Sei sulla pagina 1di 165

Sapienza Università di Roma

Dispense di

TECNICA DELLE

COSTRUZIONI

(a cura di Adriano De Sortis)

da G. Galilei “Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze”

A.A. 2009-2010
BOZZA del 16 novembre 2009
INDICE

1 INTRODUZIONE E RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 5


1.1 Riferimenti normativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.2 Testi di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

I Progetto di strutture 8
2 CONCETTI INTUITIVI 8
2.1 Definizione di struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.2 Classificazione delle strutture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.2.1 Geometria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.2.2 Rigidezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.2.3 Materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.3 Strutture rigide tipiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.3.1 Trave e Pilastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.3.2 Telaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.3.3 Struttura Reticolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.3.4 Arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.3.5 Piastra e Pannello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.3.6 Volta Cilindrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.3.7 Volta Sferica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.4 Strutture non rigide tipiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.4.1 Cavo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.4.2 Membrana, Tenda, Rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.5 Stabilità delle strutture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.6 Strutture monodirezionali e bidirezionali . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.7 Come stabilizzare una struttura semplice mediante diagonali . . . . . 15
2.8 La regolarità strutturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

3 GLI ELEMENTI STRUTTURALI 18


3.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.2 Calcolo delle sollecitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.3 Stima della resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.4 Alcuni elementi strutturali monodimensionali . . . . . . . . . . . . . 21
3.4.1 Pilastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.4.2 Tirante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.4.3 Trave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.4.4 Trave reticolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.4.5 Arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3.5 Le fondazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3.5.1 Fondazioni dirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
3.5.2 Fondazioni indirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26

2
4 PREDIMENSIONAMENTO SEMPLIFICATO 31
4.1 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4.2 Carichi verticali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4.3 Carichi orizzontali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.4 Predimensionamento semplificato di una struttura intelaiata . . . . . 32
4.4.1 Solai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.4.2 Travi di testata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
4.4.3 Travi interne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.4.4 Pilastri ad area di influenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.4.5 Fondazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

II Costruzioni in calcestruzzo armato 39


5 SIMBOLOGIA 39
5.1 Lettere maiuscole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
5.2 Lettere minuscole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
5.3 Lettere greche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
5.4 Indici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

6 UNITA’ DI MISURA 43
6.1 Conversione da Sistema Internazionale (SI) a Sistema Tecnico (ST) . 43
6.2 Conversione da Sistema Tecnico (ST) a Sistema Internazionale (SI) . 43
6.3 Altre conversioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

7 GENERALITA’ SUL CALCESTRUZZO ARMATO 44


7.1 Proprietà di base del calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
7.2 Parametri di resistenza del calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
7.2.1 Classi di resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
7.2.2 Resistenza a trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
7.2.3 Modulo elastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
7.2.4 Valori medi e valori caratteristici . . . . . . . . . . . . . . . . 49
7.3 Caratteristiche meccaniche delle armature . . . . . . . . . . . . . . . 50
7.4 Ipotesi di base per i calcoli di resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . 53
7.4.1 Modelli σ −  per il calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
7.4.2 Modelli σ −  per l’acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
7.4.3 Aderenza acciaio-calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56

8 SFORZO ASSIALE CENTRATO 59


8.1 Pilastri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
8.1.1 Calcolo elastico e a rottura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
8.1.2 Effetto delle cerchiature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
8.2 Elementi tesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
8.2.1 Verifiche della sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
8.2.2 Effetto del ritiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
8.2.3 La fessurazione del tirante in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . 67
8.3 Richiami di tecnologia del c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70

3
9 MOMENTO FLETTENTE 75
9.1 Calcolo elastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
9.2 Calcolo a rottura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
9.2.1 Condizioni di equilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85

10 SFORZO DI TAGLIO 90
10.1 La fessurazione della trave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
10.2 Sforzo di scorrimento e armature al taglio . . . . . . . . . . . . . . . 93
10.3 Il traliccio di Mörsch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
10.3.1 Verifiche di resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
10.3.2 Collegamento ai nodi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99

11 SFORZO ASSIALE ECCENTRICO 102


11.1 Calcolo elastico della sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
11.1.1 Pressoflessione con piccola eccentricità di sezioni omogenee . . 103
11.2 Presso e tensoflessione retta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
11.3 Calcolo a rottura della sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
11.3.1 Meccanismi di rottura della sezione . . . . . . . . . . . . . . . 111

12 MOMENTO TORCENTE 113


12.1 Il traliccio periferico resistente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117

III Costruzioni in acciaio 124


13 IL MATERIALE ACCIAIO 124
13.1 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
13.2 I prodotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
13.3 Le prove meccaniche di caratterizzazione del materiale . . . . . . . . 128

14 LE MEMBRATURE SEMPLICI 131


14.1 Gli elementi tesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
14.2 Gli elementi compressi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
14.2.1 La verifica di resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
14.2.2 La verifica di stabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
14.3 Gli elementi inflessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139

15 LE MEMBRATURE COMPOSTE 146


15.1 Le aste composte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
15.2 Le travi reticolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150

16 LE UNIONI BULLONATE 159


16.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
16.2 Unioni a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
16.3 Unioni a trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164

4
1 INTRODUZIONE E RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Queste dispense raccolgono alcuni degli argomenti trattati nel Corso di Tecnica delle
Costruzioni.
Nella Parte I sono riportati alcuni degli argomenti sviluppati nell’ambito del
Modulo di Comportamento statico delle strutture, svolto in precedenza nell’ambito
del Laboratorio di Costruzione dell’Architettura. Ciò per familiarizzare lo studente
con una panoramica più vasta, che deve formare la base culturale su cui si innestano
le conoscenze più specialistiche della Tecnica delle Costruzioni. Per l’elaborazione di
questa prima parte si è fatto largo di un testo di Daniel Schodek [2] e si è utilizzato
molto materiale contenuto nelle precedenti stesure della dispensa [9, 10, 11]. Il testo
di Schodek è particolarmente raccomandato per gli studenti della Facoltà di Archi-
tettura, in quanto presenta la tematica con un approccio pragmatico e con continui
rimandi alla storia della progettazione architettonica. L’ambizione dell’insegnamen-
to di Comportamento statico delle strutture, svolto in precedenza nell’ambito del
Laboratorio di Costruzione dell’Architettura è stata quella di fornire allo studen-
te dei rudimenti del progetto di strutture che gli servano da guida fin dalle sue
prime esperienze di progettazione. Infatti non si ripeterà mai a sufficienza che è
assolutamente da evitare una impostazione progettuale, purtroppo molto utilizza-
ta in passato, che prevedeva l’intervento della figura dell’ingegnere strutturista in
un momento successivo a quello della progettazione architettonica. In tal modo si
rischiava di dovere “adattare” la struttura all’idea architettonica, con condiziona-
menti molto pesanti. Ne risultava spesso un organismo strutturale non razionale.
Non di rado la stessa progettazione architettonica veniva messa in discussione dalla
fattibilità strutturale, con compromessi spesso discutibili. In questo panorama già
desolante spesso si inseriva la progettazione impiantistica, svolta successivamente a
quella architettonica ed a quella strutturale. In questa fase si assisteva ad un ul-
teriore peggioramento del progetto, con l’inserimento indiscriminato di “bucature”
per il passaggio degli impianti, ovviamente in posizioni spesso incompatibili sia con
gli aspetti formali e distributivi che con quelli strutturali. Considerazioni del tutto
analoghe si possono fare per altri ingredienti della progettazione, come gli aspetti
tecnologici, di organizzazione del cantiere, di prevenzione di vari rischi, legali, ecc.
Per evitare questa serie di errori è fondamentale che siano posseduti dal progettista
Architetto, tra gli altri, i rudimenti della progettazione strutturale che gli consentano
di valutare autonomamente la fattibilità delle soluzione progettuali. Se il progetto
architettonico sarà valido anche dal punto di vista strutturale, lo specialista delle
strutture che dovrà approfondire gli aspetti di sua competenza non sarà costretto
ad adattamenti discutibili o a stravolgimenti.
Nella Parte II si riportano i concetti basilari della teoria del calcestruzzo
armato. Per elaborare questa parte si è fatto largo uso di testo e figure estratte dal-
la esauriente trattazione contenuta nel testo di Toniolo [4], al quale si rimanda per
approfondimenti e chiarimenti. In questa Parte ritornano molti dei concetti trattati
in maniera molto semplificata nell’ambito della Parte I. Questo anche per esem-
plificare il percorso progettuale, usualmente basato su approfondimenti successivi
e sempre più specifici. Vale la pena di sottolineare che la trattazione ivi condotta
tralascia molti approfondimenti specialistici, per i quali si rimanda al testo di To-
niolo. Nel procedere della trattazione ci si accorgerà che, ancora oggi, molti dettagli

5
del comportamento delle strutture in calcestruzzo armato non sono del tutto noti,
il che non ha impedito e non impedisce di realizzare strutture anche molto ardite
con questo tipo di materiale. Quello su cui si cerca di porre l’accento, allora, è
l’acquisizione da parte dello studente di una consapevolezza “concettuale” del com-
portamento delle strutture, sostenuta da una basilare conoscenza quantitativa dei
principali fattori che ne governano il comportamento, senza entrare in un eccessivo
dettaglio analitico, che esula dagli scopi del corso.
Nella Parte III si riportano i concetti basilari della teoria delle costruzioni
in acciaio. Per elaborare questa parte si fatto largo uso di testo e figure estratte
dalla esauriente trattazione contenuta nel testo di Ballio e Bernuzzi [12], al quale si
rimanda per approfondimenti e chiarimenti.

1.1 Riferimenti normativi


La attuale normativa italiana è basata su due leggi, che definiscono i principi generali
e affidano al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti il compito di emettere
periodicamente decreti ministeriali contenenti indicazioni più specifiche:
• Legge 5/11/71 n.1086, Norme per la disciplina delle opere di conglomerato
cementizio armato, normale e precompresso, ed a struttura metallica;
• Legge 2/2/74 n.64, Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni
per le zone sismiche.
Gli ultimi decreti emessi sulla base delle indicazioni della legge 1086/71 sono:
• D.M. 14/2/92 [3]; di questo decreto è ancora valida solo la parte che riguarda
le verifiche col metodo delle tensioni ammissibili;
• D.M. 9/1/96 [7]; questo decreto ha sostituito il precedente per quanto riguarda
le verifiche col metodo degli stati limite; esso inoltre ha consentito l’uso degli
Eurocodici 2 [5] e 3 [6] (la sezione III delle parti I e II costituiscono il Docu-
mento di Applicazione Nazionale per tali Eurocodici); la prima parte è relativa
alle strutture in cemento armato; le parti successive sono relativa all’acciaio, a
strutture miste acciaio-calcestruzzo, ecc. e contengono anche allegati relativi
ai materiali.
Sulla base delle indicazioni della legge 64/74 sono stati anche emessi il D.M. 16/1/96
[8] ed il D.M. 16/1/96, Norme tecniche per le costruzioni in zona sismica. Que-
st’ultima norma resterà in vigore fino a quando diventerà obbligatorio l’uso della
Ordinanza Presidenza Consiglio Ministri n. 3274/2003, Primi elementi in materia
di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative
tecniche per le costruzioni in zona sismica (G.U. 8/5/03). Il testo ha già subito un
aggiornamento con l’Ordinanza PCM 3431/2005.
Esistono inoltre documenti preparati dal Consiglio Nazionale delle Ricerche
(Istruzioni CNR) che sono solo orientativi e non hanno valore di normativa, anche
se in qualche caso i decreti ministeriali fanno espressamente riferimento ad essi, in
particolare la CNR-UNI 10011/88 [1].
E’ stato successivamente approvato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pub-
blici il Testo delle Norme tecniche per le costruzioni, DM 14/9/2005, inizialmente

6
emanato in versione sottoposta ad inchiesta pubblica e poi divenuto operativo per
gli edifici di interesse strategico.
Attualmente è vigente il DM 14/1/2008 del Ministero delle Infrastruttu-
re, che ha fatto decadere sia il DM 9/1/96, sia l’OPCM 3274/2003 (e successive
modifiche), sia il DM 14/9/2005.

1.2 Testi di riferimento


Per l’elaborazione delle presenti dispense si è fatto largo uso dei testi [2, 4, 12]
riportati in Bibliografia. Gli estratti riportati nella dispensa sono ad esclusivo uso
interno al Laboratorio e non sostituiscono lo studio e la consultazione dei testi di
riferimento, che comunque è richiesta allo studente. Il testo [13] presenta la materia
delle tecnica delle costruzioni con un approccio approfondito e completo, per cui
può essere utilmente consultato come riferimento.

Riferimenti bibliografici

1. Costruzioni di acciaio, Istruzioni per il calcolo, l’esecuzione, il collaudo e la


manutenzione, CNR-UNI 10011, Giugno 1988.
2. D. L. Schodek, Structures, Englewood Cliffs, 1992.
3. Decreto Min. LL.PP. 9/1/1996, Norme tecniche per l’esecuzione delle strutture
in cemento armato normale e precompresso e per le strutture metalliche.
4. G. Toniolo, Cemento armato - Calcolo agli stati limite, Masson
(http://www.zanichelli.it), 1993.
5. Eurocodice 2, Progettazione delle strutture di calcestruzzo, Parte 1-1: Regole
generali e regole per gli edifici, UNI ENV 1992-1-1, Gennaio 1993.
6. Eurocodice 3, Progettazione delle strutture di acciaio, Parte 1-1: Regole generali
e regole per gli edifici, UNI ENV 1993-1-1, Giugno 1994.
7. Decreto Min. LL.PP. 9/1/1996, Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed
il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le
strutture metalliche.
8. Decreto Min. LL.PP. 16/1/1996, Norme tecniche relative ai criteri generali per
la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi.
9. A. De Sortis, Dispensa per il Modulo di Progetto di Strutture, A.A. 2000-2001.
10. A. De Sortis, M. Severino, Dispensa per il Modulo di Progetto di Strutture, A.A.
2002-2003.
11. A. De Sortis, Dispensa per il Modulo di Progetto di Strutture, A.A. 2004-2005.
12. G. Ballio e C. Bernuzzi, Progettare costruzioni in acciaio, Hoepli
(http://www.hoepli.it), 2004.
13. M. Menegotto, Corso di Tecnica delle Costruzioni.

7
Parte I
Progetto di strutture
2 CONCETTI INTUITIVI

2.1 Definizione di struttura


Un modo classico di aprire una trattazione è quello di dare delle definizioni. Partendo
dalle più semplici ed intuitive si può dire che una struttura è un dispositivo atto a
trasferire al terreno i carichi che risultano dall’uso (occupanti, arredo, automobili,
ecc.) o dalla presenza della struttura stessa (travi, pavimenti, finiture, ecc.). La
comprensione del comportamento di una struttura passa per la comprensione di
alcuni concetti basilari, come quello di forza. E’ inoltre importante affermare alcuni
concetti relativi allo spazio ed alla dimensionalità (dimensione, scala, proporzione,
ecc).
La definizione che abbiamo dato prima non fornisce delucidazioni su cosa
sia il dispositivo che trasferisce i carichi al terreno. Allora si potrebbe tentare una
definizione da dizionario del tipo: una struttura è una entità fisica avente carattere
unitario, concepita come formata da elementi costituenti posizionati nello spazio, in
cui il carattere dell’insieme domina le relazioni tra le parti. Anche se può apparire
molto contorta, questa definizione ha il merito di evidenziare alcuni concetti basilari:
• la struttura è un oggetto fisico reale e non una entità astratta, è qualcosa che
bisogna costruire e quindi come tale deve essere concepita;
• la struttura ha un funzionamento di insieme, cioè non si ottiene dalla mera
giustapposizione degli elementi base (ad esempio travi e colonne), ma occorre
concepirla e quindi progettarla come un tutto unico; questo approccio inver-
te il modo di procedere non corretto, ma generalmente molto diffuso, in cui
quello che risulta è semplicemente la giustapposizione di elementi che svolgono
ognuno una specifica, piccola funzione.
Il riferimento ai tipi di carichi che una struttura deve trasferire al terreno
mette in luce un altro fatto molto importante: normalmente una struttura è pro-
gettata per un prefissato insieme di carichi e funziona come tale solo nei confronti
di essi (Figura 1, se i carichi cambiano, la struttura potrebbe non funzionare più).
Per fare un esempio bizzarro, una struttura pensata per sopportare il carico dato
dal peso proprio, da ciò che essa contiene e dagli agenti esterni (vento, neve, ecc)
non può essere, come fa Superman, sollevata in un punto e trasportata nello spazio,
perché in tal caso crollerebbe immediatamente.
L’atto di progettare una struttura può essere definito con la stessa comples-
sità usata per la struttura stessa, cioè come posizionamento degli elementi costituenti
e definizione delle relative interrelazioni con l’obiettivo di impartire un ben definito
carattere alla entità strutturale risultante.

2.2 Classificazione delle strutture


E’ fondamentale per la conoscenza in ogni settore la distinzione e l’ordinamento
sistematico degli oggetti di studio. Una prima semplice classificazione delle strutture

8
(a) (b) (c) (d)

Figura 1: (a) Assemblaggio piedritti - trasverso: per carichi verticali l’assemblaggio


è in grado di trasferire al terreno i carichi applicati e quindi può essere considerato
un struttura; (b) Assemblaggio piedritti - traverso: per carichi orizzontali lo stesso
assemblaggio che funziona come struttura per i carichi verticali tende a collassare
quando è soggetta ad altri tipi di carico; (c) Cambiamento delle relazioni tra gli
elementi: l’assemblaggio (b) può essere trasformato in una struttura in grado di
sopportare sia carichi verticali che orizzontali (cambiamento da connessione sempli-
ce a connessione rigida nei nodi); (d) cambiamento della posizione degli elementi:
l’assemblaggio (b) può essere trasformato in una struttura in grado di sopportare
sia carichi verticali che orizzontali (riposizionamento pensato di alcuni elementi)

può essere basata sulla forma e su proprietà fisiche elementari. Per forma di una
struttura si può intendere sia una figura geometrica semplice sia una derivazione
ottenuta combinando o aggiungendo figure semplici.

2.2.1 Geometria
Una prima distinzione può essere quella tra elementi lineari ed elementi di superficie.
Gli elementi lineari possono essere rettilinei o curvi, quelli di superficie possono essere
piani o curvi (a semplice o a doppia curvatura). Nella realtà non esistono oggetti che
siano effettivamente linee o superfici, in quanto ogni cosa è dotata di uno spessore,
ma quando quest’ultimo è piccolo in confronto alle altre dimensioni, si possono
applicare la nozioni prima introdotte. La geometria di una struttura è anche legata
al materiale che la costituisce o alla tecnologia costruttiva: gli elementi in legno o
acciaio sono prevalentemente lineari e, aggregandosi, possono formare elementi piani;
il calcestruzzo armato si presta altrettanto bene sia a realizzare elementi lineari che
elementi piani.

2.2.2 Rigidezza
Un’altra proprietà importante delle strutture è la rigidezza (Fig. 2). L’effetto dei
carichi sulle strutture è quello di produrre delle deformazioni (allungamenti o accor-
ciamenti) e delle tensioni (trazioni o compressioni), correlate tra loro attraverso un
parametro (modulo di elasticità) che dipende dal materiale costituente l’elemento
strutturale. Nelle strutture flessibili (a bassa rigidezza) si verificano sempre allunga-
menti, mentre nelle strutture rigide soggette a flessione si verificano sia allungamenti
che accorciamenti nella stessa sezione dell’elemento. Alcuni materiali, come legno
e calcestruzzo armato, vengono usati per costruire elementi rigidi, mentre l’acciaio
può essere usato sia per elementi rigidi (travi, colonne) che flessibili (cavi).

9
(a) (b) (c)

(d) (e) (f)

Figura 2: Strutture rigide e strutture deformabili: (a) struttura rigida (trave): la


struttura non mostra significativi cambiamenti della sua forma al cambiare della
posizione del carico; (b) struttura non rigida (fune): la forma della struttura cambia
al cambiare della posizione del carico

2.2.3 Materiale
Spesso si classificano le strutture in base al materiale (legno, acciaio, ecc.), ma i
principi di funzionamento che governano il comportamento di strutture in materiali
diversi non di rado sono molto simili (p. es. acciaio e legno), per cui le differenze
diventano superficiali. Naturalmente aumentando il livello di dettaglio dell’analisi
il tipo di materiale acquista una grande importanza in relazione alla resistenza che
esso offre alle azioni esterne (p. .es. il legno e l’acciaio reagiscono sia a trazione che
a compressione, il calcestruzzo e la muratura reagiscono bene solo a compressione).

2.3 Strutture rigide tipiche


Nella Figura 3 sono rappresentate schematicamente alcune strutture. Il funziona-
mento strutturale di molti organismi architettonici, anche se essi sono apparente-
mente molto complessi, spesso si basa sui semplici concetti che vengono riportati di
seguito.

2.3.1 Trave e Pilastro


Un modo molto semplice di concepire una struttura è quello di appoggiare un ele-
mento orizzontale (trave) su due elementi verticali (pilastri). Le travi sono soggette
ad un carico trasversale alla loro linea d’asse e risultano inflesse (si dice che lavorano
a flessione). In prima approssimazione si può invece considerare che pilastri non
si inflettono, perché il carico è prevalentemente assiale (ovvero parallelo alla linea
d’asse).

2.3.2 Telaio
L’assemblaggio di una trave ed un pilastro che costituiscono un elementare telaio
è apparentemente simile a quello precedente, ma la differenza sostanziale risiede
nella rigidezza (o monoliticità) del collegamento dell’elemento orizzontale con quelli
verticali. Da ciò consegue che la trave anche in questo caso è inflessa, ma le sue
estremità sono trattenute dal ruotare grazie alla continuità con il pilastro, mentre
quest’ultimo, oltre ad essere caricato assialmente, è anche inflesso.

10
2.3.3 Struttura Reticolare
Le strutture reticolari si ottengono assemblando elementi rettilinei di lunghezza mo-
desta in modo da realizzare figure triangolari. In essi si può individuare un com-
portamento globale ed uno locale: la trave reticolare nel suo insieme è soggetta a
flessione, mentre i singoli elementi che la compongono sono soggetti solo a trazione
o compressione.

2.3.4 Arco
Storicamente gli archi sono ottenuti dalla giustapposizione di blocchi (di pietra o
muratura artificiale) a formare una linea curva per superare una distanza tra due
punti. La forma dell’arco è strettamente legata al carico che esso deve sopportare,
infatti gli elementi che lo costituiscono sono in grado di esercitare l’un l’altro solo
compressioni e ciò si realizza, appunto, sagomando opportunamente l’arco. Ne con-
segue che gli archi, che sono molto efficienti per i carichi per cui sono stati progettati,
risultano incapaci di sopportare drastiche variazioni degli stessi, come forti carichi
concentrati o variazioni della direzione dei carichi. Recentemente è stato utilizzato
anche il calcestruzzo armato per realizzare degli archi, anche di grandi dimensioni,
in cui il materiale è sfruttato in maniera ottimale e che, grazie alla presenza delle
armature, sono in grado di sopportare anche delle limitate inflessioni.

2.3.5 Piastra e Pannello


Sono elementi strutturali che individuano superficie piane: essi possono essere usati
sia disposti orizzontalmente che verticalmente. Quando il funzionamento è mo-
nodirezionale (v. oltre) si possono ricondurre a travi e pilastri. Se sono disposti
verticalmente e se i carichi sono applicati solo parallelamente alla faccia dell’elemen-
to essi possono essere realizzati con blocchi. Un caso particolare di piastra è quella
reticolare, realizzata espandendo nello spazio il principio di funzionamento della tra-
ve reticolare (v. sopra). Un altro caso particolare è quello della lastra piegata, in
cui la resistenza è dovuta alla particolare conformazione dell’elemento.

2.3.6 Volta Cilindrica


Si tratta di strutture piane a singola curvatura. Un esempio tipico è quello della
volta a botte. A seconda del tipo di vincolo cambia drasticamente il funzionamento:
se gli appoggi sono sui lati corti la volta si comporta come una trave ed è soggetta a
flessione, se gli appoggi sono sui lati lunghi la volta è simile a tanti archi affiancati
e come tale si comporta.

2.3.7 Volta Sferica


Le volte sferiche sono strutture piane a doppia curvatura. Oltre alle porzioni di sfera,
sono state sviluppate, comunque, molte altre forme come, per esempio, quella del
paraboloide iperbolico. In passato sono state molto usate perché notevolmente effi-
cienti nel coprire grandi luci con impiego limitato di materiale. Le volte sferiche dal
punto di vista geometrico possono essere immaginate come generate dalla rotazione
di un arco intorno ad un asse verticale. Dal punto di vista strutturale hanno un

11
(a) (b) (c) (d) (e) (f)

(g) (h) (i) (l) (m) (n)

(o) (p) (q) (r) (s) (t)

Figura 3: Strutture rigide: (a) assemblaggio trave-pilastro; (b) struttura reticolare;


(c) arco rigido; (d) arco a blocchi; (e) telaio; (f) struttura reticolare; (g) arco rigido;
(h) arco a blocchi; (i) parete rigida; (l) piastra rigida monodirezionale); (m) volta a
botte; (n) cupola (superficie continua o a maglia); (o) parete a blocchi; (p) piastra
rigida (bidirezionale); (q) struttura reticolare spaziale; (r) lastra piegata; (s) volta a
blocchi; (t) cupola a blocchi

funzionamento abbastanza diverso da quello che si potrebbe immaginare pensando


ai singoli archi. Infatti nella volta si generano anche azioni circonferenziali. Un caso
particolare è costituito dalle volte reticolari, realizzate con l’organizzazione di corti
elementi rettilinei per formare delle maglie triangolari.

2.4 Strutture non rigide tipiche


Nella Figura 4 sono rappresentate alcune tipiche strutture non rigide.

2.4.1 Cavo
La proprietà fondamentale del cavo è quella di assumere una forma che dipende dal
carico o dai carichi applicati (posizione e intensità). Esiste una stretta corrispon-
denza tra la forma di un cavo e quella di un arco: applicando ad un cavo gli stessi
carichi che gravano su di un arco il cavo assume una configurazione che è quella
corretta per far funzionare un arco in modo ottimale.

12
(a) (b) (c) (d)

Figura 4: Strutture non rigide: (a) cavi; (b) tenda; (c) reti; (d) membrane
pneumatiche

2.4.2 Membrana, Tenda, Rete


Una membrana è un foglio sottile e flessibile. Data la sua mancanza di rigidezza,
per poter assumere delle curvature utili ad assolvere usi nel settore delle costruzioni,
deve essere sostenuta da montanti, tiranti o dall’aria (cupole pneumatiche). E’ molto
difficile realizzare forme sferiche mediante cavi e tiranti, ma essa si presta bene ad
altre forme (paraboloide).

2.5 Stabilità delle strutture


In una struttura stabile le deformazioni provocate dai carichi esterni di solito sono
modeste e si generano in essa delle forze interne che tendono a riportare la struttura
nella sua configurazione originaria al cessare del carico (Figura 5). In una struttura
instabile i carichi producono deformazioni evidenti e queste spesso tendono ad au-
mentare mentre tali carichi sono applicati. In una struttura instabile non si generano
forze interne che tendono a riportarla nella configurazione originaria, ma sovente si
verifica il collasso.

2.6 Strutture monodirezionali e bidirezionali


Nelle strutture monodirezionali il meccanismo di trasferimento dei carichi al ter-
reno agisce in una sola direzione, nelle strutture bidirezionali il meccanismo è più
complesso, ma comunque interessa almeno due direzioni (Figura 6). Si vede che la
direzionalità di lavoro di una struttura dipende dai vincoli al contorno e quindi tutto
ciò ha a che fare con l’organizzazione spaziale dell’edificio. Ad esempio l’elemento
strutturale piano rettangolare piastra, caricato perpendicolarmente al proprio piano,
lavora su due direzioni ortogonali tra loro (lavora a piastra) solo se tutti e quattro
i lati dell’elemento sono vincolati; altrimenti se solo due lati dell’elemento (opposti
tra loro) sono vincolati ed i restanti due lati sono liberi, l’elemento piastra si com-
porta come un insieme di elementi monodirezionali (travi) affiancati tra loro. Che
tipo di conseguenze ci possono essere sbagliando il vincolo della piastra? Una prima
evidente conseguenza è la differente deformabilità della piastra, a parità di carichi
applicati. Nel comportamento bidirezionale si hanno deformazioni inferiori rispetto
al comportamento monodirezionale. Altre conseguenze si hanno, ad esempio, nel
trasferimento dei carichi orizzontali alle strutture verticali preposte. Questo esem-
pio ci insegna che nella progettazione strutturale non basta individuare la tipologia
di elemento strutturale da utilizzare (la piastra), ma occorre porre molta atten-

13
(a) (b) (c)

(d)

(e)

Figura 5: Stabilità delle strutture: (a) assemblaggio piedritti-trasverso stabile per


carichi verticali; (b) la struttura (a) è instabile sotto carichi orizzontali; (c) insta-
bilità di un assemblaggio pannelli-piastra; (d) tre modi di assicurare la stabilità
laterale di un assemblaggio semplice: controvento diagonale, pannello di taglio, no-
di monolitici; (e) qualunque metodo utilizzato per fornire stabilità laterale ad una
struttura dovrebbe essere usato simmetricamente, altrimenti si potrebbero verificare
effetti torsionali indesiderati

zione a come l’elemento è vincolato al contorno. Diversamente possono verificarsi


comportamenti reali della struttura non previsti e quindi indesiderati o addirittura
pericolosi.

(a) (b) (c) (d)

Figura 6: Strutture mono e bi-direzionali: (a) trave; (b) graticcio; (c) piastra che
lavora in una sola direzione; (d) piastra che lavora in due direzioni

14
2.7 Come stabilizzare una struttura semplice mediante diagonali
Consideriamo un struttura semplice (Figura 7) costituita dall’assemblaggio di due
pilastri ed un trave incernierati tra loro e con il terreno. Un sistema cosı̀ composto si
chiama parallelogramma articolato. Se applichiamo una forza orizzontale in testa ad
uno dei due pilastri, la distanza iniziale tra due vertici opposti del parallelogramma
(B e D) tende ad aumentare, mentre quella degli altri due vertici (A e C) tende a
diminuire. La struttura è instabile.
Se ora si posiziona un cavo tra i punti A e C, questo tenderà ad opporsi al
loro allontanamento. In esso si svilupperà una trazione. La struttura risulta stabi-
lizzata. Tuttavia se si inverte la direzione del carico, nel cavo dovrebbe svilupparsi
una compressione (il cavo resiste solo a trazione) e quindi la struttura non risulta
stabilizzata.
Se invece si inserisce un elemento rigido posizionato tra i punti A e C, questo
tenderà ad opporsi al loro allontanamento. In esso si svilupperà una trazione. La
struttura risulta stabilizzata. Un’inversione di direzione del carico applicato in B,
avrà l’effetto di comprimere l’elemento rigido che però questa volta è in grado di sop-
portare questo tipo di carico, a meno di fenomeni di instabilità laterale dell’elemento
diagonale compresso. La struttura continua ad essere stabilizzata.
Immaginando che la forza orizzontale (e la relativa inversione di direzione di
carico) può essere effettivamente prodotta, ad esempio, da un terremoto, è evidente
tra i due sistemi di stabilizzazione quello con la fune posta solo tra i vertici A e C
non è sufficiente allo scopo (occorre inserire un’altra fune tra B e D), mentre un
elemento rigido diagonale può bastare.

2.8 La regolarità strutturale


Uno dei concetti intuitivi più importanti nella progettazione concettuale delle strut-
ture è quello di regolarità. Si è osservato, soprattutto in occasione di eventi ecce-
zionali nella vita di una struttura come i terremoti, che molte strutture idonee a
trasferire al terreno i carichi verticali (quelli dovuti al peso della struttura stessa e
del suo contenuto) non hanno avuto un comportamento accettabile, cioè hanno su-
bito danni molto gravi o addirittura sono crollate. Osservando più attentamente la
concezione di queste strutture si è constatato che esse presentavano delle irregolarità
marcate in pianta o in elevazione. Da queste osservazioni e da una serie di studi
teorici sono stati tratti degli insegnamenti da applicare nella progettazione delle
strutture nuove, cioè degli accorgimenti che devono essere usati dal progettista fino
dalle prime fasi della concezione dell’organismo strutturale. Questi accorgimenti si
riferiscono al concetto di regolarità.
Si può dire che una struttura regolare presenta spiccate proprietà di sim-
metria. Quindi le piante quadrate o circolari o rettangolari con rapporto tra i lati
minore di 3 si possono considerare regolari.
Si potrebbe essere portati a concludere che il perseguimento della regolarità
comporti una serie di vincoli inaccettabili nella progettazione architettonica, che nel
suo sviluppo contemporaneo certamente non fa della simmetria un valore univer-
salmente riconosciuto. Ma cosı̀ non è. Infatti è possibile ricondurre un organismo
architettonico anche molto complesso e non regolare ad una struttura abbastan-
za regolare, attraverso l’inserimento di giunti, ossia di sconnessioni nella struttura

15
Figura 7: Come stabilizzare una struttura: (a) Configurazione deformata di un assemblaggio semplice senza
diagonali: la distanza iniziale tra i punti A e C tende ad aumentare, quella tra B e D a diminuire; la struttura è
instabile. (b) Un cavo posizionato tra i punti A e C tenderà ad opporsi al loro allontanamento; in esso si svilupperà
una trazione; la struttura risulta stabilizzata. (c) Un elemento rigido posizionato tra i punti A e C tenderà ad opporsi
al loro allontanamento; in esso si svilupperà una trazione; la struttura risulta stabilizzata. (d) Un cavo posizionato
tra i punti B e D è inutile; in esso si dovrebbe sviluppare una compressione; la struttura non risulta stabilizzata; lo
stesso effetto si verifica in (b) quando il carico cambia direzione. (e) Un elemento rigido posizionato tra i punti B e
D tenderà ad opporsi al loro avvicinamento; in esso si svilupperà una compressione; la struttura risulta stabilizzata.
(f), (g) Per stabilizzare completamente la struttura in entrambe le direzioni del carico è necessario posizionare due
cavi, ognuno dei quali lavora mentre l’altro è scarico a seconda della direzione del carico. (h), (i) Posizionando due
elementi rigidi si ottiene la stabilizzazione, ma si fa un uso ridondante del materiale, in quanto entrambi gli elementi
lavorano indipendentemente dalla direzione del carico.

portante, aventi lo scopo di individuare più strutture tra loro indipendenti. Per
illustrare il concetto con un semplice esempio, consideriamo la pianta a forma di L
riportata in Figura 8. Se sovrapponiamo ad una pianta architettonica cosı̀ concepi-
ta una struttura avente la stessa forma, otteniamo una struttura irregolare, poiché
non esistono piani di simmetria. Se invece consideriamo due strutture indipendenti
di forma rettangolare, abbiamo sposato la stessa pianta con due strutture regolari
(Figura 8). Le due strutture hanno in comune soltanto le fondazioni, mentre in
corrispondenza del giunto si deve realizzare un raddoppio di pilastri e travi. Questo
non è l’unico modo di realizzare un giunto. Si possono trovare molte altre soluzioni,
in relazione alle esigenze del progetto architettonico (Figura 9). Analogo discorso
può essere fatto per l’elevazione, come rappresentato nella Figura 10: quando si è
in presenza di edifici con significative variazioni di altezza, è opportuno renderne
indipendenti le strutture portanti, che hanno in comune solo le fondazioni.

16
Figura 8: Regolarità strutturale in pianta mediante l’inserimento di giunti

Figura 9: Possibili configurazioni di giunti

Figura 10: Regolarità strutturale in elevazione mediante l’inserimento di giunti

17
3 GLI ELEMENTI STRUTTURALI

3.1 Introduzione
Nel capitolo precedente sono stati affrontati alcuni aspetti della progettazione con-
cettuale delle strutture. La comprensione del comportamento delle strutture esi-
stenti è di grande aiuto nell’inserimento della struttura in un nuovo progetto archi-
tettonico e forma la base di partenza anche per l’ideazione di tipologie di strutture
del tutto nuove ed originali. Fino ad ora ci si è basati su interpretazioni di carattere
qualitativo, prescindendo dalle dimensioni e dal materiale di cui la struttura è costi-
tuita. In questo capitolo si introducono alcuni concetti di base per esaminare anche
quantitativamente il funzionamento di una struttura. Infatti, per portare ad un li-
vello accettabile di definizione il progetto architettonico, non è possibile prescindere
da alcune informazioni di carattere quantitativo sulle strutture.

