Sei sulla pagina 1di 39

UNIVERSITÀ degli STUDI di TRIESTE

UNIVERSITÀ degli STUDI di TRIESTE Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Facoltà di Ingegneria Corso di

Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Facoltà di Ingegneria

Corso di

COSTRUZIONI in ACCIAIO 1

(prof. C. Amadio)

PROGETTO agli STATI LIMITE di una PENSILINA in ACCIAIO

Andrea Lisjak

andrea.lisjak@gmail.com

Trieste, 26 gennaio 2008

Andrea Lisjak

1

Indice

1 Generalità

 

3

1.1 Relazione generale sulla struttura

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

3

1.2 Normativa di riferimento

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

3

1.3 Simbologia utilizzata

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

4

 

1.3.1 Acciaio per carpenteria metallica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

4

1.3.2 Calcestruzzo

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

1.3.3 Acciaio per cemento armato

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

1.4

Relazione sulle caratteristiche dei materiali

 

8

1.4.1

Acciaio per carpenteria metallica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

1.4.2

Calcestruzzo

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

1.4.3

Acciaio per cemento armato

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

2 Arcarecci

 

9

2.1

Analisi delle sollecitazioni e delle deformazioni

 

10

2.1.1 Schema statico adottato

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

10

2.1.2 Azioni di progetto

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

10

2.2

Verifiche allo stato limite di esercizio

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

2.2.1

Stato limite di deformazione

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

2.3

Verifiche allo stato limite ultimo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

2.3.1

Stato limite elastico

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

3 Trave

 

12

3.1

Analisi delle sollecitazioni e delle deformazioni

 

13

3.1.1 Schema statico adottato

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

13

3.1.2 Azioni di progetto

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

14

3.2

Verifiche allo stato limite di esercizio

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

3.2.1

Stato limite di deformazione

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

3.3

Verifiche allo stato limite ultimo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

3.3.1

Stato limite elastico

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

15

4 Colonna

 

17

4.1 Analisi delle sollecitazioni e delle deformazioni

 

17

 

4.1.1 Schema statico adottato

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

17

4.1.2 Azioni di progetto

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

18

4.2 Verifiche allo stato limite ultimo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

19

 

4.2.1

Stato limite elastico

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

19

5 Giunzione trave – colonna

 

20

5.1

Verifiche allo stato limite ultimo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

21

5.1.1 Verifica a compressione della piastra

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

21

5.1.2 Verifica a trazione dei bulloni

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

21

5.1.3 Verifica a punzonamento della piastra

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

21

5.1.4 Verifica a flessione della piastra per effetto del tiro dei bulloni

.

.

.

.

.

.

.

.

22

5.1.5 Verifica a compressione dell’anima della trave

 

22

5.1.6 Verifica stabilità locale dell’anima della trave

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

23

5.1.7 Verifica delle saldature della piastra

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

23

5.1.8 Verifica delle saldature degli irrigidimenti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

24

Andrea Lisjak

2

6 Giunzione di fondazione

 

25

6.1

Verifiche allo stato limite ultimo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

25

6.1.1 Verifica a compressione del calcestruzzo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

26

6.1.2 Verifica a trazione e taglio dei bulloni

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

26

6.1.3 Verifica a flessione della piastra per effetto del tiro locale dei bulloni

 

.

27

6.1.4 Verifica a flessione della piastra per effetto della reazione del calcestruzzo

 

28

6.1.5 Verifica a flessione della piastra per effetto del tiro complessivo dei bulloni .

 

29

6.1.6 Verifica a compressione del calcestruzzo in corrispondenza della rosetta

 

30

6.1.7 Verifica a flessione della rosetta

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

30

6.1.8 Verifica globale del getto

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

30

6.1.9 Verifica della saldatura della rosetta

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

31

6.1.10 Verifica a flessione della costola di ripresa del taglio

 

31

6.1.11 Verifica delle saldature della piastra

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

31

6.1.12 Verifica delle saldature degli irrigidimenti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

32

7 Plinto di fondazione

 

33

7.1

Verifiche allo stato limite ultimo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

33

7.1.1 Verifica a compressione del terreno di fondazione

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

33

7.1.2 Verifica dell’armatura longitudinale

 

34

7.1.3 Verifica dell’armatura a taglio

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

34

8 Struttura globale

 

36

8.1

Verifiche allo stato limite ultimo

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

36

8.1.1

Verifica a ribaltamento .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

36

Andrea Lisjak

3

1 Generalità

1.1 Relazione generale sulla struttura

Si tratta di una pensilina in acciaio su 3 campate. I carichi di progetto agenti sono:

G k,m = 300 N/m 2 : peso proprio della copertura;

Q k,n = 1.350 N/m 2 : carico variabile da neve;

Q k,v = 700 N/m 2 : carico variabile da vento;

G k,a da valutare: peso proprio degli arcarecci;

G k,t da valutare: peso proprio della trave;

G k,c da valutare: peso proprio della colonna.

