie al
contributo della Fondazione Cassa di Risparmio
di Cesena e Fondazione Romagna solidale.
Dal 2015, grazie al contributo della Fondazione
Romagna Solidale, attivo il progetto "Venere",
ovvero la fornitura gratuita di ore di sollievo ai
familiari che assistono un malato al domicilio.
Prevede linvio di un educatore o un operatore
socio sanitario a casa per assistere il malato in
vece del familiare, con la possibilit di avere uno
psicologo. Il progetto reso possibile anche
grazie alla collaborazione con i Servizi sociali
dei Comuni del territorio e con la cooperativa
Cad.
Tutte le attivit sono possibili e realizzabili con il
contributo di numerosi volontari che da anni si
dedicano con passione e impegno alle iniziative
dellassociazione, offrendo il loro aiuto con
grande senso di altruismo e in modo gratuito.
Sostanziali anche le donazioni e i versamenti del
5 per mille.
PER INFO: associazione Caima in via Gadda, 120
Cesena (zona Case Finali), tel. 0547 646583,
aperta tutti i luned e venerd dalle 9,30 alle
11,30 e il mercoled dalle 15 alle 17;
associazione.caima@virgilio.it.

Primo Piano

Gioved 15 settembre 2016

ALZHEIMER. Intervista a Stefano Montalti, presidente dellassociazione Amici di Casa


Insieme e ideatore della Maratona in programma per domenica 18 settembre

Rompere il muro del silenzio


La Maratona e il cuore
di tutto il Cesenate

omenica prossima,
18 settembre, il
territorio cesenate,
dalla collina al mare, sar
protagonista di quello che
ormai diventato un
appuntamento fisso di
settembre, la Maratona
Alzheimer, evento sportivo e
solidale organizzato
dallassociazione Amici di Casa
Insieme di Mercato Saraceno. Si
tiene in questo periodo anche
per la prossimit con la
Giornata mondiale
dellAlzheimer, il 21 settembre.
Momenti che ci danno
loccasione per aprire una
riflessione sulla malattia che
colpisce sempre pi persone in
seguito al fenomeno
dellinvecchiamento della
popolazione.
La fondazione di Amici di Casa
insieme risale al 2001, con lo
scopo di supportare i progetti
sullAlzheimer dellIstituto
pubblico di assistenza e
beneficenza (Ipab) Casa
Insieme di Mercato Saraceno.
Compito che stato assolto fino
alla fusione, nella primavera del
2009, dellIpab in una nuova
entit, lAsp Cesena Valle Savio.
Il primo presidente
dellassociazione stato il
senatore Massimo Bonavita,
deceduto il 2 luglio scorso
allet di 67 anni. Dal 2007 il
timone nelle mani del
mercatese Stefano Montalti. Si
avvicinato al mondo delle
demenze durante la sua
decennale esperienza allIpab,
dopo aver notato "la difficolt a
parlare di questa malattia e i
problemi legati
allaccoglienza".
Denominatore comune delle
iniziative portate avanti
dallassociazione la centralit
della persona in difficolt e di
chi se ne prende cura, il rispetto
dei loro bisogni, dei limiti e
delle potenzialit
Di seguito proponiamo una
intervista con Stefano Montalti,
presidente di Amici di Casa
Insieme e ideatore della
Maratona che giunge
questanno alla sua V edizione.

tutto pronto per la 5


edizione della Maratona
Alzheimer, in programma
domenica prossima, 18
settembre. Le gare competitive
saranno il Gran Premio Citt
di Cesenatico di 42 km,
partenza alle 8,30 da Mercato
Saraceno, la Borello-Cesena di
30 km (partenza alle 9) e quella
al Parco di Levante di 10 km
(partenza alle 10). La non
competitiva (16 km) partir
alle 9,30 dallo stadio di Cesena.
Tra le camminate: venerd 16
settembre ritrovo in piazza del
Popolo alle 19,30; sabato 17
partenza dalla Pieve di San
Damiano alle 8. Domenica 18,
la 16 km Cesena-Cesenatico
(partenza alle 8); la camminata
di 8 km ( partenza alle 9,30 dal
parco di Levante): la
passeggiata solidale di 2 km al
parco (partenza alle 9).

Montalti, quali sono le


difficolt di una famiglia che si
occupa di una persona malata
di Alzheimer?
Prima di tutto limpegno
assistenziale, molto forte.
Laspetto economico non
secondario. Inoltre, nonostante
nel nostro territorio ci sia stata
una modifica nellapproccio
delle persone alla malattia,
questa rimane troppo spesso
confinata dentro la famiglia,
segnata da un vero e proprio
stigma sociale. E questo
rimanda anche a un altro tema.
Quale?
Una giusta cultura sulla
malattia. Un esempio: le attivit
dellassociazione si sviluppano
da Cesena, al Rubicone fino
allAlto Savio. Man mano che si
risale verso la montagna si
denota una maggiore resistenza
da parte delle famiglie a far
partecipare i malati a forme di
sostegno e integrazione. Questo
aspetto va vinto perch rischia
di confinare la malattia dentro
il nucleo familiare, rendendola

pi faticosa da accettare e
affrontare. Un atteggiamento di
chiusura rende pi difficile
laccesso alle opportunit
offerte, e ci si riflette in senso
negativo sul malato.
Che tipo di attivit porta avanti
lassociazione?
Il primo impegno, nel 2009,
stato il Caff Alzheimer aperto a
Mercato Saraceno. Da quel
momento abbiamo intrapreso
un itinerario di sviluppo delle
attivit sul territorio cesenate
con lapertura di Convivium a
Cesena. Poi nel 2015 a Sarsina,
abbiamo dato vita ad attivit
legate allarea della
prevenzione: laboratori
RiattivaMente e trattamenti
benessere. Iniziative che hanno
consentito di passare da circa
100 persone che le
frequentavano nel 2012 a oltre
300 nel 2014/2015.
Quali sono, oggi, le urgenze da
affrontare?
Favorire il mantenimento al
domicilio del malato e il ruolo
di chi lo assiste. Aspetto che

Due convegni
per capirne di pi
Il 17 settembre al Roverella e il 2 ottobre a Forl per avere un quadro
aggiornato sugli approcci diagnostico-terapeutici della malattia
e un contributo sul rispetto della dignit della persona

ue convegni per saperne di pi


sulla malattia dellAlzheimer.
Unoccasione per familiari,
operatori e interessati, un quadro
aggiornato sullo stato dellarte degli
approcci diagnostico-terapeutici della
malattia.
I volti dellAlzheimer il titolo
dellevento che si terr sabato 17
settembre alle 15, nella sala conferenze
del Roverella a Cesena. Il convegno offre

rimanda al tema delle


comunit accoglienti. E
necessario fare in modo che le
persone malate siano trattate
come persone, mettendo tra
parentesi la malattia. E giusto
pensare che un benessere sia
possibile anche per loro, che
possano avere una creativit da
esprimere. Un malato di
demenza non si dimentica se
ha imparato a cantare o se in
grado di suonare un pianoforte.
E in grado di mantenere queste
capacit. Ci sono elementi
come musica e canto che
possono avere un ritorno in
termini di autostima. Territori
che sembrano lontani come
quelli dellespressivit artistica
sono invece di grande aiuto per
il benessere di queste persone.
In tutto questo come si
inserisce la Maratona?
La Maratona una corsa
solidale da Mercato Saraceno a
Cesenatico che coinvolge pi di
4mila persone ogni anno.
Quando ho maturato lidea, in
un momento della vita che ha
coinciso con linizio della mia

un quadro aggiornato sullo stato


dellarte degli approcci diagnosticoterapeutici della malattia. Gli esperti
della Cooperativa Sociale Societ Dolce,
del Centro di ricerca e formazione
scientifica, Cerifos, e del Poliambulatorio
Giano, spiegheranno come interventi
sempre pi individualizzati e
multidisciplinari possano tradursi in un
immediato vantaggio per il paziente,
basandosi sui pi recenti sviluppi delle
neuroscienze e della neuropsicologia
conflittuale e come interventi sempre
pi individualizzati e multidisciplinari
possano tradursi in un immediato
vantaggio per il paziente, basandosi sui
pi recenti sviluppi delle neuroscienze e
della neuropsicologia conflittuale. A
moderare lincontro sar Stella Coppola,
responsabile Area centro cooperativa
sociale societ Dolce. Il programma
prevede il saluto di Simona Benedetti,
assessore Sanit e Servizi Sociali del
comune di Cesena.
Un secondo momento di riflessione e
aggiornamento in programma

attivit podistica, si sono


intrecciati molteplici aspetti:
rompere il muro di silenzio
attorno alla malattia attraverso
questa grande partecipazione
di popolo, e proporre la pratica
sportiva come prevenzione
della stessa. Un aspetto,
questultimo, attestato da studi.
Ricordo ancora che abbiamo
accompagnato la prima
edizione del 2012 a un
convegno con la dottoressa
Francesca Racioppi
dellOrganizzazione mondiale
della sanit. Ci port dati
incontrovertibili sul valore,
nella prevenzione delle
demenze, dellattivit fisica.
Laltro aspetto legato alla
Maratona la chiamata a
donare per supportare
lassociazione Amici di Casa
Insieme nel territorio cesenate,
e avviare progetti di pi ampio
respiro che abbiano valore per
tutta la rete delle
associazioni Alzheimer.
Vorremmo trasformare questo
evento sportivo e solidale in
una piattaforma permanente di
convergenza del mondo
Alzheimer sugli obiettivi di
assistenza, ricerca,
prevenzione.
Quali obiettivi e per la
Maratona del prossimo 18
settembre?
Sostenere lo sviluppo del
progetto "Fondo Alzheimer
360", un salvadanaio
permanente a favore di progetti
di assistenza, prevenzione e
ricerca scientifica portata
avanti dalla fondazione Iret di
Ozzano dellEmilia con la quale
collaboriamo. Il fondo
alimentato dallimpegno dei
Runner solidali coordinati da
Maratona Alzheimer Asd e da
donazioni presso gli sportelli
Unicredit della Romagna.
Inoltre ledizione 2016 vuole
raccogliere fondi per finanziare
laboratori benessere in diverse
realt regionali e una borsa di
studio di un anno per un
ricercatore della Fondazione
Iret.
Michela Mosconi

domenica 2 ottobre (alle 10).


#MaratonaAlzheimer: una corsa
oltre la corsa, il titolo dellincontro
che si terr a Forl presso la Chiesa di
San Giacomo. Un evento a cura
dellassociazione Amici di Casa
Insieme. Un contributo sul tema del
rispetto della dignit della persona
malata. Il programma inizia con una
lettura della scrittrice Tonina Facciani
e le musiche del maestro Christian
Ravaglioli. Verranno proiettate le foto
che un malato ha scattato con una
macchina fotografica in mano. In
seguito, dialogo con Giorgia Battelli
(animatrice), Marco Trabucchi
(presidente Societ di Psicogeriatria
Italiana), Paolo Celli (Fondazione
Iret), un ricercatore della Fondazione
Iret, Monica Fantini (ideatrice
Settimana del Buon Vivere), Eugenia
Danti (presidente La Rete Magica),
Riccardo Marini e i Runner solidali,
Michela Mariani (fotografa), Stefano
Montalti (ideatore Maratona
Alzheimer).

Vita della Diocesi

Gioved 15 settembre 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Comitati Nazarat, preghiera davanti al Duomo


Recita del Rosario e testimonianze di cristiani perseguitati
Appuntamento a marted 20 settembre alle 19
Prosegue anche a Cesena lesperienza dei Comitati Nazarat
(cos vengono chiamati i cristiani dallIsis) che da quasi tre
anni si trovano il 20 di ogni mese in piazza a recitare il
Rosario e ad ascoltare testimonianze di cristiani perseguitati.
Liniziativa, partita da alcuni di Rimini, oggi si allargata a
molte citt italiane ed europee e a 13 monasteri di clausura.
Mercoled 20 settembre alle 19, in piazza Giovanni Paolo II a
Cesena, preghiera del Rosario. A seguire, testimonianza.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Siamo tutti amministratori dei beni ricevuti
Domenica 18 settembre (Anno C)
25 domenica Tempo Ordinario
Am 8,4-7; Sal 112; 1Tm 2,1-8; Lc 16,1-13

l Vangelo della XXV domenica del tempo


ordinario ci propone una parabola di Ges fra le
pi difficili da comprendere. Il Signore prende
spunto da un fatto frequente nel mondo di allora
come oggi. Un amministratore si trova di fronte a
una verifica del suo operato e deve affrontare la
prospettiva del suo licenziamento. La stranezza, a
prima vista, sta nella lode del padrone
allamministratore che cerca di risolvere la sua
situazione imbrogliando ancora e sembra venga
anche presentato come modello da Ges. Si tratta
di una parabola non di un insegnamento da
prendere alla lettera. chiaro che il
comportamento del protagonista viene
disapprovato, tanto vero che definito in
maniera esplicita disonesto. Un primo aspetto
che il Signore ci presenta come esempio da seguire
innanzitutto labilit e la prontezza con cui
lamministratore riesce a cavarsela. Losservazione
di Ges, I figli di questo mondo, infatti, verso i loro
pari sono pi scaltri dei figli della luce, ci fa
riflettere: troppo spesso il male fatto bene, con
impegno, intelligenza mentre il bene fatto male,
senza genialit. Questo giudizio del Signore
molto attuale.
Un secondo insegnamento di questa parabola di
metterci di fronte a Dio nella condizione
dellamministratore infedele. Nessuno di noi
padrone di se stesso, ma siamo tutti
amministratori di doni ricevuti, a cominciare dalla
stessa vita. E anche noi abusiamo spesso della

fiducia di Dio e dovremo renderne conto a


Lui. Don Lino Mancini diceva: Se io non
accetto di essere amministratore compio
un furto: come se rubassi me stesso, rubo
la mia identit. Ges per ci dice che c un
modo per salvarci, ed quello di procurarsi
degli amici che ci accolgano nelle dimore
eterne. un richiamo ad adoperare i nostri
beni per aiutare chi nel bisogno. Donando
agli altri le nostre cose in realt non diamo
del nostro perch tutto dono di Dio. Il
Signore ci presenta poi uno degli ostacoli
pi grandi che frenano luomo nel suo
cammino: la ricchezza, simbolo di una
visione della vita orientata verso le cose
terrene. Lammonimento di Ges severo:
Non potete servire Dio e la ricchezza.
Siamo servitori e dobbiamo scegliere un
signore, vivere per qualcuno. La ricchezza
e le cose del mondo devono servire a noi
per cercare la giustizia e la verit, non
devono essere servite e accumulate da noi.
No alla nuova idolatria del denaro, perch
uno solo il Signore. Papa Francesco,
nellomelia del 21 giugno 2013 presso la
Casa Santa Marta, ha usato una metafora
molto efficace per far capire che ci sono
tesori rischiosi che seducono, ma che la
morte rende inutili: Io non ho mai visto un
camion da trasloco dietro un corteo
funebre. C per un tesoro che non andr
mai perso: Quello che hai dato agli altri.
Lamore, la carit, il servizio, la pazienza, la
bont, la tenerezza sono tesori bellissimi:
quelli portiamo. Gli altri no.
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned
19 settembre
san Gennaro
Pr 3,27-35; Sal 14;
Lc 8,16-18
marted 20
santi Andrea Kim
e compagni
Pr 21,1-6.10-13;
Sal 118;
Lc 8,19-21
mercoled 21
san Matteo
Ef 4,1-7.11-13;
Sal 18;
Mt 9,9-13
gioved 22
san Maurizio
Qo 1,2-11; Sal 89;
Lc 9,7-9
venerd 23
san Pio da Pietrelcina
Qo 3,1-11;
Sal 143; Lc 9,18-22
sabato 24
santa Stefania
Qo 11,9-12,8;
Sal 89;
Lc 9,43b-45

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, Osservanza
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
SantEgidio
20.00 San Giovanni Bono,
Ponte Pietra,
Gattolino, Tipano
20.30 Villachiaviche, San Pio X,
Torre del Moro

Sabato
e vigilie
15.00 Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Cappella cimitero Cesena,
Capp. ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano, San Paolo,
Madonna delle Rose,
San Mauro in Valle,
Diegaro, Borello,
San Giorgio, San Vittore
18.30 Convento Cappuccini,
Case Finali, San Rocco,
San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Osservanza, Villachiaviche
19.30 Bulgarn
20.00 Tipano, Ruffio, Calisese,
Pioppa, Pievesestina,
Ponte Pietra,
20.30 San Pio X,
San Giovanni Bono,
Torre del Moro, Gattolino,
Ronta, Bulgaria

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
Calisese, Torre del Moro,
Gattolino, Bulgaria,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Roversano
8.45 San Martino in Fiume
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina, SantEgidio,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono, Bulgaria
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,
San Domenico,
Osservanza,
Santo Stefano,
San Paolo, San Pietro,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, San Giorgio,
Madonna del Fuoco,

11.10
11.15
11.30

17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

San Mauro in Valle,


Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgarn,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale,
Istituto Lugaresi,
Santa Maria della
Speranza, San Pio X
Cappella ospedale Bufalini
Cattedrale,
San Domenico
San Pietro, San Rocco,
Cappuccini
Osservanza
San Bartolo, Villachiaviche

7,30 Bagnarola;
8 Santa Maria Goretti;
8,30 Sala, Boschetto;
9 Cappuccini,
San Giuseppe;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti;
17,30 Cappuccini;
18,30 San Giuseppe,
Zadina Park Hotel;
21 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)
Cesenatico
Sabato: 17,30 Conv. Cappuccini,
Boschetto,
Santa Maria Goretti;
18,30 Valverde,
San Giuseppe;
20 Sala;
20,30 Santa Maria Goretti;
21 San Giacomo,
Boschetto
Festivi:7 San Giacomo,

Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10 / 11,15 / 18.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo Mare: Sabato 18
20,45; Festivi 7, 8, 9, 11,
18, 20,45
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30

Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe),
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20,30 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18,30 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30
Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /

11 / 18; Casa di Riposo:


ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15;
Balze (chiesa parr): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Eremo di SantAlberico:
domenica, ore 16;
Alfero: 17 (sab.); 11,15;
Pereto: 10;
Riofreddo: 10;
Corneto: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 32 dell8 settembre 2016: 8.946 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di marted 13 settembre 2016

Vita della Diocesi

Gioved 15 settembre 2016

Servizio civile | Il grazie della Pastorale giovanile


Partecipazione
al lutto
Il ringraziamento
del vescovo
Douglas
Fa quel che devi; lavora fedelmente nella mia vigna. Io stesso sar la tua ricompensa. Scrivi, leggi, canta, piangi, taci, prega, sopporta virilmente le avversit:
premio a tutto questo, alle pi grandi lotte, la vita eterna.
(Dall Imitazione di Cristo, Libro III, 47,1)

CONTA SU DI ME! IL NOME DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE A CUI HANNO ADERITO I SEI RAGAZZI CHE NEI GIORNI SCORSI HANNO TERMINATO IL SERVIZIO PRESSO LA PASTORALE GIOVANILE DIOCESANA. Giada Biasini, Filippo Amadori, Ruggero Musti, Vanessa Burnacci, Andrea Jin Chen e
Giacomo Macelletti sono i giovani (tra i 21 e i 27 anni) che hanno concluso lanno di servizio e che i responsabili della Pastorale giovanile hanno ringraziato con una colazione insieme.
Nella foto, i ragazzi insieme a don Marcello Palazzi, delegato vescovile per la Pastorale giovanile, la segretaria Ilaria Grafieti con la figlia Agata, lOlp (operatrice locale di progetto) Lisa Maroni e la responsabile dellaccoglienza in Seminario Francesca Pinto.

