Sei sulla pagina 1di 180

UNIVERSIT

`
A DEGLI STUDI DI TRIESTE
FACOLT
`
A DI INGEGNERIA
Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile
16 ottobre 2010 ver 1.0.1
Appunti del corso di
Costruzioni in Acciaio I
Docente:
Prof. Ing. Claudio Amadio
Enrico Bergamo
info@enricobergamo.com
Marco Fasan
mcfz@live.it
Indice
Introduzione i
1 Il materiale 1
1.1 Propriet`a chimiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Processo produttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2.1 Lavorazione dellacciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2.2 Propriet`a meccaniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.2.3 Prove di laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2.4 Propriet`a chimiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2 Sicurezza strutturale (NTC 2008, EC3) 13
2.1 Approccio probabilistico alla valutazione della sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.1.1 Stati limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.1.2 Metodo semiprobabilistico agli stati limite (metodi di I

livello) . . . . . . . . . . 14
2.2 Azioni sulle strutture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.2.1 Combinazioni delle azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.3 Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
2.3.1 Propriet`a dei materiali per acciai laminati a caldo . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3 Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3) 21
3.1 Classicazione delle sezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3.1.1 Classicazione secondo NTC 2008, EC3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.2 Propriet`a ecaci per sezioni trasversali di classe IV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
3.3 Veriche agli S.L.U. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
3.3.1 Tipi di analisi previste per le veriche agli S.L.U. . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
3.4 Resistenza delle membrature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
3.4.1 Trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
3.4.2 Compressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
3.4.3 Flessione semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
3.4.4 Taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
5
3.4.5 Flessione e Taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.4.6 Flessione e Forza assiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.5 Linstabilit`a delle membrature (cenni) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.5.1 Verica dellinstabilit`a per elementi compressi (NTC 2008-EC3) . . . . . . . . . 39
3.5.2 Verica dellinstabilit`a per elementi inessi (NTC 2008-EC3) . . . . . . . . . . . 39
3.6 Stati limite di esercizio, veriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.6.1 Controllo degli spostamenti verticali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.6.2 Stato limite di vibrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4 La Fatica 43
4.1 Curve di Wohler e Limite di resistenza a fatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
4.2 La rottura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
4.2.1 Fasi del danneggiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
4.2.2 Cause . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
4.3 Veriche relative alla fatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
4.3.1 CNR 10011-88 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
4.4 Prove a fatica con carichi variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
5 Unioni chiodate 63
6 Unioni bullonate 65
6.1 Classicazione dei bulloni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
6.2 Geometria dei bulloni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
6.3 Serraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
6.4 Stato limite ultimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
6.4.1 Unioni a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
6.4.2 Unioni a trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
6.4.3 Unioni a taglio e trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
6.5 Stato limite di esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
6.5.1 Unioni a taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
6.5.2 Unioni a trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
6.5.3 Unioni a taglio e trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
6.6 Eetti delle caratteristiche di sollecitazione e veriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
6.6.1 Sollecitazione di taglio e torsione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
6.7 Categorie di collegamenti bullonati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
6.8 Distribuzione delle forze fra i dispositivi di giunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
6.9 Detrazione dellarea dei fori per dispositivi di giunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
6.10 Membrature soggette a trazione assiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
7 Unioni saldate 89
7.1 Generalit`a delle unioni saldate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
7.1.1 Procedimenti di saldatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
7.1.2 Classicazioni delle saldature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
7.1.3 Difettosit`a delle saldature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
7.1.4 Particolari imposizioni normative (CNR 10011) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
7.2.1 La trazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
7.2.2 La essione e il taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
7.2.3 La torsione e il taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
7.3 Resistenza e verica delle unioni saldate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
7.3.1 Unioni a completa penetrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
7.3.2 Giunti con cordoni dangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
8 Giunzioni 111
8.1 Classicazione dei giunti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
8.1.1 Giunti intermedi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
8.1.2 Giunti di estremit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
8.2 Modellazione dei giunti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
8.2.1 Giunti a cerniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
8.2.2 Giunti angiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
8.2.3 Giunti tesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
8.2.4 Giunti compressi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
8.2.5 Giunti trave-colonna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
8.2.6 Veriche su un incastro a ange . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
8.2.7 Nodi di travature reticolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
8.2.8 Collegamento di fondazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
Introduzione
Gli appunti riportati in questo testo sono una sintesi di quanto esposto nellambito del corso di Costruzioni
in Acciaio 1 tenuto dal Prof. Ing. Claudio Amadio.
Buona parte di illustrazioni e testi sono tratti dal libro Strutture in Acciaio di Giulio Ballio e Fede-
rico M. Mazzolani (Hoepli) e dal testo Progettare Costruzioni in Acciaio di Giulio Ballio e Claudio
Bernuzzi (Hoepli).
Si `e cercato di riportare in modo quanto pi`u fedele possibile i concetti espressi durante le lezioni e di
integrarli con le formule di calcolo che si possono ritrovare nelle Norme Tecniche per le Costruzioni D.M.
14/01/2008.
Data la particolare dinamicit`a con cui si modicano i piani di studio abbiamo ritenuto opportuno mettere
a disposizione i les sorgenti di questa dispensa, in modo da agevolarne laggiornamento. Larchivio `e
disponibile al seguente indirizzo internet: http://www.enricobergamo.com/dispensaacciaio1.zip
La numerazione della versione `e da intendersi come segue:
ver si one . modi f i che . cor r ezi oni
Es.:
1 . 0 . 1
dove per versione si intende una completa e sostanziale rivisitazione dei capitoli con importanti aggiunte;
per modica, integrazioni e aggiunte di argomenti di completamento ai vari capitoli e per correzioni,
piccoli interventi su errori di stampa o di leggibilit`a.
i
1
Il materiale
1.1 Propriet`a chimiche
Il ferro allo stato puro non trova applicazioni nelle costruzioni. Esso risulta molto duttile e malleabile.
Con il termine acciaio si intendono particolari leghe ferro-carbonio che si distinguono in due grandi
categorie:
ghisa, per valori di carbonio superiori all1,7%;
acciaio, per tenori di carbonio inferiori. Si distinguono, inoltre, acciai:
extra-dolci, per C < 0,15%, comunemente denominati ferro;
dolci, per C = 0,15 0,25 %;
semiduri, per C = 0,25 0,50 %;
duri, per C = 0,5 0,75 %;
durissimi, per C > 0,75 %;
Figura 1.1: Perlite
Il carbonio pu`o presentarsi sotto forma di:
grate Ghise grigie;
cementite Acciai, Ghisa bianca;
Negli acciai da costruzione, dove 0, 1 %C 0, 3, la ce-
mentite si trova in forma lamellare, con lamelle di cemen-
tite alternate a lamelle di ferrite. Questa particolare con-
gurazione prende il nome di perlite. Questa viene ottenu-
ta dalla trasformazione diretta dellaustenite, per rareddamen-
to al di sotto del punto critico A1 (temperatura di 727

