Sei sulla pagina 1di 152

INDICE

Indice
1

DESCRIZIONE DELLOPERA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1

Normativa di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CARATTERISTICHE DEI MATERIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PREDIMENSIONAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3.1

Travi in acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3.2

Soletta in calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3.3

Traversi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3.4

Posizione dellasse neutro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ANALISI DEI CARICHI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

4.1

Carichi permanenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

4.1.1

Pesi propri portanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

4.1.2

Pesi propri portati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

4.2

Azioni dovute a ritito e viscosit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11


4.2.1

Viscosit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

4.2.2

Ritiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

4.3

Azioni dovute alla temperatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

4.4

Carico da neve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

4.5

Carico da vento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

4.6

Carico da traffico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

20

COMBINAZIONI DI CARICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI LOCALI DELLIMPALCATO . . . . . . . . . .

24

6.1

Definizione del modello a trave continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

6.2

Definizione dei vincoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

25

6.3

Calcolo dei momenti massimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

26

VERIFICA PREDALLES . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27

7.1

Predimensionamento predalles . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27

7.2

Verifica SLU

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

7.2.1

Verifica di resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29

7.2.2

Verifica di stabilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

30

7.3

Verifica SLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

INDICE

VERIFICA SOLETTA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32

8.1

Dimensionamento delle armature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32

8.2

Verifica flessionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

33

8.3

Lunghezza di ancoraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

35

8.4

Verifica a punzonamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

36

8.5

Verifica a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

38

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI . . . . . . . . . . . . . .

39

9.1

39

9.2

Metodo di Guyon - Massonet - Bare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


9.1.1

Corsia convenzionale 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

9.1.2

Corsia convenzionale 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

9.1.3

Marciapiede 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

9.1.4

Marciapiede 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45

9.1.5

Azione longitudinale di frenamento o accelerazione:q3 . . . . . . . . . . . .

48

Combinazioni di carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

48

9.2.1

SLU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

9.2.2

SLE Rara . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

9.2.3

SLE Frequente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

9.2.4

SLE quasi permanente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

10 MODELLAZIONE NUMERICA DELLIMPALCATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53

10.1 Creazione del modello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53

10.2 Confronto con Guyon - Massonet - Bare

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

54

11 ANALISI SISMICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

57

11.1 Analisi dellazione sismica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

57

11.1.1 Periodo di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

57

11.1.2 Tempo di ritorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

58

11.1.3 Pericolosit sismica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

58

11.1.4 Fattore di struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61


11.1.5 Spettro di risposta di progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

63

11.2 Analisi lineare dinamica (modale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

67

11.2.1 Modellazione della struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

67

11.2.2 Carichi nellanalisi modale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

67

11.2.3 Risultati analisi modale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

67

11.2.4 Sollecitazioni e traslazioni agli appoggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

73

INDICE

12 CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA

. . . . . .

75

12.1 Calcolo momento resistente plastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

77

12.2 Calcolo elastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

78

12.2.1 Breve termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

79

12.2.2 Lungo termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

79

13 VERIFICA DELLA TRAVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81


13.1 Verifica agli Stati Limite Ultimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
13.1.1 Verifiche SLU sezione composta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
13.1.2 Verifiche SLU sezione accaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

84

13.2 Verifica allo Stati Limite di Esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

87

13.2.1 Deformabilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

87

13.2.2 Fessurazione

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

88

13.2.3 Tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

89

14 PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

92

14.1 Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

92

14.2 Disposizione connettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

93

14.3 Calcolo plastico del taglio longitudinale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

94

14.3.1 Verifica a taglio longitudinale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

95

14.3.2 Lato calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

96

14.3.3 Lato acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

96

14.4 Verifiche a rottura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

97

14.4.1 Rottura a-a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

97

14.4.2 Rottura b-b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

98

15 VERIFICA A FATICA

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

99

15.1 Approccio normativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

99

15.1.1 Coefficiente parziale di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

99

15.1.2 Curva S-N . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

100

15.1.3 Spettri di carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101


15.2 Verifica a danneggiameto

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101

15.2.1 Modellazione SAP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

102

15.3 Verifica elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

102

15.3.1 Profilo trave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

102

15.3.2 Saldatura piolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

104

INDICE

16 APPARECCHI DAPPOGGIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

106

16.1 Verifiche di resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

113

16.2 Verifiche spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

114

16.3 Verifica rotazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

115

17 SPALLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

117

17.1 Predimensionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

117

17.2 Pesi propri e permanenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

119

17.3 Spinta delle terre in condizioni statiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

119

17.4 Sovraccarico accidentale da traffico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

120

17.5 Azioni di frenatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

122

17.6 Sollecitazioni di progetto su muro paraghiaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

125

17.7 Azione sismica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

126

17.7.1 Determinazione del coefficiente di struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . .

126

17.7.2 Determinazione dello spettro di progetto (SLV) . . . . . . . . . . . . . . . .

126

17.7.3 Spinta delle terrre in condizioni sismiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

128

17.7.4 Forza dinerzia della spalla

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

129

17.8 Modellazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

130

17.8.1 Azioni agenti sullimpalcato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

132

17.8.2 Combinazioni di carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

133

17.8.3 Analisi delle sollecitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

134

17.9 Valutazione dei risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

136

17.10Dimensionamento e verifica del muro frontale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

136

17.10.1 Dimensionamento e verifica armatura verticale . . . . . . . . . . . . . . . .

137

17.10.2 Dimensionamento e verifica armatura orizzontale . . . . . . . . . . . . . . .

138

17.10.3 Verifica a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

140

17.10.4 Verifica SLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

140

17.11Dimensionamento e verifica della trave paraghiaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

142

17.11.1 Dimensionamento e verifica armatura verticale . . . . . . . . . . . . . . . .

142

17.11.2 Dimensionamento e verifica armatura orizzontale . . . . . . . . . . . . . . .

143

17.11.3 Verifica a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

145

17.11.4 Verifica SLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

145

17.11.5 Verifica a ribaltamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

147

17.11.6 Verifica a scorrimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

148

17.12Progetto e armatura dei baggioli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

149

17.12.1 Calcolo staffe orizzontali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

150

17.12.2 Calcolo staffe verticali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151


17.12.3 Verifica pressione localizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
17.13Fondazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4

152

DESCRIZIONE DELLOPERA

1. DESCRIZIONE DELLOPERA
Viene di seguito trattato il progetto di un ponte in sistema misto acciaio-cls di categoria II situato
nel comune di Venezia.
Il ponte costituito da una sola campata di lunghezza pari a 23 m. Essendo posto alle estremit
un vincolo di semplice appoggio, lo schema statico risulter isostatico.
Limpalcato previsto costituito da una struttura mista con 5 travi in acciaio in direzione
longitudinale e soletta collaborante realizzata con lastre predalles prefabbricate con spessore di 5
cm, ottenendo uno spessore complessivo di 30 cm. La larghezza trasversale di 8 m comprensivo
di 2 corsie di 3 m caduna e 2 marciapiedi da 1 m ciascuno. Agli estremi dellimpalcato sono
posizionate delle barriere aperte di altezza pari a 2 m con guard rail.

Figura 1: Planimetria e sezione trasversale del ponte

1.1. Normativa di riferimento


Per il calcolo delle sollecitazioni agenti sulla struttura, il dimensionamento e la verifica degli elementi
strutturali sono state utilizzate le seguenti normative:
- Norme Tecniche per le costruzioni, D.M. del 14 gennaio 2008;
- Circolare dapplicazione n 617 del 2 febbraio 2009;
- Eurocodice UNI EN 1991-2 Azioni sulle strutture: carichi da traffico su ponti;
- Eurocodice UNI EN 1991-4 Azioni sulle strutture: carichi da vento;
- Eurocodice UNI EN 1991-5 Azioni sulle strutture: azioni in generale-azioni termiche;
- Eurocodice UNI EN 1992-1-1 Progettazione delle strutture in calcestruzzo: regole generali e
regole per edifici;
- Eurocodice UNI EN 1993-1-1 Progettazione delle strutture in acciaio: regole generali e regole
per edifici;
- Eurocodice UNI EN 1993-1-8 Progettazione delle strutture in acciaio: progettazione dei
collegamenti;
- Eurocodice UNI EN 1993-2 Progettazione delle strutture in acciaio: ponti in acciaio;
- Eurocodice UNI EN 1994-1-1 Progettazione delle strutture composte in acciaio-calcestruzzo:
progettazione dei collegamenti;

CARATTERISTICHE DEI MATERIALI

2. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI


I materiali ed i prodotti ad uso strutturale, utilizzati nelle opere oggetto della seguente relazione,
rispondono ai requisiti indicati nel capitolo 11 del Decreto Ministeriali del 14 Gennaio 2008 Norme
Tecniche per le Costruzioni. In conformit a quanto detto i materiali adottati sono descritti di
seguito.

CALCESTRUZZO PER SOLETTA


Classe 30/37
Parametro
Resistenza caratteristica cubica
Resistenza caratteristica cilindrica
Coefficiente parziale di sicurezza
Resistenza di progetto a compressione
Modulo elastico

Rck
fck
m
fcd
Ecm

Valore

Unit

37
30
1.5
17
32837

MPa
MPa
MPa
MPa

ACCIAIO PER ARMATURE ORDINARIE


Tipologia B450C
Parametro
Resistenza caratteristica a snervamento
Resistenza di progetto a snervamento
Modulo elastico

fyk
fyd
Ec

Valore

Unit

450
391
210000

MPa
MPa
MPa

ACCIAIO PER ARMATURE PROFILATI


Tipologia S355
Parametro
Resistenza caratteristica a snervamento
Resistenza di progetto a snervamento
Modulo elastico

fyk
fyd
Ec

Valore

Unit

355
308.7
210000

MPa
MPa
MPa

CARATTERISTICHE DEI MATERIALI

ACCIAIO PIOLI NELSON


Tipologia St37-3k DIN 17100
Parametro
Resistenza caratteristica a snervamento
Tensione di rottura
Modulo elastico

fyk
ft
Ec

Valore

Unit

355
450
210000

MPa
MPa
MPa

PREDIMENSIONAMENTO

3. PREDIMENSIONAMENTO
Viene di seguito presentato il predimensionamento del ponte in esame e dunque lanalisi dei carichi
per ogni singolo elemento costituente limpalcato del ponte.

3.1. Travi in acciaio


Una volta scelta una struttura del ponte a travi composte acciaio calcestruzzo, bisogna quindi
definire le dimensioni e i materiali.
Per determinare la geometria iniziale del ponte si fatto riferimento ai seguenti valori di predimensionamento:

htot =

1 1
;
15 25

ha =


L=

1
23 = 1.15m
20

1
L = 0.92m
25

Laltezza complessiva dellopera pu variare tra valori diversi; oggi si pu arrivare a 1/25 della luce
del ponte, grazie a materiali sempre pi performanti. Tuttavia, per evitare problemi mantenendo
dimensioni ragionevoli del ponte, abbiamo scelto un valore di 1/20 della luce.
Dal valore di predimensionamento laltezza delle nostre travi in acciaio risulta essere pari a 92
cm. Essendo una formula di predimensionamento decidiamo di andare a utilizzare in prima
approssimazione un altezza della sezione del profilo leggermente pi bassa. Dopo saranno le
verifiche da normativa a confermare la nostra scelta.
La sezione da noi ipotizzata risulta essere quindi HEB 900

3.2. Soletta in calcestruzzo


In riferimento ai valori precedentemente calcolati, si otttnene:
hc = htot ha = 0.23 m
Si quindi impiegata unaltezza di 30 cm.
Per la realizzazione si scelto di utilizzare predalles al posto di casseformi in modo tale da agevolare
le operazioni di getto e aumentarne le capacit portanti. Ne consegue dunque che la predalles sar
alta 5 cm e i restanti 25 cm saranno gettati in opera.
Si sceglie un rapporto di armatura 1%. Si andr poi a fare un dimensionamento pi accurato
tenendo conto della flessione della soletta e dei connettori a taglio delle travi composte.

3.3. Traversi
Per il nostro ponte, di categoria II, con una geometria abbastanza semplice e luce limitata non
risulta necessario lutilizzo dei traversi.

PREDIMENSIONAMENTO

3.4. Posizione dellasse neutro


Come ultriore controllo del predimensionameto appena fatto si calcola approsimativamene la
posizione dellasse neutro per verificare che questo non cada allinterno della soletta. Tale situazione
porterebbe ad avere una parte del calcestruzzo in trazione che, oltre a non portare contributi alla
resistenza della sezione composta, rappresenterebbe solamente un sovraccarico.
Si ipotizzato che lasse neutro cada esattamente nella zona di interfaccia tra acciaio e calcestruzzo.
E immediato verificare la veridicit di tale ipotesi tramite la seguente relazione utilizzando una
distribuzione Stress Block nel calcestruzzo:

0.85xfcd bef f = As Fyd


A causa della non uniforme rigidezza negli elementi il taglio non costante lungo tutta la sezione
ma tende a concentrarsi vicino allanima della trave in acciaio. Le norme forniscono il metodo con
il quale calcolare la base efficace

bef f = b0 +

L
8

bef f risulta superiore allinterasse delle travi anche trascurando la distanza tra i pioli b0

bef f =

L
= 238 = 2, 875m
8
bef f = 1, 6m

Rimaneggiando la formula iniziale facile calcolare la posizione dellasse neutro:

x=

As fyd
37130 308, 7
= 500mm
=
0, 85bef f fcd
0, 85 1600 17

ANALISI DEI CARICHI

4. ANALISI DEI CARICHI


Le azioni agenti sullimpalcato sono i pesi proprio portanti e portati, i carichi variabili da neve e
vento e quelli da traffico.

4.1. Carichi permanenti


4.1.1. Pesi propri portanti
I carichi permanenti portati sono elencati nella tabella seguente:

PESI PROPRI PORTANTI


Parametro

Spessore [m]

[kN/m3 ]

Carico[kN/m2 ]

Soletta
Predalles

0.25
0.05

25
-

6.25
1.50

G1k

7.75

4.1.2. Pesi propri portati


Questi carichi insistono sulla struttura solo a opera finita. Per semplicit di calcolo si decide di
spalmare tutti i carichi sullimpalcato prendendone quindi una media:

PESI PROPRI PORTATI


Parametro

Spessore [m]

[kN/m3 ]

Carico[kN/m2 ]

Pavimentazione
Marciapiede
Veletta
Barriera + Parapetti

0.15
0.25
-

22
25
-

3.3
6.25
1.5
1

G2k,corsie
G2k,marciap.

3.30
8.75

10

ANALISI DEI CARICHI

4.2. Azioni dovute a ritito e viscosit


Negli impalcati a struttura mista si ha il problema di un ritiro differenziale dato dal fatto che la
soletta tende ad accorciarsi, ma la trave metallica tende ad opporsi a questa deformazione. Si
genera quindi uno stato di sollecitazione globale nellimpalcato. La normativa consente di analizzare
lo sviluppo del ritiro contemporaneamente alla viscosit, assumendo un modulo di elasticit ridotto
del calcestruzzo.

4.2.1. Viscosit
Gli effetti della viscosit sono tenuti in considerazione andando ad analizzare un modulo di elasticit
ridotto pari a:
Ec0
Ec =
1 + (t, t0 )
dove:
- Ec0 il modulo elastico del CLS a 28 giorni;
- (t, t0 ) il coefficiente di viscosit che dipende dalla resistenza a compressione del CLS,
umidit relativa RH e spessore fittizio della soletta oltra che dal tempo t0 ;
- t let del CLS allistante considerato;
- t0 let del CLS espresso in giorni al momento di applicazione del carico.
Per il calcolo del coefficiente di viscosit a tempo infinito si utilizza lappendice B dell Eurocodice
2 che lo valuta come:
(t, t0 ) = 0 c (t, t0 )
dove:
- 0 il coefficiente nominale di viscosit e pu essere valutato mediante:
0 = RH (fcm ) (t0 )
- RH il coefficiente che tiene conto delleffetto dellumidit relativa sul coefficiente nominale
di viscosit:


1 RH/100

RH = 1 +

1 2
0.1 3 h0
- RH lumidit ambientale relativa, in percentuale;
- (fcm ) il coefficiente che tiene conto delleffetto della resistenza del calcestruzzzo sul
coefficiente nominale di viscosit:
16.8
(fcm ) =
fcm
- fcm la resistenza media a compressione del CLS, in MPa, allet di 28 giorni;
- (t0 ) il coefficiente che tiene conto delleffetto dellet del CLS al momento dellapplicazione
del carico sul coefficiente nominale di viscosit:
(t0 ) =

1
(0.1 + t00.20 )

- h0 la dimensione fittizia dellelemento, in millimetri dove:


h0 =

11

2Ac
u

ANALISI DEI CARICHI

- Ac larea della sezione trasversale;


- u il perimetro dellelemento a contatto con latmosfera;
- c (t, t0 ) un coefficiente atto a descrivere levoluzionde della viscosit nel tempo dopo
lapplicazione del carico e pu essere valutato con la seguente espressione:


(t t0 )
c (t, t0 ) =
H + t t 0

0.3

- t let in giorni, al momento considerato;


- t0 let in giorni, al momento dapplicazione del carico;
- t-t0 la durata non corretta del carico in giorni;
- 1/2 sono coefficienti atti a prendere in conto linfluenza della resistenza del calcestruzzo:

1 =

35
fcm

0.7


2 =

35
fcm

0.2

I risultati verranno riassunti nella seguente tabella:

VISCOSITA CLS
Parametro

Valore

Unit

fcm
RH
h0
Ac
u
(fcm )
(t0 )
c (t, t0 )
1
2
RH
0
,t0
Ec0

38
80
289.16
2.4
16.6
2.73
2.73
1
0.94
0.98
1.26
1.68
1.68
32836

MPa
%
mm
m2
m
MPa

Ec

12237

MPa

Si andranno quindi a distinguere nelle fasi progettuali le verifiche a breve e lungo termine, ognuna
delle quali dovr considerare i moduli di elasticit e di omogenizzazione riferiti al tempo in questione.

Fase

Ec

Es

n=Es /Ec

Breve termine
Lungo termine

32836
12237

210000
210000

6.40
17.16

12

ANALISI DEI CARICHI

4.2.2. Ritiro
Negli impalcati in struttura mista il ritiro della soletta rispetto alla trave in acciaio, genera uno stato
di sollecitazione nellimpalcato assimilabile ad una contrazione per variazione termica. Infatti il
calcestruzzo tende ad accorciarsi, ma impedito dalla presenza della parte metallica cui collegato
mediante i connettori.

Figura 2: Effetto dovuto al ritiro

La deformazione da ritiro viene calcolata seguendo lEurocodice 2, che considera il ritiro come
somma di due fattori: il ritiro dovuto dallessicamento cd e quello autogeno ca .
La deformazione da ritiro per essiccamento si sviluppa lentamente, dal momento che funzione
della migrazione dellacqua attraverso il calcestruzzo indurito. La deformazione da ritiro autogeno
si sviluppa durante lindurimento del calcestruzzo: la maggior parte si sviluppa quindi nei primi
giorni successivi al getto.
Il ritiro autogeno una funzione lineare della resistenza del calcestruzzo. Esso si considera
specificatamente quando un calcestruzzo fresco gettato contro un calcestruzzo gi indurito. Perci
i valori della deformazione totale da ritiro cs
cs = cd + ca
dove:
- cs la deformazione totale da ritiro;
- cd la deformazione da ritiro per essicamento;
- ca la deformazione da ritiro autogeno;
Lo sviluppo del ritiro per essiccamento nel tempo regolato dalla:
cd, = kh cd
dove:

13

ANALISI DEI CARICHI

- kh un coefficiente che dipende dalla dimensione convenzionale di h0 secondo il seguente


prospetto :

Figura 3: Valori di kh dovuti allessicamento

La deformazione di base dovuta a ritiro per essiccamento cd calcolata con le espressioni:



fcm  6
cd = 0.85 (220 + 110 ds1 ) exp ds2
10 RH
fcm0


RH 3
RH = 1.55 1
RH0
dove:
- fcm la resistenza media a compressione;
- fcm0 =10 MPa
- ds1 un coefficiente che dipende dal tipo di cemento:
= 3 per cemento Classe S,
= 4 per cemento di Classe N,
= 6 per cemento di Classe R;
- ds2 un coefficiente che dipende dal tipo di cemento:
= 0.13 per cemento Classe S,
= 0.12 per cemento di Classe N,
= 0.11 per cemento di Classe R;
- RH lumidit relativa ambientale(in percentuale);
- RH0 =100%;
La deformazione da ritiro autogeno data da:
ca () = 2.5(fck 10) 106
I risultati verranno riassunti nella seguente tabella:

14

ANALISI DEI CARICHI

RITIRO CLS
Parametro

Valore

Unit

kh
ho
sd1
sd2
fcm
fcm0
RH
RH0
cd
cd,

0.739
289.16
4
0.12
38
10
0.756
100
0.268
0.199

mm
MPa
MPa
%
%
%

ca

0.05

%

M
N

1839.53
3065.87

kNm
kN

cs
t
T

0.249
1.210-5
20.73

%
1/C
C

Il ponte, come verr introdotto nei capitoli successivi, verr modellato tramite lutilizzo del software
SAP2000. Non essendo molto semplice imporre una deformazione, si sceglie di imporre una
variazione di temperatura equivalente, calcolata in tabella.
Verr applicato questo gradiente di temperatura uniforme alla sola soletta, in questo modo si
riprodurr lo stesso effetto di una deformazione costante di ritiro.

4.3. Azioni dovute alla temperatura


Come per gli effetti dati dal ritiro, le variazioni termiche vengono valutate mediante delle azioni
statiche equivalenti.
Le azioni dovute alla temperatura verranno calcolate in riferimento all EC1-5.
Nell impalcato presente unazione termica sia differenziale che uniforme, causate rispettivamente
dallirraggiamento e dalle variazioni termiche stagionali.
Per quanto riguarda la variazione termica uniforme si assume un T =25 C, e non comporta
sollecitazioni aggiuntive sulla struttura che libera di deformarsi longitudinalmente.
Per quanto riguarda la variazione differenziale di temperatura, questa pu essere sia positiva che
negativa in base agli agenti atmosferici che agiscono sul piano stradale (irraggiamento solare o
azioni di gelo). Si assume che possono verificarsi escursioni sulla sezione di circa T =18 C. Questi
gradienti possono essere rappresentate con sollecitazioni equivalenti opposte in base al segno della
variazione termica.

