Sei sulla pagina 1di 74

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO

JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

DATI GENERALI SUL SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO DI RISCALDAMENTO


Si fa riferimento all'edificio rappresentato in pianta ed in sezione. Le caratteristiche principali del sistema edificio-impianto sono di seguito riportate: L'edificio in esame ha otto piani. L'edificio, destinato a residenza con carattere continuativo, classificato come edificio del tipo E. 1(1) in base all'art. 3 del DPR 412/93 ed in base all'Appendice A della UNI 10379, nei quali riportata la classificazione generale degli edifici per categorie; pertanto si ha: il valore massimo della temperatura media ambiente per i locali riscaldati pari a 20 C + 2 C di tolleranza (DPR 412/93, art A comma 1). il numero di volumi d'aria ricambiati in un'ora pari a 0,5 (DPR 412/93, art.8 comma 8).

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

PIANTA

NORD

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

PIANTA

NORD

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

PARAMETRI AMBIENTALI
L'edificio in esame localizzato a Napoli; vengono di seguito riportati i principali parametri ambientali. Citt: Altitudine (UNI 10349, prospetto VII): Latitudine (UNI 10349, prospetto VII): Longitudine (UNI 10349, prospetto VII): Temperatura invernale di progetto (DPR 1052/77, All.l): Gradi giorno (DPR 412/93, all.A): Zona climatica (DPR 412/9 3,art.2 comma 1 ed all A): Temperatura media stagionale dell'aria esterna (UNI 10379, prospetto X): Napoli 17 m 40 51 1415 2,0 C 1.034 K-d C 12,0 C

CALCOLO DELLA TRAMITTANZA TERMICA UNITARIA DI CIASCUN COMPONENTE OPACO


CARATTERISTICHE TERMOFISICHE DEI COMPONENTI OPACHI COSTITUENTI L'INVOLUCRO EDILIZIO
L'attuale normativa prevede che, ai fini del calcolo del Cd, i valori delle trasmittanze termiche unitarie superficiali ed i dati relativi alla conduttivit termica dei diversi materiali siano rilevati dalla UNI 7357. Nel seguito vengono riportate le caratteristiche termofisiche e le trasmittanze termiche unitarie U dei componenti opachi che entrano nel calcolo delle dispersioni termiche della zona riscaldata. I parametri termofisici relativi ai materiali ed ai solai, per quanto sopra rilevato, sono ricavati dalle UNI 10351 e 10355 (pi recenti rispetto ai dati della UNI 7357). I coefficienti superficiali di scambio termico utilizzati sono tratti dalla UNI 10344, punto 10.1 e sono pari a: he = 25 W/m K per superfici rivolte verso l'ambiente esterno; hi = 7,7W/m K per superfici rivolte verso ambienti interni o altri. Il calcolo della trasmittanza termica unitaria U viene effettuato come riportato al punto 7.2.1.3 della UNI 7357 (in cui, per, la trasmittanza unitaria U indicata con K e i coefficienti superficiali di scambio termico sono indicati con invece che con h).
2 2

i dati riportati per ciascuna esposizione devono ritenersi validi per angoli compresi tra - 22,5 e + 22,5 nell'intorno della direzione considerata (UNI 10379 par.4.1.1.1 punto e).

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

La relazione utilizzata :

1 U = 1/hi + Sk/k + 1/Cj + 1/he


in cui: n il numero di strati omogenei che compongono la parete; Sk lo spessore del generico strato omogeneo k, m k la conduttivit utile di calcolo del generico strato omogeneo k, W/m K m il numero di eventuali intercapedini e strati non omogenei presenti nella parete; Cj la conduttanza termica unitaria del generico strato non omogeneo o intercapedine, W/m K.
2

Si noti che nella UNI 7357 i valori di h, e C sono leggermente diversi da quelli riportati nelle UNI 10344, 10351 e 10355. Nel seguito, per il calcolo della trasmittanza termica unitaria dei componenti opachi si fa riferimento, come si gi detto, ai valori delle UNI 10344, 10351 e 10355, in quanto i risultati ottenuti sono pressoch coincidenti (a rigore il calcolo delle trasmittanze unitarie andrebbe effettuato due volte, con i valori della UNI 7357 per il calcolo del Cd e con quelli delle UNI 10344, 10351 e 10355 per il calcolo del rendimento globale medio stagionale e del FEN).

Nelle seguenti tabelle sono descritti in dettaglio i componenti opachi dell'involucro edilizio. In particolare, per ciascuno strato sono riportati: lo spessore,m la densit, kg/m la conduttivit utile di calcolo, W/m K la conduttanza termica unitaria, W/m K, che, per strati omogenei, pari al rapporto tra conduttivit e spessore la resistenza termica unitaria, m K / W, pari all'inverso della conduttanza unitaria.

In ciascuna tabella sono inoltre riportati: lo spessore totale del componente, m la resistenza termica unitaria globale, m K/W, pari alla somma delle resistenze unitarie dei singoli strati la trasmittanza termica unitaria, W/m K, pari all'inverso della resistenza termica unitaria globale
2 2

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

PARETE ESTERNA

PARETE ESTERNA N DESCRIZIONE spessore densit 3 kg/m m conduttivit W/mK Conduttanza resistenza 2 2 W/m K m K/W 7,70 0,01 0,07 0,05 0,12 1.400 1.000 30 1.000 0,70 0,36 0,04 0,36 70 5,14 0,8 3 25,00 0,1298 0,0142 0,1944 1,25 0,3333 0,0400

1 strato liminare interno 2 3 4 5 6 intonaco interno di calce e gesso Mattoni polistirene espanso sinterizzato Mattoni strato liminare esterno

Totali Trasmittanza unitaria U, W/m K


2

0,25 0,5097

1,9617

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

PARETE VERSO IL VANO SCALA

PARETE VERSO IL VANO SCALA n DESCRIZIONE 1 strato liminare interno 2 intonaco interno di calce e gesso 3 Mattoni 4 polistirene espanso sinterizzato 5 intonaco esterno di calce 6 intonaco interno di calce e gesso 7 strato liminare esterno Totali Trasmittanza unitaria U, W/m K
2

spessore densit conduttivit 3 m kg/m W/mK 0,01 0,07 0,040 0,020 0,01 1.400 1.000 30 1.800 1.400 0,70 0,36 0,04 0,90 0,70

Conduttanza 2 W/m K 7,70 70 5,14 1 5,14 70 7,70

resistenza 2 m K/W 0,1298 0,0142 0,1944 1,0000 0,0222 0,0142 0,1298 1,6768

0,2 0,5963

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

SOLAIO DI COPERTURA

SOLAIO DI COPERTURA n DESCRIZIONE 1 strato liminare interno 2 intonaco interno di calce e gesso 3 solaio latero-cementizio (*) 4 barriera al vapore (polietilene) 5 isolante (polistirene espanso estruso) 6 Impermeabilizzante (bitume) 7 sottofondo di cemento magro 8 pavimento in piastrelle 9 strato liminare estemo Totali Trasmittanza unitaria U, W/m K
2

spessore densit conduttivit 3 W/mK m kg/m 0,01 0,180 0,0001 0,06 0,006 0,040 0,010 950 30 1.200 800 2.300 1.400 0,70 0,21 0,35 0,04 0,17 0,30 1,00

conduttanza 2 W/m K 7,70 70 1,16 3500 0,66 28,3 7,5 100 25,00

resistenza 2 m K/W 0,1298 0,0142 0,8571 0,0003 1,5 0,0353 0,1333 0,0100 0,0400 2,81

0,30 0,355 5 (codice elemento: 2. .06i)

(*) conduttivit equivalente desunta dalla UNI 1035

* equi = cls x (A cls/ A tot) + lat x (A lat / A tot)

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

PORTE D'ACCESSO AGLI APPARTAMENTI E AI DEPOSITI n DESCRIZIONE 1 strato liminare interno 2 legno di acero 3 strato liminare interno Totali 2 Trasmittanza unitaria U, W/m K spessore densit conduttivit conduttanza 2 3 m W/mK W/m K kg/m 7,70 0,050 710 0,18 3,60 7,70 0,050 1,860 resistenza 2 m K/W 0,1299 0,2778 0,1299 0,5375

Viene di seguito riportata una tabella di sintesi delle trasmittanze termiche unitarie U dei componenti opachi dell'edificio in esame.

Componente opaco Parete esterna Parete verso il vano scala Solaio di copertura Porte d'accesso ad appartamenti e depositi

U [W/m K] 0,5097 0,5963 0,355 1,860

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

10

CALCOLO DELLA TRAMITTANZA TERMICA UNITARIA DI CIASCUN COMPONENTE TRASPARENTE


CARATTERISTICHE TERMOFISICHE DEI COMPONENTI FINESTRATI
Di seguito si riportano le caratteristiche dei componenti finestrati presenti nell'edificio in esame.

N.l: finestra a due ante Dimensioni complessive delle aperture Spessore del vetro Spessore del telaio Area del vetro Ag Area del telaio Af 1,3 m x l,25m = 1.625 m
2

N.2: finestra a un'anta 0.94m x 1.25 m = 1,175 2 m 4mm 10 cm 2 0,74m x1,05m= 0,77 m

N.3: porta finestra a due ante 2 1,3 m x 2.2 m = 2.86 m

4 mm 10 cm 2 2 (1.05x0.5)= 1,05 m 3(0,10x 1,05) + 2 + 2(0,10x 1,3) = 0,575 m 2 [2 (0,5+ 1,05)] = 6.2 m Singolo Singolo

4 mm 10 cm 2 2 (0,5 x 2) = 2 m

2(0,10x 1,25) + 3(0,10x2) + 2 2 + 2 (0,10x0.74) = 0,398m + 2 (0,10 x1,3) = 0.86 m 2(0,74+1,05) = 1.79 m Singolo Singolo Metallico con taglio termico d = 6 mm 2 [2 (0,5+ 2)] = 10 m Singolo Singolo Metallico con taglio termico d = 6 mm

Perimetro della superficie vetrata Lg Tipo di serramento Tipo di vetro Tipo di telaio

Metallico con taglio termico Distanza minima tra d = 6 mm due sezioni di metallo del telaio = 0,837 Emissivit termica di tutte le superfici vetrate

= 0,837

= 0,837

Nel seguito vengono valutati i valori della trasmittanza termica unitaria U dei componenti finestrati dell'edificio in esame, in base alla UNI 10345. Tutti i componenti finestrati sono realizzati con vetro singolo 4mm con emissivit normale e telaio metallico con taglio termico. La trasmittanza termica unitaria Uw di un componente finestrato calcolata come media pesata, rispetto alle aree, delle trasmittanze termiche del vetro e del telaio, corretta per la presenza del ponte termico (relazione[1] della UNI 10345 ):
3

Ag Ug + AfUf +Lg\|/1 Uw= Ag+Af

UNI 10345

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

11

in cui : Ag = area del vetro Af = area del telaio Ug = trasmittanza termica unitaria dell'elemento vetrato, W/m K; Uf = trasmittanza termica unitaria del telaio, W/m K Lg = lunghezza perimetrale della superficie vetrata = trasmittanza lineare dovuta alla presenza del distanziatore posto tra i due vetri in corrispondenza del telaio, W/m K.
2 2

La trasmittanza termica unitaria Ug dell'elemento vetrato si ottiene mediante la relazione:

1 Ug= 1/hi + 2 s/ + Rin + 1/he

UNI 10345

in cui: hi = conduttanza unitaria superficiale interna = 3,6 + 4,4 s/0,837 = 8 W/m K, con emissivit = 0,837; he = conduttanza unitaria superficiale esterna = 25 W/m K; s= spessore delle lastre di vetro = 0,004 m;
2 2

= conduttivit termica del vetro = 1 W/m K; Rin = resistenza termica dello spazio racchiuso tra le due lastre = 0,21 m K/W (UNI 10345,prospetto II).
2

Finestra_1

1 2 Ug = = 0,1738 W/m K 1/7,7 + 0,004 + 1/25 0,1788 1,05 + 0,575 3.7 + 1,43 6,2 2 Uw = = 6,8 W/m K 1,625

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

12

Finestra_2

1 2 Ug = = 0,1738 W/m K 1/7,7 + 0,004 + 1/25

0,137 + 1,472 + 5,155 2 Uw = = 5,791 W/m K 1,168

Porta

1 2 Ug = = 0,1738 W/m K 1/7,7 + 0,004 + 1/25

0,357 + 3,182 + 14,3 2 Uw = = 6,2 W/m K 2,86

La trasmittanza termica unitaria Uf del telaio si ottiene dal prospetto VI della UNI 10345. Essendo pari a 6 mm la distanza minima tra due sezioni di metallo, d, si ottiene Uf = 3,7 W/m K. La trasmittanza termica lineare del distanziatore di telaio per singolo vetro si ricava dal prospetto VII della UNI 10345 e vale =1.43 W/m K per metallo con taglio termico. Tale valore viene utilizzato per il calcolo delle dispersioni termiche attraverso le superfici vetrate per la verifica del Cd. Per il calcolo del fabbisogno energetico convenzionale bisogna considerare che la trasmittanza dei componenti finestrati varia nel tempo per la chiusura notturna di elementi schermanti (tapparelle, persiane, ecc.), per cui bisogna considerare un valore medio nel tempo Um.