, sot-
to la quale laustenite non `e pi`u stabile e tende a trasfor-
marsi in una struttura stabile come la ferrite e/o la perli-
te).
La percentuale di carbonio inuenza notevolmente la resistenza e la deformabilit`a dellacciaio. In
generale allaumentare di questa percentuale si nota un aumento di resistenza a fronte di una perdita di
1
Il materiale
duttilit`a e saldabilit`a.
Altri elementi aggiunti possono modicare diverse propriet`a degli acciai: la presenza di manganese
in percentuali inferiori all1, 5% e silicio in percentuali inferiori allo 0, 6% permettono di ottenere acciai
saldabili di elevata resistenza e basso contenuto di carbonio.
Elementi come lo zolfo e il fosforo (gi`a presenti nel minerale e nel coke
1
) sono molto dannosi in quanto,
se presenti in percentuali superiori allo 0, 05%, riducono la saldabilit`a e rendono fragile il materiale.
Con luso di altri elementi `e possibile ottenere leghe con diverse propriet`a siche. Ne elenchiamo solo
alcuni:
Acciai al nichel: quello pi`u comune ha un tenore di nichel del 36% ed `e noto anche come acciaio
INVAR, perche ha un coeciente di dilatazione termica estremamente ridotto.
Acciai al manganese: il manganese aumenta la penetrazione della tempra negli acciai, ma diminui-
sce la resilienza rendendoli pi`u fragili se non si usano opportune precauzioni durante il trattamento
termico di rinvenimento. Aumenta in generale la durezza e la resistenza allusura.
Acciai al cobalto: non si ossida e viene aggiunto in ogni momento. Il solo elemento che aumenta
la velocit`a critica e quindi diminuisce la penetrazione della tempra. Rende pi`u stabile la martensite
quindi rende meno sensibile la lega al rinvenimento. La lavorabilit`a a caldo `e ridotta.
...
1.2 Processo produttivo
Estrazione dei minerali
Figura 1.2: Altoforno
Lestrazione dei materiali ferrosi dalle cave o dalle miniere prevede la fran-
tumazione del minerale estratto, il lavaggio e il vaglio di quanto ottenuto
mediante separazione magnetica o gravitazionale. Il materiale `e pronto per
la fusione in altoforno.
Produzione della ghisa grezza
La prima fase di ossidoriduzione consente di ottenere la ghisa detta di al-
toforno, caratterizzata da tenori di carbonio molto alti (3, 5% < %C <
5, 0%).
La lavorazione inizia con la preparazione della cosiddetta carica, ossia un
composto di minerale ferroso, coke e calcare. Il passo successivo consiste
nellintrodurla nella bocca dellaltoforno, posta alla sua cima, con monta-
carichi a piano inclinato. Allinterno, laria calda proveniente dal Cowper
2
surriscalda il coke, che diventa subito incandescente grazie allossigeno in esso contenuto. Grazie alla
1
Il coke `e utilizzato come combustibile e come agente riducente nei forni fusori dei minerali metalliferi. Quello ottenuto
come residuo dei processi di ranazione del petrolio pu`o assomigliare a quello proveniente dal carbone, ma contiene troppe
impurit`a per essere utilizzato in applicazioni metallurgiche.
2
Impianto che permette di recuperare il calore dei gas in uscita dallaltoforno per il riscaldamento dellaria da insuare
nellaltoforno stesso.
2
1.2 Processo produttivo
formazione di monossido di carbonio (CO) avviene la seguente reazione: FeO+CO Fe +CO
2
, ossia
si separa lossigeno dal ferro presente nei minerali caricati.
Una successiva fase di anazione della ghisa consente di eliminare gran parte del carbonio, del silicio,
del manganese e dello zolfo. In questa fase di ossidazione della ghisa allo stato liquido possono essere
impiegati anche rottami o scarti di ocina. Per questa lavorazione si utilizzano forni Martin Siemens,
forni ad arco elettrico, convertitori Bressemer o Thomas e convertitori ad ossigeno. Il processo termina
con un ultima disossidazione che permette di ridurre il contenuto di ossigeno che porterebbe ad avere
acciai eervescenti e fragili. Lacciaio liquido viene poi colato e tagliato in lingotti.
1.2.1 Lavorazione dellacciaio
Le lavorazioni che si vanno ad eettuare sullacciaio nella fase di produzione al ne di ottenere prodotti
per le costruzioni sono:
Laminazione: eseguita a freddo o a caldo, consente di ottenere i prolati e le lamiere da carpenteria;
Fusione: consiste nel getto dellacciaio fuso in stampi;
Fucinatura: per ottenere elementi particolari (piastre di appoggio, ganci, ecc).
Nelle costruzioni si adoperano principalmente prodotti laminati sia a caldo che a freddo; vale dunque la
pena approfondire il funzionamento di questi due processi di lavorazione.
Laminazione a caldo
Figura 1.3: Tensioni residue nei laminati a caldo
Nella laminazione a caldo i lingotti vengono riscaldati ad
una temperatura di circa 1250

C e fatti passare attra-


verso una serie di cilindri contrapposti ruotanti in senso
inverso rispetto al verso di marcia del pezzo.
Prima di ottenere il prodotto nale sono necessari molti
passaggi che vanno ad intervenire sul reticolo cristal-
lino del materiale. Con i vari passaggi si ottiene un
anamento della grana, leliminazione delle soature
presenti ed il miglioramento delle propriet`a meccaniche
e deformative.
Si viene per`o a perdere lisotropia e si introducono del-
le tensioni nel materiale dovute al rareddamento non
contemporaneo delle parti pi`u periferiche rispetto a quel-
le interne. Lentit`a delle tensioni residue cos` generate
dipende dai legami tensioni-deformazioni del materiale
al variare della temperatura. Essa `e condizionata, inol-
tre, dalla conducibilit`a termica k, dal calore specico c,
dal coeciente di dilatazione termica e dal peso specico .
Laminazione a freddo
Con la laminazione a freddo si producono lamiere di spessore minore, che non sarebbero ottenibili con la
laminazione a caldo.
3
Il materiale
Anche in questo caso sono presenti delle tensioni residue, che saranno di compressione in supercie e di
trazione nellinterno delle lamiere. Lorigine di queste tensioni `e da imputarsi, anche in questo caso, ad un
rareddamento non omogeneo ed al processo di lavorazione che vede la tendenza delle zone superciali
ad allungarsi, rispetto al centro del materiale che non viene deformato. Il processo, infatti, provoca un
incrudimento del materiale ed un aumento della sua durezza (eetto combinato della trazione del nastro
e della compressione dei rulli). Segue poi una ricottura atta ad aumentare la lavorabilit`a del pezzo ed una
ulteriore laminazione, utile ad eliminare le deformazioni formatesi in ricottura.
Trattamenti termici
Per essere utilizzati nelle costruzioni o in ambito industriale gli acciai, una volta laminati, devono essere
sottoposti a trattamenti termici che ne aumentino le prestazioni in termini di resistenza, duttilit`a, salda-
bilit`a, resilienza, ecc.
I trattamenti termici pi`u comunemente utilizzati sono:
ricottura: si tratta di un riscaldamento a temperatura elevata seguito da un lento rareddamento
che rende omogenea la matrice del materiale e ne aumenta la lavorabilit`a;
normalizzazione: `e una ricottura ad una temperatura tale da ottenere una completa trasformazione
in acciaio austenitico (900

C - 950

C). Vengono a formarsi ferrite e perlite a grana ne che
garantiscono ottime propriet`a meccaniche. Annulla qualunque trattamento termico precedente;
distensione: riscaldamento a temperatura relativamente bassa per eliminare le tensioni residue;
tempra: riscaldamento no a temperatura di completa austenizzazione seguita da un rapido raf-
freddamento ad aria od olio. Si ottiene un prodotto molto duro ma fragile ricoperto di uno strato
di martensite;
rinvenimento: riscaldamento a temperatura poco elevata di un acciaio temprato allo scopo di
attenuare la durezza ed aumentare la duttilit`a;
bonica: si tratta di un trattamento termico che combina la tempra col rinvenimento.
cementazione: consiste nel riscaldare lacciaio a contatto con sostanze solide, liquide o gassose
in grado di cedergli carbonio.