15

Si avr quindi una curvatura e il relativo momento pari a:

= t

T
h

Mt = Es Iys

EFFETTI VARIAZIONE TERMICA


Parametro

Valore

Unit

T
t
h
Iys
Es

15
1.210-5
1200
4,941109
210000
1.810-7

C
1/C
mm
mm2
MPa
1/mm

MT

207.522

KNm

16

ANALISI DEI CARICHI

ANALISI DEI CARICHI

4.4. Carico da neve


Il carico da neve si considera non concomitante con i carichi da traffico, salvo che per ponti coperti
(caso diverso da quello in esame).
La formula per il calcolo del carico neve proposta dalle NTC2008:
qs = i qsk CE CT
dove:
- qs carico della neve sulla copertura;
- i il coefficiente di forma della copertura;
- qsk il valore caratteristico di riferimento del carico neve al suolo;
- CE il coefficiente di esposizione;
- CT il coefficiente termico.
Valore caratteristico di riferimento del carico neve al suolo
Il ponte in esame, essendo situato a Venzia ad una quota < 200 m, ricade in zona II, con valore
caratteristico di riferimento del carico neve al suolo:
qsk = 1.00kN/m2
Coefficiente di esposizione
Il coefficiente di esposizione pu essere utilizzato per modificare il valore del carico neve in copertura
in funzione delle caratteristiche specifiche dellarea in cui sorge lopera; nel nostro caso si assume:

CE = 1.0
Coefficiente di termico
Il coefficiente termico pu essere utilizzato per tener conto della riduzione del carico neve a causa
dello scioglimento della stessa, causata dalla perdita di calore della costruzione. Nel caso in oggetto
si assume:
CT = 1
Coefficiente di forma della copertura
Essendo il ponte sprovvisto di copertura e linclinazione dellimpalcato inferiore al 30% si andr a
considerare un coefficiente di forma pari a :
i = 0.8
Carico neve in copertura
Il carico neve in copertura vale perci:
qs = i qsk CE CT = 0.8 kN/m2

17

ANALISI DEI CARICHI

4.5. Carico da vento


Per il calcolo della sollecitazione da vento si fa riferimento allEurocodice 1-4 che vede nella sezione
8 il calcolo del vento per elementi da ponte. La formula per il calcolo dellazione del vento in
direzione orizzontale :

Fx = qb CE Cf x A
dove:
- qb la pressione cinetica di riferimento;
- CE il coefficiente di esposizione;
- Cfx il coefficiente di forma;
- A la superficie di contatto.
Essendo il comune di Venezia in Zona 1 si ha:
- vb,o =25 m/s
- ao =1000 m
- ka =0.010 1/s

qb =

1 2
v = 390.625 N/m2
2 b,0

La categoria di esposizione del sito la II D, si hanno perci i seguenti parametri:


- kr =0.19
- z0 =0.05 m
- zmin =4 m
Per quanto riguarda il coefficiente di esposizione si utilizzer la ben nota formula:


z
z
Ce (z) =
ln( ) Ct (z) ln( )Ct (z) + 7
z0
z0


10 
10 
2
= 0.19 ln
ln
+7 = 1.38
0.05
0.05
kr2

Per il coefficiente di forma si deve tener conto della sezione dellimpalcato:

18

ANALISI DEI CARICHI

Figura 4: Coefficiente di forza per i ponti, cfx,0

Il ponte analizzato ricade in categoria II avendo una sezione a travata metallica. Dalla tabelle
seguente si individua invece laltezza d totale che serve per determinare la superficie A ref,x di
contatto del vento.

Figura 5: Altezza da impiegarsi nel calcolo di Aref,x

Poich presente un parapetto e una barriera aperta, risulta pi sfavorevole calcolare dtot come
somma tra d e laltezza di un veicolo di 3 m.
19

ANALISI DEI CARICHI

dtot = 0.9 + 0.3 + 3 = 4.2 m


Otteniamo quindi un rapporto b/dtot pari a 1.9 al quale corrisponde, attraverso la tabella precedente,
relativa ai coefficienti di forza per i ponti, un valore di cfx,0 pari a 1.9.
Nel caso in cui si ritenga che non sia necessaria unanalisi dinamica per valutare la risposta del
ponte, la forza del vento in direzione x pu essere dedotta utilizzando lequazione:
Fx = qb C dtot
dove:
- qb la pressione cinetica di riferimento;
- C indica il fattore del carico del vento. C = cE cf x,0 dove cE il fattore di esposizione e cf,x
il coefficiente di forma precedentemente calcolati.
La forza a metro lineare che si ottiene alla fine vale:
Fx = qb C dref,x = 390.625 1 1.9 4.2 = 3.12 kN/m

4.6. Carico da traffico


Si seguono le indicazioni date da NTC08.
I carichi variabili da traffico sono definiti da diversi schemi di carico disposti su corsie convenzionali
le cui caratteristiche si definiscono dalla seguente tabella.

Figura 6: Esempio di numerazione delle corsie

NUMERO E LARGHEZZA DELLE CORSIE


Larghezza di
carreggiata "w" [m]

N corsie
convenzionali

Larghezza di una
corsia convenzionale [m]

Larghezza della
zona rimanente [m]

w < 5.40 m
5.4 w <6.0 m
6.0m w

nl =1
nl =2
nl = Int(w/3)

3.00
w/2
3.00

(w - 3.00)
0
w - (3.00 x nl )

20

ANALISI DEI CARICHI

La lunghezza della nostra carreggiata si ricava sottraendo alla larghezza totale del ponte quella dei
marciapiedi.
Quindi:
w = 8 2 = 6m
Si hanno quindi 2 corsie convenzionali della larghezza di 3 m.
Per la nostra analisi si considera lo schema di carico 1, il quale va utilizzato per le verifiche di tipo
globale.
Esso costituito da carichi concentrati (Q) su due assi tandem, applicati su impronte di pneumatico
di forma quadrata a lato 0.4 m, e da carichi uniformemente distribuiti (q).

Figura 7: Schema di carico 1

Di seguito si mostra la sezione trasversale della sede stradale divisa nei vari settori.

21

COMBINAZIONI DI CARICO

5. COMBINAZIONI DI CARICO
I calcoli e le verifiche sono condotti con il criterio semiprobabilistico agli stati limite secondo le
NTC tramite il confronto tra la resistenza e leffetto delle azioni.
Le combinazioni di carico da eseguire sono quelle riportate in normativa:

Combinazione fondamentale (SLU)


G1 G1 + G2 G2 + Q Qk1 + Q 0 Qk2 + ...

Combinazione caretteristica (SLE Rara)


G1 + G2 + Qk1 + 0 Qk2 + ...

Combinazione frequente (SLE Frequente)


G1 + G2 + 1 Qk1 + 2 Qk2 + ...

Combinazione quasi permanente (SLE QP)


G1 + G2 + 2 Qk1 + 2 Qk2 + ...

La normativa nella sezione riguardante lanalisi dei ponti riporta i coefficienti da utilizzare nelle
combinazioni di carico soprariportate per le diverse categorie di azioni.

Carichi

Coefficienti

Favorevole

Sfavorevole

Permanenti

G1

1.00

1.35

Permanenti non strutturali

G2

0.00

1.50

Traffico

0.00

1.35

Variabili

0.00

1.50

Presollecitazioni

1.00

1.00

2 , 3 , 4

0.00

1.20

Ritiro,Viscosit,Cedimenti,Var. Terimiche

Tabella 1: Coefficienti di sicurezza per le combinazioni di carico agli SLU

22

COMBINAZIONI DI CARICO

Azioni

Gruppo di azioni

Azioni da traffico

Schema 1 (Tandem)
Schema 1, 5 e 6 (Carichi distrib.)
Schema 3 e 4 (Carichi conc.)
Schema 2
2
3
4 (folla)
5

0.75
0.40
0.40
0.00
0.00
0.00
0.00

0.75
0.40
0.40
0.75
0.00
0.00
0.75
0.00

0.00
0.00
0.00
0
0.00
0.00
0
0.00

Vento

Ponte scarico SLU e SLE


Esecuzione
Ponte carico

0.60
0.80
0.60

0.20
-

0.00
0.00
-

Neve

SLU e SLE
Esecuzione

0.00
0.80

0.00
0.60

0.00
0.50

Temperatura

Tk

0.60

0.60

0.50

Tabella 2: Coefficenti per le azioni variabili per ponti stradali e pedonali

Nella determinazione dei valori caratteristici delle azioni dovute al traffico si considerano i seguenti
gruppi di azioni.

Carichi sulla carreggiata


Carichi vert. carreggiata
Gruppo Modello Veicoli
azioni princ.
spec.
(1,2,3,4,6)
1

Valore
caratt.

2a

Valore
freq.

2b

Valore
freq.

Folla
(5)

Carichi marciapiedi

Carichi orrizz. carreggiata Carichi vert.


Frenat.

Forza
centrifuga

Carico uniformemente e distribuito


Schema di carico 5 con 2.5
kN/m2

Valore
caratt.
Valore
caratt.

Tabella 3: Valori caratteristici delle azione dovute al traffico

Nel nostro caso i gruppi significativi sono l1 e il 2a, difatti gli altri sono utilizzati per casi pi
particolari.
23

ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI LOCALI DELLIMPALCATO

6. ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI LOCALI DELLIMPALCATO


In questo capitolo si analizzeranno quelle che sono le sollecitazioni che agiscono sulla soletta, cio
lelemento su cui gravano direttamente i carichi. In seguito poi si analizzeranno le sollecitazione
dellintera struttura a livello globale. Per analizzare la soletta si pu far riferimento ad un elemento
con un comportamento a piastra bidimensionale, ma richiederebbe dei conti complessi o in ogni
caso una modellazione mediante SAP 2000.
Unalternativa per andare a determinare le sollecitazioni in maniera pi semplificata, pu essere
quella di analizzare una porzione di soletta come una trave continua di larghezza determinata
tramite la diffusione degli sforzi dalle impronte di carico (anche in questo caso viene utilizzato il
software SAP ma non con elementi shell, solo con elementi beam).
Di seguito si riporta solamente il secondo metodo. Verr comunque creato un modello a SAP con
elemnti piastra al fine di effettuare una analisi globale, questo verr utilizzato anche per confrontare
i risultati ottenuti in questo capitolo.

6.1. Definizione del modello a trave continua


Si immagina la soletta come una trave continua su 5 appoggi, come mostrato nello schema seguente:

Figura 8: Modello a SAP dellimpalcato

La larghezza della soletta che viene considerata stata calcolata in base allimpronta di carico e
alla diffusione degli sforzi fino piano medio della parte portante dellimpalcato:

Figura 9: Diffusione delle impronte di carico

La normativa prescrive che la diffusione avvenga secondo una inclinazione di 45 .


Considerando lo spessore di 30 cm della soletta, pi i 15 cm di pavimentazione e limpronta di carico
35 cm nella direzione longitudinale del ponte, si ottine una larghezza di 95 cm che per semplicit di
calcoli viene aumentata a 100 cm.
Per quanto riguarda il carico si riporta di seguito la sezione dellimpalcato in esame con i diversi
carichi per corsie e marciapiedi:
24

ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI LOCALI DELLIMPALCATO

Figura 10: Sollecitazioni sullimplacato

Tali sollecitazioni non vengono per considerate nello schema mostrato ma in diverse combinazioni
di carico studiate attraverso le linee di influenza. Si fa ci al fine di massimizzare il momento
allestradosso e allintradosso.

6.2. Definizione dei vincoli


I 5 appoggi considerati in precedenza, essendo rappresentati dalle 5 travi HE900B, non saranno
fissi ma avranno una propria cedevolezza. Tale cedevolezza sara diversa da trave a trave a seconda
che siano interne o esterne e dipendera inoltre dalla posizione della striscia di soletta lungo
lasse longitudinale del ponte. Si avranno quindi appoggi con massima cedevolezza in mezzeria
dellimpalcato e con cedevolezza nulla agli estremi, in presenza dei vincoli a terra del ponte.
Si va quindi a stimare la rigidezza delle molle che rappresentano i vincoli cedevoli utilizzando un
modello 3D a SAP che verr illustrato nei capitoli successivi. Basta quindi applicare una forza
unitaria F su una trave per conoscerne la rigidezza tramite labbassamento fornito dal programma:
k=

F
1
=
u
u

Figura 11: Stima della rigidezza della trave esterna

25

ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI LOCALI DELLIMPALCATO

Facendo ci per ogni trave si pu quindi stimare la rigidezza di ogni appoggio per creare un modello
a SAP della solatta su 5 appoggi cedevoli:

Figura 12: Modello a SAP dellimpalcato con vincoli cedevoli

Che dovr ovviamente essere considerato insieme al modello con vincoli rigidi:

Figura 13: Modello a SAP dellimpalcato con vincoli rigidi

6.3. Calcolo dei momenti massimi


Verr utilizzato il modello con vincoli rigidi per la stima del momento massimo negativo e quello
con vincoli cedevoli per il momento massimo positivo.
Si ottengono i seguenti inviluppi del momento dai due modelli:

Figura 14: Inviluppo del momento con vincoli rigidi

Figura 15: Inviluppo del momento con vincoli cedevoli

da cui si ricava:

+
Mmax
= 174.42 kN m

Mmax
= 83.28 kN m

26

VERIFICA PREDALLES

7. VERIFICA PREDALLES
Per eliminare onerosi costi di puntellatura dellimpalcato e per semplificare le operazioni di getto
della soletta si deciso di utilizzare lastre prefabbricate tralicciate in cemento armato denominate
predalles. Tali lastre sono dotate di autoportanza durante il getto di completamento della soletta ed
inoltre proprio grazie a questa caratteristica permettono anche di sostenere eventuali sbalzi laterali.
Le predalles sono state orientate ortogonalmente alla direzione delle travi.

Figura 16: Dettaglio predalles

7.1. Predimensionamento predalles


Limpiego delle latre predalles viene notevolmente utilizzato grazie alla sua facilit e velocit di
messa in opera, permettendo di ridurre limpiego di opere provvisorie di carpenteria e puntellatura
in fase di montaggio e getto. Tipicamente le lastre hanno larghezza di 120 cm, con lunghezze
variabili e spessori di soletta compresi tra i 5 e 7 cm.
Nel nostro caso sono state adottate lastre li larghezza 120 cm e spessore 5 cm. Vengono invece
riportate di seguito le caratteristiche dei tralicci e della soletta.

Figura 17: Dettaglio traliccio

Elemento

Dimensione

ht
dinf
i

s
g

14 [cm]
10 [cm]
60 [cm]
25 [kN/m3 ]
30 [cm]
7,5 [kN/m2 ]

Tabella 4: Combinazione 1

27

VERIFICA PREDALLES

Il traliccio armato da una barra 15 per in corrente superiore e da due barre 10 per il corrente
inferiore mentre le digonali sono barre 10.
Le lastre prefabbricate vengono disposte in opera direttamente sulle travi principali. Per quanto
riguarda le lastre esterne che sono disposte in corrispondenza dei due sbalzi stata garantita la
continuit del traliccio in acciaio tra queste lastre e quelle presenti nella campata immediatamente
adiacente.

Figura 18: Sezione predalles

7.2. Verifica SLU


Durante la fase di maturazione della soletta di completamento le predalles sono lunico elemento
resistente della struttura. Quindi, il compito di tali lastre, si riduce al solo sostentamento della
soletta. Eventuali carichi non strutturali o carichi variabili non agiscono poich in questa fase il
calcestruzzo deve ancora maturare. Durante la fase transitoria le predalles presentano nella zona di
campata il corrente superiore compresso, i correnti inferiori tesi e le staffe alternativamente tese e
compresse. Mentre nello sbalzo i correnti superiori sono tesi e quelli inferiori compressi.

Figura 19: Sezione

28

VERIFICA PREDALLES

7.2.1. Verifica di resistenza


In riferimento a quanto detto precedentemente, vengono adottati semplici schemi di calcolo, in
particolare uno schemma appoggio-appoggio per determinare il massimo momento negativo di
campata ed uno schema a mensola per determinare il massimo momento negativo. La luce
corrispondente allo schema di campata corrisponde allinterasse delle travi (1.6 m), mentre per lo
schema di estremit la luce corrisponde alla dimensione dello sbalzo (0.8 m).

M+ =

g i l2
3.99 0.6 1.62
= 1.3
= 2.6 kN m
8
8

M =

g i l2
3.99 0.6 0.82
= 1.3
= 2.6 kN m
2
2

Nella verifica si considera solo il traliccio della predalles. Dividendo il momento per laltezza del
traliccio individuo la coppia di forza (trazione e compressione) che agisce nei due correnti. Le
componenti assiali agenti relative al momento massimo positivo sono pari a:

Ncomp =

Ntraz =

M+
2.6
= 18.57 kN
=
ht
0.14

M+
2.6
= 9.29 kN
=
2ht
2 0.14

Le componenti assiali agenti relative al momento massimo negativo sono pari a:

Ncomp =

Ntraz =

M+
2.6
= 9.29 kN
=
2ht
2 0.14
M+
2.6
= 18.57 kN
=
ht
0.14

I correnti sono barre di acciaio e, come definito dalla normativ,a ricadono in classe 1. La resistenza
a trazione e compressione fornita dalla seguente relazione specificata al paragrafo 4.2.4.1.2:

15
Npl,Rd
=

210
Npl,Rd
=

Afyk
= 176.71 3551.05 = 59.75 kN
M 0
Afyk
= 314.16 3551.05 = 106.22 kN
M 0

Entrambi i valori di resistenza sono superiori a quelli sollecitanti pertanto la verifica risulta
soddisfatta.

29

VERIFICA PREDALLES

7.2.2. Verifica di stabilit


Sia i correnti compressi superiori che inferiori possono essere soggetti a fenonemi di instabilit. Per
la verifica di stabilit delle aste compresse stato seguito il paragrafo 4.2.4.1.3 delle NTC08. La
verifica di stabilit di unasta si effettua rispettando la seguente relazione:
NEd
1
Nb,Rd
Si assume:
NEd = 18.57 kN
Dove NEd l aresistenza ad instabilit dellasta compressa. Per sezioni di classe 1,2 e 3 pari a:

Nb,Rd =

Afyk
M 1

dipende dal tipo di sezione ed acciaio utilizzato


= f rac1 +

2 + 2

= 0.5[1 + ( 0.2) + 2 ]
il coefficiente di imperfezione e si assume pari a 0,49 dalla seuente tabella:

Figura 20: Coefficiente di imperfezione

Mentre si calcola mediante la seguente relazione:


r
=

Afy
Ncr

Ncr =

2 EI
l02

Con:

Vengono riportati in tabella i risultati dei valori sopra descritti.


30

Elemento

Dimensione

l0

Ncr

NEd
Nb,Rd

15 [cm]
0.4946
291.8 [kN]
0.6945
0.6464
18.57 [kN]
43.94 [kN]

VERIFICA PREDALLES

Tabella 5: Combinazione 1

La verifica risulta soddisfatta.

7.3. Verifica SLE


Nel seguente paragrafo si verifica che gli spostamenti, calcolati facendo riferimento alla linea elastica
dei due schemi statici, siano compatibili con gli spostamenti imposti da normativa. Come nei
capitoli precedenti si considera, cio elemento resistente, il traliccio in acciaio mentre il resto
considerato come carico portato. I valori di freccia per estremo libero e di campata sono riportati
nelle due relazioni seguenti:
fa =

fc =

gl4
8EI

5 gl4
384 EI

Il valore imposta da normativa invece pari a:


fmax =

L
300

Il momento dinerzia stato calcolato rispetto allasse baricentrico tramite la seguente relazione:
I = Ic,s + Ic,i + Ac,s

 h 2
t

+Ac,i

 h 2

Vengono riportati in tabella i risultati dei valori sopra descritti.

Elemento

Dimensione

E
I
fa
fc

210000 [MPa]
11055000 [mm4 ]
0.2 [mm]
0.1 [mm]
5.3 [mm]

fmax

Tabella 6: Combinazione 1

La verifica risulta soddisfatta.


31

VERIFICA SOLETTA

8. VERIFICA SOLETTA
8.1. Dimensionamento delle armature
Per il dimensionamento dellarmatura trasversale della soletta sono stati riutilizzati i valori di
sollecitazione precedentemente calcolati per il moello a piastra. Per calcolare il valore di armatura
necessaria si inverte la formula semplificata per il calcolo del momento per una sezione rettangolare
in cemento armato:
M = 0.9d As fyd
Uguagliando il momento di calcolo al momento ultimo semplice ricavare la quantit di armatura
necessaria:

As =

Md
0.9d fyd

Per i valori di altezza utile sono stati presi 22 cm per la direzione x (adottando 3 cm di copriferro),
mentre per la direzione y, considerando che le barre longitudinale sono contenute da quelle trasversali, il valore dellaltezza utile pari a 22-1,8=20,2 cm. Per il dimensionamento dellarmatura
allestradosso e dellarmatura allintradosso sono stati presi rispettivamente i valori di momento
massimo posivo e momento massimo negativo. Quindi:

As =

Md
= 3077.46 mm2
0.9dx fyd

A0s =

Md
= 1378.89 mm2
0.9dy fyd

Sono state scelti:

As = 1616 = 3217

A0s = 716 = 1407.43

mm2
m
mm2
m

La normativa impone che larmatura sia distribuita uniformemente, inoltre lEurocodice impone
che il passo tra le barre non superi il valore smax,slab . Questo valore raccomandato vale:

Per armatura principale 3h<400 mm con h altezza della soletta;

Per armatura secondaria 3,5 h<450mm.

Per zone di momento massimo o in presenza di carichi concentrati i valori diventano:

Per armatura principale 2h<250 mm con h altezza della soletta;

Per armatura secondaria 3 h<40mm.

32

VERIFICA SOLETTA

Nel nostro caso, cio quello di carichi concntrati, il passo massimo di 250mm per cui i passi scelti
per larmatura nelle due condizioni soddisfano tale condizione. Come riportato dalla normativa
doveroso fare dei controlli sui rapporti geometrici di armatura. In particolare larmatura minima
non pu essere inferiore a:
2/3

fctm = 0, 3fck = 2, 89M P a

As,min = 0, 26

fctm
bt d = 560mm2
fyk

As,min inoltre deve essere non minore di:


As,min = 0, 0013bt d = 343, 2mm2
Infine larmatura non pu essere maggiore di 0,002 volte larea di calcestruzzo:
As,min = 0, 002bh = 12000mm2
Le limitazioni sono quindi soddisfatte. Leurocodice 2 prevede particolare attenzione nella disposizione della armature ai bordi liberi della piastra. La disposizione raccomandata rappresentata di
seguito:

Figura 21: Armatura di bordo per una piastra

E raccomandata inoltre una piegatura di due volte laltezza cio 50 cm.

8.2. Verifica flessionale


Note le armature per il calcolo del momento resistente si utilizza il metodo dei campi. Si riportano
di seguito i dati di progetto:

b=1200 mm;

d=220 mm;

d=d=30 mm;

h=250mm

33

VERIFICA SOLETTA

Inizialmente si ipotizza la condizione di massima duttilit cio al limete tra campo 2 e campo 3
e si ricava la posizione dellasse neutro. Si ricorda che la tensione di snervamento delle armatura
pari a s = 391, 3M P a. Dallequilibrio alla traslazione si ricava il valore dellasse neutro
adimensionalizzato:
=

NEd (As A0s )fyd


bdfcd

Con:
=

16 1
15

Dove:

su =0,01

c2 =0,002

risulta essere pari a:


=

(62su + 4su c2 + 2c2 ) 2 22c2 + 2c2 4su c2


4su [(3su + c2 ) c2 ]

Si pu ora calcolare il valore del momento resistente:


00

MRd = bdfcd (d d) + A0s Es

su ( dd )
(d d00 )
1

Il progetto delle armature stato effettuato trascurando leffetto benefico dello sforzo di compressione
nella soletta. Per le direzioni longitudinale e trasversale sono state valutate differenti combinazioni
di carico. Per tutte le suddette combinazioni il procedimento di carico il medesimo di quello
appena descritto. Vengono riportati in tabella i valori significativi.
Per calcolare i momenti resistenti stato utilizzato il software VCASLU, considerando la sola
armatura di calcolo trascurando larmatura aggiuntiva data dai travetti della lastra predalle. Per
semplicit stata considerata una porzione di trave di profondit 1 metro e lunghezza 8 metri.
Volutamente si deciso di trascurare leffetto benefico dello sforzo assiale derivante dallanalisi a
piastra della soletta, cos facendo i calcolo effettuati risultano essere a favore di sicurezza.
Per il momento resistente negativo:

Figura 22: Momento restente negativo

34

VERIFICA SOLETTA

Per il momento resistente positivo:

Figura 23: Momento restente positivo

La schermata riporta i due momenti restenti che risultano entrambi superiori a quelli sollecitanti.
Si deciso di disporre reti elettrosaldate sia per lintradosso che per lestradosso. Rispettivamente
16 passo 6 cm e 16 passo 14 cm. In tal modo le verifiche di resistenza flessionali in direzione
longitudinale sono da ritenersi soddisfatte in quanto i momenti sollecitanti longitudinali sono minori
rispettto a quelli trasversali.