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

13

Tale valore si calcola mediante la seguente relazione:

Ut + Ut Um= t + t
in cui: U' =UW

UNI 10344

la trasmittanza unitaria del componente finestrate nel periodo diurno t', posto

convenzionalmente pari a 43.200 s (12 ore); U" la trasmittanza unitaria del componente finestrate nel periodo notturno t", posto convenzionalmente pari a 43.200 s (12 ore).

La trasmittanza termica U" del periodo notturno coincide con la trasmittanza termica Uws di finestra con schermo esterno chiuso, valutata mediante la seguente relazione:

1 Uws= [ + DR]-1 Uw

UNI 10345

in cui DR la resistenza termica unitaria aggiuntiva dovuta allo schermo esterno chiuso ed alla cavit formata tra lo schermo stesso ed il vetro; per alcune configurazioni il valore di DR (m K/W) riportato nel prospetto VIII della UNI 10345. Considerando una tapparella in legno e plastica senza schiuma e media permeabilit all'aria, risulta: DR = 0,16 m K/W
2 2

Finestra_1

293760 + 140400 2 Um = = 5,02 W/m K 86400

U = 6,8 W/m K U = ( 1 / 6,8 + 0,16)


-1 2

=3,25 W/m K

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

14

Finestra_2

250128 + 129600 2 Um = = 4,395 W/m K 86400

U = 5,79 W/m K U = ( 1 / 5,79 + 0,16) Porta


-1 2

=3 W/m K

267840 + 134352 2 Um = = 4,65 W/m K 86400

U = 6,2 W/m K U = ( 1 / 6,2 + 0,16)


-1 2

= 3.11 W/m K

Procedendo analogamente si ottengono i valori della trasmittanze Uw e Um degli altri componenti finestrati, sinteticamente riportati nella sottostante tabella: Ug 2 [W/m K] N.l: finestra N.2: finestra N.3: porta finestra 1,1738 1,1738 1,1738 Uf 2 [W/m K] 3,7 3,7 3,7 [W/m K] 1,43 1,43 1,43 Uw 2 [W/m K] 6,8 5,79 6,2 Uws 2 [W/m K] 3,25 3 3,11 Um 2 [W/m K] 5,02 4,39 4,65

Si noti che, solo in prima approssimazione e quindi non in ottemperanza alla normativa vigente, si possono utilizzare i valori di massima della trasmittanza termica unitaria Uw per componenti fincstrati, riportati nella seguente tabella, valida per infissi in cui il rapporto tra la superfcie vetrata e la superficie totale compresa tra 0,7 e 0,8

Tipo di vetro

Spessore dell'eventuale intercapedine [mm] -

Materiale del telaio

Infisso verticale o inclinato con angolo maggiore di 60 2 Uw[W/m K] 5,0 5,8

Infisso orizzontale o inclinato con angolo minore di 60 2 Uw[W/m K] 5,5 6,5

Vetro semplice

Legno Metallo

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

15

Vetro doppio

6 5-7 8 7-9 10 9-11 12 11-13 Distanza tra gli infissi > 30 cm

Legno Metallo Legno Metallo Legno Metallo Legno Metallo Legno Metallo

3,3 4,0 3,1 3,9 3,0 3,8 2,9 3,7 2,6 3,0

3,5 4,3 3,3 4,2 3,2 4,1 3,1 4,0 2,7 3,2

Doppio infisso

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

16

CALCOLO DEI CARICH TERMICI INVERNALE STANZA PER STANZA


GENERALIT SUL FABBISOGNO TERMICO DEGLI EDIFICI
La vita dell'uomo (attivit lavorativa, tempo libero, riposo) per lo pi svolta in ambienti confinati. Affinch l'uomo si trovi a proprio agio negli ambienti, necessario che questi abbiano requisiti che permettano di garantire il benessere visivo, acustico e termico. I principali parametri che influenzano il benessere termico delle persone sono: ta (C): temperatura di bulbo asciutto dell'aria in ambiente; U.R.a (%): umidit relativa (grado igrometrico) dell'aria in ambiente; wa (m/s) : velocit dell'aria nella zona occupata dalle persone; tr (C): temperatura media radiante.

Va inoltre rilevato che non possibile parlare di benessere in ambienti adibiti ad attivit dell'uomo senza considerare la qualit dell'aria; strettamente collegata a questo problema la realizzazione di un adeguato ricambio di aria esterna (m /s per persona o m /s per m di pavimento), in accordo con la UNI 10339. Il controllo dei parametri sopra indicati, che caratterizzano il "microclima ambientale", affrontato in modo passivo, attraverso la realizzazione di adeguati elementi di confine dell'involucro edilizio, ed in modo attivo, mediante opportuni impianti di climatizzazione. Nel seguito si esamina come l'ambiente interno interagisce con l'esterno scambiando energia termica; all'interno degli ambienti vi anche apporto massico di vapore ceduto dalle persone o da altre possibili fonti. Il fabbisogno termico rappresenta la potenza termica che l'impianto deve scambiare con gli ambienti dell'edificio per assicurare le condizioni interne di progetto. Le potenze termiche da valutare nel calcolo del fabbisogno termico estivo ed invernale riguardano: scambi termici tra ambiente interno ed esterno attraverso le superfici di confine opache e trasparenti (esclusi gli scambi con il terreno); scambi termici tra ambienti interni ed ambienti a temperatura diversa; scambi termici conduttivi con il terreno; infiltrazioni di aria esterna attraverso l'involucro edilizio (ad esempio, attraverso componenti fincstrati, cassonetti, ecc.); apporti energetici, in termini di sensibile e di latente, dovuti a persone, macchine, luci.

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

17

La valutazione del fabbisogno termico effettuata calcolando, in condizioni di regime stazionario, le potenze termiche in ingresso ed in uscita dall'involucro, una volta fissate le condizioni di progetto, successivamente descritte. Fissate le condizioni di progetto inteme di benessere termoigrometrico e quelle esterne, in regime stazionario deve risultare:

Q
entrarne

=Q
uscente

Gli impianti di climatizzazione, una volta calcolato il fabbisogno termico dell'edificio, consentono di cedere o sottrarre ai vari ambienti la potenza termica necessaria affinch sia verificato il bilancio tra la potenza termica entrante e quella uscente. Il fabbisogno termico calcolato per le condizioni di progetto non rimane costante ma cambia al mutare delle condizioni esterne ed interne; gli impianti, di conseguenza, modulano la fornitura energetica secondo la richiesta.

FABBISOGNO TERMICO INVERNALE


Il fabbisogno termico invernale di un edificio (potenza termica in uscita da un edificio) viene calcolato effettuando un bilancio di energia termica nelle condizioni di progetto per i vari ambienti che costituiscono l'edificio. Il bilancio viene effettuato nell'unit di tempo, per cui i termini sono potenze termiche. Le condizioni di progetto rappresentano le condizioni per le quali viene effettuato il calcolo ed il conseguente progetto. Nelle condizioni di progetto sono fissate temperatura, umidit relativa, numero di ricambi d'aria, caratteristiche termiche e di permeabilit dell'involucro edilizio, eventuali apporti gratuiti, ecc. Condizioni di progetto fondamentali sono quelle relative ai valori delle temperature interna ed esterna; questi sono fissati dalla normativa nel modo seguente: temperatura interna ti (C): DPR 412 art.4 comma 1; risulta ti = 20 C + 2 C di tolleranza per tutti gli ambienti degli edifici, con esclusione di quelli adibiti ad attivit industriali ed artigianali ad utenze particolari, quali piscine, camere operatorie, ecc.; temperatura esterna te (C): DPR 1052/77, all.1.

i valori per tutte le citt italiane sono riportate in Appendice A.2

La potenza termica in uscita da un locale viene indicata con il termine "fabbisogno termico invernale" dalla UNI 7357 ("Calcolo del fabbisogno termico per il riscaldamento di edifici").

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

18

Il fabbisogno termico invernale rappresenta la potenza termica che l'impianto deve cedere agli ambienti dell'edificio per assicurare le condizioni interne di progetto. In condizioni di progetto vale la relazione:

Q=Q
e in cui: Qu rappresenta la potenza termica uscente dagli ambienti; Qe rappresenta la potenza termica entrante, ossia che l'impianto deve cedere agli ambienti per bilanciare la potenza termica uscente. La potenza termica uscente deve essere calcolata: a) per tutti gli ambienti serviti dall'impianto di riscaldamento; b) raggruppando separatamente le potenze termiche relative ad ambienti serviti da diversi generatori di energia termica. La potenza termica uscente Qu risulta complessivamente costituita dai seguenti termini: u

Qu =Qtot = Q 1 + Q 2 + Q 3 + Q 4
in cui: -

(2.1)

Q 1 (W; kcal/h) la potenza termica in uscita per trasmissione attraverso le varie superfici che
delimitano dall'esterno le aree riscaldate dell'involucro edilizio;

Q 2 (W; kcal/h) la potenza termica in uscita per trasmissione attraverso le varie superfici che
separano gli ambienti riscaldati dagli ambienti non riscaldati;

Q 3 (W; kcal/h) la potenza termica in uscita per trasmissione attraverso i ponti termici; Q 4 (W; kcal/h) la potenza termica dispersa per ventilazione.
Si noti che la normativa (UNI 7357) non considera, nel calcolo del fabbisogno termico degli ambienti,

termini sottrattivi dovuti ad apporti energetici gratuiti, in quanto tali apporti non sono costantemente presenti (radiazione solare, luci, occupanti, macchine, ecc.). Potrebbe essere conveniente, per ridurre la potenzialit del generatore di energia termica, considerare gli apporti gratuiti nei casi in cui essi sono sempre presenti e costanti nel tempo (esempio: impianto di riscaldamento ad aria per ambienti in cui si svolge un processo con cessione di energia termica, nel caso in cui l'impianto sia funzionante solo durante lo svolgimento del processo stesso); comunque la UNI 7357 non prevede il contributo degli apporti gratuiti nel calcolo del fabbisogno termico invernale.

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

19

POTENZA TERMICA Q 1 DISPERSA PER TRASMISSIONE VERSO L'ESTERNO La Q 1 calcolata utilizzando i dati e le relazioni indicati nelle norme UNI 7357, 10344, 10345, 10351 e 10355. In particolare, in funzione delle caratteristiche dell'involucro, la potenza Q 1 pu essere costituita dalle seguenti aliquote: -

Q 1 - 1 : potenza termica dispersa attraverso le superfici opache e trasparenti che delimitano la zona
riscaldata;

Q 1 - 2 : potenza termica dispersa attraverso superfici a contatto con il terreno.

