P. 1
Dispensa Del Corso Di Costruzioni in Acciaio I

Dispensa Del Corso Di Costruzioni in Acciaio I

5.0

|Views: 24,206|Likes:
Published by Enrico Bergamo

More info:

Categories:Types, School Work
Published by: Enrico Bergamo on Aug 07, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/08/2015

pdf

text

original

Università degli studi di Trieste

Facoltà di Ingegneria Civile
Corso di Costruzioni in Acciaio
Prof. Ing. Claudio Amadio
Studente: Enrico Bergamo, Marco Fasan
Appunti del corso di Costruzioni in Acciaio
Indice
I Costruzioni in Acciaio I 4
1 Il materiale 4
1.1 Proprietà chimiche . . . . . . . . . . . . . . 4
1.2 Processo produttivo . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2.1 Estrazione dei minerali . . . . . . . . 5
1.2.2 Produzione della ghisa grezza . . . . 5
1.2.3 Lavorazione dell’acciaio . . . . . . . . 5
1.2.4 Laminazione a caldo . . . . . . . . . 5
1.2.5 Laminazione a freddo . . . . . . . . . 6
1.3 Trattamenti termici . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.4 Proprietà meccaniche . . . . . . . . . . . . . 6
1.5 Prove di laboratorio . . . . . . . . . . . . . . 6
1.5.1 Prova di trazione . . . . . . . . . . . . 6
1.5.2 Prova di compressione globale . . . . 7
1.5.3 Prova di durezza . . . . . . . . . . . . 7
1.5.4 Prova di resilienza . . . . . . . . . . . 8
1.6 Proprietà chimiche . . . . . . . . . . . . . . 8
1.6.1 Saldabilità . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.6.2 Corrosione . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.6.3 Zincatura . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.6.4 Protezione catodica . . . . . . . . . . 9
2 Sicurezza strutturale (NTC 2008, EC3) 11
2.1 Approccio probabilistico alla valutazione della
sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.1.1 Stati limite . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.1.2 Metodo semiprobabilistico agli stati
limite (metodi di I°livello) . . . . . . . 11
2.2 Azioni sulle strutture . . . . . . . . . . . . . . 12
2.2.1 Combinazioni delle azioni . . . . . . . 12
2.3 Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.3.1 Proprietà dei materiali per acciai
laminati a caldo . . . . . . . . . . . . 13
3 Membrature semplici e metodi di verifica agli stati
limite (NTC 2008, EC3) 16
3.1 Classificazione delle sezioni . . . . . . . . . 16
3.1.1 Classificazione secondo NTC 2008, EC3 16
3.2 Proprietà efficaci per sezioni trasversali di
classe IV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.3 Verifiche agli S.L.U. . . . . . . . . . . . . . . 20
3.4 Tipi di analisi previste per le verifiche agli S.L.U. 23
3.4.1 Stato limite elastico della sezione . . 23
3.4.2 Stato limite plastico della sezione . . 23
3.4.3 Stato limite di collasso plastico della
struttura - Formazione di meccanismo 23
3.4.4 Analisi non lineare . . . . . . . . . . . 24
3.5 Resistenza delle membrature . . . . . . . . . 24
3.5.1 Trazione . . . . . . . . . . . . . . . . 25
3.5.2 Compressione . . . . . . . . . . . . . 25
3.5.3 Flessione semplice . . . . . . . . . . 25
3.5.4 Taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
3.5.5 Flessione e Taglio . . . . . . . . . . . 26
3.5.6 Flessione e Forza assiale . . . . . . . 26
3.6 L’instabilità delle membrature (cenni) . . . . . 26
3.6.1 Verifica dell’instabilità per elementi
compressi (NTC 2008-EC3) . . . . . 27
3.6.2 Verifica dell’instabilità per elementi
inflessi (NTC 2008-EC3) . . . . . . . 28
3.7 Stati limite di esercizio, verifiche . . . . . . . 28
3.7.1 Controllo degli spostamenti verticali . 28
3.7.2 Stato limite di vibrazioni . . . . . . . . 28
4 La Fatica 31
4.1 Curve di Wöhler e Limite di resistenza a fatica 31
4.2 La rottura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.2.1 Fasi del danneggiamento . . . . . . . 32
4.2.2 Cause . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.3 Verifiche relative alla fatica . . . . . . . . . . 32
4.3.1 CNR 10011-88 . . . . . . . . . . . . . 33
4.3.2 Verifiche a fatica . . . . . . . . . . . . 34
4.3.3 Metodo della regola di Miner . . . . . 35
4.3.4 Metodo del Delta equivalente . . . . . 35
4.3.5 Sollecitazioni pluriassiali . . . . . . . 35
4.3.6 Strutture esenti da tensioni interne . . 35
4.4 Prove a fatica con carichi variabili . . . . . . 36
4.4.1 Sovraccarico ed Allentamento . . . . 36
5 Unioni chiodate 43
Rev. B.1 6 dicembre 2012 1
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
6 Unioni bullonate 45
6.1 Classificazione dei bulloni . . . . . . . . . . . 45
6.2 Geometria dei bulloni . . . . . . . . . . . . . 45
6.2.1 Tolleranze dei bulloni . . . . . . . . . 45
6.3 Serraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
6.4 Stato limite ultimo . . . . . . . . . . . . . . . 46
6.5 Unioni a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
6.5.1 Verifica a taglio (meccanismo a) figura
6.4) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
6.5.2 Verifica a rifollamento della lamiera
(meccanismo b) figura 6.4) . . . . . . 47
6.5.3 Verifica a taglio della lamiera (distanze
dai bordi) (meccanismo c) figura 6.4) . 48
6.5.4 Verifica a trazione dei piatti (meccani-
smo d) figura 6.4) . . . . . . . . . . . 48
6.6 Unioni a trazione . . . . . . . . . . . . . . . 49
6.7 Unioni a taglio e trazione . . . . . . . . . . . 50
6.8 Stato limite di esercizio . . . . . . . . . . . . 50
6.8.1 Unioni a taglio . . . . . . . . . . . . . 50
6.8.2 Unioni a trazione . . . . . . . . . . . 53
6.8.3 Unioni a taglio e trazione . . . . . . . 53
6.9 Effetti delle caratteristiche di sollecitazione e
verifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
6.9.1 Sollecitazione di taglio e torsione . . . 53
6.10 Categorie di collegamenti bullonati . . . . . . 54
6.11 Distribuzione delle forze fra i dispositivi di
giunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
6.12 Detrazione dell’area dei fori per dispositivi di
giunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
6.13 Membrature soggette a trazione assiale . . . 57
7 Unioni saldate 58
7.1 Generalità delle unioni saldate . . . . . . . . 58
7.1.1 Procedimenti di saldatura . . . . . . . 58
7.1.2 Qualifica dei procedimenti di saldatura
(CNR 10011) . . . . . . . . . . . . . 58
7.1.3 Classificazioni delle saldature . . . . 58
7.1.4 Difettosità delle saldature . . . . . . . 60
7.1.5 Particolari imposizioni normative
(CNR 10011) . . . . . . . . . . . . . 62
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate . . . . . 63
7.2.1 La trazione . . . . . . . . . . . . . . . 64
7.3 La flessione e il taglio . . . . . . . . . . . . . 65
7.3.1 La torsione e il taglio . . . . . . . . . 66
7.4 Resistenza e verifica delle unioni saldate . . 67
7.4.1 Unioni a completa penetrazione . . . 67
7.4.2 Giunti con cordoni d’angolo . . . . . . 67
8 Giunzioni 70
8.1 Classificazione dei giunti . . . . . . . . . . . 70
8.1.1 Giunti intermedi . . . . . . . . . . . . 70
8.1.2 Giunti di estremità . . . . . . . . . . . 71
8.2 Modellazione dei giunti . . . . . . . . . . . . 73
8.2.1 Giunti a cerniera . . . . . . . . . . . . 74
8.2.2 Giunti flangiati . . . . . . . . . . . . . 79
8.2.3 Giunti tesi . . . . . . . . . . . . . . . 85
8.2.4 Giunti compressi . . . . . . . . . . . . 91
8.2.5 Giunti trave-colonna . . . . . . . . . . 93
8.2.6 Verifiche su un incastro a flange . . . 97
8.2.7 Nodi di travature reticolari . . . . . . . 98
II Costruzioni in Acciaio II 104
9 Analisi dei sistemi intelaiati 104
9.1 Elementi e classificazione . . . . . . . . . . . 104
9.2 Imperfezioni iniziali . . . . . . . . . . . . . . 104
9.3 Tipologia strutturale e stabilità agli sposta-
menti laterali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
9.4 Teorie e metodi di analisi . . . . . . . . . . . 106
9.4.1 Analisi elastica . . . . . . . . . . . . . 106
9.4.2 Verifica della stabilità trasversale . . . 107
9.4.3 Metodo dei tagli fittizi . . . . . . . . . 107
9.4.4 Analisi plastica: metodi rigido-plastici 108
9.4.5 Analisi plastica: metodi elasto-plastici 109
10 Classificazione dei collegamenti trave-colonna 111
10.1 Metodo per componenti . . . . . . . . . . . . 112
10.1.1 Collegamento trave-colonna bullonato 113
10.1.2 Collegamento trave-colonna saldato . 113
10.2 Collegamento trave-colonna flangiato . . . . 116
10.2.1 Procedura operativa . . . . . . . . . . 119
10.2.2 Rigidezza alla rotazione . . . . . . . . 120
10.2.3 Capacità rotazionale . . . . . . . . . 120
11 Schemi di calcolo EC3 121
11.1 Telaio controventato incernierato . . . . . . . 121
11.2 Telaio controventato a nodi semirigidi . . . . 121
11.3 Telaio controventato con trave continua . . . 122
11.4 Telaio continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
11.5 Edificio monopiano reticolare . . . . . . . . . 123
11.6 Tipologie aggiuntive e dettagli . . . . . . . . 124
11.6.1 Edifici multipiano . . . . . . . . . . . 124
11.6.2 Tipi di controventature . . . . . . . . . 124
11.6.3 Nodi incastro . . . . . . . . . . . . . . 125
11.6.4 Specializzazione nell’assorbimento
dei carichi . . . . . . . . . . . . . . . 125
11.6.5 Nodi cerniera . . . . . . . . . . . . . 125
11.6.6 Controventatura isostatica . . . . . . 125
11.6.7 Strutture speciali . . . . . . . . . . . . 126
11.7 Verifica della stabilità globale della struttura
sotto carichi verticali . . . . . . . . . . . . . . 126
11.8 Schemi di calcolo dei nodi . . . . . . . . . . 127
12 Sistemi strutturali di edifici monopiano 129
12.1 Manti di copertura . . . . . . . . . . . . . . . 129
12.2 Arcarecci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
12.3 Capriate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
12.4 Controvento di falda . . . . . . . . . . . . . . 130
12.5 Controventi verticali . . . . . . . . . . . . . . 131
12.6 Crociere rompitratta . . . . . . . . . . . . . . 131
12.7 Schemi statici . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
12.7.1 Colonne incastrate trasversalmente e
longitudinalmente . . . . . . . . . . . 133
12.7.2 Colonne incastrate trasversalmente e
incernierate longitudinalmente . . . . 133
12.7.3 Colonne incernierate trasversalmente
e longitudinalmente . . . . . . . . . . 134
12.8 Portale trasversale . . . . . . . . . . . . . . 134
12.9 Colonne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
12.10Schemi costruttivi per vie di corsa . . . . . . 136
Rev. B.1 2
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
13 Stabilità dell’equilibrio 137
13.1 Cenni sul metodo dell’energia . . . . . . . . 137
13.1.1 Instabilità di prima specie . . . . . . . 137
13.1.2 Instabilità di seconda specie . . . . . 138
13.1.3 Instabilità di terza specie . . . . . . . 138
13.1.4 Instabilità per cedimento progressivo . 139
13.1.5 Sistema a due gradi di libertà . . . . . 139
13.2 Instabilità dei telai . . . . . . . . . . . . . . . 140
13.3 Cenni normativi (EC3) sulla stabilità . . . . . 141
13.3.1 Asta perfetta . . . . . . . . . . . . . . 141
13.3.2 Asta imperfetta . . . . . . . . . . . . 143
13.3.3 Aste reali - EC3 . . . . . . . . . . . . 144
13.4 Instabilità per pressoflessione . . . . . . . . 147
13.4.1 Coefficiente di adattamento plastico . 148
13.4.2 L’EC3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
14 Membrature composte 150
15 Torsione non uniforme 155
15.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
15.2 Teoria di Vlasov . . . . . . . . . . . . . . . . 156
15.2.1 Calcolo dell’origine principale . . . . . 158
15.2.2 Calcolo del polo principale . . . . . . 159
15.2.3 Equilibrio del momento torcente . . . 160
15.2.4 Soluzione del problema . . . . . . . . 160
15.2.5 Condizioni al contorno . . . . . . . . 161
15.2.6 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
15.2.7 Sollecitazioni miste . . . . . . . . . . 164
16 Stabilità laterale delle travi inflesse 166
16.1 Procedimenti semplificati . . . . . . . . . . . 168
16.2 L’EC3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
17 Instabilità flesso-torsionale 170
18 Travi in acciaio a parete piena 186
19 Profili sottili sagomati a freddo 212
20 Travi composte acciaio-calcestruzzo 234
21 Solette composte acciaio-calcestruzzo 279
22 Colonne composte acciaio-calcestruzzo 292
Introduzione
Gli appunti riportati in questo testo sono una sintesi di quan-
to esposto nell’ambito del corsi di Costruzioni in Acciaio I
1
e
Costruzioni in Acciaio II
2
tenuti dal Prof. Ing. Claudio Ama-
dio.
Buona parte di illustrazioni e testi sono tratti dal libro
“Strutture in Acciaio” di Giulio Ballio e Federico M. Mazzola-
ni (Hoepli) e dal testo “Progettare Costruzioni in Acciaio” di
Giulio Ballio e Claudio Bernuzzi (Hoepli).
Si è cercato di riportare in modo quanto più fedele pos-
sibile i concetti espressi durante le lezioni e di integrarli con
le formule di calcolo che si possono ritrovare nelle Norme
Tecniche per le Costruzioni D.M. 14/01/2008 ed EC3.
Data la particolare dinamicità con cui si modificano i
piani di studio abbiamo ritenuto opportuno mettere a dispo-
sizione i files sorgenti di questa dispensa, in modo da age-
volarne l’aggiornamento. L’archivio è disponibile al seguen-
te indirizzo internet: http://sites.google.com/site/
costruzioniacciaiotrieste/.
1
Parte prima
2
Parte seconda
Rev. B.1 3
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Parte I
Costruzioni in Acciaio I
1 Il materiale
1.1 Proprietà chimiche
Il ferro allo stato puro non trova applicazioni nelle costruzio-
ni. Esso risulta molto duttile e malleabile.
Con il termine acciaio si intendono particolari leghe
ferro-carbonio che si distinguono in due grandi categorie:
• ghisa, per valori di carbonio superiori all’1,7%;
• acciaio, per tenori di carbonio inferiori. Si distinguono,
inoltre, acciai:
– extra-dolci, per C < 0,15%, comunemente
denominati ferro;
– dolci, per C = 0,15 ÷ 0,25 %;
– semiduri, per C = 0,25 ÷ 0,50 %;
– duri, per C = 0,5 ÷ 0,75 %;
– durissimi, per C > 0,75 %;
Figura 1.1: Perlite
Il carbonio può presentarsi sotto forma di:
• grafite →Ghise grigie;
• cementite →Acciai, Ghisa bianca;
Negli acciai da costruzione, dove 0, 1 ≤ %C ≤ 0, 3, la ce-
mentite si trova in forma lamellare, con lamelle di cementite
alternate a lamelle di ferrite. Questa particolare configura-
zione prende il nome di perlite. Questa viene ottenuta dalla
trasformazione diretta dell’austenite, per raffreddamento al
di sotto del punto critico A1 (temperatura di 727°, sotto la
quale l’austenite non è più stabile e tende a trasformarsi in
una struttura stabile come la ferrite e/o la perlite).
La percentuale di carbonio influenza notevolmente la
resistenza e la deformabilità dell’acciaio. In generale al-
l’aumentare di questa percentuale si nota un aumento di
resistenza a fronte di una perdita di duttilità e saldabilità.
Altri elementi aggiunti possono modificare diverse pro-
prietà degli acciai: la presenza di manganese in percentuali
inferiori all’1, 5% e silicio in percentuali inferiori allo 0, 6%
permettono di ottenere acciai saldabili di elevata resistenza
e basso contenuto di carbonio.
Elementi come lo zolfo e il fosforo (già presenti nel minerale
e nel coke
3
) sono molto dannosi in quanto, se presenti in
percentuali superiori allo 0, 05%, riducono la saldabilità e
rendono fragile il materiale.
Con l’uso di altri elementi è possibile ottenere leghe con
diverse proprietà fisiche. Ne elenchiamo solo alcuni:
• Acciai al nichel: quello più comune ha un tenore
di nichel del 36% ed è noto anche come acciaio IN-
VAR, perché ha un coefficiente di dilatazione termica
estremamente ridotto.
• Acciai al manganese: il manganese aumenta la pe-
netrazione della tempra negli acciai, ma diminuisce la
resilienza rendendoli più fragili se non si usano op-
portune precauzioni durante il trattamento termico di
rinvenimento. Aumenta in generale la durezza e la
resistenza all’usura.
• Acciai al cobalto: non si ossida e viene aggiunto in
ogni momento. Il solo elemento che aumenta la ve-
locità critica e quindi diminuisce la penetrazione della
tempra. Rende più stabile la martensite quindi rende
meno sensibile la lega al rinvenimento. La lavorabilità
a caldo è ridotta.
3
Il coke è utilizzato come combustibile e come agente riducente nei forni fusori dei minerali metalliferi. Quello ottenuto come residuo dei processi di
raffinazione del petrolio può assomigliare a quello proveniente dal carbone, ma contiene troppe impurità per essere utilizzato in applicazioni metallurgiche.
Rev. B.1 4
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
1.2 Processo produttivo
1.2.1 Estrazione dei minerali
Figura 1.2: Altoforno
L’estrazione dei materiali ferrosi dalle cave o dalle miniere
prevede la frantumazione del minerale estratto, il lavaggio e
il vaglio di quanto ottenuto mediante separazione magneti-
ca o gravitazionale. Il materiale è pronto per la fusione in
altoforno.
1.2.2 Produzione della ghisa grezza
La prima fase di ossidoriduzione consente di ottenere la
ghisa detta di altoforno, caratterizzata da tenori di carbonio
molto alti (3, 5% < %C < 5, 0%).
La lavorazione inizia con la preparazione della cosiddetta
”carica”, ossia un composto di minerale ferroso, coke e cal-
care. Il passo successivo consiste nell’introdurla nella bocca
dell’altoforno, posta alla sua cima, con montacarichi a piano
inclinato. All’interno, l’aria calda proveniente dal Cowper
4
surriscalda il coke, che diventa subito incandescente grazie
all’ossigeno in esso contenuto. Grazie alla formazione di
monossido di carbonio (CO) avviene la seguente reazione:
FeO + CO → Fe + CO
2
, ossia si separa l’ossigeno dal ferro
presente nei minerali caricati.
Una successiva fase di affinazione della ghisa consente di
eliminare gran parte del carbonio, del silicio, del manganese
e dello zolfo. In questa fase di ossidazione della ghisa allo
stato liquido possono essere impiegati anche rottami o scar-
ti di officina. Per questa lavorazione si utilizzano forni Martin
Siemens, forni ad arco elettrico, convertitori Bressemer o
Thomas e convertitori ad ossigeno. Il processo termina con
un ultima diossidazione che permette di ridurre il contenu-
to di ossigeno che porterebbe ad avere acciai effervescenti
e fragili. L’acciaio liquido viene poi colato e tagliato in lingotti.
1.2.3 Lavorazione dell’acciaio
Le lavorazioni che si vanno ad effettuare sull’acciaio nella fa-
se di produzione al fine di ottenere prodotti per le costruzioni
sono:
• Laminazione: eseguita a freddo o a caldo, consente
di ottenere i profilati e le lamiere da carpenteria;
• Fusione: consiste nel getto dell’acciaio fuso in stampi;
• Fucinatura: per ottenere elementi particolari (piastre
di appoggio, ganci, ecc).
Nelle costruzioni si adoperano principalmente prodotti la-
minati sia a caldo che a freddo; vale dunque la pena
approfondire il funzionamento di questi due processi di
lavorazione.
1.2.4 Laminazione a caldo
Figura 1.3: Tensioni residue nei laminati a caldo
Nella laminazione a caldo i lingotti vengono riscaldati ad una
temperatura di circa 1250°C e fatti passare attraverso una
serie di cilindri contrapposti ruotanti in senso inverso rispetto
al verso di marcia del pezzo.
Prima di ottenere il prodotto finale sono necessari molti pas-
saggi che vanno ad intervenire sul reticolo cristallino del ma-
teriale. Con i vari passaggi si ottiene un affinamento della
grana, l’eliminazione delle soffiature presenti ed il migliora-
mento delle proprietà meccaniche e deformative.
Si viene però a perdere l’isotropia e si introducono delle
4
Impianto che permette di recuperare il calore dei gas in uscita dall’altoforno per il riscaldamento dell’aria da insufflare nell’altoforno stesso.
Rev. B.1 5
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
tensioni nel materiale dovute al raffreddamento non con-
temporaneo delle parti più periferiche rispetto a quelle in-
terne. L’entità delle tensioni residue così generate dipen-
de dai legami tensioni-deformazioni del materiale al variare
della temperatura. Essa è condizionata, inoltre, dalla con-
ducibilità termica k, dal calore specifico c, dal coefficiente di
dilatazione termica α e dal peso specifico γ.
1.2.5 Laminazione a freddo
Con la laminazione a freddo si producono lamiere di spes-
sore minore, che non sarebbero ottenibili con la laminazione
a caldo.
Anche in questo caso sono presenti delle tensioni residue,
che saranno di compressione in superficie e di trazione nel-
l’interno delle lamiere. L’origine di queste tensioni è da im-
putarsi, anche in questo caso, ad un raffreddamento non
omogeneo ed al processo di lavorazione che vede la ten-
denza delle zone superficiali ad allungarsi, rispetto al centro
del materiale che non viene deformato. Il processo, infatti,
provoca un incrudimento del materiale ed un aumento del-
la sua durezza (effetto combinato della trazione del nastro
e della compressione dei rulli). Segue poi una ricottura at-
ta ad aumentare la lavorabilità del pezzo ed una ulteriore
laminazione, utile ad eliminare le deformazioni formatesi in
ricottura.
1.3 Trattamenti termici
Per essere utilizzati nelle costruzioni o in ambito industriale
gli acciai, una volta laminati, devono essere sottoposti a trat-
tamenti termici che ne aumentino le prestazioni in termini di
resistenza, duttilità, saldabilità, resilienza, ecc.
I trattamenti termici più comunemente utilizzati sono:
• ricottura: si tratta di un riscaldamento a temperatura
elevata seguito da un lento raffreddamento che rende
omogenea la matrice del materiale e ne aumenta la
lavorabilità;
• normalizzazione: è una ricottura ad una temperatura
tale da ottenere una completa trasformazione in accia-
io austenitico (900 °C - 950 °C). Vengono a formarsi
ferrite e perlite a grana fine che garantiscono ottime
proprietà meccaniche. Annulla qualunque trattamento
termico precedente;
• distensione: riscaldamento a temperatura relativa-
mente bassa per eliminare le tensioni residue;
• tempra: riscaldamento fino a temperatura di completa
austenizzazione seguita da un rapido raffreddamento
ad aria od olio. Si ottiene un prodotto molto duro ma
fragile ricoperto di uno strato di martensite;
• rinvenimento: riscaldamento a temperatura poco ele-
vata di un acciaio temprato allo scopo di attenuare la
durezza ed aumentare la duttilità;
• bonifica: si tratta di un trattamento termico che
combina la tempra col rinvenimento.
• cementazione: consiste nel riscaldare l’acciaio a
contatto con sostanze solide, liquide o gassose in
grado di cedergli carbonio. É un trattamento su-
perficiale applicato specialmente nei campi dell’inge-
gneria meccanica per conferire maggiore resistenza
all’usura.
1.4 Proprietà meccaniche
Riassumiamo in una tabella le principali proprietà dell’accia-
io da carpenteria metallica.
Simbolo Valore
Peso specifico γ 7876
kg
m
3
Modulo elastico E 2, 1 10
6 kgf
cm
2
≈ 2, 1 10
5 N
mm
2
[MPa]
Tensione di rottura
a trazione f
t
Fe 360: 360 ÷ 460
Fe 430: 430 ÷ 530
N
mm
2
Fe 510: 510 ÷ 610
Tensione di
snervamento f
y
Fe 360: ≥ 235
Fe 430: ≥ 275
N
mm
2
Fe 510: ≥ 355
Conducibilità termica k 0, 113
cal
cm·s·C
Coefficiente di
dilatazione lineare α 12, 5 10
−6
/C
1.5 Prove di laboratorio
1.5.1 Prova di trazione
La prova completa di trazione consente di determinare di-
versi parametri del materiale e viene applicata a provini le
cui forme sono dedotte dalle UNI 556. Le informazioni che
questa prova consente di ottenere sono:
• tensione di rottura;
• tensione di snervamento;
• allungamento percentuale a rottura;
• tipo di rottura;
• limite di proporzionalità;
• limite di elasticità;
• modulo elastico.
Il provino
5
, sottoposto ad uno stato di sollecitazione mo-
noassiale, presenta un comportamento come quello sche-
matizzato in figura 1.5. Si distinguono diversi comportamenti
all’aumentare delle deformazioni:
• tratto OP: il legame σ − è lineare ed individuato dal
modulo di elasticità normale (modulo di Young) E =
σ

.
Questo tratto termina con una tensione superiore f
0
,
detta anche tensione limite di proporzionalità
6
;
5
dagli acciai extra-dolci a quelli semi-duri
6
quando lo snervamento non si mostra marcato questa tensione si fissa convenzionalmente allo 0,01% di deformazione
Rev. B.1 6
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
• tratto PE: in questo secondo tratto il comportamento
si mostra ancora elastico, ma non più lineare e viene
definito dal modulo istantaneo (tangente) E
t
=

d
. La
tensione limite superiore di questo campo viene detta
tensione limite di elasticità
7
;
• tratto ES: il comportamento non è più elastico, per
cui scaricando il provino si nota una discesa rettilinea
e parallela al tratto iniziale OP che termina con una
deformazione residua
r
;
• tratto SI: a partire dal valore f
y
gli acciai extra-
dolci presentano il fenomeno dello snervamento, che
si manifesta con un allungamento spontaneo senza
incrementi di tensione;
• tratto IR: a snervamento esaurito il materiale pre-
senta una ripresa di resistenza dovuta al fenomeno
dell’incrudimento, fino al valore f
t
della tensione di
rottura.
• tratto RF: il diagramma decresce per assestarsi sul
valore di deformazione ultima
t
, detto allungamen-
to a rottura, in corrispondenza del quale il provino
si rompe. L’andamento decrescente del diagramma
σ − è solo apparente, in quanto a causa della con-
trazione laterale del provino, lo stato tensionale non è
più monoassiale ed il fenomeno della strizione prevale
sull’incrudimento.
Figura 1.5: Legame costitutivo σ −
L’allungamento percentuale a rottura si calcola su lun-
ghezze diverse a seconda del provino che si è sottoposto
alla prova di trazione
8
:
• l
0
= 5φ se il provino è circolare;
• l
0
= 5, 65

A
0
per laminati (UNI 556).
L’allungamento è calcolato come:
A% =
∆l
l
0
100 (1.1)
La prova completa di trazione può essere eseguita a
temperature diverse allo scopo di fornire la variabilità del-
le caratteristiche meccaniche con la temperatura. Questi
dati interessano il comportamento delle strutture alle alte
temperature ed il problema della resistenza al fuoco
9
.
1.5.2 Prova di compressione globale
Importata dagli USA e denominata stub column test, si effet-
tua su profilati di dimensioni opportune (tali da evitare un’in-
stabilità precoce) ed è utile alla valutazione dell’influenza
delle tensioni residue e della non omogenea distribuzione
dello snervamento lungo la sezione trasversale. Questi fat-
tori, infatti, giocano un ruolo degradante sulla resistenza a
compressione dei profilati.
1.5.3 Prova di durezza
Le prove di durezza vengono effettuate con appositi appa-
recchi che si differenziano principalmente per la forma del
penetratore (Brinnel, Vickers, Rockwell ) e sono basate sulla
misura del diametro dell’impronta di penetrazione nel provi-
no di una sfera di acciaio sottoposta ad un carico F per un
certo intervallo di tempo.
La durezza Brinnel è calcolata con la formula:
HB =
2F
πd(d −
_
d
2
−d
2
0
)
[N/mm
2
]
dove d è il diametro della sfera e d
0
il diametro dell’impronta.
Figura 1.6: Prova di durezza
7
quando lo snervamento non si mostra marcato questa tensione si fissa convenzionalmente allo 0,02% di deformazione
8
in quanto l’aumento percentuale di lunghezza misurato sul provino a cavallo della sezione ove si è verificata la rottura, varia al variare della lunghezza
della base di misura a causa della presenza della strizione che rende l’allungamento specifico variabile lungo l’asse del provino.
9
un esempio: si osserva, per un Fe 600, che a partire da una temperatura di 200 °C tende a scomparire il fenomeno dello snervamento e le curve
presentano un andamento continuo.
Rev. B.1 7
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
1.5.4 Prova di resilienza
Figura 1.7: Prova di resilienza
La prova di resilienza è utile a determinare la tenacità di un
acciaio, intesa come resistenza alla rottura fragile. Si ef-
fettua con il pendolo di Charpy ed un provino provvisto di
intagli unificati. Il meccanismo di funzionamento è il seguen-
te: un apposito martello viene lasciato cadere da un’altezza
h
0
, l’urto rompe il provino e la massa battente risale fino ad
un’altezza h.
La quantità h
0
−h è proporzionale all’energia di rottura della
provetta che, rapportata all’area di rottura fornisce per defini-
zione il valore della resilienza, che di norma viene espressa
in Nm cm
−2
.
Eseguendo prove di resilienza a varie temperature, si può
osservare che esiste una temperatura detta temperatura di
transizione T

, al di sotto della quale la resilienza si riduce
a valori estremamente bassi, considerati inammissibili. La
temperatura di transizione dipende strettamente dalla com-
posizione chimica dell’acciaio. Operando sul contenuto di
carbonio e manganese si possono ottenere temperature di
transizione fino a -35 °C.
Le norme impongono valori minimi di 27J su provino uni-
ficato di 0, 8cm
2
di sezione con intaglio a V (tipo KV) alle
temperature di +20 °C, 0 °C e -20 °C.
Si può verificare che la rottura fragile perviene anche per
l’impossibilità delle tensioni tangenziali di raggiungere il va-
lore critico sul piano più favorevolmente orientato (rottura per
decoesione).
1.6 Proprietà chimiche
1.6.1 Saldabilità
Il procedimento di saldatura venne impiegato fin dall’inizio
del secolo scorso per ovviare agli inconvenienti connessi
all’uso dei chiodi. Ogni processo di saldatura comporta la
fusione locale del materiale base, il raggiungimento di
alte temperature in zone limitrofe e un rapido raffred-
damento e ritiro che inducono profonde modificazioni di
carattere chimico, fisico e tensionale.
I fenomeni metallurgici sono essenzialmente due: la solidi-
ficazione del materiale fuso nelle varie passate di saldatura
ed il trattamento termico della zona di materiale base circo-
stante il cordone di saldatura. La saldatura è caratterizzata
da piccole masse di metallo portate rapidamente in fusione
e rapidamente raffreddate per effetto dell’assorbimento di
calore da parte del metallo circostante. Si tratta quindi di
cicli termici con elevata velocità di raffreddamento, che pos-
sono provocare effetti simili a quelli della tempra.
In generale è richiesta:
• l’assenza di cricche a caldo;
• la non eccessiva durezza;
• che non si manifesti la tendenza alla rottura fragile.
La norma prevede di escludere gli acciai effervescenti e
identifica tre gradi di saldabilità:
C P S
B ≤ 0, 24% ≤ 0, 055% ≤ 0, 055%
C ≤ 0, 22% ≤ 0, 050% ≤ 0, 050%
D ≤ 0, 22% ≤ 0, 045% ≤ 0, 045%
e fissa un limite di resilienza per tutti i tipi di acciaio
10
a
differenti temperature:
B +20 °C
C 0 °C ≥ 27J
D -20 °C
Nella carpenteria si esclude il grado B in quanto la tem-
peratura di 20 °C alla quale vengono richiesti 27 J di resilien-
za KV non è sufficientemente bassa per coprire il campo di
temperature al quale è sottoposta un opera civile. La tempe-
ratura minima alla quale l’acciaio di un opera di una struttura
saldata può essere utilizzato deve essere stimata sulla base
della temperatura alla quale l’acciaio garantisce una resilien-
za KV maggiore a 27 J. Per spessori maggiori a 40 mm può
essere opportuno attenersi a temperature inferiori a quella
di esercizio, mentre per spessori di circa 10 mm la tempe-
ratura può essere innalzata fino a 30 °C a discrezione del
progettista.
10
Fe 360, Fe 430, Fe 510
Rev. B.1 8
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
1.6.2 Corrosione
Figura 1.8: Acciaio COR-TEN
La corrosione si presenta in diverse forme che sono legate
sia al tipo di materiale che al tipo di ambiente. Essa può defi-
nirsi come un fenomeno di alterazione del materiale causato
da aggressione chimica o elettrochimica della superficie.
Essa può essere di due tipi:
• corrosione per solubilizzazione: il processo corro-
sivo necessita che sulla superficie del materiale sia
presente acqua (allo stato liquido o di vapore);
• corrosione elettrochimica: le cause che portano a
questo tipo di corrosione possono essere differenze
di potenziale, differenze di costituzione, inclusioni o
differenti concentrazioni dell’elettrolita.
L’entità del fenomeno corrosivo dipende dal tipo di ac-
ciaio e dagli elementi che vengono aggiunti al fine di mi-
gliorarne le caratteristiche chimiche: basse percentuali di
carbonio rendono il materiale più aggredibile mentre rame,
nichel, cromo e vanadio contribuiscono alla creazione di uno
strato superficiale uniforme e compatto che lo rende molto
più resistente
11
.
La protezione che si può attuare per proteggere i metalli
dalla corrosione è di due tipi:
• passiva: mediante verniciatura o zincatura;
• attiva: es. protezione catodica (tubazioni).
1.6.3 Zincatura
Al fine di proteggere mediante zincatura, il pezzo deve su-
bire dei trattamenti atti a predisporre un buon supporto. La
superficie va dapprima sgrassata con l’ausilio di solventi; se-
gue poi una fase di pulitura a mano o meccanica; vengono
poi effettuate la sfiammatura, la spazzolatura e la sab-
biatura (con sabbia silicea e graniglia di acciaio); l’ultima
fase prima della verniciatura è il decapaggio che prevede
l’immersione in vasche con acido cloridrico o acido solfori-
co caldo (quest’ultimo è un passaggio indispensabile per la
zincatura a caldo).
La zincatura può essere fatta in quattro modi:
• a caldo: prevede l’immersione in zinco fuso tenuto
mediamente alla temperatura di 455 gradi; in questa
fase lo zinco, oltre a ricoprire l’acciaio, entra anche in
lega con lo strato superficiale conferendo resistenza
meccanica e il giusto grip al materiale trattato;
• elettrolitica: il materiale è immerso in una soluzione
contenente sali di zinco e viene creato un passaggio
di corrente tra il pezzo e la soluzione che fa depositare
lo zinco metallico sulla superficie del pezzo stesso;
• a freddo: viene applicata come una normale verni-
ce di fondo con il potere antiossidante sempre legato
all’azione galvanica dello zinco;
• a spruzzo (proiezione): consiste nello spruzzare lo
zinco fuso, finemente polverizzato, sulla superficie del-
l’acciaio preventivamente sabbiato a metallo bianco.
La caratteristica dello zinco è quella di formare un film
denso ed aderente che ha una bassissima velocità di
corrosione.
Lo zinco ha un potenziale più elettronegativo (meno no-
bile) dell’acciaio, quindi, in caso di rotture o porosità del film
protettivo, esso stesso diventa l’anodo sacrificale nella cor-
rosione elettrolitica e si consuma.
Lo spessore degli strati che si vengono a formare è quan-
tificato in 50µm per il processo a spruzzo e può essere
paragonato ad una quantità di zinco pari a 350
g
m
2
, men-
tre nel processo a caldo la quantità depositata è circa di
450÷600
g
m
2
. La perdita di peso che annualmente coinvolge
le strutture, dipendentemente dall’ambiente di esposizione
può essere quantificata in:
Atmosfera industriale 45 ÷60
g
m
2
Atmosfera urbana 21 ÷30
g
m
2
Atmosfera marina 18 ÷36
g
m
2
Atmosfera extra-urbana 6 ÷12
g
m
2
1.6.4 Protezione catodica
Per le strutture interrate (come i serbatoi) l’innesco del pro-
cesso di corrosione è dovuto alla presenza di correnti vagan-
ti dovute a impianti che usano il terreno come conduttore o
a fenomeni naturali.
Un metodo per proteggere queste strutture è, oltre alla pro-
tezione passiva, quello della protezione catodica.
Si creano delle correnti impresse I
P
molto più forti delle cor-
renti di corrosione I
C
in modo da annullare l’effetto di queste
ultime e quindi la corrosione del materiale protetto (catodo).
11
vedi l’acciaio COR-TEN: acciaio basso legato con 0,2-0,5% di rame, 0,5-1,5% di cromo, 0,02-0,04% di fosforo e 0,4% di nichel con resistenze di
snervamento fino a 580 MPa.
Rev. B.1 9
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
É ovvio che per evitare forti correnti di protezione e quindi
una eventuale F.e.M., è meglio proteggere il metallo in modo
passivo (I
C
basse). In questo modo è il dispersore ad essere
corroso e quindi ad essere sostituito dopo un certo periodo
di tempo.
Rev. B.1 10
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
2 Sicurezza strutturale (NTC 2008,
EC3)
2.1 Approccio probabilistico alla valutazione
della sicurezza
La valutazione dei margini di sicurezza di una costruzione
è legata al grado di conoscenza dei fattori che regolano la
meccanica strutturale. Lo stato delle conoscenze dei feno-
meni che interessano il sistema è sempre inevitabilmente
incompleto o noto con incertezza e quindi affetto da alea-
torietà. Il calcolo delle probabilità è una disciplina nata allo
scopo di rendere matematicamente quantificabile lo stato di
conoscenze limitato relativo a un certo fenomeno di interes-
se. In altre parole, la teoria delle probabilità non fa altro che
tradurre in un linguaggio matematico (e quindi codificato) la
fiducia che si ha sull’esito di un certo fenomeno sulla base
di quanto si è in grado di descriverlo in tutti i suoi aspetti. In
questo contesto la sicurezza strutturale assume, attraverso
il concetto di affidabilità, una definizione quantitativa.
Si può dire che l’affidabilità R(T) di un sistema è la probabi-
lità che la sua missione sia portata a termine con successo
nell’intervallo di tempo di interesse (0,T).
L’affidabilità R(T) di una strutture è la probabilità che essa
sia ’funzionante’, secondo i criteri stabiliti, al tempo T.
La probabilità di ’collasso’ P
f
è il complemento a uno del-
l’affidabilità. Esprime il rischio del raggiungimento di una si-
tuazione per cui la struttura non garantisce più le prestazioni
richieste.
P
f
= 1 −R(T) = 1 −P
r
(sopravvivenza al tempo T) (2.1)
L’obiettivo della sicurezza strutturale è il controllo del-
la probabilità di collasso per una struttura nuova o la sua
valutazione per una struttura esistente.
2.1.1 Stati limite
Si definisce stato limite una situazione a partire dalla quale
una struttura, o una delle sue parti, cessa di assolvere al-
la funzione alla quale era destinata e per la quale era stata
progettata e costruita. Il superamento di uno stato limite cor-
risponde ad una perdita di funzionalità da parte della strut-
tura.
Si distingue tra:
• Stati Limite Ultimi (SLU): la perdita di funzionalità è
associata ad una vera e propria perdita della capacità
portante (locale o globale) della struttura, che in gene-
re può mettere in pericolo la sicurezza delle persone
o comportare la perdita di beni, provocare gravi danni
ambientali e sociali, mettere fuori servizio l’opera;
• Stati Limite di Esercizio o servizio (SLE): la perdi-
ta di funzionalità corrisponde a un mancato soddisfa-
cimento di prescritti requisiti di esercizio. Può avere
carattere reversibile o irreversibile.
In sintesi la verifica della sicurezza in senso probabilisti-
co può essere sintetizzata in:
a) definizione dello stato limite nei confronti del quale ci
si vuole cautelare;
b) valutazione della corrispondente probabilità di insuc-
cesso o collasso P
f
;
c) verifica che la probabilità di insuccesso sia sufficien-
temente piccola da poter essere accettata ovvero
inferiore a un prefissato valore P

f
.
P
f
≤ P

f
(2.2)
2.1.2 Metodo semiprobabilistico agli stati limite (meto-
di di I°livello)
Il funzionamento delle strutture è regolato da enti che, per
motivi diversi, non sono noti con certezza, o per meglio di-
re, sono noti con incertezza (azioni, proprietà dei materiali
ecc..). Tutte queste grandezze sono rappresentabili da va-
riabili aleatorie (VA) grandezze che, pur essendo determi-
nate, non sono note allo stato delle conoscenze del proget-
tista.
L’incertezza sul valore di ciascuna variabile aleatoria si può
caratterizzare attraverso la cosiddetta funzione distribuzio-
ne cumulata (CDF), che si indica spesso come F(x). Essa
è una funzione che associa a ogni possibile valore della va-
riabile X la probabilità che essa assuma valore inferiore a
x:
F(x
1
) = P
r
(x ≤ x
1
) (2.3)
(con la lettera minuscola si indica un particolare valore
possibile della variabile aleatoria e come tale esso prende
anche il nome di realizzazione della VA).
Un’altra funzione che spesso si usa per caratterizzare
una variabile aleatoria è la funzione densità di probabilità
(PDF) che si indica come f(x). È la derivata della CDF.
La PDF, moltiplicata per l’infinitesimo dx, associa a ogni
specifico valore x la probabilità che X sia compresa tra x e
x + dx.
L’area sottesa dalla f(x) alla sinistra di x corrisponde a
F(x).
Nota la funzione di densità di probabilità f(x) della sollecita-
zione S e della resistenza R (fig. 2.1), la normativa opera
nel seguente modo:
S
d
= γ
f
S
k

R
k
γ
mj
= R
d
(2.4)
Rev. B.1 11
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 2.1: Calibrazione valori di progetto e caratteristici
I due termini R
d
e S
d
sono detti valori di progetto (design)
di resistenza e sollecitazione. I coefficienti γ
mj
e γ
f
sono det-
ti coefficienti parziali di sicurezza, il primo tiene conto delle
incertezze sulla conoscenza delle caratteristiche del mate-
riale, il secondo, applicato ai carichi, tiene conto della pos-
sibilità di variazioni sfavorevoli delle azioni, della poca accu-
ratezza del modello delle azioni (sisma, vento ecc..) e del-
l’incertezza nella valutazione degli effetti delle azioni stesse.
I valori di γ
mj
per l’acciaio sono riportati in tabella 2.1 come
definiti dalla NTC 2008.
Tabella 2.1: Valori dei coefficienti di sicurezza per le
membrature e stabilità
Resistenza delle sezioni di classe 1-2-3-4 γ
m0
= 1,05
Resistenza all’instabilità delle membrature γ
m1
= 1,05
Resistenza all’instabilità delle membrature
di ponti stradali e ferroviari γ
m1
= 1,10
Resistenza, nei riguardi della frattura,
delle sezioni tese (indebolite dai fori) γ
m2
= 1,25
In genere i valori nominali delle variabili (detti valori ca-
ratteristici) corrispondono ai frattili 5%e 95%rispettivamente
per le resistenze (o in generale per le grandezze che opera-
no a favore di sicurezza) e per le azioni (o in generale per
quelle che operano a sfavore di sicurezza). I valori di pro-
getto si riferiscono a frattili di circa un ordine di grandezza
inferiore (rispettivamente circa 0.5% e 99.5%).
Definendo P
r
= P(R ≤ S) la probabilità di rovina, si ha
che le NTC 2008 come l’EC3 sono tarati in modo che:
• S.L.U.: P
r
= 10
−5
per costruzioni normali e P
r
= 10
−6
per costruzioni strategiche;
• S.L.E.: P
r
= 10
−2
per costruzioni normali e P
r
= 10
−3
per costruzioni strategiche.
Questi valori della Probabilità di rovina corrispondono a
periodi di ritorno ∆T:
• S.L.U.: ∆T = 10 ÷20 T
s
;
• S.L.E.: ∆T = 0.2 ÷0.5 T
s
.
Dove T
s
rappresenta il tempo di vita attesa della struttura
(normalmente 50 anni).
2.2 Azioni sulle strutture
Per quanto riguarda le azioni da utilizzare nelle verifiche agli
stati limite esse si classificano:
a) secondo la modalità di applicazione:
- dirette (da forze o carichi);
- indirette (da spostamenti o deformazioni impo-
ste);
- da degrado (da alterazioni delle proprietà dei
materiali).
b) secondo la modalità di risposta nella struttura:
- statiche (non provocano accelerazioni);
- dinamiche (provocano accelerazioni);
- pseudo-statiche (dinamiche ma rappresentabili
da forze statiche equivalenti).
c) secondo la variazione d’intensità nel tempo:
- azioni permanenti (G, g) quelle che agiscono du-
rante tutta la vita nominale della costruzione e la
cui variazione di intensità è tale da poterle consi-
derare costanti (ad es. pesi propri, spostamenti
differenziali, ecc..);
- azioni variabili (Q, q) quelle che hanno valori
istantanei che possono variare significativamen-
te nel tempo. Tali azioni si dicono di lunga du-
rata se agiscono per un tempo non trascurabile
rispetto alla vita nominale della struttura; di breve
durata altrimenti;
- azioni eccezionali (A) quelle che si verificano so-
lo eccezionalmente nel corso della vita nominale
(per esempio incendi, esplosioni, impatti, ecc.);
- azioni sismiche
12
(E) quelle derivanti dai terre-
moti.
2.2.1 Combinazioni delle azioni
Le combinazioni delle azioni permanenti e variabili ai fini del-
le verifiche degli stati limite sono, facendo riferimento alle
NTC 2008, le seguenti:
12
nell’EC3 le azioni sismiche vengono incluse nelle azioni eccezionali (A)
Rev. B.1 12
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
• Combinazione fondamentale, generalmente impiegata
per gli stati limite ultimi (SLU)
13
:
F
d
=
m

j =1
γ
Gj
G
kj

Q1
Q
k1
+
n

i =2
γ
Q1
ψ
0i
Q
ki
; (2.5)
• Combinazione caratteristica (rara), generalmente
impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE)
irreversibili
14
:
F
d
=
m

j =1
G
kj
+ Q
k1
+
n

i =2
ψ
0i
Q
ki
; (2.6)
• Combinazione frequente, generalmente impiegata per
gli stati limite di esercizio (SLE) reversibili:
F
d
=
m

j =1
G
kj
+ ψ
11
Q
k1
+
n

i =2
ψ
2i
Q
ki
; (2.7)
• Combinazione quasi permanente (SLE), generalmen-
te impiegata per gli effetti a lungo termine (nelle strut-
ture miste acciaio-cls per tener conto del ritiro e della
viscosità):
F
d
=
m

j =1
G
kj
+
n

i =1
ψ
2i
Q
ki
; (2.8)
• Combinazione sismica, impiegata per gli stati limite
ultimi e di esercizio connessi all’azione sismica E:
F
d
= E +
m

j =1
G
kj
+
n

i =1
ψ
2i
Q
ki
; (2.9)
• Combinazione eccezionale, impiegata per gli stati li-
mite ultimi connessi alle azioni eccezionali di progetto
A
d
:
F
d
=
m

j =1
G
kj
+ A
d
+
n

i =1
ψ
2i
Q
ki
; (2.10)
Nelle combinazioni i coefficienti i γ
ij
sono coefficienti par-
ziali amplificativi dei carichi e i ψ
ij
sono coefficienti di combi-
nazione che servono tenere conto della probabilità di acca-
dimento contemporaneo di azioni di diversa natura.
Con Q
k1
si indica l’azione variabile dominante e con Q
k2
,
Q
k3
ecc. azioni variabili che possono agire contemporanea-
mente a quella dominante. I valori dei coefficienti i γ
ij
da as-
sumere per la determinazione degli effetti delle azioni nelle
verifiche agli SLU sono riportati nella tabella 2.2.
Le azioni variabili Q
kj
vengono combinate con i coef-
ficienti di combinazione ψ
ij
e i cui valori sono forniti nella
tabella 2.3.
Il valore caratteristico di un’azione variabile Q
k
è il valore
corrispondente a un frattile relativo al 95 %della popolazione
dei massimi, in relazione al periodo di riferimento dell’azione
variabile stessa.
Con riferimento alla durata percentuale relativa ai livelli di
intensità dell’azione variabile, si definiscono:
• valore raro (o di combinazione) ψ
0j
Q
kj
: il valore di du-
rata breve ma ancora significativa nei riguardi della
possibile concomitanza con azioni variabili;
• valore frequente ψ
1j
Q
kj
: il valore corrispondente al
frattile 95 % della distribuzione temporale dell’intensi-
tà e cioè che è superato per una limitata frazione del
periodo di riferimento;
• valore quasi permanente ψ
2j
Q
kj
: la media della
distribuzione temporale dell’intensità.
2.3 Materiali
2.3.1 Proprietà dei materiali per acciai laminati a caldo
Per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture
composte si dovranno utilizzare acciai conformi alle norme
armonizzate della serie UNI EN 10025 (per i laminati), UNI
EN 10210 (per i tubi senza saldatura) e UNI EN 10219-1
(per i tubi saldati), recanti la Marcatura CE.
In sede di progettazione si possono assumere conven-
zionalmente i seguenti valori nominali delle proprietà del
materiale:
modulo elastico E = 210.000 N/mm
2
modulo di elasticita trasversale G = E / [2 (1 + ν] Nmm
2
coefficiente di Poisson ν = 0,3
coefficiente di espansione termica α= 12 x 10
−6
per C
−1
densità ρ= 7850 kg/m
3
Sempre in sede di progettazione, per gli acciai di cui al-
le norme europee EN 10025, EN 10210 ed EN 10219-1, si
possono assumere nei calcoli i valori nominali delle tensio-
ni caratteristiche di snervamento f
yk
e di rottura f
tk
riportati
nella fig. 2.2.
Per poter effettuare un’analisi plastica devono essere poi
verificate le seguenti condizioni (Specifiche per acciai da
carpenteria in zona sismica NTC 2008):
• per gli acciai da carpenteria il rapporto fra i valori carat-
teristici della tensione di rottura f
tk
(nominale) e la ten-
sione di snervamento f
yk
(nominale) deve essere mag-
giore di 1,20 e l’allungamento a rottura A
5
, misurato
13
l’EC3 prevede, per gli edifici comuni, che questa possa essere sostituita da:
– F
d
=

m
j =1
G
kj
+ γ
Q1
· Q
k1
considerando l’azione variabile più sfavorevole;
– F
d
=

m
j =1
G
kj
+ 0, 9

m
i =1
γ
Q1
· Q
ki
considerando tutte le azioni variabili sfavorevoli;
14
l’EC3 prevede, per gli edifici comuni, che questa possa essere sostituita da:
– F
d
=

m
j =1
G
kj
+ Q
k1
considerando l’azione variabile più sfavolevole;
– F
d
=

m
j =1
G
kj
+ 0, 9

m
i =1
Q
ki
considerando tutte le azioni variabili sfavorevoli;
Rev. B.1 13
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Tabella 2.2: Coefficienti parziali per le azioni o per l’effetto delle azioni nelle verifiche SLU
coefficiente
Carichi permanenti
favorevoli
γ
G1
1,00
sfavorevoli 1,30
Carichi permanenti non strutturali
favorevoli
γ
G2
0,00
sfavorevoli 1,50
Carichi variabili
favorevoli
γ
Qi
0,00
sfavorevoli 1,50
Tabella 2.3: Valori dei coefficienti di combinazione ψ
Categoria/Azione variabile ψ
0j
ψ
1j
ψ
2j
Categoria A Ambienti ad uso residenziale 0.7 0.5 0.3
Categoria B Uffici 0.7 0.5 0.3
Categoria C Ambienti suscettibili di affollamento 0.7 0.7 0.6
Categoria D Ambienti ad uso commerciale 0.7 0.7 0.6
Categoria E Biblioteche, archivi, magazzini e ambienti ad uso industriale 1.0 0.9 0.8
Categoria F Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso ≤30 kN) 0,7 0,7 0,6
Categoria G Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso > 30 kN) 0,7 0,5 0,3
Categoria H Coperture 0,0 0,0 0,0
Vento 0,6 0,2 0,0
Neve (a quota ≤ 1000 m s.l.m.) 0,5 0,2 0,0
Neve (a quota > 1000 m s.l.m.) 0,7 0,5 0,2
Variazioni termiche 0,6 0,5 0,0
Figura 2.2:
Figura 2.3: Spessori massimi per elementi strutturali
Rev. B.1 14
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
su provino standard, deve essere non inferiore al 20%
(condizioni soddisfatte dalle EN 10025);
Per le verifiche di resilienza (come da EC3) sono previsti
tre gradi di acciaio (B,C,D), nella tabella 2.3 sono forniti per
ogni grado, temperatura minima di servizio e condizione di
servizio (S
1
non saldati o saldati con σ
t
< 0.2σ
y
e S
2
sal-
dati con σ
t
< 0.67σ
y
) i valori massimi degli spessori degli
elementi strutturali.
Rev. B.1 15
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
3 Membrature semplici e metodi di
verifica agli stati limite (NTC 2008,
EC3)
3.1 Classificazione delle sezioni
Le sezioni delle membrature semplici, laminate e saldate, in
acciaio sono costituite dall’assemblaggio di elementi piani,
alcuni posizionati internamente (anime dei profili a I, anime e
flagie dei profili scatolari), altri esternamente (flangie di pro-
fili a I). Quando gli elementi componenti sono relativamente
sottili il loro comportamento è fortemente influenzato dalle
parti compresse e possono instabilizzare localmente (la di-
mensione delle semionde che caratterizzano la configura-
zione deformata del profilo è comparabile con le dimensioni
trasversali della sezione dell’elemento) limitando la capacità
portante e la resistenza flessionale del profilato. Per evita-
re tale fenomeno è necessario impiegare profilati le cui parti
elementari siano caratterizzate da un rapporto b/t (larghez-
za/spessore) sufficientemente basso. L’anima può infatti es-
sere vista come una lastra indefinita, appoggiata su ambo i
lati e l’ala come una lastra appoggiata su un lato solo (fig.
3.1).
Figura 3.1:
L’instabilità in campo elastico è retta dalla relazione:
σ
cr
= k
σ
π
2
E
12(1 −ν
2
)
_
t
b
_
2
(3.1)
Dove K
σ
è il coefficiente di imbozzamento che tiene con-
to dei vincoli esterni, della distribuzione degli sforzi e del
rapporto L/b.
3.1.1 Classificazione secondo NTC 2008, EC3
Ogni componente compressa che realizza la sezione tra-
sversale ha una classe di appartenenza che influenza la
scelta del modello di rappresentazione nella fase di di-
mensionamento. La classe di appartenenza della sezio-
ne trasversale è funzione della sua capacità rotazionale C
ϑ
definita come (fig. 3.2):
C
ϑ
=
ϑ
r
ϑ
y
−1 (3.2)
essendo ϑ
r
e ϑ
y
le curvature corrispondenti rispettiva-
mente al raggiungimento della deformazione ultima ed allo
snervamento. Si distinguono le seguenti classi di sezioni:
I Raggiungono il momento resistente plastico M
p
con
una buona capacità rotazionale, in grado di garantire
le richieste di un calcolo a rottura. Possono general-
mente classificarsi come tali le sezioni con capacità
rotazionale C
ϑ
≥ 3(tutti i profili IPE, HE);
II Raggiungono M
p
con una limitata capacità rotazionale
a causa dei fenomeni di instabilità locale che soprav-
vengono in fase plastica; Possono generalmente clas-
sificarsi come tali le sezioni con capacità rotazionale
C
ϑ
≥ 1, 5 (profili saldati);
III Quando nella sezione le tensioni calcolate nelle fibre
estreme compresse superano la tensione di snerva-
mento ma l’instabilità locale impedisce lo sviluppo del
momento resistente plastico;
IV Non permettono il raggiungimento del momento elasti-
co a causa di prematuri fenomeni di instabilità (profili
sottili).
Come già detto un profilo viene classificato di classe
tre se dopo aver raggiunto f
y
instabilizza, di conseguenza
per sezioni di questo tipo si ha σ
cr
= f
y
. Introducendo la
snellezza adimensionale del pannello
¯
λ
p
=
_
f
y

cr
si ha:
¯
λ
p
=
¸
f
y
σ
cr
= 1, 05
_
b
t
_
_
f
y
E k
σ
(3.3)
Ne consegue che una sezione di classe III dovrà avere
una snellezza
¯
λ
p
≤ 1. Sostituendo tale valore in 3.3 si ha
(considerando che per le anima compresse k
σ
= 4):
b
t