3.2 Calcolo delle sollecitazioni


Si dice sollecitazione l’effetto prodotto da un carico in una zona di un elemento
strutturale; ad esempio nella Figura 11 il carico è il peso sospeso alla fune, che è la
struttura, mentre la sollecitazione è la trazione che si genera nella corda stessa. Ci
sono strutture semplici, dette isostatiche, in cui si possono calcolare le sollecitazioni a
partire dai carichi, semplicemente basandosi sul concetto di equilibrio. Nell’esempio
precedente se il peso è di 10 kg lo possiamo sostituire con un simbolo detto “forza”
che viene rappresentato con una freccia diretta nel verso in cui agisce il carico e
lunghezza proporzionale all’intensità del carico (Figura 11b). Se ora operiamo un
taglio nella fune (Figura 11c), in corrispondenza della sezione A-A e vogliamo evitare
che il peso cada dobbiamo applicare in corrispondenza del taglio una forza di 10 Kg
diretta verso l’alto. In questo modo abbiamo soddisfatto l’equilibrio. Al carico C
di 10 Kg corrisponde una sollecitazione S di 10 Kg (trazione). Il carico C è una
azione esterna, la sollecitazione S rappresenta le azioni che le particelle all’interno
del corpo si scambiano quando vengono sollecitate dall’esterno. Possiamo osservare
che il risultato non cambia al variare della posizione del taglio, quindi tutte le fibre
della fune sono sottoposte alla stessa sollecitazione (la trazione è uniforme). Se ora
ci soffermiamo sul tratto di fune al di sopra del taglio, osserviamo che questo sarà
soggetto ad una forza (S) di 10 Kg cambiata di verso (Figura 11d).
Il ragionamento precedente si può trasferire in generale: per conoscere le
sollecitazioni all’interno di una struttura isostatica si opera un taglio e si mette in
equilibrio la porzione risultante. Le sollecitazioni possono essere di due tipi: forze
e momenti. Un modo semplice per rappresentare il momento è il principio della
leva: nell’esempio di Figura 12a il valore del momento (M) causato dalla forza di 10
Kg è dato dal prodotto tra l’intensità della forza e la sua distanza dal fulcro della
leva, detta braccio (M = 10 × 2 = 20 Kgm). Nella leva si ha equilibrio quando il
momento a destra del fulcro è uguale a quello alla sua sinistra (Figura 12b).
Facciamo un esempio per il calcolo delle sollecitazioni in una mensola (Fi-
gura 13). Come già detto prima, il sistema è quello di tagliare la struttura e mettere
in equilibrio la parte restante. Per bilanciare la forza di 10 Kg sembra naturale
applicare una forza di 10 Kg nella direzione opposta (questa sollecitazione è det-
ta taglio). L’insieme delle due forze, però, non è sufficiente per l’equilibrio, infatti

18
(a) (b) (c) (d)

Figura 11: Schematizzazione della sollecitazione di trazione che si genera in una


corda con carico sospeso: (a) struttura e vincolo; (b) il peso è sostituito dalla forza
C; (c) la sollecitazione di trazione è la forza S che bisogna applicare alla sezione A-A
della fune per metterla in equilibrio con il carico esterno C; (d) la sollecitazione di
trazione S è la risultante delle azioni che si scambiano due facce di una sezione della
fune

se immaginiamo una leva con fulcro in corrispondenza del taglio, questa non è in
equilibrio a meno che non applichiamo alla sinistra del fulcro un momento uguale
e contrario (detto momento flettente). Quindi nella mensola nascono due solleci-
tazioni: il taglio ed il momento flettente. Dai due semplici casi della fune e della
mensola abbiamo ricavato tre tipi di sollecitazioni: lo sforzo normale (che può essere
di trazione o di compressione), il taglio ed il momento flettente. Ricapitoliamo gli
effetti delle varie sollecitazioni con l’aiuto della Figura 14. Pensiamo di tracciare dei
reticoli sulle facce di un elemento ed osserviamo come si deforma il reticolo:

• con la trazione si ha un allungamento uniforme nella direzione del carico;

• con la compressione si ha un accorciamento uniforme nella direzione del


carico;

• con la flessione si ha contemporaneamente un allungamento dello strato


inferiore (trazione) ed un accorciamento dello strato superiore (compressione);

(a) (b)

Figura 12: La leva: (a) momento della forza applicata ad un estremo; (b) condizione
di equilibrio

19
Figura 13: Esempio di calcolo delle sollecitazioni in una mensola

• con il taglio gli angoli retti si deformano.

Ciò che abbiamo detto precedentemente si applica, a rigore, alle sole strut-
ture isostatiche. Per quelle iperstatiche si può, in prima approssimazione, utilizzare
degli schemi isostatici di comodo, avendo l’accortezza di stimare le sollecitazioni per
eccesso. Per i fini che ci proponiamo in questo capitolo le approssimazioni sono del
tutto accettabili, visto che siamo interessati alla fattibilità del progetto strutturale,
piuttosto che alla verifica puntuale della costruzione.

3.3 Stima della resistenza


Mentre il calcolo delle sollecitazioni è indipendente dal materiale che costituisce la
struttura, la stima della resistenza ne deve tener conto. E’ noto che ci sono materiali
che reagiscono bene sia a trazione che a compressione (legno, acciaio in profili),
mentre altri reagiscono bene solo a compressione (pietre, muratura, calcestruzzo non
armato) o solo a trazione (acciaio in funi o catene). Un caso particolare è quello del
calcestruzzo armato, in cui si sopperisce alla mancanza di resistenza a trazione del
calcestruzzo inserendo l’acciaio sotto forma di barre. Come le sollecitazioni sono un
modo per misurare l’effetto dei carichi esterni sulle strutture, cosı̀ è necessario trovare
un parametro per misurare la resistenza di un materiale. Ritorniamo all’esempio del
carico sospeso (Figura 11a) ed operiamo un taglio nella fune. Abbiamo visto che
le forze che i due tratti di fune si scambiano (sollecitazioni di sforzo normale) sono
pari al carico applicato. Immaginiamo che la fune sia, per semplicità, costituita da
10 fili. E’ immediato pensare che ogni filo debba sopportare una forza N pari a :
10 Kg Kg
N= =1
10 fili filo
Se ogni filo ha una sezione di area 1 cm2 si può dire che il carico appeso comporta
una tensione normale σ di 1 Kg/cm2 :

Kg
σ=1
cm2

20
Figura 14: Visualizzazione di alcune caratteristiche di sollecitazione

La tensione normale nella fune è data dal rapporto tra lo sforzo normale e l’area della
sezione. Se ora aumentiamo il carico fino a quando la fune si spezza, per esempio
fino a 100 Kg, la tensione limite del materiale che costituisce la fune vale:
100 Kg
σ= = 10 2
10 cm
E’ molto importante ragionare con le tensioni, perché la tensione limite non dipende
dalle dimensioni della fune. Infatti se la fune fosse fatta di 5 fili, ad un carico di 50
Kg corrisponderebbe di nuovo una tensione:
50 Kg
σ= = 10 2
5 cm
e la fune si spezzerebbe. Se l’elemento è soggetto non a trazione ma a flessione o a
taglio il modo di calcolare la tensione cambia, ma non cambia il principio generale
per cui un materiale si rompe quando si raggiunge la sua tensione limite.

3.4 Alcuni elementi strutturali monodimensionali


Nel seguito passiamo in rassegna alcuni degli elementi strutturali più diffusi. Per cia-
scuno di essi oltre alla definizione ed alla descrizione del meccanismo di trasferimento

21
dei carichi ai vincoli, si accenna al criterio di predimensionamento.

3.4.1 Pilastro
E’ uno degli elementi strutturali più semplici e usati fin dall’antichità. Essendo sol-
lecitato prevalentemente a compressione, si presta ad essere realizzato con tutti i
tipi di materiali tradizionali: pietre squadrate nei templi greci, muratura nelle co-
struzioni romane, legno, acciaio o calcestruzzo armato. E’ un elemento strutturale
monodimensionale soggetto prevalentemente a carichi esterni agenti parallelamente
alla linea d’asse. L’applicazione del carico esterno genera una forza interna, denomi-
nata Sforzo Normale; esso corrisponde ad una tensione di compressione nella sezione
del pilastro che si scarica direttamente sul vincolo. Detto N lo sforzo normale ed A
l’area della sezione, la tensione di compressione vale:
N
σ=
A
Le dimensioni del pilastro devono essere tali da non far superare la tensione limite
che, di solito, viene mantenuta abbastanza al di sotto del limite vero e proprio del
materiale: 5-10 Kg/cm2 per la muratura, 50-70 Kg/cm2 per il calcestruzzo armato.
Un fenomeno a cui possono essere soggetti gli elementi di acciaio è quello
della instabilità. Essa si verifica quando il pilastro è molto snello, cio quando la
sua lunghezza è molto più grande delle dimensioni della sezione. Succede che ben
prima di raggiungere la tensione limite del materiale il pilastro sbanda lateralmente
e si inflette, perdendo la capacità di portare il carico. Per non incorrere in questo
problema nelle costruzioni in acciaio si usano tensioni limite ridotte, di solito non
superiori ai 500-1000 Kg/cm2 .

3.4.2 Tirante
E’ un elemento strutturale monodimensionale soggetto prevalentemente a carichi
esterni agenti parallelamente alla linea d’asse. L’applicazione del carico esterno ge-
nera una forza interna, denominata Sforzo Normale, corrispondente ad una tensione
di trazione nella sezione del tirante, che si scarica direttamente sul vincolo. Detto
N lo sforzo normale ed A l’area della sezione, la tensione di trazione vale:
N
σ=
A
Il tirante può essere realizzato solo con materiali reagenti a trazioni (legno o acciaio).
Raramente si usa il calcestruzzo armato facendo assorbire tutta la trazione alle barre
di acciaio. In quest’ultimo caso il calcestruzzo svolge la funzione di rivestimento,
comunque molto importante perché l’acciaio se esposto direttamente agli agenti
atmosferici in breve tempo si corrode. Nelle costruzioni storiche i tiranti sono molto
usati per assorbire le spinte negli archi (vedi seguito). Nei tiranti non sussiste il
pericolo dell’instabilità, per cui si può arrivare nell’acciaio a tensioni di circa 2000
Kg/cm2 .

22
3.4.3 Trave
E’ un elemento strutturale monodimensionale soggetto prevalentemente a carichi
esterni agenti perpendicolarmente alla linea d’asse. L’applicazione del carico esterno
genera una sollecitazione interna, denominata Momento Flettente, corrispondente
ad una tensione di compressione nelle fibre superiori ed una tensione di trazione
nelle fibre inferiori. Associato al momento flettente, quando questo varia lungo
l’asse dell’elemento, si verifica anche la sollecitazione di Taglio. Il comportamento
dei materiali reagenti sia a trazione che a compressione è abbastanza diverso da
quello del calcestruzzo armato, per cui li esaminiamo di seguito separatamente.

Legno o acciaio Si è prima visto che, a causa della flessione, si verifica un allun-
gamento di alcune fibre (trazione) ed un accorciamento di altre (compressione). Il
materiale raggiunge il suo limite quando la tensione di compressione o di trazione
raggiunge quella massima del materiale. Per calcolare la tensione (σ) corrispon-
dente ad un certo momento flettente (M ), si divide quest’ultimo per un parametro
chiamato modulo di resistenza (W ) che dipende dalla forma e dalle dimensioni della
sezione:
M
σ=
W
La tensione limite nel legno è di circa 50-100 Kg/cm2 , nell’acciaio è di circa 2000
Kg/cm2 . Per i profilati di acciaio commerciale i moduli di resistenza si trovano
tabellati, per le sezioni rettangolari di base b e altezza h si ha:
bh2
W =
6

Calcestruzzo armato In questo caso si sfrutta l’acciaio per assorbire le tensioni


di trazione che il calcestruzzo da solo non potrebbe sopportare. Per il calcolo sem-
plificato si può usare un modulo di resistenza che ha la stessa funzione che nel caso
precedente e vale (Figura 15):
W = 0.9HAa
dove H è la distanza dei tondini dal bordo opposto della sezione ed Aa è la somma
delle aree di tutti i tondini disposti su di un lato (sulla fibra tesa). Oltre alla tensione
σ, che in via approssimata si calcola con la formula vista sopra, per il cemento armato
bisogna calcolare anche un altro tipo di tensione, che si chiama tensione tangenziale:
T
τ=
0.9BH
dove B è la larghezza della sezione e H ha lo stesso significato di prima. La tensione
tangenziale non deve superare i 20 Kg/cm2 .

3.4.4 Trave reticolare


E’ un elemento strutturale monodimensionale soggetto prevalentemente a carichi
esterni agenti perpendicolarmente alla linea d’asse. Con le travi reticolari si possono
raggiungere luci anche elevate con uso di elementi componenti di limitata lunghezza,
assemblati in modo da ottenere maglie triangolari. L’applicazione del carico esterno

23
Figura 15: Schema per il calcolo del modulo di resistenza di una sezione di
calcestruzzo armato

genera sollecitazioni normali interne agli elementi costituenti, alcune di compressione


e altre di trazione, per cui i singoli elementi possono essere calcolati come già visto
per il pilastro e per il tirante.
Un primo controllo molto semplice per predimensionare l’altezza della trave
reticolare con vincoli di semplice appoggio consiste nel calcolare il momento flettente
come se si trattasse di una trave ordinaria. Dividendo il momento flettente per
l’altezza della trave (l’altezza di una trave reticolare corrisponde alla distanza tra il
corrente teso e quello compresso) si ottiene la compressione negli elementi superiori e
la trazione in quelli inferiori. Con questi valori si può procedere alle usuali verifiche.

3.4.5 Arco
E’ un elemento strutturale monodimensionale soggetto prevalentemente a carichi
esterni agenti perpendicolarmente alla linea d’asse, analogamente alla trave, ma con
sollecitazioni interne predominanti di sforzo normale. A queste si accompagna una
azione orizzontale dell’arco (chiamata spinta) in corrispondenza di ogni vincolo, che
deve essere idoneo ad assorbirla.
La forma dell’arco è strettamente legata ai carichi che questo deve sostene-
re. La configurazione assunta da una fune tesa tra i vincoli dell’arco, quando essa
viene caricata con le stesse forze applicate all’arco, si chiama funicolare dei carichi.
Ribaltando la funicolare dei carichi si ottiene l’antifunicolare, una curva che rappre-
senta la linea delle pressioni nelle varie sezioni dell’arco. Quanto più questa linea si
avvicina alla linea d’asse geometrica, tanto migliore è il progetto dell’arco.
Un caso particolare di arco è l’arco a spinta eliminata (Figura 16). In questo
caso, tra i vincoli si dispone un elemento (detto catena) in grado di assorbire la spinta
generata dall’arco sui vincoli, che devono quindi reagire solo in direzione verticale.
La catena è soggetta a trazione. Nelle costruzioni in cui più archi simili per forma
e carichi sono affiancati uno all’altro, l’eliminazione della spinta è una conseguenza
della combinazione delle reazioni dei singoli archi.

3.5 Le fondazioni
Rappresentano la parte dell’edificio che trasferisce i carichi al terreno. Date le grandi
incertezze nella conoscenza delle proprietà del terreno di fondazione e le eventuali
disomogeneità difficilmente riconoscibili con precisione in fase di progetto, esse gene-

24
Figura 16: Arco a spinta eliminata

ralmente sono dimensionate con margini di sicurezza superiori a quelli che si usano
per le strutture in elevazione.
Negli edifici storici in muratura le fondazioni erano realizzate con un sem-
plice allargamento della base del muro, in quanto si era osservato che il terreno non
roccioso può resistere a pressioni più basse di quelle della muratura. Per terreni di
qualità medie si può assumere una pressione massima di circa 1-2 Kg/cm2 .
Sulla base di come il carico viene trasmesso al terreno le fondazioni possono
essere definite dirette o indirette.

3.5.1 Fondazioni dirette


Le fondazioni dirette si usano quando il terreno di buone caratteristiche può essere
raggiunto ad una profondità modesta, con uno scavo normale. In base alla forma e
dimensione della base di appoggio, le fondazioni dirette possono essere a plinto, a
trave rovescia, a platea.
Le fondazioni a plinto (Figura 17) si utilizzano in presenza di carichi non
eccessivi e terreni di buone caratteristiche geotecniche, quando le strutture verticali
di elevazione sono costituite da pilastri. I plinti costituiscono un allargamento della
base del pilastro, allargamento necessario per passare dalla tensione media di circa
60-70 Kg/cm2 agli 1-2 kg/cm2 massimi sul terreno. Per ottenere tale riduzione la
superficie del plinto deve essere circa 35-70 volte quella del pilastro. In zona sismica
è buona regola collegare i plinti con cordoli in calcestruzzo armato. Per stimare le
dimensioni del plinto si deve effettuare preventivamente una valutazione dello sforzo
normale nel pilastro. A questo valore si aggiungono circa 1000 kg, che rappresentano
una stima del peso del plinto, e si calcola la tensione media sul terreno:
N
σ=
A
dove si è indicato con N lo sforzo normale (in Kg) e A l’area dell’impronta del plinto
(in cm2 ). La tensione media, come già detto, non deve superare 1-2 kg/cm2 . Se
questo accade è necessario provare con una impronta di dimensioni maggiori.
Le fondazioni a trave rovescia (Figure 18 e 19) si utilizzano in presenza
di carichi elevati e terreni mediamente resistenti, quando le strutture verticali di
elevazione sono costituite da pilastri, da setti o da murature. La fondazione continua

25
Figura 17: Pianta e sezione di un plinto isolato

offre, rispetto a quella a plinti, una superficie di appoggio maggiore. La fondazione


viene detta a trave rovescia perché funziona al contrario di una normale trave in
c.a. di elevazione: nella fondazione infatti i carichi vengono dal basso perché sono
l’effetto della reazione del terreno, mentre le strutture di elevazione (pilastro o setti)
costituiscono i vincoli della trave. La forma della sezione è generalmente quella di
una T rovesciata.
La fondazione a platea (Figure 20 e 21) è una fondazione continua che
si allarga fino a comprendere tutta l’area occupata dalla costruzione. Si utilizza
quando i carichi sono molti elevati, le caratteristiche del terreno non sono buone e
non è possibile realizzare le fondazioni profonde di cui si parlerà tra poco.

3.5.2 Fondazioni indirette


Le fondazioni indirette si rendono necessarie quanto non è possibile trasmettere il
carico della struttura in elevazione direttamente agli strati di terreno superficiali,
perché questi hanno scadenti proprietà di resistenza. E’ necessario, allora, interessare
i terreni posti a maggiore profondità (generalmente a partire da 8-10 m dal piano di
campagna), che di solito hanno caratteristiche di resistenza migliori. Per questo si
ricorre ai pali, ovvero elementi monodimensionali (a sezione circolare), generalmente
verticali, che raggiungono gli strati profondi del terreno; la diffusione del carico della
struttura al terreno avviene in punta (carico di punta) e sulla superficie laterale del
palo (carico laterale) per effetto dell’attrito tra palo e terreno circostante (Figura
22). Il diametro dei pali varia generalmente dai 50 ai 200 cm.
In tutte le tipologie sopra esposte, la testa dei pali è collegata alla struttura
di elevazione tramite un dado di calcestruzzo armato che trasferisce il carico dal
pilastro al palo o al gruppo di pali che costituiscono la fondazione (Figure 23 e 24).

26
Figura 18: Pianta di fondazioni a travi rovesce

Figura 19: Assonometria di una trave rovescia

27
Figura 20: Pianta di fondazioni a platea

Figura 21: Assonometria di una platea di fondazione

28
Figura 22: Schema di trasferimento al terreno del carico sul palo

Figura 23: Pianta di fondazioni a plinti su pali; nella figura le travi di collegamento
sono presenti prevalentemente sul perimetro, ma è buona regola collegare tutti i
plinti dell’edificio tra di loro

29
Figura 24: Assonometria di plinti su pali

30
4 PREDIMENSIONAMENTO SEMPLIFICATO

4.1 Premessa
Per effettuare la progettazione preliminare di una struttura è essenziale quantifica-
re accuratamente i carichi dovuti al peso della struttura stessa (peso proprio) ed
alle finiture e stimare in maniera attendibile i sovraccarichi. I sovraccarichi sono i
carichi dovuti all’uso (arredo, folla, automezzi, etc.) o quelli che possono derivare
dall’ambiente (vento, neve, sisma). E’ stato già detto, infatti, che una struttura
viene progettata in riferimento a certi tipi di carichi e può cessare di comportarsi
come tale se soggetta a carichi del tutto inattesi.
Per gli edifici di solito si fa una distinzione tra carichi verticali e carichi
orizzontali. La distinzione dipende dal meccanismo di trasferimento dei carichi al
terreno. Per i carichi verticali di solito sono interessati pochi elementi strutturali,
seguendo la gerarchia tipica del sistema costruttivo: p. es. travetto-trave-pilastro-
plinto-terreno. Per i carichi orizzontali, invece, è essenziale che la struttura esibisca
un buon comportamento di insieme.

4.2 Carichi verticali


Si deve stimare:

• Il peso degli elementi strutturali, tenendo conto dei rispettivi pesi specifici:

– Calcestruzzo 2400 Kg/m3


– Calcestruzzo armato 2500 Kg/m3
– Legno 500 Kg/m3
– Acciaio 7850 Kg/m3
– Laterizio pieno 1800 Kg/m3

• Il peso delle finiture, delle partizioni, degli impianti (di solito si ingloba tutto
in un carico onnicomprensivo di 100-150 Kg/m2 )

• Il peso delle eventuali tamponature sugli elementi su cui gravano (900 Kg/m3
per i laterizi forati)

• I sovraccarichi variabili, che dipendono dall’uso degli ambienti (sono discipli-


nati dalla normativa):

– Abitazioni 200 Kg/m2


– Locali pubblici 300 Kg/m2
– Locali affollati 400 Kg/m2
– Mercati, librerie 500 Kg/m2
– Balconi e scale comuni 400 Kg/m2
– Sottotetti praticabili per manutenzione 100 Kg/m2
– Coperture non praticabili 50 Kg/m2

31
– Parcheggi per autovetture 250 Kg/m2
– Zone carrabili circa 2000 Kg/m2
– Archivi, biblioteche 600 Kg/m2
– Terreno vegetale 1800 Kg/m3

• Il peso della neve (è stabilito dalla normativa e dipende dalle zone e dall’alti-
tudine, varia da circa 100 a circa 350 Kg/m2 )

4.3 Carichi orizzontali


Come i sovraccarichi verticali variabili, anche quelli orizzontali (vento e sisma) sono
stabiliti dalla normativa. E’ difficile effettuare un predimensionamento semplificato
di una struttura a carichi orizzontali, per cui ci si cautela con una buona progetta-
zione concettuale. Di questo si è parlato nel paragrafo 2.8, quando si è presentato
il concetto di regolarità strutturale. Questo criterio trova la sua giustificazione nel-
l’osservazione dei danni prodotti dai terremoti su edifici progettati senza tener conto
delle azioni sismiche: quelli regolari hanno quasi sempre un comportamento migliore,
con danni minori rispetto agli edifici irregolari.

4.4 Predimensionamento semplificato di una struttura intelaiata


Si immagina di volere controllare la fattibilità di una struttura molto semplice in
c.a., cioè di verificare che le luci e le dimensioni degli elementi costruttivi siano
compatibili con i carichi verticali ipotizzabili.
Nella Figura 25 è riportata una pianta del piano tipo con alcune sezioni lon-
gitudinali e trasversali. Le informazioni disponibili prima del predimensionamento
sono solo l’interasse dei pilastri nelle due direzioni.

4.4.1 Solai
Si utilizza un prontuario in cui è fornito per ogni tipo di solaio, di altezza e di luce,
il momento massimo sopportabile (Figura 26). Si prova con il solaio 3Q di altezza
20 + 5 cm. Si calcolano i carichi che gravano su di una striscia di 1 m di solaio:

• peso del solaio (dal prontuario) 325 Kg/m

• finiture 100 Kg/m

• tramezzi 100 Kg/m

• sovraccarico 200 Kg/m

• carico totale p = 725 Kg/m

Per il calcolo del momento flettente massimo da confrontare con quello


fornito dal prontuario si adotta lo schema di trave appoggiata (Figura 27) di luce L
= 5 m. Il carico p è stato calcolato precedentemente, per cui si ottiene:

pL2 725 × 52
M= = = 2265 Kgm
8 8
32
Figura 25: Pianta del piano tipo dell’edificio da predimensionare

Ovviamente si possono adottare altri schemi a seconda delle diverse situazioni da


esaminare come quello di trave continua su più appoggi. In generale l’esperienza
insegna che, ai soli fini del predimensionamento, è possibile adottare sempre lo sche-
ma di trave appoggiata. In questo modo, infatti, non si stimeranno correttamente le
sollecitazioni in ogni sezione della trave, ma comunque si potrà giudicare la sua fat-
tibilità. Questo non vale nel caso degli sbalzi (travi a mensola), per cui il momento
massimo si calcola con l’espressione seguente:

pL2
M=
2
dove p è il carico ripartito e L è la luce dello sbalzo.
Dal prontuario si vede che il momento massimo sopportabile dal solaio è di
2877 Kg m, per cui il solaio è fattibile con una altezza strutturale di 25 cm.
Ha interesse calcolare anche il carico che il solaio trasmette ad ognuna delle
due travi tra cui è tessuto. Sempre con lo schema di trave appoggiata, si ricava:
pL 725 × 5
A= = = 1812 Kg
2 2

33
Figura 26: Estratto da un prontuario per la scelta del solaio (per passare da KNm
a Kgm si deve moltiplicare per 100)

4.4.2 Travi di testata


Si effettua una tentativo attribuendo alla trave (di luce 700 cm) un’altezza di 70 cm
ed una base di 40 cm. Il carico trasmesso dal solaio, precedentemente calcolato, è
relativo ad una striscia larga 1 m. I carichi agenti sono:
• carico trasmesso dal solaio 1812 Kg/m
• peso della trave = 0.7 × 0.4 × 2500= 700 Kg/m

34
Figura 27: Schema di calcolo a trave appoggiata

• peso della tamponatura =900 × 0.2 × 2.3= 414 Kg/m

• carico totale p = 2926 Kg/m

Questa volta lo schema è quello di una trave continua su tre appoggi (Figura
28), per cui il momento massimo (appoggio B) vale:

pL2 2926 × 72
M =− =− = 17922 Kgm
8 8
Per vedere se la trave sopporta questa sollecitazione con 3 barre del diametro di
2
26 mm calcoliamo prima l’area della sezione di una barra: Aa = π2.64
= 5.31 cm2 .
Quindi calcoliamo il modulo di resistenza (si veda il par. 3.4.3):

W = 0.9 × 65 × 3 × 5.31 = 932 cm2

A questo punto è facile calcolare la tensione nelle barre di armatura. Pre-


liminarmente effettuiamo un cambio di unità di misura del momento in modo da
trasformare i m in cm:

M = 17922 Kgm = 17922 × 100 = 1792200 Kgcm

M 1792200
σ= = = 1922 Kg/cm2
W 932
Si vede che la tensione è inferiore a 2000 Kg/cm2 ed è quindi accettabile. Se cosı̀ non
fosse stato avremmo dovuto aumentare il numero delle barre, oppure aumentarne
il diametro (tenendo conto che di solito si usano diametri compresi tra 12 e 26

35
Figura 28: Schema di calcolo a trave continua su 3 appoggi

mm), oppure ancora avremmo dovuto aumentare l’altezza della sezione della trave.
Quando siamo arrivati ad una situazione che riteniamo accettabile ed il numero
di barre è significativo, è opportuno disegnare in scala la sezione della trave per
controllare che effettivamente le barre possano essere poi disposte nel numero da
noi previsto. Nel fare questo dobbiamo fare in modo che le barre esterne distino
almeno 3 cm dal bordo della sezione, mentre tra una barra e l’altra rimanga uno
spazio almeno pari al diametro delle barre utilizzate.
Per controllare la tensione di taglio, sempre dallo schema di trave con 3
appoggi ricaviamo il taglio massimo:

T = 0.625pL = 0.625 × 2926 × 7 = 12801 Kg

La tensione di taglio risulta:


T 12801
τ= = = 5.47 Kg/cm2
0.9bh 0.9 × 40 × 65
Si vede che anche la tensione di taglio è minore di 20 Kg/cm2 e quindi la trave con
queste dimensioni è accettabile.

4.4.3 Travi interne


Si prova con una trave di sezione 40 cm di base per 70 cm di altezza. Il carico
trasmesso dal solaio, precedentemente calcolato, è relativo ad una striscia larga 1
m di solaio. In questo caso su di una trave gravano due solai, per cui il carico
precedentemente calcolato deve essere raddoppiato. I carichi agenti sono:
• carico trasmesso dal solaio = 2 × 1812 = 3624 Kg/m

36
• peso della trave = 0.7 × 0.4 × 2500 = 700 Kg/m

• carico totale p = 4324 Kg/m


Anche in questo caso lo schema è quello di una trave continua su tre appoggi, per
cui il momento massimo vale:
pL2 4324 × 72
M= = = 26484 Kgm
8 8
Per vedere se la trave sopporta questa sollecitazione con 5 barre del diametro di
2
26 mm calcoliamo prima l’area della sezione di una barra: Aa = π2.6
4
= 5.31 cm2 .
Quindi calcoliamo il modulo di resistenza:

W = 0.9 × 65 × 5 × 5.31 = 1553 cm2

A questo punto è facile calcolare la tensione nelle barre di armatura. Preliminarmen-


te effettuiamo un cambio di unità di misura del momento in modo da trasformare i
m in cm:
M = 26484 Kgm = 26484 × 100 = 2648400 Kgcm
M 2648400
σ= = = 1705 Kg/cm2
W 1553
Si vede che la tensione è inferiore a 2000 Kg/cm2 ed è quindi accettabile. Per con-
trollare la tensione di taglio, sempre dallo schema di trave con 3 appoggi ricaviamo
il taglio massimo:

T = 0.625pL = 0.625 × 4324 × 7 = 18917 Kg

La tensione di taglio risulta:


T 18917
τ= = = 8 Kg/cm2
0.9bh 0.9 × 40 × 65
Si vede che anche la tensione di taglio è minore di 20 Kg/cm2 e quindi la trave con
queste dimensioni è accettabile.

4.4.4 Pilastri ad area di influenza


Un modo semplice per predimensionare i pilastri è quello di costruire una tabella
sulla base delle aree di influenza dei pilastri. L’area di influenza di un pilastro si
ottiene misurando la superficie delle figure geometriche che si ottengono dall’inter-
sezione delle rette tracciate ortogonalmente alla congiungente due pilastri vicini (si
veda la Figura 29). Per ogni pilastro si costruisce una Tabella simile alla 1. Si
comincia dal livello1 più alto e si moltiplica il carico distribuito (1000 Kg/m2 per i
pilastri interni tipo A, 1150 per quelli esterni tipo B e 1300 per quelli d’angolo tipo
C) per l’area di influenza, ottenendo il carico al livello (in Kg, colonna 5). Quindi si
riporta il carico sul pilastro del livello precedente (colonna 6) e si effettua la somma
(colonna 7).
1
Quando si parla di livelli si intendono quelli corrispondenti a solai dell’edificio, facendo
attenzione a non tralasciare quello più basso, immediatamente sopra le fondazioni

37
Figura 29: Schema per il calcolo delle aree di influenza dei pilastri

A questo punto si prova a definire le due dimensioni della sezione del pilastro
(colonna 8) e si calcola l’area (in cm2 , colonna 9). Dividendo il carico totale per
l’area della sezione si ottiene la tensione nel pilastro (in Kg/cm2 , colonna 10). La
tensione non deve superare i 60-70 Kg/cm2 , altrimenti è necessario aumentare le
dimensioni del pilastro. Le dimensioni minime consigliate per i pilastri sono 30 × 30
cm. Nella Tabella 1 è riportato un esempio di predimensionamento di tre pilastri in
un edificio di 3 piani (4 livelli). I pilastri sono ogni 5 m in una direzione ed ogni 7
m nell’altra direzione.

4.4.5 Fondazioni
Consideriamo il pilastro B che, come si vede dalla Tabella 1, è il più caricato con
uno sforzo normale N = 140000 Kg. Ipotizziamo una fondazione a plinto isolato
quadrato, di lato 3 m. L’area di base del plinto in cm2 è A = 300 × 300 = 90000
cm2 . Il calcolo della pressione sul terreno si effettua semplicemente con la divisione:
N 140000
σ= = = 1.55 Kg/cm2
A 90000
Il valore è accettabile, perché nell’intervallo 1-2 Kg/cm2 (si veda anche il par. 3.5).

Tabella 1: Tabella per il predimensionamento dei pilastri

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Area Carico Carico al Carico Carico Sezione Area Tensione
Pilastro Livello influenza distribuito livello livelli totale (cm × cm) sezione (Kg/cm2 )
(m2 ) (Kg/m2 ) (Kg) precedenti (cm2 )
A 4 35 1000 35000 0 35000 30 x 30 900 39
A 3 35 1000 35000 35000 70000 30 x 40 1200 58
A 2 35 1000 35000 70000 105000 40 x 40 1600 65
A 1 35 1000 35000 105000 140000 40 x 60 2400 58
B 4 17.5 1150 20125 0 20125 30 x 30 900 22
B 3 17.5 1150 20125 20125 40250 30 x 30 900 44
B 2 17.5 1150 20125 40250 60375 30 x 40 1200 50
B 1 17.5 1150 20125 60375 80500 40 x 40 1600 50
C 4 8.75 1300 11375 0 11375 30 x 30 900 13
C 3 8.75 1300 11375 11375 22750 30 x 30 900 25
C 2 8.75 1300 11375 22750 34125 30 x 30 900 38
C 1 8.75 1300 11375 34125 45500 30 x 30 900 51

38
Parte II
Costruzioni in calcestruzzo armato
5 SIMBOLOGIA

5.1 Lettere maiuscole


Azioni e sicurezza Calcolo strutturale Verifiche materiali
A azione generica area area
B
C risultante compressione
D diametro diametro
E modulo elastico longit. modulo elastico long.
F carico sulla struttura coppia concentrata
G modulo elasticità tang. baricentro
H forza orizzontale
I momento d’inerzia momento d’inerzia
J inerzia torsionale inerzia torsionale
K rigidezza sezione rigidezza sezione
L lunghezza totale
M momento flettente momento flettente
N sforzo assiale sforzo assiale
O polo, centro, origine
P precompressione carico concentrato precompressione
Q azioni variabili forza o risultante sforzo scorrimento
R resistenza generica reazione o risultante
S sforzo nella sezione momento statico momento statico
T tensione nel punto m. torcente (o temperat.) momento torcente
U
V sforzo di taglio sforzo di taglio
W peso masse modulo resistente modulo resistente
X asse o iperstatica
Y asse o iperstatica
Z asse o iperstatica risultante trazioni

39
5.2 Lettere minuscole
Azioni e sicurezza Calcolo strutturale Verifiche materiali
a var. aleat. azione lato maggiore
b lato minore larghezza sezione
c coeff. numerico coeff. numerico copriferro
d flessibilità altezza utile
e eccentricità eccentricità
f funz. di probabilità funzione resistenza materiali
g acceleraz. di grav. funzione peso di volume
h altezza altezza sezione
i raggio d’inerzia interasse
j età in giorni
k coeff. di probab. rigidezza coefficiente
l lunghezza lunghezza, distanza
m momento rapp. di omogeneizz.
n numero prove rapp. di omogeneizz.
o
p probabilità carico distribuito
q probabilità (1-p) carico distri. variabile sforzo scorr. unitario
r var. aleat. resist. forza (o raggio) funz. rilassamento
s scarto quadratico spaziatura, passo
t tempo spessore
u traslaz. lungo x perimetro
v traslaz. lungo y funzione di viscosità
w traslaz. lungo z ampiezza di fessuraz.
x var. aleat. generica coordinata posizione asse neutro
y coordinata distanza
z coordinata braccio coppia int.