E un trattamento superciale applicato specialmente nei campi
dellingegneria meccanica per conferire maggiore resistenza allusura.
1.2.2 Propriet`a meccaniche
Riassumiamo in una tabella le principali propriet`a dellacciaio da carpenteria metallica.
Simbolo Valore
Peso specico 7876
kg
m
3
Modulo elastico E 2, 1 10
6 kgf
cm
2
2, 1 10
5 N
mm
2
[MPa]
Tensione di rottura
a trazione f
t
Fe 360: 360 460
Fe 430: 430 530
N
mm
2
Fe 510: 510 610
4
1.2 Processo produttivo
Tensione di
snervamento f
y
Fe 360: 235
Fe 430: 275
N
mm
2
Fe 510: 355
Conducibilit`a termica k 0, 113
cal
cmsC

Coeciente di dilatazione
lineare 12, 5 10
6
/C

1.2.3 Prove di laboratorio


Prova di trazione
La prova completa di trazione consente di determinare diversi parametri del materiale e viene applicata a
provini le cui forme sono dedotte dalle UNI 556. Le informazioni che questa prova consente di ottenere
sono:
tensione di rottura;
tensione di snervamento;
allungamento percentuale a rottura;
tipo di rottura;
limite di proporzionalit`a;
limite di elasticit`a;
modulo elastico.
Il provino
3
, sottoposto ad uno stato di sollecitazione monoassiale, presenta un comportamento come
quello schematizzato in gura 1.5. Si distinguono diversi comportamenti allaumentare delle deformazioni:
tratto OP: il legame `e lineare ed individuato dal modulo di elasticit`a normale (modulo di
Young) E =

. Questo tratto termina con una tensione superiore f


0
, detta anche tensione limite
di proporzionalit`a
4
;
tratto PE: in questo secondo tratto il comportamento si mostra ancora elastico, ma non pi`u lineare
e viene denito dal modulo istantaneo (tangente) E
t
=
d
d
. La tensione limite superiore di questo
campo viene detta tensione limite di elasticit`a
5
;
tratto ES: il comportamento non `e pi`u elastico, per cui scaricando il provino si nota una discesa
rettilinea e parallela al tratto iniziale OP che termina con una deformazione residua
r
;
tratto SI: a partire dal valore f
y
gli acciai extra-dolci presentano il fenomeno dello snervamento,
che si manifesta con un allungamento spontaneo senza incrementi di tensione;
3
dagli acciai extra-dolci a quelli semi-duri
4
quando lo snervamento non si mostra marcato questa tensione si ssa convenzionalmente allo 0,01% di deformazione
5
quando lo snervamento non si mostra marcato questa tensione si ssa convenzionalmente allo 0,02% di deformazione
5
Il materiale
Figura 1.4: Caratteristiche degli acciai da costruzione
6
1.2 Processo produttivo
tratto IR: a snervamento esaurito il materiale presenta una ripresa di resistenza dovuta al fenomeno
dellincrudimento, no al valore f
t
della tensione di rottura.
tratto RF: il diagramma decresce per assestarsi sul valore di deformazione ultima
t
, detto allun-
gamento a rottura, in corrispondenza del quale il provino si rompe. Landamento decrescente del
diagramma `e solo apparente, in quanto a causa della contrazione laterale del provino, lo stato
tensionale non `e pi`u monoassiale ed il fenomeno della strizione prevale sullincrudimento.
Figura 1.5: Legame costitutivo
Lallungamento percentuale a rottura si calcola su lunghezze diverse a seconda del provino che si `e
sottoposto alla prova di trazione
6
:
l
0
= 5 se il provino `e circolare;
l
0
= 5, 65

A
0
per laminati (UNI 556).
Lallungamento `e calcolato come:
A% =
l
l
0
100 (1.1)
La prova completa di trazione pu`o essere eseguita a temperature diverse allo scopo di fornire la
variabilit`a delle caratteristiche meccaniche con la temperatura. Questi dati interessano il comportamento
delle strutture alle alte temperature ed il problema della resistenza al fuoco
7
.
Prova di compressione globale
Importata dagli USA e denominata stub column test, si eettua su prolati di dimensioni opportune (tali
da evitare uninstabilit`a precoce) ed `e utile alla valutazione dellinuenza delle tensioni residue e della non
omogenea distribuzione dello snervamento lungo la sezione trasversale. Questi fattori, infatti, giocano
un ruolo degradante sulla resistenza a compressione dei prolati.
6
in quanto laumento percentuale di lunghezza misurato sul provino a cavallo della sezione ove si `e vericata la rottura,
varia al variare della lunghezza della base di misura a causa della presenza della strizione che rende lallungamento specico
variabile lungo lasse del provino.
7
un esempio: si osserva, per un Fe 600, che a partire da una temperatura di 200

C tende a scomparire il fenomeno
dello snervamento e le curve presentano un andamento continuo.
7
Il materiale
Prova di durezza
Le prove di durezza vengono eettuate con appositi apparecchi che si dierenziano principalmente per la
forma del penetratore (Brinnel, Vickers, Rockwell ) e sono basate sulla misura del diametro dellimpronta
di penetrazione nel provino di una sfera di acciaio sottoposta ad un carico F per un certo intervallo di
tempo.
La durezza Brinnel `e calcolata con la formula:
HB =
2F
d(d

d
2
d
2
0
)
[N/mm
2
]
dove d `e il diametro della sfera e d
0
il diametro dellimpronta.
Figura 1.6: Prova di durezza
Prova di resilienza
Figura 1.7: Prova di resilienza
La prova di resilienza `e utile a determinare la tenacit`a di un ac-
ciaio, intesa come resistenza alla rottura fragile. Si eettua con
il pendolo di Charpy ed un provino provvisto di intagli unicati. Il
meccanismo di funzionamento `e il seguente: un apposito martello
viene lasciato cadere da unaltezza h
0
, lurto rompe il provino e la
massa battente risale no ad unaltezza h.
La quantit`a h
0
h `e proporzionale allenergia di rottura della pro-
vetta che, rapportata allarea di rottura fornisce per denizione il
valore della resilienza, che di norma viene espressa in Nm cm
2
.
Eseguendo prove di resilienza a varie temperature, si pu`o osservare
che esiste una temperatura detta temperatura di transizione T

,
al di sotto della quale la resilienza si riduce a valori estremamente
bassi, considerati inammissibili. La temperatura di transizione di-
pende strettamente dalla composizione chimica dellacciaio. Ope-
rando sul contenuto di carbonio e manganese si possono ottenere temperature di transizione no a -35

C.
Le norme impongono valori minimi di 27J su provino unicato di 0, 8cm
2
di sezione con intaglio a V (tipo
KV) alle temperature di +20