1
1.05
¸
E k
σ
f
y
=⇒
b
t
≤ 39.5
¸
235
f
y
= 39.5 (3.4)
Definendo il valore della snellezza ‘limite’ per le classi di
sezioni, la normativa fornisce delle relazioni per b/t sia per
l’anima che per l’ala al variare del tipo di sollecitazione (com-
pressione, flessione, pressoflessione)(fig. 3.3, 3.4, 3.5). In
questo modo si può classificare il singolo profilo in relazio-
ne alla sua forma e al processo di produzione (laminato o
saldato). In particolare la sezione viene classificata in base
della classe della componente meno favorevole (classe più
alta). L’EC3 (come le NTC) assume per l’anima compressa:
-
¯
λ
3
= 0.7 =⇒ b/t ≤ 42 ;
-
¯
λ
2
= 0.6 =⇒ b/t ≤ 38 ;
-
¯
λ
1
= 0.5 =⇒ b/t ≤ 33 ;
Questi valori risultano più bassi rispetto a quelli teori-
ci perché corretti in modo da considerare le imperfezioni
geometriche e le tensioni residue.
Rev. B.1 16
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 3.2: Classificazione delle sezioni secondo NTC 2008, EC3
Rev. B.1 17
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 3.3: Massimi rapporti b/t per parti compresse
Rev. B.1 18
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 3.4: Massimi rapporti b/t per parti compresse
Figura 3.5: Massimi rapporti b/t per parti compresse
Rev. B.1 19
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
3.2 Proprietà efficaci per sezioni trasversali
di classe IV
Per gli elementi di sezioni inflesse o compresse, quando la
snellezza
¯
λ
p
> 0.673 la sezione si presenta già instabilizza-
ta, di conseguenza per valutare la resistenza devo andare a
considerare le risorse in campo post-critico della stessa. Le
sezioni di classe IV vengono quindi penalizzate introducen-
do il concetto di larghezza efficace b
eff
. Infatti, come si vede
in fig. 3.6 e fig. 3.7 le fibre più vicine ai vincoli tendono a non
instabilizzare, a differenza del resto della sezione. Una volta
determinata l’area efficace della sezione, la tratto come un
profilo di classe III.
Figura 3.6: Sezioni trasversali di classe IV, forza assiale
Figura 3.7: Sezioni trasversali di classe IV, momento flettente
La larghezza efficace è definita come b
eff
= ρ
¯
b, dove ρ è
il coefficiente di riduzione che tiene conto dell’instabilità della
lastra e
¯
b è la larghezza pertinente del pannello.
¯
b é uguale
a h
w
per i pannelli d’anima, alla larghezza b della piattaban-
da per le piattabande interne, a b-3t
f
per le piattabande delle
sezioni rettangolari cave di spessore t
f
ed è uguale alla lun-
ghezza c dello sbalzo per le piattabande o le ali irrigidite da
un solo lato. Il valore del coefficiente di riduzione ρ è dato
da (Istruzioni NTC 2008, relazioni che derivano dalla formula
della σ
cr
)
15
:
• Nel caso di pannelli irrigiditi su entrambi i lati
longitudinali:
ρ = 1 per
¯
λ
p
≤ 0.673 (3.7)
ρ =
¯
λ
p
−0.055(3 + ψ)
¯
λ
2
p
per
¯
λ
p
> 0.673 (3.8)
• Nel caso di pannelli irrigiditi su un solo lato
longitudinale:
ρ = 1 per
¯
λ
p
≤ 0.748 (3.9)
ρ =
¯
λ
p
−0.188
¯
λ
2
p
per
¯
λ
p
> 0.748 (3.10)
Dove:

¯
λ
p
=
¸
f
y
σ
cr
=
¯
b
28.4 t

k
σ
(3.11)
• ψ è uguale al rapporto fra le tensioni ai bordi del pan-
nello, essendo σ
1
la tensione di compressione massi-
ma in valore assoluto si ha:
ψ =
σ
1
σ
2
(3.12)
Il coefficiente di imbozzamento k
σ
dipende da ψ e dalle
condizioni di vincolo ed è fornito in fig. 3.8 per gli elemen-
ti compressi interni e in fig. 3.9 per gli elementi compressi
sporgenti.
3.3 Verifiche agli S.L.U.
Gli stati limite ultimi sono quelli associati al collasso o ad
altre forme di cedimento strutturale che possono mettere in
pericolo la sicurezza delle persone. Il collasso in generale
può avvenire per:
• Collasso per raggiunta resistenza o deformazio-
ne (limite elastico, capacità plastica, formazione di
meccanismo)
• Collasso per perdita di stabilità della struttura o di
una parte di essa (verifica di stabilità flessionale,
tensionale, ecc..)
• Perdita di equilibrio della struttura o di una sua
parte, considerata come corpo rigido (verifica al
ribaltamento)
15
l’EC3 fornisce un’unica relazione per entrambi i casi:
ρ = 1 per
¯
λ
p
≤ 0.673 (3.5)
ρ =
¯
λ
p
−0.22
¯
λ
2
p
per
¯
λ
p
> 0.673 (3.6)
Rev. B.1 20
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 3.8: Larghezza efficace di pannelli compressi con entrambi i bordi longitudinali irrigiditi
Rev. B.1 21
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 3.9: Larghezza efficace di pannelli compressi con un solo bordo longitudinale irrigidito
Rev. B.1 22
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
3.4 Tipi di analisi previste per le verifiche agli
S.L.U.
3.4.1 Stato limite elastico della sezione
a) si definiscono le azioni di progetto F
d
;
b) si calcolano mediante analisi elastica le sollecitazioni
di progetto S
d
: (M
d
, T
d
, N
d
);
c) si verifica che S
d
≤ R
d
(oppure σ
id
(S
d
) ≤ f
d
= f
k

m
con R
d
calcolata al limite elastico.
Con tale metodo di verifica è possibile operare nello spa-
zio delle sollecitazioni verificando che S(γ
f
, F
k
) ≤ R(f
k
, γ
m
)
o nello spazio delle tensioni, in questo caso il prodotto γ
g
γ
m
è prossimo al coefficiente di sicurezza del metodo delle ten-
sioni ammissibili. Il metodo può applicarsi a tutte le classi di
sezioni, con l’avvertenza di riferirsi al metodo delle sezioni
efficaci nel caso di sezioni di classe IV.
3.4.2 Stato limite plastico della sezione
Questo calcolo è possibile quando le sezioni e i collegamen-
ti consentono di superare il limite elastico e raggiungere il
limite plastico senza che prima intervengano fenomeni di in-
stabilità (locale).
Fasi di calcolo:
a) si definiscono le azioni di calcolo F
d
;
b) si calcolano mediante un analisi elastica le ca-
ratteristiche della sollecitazione di progetto S
d
:
(M
d
, T
d
, N
d
);
c) si valuta R
d
considerando un comportamento σ − di
tipo elastico-perfettamente plastico nella sezione più
sollecitata;
d) si verifica che S
d
≤ R
d
.
Il metodo può applicarsi solo a sezioni di tipo compatto,
cioè di classe I e II.
N.B.: non sono possibili ridistribuzioni degli sforzi nella
struttura ma solo delle tensioni nella sezione.
3.4.3 Stato limite di collasso plastico della struttura -
Formazione di meccanismo
Questo calcolo è possibile quando le sezioni, i collegamen-
ti o il tipo di struttura (a nodi fissi) consentono una ridistri-
buzione delle sollecitazioni nella struttura senza che prima
intervengano fenomeni di instabilità. E’ quindi richiesta una
prefissata duttilità nelle sezioni e nei collegamenti.
Fasi di calcolo:
a) si definiscono le azioni di calcolo F
d
;
b) si calcolano le caratteristiche della sollecitazione di
progetto S
d
: (M
d
, T
d
, N
d
);
c) si valuta R
d
(f
d
) nelle sezioni maggiormente sollecitate;
d) calcolo il moltiplicatore di carico α in corrispondenza
del collasso;
e) verifico che α ≥ 1;
Al posto del calcolo a collasso plastico della struttura
posso anche fare un calcolo elastico con una ridistribuzione
dei momenti pari al 15%, si può quindi fare un’analisi elastica
purchè il momento non superi 1,15M
pl

m
(questo perchè ci
sono delle riserve di resistenza plastiche).
Il metodo può applicarsi solo a sezioni di tipo compatto di
classe I.
Figura 3.10:
Esempio di calcolo calcolo a collasso:
Consideriamo una trave incastrata-incastrata ed incre-
mentiamo il carico distribuito fino a giungere al collasso
della struttura. Supponiamo per semplicità che la struttu-
ra sia simmetrica, sezione simmetrica e materiale duttile a
comportamento simmetrico (fig. 3.11).
Chiamiamo α il moltiplicare del carico distribuito q (α ≥ 1).
Passo 1: figura 3.11
Figura 3.11: Calcolo plastico a rottura passo 1
Passo 2:
Quando il momento negativo massimo raggiunge il valo-
re di M
pl
, la struttura perviene al limite elastico e si raggiunge
Rev. B.1 23
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
la plasticizzazione delle sezioni d’incastro (fig. 3.12); il mol-
tiplicatore di carico α viene chiamato α
1
, moltiplicatore al
limite elastico. Ricordiamo inoltre che:
M
pl
= Momento Plastico della sezione = W
pl
f
y
(3.13)
Dove W
pl
è il modulo resistente plastico della sezione, pa-
ri a 2 volte il momento statico valutato rispetto all’asse ba-
ricentrico. Il modulo resistente plastico può anche essere
calcolato come:
W
pl
= W
el
ψ con ψ = fattore di forma = W
pl
/W
el
(3.14)
W
el
è al solito il modulo di resistenza elastico (W
el
= J/y
max
)
Figura 3.12: Calcolo plastico a rottura passo 2
Passo 3:
Se ora si aumenta il carico per α ≥ α
1
, la sezione di
incastro non può più riprendere momento e inizia a ruotare
- vedi legame costitutivo: si è formata una cerniera plasti-
ca; Da questo momento in poi, per ogni ulteriore incremento
di carico la trave si comporta come una trave in semplice
appoggio (fig. 3.13).
Figura 3.13: Calcolo plastico a rottura passo 3
Passo 4:
Si può incrementare il carico fino a quando non si ha la
terza cerniera plastica, con formazione di un meccanismo
di collasso (3 cerniere allineate); il moltiplicatore trovato α
2
viene definito moltiplicatore di collasso (fig. 3.14).
Figura 3.14: Calcolo plastico a rottura passo 4
3.4.4 Analisi non lineare
È possibile, assumendo come S.L.U. quello di collasso della
struttura, effettuare un’analisi non lineare al passo median-
te codici di calcolo opportuni che permettono di determinare
il carico di collasso tenendo conto anche degli effetti del 2°
ordine.
3.5 Resistenza delle membrature
Per la verifica delle travi la resistenza di calcolo da conside-
rare dipende dalla classificazione delle sezioni. La verifica
in campo elastico è ammessa per tutti i tipi di sezione, con
l’avvertenza di tener conto degli effetti di instabilità locale per
le sezioni di classe IV.
Le verifiche in campo elastico, per gli stati di sforzo piani tipici
delle travi, si eseguono con riferimento al seguente criterio:
σ
id
=
_
σ
2
x
+ σ
2
y
−σ
x
σ
y
+ 3τ
2
xy
≤ f
d
=
f
yk
γ
m0
(3.15)
La verifica in campo plastico richiede che si determini
una distribuzione di tensioni interne staticamente ammis-
sibile, cioè in equilibrio con le sollecitazioni applicate (N,
Rev. B.1 24
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
M, T, ecc.) e rispettosa della condizione di plasticità. I
modelli resistenti esposti nei paragrafi seguenti definisco-
no la resistenza delle sezioni delle membrature nei con-
fronti delle sollecitazioni interne, agenti separatamente o
contemporaneamente.
3.5.1 Trazione
Il dimensionamento di massima di elementi soggetti ad uno
sforzo di trazione N è molto semplice: basta introdurre una
sezione con un’area minima:
A
min
=
N
f
yd
(3.16)
L’azione assiale di calcolo N
Ed
deve rispettare la
seguente condizione:
N
Ed
≤ N
t ,Rd
(resistenza di progetto a trazione) (3.17)
dove la resistenza di calcolo a trazione N
t ,Rd
di membra-
ture con sezioni indebolite da fori per collegamenti bullona-
ti o chiodati deve essere assunta pari al minore dei valori
seguenti:
a) la resistenza plastica della sezione lorda, A:
N
pl ,Rd
=
A f
yk
γ
m0
(3.18)
b) la resistenza a rottura della sezione netta, A
net
, in
corrispondenza dei fori per i collegamenti:
N
u,Rd
=
0, 9 A f
tk
γ
m2
(3.19)
Nel caso di elementi collegati simmetricamente e con fori
non sfalsati, l’area netta si calcola semplicemente detraendo
dall’area della sezione perpendicolare all’asse dell’elemen-
to, l’area di tutti i fori che giacciono nel piano della sezione
stessa.
Qualora il progetto preveda la gerarchia delle resistenze, co-
me avviene in presenza di azioni sismiche, la resistenza pla-
stica della sezione lorda, N
pl ,Rd
, deve risultare minore del-
la resistenza a rottura delle sezioni indebolite dai fori per i
collegamenti, N
u,Rd
(comportamento duttile).
N
pl ,Rd
≤ N
u,Rd
=⇒
0, 9 A
net
A

f
yk
f
tk

γ
m2
γ
m0
(3.20)
3.5.2 Compressione
Un elemento è considerato compresso se è soggetto ad
azione assiale centrata oppure se è pressoinflesso e l’ec-
centricità è comunque estremamente modesta. Nella prati-
ca progettuale l’eccentricità si considera trascurabile se non
eccede 1/1000 della lunghezza dell’elemento stesso.
La forza di compressione di calcolo N
Ed
deve rispettare la
seguente condizione:
N
Ed
≤ N
c,Rd
(3.21)
dove la resistenza di calcolo a compressione della
sezione N
c,Rd
vale:
• per le sezioni di classe I, II e III:
N
c,Rd
=
A f
yk
γ
m0
(3.22)
• per le sezioni di classe IV:
N
c,Rd
=
A
eff
f
yk
γ
m1
(3.23)
Lo stato di sollecitazione di compressione semplice è
sempre associato al fenomeno dell’instabilità. La verifica di
resistenza deve essere quindi sempre accompagnata dal-
la verifica di stabilità. La verifica di resistenza in sè è
significativa solo per elementi tozzi.
3.5.3 Flessione semplice
Il momento flettente di calcolo M
Ed
deve rispettare la
seguente condizione:
M
Ed
≤ M
c,Rd
(3.24)
dove la resistenza di calcolo a flessione retta della sezio-
ne M
c,Rd
si valuta tenendo conto della presenza di eventuali
fori in zona tesa per collegamenti bullonati o chiodati. La
resistenza di calcolo a flessione retta della sezione M
c,Rd
vale:
• per le sezioni di classe 1 e 2 si effettua l’analisi platica:
M
c,Rd
=
W
pl
f
yk
γ
m0
(3.25)
• per le sezioni di classe 3 l’analisi elastica:
M
c,Rd
=
W
el
f
yk
γ
m0
(3.26)
• per le sezioni di classe 4 l’analisi elastica relativa alla
sezione efficace:
M
c,Rd
=
W
eff
f
yk
γ
m1
con W
eff
= J
n,eff
/y
max
(3.27)
Posso, andando a favore di sicurezza, effettuare
un’analisi elastica anche per le sezioni di classe 1 e 2.
3.5.4 Taglio
Il valore di calcolo dell’azione tagliante V
Ed
deve rispettare
la condizione:
V
Ed
≤ V
pl ,Rd
(3.28)
dove la resistenza a taglio plastica di progetto V
pl ,Rd
in
assenza di torsione, vale:
V
pl ,Rd
=
A
v
f
yk

3 γ
m0
(3.29)
Rev. B.1 25
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
dove A
v
è l’area resistente a taglio, diversa per ogni tipo
di sezione (Per profilati ad I e ad H caricati nel piano dell’a-
nima è per esempio: A
v
= A −2 b t
f
+ (t
w
+ 2r ) t
f
);
La verifica a taglio della sezione può anche essere condotta
in termini tensionali (analisi elastica) nel punto più solleci-
tato della sezione trasversale utilizzando la formula (teoria di
Jouwrasky):
τ
max
=
V
sd
S
y,max
J
y
ρ

f
yk

3 γ
m0
(3.30)
Deve inoltre essere verificata la resistenza all’instabilità per
taglio. Per un’anima non irrigidita questa non va verificata
se:
d
t
w
≤ 69 (3.31)
3.5.5 Flessione e Taglio
Se il taglio di calcolo V
Ed
è inferiore a metà della resistenza
di calcolo a taglio V
c,Rd
:
V
Ed
≤ 0, 5V
c,Rd
(3.32)
si può trascurare l’influenza del taglio sulla resistenza a
flessione, eccetto nei casi in cui l’instabilità per taglio riduca
la resistenza a flessione della sezione.
Se il taglio di calcolo V
Ed
è superiore a metà della resisten-
za di calcolo a taglio V
c,Rd
bisogna tener conto dell’influenza
del taglio sulla resistenza a flessione. Posto:
ρ =
_
2V
Ed
V
c,Rd
−1
_
2
(3.33)
la resistenza a flessione si determina assumendo per l’a-
rea resistente a taglio A
v
la tensione di snervamento ridotta
(1 −ρ)f
yk
. Dovrà quindi essere verificato che:
M
Ed
≤ (1 −ρ) M
c,Rd
(3.34)
Con M
c,Rd
calcolato come sopra nel caso di flessione e
differenti classi di sezione.
Posso altrimenti effettuare un’analisi elastica assumendo il
criterio di Huber:
σ
id
=

σ
2
+ 3τ
2

f
yk
γ
m0
(3.35)
con:
σ =
M
Ed
J
y
z e τ =
V
Ed
S
y,max
J
y
ρ
(3.36)
3.5.6 Flessione e Forza assiale
Per sezioni di classe 1 e 2 in assenza di taglio si effettua
la verifica a flessione con un momento plastico di progetto
ridotto dallo sforzo normale N
Ed
:
M
Ed
≤ M
N,Rd
con M
N,Rd
= M
pl ,Rd
_
1 −
_
N
Ed
N
pl ,Rd
_
2
_
(3.37)
ciò equivale ad applicare il criterio di resistenza:
M
Ed
M
pl ,Rd
+
_
N
Ed
N
pl ,Rd
_
2
≤ 1 (3.38)
Per sezioni di classe 3 il criterio da applicare è di tipo
elastico ed è una sovrapposizione degli effetti (EC3):
N
Ed
A f
yd
+
M
y,Ed
W
el ,y
f
yd
+
M
z,Ed
W
el ,z
f
yd
≤ 1 (3.39)
con:
f
yd
=
f
y
γ
m0
My, Ed = momento sull

asse forte
Mz, Ed = momento sull

asse debole
Per sezioni di classe 4 il criterio da applicare è di tipo
elastico ed è una sovrapposizione degli effetti (EC3) dove
si crea un momento aggiuntivo a causa dell’instabilità del-
le parti non efficaci che sposta il baricentro creando una
eccentricità:
N
Ed
A
eff
f
yd
+
M
y,Ed
+ N
Ed
e
ny
W
eff ,y
f
yd
+
M
z,Ed
+ N
Ed
e
nz
W
eff ,z
f
yd
≤ 1 (3.40)
3.6 L’instabilità delle membrature (cenni)
Per il generico elemento compresso, nell’ipotesi che non sia-
no presenti imperfezioni e che sia realizzato da un materia-
le avente legame costitutivo elastico-lineare (asta ideale o
di Eulero), esiste un valore del carico, definito carico critico
elastico, N
cr
, che attiva il fenomeno dell’instabilità dell’ele-
mento. Generalmente la verifica a instabilità è sempre la più
penalizzante.
N
cr
=
π
2
EJ
l
2
0
(3.41)
con l
0
lunghezza libera di inflessione (fig. 3.15).
Figura 3.15: Determinazione delle lunghezze libere di
inflessione in funzione dello schema statico
Se si tiene conto solo della limitata resistenza del mate-
riale f
y
e si trascura l’influenza delle imperfezioni meccani-
che e geometriche: il dominio di resistenza di un’asta com-
pressa nel piano σ −λ è dato dall’intersezione tra l’iperbole
Rev. B.1 26
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
di Eulero (che individua il collasso per instabilità) e la retta
σ = f
y
(collasso plastico)(fig. 3.16). Quando il punto rappre-
sentativo dello stato tensionale dell’elemento sta all’interno
di tale dominio non si ha collasso.
Figura 3.16: Iperbole di eulero per aste ideali
Figura 3.17: Andamento della snellezza per aste reali
Il punto P di intersezione tra le due curve (retta σ = f
y
ed
iperbole di Eulero) definisce il limite di snellezza λ
y
al limite
di proporzionalità superato il quale λ ≥ λ
y
si ha collasso per
instabilità (snellezza a cui corrisponde un carico critico eu-
leriano σ
cr
pari alla resistenza a compressione semplice del
materiale f
y
).
N
cr
=
π
2
EJ
l
2
0
=
π
2
E A ρ
2
min
l
2
0
=
π
2
EA
λ
2

⇒σ
cr
=
π
2
E
λ
2
= f
y
⇒λ
y
= π
¸
E
f
y
(3.42)
Nel caso di aste reali (industriali), la presenza di imper-
fezioni meccaniche e geometriche condiziona fortemente la
capacità portante nel campo delle medie snellezze. La ten-
sione di collasso delle aste con grandi snellezze λ ≥ λ
e
è
ancora determinata dalla legge di Eulero mentre la tensione
limite delle aste tozze λ < 0, 2 λ
y
è pari al limite plastico
del materiale. Il punto di inflessione della curva che descri-
ve il comportamento delle aste reali determina il limite delle
medie snellezze (fig. 3.17). Le aste con medie snellezze
collassano per instabilità elasto-plastica: quando l’elemen-
to instabilizza alcune fibre della sezione trasversale hanno
già raggiunto lo snervamento (lo stato tensionale non è uni-
forme all’interno della sezione): il carico limite (critico) non
è più funzione della sola snellezza ma dipende anche dal-
la distribuzione delle tensioni residue e dalla non linearità
dell’asse dell’elemento nella configurazione indeformata. A
seguito delle imperfezioni geometriche iniziali, che si pos-
sono schematizzare con un’eccentricità iniziale del carico di
compressione, l’asta risulta pressoinflessa.
La risposta dell’asta, in termini di relazione forza-
spostamento trasversale, inizialmente coincide con quella
dell’elemento ideale con imperfezione iniziale (il materiale
è in campo elastico). Raggiunto a livello locale il valore della
tensione limite (snervamento) si ha un decremento di rigi-
dezza associato ad un valore ridotto (o nullo) del modulo
elastico del materiale nelle zone della sezione sollecitate in
campo plastico. Il valore del carico N
u
< N
cr
corrisponde al
raggiungimento della resistenza massima dell’elemento.
La verifica dell’elemento compresso viene effettuata control-
lando che il valore della tensione non ecceda un valore limite
(inferiore o al più uguale alla tensione resistente di progetto
del materiale) funzione di:
• snellezza dell’elemento;
• forma della sezione trasversale;
• tipo di acciaio.
3.6.1 Verifica dell’instabilità per elementi compressi
(NTC 2008-EC3)
La normativa, in accordo con l’EC3 definisce quattro curve di
instabilità in funzione delle caratteristiche della sezione tra-
sversale degli elementi. In funzione del tipo di sezione e del
tipo di acciaio considerato si ricavano i coefficienti riduttivi χ
in funzione della snellezza adimensionale
¯
λ =
_
Af
y
/N
cr
. La
verifica consiste nell’accertare che:
N
Ed
≤ N
b,Rd
(3.43)
Dove N
b,Rd
è pari a:
• per le sezioni in classe 1,2 e 3:
N
b,Rd
=
χ A f
y
γ
m1
(3.44)
• per le sezioni in classe 4:
N
b,Rd
=
χ A
eff
f
y
γ
m1
(3.45)
con:
χ =
1
φ +
_
φ
2
+
¯
λ
2
≤ 1 e φ = 0.5[1 + α(
¯
λ −0.2) +
¯
λ
2
]
(3.46)
Rev. B.1 27
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Nel caso in cui
¯
λ sia minore di 0,2 oppure nel caso in
cui la sollecitazione di calcolo N
Ed
sia inferiore a 0,04N
cr
, gli
effetti legati ai fenomeni di instabilità per le aste compresse
possono essere trascurati.
3.6.2 Verifica dell’instabilità per elementi inflessi (NTC
2008-EC3)
Glie elementi inflessi possono manifestare una particolare
forma di instabilità costituita dall’instabilità laterale, anche
chiamata svergolamento o instabilità flesso-torsionale. Que-
sta è dovuta alla forza di compressione che agisce su una
parte del profilo (per elementi in semplice appoggio con cari-
chi verticali è l’ala superiore del profilo) e che può provocare
sbandamento laterale e al contempo torsione, ossia trasla-
zione e rotazione della sezione senza che il profilo possa
esplicare le proprie risorse flessionali.
Si studia il fenomeno in maniera semplificata scomponendo
il momento sollecitante M
sd
in una coppia di forze applicate
in corrispondenza delle due piattabande della trave N=M/h.
La piattabanda compressa tenderà a sbandare nel piano di
minor rigidezza (verticale) ma essendo vincolata all’anima
traslerà orizzontalmente provocando la deformazione dell’a-
nima stessa e la torsione della trave. Con questo approccio
(comunque a favore di sicurezza) non si tiene conto in modo
accurato della rigidezza torsionale della trave e dell’effetto
irrigidente dell’anima.
Il carico di collasso (momento critico) per instabilità
flesso-torsionale dipende da:
• la distanza L tra due ritegni torsionali consecutivi;
• la rigidezza flessionale EJ
z
nel piano orizzontale;
• la forma della sezione: sezioni compatte con po-
ca distanza tra le due piattabande garantiscono una
notevole resistenza nei confronti dello sbandamento
laterale;
• l’andamento del momento flettente, nel caso in cui
il momento sollecitante non sia costante gli effetti
instabilizzanti risultano inferiori;
La normativa, in accordo con l’EC3, impone la seguente
verifica:
M
Ed
≤ M
b,Rd
(3.47)
Dove M
b,Rd
è pari a:
• per le sezioni in classe 1,2 e 3:
M
b,Rd
= χ
LT
W
pl ,y
f
y
γ
m1
(3.48)
• per le sezioni in classe 4:
M
b,Rd
= χ
LT
W
eff ,y
f
y
γ
m1
(3.49)
3.7 Stati limite di esercizio, verifiche
In condizioni di esercizio lo stato tensionale è ben distante
dai valori di rottura, perciò la legge costitutiva σ− del mate-
riale ed il metodo di analisi strutturale adottati sono sempre
lineari.
In quanto ai carichi, si utilizzano per essi valori aventi una
probabilità di essere superati maggiore rispetto a quelli uti-
lizzati per le verifiche allo stato limite ultimo (e quindi più
bassi). Anche in questo caso la verifica è positiva se:
S
d
≤ R
d
(3.50)
3.7.1 Controllo degli spostamenti verticali
Le deformazioni delle membrature in acciaio devono esse-
re contenute entro limiti sufficientemente piccoli per evitare
che:
• l’utilizzazione dell’opera venga impedita o ridotta
(funzionalità degli impianti, confort abitativo);
• gli elementi portati (tamponamenti, pavimenti, rivesti-
menti) siano danneggiati;
• la ripartizione degli sforzi sia alterata rispetto all’analisi
effettuata (solitamente analisi del I ordine).
Con riferimento alla figura 3.19 si ha:
δ
max
= δ
1
+ δ
2
−δ
c
(3.51)
dove:
• δ
1
è la freccia dovuta ai carichi permanenti:
• δ
2
è la freccia dovuta ai carichi variabili più eventua-
li deformazioni variabili nel tempo dovute ai carichi
permanenti;
• δ
c
è la controfreccia
La verifica di deformabilità che corrisponde allo stato
limite di esercizio risulta spesso determinante nel dimen-
sionamento delle strutture metalliche. La verifica consiste
nel verificare che la freccia massima si minore dei rapporti
riportati in figura 3.19 e 3.20.
3.7.2 Stato limite di vibrazioni
Nel progetto bisogna prendere idonei provvedimenti verso i
carichi imposti che possono produrre urti, vibrazioni ecc..(si
hanno frequenze vicine alla frequenza propria della struttura
questa entra in risonanza).
Nel caso di solai caricati regolarmente da persone, la fre-
quenza naturale più bassa della struttura del solaio non
deve in generale essere minore di 3 Hz, ciò è soddisfatto se
l’inflessione totale istantanea ottenuta con la combinazione
quasi permanente è minore di 28 mm.
Nel caso di solai soggetti a eccitazioni cicliche la frequenza
naturale più bassa non deve in generale essere inferiore a
Rev. B.1 28
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 3.19: Limiti di deformabilità per gli elementi di impalcato delle costruzioni ordinarie
Figura 3.20: Limiti di deformabilità per costruzioni ordinarie soggette ad azioni orizzontali
Rev. B.1 29
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
5 Hz, ciò è soddisfatto se l’inflessione totale istantanea otte-
nuta con la combinazione quasi permanente è minore di 10
mm.
Le strutture di elevata flessibilità, quali edifici alti e snelli,
coperture molto ampie, ecc., devono essere verificate per
gli effetti indotti dall’azione dinamica del vento sia per le
vibrazioni parallele che per quelle perpendicolari all’azione
del vento (secondo EC1).
Le verifiche devono condursi sia per le vibrazioni indotte
dalle raffiche, sia per quelle indotte dai vortici.
Rev. B.1 30
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
4 La Fatica
La fatica è un fenomeno che interessa principalmente le
costruzioni metalliche, in ambito strutturale può presentar-
si nella costruzione di ponti e carroponti.
Spesso si verificano cedimenti di strutture ed organi mecca-
nici sottoposti all’azione di forze ripetute nel tempo anche se
queste mantengono la struttura in campo elastico: in questi
casi si dice che il guasto è avvenuto per fatica.
Gli elementi meccanici sono spesso soggetti a sollecitazio-
ni che variano ciclicamente nel tempo, cioè sono soggetti a
storie di carico nelle quali si può identificare una successio-
ne di valori massimo (picchi) e minimi (valli) alternati. Si noti
che nella vita a fatica di un materiale contano soltanto i livelli
dei picchi e dei valli della storia di carico e non la forma della
funzione compresa tra essi.
La resistenza a fatica è la resistenza che il materiale offre a
carichi applicati in modo ciclico.
I vari tipi di ciclo, caratterizzati dall’ampiezza di oscillazione
∆σ attorno al valore medio σ
m
oppure tramite il parametro
R = σ
min

max
e il valore σ
max
, sono riassunti nella seguente
tabella:
La fatica si suddivide in:
• classica: si ha quando il n°di cicli è maggiore di 10
000 e questi avvengono ad una tensione σ
max
< σ
y
di
snervamento;
• oligociclica: si ha quando il n° di cicli è compreso
tra 10 e 10 000 e questi avvengono ad una tensione
σ
max
= σ
y
di snervamento (per esempio nel caso si
sisma o di piegatura).
4.1 Curve di Wöhler e Limite di resistenza a
fatica
Per determinare la resistenza del materiale sotto l’azione di
carichi di fatica i provini vengono assoggettati a forze varia-
bili ciclicamente nel tempo tra un valore massimo σ
max
e un
valore minimo σ
min
prefissati contando i cicli necessari per
la rottura. Queste prove vengono eseguite attraverso una
apposita macchina chiamata macchina di Moore. Per carat-
terizzare il ciclo, queste prove vengono eseguite con R o σ
m
costanti.
Riportando i risultati su di un grafico in scala bi-logaritmica
si ottiene una curva con l’andamento tipico di fig. 4.1 dove N
indica il numero di cicli alla rottura. Tale curva è detta curva
di Wöhler
16
e stabilisce la resistenza a fatica dell’acciaio.
Figura 4.1: Curva di Wöhler (σ
m
= cost )
Figura 4.2: Diagramma di Moore-Kommers-Jasper
Limite di resistenza a fatica
Dall’analisi della fig. 4.1 si nota che l’ultimo tratto della cur-
va tende a divenire orizzontale oltre il milione di cicli. Tale
asintoto orizzontale rappresenta la tensione al limite di re-
sistenza a fatica dove per limite di resistenza a fatica si
intende il n°di cicli oltre il quale non intervengono più per un
dato tipo di ciclo fenomeni di fatica. Per gli acciai è dell’ordi-
ne dei 2 milioni di cicli.
Un’altra rappresentazione utilizzata nel caso di cicli di carico
ad ampiezza costante è quella di Moore-Kommers-Jasper
(fig. 4.2) che utilizza gli stessi parametri adottati per le curve
di Wöhler: N, σ
max
ed R.
Ad ogni valore di N corrisponde una curva che fornisce la
tensione di rottura al variare del rapporto di fatica R. Nel
diagramma, tutti i punti al di sotto della curva limite (carat-
terizzata da N = 2 10
6
cicli) rappresentano situazioni di non
rottura, cioè la vita dell’elemento può essere ritenuta infinita.
16
A. Wöhler (Soltau 1819 - Hannover 1914), della provincia di Hannover, ingegnere ferroviario, pioniere degli studi sulla fatica.
Rev. B.1 31
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
4.2 La rottura
4.2.1 Fasi del danneggiamento
Il danneggiamento dovuto a fenomeni di fatica si può
dividere in tre fasi successive:
1. Incrudimento plastico del materiale: dipendente
dallo stato iniziale del materiale e dall’ampiezza degli
sforzi e delle deformazioni a cui è sottoposto. Que-
sta fase è caratterizzata dai cambiamenti nella micro-
struttura del metallo che interessano l’intero volume
caricato;
2. Enucleazione della cricca a livello microscopico:
consiste in una fessurazione del materiale che prende
luogo in una piccola parte del volume totale e specifi-
camente nello strato superficiale. Pertanto, risulta par-
ticolarmente importante conoscere la concentrazione
degli sforzi sulla superficie che provoca l’apertura della
fessura;
3. Propagazione della cricca: la cricca si espande fi-
no alla rottura finale controllata da un parametro che è
la deformazione plastica concentrata nella zona che si
trova alle estremità della cricca stessa.
Figura 4.3: La rottura per fatica
4.2.2 Cause
La rottura per fatica è dovuta principalmente a fenomeni
derivanti da:
• Difettosità interne: queste possono essere
l’inomogeneità e l’anisotropia dei cristalli che
compongono il metallo, le inclusioni o altri difetti
interni;
• Difettosità superficiali: sono dovute alla lavorazione
eseguita sulla superficie, la sua rugosità infatti costi-
tuisce un invito (innesco) al formarsi della cricca per
fatica. L’influenza è tanto più grave quanto più rugo-
sa è la superficie e quanto più duro e meno plastico il
materiale;
• Forma delle sezioni: brusche variazioni della sezione
comportano brusche variazioni dello stato tensionale.
In corrispondenza di una discontinuità (foro, variazione
di sezione, ecc..) si possono raggiungere tensioni di sner-
vamento con conseguente plasticizzazione del materiale.
Aumentando i cicli di carico la zona plasticizzata si degrada
fino a portare alla crisi per fatica. La deformazione plastica
oscillante è la causa finale della rottura per fatica.
Altri fattori che possono influenzare la resistenza a fatica
sono:
• Frequenza di oscillazione: nel campo pratico cioè
per frequenze comprese tra 1 ÷ 30 Hz non incide.
Per frequenze più alte porta ad un lieve incremen-
to della resistenza a fatica se la temperatura viene
mantenuta costante;
• Dimensione dei pezzi: in generale incide molto poco
sulla resistenza. Nei provini non saldati sembra co-
munque che essa decresca leggermente all’aumenta-
re del provino infatti più la dimensione è elevata e più
si ha il propagarsi delle cricche;
• Corrosione: produce ovviamente una diminuzione
della resistenza a fatica. In questo caso la curva di
Wöhler non raggiunge più il limite di fatica (l’asintoto
della curva non è più orizzontale) di conseguenza si
parla di resistenza a termine;
• Stato di tensione: In questo caso il comportamento
a fatica non ha ancora trovato una soluzione univoca.
Sembra che in questo caso sia pià idoneo il criterio
della tensione massima principale rispetto al criterio di
Von Mises.
4.3 Verifiche relative alla fatica
Fino al 1985 la normativa Italiana prevedeva che il fenome-
no di fatica, anche per giunti saldati, dipendesse oltre che
dalla ∆σ anche dalla σ
m
. Venivano infatti forniti una serie
di diagrammi di Moore-Kommers che fornivano i valori delle
∆σ e τ
amm
in funzione del tipo di acciaio, del tipo di giunto
e del particolare costruttivo. Le curve erano fornite per un
prefissato n°di cicli (2 10
6
, 6 10
5
, 1 10
5
) ad ampiezza
costante (cicli uniformi di fatica).
Tutto questo concordava con la teoria classica della fatica.
In realtà, già attorno agli anni 70, si è visto che questo ti-
po di approccio andava rivisto, soprattutto per gli elementi
saldati. Al tempo, infatti, si era appurata sperimentalmente
l’inifluenza (a livello di resistenza a fatica) del processo di
distensione nei provini a scala ridotta. Questo risultato era
quindi stato erroneamente esteso anche alle strutture reali.
Le sperimentazioni degli anni ’70, realizzate su strutture in
scala reale, portarono invece alle seguenti conclusioni per le
strutture saldate:
• la variabile che influenza maggiormente la fatica è l’e-
scursione di tensione ∆σ e cioè la differenza tra la
σ
max
e la σ
min
applicate;
• particolari costruttivi simili e di analoga fabbricazione
anche se costituiti da acciaio di tipo diverso non hanno
dimostrato differenze significative per quanto riguarda
il valore della resistenza a fatica;
Rev. B.1 32
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
• nessuno dei particolari costruttivi e delle travi provate
ha presentato un limite di fatica in situazioni inferiori ai
2 10
6
cicli;
• la vita a fatica risulta essere distribuita secondo una
legge normale (gaussiana) a quasi tutti i livelli di
escursione ∆σ (fig. 4.4);
Figura 4.4: Distribuzione prove a fatica
4.3.1 CNR 10011-88
La norma CNR (molto simile all’EC3) impone per procede-
re alle verifiche di fatica la conoscenza dell’oscillogramma
di tensione (fig. 4.5) e conseguentemente dello spettro di
carico (fig. 4.6) che genera queste tensioni.
Figura 4.5: Oscillogramma delle tensioni
Figura 4.6: Spettro di carico
La stessa definisce poi:
• Ciclo di tensione: il tratto di un diagramma tempo-
oscillazione che ha inizio in corrispondenza di una
tensione minima ed ha fine in corrispondenza della
tensione minima successiva (fig. 4.5);
• ∆ di tensione: la differenza algebrica fra la tensione
massima e quella minima di un ciclo di tensione. Esso
verrà designato con ∆σ o ∆τ a seconda che sia un ∆
relativo alle tensioni normali o tangenziali;
• Spettro di carico dei ∆ di tensione: il diagramma
che mette in relazione i vari ∆σ
i
che si verificano in
un punto di una struttura con il numero di cicli ad esso
relativo (fig. 4.7).
Figura 4.7: Spettro dei ∆ di tensione
Per ogni particolare costruttivo la norma riporta il ∆σ
a
(delta di tensione ammissibile corrispondente a sollecitazio-
ni di ampiezza costante a 2 10
6
cicli)(fig. 4.14 e seguenti);
Questo ∆σ
a
è il parametro che li caratterizza ed è chiama-
to ‘categoria’ del particolare. I particolari aventi la medesi-
ma categoria hanno, dal punto di vista della fatica, la stessa
probabilità di rottura. Essi vengono poi suddivisi in quattro
gruppi principali:
Gruppo I - Particolari non saldati sollecitati
a trazione-compressione;
Gruppo II - Particolari saldati sollecitati
a trazione-compressione;
Gruppo III - Particolari sollecitati a sforzi tangenziali;
Gruppo IV - Particolari di strutture tubolari.
La norma fa inoltre corrispondere ad ogni particolare co-
struttivo una linea S-N in un diagramma di Wöhler in doppia
scala logaritmica. In ogni linea si ritrova il limite di resisten-
za a fatica a ∆ costante (5 10
6
÷10
7
) e il limite di tronca-
mento cioè il limite oltre il quale non si considerano influenti
i cicli nel calcolo a fatica (10
8
cicli)(fig. 4.8 e fig. 4.9). Le li-
nee S-n corrispondono all’equazione ∆σ
m
n = cost dove m
assume valori diversi in relazione al tipo di sollecitazione e al
numero di cicli. In particolare le linee con m=3 sono derivate
dall’analisi statistica dei valori sperimentali e rappresentano
i valori medi diminuiti di due deviazioni standard.
Rev. B.1 33
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.8: Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a
trazione o compressione
Figura 4.9: Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a
sforzi tangenziali
La resistenza a fatica dei vari particolari costruttivi dipen-
de poi dallo spessore. In particolare se t > 25 mm la ∆σ
a
dovrà essere ridotta ed il suo valore calcolato con la formula:
∆σ
a,t
= ∆σ
a
4
_
25
t
(4.1)
dove:
∆σ
a
è il ∆ tabulare a 2 10
6
cicli;
t è lo spessore della parte più sollecitata del particolare
strutturale;
∆σ
a,t
è il ∆ corretto da impiegare per lo spessore t.
4.3.2 Verifiche a fatica
In generale nessuna verifica a fatica è richiesta se:
• se tutti i ∆ di trazione-compressione sono minori di
26N/mm
2
o comunque al limite di fatica ∆σ
D
;
• se tutti i ∆ di taglio sono minori di 35N/mm
2
;
• se il numero totale dei cicli è minore di 10
4
.
In tutti gli altri casi si deve effettuare la verifica a fati-
ca considerandola relativa ad uno stato limite di servizio in
campo elastico (verifica con carichi d’esercizio).
Indicata con ∆σ
r
la resistenza a termine individuata sulle
curve S-N e con ∆S il delta di tensione per cicli di carico ad
ampiezza costante si deve avere:
γ
s
∆S =
∆σ
r
γ
m
(4.2)
ove γ
s
è il coefficiente parziale di sicurezza relativo alle
azioni di fatica (poiché è un carico d’esercizio sarà γ
s
=1) e
γ
m
è il coefficiente parziale relativo alla resistenza che tiene
conto delle incertezze sul materiale. I valori dei coefficienti
γ
m
da adottare nelle verifiche delle strutture sono riportati
in tabella 4.1 in funzione delle conseguenze dell’eventuale
rottura per fatica.
Tabella 4.1: Coefficienti parziali γ
m
Numero di derivazioni
Standard adottato 2 2,5 3 3,5
Coefficiente γ
m
1,0 1,1 1,2 1,3
Si adotterà γ
m
=1 se la rottura comporta solo un danneg-
giamento locale (es. struttura iperstatica), un γ
m
=1,3 se la
rottura comporta il collasso globale della struttura.
Se i cicli non sono ad ampiezza costante la verifica a
fatica potrà essere effettuata con il metodo della Regola di
Miner o con quello del ∆ equivalente. La determinazione
dello spettro dei ∆ di tensione deve essere ottenuto dall’o-
scillogramma delle tensioni secondo il metodo del ‘serba-
toio’. Il diagramma dell’andamento nel tempo delle tensioni
viene considerato come profilo di fondo di un serbatoio pie-
no d’acqua (fig. 4.10; gli estremi sono costituiti dal tratto che
Rev. B.1 34
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
converge verso il punto di massimo assoluto del diagramma
(punto A) e da un tratto corrispondente, reale o fittizio, posto
a termine del diagramma stesso. La determinazione dei vari
cicli si effettua immaginando di svuotare il serbatoio scari-
cando dal punto più basso D, al vuoto d’acqua che si forma
corrisponde il 1°ciclo ed il ∆ ad esso relativo è la discesa
di livello D