40
5.3 Lettere greche
Azioni e sicurezza Calcolo strutturale Verifiche materiali
α coeff. di dilataz. coeff. di instabilità angolo (o coeff.)
β coeff. di vincolo rapporto C/bfc
γ coeff. di sicurezza scorrimento coeff. di sicurezza
δ traslazione rapporto d/h
 dilatazione dilatazione
θ curvatura curvatura
κ coefficiente rapporto o coeff.
λ snellezza snellezza
µ coeff. attrito momento adimens.
ν coeff. Poisson forza assiale adimens.
ξ coord. o traslazione rapporto x/h
η coord. o traslazione rapporto y/h
ζ coord. o traslazione rapporto z/h
π 3,1415927
ρ tensione generica coeff. di rilassam.
σ tensione normale tensione normale
τ tensione tangenziale tensione tangenziale
υ taglio adimens.
φ rotazione coeff. di viscosità
χ fattore di taglio curvatura adimensionale
ψ coeff. di combinaz. rotazione angolo
ω coeff. di instabilità coeff. di instabilità
Φ diametro ferro

41
5.4 Indici
Azioni e sicurezza Calcolo strutturale Verifiche materiali
a agente
b bullone o aderenza
c critico, di collasso del calcestruzzo
d di calcolo di calcolo
e elast., al limite elast.
f dei carichi
g dei carichi perman.
h
i orizzontale
j i-esimo al giorno j
k caratteristico j-esimo caratteristico
l longitudinale
m dei materiali medio
n normale
o all’origine, di base
p della precompress. dei carichi della precompress.
q dei carichi variabili
r resistente di rottura
s dell’acciaio
t del tempo tangente a trazione
u ultimo a rottura
v verticale viscoso
w dell’anima
x secondo x
y secondo y di snervamento
z secondo z
 geomerico
T termico termico

42
6 UNITA’ DI MISURA

6.1 Conversione da Sistema Internazionale (SI) a Sistema Tecnico (ST)


Descrizione Moltiplicare SI per Per ottenere ST
Tensione MPa (N/mm2 ) 10.2 kg/cm2
Tensione MPa (N/mm2 ) 102 t/m2
Forza N 0.102 kg
Forza kN 0.102 t

6.2 Conversione da Sistema Tecnico (ST) a Sistema Internazionale (SI)


Descrizione Moltiplicare ST per Per ottenere SI
2
Tensione kg/cm 0.0981 MPa (N/mm2 )
Tensione t/m2 0.00981 MPa (N/mm2 )
Forza kg 9.81 N
Forza t 9.81 kN

6.3 Altre conversioni


Descrizione Moltiplicare per Per ottenere
Lunghezza mm 1/10 cm
Lunghezza m 100 cm
Lunghezza cm 10 mm
Superficie mm2 1/100 cm2
Forza t 1000 kg
Forza N 1000 kN
Momento tm 100000 kgcm
Momento Nmm 1/1000000 kNm

43
7 GENERALITA’ SUL CALCESTRUZZO ARMATO

7.1 Proprietà di base del calcestruzzo


Il calcestruzzo è un materiale composta da un aggregato di inerti (sabbia e ghiaia
o pietrisco di varie dimensioni), legati tra loro dalla pasta di cemento. Le proprietà
meccaniche di tale conglomerato lapideo artificiale dipendono da quelle dei suoi
componenti (aggregato e pasta cementizia) e dal legame che si verifica all’interfaccia
tra i due.
Per un comune calcestruzzo fatto con inerte di peso normale, posto che si im-
pieghi un aggregato di buone qualità e si eseguano le corrette modalità tecnologiche
e chimiche di produzione (con particolare riferimento alla curva granulometrica2 ), le
proprietà meccaniche vengono a dipendere prevalentemente dalla pasta cementizia
che risulta essere il componente più debole. Il fenomeno della rottura della pasta
cementizia è spiegato dalla presenza di difetti all’interno del materiale.
I difetti sono costituiti in primo luogo da microfessure che si verificano du-
rante le presa e l’indurimento del conglomerato, nella pasta cementizia e nella sua
interfaccia con l’aggregato, a causa del ritiro della pasta stessa e dell’imperfetta
adesione tra i componenti. Vi sono poi i pori capillari diffusi nella pasta cemen-
tizia, anche se ben costipata, in percentuale nettamente maggiore che negli inerti.
Infine restano, sempre nella pasta di cemento, vuoti maggiori dovuti a imperfetta
costipazione della miscela fresca.
La resistenza locale della pasta cementizia, limitata dalla presenza di difetti
come sopra accennato, fornisce dunque quella del materiale composto, materiale
al quale nel seguito si estenderà il concetto di omogeneità da un punto di vista
macroscopico. La resistenza cioè del calcestruzzo verrà intesa come una sua proprietà
uniformemente diffusa, purché si tratti di elementi di dimensioni sufficientemente
grandi rispetto a quelle massime dell’inerte impiegato.
Il comportamento del calcestruzzo sotto carico è visualizzato nei diagrammi
tensioni-contrazioni riportati in Fig. 30. Da essi si nota:

• forte dissimmetria con resistenze a compressione molto più elevate di quelle a


trazione;

• comportamento deformativo non lineare fin da modesti valori delle tensioni;

• deformazioni ultime a rottura notevolmente piccole con carattere prevalente-


mente fragile delle rotture stesse;

• modulo elastico del tratto iniziale diverso per le differenti resistenze dei mate-
riali

• caduta della rigidezza molto più rapida a trazione che a compressione.

2
La curva granulometrica è un diagramma sperimentale ottenuto in seguito al passaggio del
materiale campione tramite setacciatura. Il risultato dell’analisi è reso più chiaramente visibile
attraverso la creazione di grafici in scala ordinaria o logaritmica. In questi grafici le variabili sono:
in ascissa la percentuale passante, cioè la percentuale di materiale più fine della maglia del setaccio,
che passa attraverso la sua maglia, in ordinate il diametro, cioè la larghezza minima della maglia
del setaccio in caso di maglia rettangolare, o diametro in caso di fori circolari.

44
Figura 30: Comportamento del calcestruzzo sotto carico

Le proprietà meccaniche del calcestruzzo indurito vengono raggiunte gra-


dualmente nel tempo dopo una certa maturazione. Molte normative si riferiscono
al limite dei 28 giorni di maturazione per la misurazione della resistenza, ma anche
dopo tale limite si sviluppa un ulteriore sensibile indurimento per una maturazione
naturale del calcestruzzo.
Sulla velocità di indurimento influisce sensibilmente la temperatura alla
quale è tenuto il calcestruzzo nei primissimi tempi dopo il getto. Il fenomeno è
sistematicamente utilizzato per raggiungere elevate resistenze alle brevi scadenze,
ricorrendo appunto alla maturazione forzata che consiste in opportuni trattamenti
termici dei getti.
Un’altra proprietà del calcestruzzo consiste nel fenomeno del ritiro. Durante
i primi tempi della sua maturazione il calcestruzzo indurito si contrae diminuendo
di volume. Tale fenomeno ha sensibili effetti tecnologici e statici negli elementi
strutturali in calcestruzzo armato. Prescindendo dagli sviluppi analitici si può dire
che la deformazione da ritiro in strutture ordinarie maturate in ambiente medio è
dell’ordine di cs = 0.4 ÷ 0.5 × 10−3 (passando da ambiente esterno ad ambiente
interno).

7.2 Parametri di resistenza del calcestruzzo


La resistenza del calcestruzzo viene dedotta da apposite prove codificate. La rap-
presentatività dei valori ottenuti è strettamente collegata alle corrette modalità di
prova. In primo luogo le dimensioni del provino devono essere correlate a quelle del-
l’inerte impiegato, ovvero la dimensione minima del provino deve essere maggiore di
cinque volte la dimensione massima degli inerti.
Le prove a compressione si effettuano portando a rottura i provini inseriti
fra le piastre di una pressa. La grandezza misurata su provini cubici viene detta
resistenza cubica (a compressione) ed indicata con Rc . La rottura si manifesta di
norma secondo quanto indicato a tratteggio in Fig. 31a e cioè con il distacco laterale
di materiale e la formazione di un residuo a clessidra.
Lo stato tensionale di un provino cubico compresso tra le piastre di una pres-

45
Figura 31: Modalità di rottura del calcestruzzo compresso

sa è influenzato dall’attrito che si instaura sulle facce del provino stesso. Oltre alla
componente longitudinale della tensione sorge dunque una componente trasversale,
anch’essa di compressione, che contrasta la dilatazione trasversale ed incrementa la
resistenza.
Per ovviare all’effetto dell’attrito si devono impiegare provini prismatici (o
cilindrici) sufficientemente allungati. In tal modo, fra i tratti terminali di estensioni
pari all’incirca alla dimensione trasversale, tratti in cui risulta sensibile il disturbo
provocato dall’attrito, resta una tratto intermedio soggetto ad un puro flusso di
tensioni longitudinali. La resistenza misurata su provini di lunghezza pari almeno
a 2.5 volte la dimensione trasversale è detta resistenza prismatica (o cilindrica o
semplicemente resistenza a compressione) ed indicata con fc (v. Fig. 31b).
La correlazione tra le due resistenze a compressione sopra definite si basa
sulla formula:
fc = 0.83Rc
ampiamente verificata per via sperimentale. Ciò consente di adottare, nella pratica
esecutiva delle costruzioni in calcestruzzo armato, la prova su più agevoli provini
cubici e di derivare poi dai risultati la resistenza prismatica richiesta dai calcoli del
progetto strutturale.

7.2.1 Classi di resistenza


Come meglio precisato nel seguito tra i parametri di resistenza vi sono delle cor-
relazioni che consentono di individuare la classe di un calcestruzzo associandola ad
un’unica grandezza, quella corrispondente al parametro guida. Il parametro guida è
scelto nella resistenza a compressione, quella che deriva dalla prova più elementare
e diretta sul materiale.
L’estensione della gamma delle possibili classi codificate dipende dalle ca-
pacità tecnologiche della produzione: dal basso si parte con la classe meno resistente
compatibile con l’impiego strutturale del calcestruzzo; verso l’alto il limite è imposto
dal livello raggiunto dalla produzione industriale del calcestruzzo stesso.
La discretizzazione introdotta nell’individuare un numero finito di classi
entro i due limiti inferiore e superiore si basa sul passo minimo che abbia un effet-

46
tivo significato cantieristico in relazione alla precisione consentita dalle capacità di
regolazione della produzione stessa.
La resistenza minima per un impiego strutturale si pone intorno ai 20 MPa.
Quella massima, ottenibile con le moderne tecnologie molto accurate, può risultare
anche alquanto superiore agli 80 MPa. Questo limite non contempla i calcestruzzi
maturati in autoclave, la cui resistenza può superare abbondantemente i 100 MPa,
ma che rappresentano a tutti gli effetti un materiale diverso non trattato nel presente
testo. Il passo minimo significativo si aggira attorno ai 5 MPa.
Con queste premesse si può codificare la seguente classifica di resistenze:

Resistenze fc (MPa)
basse 20-24
medio basse 28-33
medie 38-43
medio alte 48-53
alte 58-63
altissime 68-73
superiori 78-83

Nel discorso che segue è da tenere presente che ad ogni singolo intervento
produttivo è associata una rilevante variabilità aleatoria della resistenza. Grosso
modo dunque i valori qui sopra indicati vanno intesi come quelli medi definiti più
avanti. Con questa precisazione la classificazione introdotta vede:
• le classi di basse resistenze, raramente impiegate in elementi strutturali, se non
per particolari opere non armate di tipo murario o di sottofondazione;

• le classi di resistenze medio basse, impiegate in murature ed altre opere mas-


sicce anche armate;

• le classi di medie resistenze, principalmente impiegate per tutti i comuni


elementi (come pilastri, travi e solai) delle strutture in calcestruzzo armato
gettate in opera;

• le classi di resistenze medio alte, comunemente prodotte in stabilimento per


elementi strutturali in calcestruzzo armato anche precompresso o in cantieri
per opere particolarmente impegnate;

• le classi di alte resistenze realizzate in stabilimento per elementi strutturali


prevalentemente in precompresso attraverso processi industriali regolati da un
rigoroso sistema di controllo della produzione;

• le classi di altissime resistenze di impiego ancora non molto diffuso ottenute


con procedimenti molto accurati e particolari tecniche basate sull’impiego nelle
miscele del calcestruzzo di speciali aggiunte ed additivi;

• infine le classi di superiori resistenze che allo stato attuale della tecnologia
rappresentano il massimo livello ottenibile per il calcestruzzo, realizzato solo in
esperienze di laboratorio o in alcuni interventi campione, ma non per effettive
produzioni commerciali.

47
Figura 32: Provino di calcestruzzo per prova a trazione

Le classi cosı̀ definite individuano univocamente il prodotto attraverso le sue


principali caratteristiche meccaniche: la resistenza a compressione, la resistenza a
trazione ed il modulo elastico. Non individuano invece altre caratteristiche tecnolo-
giche, come la lavorabilità della miscela fresca che, a parità di resistenza, può essere
migliorata per esempio con l’impiego di additivi fluidificanti, e come la dimensione
massima degli inerti che è legata agli spessori degli elementi da realizzare nonché
alle spaziature delle barre d’armatura.

7.2.2 Resistenza a trazione


Le prove di trazione si effettuano secondo diversi criteri. Il più diffuso conduce
alla resistenza diretta a trazione fct misurata instaurando un flusso puro di tensioni
longitudinali in un provino teso tra le morse di una macchina universale. Vengono
impiegati provini prismatici o cilindrici, previo incollaggio con resine epossidiche dei
particolari metallici a snodo necessari per l’immorsamento alla macchina di prova
(v. Fig. 32).
La correlazione tra la resistenza a trazione e quella a compressione può porsi
sulla base della formula: 2
fct = 0.25fc3

7.2.3 Modulo elastico


La prove per la valutazione del modulo elastico Ec del calcestruzzo si effettua su
provini prismatici soggetti a compressione, misurando per un determinato carico la
contrazione del tratto centrale del provino stesso. Il carico viene assunto pari allo
0.3-0.4 della prevista resistenza fc del materiale, mentre il rilevamento dell’accorcia-
mento viene condotto tramite quattro estensimetri disposti sulle facce in modo da
compensare, con la media delle letture, l’eventuale eccentricità del carico stesso.
La correlazione tra il modulo elastico e la resistenza a compressione può
porsi sulla base della formula:
1
Ec = 9500fc3

48
Per i calcoli strutturali relativi all’analisi elastica degli elementi e delle
sezioni in calcestruzzo armato va invece impiegato il modulo ridotto:

Ecs = 0.85Ec

che tiene conto degli assestamenti plastici iniziali del calcestruzzo.


La determinazione del coefficiente di Poisson (di contrazione trasversale)
richiede più complessi procedimenti di prova. Si ottengono per il calcestruzzo valori
compresi fra 0.16 e 0.20.

7.2.4 Valori medi e valori caratteristici


Le prove, ripetute su diversi campioni dello “stesso materiale”, manifestano una
dispersione dei risultati, dispersione molto sensibile se riferita all’intero ciclo cantie-
ristico produttivo di una costruzione dalle fondamenta alla copertura. Se riferita alla
continuativa produzione industrializzata di prefabbricati in stabilimento, posto che
i procedimenti produttivi stessi siano sottoposti ad un efficiente sistema di controllo
della qualità, la dispersione dei risultati può essere notevolmente più contenuta.
Vaste indagini sono state condotte su cantieri e stabilimenti. Interpretando
i dati, per esempio quelli relativi alla resistenza cubica Rc , con l’usuale procedimento
statistico basato sul modello di Gauss, si sono calcolati i valori medi:
Pn
1=1 Rci
Rcm =
n
e gli scarti quadratici sP
n
i=1 (Rci− Rcm )2
s=
n−1
ottenendo il valore caratteristico

Rck = Rcm − ks

da impiegarsi nelle verifiche di resistenza. Utilizzando, per una numerosità sufficien-


temente elevata di rilievi (n ≥ 30), il valore k=1.645 corrispondente alla probabilità
del 5% di ottenere valore più bassi, si è rilevato uno scostamento

∆R = Rcm − Rck = ks

abbastanza omogeneo attraverso tutti i cantieri e stabilimenti controllati, per il quale


può assumersi mediamente il valore ∆R = 9.6 MPa indipendentemente dalla classe
di resistenza del calcestruzzo.
Tale scostamento fisso penalizza di più i calcestruzzi meno resistenti, come
indicativamente riportato nelle seguente tabella (valori espressi in MPa):

Rck 24 36 48 60
∆R/Rck 0.40 0.27 0.20 0.16
Rcm /Rck 1.40 1.27 1.20 1.16

49
Se per esempio è prescritta una resistenza cubica caratteristica pari a 30
MPa, il progettista della ricetta per la produzione del relativo calcestruzzo dovrà
riferirsi ad un valore medio Rcm = 30+9.6=40 MPa superiore di circa 1/3 rispetto
a quello caratteristico richiesto. Una tale produzione potrà garantire viceversa una
resistenza caratteristica pari a circa lo 0.75 del valore medio stesso.
In fase progettuale le previsioni, ai fini dei calcoli fatti secondo il metodo
semiprobabilistico agli stati limite, vanno basate sul valore caratteristico fck della
resistenza di riferimento. Per dedurre quindi le altre caratteristiche meccaniche
necessarie ai calcoli stessi, il progettista, in base al tipo di produzione ordinaria o
controllate del cantiere o stabilimento interessato, dovrà stimare come sopra detto
il valore medio di resistenza a compressione e su questo potrà applicare le formule
di correlazione riportate in precedenza.

7.3 Caratteristiche meccaniche delle armature


Le proprietà del calcestruzzo armato, e cioè del materiale composto da calcestruzzo
con un’armatura di barre di acciaio conglobata nella sua massa, si scostano netta-
mente da quelle dell’ideale materiale isotropo, omogeneo e perfettamente elastico
ipotizzato nella classica teoria del solido di de Saint-Vnant svolta in Scienza delle
Costruzioni. L’omogeneità cade per la presenza di due materiali dalla caratteristiche
notevolmente diverse, essendo l’acciaio molto più rigido e resistente del calcestruzzo.
L’isotropia cade in quanto l’efficacia delle barre di armatura dipende primariamen-
te dalla loro giacitura. Anche l’elasticità va intesa secondo particolari criteri, pur
entro i limiti di sollecitazioni modeste rispetto alla resistenza del materiale compo-
sto, a causa del comportamento dissimmetrico del calcestruzzo a compressione ed a
trazione.
Sul comportamento del calcestruzzo armato influiscono dunque le proprietà
dei due materiali che lo compongono, oltre che del legame di aderenza che li unisce.
Influisce ancora la quantità e l’assetto delle armature rispetto alla configurazione del-
l’elemento complessivo. Queste armature hanno il principale scopo di sopperire alla
limitata resistenza a trazione del calcestruzzo, ma portano anche altre importanti
conseguenze come quella di temperare la sua fragilità a rottura.
Un aspetto particolare del calcestruzzo armato è la fessurazione. Si ammette
infatti che, anche sotto le comuni situazioni di esercizio delle strutture, il calcestruzzo
possa fessurarsi per superamento in alcune zone della sua resistenza a trazione. La
presenza delle apposite armature garantisce comunque la sicurezza.
Questo richiama dietro a sé l’altro importante aspetto della durabilità che
per il calcestruzzo armato non implica soltanto problemi chimici e tecnologici (per
es. le verniciature protettive delle costruzioni in acciaio), ma anche e soprattutto
problemi di puro calcolo strutturale, come quelli connessi alla valutazione dell’am-
piezza di fessurazione ed alle relative verifiche a garanzia della adeguata protezione
delle armature metalliche.
La fessurazione conduce anche a modificare notevolmente i modelli di calcolo
stessi. In diversi casi gli elementi in calcestruzzo armato non vengono più intesi come
solidi continui ed omogenei (tipo la trave allungata di de Saint-Vénant), ma come
orditure complesse fatte di conci di calcestruzzo e di aste d’armatura, variamente
composte negli schemi di funzionamento strutturale.

50
Nel calcestruzzo armato si impiegano, per le armature, i prodotti siderurgici
costituiti da acciaio in barre o filo; le prime sono fornite in fasci di verghe diritte,
solitamente di 12 m di lunghezza ed eventualmente piegati in due per facilitarne il
trasporto; il secondo viene in genere fornito avvolto in rotoli per notevoli lunghezze.
Le barre ed i fili prodotti per laminazione a caldo possono essere lasciati
senza ulteriori lavorazioni; il loro acciaio a durezza naturale è caratterizzato da
diagrammi σ- del tipo di quello rappresentato in Fig. 33. Questi diagrammi,
dedotti da prove a trazione su spezzoni di barra o filo, mostrano:

• un comportamento elastico lineare fino al limite fy di snervamento;

• modulo elastico Es con buona precisione pari, per tutti i tipi di acciaio, a
205000 MPa;

• comportamento successivo perfettamente plastico con andamento orizzontale;

• ripresa, dopo un notevole allungamento, della crescita tensionale al seguito


dell’incrudimento del materiale;

• raggiungimento della massima capacità resistente ft per notevoli valori dell’al-


lungamento limite u ;

• discesa della curva dopo il carico massimo al seguito del fenomeno della stri-
zione del provino;

• rottura notevolmente duttile ad un allungamento t ancora maggiore;

• indici u , t di duttilità più piccoli in genere per gli acciai di maggiore resistenza.

Il comportamento a compressione risulta sostanzialmente simmetrico, a


parte le fasi prossime alla rottura.
La classificazione fatta con riferimento alle caratteristiche meccaniche del-
l’acciaio si basa sui seguenti parametri:

• ft - tensione di rottura (o resistenza a trazione)

• fy - tensione di snervamento

• ft /fy - rapporto di sovraresistenza

• u - allungamento limite (sotto carico massimo)

quest’ultimo eventualmente sostituito dall’allungamento a rottura t di più semplice


sperimentazione.
Con riferimento all’allungamento limite del materiale si distinguono tre clas-
si di duttilità: bassa, media e alta. Le caratteristiche tecnologiche delle armature
consistono sostanzialmente nel grado di aderenza consentito dalla finitura superfi-
ciale del prodotto, nella sua proprietà di piegabilità e nella saldabilità del materiale
stesso.
Per l’aderenza si distinguono tre tipi di finitura: liscia (a bassa aderenza),
indentata (con modesti rilievi) e nervata (ad aderenza migliorata).

51
Figura 33: Tipico diagramma tensione-deformazione dell’acciaio

La piegabilità viene accertata con la prova di piegamento per garantire la


lavorabilità del prodotto senza lesioni evidenti.
La saldatura può essere impiegata come mezzo di giunzione delle armature,
senza pericolo di infragilimento del materiale o di decadimento delle sue proprietà
meccaniche, solo per acciai di comprovata saldabilità.
I prodotti per le armature da calcestruzzo armato sono:

• barra (in inglese bar)

• filo (coil)

• rete (fabric)

• traliccio (fabric)

Questi ultimi due sono ottenuti dal filo, per elettrosaldatura in stabilimento,
e forniti in pannelli piani la rete elettrosaldata, in travetti reticolari il traliccio
elettrosaldato. Dei tralicci, che utilizzano gli stessi acciai impiegati per le reti, non
si danno ulteriori informazioni rimandando ai numerosi cataloghi per le forme e le
dimensioni commerciali.
I prodotti nazionali sono costituiti da quattro tipi di acciaio denominati:

• FeB22k (B215)

• FeB32k (B315)

• FeB38k (B375)

• FeB44k (B430)

La tradizionale denominazione vede il simbolo “FeB” seguito dalla tensione


snervamento in Kg/mm2 e dalla “k” che precisa trattarsi del valore caratteristico.
Secondo i nuovi criteri europei tali denominazioni andrebbero sostituite da quel-
le più sintetiche contenute tra parentesi, dove al simbolo B è affiancato il valore
caratteristico della tensione di snervamento espresso in MPa.

52
Figura 34: Confronti tra diversi tipi di acciaio

Tutti questi acciai sono a durezza naturale (v. Fig. 34), di alta duttilità
e piegabili. Non tutti però consentono l’uso della saldatura. Il prodotto in fili può
risultare di duttilità inferiore.
In sede europea si è normalizzato un unico tipo di acciaio (steel grade)
definito nella apposita norma ENV 10080, prodotto nelle tre classi di duttilità (v.
Fig. 34):
• B500H
• B500N
• B500L
Si tratta sempre di acciaio piegabile, perfettamente saldabile e ad aderenza miglio-
rata. Le barre tonde lisce o nervate sono prodotte nei diametri pari da 6 a 30 mm.
I fili lisci o nervati e le reti elettrosaldate corrispondenti sono prodotti nei diametri
pari da 4 a 12, più il 5 ed il 7 mm.

7.4 Ipotesi di base per i calcoli di resistenza


Nel formulare la trattazione sul comportamento di un elemento strutturale “a tra-
ve” realizzato in calcestruzzo armato, si assumono le seguenti ipotesi. Ci si riferisce
ancora al tratto “corrente” della trave, fuori dalle zone terminali e da quelle inte-
ressate da eventuali carichi concentrati, con forze esterne di massa e di superficie di
entità modesta rispetto al regime tensionale interno. In questo tratto il comporta-
mento della sezione retta risulta sensibilmente indipendente dal particolare assetto
dei carichi, e dipende soltanto dalla loro risultate sulla sezione stessa.

53
Figura 35: Andamento delle deformazioni sulla sezione retta di una trave in c.a.

Come assunto nella trattazione del solido di de Saint-Venant, la prima ipo-


tesi, accuratamente verificata nei riscontri sperimentali fino a situazioni prossime
alla rottura, è quella della planarità delle sezioni (di Bernoulli): sotto l’effetto delle
sollecitazioni applicate le sezioni traslano e ruotano rimanendo piane. La dilata-
zione  ad una distanza y dall’asse, misurata normalmente all’asse neutro n − n di
deformazione nulla, è data dunque da (Fig. 35):
 = 0 + θy
con 0 dilatazione dello “asse di calcolo” assunto come riferimento e θ costante che
rappresenta la curvatura della trave in corrispondenza della sezione considerata.
La seconda ipotesi riguarda la perfetta aderenza tra calcestruzzo e accia-
io d’armatura, aderenza sostanzialmente verificata fintanto che si rispettino le op-
portune regole progettuali nel disegno dei ferri. Per le armature longitudinali che
attraversano la sezione di Fig. 35 questa ipotesi porta all’uguaglianza:
s = c
tra le dilatazioni (o contrazioni) dei due materiali nei loro punti di contatto.
La terza ipotesi si riferisce espressamente ai calcoli di resistenza e porta
a trascurare del tutto la modesta resistenza fct a trazione del calcestruzzo. Ciò
equivale a porre nel diagramma σ −  di questo materiale:
Ect = 0
Ne consegue la cosiddetta parzializzazione della sezione (v. sempre Fig. 35),
che si suppone fessurata nella zona tesa del calcestruzzo. Nei confronti dello sforzo
agente, resta a resistere la sezione reagente, in generale ridotta rispetto all’intera
sezione geometrica, e costituita da tutta l’area d’armatura tesa e compressa, più la
sola parte compressa del calcestruzzo. Nei calcoli di deformazione e di fessurazione
questa ipotesi andrà opportunamente sostituita.
La quarta ipotesi si riferisce infine al comportamento dei materiali e viene
espressa dagli opportuni modelli rappresentativi dei “legami costitutivi” σ−. Vanno
distinti due settori applicativi: quello del calcolo elastico sotto carichi di modesto
livello; quello del calcolo non lineare come per esempio agli stati limite di rottura.
Nel calcolo elastico delle sezioni si ipotizzano appunto i legami elastici
rappresentati dalla “legge di Hooke”:
σc = Ec c

54
Figura 36: Diagrammi σ −  per il calcestruzzo

σs = Es s

il primo dei quali, relativo al calcestruzzo, valido limitatamente al campo delle


compressioni. A parità di contrazione c = s =  si ha:
Es
σs = Es  = σc = mσc
Ec
e cioè, in fase elastica, l’acciaio “lavora” m volte di più del calcestruzzo che lo
attornia, con m pari al rapporto tra i moduli elastici dei due materiali.
Nel calcolo non lineare delle sezioni vanno definiti gli opportuni “modelli
analitici”, rappresentativi dei “reali” legami σ −  dei materiali, modelli atti ad
essere elaborati nelle applicazioni numeriche.

7.4.1 Modelli σ −  per il calcestruzzo


Sulla base delle osservazioni sperimentali sono stati definiti i tre diagrammi di Fig.
36, che rappresentano i modelli di più diffuso impiego. Il primo è il modello parabola-
rettangolo. Il secondo è il modello triangolo-rettangolo. Il più semplice, il terzo, è
rappresentato dal diagramma rettangolare (stress block ). Tutti e tre i modelli fissano
la contrazioni ultima a rottura cu sul valore 0.35%, mediato fra quelli delle diverse
classi di resistenza della produzione ordinaria. In vista dell’applicazione del metodo
semiprobabilistico agli stati limite, la resistenza di calcolo indefinita è assunta pari
a
0.83Rck
fc1 = 0.85fcd = 0.85
γc
dove, a partire dal valore caratteristico della resistenza cubica sperimentalmente
controllata, ci si riporta a quella prismatica con la già citata formula di correlazione
e da questa al valore di calcolo tramite il competente coefficiente γc ; si applica infine
una forfetaria depurazione delle resistenze a termine.

7.4.2 Modelli σ −  per l’acciaio


Per l’acciaio a durezza naturale il modello bilineare riproduce il comportamento per-
fettamente elastico-plastico con una buona precisione evidenziato dal materiale (v.

55
Figura 37: Diagrammi σ −  per il calcestruzzo

Fig. 37). La resistenza di calcolo si deduce da quella caratteristica di snervamento


attraverso il competente coefficiente di sicurezza:
fyk
fsd =
γs
e, mantenendo fissa la pendenza del tratto iniziale coerentemente col valore del
modulo elastico, si ottiene il limite:
fsd
yd =
Es
della dilatazione di snervamento, variabile con la resistenza del materiale. La defor-
mazione ultima a rottura nel campo delle compressioni non entra in gioco in quanto
preceduta sempre da quella molto più piccola del calcestruzzo che sta attorno all’ar-
matura. Nel campo delle trazioni, dove si ammette la fessurazione del calcestruzzo,
viene introdotto il limite di calcolo

sd = 0.01

al quale corrisponde lo sgretolamento del calcestruzzo circostante. Questo parti-


colare valore, del tutto convenzionale, non influisce comunque sensibilmente sulla
resistenza ultima calcolata per la sezione.

7.4.3 Aderenza acciaio-calcestruzzo


La solidarietà tra acciaio e calcestruzzo negli elementi in calcestruzzo armato viene
garantita con l’opportuno “ancoraggio” delle barre alle loro estremità, nonché dal-
l’aderenza che si instaura lungo tutto il loro sviluppo e che assicura in ogni sezione
la trasmissione di sforzi di scorrimento tra i due materiali. Si consideri in primo
luogo l’elementare esempio di “sfilamento” di una barra di acciaio di sezione As da
un blocco di calcestruzzo nel quale sia conglobata per un tratto l (v. Fig. 38).
Alla forza R che tende a produrre lo sfilamento si oppongono le tensioni di aderenza
distribuite sulla superficie di contatto. Dette tensioni variano lungo il tratto di anco-
raggio secondo un certo andamento, ma ai fini qualitativi della presente trattazione

56
Figura 38: Schema dello sfilamento di una barra dal calcestruzzo

si suppone che esse assumano un valore τb costante. Con questa ipotesi dunque
l’equilibrio della barra è dato da:

R = σs As = τb ul

con σs tensione sulla sua sezione esterna ed u perimetro aderente della stessa.
La crisi del sistema potrà verificarsi o per snervamento dell’acciaio o per
sfilamento della barra medesima. Essendo tali eventualità ugualmente risolutive
nei riguardi della crisi, si potrà imporre che, per un appropriato dimensionamento
della struttura, l’eventualità di uno sfilamento non si manifesti prima di quella dello
snervamento:
πφ2
fy = τbr πφl0
4
avendo indicato con τbr il valore limite di rottura della tensione di aderenza. Si
ricava pertanto:
φfy
l0 =
4τbr
che rappresenta la lunghezza minima d’ancoraggio secondo il criterio sopra precisato.
Per assicurare la completa collaborazione dell’armatura metallica in una
certa sezione di calcestruzzo armato, prima di quella sezione il ferro deve essere
ancorato nel calcestruzzo per un tratto pari almeno ad un certo multiplo del suo
diametro. Tenendo conto dei diversi valori dei coefficienti di sicurezza, con γc /γs =
1.6/1.15 = 1.4 per un ferro tondo di superficie ad aderenza migliorata, con fy /τbr =
400/5 = 80 si ha:
80 × 1.4
l0 = = 30φ
4
Tali valori sono indicativamente validi per un corretto accoppiamento delle
qualità dei due materiali, per cui ad una maggiore resistenza dell’acciaio va associata
una migliore caratteristica di aderenza.
Diversi opportuni accorgimenti vanno comunque adottati nel disegno dei
ferri per assicurare l’aderenza. In primo luogo un’adeguata limitazione del diametro
dei ferri per non ricorrere ad eccessive lunghezze di ancoraggio. Si deve poi, come
anzidetto, garantire un coerente accoppiamento delle qualità dei materiali. Si deve
ancora tenere conto del negativo effetto della fessurazione, che provoca distacchi e
lesioni della superficie di contatto efficace, mirando ad ancorare ove possibile i ferri in

57
zona compressa. La vicinanza delle armature alla superficie esterna del calcestruzzo
diminuisce anch’essa la resistenza dell’unione di aderenza, a causa della scarsa o
nulla efficacia della crosta superficiale; le barre vanno quindi di norma ancorate alle
estremità piegandole verso l’interno o con opportune sagome. Da notare infine come
la “ripresa” dei ferri, e cioè la loro giunzione per semplice sovrapposizione, implichi
il passaggio del flusso di tensioni attraverso il calcestruzzo; si dovrà quindi verificare
accuratamente tale sollecitazione e prevedere l’opportuno sfalsamento delle diverse
giunzioni, in modo da non concentrare il disturbo provocando l’eventuale eccessivo
indebolimento della sezione interessata.

58
8 SFORZO ASSIALE CENTRATO

8.1 Pilastri
I pilastri in calcestruzzo armato sono provvisti di due ordini di armature (v. Fig.
39): un’armatura longitudinale costituita da ferri posti agli spigoli ed eventualmente
anche sui lati più lunghi; un’armatura trasversale costituita da “staffe”, ovvero ferri
di diametro minore sagomati in modo da racchiudere il fascio dei ferri longitudinali.
Sotto azioni di compressione sostanzialmente centrate non sorgono nei pi-
lastri tensioni di trazione. Si potrebbe pensare di non adottare alcuna armatura
essendo il calcestruzzo atto a resistere bene alla compressione. La sua fragilità però
richiede un correttivo. Se si escludono le opere massicce, per le quali una eventuale
lesione fragile localizzata incide poco sulla resistenza complessiva, gli elementi in
calcestruzzo vanno sempre avvolti in una specie di gabbia metallica superficiale.
L’entità di tale gabbia metallica va rapportata alla massa di calcestruzzo
da armare in modo da introdurre un sensibile apporto di resistenza a trazione. Ciò
porta a prescrizioni sulle armature minime del tipo
As ≥ ρ0 Ac
che impone un valore minimo ρ0 (per es. = 0.003) al rapporto geometrico di armatura
longitudinale ρs = As /Ac ; oppure del tipo
As ≥ ν0 Nad /fsd
che impone l’evenutale maggiorazione dell’armatura stessa in base ad una quota
minima ν0 del carico da riservare ad essa.
Bisogna inoltre garantire una sufficiente diffusione delle armature stesse,
imponendo un interasse massimo dei ferri (per es. ≤ 300 mm) e correlando la
spaziature delle staffe al lato minore del pilastro (per es. s ≤ b).
Per armature inferiori ai minimi sopra citati si ha la tipologia delle opere
in calcestruzzo semplice (non armato o debolmente armato), come le murature e le
altre strutture massicce, che vengono progettate con criteri appositi.
Grandi percentuali d’armatura, superiori ad un limite ρ1 dell’ordine del
4%, rendono incerta l’effettiva collaborazione tra i due materiali per problemi di
aderenza. Quando l’area dell’acciaio supera detto limite di incidenza, si entra nel
campo di un diverso tipo di materiale composto. Si tratta cioè di strutture miste,
nelle quali l’aderenza tra acciaio e calcestruzzo va affidata ad appositi dispositivi
connettori e non soltanto all’aderenza superficiale.

Figura 39: Armature tipiche di pilastri in c.a.