Raccolta di offerte per i terremotati,


Assemblea diocesana e incontro con
larcivescovo di Torino monsignor Cesare Nosiglia

In Diocesi
da protagonisti
S

ono tre i momenti forti che la Diocesi di


Cesena-Sarsina vive in questi giorni di met
settembre, con la scuola appena iniziata e le varie
attivit - diocesane, parrocchiane, dei vari gruppi e
movimenti - oramai avviate.
DOMENICA 18 SETTEMBRE
COLLETTA STRAORDINARIA IN TUTTE LE CHIESE
PER I TERREMOTATI IN CENTRO ITALIA
La Diocesi di Cesena-Sarsina aderisce allinvito della
Cei per una raccolta straordinaria di offerte in aiuto alle
popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto in Centro
Italia. Le offerte raccolte domenica 18 settembre in
tutte le parrocchie saranno devolute al fondo
predisposto da Caritas italiana.
La Caritas diocesana di Cesena-Sarsina riferisce che
attiva una raccolta di fondi secondo i consueti canali:
- la segreteria in via Don Minzoni, 25, Cesena;
- c/c postale n. 13243472 intestato alla Caritas
Diocesana Cesena Sarsina;
- c/c bancario, Codice IBAN
IT62B0612023901CC0010012130 - Cassa di Risparmio
di Cesena, causale Terremoto Centro Italia.
ASSEMBLEA DIOCESANA
DEGLI OPERATORI PASTORALI
Domenica 18 settembre alle 15 nella chiesa di
SantAgostino a Cesena, si terr lAssemblea diocesana

Ringrazio anche a nome della mia famiglia della partecipazione al nostro dolore per la morte del caro pap Luigi.
Il ricordo dei nostri Cari, mentre tiene vivo il legame con Loro, ci fa sperimentare
la consolazione dellamicizia e della compagnia di tanti fratelli e sorelle, rende il
vuoto da Loro lasciato meno duro e doloroso e il pellegrinaggio terreno pi leggero e spedito.
+ Douglas Regattieri
Cesena, 6 settembre 2016

Clero, tre giorni


di aggiornamento
Larcivescovo di Torino monsignor Cesare
Nosiglia sar il relatore della riflessione di
apertura della tre giorni di aggiornamento a cui
sono invitati tutti i presbiteri, i diaconi e i
religiosi della Diocesi.
Lappuntamento per marted 20, mercoled
21 e gioved 22 settembre in Seminario, con
inizio alle 9,15. Le sfide pastorali della Chiesa
italiana dopo il Convegno di Firenze il tema
che approfondir monsignor Nosiglia, che
stato presidente del Comitato preparatorio che
ha guidato lo svolgimento del 5 Convegno
ecclesiale della Chiesa italiana, a Firenze nel
novembre scorso.
Mercoled 21 don Armando Aufiero,
responsabile dellassociazione Silenziosi
Operai della Croce proporr la riflessione su:
Leducazione alla fede e la fragilit umana.
Gioved 22 il vescovo Douglas presenter le
Linee pastorali dellanno 2016-2017 Noi
abbiamo un tesoro in vasi di creta. Educare alla
fede nella fragilit.

degli operatori pastorali durante la quale il vescovo


Douglas Regattieri presenter le linee pastorali
dellanno 2016-2017 Noi abbiamo un tesoro in vasi di
creta. Educare alla fede nella fragilit. La Lettera
pastorale sar allegata al Corriere Cesenate la prossima
settimana (n. 34 del 22 settembre 2016).
Alla tradizionale Assemblea di inizio anno pastorale
sono particolarmente invitati i membri del Consiglio
pastorale diocesano e dei Consigli pastorali
parrocchiali, zonali e di unit pastorale, i sacerdoti, i
diaconi, le famiglie religiose, i rappresentanti delle
aggregazioni laicali, gli operatori pastorali parrocchiali.
Monsignor Walter Amaducci illustrer il calendario
pastorale 2016-17. Seguiranno alcune testimonianze.

Al termine dellAssemblea, nella celebrazione del


vespro (ore 17,30), il vescovo conferir il mandato ai
catechisti, animatori liturgici e operatori della carit.
INCONTRO IN SEMINARIO
CON LARCIVESCOVO CESARE NOSIGLIA
"Le sfide della Chiesa italiana dopo il convegno di
Firenze" il tema dellincontro che larcivescovo di
Torino monsignor Cesare Nosiglia terr
nellauditorium del Seminario, a Cesena, luned 19
settembre alle 21.
Monsignor Nosiglia stato presidente del Comitato
organizzatore del Convegno ecclesiale di Firenze.
Lincontro aperto a tutti.

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

PELLEGRINAGGIO GIUBILARE
IN TERRA SANTA
Oo giorni dal 6 al 13 oobre 2016
Passaggio della Porta Santa
nella Basilica del Getzemani
sul Monte degli Ulivi
Trasferimento in pullman per Bologna, aereo da Bologna: Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, i Santuari del Lago di Tiberiade,
Gerico, Betlemme, Gerusalemme.
Pensione completa, ingressi, accompagnatore e guida,
assicurazione sanitaria e annullamento.
Guida spirituale del pellegrinaggio sar don Pier Giulio Diaco,
vicario generale della Diocesi di Cesena-Sarsina
da 1.130 euro

Vita della Chiesa

511 leader
di 9 religioni diverse
Culture in dialogo
dal 18 al 20 settembre

o
c
i
t
s
i
r
a
c
u
e
Congresso

Da Genova
partir unamissionedei giovani

Incontro di Assisi

DAL 15 AL 18 SETTEMBRE
Le offerte della Messa finale
per i terremotati
Il legame con il Giubileo
e con il Convegno di Firenze
A colloquio con il cardinale
Bagnasco

iniziato il conto alla rovescia per il


Congresso eucaristico nazionale, che
vedr radunarsi a Genova, dal 15 al 18
settembre, la Chiesa italiana nelle sue
varie articolazioni, attorno al tema:
LEucaristia sorgente della missione.
Nella tua misericordia a tutti sei venuto
incontro.
Il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo
di Genova e presidente della Cei, delegato
di papa Francesco al Congresso, ci
descrive il clima della vigilia e rivela: uno
dei frutti dellappuntamento sar la
missione dei giovani ai giovani. Nella
Messa conclusiva a piazzale Kennedy le
offerte saranno devolute alle vittime del
terremoto del Centro Italia. Il crocifisso di
Amatrice, sospeso tra cielo e terra, come
motore per riscoprire il calore
dellappartenenza. Forte il legame con il
Giubileo e il Convegno di Firenze.

Gioved 15 settembre 2016

ferte per le vittime del terremoto che ha


colpito il Centro Italia
DallEucaristia celebrata allEucaristia
testimoniata. Quella a favore dei nostri
fratelli e delle nostre sorelle colpite dal
sisma una scelta allinsegna della carit e
della missionariet, che sono le due
conseguenze fondamentali
dellesperienza liturgica. NellEucaristia il
corpo e il sangue di Cristo donati per noi
ci spingono a stare vicini a coloro che si
trovano nel bisogno e ad annunciare la
grazia del Vangelo e il suo messaggio
liberante, di speranza.

opere di misericordia: dalla Cattedrale


partiranno una cinquantina di gruppi che
visiteranno altrettante opere di
misericordia, sia corporali che spirituali,
disseminate in vari luoghi della citt. Il
giorno seguente sar invece caratterizzato
dalle catechesi in dieci chiese del centro
storico, dedicate allEucaristia e ai cinque
verbi di Firenze (uscire, annunciare,
abitare, educare, trasfigurare).

Lopera-segno del Congresso eucaristico


saranno due strutture per i senza fissa dimora. Quali altri frutti concreti si aspetta
dalle giornate di Genova e quali le propoLimmagine dei funerali di Amatrice che
ste pastorali da sottoporre alle diocesi?
abbiamo tutti ancora davanti agli occhi Fin dallinizio del percorso di
quella del Crocifisso nella tenda, sospeso preparazione al Congresso ho chiesto ai
tra cielo e terra. Nei momenti pi difficili, sacerdoti di sensibilizzare i laici a
gli italiani hanno bisogno di sentirsi stret- partecipare alla Messa anche durante la
ti alla propria gente. dalla liturgia euca- settimana. una proposta in cui credo
ristica che si pu riscoprire il calore delprofondamente e che non penso sia
Il Congresso eucaristico nazionale torna a lappartenenza?
impossibile da realizzare. Un altro frutto
Genova dopo quasi un secolo: che aria si
Assolutamente. Oggi c una grandissima
concreto del Congresso eucaristico sar
respira in quella che tra pochi giorni sar solitudine, perch la cultura e la societ si una missione dei giovani ai giovani: i
la capitale spirituale dItalia?
fondano solo su legami fragili, non solidi e giovani della diocesi si sono
C una grande attenzione e una grande
veri, ma labili. La societ liquida non
adeguatamente preparati in questo anno e
attesa. Una attesa non passiva:
uno slogan o una formula suggestiva:
saranno loro a lanciare questa proposta da
unattenzione spirituale fatta di preghiera ognuno solo con se stesso, nella propria qui, come frutto missionario del
e di sensibilizzazione ulteriore, un
autonomia assoluta. Ma paradossalmente, Congresso eucaristico e quale segno di
messaggio di attenzione da parte della
proprio da questa desolata solitudine fatta missionariet per lintera Chiesa italiana.
comunit cristiana, che si preparata
di legami labili e liquidi, emerge in primo
Quanto alle due strutture per persone
moltissimo e con diverse iniziative a
piano e con ancora pi forza di prima il
senza dimora, forniranno la cena, il riposo
questo appuntamento. Direi che quella di bisogno primario di Dio, come abbiamo
per la notte e la prima colazione ai loro
Genova verso il Congresso eucaristico
visto ad esempio nei volti dei tanti giovani ospiti nella zona est e nella zona ovest
una bella attenzione spirituale, nei
che sono accorsi a Cracovia per vivere con della citt. Spero che le comunit cristiane
confronti di un evento che coinvolger
il Papa la Giornata mondiale della
che vivono attorno a questi due luoghi si
tutta la Chiesa italiana nelle sue varie
giovent.
attrezzino con il loro cuore e la loro
espressioni.
intelligenza per stare accanto a queste
Due i legami forti del Congresso: con lAn- persone assicurando il loro sostegno. Non
Il Congresso sar un momento di carit,
no Santo della Misericordia, soprattutto
si tratta solo di costruire strutture, ma di
di catechesi e di preghiera che non si
nella giornata di venerd, e con il Convesaperle gestire: lintenzione non solo
astrae per dalla realt, purtroppo tragigno di Firenze, soprattutto nella giornata quella di creare dei luoghi, ma di dare
ca, di questi giorni. Durante la Messa fidi sabato. Come si declineranno?
unanima a questi luoghi.
nale di domenica si raccoglieranno le of- La giornata di venerd sar dedicata alle
M. Michela Nicolais

Dinanzi alla forza prepotente delle armi, la forza


debole della preghiera. Con questo spirito Assisi
si appresta ad accogliere lincontro internazionale
Sete di Pace. Religioni e Culture in dialogo dal 18
al 20 settembre a trentanni dallo storico incontro
di preghiera per la pace convocato da Giovanni
Paolo II il 27 ottobre 1986.
A presentare alla stampa levento, marted 13
settembre sono stati monsignor Domenico
Sorrentino, vescovo di Assisi, Marco Impagliazzo,
presidente della Comunit di SantEgidio e padre
Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del
Sacro Convento di Assisi.
Lincontro si aprir domenica 18 settembre alla
presenza del presidente della Repubblica italiana
Sergio Mattarella. Allassemblea di inaugurazione
prender la parola tra gli altri anche il Patriarca
Bartolomeo I che sar presente a tutto lincontro.
Marted 20 settembre previsto larrivo ad Assisi di
papa Francesco. Sono a oggi 511 i leader delle
religioni mondiali che hanno accolto linvito e
12mila i pellegrini che raggiungeranno la citt del
poverello per seguire lincontro e la preghiera per
la pace. Ad Assisi saranno presenti seguaci di 9 fedi
religiose diverse.
Ampia la copertura mediatica: sono 4 le sale
stampa allestite per i 600 giornalisti accreditati e
47 le tv straniere che hanno chiesto di inviare il
segnale delle dirette da Assisi. Dopo lassemblea
inaugurale di domenica, nei giorni di luned 19 e
marted 20 (mattina) si svolgeranno in diversi
punti della citt 19 panel dove - secondo la
tradizione degli incontri di SantEgidio - speaker di
divere religioni e culture si confronteranno su vari
temi di attualit, dalla questione dei migranti, ai
conflitti in atto nel mondo, le povert e i temi
legati alla salvaguardia del creato. Interverranno
anche tre ministri della Repubblica: Stefano
Orlando (Giustizia, sul tema delle carceri), Stefania
Giannini (Istruzione, su scuola e pace) e Gian Luca
Galletti (sui temi dellambiente). Sia Marco
Impagliazzo sia padre Enzo Fortunato hanno
ribadito che la citt di Assisi sar in questi giorni
sicuramente messa in sicurezza perch giusto
che ci siano i controlli ma - hanno
immediatamente ed entrambi precisato - non sar
una citt blindata.
Trentanni fa - ha detto il vescovo Sorrentino - il
mondo era alle prese con una guerra fredda e una
pace da difendere tra arsenali nucleari
contrapposti. Oggi ci troviamo di fronte a quello
che papa Francesco ha definito una terza guerra
mondiale a pezzi in cui si fa fatica a capire in quale
direzione sta andando il nostro mondo. in questa
situazione che emerge in tutta la sua forza
lintuizione di Giovanni Paolo II di invocare per la
pace la forza della preghiera. Ad Assisi
responsabili delle religioni, uomini della cultura e
del mondo della politica guarderanno la realt ma
lo faranno con lo sguardo e il cuore della
speranza, perch - ha detto il vescovo - i conti
della storia non si fanno solo sulla narrazione dei
tempi n sulle cronache degli eventi ma sul cuore
degli uomini.

Attualit

Il 13 settembre tornata a suonare la campanella

Gioved 15 settembre 2016

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

lia
a
t
I
o
r
t
n
e
C
n
i
Terremoto

I MODULI
DELLA SCUOLA
DI AMATRICE
(FOTO SIR)

Tutti in classe
Amatrice riparte dalla scuola

li occhi verdi di Fabiola (nome di fantasia) sono grandi e La voglia dei bambini di ritrovarsi in classe
vispi mentre passa il suo tempo in una tenda-giochi
per raccontarsi quanto hanno vissuto, sotto
allestita nel parco comunale di Amatrice intitolato a
lo sguardo attento di insegnanti e psicologi
Padre Giovanni Minozzi,
situato proprio nellarea antistante a
andata a vederla e le racconta di tanti
quella che, fino a qualche mese fa, stata
gruppo di intervento organizzato proprio
la sua scuola, la Romolo Capranica, oggi volontari che lavorano sempre. Fabiola
dal Ministero dellIstruzione per garantire
comincia a colorare, Giulio le suggerisce i
ridotta a un cumulo di macerie dal
lapertura delle scuole nelle 54 frazioni
colori da usare.
terremoto del 24 agosto scorso.
terremotate del Centro Italia.
Avremo tempo per fare tanti disegni con
Ho 10 anni dice sorridente volgendo lo
Apertura che avvenuta regolarmente,
cui decorare le nuove aule.
sguardo alla madre che non la lascia un
come confermato dalla nuova preside
Il mondo dei bambini e dei ragazzi di
attimo. Dalla notte del terremoto le
dellIstituto omnicomprensivo di Amatrice,
sempre rimasta accanto, la scossa, la fuga Amatrice e delle frazioni colpite dal sisma Anna Rita Pitoni. Abbiamo iniziato le
molti dei quali frequentavano la Romolo
precipitosa da casa, i crolli, le grida e
lezioni regolarmente il 13 settembre. Per
Capranica ancora ricco di colori e di
labbraccio con il resto della sua famiglia.
quel giorno stato pronto tutto il blocco,
speranza. Noi non molliamo hanno
Salvi. Ascolta il racconto della madre e
dallinfanzia alla scuola media, e per il 26
scritto dei giovani su una tavola che
intanto fissa un foglio bianco, pronta a
settembre sar completo anche il liceo
campeggia allesterno di una specie di
sporcarlo con la punta di una matita. Per
scientifico, con i laboratori, ci saranno la
capanna che oggi il Centro giovani di
Fabiola sono le ultime ore di vacanza o
mensa, la palestra e il campo sportivo. Gli
Amatrice.
forse della fine di un incubo. Marted 13
iscritti sarebbero 150 (269 lanno scorso)
La speranza lunit di misura della
settembre, la campanella della scuola
ma sono destinati ad aumentare ora che
tornata a suonare ed stato il momento di volont di questa terra che vuole rinascere
lapertura della scuola certa. Cinquantasei
proprio qui dove il terremoto lha ferita
tornare sui banchi, quelli del suo nuovo
anni e un passato da volontaria della Croce
quasi mortalmente.
istituto tirato su a tempo di record dalla
Rossa in Iraq e Kosovo che emerge subito
Protezione Civile di Trento, in localit San La tenda-giochi del parco Don Minozzi sin dalle sue prime parole: Partiamo con
un ritrovo anche per le famiglie dei piccoli
Cipriano a poco pi di un chilometro dal
uno stato danimo forte, razionale, per gli
che la frequentano. La ripresa delle lezioni alunni in particolare. La comunit
centro di Amatrice. Dodici aule da 35
scolastiche in questi giorni uno degli
metri quadri ciascuna, poi i servizi, per
scolastica una componente importante in
argomenti pi dibattuti, oltre alla
una superficie complessiva di circa 600
un territorio come questo. Abbiamo il
metri quadri. Non vedo lora di ritrovare i ricostruzione. Bisogna riorganizzarsi, dice
supporto concreto del Ministero, c una
F.G. un genitore, chi pu cerca di tirare
miei compagni di classe dice un po
task force permanente al centro di
fuori dalla propria abitazione danneggiata
emozionata. Sar quello anche il
Coordinamento (Dicomac) di Rieti, con i
quanto pi possibile, anche libri di testo,
momento di ricordare quanto accaduto
vari responsabili che mi affiancano. Non
vocabolari, quaderni, magari gli zainetti cui siamo soli. Ma non basta.
sotto i loro occhi, di riviverlo nei racconti
sono affezionati i nostri figli. Recuperare
di ciascuno e magari pregare per chi non
anche parte di questi oggetti vuole dire
ce lha fatta. Proprio per aiutare gli alunni
Nei giorni di inizio delle lezioni il pensiero
restituire loro qualcosa di personale,
a rielaborare la tragedia del sisma i
corre agli alunni vittime del sisma. Sono
intimo, che temevano di avere perso. E
docenti saranno affiancati da psicologi e
otto. Per loro pronto il progetto,
poco importa se le copertine sono
pedagogisti con progetti ad hoc.
realizzato con pedagogisti e psicologi,
ammaccate o se le pagine sono piene di
Bosco della memoria. Con i ragazzi
polvere e detriti. Anche cos si riesce a dare dellIstituto tecnico agrario di Rieti
Sul foglio bianco di Fabiola, intanto,
fiducia. A ripartire. Tutto diventa utile gli pianteremo un albero per ogni studente
hanno preso forma una grande casa,
degli alberi, una strada, delle persone. La fa eco una madre, S.C. in questi momenti. deceduto nel sisma. Sar curato ogni giorno
Chi ha dei libri di testo che non servono pi e cos i nostri alunni scomparsi
grande casa la scuola, ma devo ancora
cerca di passarli a chi ne ha bisogno, e cos continueranno a essere con noi.
colorarla spiega. Le si avvicina Giulio
anche per dizionari e materiali di studio.
(nome di fantasia), si salutano, ma non
Ripartiamo dalla scuola si legge sulle
Tutto questo in aggiunta a un kit didattico
siamo in classe insieme dicono. Parlano
fiancate di una navetta che gira nelle strade
(con libri e quaderni) donato dal Ministero, di Amatrice. Qui sono in molti a sperarlo
di astucci e penne, di quaderni, di come
sar la nuova struttura scolastica. Giulio afferma Giovanna Boda, responsabile del
Daniele Rocchi