D. Si formano ora dei bacini secondari semplici o
multipli; i bacini multipli vengono anch’essi svuotati a partire
dal punto più basso come in precedenza e al vuoto lasciato
corrisponde il secondo ciclo e così via fino ad aver svuotato
l’intero ‘serbatoio’.
Figura 4.10: Metodo del Serbatoio
4.3.3 Metodo della regola di Miner
Dovrà essere verificata la seguente condizione:
D =
n
i
n
i

≤ 1 (4.3)
dove:
D è il danno;
n
i
è il n°di cicli effettivi relativi al ∆σ
i
o al ∆τ
i
;
n
i
∗ è il numero di cicli che sulla linea SN di riferimento
corrisponde al ∆σ
i
o al ∆τ
i
.
4.3.4 Metodo del Delta equivalente
Viene indicato campo equivalente di uno spettro ed indica-
to con ∆σ
ef
o con ∆τ
ef
il campo di ampiezza costante che
operando per un numero di cicli pari al numero totale n di
cicli dello spettro da luogo al medesimo danneggiamento a
fatica dello spettro stesso. (applico la regola di Miner consi-
derando ∆σ costanti equivalenti).
Esso è dato dalle seguenti espressioni:
• ∆σ
ef
=
3
_
Σ∆σ
3
i
·n
i
n
nel caso di spettri relativi a tensioni
di trazione-compressione;
• ∆τ
ef
=
5
_
Σ∆τ
5
i
·n
i
n
nel caso di spettri relativi a tensioni
tangenziali.
La verifica a fatica si effettua confrontando il ∆ equiva-
lente con il ∆ resistente ∆σ
r
o ∆τ
r
ricavato dai diagrammi
4.8 e 4.9 in corrispondenza dello stesso numero di cicli n; si
tratta più precisamente di verificare che sia:
γ
s
∆σ
ef

∆σ
r
γ
m
o γ
s
∆τ
ef

∆τ
r
γ
m
(4.4)
4.3.5 Sollecitazioni pluriassiali
• se sono minori del 15 % delle coesistenti tensioni
normali il loro effetto può essere trascurato;
• se τ > 15 % σ e cioè quando lo stato di sollecitazione
nei gradini di uno spettro è caratterizzato da cicli si-
multanei di tensioni normali e tangenziali, si effettuerà
per ciascun gradino il calcolo delle tensioni principa-
li in corrispondenza delle tensioni minime e massime,
se ne ricaverà il ∆ relativo e la verifica a fatica verrà
fatta sullo spettro dei ∆ delle tensioni principali così
ottenuto (criterio della massima tensione principale);
• se le tensioni normali e tangenziali non sono contem-
poranee si può applicare la regola di miner Σn
i
/n

i
(caso raro).
4.3.6 Strutture esenti da tensioni interne
Per strutture non saldate o saldate e poi trattate in modo
da eliminare le tensioni interne da ritiro della saldatura, si
possono aumentare i campi di resistenza mediante il coef-
ficiente K fornito in funzione del rapporto R=σ
min

max
(fig.
4.11).
Figura 4.11: Coefficiente di riduzione per tensioni interne
Se invece il ∆ di calcolo ha una componente di trazione
ed una di compressione la norma stabilisce che si può im-
piegare una ∆ fittizio ottenuto sommando alla componente
di trazione il 60% di quella di compressione.
Rev. B.1 35
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
4.4 Prove a fatica con carichi variabili
4.4.1 Sovraccarico ed Allentamento
Quando un provino è soggetto ad un ciclo base di carico,
salvo temporanei intervalli di tempo nel quale il carico si ac-
cresce o si riduce, si constata che il campione è sottoposto
temporaneamente a cicli di tensioni alterne su sezioni al limi-
te di fatica. Si trova successivamente un limite più basso di
quello che si sarebbe ottenuto senza l’applicazione tempora-
nea della sovratensione (raggiungo la rottura ad un numero
più basso di cicli).
Questo effetto si dice di SOVRACCARICO.(fig. 4.12)
Viceversa se si assoggetta il provino per brevi intervalli di
tempo ad un livello di tensione inferiore a quella del ciclo ba-
se, si ottiene una risposta a fatica con un valore superiore a
quello del ciclo base.
Si parla in questo caso si ALLENAMENTO del provino (fig.
4.13).
Relativamente alle figure 4.12 e 4.13 si definiscono
poi l’Indice di sovraccarico I = AE/AB e l’Effetto di
sovraccarico E = FD/CD.
Figura 4.12: Sovraccarico
Figura 4.13: Allenamento
Rev. B.1 36
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.14:
Rev. B.1 37
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.15:
Rev. B.1 38
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.16:
Rev. B.1 39
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.17:
Rev. B.1 40
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.18:
Rev. B.1 41
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.19:
Rev. B.1 42
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 4.20:
5 Unioni chiodate
L’utilizzo dei chiodi come come metodo di unione tra elemen-
ti metallici non è più ormai molto utilizzato, principalmente
per gli alti costi di legati alla manodopera e alla poca prati-
cità propria di questo metodo. Il chiodo è costituito da una
testa forgiata assieme al gambo, l’altra testa viene ottenuta
per battitura dopo aver riscaldato alla temperatura del ros-
so il gambo e posto il chiodo in opera nell’apposito foro. Il
raffreddamento del chiodo comporta una contrazione dello
stesso che comprime i pezzi con cui è a contatto, realizzan-
do un’unione che trasmette sforzi anche per attrito (anche
se nel calcolo la resistenza per attrito di questo sistema non
viene considerata) e che garantisce nel tempo un’adeguata
assenza di infiltrazioni. Il sistema a chiodi non permette nes-
sun gioco tra gambo e foro, realizzando unioni molto rigide.
Per il calcolo si considera esclusivamente la resistenza a
taglio del chiodo.
Sono previsti chiodi dei seguenti diametri (misure in mm):
φ chiodo 10 13 16 19 22 25
φ foro 10,5 14 17 20 23 26
Le tensioni ammissibili sono:
σ
b,adm
= 50 MPa
τ
b,adm
= 120 MPa
La forma dei chiodi può essere di diverso tipo, la
normativa CNR 10011 ne specifica le caratteristiche:
Figura 5.1: Tipologie di chiodo
In relazione allo spessore complessivo t da chiudere si
impiegheranno diversi tipi di chiodi:
• chiodi a testa tonda e a testa svasata piana per
t
d

4, 5mm ;
• chiodi a testa svasata con calotta per 4, 5mm ≤
t
d

6, 5mm .
Le caratteristiche dimensionali sono da calcolarsi sul-
la base del diametro del foro e sul sistema usato per la
ribaditura.
Rev. B.1 43
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 5.2: Dimensioni dei chiodi
δ =
4
3
d (a macchina); δ =
7
4
d (a mano)
Rev. B.1 44
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
6 Unioni bullonate
Questo tipo di unione risulta risulta più deformabile delle
unioni chiodate (a causa del foro più grande del gambo), ma
grazie ad una maggiore praticità nella posa in opera e nel
recupero, stanno trovando un uso sempre più vasto. Questa
deformabilità è comunque manifesta solo ben oltre il carico
di servizio in quanto il preserraggio imposto dalle norme fa
lavorare il giunto prevalentemente ad attrito e, solo nell’ulti-
ma fase, a taglio. Nelle giunzioni ad attrito possono essere
impiegati solo bulloni ad alta resistenza.
6.1 Classificazione dei bulloni
I bulloni sono organi di unione costituiti da:
• vite con testa per lo più esagonale e gambo
completamente o parzialmente filettato;
• dado, anch’esso di forma per lo più esagonale;
• rondelle per lo più di forma circolare.
Figura 6.1: Bulloni
Le classi delle viti e bulloni che possono essere
accoppiati sono le seguenti (CNR 10011):
Normali Alta resistenza
Vite 4.6 5.6 6.8 8.8 10.9
Dado 4A 5D 5S 6S 8G
Le tensioni ammissibili espresse in MPa per le varie
classi di viti:
Classe f
bt
f
y
f
k,N
σ
b,adm
τ
b,adm
4.6 400 240 240 160 113
5.6 500 300 300 200 141
6.8 600 480 360 240 170
8.8 800 640 560 373 264
10.9 1000 900 700 467 330
Ai fini del calcolo quello che interessa è il valore ca-
ratteristico f
k,N
della resistenza del materiale costituente la
vite (o, in sua assenza, il valore il valore della tensione li-
mite di deformazione permanente dello 0,2%). Si assume,
convenzionalmente:
f
k,N
= min
_
0, 7 f
t
f
y
(6.1)
6.2 Geometria dei bulloni
I bulloni che vengono usati per carpenteria metallica
possono avere i seguenti diametri nominali:
d [mm] 12 14 16 18 20 22 24 27 30
A
res
[mm
2
] 84,3 115 157 192 245 303 353 459 581
Le varie dimensioni utili alla definizione della geometria
dei bulloni possono riassumersi in:
Figura 6.2: Dimensioni dei bulloni
p - passo della filettatura
d - diametro nominale del gambo
d
n
- diametro del nocciolo
d
m
- diametro medio
d
res
= ( d
n
+ d
m
) / 2 - diametro della sezione resistente
A questi diametri è possibile associare le seguenti aree:
A = π d
2
/ 4 - area della parte non filettata del gambo
A
res
= π d
2
res
/ 4 - area resistente della parte filettata
6.2.1 Tolleranze dei bulloni
L’accoppiamento fra bulloni e piastre richiede delle tolleran-
ze, sia per quanto riguarda il gioco foro-bullone, sia per
quanto concerne l’eventuale lunghezza del tratto non filet-
tato del gambo.
Indicato con φ il diametro del foro, viene normalmente
ammesso un gioco foro-bullone φ −d pari a :
φ −d ≤ 1mm per d ≤ 20mm
φ −d ≤ 1, 5mm per d > 20mm
Con l’ausilio di “accoppiamenti di precisione” e possibile
scendere a valori minori:
φ −d ≤ 0, 3mm per d ≤ 20mm
φ −d ≤ 0, 5mm per d > 20mm
La lunghezza della parte non filettata deve essere tale
da intersecare tutti i piani di taglio delle piastre da unire. Nel
caso in cui ciò non fosse possibile, ovvero quando il gambo
filettato intersecasse un piano di taglio, l’area di calcolo per
la verifica a taglio sarà l’A
res
.
Rev. B.1 45
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
6.3 Serraggio
Nel serraggio del bullone, all’avvitamento del dado corri-
sponde un allungamento del gambo che, unitamente al tor-
cente applicato, crea uno stato di autotensioni che si esplica
in:
• una pretrazione del bullone equilibrata da una
precompressione delle piastre;
• una torsione nel bullone equilibrata dall’attrito fra
piastra e bullone;
Il serraggio è benefico in quanto aumenta le prestazioni
dell’unione nei confronti degli stati limite di esercizio quali:
• lo scorrimento delle piastre con conseguente ripresa
del gioco foro-bullone per unioni in cui i bulloni lavorino
a taglio;
• il distacco delle piastre per unioni in cui i bulloni la-
vorino a trazione, con conseguente eliminazione dei
pericoli di corrosione.
D’altra parte il serraggio non deve essere spinto oltre un cer-
to limite per non compromettere la capacità ultima dell’unio-
ne. Nei giunti con bulloni ad alta resistenza “precaricati” la
resistenza ad attrito dipende dalle modalità di preparazione
delle superfici a contatto, dalle modalità di esecuzione e dal
gioco foro-bullone. In via semplificativa la resistenza di pro-
getto allo scorrimento di un bullone ad attrito si calcolerà as-
sumendo una forza di precarico pari al 70% della resistenza
ultima a trazione del bullone. (§4.2.8.1.1 delle NTC)
F
p,Cd
= 0, 7
f
tb
A
res
γ
M7
(6.2)
La norma armonizzata UNI EN 13499-1 prescrive che viti,
dadi e rondelle siano forniti dal medesimo produttore e che
rechino la marchiatura CE. La norma armonizzata prevede
che vengano eseguite, tra l’altro, prove sistematiche di ser-
raggio del complesso vite, dado e rondella(e); queste pro-
ve forniscono informazioni sul fattore k che lega la forza di
precarico F
p,Cd
ed il momento di serraggio M. Si ha:
M = k d F
p,Cd
(C4.2.106 circolare esplicativa) dove d è il diametro nomi-
nale della vite. Il valore del fattore k, secondo le prescri-
zioni della norma, è indicato sulle targhette delle confezioni
(dei bulloni, oppure delle viti) per le differenti classi funzionali
(§4.4.4 NTC).
Nel caso il momento di serraggio non sia riportato sulle tar-
ghette delle confezioni, ma compaia il solo fattore k secon-
do la classe funzionale, per facilitare gli operatori addetti
ai montaggi, si può fare riferimento alle Tabelle C4.2.XX e
C4.2.XXI (fig. 6.3) (che si riferiscono alle viti di classe 8.8
e 10.9 rispettivamente) per definire il momento di serraggio
dei bulloni.
6.4 Stato limite ultimo
Per ogni tipo di unione si ha interesse a valutare, oltre alle
condizioni in esercizio, anche le prestazioni al collasso. I va-
ri meccanismi che interessano le componenti di un’unione
bullonata sono i seguenti:
• rottura per taglio del bullone;
• rottura per rifollamento della lamiera;
• rottura per taglio della lamiera;
• rottura per trazione della lamiera.
Figura 6.4: Meccanismi di rottura
La resistenza delle unioni bullonate può venir determi-
nata convenzionalmente sulla base di verifiche numeriche,
che interpretano dei comportamenti statici semplificati. Si
distinguono le unioni in cui il bullone è sollecitato:
• a taglio;
• a trazione;
• a trazione e taglio.
Per ognuno di questi tipi di unione si deve distinguere la
resistenza nei riguardi:
• dello stato limite ultimo;
• dello stato limite di esercizio.
In questa sezione (quella relativa allo stato limite ultimo)
verranno trattati sia il funzionamento dei diversi tipi di unione
che il metodo di verifica a stato limite ultimo; mentre nella
sezione successiva verranno solo spiegate le verifiche allo
stato limite di esercizio.
6.5 Unioni a taglio
6.5.1 Verifica a taglio (meccanismo a) figura 6.4)
I valori di resistenza che seguono, possono essere utilizzati
come valori della resistenza di progetto, ma non hanno un
chiaro significato statistico: sono valori convenzionali per i
quali l’esperienza costruttiva e l’evidenza sperimentale han-
no mostrato un corretto funzionamento.
Un’unione bullonata è tanto più correttamente concepita
quanto più vicini fra loro sono i carichi di rottura corrispon-
denti ai meccanismi sopra elencati.
Per definire la resistenza di progetto a taglio di ogni sezione
Rev. B.1 46
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 6.3: Tabelle C4.2.XX e C4.2.XXI
resistente non ha senso ricorrere al criterio di Huber Von Mi-
ses, in quanto la lunghezza della vite è dello stesso ordine di
grandezza del diametro (quindi non può essere considerato
una trave inflessa).
Per ogni piano di taglio che interessa il gambo dell’elemento
di connessione viene quindi assunta una resistenza pari a:
F
v,Rd
=
0, 6 f
tb
A
res
γ
M2
(6.3)
per bulloni di classe 4.6, 5.6 e 8.8. Mentre
F
v,Rd
=
0, 5 f
tb
A
res
γ
M2
(6.4)
per bulloni di classe 6.8 e 10.9.
A
res
indica l’area resistente della vite e si adotta quando
il piano di taglio interessa la parte filettata della vite. Nei casi
in cui il piano di taglio interessa il gambo non filettato della
vite si ha una resistenza pari a:
F
v,Rd
=
0, 6 f
tb
A
res
γ
M2
(6.5)
La verifica sul bullone viene condotta verificando che lo
sforzo di taglio agente F
v,Ed
sia minore del valore resistente
F
v,Rd
. Ovvero:
F
v,Ed
≤ F
v,Rd
(6.6)
La resistenza complessiva della singola unione a taglio
è perciò data da min(F
v,Rd
; F
b,Rd
)
17
.
6.5.2 Verifica a rifollamento della lamiera (meccanismo
b) figura 6.4)
La verifica a rifollamento della lamiera consiste nell’assicu-
rare che lo stato tensionale in prossimità del foro sia com-
patibile con le caratteristiche del materiale. La verifica vie-
ne condotta ipotizzando una distribuzione delle tensioni a
plasticizzazione avvenuta. La norma impone che:
σ
rif
≤ α σ
adm
con
σ
rif
=
N
d t
dove [CNR 10011]
_
α =
a
d
α ≤ 2, 5
Appare chiaro come convenga quindi assumere a =
2, 5 d. In generale si assume α = 2, cioè a = 2d.
La resistenza della lamiera a rifollamento [NTC 2008] si
calcola nel seguente modo:
F
b,Rd
=
k α f
tk
t d
γ
M2
(6.7)
17
F
b,Rd
è la resistenza a rifollamento della lamiera, definita nel prossimo paragrafo.
Rev. B.1 47
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
dove d è il diametro nominale del gambo del bullone, t è lo
spessore della piastra collegata, f
tk
è la resistenza a rottura
del materiale della piastra collegata,
α = min
_
e
1
3d
0
;
f
tb
f
t
; 1
_
per bulloni di bordo nella direzione del carico applicato,
α = min
_
p
1
3d
0
−0, 25;
f
tb
f
t
; 1
_
per bulloni interni nella direzione del carico applicato,
k = min
_
2, 8
e
2
d
0
−0, 17; 2, 5
_
per bulloni di bordo nella direzione perpendicolare al carico
applicato,
k = min
_
1, 4
p
2
d
0
−0, 17; 2, 5
_
per bulloni interni nella direzione perpendicolare al carico
applicato,
essendo e
1
, e
2
, p
1
e p
2
le dimensioni indicate in figura 6.5 e
d
0
il diametro nominale del foro di alloggiamento del bullone.
Figura 6.5: Dimensioni sulle piastre
La verifica consiste nell’assicurare che
F
v,Ed
≤ F
b,Rd
(6.8)
6.5.3 Verifica a taglio della lamiera (distanze dai bordi)
(meccanismo c) figura 6.4)
Per cautelarsi da questo tipo di rottura vengono definite delle
distanze per il posizionamento dei fori, alle quali si assume
che altri tipi di rotture prevalgano su quella a taglio della la-
miera.
Sempre con riferimento alla figura 6.5 è possibile definire
due condizioni per i passi p
1
e p
2
: per elementi tesi avremo
25 t
min
≥ p
i
≥ 3 d
0
mentre per elementi compressi
15 t
min
≥ p
i
≥ 3 d
0
dove t
min
è il minore tra gli spessori delle lamiere componenti
l’unione.
Per quanto riguarda le distanze dai bordi abbiamo:
e
1
> 2 d
0
e
e
2
> 1, 5 d
0
Le limitazioni superiori sono da distinguersi per lamiere con
bordo irrigidito:
e
1
≤ 6 t
min
e
e
2
≤ 6 t
min
e per lamiere senza bordo irrigidito
e
1
≤ 9 t
min
e
e
2
≤ 9 t
min
Valori più aggiornati sono disponibili nella Tabella
4.2.XIII (Posizione dei fori per unioni bullonate e chiodate)
delle NTC 2008.
6.5.4 Verifica a trazione dei piatti (meccanismo d)
figura 6.4)
Figura 6.6: Distribuzione degli sforzi
Anche la resistenza di progetto per rottura a trazione del
piatti costituenti l’unione viene determinata in modo conven-
zionale. In effetti la distribuzione degli sforzi in una sezione
forata è del tipo di quella illustrato in figura 6.6 in campo
elastico. La ridistribuzione degli sforzi al collasso consente
l’uso di un valore medio.
Chiameremo in maniera del tutto convenzionale questa
resistenza B
v,Rd
18
.
B
v,Rd
= f
bt
A
nom
(6.9)
dove A
nom
= t
min
(b −φ).
Nel caso che vi siano più bulloni la scelta della sezione cri-
tica può diventare complessa: essa deve venir fatta sulla
base della resistenza a collasso per trazione e taglio della
piastra, in funzione delle possibili linee di rottura. Una regola
empirica, che si è sempre dimostrata a favore di sicurezza
è quella che corrisponde al minimo percorso passante per
uno o più fori.
18
non è prevista nella nomenclatura delle NTC 2008. Si veda nei paragrafi successivi la “Resistenza di progetto a rottura per taglio” (V
u,Rd
)
Rev. B.1 48
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 6.7: Scelta della sezione critica
Ad esempio, la sezione critica della piastra illustrata in
figura 6.7 è quella caratterizzata dal valore minimo di area
fra:
• 2L
1
+ 2L
2
• 2L
1
+ 2L
3
+ L
4
• 2L
1
+ 2L
3
+ 2L
5
Nel determinare il valore di sollecitazione corrispondente
B
v,Ed
19
si utilizza il metodo “delle corde”. Posto che l’unione
sia sollecitata da uno sforzo di trazione pari a N, questo vie-
ne ripreso in maniera distribuita dalle n file di bulloni che la
compongono. La distribuzione reale di tale sollecitazione ri-
sulta essere parabolica (vedi figura ??), ma, per semplicità,
essa viene assunta costante per tutte le n file. Il metodo con-
siste nel considerare il numero di corde tagliate dal percorso
condiderato per calcolare il B
v,Rd
. La formula sarà quindi:
B
v,Ed
=
c
C
c
T
N
Sd
(6.10)
dove per c
C
si intende il numero di corde tagliate dal per-
corso considerato, mentre per c
T
il numero totale di corde
(numero totale di bulloni).
Figura 6.8: Determinazione del carico
Quindi, come illustrato in figura, ai percorsi sopra
determinati corrisponderanno i seguenti sforzi:
• 2L
1
+ 2L
2

3
8
N
Sd
• 2L
1
+ 2L
3
+ L
4

5
8
N
Sd
• 2L
1
+ 2L
3
+ 2L
5

6
8
N
Sd
Nel caso di giunto non simmetrico si ipotizza un compor-
tamento plastico (materiale snervato con tensione uniforme
in tutti i pezzi). Varrà dunque la seguente equazione:
σ =
F
1
A
1
=
F
2
A
2
da cui le forze sulle singole lamiere
F
1
=
F A
1
A
1
+ A
2
; F
2
=
F A
2
A
1
+ A
2
ciò provoca l’insorgere di un momento flettente rispetto alla
linea media della lamiera centrale pari a:
M = F
2
_
t
2
2
+
t
0
2
_
−F
1
_
t
1
2
+
t
0
2
_
6.6 Unioni a trazione
Le unioni a trazioni si ritrovano ogni qualvolta si vuole ripristi-
nare la continuità degli elementi strutturali mediante giunzio-
ni flangiate. Per comprenderne il comportamento si consi-
deri l’unione costituita da due elementi giuntati con un unico
bullone e sollecitati da una forza esterna F
N
.
Prima dell’applicazione del carico esterno F
N
ciascuna
testa del bullone trasmette alle lamiere del giunto uno sfor-
zo totale di compressione di risultante pari all’azione assiale
N
S
presente nel gambo del bullone dovuta al serraggio: a
tale azione corrisponde un allungamento iniziale del gam-
bo del bullone. All’agire del carico F
N
lo sforzo del gambo
del bullone si aumenta di un aliquota X che determina un
19
notazione assunta nell’ambito di questo testo e non prevista nella nomenclatura delle NTC 2008.
Rev. B.1 49
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
leggero allungamento del bullone: la risultante di compres-
sione sulle lamiere si riduce di conseguenza di una quan-
tità Y. Se Y risulta inferiore a N
S
le parti restano ancora
in contatto e l’allungamento ∆L
1
del bullone coincide con la
decompressione ∆L
2
della lamiera. Questi risultano:
∆L
1
=
X
k
1
; ∆L
2
=
Y
k
2
dove k
1
e k
2
sono le rigidezze estensionali del bullone e delle
piastre rispettivamente. La rigidezza del bullone vale:
1
k
1
=
L
1
EA
+
L
2
EA
res
essendo A e A
res
rispettivamente l’area della sezione del
gambo e di quella resistente, L
1
e L
2
la lunghezza della parte
non filettata e di quella filettata interessata dal collegamento.
Più difficile è la valutazione della rigidezza delle piastre:
lo stato tensionale è infatti tridimensionale e dipende dalla
estensione della zona di contatto. In prima approssimazione
si può porre k
2
=
EA
eff
t
, dove A
eff
è l’area convenzionale della
zona soggetta a compressione ipotizzando una diffusione a
45°e t è lo spessore della piastra. Per disposizioni costrutti-
ve iniziali che presuppongono spessori t maggiori od egua-
li al diametro d del bullone è k
2
≥ 10k
1
. Diagrammando
gli allungamenti con lo sforzo normale applicato è possibile
notare il diverso ordine di grandezza esistente tra piastre e
bullone:
Per l’equilibrio del bullone deve risultare:
X + Y = F
N
Per la congruenza deve essere:
∆L
1
= ∆L
2
=
X
k
1
=
Y
k
2
Risulta pertanto:
X =
F
N
1 +
k
2
k
1

F
N
11
Y =
_
1 −
1
1 +
k
2
k
1
_

10
11
F
N
L’incremento X dello sforzo di trazione nel gambo corrispon-
de quindi a non più del 10% dello sforzo di trazione esterno
F
n
applicato. Nell’eventualità poi che il bullone, sempre per
effetto di N
S
sia inizialmente sollecitato oltre il limite elastico
si ottiene una rigidezza del bullone k
1
tendente a zero; per-
tanto l’incremento X risulta del tutto trascurabile.
Le relazioni precedentemente dedotte hanno valore fino a
quando le piastre restano a contatto: cioè per Y < N
S
. Per
Y > N
S
si determina il distacco delle piastre ed il bullone
viene così a sopportare l’intero valore del carico esterno F
N
.
L’inizio del distacco avviene quindi per F
N
≥ 1.1N
S
. In figu-
ra 6.11 a) è diagrammato il legame tra carico esterno F
N
e
allungamento del bullone ∆L, mentre in b) viene rappresen-
tato il legame che intercorre tra carico esterno F
N
e azione
assiale N agente nel gambo del bullone. Se il bullone non è
serrato, al crescere di F
N
cresce in egual misura N (curva a)
e, raggiunto il limite elastico, si entra in campo plastico fino
al raggiungimento della rottura per un valore del carico N
U
.
Se il bullone è serrato, anche per forza esterna nulla, è pre-
sente nel gambo un’azione assiale N
S
cui corrisponde un al-
lungamento ∆L
S
. Al crescere della forza esterna F
N
l’azione
assiale nel gambo N cresce molto lentamente fino a quan-
do è F
N
= N
P
≈ 1, 1 N
S
, cioè fino al valore che porta alla
decompressione delle piastre (curva b). Per F
N
> N
P
l’azio-
ne assiale N ritorna ad essere uguale al carico applicato F
N
fino a rottura.
La resistenza di calcolo a trazione semplice degli
elementi di connessione F
t ,Rd
può essere assunta pari a:
F
t ,Rd
= 0, 9
f
tb
A
res
γ
M2
(6.11)
Inoltre, nelle unioni bullonate soggette a trazione è ne-
cessario verificare la piastra a punzonamento; ciò non
è richiesto per le unioni chiodate. La resistenza a
punzonamento del piatto collegato è pari a
B
p,Rd
=
0, 6 π d
m
t
p
f
tk
γ
M2
(6.12)
dove d
m
è il minimo tra il diametro del dado e il diametro me-
dio della testa del bullone; t
p
è lo spessore del piatto e f
tk
è
la tensione di rottura dell’acciaio del piatto.
La verifica a stato limite ultimo viene condotta
assicurando che:
F
t ,Ed
≤ F
t ,Rd
(6.13)
La resistenza della singola unione a trazione è quindi
ottenuta come min(B
p,Rd
; F
t ,Rd
).
6.7 Unioni a taglio e trazione
Nel caso in cui vi sia la presenza combinata di taglio e
trazione si può adottare la formula di interazione lineare:
F
v,Ed
F
v,Rd
+
F
t ,Ed
1, 4 F
t ,Rd
≤ 1 (6.14)
Questa formula (NTC 2008) risulta particolarmente cau-
telativa in quanto risultati sperimentali hanno evidenziato un
dominio ultimo ellittico di equazione:
_
F
v,Ed
F
v,Rd
_
2
+
_
F
t ,Ed
F
t ,Rd
_
2
≤ 1
6.8 Stato limite di esercizio
6.8.1 Unioni a taglio
Per i bulloni di classe 8.8 e 10.9 (alta resistenza), nella veri-
fica di deformabilità in condizioni di esercizio, si può tenere
conto del funzionamento ad attrito del giunto. Si ammette
cioè che per carichi minori del limite di scorrimento per attri-
to, il giunto sia rigido.
Si riporti in un diagramma (figura 6.12) lo scorrimento re-
lativo ∆L fra i punti A e B delle piastre in funzione del
carico applicato F
V
. Si possono osservare quattro fasi di
comportamento ben distinte fra loro:
Rev. B.1 50
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 6.10: Rigidezza delle lamiere e dei bulloni
Figura 6.11: Relazione tra azione applicata e allungamento / azione interna
Rev. B.1 51
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 6.12: Scorrimento di un giunto da attrito
1. Lo scorrimento è praticamente nullo al crescere del
carico: la trasmissione della forza avviene quindi per
attrito fra le lamiere. La fase ha termine per un
valore F
V,f
del carico applicato che corrisponde al
superamento dell’attrito fra le lamiere.
2. Si manifesta un brusco scorrimento della giunzione in
corrispondenza del carico esterno F
V
≈ F
V,f
. La fase
ha termine con la ripresa del gioco foro-bullone.
3. Lo scorrimento è praticamente proporzionale al cari-
co, evidenziando il comportamento elastico dell’unio-
ne. La fase elastica ha termine con il raggiungimen-
to del limite elastico o nelle piastre collegate o nel
bullone.
4. Si manifestano grandi scorrimenti per piccoli incre-
menti di carico. La fase ha un termine con il collas-
so della giunzione in corrispondenza del carico ultimo
F
V,u
.
La norma prevede che per le unioni a taglio per attrito
con bulloni ad alta resistenza la massima forza trasmissibile
sia pari a:
F
s,Rd
=
k
s
n µ
γ
M3
F
p,Cd
(6.15)
dove:
F
p,Cd
è la forza di progetto di precarico definita al punto
6.5.8.2 dell’ EC3, n è il numero delle superfici di attrito, µ
è il coefficiente di attrito tra le piastre (definito in seguito).
Il coefficiente k
s
deve essere determinato come segue:
k
s
= 1, 0 Quando i fori in tutti i piatti hanno gioco foro-bullone
“normale”;
k
s
= 0, 85 Per i fori maggiorati o per fori ad asola corta;
k
s
= 0, 7 Per fori ad asola lunga.
Per i bulloni disposti in fori aventi il gioco foro-bullone “nor-
male” e per bulloni in fori asolati con l’asse dell’asola perpen-
dicolare alla direzione di applicazione del carico, il corfficien-
te parziale di sicurezza γ
Ms
per la resistenza allo scorrimento
deve essere preso pari a:
γ
Ms,ult
= 1, 25
γ
Ms,ser
= 1, 10
I collegamenti con bulloni in fori maggiorati o in fori asolati
con l’asse dell’asola parallelo alla direzione di applicazione
del carico devono essere calcolati come appartenenti alla
categoria C, resistenti allo scorrimento allo stato limite ulti-
mo.
In questo caso il coefficiente parziale di sicurezza per la
resistenza allo scorrimento deve essere preso pari a:
γ
Ms,ult
= 1, 40
La forza di precarico F
p,Cd
in caso di serraggio controlla-
to, può essere assunta pari a 0, 7 f
tb
A
res
, invece che pari
a 0, 7 f
tb

A
res
γ
M7
.
Il coefficiente di attrito µ dipende dalla classe del trattamento
superficiale (“Norma di riferimento” 8):
µ = 0, 50 per superfici di classe A: superfici sabbiate mec-
canicamente o a graniglia, esenti da incrostazioni di
ruggine e da vaiolature; superfici sabbiate meccanica-
mente o a graniglia e metallizzate a spruzzo di allumi-
nio; superfici sabbiate meccanicamente o a graniglia e
metallizzate a spruzzo con una vernice a base di zinco
certificata per assicurare un coefficiente non minore di
0,5.
µ = 0, 40 per superfici di classe B: superfici sabbiate mec-
canicamente o a graniglia e verniciate con silicato di
zinco alcalino applicando uno spessore dello strato di
50 −80µm;
µ = 0, 30 per superfici di classe C: superfici pulite median-
te spazzolatura o alla fiamma, esenti da icrostazioni di
ruggine;
µ = 0, 20 per superfici di classe D: superfici non trattate;
Qualora un collegamento ad attrito sia soggetto ad una
forza di trazione F
t
, oltre all’azione di taglio F
v
che tende a
provocare lo scorrimento, la resistenza allo scorrimento di
un bullone deve essere assunta come segue:
Categoria B: il collegamento resistente allo scorrimento allo
stato limite di sevizio:
F
s,Rd,ser
= k
s
n µ
F
p,Cd
˘0, 8 F
t ,Sd,ser
γ
Ms,ser
Categoria C: collegamento resistente allo scorrimento allo
stato limite ultimo.
F
s,Rd
= k
s
n µ
F
p,Cd
−0, 8 F
t ,Sd
γ
Ms,ult
Rev. B.1 52
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
6.8.2 Unioni a trazione
Figura 6.13: Effetto leva
La principale differenza fra lo schema illustrato in figura 6.11
e il comportamento reale della unione consiste nel fatto che
il carico F
N
non è applicato alla testa del bullone, ma vi è
trasmesso attraverso le lamiere che subiscono deformazio-
ni flessionali in conseguenza delle quali il completo distacco
non è mai possibile. (Figura 6.13) Ne risulta che il valore
N
P
≈ 1.1N
S
sopra dedotto rappresenta il limite superiore
della forza assegnabile al bullone prima del distacco della
unione. L’assumere come resistenza allo stato limite di de-
compressione un valore della forza pari a quello della azio-
ne assiale N
S
indotta dal serraggio del bullone risulta quindi
sempre cautelativo.
Da un punto di vista costruttivo è evidente che se si vuol eli-
minare l’eventualità di un distacco delle piastre si deve ope-
rare un serraggio secondo le modalità indicate nella norma-
tiva NTC 2008 e si devono adoperare bulloni di classe 8.8,
10.9 o 12.9 per evitare la perdita di serraggio nel tempo per
effetti di rilassamento del materiale.
6.8.3 Unioni a taglio e trazione
Il carico F
v
per cui avviene lo scorrimento di una giunzione
a taglio, a parità di coefficiente di attrito, è proporzionale alla
forza di precompressione fra le superfici a contatto. Il domi-
nio della resistenza è quindi rappresentato in figura 6.14 ed
è espresso dalla relazione F
v
= F
v,Rd
(1 −
F
b
F
p,Cd
), dove F
b
è
la forza assiale sul bullone. È opportuno limitare il campo di
validità della formula a valori in F
b
≤ 0, 8 F
p,Cd
per garan-
tire un adeguato margine nei riguardi della decompressione
delle piastre.
Figura 6.14: Concomitanza di taglio e trazione
6.9 Effetti delle caratteristiche di sollecitazio-
ne e verifiche
Le unioni bullonate possono essere sostanzialmente
sollecitate in due modi diversi:
• sollecitazioni di taglio e torsione che agiscono nel pia-
no delle lamiere collegate dai bulloni e i cui effetti ne
impegnano a taglio i gambi;
• sollecitazioni assiali e flettenti che agiscono in piani
paralleli al gambo dei bulloni e che quindi li impegnano
a trazione.
La ripartizione di tali effetti sui singoli bulloni viene ese-
guita sulla base di metodi convenzionali, suffragati da ri-
sultati sperimentali. Nel seguito si riportano i metodi più
comunemente adottati e le ipotesi su cui questi si fondano.
Figura 6.15: Concomitanza di taglio e torsione
6.9.1 Sollecitazione di taglio e torsione
Con riferimento al problema indicato in figura, risulta ne-
cessario individuare il punto più adeguato alla definizione
del momento torcente che impegna l’unione. Le ipotesi che
stanno alla base di questo calcolo sono due:
• lamiere infinitamente rigide;
• bulloni perfettamente elastici.
Rev. B.1 53
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 6.16: Concomitanza di taglio e torsione
Lo spostamento relativo di ogni bullone è costante per
effetto del taglio e proporzionale alla distanza dal baricentro
dei bulloni per effetto del momento F e. In questo modo non
si considera la ridistribuzione delle dai bulloni più sollecitati
a quelli meno sollecitati, si ipotizza invece una plasticizza-
zione locale (ovalizzazione) attorno ai fori per distribuire gli
sforzi nei bulloni.
Il ruolo del gioco foro-bullone e delle ovalizzazioni dei fori
è messo in evidenza dal giunto in figura ??. Se si ammettes-
se un comportamento perfettamente elastico delle lamiere
e dei bulloni e si escludesse ogni gioco foro-bullone, la di-
stribuzione delle forze sui bulloni, anzichè costante, avrebbe
un andamento a catenaria e i bulloni estremi sarebbero i
più caricati. Proprio per l’esistenza del gioco foro-bullone è
invece più aderente alla realtà equiripartire la forza esterna
fra tutti i bulloni, a patto che il giunto non sia troppo lun-
go: ciò implica contenere gli interassi entro i limiti indicati in
precedenza e soprattutto ridurre la lunghezza del giunto in
direzione parallela alla forza F
V
applicata.
Distribuzione della componente tagliante
Conseguentemente alle ipotesi sopra discusse la compo-
nente tagliante può essere considerata ripartita in egual mi-
sura su tutti i bulloni.
Il carico agente su ogni faccia risulta pertanto:
V =
F
V
n n
V
dove n è il numero di bulloni presenti nel giunto e n
V
il
numero di sezioni resistenti per ogni bullone.
Distribuzione della componente torcente
Il momento torcente si ripartisce sui bulloni in ragione del-
la loro distanza dal baricentro. Risulta quindi sul bullone
i-esimo:
V
T,i
= k a
i
essendo a
i
la distanza fra il centro del bullone ed il baricentro
della bullonatura. Dall’equilibrio alla rotazione:
T = n
V
Σ
n
1
V
T,i
a
i
si ricava:
V
T,i
=
Ta
i
n
V
Σa
2
i
6.10 Categorie di collegamenti bullonati
L’eurocodice 3 prescrive che il progetto del collegamen-
to bullonato debba essere conforme ad una delle seguenti
categorie:
Categoria A Collegamenti a taglio - In questa categoria si
devono impiegare bulloni ordinari o bulloni ad alta resi-
stenza dalla classe 4.6 fino alla classe 10.9 compresa.
Non sono richiesti precarico e prescrizioni particolari
per le superfici di di contatto. Il carico ultimo di pro-
getto non deve eccedere nè la resistenza di progetto
a taglio, nè la resistenza di progetto a rifollamento.
Categoria B Collegamenti ad attrito resistenti allo stato li-
mite di servizio - In questa categoria si devono impie-
gare bulloni ad alta resistenza precaricati con coppia
di serraggio controllata. Non si deve avere scorrimen-
to allo stato limite di servizio. La combinazione delle
azioni da considerare deve essere selezionata in fun-
zione delle condizioni di carico per le quali è richiesta
la resistenza allo scorrimento. Il carico di progetto a
taglio allo stato limite di servizio non deve eccedere la
resistenza di progetto allo scorrimento. Il carico ultimo
di progetto a taglio non deve eccedere nè la resisten-
za di progetto a taglio, nè la resistenza di progetto a
rifollamento.
Categoria C Collegamenti ad attrito resistenti allo stato li-
mite ultimo - In questa categoria si devono impiega-
re bulloni ad alta resistenza precaricati con coppia di
serraggio controllata. Non si deve avere scorrimen-
to allo stato limite ultimo. Il carico ultimo di progetto
a taglio non deve eccedere nè la resistenza di pro-
getto allo scorrimento, nè la resistenza di progetto a
rifollamento.
Categoria D Collegamenti caricati a trazione con bulloni
non precaricati - In questa categoria devono essere
impiegati bulloni ordinari (prodotti con acciaio a bas-
so contenuto di carbonio) o bulloni ad alta resistenza
fino alla classe 10.9 compresa. Non è richiesto preca-
rico. Questa categoria non deve essere usata qualora
i collegamenti siano frequentemente soggetti a varia-
zioni della forza di trazione. Essi tuttavia possono es-
sere impiegati nei collegamenti calcolati per resistere
ai normali carichi di vento.
Categoria E Collegamenti caricati a trazione con bulloni ad
alta resistenza precaricati - In questa categoria si de-
vono impiegare bulloni ad alta resistenza precaricati
con coppia di serraggio controllata. Tale precarico mi-
gliora la resistenza a fatica. L’entità del miglioramen-
to dipende comunque dai dettagli costruttivi e dalle
tolleranze.
Rev. B.1 54
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Per i collegamenti caricati a trazione di entrambe le cate-
gorie D e E non è necessario alcun trattamento delle super-
fici di contatto, ad eccezione dei collegamenti di categoria E
soggetti alla combinazione di trazione e taglio (combinazio-
ne E-B oppure E-C). Si veda la tabella in figura 6.18 di cui
indichiamo la simbologia:
F
v,Sd,eser
Forza di progetto a taglio per ogni bullone
allo stato limite di servizio
F
v,Sd
Forza di progetto a taglio per ogni bullone
allo stato limite ultimo
F
v,Rd
Resistenza di progetto a taglio di un bullone
F
b,Rd
Resistenza di progetto a rifollamento
di un bullone
F
s,Rd,eser
Resistenza di progetto allo scorrimento
di un bullone allo stato limite di servizio
F
s,Rd
Resistenza di progetto allo scorrimento
di un bullone allo stato limite ultimo
F
t ,Sd
Forza di progetto a trazione per ogni bullone
allo stato limite ultimo
F
t ,Rd
Resistenza di progetto a trazione di un bullone
6.11 Distribuzione delle forze fra i dispositivi
di giunzione
La distanza delle forze interne fra i dispositivi di giunzione al-
lo stato limite ultimo deve essere proporzionale alla distanza
dal centro di rotazione solo per:
• collegamenti resistenti ad attrito di categoria C;
• altri collegamenti a taglio dove la resistenza di progetto
a taglio F
v,Rd
di un dispositivo di giunzione è inferiore
alla resistenza di progetto a rifollamento F
b,Rd
.
Negli altri casi la distribuzione delle forze interne fra i dispo-
sitivi di giunzione allo stato limite ultimo può essere o come
indicato sopra o altrimenti plastica. Può essere ipotizzata
ogni ragionevole distribuzione purchè essa soddisfi determi-
nati requisiti
20
In un giunto a sovrapposizione, si deve assumere per
ciascun dispositivo di giunzione la stessa resistenza al
rifollamento in ogni particolare direzione.
6.12 Detrazione dell’area dei fori per disposi-
tivi di giunzione
Il calcolo dei collegamenti di membrature compresse è nor-
malmente richiesto senza considerare alcuna detrazione dei
fori per i dispositivi di giunzione ad eccezione del caso di fori
maggiorati o asolati.
Per il progetto dei collegamenti degli altri tipi di membrature
si applica quanto indicato al paragrafo 5.4 dell’EC3.
Il meccanismo di collasso “block shear” in una serie di fo-
ri per dispositivi di giunzione vicini all’estremità dell’anima
di una trave o di una squadretta deve essere prevenuto
mediante un’opportuna spaziatura dei fori. Questo tipo di
collasso consiste generalmente in una rottura a trazione,
lungo la linea dei fori, sulla superficie tensionata del gruppo
di fori e in uno snervamento a taglio nella sezione lorda, in
corrispondenza della fila di fori, lungo la faccia sollecitata a
taglio dei fori stessi. La resistenza a taglio ultima di progetto
V
u,Rd
lungo la linea di rottura per meccanismo tipo “block
shear” dovrà essere assunta pari a:
V
u,Rd
=
(f
y
/

3) A
v,eff
γ
M0
(6.16)
dove A
v,eff
è l’area netta del meccanismo “block shear” che
deve essere determinata nel modo seguente:
A
v,eff
= t L
v,eff
dove
L
v,eff
= L
v
+ L
1
+ L
2
con la limitazione L
v,eff
≤ L
3
nella quale
L
1
= a
1
con la limitazione L
1
≤ 5 d
L
2
= (a
2
−k d
0,t
)(f
u
/f
y
)
L
3
= L
v
+ a
1
+ a
3
con la limitazione
L
3
≤ (L
v
+ a
1
+ a
3
−nd
0,v
)(f
u
/f
y
)
dove
a
1
, a
2
, a
3
e L
v
sono indicate in figura;
d è il diametro nominale del dispositivo
di giunzione;
d
0,t
è la larghezza della superficie trazionata del
foro, in genere il suo diametro, ma per fori
asolati orizzontali si deve considerare
la lunghezza dell’asola;
d
0,v
è la larghezza della superficie del foro
soggetta a taglio, in genere il diametro del
foro, ma per fori asolati verticali si deve
considerare la lunghezza dell’asola;
n è il numero dei fori per dispositivi di
20
I collegamenti possono essere progettati distribuendo le forze ed i momenti interni nel modo che risulta il più razionale purchè:
• le forze ed i momenti interni assunti siano in equilibrio con le forze ed i momenti applicati;
• ciascun elemento del collegamento sia in grado di resistere alle forze ed alle sollecitazioni considerate nell’analisi;
• le deformazioni derivanti da questa distribuzione non superino la capacità di deformazione dei dispositivi di giunzione o saldature delle parti
collegate;
• le deformazioni assunte in qualsiasi modello di progetto basato sulle linee si snervamento siano basate su rotazioni rigide (e deformazioni nel
piano) che siano fisicamente possibili.
Inoltre, la distribuzione assunta delle forze interne deve essere realistica per quanto riguarda le rigidezze relative nel giunto. Le forze interne cerche-
ranno di seguire il percorso di maggior rigidità. Tale percorso deve essere identificato con chiarezza e coerentemente seguito lungo tutto il progetto del
collegamento.
Rev. B.1 55
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 6.18: Connessioni EC3
Rev. B.1 56
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 6.19: Distribuzione delle forze fra i dispositivi di giunzione
giunzione nella superficie soggetta a taglio;
t è lo spessore dell’anima o della squadretta;
k è un coefficiente con i seguenti valori:
per una fila di bulloni: k = 0, 5;
per due file di bulloni: k = 2, 5;
6.13 Membrature soggette a trazione assiale
Per membrature soggette a trazione assiale il valore di pro-
getto della forza N
Sd
in corrispondenza di ciascuna sezione
trasversale deve soddisfare la relazione
N
Sd
≤ N
t ,Rd
dove N
t ,Rd
è la resistenza di progetto a trazione della
sezione trasversale, pari al valore minore fra:
1. la resistenza plastica della sezione lorda: N
pl ,Rd
=
A f
y

M0
2. la resistenza ultima di progetto della sezione netta in
corrispondenza dei fori per i dispositivi di giunzione:
N
u,Rd
= 0, 9 A
net
f
u

M0
Per le giunzioni di categoria C progettate per resistere allo
scorrimento allo stato limite ultimo, la resistenza plastica di
progetto della sezione netta in corrispondenza dei fori per
i dispositivi di giunzione N
net ,Rd
non deve essere assunta
maggiore di
N
net ,Rd
= A
net
f
y

M0
Qualora sia richiesto un comportamento duttile, la resistenza
plastica di progetto N
pl
deve risultare inferiore alla resisten-
za ultima di progetto della sezione netta in corrispondenza
dei fori per i dispositivi di giunzione N
u,Rd
cioè:
N
u,Rd
≥ N
pl ,Rd
ciò sarà soddisfatto se: 0, 9[A
net
/A] ≥ [f
y
/f
u
][γ
M2

