Sei sulla pagina 1di 265

Dispense del Corso di Tecnica delle Costruzioni

Renato Giannini

Settembre 2007

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


ii

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Indice

Prefazione xv

1 Analisi della tensione 1


1.1 Forze interne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.3 Tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3.1 Equazione di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.3.2 Equilibrio alla rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.4 Cambiamento di riferimento* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

1.5 Tensioni piane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11


1.5.1 Il cerchio di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.5.2 Tensioni principali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.5.3 Tensioni principali in 3D* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.6 Equazioni di equilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
1.6.1 Equazioni sul contorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
1.7 Unità di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

2 Analisi della deformazione 25


2.1 Moto rigido e deformazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2.2 Analisi delle piccole deformazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.2.1 Dilatazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.2.2 Scorrimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
2.2.3 Matrice delle deformazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
2.2.4 Dilatazione lungo una direzione arbitraria* . . . . . . . . . . . 28
2.2.5 Scorrimento di due direzioni ortogonali* . . . . . . . . . . . . 30
2.2.6 Cambiamento di riferimento* . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.2.7 Variazione di volume . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2.3 Deformazioni piane. Cerchio di Mohr delle deformazioni . . . . . . . 32

3 Leggi costitutive 35
3.1 Prova di trazione di una barra di acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . 35
3.2 Legame elastico lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.2.1 Stati di tensione pluriassiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.2.2 Modulo di deformabilità volumetrica . . . . . . . . . . . . . . 42
3.2.3 Legge di Hooke generalizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

iii
Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni
iv INDICE

3.2.4 Tensioni e deformazioni piane . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44


3.3 Lavoro di deformazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

4 La trave 49
4.1 Le equazioni dei solidi elastici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
4.2 Il solido di Saint Venant . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.3 Formulazione del problema di Saint Venant . . . . . . . . . . . . . . . 53
4.4 Forza normale e flessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
4.4.1 Determinazione del campo degli spostamenti* . . . . . . . . . 60
4.4.2 Sforzo normale centrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
4.4.3 Flessione semplice retta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
4.4.4 Lavoro di deformazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
4.4.5 Asse neutro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
4.4.6 Nocciolo di inerzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
4.5 Torsione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
4.5.1 Sezione circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
4.5.2 Sezione circolare cava . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
4.5.3 Sezione rettangolare sottile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
4.5.4 Profili aperti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
4.5.5 Sezioni tubolari di spessore sottile . . . . . . . . . . . . . . . . 83
4.6 Sollecitazione di taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
4.6.1 Sezioni rettangolari sottili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
4.6.2 Sezioni simmetriche di forma arbitraria . . . . . . . . . . . . . 92
4.6.3 Sezioni a T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
4.6.4 Sezioni asimmetriche, centro di taglio . . . . . . . . . . . . . . 95
4.6.5 Deformazione dovuta al taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4.7 Teoria tecnica della trave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101

5 Strutture in acciaio 109


5.1 Tensione ideale (von Mieses) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
5.2 Analisi limite delle strutture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
5.3 Comportamento delle sezioni in acciaio oltre la soglia elastica . . . . . 113
5.3.1 Materiale elastoplastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
5.3.2 Stato limite ultimo delle sezioni inflesse . . . . . . . . . . . . . 114
5.4 Progetto e verifica delle sezioni inflesse . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
5.5 Elementi snelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
5.5.1 Non linearità geometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
5.5.2 Stabilità dell’equilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
5.5.3 Stabilità dell’equilibrio delle aste compresse: l’asta di Eulero . 133
5.5.4 Pressione eccentrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
5.5.5 Verifica delle aste snelle: il metodo ω. . . . . . . . . . . . . . . 139
5.5.6 Vincoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
5.5.7 Aste presso-inflesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


INDICE v

6 Il cemento armato 149


6.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
6.2 Il calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
6.2.1 Il cemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
6.2.2 Gli aggregati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
6.2.3 L’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
6.2.4 Composizione del calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
6.2.5 Caratteristiche meccaniche del calcestruzzo . . . . . . . . . . . 155
6.3 L’acciaio per il cemento armato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
6.3.1 Aderenza tra acciaio e calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . 161

7 La trave in cemento armato 165


7.1 Comportamento in fase I. Omogeneizzazione . . . . . . . . . . . . . . 167
7.1.1 Sezione pressoinflessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
7.1.2 Il coefficiente di omogeneizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . 171
7.2 Analisi della sezione fessurata (fase II) . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
7.2.1 Comportamento della trave fessurata . . . . . . . . . . . . . . 172
7.2.2 Analisi della sezione inflessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
7.2.3 Flessione retta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
7.2.4 Flessione retta della sezione rettangolare . . . . . . . . . . . . 178
7.2.5 Dimensionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
7.3 Calcolo a rottura (fase III) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
7.3.1 Momento ultimo di una sezione rettangolare in c.a. soggetta
a flessione retta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione . . . . . . . . . . . . . 193
7.4.1 Comportamento in fase I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
7.4.2 Comportamento in fase II (sezione fessurata) . . . . . . . . . . 195
7.4.3 Calcolo a rottura della sezione pressoinflessa . . . . . . . . . . 199
7.4.4 Costruzione del dominio di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . 201
7.5 Sollecitazione di taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
7.5.1 Taglio nella trave fessurata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
7.6 Diagramma dei momenti resistenti. Interazione tra taglio e flessione . 218

8 La sicurezza delle strutture e i codici normativi 223


8.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
8.1.1 Le azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
8.1.2 Incertezze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
8.2 Sicurezza strutturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
8.3 Valori nominali e caratteristici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
8.4 Coefficienti di sicurezza, valori di progetto . . . . . . . . . . . . . . . 231
8.5 Le Norme Tecniche per le Costruzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232

A Geometria delle aree 235


A.1 Momenti statici e baricentro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
A.1.1 Trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


vi INDICE

A.1.2 Rotazione degli assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236


A.1.3 Proprietà additiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
A.1.4 Baricentro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
A.1.5 Significato fisico del baricentro . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
A.2 Momento d’inerzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
A.2.1 Cambiamento di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
A.2.2 Figure composte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
A.2.3 Giratori d’inerzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
A.2.4 Momento polare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Elenco delle figure

1.1 L’interruzione della continuità porta alla perdita della trasmissione


delle forze interne (forze superficiali). . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2 Due magneti consentono di trasmettere la forza anche in assenza di
continuità (forze di volume). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.3 Forze di volume (a): ogni punto interagisce con tutti gli altri. Forze
di superficie (b): i punti interagiscono solo con quelli più prossimi. . . 3
1.4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.5 Risultati di un ipotetico esperimento di resistenza a trazione. La forza
di rottura è proporzionale all’area del provino. . . . . . . . . . . . . . 3
1.6 Risultati di diverse prove di resistenza a trazione su barre di diversa
sezione e per due diversi tipi di materiali. . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.7 Forze esterne ed interne in una barra cilindrica. . . . . . . . . . . . . 5
1.8 Risultante dF (P, n) delle forze interne scambiate attraverso la super-
ficie infinitesima dS di normale n contenente il punto P . . . . . . . . 6
1.9 Tetraedro di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.10 Rapporto tra l’area dA della faccia inclinata e delle sue proiezioni
dAx , dAy e dAz sui piani coordinati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.11 Componenti speciali della tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.12 Nuova terna di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.13 Componenti speciali della tensione e “tetraedro” di Cauchy nello
spazio a due dimensioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.14 Costruzione del cerchio di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.15 Determinazione del polo K del cerchio di Mohr. . . . . . . . . . . . . 14
1.16 Determinazione dello stato di tensione su di una giacitura arbitraria
mediante il cerchio di Mohr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.17 Tensioni principali per uno stato di tensione piano. . . . . . . . . . . 16
1.18 Cerchio di Mohr e tensioni principali per l’esempio 1.1. . . . . . . . . 17
1.19 Tre cerchi di Mohr per stati di tensione in 3D. . . . . . . . . . . . . . 20
1.20 Tensioni agenti sulle facce di un parallelepipedo con spigoli paralleli
agli assi del riferimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

2.1 Misura dell’allungamento di una barra sottoposta a trazione. . . . . . 25


2.2 Definizione di dilatazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.3 Spostamento regolare di tre punti che individuano due assi ortogonali. 27
2.4 Dilatazione lungo una direzione arbitraria. . . . . . . . . . . . . . . . 29

vii
Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni
viii ELENCO DELLE FIGURE

2.5 Scorrimento di due direzioni ortogonali. . . . . . . . . . . . . . . . . . 31


2.6 Cerchio di Mohr relativo ad una deformazione piana. . . . . . . . . . 33

3.1 Grafico forza-allungamento (tensione-deformazione) di una barra di


acciaio dolce sottoposta a trazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.2 Macchina universale per prove sui materiali . . . . . . . . . . . . . . 36
3.3 Grafici tensione-deformazione relativi a diversi materiali metallici. . . 37
3.4 Misura della dilatazione assiale e della contrazione trasversale in una
prova di trazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.5 Per effetto dell’applicazione di una forza di trazione una barra si
allunga nella direzione della forza e si contrae nelle direzioni trasversali 39
3.6 Cerchio di Mohr relativo ad uno stato di tensione di solo taglio e
direzioni principali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.7 Deformazione di un elementino di forma quadrata con diagonali pa-
rallele agli assi in presenza di uno stato di tensione di puro taglio. . . 41
3.8 Deformazioni principali in presenza di puro scorrimento. . . . . . . . 42
3.9 Lavoro di deformazione: lavoro di dilatazione (a) e di scorrimento (b). 47

4.1 Superficie di un solido soggetta parzialmente a condizioni di vincolo


e parzialmente all’azione di forze. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
4.2 Cambiamento della configurazione geometrica prodotto dai carichi. . 51
4.3 Il solido di Saint Venant . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
4.4 Distribuzione delle tensioni in un prisma diversamente sollecitato sulle
basi: (a) forza normale, (b) forza di taglio. Dei tre casi, il primo è
soggetto ad una distribuzione uniforme della forza, il secondo ad una
forza concentrata nel baricentro, il terzo a due forze applicate ai bordi. 54
4.5 Sistema di riferimento usato per il solido di de Saint Venant . . . . . 54
4.6 Componenti della tensione e sistema di forze risultante agenti sulle
basi del solido di de Daint Venant. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.7 Equilibrio di un cilindro sollecitato sulle basi con forze di taglio e
momenti flettenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
4.8 Rotazione di una sezione prodotta dalla inflessione della linea d’asse. 58
4.9 Distribuzione delle tensioni prodotta dalla forza normale e dalla fles-
sione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.10 La sezione dell’esempio 4.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
4.11 Sezione dell’esempio 4.2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
4.12 Estensione del campo delle tensioni normali in una sezione all’intero
piano Π. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.13 Eccentricità e centro di pressione relativi ad una sezione sollecitata a
forza normale e flessione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
4.14 Relazione tra centro di pressione ed asse neutro. . . . . . . . . . . . . 68
4.15 Noccioli d’inerzia per una sezione convessa ed una non convessa. . . . 70
4.16 Nocciolo d’inerzia per una sezione rettangolare. . . . . . . . . . . . . 71
4.17 Nocciolo d’inerzia per una sezione a T. . . . . . . . . . . . . . . . . . 72

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE ix

4.18 Anilisi agli elementi finiti di un cilindro con base circolare sollecitato
a torsione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
4.19 Analisi agli elementi finiti di un prisma a base quadrata. Modello
della struttura (a) e deformazione di un tronco privato di una delle
basi (b). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
4.20 Analisi agli elementi finiti di un prisma con base quadrata. Campo
degli spostamenti dei punti delle sezioni (a) e mappa degli spostamenti
in direzione x (b). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
4.21 Campo degli spostamenti di una sezione di un cilindro soggetto a
torsione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
4.22 Distribuzione delle tensioni prodotte dalla torsione in una sezione
circolare piena ed in una cava. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
4.23 Sezione rettangolare sottile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
4.24 Flusso e risultanti delle tensioni prodotte dalla torsione in una sezione
rettangolare sottile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
4.25 Sezioni composte con elementi rettangolari sottili. . . . . . . . . . . . 83
4.26 Flusso delle tensioni tangenziali prodotte dalla torsione in una sezione
tubolare di piccolo spessore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
4.27 Equilibrio di una parte delle parate di un tubo sollecitato a torsione. . 84
4.28 Momento risultante delle tensioni tangenziali in una sezione tubolare
sottile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
4.29 Sezione dell’esempio 4.6. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
4.30 Sezione dell’esempio 4.7. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
4.31 Equilibrio di un concio di trave sollecitata a flessione e taglio. . . . . 89
4.32 Equilibrio di una parte di un concio di trave. . . . . . . . . . . . . . . 90
4.33 Distribuzione delle tensioni tangenziali prodotte dal taglio in una
sezione rettangolare sottile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
4.34 Influenza della variazione dello spessore della sezione sullo stato ten-
sionale prodotto dal taglio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
4.35 Sezioni ad I sollecitate a taglio: tensioni nell’anima e nelle ali. . . . . 93
4.36 Distribuzione delle tensioni tangenziali nella sezione dell’esempio 4.8. 94
4.37 Effetti del taglio su di una sezione asimmetrica e centro di taglio della
sezione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
4.38 Deformazione prodotta dal taglio in una sezione rettangolare sottile
che mostra l’ingobbamento della sezione (a) e scorrimento medio della
linea d’asse (b). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4.39 Mesh agli elementi finiti della trave. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
4.40 Curve di livello delle tensioni normali σ x . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
4.41 Curve di livello delle tensioni σz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
4.42 Confronto tra le tensioni normali calcolate con la teoria di de Saint
Venant e quelle ottenute con l’analisi agli elementi finiti. . . . . . . . 104
4.43 Curve di livello delle tensioni tangenziali τ xz . . . . . . . . . . . . . . . 104
4.44 Confronto tra la distribuzione delle tenzioni tangenziali τ xz ad x = l/4
calcolata con la teoria di Jourawsky e quella ottenuta dal modello ad
elementi finiti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


x ELENCO DELLE FIGURE

4.45 Diagramma dei momenti di una trave appoggiata con sbalzo soggetta
a carico uniforme. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
4.46 Curve di livello della tensione normale σ x nella zona circostante il
secondo appoggio della trave di Fig. 4.45. . . . . . . . . . . . . . . . . 106
4.47 Confronto tra le distribuzioni delle tensioni calcolate con la teoria di
de Saint Venant e con il metodo degli elementi finiti, in differenti
sezioni prossime al secondo appoggio della trave di Fig. 4.45. . . . . . 107

5.1 Legge costitutiva di un acciaio “dolce”. . . . . . . . . . . . . . . . . . 111


5.2 Dominio di resistenza di una struttura e punti rappresentativi della
domanda. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
5.3 Legge costitutiva monoassiale di un materiale elasto-plastico. Legame
monotono e ciclico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
5.4 Sequenza delle distribuzioni delle deformazioni e delle tensioni al
crescere della curvatura, in una sezione rettangolare con materiale
elasto-platico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
5.5 Posizione dell’asse neutro nelle sezioni inflesse interamente plasticiz-
zate; sezioni simmetriche (a) e non simmetriche (b). . . . . . . . . . . 116
5.6 Dominio di prima plasticizzazione (linea tratteggiata) e dominio di
collasso (linea continua) della sezione HE200B. . . . . . . . . . . . . . 117
5.7 Tabella per profilati IPE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
5.8 Tabella per profilati HEA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
5.9 Tabella per profilati HEB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
5.10 Tabella per profilati HEM. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
5.11 Tensioni normali e tangenziali in una sezione ad I sollecitata a flessione
e taglio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
5.12 Schema e diagrammi delle sollecitazioni della trave dell’esempio 5.1. . 125
5.13 Deformazione di una trave inflessa soggetta ad un carico trasversale
distribuito ed a uno forza normale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
5.14 Situazione di equilibrio stabile (A) ed instabile (B) di una massa
puntiforme nel campo del peso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
5.15 Analisi della stabilità dell’equilibrio di un’asta composta da due corpi
rigidi connessi con una molla rotazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . 131
5.16 Soluzione grafica dell’equazione (5.36). . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
5.17 Energia potenziale del sistema in Fig. 5.15 per due valori del rapporto
N/4k. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
5.18 Asta soggetta ad una forza normale nella configurazione perturbata. . 134
5.19 Rapporto tra la tensione critica e la resistenza del materiale in fun-
zione della rigidezza ridotta λ/λc dell’asta. . . . . . . . . . . . . . . . 137
5.20 Asta soggetta ad una compressione eccentrica. . . . . . . . . . . . . . 137
5.21 Curve γ = σm /fd relative a quattro differenti tipologie di sezione
(UNI-CNR 10011). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
5.22 Corrispondenza tra le tipologie delle sezioni e le cirve γ. . . . . . . . . 140
5.23 Valori di ω in funzione della snellezza λ per l’acciaio Fe360 (curva c). 142
5.24 Valori di ω in funzione della snellezza λ per l’acciaio Fe430 (curva c). 143

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE xi

5.25 Valori di ω in funzione della snellezza λ per l’acciaio Fe510 (curva c). 144
5.26 Coefficiente β in funzione delle rigidezze rotazionali relative κ dei
vincoli di estremità di una trave, nei casi a nodi fissi e mobili. . . . . 145
5.27 Telaio dell’esempio 5.3. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
5.28 Sezione del pilastro dell’esempio 5.4. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147

6.1 Foto a sinistra (a): il Partenone; è evidente la piccola distanza tra le


colonne permessa dalla resistenza a trazione delle trabeazioni. Foto a
destra (b): il grande spazio coperto dalla cupola del Panteon, a Roma.150
6.2 Rappresentazione schematica del processo di idratazione (da AIMAT). 152
6.3 Rappresentazione schematica dell’addensamento degli aggregati. . . . 153
6.4 Miscela degli inerti di un calcestruzzo e confronto con la curva di Fuller154
6.5 Slump test con il cono di Abrams . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
6.6 Curve tensione—deformazione di calcestruzzi di differenti classi di re-
sistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
6.7 Schema delle prove per la misura della resistenza a trazione del cal-
cestruzzo: flessione (a) e taglio (b). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
6.8 Variazione nel tempo della resistenza del calcestruzzo (riferita a quella
a 28gg), per diversi tipi di cemento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
6.9 Svilluppo del ritiro nel tempo per un calcestruzzo normale (NSC) ed
uno ad alta resistenza (NSC). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
6.10 Sviluppo nel tempo delle deformazioni di un elemento di calcestruzzo
compresso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
6.11 Diagramma tensioni-deformazioni di un acciaio ordinario da c.a. . . . 161
6.12 Esempio di barre nervate (aderenza migliorata) per l’armatura delle
strutture in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
6.13 Diagramma tensioni-deformazioni di un acciaio ad alta resistenza . . 162
6.14 Sezione di un elemento in calcestruzzo con annegata una barra in
acciaio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
6.15 Diagrammi forza-scorrimento di barre annegate nel calcestruzzo, lisce
e sagomate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
6.16 Fessurazione del calcestruzzo circostante una barra sagomata: (a) per
rottura per taglio, (b) rottura dei denti di calcestruzzo. . . . . . . . . 164

7.1 Schema di carico di una trave in c.a. semplicemente appoggiata e


digramma carico-abbassamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
7.2 Sezione di una trave in cemento armato come sovrapposizione della
sezione di calcestruzzo (forata) e quella delle barre. . . . . . . . . . . 168
7.3 Apertura di una fessura in una trave in cemento armato. . . . . . . . 172
7.4 Fessurazione di una trave in c.a. sollecitata a sola flessione. . . . . . . 173
7.5 Conservazione delle sezioni piane in una trave in c.a. . . . . . . . . . 174
7.6 Sezione in c.a. sollecitata a flessione in fase II. Campo delle tensioni. . 175
7.7 Flessione di una sezione asimmetrica (a) ed una simmetrica (b) per
un momento agente secondo uno degli assi principali d’inerzia della
sezione di calcestruzzo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


xii ELENCO DELLE FIGURE

7.8 Sezione rettangolare soggetta a flessione retta. . . . . . . . . . . . . . 178


7.9 Sezione dell’esempio 7.2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
7.10 Risultanti delle tensioni in una sezione inflessa in c.a. con un solo
livello di armatura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
7.11 Azione di confinamento esercitata dalle staffe. . . . . . . . . . . . . . 184
7.12 Leggi tensione—deformazione per l’acciaio (a) e per il calcestruzzo (b)
adottate per il calcolo a rottura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
7.13 Meccanismo di collasso di una sezione rettangolare inflessa . . . . . . 186
7.14 Diagramma rettangolare equivalente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
7.15 Sezione sollecitata a pressoflessione retta di grande eccentricità. . . . 195
7.16 Sezione rettangolare soggetta a pressoflessione retta di grande eccen-
tricità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
7.17 Grafico della funzione (zn ) e delle approssimazioni lineari successive. 199
7.18 Dominio di collasso di una sezione rettangolare in c.a. armata sim-
metricamente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
7.19 Situazioni di collasso di una sezione in cemento armato . . . . . . . . 201
7.20 Famiglia di domini di resistenza normalizzati per sezioni rettangolari.
(A0s /As = 1, εy = 2 × 10−3 , d0 /d = 0.1). . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
7.21 Progetto di una sezione pressoinflessa usando i domini di resistenza
adimensionali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
7.22 Verifica della sezione dell’esempio 7.10. . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
7.23 Quadro fessurativo di una trave soggetta a flessione e taglio. . . . . . 207
7.24 Cerchi di Mohr per le tensioni in diversi livelli di una sezione rettan-
golare soggetta a flessione e taglio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
7.25 Linee isostatiche in una trave sollecitata a flessione e taglio. . . . . . . 209
7.26 Fessurazione di una trave in c.a. sollecitata a flessione e taglio. . . . . 210
7.27 Tipi di staffe nelle sezioni in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
7.28 Rappresentazione schematica di staffe e delle barre piegate all’interno
di un concio di trave in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
7.29 Deduzione del traliccio di Mörsh dall’andamento delle isostatiche di
compressione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
7.30 Equilibrio di una biella di calcestruzzo. . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
7.31 Calcolo della tensione media di compressione in una bilella di calce-
struzzo di una trave sollecitata a taglio. . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
7.32 Armatura di una trave appoggiata con sbalzo e soggetta ad un carico
univorme. Verifica con il diagramma dei momenti resistenti. . . . . . 219
7.33 Equilibrio delle risultanti di sollecitazione per un concio di trave
sezionato ortogonalmente all’asse e quando la sezione è inclinata. . . . 220

8.1 Analisi agli stati limite di due strutture composte con tre aste. . . . . 226
8.2 Analisi della deformazione delle tre aste collegate alle estremità. . . . 227
8.3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229

A.1 Assi di riferimento e area A del piano. . . . . . . . . . . . . . . . . . 236

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE xiii

A.2 Figure geometriche semplici [rettangolo (a), triangolo rettangolo (b)]


e relativi assi di riferimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
A.3 Figura piana riferita a due sistemi di assi rotati. . . . . . . . . . . . . 238
A.4 Sezione ad L composta da due sezioni rettangolari. . . . . . . . . . . 240
A.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
A.6 Determinazione del momento d’inerzia di un cerchio. . . . . . . . . . 244
A.7 Assi principali e giratori d’inerzia di una figura ad L. . . . . . . . . . 247
A.8 Figura simmetrica rispetto all’asse x. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


xiv ELENCO DELLE FIGURE

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Prefazione

Queste dispense raccolgono, in forma piuttosto sintetica, gli argomenti del corso di
Tecnica delle Costruzioni che svolgo al terzo anno del Corso di Laurea in Scienze del-
l’Architettura dell’Università degli Studi di Roma Tre. La selezione degli argomenti
trattati ovviamente rispecchia le particolarità del percorso didattico degli studenti
in questa Facoltà.
Nella prima parte vengono introdotti i concetti di tensione e deformazione nei
mezzi continui, le equazioni di equilibrio e le condizioni di compatibilità; succes-
sivamente si discutono gli aspetti più semplici dei legami costitutivi dei materiali
strutturali, particolarmente dell’acciaio, schematizzati poi nella legge di Hooke ge-
neralizzata ai materiali isotropi. Si passa quindi allo studio del solido di de Saint
Venant, i cui risultati sono la base per lo sviluppo della teoria tecnica della trave
elastica.
Nel capitolo un po’ impropriamente intitolato Strutture in acciaio, i risultati
precedenti sono utilizzati per introdurre al dimensionamento delle sezioni in acciaio;
viene quindi trattato il caso dell’asta snella soggetta a compressione e si giustifica
il metodo ω. I problemi connessi ai collegamenti (saldature, bullonature, ecc.) non
sono invece neanche sfiorati.
Il capitolo sul Cemento armato descrive sommariamente la tecnologia di questo
materiale, le caratteristiche specifiche, le proprietà meccaniche del calcestruzzo e
l’interazione di questo con l’acciaio delle armature. Infine nel capitolo successivo è
affrontato il calcolo delle travi in cemento armato nelle tre fasi che ne caratterizza-
no il comportamento (stato del calcestruzzo integro, fessurato ed a rottura) per le
sollecitazioni di pressoflessione e taglio.
Nella trattazione degli argomenti descritti non si fa riferimento a specifiche pre-
scrizioni normative, che pure sono molto importanti nella pratica progettuale. Que-
sta scelta è stata suggerita da molti fattori: l’opportunità di snellire un testo già
carico di molti argomenti, il desiderio di prestare maggiore attenzione agli aspetti
fisici dei fenomeni e, non ultimo, la difficoltà che, in Italia, si è verificata in questi
ultimi anni intorno all’emanazione di un testo normativo condiviso. L’ultimo ca-
pitolo è quindi dedicato ad una qualitativa esposizione dei concetti della sicurezza
delle strutture, ai format dei codici “semiprobabilistici” e alla definizione di alcune
grandezze essenziali, quali i valori caratteristici e di progetto delle resistenze dei
materiali e delle intensità delle azioni.
Poiché la geometria delle aree è uno strumento essenziale per l’analisi delle sezioni
delle travi, ma la sua trattazione è sostanzialmente estranea al filo logico seguito per

xv
Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni
xvi Capitolo 0 Prefazione

lo sviluppo degli altri argomenti del corso, una sintetica esposizione dei suoi aspetti
essenziali è posta in appendice.
In qualche, raro, caso, il contenuto di queste dispense ha debordato oltre quello
che è normalmente svolto durante le lezioni del corso. Questi argomenti sono con-
trassegnati con un asterisco* e per essi è usato un carattere più piccolo. Il loro studio
può essere omesso senza compromettere la comprensione del resto.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 1
Analisi della tensione

1.1 Forze interne


Immaginiamo di compiere il semplice esperimento illustrato in Fig. 1.1. Una fune è
tesa mediante l’applicazione di due forze uguali ed opposte. In questa situazione il
sistema (la fune ed i due pesi) resta in equilibrio. Se ora tagliamo la fune, il sistema
non rimane in equilibrio ed i due pesi cadono verso terra, trascinando con loro i due
monconi della fune.
Per quanto questo esperimento possa apparire banale e scontato, esso ci indica
alcune cose importanti:

1. Le due parti di fune, prima del taglio, si scambiavano una forza pari a quella
applicata alle estremità.

2. Questa forza agiva esclusivamente sui punti della superficie tagliata; infatti
se avesse agito anche su punti più lontani, l’equilibrio sarebbe stato possibile
anche dopo il taglio, come avviene ad esempio quando le due parti sono tenute
insieme da un magnete. (Fig. 1.2).

Possiamo classificare le forze in forze di volume e forze di superficie. Le prime


vengono scambiate anche a grande distanza ed agiscono su tutti i punti di un corpo:
ne sono esempi la forza peso e la forza che un magnete esercita sui corpi ferrosi. Le
seconde sono scambiate solo a breve distanza, tra i punti prossimi ad una superficie:
le forze di contatto e le forze interne sono esempi di azioni di questo tipo.

1.2 Resistenza
Lo scopo dell’ingegneria delle strutture è ideare degli organismi strutturali che siano
capaci, per un tempo sufficientemente lungo, di sostenere i carichi e le altre azioni che
si produrranno in futuro e quindi verificare, su idonei modelli analitici e numerici,
che le strutture progettate abbiano effettivamente queste caratteristiche. Queste
verifiche si eseguono confrontando gli effetti delle azioni previste, che chiameremo
sollecitazioni, con le resistenze della struttura e degli elementi che la compongono.

1
Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni
2 Capitolo 1 Analisi della tensione

Figura 1.1: L’interruzione della continuità porta alla perdita della trasmissione delle
forze interne (forze superficiali).

Figura 1.2: Due magneti consentono di trasmettere la forza anche in assenza di


continuità (forze di volume).

Supponiamo di prendere una barra, per esempio di acciaio, e di sottoporla ad


una prova di trazione. La prova consiste nell’applicare alle estremità della barra una
forza F crescente fino a produrne la rottura (Fig. 1.4). Il valore FR della forza che
produce la rottura della barra è detta forza di rottura o resistenza della barra.
Supponiamo ora di ripetere l’esperimento su altre barre, di diverso diametro
ma realizzate con lo stesso materiale; troveremo valori diversi della resistenza che,
come è ovvio, crescerà con il diametro della barra. Se si rappresentano questi
risultati in un grafico, riportando sulle ascisse le aree delle sezioni e sulle ordinate le
resistenze delle barre, otterremmo un risultato simile a quello illustrato nella Fig. 1.5;
i punti rappresentativi delle coppie area—resistenza si disporrebbero attorno ad una
retta con inclinazione positiva che, almeno approssimativamente, passa per l’origine.
Indicando con FR la resistenza della barra e con A la sua area, l’equazione di una
retta di questo tipo è
FR = cA (1.1)

dove c indica una costante.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.2 Resistenza 3

(a)

(b)

Figura 1.3: Forze di volume (a): ogni punto interagisce con tutti gli altri. Forze di
superficie (b): i punti interagiscono solo con quelli più prossimi.

F F

Figura 1.4:
Resistenza della barra

Area della sezione della barra

Figura 1.5: Risultati di un ipotetico esperimento di resistenza a trazione. La forza


di rottura è proporzionale all’area del provino.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4 Capitolo 1 Analisi della tensione

Resistenza della barra

Area della sezione della barra

Figura 1.6: Risultati di diverse prove di resistenza a trazione su barre di diversa


sezione e per due diversi tipi di materiali.

Supponiamo di ripetere ora l’esperimento con un’altra serie di barrette, fatte


però con un materiale diverso. Riportando i risultati sullo stesso grafico otterremmo
quanto rappresentato in Fig. 1.6. La relazione tra resistenza ed area è ancora del tipo
(1.1) ma con un valore diverso della costante c. Generalizzando questi risultati,
potremo allora concludere che, per ogni materiale, il rapporto
FR
A
tra la resistenza di una barra sottoposta a trazione e l’area della stessa è (approssi-
mativamente) costante ed è una grandezza che dipende dalla natura del materiale
e non dalle dimensioni della barra: chiameremo questa grandezza la resistenza a
trazione del materiale.

1.3 Tensione
Il rapporto tra la forza F applicata alle estremità della barra e l’area A di una
sezione normale della stessa barra (Fig. 1.7) è detta tensione normale media e sarà
indicata con il simbolo σm :
F
σm = (1.2)
A
Nel caso della barra tesa, che abbiamo esaminato, le forze interne sono parallele
all’asse della barra e quindi normali alle sezioni; inoltre le dimensioni delle sezioni
sono piccole rispetto alla dimensione longitudinale e dunque il concetto di tensione
media ha un significato intuitivo chiaro. In un caso più complesso, come quello
mostrato in Fig. 1.8, le cose non sono cosı̀ semplici; le dimensioni della sezione S sono
confrontabili con quelle dell’oggetto, di conseguenza l’informazione fornita da una

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.3 Tensione 5

F
A

Figura 1.7: Forze esterne ed interne in una barra cilindrica.

grandezza media diviene meno utile: appare quindi opportuno definire una tensione
puntuale. Poiché in generale questa tensione non sarà normale alla superficie, la si
dovrà definire come un vettore.
Data una superficie S che seziona un corpo ed un punto P su essa, sia dA
un’areola contenuta in S e che contiene P (Fig. 1.8). Abbiamo già detto che le forze
interne sono forze superficiali e che pertanto ogni punto sulla superficie S scambia
forze soltanto con quello omologo sull’altra faccia di S. Sia dF la risultante delle
forze che passano per dA; indicando con n la normale ad S in P , faremo la seguente
ipotesi (Cauchy):

Al tendere a zero delle dimensioni di dA in modo che contenga sempre


dF
P , il rapporto dA tende ad un vettore di misura finita, detto la tensione
nel punto P relativa alla giacitura di normale n. In formule:

dF
p (P, n) = lim (1.3)
dA→P dA

1.3.1 Equazione di Cauchy


La definizione della tensione riportata sopra, mette in evidenza che questa grandezza
dipende non soltanto dal punto P , ma anche dalla giacitura (definita mediante il
vettore normale) del piano tangente alla superficie S nel punto P .
Ora mostreremo che questa dipendenza si può esprimere mediante una semplice
legge lineare in funzione delle tensioni agenti su tre giaciture ortogonali. A questo
scopo consideriamo un tetraedro infinitesimo con il vertice nel punto P e gli spigoli
paralleli agli assi x, y, z di un riferimento ortogonale. Sia p (n) la tensione sulla

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6 Capitolo 1 Analisi della tensione

Figura 1.8: Risultante dF (P, n) delle forze interne scambiate attraverso la superficie
infinitesima dS di normale n contenente il punto P .

faccia inclinata del tetraedro, di area dA e di normale n e siano p (−x), p (−y),


p (−z) le tensioni agenti sulle altre facce del solido, aventi vettori normali diretti in
verso opposto agli assi del riferimento (Fig. 1.9).
Ricordiamo che la prima equazione cardinale della statica afferma che un corpo
è in equilibrio solo se è nulla la risultante delle forze agenti su esso; quindi, ricordano
la definizione (1.3) della tensione, la forza agente su una generica faccia di area dA
e giacitura di normale n è p (n) dA, e il tetraedro sarà in equilibrio se

p (n) dA + p (−x) dAx + p (−y) dAy + p (−z) dAz + gdV = 0 (1.4)

In questa equazione gdV indica la forza di volume (p.e. il peso) proporzionale al


volume dV dell’elemento. Per un tetraedro infinitesimo il volume è infinitesimo di
ordine superiore rispetto all’area (ossia limdA→0 dV
dA
= 0) e quindi la forza di volume
sarà trascurabile rispetto alle altre. Per il principio di azione e reazione, su facce
opposte agiscono forze opposte, quindi p (−x) = −p (x), ecc. Tenendo conto di ciò,
la (1.4) diviene:

p (n) dA = p (x) dAx + p (y) dAy + p (z) dAz (1.5)

dove dAx , dAy e dAz sono le aree delle facce del tetraedro perpendicolari agli assi
coordinati. D’altra parte è facile verificare che (vedi Fig. 1.10)

dAx = nx dA dAy = ny dA dAz = nz dA (1.6)

dove nx , ny , nz sono le componenti del vettore unitario n, perpendicolare a dA.


Infatti, come è mostrato nella figura, ad esempio nz = 1 · cos α, dove α è l’angolo
formato da n con z. Ma α è anche l’angolo che il piano di normale n forma con
quello normale a z, quindi, se h è l’altezza della faccia inclinata del tetraedro, h cos α
è la sua proiezione sul piano xy e quindi è l’altezza della faccia di normale z. Poiché
i due triangoli hanno la stessa base, ne segue facilmente che dAz = dA cos α = dAnz .

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.3 Tensione 7

p(-y) n p(-x)

dAy p(n)
dAx
dA

dAz y
x
p(-z)

Figura 1.9: Tetraedro di Cauchy

Analogamente si dimostrano le altre relazioni (1.6). Sostituendo le (1.6) nella (1.5)


si ottiene, dopo aver diviso tutti i termini per dA:
p (n) = p (x) nx + p (y) ny + p (z) nz (1.7)
La (1.7) è una relazione molto importante, poiché permette di determinare il
vettore della tensione p relativo ad una generica giacitura di normale n, quando
siano noti i tre vettori
px = p (x) py = p (y) pz = p (z) (1.8)
della tensione su tre giaciture ortogonali. Poiché ogni vettore ha tre componenti
scalari, dalla (1.7) segue che lo stato di tensione in un punto è completamente definito
dalle 3 × 3 = 9 componenti dei tre vettori px , py , pz . Queste componenti, dette
componenti speciali della tensione, sono rappresentate sulle facce del parallelepipedo
di Fig. 1.11. Come è consuetudine nella letteratura tecnica, le componenti normali
alle facce sono indicate con la lettera σ, quelle parallele con la lettera τ . Le nove
componenti si possono raccogliere in una matrice 3×3, in cui ogni colonna è formata
con le tre componenti di ciascun vettore:
⎡ ⎤
σ xx τ yx τ zx
T= ⎣ τ xy σ yy τ zy ⎦ (1.9)
τ xz τ yz σ zz
Con questa notazione, l’equazione di Cauchy (1.7) si scrive:
pn = Tn (1.10)
o, esplicitamente in forma scalare:
pnx = σ xx nx + τ yx ny + τ zx nz (1.11a)
pny = τ xy nx + σ yy ny + τ zy nz (1.11b)
pnz = τ xz nx + τ yz ny + σ zz nz (1.11c)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


8 Capitolo 1 Analisi della tensione

n
nz = cos(α)
α
dAy dAx
α dA

dAz y
x

Figura 1.10: Rapporto tra l’area dA della faccia inclinata e delle sue proiezioni dAx ,
dAy e dAz sui piani coordinati.

σzz
τzx pz
τzy

dz
τxz
σxx τxy τyz
px
τyx
py
σyy

dy y
x
dx

Figura 1.11: Componenti speciali della tensione

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.4 Cambiamento di riferimento*
9
1.3.2 Equilibrio alla rotazione
Per dimostrare l’equazione di Cauchy (1.7) abbiamo fatto uso della prima delle equa-
zioni cardinali della statica; ma ogni elemento infinitesimo di un mezzo continuo,
per essere in equilibrio, deve soddisfare anche la seconda equazione cardinale, che
richiede sia nullo il momento risultante. Se allora consideriamo l’equilibrio alla rota-
zione del parallelepipedo infinitesimo di figura 1.11, poiché, per il principio di azione
e reazione, su facce opposte agiscono tensioni uguali in modulo e direzione ma di
verso opposto, le risultanti delle componenti tangenziali τ formano delle coppie con
bracci uguali alle lunghezze degli spigoli del parallelepipedo, mentre le componenti
normali, avendo la stessa retta di azione, hanno momento risultante nullo. Se ad
esempio imponiamo l’equilibrio alla rotazione attorno ad un asse parallelo a z, le
sole componenti che danno luogo ad un momento sono le τ xy e le τ yx . Le tensioni
agenti sulle facce dydz hanno per risultanti le forze τ xy dydz che formano una coppia
di braccio dx; le risultanti delle tensioni τ yx , agenti sulle facce dxdz valgono τ yx dxdz
e formano una coppia di braccio dy. Quindi, poiché le due coppie hanno verso op-
posto, come è chiaro dal disegno, la condizione di equilibrio della rotazione attorno
a z si scrive:
(τ xy dydz) dx = (τ yx dxdz) dy (1.12)
da cui, dividendo ambo i membri per dxdydz ricaviamo

τ xy = τ yx (1.13)

Analogamente, imponendo l’equilibrio alla rotazione attorno ad x ed y, potremo


dedurre, con simile procedimento, le restanti condizioni di reciprocità tra le tensioni
tangenziali
τ yz = τ zy τ zx = τ xz (1.14)
Le (1.13) e (1.14) stabiliscono che la matrice T è simmetrica e pertanto i termini
distinti che la caratterizzano sono sei (tre componenti di tensione normale σ e tre
di tensione tangenziale τ ).

1.4 Cambiamento di riferimento*

Abbiamo visto che, in virtù del teorema di Cauchy, lo stato di tensione in un punto è
determinato dalla matrice T, ovvero, in forma scalare, dalle sue sei componenti distinte
(σ xx , σ yy , σ zz , τ xy , τ yz , τ zx ), dette componenti speciali della tensione; il valore di queste
componenti, che sono le tensioni sulle facce parallele ai piani coordinati, dipende ovviamen-
te dal riferimento; dunque lo stesso stato di tensione può essere rappresentato da diversi
valori delle componenti speciali, a seconda del sistema di assi utilizzato. Vogliamo ora
mostrare come queste componenti cambiano quando si passa da un sistema di riferimento
ad un altro.
Se n1 , n2 , n3 sono tre vettori (di modulo unitario) tra loro ortogonali, possiamo basare
su essi una nuova terna di riferimento; vogliamo calcolare i valori delle componenti speciali
della tensione (raccolte nella matrice T) relativamente alle facce di un parallelepipedo i

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


10 Capitolo 1 Analisi della tensione

n3
n2

n1 y
x

Figura 1.12: Nuova terna di riferimento

cui spigoli coincidono con gli assi del nuovo riferimento (n1 , n2 , n3 ). Applicando la (1.7)
e tenendo conto della (1.8) si ottiene, per ciascuna delle direzioni ni (i = 1, 2, 3):

pi = p (ni ) = px nix + py niy + pz niz (i = 1, 2, 3) (1.15)

in cui nix , niy , n iz sono le componenti sugli assi x, y, z del vettore unitario ni .
Le componenti di pi nel nuovo riferimento si determinano proiettandolo sui tre assi
n1 , n2 , n3 . Moltiplicando scalarmente pi per i tre vettori nj (j = 1, 2, 3), poiché questi
hanno modulo unitario, otterremo tali componenti. I prodotti nti pi forniscono le compo-
nenti normali σ ii , mentre i prodotti ntj pi (con j 6= i) forniscono le componenti tangenziali
τ ij :
σ ii = nti pi τ ij = ntj pi (i 6= j) (1.16)
Se con i, j, k indichiamo i vettori unitari paralleli agli assi x, y, z del primo riferimento,
potremo porre
px = σxx i + τ xy j + τ xz k
py = τ yx i + σ yy j + τ yz k (1.17)
pz = τ zx i + τ zy j + σ zz k
da cui segue che
nti px = nix σ xx + niy τ xy + niz τ xz
nti py = nix τ yx + niy σ yy + niz τ yz (1.18)
nti px = nix τ zx + niy τ zy + niz σ zz
in quanto, essendo nix , niy , niz le componenti di ni nel vecchio riferimento, si ha nti i = nix ,
ecc.; sostituendo la (1.15) nelle (1.16) troveremo alla fine

σ ii = nti pi = nti px nix + nti py niy + nti pz niz =


(σxx nix + τ xy niy + τ xz niz ) nix + (τ yx nix + σ yy niy + τ yz niz ) niy +
+ (τ zx nix + τ zy niy + τ zz niz ) niz (1.19)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.5 Tensioni piane 11

Figura 1.13: Componenti speciali della tensione e “tetraedro” di Cauchy nello spazio
a due dimensioni.

τ ij = ntj pi = ntj px nix + ntj py niy + ntj pz niz =


(σ xx njx + τ xy njy + τ xz njz ) nix + (τ yx njx + σ yy njy + τ yz njz ) niy +
+ (τ zx njx + τ zy njy + τ zz njz ) niz (1.20a)

A queste espressioni piuttosto lunghe si può dare una concisa forma matriciale

T0 = Nt TN (1.21)

in cui T è la matrice (1.9), T0 è l’analoga matrice costruita con le componenti σ ii , τ ij


relative agli assi del nuovo riferimento ed N è la matrice 3 × 3 formata con le componenti
dei vettori n1 , n2 , n3 relative al vecchio riferimento:
⎡ ⎤
n1x n2x n3x
N = ⎣n1y n2y n3y ⎦ (1.22)
n1z n2z n3z

1.5 Tensioni piane


Le relazioni precedenti si semplificano notevolmente quando si analizza un problema
piano, nel quale tutte le componenti relative ad un asse (p. es. z) sono nulle e si
considerano soltanto giaciture parallele a questo asse, la cui normale è contenuta
nel piano x, y. In questo caso la matrice delle tensioni T diviene 2 × 2 e contiene
solamente 3 elementi distinti: le due componenti delle tensioni normali σ xx e σ yy ed
un’unica componente della tensione tangenziale τ xy = τ yx = τ (Fig. 1.13 (a)).
Se ora consideriamo una generica giacitura e la relativa normale n, questa è
ora individuata dal solo angolo α che la giacitura forma con l’asse y e la normale
con l’asse x. Possiamo inoltre definire un altro vettore t, ortogonale ad n e quindi

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


12 Capitolo 1 Analisi della tensione

tangente alla giacitura, in modo che n, t definiscano un altro riferimento ortogonale.


Nel piano le componenti dei vettori n e t dipendono solo dall’angolo α e sono:
nx = cos α, ny = sin α e tx = − sin α, ty = cos α.
Per l’equilibrio dell’elemento triangolare di Fig. 1.13, in direzione di n, otteniamo
dx
σn = σ y dx sin α + τ xy dx cos α + σx dx cot α cos α + τ yx dx cot α sin(1.23a)
α
sin α
dx
τ nt = σ y dx cos α − τ xy dx sin α − σx dx cot α sin α + τ yx dx cot α cos(1.23b)
α
sin α
dove, per brevità, abbiamo indicato con σx e σy (in luogo di σxx e σyy ) le componenti
normali della tensione e si è tenuto conto che dy = dx cot α. Semplificando, risulta
σn = σ x cos2 α + σy sin2 α + 2τ xy sin α cos α (1.24a)
¡ ¢
τ nt = (σ y − σ x ) sin α cos α + τ xy cos2 α − sin2 α (1.24b)
Allo stesso risultato si giunge applicando l’equazione (1.21) ricavata nel paragrafo
precedente. La matrice N è ora 2 × 2 e si può esprimere in finzione dell’angolo α:
∙ ¸
cos α − sin α
N= (1.25)
sin α cos α
mentre la matrice delle tensioni è
∙ ¸
σ τ xy
T= x (1.26)
τ xy σ y
Sostituendo le (1.25) e (1.26) nella (1.21) otteniamo in forma esplicita le componenti
normali e tangenziali della tensione relativamente alla giacitura di normale n:

σ n = σ x cos2 α + σy sin2 α + 2τ xy sin α cos α (1.24a)


¡ ¢
τ nt = (σ y − σ x ) sin α cos α + τ xy cos2 α − sin2 α (1.24b)

1.5.1 Il cerchio di Mohr


Partendo dalle (1.24) si può sviluppare una costruzione geometrica molto utile per
determinare il valore delle componenti principali della tensione relativamente ad una
giacitura arbitraria. Per prima cosa si ricordano le seguenti ben note formule della
trigonometria:
1 + cos 2α 1 − cos 2α
cos2 α = sin2 α = (1.28a)
2 2
2 sin α cos α = sin 2α (1.28b)
Sostituendo queste relazioni nelle (1.24) otteniamo
µ ¶ µ ¶
1 + cos 2α 1 − cos 2α
σn = σx + σy + τ xy sin 2α (1.29a)
2 2
(σ y − σ x )
τ nt = sin 2α + τ xy cos 2α (1.29b)
2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.5 Tensioni piane 13

Figura 1.14: Costruzione del cerchio di Mohr

che riscriviamo nella forma:


σx + σy σx − σy
σn − = cos 2α + τ xy sin 2α (1.30a)
2 2
(σx − σ y )
τ nt = − sin 2α + τ xy cos 2α (1.30b)
2

Sommando membro a membro i quadrati delle (1.30), per la nota proprietà delle
funzioni trigonometriche (sin2 α + cos2 α = 1), risulta:
µ ¶2 µ ¶2
σx + σy 2 σx − σy
σn − + τ nt = + τ 2xy (1.31)
2 2

In un piano definito da un riferimento cartesiano, in cui si riporta sull’asse del-


le ascisse il valore di σ n e sulle q ordinate quello di τ nt , la (1.31) è l’equazione di
¡ σx −σy ¢2
una circonferenza di raggio r = 2
+ τ 2xy e centro nel punto di coordinate
£ σx +σy ¤
2
, 0 . I punti di questa circonferenza (nota come cerchio di Mohr ) descrivono
lo stato di tensione (normale e tangenziale) di tutte le giaciture ortogonali al piano
x, y.
Nella Fig. 1.14 è illustrata la costruzione del cerchio di Mohr delle tensioni.
Tracciando, nel piano (σ n , τ nt ) due punti A e B di coordinate (σx , τ xy ) e (σ y , −τ xy ),
il cerchio di Mohr è la circonferenza che passa per questi punti ed ha il centro
nell’intersezione tra la loro congiungente e l’asse delle ascisse.
Per porre in relazione i punti del cerchio di Mohr con le giaciture dove agiscono
le tensioni, indichiamo con 2α0 l’angolo formato dal segmento OA con l’asse delle

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


14 Capitolo 1 Analisi della tensione

τnt
A
P
2α0 2α 2(α0−α)
O σn
α
K

Figura 1.15: Determinazione del polo K del cerchio di Mohr.

ascisse. Posto che r sia il raggio del cerchio, evidentemente si ha


σx − σy
= r cos 2α0 (1.32a)
2
τ xy = r sin 2α0 (1.32b)

Sostituendo queste nelle (1.30) otteniamo:


σx + σy
σn − = r cos 2α0 cos 2α + r sin 2α0 sin 2α (1.33a)
2
τ nt = −r cos 2α0 sin 2α + r sin 2α0 cos 2α (1.33b)

da cui, utilizzando alcune note relazioni della trigonometria, segue


σx + σy
σn − = r cos 2(α0 − α) (1.34a)
2
τ nt = r sin 2 (α0 − α) (1.34b)

Dalle (1.34) risulta chiaro che il punto P (Fig. 1.15), individuato dall’intersezione
della circonferenza con una retta passante per il centro O e che forma un angolo
2 (α0 − α) con l’asse σn , fornisce lo stato di tensione agente su di una giacitura
inclinata di α rispetto all’asse y. Poiché, per definizione, AO forma un angolo 2α0
con σ n , si ha che AÔP = 2α0 − 2 (α0 − α) = 2α; tenendo conto che AÔP e AK̂P
sono rispettivamente angolo al centro ed alla circonferenza sottesi allo stesso arco
AP , se ne deduce che AK̂P è la metà di AÔP , ossia AK̂P = α. Prendendo il
punto K di coordinate σ x , −τ xy , la retta KP forma con l’asse verticale un angolo
α. Tuttavia, assumendo che gli assi σ n , τ nt siano paralleli ad x, y, la retta KP non
risulta parallela alla giacitura, poiché gli angoli α sono rotati in verso opposto. Per
ottenere questa coincidenza occorre ribaltare il riferimento σ n , τ nt in modo che l’asse
τ abbia verso opposto ad y. In questo modo la retta KP è parallela alla giacitura

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.5 Tensioni piane 15

y
−τxy K
α α
τnt
σx σn σn σn
τnt O
P
τxy
A τnt x
σn

τnt

Figura 1.16: Determinazione dello stato di tensione su di una giacitura arbitraria


mediante il cerchio di Mohr.

(Fig. 1.16) e le coordinate del punto P forniscono i valori delle tensioni normale e
tangenziale agenti sulla giacitura parallela a KP . Il punto K, di coordinate σx , −τ xy
è detto il polo del cerchio di Mohr.

1.5.2 Tensioni principali

Abbiamo mostrato che il cerchio di Mohr ha il centro sull’asse delle σ, pertanto


interseca sempre questo asse in due punti diametralmente opposti P1 e P2 di coordi-
nate (σ 1 , 0) e (σ2 , 0) (Fig. 1.17). Alle due giaciture corrispondenti, che si ottengono
conducendo per K le rette KP1 e KP2 , sono quindi associati stati di tensione esclusi-
vamente normale, in quanto su queste giaciture risulta τ = 0. Queste due giaciture,
dette principali, sono tra loro ortogonali, poiché l’angolo P1 K̂P2 è un angolo alla
circonferenza che sottende il diametro; è evidente che le tensioni corrispondenti, σ1
e σ2 , raggiungono il valore massimo e minimo tra quelli corrispondenti a tutte le
giaciture relative al punto dato e vengono dette le tensioni principali nel punto.
Possiamo facilmente determinare le tensioni principali osservando che σ1 = σO +r
e σ2 = σ O − r, dove σO indica l’ascissa del centro O del cerchio ed r è il raggio.
Poiché per la (1.31)

sµ ¶2
σx + σy σx − σy
σO = r= + τ 2xy (1.35)
2 2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


16 Capitolo 1 Analisi della tensione

K (σx,-τxy)
α2 α
1

P2 σ1 P1 σ
σ2 O
σ2 σ1

Figura 1.17: Tensioni principali per uno stato di tensione piano.

otteniamo
sµ ¶2
σx + σy σx − σy
σ1 = + + τ 2xy (1.36a)
2 2
sµ ¶2
σx + σy σx − σy
σ2 = − + τ 2xy (1.36b)
2 2
A queste tensioni sono associate le due giaciture ortogonali determinate dagli angoli
µ ¶
σ1 − σx π
α1 = arctan α2 = α1 − (1.37)
τ xy 2
Dalla Fig. 1.22 risulta anche evidente che il valore massimo della tensione tangen-
ziale si raggiunge per quella giacitura in cui σ n = (σx + σ y ) /2 e risulta τ max = r =
q ¡ σx −σy ¢2 ³ ´
2 |σ x −σ y |
2
+ τ xy . Questa giacitura è definita dall’angolo α = arctan 2(|τ xy |+r) .

Linee isostatiche
Lo stato di tensione in ogni punto di un corpo si può descrivere mediante la matrice
delle tensioni T o, in modo equivalente, mediante i valori delle tensioni principali e
le direzioni corrispondenti. Indicando con n1 la direzione della tensione massima e
con n2 la direzione di quella minima, partendo da un punto si possono costruire due
curve che ovunque sono tangenti ad n1 ed a n2 , rispettivamente; queste curve sono
chiamate linee isostatiche. Partendo da un qualsiasi altro punto non sulle due curve
precedenti, si possono costruire altre due linee che ovviamente non intersecano mai
le omologhe. Le due famiglie di curve invece si intersecano sempre ortogonalmente,
poiché n1 ed n2 sono tra loro ortogonali.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.5 Tensioni piane 17

-80

(σy,−τxy) K
-40

α
0

-80 -40 0 40 80 120

40

(σx,τxy)

80

Figura 1.18: Cerchio di Mohr e tensioni principali per l’esempio 1.1.

Esempio 1.1 Dato uno stato di tensione piano σx = 100 MPa, σ y = −30 MPa e τ xy =
50 MPa, costruire il cerchio di Mohr e determinare i valori delle tensioni principali e
dell’angolo α che ne individua le giaciture.
Dobbiamo costruire una circonferenza che passa per i tre punti di coordinate (100, 50),
(100, −50), (−30, −50), ovvero una circonferenza con centro nel punto di coordinate
σx + σy 100 − 30
σ= = = 35 τ =0
2 2
e raggio sµ sµ
¶2 ¶2
σx − σy 100 + 30
r= + τ 2xy = + 502 = 82.006
2 2
Il cerchio è rappresentato in Fig. 1.18; i valori delle tensioni principali si determinano con
le (1.36):
σ 1 = 35 + 82.006 = 117.006 MPa
σ 2 = 35 − 82.006 = −47.006 MPa
³ ´
Le giaciture delle tensioni principali formano con l’asse y gli angoli α1 = arctan σ1τ−σ x
=
¡ 117.006−100 ¢ xy

arctan 50 = arctan (0.34) = 0.328 rad = 18.784◦ ed α2 = α1 − π2 = −71.216◦ .


¤

1.5.3 Tensioni principali in 3D*


L’equazione di Cauchy (1.11), si può anche formulare in termini di matrici; tenendo conto
della definizione (1.9) della matrice T e della sua simmetria, potremo scrivere, ricordando
le note regole del prodotto di una matrice per un vettore
pn = Tn (1.38)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


18 Capitolo 1 Analisi della tensione

Ci chiediamo se esista una direzione n per la quale pn è ortogonale alla giacitura, ovvero
è parallela ad n. Questa condizione si scrive

Tn =σn (1.39)

dove σ è il modulo della tensione ed n la direzione. La (1.39) è soddisfatta se

(T−σI) n = 0 (1.40)

in cui ⎡ ⎤
1 0 0
I = ⎣0 1 0⎦ (1.41)
0 0 1
è la matrice unità. Come è noto dall’algebra, il sistema omogeneo di equazioni (1.40) ha
soluzioni non nulle solo se il determinante della matrice dei coefficienti è zero, ossia
⎡ ⎤
σx − σ τ xy τ xz
det (T − σI) = det ⎣ τ yx σy − σ τ yz ⎦ = 0 (1.42)
τ zx τ zy σz − σ
Sviluppando il determinante (1.42) si ottiene un’equazione cubica in σ :

σ 3 − I1 σ 2 + I2 σ − I3 = 0 (1.43)

dove I1 , I2 , I3 sono detti gli invarianti della matrice delle tensioni, in quanto il loro valore, a
differenza di quello dei termini della matrice, non dipende dal riferimento. Esplicitamente:

I1 = Tr (T) = σ x + σ y + σ z (1.44a)
1 £ ¡ ¢¤
I2 = Tr (T)2 − Tr T2 = σ x σ y + σ y σ z + σ z σ x − τ 2xy − τ 2yz − τ 2zx(1.44b)
2
I3 = det (T) = σx σ y σ z + 2τ xy τ yz τ zx − σ x τ 2yz − σ y τ 2xz − σ z τ 2xy (1.44c)

Dal teorema fondamentale dell’algebra sappiamo che l’equazione cubica (1.43) ha tre
radici; dalla simmetria della matrice T segue, come si può dimostrare, che queste radici
sono tutte reali. Dunque in generale avremo tre valori di σ per cui la (1.42) e la (1.39) sono
verificate: σ 1 , σ 2 , σ 3 . Questi sono i valori principali della tensione nel punto esaminato.
A ciascun valore principale è associata una direzione n; è facile mostrare che per valori
distinti di σ i , σ j le direzioni ni ed nj sono ortogonali. Infatti per ipotesi sono verificate
entrambe le equazioni:
Tni = σi ni Tnj = σj nj (1.45)
Moltiplicando a sinistra la prima per ntj e la seconda per nti si ottiene:

ntj Tni = σi ntj ni nti Tnj = σj nti nj (1.46)

Prendendo il trasposto di entrambi i membri della seconda equazione e sottraendola alla


prima risulta:
ntj Tni − ntj Tt ni = (σ i − σ j ) ntj ni (1.47)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.6 Equazioni di equilibrio 19

Poiché T è simmetrica, Tt = T, quindi il primo membro dell’equazione precedente è


nullo. Se σ i 6= σ j il secondo membro si annulla solo se ntj ni = 0, ovvero le due direzioni
sono ortogonali.
Le tre direzioni ortogonali ni (i = 1, 2, 3) sono dette le direzioni principali della
tensione nel punto. Nel riferimento che utilizza queste tre direzioni come assi, le compo-
nenti tangenziali della tensione τ ij sono tutte nulle; pertanto la matrice T è, in questo
riferimento, diagonale ⎡ ⎤
σ1 0 0
T = 0 σ2 0 ⎦

0 0 σ3
In funzione delle tensioni principali i tre invarianti (1.44) assumono una forma particolar-
mente semplice

I1 = σ 1 + σ 2 + σ 3 (1.48a)
I2 = σ 1 σ 2 + σ 2 σ 3 + σ 3 σ 1 (1.48b)
I3 = σ 1 σ 2 σ 3 (1.48c)

Cerchi di Mohr nello spazio 3D


Consideriamo un riferimento in cui uno degli assi (p.es. z ) coincide con una delle direzioni
principali, p.es. n3 . In questo riferimento σ z = σ 3 e quindi τ zx = τ xz = 0 e τ zy = τ yz =
0, poiché, essendo n3 una delle direzioni principali, le tensioni tangenziali sulla giacitura
ortogonale sono nulle. Pertanto su tutte le giaciture che hanno n3 per asse risultano nulle
tutte le componenti tangenziali, ad eccezione di τ xy . La situazione è del tutto analoga
a quella che si verifica nel caso di tensioni piane e, per queste componenti della tensione
(σ x , σ y , τ xy ), si può costruire un cerchio di Mohr, che avrà come tensioni principali σ 1 e
σ2.
Il procedimento può essere ripetuto prendendo come assi n2 , ottenendo un cerchio
con tensioni principali σ 1 e σ 3 , ed n1 , per cui le tensioni principali sono σ 2 e σ 3 . Si
costruiscono cosı̀ tre cerchi di Mohr, ciascuno dei quali passa per due punti corrispondenti
ad una coppia di valori delle tensioni principali (Fig. 1.19).

1.6 Equazioni di equilibrio


Prendiamo di nuovo in esame un prisma di dimensioni infinitesime le cui facce sono
parallele ai piani coordinati (Fig. 1.20). Sulla faccia che ha per normale uscente
l’asse x cambiato di segno agisce la tensione p−x = −px ; sulla faccia opposta, con
normale uscente x, agisce la tensione px + dpx , dove dpx è la variazione infinitesima
che subisce la tensione quando ci si sposta della quantità dx; la risultante di queste
forze è
−px dydz + (px + dpx ) dydz = dpx dydz (1.49a)
ossia è pari alla variazione della tensione dpx per l’area della faccia del prisma
dydz. Analoghe osservazioni si possono fare sommando le tensioni agenti sulle facce

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


20 Capitolo 1 Analisi della tensione

σ3

n3 ≡ z

τyx τxy

σy σ3 σ2 σ1 σ
σx y

n2
α
x
τ
n1

Figura 1.19: Tre cerchi di Mohr per stati di tensione in 3D.

pz+dpz
z

py+dpy
-px

dz
y

g px+dpx
-py
dx
dy
-pz x

Figura 1.20: Tensioni agenti sulle facce di un parallelepipedo con spigoli paralleli
agli assi del riferimento.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.6 Equazioni di equilibrio 21

normali agli assi y e z:


dpy dxdz dpz dxdy (1.49b)
Sul prisma, oltre alle tensioni, possono agire anche le forze di volume: indicando
con g la densità di forza (forza per unità di volume), la forza risultante sul prisma
è gdxdydz; quindi, per la prima delle equazioni cardinali della statica, le condizioni
di equilibrio si formulano nel modo seguente:

dpx dydz + dpy dxdz + dpz dxdy + gdxdydz = 0 (1.50)

Poiché dpx indica la variazione di px per uno spostamento dx, dpy indica quella di
py per dy, ecc., potremo scrivere:
∂px ∂py ∂pz
dpx = dx dpy = dy dpz = dz (1.51)
∂x ∂y ∂z
per cui, sostituendo la (1.51) nella (1.50), abbiamo
∂px ∂py ∂pz
dxdydz + dydxdy + dzdxdy + gdxdydz = 0 (1.52)
∂x ∂y ∂z
Dividendo tutti i termini per il volume dell’elemento dxdydz, otteniamo l’equazione
di equilibrio in forma vettoriale
∂px ∂py ∂pz
+ + +g =0 (1.53)
∂x ∂y ∂z
La stessa equazione, espressa mediante le componenti dei vettori p, si decompone
nelle tre equazioni scalari:
∂σx ∂τ xy ∂τ xz
+ + + gx = 0 (1.54a)
∂x ∂y ∂z
∂τ yx ∂σy ∂τ yz
+ + + gy = 0 (1.54b)
∂x ∂y ∂z
∂τ zx ∂τ zy ∂σz
+ + + gz = 0 (1.54c)
∂x ∂y ∂z
Queste tre equazioni, note come equazioni di equilibrio indefinite, in condizioni di
equilibrio debbono essere verificate in ogni punto interno al corpo.