il Periscopio

IL PAPA
E IL PROFETA DI INTERNET
Le immagini
dellincontro tra
papa Francesco
e Mark
Zuckerberg,
ideatore e
amministratore
delegato di
Facebook, il 29
agosto scorso,
hanno rilanciato
in tutto il mondo soprattutto lemozione del
giovane manager e lo sguardo curioso di
Bergoglio davanti al modellino
supertecnologico portato in dono dal
fondatore del social network pi diffuso. Nel
corso del breve incontro ha riferito il
nuovo portavoce vaticano, Greg Burke i
due hanno discusso di come usare le
tecnologie della comunicazione per
alleviare la povert, incoraggiare una cultura
dellincontro, e fare arrivare un messaggio di
speranza, specialmente alle persone pi
emarginate.
Zuckerberg, infatti, tenacemente
impegnato nella missione di portare
internet in ogni angolo del pianeta,
compresi i pi reconditi e disagiati,
mediante satelliti, droni e collegamenti
senza fili. Nessuno deve restare fuori: sette
miliardi di persone unite o meglio,
connesse in un grande spazio virtuale. E
pensare che il social network era nato per far
ritrovare i vecchi compagni delluniversit di
Harvard. Facebook non rovina i rapporti,
avvicina le persone, ha ribadito poche ore
dopo il miliardario 32enne davanti alla
platea universitaria della Luiss.
Ciononostante sempre pi diffusa
limpressione che la rivoluzione generata da
quei primi clic sulle foto degli amici ci stia
trascinando in un territorio inesplorato e
insicuro. Facebook non rovina i rapporti,
vero ha commentato Marco Ciriello dalle
colonne del Mattino ma ne velocizza il
degrado. Cadono le frontiere delle relazioni
mentre gli Stati erigono muri, nella societ
dellindividualismo il privato smette di
esistere, perch se non condividi non ti
connetti agli altri, e se non ti connetti non
esplori la possibilit. Che, nel villaggio
iperglobale, diventata sinonimo della
libert.
Oggi sembra impossibile continua il
giornalista ma una volta quale film
piaceva a una ragazza o un ragazzo, che
gruppo musicale o dove erano stati in
vacanza, non veniva chiesto da un
programma, dietro al quale va aggiunto
corre il business. questo il punto: come il
sentimento diventi dato, e il dato porti ai
soldi. Basti pensare a quanto sta accadendo
in questi giorni con lannuncio che
Whatsapp condivider con Facebook i
numeri di cellulare dei propri utenti. Non
verranno resi pubblici, certo, ma
costituiranno un tesoro impagabile per chi
investe in pubblicit sul social network di
Mark.

di Zeta

Lanniversario di nozze dei coniugi Pippo e Gigliola Torroni


nel giorno della nascita di don Oreste Benzi

uno solo: Ges Cristo,


incontrabile soprattutto nei
pi poveri, nei pi diseredati,
negli ultimi degli ultimi.
Davanti a questo bene che si
rmai ogni anno ci si deve aspettare una sorpresa nuova. Non si tratta
allarga, si diffonde e diventa
solamente di un anniversario di matrimonio, di quelli da celebrare sintende,
contagioso, il cronista non
visti i tanti decenni insieme, ma anche e soprattutto perch ormai sia Pippo
pu fare altro che prendere
Torroni che la moglie Gigliola, di Savignano sul Rubicone, hanno abituato parenti e
carta e penna e segnare
amici a notizie non del tutto banali.
qualche appunto. E quando
Due anni fa la decisione, da parte della signora Torroni daccordo col marito, di
ci non possibile cerca di
donare una casa gi da oltre trentanni in comodato gratuito alla comunit papa
imprimere nella memoria
Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi. Poi lo scorso anno, sempre nella
quanto che vale e merita di
ricorrenza delle nozze, il rogito dal notaio per il passaggio definitivo. E questanno,
essere raccontato. Proprio
con la data per la celebrazione della Messa (foto) spostata nel giorno della nascita di
come mi accaduto qualche
don Benzi, il 7 settembre, la decisione di cedere la casa paterna di Torroni, in centro a giorno fa quando ho
Savignano, sul cui terreno si dovrebbero costruire alcuni appartamenti per le
incontrato nella canonica di Bagnile Giorgio Pollastri e sua moglie Rosa.
mamme sole.
Nella piccola parrocchia al confine tra Cesena e Cervia i due coniugi si occupano di profughi.
Mi sento un privilegiato e mi trovo anche in difficolt, in queste occasioni. Lo
Per loro non assolutamente una novit. Vengono da una vita assieme e una casa-famiglia a
ammetto candidamente. Per sono contento di esserci. Anche Paolo Ramonda,
Savignano sul Rubicone, oltre a 15 anni come gestori di un albergo che il don aveva voluto
successore di don Oreste alla guida della comunit, non manca mai. Questanno si
per quelli che non potevano permettersi di andare in vacanza. Si starebbe delle ore ad
sono ricordati i 65 anni di matrimonio. Una data importante, ormai una rarit. Grazie ascoltare le loro storie, come quella di nonno Paolo che, dopo una vita spericolata accanto ai
a don Benzi, per, c un bene che si dilata e prosegue e unamicizia che si allarga.
maggiori attori italiani, si era ritrovato solo e desiderava sentirsi voluto bene. Per questo una
Lo ha ricordato lo stesso Pippo Torroni che ha preso la parola per salutare i presenti e sera si ferm davanti alla loro porta e disse che voleva andare ad abitare con loro, con quella
per dire dellimportanza, nella vita di ciascuno, della vicinanza di don Oreste, un
bella famiglia allargata. Una famiglia aperta che da tanti trova accoglienza nella casa in cui
sacerdote che ha saputo lasciare un segno indelebile in tanti e ha sempre indicato
cresciuto Pippo Torroni. Beh, alla fine tutto torna (942)

Un bene che si dilata

12

Gioved 15 settembre 2016

Cesena

Centoottanta i dipendenti della Crc a rischio mobilit o prepensionamento. Saranno chiuse altre 20 agenzie. E intanto ci si guarda attorno...

Cassa di Risparmio e Fondazione, quale destino?


D

a un lato c la
Cassa di
Risparmio di
Cesena, reduce da una
cura da cavallo e pronta
ad altri dolorosi sacrifici
pur di mantenere il
bilancio in territorio
positivo. Una banca
provata, ma dalle buone
prospettive
economiche. Dallaltro
siede la Fondazione
Carisp che, a seguito
della maxi svalutazione delle azioni della banca non controlla pi la Cassa e
detiene un briciolo del pacchetto azionario di un tempo. Per la Fondazione la
situazione assai fosca: schiacciata dai debiti e dai conti in rosso, con un
patrimonio di difficile dismissione, ha tutta laria di un transatlantico
incagliato. Sabato prossimo, 17 settembre, tutti i soci della Fondazione si
troveranno in assemblea per cercare di rimettere in mare lacciaccato vascello.
Due aspetti diversi della stessa storia, due realt per ventanni legate come

gemelle siamesi e oggi del tutto separate e


dalle diverse aspettative.
Le prospettive della banca, come si
diceva, sono buone. La maxi svalutazione
delle azioni decisa nel luglio sorso (da 1416 euro ad appena 50 centesimi) ha
polverizzato i risparmi degli azionisti,
Fondazioni in primis, permettendo per
lingresso del Fondo interbancario,
tramite aumento di capitale, e una larga
copertura dei crediti deteriorati. I segnali
che arrivano dai conti sono incoraggianti
(gestione operativa positiva per 20 milioni
nel semestre, risultato netto negativo per
6 milioni contro i quasi 38 del periodo
precedente) e un ritorno allutile
potrebbe avvenire gi nel 2018. La Carisp,
per, deve continuare a stringere la
cinghia e questa volta i sacrifici
toccheranno ai dipendenti. Sono 180
quelli a rischio mobilit o

Esposti a Cuba i risultati del progetto dedicato agli ingegneri della sicurezza
condotto da tre classi dellIstituto Tecnico per geometriGaribaldi-Da Vincidi Cesena

STUDENTI
E IL PLASTICO

Gli Antonelli di Gatteo


Una mostra oltreoceano
I

l progetto triennale dedicato agli


ingegneri della sicurezza Antonelli di
Gatteo si concluder con lesposizione
di venti pannelli illustrativi e alcuni plastici
di castelli realizzati dagli studenti
dellIstituto Tecnico per geometri
Garibaldi-Da Vinci di Cesena. Il materiale,
creato insieme ai ricercati
dellAssociazione Ecoistituto, sar esposto
allinterno della Settimana della cultura
italiana a Cuba che si terr a lHavana dal
21 al 27 novembre.
Alla conferenza di presentazione del
progetto, che si svolta a Cesena sabato 10

settembre presso la sede dellIstituto


Geometri, sono intervenuti tra gli altri il
preside Camillo Giorgi, il coordinatore del
progetto Mauro Morganti, Michele
Ceccaroni dellEcoistituto, lassessore
Stefania Bolognesi del Comune di Gatteo,
la presidente dellordine dei geometri di
Forl-Cesena.
Lobiettivo dellassociazione Ecoistituto ha detto il presidente Zavalloni - quello di
produrre materiale didattico e nel caso del
progetto sugli Antonelli abbiamo realizzato
una raccolta che racconta la loro storia in
Italia e il loro percorso alla corte del Re di

Spagna come ingegneri della sicurezza. Gli


Antonelli, di origini romagnole, hanno
prestato i loro servizi come ingegneri e
architetti alla corte dei Re di Spagna nel XVI
secolo, progettando le principali fortezze
per la sicurezza dei territori spagnoli e del
nuovo continente, fino in Messico e nei
Caraibi, oltre ad alcuni progetti idraulici,
compresa una diga.
La sensibilizzazione degli studenti del Da
Vinci alla tematica stata realizzata con il
coinvolgimento di tre classi, per circa un
centinaio di ragazzi partecipanti. Sono state
proposte uscite didattiche, realizzati
laboratori e attivit manuali per la creazione
dei plastici, tra cui quello del castello di
Gatteo, oltre allo studio per i dovuti
approfondimenti storici. Tra le mete visitate
i castelli di Lucca, PoggioBonsi e Terra del
Sole. Gi nei mesi di aprile, maggio e giugno
del 2015 stata allestita una prima mostra
sulla tematica alla Biblioteca Malatestiana
di Cesena che ha riscosso una buona
partecipazione di pubblico.
Diverse le imprese e gli enti che stanno
sostenendo il progetto. Di recente stata
avviata unultima ricerca di fondi per
finanziare la fase finale del progetto, anche
tramite la piattaforma online del Ministero
della pubblica Istruzione.
Il progetto Gli Antonelli da Gatteo ha
ricevuto il riconoscimento dellUnesco. I
plastici di castelli realizzati dagli studenti
cesenati e le tavole illustrative della storia
della famiglia degli ingegneri di origine
romagnola saranno esposte allinterno del
Castello di San Salvador de la Punta di
lHavana, castello progettato dagli stessi
Antonelli.
Elisa Romagnoli

prepensionamento, mentre saranno


chiuse una ventina di agenzie (oltre alle
25 gi chiuse nellultimo anno) nelle aree
pi lontane o dove la Crc non ha una
presenza significativa. Luscita dal lavoro
avverr su base volontaria, ci sar inoltre
una redistribuzione di personale tra la
sovradimensionata direzione e le agenzie.
Nel frattempo si rincorrono le voci sui
possibili matrimoni per la Carisp risanata,
una volta terminato il compito del Fondo.
Non perde quota lipotesi Credit Agricole
Cariparma (che vedrebbe la banca
operare in territori dalla comune
vocazione agroalimentare), mentre parte
della politica vedrebbe di buon occhio un
matrimonio con lacciaccata Cassa di
Rimini (uscita dal commissariamento da
due anni e di nuovo sotto la lente di
Bankitalia).
MiB

Da piazza San Domenico

Camminata
per il volontariato
Sabato 24 settembre
Promossa da Assiprov, si svolger sabato 24
settembre a Cesena Viaggio attraverso il
volontariato. Il ritrovo per le 16,30 in piazza
San Domenico, vicino a piazza del Popolo.
Traghettati dal cantastorie Roberto Fabbri, la
festa del volontariato si svolge lungo le vie del
centro storico di Cesena: una passeggiata
accessibile a tutti che permetter ai
partecipanti di conoscere le associazioni.
Alla partenza verranno consegnati i gadget e il
passaporto del volontario, timbrandolo a
ogni isola che verr visitata lungo il
percorso. Allarrivo si ricever in omaggio un
buono per una piadina al chiosco dei Giardini
Savelli.
Liscrizione (gratuita) da effettuare entro
venerd 23 settembre, prendendo contatti con
Assiprov.
LE ISOLE DEL VOLONTARIATO che saranno
via via visitate sono: piazza del Popolo Isola
del Sanitario; piazza Almerici Isola del
Sociale; piazza Giovanni Paolo II Isola della
Terza Et; piazza Guidazzi Isola dellAmbiente
e della Protezione Civile; corte del
Volontariato Isola delle Diverse Abilit. Alle
19 arrivo ai Savelli; chiusura del viaggio; saluto
delle autorit e concerto degli Sbidonatori
della Tam Tangram Band.
Alle 21 sempre presso i Giardini Savelli in viale
Carducci, concerto acustico dei Nobraino.
In caso di maltempo la manifestazione verr
rinviata a sabato 1 ottobre.
Per informazioni e iscrizioni: tel 0547
612612, info@assiprov.it, 335 7859410.

Cesena

Gioved 15 settembre 2016

13

Parrocchie
e comunit in festa
I programmi degli appuntamenti
a San Rocco, San Pio X alle Vigne
e a Macerone di Cesena

SAN ROCCO
Prende il via domenica 18 settembre il ricco programma della festa parrocchiale a
San Rocco di Cesena. Durante la giornata si terr la colletta per i terremotati, la
vendita delle torte e il banco libri. In occasione della Messa delle 10, presieduta da
padre Mario missionario del Preziosissimo Sangue, ci sar lUnzione dei malati.
Luned 19 settembre alle 20.30 partir dalla chiesa la processione con la statua della
Madonna. Al termine sar celebrata la Messa con Atto di affidamento a Maria.
Gioved 22 settembre alle 16,30 in programma la festa di catechismo per le classi
terze, quarte e quinte elementari; seguir alle 17,30 la festa delle medie e alle 18,30
lincontro rivolto ai gruppi giovanili che vedr lintervento di Pietro Lombardo,
pedagogista, che tratter di Come coltivare la forza danimo. Seguir la cena
insieme. Alle 20,45 sar la volta degli adulti, in particolare genitori ed educatori che
ascolteranno la relazione di Lombardo su La resilienza: larte di risalire sulla barca
capovolta.
Venerd 23 settembre la mattinata sar dedicata alla comunione agli ammalati, poi
dalle 16 alle 18 ci sar ladorazione eucaristica per le vocazioni di speciale
consacrazione animata dalle Suore della Sacra Famiglia e la confessione.
Dopo la Messa alle 18 in programma la cena alle 20. In serata sar possibile
ascoltare le testimonianze dellassociazione Don Virgilio Resi.
Sabato 24 settembre sar la volta degli scout con la Messa delle 18,30 da loro
animata. Sar aperta la pesca di beneficenza e alle 19,30 pizzata delle famiglie; a
seguire spettacolo di arte varia San Rocco sotto le stelle organizzato dai gruppi
parrocchiali. Domenica 25 settembre, festa della parrocchia, le Messe saranno
come di consueto alle 8,30, 10, 11,30 e 18,30. Nel cortile, fin dal mattino, saranno in
funzione gli stand degli scout, il banco libri, il mercatino di solidariet e la pesca di
beneficenza. Alle 11.30 Messa degli Sposi, dove tutte le coppie sono invitate a
rinnovare la loro promessa di matrimonio. Alle 13 previsto il pranzo degli sposi
nel cortile. Pomeriggio di animazione per grandi e piccoli con il Mago Cotechino a
partire dalle 14 e giochi. Saranno attivi: la grande pesca-lotteria della parrocchia e
lo stand gastronomico. Non mancher la musica dal vivo con Giovanna e Settimio
dalle 16 alle 19 e la sfida della Cuccagna alle 17,30. Alle 18,30 la cena insieme e alle
20,30 #Ajmetlafaza, serata animata da i giovani. Chiuder la giornata alle 21,30 il
sorteggio dei premi della pesca-lotteria.

SAN PIO X

tempo di festa alla comunit di San Pio X di Cesena. Venerd 16 settembre alle 18
ci sar lapertura dello stand gastronomico e alle 21 serata-testimonianza con i
ragazzi della Giornata mondiale della giovent.