M0
]
Cioè se il rapporto A
net
/A sarà maggiore delle seguenti
percentuali:
82% Fe360
81% Fe430
87% Fe510
Rev. B.1 57
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
7 Unioni saldate
La saldatura è un processo di giunzione che consente di
unire elementi metallici in modo permanente realizzando la
continuità del materiale mediante fusione. Confrontando le
unioni saldate con le unioni bullonate si nota che i collega-
menti saldati risultano più rigidi e semplici ma necessitano
un maggiore controllo al fine di evitare possibili riduzioni di
resistenza o rotture fragili associate al procedimento di sal-
datura stesso. Per tale motivo, nella realizzazione di una
struttura metallica si preferisce eseguire la maggior parte
delle unioni saldate in officina dove vi è maggiore control-
lo e la possibilità di utilizzare attrezzature automatizzate e
sofisticate.
7.1 Generalità delle unioni saldate
7.1.1 Procedimenti di saldatura
Nelle unioni saldate il materiale base è quello dei pezzi da
collegare mentre il materiale di apporto è il materiale che
viene introdotto allo stato fuso tra gli elementi. I procedi-
menti di saldatura si distinguono in procedimenti autogeni e
procedimenti eterogeni:
nei primi si ha fusione sia del materiale base sia del mate-
riale di apporto eventualmente introdotto tra gli elementi da
collegare. I procedimenti eterogeni prevedono invece solo
la fusione del materiale di apporto ad una temperatura in-
feriore. Generalmente si impiegano procedimenti autogeni
distinti a seconda dei metodi impiegati per ottenere la sor-
gente termica e per proteggere il bagno di fusione, questi
sono:
• saldatura ad arco con elettrodi rivestiti: Rappre-
senta la tecnica più usata e semplice da eseguire. In-
fatti bastano un semplice generatore di corrente dal
quale si dipartono due cavi, uno da collegare al pez-
zo da saldare e l’altro munito di una speciale pinza
portaelettrodo. L’elettrodo viene posto a brevissima di-
stanza dai pezzi da saldare in modo da far scoccare
l’arco elettrico tra i due elementi. La sorgente di calo-
re che si viene a formare risulta localizzata e produce
altissime temperature (3000-5000 °C) che fanno fon-
dere rapidamente sia il materiale base che l’elettrodo
dando luogo ad un bagno di fusione il cui successivo
raffreddamento forma il cordone di saldatura che uni-
sce i pezzi saldati.
L’elettrodo è formato da un metallo analogo a quello
da saldare ed è rivestito da un materiale le cui funzio-
ni sono quelle di formare una atmosfera gassosa che
protegge l’arco elettrico e dare luogo a una scoria più
leggera del metallo che galleggia nel bagno di fusio-
ne che solidificandosi protegge il bagno fuso e limita
la velocità di raffreddamento del bagno stesso preve-
nendo la formazioni di difetti. Gli elettrodi impiegati
dovranno essere del tipo omologato dalle norme UNI
5132;
• saldatura ad arco sommerso: l’elettrodo è costituito
da un filo avvolto a matassa (bobina) che un opportu-
no dispositivo provvede a far avanzare man mano che
questo si fonde per formare il cordone di saldatura (filo
continuo); la protezione del bagno di fusione è affida-
ta ad una polvere granulare (flusso) che ha la stessa
funzione degli elettrodi rivestiti. Questo flusso viene di-
stribuito sul giunto ed al suo interno scocca l’arco che
di conseguenza risulta sommerso ed invisibile;
• saldatura con protezione di gas ed elettrodo fusibi-
le (MIG e MAG): sono anch’esse saldature a filo conti-
nuo dove la protezione del bagno è affidata ad un gas
inerte (saldature MIG) o ad un gas chimicamente atti-
vo (MAG). Tali procedimenti hanno un costo elevato e
vengono impiegati per saldare acciai particolari (acciai
al nichel-cromo, acciai inossidabili ecc.) La presenza
del gas previene la formazione di ossidi e nitruri.
7.1.2 Qualifica dei procedimenti di saldatura (CNR
10011)
L’impiego di elettrodi omologati secondo UNI 5132 esime da
ogni prova di qualifica del procedimento.
Per l’impiego di altri procedimenti di saldatura (arco som-
merso o sotto protezione di gas) occorre eseguire prove
preliminari di qualifica atte ad accertare:
• l’attitudine ad eseguire i principale tipi di giunto del-
la struttura ottenendo giunti senza difetti (da accertare
con radiografie e prove di rottura del giunto);
• la resistenza a trazione su giunti testa a testa median-
te provette trasversali al giunto, resistenza che deve
essere maggiore di quella del materiale base;
• capacità di deformazione del giunto mediante prove
di piegatura a 180° su mandrino con φ = 3t per
S235-275 (Fe 360,430) e φ = 4t per S375 (Fe 510);
• prove di resilienza su provette intagliate a V secondo
UNI 4713 ricavate trasversalmente al giunto saldato.
E’ richiesta una resilienza maggiore a 27 J a 20 °C se
la struttura deve essere impiegata a temperatura mag-
giore di 0 °C, a 0 °C se deve lavorare a temperature
minori.
7.1.3 Classificazioni delle saldature
Le unioni saldate si possono classificare in vari modi che
tengono in conto di alcune caratteristiche della saldatura
stessa:
- in funzione della posizione dei cordoni di saldatura
(fig. 7.1):
• saldature in piano;
• saldature frontali;
• saldature verticali;
• saldatura sovratesta (quando si esegue dal
basso verso l’alto).
- in relazione alla posizione dei pezzi da saldare(fig. 7.2):
• a) giunti testa a testa;
• b) giunti d’orlo;
Rev. B.1 58
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
• c) giunti d’angolo;
• d) giunti a T;
• e) giunti a L;
• f) giunti per sovrapposizione.
- in funzione della lavorazione delle parti a contatto,
limitatamente ai giunti testa a testa:
• giunti a V;
• giunti a U;
• giunti a X;
• giunti a Y.
- in funzione della sezione trasversale di un cordone
d’angolo(fig. 7.3): può essere piana, concava o
convessa.
- in funzione della direzione dello sforzo le saldature
possono essere(fig. 7.4):
• a) laterali;
• b) frontali;
• c) oblique.
Ai fini delle verifiche di resistenza le norme (CNR10011,
D.M. 2008) fanno riferimento a due categorie di unioni
saldate (fig. 7.7):
1. giunti a completa penetrazione (testa a testa, a
croce, a T);
2. giunti a cordone d’angolo e a parziale penetrazio-
ne (fig. 7.5,7.6).
Figura 7.1: Classificazione in funzione della posizione dei
cordoni
Figura 7.2: Classificazione in funzione della posizione dei
pezzi
Figura 7.3: Classificazione in funzione della sezione
trasversale di un cordone d’angolo
Figura 7.4: Classificazione in funzione della direzione dello
sforzo le saldature possono essere
Figura 7.5: Saldature di testa a parziale penetrazione (EC3)
Rev. B.1 59
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 7.6: Saldature di testa a T (EC3)
Limitatamente ai giunti a completa penetrazione, le
norme (CNR10011) distinguono due classi di saldatura:
• CLASSE I: comprende i giunti effettuati con elettrodi
di classe 3 o 4 secondo UNI 5132 o altri procedimen-
ti qualificati di saldatura. Devono soddisfare l’esame
ai raggi x con i risultati richiesti per il raggruppamen-
to B, UNI 7278. L’aspetto della saldatura deve essere
regolare e non ci devono essere discontinuità con il
materiale base (realizzati in officina);
• CLASSE II: possono essere effettuati con elettrodi
di clesse 2,3,4 secondo UNI 5132, devono soddisfa-
re ai requisiti del raggruppamento F, UNI 7278. L’a-
spetto della saldatura deve essere quello della clas-
se I (realizzati in cantiere, sono ammesse piccole
diffetosità).
Gli elementi tipici di giunti a completa penetrazione sono
(fig. 7.8):
• l’angolo di smusso α;
• la sua profondità d;
• la spalla rettilinea s;
• la distanza fra i lembi g.
La distinzione tra queste due classi è associata alla bon-
tà di esecuzione dell’unione saldata e si traduce in una diffe-
rente capacità portante dell’unione: maggiore per le unioni
di prima classe rispetto a quelle della seconda.
I giunti con cordoni d’angolo, effettuati con elettrodi di qualità
2,3 o 4 devono essere considerati come appartenenti ad un
unica classe caratterizzata da una ragionevole assenza di
difetti interni e di assenza di incrinature interne o di cricche
a strappo sui lembi dei cordoni.
7.1.4 Difettosità delle saldature
Come conseguenza dei fenomeni metallurgici (solidificazio-
ne del materiale fuso e trattamento termico del materiale
di base che circonda la saldatura) si possono avere difetti
dell’unione saldata: difetti metallurgici (cricche, strappi la-
mellari, inclusioni) e geometrici (mancanza di penetrazione,
disassamento).
Le cricche (fig. 7.9) sono microlesioni che interrompo-
no la continuità della saldatura. Si distinguono le cricche a
caldo che si generano nella zona fusa a causa di un elevato
tenore di impurezze presente e le cricche a freddo che si
manifestano ai margini del cordone di saldatura e sono pro-
vocate dall’eccessiva durezza che si produce nel materiale
base in seguito al rapido raffreddamento del bagno di fusio-
ne (tempra).
Figura 7.8: Elementi dei giunti a completa penetrazione
Figura 7.9: Cricche nei cordoni di saldatura
Gli strappi lamellari (fig. 7.10) corrispondono a cricche
dovute ad una sollecitazione di trazione ortogonale al pia-
no di laminazione del materiale base (sono generate dalle
tensioni di ritiro successive al raffreddamento e dal notevole
Rev. B.1 60
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 7.7: Tipologie comuni di giunti saldati (EC3)
Rev. B.1 61
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
spessore del materiale base).
La mancanza di penetrazione (fig. 7.11)si manifesta quan-
do esistono zone in cui il materiale fuso non è penetrato
e la saldatura dell’unione non risulta pertanto continua. Il
disassamento (fig. 7.11) dei lembi è dovuto invece ad un
montaggio imperfetto delle componenti da unire che può
provocare una variazione della geometria del profilo assem-
blato.
Figura 7.10: Tipici strappi lamellari
Figura 7.11: Difetti nelle saldature
Tutti questi difetti possono arrecare notevoli danni alla
resistenza dei giunti. I mezzi più diffusi per il loro ricono-
scimento sono: l’esame radiografico che utilizza i raggi x o
gamma, l’esame agli ultrasuoni, l’esame magnetoscopico e
l’esame con liquidi penetranti.
7.1.5 Particolari imposizioni normative (CNR 10011)
Il progetto deve essere redatto col criterio di limitare il più
possibile le saldature in opera. La posizione dei giunti deve
essere tale da agevolare l’esecuzione, da evitare la concen-
trazione di saldature in zone ristrette e da permettere che i
giunti di testa siano suscettibili di controlli non distruttivi (in
corso d’opera o a opera finita). In particolare:
Figura 7.12:
• nelle saldature di testa gli elementi di spessore di-
verso sollecitati normalmente al giunto, l’elemento di
spessore maggiore deve essere rastremato come in
fig. 7.12. I valori maggiori di L sono da adottarsi in
presenza di sollecitazioni a fatica;
• Per gli attacchi di estremità di aste sollecitate da sforzo
normale, realizzati soltanto con cordoni d’angolo pa-
ralleli allo sforzo di sollecitazione, la lunghezza minima
degli stessi cordoni deve essere maggiore di 15 volte
lo spessore t;
• l’impiego di saldature entro fori o intagli deve essere
considerato eccezionale; qualora non si possa evitar-
lo il loro contorno non deve presentare punti angolosi
ne raggi di curvatura minori di metà della dimensione
minima dell’intaglio;
• devono essere previsti di classe I i giunti a testa di
maggior importanza appartenenti a membrature tese
esposte a temperature minori di 0 °C;
• devono essere evitate per quanto possibili le discon-
tinuità locali; tale regola deve essere sempre osser-
vata in presenza di sollecitazioni a fatica o di basse
temperature;
• la saldatura a tratti è ammessa solo per cordo-
ni d’angolo e deve essere evitata nelle membrature
sollecitate a fatica (fig. 7.14);
• i cordoni d’angolo che uniscono due laminati di spes-
sore t
1
e t
2
devono avere il lato b (fig. 7.13) sod-
disfacente le condizioni di calcolo e la limitazione
seguente:
t
2
2
≤ b ≤ t
2
(7.1)
Per spessori t
1
≥ 20 mm invece conviene di regola
che sia b ≥ b
1
purchè non in contrasto con la prece-
dente limitazione; i valori di b
1
sono riportati in tabella
7.1;
• nei giunti a croce o a T a completa penetrazione deve
essere previsto un graduale allargamento della salda-
tura (fig. 7.13), la cui larghezza deve essere almeno
pari al 1,3 volte t in corrispondenza della lamiera in cui
viene ad innescarsi.
Figura 7.13:
Rev. B.1 62
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 7.14: Saldature a cordoni d’angolo discontinue (EC3)
Tabella 7.1: Altezza limite b
1
del cordone
t
1
b
1
mm mm
20 6
30 8
50 11
70 13
100 14
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate
Nei giunti a testa a completa penetrazione, in assenza di
difetti interni, lo stato di tensione può essere assimilato a
quello di un pezzo continuo. La sezione resistente della sal-
datura ha come lunghezza l’intera lunghezza L della salda-
tura e come altezza t il minore dei due spessori collegati nel
caso di giunti testa a testa oppure lo spessore dell’elemen-
to completamente penetrato nel caso di giunti a T o a croce
(fig. 7.15).
Figura 7.15:
Nei giunti a cordone d’angolo la sezione resistente
chiamata sezione di gola viene identificata dalla lunghez-
za L del cordone di saldatura moltiplicata per l’altezza di
gola a ovvero l’altezza del triangolo inscritto nella sezione
trasversale del cordone di saldatura (fig. 7.16, 7.17).
Figura 7.16: Altezza di gola di una saldatura a cordoni
d’angolo
Rev. B.1 63
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 7.17: Altezza di gola di una saldatura a cordoni
d’angolo a forte penetrazione
Si assume l’ipotesi semplificativa di considerare le ten-
sioni uniformemente distribuite nella sezione di gola e si indi-
viduano convenzionalmente con la seguente simbologia (fig.
7.18):
Figura 7.18: Stato tensionale nella sezione di gola
σ

rappresenta la tensione che agisce in direzione
normale alla sezione di gola;
τ

rappresenta la tensione che agisce nella sezione di
gola in direzione perpendicolare all’asse del cordone;
τ
//
rappresenta la tensione che agisce nella sezione di
gola in direzione parallela all’asse del cordone;
σ
//
rappresenta la tensione che agisce in direzione
parallela all’asse del cordone sulla sua sezione
trasversale.
La sezione di gola può essere ribaltata, a seconda della
convenienza, sul piano verticale o su quello orizzontale, ov-
vero secondo qualsiasi altra giacitura, al fine di semplificare
la quantificazione delle sollecitazioni per la fase di progetto
e di verifica.
7.2.1 La trazione
Nel caso di unione saldata interessata da una forza di
trazione F i cordoni possono essere paralleli alla for-
za (cordoni laterali), perpendicolari (cordoni frontali) o
inclinati (cordoni inclinati).
Cordoni laterali
Con riferimento alla figura 7.19 le tensioni possono essere
determinate direttamente sulla sezione di gola di ogni cor-
done nella sua posizione effettiva oppure ribaltato sul pia-
no verticale o su quello orizzontale. In ogni caso si hanno
contributi tensionali τ
//
il cui valore è dato dall’espressione:
τ
//
=
F
4 L a
(7.2)
Figura 7.19: Unione con cordoni laterali
Cordoni frontali
Con riferimento alla figura 7.20 non risulta agevole effettua-
re la stima delle tensioni direttamente sulla sezione di gola
di ogni cordone. Ipotizzandola ad esempio inclinata di 45°
sull’orizzontale (piano x-z) si ha:
σ

=
F
2 L a


2
2
τ

=
F
2 L a


2
2
(7.3)
Figura 7.20: Unione con cordoni frontali
Se però ribaltiamo la sezione di gola sul piano verticale
(y-z) o su quello orizzontale (x-z) si può semplificare la stima
delle tensioni. Nel piano verticale si hanno tensioni normali
alla sezione di gola date da:
σ

=
F
2 L a
(7.4)
Nel piano orizzontale si ha invece:
τ

=
F
2 L a
(7.5)
Rev. B.1 64
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Cordoni inclinati
Nel caso di due cordoni inclinati nella sezione di gola agi-
sce una forza scomponibile in un contributo tangente (V=F
cos ϑ) ed uno normale (N= sinϑ) all’asse del cordone. Fa-
cendo riferimento alla figura 7.21 se la sezione di gola vie-
ne ribaltata sul piano orizzontale le tensioni associate sono
interamente contenute in questo. Le componenti sono:
Figura 7.21: Unione con cordoni inclinati
τ

=
F sinϑ
2 L a
τ
//
=
F cosϑ
2 L a
(7.6)
Ribaltando la sezione di gola nel piano verticale si hanno
invece i seguenti contributi tensionali:
σ

=
F sinϑ
2 L a
τ
//
=
F cosϑ
2 L a
(7.7)
Combinazione di cordoni
Nel caso siano presenti più tipologie di cordoni è bene affida-
re l’intero carico ad un solo tipo di cordone. E’ buona norma
che le altezze di gola dei cordoni di saldatura siano uguali,
in modo da poter sfruttare la loro mutua collaborazione.
7.3 La flessione e il taglio
Questo tipo di sollecitazione è estremamente frequente nelle
unioni saldate per costruzioni ad uso civile e industriale.
Cordoni frontali longitudinali
Figura 7.22: Unione inflessa con cordoni frontali longitudinali
La sezione resistente (fig. 7.22) giace nel piano verticale (y-
z) ed è costituita da due sezioni rettangolari, corrispondenti
alla sezione di gola di ogni cordone di altezza a e lunghezza
h:
σ
⊥,max
=
F L
b
W
=
F L
b
2 a h
2
/6
τ
//
=
F
2 h a
(7.8)
Cordoni frontali trasversali
Figura 7.23: Unione inflessa con cordoni frontali trasversali
La sezione resistente (fig. 7.23) giace nel piano verticale
(y-z) ed è costituita da due sezioni rettangolari orizzontali,
corrispondenti alla sezione di gola di ogni cordone di altezza
a e lunghezza b:
σ
⊥,max
=
F L
b
W
=
F L
b
(b a) h
τ

=
F
2 b a
(7.9)
Rev. B.1 65
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Combinazione di cordoni
Figura 7.24: Combinazione di cordoni frontali longitudinali e
trasversali
Nel caso di collegamenti saldati per profilati con sezioni a I o
ad H si possono utilizzare cordoni trasversali combinati con
cordoni longitudinali (fig. 7.24). Se le dimensioni dei cordo-
ni sono appropriate allo spessore delle ali e dell’anima del
profilo da collegare le tensioni nella saldatura possono es-
sere valutate considerando le caratteristiche inerziali di una
sezione resistente composta dai cordoni d’anima (assorbo-
no il taglio) e dai cordoni perimetrali della ali (assorbono la
flessione). Ribaltando le sezioni di gola nel piano verticale
y-z si ha:
σ
⊥,max
=
F L
b
W
=
F L
b
(L
1
a
1
h
1
) + 2 (L
2
a
2
h
2
)
τ
//
=
F
2 a
3
L
3
7.3.1 La torsione e il taglio
Per effetto di azioni eccentriche su unioni saldate in cui i
cordoni resistenti e la retta di applicazione del carico ap-
partengono ad un unico piano si può originare uno stato di
sollecitazione caratterizzato da contemporanea presenza di
torsione e taglio.
Cordoni laterali
Figura 7.25: Unione a torsione e taglio con cordoni laterali
L’azione torcente viene bilanciata da una coppia di forze dei
cordoni di intensità H (fig. 7.25):
H =
F e
h
(7.10)
All’azione H è associata nei cordoni una tensione
tangenziale riferita alla sezione di gola τ
//
pari a:
τ
//
=
F e
h a L
(7.11)
Nel piano orizzontale:
σ

=
F
2 a L
(7.12)
Nel piano verticale:
τ

=
F
2 a L
(7.13)
Cordoni frontali
L’azione torcente viene bilanciata da una coppia di forze dei
cordoni di intensità V (fig. 7.26):
Figura 7.26: Unione a torsione e taglio con cordoni laterali
V =
F e
z
(7.14)
All’azione V è associata una tensione tangenziale nei
cordoni:
τ
//,1
=
F e
2 (a L)
(7.15)
Al carico F è associata:
τ
//,2
=
F e
2 (a L)
(7.16)
La tensione massima totale risulta quindi:
τ
//
= τ
//,1
+ τ
//,2
(7.17)
Rev. B.1 66
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
7.4 Resistenza e verifica delle unioni saldate
L’approccio seguito nei criteri di verifica consiste nel ricon-
durre lo stato tensionale pluriassiale ad uno stato equiva-
lente ideale monoassiale e confrontarlo con la resistenza
del materiale opportunamente ridotta per tener conto della
presenza di eventuali difetti.
7.4.1 Unioni a completa penetrazione
Nel caso di unioni a completa penetrazione (fig. 7.27) le veri-
fiche andranno effettuate solo per i giunti di classe II (0.85f
d
)
in quanto per i giunti di classe I la resistenza di progetto
della saldatura è uguale a quella del materiale base (CNR
10011). Se nel giunto agiscono contemporaneamente ten-
sioni normali e tangenziali si adotta il criterio di Hencky - von
Mises:
Figura 7.27: Tensioni nei cordoni di saldatura
σ
id
=
_
σ
2

+ σ
2
//
−σ

σ
//
+ 3τ
2
//
≤ 0, 85f
d
(7.18)
Dove f
d
= resistenza di progetto del materiale base.
7.4.2 Giunti con cordoni d’angolo
I metodi proposti a livello normativo per la verifica dei cor-
doni d’angolo sono di origine sperimentale. Si è visto che le
σ
//
non influenzano il comportamento del cordone e quindi
possono essere trascurate. Le prime esperienze (anni ’50)
su cordoni soggetti a sforzi interni comunque diretti nel piano
normale all’asse del cordone (σ

, τ

, τ
/
) furono condotte da
Van den Eb con la finalità di definire il dominio spaziale del-
le resistenze. Il dominio spaziale corrispondente a suddette
prove fu chiamato ’peroide’(fig. 7.28).
Il peroide può essere approssimato mediante un elissoi-
de con semiasse nella direzione τ

C
1

= 0.58σ

mentre
nella direzione delle τ
//
è C
2
≥ 0.7σ

. Negli anni succes-
sivi furono proposte da vari autori e successivamente rece-
pite dalle normative internazionali diverse equazioni di do-
mini di resistenza (elissoidi, sfere etc.) che si adattavano al
’peroide’ sperimentale (fig. 7.30).
Figura 7.30: Diversi domini di resistenza
Al fine di esemplificare le verifiche sul cordone, le varie
norme tendono a consentire di non effettuare le verifiche sul
piano di gola, ma più semplicemente sul piano di attacco
al cordone per una sezione di ampiezza a pari all’altezza
di gola. Inoltre, al fine di poter effettuare indifferentemente
le verifiche sui diversi piani, si cerca di adottare un dominio
sferico.
Prima di elencare le verifiche diamo alcune prescrizioni
(EC3):
Lunghezza efficace:
Sarà pari alla lunghezza del cordone a piena sezione. Le
saldature con L efficace inferiore ai 40 mm o a 6 volte
la sezione di gola devono essere trascurate.
Sezione di gola (fig. 7.16, 7.17):
Sarà pari all’altezza del triangolo più grande che può es-
sere iscritto fra le facce di fusione e la saldatura, essa
non deve essere inferiore a 3 mm.
Secondo il D.M. 14.01.2008, la verifica può essere con-
dotta sia nella sezione di gola ribaltata, secondo il criterio
della ’sfera mozza CNR10011’, sia considerando la sezione
di gola nella sua effettiva posizione.
Verifica della sezione di gola nella sua effettiva
posizione
- Con riferimento alle fig. 7.27 e 7.18 dovrà essere controlla-
ta la disuguaglianza (metodo basato sul controllo dello stato
tensionale, criterio di Huber-Von Mises):
_
σ
2

+ 3 (τ
2

+ τ
2
//
) ≤
f
tk
βγ
M2
(7.19)
Dove:
f
tk
rappresenta la resistenza a rottura dell’elemento più
debole;
β è uguale a:
Rev. B.1 67
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 7.28: Peroide sperimentale
Figura 7.29: Dominio a sfera mozza
Rev. B.1 68
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
• 0,80 per acciaio S235 (Fe 360);
• 0,85 per acciaio S275 (Fe 430);
• 0,90 per acciaio S355 (Fe 510);
γ
M2
coefficiente di sicurezza (Tabella 4.2.V NTC 2008).
Tale metodo è contenuto anche nell’allegato M del-
l’EC3 dove però contemporaneamente a 7.19 deve essere
verificato che risulti anche:
σ


f
u
γ
Mw
(7.20)
Dove:
f
u
rappresenta la resistenza a rottura dell’elemento più
debole;
γ
Mw
coefficiente di sicurezza per la resistenza dei giunti
saldati;
-In alternativa sempre per le NTC 2008 (metodo usa-
to anche nell’EC3) si può usare un metodo che sempli-
fica il dominio assumendolo pari ad una sfera di raggio
f
vw
= f
tk
/β γ
M2


3 pari al semiasse minore dell’elissoide,
con β coefficiente di correlazione che tiene conto dell’effi-
cienza del cordone rispetto al materiale base avente valori
come visto in 7.19. Si dovrà avere:
F
w,Ed
≤ F
w,Rd
(7.21)
dove F
w,Ed
è la forza di calcolo che sollecita il cordone
d’angolo per unità di lunghezza e F
w,Rd
è la resistenza di
calcolo del cordone d’angolo per unità di lunghezza pari a:
F
w,Rd
= f
vw
a =
a f
tk

3 β γ
M2
(7.22)
con f
vw
resistenza a taglio di progetto.
Ciò equivale a dire che deve essere verificata la
seguente disuguaglianza:
_
σ
2
⊥d
+ (τ
2
⊥d
+ τ
2
//d
) ≤ f
vw
(7.23)
(nell’ EC3 tale verifica viene utilizzata anche per le se-
zione di gola in posizione ribaltata ovviamente proiettando le
tensioni sul piano di attacco del cordone
_
t
2
nd
+ t
2
⊥d
+ τ
2
//d

f
vw
, le τ
//d
restano le stesse)
Verifica della sezione di gola in posizione ribaltata
In questo caso le NTC 2008 adottano un dominio a sfe-
ra mozza (fig. 7.29) ottenuta dall’intersezione di una sfe-
ra di raggio 0.7 f
uw
con un cubo di lato 2 0.58f
uw
dove
f
uw
= 1.2 f
u
per Fe 360 e f
uw
= f
u
per Fe 430 e 510 (CNR
10011) rappresenta la resistenza a trazione della sezione di
gola.
Dovranno quindi essere verificate contemporaneamente
la condizione di appartenenza alla sfera:
_
t
2
nd
+ (t
2
⊥d
+ τ
2
//d
) ≤ β
1
f
yk
(7.24)
e al cubo:
[t
⊥d
[ + [t
nd
[ ≤ β
2
f
yk
(7.25)
Dove β
1
, β
2
hanno i valori riportati in tabella 7.2.
Tabella 7.2: Valori dei coefficienti β
1
, β
2
S235 S275-S355 S420-460
β
1
0.85 0.70 0.62
β
2
1.00 0.85 0.75
Rev. B.1 69
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
8 Giunzioni
La giunzione fra membrature può essere realizzata intera-
mente saldata o completamente bullonata o in parte saldata
e in parte bullonata. Si definisce quindi come collegamento
un insieme di più unioni bullonate e/o saldate.
È estremamente difficile sistematizzare in modo organico
una materia siffatta soprattutto perché essa è in continua
evoluzione. Infatti la concezione di un giunto dipende sia dal
tipo di attrezzature e di lavorazione che la carpenteria metal-
lica è in grado di prestare, sia dalla destinazione dell’opera e
delle modalità di trasporto e di montaggio. È sufficiente che
l’introduzione di una nuova macchina permetta nuovi tipi di
lavorazione o che divenga determinante il volume rispetto al
peso trasportato via mare, per rendere ottimale un tipo di
giunzione rispetto ad un altro.
Gli sforzi attuali di molti progettisti e sperimentatori sono
quelli di concepire collegamenti sempre più semplici, al fine
di eliminare quei dettagli costruttivi che incidono sul costo
della giunzione, ma non risultano determinanti ai fini della
resistenza della giunzione stessa.
È questo uno degli studi più difficili, in quanto, per definizio-
ne, il giunto costituisce un particolare costruttivo in cui vi è
una concentrazione di sforzi e pertanto il suo comportamen-
to non può comunque essere colto nell’ambito delle ipotesi
che stanno alla base dei casi classici di St. Venant. La mo-
dellazione di una giunzione può essere fatta solo sulla base
del calcolo a rottura, andando ad individuare delle soluzioni
equilibrate e conformi ai criteri di resistenza.
8.1 Classificazione dei giunti
Figura 8.1:
Nella progettazione di una trave continua esistono svaria-
ti modi per realizzare il giunto dell’appoggio centrale. Esso
può essere realizzato in modo da assicurare diversi valori di
M
u
trasmissibile, garantendo in ogni caso l’equilibrio.
1. Se, ad esempio, si realizza un collegamento a com-
pleto ripristino della sola resistenza a taglio, si deve
avere che la trave AB e BC deve poter assorbire in
campo elastico un momento M =
1
8
ql
2
e la giunzione
deve poter consentire una rotazione θ
B
= ql
3
/24EJ in
semplice appoggio.
2. Se il giunto, viceversa, è a completo ripristino del-
la sezione M
B
=
1
8
ql
2
allora non è richiesta nessuna
capacità di rotazione del giunto.
3. Se il giunto è a parziale ripristino della resistenza
flessionale (M
B
= αql
2
con 0 ≤ α ≤
1
8
), bisogna
assicurare che la trave possa sopportare il carico q
ed il momento M
B
oltre poter consentire la rotazione
θ
B
= (q −q
1
)l
3
/24EJ con q
1
= 8M
B
/l
2
Si possono allora trarre le seguenti conclusioni:
• I giunti a completo ripristino della sezione possono
essere localizzati in qualsiasi sezione della struttura.
• I giunti a completo ripristino della sola resistenza
flessionale possono essere collocati in ogni sezione
in cui V ≤ V
lim
/3 (in questo caso è trascurabile la
deformazione aggiuntiva da taglio del collegamento),
deve comunque essere verificato che il taglio V sia
trasmissibile dal collegamento.
• i giunti a parziale ripristino della resistenza flessio-
nale devono essere in grado di consentire le rotazio-
ni conseguenti la distribuzione dei momenti flettenti
assunti.
C’è poi da fare un’importante distinzione per quanto riguar-
da la possibilità di consentire o meno spostamenti relativi tra
i pezzi da collegare:
• le articolazioni consentono, nelle usuali condizioni di
esercizio, spostamenti relativi fra i pezzi collegati sen-
za però provocare plasticizzazioni localizzate negli
elementi costituenti il collegamento. Queste, che rea-
lizzano un cinematismo attivo e funzionante nelle nor-
mali condizioni di esercizio, possono essere distinte in
articolazioni a perno, articolazioni per contatto o arti-
colazioni in materiale sintetico. Le articolazioni, diffuse
e comuni nel mondo delle costruzioni in acciaio fino ai
primi decenni del secolo scorso, sono ancora frequen-
temente utilizzate soltanto per applicazioni particolari
quali principalmente appoggi per ponti e viadotti.
• i giunti, che non consentono invece spostamenti rela-
tivi a meno che non si generino plasticizzazioni locali
nei dettagli componenti l’unione. In questi particolari
costruttivi si hanno concentrazioni di sforzi e pertanto
la modellazione basata sui casi classici della Teoria di
De Saint Venant non può essere utilizzata.
8.1.1 Giunti intermedi
La struttura in acciaio nasce dall’assemblaggio di elementi
monodimensionali, lavorati in officina ed assemblati in sito.
Generalmente è possibile trasportare, in condizioni normali,
elementi di lunghezza non superiore a 12-13 m, e pertan-
to, nel caso di profilati singoli (tipicamente i profilati ad I ed
a H, correntemente utilizzati per realizzare travi e colonne),
lunghezze maggiori possono essere movimentate soltanto
ricorrendo a trasporti eccezionali.
Giunti trave-trave
I giunti intermedi tra travi possono costituire, come anche per
tutte le altre tipologie di giunto, soluzioni a parziale ripristino
come a completo ripristino delle sollecitazioni. Nel primo
caso conviene posizionare il giunto in zone opportune (ad
esempio, se il giunto non garantisce un significativo grado
Rev. B.1 70
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
di continuità flessionale, in prossimità delle zone a momento
nullo). In dettaglio è possibile individuare:
• giunto con piastre in acciaio (flange) saldate all’estre-
mità di ogni trave e bullonate in opera;
• giunto con piastre coprigiunto saldate (interamente in
opera oppure all’estremità di una trave in stabilimento
ed a quella dell’altra in opera);
• giunto con saldature testa a testa nelle ali e nell’anima
delle estremità delle travi collegate. Usualmente, per
questa soluzione, è conveniente che le estremità delle
travi siano opportunamente lavorate in officina.
Figura 8.2: Giunti tra travi
Giunti colonna-colonna
I giunti intermedi tra le colonne sono prevalentemente com-
pressi o presso-inflessi e di conseguenza anche la pro-
blematica dell’instabilità deve essere tenuta debitamente in
conto.
a) giunto con doppie piastre coprigiunto d’ala e d’anima
bullonate in opera;
b) giunto con doppie piastre coprigiunto d’ala bullonate in
opera;
c) giunto con piastre coprigiunto d’ala singole e piastre
coprigiunto d’anima doppie bullonate in opera;
d) giunto per contatto con piastre coprigiunto interne
saldate alle ali dei profili;
e) giunto per contatto con piastre coprigiunto d’ala interne
al profilo e bullonate;
f) giunto per contatto con flangia saldata in stabilimento
all’estremità della colonna inferiore ed in opera alla
colonna superiore;
g) giunto per solo contatto tra flange saldate in stabilimento
all’estremità di ogni colonna.
Figura 8.3: Giunti tra colonne
8.1.2 Giunti di estremità
Esistono differenti tipologie di giunti di estremità, classifica-
bili in base agli elementi che vengono collegati. Ci si ririferirà
ai seguenti tipi:
• giunto tra travi, ossia tra elementi orizzontali inflessi ed
ortogonali tra loro;
• giunto tra trave e colonna;
• attacco per controventi;
• giunto di base delle colonne.
Giunti tra travi
Innumerevoli sono le soluzioni di collegamento tra trave
principale e trave secondaria ed in figura 8.4 ne vengono
proposte alcune a titolo di esempio:
Rev. B.1 71
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.4: Giunti tra travi
Giunti tra trave e colonna
I giunti trave-colonna possono essere realizzati collegando
la trave all’ala della colonna oppure vincolandola alla sua
anima. In figura 8.5 sono presentati alcuni tipici collegamen-
ti all’ala della colonna. In dettaglio, le soluzioni considerate,
possono essere comunque utilizzate anche per vincolare la
trave all’anima alla colonna.
Giunti per elementi di controventi
Le giunzioni tra le membrature principali e le diagonali che
realizzano i controventi trasferiscono forze tra elementi diffe-
rentemente orientati. Usualmente il dimensionamento dei
controventi viene eseguito considerando gli elementi dia-
gonali soggetti soltanto ad azioni assiali, ossia ipotizzando
cerniere all’estremità. (figura 8.6)
Figura 8.5: Giunti tra travi e colonne
Figura 8.6: Giunti per controventi
Rev. B.1 72
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Giunti di base
Una componente sempre presente nel giunto di base delle
colonne è la piastra saldata, generalmente con cordoni d’an-
golo, all’estremità inferiore della colonna, che usualmente
poggia su uno strato di malta di livellamento, all’estrados-
so della fondazione in conglomerato cementizio (eventual-
mente armato). In quest’ultima vengono annegati i tirafondi
(generalmente barre in acciaio filettate alle estremità) uni-
tamente ad eventuali perni di centraggio che agevolano la
fase di assemblaggio del giunto stesso. La piastra deve ave-
re le superfici spianate e forate per consentire il passaggio
dei tirafondi.
Figura 8.7: Giunti di base
Giunti tra elementi in acciaio ed elementi in calcestruzzo
(figura 8.8)
Negli edifici in acciaio, i controventi verticali possono esse-
re costituiti, in alternativa a specifici sistemi in acciaio, dai
vani scala e/o vani vani ascensore o da pareti a taglio in
conglomerato cementizio armato. Sorge quindi l’esigenza di
vincolare le componenti in acciaio alle pareti del controvento
in calcestruzzo.In figura vengono preposte alcune soluzio-
ni per i collegamenti di elementi di differente materiale, per
i quali possono essere garantite inevitabilmente tolleranze
dimensionali sensibilmente diverse (per l’acciaio nell’ordine
dei millimetri e per il calcestruzzo dei centimetri).
Figura 8.8: Giunti tra elementi in acciaio ed elementi in
calcestruzzo
8.2 Modellazione dei giunti
Preliminarmente alla trattazione di alcuni concetti relativi alla
modellazione dei giunti viene introdotta la specifica termino-
logia. In dettaglio, intendendo il nodo come il punto di inter-
sezione tra gli assi di due o più elementi, appare evidente
che che la teoria di base per la progettazione degli elemen-
ti mono-dimensionali non risulta più direttamente applicabile
in queste zone in quanto vengono trasferite forze di elevata
entità in zone di dimensioni limitate. Facendo riferimento alla
figura, relativa ad un nodo tra due travi ed una colonna inter-
na ad un sistema intelaiato piano, si distinguonole seguenti
componenti:
il collegamento , ossia il dettaglio o l’insieme degli ele-
menti che rendono possibile l’unione tra due diffe-
renti membrature (piastre, angolari, bulloni, saldature,
ecc.);
il giunto , ossia la zona in prossimità del collegamen-
to in cui si manifestano interazioni specifiche tra gli
elementi collegati;
la zona nodale , ossia la zona individuata da tutti i giunti
che concorrono in un nodo.
Rev. B.1 73
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
8.2.1 Giunti a cerniera
In questa sezione si illustrerà il funzionamento di alcuni tipi
di collegamento tra travi principali e secondarie funzionanti
con uno schema statico assimilabile a quello di una cerniera.
Nodo cerniera per travi appoggiate
Il nodo tra trave principale e trave secondaria che può essere
assimilato ad una cerniera presenta solamente resistenza a
taglio. La squadretta consente infatti rotazioni relative tra le
due travi senza che insorga alcun momento flettente aggiun-
tivo all’appoggio. La giunzione può essere provvista, inoltre,
di squadrette inferiori, utili all’appoggio e al centraggio della
trave secondaria al momento della posa in opera, o di piatti
di irrigidimento trasversali alla trave principale, utili a preve-
nire fenomeni di instabilità locale.
L’ancoraggio alla trave secondaria (della squadretta o del
piatto) può avvenire tramite bullonatura o saldatura.
Nodo cerniera bullonato
Figura 8.9: Fila singola
Per travi secondarie molto basse (fig. 8.9) è possibile che le
restrizioni dimensionali consentano di collocare solo una fila
di bulloni: Dall’equilibrio alla rotazione rispetto al bullone più
esterno si ha:
V
max
= T
g
c
Ne consegue che:
V
min
= T −V
max
H = 0
R
max
= V
max
Per la squadretta connessa con una fila di n bulloni
avremo che il taglio che si scarica su ogni bullone è pari
a:
V =
T
n
mentre per quanto riguarda la reazione orizzontale
massima, essa risulta ricavabile tramite
H
max
= f
1
Ta
h

dove f
1
=
6
n
n −1
n + 1
.
In questo caso
R
max
=
_
H
2
max
+ V
2
Nel caso siano presenti più file di bulloni, ad esempio
due, disposte parallele o sfasate, si ritrovano i seguenti valori
di sollecitazione:
Per le file parallele indicate in figura 8.10 il massimo
sforzo verticale agente sarà pari a
V =
T
2n
Rev. B.1 74
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.10: Fila doppia con n+n bulloni
Figura 8.11: Unione tra trave principale e trave secondaria
Rev. B.1 75
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
dove n è il numero di bulloni per fila. Lo sforzo orizzontale
massimo viene invece valutato come
H
max
= f
2p
Ta
h

dove f
2p
=
6
2n
n −1
n + 1
=
f
1
2
. In questo caso la reazione di
taglio massima sul bullone è pari a
R
max
=
_
H
2
max
+ V
2
Nel caso di bulloni a file sfasate le formule saranno
analoghe: per la massima reazione verticale
V =
T
n
1
+ n
2
mentre per quella orizzontale
H
max
= f
2v
Ta
h

dove f
2v
questa volta viene definito come f
2v
= 6
n
2
−1
n
2
(2n
2
−1)
e a =
n
1
a
1
+ n
2
a
2
n
1
+ n
2
. La R
max
si ottiene come sopra.
Per altre configurazioni di bulloni si faccia riferimento alla
seguente tabella:
Esempio - Unione trave-trave
Nell’esempio indicato in figura 8.11 dovremo determinare le
azioni che nascono sulla squadretta e sulla trave sia princi-
pale che secondaria, e controllare che esse siano compati-
bili con la resistenza dei materiali. Con riferimento alla figura
avremo che:
M = Ta V = T
¯
M =
T
2
b
¯
V =
T
2
dove M viene detto momento parassita e
¯
M momento
di trasporto. Conseguentemente le reazioni sui bulloni
saranno:
V =
T
n
¯
V =
T/2
n
H
max
=
M
h

f
¯
H
max
=
¯
M
h

f
R
max
=
_
V
2
+ H
2
max
¯
R
max
=
_
¯
V
2
+
¯
H
2
max
21
Si esegue la verifica nella sezione 1:
Bulloni (1)
La verifica consiste nel verificare che F
v,Ed
= R
max
sia mino-
re di F
v,Rd
(già definito precedentemente al §6.5 pag. 46).
Supponendo di utilizzare bulloni di classe 8.8:
F
v,Rd
=
0, 6 f
bt
A
res
γ
M2
≥ F
v,Ed
= R
max
=
_
V
2
+ H
2
max
Angolari (1)
La resistenza degli angolari va verificata sia a flessione che
a taglio, considerando l’area efficace (al netto dei fori). La
presenza contemporanea di flessione e taglio impone un
controllo delle tensioni considerando la σ
id
:
σ
max
=
M
W
eff
τ
m
=
T
A
eff
σ
id
=
_
σ
2
max
+ 3 τ
2
m
Per quanto riguarda poi le distanze dai bordi vale quan-
to già riportato al §6.5.3 pag. 48. Anche per il rifollamento,
la verifica da condurre è riportata al §6.5.2 pag. 47. Le
verifiche da condurre sulla trave secondaria prevedono poi
che nel caso le estremità della trave siano mortesate, venga
valutato l’indebolimento della sezione (§6.12 pag. 55).
Nodo cerniera saldato
Può essere conveniente saldare gli angolari alla trave se-
condaria in modo da evitare due bullonature in opera (fig.
8.13).
In questo caso non si tratterebbe più di angolari ma di un
piatto saldato ortogonalmente all’anima della trave secon-
daria, successivamente bullonato all’anima della trave prin-
cipale. Solitamente le saldature sono a cordoni d’angolo.
In questo caso l’eccentricità del taglio T rispetto al baricentro
della lunghezza di gola è molto piccola quindi si può trascu-
rare il momento parassita.
La verifica che si conduce in questo tipo di giunzioni riguarda
la resistenza a taglio del cordone d’angolo: si deve verificare
che la τ
//
, calcolabile come
τ
//
=
T
2 L t
sia minore della σ
adm
, calcolabile con i metodi già illustrati al
§7.4.2 pag. 67.
21
in questo caso f = f
1
Rev. B.1 76
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.12: Da “A. Gregor - Der Fraktische Stahlbau” - Band IV - Trägerbau - pag. 284
Figura 8.13: Unione tra trave principale e trave secondaria mediante saldature
Rev. B.1 77
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Esempio - Unione trave-trave, con trave secondaria
continua
Nel caso si voglia realizzare la continuità della trave secon-
daria, è possibile prevedere, oltre alle giunzioni con squa-
drette o saldature per collegare le due anime, un coprigiun-
to, atto a realizzare la continuità di trasmissione dello sforzo
e dei piatti inferiori per riprendere eventuali giochi.
Figura 8.14: Unione tra trave principale e trave secondaria
continua
Si suppone che il momento M venga trasmesso solo dal-
le piattabande e che il taglio T venga ripreso solo dagli an-
golari. Il taglio a destra è diverso da quello a sinistra e i
bulloni di destra portano solo il taglio T
2
. Per i bulloni sulla
trave secondaria bisogna tener conto di un momento paras-
sita dovuto al braccio a.
Si verificheranno ora i vari elementi componenti l’unione:
1) Bulloni Angolari
Le azioni agenti si determinano come riportato sopra.
Le resistenze a taglio dei bulloni sono già state esposte al
§6.5 pag. 46.
2) Angolari (sezione α)
La verifica degli angolari è la stessa esposta precedente-
mente. In più è necessario verificare anche la sezione β in
quanto, pur non essendoci fori, è sollecitata da un momento
T
2
a

3) Bulloni coprigiunto e 4) Coprigiunto
Analogamente ai bulloni degli angolari anche quelli del co-
prigiunto sono soggetti a prevalenti sforzi di taglio, quindi è
necessario eseguire:
• Verifica a taglio del bullone (§6.5 pag. 46);
• Verifica a rifollamento della lamiera (§6.5 pag. 47);
• Verifica delle distanze dai bordi (§6.5 pag. 48);
• Verifica a trazioni dei piatti (§6.5 pag. 48);
5) Trave secondaria
La trave secondaria va verificata sia a rifollamento, che a ta-
glio (nella sezione ridotta indebolita dai fori e nella sezione
ridotta) con i criteri esposti al §6.12 pag. 55.
6) Trave principale
I bulloni che fissano gli angolari alla trave principale devono
essere verificati, come quelli della trave secondaria, per le
azioni di taglio e rifollamento.
Esempio - Unione trave-trave, con trave secondaria
continua - Collegamenti saldati
Figura 8.15: Unione tra trave principale e trave secondaria
continua
Cordone coprigiunto
La sollecitazione nel cordone coprigiunto è di tipo parallelo
τ
//
ed è ricavabile come:
τ
//
=
S
2 a λ
a
per le verifiche si rimanda al capitolo sui collegamenti
saldati.
Rev. B.1 78
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Cordone d’anima
Il cordone verticale deputato al trasferimento degli sforzi di
taglio può essere verificato mediante un calcolo rigoroso o
approssimato.
Il calcolo rigoroso prevede che le azioni di calcolo siano:
T
verif
= T
2
M
verif
= M
anima,rid
=
J
anima,rid
J
x
M
dove
J
anima,rid
=
1
12
s
a,s
h
3
con s
a,s
spessore dell’anima della trave secondaria.
Nel calcolo approssimato non si considera il momento di ve-
rifica. Si tiene conto però del M
anima,rid
al fine di pervenire
alla definizione dello stato pluriassiale di tensione:
T
verif
= T
2
M
verif
= 0
W
α
=
1
6
2a h
2
σ

=
M
anima,rid
W
α
τ
//
=
T
2
2a h

σ
id
=
_
σ
2

+ τ
2
//
8.2.2 Giunti flangiati
I giunti flangiati sono molto utilizzati nella pratica struttura-
le per la loro notevole semplicità di esecuzione e praticità
di collegamento. Possono essere utilizzati sia per giunti di
estremità, che per giunti intermedi. A seconda della resi-
stenza della piastra o dei bulloni possono essere considerati
a completo o parziale ripristino della resistenza a flessione
della sezione.
Un’immediata considerazione sulla differenza tra queste due
categorie riguarda il diverso posizionamento che i giunti han-
no all’interno della trave. Poiché i giunti a completo ripristino
sono più complessi e necessitano di maggiori lavorazioni
rispetto a quelli a parziale ripristino, si preferisce in genere
utilizzare quest’ultimi, posizionando il giunto in una sezione
intermedia non particolarmente impegnata; i giunti di estre-
mità saranno considerati delle cerniere plastiche capaci di
trasmettere un momento inferiore a quello delle membrature
collegate. Seguendo tale criterio si possono individuare due
tipologie di giunti a parziale ripristino, ambedue capaci di
adattarsi plasticamente.
Questo tipo di giunzione flangiata è in grado di trasmet-
tere il taglio di calcolo V
d
insieme a momenti flettenti di una
certa entità. Il criterio di calcolo è il seguente:
• Si ripartisce il taglio in parti uguali sui bulloni V
Ed
=
V
tot
n
b,tot
;
• Si calcola l’azione assiale N
f
trasmessa all’ala tesa
N
f
=
F
2
+
M
D
;
• Si determina l’azione assiale trasmissibile da ogni
bullone tenuto conto della presenza del taglio V
ed
:
_
N
Ed
N
Rd
_
2
+
_
V
Ed
V
Rd
_
2
= 1 → N
Ed
= N
Rd

¸
1 −
_
V
Ed
V
Rd
_
2
Rev. B.1 79
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
• Si controlla che sia verificata la resistenza flessio-
nale delle sezioni della flangia assumendo un valore
arbitrario per la forza di contatto. Deve quindi essere:
Q e =
_
nN −
N
f
2
_
e ≤ M
res,2
N
f

a
2
=
_
nN −
N
f
2
_
e ≤ M
res,1
essendo M
res,1
il momento resistente della sezione a
contatto con l’ala tesa, M
res,2
il momento resistente della se-
zione forata della flangia e n il numero di bulloni disposti su
una fila. La flangia di figura viene dimensionata per trasferire
la sola azione tagliante: essa può quindi essere assimilata
ad una cerniera. La fabbricazione di tale giunto necessita
di una certa precauzione nei riguardi delle tolleranze dimen-
sionali relative sia alla lunghezza della trave, che alla orto-
gonalità delle superfici: la sua la sua lavorazione deve quindi
essere più accurata di quelle necessarie per i giunti a squa-
drette. Per garantire una sufficiente capacità di rotazione è
opportuno che lo spessore della flangia sia compreso fra i
6 e i 10 mm. La verifica del giunto va condotta sulla base
delle reazioni R della trave. Essa infatti impegna i cordoni
di saldatura che connettono la flangia alla trave e va ripar-
tita egualmente fra tutti i bulloni per calcolarne il diametro.
Infine la verifica a rifollamento o la resistenza nei confronti
di un valore convenzionale del momento flettente M =
1
2
R
p
2
dà la misura dello spessore della flangia di estremità. Per
un giunto di questo tipo non sono necessarie verifiche nella
zona compressa.
Come sezione resistente della flangia di ipotizza una distri-
buzione delle forze secondo una legge lineare che comporta
un’area resistente ottenuta secondo una distribuzione a 48°
- 45°.
In linea di principio, il valore della larghezza collaborante può
essere stabilito istituendo una equivalenza fra il comporta-
mento reale bidirezionale della flangia e quello monodimen-
sionale di una trave di rigidezza opportuna: si può così isti-
tuire un modello convenzionale di calcolo, semplice ed utile
ai fini progettuali. L’equivalenza fra sistema reale e modello
può essere stabilita in campo elastico e a collasso, indipen-
dentemente dallo stato limite che si considera.
L’equivalenza in campo elastico è sempre prudenziale: sot-
tovalutando le risorse statiche della flangia ne limita le de-
formazioni. Essa è quindi consigliabile quando si desidera
equiripartire le forze su più ordini di bulloni.
L’equivalenza in campo plastico valuta in modo realistico
la resistenza della flangia, considerando il comportamento a
rottura. Essa tiene conto delle forze di contatto e pertanto è
utilizzabile per coglierne i meccanismi; mal si presta invece
al calcolo delle flange con più ordini di bulloni.
L’equivalenza in campo elastico è basata sui risultati dell’a-
nalisi di una lastra indefinita caricata da un carico concen-
trato F. Nel punto O più sollecitato risultano i valori seguenti
dei momenti flettenti per unità di lunghezza (vedi fig. 8.16):
m
x
= 0, 509 F m
y
= ν m
x
= 0, 1527 F
Il limite elastico del materiale viene raggiunto per:
σ
id
=
_
σ
2
x
+ σ
2
y
−σ
x
σ
y
=
6
t
2
_
m
2
x
+ m
2
y
−m
x
m
y
= f
y
Il valore del limite elastico risulta pertanto
F
e
=
1
6
t
2
f
y