1.6.1 Equazioni sul contorno


Le equazioni (1.53) o (1.54), come abbiamo detto, devono essere verificate nei punti
interni del corpo. Nei punti sulla superficie che delimita il solido (frontiera) dovremo
rispettare altre condizioni. Infatti abbiamo visto che oltre alle forze di volume (come
la forza peso), su di un corpo agiscono normalmente forze di superficie; le forze che
due solidi si scambiano quando vengono a contatto sono, ad esempio, di questo tipo.
Le tensioni hanno in effetti le caratteristiche di forze di superficie; per esprimere
le condizioni di equilibrio sulla frontiera è quindi sufficiente assumere che nei punti

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


22 Capitolo 1 Analisi della tensione

di questa superficie, sulle giaciture tangenti ad essa, la tensione uguagli la densità


della forza esterna. In formule, indicando con f il vettore della densità di forza (cioè
la forza per unità di superficie) nel punto P ∈ S (S frontiera del corpo), avremo

p (n) = f (1.55)

dove n è la normale (uscente) ad S in P . Ricordando la formula di Cauchy (1.10)


la precedente diviene:
Tn = f (1.56)
Questa equazione vettoriale è equivalente alle tre relazioni scalari:
σ xx nx + τ yx ny + τ zx nz = fx
τ xy nx + σ yy ny + τ yz nz = fy (1.57)
τ xz nx + τ yz ny + σ zz nz = fz

1.7 Unità di misura


Anche se in alcuni paesi, particolarmente quelli anglosassoni, vengono comunemente
impiegati altri sistemi di misura, la comunità scientifica internazionale ha adottato
ufficialmente il sistema internazionale (SI) che utilizza come unità di riferimento il
Metro ( m), il Chilogrammo ( kg) ed il Secondo ( s) (per questo detto MKS), oltre
all’Amper, al Grado Kelvin e alla Candela. Tutte le altre grandezze fisiche sono
derivate da queste.
Le unità di misura delle forze sono pertanto unità derivate. La relazione che lega
le forze alle grandezze di base è la seconda legge di Newton F = ma, in cui la forza
F agente su di un corpo è espressa come il prodotto della massa per l’accelerazione
che la forza stessa le imprime; poiché l’accelerazione ha a sua volta le dimensioni
del rapporto tra una lunghezza ed un tempo al quadrato, si ottiene facilmente che
l’unità di misura della forza si esprime come
[M] [L]
[F ] =
[T ]2
dove [M] indica l’unità di misura delle masse, [L] quella delle lunghezze, ecc. Nel
sistema MKS l’unità di misura delle forze è il Newton
1 kg · 1 m
1N =
1 s2
ovvero un Newton è la forza che imprime un’accelerazione di un metro al secondo
quadrato ad una massa di un Chilogrammo. Poiché l’accelerazione di gravità della
terra è g ' 9.81 m/ s2 , la forza di gravità (cioè il peso) di una massa di 1 Chilogram-
mo è circa 9.81 N. Un multiplo del Newton è il Chilonewton (1 kN = 1000 N) ; La
forza di un Chilonewton approssima (per eccesso) il peso di una massa di 100 kg.
La tensione è definita come il rapporto tra forza e superficie: quindi
[F ] [M]
[P ] = 2 =
[L] [L] [T ]2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


1.7 Unità di misura 23

Nel sistema MKS l’unità di misura della pressione è il Pascal ( Pa). Un Pascal è il
rapporto tra un Newton ed un Metro quadrato
1N 1 kg
1 Pa = 2
=
1m 1 m · 1 s2
Il Pascal, per i valori in gioco nell’ingegneria civile, è una grandezza molto piccola;
comunemente si utilizzano i suoi multipli, il Chilopascal (1 kPa = 1000 Pa) e, più
spesso, il Megapascal (1 MPa = 106 Pa).
Nell’ingegneria sono ancora a volte utilizzate le unità di misura “tecniche”. In
questo caso si usa come unità di misura il Chilogrammo-forza (Kgf), definito come
il peso della massa di un chilo. Per quanto visto prima, 1Kgf ' 9.81 N.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


24 Capitolo 1 Analisi della tensione

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 2

Analisi della deformazione

2.1 Moto rigido e deformazione


Se in due istanti diversi un corpo occupa diverse posizioni nello spazio diremo che ha
subito uno spostamento. Lo spostamento si dice rigido se si conservano le distanze
tra i punti e gli angoli formati da due rette passanti per tre punti qualsiasi. Di fatto,
la prima condizione implica la seconda. Uno spostamento generico si può sempre
decomporre in una parte rigida ed una deformazione, che corrisponde a quella parte
dello spostamento che altera la distanza trai punti del corpo.
Nei solidi, spesso, le deformazioni sono piccole e per molti problemi lo spostamen-
to può essere approssimativamente considerato rigido; ma nei casi che coinvolgono
lo studio delle tensioni interne al corpo l’ipotesi di rigidità rende il problema inde-
terminato; è quindi necessario tenere conto anche di questa parte dello spostamento,
sebbene a volte tanto piccola da poter essere rilevata solo con strumenti di precisio-
ne. Nelle strutture civili gli spostamenti rigidi globali sono quasi sempre impediti
dai “vincoli” esterni (le fondazioni) e gli spostamenti che si manifestano dipendono
solo dalle deformazioni.
Supponiamo di ripetere l’esperimento di trazione della barra, già illustrato nel
capitolo precedente. Ora però misuriamo, al crescere della forza, la distanza l tra
due punti fissati, la cui distanza iniziale era l0 : osserveremo che la distanza tra i due
punti aumenta al crescere della forza. Se durante l’esperimento si misura anche la

l0

l F
F

Figura 2.1: Misura dell’allungamento di una barra sottoposta a trazione.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 25


26 Capitolo 2 Analisi della deformazione

B’
l B n

A
l0

Figura 2.2: Definizione di dilatazione

distanza tra altri due punti, posti tra loro ad una distanza iniziale l00 diversa da l0 ,
si troverà che, a parità di forza, l’allungamento ∆l = l − l0 è diverso da ∆l0 = l0 − l00 ,
mentre i rapporti ∆l/l0 e ∆l0 /l00 sono approssimativamente uguali. Questo rapporto
è definito come la deformazione media tra i punti:

l − l0
εm = (2.1)
l0
Il caso ora esaminato è particolarmente semplice, anche se significativo: la forma
dell’oggetto consente di trattare il problema come se vi fosse una sola dimensione e,
almeno fino ad un certo punto, le condizioni di omogeneità fanno sı̀ che la deforma-
zione media sia indipendente dalla lunghezza l0 della base di misura. Ma in generale
queste condizioni cosı̀ restrittive non sono verificate ed il concetto di deformazione
deve essere affinato ed ampliato.
Per tenere conto che εm può dipendere dalla lunghezza della base di misura, si
definisce una deformazione puntuale, come limite per l0 → 0

l − l0
εn = lim (2.2)
l0 →0 l0

εn è la deformazione (dilatazione) nel punto A e nella direzione n (Fig. 2.2).


Come la tensione, anche la deformazione in un punto dipende dalla direzione con-
siderata; tuttavia la deformazione è conseguenza degli spostamenti, che dipendono
solo dal punto,non dalla direzione; dovremo quindi attenderci che esista una relazio-
ne che consenta di calcolare la deformazione in una direzione generica in funzione
di quelle relative alle direzioni di riferimento.

2.2 Analisi delle piccole deformazioni


2.2.1 Dilatazione
Si analizza il caso piano, perché più facilmente rappresentabile, ma i risultati si
possono facilmente estendere al caso generale. Si esamini la Fig. 2.3, dove sono
indicati tre punti A, B e C posti sugli assi di un riferimento ortogonale x, y in modo
da formare un angolo retto in A. Sia dx la distanza AB e dy quella tra A e C;
u (P ) indica il campo degli spostamenti, che si assume essere continuo. Se u (A) è

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


2.2 Analisi delle piccole deformazioni 27

y ∂u x
dy
∂y
∂uy C’
dy
∂y
u(C)
π
−γ ∂uy
C 2 B’ dx
∂x
dy ∂u x
A’ dx
u(A) u(B) ∂x
A dx B x

Figura 2.3: Spostamento regolare di tre punti che individuano due assi ortogonali.

lo spostamento del punto A, lo spostamento in B è, a meno di infinitesimi di ordine


superiore, u (B) = u (A) + ∂u ∂x
dx ; analogamente lo spostamento di C, distante dy
∂u
da A, è u (C) = u (A) + ∂y dy.
Dopo lo spostamento i punti A, B e C occuperanno le posizioni A0 , B 0 e C 0 . La
distanza tra A0 e B 0 è data da (vedi Fig. 2.3)
µ ¶2 µ ¶2
02 ∂ux ∂uy
dx = dx + dx + dx (2.3)
∂x ∂x

Come si è detto all’inizio, le deformazioni nei solidi sono generalmente piccole nei
confronti dell’unità. In questo caso, che noi assumeremo sempre valido, esse possono
essere trattate come grandezze infinitesime, trascurando i termini in cui compaio-
no elevate ad una potenza di ordine superiore. Poiché le deformazioni dipendono
direttamente dalle derivate del campo degli spostamenti, altrettanto si potrà affer-
mare per questi ultimi. Quindi sviluppando i quadrati della (2.3) e tenendo presente
quanto sopra detto, si ha:
µ ¶2 µ ¶2 µ ¶
02 ∂ux 2
2 ∂ux 2 ∂uy 2 2 ∂ux
dx = dx + 2 dx + dx + dx ≈ dx 1 + 2 (2.4)
∂x ∂x ∂x ∂x
¡ ∂ux ¢2 ³ ´2
∂uy
in cui i termini ∂x
dx2 +
dx2 sono stati trascurati perché contengono i
∂x

quadrati delle derivate di u. Dalla (2.4), ricordando che se α ¿ 1 si ha 1 + 2α ≈
1 + α, risulta s µ ¶ µ ¶
0 ∂u x ∂u x
dx = dx2 1 + 2 ≈ dx 1 + (2.5)
∂x ∂x
Sostituendo la (2.5) nella definizione (2.2) della deformazione, si ottiene che la

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


28 Capitolo 2 Analisi della deformazione

deformazione nella direzione x è data da


dx0 − dx ∂ux
εx = = (2.6)
dx ∂x
In modo analogo, esaminando la variazione di lunghezza del segmento AC, tro-
viamo che εy = ∂u ∂y
y
e, generalizzando al caso 3D, εz = ∂u
∂z
z
. Questi risultati sono
riassunti nelle relazioni seguenti:

∂ux ∂uy ∂uz


εx = εy = εz = (2.7)
∂x ∂y ∂z

2.2.2 Scorrimenti
La deformazione non produce soltanto la variazione di distanza tra i punti, ma an-
che la variazione degli angoli formati dai segmenti, come è mostrato nella Fig. 2.3.
L’angolo tra i segmenti AB e AC, inizialmente retto, varia, a causa della deforma-
zione, della quantità γ. Confondendo l’angolo con la sua tangente, come è lecito per
piccole deformazioni, si ha
∂uy ∂ux
∂x
dx ∂y
dy ∂uy ∂ux
γ xy = + = +
dx dy ∂x ∂y

γ xy indica la variazione dell’angolo tra gli assi x ed y. Il risultato ottenuto si estende


facilmente al caso tridimensionale, per cui si hanno tre termini di scorrimento
∂ux ∂uy ∂uy ∂uz ∂uz ∂ux
γ xy = + γ yz = + γ zx = + (2.8)
∂y ∂x ∂z ∂y ∂x ∂z

2.2.3 Matrice delle deformazioni


Con le sei grandezze definite dalle (2.7) e (2.8) si può costruire una matrice simme-
trica, detta matrice delle deformazioni. Per ragioni che saranno chiare in seguito, i
termini fuori diagonale della matrice si prendono la metà degli angoli γ:
⎡ ³ ´ ¡ ¢⎤
⎡ 1 1
⎤ ∂ux 1 ∂ux
+ ∂uy 1 ∂uz
+ ∂ux
εx 2 γ xy 2 γ xz ⎢ ³ ∂x ´ 2 ∂y ∂x 2 ∂x
³ ∂z ⎥
´
⎢ ⎥
E = ⎣ 2 γ yx εy
1 1
γ
2 zy
⎦ = ⎢ 1
2
∂u
∂y
x
+ ∂u
∂x
y ∂u
∂y
y 1
2
∂u
∂z
y
+ ∂u
∂y ⎥
z

1 1 ⎣ ¡ ³
¢ 1 ∂uy ∂uz ´ ⎦
γ
2 zx 2 zy
γ εz 1 ∂uz ∂ux ∂uz
2 ∂x
+ ∂z 2 ∂z
+ ∂y ∂z
(2.9)
Ovviamente, per come sono stati definiti, si ha che γ xy = γ yx e simili; di conseguenza
la matrice E è simmetrica.

2.2.4 Dilatazione lungo una direzione arbitraria*


Esaminiamo ora il caso di un segmento P Q, di lunghezza infinitesima, comunque orientato
nello spazio. Dopo lo spostamento i punti P e Q occupano le posizioni P 0 e Q0 , mentre

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


2.2 Analisi delle piccole deformazioni 29

Q’

u(Q)
P’
Q
dy u(P)

dx

Figura 2.4: Dilatazione lungo una direzione arbitraria.

u (P ) ed u (Q) sono gli spostamenti di questi punti, ovvero i segmenti che uniscono P e
Q con P 0 e Q0 rispettivamente (Fig. 2.4).
Per la continuità degli spostamenti, si può porre

du
u (Q) = u (P ) + dP
dP
o, più esplicitamente, in termini delle componenti scalari:

∂ux ∂ux ∂ux


ux (Q) = ux (P ) + dx + dy + dz (2.10a)
∂x ∂y ∂z
∂uy ∂uy ∂uy
uy (Q) = uy (P ) + dx + dy + dz (2.10b)
∂x ∂y ∂z
∂uz ∂uz ∂uz
uz (Q) = uz (P ) + dx + dy + dz (2.10c)
∂x ∂y ∂z
A queste espressioni si può dare una formulazione più concisa definendo la matrice
⎡ ∂u ∂ux ∂ux

x
∂x ∂y ∂z
⎢ y ∂uy ⎥
D = ⎣ ∂u
∂x
∂uy
∂y ∂z ⎦
(2.11)
∂uz ∂uz ∂uz
∂x ∂y ∂z

per cui le (2.10) sono equivalenti a

u (Q) = u (P ) + DdP (2.12)


£ ¤t
dove dP = Q − P = dx dy dz è il vettore che congiunge i punti P e Q.
Dopo lo spostamento, i punti P 0 e Q0 sono collegati dal vettore dP 0 :

dP 0 = Q0 − P 0 = Q + u (Q) − [P + u (P )] = Q − P + u (Q) − u (P )

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


30 Capitolo 2 Analisi della deformazione

Tenendo conto della (2.12) si ottiene

dP 0 = dP + DdP = (I + D) dP (2.13)
dove I indica la matrice unità. Il quadrato della lunghezza di dP 0 si calcola eseguendo il
prodotto scalare di dP 0 per se stesso:1
¡ ¢
dl02 = dP 0t dP = dP t I + Dt (I + D) dP =
¡ ¢
dP t I + Dt + D + Dt D dP (2.14)
Poiché la matrice D è formata con le derivate di u, per quanto detto in precedenza può
essere trattata come infinitesima e quindi il prodotto Dt D può essere trascurato nella
(2.14): ¡ ¢
dl02 = dP t I + Dt + D dP = dP t (I+2E) dP (2.15)
Infatti, confrontando la definizione (2.11) di D con quella (2.9) della matrice di deforma-
zione E è facile verificare che
1¡ t ¢
E= D +D (2.16)
2
Sviluppando la (2.15) si ottiene

dl02 = dP t dP + 2dP t EdP = dl2 + 2dP t EdP (2.17)


dl = |dP | è la lunghezza del segmento P Q. Il rapporto dPdl
= n è un vettore di lunghezza
2
unitaria orientato come P Q. Nella (2.17), ponendo dl a fattore si ha quindi
¡ ¢
dl02 = dl2 1 + 2nt En
da cui, con le solite approssimazioni, poiché nt En ¿ 1, si ha
√ ¡ ¢
dl0 = dl 1 + 2nt En ≈ dl 1 + nt En
e pertanto
dl0 − dl
εn = = nt En (2.18)
dl
La relazione precedente consente quindi di determinare la dilatazione in qualunque dire-
zione, mediante il prodotto della matrice E per i vettori unitari della direzione. In forma
esplicita la (2.18) si scrive

εn = εx n2x + εy n2y + εz n2z + γ xy nx ny + γ yz ny nz + γ zx nz nx (2.19)

2.2.5 Scorrimento di due direzioni ortogonali*


Per valutare lo scorrimento tra due direzioni ortogonali arbitrariamente orientate, consi-
deriamo due segmenti infinitesimi P Q e P R ortogonali tra loro. Per effetto della defor-
mazione il punto P si sposta in P 0 , Q in Q0 ed R in R0 . Applicando la (2.13) i due vettori
1
Si ricorda che il trasposto del prodotto di due matrici è uguale al prodotto in ordine inverso
delle matrici trasposte:
t
(AB) = Bt At
Se una matrice è simmetrica coincide con la sua trasposta: At = A.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


2.2 Analisi delle piccole deformazioni 31

R’

y u(R)
R Q’
α’=π/2–γ
dlR u(Q)
P’
u(P) Q
dy
dlQ
P

dx x

Figura 2.5: Scorrimento di due direzioni ortogonali.

che uniscono P 0 a Q0 ed R0 , rispettivamente, sono

dQ0 = (I + D) dQ dR0 = (I + D) dR (2.20)


Il prodotto scalare tra due vettori è uguale al prodotto tra i moduli moltiplicato per il
coseno dell’angolo formato tra i vettori, quindi:
³π ´ ¡ ¢
0t
dQ dR = 0 0
dlQ 0
dlR cos − γ = dQt I + Dt (I + D) dR =
2 ¡ ¢
dQt dR + dQt Dt +D dR + dQt Dt DdR (2.21)
Trascurando il termine che contiene Dt D e ricordando la (2.16) si ottiene
³π ´
0t 0 0 0
dQ dR = dlQ dlR cos − γ = dQt dR + 2dQt EdR (2.22)
2
Tenuto conto che dQt dR = 0, in quanto le due direzioni erano, per ipotesi, ortogonali,
0 0 dQ dQ
dividendo entrambi i membri della (2.22) per dlQ dlR , poiché dl 0 ≈ dl = nQ è il vettore
Q Q
dR
a modulo unitario della direzione P Q e 0
dlR
≈ nR , risulta
³π ´
cos − γ = sin (γ) ≈ γ = 2ntQ EnR (2.23)
2
Quest’ultima relazione dimostra come la variazione angolare tra due direzioni ortogonali
si determina, a meno del fattore 2, moltiplicando la matrice E delle deformazioni per i
vettori unitari delle due deformazioni.

2.2.6 Cambiamento di riferimento*


Tre vettori unitari tra loro ortogonali definiscono un nuovo riferimento cartesiano, rispetto
al quale le componenti ε e γ della matrice E sono diverse da quelle relative al riferimento

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


32 Capitolo 2 Analisi della deformazione

originale. Tenendo conto delle (2.18) e (2.23), l’espressione della matrice E0 della matrice
della deformazione relativa ai nuovi assi è

E0 = Nt EN (2.24)
dove N è la matrice formata con le 9 componenti dei 3 vettori n1 , n2 e n3 definita nella
(1.22).

2.2.7 Variazione di volume


Il prisma infinitesimo i cui spigoli sono paralleli agli assi del riferimento e lunghi dx,
dy e dz, ha un volume iniziale dV = dxdydz. Dopo la deformazione gli spigoli hanno
lunghezza dx (1 + εx ), dy (1 + εy ) e dz (1 + εz ); quindi, confondendo la lunghezza
degli spigoli con le altezze, cosa lecita se le deformazioni si considerano infinitesime,
si ottiene che il volume del prisma deformato è
dV 0 = dx (1 + εx ) dy (1 + εy ) dz (1 + εz ) ≈ dxdydz (1 + εx + εy + εz )
avendo trascurato i termini quadratici e cubici nelle deformazioni (considerati infi-
nitesimi di ordine superiore).
La deformazione volumetrica è definita come il rapporto tra la variazione di
volume ed il volume iniziale. Tenendo conto dei risultati precedenti, si ha
dV 0 − dV dxdydz (1 + εx + εy + εz ) − dxdydz
εV = = = εx + εy + εz (2.25)
dV dxdydz
Si ottiene quindi il risultato che, per piccole deformazioni, la deformazione volume-
trica è la somma delle tre dilatazioni.2

2.3 Deformazioni piane. Cerchio di Mohr delle


deformazioni
L’equazione (2.24) della legge di variazione della matrice delle deformazioni è identi-
ca alla (1.21) relativa alla matrice delle tensioni. Pertanto tutti i risultati ottenuti nel
precedente capitolo, in particolare quelli relativi al caso piano, si possono estendere
senza modifiche alle deformazioni.
Si potrà costruire quindi un cerchio di Mohr delle deformazioni nel piano, analogo
a quello delle tensioni, riportando in ascisse le dilatazioni assiali ε ed in ordinate gli
scorrimenti γ/2. Come unica differenza, se si vuole che la congiungente il polo K
con il punto P (ε, γ), rappresentativo dello stato di deformazione sia parallela alla
direzione che subisce la dilatazione ε e, rispetto alla sua ortogonale,
¡ lo scorrimento
¢
angolare¡ γ, occorre¢ assumere il polo K nel punto di coordinate εy , γ xy /2 e non nel
punto εx , −γ xy /2 come avremmo fatto per similitudine con il caso delle tensioni
(vedi Fig. 2.6).
2
La deformazione volumetrica è la somma dei termini diagonali di E. Questa grandezza è detta
la traccia della matrice e, per quanto visto nel § 1.5.3, è un invariante della matrice. Questo risultato
conferma il fatto che la variazione di volume non deve dipendere dalla scelta del riferimento.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


2.3 Deformazioni piane. Cerchio di Mohr delle deformazioni 33

εy εx εn εn
γ nt O
2
α
P α
γ xy
K A x
2

γ nt
2

Figura 2.6: Cerchio di Mohr relativo ad una deformazione piana.

Si possono quindi facilmente determinare le deformazioni principali e le direzioni


corrispondenti. Per queste due direzioni ortogonali la deformazione è una pura
dilatazione mentre gli scorrimenti angolari sono nulli. Si ha pertanto
sµ ¶2 ³
εx + εy εx − εy γ xy ´2
ε1 = + +
2 2 2
sµ ¶2 ³
εx + εy εx − εy γ xy ´2
ε2 = − +
2 2 2

Le direzioni delle deformazioni principali formano con x un angolo


⎛ ⎞
γ
α1 = arctan ⎝ q xy ⎠
2 2
εx − εy + (εx − εy ) + γ xy

e α2 = α1 + π/2.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


34 Capitolo 2 Analisi della deformazione

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 3

Leggi costitutive

3.1 Prova di trazione di una barra di acciaio


Prendiamo ancora una volta in esame la barretta che abbiamo immaginato di sotto-
porre a prova nei precedenti capitoli. Ora stabiliamo anche la natura del materiale
con cui la barra è realizzata, supponendo trattarsi di acciaio “dolce”, normalmente
utilizzato nelle costruzioni civili. Ripetendo le prove già descritte in precedenza,
registriamo i valori simultanei della forza F applicata alla barra e dell’allungamento
∆l relativo a due punti inizialmente a distanza l0 . Riportando su di un grafico,
sulle ascisse i valori di ∆l e sulle ordinate quelli di F , otteniamo una curva simi-
le a quella illustrata in Fig. 3.1. Se si fa l’ipotesi di una distribuzione omogenea
delle tensioni nella sezione (di area A) e delle deformazioni lungo l’asse della bar-
ra, dai valori F della forza si derivano le tensioni σ = F/A e dagli allungamenti
∆l le deformazioni ε = ∆l/l0 ; lo stesso grafico può quindi essere letto in termini
di tensioni—deformazioni semplicemente operando un cambiamento delle scale de-
gli assi del riferimento. Nella curva OABCD, il primo tratto, OA, è praticamente
rettilineo; raggiunto il punto A, corrispondente alla deformazione εy e alla tensione
fy (valori detti di snervamento del materiale), nel tratto AB le deformazioni au-
mentano mentre la forza e la tensione restano praticamente costanti. Oltre il punto
B, per far crescere la deformazione occorre nuovamente aumentare la forza, ma la
pendenza della curva è ora molto inferiore a quella iniziale e va diminuendo, fino ad
annullarsi nel punto C, dove la forza raggiunge il valore massimo Ft e la tensione il
valore ft = Ft /A, valori detti di rottura della barra e del materiale, rispettivamente.
Facendo crescere le deformazioni oltre C, l’equilibrio è possibile solo se si riduce la
forza applicata; nel punto D infine si raggiunge l’effettiva rottura della barra, in
corrispondenza della deformazione ultima εu .
Il punto A corrisponde ad un importante cambiamento del comportamento del
materiale. Infatti se, prima di raggiungere il punto A, noi portiamo a zero il valore
della forza, la curva σ − ε ripercorre lo stesso segmento seguito nella fase precedente
e, all’annullarsi della forza, si annullano anche l’allungamento ∆l e la deformazione
ε. In questa tratto possiamo quindi affermare che il materiale ha un comportamento
reversibile, poiché cessata l’azione ne scompaiono anche gli effetti. Superato il punto
A, invece, se riportiamo la forza a zero, la curva σ−ε percorre un ramo simile ad EF ,

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 35


36 Capitolo 3 Leggi costitutive

F
F, σ
C
Ft, ft D
A E G
Fy, fy B

F
O F
εy εp Δl, ε

Figura 3.1: Grafico forza-allungamento (tensione-deformazione) di una barra di


acciaio dolce sottoposta a trazione.

Figura 3.2: Macchina universale per prove sui materiali

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


3.2 Legame elastico lineare 37

Figura 3.3: Grafici tensione-deformazione relativi a diversi materiali metallici.

diverso da quello seguito nella fase di carico (OABE); quando la forza si annulla (nel
punto F ) rimane una deformazione residua εp corrispondente alla parte plastica della
deformazione totale. Applicando nuovamente la forza, viene percorsa una curva F G,
poco diversa da quella di scarico, fino al raggiungimento del punto G sulla curva
della prova monotona, dopo di che, al crescere della forza, si segue nuovamente il
ramo GC, e quindi, al crescere della deformazione, il tratto CD, fino alla rottura
del campione.

3.2 Legame elastico lineare


La legge costitutiva dipende notevolmente dalla natura fisico-chimica del materia-
le; nella Fig. 3.3 sono riportate le curve tensione—deformazione di diversi materiali
metallici; differenze ancora più marcate si osserverebbero se queste curve fossero
confrontate con quelle dei materiali lapidei o fibrosi (p.es. il legno). Tuttavia, per
tutti i materiali è possibile definire una tensione ed una deformazione limite, tale che
per valori inferiori della σ e della ε, si può assumere che vi sia semplice proporzio-
nalità tra queste due grandezze. Questo limite è ben definito per alcuni materiali,
come l’acciaio strutturale che abbiamo esaminato prima (tratto OA), mentre per
altri la transizione del comportamento è più graduale e la soglia deve essere definita
in modo convenzionale, ma per la maggior parte dei materiali usati nelle costruzioni,
per evitare il danneggiamento, le tensioni e le deformazioni devono restare limitate
entro il campo di validità della legge proporzionale.
Nel caso di tensione monoassiale, possiamo quindi assumere la seguente legge di

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


38 Capitolo 3 Leggi costitutive

σ
x

y εy
εx

Figura 3.4: Misura della dilatazione assiale e della contrazione trasversale in una
prova di trazione.

proporzionalità tra le tensioni e le deformazioni (legge di Hooke):

σ = Eε (3.1)

La costante di proporzionalità E, che dipende dal tipo di materiale, è detta modulo


elastico (o modulo di Young) del materiale.
Si supponga ora di eseguire un esperimento analogo a quello precedente, limi-
tatamente all’intervallo di proporzionalità, ma aggiungendo alla misura delle defor-
mazioni lungo l’asse di applicazione del carico (x), anche quella delle deformazioni
nella direzione ortogonale (y); il risultato, illustrato in Fig. 3.4, mostra che la forza in
direzione x produce, oltre alla deformazione εx , una deformazione εy nella direzione
ortogonale y, ancora proporzionale alla tensione, ma di segno opposto alla deforma-
zione longitudinale; il rapporto tra la deformazione trasversale e quella longitudinale
ν = |εy /εx | è denominato il coefficiente di Poisson del materiale, e si ha:
ν
εy = −νεx = − σx (3.2)
E

3.2.1 Stati di tensione pluriassiali


La linearità della legge di Hooke consente di applicare la sovrapposizione degli effetti.
Assumiamo intanto che il materiale sia isotropo, ossia abbia lo stesso comportamento
in tutte le direzioni. Dato uno stato di tensione arbitrario, per quanto visto nel
Cap. 1 è sempre possibile scegliere un riferimento ortogonale in cui le componenti
tangenziali sono nulle (direzioni principali). In questo riferimento le tensioni sono

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


3.2 Legame elastico lineare 39

Figura 3.5: Per effetto dell’applicazione di una forza di trazione una barra si allunga
nella direzione della forza e si contrae nelle direzioni trasversali

esclusivamente normali e quindi ciascuna di esse produce una deformazione assiale


e due deformazioni nelle direzioni ortogonali. Indicando con 1, 2 e 3 i tre assi delle
tensioni principali, si ha allora
σ1 σ2 σ3
ε1 = −ν −ν (3.3a)
E E E
σ1 σ2 σ3
ε2 = −ν + −ν (3.3b)
E E E
σ1 σ2 σ3
ε3 = −ν − ν + (3.3c)
E E E

A queste relazioni si può dare una comoda forma matriciale, raccogliendo le tre
deformazioni e le corrispondenti tensioni in due vettori
⎧ ⎫ ⎡ ⎤⎧ ⎫
⎨ε1 ⎬ 1
1 −ν −ν ⎨σ 1 ⎬
ε̄ = ε2 = ⎣−ν 1 −ν ⎦ σ 2 = C̄σ̄ (3.4)
⎩ ⎭ E ⎩ ⎭
ε3 −ν −ν 1 σ3

C̄ è la matrice di elasticità del materiale; la soprallineatura di tutte le grandezze


indica che esse si riferiscono al sistema degli assi delle tensioni principali. Poiché per
quanto visto le tensioni normali producono solo deformazioni assiali e non scorri-
menti, ne consegue che, nei materiali isotropi, il sistema di riferimento delle tensioni
principali coincide con quello delle deformazioni principali (assenza di scorrimenti).
In un sistema di riferimento arbitrario, oltre alle tensioni normali sono presenti
anche le tensioni tangenziali che producono la deformazione di scorrimento: tuttavia
in un materiale isotropo la deformabilità a taglio dipende dai coefficienti E e ν che
definiscono la deformabilità assiale del materiale. Infatti considerando uno stato di
tensione di solo taglio (σ x = σy = 0 Fig. 3.6), dal corrispondente cerchio di Mohr si

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


40 Capitolo 3 Leggi costitutive

Modulo di elasticità Modulo di taglio Modulo di Poisson


Materiale GPa GPa
Leghe di alluminio 72.4 27.5 0.31
Rame 110 41.4 0.33
Acciaio 220 75.8 0.33
Acciaio inossidabile 193 65.6 0.28
Titanio 117 44.8 0.31
Tungsteno 400 157 0.27
Tabella 3.1: Costanti elastiche di alcuni metalli

y
K
τxy
σ2= -τxy σ1= τxy

x τxy

Figura 3.6: Cerchio di Mohr relativo ad uno stato di tensione di solo taglio e direzioni
principali.

deduce facilmente che sulle giaciture rotate a 45◦ agiscono le tensioni principali σ 1 =
τ xy , σ2 = −τ xy . Quindi, lungo queste direzioni si hanno solo deformazioni assiali,
come visto in precedenza. Se ora si considera un quadrato con i lati di lunghezza
unitaria disposti secondo le direzioni principali, per effetto della deformazione il
quadrato si trasforma in un rettangolo i cui lati hanno lunghezza 1 + ε1 e 1 + ε2 ,
rispettivamente. Tenendo conto delle relazioni (3.3) e del fatto che σ 1 = −σ 2 = τ xy
si ottiene che
(1 + ν)
ε1 = −ε2 = τ xy (3.5)
E
Per effetto della deformazione, tenendo fermo il punto A, gli altri vertici B, C e D
si portano in B 0 , C 0 e D0 , come mostrato nella Fig. 3.7. Poiché ε1 = −ε2 è facile
verificare che lo spostamento CC 0 è in direzione y: quindi la deformazione assiale
nella direzione dell’asse x è nulla, mentre
√ lo scorrimento di questo asse, che si ottiene
dividendo lo spostamento per AC = 2, è
γ xy (|ε1 | + |ε2 |) 1 (1 + ν)
= √ √ = (|ε1 | + |ε2 |) = τ xy
2 2 2 2 E
quindi
2 (1 + ν)
γ xy = τ xy (3.6)
E

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


3.2 Legame elastico lineare 41

ε2√2
y 2
D D’
1
C’
τxyγxy/2 ε2
x
(|ε1| + |ε2|)/√2
A ε1
C

B’ B
1
ε1 √2 1

√2

Figura 3.7: Deformazione di un elementino di forma quadrata con diagonali parallele


agli assi in presenza di uno stato di tensione di puro taglio.

o, inversamente
E
τ xy = εxy (3.7)
2 (1 + ν)
La quantità
E
G= (3.8)
2 (1 + ν)
è detta il modulo di taglio del materiale. La (3.8) mostra che E, ν e G non sono
indipendenti: le proprietà elastiche dei materiali isotropi sono definite da due soli
parametri.1
Le relazioni precedenti si possono ricavare in modo più diretto, utilizzando le
proprietà del cerchio di Mohor. Infatti alle deformazioni principali ε1 = −ε2 =
τ xy
E
(1 + ν) corrisponde, nel riferimento originale, una deformazione di solo scorri-
mento con γ/2 = ε1 , come risulta evidente dalla Fig. 3.8. Da ciò possiamo dedurre
direttamente le (3.6) e (3.7)
1
Per definire le proprietà di un materiale elastico isotropo vengono spesso utilizzate le costanti
di Lamè λ e μ; queste due costanti sono esprimibili in funzione di E e ν mediante le relazioni:

Eν E
λ= μ= =G
(1 + ν) (1 − 2ν) 2 (1 + ν)

Inversamente:
μ (3λ + 2μ) λ
E= ν=
λ+μ 2 (λ + μ)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


42 Capitolo 3 Leggi costitutive

ε1
ε2

γ
2

Figura 3.8: Deformazioni principali in presenza di puro scorrimento.

3.2.2 Modulo di deformabilità volumetrica


La (2.25)
εV = ε1 + ε2 + ε3
esprime la deformazione di volume in funzione delle tre componenti assiali della
deformazione. Sostituendo le (3.3) nella (2.25) otteniamo

1 − 2ν 3 (1 − 2ν)
εV = (σ 1 + σ 2 + σ 3 ) = p (3.9)
E E
dove
σ1 + σ2 + σ3
p=
3
è la tensione normale media agente nel punto considerato. Il valore di p e quello
di εV non dipendono dal riferimento adottato poiché, per qualunque riferimento
ortogonale: σ 1 + σ 2 + σ 3 = σx + σ y + σ z e ε1 + ε2 + ε3 = εx + εy + εz . La costante

E
K= (3.10)
3 (1 − 2ν)

è il modulo di deformabilità volumetrica; il termine a denominatore (1 − 2ν) mostra


che per ν > 0.5 si ha K < 0, il che comporterebbe una dilatazione dei corpi soggetti
ad una pressione idrostatica ed una contrazione di quelli sottoposti ad una trazione
uniforme. Questo è in contrasto con l’ipotesi di comportamento stabile del materiale,
quindi dovremo concludere che, nei materiali isotropi, ν ≤ 0.5. Tuttavia, per ν →
0.5, K → ∞, ossia il corpo risulterebbe incomprimibile. Anche questo non è possibile
per i materiali reali, e di conseguenza possiamo assumere che il valore del coefficiente
di Poisson è compreso nell’intervallo (aperto) (0, 0.5):

0 < ν < 0.5

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


3.2 Legame elastico lineare 43

Nella Tabella 3.1 sono riportati i valori di ν (insieme a quelli del modulo di Young
e del modulo di taglio G) per alcune leghe metalliche; in generale i valori più comuni
del coefficiente di Poisson per i materiali da costruzione oscillano tra 0.2 e 0.3.

3.2.3 Legge di Hooke generalizzata


Sovrapponendo gli effetti delle deformazioni indotte dalle componenti normali (3.3)
o (3.4) alle deformazioni prodotte dalle componenti tangenziali (3.6) otteniamo le
relazioni generali che forniscono le deformazioni in funzione delle tensioni per un
mezzo elastico lineare ed isotropo.

εx = E1 [σx − νσ y − νσ z ]
εy = E1 [−νσ x + σ y − νσ z ]
εx = E1 [−νσ x − νσ y + σ z ]
(3.11)
γ xy = 2(1+ν)
E
τ xy
2(1+ν)
γ yz = E τ yz
γ zx = 2(1+ν)
E
τ zx

Per dare forma sintetica a queste relazioni scriviamo ora i vettori completi delle
tensioni e delle deformazioni, con le sei componenti distinte di queste grandezze:
⎧ ⎫ ⎧ ⎫

⎪ σx ⎪⎪ ⎪
⎪ εx ⎪ ⎪

⎪ ⎪
⎪ ⎪
⎪ ⎪

⎪ σ ⎪
⎪ ⎪
⎪ ε ⎪
⎪ ⎨ ⎪
y y
⎨ ⎬ ⎬
σz εz
σ= ε= (3.12)

⎪ τ xy ⎪
⎪ ⎪
⎪ γ xy ⎪

⎪ ⎪ ⎪
⎪ ⎪

⎪ τ yz ⎪

⎪ ⎪
⎪ γ yz ⎪


⎩ ⎭ ⎩ ⎪ ⎭
τ zx γ zx

e quindi la matrice 6 × 6 di elasticità:


⎡ ⎤
1 −ν −ν 0 0 0
⎢−ν 1 −ν 0 0 0 ⎥
⎢ ⎥
1 ⎢
⎢−ν −ν 1 0 0 0 ⎥

C= ⎢ ⎥ (3.13)
E⎢ 0 0 0 2 (1 + ν) 0 0 ⎥
⎣ 0 0 0 0 2 (1 + ν) 0 ⎦
0 0 0 0 0 2 (1 + ν)

Le relazioni (3.11) si possono quindi sintetizzare nella equazione matriciale:

ε = Cσ (3.14)

che prende il nome di legge di Hooke generalizzata. Se ν < 0.5 la matrice C è non
singolare e pertanto la (3.14) può essere invertita. Posto G = C−1 si ha

σ = Gε (3.15)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


44 Capitolo 3 Leggi costitutive

che consente di calcolare le tensioni in funzione delle deformazioni. L’espressione di


G è
⎡ ⎤
1−ν ν ν 0 0 0
⎢ ν 1−ν ν 0 0 0 ⎥
⎢ ⎥
⎢ ν ν 1−ν 0 0 0 ⎥
⎢ ⎥
E ⎢ 1 − 2ν ⎥
G= ⎢ 0 0 0 0 0 ⎥ (3.16)
(1 + ν) (1 − 2ν) ⎢
⎢ 2 ⎥

⎢ 0 1 − 2ν ⎥
⎢ 0 0 0 0 ⎥
⎣ 2
1 − 2ν ⎦
0 0 0 0 0
2
Alla (3.14) si può dare la formulazione esplicita:
E
σx = (1+ν)(1−2ν)
[(1 − ν) εx + νεy + νεz ]
E
σy = (1+ν)(1−2ν)
[νεx + (1 − ν) εy + νεz ]
E
σz = (1+ν)(1−2ν)
[νεx + νεy + (1 − ν) εz ]
E (3.17)
τ xy = 2(1+ν) γ xy
E
τ xz = 2(1+ν) γ xz
E
τ yz = 2(1+ν) γ yz

3.2.4 Tensioni e deformazioni piane


Tensioni piane
In un problema “piano” le componenti della grandezza considerata che sono ortogo-
nali al piano, sono nulle. Nel caso delle tensioni piane, assumendo un riferimento
in cui gli assi x ed y cadono nel piano, si ha σz = τ xz = τ yz = 0. Annullando questi
termini, dalle (3.11) si ottiene
εx = E1 [σx − νσ y ]
εy = E1 [−νσ x + σ y ]
εz = E1 [−νσ x − νσ y ]
γ xy = 2(1+ν)
E
τ xy
γ yz = 0
γ zx = 0
Come è evidente, alle tre componenti di tensione non nulle corrispondono quattro
termini della deformazione diversi da zero, in quanto, a causa della deformazione
laterale, anche se σ z = 0, si ha εz 6= 0. La componente εz tuttavia si può esprimere in
funzione di εx ed εy , quindi, inversamente, le tensioni non nulle si possono calcolare
in funzione delle sole corrispondenti componenti della deformazione.
Dalla (3.13) eliminando le colonne relative alle componenti nulle della tensione
e le corrispondenti righe, si ottiene una matrice 3 × 3, che lega le tensioni piane alle
deformazioni ⎡ ⎤
1 −ν 0
1
Ctp = ⎣−ν 1 0 ⎦ (3.18)
E
0 0 2 (1 + ν)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


3.2 Legame elastico lineare 45

Il pedice tp indica che la matrice si riferisce al caso delle tensioni piane. La relazione
tra tensioni e deformazioni è
εxy = Ctp σ xy
£ ¤t £ ¤t
dove εxy = εx εy γ xy e σ xy = σx σ y γ xy sono i vettori delle deformazioni
e delle tensioni nel piano xy. Invertendo la precedente relazione si ha
σxy = C−1
tp εxy = Gtp εxy

dove ⎡ ⎤
1 ν 0
E ⎣
Gtp = ν 1 0 ⎦ (3.19)
1 − ν2 (1−ν)
0 0 2
Si osservi che mentre la (3.18) è una sottomatrice della (3.13), la (3.19) non è
una sottomatrice della (3.16). Questo dipende dal fatto che la deformazione εz , che
non compare nella (3.19), non è nulla e di essa si deve tener conto modificando i
valori delle rigidezze dei termini in εx ed εy .

Deformazioni piane
Se risultano nulle le componenti della deformazione fuori dal piano xy si ha εz =
γ yz = γ zx = 0. Annullando queste quantità nelle (3.17) si ottiene:
E
σx = (1+ν)(1−2ν) [(1 − ν) εx + νεy ]
E
σ y = (1+ν)(1−2ν) [νεx + (1 − ν) εy ]
E
σ z = (1+ν)(1−2ν) [νεx + νεy ]
E
τ xy = 2(1+ν) γ xy
τ xz = 0
τ yz = 0
quindi la tensione σ z fuori dal piano non è nulla, perché deve contrastare le defor-
mazioni trasversali che nascerebbero per “effetto Poisson”. Nella matrice G (3.16)
potremo cancellare le colonne relative alle componenti nulle della deformazione e le
corrispondenti righe:
⎡ ⎤
1−ν ν 0
E ⎢ ν 1−ν 0 ⎥
Gdp = ⎣ ⎦ (3.20)
(1 + ν) (1 − 2ν) 1 − 2ν
0 0
2
in modo che
σ xy = Gdp εxy
Il pedice dp serve ad indicare che la matrice G si riferisce al caso delle deformazioni
piane. Per esprimere le deformazioni in funzione delle tensioni si inverte la matrice
Gdp : ⎡ ⎤
1 − ν −ν 0
1+ν ⎣
Cdp = G−1dp = −ν 1 − ν 0⎦ (3.21)
E
0 0 2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


46 Capitolo 3 Leggi costitutive

Confrontando la (3.18) con la (3.21) e la (3.19) con la (3.20) si vede che queste
matrici sono differenti.

Dilatazione laterale impedita.


Se tutte le deformazioni sono nulle eccetto la componente assiale εx allora eviden-
E(1−ν)
temente σx = (1+ν)(1−2ν) εx e quindi

(1 + ν) (1 − 2ν)
εx = σx
E (1 − ν)
questa relazione deve essere confrontata con la εx = σ x /E valida nel caso di de-
formazione trasversale libera. È evidente che quando la deformazione trasversale è
impedita quella assiale risulta minore in quanto
(1 + ν) (1 − 2ν) 1 − ν − 2ν 2 2ν 2
= =1− <1
(1 − ν) 1−ν 1−ν

3.3 Lavoro di deformazione


Se ad un elementino interno ad un corpo si assegna una deformazione infinitesima
δεx , δεy , δεz , δγ xy , δγ yz , δγ xz le tensioni agenti sulle facce dell’elementino compiranno
un lavoro (vedi Fig. 3.9):

δL = (δεx dx)σ x dydz + (δεy dy)σ y dxdz + (δεz dz)σ z dxdy+


(δγ xy dy)τ xy dxdz + (δγ yz dz)τ yz dydx + (δγ xz dx)τ xz dydz =
¡ ¢
δεx σ x + δεy σ y + δεz σ z + δγ xy τ xy + δγ yz τ yz + δγ xz τ xz dxdydz
che, ricordando la notazione vettoriale (3.12), si può scrivere
δL = δεT σdV (3.22)
dove dV = dxdydz è il volume dell’elementino. Il lavoro complessivo compiuto dalle
tensioni in tutto il corpo si ottiene sommando i contributi degli elementi in cui è
decomposto; pertanto Z
δLV = δεT σdV (3.23)
V
Le (3.22) e (3.23) sono valide quando δε è infinitesimo, in modo che si possa assu-
mere σ costante. Per una deformazione finita anche le tensioni variano e, per i ma-
teriali elastici, con la semplice proporzionalità (3.15). Quindi per una deformazione
finita ε il lavoro di deformazione in un elementino di volume dV risulta
Z ε Z ε µ ¶
T T 1 T 1 1
dL = dV dε σ =dV dε Gε =dV ε Gε = dV εT σ =dV σ T ε (3.24)
0 0 2 2 2
ed il lavoro complessivo in tutto il corpo è
Z Z Z
dL 1 T 1
LV = dV = ε σdV = σ T εdV (3.25)
V dV 2 V 2 V

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


3.3 Lavoro di deformazione 47

σydxdz
δγxydy
δεydy τxydxdz

σxdydz dy

dx dx
δεxdx

(a) (b)

Figura 3.9: Lavoro di deformazione: lavoro di dilatazione (a) e di scorrimento (b).

Poiché la deformazione elastica è non dissipativa, il lavoro delle forze interne


deve uguagliare quello delle forze esterne agenti sul corpo. Se g indica le forze di
volume ed f quelle di superficie, il lavoro di queste forze sarà
Z Z u Z Z u
T
LF = g dudV + f T dudS (3.26)
V 0 S 0

nel caso dei materiali elastici gli spostamenti u sono proporzionali alle forze e quindi
µZ Z ¶
1 T T
LF = g udV + f udS (3.27)
2 V S

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


48 Capitolo 3 Leggi costitutive

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 4

La trave

4.1 Le equazioni dei solidi elastici


La verifica di una struttura, cioè il controllo della capacità di sostenere le azioni a
cui sarà soggetta durante la sua vita utile, si esegue, come detto nel Cap. 1, confron-
tando le tensioni prodotte da queste azioni con le resistenze dei materiali con cui è
composta. Pertanto lo scopo che ci proponiamo consiste nel determinare le tensioni
che si generano nelle strutture a causa delle forze agenti su esse. A questo fine, nel
capitolo 1, abbiamo ricavato le equazioni (1.53) (o 1.54) che esprimono le condizioni
di equilibrio in un generico punto di un corpo continuo; queste tre equazioni sono
tuttavia insufficienti a rendere determinato il problema che ha per incognite le sei
componenti della tensione (σ x , σ y , σ z , τ xy , τ yz , τ zx ). Nel capitolo successivo abbiamo
analizzato la deformazione, giungendo alle equazioni (2.7) e (2.8) che mettono in
relazione le piccole deformazioni con il campo degli spostamenti; infine nel Cap. 3,
abbiamo indagato le relazioni tra le tensioni e le deformazioni, formulando le leggi
dell’elasticità lineare per i materiali isotropi.
Questi tre gruppi di equazioni rendono il problema determinato. Infatti, espri-
mendo le deformazioni in funzione degli spostamenti [eq. (2.7) e (2.8)] e quindi le
tensioni in funzione delle deformazioni [eq. (3.17)], lo stato di tensione in un punto
viene a dipendere solo dalle derivate delle tre componenti del vettore degli sposta-
menti. Infine sostituendo queste espressioni nelle equazioni di equilibrio (1.54) si
giunge ad un sistema di tre equazioni (differenziali) nelle tre componenti (ux , uy , uz )
del vettore degli spostamenti.
Per la verità queste equazioni non sono ancora sufficienti a rendere univoca la
soluzione del problema. Infatti queste equazioni impongono le condizioni di equili-
brio nei punti interni e la congruenza (cioè l’assenza di lacerazioni e sovrapposizioni)
delle deformazioni, ma non tengono conto delle cosı̀ dette condizioni al contorno,
che esprimono l’equilibrio sui punti della superficie esterna tra le tensioni e le forze
applicate e la compatibilità degli spostamenti dei punti vincolati con le condizioni
imposte dai vincoli stessi. Le condizioni del primo tipo richiedono che nei punti della
parte libera della superficie che delimita il corpo (frontiera), SF , la tensione interna
uguagli la densità di forza (forza per unità di superficie) f (P ) applicata dall’esterno;

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 49


50 Capitolo 4 La trave

Figura 4.1: Superficie di un solido soggetta parzialmente a condizioni di vincolo e


parzialmente all’azione di forze.

in formule, ricordando la (1.10):

p (P, n) = T (P ) n (P ) = f (P ) P ∈ SF (4.1)

Le condizioni di compatibilità richiedono invece che gli spostamenti dei punti vin-
colati della superficie rispettino le condizioni imposte dai vincoli; esse si esprimono
nella forma
u (P ) = u0 (P ) P ∈ SV (4.2)
dove P è un punto della parte vincolata, SV , della frontiera e u0 (P ) il valore dello
spostamento imposto dal vincolo. In Fig. 4.1 queste condizioni sono rappresentate
in modo schematico. Nei punti indicati con un cerchietto i vincoli impongono dei
limiti agli spostamenti; sul resto della superficie deve sussistere l’equilibrio tra le
forze esterne e le tensioni; in particolare, se in P non agiscono forze superficiali, la
tensione sulla giacitura tangente ad SF in P deve essere nulla.
Si deve ora tenere presente una cosa: le equazioni di equilibrio (1.54) si riferisco-
no al corpo nello stato finale; a causa della deformazione la configurazione finale del
corpo non coincide più con quella iniziale ed è, a priori, incognita. Questo fatto com-
plica notevolmente la soluzione del problema elastico. In molti casi, fortunatamente,
gli spostamenti che subiscono i solidi sono piccoli, tanto che per rilevarli dobbiamo
utilizzare strumenti di precisione; pertanto è spesso possibile trascurare gli effetti di
questi spostamenti ed assumere che le equazioni di equilibrio si riferiscano al corpo
nella sua configurazione iniziale; questa semplificazione riduce notevolmente la com-
plessità del problema che cosı̀ risulta retto da equazioni lineari. Sotto queste ipotesi
si può dimostrare che la soluzione del problema elastico esiste ed è unica.
Non sempre l’ipotesi dei piccoli spostamenti è accettabile. Nell’esempio mostrato
in Fig. 4.2, un’asta soggetta ad una forza normale eccentrica, subisce una deforma-
zione simile a quella mostrata nella stessa figura. Per effetto della deformazione

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.2 Il solido di Saint Venant 51

e
F

u0
e F

Figura 4.2: Cambiamento della configurazione geometrica prodotto dai carichi.

l’eccentricità della forza rispetto alla sezione di base diviene e + u0 , dove e è l’ec-
centricità iniziale e u0 lo spostamento dell’estremità rispetto alla base; l’aumento di
eccentricità fa aumentare il momento e di conseguenza anche la deformazione. Se
u0 è piccolo in confronto ad e, si può assumere che F e ≈ F (e + u0 ) e gli effetti del
cambiamento di configurazione possono essere trascurati. Ma se questa approssima-
zione non è valida, trascurare gli effetti delle deformazioni sulla distribuzione degli
sforzi può portare ad errori gravi. Questa situazione si presenta di frequente nelle
strutture esili, come spesso sono quelle in acciaio.

4.2 Il solido di Saint Venant


La soluzione del problema elastico, anche con le semplificazioni prima accennate,
presenta grandi difficoltà ed è nota solo per casi particolari. In passato molti studi
sono stati dedicati alla ricerca di soluzioni approssimate che potessero tornare utili
nelle applicazioni pratiche. In tempi più recenti, l’invenzione e poi la diffusione dei
calcolatori ha favorito l’impiego estensivo dei metodi numerici, il più noto dei quali
è il metodo degli elementi finiti. Questi metodi sono basati sulla tecnica di appros-
simare le equazioni differenziali con equazioni algebriche, che, se lineari, si possono
risolvere con relativa facilità. L’accuratezza e le potenzialità di questi strumenti
aumentano con il numero delle equazioni con cui si approssima il problema. Poiché
attualmente si possono facilmente trattare sistemi con molte migliaia di equazio-
ni (ed altrettante incognite) in tempi di calcolo assai brevi, esistono oramai pochi
problemi (tra quelli elastico-lineari) che non trovano soluzione. Questo tuttavia non
diminuisce l’importanza di quelle soluzioni, anche approssimate, che siano semplici e
tanto generali da poter essere applicate ad una vasta gamma di situazioni. È questo
il caso della teoria tecnica della trave.
Per trave si intende un oggetto di forma prismatica in cui l’altezza è nettamen-
te maggiore delle dimensioni della base. Nelle costruzioni moderne, in acciaio ed
in cemento armato, l’impiego di materiali dotati di elevata resistenza ha portato a
concentrare le funzioni strutturali in elementi di piccola sezione, la cui geometria

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


52 Capitolo 4 La trave

corrisponde a quella della definizione di trave. Nella maggior parte dei casi queste
strutture, dette telai, sono un assemblaggio di travi, mentre le restanti parti dell’e-
dificio sono considerate sovrastrutture. Nella pratica costruttiva si fa distinzione tra
travi, elementi disposti orizzontalmente, e pilastri, disposti verticalmente. Questi
elementi tuttavia, dal punto di vista del comportamento, possono essere assimilati
e noi li considereremo tutti appartenenti alla categoria delle travi.
Una idealizzazione delle travi reali è il solido di Saint Venant, un prisma la
cui altezza è molto maggiore delle dimensioni delle basi ed è sollecitato solo in
corrispondenza di queste (Fig. 4.3); si assume pertanto che siano nulle le forze di
volume e quelle agenti sulla superficie laterale. Il solido di Saint Venant è in sostanza
una trave in cui le forze sono applicate solo sulle basi; questa condizione non è
generalmente soddisfatta dalle travi reali, che perlomeno sono soggette al loro peso
(che è una forza di volume); tuttavia le soluzioni ottenute per il cilindro di Saint
Venant si possono estendere con buona accuratezza anche alle travi reali e per questo
rivestono una importanza centrale nella tecnica delle costruzioni.
La soluzione del problema generale, cioè la determinazione dello stato di tensione
nel solido, per qualunque distribuzione delle tensioni sulle basi, presenta ancora dif-
ficoltà insormontabili, poiché la soluzione dipende dalla forma della sezione di base
e dalla effettiva distribuzione delle forze su essa. Tuttavia l’esperienza mostra che
se su due cilindri uguali si applicano, sulle basi, sistemi di forze diversi ma statica-
mente equivalenti1 , questi producono gli stessi effetti ovunque, eccetto le due zone
terminali, per una lunghezza circa uguale alle dimensioni delle basi. Un esempio
di questo fatto è illustrato nella Fig. 4.4; in questa figura, che riproduce i risultati
delle analisi svolte su di un modello accurato agli elementi finiti, sono mostrati sei
prismi uguali, i primi tre sollecitati da forze normali, gli altri da forze di taglio;
ciascuna sollecitazione è ottenuta con una diversa distribuzione delle forze che tut-
tavia hanno la stessa risultante (distribuite, concentrate al centro, concentrate agli
estremi). Nelle figure i colori rappresentano diverse intensità della tensione normale
σ x , parallela all’asse del cilindro; è evidente che, all’interno di ciascun gruppo, le
distribuzioni delle tensioni praticamente coincidono, eccettuata la zona terminale,
prossima alla base dove sono applicate le forze.
L’ipotesi che le dimensioni trasversali del prisma siano piccole in confronto a
quella longitudinale consente di trascurare gli effetti locali e concentrare l’attenzio-
ne su quello che avviene nel corpo centrale del prisma: per questa zona cercheremo
delle soluzioni che soddisfino le condizioni di equilibrio globale (cioè che abbiano le
stesse risultanti delle forze) senza preoccuparci di come queste siano effettivamen-
1
Si ricorda che due sistemi di forze si dicono staticamente equivalenti se la somma delle forze e
dei momenti (rispetto allo stesso polo) coincidono:
n
X m
X
F1i = F2j
i=1 j=1
n
X Xm
OP1i ∧ F1i = OP2j ∧ F2j
i=1 j=1

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.3 Formulazione del problema di Saint Venant 53

Figura 4.3: Il solido di Saint Venant

te applicate. Tale semplificazione è estremamente importante perché permette di


trovare delle soluzioni semplici di grande importanza pratica; tuttavia è necessario
tenere presente che la soluzione di Saint Venant non si applica in prossimità dei
“punti di discontinuità”, cioè in prossimità delle zone dove sono applicate delle forze
capaci di produrre forti tensioni locali.

4.3 Formulazione del problema di Saint Venant


All’inizio di questo capitolo si è accennato al procedimento con cui si giunge a
formulare le equazioni dei solidi elastici. Abbiamo visto come si debbano soddisfare
sia le equazioni di equilibrio (1.54) che le condizioni di congruenza (2.7-2.8); queste
ultime si possono aggiungere alle precedenti grazie alla legge costitutiva (3.17), che
consente di esprimere le tensioni in funzione delle deformazioni. Abbiamo detto
che queste equazioni da sole non sono comunque sufficienti a rendere univoca la
soluzione: ad esse è necessario aggiungere le condizioni al contorno che esprimono
l’equilibrio dei punti della superficie e la compatibilità degli spostamenti con i vincoli
esterni. Mostreremo ora come queste condizioni si particolarizzano nel caso che il
corpo studiato sia il cilindro di Saint Venant.
Nel seguito adotteremo un riferimento con l’origine nel baricentro G di una delle
basi [vedi § A.1.4], l’asse x parallelo all’asse del cilindro (dunque ortogonale alle
basi) e gli assi y e z coincidenti con gli assi principali di inerzia della sezione [vedi
pag. 245]. La scelta di questo riferimento rende nulli i momenti statici [vedi § A.1]
ed il momento centrifugo [vedi §A.2]della sezione rispetto agli assi y e z; in formule:
Z Z Z
Sy = zdA = 0 Sz = ydA = 0 Jyz = yzdA = 0 (4.3)
A A A

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


54 Capitolo 4 La trave

(a) (b)

Figura 4.4: Distribuzione delle tensioni in un prisma diversamente sollecitato sulle


basi: (a) forza normale, (b) forza di taglio. Dei tre casi, il primo è soggetto ad una
distribuzione uniforme della forza, il secondo ad una forza concentrata nel baricentro,
il terzo a due forze applicate ai bordi.

G
y

Figura 4.5: Sistema di riferimento usato per il solido di de Saint Venant

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.3 Formulazione del problema di Saint Venant 55

Le equazioni di equilibrio sulla superficie (4.1), poste in forma esplicita, si scri-


vono
σ x nx + τ yx ny + τ zx nz = fx (4.4a)
τ xy nx + σ y ny + τ zy nz = fy (4.4b)
τ xz nx + τ yz ny + σ z nz = fz (4.4c)
dove nx , ny , nz sono le componenti del vettore unitario normale alla superficie. Nel
caso del problema di Saint Venant, in corrispondenza delle basi, le condizioni di equi-
librio puntuale (4.4) sono sostituite con le condizioni di equilibrio globale; tenendo
conto che, per come è stato scelto il riferimento, sulle basi nx = ±1, ny = nz = 0,
l’equilibrio delle risultanti implica che, sulla faccia con normale positiva, si abbia:
Z Z
σ x dA = fx dA = N (4.5a)
A A
Z Z
τ xy dA = fy dA = Vy (4.5b)
ZA Z A

τ xz dA = fz dA = Vz (4.5c)
A A

La risultante N delle forze parallele ad x e normali alla sezione si chiama forza nor-
male, le risultanti Vy e Vz , parallele alla sezione sono le forze di taglio. Dall’equilibrio
dei momenti risultanti intorno ai tre assi risulta:
Z Z
(τ xz y − τ xy z) dA = (fz y − fy z) dA = Mx (4.5d)
A Z Z A

σ x zdA = fx zdA = My (4.5e)


ZA ZA
σ x ydA = fx ydA = −Mz (4.5f)
A A

Il momento Mx è detto momento torcente, mentre My ed Mz sono le componenti


del momento flettente. La Fig. 4.6 chiarisce in modo intuitivo l’origine di questa
nomenclatura.
Le (??) sono ovviamente meno stringenti delle (4.4). Questo permette di intro-
durre delle condizioni aggiuntive al campo delle tensioni, purché compatibili con le
restanti equazioni. La superficie laterale del cilindro, dove le forze sono, per ipotesi,
nulle, è parallela all’asse x: quindi nx = 0; tenendo conto di ciò, dalle (4.4b e c)
segue che
σy ny + τ yz nz = 0 (4.6a)
τ zy ny + σ z nz = 0 (4.6b)
Queste equazioni sono certamente soddisfatte se, sulla superficie laterale, σ y = σz =
τ yz = 0. Poiché la sezione è piccola (in rapporto alla lunghezza) è ragionevole
assumere che queste grandezze siano nulle in tutto il cilindro. Pertanto nel seguito
assumeremo che in tutto il prisma si abbia
σ y = σz = τ yz = 0 (4.7)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


56 Capitolo 4 La trave

y
G
y G

x
z
G x
z
τxy z Vy Mx
Mz
x y N
σx
My
τxz
Vz

Figura 4.6: Componenti della tensione e sistema di forze risultante agenti sulle basi
del solido di de Daint Venant.