Gli elementi strutturali da progettare e da verificare sono:

arcarecci;

trave;

colonna;

giunzione trave – colonna;

giunzione colonna – plinto di fondazione;

plinto di fondazione.

1.2 Normativa di riferimento

Tutti i calcoli, esposti in seguito, sono stati eseguiti secondo i criteri della Scienza delle Costruzioni.

Le verifiche sono state svolte utilizzando il Metodo degli Stati Limite.

Le unità di misura utilizzate sono quelle del Sistema Internazionale.

Gli elementi strutturali non espressamente riportati nella relazione sono stati comunque calcolati e dimensionati secondo i criteri sopra citati. Analogamente le verifiche che non risultano esplicitate s’intendono comunque soddisfatte.

UNI ENV 1993-1-1 Eurocodice 3: Progettazione delle strutture di acciaio. Parte 1-1: Regole generali e regole per gli edifici

D.M.LL.PP. 9 gennaio 1996 - Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle opere in c.a., normale e precompresso e per le strutture metalliche.

Circolare M.LL.PP. 15 ottobre 1996 n.252 AA.GG./STC - Istruzioni per l’applicazione delle “Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle opere in c.a., normale e precompresso e per le strutture metalliche” di cui al D.M. 9 gennaio 1996.

Andrea Lisjak

4

Andrea Lisjak 4 Figura 1. Pensilina in acciaio: vista laterale. 1.3 Simbologia utilizzata 1.3.1 Acciaio per

Figura 1. Pensilina in acciaio: vista laterale.

1.3 Simbologia utilizzata

1.3.1 Acciaio per carpenteria metallica f t : tensione di rottura a trazione caratteristica

f y : tensione di snervamento caratteristica

Andrea Lisjak

5

Andrea Lisjak 5 Figura 2. Pensilina in acciaio: vista frontale .

Figura 2. Pensilina in acciaio: vista frontale .

Andrea Lisjak

6

Andrea Lisjak 6 Figura 3. Pensilina in acciaio: vista superiore.

Figura 3. Pensilina in acciaio: vista superiore.

Andrea Lisjak

7

KV : resilienza

A % : allungamento percentuale a rottura

E: modulo di elasticità

ν: coefficiente di Poisson

f d : resistenza di calcolo allo stato limite elastico

n = 15: coefficiente di omogeneizzazione rispetto al calcestruzzo

γ m0 = 1, 05: coefficiente parziale di sicurezza per il materiale (sezioni di classe 1–2–3)

γ mb = 1, 35: coefficiente parziale di sicurezza per i collegamenti bullonati

γ mw = 1, 35: coefficiente parziale di sicurezza per i collegamenti saldati con cordoni d’angolo

1.3.2 Calcestruzzo

R ck : resistenza cubica a compressione caratteristica

f ck : resistenza cilindrica a compressione caratteristica

f cd : resistenza a compressione di calcolo

f ctm : resistenza a trazione media

f ctk : resistenza a trazione caratteristica

f ctd : resistenza a trazione di calcolo

f bd : tensione tangenziale ultima di aderenza

E c : modulo di elasticità

γ c : peso di volume

γ c = 1, 6: coefficiente parziale di sicurezza per il materiale

1.3.3 Acciaio per cemento armato f yk : tensione caratteristica di snervamento

f sd : resistenza

di calcolo

E

s : modulo di

elasticità

n

= 15: coefficiente di omogeneizzazione rispetto al calcestruzzo

γ s = 1, 15: coefficiente parziale di sicurezza per il materiale

Andrea Lisjak

8

1.4 Relazione sulle caratteristiche dei materiali

1.4.1 Acciaio per carpenteria metallica

Si prescrive l’utilizzo di acciaio per carpenteria metallica Fe360 aventi le seguenti caratteristiche:

f t 360 N/mm 2

f y = 235 N/mm 2

A

% 28%

E

= 210.000 N/mm 2

ν

= 0, 3

f d = f y m0 = 224 N/mm 2

1.4.2 Calcestruzzo

Si prescrive l’impiego di calcestruzzo avente le seguenti caratteristiche:

R ck 25 N/mm 2

f ck = 0, 83R ck = 20, 75 N/mm 2

f cd = f ck c = 12, 97 N/mm 2

f ctm = 0, 27R

2/3

ck

= 2, 31 N/mm 2

f ctk = 0, 7f ctm = 1, 62 N/mm 2

f ctj = 0, 7f ctk = 1, 91 N/mm 2

f ctd = f ctk c = 1, 01 N/mm 2

f bd = 0, 32 R ck c = 1 N/mm 2 (barre lisce)

E c = 5.700 R ck = 28.500 N/mm 2

γ c = 25 kN/m 3

1.4.3 Acciaio per cemento armato

Si prescrive l’utilizzo di acciaio FeB44k:

f yk = 430 N/mm 2

f sd = f yk s = 374 N/mm 2

E s = 208.000 N/mm 2

Andrea Lisjak

9

2 Arcarecci

Si decide l’impiego di un profilo tipo IPE100, avente le caratteristiche geometriche e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1.

e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 4 e tabella 1. Figura 4. Profilo HEB160. Tabella

Figura 4. Profilo HEB160.

Tabella 1. Caratteristiche geometriche e statiche di un profilo IPE100

quantità

simbolo

massa altezza larghezza spessore anima spessore piattabanda raggio di raccordo area

G

8,1

kg/m

h

100

mm

b

55

mm

t w

4,1

mm

t f

5,7

mm

r

7

mm

A

10,32

cm 2

momento d’inerzia asse forte momento d’inerzia asse debole modulo di resistenza elastico asse forte modulo di resistenza elastico asse debole

J y

1, 71 × 10 6 1, 59 × 10 5

mm

4

J z

mm

4

W y

34.200

mm

3

W z

5.790

mm

3

Andrea Lisjak

10

2.1 Analisi delle sollecitazioni e delle deformazioni

2.1.1 Schema statico adottato

Al fine di determinare l’arcareccio maggiormente sollecitato si adotta uno schema statico di trave su 5 appoggi con campate di 1.000 mm, con applicati i carichi distribuiti G k,m e Q k,n (figura 5).

distribuiti G k , m e Q k , n (figura 5). Figura 5. Schema statico

Figura 5. Schema statico adottato per la valutazione dell’arcareccio maggiormente sollecitato.

Per il calcolo della freccia massima in mezzeria del singolo arcareccio si adotta, a favore di sicurezza, uno schema statico di trave su due appoggi con luce di 3.000 mm (figura 6).

di trave su due appoggi con luce di 3.000 mm (figura 6). Figura 6. Schema statico
di trave su due appoggi con luce di 3.000 mm (figura 6). Figura 6. Schema statico

Figura 6. Schema statico adottato per il calcolo dell’abbassamento in mezzeria dell’arcareccio.

Per il calcolo del momento massimo agente sul singolo arcareccio si adotta uno schema di trave su quattro appoggi con campate di 3.000 mm (figura 7).

su quattro appoggi con campate di 3.000 mm (figura 7). Figura 7. Schema statico adottato per

Figura 7. Schema statico adottato per il calcolo del momento in corrispondenza dell’appoggio B.

2.1.2 Azioni di progetto

L’arcareccio maggiormente sollecitato risulta essere l’arcareccio in F (ed in H). Su di esso agiscono i seguenti carichi caratteristici:

– carico permanente dovuto al manto di copertura:

– carico variabile da neve:

G k,m,arc = 343 N/m

Q k,n,arc = 1.543 N/m

Andrea Lisjak

11

– carico permanente dovuto al peso proprio dell’arcareccio:

G k,a,arc = 81 N/m

L’azione di progetto per combinazioni di carico rare è:

F d,ser = G k,m,arc + Q k,n,arc + G k,a,arc = 1, 97 kN/m

L’azione di progetto allo stato limite ultimo è:

F d = 1, 4G k,m,arc + 1, 5Q k,n,arc + 1, 4G k,a,arc = 2, 91 kN/m

2.2 Verifiche allo stato limite di esercizio

2.2.1 Stato limite di deformazione

La freccia massima consentita per effetto dei carichi permanenti e variabili per combinazioni di carico rare è:

La freccia massima calcolata è:

f Sd =

5

F d,ser l 4

384 EJ y

f Rd =

l

200

= 15 mm

= 5, 78 mm f Rd =verifica superata

2.3 Verifiche allo stato limite ultimo

2.3.1 Stato limite elastico

Il momento resistente di progetto allo stato limite elastico è:

M Rd = f d W y = 7, 65 kNm

Il momento sollecitante di progetto allo stato limite elastico è:

M Sd =

1

10 F Sd l 2 = 2, 62 kNm M Rd =verifica superata

Si è trascurato l’effetto dello sforzo tagliante.