59
Figura 40: Modalità di rottura di un pilastro compresso

In Fig. 40 è indicata la modalità di rottura di un pilastro compresso, con


formazione della tipica “clessidra” nel calcestruzzo e con sbandamento delle armatu-
re longitudinali per instabilità. Da ciò si deduce un’altra importante funzione delle
staffe: quella di limitare la lunghezza di libera inflessione dei ferri longitudinali, che
altrimenti risulterebbero troppo “instabili” per offrire un significativo contributo al-
la resistenza. La spaziatura massima delle staffe va quindi rapportata al diametro
dei ferri longitudinali con limitazioni del tipo

s ≤ κ0 Φ

che per esempio, con κ0 =12, (essendo i = Φ/4 il raggio di inerzia ed s0 = 0.5s la
lunghezza di libera inflessione), impone implicitamente il limite
s0
λ= = 24
i
alla snellezza dei ferri stessi.
Le staffe vanno sagomate e dimensionate in modo da garantire un effica-
ce ritegno verso l’interno del pilastro funzionando a trazione. Posto che la forza
deviatoria trasversale sia proporzionale a quella verticale che scende entro i ferri
longitudinali (per es. un qualche percento), la sezione delle staffe va dunque cor-
relata a quella dei ferri longitudinali stessi con limitazioni del tipo Φ1 ≥ Φ/n. La
presenza di ferri longitudinali sui lati richiede infine l’aggiunta di appositi ferri di
collegamento trasversali.
Le due estremità del pilastro sono le zone più critiche, sia per l’eventuale
“disturbo” creato dalle riprese dei ferri (in genere al piede), sia perché l’eventuale
componente flettente dello sforzo vi raggiunge i suoi massimi. E’ buona norma
infittire le staffe in dette zone, per esempio dimezzandone il passo, cosı̀ da potenziare
il loro effetto di confinamento.
L’armatura di elementi di sezione allungata, come setti o muri (v. Fig.
41), prevede l’inserimento di due orditure di ferri prossime alle superfici esterne.
L’armatura “trasversale”, costituita dai ferri diritti orizzontali di diametro minore,

60
Figura 41: Armature tipiche nei setti in c.a.

non offre il collegamento passante necessario per trattenere le barre verticali con sole
trazioni. Per questo sarebbero necessari degli appositi ferri (come quello tratteggiato
in figura), uno per ogni coppia di ferri verticali, spaziati in altezza secondo gli stessi
criteri detti per le staffe.
I ferri di collegamento possono essere omessi qualora lo strato di calcestruzzo
che ricopre le barre sia in grado di trattenerle con trazioni trasversali σh opportuna-
mente contenute in modo da non ridurre sensibilmente la resistenza del calcestruzzo
stesso verso le compressioni verticali. Ciò porta a limitazioni del diametro Φ delle
barre in rapporto al copriferro c ≥ 2Φ in funzione del diametro della barra longitu-
dinale e ciò al fine di poter contare sulle piene capacità resistenti dei materiali senza
bisogno dei ferri trasversali di contenimento.

8.1.1 Calcolo elastico e a rottura


Data la sezione in calcestruzzo armato di Fig. 42 soggetta ad una forza N centrata
di compressione, per la prima ipotesi dei calcoli di resistenza (par. 7.4) si ha che la
sezione stessa trasla rimanendo piana, manifestando sotto carico una contrazione 
costante. Per la seconda ipotesi, quella della perfetta aderenza tra i due materiali,
deriva che anche l’acciaio subisce la stessa deformazione s = c = . La terza ipotesi
della parzializzazione non entra in gioco trattandosi di sole tensioni di compressione:
la sezione reagente in questo caso coincide con la sezione geometrica.
Per un calcolo elastico le tensioni nei due materiali si ottengono di conse-
guenza attraverso la legge di Hooke:

σc = Ec c = Ec 
σs = Es s = Es 

dove in particolare, per l’eguaglianza delle deformazioni, si ha:

σs = mσc

essendo m = Es /Ec il rapporto tra i moduli elastici dei due materiali.


L’equilibrio alla traslazione della sezione si pone dunque con:

σc Ac + σs As = N

61
Figura 42: Schema di calcolo di un pilastro in c.a.

avendo indicato con Ac e As le aree del calcestruzzo e dell’acciaio rispettivamente


interessate dalle tensioni σc e σs . Introducendo il soprascritto legame tra queste
tensioni si ottiene infine:

σc (Ac + mAs ) = σc Ai = N

avendo posto
Ai = Ac + mAs
l’area ideale della sezione ragguagliata al calcestruzzo. Si ha cioè che in fase elastica
l’area metallica As va amplificata attraverso il “coefficiente di omogeneizzazione” m
per ottenere un’area di calcestruzzo che abbia la stessa “portanza”.
Chiamando con
Es As
ψs = = mρs
Ec Ac
il rapporto elastico di armatura, valutato pesando le aree dei due materiali con il
rispettivo modulo elastico, si può scrivere3 :

Ai = Ac (1 + ψs )
3
Si riportano di seguito i passaggi:
   
As mAs Es
Ai = Ac + mAs = Ac 1 + m = Ac 1 +
Ac Ac Es
Es
Ricordando che m = Ec si ricava:
 
As Es
Ai = Ac 1 +
Ac Ec
Posto:
E s As
ψs = = mρs
E c Ac
si ricava infine:
Ai = Ac (1 + ψs )

62
Figura 43: Legami costituitivi di calcestruzzo e acciaio per i pilastri

dove è evidenziato tra parentesi il fattore amplificativo dell’area di calcestruzzo.


Il valore delle tensioni sotto assegnato sforzo N si deduce di conseguenza
come:
N
σc =
Ai
σs = mσc
Assumendo il valore caratteristico dell’azione, tali formule si impiegano dun-
que per le verifiche di esercizio del tipo σc < σ¯c (con σ¯c = 0.45fck per situazioni non
transitorie di carico).
Per un calcolo a rottura (allo stato limite ultimo) l’ipotesi elastica va so-
stituita dalle leggi costitutive σ −  dei due materiali (v. Fig. 43). Da notare, a
completamento di quanto detto nel par. 7.4 circa i modelli di comportamento del
calcestruzzo, come il limite cu a rottura venga raggiunto sotto contrazioni imposte.
Se invece è il carico ad aumetare, la rottura si innesca al valore c1 e si manifesta
bruscamente con un cedimento non più controllato del provino.
Nelle sezioni inflesse di calcestruzzo la variabilità delle tensioni offre un certo
“grado di iperstaticità” al sistema, per cui la fibre meno caricate offrono il controllo
alle deformazioni di quelle maggiormente caricate. I bordi compressi delle travi
possono quindi raggiungere il limite cu . Nelle sezioni di calcestruzzo compresse
assialmente non si ha invece alcun “grado di iperstaticità”, essendo tutte le fibre
egualmente caricate. Per questo motivo va assunto il limite c1 quale contrazione
limite di rottura.
Supposto per ora un incremento istantaneo di carico, al limite di rottura c1
del materiale più fragile, l’equilibrio della sezione si pone dunque con l’equazione
Nrd = fc1 Ac + σ ∗ As

63
dove va posto σ ∗ = fsd qualora risulti yd < c1 .
Analogamente alla formula elastica questa equazione può essere posta come
!
fsd
Nrd = fc1 Ac + As = fc1 Air
fc1

dove l’area ideale ragguagliata al calcestruzzo vale


fsd
Air = Ac + As = Ac (1 + ωs )
fc1
Il coefficiente di omogeneizzazione dell’area metallica è dato questa volta
dal rapporto delle due tensioni resistenti, mentre il coefficiente adimensionale
fsd As
ωs =
fc1 Ac
dove le aree dei due materiali sono pesate con le rispettive resistenze, è detto rapporto
meccanico di armatura. Esso indica l’apporto relativo dell’armatura metallica nei
riguardi della resistenza. Questo rapporto va da

215/1.15
ωs = 0.003 = 0.03
0.85 × 0.83 × 40/1.6

per sezioni armate con il minimo di armatura (As = 0.003Ac ), acciaio di bassa
resistenza (fs = 215MPa) e calcestruzzo di alta resistenza (fc1 = 40MPa) a

500/1.15
ωs = 0.04 =2
0.85 × 0.83 × 20/1.6

per sezioni armate con il massimo di armatura (As = 0.04Ac ), acciaio di alta resi-
stenza (fs = 500MPa) e calcestruzzo di bassa resistenza (fc1 = 20MPa). Si nota
come si possa passare da elementi debolmente armati con apporto dell’armatura pra-
ticamente trascurabile fino a situazioni, invero non frequenti, di prevalente apporto
dell’armatura stessa. Nelle comuni situazioni la presenza dell’armatura può incre-
mentare la portata dei pilastri indicativamente del 20-30%, tale essendo mediamente
la percentuale meccanica d’armatura.
Da notare infine che diverse normative (come quella italiana) penalizzano
ancora la resistenza per sforzo assiale del calcestruzzo ponendola pari a 0.8fc1 . In
tal caso la formula qui dedotta diventa

Nrd = fc1 Ac (0.8 + ωs )

8.1.2 Effetto delle cerchiature


La gabbia periferica costituita da staffe e ferri longitudinali offre un certo confi-
namento del calcestruzzo all’interno del pilastro, contrastandone la dilatazione tra-
sversale sotto carico ed aumentandone la resistenza. L’effetto nei comuni pilastri
“staffati” è di modesta entità a causa della scarsa fittezza della maglia dell’armatura
metallica. Come mostrato indicativamente in Fig. 44, la bassa rigidezza flessionale

64
Figura 44: Effetto del confinamento in pilastri ordinari

dei tratti rettilinei dei ferri lascia concentrare le azioni di confinamento sulle piega-
ture delle staffe; queste azioni si diffondono cosı̀ su di una limitata porzione interna
di calcestruzzo.
Per sfruttare sistematicamente l’effetto sopra descritto si adottano oppor-
tune armature “cerchianti”, nettamente più fitte che nei pilastri staffati. I pilastri
cerchiati circolari dunque dispongono di un fascio di ferri longitudinali (almeno 6),
fittamente distribuiti su di un tracciato periferico circolare e racchiusi da un fer-
ro a spirale (o da staffe circolari). Il passo stesso della spirale va opportunamente
contenuto rispetto al diametro, per esempio con s ≤ D/5. Cosı̀ facendo si ottiene
un efficace contenimento delle dilatazioni trasversali in tutto il nucleo cilindrico di
calcestruzzo delimitato dalla cerchiatura (v. Fig. 45).
In fase elastica l’effetto della cerchiatura sulla distribuzione delle tensioni è
assai limitato, mentre la resistenza a rottura viene invece sensibilmente incrementata
dalla cerchiatura. Introducendo anche per il pilastro cerchiato la stessa penalizza-
zione della resistenza riservata al calcestruzzo dei pilastri staffati, si ha finalmente
la formula cautelativa della resistenza:

Nrd = fc1 An (0.8 + ω1 + 1.6ωw )


fsd A1
ω1 =
fc1 An
fsd Aw
ωw =
fc1 An
dove An = πD2 /4 è l’area del nucleo di calcestruzzo, A1 è l’area dell’armatura
longitudinale e Aw = aw πD/s è l’area equivalente dell’armatura a spirale (di sezione
aw ).

Figura 45: Pilastri cerchiati

65
8.2 Elementi tesi
Con la trattazione sui tiranti in calcestruzzo armato si introduce il fondamentale
tema della fessurazione. La problematica è assai ampia, coinvolgendo aspetti statici,
chimici e tecnologici, e non si può dire che allo stato attuale si siano raggiunti buoni
livelli di precisione nei relativi calcoli applicativi. Criteri e metodi restano ancora
suscettibili di notevoli affinamenti.
Al seguito delle analisi del fenomeno fessurativo si inserisce il tema della
precompressione, visto come accorgimento per mantenere la fessurazione stessa entro
gli opportuni limiti di servizio. Da un lato quindi la possibilità di soddisfare, anche
per gli elementi eminentemente tesi, precisi requisiti funzionali; dall’altro lato la
possibilità di pieno utilizzo delle risorse degli acciai ad elevata resistenza, come
meglio si preciserà nel seguito.
Dando per scontata all’origine la sicurezza nei riguardi della rovina, la
fessurazione ha comunque tre ordini di conseguenze:

• la perdita dell’impermeabilità, in genere non rilevante, in lacuni casi legata


ai requisiti funzionali (come la tenuta dei serbatoi), in altri gravemente pre-
giudizievole nei riguardi della durabilità (come per i fenomeni di gelività che
progressivamente possono disgregare il calcestruzzo se esposto in climi freddi);

• il decadimento estetico connesso alla eventuale evidenza dello stato fessura-


tivo ed il senso di apparente precarietà statica che lo rendono inaccettabile
all’utenza;

• la lesione della protezione contro la corrosione delle armature, protezione of-


ferta dall’opportuno ricoprimento di calcestruzzo, con precaria durabilità della
resistenza stessa.

8.2.1 Verifiche della sezione


Se si assume che il calcestruzzo resista a trazione, deformandosi elasticamente con
un modulo Ect , il calcolo delle tensioni nella sezione di un tirante in c.a. soggetto ad
un’azione assiale N > 0 di trazione porta alle stesse formule dedotte per il pilastro.
Con le solite ipotesi riferite alla sezione interamente reagente, l’equilibrio porta a
N
σc = σs = mt σc
Ac + mt As
dove mt = Es /Ect è il coefficiente di omogeneizzazione dell’area di armatura.
Tali formule vengono impiegate per le verifiche di esercizio che non riguardi-
no la resistenza ultima della struttura. In particolare con esse, ponendo σc = fctk , si
definisce il limite di formazione delle fessure, secondo quanto più avanti specificato.
Nei riguardi della rovina invece la resistenza a trazione del calcestruzzo non risulta
sufficientemente affidabile. Alcuni fenomeni, comunemente trascurati nei norma-
li calcoli di resistenza, possono infatti concorrere ad una precoce fessurazione, in
misura spesso difficilmente quantificabile.

66
8.2.2 Effetto del ritiro
Trazioni sorgono nel calcestruzzo, ancor prima che la struttura venga sottoposta ai
carichi di servizio, a causa del ritiro. Per la sezione di un elemento in c.a. tale
effetto può essere valutata imponendo l’equilibrio e la congruenza per un valore cs
del ritiro riferito al solo calcestruzzo:

As σs + Ac σc = 0
σs σc
= + cs
Es Ect
Le due equazioni precedenti sono ottenute immaginando di avere un elemen-
to di calcestruzzo armato vincolato alle estremità in modo che non gli sia impedito
di accorciarsi. La prima equazioni esprime il fatto che non vi sono carichi esterni
applicati (il secondo membro è uguale a zero). La seconda equazione esprime la con-
gruenza tra la deformazione dell’acciaio (primo membro) e quella del calcestruzzo
(secondo membro). Quest’ultima ottenuta sommando alla deformazione incognita
del calcestruzzo quella nota dovuta al ritiro, che si applica al solo calcestruzzo.
Dalla prima equazione si ottiene
σc
σs = −
ρs

che, sostituita nella seconda, porta a4 :


mt ρs
σc = − Ect cs
1 + mt ρ s
Per avere una idea delle tensioni in gioco, si calcola l’espressione precedente per ct =
−0.0004 (secondo quanto detto al par. 7.1), Ect = Ec = 25000 MPa, ρs = 0.008,
mt = 6. Si ottiene σc = 0.46 MPa e σs = 57.2 MPa.

8.2.3 La fessurazione del tirante in c.a.


Per analizzare la genesi del fenomeno fessurativo si consideri l’elemento di Fig. 46,
realizzato in calcestruzzo con una ideale barra di armatura di diametro Φ conglobata
nel getto in posizione baricentrica. L’elemento sia inizialmente privo di qualsiasi le-
sione e si inizi a sollecitarlo con una forza N di trazione, di modesta entità, applicata
agli estremi della barra metallica.
4
Si riportano di seguito i passaggi. La seconda equazione diventa:
σc σc
− = + cs
ρs Es Ect
 
1 1
σc + = −cs
Ect ρs Es
ρs Es + Ect
σc = −cs
Ect ρs Es
Ect ρs Es mt ρs Ect
σc = − cs = − cs
ρs Es + Ect 1 + mt ρs
avendo diviso numeratore e denominatore per Ect ed avendo posto mt = Es /Ect

67
Superati i tratti estremi di lunghezza λ necessari per la diffusione dello sforzo
dall’acciaio all’intera sezione, si instaura in tutto il tratto interno dell’elemento uno
stato di tensione calcolabile con le formule precedentemente ottenute:
N
σc = σs = mt σc
Ac + mt As
Finché la tensione σc nel calcestruzzo rimane inferiore alla sua resistenza a trazione,
tale stato di tensione resta qualitativamente invariato, come indicano i diagrammi
“a” di Fig. 46, dove in particolare si evidenzia come la tensione τb di aderenza si
attivi nei tratti di incompleta diffusione delle tensioni.
Si pensi ora di aumentare la forza N fino a raggiungere valori di σc molto
prossimi a quelli di rottura. A tal punto, nel tratto interno dell’elemento in cui si ha
completa distribuzione delle tensioni su tutta la sezione, può manifestarsi una prima
fessura situata dove, per la variabilità dei parametri caratteristici della resistenza,
si ha casualmente una sezione più debole delle altre. Si instaura pertanto un nuovo
stato di tensione, come descritto dai diagrammi “b” di Fig. 46, con tensioni che
variano da σs0 = N/As in corrispondenza della fessura al valore σs dei tratti a
completa diffusione dello sforzo e con delle tensioni nel calcestruzzo che variano
parallelamente da 0 a σc .
Aumentando lo sforzo N fino a raggiungere i valori di rottura della tensione
di trazione nel calcestruzzo, la fessurazione si estende a tutto il tirante. La minima
distanza dalle primitiva fessura di una possibile successiva è quel parametro λ che
caratterizza la lunghezza necessaria per il completo diffondersi delle tensioni nella
sezione, perché solo oltre a tale lunghezza la tensione σc può assumere il suo valore
massimo.
Nei diagrammi “c” di Fig. 46 è qualitativamente rappresentato il fenomeno,
con evidenziati i limiti inferiore e superiore entro cui può variare in modo casuale
l’effettiva distanza tra le fessure. Ulteriori incrementi di N oltre il valore di for-
mazione delle fessure provocano una progressiva apertura delle fessure già presenti.
Qualche nuova fessura può ancora formarsi in mezzeria dei conci più lunghi; poi la
configurazione si stabilizza con aperture sempre maggiori finché, per elevati valori
dell’allungamento dell’acciaio, il legame stesso di aderenza entra in crisi.
La schematizzazione precedente può essere anche utilizzata per stimare la
spaziatura caratteristica tra le lesioni, individuata dal parametro λ. Con riferimento
alla Fig. 46a si può scrivere l’equilibrio della trave nel tratto compreso tra l’estremità
sinistra, in cui la tensione nell’acciaio è σs0 = N As ed il punto in cui, sviluppatosi
completamente il legame di aderenza, la tensione nella barra cala al valore σs = mt σc .
In questa seconda sezione la tensione nel calcestruzzo vale σc = N/Ai . La lunghezza
massima di λ si verifica quando la tensione nel calcestruzzo raggiunge il limite di
resistenza a trazione, ossia σc = fct . Quindi per l’equilibrio:

σs0 As = σs As + fct Ac

Il calo di tensione nella barra viene assorbito come trasferimento di sforzi per ade-
renza al calcestruzzo che avvolge la barra stessa. Se per semplicità si ipotizza un
diagramma di aderenza costante con tensione di aderenza pari a τb si può scrivere:

(σs0 − σs )As = πΦλτb

68
Figura 46: Genesi della fessurazione nel tirante in c.a.

Ricordando che ρs = As /Ac e ricavando dalla prima espressione (σs0 − σs )As si può
scrivere:
As fct Φ2
fct = π = πΦλτb
ρs ρs 4
Tenendo conto che la tensione limite di aderenza è proporzionale alla resistenza a

69
Figura 47: Spessori minimi dei getti in c.a.

trazione del calcestruzzo attraverso il parametro βb = τb /fct in definitiva si ricava:

Φ
λ=
4ρs βb
La distanza tra le fessure contigue dunque risulta tanto maggiore quanto più grande
è il diametro della barra e quanto più piccola è la percentuale di armatura. Anche
la caratteristica βb di aderenza influisce sulla distanza λ, che è minore per le barre
ad aderenza migliorata rispetto al tondo liscio.

8.3 Richiami di tecnologia del c.a.


Nel seguito vengono riportate diverse prescrizioni costruttive per il corretto progetto
delle opere in calcestruzzo armato. Si tratta non di regole esatte e tassative; la loro
generale osservanza è però necessaria per garantire che i modelli ipotizzati nei calcoli
possano di fatto verificarsi nel comportamento della reale costruzione.
Un primo aspetto riguarda gli spessori minimi da assegnare agli elementi per
garantire una sufficiente omogeneità del getto, anche in rapporto alla rilevanza della
funzione statica della parte considerata. Detti spessori minimi vanno direttamente
correlati alla dimensione massima da dell’inerte impiegato che può variare per le
comuni opere da 12 fino a 25 mm. Con il criterio di garantire una buona distribuzione
dei granuli fino alla dimensione 0.8 da prossima a quella massima dell’aggregato, si
possono indicare i seguenti valori.

• elementi strutturali armati sulle due facce (Fig.47a): t ≥ 0.8 × 5da = 4da (50
- 100 mm)

• solette e nervature armate su di un unico livello (Fig.47b): t ≥ 0.8 × 3da =


2, 4da (30 - 60 mm)

• solette collaboranti poste su blocchi permanenti (Fig.47c): t ≥ 0.8 × 2da =


1, 6da (20 - 40 mm)

Per gli elementi in calcestruzzo semplice (non armato) lo spessore minimo


è bene che sia tenuto in t ≥ 5da .

70
Figura 48: Copriferri ed interferri minimi nei getti in c.a.

Il posizionamento dei ferri nella sezione deve rispettare minimi di interferro


e copriferro. Ciò sia per consentire il passaggio degli inerti, sia per un buon conglo-
bamento nel getto ai fini dell’aderenza, sia per garantire la protezione delle armature
stesse contro la corrosione. In quanto segue per copriferro c e per interferro oriz-
zontale ih e verticale iv si intendono le misure all’asse della barra (Fig. 48); con
ricoprimento c0 = c − Φ/2 e con spaziatura i0 = i − Φ si intendono i corrispondenti
spessori netti di calcestruzzo.
Con il solito criterio di garantire il passaggio degli inerti a tutto o quasi
tutto l’aggregato si possono indicare le seguenti misure minime:

Spaziatura minima orizzontale i0h verticale i0v


barre lente (Fig. 48a ) 1da 0.8da
cavi pretesi (Fig. 48b ) 1, 2da 1da

Ricoprimento minimo c00 c0


staffe ripartitori (Fig. 48a ) 0, 8da
armatura lenta (Fig. 48a ) 1da
armatura pretesa (Fig. 48b ) 1da

Con il criterio del buon conglobamento dei ferri, per assicurare loro una
adeguata aderenza grazie ad un consistente strato di calcestruzzo circostante, si
possono indicare le seguenti misure minime:

Valori minimi spaziatura i0 ricoprimento c0


armatura lenta (Fig. 48a ) 1Φ 1Φ
armatura pretesa (Fig. 48b ) 2Φ 1, 5Φ

71
Figura 49: Schema di funzionamento della sovrapposizione delle barre nei getti in
c.a.

Può aggiungersi un’ulteriore più gravosa necessità di ricoprimento quando,


a causa delle condizioni d’uso dell’edificio, sia richiesta una particolare resistenza
all’incendio delle strutture. Da tenere presente, altresı̀, che copriferri eccessivi creano
problemi nel riguardo del contenimento della fessurazione. Per valori superiori al
limite indicativo c0 = 40 mm richiesta in genere l’aggiunta di armatura di pelle,
non considerata ai fini della resistenza, posta a protezione periferica per il normale
esercizio delle strutture.
Un aspetto molto importante è quello connesso con l’ancoraggio terminale
delle barre. Per garantire la collaborazione dell’armatura metallica in una certa
sezione bisogna che, oltre quella sezione, l’armatura sia prolungata di un tratto pari
alla necessaria lunghezza di ancoraggio. Secondo il criterio forfetizato che garantisce
ovunque la piena utilizzabilità delle risorse di resistenza dell’accciaio, tale lunghezza
si ottiene da:
Φfsd
lb =
4fbd
con fbd = βb fctd e βb = 2, 25 per barre nervate, βb = 1 per tondo liscio.
Ferri interrotti in zona tesa e posti in prossimità della superficie esterna
del getto, con lo strato di ricoprimento praticamente inefficace ai fini dell’aderenza,
richiederebbero una lunghezza doppia di ancoraggio. Essi vanno evitati, a meno di
dotarli di un adeguato confinamento per mezzo di una fitta staffatura trasversale.
Aspetti molto simili presenta il problema della giunzione dei ferri. Escluden-
do tecniche particolari non molto diffuse, come la saldatura (consentita negli acciai
espressamente indicati come saldabili) o l’impiego di manicotti (filettati o cerchiati),
la giunzione delle armature si ottiene con una semplice ripresa per sovrapposizione
delle barre stesse, estesa in modo da assicurare l’ancoraggio di ciascuna di esse.
Oltre a riproporre il calcolo della lunghezza lb d’ancoraggio qui sopra ricor-
dato, questa giunzione richiede la trasmigrazione degli sforzi da una barra all’altra
attraverso il calcestruzzo circostante. La distanza delle barre da riprendere influisce
dunque sulla sovrapposizione, secondo quanto indicato in Fig. 49a, mentre in Fig.
49b viene ricordato come un buon confinamento trasversale, con un’area totale di

72
Figura 50: Sovrapposizione delle barre nei pilastri

staffe At pari a quella Al dell’armatura da giuntare, migliori notevolmente il com-


portamento della giunzione, facendo funzionare a compressione il calcestruzzo nel
traliccio resistente.
Un ultimo aspetto a cui si vuole fare cenno in queste pagine riguarda il
tracciato delle armature. Nel c.a. le barre metalliche sono chiamate a sopportare
sollecitazioni assiali principalmente di trazione. La loro limitata rigidezza flessio-
nale, piccola rispetto a quella dell’elemento composto, fa sı̀ che ogni deviazione
dei ferri dal tracciato rettilineo concentri delle azioni trasversali sul calcestruzzo in
corrispondenza delle piegature.
Il caso di elementi compressi desta minori preoccupazioni in quanto l’inte-
grità del calcestruzzo consente il controllo delle azioni deviatorie. Di dovrà, come
già detto, limitare la snellezza delle barre compresse con appositi ferri trasversali
(come le staffe nei pilastri) per contenere la tendenza allo sbandamento instabile
verso l’esterno, con possibile distacco della crosta superficiale di calcestruzzo.
La Fig. 50 mostra il caso di nodi di raccordo di tratti sovrapposti di pilastro
con diverse dimensioni. Posto che si abbiano sezioni sempre interamente compres-
se, se l’angolo di piegatura risulta piccolo, è possibile deviare i ferri longitudinali
provenienti dal tratto inferiore per inserirli entro la sagoma ridotta del tratto su-
periore, consentendo delle modeste azioni trasversali, contenute entro lo spessore
dell’impalcato. Scostamenti dimensionali maggiori richiedono invece l’interruzio-
ne dell’armatura inferiore e la ripresa di quella superiore con appositi richiami più
interni.
Per le armature tese il problema è più delicato in quanto riguarda zone
di calcestruzzo per lo più fessurato, non in grado di contenere le azioni trasversali

73
Figura 51: Effetti locali sul calcestruzzo

deviatorie. In Fig. 51 sono descritte per esempio due tipiche situazioni. La prima
si riferisce ad una trave inflessa configurata “a ginocchio”: nella non corretta solu-
zione tracciata sopra è indicata l’azione trasversale dell’armatura tesa che provoca
la rottura del fondo; sotto invece le armature sono correttamente sagomate, con
prolungamenti rettilinei fino in zona compressa e ancoraggi separati senza azioni
deviatorie trasversali.

74
9 MOMENTO FLETTENTE

In una trave inflessa, come quella in c.a. schematizzata in Fig. 52a, si ha che
le sezioni reagiscono al momento flettente prodotto dai carichi esterni con una di-
stribuzione di tensioni normali σ parte di trazione e parte di compressione. Non si
considera per ora la contemporanea presenza di sollecitazioni taglianti, che verranno
diffusamente trattate in un Capitolo successivo. Per una delle ipotesi del calcolo del
c.a., quella che assume nulla la resistenza a trazione del calcestruzzo, avviene che la
sezione della trave si parzializza restando come parte reagente, ai fini dei calcoli di
resistenza, una zona di calcestruzzo compressa più tutta l’armatura metallica tesa
e compressa. L’armatura dunque sarà principalmente disposta al lembo teso della
trave per costituire il suo corrente teso, collaborante con il corrente compresso forni-
to dal calcestruzzo. La parte tesa del calcestruzzo non partecipa a questa resistenza;
sta solo a garantire il collegamento tra i due correnti, come più avanti verrà meglio
precisato.

Figura 52: Trave in c.a. soggetta a flessione pura

Il comportamento effettivo delle sezioni inflesse in c.a. vede più stadi


secondo il livello di sollecitazione (v. Fig. 52b):

• stadio I dei bassi livelli di sollecitazione con comportamento ancora elastico


di entrambi i materiali e distribuzione lineare “a farfalla” delle tensioni nel
calcestruzzo su sezione interamente reagente;

• stadio IA con tensioni al lembo teso del calcestruzzo prossime alla sua resisten-
za a trazione, comportamento ancora lineare elastico della parte compressa,
non lineare di quella tesa;

• stadio II dove, raggiunta la resistenza a trazione del calcestruzzo, si innesca


la fessurazione, che si estende istantaneamente fino ad una quota prossima

75
Figura 53: Tensione normale nel calcestruzzo

all’asse neutro, riversando l’intero sforzo di trazione nell’armatura metallica; il


calcestruzzo compresso e l’armatura stessa possono ancora trovarsi nell’ambito
di un comportamento pressoché elastico lineare;

• stadio III con sole sollecitazioni prossime alla resistenza flessionale ultima della
sezione dove il comportamento esce decisamente dall’ambito elastico lineare.

Gli stadi I e II sono contemplati nelle verifiche di esercizio, lo stadio III per
la verifica della resistenza.
Da notare che l’asse neutro, baricentrico rispetto alla sezione reagente nella
flessione semplice, si sposta col variare del livello di sollecitazione. Si deve dunque
distinguere tra asse di calcolo della trave, e cioè quello assunto nell’analisi del telaio
per la definizione dei diagrammi degli sforzi e coincidente in genere con il baricentro
della sezione geometrica del solo calcestruzzo, ed i baricentri delle sezioni reagenti
che variano, anche per travi a sezione di forma costante, con il livello e con il tipo
di sollecitazione, oltre che per eventuali cambiamenti di armatura.
In quanto segue si applicheranno le già citate ipotesi di planarità e di con-
gruenza delle deformazioni. Per i calcoli elastici si aggiungerà la legge di Hooke,
affiancata o meno dall’ipotesi della parzializzazione. Attraverso le opportune con-
dizioni di equilibrio della sezione si dedurranno quindi le formule di verifica delle
tensioni prodotte dal momento flettente, dove in particolare il principale parametro
del comportamento strutturale resta il momento d’inerzia baricentrico della sezione
reagente.
Nel calcolo a rottura, ferme restando le tre ipotesi di planarità, congruenza
e parzializzazione, quella di elasticità basata sulla legge di Hooke va sostituita da
un più completo modello di comportamento σ −  dei materiali, modello esteso fino
ai valori ultimi delle deformazioni corrispondenti ai limiti di rottura.
Per il calcestruzzo sono stati introdotti al punto 7.4.1 i tre modelli “pa-
rabola-rettangolo”, “triangolo-rettangolo” e “stress block”. Posta la linearità delle
contrazioni nel calcestruzzo, che per la sezione inflessa variano da 0 sull’asse neutro
al massimo c sul bordo estremo, la distribuzione delle tensioni su detta parte ri-
produrrà il modello costitutivo stesso, in tutto o in parte a seconda che la massima
contrazione c abbia o no raggiunto il limite ultimo cu (Fig. 53)

76
Nei calcoli di resistenza dunque si tratterà di valutare la risultante delle
compressioni nel calcestruzzo: Z x
C= σbdy
0
ed il suo contributo in termini di momento flettente:
Z x
Mc = yσbdy
0

con σ = σ() fornita dal modello costitutivo ed  = yc /x espressa sulla base della
linearità delle deformazioni. Per sezioni rettangolari, con b = cost., queste formule
si traducono semplicemente nella valutazione dell’area coperta dal diagramma delle
tensioni e nella individuazione del suo baricentro. Se per esempio si è raggiunta
la c = cu ultima di rottura, i tre modelli proposti per la legge costitutiva del
calcestruzzo, attraverso elementari calcoli di geometria, portano ad una risultante
delle compressioni:
C = β0 bxfcd
posta ad una distanza κ0 x dal bordo compresso della sezione (Fig. 54), con β0 = 0.8
e κ0 = 0.4. Il coefficiente β0 rappresenta il rapporto tra l’area coperta dall’effettivo
diagramma e quella del rettangolo circoscritto: il coefficiente κ0 definisce la posizione
del baricentro in rapporto all’estensione x del diagramma stesso5 .
Per una contrazione massima c del calcestruzzo minore del valore ultimo
cu (Fig. 55), detti coefficienti vengono bene approssimati dalle espressioni:

β = β(c ) = (1.6 − 0.8c )c


κ = κ(c ) = 0.33 + 0.07c

che “raccordano” il comportamento da c = c /cu = 1 (con β = β0 ∼


= 0.8 e κ =
κ0 ∼
= 0.4) fino a c → 0 (con β → 0 e κ → 1/3).
5
Per determinare i coefficienti β0 e κ0 si faccia riferimento allo schema di sinistra di Fig. 54. La
fibra in cui ha termine la parabola ed inizia il rettangolo si trova ad una distanza dall’asse neutro
pari a:
y1 = 0.002/0.0035 x = 0.57x
Ricordando che l’area sotto una parabola di base fc1 ed altezza y1 vale 2/3fc1 y1 si ricava la
risultante delle tensioni nel calcestruzzo in corrispondenza del diagramma parabolico (C1 ) e del
diagramma rettangolare (C2 ) nonché la risultante complessiva (C = C1 + C2 ):

C1 = 2/3bfc1 y1 = 0.38bxfc1

C2 = bfc1 (x − y1 ) = 0.43bxfc1
C = 0.81bxfc1 = β0 bxfc1
Per determinare la distanza κ0 x del punto di applicazione di C dal lembo superiore della sezione
bisogna ricordare che il baricentro della parabola è situato ad una distanza 7/12 y1 dall’asse neutro
e quindi si può scrivere che il momento rispetto all’asse neutro dovuto alla risultante C eguaglia
la somma dei momenti rispetto allo stesso asse dovuti a C1 e C2 :
 
x − y1
C(1 − κ0 )x = C1 7/12y1 + C2 y1 +
2

C(1 − κ0 )x = 0.33xC1 + 0.78xC2


Sostituendo le espressioni prima ricavate per C1 , C2 e C si ricava facilmente κ0 =0.42

77
Figura 54: Esempi di calcolo della risultante delle compressioni nel calcestruzzo

9.1 Calcolo elastico


Per un calcolo elastico su sezione interamente reagente, corrispondente al comporta-
mento proprio dello stadio I, vale quanto dedotto in Scienza delle costruzioni per la
trave di de Saint-Venant: basta omogeneizzare le aree d’armatura con il coefficiente
m = Es /Ec ed utilizzare la conseguente caratteristica Ii ideale della sezione. Con
riferimento alla sezione a doppia armatura descritta in Fig. 56 si ha dunque:
M
σc = − yc
Ii
M 0
σc0 = y
Ii c
M
σs = m ys
Ii
M
σs0 = −m ys0
Ii
Il momento di inerzia Ii si ottiene dalle formule di geometria delle masse:

 !2 
h2 h
Ii = hb  + yc −  + mAs y 2
s + mA0s ys02
12 2
Si0
yc = yc0 = h − yc ys = yc0 − c ys0 = yc − c0
Ai

Figura 55: Schema per il calcolo della risultante delle compressioni nel calcestruzzo

78
Figura 56: Sezione inflessa interamente reagente

h2 b
Si0 = + mAs (h − c) + mA0s c0
2
Ai = hb + mAs + mA0s

avendo calcolato il momento statico Si0 rispetto al lembo superiore della sezione.
In quanto sopra si sono utilizzate le classiche ipotesi di Bernoulli e di
elasticità, oltre a quella di congruenza tra le deformazioni dei due materiali.
Per un comportamento elastico in fase fessurata proprio dello stadio II,
l’analisi della sezione a semplice armatura di Fig. 57 parte dalle solite ipotesi del
calcolo del c.a.:

• l’ipotesi di Bernoulli conduce al diagramma lineare delle dilatazioni , dove in


particolare la posizione x dell’asse neutro andrà definita attraverso una prima
condizione di equilibrio della sezione;

• l’ipotesi di congruenza porta ad individuare entro lo stesso diagramma la


dilatazione s dell’armatura;

• l’ipotesi di parzializzazione porta a definire come reagente la sola parte com-


pressa del calcestruzzo (quella tratteggiata in figura) più la sezione As dell’ar-
matura metallica;

• finalmente l’ipotesi di elasticità consente il passaggio al diagramma delle ten-


sioni σ, ancora lineare, dove in particolare si è indicata con σc = Ec c la
tensione di compressione al lembo superiore del calcestruzzo, con σs = Es s la
tensione di trazione dell’armatura

Sotto l’asse neutro n − n il calcestruzzo non lavora; il segmento tratteggiato


rettilineo, tracciato in Fig. 57 in prosecuzione del diagramma delle tensioni σ del-
la zona compressa del calcestruzzo, serve ad intercettare alla quota dell’armatura
l’ordinata σs /m con m = Es /Ec pari al solito coefficiente di omogeneizzazione.
Indicando con C la risultante delle compressioni e con Z la risultante delle
trazioni, assunte entrambe positive, l’equilibrio alla traslazione della sezione si scrive
come:
Z −C =0

79
Figura 57: Sezione inflessa parzializzata a semplice armatura

Per la sezione rettangolare a semplice armatura in studio dette risultanti valgono


semplicemente:
1
C = − σc bx Z = σs As
2
per cui si ha:
1
σc bx + σs As = 0
2
avendo assunte positive le tensioni di trazione per entrambi i materiali. Scrivendo
ora la similitudine che lega, nel diagramma delle tensioni stesse, i due valori σc e σs0
si ha (Fig. 57):
σs /m σc
=−
d−x x
da cui si ricava:
d−x
σs = −mσc
x
che, sostituita nella precedente equazioni, fornisce:
1 d−x
σc bx − mσc As = 0
2 x
Semplificando σc , che risulta certamente diverso da 0 per M 6= 0, e riordinando
opportunamente i termini, si ha finalmente:
2mAs 2mAs
x2 + x− d=0
b b
equazione algebrica di 2◦ grado in x, che fornisce la posizione dell’asse neutro:
 s 
mAs  2bd 
x= −1 + 1+
b  mAs 

Si è scartata la radice negativa che non ha significato fisico, corrispondendo ad una


asse neutro esterno alla sezione.
Definita cosı̀ l’estensione della sezione reagente, la verifica delle tensioni
prodotte dal momento M sulla sezione stessa si ottiene dall’equilibrio alla rotazione
che eguaglia detto momento a quello della coppia interna. Ponendo appunto (Fig.
57):
x
z =d−
3
80
come braccio della coppia interna, con riferimento al centro delle trazioni si può
scrivere:
Cz = M
da cui
2M
σc = −
zbx
(di compressione) con riferimento al centro delle compressioni:

Zz = M

da cui
M
σs =
zAs
(di trazione). Introducendo il rapporto elastico d’armatura definito come.
mAs
ψs = = mρs
bd
le stesse formule di definizione della sezione reagente diventano:
( s )
2
x = ψs −1 + 1+ = ξd
ψs
!
ξ
z = 1− = ζd
3
dove la posizione dell’asse neutro ed il braccio della coppia interna sono forniti dalle
grandezze adimensionali ξ e ζ in funzione dell’altezza utile d della sezione.
Per una sezione rettangolare a doppia armatura, con un analogo procedi-
mento, posto At = As + A0s e ψt = mAt /bd si otiene (Fig. 58):
( s )

x = ψt −1 + 1+ d
ψt
con
dAs + d0 A0s
δ=
At
e di conseguenza
M
σc = − x
Ii
M
σs = m (d − x)
Ii
M
σs0 = −m (x − d0 )
Ii
con
bx3
Ii = + mAs (d − x)2 + mA0s (x − d0 )2
3
Si ricorda che, per valutare il braccio z della coppia interna, posto (Fig.
58):
z = zc + zz

81
Figura 58: Sezione inflessa parzializzata a doppia armatura

e tenendo conto della linearità σ(y) = cy del diagramma delle tensioni, si ha:
Rx d−x R x 2 R d−x 2 R
0yσdy yσdy y σdy y σdy
z = Rx + R0 d−x = 0R x + 0R d−x
0 σdy 0 σdy 0 ydy 0 ydy
dove si notano i momenti statici e d’inerzia baricentrici delle metà parti della sezione
reagente separate dall’asse baricentrico stesso:
Ic Iz
z= +
Sc Sz
Essendo per la proprietà del baricentro Sc = Sz = Si , si ha finalmente (con
Ii = Ic + Iz ):
Ii
z=
Si
dove, per il caso particolare della sezione in esame, risulta:
bx2
Si = + mA0s (x − d0 ) = mAs (d − x)
2
Altri casi di interesse applicativo, come quello della sezione a T, si trattano
con identici procedimenti. Per sezioni di forma qualsiasi le condizioni di equilibrio
vanno applicate attraverso opportuni procedimenti numerici discretizzati.