Le equazioni (4.4b,c) sono quindi automaticamente soddisfatte, mentre la (4.4a)


diviene
τ yx ny + τ zx nz = 0 (4.8)
A seguito delle (4.7) le equazioni di equilibrio (1.54) si semplificano; tenendo
conto che le forze di volume g sono nulle, queste equazioni divengono:
∂σ x ∂τ xy ∂τ xz
+ + = 0 (4.9a)
∂x ∂y ∂z
∂τ xy
= 0 (4.9b)
∂x
∂τ xz
= 0 (4.9c)
∂x
Dalle (4.9b,c) si deduce che le tensioni tangenziali non nulle (τ xy e τ xz ) non dipen-
dono da x.
Anche le espressioni del legame costitutivo si semplificano. Poiché σ y = σz = 0,
dalle (3.11) si ricava εx = σx /E e, di conseguenza, σ x = Eεx ; inoltre essendo τ yz = 0
si ha γ yz = 0; in sintesi avremo:

σx = Eεx σ y = σz = 0 τ xy = Gγ xy τ xz = Gγ xz τ yz = 0 (4.10)

Nel cercare le soluzioni del problema elastico potremo suddividere il problema


generale in sottoproblemi più semplici, in cui solo alcune delle risultanti di sollecita-
zione (??) sono diverse da zero. I casi in cui sono presenti solo la forza normale N
ed i momenti flettenti My ed Mz (quindi per le (??) il cilindro è sollecitato solo da
forze normali fx ) sono i più semplici e per essi si trovano delle elementari soluzioni
generali. Il caso in cui Mx è diverso da zero, ma Vy e Vz sono nulli presenta maggiori

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 57

-Vz
M1y

l Vz

Vzl + M1y − M2y = 0

Figura 4.7: Equilibrio di un cilindro sollecitato sulle basi con forze di taglio e
momenti flettenti.

difficoltà e per esso non esiste una soluzione generale. Nel seguito saranno illustrate
le soluzioni (eventualmente approssimate) per alcuni casi praticamente importanti.
Il caso più complesso è quello in cui sono non nulle le forze di taglio, perché ad esse
si accompagnano le sollecitazioni di flessione, senza le quali l’equilibrio del prisma
non sarebbe possibile, come è illustrato nella Fig. 4.7. Per questo problema però è
possibile ricavare una semplice soluzione approssimata.

4.4 Forza normale e flessione


Cerchiamo ora la soluzione relativa al caso in cui le tensioni tangenziali sono tutte
nulle, ossia:
τ xy = τ xz = 0 (4.11)
La sola componente non nulla della tensione è la tensione normale σ x e l’equazione
sul contorno (4.8) è ovviamente verificata. Quindi ricordando le (??) concludiamo
che Vy = Vz = Mx = 0, e di conseguenza le sollecitazioni non nulle sono N, My ed
Mz .
Per determinare la soluzione di questo problema assegniamo il campo degli spo-
stamenti e verifichiamo per quali condizioni esso soddisfa le equazioni dei solidi
elastici. Assumendo che i punti di ogni sezione retta della trave, dopo la deforma-
zione, giacciano ancora su di un piano (conservazione delle sezioni piane), il campo
di spostamenti si può formulare cosı̀

ux (x, y, z) = u0x (x) + φy (x) z − φz (x) y (4.12a)


uy (x, y, z) = u0y (x) + u1y (y, z) (4.12b)
uz (x, y, z) = u0z (x) + u1z (y, z) (4.12c)

dove u0x , u0y , u0z sono le componenti del vettore degli spostamenti della linea d’asse
della trave (luogo dei baricentri delle sezioni), mentre φy e φz sono le rotazioni

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


58 Capitolo 4 La trave

x
y
dx
du0z
du0z
z
dx

φy

Figura 4.8: Rotazione di una sezione prodotta dalla inflessione della linea d’asse.

che il piano della sezione effettua intorno agli assi y e z. Dalla condizione (4.11),
ricordando la proporzionalità tra tensioni tangenziali e scorrimenti [eq. (3.6)], segue
che γ xy e γ xz sono nulli e quindi, per le (2.8):
∂ux ∂uy du0y
γ xy = + = −φz (x) + =0 (4.13a)
∂y ∂x dx
∂ux ∂uz du0z
γ xz = + = φy (x) + =0 (4.13b)
∂z ∂x dx
da cui segue:
du0y du0z
φy (x) = −
φz (x) = (4.14)
dx dx
Quest’ultime equazioni dimostrano che, in assenza di taglio, le sezioni rette della
trave, oltre a restare piane, rimangono anche ortogonali alla linea d’asse (deformata)
della trave la cui equazione, nel riferimento adottato, è rappresentata delle funzioni
u0y (x), u0z (x). Sostituendo le (4.14) nella prima delle (4.12), si ottiene l’espressione
degli spostamenti in direzione x:
du0z du0y
ux (x, y, z) = u0x (x) − z− y (4.15)
dx dy
Sostituendo la (4.15) nella (2.7) si ottiene l’espressione della dilatazione εx :
∂ux du0x d2 u0z d2 u0y
=
εx = − z − y (4.16)
∂x dx dx2 dx2
e quindi, mediante la prima delle (4.10) si determina il campo dell’unica componente
di tensione non nulla:
du0x d2 u0z d2 u0y
σ x = Eεx = E −E z−E y (4.17)
dx dx2 dx2
Per soddisfare le condizioni di equilibrio globale sulle basi, applichiamo le (??a,e,f)
(le altre condizioni sono ovviamente soddisfatte se Vy = Vz = Mx = 0); sostituendo
la (4.17) nella (??a) e tenendo conto che u0x , u0y , u0z dipendono solo da x, otteniamo:
Z Z Z Z
du0x d2 u0z d2 u0y
σ x dA = E dA − E zdA − E ydA = N
A dx A dx2 A dx2 A

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 59

Ma ricordando che gli assi y e z passano per il baricentro della sezione si ha (4.3):
Z Z
zdA = ydA = 0
A A

e dunque
du0x
EA =N
dx
da cui segue
du0x N
= (4.18)
dx EA
R
dove A = A dA è l’area della sezione retta del prisma. Sostituendo la (4.17) nella
(??e) analogamente otteniamo:
Z Z Z Z
du0x d2 u0z 2 d2 u0y
σ x zdA = E zdA − E z dA − E yzdA = My
A dx A dx2 A dx2 A

La precedente, per le proprietà (4.3) degli assi principali di inerzia:


Z Z
zdA = 0 yzdA = 0
A A

diviene Z
d2 u0z
−E z 2 dA = My
dx2 A
da cui si ricava
d2 u0z My
= − (4.19)
dx2 EJy
La quantità Z
Jy = z 2 dA (4.20)
A
è il momento di inerzia della sezione relativo all’asse y.
Analogamente, sostituendo la (4.17) nella (??f) si ottiene:
Z Z Z Z
du0x d2 u0z d2 u0y
σ x ydA = E ydA − E zydA − E y 2 dA = −Mz
A dx A dx2 A dx2 A
da cui, eliminando i termini nulli:
Z
d2 u0y
−E y 2 dA = −Mz
dx2 A

si ottiene
d2 u0y Mz
= (4.21)
dx2 EJz
con Z
Jz = y 2 dA
A

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


60 Capitolo 4 La trave

momento di inerzia della sezione relativo all’asse z.


Se ora sostituiamo le (4.18), (4.19) e (4.21) nelle (4.16) e (4.17) troviamo le
espressioni di εx e σ x in funzione delle sollecitazioni.

N My Mz
εx = + z− y (4.22)
EA EJy EJz
N My Mz
σx = + z− y (4.23)
A Jy Jz

Queste relazioni costituiscono il risultato più importante dell’analisi finora svolta,


poiché forniscono i valori delle deformazioni e delle tensioni prodotte in una trave
da qualunque sistema di forze che abbia come risultante una forza parallela all’asse
x (forza normale) e due momenti (flettenti) paralleli agli assi y e z.
Le equazioni (4.18), (4.19) e (4.21) pongono in relazione le sollecitazioni (N, My , Mz )
con gli spostamenti u0x , u0y , u0z dei punti della linea d’asse della trave, e formano le
equazioni della linea elastica.

4.4.1 Determinazione del campo degli spostamenti*


Integrando le (4.18), (4.19) e (4.21) tenendo conto che le grandezze a secondo membro
sono costanti, a meno di un moto rigido risulta:

N
u0x = x (4.24a)
EA
Mz x2
u0y = (4.24b)
EJz 2
My x2
u0z = − (4.24c)
EJy 2

Resta ora da controllare che le restanti equazioni siano soddisfatte. Delle equazioni di
equilibrio (4.9) la seconda e la terza sono ovviamente verificate poiché τ xy = τ xz = 0; per
lo stesso motivo la prima si riduce a ∂σ ∂x
x
= 0, che è ovviamente soddisfatta poiché nella
(4.23) non compaiono termini che dipendono da x. L’annullarsi delle tensioni tangenziali
permette di rispettare anche le condizioni sul contorno laterale (4.8).
Per asserire che quella trovata sia effettivamente la soluzione cercata dobbiamo ancora
controllare che ad essa corrispondano valori nulli per le τ yz e per le componenti della
∂u
tensione normale σ y e σ z . Poiché γ yz = τ yz /G, τ yz è nullo se ∂zy + ∂u
∂y
z
= 0, mentre σ y e
σ z sono nulli se εy = εz = −νεx [vedi (3.2)]. Per le (4.12b,c) e per la (4.22) si ottengono
le seguenti condizioni:

∂u1y ∂u1z
=−
∂z ∂y
µ ¶
∂u1y ∂u1z N My Mz
= = −ν + z− y
∂y ∂z EA EJy EJz

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 61

che sono soddisfatte se si pone


∙ ¸
N My Mz y 2 − z 2
u1y = −ν y+ yz − (4.25a)
EA EJy EJz 2
∙ 2 2
¸
N My z − y Mz
u1z = −ν z+ − yz (4.25b)
EA EJy 2 EJz
Dalle (4.25) appare chiaro che per y = z = 0 (cioè in corrispondenza del baricentro
della sezione) si ha u1y = u1z = 0 e di conseguenza uy (x, 0, 0) = u0y (x), uz (x, 0, 0) =
uz0 (x). Le (4.24) forniscono pertanto le equazioni della linea elastica della trave, ossia
della linea che unisce i baricentri di tutte le sezioni rette del prisma nella loro configurazione
deformata.

4.4.2 Sforzo normale centrato


Dalla soluzione generale trovata si possono dedurre dei casi particolari di rilevante
interesse. Ponendo My = Mz = 0 la sola forza agente resta la forza normale N. In
tal caso il cilindro è sollecitato uniformemente (escluse le zone prossime alle basi)
con una tensione che per la (4.23) è
N
σx =
A
ossia il rapporto tra la forza e l’area, ed una corrispondente deformazione
N
εx =
EA
La linea elastica subisce semplicemente una dilatazione (o una contrazione) re-
stando retta. I punti di ciascuna sezione, assumendo vincolata la prima, subiscono
una traslazione parallela all’asse del cilindro il cui modulo è dato dalla (4.24a) ed
una contrazione (o dilatazione) dovuta ai termini (4.25).

4.4.3 Flessione semplice retta


Se la sola sollecitazione non nulla è una delle due componenti del momento flettente
(p.es. My ) si ha il caso della flessione retta. La tensione nei punti della sezione
varia con legge lineare, proporzionale alla distanza dall’asse y, come si deduce dalla
(4.23):
My
σx = z (4.26)
Jy
A questa sollecitazione corrisponde una deformazione della linea d’asse che, restando
nel piano xy, si incurva proporzionalmente al momento, come mostrato dalla (4.21).
La linea d’asse deformata, se si assume che il solido sia incastrato nella sezione di
origine, è espressa dalla (4.24b). Nel caso di flessione retta, per z = 0 si ha σx = 0,
quindi la tensione si annulla in corrispondenza dei punti dell’asse ortogonale a z
(o y). Se My > 0 risulterà σ x < 0 per z < 0 e σ x > 0 per z > 0; pertanto una

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


62 Capitolo 4 La trave

N
σx σx My
z z

-u0z

z x
x
z

Forza Normale Flessione retta

Figura 4.9: Distribuzione delle tensioni prodotta dalla forza normale e dalla flessione.

parte della sezione sarà soggetta a tensioni negative (compressione) ed una parte
a tensioni positive (trazione). Questo è ovvio poiché in assenza di forze normali la
risultante delle tensioni deve essere nulla, quindi la risultante delle tensioni positive
deve uguagliare, in modulo, quella delle tensioni negative.

Esempio 4.1 Calcolare la tensione massima nella sezione di Fig. 4.10, con b = 15 cm e
h = 35 cm, soggetta ad un momento My = 50 kN m.
Il baricentro della sezione rettangolare si trova nell’intersezione delle mediane. Il momento
di inerzia relativo all’asse baricentrico y è

bh3 15 · 353
Jy = = = 53593.75 cm4
12 12
Le tensioni massime (positive e negative) si raggiungono in corrispondenza dei lati minori,
per y = ± h2 = ±17.5 cm; il momento agente è 5000 kN cm, quindi
⎧ µ ¶
µ ¶ ⎪ ⎪ M y h 5000
⎨ = (17.5) = 1.633 kN/ cm2
max Jµ
y 2¶ 53593.75
σx =
min ⎪
⎪ My h 5000
⎩ − = (−17.5) = −1.633 kN/ cm2
Jy 2 53593.75
¡ ¢2
Un kN/ cm2 = 103 / 10−2 = 107 Pa = 10 MPa. Pertanto la tensione calcolata, in valore
assoluto, è 16.33 MPa. ¤

Esempio 4.2 Calcolare i valori della tensione nei vertici della sezione rappresentata in
Fig. 4.11 supponendo che sia soggetta ad un momento Mη = 10 kN m.
Per determinare le caratteristiche geometriche della sezione si fa prima riferimento agli
assi η 0 , ζ 0 . Relativamente a questi assi la figura si può decomporre in due rettangoli,
aventi una base coincidente con uno degli assi. Si ha cosı̀, indicando con l1 = 150 mm

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 63

σx

G
y h My

b
z

Figura 4.10: La sezione dell’esempio 4.1

la lunghezza del lato maggiore, l2 = 75 mm quella del lato minore e con s = 10 mm lo


spessore del profilato:
A = l1 s + l2 s − s2 = 21.5 cm2
s2 l2
Sη0 = (l2 − s) + s 1 = 115.75 cm2
2 2
s 2 l2
Sζ 0 = (l1 − s) + s 2 = 35.125 cm2
2 2
s 3 l3
Jη0 = (l2 − s) + s 1 = 1127. cm4
3 3
s 3 l 3
Jζ 0 = (l1 − s) + s 2 = 145.29 cm4
3 3
µ ¶2 µ ¶2 µ 2 ¶2
l1 s l2 s s
Jζ 0 η0 = + − = 70.06 cm4
2 2 2
Le coordinate del baricentro della sezione, riferite agli assi ζ 0 , η 0 sono
Sη0
= 53.837 mm
ζ 0G =
A
Sζ 0
η0G = = 16.337 mm
A
I momenti di inerzia relativi ad un sistema di assi η e ζ, con origine nel baricentro e
paralleli ai precedenti, si calcolano applicando la regola del trasporto
Jη = Jη0 − Aζ 20G = 504.00 cm4
Jζ = Jζ 0 − Aη 20G = 87.91 cm4
Jζη = Jζ 0 η0 − Aη 0G ζ 0G = −119.04 cm4
L’angolo formato dagli assi principali di inerzia con quelli del riferimento iniziale è dato
dalla formula µ ¶
1 −2Jζη
α = arctan = −14.889 ◦
2 Jζ − Jη

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


64 Capitolo 4 La trave

75 mm
y
2 1
η0 10 mm
3
4
G
η
150 mm
α

z
ζ
5 6

10 mm

ζ0

Figura 4.11: Sezione dell’esempio 4.2.

Quindi i momenti relativi a questi assi sono

Jy = Jη cos2 α + Jζ sin2 α + Jζη sin (2α) = 535.65 cm4


Jζ = Jη sin2 α + Jζ cos2 α − Jζη sin (2α) = 56.258 cm4

Proiettando il momento Mζ sugli assi principali si ha

Mz = Mη sin α = 2.569 kN m
My = Mη cos α = 9.664 kN m

Per procedere al calcolo della tensione nei vertici della sezione si debbono determina-
re le coordinate di questi nel riferimento principale. Partendo dal riferimento η 0 , ζ 0 le
coordinate dei vertici sono
∙ ¸ ∙ ¸
η0 0 75 75 10 10 0
= mm
ζ0 0 0 10 10 150 150

Nel riferimento traslato nell’origine divengono


∙ ¸ ∙ ¸ ∙ ¸ ∙ ¸
η η0 η 0G −16.337 58.663 58.663 −6.337 −6.337 −16.337
= − = mm
ζ ζ0 ζ 0G −53.837 −53.837 −43.837 −43.837 96.163 96.163

Infine le coordinate vengono proiettate nel riferimento degli assi principali

y = η cos α − ζ sin α
z = η sin α + ζ cos α

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 65

per cui si ottiene


∙ ¸ ∙ ¸
y −29.622 42.86 45.43 −17.388 18.584 8.92
= mm
z −47.832 −67.103 −57.438 −40.737 94.563 97.132

Applicando la (4.23) con N = 0 si calcolano quindi facilmente i valori della tensione


normale nei vertici della sezione (le unità di misura sono Newton e millimetri):
⎡ ⎤
−221.588
⎢ 74.684 ⎥
⎢ ⎥
My Mz 9.664 · 106 −2.569 · 106 ⎢ 103.856 ⎥
σx = z− y= y− ⎢
z− = ⎢ ⎥ MPa
5.357 · 106 5.629 · 105 ⎥
Jy Jz ⎢−152.914⎥
⎣ 255.487 ⎦
215.984

Poiché σ x varia linearmente con y e z, i valori estremi si raggiungono nei vertici della
sezione, dunque:
σ x max = 255.487 MPa σ x min = −221.588 MPa
corrispondenti ai vertici 5 e 1, rispettivamente. ¤

4.4.4 Lavoro di deformazione


Nel caso della sollecitazione di flessione vi è una sola componente non nulla della
tensione (σ x ); pertanto l’espressione (3.24) del lavoro di deformazione si riduce,
tenendo conto delle (4.22) e (4.23) semplicemente a
µ ¶µ ¶
dLV 1 1 N My Mz N My Mz
= εx σ x = + z− y + z− y
dV 2 2 EA EJy EJz A Jy Jz
da cui, integrando su di un concio di trave di lunghezza dx e ricordando le proprietà
(4.3) degli assi principali di inerzia:
Z µ ¶
dx dx N 2 My2 Mz2
dLV = εx σ x dydz = + + (4.27)
2 A 2 EA EJy EJz
Lungo tutta la trave, se N, My e Mz sono costanti, il lavoro complessivo è
Z l µ ¶
l N2 My2 Mz2
LV = dLV = + + (4.28)
0 2 EA EJy EJz

4.4.5 Asse neutro


La formula (4.23) fornisce la tensione prodotta dalla forza normale N e dai due
momenti flettenti My ed Mz in ogni punto della sezione. Tuttavia la funzione σ x (y, z)
è definita nell’intero piano yz, anche se il risultato ha senso fisico solo per i punti che
appartengono alla sezione. In Fig. 4.12 è mostrata una sezione S appartenente al
piano Π; il grafico delle tensioni σ x è rappresentato dal piano inclinato; ovviamente
i soli valori di σx che hanno significato fisico sono quelli in corrispondenza dei punti
di S.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


66 Capitolo 4 La trave

σx n
Π

Figura 4.12: Estensione del campo delle tensioni normali in una sezione all’intero
piano Π.

Si definisce asse neutro il luogo dei punti del piano Π nei quali si ha σx = 0. Se
N 6= 0, l’equazione (4.23) si può riscrivere ponendo a fattore il termine N/A:
µ ¶
N My A Mz A
σx = 1+ z− y (4.29)
A N Jy N Jz

Le quantità
Mz My
ey = −ez = (4.30)
N N
sono le eccentricità della forza risultante, la cui retta d’azione interseca il piano Π
nel punto C, detto centro di pressione, di coordinate ey , ez . La forza N applicata in
G e i momenti My ed Mz sono staticamente equivalenti alla sola forza N applicata
in C (Fig. 4.13), poiché hanno la stessa risultante e, rispetto ad ogni punto, lo stesso
momento risultante. Infatti fissando il polo in un generico punto P di coordinate
yP , zP , i momenti del primo sistema sono

MP y = My + zP N MP z = Mz − yP N

e quelli del secondo

MP y = N (ez + zP ) MP z = −N (ey + yP )

Sostituendo ad ey ed ez i rapporti (4.30) si verifica facilmente che questi ultimi


momenti coincidono con quelli dell’equazione precedente.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 67

N
Π My /N
My
e z=
Mz N
y G C
/N
=-M
z
ey
z

Figura 4.13: Eccentricità e centro di pressione relativi ad una sezione sollecitata a


forza normale e flessione.

I rapporti tra i momenti di inerzia e l’area della sezione

Jy Jz
= ρ2z = ρ2y (4.31)
A A
sono i quadrati dei giratori di inerzia; sostituendo le (4.30) nella (4.29) otteniamo
µ ¶
N ey y ez z
σx = 1+ 2 + 2 (4.32)
A ρy ρz

Uguagliando σ x a zero si ottiene l’equazione dell’asse neutro; poiché per ipotesi


N 6= 0, la (4.32) si annulla solo se
ey y ez z
1+ + 2 =0 (4.33)
ρ2y ρz

Fissate le coordinate del centro di pressione ey , ez , la (4.33) è evidentemente l’equa-


zione di una retta; ponendo alternativamente z = 0 e y = 0 si determinano i punti
di intersezione dell’asse neutro con gli assi del riferimento; si ha:

ρ2y ρ2z
y0 = − z0 = − (4.34)
ey ez

È evidente che se ey , ez → 0± (cioè il centro di pressione si avvicina al baricentro


della sezione) y0 , z0 → ∓∞, viceversa se il centro di pressione si allontana (perché
N → 0) allora y0 , z0 → 0, cioè l’asse neutro passa per il baricentro: quest’ultimo è
appunto il caso della flessione semplice.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


68 Capitolo 4 La trave

n
α
z0
y α ρz
G β
ez
a ρy
ey C

y0 z

Figura 4.14: Relazione tra centro di pressione ed asse neutro.

La distanza della retta (4.33) dall’origine è


1
d = r³ ´ ³ ´2 (4.35)
2
ey ez
ρ2 + ρ2
y z

L’angolo α formato dall’asse neutro con l’asse y si calcola facilmente (vedi Fig. 4.14)
µ ¶2 µ ¶2
y0 ez ρy ρy
tan α = − = − = tan β (4.36)
z0 ey ρz ρz

dove β indica l’angolo che la retta GC forma con l’asse y. Dalla (4.36) appare
evidente che tan α = tan β (ovvero l’asse neutro è perpendicolare all’asse di solleci-
tazione GC) solo se tan β = 0 (β = 0, C è sull’asse z) ovvero tan β = ∞ (β = π/2,
C è sull’asse y) oppure se ρy /ρz = 1. I primi due casi corrispondono alla presso-
flessione retta (il centro di pressione cade su uno degli assi principali di inerzia) il
terzo corrisponde al caso delle sezioni con simmetria radiale (sezioni circolari, se-
zioni quadrate). In tutti gli altri casi l’asse neutro non è perpendicolare all’asse di
sollecitazione.
L’equazione (4.33) stabilisce una corrispondenza biunivoca tra i punti C(ey , ez )
e le rette del piano. Fissato
¡ ¢un punto di coordinate ey , ez , resta determinata una
retta di equazione 1 + ey /ρ2y y + (ez /ρ2z ) z = 0. Inversamente, fissata una retta di
equazione a0 + a1 y + a2 z = 0 (a0 6= 0) resta definito un punto di coordinate
a1 2 a2 2
ey = ρ ez = ρ (4.37)
a0 y a0 z
centro di pressione di cui la retta è asse neutro.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 69

4.4.6 Nocciolo di inerzia


L’asse neutro divide in due il piano della sezione, separando i punti con σ x positiva
(trazioni) da quelli con σ x negativa (compressioni). Se la sezione cade interamente in
uno di questi due semipiani risulta sollecitata da tensioni dello stesso segno (positive
o negative), se invece l’asse neutro attraversa la sezione avremo che parte della
sezione sarà soggetta a sollecitazioni di trazione e parte di compressione. Nel caso
della flessione semplice (N = 0), poiché passa per il baricentro, l’asse neutro taglia
sempre la sezione; in presenza di sforzo normale si può presentare un caso o l’altro
in funzione della posizione del centro di pressione.
Per alcuni materiali che hanno un differente comportamento in trazione e com-
pressione (p.es. il calcestruzzo) è importante distinguere il caso delle sezioni sollecita-
te da tensioni di segno omogeneo da quelle che sono parzialmente tese e parzialmente
compresse. Per le sezioni convesse 2 la condizione limite si ha quando l’asse neutro
è tangente al bordo della figura; i punti (centri di pressione) associati dall’equazione
(4.33) alle rette tangenti al bordo, definiscono una curva chiusa; poiché se il centro
di pressione si avvicina al baricentro l’asse neutro se ne allontana e viceversa, l’in-
sieme dei punti interni a questa curva (che comprende il baricentro), detto nocciolo
centrale d’inerzia, è l’insieme dei centri di pressione il cui asse neutro è esterno alla
sezione, che in tal caso risulta sollecitata da tensioni di segno omogeneo; inversa-
mente, quando il centro di pressione è esterno al nocciolo, la sezione è attraversata
dall’asse neutro e quindi parzialmente tesa e parzialmente compressa.
Nel caso di sezioni di forma non convessa, si può definire una figura convessa
inviluppo, come la più piccola figura convessa che racchiude quella data. Il nocciolo
di inerzia in questo caso è delimitato dai centri di pressione corrispondenti alle
tangenti al bordo dell’inviluppo convesso (Fig. 4.15).

Esempio 4.3 Nocciolo d’inerzia della sezione rettangolare.


La sezione rettangolare è convessa, pertanto il nocciolo è determinato dalle rette tangenti
al contorno. Prendendo in esame una sezione con lati b ed h (Fig. 4.16) i giratori di inerzia
valgono
1 3
Jz 12 hb b2
ρ2y = = =
A bh 12
1 3
Jy bh h2
ρ2z = = 12
=
A bh 12
La retta 1 − 1, tangente al lato perpendicolare ad y, ha equazione
h
z− =0
2
quindi, posto a0 = −h/2, a1 = 0, a2 = 1, dalle (4.37) si ha
2 2 h2 h
ey = 0 ez = − ρ2z = − =−
h h 12 6
2
Una figura piana è convessa se ogni segmento che unisce due punti interni alla figura è costituito
da soli punti interni. In una figura convessa le rette tangenti al bordo hanno in comune con essa
solo punti del bordo.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


70 Capitolo 4 La trave

Sezione non convessa e


Sezione convessa sezione inviluppo convessa

Figura 4.15: Noccioli d’inerzia per una sezione convessa ed una non convessa.

corrispondente al punto 1 in Fig. 4.16. Prendendo per asse neutro la tangente al lato
ortogonale a y di equazione y + b/2 = 0 si ha a0 = b/2, a1 = 1, a2 = 0, il centro di
pressione ha coordinate:
2 b
ey = ρ2z = ez = 0
b 6
ed è rappresentato dal punto 2 sull’asse z.
Quando le rette descrivono un fascio intorno ad un punto A i corrispondenti centri per-
corrono una retta di equazione:
yA zA
2
ey + 2 ez + 1 = 0
ρy ρz

dove yA e zA sono le coordinate del centro del fascio. Poiché i due assi 1 e 2 appartengono
al fascio, la retta passa per questi punti; facendo rotare l’asse intorno allo spigolo, da 1
a 2, il centro di pressione descrive il segmento 1-2. Ripetendo il procedimento per gli
altri due lati (e tre vertici) si ottiene il rombo centrato nel baricentro con diagonali h/3 e
b/3. Quando il centro di pressione è interno a questo rombo il rettangolo è sollecitato da
tensioni di uguale segno, quando è esterno l’asse neutro attraversa la sezione, che risulta
in parte tesa ed in parte compressa. ¤

Esempio 4.4 Nocciolo di inerzia di una sezione a T.


La sezione a T non è convessa, pertanto occorre fare riferimento alla figura convessa che
la circoscrive, delimitata dalle linee tratteggiate.
Per prima cosa si devono determinare le caratteristiche geometriche della sezione (effetti-
va). Indicando con b la larghezza della soletta, con ss il suo spessore, con h l’altezza della
sezione e con sa lo spessore dell’anima, nel caso in questione si ha

b = 60 cm h = 50 cm ss = 15 cm sa = 20 cm

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.4 Forza normale e flessione 71

2
1
h/6
h 2
y y
b/6

1 1
z

2
z
b

(a) (b) (c)

Figura 4.16: Nocciolo d’inerzia per una sezione rettangolare.

Area
A = (b − sa )ss + sa h = 1600 cm2
Momento statico rispetto alla retta tangente la soletta
1£ ¤
Sya = (b − sa ) s2s + sa h2 = 29500 cm3
2
Distanza del baricentro dal bordo superiore
Sya
dG = = 18.438 cm
A
Momento d’inerzia rispetto alla retta tangente la soletta
1£ ¤
Jy0 = (b − sa ) s3s + sa h3 = 878300 cm4
3
Momento d’inerzia relativo all’asse baricentrico y

Jy = Jy0 − Ad2G = 334400 cm4

Momento d’inerzia relativo all’asse baricentrico z


1 £ 3 ¤
Jz = ss b + (h − ss ) s3a = 293300 cm4
12
Raggi di inerzia r r
Jz Jy
ρy = = 13.54 cm ρz = = 14.457 cm
A A
Asse neutro parallelo a y tangente la soletta: equazione della retta (nel riferimento
baricentrico) z = −dG ; coordinate del centro di pressione
1 2
e1y = 0 e1z = ρ = 11.337 cm
dG y

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


72 Capitolo 4 La trave

G
y

Figura 4.17: Nocciolo d’inerzia per una sezione a T.

Asse neutro parallelo a z tangente la sezione; eq.: y = b/2 = 30 cm; coordinate centro di
pressione
2 2
e2y = ρ = −6.111 cm e2z = 0
−b z
Asse neutro coincidente con la linea inviluppo convesso (tratteggiata); è la linea passante
per i punti di coordinate
z1 = ss − dG = −3.438 cm y1 = b/2 = 30 cm
z2 = h − dG = 31.563 cm y2 = sa /2 = 10 cm
I coefficienti della retta sono
z1 − z2 y2 − y1
a0 = 1 a1 = = −0.0357 a2 = = −0.0204
y1 z2 − y2 z1 y1 z2 − y2 z1
e quindi, per la (4.37)
a1 2 a2
e3y = ρy = −6.539 cm e3z = ρ2z = −4.260 cm
a0 a0
Infine, il centro di pressione della tangente al bordo inferiore della sezione, di equazione
z = h − dG = 31.563 cm ha coordinate
e4y = 0 cm e4z = −6.622 cm
Il contorno del nocciolo è formato dai segmenti che uniscono questi punti e da quelli
simmetrici rispetto all’asse y. Il risultato è mostrato nella Fig. 4.17. ¤

4.5 Torsione
Esaminiamo ora il caso in cui sulle basi del cilindro di Saint Venant agiscano delle
forze tangenziali la cui risultante è un momento che si avvolge intorno all’asse x.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 73

(a) (b)

Figura 4.18: Anilisi agli elementi finiti di un cilindro con base circolare sollecitato a
torsione.

Una tale sollecitazione produce una rotazione relativa delle basi che dà luogo ad
una deformazione di torsione della barra; le linee generatrici del cilindro divengono
eliche, come mostrato in Fig. 4.18a. Se la sezione del cilindro è circolare il moto di
una sezione generica non troppo vicina alle basi è una semplice rotazione; i punti
su ciascuna sezione subiscono una rotazione rigida attorno all’asse x del cilindro,
restando contenuti nel piano della sezione, come è mostrato nella Fig. 4.18b, dove
sono rappresentati i vettori degli spostamenti di alcuni punti della struttura.
Se il prisma non ha sezione circolare (come quello mostrato in Fig. 4.19a), i
punti delle sezioni, oltre a rotare, subiscono anche degli spostamenti fuori dal piano,
in direzione dell’asse x. Questo fatto è visibile nella Fig. 4.19b, che rappresenta,
fortemente amplificata, la deformazione di un tratto del prisma, privato della parte
prossima alla base per consentire un confronto con la teoria di Saint Venant. Gli
spostamenti fuori dal piano della sezione (ingobbamento) sono resi più evidenti nella
Fig. 4.20. In (a) sono riportati i vettori rappresentativi degli spostamenti dei nodi
del modello ad elementi finiti: è evidente che, particolarmente presso gli spigoli,
questi vettori non sono contenuti nel piano della sezione, ma hanno una componente
ortogonale. Nella Fig. 4.20b è riportata la mappa a colori di questi spostamenti; si
evidenzia facilmente una simmetria rotazionale di π/2, mentre rispetto agli assi
paralleli ai lati vi è una antisimmetria: punti opposti si spostano in versi opposti.
Le osservazioni precedenti ci inducono ad assumere, per un prisma sollecitato a
torsione, il seguente campo di spostamenti:

ux (x, y, z) = ψ (y, z) (4.38a)


uy (x, y, z) = −θxz (4.38b)
uz (x, y, z) = θxy (4.38c)

in cui θx è la rotazione relativa tra la base e la sezione di ascissa x, mentre ψ (y, z)


è una funzione che non dipende da x e descrive gli spostamenti fuori dal piano dei
punti della sezione.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


74 Capitolo 4 La trave

(a) (b)

Figura 4.19: Analisi agli elementi finiti di un prisma a base quadrata. Modello della
struttura (a) e deformazione di un tronco privato di una delle basi (b).

Applicando le (2.7), (2.8) alle (4.38) determiniamo le deformazioni corrispondenti


al campo di spostamenti assegnato

∂ux ∂ψ
εx = = =0 (4.39a)
∂x ∂x
∂uy ∂ (−θxz)
εy = = =0 (4.39b)
∂y ∂y
∂uz ∂ (θxy)
εz = = =0 (4.39c)
∂z ∂z
∂uy ∂ux ∂ (−θxz) ∂ψ ∂ψ
γ xy = + = + = −θz + (4.39d)
∂x ∂y ∂x ∂y ∂y
∂uz ∂ux ∂ (θxy) ∂ψ ∂ψ
γ xz = + = + = θy + (4.39e)
∂x ∂z ∂x ∂z ∂z
∂uy ∂uz ∂ (−θxz) ∂ (θxy)
γ yz = + = + = −θx + θx = 0 (4.39f)
∂z ∂y ∂z ∂y

Le sole componenti non nulle sono quindi gli scorrimenti γ xy e γ xz . Utilizzando la


legge elastica del materiale (3.17), si verifica facilmente che, in conseguenza delle
(4.39), si ha

σx = σy = σz = τ yz = 0 (4.40a)
µ ¶
∂ψ
τ xy = Gγ xy = G −θz + (4.40b)
∂y
µ ¶
∂ψ
τ xz = Gγ xz = G θy + (4.40c)
∂z

Queste condizioni evidentemente soddisfano le (4.7) con l’ulteriore condizione σx =


0.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 75

(a) (b)

Figura 4.20: Analisi agli elementi finiti di un prisma con base quadrata. Campo
degli spostamenti dei punti delle sezioni (a) e mappa degli spostamenti in direzione
x (b).

Come si è detto le tensioni devono soddisfare le equazioni di equilibrio in ogni


punto del corpo, che sono espresse in forma differenziale dalle (4.9). Nel caso in
esame, sostituendo le (4.40), si ricava

h ³ ´i
∂ψ £ ¡ ¢¤
∂σ x ∂τ xy ∂τ xz ∂ G −θz + ∂y ∂ G θy + ∂ψ
∂2ψ ∂2ψ
∂z
+ + = + = + 2 =0
∂x ∂y ∂z ∂y ∂z ∂y 2 ∂z
h ³ ´i
∂ψ
∂τ xy ∂ G −θz + ∂y
= =0
∂x £ ¡ ∂x ¢¤
∂ψ
∂τ xz ∂ G θy + ∂z
= =0
∂x ∂x

Le seconde due equazioni sono identicamente soddisfatte, la prima richiede che la

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


76 Capitolo 4 La trave

Figura 4.21: Campo degli spostamenti di una sezione di un cilindro soggetto a


torsione

funzione ψ verifichi l’equazione di Laplace3


∂2ψ ∂2ψ
+ 2 =0 (4.41)
∂y 2 ∂z
Oltre all’equilibrio interno le tensioni devono verificare la condizioni al contorno
(4.8); sostituendo le (4.40) si ricava che, sul bordo della sezione
µ ¶ µ ¶
∂ψ ∂ψ
τ xy ny + τ xz nz = G −θz + ny + G θy + nz = 0
∂y ∂z
da cui si deduce che
∂ψ ∂ψ
ny +
θ (−ynz + zny ) =nz (4.42)
∂y ∂z
Infine dobbiamo rispettare le condizioni di equilibrio globale sulle basi (??).
Poiché σ x ≡ 0 si ha ovviamente che N = My = Mz = 0. Le risultanti delle tensioni
3
Poiché σ x = 0, la prima delle equazioni di equilibrio si riduce a
∂τ xy ∂τ xz
+ =0
∂y ∂z
Le tensioni tangenziali τ xy e τ xz si possono interpretare come le componenti (nel piano yz) di un
vettore τ . Si può dimostrare che un vettore le cui componentiR soddisfano l’equazione precedente,
rispetta le condizioni di continuità, ovvero il flusso totale S τ · n ds che attraversa una linea chiusa
S è sempre nullo (n è la normale alla linea orientata verso l’esterno). In altre parole il flusso entrante
(negativo) uguaglia in modulo quello uscente (positivo).
Si definisce linea di flusso una linea che è ovunque tangente al vettore τ ; per definizione dunque,
lungo questa linea, τ · n = 0 (τ e n sono perpendicolari); considerando una parte del piano
delimitata da due linee di flusso (tubo di flusso), lungo queste linee non entra né esce flusso.
Tagliando il tubo con due sezioni trasversali, il flusso attraversa solo queste sezioni e poiché il
flusso totale è nullo, è ovvio che quello che entra da una sezione uguaglia quello che esce dall’altra.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 77

tangenziali non nulle sono invece4


Z
Vy = τ xy dA = 0 (4.43a)
ZA
Vz = τ xz dA = 0 (4.43b)
A

e Z
Mx = (τ xz y − τ xy z) dA (4.44)
A
Diversamente dalla flessione, per la sollecitazione di torsione non esiste una so-
luzione generale valida per tutte le sezioni, in quanto la funzione di ingobbamento ψ
dipende dalla forma della sezione; questa soluzione poi ha un’espressione analitica
semplice solo in alcuni casi. Nel seguito saranno illustrate le soluzioni, esatte od
approssimate, per alcuni casi di importante interesse pratico.

4.5.1 Sezione circolare


Per una sezione circolare, indicando con R il suo raggio, i punti della linea di bordo
hanno coordinate y = R cos α, z = R sin α, dove α è l’angolo formato dal raggio con
l’asse y. Poiché per una circonferenza la normale passa per il centro, si ha anche
ny = cos α, nz = sin α; quindi il primo membro delle (4.42) diviene

θ (−ynz + zny ) = θ (−R cos α sin α + R sin α cos α) = 0

Di conseguenza anche il secondo membro è nullo e si ha


µ ¶
∂ψ ∂ψ
G ny + nz = 0
∂y ∂z

Questa equazione e la (4.41) sono certamente verificata se ψ = cost in tutti i punti


della sezione. Dunque, a meno di una inessenziale traslazione, si può assumere
4
La dimostrazione delle (4.43) non è immediata. È possibile mostrare che, se è valida la (4.9)
con σ x = 0, allora esiste una funzione φ (y, z) tale che
∂φ ∂φ
τ xy = τ xz = −
∂z ∂y
Se dy, dz sono le componenti di un tratto dl del bordo della sezione, ed ny ,nz sono le componenti del
vettore normale a dl, è facile controllare che ny = dz/dl, nz = −dy/dl. Quindi le (4.8) divengono

∂φ dz ∂φ dy dφ
τ xy ny + τ xz nz = + = =0
∂z dl ∂y dl dl
da cui si deduce che φ = cost lungo il bordo della sezione. Quindi
Z Z Z Z
∂φ
τ xy dA = dA = − φdy = −φ dy = 0
A A ∂z C C
R
dove C è il contorno della sezione e l’integrale C dy è nullo poiché il punto finale Re quello iniziale
del percorso di integrazione coincidono. In modo del tutto analogo si mostra che A τ xz dA = 0.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


78 Capitolo 4 La trave

ψ = 0, ovvero la sezioni circolari non si ingobbano per effetto della deformazione


indotta dalla torsione.
Dalle (4.40) troviamo ora che

τ xy = −Gθz τ xz = Gθy (4.45)

Sostituendo queste nelle equazioni di equilibrio globale sulle basi (4.43) e (4.44)
troviamo:
Z Z
Vy = τ xy dA = −Gθ zdA = 0 (4.46a)
ZA Z A
Vz = τ xz dA = Gθ ydA = 0 (4.46b)
A A
Z Z
¡ 2 ¢
Mx = (τ xz y − τ xy z) dA = Gθ y + z 2 dA = GθJG (4.47)
A A

Nelle (4.46) gli ultimi integrali sono nulli poiché coincidono con i momenti statici del-
la sezione relativi ad assi baricentrici; questi risultati confermano quanto anticipato
in forma generale nelle (4.43). Nella (4.47)
Z Z R
2 πR4
JG = r dA = 2π r3 dr = (4.48)
A 0 2

è il momento d’inerzia polare (relativo al baricentro) della sezione circolare.


Dalla (4.47) si trova facilmente che
Mx 2Mx
θ= = (4.49)
GJG πR4 G
e quindi, sostituendo nelle (4.45),
Mx 2Mx
τ xy = − z =− 4z (4.50a)
JG πR
Mx 2Mx
τ xz = y= y (4.50b)
JG πR4
Le tensioni tangenziali variano linearmente con la distanza dal centro della sezione
e raggiungono il massimo lungo la circonferenza di bordo dove valgono in modulo:
¯ ¯ ¯ ¯
¯ Mx ¯ ¯ 2Mx ¯
τ max = ¯¯ R¯ = ¯ ¯ (4.51)
JG ¯ ¯ πR3 ¯

La rigidezza torsionale della trave è definita come il rapporto tra il momento e la


rotazione relativa delle basi da questo prodotta. Poiché la rotazione è θl (l lunghezza
del cilindro) la rigidezza risulta, tenendo conto della (4.49):

Mx GJG πR4 G
Kx = = = (4.52)
θl l 2l

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 79

R
R
τmax τmin τmax
G
Ri

Figura 4.22: Distribuzione delle tensioni prodotte dalla torsione in una sezione
circolare piena ed in una cava.

4.5.2 Sezione circolare cava


Per la sezione anulare valgono le stesse considerazioni fatte per la sezione circolare
piena, da cui si può concludere che la funzione di ingobbamento ψ è nulla. Quindi,
applicando l’equilibrio alla rotazione (4.47), si giunge allo stesso risultato, con la sola
differenza che in questo caso il momento d’inerzia polare JG è quello della sezione
cava:
π (R4 − Ri4 )
JG =
2
dove R è il raggio esterno ed Ri il raggio del foro. Le tensioni variano linearmente
e sono minime in corrispondenza del contorno interno e massime su quello esterno
¯ ¯ ¯ ¯
¯ 2Mx Ri ¯ ¯ 2Mx R ¯
¯
τ min = ¯ ¯ τ max = ¯¯ ¯ (4.53)
π (R4 − Ri4 ) ¯ π (R4 − Ri4 ) ¯

Esempio 4.5 Determinare la tensione tangenziale massima e la torsione θ in un cilindro


in acciaio di sezione circolare con R = 5 cm soggetto ad un momento torcente Mx =
20 kN m. Determinare le stesse grandezze in un cilindro cavo dello stesso diametro e
soggetto alla stessa sollecitazione, con raggio del foro Ri = 3 cm.
Applicando la (4.51) si ottiene

2Mx 2 · 20000
τ max = 3
= = 101859000 Pa = 101.859 MPa
πR π · 0.053
Per l’acciaio si può assumere E = 205000 MPa e ν = 0.3; il modulo di taglio si calcola
applicando la (3.8):

E 205000
G= = = 78850 MPa
2 (1 + ν) 2 (1 + 0.3)

La rigidezza Kx , data dalla (4.52) è, a meno di l

πR4 G π0.054 · 7.885 · 1010


Kx l = = = 774070 N m2 = 774.07 kN m2
2 2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


80 Capitolo 4 La trave

e quindi la torsione θ risulta


Mx 20 rad
θ= = = 0.026
Kx l 774.07 m

Ripetendo gli stessi calcoli per la sezione cava, con Ri = 3 cm, si ha:
2Mx R
τ max = ¡ ¢ = 117.026 MPa
π R4 − Ri4
¡ ¢
π R4 − Ri4 G
Kx l = = 673.751 kN m2
2
Mx rad
θ= = 0.03
Kx l m
È interessante osservare che sia in termini di tensione massima sia di rigidezza e rotazione,
i valori trovati per la sezione cava sono poco diversi da quella piena, in virtù dello scarso
contributo fornito dalle parti più interne della sezione. Tenendo conto che in termini
di area (e quindi di peso) il rapporto tra la sezione cava e quella piena è 0.64, mentre
l’incremento nella τ max è solo del 15%, si comprende chiaramente che le sezioni cave sono
particolarmente efficienti nel sostenere la sollecitazione di torsione. ¤

4.5.3 Sezione rettangolare sottile


Nel caso di una sezione rettangolare, come quella in Fig. 4.23, in cui il rapporto tra
i lati hb ¿ 1, possiamo assumere, con l’esclusione di due zone prossime ai lati brevi
e di analoga estensione, che la componente τ xz sia nulla. In effetti sui lati lunghi,
dove ny = 0, nz = ±1, le condizioni al contorno (4.8) richiedono che τ xz = 0; in
virtù del piccolo spessore della sezione possiamo estendere questa condizione anche
ai punti interni; imponendo questa condizione alla (4.40c) si ricava che
µ ¶
∂ψ
τ xz = G θy + =0
∂z
da cui integrando ed a meno di una inessenziale costante, segue

ψ = −θyz (4.54)

che evidentemente verifica le equazioni di equilibrio indefinito (4.41). Applicando la


(4.54) alla (4.40b) si ricava
µ ¶
∂ψ
τ xy = G −θz + = −2Gθz τ xz = 0 (4.55)
∂y

Come si è detto le (4.55) non valgono nelle zone prossime ai lati brevi, dove per
le condizioni al contorno, essendo ny = ±1, nz = 0, deve risultare τ xy = 0. Per
tener conto di quello che avviene nelle zone terminali, ricordiamo quanto detto nella
nota 3 a pag. 76; per la continuità le linee di flusso devono essere chiuse e quindi
in prossimità dei lati brevi roteranno, fino a divenire parallele a z, come mostrato

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 81

z
b
y
h

Figura 4.23: Sezione rettangolare sottile.

b
Fz Fz τmax
b/2

b/2

(2/3)b Fy
(a) (b) (c)

Figura 4.24: Flusso e risultanti delle tensioni prodotte dalla torsione in una sezione
rettangolare sottile.

in Fig. 4.24a.
¯R Per la continuità
¯ ¯dovremo avere che,
¯ nella sezione contenente l’asse
¯ h/2 ¯ ¯R b/2 ¯
y, si abbia ¯ 0 τ xz (y, 0) dy ¯ = ¯ 0 τ xy (0, z) dz ¯. Questa condizione è certamente
soddisfatta se si assume che le τ xz siano non nulle solo nel triangolo di base b ed
altezza b/2 mostrato in Fig. 4.24b e crescano con legge lineare, come illustrato nella
stessa figura (c), in modo tale che τ xz max = τ xy max .
Per calcolare il valore delle tensioni e la deformazione si impongono le equazioni
di equilibrio globale sulle basi. Il momento risultante delle tensioni τ xy , trascurando
l’effetto dei tratti terminali, è
Z h/2 Z b/2 Z h/2 Z b/2
b3
Mx(1) =− τ xy zdydz = 2Gθ dy z 2 dz = Gθh
−h/2 −b/2 −h/2 −b/2 6

Analogamente anche le tensioni τ xz formano una coppia, con braccio ∼ h; le forze


Fz della coppia equivalgono al volume della piramide, illustrata in Fig. 4.24c, di base

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


82 Capitolo 4 La trave

b × τ max e altezza b/2. Per quanto detto τ max = |τ xy (b/2)| = Gθb e quindi
1 b b3
Fz = b (Gθb) = Gθ
3 2 6
Dunque il momento risultante delle tensioni sulle basi è
b3 b3 1
Mx = Mx(1) + Fz h = Gθh + Gθ h = Gθb3 h
6 6 3
da cui deriva
3Mx
θ= (4.56)
Ghb3
che sostituita nella (4.55) fornisce
6Mx
τ xy = − z (4.57)
hb3
Il modulo della tensione massima, che si raggiunge sul bordo della sezione per z =
±b/2, risulta ¯ µ ¶¯
¯ b ¯ 3Mx
τ max = ¯τ xy ± ¯¯ =
¯ (4.58)
2 hb2
La rigidezza della sezione si ottiene applicando la (4.56) alla definizione (4.52):
Mx Ghb3
Kx = = (4.59)
θl 3l

4.5.4 Profili aperti


La soluzione trovata, valida per le sezioni rettangolari sottili, è molto utile poiché la
sua applicazione può essere estesa a tutti quei profili “aperti”, cioè semplicemente
connessi, che si possono considerare come l’unione di profili rettangolari di piccolo
spessore (piatti). Queste sezioni sono molto comuni nelle costruzioni metalliche,
poiché i “profilati metallici” comunemente impiegati (sezioni a doppio T, a T, a C,
ad L, ecc.) sono riconducibili a questo schema (vedi Fig. 4.25). Per queste sezioni
il flusso delle tensioni tangenziali non è molto diverso se i piatti sono collegati tra
loro, come in (c), ovvero se sono separati, come in (d). Ovviamente, trattandosi di
un’unica sezione, l’angolo di torsione θ sarà lo stesso per tutti gli elementi che la
compongono. Quindi la rigidezza complessiva della sezione si ottiene come somma
delle rigidezze dei piatti componenti.
Indicando con bi , hi le dimensioni del piatto i in cui è decomposta la sezione, la
rigidezza complessiva, applicando la (4.59), è:
X
n
GX 3
n
Kx = Kxi = b hi (4.60)
i=1
3l i=1 i

Dalla definizione di rigidezza segue che


Mx 3Mx
θ= = Pn 3 (4.61)
lKx G i=1 bi hi

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 83

(a) (b) (c) (d)

Figura 4.25: Sezioni composte con elementi rettangolari sottili.

dove Mx è il momento torcente sulla sezione. Poiché, per ogni profilato, τ max j =
|Gθbj |, sostituendo la (4.61), ricaviamo:

3Mx
τ max j = Pn 3 bj (4.62)
i=1 bi hi

Di conseguenza la tensione tangenziale massima nella sezione si raggiunge nell’ele-


mento di spessore maggiore.

4.5.5 Sezioni tubolari di spessore sottile


Nelle travi con sezione tubolare, la continuità del flusso delle tensioni tangenziali è
conservata facendo circolare le tensioni nella stessa direzione all’interno della parete
del tubo, come è mostrato in Fig. 4.25. La condizione di continuità del flusso si
R h/2
soddisfa semplicemente imponendo che −h/2 τ xt dh = cost, dove h indica lo spessore
£ ¤
della parete del tubo e τ xt è il modulo del vettore τ = τ xy τ xz che, come sappia-
mo, è parallelo alla tangente al bordo della sezione. Questa condizione di continuità
si può dimostrare direttamente, sulla base delle sole condizioni di equilibrio5 . Sezio-
nando un tratto della parete del tubo di lunghezza dx, lungo le sezioni agiscono le
tensioni tangenziali τ xt = τ tx , per reciprocità. L’equilibrio del corpo lungo x impone
che (vedi Fig. 4.27)
Z h1 /2 Z h2 /2
dx τ xt1 dh = dx τ xt2 dh
−h1 /2 −h2 /2
Z h/2
da cui si ricava immediatamente che l’integrale τ xt dh si conserva in tutti i punti
−h/2
lungo il perimetro della sezione. Se si assume che lo spessore della parete del tubo
è sottile in confronto alle dimensioni della sezione, è lecito assumere che, attraverso
5
Questo non deve sorprendere, perché l’equazione nella nota 3 a pag. 76, da cui derivava la
proprietà generale della continuità del flusso era una conseguenza delle sole equazioni di equilibrio.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


84 Capitolo 4 La trave

y
G

Figura 4.26: Flusso delle tensioni tangenziali prodotte dalla torsione in una sezione
tubolare di piccolo spessore.

τxt2
h2
h x
τxt1 h1

y G dx
(b)

(a)
z

Figura 4.27: Equilibrio di una parte delle parate di un tubo sollecitato a torsione.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 85

h
h
ds δ

y δ G dΩ
Ω Mx τ⋅ds·h
(b)
(a)
z

Figura 4.28: Momento risultante delle tensioni tangenziali in una sezione tubolare
sottile.
Z h/2
lo spessore, τ xt ∼ cost e pertanto τ xt dh ' τ xt h. La condizione di continuità
−h/2
diviene quindi, ancor più semplicemente, che

τ xt h = cost (4.63)

in tutti i punti lungo il perimetro della sezione.


Considerando un tratto della sezione di lunghezza ds (Fig. 4.28b) la risultante
delle tensioni agenti su questo tratto è una forza dF = τ xt hds, tangente alla linea
mediana (tratteggiata in Fig. 4.28a) tra il bordo interno e quello esterno della parete.
Il momento della forza dF rispetto all’asse x è

dMx = dF δ = τ xt hdsδ = 2τ xt hdΩ (4.64)

dove con δ si è indicato il braccio di dF rispetto a G, ovvero la distanza tra G e la


retta tangente alla linea media nel punto di applicazione della forza. dΩ = δds/2 è
l’area di un triangolo di base ds ed altezza δ; al variare di ds lungo la linea media
questi triangoli, non sovrapposti, riempiono tutta l’area Ω interna alla linea media;
quindi integrando la (4.64) lungo tutto il contorno, si ottiene:
I I
Mx = dMx = 2τ xt h dΩ = 2τ xt hΩ (4.65)

in quanto, per la (4.63), τ xt h non varia e quindi può essere posto fuori dal segno di
integrale. Dalla (4.65) si deduce quindi facilmente il valore di τ xt :

Mx
τ xt = (4.66)
2hΩ

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


86 Capitolo 4 La trave

La (4.66), nota come formula di Bredt, mostra come la tensione tangenziale è


inversamente proporzionale allo spessore e raggiunge il massimo nei punti in cui
h = min.
Le forze di taglio Vy e Vz risultanti delle (4.66) sono ovviamente nulle, come
è facile verificare. Indicando con α l’angolo formato dal vettore τ (e quindi dalla
tangente alla linea mediana) con l’asse y si ha τ xy = τ xt cos α e τ xz = τ xt sin α;
quindi, calcolando le risultanti si ottiene
I I
Mx
Vxy = (τ xt cos α) hds = dy = 0
2Ω
I I
Mx
Vxz = (τ xt sin α) hds = dz = 0
2Ω
poiché ds cos α = dy e ds sin α = dz e l’integrale lungo un percorso chiuso di un
differenziale esatto è sempre nullo.
Per valutare la rigidezza torsionale del tubo confrontiamo il lavoro di deforma-
zione con quello delle forze esterne, come indicato nel §3.3. Poiché le tensioni tan-
genziali sono le sole non nulle, le deformazioni sono gli scorrimenti γ xt proporzionali
a queste tensioni e quindi il lavoro elastico per unità di volume è

dLV 1 1 τ 2xt
= τ xt γ xt =
dV 2 2 G
Sostituendo l’espressione (4.66) si τ xt ed integrando su tutto il volume del corpo, si
ha: Z Z I 2 I
1 l τ xt Mx2 l ds
LV = dLV = dx hds = 2
V 2 0 G 8Ω G h
Poiché per le (4.38) lo spostamento nel piano yz della sezione di ascissa x è una
rotazione di ampiezza θx, il lavoro fatto dalle coppie di momenti opposti, applicati
sulle basi del cilindro di lunghezza l è
1
LF = Mx (θl)
2
Quindi dall’uguaglianza tra il lavoro interno LV e quello esterno LF si ricava facil-
mente il valore dell’angolo di torsione θ:
I
Mx ds
θ= (4.67)
4Ω2 G h
La rigidezza torsionale della trave, rapporto tra i momento e la rotazione prodotta,

Mx 4GΩ2
Kx = = I (4.68)
θl
l dsh

Esempio 4.6 Calcolare la tensione massima e la rotazione nella sezione di estremità in


una mensola lunga 2 m realizzata con un profilato tipo HEB200 soggetta ad un momento

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.5 Torsione 87

200 9

15
200

Figura 4.29: Sezione dell’esempio 4.6.

torcente Mx = 2.5 kN m.Le dimensioni della sezione (in mm) sono illustrate in Fig. 4.29.
Per applicare la (4.62) dobbiamo determinare il fattore
3
X
b3i hi = 200 · 153 · 2 + (200 − 30) · 93 = 1 473 930 mm4
i=1

Esprimendo Mx in N mm, poiché la tensione tangenziale massima si raggiunge negli


elementi di spessore maggiore, con la (4.62) otteniamo:

3Mx 3 · 2.5 · 106


τ max = P3 3 bmax = 15 = 76.3 MPa
i=1 bi hi
1473930

La rotazione relativa delle due sezioni di estremità, applicando la (4.61) è

3M 3 · 2.5 · 106
θl = Pn x 3 l = 2000 = 0.129 rad = 7.395 ◦
G i=1 bi hi 78846 · 1473930

Esempio 4.7 Calcolare la massima tensione tangenziale nella sezione scatolare di Fig. 4.30
soggetta al momento Mx = 2.5 kN m. Determinare il momento che produce la stessa ten-
sione massima dell’esercizio precedente e la rotazione prodotta da quest’ultimo momento
se la trave ha lunghezza l = 2 m.
L’area Ω racchiusa nella linea mediana dello spessore è

Ω = (200 − 9) (200 − 15) = 35335 mm2

quindi, applicando la (4.66) risulta:

Mx 2.5 · 106
τ max = = = 3.93 MPa
2Ωbmin 2 · 35335 · 9
Invertendo questa relazione si ottiene il valore del momento che produce la tensione
raggiunta nella sezione dell’esercizio precedente:

M̄x = 2Ωbmin τ̄ max = 2 · 35335 · 9 · 76.3 = 48.592 · 106 N mm = 48.592 kN m

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


88 Capitolo 4 La trave

200 15

200

Figura 4.30: Sezione dell’esempio 4.7.

La rotazione tra le sezioni di estremità prodotta da questo momento è data dalla (4.67)
con I µ ¶
ds 200 − 9 200 − 15
=2 + = 66.578
h 15 9
e quindi
I
Mx ds 48.592 · 106
θl = l 2 = 2000 66.578 = 0.016 rad = 0.941 ◦
4Ω G h 4 · 353352 · 78846
¤

I due precedenti esempi mettono bene in luce la forte differenza di comporta-


mento torsionale delle due sezioni, che sono praticamente equivalenti come resistenza
flessionale e che hanno aree (e quindi pesi) non molto diverse (75.3 cm2 la prima,
90.6 cm2 la seconda; rapporto 1.20). A parità di massima tensione, la seconda
sostiene un momento 19.4 volte maggiore, e questo momento produce una defor-
mazione θ che è 0.129/0.016 = 8.06 volte minore di quella prodotta nella sezione
aperta dal momento di 2.5 kN m (a parità di momento il rapporto tra le rotazioni è
8.06 · 19.4 = 156.4).

4.6 Sollecitazione di taglio


Come per la torsione, la soluzione del problema di Saint Venant in presenza di una
sollecitazione di taglio Vy o Vz è piuttosto complessa e comunque dipende dalla forma
della sezione. Soluzioni analitiche sono disponibili solo per le geometrie più semplici
(p.es. sezione circolare), mentre per altre, come nel caso della sezione rettangolare,
esistono più laboriose soluzioni ottenute mediante sviluppi in serie. Fortunatamente,
per le sezioni rettangolari sottili, si trova facilmente una soluzione approssimata, ma
di ottima accuratezza, che viene generalmente utilizzata nelle applicazioni. L’impor-
tanza di questa soluzione deriva, oltre dalla sua semplicità, dal fatto che le sezioni

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.6 Sollecitazione di taglio 89

σx(x) σx(x+dx)
My(x) My(x+dx)

x
x
z

Vz(x) Vz(x+dx)
z z
dx dx

(a) (b)

Figura 4.31: Equilibrio di un concio di trave sollecitata a flessione e taglio.

in acciaio, composte con piatti profilati, rispondono quasi sempre alle condizioni di
validità di questa soluzione. In altri casi, ove queste condizioni sono verificate con
minor rigore, la soluzione di Jourawski è generalmente ritenuta un’approssimazione
sufficiente ai fini pratici della progettazione.
Consideriamo quindi un concio di trave di lunghezza dx soggetto alle sollecita-
zioni di flessione e di taglio. Per semplicità tratteremo il caso della flessione retta, in
cui l’asse del momento coincide con uno degli assi principali d’inerzia (y) e la forza
di taglio è diretta secondo l’asse ortogonale (z); la soluzione del caso generale della
flessione deviata si ottiene per sovrapposizione di due flessioni rette.
Per l’equilibrio del concio di trave otteniamo immediatamente l’equazione se-
guente
−My (x) + My (x + dx) − Vz dx = 0
dMy
da cui, poiché My (x + dx) = My (x) + dx
dx, si deduce
dMy
Vz = (4.69)
dx
la ben nota equazione dell’equilibrio indefinito delle travi.
La variazione del momento tra le due sezioni di ascissa x ed x + dx produce una
variazione nelle tensioni normali agenti sulle corrispondenti sezioni. Applicando la
(4.26) abbiamo
My (x)
σ x (x) = z (4.70)
Jy
Supponiamo ora di tagliare il concio con un piano parallelo a xy posto a distanza z̄
dal baricentro, come mostrato nella Fig. 4.32. La risultante delle tensioni normali
Fx (x) agenti su quella parte della sezione che ha ordinata z > z̄ è:
Z Z
My (x) My (x) ∗
Fx (x) = σ x (x, y, z) dA = zdA = Sy (z̄) (4.71)
A∗ Jy A∗ Jy

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


90 Capitolo 4 La trave

σx(x+dx,y,z)
y G y b( z )
b( z ) z Fx(x+dx)
τxz
A*
σx(x,y,z) dx
z Fx(x)
z

(a) (b) (c)

Figura 4.32: Equilibrio di una parte di un concio di trave.