0, 509
2
+ 0, 1527
2
−0, 509 0, 1527

2, 21
6
t
2
f
y
Per una trave incastrata di larghezza b
eff
e del medesi-
mo spessore t e aggetto a della flangia il valore del limite
elastico F
I
e
risulta:
F
I
e
=
1
6
b
eff
t
2
f
y
a
L’equivalenza fra trave e flangia può quindi istituirsi
ponendo F
e
= F
I
e
e quindi per:
b
eff
a
≈ 2, 21
e cioè per un angolo di diffusione α = arctg
_
b
eff
2a
_
≈ 48.
Il problema del calcolo della larghezza b
eff
rappresenta un
problema non ancora risolto in modo esauriente.
La figura 8.17 indica come sia possibile ricavare la larghezza
efficace per diverse geometrie.
Figura 8.17: Larghezza efficace per diverse geometrie
Sollecitazioni di trazione e flessione
La ripartizione delle sollecitazioni assiali e flettenti su un
giunto bullonato è di più difficile individuazione in quanto di-
pende essenzialmente dalla rigidezza della lamiera (flangia)
attraverso la quale l’azione esterna è applicata.
Per analizzare il problema da un punto di vista qualitativo
si fa riferimento alla figura 8.18 che illustra la più semplice
unione a trazione. Se la flangia è sufficientemente rigida è
possibile trascurare la sua deformazione: i bulloni risultano
semplicemente tesi e quindi privi di flessioni parassite (fig.
8.18 a ). Viceversa se la flangia è più deformabile nascono
delle forze Q di contatto e li bullone, per seguire l’inflessione
della flangia è impegnato anche a flessione (fig. 8.18 b).
L’evidenza sperimentale ha messo in luce l’importanza di
tale fenomeno, anche se è ben difficile dare delle leggi di
tipo generale per calcolare le forze Q.
Rev. B.1 80
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.16: Modello
Figura 8.18: Flangia rigida e flangia deformabile
Se si analizza in dettaglio fino a collasso un giunto del
tipo di quello illustrato si può affermare che le forze di con-
tatto Q dipendono dalla rigidezza della flangia, da quella del
bullone, dal carico applicato e che il collasso può avvenire:
• per snervamento del bullone penalizzato dall’interven-
to di flessioni parassite e sollecitato assialmente dalla
forza F
N
= F + Q;
• per la formazione di una o più cerniere plastiche nella
flangia che risulta impegnata a flessione.
Da queste sommarie considerazioni si evince che si posso-
no seguire due metodi distinti per analizzare la ripartizione di
componenti di trazione e di flessione sulle giunzioni. La scel-
ta di uno dei due metodi dipende dalla deformabilità della
flangia.
a) Si può considerare la flangia deformabile a fare appello
alle forze Q di contatto per limitare le azioni flettenti in
esse presenti. In questo caso la distribuzione delle for-
ze sui bulloni dipende sia dalla geometria della sezio-
ne che dalla rigidezza della flangia. I bulloni andranno
verificati tenendo conto della flessione parassita nel
gambo e quindi assumendo valori γ
M
più sfavorevoli.
Nelle flange invece è possibile superare il limite elasti-
co e tener quindi conto della ridistribuzione degli sforzi
dovuti alla plasticizzazione dei punti più sollecitati.
Il metodo di analisi non è quindi univoco: va determi-
nato caso per caso ricercando soluzioni equilibrate e
compatibili con la resistenza dei bulloni e delle flange.
b) Si può trascurare la deformabilità della flangia. Si sche-
matizza allora la sezione come parzialmente reagente:
le trazioni sono assorbite dai bulloni, le eventuali com-
pressioni per contatto. La distribuzione delle forze sui
bulloni dipende quindi dalla geometria della giunzione.
I bulloni potranno essere verificati trascurando l’effet-
to delle flessioni parassite nel gambo e quindi assu-
mendo i valori γ
M
più favorevoli. Lo spessore delle
flange dovrà essere adeguato per garantire il rispetto
delle ipotesi alla base del calcolo. È quindi opportu-
no, in assenza di analisi più sofisticate, verificare che
in ogni punto delle flange non venga superato il limi-
te elastico: ogni ridistribuzione degli sforzi dovute alla
plasticità del materiale comporta infatti un incremento
di deformabilità, che può risultare inammissibile con le
ipotesi di partenza.
Rev. B.1 81
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Giunti flangiati simmetrici
Figura 8.19: Meccanismi di rottura della flangia
In figura 8.19 è rappresentata una flangia con due bulloni
sollecitata a trazione da un carico F e i suoi tre possibili
meccanismi di rottura.
Se la flangia ha delle deformazioni flessionali piccole rispetto
a quelle assiali dei bulloni il meccanismo è illustrato in figura
8.19a. I bulloni saranno sollecitati da uno sforzo N = F/2
e non saranno aggravati da flessioni parassite importanti,
mentre la flangia dovrà avere uno spessore adeguato per
assorbire un momento flettente M
2
=
F
2
a.
Se la flangia ha delle deformazioni flessionali di un or-
dine di grandezza pari a quelle dei bulloni il meccanismo di
rottura è del tipo di quello illustrato in figura 8.19b. Nasce-
rà una forza di contatto Q di verso eguale a quello di F. I
bulloni saranno caricati di una forza N =
F
2
+ Q e saranno
impegnati anche a flessione in modo non trascurabile, men-
tre la flangia sarà impegnata da un diagramma di momenti
flettenti intrecciato con valori massimi M
1
e M
2
.
La forza Q è a priori indeterminata: si dovrà trovare una
soluzione equilibrata e conforme col criterio di resistenza.
Sia M
d,A
il momento resistente della sezione A-A (al netto
del foro), M
d,B
quello della sezione B-B e F
t ,Rd
il tiro massimo
ammesso per il bullone. Deve risultare:
N =
F
2
+ Q ≤ F
t ,Rd
Q c ≤ M
d,A
−Q(c + a) + N a ≤ M
d,B
Il valore della forza Q potrà essere scelto arbitrariamente
in modo da soddisfare tutte le disuguaglianze. Operativa-
mente si può fissare il diametro e la classe del bullone e
quindi F
t ,Rd
. Risulta allora che, al massimo, può essere
Q = F
t ,Rd
− F/2. La flangia avrà allora uno spessore tale
da soddisfare le seguenti limitazioni:
_
F
t ,Rd

F
2
_
c ≤ M
d,A
F
2
(a + c) −F
t ,Rd
c ≤ M
d,B
Infine le deformazioni della flangia possono essere gran-
di rispetto a quella dei bulloni. Il meccanismo di rottura è
quello di figura 8.19c: si formano due cerniere plastiche in
corrispondenza delle sezioni A-A e B-B. Risulta cioè:
N =
F
2
+ Q Q c = M
d,A
F
2
a −Q c = M
d,B
da cui:
F = 2
M
d,A
+ M
d,B
a
Q =
M
d,A
c
N =
M
d,A
+ M
d,B
a
+
M
d,A
c
Ricapitolando, nel caso di:
• Mensola rigida
Vale l’equazione F a = 2 M
pl
dove M
pl
=
t
2
f
4
f
y
l (con t
f
spessore della flangia e l lunghezza).
F è assunto pari alla sommatoria degli N:
F = ΣN = 2 N
Avremo quindi:
2N a = 2
t
2
f
4
f
y
l
Nominando
t
2
f
f
y
l
a ΣN
come β - coefficiente di rigidezza della
flangia - otteniamo:
1 =
1
2
t
2
f
f
y
l
a 2N

t
2
f
f
y
l
a 2N
= 2 → β = 2
• Mensola deformabile
Nel caso in cui la mensola abbia una rigidezza tale da
deformarsi sotto l’azione dei carichi abbiamo detto che vale:
F = 2
M
d,A
+ M
d,B
a
che è possibile approssimare a come:
F = 2
2 M
pl
a
= 4
t
2
f
f
y
l
4 a
=
t
2
f
f
y
l
a
(8.1)
Il valore della forza Q potrà quindi essere scritto come:
Q =
M
d,A
c

M
pl
c
=
1
c
F a
4
(8.2)
Per avere equilibrio deve essere:
F + 2Q
_
= F +
F
2
a
c
_
= ΣN
Ponendo γ =
c
a
avremo:
F
_
1 +
1

_
= ΣN → F =

2γ + 1
ΣN (8.3)
Combinando 8.1 e 8.2 con 8.3 si ottiene che il coefficiente β
per le flange deformabili vale:
β =

1 + 2γ
Rev. B.1 82
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Diagrammando il coefficiente β con la forza F applicata
otteniamo una rappresentazione dei valori limite dei vari
meccanismi di collasso (figura 8.20).
Figura 8.20: Rigidezza della flangia
Si evince quindi come, nell’ipotesi che tutta la larghezza
l della flangia sia efficace, β sia un parametro che lega la
rigidezza del bullone a quella della piastra (Eurocodice 3 - J
3.3).
Riassumendo, per calcolare flange di rigidezza intermedia,
per le quali Q è indeterminato, la procedura da seguire è la
seguente:
• si sceglie un valore di Q arbitrariamente in modo
da soddisfare tutte le disuguaglianze, in modo che
l’equilibrio sia comunque soddisfatto;
• si sceglie il diametro e la classe del bullone;
• il valore massimo di trazione nel bullone sarà Q =
F
t ,Rd
−F/2;
• si dimensiona la flangia con uno spessore tale da
soddisfare le:
_
F
t ,Rd

F
2
_
c ≤ M
d,A
F
2
(a + c) −F
t ,Rd
c ≤ M
d,B
Le stesse considerazioni fatte per la piastra saldata val-
gono anche per le ali dei profilati giuntati come giunti flangiati
(T-Stub).
Nel caso in cui la flangia rigida non sia soggetta sola-
mente ad uno sforzo normale che potremmo definire centra-
to, occorre verificare le proprietà statiche della giunzione al
fine di determinare l’effettiva distribuzione di trazioni e com-
pressioni.
Con riferimento alla figura 8.21 si supponga che la forza as-
siale di trazione F
N
agente sulla giunzione costituita da n bul-
loni di egual diametro sia applicata internamente al nocciolo
d’inerzia della sezione formata dai soli bulloni. In questo ca-
so la forza N
i
agente sul generico bullone i-esimo, può es-
sere valutata ipotizzando che la sezione resistente formata
dagli n bulloni resti piana.
N
i
=
F
N
n
+
F
N
e
Σ
n
i =1
y
2
i
y
i
essendo e la eccentricità della forza applicata rispetto al
baricentro e y
i
la distanza dall’asse baricentrico dal bullone
i-esimo.
Figura 8.21: Flangia rigida
Se la forza assiale di trazione è applicata esternamen-
te al nocciolo d’inerzia della sezione formata dai soli bulloni,
oppure la forza assiale di compressione è applicata esterna-
mente al nocciolo d’inerzia della sezione rettangolare costi-
tuita dalla flangia, la sezione risulta parzializzata. La piastra
reagisce a compressione per contatto, i bulloni a trazione.
Di regola si trascura l’effetto dei fori per cui la sezione viene
considerata di forma rettangolare e non reagente a trazione,
se non per la presenza dei bulloni.
Con riferimento alla figura, se la zona compressa della flan-
gia risulta estesa e non irrigidita nelle zone più esterne, è
ragionevole assumere una distribuzione delle deformazioni
e delle tensioni σ lineari. In tal caso la sezione ruota attor-
no all’asse passante per il punto C: la forza agente sui bullo-
ni e la tensione massima di compressione possono essere
espresse dalle seguenti relazioni:
N
i
= A
i
k(y
i
−y
c
) ; σ
c
= k y
c
essendo k una costante di proporzionalità ed A
i
l’area del
singolo bullone.
Figura 8.22: Flangia rigida
Imponendo l’equilibrio alla rotazione e alla traslazione
della sezione si ottengono le seguenti equazioni determina-
Rev. B.1 83
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
trici dell’asse neutro in base alle quali è possibile determi-
nare i valori della pressione massima di contatto σ
c
e delle
forze assiali agenti sui bulloni:
• flessione semplice (N = 0):
y
2
c
b
2
+ y
c
Σ
n
i =1
A
i
−Σ
n
i =1
A
i
y
i
= 0
σ
c
=
M y
c
J
con J =
b y
3
c
3
+ Σ
n
i =1
A
i
(y
i
−y
c
)
2
N
i
=
M
J
(y
i
−y
c
)A
i
• flessione e azione assiale:
y
3
c
b
6
+y
2
c
b
2
(e−
a
2
)+y
c
Σ
n
i =1
A
i
(e−
a
2
+y
i
)−Σ
n
i =1
A
i
y
i
(e−
a
2
+y
i
) = 0
con e > 0 se N di compressione o con e < 0 se N di
trazione.
σ
c
=
y
c
y
2
c
b
2
−ΣA
i
(y
i
−y
c
)
[F
N
[
N
i
= [σ
c
[
A
i
(y
i
−y
c
)
y
c
Le sommatorie sopra indicate si estendono ai soli bulloni te-
si; se l’asse neutro così determinato ha un ordinata y
c
mag-
giore dell’ordinata y
1
del primo bullone che è considerato te-
so, bisognerà ripetere il calcolo non considerando nella som-
matoria il bullone corrispondente.
Quando è presumibile che la zona di contatto sia di limitata
estensione o la flangia è irrigidita (fig. 8.23) non ha più senso
ipotizzare una distribuzione lineare delle pressioni di contat-
to. Appare più realistico concentrare la risultante delle pres-
sioni di contatto in un punto C ragionevole e attorno a questo
punto imporre l’equilibrio alla rotazione, assumendo una di-
stribuzione lineare delle forze dei bulloni. Essendo quindi
y
c
determinato a priori ed F
N
positivo de di compressione,
risulta:
N
i
= k A
i
(y
i
−y
c
)
Σ
n
i =1
N
i
(y
i
−y
c
) = M −F
N
(
a
2
−y
c
)
Figura 8.23: Flangia irrigidita
Si ha in definitiva:
N
i
=
M −F
N
(
a
2
−y
c
)
Σ
n
i =1
A
i
(y
i
−y
c
)
2
A
i
(y
i
−y
c
)
Imponendo l’equilibrio alla traslazione orizzontale si ottiene
il valore della risultante R delle pressioni di contatto. Esso è
dato da:
R = Σ
n
i =1
N
i
+ F
N
Tale risultante può essere ragionevolmente ipotizzato unifor-
memente distribuito su un’area rettangolare di lati b e 2y
c
di
cui il punto C è il baricentro. Risulta quindi:
σ
c
=
Σ
n
i =1
N
i
+ F
N
2y
c
b
Si possono infine ricercare le prestazioni ultime della giun-
zione. In questo caso è lecito assumere una distribuzione
del tipo illustrato in figura 8.24.
Figura 8.24: Prestazioni ultime
Tutti i bulloni sono impegnati dalle forze assiali di progetto
F
t ,Rd
(= N
d,0
) e la pressione di contatto ha il valore di progetto
f
d
pari alla resistenza di progetto del materiale costituente la
flangia. L’unica incognita del problema è la posizione dell’as-
se neutro. Essa è definita dall’equilibrio alla traslazione della
sezione. Assumendo per l’azione assiale il valore positivo se
di compressione è:
−n N
d,0
+ f
d
y
c
b = F
N
essendo n il numero dei bulloni reagenti a trazione.
Risulta:
y
c
=
F
N
+ n N
d,0
f
d
b
Noto y
c
è possibile determinare il momento ultimo soppor-
tabile, concomitante con l’azione assiale F
N
. Dall’equilibrio
alla rotazione attorno a O è:
M
u
= F
N
e = N
d,0
Σ
n
i =1
(y
i

y
c
2
) + F
N
(
a
2

y
c
2
)
Tale valore del momento non può però essere sempre as-
sunto come valore del momento ultimo sopportabile dalla
sezione. Affinché ciò sia vero il bullone più vicino all’asse
neutro considerato nella verifica, deve poter esplicare il suo
carico massimo senza che il bullone più lontano abbia rag-
giunto un allungamento pari a quello di rottura. Con riferi-
mento alla figura 8.24 deve cioè essere
max

t
. Il valore

max
è determinato dalla deformazione
1
= f
d,N
/E conse-
guente la resistenza di progetto f
d,N
del bullone più vicino
Rev. B.1 84
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
all’asse neutro che è stato considerato nel calcolo. Risulta
cioè:

max
=
1
y
max
−2y
c
y
1
−2y
c
=
f
d,N
E
y
max
−2y
c
y
1
−2y
c
<
t
Il valore di progetto dell’allungamento a rottura
t
del bullo-
ne sarà da assumersi in modo cautelativo e comunque non
superiore ai valori minimi prescritti dalla UNI 3740-65.
Per comprendere i limiti di applicabilità dei metodi sopra in-
dicati si deve osservare che questi sono basati sull’ipotesi
seguente: il comportamento dei bulloni sia indipendente dal-
le deformazioni della flangia. In realtà questa affermazione
non è veritiera e per questa ragione le previsioni dei calcoli
sono spesso disattese dall’evidenza sperimentale. A riprova
di ciò è utile riportare, almeno qualitativamente, i risultati di
una esperienza (fig. 8.25a). Essa è relativa ad una trave
su due appoggi realizzata da due pezzi solidarizzati da un
collegamento flangiato. La trave è composta da un profilo
della serie statunitense (W 16x36) di circa 400 mm di altez-
za. Le sue prestazioni flessionali sono nell’ordine dell’80%
di quelle di una IPE 400. Il giunto (fig. 8.25c) è costituito
da 8 bulloni equivalenti a bulloni φ20 di qualità 8.8 e da una
piastra di spessore di circa 64 mm per il primo campione e
38 mm per il secondo campione.
Figura 8.25: Prove sperimentali
La figura 8.25b mostra il risultato ottenuto. La trave con
la piastra più spessa raggiunge il massimo valore compati-
bile con le sue prestazioni flessionali e il collasso avviene
per cedimento dell’ala compressa della trave. La trave con
flangia di spessore pari a 38 mm cede prematuramente per
rottura dei bulloni più vicini al lembo teso.
Le misure delle forze agenti sui singoli bulloni hanno messo
in evidenza il comportamento rappresentato qualitativamen-
te in figura 8.25d,e.
La flangia di spessore elevato è praticamente indeformabile
e la distribuzione delle forze sui bulloni è lineare.
La deformazione della flangia da 38 mm provoca invece una
zona di contatto anche nella parte inferiore del giunto e per-
tanto la distribuzione delle forze sui bulloni è sostanzialmen-
te diversa da quella assunta alla base del calcolo.
Al fine di evitare collassi di questo tipo sono state effettuate
analisi sperimentali che hanno portato a determinare degli
schemi geometrici di progettazione delle giunzioni flangiate.
8.2.3 Giunti tesi
La tipologia dei giunti per elementi tesi è essenzialmente
legata a quella degli elementi da collegare.
La figura 8.30a,b illustra dei tipici giunti fra tondi. Questi
possono essere considerati a parziale ripristino, in quanto
la sezione filettata è ricavata per asportazione del materiale
della barra: il tirante dovrà essere dimensionato in relazione
all’area resistente della filettatura, che costituisce comunque
un punto di debolezza della struttura: la rottura del tirante
può avvenire quando nella sezione corrente non si è ancora
raggiunto il limite elastico.
Per tale ragione è preferibile, ove si voglia tener conto della
redistribuzione plastica delle azioni interne nella struttura,
ricorrere a tiranti la cui filettatura sia ricavata per rullatura
(fig. 8.30c).
Figura 8.30: Giunti tesi
In figura 8.30d è illustrato un attacco “a martello” per
un tondo teso. È composto da due piatti di lamiera che
vengono saldati al tondo e che per contatto trasmettono
la forza N ai due profili a C. Mentre la verifica dell’unione
saldata fra piastre e tondo è banale, più delicata appare la
trasmissione della forza N ai due profili, anche in relazione
alla necessità o meno di disporre delle costole con la funzio-
ne di raccogliere il carico e trasmetterlo alle anime dei profili.
Figura 8.31: Giunti tesi (profilati)
Nel caso di collegamento tra profilati tesi, essi possono
essere realizzati con saldature a completa penetrazione o
con coprigiunti saldati o bullonati. Il primo, se realizzato con
Rev. B.1 85
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.26: Collegamenti unificati - Travi IPE con flange sporgenti in acciaio St 37; qualità bulloni 10K
Figura 8.27: Collegamenti unificati - Travi IPE con flange a filo in acciaio St 37; qualità bulloni 10K
Rev. B.1 86
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.28: Collegamenti unificati - Travi HEB con flange sporgenti in acciaio St 37; qualità bulloni 10K
Rev. B.1 87
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.29: Rapporto delle frecce in una trave collegata mediante flange in confronto ad una trave senza giunto
Rev. B.1 88
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
saldature opportune, è a completo ripristino e non necessita
nemmeno di verifiche, il secondo e il terzo devono essere
verificati con maggior accuratezza.
I collegamenti tra elementi tesi possono essere costruiti an-
che con giunti flangiati. In figura 8.32a è mostrato un colle-
gamento fra due tubi; in figura 8.32b quello tra due profilati e
in figura 8.32c,d quello tra due lamiere, simmetrico il primo,
eccentrico il secondo.
Figura 8.32: Giunti tesi (flangiati)
Prima di passare allo studio dei giunti compressi va-
le la pena approfondire la verifica di alcuni componenti dei
collegamenti tesi appena visti.
Giunto a “martello”
La verifica della saldatura che collega il tondo alle due ali
si effettua tenendo conto dello sforzo di taglio causato dalla
trazione diretta della barra, ma anche della flessione paras-
sita che viene ad innescarsi a causa della larghezza dell’ala
componente il martello:
W =
t l
2
6
τ =
F
2 t l
; σ
max
=
F
2

a/2
W
σ
id
=
_
σ
2
max
+ 3τ
2
Dove l è l’altezza dell’ala del “martello”, mentre a rappresen-
ta la base.
Oltre alla saldatura è necessario verificare che l’azione
agente sui due profilati non superi valori che portino alla crisi
il pezzo.
Si può ritenere che i piatti distribuiscano il carico N sulle ali
superiori; queste per flessione e taglio lo riportano sull’anima
della trave. Si ha allora una pressione specifica (fig. 8.33a)
di contatto p =
N
2·a·t
che sollecita a flessione la flangia in-
teressandone una certa zona di larghezza collaborante b
eff
.
Consegue un momento per unità di lunghezza:
m =
N
2

a
2
b
eff
che impegna le ali e l’anima del profilato. Se questa solleci-
tazione è incompatibile con lo stato di tensione ammissibile
è necessario ridimensionare la giunzione.
Si può poi ritenere che il carico N si scarichi direttamen-
te sull’anima della trave. In tal caso si potrà ammettere (fig.
8.33b) una distribuzione a 45°e ritenere l’anima compressa
da una pressione specifica pari a:
p =
N/2
(t + 2t
f
)t
w
In conseguenza di tale pressione specifica l’anima può esse-
re soggetta sia a schiacciamento per eccesso di pressio-
ne specifica che da instabilità locale. Le verifiche nei con-
fronti di questi fenomeni sono convenzionali e basate su evi-
denze sperimentali. Secondo tale procedimento, non si deve
sommare la pressione p sopra dedotta alle altre componenti
di tensione presenti nell’anima: è sufficiente controllare che:
p ≤ α f
d
con α ≥ 1 (secondo le CNR-UNI α = 1, 15)
per premunirsi dalla possibilità di schiacciamento.
Potrà essere necessario predisporre delle costole che col-
leghino le ali all’anima. Questo collegamento irrigidisce lo-
calmente il profilo rendendo collaboranti anche le ali dello
stesso. Quello che bisogna verificare è che la pressione
specifica di contatto
p =
N/2
t a
sia inferiore al valore α f
d
.
A causa della eccentricità e = a/2 del carico, la sezione
a L tenderà a ruotare e pertanto sarà opportuno collegare
fra loro le flange inferiori e superiori per chiudere fra di loro
i momenti N/2 a/2 che insorgono, scomponendoli in due
forze:
H =
N
2

a
2
/d
Giunto a coprigiunto
Nei collegamenti con coprigiunto fra due profilati, è oppor-
tuno distribuire le varie unioni in modo da deviare il meno
possibile il flusso delle tensioni presenti nella membratura.
Se i profili sono soggetti a forza assiale, conviene quindi di-
stribuire i coprigiunti in parti proporzionali all’area della se-
zione del profilo stesso. Con riferimento alla figura , detto
N il valore del carico assiale e A = A
f
+ A
I
f
+ A
w
l’area tota-
le della sezione del profilo, converrà dimensionare le unioni
contrassegnate con A, B, C rispettivamente per una forza di
trazione pari:
N
A
= N
A
f
A
; N
B
= N
A
I
f
A
; N
C
= N
A
w
A
Rev. B.1 89
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.33: Giunto a martello
Figura 8.34: Giunto a coprigiunto
Ovviamente le unioni potranno essere saldate o bullo-
nate. Quelle saldate, se progettate a completo ripristino di
sezione (cioè N = f
d
A), danno buone garanzie di duttilità:
la rottura può cioè avvenire fuori dal giunto e per un valore
del carico tale da consentire il raggiungimento del limite ela-
stico in tutto il profilo.Più fragili risultano invece le giunzioni
bullonate. Infatti anche se progettate a completo ripristino
esse collassano per rottura della sezione netta e pertanto
non sempre consentono deformazioni plastiche nelle altre
sezioni dell’elemento collegato.
Se il coprigiunto non è doppio ma semplice, si effettua co-
munque la verifica a solo taglio, trascurando il momento
secondario.
Giunto flangiato eccentrico
Nel caso in cui non sia possibile eseguire un giunto flangiato
simmetrico, si può procedere alla giunzione tramite un colle-
gamento tipo quello indicato in figura 8.35a. In questo caso
è possibile ritrovare uno schema equilibrato solo mettendo
in conto la forza di contatto Q, che si esercita agli estremi
della flangia.
Lo schema statico della trave equivalente è illustrato in figu-
ra 8.35b: si ha N = F(a+c)/c, mentre la flangia deve essere
dimensionata per un momento M = F a in corrispondenza
di una sezione di larghezza collaborante b
eff
. Il valore di b
eff
potrà essere desunto secondo il metodo illustrato nel para-
grafo precedente.
Se si segue un criterio di equivalenza elastico e si ipotizza
una diffusione a 45°risulta, (fig. 8.35c):
b
eff
= 2a + d −φ
essendo d il diametro della rondella e φ quello del foro.
Naturalmente per b
eff
> b −φ si assumerà b
eff
= b −φ.
Se invece si utilizza il criterio di equivalenza a collasso, si
può utilizzare il meccanismo di figura 8.35d. La flangia è
però più deformabile di quelle simmetriche; appare quindi
prudente trascurare il benefico effetto della ripartizione del
carico da parte della testa del bullone o della rondella.
Avremo quindi:
• per la lastra: N = F
lim
(
a
c
+ 1) ≤ m
lim

• per la trave: F
lim
a ≤ m
lim
b
eff
Risulta per l’equivalenza:
b
eff
= a

1 + a/c
valida per b
eff
≤ b − φ. Per b
eff
≥ b − φ si
utilizzerà una larghezza pari a b −φ.
Se la flangia non è sufficientemente rigida e quindi non è ido-
nea a trasmettere le azioni flettenti dovute alla eccentricità
del carico, si manifestano delle vistose deformazioni trasver-
sali, che portano a un ricentramento del carico applicato.
Questo fenomeno è illustrato in figura 8.36 dove è rappre-
sentato il comportamento di giunti di differente rigidezza.
La soluzione a) rappresenta un giunto in cui la flangia e il
bullone sono dimensionati secondo lo schema precedente-
mente illustrato.
La soluzione b) simula invece un giunto per cui la flangia e
il bullone sono calcolati a semplice azione assiale, senza te-
ner conto dell’effetto della eccentricità. Si può notare dalla
figura che, il giunto a) dopo una prima fase in cui manifesta
un comportamento praticamente rigido dovuto al serraggio,
Rev. B.1 90
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.35: Giunto eccentrico
evolve in fase elastica fino a circa 38 kN e la componente
trasversale di spostamento v è estremamente contenuta: il
giunto cioè si discosta poco dalla sua configurazione inde-
formata. Il giunto b) invece non manifesta un tratto elastico.
Iniziano subito le plasticizzazioni nella flangia e il carico può
aumentare solo se si mantiene costante il momento fletten-
te: ciò è possibile se il braccio della forza diminuisce e cioè
se le componenti di spostamento trasversai v diventano del-
lo stesso ordine di grandezza delle eccentricità del bullone
rispetto alla forza esterna.
Le forme dei provini al temine delle prove mostrano con chia-
rezza quanto sopra illustrato. Il giunto a) è ancora perfetta-
mente rettilineo, il giunto b) si è deformato trasversalmente
fino a portare l’asse del bullone in corrispondenza della retta
di applicazione del carico.
Figura 8.36: Test sperimentale su giunti eccentrici
8.2.4 Giunti compressi
Figura 8.37: Giunti compressi
Rev. B.1 91
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Poiché a causa dei fenomeni di instabilità non possono in
generale essere raggiunti i limiti di resistenza del materiale,
perde di importanza la realizzazione di un giunto a completo
ripristino di resistenza della sezione. Basta infatti che il colle-
gamento possa trasmettere il carico in corrispondenza delle
instabilità del profilo che non si ha nessuna penalizzazione
dell’elemento. Il collegamento viene in genere realizzato ad
una distanza di 80 ÷ 50 cm dal nodo, in modo che sia facile
la sua realizzazione e la sezione sia poco influenzata dal fe-
nomeno della instabilità.
I collegamenti spesso interessano profili di sezione poco di-
verse tra loro. In questo caso i giunti risultano molto semplici
e possono essere:
• giunti saldati;
• giunti bullonati;
• giunti a contatto.
Giunti saldati
Quando il giunto viene realizzato a completa penetrazione
non è necessario il calcolo della portata, in quanto il cor-
done ripristina completamente la resistenza della sezione.
L’elemento superiore (fig. 8.37b) avrà le superfici prepara-
te, mentre su una parte di quello inferiore saranno saldate o
bullonate opportune piastre a L o a C atte a posizionare in
via provvisoria l’elemento superiore e tenerlo fisso durante
la saldatura.
Giunti bullonati
I giunti bullonati possono essere a doppio coprigiunto e a
semplice coprigiunto. Talvolta il collegamento è eseguito so-
lo fra alcune parti della sezione, mentre altre sono lasciate
non collegate.
Se il collegamento coinvolge tutte le parti della sezione è
opportuno suddividere le forze fra le varie unioni in modo
proporzionale alle aree delle parti collegate. È comunque
preferibile, negli elementi compressi, a I e a C, solidarizzare
meglio le ali che non le due anime: sono infatti le prime che
risultano più impegnate da eventuali effetti flessionali.
Nelle giunzioni di colonne importanti è inoltre opportuno
adottare bulloni ad alta resistenza e verificare l’unione ad
attrito, in concomitanza dei carichi di servizio. Infatti lo scor-
rimento delle giunzioni può comportare deformate residue
della struttura, incompatibili con la sua utilizzazione.
Giunti a contatto
Quando gli spessori dei profilati divengono notevoli, non è
più possibile eseguire dei giunti saldati; analogamente non
è più possibile realizzare dei giunti bullonati.
Figura 8.38: Giunti a contatto
Si preferisce ricorrere a ricorrere al contatto fra superfici
per trasferire il carico. Ciò può essere realizzato:
• direttamente fra i profili saldati di testa a parziale
penetrazione o bullonati (fig. 8.38a,b);
• interponendo una piastra saldata con cordoni d’angolo
(fig. 8.38c);
• interponendo due flange bullonate tra loro (fig. 8.38d).
Affinché il giunto sia corretto è necessario che il contatto
sia assicurato per tutta la superficie e non solo per alcune
sue parti. In particolare deve essere garantita l’ortogonali-
tà fra la superficie a contatto e gli assi delle membrature e
se le estremità non sono provviste di flange, devono essere
segate o lavorate con macchina utensile. I giunti a contatto
devono rispondere ai seguenti requisiti:
• assorbire le eventuali azioni taglianti e di trazione;
• non costituire un punto di crisi nei confronti dell’insta-
bilità dell’elemento compresso.
Per rispettare la prima condizione i cordoni di saldatura o le
bullonature dovranno essere verificati:
• per l’intero valore delle azioni taglianti;
• per gli eventuali effetti di trazione conseguenti a
particolari combinazioni di carico.
Per rispettare la seconda condizione i giunti devono essere
disposti il più vicino possibile ai vincoli e comunque a una
distanza non superiore a una distanza non superiore al 20%
della lunghezza libera di inflessione assunta nei calcoli.
Variazione di sezione
Quando la variazione di sezione si mantiene contenuta, si
può effettuare una verifica della piastra di collegamento ve-
rificandone l’idoneità a trasferire il carico assiale tramite un
comportamento flessionale. Se il collegamento è fra due
profilati si deve trasferire solo la quota parte di carico as-
sorbito dalle ali, in quanto le anime sono allineate. Indicato
con σ il valore della tensione media agente nel profilo, con
f
d
quella di progetto della piastra, e con A
f
= b
f
t
f
l’area della
sezione di un ala, risulta:
N
f
= σ b
f
t
f
; M = N
f
e = σ b
f
t
f
e
Rev. B.1 92
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.39: Modesta variazione di sezione
essendo N
f
l’aliquota del carico totale N assorbita da un’ala.
La condizione di verifica allo stato limite elastico:
1
6
b t
2
f
d
≥ σ b
f
t
f
e
comporta che lo spessore della flangia risulti tale che sia
soddisfatta la seguente disuguaglianza:
_
t
t
f
_
2
≥ 6
b
f
b
e
t
f
σ
f
d
(in condizioni normali risulta quindi che si debba disporre
una piastra di spessore pari a circa due volte lo spessore
dell’ala)
La piastra sarà sollecitata da un momento pari a:
M =
1
2
N e
Nel caso in cui la variazione di sezione sia importante
occorre predisporre dei dispositivi atti a distribuire il carico
ed evitare pressioni localizzate che porterebbero al collasso
del giunto.
Se lo stato di sollecitazione non è particolarmente impegna-
tivo può risultare sufficiente un dettaglio del tipo di quello
indicato in figura 8.40a. La piastra, solidarizzata in officina
con l’elemento inferiore, è utile per facilitare le saldature in
opera dell’elemento superiore, tenuto fermo dalle squadrette
bullonate in fase di montaggio.
Opportune costole ricevono il carico trasmesso dall’ala del-
l’elemento superiore e lo trasferiscono all’anima inferiore,
che a sua volta lo distribuisce nella parte sottostante. Tra-
scurando le variazioni delle tensioni normali nello spessore,
la forza agente nell’ala vale:
N
f
= σ A
f
Essendo A
f
l’area dell’ala e σ =
N
A
+
M
W
la tensione massi-
ma presente. La forza N
f
impegna trasversalmente i cordo-
ni “W
1
” e “W
2
” e longitudinalmente il cordone “W
3
”. L’anima
deve essere in grado di di resistere alla concentrazione degli
sforzi. Assumendo una distribuzione del carico a 30°deve
risultare:
N
f
b t
w
≤ f
d
Quest’ultima verifica può non essere soddisfatta se i carichi
agenti sulle colonne sono notevoli. Si può allora ricorrere
a un particolare analogo a quello illustrato in fig. 8.40b: si
realizza una trave a doppio T che può essere considerata
caricata da due forze concentrate:
N
f ,1
=
N
2

M
d
Esse impegnano trasversalmente i cordoni di tipo “W
1
” e
“W
2
”, e longitudinalmente quelli di tipo “W
3
”. I cordoni tipo
“W
4
” assorbono invece le azioni di scorrimento della trave a
doppio T.
Un’altra possibilità è illustrata in figura 8.40c. Il giunto ri-
sulta rastremato e la risultante degli sforzi presenti nelle ali
viene deviata mediante le due flange saldate, che fungono
da tirante e puntone. Se è presente solo una azione assia-
le N, l’azione di trazione o compressione nelle costole vale
±N
f
tgα essendo N
f
= N A
f
/A. Il momento flettente M in-
genera invece un’azione tangenziale nel pannello di lamiera
il cui valore massimo può essere valutato in τ = 2N tgα/A
w
essendo A
w
l’area dell’anima e N
f
= M A
f
/W. Combi-
nando gli effetti dell’azione assiale e del momento fletten-
te si dovrà controllare la resistenza del pannello d’anima:
_
σ
2
w
+ 3τ
2
≤ f
d
, con σ
w
= N
f
/A.
8.2.5 Giunti trave-colonna
I giunti fra travi e colonne non si differenziano sostanzial-
mente, almeno per quanto riguarda la loro funzione e il loro
comportamento, dai giunti inflessi. Anche per i giunti trave-
colonna si può mantenere la distinzione fra giunti a completo
ripristino e a parziale ripristino di resistenza, con la seguen-
te precisazione. Se il giunto collega la colonna a una trave
disposta da una sola parte (giunto a ¬) si intende per ripri-
stino quello della sezione più debole collegata. Se il giunto
collega la colonna a due travi disposte d lati opposti (giunto
a croce +) si intende per ripristino quello della sezione più
debole delle due travi collegate.
Esso può essere realizzato mediante angolari o flange, in
modo da trasmettere solo il taglio, garantendo nel contempo
la possibilità di una sufficiente rotazione del giunto. Il calcolo
dei bulloni e dei fazzoletti viene fatto allo stesso modo del
giunto incernierato trave-trave.
Appoggio a sedia
Un giunto che realizza in modo altrettanto semplice uno
schema pendolare per la trave è quello con appoggio a se-
Rev. B.1 93
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.40: Sensibile variazione di sezione
dia. Gli appoggi a sedia possono essere di tipo con sedia a
tacco, a sedia irrigidita, e a sedia non irrigidita.
Le verifiche da condurre sono due:
• verifica della pressione specifica sull’anima della trave
all’attacco del raggio di raccordo con l’ala inferiore;
• verifica della sedia.
Figura 8.41: Appoggio a sedia
Per la sedia a tacco il valore dell’eccentricità è trascu-
rabile. É quindi sufficiente determinare la sezione dei cor-
doni di saldatura che uniscono il tacco alla colonna. Le
sollecitazioni possono essere assunte pari a:
T = R ; M = R(a +
b
2
)
essendo a la distanza fra la sezione terminale della trave e
la colonna.
Figura 8.42: Calcolo dell’appoggio a sedia
Per la sedia irrigidita è sufficiente calcolare la dimensio-
ne dei cordoni di saldatura che uniscono alla colonna la co-
stola verticale, purché questa e il piatto orizzontale risulti-
no di spessore almeno pari a quella dell’anima della tra-
ve. La pressione su quest’ultima non deve essere supe-
riore a 1, 3 f
d
; per la sedia non irrigidita la larghezza di
sovrapposizione si calcola quindi come:
b =
R
1, 30 f
d
t
w
Per quanto riguarda l’angolare, la verifica a taglio e a
flessione viene condotta nel seguente modo:
σ
max
=
M
W
=
R e
b
a
t
2
a
6
; τ =
R
b
a
t
a
; σ
id
≤ σ
adm
Rev. B.1 94
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Trave continua
Un collegamento molto semplice che rende la colonna in-
cernierata alla trave è quella è quello riportato in figura. In
questo caso le verifiche sul pannello d’anima si effettua co-
me per il collegamento tra colonne compresse. La colonna,
in questo caso, viene impiegata solo assialmente. Lo sche-
ma che ne segue è una schematizzazione a pendolo della
colonna. Può essere più oneroso di quello a squadretta visto
in precedenza.
Giunti standard trave-colonna
Come già esposto prima, i giunti trave colonna soggetti ad
elevati valori di momenti flettenti sono tipici delle strutture
intelaiate. Per esse i nodi possono risultare:
• a completo ripristino;
• a completo ripristino delle sole capacità flessionali;
• a parziale ripristino con sufficiente capacità di
rotazione.
Figura 8.43: Giunti trave colonna
Il giunto a completo ripristino più naturale è quello intera-
mente saldato in figura 8.43a. Come anche il collegamento
b), anche se costoso, si è dimostrato molto valido in zona si-
smica per il buon comportamento sotto carico alterno. Par-
ticolare attenzione deve essere fatta al problema della for-
mazione di strappi lamellari nelle ali delle colonne dovuti alle
deformazioni localizzate nella lamiera per effetto della sal-
datura. Questo fenomeno è tanto più importante quanto più
spessa è l’ala e resistente è l’acciaio di cui è composta (per
la sua minore duttilità).
Questi collegamenti hanno inoltre il vantaggio di non gene-
rare ingombri aggiuntivi per la struttura.
Se la colonna non viene nervata, si deve verificare l’anima
all’imbozzamento in zona compressa, allo strappamento le
ali della colonna e la resistenza del pannello d’anima.
Verifica in corrispondenza del lembo compresso
Nella zona compressa l’anima può divenire instabile prima di
raggiungere i suoi limiti di resistenza. Si evita tale fenomeno
controllando che lo spessore t
w
dell’anima, soddisfi la formu-
la seguente, che interpola, a favore di sicurezza, i risultati di
esperienze statunitensi:
t
w

h
w
30

_
235
f
d
Se questa limitazione non è soddisfatta si devono comunque
disporre delle costole.
Dalle numerose esperienze condotte negli Stati Uniti e in
Olanda si può ritenere che, in assenza di irrigidimenti, gli ef-
fetti di una forza di compressione F possano essere ripartiti
su una lunghezza b
eff
ricavabile come da fig. 8.44.
Avremo quindi:
σ =
F
t
w
b
eff
≤ σ
adm
Verifica in corrispondenza del lembo teso
L’ala della colonna è inflessa dal carico trasmesso dalla tra-
ve. La sua resistenza dalla modalità dell’attacco. Se es-
so è saldato o con coprigiunto saldato, si può manifestare il
meccanismo di collasso di figura 8.45b. Per prevenirlo deve
risultare:
F ≤ 24 m
res
essendo F = M/d la forza agente dell’ala della trave
ed m
res
il momento resistente per unità di lunghezza dell’a-
la della colonna. Per i giunti a completo ripristino risulta a
collasso:
F
u
= A
f
f
y,b
; m
res
= m
u
=
1
4
f
y,c
t
2
f
da cui t
f
≥ 0.4
_
k A
f
essendo k = f
y,b
/f
y,c
il rapporto fra la tensione di snerva-
mento della trave e della colonna.
Inoltre le evidenze sperimentali hanno mostrato che si può ri-
tenere effettiva solo una lunghezza del cordone di saldatura
pari a
b
eff
= 2t
w
+ 7t
f
se l’attacco è a flangia o con coprigiunti bullonati, l’ala della
colonna si comporta come una flangia simmetrica. É lecito
assumere una larghezza collaborante sulla base di una ve-
rifica a collasso della flangia per i meccanismi già studiati in
precedenza.
Rev. B.1 95
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.44: Valutazione della larghezza efficace al lembo compresso
Figura 8.45: Valutazione della larghezza efficace al lembo teso
Rev. B.1 96
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Lo snervamento dell’anima può provocare il distacco dell’a-
la. Se l’attacco è saldato, si può ripartire la forza di trazione
su una lunghezza b
eff
= t
b
+5(t
c
+r
c
) eguale a quella utilizza-
ta per le compressioni (fig. 8.44a). Più favorevole è invece la
diffusione dello sforzo di trazione nel caso di giunti flangiati e
coprigiunti bullonati (fig. 8.45c,d): per essi si può assumere
la stessa larghezza utilizzata per il calcolo a flangia dell’ala
della colonna.
In ogni caso si può comunque considerare nell’anima della
colonna una tensione pari a:
σ =
F
b
eff
t
w
Verifica dei pannelli d’anima
I pannelli d’anima delle colonne sono sottoposte ad azioni
taglianti quando:
• Le travi sono di altezza diversa (d
1
,= d
2
);
• I momenti applicati sono diversi (M
1
,= M
2
).
Se infatti le due travi sono di altezza diversa ma trasmettono
lo stesso momento M
1
, nel pannello d’anima, per ragioni di
equilibrio, discende:
S
1
=
M
1
d
1

M
2
d
2
= M
1

_
1
d
1

1
d
2
_
se M
1
= M
2
S
3
=
1
d
3
S
1
_
d
1
+ d
2
2
_
Se invece i momenti applicati sono diversi ma le travi sono di
altezza uguale, allora lo sforzo di taglio sul pannello risulta:
S
1
=
M
2
−M
1
d
2
; S
3
=
M
2
−M
1
d
3
Evidentemente questi effetti possono verificarsi contem-
poraneamente e possono dar luogo a
τ =
_
M
2
−M
1
d
2
−M
1
_
1
d
1

1
d
2
__
1
t
w
h
w
=
_
M
2
d
2

M
1
d
1
_
1
t
w
h
w
Per una trave di bordo dove è presente solamente un
momento M la tensione tangenziale è valutabile come:
τ =
M
d
1
t
w
h
w
Per la verifica del pannello basterà quindi verificare che la
τ ≤ τ
adm
.
Se la verifica non è soddisfatta si dovrà irrigidire l’anima con
piatti saldati o con opportune costolature diagonali.
8.2.6 Verifiche su un incastro a flange
Gli spessori dei piatti della colonna sono uguali a quelli della
piattabanda della trave. I piatti servono per evitare gli strappi
al lembo teso e gli imbozzamenti al lembo compresso. Si
dividono gli effetti flessionali da quelli taglianti.
Gli spessori possono essere assunti pari a:
sp
rinf
= sp
trave
sp
piastra
= sp
colonna
sp
piastra
≈ 2 sp
trave,piattabanda
in IPE
Il calcolo del nodo si conduce dimensionandolo in modo che
resista fino al momento ultimo della trave. Per fare ciò è ne-
cessario determinare il momento ultimo raggiungibile dalla
sezione in campo plastico.
Avremo quindi:
M
pl
= f
yd
W
pl
; M
el
= f
yd
W
el
Il collasso del pannello si ha per un valore pari a:
τ
s
=
f
yd

3
Il momento plastico massimo sopportabile dal nodo è pari a:
¯
M
pl
= τ
s
sp
anima
h
r
h
t
dove per h
r
si intende l’interasse tra le ali della colonna e
per h
t
l’interasse tra le ali della trave. Confrontando le due
equazioni (M
pl
=
¯
M
pl
), risulta:
f
yd
W
pl
=
f
yd

3
sp
pan
h
r
h
t
da cui
sp
pan
=

3
M
pl
h
r
h
t
Definito η pari a
sp
col
sp
pan
, avremo:
η =
sp
col

3
h
r
h
t
W
pl
Nel caso in cui η ≥ 1 il nodo funziona adeguatamente,
mentre se η < 1 risulta necessario disporre una costola
diagonale.
Rev. B.1 97
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.46: Valutazione dell’azione tagliante nei pannelli d’anima
Questo rinforzo assorbe la compressione diagonale che
si viene a creare a causa del momento flettente: lo sforzo è
pari a:
N =
M
pl
(1 −η)
h
t
cos α
=
M
pl
(1 −η)
h
t
h
r
_
h
2
r
+ h
2
t
= A
d
f
yd
dove A
d
=
_
h
2
r
+ h
2
t
_
W
pl
h
r
h
t

sp
col

3
_
.
8.2.7 Nodi di travature reticolari
Molti elementi strutturali di un edificio civile o industriale
possono essere realizzati mediante uno schema statico re-
ticolare. In particolare, nell’edificio civile, si ricorre di norma
ad una struttura reticolare per realizzare i controventi di pia-
no ed i controventi verticali.
Dal punto di vista teorico di assume che tutti gli assi geome-
trici delle aste confluiscano in un unico punto e che il vincolo
tra le aste sia un vincolo di cerniera.
Al fine di avvicinarsi a questa ipotesi si deve realizzare
la piastra di nodo più piccola possibile al fine di contene-
re la rigidezza del nodo. Si deve inoltre fare in modo che
gli assi baricentrici delle aste (per collegamenti saldati) o gli
assi delle bullonature (assi di “truschino”, per i collegamenti
bullonati) concorrano in un unico punto che si assume come
“cerniera ideale”.
Se il nodo è bullonato si devono seguire le seguenti
operazioni:
• disegno dello schema geometrico del nodo;
• disegno delle aste che concorrono al nodo, facendo
coincidere l’asse di truschino delle forature di ogni asta
con l’asse geometrico corrispondente confluente nel
nodo;
• verifica del numero di bulloni strettamente necessa-
ri, in funzione degli sforzi nelle aste confluenti e delle
caratteristiche geometriche del nodo;
• disegno della posizione dei bulloni nel nodo, compati-
bilmente con le limitazioni imposte dalla norma;
• disegno della piastra di nodo ed indicazione del suo
spessore;
• verifica dei bulloni;
• verifica delle piastre;
• verifica delle aste.
Un collegamento teoricamente corretto presuppone, come
detto, il rispetto delle seguenti condizioni:
Rev. B.1 98
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
a) Gli assi baricentrici delle aste confluenti nel nodo devo-
no appartenere ad un unico piano (piano di simmetria
della travatura reticolare);
b) Gli assi baricentrici delle aste confluenti nel nodo devo-
no coincidere con gli assi dello schema geometrico del
nodo.
Di norma la condizione a) è sempre rispettata (a meno che
non si tratti di elementi secondari o poco sollecitati) e può
essere perseguita sia con profilati singoli che accoppiati. La
seconda condizione è sempre rispettata nelle unioni saldate,
nelle unioni bullonate, esiste talvolta (per esigenze geome-
triche di bullonatura) una eccentricità fra l’asse baricentrico
dell’asta e quello della bullonatura (figura 8.47a).
Quando possibile comunque si cerca di realizzare il nodo in
figura 8.47b poiché non genera momenti secondari nel nodo
e quindi nelle aste. Lo schema b) però richiede una maggio-
re difficoltà nella realizzazione del nodo poiché è molto più
scomodo disegnare la piastra di nodo e le relative forature.
La norma consente il trascinamento sull’asse di truschino
per strutture reticolari composte da angolari purché si di-
mensioni la bullonatura tenendo conto del momento N e.
Gli effetti secondari sul nodo in questo caso si considerano
trascurabili. Per il calcolo della lunghezza libera l
0
delle aste
compresse si deve in ogni caso considerare la distanza tra
le cerniere ideali e non tra i centri della bullonatura. Quando
possibile ovviamente si fa coincidere l’asse di truschino con
l’asse geometrico dell’asta.
Figura 8.47: Posizionamento delle bullonature
Per il dimensionamento dei bulloni si consideri lo
schema:
La normativa impone:
25 t
min
≥ p ≥ 3 d
0
mentre per elementi compressi
15 t
min
≥ p ≥ 3 d
0
dove t
min
è il minore tra gli spessori delle lamiere componenti
l’unione.
Poi
a > 2 d
0
; a
1
> 1, 5 d
0
Le limitazioni superiori per lamiere senza bordo irrigidito
a ≤ 9 t
min
; a
1
≤ 9 t
min
Lo sforzo ripreso dai bulloni risulta essere pari a:
V =
N
n b
; H
max
= f
N e
h