9.2 Calcolo a rottura


Al limite ultimo dello stadio III del comportamento flessionale, una sezione in c.a.
si trova nella situazione corrispondente al raggiungimento della deformazione di
rottura di uno dei due materiali: o della dilatazione convenzionale sd dell’armatura
tesa (pari allo 0.01 secondo il modello di Fig. 37 discusso al punto 7.4.1); o della
massima contrazione cu al bordo del calcestruzzo compresso (pari a -0.0035 secondo
i modelli di Fig. 36).
In Fig. 59 è rappresentato il caso di una sezione rettangolare a semplice
armatura con indicate le possibili situazioni di rottura. Si evidenziano tre diversi
campi:
• campo a caratterizzato dalla “rottura” (convenzionale) dell’armatura metalli-
ca, con  = sd , mentre al bordo compresso del calcestruzzo la contrazione non
raggiunge il limite ultimo ( < cu );

82
Figura 59: Calcolo a rottura di una sezione inflessa parzializzata a semplice armatura

• campo b caratterizzato dalla rottura del calcestruzzo al bordo compresso ( =


cu ) con acciaio già snervato (sd >  > yd );

• campo c caratterizzato sempre dalla rottura del calcestruzzo per raggiungi-


mento della contrazione ultima (c = cu ) con acciaio ancora in fase elastica
(s < yd ).
Nel campo “b” l’equilibrio Z − C = 0 alla traslazione della sezione si pone
con:

Z = As fsd (= cost.)
C = β0 bxfc1

da cui si ricava la posizione dell’asse neutro


As fsd 1
x= = ωs d = ξd
β0 bfc1 β0
avendo indicato con
As fsd
ωsd =
bdfc1
il rapporto meccanico d’armatura e con
ωs
ξ=
β0
la posizione adimensionalizzata dell’asse neutro (ξ = x/d).
Le due situazioni estreme ai confini del campo in esame sono cosı̀ caratte-
rizzate:
• verso il campo “a” dalla similitudine:
−cu sd − cu
= (con cu < 0 di contrazione)
xa d
che porta a
−cu
xa = d = ξa d
sd − cu

83
• verso il campo “c” analogamente da:
−cu
xc = d = ξc d
yd − cu

Il primo limite, che è dedotto dal valore convenzionale sd , resta indipen-
dente dal tipo di acciaio impiegato; il secondo invece dipende dallo snervamento
yd che varia con la resistenza dell’acciaio stesso. Le due corrispondenti percentuali
meccaniche
ωsd = β0 ξa ωsc = β0 ξc
forniscono le armature limite che separano i tre campi:

• quello “a” delle deboli armature

• quello “b” delle medie armature

• quello “c” delle forti armature

Per dare un ordine di grandezza di queste percentuali, si supponga un acciaio


tipo B430 per il quale fsd =430/1.15=374 N/mm2 e eyd =374/206000=0.0018. Con
sd =0.01, cu =-0.0035 e β0 =0.8 si ottiene:

ξa = 0.26 ωsa = 0.21 ξc = 0.66 ωsc = 0.53

Se accoppiato ad un buon calcestruzzo per cui sia fsd /fcd =25 si hanno rispettiva-
mente i seguenti due rapporti geometrici d’armatura

ρsa = 0.008 ρsc = 0.021

Per le due situazioni limite si ha un braccio della coppia interna

z = d − κ0 x = (1 − κ0 ξ)d = ζd

che in forma adimensionale e con κ0 =0.4 passa dal valore

ζa = 0.90

sul limite delle deboli armature, al valore

ζc = 0.74

sul limite delle forti armature. Per quest ultime dunque l’altezza utile d della sezione
è scarsamente utilizzata ai fini della resistenza flessionale. Nel campo delle deboli
armature si hanno invece bracci della coppia interna poco minori dell’altezza utile
della sezione (ζ > 0.9).
Da notare che il limite di resistenza dell’acciaio, posto convenzionalmente
ad una dilatazione sd =0.1, risulta del tutto “arbitrario” se assunto quale preciso
confine tra due diversi effettivi comportamenti a rottura della sezione. Ai fini del
calcolo applicativo ciò non riveste grande importanza, in quanto le differenze dei
risultati numerici che si otterrebbero spostando detto limite sd sono irrilevanti.

84
Si ha però che, per armature molto piccole in rapporto alla larghezza b
del calcestruzzo collaborante, l’altezza x = ξd della zona compressa si riduce tanto
da rendere non affidabile il suo valore teorico “nominale” rispetto alle tolleranze
geometriche del getto. E’ buona norma pertanto non assumere nel calcolo valori
superiori a ζ = 0.96, nella stima del braccio z = ζd della coppia interna. Con questo
limite dato al braccio stesso, la dilatazione ultima convenzionale sd può anche essere
tolta, estendendo il campo delle medie armature fino al corrispondente ξa = 0.10
(ωa∗ = 0.08).

9.2.1 Condizioni di equilibrio


Il calcolo della resistenza flessionale Mrd per la verifica nei confronti dello sforzo Mad
agente:
Mrd > Mad
allo stato limite ultimo della sezione, si conduce attraverso le solite condizioni di
equilibrio alla traslazione ed alla rotazione.

Campo b Supponendo di trovarsi nel campo delle medie armature, l’equilibrio


alla traslazione, già scritto al punto precedente, porta alla individuazione dell’asse
neutro:
ωs
ξ=−
β0
con ωs valutato in base alle caratteristiche geometriche b, d, As della sezione ed alle
resistenze fc1 , fsd dei materiali. Verificando quindi che risulti:

ξa ≤ ξ ≤ ξc

il momento resistente si ottiene immediatamente dall’equilibrio alla rotazione

Mrd = Zz = fsd As ζd

con ζ = 1−κ0 ξ. Da notare che il rapporto meccanico d’armatura, cosı̀ come calcolato
in base alla geometria della sezione ed alla resistenza dei materiali
As fsd
ωs =
bdfc1
corrisponde, almeno all’altezza utile d, all’estensione del diagramma costante di
compressioni del modello a “stress block” (Fig. 59b):

x = ωs d (= β0 x)

Tale modello, che assume una zona ridotta di calcestruzzo compresso sollecitata
uniformemente, risulta del tutto equipollente al precente ai fini degli equilibri scritti
per la sezione. Ponendo la risultante C a metà dell’altezza compressa, si ottiene
ancora il braccio
z = d − x/2 = (1 − ωs /2)d
che porta allo stesso valore del momento resistente.

85
Figura 60: Calcolo a rottura di una sezione a T a semplice armatura

Il modello costante risulta molto comodo quando venga applicato in via


approssimativa a sezioni di forma complessa. Con riferimento per esempio alla
sezione a T di Fig. 60, posto che, calcolata con la formula della sezione rettangolare,
risulti
x>t
l’equilibrio alla traslazione Z − C0 − C 0 = 0 può essere immediatamente riproposto
come
As fsd − btfc1 − bw x0 fc1 = 0
da cui si ottiene
As fsd bt
x0 = −
bw fc1 bw
Scegliendo il centro dell’armatura tesa per il calcolo del momento della coppia
interna, si ha:
Mrd = C0 (d − t/2) + c0 (d − t − x0 /2)
con
C0 = btfc1 C 0 = bw x0 fc1
Il calcolo delle dilatazioni sulla sezione dovrà invece sempre riverirsi all’effettivo asse
neutro. Ponendolo in via approssimata a x = x/β0 = (t + x0 /0.8 come per la sezione
rettangolare, si ha per esempio:
d−x
s = − cu
x
per la verifica yd ≤ s ≤ sd di appartenenza al campo “b” delle medie armature.

Campo a Posto invece che risulti ξ < ξa e che ci si trovi quindi nel campo
delle deboli armature, si può scrivere la similitudine dedotta dal diagramma delle
deformazioni:
c sd
− =
x d−x

86
ed esprimere cosı̀ la contrazione del lembo compresso del calcestruzzo in termini di
posizione x dell’asse neutro
c x sd ξ
c = = = α1
cu d − x −cu 1−ξ

con ξ = x/d e con α1 =1.00/0.35=2.86


Utilizzando ora le espressioni approssimate per i necessari coefficienti β =
β(c ) e κ = κ(c ) si ottiene, dopo alcuni passaggi:

a0 − a1 ξ
β = (1.6 − 0.8c )c = ξ
(1 − ξ)2

c0 − c1 ξ
κ = 0.33 + 0.07c =
1−ξ
con
a0 = 4.57 a1 = 11.10
c0 = 0.33 c1 = 0.13
L’equilibrio alla traslazione della sezione

βbxfc1 − As fsd = 0

può contare sulla citata espressione approssimata di β = β(ξ) e fornire:

(a0 − a1 ξ)ξ 2 bdfc1 − (1 − ξ)2 As fsd = 0

che, opportunamente riordinata, porta all’equiazione algebrica di terzo grado

−a1 ξ 3 + (a0 − ωs )ξ 2 + 2ωs ξ − ωs = 0

da risolvere in 0 < ξ < ξa . Ai fini applicativi una buona precisione è fornita


nell’intervallo 0.05 < ωs < 0.21 dalla soluzione approssimata

ξ = 0.066 + 0.924ωs

Finalmente si pone l’equilibrio alla rotazione da cui si ottiene immediata-


mente:
Mrd = fsd As ζd
con ζ = 1 − κξ dedotta dalla soprascritta espressione approssimata del secondo
coefficiente κ = κ(ξ).
L’algoritmo di calcolo qui presentato per il campo “a” delle deboli armature
può essere, come già detto, omesso e sostituito dalle formule del campo “b” delle
medie armature con l’aggiunta del limite ζ ≤ 0.96. Questa più semplice alternativa
risulta del tutto soddisfacente ai fini applicativi.

87
Campo c Nel campo delle forti armature, con ξ > ξc , l’acciaio d’armatura si trova
in fase elastica con σs = Es s . Ponendo allora
cu s
− =
x d−x
da cui si ha:
s d − x −cu 1−ξ 1
s = = =
yd x yd ξ α0
con α0 = −yd /cu , la tensione nell’acciaio può essere scritta come
1−ξ 1
σs = Es yd s = fyd
ξ α0
Con questa espressione l’equilibrio alla traslazione

β0 bxfc1 − As σs = 0

dopo alcuni passaggi diventa:

β0 α0 ξ 2 + ωs ξ − ωs = 0

da cui si deduce la radice positiva


 s 
ωs  4β0 α0

ξ= −1 + 1+
2β0 α0  ωs 

che fornisce la posizione dell’asse neutro.


Il solito equilibrio alla rotazione conclude la trattazione:
1−ξ 1
Mrd = σs As ζd = fyd As (1 − κ0 ξ)d
ξ α0
ovvero, rispetto al centro delle trazioni:

Mrd = β0 fc1 bξ(1 − κ0 ξ)d2

Si fa notare come non sia frequente il caso di sezioni fortemente armate da


calcolarsi con queste ultime formule. Tali sezioni infatti hanno una comportamento
fragile che è buona regola evitare. Quando non sia possibile aumentare le dimensioni
del calcestruzzo, un correttivo alla fragilità può essere dato posizionando armature
in zona compressa.
In Fig. 61 è appunto rappresentata una sezione in c.a. a doppia armatura.
La sua resistenza si ricava al solito modo, deducendo per prima cosa la parte reagente
compressa del calcestruzzo dall’equilibrio alla traslazione della sezione stessa. Sup-
ponendo di trovarsi nel campo “b” e con l’armatura compressa anch’essa snervata,
si ha dunque:
As fsd − A0s fsd − bxfc1 = 0
da cui si ottiene immediatamente

x = (ωs − ωs0 )d

88
Figura 61: Calcolo a rottura di una sezione rettangolare a doppia armatura

avendo indicato con


As fsd A0s fsd
ωs = ωs0 =
bdfc1 bdfc1
i rapporti meccanici d’armatura tesa e compressa. L’asse neutro dunque (x = x/β0 )
si alza, allontanando la situazione limite delle forti armature.
Verificata la condizione di snervamento delle armature
d−x
s = − cu ≥ yd
x
d
0s = cu ≤ −yd
x
si deduce finalmente il momento resistente dall’equilibrio alla rotazione della sezione:

Mrd = As fsd (d − x/2) + A0s fsd (x/2 − d0 )

89
10 SFORZO DI TAGLIO

Per lo sforzo di taglio il comportamento delle travi in c.a. evidenzia le maggiori


diversità rispetto a quello del solido di de Saint-Venant. Come si vedrà nel seguito,
nel calcolo si utilizzano modelli più articolati, fra i quali si citano quelli fondamentali
del traliccio di Mörsch, del funzionamento a pettine, del comportamento ad arco e
degli schemi a puntoni e tiranti.
Si ricorda ancora il legame di equilibrio che correla il taglio alla variazione
del momento flettente. Le due componenti di sforzo hanno dunque mutue influenze
e talvolta sono unite inscindibilmente in un unico “funzionamento” combinato.
Ricollegandoci ora a quanto detto per il momento flettente, si inizia con
l’applicare la nota formula di Jourawski
VS
τ=
Ib
dedotta per il solido di de Saint-Venant, formula che fornisce la tensione tangenziale
τ su di una corda di larghezza b della sezione retta, per effetto del taglio V , dove S
è il momento statico baricentrico di una delle parti separate dalla corda stessa ed I
è il momento d’inerzia baricentrico dell’intera sezione.

Figura 62: Sezione interamente reagente sottoposta a taglio

Rimanendo nel campo del comportamento elastico, si tratterà di omogeneiz-


zare la sezione con il medesimo coefficiente m = Es /Ec e di utilizzare le caratteristi-
che Ii ed Si “ideali” cosı̀ calcolate. Se la sezione nei riguardi del momento flettente
si trova nello stadio I non fessurato, dalla citata formula si dedurranno diagrammi
τ = τ (y) del tipo di quello riportato in Fig. 62. Il valore massimo si raggiunge di
norma sulla corda baricentrica per la quale si ha

V Si V
τ= =
Ii b zb

con z = Ii /S i braccio della coppia interna6 .


6
Il momento statico S i è dato da:

byc2
Si = + mA0s ys0
2

90
Figura 63: Sezione parzializzata sottoposta a taglio

Se invece la sezione, nei riguardi del momento flettente, si trova nello stadio
II fessurato, la stessa formula di Jourawski, referita alla sezione reagente parzializ-
zata, porta a diagrammi τ = τ (y) del tipo di quello tracciato in Fig. 63, dove si
nota come la tensione tangenziale rimanga costante su tutta la zona fessurata del
calcestruzzo, fissata sul valore massimo7
V
τ=
zb

10.1 La fessurazione della trave


Il discorso fin qui condotto pecca di notevoli incongruenze. La più evidente sta nel
fatto che, se si trascura la resistenza a trazione del calcestruzzo, nemmeno l’esistenza
di pure tensioni tangenziali è possibile.
Per chiarire dunque le cose si consideri il comportamento della trave di
Fig. 64 soggetta a intensità via via crescenti del carico. Finchè le massime tensioni
principali di trazione, calcolabili con le ipotesi di sezione interamente reagente, non
superano il limite di rottura, l’andamento delle isostatiche rimane simile a quello
indicato nella parte sinistra della trave di Fig. 64c. In corrispondenza dell’asse
avendo indicato rispettivamente con yc e ys la distanza dell’asse neutro e delle armature superiori
dal lembo superiore. La risultante delle compressioni nel calcestruzzo e nell’acciaio vale:
yc σc b
C=− − σs0 A0s
2
Ricordando che σc = −M yc /Ii e σs0 = −mM ys0 /Ii si ricava:

C = M S i /Ii

Tenendo conto che M = Cz si ricava immediatamente:

z = Ii /S i

7
Per la dimostrazione che z = Ii /S i si rimanda alla fine del paragrafo 9.1 (sezione parzializzata
a doppia armatura).

91
neutro, baricentrico per la flessione semplice, dove è presente la sola tensione tan-
genziale τ , si ha un flusso incrociato a 45◦ di compressioni che salgono e di trazioni
che scendono verso la mezzeria della trave. Le isostatiche vanno poi ad incanalar-
si orizzontalmente verso i bordi della trave, dove appunto si annullano le tensioni
tangenziali, mentre quelle normali arrivano al loro valore massimo.
Quando, all’aumentare del carico, si raggiunge in un certo punto della trave
il limite di rottura della tensione principale di trazione, si genera la prima fessura.
Se ciò avviene nella zona centrale in cui prevale la componente flessionale dello
sforzo, la fessura parte dal lembo teso del calcestruzzo e si estende in direzione
verticale. Se il limite di rottura viene raggiunto nei tratti terminali in cui prevale
la componente di taglio, la fessura insorge alla quota dell’asse baricentrico diretta
a 45◦ e cioè normalmente alle massime tensioni di trazione. Nelle zone intermedie
dove, oltre al taglio, è presente una significativa componente flettente dello sforzo,
le fessure possono partire dal bordo inferiore, prodotte da quest’ultima componente,
ed estendersi con traiettoria inclinata sull’anima della trave. In Fig. 64b è appunto
rappresentata la possibile configurazione delle fessure quando estese finalmente a
tutta la trave.
Con l’insorgere della fessurazione, la situazione della trave si adegua a quan-
to previsto dall’ipotesi della parzializzazione, che vorrebbe nella zona tesa del cal-
cestruzzo, come si è visto, una distribuzione costante di sole tensioni tangenziali
(Fig. 65). Le isostatiche dunque si configurerebbero come indicato nella metà de-
stra della trave di Fig. 64c. Ma è chiaro che, attraverso la sezione fessurata, tutte le
tensioni devono convogliarsi entro i due correnti della trave, quello del calcestruzzo
compresso delimitato dall’asse neutro e quello teso dell’armatura metallica.
Il flusso incrociato di tensioni disposto a 45◦ non può di fatto diffondersi
uniformemente nella parte tesa della trave. Quello indicato nella citata figura va
dunque inteso come convenzionalmente rappresentativo del comportamento “medio”
del materiale, attraverso i conci isolati dalle fessure, a globale equilibrio con lo sforzo
di taglio presente.
E’ chiara comunque la necessità di più complessi modelli per una corretta
analisi della trave in fase fessurata, soprattutto quando, ponendosi nello stadio III,
si voglia valutare la resistenza ultima al taglio.
In Fig. 64d sono infine indicati due possibili modi di rottura per taglio
della trave. La crisi può avvenire, come rappresentato a destra, per tranciamento
dei conci d’anima al livello del loro incastro nel corrente compresso, con scorrimen-
to longitudinale di una parte della trave rispetto all’altra. Oppure la rottura può
estendersi trasversalmente sul corrente compresso, con il completo distacco secon-
do la giacitura a 45◦ delle fessure da taglio, come rappresentato sulla sinistra. In
Fig. 64e sono schematizzate appunto la “sezione di scorrimento” longitudinale e la
“sezione di stacco” trasversale.
Su tali modi di rottura si può fin d’ora intuire il funzionamento dei due tipi
di armature al taglio, riservandoci ovviamente ben più rigorosi approfondimenti nel
seguito. Le staffe ed i ferri piegati vengono disposti come indicato in Fig. 64f; essi
attraversavano l’altezza della trave, “cucendo” le sue fibre superiori con quelle infe-
riori ed offrendo cosı̀ un contrasto allo scorrimento orizzontale o una “sospensione”
contro il distacco dei conci.

92
Figura 64: Rottura progressiva a taglio di una trave appoggiata

10.2 Sforzo di scorrimento e armature al taglio


Si consideri un elemento infinitesimo di trave soggetto ad un momento M e ad un
taglio V . Tra la variazione del momento ed il taglio sussiste la nota relazione di
equilibrio (alla rotazione)
dM
=V
dx

93
Figura 65: Tensioni tangenziali in una sezione parzializzata

mentre, supponendo le sezioni in fase fessurata, le tensioni conseguenti alle citate


componenti di sforzo risultano distribuite come indicato in Fig. 66a8 .
Si supponga ora di sezionare l’elemento in questione alla quota dell’asse
baricentrico (Fig. 66b). L’equilibrio alla traslazione longitudinale di una delle parti
evidenzia la forza qdx scambiata con l’altra9 :
dM V
qdx = C 0 − C = Z 0 − Z = = dx
z z
con z braccio della coppia interna. La grandezza q, che è riferita all’unità di lun-
ghezza, è detta appunto forza di scorrimento unitaria. La stessa forza può essere
vista come risultante delle tensioni tangenziali τ sulla superficie orizzontale (Fig.
67):
VS
qdx = τ bdx = bdx
Ib
che, alla quota della tensione massima τ (con I/S = z, porta ancora a
V
q=
z
Le armature al taglio (staffe e ferri piegati come già descritte nella prece-
dente Fig. 64f) vengono distribuite con una certa spaziatura lungo la trave. Ad
ognuna di esse compete un tratto di lunghezza finita (Fig. 68); compete cioè una
quota di forza di scorrimento definita da
Z x+∆x Z x+∆x
Q= qdx = V /zdx
x x

8
L’equilibrio alla rotazione del concio di Fig 66a si scrive:
M + dM − M − V dx = 0
da cui si ricava dM/dx = V
9
Si può scrivere:
C 0 = (M + dM )/z C = M/z C 0 − C = dM/z

94
Figura 66: Sforzo di scorrimento

Figura 67: Parità degli sforzi di taglio

Figura 68: Armature a taglio

95
Figura 69: Diagrammi di scorrimento e di taglio

Per le verifiche si tratterà quindi di valutare porzioni di area del diagramma


dello scorrimento unitario q, ovvero per z= cost. porzioni di area del diagramma
del taglio, come esemplificato in Fig. 69, per il quale si ha, tra x1 e x2 :

(x2 − x1 )(V1 + V2 )/2


Q=
z
Da notare che la presenza dell’armatura trasversale al taglio non influisce
sensibilmente sul comportamento della trave nello stadio I, nel quale lo stato tensio-
nale può dedursi, come si è detto all’inizio del presente capitolo, attraverso le comuni
formule riferite alle sezioni interamente reagenti, previa la solita omogeneizzazione
dei materiali. Lo stadio fessurato invece vede l’attivazione di dette armature secondo
mutati meccanismi di resistenza.

10.3 Il traliccio di Mörsch


Il modello fondamentale di resistenza al taglio della trave in c.a. è stato dedotto
dal suo comportamento fessurativo e vede la trave come una struttura reticolare
costituita da un corrente compresso (il calcestruzzo reagente a flessione, con eventuali
armature ivi comprese), da un corrente teso (l’armatura metallica longitudinale
reagente a flessione) e da un reticolo di aste di parete. Queste ultime sono formate dai
conci compressi di calcestruzzo isolati dalle fessure a 45◦ e dalle armature trasversali
tese (staffe o ferri piegati) distribuite lungo la trave a collegamento dei suoi due
correnti.
Nel traliccio di Mörsch i diversi elementi dello schema descritto sono intesi
come “bielle”, vincolate agli estremi con cerniere, in modo da funzionare solo con
resistenza assiale. Modularizzando il modello, che in realtà è più fittamente diffuso, si
ha dunque complessivamente, per la stessa trave di Fig. 64, il meccanismo descritto
in Fig. 70. La sua parte centrale corrisponde al tratto di trave a taglio nullo ed a
momento costante, dove il traliccio di collegamento tra i correnti non è chiamato in
causa.

96
Figura 70: Schema del traliccio di Mörsch

Riferendoci ad una singola armatura trasversale, il calcolo si conduce sul


modello di Fig. 71, dove è evidenziata la forza di scorrimento Q del concio di
competenza, forza che deriva appunto dalla variazione delle trazioni nel corrente
teso tra i due estremi del concio stesso. Nel caso più generale di inclinazione α del
ferro considerato (Fig. 71c), l’equilibrio al nodo inferiore porta a:

Qs cos α + Qc / 2 = Q

Qs sin α − Qc / 2 = 0
con Qs forza di trazione nell’acciaio e Qc forza di compressione nel calcestruzzo. Si
ricava quindi:
1
Qs = Q
cos α + sin α

2 sin α
Qc = Q
cos α + sin α
Per le staffe verticali, con α = 90◦ (Fig. 71a) si ha:

Qs = Q

Qc = 2Q

Figura 71: Schema di calcolo del traliccio di Mörsch

97
La giacitura ottimale per i ferri piegati, quella cioè che, a partià di azione Q, rende
minima lo loro sollecitazione, è a 45◦ , per cui si ha (Fig. 71b):

Qs = Qc = Q/ 2

Da notare che le staffe verticali hanno eguale comportamento se, cambiando


il segno del taglio, si ribalta il verso della forza Q di scorrimento e conseguentemente
la giacitura delle “bielle” compresse di calcestruzzo. Non cosı̀ avviene per i ferri
piegati, la cui inclinazione va quindi indirizzata nel verso dettato dal segno del
taglio.

10.3.1 Verifiche di resistenza


Il traliccio di Mörsch rappresenta il modello isostatico che permette di verificare
la resistenza al taglio delle travi provviste di apposite armature senza fare alcun
affidamento sulla resistenza a trazione del calcestruzzo. Esso porta a valutare le
tensioni di trazione che sollecitano le armature trasversali con
Qs
σs =
Ast

nonché le tensioni di compressione che sollecitano l’anima del calcestruzzo con10



Qc 2qc
−σc = √ =
b∆x/ 2 b

Viceversa si possono valutare le capacità portanti del concio di trave in base


alla resistenza dei materiali. Si ottiene quindi un taglio trazione come quello ultimo
compatibile con la resistenza dell’armatura d’anima:
zQ zQs
Vyd = = (cos α + sin α)
∆x ∆x
che, con σs = fsd (Qs = As fsd ), porta a

Vyd = zas fsd (cos α + sin α)

dove si è indicata con


as = As /∆x
l’area metallica per unità di lunghezza di trave11 . Ovvero si ottiene un taglio
compressione come quello compatibile con la resistenza del calcestruzzo d’anima:
zQ zQc √
Vcd = = (1 + cot α)/ 2
∆x ∆x

10
Si tenga conto che la larghezza della bielle compressa è pari a ∆x cos 45◦ = ∆x/ 2
11
La forza di trazione risultante nell’armatura vale:
1 V ∆x
Qs = Q=
sin α + cos α z(sin α + cos α)

98

che, con σc = fc2 (Qc = fc2 b∆x/ 2), porta a

Vcd = zbfc2 (1 + cot α)/2

dove si è indicata con


fc2 = 0.50fcd
la resistenza ridotta da attribuire al calcestruzzo, in quanto trattasi di una distri-
buzione uniforme di compressioni in un campo fessurato e disturbato dalle trazioni
delle armature trasversali tese12 .
Nel modello a traliccio isostatico la portanza è quella corrispondente alla
resistenza del suo elemento più debole, per cui si ha

Vrd = min(Vyd , Vcd )

quale taglio resistente del concio di trave esaminato. In genere, salvo non frequenti
situazioni con anime molto sottili fortemente armate, è l’acciaio l’elemento più debole
che fornisce il limite
Vrd = Vyd
Queste formule risultano notevolmente approssimate a favore della stabilità.

10.3.2 Collegamento ai nodi


Cosı̀ come per le vere e proprie travature reticolari metalliche (Fig. 72) la portanza
è garantita sia dalla resistenza delle singole aste del traliccio, sia dagli elementi
(bullonati o saldati) che realizzano le loro unioni ai nodi, anche il meccanismo a
traliccio di Fig. 70 che fornisce la portanza alle travi in c.a. si basa, oltre che sulla
resistenza delle “aste”, anche su quella delle loro unioni ai nodi.
I correnti del traliccio, quello compresso del calcestruzzo e quello teso del-
l’armatura metallica, sono verificati in base al momento flettente secondo i criteri
esposti al punto 9.2; le aste di parete, quelle compresse del calcestruzzo d’anima e
quelle tese di staffe o ferri piegati, sono verificate in base allo sforzo di taglio secondo
i criteri esposti qui sopra.
La resistenza delle unioni, altrettanto determinante ai fini della capacità
portante della trave, deve essere assicurata attraverso il corretto disegno dei par-
ticolari costruttivi delle armature, al fine di consentire la trasmissione delle forze
tra le varie parti del meccanismo: della forza di scorrimento Q, per esempio, tra
il traliccio d’anima e l’armatura longitudinale (Fig. 72b); della stessa forza Q, al
bordo opposto, tra il traliccio d’anima ed il corrente di calcestruzzo compresso (Fig.
72c).
L’ancoraggio delle staffe al corrente teso deve essere realizzato con il loro
aggancio alle armature longitudinali stesse, sulle quali premono le compressioni d’a-
nima, come indicata in Fig. 73a. In direzione longitudinale la trasmissione della
12
La forza di compressione risultante nella diagonale di calcestruzzo vale:
√ √
2 sin α 2 sin αV ∆x
Qc = Q=
sin α + cos α z(sin α + cos α)

99
Figura 72: Collegamento ai nodi nel funzionamento a taglio della trave in c.a.

forza di scorrimento sulle armature correnti avviene per l’aderenza che interessa la
semisuperficie interna delle barre stesse e che è potenziata per attrito dalle pressioni
trasversali.
Nel corrente compresso, al bordo opposto, le staffe necessitano di un’ade-
guata lunghezza di ancoraggio, ottenuta anche con ganci d’estremità; l’ancoraggio
è notevolmente potenziato dalla presenza di ferri longitudinali (reggistaffe) che con-
sentono una più diffusa trasmissione delle pressioni al calcestruzzo circostante. In
questo modo il flusso delle compressioni che sale dall’anima della trave può essere
deviato verso il corrente longitudinale, come indicato dalla Fig. 73b.

Figura 73: Ancoraggio delle staffe al corrente teso

Il funzionamento dei ferri piegati è alquanto diverso. Come indicato in Fig.


74a, la diminuzione Z 0 − Z = Q della forza nel corrente teso si realizza “direttamen-

100
Figura 74: Ancoraggio delle staffe al corrente teso

te”, in quanto il ferro piegato stesso porta con sè la sua quota Q di forza. Nel tratto
di deviazione il ferro scambia le pressioni con il calcestruzzo d’anima, e questo tipo
di trasmissione di forze tra gli elementi tesi e compressi del traliccio risulta meno effi-
ciente. Le pressioni localizzate lungo la piegatura della barra possono infatti portare
al tranciamento del calcestruzzo, con prematura crisi del meccanismo resistente.
Al bordo compresso il ferro piegato ha un’opposta piegatura, con analoghi
problemi di pressioni localizzate. L’ancoraggio terminale richiede un’adeguata lun-
ghezza di trasmissione della forza Q per aderenza al calcestruzzo del corrente stesso,
in modo che possa realizzarsi l’equilibrio del nodo indicato in Fig. 74b.
Per quanto sopra detto è buona norma, nel calcolo della resistenza a taglio
trazione, penalizzare i ferri piegati (per esempio con un coefficiente riduttivo pari a
0.8) rispetto alle staffe che, avvolte attorno alle armature longitudinali, hanno un
ancoraggio più efficiente ai nodi del traliccio.