Nella (4.71)R A∗ indica l’area della sezione al di sotto del piano di ordinata z̄ (Fig. 4.32)
e Sy∗ (z̄) = A∗ zdA è il momento statico, relativo all’asse y, di tale area. Sulla parte
del concio considerata agiscono, in direzione x, sulle due sezioni contrapposte, le
forze −Fx (x) e Fx (x + dx) e, sulla sezione parallela al piano xy, la risultante delle
tensioni tangenziali
Z b/2
dTzx = dx τ xz (x, y, z̄) dy (4.72)
−b/2
Per l’equilibrio del concio dovrà essere soddisfatta l’equazione:
−Fx (x) + Fx (x + dx) − dTzx = 0
Tenendo conto che Fx (x + dx) = Fx (x) + dF dx
x
dx, sostituendo si ha, dopo aver
semplificato
dFx
dx − dTzx = 0
dx
ovvero Z b/2
dT dFx
= τ xz (x, y, z̄) dy =
dx −b/2 dx
Sostituendo l’espressione (4.71) di Fx (x) e tenendo conto della (4.69) otteniamo:
Z b/2
dMy Sy∗ (z̄) Sy∗ (z̄)
τ xz (x, y, z̄) dy = = Vz (4.73)
−b/2 dx Jy Jy
Indicando con τ̄ xz il valore medio della tensione tangenziale lungo lo spessore
1
R b/2
della sezione, sarà τ̄ xz (x, z̄) = b(z̄) τ (x, y, z̄) dy e, di conseguenza:
−b/2 xy

Sy∗ (z̄)
τ̄ xz (x, z̄) = Vz (4.74)
Jy b (z̄)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.6 Sollecitazione di taglio 91

y τxz

Figura 4.33: Distribuzione delle tensioni tangenziali prodotte dal taglio in una
sezione rettangolare sottile.

4.6.1 Sezioni rettangolari sottili


Nel caso di sezioni rettangolari di piccolo spessore è ragionevole trascurare la varia-
bilità delle tensioni τ xz nello spessore della sezione. Inoltre, sul contorno, essendo
nz = 0, la condizione di equilibrio (4.8) diviene τ xy = 0; appare quindi lecito as-
sumere che le componenti τ xy siano ovunque nulle, mentre le componenti τ xz sono
date dalla (4.74), che ora diviene

Sy∗ (z̄)
τ xz (z̄) = Vz (4.75)
Jy b
³ ´
h2
Quindi, poiché per una sezione rettangolare di dimensioni b, h si ha Sy∗ (z̄) = 12 b 4
− z̄ 2
1
e Jy = 12
bh3 , la (4.75) diviene:
³ ´ "
1
b h2
− z̄ 2 µ ¶2 #
2 4 3 Vz 2z̄
τ xz (ȳ) = Vz 1 = 1− (4.76)
12
bh3 b 2 bh h

Nelle sezioni rettangolari (sottili) la tensione tangenziale varia con legge parabo-
lica che si annulla agli estremi (z̄ = ±h/2) ed è massima nel baricentro (z̄ = 0), ove
si ha
Vy
τ xz max = 1.5 (4.77)
bh
L’andamento delle tensioni τ xy in una sezione rettangolare è illustrato nella Fig. 4.33.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


92 Capitolo 4 La trave

y τxy

τxz

Figura 4.34: Influenza della variazione dello spessore della sezione sullo stato
tensionale prodotto dal taglio.

4.6.2 Sezioni simmetriche di forma arbitraria


Per le sezioni simmetriche compatte, come quella in Fig. 4.34, si applica la (4.74)
che fornisce il valore medio della tensione τ xz tenendo conto dello spessore della se-
zione in corrispondenza della fibra di ordinata z. Tuttavia, quando il contorno della
sezione non ha tangente parallela all’asse z, per rispettare le equazioni (4.8) occorre
la presenza anche delle componenti τ xy , come è chiarito nella Fig. 4.34. Sul bordo il
valore di queste componenti si determina facilmente, mediante le (4.8), in funzione
del valore medio delle τ xy . Nell’interno della sezione la soluzione approssimata non
ci consente di determinare univocamente queste componenti; tuttavia, poiché per
simmetria queste devono annullarsi al centro è ragionevole assumere che esse rag-
giungeranno il valore massimo agli estremi; un criterio ragionevole per approssimare
queste componenti consiste nell’assumere che i vettori τ delle tensioni agenti nei
punti con la stessa ordinata ȳ convergano tutti nello stesso punto C, intersezione
delle tangenti alla linea di bordo, come è mostrato nella Fig. 4.34.

4.6.3 Sezioni a T
Nel caso di sezioni con ali, come le sezioni a T, a doppio T, ad L, a C, ecc., oltre
che eseguire sezioni dell’anima con piani paralleli agli assi xy, è possibile eseguire
delle sezioni nelle ali con piani paralleli a xz, come mostrato in Fig. 4.35. Ponendo
in equilibrio il concio di trave sezionato si ottiene un’equazione simile alla (4.74) ma
ora le tensioni tangenziali che fanno equilibrio alla variazione delle σx sono le τ xy .
Sulle ali pertanto agiscono le tensioni τ xz il cui valore, medio sullo spessore, è

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.6 Sollecitazione di taglio 93

x x
y y

τxz

τxy
z z

Figura 4.35: Sezioni ad I sollecitate a taglio: tensioni nell’anima e nelle ali.

dato dalla formula


Sy∗ (ȳ)
τ xy (ȳ) = Vz (4.78)
Jy a

dove Sy∗ (ȳ) indica il momento statico, sempre relativo all’asse y, della parte di ala
sezionata dal taglio di coordinata ȳ, a è lo spessore dell’ala e gli altri simboli hanno il
significato già illustrato in precedenza. Poiché la distanza dall’asse y del baricentro
della parte di ala sezionata non cambia spostando il piano di sezione, il momento
statico varia linearmente con ȳ e quindi altrettanto fa τ xy . Sezionando invece l’ala
con un piano parallelo a xy ed applicando la (4.74), poiché b è molto grande (pari
alla larghezza dell’ala) il valore medio della tensione τ xz risulta molto piccolo; al
contrario, quando il piano taglia l’anima, il valore di b coincide con lo spessore
dell’anima ed il valore di τ xz risulta molto maggiore; avvicinando la linea di sezione
al baricentro (dove τ xz raggiunge il valore massimo) la tensione non aumenta molto,
poiché il contributo dominante ad Sy∗ è dato dalle ali, mentre quello dell’anima è
relativamente modesto. Questi fatti sono illustrati nell’esempio seguente.

Esempio 4.8 Determinare il diagramma delle tensioni tangenziali sulla sezione a doppio
T HEB 200, le cui dimensioni sono riportate nell’esempio 4.6, soggetta ad una forza di
taglio Vz = 100 kN.
Tensione nelle ali. La tensione τ xy è nulla ai bordi e raggiunge il massimo all’attacco
dell’ala con l’anima (ȳ = 4 mm). Per questa sezione

Sy∗ (ȳ = 4 mm) = 15 · (100 − 4.5) (100 − 7.5) = 132506 mm3

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


94 Capitolo 4 La trave

τxy

τxz

200 9

15
200

Figura 4.36: Distribuzione delle tensioni tangenziali nella sezione dell’esempio 4.8.

e quindi, poiché Jy = 5696 cm4 , a = 15 mm


132506
τ xy max = 100000 = 15.51 MPa
5.696 · 107 · 15
Tensione τ xz al bordo delle ali.
Sy∗ (z̄ = 15 mm) = 200 · 15 · (100 − 7.5) = 277500 mm3
per b = 200 mm
277500
τ xz1 = 100000 = 2.44 MPa
5.696 · 107 · 200
All’attacco dell’anima, b = 9 mm
277500
τ xz2 = 100000 = 54.13 MPa
5.696 · 107 · 9
Nel baricentro, Sy∗ (z̄ = 0) = 277500 + 12 9 · (100 − 15)2 = 310012 mm3
310012
τ xz max = 100000 = 60.47 MPa
5.696 · 107 · 9
I diagrammi di queste tensioni sono rappresentati in Fig. 4.36. ¤

Osservando la figura, si nota che nell’anima la tensione tangenziale è quasi uni-


forme; inoltre la parte prevalente della forza di taglio è sostenuta dall’anima; in
prima approssimazione, per le sezioni a doppio T, si può dunque porre:
Vy
τ xy ≈
bh
dove b è lo spessore dell’anima e h l’altezza della sezione.
Nel caso dell’esercizio precedente
100000
τ xy = = 55.5 MPa
9 · 200

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.6 Sollecitazione di taglio 95

∫τ xy dA = H

ey ey
Vz ty Vz
∫ τ xzdA = Vz G
ez h Ct

Figura 4.37: Effetti del taglio su di una sezione asimmetrica e centro di taglio della
sezione.

4.6.4 Sezioni asimmetriche, centro di taglio


Nel caso di sezioni simmetriche soggette ad una forza di taglio passante per il bari-
centro e parallela all’asse di simmetria (p.es. z), il sistema risultante delle tensioni
tangenziali calcolate con le formule ricavate in precedenza, ottenute ipotizzando una
distribuzione uniforme delle tensioni nello spessore, coincide effettivamente con una
forza baricentrica; la soluzione trovata è quindi in equilibrio con le forze assegnate.
Al contrario questo non si verifica quando la sezione non è simmetrica rispetto al-
l’asse di sollecitazione. Il motivo è illustrato chiaramente nell’esempio in Fig. 4.37,
dove è mostrato il caso di una sezione a C. Come si vede, per quanto detto nel para-
grafo precedente, nell’anima della trave nascono delle tensioni τ xz la cui risultante
equilibria la sollecitazione Vz mentre nelle ali si sviluppano delle tensioni τ xy il cui
sistema risultante è una coppia di forze
Z
H = τ xy dA

= h − a (a è P
(l’integrale è esteso all’area di una delle ali) con braccio ezP lo spessore
delle ali). È evidente che queste tre risultanti, tali che Fz = Vz , Fy = 0,
producono anche un momento non nullo rispetto all’asse x (cioè torcente) pari a:
MxV = Vz ey + Hez (4.79)
dove ey è la distanza del baricentro dall’asse dell’anima della trave. Dunque il
sistema risultante associato alle tensioni τ xy e τ xz calcolate con le relazioni (4.74)
e (4.75) è una forza Vz ed un momento torcente MxV , dato dalla (4.79). Questo
sistema di forze è anche equivalente ad una forza Vz passante per il punto Ct (detto
centro di taglio) di ordinata:
µ ¶
MV x H
yC = = ey + ez = (ey + ty ) (4.80)
Vz Vz

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


96 Capitolo 4 La trave

avendo indicato con ty = Hez /Vz .


Dunque, per ottenere lo stato di tensione ipotizzato (τ uniforme nello spessore)
occorre che la risultante delle sollecitazioni passi non per il baricentro ma per un altro
punto, detto centro di taglio. Se Vz passa per il baricentro, lo stato di tensione non
può essere quello calcolato con le formule di Jourawski. Lo stato di tensione effettivo
si ottiene invece sovrapponendo alle tensioni calcolate con le formule di Jourawski,
quelle prodotte da un momento torcente −MV x . Infatti questi due sistemi di tensioni
sono in equilibrio con una forza Vz ed un momento torcente Mx = MV x − MV x = 0,
che corrisponde al sistema di forze effettivamente impresso.
Come abbiamo verificato su alcuni esempi, le sezioni a profilo aperto sono estre-
mamente sensibili alle sollecitazione di torsione, pertanto una sezione non simme-
trica sollecitata da una forza di taglio baricentrica e lasciata libera di torcersi sarà
soggetta ad una sollecitazione tangenziale τ xz molto maggiore di quella che si de-
sume applicando le sole formule di Jourawski, trascurando la torsione “parassita”
che nasce perché la forza non passa per il centro di taglio. Questo fatto è notevol-
mente pericoloso e va dunque evitato: le travi sollecitate a flessione e taglio, a meno
che i vincoli ne impediscano la rotazione torsionale, è opportuno che siano sempre
simmetriche rispetto all’asse di sollecitazione.

Esempio 4.9 Determinare le massime tensioni tangenziali che si producono in un pro-


filato U100 sollecitato dalla forza di taglio Vz = 30 kN passante per il baricentro.
Dimensioni del profilato: altezza h = 100 mm, larghezza delle ali B = 50 mm, spessore
dell’anima bw = 6 mm, spessore (medio) delle ali a = 8.5 mm; Momento d’inerzia relativo
all’asse y, Jy = 205 cm4 , distanza del baricentro dal filo esterno dell’ala ēy = 15.5 mm.
Calcolo delle tensioni. Applicando la (4.78), la tensione massima nelle ali è

Sy∗ (50 − 6) 8.5 (100 − 8.5) /2


τ (1)
xy = Vz = 30000 = 29.46 MPa
aJy 8.5 · 2.05 · 106

La tensione massima nell’anima si calcola similmente, applicando la formula (4.74) relati-


vamente a metà sezione:

Sy∗ (50) 8.5 (100 − 8.5) /2 + 6 (50 − 8.5)2 /2


τ (1)
xz = Vz = 30000 = 60.0 MPa
bw Jy 6 · 2.05 · 106

Risultante delle tensioni agenti su ciascuna ala

1 1
H = τ (1)
xy (B − bw ) a = 29.46 · (50 − 6) 8.5 = 5509 N
2 2
Momento torcente
µ ¶ µ ¶
bw 6
MxV = H (h − a) + Vy ē − = 5509 (100 − 8.5) + 30000 15.5 − = 879075 N mm
2 2

Tensioni prodotte dal momento torcente.


X
b3i hi = 2a3 B + b3w (h − 2a) = 2 · 8.53 50 + 63 (100 − 2 · 8.5) = 79340 mm4

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.6 Sollecitazione di taglio 97

γm

γm x
Vz

dx
(a) (b)

Figura 4.38: Deformazione prodotta dal taglio in una sezione rettangolare sottile
che mostra l’ingobbamento della sezione (a) e scorrimento medio della linea d’asse
(b).

Nelle ali
3Mx 3 · 879075
τ (2)
xy = P 3 a = 8.5 = 282.5 MPa
bi hi 79340
Nell’anima
3Mx 3 · 879075
τ (2)
xz = P 3 bw = 6 = 199.4 MPa
bi hi 79340
Le tensioni massime che si producono nella sezione, quando la forza non passa per il centro
di taglio ma per il baricentro della sezione sono quindi

τ xy = τ (1) (2)
xy + τ xy = 29.46 + 282.5 = 311.96 MPa
τ xz = τ (1) (2)
xz + τ xz = 60.0 + 199.4 = 259.4 MPa

Questo esempio dimostra chiaramente come le tensioni prodotte dalla torsione


siano molto maggiori di quelle che si avrebbero se l’asse di sollecitazione passasse per
il centro di taglio e chiarisce perché è opportuno che questa condizione sia sempre
soddisfatta.

4.6.5 Deformazione dovuta al taglio


Nel seguito faremo riferimento alle sezioni simmetriche, per cui sono valide le formule
(4.74) e (4.78) ricavate dalla teoria semplificata di Jourawski.
Alle tensioni tangenziali τ xz corrispondono proporzionali deformazioni γ xz ; que-
ste deformazioni variano nella sezione in modo analogo alle tensioni, annullandosi
agli estremi e raggiungendo il massimo in corrispondenza del baricentro. Un tale

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


98 Capitolo 4 La trave

campo di deformazioni non è compatibile con l’ipotesi della conservazione delle sezio-
ni piane; in presenza delle forze di taglio le sezioni rette, oltre a rotare, si ingobbano.
Il fenomeno è spiegato qualitativamente dal disegno in Fig. 4.38a. Immaginando di
suddividere un concio di trave di lunghezza infinitesima in tante striscioline, le stri-
scioline di estremità restano rettangoli, poiché lo scorrimento è nullo, quelle più
interne invece si deformano maggiormente, raggiungendo la massima deformazione
in corrispondenza dell’asse della trave. Ripristinando la continuità delle striscioline
si ottiene che la sezione assume la forma ad S mostrata nella figura. Quello che è
più importante, tuttavia, è che la sezione, mediamente, non resta più ortogonale alla
linea elastica, come si verificava nel caso della flessione pura, ma subisce una rota-
zione relativa indicata con γ m nella Fig. 4.38a (In questa figura le linee tratteggiate
indicano il piano medio della sezione — quella verticale — e la linea elastica — quella
sub-orizzontale —; se non vi fossero scorrimenti la linea elastica coinciderebbe con
l’asse x).
Per calcolare lo scorrimento medio γ m prodotto dal taglio utilizziamo l’ugua-
glianza tra il lavoro elastico fatto dalle tensioni τ xz , calcolate con le formule di
Jourawski ed il lavoro della forza di taglio Vz calcolato nell’ipotesi che la sezione
scorra rigidamente dell’angolo γ m . Ricordando che γ xz = τ xz /G (G = E/ [2 (1 + ν)]
è il modulo di taglio), il lavoro elastico di deformazione è, in un concio di lunghezza
dx Z Z 2
1 dx τ xz
dLV = τ xz γ xz dV = dA (4.81)
2 V 2 A G
dove l’integrale è esteso all’area della sezione. Le forze Vz subiscono uno spostamento
relativo γ m dx, come si vede nella Fig. 4.38b; il lavoro delle forze di taglio è 12 Vz γ m dx;
uguagliandolo a dLV si trova facilmente che
Z 2
1 τ xz
γm = dA
Vz A G

Utilizzando per τ xz la formula di Jourawski (4.74), dall’equazione precedente si


ricava Z ∙ ¸2
1 1 Vz Sy∗ (z)
γm = dA
Vz A G Jy b (z)
Quindi, portando fuori dall’integrale ciò che non dipende da y e z e semplificando,
si ottiene Z ∙ ∗ ¸
Vz Sy (z) 2
γm = dA (4.82)
GJy2 A b (z)
A questa espressione si è soliti dare una forma più sintetica, ponendo
Z ∙ ¸2
A Sy∗ (z)
χ= 2 dA (4.83)
Jy A b (z)

per cui la (4.82) diviene:


Vz Vz
γm = χ= (4.84)
GA GAt

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.6 Sollecitazione di taglio 99

dove At = A/χ è detta area di taglio della sezione. Si osservi che la quantità χ è
adimensionale e dipende dalla forma della sezione.
Per una sezione rettangolare l’area di taglio si può facilmente calcolare. Infatti
per una tale sezione di altezza h e base b si ha
µ 2 ¶ " µ ¶2 #
2
1 3 1 h bh 2z
A = bh Jy = bh Sy∗ (z) = b − z2 = 1−
12 2 4 8 h

Sostituendo queste relazioni nella (4.83) si ha


µ ¶2 Z Z " µ ¶2 #2
2 b/2 h/2
bh h 2z
χ= 2 6
144 dy 1− dz
bh 8 −b/2 −h/2 h

Svolgendo i calcoli si ottiene


χ = 1.2
Quindi, per una sezione rettangolare, l’area di taglio At = bh/1.2.
Per sezioni a doppio T, tenendo conto che in queste sezioni solo l’anima è
interessata a valori significativi della τ xz e che questi sono quasi costanti avremo
µ ¶2
1 1 Vz dx Vz2
dLV ∼ dx bw h =
2 G bw h 2 Gbw h
dove bw indica lo spessore dell’anima. Uguagliando questo lavoro a Vz γ m dx/2 si
ricava facilmente
Vz
γm '
Gbw h
ovvero l’area di taglio può essere approssimata con l’area dell’anima.
Per le travi snelle la deformazione prodotta dal taglio è molto più piccola di quella
prodotta dalla flessione, per cui viene solitamente trascurata. Per convincersi di
questo confrontiamo le deformazioni di flessione e taglio prodotte su di una mensola
di lunghezza l alla cui estremità libera è applicata una forza Fz . Le sollecitazioni
nella mensola, prendendo un riferimento con l’origine nella sezione di incastro sono
Vz = Fz My = Fz (x − l)
La deformazione prodotta dalla flessione è retta dalla (4.19), che qui riscriviamo
d2 u0z My
2
=−
dx EJy
Sostituendo ad My l’espressione funzione di Fz ed integrando due volte otteniamo
d2 u0z Fz
2
=− (x − l)
dx EJy
µ ¶
du0z Fz x2
= lx − + c1
dx EJy 2
µ 2 ¶
Fz x x3
u0z = l − + c1 x + c2
EJy 2 6

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


100 Capitolo 4 La trave

dove c1 e c2 sono costanti di integrazione che devono essere determinate ¯ per le


du0z ¯
condizioni di vincolo. Poiché per una mensola incastrata u0z (0) = 0 e dx x=0 = 0,
dalle precedenti si ottiene
c1 = 0 c2 = 0
per cui si ha µ 2 ¶
Fz x x3
u0z (x) = l − (4.85)
EJy 2 6
Lo spostamento massimo si ottiene all’estremità libera e vale

Fz l3
u0z (l) = (4.86)
3EJy

Per valutare la deformazione prodotta dal taglio, osserviamo la Fig. 4.38b, da


cui si vede che, se indichiamo con dutz lo spostamento relativo delle due facce, si ha
dutz = γ m dx, da cui ricaviamo
dutz
= γm
dx
Tenendo conto della (4.84) questa relazione diviene

dutz Vz
= (4.87)
dx GAt
Quindi, poiché nel caso in esame Vz = Fz = cost, ricaviamo per integrazione

Fz
utz (x) = x + c1
GAt

Ma ancora, dalla condizione che utz (0) = 0, segue che c1 è nullo e quindi

Fz
utz (x) = x (4.88)
GAt
Lo spostamento massimo all’estremità della mensola è

Fz
utz (l) = l
GAt

Confrontiamo ora questo spostamento con quello della flessione (4.86) calcolando
il loro rapporto
u0z (l) Fz l3 GAt G A l2
= =
utz (l) 3EJy Fz l E Jy 3χ
Avendo ricordato che At = A/χ. Poiché G = E/ [2 (1 + ν)] e Jy /A = ρ2z (ρz è il
giratore d’inerzia della sezione nella direzione z) sostituendo si ottiene

u0z (l) 1 l2 1 (l/ρz )2


= =
utz (l) 2 (1 + ν) ρ2z 3χ 6χ (1 + ν)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.7 Teoria tecnica della trave 101

Per una sezione rettangolare (χ = 1.2) e per un materiale con ν = 0.3, il denomi-
natore di questa espressione vale 9.36 ≈ 10; il numeratore
√ è invece la snellezza della
trave; sempre per una sezione rettangolare ρz = h/ 12 e quindi
µ ¶2 µ ¶2
u0z (l) 12 l l
≈ ≈
utz (l) 10 h h
Per definizione la trave è un solido cilindrico in cui il rapporto tra la dimensione
longitudinale l e quella trasversale h è molto maggiore di uno, quindi (l/h)2 À 1 e
questo conferma che, nelle travi snelle, il contributo della deformazione dovuta al
taglio è molto piccolo e può essere trascurato. In taluni casi tuttavia le soluzioni
di Saint Venant vengono estese anche alle travi tozze (per le quali l/h ∼ 1); in tali
situazioni il contributo della deformabilità a taglio diviene paragonabile ed anche
maggiore di quello dovuto alla flessione e quindi non può essere trascurato.

4.7 Teoria tecnica della trave


I risultati ottenuti nei precedenti paragrafi dallo studio del problema del solido di
Saint Venant (SV) si possono estendere, senza commettere un significativo errore,
alle travi reali, ossia a quegli oggetti di forma cilindrica con altezza notevolmente
maggiore delle dimensioni delle basi, che sono largamente impiegate nelle costruzioni
civili. Ovviamente la validità della soluzione ha, per le travi reali, gli stessi limiti di
quella del solido di SV e quindi può cadere in difetto in prossimità delle basi, quando
le condizioni di vincolo non si accordano con lo stato tensionale e deformativo che
risulta dalla soluzione di SV. Inoltre la soluzione è tanto più corretta quanto più la
situazione reale meglio approssima quella ideale. Il solido di SV è sollecitato solo in
corrispondenza delle basi, mentre le travi reali sono generalmente caricate lungo il
loro asse dal loro peso e dai carichi trasmessi dalle strutture portate (p.es. i solai).
Pertanto nel solido di SV il taglio è uniforme in tutte le sezioni ed il momento varia,
al più, con legge lineare. Nelle travi reali invece il taglio può variare per effetto dei
carichi distribuiti ed il momento seguire una legge non lineare; tuttavia, se queste
variazioni non sono troppo repentine, le tensioni indotte dai carichi nelle sezioni
della trave saranno molto simili a quelle calcolate con riferimento al solido di SV in
una sezione sollecitata con le stesse risultanti M e V .
A titolo di esempio, confrontiamo i risultati ottenuti applicando le soluzioni di SV
ad una trave sollecitata dal peso proprio e da un carico uniformemente distribuito,
con quelli dedotti dall’analisi di un modello ad elementi finiti, in cui il problema
“esatto” viene risolto numericamente, rispettando tutte le effettive condizioni al
contorno. Le caratteristiche geometriche della trave, che ha sezione rettangolare, le
proprietà del materiale ed i carichi sono riassunti nelle tabelle seguenti:

Luce (m) Base (cm) Altezza (cm) Carico (kN/m)


l=4 b=5 h = 20 p0 = 25
Modulo Elastico (MPa) Coeff. di Poisson Densità (kg/m3 )
E = 200000 ν = 0.30 γ = 7850

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


102 Capitolo 4 La trave

Figura 4.39: Mesh agli elementi finiti della trave.

Il carico complessivo agente sulla trave è la somma di quello distribuito e del


peso proprio. Quest’ultimo risulta

pp = bhγg = 0.05 × 0.2 × 7850 × 9.81 = 770 N/ m

e quindi p = p0 + pp = 25.77 kN/ m. Il momento in mezzeria della trave è pertanto

pl2 25.77 × 42
My (l/2) = = = 51.54 kN m
8 8
Le tensioni massime si raggiungono nei punti estremi della sezione, che in questo
caso hanno ascissa z1,2 = ±h/2 = ±0.1 m. Il momento di inerzia della sezione
rettangolare è
bh3 0.05 × 0.23
Jy = = = 3.33 × 10−5 m4
12 12
e di conseguenza i valori estremi delle tensioni in mezzeria saranno
µ ¶
l h My (l/2)
σx x = , z = ± = z1,2 =
2 2 Jy
51.54 × 103
= (±0.1) = ±1.546 × 108 Pa = ±154.6 MPa
3.33 × 10−5
Ripetendo
¡ ¢ lo stesso calcolo per x = l/4, si ha My (l/4) = 38.655 kN m e quindi
σ x 4l , ± h2 = ±115.96 MPa.Nella Fig. 4.39 è rappresentata metà trave e la “mesh”
con cui è stata discretizzata. Nella Fig. 4.42 la distribuzione delle tensioni normali
σx , sempre per metà trave, è rappresentata mediante colori; risulta evidente che l’an-
damento regolare delle tensioni è alterato in prossimità della base, dove le tensioni
devono annullarsi, mentre la componente σ z , mostrata in Fig. 4.41, è ovunque quasi
nulla, come previsto dalla teoria di SV, eccetto nella zona prossima all’appoggio,
dove localmente prende anche valori elevati. In modo più quantitativo, i diagrammi
delle tensioni normali, calcolati dal modello ad elementi finiti e relativi a due sezioni
(x = l/2 ed x = l/4), sono riportati nella Fig. ??. Come si vede l’andamento è per-
fettamente rettilineo, come previsto dalla soluzione di SV; inoltre i valori massimi
coincidono con quelli calcolati con le formule della flessione. Nella Fig. 4.43 sono
rappresentati, con diversi colori, i valori della tensione tangenziale τ xz ; anche in que-
sto caso l’andamento regolare è turbato in prossimità della sezione terminale, dove

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.7 Teoria tecnica della trave 103

Figura 4.40: Curve di livello delle tensioni normali σ x .

Figura 4.41: Curve di livello delle tensioni σz .

è evidente una concentrazione verso il punto di appoggio della trave.L’andamento


quantitativo di questa tensione nella sezione x = l/4 è mostrato in Fig. 4.45, ponen-
do a confronto i valori ottenuti con il modello ad elementi finiti (EF) con la soluzione
approssimata di Jourawski del problema di Saint Venant (SV). L’accordo è buono,
anche se non perfetto; in particolare la soluzione EF non si annulla in corrispon-
denza dei punti estremi della sezione. Tuttavia questo è un difetto della soluzione
numerica con elementi finiti, che non riesce a cogliere esattamente le condizioni sul
contorno, dove ovviamente le tensioni tangenziali dovrebbero annullarsi. Anche per
questo caso si può dunque concludere che la soluzione relativa al solido di SV si può
estendere alla trave reale.
Per ampliare i confronti abbiamo preso in esame un’altra trave, di dimensio-
ni identiche alla precedente, ma con l’appoggio terminale spostato di un metro, in
modo da ottenere una trave con una luce di 3 m ed uno sbalzo di un metro; nella
Fig. 4.45 è illustrato lo schema statico della trave ed il corrispondente diagramma

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


104 Capitolo 4 La trave

0.2

x = l/2 (analitico)
0.15 x = l/4 (analitico)
x = l/2 (E.F.)
x = l/4 (E.F.)
z (m)

0.1

0.05

0
-200 -100 0 100 200
σx (MPa)

Figura 4.42: Confronto tra le tensioni normali calcolate con la teoria di de Saint
Venant e quelle ottenute con l’analisi agli elementi finiti.

dei momenti flettenti per il caso che la trave sia soggetta allo stesso carico della
precedente, p = 25.77 kN/ m. In corrispondenza dell’appoggio B si verifica una forte
concentrazione delle tensioni, dovuta alla reazione vincolare dell’appoggio; questo
risulta evidente dalla Fig. 4.46, dove i valori della tensione normale σ x , relativamente
ad un tratto di trave vicino all’appoggio, sono rappresentati con una scala di colori.
Nel grafico in Fig. ?? sono rappresentati i grafici delle tensioni, calcolate con la teo-
ria di SV, relative a tre sezioni, poste ad intervalli di 5 cm, partendo dalla sezione
sopra l’appoggio; nello stesso grafico sono rappresentati, per punti, i valori ottenu-
ti dall’analisi con il metodo degli elementi finiti. Nella sezione in corrispondenza
dell’appoggio la soluzione ottenuta con gli elementi finiti si discosta apprezzabil-
mente da quella del solido di SV, principalmente nella parte inferiore della trave,

Figura 4.43: Curve di livello delle tensioni tangenziali τ xz .

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.7 Teoria tecnica della trave 105

0.2

0.15
E.F
SV
z (m)

0.1

0.05

0
0 -1 -2 -3 -4
τxz (MPa)

Figura 4.44: Confronto tra la distribuzione delle tenzioni tangenziali τ xz ad x = l/4


calcolata con la teoria di Jourawsky e quella ottenuta dal modello ad elementi finiti.

A B
-20

-10

0
M (kNm)

10

20

30
0 1 2 3 4
x (m)

Figura 4.45: Diagramma dei momenti di una trave appoggiata con sbalzo soggetta
a carico uniforme.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


106 Capitolo 4 La trave

Figura 4.46: Curve di livello della tensione normale σ x nella zona circostante il
secondo appoggio della trave di Fig. 4.45.

dove maggiore è l’effetto della reazione vincolare. Tuttavia, a soli 10 cm di distanza


dal punto di appoggio, la soluzione con gli elementi finiti praticamente coincide con
quella di SV (linee tratto e punto); si deve anche aggiungere che la schematizzazione
dell’appoggio con un vincolo puntiforme è ovviamente un’astrazione; nella realtà gli
appoggi hanno dimensioni finite e questo comporta una minor concentrazione delle
tensioni indotte dalla reazione, che quindi producono una minore alterazione del
campo delle tensioni previsto dalla teoria di SV.
I confronti riportati sopra servono a giustificare la teoria tecnica della trave, in cui
i risultati relativi al solido di SV vengono estesi alle travi reali, anche se le condizioni
richieste dalla soluzione teorica non sono rigorosamente verificate. Possiamo ora
riassumere i principali risultati ottenuti:
1. Forza normale e flessione. I valori della tensione normale σ x prodotta dalla
forza normale e dalla flessione sono dati dalla (4.23):
N My Mz
σx = + z− y (4.23)
A Jy Jz
L’equazione della linea d’asse della trave deformata si ottiene quindi integrando
le equazioni (4.18), (4.19) e (4.21):
du0x N
= (4.18)
dx EA
d2 u0z My
2
= − (4.19)
dx EJy
2
d u0y Mz
2
= (4.21)
dx EJz

2. Taglio. Per sezioni simmetriche (o comunque quando la risultante delle sol-


lecitazioni passa per il centro di taglio) le tensioni tangenziali prodotte dalla

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


4.7 Teoria tecnica della trave 107

0.2
EF x = 3.00 m
EF x = 3.05 m
EF x = 3.10 m
0.15 SV x = 3.00 m
SV x = 3.05 m
z (m) SV x = 3.10 m
0.1

0.05

0
-80 -40 0 40
σx (MPa)

Figura 4.47: Confronto tra le distribuzioni delle tensioni calcolate con la teoria di
de Saint Venant e con il metodo degli elementi finiti, in differenti sezioni prossime
al secondo appoggio della trave di Fig. 4.45.

sollecitazione di taglio si possono calcolare con la formula approssimata di


Jourawski (4.74):
Sy∗ (z̄)
τ xz (x, z̄) = Vz (4.74)
Jy b (z̄)
(analoga relazione si potrebbe scrivere per la componente di direzione y). Le
deformazioni prodotte dal taglio possono spesso essere trascurate in confronto
a quelle dovute alla flessione. Quando ciò non è possibile, il contributo aggiun-
tivo alla deformazione della linea d’asse prodotto dalle tensioni di scorrimento
è dato dalla formula approssimata (4.87)
dutz Vz
= (4.87)
dx GAt
dove At = A/χ è l’area di taglio della sezione ed il fattore di taglio χ dipende
dalla forma della sezione.
3. Torsione. Per la torsione non esiste un’unica formula facilmente applicabile a
tutte le sezioni. Per le sezioni circolari (piene e cave) esistono le semplici solu-
zioni (4.50) e (4.53). Particolarmente importante è la soluzione approssimata
valida per i tubi di piccolo spessore (4.66)
Mx
τ xt = (4.66)
2hΩ
Molto utile è anche la soluzione ottenuta per le sezioni rettangolari sottili
[eq. (4.56) e (4.58)] perché può essere impiegata per determinare lo stato ten-

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


108 Capitolo 4 La trave

sionale e la deformazione di qualsiasi profilo aperto realizzato collegando ele-


menti circa rettangolari di piccolo spessore (4.62); questo caso comprende la
maggior parte delle sezioni in acciaio profilate.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 5
Strutture in acciaio

5.1 Tensione ideale (von Mieses)


Nel caso che lo stato di sollecitazione sia rappresentato da una sola componente
di tensione normale (p.es. σ x ) la verifica che lo stato del materiale sia al di sotto
della soglia plastica (eventualmente opportunamente ridotta) è molto semplice; sarà
sufficiente verificare che
fy− < σ x < fy+ (5.1)
dove fy+ ed fy− sono i valori delle tensioni di snervamento per tensioni positive
(trazioni) e negative (compressioni), che caratterizzano il materiale impiegato. Per
gli acciai fy− = −fy+ (la resistenza è uguale in trazione e compressione) e quindi la
(5.1) si può sostituire con
|σ x | < fy (5.2)
dove fy = fy+ .
Quando in un punto si ha uno stato di tensione composto, individuato da più
componenti di tensione, normale e tangenziale, la (5.2) non è più sufficiente a con-
sentire una verifica: si deve quindi determinare una relazione più generale, del
tipo
σ id < fy (5.3)
dove σ id è una funzione delle componenti dello stato di tensione, tale che il materiale
resta elastico finché è verificata la (5.3).
Poiché il materiale è isotropo ed ha la stessa resistenza a trazione e compressione,
la funzione σ id deve dipendere solo dal valore assoluto delle tensioni principali (vedi §
??) ed inoltre ogni permutazione tra queste non deve modificare la funzione. Infatti
se dipendesse direttamente dalle componenti σx , . . . , τ xy , . . . sarebbe sensibile alla
scelta dell’orientamento degli assi; quindi il materiale avrebbe caratteristiche diffe-
renti in diverse direzioni, contraddicendo l’ipotesi di isotropia. Inoltre l’esperienza
mostra che i materiali sono in grado di resistere a valori molto grandi delle pressioni
di tipo idrostatico (σ 1 = σ2 = σ3 = p). La funzione deve essere tale che σid = 0 per
stati tensionali di questo tipo. Infine, per tensioni monoassiali (p.es. σ 2 = σ3 = 0),
la tensione ideale deve coincidere con il valore assoluto della tensione non nulla
(σ id = |σ1 |).

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 109


110 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Una funzione che rispetta le condizioni sopra elencate è:


q
σid = α (σ 1 − p)2 + (σ 2 − p)2 + (σ 3 − p)2 (5.4)
dove:
σ1 + σ2 + σ3
p= (5.5)
3
è la pressione media ed α è una costante di normalizzazione, necessaria per soddi-
sfare l’ultima condizione. Che la (5.4) soddisfi le condizioni richieste lo si verifica
facilmente: infatti dipende solo dal quadrato delle tensioni principali ed è invariante
per permutazioni; infine si annulla se la tensione è di tipo idrostatico.
Sostituendo la (5.5) nella (5.4) otteniamo
r
2 2
σ id = α (σ + σ 22 + σ 23 − σ 1 σ 2 − σ 2 σ 3 − σ 3 σ 1 ) (5.6)
3 1
q
da cui si deduce facilmente che α = 32 , in modo che l’espressione della tensione
ideale diviene q
σid = σ 21 + σ 22 + σ 23 − σ 1 σ 2 − σ 2 σ 3 − σ 3 σ 1 (5.7)
Nel caso di stati di tensione piani (σ 3 = 0) la (5.7) si semplifica:
q
σid = σ 21 + σ 22 − σ 1 σ 2 (5.8)

Ricordando le espressioni (1.36) delle tensioni principali, dopo alcune elaborazioni,


si ottiene: q
σ id = σ 2x + σ 2y − σ x σ y + 3τ 2xy (5.9)
Nel caso generale, con passaggi meno semplici e tenendo conto dei risultati del §
1.5.3, dalla (5.7) si perviene alla formula:
q ¡ ¢
σ id = σ 2x + σ 2y + σ 2z − σ x σ y − σ y σ z − σ z σ x + 3 τ 2xy + τ 2yz + τ 2zx (5.10)

di cui la (5.9) è un caso particolare.


La formula (5.10), derivata da von Mieses, si è dimostrata in ottimo accordo con
i dati sperimentali per quanto riguarda i materiali metallici, in particolare l’acciaio.
Una interessante conseguenza della formula di von Mieses si ha nel caso di una
sollecitazione di puro taglio. Eliminando tutte le componenti della tensione eccetto
una delle tensioni tangenziali (p.es. τ xy ) e sostituendo la (5.10) nella (5.3) otteniamo
q
3τ 2xy < fy (5.11)

da cui si deriva la condizione di non superamento della soglia plastica:


fy
|τ xy | < √ (5.12)
3
In parole, la resistenza dell’acciaio√alle tensioni tangenziali si ottiene dividendo la
resistenza a trazione per il fattore 3.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.2 Analisi limite delle strutture 111

σ R C E

A B
Q

D
ε

Figura 5.1: Legge costitutiva di un acciaio “dolce”.

5.2 Analisi limite delle strutture


Quando in qualche punto di una struttura il materiale supera la soglia entro la quale
è possibile assumere che il legame tra deformazioni e tensioni sia lineare, l’analisi
strutturale si complica notevolmente. Infatti non solo le equazioni divengono non-
lineari, ma la perdita di linearità generalmente implica che non vi è più corrispon-
denza biunivoca tra i valori delle forze agenti e lo stato della struttura. In Fig. 5.1
è mostrato schematicamente un tipico grafico della legge tensione—deformazione di
un acciaio dolce. Fino al punto A il comportamento è lineare elastico; superato
questo punto il materiale continua a deformarsi con tensioni praticamente invariate
(tratto AB). Oltre B le tensioni aumentano con le deformazioni fino a raggiungere
un massimo oltre il quale, per mantenere l’equilibrio, le tensioni devono diminuire;
infine, raggiunto un allungamento massimo, nel punto E si ha la rottura della bar-
ra. Se prima di raggiungere il punto A si toglie la forza applicata, la deformazione
diminuisce proporzionalmente ed il punto rappresentativo dello stato ripercorre la
retta iniziale. Al contrario, se la forza viene tolta dopo che il materiale ha superato
la soglia plastica, p.es. in C, il sistema percorre la curva CD approssimativamente
parallela alla retta elastica e, quando la tensione si annulla, nel materiale rimane
la deformazione residua εD . La corrispondenza tra deformazioni e tensioni non è
più biunivoca, infatti ai punti P, Q ed R corrisponde la stessa deformazione ma tre
differenti valori della tensione. La stesso avviene alle strutture, quando in qualche
parte il materiale supera la soglia di plasticità: lo stato tensionale non dipende solo
dalla deformazione ma anche dal percorso seguito per raggiungerla; percorso che
ovviamente dipende dalla storia con cui sono stati applicati i carichi.
L’analisi delle strutture in campo non-lineare risulta quindi complessa, non sol-
tanto per le difficoltà matematiche, ma anche per l’insufficienza dei dati: è molto
difficile infatti che si conosca la corretta sequenza con cui i carichi e le altre azioni
agiranno sulla struttura; questa ignoranza rende di solito poco utile l’impiego di

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


112 Capitolo 5 Strutture in acciaio

raffinati modelli non lineari.


Una via più semplice e quindi più percorribile è quella offerta dall’analisi limite;
essa consiste nel confrontare la resistenza massima (in termini di valore massimo
della forza che la struttura può sostenere) con i valori massimi previsti delle azioni.
Anche in questo caso il confronto è semplice quando sia l’azione sia la resistenza si
possono ricondurre ad una grandezza scalare, cosı̀ che indicando con D (domanda)
la sollecitazione e con C (capacità) la resistenza, la condizione di sicurezza si esprime
semplicemente come

C≥D (5.13)

Raramente per un’intera struttura le cose si possono porre in termini cosı̀ sem-
plici, inoltre il calcolo della capacità di una struttura può risultare complesso. Ge-
neralmente si utilizza una formulazione prudenziale, assumendo che la struttura è
sicura se in nessuno dei suoi componenti principali (travi e pilastri di un telaio, aste
di una struttura reticolare, ecc.) la domanda ha superato la capacità. In formule:

Ci ≥ Di ∀i (5.14)

dove l’indice i si riferisce a tutti i principali elementi della struttura.


Anche per i componenti, tuttavia, non è detto che la condizione di sicurezza si
possa porre in una forma cosı̀ semplice. Lo stato di sollecitazione di una trave, ad
esempio, è caratterizzato da sei componenti (tre forze e tre momenti), come abbiamo
visto nel capitolo 4; tuttavia non sempre tutte queste componenti sono presenti ed
in alcuni casi si può trascurare l’interazione tra componenti diverse, riducendo la
verifica complessiva a più verifiche separate. Quando questo non è possibile si può
definire la capacità mediante un dominio di resistenza: la struttura (o l’elemento
strutturale) è sicura se il punto rappresentativo della domanda appartiene a questo
dominio, si ha collasso quando il punto ne giace fuori. Questo è illustrato simboli-
camente nella Fig. 5.2; lo stato di sollecitazione (domanda) rappresentato dal punto
D1 è interno al dominio e quindi per esso la struttura è verificata; il punto D2 ,
esterno al dominio, corrisponde invece ad una sollecitazione che porta la struttura
al collasso.
Nelle verifiche di una struttura allo SLU delle strutture si fa generalmente ricorso
all’analisi limite degli elementi che la compongono. Le sollecitazioni (N, Vy , Vz , Mx , My , Mz )
prodotte da diverse combinazioni dei carichi vengono di solito calcolate mediante
un’analisi elastica; esse vengono poi confrontate con i domini di resistenza degli
elementi. Nei casi più semplici, quando la sollecitazione si riduce ad una sola com-
ponente (p.es. momento flettente) la verifica avrà la forma (5.14): Mmax ≤ Mu , dove
Mmax è il valore massimo del momento (in valore assoluto) tra quelli prodotti nella
sezione verificata dalle combinazioni di carico considerate e Mu è il momento ultimo
della sezione, cioè quello che corrisponde al collasso della sezione.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.3 Comportamento delle sezioni in acciaio oltre la soglia elastica 113

Figura 5.2: Dominio di resistenza di una struttura e punti rappresentativi della


domanda.

σ σ
E A B
fy

−εy O
εy ε ε

-fy D C

Figura 5.3: Legge costitutiva monoassiale di un materiale elasto-plastico. Legame


monotono e ciclico.

5.3 Comportamento delle sezioni in acciaio oltre


la soglia elastica
5.3.1 Materiale elastoplastico
Il comportamento reale di un materiale duttile come l’acciaio può essere rappresenta-
to in modo semplificato da un modello elasto-plastico. Per una tensione monoassiale,
questa legge costitutiva è illustrata schematicamente nella Fig. 5.3. Le tensioni so-
no inizialmente proporzionali alle deformazioni, ma raggiunta la deformazione di
plasticizzazione εy = fy /E (punto A), la tensione non varia al crescere (in valore
assoluto) delle deformazioni; allo scarico (punto B) il comportamento torna elastico
fino al punto C, che corrisponde alla tensione di plasticizzazione di segno opposto,
oltre il quale la tensione rimane costante al variare della deformazione.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


114 Capitolo 5 Strutture in acciaio

y ε σ ε σ ε σ

M
εy
z fy ε > εy fy ε > εy fy
(a) (b) (c)

Figura 5.4: Sequenza delle distribuzioni delle deformazioni e delle tensioni al crescere
della curvatura, in una sezione rettangolare con materiale elasto-platico.

5.3.2 Stato limite ultimo delle sezioni inflesse


Supponiamo ora di applicare ad una trave, realizzata con un materiale a compor-
tamento elasto-plastico, una sollecitazione di flessione crescente; sia M il momento
agente (secondo uno degli assi principali) nella sezione più sollecitata. Per valori
di M non troppo elevati tutte le tensioni risulteranno inferiori alla soglia plastica,
quindi sarà valida la teoria studiata nel capitolo 4 e potremo applicare la (4.26) per
determinare le tensioni nella sezione:
M
σx = z (5.15)
Jy
Le tensioni variano con legge lineare lungo l’altezza della sezione ed altrettanto
avverrà per le deformazioni:
σx M
εx = = z (5.16)
E EJy
Al crescere di M tensioni e deformazioni crescono proporzionalmente fin quando il
valore massimo della tensione raggiunge fy ; se la deformazione cresce ulteriormente,
la tensione, non potendo crescere, rimane fissata a questo valore. Assumendo che
la distribuzione delle deformazioni rimanga lineare anche dopo il superamento della
soglia plastica, avviene quanto schematicamente illustrato nella Fig. 5.4. In questa
figura è mostrata una sezione rettangolare soggetta ad un momento flettente M;
con (a), (b) e (c) sono contrassegnati i diagrammi delle deformazioni e delle tensioni
agenti sulla sezione per livelli crescenti di M. Il primo (a) si riferisce alla situazione
in cui la deformazione massima raggiunge la soglia plastica (εy = fy /E); poiché
in tutti i punti si ha σ x ≤ fy , il materiale è ovunque elastico, e le tensioni e le
deformazioni seguono ancora le leggi lineari (5.15) e (5.16). Crescendo il momento
le deformazioni aumentano, continuando a seguire una legge lineare, come mostrato
in (b). Ma nelle fibre dove |ε| > εy , si ha |σx | = fy ; al crescere delle deformazioni
aumenta la parte della sezione dove la tensione ha raggiunto il valore plastico (c);
al limite, per εmax → ∞, la sezione risulta per metà soggetta ad una tensione di
trazione pari a fy e per metà alla tensione di compressione −fy . È ovvio che le
deformazioni non possono raggiungere un valore infinito, ma, per materiali molto

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.3 Comportamento delle sezioni in acciaio oltre la soglia elastica 115

duttili, come l’acciaio, la massima deformazione plastica è molto maggiore di εy ,


per cui le differenze tra il diagramma reale, corrispondente al raggiungimento della
deformazione massima, e quello ideale, che si raggiungerebbe per ε = ∞, è molto
piccola.
Nel caso della sezione rettangolare l’asse neutro non cambia posizione passando
dalla fase elastica a quella plastica, ma questo si verifica solo nelle sezioni simme-
triche rispetto all’asse y, altrimenti al progredire della plasticizzazione l’asse neutro
cambia posizione. Infatti, in una sezione sollecitata dalla sola flessione, la posizione
dell’asse neutro è definita
R dalla condizione che la risultante delle tensioni normali
deve essere nulla: A σ x dA = 0. Nel caso elastico le tensioni sono proporzionali
alla distanza dall’asse neutro; indicando con ζ la distanza da questo asse della fibra
generica, possiamo porre σ x = kζ, dove k è una costante1 . Dalla condizione che
N = 0 segue quindi Z Z
N= σ x dA = k ζdA = 0 (5.17)
A A

da cui deduciamo, come già ci era noto, che l’asse neutro, nella flessione elastica,
passa per il baricentro della sezione. Nel caso della sezione interamente plastica,
invece, la tensione vale fy o −fy , secondo la posizione della fibra rispetto all’asse
neutro. Potremo dunque porre

σ x = fy sign (M) sign(ζ) (5.18)

in cui sign (·) vale +1 o −1 secondo il segno dell’argomento. Sostituendo questa


espressione nell’equazione di equilibrio troviamo
Z Z
¡ ¢
N= σ x dA = fy sign(M) sign (ζ) dA = fy sign (M) A+ − A− = 0 (5.19)
A A

dove A+ e A− sono le aree delle due parti in cui l’asse neutro divide la sezione. Dalla
(5.19) ricaviamo che A+ = A− , ovvero l’asse neutro, nella sezione inflessa plasticiz-
zata, divide la sezione in due parti di uguale area. Questa condizione coincide con
la (5.17) solo quando la sezione è simmetrica rispetto all’asse y.
Determinata la posizione dell’asse neutro si può facilmente calcolare il momento
ultimo della sezione. Sostituendo la (5.18) nell’equazione di equilibrio dei momenti,
troviamo Z Z
Mu = σ x ζdA = fy sign (M) sign (ζ) ζdA (5.20)
A A

da cui Z
¡ ¢
|Mu | = fy |ζ| dA = fy Sn+ + Sn− (5.21)
A

Sn+ ed Sn− sono i momenti statici, relativi all’asse neutro, delle due parti in cui questi
suddivide la sezione.
Consideriamo ora, ad esempio, una sezione rettangolare di dimensioni b×h, come
nella Fig. 5.5 (a). La sezione raggiunge l’inizio della fase plastica quando la tensione
1 M
Per quanto abbiamo già visto, sappiamo che k = Jy

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


116 Capitolo 5 Strutture in acciaio

b
s
a n

a n M M
h

fy fy
b z w z

(a) (b)

Figura 5.5: Posizione dell’asse neutro nelle sezioni inflesse interamente plasticizzate;
sezioni simmetriche (a) e non simmetriche (b).

massima, calcolata in fase elastica, raggiunge la tensione di snervamento, ossia


My
zmax = fy (5.22)
J
dove zmax è la distanza della fibra più lontana dall’asse neutro e My indica il valore
del momento che produce l’inizio della fase plastica. Dall’equazione precedente si
ricava:
J
My = fy (5.23)
zmax
bh3
Per la sezione rettangolare J = 12
e zmax = h/2, pertanto

bh2
My = fy (5.24)
6
Come abbiamo già osservato, nelle sezioni simmetriche come quella rettangolare,
l’asse neutro non cambia posizione nel passaggio dalla fase elastica alla plastica,
pertanto, essendo la sezione divisa in due parti uguali, si avrà
µ ¶2
+ − 1 h bh2
Sn = Sn = b = (5.25)
2 2 8
pertanto, sostituendo nella (5.21) si trova
bh2
Mu = fy (5.26)
4
Dunque, in una sezione rettangolare, il momento ultimo è 64 = 1.5 maggiore del
momento di prima plasticizzazione My .
Per le sezioni a doppio T simmetriche il rapporto Mu /My è sensibilmente più
piccolo. Questo è dovuto al fatto che in queste sezioni gran parte dell’area resistente

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.3 Comportamento delle sezioni in acciaio oltre la soglia elastica 117

800

600
s M/fy

400

200
Dominio collasso
Dominio prima plas.

0
-80 -40 0 40 80
N/fy

Figura 5.6: Dominio di prima plasticizzazione (linea tratteggiata) e dominio di


collasso (linea continua) della sezione HE200B.

è concentrata nelle ali, che si plasticizzano interamente quando la deformazione


massima supera quella di plasticizzazione. Per una IPE 200, ad esempio, (h =
200 mm, b = 100 mm, s = 8.5 mm e w = 5.6 mm) si ha J = 1943 cm4 e pertanto,
applicando la (5.23) ed utilizzando i cm come unità per le lunghezze:

J
My = fy = fy 194
h/2

Il momento statico di metà sezione è invece Sn+ = Sn− = 110 cm3 , di conseguenza il
momento ultimo risulta:
Mu = fy 2Sn = fy 220
Il rapporto tra questi due momenti è quindi

Mu
= 1.134
My

Ancora più piccolo questo rapporto risulta per i profilati ad ala larga (HE).
Considerando il profilato HE200B (h = 200 mm, b = 200 mm, s = 15 mm, w =
9 mm) si ha J = 5696 cm4 ed My = 570fy , mentre Sn = 321 cm3 e quindi Mu =
642fy , in modo che
Mu
= 1.126
My

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


118 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Materiale fd ( MPa) fd ( MPa)


t ≤ 40 mm t > 40 mm
Fe360 235 210
Fe430 275 250
Fe510 355 315
Tabella 5.1:

In Fig. 5.6 sono rappresentati i domini di collasso e di prima plasticizzazione


per la sezione HE200B soggetta a forza assiale e flessione. In linea tratteggiata è il
dominio di prima plasticizzazione,tale che
¯ ¯
¯N ¯
¯ + M zmax ¯ ≤ fy
¯A J ¯

mentre in linea continua è rappresentato il dominio di stato ultimo. Come è ovvio


quest’ultimo include il primo, ma la distanza tra i due non è grande.
I risultati mostrati prima giustificano le disposizioni normative che, per le travi
in acciaio, confondono lo stato limite ultimo con quello di prima plasticizzazione.
Questo comporta una notevole semplificazione, poiché rende possibile adoperare i
risultati dell’analisi elastica anche nelle verifiche dello stato limite ultimo.

5.4 Progetto e verifica delle sezioni inflesse


Per le condizioni di SLU le tensioni, calcolate con riferimento ad un modello elastico,
non devono superare un valore limite definito resistenza di calcolo del materiale.
Questa resistenza dipende dalle caratteristiche del materiale; per le Norme italiane
del 1996 i valori delle resistenze di calcolo per acciai laminati sono riportati nella
tabella 5.1.
Per verificare una sezione sollecitata a sola flessione retta è quindi sufficiente
conoscere il valore del momento d’inerzia della sezione relativo all’asse del momento.
Se My indica il momento agente e Jy è il momento d’inerzia della sezione, indicando
con zmax la distanza massima del baricentro dai lembi della sezione (nelle sezioni
simmetriche zmax = h/2), si ha semplicemente:
¯ ¯
¯ My ¯
¯ ¯
¯ Jy zmax ¯ ≤ fd (5.27)

La verifica della sezione inflessa si svolge quindi confrontando la tensione massima


indotta dalla sollecitazione con il valore della resistenza.
I rapporti Jy /zmax e Jz /ymax sono chiamati i moduli di resistenza della sezione,
nelle due direzioni principali:

Jy Jz
Wy = Wz = (5.28)
zmax ymax

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.4 Progetto e verifica delle sezioni inflesse 119

My
la tensione massima prodotta dal momento My è quindi data da Wy
(Mz
Wz
per le
tensioni indotte da Mz ). La (5.27) può essere sostituita dalla
|M|
≤ fy (5.29)
W
dove M e W possono indicare sia le grandezze relative all’asse y, sia quelle relative
a z2.
Spesso nelle strutture metalliche si usano travi realizzate con profilati prodotti
negli stabilimenti industriali. Le geometrie di questi elementi sono standardizzate e
classificate in vario modo: IPE (profilati a doppio T con ali di larghezza pari a circa
metà dell’altezza), HE (profilati a doppio T con rapporto h/b ∼ 1), angolari ad L, a
lati uguali o disuguali. Per le sezioni di questi profilati esistono tabelle che riportano
in modo più o meno dettagliato le principali caratteristiche geometriche delle sezioni,
compresi i momenti d’inerzia ed i moduli di resistenza. In questi casi non soltanto
la verifica della sezione è immediata (nota la sezione si determina W e si applica la
(5.29)), ma è molto semplice anche il processo inverso. Note la sollecitazione e la
resistenza di calcolo del materiale, dalla (5.29) si desume facilmente
|M|
W ≥ (5.30)
fy
Calcolato il valore minimo di W , applicando la (5.30), e fissato il tipo di profilato
(IPE o HE, ad esempio), dalle tabelle si determina facilmente la sezione il cui valore
di W meglio approssima per eccesso quello minimo calcolato. Nelle figure 5.7, 5.8,
5.9, 5.10 sono riportate delle tabelle di questo tipo per i principali tipi di sezioni
laminate.
La sollecitazione di flessione è generalmente accompagnata da quella di taglio,
pertanto nelle sezioni sono presenti contemporaneamente tensioni normali (prodotte
dalla flessione) e tensioni tangenziali (prodotte dal taglio). Nei punti di stazionarietà
del momento il taglio è nullo (poiché V = dM/dx), ma in presenza di punti di
discontinuità od in corrispondenza dei vincoli, si può raggiungere il valore massimo
sia del taglio sia del momento.
Nella sezione, le tensioni normali raggiungono i valori massimi nei punti estre-
mi, dove sono nulle le tensioni tangenziali; le quali, al contrario, sono massime nel
baricentro, ove, in assenza di sforzo normale, sono nulle le σx . Pertanto i valori
massimi di queste due tensioni non si combinano. Nelle sezioni a doppio T, come
quella mostrata in Fig. 5.8, nelle ali è presente la tensione τ xy che si combina con
il valore massimo della tensione normale; inoltre, nella sezione a-a, i valori sia di σ x
sia di τ xz non sono troppo discosti dai loro massimi, pertanto la sollecitazione ideale
σid , ottenuta combinando σxa e τ xya con la (5.9), in alcuni casi può raggiungere qui
il valore massimo.
2
Ovviamente se agiscono simultaneamente entrambi i momenti, la verifica sarà
¯ ¯ ¯ ¯
¯ My ¯ ¯ Mz ¯
¯ ¯+¯ ¯
¯ Wy ¯ ¯ Wz ¯ ≤ fy

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


120 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Figura 5.7: Tabella per profilati IPE

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.4 Progetto e verifica delle sezioni inflesse 121

Figura 5.8: Tabella per profilati HEA

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


122 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Figura 5.9: Tabella per profilati HEB

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.4 Progetto e verifica delle sezioni inflesse 123

Figura 5.10: Tabella per profilati HEM.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


124 Capitolo 5 Strutture in acciaio

b
τxy σxmax
τxy τxza
a a σxa
b τxz

y G τxzmax

τxy
z

Figura 5.11: Tensioni normali e tangenziali in una sezione ad I sollecitata a flessione


e taglio.

Esempio 5.1 Si deve progettare la trave appoggiata con mensola, soggetta al carico di
progetto qd = 55 kN/ m, illustrata nella Fig. 5.12, e quindi verificare che la tensione ideale
non superi la resistenza di progetto del materiale. Dimensioni: l = 4.50 m, a = 2.00 m.
Materiale: acciaio Fe 430, fd = 275 MPa.
Calcolo delle sollecitazioni. Per l’equilibri dei momenti attorno all’appoggio di sinistra, si
ha
qd (l + a)2 55.0 × (4.5 + 2)2
R2 = = = 258.19 kN
2l 2 × 4.5
R1 = qd (l + a) − R2 = 55.0 × (4.5 + 2) − 258.19 = 99.31 kN

dove R1 ed R2 sono le reazioni vincolari della trave.


La sollecitazione di taglio pertanto vale:
Appoggio 1 V1 = R1 = 99.31 kN
Appoggio 2 - sinistra V2a = V1 − qd l = 99.31 − 55 × 4.5 = −148.19 kN
Appoggio 2 - destra V2b = V2a + R2 = −148.19 + 258.19 = 110.00 kN
Il taglio si annulla nel punto di ascissa
R1
x0 = = 1.81 m
qd
per cui il massimo del momento positivo è
qd x20 55 × 1.812
M0 = R1 x0 − = 99.31 × 1.81 − = 89.65 kN m
2 2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.4 Progetto e verifica delle sezioni inflesse 125

q=55kN/m

4.50 2.0

V2b
V1

V2a

M2

Mx

Figura 5.12: Schema e diagrammi delle sollecitazioni della trave dell’esempio 5.1.

Il momento massimo negativo si realizza sull’appoggio e vale

qd l2 55 × 4.52
M2 = R1 l − = 99.31 × 4.5 − = −110 kN m
2 2

Dimensioniamo la sezione in base al massimo momento (in valore assoluto): Mmax : |M2 | =
110 kN m.
Modulo di resistenza
Mmax 11000 kN cm
W ≥ = kN
= 400 cm3
fd 27.5 cm 2

Usando profili IPE, dalla tabella di Fig. 5.7, si determina che la sezione a cui corrisponde
un valore di W & 400 cm3 è IPE270, cui corrisponde W = 429 cm3 . Per questo profilo la
tensione normale massima risulta
Mmax 11000 kN cm kN
σ x max = = 3
= 25.64 = 256.4 MPa
W 429 cm cm2

Nella stessa sezione agisce la sollecitazione di taglio massima, V2 max = |V2a | = 148.19 kN.
La tensione tangenziale massima, nel baricentro della sezione, è

V2a Sy∗ (0)


τ xz max =
wJy

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


126 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Dalla tabella si ricava, per l’IPE270: w = a = 6.6 mm, h = 27 cm, b = 13.5 cm, s = e =
1.02 cm, Jy = 5790 cm3 . Quindi
∙ µ ¶¸
1 h
Sy∗ (0) = bs (h − s) + w −s = 230.27 cm3
2 2

e, di conseguenza

148.19 × 230.27 1
τ xz max = = 89.3 MPa < √ fy = 158.8 MPa
0.66 × 5790 3

Per calcolare le tensioni tangenziali nelle ali, all’attacco con l’anima (sez. b - b in Fig. ??),
si determina il momento statico relativo al baricentro di una delle ali:

w b−w h−s
Sy∗ (y = )= s = 85.06 cm3
2 2 2

da cui segue che


¡ w
¢
V2a Sy∗ y = 2 148.19 × 85.06 kN
τ xy max = = = 2.135 = 21.35 MPa
sJy 1.02 × 5790 cm2

Quindi la tensione ideale ai lembi della sezione è


q p
σ id(b) = σ 2x + 3τ 2xy = 256.42 + 3 × 21.352 = 259.06 MPa

Nel punto di attacco tra l’anima a le ali (sez. a - a in Fig. ??), la tensione normale è
µ ¶ µ ¶
Mmax h 11000 27 kN
σx = −s = − 1.02 = 23.71 = = 237.1 MPa
Jy 2 5790 2 cm2

e la tensione tangenziale
¡ h
¢
V2a Sy∗ z = 2 −s
τ xz =
wJy

dove µ ¶
h h−s
Sy∗ z = − s = bs = 178.87 cm3
2 2
e quindi
τ xz = 69, 38 MPa

La tensione ideale in corrispondenza dell’attacco tra l’anima e l’ala (sez. a - a in Fig. ??)
risulta
p p
σ id(a) = σ 2x + 3τ 2xz = 237.12 + 3 × 69.382 = 265.8 MPa

Il valore massimo della tensione ideale si raggiunge quindi nel punto di attacco tra l’anima
e l’ala; si ha comunque σ id max < fd = 275 MPa. ¤

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 127

N q N
x
w(x)
u0
z
l
R R

Figura 5.13: Deformazione di una trave inflessa soggetta ad un carico trasversale


distribuito ed a uno forza normale.