8.3. Lunghezza di ancoraggio


Per il calcolo della lunghezza di ancoraggio si seguono le prescrizioni riportate nellEurocodice 2-8:
2/3

fctm = 0, 3fck = 2, 89M P a

fctk =

fctk
= 1, 50M P a
cls

La tensione di aderenza :

fbd = 2, 251 2 fctd = 3, 04M P a


Con:

1 =1 buona aderenza;

2 =1 perch < 32mm

35

VERIFICA SOLETTA

La lunghezza di ancoraggio di base :

lb,rqd =

fyd
= 365.40 mm
4 fbd

Si preso come valore di fyd la massima tensione possibile,quella di snervamento.


lb,min = max(0.3 lb,rqd ; 10; 100mm) = 160 mm

lbd = 1 2 3 4 5 lb,rqd = 365.40 mm


avendo considerato tutti i coefficienti di lbd unitari.
lbd,min lbd

8.4. Verifica a punzonamento


Le NTC08 prescrivono che le piastre devono essere verificate nei riguardi del punzonamento allo
stato limite ultimo in corrispondenza di carichi concentrati. In mancanza di un armatura trasversale
appositamente dimensionata, la resistenza a punzonamento deve essere valutata, utilizzando formule
di comprovata validit, sulla base della resistenza a trazione del calcestruzzo, intendendo la
sollecitazione distribuita su di un perimetro distante 2d dall impronta caricata, con d altezza utile
della piastra. Per la valutazione della resistenza a taglio-punzonamento si fatto riferimento alla
trattazione presente nell Eurocodice 2.
Il modello comprovato e adeguato per la verifica a punzonamento secondo la normativa europea
riportato di seguito:

Figura 24: Modello punzonamento

La verifica di punzonamento stata effettuata considerando come carico agente la massima reazione
dovuta al palo di fondazione nella condizione pi sfavorevole. LEurocodice 2 suggerisce di assumere
un perimetro resistente cosi schematizzato:

36

VERIFICA SOLETTA

Figura 25: Perimetro di riferimento

Limpronta di carico derivante dal carico tandem risulta essere di forma quadrata di lato 400 cm,
quindi il nostro perimetro di riferimento u1 risulta essere pari al perimetro dellimpronta di carico
maggiorato di 2 volte laltezza utile della soletta.
u1 = 4 (400 + 2 220) = 3360mm
Leurocodice UNI EN 1992-1-1:2005 raccomanda le seguenti verifiche:
Con:
1) Per il perimetro u0
vEd vRd,max
2) Per il perimetro u1
vEd vRd,c
Dove vRd,max la resistenza di progetto massima a taglio-punzonamento mentre vRd,c la resistenza
di progetto a taglio-punzonamento di una piastra senza specifica armatura.
Numericamente abbiamo:


vRd,max = 0.5 fcd

fck
= 0.5 0.6 1
250


17 = 4.49M P a

vRd,c = [crd,c k(100 l fck )1/3 + k1 cp ]


Con:
0.18
0.18
= 0.133
=
c
1.35
r
r
200
200
k =1+
2=1+
= 1.95 2
d
220
r
r
p
As A0s
3217 1407.43
0
l = =

= 0.019
Ac Ac
220000 220000
crd,c =

cp = 0
Sostituendo nellequazione precedente otteniamo:
vRd,c = 1.01M P a
Ora resta solo da calcolare la tensione esterna. Sulla soletta agisce un carico tandem VEd = 324kN
quindi:
vEd =

VEd
ui d

Con = 1.
37

VERIFICA SOLETTA

1) Per il perimetro u0
vEd =

1 324000
= 0.92 < vRd,max
1600 220

2) Per il perimetro u1
vEd =

1 324000
= 0.44 < vRd,c
3360 220

Le verifiche risultano entrambe soddisfatte.

8.5. Verifica a taglio


La verifica al taglio da ritenersi automaticamente soddisfatta in quanto quella al punzonamento
pi gravosa.

38

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

9. CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI


La soletta del ponte ha un comportamento a piastra, i carichi agenti sono ripartiti non solo
longitudinalmente, ma anche trasversalmente. E necessario pertanto tener conto della ripartizione
trasversale dei carichi nel calcolo delle sollecitazioni.
Per tener conto di tale fenomeno, sono stati sviluppati molti metodi che tengono in conto diversi
parametri.
Uno dei metodi pi facili, anche se semplificato, quello di Courbon, basato su un comportamento
rigido della soletta. Questo metodo pu essere utilizzato quando i traversi sono molto vicini e
la ripartizione pu essere considerata lineare. In altri casi questo metodo porta a sovrastimare
significativamente le azioni.
In questa relazione stato utilizzato il metodo di Guyon - Massonnet - Bare che si basa sulla
schematizzazione della soletta a piastra ortotropa. Abbiamo poi confrontato le sollecitazioni cos
ottenute con quelle date da un modello a elementi finiti realizzato con SAP2000.
Nel metodo Guyon - Massonnet - Bare si determina un graticcio equivalente avente caratteristiche
meccaniche uguali a quelle del ponte; a seconda delle rigidezze degli elementi vengono poi ripartiti i
carichi. Il metodo si basa sul calcolo di parametri (che dipendono dalle rigidezze e dalle dimensioni
degli elementi) con i quali si calcolano (o si estrapolano dagli abachi) i coefficienti di ripartizione.

9.1. Metodo di Guyon - Massonet - Bare


Si considera un impalcato composto da soletta e da nervature uguali ed ugualmente spaziate.

Tale impalcato si pu identificare come un insieme di travi longitudinali caratterizzate da EIa (rigidit
flessionale della trave). Si definisce quindi una rigidezza equivalente in direzione longitudinale:
Dx
Ia
0.0049
=
=
= 0.0031 m3
Es
a
1.6
Se i travetti sono spaziati regolarmente e sono caratterizzati da una stessa rigidit flessionale EIt
pu definirsi una rigidit flessionale equivalente anche nella direzione trasversale. Tale valore deve
essere omegeneizzato tramite un fattore n:

n=

Ecm
= 0.16
Es

39

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

Dy
It n
=
=
Es
t

0.60.33
12

0.16
= 0.0004 m3
0.6

Tutte le quantit di interesse per la valutazione delle caratteristiche della sollecitazione sono tabellate
da Massonnet - Bare in funzione del coefficiente di Guyon (o parametro di rigidezza flessionale):

b
=
l

Dx
=
Dy

ntravi itravi
2

Dx
= 0.299
Dy

Passiamo ora al calcolo dei successivi coefficienti:


G Kl
Cxy
=
E
E a
Dove Kl rappresenta la rigidezza torsionale della sezione composta:

Kl = Jt,acc + n Jt,trav. = Jt,acc + n

3 1.603 0.303
3 b3c h3c
=
0.000011
+
0.16

= 0.0020 m4
10(b2c + h2c )
10(1.602 + 0.302 )

Quindi:
Cxy
G Kl
81000 0.0020
=
= 0.00047 m3
=
E
E a
210000 1.60
Analogamente a quanto fatto precedentemente:
Cyx
G Kt
=
E
El
Dove Kt rappresenta la rigidezza torsionale della soletta, che fa da traverso:

Kt = n

3 l3 h3c
3 233 0.303
= 0.16
= 0.0291 m4
2
2
10(l + hc )
10(232 + 0.302 )

Ottiniamo quindi in fine:


G Kt
81000 0.0291
Cyx
=
=
= 0.00049 m3
E
El
210000 23
Possiamo ora calcolare il secondo parametro, , caratterizzante il problema di Guyon Massonet.
Esso definisce la rigidezza torsionale del ponte.

= q

H
Dx
E

= 0.46
Dy
E

dove:

H = 0.5 (

Cxy
Cyx
+
) = 0.00048 m3
E
E
40

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

Andiamo ora a determinare le azioni agenti sulla prima trave, cio quella da noi studiata, utilizzando
lo schema di carico 1 per i ponti di 2a Categoria.
Per tali ponti si devono considerare sulla Corsia N.1 un Carico asse Q1k =240 kN ed un carico
distribuito qik [kN/m2 ]. Sulle altre corsie vanno applicati i carichi associati ai ponti di 1a Categoria.
Si riporta la Tabella 5.1.II da NTC2008 che riporta lintensit dei carichi Qik e qik per le diverse
corsie per ponti di 1a Categoria:

Posizione

Carico asse Qik [kN]

qik [kN/m2 ]

Corsia Numero 1

300

9.00

Corsia Numero 2

200

2.50

Corsia Numero 3

100

2.50

Altre corsie

0.00

2.50

Tabella 7: Intensit dei carichi Qik e qik per le diverse corsie per ponti di 1a Categoria

Nel ponte in esame si ha invece la seguemte situazione:

Posizione

Carico asse Qik [kN]

qik [kN/m2 ]

Corsia Numero 1

240

7.2

Corsia Numero 2

200

2.50

Marciapiede 1 e 2

2.50

Tabella 8: Intensit dei carichi Qik e qik per le diverse corsie per il ponte in esame

9.1.1. Corsia convenzionale 1

Figura 26

Si analizzano separatamente lazione dei carichi concentrati e di quello distribuito.


Si considera un mezzo tandem a due assi da 480 kN ognuno, distanziati di a=1.2 m. La situazione
pi gravosa si ha posizionando il primo carico a una distanza dal bordo di:
41

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

l
a
23 1.2
=

= 11.2 m
2 4
2
4
Momento e tagli massimi si ricavono tramite le seguenti espressioni:

Mmax,Q =

Q (2l a)2
= 5235.760 kN m
l
8

Tmax,Q =

Q
(2l a) = 934.957 kN m
l

Per quanto riguarda il carico distribuito si hanno 7.20 kN/m2 distribuiti su una larghezza di 3 m
quindi il carico lineare equivale a:
q = 7.20 3 = 21.6 kN/m
Momento e taglio massimi si ricavano tramiite le seguenti espressioni:

Mmax,q =

ql2
= 1428.30 kN m
8

Tmax,q =

ql
= 248.40 kN
2

Si sommano i contributi di carico tandem e distribuito:


Mmax = 6664.06 kN m

Tmax = 1183.36 kN
A questo punto si deve equiripartire il carico sulle travi e maggiorare il valore medio tramite il
coefficiente di Guyon-Massonet relativo alla corsia 1:
=
Mmax

Mmax
6664.06
=
= 1332.81 kN m
n travi
5

=
Tmax

Tmax
1183.36
=
= 236.67 kN
n travi
5

Il coefficiente relativo alla corsia 1 rispetto alla trave 1 vale:


k = 1.359
Quindi il momento e il taglio agenti sulla prima trave valgono:
k = 1811.29 kN m
Mmax1 = Mmax

cot k = 321.64 kN
Tmax1 = Tmax
42

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

9.1.2. Corsia convenzionale 2

Figura 27

Si ripotono gli stessi passaggi visti nella corsia precedente.


Si considera un mezzo tandem a due assi da 400 kN ognuno, distanziati di a=1.2 m. La situazione
pi gravosa si ha posizionando il primo carico a una distanza dal bordo di:
l
a
23 1.2
=

= 11.2 m
2 4
2
4
Momento e tagli massimi si ricavono tramite le seguenti espressioni:

Mmax,Q =

Q (2l a)2
= 4363.13 kN m
l
8

Q
(2l a) = 779.13 kN m
l
Per quanto riguarda il carico distribuito si hanno 2.50 kN/m2 distribuiti su una larghezza di 3 m
quindi il carico lineare equivale a:
Tmax,Q =

q = 2.50 3 = 7.5 kN/m


Momento e taglio massimi si ricavano tramiite le seguenti espressioni:

Mmax,q =

ql2
= 495.938 kN m
8

Tmax,q =

ql
= 86.250 kN
2

Si sommano i contributi di carico tandem e distribuito:


Mmax = 4859.07 kN m

Tmax = 865.38 kN
A questo punto si deve equiripartire il carico sulle travi e maggiorare il valore medio tramite il
coefficiente di Guyon-Massonet relativo alla corsia 2:
=
Mmax

Mmax
4859.07
=
= 971.81 kN m
n travi
5
43

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

=
Tmax

865.38
Tmax
=
= 173.08 kN
n travi
5

Il coefficiente relativo alla corsia 2 rispetto alla trave 1 vale:


k = 0.618
Quindi il momento e il taglio agenti sulla prima trave valgono:
cot k = 600.58 kN m
Mmax1 = Mmax
k = 106.96 kN
Tmax1 = Tmax

9.1.3. Marciapiede 1

Figura 28

E presente un carico distribuito di 2.5 kN/m2 su una larghezza di 1 m quindi il carico lineare
equivale a:
q = 2.50 1 = 2.5 kN/m
Momento e taglio massimi si ricavano tramiite le seguenti espressioni:
Mmax =

ql2
= 165.313 kN m
8

Tmax =

ql
= 28.750 kN
2

A questo punto si deve equiripartire il carico sulle travi e maggiorare il valore medio tramite il
coefficiente di Guyon-Massonet relativo al marciapiede 1:
=
Mmax

Mmax
165.313
=
= 33.063 kN m
n travi
5

=
Tmax

Tmax
28.75
=
= 5.75 kN
n travi
5

Il coefficiente relativo al marciapiede 1 rispetto alla trave 1 vale:


k = 1.888
Quindi il momento e il taglio agenti sulla prima trave valgono:
k = 62.422 kN m
Mmax1 = Mmax
k = 10.856 kN
Tmax1 = Tmax
44

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

9.1.4. Marciapiede 2

Figura 29

E presente un carico distribuito di 2.5 kN/m2 su una larghezza di 1 m quindi il carico lineare
equivale a:
q = 2.50 1 = 2.5 kN/m
Momento e taglio massimi si ricavano tramiite le seguenti espressioni:

Mmax =

ql2
= 165.313 kN m
8

Tmax =

ql
= 28.750 kN
2

A questo punto si deve equiripartire il carico sulle travi e maggiorare il valore medio tramite il
coefficiente di Guyon-Massonet relativo al marciapiede 2:

=
Mmax

Mmax
165.313
=
= 33.063 kN m
n travi
5

=
Tmax

Tmax
28.75
=
= 5.75 kN
n travi
5

Il coefficiente relativo al marciapiede 2 rispetto alla trave 1 vale:

k = 0.166
Quindi il momento e il taglio agenti sulla prima trave valgono:
k = 5.488 kN m
Mmax1 = Mmax

k = 0.955 kN
Tmax1 = Tmax
Si riportano ore le tabelle riassuntive dei risultati ottenuti dai calcoli attraverso luso del metodo di
Guyon-Massonet-Bare.

45

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

Largh
(m)

Q
(kN)

q
Mmax,Q
(kN/m) (kNm)

Mmax,q
(kNm)

Tmax,Q
(kN)

Tmax,q
(kN)

marciapiedi.1

2.50

165.31

28.75

corsia conv.1

480

21.60

5235.76

1428.30

934.96

248.40

corsia conv.2

400

7.5

4363.13

495.94

779.13

86.25

marciapiedi.2

2.50

165.31

28.75

Come detto in precedenza il nostro obiettivo quello di ottenere le sollecitazioni agenti sulla trave
esterna essendo essa la pi sollecitata. Per ottenere lo stato sollecitativo su di essa occorre quindi
moltiplicare il momento e il taglio medio relativo ad ogni corsia per il corrispondente coefficiente
di Guyon-Massonet k e infine sommare. Il valori di Mmedio e Tmedio sono ottenuti dividendo
rispettivamente Mmax e Tmax per il numero di travi, che nel nostro caso pari a 5.

Mmedio
(kNm)

Tmedio k
(kN)

Mfinale
(kNm)

Tfinale
(kN)

marciapiedi.1

33.06

5.75

1.89

62.42

10.86

corsia conv.1

1332.81

236.67

1.36

1811.29

321.64

corsia conv.2

971.81

173.08

0.62

600.58

106.96

marciapiedi.2

33.06

5.75

0.166

5.49

0.95

Si riportano infine i valori totali di Momento e Taglio dovuti al carico da traffico:


Mtotale = 2479.78 kN m

Ttotale = 440.41 kN
Occorre ora, attraverso un procedimento anologo a quello precedentemente visto per i carichi da
traffico, ottenere il momento e il taglio sulla trave da noi studiata, dovuti al peso proprio portante
e portato della soletta. Riportiamo quindi i valori dei suddetti pesi:
G1k = 7.75 kN/m2

G2k,corsie = 3.30 kN/m2

G2k,marciapiedi = 8.75 kN/m2


46

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

Si riportano ora in tabella i risultati ottenuti mediante lutilizzo del metodo di Guyon-MassonetBare.

MG1
(kNm)

MG2
(kNm)

TG1
(kN)

TG2
(kN)

Mmedio,G1 Mmedio,G2
(kNm)
(kNm)

marciapiedi.1

512.47

578.59

89.13

100.63

102.49

115.72

corsia conv.1

1537.41

654.64

267.38

113.85

307.48

130.93

corsia conv.2

1537.41

654.64

267.38

113.85

307.48

130.93

marciapiedi.2

512.47

578.59

89.13

100.63

102.49

115.72

Tmedio,G1 Tmedio,G2 k
(kN)
(kN)

Mfinale,G1 Mfinale,G2 Tfinale,G1 Tfinale,G2


(kNm)
(kNm)
(kN)
(kN)

marciapiedi.1

17.83

20.13

1.89

193.51

218.48

33.65

37.99

corsia conv.1

53.48

22.77

1.36

417.87

177.93

72.67

30.94

corsia conv.2

53.48

22.77

0.618

190.02

80.91

33.05

14.07

marciapiedi.2

17.83

20.13

0.17

17.01

19.21

2.96

3.34

Infine sommando i vari contributi si ottengono i seguenti risultati:

Mtotale,G1 = 818.41 kN m
Mtotale,G2 = 496.53 kN m
Ttotale,G1 = 142.33 kN
Ttotale,G2 = 86.35 kN
Si prosegue determinando il momento e il taglio dovuti al peso proprio della trave:

g1k = 2.91 kN/m

Mg1 =

2.91 232
g1k l2
=
= 192.42 kN m
8
8

Tg1 =

g1k l
2.91 23
=
= 33.47 kN m
2
2

47

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

9.1.5. Azione longitudinale di frenamento o accelerazione:q3


La forza di frenamento o di accelerazione q3 funzione del carico verticale totale agente sulla corsia
convenzionale n.1 ed uguale per i ponti di 2a categoria a:
144 kN q3 = 0.6(2Q1k ) + 0.10 q1k w1 L 900 kN
Dove:

Q1k =240 kN carico applicato tandem schema 1;

q1k =7.20 kN/m2 carico distribuito schema 1;

w1 =3 m larghezza corsia convenzionale 1;

L=23 m luce del ponte.

La forza risulta quindi:


q3 = 337.68 kN
La forza, applicata a livello della pavimentazione ed agente lungo lasse della corsia, assunta
uniformemente distribuita sulla lunghezza caricata e include gli effetti di interazione.

9.2. Combinazioni di carico


Si riassumono i valori caratteristici di Momento e Taglio ricavati precedentemente.

M(kN/m)

T(kN)

G1

Soletta
Trave

814.41
192.42

1010.84

142.33
33.47

175.80

G2

Portato

496.53

496.53

86.35

86.35

Q traffico

Tandem
Distribuito

1962.36
449.51

2479.78

350.42
78.18

440.41

Q traffico

Folla

67.91

67.91

11.81

11.81

Si procede ora con la combinazione dei carichi ricordando che i gruppi di azioni scelti sono l1 e il
2a, in quanto nel nostro ponte vi la presenza della forza dovuta alla frenatura ma non la presenza
della forza centrifuga. La tabella 5.1.IV della NTC08 indica per il gruppo di azioni 2a un valore
frequenti per i carichi verticali dovuti al traffico e questo comporta un coefficiente di combinazione
pari a zero per tali carichi se guardiamo la tabella 5.1.VI. In realt abbiamo deciso di agire in
maniera differente, ossia considerando che anche per tale gruppo di carico vi sia la presenza del
peso proprio permanente strutturale della soletta e della trave e del carico verticale da traffico
distribuito sulle corsie convenzionali, entrambi utlizzati per con il valore minimo.

48

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

9.2.1. SLU
G1 G1 + G2 G2 + Q Qk1 + Q 0 Qk2 + ...
Si ricavano le azioni applicando la combinazione di carico fondamentale con carico principale lazione
da traffico.
I coefficienti utilizzati per i diversi gruppi di azioni sono i seguenti:

Gruppo

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Q frenata

Q vento

1.35

1.5

1.35

1.35

1.35

0.9

2a

1.35

1.5

1.01

0.54

1.35

0.9

Tabella 9: Coefficienti di sicurezza per le combinazioni di carico agli SLU

Si ottengono i seguenti valori di Momento e Taglio:

Momento

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

1364.63

744.80

2649.19

606.84

91.68

5457.13

2a

1364.63

744.80

1986.89

242.74

4339.05

Tabella 10: Valori di progetto del Momento

Taglio

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

237.33

129.53

473.07

105.54

15.94

961.41

2a

237.33

129.53

354.80

42.21

763.87

Tabella 11: Valori di progetto del Taglio

9.2.2. SLE Rara


G1 + G2 + Qk1 + 0 Qk2 + ...
I coefficenti utilizzati per i vari gruppi di azioni sono i seguenti:

49

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

Gruppo

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Q frenata

Q vento

0.6

2a

0.75

0.4

0.6

Tabella 12: Coefficienti di sicurezza per le combinazioni di carico alla SLE Rara

Si ottengono i seguenti valori di Momento e Taglio:

Momento

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

1010.84

496.53

1962.36

449.51

67.91

3987.15

2a

1010.84

496.53

1471.77

179.80

3158.94

Tabella 13: Valori di progetto del Momento

Taglio

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

175.80

86.35

350.42

78.18

11.81

702.56

2a

175.80

86.35

262.82

31.27

556.24

Tabella 14: Valori di progetto del Taglio

9.2.3. SLE Frequente


G1 + G2 + 1 Qk1 + 2 Qk2 + ...
I coefficenti utilizzati per i diversi gruppi di azioni sono i seguenti:

Gruppo

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Q frenata

Q vento

0.75

0.4

0.4

2a

0.56

0.16

Tabella 15: Coefficienti di sicurezza per le combinazioni di carico alla SLE Frequente

50

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

Si ottengono i seguenti valori di Momento e Taglio:

Momento

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

1010.84

496.53

1471.77

179.80

27.16

3186.11

2a

1010.84

496.53

1103.82

71.92

2683.12

Tabella 16: Valori di progetto del Momento

Taglio

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

175.80

86.35

262.82

31.27

4.72

560.96

2a

175.80

86.35

197.11

12.51

471.77

Tabella 17: Valori di progetto del Taglio

9.2.4. SLE quasi permanente


G1 + G2 + 2 Qk1 + 2 Qk2 + ...
I coefficenti utilizzati per i diversi gruppi di azioni sono i seguenti:

Gruppo

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Q frenata

Q vento

2a

Tabella 18: Coefficienti di sicurezza per le combinazioni di carico alla SLE quasi permanente

Si ottengono i seguenti valori di Momento e Taglio:

Momento

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

1010.84

496.53

1507.37

2a

1010.84

496.53

1507.37

Tabella 19: Valori di progetto del Momento

51

CALCOLO RIPARTIZIONE TRASVERSALE DEI CARICHI

Taglio

G1

G2

Qt tandem

Qt distribuito

Qt folla

Somma

175.80

86.35

262.15

2a

175.80

86.35

262.15

Tabella 20: Valori di progetto del Taglio

52

10

MODELLAZIONE NUMERICA DELLIMPALCATO

10. MODELLAZIONE NUMERICA DELLIMPALCATO


Lanalisi stata svolta in al fine di un controllo delle sollecitazioni agenti sulla trave composta, al
fine di fare un confronto col metodo di Guyon - Massonet - Bare.
Veranno poi utilizzati i risultati per altre verifiche che per forza di cose richiedevano luso di un
programma numerico essendo analisi laboriose dal punto di vista computazionale.

Figura 30: Estruso del modello a SAP

10.1. Creazione del modello


Per modellare i diversi elementi della struttura sono stati utilizzati i seguenti strumenti:

Travi: sono state modellate con elementi Frame ai quali sono stati assegnati le dimensioni
della sezione HE 900 B. Lelemento Frame rappresenta solamente lasse del profilo.

Soletta: stata modellata con elementi Shell che simulano un comportamento a piastra che
possa assorbire sia carichi assiali che trasversali a cui vengono assegnati lo spessore di 30
cm. Le dimensioni di ogni singolo Shell sono 20x20cm. La soletta viene disegnata con un
offset pari alla distanza tra i baricentri di soletta e trave essendo che gli Shell rappresentano
solamente lasse della soletta.