F
v,Ed
=
_
V
2
+ H
2
max
con
f =
6(n
b
−1)
n
b
(n
b
+ 1)
la verifica nei bulloni consiste quindi nel verificare che
F
v,Rd
≥ F
v,Ed
Ponendo particolare attenzione al numero di sezioni resi-
stenti nei casi di angolare singolo (¸) o accoppiato (|¸).
Oltre ai bulloni occorre bisogna verificare la piastra di col-
legamento e l’asta ed effettuare le verifiche a rifollamento
(§6.5.2 pag.47).
Verifica sulla piastra
Per la verifica della piastra si ipotizza una diffusione dello
sforzo a 60°. La verifica va quindi effettuata nella sezione A-
A, su una lunghezza c, depurata dei fori. Ne consegue che
si deve avere:
σ =
N
(c −φ)s
≤ σ
adm
Rev. B.1 99
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
dove
φ è il diametro del foro interessato dalla sezione A-A
s è lo spessore della piastra.
Verifica sulla piastra
Quando si effettuano le verifiche delle aste si deve fare atten-
zione ai tipi di profili collegati ed al modo con cui si realizza
il collegamento. Possono infatti instaurarsi nelle aste del-
le sollecitazioni secondarie dovute ad effetti flessionali che
talvolta incrementano notevolmente le tensioni dovute allo
sforzo normale N se di trazione. La norma specifica che per
un singolo angolare collegato si deve considerare come area
resistente o efficace:
Figura 8.48: Valutazione dell’area efficace
Per un angolare collegato su entrambe le ali l’area
resistente da considerare coincide con l’area netta:
A
res
= A
n
Per un angolare collegato su una sola ala (fig. 8.48a) l’area
resistente è data da:
A
res
= A
1
+ ξA
2
dove:
A
1
è l’area netta dell’ala collegata;
A
2
è l’area netta dell’ala non collegata;
ξ =
3A
1
3A
1
+ A
2
Nel caso di due angolari eguali accoppiati a T e collega-
ti alla piastra di nodo nel piano delle ali (fig. 8.48b), l’area
resistente è data da:
A
res
= 2A
1
+ 2ξA
2
dove A
1
e A
2
hanno il significato precedente e
ξ =
5A
1
5A
1
+ A
2
Se i due angolari accoppiati a T sono collegati alla piastra di
nodo nel piano dell’anima (fig. 8.48c) si avrà:
A
res
= 2A
n
dove A
n
è l’area netta di ciascun angolare.
Queste regole pratiche, ispirate a ricerche di Nelson, sono
contenute nelle norme inglesi BS 449 e sono state parimenti
adottate anche nelle Raccomandazioni Europee (CECM),
nonché dalle Istruzioni CNR-UNI 10011.
Per i profili a C collegati sull’anima e a T sull’ala (fig.
8.48d,e,f,g) possono adottarsi gli stessi criteri preceden-
temente esposti per gli angolari. Sono da sconsigliare i
collegamenti che interessano una sola delle ali di un profilo
a T o a doppio T (fig. 8.48h,i).
Nel caso di aste compresse si deve ovviamente effettua-
re una verifica di resistenza ed una verifica di instabilità.
Per la verifica di resistenza si opera come nel caso di aste
tese:
N
Rd
=
A f
yk
γ
M0
≥ N
Ed
Per quanto riguarda la verifica all’instabilità si rimanda a
quanto già esposto al §3.6 pag. 26.
Il collegamento saldato è in genere vantaggioso rispetto
al collegamento bullonato poiché si ottiene:
• un completo utilizzo della sezione poichè questa non
viene penalizzata dai fori;
• un collegamento molto più rigido tra le aste per la
mancanza dei fori e quindi frecce ridotte;
• la coincidenza dell’asse geometrico della struttura con
l’asse baricentrico delle aste.
Per soddisfare questo ultimo punto è necessario che
le lunghezze dei due cordoni d’angolo siano diverse, in
particolare si deve avere:
_
_
_
2 a
1
l
1
τ
||,adm
+ 2 a
2
l
2
τ
||,adm
= N
2 τ
||,adm
a
1
l
1
b
1
= 2 τ
||,adm
a
2
l
2
b
2
_
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
_
l
1
=
N
a
1
τ
||,adm

b
2
b
1
+ b
2
l
2
=
N
a
2
τ
||,adm

b
1
b
1
+ b
2
progetto
Le altezze di gola a
1
ed a
2
sono in genere legate alla lar-
ghezza dei profili collegati.
In una struttura reticolare è quindi conveniente in genere uti-
lizzare unioni di tipo saldato. Le unioni bullonate si adottano
in corrispondenza delle estremità delle travi ed in corrispon-
denza di giunti interni realizzati per motivi di trasportabilità
delle strutture realizzate in officina.
Collegamento di fondazione
Molti sono i tipi di collegamento colonna plinto di fondazione.
La loro differenziazione è dovuta principalmente alle carat-
teristiche della sollecitazione che il collegamento deve tra-
smettere.
In generale gli sforzi da trasmettere possono essere:
• sforzo normale di compressione o di trazione;
• presso o tensoflessione;
Rev. B.1 100
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 8.49: Diffusione del carico nelle giunzioni saldate
• presso o tensoflessione + taglio;
In figura 8.7 sono rappresentati dei semplici collegamenti in
grado di trasmettere le caratteristiche della sollecitazione so-
pra citate. Le differenze sono minime poiché un vincolo di
incastro, nel caso in cui la colonna sia solo compressa, si
può considerare sufficientemente duttile consentire la sche-
matizzazione del nodo come cerniera.
I problemi tipici di questo collegamento sono:
• la verifica delle dimensioni geometriche in pianta della
piastra e definizione del diametro dei tirafondi;
• la trasmissione delle azioni taglianti;
• il dimensionamento dello spessore della piastra di
fondazione in finzione delle eventuali costolature;
• il proporzionamento dei tirafondi di ancoraggio.
Di seguito si analizzeranno questi problemi per gli schemi
più ricorrenti.
Cerniera per colonne compresse
Questo vincolo viene di norma richiesto per le colonne degli
edifici multi piano in acciaio con elementi a schema statico
pendolare.
In questo caso, a meno che lo sforzo non sia molto elevato, si
ricorre a piastre semplici, ancorate con quattro tirafondi (fig.
8.50a). Per il dimensionamento in pianta della piastra, detta
f
cd
la tensione ammissibile di compressione del calcestruzzo
della fondazione, si deve avere:
N
Ed
≤ f
cd
_
A B −4 π
d
2
0
4
_
Se la piastra è quadrata, sarà:
A = B ≥
_
N
Ed
f
cd
+ πd
2
0
Per dimensionare lo spessore della piastra, per i profilati del-
la serie HEA, HEB e HEM, si deve assumere che lo sforzo
di compressione dovuto a N sia distribuito su una superficie
rettangolare fittizia di dimensioni 0, 8 b 0, 95 h (vedi figu-
ra 8.50b). Detto L = max
_
m
n
e σ
c
=
N
Ed
AB −4πd
2
0
/4
lo
spessore t della piastra si determina in base alla relazione:
M = σ
c
L
2
2
; W
(1m)
=
t
2
6
da cui:
σ
s
=
M
W
≤ f
yd
→ t ≥
¸
3 σ
c
L
2
f
yd
Ovviamente, se t risulta troppo grande si ricorre ad una pia-
stra nervata in modo da effettuare la verifica su una sezione
del tipo figura 8.50c.
Figura 8.50: Cerniera per colonne compresse
Cerniera per colonne tese
Le colonne dei controventi verticali di un edificio multi pia-
no con colonne aventi schema pendolare o di un capannone
industriale, oltre che a forze di compressione, in presenza
della pressione del vento, possono risultare soggette a forze
di trazione. In questo caso, per gli sforzi di compressione,
si dimensiona il collegamento come in precedenza, mentre
per gli sforzi di trazione si dovranno dimensionare in mo-
do opportuno i tirafondi di ancoraggio. Questi possono tra-
smettere il tiro alla fondazione in c.a. essenzialmente in tre
modi:
• per aderenza tra la superficie del tirafondo ed il
calcestruzzo;
Rev. B.1 101
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
• per ancoraggio a traverse in acciaio mediante tirafondi
con testa a martello;
• per aderenza fra la superficie del tirafondo ed il cal-
cestruzzo, oltre al contatto con quest’ultimo di una
rosetta d’acciaio, saldata al tirafondo.
Tirafondi per aderenza
Detto N lo sforzo di trazione da trasmettere, indicata con A
res
l’area resistente di un tirante (0, 75 A
tot
) e con n il numero
di tiranti si ha:
N =
N
Ed
n
σ
s
=
N
A
res
≤ f
yd
Se il tirante lavora per aderenza, la lunghezza necessaria
può essere determinata una volta nota la tensione massima
ammissibile di aderenza del calcestruzzo f
bd
.
Per impedire lo sfilamento di una barra da un blocco di calce-
struzzo è necessario che essa sia immersa per una lunghez-
za tale da consentire la trasmissione al calcestruzzo dell’in-
tera forza di trazione esercitata sulla barra.
Dall’equilibrio alla traslazione si ottiene, indicato con φ il
diametro della barra:
πφl
b
f
bd
=
πφ
2
4
f
yd
→ l
b
=
f
yd
4 f
bd
φ
Se il tirafondo risulta ancorato con uncini, questi si fanno
equivalere ad una lunghezza di ancoraggio di venti diame-
tri. Se l’ancoraggio avviene in zona di calcestruzzo non
compressa (quello che avviene di norma) la tensione f
bd
va
ridotta del 50 %
22
.
Traverse di fondazione a contatto
Durante il getto della fondazione vengono annegate nel get-
to delle traverse costituite da due profili UPN. Il passaggio
degli sforzi di trazione N, avviene mediante il contatto delle
traverse con il calcestruzzo. La verifica della traversa viene
effettuata sullo schema di trave indicato in figura 8.51.
Figura 8.51:
Il carico q distribuito è fornito dalla seguente espressio-
ne:
q = 2 b σ
b
dove
σ
b
=
2 N
2 b(L −4a)
≤ f
cd
con i termini a e b desumibili dalla seguente figura:
Figura 8.52:
mentre per L si intende tutta la lunghezza del profilato
UPN.
Va ovviamente verificata anche la saldatura del martello
(come già esposto nei paragrafi precedenti).
Tirafondi per aderenza + Rosetta
Figura 8.53:
Quello con la rosetta, può essere considerato un tipo inter-
medio di collegamento tra tirafondi e traverse di fondazione.
La tensione σ
c
nel calcestruzzo a contatto è pari a:
σ
c
=
N
π
4
(c
2
−d
2
)
22
É necessario verificare la congruenza di queste ultime due disposizioni con il metodo degli Stati Limite
Rev. B.1 102
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Per quanto riguarda invece la verifica a flessione della pia-
stra, bisogna considerare la particolare forma del pezzo, che
porterà ad uno stato di tensione pluriassiale definibile come:
σ
id
= η σ
c

_
c/2
s
_
2
≤ f
yd
è chiaro come sia possibile agire su spessore e diametro
della piastra per far tornare la verifica. Il coefficiente η è
infatti legato al diametro dal rapporto c/d:
c/d 1,25 1,50 2 3 5 10
η 0,124 0,373 0,947 1,96 3,36 5,30
Si rende necessaria anche una sorta di verifica a “punzo-
namento” del calcestruzzo: si consideri un cono di distacco
di semiampiezza 30°e si verifichi che le tensioni di trazione
che vengono a svilupparsi siano sostenibili dal calcestruzzo
o se sia necessario disporre dell’apposita armatura.
Vincolo di incastro
Figura 8.54:
Per vincolo di incastro si intende un vincolo in grado di tra-
smettere le caratteristiche della sollecitazione N, M, T.
Per quanto riguarda l’azione tagliante, essa si tramuta in una
tensione ortogonale alla costola di fondazione di entità pari
a:
σ
t
=
T
A h
Ovviamente il dimensionamento dello spessore della costo-
la va effettuato in base alla flessione della stessa.
Per la determinazione delle tensioni dovute a all’azione nor-
male e flessionale, si assimili la superficie di contatto tra
la piastra di base e il calcestruzzo della fondazione come
una sezione rettangolare in c.a. a semplice armatura pres-
soinflessa. Poiché le caratteristiche della sollecitazione N,
M presenti alla base della colonna, sono dovute a carichi
si varia natura (pesi propri, carichi di esercizio, neve, ven-
to, azioni sismiche, distorsioni, ecc.), si devono effettuare
le verifiche nelle situazioni più sfavorevoli per ogni elemen-
to strutturale (base della colonna, calcestruzzo, tiranti). Per
ogni coppia di valori (M;N), si procede come segue: Indicato
con n =
E
s
E
c
e A
s
= n
b
A
t
si determina l’asse neutro mediante
la relazione:
x
3
+3
_
e −
B
2
_
x
2
+6n
A
s
A
_
e + h −
B
2
_
x−6n
A
s
A
_
e + h −
B
2
_
h = 0
Valutata la posizione dell’asse neutro si determina:
σ
max,c
=
N
A
x
2
−(h −x)n
A
s
x
che rappresenta la tensione massima nel cls, ottenuta
imponendo l’equilibrio alla traslazione;
σ
t
= n
σ
max,c
x
(h −x)
che rappresenta la tensione del tirante nel gambo;
σ

t
= σ
t
A
t
A
res
che rappresenta la tensione del tirante in corrispondenza
della zona con area resistente pari ad A
res
(nucleo).
Una volta noti gli sforzi nella piastra si determina il suo
spessore o gli eventuali irrigidimenti necessari.
Rev. B.1 103
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Parte II
Costruzioni in Acciaio II
9 Analisi dei sistemi intelaiati
Nelle costruzioni in acciaio la struttura, molte volte ben di-
stinta dalle componenti accessorie, ha tipicamente una con-
figurazione a ossatura portante spaziale. Con riferimento a
sistemi intelaiati regolari in pianta e in elevazione, ossia a
situazioni ricorrenti nel mondo delle costruzioni in acciaio, se
possibile è conveniente, in fase di progettazione, individuare
modelli di calcolo piani sui quali basare il dimensionamen-
to strutturale. Di conseguenza la progettazione, nell’ipotesi
usualmente soddisfatta di solai infinitamente rigidi nel pro-
prio piano, risulta indubbiamente semplificata e al contempo
caratterizzata comunque da un soddisfacente grado di sicu-
rezza.
Appare quindi di fondamentale importanza affrontare in
modo corretto il dimensionamento dei sistemi intelaiati piani,
garantendo però sempre la piena rispondenza tra il modello
di calcolo e la struttura reale.
I telai devono essere verificati facendo in modo che
venga garantita la:
• resistenza delle sezioni trasversali;
• resistenza delle membrature all’instabilità;
• resistenza dei collegamenti;
• stabilità globale del telaio;
• equilibrio al ribaltamento come corpo rigido.
9.1 Elementi e classificazione
Secondo l’EC3 gli elementi componenti il telaio possono
distinguersi in:
• travi;
• colonne;
• giunti.
I giunti possono classificassi in base alla loro rigidezza
e alla loro resistenza:
Rigidezza Resistenza
Cerniera Incernierato
Rigido A completa resistenza
Semi-Rigido A parziale resistenza
Per quanto riguarda le intelaiature, esse potranno
essere classificate come:
• intelaiatura semplice (collegamenti cerniera);
• continua (collegamenti rigidi);
• semi-continua (collegamenti semi-rigidi)
23
.
La distinzione tra telai controventati e telai non controventati
è legata alla presenza o all’assenza di uno specifico sistema
strutturale (il sistema di controvento) in grado di trasferire in
fondazione tutte le azioni orizzontali dovute al vento o al
sisma, oppure associate alle imperfezioni strutturali. Sulla
base delle indicazioni riportate nell’EC3, il sistema di contro-
vento viene individuato come quella parte della struttura che
è in grado di ridurre gli spostamenti trasversali del sistema
strutturale almeno dell’80%. In modo del tutto equivalente,
il sistema strutturale è controventato se la rigidezza trasver-
sale dell’organismo che funge da controvento è almeno 5
volte quella del telaio.
9.2 Imperfezioni iniziali
Così come le singole aste compresse devono essere consi-
derate imperfette ai fini della stabilità, anche i telai secondo
l’EC3 devono essere considerati come dotati di imperfezioni
dovute alla mancanza di verticalità, di rettilineità e alle ec-
centricità nei collegamenti.
Secondo l’EC3 (5.3.2), gli effetti delle imperfezioni devo-
no essere messi in conto tramite una imperfezione laterale
iniziale:
Φ = φ
0
α
h
α
m
(9.1)
con
φ
0
=
1
200
valore base;
α
h
coefficiente di riduzione per l’altezza h applicabile alle
colonne:
α
h
=
2

h
con la limitazione
2
3
≤ α
h
≤ 1
h è l’altezza della struttura in metri;
α
m
è il coefficiente di riduzione per il numero di colonne in
una fila:
α
m
=
¸
0, 5
_
1 +
1
m
_
m è il numero di colonne in una fila, includendo solo quelle
colonne che portano un carico verticale N
Ed
non minore del
50% del valore medio del carico agente nelle colonne ap-
partenenti al piano verticale considerato.
L’equilibrio viene quindi scritto nella configurazione ini-
ziale indeformata e le imperfezioni vengono messe in conto
applicando delle forze laterali agli impalcati. Queste forze
andranno applicate in tutte le direzioni orizzontali pertinenti,
ma considerando le presenti in una sola direzione per volta.
23
rispetto ai collegamenti cerniera quelli semi-rigidi sono in grado di riprendere momento negativo agli appoggi, riducendo in questo modo la freccia in
campata
Rev. B.1 104
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 9.1: Sostituzione delle imperfezioni iniziali con for-
ze orizzontali equivalenti (1. Imperfezioni laterali iniziali; 2.
Imperfezioni locali in termini di curvatura iniziale)
Occorre inoltre tenere conto dei possibili effetti torsio-
nali sulla struttura, prodotti da spostamenti laterali non
simmetrici di due facce opposte. Vedi figura 9.2.
Figura 9.2: Effetti traslazioni e torsionali (vista in pianta)
Come è possibile notare dalla figura 9.1 esiste una per-
fetta analogia tra il comportamento di un’asta ed il compor-
tamento di un telaio; sia nel caso questo venga considerato
privo di imperfezioni, sia che si consideri il suo comporta-
mento reale. In generale il carico critico euleriano è un cari-
co non raggiungibile da una struttura reale per la presenza
di imperfezioni geometriche, per la non linearità del materia-
le (plsticizzazione) e per gli effetti del secondo ordine dovuti
alla presenza dei carichi verticali.
9.3 Tipologia strutturale e stabilità agli spo-
stamenti laterali
Secondo l’EC3, tutte le strutture devono avere una rigidez-
za sufficiente a limitare gli spostamenti laterali. Questa
rigidezza deve essere fornita:
• da un sistema di controvento;
• dai collegamenti e dagli elementi componenti il telaio.
Un telaio in acciaio può essere trattato come controventato
se il sistema di controvento riduce i suoi spostamenti di al-
meno l’80%.
Un telaio controventato può essere considerato a nodi
fissi. Più in generale, un telaio può essere considerato a
nodi fissi se la sua risposta alle forze orizzontali è sufficien-
temente rigida da poter trascurare, con accettabile appros-
simazione, le forze o i momenti addizionali interni provocati
dagli spostamenti orizzontali dei suoi nodi.
Se il telaio non è a nodi fissi, è cioè a nodi spostabili, gli
effetti degli spostamenti orizzontali dei nodi devono essere
considerati nel progetto.
Dal punto di vista pratico, un approccio comunemente
seguito per la classificazione dei telai, e riportato nell’EC3,
consiste nel considerare un telaio a nodi fissi per una as-
segnata condizione di carico, se è rispettata la seguente
condizione:
V
Sd
V
cr
≤ 0.1 (9.2)
dove V
Sd
rappresenta il carico verticale totale di progetto
relativo alla condizione di carico in esame e V
cr
è il carico
di collasso elastico per spostamento (instabilità) laterale del
telaio. Poiché V
cr
= λ
cr
V
Sd
→λ
cr
≥ 10.
In sostituzione alla 9.3, di difficile determinazione, l’EC3
propone la seguente formula semplificata:
M
II
M
I
=
V δ
H h
≤ 0.1 (9.3)
Figura 9.3: Effetto primario ed effetto secondario
ovvero è necessario verificare che per ogni piano e per
ogni combinazione di carico prevista il rapporto tra l’effetto
secondario (V δ con δ spostamento di piano determinato
con analisi elastica) e l’effetto primario (H h con H taglio
di piano) sia inferiore a 0.1.
Rev. B.1 105
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
9.4 Teorie e metodi di analisi
I metodi di analisi che si possono adottare sono:
• Analisi elastica globale (sempre);
• Analisi plastica globale (con sezioni di classe I e II di
acciaio idoneo).
Effetti delle deformazioni: in genere le sollecitazioni
interne possono essere determinate con:
• teoria del I ordine, usando la geometria iniziale della
struttura;
• teoria del II ordine, si può usare sempre.
Entrambe applicabili sia ad analisi elastiche che plastiche.
La teoria del I ordine può essere usata se:
• il telaio è controventato;
• il telaio può essere considerato a nodi fissi;
• si usano metodi di progettazione che indirettamente
tengano conto degli effetti del II ordine (EC3).
Al riguardo, si sottolinea che non si ha equivalenza tra i ter-
mini telaio controventato e telaio a nodi fissi, poiché sono
riferiti a due diversi aspetti del comportamento strutturale. Il
primo è associato alla resistenza della struttura e fornisce
indicazioni relative al meccanismo di trasferimento delle for-
ze orizzontali; il secondo invece è relativo alla deformabilità
trasversale.
Più in generale è possibile elencare le differenti analisi
che è si possono condurre su una struttura, riferendosi allo
schema di figura 9.4.
Figura 9.4: Spostamento e amplificazione dei carichi
1 - analisi elastica lineare : si considera la struttura in-
definitamente elastica, materiali lineari e non si
considerano gli effetti del secondo ordine;
2 - determinazione del carico critico euleriano ;
3 - analisi elastica non lineare : considero gli effetti del II
ordine (P −∆);
4 - analisi rigido-plastica ;
5 - analisi rigido-plastica con effetti del II ordine : in
questo caso il λ
p
decresce linearmente;
6 - analisi elasto-plastica senza effetti del secondo ordine
: si creano progressivamente una serie di cerniere
plastiche fino al valore asintotico λ
p
4;
7 - analisi elasto plastica con effetti del secondo ordine
: esatta;
Figura 9.5: Analisi
9.4.1 Analisi elastica
Si può dimostrare che in generale vale per i telai la formula
di Rankine:
1
λ
u
=
1
λ
cr
+
1
λ
p
(9.4)
Da cui segue che se
λ
cr
¸λ
p
allora
λ
u
· λ
p
Questa è la condizione per cui gli effetti del secondo ordi-
ne sono piccoli, da cui si deduce che la curva 6 e 7 sono
praticamente sovrapposte. In questo caso anche un’analisi
elastica del primo ordine può essere accettabile. Per l’EC3
si accetta questa condizione se:
λ
cr
> 10 λ
p
(9.5)
Si può assimilare il comportamento della struttura che sotto-
stà a questa condizione a quella delle aste tozze caricate di
punta:
Rev. B.1 106
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 9.6: Analogia con l’asta caricata di punta
9.4.2 Verifica della stabilità trasversale
Per stabilire se una struttura è a nodi fissi si opera come
segue:
1. si effettua un calcolo elastico del primo ordine;
2. si calcola
V
Sd
V
cr
o in via semplificata
M
II
M
I
=
_
V δ
H h
_
max
;
3. se
V
Sd
V
cr
> 0.1 allora la struttura è a nodi spostabili e
devono essere amplificati i momenti del primo ordine
(e gli sforzi normali) della quantità
24
:
1
1 −
V
Sd
V
cr
Si noti che questo metodo non è applicabile qualora
V
Sd
V
cr
>
0.25; in tal caso è necessario effettuare un’analisi del
secondo ordine rigorosa o si ridimensiona la struttura,
irrigidendola.
9.4.3 Metodo dei tagli fittizi
Il metodo dei tagli fittizi permette di approssimare, median-
te una serie di analisi elastiche del I ordine, ossia in modo
iterativo, la risposta del sistema intelaiato tenendo appros-
simativamente in conto gli effetti del secondo ordine con
riferimento alla particolare condizione di carico in esame.
Il principio di funzionamento del metodo è illustrato in fi-
gura 9.7, con riferimento a componenti di telai a nodi mobili.
La generica colonna, di altezza h
j
è soggetta all’azione as-
siale N
j
, determinata mediante un’analisi del primo ordine.
Nella configurazione deformata (in cui le estremità hanno
subito uno spostamento relativo ∆V
j
) è soggetta a un’azio-
ne flettente aggiuntiva pari a N
j
∆V
j
dovuta all’eccentricità
dell’azione assiale tra sommità e base della colonna. Il me-
todo è basato sulla trasformazione di questa azione flettente
aggiuntiva in una copia equivalente di tagli fittizi F
∆j
agenti
all’estremità della colonna e di valore N
j
∆V
j
/h
j
. Viene
quindi richiesta una nuova analisi elastica del del I ordine
in cui la condizione di carico è stata aggiornata includendo
anche il contributo del taglio fittizio F
∆j
. Lo spostamento
conseguente risulta allora superiore a quello determinato
nell’analisi precedente e quindi ne deriva un’azione flettente
associata alla deformabilità del sistema di entità maggiore.
Con un numero limitato di iterazioni è possibile, nella mag-
gior parte dei casi approssimare in termini di spostamenti e
di azioni interne la risposta elastica del II ordine della strut-
tura per un’assegnata condizione di carico.
Figura 9.7: Stima dei tagli fittizi
Riferendosi al generico sistema intelaiato deve essere
in primo luogo fissato il parametro di controllo sul quale ba-
sare la verifica di convergenza (usualmente lo spostamento
trasversale massimo, il massimo spostamento di interpiano
oppure il valore di un’azione interna in una sezione critica)
per potere interrompere la procedura iterativa, essendosi
raggiunto un grado di accuratezza soddisfacente ai fini pro-
gettuali (usualmente fissato in qualche unità percentuale).
Le fasi operative del metodo dei tagli fittizi sono indica-
te in figura 9.8 e l’aggiornamento della condizione di carico
sulla base dei tagli fittizi calcolati è schematicamente rap-
presentata in figura 9.9 per il generico caso di un telaio a
due piani e a due campate. In dettaglio, indicati con V e q
rispettivamente gli spostamenti trasversali assoluti e i carichi
verticali (ipotizzati, a titolo d’esempio, uniformemente distri-
buiti nel piano) e riferendo i pedici 1 e 2 rispettivamente I e
II piano, si valutano:
• le azioni flettenti aggiuntive:
M
∆2
= (

q
2
L
i
) (V
2
−V
1
) = (

q
2
L
i
) ∆V
2
M
∆1
= (

q
1
L
i
) V
1
= (

q
1
L
i
) ∆V
1
• i conseguenti tagli fittizi associati:
F
∆2
=
M
∆2
h
2
F
∆1
=
M
∆1
h
1
• i tagli addizionali risultanti per l’aggiornamento della
condizione di carico:
∆F
2
= F
∆2
∆F
1
= F
∆1
−F
∆2
24
Metodo dell’amplificazione dei momenti
Rev. B.1 107
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 9.8: Principali fasi applicative del metodo
Figura 9.9: Valutazione dei tagli fittizi in un telaio multipiano
Usualmente, per arrivare a un soddisfacente livello di
accuratezza sono richieste poche iterazioni (3 o al massimo
4 iterazioni). Nel caso in cui il numero di iterazioni sia invece
superiore, il metodo non è applicabile (in tal caso i risultati
ottenibili con questo approccio semplificato non sono affi-
dabili) e pertanto è richiesto uno strumento di analisi più
raffinato.
Esempio di calcolo
Passo 0 k u
0
= F
0
⇒δ
0
, H
I
1
=
2P
0
δ
0
h
con k matrice di rigidezza, u
0
vettore degli spostamen-
ti (incognito) →ottenuto δ
0
ricavo la forza equivalente
agli effetti del secondo ordine H
1
Figura 9.10: Passo 0
Passo 1 k u
1
= F
0
+ ∆F
1
⇒δ
1
, H
I
2
=
2P
0
δ
1
h
se δ
1
−δ
0
≤ → STOP
Figura 9.11: Passo 1
Passo 2 k u
2
= F
0
+ ∆F
2
⇒δ
2
, H
I
3
=
2P
0
δ
2
h
se δ
2
−δ
1
≤ → STOP
Figura 9.12: Passo 2
Altrimenti FINO ALLA CONVERGENZA
Figura 9.13: Passo 3
Si noti che k è sempre la stessa matrice; il metodo risulta
quindi di facile applicazione ma non rigoroso.
9.4.4 Analisi plastica: metodi rigido-plastici
Le ipotesi introdotte nel metodo di calcolo rigido-plastico,
anche definibile come un calcolo semplificato a rottura,
sono:
• Elementi componenti il telaio perfettamente rigidi
(EJ → ∞, nessuna deformazione elastica dei
componenti);
• Deformazioni concentrate sulle cerniere plastiche
considerando il modello rigido-plastico:
Rev. B.1 108
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Il moltiplicatore λ viene valutato attraverso il PLV
trascurando gli effetti del secondo ordine:
L
vi
= L
ve
λHθh = 4M
pl
θ
λ
pl
=
4M
pl
hH
Questo metodo corrisponde alla curva 4 di figura 9.5. Aven-
do applicato il criterio cinematica avrò che il moltiplicatore di
collasso sarà il minimo tra quelli calcolati per i diversi mec-
canismi.
Considerando anche gli effetti del secondo ordine il
lavoro esterno sarà addizionato di un contributo pari a
2 P abbassamento = 2Ph(1 −cosθ) ·
· 2Ph
θ
2
2
= Phθ
2
e quindi
L
ve
= λHhθ + Phθ
2
L
vi
= L
ve
⇒ λHhθ + Phθ
2
= 4M
pl
θ
λ
pl
=
4M
pl
Hh


H
Questo metodo corrisponde alla curva 5 di figura 9.5 e
rappresenta un legame lineare decrescente.
9.4.5 Analisi plastica: metodi elasto-plastici
Si inseriscono delle molle rigido-plastiche nelle aste con
rigidezza EJ (vedi SAP2000)
Figura 9.14: Metodi elasto-plastici
È possibile utilizzare una legge σ − bilineare:
Figura 9.15: Legame costitutivo: 1. Elastico - Perfettamente
Plastico 2. Elasto Plastico (incrudente)
In questo caso la sezione trasversale rimane elastica fi-
no allo snervamento delle fibre esterne. All’aumentare del
momento la plasticizzazione prosegue all’interno della se-
zione e lungo l’elemento. Questa schematizzazione viene
implementata in codici sofisticati come “ABAQUS”.
Figura 9.16: Elementi implementati nei programmi di calcolo
Sia l’analisi rigido-plastica che elsto-plastica possono
essere effettuate secondo la teoria del primo o del secondo
ordine; se il sistema è a nodi fissi (vedi 9.4.2 pag. 107)
possono essere trascurati gli effetti del secondo ordine; se
0.1 ≤
V
Sd
V
cr
≤ 0.2 può essere effettuata un’analisi rigido-
plastica amplificando tutte le sollecitazioni della quantità
Rev. B.1 109
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
1
1 −V
Sd
/V
cr
, come per l’analisi elastica.
Requisiti per le colonne
Se le cerniere plastiche si vengono a formare nelle co-
lonne (ad es. al piede), deve esserne garantita una certa
rigidezza; occorre, in buona sostanza controventare il telaio.
Nei telai controventati è richiesto che:
¯
λ ≤ 0.4
_
N
pl
N
Sd
(9.6)
ossia si richiedono colonne “tozze” che instabilizzino in
campo plastico; mentre per i telai non controventati:
¯
λ ≤ 0.32
_
N
pl
N
Sd
(9.7)
con
¯
λ snellezza della colonna nel piano in cui si plasticizza.
Rev. B.1 110
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
10 Classificazione dei collegamenti
trave-colonna
Come già visto l’EC3 prevede la possibilità di utilizzare giunti
rigidi, semi-rigidi e a cerniera. La proprietà di un giunto di
essere rigido o meno, così come di essere a completo o
parziale ripristino, non è una proprietà intrinseca assoluta;
è invece una proprietà relativa, strettamente connessa alle
proprietà degli elementi collegati, trave in particolare. La
risposta di un giunto è tipicamente rappresentata da una
legge momento-rotazione di tipo non lineare.
Figura 10.1: Rotazione relativa fra trave e colonna
Figura 10.2: Giunto
La rotazione φ è provocata da:
1. deformazioni locali dell’anima della colonna in zona
tesa;
2. deformazioni locali dell’anima della colonna in zona
compressa;
3. dalla deformazione del pannello d’anima a taglio, dalla
deformazione della flangia e dei bulloni, ecc.
In figura è rappresentato l’andamento della sollecitazio-
ne flessione all’aumentare della curvatura
Figura 10.3: Diagramma M −φ
Il tratto O−M
y
è elastico; il tratto M
y
−M
Rd
rappresenta il
tratto a snervamento incrudente; il massimo viene raggiunto
in corrispondenza dell’instabilizzazione di una delle tre com-
ponenti.
Con riferimento al diagramma appena visto l’EC3
distingue diversi tipi di giunto:
Figura 10.4: Giunto: Rigido - Completo ripristino
Figura 10.5: Giunto: Rigido - Parziale ripristino
Rev. B.1 111
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 10.6: Giunto: Semi-Rigido - Completo ripristino
Figura 10.7: Giunto: Semi-Rigido - Parziale ripristino
10.1 Metodo per componenti
In aggiunta alla determinazione sperimentale della relazione
M −φ, può essere possibile, per alcune tipologie di giunzio-
ne, valutarla in modo teorico, mediante l’approccio per com-
ponenti, di recente proposto anche dall’EC3 per le seguenti
tipologie di collegamento:
• collegamento con angolari d’ala;
• collegamento con flangia;
• collegamento con flangia in spessore di trave.
Nell’ambito di questo approccio sono individuate alcune
componenti elementari fondamentali ed ognuna di queste
è schematizzata con una molla assiale, la cui relazione
forza-allungamento viene definita analiticamente. Il giunto è
simulato da un insieme di molle opportunamente collegate
e, mediante specifiche relazioni analitiche, è possibile otte-
nere la legge di comportamento del giunto.
A titolo di esempio, in figura 10.8 viene proposto per
il giunto flangiato con piatto esteso oltre le ali della trave,
il modello di molle in grado di simularne la risposta. Le
componenti fondamentali evidenziate sono:
1. pannello dell’anima della colonna a taglio;
2. anima della colonna a compressione;
3. ala della trave a compressione;
4. bulloni a trazione;
5. anima della colonna a trazione;
6. ala della colonna a flessione;
7. piatto flangiato d’estremità a flessione.
Figura 10.8: Modellazione di giunti semi-rigidi
La relazione momento-rotazione del giunto, sia essa ot-
tenuta dalla sperimentazione oppure mediante approccio
analitico, è usualmente di tipo non lineare. Spesso è quindi
necessaria una sua rappresentazione semplificata per poter
effettuare un’analisi strutturale. In figura 10.9 sono propo-
ste alcune tipiche soluzioni: in aggiunta alla schematizzazio-
ne multilineare (curva a), è possibile una rappresentazione
semplificata mediante modelli di tipo elastico-perfettamente
plastico. In dettaglio, nella figura sono proposte due alterna-
tive comunemente usate, differenti per il valore della rigidez-
za rotazionale elastica: nella curva b) si utilizza il valore della
rigidezza tangente alla curva sperimentale mentre nella pro-
posta c) si adotta un valore di rigidezza secante individuata
dall’origine e dal punto della curva M −φ in corrispondenza
di un livello di momento pari a 2/3 della capacità portante del
giunto.
Rev. B.1 112
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 10.9: Esempi di modellazione della relazione M −φ
10.1.1 Collegamento trave-colonna bullonato
Si consideri, ad esempio, il seguente giunto:
Figura 10.10: Giunto modellato per componenti
in cui F =
M
H
. Si assuma che ogni componente sia
caratterizzato da una legge del tipo:
Figura 10.11: Legge componente
Seguirà quindi che la rotazione θ sarà data da
(ricordando che in una molla F = k x):
θ =

H
=
1
H
_
F
E k
1
+
F
E k
2
+
F
E k
3
+
F
E k
4
+
F
E k
5
_
=
=
F
EH
5

i =1
1
k
i
Sostituendo F con M/H:
θ =
M
EH
2
5

i =1
1
k
i
da cui
M =
EH
2
5

i =1
1
k
i
θ = S
Jini
θ (10.1)
S
Jini
=
EH
2
5

i =1
1
k
i
(10.2)
con S
Jini
rigidezza elastica iniziale del giunto. Ovviamente,
ricordando che F = M/H, il momento resistente del giunto
sarà:
M
Rd
= min(F
R,di
) H (10.3)
in quanto il collasso avviene quando una sola molla plasti-
cizza, ossia quando raggiunge il proprio F
R,di
.
Per lo stesso giunto può essere data una doppia
rappresentazione della legge momento-rotazione:
Il tratto ABC rappresenta la risposta reale del giunto; il
tratto OA la schematizzazione in campo elastico, da utilizzar-
si per una progettazione in campo elastico del giunto, quan-
do richiesta per ragioni specifiche, utilizzando i seguenti
parametri:
M
l
=
2
3
M
Rd
S = S
Jini
la legge bilineare OBC rappresenta la schematizzazione da
usare per la progettazione elasto-plastica usuale:
S
J
= S
Jini
/2 per giunto trave −colonna (10.4)
S
J
= S
Jini
/3 per giunto trave −trave (10.5)
10.1.2 Collegamento trave-colonna saldato
In genere il metodo per componenti da buoni risultati per ele-
menti non irrigiditi, per applicarlo è innanzitutto necessario
definire la geometria della sezione (profili tipo IPE o HE).
Rev. B.1 113
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 10.12: Collegamento irrigidito e non irrigidito
Figura 10.13: Geometrie definite su profili standard
L’EC3 in appendice J, presenta un metodo semplificato
per il calcolo delle resistenze e delle rigidezze delle compo-
nenti.
1) - Zona tesa
a1) - Resistenza ala colonna non irrigidita in zona te-
sa
La resistenza viene definita attraverso la determinazione di
una base efficace:
F
t ,Rd
=
f
yb
γ
m0
t
fb
[t
wc
+ 2r
c
+ 7t
fc
]
Se F
t ,Rd
< 0.7 f
yb

m0
t
fb
b
fb
il giunto deve essere irrigidi-
to. Le saldature che collegano l’ala della trave alla colonna
devono poter assorbire lo sforzo di plasticizzazione
f
yb
t
fb
b
fb
γ
m0
b1) - Resistenza anima colonna non irrigidita in zona
tesa
b
eff
= t
fb
+ 2

2a
b
+ 5(t
fc
+ r
c
)
5(t
fc
+ e
c
) corrisponde ad una diffusione degli sforzi di circa
60°
F
t ,Rd
=
f
yc
γ
m0
t
wc
b
eff
c1) - Resistenza colonna irrigidita in zona tesa
Se la colonna è irrigidita mediante un irrigidimento di
spessore non minore all’ala della trave, la resistenza a
trazione è pari alla resistenza dell’ala della trave:
F
t ,Rd
=
f
yb
γ
m0
t
fb
b
fb
Una volta calcolato il valore minimo di F
t ,Rd
cono-
sciamo la resistenza in zona tesa.
2) - Zona compressa
In questo caso si possono avere due differenti tipi di
collasso:
• schiacciamento;
• instabilizzazione.
b2) - Resistenza anima colonna non irrigidita in zona
compressa
b
eff
= t
fb
+ 2

2a
b
+ 5(t
fc
+ r
c
)
come per la zona tesa.
Rev. B.1 114
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
La resistenza allo schiacciamento è assunta pari a:
F
c,Rd
= f
y,c
t
wc

_
1.25 −0.5γ
m0

σ
n,Ed
f
yc
_

b
eff
γ
m0
con F
c,Rd
≤ f
y,c
t
wc

b
eff
γ
m0
nel caso σ
n,Ed
= 0, con σ
n,Ed
= 0
pari alla tensione normale massima di compressione nel-
l’anima della colonna, dovuta a sforzo normale e momento
flettente di progetto. Il termine entro le parentesi quadre
tiene conto dell’iterazione con lo sforzo normale: ho uno
stato di sforzo di compressione bi-assiale, quindi plasticizza
prima.
c2) - Resistenza anima colonna irrigidita in zona
compressa
Come per la zona tesa, la resistenza a compressione è
pari alla resistenza di progetto dell’ala della trave, purché lo
spessori dell’irrigidimento sia almeno pari a t
fb
.
N.B.: Deve essere verificato che l’anima della colonna
non instabilizzi.
b
eff
= H
(diffusione a 45°)
R
b,Rd
=
f
yc
b
eff
t
wc
γ
m1
3) - Zona soggetta a taglio
a3) - Pannello d’anima di colonna non irrigidita
La resistenza plastica di progetto del pannello d’anima
risulta
V
pl ,Rd
=
0.9 f
yc
A
v
γ
m0

3
con
A
v
= A
c
−2 b
c
t
fc
+ (t
wc
+ 2 r
c
) t
fc
area resistente a taglio.
N.B.: per aumentare la resistenza a taglio del pannello
d’anima può essere saldato un piatto su un lato dell’anima.
In questo caso lo spessore totale dell’anima sarà pari allo
spessore dell’anima più metà spessore del piatto di irrigidi-
mento.
Quando vengono usati irrigidimenti diagonali per aumen-
tare la resistenza a taglio, questi devono essere progettati
per resistere alle forze di trazione e compressione trasmes-
se alla colonna dalle ali della trave.
Le saldature fra irrigidimenti e ali colonna devono essere
progettate in modo da resistere alle forze negli irrigidimenti.
Posto H = h
b
− t
fb
, definito braccio della coppia interna,
si ha che:
M
Rd
= min(F
Rt
; F
Rc
; V
pl ,Rd
) H (10.6)
Rigidezza rotazionale
Per questo tipo di giunto l’EC3 propone una formulazio-
ne semplificata per il calcolo della rigidezza secante S
J
del
giunto:
S
J
=
E H
2
t
wc
3

i =1
1
k
i
_
F
i
F
i ,Rd
_
2
(10.7)
con
F
i
Forza nel componente i del collegamento dovuto ad M,
ma non minore di F
i ,Rd
/1.5;
F
i ,Rd
Resistenza di progetto del componente i del collega-
mento;
Rev. B.1 115
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
k
i
0.24 per anima colonna soggetta a taglio;
0.8 anima colonna zona tesa;
0.8 anima colonna con a compressa;
N.B.: se il generico componente è irrigidito, si può porre
k
i
= ∞; non si considera la deformabilità dell’ala della colon-
na in zona tesa, ma solo la sua resistenza; un collegamento
saldato, irrigidito sia in zona tesa che in zona compressa
può essere considerato come rigido.
Capacità rotazionale
Si può assumere che un collegamento trave-colonna sal-
dato non irrigidito, abbia una capacità di rotazione φ
CD
=
0.015 rad (in realtà può ruotare anche fino a 0.030 rad).
Si può assumere che un collegamento trave-colonna salda-
to a completo ripristino abbia una adeguata capacità di ro-
tazione per l’analisi plastica; questa capacità rotazionale è
assicurata se lo stesso giunto è governato dalla resistenza
della zona di taglio.
Inoltre:
• se la colonna è irrigidita in zona tesa e in zona com-
pressa, allora ha una capacità di rotazione per l’analisi
plastica anche se non è a completo ripristino;
• se la colonna è irrigidita in zona tesa e non in zona
compressa, allora ha una capacità di rotazione per
l’analisi plastica;
• se la colonna è irrigidita in zona compressa e non in
zona tesa, quando la resistenza non è governata dalla
zona a taglio, φ
CD
= 0.025 h
c
/h
b
con h
c
altezza della
colonna e h
b
altezza della trave;
10.2 Collegamento trave-colonna flangiato
Le ipotesi che si assumono per questo calcolo sono di avere
due bulloni per fila e che la flangia non sia irrigidita. Nel-
lo studio di questo tipo di giunto un ruolo importante viene
svolto dagli elementi a t equivalenti (t-stub).
Il comportamento di questo elemento è governato da:
• resistenza-rigidezza ala;
• resistenza dei bulloni;
• resistenza anima;
• resistenza saldatura anima-ala.
Tre sono i possibili meccanismi di collasso di un
elemento t-stub:
Modo1 : Meccanismo plastico completo ala (cerniera
plastica);
Modo2 : Rottura bulloni con snervamento ala;
Modo3 : Rottura bulloni;
Indicato con:
M
pl ,Rd
=
t
2
f
σ
y
4 γ
m0
l
eff
il momento plastico dell’ala; B
t ,Rd
resistenza a rottura del
bullone e l
eff
la larghezza efficace del t-stub (di difficile
valutazione), avremo:
Modo1 : F
t ,Rd
=
4M
pl ,Rd
m
Modo2 : F
t ,Rd
=
2M
pl ,Rd
+ e Σ B
t ,Rd
e + m
Modo3 : F
t ,Rd
= Σ B
t ,Rd
con la sommatoria estesa a tutti i bulloni del t-stub. Ponendo
β =
4M
pl ,Rd
e Σ B
t ,Rd
e λ =
e
m
si ha:
Figura 10.14: Modalità di collasso dei t-stub
Rev. B.1 116
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Risulta quindi sconsigliabile ricadere in meccanismi fra-
gili di tipo 3.
Resistenza zona di trazione
I meccanismi di tipo t-stub riguardano le seguenti zone
in trazione:
• ala colonna;
• flangia.
L’ala della colonna può avere tre diversi tipi di meccani-
smi di collasso:
a1) Meccanismo globale per il gruppo di bulloni
Figura 10.15: Cerniere cilindriche su meccanismo globale
a2) Meccanismi separati per ogni bullone
Figura 10.16: Meccanismi separati
La valutazione della l
eff
si basa su considerazioni ener-
getiche.
a3) Meccanismi per imbutimento
Figura 10.17: Imbutimento
Sul bullone si viene a formare un cono plastico.
L’ala della colonna a trazione si deve considerare come
una serie di t-stub con una lunghezza totale uguale alla lun-
ghezza totale efficace Σ l
eff
. Per ogni riga di bulloni la l
eff
deve essere la minore tra i tre meccanismi visti in preceden-
za.
Bulloni intermedi:
• l
eff
= p per il meccanismo a1;
• l
eff
= 4m + 1.25e per il meccanismo a2;
• l
eff
= 2πm per il meccanismo a3;
Bulloni di estremità:
• l
eff
= 0.5p + 2m + 0.625e per il meccanismo a1;
• l
eff
= 4m + 1.25e per il meccanismo a2;
• l
eff
= 2πm per il meccanismo a3;
Nota: il modo di collasso e la resistenza massima di pro-
getto devono essere determinate considerando tutte le file
di bulloni nella zona di trazione come un unico gruppo che
agisca tutto insieme in un singolo elemento t-stub equiva-
lente.
Il contributo della flangia si considera, invece, per la
zona di trazione, schematizzando la stessa in una serie di
t-stub equivalenti. La lunghezza efficace di questi andrà va-
lutata a seconda della posizione dei bulloni.
Rev. B.1 117
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 10.18: Schematizzazione per t-stub della flangia
Per i bulloni esterni all’ala della trave in trazione:
l
eff ,a
= min
_
0.5 b
p
−0.5 w + 2 m
x
+ 0.625 e
x
Per la prima riga di bulloni interni all’ala della trave in
trazione:
l
eff ,b
= min
_
α m α = f (λ
1
, λ
2
)
2πm
con λ
1
=
m
1
m
1
+ e
e λ
2
=
m
2
m
1
+ e
In questo caso la lunghezza efficace risente del contri-
buto irrigidente dovuto all’ala e all’anima della trave. Per la
valutazione di α è possibile utilizzare il seguente abaco:
Figura 10.19: Valori di α per ali di colonne irrigidite (J.3.7)
Un valore di α pari a 2π corrisponde al meccanismo di
imbutimento.
Per gli altri bulloni, se interni alla trave ed interme-
di: Per la prima riga di bulloni interni all’ala della trave
in trazione:
l
eff ,c
= min
_
_
_
p (passo bulloni )
4m + 1.25e
2πm
I bulloni interni alla trave, ma di estremità:
l
eff ,d
= min
_
_
_
0.5p + 2m + 0.625e
4m + 1.25e
2πm
Una volta individuati i t-stub, bisogna valutare la loro ef-
ficacia adottando un criterio plastico (nel caso di collasso
secondo modalità 1 e 2 del grafico di figura 10.14) o elasti-
co (proporzionale alla distanza dal centro di rotazione, vedi
modo 3 del grafico di figura 10.14). Si preferisce la scel-
ta di un criterio plastico per la determinazione del momento
resistente del giunto. Questo criterio si basa sulla scelta di
t-stub con comportamento duttile.
Rev. B.1 118
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
In presenza di un irrigidimento o dell’ala della trave si
devono distinguere i gruppi di bulloni come appartenenti a
t-stub separati.
Per ogni gruppo ci deve essere equilibrio tra le resistenze
di progetto dell’ala della colonna e della flangia. Ciò implica
che non tutti i bulloni di un gruppo partecipano alla resi-
stenza del gruppo stesso ma solo quelli che minimizzano la
differenza di resistenza tra i t-sub dell’ala della colonna e i
t-stub della flangia (punto J.3.3).
10.2.1 Procedura operativa
1. (a) Si deve calcolare la resistenza efficace di ogni fila
di bulloni in base alla resistenza del t-stub dell’a-
la o della flangia (nel caso di gruppi si deve de-
terminare la resistenza efficace minimizzando la
differenza tra resistenza gruppo ala e flangia; ciò
implica che per le singole file di bulloni del gruppo
si può calcolare la resistenza ridistribuendo al più
la resistenza della prima fila di bulloni omessa).
(b) Se il valore di progetto della resistenza efficace
per una qualsiasi fila di bulloni supera 1.8 B
t ,Rd
(con B
t ,Rd
resistenza del bullone) si deve cambia-
re tipo di collegamento (ad es. usare bulloni più
resistenti) in modo che il t-stub sia di tipo duttile.
2. Nota la resistenza efficace della singola fila di bullo-
ni F
t ,i ,Rd
si calcoli la

i
F
t ,i ,Rd
su tutte le file di bulloni
tesi.
3. si determini R
min
come valore minimo tra:
• resistenza dell’anima della colonna nella zona di
trazione;
• resistenza dell’anima della colonna a compres-
sione;
• resistenza dell’anima della colonna a taglio.
4. Se

i
F
t ,i ,Rd
> R
min
(con i numero di t-stub) si devono
ridurre le file o righe di bulloni nella zona di trazione in
modo da avere

i
F
t ,i ,Rd
< R
min
(con R
min
ricalcolata
in base al passo 3).
5. una volta determinato il numero di righe che ef-
fettivamente collabora si può calcolare il momento
resistente
M
Rd
=

i
F
t ,i ,Rd
h
i
con h
i
distanza della riga i-esima di bulloni dal centro
di resistenza della zona di compressione.
Si noti come questo metodo non sia applicabile qualora
i t-stub siano soggetti a collasso fragile (modo 3, grafico di
figura 10.14).
Esempio
Per quanto riguarda la b
eff ,1
è possibile ipotizzare una
diffusione a 45°oppure la somma della larghezza efficace
dei due t-stub. Nella zona a compressione
b
eff ,2
= t
fb
+ 2t
p
+ 5(t
fc
+ r
c
)
Risulta evidente che affinché entrambe le file siano efficaci
non si deve avere un prematuro cedimento dell’anima della
colonna:
• a trazione;
• a compressione;
• a taglio.
La bullonatura inferiore, oltre che collaborare a taglio, la-
vora allo stesso modo della bullonatura superiore nel caso
di inversione del momento.
Rev. B.1 119
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
10.2.2 Rigidezza alla rotazione
L’EC3 propone la seguente relazione per la rigidezza
secante:
S
J
=
E h
2
1
t
wc

i
µ
i
k
i
_
F
i
F
i ,Rd
_
2
(10.8)
con h
1
distanza della prima riga di bulloni sotto l’ala tesa
della trave dal centro di compressione.
µ
i
=
_
_
_
1 per i = 1, 2, 3
h
1
F
1,Rd
M
Rd
per i = 4, 5, 6
con:
F
i
forza nel componente i dovuta al momento M con M ≤
M
Rd
F
i ,Rd
resistenza di progetto della componente i del
collegamento
k
i
coefficiente di rigidezza della componente i
molla 1 anima colonna a taglio k
1
= 0.24;
molla 2 anima colonna a trazione k
2
= 0.8;
molla 3 anima colonna a compressione k
3
= 0.8;
molla 4 ala colonna a trazione k
4
=
t
3
f ,c
4m
2
t
wc
;
molla 5 bulloni a trazione k
5
=
2A
S
l
b
t
wc
con
A
S
area a trazione bullone;
l
b
lunghezza bullone (da metà spessore dado a
metà spessore testa);
t
wc
spessore anima colonna;
molla 6 flangia trave a trazione k
6
=
t
3
p
12 λ
2
m
2
t
wc
con
λ
2
=
m
2
m
1
+ e
valido per flangia non estesa
Nel caso di flangia estesa si deve assumere h
1
con
riferimento alla fila di bulloni esterni, inoltre
k
6
=
t
3
e
4 m
2
x
t
wc
Si può assumere che un collegamento bullonato con
flangia di estremità sia un collegamento rigido se:
• La colonna ha irrigidimenti d’anima in zona tesa e
compressa;
• Il momento resistente è determinato secondo l’approc-
cio elastico (punto J.3.2).
In presenza di irrigidimenti d’anima si può porre:
k
2
= k
3
= ∞ k
4
=
t
3
fc
12 λ
2
m
2
t
wc
e
k
4
>
t
3
fc
4 m
2
t
wc
10.2.3 Capacità rotazionale
Si può assumere che un collegamento trave colonna, nel
quale la resistenza al momento sia governata dal pannello
d’anima a taglio, abbia adeguata capacità rotazionale per
effettuare un analisi plastica.
Un collegamento bullonato, nel quale la resistenza al mo-
mento è governata dalla resistenza della zona tesa a trazio-
ne, ha adeguata capacità di rotazione per effettuare un’ana-
lisi plastica se per ogni fila di bulloni coinvolta, almeno un
componente (ala-colonna, flangia) sia caratterizzato da un
t-stub con modo di collasso 1. Ovvero un t-stub per cui sia
β ≤