5.5 Elementi snelli


5.5.1 Non linearità geometriche
Già in precedenza abbiamo detto che, per rendere lineari le equazioni di equilibrio,
è necessario fare riferimento alla configurazione iniziale della struttura, trascuran-
do gli effetti che gli spostamenti producono sulle sollecitazioni indotte dai carichi.
Questa ipotesi è spesso giustificata dalla piccolezza di questi spostamenti, di solito
rilevabili solo con misure di precisione, ma la sua accettabilità dipende anche dal
tipo di carichi agenti sulla trave. Se ad esempio si esamina la trave in Fig. 5.13
soggetta al solo carico trasversale q (N = 0), la deformazione w indotta dal carico
distribuito non modifica direttamente la distribuzione dei momenti lungo la trave.
Lo spostamento u0 del carrello è infinitesimo di ordine superiore a w e quindi la
variazione di lunghezza della trave dovuta e questo spostamento, almeno per piccole
deformazioni, è del tutto trascurabile, e la sua influenza sulle sollecitazioni è quasi
nulla. Ma se, oltre al carico q, sulla trave agisce una forza normale N, come quella
indicata in figura, lo spostamento della linea d’asse produce un ulteriore momento
∆m1 = Nw il cui effetto si somma a quello prodotto dal carico q; questo ulteriore
momento produce a sua volta un incremento della deformazione ∆w1 , che genera un
momento ∆m2 = N∆w1 , ecc. La serie w + ∆w1 + ∆w2 + · · · , può convergere ad un
valore finito, in modo che la struttura trova una configurazione di equilibrio, seppure
diversa da quella di prima approssimazione, calcolata trascurando il contributo di
Nw, oppure addirittura divergere, in quanto non esiste una configurazione equili-
brata, poiché, per ogni configurazione, l’aumento del momento esterno è superiore
all’aumento del momento interno dovuto alla deformazione.
Per una data trave, il verificarsi di un caso o l’altro dipende dall’entità della forza
N. Al crescere della forza aumenta il valore degli incrementi di sollecitazione ∆mi ;
quindi ci sarà un valore di N superato il quale non sussiterà più la convergenza (e
quindi l’equilibrio). Questo tuttavia non basta, perché l’equilibrio potrebbe raggiun-
gersi per un momento (ed una deformazione) che superano la resistenza della trave.
In questo caso, anche se idealmente possibile, l’equilibrio non potrà raggiungersi

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


128 Capitolo 5 Strutture in acciaio

perché preceduto dal collasso della struttura. È importante notare che se N fosse
di segno opposto (cioè di trazione) il segno dei momenti ∆mi sarebbe opposto a
quello prodotto dal carico q e altrettanto gli spostamenti. In questo caso l’equilibrio
si raggiungerebbe per una deformazione ed un momento minori di quelli prodotti
dal carico distribuito. Appare evidente che l’opportunità di considerare o trascurare
gli effetti delle deformazioni sulle sollecitazioni dipende notevolmente dalla natura
delle forze in gioco.
Nella teoria che abbiamo sviluppato nei capitoli precedenti, in una sezione di
ascissa x della trave di Fig. 5.13, agiscono le seguenti sollecitazioni:

1. Una forza normale N (di segno negativo).


¡ ¢
2. Una forza di taglio Vz = q 2l − x .

3. Un momento flettente M0 = q x(l−x)


2
.

Una teoria di questo genere, in cui si trascura l’effetto della deformazione w sulle
sollecitazioni, è detta anche teoria del primo ordine; se si accetta questa approssi-
mazione, nelle strutture isostatiche la distribuzione delle sollecitazioni non dipende
dalla deformazione; in quelle iperstatiche, se il materiale è lineare, le equazioni ri-
sultano lineari. Se non si accetta questa semplificazione, il punto 3 della precedente
lista diviene:

3’ Un momento flettente M1 = q x(l−x)


2
− Nw.

Il termine aggiunto −Nw (N è negativo) complica notevolmente il problema, in


quanto w non è noto, ma a sua volta dipende da M1 ; nelle strutture isostatiche (con
materiale lineare) si ottengono equazioni (differenziali) lineari; in quelle iperstatiche
le equazioni divengono non lineari. La teoria che tiene conto dell’effetto delle de-
formazioni sulla distribuzione delle sollecitazioni è indicata come teoria del secondo
ordine.
L’opportunità di trascurare o di tener conto dei termini del secondo ordine
dipende da alcuni fattori fondamentali:

1. Il tipo di azioni. Si è già visto, nell’esempio considerato, che se la forza N è


nulla o di trazione, gli effetti del secondo ordine sono nulli o benefici; pertanto
l’impiego della teoria del primo ordine è adeguato perché a favore di sicurezza.

2. La deformabilità della struttura. Se le deformazioni indotte dai carichi (w)


sono piccole, anche gli effetti del secondo ordine lo saranno. In questo caso
sarà spesso possibile trascurarli senza commettere errori apprezzabili.

Le strutture in acciaio sono spesso snelle (ossia le dimensioni trasversali sono


piccole rispetto a quelle longitudinali); questo è dovuto all’alta resistenza del mate-
riale, che consente di soddisfare le verifiche di resistenza con sezioni di piccola area.
Ne consegue che queste strutture sono spesso molto deformabili e quindi, quando le

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 129

z
B

A
x

Figura 5.14: Situazione di equilibrio stabile (A) ed instabile (B) di una massa
puntiforme nel campo del peso.

sollecitazioni sono tali da poter indurre effetti del secondo ordine negativi (nel senso
che aumentano le sollecitazioni), di essi si deve generalmente tener conto.
Il problema generale degli effetti del secondo ordine porta, come si è detto, alla
perdita della linearità del problema elastico. Nel seguito noi non ci occuperemo
del problema globale relativo all’analisi della struttura nel suo insieme, ma porremo
attenzione sul comportamento degli elementi strutturali, in particolare delle travi;
anche per questi elementi vi sono diversi fenomeni che dovrebbero essere studiati;
noi ne esamineremo con un certo dettaglio solo uno, generalmente il più importante,
limitandoci a fare un cenno descrittivo per gli altri.

5.5.2 Stabilità dell’equilibrio


Strettamente correlato alle non linearità geometriche è il problema della stabilità
dell’equilibrio. Osserviamo le due palline rappresentate nella Fig. 5.14, vincolate
lungo una superficie curva; entrambe occupano una posizione di equilibrio ma, men-
tre la pallina nel punto A si trova in condizioni di equilibrio stabile, la pallina in
B occupa un punto di equilibrio instabile. Infatti l’equilibrio si definisce stabile se,
perturbando il sistema di una piccola quantità dalla sua posizione di equilibrio, es-
so si muove in modo da non allontanarsi dal punto di equilibrio per più di quanto
non sia stato perturbato; al contrario l’equilibrio è instabile se, quando perturba-
to, il sistema si allontana dal punto di equilibrio, eventualmente muovendosi fino
a raggiungere una nuova configurazione. La pallina in A, se allontanata dalla sua
posizione, oscillerà intorno a questa e, se il moto dissipa energia, finirà per tornare
di nuovo nella posizione iniziale; la pallina in B invece, se perturbata, si allonta-
nerà dalla posizione che occupava e non potrà più tornarci; potrà invece andare a
collocarsi nel punto A, occupando anch’essa una posizione di equilibrio stabile.
Vi è un altro modo, meno generale ma spesso più semplice, per verificare la
stabilità dell’equilibrio. Nel campo del peso, l’ordinata z della posizione della pallina

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


130 Capitolo 5 Strutture in acciaio

è proporzionale alla sua energia potenziale E = mgz (m è la massa, g l’accelerazione


di gravità); la curva che descrive il vincolo della pallina è quindi anche il grafico
della sua energia potenziale; i punti di equilibrio (A e B) sono punti di stazionarietà
per E:
dE
=0 (5.31)
dx
ma il punto A, di equilibrio stabile, è anche un punto di minimo dell’energia poten-
ziale, mentre B (equilibrio instabile) è un punto di massimo. Dunque l’equilibrio è
stabile se l’energia potenziale ha, in quel punto, un minimo. Queste condizioni sono
espresse dalle relazioni:
d2 E
2
> 0 Equilibrio stabile
dx
2
dE
= 0 Equilibrio indifferente (5.32)
dx 2
d2 E
< 0 Equilibrio instabile
dx2
(l’equilibrio indifferente si ha quando, a seguito di una perturbazione, il sistema
rimane in equilibrio; nell’esempio di Fig. 5.14 corrisponde ad una pallina posta su
di un piano orizzontale).
In un sistema lineare elastico, se si utilizza una teoria del primo ordine, l’e-
quilibrio risulta sempre stabile. Infatti in tal caso l’energia potenziale è somma
dell’energia potenziale delle forze e dell’energia potenziale elastica. Per quanto già
visto, quest’ultima è una funzione quadratica della deformazione:
Z
1
Ee = εT GεdV (5.33)
2 V
dove G è la matrice elastica [eq. (3.16)]. Poiché le deformazioni ε sono funzioni
lineari degli spostamenti, l’energia potenziale elastica è una funzione quadratica di
questi ultimi; è inoltre possibile dimostrare che, per le proprietà di G, le derivate
seconde di Ee sono sempre positive3 . In una teoria del primo ordine l’energia poten-
ziale delle forze è una funzione lineare degli spostamenti, le sue derivate seconde sono
quindi nulle. Pertanto le derivate seconde dell’energia potenziale totale E = E e + Ef
coincidono con quelle di Ee e di conseguenza sono positive.
Se si aggiungono i termini non lineari del secondo ordine, il lavoro delle forze non
dipende più in modo lineare dalle deformazioni: è quindi possibile che nel punto di
equilibrio l’energia raggiunga un massimo e l’equilibrio sia instabile. In pratica una
struttura non può trovarsi mai in una condizione di equilibrio instabile poiché anche
una piccola perturbazione ne produce la perdita di equilibrio. Ma la stabilità o
l’instabilità dipende dall’entità delle forze, per cui una posizione di equilibrio stabile
può divenire instabile, al crescere delle forze, e questo significa un improvviso collasso
della struttura.
3
In breve, per
h 2unaifunzione di più variabili, la condizione di minimo richiede che la matrice
Hessiana H = ∂u∂i ∂u E
j
sia definita positiva. Poiché H ∝ G ed è facile dimostrare che, per ν < 0.5,
G è definita positiva, ne segue quanto affermato.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 131

k
N θ

l/2 2θ l/2
u

Figura 5.15: Analisi della stabilità dell’equilibrio di un’asta composta da due corpi
rigidi connessi con una molla rotazionale.

Nella Fig. 5.15 è rappresentata un’asta di lunghezza l, vincolata alle estremità da


una cerniera e da un carrello e composta da due elementi rigidi connessi da una cer-
niera elastica di rigidezza k. Questo significa che se le due mezze aste subiscono una
rotazione relativa φ, la cerniera reagirà con un momento kφ. All’estremo vincolato
con un carrello è applicata una forza assiale N. È evidente che nella sua posizione
rettilinea l’asta è in equilibrio; si vuole indagare per quali condizioni l’equilibrio è
stabile e per quali no.
Facendo rotare le due aste di un angolo θ, rispetto alla condizione di equilibrio,
le due aste roteranno relativamente di un angolo 2θ e quindi nella cerniera sorgerà
un momento M = 2kθ. L’energia potenziale elastica è allora Ee = 12 M · (2θ) = 2kθ2 .
A seguito della rotazione il carrello ( e quindi la forza) si sposta della quantità
u = l − 2 2l cos θ = l (1 − cos θ). Se si trattano gli spostamenti come infinitesimi
(teoria del primo ordine) 1 − cos θ ∼ 12 θ2 è infinitesimo del secondo ordine e pertanto
u = 0 a meno di infinitesimi di ordine superiore a θ. Se trattiamo gli spostamenti
come finiti lo spostamento non è nullo e quindi l’energia potenziale della forza varia
di Ef = −Nu = N (cos θ − 1), per cui l’energia potenziale complessiva è
E =2kθ2 + N (cos θ − 1) (5.34)
(si osservi che N è il modulo della forza, pertanto N > 0).
L’equilibrio si verifica quando E è stazionaria, ossia per dE

= 0; sostituendo la
(5.34) si ottiene
dE
= 4kθ − N sin θ = 0 (5.35)

ovvero per
4k
sin θ = θ (5.36)
N
La (5.36) è certamente soddisfatta per θ = 0 (asta rettilinea). Se 4k/N > 1 non vi
sono altre soluzioni; ma se 4k/N < 1, la (5.36) ha altre due soluzioni, come mostrato
nella Fig. ??.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


132 Capitolo 5 Strutture in acciaio

θ
0.8
1 θ
1.2

-1

-2
-2 -1 0 1 2
θ

Figura 5.16: Soluzione grafica dell’equazione (5.36).

Derivando ancora la (5.35) otteniamo:

d2 E
= 4k − N cos θ (5.37)
dθ2
2
Nel punto di equilibrio θ = 0, la (5.37) diviene ddθE2 = 4k − N; per quanto visto
N
prima, l’equilibrio è stabile solo se 4k − N > 0, ovvero se 4k < 1 ( 4k
N
> 1). Dunque
la condizione di stabilità coincide con quella di esistenza di una sola soluzione delle
equazioni di equilibrio. La ragione appare chiara osservando le due curve nella
Fig. 5.17, che rappresentano, a meno di un fattore positivo, l’energia E dell’eq. (5.34);
N 1 1
la curva 1 è relativa ad un valore di α = 4k = 1.2 , la curva 2 è relativa ad α = 0.8 .
Come si vede la curva 1 ha un solo punto stazionario in A che è anche un punto
di minimo; pertanto in questo caso il punto A è un punto di equilibrio stabile. La
curva 2, invece, ha tre punti stazionari (A, B1 e B2 ), ma in A la funzione dell’energia
potenziale raggiunge un massimo, quindi l’equilibrio in A è instabile. I punti B1 e
B2 corrispondono alle altre due soluzioni della (5.36), che esistono se α > 1, e sono
punti di equilibrio stabile.
Riscriviamo l’equazione di equilibrio (5.35) introducendo il coefficiente α, definito
prima:
4k (θ − α sin θ) = 0 (5.38)
Poiché k 6= 0, l’equazione precedente è equivalente alla:

θ − α sin θ = 0 (5.39)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 133

1.2

0.8

1
E 0.4

A
0
2
B1 B2

-0.4
-2 -1 0 1 2
θ

Figura 5.17: Energia potenziale del sistema in Fig. 5.15 per due valori del rapporto
N/4k.

In prossimità del punto di equilibrio θ = 0, si può sostituire sin θ con θ, cosı̀ che la
(5.39) diviene:
θ (1 − α) = 0 |θ| ¿ 1 (5.40)
Questa equazione è soddisfatta anche per θ 6= 0 (purché piccolo in valore assoluto)
se 1 − α = 0, ossia α = 1. Per tale valore del parametro α l’equilibrio è indiffe-
rente: se il sistema viene (debolmente) turbato dalla sua condizione di equilibrio,
resta in equilibrio anche nella nuova configurazione. La configurazione di equilibrio
2
indifferente corrisponde alla transizione tra la condizione stabile ( ddxE2 > 0) e quella
instabile.

5.5.3 Stabilità dell’equilibrio delle aste compresse: l’asta di


Eulero
Il sistema studiato nel precedente paragrafo, anche se, per la sua semplicità, è utile
ad illustrare il problema della stabilità delle aste compresse, non rappresenta la
realtà in modo sufficientemente accurato, poiché generalmente la deformabilità di
un’asta non è concentrata in un punto, ma diffusa lungo la sua linea d’asse.
Prendiamo quindi in esame una trave, con vincoli di semplice appoggio, solleci-
tata da una forza assiale N di compressione, applicata all’estremità vincolata con
carrello (Fig. 5.18). La soluzione di questo caso, in una teoria del primo ordine, è
stata trovata nel cap. 4; dalle (4.24) risulta che, in assenza di momenti, gli sposta-

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


134 Capitolo 5 Strutture in acciaio

N x
B
A w(x)
u
z

Figura 5.18: Asta soggetta ad una forza normale nella configurazione perturbata.

menti della linea elastica nelle direzioni ortogonali all’asse della trave sono nulli e
pertanto l’asse della trave rimane rettilineo.
Per indagare la stabilità dell’equilibrio di questa configurazione, cerchiamo la
condizione di equilibrio indifferente, nella quale la trave resta in equilibrio anche in
una configurazione debolmente perturbata. Indicando con w (x) la perturbazione,
cioè lo spostamento in direzione z dell’asse della trave, l’equazione di equilibrio tra
il momento del secondo ordine, dovuto all’eccentricità della forza − |N| w, ed il
2
momento risultante delle tensioni interne −EJy ddxw2 [vedi (4.19)], si scrive:

d2 w
EJy + |N| w = 0 (5.41)
dx2
Poiché il coefficiente EJy non è nullo, dividendo per esso tutti i termini della (5.41)
e ponendo
|N|
α2 = (5.42)
EJy
se ne ricava la forma equivalente

d2 w
2
+ α2 w = 0 (5.43)
dx
La soluzione dell’equazione differenziale lineare ed omogenea (5.43) è ben nota;
essa è:
w (x) = C1 sin (αx) + C2 cos (αx) (5.44)
dove C1 e C2 sono costanti che devono essere determinate con le condizioni al
contorno. Poiché la trave è semplicemente appoggiata, queste condizioni sono

w (0) = w (l) = 0 (5.45)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 135

Dalla prima segue evidentemente che C2 = 0; dalla seconda, tenendo conto del
risultato già ottenuto, abbiamo:

w (l) = C1 sin (αl) = 0 (5.46)

Se sin (αl) 6= 0, la sola soluzione della (5.46) è C1 = 0, da cui segue w (x) = 0 ∀x,
ovvero la sola configurazione di equilibrio è (localmente) quella ad asse rettilineo.
Ma se sin (αl) = 0, la (5.46) è soddisfatta identicamente per qualunque valore di C1 ;
siamo quindi nelle condizioni di equilibrio indifferente.
La condizione sin (αl) = 0 è soddisfatta se αl = nπ, con n intero positivo;
tenendo conto della (5.42) questo significa

|N| n2 π2
= 2 (5.47)
EJy l

Fissate le caratteristiche della trave si può determinare il valore di N che soddisfa


la precedente equazione. Come è evidente ve ne sono infiniti, dipendenti dall’intero
n. Poiché noi siamo interessati alla transizione tra lo stato stabile e quello instabile
dell’asta rettilinea, è ovvio che quello che cerchiamo è il valore più piccolo per |N |,
che si ha per n = 1. Il valore di |N| cosı̀ ottenuto è detto carico critico o carico
euleriano e corrisponde alla transizione dalla condizione stabile a quella instabile
dell’asta compressa. Il carico euleriano NE è quindi dato dalla relazione:

π 2 EJ
NE = (5.48)
l2
Nell’equazione precedente è stata omessa l’indicazione dell’asse (y) rispetto al quale
è calcolato l’asse neutro. In generale infatti una simile analisi può essere condotta
per entrambe le direzioni degli assi principali; si otterranno quindi due valori del
carico euleriano, quello relativo all’asse y e quello per l’asse z; è ovvio che il carico
euleriano della trave coincide con il minore dei due. Se la trave è vincolata in ugual
modo in entrambe le direzioni, il valore di NE è proporzionale a quello di J, quindi
il carico euleriano della trave si ottiene dalla (5.48) prendendo per J il più piccolo
dei momenti d’inerzia della sezione.
Dividendo il carico euleriano NE per l’area A della sezione si ottiene il valore della
tensione normale σ E per cui l’equilibrio diviene instabile. Ricordando la formula
(5.48) abbiamo
NE π 2 EJ
σE = = 2 (5.49)
A l A
La radice quadrata del rapporto J/A tra il momento d’inerzia e l’area di una sezione
ha le dimensioni di una lunghezza ed è chiamato il giratore d’inerzia della sezione
[vedi (A.26)]. Il rapporto tra la lunghezza dell’asta l ed il giratore d’inerzia ρ è
chiamato la snellezza dell’asta in quella direzione; il valore più grande della snellezza,
tra quelli corrispondenti alle direzioni degli assi principali, che si ottiene per ρ = ρmin ,
è la snellezza dell’asta.
l
λ= (5.50)
ρ

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


136 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Tenendo presente queste definizioni, la (5.49) diviene

π2E
σE = (5.51)
λ2
La tensione critica euleriana è dunque funzione solo del modulo elastico del materiale
e della snellezza λ.
Nelle considerazioni precedenti si è fatta astrazione dalla resistenza del materiale.
La (5.51) mostra che, per valori piccoli di λ, la tensione critica σ E diviene molto
grande, superando il valore della resistenza. Vi è quindi un valore della snellezza λc
per la quale la tensione critica euleriana uguaglia la resistenza del materiale fd :

π2E
σE = = fd (5.52)
λ2c

da cui segue che s


E
λc = π (5.53)
fd
Facendo il rapporto tra la (5.51) e la (5.52) risulta
µ ¶2
σE λc −2
= = λ̄ (5.54)
fd λ

dove λ̄ = λ/λc è il rapporto tra la snellezza effettiva λ e quella critica λc . La


(5.54) dimostra che il rapporto tra la tensione euleriana e la resistenza del materiale
è un’iperbole cubica della snellezza ridotta λ̄. Questa curva è rappresentata in
Fig. 5.19. La curva è troncata al valore σ E /fd = 1, per tener conto che la tensione
non può superare la resistenza del materiale. Per aste con snellezza minore di quella
critica (λ < λc ) si raggiunge la resistenza del materiale prima che l’equilibrio divenga
instabile; è il caso delle aste tozze, in cui la resistenza dell’elemento è condizionata
dalla resistenza del materiale. Se λ > λc l’equilibrio diviene instabile prima che la
tensione raggiunga la resistenza del materiale; è il caso delle aste snelle, in cui la
resistenza della struttura è governata dalla perdita di stabilità dell’equilibrio.

5.5.4 Pressione eccentrica


Se la forza N è applicata eccentricamente rispetto all’asse della trave, essa produce,
in una generica sezione di ascissa x, il momento N [e + w (x)], in cui Ne è il momento
del primo ordine, che si ottiene trascurando l’influenza della deformazione, e Nw (x)
il contributo aggiuntivo dovuto agli effetti del secondo ordine. Nel caso che la forza
N agisca eccentricamente l’equazione (5.41) è quindi sostituita dalla:

d2 w
EJ + |N| w = − |N| e (5.55)
dx2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 137

0.8

0.6
/fd
σc

0.4

0.2

0
0 1 2 3 4 5
λ
/λc
Aste tozze Aste snelle

Figura 5.19: Rapporto tra la tensione critica e la resistenza del materiale in funzione
della rigidezza ridotta λ/λc dell’asta.

N
x
e
B
A w(x)
u
z

Figura 5.20: Asta soggetta ad una compressione eccentrica.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


138 Capitolo 5 Strutture in acciaio

La soluzione generale della (5.55) è

w (x) = C1 sin (αx) + C2 cos (αx) − e (5.56)


q
dove (5.42) α = |N|EJ
. Per determinare i valori delle costanti C1 e C2 si deve tener
conto dalle condizioni imposte dai vincoli:

w (0) = C2 − e = 0 (5.57a)
w (l) = C1 sin (αl) + C2 cos (αl) − e = 0 (5.57b)

Risolvendo questo sistema di due equazioni lineari otteniamo: C2 = e, C1 =


e 1−cos(αl)
sin(αl)
; sostituendo i valori trovati nella (5.56) abbiamo:

∙ ¸
1 − cos (αl)
w (x) = e sin (αx) + cos (αx) − 1 =
sin (αl)
∙ ¸
sin (αx) − cos (αl) sin (αx) + cos (αx) sin (αl)
=e −1 =
sin (αl)
∙ ¸
sin (αx) + sin [α (l − x)]
=e − 1 (5.58)
sin (αl)

La freccia massima si raggiunge nella mezzeria della trave. Per x = l/2 la (5.58)
diviene " ¡ ¢ # " #
2 sin α 2l 1
wm = e −1 =e ¡ l¢ −1 (5.59)
sin (αl) cos α 2
Nella sezione di mezzeria agisce quindi il momento massimo che, utilizzando il
risultato appena trovato, è:
e
Mmax = |N| (e + wm ) = |N| ¡ l¢ (5.60)
cos α 2
¡ ¢2
Poiché, per −π/2 < θ < π/2, si ha cos (θ) ≈ 1− 2θ , sostituendo nel denominatore
¡ l¢ ¡ αl ¢2 π
della (5.60) cos α 2 con 1 − π , tenendo conto della definizione (5.42) di α e di
quella (5.48) del carico euleriano, risulta

|N| e |N| e
Mmax ≈ |N| l2
= |N|
(5.61)
1− EJ π2
1− NE

Il termine a numeratore nella (5.61) è il momento del primo ordine |N| e, il


fattore a denominatore è la correzione introdotta dagli effetti del secondo ordine. Se
|N| ¿ NE questo termine è circa uno e quindi Mmax ≈ |N| e. Ma quando |N| → NE
il denominatore della (5.61) tende a zero e quindi Mmax → ∞. Questo risultato si
deduce anche dalla formula non approssimata (5.60), in quanto, per |N| = NE si ha
αl = π e quindi cos (αl/2) = cos (π/2) = 0.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 139

5.5.5 Verifica delle aste snelle: il metodo ω.


Un’asta soggetta solo ad una forza assiale è un’astrazione che non può essere rea-
lizzata in pratica. Le cause che inducono eccentricità accidentali anche nelle aste
idealmente soggette alla sola forza normale sono molteplici; tra le principali possia-
mo annoverare l’imperfezione dei vincoli, che trasmettono anche una sollecitazione
di flessione, la non perfetta rettilineità della linea d’asse della trave, dovuta ai pro-
cessi di fabbricazione, la non perfetta verticalità, che produce un non parallelismo
tra la forza, generalmente verticale, e la linea d’asse, la presenza di altre forze di-
rette ortogonalmente all’asse della trave, come la pressione del vento, ecc. Tuttavia
queste eccentricità sono generalmente piccole e, quando gli effetti sono proporzionali
alle cause, possono essere trascurate senza commettere un eccessivo errore. Questo
si verifica quando la forza è di trazione o, se di compressione, è (in valore assoluto)
molto minore del carico euleriano. Infatti dalla (5.61) segue che, se |N| ¿ NE si
ha M ' Ne, ovvero vi è proporzionalità tra forza esterna e sollecitazione. Tenendo
|N|
conto che N E
= σ|σ|E e che, per i limiti del materiale, |σ| < fd , la condizione precedente
è sicuramente soddisfatta se σE À fd , ovvero, per la (5.54), se λ ¿ λc .
Quando la forza assiale di compressione si avvicina la carico critico, la formula
(5.61) dimostra che anche una piccola eccentricità produce un momento estrema-
mente grande. Dunque, se la condizione λ ¿ λc non è soddisfatta, nel progetto
delle aste compresse si deve tener conto del termine fornito dalla (5.61), introducen-
do anche gli effetti delle eccentricità accidentali. La verifica di un’asta soggetta ad
una forza N con eccentricità e si può quindi formulare

|N| Mmax |N| |N| e


σ max = + = +³ ´ =
A W A 1− N|N|
W
E
⎡ ⎤ ⎡ ⎤
|N| ⎣ eA eA
= 1+ ³ ´ ⎦ = σm ⎣1 + ³ ´ ⎦ ≤ fd (5.62)
A W 1− N|N|
W 1− |N|
E NE

ovvero
fd
σm ≤ (5.63)
1+  eA 
W 1− σσm
E

|N |
dove σm = è la tensione media generata dalla sola forza normale, trascurando
A
l’eccentricità. L’equazione precedente si può risolvere rispetto a σm in funzione
dell’eccentricità casuale e e della tensione euleriana σ E (che dipende dalla snellezza).
Fissata l’eccentricità casuale (che viene determinata con criteri statistici) si può
ottenere una funzione γ (λ), tale che la (5.62) è soddisfatta se
σm
≤ γ (λ) (5.64)
fd
In Fig. 5.21 sono mostrate quattro di tali curve, ottenute per diversi valori di e,
dedotte dalle norme UNI-CNR 10011. Le diverse curve, contraddistente con una
lettera, si riferiscono a diversi tipi di sezioni, come indicato nella tabella in Fig. 5.22

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


140 Capitolo 5 Strutture in acciaio

a
b
0.8
c
d
0.6
σm
γ= /f
y

0.4

0.2

0
0 1 2 3
λ/
λc

Figura 5.21: Curve γ = σm /fd relative a quattro differenti tipologie di sezione


(UNI-CNR 10011).

Figura 5.22: Corrispondenza tra le tipologie delle sezioni e le cirve γ.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 141

Tenendo conto della definizione di σ m = N/A, dalla (5.64) deduciamo

N
≤ γfd (5.65)
A
Questa relazione si scrive abitualmente portando γ a primo membro. Posto ω = γ1 ,
si ottiene

≤ fd (5.66)
A
In questa forma la verifica di un’asta snella soggetta ad un carico assiale si esegue
in modo analogo a quello di un’asta tozza, cioè confrontando la tensione con la
resistenza del materiale fd , ma solo dopo aver moltiplicato la forza per il fattore ω.
Poiché, come è evidente dalla Fig. 5.21, γ ≤ 1, ω, essendone l’inverso, è maggiore
o uguale ad uno; quindi, invece di ridurre la resistenza, si preferisce aumentare
la sollecitazione: questo è in effetti più coerente con la natura del fenomeno, in
quanto gli effetti del secondo ordine aumentano le sollecitazioni, ma, ovviamente,
non modificano le caratteristiche del materiale.
Oltre che dal tipo di sezione, γ e ω sono funzioni di λ/λc e quindi, ricordando la
(5.53), anche di E ed fd . Assumendo che il modulo elastico dell’acciaio non cambi
in modo significativo insieme alle altre caratteristiche del materiale, rimane che, per
ogni tipo di curva, ω è funzione di λ e di fd . Nelle tabelle riportate nelle Fig. ?? -
?? - ??, tratte dalle norme CNR-UNI citate, sono riportati i valori di ω in funzione
di λ, per i tre tipi di acciaio previsti nella normativa e relativi alla curva c, che è
valida per la maggior parte dei profili laminati. La normativa attuale non ammette
l’impiego di elementi con snellezza maggiore di 200, come elementi principali, e di
250 per gli elementi secondari.

Esempio 5.2 Progettare un pilastro in acciaio di lunghezza l = 400 cm, vincolato alle
estremità con cerniere, e soggetto ad una forza N = 500 kN, utilizzando un profilato HEB
ed un acciaio Fe 510 (fd = 355 MPa).
Poiché le dimensioni della sezione non sono note, non conosciamo il valore del giratore
d’inerzia ρ e pertanto non possiamo determinare la snellezza λ. Dobbiamo quindi procedere
per iterazione:

1. Si fissa un valore di ω di primo tentativo, p.es. ω = 2.

2. Si calcola l’area necessaria (per ω = 2)

Nω 500 × 2
A= = = 28.2 cm2
fd 35.5

3. Si cerca il profilo che approssima (per eccesso) l’area trovata. Dalla Fig. 5.9, si trova
per HEB120 A = 34.0 cm2 , ρmin = 3.06 cm, pertanto, per questa sezione:

l
λmax = = 130.72
ρmin

Nella tabella in Fig. ??, per λ = 131 → ω = 3.87.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


142 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Figura 5.23: Valori di ω in funzione della snellezza λ per l’acciaio Fe360 (curva c).

4. Si verifica la sezione per i dati effettivi


Nω 500 × 3.87 kN
σ= = = 56.9 > fd
A 34 cm2

Poiché la sezione non è verificata si deve iterare il procedimento. Dato che al crescere di ω
aumentano le dimensioni della sezione (e quindi ρ), ad una sezione più grande corrisponde
una snellezza minore, e dunque anche un minore valore di ω. Pertanto non è conveniente
utilizzare come secondo tentativo il valore di ω trovato, ma uno intermedio tra quello
precedente e quello calcolato.

2+3.87
1. Si adotta un nuovo valore di ω = 2 = 2.93.

2. Si calcola l’area corrispondente


Nω 500 × 2.93
A= = = 41.3 cm2
fd 35.5

3. Si cerca il profilo. Per HEB 140 A = 43 cm2 e ρmin = 3.58 cm, e quindi

l
λmax = = 111.7
ρmin

a cui corrisponde ω = 3.02.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 143

Figura 5.24: Valori di ω in funzione della snellezza λ per l’acciaio Fe430 (curva c).

4. Si verifica la sezione
Nω 500 × 3.02 kN
σ= = = 35.1 < fd
A 43 cm2

La sezione è verificata ¤

5.5.6 Vincoli
Finora abbiamo studiato il caso di un’asta vincolata alle estremità con una cerniera
ed un carrello. Spesso gli elementi strutturali sono diversamente vincolati. Nei
pilastri, ad esempio, le travi circostanti offrono spesso un vincolo che approssima
più un incastro che una cerniera; se non vi sono collegamenti ad elementi molto più
rigidi, inoltre, una delle estremità dell’asta può essere libera di spostarsi. Ad esempio
una mensola verticale è incastrata alla base e completamente libera in sommità.
I metodi di verifica esposti sopra sono tuttavia ancora utilizzabili, modificando
la lunghezza dell’asta. A questo fine si definisce la lunghezza libera di inflessione

li = βl (5.67)

ottenuta moltiplicando la lunghezza effettiva l per coefficiente β dipendente dai vin-


coli. La verifica si esegue utilizzando la (5.66), ma calcolando il coefficiente ω in
funzione della snellezza λ = li /ρ = βl/ρ. Ovviamente, nel caso di travi vincolate

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


144 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Figura 5.25: Valori di ω in funzione della snellezza λ per l’acciaio Fe510 (curva c).

con cerniera e carrello risulta β = 1; per altri casi si possono utilizzare i grafici
della Fig. ?? , relativi ai casi in cui gli estremi sono fissi o liberi di spostarsi oriz-
zontalmente. Il parametro κ è il rapporto tra la rigidezza rotazionale del vincolo k
(M = kθ) e la rigidezza dell’asta EJ l
, per cui

kj l
κj = j = 1, 2 (5.68)
EJ
In ciascun grafico, sugli assi sono riportate le rigidezze normalizzate κ dei vincoli ai
due estremi delle aste. I punti vicini all’origine corrispondono ad aste incernierate
ai due estremi. Nel caso di estremo fisso, si ha il caso dell’asta di Eulero, per cui
β → 1; nel caso di estremo libero di spostarsi l’asta diviene labile e quindi β → ∞.
Al crescere di κ si va verso la condizione di incastro. I punti sugli assi corrispondono
al caso di incastro e cerniera; nel primo grafico β → 0.7, nel secondo β → 2. I punti
sulla diagonale per l’origine sono relativi ad aste con vincoli simmetrici; per κ → ∞
(doppio incastro) β → 0.5 nel primo grafico e β → 1 nel secondo.
Le norme CNR-UNI 10011 suggeriscono di assumere β = 0.7 (invece di 0.5)
nel caso di vincoli di doppio incastro e β = 0.8 (invece di 0.7) nel caso di vincoli di
incastro e cerniera. Questa scelta è ovviamente prudenziale e dipende dalla difficoltà
di realizzare un vincolo di perfetto incastro.
Un pilastro può essere vincolato diversamente nelle due direzioni; ad esempio
i pilastri del telaio in Fig. 5.27 si possono considerare incastrati alla base e, nella

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 145

2
Estremo Fisso 2
Estremo Libero
10 10
1.

0.525

0.55

0.575 1.16
1 1
10 0.6 10
0.625
0.675 1.3
0.65
0.725
1.47
0.775 0.7
κ2

κ2
0.75
1.66
0.825
1.88
0.8

0.875 0.85 2.12

0 0
2.39
10 10
0.9
2.7
0.925
3.05
0.775
3.44

0.95 3.89

4.39
4.96
5.59

-1 -1
10 10
-1 0 1 2 -1 0 1 2
10 10 10 10 10 10 10 10
κ1 κ1

Figura 5.26: Coefficiente β in funzione delle rigidezze rotazionali relative κ dei vincoli
di estremità di una trave, nei casi a nodi fissi e mobili.

direzione del piano del telaio, parzialmente incastrati in sommità, inoltre, a causa dei
controventi, si può ritenere che gli spostamenti nel piano siano impediti; pertanto
in questa direzione si potrà ragionevolmente assumere β = 0.7. Nella direzione
ortogonale invece la sezione di sommità è libera; pertanto si dovrà assumere β = 2.

Esempio 5.3 Supponendo che il pilastro in Fig. 5.27 abbia lunghezza l = 400 cm e la
sezione sia una HEB300, nella direzione del telaio si ha li = βl = 0.7 × 400 = 280 cm e
ρ = ρmin = 7.58 cm; pertanto in questa direzione λ1 = 280/7.58 ' 37. Nell’altra direzione
li = 2 × 400 = 800, mentre ρ = ρmax = 13; dunque λ2 = 800/13 = 61.5. Dunque la
snellezza maggiore si ha nella direzione 2, che corrisponde a quella di maggior rigidezza
della sezione, perché in questa direzione la lunghezza libera di inflessione è assai maggiore
che nell’altra. ¤

5.5.7 Aste presso-inflesse


Quando lo sforzo normale agente sull’asta ha un’eccentricità volontaria e, oltre alle
eccentricità accidentali di cui si tiene conto tramite il coefficiente ω, la verifica si
esegue sommando gli effetti dello sforzo normale a quelli prodotti dal momento Mmax
calcolato con la formula (5.61). Si ha quindi
|N| ω |Ne|
σ max = + ³ ´ ≤ fd (5.69)
A W 1− N |N|
E

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


146 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Figura 5.27: Telaio dell’esempio 5.3.


2
dove NE = πλ2E A è il carico critico euleriano.
È importante notare che, mentre ω deve essere valutato in base alla snellezza
massima tra quelle delle due direzioni, il carico critico NE si deve calcolare in base
alla snellezza relativa alla direzione di azione del momento. Ad esempio, per i pilastri
del telaio di Fig. 5.27, il coefficiente ω sarà valutato in base alla snellezza massima
(61.5), mentre, supponendo che nel piano del telaio agisca un momento trasmesso
dalla trave, il carico NE che compare nel secondo termine della (5.69) dovrà essere
calcolato in base alla snellezza relativa a quella direzione (λ = 37).
Quando il momento (e quindi l’eccentricità) varia linearmente lungo l’asse della
trave (caso frequente nei pilastri delle strutture intelaiate), si può ancora utilizzare
la (5.69), sostituendo all’eccentricità costante e un’eccentricità equivalente, calcolata
con la seguente formula:
½
0.6e1 + 0.4e2 se |0.6e1 + 0.4e2 | > 0.4 |e1 |
eeq = (5.70)
0.4e1 se |0.6e1 + 0.4e2 | ≤ 0.4 |e1 |
dove e1 ed e2 sono le eccentricità alle estremità dell’asta, ordinate in modo tale che
|e1 | ≥ |e2 |.
Esempio 5.4 Un pilastro di un telaio, realizzato mediante un profilato tipo HEB, è
soggetto alle sollecitazioni riportate nella successiva tabella:
Sezione N ( kN) My ( kN m) Mz ( kN m)
Sup. 300 20 12
Inf. 300 −10 −2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


5.5 Elementi snelli 147

Figura 5.28: Sezione del pilastro dell’esempio 5.4.

ha una lunghezza l = 350 cm ed è realizzato con acciaio Fe430 (fd = 275 MPa). Il pilastro
è incastrato al piede mentre in sommità è vincolato elasticamente dalle travi circostanti;
poiché il telaio non ha controventi né pareti di irrigidimento, si assume che la sommità del
pilastro sia libera di spostarsi. Si deve dimensionare e verificare il pilastro, assumendo che
la direzione di maggior resistenza e rigidezza sia la z (vedi Fig. 5.28); supponendo che le
travi in questa direzione siano più rigide, si assumono due diversi coefficienti β: β y = 1.2,
β z = 1.54 .
Assumiamo ω = 3 e dimensioniamo la sezione solo per forza normale; si ha
Nω 300 × 3
A= = = 32.7 cm2
fd 27.5
La sezione HEB120 ha le seguenti caratteristiche: A = 34.0 cm2 , ρy = 5.04 cm, ρz =
3.06 cm. Le lunghezze libere di inflessione sono: liy = β y l = 420 cm, liz = β z l = 525 cm;
pertanto le snellezze risultano:
liy liz
λy = = 83.3 λz = = 171.5
ρy ρz
Il valore di ω, per il tipo di acciaio e per il valore di λ più grande, è ω = 4.89; è evidente
che la sezione risulterà non verificata.
Si assume quindi un valore intermedio di ω: ω = (3 + 4.89)/2 = 3.95 e si dimensiona di
nuovo la sezione solo per la forza normale:
Nω 300 × 3.95
A= = = 43 cm2
fd 27.5
Assumendo una sezione¡ HEB
¢ 160, con le seguenti caratteristiche
¡ ¢ ¡ ¢
A cm2 ρy ( cm) ρz ( cm) Wy cm3 Wz cm3
54.25 6.78 4.05 311.5 111.2
risultano le snellezze
liy liz
λy = = 61.9 λz = = 129.6
ρy ρz
4
Per comodità utilizziamo per tutte le grandezze lo stesso p indice del momento flettente e del
momento d’inerzia. Poiché My e Jy hanno per asse y, ρy = Jy /A è il raggio d’inerzia maggiore
e β y indica il coefficiente della lunghezza libera di inflessione nel piano di normale y (cioè xz).

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


148 Capitolo 5 Strutture in acciaio

Alla snellezza maggiore corrisponde ω = 3.13.


Per verificare il pilastro, poiché il momento varia linearmente lungo l’altezza, calcoliamo
il momento equivalente:

My∗ = max (0.6 × 20 + 0.4 × (−10) , 0.4 × 20) = max (8.0, 8.0) = 8.0 kN m
Mz∗ = max(0.6 × 12 + 0.4 × (−2), 0.4 × 12) = max(6.4, 4.8) = 6.4 kN m

ed i carichi critici nelle due direzioni (E = 200000 MPa)

π2 E π2 E
NEy = A = 2791 kN NEz = A = 637 kN
λ2y λ2z

quindi
Nω M M
σ max = + ³ y ´+ ³ z ´ = 310.6 MPa > fd
A N
Wy 1 − NEy Wz 1 − NNEz

La sezione non è verificata.


Si adotta la sezione maggiore HEB180, le cui caratteristiche sono riportate nella tabella
seguente: ¡ ¢ ¡ ¢ ¡ ¢
A cm2 ρy ( cm) ρz ( cm) Wy cm3 Wz cm3
65.25 7.66 4.57 425.7 151.4
pertanto λy = 54.8, λz = 114.9 e ω = 2.63. Quindi NEy = 4284 kN e NEz = 974 kN. Da
questi dati risulta:
Nω M M
σ max = + ³ y ´+ ³ z ´ = 202.2 MPa < fd
A Wy 1 − NNEy Wz 1 − NNEz

Le verifiche sono soddisfatte adottando un profilato HEB180. ¤

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 6

Il cemento armato

6.1 Introduzione
Nella storia dei processi costruttivi il cemento armato giunge per ultimo, dopo che la
muratura ed il legno avevano dominato per millenni, ed anche dopo che le costruzioni
in acciaio avevano fatto la loro comparsa alla fine del XVIII secolo. Agli inizi del XX
secolo il cemento armato era ancora una tecnica sperimentale, alla fine dello stesso
la maggior parte delle costruzioni nel mondo, seppure con proporzioni non uniformi,
erano realizzate con questo materiale.
Le ragioni di questo successo sono molteplici, particolarmente di natura eco-
nomica (basso costo) e tecnico-costruttiva (relativa semplicità realizzativa, grande
flessibilità). Oggi l’impiego del cemento armato, particolarmente in Italia, copre un
campo assai vasto (probabilmente eccessivo) che va dai piccoli edifici di uno o due
piani, ad opere di grande impegno strutturale. Naturalmente il cemento armato
trova impieghi anche fuori dal campo dell’edilizia, nelle costruzioni di ponti, dighe,
opere idrauliche e marittime, pavimentazioni stradali, ecc.
Le strutture in cemento armato sono basate sull’impiego di due materiali: il
calcestruzzo e l’acciaio. Il primo, come si vedrà meglio in seguito, è un materiale
lapideo artificiale, caratterizzato da una rilevante resistenza a compressione ma da
una modesta resistenza a trazione. Questa caratteristica, comune alle pietre natu-
rali, ha sempre impedito alle costruzioni in pietra di superare grandi luci mediante
l’impiego di travi, a casa delle elevate tensioni di trazione prodotte dalla flessione.
Solo con la tecnica dell’arco (o della volta) è possibile trasferire carichi in punti
lontani da quelli di applicazione senza introdurre tensioni di trazione (Fig. 6.1).
L’aggiunta dell’armatura, formata da barre in acciaio convenientemente annegate
nel calcestruzzo, consente all’insieme calcestruzzo-acciaio (cemento armato, breve-
mente c.a.1 ) di acquisire anche una sufficiente resistenza a trazione per cui diviene
idoneo a sopportare stati di sollecitazione di entrambi i segni.
I primi brevetti per sistemi in cemento armato furono registrati da Monier, un
produttore di articoli da giardino, che aveva ideato un sistema di rinforzo dei vasi in
1
Sarebbe più corretto parlare di calcestruzzo armato, dizione comune in altre lingue (reinforced
concrete, béton armé, stahlbeton, hormigón armado, ecc.). Tuttavia in Italia la locuzione adottata
è quella di cemento armato.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 149


150 Capitolo 6 Il cemento armato

(a) (b)

Figura 6.1: Foto a sinistra (a): il Partenone; è evidente la piccola distanza tra le
colonne permessa dalla resistenza a trazione delle trabeazioni. Foto a destra (b): il
grande spazio coperto dalla cupola del Panteon, a Roma.

calcestruzzo mediante un’armatura formata da una rete metallica. Lo stesso Monier,


negli anni successivi, estese i suoi brevetti a tubi e serbatoi e quindi ad elementi
propri delle costruzioni civili: solette, ponti, scale. Nato in Francia, i cui brillanti
progettisti realizzeranno opere ardite (si pensi al ponte Risorgimento a Roma, 100
metri di luce, costruito nel 1910 su progetto Hennebique), il cemento armato troverà
una trattazione teorica più rigorosa soprattutto per merito di ingegneri tedeschi,
come Wayss, Bauschinger, Mörsch, Back e Kleinloghel.
Poco dopo le prime applicazioni del cemento armato “ordinario”, venne idea-
ta la precompressione, anche se i materiali dell’epoca non erano ancora adeguati a
consentire l’impiego di questa tecnica. La precompressione deve il suo sviluppo par-
ticolarmente all’opera del francese Freyssinet, che registrò numerosi brevetti relativi
alle tecniche realizzative. Non è possibile non ricordare, in questa succinta panora-
mica, l’opera di Fritz Leonhardt che fu, oltre che acuto studioso delle problematiche
del cemento armato, anche progettista di opere di notevole impegno ed arditezza.
Il grande sviluppo delle opere in cemento armato, iniziato già nella prima metà
del ’900, ebbe il suo maggiore sviluppo nel periodo successivo alla seconda guerra
mondiale, quando le esigenze della ricostruzione diedero grande impulso all’edilizia,
ed è in questo periodo che il cemento armato divenne il “materiale” di gran lunga
più utilizzato. Oltre che per i motivi economici e per la grande flessibilità, a cui
si è accennato prima, il cemento armato era apprezzato anche per la durevolezza
che si supponeva avesse, anche per analogia con le costruzioni lapidee. L’esperienza
degli anni successivi ha mostrato che questa previsione era decisamente ottimista;

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6.2 Il calcestruzzo 151

molte costruzioni in cemento armato di cinquanta o più anni, manifestano notevoli


problemi di conservazione. Tuttavia questa deficienza non è un limite intrinseco, ma
dipende soprattutto dalla scarsa qualità del calcestruzzo che, specialmente in quegli
anni, spesso si veniva a realizzare. Infatti, quello che è uno dei principali pregi del
calcestruzzo, cioè di essere prodotto, fluido, durante la costruzione e quindi “gettato”
nelle cassaforme (il che consente di realizzare forme complesse ed insolite), è anche il
suo punto debole, perché è molto più difficile assoggettarne la produzione a standard
uniformi e ad efficaci sistemi di controllo. Allo stato attuale è possibile, senza
eccessive difficoltà, realizzare calcestruzzi di ottima qualità, sia per la resistenza che
per la durabilità; tuttavia, specialmente nelle opere di minore importanza, i sistemi
di controllo non sono ancora sempre cosı̀ efficaci da garantire il conseguimento degli
standard desiderati.

6.2 Il calcestruzzo
Dei due componenti del cemento armato, il calcestruzzo è quello prevalente in quan-
tità ed è anche quello che risulta visibile, in quanto l’acciaio rimane nascosto nel
getto in cui è annegato. I componenti basilari del calcestruzzo sono: il cemento,
l’acqua e gli inerti (o aggregati). Gli aggregati costituiscono lo scheletro del mate-
riale e ne sono la parte prevalente; generalmente sono realizzati con rocce naturali
frantumate (pietrisco) o ghiaia e sabbia. Il cemento svolge la fondamentale funzione
di legante, trasformando gli aggregati sciolti in una massa solida, mentre l’acqua è
l’elemento che attiva le reazioni chimiche della “presa” del cemento.

6.2.1 Il cemento
Vi sono diversi tipi di cemento, tutti però varianti del capostipite cemento portland.
Il cemento portland si ottiene per cottura ad alta temperatura (∼ 1400 ◦ C) di una
miscela di rocce calcaree ed argilla; il prodotto di cottura (clinker) viene quindi
finemente macinato in mulini a sfere, in modo da ottenere un prodotto che reagisce
rapidamente quando posto a contatto con l’acqua. Da un punto di vista chimico
il cemento portland è costituito da una miscela di silicati ed alluminati di calcio;
a contatto con l’acqua gli alluminati ed i silicati reagiscono, dando luogo a com-
plesse reazioni che vengono globalmente indicate come idratazione. A seguito di
queste reazioni si produce una struttura fibrosa, da cui dipende fondamentalmente
la capacità collante del cemento (Fig. 6.2).
Oltre al cemento portland esistono numerosi altri tipi di cemento, per lo più
ottenuti aggiungendo al clinker del portland altre sostanze, naturali od artificiali.
Per esempio aggiungendo pozzolana si ottiene il cemento pozzolanico, con l’aggiun-
ta delle scorie di altoforno si ha il cemento d’altoforno; altre miscele si ottengono
utilizzando ceneri volanti di silice. I calcestruzzi miscelati si possono giustificare sia
per ragioni economiche (il minerale aggiunto costa meno del clinker) sia per ottenere
delle particolari caratteristiche (p.es. un più lento sviluppo del calore d’idratazione).

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


152 Capitolo 6 Il cemento armato

Figura 6.2: Rappresentazione schematica del processo di idratazione (da AIMAT).

6.2.2 Gli aggregati


Gli aggregati costituiscono lo scheletro del calcestruzzo e quindi le loro caratteri-
stiche meccaniche e geometriche influiscono sensibilmente sul comportamento del
materiale finito. Generalmente gli inerti grossi dovrebbero essere costituiti da roc-
ce che hanno una resistenza meccanica superiore a quella che si vuole ottenere dal
calcestruzzo, in modo che la rottura avvenga per rottura dei legami cementizi, non
a causa dell’aggregato.
Un aspetto fondamentale nella realizzazione del calcestruzzo è la composizione
granulometrica, cioè le percentuali di inerti grandi, medi e fini che formano la miscela
degli aggregati. Infatti una corretta granulometria è indispensabile per ottenere un
riempimento efficace dei vuoti, in modo che si renda minima la quantità di cemento
necessaria per riempire i vuoti lasciati dagli inerti. La dimensione massima degli
aggregati varia a secondo delle caratteristiche del calcestruzzo. Per la realizzazione
di oggetti massicci, come spesso capita nelle opere di fondazione, si preferisce usare
una dimensione massima degli aggregati elevata, in modo da ridurre il quantitativo
di cemento necessario; nei getti di elementi di piccole dimensioni o con un elevato
quantitativo di armature, che ostacola la colata del calcestruzzo, si preferisce usare
una granulometria di dimensioni minori. In ogni caso la composizione ottimale della
miscela di aggregati è fornita dalla curva di Fuller, che fornisce, in funzione di d,
la percentuale P di materiale passante attraverso un setaccio con fori di diametro d
(quindi la percentuale di inerti di diametro inferiore a d). La legge di Fuller ha la
semplice espressione p
P = 100 d/D (6.1)
dove D indica il diametro massimo degli inerti.
Nella Fig. 6.4 è rappresentata la curva (6.1) e le percentuali passanti di due
componenti, una sabbia ed una ghiaia (da AIMA) mescolati in proporzione del 48 -
52%.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6.2 Il calcestruzzo 153

Figura 6.3: Rappresentazione schematica dell’addensamento degli aggregati.

Slump (cm) Classe di consistenza Terminologia


0-4 S1 Terra umida
5-9 S2 Plastica
10-15 S3 Semifluida
16-20 S4 Fluida
>20 S5 Superfluida
Tabella 6.1: Abbassamento al cono di Abrams e classi di consistenza secondo UNI
9858

6.2.3 L’acqua
L’acqua, come si è detto, ha la funzione di reagire con il cemento, dando luogo alle
reazioni di idratazione, da cui derivano la presa e l’indurimento del calcestruzzo. Il
quantitativo di acqua strettamente necessario a questo scopo è di circa il 25% del
peso del cemento. In realtà il quantitativo che normalmente si impiega è molto su-
periore, perché l’acqua svolge anche la funzione di rendere lavorabile l’impasto. La
lavorabilità di un calcestruzzo fresco si stima mediante il cono di Abrams, misurando
l’abbassamento della massa fresca dopo lo scasseramento (Slump). La norma UNI
9858 definisce cinque classi di consistenza (Tab. 6.1); un calcestruzzo normalmen-
te lavorabile, senza l’impiego di altri accorgimenti, come la vibrazione, dovrebbe
appartenere alla classe S3 (o maggiore).
La lavorabilità del calcestruzzo aumenta al crescere del quantitativo d’acqua in
eccesso rispetto a quella richiesta per le reazioni chimiche, ma dipende anche dal
tipo di aggregati impiegati. Gli aggregati di piccola granulometria richiedono più
acqua di quelli di granulometria maggiore, mentre quelli di forma tondeggiante e
liscia ne richiedono meno di quelli scabrosi e di forma allungata.
L’aumento del rapporto acqua/cemento (a/c) sfortunatamente produce una ra-

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


154 Capitolo 6 Il cemento armato

Curva di Fuller Sabbia Ghiaia Totale

120

100
percentuale passante

80

60

40

20

0
0 5 10 15 20 25

diametro setaccio (mm)

Figura 6.4: Miscela degli inerti di un calcestruzzo e confronto con la curva di Fuller

pida diminuzione delle prestazioni meccaniche (resistenza) e della durabilità del


calcestruzzo. Infatti l’acqua in eccesso, rimasta libera, occupa degli spazi che, do-
po la fuoruscita dell’acqua, restano vuoti, aumentando notevolmente la porosità del
materiale. La presenza dei pori riduce la resistenza a compressione del calcestruzzo e
ne aumenta la deformabilità; amplifica inoltre alcuni fenomeni di deformazioni ritar-
date, come il ritiro e la viscosità. Infine, favorendo la permeazione di agenti esterni
e la conseguente alterazione del materiale, ne riduce sensibilmente la durabilità.

Figura 6.5: Slump test con il cono di Abrams

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6.2 Il calcestruzzo 155

Componente Peso (kg) Volume (l)


Cemento 370 123
Acqua 200 200
Aggregati 1788 675
Aria - 2
Totale 2359 1000
Tabella 6.2: Composizione media di un calcestruzzo Rck = 30 MPa e classe di
consistenza S3. Cemento 325, rapporto a/c = 0.54

6.2.4 Composizione del calcestruzzo


Per ottenere un calcestruzzo di classe S3 occorre mediamente un rapporto acqua/cemento
di circa 0.5. La resistenza del calcestruzzo cresce con l’aumento della quantità di
cemento, tuttavia per ottenere calcestruzzi di resistenza molto elevata ( > 50 MPa)
occorre ridurre drasticamente il rapporto acqua/cemento, recuperando la lavorabi-
lità mediante l’aggiunta di opportuni additivi. A titolo di esempio, nella Tab. 6.2 è
riportata la composizione di un calcestruzzo (classe di resistenza Rck = 30 MPa) e
classe di consistenza S3.
Le prestazioni dei calcestruzzi si possono fortemente migliorare introducendo
nella composizione degli additivi chimici, che l’industria del settore mette a disposi-
zione del progettista. Vi sono vari tipi di additivi, che svolgono differenti funzioni:
(fluidificanti, aeranti, acceleranti, ritardanti, ecc.). Gli additivi più importanti, ai
fini della resistenza, sono i fluidificanti, che consentono di ridurre drasticamente la
quantità di acqua in eccesso, e quindi di produrre calcestruzzi con bassissima po-
rosità, pur mantenendo all’impasto un’elevata fluidità. Tra i calcestruzzi speciali si
possono citare i calcestruzzi fibrorinforzati, ottenuti aggiungendo fibre di acciaio (o
di altro materiale dotato di resistenza a trazione). La presenza di fibre conferisce
al calcestruzzo una resistenza a trazione molto superiore a quella dei calcestruzzi
normali.
Di comune utilizzo, soprattutto per la realizzazione di elementi non strutturali
(p.es. pannelli di tamponatura), sono i calcestruzzi leggeri , ottenuti sostituendo gli
inerti naturali con prodotti artificiali di minore peso specifico (generalmente argilla
espansa). Alla riduzione del peso corrisponde anche una minor resistenza, per cui
generalmente si distingue tra calcestruzzi leggeri strutturali (con densità di circa
1800 kg/ m3 ) e calcestruzzi leggeri non strutturali, con densità che possono essere
anche molto minori.

6.2.5 Caratteristiche meccaniche del calcestruzzo


Resistenza a compressione
La resistenza a compressione (fc ) è il parametro più significativo tra quelli che
definiscono le proprietà meccaniche del calcestruzzo, e spesso è l’unico che viene
direttamente misurato. La resistenza si misura su campioni di forma cubica, di
15 cm di lato (Resistenza cubica Rc ) o su cilindri con diametro d = 15 cm ed altezza

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


156 Capitolo 6 Il cemento armato

Figura 6.6: Curve tensione—deformazione di calcestruzzi di differenti classi di


resistenza

doppia (resistenza cilindrica fc ). Le condizioni di prova influenzano sensibilmente il


valore della resistenza: mediamente

fc = 0.83Rc (6.2)

Nella Fig. 6.6 sono rappresentate alcune curve tensione—deformazione ottenute


su cilindri standard relative a calcestruzzi di differenti classi di resistenza. Si può
osservare che in queste curve manca un tratto chiaramente lineare; quindi, raggiunta
la tensione massima, per una deformazione prossima a 2 × 10−3 , il calcestruzzo può
continuare a deformarsi, ma l’equilibrio è possibile solo riducendo la forza esterna.
Il comportamento è quindi spiccatamente fragile, tanto più quanto maggiore è la
resistenza.

Modulo elastico
Anche se manca un ramo iniziale lineare, per valori della tensione sensibilmente
minori della resistenza la curva reale può efficacemente essere approssimata da una
retta. Si può quindi determinare un modulo elastico del calcestruzzo, anche se esso
deve essere definito in modo convenzionale, data l’effettiva non-linearità del mate-
riale. Le norme UNI 6556 prevedono che il modulo elastico (secante) sia valutato
con l’espressione
σ1 − σ0
Ec = (6.3)
ε1 − ε0
dove σ 1 ' fc /3 e σ0 ' fc /10 (fc = resistenza a compressione) mentre ε1 ed ε0 sono
i corrispondenti valori della deformazione. Dalla Fig. 6.6 appare chiaramente che al
crescere della resistenza aumenta anche il modulo elastico.
Non vi è una relazione deterministica tra modulo elastico e resistenza, ma soltan-
to una correlazione statistica. Tuttavia, poiché spesso la sola grandezza misurata è

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6.2 Il calcestruzzo 157

Figura 6.7: Schema delle prove per la misura della resistenza a trazione del
calcestruzzo: flessione (a) e taglio (b).

la resistenza, è opportuno disporre delle relazioni che forniscano, in media, il valore


del modulo elastico in funzione della resistenza a compressione. Questa relazione
viene normalmente posta nella forma (fib):
µ ¶1/3
fc
Ec = αE Ec0 (6.4)
fc0
dove Ec0 = 215000 MPa, fc0 = 10 MPa e αE è una costante che dipende dalla natura
degli inerti, variabile tra 0.7 e 1.2.

Resistenza a trazione
La resistenza a trazione del calcestruzzo è notevolmente inferiore di quella a com-
pressione; inoltre il comportamento è decisamente fragile, nel senso che, superata la
tensione massima, la resistenza decade rapidamente e si annulla all’aumentare della
deformazione. A causa di tale fragilità, misure dirette della resistenza a trazione
sono molto delicate, in quanto anche piccole imprecisioni nella prova, ad esempio
non perfetta assialità della forza, possono alterare in modo rilevante il risultato della
misura. Per questo motivo si preferiscono misure indirette, per esempio a flessione
o a taglio su cilindri (prova brasiliana), come illustrato in Fig. 6.7. La resistenza a
flessione è tuttavia maggiore di quella che si ottiene dalle prove di trazione e dipende
dalle dimensioni del provino. Per le dimensioni comunemente utilizzate il rapporto
fctf /fct è circa 1.5.
La resistenza a trazione aumenta al crescere di quella a compressione, ma anche
in questo caso la corrispondenza è solo di tipo statistico. In media si può assumere
che (fib) µ ¶
fc
fct = fct0 ln 1 + (6.5)
fc0
in cui fct0 = 2.12 MPa e fc0 = 10 MPa.

Comportamento del calcestruzzo nel tempo


Resistenza Le reazioni chimiche che avvengono nel cemento al momento della
presa e, successivamente, durante l’indurimento, si prolungano per molto tempo, per

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


158 Capitolo 6 Il cemento armato

Figura 6.8: Variazione nel tempo della resistenza del calcestruzzo (riferita a quella
a 28gg), per diversi tipi di cemento.

cui le caratteristiche del calcestruzzo continuano a mutare nel tempo. La resistenza,


come mostra il grafico di Fig. 6.8, continua ad aumentare nel tempo, tendendo ad
un valore asintotico che si raggiunge dopo diversi anni. La resistenza finale, come
si vede, può essere tra il 10 ed il 35% maggiore di quella di riferimento, misurata
convenzionalmente dopo 28 giorni dal getto.