CALCOLO DI Q 1 - 1 In base alla UNI 7357 la potenza termica Q 1 - 1 dispersa per trasmissione attraverso tutti i componenti opachi e trasparenti rivolti verso l'ambiente esterno, pari a: Q1-1 = in cui: n il numero di superfici opache e trasparenti che delimitano dall'esterno la zona riscaldata; Q1-1,i

Q 1 - 1 , la potenza termica dispersa per trasmissione attraverso la generica superficie opaca o

trasparente di area Ai. A sua volta la PMJ , in condizioni di regime stazionario ed in base alla UNI 7357, pari a: U i A i ( t i t e ) f i = [ A i ( t i te) fi] / Ri

Q1-1,i

in cui: tI = temperatura interna di progetto della zona riscaldata, C (DPR 412/93, art.4 commal); te = temperatura esterna di progetto, C (DPR 1052/77, AHI); fi = coefficiente maggiorativo per esposizione (UNI 7357, par.9); tale coefficiente, compreso per superfici verticali tra 1,05 e 1,20, pari ad 1 per superfici orizzontali; Ai = area della generica superficie di scambio i, m ; Uj = trasmittanza termica unitaria (o coefficiente globale di scambio termico) dell'i-esimo componente opaco o trasparente, W/m K (kcal/hm C), successivamente definita; Ri = 1/Ui = resistenza termica unitaria dell'i-esimo componente opaco o trasparente, m K/W (hm C/kcal).
2o 2 2o

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

20

I simboli utilizzati sono in genere quelli indicati nella UNI 7357. Nei casi di diversa simbologia per le stesse grandezze, per coerenza con quanto successivamente sviluppato nel manuale per il calcolo del FEN, sono invece utilizzati i simboli della UNI 10344. II calcolo della trasmittanza termica unitaria U per componenti opachi viene effettuato come riportato al punto 7.2.1.2 della UNI 7357 (in cui, per, la trasmittanza unitaria U indicata con K e i coefficienti superficiali di scambio termico sono indicati con a invece che con h). La relazione utilizzata :

1 U = 1/hi + Sk/k + 1/Cj + 1/he


in cui: n il numero di strati omogenei che compongono la parete; Sk lo spessore del generico strato omogeneo k, m; X\i la conduttivit utile di calcolo del generico strato omogeneo k, W/m K (kcal/h m C); m il numero di eventuali intercapedini e strati non omogenei presenti nella parete; Q la conduttanza termica unitaria del generico strato non omogeneo o intercapedine, W/m K (kcal/hm C); hi la conduttanza unitaria superficiale interna, posta pari a 7,7 W/m K (6,6 kcal/h m C) in base alla UNI 10344; he la conduttanza unitaria superficiale esterna, posta pari a 25 W/m K (21,5 kcal/h m C) in base alla UNI 10344. Si noti che nella UNI 7357 i valori di h, A, e C sono leggermente diversi da quelli riportati nelle UNI 10344, 10351 e 10355. Nel seguito, per il calcolo della trasmittanza termica unitaria dei componenti opachi si fa riferimento ai valori delle UNI 10344, 10351 e 10355, in quanto i risultati ottenuti sono pressoch coincidenti.
2o 2 2

CALCOLO DI Q 1 - 2 In base alla UNI 7357 par.7.3, la potenza termica P,_2 dispersa per trasmissione verso il terreno calcolata in modo differente a seconda che si tratti di pareti addossate al terreno o di pavimenti poggiati sul terreno. Si noti che la valutazione delle dispersioni termiche verso il terreno effettuata in modo diverso in base alla UNI 10346, che per va utilizzata per il calcolo del FEN e non per il calcolo del fabbisogno termico invernale.

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

21

PARETI ADDOSSATE AL TERRENO La potenza termica dispersa per trasmissione attraverso ciascuna parete proporzionale alla differenza tra la temperature di progetto interna ed esterna, secondo la relazione: Q1-2=U1 A (ti-te) in cui: A l'area della parte interrata della parete, m ; Ui una trasmittanza termica unitaria fittizia, W/m K (kcal/h m C),valutata secondo la relazione:

1 U1 = 1/U + h/
in cui: U la trasmittanza termica unitaria della parete, W/m K (kcal/h m C); h la profondit della parte interrata, m; A.' la conduttivit del terreno umido, posta pari a circa 2,9 W/m K (2,5 kcal/h m C).
2 2

PAVIMENTI POSATI SUL TERRENO La potenza termica dispersa per trasmissione attraverso pavimenti posati sul terreno somma di due aliquote, una verso l'ambiente estemo, l'altra verso il sottosuolo. Le dispersioni verso l'ambiente esterno sono proporzionali alla differenza di temperatura (ti -te) ed interessano una striscia di pavimento adiacente ai muri estemi (se il pavimento alla quota del terreno circostante), o ai muri interrati (se si tratta del pavimento di un locale parzialmente o totalmente interrato). Detta P la lunghezza in metri dei suddetti muri, misurata all'interno del locale, la potenza termica Pi-2,0 dispersa verso l'ambiente estemo vale: P 1 - 2 , 0 = P ( 2 h ) U 1 ( t 1 t e ) in cui: h la profondit del pavimento rispetto al terreno circostante, m; U1 la trasmittanza termica unitaria fittizia valutata come:

1 U1 = 1/U + 2/

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

22

dove: U la trasmittanza termica unitaria del pavimento, W/m K (kcal/h m C); ' la conduttivit del terreno umido, posta pari a circa 2,9 W/m K (2,5 kcal/h m C).

L'aliquota d potenza termica dispersa dal pavimento verso il sottosuolo proporzionale alla differenza tra temperatura tj della zona riscaldata e la temperatura dell'acqua delle falde superficiali (10 -r 15 C); la superficie interessata in questo caso l'intera superficie del pavimento, quale che sia la sua quota rispetto al terreno circostante. Detta U la trasmittanza termica unitaria del pavimento e C la conduttanza termica unitaria del terreno, si usa la seguente trasmittanza termica unitaria fittizia U1 :

1 U1 = 1/U + 1/C

In condizioni di regime stazionario un valore accettabile di C compreso tra 1,2 e 2,3 W/m K (tra 1 e 2 kcal/h m C).
2

POTENZA TERMICA Q 2 DISPERSA PER TRASMISSIONE VERSO AMBIENTI NON RISCALDATI In base alla UNI 7357, la potenza termica dispersa verso ciascun ambiente non riscaldato pari a: Q2 = U A ( ti tu )

in cui: U la trasmittanza unitaria della parete tra la zona riscaldata e quella non riscaldata, W/m K
2o 2

(kcal/hm C); A l'area della parete tra la zona riscaldata e quella non riscaldata, m ; ti la temperatura della zona riscaldata, C (DPR 412/93, art.4 commal); tu la temperatura della zona non riscaldata, C ricavabile dal par.5.2.1.2 della UNI 7357.

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

23

POTENZA TERMICA Q 3 DISPERSA PER TRASMISSIONE ATTRAVERSO I PNTI TERMICI L'involucro degli edifici non costituito solo da pareti piane in cui lo scambio termico si pu ipotizzare per semplicit di calcolo, oltre che in condizioni di regime stazionario, anche in condizioni di flusso monodimensionale; esistono anche zone anomale della struttura in cui sicuramente il flusso non ipotizzabile come monodimensionale, bens bidimensionale 0 tridimensionale. In corrispondenza di queste zone (pilastri, spigoli, ecc.) lo scambio termico risulta maggiore rispetto alla condizione di flusso monodimensionale; per questo motivo tali zone vengono definite ponti termici. In base alla UNI 7357 la potenza termica dispersa per trasmissione attraverso i ponti termici pari a: Q3 = Li I (ti te) in cui: n il numero di ponti termici; Li la lunghezza del generico ponte termico, m; I la trasmittanza termica lineare o coefficiente termico di dispersione, W/m K (kcal/hmC).

I valori di i|/j sono ricavabili dal foglio aggiuntivo FA-3 alla UNI 7357. importante precisare che generalmente la potenza termica dispersa attraverso i ponti termici corrisponde a circa il 10 -5- 20 % della potenza termica dispersa per trasmissione attraverso componenti opachi e trasparenti, in funzione del minore 0 maggiore isolamento dell'involucro edilizio. possibile pertanto con procedimento pi rapido calcolare la potenza termica dispersa attraverso i ponti termici come percentuale di Pi + P2: si tratta ovviamente di una procedura approssimata, quindi non in ottemperanza alla norma vigente.

POTENZA TERMICA Q 4 DISPERSA PER VENTILAZIONE In tutti gli ambienti entra una certa portata d'aria esterna di rinnovo dovuta o ad infiltrazioni attraverso fessure o all'apertura saltuaria di porte e finestre. La potenza termica necessaria per portare la suddetta aria esterna alla temperatura dell'ambiente riscaldato (potenza termica P4 dispersa per ventilazione) pari a: Q 4 = V a ? c p v ? ( t i - t e ) = V?n?cpv?(ti-te) = V ? n ? c p ? ? ( t i - t e ) in cui: Q 4 la potenza termica dispersa per ventilazione, W (kcal/h); Va la portata di aria esterna in ingresso, m /s (m /h); V il volume netto della zona riscaldata, m ;
3 3 3

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

24

n il numero di volumi di aria esterna di ricambio, s" (h" ); cp la capacit termica massica (calore specifico) a pressione costante dell'aria, posta pari a 1.000 J/kg K (0,24 kcal/kg C);

la densit dell'aria, posta pari a 1,2 kg/m ; cpv = cp la capacit termica unitaria volumica (calore specifico riferito all'unit di volume) a pressione costante dell'aria, posta pari a 1.200 J/m K = 0,29 kcal/m C.

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

25

CALCOLO DEL SALONE Rimandando di calcolo completo di fabbisogno termico invernale, si riporta ora un esempio semplificato di calcolo di tale fabbisogno. Calcolo del fabbisogno termico invernale del salone: Si calcoli la potenza termica necessaria per il riscaldamento di un generico ambiente con le seguenti caratteristiche e condizioni di progetto: - Luogo: Napoli - Ti = 21 C - Te = + 2 C 2 - Area ambiente: 17,5 m 3 - Volume ambiente: 43,725 m 2 - Superfici opache di confine con lesterno (esp. Sud): muratura di area 10,45 m con trasmittanza 2 termica unitaria U = 0,507 W/m k 2 - Superfici trasparenti di confine con lesterno (esp. Sud): vetro semplice di area A1=1,625 m con 2 2 trasmittanza termica unitaria U1 = 6,8 W/m k , e altro tipo di vetro con area A2= 1,175 m con 2 trasmittanza termica unitaria U2 = 0,575 W/m k 2 - Solaio di copertura: U = 0,355 W/m k 2 - Superfici opache di confine con la scala: muratura di area 8,3 m con trasmittanza termica unitaria 2 U= 0,5963 W/m k Altri dati Gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C, e il correspondente a la scala e riscaldato alla temperatura di 11 C si considera trascurabile l'influenza dei ponti termici ( 10%) gli apporti gratuiti sono nulli; aria esterna di ricambio: n= 0,5 h
-1

Risoluzione: Il calcolo fabbisogno termico invernale. Dalla relazione risulta: QU = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 ; In particolare, nel caso in esame si ottiene quanto segue. 1) Risulta: Q1,muratura = U x A x (ti te) x f = 0,507 x 10,45 x (21 (2)) x 1 = 100,66 W Q1,vetro = U x A x (ti te) x f = 6,8 x 1,625 x (21 (2)) x 1 = 209.95 W Q1,vetro2 = U x A x (ti te) x f = 5,79 x 1,175 x (21 (2)) x 1 = 129.26 W Q1,copertura = U x A x (ti te) = 0,355 x 17,5 x (21 (2)) = 118.03 W

2)

Risulta: Q2 = U x A x (ti tu) = 0,5963 x 8,3 x (21 11) = 94.03 W

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

26

3)

Risulta: Q3 = 10% di 651,93 W = 65,19 W

4)

Risulta: Q4 = V x n x cp x x (ti - te) = 43,72 x (0.5/3.600) x 1000 x 1.2 x [20 - (2)] = 138,44W

Dalla risulta pertanto: Qu = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 = 557,9 + 94,03 + 65,19 + 138,44 = 855,56 W Carico termico per unit di volume: 855,56 W/43,725 m = 19,5 W/m
3 3

CALCOLO DEL DORMITORIO 1 Rimandando di calcolo completo di fabbisogno termico invernale, si riporta ora un esempio semplificato di calcolo di tale fabbisogno. Calcolo del fabbisogno termico invernale del salone: Si calcoli la potenza termica necessaria per il riscaldamento di un generico ambiente con le seguenti caratteristiche e condizioni di progetto: - Luogo: Napoli - Ti = 21 C - Te = + 2 C 2 - Area ambiente: 13,24 m 3 - Volume ambiente: 30,10 m 2 - Superfici opache di confine con lesterno (esp. S): muratura di area 6,875 m con trasmittanza 2 termica unitaria U = 0,507 W/m k 2 - Superfici opache di confine con lesterno (esp. SE): muratura di area 10,77m con trasmittanza 2 termica unitaria U = 0,507 W/m k 2 - Superfici trasparenti di confine con lesterno (esp. S): vetro semplice di area A1=1,625 m con 2 trasmittanza termica unitaria U1 = 6,8 W/m k 2 - Solaio di copertura: U = 0,355 W/m k Altri dati tutti gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C; si considera trascurabile l'influenza dei ponti termici ( 10%) gli apporti gratuiti sono nulli; aria esterna di ricambio: n= 0,5 h
-1

Risoluzione: Il calcolo fabbisogno termico invernale. Dalla relazione risulta: QU = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 ; In particolare, nel caso in esame si ottiene quanto segue.