Sabato 17 settembre dalle 14,30 alle 18 si


terranno le confessioni, alle 16 ci sar il
torneo di calcio per giovani e alle 20,30 la
Messa. Alle 21 si potr assistere allo
spettacolo teatrale Peter Pan.
Domenica 18 settembre, Festa
Parrocchiale, le Messe saranno alle 8, 10 e
alle 11,30 e alle 16 ci sar un momento
comunitario di preghiera. Le attivit
ricreative proseguiranno alle 15,30 con
lapertura della pesca lotteria. Alle 16 si terr
la sfilata degli abiti da sposa con a seguire un
buffet. Alle 19 aprir lo stand gastronomico.
La serata sar animata dalla compagnia I
Malardot
Durante la settimana non mancheranno
occasioni di riflessione. Il 19 settembre la
Messa delle 19,30 sar rivolta ai defunti della
comunit. Marted 20 settembre, la Messa
serale delle 20,30 vedr la raccolta per i
bisognosi assistiti dalla San Vincenzo e dalla
Caritas parrocchiale. Gioved 22 settembre
giornata di preghiera per le vocazioni: dalle 8
alle 20,30 si terr ladorazione eucaristica
continuata con il Santissimo Sacramento
esposto; alle 16,30 e 20,30 Messa per le
vocazioni di speciale consacrazione. Venerd
23 settembre alle 16,30 durante la Messa
sar impartita lunzione degli infermi.
Seguir un momento conviviale. Alle 20,30
Messa.
Sabato 24 settembre alle 15 raduno dei
ragazzi e inizio dellanno catechistico con un
momento di preghiera e di gioco.
Domenica 25 settembre le Messe saranno
alle 8 e alle 10. Alle 11,30 il vescovo Douglas
Regattieri celebrer la Messa e amministrer
la Cresima.

Osservanza | Lavori di ordinaria manutenzione

LA CHIESA DELLOSSERVANZA ANCORA SOTTO I FERRI. Questa volta si tratta di lavori di


ordinaria manutenzione, avviati nei giorni scorsi, che interessano il tetto posto sopra il portico
dingresso e per cui si reso necessario allestire l'impalcatura. Stiamo ripulendo la copertura
da erba e terriccio dovuti al guano dei piccioni, la cui spesa non indifferente. In seguito
verranno pulite anche le grondaie, informa don Fabrizio Ricci, vicario parrocchiale a Santa
Maria delle Grazie allOsservanza dal 2014.
Intanto, da settembre ripresa la Messa domenicale delle 11, che era stata sospesa nei mesi
estivi.

MACERONE
Si aprir con la festa della famiglia la
settimana parrocchiale della comunit del
Sacro Cuore di Ges a Macerone.
Gli appuntamenti prenderanno il via
domenica 18 settembre con Messa con il
rinnovo delle promesse coniugali alle 11 e a
seguire il pranzo insieme stile Ligaza. Nel
pomeriggio preghiera del Rosario,
benedizione eucaristica e unzione degli
infermi.
Nelle serate del 19 e 20 settembre, dopo la
Messa delle 20,30, la comunit si ritrover
per due momenti di riflessione: il primo
sullinsegnare e imparare lamore e il
secondo sulla bellezza dellamore. Mercoled
21 settembre suggerito il digiuno e alle
20,30 ci sar la celebrazione della penitenza
e la Messa.
Gioved 22 settembre saranno protagonisti
gli alpini: Messa alle 20 e cena con polenta e
un momento di revival dellestate.
Venerd 23 settembre alle 20 Messa e
processione in onore della Beata Vergine
Maria Auxilium cristianorum.
Alle 16 di sabato 24 settembre festa di inizio
catechismo con giochi e gare, alle 19 si
aprir lo stand gastronomico e alle 20.30
concerto della CDivertiamo Band.
Domenica 25 settembre, festa della
parrocchia, alle 11 Messa solenne e alle 15
rosario e benedizione eucaristica. In serata
oltre allo stand gastronomico sar possibile
partecipare al gioco di beneficenza delle
scatole e alle 20,30 intrattenimento musicale
con orchestra spettacolo.
Barbara Baronio

Pievesestina | Gita alla Madonna della Corona


AFFIATATO E
SERENO, un
gruppo di 39
parrocchiani
di
Pievesestina,
San Cristoforo
e SantAndrea
in Bagnolo
hanno
partecipato
alla gita che,
guidata dal
parroco don
Marco Prada,
a fine agosto,
li ha condotti
a Peschiera e
Sirmone, alla
Madonna
della Corona
(nella foto) e
al
Monte
Baldo.
Visitati anche
i giardini di
Sicurt e la
cittadina di
Valeggio sul
Mincio.

14

Cesena

Gioved 15 settembre 2016

Incontri alla Rocca

La proposta di Daniele Vaienti, tra i promotori


dellUniversit della Terza Et

Maurizio Bufalini
Patrimonio per la citt
T
utti di certo sanno che Maurizio
Bufalini la persona a cui intitolato
lospedale cittadino. Diversi
sapranno anche che era un cesenate. Ma
che poi fosse medico e personaggio
illustrissimo del suo tempo (era nato a
Cesena nel 1787), noto ben oltre i confini
della Romagna, clinico di fama e studioso
illuminato forse non tutti lo sanno. Come
non tutti conoscono la sua casa natale
che si trova in pieno centro storico, a
Cesena, vicinissima alla Biblioteca
Malatestiana.
Il figlio di Nello Vaienti, Daniele, che da
alcuni anni porta avanti lopera avviata
dal padre, lUniversit della terza et, ha
messo in campo un percorso di riscoperta
della figura di Maurizio Bufalini nel
230esimo anniversario della nascita. Ha
lasciato alla Malatestiana il pi grande
fondo scientifico. Qualcosa come 8-9mila
volumi, dice Vaienti che ha anche
ripubblicato, nel programma del 29esimo
anno accademico dellUte, una lettera di
Nello del 1996 in cui il padre ricordava la
necessit di un recupero dei resti
architettonici dellabside della basilica di
san Francesco che si trovava fra vicolo
Masini e piazza Bufalini.

Il medico nato a Cesena nel


1787 ha lasciato alla Biblioteca
Malatestiana il pi grande
fondo scientifico, composto da
oltre 8mila volumi
Fra laltro nella missiva si legge che lo
stesso Vaienti gi nel 1968 chiedeva il
recupero dei resti dellabside della
medesima chiesa che risale al 1200. Una
questione aperta da tempo che pare possa
trovare soluzione a breve. Ma per
ricordare il medico-studioso Bufalini non
si fa nulla, aggiunge Vaienti che precisa di
non aver alcun intento polemico, ma solo
quello di dare un contributo di idee grazie
anche allUte.
Bufalini sepolto a Cesena nella tomba di
famiglia. A Firenze lo avrebbero seppellito
in Santa Croce, tra i grandi della citt.
Questo per confermare la statura del
personaggio come si pu facilmente
riscontrare nelle enciclopedie, anche
quelle online. In citt da noi - aggiunge
Daniele Vaienti, ex dipendente comunale
esperto di toponomastica - la piazza gli fu
dedicata che lui era ancora vivente. Un

Convegno al Ridotto
La Riforma Costituzionale
Opportunit o insidia?

fatto assolutamente eccezionale.


Veniamo allora alla proposta, oltre alla
serie di incontri su Bufalini che vedr
numerosi esperti in campo dal 4 ottobre
al 19 maggio 2017, per un ciclo di
conferenze e appuntamenti musicali che
si tengono nellimportante anniversario e
in occasione del recupero della sua casa
natale. Si potrebbe approfittare
dellingresso nella casa di Bufalini per
compiere un percorso, uscendo sul retro,
attorno alla Malatestiana e per farla
ammirare da un inedito punto di vista dice Vaienti -. Entrando nellabitazione
del famoso medico si potrebbe conoscere
la sua figura di studioso e si potrebbe
mettere a disposizione il suo patrimonio
librario. Infine si potrebbe finalmente
recuperare labside della chiesa di san
Francesco.
La palla stata lanciata.

NOZZE
DORO
per Angelo
e Anna

a Riforma Costituzionale:
del convegno
Lopportunit
o insidia? il tema
in programma per venerd 16
settembre dalle 15,30 alle 18,30 al Palazzo
del Ridotto, in piazza Almerici a Cesena.
Lappuntamento, accreditato dal Consiglio
dellOrdine degli Avvocati di Forl-Cesena,
organizzato dallUgci, Unione giuristi
cattolici italiani.
Interverranno lavvocato Lorenza Violini,
professore ordinario di Diritto
Costituzionale presso lUniversit degli
Studi di Milano, e il dottor Alfredo
Mantovano, magistrato presso la Corte di
Appello di Roma.
Moderatore sar lavvocato Stefano
Spinelli, presidente Ugci sezione ForlCesena.
Lincontro ha il patrocinio della Diocesi di
Cesena-Sarsina e del Comune di Cesena.
Per info: Sezione Forl-Cesena dellUnione
Giuristi Cattolici Italiani,
tel. 0547 611878.

Luned al museo

ANGELO MENGOZZI e ANNA MUCCIOLI


di Case Missiroli di Cesena festeggiano i cinquantanni di nozze.
Si sposarono il 18 settembre 1966 nella parrocchia di Villachiaviche di
Cesena. La famiglia e gli amici augurano tante nuove felicit alla coppia e si faranno loro vicini domenica 18 settembre presso lagriturismo LInfinito di Calisese di Cesena.

Primo incontro
il 19 settembre su vaccini
e disinformazione
Ripartono i Luned del museo per
diffondere la cultura scientica.
Lappuntamento al museo di Scienze
naturali di Cesena che ha sede nella
Loggetta veneziana e nel torrione del Nuti
della Rocca Malatestiana.
Si parte luned 19 settembre alle 21 con
Vaccini, gli effetti della
disinformazione. La verit sui faccini,
tra falsi miti e preoccupanti realt. Un
confronto su uno dei tempi pi caldi del
momento. Da unindagine della
Fondazione Umberto Veronesi, in
collaborazioni con Ispo, emerge che il 20
per cento dei genitori italiani diffidente
nei confronti delle immunizzazioni
pediatriche. Si tratta di una percentuale di
minoranza, ma ancora troppo elevata per
una buona tutela della salute della
popolazione infantile. Moderati da Eddi
Bisulli del museo di Scienze naturali,
interverranno lassessore ai Servizi per le
persone del Comune di Cesena Simona
Benedetti, il medico e coordinatore del
gruppo tecnico vaccini della Regione
Marche Daniel Fiacchini, la consigliera
della Regione Emilia Romagna Lia Montalti
e la presidente dellassociazione Io
vaccino Alice Pignatti.
Luned 10 ottobre alle 21 la volta di
Mammals. Spettacolari incontri con i
grandi mammiferi e luomo con il
naturalista dellUniversit di Firenze
Andrea Boscherini. Inne, il 7 novembre,
sempre alle 21, si parla di Il Dna dei
romagnoli. Migrazioni e cromosomi, per
tessere la storia della gente di questa
terra. Alessio Boattini, ricercatore del
laboratorio di Antropologia molecolare
del Dipartimento di Scienze biologiche,
geologiche e ambientali dellUniversit di
Bologna, presenter unindagine sui
proli genetici del popolo romagnolo.
Gli incontri sono a cura di Viaterrea,
associazione di promozione sociale nata
nel 2004 per favorire la costruzione di stili
di vita pi naturali, che si occupa, tra gli
altri, dellattivit didattica allinterno del
museo di Scienze naturali.
Per info: www.viaterrea.it.
Fs

Auser| I nonni vigile si aggiornano

ANNIVERSARIO

I soci del Rotary Club di Cesena


partecipano al dolore della famiglia
per la perdita del caro amico
prof.

GIACINTO ALESSANDRI
19 settembre 2012-19 settembre 2016

Ricorderemo e pregheremo
per lanima buona
di CONSILIO PISTOCCHI
diacono
Testimone esemplare
della fede e della carit
Santa Messa
domenica 18 settembre alle 11
nella chiesa parrocchiale
di Villachiaviche di Cesena
Il fratello Sergio Giuliano
e i familiari

decano del sodalizio,


gi presidente della commissione
gemellaggi fra club
e uomo di grande valore
per le sue doti di professionalit
e competenza
porgendo alla moglie PIERINA
e ai figli MARCO e CINZIA
sincere condoglianze.

Cesena, 13 settembre 2016

GIOVED 8 SETTEMBRE si tenuta nella sala Primavera 3 all'ex Comandini, a Cesena, un incontro di formazione rivolto
ai volontari dellassociazione Auser di Cesena che svolgono l'attivit di nonno vigile e sorveglianza alunni nelle scuole
della citt.
La formazione stata condotta dall'ispettore della Polizia Municipale Giorgio Battistini che ha esposto tecniche e modalit idonee a tutelare la sicurezza dei bambini che entrano ed escono da scuola. Battistini ha chiarito che i volontari hanno lesclusivo compito della tutela dei bambini e non si sostituiscono alla Polizia Municipale.
Allincontro erano presenti il vice presidente Auser Franco Spazzoli, il referente Fabio Faedi e la collaboratrice Giuseppina
Pieri.

Cesenatico

Gioved 15 settembre 2016

15

Il Consiglio ha deliberato ladesione al Flag

Pesca e acquacoltura
Il Comune si mette in rete
l Consiglio comunale di
Il sindaco Matteo Gozzoli:Al via un
Cesenatico, che si riunito nei
percorso per la riqualificazione
giorni scorsi, ha deliberato
ladesione del Comune al Flag
dellarea produttiva
(Fisheries local action group) della
e delle banchine del porto
Costa dellEmilia-Romagna, un
gruppo di azione locale che, per la
prima volta, vedr unita tutta larea
Matteo Gozzoli e il vicesindaco Mauro Gasperini - si
della costa emiliano-romagnola e si occuper di
apre un percorso finalizzato alla riqualificazione
stabilire le scelte strategiche territoriali per lo sviluppo
dellarea produttiva e delle banchine del porto di
della pesca e dellacquacoltura.
Cesenatico.
Sar cos possibile portare con pi forza le esigenze di
Premesso che con il Flag sono finanziabili tutti gli
Cesenatico in Regione e raccogliere fondi europei.
interventi non strutturali, mentre quelli strutturali
La costituzione del Flag prevista dal Feamp (Fondo
saranno contenuti nel Feamp, il Comune di Cesenatico
europeo per gli affari marittimi e la pesca), che il
ha gi individuato progetti per 375mila euro finalizzati
principale strumento di sostegno alla nuova Politica
alla riqualificazione del mercato ittico, alla realizzazione
comune della pesca (Pcp).
Il Flag un partenariato pubblico-privato, costituito per di unisola ecologica dedicata allarea della banchina,
nonch interventi finalizzati a monitorare con sistemi
il 49 per cento da enti pubblici, per il 49 per cento da
di videosorveglianza larea commerciale e produttiva
operatori privati del settore della pesca e
del porto.
dellacquacoltura e per il 2 per cento da associazioni e
Per Cesenatico, il progetto sar seguito da un gruppo di
rappresentanti della societ civile.
lavoro formato dagli assessori Valentina Montalti e
La Regione ha messo a disposizione 39,5 milioni di
Mauro Gasperini e dal consigliere comunale Mario
euro, di cui 5,8 milioni destinati allo sviluppo locale
Drudi, coordinati dal dirigente Claudio Ceredi.
delle aree di pesca e acquicoltura attraverso il Flag.
La delibera passata con il voto favorevole di tutti i
Cesenatico aderisce allAssociazione temporanea di
consiglieri e lastensione dei rappresentanti del
scopo assieme ad altri dieci Comuni della costa.
Movimento 5 Stelle, cha hanno lamentato il fatto che la
Con questa delibera - hanno spiegato il sindaco

societ consortile legata al delta del Po Delta 2000, la


quale include privati che hanno interessi che vanno al
di l della pesca, sar il capofila e avr poteri perentori.
Il percorso quello giusto ma bisogna fare attenzione ai
possibili conflitti di interesse.
Durante la seduta sono state discusse anche alcune
mozioni presentate dalle minoranze.
Dal Movimento 5 Stelle la proposta, accolta
favorevolmente da tutto il Consiglio, di internalizzare la
gestione della riscossione dei tributi della Tari, ora
affidata a Hera.
La Lista civica per Buda ha chiesto allAmministrazione
di impegnarsi, in sede di Unione Rubicone e Mare, a cui
competono i servizi sociali, a estendere i controlli sulla
totalit delle dichiarazioni Isee. Al momento le ispezioni
sono limitate a un campione del 5 per cento.
Il Movimento 5 Stelle ha sollecitato il Comune a vigilare
sul rispetto delle norme che regolano il mercatino dei
produttori locali in piazza delle Conserve.
Matteo Venturi

Premiati Enrico Rossi e Marco Caminati, campioni italiani, e Gianluca Casadei

Gli interventi
in cantiere

La Romagna
senza rivali
nel beach volley
U

na targa per meriti sportivi ai


campioni di beach volley Enrico
Rossi, Marco Caminati, e Gianluca
Casadei.
stata consegnata nei giorni scorsi allArena Beach di piazza Costa dal sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli e da
quello di Cesena Paolo Lucchi.
Enrico Rossi, 23 anni di Cesenatico, e
Marco Caminati, suo coetaneo di Cesena, sono i vincitori dei Campionati italiani di beach volley 2016, le cui finali
sono state disputate a Catania lo scorso 4 settembre. I romagnoli hanno bat-

tuto in
semifinale gli
olimpionici Carambula-Ranghieri e in finale la coppia Benzi-Martino.
Gianluca Casadei, 38 anni di Cesena,
veterano di questo sport, gi campione
dItalia nel 2012, arrivato terzo agli ultimi Campionati in coppia con lanconetano Paolo Ficosecco.

Strade malridotte

FOTO LELLA SCOLA

Rossi, Caminati e Casadei sono i portabandiera della Bvu, la scuola di beach


volley di Cesenatico, che ha organizzato nei giorni scorsi la prima coppa di
Lega per societ sui campi dellArena
Beach di piazza Costa.
Mv

Asfaltatura e manutenzione strade, al via


i lavori. A seguito di segnalazioni dei
cittadini e di numerosi sopraluoghi sul
posto, lAmministrazione comunale ha
individuato alcune priorit. Le prime
strade a essere asfaltate e i relativi
importi sono: via Cesenatico (localit
Bagnarola) lavori previsti dal 13 al 14
settembre per un importo pari a 30mila
euro; via Monti lavori previsti dal 15 al
16 settembre per un importo pari a
10mila euro; via F.lli Sintoni (tratto da
via Fiorentini - via Roma) lavori previsti
dal 19 settembre per un importo pari a
7.200 euro; via Campone Sala (tratto da
via Canale Bonificazione a via Vetreto)
lavori previsti dal 20 al 21 settembre per
un importo pari a 15mila euro; via 1
Maggio (Villamarina Monte) lavori
previsti dal 22 settembre per un importo
pari a 5mila euro.