Ritiro Un altro aspetto del calcestruzzo che si manifesta nel tempo è il ritiro.
Questo è una riduzione isotropa del volume del getto che si sviluppa nel tempo e
si completa dopo alcuni anni. Una parte del ritiro è dovuta a fenomeni legati al
proseguimento delle reazioni di idratazione del cemento. L’entità di questo ritiro
aumenta quindi con la quantità di cemento impiegata e dunque, in sostanza, con le
prestazioni meccaniche, inoltre questa parte del ritiro si esaurisce (o quasi) in tempi
relativamente brevi (circa 2 mesi). L’altra parte del ritiro è dovuta all’essiccamento,
ossia alla perdita dell’acqua in eccesso rimasta nei pori del materiale. L’entità e
la rapidità di questo fenomeno dipendono ovviamente, oltre che dal rapporto ac-
qua/cemento, dalle condizioni ambientali. In ambiente secco il fenomeno è rapido e
più rimarchevole, mentre in ambiente umido è più lento e, in condizioni di saturazio-
ne (umidità 100%), praticamente assente. Come si vede dalla Fig. 6.9, la parte del
ritiro dovuta all’essiccamento è maggiore nei calcestruzzi di bassa o normale qualità
(per i quali è maggiore il rapporto a/c) a confronto con quelli di alte prestazioni
(rapporto a/c minore).

Viscosità Quando si applica un carico ad un elemento in calcestruzzo (p.es. un


pilastro) questo subisce una deformazione praticamente istantanea; se la tensione

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6.2 Il calcestruzzo 159

Figura 6.9: Svilluppo del ritiro nel tempo per un calcestruzzo normale (NSC) ed
uno ad alta resistenza (NSC).

non è troppo vicina a quella di rottura, questa deformazione si può calcolare come
rapporto tra la tensione ed il modulo elastico del calcestruzzo: εc = σ c /Ec . Se il
carico applicato non viene rimosso, ma continua ad agire per un tempo abbastanza
lungo, la deformazione non resta costante, ma continua a crescere, pur tendendo ver-
so un valore asintotico che praticamente si raggiunge dopo alcuni anni. Il fenomeno
è quasi irreversibile; se si rimuove il carico dopo un lungo tempo la deformazione
elastica viene recuperata solo parzialmente a causa dell’aumento della rigidezza del
materiale avvenuta nel tempo, mentre la deformazione viscosa risulta praticamente
permanente (si veda Fig. 6.10).

La causa principale delle deformazioni ritardate è dovuta all’acqua in eccesso che,


posta in pressione, tende ad essere espulsa dalla massa del calcestruzzo. Anche per la
viscosità le condizioni ambientali (umidità) influiscono sull’evoluzione del fenomeno:
non molto sull’entità finale della deformazione, ma in modo rilevante sulla rapidità
con cui si sviluppa. L’entità della deformazione finale è invece prevalentemente
dipendente dal rapporto acqua/cemento.

Si deve tenere presente che la deformazione viscosa non costituisce una piccola
frazione di quella elastica; al contrario, come si vede anche dalla Fig. 6.10, forma la
parte prevalente della deformazione complessiva. Mediamente, per un calcestruzzo
normale, le deformazioni ultime dovute alla viscosità sono circa doppie di quelle
elastiche istantanee.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


160 Capitolo 6 Il cemento armato

Figura 6.10: Sviluppo nel tempo delle deformazioni di un elemento di calcestruzzo


compresso.

6.3 L’acciaio per il cemento armato


Negli elementi in cemento armato il calcestruzzo rappresenta il costituente che in
volume è largamente prevalente; l’acciaio, anche se impiegato in quantità molto
minore, svolge tuttavia un ruolo altrettanto importante, perché, come si vedrà meglio
nel seguito, ad esso è affidato il compito di resistere alle sollecitazioni di trazione
per le quali, come è stato mostrato in precedenza, il calcestruzzo ha una resistenza
molto limitata.
L’acciaio per il cemento armato viene normalmente prodotto in barre o fili (que-
sti ultimi si impiegano solo nel cemento armato precompresso). L’acciaio per il
cemento armato ordinario ha, dal punto di vista meccanico, un comportamento no-
tevolmente duttile. Nel diagramma tensioni-deformazioni (Fig. 6.11) si riconosce un
tratto elastico lineare, caratterizzato da un modulo elastico Es , fino alla tensione di
snervamento fy , dopo di che si verifica lo scorrimento plastico e, successivamente, la
fase di incrudimento in cui si raggiunge la resistenza massima ft seguita dal tratto
instabile (pendenza negativa) concluso dalla rottura della barra.
Negli anni passati venivano impiegati acciai di modesta resistenza allo snerva-
mento (200 ∼ 300 MPa) ma notevole duttilità (allungamento a rottura > 20%) e
sensibile differenza tra la tensione di snervamento e quella di rottura (ft = 340 ∼
490 MPa). Questi acciai venivano prodotti in barre tonde, con diametri compresi
tra 6 e 30 mm, lunghezze di circa 12 m. Attualmente la produzione si è concentrata
su acciai di maggior resistenza (fy ∼ 500 MPa) ma con minore duttilità (allunga-
mento a rottura > 10%) e minore incrudimento ft ∼ 600 MPa. Queste armature
sono prodotte in barre circolari ma la cui superficie è sagomata con opportuni risal-
ti, come mostrato in Fig. 6.12. Questo trattamento serve ad aumentare l’aderenza
tra l’acciaio ed il calcestruzzo, come sarà chiarito meglio nel prossimo paragrafo.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6.3 L’acciaio per il cemento armato 161

Figura 6.11: Diagramma tensioni-deformazioni di un acciaio ordinario da c.a.

Poiché le barre nervate non hanno una sezione perfettamente circolare, per esse si
utilizza un diametro convenzionale, ossia quello di una barra perfettamente circolare
equipesante.
Oltre all’acciaio “ordinario”, nel cemento armato (precompresso) si utilizza anche
acciaio ad altissima resistenza; questo viene normalmente prodotto in fili di piccolo
diametro, spesso riuniti in trecce o trefoli di più fili. Il comportamento di questo
tipo di acciaio è molto diverso da quello dell’acciaio “dolce”, descritto prima. Infatti
in questi acciai mancano completamente lo snervamento e la fase plastica, ed il
comportamento ha una transizione graduale dalla fase lineare a quella non-lineare,
in cui si raggiunge il valore massimo della tensione (ft ) e quindi la rottura (Fig. 6.13).
La resistenza di questi acciai (∼ 2000 MPa) è nettamente superiore a quella degli
acciai ordinari, ma la duttilità è notevolmente inferiore. Mancando lo snervamento,
per questi acciai non si può individuare una tensione fy ; convenzionalmente in sua
vece si utilizza la tensione f0.2 , che corrisponde ad una deformazione residua dello
0.2%.
Il modulo elastico degli acciai è poco sensibile alle differenze di composizione e di
resistenza; esso normalmente varia tra 195 000 e 210 000 MPa, mentre il coefficiente
di Poisson si può assumere ν ' 0.3.

6.3.1 Aderenza tra acciaio e calcestruzzo


Nella teoria del cemento armato si assume che i due materiali costituenti, calce-
struzzo ed acciaio, siano perfettamente solidali e quindi in due punti molto vicini,
uno appartenente ad una barra di acciaio, l’altro al calcestruzzo, le deformazioni
non differiscano per più di un infinitesimo della distanza tra i punti (vedi Fig. 6.14).
Nel calcestruzzo non fessurato questo è possibile grazie alla presenza delle forze di
aderenza tra acciaio e calcestruzzo. Durante la presa si stabiliscono dei legami di
adesione tra il cemento e la superficie della barra che praticamente impediscono lo

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


162 Capitolo 6 Il cemento armato

Figura 6.12: Esempio di barre nervate (aderenza migliorata) per l’armatura delle
strutture in c.a.

Figura 6.13: Diagramma tensioni-deformazioni di un acciaio ad alta resistenza

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


6.3 L’acciaio per il cemento armato 163

∂ε
ε (P ) + dP
ε(P) ∂P

Figura 6.14: Sezione di un elemento in calcestruzzo con annegata una barra in


acciaio.

Figura 6.15: Diagrammi forza-scorrimento di barre annegate nel calcestruzzo, lisce


e sagomate.

scorrimento relativo dei due materiali. Questi legami sono tuttavia piuttosto deboli
e possono essere vinti da forze non troppo elevate. Quando i legami di adesione
sono stati spezzati, allo scorrimento di una barra liscia si oppongono solo le forze
di attrito che si sviluppano tra la superficie della barra e quella del calcestruzzo cir-
costante, queste forze sono tuttavia assai deboli e diminuiscono con lo scorrimento,
come illustrato nel grafico in Fig. 6.15 (“plain bar”).
Questi fenomeni sono messi in evidenza dalle prove di sfilamento, in cui una
barra annegata in un provino prismatico di calcestruzzo per una lunghezza prefissata
viene estratta, misurando la forza e l’entità dello scorrimento. Quando la barra è
opportunamente sagomata, dopo la rottura dell’adesione acciaio-calcestruzzo, sono
i risalti, incassati nel getto, che si oppongono allo scorrimento, che può avvenire solo
dopo la rottura delle bielle di calcestruzzo che ostacolano il movimento della barra.
Con questi accorgimenti è possibile aumentare in modo rilevante la resistenza allo
scorrimento, anche se questo avviene a prezzo di spostamenti relativi tra acciaio e

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


164 Capitolo 6 Il cemento armato

Figura 6.16: Fessurazione del calcestruzzo circostante una barra sagomata: (a) per
rottura per taglio, (b) rottura dei denti di calcestruzzo.

calcestruzzo in realtà non trascurabili (vedi Fig. 6.15).


In tutti i casi l’entità delle tensioni massime di aderenza che si trasmettono tra
acciaio e calcestruzzo (forza divisa per l’area della superficie di contatto) dipende,
per una data geometria, dalla resistenza del calcestruzzo. Infatti l’aderenza iniziale
è dovuta ad un legame che dipende principalmente dal cemento, mentre l’aderen-
za offerta dai risalti delle barre sagomate è direttamente legata alla resistenza dei
“denti” di calcestruzzo che si oppongono allo scorrimento della barra.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 7

La trave in cemento armato

Si supponga di aver realizzato una trave in cemento armato, come quella schematica-
mente rappresentata in Fig. 7.1a, composta da un prisma in calcestruzzo rinforzato
con una o più barre di acciaio disposte nella parte inferiore della trave. La trave
è posta su semplici appoggi e caricata con due forze uguali P disposte simmetrica-
mente rispetto al centro. La struttura è ovviamente isostatica (uno dei due appoggi
si deve intendere che funziona come un carrello) e quindi la trave è soggetta ad una
sollecitazione di flessione (e taglio). Il grafico del momento flettente è rappresentato
nella stessa figura: nei tratti compresi tra gli appoggi ed i carichi il momento cresce
linearmente e quindi il taglio è costante (e pari a P ), nel tratto centrale, dove il
momento è costante, il taglio è ovviamente nullo; in questa zona dunque la trave è
sollecitata a flessione semplice.
Si supponga ora di far crescere il carico P partendo da un carico nullo ed inoltre
si assuma che il momento prodotto dal peso proprio sia tanto piccolo da potersi tra-
scurare1 . Mediante un opportuno strumento (flessimetro) si supponga di misurare
gli abbassamenti che si producono nella mezzeria della trave a seguito dell’appli-
cazione dei carichi e di riportare queste due grandezze (carico e abbassamento) in
un grafico. Eseguendo questo esperimento si ottiene un diagramma simile a quello
illustrato nella Fig. 7.1b.
Il primo tratto (OA) della curva è praticamente rettilineo e passa per l’origine.
Esso corrisponde a quello che si può prevedere dalla teoria della trave studiata nel
Cap. 4, considerando la sezione di calcestruzzo come costituita da un materiale
elastico di modulo Ec 2 . Infatti, per piccoli valori del carico, la tensione massima
indotta nel calcestruzzo è inferiore alla sua resistenza a trazione e quindi anche
la parte tesa della sezione reagisce; il comportamento del calcestruzzo compresso,
inoltre, si può assumere con buona approssimazione essere elastico lineare.
1
Questa ipotesi non corrisponde in genere al vero, ma comunque la si può accettare ai fini
dell’illustrazione dei fenomeni che si vuole trattare. In generale l’ipotetesi è sempre meno valida
al crescere del fattore di scala. Infatti il momento del peso proprio cresce con la quarta potenza
del fattore di scala, mentre il modulo di resistenza W , come si è visto nei precedenti capitoli, è
proporzionale al cubo delle dimensioni.
2
In realtà si deve tener conto anche della presenza dell’armatura, che è costituita da un diverso
materiale, dotato di un diverso (più elevato) modulo elastico. Come questo sia possibile sarà
spiegato nei paragrafi successivi.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 165


166 Capitolo 7 La trave in cemento armato

P P (1)
C D
Fase III

Forza
(2)
Fase II
A B
Fase I

M
O spostamento
(a) (b)

Figura 7.1: Schema di carico di una trave in c.a. semplicemente appoggiata e


digramma carico-abbassamento.

Raggiunto il carico corrispondente al punto A, in qualche sezione si supera la


resistenza a trazione del materiale e quindi una fessura si innesca e si propaga nella
parte inferiore (tesa) della sezione. Se la trave fosse di solo calcestruzzo questo ne
comporterebbe il collasso, perché nella sezione fessurata non sarebbe più possibile
realizzare l’equilibrio tra le forze esterne e le tensioni. Ma l’acciaio presente nel
cemento armato interviene assorbendo le forze di trazione rilasciate dal calcestruzzo
a causa della fessurazione e rendendo l’equilibrio ancora possibile. La fessurazione
riduce la rigidezza della sezione, si ha quindi un aumento dello spostamento, anche
se il carico non aumenta (od aumenta di poco) e cosı̀ si raggiunge il punto B.
Da questo punto in poi, la freccia riprende ad aumentare in modo proporzionale
agli aumenti del carico, ma più rapidamente, seguendo il segmento BC. La linea
tratteggiata (2) in Fig. 7.1b rappresenta gli abbassamenti calcolati nell’ipotesi che
tutta la trave, sin dall’inizio, sia composta da sezioni fessurate. Il comportamento
reale BC mostra che gli abbassamenti effettivi sono minori, in virtù del contributo
delle parti non fessurate del calcestruzzo, ma anche che la differenza tra i due si
riduce all’aumentare del carico e quindi all’avvicinarsi al punto C.
La linea BC è praticamente rettilinea perché in questa fase il comportamento
della trave è fortemente condizionato da quello dell’acciaio, che si ritiene sia in fase
elastica. Nel punto C si raggiunge lo snervamento dell’armatura ed ha quindi inizio
la fase plastica. Poiché la forza di trazione non può aumentare (almeno fino a quando
le deformazioni non raggiungono la fase dell’incrudimento), anche il momento cresce
lentamente con l’abbassamento. Ad un certo punto si raggiunge l’incrudimento ed il
momento riprende a crescere, ma spesso, prima di giungere a questo, la deformazione
del calcestruzzo compresso può essere divenuta tanto grande da produrre il collasso
per schiacciamento del materiale (punto D).
La fase I (sezione interamente reagente) ha scarso interesse nel caso degli elemen-
ti inflessi, perché il momento che produce la fessurazione è generalmente piccolo; gli
elementi vengono quindi normalmente progettati per funzionare, in esercizio, nella
fase II. Se tuttavia l’elemento è soggetto, oltre che alla flessione, ad una forza nor-

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.1 Comportamento in fase I. Omogeneizzazione 167

male di compressione (come avviene per i pilastri), allora è possibile che in esercizio
ci si trovi nella fase I, perché la sezione risulta interamente compressa (questo è
quello che accade negli elementi in cemento armato precompresso).
Nelle travi inflesse il collasso si raggiunge normalmente nella fase III, dopo che
è avvenuta la fessurazione e poi lo snervamento dell’armatura tesa. Negli elementi
prevalentemente compressi tuttavia il collasso si può raggiungere senza che la sezione
si sia fessurata (perché tutta compressa) o, se fessurata, prima che l’acciaio teso si
sia snervato, in quanto il collasso avviene per schiacciamento del calcestruzzo.

7.1 Comportamento in fase I. Omogeneizzazione


Nel calcestruzzo non fessurato si può assumere che vi sia una completa aderenza tra
l’acciaio ed il calcestruzzo, pertanto, come mostrato nella Fig. 6.14, le deformazioni
in due punti contigui (uno nell’acciaio e l’altro nel calcestruzzo) sono le stesse a
meno di un infinitesimo dello stesso ordine della loro distanza. Questo vuol dire
che il campo delle deformazioni non manifesta discontinuità in corrispondenza del
passaggio da un punto in un materiale a quello in un altro. Indicando con ε (P ) tale
campo, quello delle tensioni sarà

σ (P ) = E (P ) ε (P )

dove il modulo elastico E del materiale è ora una funzione di P , in quanto dipende
dal materiale presente nel punto. La forza ed il momento risultanti delle tensioni
nella sezione sono quindi
Z
N= E (P ) ε (P ) dA (7.1a)
Z A
M= E (P ) ε (P ) z (P ) dA (7.1b)
A

in cui z (P ) è la distanza del punto P dall’asse del momento.


Le (7.1) si possono scrivere in modo differente, introducendo un modulo di
riferimento (costante) E0 :
Z Z Z
E (P )
N= E0 ε (P ) dA = σ 0 (P ) α (P ) dA = σ 0 (P ) dA∗ (7.2a)
A E0 A A
Z Z Z
E (P )
M= z (P ) E0 ε (P ) dA = z (P ) σ 0 (P ) α (P ) dA = z (P ) σ 0 (P ) dA∗
A E0 A A
(7.2b)

Nelle (7.2) σ0 (P ) = E0 ε (P ) è la tensione che si avrebbe nel punto P se il modulo


elastico del materiale fosse quello di riferimento E0 e α (P ) = E (P ) /E0 è il rap-
porto tra il modulo effettivo e quello di riferimento che viene detto coefficiente di
omogeneizzazione; nell’ultimo membro si è poi posto dA∗ = α (P ) dA, quindi dA∗
è un’area pesata con il coefficiente α (P ). Le due equazioni (7.2) dimostrano che,
nell’ipotesi di perfetta aderenza, una sezione composta con parti di diversi materiali

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


168 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Figura 7.2: Sezione di una trave in cemento armato come sovrapposizione della
sezione di calcestruzzo (forata) e quella delle barre.

si può assimilare ad una realizzata con un unico materiale, avente il modulo elastico
E0 , ma in cui le aree sono pesate mediante il coefficiente α (P ) pari al rapporto tra il
modulo effettivo nel punto e quello di riferimento. La sezione cosı̀ modificata si dice
omogeneizzata, in quanto è resa equivalente ad una omogenea, perché composta da
un solo materiale.
Nel cemento armato abbiamo a che fare con sezioni composte da due soli materia-
li: il calcestruzzo e l’acciaio. Come materiale di riferimento si assume normalmente
il calcestruzzo, per cui se P è un punto nel calcestruzzo si ha α (P ) = 1. Per l’ac-
ciaio il rapporto Es /Ec viene tradizionalmente indicato con la lettera n; inoltre le
sezioni delle barre si possono normalmente assimilare a punti, quindi le formule (7.2)
divengono semplicemente
Z X
N= σ c (P ) dA + n σ ci Asi (7.3a)
Ac i
Z X
M= z (P ) σ c (P ) dA + n zi σ ci Asi (7.3b)
Ac i

in cui Ac è l’area della sezione in calcestruzzo, Asi è l’area della barra i-esima e σ ci
è la tensione che si ha nel calcestruzzo in un punto adiacente a quello relativo al
centro della barra i. A rigore l’area del calcestruzzo dovrebbe essere l’area dell’intera
sezione depurata delle parti occupate dalle barre, come mostrato in Fig. 7.2. In
pratica tuttavia, dato che l’area dell’armatura è molto più piccola di quella del
calcestruzzo, l’area Ac viene presa coincidente con quella dell’intera sezione, a cui si
aggiungono le aree delle barre omogeneizzate. In questo modo l’area occupata da
una barra viene conteggiata due volte, una come calcestruzzo (con peso 1), l’altra
come acciaio, con peso n. Di conseguenza, se si procede in questo modo, il valore
del coefficiente di omogeneizzazione realmente usato è n + 1.

7.1.1 Sezione pressoinflessa


Data una sezione in cemento armato sollecitata da una forza normale N (di com-
pressione) ed un momento di componenti My ed Mz , se ne vuole determinare lo

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.1 Comportamento in fase I. Omogeneizzazione 169

stato di tensione assumendo che la sezione sia in fase I (calcestruzzo non fessurato).
In una sezione pressoinflessa le tensioni, per quanto visto nel Cap. 4, sono funzioni
lineari delle coordinate; si può quindi porre:

σ c = σ0 + ay + bz (7.4)

in cui σ 0 , a e b sono opportune costanti. Dalle equazioni di equilibrio (7.3) si ha


quindi
"Z #
X
N = σ0 dA + n Asi +
Ac
"i Z # "Z #
X X
+a ydA + n yi Asi + b zdA + n zi Asi (7.5a)
Ac i Ac i

"Z #
X
My = σ0 zdA + n zi Asi +
Ac i
"Z # "Z #
X X
+a zydA + n zi yi Asi + b z 2 dA + n zi2 Asi (7.5b)
Ac i Ac i

"Z #
X
Mz = −σ 0 ydA + n yi Asi −
Ac i
"Z # "Z #
X X
−a y 2 dA + n yi2 Asi − b yzdA + n yi zi Asi (7.5c)
Ac i Ac i

Se gli assi del riferimento sono scelti in modo tale che


"Z # "Z # "Z #
X X X
ydA + n yi Asi = zdA + n zi Asi = zydA + n zi yi Asi = 0
Ac i Ac i Ac i
(7.6)
le (??) divengono
"Z #
X
N = σ0 dA + n Asi (7.7a)
Ac i
"Z #
X
My = b z 2 dA + n zi2 Asi (7.7b)
Ac i
"Z #
X
Mz = −a y 2 dA + n yi2 Asi (7.7c)
Ac i

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


170 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Ma
Z X X
dA + n Asi = Ac + n Asi = A∗ (7.8a)
Ac i i
Z X
z 2 dA + n zi2 Asi = Jy∗ (7.8b)
Ac i
Z X
y 2 dA + n yi2 Asi = Jz∗ (7.8c)
Ac i

sono l’area ed i momenti d’inerzia della sezione omogeneizzata. Dalle (7.7) allora
segue che
N Mz My
σ0 = ∗ a=− ∗ b= ∗
A Jz Jy
e quindi la (7.4) diviene
N Mz My
σc = ∗
− ∗y+ ∗z (7.9)
A Jz Jy
identica alla (4.23) quando si sostituiscano le grandezze geometriche relative alla
sezione omogeneizzata a quelle della sezione effettiva. Inoltre le condizioni (7.6)
equivalgono all’annullarsi dei momenti statici
Z X Z X
∗ ∗
Sz = ydA + n yi Asi Sy = zdA + n zi Asi
Ac i Ac i

e del momento centrifugo


Z X

Jyz = zydA + n zi yi Asi
Ac i

della sezione omogeneizzata; in sostanza questo equivale a dire che l’origine del
riferimento è nel baricentro e gli assi sono quelli principali d’inerzia della medesima
sezione.
La (7.9) fornisce le tensioni nel calcestruzzo. Per determinare le tensioni nella
i-esima barra d’acciaio basta osservare che le deformazioni sono le stesse, quindi
µ ¶
σ ci 1 N Mz My
εi = = − ∗ yi + ∗ zi
Ec Ec A∗ Jz Jy

e, di conseguenza
µ ¶
Es N Mz My
σ si = Es εi = σ c = nσ ci = n − ∗ yi + ∗ zi (7.10)
Ec i A∗ Jz Jy

avendo tenuto conto che n = Es /Ec .


La (7.10) mostra che la tensione in una barra d’acciaio si ottiene moltiplicando
la tensione del calcestruzzo nello stesso punto per il coefficiente di omogeneizzazione
n.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.1 Comportamento in fase I. Omogeneizzazione 171

Esempio 7.1 Determinare le tensioni, in fase I, nel calcestruzzo e nell’acciaio in una


sezione in c.a., rettangolare di lati b = h = 30 cm e con armatura formata da 4 barre
∅20 mm (area As = 3.14 cm2 ), poste alla distanza δ = 4 cm dai bordi, sollecitata con
uno sforzo normale N = −250 kN ed un momento flettente My = 150 kN m, assumendo
che il modulo elastico dell’acciaio sia Es = 200 000 MPa e quello del calcestruzzo Ec =
33 000 MPa. Verificare l’ammissibilità dell’ipotesi assumendo che la resistenza a trazione
per flessione del calcestruzzo sia fctf = 1.5 MPa.
Il coefficiente di omogeneizzazione è n = Es /Ec = 200000/33000 ' 6. Per simmetria il
baricentro della sezione omogeneizzata coincide con quello della sezione di calcestruzzo,
quindi l’area ed il momento d’inerzia baricentrico della sezione omogeneizzata valgono

A∗ = bh + 4nAs = 30 × 30 + 4 × 6 × 3.14 = 975.36 cm2


µ ¶2 µ ¶2
∗ bh3 h 30 × 303 30
Jy = + 4nAs −δ = + 4 × 6 × 3.14 − 4 = 76 618. cm4
12 2 12 2

Applicando la (7.9) le tensioni ai lembi della sezione sono

−250 15000 0.037 kN/ cm2 = 0.37 MPa


σc = ± 15 =
975.36 76618 −0.55 kN/ cm2 = −5.5 MPa

mentre usando la (7.10) si calcolano quelle nelle armature


∙ ¸
−250 15000 −0.246 kN/ cm2 = −2.46 MPa
σs = 6 ± 11 =
975.36 76618 −2.83 kN/ cm2 = −28.3 MPa

La trazione massima σ max = 0.37 MPa è minore della resistenza (fctf = 1.5 MPa), quindi
l’ipotesi che la sezione sia in fase I è accettabile. ¤

7.1.2 Il coefficiente di omogeneizzazione


Il coefficiente di omogeneizzazione n è, come è stato detto, il rapporto tra il modulo
elastico dell’acciaio e quello del calcestruzzo. Nei paragrafi precedenti si è anche
visto che nell’acciaio il modulo elastico è poco variabile e, mediamente, si può assu-
mere pari a 200 000 MPa, mentre nei calcestruzzi varia sensibilmente e si può ritenere
funzione crescente con la resistenza; per i calcestruzzi di normale impiego struttu-
rale si può assumere Ec variabile tra 27000 e 37000 MPa; il valore di n pertanto
dovrebbe variare tra 7.4 e 5.4, in funzione delle caratteristiche del calcestruzzo. In
pratica tuttavia si utilizza di frequente un valore notevolmente maggiore (n = 15);
la ragione di questa apparente discrepanza risiede nel fatto che il rapporto calcolato
prima si riferisce alle deformazioni istantanee; nel § 6.2.5, illustrando le proprietà del
calcestruzzo, si è visto come, per carichi di lunga durata, la deformazione del calce-
struzzo continua a crescere nel tempo a causa della viscosità, per cui le deformazioni
totali a lungo termine, relativamente ai carichi permanenti, sono circa il triplo di
quelle istantanee. Questo fatto si traduce in un’apparente diminuzione del modulo
elastico del calcestruzzo di un uguale fattore; di conseguenza il coefficiente di omo-
geneizzazione dovrebbe aumentare in proporzione inversa, divenendo compreso tra
circa 16 e 22. Questa valutazione è tuttavia eccessiva, in quanto assume che l’intero
carico sia permanente. Se si suppone che solo il 70% del carico totale sia di lunga

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


172 Capitolo 7 La trave in cemento armato

τad

σc

σs

Figura 7.3: Apertura di una fessura in una trave in cemento armato.

durata, le deformazioni totali divengono circa 2.4 volte quelle elastiche, ed a questo
corrisponde un coefficiente medio n = 2.4 × 6.3 ' 15.
Ovviamente questo è un calcolo forfettario, lecito quando l’effetto delle defor-
mazioni viscose non modifica in modo sostanziale il comportamento dell’elemento;
in caso contrario (p.es. nel cemento armato precompresso) occorre tenere separata
l’analisi delle deformazioni istantanee da quella degli effetti lenti. In questo caso nel
fissare il valore di n ci si dovrà riferire alla sua definizione originale, come rapporto
tra i moduli elastici istantanei dei due materiali, per esempio assumendo n = 6.

7.2 Analisi della sezione fessurata (fase II)


7.2.1 Comportamento della trave fessurata
Superata la resistenza a trazione del calcestruzzo in qualche punto della trave, nel-
la sezione corrispondente si apre una fessura. Come si è già fatto osservare, se la
trave fosse realizzata in solo calcestruzzo questo corrisponderebbe alla sua rottura;
viceversa, la presenza dell’acciaio consente alla sezione di trovare un’altra configura-
zione di equilibrio, in cui la forza di trazione, necessaria ad equilibrare il momento,
è assorbita dall’armatura, mentre il calcestruzzo assorbe la corrispondente forza di
compressione.
La fessura inizia a propagarsi partendo dalla fibra inferiore, maggiormente tesa,
e si estende fin quando le tensioni che si sviluppano nell’acciaio non sono in grado
di equilibrare la forza rilasciata del calcestruzzo fessurato; quando questo avviene la
fessura si stabilizza e la sezione viene a trovarsi nella nuova configurazione. Natu-

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.2 Analisi della sezione fessurata (fase II) 173

P P

Figura 7.4: Fessurazione di una trave in c.a. sollecitata a sola flessione.

ralmente, in una trave ben progettata queste fessure sono molto piccole (∼ 0.1 mm)
e praticamente non osservabili. Limitare l’ampiezza delle fessure è molto impor-
tante non soltanto per l’estetica, bensı̀ anche per conservare una efficace protezione
dell’acciaio.

Lo studio di cosa avviene nella trave a seguito della fessurazione (analisi della
fessurazione) esorbita dai limiti del corso; nel seguito se ne darà solo una descrizione
qualitativa, quindi si passerà allo studio della sezione.

Nella Fig. 7.3 è rappresentato schematicamente un tratto di trave in cui si è


aperta una fessura. Ovviamente l’ampiezza della fessura è fortemente esagerata per
rendere visibili i fenomeni che verranno descritti. Quando la fessura si apre, le facce
della fessura si scaricano e quindi le corrispondenti tensioni normali devono annullar-
si. Al contrario nell’armatura le tensioni aumentano, perché l’acciaio deve assorbire
anche la forza rilasciata dal calcestruzzo. Questa condizione non è evidentemente
compatibile con quella della perfetta aderenza; al contrario si produce uno scorri-
mento tra i due materiali, che pone in azione le tensioni di aderenza (τ ad ). Queste
tensioni si oppongono allo scorrimento e quindi restituiscono al calcestruzzo la forza
perduta nella sezione fessurata. Il fenomeno si stabilizza quando le tensioni nei due
materiali sono tornate ai valori che si hanno nella sezione non fessurata. Questo è
qualitativamente mostrato nella Fig. 7.3, dove i diagrammi σ s e σc rappresentano gli
andamenti delle tensioni normali nell’acciaio ed in una fibra di calcestruzzo prossima
all’armatura.

Al crescere del carico (e quindi del momento) la resistenza del calcestruzzo viene
vinta anche in altre sezioni, che tuttavia non possono essere troppo prossime alla
prima (e tra loro) perché, dopo l’aprirsi di una fessura, le tensioni nel calcestruzzo si
annullano in prossimità di questa. La trave fessurata è quindi composta da blocchi
di calcestruzzo integri separati da fessure, come illustrato in Fig. 7.4. Tuttavia,
quando il momento è sensibilmente maggiore di quello di fessurazione, il contributo
alla rigidezza della trave dei blocchi di calcestruzzo tra le fessure è modesto, perché
la tensione in questi blocchi risulta al massimo uguale (ma generalmente è minore)
a quella di fessurazione.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


174 Capitolo 7 La trave in cemento armato

εc

εs

Figura 7.5: Conservazione delle sezioni piane in una trave in c.a.

7.2.2 Analisi della sezione inflessa


La discussione precedente ci ha portato a concludere che in corrispondenza delle
fessure (e nelle zone circostanti) l’ipotesi di perfetta aderenza tra l’acciaio ed il cal-
cestruzzo teso non è più applicabile, mentre rimane valida per l’armatura presente
nella parte compressa della sezione. Il venir meno della condizione di uguali defor-
mazione tra il calcestruzzo fessurato e l’acciaio non è tuttavia importante, perché
il calcestruzzo fessurato (che si assume sia coincidente con quello teso) non fornisce
resistenza e quindi non è necessario conoscerne la deformazione per determinare lo
stato di tensione (che è sempre pari a zero). Ciò che è necessario assumere, per conti-
nuare ad adottare la teoria di Navier — de Saint Venant, è che per la sezione reagente
(calcestruzzo compresso e acciaio) sia sempre valida l’ipotesi di conservazione delle
sezioni piane, come è illustrato nella Fig. 7.5.
Stabilite queste ipotesi, la teoria della trave inflessa si può estendere al calcolo
elastico della sezione fessurata, con la precisazione che la sezione della trave è la
sezione reagente omogeneizzata, ossia la sezione costituita dalla sola parte compressa
del calcestruzzo e dall’acciaio, pesato con il coefficiente di omogeneizzazione n. Il
problema risulta tuttavia sensibilmente più complesso che per la sezione integra;
infatti quale sia la sezione reagente dipende dalla posizione dell’asse neutro, che è
incognita ed a sua volta dipende da quale sia la sezione reagente. La soluzione del
problema richiede quella di un sistema di due equazioni non lineari, le cui incognite
sono i due parametri che definiscono l’equazione della retta che coincide con l’asse
neutro.
Si esamini una generica sezione in c.a. come quella illustrata in Fig. 7.6; sia
η un asse coincidente con l’asse neutro della sezione reagente e ζ un asse ad esso
ortogonale; inoltre μ, ν siano altri due assi ortogonali, con l’origine in comune ai

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.2 Analisi della sezione fessurata (fase II) 175

μ θ

ζ ν

Figura 7.6: Sezione in c.a. sollecitata a flessione in fase II. Campo delle tensioni.

precedenti, e tali che μ sia l’asse attorno a cui “ruota” il momento, ossia l’asse
parallelo al vettore M. Per l’ipotesi di conservazione delle sezioni piane si può porre

σ = λζ (7.11)

dove λ è una costante e ζ è la distanza del punto dall’asse neutro. La (7.11) ovvia-
mente si riferisce ai punti della sezione omogeneizzata, composta dal calcestruzzo
compresso e dalle barre di armatura pesate con il coefficiente di omogeneizzazione
n. Poiché la sezione è sollecitata a sola flessione, la risultante delle tensioni normali
deve essere nulla, quindi
Z Z
σdA = λ ζdA = λSη∗ = 0 (7.12)
A∗ A∗

da cui si deduce che Sη∗ = 0. Nella (7.12) l’integrale è esteso all’area reagente
omogeneizzata, quindi Sη∗ è il momento statico relativo a η di questa sezione. Come
era prevedibile dalla teoria generale, questo momento statico è nullo, perché in una
sezione inflessa l’asse neutro deve passare per il baricentro della sezione, quindi η
è un asse che passa per il baricentro della sezione reagente omogeneizzata3 . Poiché
per ipotesi l’asse μ coincide con la direzione del vettore M, la proiezione di M su ν,
perpendicolare a μ, è nulla; dunque il momento risultante delle tensioni σ rispetto
ν deve essere nullo, ossia
Z Z
σμdA = λ ζμdA = 0 (7.13)
A∗ A∗
3
Nel seguito si dirà brevemente sezione omogeneizzata, intendendo una sezione composta dalla
sola parte compressa del calcestruzzo e delle aree di acciaio moltiplicate per n.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


176 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Ma (vedi Fig. 7.6)


ζ = ν cos θ + μ sin θ (7.14)
Sostituendo la (7.14) nella (7.13) si ottiene
Z Z
cos θ νμdA + sin θ μ2 dA = 0
A∗ A∗

da cui si deduce che ∗


−Jμν
tan θ = (7.15)
Jν∗
dove Jν∗ e Jμν

sono rispettivamente il momento d’inerzia rispetto all’asse ν ed il
momento centrifugo relativo a μν della sezione omogeneizzata.
Le due equazioni (7.12) e (7.15) permettono di determinare la posizione dell’asse
neutro, ma esse formano un sistema non-lineare, perché le grandezze Sη∗ , Jν∗ e Jμν ∗

dipendono dalle incognite, p.es. l’angolo θ e la distanza dell’asse neutro da un punto


fisso. La soluzione richiede dunque, in genere, una procedura numerica iterativa,
che si trova normalmente implementata in diversi programmi per computer.
Trovata la posizione dell’asse neutro, la geometria della sezione reagente risul-
ta definita e quindi tutte le sue caratteristiche possono essere facilmente calcolate.
L’ultima equazione di equilibrio non ancora utilizzata è quella tra il momento ri-
sultante delle tensioni ed il momento agente M. Poiché per definizione μ è proprio
l’asse del momento, si avrà
Z Z
M= σνdA = λ ζνdA (7.16)
A∗ A∗

e sostituendo la (7.14) nella (7.16) si ottiene


∙ Z Z ¸
2
¡ ¢
M = λ cos θ ν dA + sin θ νμdA = λ Jμ∗ cos θ + Jμν

sin θ
A∗ A∗

da cui segue, tenendo conto della (7.15), che


p ∗2 ∗2
M Jν + Jμν
λ= ∗ ∗ sin θ
= M (7.17)
Jμ cos θ + Jμν Jμ∗ Jν∗ − Jμν
∗2

Sostituendo il valore di λ (7.17) nella (7.11) si ottengono le tensioni nel calcestruzzo.


Quelle nell’acciaio risultano dalla stessa relazione, ponendo per ζ le coordinate del
centro della barra e moltiplicando il valore trovato per n.

7.2.3 Flessione retta


Se l’asse del momento μ coincide con uno degli assi principali d’inerzia della sezione,

allora Jμν = 0 [vedi pag. 6] e dalla (7.15) si trae che θ = 0, quindi l’asse neutro η è
parallelo all’asse del momento. Nel caso della sezione fessurata però questa condi-
zione si verifica solo se l’asse del momento coincide con uno degli assi principali della

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.2 Analisi della sezione fessurata (fase II) 177

y*

y* G*
G*
a a n
G0

y n y G0

z*

z
z
(a)
(b)

Figura 7.7: Flessione di una sezione asimmetrica (a) ed una simmetrica (b) per
un momento agente secondo uno degli assi principali d’inerzia della sezione di
calcestruzzo.

sezione reagente omogeneizzata, la cui geometria dipende dalla posizione dell’asse


neutro ed è quindi a priori incognita.

Ad esempio si consideri la sezione in Fig. 7.7 (a) sollecitata da un momento il


cui asse è parallelo all’asse principale d’inerzia (della sezione non fessurata) y. A
seguito della fessurazione gli assi della sezione parzializzata (y ∗ e z ∗ ) non coincidono
con quelli della sezione intera e quindi l’asse del momento non è più asse principale
d’inerzia, dunque θ 6= 0 e l’asse neutro è rotato rispetto all’asse della sollecitazione.
Nel caso però che la sezione sia simmetrica [Fig. 7.7 (b)] e l’asse del momento sia
ortogonale a quello di simmetria, allora, restando l’asse neutro parallelo all’asse del
momento, la sezione rimane simmetrica e gli assi principali d’inerzia non rotano;
quindi ci troviamo nel caso della flessione retta in cui la direzione dell’asse neutro è
nota, ortogonale all’asse di simmetria.

In conclusione, nelle sezioni fessurate, possiamo prevedere che la sollecitazione


è di flessione retta solamente se la sezione omogeneizzata è simmetrica e l’asse del
momento è ortogonale a quello di simmetria. Delle due equazioni (7.12) e (7.15)
la seconda è soddisfatta ponendo θ = 0, la prima (Sη∗ = 0) è quindi sufficiente per
determinare la posizione dell’asse neutro. Il problema risulta perciò notevolmente
semplificato.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


178 Capitolo 7 La trave in cemento armato

b
y
z1
zc
z2

η h
Asi
z3

Figura 7.8: Sezione rettangolare soggetta a flessione retta.

7.2.4 Flessione retta della sezione rettangolare


Anche nel caso della flessione retta, la determinazione della posizione dell’asse neutro
richiede la soluzione di un’equazione non lineare che in generale si può risolvere
solo con una procedura numerica iterativa; molti programmi per computer risolvono
efficientemente questo problema per sezioni di forma arbitraria. Per sezioni di forma
rettangolare, però, esplicitando la (7.12) si ottiene un’equazione di secondo grado,
di cui esiste una semplice e ben nota soluzione in “forma chiusa”.
Nella Fig. 7.8 è mostrata una sezione di questo tipo, di lati b, h e k livelli di
armatura4 , ciascuno di area Asi (i = 1, . . . , k). Si adotta un riferimento in cui
l’asse z (asse di simmetria della sezione) è ortogonale all’asse del momento e ha
origine sul bordo della sezione, dalla parte delle fibre compresse. Rispetto a questo
riferimento, zi (i = 1, . . . , k) sono le coordinate dei livelli di armatura e zc è la
distanza dall’origine dell’asse neutro η. Con queste posizioni il momento statico
della sezione omogeneizzata rispetto all’asse neutro η è:

1 X k
Sη∗ = − bzc2 + (zi − zc ) nAsi = 0
2 i=1

che si può opportunamente riscrivere


nAs nAs
zc2 + 2 zc − 2 z̄s = 0 (7.18)
b b
4
Nella flessione retta, un livello d’armatura è l’insieme delle barre che si trovano alla stessa
distanza dall’asse neutro e quindi hanno la stessa deformazione. L’area di un livello è ovviamente
la somma delle aree dello stesso livello.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.2 Analisi della sezione fessurata (fase II) 179

Pk
in cui As = i=1 Asi è l’area totale delle armature presenti nella sezione e
Pk
zi Asi
z̄s = Pi=1k
(7.19)
i=1 Asi

è la distanza dall’origine del baricentro delle armature. La (7.18) è un’equazione di


secondo grado, la cui soluzione positiva è
Ãr !
nAs 2bz̄s
zc = 1+ −1 (7.20)
b nAs

La (7.20) ci permette quindi di determinare facilmente la posizione dell’asse neu-


tro di una sezione rettangolare inflessa in c.a. sollecitata a flessione retta. Ora, noto
zc , non vi sono difficoltà a determinare le caratteristiche geometriche della sezione
reagente. In particolare il momento d’inerzia rispetto all’asse η, che è baricentrico,
risulta
bzc3 Xk

Jη = +n (zsi − zc )2 Asi (7.21)
3 i=1

Quindi, applicando la (7.17) (con Jμν = 0) e la (7.11), poiché μ ≡ η, si ha

My
σc = (z − zc ) (7.22)
Jη∗

che fornisce i valori della tensione nel calcestruzzo compresso (z < zc ). Il valore
(assoluto) massimo si raggiunge sul bordo, per z = 0, e si ha:
My
σ c max = − zc (7.23)
Jη∗

La tensione nell’acciaio si ottiene calcolando quella di una fibra di calcestruzzo posta


alla stessa distanza dall’asse neutro e amplificandola con il fattore n; si ottiene
My
σ si = n (zsi − zc ) (7.24)
Jη∗

La massima distanza dal lembo compresso dell’armatura (max {zsi } = d) è chia-


mata altezza utile della sezione. Questo nome deriva dal fatto che, nel calcolo a
flessione, non contando il calcestruzzo teso, la sezione effettivamente reagente finisce
praticamente in corrispondenza della barra più distante dal lembo compresso.

Esempio 7.2 La sezione rappresentata in Fig. 7.9 è soggetta ad un momento flettente


My = 120 kN m. Determinare i valori massimi delle tensioni nel calcestruzzo e nell’acciaio
(n = 15).
La sezione ha due livelli di armatura As1 = 2 × 2.01 = 4.02 cm2 z1 = 4 cm e As2 =
4 × 3.14 = 12.56 cm2 , z2 = 46 cm. L’area totale delle armature è pertanto

As = As1 + As2 = 4.02 + 12.56 = 16.58 cm2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


180 Capitolo 7 La trave in cemento armato

25
4

2∅16

50

4∅20

Figura 7.9: Sezione dell’esempio 7.2.

e la distanza dal lembo compresso del loro baricentro è


4.02 × 4 + 12.56 × 46
z̄s = = 35.82 cm
16.58
quindi nAs /b = 15 × 16.58/25 = 9.948 cm.
Applicando la (7.20) si ottiene la posizione dell’asse neutro
Ãr ! Ãr !
nAs 2bz̄s 2 × 35.82
zc = 1+ − 1 = 9.948 1+ − 1 = 18.54 cm
b nAs 9.948

Il momento d’inerzia della sezione omogeneizzata è allora

25 × 18.543 h i
Jη∗ = + 15 4.02 (4 − 18.54)2 + 12.56 (46 − 18.54)2 = 207918 cm4
3
Pertanto, applicando (7.23) e (7.24):
12000
σ c max = (−18.54) = −1.07 kN/ cm2 = −10.7 MPa
207918
12000
σ s max = 15 (46 − 18.54) = 23.77 kN/ cm2 = 237.7 MPa
218478
¤

7.2.5 Dimensionamento
Le formule precedenti permettono di calcolare le tensioni prodotte dalla sollecita-
zione quando la geometria della sezione e le armature sono note. Inversamente è
possibile calcolare le dimensioni e l’armatura di una sezione rettangolare in modo
tale che, per un dato valore della sollecitazione M, raggiunga prefissati valori della
tensione massima nel calcestruzzo e nell’acciaio.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.2 Analisi della sezione fessurata (fase II) 181

σc0
C
zc

d δ

As T
σs0/n
b

Figura 7.10: Risultanti delle tensioni in una sezione inflessa in c.a. con un solo livello
di armatura.

Con riferimento alla Fig. 7.10, che rappresenta una sezione rettangolare con un
solo livello di armatura, siano σ c0 e σ s0 i valori assoluti delle tensioni massime che
si vuole siano raggiunti nel calcestruzzo e nell’acciaio. La condizione che questo
si verifichi è rappresentata nel grafico nella stessa figura, in cui σ s0 è divisa per n
per tenere conto del diverso modulo elastico dei due materiali. Da una semplice
similitudine tra triangoli si deduce allora facilmente che:
σc0
zc = d = ψd (7.25)
σ c0 + σ s0 /n
σ c0
in cui ψ = σc0 +σ s0 /n
è una quantità nota, quando siano fissati i valori di σ c0 , σs0 e
del coefficiente di omogeneizzazione n. Se C indica il valore assoluto della risultante
delle tensioni di compressione e T la risultante delle tensioni di trazione nell’acciaio,
poiché la sollecitazione è di sola flessione (N = 0), si dovrà avere C = T . D’altra
parte è evidente che
σ̄ c (ζ) = σ c0 ζ/zc0
dove σ̄c (ζ) indica il valore assoluto di σ c all’ascissa ζ. Si ha dunque
Z zc Z zc
ζ bzc
C=b σ̄ c dζ = bσc0 dζ = σc0 (7.26)
0 0 zc 2
mentre T = As σ s0 .
La distanza tra le risultanti C e T è detta braccio delle forze interne ed è indicata
con δ. La risultante T passa evidentemente nel baricentro delle armature, distante
d dal lembo compresso; la risultante delle compressioni C cade invece nel baricentro
del triangolo che ha base σc0 ed altezza zc ; si ha pertanto [eq. (7.25)]:
µ ¶
zc ψ
δ =d− =d 1− (7.27)
3 3

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


182 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Le forze C e T formano una coppia di braccio δ; è evidente che il momento di questa


coppia deve uguagliare il momento M prodotto dalle forze esterne: dunque

M = Cδ = T δ (7.28)

Sostituendo la (7.26) e la (7.27) nella prima delle uguaglianze (7.28), risulta


µ ¶
2ψ ψ
M = σ c0 bd 1−
2 3

da cui si ricava immediatamente


∙ µ ¶¸−1/2 r r
ψ ψ M M
d = σc0 1− =α (7.29)
2 3 b b

dove ∙ µ ¶¸−1/2
ψ ψ σ c0
α = σc0 1− ψ= (7.30)
2 3 σ c0 + σ s0 /n
è un coefficiente che dipende solo dalle proprietà dei materiali.
Sostituendo l’espressione di T e quella di δ nella seconda delle equazioni (7.28),
si ha µ ¶
ψ
M = σ s0 As d 1 −
3
da cui segue che
M
As = ¡ ¢ (7.31)
σ s0 d 1 − ψ3
Le relazioni (7.29) e (7.31) consentono di determinare l’altezza utile d della sezio-
ne e l’area dell’armatura tesa, quando sono assegnati i valori massimi delle tensioni
e la base della sezione. L’altezza effettiva h si ottiene aggiungendo a d il raggio
massimo delle barre più il copriferro (2 ÷ 4 cm).

Esempio 7.3 Progettare una sezione rettangolare in c.a. in cui, per l’azione di un mo-
mento paria a 200 kN m si raggiungano i seguenti valori massimi delle tensioni: σ c0 =
9 MPa, σ s0 = 280 MPa, n = 15 ed assumendo b = 35 cm.
Si ha
σ c0 9
ψ= = = 0.325
σ c0 + σ s0 /n 9 + 280
15
quindi
∙ µ ¶¸
ψ ψ −1/2 cm
α = σ c0 1− = (0.9 × 0.145)−1/2 = 2.768 √
2 3 kN
r
20000
d = 2.768 = 66.17 cm
35
20000 2
As = ¡ ¢
0.325 = 12.1 cm
28 × 66.17 × 1 − 3

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.3 Calcolo a rottura (fase III) 183

In pratica, determinato il valore teorico di d, da esso si ottiene h sommando a d il


raggio delle barre che si intende usare ed il copriferro; questo valore viene poi arro-
tondato almeno al centimetro, spesso anche a 5 centimetri, preferibilmente in eccesso.
Nel caso dell’esempio, prevedendo l’impiego di ∅20 ed un copriferro di 3 cm, si ottiene
d = 66.17 + 1 + 3 = 70.17 ≈ 70 cm. Da questo valore, inversamente, si trova il valore effet-
tivo di d da inserire nella (7.31). A rigore, se d non è quello calcolato anche ψ cambia ma,
se la differenza è modesta, la quantità 1 − ψ/3 resta praticamente immutata. Nel caso del-
l’esempio si avrebbe d = 70 − 4 = 66 cm cm e quindi As = 20000/(28 × 66 × 0.891) = 12.15
(in questo caso la differenza è assai piccola, data la piccola variazione su d, ma in altri
casi con arrotondamenti più significativi, la variazione di As può risultare più rilevante).
Trovato il valore teorico di As si calcola il numero delle barre necessario, dividendo As per
l’area di una barra ed approssimando all’intero positivo superiore. Nel caso dell’esempio,
poiché l’area di un ∅20 è 3.14 cm2 , si ha nbarre = 12.15/3.14 = 3.87 → 4. L’area effettiva
risulta quindi As = 4 × 3.14 = 12.56 cm2 . ¤

7.3 Calcolo a rottura (fase III)


Nella Fig. 7.10 è mostrato come il meccanismo resistente di una sezione in c.a. sia
riconducibile ad una coppia di forze: una, di compressione, risultante delle tensioni
nel calcestruzzo e (se presente) nell’acciaio compresso, l’altra, di trazione, uguale
ed opposta alla prima, risultante delle tensioni nell’armatura tesa. Il momento re-
sistente che equilibria quello dovuto carichi è il prodotto del modulo di queste forze
per la distanza tra le loro rette di azione (braccio delle forze interne). Nell’esempio
precedente si è visto che tale braccio risultava approssimativamente 0.9d (per l’esat-
tezza 0.891d). Questo valore è influenzato dal quantitativo di armatura, ma è poco
variabile; al crescere del carico, quando il comportamento dei materiali non è più
elastico, questo valore tende ad aumentare, ma poiché evidentemente si avrà sempre
δ < d, il suo campo di variazione resta comunque limitato.
Fin quando i materiali restano praticamente elastici δ è costante e quindi le
forze T = C sono proporzionali ad M; quando si supera la soglia di snervamento
dell’acciaio la forza T = As σ s non può più crescere (almeno fino all’incrudimento) e
poiché, per quanto detto, il braccio delle forze è poco variabile, il momento resistente
non potrà aumentare in modo rilevante. Le deformazioni aumentano, portando
entrambi i materiali nel campo del comportamento non lineare; poiché l’acciaio è
molto più duttile del calcestruzzo, normalmente si verifica che la rottura si raggiunge
per eccessiva deformazione del calcestruzzo, anche se il limite di resistenza è posto
di fatto dalla tensione di plasticizzazione dell’acciaio. Questo spiega il ramo CD del
grafico di Fig. 6.16 (b).
Le leggi tensione—deformazione del calcestruzzo e dell’acciaio sono illustrate nelle
Fig. 6.6 e 6.11. Si deve però tener presente che, per il calcestruzzo, la legge è influen-
zata dal confinamento, cioè dall’azione di dispositivi che ostacolano la dilatazione
laterale del calcestruzzo compresso; questo effetto, in misura diversa, è normalmente
presente nelle travi in c.a. a seguito delle staffe, che esercitano, se abbastanza fitte,
una tale azione confinante (si veda Fig. 7.11). Il confinamento aumenta la resistenza

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


184 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Figura 7.11: Azione di confinamento esercitata dalle staffe.

e la duttilità del calcestruzzo, in quanto riduce la pendenza del ramo decrescente


della curva σ − ε.
Se si vuole una stima accurata della deformabilità ultima della sezione occorre
effettivamente tener conto delle reali leggi σ−ε dei materiali. Quando però l’interesse
è principalmente posto alla valutazione della resistenza ultima (valore massimo del
momento), è possibile adottare delle leggi semplificate, come quelle illustrate nella
Fig. 7.12. Per l’acciaio (a), si adotta la legge elasto-plastica perfetta in cui, dopo la
fase elastica, si ha un ramo perfettamente plastico (aumento della deformazione a
tensione costante) che termina con il punto limite L.
Per il calcestruzzo la legge effettiva, mostrata nella Fig. 6.6, viene approssimata
con la legge parabola-rettangolo mostrata nella Fig. 7.12 (b), formata da un tratto
parabolico fino alla deformazione εc0 ed uno costante fino all’allungamento di rottura
εcu . La legge analitica che esprime tale curva è semplicemente
⎧ ∙ ³ ´ ³ ´¸
2

fc 2 εεc0 − εεc0 per ε ≤ εc0
σc (ε) = (7.32)

fc per εc0 < ε ≤ εcu

I valori di εc0 e εcu che caratterizzano questa curva sono poco variabili con il tipo di
calcestruzzo. I valori comunemente adottati sono

εc0 = 2 × 10−3 εcu = 3.5 × 10−3 (7.33)

Questi valori si devono intendere in assoluto, poiché, come è ovvio, si riferiscono a


deformazioni di compressione.
Si è detto in precedenza che gli acciai da c.a. sono molto duttili, per cui se il
punto L (Fig. 7.12) dovesse rappresentare l’allungamento di rottura (>10%), il trat-
to Y L dovrebbe essere almeno 40 volte maggiore di εy . In pratica si adotta spesso
una deformazione limite εsl sensibilmente minore, perché il collasso si può ritene-
re raggiunto per eccessiva deformazione dell’acciaio. La vecchia normativa italiana
(D.M. LL. PP. 9/1/1996) prevedeva un valore massimo εsl = 0.01. Questo limite

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.3 Calcolo a rottura (fase III) 185

σ σ
Y L fcu A B
fy

εy εsl ε εc0 εcu ε


(a) (b)

Figura 7.12: Leggi tensione—deformazione per l’acciaio (a) e per il calcestruzzo (b)
adottate per il calcolo a rottura.

è tuttavia alquanto arbitrario, perché, come visto prima, la duttilità dell’acciaio è


almeno 10 volte maggiore; d’altra parte il rispetto di questo limite può comporta-
re delle complicazioni nei calcoli, senza peraltro che il loro risultato (il momento
ultimo) ne sia apprezzabilmente modificato. Le norme europee sul c.a. (euroco-
dice 2) non pongono limiti alla deformazione dell’acciaio, se si adotta una legge
elasto-plastica come quella di Fig. 7.12; se al contrario si adottasse una legge con
incrudimento (tratto YL crescente) allora richiedono che le deformazioni siano li-
mitate a εsl = 0.01. In pratica, per le percentuali di armatura normalmente usate,
difficilmente l’allungamento ultimo dell’acciaio supera il 2%, valore ancora pruden-
ziale, soprattutto tenendo conto che l’incrudimento in realtà limita la deformazione
dell’acciaio. Nel seguito pertanto si assumerà che il collasso di una sezione inflessa
possa avvenire solo per il superamento della massima deformazione del calcestruzzo
εcu senza porre limiti a quella dell’acciaio.

7.3.1 Momento ultimo di una sezione rettangolare in c.a. sog-


getta a flessione retta
Per le ipotesi fatte, in una sezione inflessa come quella illustrata in Fig. 7.13, il
collasso si raggiunge quando la fibra di calcestruzzo maggiormente compressa rag-
giunge la deformazione ultima εcu . Fissata la posizione dell’asse neutro, ovvero
l’altezza della zona compressa zc , il diagramma delle tensioni nel calcestruzzo ha
la forma mostrata in figura, composta da un tratto parabolico, in corrispondenza
delle fibre in cui ε < εc0 , e da un tratto costante, dove ε > εc0 . Se fosse nota l’al-
tezza della zona compressa zc , sarebbe facile calcolare la risultante C delle tensioni
di compressione. Infatti la lunghezza del tratto parabolico si determina facilmente
mediante
³ una´proporzione tra triangoli simili, da cui si ottiene zc1 = (εc0 /εcu ) zc e
zc2 = εcuε−ε
cu
c0
zc ; quindi, tenendo conto che C è pari all’area del diagramma molti-

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


186 Capitolo 7 La trave in cemento armato

ε 's εcu fc
d’ C2
As’ zc2
zc zc1 C1
d εc0

As 2 1 T
εsu εs εy σs
b

Figura 7.13: Meccanismo di collasso di una sezione rettangolare inflessa

plicata per lo spessore b della sezione, si ottiene (l’area sottesa dalla parabola è 2/3
di quella del rettangolo):
2
C1 = zc1 fc b C2 = zc2 fc b
3
Assegnando a εc0 e εcu i valori (7.33) si ha che zc1 = 0.5714zc e zc2 = 0.4286zc , per
cui
C1 = 0.381zc bfc C2 = 0.4286zc bfc
e pertanto
C = C1 + C2 = 0.81zc bfc (7.34)
Alla risultante delle tensioni nel calcestruzzo si deve aggiungere quella dell’acciaio
compresso. Questa risultante C 0 sarà
½
0 0 0 0 0 Es ε0s se |ε0s | < εy
C = As σ (εs ) = As (7.35)
fy se |ε0s | ≥ εy
Anche la deformazione dell’acciaio compresso si calcola facilmente, se è nota la
posizione dell’asse neutro; ricorrendo ancora ad una proporzione tra triangoli simili
0 zc − d0
εs = εcu (7.36)
zc
dove d0 è la distanza dell’armatura dal lembo compresso.
Tra la posizione dell’asse neutro e la deformazione dell’acciaio teso εs esiste una
semplice relazione, anch’essa deducibile da una similitudine di triangoli. Infatti,
poiché la deformazione del calcestruzzo al lembo compresso è fissata a εcu , si ha
(tutte le grandezze sono prese positive)
d − zc
εs = εcu (7.37)
zc

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.3 Calcolo a rottura (fase III) 187

ovvero, inversamente
εcu
zc = d (7.38)
εcu + εs
Normalmente, quando la rottura avviene in fase III, la deformazione dell’acciaio
teso ha superato la soglia di snervamento: in questo caso la tensione nell’acciaio non
dipende più dalla deformazione ed è semplicemente fy . Se la sezione fosse molto
armata però il collasso si potrebbe verificare prima, nella fase II, per schiacciamento
del calcestruzzo precedente lo snervamento dell’acciaio teso. Questo corrisponde
a meccanismi di collasso rappresentati da diagrammi delle ε che cadono nell’area
1 della Fig. 7.27, mentre i diagrammi relativi ai collassi normali, che avvengono
in fase III, cadono nell’area 2 della stessa figura. La separazione tra queste due
regioni è rappresentata dal diagramma tratteggiato in Fig. 7.27, corrispondente al
cosı̀ detto meccanismo della rottura bilanciata, nel quale la deformazione dell’acciaio
teso coincide con il limite di snervamento εy . La corrispondente posizione dell’asse
neutro si ottiene dalla (7.38) ponendo εs = εy :
εcu εcu
z̄c = d =d (7.39)
εcu + εy εcu + Efys

La risultante delle tensioni di compressione sarà quindi

Ct = 0.81fc bz̄c + A0s σ 0s

dove σ0s si può determinare calcolando ε0s con la (7.36) ponendo z̄c al posto di zc .
Poiché per ipotesi l’acciaio teso è alla soglia dello snervamento, σ s = fy e quindi
T = Ās fy . Dall’equilibrio delle forze (T = Ct ) si ricava che

0.81fc bz̄c σ0
Ās = + A0s s (7.40)
fy fy

In pratica, poiché εcu > εy , dalla (7.39) si deduce che z̄c > 0.5d; quindi, per sezioni
in cui il rapporto d0 /d è abbastanza piccolo, si avrà anche che d0 ¿ z̄c e allora dalla
(7.36) si deduce che ε0s ∼ εcu > εy (si veda Fig. 7.13) per cui σ0s = fy . In tal caso la
(7.40) si semplifica e diviene
0.81fc bz̄c
Ās = + A0s
fy

Se l’armatura della sezione è minore di Ās , la rottura avviene per snervamento


dell’acciaio (εs > εy ) nella fase III (sezioni normalmente armate); se invece As > Ās il
collasso del calcestruzzo avviene quando l’acciaio è ancora elastico, quindi in pratica
nella fase II (sezioni fortemente armate). Le rotture di questo tipo sono fragili
ed inoltre non consentono di sfruttare tutta la potenzialità dell’armatura, quindi
andrebbero evitate, particolarmente quando alla trave è richiesto un comportamento
duttile (cioè che la rottura si raggiunga per grandi deformazioni e spostamenti).
Per calcolare il momento di collasso, oltre alle forze Ct = T , occorre conoscere
il braccio della coppia, che ovviamente dipende dalla posizione delle risultanti C1 e

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


188 Capitolo 7 La trave in cemento armato

fc

C 0.4zc
0.8zc z
c

Figura 7.14: Diagramma rettangolare equivalente.