Pioli Nelson: la soletta e la trave fanno parte di un unico sistema di una sezione composta
acciaio-cls. I pioli creano quel supporto di connessione allinterfaccia dei due materiali cercando
di impedire lo scorrimento. Per questo vengono simulati nel modello con degli elementi di
rigidezza infinita che vincolano qualsiasi tipo di spostamento e rotazione.

Vincoli: sono stati disposti secondo lo schema mostrato in figura:

Figura 31: Disposizione dei vincoli

53

10

MODELLAZIONE NUMERICA DELLIMPALCATO

Figura 32: Modello a SAP

10.2. Confronto con Guyon - Massonet - Bare


La trave composta e i pioli Nelson sono stati progettati e verificati con le sollecitazioni derivanti
dallanalisi analitica.
Di seguito si riportano i risultati della modellazione con SAP2000 per verificare che siano attendibili
i conti svolti precedentemente.
Il momento sollecitante derivante dal modello deve essere composto mediante la formula:
M = Mtrave + Msoletta + Ntrave dtrave + Nsoletta dsoletta

Ipotizzando:

Msoletta trascurabile rispetto a Mtrave ;

Nsoletta ' Ntrave ;

dsoletta + dtrave = d = 60 cm;

54

10

MODELLAZIONE NUMERICA DELLIMPALCATO

si ottiene quindi:
M = Mtrave + Ntrave d

Le sollecitazioni agenti sulla trave in acciaio sono:

Si ottiene quindi dal modello un momento pari a:


MSAP = Mtrave + Ntrave d = 1850 kN m + 5648 kN 0.6 m = 5239 kN m
Mentre con Guyon - Massonet - Bare:
MG.M.B. = 5457 kN m
Si ottiene una differenza nelle sollecitazioni dal metodo analitico. Questa data da un calcolo
approssimato delle distribuzioni delle sollecitazioni mediante il metodo di Guyon-Massonete da
errori numerici presenti nel modello SAP.
La differenza tra i due metodi comunque intorno al 4% e quindi si pu ritenere il modello a SAP
55

10

MODELLAZIONE NUMERICA DELLIMPALCATO

attendibile.
Prositivo anche il fatto che con Guyon - Massonet - Bare la sollecitazione risulti maggiore rispetto
che col modello SAP. Infatti, come ci si aspetterebbe, il modello analitico lavora a favore di sicurezza
sovrastimando le sollecitazioni.
Si possono quindi ricavare mediante il modello le sollecitazioni risultanti per i vari gruppi di carico,
per le verifiche della soletta (che manualmente richiederebbero calcoli molto onerosi) e per le
verifiche a fatica.

56

11

ANALISI SISMICA

11. ANALISI SISMICA


11.1. Analisi dellazione sismica
Lanalisi delle strutture soggette ad azione sismica pu essere lineare o non lineare e dinamica o
statica. Verr di seguito svolta un analisi lineare dinamica tramite il software SAP2000.

11.1.1. Periodo di riferimento


Come prima operazione si definisce il periodo di riferimento per lazione sismica agente. Si prende
come riferimento la normativa tecnica NTC 2008 cap. [2] par. [2.4.3].
Secondo il codice si ha che la vita nominale di unopera strutturale VN intesa come il numero di
anni nel quale la struttura, purch soggetta alla manutenzione ordinaria, deve potere essere usata
per lo scopo al quale destinata.
La vita nominale dei diversi tipi di opere quella riportata nella Tab. 2.4.I e deve essere precisata
nei documenti di progetto.

Figura 33: Tabella 2.4.I NTC 2008

Le azioni sismiche su ciascuna costruzione vengono valutate in relazione ad un periodo di riferimento


VR che si ricava, per ciascun tipo di costruzione, moltiplicandone la vita nominale VN per il
coefficiente duso CU .
VR = CU VN
Nel caso in esame si assume il coefficiente duso CU =1.50, funzione della classe duso delledificio
(classe duso 3), secondo quanto fornito da NTC 2008 cap. [2] par. [2.4.3] tabella [2.4.II].
Classe duso III: Costruzioni il cui uso preveda affollamenti significativi. Industrie con attivit
pericolose per lambiente. Reti viarie extraurbane non ricadenti in classe duso IV. Ponti e reti
ferroviarie la cui interruzione provochi situazioni di emergenza. Dighe rilevanti per le conseguenze
di un loro eventuale collasso.

Figura 34: Tabella 2.4.II NTC 2008

La vita utile dellopera invece viene assunta pari a VN = 50 anni, secondo quanto fornito da NTC
2008 cap.[2] par. [2.4.2] Tabella 2.4.I.
Si ottiene dunque:
VR = 1.50 100 = 150 anni
57

11

ANALISI SISMICA

11.1.2. Tempo di ritorno


possibile ora andare a quantificare il tempo di ritono per lazione sismica.
Si valuta la probabilit secondo quanto riportato da NTC 2008 cap.[3] par. [3.2] Tabella 3.2.I.

Figura 35: Tabella 3.2.II NTC 2008

possibile valutare dunque il tempo di ritorno, definito da NTC 2008.


Le forme spettrali previste dalle NTC sono caratterizzate da prescelte probabilit di superamento e
vite di riferimento. A tal fine occorre fissare:
- la vita di riferimento VR della costruzione;
- le probabilit di superamento nella vita di riferimento VR Pi associate a ciascuno degli stati
limite considerati, per individuare infine, a partire dai dati di pericolosit sismica disponibili,
le corrispondenti azioni sismiche.
Tale operazione deve essere possibile per tutte le vite di riferimento e tutti gli stati limite considerati
dalle NTC; a tal fine conveniente utilizzare, come parametro caratterizzante la pericolosit sismica,
il periodo di ritorno dellazione sismica TR , espresso in anni mediante la relazione:
TR =

VR
ln(1 P (VR ))

11.1.3. Pericolosit sismica


La pericolosit sismica di base, nel seguito chiamata semplicemente pericolosit sismica, costituisce
lelemento di conoscenza primario per la determinazione delle azioni sismiche.
La pericolosit sismica in un generico sito deve essere descritta in modo da renderla compatibile
con le NTC e da dotarla di un sufficiente livello di dettaglio, sia in termini geografici che in termini
temporali.
Le forme spettrali previste dalle NTC sono definite, su sito di riferimento rigido orizzontale, in
funzione dei tre parametri:
- ag : accelerazione orizzontale massima del terreno;
- F0 : valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale;
- T*C : periodo di inizio del tratto a velocit costante dello spettro in accelerazione orizzontale.
Nella seguente analisi, per comodit, si utilizzer il foglio di calcolo Spettri di risposta ver. 1.0.3,
messo a disposizione dal consilio superiore dei lavori pubblici. Il file compatibile con le NTC2008
ma spetta comunque al progettista confermare la validit dei dati.
Il foglio excel permette di calcolare direttamente i tre parametri sopra descritti. Una volta
determinati i parametri, le componenti orizzontali di spettro elastico valgono:

58

11

ANALISI SISMICA

Figura 36: Formula (3.2.4) NTC 2008

nelle quali T ed Se sono, rispettivamente, periodo di vibrazione ed accelerazione spettrale orizzontale.


Inoltre:
- S il coefficiente che tiene conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni topografiche
mediante la legge:
S = SS ST
- SS il coefficiente di amplificazione startigrafica riportato nelle NTC 2008 cap. [3] par.
[3.2.3.1] Tabella 3.2.V.

Figura 37: Tabella 3.2.V NTC 2008

Il coefficiente dipende dalla categoria di sottosuolo da valutare in base alla Tabella 3.2.II
al par. [3.2.2].

59

11

ANALISI SISMICA

Figura 38: Tabella 3.2.II NTC 2008

Nel caso in esame essendo in una categoria di suolo tipo A si ottiene:


SS = 1.00
- ST il coefficiente topografico riportato nelle NTC 2008 cap. [3] par. [3.2.3.1] Tabella
3.2.VI.

Figura 39: Tabella 3.2.VI NTC 2008

Il coefficiente dipende dalla categoria topografica da valutare in base alla Tabella 3.2.IV
al par. [3.2.2]

Figura 40: Tabella 3.2.IV NTC 2008

In questo caso, essendo la categoria topografica T1, abbiamo


ST = 1.00
- il coeffiente che altera lo spettro elastico per coefficienti di smorzamento viscosi convenzionali diversi dal 5%, mediante la relazione:
r
10
=
0.55
5+
dove (espresso in percentuale) valutato sulla base di materiali, tipologia strutturale e
terreno di fondazione.
60

11

ANALISI SISMICA

- Tc il periodo corrispondente allinizio del tratto a velocit costante dello spettro, dato da:
TC = TC CC
dove[-] CC un coefficiente in funzione della categoria del sottosuolo, definito secondo le
norme tecniche NTC 2008 cap. [3] par. [3.2.3.2.1] Tabella 3.2.V, nel caso in esame pari a:
CC = 1, 05 (TC )0.2
- TB definito come linizio del tratto ad accelerazione costante dello spettro di risposta, pari
a:
TC
TB =
3
- TD il periodo corrispondente allinizio del tratto a spostamento costante dello spettro,
espresso in secondi mediante la relazione:
TD = 4.0 aG + 1.6
Per quanto riguarda la componente verticale dello spettro elastico:

Figura 41: Formula (3.2.10) NTC 2008

con:

Fv = 1.35 F0

ag
g

0.5

I parametri sono definiti nella seguente tabella:

Figura 42: Tabella 3.2.VII NTC 2008

Si valuteranno in seguito, utilizzando il foglio di calcolo fornito sal consilio superiore del lavori
pubblici, gli spettri di risposta per lSLV e per lo SLD.

11.1.4. Fattore di struttura


Il fattore di struttura viene calcolato in rapporto al fattore di struttura massimo q0 e a KR che
tiene conto della regolarit del ponte.
Il fattore di struttura massimo funzione di k secondo la formula (7.9.1) delle NTC2008 se 0.3<k
<0.6 oppure soalmente in funzione di q0 se k <0.3.
Essendo k =NEd /Ac fck =0, il fattore di struttura viene ricavato secondo la seguente tabella:

61

11

ANALISI SISMICA

Figura 43: Tabella 7.9.I NTC 2008

Avendo nel nostro caso "Spalle rigidamente connesse con limpalcato" e "Strutture che si muovono
col terreno" si ha:
q0 = 1.0
Per quanto riguarda KR un fattore riduttivo che dipende dalle caratteristiche di regolarit del
ponte, in particolare unitario nel caso in cui questo sia regolare altrimenti deve essere calcolato.
Nel caso in oggetto presente solo un elemento duttile, la pila, ne consegue che per forza di cose il
ponte regolare e dunque:
KR = 1
Si ottiene quindi:
q = q0 KR = 1.0 1 = 1.0
Per quanto detto in precedenza si ha che il fattore di struttura assume i seguenti valori nelle due
direzioni:
qx = 1.0
qy = 1.0
Per quanto riguarda lazione sismica verticale occorre considerare un fattore di struttura unitario
(spettro elastico) e dunque:
qz = 1.0

62

11

ANALISI SISMICA

11.1.5. Spettro di risposta di progetto


Dispongo ora di tutte le informazioni per calcolare lo spettro di risposta di progetto. Lo spettro
sar ottenuto utilizzando il file excel fornito dal consilio superiore del lavori pubblici, come spiegato
in precedenza.
Per ogni direzione si calcoler lo spettro allo stato limite di danno (SLD) e lo spettro allo stato
limite di salvaguardia della vita (SLV).
Avendo uguale fattore di struttura nelle due direzioni orizzontali, lo spettro di risposta elastico sar
lo stesso.

Figura 44: Fase 1: individuazione della pericolosit del sito

63

11

Figura 45: Fase 2: Scelta della strategia di progettazione

Figura 46: Fase 3: determinazione dell azione di progetto

64

ANALISI SISMICA

11

Figura 47: Spettri di risposta orizzontali e verticali

65

ANALISI SISMICA

11

ANALISI SISMICA

Figura 48: Parametri e punti dello spettro di risposta orizzontale

Essendo il fattore di struttura pari a 1.0 non ha senso differenziare lo spettro elastico di progetto
tra SLU e SLE.

66

11

ANALISI SISMICA

11.2. Analisi lineare dinamica (modale)


Tale analisi ottenibile attraverso il SAP: un analisi dove la struttura viene sollecitata dal sisma
e si studiano i modi di vibrare principali, distribuendo le forze date dal sisma di un determinato
modo secondo la massa partecipante di tale modo. Sono state fatte solo analisi con spettro allo SLV
poich, avendo un fattore di struttura pari a 1.0 in tutte le direzioni, allo SLD risultano identiche.

11.2.1. Modellazione della struttura


Per modellare lintero edificio agli elementi finiti stato usato il programma SAP2000v14. In
particolare si sono modellate le travi utilizzando elementi Frame e limpalcato tramite elemeti
"Shell".
.

11.2.2. Carichi nellanalisi modale


I carichi verticali da applicare sono quelli della combinazione sismica e sono quelli dati del peso
proprio delle travi HE900B e dellimpalcato, considerando sia i pesi propri portanti che portati. I
carichi appena descritti oltre a genrare forze verticali, rappresentano anche la massa del ponte dalla
quale dipender lintensit della forza sismica.
Inoltre, solo per lazione verticale, bisogna considerare i carichi da traffico e da affollamento.
I carichi orizzontali sono invece quelli dati dal sisma. I carichi dal sisma nel caso dellanalisi
modale vengono estrapolati dallo spettro di risposta. Nel caso dellanalisi modale vanno fatte 3
combinazioni, una in cui si massimizza lazione in x mentre si prende quella in y e in z pari a 0.3,
una in cui si massimizza lazione in y mentre si prende quella in x e in z pari a 0.3 e una in cui si
massimizza lazione in z mentre si prende quella in x e in y pari a 0.3.
Si va a fare linviluppo delle tre combinazioni sismiche pi una quarta in cui vengono applicati
anche i carichi verticali secondo combinazione sismica.

11.2.3. Risultati analisi modale


Il programma restituisce gli spostamenti, i modi di vibrare e le sollecitazioni della struttura.
Andiamo ad analizzare i modi di vibrare di questultima:

Figura 49: Risultati analisi modale con relativi 20 modi

67

11

Andiamo a vedere i primi 6 modi di vibrare:

Modo 1
T = 0.268 sec

Figura 50: Primo modo di vibrare

Modo 2
T = 0.146 sec

Figura 51: Secondo modo di vibrare

68

ANALISI SISMICA

11

Modo 3
T = 0.086 sec

Figura 52: Terzo modo di vibrare

Modo 4
T = 0.069 sec

Figura 53: Quarto modo di vibrare

69

ANALISI SISMICA

11

Modo 5
T = 0.054 sec

Figura 54: Quinto modo di vibrare

Modo 6
T = 0.042 sec

Figura 55: Sesto modo di vibrare

70

ANALISI SISMICA

11

Modo 7
T = 0.038 sec

Figura 56: Settimo modo di vibrare

Modo 8
T = 0.033 sec

Figura 57: Ottavo modo di vibrare

71

ANALISI SISMICA

11

Modo 9
T = 0.027 sec

Figura 58: Nono modo di vibrare

Modo 10
T = 0.027 sec

Figura 59: Decimo modo di vibrare

72

ANALISI SISMICA

11

ANALISI SISMICA

Modo 11
T = 0.026 sec

Figura 60: Undicesimo modo di vibrare

11.2.4. Sollecitazioni e traslazioni agli appoggi


Vengono di seguito riportate le sollecitazioni e gli spostamnti in prossimit dei vincoli esterni.
La nomenclatura segue lo schema riportato di seguito:

Figura 61: Nomenclatura dei vincoli

Come gi detto, sono state studiate le 3 combinazioni sismiche e una quarta con i carichi verticali.
Linviluppo di queste riportato di seguito nell Output Case SISMA_TOT.
Si ricorda inoltre che:

F1, F2 e F3 rappresentano le forze rispettivamente nella direzione longitudinale, trasversale e


verticale;

73

11

ANALISI SISMICA

U1, U2 e U3 rappresentano le traslazioni rispettivamente nella direzione longitudinale,


trasversale e verticale.

Figura 62: Forze sui vincoli

Figura 63: Spostamenti ai vincoli

74

12

CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA

12. CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA


In questo capitolo saranno individuate le principali caratteristiche meccaniche della sezione composta,
in particolare si proceder al calcolo dellasse neutro, fondamentale per la successiva determinazione
del momento resistente plastico e del momento dinerzia. Tali quantit verranno utilizzate nei
successivi capitoli per le verifiche allo stato limite ultimo e allo stato limite di esercizio.
Si riportano in forma tabellare le caratteristiche meccaniche e geometriche della trave in acciaio,
della soletta e dell armatura da noi utilizzate:
TRAVI IN ACCIAIO

Numero travi

[-]

Interasse travi

1.60

[m]

Luce

23.00

[m]

fyk

355

[MPa]

fyd

338.10

[MPa]

Es

210000

[MPa]

Gs

81000

[MPa]

Aa

0.037

[m2 ]

Peso

2.91

[kN/m]

ha

0.90

[m]

ba

0.30

[m]

tf

0.035

[m]

tw

0.0185

[m]

hw

0.830

[m]

0.03

[m]

Jya

0.0049

[m4 ]

Jta

0.000011

[m4 ]

Wpl,y

0.0126

[m3 ]

Mpl,Rd

4253.24

[kNm]

Tabella 21: Caratteristiche trave in acciaio

75

12

CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA

SOLETTA IN CLS
hc

0.30

[m]

Larghezza

8.00

[m]

fck

30.00

[MPa]

fcd

17.00

[MPa]

nbt

6.40

[-]

nlt

17.16

[-]

Tabella 22: Caratteristiche soletta in cls

ARMATURA
fsk

450.00

[MPa]

fsd

391.30

[MPa]

0.04

[m]

0.016

[m]

As

0.00020

[m2 ]

Passo

0.14

[m]

As /passo

0.00144

[m2 /m]

Tabella 23: Caratteristiche armatura

Si riportano ora i coefficienti di sicurezza utilizzati per le verifiche allo SLU e allo SLE:

cls

1.5

armatura

1.15

accaio

m0
m1
m2

1.05
1.10
1.25

Connessioni

1.25

Tabella 24: Coefficcienti di sicurezza

76

12

CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA

12.1. Calcolo momento resistente plastico


La resistenza a flessione di progetto determinata dalla teoria rigido-plastica solo quando la sezione
composta in classe 1 o 2. Come indicato al 5.5.1 (1) dell EC4-2 la classificazione prevista al punto
5.5.2 in EN 1993-1-1: 2005 applicata alle sezioni composte. Essendo quindi il nostro profilo con
acciaio 355 in classe 1 possiamo utilizzare il calcolo plastico per determinare le resistenze agli SLU.
In particolare in 6.2.1.2 (1) dell EC4-2 sono indicate le assunzioni che dovrebbero essere fatte nel
calcolo di Mpl,Rd :

completa interazione tra acciaio strutturale, rinforzi e cls;

larea effettiva di acciaio strutturale soggetta alla sua tensione di snervamento fyd in trazione
e compressione;

i rinforzi soggetti a uno sforzo pari alla tensione di snervamento di progetto fsd ;

e infine il calcestruzzo compresso a uno sforzo costante pari a 0.85fcd

Come punto di partenza bisogna definire unarea efficace. A causa della non uniforme rigidezza
negli elementi il taglio non costante lungo tutta la sezione ma tende a concentrarsi vicino allanima
della trave in acciaio. Le norme forniscono il metodo con il quale calcolare la base efficace.

Figura 64: Definizionedella larghezza efficace

La larghezza efficacie, beff , di una soletta in calcestruzzo pu essere determinata mediante lespessione:

bef f = b0 +
dove:

b0 la distanza tra gli assi dei connettori;

bei =min(Le /8 ; bi -b0 /2);

77

bei

12

CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA

Otteniamo dunque:

bef f =

Le
= 2.875 m > interasse = 1.60 m
8
bef f = 1.60 m

Supponendo che l asse neutro tagli lala della trave otteniamo il seguente schema tensionale:

Figura 65: Distribuzione tensionale per il calcolo plastico

Passiamo alla scrittura delle equazioni di equilibrio alla traslazione e alla rotazione, prendendo
come polo linterfaccia acciaio calcestruzzo:
bef f hc 0.85 fcd + 2 Aac fyd +

As
bef f fsd = Aa fyd
p

dove Aac la parte in acciaio compresso.


Risolvendo lequazione precedente in Aac e dividendo successivamente per la larghezza dellala
otteniamo laltezza della sezione di acciaio compresso.

xpl =

Aac
+ hc = 0.323 m
bf

Possiamo dunque procedere con il calcolo del momento resistente plastico:

Mpl = bef f hc 0.85fcd

hc As
xpl hc
ha
+
bef f fsd (hc c)2Aac fyd
+Aa fyd
= 6868 kN m
2
p
2
2

12.2. Calcolo elastico


Si procede al calcolo delle grandezze meccaniche che saranno utilizzate successivamente per le
verifiche di esercizio. In particolare viene determinato il momento dinerzia della sezione composta
sia a breve termine che a lungo termine, necessario per il calcolo della freccia in condizione di
esercizio.
78

12

CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA

12.2.1. Breve termine

Figura 66: Distribuzione tensionale per il calcolo elastico

Per la determinazione della posizione dellasse neutro imponiamo il momento statico della sezione
uguale a zero, considerando che lasse neutro tagli lala superiore della trave:

Snn =

1
hac
As
ha
hc
+
bef f (hc + hac c) Aa (
hac ) = 0
bef f hc ( + hac ) + 2 Aac
nbt
2
2
p
2

Da questo primo calcolo otteniamo che lasse neuto taglia lanima della trave,quindi la formula
utlizzata per considerare la parte di trave compressa non corretta. Utilizziamo quindi una formula
alternativa per la determizazione dellasse neutro.

xnn =

Snn
=
A

1
nbt

bef f hc
Aa +

hc
As
ha
2 + p bef f c + Aa ( 2
As
1
nbt bef f hc + p bef f

+ hc )

= 0.342 m

Possiamo ora procedere al calcolo del momento dinerzia:

Inn =

1 bef f h3c
hc
ha
As
(
+bef f hc ( +hac )2 )+Ia +Aa ( hac )2 +
bef f (xnn c)2 = 0.01466 m4
nbt
12
2
2
p

12.2.2. Lungo termine


Come in precedenza imponendo il momento statico uguale a zero rispetto ad un n di lungo termine,
n=17.16, che tiene conto degli effetti della viscosit e fluage si ottiene unasse neutro che cade
nellanima della trave in acciaio. In questo caso come nel sistema soprascritto va modificato il
termine Aac: la parte di acciaio compressa composta non pi da un solo rettangolo largo quanto
lala e alto x ma formata dallarea dellala pi una parte dellanima della trave. Quindi utilizzando
il secondo set di equazioni visto nel calcolo a breve termine otteniamo:

xnn =

Snn
=
A

1
nbt

bef f hc
Aa +

hc
As
ha
2 + p bef f c + Aa ( 2
As
1
nbt bef f hc + p bef f

79

+ hc )

= 0.477 m

12

Inn =

CALCOLO CARATTERISTICHE MECCANICHE SEZIONE COMPOSTA

1 bef f h3c
hc
ha
As
(
+bef f hc ( +hac )2 )+Ia +Aa ( hac )2 +
bef f (xnn c)2 = 0.0114 m4
nbt
12
2
2
p

Figura 67: Posizione asse neutro

80

13

VERIFICA DELLA TRAVE

13. VERIFICA DELLA TRAVE


In questo capitolo si procede con le verifiche allo Stato Limite Ultimo e allo Stato Limite di Esercizio
della sezione composta facendo riferimento alle prescrizioni in EN 1994-2: 2006.