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

16

Valle del Rubicone

Gioved 15 settembre 2016

A Budrio
entra
nel vivo
la festa
parrocchiale

ntra nel vivo la festa della parrocchia


di Budrio. Gioved 15 settembre, alle
20,30, avr luogo la processione con
limmagine della Madonna. Si proceder
dal bivio di via Fontanazze con via
Olmadella no a via della Pace dove, nella
piazzetta, il vicario della Diocesi don Pier
Giulio Diaco celebrer la Messa.
La giornata di sabato 17 settembre, dalle
14,30 alle 18,30, sar dedicata alle
confessioni.
Domenica 18 settembre, festa della

parrocchia, saranno celebrate tre Messe:


alle 8, alle 9,30 e alle 16. Durante la
Messa delle 9,30 il vescovo Douglas
Regattieri amministrer il sacramento
della Cresima a 34 ragazzi.
La Messa vespertina delle 16 sar seguita
dalla processione eucaristica lungo via
Massa, via Fratta, via Aldo Moro e ritorno.
Il programma ricreativo prevede tre
momenti di svago. La serata di venerd 16
settembre sar animata dai ballerini del
Centro studi danza. Sabato 19, alle 21,

Torna la 2xBene

Gambettola. Domenica 25 settembre


linaugurazione del centro polivalente

Fulgor e don Claudio


La festa raddoppia
A

ppena il tempo di riordinare


larea parrocchiale di via
Ravaldini dopo la festa patronale
conclusa da poco, e gi sono partiti i
preparativi della doppia festa in
programma domenica 25 settembre: la
parziale inaugurazione del centro
polivalente Fulgor e il 40
anniversario di ordinazione sacerdotale
del parroco don Claudio Turci
diventato sacerdote proprio nel
medesimo giorno del 1976.
Proprio questultimo, durante la
settimana dei festeggiamenti patronali,
aveva colto loccasione, tramite il
giornalino parrocchiale Il Campanile,
recapitato a tutte le famiglie, di porgere
anticipatamente i saluti in seguito
allimminente commiato dalla
comunit gambettolese, dopo 18 anni
di servizio.
Nel corso degli anni trascorsi a
Gambettola, sotto la sua guida, sono
stati tanti gli interventi realizzati: quelli
alla chiesa, alla canonica e al suo
seminterrato, alla Casa del Ragazzo,
fino alla realizzazione pi impegnativa,
il nuovo centro polivalente Fulgor.

Il sacerdote festeggia
il 40 anniversario
di ordinazione

LINAUGURAZIONE DEL NUOVO FULGOR RIGUARDERA,


PER ORA, SOLO UNA PARTE DEL COMPLESSO

Tutte opere imponenti e costose


(2milioni e mezzo di euro la cifra del
nuovo Fulgor), che avrebbero fatto
venire pi di un dubbio a chiunque, ma
non a don Claudio. Rimarranno a
disposizione della parrocchia di
s.Egidio abate, di tutta la comunit
gambettolese e non solo.
La doppia festa un atto di
riconoscenza allimpegno profuso negli
anni dal parroco a favore di tutta la
cittadinanza che, domenica 25
settembre, gli si stringer intorno per
rendergli il proprio grazie.
Linaugurazione del nuovo centro
polivalente Fulgor sar parziale e
riguarder i locali a pian terreno
destinati a magazzino, cucina e
dispensa, e al piano superiore la grande
sala modulabile capace di ospitare sei
aule per il catechismo, oppure

ale
n
o
i
z
a
n
r
e
t
n
i
Festival

sar la volta della compagnia dialettale


de Bosch. Domenica 20, al pomeriggio e
alla sera, suoner lorchestra Livio
Ventrucci.
Ogni sera funzioner, dalle 19, uno stand
gastronomico con pesce e specialit
romagnole. prevista una pesca di
benecenza con ricchi premi.
Tutti gli spettacoli si svolgeranno nel
tendone al coperto allestito nel campo
sportivo dietro la chiesa.
Mv

destinata a eventuali feste invernali, e


una sala prove per i giovani gruppi
musicali. Lintero progetto prevede a
pian terreno sul lato opposto, un cineteatro con una capienza di 195 posti in
grado di rispondere a diverse esigenze:
proiezioni cinematografiche e
spettacoli teatrali, convegni, assemblee
o conferenze. Allesterno nellarea
scoperta si trovano un campo da
calcetto e uno da pallavolo-basket,
oltre a unarea verde attrezzata con
giochi per i pi piccoli.
Domenica 30 ottobre - dice don
Claudio - lascer la comunit di
Gambettola e approfitter di
quelloccasione per salutare i miei
parrocchiani uno a uno. Lingresso a
San Pio X alle Vigne previsto per
domenica 6 novembre.
Piero Spinosi

Torna a Longiano lappuntamento con la


2xBene. Levento che coniuga sport e
benecenza in programma sabato 17 e
domenica 18 settembre.
Organizzano il Panathlon club di Cesena e la
societ ciclistica Fausto Coppi di Cesenatico.
Regista dellevento e coordinatore di uno staff
di circa 150 volontari lavvocato longianese
Roberto Landi.
La manifestazione prender il via alle 20,30 di
sabato sul palco del teatro Petrella. Sar
conferito il premio alla carriera sportiva Citt
di Longiano ad Alessandro Petacchi, fra i
corridori italiani con pi vittorie da
professionista nel proprio palmars, e a
Giuseppe Martinelli, direttore sportivo di
Marco Pantani. Sar premiata anche la
montianese Sofia Fattori, campionessa
italiana nella gara di velocit su pista.
Durante la serata sar presentata La mia vita
di corsa, inedita autobiograa di Fausto
Coppi, curata dal giornalista Salvatore
Giannella, uscita in formato e-book del
Corriere della Sera, i cui diritti dautore
saranno devoluti alla 2xBene. Sul palco del
Petrella ne parleranno Giannella e Faustino
Coppi, glio del Campionissimo.
Il clou della manifestazione sar la cronocoppia ciclistica benefica Lui e Lei in
programma dalle 14,30 di domenica. I
cicloamatori potranno gareggiare accanto ai
professionisti di oggi e ai campioni di ieri,
quali Francesco Moser e Gianni Motta.
Parteciperanno anche decine di diversamente
abili in handbike o in tandem con guida.
Lintero ricavato della manifestazione sar
devoluto alla comunit terapeutica San
Luigi di Balignano, alla Caritas di Longiano,
alla fondazione La nuova famiglia di
Cesenatico e alla casa-famiglia Papa Giovanni
XXIII di Santa Paola di Roncofreddo.
Matteo Venturi

Mostre e spettacoli dal 20 al 25 settembre. Eventi


anche nei Comuni di Gatteo, Montiano e Longiano

Romagna capitale dei burattini


R

omagna capitale del teatro di figura per una settimana con il


41esimo Festival internazionale
dei burattini e delle figure Arrivano
dal mare!. Organizza per la prima
volta il Teatro del drago di Ravenna.
Dopo lanteprima a Cervia (il 18 settembre) e linaugurazione a Ravenna
(il 20 settembre), centro della manifestazione sar Gambettola con mostre e spettacoli dal 20 al 25 settembre.
Sono previsti eventi anche nei Comuni di Gatteo (il 21 e il 22 settembre),
Montiano (il 21 settembre) e Longiano (il 23 settembre).
Per il sindaco di Gambettola Roberto
Sanulli il festival dei burattini sta diventando per Gambettola un appuntamento fisso come il carnevale e la

mostrascambio. Auspico che diventi


il festival di tutto il territorio del Rubicone.
In programma anteprime nazionali e
ospiti internazionali, quali gli spagnoli Titeres Etctera e La Puntual
e i francesi del Thatre Chignolo
Guignol.
Sar presentato il progetto Il teatro
nelle mani, a cura di Stefano Giunchi
e Alfonso Cipolla, sul linguaggio e sulla grammatica dei burattini.
Il progetto si articola in una mostra,
aperta dal 20 al 25 settembre, presso il
centro culturale Fellini, dal titolo
Neo-nati dalle mani, con pezzi rari
forniti dallIstituto dei beni marionettistici e popolari di Grugliasco, dal
museo La casa delle marionette di
Ravenna e da collezionisti privati.

Della Grammatica delle mani se ne


parler in un Colloquio internazionale il 22 e il 23 settembre, alle 9,30
presso la sala Fellini. Interverranno,
fra gli altri, gli artisti Mimmo Cuticchio ed Eugenio
Monti Colla.
A conclusione del festival,
domenica 25 settembre,
alle 11,30, si consegneranno, presso il teatro comunale di Gambettola, le Sirene doro, fra i premi pi
antichi del teatro di figura
in Italia. Dalle 15 alle 20 sar organizzato il primo
Carnevale dei burattini
lungo le vie del centro di
Gambettola.
Matteo Venturi

CroceVerde, un impegno
che non si ferma allestate
Prevenzione
malattie
cardiovascolari,
monitoraggio
gratuito parametri
vitali

impegno della Croce Verde non si


L

ferma allestate ma diventa


appuntamento permanente. Dopo i
positivi riscontri di partecipazione sin
dalle prime uscite a Gambettola e
Roncofreddo, prosegue la campagna di
prevenzione delle malattie

cardiovascolari, iniziativa della Croce


Verde di Gambettola. Liniziativa, che
svolta grazie allimpegno dei volontari e
infermieri e il patrocinio delle
Amministrazioni comunali di Gambettola
e Roncofreddo, consiste nel
monitoraggio gratuito dei parametri
vitali, pressione e frequenza cardiaca,
saturazione, glicemia e colesterolo. I
volontari e infermieri saranno presenti
con unambulanza e un gazebo
informativo il primo gioved di ogni mese
in piazza Pertini a Gambettola e la prima

domenica di ogni mese in piazza


Cesare Battisti a Roncofreddo,
disponibili a dare indicazioni e
suggerire buone abitudini
alimentari, per un sano stile di
vita.
Nella foto il presidente Gianfranco
Pichierri (a sinistra) e il direttore
sanitario della Croce Verde di
Gambettola, Giuseppe Sarnataro,
in compagnia di due volontarie
durante una uscita a Gambettola.
Ps

Valle del Savio

Gioved 15 settembre 2016

17

Lassociazione contraria alla possibilit della sanatoria


Anche il comitato Salviamo la cascata concorde

Questione aperta

Alferello, scende in campo il Wwf


D

opo circa dieci anni dallautorizzazione


concessa dalla Regione, tra ricorsi e polemiche, lo scorso anno si sono completati
i lavori per un nuovo impianto idroelettrico lungo lAlferello, con opera di presa poco distante
dalla cascata delle trote e centralina di trasformazione in localit La Para.
Ma il 16 novembre 2015 lUnione dei Comuni ha
negato i certificati di conformit edilizia e di agibilit dellopera, per difformit nelle opere rispetto a quanto autorizzato, e la stessa Unione,
nello scorso mese di luglio, ha ingiunto la demolizione dellopera di presa, costituita dalla griglia, dalla vasca di carico e del canale del troppo
pieno, oltre al ripristino dei luoghi.
Ora per sembra sia stata presentata domanda di
sanatoria, con una posizione possibilista espressa dal sindaco di Verghereto Enrico Salvi.
Decisamente contrari a ogni ipotesi di sanatoria
si sono subito espressi il Wwf di Forl-Cesena e il

comitato Salviamo la cascata dellAlferello.


Nellordinanza di demolizione si precisa che,
in caso di mancata ottemperanza alla demolizione da parte della ditta, lopera verrebbe
acquisita dal Comune di Verghereto per il suo
smantellamento salvo che con deliberazione consiliare non si dichiari lesistenza di prevalenti interessi pubblici e sempre che lopera non contrasti con interessi urbanistici e
ambientali.
Ci si chiede come possa il Comune - commenta il Wwf - anche solo ipotizzare il mantenimento di tale impianto a suo carico, eludendo tutte le norme successive e preventive
di tutela e salvaguardia paesaggistica e ambientale, non adeguatamente considerate a
suo tempo, nonch il danno causato alleconomia turistica e alla qualit ambientale di
quella zona
Al sindaco di Verghereto e alla presidenza del-

A sostenerlo il comitato Dilaghiamo costituitosi di recente


IL LAGO COPERTO DA CANNE E LIMO

Pulire il lago di Quarto?


Intervento possibile
L

a pulizia del lago? Si pu fare. Ne


sono convinti i promotori del
comitato cittadino creatosi attorno
al lago di Quarto. Dilaghiamo - Quarto
un lago per la Romagna si costituito lo
scorso mese di maggio e sta portando
avanti, in maniera sempre pi serrata,
incontri e momenti di sensibilizzazione
nel territorio a favore della valorizzazione
del bacino lacustre. Una iniziativa che
parte dal basso, da chi attorno a quel
lago, o quel che ne rimasto, nato e
cresciuto. Le persone che vivono qui
devono farsene custodi e garanti. C una

bellezza nel territorio che deve essere


testimoniata. Chi, se non coloro che lo
abitano, se ne deve fare promotore?,
spiega Giuseppe Satanassi, di Quarto,
uno dei primi sottoscrittori del comitato.
Il sodalizio aveva gi manifestato il
supporto al progetto che
lAmministrazione comunale di Sarsina
aveva presentato lo scorso maggio, La
ciclovia dei Romei, per accedere a fondi
europei destinati a migliorare la fruibilit
dellarea umida e a valorizzare larea
sfruttandone le potenzialit turistiche,
compresa la costituzione di un piccolo

lago artificiale.
Oltre a questo, non vogliamo precluderci
lidea di portare avanti soluzioni per
mettere in pulizia almeno una parte del
lago. Larea individuata potrebbe essere,
per esempio, quella che si estende dalla
zona antistante il bar Pineta, adesso
ricoperta di fango e canne, fino alla zona
nei pressi dello svincolo della E45. Pulire
questa parte significherebbe anche
poterla convertire in attivit utili e
sostenibili come le coltivazioni lacustri di
t o riso, la pesca, la realizzazione di
laboratori e percorsi tematici. Renderla
produttiva e attrattiva in chiave ecologica
e culturale. Una operazione che
potrebbe avvenire grazie anche alla rete,
penso allattivit del crowfunding, o a
raccolta fondi da terzi a sostegno delle
finalit espresse dal comitato. Il tutto
previa costituzione del comitato come
ente con personalit giuridica. Sar uno
dei prossimi passi.
Il comitato cittadino pro lago (che si
dotato anche di un sito internet
www.dilaghiamo.it) intende anche capire
le problematicit che fino adesso hanno
frenato azioni di pulizia dellinvaso, come
una presunta tossicit del limo.
Chiediamo controanalisi. E capire, se
non lo fosse, come poterlo utilizzare.
Sempre attuale, poi, il tema dello
slagamento, lapertura delle paratoie, nei
periodi di piena, permetterebbe di
portarlo via. Non si effettua pi da
qualche anno, eppure ci pare uno
strumento a disposizione per ritardare
limminente e totale riempimento del
bacino.
Michela Mosconi

Domenica 18 settembre la festa in uno dei luoghi pi remoti della Diocesi

AVetracchio il tempo sembra essersi fermato


S

FOTO DB

essantadue anni fa veniva costruita e inaugurata la chiesetta di Vetracchio, dedicata alla Madonna delle Grazie,
nel territorio della parrocchia di San Bartolomeo in Tezzo. Domenica 18 settembre alle 16 sar celebrata la Messa a
fianco della cappella. Ci si fermer poi insieme per un momento di festa. A Vetracchio, forse il luogo pi remoto di tutta
la diocesi anche se non troppo lontano dai centri abitati, il
tempo sembra essersi fermato. Vi si ammirano ancora file di
grandi pagliai, vecchi e nuovi, vi sono strumenti da lavoro in
legno ancora in uso e fino a qualche anno fa i campi venivano
arati ancora con laiuto delle bestie. Le case, del 700-800, sono raccolte in due borgate abitate da sette persone. Fino agli
anni 60 i residenti erano oltre cinquanta. Nel 1954 venne costruita la chiesetta per dar modo a due religiosi originari del
luogo, padre Graziano e padre Giovanni Santucci, di poter celebrare la Messa durante le vacanze estive passate nelle case
natali. Consacr la chiesa monsignor Carlo Bandini, arrivato a
cavallo del mulo (la strada venne aperta solamente nel 1958).
Confer la Cresima ai bambini della frazione. Tre anni fa tre
volontari hanno risistemato la chiesa e tutto il piazzale esterno.
Db

lUnione dei Comuni, il Wwf chiede di respingere qualsiasi ipotesi di sanatoria e di procedere
senza indugi, alla data stabilita, con la demolizione dellimpianto.
Ora che le autorit competenti hanno riscontrato difformit sostanziali - lamenta il comitato
Salviamo la cascata - al pure gi contestato progetto ed emesso lingiunzione di demolizione, si
prepara una sanatoria.
Questa sanatoria possibile solo se le opere contestate sono comunque conformi alle norme e
agli strumenti urbanistici vigenti. Come sar
possibile sanare una nuova centrale posizionata
a meno di 100 metri dallaltro impianto esistente? La legge regionale (Dgr 3 novembre 2008 n.
1793) considera tecnicamente incompatibili
nuove domande di derivazione ad uso idroelettrico, poste ad una distanza inferiore al chilometro.
Alberto Merendi

Sarsina
Festa al Suffragio
La parrocchia della Cattedrale di Sarsina vive
un momento particolare di festa, dopo il
patrono San Vicinio, dedicato alla Madonna
Addolorata, venerata nella chiesa del
Suffragio.
Sabato sera in programma, alle 20,30 la
Messa alla quale seguir la processione con la
statua della Vergine Addolorata per via Cesio
Sabino, via Vallauri, via Linea Gotica, via XVIII
Settembre, via Roma, terminando nella chiesa
Cattedrale. Domenica, dopo la Messa delle 18,
la statua verr riportata in processione nella
chiesa del Suffragio. La chiesa del Suffragio, in
stile neogotico, stata eretta nel 1927
demolendo una chiesa cinquecentesca di
dimensioni inferiori dedicata a San Gregorio,
dalla quale proviene limportante quadro
seicentesco del Cignani, ora conservato in
Cattedrale. tempio votivo della Redenzione e
ricorda anche tutti i Caduti di Romagna,
defunti durante la prima Guerra mondiale. La
statua della Madonna, del 1927, montata su
un sostegno del 1765. Le tre campane del
1927 di ottima fattura, della pregiata ditta
Brighenti di Bologna, sono fabbricate
interamente con bronzo di cannoni della
Prima Guerra. Lambone e lacquasantiera
hanno come supporto due colonne romane,
donate dal vicino Museo Archeologico. Nel
1988 tutta la struttura, ridotta in ormai
pessimo stato, ha subito radicali lavori di
restauro che lhanno riportata alloriginale
splendore grazie alla volont del parroco don
Renzo Marini. Nel 1992 la famiglia Moretti
dona lelegante pavimento a scacchi bianco e
nero. Fino a qualche anno fa la chiesa veniva
officiata al sabato e alla domenica sera. Ora
solamente per la festa della Madonna
Addolorata e nella domenica delle Palme.
Daniele Bosi

Pellegrini alla Verna


I cammini si incontrano
Pellegrini e associazioni dAlto Savio, in
particolare impegnate nella valorizzazione della
Via Romea Germanica, parteciperanno
alliniziativa promossa dal Comune di Chiusi La
Verna che vedr sabato 24 convergere al
Santuario de La Verna camminatori provenienti
da diversi percorsi.
I Cammini si incontrano a La Verna, questo il
titolo dellevento per rendere omaggio a San
Francesco, in occasione dellAnno dei Cammini e
del Giubileo della Misericordia.
I quattro percorsi (Via Romea Germanica,
Cammino di San Francesco, Via delle Foreste
Sacre, Via Abaversa) si incontreranno nel luogo
che rappresenta il centro di incontro di
importanti cammini laici e religiosi.
Alliniziativa collaborano anche le associazioni
locali Acli Altra Terra ed Esploramontagne.
Al Santuario prevista una tavola rotonda con
la partecipazione di rappresentanti del
Ministero e della Regione Toscana, della
presidente Apt Emilia-Romagna Liviana Zanetti e
del presidente del Parco Nazionale Luca Santini.