C2 delle tensioni del calcestruzzo, oltre che dalla risultante delle tensioni nell’acciaio
compresso, la cui posizione però è nota. Dalla Fig. 7.13 si deduce facilmente che la
distanza di C2 dal lembo compresso è zc2 /2, mentre quella di C1 è zc2 + (3/8)zc1 (il
baricentro della figura delimitata dall’arco di parabola è a 3/8 dalla base). Tenendo
conto dei valori di zc1 e zc2 calcolati in precedenza, nonché delle espressioni di C1 e
C2 , si ha che la distanza della retta d’azione di C dal lembo superiore è
0.4286
¡ ¢
2
zc C2 + 0.4286 + 38 0.5714 zc C1
zO = =
C
0.2143zc × 0.4286zc bfc + .6429zc × 0.381zc bfc
≈ 0.42zc (7.41)
0.81zc bfc

Diagramma rettangolare equivalente


I risultati espressi dalle (7.34) e (7.41) mostrano che, con modesta approssimazione,
il diagramma parabola-rettangolo, può essere sostituito da un diagramma rettan-
golare equivalente (si veda Fig. 7.14) esteso ad un’area di altezza 0.8zc . A questo
diagramma corrisponde una risultante 0.8zc bfc la cui retta d’azione è a 0.4zc dal
lembo compresso, valori che approssimano con sufficiente precisione quelli ottenuti
dal diagramma parabolico.
In realtà non vi è grande vantaggio nell’uso del diagramma rettangolare in luogo
di quello parabola-rettangolo (pr); anche se i coefficienti 0.8 e 0.4 sono altrettanto
legittimi di quelli, 0.81 e 0.42, derivati da quest’ultimo diagramma, tenuto conto della
convenzionalità delle ipotesi. Nel seguito quindi si continuerà a fare riferimento al
diagramma parabola rettangolo.

Collasso in fase III: sezioni normalmente armate


Data una sezione con due livelli di armatura As ed A0s (come caso particolare si può
avere A0s = 0), note le resistenze del calcestruzzo (fc ) e dell’acciaio (fy ), si vuole
calcolare il momento ultimo della sezione.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.3 Calcolo a rottura (fase III) 189

Se As < Ās [eq. (7.40)], per quanto visto il collasso avviene nella fase III (zona
(2) del diagramma di Fig. 7.13); quindi la deformazione nell’acciaio teso ha superato
la soglia di snervamento e la tensione di conseguenza è pari a fy . Dunque T = As fy
è nota; d’altra parte, per l’equilibrio della sezione, Ct = T e dunque

Ct = 0.81zc bfc + A0s σ 0s = T = As fy (7.42)

Nella (7.42) sono incogniti zc e σ 0s . Tuttavia se ε0s > εy (tutti i valori sono presi in
assoluto), allora σ 0s = fy e quindi nella (7.42) l’unica incognita è zc . Facendo questa
ipotesi dalla (7.42) si trae immediatamente
(As − A0s ) fy
zc = (7.43)
0.81bfc
Perché la (7.43) sia effettivamente la soluzione della (7.42) occorre però verificare
che l’ipotesi fatta (ε0s > εy ) sia corretta. Con il valore di zc trovato si determina ε0s
utilizzando la (7.36); se effettivamente risulta ε0s ≥ εy , il valore di zc è corretto e con
esso si può calcolare il momento ultimo, come mostrato più avanti.
Al contrario, se ε0s < εy , questo vuol dire che l’acciaio compresso è in fase elastica
e perciò σ 0s = Es ε0s < fy . In questo caso la (7.42) si può scrivere, tenendo conto
anche della (7.36)
zc − d0
0.81zc bfc + A0s Es εcu = As fy
zc
Moltiplicando tutti i termini per zc e dividendoli per 0.81bfc , l’equazione precedente
diviene
As fy − A0s Es εcu A0 Es εcu d0
zc2 − zc − s =
0.81bfc 0.81bfc
= zc2 − βzc − γ = 0 (7.44)

dove
As fy − A0s Es εcu A0 Es εcu d0
β= γ= s (7.45)
0.81bfc 0.81bfc
Risolvendo l’equazione di secondo grado si ottiene
p
β + β 2 + 4γ
zc = (7.46)
2
Determinato zc mediante la (7.43) o la (7.46), si può finalmente calcolare il
momento ultimo. Poiché le forze agenti sulla sezione formano un sistema a risultante
nulla (N = 0), il loro momento risultante non dipende dal polo prescelto5 . È
5
Infatti, se un sistema di forze con risultante F ha momento risultante MP rispetto al punto
P , il suo momento rispetto ad un altro polo Q è

MQ = MP + QP ∧ F

in cui QP è il vettore che unisce Q con P e ∧ indica il prodotto vettore. Se F = 0 si ottiene


MQ = MP qualunque sia il punto Q.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


190 Capitolo 7 La trave in cemento armato

conveniente assumere il polo coincidente con il punto di applicazione della risultante


C; in questo modo hanno braccio non nullo solo le forze nelle armature (tesa e
compressa) e pertanto:

Mu = As fy (d − 0.42zc ) − A0s σ 0s (d0 − 0.42zc ) (7.47)

dove σ0s = fy se ε0s ≥ εy , altrimenti σ 0s = Es ε0s , in cui ε0s si ottiene in funzione di zc


mediante la (7.36)6 .

Esempio 7.4 Calcolare il momento ultimo della sezione dell’esercizio di pag. 179, assu-
mendo per i materiali fc = 15 MPa, fy = 400 MPa, Es = 200000 MPa.
Per i valori assegnati εy = fy /Es = 2 × 10−3 . Quindi, applicando la (7.39)

3.5 × 10−3
z̄c = 46 = 29.27 cm
3.5 × 10−3 + 2 × 10−3

quindi per la (7.36)

29.27 − 4
ε̄0s = 3.5 × 10−3 = 3.02 × 10−3 > εy
29.27
Dunque l’acciaio compresso è snervato e σ 0s = fy . Dalla (7.40) risulta quindi

0.81fc bz̄c 0.81 × 1.5 × 25 × 29.27


Ās = + A0s = + 4.02 = 26.24 cm2
fy 40

L’area dell’armatura effettiva As = 12.56 cm2 è minore di Ās , quindi la rottura avviene
in fase III, quando l’acciaio teso è in fase plastica (σs = fy ). Supponendo che anche
l’armatura compressa sia in fase plastica, per determinare la posizione dell’asse neutro si
applica la (7.43):

(As − A0s ) fy (12.56 − 4.02) 40


zc = = = 11.246 cm
0.81bfc 0.81 × 25 × 1.5

Si deve ora verificare che il risultato sia coerente con l’ipotesi fatta. Dalla (7.36) si ricava
la deformazione dell’armatura compressa

11.246 − 4
ε0s = 3.5 × 10−3 = 2.25 × 10−3 > εy
11.246
Dunque l’ipotesi è verificata ed il valore di zc trovato è quello corretto. Si può ora calcolare
il momento ultimo applicando la (7.47) con σ 0s = fy :

Mu = 12.56 × 40 (46 − 0.42 × 11.246) −


4.02 × 40 (4 − 0.42 × 11.246) = 20854 kN cm

¤
6
Per come sono presi i segni nella (7.47) σ 0s è positivo se l’armatura è compressa e negativo se
tesa.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.3 Calcolo a rottura (fase III) 191

Esempio 7.5 Si vuole calcolare il momento ultimo di una sezione rettangolare 25 × 40


armata con 2∅16 in zona compressa (A0s = 4.02 cm2 , d0 = 4 cm) e con 4∅16 in zona tesa
(As = 8.04 cm2 , d = 36 cm) assumendo che le resistenze dei materiali siano le stesse che
nell’esercizio precedente.
La posizione dell’asse neutro per la rottura bilanciata è
3.5 × 10−3
z̄c = 36 = 22.91 cm
3.5 × 10−3 + 2 × 10−3
a cui corrisponde una deformazione dell’acciaio compresso
22.91 − 4
ε̄0s = 3.5 × 10−3 = 2.89 × 10−3 > εy
22.91
per cui σ̄ 0s = fy e di conseguenza
0.81 × 1.5 × 25 × 22.91
Ās = + 4.02 = 21.42 cm2
40
Poiché As < Ās la sezione è normalmente armata; quindi al collasso εs > εy e σ s = fy .
Assumendo che anche l’acciaio compresso sia in fase plastica si applica la (7.43), da cui si
ottiene
(8.04 − 4.02) 40
zc = = 5.294 cm
0.81 × 25 × 1.5
Per verificare la correttezza dell’ipotesi si determina la deformazione dell’acciaio, appli-
cando la (7.36)
5.295 − 4
ε0s = 3.5 × 10−3 = 0.855 × 10−3 < εy
5.294
Dunque la deformazione dell’acciaio compresso è minore di quella di snervamento: l’ipotesi
era errata e quindi la posizione dell’asse neutro si calcola con la (7.46). Applicando le (7.45)
risulta
As fy − A0s Es εcu 8.04 × 40 − 4.02 × 20000 × 3.5 × 10−3
β= = = 1.323
0.81bfc 0.81 × 25 × 1.5
A0 Es εcu d0 4.02 × 20000 × 3.5 × 10−3 × 4
γ= s = = 37.05
0.81bfc 0.81 × 25 × 1.5
e quindi √
1.3232 + 4 × 37.05
1.323 +
zc = = 6.785 cm
2
A questa posizione dell’asse neutro corrisponde la deformazione dell’acciaio compresso
6.975 − 4
ε0s = 3.5 × 10−3 = 1.437 × 10−3
6.875
e quindi la tensione

σ 0s = Es ε0s = 200000 × 1.437 × 10−3 = 287.3 MPa

Infine si calcola il momento ultimo della sezione applicando la (7.47):

Mu = 8.04 × 40 × (36 − 0.42 × 6.785) − 4.02 × 28.73 (4 − 0.42 × 6.785) = 10528 kN cm

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


192 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Collasso in fase II. Sezioni fortemente armate


Se As > Ās la rottura avviene nel campo (1) del grafico in Fig. 7.13 con l’acciaio teso
che è ancora elastico. Questo vuol dire che nel grafico di Fig. 7.1 la rottura avviene
in un punto del ramo BC con deformazioni ancora piccole e fessure limitate. Si ha
quindi un collasso fragile che sarebbe opportuno evitare. Per completezza tuttavia si
illustra anche il calcolo del momento ultimo per le sezioni fortemente armate. Poiché
per tali sezioni l’altezza della zona compressa è grande (in rapporto a d) si ha che
ε0s ∼ εcu > εy ; assumeremo quindi che l’acciaio compresso sia in fase plastica con
σ0s = fy . Per l’acciaio teso, al contrario, si ha che σs = Es εs , con εs che è espresso
in funzione della posizione dell’asse neutro mediante la (7.37). Dall’equilibrio della
sezione si deduce quindi che

d − zc
0.81zc bfc + A0s fy = As σ s = As Es εcu
zc

da cui si ricava l’equazione di secondo grado

0.81bfc zc2 + (A0s f +y As Es εcu ) zc − As Es εcu d = 0

che si può riscrivere


zc2 + β 1 zc − γ 1 = 0
in cui
A0s f +y As Es εcu As Es εcu d
β1 = γ1 = (7.48)
0.81bfc 0.81bfc
Risolvendo l’equazione di secondo grado si ottiene l’altezza della zona compressa:
p 2
−β 1 + β 1 − 4γ 1
zc = (7.49)
2
Il momento ultimo si può calcolare convenientemente ponendo il polo in corri-
spondenza dell’armatura tesa. In tal caso solo le forze di compressione hanno un
braccio non nullo, e si ha

Mu = 0.81zc bfc (d − 0.42zc ) + A0s fy (d − d0 ) (7.50)

Esempio 7.6 Determinare il momento ultimo della sezione inflessa 30×35 con armatura
compressa 2∅14 (A0s = 3.08 cm2 , d0 = 4 cm) ed armatura tesa 5∅24 (As = 22.61 cm2 ,
d = 31 cm). Materiali: fc = 15 MPa, fy = 400 MPa, Es = 200000 MPa.
L’armatura per la rottura bilanciata è
εcu
z̄c = d = 19.73 cm
εcu + εy
0.81z̄c bfc
Ās = A0s + = 21.06 cm2
fy

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione 193

quindi As > Ās ed il collasso si verifica in fase II. Applicando le (7.48) e (7.49), tenendo
conto che Es εcu = 20000 × 0.0035 = 70 kN/ cm2 , si ottiene

3.08 × 40 + 22.61 × 70
β1 = = 46.801 cm
0.81 × 30 × 1.5
22.61 × 70 × 34
γ1 = = 1476.3 cm2
0.81 × 30 × 1.5

−46.801 + 46.8012 + 4 × 1476.3
zc = = 21.587 cm
2

La tensione nell’acciaio è pertanto

d − zc 31 − 21.587 kN
σ s = Es εs = Es εcu = 70 = 30.5
zc 21.587 cm2

Questo conferma che σ s < fy . Infine, applicando la (7.50) si calcola il momento ultimo

Mu = 0.81 × 21.587 × 30 × 1.5 (31 − 0.42 × 21.587) + 3.08 × 40 (31 − 4) = 20585 kN cm

7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessio-


ne
7.4.1 Comportamento in fase I
Negli elementi inflessi il comportamento in fase I (sezione interamente reagente)
dipende dalla resistenza a trazione del calcestruzzo; superato il limite di resisten-
za si innesca una fessura ed il comportamento della sezione è quello della fase II.
Poiché nella teoria convenzionale del cemento armato la resistenza a trazione del
calcestruzzo viene trascurata, negli elementi inflessi la fase I non viene considerata
e si assume che la sezione sia sempre fessurata. Nel caso che gli elementi, oltre che
a flessione, siano sollecitati a sforzo normale, allora è possibile che la sezione risulti
interamente compressa e pertanto anche interamente reagente. Dunque, in questi
casi, il comportamento in fase I deve essere preso in considerazione.
Per decidere se, sotto determinati carichi, una sezione sia o no interamente com-
pressa è sufficiente ricordare il significato del nocciolo centrale d’inerzia, introdotto
nel § 4.4.6; in quel paragrafo è stato mostrato che se il centro di pressione, traccia
della linea d’asse della risultante sul piano della sezione, è interno all’area del noc-
ciolo, la sezione risulta sollecitata da tensioni di uguale segno, per cui se la forza N
è di compressione sarà interamente compressa. In questo caso, essendo la sezione
interamente reagente ed assumendo che entrambi i materiali (calcestruzzo e acciaio)
seguano una legge costitutiva elastica lineare, lo stato di tensione si calcola con le
espressioni (7.9) e (7.10), rispettivamente per il calcestruzzo e per l’acciaio.
Ovviamente il nocciolo d’inerzia si deve riferire alla sezione omogeneizzata. Nel
caso di una sezione rettangolare, nel § 4.4.6, è stato mostrato che il nocciolo è

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


194 Capitolo 7 La trave in cemento armato

un rombo con centro nel baricentro della sezione e diagonali pari ad 1/3 dei lati del
rettangolo. Anche nel caso della sezione rettangolare in c.a. il nocciolo è quadrilatero
(un rombo se l’armatura è simmetrica), ma la lunghezza delle diagonali è alterata
dall’area dell’armatura omogeneizzata. In particolare, indicando con zG la distanza
del baricentro dal lembo inferiore della sezione, le distanze degli estremi del nocciolo
dal baricentro della sezione omogeneizzata sono
ρ∗2
z ρ∗2
z
z1 = z2 =
zG zG − h
h essendo l’altezza della sezione e ρ∗2 ∗ ∗
z = Jy /A è il quadrato del giratore d’inerzia
della sezione omogeneizzata. Ovviamente se zG = h/2 si ha z1 = −z2 .

Esempio 7.7 Determinare i punti estremi del nocciolo di una sezione rettangolare 30×45
con armatura simmetrica di 4∅16 posti a 4 cm dal bordo della sezione (n = 15).
Si ha che As = A0s = 8.04 cm2 , quindi la sezione è simmetrica e zG = h/2 = 22.5 cm.
A∗ = 30 × 45 + 15 × 2 × 8.04 = 1591.2 cm2
30 × 453
Jy∗ = + 15 × 2 × 8.04 (22.5 − 4)2 = 310363.2 cm4
12
Da questo si deduce
Jy∗ 310363.2
ρ∗2
z = ∗
= = 195.05 cm2
A 1591.2
195.05
z1 = = 8.67 cm
22.5
In assenza di armatura z1 = h/6 = 7.5 cm. ¤

L’esempio precedente mostra come il nocciolo della sezione armata sia più ampio
di quella non armata; è chiaro che se il centro di pressione cade all’interno del noc-
ciolo della sezione non armata, a maggior ragione sarà verificata la condizione per
la sezione armata. In questo caso si può assumere senz’altro che la sezione è inte-
ramente compressa e quindi ci si trova nel caso della cosı̀ detta piccola eccentricità.
Analogamente se l’eccentricità è molto maggiore dell’ampiezza del nocciolo della se-
zione non armata ne potremo dedurre che la sezione sia parzialmente tesa (grande
eccentricità) e quindi fessurata. Nei casi intermedi, per stabilire se la sezione è o no
tutta compressa è necessario determinare l’ampiezza effettiva del nocciolo, nel modo
illustrato nel precedente esempio.

Esempio 7.8 Verificare se la sezione dell’esempio precedente, sollecitata con N = −400 kN


ed My = 33 kN m, sia interamente compressa e, in caso affermativo, determinare le tensioni
estreme nel calcestruzzo e nell’acciaio.
L’eccentricità è ez = My /N = 33/400 = 0.0825 m (8.25 cm) valore poco maggiore dell’am-
piezza del nocciolo della sezione non armata. Il confronto con il risultato dell’esercizio pre-
cedente mostra che in effetti ez < z1 = 8.67 cm, quindi la sezione è interamente compressa.
Usando i risultati dell’esercizio precedente si ha dunque
−400 3300 −0.012 kN
σ c max = ± 22.5 =
min 1591.2 310363.2 −0.491 cm2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione 195

η O N
u σc
zn
zc

a n ζ

σs/n

Figura 7.15: Sezione sollecitata a pressoflessione retta di grande eccentricità.

µ ¶
−400 3300 −0.82 kN
σ s max = 15 ± 18.5 =
min 1591.2 310363.2 −6.72 cm2
I risultati confermano che la sezione è interamente compressa. ¤

7.4.2 Comportamento in fase II (sezione fessurata)


Se il centro di pressione è esterno al nocciolo l’asse neutro taglia la sezione che per-
tanto risulta parzialmente tesa. Poiché si è convenuto di trascurare completamente
il contributo del calcestruzzo teso (resistenza a trazione nulla), la sezione risulta
fessurata e quindi la sua geometria cambia. Anche in questo caso, come in quello
della flessione semplice, è preliminare determinare la posizione dell’asse neutro.
Si esamina soltanto il caso della pressoflessione retta, che si verifica quando il
centro di pressione appartiene ad un asse di simmetria della sezione. In questo caso la
giacitura dell’asse neutro è nota, perché è perpendicolare all’asse della sollecitazione,
e quindi se ne deve determinare solo la posizione.
Con riferimento alla Fig. 7.15, si assume un riferimento con origine nel centro di
pressione O e l’asse z coincidente con l’asse di simmetria della sezione. Si indica con
zn la distanza dell’asse neutro (perpendicolare a z) da O. Sia inoltre ζ un altro asse,
parallelo a z ma con origine sull’asse neutro. È evidente che ζ = z−zn ; quindi, poiché
le tensioni nella sezione omogeneizzata sono proporzionali alla distanza dall’asse
neutro,
σ = κζ = κ (z − zn ) (7.51)
dove κ è una costante che dovrà essere determinata in base alle condizioni di equi-
librio. Poiché l’origine del riferimento è stata fissata coincidente con il centro di
pressione, il momento delle tensioni relativamente ad ogni asse per O deve essere

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


196 Capitolo 7 La trave in cemento armato

η O N
u σc
zn
zc

a n ζ

σs/n

Figura 7.16: Sezione rettangolare soggetta a pressoflessione retta di grande


eccentricità.

nullo; quindi Z Z
σzdA = κ (z − zn ) zdA = 0
A∗ A∗
da cui si ottiene l’equazione
Jη∗ − zn Sη∗ = 0 (7.52)
dove Sη∗
e Jη∗
sono rispettivamente il momento statico ed il momento d’inerzia
della sezione fessurata omogeneizzata, relativamente all’asse η, passante per O e
perpendicolare a z.
L’equazione (7.52) non è lineare in zn , poiché da questa grandezza dipendono
anche Sη∗ e Jη∗ . Nel caso generale non è possibile dare una forma esplicita semplice a
questa equazione, per cui la soluzione si deve determinare mediante una procedura
numerica iterativa.
Per la sezione rettangolare (Fig. 7.16), l’espressione (7.52) assume una forma
relativamente semplice. Infatti
1 ¡ 2 ¢ X
Sη∗ = b zn − u2 + n Asi zsi (7.53a)
2 i
1 ¡ 3 ¢ X
Jη∗ = b zn − u3 + n Asi zsi (7.53b)
3 i

dove b è la base della sezione, u è la distanza del centro di pressione dal bordo
compresso della sezione e zsi = u + di , con di distanza dell’armatura i dal lembo
compresso della sezione. Sostituendo le (7.53) nella (7.52) si ottiene:
" #
1 ¡ 3 ¢ X 1 ¡ ¢ X
b zn − u3 + n 2
Asi zsi − zn b zn2 − u2 + n Asi zsi = 0
3 i
2 i

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione 197

da cui, con alcune manipolazioni


" # " #
6n X 6n X
zn3 + Asi zsi − 3u2 zn − 2
Asi zsi − 2u3 = 0
b i b i

o, in forma più concisa


zn3 + pzn − q = 0 (7.54)
in cui
6n X
p = Asi zsi − 3u2 (7.55a)
b i
6n X 2
q = Asi zsi − 2u3 (7.55b)
b i

sono coefficienti noti.


Dell’equazione cubica (7.54) esiste una formula che ne esprime le soluzioni, ma
questa è notevolmente complessa e di uso poco pratico. La soluzione della (7.54)
si ottiene in modo più semplice usando una procedura iterativa, che può essere
facilmente programmata, ma anche eseguita manualmente.
Determinata la posizione dell’asse neutro come distanza zn dal centro di pressio-
ne, anche l’altezza della zona compressa zc = zn − u è nota, si può quindi passare
al calcolo delle tensioni. Dalla (7.51) vediamo che le tensioni nella sezione omoge-
neizzata dipendono dalla costante κ. Imponendo l’equilibrio tra la risultante delle
tensioni e la forza normale N , si ottiene facilmente che
Z Z
N= σdA = κ ζdA = κSn∗
A∗ A∗

dove Sn∗ è il momento statico della sezione omogeneizzata relativo all’asse neutro. Si
ottiene quindi
N
κ= ∗
Sn
e dunque, per la (7.51), i valori delle tensioni nel calcestruzzo compresso e nell’acciaio
si calcolano con le relazioni:
N
σc = σ = ζ (7.56a)
Sn∗
N
σsi = n (di − zc ) (7.56b)
Sn∗

Poiché la forza normale è di compressione, si ha N < 0; ma, con i segni degli


assi di Fig. 7.16, risulta anche Sn∗ < 0, in modo tale che il coefficiente κ è positivo.
Più semplicemente si può quindi porre κ = |N| / |Sn∗ |.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


198 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Esempio 7.9 Calcolare le tensioni nel calcestruzzo e nell’acciaio della sezione dell’esem-
pio 7.7 soggetta all’azione di una forza normale N = −400 kN e di un momento flettente
M = 60 kN m.
L’eccentricità, relativa al baricentro della sezione non fessurata, è e = M/N = 0.15 m. Si
ha dunque e > z1 = 8.67 cm, per cui il centro di pressione è esterno al nocciolo e la sezione
è parzializzata. La distanza u del centro di pressione dal bordo compresso è quindi

h
u=e− = 15 − 22.5 = −7.5 cm
2
Applicando le (7.55) si ottiene

6 × 15
p = [(−7.5 + 4) 8.04 + (−7.5 + 41) 8.04] − 3 (−7.5)2 = 554.85 cm2
30
6 × 15 h i
q = (−7.5 + 4)2 8.04 + (−7.5 + 41)2 8.04 − 2 (−7.5)3 = 28207.89 cm3
30

Per risolvere la (7.54) si parte da un valore di primo tentativo di zn . Poiché l’asse neutro
taglia la sezione risulta certamente zn < h + u = 37.5 cm. Per questo valore di zn = zn1
l’errore della (7.54) (zn ) = zn3 + pzn − q, risulta (37.5) = 1 = 45333.36. Si fissa quindi
un secondo valore, sensibilmente minore, per esempio zn = zn2 = 18.75, per cui si ha
(18.75) = 2 = −11212.656. Poiché a questi due valori di zn corrispondono errori di
segno opposto, lo zero si troverà compreso tra i due. Approssimando la funzione con una
legge lineare che passa per i due punti risulta:

2− 1
= 1 + (zn − zn1 )
zn2 − zn1
da cui si ottiene la soluzione approssimata = 0 per

1 45333.36
zn3 = zn1 − (zn2 − zn1 ) = 37.5− (18.75 − 37.5) = 22.468 cm
2 − 1 −11212.656 − 45333.36

Per zn = zn3 si ha (zn3 ) = 3 = −4399.426. Poiché 3 ha segno opposto a 1 è conveniente


interpolare tra 1 e 3. Si determina cosı̀ un valore di zn di seconda approssimazione

1 45333.36
zn4 = zn1 − (zn3 − zn1 ) = 37.5− (22.468 − 37.5) = 23.798 cm
3− 1 −4399.426 − 45333.36
a cui corrisponde l’errore 4 = −1525.696. Applicando nuovamente la formula precedente,
si ottiene
1 45333.36
zn5 = zn1 − (zn4 − zn1 ) = 37.5− (23.798 − 37.5) = 24.224 cm
4 − 1 −1525.696 − 45333.36
per cui 5 = −552.508. Iterando ancora

1 45333.36
zn6 = zn1 − (zn5 − zn1 ) = 37.5 − (24.224 − 37.5) = 24.384 cm
5− 1 −552.508 − 45333.36
con un errore 6 = −180.202. Il piccolo valore dell’errore e la piccola variazione di zn nelle
ultime iterazioni ci permettono di assumere che la soluzione cosı̀ ottenuta è sufficientemente
accurata (la soluzione esatta, nei limiti delle cifre significative considerate, è 24.461 cm).

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione 199

5 .10
4

4 .10
4

3 .10
4

2 .10
4
errore

1 .10
4

1 .10
4

2 .10
4
15 20 25 30 35 40

Figura 7.17: Grafico della funzione (zn ) e delle approssimazioni lineari successive.

Le prime tre iterazioni sono rappresentate graficamente nella Fig. 7.17. L’altezza della
zona compressa risulta quindi zc = zn − u = 24.384 + 7.5 = 31.88 cm.
Il momento statico, relativo all’asse neutro, della sezione omogeneizzata è

30 × 31.882
Sn∗ = 15 [8.04 (4 − 31.88) + 8.04 (41 − 31.88)] − = −17507 cm3
2
La tensione massima (in valore assoluto) nel calcestruzzo è

400 kN
σ c max = 31.88 = 0.728
17507 cm2
e nell’acciaio teso
400 kN
σ s = 15 (41 − 31.88) = 3.12
17507 cm2
¤

7.4.3 Calcolo a rottura della sezione pressoinflessa


Nel caso della flessione la sollecitazione è espressa da una grandezza scalare (cioè da
un numero): il momento flettente; esiste quindi un valore di questa quantità (detto
momento ultimo) che provoca il collasso della sezione, inteso come il superamento
della massima deformazione del calcestruzzo compresso (o dell’acciaio teso). Quando
la sollecitazione è di forza normale e flessione, occorrono due numeri per definire lo
stato di sollecitazione, la forza N ed il momento M (o la forza N e l’eccentricità
e = M/N); in questo caso non vi è un solo valore dell’azione che individua le
condizioni di collasso. Per esempio si può pensare di far crescere il momento fino

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


200 Capitolo 7 La trave in cemento armato

500

B
Collasso
400

300
M (KNm)

200
C

Sicurezza
100

A D
0
4000 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 500 1000

N (kN)

Figura 7.18: Dominio di collasso di una sezione rettangolare in c.a. armata


simmetricamente.

a rottura tenendo costante N, o, inversamente, fissare M e far crescere la forza fino


al collasso, oppure far crescere M ed N proporzionalmente, mantenendo costante
l’eccentricità e. Naturalmente questi sono solo alcuni tra gli infiniti valori delle
sollecitazioni che possono provocare il collasso della sezione.

Se in un grafico si rappresentano tutte le coppie (N, M) che producono il collasso


della sezione, l’insieme di questi punti forma una curva simile a quella rappresentata
in Fig. 7.18. Questa curva divide il semipiano in due insiemi: quello sottostante
la curva è costituito dai punti che rappresentano sollecitazioni che non producono
il collasso; quello esterno è costituito dai punti rappresentativi di sollecitazioni che
non possono essere equilibrate dalle tensioni, e quindi producono il collasso. I punti
sulla curva che separa i due insiemi, rappresentano le sollecitazioni massime che la
sezione può sostenere, prima che si verifichi il collasso. Il punto in cui la curva taglia
l’asse delle ordinate (N = 0) corrisponde al caso della flessione semplice, i valori di
N < 0 si riferiscono ai casi in cui la forza normale è di compressione.

Se di una sezione si dispone della curva che ne delimita il dominio di sicurez-


za, la sua verifica è molto semplice: è sufficiente riportare sul diagramma i punti
( N, M ) che rappresentano le sollecitazioni agenti sulla struttura. Se questi punti
cadono all’interno del dominio di sicurezza la sezione risulta verificata, se, al con-
trario, qualche punto è esterno, le corrispondenti sollecitazioni producono il collasso
dell’elemento, che pertanto non risulta verificato.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione 201

εc0 εcu fc εc0 εcu fc


A E C
A

d h O

C D
B εy B σs
D F
b (b)
(a)
εc0 εcu fc εc0 εcu σc
B D
K A
A

εsl D εy fy εsl εy fy
C B C
(c) (d)

Figura 7.19: Situazioni di collasso di una sezione in cemento armato

7.4.4 Costruzione del dominio di sicurezza


Nella Fig. 7.19, con riferimento ad una sezione rettangolare, sono illustrate le pos-
sibili condizioni di collasso per sforzo normale e flessione di una trave in cemento
armato. Nel grafico di (a), il segmento AB rappresenta il diagramma delle defor-
mazioni di rottura per sola forza normale. In questo caso il collasso avviene quando
la deformazione del calcestruzzo raggiunge εc0 ; infatti a questo livello di deforma-
zione si raggiunge la tensione massima e, nel caso di deformazione uniforme, la
sollecitazione non può aumentare senza provocare il collasso dell’elemento.
Aumentando la deformazione del bordo superiore e diminuendo quella inferiore
[linea EF nel grafico di Fig. 7.19 (a)] si ottengono diagrammi delle deformazioni non
uniformi che corrispondono però al caso della sezione interamente compressa (piccola
eccentricità). Il corrispondente diagramma delle tensioni è rappresentato a fianco. Si
ha ancora un grafico parabola-rettangolo ma privato della parte esterna alla sezione
(a tratto e punto nella figura). Facendo rotare il diagramma delle deformazioni
intorno al punto O si percorrono tutte le condizioni di collasso relative alla sezione
interamente compressa, fino al diagramma CD in cui l’asse neutro diviene tangente
alla sezione.
Poiché la deformazione di compressione non può superare εcu , raggiunto questo

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


202 Capitolo 7 La trave in cemento armato

valore la deformazione al lembo superiore non potrà andare oltre. I diagrammi


di rottura sono quindi segmenti che passano per il punto A di Fig. 7.19 (b). La
deformazione della fibra inferiore del calcestruzzo diviene di trazione e quindi la
sezione si parzializza; al crescere della deformazione anche l’acciaio diviene teso, ma
rimane ancora in campo elastico. Un tipico diagramma relativo al collasso in questa
regione è rappresentato dal segmento AD nella Fig. 7.19 (b). Il punto K corrisponde
alla deformazione nulla (asse neutro) e separa la sezione nella parte compressa ed in
quella tesa. Le tensioni nel calcestruzzo compresso seguono il diagramma parabola-
rettangolo; l’acciaio compresso è plasticizzato mentre quello teso è in campo elastico
e quindi la sua tensione è proporzionale alla deformazione. Quando la deformazione
dell’acciaio teso raggiunge lo snervamento [εs = εy , punto C nel diagramma di
Fig. 7.19 (b)], la tensione nell’acciaio raggiunge il valore massimo fy . Al crescere
della deformazione, la tensione nell’acciaio teso non aumenta, ma l’asse neutro si
avvicina alla fibra superiore [punto K nella Fig. 7.19 (c)]; quindi si riduce l’ampiezza
della zona compressa, mentre il diagramma delle tensioni nel calcestruzzo ha sempre
la forma parabola-rettangolo.
Se si pone un limite alla deformazione dell’acciaio (minore dell’allungamento a
rottura) oltre il quale si assume che la sezione sia collassata, quando εs = εsl , si
raggiunge lo stato ultimo anche se |εc | < εcu . In questo caso i diagrammi delle
deformazioni al collasso sono del tipo illustrato in Fig. 7.19 (d) dal segmento CD.
Al diminuire di εc (in valore assoluto) il punto K continua a salire avvicinandosi
al lembo superiore. Ora il diagramma delle tensioni nel calcestruzzo non è più
parabola-rettangolo, perché la deformazione massima non raggiunge εcu , la forma
effettiva dipende quindi da εc max , come illustrato nella figura prima citata.
Quando εc = 0, l’asse neutro raggiunge il lembo superiore e la sezione è intera-
mente tesa, pertanto la resistenza è affidata alla sola armatura; quando l’armatura
superiore raggiunge lo snervamento si raggiunge anche il massimo della forza normale
di trazione che la sezione può sopportare.
Fissato un diagramma di rottura, rimane evidentemente definita la funzione ε (z)
che fornisce la deformazione nella fibra della sezione determinata dall’ascissa z. Ad
esempio, ponendo l’origine nel punto superiore della sezione, nel caso della Fig. 7.19
(a), indicando con εi la deformazione al lembo inferiore (punto F ) e con h l’altezza
della sezione, si ha
εi εcu (εc0 + εi ) εcu z
ε (z) = εi − εcu − + (7.57a)
εc0 εc0 h
in cui εc0 = 2 × 10−3 ed εcu = 3.5 × 10−3 sono grandezze positive, mentre εi < 0.
Per la sezione fessurata, quando εs < εsl , [Fig. 7.19 (b) e (c)], si ha invece
z
ε (z) = −εcu + (εs + εcu ) (7.57b)
d
dove d indica l’altezza utile della sezione (distanza dell’armatura tesa dal bordo
compresso). Infine nel caso rappresentato dalla Fig. 7.19 (d), si ha
z
ε (z) = εc + (εsl − εc ) (7.57c)
d

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione 203

dove εc è la deformazione del calcestruzzo al lembo superiore della sezione.


La legge costitutiva del calcestruzzo è la parabola rettangolo; questa legge si può
formulare esplicitamente nel modo seguente


⎪ 0 ∙ per ε ≥ 0
⎨ ³ ´2 ¸
σ c (ε) = −2fc 1 − 2 εεc0 per −εc0 ≤ ε < 0 (7.58)



−fc per −εcu ≤ ε < −εc0
in cui fc , εc0 , εcu sono grandezze positive, mentre ε e σ sono negative se di com-
pressione. Analogamente per l’acciaio, avendo adottato la legge elasto-plastica, si
ha ½
Es ε per |ε| < εy = fy /Es
σs (ε) = (7.59)
fy sign (ε) per |ε| ≥ εy
Fissata una delle leggi (7.57) si può sostituire l’espressione di ε (z) nelle (7.58) e
(7.59) per ottenere l’espressione di σc e σ s in funzione di z. Quindi, calcolando gli
integrali
Z X
Nu = σ c (z) dA + σ s (zsi ) Asi (7.60a)
A i
Z X
Mu = σ c (z) (z − zG ) dA + σ s (zsi ) (zsi − zG ) Asi (7.60b)
A i

si ottengono i valori dello sforzo normale e del momento che producono il collasso
secondo il meccanismo prescelto. Nelle (7.60) zG è l’ascissa del baricento della sezione
in calcestruzzo (cui generalmente si fa riferimento), mentre zsi è l’ascissa dell’i-esimo
livello di armatura di area complessiva Asi (per la scelta fatta prima per l’origine
del riferimento, zsi = di ).
Esplorando diversi meccanismi di collasso si ottengono altrettante coppie Nu , Mu ,
ciascuna delle quali può rappresentarsi con un punto in un grafico nel piano N, M .
Unendo questi punti con una linea continua si ottiene un grafico simile a quello
mostrato in Fig. 7.18, che si riferisce ad una sezione rettangolare 40 × 60, simmetri-
camente armata con 10 cm2 di acciaio per lato (d0 = 4 cm, d = 56 cm), con resistenza
del calcestruzzo fc = 13 MPa MPa, e dell’acciaio fy = 380 MPa. In questo grafico
il punto A rappresenta il collasso per compressione centrata [diagramma AB in
Fig. 7.19 (a)]; il punto B,corrispondente al valore massimo del momento ultimo, si
ottiene quando il meccanismo di collasso è quello rappresentato dal segmento AC in
Fig. 7.19 (b), ossia quando la rottura del calcestruzzo è simultanea allo snervamento
dell’acciaio (rottura bilanciata). Il punto in cui la curva interseca l’asse M corrispon-
de al caso di collasso per sola flessione (N = 0 punto C nella Fig. 7.18). Infine il
punto D corrisponde al collasso per semplice trazione, in cui tutta la sollecitazione
è sostenuta dalle armature mentre il calcestruzzo teso non collabora.

Domini adimensionali
Un dominio di collasso come quello mostrato in Fig. 7.18 è specifico di una par-
ticolare sezione, di date forma, dimensioni e quantità di armatura, nonché delle

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


204 Capitolo 7 La trave in cemento armato

caratteristiche meccaniche dei materiali. Tale grafico deve quindi essere costruito
ogni volta per la sezione in esame; questa operazione è molto rapida se viene ese-
guita da un programma di calcolo su computer, ma diviene molto laboriosa se non
si dispone di un simile strumento e quindi la curva deve essere costruita con calcoli
manuali.
Per ovviare questo inconveniente è possibile costruire domini adimensionali, vali-
di per una vasta famiglia di sezioni. Infatti, fissata la forma della sezione (ad esempio
rettangolare) se si definiscono le seguenti grandezze adimensionali:
N M
n= m= (7.61)
bdfc bd2 fc
i valori delle resistenze ultime adimensionali delle sezioni, nu , mu , dipendono sola-
mente dai seguenti parametri:

1. la percentuale meccanica dell’armatura tesa


As fy
μ= (7.62)
bdfc

2. il rapporto tra l’armatura compressa e quella tesa A0s /As

3. il rapporto tra la distanza del lembo compresso delle due armature d0 /d

4. la deformazione di snervamento dell’acciaio εy = fy /Es .

Questi parametri sembrano molti ma in pratica, p.es. nei pilastri, l’armatura è


spesso posta simmetricamente (A0s /As = 1) e l’acciaio più comunemente usato ha
le stesse caratteristiche meccaniche. Il rapporto d0 /d è invece variabile con le di-
mensioni della sezione, poiché d0 non varia molto (3 − 4 cm), mentre d dipende dalle
dimensioni. Tuttavia questo parametro non è molto influente e, se lo scarto tra
il valore effettivo e quello del grafico non è troppo grande, i valori delle resistenze
fornite dal grafico sono una buona approssimazione di quelli esatti; quindi il para-
metro principale da cui la curva dipende è la percentuale meccanica di armatura μ;
su di un unico grafico si possono quindi tracciare tante curve, ciascuna relativa ad
un fissato valore di μ, come quello mostrato in Fig. 7.20, relativo ad una sezione
con armatura simmetrica. Questo grafico è ribaltato intorno all’asse delle ordinate,
rispetto a quello in Fig. 7.18, in quanto gli sforzi normali di compressione, come è
frequente nel c.a., sono presi positivi.
L’uso del grafico per la verifica di una sezione è il seguente: stabilito che il
grafico è quello corrispondente al rapporto A0s /As delle aree d’armatura effettive e,
almeno approssimativamente, al rapporto d0 /d, ed inoltre che la deformazione di
snervamento dell’acciaio sia quella reale, si calcolano la percentuale di armatura
tesa μ = As fy /bdfc della sezione e le sollecitazioni di progetto adimensionali ndj =
Ndj /bdfc , mdj = Mdj /bd2 fc . Il valore di μ permette di individuare la curva relativa
alla sezione; quindi riportando sul grafico i punti di coordinate ndj e mdj , se tutti
sono al di sotto della curva, la sezione risulta verificata, altrimenti no.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.4 Elementi sollecitati a sforzo normale e flessione 205

Figura 7.20: Famiglia di domini di resistenza normalizzati per sezioni rettangolari.


(A0s /As = 1, εy = 2 × 10−3 , d0 /d = 0.1).

Il grafico si può usare anche per il progetto delle armature. Fissate le dimensioni
(b e d) della sezione e le caratteristiche dei materiali, si possono calcolare le sollecita-
zioni adimensionali. Riportando i punti corrispondenti sul grafico, resta determinata
la curva che li inviluppa tutti, a cui corrisponde un valore della percentuale di ar-
matura μ. Da questo si risale quindi all’area effettiva dell’armatura invertendo la
(7.62).

Esempio 7.10 Progettare l’armatura simmetrica di una sezione in c.a. per le seguenti
sollecitazioni di progetto:

Nd1 = 700 kN Md1 = 250 kN m


Nd2 = 500 kN Md2 = 350 kN m

con fc = 14 MPa ed fy = 400 MPa.


Assumendo una sezione 30 × 45 cm2 , con d0 = 4 cm si ha d = 45 − 4 = 41 cm e quindi
d0 /d = 4/41 ' 0.1. Inoltre per ipotesi A0s /As = 1 e εy = 400/200000 = 2 × 10−3 . Le

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


206 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Figura 7.21: Progetto di una sezione pressoinflessa usando i domini di resistenza


adimensionali.

sollecitazioni adimensionali risultano (passando a N e mm)


Nd1 700000
nd1 = = = 0.407
bdfc 300 × 410 × 14
Md1 250000000
md1 = 2
= = 0.354
bd fc 300 × 4102 × 14
Nd2 500000
nd2 = = = 0.290
bdfc 300 × 410 × 14
Md2 350000000
md2 = = = 0.496
bd2 fc 300 × 4102 × 14
I punti rappresentativi di queste due coppie sono riportati nel grafico in Fig. 7.21, che
rappresenta i domini di resistenza adimensionali per sezioni rettangolari con armatura
simmetrica, d0 /d = 0.1 e εy = 2 × 10−3 . Il simbolo x indica la prima sollecitazione e
il simbolo + la seconda. Appare evidente che la seconda sollecitazione (minore sforzo
normale e maggior momento) è la più gravosa; infatti per sostenere la prima sarebbe
bastata una percentuale di armatura μ = 0.25, per assorbire la seconda occorre μ ' 0.43.
Fissato questo valore, l’armatura necessaria da ogni lato è
bdfc 30 × 41 × 1.4
As = A0s = μ = 0.43 = 18.5 cm2
fy 40
equivalente a 4Ø24 (As = A0s = 18.1 cm2 ). In Fig. 7.22 è rappresentato il dominio
di resistenza (non adimensionale) della sezione ed i due punti relativi ai due stati di
sollecitazione. La condizione 2 cade esattamente sulla frontiera del dominio e quindi la
sezione si può ritenere correttamente dimensionata. ¤

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.5 Sollecitazione di taglio 207

400

300
M (KNm)

200

100

0
1500 1000 500 0 500 1000 1500 2000 2500 3000 3500
N (kN)

Figura 7.22: Verifica della sezione dell’esempio 7.10.

Figura 7.23: Quadro fessurativo di una trave soggetta a flessione e taglio.

7.5 Sollecitazione di taglio


Nei precedenti paragrafi è stato analizzato il caso di una trave soggetta a flessione
e forza normale, sollecitazioni che, come si è visto, producono solo tensioni normali.
In queste condizioni le direzioni delle tensioni principali sono una parallela e l’altra
perpendicolare all’asse della trave. Nella parte tesa le tensioni principali di trazione
coincidono con σ x , per cui le fessure, che si aprono perpendicolarmente a queste,
sono parallele alle sezioni, come indicato in Fig. 7.4.
La presenza della sollecitazione di taglio, che accompagna sempre quella di fles-
sione quando il momento non è uniforme, modifica lo stato tensionale e l’inclinazione
delle fessure cambia, come indicato schematicamente nella Fig. 7.23. La spiegazione
di questo fenomeno è illustrata dalla Fig. 7.24. In questa figura sono rappresen-
tati i diagrammi delle tensioni nella sezione di una trave non fessurata, sollecitata
a flessione e taglio: le tensioni normali hanno l’andamento lineare (a “farfalla”)
mentre le tensioni tangenziali hanno andamento parabolico (la sezione si suppone

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


208 Capitolo 7 La trave in cemento armato

σ
σ τ
3 K
3 τ

2
2 σ
1
τ K

1 σ
K
τ

Figura 7.24: Cerchi di Mohr per le tensioni in diversi livelli di una sezione
rettangolare soggetta a flessione e taglio.

rettangolare). In un punto dalla parte delle fibre tese (1) sono presenti una tensione
tangenziale σ (positiva) ed una tensione tangenziale anch’essa positiva. Il cerchio
di Mohr relativo a questo stato di tensione è quello indicato con (1); la tensione
principale di trazione risulta inclinata verso il basso rispetto all’asse della trave; la
tensione di compressione è ortogonale.
In corrispondenza dell’asse neutro (2) σ = 0, quindi il cerchio di Mohr ha il centro
nell’origine degli assi σ, τ ; le giaciture principali sono rette a 45◦ rispetto all’asse,
con le trazioni rotate verso il basso; le tensioni principali sono in valore assoluto
uguali alla τ . Nelle fibre compresse (3), infine, il cerchio di Mohr è rappresentato da
(3); le tensioni principali di trazione sono quasi parallele alla sezione, mentre quelle
di compressione sono prossime all’asse della trave. Nella Fig. 7.24 le direzioni delle
tensioni principali nei tre punti sono mostrate a fianco dei rispettivi cerchi Mohr,
usando il tratteggio per le trazioni ed il tratto e punto per le compressioni.
Nella Fig. 7.25 è abbozzato l’andamento delle linee isostatiche7 nella metà di
una trave appoggiata soggetta ad un carico simmetrico. Le linee di compressione
(ortogonali alle trazioni principali, rappresentate a tratto e punto in figura), partono
perpendicolari all’asse nelle fibre inferiori, poi si incurvano fino ad intersecare l’asse
neutro a 45◦ , come chiarito in precedenza. Sopra l’asse neutro la loro inclinazione
aumenta e tendono a divenire, al lembo superiore, parallele all’asse. Poiché il taglio
7
Le isostatiche sono linee in ogni punto tangenti alle tensioni principali. Per tensioni piane
formano una doppia famiglia di curve che, in ogni punto, si intersecano a 90◦ .

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.5 Sollecitazione di taglio 209

Compressione

a n

Trazione

Figura 7.25: Linee isostatiche in una trave sollecitata a flessione e taglio.

si annulla dove il momento è massimo, al centro della trave le isostatiche di tra-


zione tendono a divenire parallele all’asse nella zona tesa e perpendicolari in quella
compressa; le isostatiche di compressione hanno un andamento opposto.
Se si assume che le fessure si aprano in direzione ortogonale a quella delle mas-
sime tensioni di trazione, esse dovrebbero seguire l’andamento delle isostatiche di
compressione (linea a tratto e punto in Fig. 7.25). Nella realtà la situazione è più
complessa, perché al propagarsi della fessura il regime delle tensioni cambia rispet-
to a quello calcolato nella condizione di trave non fessurata; in pratica l’esperienza
dimostra che le fessure si propagano piuttosto secondo linee approssimativamente
rette, come mostrato nella Fig. 7.23.

7.5.1 Taglio nella trave fessurata


Dopo l’apertura di una fessura il calcestruzzo non è più in grado di trasmettere ten-
sioni normali, pertanto l’equilibrio a flessione non sarebbe possibile se non ci fosse
l’armatura nella zona tesa. L’apertura di una fessura di flessione e taglio, alme-
no fino a certi livelli della sollecitazione, non impedisce la trasmissione di tensioni
tangenziali tra le due facce della fessura. Infatti, data la maggior resistenza degli
inerti più grandi rispetto alla pasta cementizia, le fessure hanno sempre superfici
scabre, che seguono il percorso della pasta cementizia attorno agli inerti. Fino a che
l’ampiezza della fessura è molto piccola, l’ingranamento delle due facce della fessu-
ra, una calco dell’altra, non ne consente lo scorrimento relativo e trasmette le forze
taglianti attraverso la fessura. Questo fenomeno è rappresentato schematicamente
nella Fig. 7.26, in cui è evidenziato un altro meccanismo, meno importante, che
consente di trasmettere il taglio tra le due facce della fessura, ossia l’effetto spinotto
delle armature longitudinali, che si comportano come un perno che si oppone allo
scorrimento relativo delle facce.
La resistenza del meccanismo di ingranamento è naturalmente limitata; inoltre,
se la fessura si allarga, a causa della plasticizzazione dell’acciaio teso, il meccanismo

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


210 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Figura 7.26: Fessurazione di una trave in c.a. sollecitata a flessione e taglio.

dell’ingranamento perde efficacia, fino ad annullarsi quando la distanza tra i lembi


della fessura è maggiore delle scabrosità delle facce. Questo fenomeno è più rilevante
nelle travi alte, dove, a parità di rotazione tra i due conci, la distanza massima tra
le facce è maggiore.
Il fenomeno della resistenza a taglio di una trave fessurata è molto complesso ed
in pratica non vi sono modelli attendibili basati sull’analisi del fenomeno fisico. Si
deve ricorrere quindi a formule empiriche, basate sui risultati di numerosi esperimenti
eseguiti nei laboratori di tutto il mondo. L’eurocodice 2 fornisce la seguente formula

VR1 = [0.25fct k (1.2 + 40ρ1 ) + cσ cp ] bw d (7.63)

in cui

• fct : resistenza a trazione del calcestruzzo (vedi § 6.2.5)

• k = max {1.6 − d, 1} (d, altezza utile della sezione, in metri)

• ρ1 = Asl /bw d (Asl , armatura longitudinale nella sezione, efficacemente ancora-


ta)

• σ cp = N/Ac : tensione normale media nel calcestruzzo (compressione positiva)

• c : coefficiente (nell’eurocodice c = 0.15)8

• bw : spessore dell’anima della sezione


8
Nei codici normativi le resistenze dei materiali sono opportunamente ridotte per ragioni di
sicurezza, come sarà chiarito meglio nel prossimo capitolo; per lo stesso motivo anche il coefficiente
c è affetto degli stessi coefficienti di riduzione. Il valore proposto dall’eurocodice tiene già conto di
questa riduzione e quindi non è congruente con gli altri termini, se si intende la (7.63) come una
formula per stimare la resistenza a taglio senza la riduzione dei fattori di scurezza. In questo caso
un valore più idoneo potrebbe essere c ∼ 0.3.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.5 Sollecitazione di taglio 211

Figura 7.27: Tipi di staffe nelle sezioni in c.a.

La resistenza a taglio fornita dalla (7.63) non è molto elevata; questo comporte-
rebbe una forte limitazione alla resistenza delle travi, se non fosse possibile aumen-
tarne il valore oltre questo limite; aumentando l’armatura longitudinale aumenta
la resistenza a flessione, ma se si verificasse la rottura per taglio sotto un carico
inferiore a quello che si potrebbe portare per flessione questo sarebbe ovviamente
inutile.
Quando la resistenza a taglio del solo calcestruzzo è inferiore alla sollecitazio-
ne prodotta dai carichi occorre aumentare la resistenza mediante l’inserimento di
opportune armature. Le armature per aumentare la resistenza della trave al taglio
devono essere predisposte nell’anima della trave e sono generalmente di due tipi:
staffe e barre piegate. Le staffe (Fig. 7.27) sono armature chiuse disposte lungo il
perimetro della sezione, in modo da racchiudere al loro interno le armature longitu-
dinali. Le staffe hanno almeno due bracci, ma possono averne di più, come mostrato
in Fig. 7.27. Le barre piegate sono generalmente barre dell’armatura longitudinale
che vengono piegate (di solito a 45◦ ) in modo da passare da un lembo all’altro della
trave (Fig. 7.28).

Il traliccio di Mörsch
Per calcolare la resistenza a taglio fornita dall’armatura d’anima (staffe e barre pie-
gate) si ricorre ad uno schema limite, in cui il comportamento della trave fessurata è
assimilato a quello di una trave a traliccio. Si suppone che le fessure, che si assumono
rettilinee e mediamente parallele alle isostatiche di compressione, isolino delle bielle
di calcestruzzo compresso che collegano il corrente teso (l’armatura principale) con
quello compresso (il calcestruzzo compresso), come illustrato nella Fig. 7.29. Se si
assume, come condizione limite, che le bielle di calcestruzzo compresso si comportino
come delle aste di una trave reticolare, incernierate agli estremi, l’equilibrio di que-
sta struttura non è possibile senza l’inserimento di aste tese. In pratica la funzione
di asta tesa è assunta dall’armatura di parete (staffe o barre piegate). In questo
modo, se le aste si assumono incernierate alle estremità, la struttura è isostatica e
le sole equazioni di equilibrio bastano per determinare le forze in ogni elemento.
L’equilibrio dell’asta compressa mostrata nella Fig. 7.30 permette di determi-
nare la resistenza a taglio di una trave con armature di parete. Infatti la tensione

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


212 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Figura 7.28: Rappresentazione schematica di staffe e delle barre piegate all’interno


di un concio di trave in c.a.

a n

Figura 7.29: Deduzione del traliccio di Mörsh dall’andamento delle isostatiche di


compressione.

nell’armatura longitudinale, nelle due sezioni distanti ∆x, varia della quantità ∆T ,
che risulterebbe squilibrata se le bielle in parete non trasmettessero lo sforzo al cor-
rente superiore. Imponendo l’equilibrio alla rotazione della biella di calcestruzzo e
assumendo come polo dei momenti l’intersezione dell’asse della biella con quello del
corrente compresso, si ha:
∆T ζd − (Va + Vd ) ∆x − Mc − Fs (cos α + sin α cot β) ζd = 0 (7.64)
dove ζd (braccio delle forze interne) è la distanza tra l’asse della risultante delle
tensioni di compressione da quello della risultante delle trazioni. Poiché T = M/ζd,
si ha ∆T = ∆M/ζd. Dividendo tutti i termini per ∆x e tenendo conto che, per
∆x → 0, ∆M∆x
= V (taglio prodotto dai carichi), dalla 7.64 si ricava
Mc Fs
V = Va + Vd + + (cos α + sin α cot β) ζd (7.65)
∆x ∆x

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.5 Sollecitazione di taglio 213

Corrente
Mc compresso

Fs
ζd
Va

α
β

T Vd T+ΔT
Δx

Figura 7.30: Equilibrio di una biella di calcestruzzo.

Nella (7.65) Va + Vd + Mc /∆x è il taglio portato dal calcestruzzo in assenza di


armatura. Il valore massimo di questo taglio si può calcolare con la formula empirica
(7.63). L’ultimo termine della (7.65) fornisce invece il contributo delle armature
di parete; il valore massimo di questo termine si raggiunge quando l’armatura si
plasticizza e σs = fy . Se l’armatura è composta da barre di area Asw poste a
passo s, in un tratto di lunghezza ∆x, l’area presente sarà Asw ∆x/s e quindi la
forza massima sviluppata da questa armatura risulta: Fs = fy Asw ∆x/s. Tenendo
conto di queste considerazioni si ottiene che il taglio ultimo portato dalla trave con
armatura d’anima è
fy Asw
VR3 = VR1 + (cos α + sin α cot β) ζd (7.66)
s
Normalmente si assume che l’inclinazione media delle fessure sia β = 45◦ ; in
tal caso cot β = 1; le staffe sono normalmente ortogonali all’asse della trave, per
cui α = 90◦ , mentre le barre inclinate sono generalmente inclinate a 45◦ ; il braccio
delle forze interne, infine, si può prendere approssimativamente pari a 0.9d, cosı̀, per
questi due casi frequenti, si ha
½ fy Asw
0.9d nel caso di staffe
VR3 = VR1 + √ s fy Asw (7.67)
2 s 0.9d nel caso di barre piegate a 45◦

Si deve tenere presente che, nel caso di staffe, Asw non è l’area del tondino, ma quella
complessiva di tutti i bracci della staffa. Quindi si ottiene moltiplicando l’area del
tondino per il numero dei bracci.
Oltre alla trazione nell’armatura si genera uno sforzo di compressione nelle bielle
di calcestruzzo. Trascurando il contributo degli altri meccanismi, si può costruire il
poligono delle forze mostrato in Fig. 7.31, in cui C è la forza di compressione nella
biella di calcestruzzo. Dal teorema dei seni si trae immediatamente che

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


214 Capitolo 7 La trave in cemento armato

ΔT

α β

Fs π−α−β C σc
α β β
Δx

Figura 7.31: Calcolo della tensione media di compressione in una bilella di


calcestruzzo di una trave sollecitata a taglio.

C sin α sin α
= =
∆T sin (π − α − β) sin (α + β)

e pertanto, poiché ∆T = ∆M/ζd, si ha

∆M sin α
C= (7.68)
ζd sin (α + β)

Ma (Fig. 7.31) C = σ c bw ∆x sin β, in cui bw è lo spessore dell’anima della sezione


e σc è la tensione normale (di compressione) media nella biella di calcestruzzo.
Sostituendo questa espressione di C nella (7.68)

∆M sin α
σc bw ∆x sin β =
ζd sin (α + β)

da cui, dividendo entrambi i membri per ∆x e ricordando che ∆M/∆x → V , si


ricava:
sin (α + β)
V = σc bw ζd sin β = σc bw ζd sin β (cos β + cot α sin β) (7.69)
sin α
Il taglio massimo che la sezione può sopportare senza che si verifichi lo schiac-
ciamento del calcestruzzo è quello che corrisponde a σ c = fc ; questo però sarebbe
vero solo se le bielle di calcestruzzo si comportassero come le aste di una vera trave
reticolare e fossero soggette a semplice forza normale; in pratica la forza può risul-
tare eccentrica, riducendo sensibilmente la resistenza dell’elemento. L’eurocodice 2
assume che σc max = νfc , dove ν ≤ 1 è un fattore di riduzione che viene dato dalla
formula ½ ¾
fc
ν = max 0.7 − , 0.5 (7.70)
200
con fc in Megapascal. Cosı̀ il taglio massimo a cui la trave può resistere è

VR2 = νζfc bw d sin β (cos β + cot α sin β) (7.71)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.5 Sollecitazione di taglio 215

dove normalmente si può assumere ζ = 0.9. Per β = 45◦ la (7.71) diviene


1
VR2 = νζfc bw d (1 + cot α)
2
che, nel caso di staffe (α = 90◦ ), dà
1
VR2 = νζfc bw d
2
Nel caso di armature inclinate a 45◦
VR2 = νζfc bw d

Il metodo dell’inclinazione variabile delle bielle


L’assumere che le fessure (e quindi le bielle di calcestruzzo) siano mediamente incli-
nate a 45◦ è una scelta convenzionale e sostanzialmente arbitraria, anche se caute-
lativa, perché l’osservazione sperimentale dimostra che generalmente, nelle fessure
critiche, β < 45◦ . In effetti, il taglio portato dalle armature al collasso
fy Asw
Vs = (cos α + sin α cot β) ζd (7.72)
s
fornito dalla (7.66) aumenta al diminuire di β e diviene infinito per β = 0. D’altra
parte il taglio resistente delle bielle di calcestruzzo (7.71) diminuisce con β e si
annulla per β = 0. Se si assume che al momento del collasso il contributo dei
meccanismi resistenti del calcestruzzo (ingranamento degli inerti, effetto spinotto,
ecc.) diviene trascurabile e quindi tutto il taglio è portato dalle armature (VR3 = Vs ),
la resistenza a taglio della trave è condizionata dall’elemento più debole tra le bielle
compresse e le aste tese, ovvero VR = min {VR2 , VR3 = Vs }.
Poiché, come osservato prima, al diminuire di β Vs aumenta ma VR2 diminuisce,
la massima resistenza a taglio dell’elemento si raggiunge per quel valore di β per cui
la resistenza delle armature uguaglia la resistenza a compressione delle bielle, ossia
per VR2 = Vs . Esplicitamente si ha
fy Asw
νζfc bw d sin β (cos β + cot α sin β) = (cos α + sin α cot β) ζd
s
da cui si ottiene
fy Asw
sin β (cos β + cot α sin β) − (cos α + sin α cot β) = 0 (7.73)
νfc bw s
Si osservi che Asw /bw s = ω è la percentuale geometrica di armatura d’anima presente
nella trave. La quantità
fy Asw ωfy
μw = =
νfc bw s νfc
è la percentuale meccanica dell’armatura d’anima. L’equazione (7.73) diviene, con
questa posizione:
sin β (cos β + cot α sin β) − μw (cos α + sin α cot β) = 0

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


216 Capitolo 7 La trave in cemento armato

la cui soluzione, per 0 < β < π/2 è


s
1 − μw sin α
cot β = (7.74)
μw sin α

In particolare, nel caso di staffe (α = π/2)


s
1 − μw
cot β = (7.75)
μw

Generalmente μw ¿ 1; ad esempio per una trave armata con staffe ∅8/20


(As = 1.00 cm2 ) con b = 30 cm si ha ω = 1.00/ (20 × 30) = 0.00167; ipotiz-
zando fy = 400 MPa e fc = 15 MPa; per la (7.70) ν = 0.625, risulta μw =
0.00167×400/ (0.625 × 15) = 0.0711, da cui si deduce, nel caso di staffe, cot β = 3.61
(β ≈ 17◦ ). In pratica vi sono dei limiti a valori realmente possibili di β. Ad esempio
l’Eurocodice 2 assume che
1 < cot β < 2.5 (7.76)
(ovvero 24.2◦ < β < 45◦ ), pertanto, nel caso di elementi non eccessivamente armati
a taglio, il limite è posto dalla (7.76); in questi casi si ha cot β = 2.5 e quindi (per
armature realizzate con staffe) VR3 = 2.5 fy As sw ζd.
Il valore limite della percentuale d’armatura corrispondente si ottiene facilmente
dalla (7.74) ponendo cot β = 2.5; risulta μwl = 0.138/ sin α. Nel caso di elementi
con maggiore percentuale di armatura, per cui cot β < 2.5, il taglio massimo portato
dall’elemento, che corrisponde alla simultanea rottura delle bielle a compressione e
delle armature di taglio, si calcola sostituendo nella (7.72) o nella (7.71) il valore di
β trovato.