1 + 2λ
;
se la resistenza è associata al modo di collasso 2, ovvero se

1 + 2λ
< β < 2
allora
φ
cd
=
10.6 −4β
min
1.3 h
1
con β
min
= β per la componente con il minimo
F
t ,Rd

B
t ,Rd
.
Quanto detto sopra vale anche per la flangia estesa.
Rev. B.1 120
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
11 Schemi di calcolo EC3
Figura 11.1: Schema di calcolo secondo EC3
Nel capitolo verranno analizzate le tipologie di edificio
trattate nell’EC3.
11.1 Telaio controventato incernierato
Figura 11.2: Telaio controventato incernierato
Nella figura w
i
si riferisce al peso totale di piano.
Nel condurre l’analisi elastica per questo tipo di
struttura è necessario tenere conto di:
classificazione sezioni : non è un problema a meno che
non si usino profili sottili di classe IV; sono consoni
profili di classe I, II, III;
classificazione giunto : non necessaria qualora si realiz-
zino, appunto, giunti cerniera.
Figura 11.3: Giunti cerniera a squadretta (a) e a sedia (b)
Un altro tipo di giunto cerniera può realizzarsi mediante
saldatura di flangia sull’anima della trave.
La classificazione del telaio non è necessaria, in quan-
to essendo controventato può essere considerato a nodi fissi
e si possono perciò trascurare gli effetti del secondo ordine.
Gli effetti delle imperfezioni geometriche viene scaricato
tutto sul controvento.
Figura 11.4: Effetto delle imperfezioni geometriche
L’analisi viene quindi condotta, per quanto riguarda il cal-
colo delle caratteristiche della sollecitazione, come da CNR
(elasticamente). Le verifiche e le combinazioni di carico
vengono eseguite secondo EC3 (SLU). Le verifiche vanno
eseguite nelle ipotesi elastiche; ciò implica che se i profili
che compongono il telaio sono di classe I, II, o III, questi
andranno trattati come profili di classe III (campo elastico
con W
el
).
Nulla vieta che il telaio in acciaio sia incernierato ad
un controvento in C.A.. Anche in questo caso il telaio
in acciaio può essere considerato controventato e privo di
imperfezioni.
11.2 Telaio controventato a nodi semirigidi
Al fine di incrementare la capacità portante delle travi e mi-
gliorare il loro comportamento in esercizio è possibile in-
trodurre la giunzione semirigida. In questo modo posso
trasferire parte del momento positivo della campata agli
appoggi.
Rev. B.1 121
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 11.5: Giunti semirigidi
Sussistono tre possibilità:
• trave in campo elastico e giunto in campo elastico;
• trave in campo elastico con giunto plasticizzato (occor-
re verificare che il giunto sia in grado di sopportare le
rotazioni senza collassare prematuramente);
• formazione di un meccanismo in condizioni ultime
(quindi con giunto plasticizzato e trave plasticizzata);
Ovviamente è necessario fare in modo che la capacità rota-
zionale del giunto sia sufficiente a consentire la formazione
della cerniera plastica in campata senza che si abbiano pre-
mature perdite di stabilità.
Vanno usati profili di classe I o II ed è necessario carat-
terizzare la risposta M − θ del giunto secondo l’allegato J
dell’EC3.
11.3 Telaio controventato con trave continua
Figura 11.6: Telaio controventato con trave continua
Vale quanto detto per l’esempio precedente. I profili compo-
nenti le aste devono essere di classe I, II o III. La classifi-
cazione del giunto non è necessaria in quanto non ho giunti
sulla trave essendo essa continua.
Figura 11.7: Nodo con trave continua e colonna pendolare
Anche per quanto riguarda la classificazione del telaio
e la valutazione della relativa imperfezione geometrica si
rimanda a quanto esposto nell’esempio precedente.
Calcolo della trave
Si può utilizzare la teoria elastica se i profili delle aste
componenti il telaio sono di classe I, II, o III. Nel caso in cui si
adotti il modello elasto-plastico esso potrà essere applicato:
• senza redistribuzione per profili di classe I e II;
• con redistribuzione per profili di classe I.
Calcolo delle colonne
Si veda il calcolo ad instabilità secondo EC3.
Rev. B.1 122
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
11.4 Telaio continuo
Figura 11.8: Telaio continuo
Le aste componenti il telaio sono di classe I, II, o III. Per
quanto riguarda la classificazione del giunto esso deve esse-
re rigido (criterio rigidezza) e a completa resistenza (criterio
resistenza).
Figura 11.9: Giunto saldato irrigidito; può essere
considerato a completo ripristino
Figura 11.10: Giunto flangiato irrigidito con flangia estesa; è
facile realizzarlo a completo ripristino
La classificazione del telaio comprende:
• telaio a nodi fissi;
• telaio a nodi spostabili.
Sulla base del rapporto V
Sd
/V
cr
. È possibile utiliz-
zare il metodo semplificato come indicato sull’EC3 (se
V
Sd
/V
cr
< 0.25).
La determinazione delle caratteristiche della sollecita-
zione è semplice anche nel caso di telaio a nodi spostabili
(occorre amplificare i momenti flettenti secondo le indica-
zioni contenute nell’EC3) oppure possono essere valutati gli
effetti del secondo ordine mediante l’impiego di un appro-
priato codice di calcolo.
Le verifiche di resistenza andranno condotte come indi-
cato nell’EC3, considerando tutte le sezioni come se fossero
di classe III.
L’analisi plastica è consentita con sezioni di classe I e
giunzioni rigide a completo ripristino. Il calcolo a rottura può
condursi in maniera lineare per telai a nodi fissi, consideran-
do gli effetti del secondo ordine per telai a nodi spostabili.
Per il calcolo elasto-plastico occorre impiegare codici non
lineari appropriati.
11.5 Edificio monopiano reticolare
Figura 11.11: Edificio monopiano reticolare
È equivalente ad un sistema a pendolo rovescio (con una
capacità dissipativa limitata). La classificazione delle sezioni
è immediata (secondo EC3 - solo la colonna). La classifica-
zione dei nodi non si rende necessaria in quanto vengono
utilizzati nodi cerniera per la trave e un incastro alla base
della colonna. È superflua anche la classificazione del tela-
io.
La colonna viene verificata direttamente per carico di
punta. Il giunto di fondazione deve essere a completo
ripristino di resistenza.
Figura 11.12: Effetto dell’imperfezione
Rev. B.1 123
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Le verifiche di resistenza sono da condursi tutte in
campo elastico indipendentemente dal profilo utilizzato.
11.6 Tipologie aggiuntive e dettagli
11.6.1 Edifici multipiano
Figura 11.13: Tipologie di edifici multipiano
Gli edifici intelaiati così composti possono essere costruiti
con telai trasversali (poco usati in quanto comportano l’uso
di travi di luce maggiore) o con telai longitudinali. In ogni ca-
so essi possono essere interamente intelaiati o interamente
controventati. Quest’ultima tipologia mi consente di impie-
gare giunti cerniera più semplici e meno costosi.
Secondo le indicazioni dell’EC4 i solai componenti gli
orizzontamenti del telaio possono considerarsi infinitamen-
te rigidi nel loro piano qualora lo spessore della soletta in
calcestruzzo posta in opera sia maggiore di 4 cm.
Figura 11.14: Soluzioni per solaio rigido
11.6.2 Tipi di controventature
Figura 11.15: Tipologie di controventature
I vari tipi di controventi verticali:
(a) Mohniè: in cui l’asta diagonale deporrebbe resistere
anche a compressione;
(b) a croce di S. Andrea: in cui l’asta compressa in-
stabilizza elasticamente in virtù della snellezza minima
garantita con cui è progettata;
(c) a V rovescia;
(d) a maglie a portale zoppo;
(e) a maglie a portale a tre cerniere;
(f) a V;
Oltre che all’assorbimento efficace dei carichi orizzon-
tali da parte del telaio occorre verificare l’intera strut-
tura a ribaltamento, eventualmente predisponendo una
zavorratura.
Figura 11.16: Stabilità globale
Rev. B.1 124
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
11.6.3 Nodi incastro
Qualora il telaio non preveda controventatura è necessario
predisporre collegamenti nodali in grado di trasmettere le
forze orizzontali in fondazione.
Figura 11.17: Nodi incastro
Possono essere:
(a) saldati a completa penetrazione (irrigiditi e non);
(b) saldati a cordoni d’angolo (irrigiditi e non);
(c) flangiati;
(d) bullonati con coprigiunti;
11.6.4 Specializzazione nell’assorbimento dei carichi
In presenza di controvento si può assumere che le forze H
siano riprese interamente e solo da esso.
Figura 11.18: Specializzazione nell’assorbimento dei carichi
11.6.5 Nodi cerniera
Figura 11.19: Nodi cerniera
I nodi cerniera, più economici, possono realizzarsi con:
• angolari;
• flangiati;
• a sedia.
11.6.6 Controventatura isostatica
Possono esistere controventi che impongano tre condizioni
di vincolo per ogni piano e che realizzino quindi una struttura
isostatica.
Figura 11.20: Controventatura isostatica
Figura 11.21: Forze di piano
L’equilibrio sulla controventatura di piano impone:
q → R
1
= R
2
=
qL
2
R
3
= 0
F
i
→ R
1
= R
2
=
F
1
2a + F
2
a
L
R
3
= F
1
+ F
2
+ F
3
Rev. B.1 125
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 11.22: Sezioni
La controventatura può avvenire anche con nucleo in
C.A. (detta anche “mista”).
Figura 11.23: Controventatura mista
11.6.7 Strutture speciali
Figura 11.24: Strutture speciali
(a) Struttura di edificio del tipo sospeso;
(b) Struttura di edificio del tipo “ad ombrello”;
(c) Telaio di facciata di tipo reticolare a maglie rombiche;
(d) Struttura di edificio del tipo “a grandi luci a ponte”.
11.7 Verifica della stabilità globale della
struttura sotto carichi verticali
• Metodo 1
Si calcola il carico critico per il controvento in modo
approssimato
N
c
=
π
2
E J

l
2
0
con J

momento d’inerzia flessione del controvento consi-
derato formato dalle sole sezioni trasversali dei montanti del
controvento stesso.
Rev. B.1 126
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Si calcola il carico N
tot
=

N
i ,max
, somma delle mas-
sime azioni assiali in tutte le colonne dell’edificio. Dovrà
essere N
c
/N
tot
≥ 4 ÷8.
• Metodo 2 - proposto dalla normativa
In assenza di determinazione diretta del carico critico
Euleriano dell’intera struttura, la norma consente di saggia-
re la stabilità globale controllando che accanto alla condizio-
ne di carico imposta dalla norma, vento escluso, la struttura
possa sopportare anche un carico orizzontale pari a
q
H
=
q
V
80
con q
V
carichi verticali agenti. Dovrà risultare
δ ≤
H
500
(anche gli spostamenti δ da vento, come noto, devono
essere tali che δ ≤
H
500
)
11.8 Schemi di calcolo dei nodi
Figura 11.25: Schematizzazione di calcolo dei giunti
Schema 1 - colonna semplicemente compressa
La trave ha una luce pari ad l .
giunto a
_
V = R
1
M = R
1
a
giunto b
_
V = R
1
M = R
1
(a + e)
Schema 2 - colonna pressoinflessa
colonna
_
N = R
1
M = R
1
a
La trave ha una luce pari ad l −2a.
giunto a
_
V = R
1
M = 0
giunto b
_
V = R
1
M = R
1
e
Schema 3 - colonna pressoinflessa
colonna
_
N = R
1
M = R
1
(a + e)
Rev. B.1 127
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
La trave ha una luce pari ad l −2(a + e).
giunto a
_
V = R
1
M = R
1
e
giunto b
_
V = R
1
M = 0
Ognuno di questi tre modelli è a favore di sicurezza e può
essere assunto nel calcolo.
Rev. B.1 128
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
12 Sistemi strutturali di edifici mono-
piano
12.1 Manti di copertura
Esso può essere essenzialmente di tre tipi:
• lamiera d’acciaio;
• fibrocemento;
• sandwich di lamiere
Figura 12.1: Manti di copertura
In funzione della luce si adottano, generalmente, le
seguenti scelte costruttive:
• 1 ≤ l ≤ 4 m in lamiera con s ≥ 6/10;
• 1 ≤ l ≤ 1.2 m in fibrocemento;
• 6 ≤ l ≤ 8 m con sandwich di lamiere.
Il carico utile viene valutato come quel carico che
produce una freccia inferiore a
l
200
Figura 12.2: Carichi utili per lamiere grecate
Le pendenze necessarie allo smaltimento delle acque
piovane possono essere:
• lamiera
– 2% per L
tot
> 8 m;
– 3 ÷4% per L < 8 m;
– > 6% se giuntate;
• fibrocemento > 20 ÷ 25% (comporta maggiori
ingombri volumetrici).
La copertura in lamiera incide sul peso proprio della
struttura apportando circa il 50% di massa in meno rispetto
ad una in fibrocemento. Non si altera nel tempo se protetta
con zincatura e vernice protettiva o rivestimento plastico. Ha
una maggiore sicurezza per quanto riguarda la pedonabilità
e gli urti (grandine). Comporta però delle complicazioni dal
punto di vista termotecnico per l’elevato rischio di condensa.
Figura 12.3: Collegamenti con lamiera grecata
12.2 Arcarecci
Sono travi continue su due o tre campate, appoggiate ogni
4 ÷ 7 m soggetti, generalmente, a flessione deviata. Le se-
zioni utilizzate sono normalmente profili di tipo IPE, NP, L. La
condizione di carico può schematizzarsi come segue:
Figura 12.4: Schema di carico arcarecci
in cui:
_
q
V
= q cos α
q
O
= q sin α
Per la determinazione del carico q si rimanda al metodo
agli stati limite. Una sua quantificazione per α = 3÷12 e per
P
vento
≈ 0 è data da:
q = pp + (pp
copertura
+ P
neve
) d
Le frecce massime consentite non possono superare 1/200
della luce.
Rev. B.1 129
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 12.5: Quattro tipologie di arcarecci
12.3 Capriate
Lo schema statico adottato nel caso di interasse tra le
capriate minore o uguale a 7 m è quello riportato in figura.
Figura 12.6: Capriata con arcarecci semplici
Nel caso l’interasse tra le capriate sia maggiore di 7 m
occorre presidporre, oltre agli arcarecci, delle travi di falda,
delle travi longitudinali e dei falsi puntoni.
Figura 12.7: Capriata i > 7 m
I carichi gravanti sulle capriate saranno quindi:
• peso proprio ( travi longitudinali, d falda, falsi puntoni);
• peso proprio orditura secondaria;
• peso proprio neve;
Ulteriori carichi sulle capriate sono dati dalle azioni del con-
trovento di falda (briglie superiori) e dalle azioni trasmesse
dalle colonne e dagli sbatacchi (briglie inferiori).
Il vento contribuisce in maniera diversa a seconda del-
l’inclinazione della falda di copertura (può esserci anche un
carico di decompressione). Per maggiori dettagli si riman-
da al capitolo C3.3.10 della circolare applicativa delle NTC
2008.
12.4 Controvento di falda
Nelle capriate, generalmente, avrò le briglie superiori
compresse e le diagonali tese:
con N
m
sforzo normale medio sui puntoni della capriata.
Il peso proprio della capriata più il peso del manto di co-
pertura valgono generalmente ≈ 50 ÷ 70 kg/m
2
. Nella bri-
glia compressa posso avere problemi di instabilità soprattut-
to fuori piano in quanto l
0
non è uguale ad a bensì almeno
ad l /2 se non realizzo un piano rigido. Questo può essere
fatto con un controvento di falda.
Rev. B.1 130
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
La controventatura di falda ha la funzione di:
• assorbire l’azione del vento;
• creare un corpo rigido;
• stabilizzare la briglia compressa della capriata
È quindi necessario verificare ad instabilità le aste:
con
N
m
sforzo di compressione medio nella briglia
n numero delle capriate (sei nell’esempio di figura).
Il carico critico sarà pari a
N
cr
=
π
2
EJ

l
2
Il problema sarà quindi calcolare la rigidezza del controven-
to J

che sarà data dalla rigidezza degli elementi che lo
compongono:
A
1
⇒ J
x
= 2J

x
+ 2A
1
_
b
2
_
2
il secondo addendo è dovuto al trasporto del momento
d’inerzia all’asse baricentrico. Trascurando il termine 2J

x
avremo:
J
x
= J

=
A
1
b
2
2
La verifica ad instabilità è da ritenersi soddisfatta qualora
N
cr
=
π
2
EJ

l
2
≥ ν n N
m
con ν = 4 ÷8 fattore di sicurezza.
Il posizionamento del controvento di falda ne comprende
due di testata e uno centrale o due longitudinali.
12.5 Controventi verticali
Il posizionamento ideale di queste strutture è verso la mez-
zeria del fabbricato, in modo da amplificare il meno possibile
le sollecitazioni indotte dalle dilatazioni termiche. Si consi-
dera la diagonale compressa in bando. Generalmente que-
sto tipo di controvento esclude la parete nella quale viene
installato dal transito di veicoli. I carichi F ai quali viene
assoggettato sono il vento, il sisma, azioni di frenatura, ecc.
Figura 12.8: Controvento verticale
12.6 Crociere rompitratta
È spesso necessario vincolare la briglia inferiore delle ca-
priate mediante aste diagonali collegate al controvento di
falda, questo essenzialmente per assolvere alle seguenti
funzioni:
• dividere la briglia inferiore in un numero di parti tali
che in ciascuna esse la snellezza della briglia (se com-
pressa per effetto del collegamento con le colonne) sia
inferiore del valore voluto;
• evitare il fenomeno dell’instabilità flesso torsionale del-
la travatura. Le capriate infatti sono trattenute nel loro
piano dagli arcarecci collegati ai controventi di falda in
corrispondenza della briglia superiore. Niente impe-
disce invece che la capriata, abbassandosi elastica-
mente sotto i carichi si disponga fuori piano ruotando
attorno alla briglia superiore.
Rev. B.1 131
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 12.9: Sbandamento fuori piano della capriata
Le ipotesi che si fanno per questo calcolo sono:
• la rigidezza torsionale propria della capriata è
praticamente nulla;
• è trascurabile l’energia corrispondente al lavoro del-
le tensioni assiali nella briglia tesa dovuto allo
sbandamento laterale della stessa.
Con queste ipotesi una via molto semplice può essere
seguita per verificare la stabilità flesso torsionale della ca-
priata.
In termini energetici (criterio euleriano) si determina quel ca-
rico (critico) che produce un lavoro esterno L
e
pari al lavoro
di deformazione L
i
dovuto alla flessione fuori piano della bri-
glia tesa.
Ipotizzando che la capriata abbia le briglie parallele e sia
soggetta ad un carico uniforme q = P/a si ottiene:
L
e
=
_
l
0
q v(z) dz =
q
2h
_
l
0
u
2
(z) dz
Poiché sviluppando in serie θ(fino al secondo ordine) si
ottiene:
cos θ = 1 −
θ
2
2
e nell’ipotesi di piccoli spostamenti:
θ ≈ tg θ =
u
h
si ha che:
v = h (1 −cos θ) =
h
2
θ
2
=
u
2
2h
Quando la capriata sbanda compie del lavoro interno pari
all’energia di deformazione:
L
i
=
EJ
(b)
y
2
_
l
0
_
d
2
u
dz
2
_
2
dz
in quanto
L
i
=
1
2
_
l
0
M
2
EJ
dz ; M = −EJ
d
2
u
dz
2
Dall’uguaglianza L
e
= L
i
, ipotizzando u(z) = sin
πz
l
si
ottiene
q
2h
_
l
0
u
2
dz =
EJ
(b)
y
2
π
4
l
4
_
l
0
u
2
dz
u

(z) =
π
l
cos
πz
l
u

(z) = −
π
2
l
2
sin
πz
l
ma dato che sin
πz
l
= u(z)
u

(z) =
d
2
u
dz
2
= −
π
2
l
2
u(z)
il carico critico risulta quindi essere:
q = q
crit
= π
4
EJ
(b)
y
l
4
h (12.1)
dove J
(b)
y
rappresenta il momento d’inerzia della sola briglia
tesa secondo il piano | a quello della capriata.
Per la 12.1 consegue che è possibile determinare la distan-
za d alla quale devono essere poste le crociere atte a evitare
questo tipo di instabilità.
La verifica è da ritenersi soddisfatta qualora
q
sd

q
cr
ν
con ν coefficiente di sicurezza ≈ 2
Figura 12.10: Crociere rompitratta
Rev. B.1 132
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
In alternativa alle crociere è possibile disporre degli
elementi diagonali più compatti chiamati sbatacchi.
Figura 12.11: Sbatacchi
12.7 Schemi statici
12.7.1 Colonne incastrate trasversalmente e longitudi-
nalmente
Nella parte superiore della figura è possibile notare la sche-
matizzazione degli appoggi del controvento longitudinale di
falda con molle di rigidezza k = 3EJ/h
3
(rigidezza delle
colonne incastrate alla base - mensola). Le colonne so-
no soggette a pressoflessione deviata in quanto ricevono
spinte orizzontali dovute alle deformazioni della copertura e
spinte orizzontali trasversali data l’assenza del controvento
verticale di parete.
12.7.2 Colonne incastrate trasversalmente e incernie-
rate longitudinalmente
In questo sistema tutta la forza longitudinale viene trasferi-
ta al controvento, mentre il controvento trasversale di falda
dispone di un appoggio fisso.
Rev. B.1 133
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
12.7.3 Colonne incernierate trasversalmente e longitu-
dinalmente
12.8 Portale trasversale
Tre diverse schematizzazioni per i portali trasversali sono
riportate nella figura seguente
Nel portale a) il punto di nullo del momento flettente è
spostato verso l’alto in quanto il traverso non è considerabile
infinitamente rigido.
Nella situazione in b), invece, il traverso rigido, impeden-
do le rotazioni dei nodi, porta il punto di nullo del momento
flettente in mezzeria. Lo schema statico da considerare per
le colonne
comporta
2M =
F
2
h ⇒ M =
F h
4
Quindi ho una rigidezza traslazionale pari a:
δ =
F
2
12EJ
h
3
=
F h
3
24EJ
Rev. B.1 134
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Con questo schema ho lo svantaggio che diagonali e cor-
renti inferiori possono essere compressi.
Nel terzo schema, invece, essi sono sempre tesi.
12.9 Colonne
Per una corretta valutazione delle caratteristiche della solle-
citazione sulle colonne si procede ad una separazione dei
carichi agenti:
P
1
peso proprio copertura;
P
2
sovraccarico copertura;
P
3
peso proprio pilastro;
P
4
peso proprio vie di corsa + sovraccarico;
P
5
peso proprio tamponamenti;
P
6
peso proprio pilastro;
H spinte vie di corsa;
W azione vento;
La soluzione pendolare con i controventi presuppone
delle colonne incastrate alla base con delle bielle (le briglie
delle capriate) che le facciano collaborare tra loro:
δ
a
= δ
a,0
−Xδ
a,a
δ
b
= δ
b,0
−Xδ
b,b
Per la congruenza dovrà essere:
δ
a
= δ
b
con δ
a,0
spostamento dovuto alle forze esterne e δ
a,a
spostamento dovuto alla biella. Avremo quindi:
X = −
δ
b,0
−δ
a,0
δ
a,a
+ δ
b,b
Le condizioni di carico per il calcolo delle colonne
prevedono quindi:
1. carico verticale alla sommità delle colonne dovuto al
peso proprio del tetto;
2. carico come sopra dovuto al sovraccarico (neve) nel
tetto;
3. azione del vento sul fabbricato da sinistra a destra;
4. azione del vento sul fabbricato da destra a sinistra;
5. carico verticale della gru con carrello spostato a
destra;
6. carico verticale della gru con carrello spostato a
sinistra;
7. spinta orizzontale della gru sulla colonna destra;
8. spinta orizzontale della gru sulla colonna sinistra;
9. variazioni termiche.
La verifica delle colonne nella sezione di fondazione va
condotta con:
1. M
max
→ N
corrispondente
;
2. M
min
→ N
corrispondente
;
3. N
max
→ M
corrispondente
;
4. N
min
→ M
corrispondente
;
Da notare che le condizioni più gravose per la colonna non
sempre lo sono per la fondazione.
Le verifiche sulla colonna saranno quindi di:
• Resistenza
• Stabilità (solitamente più limitante).
Rev. B.1 135
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
12.10 Schemi costruttivi per vie di corsa
Le schematizzazioni a) e b) vengono adottate per carroponti
con carichi modesti, mentre il tipo c), con giunto a baionetta,
prevede una struttura composta, saldata. Nella valutazio-
ne del carico indotto dal carroponte occorre tenere conto,
oltre che del carico verticale e orizzontale longitudinale in-
dotto dalla frenatura, anche dell’effetto del serpeggiamento
il quale comporta azioni orizzontali trasversali.
Riassumendo, si avranno carichi di:
• peso proprio;
• reazioni massime alla ruota + effetto dinamico (r
max
);
• azioni trasversali di serpeggiamento (1/10 r
max
);
• azioni longitudinali di frenatura (1/r r
fre
- dipende da
quante ruote frenano);
Figura 12.12: Carichi agenti sulle vie di corsa
Il carroponte può essere costituito con travi in semplice
appoggio o travi continue.
Figura 12.13: Sezioni laminate di carroponte per piccole luci
Figura 12.14: Sezioni composte di carroponte per grandi luci
Figura 12.15: Schema di carroponte con profilato IPE e
piatto di irrigidimento
Rev. B.1 136
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
13 Stabilità dell’equilibrio
Molte strutture quando soggette ad un processo di carico
crescente subiscono improvvisamente una brusca variazio-
ne nel modo di deformarsi che non è conseguenza della crisi
del materiale o di altre proprietà meccaniche. Esso è dovuto
al fatto che il modo di deformarsi della struttura al crescere
del carico per un certo valore di questo, diventa instabile e
la struttura cerca allora un altro tipo di deformata stabile.
Se questo brusco passaggio nel modo di deformarsi
della struttura avviene quando il materiale è ancora linear-
mente elastico, si parla di instabilità elastica, altrimenti di
instabilità elastoplastica. Il carico per cui si ha questa va-
riazione nel comportamento deformativo viene detto carico
critico per la struttura.
Per valutare il fenomeno della stabilità di una struttura
esistono in generale tre metodi di soluzione:
metodo statico per sistemi elastici e non elastici;
metodo energetico per sistemi conservativi (dal punto di
vista della struttura (elastica) e dei carichi);
metodo dinamico generale.
Si utilizzeranno principalmente i primi due metodi che,
quando applicabili, forniranno soluzioni coincidenti.
13.1 Cenni sul metodo dell’energia
Si consideri un corpo ad n gradi di libertà la cui generi-
ca configurazione sia individuata dai parametri lagrangiani
q
1
, q
2
, ... , q
n
. Sia C
0
una sua configurazione di equilibrio
che per semplicità si consideri caratterizzata da dai parame-
tri q
i
= 0.
Si supponga che il sistema costituito dalla struttura e dalle
forze esterne sia conservativo (il lavoro compiuto dalle forze
esterne e dalle tensioni interne non debba quindi dipendere
dal percorso) e perciò ammetta una funzione potenziale.
Se si indica con u il vettore spostamento u
T
=
(q
1
, q
2
, ... , q
n
) che rappresenta lo spostamento gene-
rico impresso alla struttura a partire dalla configurazione
C
0
(u = 0) e che quindi individua la generica configurazione
C, e con E(q
1
, q
2
, ... , q
n
) = E(u), la funzione che rappre-
senta la variazione di energia potenziale totale rispetto alla
configurazione C
0
(che si ammette essere n volte differen-
ziabile) è noto che nella configurazione di equilibrio (per il
PLV) deve essere che:
1.
_
∂E
∂q
i
_
C
0
= 0 (i = 1, 2, ... , n)
Per le ipotesi di differenziabilità di E in C
0
, si può porre:
2. E(u) = E
2
(u) + E
3
(u) + ... + E
n
(u) + O(| u |
n
)
dove
3. E
2
(u) =
1
2!
_

2
E
∂q
i
∂q
j
_
C
0
q
i
q
j
; ...
E
n
(u) =
1
n!
_

n
E
∂q
i
∂q
j
... ∂q
n
_
C
0
q
i
q
j
... q
n
Ecco che allora sarà possibile valutare la qualità dell’equili-
brio in C
0
studiando come E(u) varia in un intorno di C
0
.
Definiremo stabile l’equilibrio in C
0
(alla Liapunov) se esiste
un intorno di C
0
per cui per ogni spostamento u non nullo
contenuto in questo intorno risulti:
E(u) > 0
Se invece qualsiasi sia l’intorno di C
0
esiste almeno uno
spostamento u
1
per cui:
E(u
1
) < 0
allora l’equilibrio si dice instabile. Ecco allora che se
E
2
(u) > 0 l’equilibrio si definisce stabile (la E ha un minimo
in C
0
);
E
2
(u) = 0 bisogna valutare le E
3
, E
4
, ...;
E
2
(u) < 0 l’equilibrio si definisce instabile;
13.1.1 Instabilità di prima specie
Analizziamo il seguente esempio di mensola rigida
incernierata elasticamente alla base.
Figura 13.1: Mensola elasticamente incernierata
L’energia di deformazione della molla è pari a
V =
1
2

2
mentre l’energia potenziale dei carichi esterni è pari a
U = −Pl (1 −cos θ)
Quindi l’energia potenziale totale sarà pari a:
E = V + U =
1
2

2
−Pl (1 −cos θ)
Le condizioni di equilibrio sono:
∂E
∂θ
= k θ −Pl sin θ = 0
ovvero:
θ = 0 P =
k θ
l sin θ
L’esistenza di diversi rami di configurazioni di equilibrio
che si dipartono dalla configurazione corrispondente allo
stato critico costituisce una diramazione o biforcazione
dell’equilibrio.
Rev. B.1 137
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Per valutare la qualità dell’equilibrio nei diversi rami si
deve considerare la

2
E
∂θ
2
= k −Pl cos θ
per θ = 0 avremo quindi:
_

2
E
∂θ
2
_
θ=0
= k −Pl
ovvero, (secondo Liapunov):
se
_
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
_
P < k/l

2
E
∂θ
2
> 0 eq. stabile
P > k/l

2
E
∂θ
2
< 0 eq. instabile
Per P = P
crit
= k/l abbiamo che

2
E
∂θ
2
= 0. Bisogna quindi
valutare le derivate successive:
_

3
E
∂θ
3
_
θ=0
= Pl sin θ = 0
_

4
E
∂θ
4
_
θ=0
= Pl cos θ = Pl > 0
Ciò implica che l’equilibrio allo stato critico è stabile. Ne se-
gue che l’asta una volta pervenuta al carico critico si sposte-
rà lateralmente per portarsi su uno dei due rami della curva
di diramazione. La configurazione θ = 0 per P > P
crit
è an-
cora ammissibile ma è di equilibrio instabile.
Questo tipo di instabilità, per essere caratterizzata da rami
di biforcazione stabili si classifica come instabilità classica
o di prima specie.
13.1.2 Instabilità di seconda specie
Un esempio di tale tipo di instabilità è quello di una mensola
rigida sostenuta lateralmente.
Figura 13.2: Mensola sostenuta lateralmente
In questo caso l’energia potenziale totale assume la
forma:
E(θ) =
1
2
kl
2
sin
2
θ −Pl (1 −cos θ)
Le configurazioni ammissibili di equilibrio sono individuate
dalla relazione:
∂E
∂θ
= 0
Analizzandone le derivate si nota che lo stato critico ed il
successivo ramo sono instabili. Infatti sul ramo P = kl cos θ
_

4
E
∂θ
4
_
= −kl
2
sin
2
θ < 0
Questo tipo di instabilità viene definita per diramazione
instabile o di seconda specie.
13.1.3 Instabilità di terza specie
Un esempio di tale tipo di instabilità è quello di una mensola
rigida strallata.
Figura 13.3: Mensola strallata
Allo stato critico si ha:
_

3
E
∂θ
3
_
θ=0,P=P
cr
= −
kl
2
4
< 0
ovvero di equilibrio instabile.
Rev. B.1 138
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
In questo caso si possono avere imperfezioni “stabili” che
impongono l’inclinazione dell’asta a sinistra e imperfezioni
“instabili” che impongono l’inclinarsi dell’asta verso destra.
Questo tipo di instabilità con un ramo stabile ed un ramo
instabile viene detta instabilità di terza specie.
Questo è ad esempio tipico del problema:
13.1.4 Instabilità per cedimento progressivo
Si consideri lo schema di arco ribassato di figura:
Le aste vengono schematizzate con due molle di ri-
gidezza k. Ciascuna asta subirà un accorciamento pari
a
∆l =
l
cos θ

l
cos θ
0
L’energia elastica di deformazione è pari a:
V(θ) = 2
1
2
k
_
l
cos θ

l
cos θ
0
_
2
è possibile porre
1
cos θ
≈ 1 −
θ
2
2
:
V =
1
4
kl
2

4
0
−2θ
2
0
θ
2
+ θ
4
)
L’energia potenziale dei carichi è, invece, pari a:
U = −P f (θ) = −P (l tg θ
0
−l tg θ) ≈ −Pl (θ
0
−θ)
La condizione di equilibrio è quindi data da:
∂E
∂θ
= 0 ⇒ P(θ) = kl θ(θ
2
0
−θ
2
)
Diagrammando questa relazione si ottiene:
Si nota come in corrispondenza del carico critico (nel
quale è

2
E
∂θ
2
= kl
2
(3θ
2
− θ
2
0
) = 0 ) si ha θ
cr
= θ
0
/

3 (punto
C). L’equilibrio diventa instabile, infatti

3
E
∂θ
3
= 6kl
2
θ ,= 0
Consegue che l’arco passa dalla configurazione C alla con-
figurazione E, con vibrazioni di grande ampiezza attorno alla
configurazione di equilibrio stabile E. Questo comportamen-
to è tipico di archi a campate sottili e molto ribassate. Questo
tipo di instabilità per cedimento progressivo (snap-through)
si presenta con una grande riduzione della rigidezza della
struttura fino a raggiungere, con l’aumentare del carico, una
situazione di collasso geometrico in cui la rigidità è addirittu-
ra nulla. Avviene senza alcun indebolimento del materiale e
viene definita instabilità per cedimento progressivo.
13.1.5 Sistema a due gradi di libertà
Si faccia riferimento al seguente link:
https://www.dropbox.com/s/ag86pd2pfx4iawp/
inst2GDL.pdf
Nell’esercizio precedente, come in tutti, si è assunto che
nella configurazione banale di equilibrio fosse E(0) = 0.
Inoltre
E(u) = E
2
(u) + E
3
(u) + ...
Rev. B.1 139
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
essendo
E
1
(u) =

i
_
∂E
∂q
i
_
C
0
q
i
= 0
poiché la configurazione C
0
è sicuramente una configurazio-
ne di equilibrio.
Operando in un intorno infinitesimo della configurazione
banale C
0
si può allora porre
E(u) ≈ E
2
(u) =
1
2

i ,j
_

2
E
∂q
i
∂q
j
_
0
q
i
q
j
=
1
2
u
T
[E
2
]
0
u (13.1)
con u
T
= ¦θ
1
, θ
2
¦ ed
[E
2
]
0
=
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸

2
E
∂θ
2
1

2
E
∂θ
1
∂θ
2

2
E
∂θ
1
∂θ
2

2
E
∂θ
2
2
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸
0
se la matrice [E
2
]
0
risulta definita positiva, ovviamente la
configurazione C
0
è di equilibrio stabile (in quanto è mini-
mo).
Se det [E
2
]
0
= 0, la variazione seconda dell’energia è nulla in
C
0
e ciò implica che l’equilibrio è indifferente. In questo caso
risulta allora che dalla condizione di equilibrio:
∂E
∂u
= [E
2
]
0
u = 0
ovvero esistono infinite soluzioni u diverse dalla u = 0.
Riassumendo: affinché C
0
sia di equilibrio indifferente, il
problema [E
2
]
0
u = 0 deve ammettere soluzioni non banali e
quindi necessariamente deve essere che la condizione
det [E
2
]
0
= 0 fornisca gli eventuali carichi critici, mentre la
condizione
[E
2
]
0
u = 0 fornisca i corrispondenti modi di instabilizzarsi
della stessa.
I carichi critici e le corrispondenti forme di instabilizza-
zione della struttura sono gli autovalori e gli autovettori del
sistema di equazioni [E
2
]
0
u = 0 che può in genere essere
posto nella forma (k −λI)u = 0.
13.2 Instabilità dei telai
L’espressione dell’energia di deformazione U
0
e dell’energia
potenziale dei carichi, nei problemi dell’equilibrio elastico
fino ad ora trattati, veniva scritta considerando la configura-
zione deformata coincidente con quella indeformata (ipotesi
di piccoli spostamenti, o teoria del primo ordine). Per valuta-
re la stabilità dell’equilibrio dei corpi elastici, bisogna invece
esprimere U e V in funzione della configurazione deformata,
distinta da quella indeformata (anche se al limite può essere
linearizzata).
Nel caso dell’asta caricata di punta:
Nell’ipotesi di trascurare la deformabilità assiale e
tagliante dell’asta l’energia di deformazione è pari a:
V
d
=
1
2
_
s
EJ(s)
_

ds
_
2
ds (13.2)
valida per spostamenti comunque grandi, ma con deforma-
zioni piccole (M = EJχ).
Se la configurazione deformata è poco discosta dalla con-
figurazione rettilinea (spostamenti geometricamente piccoli)
si può porre che
θ ≈
dv
dx
;

ds
≈ v

per cui la 13.2 diventa
V
d
(v(x)) ≈
1
2
_
l
0
EJ(x)v
2
ds (13.3)
che rappresenta una soluzione linearizzata ossia una teo-
ria del primo ordine. L’energia potenziale dei carichi, se si
considera φ l’energia in corrispondenza della configurazione
indeformata, diventa
W = −P ∆l −
_
l
0
q(x)v(x) dx (13.4)
dato che
∆l =
_
l
0
(ds −dx) =
_
l
0
(1 −cos θ) ds
Linearizzando la ∆l , rientrando cioè nell’ipotesi di piccoli
spostamenti (ma considerando la configurazione deforma-
ta distinta da quella iniziale indeformata, teoria del secondo
ordine):
cos θ ≈
θ
2
2
(quando in una teoria del primo ordine cos θ ≈ θ). Avremo
quindi:
W(v) = −
1
2
P
_
l
0
v
2
dx −
_
l
0
q(x) v(x) dx (13.5)
per cui si ottiene che
X(v) =
1
2
_
l
0
(EJv
2
−Pv
2
) dx −
_
l
0
q v dx (13.6)
Nell’ambito di una modellazione con gli elementi finiti,
ovvero trasformando la struttura da un sistema continuo ad
un insieme di elementi discreti, è possibile estendere quanto
appena ottenuto in modo da implementare codici di calcolo
Rev. B.1 140
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
automatici che tengono conto dell’evolvere delle deforma-
zioni.
Per un sistema di elementi discreto X può essere scritta
come:
∂X
e
a
∂ ¯ u
= k
e
E
¯ u −λ k
e
G
¯ u −F
e
(13.7)
con
¯ u vettore dei parametri di spostamento modale della
struttura;
k
e
E
=
_
L
N
eT
EJN
e
dx matrice di rigidezza elastica della
trave (N funzioni di forma);
k
e
G
= ψ
e
_
L
N
eT
N
e
dx matrice geometrica della trave con
ψ
e
sforzo normale dell’elemento, ciò implica che con
λ = 1 sarà ψ
e
λ = P
e
con λ fattore di moltiplicazione
dei carichi;
F
e
=
_
L
q N
e
dx carico nodale equivalente per l’elemento.
La condizione di stazionarietà del funzionale

e
∂X
e
∂ ¯ u
= φ
porta alla relazione

e
(k
e
E
−λ k
e
G
) ¯ u =

e
F
e
(13.8)
che in forma contratta diventa
(k
E
−λk
G
) ¯ u = F (13.9)
In questo modo considero in modo approssimato l’in-
fluenza degli effetti del secondo ordine, individuando un
moltiplicatore dei carichi che porta all’instabilità della strut-
tura (si nota, infatti, che una forza assiale di compressione
diminuisce la rigidezza dell’asta).
Si è visto che X = X(u). Espandendo in serie di Taylor
ed arrestando al secondo ordine si ottiene:
X(u) = −
n

i =1
F
i
u
i
+
1
2
n

i ,j =1
k
ij
u
i
u
j
se u
0
= φ
con
F
i
= −
_
∂X
∂u
i
_
0
; k
ij
=
_

2
X
∂u
i
∂u
j
_
0
per cui in forma matriciale si ha la nota relazione:
X(u) = −F
T
u +
1
2
u
T
Ku (13.10)
Si è visto che la condizione di equilibrio, applicando il prin-
cipio di stazionarietà dell’energia potenziale totale, è data
dalla
∂X
∂u
= 0
che porta alla
K u = F (13.11)
Le u
0
, soluzione della 13.2, sono naturalmente valide solo
se la u
0
è sufficientemente vicina alla configurazione inizia-
le, altrimenti bisognerebbe espandere ulteriormente la X(u).
Inoltre, essendo troncata la X ai soli termini del secondo
ordine è chiaro che la 13.2 risulta al più lineare in u. Per va-
lutare se la configurazione ottenuta tramite la 13.2 è stabile
è necessario valutare il segno della derivata seconda, cioè:

2
X
∂u
i
∂u
j
= k
ij
Normalmente i termini k
ij
sono delle costanti per cui basta
valutare se la K è definita positiva (equilibrio stabile). Nella
equazione 13.9 è chiaro che la K è funzione lineare del pa-
rametro λ. Solitamente per λ < λ
critico
si ha che la matrice
K è definita positiva ed esiste un unica soluzione per ogni
λ per il sistema di equilibrio stabile. Per λ = λ
critico
allora
è chiaro che la matrice K diventa singolare per diventare
semidefinita positiva per λ > λ
critico
.
Per λ = λ
critico
si ha det K = 0 e ne consegue quindi che
il sistema di equazioni omogeneo deve ammettere soluzioni
non banali.
(K
E
−λ K
G
)u = 0 (13.12)
L’equazione 13.12 può essere scritta come
K
E
u = λ K
G
u (13.13)
per cui si vede che il problema della determinazione del ca-
rico critico è diventato un problema agli autovalori. Il più
piccolo degli autovalori
¯
λ
1
sarà perciò il carico critico, ed
il corrispondente autovettore ¯ u
1
, il tipo di deformata. Per
concludere:
K
E
è una matrice definita positiva,
K
G
in generale non lo è. Gli autovalori saranno N, indipen-
denti, ma nulla si può dire sul loro segno e sul tipo. In
generale si devono usare routine in cui la K
G
non è
definita positiva.
13.3 Cenni normativi (EC3) sulla stabilità
13.3.1 Asta perfetta
Utilizzando un approccio statico, la determinazione del ca-
rico critico avverrà equiparando il momento interno dovuto
alla curvatura a quello esterno dovuto al braccio creatosi in
seguito all’inflessione della trave.
Rev. B.1 141
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 13.4: Schematizzazione asta perfetta
Il momento esterno varrà quindi:
M
e
(z) = N y(z)
Mentre per quanto riguarda il momento interno vale la
relazione:

M
EJ
= y

che rappresenta una teoria del secondo ordine linearizzata.
Avremo quindi:
M
i
= −y

EJ
M
i
−M
e
= 0
y

EJ + Ny = 0
L’equazione differenziale omogenea risolvente assume la
forma
y

+
Ny
EJ
= 0 (13.14)
Definendo k
2
come:
k
2
=
N
EJ
avremo che l’equazione omogenea assume la forma:
y

+ k
2
y = 0
La sua equazione caratteristica sarà quindi:
λ
2
+ k
2
= 0
⇒λ
2
= −k
2
⇒λ
1,2
= ± i k
La soluzione generale vale:
y = A sin kz + B cos kz con k
2
=
N
EJ
Imponendo le condizioni al contorno:
y = 0 per z = 0 → B = 0
y = 0 per z = l → kl = nπ
Avremo quindi che:
N
cr
=
n
2
π
2
EJ
l
2
0
(13.15)
Il minore carico critico è, ovviamente, quello per n = 1,
corrispondente alla deformata di figura 13.4. Le deformate
relative ad n = 2 ed n = 3 sono riportate in figura 13.5.
Figura 13.5: Deformate sotto carico critico per n = 2 ed n = 3
La formula 13.15 (formula di Eulero) può essere posta
nella forma
σ
cr
=
N
cr
A
= π
2
EJ
Al
2
0
= π
2
E
ρ
2
min
l
2
0
dove σ
cr
è la tensione normale corrispondente al carico
critico. Posto:
λ =
l
0
ρ
min
dove λ è detta snellezza dell’asta, la formula di Eulero
diviene:
σ
cr
=
π
2
E
λ
2
(13.16)
Se si riportano in ascissa λ
2
e in ordinata σ
cr
, l’equazione
13.16 descrive l’iperbole di Eulero.
Figura 13.6: Iperbole di Eulero
La formula di Eulero è limitata in validità dalla richiesta
che la σ
cr
non super il valore della f
y
della tensione normale
Rev. B.1 142
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
al limite di proporzionalità. Il valore della snellezza corri-
spondente, λ
1
, detta snellezza limite, si ottiene imponendo
che sia:
f
y
=
π
2
E
λ
2
1
da cui
λ
1
= λ
y
= π
¸
E
f
y
(13.17)
Ipotizzando di avere a che fare con un materiale elastico
perfettamente plastico avremo che:
N
cr
= χ N
pl
⇒σ
cr
= χ f
y
con χ coefficiente di riduzione. Definendo inoltre
¯
λ come
una snellezza normalizzata data da:
¯
λ =
¯
λλ
1
è possibile ottenere il seguente diagramma:
Sin noti, invece, come legami costitutivi diversi portino a
diverse curve χ −
¯
λ (Shanley):
13.3.2 Asta imperfetta
Si analizza il comportamento di un asta caricata di punta
avente un’imperfezione iniziale in termini di freccia.
Figura 13.7: Imperfezione iniziale
In questo caso l’equazione risolvente assume la forma:
M
e
= M
i
−EJv