18

Gioved 15 settembre 2016

Solidariet
Alla Maratona
Alzheimer
conTelemaco

Associazione Telemaco onlus pronta ad animare lultimo chilometro della Maratona


LCesenatico.
Alzheimer
che si tiene domenica 18 settembre con partenza da Mercato Saraceno e arrivo a
Diversi artisti si esibiranno durante lultimo tratto allietando la gara oppure la
passeggiata. Gli artisti e i generi in cui si esibiranno restano una sorpresa... invogliando, se non a
gareggiare, almeno a partecipare per il tratto non competitivo che va dalla Stadio di Cesena no
al parco di Levante, location prevista per larrivo.
Eric Benedetti, presidente di Telemaco: Io stesso mi sono cimentato nella marcia non

competitiva, una bellissima esperienza; stato anche


un modo per fare nuove conoscenze, condividendo quei
sedici chilometri. Abbiamo accettato di partecipare
perch il rettilineo dellultimo chilometro pu sembrare
estenuante; insieme ai nostri artisti, terremo
compagnia ai maratoneti e ai camminatori e daremo la
carica che serve per raggiungere tutti vittoriosi il
traguardo.
LAssociazione Telemaco presente sul territorio da
oltre 15 anni. suo il progetto teatrale Tana liberi
tutti che vede ragazzi diversamente abili insieme a
giovani volontari, cercando di favorire lintegrazione
attiva nella vita sociale per persone con disabilit.

A SantEgidio di Cesena

FOTO ARCHIVIO EDIZIONE 2015 DEL MERCATISSIMO DELLUSATO


NUOVA STRUMENTAZIONE
DELLA SALA OPERATORIA
DELLA CASA DI CURA
MALATESTA NOVELLO

Casa di cura
Malatesta Novello
Innovazioni tecnologiche
nelle sale operatorie
L

a Casa di Cura Malatesta Novello


dal 1947 una certezza per i
pazienti di Cesena e dintorni.
Da qualche giorno per c una novit,
che contribuir a migliorare
ulteriormente la qualit di medici e
chirurgi della clinica privata. Sono
state infatti ristrutturate le due sale
operatorie presenti nel complesso di
via Renato Serra attraverso
linstallazione di sistemi ad alta
tecnologia e attrezzature

Contrasto alla povert con il


Sostegno per lInclusione Attiva
La legge di stabilit 2016 ha introdotto il
Sia, il Sostegno per lInclusione Attiva
come misura per il contrasto alla povert
estrema e da settembre 2016 attivo in
tutti i Comuni.
Il Sia prevede lerogazione di un sussidio
economico a nuclei familiari in
condizioni economiche di estremo
disagio nei quali sono presenti minori o
disabili o donne in stato di gravidanza,
ma subordinato alladesione a un
progetto di attivazione sociale e
formativo-lavorativa. Infatti,
diversamente da tutte le azioni
precedenti, il Sia prevede che, per
godere del benecio, tutto il nucleo
familiare debba aderire a un percorso di
attivazione sociale e lavorativa,
sostenuto da servizi sociali del Comune,
centro per limpiego, servizi sanitari e
scuole. Il progetto viene costruito sulla
base delle problematiche presenti in
famiglia, instaurando come un patto tra
servizi e famiglie di reciproca assunzione
di responsabilit.
Pu accedere al Sia ogni cittadino
italiano o comunitario, o suo familiare
titolare del diritto di soggiorno o del
diritto di soggiorno permanente
cittadino straniero con diritto di
soggiorno Ce per soggiornanti di lungo
periodo, oppure titolari di protezione
internazionale (asilo politico e
protezione sussidiaria). Essere residente
in Italia da almeno due anni alla data
della presentazione della domanda.
Deve sussistere almeno uno di questi
requisiti familiari: un glio minorenne o
un glio disabile, oppure una donna in
stato di gravidanza accertata.
Sono rilevanti anche i requisiti
economici: Isee o Isee corrente inferiore
o uguale a 3mila euro.

allavanguardia. In particolare, sono


stati installati alcuni pensili, cos da
poter eliminare i carrelli mobili e
rendere pi ordinata la sala.
La novit pi importante quella di
un sistema computerizzato, presente
in entrambi gli ambienti, che
permetter di archiviare immagini e
video dellintervento e del paziente,
cos da poter rivedere questi dati in un
secondo momento. In questo modo si
potr avere sotto controllo la sua

intera storia clinica.


Fra le nuove installazioni anche
monitor, utilizzabili attraverso una
specie di joystick dai medici, un
hardware compatto, che verr
utilizzato soprattutto in campo
ortopedico, che permette un
collegamento diretto al sistema
centralizzato della gestione delle
lastre, e un sistema, lAida, per
visualizzare tutte le immagini
archiviate.
La spesa totale per questi interventi
stata di 420mila euro, tutti a carico
della Casa di Cura. Per il dottor
Bersani, direttore sanitario, stata
una scelta sana, giusto investire
risorse in questo senso. Le attrezzature
arrivano dallEuropa, la tecnologia
tedesca, ma lavorazione e materiali
sono italiani. Queste nuove tecnologie
richiedono sicuramente un periodo di
adattamento, ma sono di certo un
miglioramento per noi. A volte
addirittura i nostri stessi medici,
tornando da corsi di aggiornamento,
ci hanno proposto innovazioni
presentate in questi importanti
incontri. Daltronde, lunico modo per
non perdere pazienti questo:
proporre medici professionisti e seri,
oltre a una tecnologia allavanguardia.
Questi investimenti tranquillizzano
anche lAusl, nostra committente. Un
passo avanti per questa realt che da
anni lavora per aiutare i pazienti nel
periodo di lungo degenza, cercando di
garantirgli i migliori servizi. Da oggi,
anche attraverso novit tecnologiche
che proiettano la Casa di Cura in un
futuro pi sicuro e pi efficiente.
Andrea Pracucci

NOTIZIARIO PENSIONATI
Ai nuclei familiari che avranno una scala di
valutazione uguale o superiore a 45 punti
lInps erogher un contributo mensile di 80
euro per ogni componente il nucleo no a un
massimo di 400 euro attraverso una Carta di
pagamento elettronica utilizzabile nei
supermercati, alimentari farmacie e
parafarmacie del circuito Mastercard, nelle
Poste per bollette elettriche e gas. La carta
d accesso alla tariffa elettrica agevolata e
allo sconto del 5 per cento dei negozi e nelle
farmacie convenzionate. Lerogazione
bimestrale.
Non potranno ricevere il Sia coloro che
percepiscono trattamenti economici di
natura previdenziale, indennitaria e
assistenziale superiori ai 600 euro mensili coloro che percepiscono Naspi e Asdi o altri
strumenti di sostegno al reddito per
disoccupazione - coloro che beneciano
della Carta Acquisti sperimentale - coloro
che hanno immatricolato la prima volta un
autoveicolo nei 12 mesi precedenti la
richiesta - coloro che possiedono autoveicoli
di cilindrata superiore a 1300 cc, o
motoveicoli superiori a 250 cc immatricolati
la prima volta nei tre anni precedenti.
Per ogni nucleo familiare che ha diritto ad
accedere al Sia i Comuni predispongono un
piano personalizzato di attivazione sociale e
lavorativa, costruito insieme alla famiglia
ma di cui la famiglia corresponsabile e si
sostanzia in un patto che prevede degli
impegni precisi che se non vengono
rispettati fanno decadere anche il sostegno
economico (esempio: partecipazione a
tirocini, frequenza scolastica).
Gli interessati possono rivolgersi presso i
Servizi Sociali del proprio Comune di
residenza.

Mercatissimo
dellusato
Da venerd 23
a domenica 25 settembre
Una tre giorni tra oggetti che profumano di
storia e di vita.
Si tiene da venerd 23 a domenica 25
settembre la sesta edizione del
Mercatissimo dellusato nellampio cortile
della parrocchia di SantEgidio di Cesena.
Organizzato da un gruppo di volontari che
da un anno raccoglie, seleziona, pulisce e
aggiusta, al mercatino di SantEgidio
possibile trovare biancheria per la casa
direttamente dai bauli delle nonne, capi
dabbigliamento, scarpe e borse pi o meno
vintage, bigiotteria, argenteria, vasellami,
bici e cyclette, libri, quadri, piccoli
elettrodomestici, giocattoli, mobili in buono
stato, ceramiche, cartoline e santini. Tutto
allestito con cura e fantasia in grandi isole
tematiche dove poter curiosare alla ricerca
delloggetto originale o ancora attuale.
Tantissimo il materiale che occuper i
banchi di una tre giorni di solidariet, utile
a dare nuova vita a oggetti dimenticati e
dormienti nei cassetti e per fornire la
possibilit a tutti di acquistare oggetti in
buono stato e a prezzo modico.
Dopo lapertura alle 8,30 di venerd 23
settembre, il Mercatissimo rester visitabile
con orario continuato no alle 22. Nella
giornata di sabato 24 settembre sar aperto
dalle 8,30 alle 22 e domenica 25 settembre
dalle 8,30 alle 19.
Lintero ricavato sar devoluto per le
necessit della parrocchia.
Per info: Gino Martuzzi, 338 6046324;
Rosanna Bugli 349 1602916.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

PENSIONI: le proposte fatte al Governo


dal sindacato dei pensionati Cisl
Dopo il tavolo tecnico di luned 12 settembre, lultimo prima
dellincontro politico, possiamo affermare che sembrano esserci le basi per trovare un accordo con il Governo, dando cos
finalmente delle risposte concrete ai pensionati: sono le
prime impressioni del segretario generale dei pensionati Cisl
Bonfanti.
Nel corso del confronto con il sottosegretario alla Presidenza
del Consiglio Tommaso Nannicini, abbiamo fatto il punto su
quelle che, secondo noi, sono le priorit su cui intervenire per
quanto riguarda le pensioni. In particolare - prosegue Bonfanti
- abbiamo tenuto a sottolineare la necessit di agire sulla quattordicesima mensilit, estendendola
a una platea pi ampia; a fare una netta distinzione tra previdenza e assistenza; a equiparare la no
tax area dei pensionati a quella dei lavoratori dipendenti; a prevedere la possibilit di ricostituire
un montante virtuale per recuperare le perdite subte dai pensionati a causa del blocco delle rivalutazioni. Infine, abbiamo ricordato al governo lopportunit di modificare il paniere Istat, che a oggi
non considera le necessit connesse alla terza et.
Da parte del Governo abbiamo trovato una chiara disponibilit a risolvere le questioni sul tavolo,
anche se siamo ancora in attesa di conoscere lentit delle somme messe a disposizione dallesecutivo a tal riguardo. Ciononostante, positivo poter registrare tale apertura che rappresenta un
passo in avanti importante nei rapporti tra Governo e parti sociali, soprattutto in vista di obiettivi
comuni ineludibili.
Ci auguriamo, quindi, che con lincontro definitivo previsto per il prossimo 21 settembre, si arrivi a
una conclusione che tenga conto delle nostre richieste e non pregiudichi la prosecuzione di un confronto leale e positivo col governo anche in futuro.
Presente allincontro tecnico sulle pensioni anche Maurizio Petriccioli, segretario confederale della
Cisl, che ha sottolineato un aspetto interessante emerso, cio lAPE Anticipo pensionistico, che
potr essere richiesto a 63 anni. un anticipo di tre anni e sette mesi. Potranno quindi uscire dal
lavoro nel 2017 coloro che sono nati fino al 1954, una volta compiuti 63 anni. Per chi ha un lavoro,
lanticipo sar pagato con rate di ammortamento sulla pensione, mentre, per coloro che sono disoccupati e non hanno ammortizzatori sociali, lanticipo sar gratuito, purch limporto della pensione non sia superiore ai 1.200 euro netti.
La sperimentazione - prosegue Petriccioli - sar di due anni per vedere quanto viene utilizzato e
come funzioner lo strumento. I tre anni e sette mesi di anticipo rappresentano il punto di mediazione raggiunto oggi; noi avevamo chiesto quattro anni.

Cultura&Spettacoli

Anniversario

Gioved 15 settembre 2016

A quarantanni dalla morte, un profilo del sacerdote pavese che venne in Diocesi
come segretario del vescovo Giovanni Cazzani. Qui dove visse "I pi meravigliosi
anni della mia vita, per incontri di terre, di uomini"

InmemoriadidonCesareAngelini
amicodiRenatoSerraediCesena
Q

uarantanni fa, il 27
settembre 1976, si
spegneva a Pavia don
Cesare Angelini. Chi era costui?
Cos ebbe a definirlo un amico
importante: "Prete-poeta,
candido di capelli e di animo,
pieno di luce negli occhi e
nella mente, uno di quei preti
ai quali potrebbe confessarsi
anche chi non avesse fede"
(Giuseppe Prezzolini). E
perch Cesena e il "Corriere
Cesenate" non possono
dimenticarlo? Provo a
spiegarlo in breve.
Nato ad Albuzzano di Pavia il 2
agosto 1886, ordinato
sacerdote il 24 giugno 1910,
subito chiamato da Giovanni
Cazzani, anchegli pavese,
vescovo di Cesena dal 5 agosto
1904: ex professore di Angelini,
lha richiesto per svolgere
funzioni di segretario
particolare e di docente
ginnasiale nel seminario di via
Roverella 6. Don Cesare
"sinnamora" di Cesena:
edificato dalla vicinanza a un
grande pastore, ricordando "i
frequenti incontri nel suo
studio addossato al seminario,
le passeggiate fatte insieme
verso le colline di Celincordia,
che facevano da fondale alla
piccola citt, e le visite al
Monte dei Benedettini e al
colle dei Cappuccini"; conosce
Renato Serra in Malatestiana,
lo ammira e se ne fa discepolo;
scrive sul "Corriere Cesenate",
palestra delle sue prime
uscite letterarie (il 20 aprile
1912 pubblica in prima unode
alla Madonna del Popolo); nel
luglio 1915, al termine
dellanno scolastico, rientra a
Pavia, in quanto Cazzani il 15
dicembre 1914 stato
trasferito a Cremona.
Ma don Cesare non
dimenticher mai, fino agli
ultimi giorni, il suo
quinquennio romagnolo:
"forse, i pi meravigliosi anni
della mia vita, per incontri di
terre, di uomini; la leggenda
della mia giovinezza". Di
Cazzani ha respirato un raro

DON CESARE
ANGELINI
NEL SUO STUDIO.
STATO
ORDINATO
SACERDOTE
NEL 1910

carisma, la carica umana e


spirituale (possiamo
comprendere perch quel
nostro vescovo si trova
oggi sulla strada della
santit); nellincontro e
nellamicizia con Serra ha
trovato il varco che gli apre
lorizzonte culturale e lo
dota di metodo e strumenti,
soprattutto perch
affascinato dal suo
insegnamento morale e
critico-letterario. Basta
leggere la lettera che
Angelini scrive a don
Antonio Benini lindomani
della tragica morte di Serra
sul Podgora (20 luglio 1915)
e che pubblica il "Corriere
Cesenate" del 31 luglio
seguente: "Serra non era
solo un uomo dingegno e
di cultura squisita, come ce
n tanti, oggi, in Italia. Egli
aveva dei doni di sensibilit
che forse lui solo, oggi,
possedeva. Penso alla
gratitudine della sua prosa
cos viva e lieta che lo
faceva uno degli scrittori
pi belli e saporiti. Penso
allalta spiritualit chera
nellanimo suo e che gli
permise di comprendere
intera questora di

disciplina e di sacrificio".
Nel 1969 Angelini pubblica
Ritratto di vescovo (Mons.
Giovanni Cazzani) e ne
invia copia allallora presule
di Cesena, Augusto
Gianfranceschi (1957-1977),
che prontamente ringrazia
con lettera: quella missiva
risulta dispersa (ignota
anche allArchivio
Angelini), ma possediamo
linedita, bellissima risposta
di don Cesare (ringrazio
Claudio Riva per avermela
segnalata), che qui
meritatamente si pubblica.
Marino Mengozzi
UNA LETTERA INEDITA
DI ANGELINI AL VESCOVO
GIANFRANCESCHI
Pavia, via Luigi Porta 14
18 sett. 1969
Eccellenza reverendissima,
la Sua lettera, scritta con
cuore abbondante, mi ha
dato limpressione che il
modesto ritratto di Mons.
Cazzani sia stato letto proprio da Lui, sempre cos
pronto a compiacersi di
qualche piccola cosa che si
offriva alla sua lettura. Gra-

zie, dunque, davermela


scritta.
Quanto poi al confronto a
cui, nel legger quelle pagine,
Vostra Eccellenza vorrebbe
umilmente abbandonarsi,
tra il Vescovo dallora e il Vescovo dora, rischierebbe
dessere, come ogni confronto, non giusto; perch ogni
personalit acquista - o
esprime - rilievi dal tempo
in cui la storia (o la Provvidenza) lha collocato: dal
tempo suo.
Senza dire, Eccellenza, quello che so di Lei, proprio come Vescovo di Cesena, e lalte qualit e lo zelo. Forse anche per quello che di Papa
Giovanni Le rimasto vicino per essergli vissuto vicino.
Per questo mi piace pensarla
Vescovo della Diocesi (e quel
piano e quei colli e quel mare) che continua a essermi
cara, perch fu carissima alla mia prima e troppo lontana giovinezza sacerdotale.
Se torner in Romagna, vorr certo avere il piacere, Eccellenza, di venirla a riverire. Intanto mi abbia suo devotissimo
don Cesare Angelini

Cinema
di Filippo Cappelli
Uci Romagna (Savignano sul Rubicone)