101
11 SFORZO ASSIALE ECCENTRICO

11.1 Calcolo elastico della sezione


Il problema della flessione composta su sezioni in c.a. rappresenta la naturale esten-
sione di quello relativo alla flessione semplice. A partire dalle stesse ipotesi e con i
medesimi criteri adottati nei capitoli precedenti, si trattano i casi di pressoflessione
e di tensoflessione, in fase elastica o allo stato limite ultimo di rottura, in sezioni
parzializzate o interamente reagenti.
Si ricorda dunque in primo luogo che, entro lo “stadio I” di sezione intera-
mente reagente, il calcolo delle tensioni per le verifiche di esercizio può contare sulla
sovrapposizione degli effetti del tipo
N M
σc = ± − yc
Ai Ii
N M
 
σs = m ± + ys
Ai Ii
dove i simboli si riferiscono alla Fig. 75 e le tensioni sono assunte positive se di
trazione. E’ inteso che i momenti M vanno valutati con riferimento all’asse ba-
ricentrico della sezione omogeneizzata, mentre l’asse neutro risulta spostato dalla
posizione baricentrica, verso le fibre tese se la componente N è di compressione,
verso quelle compresse se la componente N è di trazione.
In quanto sopra si sono utilizzate le classiche ipotesi di Bernoulli e di ela-
sticità, oltre a quella di congruenza tra le deformazioni dei due materiali. Le stesse
formule basate sulla sovrapposizione degli effetti si applicano anche quando, in pre-
visione di un comportamento in “stadio II” dove i trascura la resistenza a trazione
del calcestruzzo, la parzializzazione della sezione non si manifesti per la presenza di
una sollecitazione di pressoflessione con piccola eccentricità della risultante.
Per esempio, con riferimento alla sezione simmetrica di Fig. 76, la sezione
stessa rimane interamente reagente con asse neutro che non la interseca finché la
risultante cade all’interno del nocciolo centrale d’inerzia:

e<u

Figura 75: Sezione pressoinflessa interamente reagente

102
Figura 76: Sezione pressoinflessa con piccola eccentrcità

La dimensione u del nocciolo si valuta con13 :


i2
u=
h/2

dove
Ii
i2 =
Ai
e le caratteristiche geometriche si riferiscono alla sezione omogeneizzata:

Ac = hb At = 2As

Ai = Ac + mAt
h2
Ii = Ac + mAt ys2
12

11.1.1 Pressoflessione con piccola eccentricità di sezioni omogenee


La seguente trattazione si riferisce a sezione omogenee di materiale non reagente
a trazione come le murature di mattoni, blocchi o pietrame o di calcestruzzo non
armato. In utti questi casi l’omogeneità va intesa dal punto di vista “macroscopico”
con riferimento al comportamento “globale” rilevato per l’elemento costruttivo.
In Fig. 77 sono riportati i casi di crescente eccentricità della risultante
delle compressioni. Il problema è contenuto entro il limite e < a/2 in quanto,
per risultante esterna alla sezione, non vi può essere equilibrio senza resistenza a
trazione. Per e > a/2 dunque l’elemento “si ribalta”.
13
Si impone che la tensione massima sulla sezione sia minore di 0 (ossia nessun punto sia soggetto
a trazione):
N Mh
σc = − + ≤0
Ai Ii 2
da cui si ricava:
M Ii
=e≤
N Ai h/2

103
Figura 77: Sezione pressoinflessa non armata

Il caso di Fig. 77a si riferisce ad una compressione centrata e porta sempli-


cemente a:
N
σ= = cost.
ab
In Fig. 77b è rappresentato il caso di centro di pressione interno al nocciolo (e < a/6)
per il quale il valore massimo σ della pressione si calcola con la sovrapposizione degli
effetti:
N Ne a N 6e
 
σ= + 3 = 1+
ab a b/12 2 ab a
Il caso di Fig. 77c sta al limite di quello precedente con e = a/6 e con l’asse neutro

104
che, posizionandosi sul lato della sezione, la lascia ancora interamente reagente:
!
N 6a/6 2N
σ= 1+ =
ab a ab

Sul diagramma triangolare delle pressioni si evidenziano immediatamente gli equi-


libri alla rotazione ed alla traslazione della sezione; il primo fa coincidere il punto
di applicazione dell’azione esterna con il baricentro delle reazioni distribuite sul
materiale
a a
−e=
2 3
il secondo eguaglia l’azione stessa alla risultante delle reazioni:
1
N = abσ
2
L’ultimo caso descritto in Fig. 77d si riferisce ad un centro di pressione esterno al
nocciolo della sezione geometrica (e > a/6). In questo caso l’asse neutro interseca
la sezione e questa si parzializza. L’estensione x della parte reagente si deduce dagli
stessi equilibri citati per il caso precedente. Per l’equilibrio alla rotazione attorno al
bordo maggiormente compresso si ha:
a x
−e=
2 3
da cui si ottiene:
a
 
x=3 −e
2
Nota l’altezza x della sezione reagente, l’equilibrio alla traslazione porta a:
2N
σ=
xb
Per e tendente ad a/2 con x → 0, la pressione massima σ tende all’infinito, evi-
denziando la soglia estrema dell’equilibrio oltre la quale, come si è detto, si ha “il
ribaltamento”.

11.2 Presso e tensoflessione retta


L’analisi delle tensioni nella sezione pressoinflessa di Fig. 78, supposta in fase elastica
parzializzata, si conduce attraverso i soliti equilibri della sezione. Per primo conviene
scrivere l’equilibrio alla rotazione intorno al punto O , in modo che non vi compaia
l’intesità N dell’azione esterna:
x
 
Cc d0 + + Cs0 d0s − Zds = 0
3
avendo posto d0 = e − yc , d0s = d0 + d0 e ds = d0 + d.
Per la sezione rettangolare a doppia armatura esaminata, le risultanti delle
compressioni e delle trazioni nei due materiali valgono:
1
Cc = − σc bx Cs0 = −σs0 A0s Z = σs As
2
105
Figura 78: Sezione tenso e pressoinflessa

per cui, poste le solite similitudini che legano i valori σc , σs0 e σs nel diagramma
lineare delle tensioni:
x − d0 d−x
σs0 = m σc σs = −m σc
x x
si ottiene:
1 x x − d0 d−x
 
− σc bx d0 + −m σc A0s d0s + m σc As ds = 0
2 3 x x
Semplificando σc ed ordinando opportunamente i termini si ottiene infine
l’equazione di terzo grado:
6m 6m
x3 + 3d0 x2 + (As ds + A0s d0s )x − (As ds d + A0s d0s d0 ) = 0
b b
La soluzione compresa tra x (posizione dell’asse neutro per la flessione sem-
plice) ed h (per la quale la sezione ridiventa interamente reagente) fornisce dunque
l’estensione della zona compressa (reagente) del calcestruzzo.
Nota la x, il valore delle tensioni σc , σs0 e σs nei materiali si ottiene dall’e-
quilibrio alla traslazione della sezione:
Cc + Cs0 − Z = N
che, con le solite sostituzioni, diventa:
1 x − d0 d−x
− σc bx − m σc A0s + m σc As = −N
2 x x
da cui si ottiene finalmente:
N N
σc = bx 0 = x
2
+ m x−d
x
A0s − m d−x
x
As Si
In questa formula la componente assiale N è intesa di valore negativo (compressione),
mentre con
bx2
Si = + mA0s (x − d0 ) − mAs (d − x) (> 0)
2
106
si è indicato il momento statico rispetto all’asse neutro della sezione reagente omo-
geneizzata al calcestruzzo. Le tensioni nelle armature tesa e compressa si calcolano
di conseguenza attraverso le similitudini già scritte in precedenza.
Con d0 → ∞, e cioè al limite della flessione semplice, la formula qui dedot-
ta cade in difetto tendendo all’espressione indeterminata 0/0. Per disporre di una
formula di applicabilità generale, valida cioè per sezioni parzializzate pressoinfles-
se, semplicemente inflesse o tensoinflesse, si può impostare la sovrapposizione degli
effetti con riferimento alla sezione reagente:
N MG
σc = + yc (yc = x − w)
Ai Ii
N MG
 
=mσs0 + (yc − d0 )
Ai Ii
N MG
 
σs = m − (d − yc )
Ai Ii
con N e MG negative nella pressoflessione ed avendo posto:

Ai = bx + mA0s + mAs

Il contributo flessionale è riferito al baricentro G che dista dall’asse neutro


n-n (Fig. 78:
Si
w=
Ai
Con riferimento all’asse baricentrico si ha dunque:

MG = N (d0 + yc )

x2
" 2 #
x

Ii = bx + yc − + mA0s (yc − d0 )2 + mAs (d − yc )2
12 2
Introducendo, con m = Es /Ec , i rapporti elastici di armatura definiti come

mAs mA0s
ψs = ψs0 =
bh bh
l’equazione risolvente della pressoflessione diventa

ξ 3 + 3δ0 ξ 2 + 6(ψs δs + ψs0 δs0 ) − 6(ψs δs δ + ψs0 δs0 δs ) = 0

avendo posto
ξ = x/h δ = d/h δ 0 = d0 /h
δ0 = d0 /h δs = ds /h δs0 = d0s /h
quali grandezze geometriche adimensionali della sezione.

107
Figura 79: Sezione tensoinflessa

Sezione tensoinflessa Per sofrzi N di trazione con piccola eccentricità, la sezione


si fessura interamente: rimane a resistere la sola armatura metallica. Ciò avviene
finché il centro delle trazioni rista interno al nocciolo centrale d’inerzia della se-
zione reagente metallica rispetto al contorno del calcestruzzo. Con riferimento al
baricentro G delle armature definito da:
A0s As
ys = yt ys0 = yt
As + A0s As + A0s

(Fig. 79), le dimensioni del nocciolo sono:

i2 i2
u= u0 =
yc yc0
con
2 As ys2 + A0s ys02
i =
As + A0s
Posto dunque che l’eccentricità e dell’azione assiale sia tale da mantenerla
interna al nocciolo, l’equilibrio della sezione reagente metallica porta semplicemente
a ripartire l’azione stessa tra le due armature in modo inversamente proporzionale
alle rispettive distanze:

d0s
Z= N (da cui σs = Z/As )
yt
ds
Z0 = N (da cui σs0 = Z 0 /A0s )
yt
Per eccentricità maggiori la sezione si parzializza lasciando una parte com-
pressa di clacestruzzo. a sezione reagente si configura dunque come indicato in Fig.
80.
Attraverso gli stessi equilibri impostati in precedenza per l’analisi della pres-
soflessione, si ottiene, per la definizione della posizione x dell’asse neutro, un’identica
equazione:
6m 6m
x3 + 3d0 x2 + (As ds + A0s d0s )x − (As ds d + A0s d0s d) = 0
b b

108
Figura 80: Sezione tensoinflessa parzializzata

ovvero
ξ 3 + 3δ02 + 6(ψs δs + ψs0 δs0 )ξ − 6(ψs δs δ + ψs0 δs0 δs ) = 0
in forma adimensionale, ove si intenda d0 negativa e di conseguenza anche le misure
ds = d0 + d e d0s = d0 + d0 . Di questa equazione va elaborata la soluzione compresa
tra 0 (sezione interamente fessurata) ed x (posizione dell’asse neutro per la flessione
semplice).
Le tensioni σc , σs e σs0 nei materiali si valutano ancora con le formule
precedentemente ricavate, dove in particolare risulta Si < 0.

11.3 Calcolo a rottura della sezione


Si ricorda come, nel calcolo allo stato limite ultimo di rottura di una sezione in
c.a., alle tre ipotesi di planarità della sezione, di congruenza tra i materiali e di
parzializzazione del calcestruzzo, vadano aggiunti gli opportuni modelli σ −  di
comportamento dei materiali stessi. Tali modelli comprendono, in termini di de-
formazioni, i valori limite che definiscono la rottura della sezione. In particolare,
dunque, la rottura può essere determinata dal cedimento del calcestruzzo per rag-
giungimento della massima contrazione cu (Fig. 36), oppure può essere determinata
dal cedimento dell’armatura metallica per raggiungimento della massima dilatazione
convenzionale sd (fig. 37). Parlando di elementi soggetti a sforzo normale centrato
si è aggiunto il limite più restrittivo c1 della contrazione uniforme, limite che per la
pressoflessione va riferito al valore medio sull’altezza della sezione.
I possibili meccanismi di rottura della sezione si deducono pertanto com-
pletando il diagramma già tracciato nella Fig. 59 per la flessione semplice. Oltre
all’estensione del diagramma nei campi di sezione interamente tesa e interamente
compressa, va aggiunto il nuovo “pivot” C che definisce la rottura nel campo delle
pressoflessioni con piccola eccentricità (Fig. 81). In particolare la distanza y = ηh
del centro C dal bordo maggiormente compresso si ricava con:
cu − c1
y= h
cu
che, per cu = 0, 35% ed c1 = 0, 2%, porta a η = 0, 43
La valutazione della risultante delle compressione nel calcestruzzo e del suo
momento rispetto all’asse di calcolo richiede l’esecuzione di integrali del tipo (Fig.

109
Figura 81: Diagrammi delle deformazioni nel calcolo a rottura di una sezione presso
o tensoinflessa

82): Z Z
σc ()b dy σc ()b y dy
estesi all’area reagente compressa della sezione. Si ricorda che per sezioni rettango-
lari detti integrali portano a espressioni del tipo:

−βbxfcd βbxfcd (y0 − κx)

I coefficienti β e κ di tali espressioni si valutano con:


c
• per c = cu
< 1 (campo 2 con pivot A)

β = (1, 6 − 0, 8c )c

κ = 0, 3 + 0, 07c

• c = cu (campi 3 e 4 con pivot B)

β = 0, 8

κ = 0, 4

Figura 82: Risultante delle compressioni nel calcestruzzo

110
Infine nel campo 5 delle sezioni interamente reagenti (con pivot C), con
riferimento ai simboli di Fig. 82 può porsi:
Z
σc b dy = −β ∗ b h fcd
C
Z
σc b y dy = −β ∗ b h fcd (y0 − κ∗ h)
C
dove, ponendo ξ = x/h (> 1) e η = y/h (= 0, 43), si ha:
(1 − η)3
β∗ = 1 −
3(ξ − η)2
(1 − η)3
" #
∗ 1 1
κ = 1− 2
(3 + η) ∗
2 6(ξ − η) β

11.3.1 Meccanismi di rottura della sezione


nei diagrammi di Fig. 81 per la sezione a doppia armatura si rilevano dunque i
possibili campi di rottura qui di seguito descritti

Campo 0 (pivot A) sezione interamente fessurata, armature tese snervate con


deformazione indeterminata che fornisce le componenti:

N = fsd As + fsd A0s

M = fsd As ys − fsd A0s ys0

Campo 1 (pivot A) sezione interamente fessurata, armatura tesa inferiore a


rottura, armatura tesa superiore in fase elastica con yd > 0s > sd d0 /d; le componenti
dello sforzo resistente valgono:

N = fsd As + Es 0s A0s

M = fsd As ys − Es 0s A0s ys0

Campo 2’ (pivot A) sezione parzializzata, armatura tesa inferiore a rottura,


armatura superiore in fase elastica con sd d0 /d > 0s > −yd ; si hanno le componenti:
Z
N = fsd As + Es 0s A0s + σc () b dy
A
Z
M = fsd As ys − Es 0s A0s ys0 − σc () b ydy
A

Campo 2” (pivot A) sezione parzializzata, armatura tesa inferiore a rottura,


armatura compressa superiore snervata; si hanno le componenti:
Z
N = fsd As − fsd A0s + σc () b dy
A
Z
M = fsd As ys + fsd A0s ys0 − σc () b ydy
A

111
Campo 3 (pivot B) sezione parzializzata con calcestruzzo a rottura, arma-
tura tesa inferiore snervata, armatura compressa superiore snervata; si hanno le
componenti: Z
N = fsd As − fsd A0s + σc () b dy
B
Z
M = fsd As ys + fsd A0s ys0 − σc () b ydy
B

Campo 4 (pivot B) sezione parzializzata con calcestruzzo a rottura, armatura


compressa superiore snervata, armatura inferiore in fase elastica con yd > s >
cu c/h; si hanno le componenti:
Z
N = Es s As − fsd A0s + σc () b dy
B
Z
M = Es s As ys + fsd A0s ys0 − σc () b ydy
B

Campo 5’ (pivot C) sezione interamente reagente con calcestruzzo a rottura,


armatura compressa superiore snervata, armatura compressa inferiore in fase elastica
con cu c/h > γ > s > −yd ; si hanno le componenti:
Z
N = Es s As − fsd A0s + σc () b dy
C
Z
M = Es s As ys + fsd A0s ys0 − σc () b ydy
C

Campo 5” (pivot C) sezione interamente reagente con calcestruzzo a rottura,


armatura compresse snervate; si hanno le componenti:
Z
N = −fsd As − fsd A0s + σc () b dy
C
Z
M = −fsd As ys + fsd A0s ys0 − σc () b ydy
C
Da notare che la situazione di armatura superiore compressa al limite dello
snervamento, anzicché posta a suddivisione del campo 2 di rottura, per più elevati
valori del copriferro d0 /d può cadere entro il campo 3. In tal caso sarà questo ad
essere suddiviso in un sottocampo 3’, con armatura compressa superiore in fase
elastica, ed in un sottocampo 3”, con armatura compressa superiore snervata.
Per sezioni rettangolari la valutazione della risultante delle compressioni nel
calcestruzzo e del suo momento rispetto all’asse di calcolo può contare sui coefficienti
β e κ già menzionati. Ripetendo le elaborazioni previste dalle precedenti formule
per diversi assetti della sezione, ruotata attorno ai pivots A, B o C, si definisce per
punti la curva di intermazione N − M corrispondente alla frontiera di rottura della
sezione stessa. Per la verifica dovrà risultare che il punto Nad , Mad rappresentativo
dello sforzo agente resti compreso entro detta frontiera.

112
12 MOMENTO TORCENTE

L’analisi delle sollecitazioni viene spesso condotta su schemi statici parziali ridotti a
modelli piani. In realtà ogni struttura è articolata nello spazio a tre dimensioni e, sia
per la monoliticità con elementi trasversali, sia per le varie eccentricità dei carichi e
dei vincoli, riceve sollecitazioni composte, che escono dal piano del modello.
Significativi livelli di momento torcente sorgono per esempio nei graticci di
travi che costituiscono tutti i tradizionali impalcati in c.a., dove i momenti flettenti
che scorrono lungo un ordine di travi danno luogo, attraverso gli incastri ai nodi,
a momenti torcenti sulle travi ortogonali dell’ordito strutturale. L’assunzione di
modelli piani semplificati può però essere giustificata in molti casi in cui la torsione
non gioca un ruolo determinante.
A tale proposito diverse normative distinguono due tipi di torsione:

• la torsione secondaria o di congruenza, non necessaria alla resistenza della


struttura (Fig. 83a);

• la torsione primaria o di equilibrio, necessaria alla resistenza della struttura


(Fig. 83b).

Nel primo caso è possibile, nel calcolo delle travi, omettere le verifiche tor-
sionali, purché nel calcolo degli elementi trasversali si trascuri nel contempo l’effetto
stabilizzante della torsione stessa. Questo criterio è esemplificato in Fig. 84a do-
ve, trascurando la rigidezza torsionale delle travi, il solaio da esse portato trova
equilibrio nella situazione “limite” di semplice appoggio per il quale appunto va
dimensionato. Il dimensionamento per flessione retta delle travi deve comunque
portare all’introduzione di una adeguata staffatura, correlata al taglio, che fornisca,
anche verso la componente torcente, un controllo alla fessurazione in esercizio ed il
necessario grado di duttilità contro la rottura precoce.
Per la situazione di 84b invece, l’equilibrio della soletta a sbalzo è garantito
solo dal vincolo ad incastro che la resistenza anche torsionale della trave le fornisce.
In questo caso dunque è necessaria una completa verifica flesso-torsionale della trave
stessa.

Figura 83: Torsione primaria e secondaria

113
Figura 84: Schemi di calcolo per la torsione

Torsione circolatoria Prima di introdurre i modelli per i calcoli di resistenza


delle travi in c.a., si richiamano alcuni dei risultati dell’analisi torsionale delle travi
di materiale omogeneo e isotropo.
Solo nel caso di sezioni circolari (o ad anello circolare) la classica trattazione
del solido di de Saint-Venant porta a semplici risultati. Sotto l’azione di un momento
torcente T , in tale sezione si instaura un flusso chiuso circolare di tensioni tangenziali
di intensità che, in fase elastica, cresce linearmente dal baricentro verso il bordo
esterno della sezione (Fig. 85a). Il valore massimo si ottiene con:
T
τ=
Wt
dove il modulo resistente torsionale vale:
πr3
Wt =
2
Le due sezioni terminali di un concio elementare di trave ruotano una
rispetto all’altra attorno all’asse baricentrico, restando piane, con
T
dφ = dx
GJ
dove G è il modulo elastico tangenziale e J è il momento d’inerzia torsionale coin-
cidente, nel caso in esame, con quello polare della sezione:
πr4
J=
2
Per sezioni di forma qualsiasi il problema della torsione circolatoria si com-
plica. Nel caso, frequente per il calcestruzzo armato, di sezioni rettangolari, la
competente trattazione secondo la teoria dell’elasticità porta a formule ancora del
tipo:
T T
τ= dφ = dx
Wt GJ

114
Figura 85: Torsione circolatoria

con
Wt = k1 ab2 J = k2 ab3
dove, posto β = b/a (≤ 1) può scriversi:
1 1
k1 = k2 = √
3 + 1, 8β 3 + 4, 1 β 3
Il flusso chiuso di tensioni tangenziali si sviluppa su linee che seguono il
contorno del tracciato della sezione, come indicato in Fig. 85b, raccordandone le
discontinuità. Il valore della tensione è massimo alle estremità della mediana più
corta, mentre resta nullo agli spigoli. La sezione, oltre a ruotare attorno all’asse
baricentrico, si ingobba.
Per sezioni composte da rettangoli, valutate le singole inerzie torsionali con
la stessa formula
Ji = k2i ai b3i
quella globale si ottiene come somma:
X
J= Ji
i

e fornisce la rotazione comune:


T
dφ = dx
GJ
L’analisi delle tensioni può essere condotta scomponendo il momento tor-
cente sui vari rettangoli in ragione della rispettiva inerzia:
Ji
Ti = T
J
ed applicando nel seguito per ognuno la solita formula:
Ti
τi =
Wti
con
Wti = k1i ai b2i

115
Si ricorda come, per forme complesse, l’analisi torsionale in fase elastica
possa poggiarsi sul criterio di analogia con la membrana di Prandtl, esteso poi per
il calcolo plastico con il criterio di analogia del mucchio di sabbia di Nadia. La
superficie secondo cui si dispone una membrana gonfiata trattenuta lungo il contorno
oppure la scarpata naturale di un cumulo di sabbia posto sulla sezione forniscono,
con le curve di livello e con le pendenze trasversali, le linee di flusso delle tensioni e
le loro intensità, a meno di una costante “volumetrica” legata al valore del momento
torcente.

Formula di Bredt Un caso particolare, importante anche per la trattazione dei


modelli presentati ai punti seguenti, è rappresentato dalle sezioni ad anello chiuso
di piccolo spessore (Fig. 86). Per sezioni cosı̀ fatte, posto che si possa ritenere
l’intensità τ della tensione tangenziale costante sullo spessore t, per il suo piccolo
valore rispetto alle dimensioni globali della sezione stessa, l’equilibrio con il momento
torcente si scrive come: I
T = τ t r ds
Dovendo il flusso
q=τt
essere costante lungo tutto il perimetro per l’equilibrio locale di ogni elemento ds si
ottiene (Fig. 86) I Z
T = τ t r ds = 2q dA = 2qA
A
che porta alla formula di Bredt
T
q=
2A
con A area racchiusa dalla fibra media dell’anello. La massima tensione tangenziale
è data da
T
τ=
Wt
con
Wt = 2At0
dove t0 è lo spessore minimo. La rotazione torsionale si calcola dall’integrale
T dx I ds T
dφ = 2
= dx
4GA t GJ
dove il momento d’inerzia torsionale è definito da
4A2
J = H ds
t

Per sezioni ad anello di spessore costante questa formula diviene


4A2 t
J=
L
con li e ti lunghezza e spessore dell’i-esimo tratto.
Per concludere si fa osservare come in una trave soggetta a torsione pura le
tensioni principali si orientino secondo linee isostatiche ad elica che in ogni punto
sono dirette a 45◦ rispetto all’asse della trave (Fig. 87).

116
Figura 86: Torsione nelle sezioni chiuse di piccolo spessore

12.1 Il traliccio periferico resistente


Il comportamento di una trave in c.a. soggetta a torsione pura può desumersi dal
diagramma “sperimentale” di Fig. 88, dove con T si è indicato il valore dei momenti
applicati alle estremità della trave “di prova” e con θ il valore medio della curvatura
torsionale, calcolata come rapporto tra la rotazione relativa rilevata tra le estremità
stesse e la loro distanza reciproca.
La curva T = T (θ) è caratterizzata dunque da:

• tratto O-A non fessurato fino al limite di rottura per trazione del calcestruzzo,
con andamento sensibilmente lineare che segue la retta

T = Gc Jθ

dove J può essere calcolato, tramite le formule precedentemente presentata,


con riferimento alla sezione geometrica del calcestruzzo, avendo l’armatura
una modesta influenza;

• se non provvista dell’apposita orditura di ferri, il limite T0 corrispondente al


punto A rappresenta la resistenza ultima della trave;

• per le travi provviste di un’apposita adeguata armatura, varcato il limite A


la trave si fessura come qualitativamente indicato in Fig. 89, stabilizzandosi
su di un diverso meccanismo resistente in cui si attivano le trazioni nei ferri,
mentre sui conci di calcestruzzo si instaurano campi di compressioni oblique;

Figura 87: Flusso di tensioni in una trave di sezione circolare soggetta a torsione

117
Figura 88: Comportamento di una trave in c.a. soggetta a torsione pura

• la caduta della rigidezza torsionale evidenziata dal tratto A-B risulta media-
mente più sensibile dell’analoga caduta della rigidezza flessionale manifestata
dalle travi inflesse;

• tratto B-C con andamento nuovamente crescente, che può essere approssimato
ad un comportamento elastico lineare del tipo

T = Es J 0 θ

dedotto sul modello del nuovo meccanismo resistente, dove risulta prevalente
l’apporto deformativo dell’armatura metallica, anche se vi influiscono sensibil-
mente altri fenomeni “irrigidenti” legati al calcestruzzo;

• tratto finale C-D con snervamento delle armature, rilevabile solo fino al limite
ultimo Tf di resistenza nelle prove a carico crescente;

• l’estensione del diagramma sui successivi tratti del comportamento torsionale


dipende dalla percentuale di armatura e dai corrispondenti modi duttili o fragili
di rottura.

Figura 89: Fessurazione di una trave soggetta a torsione

118
Figura 90: Zona interessata al funzionamento a torsione

Modello di Rausch Coerentemente con l’assetto fessurativo osservato nella trave


(Fig. 89) e partendo dal modello fondamentale a traliccio di Ritter-Mörsch elabo-
rato per il taglio della trave inflessa, il meccanismo resistente alla torsione viene
concepito come un tracciato spaziale del traliccio stesso. La trave in c.a. viene dun-
que schematizzata con un ordito di aste di acciaio teso e di calcestruzzo compresso
sviluppato entro una crosta periferica della sezione contenente le armature stesse
(Fig. 90)
In Fig. 91 è rappresentato il traliccio periferico resistente di Rausch nel
caso di una sezione quadrata per la quale può essere disegnato in modo discretizzato.
Posto che sui quattro bracci della staffa scorra una forza di trazione Qs costante e che
le bielle di calcestruzzo compresso si orientino su ogni lato per ψ=45◦ coerentemente
con l’assetto fessurativo riscontrato nelle prove, l’equilibrio di ogni nodo del traliccio
porta a √
Qs = Qc / 2
Per l’equilibrio alla traslazione ed alla rotazione della sezione si ha ancora

4H − 4Qc / 2 = 0

T = 2bs Qc / 2 = 2bs Qs = 2bs H

Per estendere la trattazione alle sezioni rettangolari si deve “distribuire”


uniformemente il traliccio lungo l’asse della trave secondo il seguente criterio. Posto
che in fase non fessurata l’equilibrio locale con la tensione τ agente si regge sulle
relazioni (Fig. 92a):
σI = σII = τ
oltre il limite di fessurazione viene a mancare la tensione principale σI di trazione
e l’equilibrio, convogliato entro lo spessore t della crosta periferica resistente, viene
salvaguardato dall’attivazione del flusso qs di trazioni trasversali nelle staffe (Fig.
92b): √
qs = Qs /s = qc / 2
avendo indicato con s la spaziatura delle staffe stesse. Per la sezione rettangolare,
armata ancora come indicato in Fig. 91 ove si ponga s 6= hs 6= bs , il momento

119
Figura 91: Visualizzazione del traliccio resistente a torsione

torcente è dato dalla somma dei contributi delle due coppie evidenziate in Fig. 93:
qc bs qc hs qc
T = √ + √ = 2bs hs √
2 2 2
Posto A = bs hs , il flusso obliquo di compressioni si calcola di conseguenza
con
T √ √
qc = 2=q 2
2A
che mette in evidenza la formula di Bredt delle sezioni ad anello chiuso. Di seguito
si ricava la trazione distribuita nelle staffe con

qs = q c / 2 = q

Per l’equilibrio globale della sezione alla traslazione lungo l’asse della trave
si otiene infine X √
Ql = Hi = (2bs + 2hs )qc / 2
i

e cioè
Ql = uq

Figura 92: Risultanti per il funzionamento del traliccio resistente a torsione

120
Figura 93: Contributi per il calcolo del momento torcente

con u perimetro del profilo chiuso del traliccio resistente. Ragioni di simmetria
possono portare, nel caso dell’armatura di Fig. 91, a definire con

H = Ql /4

la forza di trazione su ognuno dei quattro ferri longitudinali della sezione.

Resistenza torsionale Da questa trattazione si può dedurre la resistenza torsio-


nale di una trave provvista di una staffatura as = As /s (cm2 /m) e di una armatura
longitudinale a1 = A1 /u (cm2 /m). Sul modello a traliccio la resistenza delle staffe
porta a:
As
Tsd = 2Aqsd = 2A fsd = 2Aas fsd
s
La resistenza dei ferri longitudinali porta a:
2A Al
Tld = Ql = 2A fsd = 2Aa1 fsd
u u
La resistenza del calcestruzzo compresso porta infine a:
2A
Tcd = √ qc
2

che, con qc = σc t 2, conduce a
Tcd = Atfc2
dove con
fc2 = 0.5fcd
si è indicata la resistenza ridotta, la stessa usata per il calcolo del “taglio- compres-
sione”.
Il minore tra i valori Tsd e Tld fornisce la resistenza a torsione-trazione
propria delle travi mediamente armate, il valore Tcd fornisce la resistenza a torsione-
compressione propria delle travi fortemente armate. Deboli armature portano infine

121
ad una resistenza torsionale coincidente con il limite di fessurazione della sezione di
calcestruzzo, con
Trd = W1 τrd = Wt fctd
indipendente dalle armature stesse.
Per la validità del modello di Rausch basato sul traliccio periferico resistente
occorre rispettare alcuni accorgimenti progettuali nel tracciato delle armature. Per
i ferri longitudinali si ha che:

• la loro dislocazione nella sezione non influisce sensibilmente sulla resistenza,


tanto che anche cavi di precompressione in posizione interna esplicano piena-
mente la loro funzione nel garantire l’equilibrio traslatorio longitudinale della
sezione stessa;

• è indispensabile però la presenza di ferri agli spigoli della trave per garantire
la deviazione dei flussi obliqui delle compressioni che scorrono entro la crosta
periferica di calcestruzzo, ferri di diametro sufficientemente grosso in rapporto
alla spaziature delle staffe che li racchiudono;

• importante risulta infine l’adeguato ancoraggio terminale dei ferri, a garanzia


della loro piena resistenza a trazione

Per le staffe si ha che:

• vanno efficacemente “chiuse” per garantire la trasmissione del flusso di trazione


continuo su tutto il perimetro;

• per la resistenza ultima la spaziatura tra le staffe va contenuta entro il limite


s < bs , che consente appunto l’instaurarsi del traliccio resistente;

• per il comportamento in esercizio, migliori prestazioni si ottengono con staffe


di diametro minore e più fittamente diffuse, perchè portano a minori ampiezze
di fessurazione;

• la staffatura minima, secondo il criterio della non-fragilità resta quella già


definita per il taglio

Da notare infine la convenienza, in base al modello isostatico qui presentato,


di ripartire equamente l’armatura tra staffe e ferri piegati longitudinali con

As u = Al s ovvero as = al

poiché ogni esuberanza di un ordine d’armature rispetto all’altro risulterebbe inu-


tilizzabile nei riguardi della resistenza. In realtà in questo caso sorgono degli effetti
iperstatici che potenziano alquanto la resistenza.

Armatura a spirale Il tipo di armatura torsionale qui sopra trattato è quello


generalmente adottato per le travi in c.a. Esiste un tipo diverso, in teoria più efficace
perché consente di ridurre le trazioni nell’acciaio e di contenere nel contempo le
compressioni nel calcestruzzo. Si tratta di ferri sagomati a spirale con bracci inclinati

122
Figura 94: Schemi per il calcolo dell’armatura a spirale

su ogni lato a 45◦ secondo la giacitura delle isostatiche di trazione. L’equilibrio di


questo diverso traliccio (Fig. 94) si regge sulle relazioni:

qs = qc = q/ 2

che portano ad una resistenza di torsione-trazione pari a


√ √
Tsd = 2Aqsd 2 = 2Aas fsd 2

e ad una resistenza di torsione-compressione pari a



Tcd = 2Aqcd 2 = 2Atfc2

senza la necessità di ferri longitudinali


In realtà servono sempre i ferri longitudinali agli spigoli della trave, necessari
per la deviazione dei flussi delle compressioni oblique che scorrono entro la crosta
periferica del calcestruzzo. Contrariamente a quella precedente, l’orditura di questo
tipo di armatura dipende dal verso del momento torcente. Non può quindi impiegarsi
ove questo sia alterno. Se si aggiunge la maggiore complessità delle lavorazioni
necessarie per eseguire la spirale, si comprende come l’armatura a torsione con tale
tipo di ferri non trovi nella pratica diffuse applicazioni.

123
Parte III
Costruzioni in acciaio
13 IL MATERIALE ACCIAIO

13.1 Caratteristiche
Il termine acciaio individua particolari leghe-ferro-carbonio caratterizzate da ben
definite quantità percentuali delle componenti. In particolare, le leghe ferro-carbonio
si distinguono, sulla base del quantitativo di carbonio (C) in ghise (se il tenore, ossia
il quantitativo percentuale in peso, di carbonio è superiore all’1.7%) o acciai.
Gli acciai per le costruzioni ad uso civile ed industriale, denominati anche
“acciai da costruzione” o “acciai da carpenteria” hanno tenore di carbonio indicati-
vamente compreso tra 0.1% e 0.3%. Il carbonio eleva le caratteristiche di resistenza,
ma riduce la duttilità e la saldabilità del materiale; per tale motivo gli acciai da
costruzione devono necessariamente essere caratterizzati da un basso tenore di car-
bonio. I più importanti elementi chimici aggiuntivi sono il manganese ed il silicio
che servono per ottenere acciai saldabili con elevate caratteristiche meccaniche. In
alcuni casi si possono anche aggiungere cromo e nichel.
Il materiale acciaio è caratterizzato da un legame costitutivo tensione-defor-
mazione (σ−) simmetrico a trazione e compressione. Usualmente viene determinato
mediante la prova di trazione su spezzoni opportunamente lavorati ricavati dai pro-
fili. In Fig. 95 viene riportato il tipico legame costitutivo dovuto ad uno stato di
sollecitazione mono-assiale per un acciaio da costruzione. In dettaglio, è possibile
individuare le seguenti fasi:

• un primo tratto pressoché rettilineo (fase elastica) in cui il materiale ha un


comportamento praticamente elastico lineare fino al raggiungimento della ten-
sione di snervameto (fy ). La deformazione corrispondente a fy viene indicata
con y . La pendenza in questo primo tratto individua il modulo di elasti-
cità del materiale (detto anche modulo di leasticità longitudinale o modulo
di Young), usualmente indicato con E, il cui valore è compreso tra 190000
N/mm2 e 210000 N/mm2 ;

• fase plastica caratterizzata, nel sistema di riferimento σ − , da una penden-


za estremamente ridotta o addirittura nulla. Al termine di questo tratto la
deformazione è usualmente compresa tra 6 e 16 volte y ;

• un ultimo tratto (fase incrudente) la cui pendenza è sensibilmente minore ri-


spetto a quella del primo tratto, fino ad arrivare alla rottura del provino, in
corrispondenza della tensione fu . La deformazione corrispondente alla rottura
u generalmente varia tra 160 y e 200 y . Il modulo elastico (definito incru-
dente) assume in questo tratto un valore compreso tra 4000 N/mm2 e 6000
N/mm2 .

Usualmente il legame costitutivo dell’acciaio viene schematizzato con tratti


lineari come indicato in Fig. 96 e nei calcoli progettuali si utilizza correntemente un
modello elasto-plastico perfetto, ossia la pendenza e l’incremento di resistenza del

124
Figura 95: Schematizzazione del legame costitutivo per l’acciaio

ramo incrudente sono trascurate, limitando la capacità portante al raggiungimento


della tensione di snervamento.
Di seguito viene fatto riferimento alla norma europea per le costruzioni in
acciaio, denominata in forma abbbreviata EC3. L’EC3, relativmente ai coefficienti
del materiale per i calcoli sulle costruzioni metalliche, prescrive i seguenti valori:
• densità ρ=7850 kg/m3

• coefficiente di Poisson ν=0.3

• modulo di elasticità normale E=210000 N/mm2


E
• modulo di elasticità tangenziale o trasversale G = 2(1+ν)

• coefficiente di espansione termica lineare α = 12 × 10−6 ◦ C −1


Le caratteristiche meccaniche degli acciai maggiormanete utili zzati nelle
costruzioni, ossia gli acciai denominate Fe 360, Fe 430 e Fe 510, sono presentate nella
Tab. 2 in termini di valori minimi di tensione di snervamento (fy ) e di tensione di
rottura (fu ). In modo analogo, la Tab. 3 è riferita agli acciai utilizzati per bulloni.
I valori delle tensioni di snervamento e di rottura riportati in queste tabelle possono
essere adottati nei calcoli progettuali quali valori caratteristici del materiale.