Esempio 7.11 Determinare con il metodo dell’inclinazione variabile delle bielle il taglio
ultimo portato da una trave con sezione rettangolare b = 25 cm, h = 55 cm, armata con
staffe a due bracci ∅10/15, assumendo fy = 400 MPa ed fc = 15 MPa (ν = 0.625).
L’area di 2∅10 è Asw = 1.57 cm2 quindi ω = 1.57/ (15 × 25) = 0.0419 e di conseguenza
μw = 0.0419 × 400/ (0.625 × 15) = 0.179 > μwl . L’angolo β risulta quindi
s r
1 − μw 1 − 0.179
cot β = = = 2.14 < 2.5 → β = 27◦ .78
μw 0.179

Dalla (7.72), per α = π/2 e ζ = 0.9 si ottiene (d = 51 cm)

40 × 1.57
VR3 = Vs = 0.9 × 51 × 2.14 = 411.2 kN
15
Dalla (7.71)

VR2 = νfc bw ζd sin β cos β = 0.625 × 1.5 × 25 × 0.9 × 51 × 0.423 × 0.906 = 412 kN

Pertanto VR2 ' VR3 , come era stato imposto. ¤

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.5 Sollecitazione di taglio 217

Procedura di verifica—progetto con il metodo normale


Normalmente, data una trave di fissate dimensioni, si deve verificare se essa è in
grado di sostenere le sollecitazioni di taglio indotte dai carichi e quindi, se necessario,
calcolare l’armatura d’anima necessaria.
Il primo passo che conviene fare è determinare VR2 , per verificare se la sezione
di calcestruzzo è in grado di resistere alla sollecitazione. Se risulta che il taglio
prodotto dai carichi è superiore a VR2 , occorre modificare le dimensioni della sezione
(p.es. aumentando bw ); se la verifica invece è soddisfatta si può procedere oltre. Si
calcola quindi VR1 e si verifica se è maggiore o minore del taglio agente. Nel primo
caso il solo calcestruzzo è in grado di resistere al taglio, quindi l’armatura non è
necessaria (a meno di un minimo quantitativo previsto dalle norme) e la procedura
termina; nel secondo la differenza V − VR1 deve essere assorbita dalle armature.
Utilizzando la (7.66) con β = 45◦ , si ha

(V − VR1 ) s
Asw = (7.77)
0.9fy d cos α + sin α

Perché il meccanismo resistente descritto sia sempre efficace occorre che almeno
una fessura sia intersecata da un elemento di armatura d’anima (staffa o barra
piegata). Assumendo un’inclinazione delle fessure pari a 45◦ , si può ritenere che la
distanza tra le armature di taglio (misurata parallelamente all’asse della trave) non
deve superare 0.8d.

Esempio 7.12 Verificare la resistenza a taglio e, se necessario, progettare l’armatura


mediante staffe, nella sezione di una trave in c.a. sollecitata da una forza di taglio V =
150 kN. La sezione ha dimensioni 30 × 50 ed è armata con 4∅16 (As = 8 cm2 ) in trazione e
2∅14 (A0s = 3.1 cm2 ) in compressione, con una distanza delle armature dai bordi d0 = 4 cm.
La resistenza del calcestruzzo è fc = 15.6 MPa in compressione e fct = 1.12 MPa in
trazione; la tensione di snervamento dell’acciaio è fy = 380 MPa.
Assumendo ν = 0.575 dalla (7.77), con α = 90◦ e β = 45◦ , si ha

1 1
VR2 = νfc b0.9d = 0.575 × 1.56 × 30 × 0.9 × 46 = 557.9 kN
2 2

in cui d = h − d0 = 50 − 4 = 46 cm. Poiché VR2 > V è possibile proseguire il progetto senza


modificare le dimensioni della sezione.
Applicando la (7.63) si ottiene il taglio trasmesso dalla sezione non armata. Dai dati si
ricava facilmente che
As 8
ρ = = = 5.8 × 10−3
bd 30 × 46
k = 1.6 − 0.46 = 1.14 > 1

Pertanto

VR1 = [0.25fct k (1.2 + 40ρ)] bd = [0.25 × 0.112 × 1.14 × (1.2 + 40 × 0.0058)] 30×46 = 63.2 kN

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


218 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Risultando V > VR1 è necessario prevedere un’armatura idonea a sostenere la differenza


di forze. Applicando la (7.77) con α = 90◦ , si ottiene l’area necessaria per l’unità di
lunghezza
Asw (V − VR1 ) 150 − 63.2 cm2
= = = 5.52
s 0.9dfy 0.9 × 0.46 × 38 m
Fissato il diametro del tondino ∅8 area 0.50 cm2 , adottando staffe e due bracci si ha
Asw = 2 × 0.50 = 1 cm2 ; pertanto
1
s= = 0.181 m
5.52
Si può pertanto adottare un’armatura formata da staffe ∅8/18 (staffe ∅8 a passo 18 cm).
¤

7.6 Diagramma dei momenti resistenti. Intera-


zione tra taglio e flessione
In una trave inflessa le armature vengono normalmente progettate con riferimento
alle sezioni di massimo momento. Poiché lungo la trave i momenti variano, anche
se la geometria della sezione di calcestruzzo viene mantenuta uniforme, l’armatu-
ra generalmente viene fatta variare in base alle effettive necessità. In particolare
si deve tener presente che quando il momento cambia di segno, come avviene in
prossimità degli appoggi di una trave continua, l’armatura principale (cioè quella
maggiormente tesa) diviene quella posta al lembo superiore della trave. Quindi,
a differenza di quanto avviene nel caso delle travi in acciaio, dove, se la sezione è
uniforme e simmetrica, la verifica della sezione più sollecitata garantisce la sicurezza
(per eccesso) di tutte le altre, non altrettanto avviene per il cemento armato; la
variazione dell’armatura richiede che, virtualmente, in ogni punto sia verificato che
la resistenza sia maggiore della sollecitazione.
Questa verifica si esegue mediante il diagramma dei momenti resistenti. In pra-
tica, per una sezione inflessa non fortemente armata (cioè con una quantità di ar-
matura tesa minore di quella che è data dalla (7.40)), essendo l’acciaio plasticizzato,
il momento ultimo si può calcolare con la semplice formula

Mu = As fy ζd

in cui As è l’area dell’armatura tesa, fy la tensione di snervamento e ζd il braccio


delle forze interne, ossia la distanza tra la risultante delle tensioni di trazione da
quella delle compressioni. Con buona approssimazione, come si è già detto, ζ ∼ 0.9;
accettando questa semplificazione l’espressione di Mu diviene

Mu = As fy 0.9d

che si calcola immediatamente quando siano note le dimensioni della sezione e l’area
dell’armatura. In una trave con d costante, essendo fy lo stesso in tutti i punti,
questa espressione mostra che Mu è semplicemente proporzionale all’area delle ar-
mature tese. Date le armature nelle sezioni di momento massimo, se ne calcola

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.6 Diagramma dei momenti resistenti. Interazione tra taglio e flessione 219

Figura 7.32: Armatura di una trave appoggiata con sbalzo e soggetta ad un carico
univorme. Verifica con il diagramma dei momenti resistenti.

facilmente il momento ultimo che, ovviamente deve superare (o almeno non essere
minore a) il momento agente. Inoltre, se l’area As è ottenuta mediante n barre di
area As1 , As2 , . . ., si può facilmente calcolare il contributo di ciascuna barra al mo-
mento totale, che sarà semplicemente proporzionale all’area; in particolare, se tutte
le barre hanno la stessa sezione e sono quindi di uguale area, il contributo di ciascuna
barra è 1/n-esimo del momento ultimo totale. Si può quindi costruire il diagramma
dei momenti resistenti di ciascuna barra, che sarà formato da tante linee parallele
all’asse delle ascisse, ciascuna distante da quella sottostante del momento resistente
di quella barra. In Fig. 7.32 è mostrato il caso di una semplice trave appoggiata con
sbalzo, armata, nelle sezioni di massimo momento, in campata e sull’appoggio, con
4 barre di uguale diametro.
Quando la linea del momento resistente di una barra interseca il grafico dei mo-
menti agenti, il momento resistente può essere ridotto eliminando la barra in eccesso.
In figura questo è fatto per coppie di barre e l’intersezione non è riferita al diagram-
ma dei momenti (linea continua) ma ad un diagramma (linea tratteggiata) ottenuto
da questo mediante opportuna traslazione. La ragione di questo sarà chiarita più
avanti. Comunque, come si vede, quando il momento resistente delle due barre re-
stanti supera quello agente, le armature possono essere interrotte, perché da quel
punto in poi quelle restanti risultano sufficienti. Tuttavia nel disegno è mostrato che
la fine effettiva delle barre non coincide con i punti di intersezione dei diagrammi,
ma è traslata di un tratto. La ragione di questo è che le barre, per essere efficaci,
devono essere ancorate nel calcestruzzo e ciò avviene mediante l’aderenza tra i due

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


220 Capitolo 7 La trave in cemento armato

C C
v
V M0 z Vcotα
V α M1∼ M0+Vzcotβ
β
T T
zcotβ
X0 X0 X1

Figura 7.33: Equilibrio delle risultanti di sollecitazione per un concio di trave


sezionato ortogonalmente all’asse e quando la sezione è inclinata.

materiali. È quindi necessario prolungare le barre per un tratto pari alla lunghezza
di aderenza, che garantisce l’efficacia dell’armatura nella zona utile. Il calcolo della
lunghezza di aderenza esula i propositi di queste lezioni; prudenzialmente, per barre
ad aderenza migliorata, si può assumere questa lunghezza pari a quaranta volte il
diametro della barra.

Scorrimento del diagramma dei momenti


In precedenza è stato mostrato che il diagramma dei momenti resistenti non viene
confrontato direttamente con il diagramma dei momenti agenti prodotto dai carichi,
ma con un altro, ottenuto dal precedente mediante traslazione di una quantità a.
La traslazione deve essere tale che, in una data sezione, il momento del diagramma
traslato è, in valore assoluto, maggiore di quello del diagramma originale. Cosı̀, nei
tratti dove il momento è (in modulo) crescente, il diagramma è traslato verso sinistra,
dove è decrescente è traslato a destra, come mostrato nell’esempio in Fig. 7.32.
Per giustificare questo e stimare il valore della traslazione a0 , osserviamo la
Fig. 7.33. A sinistra è rappresentato il caso di una sezione retta, in cui la coppia
C, T di braccio z equilibria il momento M0 agente nella sezione X0 , per cui la forza
agente nell’armatura è T = M0 /z. Nel caso di una trave attraversata da una fessura
inclinata la situazione è quella rappresentata a destra. Se si impone l’equilibrio
del concio, il momento dei carichi sarà ora quello agente nella sezione X1 , distante
z cot β da X0 , per cui il momento agente su questa sezione è, approssimativamente
M1 = M0 + V z cot β. Questo momento deve essere equilibrato dalle forze interne
C, T e dalla risultante delle forze agenti sull’armatura di parete. Se si assume che
tutto il taglio sia portato dall’armatura, allora tale risultante è Fs = V / sin α, e si
può decomporre in una forza verticale V ed una orizzontale V cot α. Indicando con
v la distanza del punto di intersezione di Fs con la fessura dalla retta d’azione di C,
per l’equilibrio dei momenti intorno al punto di intersezione di C con X1 , si ottiene:

M0 + V z cot β = T z + V cot αv + V v cot β

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


7.6 Diagramma dei momenti resistenti. Interazione tra taglio e flessione 221

da cui si ottiene che

T z = M0 + V [(z − v) cot β − v cot α] = M0 + V a

dove a = (z − v) cot β − v cot α. La posizione della risultante delle forze nelle arma-
ture di parete dipende dal punto in cui queste intersecano la fessura. Ipotizzando
una distribuzione sufficientemente uniforme si può assumere, seguendo l’Eurocodice
2, che questo avvenga nel punto medio, per cui v = z/2. In questo caso

(cot β − cot α)
a=z (7.78)
2
In particolare, se si pone β = 45◦ si ha a = z(1−cot α)/2, che diviene semplicemente
a = z/2 nel caso che l’armatura sia formata con staffe. Quando β è calcolato con il
metodo dell’inclinazione variabile delle bielle si applica la (7.78), che per α = π/2
diviene a = z cot β/2. Quando la resistenza dell’armatura è molto minore di quella
del calcestruzzo, come si è visto nel § 7.5.1, cot β = 2.5 e quindi, a = 1.25z.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


222 Capitolo 7 La trave in cemento armato

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Capitolo 8

La sicurezza delle strutture e i


codici normativi

8.1 Introduzione
Le forze agenti sui solidi producono all’interno di questi delle sollecitazioni che, se
superano la resistenza del materiale, ne producono un certo grado di danneggia-
mento ed eventualmente la rottura. Scopo dell’ingegneria strutturale è quello di
determinare per quali forze si verificano danno o rottura di una struttura, in mo-
do da poter garantire che quelle progettate si trovino in condizioni sufficientemente
lontane da quelle critiche.
Nei capitoli precedenti sono stati forniti gli strumenti di base necessari per per-
seguire questo scopo. Lo studio è stato in gran parte ristretto ad una categoria di
elementi strutturali, le travi, il cui comportamento può essere indagato con stru-
menti relativamente semplici e che hanno grande importanza, particolarmente nelle
costruzioni moderne. In molti casi, ma non sempre, si è fatta l’ipotesi che la leg-
ge costitutiva del materiale (cioè la legge che esprime le tensioni in funzione delle
deformazioni) sia elastica lineare (legge di Hooke). La linearità della legge costi-
tutiva riduce notevolmente la complessità dei problemi ed inoltre la maggior parte
dei materiali impiegati nelle costruzioni, se sollecitata fino ad un livello di tensione
sufficientemente lontano da quello di rottura, conserva un comportamento, almeno
approssimativamente, elastico lineare. Al comportamento lineare è anche associa-
ta la reversibilità del fenomeno, ovvero la scomparsa degli effetti (ad esempio delle
deformazioni) quando le azioni vengono rimosse. Per il calcestruzzo la fessurazione
costituisce un fenomeno non reversibile; tuttavia, poiché all’annullarsi delle trazioni
le fessure si richiudono, si può assumere che anche il calcestruzzo fessurato, finché le
tensioni restano limitate, abbia un comportamento praticamente reversibile. La re-
versibilità implica l’assenza di un danno permanente, quindi, almeno finché si indaga
il comportamento della struttura nel campo del suo buon funzionamento, l’ipotesi
di elasticità lineare è sufficientemente realistica.
Il progettista di una struttura deve naturalmente garantire che l’organismo da
lui ideato sia in grado di sostenere le azioni a cui sarà soggetto senza danneggiarsi.
L’assenza di danno necessariamente implica che la struttura non collassi: in questa

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 223


224 Capitolo 8 La sicurezza delle strutture e i codici normativi

ottica, in un quadro deterministico, il progettista potrebbe quindi limitarsi a ve-


rificare che, sotto l’azione dei carichi, in nessun punto della struttura il materiale
supera il limite di proporzionalità, quindi che il comportamento della struttura resti
elastico lineare1 .

8.1.1 Le azioni
Fin qui non si è posta alcuna attenzione alle cause che generano le forze agenti sulle
strutture, né sul modo di determinarle. Queste possono essere classificate in base a
diversi criteri: la loro natura, le cause che le producono, il modo con cui interagiscono
con la struttura.
Per quanto riguarda la natura, non sempre le azioni sono forze: ad esempio
un cedimento differenziale delle fondazioni, che imprime alla struttura uno stato di
coazione, si può rappresentare come uno spostamento imposto ad alcuni vincoli; le
deformazioni dovute alle variazioni termiche o dal ritiro del calcestruzzo, se impedite
possono produrre stati di coazione che, particolarmente nei materiali fragili, possono
danneggiare la struttura.
L’azione più comune, sempre presente, è il peso, sia della struttura stessa, sia
di quello che essa sostiene (pavimenti, tramezzi e tamponature, arredi ed infine le
persone che utilizzano l’edificio); queste forze sono indotte dall’uomo altre, come
ad esempio il peso della neve sui tetti, è invece un’azione ambientale che sfugge al
nostro controllo. La pressione esercitata dal vento è una forza di natura diversa dal
peso, ma anch’essa dipende dalle condizioni ambientale e non dall’uomo. Da questo
punto di vista anche le azioni sismiche, che propriamente non sono forze, ma spesso
vengono schematizzate come tali, sono azioni ambientali e che naturalmente noi non
possiamo controllare.
Un altro criterio di classificazione riguarda l’evoluzione nel tempo delle azioni:
alcune, come il peso proprio, sono sempre presenti e rimangono praticamente costanti
per l’intera vita della struttura; altre, come i cosı̀ detti sovraccarichi permanenti
(pavimenti, tramezzi, intonaci, ecc.) cambiano assai di rado, spesso mai durante la
vita della costruzione. Gli arredi sono carichi che cambiano di rado, mediamente ogni
alcuni anni, mentre il peso degli occupanti varia molto più rapidamente; entrambi
sono classificati tra le azioni variabili, insieme alla neve ed alla pressione del vento.
Le azioni, come i terremoti, le esplosioni, ecc., che si verificano di rado (a volte mai)
ma che possono avere conseguenze gravi sulla vita della struttura, sono chiamate
eccezionali.

8.1.2 Incertezze
Per eseguire le verifiche di una struttura occorre conoscere in primo luogo la struttura
stessa (geometria degli elementi che la compongono, natura e caratteristiche dei
materiali costituenti, ecc.) nonché il tipo e l’entità delle azioni a cui sarà soggetta.
1
Per il calcestruzzo fessurato si deve anche controllare che l’ampiezza delle fessure resti limitata.
Il calcolo dell’ampiezza delle fessure non è compreso nel programma di questo corso.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


8.2 Sicurezza strutturale 225

Per quanto riguarda le azioni, come visto prima, alcune dipendono dall’azione
dell’uomo (p.es. il peso dei pavimenti, dei tramezzi, degli arredi utilizzati, ecc.) e, in
via di principio, potrebbero anche essere conosciuti con precisione, ma altre azioni,
che dipendono da eventi naturali, come il vento, la neve, i terremoti, ecc., ovviamen-
te non possono essere previste senza un margine più o meno ampio di incertezza. In
pratica poi anche le azioni che dipendono dall’uomo non sono esattamente prevedibi-
li; nessuno, ad esempio, può sapere esattamente quali pesi dovrà sostenere un solaio
nell’arco della vita dell’edificio ed perfino i pesi propri, a causa della variabilità delle
dimensioni degli elementi e del peso specifico dei materiali, possono essere previsti
con certezza.
Oltre alle azioni, anche le caratteristiche della struttura risultano incerte, sia
perché tra il progetto e l’eseguito possono esistere delle differenze, sia perché le
proprietà dei materiali sono variabili e quindi anche loro non deterministicamente
prevedibili. Le misure delle resistenze sono ottenute da prove distruttive: quindi
la resistenza di un materiale impiegato nella costruzione non può mai essere misu-
rata direttamente, ma solo indirettamente, su campioni realizzati con un materiale
simile. Per gli elementi in acciaio, comprese le barre impiegate per l’armatura nel
c.a., essendo prodotti industrialmente prima della costruzione, questo controllo sta-
tistico può essere eseguito prima della loro posa in opera; inoltre il materiale risulta
generalmente omogeneo e le grandezze di interesse poco disperse. Sul calcestruzzo,
che viene realizzato solo al momento della costruzione, i controlli invece si possono
eseguire solo molti giorni dopo il getto, dopo che i campioni prelevati hanno rag-
giunto un giusto grado di maturazione; inoltre, per loro natura, le resistenze e le
altre grandezze meccaniche di questo materiale, risultano molto più disperse.
L’imprevedibilità dei carichi e dei parametri del materiale non sono le uniche
fonti di incertezza circa l’effettivo stato di sollecitazione della struttura. Ad esse
si devono aggiungere gli errori insiti nell’impiego, per descrivere la struttura, di
modelli di calcolo semplificati, il fatto di trascurare alcune azioni che non erano
state previste, le incertezze nelle definizioni delle soglie di danno e di collasso.

8.2 Sicurezza strutturale


Se le azioni e le resistenze, oltre agli stessi modelli di calcolo, non sono deterministi-
ci, non è più possibile escludere che, durante la sua storia, una struttura subisca dei
danni o che addirittura collassi; si potrà solo richiedere che questi eventi siano abba-
stanza rari, in modo tale che il rischio ad essi connesso risulti più piccolo di altri rischi
a cui ciascuno è normalmente esposto. La verifica (probabilistica) di una struttura
consiste nel determinare la probabilità che si verifichi (in un fissato lasso di tempo)
un evento sfavorevole e quindi nel controllare che questa probabilità sia minore del
rischio ritenuto accettabile. Una tale impostazione, anche se logicamente soddisfa-
cente, risulta notevolmente difficile da svolgere e poco adatta alla prassi progettuale
corrente. In pratica, per garantire un adeguato livello di sicurezza si introducono
dei margini tra lo stato (medio) della struttura e le condizioni che producono effetti
indesiderati; questi margini si ottengono mediante dei coefficienti di sicurezza, che

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


226 Capitolo 8 La sicurezza delle strutture e i codici normativi

σ
fy
2 1 2

α α l

F ε
F

(a) (b) (c)

Figura 8.1: Analisi agli stati limite di due strutture composte con tre aste.

riducono le resistenze ed aumentano i valori nominali delle sollecitazioni; si richiede


quindi che, in analisi deterministiche eseguite adottando questi valori delle azioni
e delle resistenze, lo stato limite non sia superato. L’incremento delle forze e la
riduzione delle resistenze si devono intendere riferiti ai valori più probabili (p.es. a
quelli medi) delle rispettive grandezze. Questo metodo non garantisce, in termini
di probabilità, una sicurezza uniforme per tutte le strutture, tuttavia i coefficienti
di sicurezza possono essere calibrati in modo da garantire un valore minimo della
sicurezza.
In precedenza è stato osservato che una struttura non deve, in condizioni normali,
subire danni. Se la struttura è realizzata con un materiale a comportamento elasto-
plastico, la condizione di assenza di danno si può far coincidere con il fatto che in
ogni punto le tensioni non superino i limiti di plasticità. Applicando il metodo dei
coefficienti di sicurezza delineato prima, questa verifica si eseguirà applicando alla
struttura dei carichi opportunamente aumentati e assumendo una ridotta resistenza
del materiale.
È ovvio che se la struttura non supera la soglia di danno a maggior ragione
non supererà quella di collasso. Tuttavia la verifica di una sola condizione non è
sufficiente a garantire un adeguato margine di sicurezza dell’altro. Per comprendere
questo si può far riferimento al caso delle due semplici strutture illustrate in Fig. 8.1
(a) e (b), composte da tre barre di uguale sezione e costituite da un materiale a
comportamento elasto-plastico perfetto (Fig. 8.1 (c)). Nel caso (a) le barre sono
parallele, in quello (b) formano un triangolo isoscele con angolo al vertice 2α. Sia F
il valore nominale della forza e fy quello della tensione di snervamento del materiale;
indichiamo con Fy la forza che produce la prima plasticizzazione (quindi la soglia
di danno) e con Fu la resistenza ultima della struttura, che coincide con la forza
che produce la plasticizzazione di tutte le aste; infatti quando tutte le barre sono
plasticizzate l’equilibrio non è più possibile per una forza maggiore di Fu .
Nel caso della struttura (a) la soluzione del problema è molto semplice, poiché
ovviamente le tre barre sono ugualmente sollecitate, quindi se A è l’area di una barra

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


8.2 Sicurezza strutturale 227

2 1 2

α α l

Q
δ cos α δ
Q’
F

Figura 8.2: Analisi della deformazione delle tre aste collegate alle estremità.

si ha semplicemente
F
σ=
3A
in ciascuna di esse. Lo snervamento del materiale si raggiunge simultaneamente
nelle tre barre quando σ = fy e pertanto
Fy = Fu = 3fy A
Dunque per una simile struttura vi è lo stesso margine di sicurezza sia nei confronti
del danno (Fy ) sia del collasso (Fu ).
Il calcolo delle tensioni nella struttura (b) è un poco più complesso. Per ri-
solvere il problema si utilizza il principio dei lavori virtuali. Assegnando al punto
Q uno spostamento δ (Fig. 8.2) l’asta 1 subisce un allungamento δ e quindi una
deformazione
δ
ε1 =
l
essendo l la lunghezza iniziale della barra. Le aste 2, di lunghezza iniziale l/ cos α,
subiscono un allungamento δ cos α e quindi una deformazione
δ cos α δ
ε2 = l
= cos2 α
cos α
l
Se E è il modulo elastico del materiale, alle deformazioni ε1 ed ε2 corrispondono le
tensioni σ 1 = Eε1 e σ 2 = Eε2 . Quindi, poiché tensioni e deformazioni sono costanti
all’interno delle aste, il lavoro virtuale delle forze interne è
µ ¶
l 2 2 2
δLi = σ1 ε1 Al + 2σ2 ε2 A = EAl ε1 + ε
cos α cos α 2
Tenendo quindi conto delle precedenti espressioni di ε1 ed ε2 si ottiene
µ 2 ¶
δ 2 δ2 4 EA 2 ¡ ¢
δLi = EAl 2 + 2
cos α = δ 1 + 2 cos3 α
l cos α l l

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


228 Capitolo 8 La sicurezza delle strutture e i codici normativi

Poiché il lavoro della forza esterna F è semplicemente F δ, uguagliando il lavoro


interno a quello esterno si ricava che
EA ¡ ¢
F = δ 1 + 2 cos3 α
l
da cui
δ F
=
l EA (1 + 2 cos3 α)
Quindi
δ F
σ 1 = Eε1 = E =
l A (1 + 2 cos3 α)
δ 2 F cos2 α
σ 2 = Eε2 = E cos α =
l A (1 + 2 cos3 α)
Poiché cos2 α ≤ 1, si ha evidentemente σ 2 ≤ σ 1 , pertanto la condizione di prima
plasticizzazione si raggiunge quando σ1 = fy , e questo avviene per F = Fy , con
¡ ¢
Fy = fy A 1 + 2 cos3 α

Il collasso si raggiunge invece quando tutte e tre le aste sono plasticizzate, per
cui in ciascuna si raggiunge la forza F1y = Afy . Combinando le tre forze con la
regola del parallelogramma, si ottiene la risultante

Fu = F1y + 2F1y cos α = fy A (1 + 2 cos α)

Il rapporto Fu /Fy risulta quindi


Fu 1 + 2 cos α
= ≥1
Fy 1 + 2 cos3 α
Ad esempio, per α = 30◦ si ha Fu /Fy = 1.188; per α = 45◦ il rapporto diviene 1.414.
Dunque, se le due strutture fossero progettate con lo stesso coefficiente di sicurezza
rispetto al primo snervamento, avrebbero un differente margine di ricurezza rispetto
al collasso, dipendente dall’inclinazione delle barre 2.
Data la diversa gravità delle conseguenze prodotte dal superamento del limite di
danno da quelle relative al superamento del limite di collasso, si accetta un rischio
diverso per i due eventi, maggiore per quello meno grave e minore per l’altro. Il
diverso livello di rischio accettato si esprime in pratica mediante diversi valori dei
coefficienti di sicurezza, maggiori per le verifiche allo stato limite ultimo, minori
per quelle degli stati limite di danno. Poiché, come mostra l’esempio precedente,
il rapporto tra la soglia di danno e quella ultima varia da caso a caso, occorre
in genere eseguire entrambi i tipi di verifica: le verifiche di esercizio (o di stato
limite di danno) garantiscono un accettabile livello di sicurezza contro situazioni
che possono compromettere il buon funzionamento della struttura, ma non la sua
resistenza; le verifiche allo stato limite ultimo servono a garantire un adeguato livello
di sicurezza nei confronti del collasso, anche parziale, della struttura. Il progetto
sarà condizionato da quella verifica che risulta più vincolante.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


8.3 Valori nominali e caratteristici 229

0.06

0.05
0.8

0.04
0.6

F(x)
p(x)

0.03

0.4
0.02

0.2
0.01

0 0
10 20 30 40 50 60 70

Figura 8.3:

8.3 Valori nominali e caratteristici


Per le ragioni indicate nell’introduzione, sia le azioni sia le resistenze non si possono
rappresentare mediante un valore deterministico; si tratta infatti di grandezze alea-
torie, la cui descrizione esauriente richiede la conoscenza della relativa funzione di
probabilità. Questa funzione, per una variabile continua X, è tale che pX (x) dx dà
la probabilità che il valore di X sia compreso tra x e x + dx:

pX (x) dx = Pr (x ≤ X < x + dx) (8.1)

Integrando la funzione pX (x) nell’intervallo finito [x1 , x2 ) si ottiene la probabilità


che X sia compresa in questo intervallo; in particolare, integrando tra −∞ e x si ha
la probabilità che X < x. La funzione che cosı̀ si ottiene
Z x
FX (x) = pX (ξ) dξ (8.2)
−∞

è detta funzione di distribuzione della v.a. X. Poiché la probabilità è per definizione


una grandezza positiva non superiore ad uno, FX (x) è una funzione non decrescente,
compresa tra zero ed uno e tale che FX (∞) = 1. Da questo si deduce anche che:

Pr (X ≥ x) = 1 − Pr (X < x) = 1 − FX (x) (8.3)

Nella Fig. 8.3, a titolo di esempio, sono rappresentati i grafici della funzione di
probabilità (linea continua) e di distribuzione (linea tratteggiata) di una variabile
aleatoria idonea a rappresentare la resistenza di un calcestruzzo.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


230 Capitolo 8 La sicurezza delle strutture e i codici normativi

La descrizione delle grandezze aleatorie mediante le funzioni di probabilità o


di distribuzione, sebbene logicamente soddisfacente, non è coerente con il formato
della maggior parte delle norme che, per ragioni di semplicità, è deterministico.
Occorre quindi, a ciascuna delle grandezze aleatorie che rappresentano i carichi e
le resistenze, assegnare un valore deterministico, chiamato valore nominale o valore
caratteristico. Il criterio adottato per scegliere questo valore è il seguente: fissato un
livello di probabilità (generalmente piccolo) p0 si determinano i due valori (xi , xs )
della variabile aleatoria X tali che
FX (xi ) = p0 FX (xs ) = 1 − p0
Questi due valori sono detti frattili (inferiore e superiore) di X per la probabilità
p0 . In effetti, per come sono definiti, vi è una probabilità p0 che X < xi e che
X ≥ xs . Quindi, se p0 è piccolo, sarà improbabile che X risulti minore del suo
frattile inferiore o maggiore di quello superiore.
I valori caratteristici delle grandezze aleatorie (forze e resistenze) sono definiti
come opportuni valori frattili. In genere si assume p0 = 0.05 (5%) e si adotta
il frattile inferiore per le grandezze da cui dipende in modo positivo la sicurezza
della struttura (in particolare le resistenze dei materiali) ed il frattile superiore per
quelle che influiscono negativamente sulla sicurezza (generalmente i carichi). A
volte i carichi possono agire nei due sensi (diminuire la sicurezza di un elemento ma
aumentare quella dell’altro); in questo caso per i carichi si dovranno considerare due
valori caratteristici (frattile superiore ed inferiore).
I valori caratteristici sono generalmente contrassegnati con il pedice k. Per le
resistenze si ha quindi che
Xk : FX (Xk ) = 0.05 (8.4)
mentre per le azioni, normalmente:
Xk : FX (Xk ) = 0.95 (8.5)
Per alcune grandezze, come la resistenza dei materiali, il valore caratteristico si
può ricavare su base statistica. Se si dispone di un numero abbastanza grande di
misure eseguite su provini confezionati con il materiale impiegato nella costruzione,
assumendo che questo abbia caratteristiche sufficientemente omogenee (cioè non
vi sia stato un cambiamento sistematico nella produzione del materiale), il valore
caratteristico si può determinare con la relazione
Xk = Xm − 1.645sX (8.6)
In cui, indicando con Xi (i = 1, . . . , n) i valori misurati delle resistenze,
s
1 Xn
(Xi − Xm )2
Xm = Xi sX = (8.7)
n i=1 n−1

La formula (8.6) è valida solo per n & 30. Per valori minori si può adottare la
relazione
Xk = Xm − k (n) sx (8.8)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


8.4 Coefficienti di sicurezza, valori di progetto 231

dove k (n) è un coefficiente che dipende dal numero dei campioni esaminati e che
tende ad 1.645 per n → ∞. Alcuni valori di k sono riportati nella tabella seguente:

n 6 8 10 14 18 22 26 30
k 1.943 1.860 1.812 1.761 1.734 1.717 1.706 1.697

Per i materiali prodotti in stabilimento e quindi messi in opera, come l’acciaio, il


valore caratteristico della resistenza si può determinare applicando le formule prece-
denti ai dati ricavati da misure eseguite su di un campione significativo del materiale
(ad esempio su di un dato numero di monconi di barre prelevate dal lotto di produ-
zione). Il valore caratteristico del materiale si può quindi misurare preventivamente
alla sua posa in opera. Per il calcestruzzo la situazione è differente, perché, come si è
fatto osservare prima, il materiale viene realizzato nel momento stesso della costru-
zione e le prove sui campioni prelevati dal getto si possono eseguire solo diversi giorni
dopo. La resistenza non può essere misurata prima, ma si può soltanto verificare
a posteriori che il valore caratteristico della resistenza effettiva (misurata sui cam-
pioni) sia non minore di quello preventivato nel progetto. I controlli di accettazione
hanno quindi il fine di verificare ciò, con una piccola probabilità di errore.
Mentre i valori caratteristici delle resistenze dei materiali dipendono dalla qualità
del processo di produzione e, particolarmente per il calcestruzzo, sono notevolmen-
te variabili, quindi vanno stabiliti caso per caso, i valori caratteristici delle azioni
dipendono da altri fattori, ad esempio dalla destinazione d’uso dell’edificio, o dalla
sua esposizione a certi eventi naturali (neve, vento, terremoti), la cui probabilità
di verificarsi dipende dalla localizzazione dell’opera. La definizione dei valori di ri-
ferimento (nominali) di queste grandezze (carichi di uso di un edificio, peso della
neve, pressione del vento, accelerazione sismica, ecc.) è notevolmente più comples-
sa, e comunque i fenomeni da cui dipendono non sono controllati dal progettista.
I valori di riferimento relativi a queste azioni sono generalmente stabiliti nelle nor-
me, in funzione della destinazione d’uso della costruzione o della sua localizzazione
geografica.

8.4 Coefficienti di sicurezza, valori di progetto


I valori caratteristici delle resistenze sono quindi valori per i quali vi è una piccola
probabilità che il valore reale della resistenza del materiale risulti inferiore; i valori
caratteristici delle azioni, al contrario, sono scelti in modo che sia altrettanto raro
che il livello dell’azione, nell’arco della vita convenzionale della struttura, li superi.
Progettando con riferimento ai valori caratteristici si ottiene una probabilità di su-
peramento dello stato limite che è dell’ordine della probabilità p0 del valore frattile.
Poiché normalmente la probabilità di riferimento, come si è già detto, è il 5%, da
una simile condizione di progetto dovremmo aspettarci valori simili nella probabi-
lità di insuccesso del progetto2 . Un tale livello di rischio può essere ragionevole per
2
Questa probabilità non è uniforme. Ad esempio considerando il caso elementare in cui si
confronta una resistenza R con una sollecitazione S, in modo che la condizione di stato limite sia

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


232 Capitolo 8 La sicurezza delle strutture e i codici normativi

uno stato limite di danno, certamente non per quello di collasso, le cui conseguenze
possono essere estremamente gravi. Nei confronti di tale stato limite occorre quindi
aumentare la sicurezza aumentando il margine tra resistenza e sollecitazione.
Si introducono pertanto dei coefficienti di sicurezza, quantità generalmente mag-
giori di uno, per i quali si dividono i valori caratteristici delle resistenze e si mol-
tiplicano quelli delle azioni3 . I valori cosı̀ ottenuti si chiamano valori di progetto
delle grandezze considerate e vengono indicati con il pedice d. Cosı̀ se R indica una
generica resistenza ed S una sollecitazione, i rispettivi valori di progetto saranno
Rk
Rd = Sd = γ S Sk
γR
dove γ R e γ S sono i coefficienti di sicurezza della resistenza R e dell’azione S. I
valori di γ dipendono dalla grandezza a cui si riferiscono; ad esempio il coefficiente
di sicurezza della resistenza del calcestruzzo è più grande di quello che si adotta per
l’acciaio, per tener conto della diversa dispersione delle resistenze dei due materiali;
anche per i carichi i coefficienti dovrebbero avere valori differenti, anche se in pratica,
nelle norme attuali, i valori adottati per i diversi tipi di carico non differiscono molto
tra loro.
I coefficienti di sicurezza dipendono ovviamente dal tipo di verifica. Per le verifi-
che nei confronti del danno (stati limite di esercizio) generalmente si adottano valori
unitari (quindi i valori di calcolo coincidono con quelli caratteristici). Per le verifi-
che nei confronti dello stato limite ultimo i valori tipicamente adottati nelle norme
variano tra 1.2 ed 1.5, in funzione del tipo di materiale e di azione. Ad esempio le
norme italiane per le costruzioni del 1996, nella verifica allo stato limite ultimo, per
le azioni gravitazionali (pesi) danno i seguenti coefficienti:

Carichi permanenti Carichi variabili


Favorevoli 1 0
Sfavorevoli 1.4 1.5

Per i materiali, sempre nelle verifiche allo stato limite ultimo, nelle strutture in
cemento armato si adotta un coefficiente di sicurezza 1.6 per il calcestruzzo e 1.15
per le armature in acciaio. Per le strutture in carpenteria metallica, il coefficiente
di sicurezza del materiale (acciaio), salvo casi particolari, è 1.05.

8.5 Le Norme Tecniche per le Costruzioni


La necessità di garantire un livello di sicurezza minimo uniforme sul territorio nazio-
nale, ha spinto tutti gli stati moderni, a partire dagli inizi del secolo scorso, a dotarsi
R = S, se si progettano R ed S con la condizione Rk = Sk , dove Rk ed Sk sono i valori frattili 5%
(inferiore e superiore) di R ed S, rispettivamente, la probabilità di superamento dello stato limite
può variare tra il 5% e lo 1% (ipotizzando R ed S gaussiane).
3
Nel caso che l’azione agisca favorevolmente allora si assume un coefficiente di sicurezza minore
di uno.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


8.5 Le Norme Tecniche per le Costruzioni 233

di norme tecniche relative alle costruzioni. Concettualmente queste norme dovreb-


bero fornire soltanto alcuni parametri, ad esempio i valori nominali delle azioni ed
i coefficienti di sicurezza, la cui scelta dipende ovviamente dal livello di sicurezza
minimo che si vuole garantire e sotto il quale non è lecito scendere, lasciando alla
competenza del progettista la scelta dei metodi di verifica delle strutture. In realtà,
poiché i modelli di calcolo sono sempre delle rappresentazioni approssimate della
realtà, la loro scelta non è poi indifferente sul livello di sicurezza ottenuto; quindi le
norme non si limitano a fornire i parametri necessari per definire i livelli delle azioni
ed i coefficienti di sicurezza, bensı̀ spesso entrano nei dettagli della modellazione,
p.es. fornendo i modelli delle leggi costitutive dei materiali, dando indicazioni circa
l’impiego dei modelli di calcolo delle strutture (lineari o non lineari), delle formule
da impiegarsi nelle verifiche, ecc. Naturalmente è lasciata libertà al progettista di
impiegare metodi ritenuti più accurati, ma il risultato del progetto non può for-
nire soluzioni che non soddisfino le prescrizioni della norma. Poiché le conoscenze
tecniche e scientifiche evolvono continuamente, sia le conoscenze sulla natura di cer-
te azioni (ad esempio i terremoti ed il vento) sia quelle relative al comportamento
strutturale e dei relativi modelli di calcolo (notevolmente potenziati dall’impiego di
computer sempre più potenti), fanno sı̀ che le norme debbano essere continuamente
aggiornate per essere in linea con gli sviluppi delle conoscenze. Poiché in Italia le
norme sono, per legge, emanate con decreto del Ministro dei LL.PP., il loro ag-
giornamento ha spesso incontrato ostacoli di carattere burocratico che non sempre
ne hanno consentito un adeguato allineamento al livello degli ultimi risultati della
ricerca.
Nel 1975, la Commissione delle Comunità Europee decise di stabilire un insieme
di regole tecniche armonizzate per la progettazione delle opere di costruzione che,
in una prima fase, sarebbe servito come alternativa rispetto ai regolamenti nazionali
in vigore negli stati membri ed, alla fine, li avrebbe sostituiti. La conclusione di
questo progetto ha portato alla stesura di nove Eurocodici, che coprono tutte le
principali tipologie strutturali, per materiali, destinazione, natura delle azioni a cui
devono resistere. Questi documenti sono costituiti da molte centinaia di pagine ed
entrano spesso molto in dettaglio relativamente ai metodi di analisi e di verifica,
dovranno quindi essere soggetti ad un processo continuo di aggiornamento. Alcuni
dei parametri forniti dalle norme, in particolare quelli dipendenti dalla localizzazione
geografica della costruzione (si pensi alla velocità del vento, al carico di neve od
all’intensità del moto sismico) non sono definiti negli Eurocodici e devono essere
fissati da ciascun paese mediante opportuni annessi tecnici. Con queste precisazioni
i codici europei si possono adottare in alternativa a quelli nazionali, che comunque
tendono sempre più, a loro volta, ad allinearsi alle norme comunitarie.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


234 Capitolo 8 La sicurezza delle strutture e i codici normativi

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Appendice A

Geometria delle aree

A.1 Momenti statici e baricentro


Definizione 1 Data una figura piana A e due assi ortogonali x, y, (vedi Fig. A.1)
si definisce momento statico di A relativo all’asse x il valore dell’integrale
Z
Sx (A) = ydA (A.1)
A

Analogamente, il momento statico relativo ad y è


Z
Sy (A) = xdA (A.2)
A

Esempio A.1 Calcolare i momenti statici delle aree rappresentate in Fig. A.2, relativa-
mente agli assi indicati nel disegno.
Rettangolo
Z b Z h
1
Sx = ydy = bh2
dx (A.3a)
0 0 2
Z h Z b
1
Sy = dy xdx = hb2 (A.3b)
0 0 2

Triangolo rettangolo
Z Z Z
b
h2 ³
h(1−x/b)
x ´2 b
h2 b 1
Sx = dx 1− ydy = dx = = bh2 (A.4a)
0 0 0 2 b 2 3 6
Z h Z b(1−y/h) Z h 2³
b y ´2 b2 h 1
Sy = dy xdx = 1− dy = = hb2 (A.4b)
0 0 0 2 h 2 3 6

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 235


236 Appendice A Geometria delle aree

y y’

O’ x’

O x

Figura A.1: Assi di riferimento e area A del piano.

A.1.1 Trasporto
Dati altri due assi x0 , y 0 paralleli ad x, y, le coordinate di un generico punto P ,
relativamente al nuovo riferimento sono

x0 = x − xO0 y 0 = y − yO0

dove xO0 , yO0 sono le coordinate dell’origine del nuovo riferimento rispetto al vecchio.
Applicando la definizione:
Z Z Z Z
0
Sx =
0 y dA = (y − yO ) dA =
0 ydA − yO 0 dA = Sx − yO0 A (A.5a)
A A A A
R
dove A = A
dA è l’area della figura. Analogamente

Sy0 = Sy − xO0 A (A.5b)

Remark 2 Il momento statico di una figura A relativo ad un asse x0 , parallelo ad x


e distante yO0 da questo, si ottiene sottraendo ad Sx il prodotto dell’area della figura
per yO0 .

A.1.2 Rotazione degli assi


Se x, y e x0 , y 0 sono due sistemi di assi ortogonali con la stessa origine ma rotati di
un angolo θ (vedi Fig. A.3), si ha

x0 = x cos θ + y sin θ (A.6a)


y 0 = −x sin θ + y cos θ (A.6b)

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


A.1 Momenti statici e baricentro 237

y y

h h

x x
b b
(a) (b)

Figura A.2: Figure geometriche semplici [rettangolo (a), triangolo rettangolo (b)] e
relativi assi di riferimento.

quindi
Z Z
0
Sx0 = y dA = (−x sin θ + y cos θ) dA =
A A Z Z
= − sin θ xdA + cos θ ydA = − sin θSy + cos θSx (A.7a)
A

Z Z
0
Sy0 = x dA = (x cos θ + y sin θ) dA =
A A
Z Z
= cos θ xdA + sin θ ydA = cos θSy + sin θSx (A.7b)
A

A.1.3 Proprietà additiva


Sn
Se una figura A è suddivisa in n figure non sovrapposte Ai e tali che i=1 Ai = A,
allora, per una nota proprietà dell’integrale
Z n Z
X X
n
Sx (A) = ydA = ydA = Sx (Ai ) (A.8)
A i=1 Ai i=1

Ossia:

Remark 3 Il momento statico di una figura composta è la somma dei momenti


statici delle parti componenti.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


238 Appendice A Geometria delle aree

y
y’

A x’

O≡O’ θ
x

Figura A.3: Figura piana riferita a due sistemi di assi rotati.

A.1.4 Baricentro
Se si sceglie il punto O0 in modo tale che

Sx0 = Sx − yO0 A = 0 (A.9a)


Sy0 = Sy − xO0 A = 0 (A.9b)

il punto O0 è il baricentro della figura A. Per le (A.7) il momento statico di qualunque


asse passante per O0 è nullo.

Definizione 4 Il baricentro G di una figura A è quel punto tale che, se x è un asse


passante per G, si ha Sx (A) = 0.

Dalle (A.9) si ha
Sy Sx
xG = yG = (A.10)
A A

Esempio A.2 Baricentro del rettangolo. Sostituendo le (A.3) nella (A.10) e poiché
A = bh, si ottiene
b h
xG = yG = (A.11)
2 2

Baricentro del triangolo rettangolo. Sostituendo (A.4) nella (A.10) e poiché A = 12 bh,
si ottiene
b h
xG = yG = (A.12)
3 3
¤

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


A.1 Momenti statici e baricentro 239

Assi di simmetria
Si dimostra facilmente la seguente proprietà: se x è un asse di simmetria di A,
allora G ∈ x.
Infatti, indicando con A− e A+ le due parti della figura A che si trovano nel
semipiano negativo e positivo individuato dall’asse x, si può porre
Z Z Z
Sx = ydA = ydA + ydA
A A− A+

Se x è un asse di simmetria ed y è ortogonale ad x, allora


Z Z
ydA = − ydA
A− A+

e quindi Sx = 0. Ciò dimostra quanto affermato.


Dalle proprietà enunciate prima risulta evidente che se una figura ha due assi di
simmetria, il suo baricentro coincide con il punto di intersezione di questi assi.
Da questa proprietà segue, ad esempio, che il baricentro di un rettangolo si trova
nel punto che dista h/2 e b/2 dai lati, come già trovato prima. Il baricentro di un
cerchio coincide evidentemente con il suo centro.

Determinazione del momento statico


Dalle (A.9) segue anche che
Sx = yG A (A.13)
ovvero: il baricentro di una figura rispetto ad un asse x si può determinare molti-
plicando l’area A della figura per la distanza yG del baricentro da x.
Grazie alla (A.13), se si conoscono l’area e la posizione del baricentro di una
figura, il calcolo del suo momento statico rispetto ad un qualsiasi asse si calcola in
modo elementare mediante la (A.13).

Figure composte
Se una figura complessa si può suddividere in figure più semplici di ciascuna delle
quali è nota la posizione del baricentro, allora il momento statico complessivo della
sezione si può calcolare sostituendo la (A.13) nella (A.8):

X
n
Sx = yGi Ai (A.14)
i=1

in cui yGi è la distanza da x del baricentro della figura Ai e Ai ne è l’area.


Determinato il momento statico si determina facilmente anche la distanza da x
del baricentro della figura complessa. Infatti
Pn
Sx i=1 yGi Ai
yG = = P n (A.15)
A i=1 Ai

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


240 Appendice A Geometria delle aree

18 A1

A2 7

x
20
5

Figura A.4: Sezione ad L composta da due sezioni rettangolari.

Esempio A.3 Determinare la posizione del baricentro della figura ad L in Fig. A.4.
Si decompone la figura in due rettangoli; il calcolo dei momenti statici e del baricentro è
riportato nella seguente tabella:
A xG yG Sx Sy
A1 5 × 18 = 90 2.5 9 90 × 9 = 810 90 × 2.5 = 225
A2 20 × 7 = 140 15 3.5 140 × 3.5 = 490 140 × 15 = 2100
2325 1300
A 90 + 140 = 230 230 = 10.11 230 = 5.65 810 + 490 = 1300 225 + 2100 = 2325
¤

A.1.5 Significato fisico del baricentro


Se interpretiamo la figura A come un corpo (piano) dotato di massa uniformemente
distribuita di densità μ e posto nel campo della forza peso, il momento statico della
figura rispetto ad un asse verticale z è (a meno di μg – g accelerazione di gravità
–) il modulo del momento delle forze peso agenti sulla figura, calcolato rispetto ad
un qualsiasi polo P ∈ z.
Infatti dF = gμdA è il modulo della forza (verticale) agente sull’area dA e di
massa μdA per effetto della gravità (vedi Fig. A.5). Quindi ydF è il momento di tale
forza relativo ad un qualsiasi punto sulla retta verticale z. Il momento risultante su
tutta la sezione è pertanto
Z Z
M= ydF = gμ ydA = gμSz
A A

Se l’asse z passa per il baricentro Sz = 0 e di conseguenza M = 0.


Se si pensa la figura A incernierata nel baricentro, il momento relativo a qualun-
que asse per G (e quindi per la cerniera) è nullo, di conseguenza, comunque si roti la
sezione attorno a G, il momento del peso rispetto a G risulterà nullo; di conseguenza
la sezione si trova in equilibrio in qualunque configurazione che rispetti il vincolo in
G.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


A.2 Momento d’inerzia 241

G
dA
P y

dF=gμdA
z

Figura A.5:

A.2 Momento d’inerzia


Definizione 5 Data una figura A come quella mostrata in Fig. A.1, e due assi
ortogonali x, y i momenti d’inerzia della figura rispetto agli assi sono
Z
Jx = y 2 dA (A.16a)
ZA
Jy = x2 dA (A.16b)
ZA
Jxy = xydA (A.16c)
A

Più propriamente, Jxy è chiamato il momento centrifugo della sezione rispetto agli
assi x, y. Si osservi che Jx e Jy sono quantità non negative, mentre Jxy può essere
sia positivo sia negativo.

A.2.1 Cambiamento di riferimento


Traslazione

Se x0 , y 0 è un nuovo riferimento parallelo al precedente, con origine nel punto O0 di


coordinate xO0 , yO0 , (vedi Fig. A.1) si ha

x = xO0 + x0 y = yO0 + y 0

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


242 Appendice A Geometria delle aree

dove x, y sono le coordinate di un punto P nel vecchio riferimento e x0 , y 0 le coordinate


dello stesso punto nel nuovo. Applicando la definizione (A.16) si ottiene
Z Z Z Z
0 2 2 0
Jx = (yO0 + y ) dA = yO 0 dA + 2yO0 y dA + y 02 dA =
A A A A
2
yO 0 A + 2yO0 Sx0 + Jx0

Z Z Z Z
0 2
Jy = (xO0 + x ) dA = x2O0 dA + 2xO0 0
x dA + x02 dA =
A A A A
x2O0 A + 2xO0 Sx0 + Jy0

Z Z Z
0 0
Jxy = (xO0 + x ) (yO0 + y ) dA = xO0 yO0 dA + xO0 y 0 dA+
A Z A A
Z
yO0 x0 dA + x0 y 0 dA = xO0 yO0 A + xO0 Sx0 + yO0 Sy + Jx0 y0
A A

Se l’origine del nuovo riferimento O0 coincide con il baricentro della sezione G,


Sx0 = Sy0 = 0 e pertanto
2
Jx = yG A + JxG (A.17a)
2
Jy = xG A + JyG (A.17b)
Jxy = xG yG A + JxGyG (A.17c)

Le (A.17) dimostrano che il momento d’inerzia rispetto ad un qualsiasi asse x si


può calcolare sommando al momento d’inerzia della stessa sezione, relativo ad un
asse parallelo ad x passante per il baricentro, il prodotto dell’area per il quadrato
della distanza dell’asse x da G. Il momento centrifugo relativo a due assi ortogonali
x, y si calcola come somma del momento centrifugo della sezione rispetto agli assi
paralleli con origine in G e del prodotto dell’area per le distanze del baricentro dai
due assi. I momenti d’inerzia e quello centrifugo relativi ad assi baricentrici sondo
detti momenti propri della sezione, mentre i termini che dipendono dalle distanze
di G dagli assi sono momenti di trasporto.
2
Poiché yG A ≥ 0 e x2G A ≥ 0 ed i momenti d’inerzia sono quantità positive, i
momenti d’inerzia JxG e JyG sono minimi rispetto a tutti i valori relativi ad assi
paralleli ad x ed y.
Le formule (A.17) si possono usare anche inversamente, per calcolare i momenti
baricentrici quando si conoscano i valori dei momenti relativi a due assi opportuni.

Esempio A.4 Calcolare i momenti d’inerzia delle figure in Fig. A.2 relativamente agli
assi x, y ed a quelli paralleli passanti per il baricentro.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


A.2 Momento d’inerzia 243

Rettangolo
Z b Z h
bh3
Jx = dx y2 dy = (A.18a)
0 0 3
Z h Z b 3
b h
Jy = dy x2 dy = (A.18b)
0 0 3
Z b Z h
b2 h2
Jxy = xdx xdx = (A.18c)
0 0 4

Momenti baricentrici
µ ¶2
bh3 h bh3
JxG = − bh = (A.19a)
3 2 12
3
µ ¶2
b h b b3 h
JyG = − bh = (A.19b)
3 2 12
2 2
µ ¶µ ¶
b h b h
JxGyG = − bh =0 (A.19c)
4 2 2

Triangolo rettangolo
Z b Z h(1−x/b)
bh3
Jx = dx y2 dy = (A.20a)
0 0 12
Z h Z b(1−y/b)
b3 h
Jy = dy x2 dx = (A.20b)
0 0 12
Z b Z h(1−x/b)
b2 h2
Jxy = xdx ydy = (A.20c)
0 0 24

Momenti baricentrici
µ ¶2
bh3 bh h bh3
JxG = − = (A.21a)
12 2 3 36
µ ¶2
b3 h bh b b3 h
JyG = − = (A.21b)
12 2 3 36
2 2
µ ¶µ ¶
b h bh b h b2 h2
JxGyG = − =− (A.21c)
24 2 3 3 72

Esempio A.5 Calcolare il momento d’inerzia di un cerchio, rispetto ad un asse passante


per il centro.
Utilizzando coordinate polari (vedi Fig. A.6) si ha

x = r cos θ y = r sin θ dA = rdrdθ

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


244 Appendice A Geometria delle aree

y
y dr dA
r dθ
θ
R x x

(a) (b)

Figura A.6: Determinazione del momento d’inerzia di un cerchio.

e pertanto

Z 2π Z R
2 R4
Jx = sin θdθ r3 dr = π (A.22a)
0 0 4
Z 2π Z R
R4
Jy = cos2 θdθ r3 dr = π (A.22b)
0 0 4
Z 2π Z R
Jxy = cos θ sin θdθ r3 dr = 0 (A.22c)
0 0

Rotazione

Quando due sistemi di assi ortogonali hanno la stessa origine e rotazione relativa θ
(vedi Fig. A.3) si applicano le trasformazioni (A.6), che sostituite nelle (A.16) danno

Z Z Z
2 2 2 2
Jx0 = (−x sin θ + y cos θ) dA = sin θ x dA + cos θ y 2 dA
A Z A A

− 2 sin θ cos θ xydA = sin2 θJy + cos2 θJx − 2 sin θ cos θJxy (A.23a)
A

Analogamente
Z
Jy0 = (y sin θ + x cos θ)2 dA = sin2 θJx + cos2 θJy + 2 sin θ cos θJxy (A.23b)
A

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


A.2 Momento d’inerzia 245

e
Z
Jx0 y0 = (y sin θ + x cos θ) (−x sin θ + y cos θ) dA =
A
Z µZ Z ¶
¡ 2 2
¢ 0 0 2 2
cos θ − sin θ x y dA + sin θ cos θ y dA − x dA =
A A A
¡ ¢ Jx − Jy
cos2 θ − sin2 θ Jxy + sin θ cos θ (Jx − Jy ) = cos (2θ) Jxy + sin (2θ)
2
(A.23c)

Dall’ultima delle (A.23) appare evidente che, se Jx 6= Jy , esiste una rotazione θ0


tale che Jx0 y0 = 0. Infatti, posto Jx0 y0 = 0, dalla (A.23c) si ricava facilmente che

sin (2θ0 ) 2Jxy


tan (2θ0 ) = = (A.24)
cos (2θ0 ) Jy − Jx

Se Jx = Jy = J, la (A.23c) diviene

Jx0 y0 = cos (2θ) Jxy

e quindi Jx0 y0 = 0 per 2θ = π/2, ovvero per θ = π/4.


Gli assi per i quali Jx0 y0 è nullo sono tali che i valori di Jx0 e Jy0 sono estremi
(massimi o minimi) tra tutti i valori del momento d’inerzia relativi agli assi passanti
per O.

Definizione 6 Tra tutti gli assi che hanno origine nel baricentro, quelli per i quali
si annulla il momento centrifugo (Jxy = 0) sono chiamati assi principali d’inerzia.

La (A.19c) mostra che, per una sezione rettangolare, gli assi paralleli ai lati sono
assi principali d’inerzia. Dalla (A.22) segue che, per una sezione circolare, ogni asse
per il centro è asse principale d’inerzia.

Esempio A.6 Determinare la direzioni degli assi principali d’inerzia di un triangolo


rettangolo.
Sostituendo le (A.21) nella (A.24) si ricava

b2 h2 1 bh
tan (2θ0 ) = bh3 −hb3
=
36 h2 − b2
36

Ponendo b = 20 e h = 35 si ottiene
20 × 35
tan (2θ0 ) = = 0.85
352 − 202
e quindi
1
θ0 = arctan (0.85) = 20◦ .16
2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


246 Appendice A Geometria delle aree

Poiché
bh3 b3 h b2 h2
Jx = = 23819. Jy = = 7778. Jxy = − = −6806.
36 36 72
applicando le (A.23a,b) i momenti principali d’inerzia risultano

J1 = Jx cos2 θ + Jy sin2 θ − 2Jxy sin θ cos θ = 26318.


J2 = Jx sin2 θ + Jx cos2 θ + 2Jxy sin θ cos θ = 5280.

A.2.2 Figure composte


Anche per i momenti d’inerzia è valida la proprietà additiva mostrata per il momento
statico. Se J (A) indica il momento d’inerzia della sezione A rispetto ad un asse
od il momento centrifugo relativo a due assi ortogonali e Ai (i = 1, . . . , n) è una
partizione della figura A, tale che

Ai ∩ Aj = ∅ (∀i, j i 6= j)
[n
Ai = A
i=1

si ha
X
n
J (A) = J (Ai ) (A.25)
i=1

Pertanto i momenti d’inerzia di una figura composta da figure semplici si può


calcolare sommando quelli relativi alle sue parti.
Spesso non è conveniente calcolare direttamente il momento relativo al baricentro
della figura, perché questo complica il calcolo. In questi casi conviene scegliere un
sistema di assi rispetto ai quali il calcolo si semplifica e determinare i momenti
relativi a questi, quindi trasportare i momenti nel baricentro, facendo uso delle
(A.17); successivamente si determina l’angolo delle direzioni principali (A.24) ed
infine si calcolano i momenti relativi a questi assi (A.23).

Esempio A.7 Determinare i momenti d’inerzia relativi agli assi principali del poligono
in Fig. A.4, tenendo conto anche dei risultati dell’esempio A.3.
La figura si decompone in due rettangoli, A1 e A2 , come mostrato nella Fig. A.4; rispetto
all’asse x entrambi i rettangoli hanno un lato coincidente con l’asse, pertanto si applicano
le (A.18), mentre relativamente all’asse y, il rettangolo A2 non ha lati coincidenti con y
ed il relativo momento si calcola applicando il teorema del trasporto:
5 × 183 20 × 73
Jx = + = 12006.7
3 3
18 × 53 7 × 203
Jy = + + 7 × 20 (10 + 5)2 = 36916.7
3 12
52 × 182 7
Jxy = + 7 × 20 × × 15 = 9375.0
4 2

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


A.2 Momento d’inerzia 247

Figura A.7: Assi principali e giratori d’inerzia di una figura ad L.

Poiché xG = 10.109 yG = 5.652 e A = 230, i momenti relativi agli assi baricentrici sono

JxG = 12006.7 − 5.6522 × 230 = 4658.8


JyG = 36916.7 − 10.1092 × 230 = 13413.9
JxGyG = 9375.0 − 10.109 × 5.652 × 230 = −3766.3

Pertanto l’angolo tra l’asse x ed uno degli assi principali d’inerzia è


µ ¶
1 −2 × 3766.3
θ = arctan = −0.355 rad = −20.354 ◦
2 13413.9 − 4658.8
e dunque, poiché sin(θ) = −0.348, cos(θ) = 0.938, i valori dei momenti principali sono

J1 = 4658.8 × 0.9382 + 13413.9 × (−0.348)2 − 2 × (−0.348) × 0.938 × (−3766.3) = 3261.6

J2 = 4658 × (−0.348)2 + 13413.9 × 0.9382 + 2 × (−0.348) × 0.938 × (−3766.3) = 14811.2


¤

Dalla proprietà additiva segue che ogni asse di simmetria è un asse principale
d’inerzia. Infatti si è già visto che se x è asse di simmetria allora G ∈ x; inoltre se
y è un’altro asse baricentrico perpendicolare ad x, ne segue che
Z Z Z
Jxy = xydA = xydA + xydA
A A− A+

in cui A− e A+ sono le due metà della figura A che hanno x come asse di separazione.
Poiché per ogni punto P ∈ A+ 0 −
R di coordinateR (x, y) vi è un punto P ∈ A , di
coordinate (x, −y) è ovvio che A− xydA = − A+ xydA e pertanto Jxy = 0, il che
dimostra come gli assi x ed y sono assi principali d’inerzia.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


248 Appendice A Geometria delle aree

P(x,y) A+

C x
P’(x,-y) A-

Figura A.8: Figura simmetrica rispetto all’asse x.

A.2.3 Giratori d’inerzia


Se x, y sono assi principali d’inerzia, le grandezze
r r
Jy Jx
ρx = ρy = (A.26)
A A
che hanno le dimensioni di una lunghezza, sono i giratori d’inerzia della sezione.
L’ellisse che ha assi coincidenti con quelli principali e lunghezza dei semiassi pari a
ρx e ρy (vedi Fig. A.7) è chiamato l’ellisse d’inerzia della sezione.

A.2.4 Momento polare


Indicando con r la distanza di un punto P ∈ A dal baricentro G, si definisce momento
d’inerzia polare di A l’integrale
Z
JP = r2 dA (A.27)
A

Se x, y sono una coppia di assi baricentrici ortogonali, è evidente che r2 = x2 + y 2 ,


per cui Z
¡ 2 ¢
Jp = x + y 2 dA = Jy + Jx (A.28)
A
ovvero il momento polare si può calcolare come somma dei momenti d’inerzia relativi
a due qualsiasi assi baricentrici ortogonali.

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni


Bibliografia

[1] Leone Corradi dell’Acqua: Meccanica delle Strutture. Vol.1. McGraw-Hill. 1992

[2] René Walther, Manfred Miehlbradt: Progettare in Calcestruzzo Armato. Hoepli.


1994

[3] UNI ENV 1992-1-1: Eurocodice 2. Progettazione delle strutture di calcestruzzo.


Parte 1-1: Regole generali e regole per gli edifici. 1993

[4] CNR UNI 10011: Costruzioni di acciaio. Istruzioni per il calcolo, l’ esecuzione,
il collaudo e la manutenzione. 1988.

[5] Robert Park, Thomas Paulay: Reinforced Concrete Structures. J. Wiley & S.
1975

[6] FIB: Structural Concrete. Textbook on Behaviour, Design and Performance. (3


Vol) 1999.

[7] AIMAT (a cura di): Manuale dei materiali per l’ingegneria. McGraw-Hill. 1996

Giannini: Dispense di Tecnica delle Costruzioni 249