C, 0

C e -20

C.
Si pu`o vericare che la rottura fragile perviene anche per limpossibilit`a delle tensioni tangenziali di
raggiungere il valore critico sul piano pi`u favorevolmente orientato (rottura per decoesione).
8
1.2 Processo produttivo
1.2.4 Propriet`a chimiche
Saldabilit`a
Il procedimento di saldatura venne impiegato n dallinizio del secolo scorso per ovviare agli inconvenienti
connessi alluso dei chiodi. Ogni processo di saldatura comporta la fusione locale del materiale base,
il raggiungimento di alte temperature in zone limitrofe e un rapido rareddamento e ritiro che
inducono profonde modicazioni di carattere chimico, sico e tensionale.
I fenomeni metallurgici sono essenzialmente due: la solidicazione del materiale fuso nelle varie passate
di saldatura ed il trattamento termico della zona di materiale base circostante il cordone di saldatura.
La saldatura `e caratterizzata da piccole masse di metallo portate rapidamente in fusione e rapidamente
rareddate per eetto dellassorbimento di calore da parte del metallo circostante. Si tratta quindi di ci-
cli termici con elevata velocit`a di rareddamento, che possono provocare eetti simili a quelli della tempra.
In generale `e richiesta:
lassenza di cricche a caldo;
la non eccessiva durezza;
che non si manifesti la tendenza alla rottura fragile.
La norma prevede di escludere gli acciai eervescenti e identica tre gradi di saldabilit`a:
C P S
B 0, 24% 0, 055% 0, 055%
C 0, 22% 0, 050% 0, 050%
D 0, 22% 0, 045% 0, 045%
e ssa un limite di resilienza per tutti i tipi di acciaio
8
a dierenti temperature:
B +20

C
C 0

C 27J
D -20

C
Nella carpenteria si esclude il grado B in quanto la temperatura di 20

C alla quale vengono richiesti 27
J di resilienza KV non `e sucientemente bassa per coprire il campo di temperature al quale `e sottoposta
un opera civile. La temperatura minima alla quale lacciaio di un opera di una struttura saldata pu`o essere
utilizzato deve essere stimata sulla base della temperatura alla quale lacciaio garantisce una resilienza KV
maggiore a 27 J. Per spessori maggiori a 40 mm pu`o essere opportuno attenersi a temperature inferiori
a quella di esercizio, mentre per spessori di circa 10 mm la temperatura pu`o essere innalzata no a 30

C a discrezione del progettista.


8
Fe 360, Fe 430, Fe 510
9
Il materiale
Corrosione
Figura 1.8: Acciaio COR-TEN
La corrosione si presenta in diverse forme che sono legate sia al tipo di
materiale che al tipo di ambiente. Essa pu`o denirsi come un fenomeno
di alterazione del materiale causato da aggressione chimica o elettro-
chimica della supercie.
Essa pu`o essere di due tipi:
corrosione per solubilizzazione: il processo corrosivo necessita
che sulla supercie del materiale sia presente acqua (allo stato
liquido o di vapore);
corrosione elettrochimica: le cause che portano a questo tipo
di corrosione possono essere dierenze di potenziale, dierenze di
costituzione, inclusioni o dierenti concentrazioni dellelettrolita.
Lentit`a del fenomeno corrosivo dipende dal tipo di acciaio e da-
gli elementi che vengono aggiunti al ne di migliorarne le caratteristiche
chimiche: basse percentuali di carbonio rendono il materiale pi`u aggredi-
bile mentre rame, nichel, cromo e vanadio contribuiscono alla creazione
di uno strato superciale uniforme e compatto che lo rende molto pi`u
resistente
9
.
La protezione che si pu`o attuare per proteggere i metalli dalla corrosione `e di due tipi:
passiva: mediante verniciatura o zincatura;
attiva: es. protezione catodica (tubazioni).
Zincatura
Al ne di proteggere mediante zincatura, il pezzo deve subire dei trattamenti atti a predisporre un buon
supporto. La supercie va dapprima sgrassata con lausilio di solventi; segue poi una fase di pulitura a
mano o meccanica; vengono poi eettuate la sammatura, la spazzolatura e la sabbiatura (con sabbia
silicea e graniglia di acciaio); lultima fase prima della verniciatura `e il decapaggio che prevede limmer-
sione in vasche con acido cloridrico o acido solforico caldo (questultimo `e un passaggio indispensabile
per la zincatura a caldo).
La zincatura pu`o essere fatta in quattro modi:
a caldo: prevede limmersione in zinco fuso tenuto mediamente alla temperatura di 455 gradi;
in questa fase lo zinco, oltre a ricoprire lacciaio, entra anche in lega con lo strato superciale
conferendo resistenza meccanica e il giusto grip al materiale trattato;
elettrolitica: il materiale `e immerso in una soluzione contenente sali di zinco e viene creato un
passaggio di corrente tra il pezzo e la soluzione che fa depositare lo zinco metallico sulla supercie
del pezzo stesso;
9
vedi lacciaio COR-TEN: acciaio basso legato con 0,2-0,5% di rame, 0,5-1,5% di cromo, 0,02-0,04% di fosforo e 0,4%
di nichel con resistenze di snervamento no a 580 MPa.
10
1.2 Processo produttivo
a freddo: viene applicata come una normale vernice di fondo con il potere antiossidante sempre
legato allazione galvanica dello zinco;
a spruzzo (proiezione): consiste nello spruzzare lo zinco fuso, nemente polverizzato, sulla super-
cie dellacciaio preventivamente sabbiato a metallo bianco. La caratteristica dello zinco `e quella
di formare un lm denso ed aderente che ha una bassissima velocit`a di corrosione.
Lo zinco ha un potenziale pi`u elettronegativo (meno nobile) dellacciaio, quindi, in caso di rotture o po-
rosit`a del lm protettivo, esso stesso diventa lanodo sacricale nella corrosione elettrolitica e si consuma.
Lo spessore degli strati che si vengono a formare `e quanticato in 50m per il processo a spruzzo e
pu`o essere paragonato ad una quantit`a di zinco pari a 350
g
m
2
, mentre nel processo a caldo la quantit`a
depositata `e circa di 450 600
g
m
2
. La perdita di peso che annualmente coinvolge le strutture dipende
dallambiente di esposizione e pu`o essere quanticata in:
Atmosfera industriale 45 60
g
m
2
Atmosfera urbana 21 30
g
m
2
Atmosfera marina 18 36
g
m
2
Atmosfera extra-urbana 6 12
g
m
2
Protezione catodica
Per le strutture interrate (come i serbatoi) linnesco del processo di corrosione `e dovuto alla presenza di
correnti vaganti dovute a impianti che usano il terreno come conduttore o a fenomeni naturali.
Un metodo per proteggere queste strutture `e, oltre alla protezione passiva, quello della protezione cato-
dica.
Si creano delle correnti impresse I
P
molto pi`u forti delle correnti di corrosione I
C
in modo da annullare
leetto di queste ultime e quindi la corrosione del materiale protetto (catodo).