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

27

1) Risulta: Q1,muratura = U x A x (ti te) x f = 0,507 x 6,875 x (21 (2)) x 1 = 66,22 W Q1,muratura = U x A x (ti te) x f = 0,507 x 10,77 x (21 (2)) x 1,10 = 114,12 W Q1,vetro = U x A x (ti te) x f = 6,8 x 1,625 x (21 (2)) x 1 = 210,33 W Q1,copertura = U x A x (ti te) = 0,355 x 13,24 x (21 (2)) = 89,30 W 2) Risulta: Q2 = 0 poich tutti gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C

3) Risulta: Q3 = 10% di 478 W = 47.8 W 4) Risulta: Q4 = V x n x cp x x (ti - te) = 33,10 x (0.5/3.600) x 1000 x 1.2 x [20 - (2)] = 104,81 W

Dalla risulta pertanto: Qu = Q1 + Q3 + Q4 = 478+ 47,8 + 104.81 = 630,61W Carico termico per unit di volume: 630,61W / 30,10 m = 20 W/m
3 3

CALCOLO DEL DORMITORIO 2 Rimandando di calcolo completo di fabbisogno termico invernale, si riporta ora un esempio semplificato di calcolo di tale fabbisogno. Calcolo del fabbisogno termico invernale del salone: Si calcoli la potenza termica necessaria per il riscaldamento di un generico ambiente con le seguenti caratteristiche e condizioni di progetto: - Luogo: Napoli - Ti = 21 C - Te = + 2 C 2 - Area ambiente: 15,7 m 3 - Volume ambiente: 39,25 m 2 - Superfici opache di confine con lesterno (esp. N): muratura di area 6,95 m con trasmittanza 2 termica unitaria U = 0,507 W/m k 2 - Superfici opache di confine con lesterno (esp. NE): muratura di area 11,42 m con trasmittanza 2 termica unitaria U = 0,507 W/m k 2 - Superfici trasparenti di confine con lesterno (esp. N): vetro semplice di area A1=1,625 m con 2 trasmittanza termica unitaria U1 = 6,8 W/m k 2 - Solaio di copertura: U = 0,355 W/m k

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

28

Altri dati tutti gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C; si considera trascurabile l'influenza dei ponti termici ( 10%) gli apporti gratuiti sono nulli; aria esterna di ricambio: n= 0,5 h
-1

Risoluzione: Il calcolo fabbisogno termico invernale. Dalla relazione risulta: QU = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 ; In particolare, nel caso in esame si ottiene quanto segue.

1) Risulta: Q1,muratura = U x A x (ti te) x f = 0,507 x 6,95 x (21 (2)) x 1,20 = 80,34 W Q1,muratura = U x A x (ti te) x f = 0,507 x 11,42 x (21 (2)) x 1,20 = 132,01 W Q1,vetro = U x A x (ti te) x f = 6,8 x 1,625 x (21 (2)) x 1,20 = 251,94 W Q1,copertura = U x A x (ti te) = 0,355 x 15,7 x (21 (2)) = 105,89 W 2) Risulta: Q2 = 0 poich tutti gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C

3) Risulta: Q3 = 10% di 570,18 W= 57,01 W 4) Risulta: Q4 = V x n x cp x x (ti - te) = 39,25 x (0.5/3.600) x 1000 x 1.2 x [20 - (2)] = 124,24 W

Dalla risulta pertanto: Qu = Q1 + Q3 + Q4 = 570,18 + 57,01 + 124,24 = 751,43W Carico termico per unit di volume: 751,43W / 39,25 m = 19,1 W/m
3 3

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

29

CALCOLO DEL DORMITORIO 3 Rimandando di calcolo completo di fabbisogno termico invernale, si riporta ora un esempio semplificato di calcolo di tale fabbisogno. Calcolo del fabbisogno termico invernale del salone: Si calcoli la potenza termica necessaria per il riscaldamento di un generico ambiente con le seguenti caratteristiche e condizioni di progetto: - Luogo: Napoli - Ti = 21 C - Te = + 2 C 2 - Area ambiente: 10,54 m 3 - Volume ambiente: 26,35 m 2 - Superfici opache di confine con lesterno (esp. N): muratura di area 5,84 m con trasmittanza 2 termica unitaria U = 0,507 W/m k 2 - Superfici trasparenti di confine con lesterno (esp. N): vetro semplice di area A=2,73 m con 2 trasmittanza termica unitaria U = 6,2 W/m k 2 - Solaio di copertura: U = 0,355 W/m k Altri dati tutti gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C; si considera trascurabile l'influenza dei ponti termici ( 10%) gli apporti gratuiti sono nulli; aria esterna di ricambio: n= 0,5 h
-1

Risoluzione: Il calcolo fabbisogno termico invernale. Dalla relazione risulta: QU = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 ; In particolare, nel caso in esame si ottiene quanto segue.

1) Risulta: Q1,muratura = U x A x (ti te) x f = 0,507 x 5,84 x (21 (2)) x 1,20 = 67,5 W Q1,porta = U x A x (ti te) x f = 6,8 x 2,73 x (21 (2)) x 1,20 = 423,25 W Q1,copertura = U x A x (ti te) = 0,355 x 10,54 x (21 (2)) = 71,09 W 2) Risulta: Q2 = 0 poich tutti gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C

3) Risulta: Q3 = 10% di 561,8 W= 56,18 W 4) Risulta: Q4 = V x n x cp x x (ti - te) = 26,35 x (0.5/3.600) x 1000 x 1.2 x [20 - (2)] = 83,10W

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

30

Dalla risulta pertanto: Qu = Q1 + Q3 + Q4 = 561,8 + 56,18 + 83,10 = 701,12 W

Carico termico per unit di volume: 701,12 W W / 26,35 m = 26W/m


3 3

CALCOLO DEL CUCINA Rimandando di calcolo completo di fabbisogno termico invernale, si riporta ora un esempio semplificato di calcolo di tale fabbisogno. Calcolo del fabbisogno termico invernale del salone: Si calcoli la potenza termica necessaria per il riscaldamento di un generico ambiente con le seguenti caratteristiche e condizioni di progetto: - Luogo: Napoli - Ti = 21 C - Te = + 2 C 2 - Area ambiente: 10,26 m 3 - Volume ambiente: 25,65 m 2 - Superfici opache di confine con lesterno (esp. N): muratura di area 4,45 m con trasmittanza 2 termica unitaria U = 0,507 W/m k 2 - Superfici trasparenti di confine con lesterno (esp. N): vetro semplice di area A=2,73 m con 2 trasmittanza termica unitaria U = 6,2 W/m k 2 - Solaio di copertura: U = 0,355 W/m k 2 - Superfici opache di confine con la scala: muratura di area 7,73 m con trasmittanza termica unitaria 2 U= 0,5963 W/m k Altri dati Gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C, e il correspondente a la scala e riscaldato alla temperatura di 11 C si considera trascurabile l'influenza dei ponti termici ( 10%) gli apporti gratuiti sono nulli; aria esterna di ricambio: n= 0,5 h
-1

Risoluzione: Il calcolo fabbisogno termico invernale. Dalla relazione risulta: QU = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 ; In particolare, nel caso in esame si ottiene quanto segue.

1) Risulta: Q1,muratura = U x A x (ti te) x f = 0,507 x 4,45 x (21 (2)) x 1,20 = 51,44 W Q1,porta = U x A x (ti te) x f = 6,8 x 2,73 x (21 (2)) x 1,20 = 423,25 W Q1,copertura = U x A x (ti te) = 0,355 x 10,26 x (21 (2)) = 69,2 W

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

31

2) Risulta: Q2 = U x A x (ti te)= 0,5963 x 7,73 x (21 (11)) = 46,09 W 3) Risulta: Q3 = 10% di 590 W = 59 W 4) Risulta: Q4 = V x n x cp x x (ti - te) = 25,65 x (0.5/3.600) x 1000 x 1.2 x [20 - (2)] = 81,19 W

Dalla risulta pertanto: Qu = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 = 543,89 + 46.09 + 59 + 81,19 = 730,17 W

Carico termico per unit di volume: 730,17 W W/ 25,65 m = 28W/m


3 3

CALCOLO DEL CORRIDOIO Rimandando di calcolo completo di fabbisogno termico invernale, si riporta ora un esempio semplificato di calcolo di tale fabbisogno. Calcolo del fabbisogno termico invernale del salone: Si calcoli la potenza termica necessaria per il riscaldamento di un generico ambiente con le seguenti caratteristiche e condizioni di progetto: - Luogo: Napoli - Ti = 21 C - Te = + 2 C 2 - Area ambiente: 6,71 m 3 - Volume ambiente: 16,78 m 2 - Solaio di copertura: U = 0,355 W/m k 2 - Superfici opache di confine con la scala: muratura di area 0,86 m con trasmittanza termica unitaria 2 U= 0,5963 W/m k 2 - Superfici opache di confine con la scala: porta dingresso 1,89 m con trasmittanza termica unitaria 2 U= 1,86 W/m k

Altri dati Gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C, e il correspondente a la scala e riscaldato alla temperatura di 11 C si considera trascurabile l'influenza dei ponti termici ( 10%) gli apporti gratuiti sono nulli; aria esterna di ricambio: n= 0,5 h
-1

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

32

Risoluzione: Il calcolo fabbisogno termico invernale. Dalla relazione risulta: QU = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 ; In particolare, nel caso in esame si ottiene quanto segue. 1) Risulta: Q1,copertura = U x A x (ti te) = 0,355 x 6,71 x (21 (2)) = 45,26 W

2) Risulta: Q2 = U x A x (ti te)= 0,5963 x 0,86 x (21 (11)) = 5,12 W Q2 = U x A x (ti te)= 1,86 x 1,89 x (21 (11)) = 35,15 W

3) Risulta:

Q3 = 10% di 85,53 W = 8,55 W 4) Risulta: Q4 = 0 Poich si considera che non c ventilazione per nessuna finestra

Dalla risulta pertanto: Qu = Q1 + Q2 + Q3 = 45,26 + 40,27 + 8,55 = 94,08W Carico termico per unit di volume: 94,08W /16,78 m = 5.6 W/m
3 3

CALCOLO DEL BAGNO Rimandando di calcolo completo di fabbisogno termico invernale, si riporta ora un esempio semplificato di calcolo di tale fabbisogno. Calcolo del fabbisogno termico invernale del salone: Si calcoli la potenza termica necessaria per il riscaldamento di un generico ambiente con le seguenti caratteristiche e condizioni di progetto: - Luogo: Napoli - Ti = 21 C - Te = + 2 C 2 - Area ambiente: 3,70 m 3 - Volume ambiente: 9,25 m 2 - Solaio di copertura: U = 0,355 W/m k

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

33

Altri dati Gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C si considera trascurabile l'influenza dei ponti termici ( 10%)

gli apporti gratuiti sono nulli; aria esterna di ricambio: n= 0,5 h


-1

Risoluzione: Il calcolo fabbisogno termico invernale. Dalla relazione risulta: QU = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 ; In particolare, nel caso in esame si ottiene quanto segue.

1) Risulta: Q1,copertura = U x A x (ti te) = 0,355 x 3,70 x (21 (2)) = 24,95 W

2) Risulta: Q2 = 0 poich tutti gli altri locali confinanti sono riscaldati alla temperatura di 21 C

3) Risulta:

Q3 = 10% di 24,95 W = 2,49 W 4) Risulta: Q4 = 0 Poich si considera che non c ventilazione per nessuna finestra

Dalla risulta pertanto: Qu = Q1 + Q3 = 24,95+ 2,49 = 27,44W

Carico termico per unit di volume: 27,44W / 9,25 m = 2,96 W/m


3 3

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

34

TABELLA RIASSUNTIVA CON I CARICHI TERMICI LOCALE PER LOCALE E TOTALI


LOCALE salone Dormitorio 1 Dormitorio 2 Dormitorio 3 cucina corridoio bagno TOTALE
Q1 [W] 557,9 478 570,18 561,8 543,89 45,26 24,95 2781,98 Q2 [W] 94,03 0 0 0 46,09 40,27 0 180,39 Q3 [W] 65,19 47,8 57,01 57,18 59 8,55 2,49 297,22 Q4 [W] 138,44 104,81 124,24 83,10 81,19 0 0 531.78

TOTALE Q1+Q2+Q3= POTENZA TERMICA COMPLESSIVA DISPERSA PER TRASMISSIONE = 3259,59 W TOTALE Q4= POTENZA TERMICA DISPERSA PER VENTILAZIONE = 531,78 W
POTENZA TERMICA TOTALE DISPERSA = 3791,37 W

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

35

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

36

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

37

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

38

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

39

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

40

I PARTE: CALCOLO DEI CARICHI TERMICI INVERNALI DI UN EDIFICIO


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

41

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

35

DIMENSIONAMIENTO DELLA CALDAIA


CARATTERISTICHE TERMOFISICHE DEI COMPONENTI OPACHI COSTITUENTI L'INVOLUCRO EDILIZIO
La potenza totale della caldaia la somma di tutti i carichi termici di tutte le stanze ed pertanto uguale a 3791 W; ragione per cui bisogna installare una caldaia da 4.0 kW. Limpianto di riscaldamento caratterizzato da una rete di tubazioni in rame coibentato, isolato e flessibile, installato sotto traccia a parete e sotto il pavimento a seconda delle esigenze. Tra i corpi scaldanti pi frequentemente utilizzati vi sono i seguenti: radiatori ventilconvettori

Noi abbiamo scelto i radiatori.