Andrea Lisjak

12

3

Trave

Si decide l’impiego di un profilo tipo HEA160, avente le caratteristiche geometriche e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2.

e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 8 e tabella 2. Figura 8. Profilo HEA160. Tabella

Figura 8. Profilo HEA160.

Tabella 2. Caratteristiche geometriche e statiche di un profilo HEA160

quantità

simbolo

massa altezza larghezza spessore anima spessore piattabanda raggio di raccordo area

G

30,4

kg/m

h

152

mm

b

160

mm

t w

6

mm

t f

9

mm

r

15

mm

A

38,77

cm 2

momento d’inerzia asse forte momento d’inerzia asse debole modulo di resistenza elastico asse forte modulo di resistenza elastico asse debole

J y

16, 73 × 10 6 61, 56 × 10 5

mm

4

J z

mm

4

W y

220.000

mm

3

W z

76.950

mm

3

Andrea Lisjak

13

3.1 Analisi delle sollecitazioni e delle deformazioni

3.1.1 Schema statico adottato

Per il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione agenti e dell’abbassamento nel punto I si adotta uno schema isostatico con incastro al piede della colonna L (figura 9).

Gk,t,tr Qk,n,tr Qk,n,tr Qk,n,tr Qk,n,tr Qk,n,tr Qk,m,tr Qk,m,tr Qk,m,tr Qk,m,tr Qk,m,tr Qk,a,tr Qk,a,tr
Gk,t,tr
Qk,n,tr
Qk,n,tr
Qk,n,tr
Qk,n,tr
Qk,n,tr
Qk,m,tr
Qk,m,tr
Qk,m,tr
Qk,m,tr
Qk,m,tr
Qk,a,tr
Qk,a,tr
Qk,a,tr
Qk,a,tr
Qk,a,tr
E
F
G
H
I
L

Figura 9. Schema statico adottato per il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione nel punto F (destro) e dell’abbassamento del punto I.

Andrea Lisjak

14

3.1.2 Azioni di progetto

Sulla trave agiscono agiscono i seguenti carichi caratteristici:

– carico permanente dovuto al manto di copertura trasmesso dall’arcareccio in E:

G k,m,arc,E = 177 N

– carico variabile da neve trasmesso dall’arcareccio in E:

Q k,n,arc,E = 796 N

– carico permanente dovuto al peso proprio dell’arcareccio in E:

G k,a,arc,E = 122 N

– carico permanente dovuto al manto di copertura trasmesso dall’arcareccio in F:

G k,m,arc,F = 514 N

– carico variabile da neve trasmesso dall’arcareccio in F:

Q k,n,arc,F = 2.315 N

– carico permanente dovuto al peso proprio dell’arcareccio in F:

G k,a,arc,F = 122 N

– carico permanente dovuto al manto di copertura trasmesso dall’arcareccio in G:

G k,m,arc,G = 418 N

– carico variabile da neve trasmesso dall’arcareccio in G:

Q k,n,arc,G = 1.881 N

– carico permanente dovuto al peso proprio dell’arcareccio in G:

G k,a,arc,G = 122 N

– carico permanente dovuto al manto di copertura trasmesso dall’arcareccio in H:

G k,m,arc,H = 514 N

– carico variabile da neve trasmesso dall’arcareccio in H:

Q k,n,arc,H = 2.315 N

– carico permanente dovuto al peso proprio dell’arcareccio in H:

G k,a,arc,H = 122 N

Andrea Lisjak

15

– carico permanente dovuto al manto di copertura trasmesso dall’arcareccio in I:

G k,m,arc,I = 177 N

– carico variabile da neve trasmesso dall’arcareccio in I:

Q k,n,arc,I = 796 N

– carico permanente dovuto al peso proprio dell’arcareccio in I:

G k,a,arc,I = 122 N

– carico permanente dovuto al peso proprio della trave:

G k,t,tr = 304 N/m

L’azione di progetto per combinazioni di carico rare è:

F d,ser = G k,m,arc + Q k,n,arc + G k,a,arc + G k,t,tr

L’azione di progetto allo stato limite ultimo è:

F d = 1, 4G k,m,arc + 1, 5Q k,n,arc + 1, 4G k,a,arc + 1, 4G k,t,tr

3.2 Verifiche allo stato limite di esercizio

3.2.1 Stato limite di deformazione

La freccia massima consentita nel punto I per effetto dei carichi permanenti e variabili per combi- nazioni di carico rare è:

f Rd =

l

200

= 15 mm

La freccia massima si ottiene sommando l’abbassamento in I dovuto ai carichi agenti in G, H ed I sulla mensola FI e l’abbassamento in I ottenuto moltiplicando la rotazione all’estremità superiore

della colonna per effetto del carico da vento per il braccio GI = 3.000 mm:

f Sd = 7, 8 + 6, 4 = 14, 2 mm f Rd =verifica superata

3.3 Verifiche allo stato limite ultimo

3.3.1 Stato limite elastico

Viene effettuta la verifica allo stato limite elastico nella sezione F (lato destro), la quale risulta essere la più sollecitata sia a flessione che a taglio. Il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione agenti in F viene eseguito considerando il tratto FI come una mensola incastrata in F. Il momento sollecitante di progetto allo stato limite elastico è:

M Sd = 19, 05 kNm

Il taglio sollecitante di progetto allo stato limite elastico è:

T Sd = 10, 83 kN

Andrea Lisjak

16

La tensione normale agente nella sezione viene calcolata mediante la relazione (Navier):

σ

= M Sd y

J

y

La tensione tangenziale agente nella sezione viene calcolata mediante la relazione (Jourawski):

σ

= T sd S

y

bJ y

La tensione ideale è ottenuta applicando il criterio di Huber – von Mises:

σ id = σ 2 + 3τ 2

Con riferimento alla figura 8 sono state calcolate le tensioni ideali nei punti A, B e C e confrontate con la resistenza di calcolo:

A

σ id = 99, 50 N/mm 2 f d =verifica superata

B

σ id = 99, 79 N/mm 2 f d =verifica superata

C

σ id = 9, 63 N/mm 2 f d =verifica superata

Andrea Lisjak

17

4 Colonna

Si decide l’impiego di un profilo tipo HEB160, avente le caratteristiche geometriche e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3.

e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella
e i dati statici riportati in figura 10 e tabella 3. Figura 10. Profilo HEB160. Tabella

Figura 10. Profilo HEB160.

Tabella 3. Caratteristiche geometriche e statiche di un profilo HEB160

quantità

simbolo

massa altezza larghezza spessore anima spessore piattabanda raggio di raccordo area

G

42,6

kg/m

h

160

mm

b

160

mm

t w

8

mm

t f

13

mm

r

15

mm

A

54,30

cm 2

momento d’inerzia asse forte momento d’inerzia asse debole modulo di resistenza elastico asse forte modulo di resistenza elastico asse debole

J y

24, 92 × 10 6 88, 92 × 10 5

mm

4

J z

mm

4

W y

311.000

mm

3

W z

111.200

mm

3

4.1 Analisi delle sollecitazioni e delle deformazioni

4.1.1 Schema statico adottato

Per il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione agenti si adotta uno schema isostatico con incastro al piede della colonna L (figura 9).

Andrea Lisjak

18

Andrea Lisjak 18 Figura 11. Schema statico adottato per il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione nella

Figura 11. Schema statico adottato per il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione nella sezione L.

4.1.2 Azioni di progetto

La colonna è soggetta nella sezione F ai seguenti carichi di progetto dovuti al peso della trave, degli arcarecci, del manto di copertura e al carico da neve:

N Sd,F = 17, 23 kN

M Sd,F = 17, 23 kNm

Per il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione agenti in L bisogna inoltre tener conto del peso proprio della colonna:

G k,c,col = 426 N/m

Andrea Lisjak

19

e del carico caratteristico da vento ottenuto ripartendo la pressione del vento agente sul tampona- mento presente tra due colonne in maniera simmetrica:

Q k,v,col = 1.050 N/m

4.2 Verifiche allo stato limite ultimo

4.2.1 Stato limite elastico

Viene effettuta la verifica allo stato limite elastico nella sezione L. Lo sforzo normale sollecitante di progetto allo stato limite elastico è:

N Sd = 19, 61 kN

Il momento sollecitante di progetto allo stato limite elastico è:

M Sd = 29, 81 kNm

Il taglio sollecitante di progetto allo stato limite elastico è:

T Sd = 6, 3 kN

La tensione normale agente nella sezione viene calcolata mediante la relazione (Navier):

σ

= M Sd y

J

y

La tensione tangenziale agente nella sezione viene calcolata mediante la relazione (Jourawski):

σ

= T sd S

y