E ovvio che per evitare forti correnti di protezione e quindi una eventuale F.e.M., `e meglio proteggere il
metallo in modo passivo (I
C
basse). In questo modo `e il dispersore ad essere corroso e quindi ad essere
sostituito dopo un certo periodo di tempo.
11
Il materiale
12
2
Sicurezza strutturale (NTC 2008, EC3)
2.1 Approccio probabilistico alla valutazione della sicurezza
La valutazione dei margini di sicurezza di una costruzione `e legata al grado di conoscenza dei fattori che
regolano la meccanica strutturale. Lo stato delle conoscenze dei fenomeni che interessano il sistema `e
sempre inevitabilmente incompleto o noto con incertezza e quindi aetto da aleatoriet`a. Il calcolo delle
probabilit`a `e una disciplina nata allo scopo di rendere matematicamente quanticabile lo stato di cono-
scenze limitato relativo a un certo fenomeno di interesse. In altre parole, la teoria delle probabilit`a non
fa altro che tradurre in un linguaggio matematico (e quindi codicato) la ducia che si ha sullesito di un
certo fenomeno sulla base di quanto si `e in grado di descriverlo in tutti i suoi aspetti. In questo contesto
la sicurezza strutturale assume, attraverso il concetto di adabilit`a, una denizione quantitativa.
Si pu`o dire che ladabilit`a R(T) di un sistema `e la probabilit`a che la sua missione sia portata a termine
con successo nellintervallo di tempo di interesse (0,T).
Ladabilit`a R(T) di una strutture `e la probabilit`a che essa sia funzionante, secondo i criteri stabiliti,
al tempo T.
La probabilit`a di collasso P
f
`e il complemento a uno delladabilit`a. Esprime il rischio del raggiungi-
mento di una situazione per cui la struttura non garantisce pi`u le prestazioni richieste.
P
f
= 1 R(T) = 1 P
r
(sopr avvi venza al tempo T) (2.1)
Lobiettivo della sicurezza strutturale `e il controllo della probabilit`a di collasso per una struttura nuova
o la sua valutazione per una struttura esistente.
2.1.1 Stati limite
Si denisce stato limite una situazione a partire dalla quale una struttura, o una delle sue parti, cessa
di assolvere alla funzione alla quale era destinata e per la quale era stata progettata e costruita. Il
superamento di uno stato limite corrisponde ad una perdita di funzionalit`a da parte della struttura.
Si distingue tra:
Stati Limite Ultimi (SLU): la perdita di funzionalit`a `e associata ad una vera e propria perdita
della capacit`a portante (locale o globale) della struttura, che in genere pu`o mettere in pericolo la
sicurezza delle persone o comportare la perdita di beni, provocare gravi danni ambientali e sociali,
mettere fuori servizio lopera;
13
Sicurezza strutturale (NTC 2008, EC3)
Stati Limite di Esercizio o servizio (SLE): la perdita di funzionalit`a corrisponde a un mancato
soddisfacimento di prescritti requisiti di esercizio. Pu`o avere carattere reversibile o irreversibile.
In sintesi la verica della sicurezza in senso probabilistico pu`o essere sintetizzata in:
a) denizione dello stato limite nei confronti del quale ci si vuole cautelare;
b) valutazione della corrispondente probabilit`a di insuccesso o collasso P
f
;
c) verica che la probabilit`a di insuccesso sia sucientemente piccola da poter essere accettata ovvero
inferiore a un pressato valore P

f
.
P
f
P

f
(2.2)
2.1.2 Metodo semiprobabilistico agli stati limite (metodi di I

livello)
Il funzionamento delle strutture `e regolato da enti che, per motivi diversi, non sono noti con certezza, o
per meglio dire, sono noti con incertezza (azioni, propriet`a dei materiali ecc..). Tutte queste grandezze
sono rappresentabili da variabili aleatorie (VA) grandezze che, pur essendo determinate, non sono note
allo stato delle conoscenze del progettista.
Lincertezza sul valore di ciascuna variabile aleatoria si pu`o caratterizzare attraverso la cosiddetta funzione
distribuzione cumulata (CDF), che si indica spesso come F(x). Essa `e una funzione che associa a ogni
possibile valore della variabile X la probabilit`a che essa assuma valore inferiore a x:
F(x
1
) = P
r
(x x
1
) (2.3)
(con la lettera minuscola si indica un particolare valore possibile della variabile aleatoria e come tale
esso prende anche il nome di realizzazione della VA).
Unaltra funzione che spesso si usa per caratterizzare una variabile aleatoria `e la funzione densit`a di
probabilit`a (PDF) che si indica come f(x).
`
E la derivata della CDF.
La PDF, moltiplicata per linnitesimo dx, associa a ogni specico valore x la probabilit`a che X sia com-
presa tra x e x + dx.
Larea sottesa dalla f(x) alla sinistra di x corrisponde a F(x).
Nota la funzione di densit`a di probabilit`a f(x) della sollecitazione S e della resistenza R (g. 2.1), la
normativa opera nel seguente modo:
S
d
=
f
S
k

R
k

mj
= R
d
(2.4)
I due termini R
d
e S
d
sono detti valori di progetto (design) di resistenza e sollecitazione. I coecienti

mj
e
f
sono detti coecienti parziali di sicurezza, il primo tiene conto delle incertezze sulla conoscenza
delle caratteristiche del materiale, il secondo, applicato ai carichi, tiene conto della possibilit`a di variazioni
sfavorevoli delle azioni, della poca accuratezza del modello delle azioni (sisma, vento ecc..) e dellincer-
tezza nella valutazione degli eetti delle azioni stesse. I valori di
mj
per lacciaio sono riportati in tabella
2.1 come deniti dalla NTC 2008.
In genere i valori nominali delle variabili (detti valori caratteristici) corrispondono ai frattili 5% e 95%
rispettivamente per le resistenze (o in generale per le grandezze che operano a favore di sicurezza) e per
14
2.2 Azioni sulle strutture
Figura 2.1: Calibrazione valori di progetto e caratteristici
Tabella 2.1: Valori dei coecienti di sicurezza per le membrature e stabilit`a
Resistenza delle sezioni di classe 1-2-3-4
m0
= 1,05
Resistenza allinstabilit`a delle membrature
m1
= 1,05
Resistenza allinstabilit`a delle membrature di ponti stradali e ferroviari
m1
= 1,10
Resistenza, nei riguardi della frattura, delle sezioni tese (indebolite dai fori)
m2
= 1,25
le azioni (o in generale per quelle che operano a sfavore di sicurezza). I valori di progetto si riferiscono a
frattili di circa un ordine di grandezza inferiore (rispettivamente circa 0.5% e 99.5%).
Denendo P
r
= P(R S) la probabilit`a di rovina, si ha che le NTC 2008 come lEC3 sono tarati
in modo che:
S.L.U.: P
r
= 10
5
per costruzioni normali e P
r
= 10
6
per costruzioni strategiche;
S.L.E.: P
r
= 10
2
per costruzioni normali e P
r
= 10
3
per costruzioni strategiche.
Questi valori della Probabilit`a di rovina corrispondono a periodi di ritorno T:
S.L.U.: T = 10 20 T
s
;
S.L.E.: T = 0.2 0.5 T
s
.
Dove T
s
rappresenta il tempo di vita attesa della struttura (normalmente 50 anni).
2.2 Azioni sulle strutture
Per quanto riguarda le azioni da utilizzare nelle veriche agli stati limite esse si classicano:
a) secondo la modalit`a di applicazione:
15
Sicurezza strutturale (NTC 2008, EC3)
- dirette (da forze o carichi);
- indirette (da spostamenti o deformazioni imposte);
- da degrado (da alterazioni delle propriet`a dei materiali).
b) secondo la modalit`a di risposta nella struttura:
- statiche (non provocano accelerazioni);
- dinamiche (provocano accelerazioni);
- pseudo-statiche (dinamiche ma rappresentabili da forze statiche equivalenti).
c) secondo la variazione dintensit`a nel tempo:
- azioni permanenti (G, g) quelle che agiscono durante tutta la vita nominale della costruzione
e la cui variazione di intensit`a `e tale da poterle considerare costanti (ad es. pesi propri,
spostamenti dierenziali, ecc..);
- azioni variabili (Q, q) quelle che hanno valori istantanei che possono variare signicativamente
nel tempo. Tali azioni si dicono di lunga durata se agiscono per un tempo non trascurabile
rispetto alla vita nominale della struttura; di breve durata altrimenti;
- azioni eccezionali (A) quelle che si vericano solo eccezionalmente nel corso della vita nominale
(per esempio incendi, esplosioni, impatti, ecc.);
- azioni sismiche
1
(E) quelle derivanti dai terremoti.
2.2.1 Combinazioni delle azioni
Le combinazioni delle azioni permanenti e variabili ai ni delle veriche degli stati limite sono, facendo
riferimento alle NTC 2008, le seguenti:
Combinazione fondamentale, generalmente impiegata per gli stati limite ultimi (SLU)
2
:
F
d
=
m