13.2 I prodotti
I prodotti per le costruzioni in acciaio dell’edilizia civile ed industriale possono, a
grandi linee, essere distinti in prodotti lunghi e prodotti piani. Nel primo caso si
intendono elementi monodimensionali (ossia quelli per i quali la lunghezza prevale
nei confronti delle dimensioni trasversali della sezione). Nei cataloghi dei produttori
sono fornite le caratteristiche geometriche dei principali tipi di prodotti lunghi, uni-
tamente agli eventuali riferimenti normativi che specificano tolleranze e dimensioni
(in questo caso i profili vengono definiti unificati o normalizzati ).

125
Figura 96: Relazione tensione-deformazione (curva σ − ) per materiali metallici da
carpenteria

I prodotti piani, ottenuti da lamiere opportunamente lavorate, hanno invece


uno sviluppo bidimensionale. Nelle strutture in acciaio questi prodotti vengono cor-
rentemente utilizzati per la realizzazione di strutture portanti di piano, di copertura
e dei tamponamenti. In dettaglio, sono disponibili:

• lamiere grecate a secco, anche con materiale isolante e coibentante (essenzia-


lemnte per coperture o tamponamenti): queste sono correntemente impiegate
negli orizzontamenti per luci fino a 12 m (sono disponiili lamiere grecate di
altezza fino a circa 200 mm). Nel caso di tettoie, pensiline e coperture per
edifici di importanza secondaria oppure per opere provvisionali, si utilizzano
usualmente lamiere grecate non coibentate. L’estrema leggerezza della lamiera
la rende però molto sensibile alle vibrazioni. In aggiunta, a causa della sua
scarsa capacità coibentante, molti prodotti vengono commercializzati diretta-
mente in pannelli con la coibentazione già presente (Fig. 97) ed interposta
tra le due lamiere (pannelli sandwich). Recentemente sono stati sviluppati
anche prodotti speciali, come l’elemento grecato e centinato in Fig. 98 per
applicazioni particolari quali le coperture di grande luce.

• lamiere grecate per solai in conglomerato cementizio: queste sono usualmente


disponibili in spessori da 0.6 mm a 1.5 mm e con altezze da 55 mm a circa
200 mm. Per la realizzazione dei solai intermedi di edifici ad uso civile si
preferiscono soluzioni miste (dette anche composte) in acciaio e calcestruzzo a
causa delle buone caratteristiche prestazionali ad esse associate. Usualmente
l’altezza dei solai composti non è mai inferiore a 80 mm e lo spessore del getto
di completamento è superiore ai 40 mm. La lamiera grecata funge da cassero
per il conglomerato cementizio nelle fasi di getto e maturazione. Le sue pareti
prossono presentare bugnature o sistemi regolari di rilievi, che rendono pos-
sibile la perfetta solidarizzazione tra acciaio e calcestruzzo. In questi casi la
soletta può essere considerata composta (Fig. 99), ossia deve essere progettata

126
Tabella 2: Valori nominali della resistenza allo snervamento fy e della resistenza a
rottura fu per acciai strutturali conformi alla EN 10025 o EN 10113

Tipo Spessore nominale dell’elemento


nominale t ≤ 40 mm 40 < t ≤ 100 mm
acciaio fy (N/mm ) fu (N/mm ) fy (N/mm2 ) fu (N/mm2 )
2 2

EN 10025
Fe 360 235 360 215 340
Fe 430 275 430 255 410
Fe 510 355 510 355 490
EN 10113
Fe E 275 275 390 255 370
Fe E 355 355 490 335 470

mediante le regole utilizzabili per le strutture in conglomerato cementizio ar-


mato ovvero quelle per le strutture miste in acciaio e calcestruzzo, tenendo in
conto anche il contributo resistente offerto dalla sezione della lamiera. In altri
casi, la lamiera grecata, usualmente con pareti lisce, funge soltanto da cassero
a perdere e pertanto la funzione resistente è garantita dal solo conglomerato
cementizio che deve quindi essere accoppiato a specifiche barre di armatura in
acciaio. In ogni caso è buona norma disporre in corrispondenza dell’estradosso
della soletta reti elettrosaldate in acciaio al fine di limitare gli effetti legati ai
fenomeni lenti del calcestruzzo ed assorbire le tensioni di trazione dovute ad
eventuali carichi verticali concentrati sul solaio.

Le scelte dei tamponamenti ed il dimensionamento delle lamiere per coper-


ture e solai (sia a secco sia composti) sono usualmente effettuate mediante le tabelle
di portata. In dettaglio, per goni tipologia di prodotto sono presenti, nel catalogo
del produttore, specifiche tabelle nelle quali vengono indicate, in aggiunta al peso
proprio per unità di superficie, il massimo valore della luce compatibile con deter-
minati valori sia di carico o sovraccarico, in funzione della luce, per alcuni ricorrenti
schemi statici (usualmente la trave in semplice appoggio e la trave continua a tre
campate).

Tabella 3: Valori nominali della resistenza allo snervamento fyb e della resistenza a
rottura per trazione fub per i bulloni

Classe 4.6 4.8 5.6 5.8 6.8 8.8 10.9


fyb (N/mm2 ) 240 320 300 400 480 640 900
fub (N/mm2 ) 400 400 500 500 600 800 1000

127
Figura 97: Tipico elemento coibentato

13.3 Le prove meccaniche di caratterizzazione del materiale


La conoscenza approfondita delle caratteristiche meccaniche del materiale acciaio,
cosı̀ come di ogni altro materiale da costruzione, risulta di fondamentale importanza
per la definizione dei limiti di validità dei modelli di calcolo, proposti in letteratura,
recepiti dalle normative e correntemente usati dali progettisti. In aggiunta alle
prove di caratterizzazione del materiale di base o di quello dei prodotti lavorati, la
vigente normativa prescrive l’esecuzione di prove di laboratorio su provini ricavati
dalle componenti (prodotti piani e lunghi) impiegate nella costruzione in modo da
verificare la rispondenza tra le ipotesi di progetto e le caratteristiche effettive del
materiale.
Il tipo di prova sicuramente più conosciuto e diffuso è rappresentato dal-
la prova di trazione monoassiale. Questa consente di ottenere alcune significative
informazioni sul materiale, quali i valori della tensione di snervamento e di rot-
tura e l’entità dell’allungamento percentuale a rottura ovvero la relazione comple-
ta tensione-deformazione. La prova consiste nell’applicare al provino (Fig. 100)
una forza assiale di intensit variabile con la velocità di carico prefissata e mode-
sta registrando l’allungamento ∆ in un tratto centrale del provino, ossia nella zona
delimitata da due riferimenti tracciati prima della prova e posti alla distanza L0 .
La tensione σ viene valutata dividendo il carico applicato per l’area nominale
della sezione trasversale (Anom ), mentre la deformazione  è stimata sulla base della

Figura 98: Esempio di lamiera grecata speciale

128
Figura 99: Tipico solaio composto in acciaio e calcestruzzo

variazione della lunghezza iniziale tra i riferimenti ∆ come:


∆ Ld − L0
= =
L0 L0
in cui Ld rappresenta la distanza tra i riferimenti durante la prova in corrisponden-
za del livello di carico applicato. Per acciai con tenore di carbonio fino allo 0.3%,
ossia per gli acciai impiegati nella carpenteria metallica, la tipica relazione tensione-
deformazione è riportata in Fig. 101. Nella prima parte della prova la risposta
in termini di relazione carico-allungamento è elastica lineare. Dalla pendenza della
curva σ −  si ricava il valore del modulo di elasticità longitudinale o modulo di
Young E (E = tan α). In corrispondenza del valore di tensione pari a fy si mani-
festa il fenomeno dello snervamento, ossia la relazione σ −  è caratterizzata da un
tratto ondulato con andamento medio pressoché orizzontale dovuto all’insorgere di
deformazioni plastiche (Fig. 101).

Figura 100: Tipiche provette per provini laminati

129
Figura 101: Tipica relazione tensione-deformazione σ −  per acciai da carpenteria

Fino al raggiungimento della tensione di snervamento la contrazione tra-


sversale del provino, dovuta all’effetto Poisson, è estremamente contenuta. L’area
effettiva della sezione trasversale viene assunta pari all’area nominale (Aef f = Anom ).
Per liveli di carico superiori la contrazione trasversale del provino non è più trascu-
rabile. Per una questione di praticità la tensione viene comunque sempre valutata
riferendosi all’area nominale della sezione trasversale resistente e pertanto dalla pro-
va si ottiene la curva a tratto pieno in Fig. 101. Questa fase, definita incrudente
termina quando la deformazione del provino cessa di essere uniforme su tutta la sua
lunghezza e si localizza in una zona limitata, ossia si manifesta la strizione. Segue in-
fine un tratto discendente, nel quale è possibile avere configurazioni di equilibrio del
sistema soltanto diminuendo il cairco di prova finchè non si manifesta la rottura del
provino. Facendo invece riferimento all’area effettiva della sezione trasversale (Aef f )
le tensioni si incrementano sempre fino al termine della prova (curva tratteggiata in
Fig. 101).

130
14 LE MEMBRATURE SEMPLICI

In questo capitolo si affronteranno le tematiche del comportamento e della verifica


delle aste singole, in presenza degli stati di sollecitazione più frequenti e significativi.
Si ricorda che tutte le verifiche di resistenza e di stabilità devono essere
riferite alle sollecitazioni determinate con riferimento agli stati limite ultimi, mentre
quelle di deformabilità devono essere condotte sulla base delle condizioni di carico
relative agli stati limite di servizio.
Come già introdotto nel capitolo dedicato al materiale, l’acciaio ha un le-
game costitutivo simmetrico a trazione e compressione. Un elemento strutturale in
acciaio può però avere una risposta globale non simmetrica a causa dei fenomeni di
instabilità che si possono manifestare nelle sue parti compresse oppure nei pannelli
che realizzano le anime delle travi. Senza entrare nei dettagli teorici del problema,
l’instabilità che si manifesta negli elementi in acciaio può essere distinta in:
• instailibtà globale, che interessa l’elemento in tutta la sua lunghezza o in una
sua significativa frazione;
• instabilità locale, che interessa le parti compresse della sezione trasversale del-
l’elemento. In questa forma di instabilità la dimensione delle semi-onde che
caratterizzano la configurazione deformata del profilo (o di una sua parte) è
comparabile con le dimensioni trasversali della sezione dell’elemento (Fig. 102)
Questi tipi di instabilità possono essere tra loro indipendenti oppure inte-
ragire. Nella progettazione si cerca di non farli interagire in modo da evitare una
risposta dell’elemento o del sistema strutturale di difficile previsione.
In accordo alla normativa [6] ogni componente compressa che realizza la se-
zione trasversale ha una classe di appartenenza che influenza la scelta del modello di
rappresentazione del suo comportamento nella fase di dimensionamento e pertanto
condiziona anche il metodo da utilizzare per l’analisi strutturale del sistema inte-
laiato. L’instabilità globale può interessare ogni elemento indipendentemente dalla
sua classe di appartenenza, mentre l’instabilità locale interessa solo i profili in classe
3 e 4.
Le sezioni interessate dai fenomeni di instabilità locale non sono in grado di
raggiungere il momento plastico di progetto o di sviluppare una adeguata capacità

Figura 102: Instabilità locale in profili a prete sottile

131
rotazionale necessaria per la ridistribuzione dei momenti e di conseguenza i metodi
dell’analisi plastica non possono essere utilizzati. Gli elementi sensibili ai fenomeni
di instabilità locale vengono definiti profili a parete sottile.
La classe di appartenenza della sezione trasversale viene definita in fun-
zione del rapporto dimensionale larghezza/spessore delle componenti della sezione
sulla base dei criteri riportati nelle tabelle di normativa. Le parti compresse possono
appartenere a classi diverse in funzione dei limiti dipendenti dallo stato di sollecita-
zione e dal parametro  legato alla tensione di snervamento del materiale (espresso
in N/mm2 ). La sezione compressa, inflessa o presso-inflessa, viene classificata, sulla
base della classe della componente meno favorevole, ossia scegliendo la classe più
alta.
Di seguito si considereranno le regole progettuali ed i criteri di calcolo pre-
valentemente applicabili alle sezioni di classe 1, 2 e 3 rimandando a trattazioni più
specialistiche l’approccio progettuale per gli elementi realizzati con sezioni snelle,
ossia soggette ai fenomeni di instabilità locale (classe 4).
Nel caso di sezioni snelle gli approcci progettuali prevedono una riduzione
delle caratteristiche prestazionali della sezione mediante una limitazione della ten-
sione nelle parti compresse oppure tramite una diminuzione della parte reagente di
sezione trasversale. Con riferimento alla seconda metodologia, il fenomeno dell’in-
stabilità locale viene tenuto in conto riducendo l’area resistente della sezione, ossia
mediante la definizione della larghezza efficace delle componenti compresse che rea-
lizzano la sezione. Ponendo l’attenzione su due situazioni tipiche e ricorrenti nella
progettazione di profili in parete sottile, deve essere precisato che:

• nel caso di elemento soggetto a forza assiale centrata, ossia con carico appli-
cato nel baricentro G della sezione lorda, la definizione delle larghezze efficaci
implica una riduzione dell’area della sezione alla quale riferirsi nelle verifiche
strutturali. Nel caso di profilo con almeno due assi di simmetria la posizione
del baricentro viene conservata, altrimenti la penalizzazione della sezione ge-
nera una sezione efficace avente baricentro G’ con coincidente con G e quindi è
indotta un’azione flettente aggiuntiva dovuta alla distanza tra il baricentro del-
la sezione efficace e quello della sezione lorda (Fig. 103). Nelle verifiche si deve
quindi tenere in conto che il profilo è in realtà soggetto ad una sollecitazione
di presso-flessione;

• nel caso invece di sezione inflessa, la penalizzazione della sezione porta ad


una riduzione dell’area reagente a compressione, con conseguente diminuzione
anche del modulo di resistenza della sezione e quindi l’asse neutro della sezione
efficace non coincide con quello della sezione lorda (Fig. 104).

14.1 Gli elementi tesi


Usualmente gli elementi tesi vengono principalmente realizzati con profilati lami-
nati a caldo, tondi o elementi a sezione rettangolare. La loro capacità portante è
essenzialmente influenzata da:

• tensioni residue dovute al processo di lavorazione;

132
Figura 103: Penalizzazione della sezione compressa per effetto dell’instabilità locale

• collegamenti alle estremità dell’elemento;


La capacità portante dell’elemento teso è condizionata dalla sua area netta,
ossia dall’area effettivamente reagente della sezione d’attacco (Fig. 105). Nel caso
in cui la trasmissione del carico avvenga in corrispondenza dell’asse baricentrico,
l’area netta della sezione è pari alla sua area lorda opportunamente ridotta per la
presenza di fori e aperture. Se i fori sono disposti in modo sfalsato, l’area effettiva
deve essere la minima tra quella della sezione retta e quella di sezioni passanti per i
fori e depurate dagli stessi.
La verifica di un elemento teso soggetto ad un’azione assiale di progetto
NSd in corrispondenza di ogni sua sezione è soddisfatta se non viene ecceduta la sua
capacità portente Nt,Rd , ossia se:
NSd ≤ Nt,Rd
La resistenza di progetto a trazione Nt,Rd , deve essere assunta pari al valore
minore tra la resistenza plastica di progetto della sezione lorda Npl,Rd , e la resi-
stenza ultima di progetto della sezione retta Nu,Rd , in corrispondenza dei fori per i
dispositivi di giunzione. Tali termini sono definiti come:
Afy
Npl.Rd =
γM 0

Anet fu
Nu,Rd = 0.9
γM 2
in cui A ed Anet rappresentano rispettivamente l’area della sezione trasversale lorda
e della sezione netta in corrispondenza dei fori, fy ed fu sono rispettivamente la
tensione di snervamento e di rottura del materiale e γM 0 e γM 2 sono i coefficienti di
sicurezza del materiale.

14.2 Gli elementi compressi


Un elemento è considerato compresso se è soggetto ad azione assiale centrata oppure
se è pressoinflesso e l’eccentricità è comunque estremamene modesta. Nella corrente
pratica progettuale l’eccentricità si considera trascurabile se non eccede 1/1000 della
lunghezza dell’elemento stesso.

133
Figura 104: Penalizzazione della sezione inflessa per effetto dell’instabilità locale

14.2.1 La verifica di resistenza


Lo stato di sollecitazione di compressione semplice nei profili metallici è sempre
associato al fenomeno dell’instabilità. La verifica di resistenza deve essere quindi
sempre accompagnata dalla verifica di stabilità.
La verifica di una elemento compresso soggetto ad un’azione assiale NSd
in corrispondenza di ciascuna sezione è soddisfatta se non viene ecceduta la sua
capacità portante Nc,Rd , ossia se:

NSd ≤ Nc,Rd

La resistenza di progetto a compressione Nc,Rd deve essere assunta pari al


valore minore tra la resistenza plastica di progetto della sezione lorda, Npl,Rd e la
resistenza di progetto all’instabilità locale della sezione lorda, No,Rd . Tali termini
sono rispettivamente definiti come:
Afy
Npl.Rd =
γM 0
Aef f fy
No,Rd =
γM 1

Figura 105: Sezione di attacco per elementi tesi

134
in cui A ed Aef f rappresentano rispettivamente l’area della sezione trasversale lor-
da e l’area della sezione efficace (valutata in funzione della classe di appartenenza
dell’elemento e dell’eventuale presenza di fori soltanto se asolati o maggiorati), fy è
la tensione di snervamento e γM 0 e γM 1 sono i coefficienti di sicurezza.
Si osservi che i fenomeni di instabilità locale penalizzano la capacità por-
tante di elementi compressi soltanto se questi appartengono alla classe 4, in quanto
Aef f < A. Gli elementi compressi in classi 1, 2 e 3, per i quali l’area efficace coincide
con l’area nominale (Aef f = A), hanno capacità portante data invece dal raggiun-
gimento della tensione limite in ogni fibra della sezione trasversale (che può quindi
arrivare a completa plasticizzazione).

14.2.2 La verifica di stabilità


Per il generico elemento compresso, nell’ipotesi che non siano presenti imperfezioni
e che sia realizzato da un materiale avente legame costitutivo elastico-lineare (un
elemento con queste caratteristiche viene definito asta ideale o asta di Eulero), esi-
ste un valore di carico, definito carico critico elastico Ncr che attiva il fenomeno
dell’instabilità dell’elemento.
Nel caso di profili a I e H con almeno un asse di simmetria si ha che su questo
giacciono il centro di taglio ed il baricentro del profilo e il fenomeno di instabilità
torsionale può generalmente essere trascurato, a differenza di quanto avviene con
profili aventi sezioni trasversali di altre forme (per esempio quelli a croce, gli angolari
o i profilati a T, in cui tutte le componenti convergono in un unico punto). Se il
fenomeno dell’instabilità flessionale si manifesta prima di altre forme di instabilità,
l’associato valore di carico è definito come:
π 2 EIy π 2 EIz
( )
Ncr = min , 2
L20,y L0,z

in cui E rappresenta il modulo di elasticità della sezione I è il momento d’inerzia


ed L0 la lunghezza libera di inflessione, mentre i pedici y e z si riferiscono agli assi
principali della sezione trasversale (di soli y individua l’asse forte e z quello debole).
Dal punto di vista progettuale può essere a volte conveniente riferirsi, anzi-
ché al carico critico, alla tensione critica σcr :

π 2 Eρ2y π 2 Eρ2z π2E π2E


( ) ( )
Ncr
σcr = = min , 2 = min , (1)
A L20,y L0,z λ2y λ2z

in cui A rappresenta
q l’area della sezione trasversale dell’asta, ρ il raggio giratore
d’inerzia (ρ = A ) e λ la snellezza dell’elemento (λ = Lρ0 ).
I

La snellezza λ da considerare nelle verifiche è la massima tra quella in


direzione y e quella in direzione z.
A titolo esemplificativo si consideri l’asta di Fig. 106 diversamente vincolata
nei piani x-y e x-z. La lunghezza di libera inflessione del piano x-y è da assumere
pari a L/4, mentre nel piano x-z vale L/2.
La trattazione dell’asta ideale non ha una concreta applicabilità in campo
progettuale per il dimensionamento strutturale, essendo valida nel caso di elementi
dotati di legame costitutivo perfettamente elastico-lineare e privi di imperfezioni. In

135
Figura 106: Influenza dei vincoli sulla lunghezza di libera inflessione

realtà, i profili che vengono impiegati nella corrente pratica costruttiva di edifici ad
uso civile ed industriale, denominati aste industriali, sono sempre caratterizzati da:
• materiale con legame costitutivo non lineare limitato nella resistenza e dotato
di un tratto post-elastico caratterizzato da notevole deformabilità (tale legame
è approssimabile, ai fini progettuali, come elasto-plastico perfetto o elasto-
plastico incrudente);
• imperfezioni meccaniche e geometriche, principalmente dovute ai procedimenti
di lavorazione ed alla fase di assemblaggio in opera
Nell’elemento di area A privo di imperfezioni e con la sola limitazione sulla
resistenza (relativa al raggiungimento della tensione di snervamento fy ), il carico
critico non può mai risultare superiore alla forza Ny che provoca la completa pla-
sticizzazione della sezione (Ny = fy A). Esprimendo graficamente l’equazione (1) in
un sistema di riferimento tensione-snellezza e tenendo conto della limitazione asso-
ciata alla tensione che non può superare quella di snervamento si ottiene la curva
di stabilità riportata nella Fig. 107. Quando il punto rappresentativo dello stato
tensionale dell’elemento di snellezza λ è al di sotto di questa curva non si ha collasso.
L’intersezione tra la curva definita dalla (1) e la retta orizzontale in corrispondenza
del livello tensionale fy i individua un punto (P) la cui ascissa λP viene denominata
snellezza di proporzionalità, definita come:
s
E
λP = π
fy
Nella Tab. 4 vengono riportati, per i tipi di acciaio più comuni, i valori del-
l’associata snellezza di proporzionalità valutata considerando E = 2100000 N/mm2
e assumendo i valori della tensione di snervamento dalla Tab. 2.

136
Figura 107: Dominio di resistenza tensione-snellezza per l’elemento compresso

Per l’asta priva di imperfezioni (quindi per un caso ancora abbastanza lon-
tano dalla realtà) e non sensibile ai fenomeni di instabilità locale il significato della
snellezza di proporzionalità è immediatamente collegabile alla modalità di collasso
dell’elemento strutturale:
• se λ < λP la crisi avviene per raggiungimento della resistenza, ossia per
schiacciamento e quindi per completa plasticizzazione della sezione;
• se λ > λP si ha invece crisi per fenomeni di instabilità dell’asta
• se λ = λP la crisi avviene per raggiungimento della resistenza e contemporanea
instabilità dell’asta
Le imperfezioni meccaniche e geometriche sono sempre presenti nell’ele-
mento reale e influenzano anche significativamente la sua capacità portante. Con
riferimento all’imperfezione iniziale, modellabile in via approssimativa con una de-
formata iniziale sinusoidale dell’asse longitudinale della trave, al crescere del carico
applicato N aumenta anche l’inflessione δ e quindi l’azione flettente associata al-
l’eccentricità del carico. L’asta è pressonflessa e nella sezione di mezzeria si ha il
massimo valore di momento (pari a N δ). Al crescere del carico aumenta quindi
anche il valore della tensione massima nella fibra estrema che non può però eccedere
il valore della tensione limite del materiale. La risposta dell’asta, in termini di re-
lazione carico-spostamento trasversale (Fig. 108), inizialmente coincide con quella
dell’elemento ideale (essendo il materiale in campo elastico). Raggiunto a livello
locale il valore della tensione limite si ha un decremento di rigidezza associato al
valore ridotto del modulo elastico del materiale nelle zone della sezione sollecitate in
campo post-elastico. Ne consegue una variazione di comportamento rispetto a quel-
lo dell’elemento ideale con una graduale perdita di rigidezza dell’elemento. Il valore

Tabella 4: Valori della snellezza di proporzionalità

Acciaio El. di spessore ≤ 40 mm El. di spessore > 40 mm


Fe 360 93.91 98.18
Fe 430 86.81 90.15
Fe 510 76.41 78.66

137
Figura 108: Relazione carico-spostamento trasversale per l’elemento industriale con
imperfezioni iniziali

critico Nu (inferiore al carico critico elastico Ncr corrisponde al raggiungimento della


resistenza massima dell’elemento. Incrementi ulteriori dello spostamento δ implica-
no che l’equilibrio possa essere mantenuto soltanto se il valore del carico applicato
diminuisce.
Confrontando la relazione tra tensione e snellezza dell’asta ideale con quella
dell’asta industriale si osserva che il legame costitutivo effettivo e la contemporanea
presenza di imperfezioni riducono la capacità portante rispetto al caso di elemento
ideale (Fig. 109). Il campo di separazione tra elementi che raggiungono la completa
plasticizzazione del profilo e quelli in cui la capacità portante è influenzata dai feno-
meni di instabilità, a causa delle imperfezioni di tipo sia geometrico sia meccanico,
si riduce sensibilmente passando da λP a circa 0.2 λP .
Dal punto di vista progettuale la verifica dell’elemento compresso viene
effettuata controllando che il valore della tensione non ecceda un valore limite (ov-
viamente non superiore alla tensione di snervamento del materiale) definito sulla
base dei seguenti parametri:

• snellezza dell’elemento: dal punto di vista prettamente teorico, nel caso di telai
a nodi fissi, la lunghezza di libera inflessione dell’asta di lunghezza L varia tra

Figura 109: Curva di stabilità per l’elemento con e senza imperfezioni

138
0.5 L e L, mentre le colonne di telai a nodi mobili hanno lunghezza di libera
inflessione variabile da L a ∞. Maggiori dettagli relativi ad una valutazione
accurata dell lunghezza di libera inflessione L0 o egualmente del fattore di
lunghezza efficace β = L0 /L sono specificati nei codici normativi assunti come
riferimento della progettazione strutturale;
• forma della sezione trasversale: nel prodotto finito nascono distribuzioni di
tensioni residue dipendenti dalla forma della sezione trasversale a causa dei
procedimenti di lavorazione utilizzati;
• tipo di acciaio: le tensioni residue possono rappresentare una frazione non
trascurabile di quella di snervamento e la capacità portante risulta pertanto
ridotta rispetto al caso ideale di sezione con tensione nulla in ogni suo punto.
In alternativa alla verifica in termini di tensioni è possibile confrontare
l’azione assiale di progetto direttamente con la capacità portante della sezione.
La resistenza all’instabilità delle membrature compresse viene valutata co-
me:
fy
Nb,Rd = χβA A
γM 1
in cui A rappresenta l’area nominale della sezione trasversale, fy è la tensione
di snervamento del materiale, i termini βA e χ sono due fattori riduttivi e γM 1 è il
coefficiente di sicurezza del materiale.
Il termine βA è un coefficiente di riduzione dell’area nominale della sezione
trasversale che tiene in conto eventuali fenomeni di instabilità locale della sezione e
vale 1 per le sezione trasversali di classe 1, 2 o 3 mentre è dato dal rapporto Aef f /A
per le sezioni trasversali di classe 4.
Il termine χ è il coefficiente di riduzione per la modalità di instabilità perti-
nente. Questo può essere valutato analiticamente, oppure ottenuto dalla normativa.
Per applicare la normativa è necessario calcolare la snellezza adimensionalizzata
definita come: s
βA Afy
λ=
Ncr
in cui Ncr rappresenta la forza elastica critica per la modalità di instabilità per-
tinente. Calcolata la snellezza adimensionalizzata si entra in una tabella in cui, a
seconda del tipo di profilo, si calcola il termine χ richiesto dalla formula per il calcolo
di Nb,Rd . Poiché nella tabella sono riportati valori discreti di λ, il valore cercato può
essere ottenuto per interpolazione lineare.
La lunghezza di libera inflessione di una membratura compressa avente le
estremità efficacemente mantenute in posizione rispetto agli spostamenti laterali,
può essere assunta, a favore di sicurezza, uguale alla sua lunghezza L. In alternati-
va, può essere valutata in modo più accurato determinando il fattore di lunghezza
efficace β definito come L0 = βL sulla base dei vincoli offerti dalla restante parte di
telaio all’asta isolata in esame.

14.3 Gli elementi inflessi


Il generico elemento inflesso è usualmente soggetto anche ad azione tagliante, che
deve perciò essere esplicitamente considerata in fase di verifica.

139
Il dimensionamento dell’elemento inflesso deve essere condotto con riferi-
mento sia alla condizione di deformabilità (stato limite di servizio) sia a quella di
resistenza ed eventualmente di instabilità (entrambe riferite agli stati limite ultimi).

Deformabilità I controlli sulla deformabilità sono prevalentemente associati alla


condizione di utilizzo. Sulla base dei metodi propri della scienza e della tecnica delle
costruzioni è possibile calcolare il massimo abbassamento (usualmente in campo
elastico) ν e confrontarlo con i valori limite ammessi dalla normativa di riferimento
νLim , in modo che sia garantito che:
ν ≤ νLim
L’abbassamento dell’elemento inflesso in campo elastico dovrebbe essere
sempre considerato come somma di due contributi, uno legato alla deformabilità
flessionale ed uno legato al contributo tagliante:
ν = νF + νT
Il contributo tagliante può essere stimato mediante il principio dei lavori
virtuali. Nel caso particolare della trave in semplice appoggio, può essere utilizzata
l’espressione:
Z
T (x)
νT = χT dx
GA
in cui la funzione T (x) esprime il valore del taglio nell’elemento, l’integrale è este-
so dalla sezione di appoggio a quelle in cui si vuole valutare l’abbassamento, G
rappresenta il modulo di elasticità tangenziale, A l’area della sezione trasversale
dell’elemento e χT il fattore di taglio della sezione.
Il fattore di taglio è un coefficiente adimensionale che dipende dalla forma
della sezione. Il suo valore è sempre maggiore dell’unità ed è tanto più grande quanto
più le tensioni tangenziali associate all’azione tagliante si scostano dalla distribuzione
uniforme. Una valutazione rigorosa del termine χT può essere condotta mediante
l’espressione:
A Z y00 Si2
χT = 2 dy
I y 0 bi
in cui I rappresenta il momento di inerzia della sezione y 0 e y 00 sono gli estremi della
sezione e Si il momento statico rispetto all’asse neutro della parte di sezione sottesa
alla corda di larghezza bi . Nel caso di sezione rettangolare si ha χT = 1.2. Nel caso
dei profilati a doppio T delle serie IPE ed HE, il valore assunto varia nei seguenti
intervalli:
• per i profilati della serie IPE χT varia da 2.2 a 2.6;
• per i profilati della serie HEA e HEB χT varia da 2.1 a 4.7;
• per i profilati della serie HEM χT varia da 2.1 a 4.4.
In alternativa alla definizione rigorosa del fattore di taglio, per i profila-
ti a doppio T dotati di un asse di simmetria può essere utilizzato un approccio
approssimato che prevede la stima di χT come:
A
χT =
Aw

140
Tabella 5: Limiti di abbassamento per elementi orizzontali (da [6]); δ0 è la pre-
monta iniziale (contro-freccia) della trave nella condizione scarica, δ1 è la variazione
di inflessione dovuta ai carichi permanenti, δ2 è la variazione dell’inflessione dovuta
ai carichi accidentali.
Condizioni Limiti
δmax = δ1 + δ2 − δ0 δ2
Copertura in generale L/200 L/250
Copertura praticata non solo
dalla manutenzione L/250 L/300
Solai in generale L/200 L/250
Solai o coperture che reggono
materiale fragile L/200 L/350
Solai su cui appoggiano colonne L/400 L/500
Casi in cui δmax può compromettere
l’aspetto dell’edificio L/250 -

in cui Aw rappresenta l’area dell’anima.


I limiti di deformabilità sono prescritti dalla normativa. Vengono proposti,
per gli elementi orizzontali, i valori limite degli spostamenti tenendo conto, oltre
che della presenza dei carichi verticali permanenti e accidentali, anche della even-
tuale contro-freccia (o pre-monta iniziale), δ0 ossia di una deformazione permanente
iniziale che viene volutamene impressa alla trave in stabilimento, opposta a quella
associata ai carichi permanenti e accidentali. In questo modo, soprattutto per travi
di grande luce o in presenza di forti carichi, è possibile contenere la deformazione
totale dell’elemento in esercizio. In dettaglio, con riferimento alla trave in semplice
appoggio di luce L, vengono proposti nella Tab. 5 i limiti di deformabilità relativi
sia allo spostamento totale, sia allo spostamento dovuto ai soli sovraccarichi. I valori
riportati nella tabella sono validi anche per il caso di travi a mensola, considerando
come lunghezza L il doppio della lunghezza dello sbalzo della mensola.

Resistenza Relativamente alle verifiche di resistenza deve sempre essere control-


lato che la sollecitazione non ecceda la resistenza. La verifica può essere affrontata
sulla base di sue approcci differenti:

• in termini tensionali, considerando le tensioni normali associate alla flessione,


quelle tangenziali associate al taglio ed eventualmente una loro opportuna
combinazione;

• in termini di caratteristiche prestazionali globali della sezione (con riferimento


al momento resistente di progetto ed alla resistenza a taglio di progetto della
sezione).

La massima tensione tangenziale associata al taglio τmax può essere determi-


nata mediante la trattazione approssimata di Jourawski. Si osservi che, per i profili
ad I e ad H, come per altre forme comuni di sezioni trasversali con carico parallelo
all’anima, il contributo delle ali alla resistenza a taglio è estremamente modesto.

141
Usualmente, per il proporzionamento strutturale di tali elementi, è lecito ipotizzare
che solo l’anima assorba il taglio e pertanto la massima tensione tangenziale viene
usualmente approssimata come:
T
τmax =
Ay
in cui T rappresenta il taglio agente sulla sezione e Ay è l’area resistente a taglio.
Nel caso ricorrente di profili a d I e ad H con carico parallelo all’anima,
l’area resistente a taglio è correntemente stimata come l’area dell’anima leggermente
amplificata per tenere conto della presenza dei raccordi ala-anima.
Nel caso ricorrente di flessione attorno ad un asse, viene richiesto che, in
assenza di azione tagliante, il valore del momento di progetto MSd in corrispondenza
di ciascuna sezione trasversale soddisfi la relazione:

MSd ≤ Mc,Rd

in cui Mc,Rd rappresenta il momento resistente di progetto della sezione trasversale,


da assumersi in funzione della classe della sezione trasversale come:
• per le sezioni trasversali di classe 1 e 2 viene fatto riferimento alle grandezze
della sezione lorda, ossia Mc,Rd = Wpl fy /γM 0 in cui Wpl rappresenta il modulo
di resistenza plastico, fy è la tensione di snervamento e γM 0 il coefficiente di
sicurezza; il modulo di resistenza plastico, riportato direttamente in alcuni
profilari, corrisponde al doppio del momento statico di metà sezione attorno
all’asse neutro;

• per le sezioni trasversali di classe 3: Mc,Rd = Wel fy /γM 0 in cui Wel rappresenta
il modulo di resistenza elastico;

• per le sezioni trasversali di classe 4: Mc,Rd = Wef f fy /γM 1 in cui Wef f rappre-
senta il modulo di resistenza della sezione efficace.
Tutti i profili della serie IPE e realizzati in acciaio Fe 360, Fe 430 oppure
Fe 510 appartengono, per sollecitazioni di pura flessione, alla classe I ossia hanno
sezione compatta e pertanto la verifica di resistenza deve essere basata su quella per
le classi 1 e 2.
Il valore dell’azione tagliante VSd in ogni sezione trasversale non deve ecce-
dere la resistenza a taglio plastica di progetto, ossia deve essere verificato che:

VSd ≤ Av fy /( 3γM 0 )

L’area resistente a taglio Av può essere determinata come segue:


• profilati laminati a I e H con carico parallelo all’anima Av = A − 2btf + (tw +
2r)tf

• profilati laminati a C con carico parallelo all’anima Av = A − 2btf + (tw + r)tf

• sezioni saldata a I e H con carico parallelo all’anima Av =


P
(dtw )

• sezioni saldate a I e H con carico parallelo alle ali Av = A −


P
(dtw )

142
Figura 110: Deformata per svergolamento di travi inflesse

• profilati cavi rettangolari di spessore uniforme con carico parallelo all’altezza


Av = Ah/(b + h)

• profilati cavi rettangolari di spessore uniforme con carico parallelo alla lar-
ghezza Av = Ab/(b + h)

• piatti e barre piene Av = A

Facendo riferimento alla sezione trasversale del profilo, A rappresenta l’area, b e


h individuano rispettivamente la larghezza e l’altezza totale, d l’altezza dell’anima
r il raggio di raccordo tra ala e anima, t lo spessore e i pedici f e w sono riferiti
rispettivamente all’ala ed all’anima.