DIMENSIONAMENTO DEI CORPI SCALDANTI NEI LOCALI


CORPI SCALDANTI

I corpi scaldanti pi frequentemente utilizzati sono i seguenti: radiatori; piastre radianti; pannelli radianti; termoconvettori; ventilconvettori; aerotermi.

In generale, il dimensionamento di un corpo scaldante si effettua mediante la seguente relazione:

Q = K-S-(Tmedlia - Ta) in cui: Q = potenza termica fornita dal corpo scaldante, anche detta resa termica, W; K = conduttanza unitaria globale o coefficiente globale di scambio termico tra il fluido termovettore e l'ambiente, W/m K; S = area della superficie di scambio tra il fluido termovettore e l'ambiente, m ; Tmedia temperatura media del fluido termovettore, K; Ta = temperatura dell'aria in ambiente, K.
= 2 2

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

36

Valutato il carico termico del locale in cui il corpo scaldante installato, esso rappresenta la potenza termica Q che il corpo deve fornire; quindi, noti il coefficiente globale K e la temperatura Ta e fissata la temperatura Tmedia, si ricava la superfcie di scambio S e dunque si definiscono le dimensioni da scegliere. Stante la difficolt di valutare il coefficiente di scambio K, le case costruttrici spesso preferiscono riportare direttamente per ogni modello e taglia di corpo scaldante la relativa resa termica, come si vedr pi in dettaglio successivamente. Di seguito si riportano le principali caratteristiche di funzionamento dei corpi scaldanti pi frequentemente utilizzati ed i criteri di posizionamento e dimensionamento degli stessi.

PRINCIPALI CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO


I radiatori sono costituiti da elementi verticali uguali, tipicamente in ghisa, in lamiera d'acciaio o in lega di alluminio, che vengono assemblati tra loro, ed al cui interno scorre il fluido termovettore che, nella maggior parte dei casi, acqua. Ciascun elemento pu essere ad una o pi colonne (ranghi), oppure pu essere piano con o senza nervature. I radiatori sono collegati alle tubazioni di mandata e di ritorno mediante opportune valvole di intercettazione.

Lo scambio termico con l'ambiente avviene sia per convezione che per irraggiamento. Lo scambio per convezione influenzato dalla forma dello spazio che si realizza tra due elementi adiacenti e tra due colonne di uno stesso elemento. In alcuni casi si realizzano dei canali convettivi aventi lo scopo di guidare verso l'alto i filetti fluidi di aria calda. I radiatori devono essere verniciati con pitture opache ad alta emissivit. Le prestazioni dei radiatori dipendono da molteplici fattori, tra i quali: il posizionamento; i valori delle temperature di mandata e di ritorno dell'acqua;

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

37

la scelta della vernice di finitura ed il tipo di pittura; la differenza tra la temperatura media dell'acqua all'interno del corpo scaldante e l'ambiente.

Data la molteplicit di modelli e di materiali impiegati, per rendere confrontabili i dati forniti dalle diverse case costruttrici, si resa necessaria l'istituzione di un marchio di garanzia rilasciato dalla E.CO.MA.R. (Ente per il Controllo, lo studio e le ricerche sui MAteriali di Riscaldamento).

radiatori

in

ghisa

sono

caratterizzati da una durata pressoch un'elevata illimitata inerzia e da

termica;

quest'ultima circostanza li rende particolarmente applicazioni necessario in adatti cui non ad

raggiungere

immediatamente le condizioni di regime all'accensione

dell'impianto, come ad esempio le abitazioni con uso

continuativo. I radiatori in acciaio, disponibili anche in modelli pi gradevoli dal punto di vista estetico, sono soggetti al

pericolo della corrosione che ne limita la durata, mentre i radiatori in alluminio, bench il loro impiego sia relativamente recente, sembrano avere non solo una buona resistenza alla corrosione, ma anche elevate rese ingombro e minore inerzia termica. termiche, con minore

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

38

POSIZIONAMENTO
II corretto posizionamento dei radiatori in ambiente dipende da molteplici aspetti, tra i quali: geometria del locale (planimetria ed altezza); rapporto tra le superfici vetrate ed opache; temperatura minima esterna; scelta della rete distributiva del calore (due tubi, monotubo); esigenze architettoniche e di arredo; fabbricato nuovo o esistente.

in ogni caso buona norma collocare i radiatori sotto le finestre o lungo le pareti perimetrali per contrastare l'effetto delle correnti fredde e per ridurre al massimo la differenza di temperatura tra il soffitto ed il pavimento (fig.4-5). Nelle installazioni in edifici gi esistenti pu risultare necessario, per esigenze di risparmio di opere murarie, posizionare i radiatori lungo le pareti interne. In altri casi (ambienti di elevata altezza o con particolari esigenze di arredamento), opportuno considerare la possibilit d'impiego di altri corpi scaldanti, quali ad esempio le piastre radianti o i termoconvettori. Qualora il radiatore sia collocato in una nicchia, anche in presenza di schermo frontale, consigliabile localizzarlo ad opportune distanze dai bordi della nicchia e dallo schermo (fig.4-6), per evitare una significativa riduzione della resa termica. Lo schermo frontale, in genere posto per esigenze estetiche, va dotato di aperture per consentire la circolazione dell'aria. comunque sconsigliabile l'uso di schermi frontali, mentre consigliabile, per aumentare il rendimento di emissione del corpo scaldante (par.3.6.1.6), l'uso di schermi riflettenti da posizionare dietro il radiatore: si tratta di pannelli di materiale isolante con una faccia riflettente rivolta verso l'interno dell'ambiente.

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

39

DIMENSIONAMENTO
Come per le altre tipologie di corpi scaldanti, per effettuare il dimensionamento del radiatore necessario innanzitutto conoscere il carico termico Q del locale in cui installato. Infatti, ricavando dai cataloghi tecnici delle case costruttrici il valore della potenza termica q fornita da ciascun elemento, si pu facilmente determinare il numero N di elementi necessari a bilanciare il carico termico Q: N = Q/q Se il rapporto Q/q assume un valore decimale opportuno arrotondare per eccesso. A titolo di esempio si fa riferimento alla tab.4.3, in cui sono riportati i dati tecnici, per ciascun elemento di radiatore del tipo a ranghi (fig.4-7), forniti da una casa costruttrice. La potenza nominale qn, riportata anch'essa in tabella, rappresenta la potenza termica fornita dall'elemento di radiatore quando risulta AT = 60 C (UNI 6514), con

T Tmedia Tambiente

m , acqua

Tr ,acqua 2

Tambiente

In cui : Tmedia la media aritmetica tra temperatura di mandata dellacqua al radiatore (T m,acqua =85C) e la temperatura di ritorno (Tr,acqua = 75C) Tambiente la temperatura dellaria nellambiente riscaldato, pari a 20C

85 75 20 60C
2

Se AT 60 C, la potenza termica q(AT) fornita da ciascun elemento di radiatore si pu ricavare dalla seguente relazione: q(AT) = qn(AT/60)
n

con l'esponente n riportato in tabella. Alcune case costruttrici riportano direttamente i fattori di correzione d q n al variare del AT, come riportato ad esempio nella seguente tab.4.4.

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

40

FATTORI DI CORREZIONE DELLA RESA TERMICA DI UN MODELLO DI RADIATORE AL VARIARE DEL AT

40 C 0,57

45 C 0,67

50 C 0,78

55 C 0,88

60 C 1,00

65 C 1,10

70 C 1,22

75 C 1,33

80 C 1,45

La potenza q aumenta al crescere del AT non linearmente, per K costante (in realt K aumenta al crescere del AT). Per AT < 60 C, quindi per valori pi bassi della temperatura media dell'acqua nel radiatore, la potenza q si riduce; in particolare, se AT = 50 C (ad esempio con Tm,aCqua = 75 C, Tr5acqua = 65 C e Tambiente = 20 C), la potenza termica fornita q (AT = 50 C)

85 + 75 T= 2

21 = 59C

Come noi abbiamo un AT = 59 C piu vicino a 60C che a 50C scegliamo AT 60C

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 41 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

TIPO 2-566 2-690 2-880 3-566 3-690 3-880 4-690 4-880 5-566 5-690 5-880

Dimensioni [mm] A 567 690 888 567 690 880 690 880 567 690 880 B 500 623 813 500 623 813 623 813 500 623 813 C 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 D 60 60 60 95 95 95 130 130 165 165 165

Filettatura giunzioni 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

qn [W] 71.3 87.6 110 97.5 119 148 152 190 154 184 229
C

q(T=50C) [W] 56.2 68.9 86.3 77.1 94.2 117 119 150 122 144 179

n 1.31 1.32 1.33 1.29 1.28 1.28 1.32 1.31 1.30 1.34 1.34

c [l] 0.57 0.62 0.75 0.69 0.81 0.98 0.92 1.06 0.96 1.09 1.32

50

100

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 42 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Dimensionamento del radiatore del salone Abbiamo scelto di installare un radiatore per il salone del tipo 3-880 (tre ranghi e altezza di 880 mm) con potenza nominale qn = 148W; Qtot = 855,56 W N = Q/q = 855,56/148 = 5,7 T = 60C qn = 148 W

6 elementi

Dimensionamento del radiatore del dormitorio1 Abbiamo scelto di installare un radiatore per il dormitorio1 del tipo 3-880 (tre ranghi e altezza di 880 mm) con potenza nominale qn = 148W; Qtot = 630,61 W N = Q/q = 630,61/148 = 4,26 T = 60C qn = 148 W

5 elementi

Dimensionamento del radiatore del dormitorio2 Abbiamo scelto di installare un radiatore per il dormitorio2 del tipo 3-880 (tre ranghi e altezza di 880 mm) con potenza nominale qn = 148W; Qtot = 751,43 W N = Q/q = 751,43/119 = 5,07 T = 60C qn = 119 W

5 elementi

Dimensionamento del radiatore del dormitorio3 Abbiamo scelto di installare un radiatore per il dormitorio3 del tipo 3-880 (tre ranghi e altezza di 880 mm) con potenza nominale qn = 148W; Qtot = 701,12 W N = Q/q = 701,12/148 = 4,7 T = 60C qn = 148 W

5 elementi

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 43 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Dimensionamento del radiatore della cucina Abbiamo scelto di installare un radiatore per la cucina del tipo 3-880 (tre ranghi e altezza di 880 mm) con potenza nominale qn = 148W;

Qtot = 730,17 W N = Q/q = 730,17/148 = 4,93

T = 60C

qn = 148 W

5 elementi

Dimensionamento del radiatore del corridoio Abbiamo scelto di installare un radiatore per il corridoio del tipo 2-566 (due ranghi e altezza di 566 mm) con potenza nominale qn = 71,3W; Qtot = 94,08 W N = Q/q = 94,08/71,3 = 1,32 T = 60C qn = 71,3W

2 elemento

Dimensionamento del radiatore del bagno Abbiamo scelto di installare un radiatore minimo per il bagno per la umidit, del tipo 2-566 (due ranghi e altezza di 566 mm) con potenza nominale qn = 71,3W; Qtot = 27,44 W N = Q/q = 27,44/71,3 = 0,38 T = 60C qn = 71,3 W

1 elementi

Tabella riassuntiva LOCALE salone dormitorio1 Dormitorio2 Dormitorio3 cucina corridoio bagno TOTALE Qtot [W] 855,56 630,61 751,43 701,12 730,17 94,08 27,44 3791 qn [W] 148 148 148 148 148 71,3 71,3 N. di elementi 6 5 5 5 5 2 1

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 44 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Pianta di situazzioni di radiatiri

CALCOLO DELLE PORTATE D'ACQUA VEICOLATE AI CORPI SCALDANTI


Per dimensionare la rete di distribuzione dell'acqua riscaldata necessario calcolare le portate veicolate dai vari tratti del circuito: a tal fine occorre calcolare preventivamente la portata da addurre a ciascun corpo scaldante. Con riferimento al caso in cui il fluido termovettore acqua in fase liquida, si utilizza la relazione:

Q = mw-c-(Tm-Tr)
da cui

mw = Q/c-(Tm-Tr)

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 45 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

dove: Q = potenza termica fornita (resa termica) dal corpo scaldante, kW o kcal/h; mw = portata massica d'acqua da addurre al corpo scaldante, kg/s o kg/h; e= calore specifico dell'acqua = 4,18 kJ/kg K = 1 kcal/kg C;

Tm = temperatura di mandata dell'acqua, K; Tr = temperatura di ritorno dell'acqua, K.