j =1

Gj
G
kj
+
Q1
Q
k1
+
n

i =2

Q1

0i
Q
ki
; (2.5)
Combinazione caratteristica (rara), generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE)
irreversibili
3
:
F
d
=
m

j =1
G
kj
+ Q
k1
+
n

i =2

0i
Q
ki
; (2.6)
1
nellEC3 le azioni sismiche vengono incluse nelle azioni eccezionali (A)
2
lEC3 prevede, per gli edici comuni, che questa possa essere sostituita da:
F
d
=

m
j =1
G
kj
+
Q1
Q
k1
considerando lazione variabile pi`u sfavorevole;
F
d
=

m
j =1
G
kj
+ 0, 9

m
i =1

Q1
Q
ki
considerando tutte le azioni variabili sfavorevoli;
3
lEC3 prevede, per gli edici comuni, che questa possa essere sostituita da:
F
d
=

m
j =1
G
kj
+ Q
k1
considerando lazione variabile pi`u sfavolevole;
F
d
=

m
j =1
G
kj
+ 0, 9

m
i =1
Q
ki
considerando tutte le azioni variabili sfavorevoli;
16
2.2 Azioni sulle strutture
Combinazione frequente, generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE) reversibili:
F
d
=
m

j =1
G
kj
+
11
Q
k1
+
n

i =2

2i
Q
ki
; (2.7)
Combinazione quasi permanente (SLE), generalmente impiegata per gli eetti a lungo termine
(nelle strutture miste acciaio-cls per tener conto del ritiro e della viscosit`a):
F
d
=
m

j =1
G
kj
+
n

i =1

2i
Q
ki
; (2.8)
Combinazione sismica, impiegata per gli stati limite ultimi e di esercizio connessi allazione sismica
E:
F
d
= E +
m

j =1
G
kj
+
n

i =1

2i
Q
ki
; (2.9)
Combinazione eccezionale, impiegata per gli stati limite ultimi connessi alle azioni eccezionali di
progetto A
d
:
F
d
=
m

j =1
G
kj
+ A
d
+
n

i =1

2i
Q
ki
; (2.10)
Nelle combinazioni i coecienti i
i j
sono coecienti parziali amplicativi dei carichi e i
i j
sono
coecienti di combinazione che servono tenere conto della probabilit`a di accadimento contemporaneo di
azioni di diversa natura.
Con Q
k1
si indica lazione variabile dominante e con Q
k2
, Q
k3
ecc. azioni variabili che possono agire
contemporaneamente a quella dominante. I valori dei coecienti i
i j
da assumere per la determinazione
degli eetti delle azioni nelle veriche agli SLU sono riportati nella tabella 2.2.
Tabella 2.2: Coecienti parziali per le azioni o per leetto delle azioni nelle veriche SLU
coeciente
Carichi permanenti
favorevoli

G1
1,00
sfavorevoli 1,30
Carichi permanenti non strutturali
favorevoli

G2
0,00
sfavorevoli 1,50
Carichi variabili
favorevoli

Qi
0,00
sfavorevoli 1,50
Le azioni variabili Q
kj
vengono combinate con i coecienti di combinazione
i j
e i cui valori sono
forniti nella tabella 2.3.
Il valore caratteristico di unazione variabile Q
k
`e il valore corrispondente a un frattile relativo al 95
% della popolazione dei massimi, in relazione al periodo di riferimento dellazione variabile stessa.
Con riferimento alla durata percentuale relativa ai livelli di intensit`a dellazione variabile, si deniscono:
17
Sicurezza strutturale (NTC 2008, EC3)
Tabella 2.3: Valori dei coecienti di combinazione
Categoria/Azione variabile
0j

1j

2j
Categoria A Ambienti ad uso residenziale 0.7 0.5 0.3
Categoria B Uci 0.7 0.5 0.3
Categoria C Ambienti suscettibili di aollamento 0.7 0.7 0.6
Categoria D Ambienti ad uso commerciale 0.7 0.7 0.6
Categoria E Biblioteche, archivi, magazzini e ambienti ad uso industriale 1.0 0.9 0.8
Categoria F Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso 30 kN) 0,7 0,7 0,6
Categoria G Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso > 30 kN) 0,7 0,5 0,3
Categoria H Coperture 0,0 0,0 0,0
Vento 0,6 0,2 0,0
Neve (a quota 1000 m s.l.m.) 0,5 0,2 0,0
Neve (a quota > 1000 m s.l.m.) 0,7 0,5 0,2
Variazioni termiche 0,6 0,5 0,0
valore raro (o di combinazione)
0j
Q
kj
: il valore di durata breve ma ancora signicativa nei riguardi
della possibile concomitanza con azioni variabili;
valore frequente
1j
Q
kj
: il valore corrispondente al frattile 95 % della distribuzione temporale
dellintensit`a e cio`e che `e superato per una limitata frazione del periodo di riferimento;
valore quasi permanente
2j
Q
kj
: la media della distribuzione temporale dellintensit`a.
2.3 Materiali
2.3.1 Propriet`a dei materiali per acciai laminati a caldo
Per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte si dovranno utilizzare acciai conformi
alle norme armonizzate della serie UNI EN 10025 (per i laminati), UNI EN 10210 (per i tubi senza salda-
tura) e UNI EN 10219-1 (per i tubi saldati), recanti la Marcatura CE.
In sede di progettazione si possono assumere convenzionalmente i seguenti valori nominali delle propriet`a
del materiale:
modulo elastico E = 210.000 N/mm
2
modulo di elasticita trasversale G = E / [2 (1 + ] Nmm
2
coeciente di Poisson = 0,3
coeciente di espansione termica lineare = 12 x 10
6
per

C
1
densit`a = 7850 kg/m
3
Sempre in sede di progettazione, per gli acciai di cui alle norme europee EN 10025, EN 10210 ed EN
10219-1, si possono assumere nei calcoli i valori nominali delle tensioni caratteristiche di snervamento f
yk
e di rottura f
tk
riportati nella g. 2.2.
Per poter eettuare unanalisi plastica devono essere poi vericate le seguenti condizioni (Speciche
per acciai da carpenteria in zona sismica NTC 2008):
18
2.3 Materiali
Figura 2.2
per gli acciai da carpenteria il rapporto fra i valori caratteristici della tensione di rottura f
tk
(nominale)
e la tensione di snervamento f
yk
(nominale) deve essere maggiore di 1,20 e lallungamento a rottura
A
5
, misurato su provino standard, deve essere non inferiore al 20% (condizioni soddisfatte dalle EN
10025);
Per le veriche di resilienza (come da EC3) sono previsti tre gradi di acciaio (B,C,D), nella tabella
2.3 sono forniti per ogni grado, temperatura minima di servizio e condizione di servizio (S
1
non saldati
o saldati con
t
< 0.2
y
e S
2
saldati con
t
< 0.67
y
) i valori massimi degli spessori degli elementi
strutturali.
Figura 2.3: Spessori massimi per elementi strutturali
19
Sicurezza strutturale (NTC 2008, EC3)
20
3
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008,
EC3)
3.1 Classicazione delle sezioni
Le sezioni delle membrature semplici, laminate e saldate, in acciaio sono costituite dallassemblaggio di
elementi piani, alcuni posizionati internamente (anime dei proli a I, anime e agie dei proli scatolari),
altri esternamente (angie di proli a I). Quando gli elementi componenti sono relativamente sottili il
loro comportamento `e fortemente inuenzato dalle parti compresse e possono instabilizzare localmente
(la dimensione delle semionde che caratterizzano la congurazione deformata del prolo `e comparabile
con le dimensioni trasversali della sezione dellelemento) limitando la capacit`a portante e la resistenza
essionale del prolato. Per evitare tale fenomeno `e necessario impiegare prolati le cui parti elementari
siano caratterizzate da un rapporto b/t (larghezza/spessore) sucientemente basso. Lanima pu`o infatti
essere vista come una lastra indenita, appoggiata su ambo i lati e lala come una lastra appoggiata su
un lato solo (g. 3.1).
Figura 3.1
Linstabilit`a in campo elastico `e retta dalla relazione:

cr
= k

2
E
12(1
2
)

t
b

2
(3.1)
Dove K

`e il coeciente di imbozzamento che tiene conto dei vincoli esterni, della distribuzione degli
sforzi e del rapporto L/b.
21
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
3.1.1 Classicazione secondo NTC 2008, EC3
Ogni componente compressa che realizza la sezione trasversale ha una classe di appartenenza che inuenza
la scelta del modello di rappresentazione nella fase di dimensionamento. La classe di appartenenza della
sezione trasversale `e funzione della sua capacit`a rotazionale C

denita come (g. 3.2):


C

=

r

y
1 (3.2)
essendo
r
e
y
le curvature corrispondenti rispettivamente al raggiungimento della deformazione
ultima ed allo snervamento. Si distinguono le seguenti classi di sezioni:
classe I Raggiungono il momento resistente plastico M
p
con una buona capacit`a rotazionale, in grado di
garantire le richieste di un calcolo a rottura. Possono generalmente classicarsi come tali le sezioni
con capacit`a rotazionale C

3(tutti i proli IPE, HE);


classe II Raggiungono M
p
con una limitata capacit`a rotazionale a causa dei fenomeni di instabilit`a locale che
sopravvengono in fase plastica; Possono generalmente classicarsi come tali le sezioni con capacit`a
rotazionale C

1, 5 (proli saldati);
classe III Quando nella sezione le tensioni calcolate nelle bre estreme compresse superano la tensione di
snervamento ma linstabilit`a locale impedisce lo sviluppo del momento resistente plastico;
classe IV Non permettono il raggiungimento del momento elastico a causa di prematuri fenomeni di instabilit`a
(proli sottili).
Come gi`a detto un prolo viene classicato di classe tre se dopo aver raggiunto f
y
instabilizza, di
conseguenza per sezioni di questo tipo si ha
cr
= f
y
. Introducendo la snellezza adimensionale del
pannello

p
=

f
y
/
cr
si ha:

p
=

f
y

cr
= 1, 05

b
t

f
y
E k

(3.3)
Ne consegue che una sezione di classe III dovr`a avere una snellezza

p
1. Sostituendo tale valore
in 3.3 si ha (considerando che per le anima compresse k

= 4):
b
t

1
1.05

E k

f
y
=
b
t
39.5

235
f
y
= 39.5 con =

235
f
y
(3.4)
Denendo il valore della snellezza limite per le classi di sezioni, la normativa fornisce delle relazioni
per b/t sia per lanima che per lala al variare del tipo di sollecitazione (compressione, essione, pres-
soessione)(g. 3.3, 3.4, 3.5). In questo modo si pu`o classicare il singolo prolo in relazione alla sua
forma e al processo di produzione (laminato o saldato). In particolare la sezione viene classicata in
base della classe della componente meno favorevole (classe pi`u alta). LEC3 (come le NTC) assume per
lanima compressa:
-

3
= 0.7 = b/t 42 ;
-

2
= 0.6 = b/t 38 ;
-

1
= 0.5 = b/t 33 ;
Questi valori risultano pi`u bassi rispetto a quelli teorici perche corretti in modo da considerare le
imperfezioni geometriche e le tensioni residue.
22
3.1 Classicazione delle sezioni
Figura 3.2: Classicazione delle sezioni secondo NTC 2008, EC3
23
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
Figura 3.3: Massimi rapporti b/t per parti compresse
24
3.1 Classicazione delle sezioni
Figura 3.4: Massimi rapporti b/t per parti compresse
Figura 3.5: Massimi rapporti b/t per parti compresse
25
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
3.2 Propriet`a ecaci per sezioni trasversali di classe IV
Per gli elementi di sezioni inesse o compresse, quando la snellezza

p
> 0.673 la sezione si presenta
gi`a instabilizzata, di conseguenza per valutare la resistenza devo andare a considerare le risorse in campo
post-critico della stessa. Le sezioni di classe IV vengono quindi penalizzate introducendo il concetto di
larghezza ecace b
ef f
. Infatti, come si vede in g. 3.6 e g. 3.7 le bre pi`u vicine ai vincoli tendono a
non instabilizzare, a dierenza del resto della sezione. Una volta determinata larea ecace della sezione,
la tratto come un prolo di classe III.
Figura 3.6: Sezioni trasversali di classe IV, forza
assiale Figura 3.7: Sezioni trasversali di classe IV, momento
ettente
La larghezza ecace `e denita come b
ef f
=

b, dove `e il coeciente di riduzione che tiene


conto dellinstabilit`a della lastra e

b `e la larghezza pertinente del pannello.

b e uguale a h
w
per i pannelli
danima, alla larghezza b della piattabanda per le piattabande interne, a b-3t
f
per le piattabande delle
sezioni rettangolari cave di spessore t
f
ed `e uguale alla lunghezza c dello sbalzo per le piattabande o le ali
irrigidite da un solo lato. Il valore del coeciente di riduzione `e dato da (Istruzioni NTC 2008, relazioni
che derivano dalla formula della
cr
)
1
:
Nel caso di pannelli irrigiditi su entrambi i lati longitudinali:
= 1 per

p
0.673 (3.7)
=

p
0.055(3 + )

2
p
per

p
> 0.673 (3.8)
Nel caso di pannelli irrigiditi su un solo lato longitudinale:
= 1 per

p
0.748 (3.9)
1
lEC3 fornisce ununica relazione per entrambi i casi:
= 1 per

p
0.673 (3.5)
=

p
0.22

2
p
per

p
> 0.673 (3.6)
26
3.3 Veriche agli S.L.U.
=

p
0.188

2
p
per

p
> 0.748 (3.10)
Dove:

p
=

f
y

cr
=

b
28.4 t

(3.11)
`e uguale al rapporto fra le tensioni ai bordi del pannello, essendo
1
la tensione di compressione
massima in valore assoluto si ha:
=