13.1. Verifica agli Stati Limite Ultimo


In questa fase verr verificata sia la sezione composta soggetta ai pesi propri permanenti e portati e
ai carichi da traffico, sia la trave daccaio soggetta solamente al peso proprio e al peso della soletta,
cio quando il calcestruzzo gettato ma ancora fresco.
Nel caso in esame si pu considerare il ponte come una struttura sollecitata prevalentemente a
flessione, con schema di semplice appoggio. Ci aspettiamo pertanto che la verifica a flessione sia la
pi limitante tra le verifiche SLU.
Il profilo metallico non sottoposto a rilevanti compressioni, quindi non avr problemi dinstabilit
quando composto con la soletta. Andranno inoltre verificate le interazioni tra taglio e flessione, nel
caso in cui il taglio superi determinati valori.
Particolare attenzione merita la fase di getto del calcestruzzo: le verifiche di resistenza non saranno
problematiche perch il carico agente (dato unicamente dal peso proprio e della soletta) non elevato;
ma le travi di acciaio, molto lunghe e alte, potrebbero essere sensibili allinstabilit laterotorsionale.

13.1.1. Verifiche SLU sezione composta


Come indicato al 6.1.1 (1) la sezione composta dovrebbe essere controllata per:

resistenza a flessione e taglio;

instabilit latero torsionale;

instabilit a taglio;

resistenza a forze longitudinali di taglio;

resistenza a fatica.

La parte riguardante il taglio longitudinale e la fatica verr affrontata nei capitoli successivi.
Flessione
La verifica da soddisfare la seguente:
MEd
1
Mpl,Rd
Il momento resistente plastico stato calcolato nel capitolo precedente, riguardante le caratteristiche
meccaniche della sezione composta, mentre il momento sollecitante ottenuto dalle combinazioni di
carico gia studiate:
MEd
5457.13
=
= 0.79 1
Mpl,Rd
6839.30
La verifica quindi soddisfatta.

81

13

VERIFICA DELLA TRAVE

Taglio
Nelle strutture composte si affida il compito di resistere al taglio sollecitante allanima della
trave di accaio, quindi come indicato al 6.2.2 (2) la resistenza plastica a taglio Vpl,a,Rd dellaccaio
strutturale determinata in accordo con EN 1993-1-1: 2005, 6.2.6:
VEd
1
Vpl,Rd
fyd
Vpl,Rd = Av = 3685kN
3
dove Av rappresenta larea resistente a taglio che per i profili laminati vale:
Av = A 2 b tf + (tw + 2 r) tf = 0.0189 m2
Vediamo di seguito come la verifica risulti soddisfatta:
961
= 0.26 1
3685
Interazione taglio e flessione
Come indicato al punto 6.2.2.4 in EN 1994-2:2005 qualora la forza tagliante sia maggiore della met della resistenza a taglio, si raccomanda di considerare il suo effetto sulla resistenza a
flessione.
Nel nostro caso:
VEd
= 0.26 < 0.50
Vpl,Rd
Possiamo quindi trascurare tale effetto.
Instabilit a taglio
EN 1994-2:2005 al punto 6.2.2.3 ci dice di far riferimento a EN 1993-1-5 per la determizazione della resistenza a instabilit a taglio.
La reistenza allinstabilit locale dovuta a forza di taglio di anime irrigidite e non irrigidite data
da:

FRd =

fyw Lef f tw
M 1

Per prima cosa determiniamo il coefficiente kf che per anime non irrigidite determinabile dalla
figura sottostante:

82

13

VERIFICA DELLA TRAVE

Figura 68: Buckling coefficients

Nel nostro caso le dimensioni della piastra pi piccola degli apparecchi di appoggio circolare e di
raggio 270 mm. A favore di sicurezza si approssima tale piastra con una rettangolare di lato 250
mm, che ha quindi unarea minore. In questa maniera rendiamo la verifica pi gravosa. Utilizzando
quindi tali dimensioni:

kf = 2 + 6 (

ss + c
) = 3.81 < 6
hw

Dalla figura sottostante visibile una schematizzazione della lunghezza ss nei vari casi:

Figura 69: Lunghezza del cuscinetto rigido

Andiamo ora a calcolare leffettiva lunghezza di carico ly attraverso i seguenti passaggi:

m1 =

fyf bf
355 0.30
=
= 16.216
fyw tw
355 0.0185

m2 = 0.02 (

hw 2
0.830 2
) = 0.02 (
) = 11.247
tf
0.035

Il coefficiente m2 cos calcolabile soltanto se f >0.5. Non potendo verificare ancora la disuguaglianza, ipotizziamo sia rispettata. Andremo dopo a verificare la bont di tale ipotesi.

le =

kf E t2w
ss + c
2 fyw hw

le = 0.464 0.250
Quindi le =0.250 m

83

13

ly = min(le + tf

r
f =

ly tw fyw
=
Fcr

s
m1 + m2 ; le + tf

0.9 kf E

le
m1
+ ( )2 + m2 ) = 0.433 m
2
tf

ly tw fyw
t3w
hw

VERIFICA DELLA TRAVE

0.433 0.0185 355


3 = 0.72
0.9 3.81 210000 0.0185
0.830

Poich f >0.5, il coefficiente m2 calcolato precedentemente corretto.


Calcoliamo ora la lunghezza effettiva:

f =

0.5
= 0.694
f

Lef f = f ly = 0.694 0.433 = 0.300 m


Abbiamo ora tutti gli elementi per procedere alla verifica:

FRd =

fyw Lef f tw
355 103 0.300 0.0185
= 1796kN
=
M 1
1.1
VEd
961
=
= 0.54 1
FRd
1796

La verifica quindi soddisfatta.

13.1.2. Verifiche SLU sezione accaio


Come indicato in EN 1994-2: 2005 al punto 6.3.5 la trave in acciaio prima della presa del calcestruzzo
deve essere verificata in accordo con EN 1993-1-1:2005.
Flessione sezione trave in acciaio
Il valore di progetto del momento flettente MEd in corrispondenza di ciascuna sezione trasversale
deve soddisfare la relazione:
MEd
1
Mpl,Rd,a
dove :

Mpl,Rd,a =

Wpl fy
= 4253 kN m
m0

Tale momento resistente valido per sezioni di classe 1 e 2. Procediamo ora al calcolo del momento
sollecitante dovuto al peso proprio della trave e della soletta. Il peso della trave viene aumentato del
20% per tener conto del peso aggiuntivo dovuto ai casseri e ai pioli. Per i pesi propri si riprendono
i valori gia utlizzati nel capitolo riguardante la ripartizione dei carichi trasversali.
qEd = 1.3 (qG1,a 1.2 +

qG1,c largh.soletta
kN
) = 20.66
ntravi
m

dove:
84

13

qG1,a =2.91 kN/m;

qG1,c =7.75 kN/m2 ;

largh.soletta =8 m;

ntravi =5

VERIFICA DELLA TRAVE

Otteniamo dunque un momento sollecitante pari a:

MEd =

qEd l2
= 1366 kN m
8

La verifica risulta dunque soddisfatta:


MEd
= 0.32 1
Mpl,Rd,a
Taglio sezione trave in acciaio
Il valore di progetto della sollecitazione di taglio VEd in corrispondenza di ciascuna sezione trasversale
deve soddisfare la relazione:
VEd
Vpl,Rd,a

dove:
fyd
Vpl,Rd,a = Av = 3685 kN
3
VEd =

qEd l
= 237.58 kN
2

Come per la verifica della sezione composta abbbiamo Av =0.01888 m2


Si pu quindi vedere come la verifica venga ampiamente verificata:
VEd
= 0.06 1
Vpl,Rd,a
Interazione taglio flessione
Come in precedenza si pu trascurare tale interazione in quanto il taglio sollecitante minore della
met del taglio resistente.
Instabilit flesso-torsionale trave in accaio
Per travi in accaio con sezione uniforme in classe 1,2 o 3 il momento reistente di progetto per
linstabilit preso come:
Mb,Rd = LT MRd
dove:

LT il coefficiente di riduzione per linstabilit flesso torsionale;


85

13

VERIFICA DELLA TRAVE

MRd il momento resistente di progetto che per una trave in classe 1 e 2 che pari a Mpl,Rd

In accordo con EN 1993-1-1: 2005, 6.3.2 procediamo ora al calcolo del nostro momento resistente:
r
LT =

Wy fy
=
Mcr

0.01258 355 103


= 1.17
3240

Nel calcolo di Mcr abbiamo considerato una lunghezza libera di inflessione pari a 0.5L, ossia 11.5 m.
Questo perch, per evitare problemi di instabilit flesso-torsionale in fase di getto, stata prevista
una trave di irrigidimento agli estremi dellimpalcato. E necessario che tale trave venga gettata
prima del resto dellimpalcato cos che il vincolo torsionale possa lavorare in maniera corretta.

LT = 0.5 (1 + LT (LT LT,0 ) + 2LT ) = 0.5 (1 + 0.49 (1.17 0.4) + 0.75 1.172 ) = 1.21

LT =

LT

1
p
= 0.42
2
+ LT 2LT

Per considerare la distribuzione del momento tra i vincoli laterali delle membrature il coefficiente di
riduzione LT pu essere modificato come segue:

LT,mod =

LT
0.42
=
= 0.43
f
0.98

dove f dato dalla seguente formula:

f = 1 0.5 (1 kc ) (1 2.0 (LT,0 0.8)2 ) = 1 0.5 (1 0.94) (1 2.0 (0.4 0.8)2 ) = 0.98
Possiamo quindi infine calcolare il momento resistente di progetto per linstabilit e procedere con
la verifica:

Mb,Rd = LT,mod

Wy fy
= 1838 kN m
M 1

1366
MEd
=
= 0.74 1
Mb,Rd
1838

86

13

VERIFICA DELLA TRAVE

13.2. Verifica allo Stati Limite di Esercizio


Per procedere con le verifiche allo Stato Limite di Esercizio ci riferiamo al capitolo 7 in EN 1994-2:
2005. In particolare ci si soffermer sui seguenti aspetti:

verifica tensionale nel calcestruzzo, nelle armature e nella trave di acciaio;

deformabilit;

fessurzione del calcestruzzo;

snellezza dellanima.

Le verifiche di esercizio servono ad evitare che eccessive deformazioni o sollecitazioni limitino lutilizzo,
lestetica e la durabilit dellopera. Nellacciaio queste verifiche governano il dimensionamento degli
elementi, perch molto spesso pi gravose di quelle allo SLU.

13.2.1. Deformabilit
In accordo con EN 1993-2:2006 al 7.8.1 (2) le doformazioni sono calcolate utlizzando la combinazione
delle azioni frequente.
Per la verifica a deformabilit si valuta la freccia massima, che per la nostra trave semplicemente
appoggiata cade in mezzeria e si calcola come:

5 qSLE l4
384 EI

La freccia finale sar data da diversi contributi di carico, ma come si potr vedere successivamente
quasi il 50% della freccia finale sar data dai pesi propri che agiscono sulla sezione di solo accaio.
Procediamo ora con il calcolo delle singole frecce.

freccia relativa ai pesi propri, calcolata considerando come rigidezza quella relativa alla sola
trave di acciaio:
G1 =

freccia relativa ai carichi permanenti portati, considerando la rigidezza della trave composta:
G2 =

5 qSLE,G1 l4
5
15.29 234
=
= 0.054 m
384
EI
384 210000 103 0.0049

5 qSLE,G2 l4
5
7.51 234
=
= 0.012 m
384
EI
384 210000 103 0.0114

freccia relativa ai carichi da traffico(tandem,distribuiti,folla), considerando la rigidezza della


trave composta:
T raf f ico =

5 qT raf f ico l4
5
25.39 234
=
= 0.039 m
384
EI
384 210000 103 0.0114

freccia relativa le deformazioni date dalla variazione della temperatura, da valutarsi con
le rigidezze della trave composta. Le deformazioni date dalla temperatura possono essere
positive o negative, a favore di sicurezza ci si mette nella situazione peggiore:
T emp. =

3.14 234
5 qT emperatura l4
5
=
= 0.005 m
384
EI
384 210000 103 0.0114
87

13

VERIFICA DELLA TRAVE

freccia relativa al ritiro della soletta in calcestruzzo,il quale come gia spiegato nei capitoli
precedenti genera una sollecitazione flettente nell impalcato. In questo caso consideriamo la
rigidezza della trave composta a breve termine:
Ritiro =

5 qRitiro l4
5
5.56 234
=
= 0.007 m
384
EI
384 210000 103 0.0147

La freccia finale sar dunque pari a:

tot = G1 + G2 + T raf f ico + T emp. + Ritiro = 0.115 m


Tale freccia abbastanza elevata quindi operativamente viene prescritta una controfreccia delle
travi di acciaio di 0.08 m.Cos facendo le travi arrivano in cantiere dotate di una certa curvatura
verso lalto e, una volta posate e gettata la soletta, la freccia rispetto allorizzontale sar minore:
tot = G1 + G2 + T raf f ico + T emp. + Ritiro controf r. = 0.035 m
La normativa non impone un limite alla freccia ma possiamo comunque vedere come utlizzando
una controfreccia essa rispetta sia il limite L/250 sia L/500:
L
= 0.092 m
250
L
= 0.046 m
500

13.2.2. Fessurazione
Essendo il nostro punte di tipo isostatico presenta una soletta in calcestruzzo sempre compressa.
Questo stato dimostrato anche nel capitolo riguardante le proprieta meccaniche del sezione
composta, dove si visto che lasse neutro passa sempre per lanima della trave nel calcolo elastico,
e nellala nel calcolo plastico.
EN 1994-2:2005 al capitolo 7.4.1 (2) definisce comunque una soluzione per limitare lampiezza delle
fessure attraverso luso di una armatura minima di rinforzo:

Al,min = ks kc k fctef f

Act
s

fct,eff =fctm =2.9 MPa il valore della resistenza a trazione media del calcestruzzo al momento
in cui avviene la prima fessurazione;

k=0.8 un coefficiente che tiene conto leffetto delle tensioni non uniformi auto-equilibrate;

ks =0.9 un coefficiente che tiene conto della riduzione di sforzo normale della soletta dovuto
alla fessurazione iniziale e allo scorrimento locale della connessione a taglio.

kc il coefficiente che tiene conto della distribuzione delle tensioni allinterno della sezione
immediatamente prima della fessurazione:
kc =

1
+ 0.3 =
hc
1+
1 + 2z
0

dove:
88

1
0.3
2(0.3420.15)

+ 0.3 = 0.56 1

13

VERIFICA DELLA TRAVE

z0 la distanza tra baricentro della soletta non fessurata e baricentro della sezione
composta non fessurata calcolato con coefficiente di omogeneizzazione n0 per carico
di breve durata.Come abbiamo calcolato prima, in condizioni di breve termine si ha
xSLE =0.342 m;
hc lo spessore della soletta.

Act larea della zona tesa. Per semplicit si pu assumere pari allarea di calcestruzzo
contenuta allinterno dellarea efficace.

s =fsk la tensione massima ammessa nell armatura dopo la formazione della fessurazione
che pu essere assunta pari alla tensione di snervamento.

Quindi possiamo trovare infine larmatura minima di rinforzo:

Al,min = ks kc k fctef f

Act
= 0.00125 m2
s

Tale richiesta soddisfatta avendo scelto di utlizzare una armatura longitudinale al lembo superiore
della soletta 16 con passo 14 cm e dei 16 con passo 5 cm al lembo inferiore.

13.2.3. Tensione
EN 1994-2: 2005 al 7.2.2, riguardo le limitazioni tensionali nei ponti, prescrive:

limitazioni alle tensioni nel calcestruzzo al valore ki fck in accordo con EN 1991-1-1: 2002,7.2;

sotto la combinazioni di carico caratteristica le tensioni nellacciaio di rinforzo devono essere


limitate al valore ki fsk .

le tensioni nellacciaio strutturale devono essere in accordo con EN 1993-2, 7.3.

Tensioni nel calcestruzzo, combinazione rara


MEd = 3987 kN m

c =

M xel,lt
= 9.76 M P a
Inn,lt nlt

La verifica consiste in:


c = 9.76 M P a 0.6 fck = 16.19 M P a
La verifica quindi soddisfatta.
Tensioni nel calcestruzzo, quasi permanente
MEd = 1507 kN m

c =

M xel,lt
= 3.71 M P a
Inn,lt nlt

La verifica consiste in:


89

13

VERIFICA DELLA TRAVE

c = 3.71 M P a 0.45 fck = 13.5 M P a


La verifica quindi soddisfatta.
Tensioni nellarmatura
Come detto in precedenza lEurocodice prescrive di fare la verifica sullarmatura per la combinazione
caratteristica(rara).
MEd = 3987 kN m

s =

M (xel,lt c)
= 153.47 M P a
Inn,lt

La verifica consiste in:


s = 153.47 M P a 0.8 fsk = 360 M P a
La verifica quindi soddisfatta.
Tensioni normali nella trave di accaio
Anche nel caso delle verifiche agli SLE della trave in acciaio lEurocodice 4 parte 2 rimanda
allEurocodice corrispondente, in questo caso lEurocodice 3 parte 2 costruzione di ponti in acciaio.
Per la trave di acciaio sono sufficienti le verifiche secondo la combinazione rara, ma oltre a verificare
lo sforzo assiale, va verificato il taglio e una combinazione delle due sollecitazioni.
MEd = 3987 kN m

s =

M (htot xel,lt )
= 254.11 M P a
Inn,lt

La verifica consiste in:

s = 254.11 M P a

fsk
m,SLE

355
= 355 M P a
1

Verifica soddisfatta.
Tensioni taglianti nella trave di accaio
Come prescrive lEurocodice 3 parte 2 vanno verificate nei ponti anche le sollecitazioni taglianti. La
verifica da fare la seguente:
La verifica la seguente:

Ed,SLE

fyk
3SLE

Calcoliamo le sollecitazioni agenti:

Ed,SLE =

TEd,SLE
502.55
=
103 = 37.22 M P a
At
0.019
90

13

Ed,SLE = 27.93 M P a

VERIFICA DELLA TRAVE

fyk
355
=
= 204.96 M P a
3SLE
31

Verifica soddisfatta.
Taglio e sforzo normale
Analogamente viene richiesta una verifica di interazione taglio-sforzo normale, per verificare che
anche le tensioni principali non abbiano valori troppo elevati:
q

2
2
Ed,SLE
+ 3 Ed,SLE
= 262.15 M P a

fyk
= 355 M P a
m,SLE

Snellezza dellanima
la snellezza delle anime di travi in acciaio deve essere limitata al fine di evitare problemi di fatica
nellanima o nel collegamento anima-flangia.
Tale verifica pu essere trascurata qualora lanima sia senza irrigiditori longitudinali e venga
soddisfatta la seguente disuguaglianza per ponti stradali:
b
< 30 + 4 l < 300
t
45 < 122 < 300
Possiamo quindi trascurare questa verifica poich irrilevante.

91

14

PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

14. PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

Il sistema di connessione tra calcestruzzo ed acciaio riveste un ruolo di fondamentale importanza


perch deve garantire che gli spostamenti tra la sezione di calcestruzzo e quella di acciaio siano
piccoli in modo da rendere collaboranti i due elementi. I requisiti dei connettori devono garantire:

Rigidezza: connettori rigidi annullano lo scorrimento tra calcestruzzo ed acciaio. Nel caso
di connessione poco rigida si in presenza di una ridistribuzione della sollecitazione per la
presenza di scorrimento tra soletta e profilo dacciaio;

Resistenza: se i connettori hanno una resistenza a taglio tale che la sezione arrivi a rottura
per superamento del momento ultimo si parla di connettori a totale ripristino di resistenza,
altrimenti connettori a parziale ripristino di resistenza;

Duttilit: la duttilit dei connettori corrisponde alla loro capacit di avere deformazioni
plastiche senza per raggiungere la rottura. Connessioni duttili permettono una pi uniforme
ridistribuzione della sollecitazione tra i connettori.

14.1. Resistenza
Si deciso di adottare unanalisi plastica della sezione e nel caso in esame sono stati adottatii pioli
Nelson di tipo 37-3K DIN 17100 che presentano le seguenti caratteristiche meccaniche:

fy = 355M P a;

fu = 450M P a;

Es = 210000M P a;

h=150 mm;

= 22 mm;

Si calcola di seguito la resistenza dei connettori seguendo le indicazioni riportate dalla normativa al
4.3.4.3.1.2

PRd = min

0.8 450
= min
1.25


PRd

2

0.8fu d4 0.29d2 fck Ecm
;
v
v
222
4


0.29 1 222 30 32836.57
;
1.25

92

14

PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

PRd = min{109478.2; 111448}N = 109478.2 N


Con :



0.2 h + 1
d

se

h
d

se

h
d

>4

(1)

h
= 7, 4 > 4
d

14.2. Disposizione connettori


Per quanto riguarda le limitazioni imposte dalla normativa sulla geometria del piolo (gambo,
testa, diametri) e sulle limitazioni sulla duttilit (capacit deformativa > 6mm) sono da ritenersi
soddisfatte in qunato sono stati utilizzati connettori da catalogo.
Invece, per ci che riguarda le spaziature dei pioli, si seguono le prescrizioni riportate dalla normativa
che vengono riportate di seguito.
Passo minimo:
pmin = 0.01 5 = 0.01 5 22 = 0.11 m
Distanza trasversale:
st,min = 0.01 2.5 = 0.01 2.5 22 = 0.055 mm
Si deciso di posizionare due file di connettori come riportato in figura

Figura 70: Dettaglio connessione

93

14

PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

st,max = 0.8 m
La distanza dal bordo della trave :

dmin = 0.2 m
Si deciso di scegliere:

sEd = 0.2 m

dEd = 0.05 m

14.3. Calcolo plastico del taglio longitudinale


La sezione del profilo classificata in classe 1 in flessione e per questo motivo ci consentito applicare
il calcolo plastico alla connessione. Si deciso di creare una connessione a completo ripristino di
resistenza per lottimizzazione dei materiali. Per il calcolo della forza agente sul connettore si
considerata una distribuzione costante di tensione, come riportato in figura. Rispettivamente, per
il calcestruzzo, si assume una distrubuzione stress-block mentre, per lacciaio una tensione pari a
quella di snervamento fyd .

Figura 71: Distribuzione tensione

Quindi numericamente otteniamo;


Vl = min{As fyd ; 0.85Ac fcd }

Vl = min{As fyd ; 0.85Ac fcd }

Vl = min{37130 308.70; 0.85 30 1600 17} = min{11461870; 6936000} N = 6936000 N


La connessione in grado di trasmettere una sollecitazione pari al momento plastico della trave
composta. Dividendo la forza appena calcolata con la resistenza del singolo connettore si ottiene il
numero di connettori da posizionare:

94

14

PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

nconn =

Vl
6936000
=
= 65
PRd
109478.2

Si decisodi disporre due file di connetorri, di conseguenza il numero totale di risulta pari a:
nconn,tot = 2 65 = 130
Ipotizzando una spaziatura uniforme ora possibile determinare il passo medio:
pmed =

L
2

pmed

11.5
= 160mm
69

Tale passo accettabile in quanto superiore a 110 mm.

14.3.1. Verifica a taglio longitudinale

Figura 72: Meccanismo tirante-puntone

Una volta che stata definita la connessione necessario effettuare la verifica al taglio longitudinale
nella soletta. Come mostrato in figura i pioli trasmettono le sollecitazioni dalla trave alla soletta
attraverso un meccanismo tirante-puntone. Le sollecitazioni dei puntoni di calcestruzzo e dei tiranti
daccaio non devono essere superiori alle relative resistenze.
Il meccanismo e le relative formule di verifica sono rappresentate nel dettaglio nella figura seguente:

Figura 73: Meccanismo tirante-puntone

95

14

PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

14.3.2. Lato calcestruzzo


La formula di verifica del puntone di calcestruzzo la seguente:

vEd < fcd sen cos = vRd,c


Con:

Ed
vEd = ATrott
dove Arott la superficie di rottura da analizzare. Secondo leurocodice tali aree
sono due;

fck
250 )

= 0.6(1

30
250 )

= 0.6(1

langolo formato tra puntone e tirante, nel presente esempio assunto pari a 45 ;

= 0.528;

Quindi:
vRd,c = 0.528 17 sen45 cos45 = 4.01 M P a

14.3.3. Lato acciaio


La formula di verifica del tirante di acciaio la seguente:

vEd =

cot
As,f
fyd
= vRd,s
st
hf

Con:

Ed
vEd = ATrott
dove Arott la superficie di rottura da analizzare, secondo leurocodice tali aree
sono due;

As,f larmatura trasversale, dipende da quale superficie di rottura si sta consderando;

st il passo dellarmatura longitudinale;

fyd , sono la tensione di snervamento dellarmatura e langolo tra puntone e tirante =45 ;

hf il perimetro della superficie di rottura, che dipende da quale superficie si sta considerando;

La soletta composta allintradosso da:


As
716
mm2
=
= 1407, 43
st
m
m
Ed allestradosso:
A0s
1616
mm2
=
= 32173
st
m
m

96

14

PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

14.4. Verifiche a rottura


Per il trasferimento delle azioni dalla connessione alla soletta si vengono a formare delle potenziali
superfici di scorrimento e di rottura allinterno della soletta stessa. Per questo motivo le Norme al
4.3.4.3.5 richiedono il calcolo di un armatura aggiuntiva tenendo conto delle eventuali superfici di
rottura presentate nella seguente figura:

Figura 74: Meccanismi di rottura

In particolare, nel caso in esame, verranno analizzati meccanisci a-a e b-b.