Si noti che la relazione vale per una generica apparecchiatura di scambio termico in cui uno dei due fluidi interagenti sia acqua in fase liquida (caldaie ad acqua calda, condensatori di pompe di calore raffreddati con acqua, scambiatori di calore per acqua calda sanitaria). Nelle condizioni usuali di temperatura e di pressione dell'acqua calda, essendo la massa voiumica pari a circa 1 kg/dm = 1 kg/1, il valore della portata massica in kg/s (kg/h) si considera coincidente con il valore della portata volumetrica in 1/s (1/h), che risulta maggiormente impiegata nella pratica progettuale. Calcolo della portata d acqua di alimentazione di radiotore del salone Dati: Q=148 w x 6 n =888 W = 0,88 kW
3

(Tm-Tr)=10C

la portata d'acqua di alimentazione del corpo scaldante risulta:

mw = 0,88/(4,18 x 10) = 0,021kg/s = 75,79 kg/h

=> Vw = 75,79 L/h

Calcolo della portata d acqua di alimentazione di radiotore di dormitorio1 Dati: Q=148 w x 5 n =740 W = 0,74 kW

(Tm-Tr)=10C

la portata d'acqua di alimentazione del corpo scaldante risulta:

mw = 0,74/(4,18 x 10) = 0,017kg/s = 63,73 kg/h

=> Vw = 63,73 L/h

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIOTORI 46


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Calcolo della portata d acqua di alimentazione di radiotore di dormitorio2 Dati: Q=148 w x 5 n =740 W = 0,74 kW

(Tm-Tr)=10C

la portata d'acqua di alimentazione del corpo scaldante risulta:

mw = 0,74/(4,18 x 10) = 0,017kg/s = 63,73 kg/h

=> Vw = 63,73 L/h

Calcolo della portata d acqua di alimentazione di radiotore di dormitorio3 Dati: Q=148 w x 5 n =740 W = 0,74 kW

(Tm-Tr)=10C

la portata d'acqua di alimentazione del corpo scaldante risulta:

mw = 0,74/(4,18 x 10) = 0,017kg/s = 63,73 kg/h

=> Vw = 63,73 L/h

Calcolo della portata d acqua di alimentazione di radiotore di cucina Dati: Q=148 w x 5 n =740 W = 0,74 kW

(Tm-Tr)=10C

la portata d'acqua di alimentazione del corpo scaldante risulta:

mw = 0,74/(4,18 x 10) = 0,017kg/s = 63,73 kg/h

=> Vw = 63,73 L/h

Calcolo della portata d acqua di alimentazione di radiotore di corridoio Dati: Q=71,3 w x 2 n =142,6W = 0,14 kW

SalvatiII PARTE: DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIOTORI 46


JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

(Tm-Tr)=10C

la portata d'acqua di alimentazione del corpo scaldante risulta:

mw = 0,14/(4,18 x 10) = 0,0034kg/s = 12,28 kg/h

=> Vw = 12,28 L/h

Calcolo della portata d acqua di alimentazione di radiotore di bagno Dati: Q=71,3 w x 1 n =71,3 W = 0,071 kW

(Tm-Tr)=10C

la portata d'acqua di alimentazione del corpo scaldante risulta:

mw = 0,071/(4,18 x 10) = 0,0017kg/s = 6,14 kg/h

=> Vw = 6,14 L/h

Tabella riassuntiva LOCALE salone dormitorio1 Dormitorio2 Dormitorio3 cucina corridoio bagno qn [W] 148 148 148 148 148 71,3 71,3 N. di elementi 6 5 5 5 5 2 1 VW [ L/H] 75,79 63,73 63,73 63,73 63,73 12,28 6,14

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

48

TUBAZIONI
Per dimensionare la rete di tubazioni che collegano il generatore di calore ai corpi scaldanti necessario conoscere le portate di ciascun tratto. Prima di analizzare nel dettaglio il dimensionamento delle tubazioni si esaminano sinteticamente i materiali utilizzati per il veicolamento di acqua calda.

MATERIALI IMPIEGATI PER LE TUBAZIONI


Le tubazioni utilizzate negli impianti di riscaldamento sono in acciaio ed in rame; oggi si vanno sempre pi diffondendo tubazioni in materiale plastico, soprattutto per impianti autonomi. I tubi di rame, rispetto a quelli in acciaio, sono pi costosi ma pi adatti per l'installazione sotto pavimento e, per diametri fino a 22 mm, pi comodi da installare, giacch disponibile il tipo flessibile gi coibentato: per questi diametri le curve si fanno a mano e senza la necessit di pezzi speciali. Per tale ragione i tubi di rame si utilizzano per piccoli diametri, quindi per i tronchi secondari di tubazione (quelli pi a ridosso dei corpi scaldanti), mentre i tubi in acciaio sono impiegati per i circuiti principali di distribuzione: un classico esempio di applicazione di tale logica quello di un impianto a radiatori con rete di distribuzione dotata di collettori complanari, in cui le tubazioni principali fino ai collettori complanari sono in acciaio, mentre i successivi tratti sono in rame flessibile coibentato. Le tubazioni di acciaio sono disponibili secondo diametri esterni prefissati, indicati in mm o in pollici (1 pollice = 2,54 mm); si fa anche spesso riferimento al "diametro nominale" DN, che corrisponde, alle indicazioni in pollici. Una tipologia molto utilizzata di tubazioni in acciaio per impianti di riscaldamento ("acciaio nero") quella dei "tubi gas", saldati e senza saldatura, disponibili in serie leggera o media secondo UNI 8863.

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

49

Corrispondenza tra diametri espressi in DN e pollici per tubazioni in acciaio Diametro espresso in pollici Diametro nominale (DN)

3/8
1/2 3/4 1 1
1/4 1/2

10 15 20 25 32 40 50 65 80 100 125 150

2 2
1/2

3 4 5 6

Principali caratteristiche delle tubazioni in acciaio secondo UNI 8863 (tubi gas serie normale) Legenda: di = diametro interno; de = diametro esterno; s = spessore; m.l. = massa lineica; m.l.z. = massa lineica per tubo zincato; c.a.l. = contenuto d'acqua lineico; s.e.l. = superficie esterna lineica.

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

50

DN 10 15 20 25 32 40 50 65 80 100

Pollici 3/8 1/2 3/4 1 1 1


1/4 1/2

di (mm) 13,2 16,6 22,2 27,9 36,6 42,5 53,8 69,6 81,6 106,2

de (mm) 17,2 21,3 26,9 33,7 42,4 . 48,3 60,3 76,1 88,9 114,3

s (mm) 2,0 2,35 2,35 2,9 2,9 2,9 3,25 3,25 3,65 4,05

m.l. (kg/m) 0,75 1,10 1,41 2,21 2,84 3,26 4,56 5,81 7,65 11,00

m.l.z. (kg/m) 0,80 1,18 1,50 2,34 3,00 3,45 4,82 6,17 8,10 11,66

c.a.l. (I/m) 0,14 0,22 0,39 0,61 1,05 1,42 2,27 3,80 5,23 8,90

s.e.l. 2 (m /m) 0,054 0,067 0,085 0,106 0,133 0,152 0,189 0,239 0,279 0,359

2 2
1/2

3 4

Una seconda tipologia molto utilizzata di tubazioni di acciaio nero quella dei "tubi lisci commerciali" (UNI 7287).

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 51 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Principali caratteristiche delle tubazioni in acciaio secondo UNI 7287 (tubi lisci commerciali senza saldatura) Legenda: stessa allanteriore

DN

Pollici

di (mm) 25,4 32,8 39,3 51,2 70,3 82,5 100,8 125,0 150,0 182,9 207,3 260,4

de (mm) 30,0 38,0 44,5 57,0 76,1 88,9 108,0 133,0 159,0 193,7 219,1 273,0

S (mm) 2,3 2,6 2,6 2,9 2,9 3,2 3,6 4,0 4,5 5,4 5,9 6,3

m.l. (kg/m) 1,57 2,27 2,69 3,87 5,23 6,76 9,26 12,72 17,14 25,06 31,01 41,42

c.a.l. (I/m) 0,507 0,85 1,21 2,06 3,88 5,35 7,98 12,8 17,1 26,3 33,75 52,23

s.e.l. 2 (m /m) 0,094 0,12 0,14 0,18 0,24 0,28 0,34 0,42 0,50 0,61 0,69 0,86

25 32 40 50 65 80 100 125 150 175 200 250 2 1

1
1/4 1/2

2
1/2

3 4 5 6 7 8 10

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 52 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Tabella per il calcolo delle perdite di carico distribuite per tubazioni in acciaio per acqua a 80 C legenda: linea superiore: portata in 1/h; linea inferiore: velocit in m/s.
Perdita di carico distribuita unitaria in Pa/m

Diametro interno tubi 3/8" 1/2" 3/4" 1" l"l/4 l"l/2 2" 2" 1/2 3"

30 33 36 40 45 50 55 60 65

13,2 mm 16,6 mm 22,2 mm 126,9 67,82 279,5 0,163 0,136 0,201 71,56 0,145 75,15 0,153 79,73 0,162 85,16 0,173 90,32 0,183 92,25 0,193 99,96 0,203 104,5 0,212 108,9 0,221 113,1 0,230 117,2 0,238 125,1 0,254 132,5 0,269 139,6 0,284 146,5 0,297 153,0 0,311 159,3 0,323 165,4 0,336 133,8 0,172 140,4 0,180 148,9 0,191 159,0 0,204 168,5 0,216 177,6 0,228 186,3 0,239 194,7 0,250 202,8 0,260 210,6 0,270 218,2 0,280 232,7 0,300 246,5 0,316 259,6 0,333 272,2 0,349 284,2 0,365 295,8 0,380 307,1 0,394 294,6 0,211 309,1 0,222 327,5 0,235 349,4 0,251 370,2 0,266 390,0 0,280 408,9 0,294 427,1 0,307 444,7 0,319 461,7 0,331 478,1 0,343 509,6 0,366 539,4 0,387 567,8 0,407 595,0 0,427 621,2 0,446 646,4 0,464 670,7 0,481

27,9 mm 36,6 mm 42,5 mm 518,5 1.607 1.077 0,236 0,315 0,284 546,3 0,248 572,9 0,260 606,8 0,276 647,0 0,294 685,2 0,311 721,5 0,328 756,3 0,344 789,8 0,359 822,0 0,373 853,2 0,388 883,3 0,401 941,1 0,428 995,8 0,452 1.048 0,476 1.098 0,499 1.146 0,520 1.192 0,542 1.236 0,562 1.134 0,299 1.188 0,314 1.258 0,332 1.341 0,354 1.419 0,375 1.494 0,395 1.566 0,413 1.634 0,432 1.700 0,449 1.764 0,466 1.826 0,482 1.945 0,515 2.057 0,543 2.164 0,571 2.266 0,598 2.364 0,624 2.459 0,649 2.550 0,673 1.692 0,331 1.774 0,347 1.878 0,368 2.000 0,392 2.117 0,415 2.228 0,436 2.334 0,457 2.436 0,477 2.534 0,496 2.629 0,515 2.721 0,533 2.897 0,567 3.063 0,600 3.222 0,631 3.373 0,660 3.519 0,689 3.659 0,716 3.794 0,743

53,8 mm 69,6 mm 81,6 mm 3.020 0,369 3.179 0,338 3.331 0,407 3.524 0,431 3.753 0,459 3.970 0,485 4.177 0,510 ' 4.375 0,535 4.565 0,558 4.748 0,580 4.924 0,602 5.095 0,623 5.422 0,663 5.732 0,700 6.027 0,737 6.309 0,771 6.580 0,804 6.841 0,836 7.093 0,867 6.000 0,438 6.313 0,461 6.612 0,483 6.994 0,511 7.445 0,544 7.873 0,575 8.280 0,605 8.670 0,633 9.044 0,660 9.404 0,687 9.752 0,712 10.090 0,737 10.730 0,784 11.340 0,828 11.920 0,871 12.480 0,911 13.010 0,950 13.520 0,987 14.020 1,02 9157 0,486 9633 0,512 10090 0,536 10670 0,567 11350 0,603 12000 0,638 12620 0,670 13210 0,702 13780 0,732 14330 0,761 14860 0,789 15370 0,816 16350 0,868 17270 0,918 18150 0,964 19000 1,01 19800 1,05 20580 1,09 21330 1,13

70 75 80 90 100 110 120 130 140 150

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 53 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Perdita di carico distribuita unitaria in Pa/m 160 170 180 190 200 220 240 260 280 300 330 360

Diametro interno tubi 3/8" 1/2" 3/4" l" l"l/4 l"l/2 2" 2"l/2 3"