ESCOBAR
di Andrea Di Stefano
Ai pi giovani, in tutta probabilit il nome
di Pablo Emilio Escobar dice poco. Come
riconosce il regista Di Stefano: Tutti
hanno sentito parlare di Pablo Escobar, ma
nessuno sa davvero chi sia. E tocca al cineasta italiano raccontare la storia di questo pi che ambiguo politico colombiano,
osannato per anni come salvatore della
patria e poi rivelatosi criminale e re del
narcotraffico mondiale. Ma anche amico e
padre di famiglia, convinto combattente...
Come tutti gli uomini, insomma, un abisso
difficile da giudicare in modo completo.
La trama: Nick (Josh Hutcherson) ha lasciato il Canada per inseguire il sogno del
fratello: vivere su una spiaggia insegnando
surf e gestendo una piccola attivit. Qui
conosce Maria (Claudia Traisac), una bellissima ragazza del luogo di cui si innamora immediatamente. Lei, molto legata
alla sua famiglia, non vede lora di presentarlo al suo celebre zio, Pablo Escobar (Benicio del Toro). Nick non sa niente di lui,
ma fin dallinizio percepisce che tutta la
ricchezza e lapparente filantropia che
ostenta non pu essere del tutto vera e genuina. Alcuni particolari non lo convincono, ma pi si innamora di Maria, pi
decide di non dare troppo peso ai suoi
dubbi; pi si avvicina alla figura di Pablo,
pi viene assorbito dal suo giro di complotti e losche attivit. Pi il tempo passa e
pi per Nick la situazione diventer impossibile. La sua unica soluzione? Cercare
di fuggire dallimmensa rete del re dei narcotrafficanti
A scrivere e dirigere il film litaliano Di
Stefano, e gi per questo il film merita un
voto in pi ed motivo di vanto. Il problema che lorgoglio tricolore si smorza
subito, dato che lapporto della penisola si
ferma qui: la produzione infatti tutta
francese perch (lo dice il regista, e non c
motivo di dubitare) un film con un budget
medio-alto un problema entro i confini
italici. Ed un vero peccato, perch il film
, per certi versi, straordinario. Non un capolavoro, certo, ma Benicio Del Toro in
forma strepitosa e la macchina da presa
scava a poco a poco nella vita del criminale in un modo che inquieta e sorprende.
Tocca i nervi scoperti delle emozioni giocando pi volte a disorientare il pubblico e
portandolo verso la fine a un senso di pietas. Ottima la sceneggiatura e splendida la
fotografia. Ripeto: non c niente di clamoroso, ma davvero avvilente che non si
trovi qualche produttore italiano capace di
rischiare e scommettere su un film di questo genere piuttosto che affidarsi alle solite
e banalissime commediole trite e ritrite.
C da gioire comunque per Andrea Di Stefano, che probabilmente andr a fare compagnia Oltreoceano a Gabriele Muccino.
Mentre lItalia, questa s, rimarr ancora
un po pi sola.

alla Libreria cattolica SAN GIOVANNI nuova sede: corso Sozzi 39, Cesena (tel. 0547 29654)
BENEDETTO XVI
ULTIME CONVERSAZIONI
a cura di Peter Seewald - Edizioni Garzanti (euro 12,90)
Benedetto XVI un uomo che impersona la santit, un uomo
di pace, un uomo di Dio (papa Francesco).
uscito il 9 settembre in contemporanea mondiale il nuovo
libro di Benedetto XVI.
Queste Ultime conversazioni rappresentano il testamento spirituale, il lascito intimo e personale del Papa che pi di ogni altro
riuscito ad attirare l'attenzione sia dei fedeli sia dei non credenti sul ruolo della Chiesa nel mondo contemporaneo. Indimenticabile resta la scelta di abbandonare il pontificato e di
rinunciare al potere: un gesto senza precedenti e destinato a
cambiare per sempre il corso della storia. Nella sua lunga intervista con Peter Seewald il Papa affronta per la prima volta i tormenti, la commozione e i duri momenti che hanno preceduto le sue dimissioni; ma risponde
anche, con sorprendente sincerit, alle tante domande sulla sua vita pubblica e privata: la
carriera di teologo di successo e lamicizia con Giovanni Paolo II, i giorni del Concilio Vaticano e lelezione al papato, gli scandali degli abusi sessuali del clero e i complotti di Vatileaks.
Benedetto XVI si racconta con estremo coraggio e candore, alternando ricordi personali a parole profonde e cariche di speranza sul futuro della fede e della cristianit. Leggere oggi le sue
ultime riflessioni unoccasione privilegiata per rivivere e riascoltare i pensieri e gli insegnamenti di un uomo straordinario capace di amare e di stupire il mondo.

Alla Libreria San Giovanni

GRANDE VENDITA
PROMOZIONALE
CON SCONTI
dal 40% al 80%
di oggetti regalo,
santini, icone
da luned 12 a sabato 24 settembre
dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19
(per info tel. 0547 29654 libreria)

19

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 15 settembre 2016

CESENA
Storia del teatro Bonci
Fino al 18 settembre nella sala San Giorgio della
Biblioteca Malatestiana sono presentati in originale
foto, locandine e documenti per la storia dei 170
anni del teatro Bonci, a cura di Gessica Boni, Paola
Errani e Carla Rosetti. Fra le chicche della mostra
depliant, articoli di giornali e un manifesto dedicati
allopera lirica tutta cesenate La Dbacle. Le visite
da gioved a sabato dalle 9 alle 19; la domenica
dalle 10 alle 19.

Incontri culturali

Mostra zootecnica

Prosegue al Palazzo del Capitano


il ciclo di conferenze
Tra cielo e terra.
Gioved 22 settembre alle 21
Daniele Biella e Andrea
Boscherini tratteranno il tema Il
veleno in natura.
Gioved 29 alle 21 Riccardo
Manzini parler della Medicina
nellantico Egitto.

Ute, anno accademico al via


Si terranno dal 20 settembre al 20 dicembre le 26 lezioni del 1 ciclo del 29esimo Anno Accademico
dellUte, Universit della terza et, a cura della FnpCisl. Marted 20 settembre alle 15,30 il presidente
Daniele Vaienti parler del Bilancio e delle prospettive a quasi trentanni dalla fondazione e illustrer il
programma 2016-2017. Francesco Zanotti terr la
prima lezione su Informazione e terza et.

Incontro con gli autori


Alla Malatestiana, sabato 17 settembre alle 9,30,
saranno presentati il libro di Andrea Bilotto Dal
cyberbullismo alla dipendenza online. Come aiutare
ragazzi, genitori e insegnanti ad affrontare i rischi
legati alle nuove tecnologie e il romanzo di Iacopo
Casadei Il buio prima di incontrarsi: la vicenda
delladolescente Luca che, dietro la cortina di noia
di giornate superciali, trascorse tra social network
e cellulari sempre connessi, cela il suo bisogno di
amare ed essere amato.

Riapre il cinema Victor


Al cineteatro Victor di San Vittore di Cesena
riprende la programmazione cinematograca 20162017.
Gioved 15, venerd 16, sabato 17, domenica 18 e
marted 20 settembre alle 21 sar in visione il lm
di Paolo Virz La pazza gioia (2016, consigliabileproblematico-dibattiti). Ingresso 3,50 euro.

Lotteria Diabete Romagna


Al Grand Hotel di Cesenatico sono stati estratti i
biglietti vincenti della lotteria solidale di Diabete
Romagna con numerosi premi in palio: 15706,
03177, 04732, 04524, 01956, 04486, 02846,
02599, 04825, 03141, 16486, 01770, 04716,
02200, 00791, 02167, 03451, 03503, 03240,
04818, 05755.
I premi sono pubblicati nel sito dellassociazione
www.diabeteromagna.it.

Cesena
La Romagna della musica
in aiuto ai terremotati
La Romagna della musica (e non solo) si
mobilita per le popolazioni del Centro Italia
colpite dal terremoto. Luned 19 settembre, a
partire dalle 20, in piazza del Popolo a
Cesena, si terr la manifestazione Mille voci
un cuore solo, che vedr la partecipazione di
oltre trenta artisti per una serata allinsegna
della solidariet.
Ideatrice e anima delliniziativa Luana
Babini, che subito dopo il sisma del 24 agosto
si messa al lavoro per concretizzare il
progetto. La Romagna - dice - ha sempre
dimostrato di essere a anco di chi ha bisogno
e ho pensato che anche in questa circostanza
non poteva mancare il nostro contributo. Non
mi sono sbagliata: gli artisti che ho
interpellato hanno dato immediatamente la
loro disponibilit, senza chiedere neppure il
rimborso per le spese vive.
Fra quelli che si esibiranno sul palco il 19
settembre insieme a Luana Babini, ci sono
nomi del calibro di Tiziana Rivale, Renzo il
Rosso, Andrea Vasumi, Armando Savini, Carlo
Frisi, i Moka Club, Gianni Drudi, Luca
Bergamini.
Alla realizzazione della serata collaborano il
gruppo Orogel - Pubblisole e i Lions Club di
Forl - Cesena. Lingresso sar a offerta libera
e tutto il ricavato sar destinato ai
terremotati.
Ringraziamo gli organizzatori per aver scelto
Cesena come sede di un evento che coinvolge
tutta la Romagna - afferma il sindaco Paolo
Lucchi - e soprattutto per la rapidit con cui si
sono mossi, confermando che il mondo della
musica, e soprattutto quello romagnolo, in
prima la quando c da dimostrare nei fatti
la propria solidariet.

San Piero in Bagno

Bagno di R.

La II edizione della mostra zootecnica si terr


sabato 17 e domenica 18 settembre
in piazza Salvador Allende. promossa dal Comune
e organizzata dallAssociazione regionale degli allevatori
dellEmilia Romagna con nanziamento
del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi.
ospitata allinterno del FestInVal 2016.
Verranno esposti animali di razze locali e romagnole,
prodotti ortofrutticoli, ori, piante
e macchine agricole depoca.

Gatteo

Bagno di Romagna
Fiori nel parco

Festa delluva

Si potr visitare no al 25 settembre al Palazzo del


Capitano la mostra fotograca Fiori nel parco.
Immagini dellAppennino romagnolo, nellambito
delliniziativa Vivi il verde. Alla scoperta dei
giardini dellEmilia Romagna. Oltre alle immagini
tratte dallarchivio comunale, sono presenti servizi
fotograci di Alberto Fabbri, Gianluca Mambelli,
Michela Mordenti, Aldo Neri, Pier Luigi Ricci,
Marcello Rossi, Sereno Rossi e Marco Spinelli.

Si svolger in piazza Antonio Vesi la III festa


delluva domenica 18 settembre dalle 14,30.
In programma il concerto di Renzo il Rosso e
il suo gruppo; lesibizione degli Sciucaren e
lo spettacolo di Crisa dance. A seguire la
pigiatura fatta dai giovani.
Unarea espositiva di creativi
a cura dellassociazione Telemaco.
Saranno aperti stand gastronomici a tema.

Ciclismo
Vincenzi e Garuffi
Esordienti alla ribalta
ommaso
TSimone
Vincenzi e
Garuffi
della Fausto
Coppi di
Cesenatico,
domenica 4
settembre sono
saliti
rispettivamente sul
primo e secondo gradino del podio
nella gara di 35 chilometri per
esordienti di 1 anno disputata a
Corinaldo (Ancona). Al 9 posto si
classicato il loro compagno Diego
Molisso che, domenica 11 settembre,
nel 28 memorial Francesco Turci a
Fiumicino di Savignano giunto
secondo, battuto allo sprint dal
faentino Luca Bagnara.
Questanno Diego ha gi ottenuto 3
vittorie, 4 secondi e 3 terzi posti.

Sabato 17 e domenica 18 settembre alla Fiera di Cesena

Appassionati di mercati e mercatini


aCera una volta... antiquariato
C
era una volta antiquariato, lappuntamento
mensile che da diciassette anni invita migliaia di visitatori e appassionati nei rinnovati spazi della Fiera
a Pievesestina di Cesena, rilancia e raddoppia. Negli anni la Fiera, organizzata
da Blu Nautilus di Rimini, ha saputo affermarsi come uno degli eventi pi originali e coinvolgenti per gli appassionati
dellantico, del brocantage, del collezionismo di oggetti depoca e per la nuova
edizione si arricchisce e caratterizza con
lintroduzione di una speciale sezione
dedicata a uno specifico tema. Resta comunque invariata la proposta che caratterizza il Cera una volta antiquariato e lha resa negli anni tra le fiere pi riconosciute del genere in Italia, con aree
dedicate allesposizione (250-300 gli

Mercato Saraceno
Gara di caratelle

Avr luogo a Linaro sabato 17 e domenica 18


settembre la LinaRace, una gara
cronometrata di caratelle (carretti e speed
down). Sar valida come gara di campionato
italiano Fisd e N5k. Il percorso di 2
chilometri lungo la strada provinciale 53
stato allungato rispetto agli anni precedenti.
Sono previste per sabato due prove libere.
Domenica 18 la gara di svolger in 3 manche.

espositori che vi partecipano ogni mese) e aree dedicate al commercio specializzato.


Una sorta di numero zero della formula specializzata della fiera si svolta nel febbraio scorso con ledizione dedicata al libro antico, che ha fatto registrare
una sessantina di nuovi espositori per circa 12mila
presenze nei due giorni di fiera.
Il primo dei sette appuntamenti mensili (ingresso 3
euro) per sabato 17 e domenica 18 settembre, quando i padiglioni avranno una sezione speciale dedicata alla Wunderkammer, la camera delle meraviglie:
una sorta di mirabilia dedicata alla natura e alle
scienze, con pezzi di antiquariato di alto profilo dal fascino esotico.
I prossimi appuntamenti - ogni terzo week end del
mese - saranno caratterizzati in ottobre con i temi
Arte: cos vicina, cos lontana: le arti vicine (di Emilia Romagna, Marche, Umbria e Toscana) incontreranno le arti lontane delle culture extraeuropee. In

Sogliano al Rubicone
Un libro su padre Reali

Sar presentato da Pietro Gibellini al teatro Elisabetta


Turroni sabato 17 settembre alle 16 il volume Nei Viali
dellAnima, dedicato a padre Agostino Venanzio Reali,
cappuccino, biblista, poeta e artista. Alunni delle medie
esporranno i loro lavori svolti a commento di alcune
liriche del frate grazie alla collaborazione dei docenti
Giulia Rossi, Alessia Carghini, Mauro Pracucci e Sabina
Negosanti. Gli intermezzi musicali sono di Federica
Frisoni al auto e Mattia Guerra al pianoforte.

novembre nuova specifica attenzione al libro antico, con volumi rari e stampe depoca; a dicembre la specialit del Paese dei
balocchi, con giochi, bambole e teatrini e
Il bello in cucina, con attenzione alla tavola, al mobilio e al relativo corredo. A gennaio sar la musica protagonista, con strumenti, editoria, discografia e antiquariato
musicale, per concludere a marzo con Ferro e Fuoco: antiquariato da giardino e oggetti in metallo.
Sabrina Lucchi

Savignano sul Rubicone


Conferenza su Vittorio Emanuele III
Nellaula magna della
Rubiconia Accademia dei Filopatridi
in piazza Bartolomeo Borghesi,
domenica 18 settembre alle 10
Guglielmo Bonanno di San Lorenzo,
Emilio Petrini Mansi della Fontanazza
e Fausto Giumetti parleranno sul tema
Piccolo Grande Re. Vittorio Emanuele III
unaltra storia.

Sport

Gioved 15 settembre 2016

Calcio Serie D
Un pari amaro

Calcio Serie B.Venerd alle 19 il Cesena


atteso dallinsidiosa trasferta di Bari

Romagna Centro
raggiunto allo scadere

Djuric mattatore
stende il Carpi
D

opo la brillante vittoria sul Carpi


per 1-0, ecco linsidia Bari ad
attendere il Cesena. Si gioca
venerd 16 settembre alle 19 al San
Nicola, dove i "galletti" pugliesi
attendono un "cavalluccio marino"
carico dopo i tre punti ottenuti ai danni
dellex tecnico Fabrizio Castori. Si gioca
per lanticipo della quarta giornata di
serie B, che in verit per i romagnoli,
solo la terza, visto il rinvio della partita di
Ascoli. In Puglia i ragazzi allenati da
Drago dovranno cercare conferme
contro una formazione che sinora ha
raccolto quattro punti in tre gare, frutto
di una vittoria, un pareggio e una
sconfitta. I biancorossi da questa
stagione sono guidati da Roberto
Stellone, allenatore che a Frosinone
port in A la squadra ciociara. Il Bari
rappresenta senza ombra di dubbio una
delle pretendenti alla massima serie. Gi
lo scorso anno i pugliesi furono artefici
di un buon cammino, culminato, come il
Cesena, con la presenza ai play-off.
Questanno a Bari si vuole alzare
lasticella puntando al traguardo della
promozione. Ecco perch lo scontro del

Ritmi serrati
in campionato. Si gioca
anche luned 19
settembre in casa
contro la Salernitana

LAZIONE DEL GOL DI MILAN DJURIC CHE HA PERMESSO


AL CESENA DI PORTARE A CASA I TRE PUNTI CONTRO
IL CARPI DELLEX FABRIZIO CASTORI (PIPPO FOTO)

San Nicola pu essere catalogato come


un ottimo banco di prova per saggiare le
qualit dellorganico cesenate. Se il
Cesena sar quello col piglio giusto, visto
venerd scorso allOrogel Stadium contro
il Carpi, allora potr dire la sua anche
fuori casa. proprio lontano dalle mura
amiche che Massimo Drago dovr
trovare quella continuit di risultati che
tanto mancata nella passata stagione.
Contro il Carpi, dove il pubblico
bianconero ha dimostrato tutto il suo
attaccamento (oltre 10mila abbonati) e il
suo affetto per lex Castori, il Cesena in
campo ha fatto pienamente il suo
dovere. La squadra di Drago ha predicato
calcio e nonostante le tante assenze, ha
avuto la meglio su un Carpi troppo
rinunciatario che si limitato a
difendere e a cercare la ripartenza giusta.