14.4.1. Rottura a-a


vEd =

218956.4
TEd
TEd
=
= 0.36M P a
=
Arott
2hc 1m
600000

vRd,c = 0.528 17 sen45 cos45 = 4.01M P a

vRd,s =

As + A0s
cot45
cot
1407.43 + 3217
450
= 1.47M P a
fyd
=
st
2hc
1000
2 300

Rapportando le tensioni sollecitanti a quelle resistenti otteniamo:


vEd
= 0.09
vRd,c
vEd
= 0.25
vRd,s
Le verifiche risultano soddisfatte.

97

14

PROGETTO E VERIFICA DELLA CONNESSIONE

14.4.2. Rottura b-b


vEd =

TEd
TEd
218956.4
=
=
= 0.53M P a
Arott
st + 2hc 1m
3400000

vRd,c = 0.528 17 sen45 cos45 = 4.01M P a

vRd,s =

2As
cot
2 3217
cot45
fyd
=
450
= 0.36M P a
st
2hhsc + st
1000
2 175 + 1000

Rapportando le tensioni sollecitanti a quelle resistenti otteniamo:


vEd
= 0.02
vRd,c
vEd
= 0.18
vRd,s
Le verifiche risultano soddisfatte.

98

15

VERIFICA A FATICA

15. VERIFICA A FATICA


Il danneggiamento per fatica sorge nel momento in cui una struttura soggetta a ripetuti carichi di
natura ciclica.
Studi svolti hanno evidenziato che lapplicazione di un singolo carico, lontano dalla soglia di
resistenza del materiale, non produce alcun danno alla struttura ma se lo stesso venisse applicato
diverse volte questo potrebbe indurre ad un danneggiamento della struttura, fino al raggiungimento
del collasso di quest ultima.
L applicazione di carichi ripetuti pu dar luogo all inizio, nel materiale, di un meccanismo di fatica.
Il fenomeno, generalmente, si sviluppa per fasi: allinizio c la formazione di una microfrattura del
materiale seguita da una fase di crescita della stessa frattura fino al raggiungimento, apparentemente
senza nessun preavviso, della rottura che quindi sempre di natura fragile. La prima fase
essenzialmente un fenomeno superficiale del materiale, mentre la seconda fase un fenomeno legato
alla resistenza del materiale. Conseguenza di ci che i fattori che influenzano la fatica, nelle sue
diverse fasi, sono differenti.

15.1. Approccio normativo


La normativa tecnica al 4.2.2.1 prescrive in quali casi sono necessarie le verifiche per lo stato limite
di fatica verificando la variazioni di tensione provocate dai carichi ripetuti in relazionalndoli alle
caratteristiche dei dettagli costruttivi. La normativa impone che per struttture soggette a carichi
ciclici deve essere rispettata la seguente uguaglianza:
d

R
M f

Con:

d l escursione di tensione prodotta dalle azioni cicliche di progetto che inducono fenomeni
di fatica con coefficienti parziali f = 1;

R la resistenza a fatica per la relativa categoria di dettaglio costruttivo desumibile dalle


curve S-N di resistenza a fatica, per il numero totale di cicli di sollecitazione N applicati
durante la vita di progetto richiesta;

M f il coefficiente parziale definito dalle tabelle 4.2 IX.

15.1.1. Coefficiente parziale di sicurezza


Il coefficiente parziale M f dipende dalla sensibilit della struttura alla crisi per fatica. La normativa
classifica le strutture in poco sensibili e sensibile, prescrive, inoltre, che una struttura possa essere
classificata come poco sensibile se in presenza di lesioni per fatica si verificano:

Dettagli costruttivi, materiali impiegati e livelli di tensione garantiscono una bassa velocit di
propagazione e significativa lunghezza critica delle lesioni;

I dettagli sono facilmente ispezionabili e riparabili;

Esiste un programma dispezione e manutenzione, esteso a tutta la vita dellopera.

In mancanza di queste condizioni la struttura si considera sensibile alla fatica. Il coefficiente parziale
M f viene riportato nella tabella seguente.

Figura 75: Meccanismi di rottura

99

15

VERIFICA A FATICA

15.1.2. Curva S-N


Le curve S-N sono funzione della classe del dettaglio considerato e riportano su un piano bilogaritmico log ()log (N) la resistenza del dettaglio considerato in funzione del numero di cicli
a rottura N. L equazione della curva viene indicata di seguito:

= C


= D

2 106 m
N
1

2 106 m+2
N

perN 5 106

per5 106 N N 108

= L perN > 108


Dove

m=3;

D = 0.737 ;

L = 0.549 ;

C la classe di reistenza del singolo dettaglio e ne rappresenta la resistenza a fatica.

Le curve S-N sono riportate di seguito:

Figura 76: Curve S-N

100

15

VERIFICA A FATICA

15.1.3. Spettri di carico


Per stabilire la ciclicit dei carichi si fa ricordo agli spettri di carico. La normativa non da indicazioni
precise nella valutazione dello spettro di carico pi adeguato per la verifica, ma lascia libert di
scelta al progettista. Per il caso in esame sono stati adottati gli spettri riportati nel 5.1.4.3 della
NTC08 ipotizzando che lopera sia soggetta a programmate operazioni di ispezione e manutenzione.

15.2. Verifica a danneggiameto


La verifica a danneggiamento, secondo le prescrizioni riportate dalla normativa, risulta soddisfatta
se lo spettro di carico produce un danneggiamento minore dellunit nellelemento considerato. Il
danneggiamento si pu quantificare mediante la relazione di Palmgre-Milner:

D=

n
X
ni
1
N
i
i

Dove:

n=3;

ni il numero di cicli di ampiezza i,d indotti dallo spettro di carico delle verifiche a
danneggiamento;

Ni il numero di cicli a rottura di ampiezza i,d ricavato dalla curva S-N caratteristica del
dettaglio.

Il modello di carico utilizzato per valutare lescursione massima di tensione viene riportato in figura.
Lo spettro costituito da un veicolo simmetrico a 4 asse di 120 kN ciascuno.

Figura 77: Modello di carico a fatica n. 3

Il numero di cicli di carico ni viene riportato nella tabella seguente:

Figura 78: Flusso annuo di veicoli pesanti sulla corsia lenta

Si scelto che il ponte ricada nella categoria 2 quindi ni = 0.5 106 .


101

15

VERIFICA A FATICA

15.2.1. Modellazione SAP2000


Per ricavare la variazione di tensione indotto dallo spettro da noi considerato, si inseriscono i carichi
del modello semplificato di fatica n. 3 in SAP2000 studiando la differenza di momento agente sulla
trave 1 tra una situazione in cui sono presenti solo i carichi G1 e G2 e il caso in cui siano presenti i
carichi tandem del sopracitato modello applicati al centro della corsia lenta (corsia convenzionale 1)
senza ulteriori carichi dovuti al traffico. Si calcola la differenza di tensione sulla base dei valori di
momento flettente e sforzo assiale ottenuti dalla modellazione SAP. Dalla modellazione in SAP2000
si ottengono i valori di momento e sforzo assiale:

M = 184.7 kN m
N = 534.6 kN

15.3. Verifica elementi


Ipotizzando che la conseguente rottura per fatica provochi danni significativi si assume, cosi come
concesso dalle norme, il coefficiente di sicurezza M f = 1.15.Come detto in precedenza il flusso
annuo di veicoli pesanti ni = 0.5 106 e considerando una vita utile di vn =50 anni il numero di cicli
di ampiezza id previsto per lintera durata di vita della costruzione pari a:
n = 0.5 106 50 = 2.5 107 cicli
I dettagli oggetto di verifica sono:

profilo laminato della trave;

saldatura del piolo di connessione.

15.3.1. Profilo trave


Il profilo catalogato secondo la classe di dettaglio di appertenenza riportato dalle tabelle C.4.2.XIV
della normativa. Tale tabella indica la resistenza a fatica di riferimento per il dettaglio considerato
C espresso in MPa.

Figura 79: Flusso annuo di veicoli pesanti sulla corsia lenta

Quindi C = 180 M P a.
La resistenza di progetto pari a:

cd =

C
= 118.52 M P a
M f

Ora possibile calcolare:


102

15

VERIFICA A FATICA

D = 0.737 C = 87.35 M P a

L = 0.549 C = 65.07 M P a
Dalla modellazione in SAP2000 si ottengono i valori di momento e sforzo assiale:

M = 184.7 kN m
N = 534.6 kN
La variazione di tensione si ottiene dalla formula di Navier:

M
N
+
W
A

Con W ed A rispettivamente modulo resistente plastico e area della trave:


W = 1658000 mm3

A = 37130 mm2
Quindi sostituendo nella formula principale otteniamo:

184.7 106
534.6 103
+
= 57.26 M P a
1658000
37130

Ora utilizzando le curve S-M ed invertendo la formula riportata precedentemente facile calcolare
il numero di cicli a rottura:

Ni =

m

2 106 = 4.37 107 cicli

Noti sia ni che Ni immediato calcolare il danneggiamento:

D=

ni
2.5 107
=
= 0.57 < 1
Ni
4.37 107

La verifica risulta soddisfatta.

103

15

VERIFICA A FATICA

15.3.2. Saldatura piolo


Il profilo catalogato secondo la classe di dettaglio di appertenenza riportato dalle tabelle C.4.2.XIV
della normativa. Tale tabella indica la resistenza a fatica di riferimento per il dettaglio considerato
C espresso in MPa.

Figura 80: Flusso annuo di veicoli pesanti sulla corsia lenta

Quindi C = 80M P a.
La resistenza di progetto pari a:

cd =

C
= 59.26 M P a
M f

Ora possibile calcolare:


D = 0.737 C = 43.67 M P a

L = 0.549 C = 32.53 M P a
Dalla modellazione in SAP2000 si ottiene il valore del taglio:
T = 48.9 kN
La variazione di tensione si ottiene dalla formula di Jourawsky:
T Sx
bef f Ix

Con Sx ed Ix rispettivamente momento statico della soletta rispetto al baricentro e momento


dinerzia della sezione composta:
Sx = 2.76 107 mm3

Ix = 2.08 109 mm4


Ricordiamo che il valore di bef f di 1600mm.
Noto lo sforzo tangenziale si ricava lzione tensionale relativa al singolo nodo:

hs z
Ap

Con hs altezza della soletta, z passo dei pioli in prossimit della trave e Ap area di due pioli.
Numericamente abbiamo:
104

15

VERIFICA A FATICA

hs = 300 mm

z = 160 mm

Ap = 760.27 mm2
Quindi sostituendo nella formula principale otteniamo:

300 160
= 28.56 M P a
760.27

Ora utilizzando Le curve S-M ed invertendo la formula riportata precedentemente facile calcolare
il numero di cicli a rottura:

Ni =

m

2 106 = 4.4 107 cicli

Noti sia ni che Ni immediato calcolare il danneggiamento:

D=

ni
2.5 107
= 0.56 < 1
=
Ni
4.4cdot107

La verifica risulta soddisfatta.

105

16

APPARECCHI DAPPOGGIO

16. APPARECCHI DAPPOGGIO


Per il dimensionamento si fa riferimento ai cataloghi dellazienda Fip industriale. In particolare
si utilizzano gli appoggi Vasoflon, apparecchi strutturali a disco elastomerico confinato. Oltre ai
carichi verticali di compressione essi sono in grado di trasferire forze e/o consentire scorrimenti
in una o pi direzioni del piano orizzontale in base alle diverse tipologie. Questo risulta essere lo
schema isostatico scelto per i nostri apparecchi dappoggio:

Figura 81: Configurazione sistemi dappoggio

Il dimensionamento viene effettuato semplicemente entrando nei cataloghi con la massima azione
verticale e la massima azione orizzontale (se presente) e inoltre verificando che gli spostamenti siano
compatibili con quelli indicati dal produttore.
Di seguito sono riportate le descrizioni dei diversi elementi di appoggio e le tabelle con le
caratteristiche geometriche e di resistenza, come si pu trovare sul sito della Fip Industriale.
VINCOLO FISSO

Figura 82: Appoggio Vasoflon fisso

106

16

APPARECCHI DAPPOGGIO

Questo appoggio costituito da:

un elemento inferiore(basamento) in acciaio in cui ricavata una sede cilindrica per lalloggio
del disco di gomma(cuscinetto elastomerico);

un disco di gomma alloggiato allinterno del basamento;

un elemento superiore (pistone) che si innesta nella sede dellelemento inferiore.

VINCOLO UNIDIREZIONALE

Figura 83: Appoggio Vasoflon unidirezionale

Questo appoggio costituito da:

un elemento inferiore(basamento) in acciaio in cui ricavata una sede cilindrica per lalloggio
del disco di gomma(cuscinetto elastomerico);

un disco di gomma alloggiato allinterno del basamento;

un elemento intermedio circolare in acciaio che si inserisce in una sede circolare ricavata
nellelemento inferiore. La superficie superiore viene lavorata per lalloggiamento del PTFE
alveolato ed incassato, mentre centralmente vi una nervatura (guida) atta ad assorbire gli
sforzi perpendicolari alla stessa e definire il senso di scorrimento.
Lateralmente alla guida sono incollate ed avvitate in testa due strisce di materiale antifrizione
tipo CM1, atte a produrre basso attrito allo scorrere nella scanalatura ricavata nellelemento
superiore e rivestita di acciaio inox;

un elemento superiore di scorrimento, inferiormente ricoperto con una coppia di lamiere in


acciaio inox che coprono anche i lati della scanalatura centrale necessaria per lalloggiamento
della guida.

107

16

APPARECCHI DAPPOGGIO

VINCOLO MULTIDIREZIONALE

Figura 84: Appoggio Vasoflon multidirezionale

Questo appoggio costituito da:

un elemento inferiore(basamento) in acciaio in cui ricavata una sede cilindrica per lalloggio
del disco di gomma(cuscinetto elastomerico);

un disco di gomma alloggiato allinterno del basamento;

un elemento intermedio circolare in acciaio, che si inserisce in una sede circolare ricavata
nellelemento inferiore. La superficie superiore viene lavorata per lalloggiamento del PTFE
alveolato ed incassato;

un elemento superiore di scorrimento, inferiormente ricoperto con una lamiera in acciaio inox.

Nelle prossime pagine verrano presentate sottoforma tabulare le diverse tipologie di elemento in
funzione delle capacit portanti. Lutilizzo di queste tabelle risultar fondamentale una volta fatte
le debite verifiche resistenziali al fine di scegliere lelemento pi adatto alle nostre esigenze.

108

16

VINCOLO FISSO

109

APPARECCHI DAPPOGGIO

16

VINCOLO UNIDIREZIONALE LONGITUDINALE

110

APPARECCHI DAPPOGGIO

16

VINCOLO UNIDIREZIONALE TRASVERSALE

111

APPARECCHI DAPPOGGIO

16

VINCOLO MULTIDIREZIONALE

112

APPARECCHI DAPPOGGIO

16

APPARECCHI DAPPOGGIO

16.1. Verifiche di resistenza


Per quanto riguarda la valutazione delle verifiche di resistenza si dovranno andare a prendere in
considerazione le azioni agenti sullimpalcato ottenute tramite le differenti combinazioni di carico.
Si considera il carico verticale massimo che grava sugli appoggi prendendo il taglio massimo agente
sulla trave pi esterna in combinazione SLU azione di carico 1, il quale viene trasmesso come carico
di compressione allapparecchio.
NSLU = 961.41 kN
Come azione orizzontale in senso longitudinale si considera la forza dovuta a frenamento e accelerazione, la quale verr ripartita tra i cinque appoggi della spalla sinistra. Come valore di forza
assiale longitudinale del ponte verr valutata come la massima tra la combinazione SLU azione di
carico 2a e quella da sisma. Il fatto che la forza venga scaricata sui questi appoggi dovuta alla
configurazione scelta per mantere lisostaticit del ponte.
VSLU = max(

455.86
; 603.28) = 603.28 kN
5

Come azione orizzontale in senso trasversale si considera la forza dovuta al vento che agisce sul lato
dellimpalcato.
Essa stata calcolata in precedenza e vale:
qv = 3.12 kN/m
Essa distribuita lungo tutta la lunghezza e si considera che lapparecchio pi sollecitato sia
lappoggio unidirezionale longitudinale sulla spalla destra su cui agisce tutta lazione del vento
orizzontale della met destra del ponte.
Vv,SLU =

q q v l
23
= 1, 5 3.12
= 53.82 kN
2
2

Questa forza a seconda dello studio della spalla di sinistra o di destra risulter scaricarsi solamente
sul terzo appoggio che quindi a livello di carico trasversale risulteranno essere quelli maggiormente
sollecitati.
Sulla base di queste azioni si decide di utilizzare i seguenti apparecchi.

VF 70070 Quantit: 1, da posizionare nella spalla sinistra


Nrd(verticale) = 7000 kN
Vrd(orizzontale) = 700 kN

VU 100/100-10 Quantit: 1, da posizionare nella spalla destra


Nrd(verticale) = 1000 kN
Vrd(orizzontale) = 100 kN

VU* 700-70/50 Quantit: 4, da posizionare nella spalla sinistra


Nrd(verticale) = 7000 kN
Vrd(orizzontale) = 700 kN

VM 100/100/50 Quantit: 4, da posizionare nella spalla destra


Nrd(verticale) = 1000 kN

113

16

APPARECCHI DAPPOGGIO

16.2. Verifiche spostamenti


Per quanto riguarda la verifiche agli spostamenti la norma UNI EN 1337 (citata nel catalogo relativo
ai dispositivi Valson) ci fornisce i limiti accettabili per la nostra tipologia di meccanismi dappoggio.
Gli scorrimenti ammessi dai dispositivi sono quindi i seguenti:

Dispositivo uni longitudinale VU:

llong = 100 mm(50 mm)

Dispositivo uni trasversale VU*:

ltrasv = 50 mm(25 mm)

Dispositivo multi VM:

llong = 100 mm(50 mm) ltrasv = 50 mm(25 mm)

Andremo quindi a valutare gli scorrimenti secondo le due direzioni principali. Per quanto riguarda i
scorrimenti si andranno ad analizzare anche gli spostamenti dovuti a effetto termico uniforme, e il
ritiro.

SCORRIMENTI LONGITUDINALI
La lunghezza che si considera per il calcolo dellallungamento lintera luce dellimpalcato
pari a 23 metri. Gli scorrimenti di seguito calcolati agiscono in maniera equivalente sugli
apparecchi dappoggio della spalla destra, la quale lascia libero il grado di libert longitudinale
a differenza della spalla sinistra.
Per quanto riguarda leffetto dovuto al momento flettente che comporta uno spostamento del
carrello a causa delleffetto flessionale, tale valore stato analizzato tramite il modello SAP
tridimensionale ottenendo il seguente valore massimo:
l1 = 10.20 mm

Effetto termico uniforme


T = 25 C
= 1.2 105 C 1
l2 = T l = 6.9mm

Effetto del ritiro


l =

N
l
(EA)sez

con

3065
= 1973.24 N
5
sforzo assiale longitudinale dovuto al ritiro analizzato precedentemente e diviso per il numero
di travi. Arriviamo quindi ad ottenere un valore:
N=

l3 = 0.89 mm
La somma totale degli scorrimenti longitudinali agenti sui vincoli dappoggio risulta
l = 6.9 + 0.89 + 10.20 = 17.99 mm
Tale valore inferiore ai limiti massimi di scorrimento longitudinali possibili per i vincoli mobili e
unidirezionali i quali valevano
l,max = 100 mm

114

16

APPARECCHI DAPPOGGIO

SCORRIMENTO TRASVERSALE
In entrambe le spalle lo spostamento trasversale bloccato dallapparecchio dappoggio
centrale. La lunghezza sulla quale si calcola lallungamento dovuto a effetti termici e ritiro
considerato come linterasse tra appoggio centrale e i due appoggi per ogni direzione interessati
da scorrimento.

l1 = 1600 mm
l2 = 3200 mm

Effetto termico uniforme

T = 25 C
= 105 C 1
l1 = T l1 = 0.52 mm
l2 = T l2 = 1.05 mm
La somma totale degli scorrimenti longitudinali agenti sui vincoli dappoggio risulta
l = 0.52 + 1.05 = 1.57 mm
Tale valore inferiore ai limiti massimi di scorrimento longitudinali possibili per i vincoli mobili e
unidirezionali i quali valevano lmax = 50 mm 25 mm

16.3. Verifica rotazioni


Analogamente a quanto fatto per i limiti agli spostamenti la norma UNI EN 1337 definisce dei
limiti rotazionali degli appoggi. La valutazione di tali rotazioni massime consentite viene distinta a
seconda dellutilizzo di carichi permanenti o variabili:

Rotazione massima dovuta ad azioni permanenti allo SLU :

perm = 0.005rad

Rotazione massima dovuta ad azioni variabili allo SLU :

var = 0.005rad

Rotazione massima totale, somma delle precedenti :

tot = 0.010rad

115

16

APPARECCHI DAPPOGGIO

Azioni permanenti
Per il calcolo della rotazione allappoggio ci si affida al modello SAP tridimensionale utilizzato
per i calcoli allo SLU. Infatti attraverso il modello e le relative combinazioni di carico
possibile selezionare solo lazione dei carichi permanenti al fine di valutare la rotazione
massima allappoggio per questa prima verifica. Tale valore risulta essere pari a :
perm = 0.0035 rad

Azioni variabili
Si considera lazione del traffico e in pi lazione della temperatura a gradiente. Tali valori
sono stati calcolati come per il caso precedente attraverso il modello SAP creando una
combinazione che tenesse in considerazione solo degli effetti dovuti al traffico e termico. In
seguito mostreranno i valori utilizzati per il gradiente termico:
T = 30 C
= 1.2 105 C 1
Va ricordato che il contributo termico va moltiplicato per i corrispettivi coefficienti relativi
alla combinazione allo stato limite ultimo.
t = 1.2
o = 0.6
Otteniamo quindi tramite modello SAP un valore pari a:
var = 0.0048 rad
I valori delle rotazioni i-esime relative alle azioni permanenti e variabili risultano essere
verificate. Si andr a questo punto a valutare la somma delle due per quanto riguarda la
rotazione massima totale. Anche questo valore risulta essere verificato e pari a:
tot = 0.0093 rad

116

17

SPALLE

17. SPALLE
La spalla ha il compito di sostenere limpalcato e di scaricare sul terreno sottostante le azioni
provenienti da esso; quindi, il muro frontale, la trave paraghiaia, la platea e i pali sono stati
dimensionati per tale scopo.