Stabilità Gli elementi inflessi possono manifestare una particolare forma di insta-
bilità costituita dalla instabilità laterale, anche chiamata svergolamento o instabilità
flesso-torsionale. Questa è dovuta alla forza di compressione che agisce su una parte
di profilo (per elementi in semplice appoggio con carichi verticali è l’ala superiore
del profilo) e che può provocare sbandamento laterale ed al contempo torsione, ossia
traslazione e rotazione della sezione, senza che il profilo riesca perciò ad esplicare
le proprie risorse flessionali. Le grandezze statiche e geometriche che influenzano
questa forma di instabilità sono principalmente la lunghezza della trave, la distri-
buzione dei carichi e dei vincoli, le rigidezze flessionali e torsionali della sezione e
la quota di applicazione del carico rispetto al baricentro ad al centro di taglio della
sezione. La posizione del carico è estremamente rilevante nei confronti della capacità
portante qualora si possa manifestare l’instabilità laterale. Nel caso di profilati a
I e H il carico applicato sull’ala superiore ha un effetto instabilizzante, mentre ha
effetto stabilizzante quando è applicato all’ala inferiore. Nella Fig. 110 vengono
riportate, a titolo di esempio, due configurazioni deformate tipiche dell’instabilità
flesso-torsionale relative alla trave in semplice appoggio con vincoli torsionali alle
estremità ed alla mensola.
Il momento resistente di progetto Mb,Rd alla instabilità della trave non

143
controventata lateralmente e con carico parallelo all’anima è definito come:
fy
Mb,Rd = χLT βw Wpl,y
γM 1
in cui Wpl,y rappresenta il modulo di resistenza plastico rispetto all’asse forte (asse y),
fy la tensione di snervamento del materiale, i termini βw e χLT sono due coefficienti
riduttivi e γM 1 è il coefficiente di sicurezza. Il termini βw si assume pari a 1 per
le sezioni trasversali di classe 1 e classe 2, vale Wel,y /Wpl,y per le sezioni trasversali
in classe 3 ed è dato da Wef f,y /Wpl,y per le sezioni di classe 4. Il termine χLT è il
coefficiente di riduzione per l’instabilità flesso-torsionale dato da:
1
χLT = q
φLT + φ2LT − λ2LT

in cui il termine φLT è definito come:

φLT = 0.5[1 + αLT (λLT − 0.2) + λ2LT ]

ove αlLT rappresenta il coefficiente di imperfezione (da assumere paria 0.21 per le
sezioni laminate e 0.49 per le sezioni saldate) mentre la snellezza adimensionalizzata
è data da: q
λLT = βw Wpl,y fy /Mcr
Il termine Mcr rappresenta il momento critico elastico per instabilità flesso-torsionale.
Nel caso più generale di sezione trasversale uniforme doppiamente simmetrica è
possibile stimare il momento critico come:
v 
!2
2
u
π EIz u k IW (kL)2 GIt
Mcr = C1 + + (C2 zg )2 − C2 zg 
t 
(kL) 2 kW Iz π 2 EIz

in cui:
• zg rappresenta la distanza tra il punto in cui viene applicato il carico ed il
centro di taglio della sezione;

• il termine kw è un coefficiente di lunghezza efficace nei confronti dell’ingobba-


mento ad un estremo: assume un valore variabile da 0.5 (associato al caso di
incastro completo) fino a 1 (relativo al caso in cui non è presente incastro). Nel
caso in cui agli estremi si abbiano un incastro ed un estremo libero si assume
kw =0.7;

• il termine k è un coefficiente di lunghezza efficace nei confronti della rotazione


di un estremo nel piano: assume un valore variabile da 0.5 (associato al caso
di incastro completo) fino a 1 (relativo al caso in cui non è presente incastro).
Nel caso in cui agli estremi si abbiano un incastro ed un estremo libero di
assume k=0.7;

• It esprime la costante di torsione;

• Iz è il momento di inerzia intorno all’asse debole;

144
• L è la lunghezza della trave fra i punti che hanno vincolo laterale;

• i valori dei coefficienti C1 e C2 dipendenti dalle condizioni di carico e di vincolo


all’estremo sono riportati nella normativa [6] per le condizioni di carico mag-
giormente ricorrenti al variare dl coefficiente di lunghezza efficace k relativo
alla rotazione di un estremo nel piano;

• IW è la costante di ingobbamento che nel caso di profili semplici a I oppure a


H senza irrigidimenti di bordo è definita come:

IZ (h − tf )2
IW =
4
con h altezza del profilo e tf spessore delle ali.

145
15 LE MEMBRATURE COMPOSTE

Le membrature singole, trattate nel precedente capitolo hanno caratteristiche geome-


triche strettamente vincolate alle loro modalità di realizzazione e quindi alla gamma
di prodotti disponibili. Nonostante trovino un esteso utilizzo in ambito civile ed in-
dustriale, a volte le loro prestazioni statiche non sono adeguate all’utilizzo richiesto,
ovvero non rappresentano la soluzione economicamente più conveniente. Facendo,
per esempio, riferimento ai comuni profilati a doppio T, le ali contribuiscono in
misura prevalente alla definizione del momento di inerzia della sezione e pertanto
condizionano la deformabilità e lo stato tensionale associato alla flessione; l’azione
tagliante è invece sostenuta principalmente dall’anima del profilo stesso. A partià di
quantità di materiale impiegato nelle ali (a partià cioè di area della sezione trasver-
sale delle ali), un aumento dell’altezza del profilo provoca quindi non trascurabili
incrementi del momenti di inerzia e pertanto una riduzione della deformabilità e
dello stato tensionale con peso comunque più elevato per maggiore quantitativo di
materiale per realizzare l’anima del profilato. Con elementi di grande luce, o con
carichi di rilevante entità, oppure quando si manifestano entrambe le condizioni, è
molte volte conveniente utilizzare profili composti, ossia elementi ottenuti collegando
tra loro, in modo trasversalmente discontinuo, membrature singole opportunamen-
te distanziate per garantire prestazioni adeguate con un sensibile contenimento di
peso dell’elemento portante. A fronte dei vantaggi che caratterizzano questi tipi di
membrature, confrontando, a parità di richieste prestazionali, un elemento composto
con uno a parete piena, il primo presenta usualmente un ingombro maggiore, una
minore rigidezza trasversale a causa della non trascurabile influenza del contribu-
to deformativo associato all’azione tagliante ed un costo dell’unità di peso più alto
connesso alle lavorazioni da attuare per la sua realizzazione.
L’attenzione verrà posta di seguito sulle travi reticolari e sulle aste compo-
ste, intendendo le prime interessate prevalentemente ad azione assiale e le seconde
soggette a carichi trasversali.

15.1 Le aste composte


Le aste composte sono formate da due o più correnti distanziati ed opportunamente
vincolati tra loro in modo discontinuo; ogni corrente può, a sua volta, essere rea-
lizzato con uno o più profili collegati tra loro. Il campo preferenziale di utilizzo di
questa tipologia di elementi è quello in cui si hanno lunghezze di libera inflessione
elevate ed al contempo carichi di non rilevante entità.
La risposta globale di una membratura composta dipende, in maniera a
volte sostanziale, dalla deformabilità per flessione e taglio, La deformabilità per
flessione è legata al momento di inerzia della sezione composta, mentre quella per
taglio è prevalentemente imputabile alla deformabilità delle aste di collegamento e
dei correnti.
La capacità portante degli elementi composti è principalmente influenzata
da:

• comportamento globale dell’elemento;

• comportamento locale delle singole componenti;

146
Figura 111: Aste composte: a) tralicciate, b) calastrellate e c) abbottonate

• tipo di collegamento tra le componenti ed azioni che le impegnano

A seconda del tipo di collegamento è possibile classificare le aste composte


in:

• aste tralicciate (Fig. 111a), costituite da correnti collegati tra loro mediante
un traliccio, in cui ogni tratta di corrente può, in genere, essere considerato
come un’asta isolata, semplicemente compressa ed avente lunghezza di libera
inflessione pari all’interasse dei collegamenti (Fig. 112a). La deformabilità per
taglio dell’elemento composto dipende principalmente dalla rigidezza assiale
dell’elemento diagonale e del traverso;

• aste calastrellate (Fig. 111b), costituite da correnti collegati tra loro mediante
piastre rettangolari (calastrelli), in cui i correnti sono compressi ed inflessi ed
il diagramma delle azioni flettenti è in via approssimata schematizzabile con
andamento tipicamente lineare (Fig. 112b). La deformabilità per taglio dell’e-
lemento composto dipende prevalentemente dalla deformabilità flessionale di
correnti e calastrelli;

• aste abbottonate (Fig. 111c), costituite da correnti ravvicinati tra i quali


vengono interposte lamiere in acciaio. I correnti sono compressi ed infles-
si mentre il diagramma delle azioni flettenti ha andamento tipicamente non
lineare e deve essere valutato con riferimento alla configurazione deformata
dell’elemento (Fig. 112c). La deformabilità per taglio dipende in modo so-
stanziale dalla deformabilità flessionale per taglio dipende in modo sostanziale
dalla defomabilità flessionale di correnti e collegamenti, nel caso di giunzioni
bullonate.

147
Figura 112: Modelli di calcolo per aste composte: a) tralicciate, b) calastrellate e c)
abbottonate

Gli approcci progettuali, ripresi poi dalle normative di settore, forniscono


limitazioni dimensionali alla geometria della aste composte, in modo da evitare, o co-
munque limitare, l’interazione tra instabilità globale della membratura e instabilità
locale delle singole componenti.
La determinazione della capacità portante delle aste composte può essere
basata sul criteri della snellezza equivalente (se due sistemi strutturali differenti tra
loro ma con la medesima sezione trasversale hanno lo stesso carico critico elastico,
allora hanno anche la medesima capacità portante), in accordo a quanto previsto
dalla normativa. In dettaglio, per l’asta composta, viene definita una snellezza equi-
valente λeq dipendente dalla snellezza del singolo corrente λ opportunamente incre-
mentata per effetto della deformabilità a taglio associata al collegamento trasversale
discontinuo.
Per l’asta semplice, la snellezza equivalente λeq è definita come:
s
χT π 2 E
λeq = λ2 +
G
L’espressione per le aste composte dipende dalla tipologia di elemento in esame e
dalla sua geometria, come si vedrà in seguito.
I criteri progettuali sviluppati per le aste composte sono in sostanza diffe-
renziati in funzione della distanza tra i baricentri dei due correnti, h0 e del raggio
giratore di inerzia del corrente nella direzione di sbandamento che si considera, i1 .
Si distinguono:
• aste con correnti distanziati se h0 > 6i1 : appartengono a questa tipologia
di elementi composti tipicamente le aste tralicciate e le aste calastrellate,
utilizzate prevalentemente per la realizzazione delle colonne composte;
• aste con correnti ravvicinati se h0 < 3i1 : tipicamente le aste abbottonate, ossia
gli elementi utilizzati frequentemente per la realizzazione di correnti, diagonali
e montanti delle travature reticolari.

148
Figura 113: Collegamenti in grado di assorbire forze di scorrimento

Un aspetto particolarmente importante relativo alle aste composte è quello


dei collegamenti. Una loro eccessiva deformabilità penalizza sensibilmente la capa-
cità portante e pertanto questi devono essere sempre saldati ovvero bullonati con
adeguato grado di serraggio, al fine di evitare significativi scorrimenti anelastici per
effetto del gioco foro-bullone.
Non tutti i tipi di collegamenti devono necessariamente avere un funziona-
mento statico, ossia assorbire le forze di scorrimento tra i due correnti. Per esempio,
nel caso di aste composte con correnti ravvicinati, i collegamenti possono avere una
funzione cinematica impedendo lo sbandamento dell’elemento composto nella dire-
zione di minore rigidezza della singola componente. Con riferimento alla situazione
di Fig. 113 si osservi che per sbandamenti in direzione x la sezione è composta
(caso a). Per sbandamenti in direzione y, invece, i due angolari si comportano come
un’asta semplice. (caso b).
La determinazione della capacità portante delle aste composte è basata sul
concetto di snellezza equivalente. Questa, nel caso di aste composte, dipende dal
raggio giratore di inerzia della sezione composta ossia dalle proprietà inerziali del
corrente e della loro distanza. Nel seguito, con riferimento a due tipiche configu-
razioni di aste composte, sono proposti i principali passaggi per la valutazione del
carico critico.

π 2 EI
Aste tralicciate Il carico critico ideale di instabilità dell’asta è Ncr,id = βeq L2
con:
v !
u
t1 + π 2 EI 1 b
u
βeq = +
L2 2
EAd sin φ cos φ aEAb

La funzione f (φ) = sin φ cos2 φ assume valori massimi per 30◦ < φ < 45◦ .
In tale campo si ha quindi la massima efficienza della tralicciatura. Per il significato
dei simboli ci si riferisca alla Fig. 114.

Aste calastrellate Nel caso di aste calastrellate i correnti cono compressi ed


inflessi con un diagramma delle azioni flettenti approssimabile come lineare (valutato

149
Figura 114: Contributi deformativi nel generico campo dell’asta tralicciata: a)
l’allungamento del diagonale e b) l’accorciamento del trasverso

con riferimento alla configurazione indeformata). Il carico critico elastico viene in


questo caso espresso come:
 
π 2 EI  1
Ncr,id = 2
 2 χT a

L EI a
1 + π 2 L2 24EIcor + ab
+
12EIcal bAcal G

essendo I il momento di inerzia della sezione composta. Il fattore βeq nel caso di
aste calastrellate è definito come:
v !
a2
u
t1 + π 2 EI ab χT a
u
βeq = + +
L2 24EIcor 12EIcal bAcal G

15.2 Le travi reticolari


Le travi reticolari sono particolarmente indicate, a differenza delle soluzioni tradi-
zionali con profilati singoli a parete piena, per applicazioni in cui si debbano coprire
grandi luci o siano presenti forti carichi, a causa della loro leggerezza e delle notevoli
prestazioni.
Le componenti fondamentali delle travi reticolari sono:
• i correnti (detti anche briglie) che possono essere considerati equivalenti alle
ali dei profili a parete piena;

• le aste di parete, dette anche aste di traliccio, che vengono distinte in montan-
ti se disposte verticalmente oppure ortogonalmente ad almeno un corrente e
diagonali se non soddisfano la condizione sopra riportata

• i collegamenti tra gli elementi che compongono la trave reticolare, tipicamente


distinti in nodi di attacco delle aste di parete e in giunti di corrente.
Correnti e aste di parete possono essere realizzati con profili singoli ovvero
con elementi composti, tipicamente le aste a correnti ravvicinati.

150
Figura 115: Tipologie di travi reticolari a correnti non paralleli

Negli edifici industriali sono comunemente utilizzate, soprattutto per la


realizzazione delle capriate, le tipologie della Fig. 115, differenti tra loro per for-
ma e tracciati. Molto utilizzati sono i seguenti tipi di capriata: a cesoia, Fink (o
Polonceau), inglese (o Howe), Bowstring.
Particolarmente impiegate in ambito civile e nella realizzazione di ponti,
viadotti e passerelle pedonali sono invece le travi reticolari a correnti paralleli. Nella
Fig. 116 sono presentate alcuna tra le più diffuse tipologie delle travi reticolari a
correnti paralleli, ed in particolare:

a) trave reticolare con traliccio a V e montanti verticali in cui si alternano diagonali


tese e diagonali compresse;

b) trave reticolare con traliccio a V con aste di parete costituite soltanto da diagonali
(trave Warren);

c) trave reticolare con diagonali tese e compresse e montanti posti soltanto ne-
gli angoli aperti verso l’alto, atti a trasmettere i carichi concentrati ai nodi
inferiori;

d) trave reticolare con traliccio a N in cui tutte le diagonali sono tese (trave Pratt);

e) trave reticolare con traliccio a N in cui tutte le diagonali sono compresse (trave
Linville).

Le soluzioni di trave reticolare Warren e Pratt con corrente superiore incli-


nato (per esempio a semplice e a doppia pendenza) sono ricorrentemente utilizzate
anche per la realizzazione della copertura di edifici industriali.

151
Figura 116: Tipologie di travi reticolari a correnti paralleli

Le travi reticolari, indipendentemente dai dettagli che realizzano i collega-


menti (saldature o bullonature), sono usualmente dimensionate sulla base di uno
schema che considera ogni asta incernierata alle sue estremità. L’adozione di un
simile modello di calcolo risulta a favore di sicurezza a patto che siano soddisfatte
le seguenti condizioni:
• per tutte le aste compresse devono essere assunte lunghezze di libera infles-
sione nel piano della trave pari alla distanza tra i vincoli ideali di cerniera.
I momenti flettenti dovuti alla continuità delle aste possono essere trascurati
a patto che non si sfrutti la solidarizzazione ai nodi per ridurre la lunghezza
libera di inflessione (e quindi incrementare la capacità portante dell’asta). Per
aumentare quindi le caratteristiche prestazionali delle aste di parete può essere
inserita un’orditura secondaria o locale, indicata nella parte b) della Fig. 115,
composta da elementi aggiuntivi che limitano la lunghezza di libera inflessione
dei correnti nel piano della trave reticolare;
• lo schema della trave deve essere tracciato con riferimento agli assi baricentrici
e ci deve essere sempre totale rispondenza tra il modello di calcolo e la struttu-
ra realizzata. Gli assi baricentrici di tutti gli elementi concorrenti in un nodo
devono convergere dove è stata ipotizzata la cerniera. Nel caso in cui ciò non
venga garantito (Fig. 117), possono nascere azioni taglianti e flettenti, di en-
tità non trascurabile, che se non debitamente conteggiate nella progettazione,
riducono anche pericolosamente la capacità portante dell’elemento composto
reticolare.
Nella Fig. 118 sono presentate le soluzioni più ricorrenti, a livello di com-
ponenti, per la realizzazione delle travi reticolari a correnti paralleli. In dettaglio, è
possibile osservare:

152
Figura 117: Dettagli del nodo di attacco e associati modelli di calcolo

a) trave con correnti a T e diagonali realizzati con tondi;

b) trave con correnti a T e diagonali realizzati con angolari e con profili a C;

c) trave in profili leggeri costituiti da lamiere sottili sagomate a freddo;

d) trave con profili tubolari cavi;

e) trave reticolare con correnti costituiti da profili a C accoppiati e aste di parete


realizzate con angolari;

f ) trave reticolare con correnti costituiti da profili a C accoppiati e aste di parete


realizzate con angolari;

g) trave reticolare con correnti a doppio T e aste di parete realizzate con profili a
C accoppiati;

h) trave reticolare interamente realizzate da profilati a doppio T.

La fase di progettazione delle travi reticolari deve essere condotta con rife-
rimento a:

• stati limite di servizio relativi alle condizioni di deformabilità;

• stati limite ultimi di resistenza relativi allo stato tensionale locale di tutte le
componenti (aste e collegamenti);

• stati limite ultimi di instabilità degli elementi compressi e presso-inflessi della


trave reticolare dell’intero corrente compresso.

153
Figura 118: Dettagli di alcune comuni tipologie di travi reticolari

La deformabilità Lo spostamento trasversale nel caso di travi reticolari può es-


sere determinato con i metodi classici della scienza e tecnica delle costruzioni, come
il principio dei lavori virtuali, o il metodo degli elementi finiti, oppure mediante
trattazioni semplificate.
Mediante l’applicazione del principio dei lavori virtuali lo spostamento tra-
sversale di una trave reticolare viene stimato considerando soltanto i contributi re-
lativi ad allungamento od accorciamento delle aste. In dettaglio, data una trave
reticolare composta da m aste in acciaio (con modulo di elasticità sempre pari a E)
lo spostamento v viene stimato come:
m
X Ni Ni1 Li
v=
i=1 EAi
dove Li ed Ai rappresentano rispettivamente la lunghezza e l’area della generica
asta mentre Ni e Ni1 sono le azioni interne su questa relative rispettivamente alla

154
Figura 119: Tipica trave reticolare con giunti nei correnti

condizione di carico data ed a quella generata da una forza unitaria applicata nella
sezione di cui si vuole conoscere lo spostamento.
Un importante contributo in termini di spostamento, caratteristico delle
travi reticolari con collegamenti bullonati, è quello associato agli scorrimenti foro-
bullone. Una stima di questo contributo tipicamente anelastico, denominato di
seguito vF B può essere ottenuta come somma di un’aliquota dovuta agli assestamenti
dei giunti dei correnti vC ed una dovuta a quelli agli estremi delle diagonali vD . In
dettaglio, con riferimento alla simbologia nella Fig. 119, lo spostamento vF B viene
valutato come:
nL L Ld
vF B = vC + vD = (φ − d) + (φ − d)
6n p h
in cui (φ − d) rappresenta la differenza tra il diametro del foro e quello del bullone,
n è il numero totale dei giunti nei correnti di tipo a sovrapposizione (i giunti con
coprigiunti valgono doppio), L e h sono rispettivamente luce e altezza della trave
reticolare, p il passo dei nodi delle aste di parete e Ld la lunghezza dei diagonali.

La resistenza Le verifiche di resistenza degli elementi che compongono la trave


reticolare vengono effettuate sulla base dei criteri già presentati in precedenza. Nel
caso di elementi compressi o presso-inflessi devono essere effettuate anche le verifi-
che di stabilità sia sull’elemento del singolo campo sia sull’intero tratto di corrente
compresso.
Alcuni problemi possono però sorgere se gli elementi diagonali bullonati sono
realizzati con un angolare singolo (esempi b), e) ed f) nella Fig. 118), profilo che
non può essere forato in corrispondenza dell’asse baricentrico poiché dado e rondella
interferiscono con il lato non forato o con il raggio di raccordo dell’angolare, ossia
non è disponibile fisicamente lo spazio per il loro posizionamento e serraggio. Si
preferisce quindi effettuare usualmente la foratura in corrispondenza dell’asse di
truschino (Fig. 120a) che non è però l’asse baricentrico del profilo.
Volendo rispettare ancora la condizione che gli assi baricentrici di tutte le
aste che concorrono in un nodo convergano nello stesso punto, la piastra di nodo
è soggetta all’azione assiale trasmessa dall’angolare N mentre i bulloni, eccentrici
rispetto alla retta di applicazione del carico, devono essere in grado di assorbire
un’azione flettente parassita N e che interessa sia la piastra sia l’angolare (Fig. 120b).

155
Figura 120: Dettagli relativi alla sezione di attacco di un angolare singolo

In alternativa alla definizione dell’elemento composta in base agli assi baricentrici


delle componenti, scomoda per il disegno e la tracciatura delle piastre in quanto i
fori non concorrono in un unico punto, è preferibile tracciare i nodi di attacco della
trave reticolare sulla base degli assi di truschino (Fig. 121a). In questo caso gli assi
baricentrici si intersecano a coppie. Con riferimento al nodo della trave reticolare
nella Fig. 121b in cui i punti A, B e C rappresentano le intersezione tra gli assi
baricentrici degli elementi, si ha un momento flettente parassita (N4 e) che deve
essere ripartito tra le varie aste.

La stabilità La lunghezza di libera inflessione Le,v nel piano della capriata viene
usualmente assunta come la distanza tra i due vincoli ideali di cerniera (Fig. 122a) e
nel caso di collegamenti bullonati ciò viene garantito se i bulloni di ogni collegamento
sono almeno 2.
Si osservi però che gli elementi compressi possono sbandare anche fuori dal
piano della capriata e pertanto si rende necessario valutare la pertinente lunghezza
di libera inflessione Le,h fuori piano (Fig. 122b), che dipende dall’orditura tridi-
mensionale della struttura. La limitazione di Le,h può essere affidata ai controventi
orizzontali di piano/copertura (Fig. 123a), ad una specifica controventatura longitu-
dinale (Fig. 123b), oppure vincolando i punti inferiori con quelli superiori della trave
reticolare (Fig. 123c) tramite elementi tesi (o sistemi di funi) che possono lavorare
alternativamente a seconda della direzione in cui tende a verificarsi lo sbandamento.

156
Figura 121: Tracciamento del nodo con diagonale realizzata da un angolare singolo

Figura 122: Forme di instabilità di correnti compressi in travi reticolari

157
Figura 123: Tipiche controventature per travi reticolari

158
16 LE UNIONI BULLONATE

Nella storia delle costruzioni metalliche l’evoluzione dei prodotti è sempre stata
strettamente collegata allo sviluppo di adeguate tecniche di giunzione. In passato, i
collegamenti di elementi in acciaio mediante organi meccanici erano realizzati, nella
quasi totalità dei casi, mediante chiodatura o rivettatura, Queste tecniche sono ora
praticamente scomparse nella pratica costruttiva a favore delle unioni bullonate e
saldate.

16.1 Generalità
Le unioni bullonate permettono una rapida esecuzione in officina e semplificano l’as-
semblaggio dei pezzi in cantiere (dove generalmente la saldatura presenta difficoltà
esecutive, specie a basse temperature o in quota). La giunzione bullonata ha come
componenti fondamentali (Fig. 124):
a) vite con testa (detta comunemente bullone) generalmente esagonale, o con gambo
completamente o parzialmente filettato. Il diametro nominale dei bulloni per
costruzioni di carpenteria civile è abitualmente compreso tra i 12 mm ed i 30
mm;

b) dado, usualmente di forma esagonale;

c) rosetta, di forma per lo più circolare.


Nel caso in cui possa sussistere il pericolo di vibrazioni che portano al disser-
raggio del dado, è indispensabile l’utilizzo di controdadi o di rosette di tipo elastico.
L’abbinamento tra vite e rosetta deve essere in accordo a quanto prescritto dalle
vigenti norme.
Il generico bullone può essere impegnato da forze perpendicolari oppure
parallele all’asse del gambo, o da una combinazione delle due. In questo caso il
bullone risulta interessato da sollecitazioni di taglio e trazione.
Le verifiche delle unioni bullonate sono eseguite sulla base di modelli sem-
plificati di comportamento. I valori convenzionali delle tensioni sono confrontati
con i limiti forniti dalla normativa in funzione della resistenza delle componenti. La
progettazione viene basata sull’ipotesi di pressioni uniformemente distribuite sui fori

Figura 124: Componenti di base dell’unione bullonata

159
Figura 125: Tipica unione a taglio

e sul gambo dei bulloni, trascurando usualmente la deformazione della lamiera sotto
carico, l’inflessione del gambo e le concentrazioni di tensioni in corrispondenza dei
bordi dei fori.
Di seguito vengono proposti alcuni concetti fondamentali relativi alle unioni
elementari bullonate, rimandando poi ad un successivo paragrafo la trattazione degli
specifici approcci necessari per le verifiche delle giunzioni.

16.2 Unioni a taglio


Nell’unione a taglio i piatti collegati risultano sollecitati mediante una forza agen-
te nel piano di contatto dei piatti stessi ed i bulloni sono sollecitati da una forza
ortogonale all’asse del gambo (Fig. 125).
Il comportamento è sostanzialmente diverso a seconda che i bulloni lavorino
a taglio o ad attrito. Nel primo caso il bullone è attivo quando la superficie laterale
del gambo è a contatto con la superficie del foro, e pertanto quando queste due
componenti si sono reciprocamente adattate in campo plastico riprendendo il gioco
foro-bullone. Si ammette che la tensione tangenziale ri ripartisca uniformemente e
ne deriva uno sforzo tangenziale medio su ciascun bullone (τ ), distinto a seconda che
la parte filettata sia o meno a contatto i piatti del giunto, valutabile rispettivamente
come:
V
τ=
nf Ares

V
τ=
nf A

in cui V indica la forza di taglio sul bullone, nf il numero di sezioni resistenti (ossia
dei piani di contatto tra le lamiere), A l’area nominale e infine Ares rappresenta
l’area resistente della parte filettata del gambo.
La crisi del bullone avviene per superamento della resistenza a taglio del
suo gambo, oppure per rottura della lamiera.
Nel funzionamento ad attrito, invece, i bulloni vengono preventivamente
serrati e premono tra loro le piastre si acciaio. Il collegamento funziona perciò in
virtù dell’attrito e dello stato di presollecitazione fra le superfici a contatto dei pezzi
collegati indotto dal serraggio dei bulloni.

160
Figura 126: Relazione tra carico applicato e scorrimento al variare del grado di
serraggio pe l’unione a taglio di Fig. 125

Il comportamento di una giunzione a taglio è diverso in relazione alla pre-


senza o meno del serraggio e dipende anche dal valore della coppia torcente impressa
all’unione. Al riguardo, si consideri il diagramma di Fig. 126, che riporta lo scorri-
mento relativo ∆L tra i punti A e B dell’unione di Fig. 125 in funzione del carico
applicato, V fino al collasso dell’unione. Se il bullone non è serrato (curva a) lo scor-
rimento è praticamente proporzionale al carico fino a quando non viene superato il
limite elastico delle piastre collegate o del bullone stesso. Successivamente anche per
piccoli incrementi del carico si hanno grandi spostamenti relativi e l’unione collassa
in corrispondenza del carico ultimo del bullone Vu .
Se il bullone è serrato, inizialmente la trasmissione del carico avviene per
attrito tra i piatti con scorrimento nullo. Raggiunto il carico Vb (ossia il carico
massimo trasmissibile per attrito) si ha un brusco scorrimento (curva b) e la relazione
V − ∆L si raccorda con la curva a), per valori maggiori di azione tagliante.
Le giunzioni ad attrito sono indispensabili qualora eventuali scorrimenti
possano compromettere il regime statico o deformativo della struttura (strutture
iperstatiche, limitazione delle frecce anelastiche nelle strutture reticolari o nei con-
troventi di edifici multipiano). In questo caso è opportuno limitare il carico sui
bulloni ad un valore di regola inferiore a quello che gli stessi bulloni potrebbero
sopportare in campo elastico.
Per l’unione ad attrito è possibile definire il carico di servizio Fv che dipende
dall’attrito tra le lamiere, dal trattamento effettuato sulle sue superfici a contatto
e dal grado di serraggio adottato. Usualmente questo è limitato in funzione delle
caratteristiche del materiale, in modo da evitare stati di presollecitazione che possano
pregiudicare il funzionamento statico dell’unione. La forza massima trasmissibile per
attrito fLim da ciascun bullone presollecitato da un’azione assiale Ns è espressa dalla
relazione:
nf µNs
FLim =
γf
in cui γf rappresenta un opportuno coefficiente di sicurezza nei confronti dello
slittamento, µ il coefficiente di attrito e nf il numero di piani di contatto.
La crisi di un’unione a taglio può manifestarsi oltre che nel bullone (Fig.

161
Figura 127: Tipici meccanismi di crisi nell’unione a taglio

127a), anche per altre cause che interessano i dettagli del collegamento ed in parti-
colare si può avere:

• rottura per rifollamento della lamiera (Fig. 127b);

• rottiura per trazione della lamiera (Fig. 127c);

• rottura per taglio della lamiera (Fig. 127d).

La resistenza di progetto dell’unione è quella associata al meccanismo di rot-


tura più debole. In aggiunta alle verifiche sui bulloni devono quindi essere effettuate
anche altre specifiche verifiche sulle componenti collegate.
Il fenomeno del rifollamento della lamiera provoca un’ovalizzazione del foro
che può innescare la rottura a taglio della lamiera. Si ammette una distribuzione
convenzionale uniforme delle pressioni di contatto tra bullone e piatto σrif definita
come:
V
σrif =
td
in cui V rappresenta l’azione di taglio, t lo spessore minimo delle lamiere collegate
e d il diametro del bullone.
Come resistenza di progetto nei confronti del rifollamento si considera quella
del materiale costituente l’unione nella sezione più debole amplificata in modo for-
fetario per tenere conto di incrementi, rispetto al caso monoassiale, principalmente
imputabili a stati tensionali pluriassiali e plasticizzazioni locali.
Per la verifica a trazione della lamiera si ammette una distribuzione unifor-
me degli sforzi nella sezione interessata. La tensione media σ è valutabile come:
Fv
σ=
An

162
Figura 128: Esempi di percorsi per la determinazione dell’area netta

in cui Fv rappresenta l’azione applicata alle membrature e An l’area netta della


sezione di lamiera depurata dai fori.
Nel caso di più file di bulloni l’individuazione della sezione più debole può
essere non immediata. Si utilizza la regola empirica, comunque a favore di sicurezza,
di fare corrispondere la sezione più debole al minimo percorso passante per uno o
più fori, depurato dal diametro degli stessi (Fig. 128). Per rendere minimo l’inde-
bolimento delle sezioni in corrispondenza dell’unione è possibile disporre un numero
crescente di bulloni nelle file successive (Fig. 129).
Nel caso di giunzioni bullonate l’azione tagliante Fv può avere eccentricità
nel piano rispetto al baricentro della bullonatura, ossia l’unione risulta sollecitata a
taglio e torsione. Indicando con e la distanza tra la retta di applicazione del carico ed
il baricentro della bullonatura, lo stato di sollecitazione può essere convenientemente
ricondotto, ai fini del dimensionamento, ad un’azione tagliante agente nel baricentro
della bullonatura (Fig. 130) ed un’associata azione torcente pari a T = Fv e.
I bulloni sono quindi interessati da due diversi contributi: quello associato
all’azione tagliante Fv e quello relativo all’azione torcente T , denominati rispettiva-
mente V e VT,i . Se vengono rispettate le limitazioni dimensionali sui collegamenti
proposti dai codici progettuali, la ripartizione di queste sollecitazioni sui singoli bul-
loni può avvenire mediante meccanismi estremamente semplici. In dettaglio, definito
con n il numero totale di bulloni e con nf il numero di piani di contatto interessati

Figura 129: Esempio di unione a taglio con numero di fori scalato

163
Figura 130: Meccanismo di ripartizione di azione tagliante e torcente

dal meccanismo di trasferimento dei carichi, su ognuno di questi, nel caso in cui i
bulloni non siano preserrati, agiscono i seguenti contributi:

• l’azione tagliante Fv , ipotizzata ripartita in eguale misura su ogni piano di


contatto del bullone, provoca in ogni sezione resistente del bullone un’azione
tagliante V definita come:
FV
V =
nf n

• l’azione torcente provoca un’azione tagliante VT,i in ogni sezione resistente del
bullone pari a:
T ai
VT,i =
nf n ni=1 a2i
P

in cui ai rappresenta la distanza tra il centro del bullone ed il baricentro della


bullonatura.
L’azione globale agente sulla generica sezione resistente è quindi data dalla
composizione vettoriale dei contributi V e VT,i (Fig. 130). Nel caso in cui ci sia
una sola fila di bulloni i contributi V e VT,i sono tra loro ortogonali e pertanto la
risultante Vi può essere determinata come:
q
2
Vi = V 2 + VT,i

16.3 Unioni a trazione


L’unione è soggetta a trazione se le due piastre collegate mediante bulloni sono
sollecitate da una forza che agisce normalmente al piano di contatto.
Nel caso in cui l’unione sia non preserrata, l’azione assiale N viene trasfe-
rita interamente mediante i bulloni. Nel caso di unione on un solo bullone, l’azione
sull’unione coincide con la forza sul bullone Nb e la curva a) di Fig. 130a riporta il ca-
rico applicato all’unione non preserrata in funzione dell’allungamento del gambo del
bullone ∆L. L’allungamento è proporzionale al carico applicato (fase elastica) fino a
quando non si raggiunge il limite elastico. Oltre questo limite si evidenziano grandi
deformazioni per piccoli incrementi del carico (fase plastica) fino al raggiungimento
del carico ultimo (Nu ) dell’unione elementare.

164
Figura 131: a) Relazione tra il carico sull’unione N e l’allungamento del gambo del
bullone ∆L. b) Relazione tra il carico sull’unione N e l’azione assiale nel gambo del
bullone Nb

Se invece il bullone è preserrato ed il valore di Ns rappresenta la forza di


serraggio nel gambo, questo è soggetto già prima dell’applicazione del carico ad
un allungamento ∆Ls , conseguente al serraggio. All’aumentare de carico esterno
l’incremento della forza di trazione nel gambo del bullone è minimo (curva b di Fig.
131b) cosı̀ come pure il suo allungamento, in quanto il carico applicato all’unione
decrementa principalmente lo stato di compressione delle piastre. Quando il carico
esterno raggiunge un valore di poco superiore alla forza di serraggio (generalmente
si considera il valore di 1.1 Ns ) i piatti si staccano ed il carico viene assorbito
integralmente dal bullone (raccordo alla curva a). La crisi si ha in corrispondenza
del valore della capacità portante dell’unione non preserrata, Nu .
Se la forza esterna passa per il baricentro delle sezione dei bulloni si am-
mette che essa si ripartisca in parti uguali tra loro ipotizzando le lamiere a contatto
infinitamente rigide.

165