13,2 mm 16,6 mm 22,2 mm 27,9 mm 36,6 mm 42,5 mm 53,8 mm 69,6 mm 81,6 mm 1.280 3.925 171,3 318,0 694,2 2.638 7.336 14.50 2206 0,581 0,769 0,348 0,408 0,498 0,697 0,896 0 1,06 0 1,17 177,1 4.052 7.573 2277 328,5 2.724 14.96 717,1 1.321 0,360 0,794 0,925 0 0,422 0,719 0 1,09 0,5)5 0,600 1,21 7.802 15.41 182,6 338,8 739,3 2.807 4.176 2345 1.369 0,953 0 1,13 0,371 0,435 0,530 0,741 0,818 0 0,619 1,25 188,1 760,9 1.402 2.888 4.296 348,8 8.025 15.850 24120 0,382 0,546 0,637 0,763 0,641 1,28 0,448 0,980 1,16 193,3 0,393 203,6 0,413 213,3 0,433 222,7 0,452 232,8 0,470 240,5 0,488 253,1 0,514 265,1 0,538 280,5 0,569 298,6 0,606 315,8 0,641 332,2 0,674 347,8 0,706 362,9 0,737 377,3 0,766 391,3 0,794 404,8 0,822 430,7 0,874 455,2 0,924 358,5 0,460 377,3 0,484 395,3 0,507 412,6 0,530 429,2 0,651 445,3 0,572 468,4 0,610 490,6 0,630 518,8 0,666 552,1 0,709 583,7 0,749 613,8 0,788 642,5 0,825 670,1 0,860 696,7 0,894 722,3 0,927 747,1 0,959 794,5 1,02 839,5 1,08 782,0 0,561 822,6 0,590 861,5 0,618 898,8 0,645 934,8 0,671 969,5 0,696 1.020 0,732 1.067 0,766 1.128 0,810 1.200 0,861 1.268 0,910 1.333 0,957 1.395 1,00 1.455 1,04 1.512 1,08 1.567 1,12 1.62 1 1,16 1.723 1,24 1.820 1,31 1.440 0,654 1.515 0,688 1.586 0,720 1.654 0,752 1.720 0,781 1.783 0,810 1.875 0,852 1.962 0,892 2.074 0,942 2.205 1,00 2.330 1,06 2.448 1,11 2.562 1,16 2.670 1,21 2.775 1,26 2.876 1,31 2.974 1,35 3.161 1,44 3.338 1,52 2.967 0,783 3.119 0,824 3.265 0,862 3.405 0,899 3.539 0,935 3.669 0,969 3.856 1,02 4.035 1,07 4.263 1,13 4.532 1,20 4.787 1,26 5.029 1,33 5.260 1,39 5.483 1,45 5.697 1,50 5.903 1,56 6.103 1,61 6.485 1,71 6.846 1,81 4.413 0,864 4.639 0,908 4.855 0,951 5.062 0,991 5.261 1,03 5.454 1,07 5.731 1,12 5.996 1J7 6.333 1,24 6.732 1,32 7.109 1,39 7.468 1,46 7.811 1,53 8.140 1,59 8.457 1,66 8.763 1,72 9.058 1,77 9.624 1,88 10.160 ' 1,99 8.243 1,01 8.663 1,06 9.064 1,11 9.449 1,15 9.819 1,20 10.177 1,24 10.690 1,31. 11.185 1,37 11.810 1,44 12.550 1,53 13.250 1,62 13.920 1,70 14.550 1,78 15.170 1,85 15.750 1,92 16.320 1,99 16.870 2,06 17.920 2,19 18.910 2,31 16.28 0 1,19 17.10 0 1,25 17.890 1,31 18.65 0 1,36 19.38 0 1,44 20.080 1,47 21.090 1,54 22.060 1,61 22.290 1,70 24.740 1,81 26.120 1,91 27.430 2,00 28.680 2,09 29.880 2,18 31.030 2,27 32.150 2,35 33.230 2,43 35.290 258 37.240 2,72 2477 0 1,32 2602 0 1,38 27210 1,45 2836 0 1,51 2947 0 1,57 30530 1,62 32070 1,70 3353 0 1,78 3540 0 1,88 3760 0 2,00 39690 2,11 4168 0 2,21 43570 2,31 45390 2,41 47140 2,50 48830 2,59 50470 2,68 53590 2,85 56550 3,00

400 450 500 550 600 650 700 750 800 900 1.000

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

54

Perdite di carico localizzate, Pa, per valori diversi di ed in funzione della velocit dell'acqua (alla temperatura di 80 C). Velocit (m/s) 0,20 0,22 0,24 0,26 0,28 0,30 0,32 0,34 0,36 0,38 0,40 0,42 0,44 0,46 0,48 0,50 0,55 0,60 0,65 0,70 0,75 0,80 0,85 0,90 0,95 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1,7 1,8 1,9 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5 2,6 2,7 2,8 2,9 1 19 23 28 33 38 44 50 56 63 70 78 86 94 103 112 121 147 175 205 238 273 311 351 393 438 486 587 699 820 952 1.092 1.243 1.403 1.573 1.753 1.942 2.141 2.350 2.568 2.796 3.034 3.282 3.539 3.806 4.083 2 39 47 56 66 76 87 99 112 126 140 155 171 188 205 224 243 294 350 410 476 546 621 702 787 876 971 1.175 1.398 1.641 1.903 2.185 2.486 2.806 3.146 3.505 3.884 4.2S2 4.700 5.137 5.593 6.069 6.564 7.079 7.613 8.166 3 58 70 84 98 114 131 149 168 189 210 233 257 282 308 336 364 441 524 615 714 819 932 1.052 1.180 1.314 1.457 1.762 2.097 2.461 2.855 3.277 3.729 4.209 4.719 5.258 5.826 6.423 7.049 7.705 8.389 9.103 9.846 10.618 11.419 12.249 4 78 94 112 131 152 175 199 224 252 280 311 343 376 411 447 486 587 699 820 952 1.092 1.243 1.403 1.573 1.753 1.942 2.350 2.796 3.282 3.806 4.370 4.972 5.612 6.292 7.011 7.768 8.564 9.399 10.273 11.186 12.138 13.128 14.157 15.225 16.332

5 97 117 140 164 190 218 249 291 315 351 388 428 470 514 559 607 734 874 1.026 1.189 1.365 1.554 1.754 1.966 2.191 2.428 2.937 3.496 4.102 4.758 5.462 6.214 7.015 7.865 8.763 9.710 1.0.705 11.749 12.841 13.982 15.172 16.410 17.696 19.032 20.415 6 117 141 168 197 228 262 298 337 378 421 466 514 564 616 671 728 881 1.049 1.231 1.427 1.639 1.864 2.105 2.360 2.629 2.913 3.525 4.195 4.923 5.709 6.554 7.457 8.419 9.438 10.516 11.652 12.846 14.099 15.410 16.779 18.206 19.692 21.236 22.838 24.498 7 136 164 196 230 266 306 348 393 440 491 544 599 658 719 783 850 1.028 1.223 1.436 1.665 1.912 2.175 2.455 2.753 3.067 3.399 4.112 4.894 5.743 6.661 7.647 8.700 9.822 11.011 12.269 13.594 14.987 16.449 17.978 19.575 21.241 22.974 24.775 26.644 28.581 8 155 188 224 263 305 350 398 449 503 561 621 685 752 822 895 971 1.175 1.398 1.641 1.903 2.185 2.486 2.806 3.146 3.505 3.884 4.700 5.593 6.564 7.613 8.739 9.943 11.225 12.584 14.021 15.536 17.128 18.799 20.546 22.372 24.275 26.256 28.314 30.451 32.664 9 175 211 252 295 343 393 447 505 566 631 699 771 846 925 1.007 1.092 1.322 1.573 1.846 2.141 2.458 2.796 3.157 3.539 3.943 4.370 5.287 6.292 7.384 8.564 9.831 11.186 12.628 14.157 15.774 17.478 19.269 21.148 23.115 25.168 27.309 29.538 31.854 34.247 36.747 10 194 235 280 328 381 437 497 561 629 701 777 856 940 1.027 1.119 1.214 1.469 1.748 2.051 2.379 2.731 3.107 3.508 3.933 4.382 4.855 5.875 6.991 8.205 9.516 10.924 12.429 14.031 15.730 17.527 19.420 21.411 23.498 25.683 27.965 30.344 32.820 35.393 40.831 40.831

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

55

Nel seguito si indicher con APrd la perdita di carico distribuita espressa in Pa (o in mm c.a.), con APrdu la perdita di carico distribuita unitaria espressa in Pa/m (o in mm c.a./m), con APrc la perdita di carico concentrata espressa in Pa (o in mm c.a.). Esaminate le modalit con cui valutare i vari parametri che entrano in gioco nel dimensionamento delle tubazioni, necessario ricordare che tale dimensionamento va effettuato rispettando contemporaneamente i vincoli di seguito riportati.

A1) La velocit dell'acqua nelle tubazioni non deve superare all'incirca 1,5 m/s. Per velocit maggiori diventa significativa la rumorosit del fluido in moto ed aumentano troppo le perdite di carico. Dalle relazioni che vengono sviluppate dalle equazione generalizzata di Bernoulli, si nota infatti che sia le perdite distribuite che quelle concentrate aumentano con il quadrato della velocit del fluido, in quanto il coefficiente di attrito per flusso turbolento , con buona approssimazione, funzione della sola scabrezza relativa del condotto).

a2) La velocit non deve scendere al di sotto di 0,5 m/s nelle tubazioni principali e di 0,3 m/s per le derivazioni ai terminali, per evitare di avere tubazioni di diametro troppo grande (il che comporterebbe un inutile aumento dei costi d'impianto) e per consentire il trascinamento dell'aria nelle tubazioni.

b) Per le tubazioni principali la perdita di carico distribuita unitaria Aprdu deve essere mediamente compresa nell'intervallo 200 350 Pa/m (20 3 5 mm c.a./m), mentre per i tronchi secondari e per le diramazioni ai corpi scaldanti preferibile contenerne il valore nell'intervallo 100 350 Pa/m (1035 mm c.a./m), pur essendo talvolta necessario arrivare anche a perdite di 500 600 Pa/m (50 60 mm c.a./m) nei tronchi secondari per bilanciare i circuiti dal punto di vista idraulico. Per il dimensionamento delle tubazioni anche importante stabilire qual il circuito pi sfavorito, cio quello caratterizzato da maggiori perdite di carico. Il circuito pi sfavorito quasi sempre quello pi lungo, quindi quello che porta dal generatore di energia termica al corpo scaldante pi lontano (si noti, infatti, che prima di effettuare il dimensionamento non si conoscono le perdite di carico dei vari tratti e quindi non si pu sapere a rigore qual il circuito pi sfavorito. In definitiva, rispettando i suddetti vincoli a) e b) ed utilizzando le tabelle e le figure sopra descritte, come sintetizzato in 1) e 2), si effettua il dimensionamento delle tubazioni a partire dal circuito pi sfavorito e proseguendo poi con gli altri tratti di tubazione, la pompa di circolazione dovr quindi essere caratterizzata da una portata da veicolare pari alla somma delle portate da addurre ai singoli corpi scaldanti, e da una prevalenza pari, a meno di una maggiorazione prudenziale di circa il 10 %, proprio alla perdita di carico del

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

56

circuito pi sfavorito (non vanno pertanto sommate a questa le perdite degli altri tratti di tubazione). Riguardo ai tronchi di tubazione che non appartengono al circuito pi sfavorito e che, quindi, veicolano acqua verso corpi scaldanti diversi da quello pi lontano, il loro dimensionamento deve essere tale da consentire il passaggio della portata d'acqua di progetto, valutata a partire dalle portate addotte ai singoli corpi scaldanti; quindi, solo in prima approssimazione o per piccoli impianti tale dimensionamento si pu effettuare semplicemente rispettando i vincoli a) e b) relativi alle perdite di carico distribuite unitarie ed alle velocit consigliate, giacch la prevalenza della pompa, scelta per far s che arrivi acqua al corpo scaldante pi lontano, risulta in verit sovrabbondante per veicolare acqua agli altri corpi scaldanti, i circuiti in esame sono pertanto sbilanciati dal punto di vista idrico, nel senso che i tratti che non appartengono al circuito pi sfavorito hanno minori perdite di carico e quindi veicolano portate d'acqua maggiori di quelle di progetto, provocando ovviamente una riduzione, rispetto al valore calcolato in sede di progetto, della portata d'acqua veicolata verso il corpo scaldante pi lontano. In definitiva, quindi, un circuito in cui tutti i tronchi di tubazione fossero dimensionati con una perdita di carico distribuita unitaria all'incirca costante risulterebbe sbilanciato e quindi veicolerebbe portate d'acqua diverse da quelle calcolate (sovrabbondanti per i corpi scaldanti vicini alla pompa e scarse per i corpi lontani). Tale situazione risulta praticamente accettabile solo per piccoli impianti, poich in tal caso le differenze di perdite di carico e di portata rispetto ai valori calcolati sono ridotte e quindi accettabili. Man mano che si fa riferimento a circuiti pi grandi il suddetto sbilanciamento provoca variazioni di portata, rispetto a quelle di progetto, sempre pi consistenti, fino alla situazione in cui a qualche corpo scaldante non arriva proprio acqua (si pensi ai radiatori degli ultimi piani di edifici alti in cui i circuiti siano stati dimensionati male). Per ottenere un circuito bilanciato, dopo aver dimensionato il circuito pi sfavorito, si devono innanzitutto dimensionare i tratti di circuito pi favoriti (cio quelli che presumibilmente hanno perdite di carico minori, quindi quelli che veicolano acqua verso i corpi scaldanti pi vicini alla pompa) con perdite di carico distribuite unitarie maggiori rispetto al circuito pi sfavorito: a volte si rende necessario procedere per tentativi incrementando progressivamente le perdite di carico dei vari tratti, diminuendone il diametro; per tali tronchi d tubazione si pu arrivare anche fino a 600 Pa/m (60 mm c.a./m), sempre per verificando che la velocit non superi 1,5 m/s.