17.1. Predimensionamento
La spalla in esame caratterizzata da una forma scatolare, ed costituita da 3 elementi principali:

il muro frontale

la trave paraghiaia

lelemento di fondazione

Il muro frontale ha unaltezza totale H di circa 6.5 m, misurata a partire dallestradosso dellelemento
di fondazione; questa altezza stata definita in funzione dellandamento del terreno naturale.
Laltezza della trave paraghiaia, invece dovr essere pari allaltezza dellimpalcato, incrementata
dellaltezza di appoggi e baggioli; laltezza totale del baggiolo sommata a quella dellapparecchio di
appoggio di circa 0.4 m. Di conseguenza stata definita unaltezza della trave paraghiaia pari a
1,8 m ed uno spessore di 0.4 m.
Sulla sommit del muro frontale saranno disposti i baggioli per permettere la disposizione degli
apparecchi dappoggio per limpalcato. Dovr essere garantita quindi una larghezza tale da
permettere il loro inserimento ed una possibile manutenzione futura.
LNTC-08 al 7.9.5.4.4 definisce che nelle zone di appoggio dove previsto un movimento relativo
tra elementi diversi della struttura (impalcato-pila, impalcato-spalle, seggiole Gerber, ecc.) deve
essere comunque disponibile una lunghezza di sovrapposizione tra le parti che si sovrappongono. Il
valore minimo di tale lunghezza dato dallespressione:
ls = lm + deg + ded
nella quale:

lm : il valore necessario per disporre lapparecchio di appoggio, purch non inferiore a 400
mm.

deg : lo spostamento relativo tra le parti dovuto agli spostamenti relativi del terreno, da
valutare secondo il 3.2.5.2.

ded : lo spostamento relativo totale tra le parti, pari allo spostamento dE prodotto dallazione
sismica di progetto, calcolato come indicato in 7.3

117

17

SPALLE

Di conseguenza nel predimensionamento della sezione del muro frontale si tenuto conto di questa
lunghezza geometrica da rispettare; alla lunghezza di sovrapposizione devono essere aggiunte anche
le larghezze della trave paraghiaia e del baggiolo. Per questo motivo si considerata una sezione
del muro frontale pari a 1.5 m.
Lo stato di sollecitazione nella spalla stato valutato facendo riferimento allanalisi dei carichi di
seguito riportata; oltre a tener conto dei carichi agenti sugli elementi componenti la spalla, dovranno
essere considerati anche i carichi permanenti e di esercizio trasmessi dallimpalcato, in funzione
naturalmente della tipologia degli apparecchi dappoggio considerati per la spalla.
La disposizione dei carichi da traffico stradale sullimpalcato tale da massimizzare le azioni
trasmesse alla spalla che si sta progettando.

Figura 85: Disegno spalla

GEOMETRIA SPALLA
Elemento

Simbolo

Valore

Unit

Altezza parete
Spessore parete
Altezza fondazione
Spessore paraghiaia
Altezza paraghiaia
Altezza spalla
Area parete
Area fondazione
Peso proprio parete
Peso proprio fondazione
Peso terreno di monte

hm
sm
hf
hp
sp
hsp
Am
Af
Pm
Pf
Pt

8.3
1.5
1.5
0.4
1.8
9.8
10.32
12
258
300
902

m
m
m
m
m
m
m2
m2
kN
kN
kN

118

17

SPALLE

17.2. Pesi propri e permanenti


Nella determinazione dei valori delle azioni dovute al peso proprio ed ai carichi permanenti stato
calcolato il volume geometrico dei singoli elementi componenti la spalla ed inoltre si calcolato il
peso del terreno che grava sulla platea di fondazione; per il calcolo sono stati adottati i seguenti
parametri:

Peso specifico c.a. cls = 25 kN/m3

Peso specifico rilevato artificiale terreno t = 20 kN/m3

Nella seguente tabella sono riportati i pesi propri degli elementi strutturali nonch del terreno di
ricoprimento per la spalla:

PESI PROPRI

[kN/m3 ]

[m3 ]

[kN]

25
25
25
20

148.5
78
5.76
365.2

3712.5
1950
144
7304

Elemento
Platea di fondazione
Muro frontale
Trave paraghiaia
Terreno di riempimento

17.3. Spinta delle terre in condizioni statiche


La spinta del terreno viene valutata a favore di sicurezza in regime di spinta a riposo; durante la
fase di esercizio non si vengono a creare le condizioni di spinta limite attiva, ma la spalla, dato il
comportamento rigido, sar sottoposta alla spinta a riposo. Il coefficiente di spinta a riposo k0
viene valutato mediante la seguente relazione:
k0 = 1 sen = 0.426
avendo indicato con :

=35 angolo dattrito interno del terrapieno.

So =

1
t k0 H
2

La spinta cos calcolata applicata ad una distanza a partire dalla base del muro pari ad H/3
essendo una spinta triangolare.

119

17

SPALLE

17.4. Sovraccarico accidentale da traffico


NellNTC08 5.1.3.3.7.1 si definiscono i Carichi verticali da traffico su rilevati e terrapieni adiacenti
al ponte. Ai fini del calcolo delle spalle, sul terrapieno si pu considerare applicato lo schema di
carico 1, in cui per semplicit, i carichi tandem possono essere sostituiti da carichi uniformemente
distribuiti equivalenti, applicati su una superficie rettangolare larga 3.00 m e lunga 2.20 m. La
presenza del sovraccarico Qac sul terrapieno genera una spinta orizzontale costante lungo laltezza.
Si riportano in seguito i valori calcolati:

Figura 86: Schema di carico 1

SOVRACCARICO DA TRAFFICO
Elemento

Valore

Unit

a
b
A
Assi tandem
Q1 k
Q1 kEq
q1 k
qTOT Eq

3.00
2.20
6.60
2
480
72.73
7.2
80

m
m
m2
kN
kN/m2
kN/m2
kN/m2

In condizioni statiche si considera quindi sovraccarico accidentale agente pari a Qacc =80 kN/m2 . La
presenza del sovraccarico Qacc sul terrapieno genera una spinta orizzontale costante lungo laltezza;
ad esempio, nel caso del muro frontale la forza risultante agente sar pari a:
Sq = Qacc H k0 = 279.46 kN/m
La risultante di tale spinta dovr essere applicata ad una distanza a partire dalla base del muro
frontale pari ad H/2.
Per quanto riferito alla trave paraghiaia invece la pressione p,0 dovuta al sovraccarico decresce
linearmente interessando una larghezza sempre maggiore della stessa.
Per il calcolo della p,0 si definiscono le seguenti grandezze:

Lunghezza di diffusione del carico alla base del paraghiaia:


a
= a + 0.577 h
120

17

Lunghezza di diffusione del carico alla base del paraghiaia:


b = b + 1.154 h

Area di diffusione del carico alla base del paraghiaia:


A = a
b

Pressione verticale superificiale:


pv = qTEqOT

Pressione verticale alla base del paraghiaia:


pv =

Q1k
+ q1k
A

Pressione orizzontale superficiale:


p,0 = pv ka

Pressione orizzontale alla base della paraghiaia:

p,0 = pv ka

Figura 87: Diffusione a 60 del carico sullaltezza del terrapieno

Risultanti del solido delle pressioni:




b + b
S1 =
p,0 h
2

S2 =

1
h (2 b + b)(p,0
p,0 )
6

Spinta complessiva alla base del paraghiaia:


ST OT = S1 + S2

Momento complessivo alla base del paraghiaia:


MT OT = S1



h 2b + b
h b + b
+
S
h

2
3 b + b
2 2b + b
121

SPALLE

17

Larghezza di paraghiaia collaborante:


bEq =

SPALLE

b + (b + 2h)
2

Sollecitazioni a metro lineare di paraghiaia necessarie per le verifiche:


VEd,1 =

ST OT
bEq

MEd,1 =

MT OT
bEq

Figura 88: Solido delle pressioni e forze di frenatura sul paraghiaia

SOLL. BASE PARAGHIAIA TRAFFICO


Elemento

Valore

Unit

b
A
pv
pv
p,0

p,0
S1
S2
STOT
MTOT
bEq

4.04
4.28
17.27
79.93
34.99
41.61
18.21
106.14
60.90
167.07
133.75
7.18

m
m
m2
kN/m2
kN/m2
kN/m2
kN/m2
kN
kN
kN
kNm
m

VEd,1
MEd,1

23.28
18.64

kN/m
kNm/m

17.5. Azioni di frenatura


Ai fini della verifica della paraghiaia si considerano le azioni frenanti trasmesse dai due assi tandem
sulla paraghiaia e sul terreno ad essa immediatamente adiacente. Sfruttando lipotesi di ripartizione
degli sforzi a 45 [5.1.3.3.6] si pu calcolare il momento sollecitante a metro lineare agente alla base
della trave paraghiaia.

122

17

SPALLE

[5.1.3.3.7.2] Carichi orizzontali da traffico su rilevati e su terrapieni adiacenti al ponte Per il calcolo
dei muri paraghiaia si deve considerare unazione orizzontale longitudinale di frenamento, applicata
alla testa del muro paraghiaia, di valore caratteristico pari al 60% del carico Q1k . Pertanto, in
ponti di 2a categoria si considerer un carico orizzontale di 144 kN, concomitante con un carico
verticale di 240kN.
Azione del I asse tandem sul paraghiaia

Figura 89: Carichi da traffico su muri paraghiaia

Q1k carico concentrato del mezzo tandem relativo allo schema di carico 1.

Ff Azione orizzontale di frenamento applicato in sommit al muro paraghiaia.


Ff = 0.6 Q1k

ldiff : larghezza di diffusione del carico concentrato.


ldif f = b + 2hpar

Ved : taglio sollecitatante alla base del muro paraghiaia.


VEd,2 = Ff

MEd momento flettente sollecitante alla base del muro paraghiaia.


MEd,2 =

Ff hpar
ldif f

SOLL. BASE PARAGHIAIA FRENATURA I


Elemento

Valore

Unit

Q1k
Ff
hpar
ldiff

240
144
1.80
5.8

kN
kN
m
m

VEd,2
MEd,2

144
44.69

kN/m
kNm/m

123

17

Azione del II asse tandem sul paraghiaia

F: intensit di carico

a: interasse assi tandem

b: distanza impronte di carico Q1k

a
: altezza di diffusione del carico
a
= 0.577a

b: larghezza di diffusione del carico


b = b + 1.154a

p: pressione verticale
p=

2F
a
b

: tensione orizzontale agente sul muro paraghiaia


t = p ka

St,3 : spinta e taglio sollecitante alla base de paraghiaia


St,3 = (
ab)

MEd,2 : momento flettente sollecitante alla base del paraghiaia


MEd,3 =

1
St,3 hpar
2

Figura 90: Pressione aggiuntiva dovuta al secondo assa frentante

124

SPALLE

17

SPALLE

SOLL. BASE PARAGHIAIA FRENATURA II


Elemento

Valore

Unit

F
a
b
a

b
p
t

120
1.2
2
0.69
3.38
102.41
2

kN
m
m
m
m
kN/m2
kN/m2

VEd,3
MEd,3

124.93
122.44

kN/m
kNm/m

17.6. Sollecitazioni di progetto su muro paraghiaia


Per il calcolo delle sollecitazioni di progetto sul paraghiaia si fa riferimento ai coefficienti di sicurezza
esposti al [5.1.3.12].
Sommando i tre contributi dovuti alle azioni esposte precedentemente, si ottengono le sollecitazioni
di progetto complessive con cui dimensionare il paraghiaia:
T OT
NEd
= Q Nt
T OT
MEd
= G1 Mt + Q (MEd,1 + MEd,2 + MEd,3 )
T OT
VEd
= G1 Vt + Q (VEd,1 + VEd,2 + VEd,3 )

AZIONI AGENTI SU PARAGHIAIA SLU


Mi

Valore

Vi

Valore

Ni

Valore

Mt
MEd,1
MEd,2
MEd,3

5.62
18.64
44.69
112.44

Vt
VEd,1
VEd,2
VEd,3

9.37
23.27
144
112.44

Nt
-

360

MEd,SLU

245.70

VEd,SLU

390.48

NEd,SLU

360

Analogamente a quanto fatto per la combinazione agli SLU verr eseguita una combinazione agli
SLE al fine di andare ad eseguire le verifiche in fase di esercizio. Si riportano in seguito i risultati:

AZIONI AGENTI SU PARAGHIAIA SLE


Mi

Valore

Vi

Valore

Ni

Valore

MEd,SLErara
MEd,SLEfreq
MEd,SLEqp

176.73
173.19
5.62

VEd,SLErara
VEd,SLEfreq
VEd,SLEqp

23.27
278.84
9.37

NEd,SLErara
NEd,SLEfreq
NEd,SLEqp

360
361.12
360

125

17

SPALLE

17.7. Azione sismica


Le spalle dei ponti devono essere progettate in modo che tutte le parti componenti la spalla stessa
non subiscano danni che ne compromettano la completa funzionalit sotto lazione sismica relativa
allo SLV. La verifica sismica delle spalle pu essere eseguita, con unaccettabile semplificazione,
separatamente per la direzione trasversale e per quella longitudinale. Il modello da adottare per
lanalisi delle spalle dipende dal grado di accoppiamento con limpalcato che esse sostengono. Nella
determinazione delle sollecitazioni sismiche di progetto si devono considerare i seguenti contributi:

Le spinte dei terreni comprensive di effetti sismici, come specificato in 7.11.8 delle NTC08;

Le forze dinerzia agenti sulla massa della spalla e del terreno presente sulla sua fondazione,
cui va applicata unaccelerazione pari allordinata dello spettro di progetto calcolata per il
periodo proprio della spalla.

17.7.1. Determinazione del coefficiente di struttura


Il passaggio dallo spettro elastico a quello di progetto lo si effettua con il fattore di struttura q;
in particolare nella relazione definita dalle NTC 08, si sostituisce ad (fattore che tiene conto
dello smorzamento della struttura) linverso del fattore di struttura 1/q, per cui si divide lordinata
spettrale per questa quantit. Si divide per quella quantit solo da TB in poi; per piccoli periodi la
riduzione dello spettro deve essere nulla, poich per le strutture infinitamente rigide la duttilit non
entra in gioco, tant vero che si ha che:
Sc (0) = ag S
Quindi direttamente pari al PGA.
La spalla collegata allimpalcato mediante un apparecchio dappoggio fisso ed altri appoggi
unidirezionali trasversali , quindi la spalla ed il ponte formano un sistema accoppiato, ed quindi
necessario utilizzare un modello strutturale che consenta di analizzare gli effetti di interazione tra il
terreno, la spalla e la parte di ponte accoppiata.
Le NTC08 al punto 7.9.5.6.2 prescrivono di effettuare lanalisi sismica della spalla adottando un
fattore di struttura q = 1,5.

17.7.2. Determinazione dello spettro di progetto (SLV)


Noto il coefficiente di struttura possibile passare allo spettro di progetto da impiegarsi per
lanalisi strutturale e quindi quello riferito allo SLV. Ci stato effettuato utilizzando il file excel
Spettri-NTC ver 1.03. Nella pagine seguente le tabelle con i parametri che definiscono lo spettro di
progetto ed il grafico dello spettro allo SLV.

126

17

Figura 91: Individuazione della pericolosit del sito

Figura 92: Scelta della strategia di progettazione

127

SPALLE

17

SPALLE

Figura 93: Determiinazione dellazione di progetto

17.7.3. Spinta delle terrre in condizioni sismiche


La spinta totale sismica, in accordo con la O.P.C.M. 3274/2003, pu essere calcolata attraverso la
seguente formula:
1
Fs = t (1 kv ) kAE H 2 L
2
Essendo kv il coefficiente sismico verticale e kAE il coefficiente di spinta sismico del terreno (statico
e dinamico). Il coefficiente di spinta kAE calcolato mediante la formula di Mononobe & Okabe, in
particolare:
sen2 ( + )
kAE =

2
q
sin(+)sen()
2
cos sen sen( + ) 1 + sen(+)sen(+)
= arctan

|kh |
1 kv

Dove:

langolo di attrito del terreno;

langolo di inclinazione, rispetto allorizzontale, del terreno a monte del muro;

linclinazione del paramento interno del muro rispetto allorizzontale;

Nelle verifiche allo stato limite ultimo, i valori dei coefficienti sismici orizzontale kh e verticale kv
possono essere valutati mediante le espressioni:
amax
kh = s
g
kv = 0.5kh
Dove:
128

17

s il coefficiente di riduzione dellaccelerazione massima attesa al sito;

amax accelerazione orizzontale massima attesa al sito;

g l accelerazione di gravit.

SPALLE

Per muri che non siano in grado di subire spostamenti relativi rispetto al terreno, il coefficiente s
assume valore unitario. In assenza di analisi specifiche della risposta sismica locale, laccelerazione
massima pu essere valutata con la relazione:
amax = S ag
Dove:

S il coefficiente che comprende leffetto dellamplificazione stratigrafica (SS ) e dellamplificazione topografica (ST ), di cui al 3.2.3.2;

ag l accelerazione orizzontale massima attesa su sito di riferimento rigido.

CALCOLO DELLA SPINTA SISMICA


Elemento

Valore

Unit

kA
kh
kv
Spinta frontale
Spinta paraghiaia
Distr. uniforme

1.57
0
0.61
0
0.029
0.14
0.03
0.02
732.30
36.14
11.57

rad
rad
rad
rad
rad

kN
kN
kN/m2

17.7.4. Forza dinerzia della spalla


Le forze dinerzia agenti sulla massa della spalla sono proporzionali alla massa stessa e allaccelerazione a cui la spalla sottoposta; nel seguente caso laccelerazione pari allordinata dello spettro di
progetto calcolata per il periodo proprio della spalla, tenendo quindi conto del fattore di struttura
q=1,5.
La spalla un elemento monolitico saldamente connesso al terreno tramite la fondazione, ne
consegue che possibile considerarla come una struttura estremamente rigida, per cui si ipotizza
che la spalla subisca unaccelerazione pari al PGA, ossia allaccelerazione di aggancio dello spettro
di progetto, che risulta pari a 0.104 g.
Nella tabella seguente si riportano le forze dinerzia che poi verranno applicate nel modello
tridimensionale per le due direzioni dellazione sismica:

FORZA DINERZIA DELLA SPALLA


Elemento
Muro frontale
Trave paraghiaia

Massa
198946
14691

kg
kg

Forza dinerzia

Distr. uniforme

202.97
14.99

3.90
1.04

129

kN
kN

kN/m2
kN/m2

17

SPALLE

17.8. Modellazione
Per il calcolo delle sollecitazioni agenti, si ricorsi allimpiego di un modello agli elementi finiti,
messo a punto e risolto con il software SAP2000 della Computers and Structures.
La spalla stata schematizzata attraverso un modello tridimensionale in cui i muri sono schematizzati
da piastre costituite da elementi di tipo shell di dimensioni 50x50 cm. Nellanalisi delle sollecitazioni
della spalla la platea di fondazione non stata modellata per semplificare il modello, quindi alla
base dei muri, sono stati inseriti degli incastri. Inoltre sono state definite delle shell orizzontali
infinitamente rigide per permettere il collegamento della trave paraghiaia con il muro frontale. A
titolo esemplificativo si riportano nel seguito alcune viste tridimensionali del modello.

Figura 94: Vista 3D della spalla modellata con SAP

Figura 95: Vista frontale della spalla modellata con SAP

130

17

SPALLE

Figura 96: Estruso della spalla modellata con SAP

Le azioni agenti direttamente sulla spalla sono state applicate come carichi distribuiti alle shell
e forze concentrate nei nodi. La spinta del terreno stata applicata attraverso la definizione del
joint pattern che permette di caratterizzare la forma triangolare della spinta, e successivamente con
lapplicazione sulle shell di una pressione superficiale, in funzione del joint pattern definito. Nella
pagina seguente si riporta ad esempio la spinta del terreno agente sul muro frontale; nellimmagine
si pu notare come appunto la pressione superficiale cresce linearmente con la profondit:

Figura 97: Carico con andamento lineare con la profondit (Spinta a riposo del terreno)

Gli scarichi dellimpalcato sono stati applicati come forze orizzontali, verticali nei nodi posizionati
in corrispondenza degli appoggi. Per fare ci, si sono definiti dei link rigidi, uno orizzontale ed uno
verticale, per tener conto delleccentricit dellappoggio rispetto allasse del muro frontale e dellasse
della trave:

131

17

SPALLE

Figura 98: Elementi link rigidi

17.8.1. Azioni agenti sullimpalcato


Le forze trasmesse dallimpalcato si calcolano sulla base delle azioni e dei modelli di calcolo globali
descritti nei capitoli precedenti
Di seguito si riporta una tabella in cui si riassume la tipologia degli appoggi della spalla in oggetto:

SPALLA DESTRA
Elemento
Appoggio
Appoggio
Appoggio
Appoggio
Appoggio
Elemento

Appoggio
Appoggio
Appoggio
Appoggio
Appoggio
Elemento
Appoggio
Appoggio
Appoggio
Appoggio
Appoggio

1
2
3
4
5

1
2
3
4
5

1
2
3
4
5

Tipologia appoggio
Unidirezionale trasversale
Unidirezionale trasversale
Fisso
Unidirezionale trasversale
Unidirezionale trasversale

SLU 1
(Traffico)
N
V1
961
0
961
0
961 48
961
0
961
0

SLE (Rara)
N
V1 V2
703
0
68
703
0
68
703 32 68
703
0
68
703
0
68

SLU 2
(Frenatura+Traffico)
N
V1
V2
764
0
91
764
0
91
764 48
91
764
0
91
764
0
91

SLE (Frequente)
N
V1
V2
561
0
68
561
0
68
561
0
68
561
0
68
561
0
68

132

SLE (Q.P.)
N
V1 V2
262
0
0
262
0
0
262
0
0
262
0
0
262
0
0

17

SPALLE

17.8.2. Combinazioni di carico


Le azioni sono combinate tra loro, al fine di ottenere le sollecitazioni di progetto relative agli
elementi strutturali di volta in volta considerati in base a quanto prescritto dal D.M.14 Gennaio
2008 al paragrafo 2.5.3. Per ci che riguarda le azioni trasmesse dallimpalcato si tenuto conto
dei coefficienti definiti dalle NTC08 al paragrafo 5.1.3.12.
Inoltre sempre seguendo ci che prescrivono le NTC08, al capitolo 6 la definizione dei parametri
geotecnici e dei coefficienti parziali per le azioni, stata condotta facendo riferimento allapproccio
1 combinazione 1, nella quale vengono incrementate le azioni agenti e ridotte la resistenza e i
parametri geotecnici, schematizzato nel seguente modo:
AP P ROCCIO 1, COM B 1 : A1 + M 1 + R1
La seguente combinazione risulta essere la pi restrittiva per quanto riguarda il dimensionamento
strutturale. I coefficienti parziali di sicurezza sono riportati di seguito:

Figura 99: Coeffienti parziali per le azioni o per leffetto delle azioni

Figura 100: Coeffienti parziali per i parametri geotecnici del terreno

Leffetto delle azioni viene valutato ai fini delle verifiche con lapproccio semiprobabilistico agli stati
limite, secondo diverse combinazioni:

Combinazione fondamentale, generalmente impiegata per gli stati limite ultimi:


G1 G1 + G2 G2 + P P + Q1 Qk1 + Q2 02 Qk2 + Q3 03 Qk3 + . . .

Combinazione caratteristica rara, generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio
irreversibili:
G1 + G2 + P + Qk1 + 02 Qk2 + 03 Qk3 + . . .

Combinazione frequente, generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio reversibili:
G1 + G2 + P + 11 Qk1 + 22 Qk2 + 23 Qk3 + . . .
133

17

SPALLE

Combinazione quasi permanente, generalmente impiegata per gli effetti a lungo termine:
G1 + G2 + P + 21 Qk1 + 22 Qk2 + 23 Qk3 + . . .

Combinazione sismica, generalmente impiegata per gli effetti a lungo termine:


E + G1 + G2 + P + 21 Qk1 + 22 Qk2 + . . .