Cesena in Fitness cambia casa

21

Quando ormai i giochi sembravano


avviarsi al pareggio, un lancio
illuminante di Cinelli ha innescato
Djuric, che con grande coordinazione ha
fulminato al volo il portiere emiliano
Colombi con un gol da cineteca. Dopo
limpegno di Bari, i bianconeri avranno
solo pochi giorni per recuperare le
fatiche. I ritmi serrati del campionato
impongono gi di pensare al turno
successivo: il Cesena sar di scena
nuovamente al Manuzzi Orogel Stadium
luned 19 settembre quando alle 20,30
lavversario sar la Salernitana. Intanto
dopo tre giornate comanda una sola
squadra: il Cittadella che, con nove
punti su nove, guida il plotone davanti
ad unaltra sorpresa, il Benevento
secondo a due lunghezze.
Eric Malatesta

Il Romagna Centro strappa un buon


pareggio esterno (2-2) contro il
Campobasso e si porta a due punti in
classica. Risultato maturato con un po
di rammarico visto che i padroni di casa
sono riusciti ad agguantare il pareggio
solo allo scadere. Dopo un primo tempo
tutto sommato equilibrato, chiuso sullo 0
a 0, i gol non si sono fatti attendere nella
seconda frazione di gara.
Sono i molisani a sbloccare il risultato al
49 con un pallonetto di testa di Soudant
che si fa espellere poco dopo per doppia
amminizione. In superiorit numerica
luno-due dei ragazzi di Muccioli non
tarda ad arrivare. Succede tutto in dieci
miuti. Al 71, sugli sviluppi di un calcio di
punizione, capitan Maioli che, servito
da Amati, insacca portando il punteggio
sull1 a 1. Nove minuti dopo sempre
Amati che serve un ottimo pallone per
Indelicato che, da posizione ravvicinata,
non sbaglia.
La beffa arriva al 89 con Germano che,
entrato da un quarto dora, sfrutta un
calcio da fermo e, anticipando tutti,
insacca.
Nella prossima giornata di campionato il
Romagna Centro se la vedr contro la
Sammaurese, in una sorta di derby tutto
romagnolo. I giallorossi (tre punti in
classica) sono reduci dalla scontta
esterna contro la Recanatese per 1 a 0. In
precedenza si erano imposti per 3 a 0
contro la Vis Pesaro nella prima giornata
di campionato.

Tennis | Torneo Bcc Sala, vince Savoia

Levento si terr in centro


il 17 e 18 settembre

Volley femminile
Qualificazioni Europei,
Giulia Leonardi
torna in Nazionale

esena in Fitness cambia e si sposta nel cuore della citt, in


centro. La kermesse sportiva, giunta alla sua IV edizione, si
terr sabato 17 e domencia 18 settembre, da mattina no a
sera. Gli anni scorsi si era tenuta nelle aree verdi del parco
Ippodromo. Sulle motivazioni della nuova location hanno
convenuto il sindaco Paolo Lucchi, lassessore alla Cultura
Christian Castorri, e Michele Occhipinti dellassociazione Time
to Move: "La nalit il coinvolgimento, anche occasionale, di
tutta la cittadinanza per invogliare chi non pratica alcuna attivit
sica, mostrando le tante attivit che i centri wellness
promuovono durante lanno". Una scelta, come ha sottolineato il
primo cittadino nel corso della conferenza stampa di
presentazione, che "accompagna anche la riqualicazione
urbana della citt" visto che gli eventi si sviluppano in diverse
aree: giardini pubblici, piazza della Libert, piazza Mario
Guidazzi, piazza Ravaglia, corso Sozzi (il programma completo
consultabile nel sito www.cesenaintness.it). Tra le novit, come
ha sottolineato Luigi Angelini di Technogym Foundation, il fatto
che "Cesena in Fitness diventato un evento ufficiale della
Settimana europea dello Sport, divenendo cos oggetto di
attenzione anche da parte della Commissione europea".

La ventonovenne pallavolista
cesenate Giulia Leonardi (nel
prossimo campionato indosser
la maglia della LiuJo
Nordmeccanica Modena) stata
convocata in Nazionale. La
notizia risale alla settimana
scorsa dopo la defezione di
Monica De Gennaro, costretta a
dare forfait per le non perfette
condizioni siche.
L'atleta della LiuJo far parte
del gruppo azzurro impegnato
nelle gare di qualicazione ai
prossimi Europei che vedono le
azzurre nel girone con Ucraina,
Austria e Lituania.
Un po di Romagna anche in
panchina dove le pallavoliste
saranno guidate dal coach di
Cesenatico Cristiano Lucchi.

Al torneo Bcc di Sala si impone il mercatese Cristiano Savoia. Organizzato


dal Circolo Tennis Cesena, ha visto 88 atleti darsi battaglia sui campi in terra
rossa di via Veneto. Si trattato di un torneo singolare maschile per giocatori
di tennis 4 categoria a respiro nazionale, prova valida per il circuito della
Federazione italiana tennis. Nella finale Savoia (a destra) ha battuto Andrea
Franchini (6-4, 6-3). La premiazione stata affidata a Giorgio Magnani della
filiale Cesena.

Ponte Giorgi
Ristorante-Catering
domenica 18 settembre
dalle 17
APERITIVO
PER I FUTURI SPOSI
via Palmiro Togliatti 1943
Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Vi aspettiamo per farvi vivere
la nostra visione del giorno
pi bello della vostra vita

In collaborazione con:
DI PUNTO IN BIANCO (presentazione di abiti da sposa); FLORICOLTURA MAGNANI (allestimento floreale); NENETTE (presentazione di
abiti da cerimonia); VILLA MARGHERITA (presentazione location); MASTERFOTO (presentazione di servizi fotografici); DAVIDE MARIANI
(sottofondo musicale); MARTINA BERNABINI (make up artist per consigli e trucco). gradita conferma: amministrazione@pontegiorgi.it

Ristorante Albergo Bar


47020 via Palmiro Togliatti 1943 - Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

22

Sport Csi

Gioved 15 settembre 2016

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Sono 44 le squadre che animeranno il Campionato


di Calcio a 11, da fine settembre a giugno

Calcio Dilettanti
ai nastri di partenza
ella serata di luned 5
Tra novit e conferme, si svolto
settembre presso la sede del
lincontro preparatorio dei
Centro Sportivo Italiano di
referenti delle Societ.
Cesena si tenuta la
presentazione del XLVIII
Le finali si giocheranno,
Campionato Dilettanti 2016/2017
come gli anni scorsi,
di calcio a undici.
Sono 44 le squadre pronte ai
allOrogel Stadium Manuzzi
nastri di partenza per dare vita
alla nuova edizione di un
campionato che terr impegnate circa 1.000
persone ogni settimana, a partire da fine settembre
della presidenza e del Consiglio Csi. poi
fino al giugno del prossimo anno, quando si
intervenuto il nuovo direttore dellarea sportiva
disputeranno le finali allOrogel Stadium Dino
Renato Quadrelli per dare il benvenuto ai dirigenti
Manuzzi di Cesena per assegnare la Supercoppa
delle squadre. Demandato al responsabile
C.S.I. 2016-2017.
dellattivit Calcio del Csi Adriano Flamminj il
Il campionato di calcio dilettanti del Csi di Cesena
compito di entrare nelle pieghe del regolamento
uno dei pi importanti campionati locali. Sono
interessate squadre provenienti da tutto il territorio del campionato per spiegare al meglio le novit di
questanno. Particolare attenzione stata posta agli
cesenate, con qualche adesione dai comitati vicini
obblighi relativi allentrata in vigore del decreto
di Ravenna, Forl e Rimini.
Balduzzi sullobbligo della presenza in campo del
Le 44 squadre sono suddivise in quattro gironi con
defibrillatore. Unautocertificazione da presentare
un girone di "Eccellenza", uno di serie "A" e due di
allarbitro prima dellinizio della gara dovr
serie "B". I passaggi da un girone allaltro sono
attestare la presenza dello strumento e delladdetto
determinati da meccanismi di promozione e
abilitato al suo utilizzo.
retrocessione stabiliti di anno in anno.
Valerio Fabbri, responsabile del gruppo arbitri
stato il presidente del Csi Luciano Morosi ad
"Gianfranco Valentini" del Csi di Cesena, ha parlato
aprire lincontro facendosi portatore dei saluti

PARTECIPAZIONE
AL LUTTO
Il Centro Sportivo Italiano di Cesena
esprime a S.E. monsignor Douglas Regattieri e alla sua famiglia la vicinanza
pi fraterna per la perdita del pap
LUIGI
e, sorretto dalla comune Fede cristiana,
assicura la preghiera di suffragio.
Luciano Morosi
presidente Csi Cesena

Scacchi

Cesena, torneo al Caff Lillo


Sabato 17 settembre il Circolo scacchistico Paul
Morphy affiliato al comitato cesenate del Csi,
organizza il torneo semilampo, che durante lanno
sociale ha una cadenza mensile, presso il Caff Lillo
(via Saffi 65, a Cesena). Linizio della gara avverr
alle 15,30 e comprender 6 partite.
Per info: Patrizio Di Piazza, segretario del circolo,
p.dipiazza@libero.it, tel. 0547 24125, o al Caff Lillo
(335 6508043).

"Colori&Sapori"

Feste dautunno in mountain bike

estate sta ormai per finire, ma lattivit ciclistica promossa dal Csi in Romagna prosegue a
ritmo intenso con la proposta di "Colori & Sapori", feste dautunno in mountain bike" Alice
Bike Cup 2016, rivolta a tutti gli appassionati delle due ruote.
Il primo appuntamento quello di Gambettola, a cura della societ Hobby Bike, in programma il 18
settembre, con partenza dalle 7,30 alle 9 presso il Parco Fellini, che prevede due tipi di percorso,
uno adatto a ciclisti in regola con il certificato medico di tipo agonistico e laltro, libero, con
indicazione del punto di ristoro. Per informazioni ci si pu rivolgere a Bruno (tel. 335 475962) o a
Giancarlo (tel 335 7274653).
Seguir il 2 ottobre la kermesse di Sogliano al Rubicone, indetta dal G.S. Free Bike Rimini. Chiudono il
calendario della manifestazione due tappe dicembrine: il 4 a Longiano, organizzata dallAsd Team Bike
Cocif. E il 18 a Musano di Roncofreddo, preparata dallAsd Musano Team Bike Galnera. Alice Bike di
Cesena riserver, al termine di tutti gli appuntamenti, un premio speciale, di grande valore, alla societ
che vanter il maggior numero di partecipanti alla classifica generale e contribuir alla composizione
del montepremi complessivo del circuito, riservato a tutte le societ affiliate alla Federazione Ciclismo
o a uno degli enti di promozione sportiva aderenti alla Consulta nazionale del ciclismo.
Ricordiamo che venerd 16 settembre si disputer la "Roncadello byke night", escursione notturna
in mountain bike con carattere di pedalata e senza alcuna connotazione agonistica: la partenza
avverr alle 19,30 dalla chiesa di Roncadello, il ristoro sar a Monte Poggioli e si ritorner alle 22
sempre alla chiesa stessa. Infine, sabato 17 settembre dalle 7,30 alle 9,30 partir la Ciclosolidale
dalla Caffetteria Nereo di viale Roma 118, organizzata dal comitato forlivese del Csi: il percorso per i
cicloamatori di 80 chilometri (Forl, Dovadola, San Martinone, Monte Colombo, Predappio) e
quello per tutti di 40 chilometri (Forl, Predappio). Le iscrizioni per i ciclisti cesenati sono previste
presso il Bar Alvaro, via Emilia Ponente 3826, poco dopo la rotonda di Diegaro, in direzione Forl.

delle modifiche al regolamento del calcio di


questanno. Sono tante ed entrano in vigore gi
dalla prima giornata di campionato.
Laggiornamento sul regolamento sar dobbligo
sia per i dirigenti che per tutto il gruppo arbitri.
Lultima decisione presa nella serata relativa alla
Coppa Csi, torneo che si disputa in contemporanea
al campionato. Le iscrizioni sono prorogate fino al
raggiungimento della 32esima squadra (al
momento sono 21), e comunque non oltre il 31
ottobre 2016. Il primo turno sar disputato al
termine del girone di andata nel periodo dicembre
2016/gennaio 2017.
Nella foto: incontro con societ iscritte al XLVIII
Campionato Dilettanti Csi 2016/2017.

Pagina Aperta

Il direttore risponde

Gioved 15 settembre 2016

23

LOcchio indiscreto

Tormentone Poste: consegna a singhiozzo del Corriere Cesenate


Siamo tutti in campo per la miglioresoluzione

aro direttore, con disgusto che mi


sono deciso di scrivere; anchio come
tanti sono penalizzato dalla riforma
nella consegna domiciliare della posta, ma
non abito in una casa sperduta fra le colline
di Montecodruzzo, ma a Budrio di Longiano... eppure da due settimane non ricevo il
vostro settimanale. La cosa si era verificata
anche due mesi fa. Allora andai allufficio postale di Longiano (settore smistamento posta)
e da un portalettere mi sentii rispondere:
Fate bene a protestare! e a farvi sentire sulla
stampa, perch stiamo lavorando in condizioni disumane.
Dopo quella sortita, nei giorni successivi mi
arriv un mezzo scatolone di posta. Effettivamente sono abbonato a diversi settimanali e
ho limpressione che non vengano consegnati
perch non materiale urgente. Meno male
che le bollette sono domiciliate in banca e che
il materiale cartaceo delle banche stesse viene
consegnato da un loro servizio... altrimenti
sarebbe deleterio....
Ho ricevuto a tuttoggi il n. 30 del Corriere Cesenate (datato 25 agosto 2016), ma succede
cos anche nella consegna di Famiglia Cristiana...per non parlare di altre riviste che
non riesco a controllare...
A questo punto mi chiedo fino a che punto
conviene rinnovare labbonamento per il
prossimo anno, come si fa a leggere un settimanale dopo minimo 15 giorni dalla sua
uscita, non essere al corrente delle notizie diocesane... Andando cos le cose lo comprer in
edicola.
Ginaldo Torelli
Carissimo direttore,
sono una fedele lettrice del giornale da lei diretto. Devo dirle che quello della scorsa
settimana labbiamo ricevuto solo oggi (marted 13 settembre). Non possibile andare
avanti cos. Ci viene voglia, a malincuore,
di non rinnovare labbonamento.
Noi aspettiamo il Corriere Cesenate anche
per leggere tutti gli appuntamenti del fine

settimana. Si pu fare qualcosa? Grazie e


buon lavoro.
Unabbonata di Villalta di Cesenatico
Caro direttore,
anche questa settimana il Corriere Cesenate
arrivato a casa con ampio ritardo. Non possibile riceverlo il marted, quando il giornale
tutto rivolto al fine settimana.
Veda se possibile fare qualche intervento su
Poste italiane.
Cordialit.
T.S. - Un abbonato di Badia di Longiano
Caro direttore, il suo giornale della scorsa settimana arrivato solo luned scorso. Si pu migliorare la consegna postale in modo che il
Corriere Cesenate non arrivi quando in buona
parte ormai superato? Cordialmente.
Unabbonata di Sarsina
Carissimi lettori, i vostri disagi sono anche i
nostri, ovviamente. Vi dico subito che qualche disguido durante i mesi estivi si verificato anche a causa di una mutata
elaborazione degli indirizzi che dora in
avanti dovrebbe migliorare il recapito postale. Dalla scorsa settimana siamo di certo
pi allineati. Il personale di Poste italiane
con il quale siamo in contatto sta facendo
tutto il possibile per recapitare in tempo utile
il nostro giornale. Diamo atto della migliore
buona volont messa in campo da parte di
Poste e su questo possiamo rassicurare tutti
gli abbonati. Certo, il nuovo metodo utilizzato della consegna a giorni alterni non
aiuta. Cercheremo, in ogni caso, e assieme ai
dipendenti di Poste Italiane che si stanno
davvero prodigando, di fare giungere nelle
case degli abbonati il Corriere Cesenate ogni
gioved, o, al massimo, il venerd.
Chiediamo quindi ancora un po di pazienza
a tutti e di segnalarci eventuali disguidi. A
presto.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

Don Edero Onofri lascia la parrocchia di Alfero-Riofreddo


La comunit lo ringrazia cos: Ci mancherai
In occasione della festa parrocchiale, a nome della comunit parrocchiale di Alfero, il segretario del Cpae
Romano Giovannetti, al termine della Messa di domenica 11 settembre, ha letto il testo che riportiamo.
Certamente tutti siamo a conoscenza che don Edero a fine settembre lascer la nostra parrocchia. A nome
della comunit parrocchiale, approfitto questa sera, visto i numerosi parrocchiani presenti e la presenza di
S.E. il vescovo per un breve saluto.
Grazie don Edero per questi 11 anni passati in mezzo a noi. La tua presenza stata una presenza fiduciosa,
semplice, cordiale.
Il tuo lavoro in mezzo a noi stato duro, molto pesante, il servizio ad Alfero, Riofreddo, Donicilio, Mazzi e
Trappola e in oltre, il ricovero di Riofreddo e negli ultimi anni anche leremo di SantAlberico. Hai fatto
tutto questo con amore, con gioia, con affabilit, senza lamentarti. La tua cordialit anche nei momenti pi
difficili stata chiara, precisa.
Hai portato a compimento il tuo lavoro senza brontolare, senza criticare, senza cercare successi, non sei stato
un uomo di divisione. Nella vita pratica hai detto le cose che a te sembravano giuste, senza pretendere che
gli altri la pensassero allo stesso modo.
Hai ripristinato, con il contributo dei tuoi parrocchiani, il tetto della canonica di Riofreddo, costruito 6
bagni doccia nella casa ex Asilo al servizio dei gruppi ospiti nei periodi estivi e invernali. Hai restaurato la
bellissima Pala di San Martino del 1599 nella chiesa di Donicilio, e la pala di San Niccol del 1571 nella
bella chiesa di Mazzi. Hai realizzato una stupenda Via Crucis che porta a Castel DAlfero, e hai restaurato
la bellissima chiesa dedicata alla Madonna della Neve. Entrambe sono diventate mete di piet popolare per
tutta la gente.
La tua giornata festiva stata molto pesante: sabato Messa prefestiva in parrocchia e alla sera Messa alla
Trappola. Il mattino della domenica, messa a Mazzi o a Donicilio, poi a Riofreddo e alle 11,15 in parrocchia ad Alfero. Pomeriggio, funzione a Castel DAlfero e durante il periodo estivo, Messa a SantAlberico.
Hai fatto tutto come il servo del Vangelo: Non sono venuto per essere servito, ma per servire.
Questi anni trascorsi insieme rimarranno un segno indelebile nei nostri cuori. stato un cammino arduo
ma mai tempestoso, e vogliamo ricordarti come una presenza costante nella parrocchia, con il tuo sorriso,
la tua pacatezza, il tuo insegnare la strada evangelica.
Grazie per il tuo aiuto.
Siamo stati fortunati ad avere uno come te che con serenit e cordialit ci ha indicato la via del Signore e
ci ha insegnato ad amarci gli uni e gli altri pur nella fragilit della vita quotidiana.
Grazie Don Edero, ci mancherai e ti ricorderemo sempre.
La comunit parrocchiale di Alfero-Riofreddo

Nei giorni in cui stato celebrato il 15esimo anniversario dellattentato alle Torri
Gemelle, in America (11 settembre 2001), ricordiamo limpegno dellazienda cesenate Trevi nella fase di rinascita del Word Trade Center.

Alludienza
giubilare
in piazza
San Pietro
Tra i 60mila fedeli che
sabato scorso hanno
partecipato alludienza
giubilare tenuta da
papa Francesco in
piazza San Pietro, a
Roma, cerano anche
alcune migliaia di persone di Incontro Matrimoniale.
Tra questi, 85 provenienti dalla Diocesi di
Cesena-Sarsina.

ALZHEIMER
La malattia
Le famiglie
Il volontariato
TERREMOTO
Raccolta
straordinaria
in tutte le chiese