= N (v + v
0
)
L’equazione differenziale, questa volta non omogenea, è
v

+
N
EJ
(v + v
0
) = 0 (13.18)
con v inflessione aggiuntiva e v
0
(z) inflessione iniziale.
Si assume che la deformata iniziale abbia una forma
sinusoidale:
v
0
(z) = v
0
sin
πz
l
Dalla figura si nota come l’asta imperfetta tenda al carico
critico solo per spostamenti molto grandi.
Il momento del secondo ordine che deriva dalla
soluzione generale è pari a:
M = N V
tot
=
N v
0
1 −
N
N
cr
Rev. B.1 143
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 13.8: Eccentricità iniziale
Anche nel caso di eccentricità iniziale l’equazione
differenziale che deriva dall’impostazione del problema
y

+
N
EJ
y = −
N e
EJ
(13.19)
conduce, dopo opportune semplificazioni, alla stessa
formula:
M = N(e + y
max
) ≈
N e
1 −
N
N
E
Potrò quindi trattare allo stesso modo l’eccentricità di carico
e le imperfezioni dovute a flessioni iniziali.
Un altro importante fenomeno da tenere in considera-
zione durante la progettazione delle aste reali è quello delle
tensioni residue insite nel materiale: si vengono a creare del-
le trazioni nella parte nodale a causa delle differenti velocità
di raffreddamento.
Figura 13.9: Tensioni residue
Figura 13.10: Zona di influenza
Questo comporta una perdita di linearità del materiale
molto prima del raggiungimento del limite elastico di snerva-
mento; ciò ne comporta un abbassamento. Le tensioni in-
fluenzando il comportamento dell’astaper σ
cr
≥ ¯ σ
p
e quindi
nel campo delle snellezze intermedie.
È evidente che gli effetti dovuti a curvature iniziali, eccen-
tricità iniziali e tensioni residue devono essere considerati
contemporaneamente.
13.3.3 Aste reali - EC3
Se si considera l’effetto su un’asta reale dovuto ad una
eccentricità iniziale si ha la seguente risposta:
Figura 13.11: Risposta dell’asta reale
In cui è possibile riconoscere il tratto AB di diffusione
della plasticizzazione dovuta appunto al prematuro raggiun-
gimento della deformazione causato da e
0
, somma di tutte
le imperfezioni a cui è soggetta la trave. Si nota come dal
punto di primo snervamento A si passi al punto di massi-
mo cairco B senza mai raggiungere C, punto corrispondente
all’asta perfetta con legame elastico perfettamente plastico.
Sebbene, quindi, il massimo carico raggiungibile sia N
x
, per
operare a favore di sicurezza si considera N
y
.
Rev. B.1 144
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Diagrammando i vari effetti in termini di σ − λ possiamo
individuare cinque curve significative:
a asta inizialmente rettilinea elasto-plastica;
b effetto delle tensioni residue;
A, B curve dovute ad una curvatura iniziale;
tratto punto curva dovuta ad una eccentricità iniziale.
Per la determinazione del carico critico N
y
è neces-
sario determinare il punto di primo snervamento A. Lo
spostamento, come detto, è pari a
e =
e
0
1 −
N
N
cr
= e
0

1
1 −
N
N
cr
= e
0
α
con α fattore di amplificazione.
La formula della presso-flessione fornisce il valore di N
x
:
N
A
+
N e
W
= f
y
(13.20)
ponendo poi ¯ σ =
N
x
A
può essere riscritta come:
¯ σ + ¯ σ
e A
W
= f
y
(13.21)
la 13.21, in base alla 13.20, si può porre nella forma:
¯ σ + ¯ σ
e
0
1 −
¯ σ
σ
E

A
W
= f
y
(13.22)
con σ
E
tensione critica Euleriana pari a
σ
E
=
π
2
E
λ
2
La 13.22 si può porre nella forma:

E
− ¯ σ) (f
y
− ¯ σ) = σ
E
¯ σ e
0

A
W

E
− ¯ σ) (f
y
− ¯ σ) = σ
E
¯ σ η (13.23)
La 13.23 è la formula di Ayrton-Perry ed è alla base della
determinazione del carico critico dell’asta.
Il termine η è pari a
e
0
A
W
e viene denominato fattore di im-
perfezione generalizzata.
Al fine di pervenire alla versione della formula contenuta
nell’EC3, introduciamo due coefficienti:
¯
N =
¯ σ
f
y
=
N
max
N
pl
e
¯
λ =
λ
λ
y
=
¸
f
y
σ
e
Dividendo la 13.23 per f
y
si ottiene:
_
σ
E
f
y

¯
N
_
_
1 −
¯
N
_
=
¯
N
σ
E
f
y
η
Moltiplicando poi entrambi i membri per f
y

E
si ottiene:
(1 −
¯
λ
2
¯
N)(1 −
¯
N) =
¯
N η (13.24)
È poi possibile porre la 13.24 come equazione di secondo
grado in
¯
N:
¯
λ
2
¯
N
2
−(
¯
λ
2
+ η + 1)
¯
N + 1 = 0
Delle due soluzioni
¯
N
1,2
viene considerata solo quella con
il segno negativo, in quanto interessa il carico critico più
basso.
¯
N =
1 + η +
¯
λ
2

_
[1 + η +
¯
λ
2
]
2
−4
¯
λ
2
2
¯
λ
2
= χ(
¯
λ, η) (13.25)
Nell’EC3 si pone
φ =
1
2
(1 + η +
¯
λ
2
) e χ =
1
φ +
_
φ
2

¯
λ
2
e si assume per η:
η = α(
¯
λ −
¯
λ
0
) = α(
¯
λ −0.2)
con α coefficiente calibrato su prove sperimentali.
Se per λ < 0.2 si impone che il coefficiente di riduzione
valga 1 si ritrova il diagramma dell’EC3:
Figura 13.12: Diagramma χ −
¯
λ secondo EC3
Scelta delle imperfezioni
Il coefficiente η si può porre anche come:
η =
l A
γ W
da η =
e
0
A
W
avendo posto
γ =
l
e
0
Rev. B.1 145
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
con γ coefficiente di imperfezione geometrica, rappresen-
tante il rapporto tra la lunghezza dll’asta e la curvatura ini-
ziale della stessa.
Si può porre:
λ =
l
ρ
ρ
2
=
J
A
W =
J
d
=
ρ
2
A
d
con d distanza tra asse neutro e lembo teso.
η =
λ
γ (ρ/d)
poiché
λ =
¯
λπ
_

f
y
= 93, 9
¯
λ
se f
y
= 255 MPa si ottiene:
η =
93.9
γ (ρ/d)
¯
λ = α
1
¯
λ
Volendo inoltre mettere in conto un plateau per le snellezze
minori di 0.2
η = α(
¯
λ −0.2)
con α coefficiente di imperfezione, variabile tre 0.21 e 0.76.
Secondo l’EC3 quindi l’eccentricità e la curvatura iniziale
vengono quantificate pari a:
e
0
= α(
¯
λ −0.2)
W
pl
A
e
0
= α(
¯
λ −0.2)
W
el
A
Utilizzando la stessa notazione dell’EC3:
N
b,Rd
=
χβ
A
Af
y
γ
M1
_
= χ N
c,Rd
_
(13.26)
con χ coefficiente di riduzione per la modalità di instabilità
pertinente e N
c,Rd
sforzo normale plastico. Al solito il fattore
β
A
vale 1 per le sezioni trasversali di Classe 1, 2, o 3; vale
A
eff
/A per le sezioni trasversali di Classe 4.
Per le membrature a sezione costante l’EC3 codifica il χ
in funziona della snellezza adimensionale pertinente
¯
λ:
χ =
1
φ +
_
φ
2

¯
λ
2
(13.27)
con la limitazione χ ≤ 1. I vari termini, come già visto, assu-
mono il significato:
φ = 0.5[1 + α(
¯
λ − 0.2) +
¯
λ
2
] dove α è un coefficiente di
imperfezione pari a:
Curva di instabilità a b c d
Coeff. di imperfezione α 0.21 0.34 0.49 0.76
La scelta di α è subordinata alla scelta dell’appropriata
curva di instabilità:
Figura 13.13: Curve di instabilità
Figura 13.14: Curve di instabilità
che, come detto, tiene conto del tipo di sezione, delle
tensioni residue e delle imperfezioni geometriche. Si noti
come per grandi valori di snellezza le curve tendano all’iper-
bole di Eulero.
¯
λ =
¸
β
A
Af
y
N
cr
=
_
λ
λ
1
_
_
β
A
con λ snellezza per la modalità di instabilità pertinente.
λ
1
= π
¸
E
f
y
= 93, 9 è la snellezza al limite elastico, quando
=
_
235/f
y
.
Rev. B.1 146
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
13.4 Instabilità per pressoflessione
Nello studio di un’asta reale, molti sono i parametri che
influenzano questo problema:
• eccentricità e = M/N;
• snellezza λ;
• la tensione di snervamento del materiale f
y
;
• la forma della sezione;
• la forma del suo dominio ultimo;
• la presenza di tensioni residue e di imperfezioni
geometriche iniziali;
• il processo di carico e la distribuzione del momento
flettente lungo l’asta.
Evidentemente per risolvere un problema così comples-
so non esistono soluzioni in forma chiusa ma solo procedi-
menti numerici di simulazione e prove sperimentali di con-
fronto dei risultati.
Questi studi numerici hanno portato alla determinazione
delle seguenti curve di iterazione:
Figura 13.15: Curve sperimentali
I punti A individuano evidentemente il valore del carico
critico per M = 0 in funzione della snellezza λ. Per λ = 0
il dominio coincide con il dominio plastico della sezione. Si
nota inoltre che per piccoli λ, il dominio presenta una conca-
vità verso l’origine, mentre per λ elevati si ha convessità del
dominio nei confronti dell’origine.
Molti autori hanno proposto relazioni dirette per esprimere
i domini di iterazione M − N al variare di λ. Il metodo più
semplice per costruire il dominio è quello di considerare la
retta
N
N
cr
+
M
M
pl
≤ 1 (13.28)
La formula semplificata approssima, quindi, il dominio con
una retta; questa legge è a favore di sicurezza per λ ridotti,
ma non per λ grandi. Le quantità indicate si riferiscono:
N
cr
massimo carico sopportabile dall’asta semplicemente
compressa;
M
pl
momento ultimo della sezione inflessa.
Per correggere la valutazione nel caso di λ elevati è possi-
bile utilizzare la relazione corretta in modo da presentare la
convessità sempre verso l’origine:
N
N
cr
+
M
M
pl

_
1 −
N
N
cr
_ ≤ 1 (13.29)
Considerando i metodi di calcolo riportati nelle CNR 10011,
nel caso di aste prismatiche pressoinflesse soggette ad
un’azione assiale costante, N, e a una distribuzione di azio-
ne flettente ricondotta al valore M
eq
costante lungo tutta
l’asta, deve essere soddisfatta la seguente relazione:
ω N
A
+
M
eq
ψ W
_
1 −
ν N
N
cr
_ ≤
_
f
d
σ
adm
(13.30)
in cui ω rappresenta il coefficiente di amplificazione del ca-
rico, A e W rispettivamente l’area e il modulo di resistenza
della sezione, ψ il coefficiente di adattamento plastico.
Il temine ν rappresenta il coefficiente di sicurezza mentre le
tensioni di confronto dipendono dal metodo di calcolo utiliz-
zato (SL o TA).
La 13.30 risulta ulteriormente a favore di sicurezza poiché
sostituisce ad M
pl
il ψ M
e
ed amplifica il fattore N/N
cr
per il
coefficiente di sicurezza ν.
Per momenti variabili linearmente e per aste a nodi fissi, la
norma adotta la formula di Austin, introducendo un momento
equivalente M
eq
= β M pari a:
M
eq
= βM = 0.6M
a
−0.4M
b
con [M
a
[ ≥ [M
b
[ e purché sia M
eq
> 0.4M
a
.
Se l’asta non è invece a nodi fissi si deve adottare un
momento
M
eq
= 1.3 M
medio
con la limitazione 0.75M
max
≤ M
eq
≤ M
max
. Questa for-
mulazione è da adottare anche in presenza di carichi lungo
Rev. B.1 147
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
l’asta ed è stato verificato che risulta sempre a favore di si-
curezza.
Introducendo un momento equivalente generalizzo quindi
il problema riconducendolo a quello di un asta caricata in
modo costante.
13.4.1 Coefficiente di adattamento plastico
Una delle limitazioni nel calcolo delle strutture con il meto-
do delle tensioni ammissibili è costituito dalla impossibilità
di considerare le differenze tra le riserve plastiche possedu-
te da sezioni di forma diversa. La necessità di considera-
re l’influenza del comportamento post-elastico delle sezioni
nella verifica delle strutture, appare evidente se si osserva
che due sezioni caratterizzate da diversi coefficienti di forma
e sottoposte alla stessa tensione di lavoro (ad es la σ
adm
)
hanno un diverso coefficiente di sicurezza dei confronti del
collasso plastico. La CNR 10011 tiene conto di questo me-
diante un coefficiente di adattamento plastico che amplifica il
modulo di resistenza delle sezioni inflisse definendo dei mo-
menti limite elastici caratterizzati non dalla tensione di sner-
vamento ma da una deformazione irreversibile della sezione,
con un procedimento del tutto simile a quello usato nella de-
finizione della tensione convenzionale di snervamento negli
acciai con legame σ − continuo. Operando con il meto-
do suddetto si definisce un momento limite elastico per le
sezioni inflisse come:
M
lim
= ψ W f
y
dove ψ è il coefficiente di adattamento plastico o coefficien-
te di forma, W il modulo elastico ed f
y
la tensione di snerva-
mento. Con questo modo di operare si perviene in pratica ad
un nuovo stato limite detto stato limite di adattamento plasti-
co che è intermedio tra lo stato limite elastico caratterizzato
da un M
e
= W f
y
ed uno stato limite di completa plasticiz-
zazione caratterizzato da un M
u
= α W f
y
con α fattore di
forma della sezione trasversale. Il coefficiente ψ si può pen-
sare come un coefficiente di forma ridotto 1 ≤ ψ ≤ d che
esprime un campo compreso tra il calcolo elastico e quello
plastico.
Figura 13.16: Legame adimensionale M/M
e
- curvatura
χ/χ
e
Si considera quindi il ψ che amplificando M
e
= W f
y
comporta una freccia residua v
r
≤ L/1000.
Figura 13.17: Alcuni coefficienti di adattamento plastico
13.4.2 L’EC3
Rev. B.1 148
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 149
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
14 Membrature composte
Quando si hanno grandi luci da coprire oppure carichi note-
voli da sostenere è conveniente utilizzare dei profili composti
ottenuti unendo fra loro, con collegamenti trasversali, mem-
brature distanziate in modo da aumentare il momento di
inerzia senza aumentare troppo il peso complessivo della
struttura (sono caratterizzate, quindi, da prestazioni supe-
riori).
Ai vantaggi appena elencati ci sono da sommare gli svan-
taggi dovuti all’ingombro maggiore, alla minore rigidezza
trasversale a causa della non trascurabile influenza del con-
tributo deformativo associato all’azione tagliante ed un costo
per unità di peso più alto connesso alle lavorazioni da attua-
re per la loro realizzazione.
La risposta globale di una membratura composta dipende, in
maniera a volte sostanziale dalla deformabilità per flessione
e taglio. La deformabilità per flessione è legata al momento
di inerzia della sezione composta, mentre quella per taglio
è prevalentemente imputabile alla deformabilità delle aste di
collegamento e dei correnti.
A seconda del tipo di collegamento è possibile
classificare le aste composte in:
Rev. B.1 150
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 151
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 152
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 153
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 154
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
15 Torsione non uniforme
15.1 Introduzione
Nella teoria di De Saint Venant (di solido cilindrico caricato
solo alle estremità) si assumono due ipotesi fondamentali:
• il momento torcente è costante lungo tutta la trave;
• le sezioni sono libere di ingobbarsi e l’ingobbamento è
uguale per tutte le sezioni.
Queste ipotesi sono, in realtà, difficili da soddisfare e qualora
dovesse mancarne una occorre introdurre metodi alternativi
per la valutazione del comportamento della trave. Il mancato
rispetto delle ipotesi conduce infatti ad uno stato tensione e
deformativo diverso da quello di De Saint Venant, soprattut-
to in presenza di profili aperti (in genere questi effetti sono
trascurabili per le sezioni composte).
Un esempio immediato della necessità di introdurre una
nuova teoria può aversi osservando la figura 15.1:
Figura 15.1: Sistema di forze autoequilibrato
Nella teoria di D.S.V. se applico un sistema di forze
autoequilibrato,
_
R = 0
M = 0
dopo una certa distanza di estinzione le tensioni normali
sulla sezione si annullano.
Nel nostro caso, però, la trave è incastrata al piede. In corri-
spondenza dell’incastro la sezione non è libera di ingobbarsi
(ω = 0) e non esiste una distanza di estinzione, per Vlasov,
dalla sezione in cui si viene a creare un bimomento.
Figura 15.2: Situazione di torsione uniforme
Figura 15.3: Situazione di torsione non uniforme
Per poter applicare la teoria di D.S.V. dovrei vincolare
in modo da consentire l’ingobbamento ω. Ciò è possibile
utilizzando un appoggio torsionale.
Figura 15.4: Appoggio torsionale
Alcuni casi in cui il momento torcente M
t
non è costante
lungo la trave:
• M
t
applicato in mezzeria
• Carico torcente costante
Rev. B.1 155
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Alcuni richiami riguardo la distribuzione delle tensioni
tangenziali:
• Torsione nelle travi di sezione sottile chiusa:
τ =
M
t
2Ωb
min
con Ω area racchiusa dalla linea media; b
min
spessore
minimo.
• Torsione nelle travi di sezione sottile aperta
– Sezione rettangolare:
¯ τ =
M
t
J
t
b J
t
=
1
3
b
3
h ⇒ M
t
=
_
¯ τ
b
4
_
2
3
b
– Sezione generica:
¯ τ =
M
t
J
t
b =
M
t
J
t
b
max
J
t
=
1
3
_
l
b
3
ds =
1
3

i
b
3
i
l
i
Centro di taglio: indicato con C
T
è il punto che disaccop-
pia l’effetto del taglio dall’effetto del momento torcente (se il
taglio passa per il centro di taglio, esso non crea momento
torcente).
Equazioni costitutive:

x
=
1
E

x
−ν(σ
y
+ σ
z
))

y
=
1
E

y
−ν(σ
x
+ σ
z
))

z
=
1
E

z
−ν(σ
y
+ σ
x
))
γ
xy
=
τ
xy
G
γ
xz
=
τ
xz
G
γ
yz
=
τ
yz
G
15.2 Teoria di Vlasov
La teoria più semplice sviluppata per lo studio di questi
problemi è la teoria di Vlasov. Questa si basa su tre ipotesi:
1. indeformabilità trasversale della sezione a parete sot-
tile (δ ≥ 4 ÷ 5mm) (cioè la sezione ruota come un
rigido attorno a C
T
);
2. struttura a parete sottile, quindi tensioni costanti;
3. assenza di scorrimenti γ
zs
tra la direzione z che indi-
vidua l’asse della trave e la generica direzione s della
parete (assumendo γ
zs
= 0 si irrigidisce la struttura);
Rev. B.1 156
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
La generica sezione dell’ascissa z si ipotizza quindi che
possa ruotare attorno ad un opportuno polo C(z) di una
quantità θ(z) (si noti che C(z) può variare lungo z) in modo
che gli spostamenti
_
_
_
u = u(s, z)
v = v(s, z)
w = w(s, z)
(15.1)
siano legati dalle relazioni (relazioni che legano u a θ):
u = −θ
z
(y(s) −y
c
(s))
v = θ
z
(x(s) −x
c
(s))
(15.2)
Si noti che la prima delle 15.2 è un espressione negativa
in quanto θ positivi comportano u negativi nel sistema di
riferimento adottato.
Noti quindi C
T
e θ posso individuare u e v in quanto vi-
ge l’ipotesi di moto rigido; w resta ancora da definire così
come resta da definire il punto C
T
attorno al quale ruota la
sezione.
Indicato con r = r (s z) la distanza tra il polo C e la dire-
zione tangente al generico punto P(s) (tratteggiata in rosso
nella figura) con le seguenti convenzioni di segno
_
¸
_
¸
_
r > 0 se dθ
+
→ds
+
r < 0 se dθ
+
→ds

r = (x −x
c
)
dy
ds
−(y −y
c
)
dx
ds
(15.3)
si può porre ξ = r θ, essendo ξ la componente dello
spostamento del punto P(s) nella direzione tangente t (pro-
iezione di
¯
V sulla linea rossa tratteggiata).
Deriva quindi che
ξ =
_
u
dx
ds
+ v
dy
ds
_
=
_
(y −y
c
)
dx
ds
+ (x −x
c
)
dy
ds
_
= r θ
(15.4)
e che
∂ξ
∂z
= θ

r + θ

r
≈ θ

r (15.5)
nell’ipotesi di piccoli spostamenti.
Si vede che dalla condizione
γ
zs
= 0 =
∂w
∂s
+
∂ξ
∂z
= 0
segue che
∂w
∂s
= −θ

(z) r (s, z) (15.6)
Se si ipotizza (teoria di Vlasov) che la w possa
esprimersi nella forma:
dw = −θ

(z) r (s, z) ds
ovvero
w(s, z) = −θ

(z) ω(s, z) (15.7)
Si può, quindi, porre
∂ω
∂s
= r (s, z) ⇒ dω = r ds (15.8)
integrando
ω(s, z) = ω
0
(z) +
_
s
0
r (s, x
c
(z), y
c
(z)) ds (15.9)
Per trovare ω è quindi sufficiente sommare tutte le aree
“spazzate” dalla sezione con riferimento al polo C.
Dalla 15.6 si vede quindi che a meno di una funzione di am-
plificazione con z, rappresentata da −θ

(z), l’ingobbamento
w della sezione segue la “forma” rappresentata dalla ω in
15.8.
Notato che se la w non è costante con z nasce una tensione
σ
z
lungo la trave (il cui andamento è quello della funzione ω)
σ
ω
= E
z
= e
∂w
∂z
= −E ω θ

−E θ

∂ω
∂z
≈ −E ω θ

(15.10)
(trascurando gli infinitesimi di ordine superiore) deve
accadere che per ogni z:
_
¸
¸
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
¸
¸
_
N(z) =
_
A
σ
z
dA = 0
M
x
(z) =
_
A
σ
z
y dA = 0
M
y
(z) =
_
A
σ
z
x dA = 0
(15.11)
25
in quanto lungo la trave si suppone presente solo un tor-
cente M
z
(le tensioni devono essere autoequilibrate, queste
25
vedi dispense di Meccanica dei Solidi - equivalenza statica nelle sezioni rette
Rev. B.1 157
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
equazioni permettono di calcolare x
c
, y
c
e ω
0
).
Ne segue che per ogni z risultano determinati x
c
, y
c
e ω
0
e quindi ω. Si vede subito che ipotizzando x
c
(z) = ¯ x
c
;
y
c
(z) = ¯ y
c
; ω
0
(z) = ¯ ω
0
si ha
∂ω
∂z
= 0 per cui le 15.11
equivalgono a porre che:
_
¸
¸
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
¸
¸
_
_
A
ω dA = S
ω
= 0
_
A
ω y dA = J

= 0
_
A
ω x dA = J

= 0
(15.12)
Si ha un unica soluzione in
¯

0
26
, ¯ x
C
, ¯ y
C
che coincide con la
soluzione del problema per l’unicità della soluzione.
Si può pensare a S
ω
come al “momento statico” di ω e J

e
J

come “momenti centrifughi”.
Si può notare che al posto di assumere come origine delle
coordinate un punto sul contorno della sezione, è possibile
assumere un punto interno in cui
¯

0
= 0, così come è pos-
sibile dare una interpretazione fisica al punto C: esso infatti
sotto queste ipotesi risulta coincidere con il centro di taglio
della sezione.
Si supponga infatti di avere due aste soggette all’estre-
mità libere ad un torcente M
z
e ad un taglio T.
L
12
= M
z
θ = 0 poiché la sezione 2 non ruota. Ciò implica
che T δ
C
= L
21
= 0 per Betti. Affinché L
21
sia pari a zero il
taglio deve passare per il centro di taglio (dimostrazione non
rigorosa).
Il punto C è inoltre quello che minimizza la quantità:
J
ω
=
_
A
ω
2
dA (15.13)
Si consideri il seguente esempio con una sezione a C
Figura 15.5: Sezione a C
La sezione presenta un asse di simmetria che quindi sa-
rà luogo del baricentro G e del centro di taglio C. Dal grafico
in basso a destra si vede come al variare di e (distanza
¯
OC),
vari anche la quantità J
ω
con un minimo proprio in corrispon-
denza di C. In corrispondenza di questo punto, per quanto
detto prima, sarà anche:
_
¸
¸
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
¸
¸
_
_
A
ω dA = 0
_
A
ω y dA = 0
_
A
ω x dA = 0
Sarà, inoltre:
ω = ω
0
+
_
r ds
Per una sezione a C si avranno due valori di r :
¯
OA →r = −a
¯
AB →r =
h
2
avremo quindi:
ω(A) = −a
h
2
ω(B) = ω(A) +
h
2
b =
h
2
(b −a)
quindi per una sezione a C ω ha una distribuzione nota pren-
dendo O come origine principale.
15.2.1 Calcolo dell’origine principale
Per determinare l’origine O del riferimento in modo che
S
ω
= 0 ed il punto C di coordinate ¯ x
c
, ¯ y
c
tali da soddisfare le
15.12 si può operare nel modo seguente:
26
area spazzata rispetto a C
Rev. B.1 158
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Si considerino due origini O
1
e O
2
. L’area settoriale
relativa al punto P se calcolata rispetto all’origine O
1
può
porsi:
ω
1
=
_
P
O
1
r (s) ds =
_
O
2
O
1
r (s) ds +
_
P
O
2
r (s) ds
ω
1
= 2 Ω
12
+ ω
2
Si ha quindi che per trovare l’origine O
2
in modo che S
ω
= 0
(ossia per trovare l’origine principale) si può procedere nel
modo seguente: si fissa O
1
e si calcola S
1,ω
=
_
A
ω
1
dA
che sarà in genere diverso da zero. Se deve essere che
S
2,ω
=
_
A
ω
2
dA =
_
A

1
− 2Ω
12
) dA = S
1,ω
− 2Ω
12
A = 0,
allora ciò implica che l’origine O
2
deve essere tale da avere:

12
=
S
1,ω
2A
(15.14)
N.B.: Si opera trovando prima il C
T
e poi O
2
. In realtà l’ori-
gine principale coincide sempre con l’intersezione dell’asse
di simmetria con la sezione.
15.2.2 Calcolo del polo principale
Sfrutto le condizioni
_
¸
_
¸
_
J
y,ω
=
_
A
ω y dA = 0
J
x,ω
=
_
A
ω x dA = 0
partendo da due assi principali di inerzia.
J
x,ω
2
=
_
s
x ω
2
dA =
=
_
s
x ω
1
dA −x
C
1
__
s
xy dA −y
0
_
s
x dA
_
+
+y
C
1
__
s
x
2
dA −x
0
_
s
x dA
_
anche interpretabile come:
J
x,ω
2
=
_
s

1
dA−x
C
1
_
J
xy
(= 0) −y
0
S
y
(= 0)
¸
+y
C
1
_
J
x
−x
0
S
y
(= 0)
¸
Quindi se x e y sono direzioni principali:
_
J
x,ω
2
= J
x,ω
1
+ y
C
1
J
y
J
y,ω
2
= J
y,ω
1
−x
C
1
J
x
quindi ponendo
_
J
x,ω
2
= 0
J
y,ω
2
= 0
Avremo che:
_
¸
_
¸
_
y
C
1
= −
J
x,ω
1
J
y
x
C
1
=
J
y,ω
1
J
x
Il polo principale cade sull’asse di simmetria; praticamente
trovato il baricentro e gli assi principali di inerzia, si trova ω
1
rispetto ad un polo qualsiasi e conseguentemente J
x,ω
1
e
J
y,ω
1
, dopodiché valuto il vero polo principale.
Rev. B.1 159
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
15.2.3 Equilibrio del momento torcente
Fissato il centro di torsione C che coincide con il polo prin-
cipale e con il centro di taglio si possono quindi calcolare le
ω(s) e di conseguenza si ha dalla 15.10:
σ
z
= −Eωθ

= σ
ω
(15.15)
Si nota come questo modello comprenda D.S.V. in quanto
se
θ

= cost = θ
1
⇒ σ
z
= 0
con θ

angolo unitario di torsione.
Il modello di Vlasov consente di calcolare le σ ma non le τ,
essendo (proprio da modello), γ
sz
= 0 → τ
sz
= 0. Per il
loro calolo è possibile procedere sulla base di considerazioni
di equilibrio:
(ricordado che σ
ω
= −Eωθ

)
Infatti la variazione delle σ
z
comporta, per il mantenimento
dell’equilibrio, la presenza di tensioni tangenziali.
Per l’equilibrio alla traslazione (alla Jourawski) si ha:
_
A

ω
dA + τ
ω
δ(s) dz = 0
(con δ(s) spessore lungo la linea media) ma essendo dσ
ω
=
−Eωθ

dz
⇒ −Eθ

dz
_
A
r
ω dA + τ
ω
δ(s) dz = 0
e posto S
r
ω
=
_
A
r
ω dA pari al momento statico di A
r
avremo
che:
τ
ω
= Eθ

S
r
ω
δ(s)
= E
d
2
θ
1
dz
2

S
r
ω
δ(s)
(15.16)
ricordando che θ
1
= dθ/dz è pari all’angolo unitario di tor-
sione.
Quindi anche le τ, come le σ, variano lungo la linea me-
dia; lo stato tensionale nella sezione, in presenza di un mo-
mento torcente M
z
sarà allora caratterizzato da delle σ
ω
e
delle τ
ω
.
La presenza delle τ
ω
implica che una parte del torcente M
z
venga assorbito da queste. Indicata questa quota con M
ω
avremo:
M
ω
=
_
s
τ
ω
δ(s) r (s) ds =
_
s
τ
ω
δ(s) dω =
= Eθ

_
2
1
S
r
ω
_

dA
_
dA =
integrando per parti
= Eθ

_
S
r
ω
ω
¸
2
1
−Eθ

_
2
1
dS
r
ω
dA
ω dA =
S
r
ω
= 0 dato che sono nell

origine principale
= −Eθ

_
2
1
ω
2
dA = −E J
ω
θ

(15.17)
con −E J
ω
rigidezza torsionale secondaria di Vlasov.
Quindi per l’equilibrio deve essere:
M
z
(z) = M
ω
(z) + M
d
(z) (15.18)
con
M
ω
(z) = −Eθ

J
ω
(15.19)
e
M
d
(z) = G J
d
θ

(15.20)
momento alla D.S.V. (con GJ
d
rigidezza torsionale primaria).
15.2.4 Soluzione del problema
Indicato con m
z
il carico torcente lungo la trave:
Rev. B.1 160
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
dM
z
+ m
z
dz = 0
e quindi
dM
z
dz
= −m
z
Analogamente al taglio (dT/dz = −q) la derivata del torcen-
te è quindi pari al carico torcente.
Dalla 15.18 si ha:
−m
z
(z) = GJ
d
θ

−EJ
ω
θ
VI
che si può riscrivere come:
θ
VI

GJ
d
EJ
ω
θ

=
m
z
EJ
ω
(15.21)
(analogamente alla flessione EJη
IV
= q)
Per risolvere questa equazione differenziale è utile introdurre
k: il rapporto tra rigidezza primaria e secondaria, che indica
numericamente quanto sia preponderante la teoria di Vlasov
su quella di D.S.V..
k = l
¸
G J
d
E J
ω
(15.22)
La 15.21 si può quindi porre nella forma:
θ
IV

_
k
l
_
2
θ

=
m
z
(z)
EJ
ω
(15.23)
che sviluppata porta a:
θ = θ
p
+ C
1
+ C
2
z
l
+ C
3
sinh
_
k
z
l
_
+ C
4
cosh
_
k
z
l
_
dove θ
p
rappresenta la soluzione dell’integrale particola-
re (dipendente dal carico) e gli altri termini la soluzione
dell’omogenea associata con le costanti C
1
, C
2
, C
3
e C
4
incognite.
15.2.5 Condizioni al contorno
Al fine di semplificare la soluzione dell’equazione 15.23 è
opportuno introdurre la quantità “bimomento” (caratteristica
della sollecitazione):
B =
_
A
σ ω ω dA = −Eθ

_
A
ω
2
dA = −Eθ

J
ω
(15.24)
in questo modo si vede che (analogamente alla formula di
Navier):
σ ω = −E θ

ω =
B
J
ω
ω
(analogamente alla formula
dM
dz
= T):
dB
dz
= −EJ
ω
θ

= M
ω
(15.25)
(e analogamente alla formula di Jourawski):
τ
ω
= Eθ

S
r
ω
δ
= −
M
ω
S
r
ω
J
ω
δ
(15.26)
Esiste quindi un’analogia tra la teoria di Vlasov e la teoria
tecnica delle travi:
Teoria Tecnica delle Travi Teoria di Vlasov
var spostamento η → var rotazione θ
Rotazione η

=

dz
→ θ

= θ
1
≈ W Ingobbamento
Momento M = −EJη

→ B = −EJ
ω
θ

Bimomento
Taglio T =
dM
dz
→ M
ω
=
dB
dz
Momento
torcente secondario
Quindi le condizioni al contorno le impongo analogamen-
te al problema flessionale:
Appoggio → Appoggio torsionale
η = 0 → θ = 0
η

= M = 0 → θ

= B = 0
Incastro → Incastro torsionale
η = η

= 0 → θ = θ

= 0 (W = 0)
Estremo libero → Estremo libero
Rev. B.1 161
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
η

= η

= 0 → θ

= θ

= 0
M = T = 0 → B = M
ω
= 0
Continuita

→ Continuita

M
s
= M
d
→ B
s
= B
d
T
s
= T
d
→ M
ω,s
= M
ω,d
η
s
= η
d
→ θ
s
= θ
d
η

s
= η

d
→ θ

s
= θ

d
Con queste condizioni posso quindi risolvere l’equazione
15.23 e pervenire alla soluzione del problema.
Esempio di trave con incastro torsionale
In A sarà θ = θ

= 0, B = 0 e M
z
=
¯
M.
Si ha
M
z
= M
ω
+ M
d
= −EJ
ω
θ

(l ) + GJ
d
θ

(l ) =
¯
M
si nota quindi come in A tutto il torcente M
t
sia dovuto a M
ω
.
La quota tra M
ω
e M
d
a regime dipende da
k = l
¸
G J
d
E J
ω
Possiamo dare dei valori indicativi di questo parametro:
k = 0 ÷0, 5 (EJ
ω
molto alti) profili laminati a freddo, prevale
M
ω
;
k = 0, 5 ÷2 laminati o saldati, prevale ancora M
ω
;
k = 2 ÷5 torsione mista (molto frequente), laminati a caldo,
impalcati da ponte;
k = 5 ÷20 prevale la torsione uniforme (sezioni tubolari o
molto tozze);
k > 20 torsione alla D.S.V. (sezioni compatte piene);
Quindi quando EJ
ω
¸GJ
d
avremo situazioni del tipo:
In Vlasov γ
sz
= 0 quindi la soluzione risulta più rigida di
quella reale ma molto vicina. D.S.V. invece ha una rigidezza
più bassa quindi grandi rotazioni significativamente discoste
dalla realtà.
Si nota quindi come sia influente tale teoria nelle struttu-
re in acciaio. Un’ulteriore considerazione è da fare in merito
alla forma delle sezioni: tutte quelle sezioni in cui il cen-
tro di taglio cade nell’intersezione delle linee medie dei vari
segmenti portano ad avere J
ω
= 0.
15.2.6 Esempi
Sezione a C
Occorre conoscere ω, S
r
ω
, J
ω
e C
T
.
Rev. B.1 162
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
ciò implica che, essendo
ω →σ ω = −Eωθ

Risulta necessario quantificare S
(r )
ω
dato che
τ
ω
= −
M
ω
S
(r )
ω
J
ω
δ(s)
Dato che
S
ω
=
_
A
r
ω dA
partendo dal bordo, dove le τ = 0, è possibile calcolare l’inte-
grale, che risulterà una parabola in quanto ω ha andamento
lineare.
Ora occorre calcolare
J
ω
=
_
A
r
ω
2
dA
Per cui, alla fine, le τ
ω
seguono l’andamento di S
ω
:
Sezione a doppio T
In questo caso vi è una biforcazione della coordinata s:
La funzione ω e conseguentemente σ ω:
Rev. B.1 163
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Il momento statico di ω, S
(r )
ω
vale, nel punto di massimo
S
ω,max
=
_
B/2
0
ω dA = δ
_
B/2
0
ω ds = δ
BH
4
B
2
1
2
=
B
2

16
area di ω
e quindi
J
ω
=
_
ω
2
dA = δ
_
ω
2
ds = 4δ
_
BH
4
_
2
1
3
B
2
=
=
δB
3
H
2
24
(= H
2
/4 J
2
yy,ali
)
area di ω
2
Ora, si vede come applicare alla trave uno stato di sol-
lecitazione di questo tipo sia equivalente ad applicare un
bimomento:
B =
_
A
σ ω ω dA ⇒ B =

i
P
i
ω
i
= 4P
_
bh
4
_
= P b h
si vede dunque che B è dato dal momento di un altro
momento (dalla coppia per la distanza dall’altra coppia). Gli
ω
i
rappresentano le aree settoriali associate ai punti in cui
sono applicati i carichi. Lo stato tensionale trovato è con-
gruente con il problema.
Ovviamente le distribuzioni studiate in questi esempi
sussistono quando la trave è vincolata con un incastro
torsionale:
Se fosse stato presente un appoggio torsionale avremmo
avuto
M
ω
= 0
⇒C
1
= C
2
= C
3
= C
4
= 0
⇒θ = 0
15.2.7 Sollecitazioni miste
Consideriamo l’applicazione, oltre che del momento torcen-
te, l’applicazione di un carico q
x
e q
y
.
Rev. B.1 164
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Le equazioni differenziali che regolano il problema misto
di torsione e taglio sono, rispetto ad un riferimento principale:
_
¸
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
¸
_
EJ
x
u
IV
= q
x
EJ
y
v
IV
= q
y
EJ
ω
ϕ
IV
+ GJ
d
ϕ
II
= m
z
Ciò porta ad avere
σ
z
=
M
x
J
x
y +
M
y
J
y
x +
B
J
ω
ω
Lungo la linea media, avremo:
[τ(s)[ =
1
δ(s)
_
T
y
J
x
S
(r )
x
(s) +
T
x
J
y
S
(r )
y
(s) +
M
ω
J
ω
S
(r )
ω
(s)
_
lungo lo spessore deve essere aggiunta la τ primaria alla
D.S.V. che lungo le pareti vale
τ
d
=
M
d
J
d
δ(s)
Rev. B.1 165
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
16 Stabilità laterale delle travi infles-
se
Consideriamo una trave sollecitata a flessione semplice nel
piano y −z. La flessione è retta, nello stesso piano, poiché
un asse principale della sezione giace nello stesso piano.
La configurazione della trave è equilibrata: si vuole conosce-
re la qualità di tale equilibrio: stabile, indifferente, instabile.
A tale scopo perturbiamo la configurazione iniziale, portan-
do la trave in una configurazione diversa, soggetta anche a
flessione laterale e torsione.
Se l’equilibrio è indifferente la configurazione perturbata è
anch’essa equilibrata. Il momento M
x,o,cr
, che corrispon-
de all’equilibrio indifferente (punto di biforcazione dell’equi-
librio), è il momento flettente ‘critico’.
L’instabilità flesso-torsionale si manifesta per travi caratteriz-
zate dall’avere J
x
¸J
y
.
La direzione di M
x,o
non cambia passando dalla configu-
razione originale a quella variata.
Determinando sulla configurazione variata i momenti flettenti
e torcenti che agiscono sulla sezione generica, si trova:
Momento flettente laterale : M
y
= M
x,o
sin φ ≈ M
x,o
φ
Momento torcente : M
t
= M
x,o
sin β ≈ M
x,o
tan β = M
x,o
du
dz
Nella situazione di equilibrio indifferente sono possibili,
per lo stesso valore del momento critico M
x,o,cr
, due confi-
gurazioni di equilibrio. Scriviamo per ciascuna di esse le 3
equazioni di equilibrio.
Configurazione iniziale
M
x,o
= −EJ
x
d
2
v
dz
2
(16.1)
M
y
= 0 (16.2)
M
t
= 0 (16.3)
Configurazione variata
M
x,o
= −EJ
x
d
2
v
dz
2
(16.4)
M
y
= M
x,o
φ = −EJ
y
d
2
u
dz
2
(16.5)
M
t
= M
x,o
du
dz
= GJ
t

dz
(16.6)
Per determinare M
x,o,cr
sono sufficienti le ultime due
equazioni di equilibrio della configurazione variata, che con-
tengono le incognite φ = φ(z) ed u = u(z). Manipolia-
mo le due equazioni differenziali per ricondurci ad una sola
equazione. In particolare eliminiamo la funzione incognita
u = u(z).
Rev. B.1 166
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Dalla equazione numero 16.5 si ricava:
d
2
u
dz
2
= −
M
x,o
φ
EJ
y
(16.7)
Deriviamo poi l’equazione 16.6 rispetto a z:
M
x,o
d
2
u
dz
2
= GJ
t
d
2
φ
dz
2
(16.8)
Ricaviamo quindi
d
2
u
dz
2
:
d
2
u
dz
2
=
GJ
t
M
x,o
d
2
φ
dz
2
(16.9)
Uguagliando le due espressioni di
d
2
u
dz
2
si ha:
GJ
t
M
x,o
d
2
φ
dz
2
= −
M
x,o
φ
EJ
y
(16.10)
Si ottiene così:
d
2
φ
dz
2
+
M
2
x,o
EJ
y
GJ
t
φ = 0 (16.11)
E’ questa una equazione differenziale del 2°ordine, omoge-
nea. La sua soluzione richiede l’imposizione di 2 condizioni
al contorno.
Poniamo α
2
=
M
2
x,o
EJ
y
GJ
t
.
Sostituendo si ha:
d
2
φ
dz
2
+ α
2
φ = 0 (16.12)
Si riconosce immediatamente che l’equazione è formal-
mente identica a quella dell’asta di Eulero.
La soluzione generale è:
φ(z) = C
1
sin αx + C
2
cos αx (16.13)
Le condizioni al contorno sono quelle di incastro torsio-
nale in corrispondenza degli appoggi torsionali di estremità,
vincoli che impediscono le rotazioni:
φ
z=0
= 0 φ
z=l
= 0
Imponendo le condizioni al contorno si ottiene:
C
1
sin α0 + C
2
cos α0 = 0 →C
2
= 0 (16.14)
Dalla seconda si ha:
C
1
sin αl = 0 (16.15)
Affinché non si ottenga la soluzione banale occorre che
sia:
sin αl = 0 → αl = kπ → α =

l
→ α
2
=
k
2
π
2
l
2
(16.16)
con k = 1.
Ricordando che α
2
=
M
2
x,o
EJ
y
GJ
t
si ottiene:
α
2
=
M
2
x,o
EJ
y
GJ
t
=
π
2
l
2
(16.17)
E quindi il momento flettente critico, M
x,o,cr
, vale:
M
x,o,cr
=
π
l
_
EJ
y
GJ
t
(16.18)
Quindi tanto più piccolo è J
y
tanto minore sarà M
cr
; inol-
tre GJ
t
≈ b
3
h/3. Soffrono quindi di questo problema le travi
alte e snelle. Per aumentare M
cr
posso:
• aumentare J
y
, ossia la rigidezza flessionale dell’asse
debole;
• incremento la rigidezza torcente.
Questo è fondamentalmente un M
cr
Euleriano in quanto è
stato calcolato nelle ipotesi di trave priva di imperfezioni e in
campo plastico. È comunque un valore a favore di sicurezza,
dato che si è trascurata la rigidezza torsionale secondaria.
La verifica da effettuarsi sarà quindi del tipo:
M = M
x

M
cr
ν
con ν fattore di sicurezza, oppure:
σ
max
=
M
x
W
x

M
cr
W
x
ν
=
σ
cr
ν
Dato che la crisi avviene per λ
1
= π/l , avremo:
λ
1
= −α +
_
α
2
+ β =
π
2
l
2
M
(E)
cr
=
π
l
¸
EJ
y
GJ
t
_
1 +
EJ
ω
GJ
t
π
2
l
2
_
Si noti che ponendo EJ
ω
= 0 si ritrova la 16.18. In termini di
tensioni avremo:
σ
cr
=
1
W
π
l
¸
EJ
y
GJ
t
_
1 +
EJ
ω
GJ
t
π
2
l
2
_
Il caso fin qui considerato di M
x
= cost , carico uniforme
e trave appoggiata può essere esteso ad altre condizioni di
vincolo e di carico, introducendo un coefficiente k:
σ
cr
= k
1
W
π
l
_
EJ
y
GJ
t

¸
1 +
EJ
ω
GJ
t
π
2
l
2
(16.19)
Esso dipende da vincolo e carico e può essere visto come
prodotto di due fattori:
k = k
1
k
2
con k
1
dipendente da condizioni di vincolo e carico e k
2
di-
pendente dalla posizione del carico.
I valori teorici di k
1
e k
2
sono stati calcolati,
ma la normativa non li utilizza, introducendo ulteriori
semplificazioni.
Rev. B.1 167
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Figura 16.1: Valori di k
1
Figura 16.2: Valori di k
2
16.1 Procedimenti semplificati
I procedimenti semplificati di calcolo prevedono di trascurare
la rigidezza torsionale secondaria e la rigidezza torsionale
primaria ponendo pari ad 1 i rispettivi radicali.
Trascurando la rigidezza all’ingobbamento la verifica
finale è:
σ =
M
max
k W
ω
1
≤ σ
adm
con
ω
1
=
σ
y
0, 585 E

hl
bs
dove
Il secondo metodo prevede di trascurare la rigidezza tor-
sionale primaria alla D.S.V. e quindi impone di limitare la
tensione a quella di crisi della sola piattabanda compressa.
σ
ce
=
11, 4 E
λ
2

π
2
E
λ
2
La CNR 10011 recepisce questo risultato affermando che
(ponendosi a favore di sicurezza) travi ad I, laminate o com-
poste, simmetriche o asimmetriche, inflesse nel piano dell’a-
nima, possono essere semplificate considerando la stabilità
della sola ala compressa supposta isolata dall’anima. A tale
fine si può usare il metodo ω, determinando tale coefficiente
in base alla snellezza λ dell’ala compressa tra due ritegni
torsionali consecutivi ed imponendo che:
σ = ω
N
eq,f
A
f
≤ σ
adm
essendo A
f
l’area della piattabanda compressa e
N
eq,f
=
M
eq,f
J
x
S
x
=
M
max
J
x
k
S
x
=
dove J
x
è il momento d’inerzia di tutta la sezione attorno al-
l’asse x e S
x
il momento statico dell’ala compressa rispetto
all’asse x.
Le verifiche precedenti sono state effettuate in campo
elastico e sotto le limitazioni imposte dalle norme per par-
ticolari tipi di profili, risultano, in generale, sufficientemente
cautelative.
16.2 L’EC3
Il momento resistente di progetto all’instabilità di una trave
non controventata lateralmente dovrà essere assunto pari a:
M
b,Rd
= χ
LT
β
W
W
pl ,y
f
y
γ
M1
(16.20)
dove, al solito, β
W
è il parametro che tiene conto della classe
della sezione:
β
W
= 1 per sezioni trasversali di Classe 1 o 2;
β
W
= W
y
/W
pl ,y
per sezioni trasversali di Classe 3;
Rev. B.1 168
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
β
W
= W
eff ,y
/W
pl ,y
per sezioni trasversali di Classe 4;
Analogamente all’asta caricata di punta, χ
LT
è un coeffi-
ciente di riduzione. Esso conserva anche la stessa forma
analitica:
χ
LT
=
1
φ
LT
+
_
φ
2
LT

¯
λ
2
LT
(con la limitazione χ
LT
≤ 1), nella quale
φ
LT
= 0, 5 [1 + α
LT
(
¯
λ
LT
−0, 2) +
¯
λ
2
LT
]
I valori dei coefficienti di imperfezione α
LT
per l’instabilità
flesso-torsionale devono essere assunti pari a:
α
LT
= 0, 21 per le sezioni laminate;
α
LT
= 0, 49 per le sezioni saldate.
Il valore di
¯
λ
LT
può essere determinato dall’espressione:
¯
λ
LT
=
¸
β
W
W
pl ,y
f
y
M
cr
=
λ
LT
λ
1
_
β
W
dove λ
1
= π
¸
E
f
y
= 93, 3 con: =
_
235/f
y
e M
cr
il
momento critico elastico per instabilità flesso-torsionale.
Rev. B.1 169
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
17 Instabilità flesso-torsionale
Rev. B.1 170
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 171
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 185
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
18 Travi in acciaio a parete piena
Rev. B.1 186
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 187
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 211
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
19 Profili sottili sagomati a freddo
Rev. B.1 212
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 213
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 233
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
20 Travi composte acciaio-calcestruzzo
Rev. B.1 234
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 235
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 278
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
21 Solette composte acciaio-calcestruzzo
Rev. B.1 279
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 280
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 291
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
22 Colonne composte acciaio-calcestruzzo
Rev. B.1 292
Corso di Costruzioni in Acciaio Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile
Rev. B.1 293

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->