Di seguito si riporta una tabella riassuntiva dei coefficienti di sicurezza applicati ai carichi nella
fase di analisi delle sollecitazioni per le varie combinazioni di carico:

Combinazione

G1

G2

S1-D

S1-T

So

Sq

Sx

Sy

SLU C1
SLU C2
SLE rara C1
SLE rara C2
SLE freq C1
SLE freq C2
SLE QP C1
SLE QP C2
SISMA x q 1.5
SISMA y q 1.5

1/1.3
1/1.3
1
1
1
1
1
1
1
1

0/1.5
0/1.5
0/1
0/1
0/1
0/1
0/1
0/1
0/1
0/1

0
0
0
0
0
0
0
0
0
0

0/0.9
0/0.9
0.6
0.6
0/0.9
0/0.9
0
0
0
0

0/1.35
0/0.54
1
0.4
0/1.35
0/0.54
0
0
0
0

0/1.35
0/1.01
1
0.75
0/1.35
0/1.01
0
0
0
0

0
0/1.35
0
1
0
0/1.35
0
0
0
0

1/1.3
1/1.3
1
1
1
1
1
1
0
0

0/1.5
0/1.5
1
1
1
1
1
1
0
0

0
0
0
0
0
0
0
0
1
1

0
0
0
0
0
0
0
0

0
0
0
0
0
0
0
0

17.8.3. Analisi delle sollecitazioni


Lanalisi delle sollecitazioni sulla spalla vengono riportate analizzando ciascuna parte della struttura,
singolarmente. In particolare vengono analizzate le sollecitazioni, sul modello completo, dei relativi
elementi:

Sollecitazioni sul muro frontale;

Sollecitazioni sulla trave paraghiaia;

MOMENTO M11

Figura 101: Shell- Force Momento 11

134

17

SPALLE

MOMENTO M22

Figura 102: Shell- Force Momento 22

TAGLIO V23

Figura 103: Shell- Force Taglio 23

Nella tabella seguente si riportano le sollecitazioni massime agenti per le varie combinazioni di
carico:

135

17

SPALLE

SOLLECITAZIONI MODELLO SAP SU MURO FRONTALE


Combinazione di carico
SLU - Traffico
SLU - Frenata
SLE - Traffico
SLE - Frenata
SLVx
SLVy

M11

M22

V23

[kN]

[kNm]

[kNm]

kN

-1255
-1191
-890
-752
-643
-643

-2468.74
-3068
-1859.09
-2151.18
-865.95
-91.4

-539.91
-609
-384.93
-423.33
-378.83
-58.15

-646
-695
-467.56
-502.64
-418.3
-119.1

Dopo una prima analisi dei risultati sul muro frontale si pu notare che leffetto del sisma risulta
essere inferiore rispetto quello allo SLU. Tale condizione probabilmente dovuta al fatto che il
PGA del nostro sito molto basso quindi le sollecitazioni da sisma risultano essere limitate.
Per quanto riguarda la trave paraghiaia si visto che i risultati per la determinazione delle
sollecitazioni da progetto ottenuti tramite il metodo offerto dal Petrangeli risultava essere molto pi
cautelativo rispetto alle sollecitazioni ottenute dal modello 3D. Per questo si deciso di utilizzare
tali valori al fine del dimensionamento.

17.9. Valutazione dei risultati


Per validare i risultati del modello 3D agli elementi finiti, descritti nel paragrafo precedente, sono
state calcolate le sollecitazioni dei principali elementi che costituiscono la spalla, attraverso dei
modelli semplici di mensola incastrata alla base. Questo risulta essere un buon metodo di confronto.
Le sollecitazioni calcolate derivano sulle seguenti carichi con differenti distribuzioni:

Peso proprio

Spinta del terreno

Spinta dovuta al sovraccarico

Effetto dovuto alla frenatura

Reazioni agli appoggi

I valori risultano essere paragonabili quindi questo ci permette di dire che il modello 3D risulta
essere ben fatto.

17.10. Dimensionamento e verifica del muro frontale


Nella fase di predimensionamento i muri sono stati considerati approssimativamente come una
mensola incastrata alla base; attraverso il modello 3D si tenuto conto del comportamento della
struttura a piastra, tanto che si vede dalle immagini precedenti che i singoli muri sono sollecitati
anche da un momento M11, che determina sempre la flessione della trave verso il lato dellimpalcato.
Di conseguenza il dimensionamento e la verifica dei muri non riguarder solamente larmatura
verticale, che resiste alla flessione dovuta al momento M22, ma dovr essere inserita unarmatura
orizzontale per tener conto di questa sollecitazione aggiuntiva. Tutte le verifiche che si effettueranno
in seguito saranno riferite ad una sezione larga 1 metro quindi possibile considerare direttamente
le massime sollecitazioni descritte nel paragrafo precedente.
Il dimensionamento delle armature da inserire viene effettuato utilizzando la relazione che fornisce
il momento ultimo di una sezione rettangolare in cemento armato:
M = 0.9d As fyd
Invertendo la relazione e imponendo che il momento di calcolo sia pari al momento ultimo della
sezione si ricava la quantit di armatura strettamente necessaria:
As =

Md
0.9d fyd
136

17

SPALLE

17.10.1. Dimensionamento e verifica armatura verticale


In questo caso la sollecitazione massima di momento M22, si ha per la combinazione di carico del
SLU frenatura, che pari a -3068.8 kNm; larmatura minima necessaria resistente a flessione pari
a:
Md
As,min =
= 60.92 cm2
0.9d fyd
Si decide di quindi di inserire in :

Zona tesa As=10 24 /metro 45.24 cm2

Zona compressa As=5 24 /metro 22.62 cm2

Di seguito si riporta la verifica allo SLU in cui si considera una sezione in calcestruzzo larga 1 metro
e avente unaltezza pari a 150 cm.

Figura 104: VCA Slu - Gelfi - Verifica

137

17

SPALLE

Figura 105: VCA Slu - Gelfi - Dominio

Da cui risulta che la verifica agli SLU dellarmatura verticale soddisfatta.

17.10.2. Dimensionamento e verifica armatura orizzontale


In questo caso la sollecitazione massima di momento M11, si ha per la combinazione di carico SLU
frenatura, che pari a -609 kNm; larmatura minima necessaria resistente a flessione pari a:
As,min =

Md
= 12.09 cm2
0.9d fyd

Si decide di quindi di inserire in :

Zona tesa As=5 22 /metro 19.01 cm2

Zona compressa As=5 22 /metro 19.01 cm2

Di seguito si riporta la verifica allo SLU in cui si considera una sezione in calcestruzzo larga 1 metro
e avente unaltezza pari a 150 cm.

138

17

Figura 106: VCA Slu - Gelfi - Verifica

Figura 107: VCA Slu - Gelfi - Dominio

Da cui risulta che la verifica agli SLU dellarmatura orizzontale soddisfatta.


139

SPALLE

17

SPALLE

17.10.3. Verifica a taglio


A questo punto possibile andare ad effettuare le verifiche a taglio. In particolare la resistenza
ultima a taglio data da:
VRd = min(VRsd ; VRcd )
Dove:
VRsd , taglio Trazione, taglio portato dalle staffe (NTC 4.1.2.1.3.2):
VRsd = 0.9 d

Asw
fyd cot
s

VRcd , taglio Compressione, Verifica della biella compressa (NTC 4.1.2.1.3.2):


VRcd = 0.9 d b fcd0

cot
1 + cot2

Si deciso di utilizzare staffe 14, con passo costante pari a 20 cm.

MURO FRONTALE
Elemento
Armatura

Sezione

Ved

[cm2 ]

[kN]

[mm]

[mm]

150x100

695

14

40

cot
2.5

VRcd

VRsd

VRd

[kN]

[kN]

[kN]

3772

1938

1938

Verifica
OK

17.10.4. Verifica SLE


Nelle seguenti tabelle sono riportate le verifiche di fessurazione del muro frontale, in particolare vengono riportati i risultati ottenuti sia con la combinazione frequente che per quella quasi
permanente.
Verifica delle tensioni di esercizio
Per quanto riguarda le verifiche tensionali dellacciaio e del calcestruzzo, le tensioni agenti assumono
i seguenti valori:

VERIFICA TENSIONI - Comb Q.Perm


Elemento

Valore

Unit

c
c,max

5.62
13.5

MPa
MPa

VERIFICA TENSIONI - Comb Rara


Elemento

Valore

Unit

c
c,max
s
s,max

8.43
18
276
360

MPa
MPa
MPa
MPa

140

17

SPALLE

Da cui risulta che la verifica tensionale soddisfatta.


Verifica a fessurazione
Per quanto riguarda lapertura delle fessure si ipotizza che lopera sia soggetta a condizioni aggressive
e armature poco sensibili (armature da cemento armato ordinario), per cui il limite prescritto in
questo caso il seguente:

Figura 108: Gruppi apertura fessure sulla base dellaggressivit ambientale

Dunque si deve verificare che:


wdf req w2 = 0.3 mm
wdq.p. w1 = 0.2 mm
La fessura di calcolo posta pari a:
wd = sm sm
Dove sm la deformazione unitaria media delle barre di armatura mentre sm la distanza media
delle fessure.

SLE Fessurazione
Distanza media barre- Frequente
Distanza media barre-Q.Perm
Elemento

Valore

Unit

Elemento

Valore

Unit

fctm
c
e
kt
s
Es
As
Ac,eff
P ef f
p
5*(c+*0.5)
sm

2.9
70
7
0.4
220
210000
45.24
1750
0.026
100
410
0.00079

MPa
mm

fctm
c
e
kt
s
Es
As
Ac,eff
P ef f
p
5*(c+*0.5)
sm

2.9
70
7
0.4
104
210000
45.24
1750
0.0026
100
410
0.00024

MPa
mm

MPa
MPa
cm2
cm2
mm
mm

Distanza media fessure- Frequente

MPa
MPa
cm2
cm2
mm
mm

Distanza media fessure-Q.Perm

Elemento

Valore

Unit

Elemento

Valore

Unit

k1
k2
k3
k4

24
0.8
0.5
3.4
0.425
345.83
0.28

mm

k1
k2
k3
k4

24
0.8
0.5
3.4
0.425
352.14
0.08

mm

s,max
wd

s,max
wd

mm

Da cui risulta che la verifica a fessurazione soddisfatta.


141

mm

17

SPALLE

17.11. Dimensionamento e verifica della trave paraghiaia


17.11.1. Dimensionamento e verifica armatura verticale
In questo caso la sollecitazione massima di momento M22, si ha per la combinazione di carico SLU
frenatura, che pari a -245.70 kNm/m ; larmatura minima necessaria resistente a flessione pari a:
As,min

Md
= 20.52 cm2
0.9d fyd

Si decide di quindi di inserire in :

Zona tesa As=10 18 /metro 25.45 cm2

Zona compressa As=10 18 /metro 25.45 cm2

Di seguito si riporta la verifica allo SLU in cui si considera una sezione in calcestruzzo larga 1 metro
e avente unaltezza pari a 40 cm.

Figura 109: VCA Slu - Gelfi - Verifica

142

17

SPALLE

Figura 110: VCA Slu - Gelfi - Dominio

Da cui risulta che la verifica agli SLU dellarmatura verticale soddisfatta.

17.11.2. Dimensionamento e verifica armatura orizzontale


Per quanto riguarda larmatura orizzontale il testo che ci ha fornito il metodo per lo studio delle
sollecitazioni sulla trave paraghiaia non ci forniscono i dati al fine di determinare le sollecitazioni
agenti nel piano 11 quindi che ci permetterebbero di andare a determinare il quantitativo di
armatura orizzontale.
Per questo motivo dopo consultazione su diversi testi si deciso di impostare la condizione di
armatura trasversale definita dal Leonhard per le solette monodirezionali. Tale valore risulta essere
cautelativo e quindi a favore di sicurezza. Si preveder quindi un armatura di ripartizione almeno
pari al 20% dellarmatura di forza:
As11 = 20%As22 = 10.18c m2
Si decide di quindi di inserire in :

Zona tesa As=5 14 /metro 7.53 cm2

Zona compressa As=5 14 /metro 7.53 cm2

143

17

Figura 111: VCA Slu - Gelfi - Verifica

Figura 112: VCA Slu - Gelfi - Dominio

144

SPALLE

17

SPALLE

Da cui risulta che la verifica agli SLU dellarmatura orizzontale soddisfatta.

17.11.3. Verifica a taglio


A questo punto possibile andare ad effettuare le verifiche a taglio. In particolare la resistenza
ultima a taglio data da:
VRd = min(VRsd ; VRcd )
Dove:
VRsd , taglio Trazione, taglio portato dalle staffe (NTC 4.1.2.1.3.2):
VRsd = 0.9 d

Asw
fyd cot
s

VRcd , Taglio Compressione, Verifica della biella compressa (NTC 4.1.2.1.3.2):


VRcd = 0.9 d b fcd0

cot
1 + cot2

Si deciso di utilizzare staffe14, con passo costante pari a 20 cm.

MURO PARAGHIAIA
Elemento
Armatura

Sezione

Ved

[cm2 ]

[kN]

[mm]

[mm]

40x100

390

14

200

cot
2.5

VRcd

VRsd

VRd

[kN]

[kN]

[kN]

897

461

461

Verifica
OK

17.11.4. Verifica SLE


Nelle seguenti tabelle sono riportate le verifiche di fessurazione del muro frontale, in particolare vengono riportati i risultati ottenuti sia con la combinazione frequente che per quella quasi
permanente.
Verifica delle tensioni di esercizio
Per quanto riguarda le verifiche tensionali dellacciaio e del calcestruzzo, le tensioni agenti assumono
i seguenti valori:

VERIFICA TENSIONI - Comb Q.Perm


Elemento

Valore

Unit

c
c,max

0.92
13.5

MPa
MPa

VERIFICA TENSIONI - Comb Rara


Elemento

Valore

Unit

c
c,max
s
s,max

8.29
18
167.16
360

MPa
MPa
MPa
MPa

145

17

SPALLE

Da cui risulta che la verifica tensionale soddisfatta.


Verifica a fessurazione
Per quanto riguarda lapertura delle fessure si ipotizza che lopera sia soggetta a condizioni aggressive
e armature poco sensibili (armature da cemento armato ordinario), per cui il limite prescritto in
questo caso il seguente:

Figura 113: Gruppi apertura fessure sulla base dellaggressivit ambientale

Dunque si deve verificare che:


wdf req w2 = 0.3 mm
wdq.p. w1 = 0.2 mm
La fessura di calcolo posta pari a:
wd = sm sm
Dove sm la deformazione unitaria media delle barre di armatura mentre sm la distanza media
delle fessure.

SLE Fessurazione
Distanza media barre- Frequente
Elemento

Valore

Unit

fctm
c
e
kt
s
Es
As
Ac,eff
P ef f
p
5*(c+*0.5)
sm

2.9
60
7
0.4
163
210000
25.45
850
0.03
100
345
0.0006

MPa
mm

MPa
cm2
cm2
mm
mm

Distanza media fessure- Frequente


Elemento

Valore

Unit

k1
k2
k3
k4

18
0.8
0.5
3.4
0.425
256.21
0.14

mm

s,max
wd

Da cui risulta che la verifica a fessurazione soddisfatta.


146

mm

17

SPALLE

17.11.5. Verifica a ribaltamento


La verifica a ribaltamento viene condotta in riferimento allo S.L.U. di tipo geotecnico (GEO) e di
equilibrio di corpo rigido (EQU) attraverso una combinazione EQU + M2+ R2.

PARAMETRI PER LA VERIFICA


Elemento

Valore

Unit

35
1.25
29.22
0.34
79.93

M 2
d
ka
qtr

kN/m

Calcolo delle sollecitazioni


Nella verifica a ribaltamento si trascura a favore di sicurezza il contributo stabilizzante del terreno
di valle e si assume come polo alla rotazione il vertice pi esterno della fondazione.

Momento ribaltante:
MRIB = St,Ed br,St,Ed + Sq,Ed br,q,Ed + HEd br,Hed

Momento stabilizzante:
F
F
F
MST AB = G1
Pm br,Pm + G1
Pf br,Pf + G1
Pt br,Pt + VEd br,VEd

VERIFICA A RIBALTAMENTO
Azioni di progetto

Simbolo

Valore

Unit

Spinta delle terre


Spinta del sovraccarico
Azione di frenamento
Azione impalcato

St,Ed
Sq,Ed
HEd
HEd

363.33
404.46
101.30
0

kN
kN
kN
kN

CALCOLO DEL MOMENTO RIBALTANTE


Braccio forza spinta delle terre
Braccio forza di frenamento
Braccio forza sovraccarico
Momento ribaltante

br,St,Ed
br,Hed
br,q,Ed
MRIB

3.27
5.65
7
4182.42

m
m
m
kNm

CALCOLO DEL MOMENTO STABILIZZANTE


Braccio peso proprio della parete
Braccio peso proprio fondazione
Braccio terreno di zavorra
Braccio azione di impalcato
Momento stabilizzante

br,Pm
br,Pf
br,Pt
br,VEd
MSTAB

2.42
4
5.75
2.42
6309.774

m
m
m
m
kNm

COEFFICIENTE DI SICUREZZA A RIBALTAMENTO

MRIB /MSTAB

147

0.66

VERIFICATA

17

SPALLE

Al fine di determinare la combinazione di carico pi gravosa si ipotizzato che il sovraccarico


distribuito equivalente dovuto al traffico sia esterno allo sbalzo di monte della fondazione in quanto
fornirebbe come la zavorra di terreno un contributo stabilizzante al muro di sostegno.

Figura 114: Schema di carico dei carichi per la verifica a ribaltamento

17.11.6. Verifica a scorrimento


Per la verifica di scorrimento si considera la combinazione di carico pi gravosa che vede il
sovraccarico distribuito equivalente di 79.93 kN esterno allo sbalzo di monte della fondazione e
lassenza dei carichi variabili da traffico sul ponte. Questi ultimi infatti andrebbero ad incrementare
lazione verticale di impalcato e conseguentemente la forza di attrito agente alla base della fondazione.
Per quanto riguarda la verifica a scorrimento si utilizza la seguente combinazione di carico:
AP P ROCCIO 2, COM B 1 : A1 + M 1 + R3

PARAMETRI DI VERIFICA
Elemento

Valore

Unit

35
1
35
0.27
0.7

M 1
d
ka
tan

VERIFICA A SCORRIMENTO
Azioni di progetto

Simbolo

Valore

Unit

Spinta delle terre


Azione di frenamento
Azione impalcato
Spinta del sovraccarico
Peso proprio parete
Peso proprio fondazione
Peso proprio terreno stabilizzante

St,Ed
HEd
HEd
Sq,Ed
Pm
Pf
Pt

338.33
101.30
0
276.19
232.2
270
811.8

kN
kN
kN
kN
kN
kN
kN

148

17

SPALLE

Azione resistente di progetto


E dovuta ai pesi (o azioni) del muro, del terreno e dei sovraccarichi che gravano sulla mensola a
monte. I relativi valori nominali, gi calcolati per la verifica a ribaltamento devono essere moltiplicati
per il relativo coefficientie parziale, per ottenere i valori di calcolo.

Azione assiale sollecitante


NEd = G1 Pm + G1 Pf + G1 Pt + VEd

Lazione resistente rappresentata dalla forza di attrito terra-muro HRd ; assumendo il coefficiente
dattrito f=tan , si ha:
NEd tan
HRd =
R3

CALCOLO SOLLECITANTI E RESISTENTI


Elemento

Valore

Unit

NEd
Fa
HEd
HRd

1314
920.07
715.83
836.43
0.86

kN
kN
kN
kN
-

Figura 115: Schema di carico dei carichi per la verifica a scorrimento

17.12. Progetto e armatura dei baggioli


I baggioli sono elementi atti a trasferire le azioni verticali e orizzontali dallimpalcato alle sottostrutture. Questi devono essere armati con delle staffe orizzontali finalizzate al confinamento laterale e
contrastare le trazioni che nascono per effetto dellazione di compressione concentrata, ma anche
con dei ferri annegati allinterno nella spalla per resistere alle azioni orizzontali.
Il dimensionamento delle armature stato effettuato considerando le sollecitazioni massime agenti
sul singolo baggiolo, dunque i baggioli sono stati dimensionati tutti in maniera uguale. Di seguito
riportato il dimensionamento delle staffe orizzontali e dunque quelle orizzontali.
149

17

SPALLE

17.12.1. Calcolo staffe orizzontali


Le staffe orizzontali, sono state calcolate con il modello dellEC2 al 6.5.2 che consiglia di adottare
una configurazione come quella riportata nella seguente figura:

Figura 116: Modello tirante-puntone adottato

Ovvero nel caso di forza concentrata su di un elemento che possibile considerare completamente
come una regione di discontinuit la diffusione di un carico concentrato avviene nella parte centrale
dellelemento con una larghezza massima pari a:
bef f = 0.5H + 0.65a
In questo caso lazione di trazione orizzontale, per la quale occorre disporre larmatura posta pari
a:


F
a
T =
1 0.7
4
H
Questa deriva essenzialmente dallequilibrio del sistema riportato in figura.
Considerando linviluppo totale delle sollecitazioni sullappoggio (sisma e SLU) si hanno infatti le
seguenti sollecitazioni:

AZIONI AGENTI
Elemento

Valore

Unit

Forza verticale Fz
Forza orizzontale Fy

961.41
603.28

kN
kN

Considerando quindi il modello tirante-puntone in figura si ottiene quindi la seguente azione di


trazione utile per il calcolo delllarmatura:

MODELLO TIRANTE-PUNTONE
Elemento

Valore

Unit

Trazione sullarmatura

180

kN

Ne consegue la seguente armatura minima richiesta:

ARMATURA TRASVERSALE
Elemento

Valore

Unit

Amin
diametro
Asw
n staffe minimo
n staffe adottato

462
20
314.16
1.47
2

mm2
mm
mm2

150

17

SPALLE

17.12.2. Calcolo staffe verticali


Occorre disporre delle armature verticali in modo tale che assorbano completamente lazione
tagliante orizzontale, ovvero tali che abbiano un taglio resistente pari a:
VRd =

Av fyk

M 0 3

E dunque nota lazione tagliante alla base del baggiolo potr essere possibile calcolata larea
minimadi armatura longitudinale:

VEd 3 M 0
Av
fyk
Da cui ne si ottengono i seguenti valori:

ARMATURA LONGITUDINALE
Elemento

Valore

Unit

Amin
diametro
Asw
n staffe minimo
n staffe adottato

1541.73
20
314.16
4.91
5

mm2
mm
mm2

17.12.3. Verifica pressione localizzata


Al punto 6.7 dellEC2 viene richiesto di cautelarsi nei confronti di rotture localizzate per lazione
di forze concentrate. Nel caso di un carico uniformemente ripartito su un area Ac0 la forza di
compressione posta pari alla seguente relazione:
r
FRdu = Ac0 fcd

Ac1
3.0 fcd Ac0
Ac0

Dove Ac0 larea caricata , Ac1 la massima area di diffusione del carico utilizzata per il calcolo e
che ha una forma omotetica ad Ac0 . Questa deve essere scelta in modo tale che il centro dellarea
di carico e di diffusione passino per la retta indicante il carico agente.

Figura 117: Diffusione del della pressione sullimpronta di carico

Nella tabella sono riportati i risultati ottenuti:


151

17

SPALLE

VERIFICA A COMPREX LOCALIZZATA


Elemento

Valore

Unit

fcd
Ac0
Ac1
FRdu

17
280900
2528100
14325.9
0.067

MPa
mm2
mm2
kN

Come si nota la verifica risulta soddisfatta anche tenendo in considerazione il fatto che lEC2
richiede una riduzione della resistenza se sono presenti forti carichi orizzontali.

17.13. Fondazione
Per quanto riguarda le fondazioni delle spalle solitamente si cerca di adottare una soluzione con
pali o micropali. Viste le buone propriet del nostro terreno si pensato di optare invece che per
una fondazione profonda, per una suola di fondazione superficiale.
Le verifiche si differenzieranno in due grandi categorie:

PROGETTO E VERIFICHE DI RESISTENZA STRUTTURALE

VERIFICHE DI RESISTENZA GEOTECNICA

Il progetto dopo un analisi delle sollecitazioni si comporr dei seguenti studi:

Dimensionamento a flessione dello sbalzo a monte;

Dimensionamento a flessione dello sbalzo a valle;

Dimensionamento a taglio degli sbalzi di fondazione;

Le verifiche strutturali si comporranno dei seguenti studi:

Verifica a flessione dello sbalzo a monte;

Verifica a flessione dello sbalzo a valle;

Verifica a taglio degli sbalzi di fondazione;

Verifica a punzonamento;

Infine le verifiche geotecniche saranno le seguenti:

Carico limite a breve termine;

Carico limite a lungo termine;

Lo studio della fondazione non stato affrontato allinterno di questa relazione perch non richiesto.

152