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

57

Distribuzione senza collettori complanari Questo tipo di circuito caratterizzato da una rete di tubazioni principali generalmente in acciaio per la mandata e per il ritorno, da cui si staccano i diversi tronchi secondari di alimentazione e di ritomo per i singoli corpi scaldanti; tali stacchi sono generalmente anch'essi in acciaio, installati in controsoffitto, o a vista, o sotto traccia a parete. Una tipica applicazione, frequentemente utilizzata negli anni passati in edifici multipiano, caratterizzata da montanti verticali ciascuna collegata ad uno o pi corpi scaldanti.

Distribuzione a collettori complanari (cassetta distributrice) Questo tipo di circuito caratterizzato da una rete di tubazioni principali generalmente in acciaio, per la mandata e per il ritorno, collegate a collettori complanari, ognuno dei quali in posizione pressoch baricentrica rispetto ai corpi scaldanti serviti; ciascuno di questi ultimi collegato al collettore mediante una tubazione di mandata ed una di ritorno, di solito in rame isolato flessibile installate al di sotto del pavimento. Le tubazioni in rame coibentato di diametro non superiore a 18 mm sono disponibili in rotoli, il che semplifica e migliora la realizzazione di curve e quindi la posa in opera. La regolazione delle portate d'acqua di alimentazione pu essere effettuata con valvole di regolazione, manuali o automatiche, installate sui singoli corpi scaldanti e/o sui collettori di distribuzione. In quest'ultimo caso si effettua una regolazione per zone e non per singoli corpi scaldanti. Dal punto di vista delle perdite di carico, la distribuzione a collettori complanari consente un migliore bilanciamento del circuito rispetto alla soluzione senza collettori complanari; in quest'ultimo caso infatti, soprattutto quando il numero di corpi scaldanti elevato e la rete di tubazioni particolarmente lunga, si verifica una notevole differenza di lunghezza, e quindi di perdite di carico, tra i percorsi relativi ai corpi scaldanti pi lontani dalla caldaia e quelli relativi ai corpi pi vicini. Tale inconveniente si riduce con la distribuzione a collettori complanari, data la posizione pressoch baricentrica di ciascun collettore rispetto ai corpi scaldanti serviti. Sebbene la distribuzione senza collettori complanari sia pi svantaggiosa dal punto di vista del bilanciamento delle perdite di carico, bene evidenziare che si tratta di una soluzione frequentemente adottata fino a pochi anni fa. Inoltre, anche attualmente, la distribuzione a collettori non e sempre realizzabile a causa di vincoli architettonici o strutturali: si pensi ad esempio all'eventuale impossibilit o non convenienza ad installare tubazioni al di sotto del pavimento.

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

58

Dimensionamento e bilanciamento della rete di tubazioni per acqua calda del tipo con colletori complanari Si supponga di voler dimensionare e bilanciare la rete di tubazioni in acciaio, per la mandata e per il ritorno, collegate a collettori complanari, ciascuno di elementi riscaldanti collegato al collettore mediante una tubazione di mandata ed una di ritorno, di solito in rame isolato flessibile installate al di sotto del pavimento, con acqua calda a 80 C e salto di temperatura pari a 10 C tra mandata e ritorno; le tubazioni sono caratterizzate da curve a 90. Si possono individuare le seguenti fasi della sequenza progettuale di dimensionamento, che rimane pressoch immutata per altri tipi di corpi scaldanti. 1. In base ai fabbisogni termici invernali calcolati locale per locale si ricavano i valori della potenzialit termica che ciascun radiatore deve fornire. 2. In base a considerazioni di tipo estetico e funzionale si sceglie il modello di radiatore da installare ed in base alle suddette potenzialit termiche si calcola il numero di elementi di ciascuno di essi (questa fase descritta in dettaglio anteriormente.

3.

Si calcola la portata d'acqua di alimentazione di ciascun radiatore, mediante la relazione: m = Q / c (tm -- tr).

in cui: m la portata massica di acqua, kg/s (kg/h); e il calore specifico dell'acqua, pari a 4,19 kJ/kg K (1 kcal/kg) tm la temperatura di mandata dell'acqua ai radiatori, C; tr la temperatura di ritorno dell'acqua dai radiatori, C.

4. Si valuta la perdita di carico concentrata di ciascun radiatore (in realt, solo per alcuni tipi di terminale, come i mobiletti ventilconvettori e gli aerotermi, si pu rilevare dai cataloghi tecnici la perdita di carico di ciascun terminale, a seconda della taglia e della portata d'acqua; nel caso dei radiatori, invece, data la trascurabile perdita di carico dei terminali e la carenza dei dati relativi sui cataloghi tecnici, si utilizza la tab.4.12, in cui si rileva un coefficiente per valutare quindi la perdita di carico di ciascun

pari a 3.0:
occorre

radiatore,

conoscere anche la velocit dell'acqua nella tubazione di alimentazione, per cui necessario aver preventivamente effettuato il dimensionamento di ciascun tratto, come riportato ai punti successivi).

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

59

5. Si effettua il dimensionamento delle tubazioni considerando i vincoli riportati sopra in a) e b) riguardo alle velocit ed alle perdite di carico consigliate, ricordando di considerare sia le tubazioni di mandata che quelle di ritorno (uguali, se le tubazioni di mandata sono parallele a quelle di ritorno); si comincia dal dimensionamento dei vari tratti del circuito pi sfavorito, in questo caso il tramo A I.

Tratto AB Caldaia BF FI

Portata L/h

Diam. pllici

Velocit m/s

Lungh. m

prdu Pa/m

prd Pa

prc Pa

ptotal= prd+prc Pa

p rmand + p rit Pa

349,1 349,1

3/4"

0,77

5 -

45 83 30

81 -

81 720

162 720 531,2 540

324 720 1062,4 1080

221,6 1/2" 63,73 3/8"

0,28 0,136

3,2 9

265,6 265,6 270 270

La tabella stata compilata in base alla seguente procedura: per il tratto AB lungo 1,8 m, in base alla portata di 349,13 l/h si rileva che il diametro pi idoneo per la tubazione il 3/4" (DN20), in corrispondenza del quale si ha una velocit dell'acqua di 0,251 m/s ed una perdita di carico distribuita unitaria Aprdu pari a 45 Pa/m (4,5 mm c.a./ m). La perdita di carico distribuita Aprd risulta quindi pari a 45 x 1,8 = 81 Pa. Qualora si fosse scelto, a parit di portata, un diametro maggiore, la perdita di carico unitaria sarebbe risultata troppo bassa e non rispondente quindi al criterio d cui al punto b). La perdita di carico totale della sola mandata si ottiene quindi sommando perdite distribuite e localizzate (per semplicit si calcolino solo le perdite di carico distribuite e si ritenga che, in prima approssimazione, le perdite concentrate complessivamente assumano lo stesso valore delle distribuite) (81 + 81 = 162 Pa); per considerare anche il corrispondente tratto di ritorno si moltiplica per due la Aptot e si ottengono 324 Pa. Per gli altri tratti (BF, FI) si procede analogamente al tratto AB. Si osservi che talvolta la velocit pu risultare inferiore a 0,5 m/s anche lungo il circuito principale (trattI BF, FI). Le perdite di carico localizzate sono relative a: tratto BF: due curve a 90; tratto FI: due curve a 90;

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 60 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

6. Per tratti di lunghezza ridotta consigliabile, per ridurre i costi di installazione, utilizzare le dimensioni del tratto immediatamente precedente o, in seconda battuta, di quello successivo. 7. Le perdite di carico complessive del circuito pi sfavorito AI assommano pertanto a 3186,4 Pa (318,64 mmc.a.). 8. Si effettua per tentativi il dimensionamento del tratto pi favorito BD, la cui perdita di carico deve essere quanto pi possibile simile a quella del tratto BI (1062,4 + 1080 = 2142,4 Pa) appartenente al circuito pi sfavorito AI (il punto B individuato dall'intersezione del tronco BD con il circuito pi sfavorito AI): in tal modo, i due circuiti AI ed AD, essendo il tratto AB in comune, avranno la stessa perdita di carico. Per effettuare il suddetto bilanciamento, essendo il tratto BI molto pi lungo di BD, si dovr scegliere per BD, come primo tentativo, una perdita distribuita unitaria ed una velocit maggiori di quelle scelte per i tratti di BI, secondo quanto detto in b).

Si c una perdita di carico complessiva che differisce da quella del tratto BI, il circuito non risulta perfettamente bilanciato: non si pu aumentare la perdita di carico del circuito pi favorito BD, n ridurre quelle del tratto BI del circuito pi sfavorito AI adottando diametri maggiori, in quanto le velocit sono gi abbastanza basse (non superiori a circa 0,6 m/s). L'unica soluzione sarebbe l'inserimento di una valvola di taratura sul tratto BD: considerando per i sovraccosti e le complicazioni impiantistiche che derivano dall'installazione di una o pi valvole di taratura, si ritiene che per l'esempio in esame si possa lasciare il circuito non perfettamente bilanciato. In pratica al radiatore D giunger una portata leggermente maggiore di quella di progetto, mentre a quello I una portata leggermente inferiore a quella di progetto; i valori di tali portate, e di quelle di tutti gli altri radiatori, sono corrispondenti ad un perfetto bilanciamento del circuito, ma differiscono dai valori di progetto.

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

61

9.

Si effettua per tentativi, in modo analogo bilanciamento di tutti gli altri tratti:
prdu Pa/m prd Pa prc Pa ptotal= prd+prc Pa p rmand + p rit Pa

Tratto BC CD

Portata L/h

Diam. Velocit m/s pllici

Lungh. m

127,46 63,73

3/8" 3/8"

0,25 0,13

0,5 2,2

93 30

46,5 66

46,5 66

93 132

186 264

Tratto FG

Portata L/h

Diam. Velocit m/s pllici

Lungh. m

prdu Pa/m

prd Pa

prc Pa

ptotal= prd+prc Pa

p rmand + p rit Pa

12,28

3/8"

0,13

1,3

30

39

39

78

156

Tratto FH

Portata L/h

Diam. Velocit m/s pllici

Lungh. m

prdu Pa/m

prd Pa

prc Pa

ptotal= prd+prc Pa

p rmand + p rit Pa

6,14

3/8"

0,13

2,34

30

70,2

70,2

140,4

280,8

Tratto FJ

Portata L/h

Diam. Velocit m/s pllici

Lungh. m

prdu Pa/m

prd Pa

prc Pa

ptotal= prd+prc Pa

p rmand + p rit Pa

63,73

3/8"

0,13

8,3

30

249

249

498

996

Tratto FK

Portata L/h

Diam. Velocit m/s pllici

Lungh. m

prdu Pa/m

prd Pa

prc Pa

ptotal= prd+prc Pa

p rmand + p rit Pa

75,79

3/8"

0,153

4,5

36

162

162

324

648

10. Si effettua la scelta della pompa utilizzando i cataloghi tecnici delle case costruttrici, considerando che la portata d'acqua la somma delle portate addotte ai vari radiatori (circa 349,1 l/h) e la prevalenza deve essere uguale alla perdita di carico del solo circuito pi sfavorito AI (3186,4 Pa), con una maggiorazione prudenziale del 10 %, che fornisce circa 3500Pa (350 mm c.a. = 0.35 mc.a.).

Portate = 349,1 l/h Prevalenza =3186,4Pa

chusoII PARTE: DIMENSIONAMIENTO DI UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A RADIATORI 62 JOAQUIN PENA_JESUS RAMOS

Pianta di distribuzioni