1

2
(3.12)
Il coeciente di imbozzamento k

dipende da e dalle condizioni di vincolo ed `e fornito in g. 3.8


per gli elementi compressi interni e in g. 3.9 per gli elementi compressi sporgenti.
3.3 Veriche agli S.L.U.
Gli stati limite ultimi sono quelli associati al collasso o ad altre forme di cedimento strutturale che possono
mettere in pericolo la sicurezza delle persone. Il collasso in generale pu`o avvenire per:
Collasso per raggiunta resistenza o deformazione (limite elastico, capacit`a plastica, formazione di
meccanismo)
Collasso per perdita di stabilit`a della struttura o di una parte di essa (verica di stabilit`a essionale,
tensionale, ecc..)
Perdita di equilibrio della struttura o di una sua parte, considerata come corpo rigido (verica al
ribaltamento)
3.3.1 Tipi di analisi previste per le veriche agli S.L.U.
Stato limite elastico della sezione
a) si deniscono le azioni di progetto F
d
;
b) si calcolano mediante analisi elastica le sollecitazioni di progetto S
d
: (M
d
, T
d
, N
d
);
c) si verica che S
d
R
d
(oppure
i d
(S
d
) f
d
= f
k
/
m
con R
d
calcolata al limite elastico.
Con tale metodo di verica `e possibile operare nello spazio delle sollecitazioni vericando che S(
f
, F
k
)
R(f
k
,
m
) o nello spazio delle tensioni, in questo caso il prodotto
g

m
`e prossimo al coeciente di
sicurezza del metodo delle tensioni ammissibili. Il metodo pu`o applicarsi a tutte le classi di sezioni, con
lavvertenza di riferirsi al metodo delle sezioni ecaci nel caso di sezioni di classe IV.
27
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
Figura 3.8: Larghezza ecace di pannelli compressi con entrambi i bordi longitudinali irrigiditi
Stato limite plastico della sezione
Questo calcolo `e possibile quando le sezioni e i collegamenti consentono di superare il limite elastico e
raggiungere il limite plastico senza che prima intervengano fenomeni di instabilit`a (locale).
Fasi di calcolo:
a) si deniscono le azioni di calcolo F
d
;
b) si calcolano mediante un analisi elastica le caratteristiche della sollecitazione di progetto S
d
:
(M
d
, T
d
, N
d
);
c) si valuta R
d
considerando un comportamento di tipo elastico-perfettamente plastico nella
sezione pi`u sollecitata;
d) si verica che S
d
R
d
.
28
3.3 Veriche agli S.L.U.
Figura 3.9: Larghezza ecace di pannelli compressi con un solo bordo longitudinale irrigidito
29
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
Il metodo pu`o applicarsi solo a sezioni di tipo compatto, cio`e di classe I e II.
N.B.: non sono possibili ridistribuzioni degli sforzi nella struttura ma solo delle tensioni nella sezione.
Stato limite di collasso plastico della struttura - Formazione di meccanismo
Questo calcolo `e possibile quando le sezioni, i collegamenti o il tipo di struttura (a nodi ssi) consentono
una ridistribuzione delle sollecitazioni nella struttura senza che prima intervengano fenomeni di instabilit`a.
E quindi richiesta una pressata duttilit`a nelle sezioni e nei collegamenti.
Fasi di calcolo:
a) si deniscono le azioni di calcolo F
d
;
b) si calcolano le caratteristiche della sollecitazione di progetto S
d
: (M
d
, T
d
, N
d
);
c) si valuta R
d
(f
d
) nelle sezioni maggiormente sollecitate;
d) calcolo il moltiplicatore di carico in corrispondenza del collasso;
e) verico che 1;
Al posto del calcolo a collasso plastico della struttura posso anche fare un calcolo elastico con una
ridistribuzione dei momenti pari al 15%, si pu`o quindi fare unanalisi elastica purch`e il momento non superi
1,15M
pl
/
m
(questo perch`e ci sono delle riserve di resistenza plastiche).
Il metodo pu`o applicarsi solo a sezioni di tipo compatto di classe I.
Figura 3.10
30
3.3 Veriche agli S.L.U.
Esempio di calcolo calcolo a collasso:
Consideriamo una trave incastrata-incastrata ed incrementiamo il carico distribuito no a giungere al
collasso della struttura. Supponiamo per semplicit`a che la struttura sia simmetrica, sezione simmetrica
e materiale duttile a comportamento simmetrico (g. 3.11).
Chiamiamo il moltiplicare del carico distribuito q ( 1).
Passo 1:
gura 3.11
Figura 3.11: Calcolo plastico a rottura passo 1
Passo 2:
Quando il momento negativo massimo raggiunge il valore di M
pl
, la struttura perviene al limite elastico
e si raggiunge la plasticizzazione delle sezioni dincastro (g. 3.12); il moltiplicatore di carico viene
chiamato
1
, moltiplicatore al limite elastico. Ricordiamo inoltre che:
M
pl
= Momento Pl asti co del l a sezi one = W
pl
f
y
(3.13)
Dove W
pl
`e il modulo resistente plastico della sezione, pari a 2 volte il momento statico valutato rispetto
allasse baricentrico. Il modulo resistente plastico pu`o anche essere calcolato come:
W
pl
= W
el
con = f attor e di f or ma = W
pl
/W
el
(3.14)
W
el
`e al solito il modulo di resistenza elastico (W
el
= J/y
max
)
Passo 3:
Se ora si aumenta il carico per
1
, la sezione di incastro non pu`o pi`u riprendere momento e inizia
a ruotare - vedi legame costitutivo: si `e formata una cerniera plastica; Da questo momento in poi, per
ogni ulteriore incremento di carico la trave si comporta come una trave in semplice appoggio (g. 3.13.
31
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
Figura 3.12: Calcolo plastico a rottura passo 2
Figura 3.13: Calcolo plastico a rottura passo 3
Passo 4:
Si pu`o incrementare il carico no a quando non si ha la terza cerniera plastica, con formazione di un
meccanismo di collasso (3 cerniere allineate); il moltiplicatore trovato
2
viene denito moltiplicatore di
collasso (g. 3.14).
Analisi non lineare
`
E possibile, assumendo come S.L.U. quello di collasso della struttura, eettuare unanalisi non lineare al
passo mediante codici di calcolo opportuni che permettono di determinare il carico di collasso tenendo
conto anche degli eetti del 2

ordine.
32
3.3 Veriche agli S.L.U.
Figura 3.14: Calcolo plastico a rottura passo 4
33
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
3.4 Resistenza delle membrature
Per la verica delle travi la resistenza di calcolo da considerare dipende dalla classicazione delle sezioni.
La verica in campo elastico `e ammessa per tutti i tipi di sezione, con lavvertenza di tener conto degli
eetti di instabilit`a locale per le sezioni di classe IV.
Le veriche in campo elastico, per gli stati di sforzo piani tipici delle travi, si eseguono con riferimento al
seguente criterio:

i d
=

2
x
+
2
y

x

y
+ 3
2
xy
f
d
=
f
yk

m0
(3.15)
La verica in campo plastico richiede che si determini una distribuzione di tensioni interne staticamente
ammissibile, cio`e in equilibrio con le sollecitazioni applicate (N, M, T, ecc.) e rispettosa della condizione
di plasticit`a. I modelli resistenti esposti nei paragra seguenti deniscono la resistenza delle sezioni delle
membrature nei confronti delle sollecitazioni interne, agenti separatamente o contemporaneamente.
3.4.1 Trazione
Il dimensionamento di massima di elementi soggetti ad uno sforzo di trazione N `e molto semplice: basta
introdurre una sezione con unarea minima:
A
mi n
=
N
f
yd
(3.16)
Lazione assiale di calcolo N
Ed
deve rispettare la seguente condizione:
N
Ed
N
t,Rd
(r esi stenza di pr ogetto a tr azi one) (3.17)
dove la resistenza di calcolo a trazione N
t,Rd
di membrature con sezioni indebolite da fori per
collegamenti bullonati o chiodati deve essere assunta pari al minore dei valori seguenti:
a) la resistenza plastica della sezione lorda, A:
N
pl ,Rd
=
A f
yk

m0
(3.18)
b) la resistenza a rottura della sezione netta, A
net
, in corrispondenza dei fori per i collegamenti:
N
u,Rd
=
0, 9 A f
tk

m2
(3.19)
Nel caso di elementi collegati simmetricamente e con fori non sfalsati, larea netta si calcola sempli-
cemente detraendo dallarea della sezione perpendicolare allasse dellelemento, larea di tutti i fori che
giacciono nel piano della sezione stessa.
Qualora il progetto preveda la gerarchia delle resistenze, come avviene in presenza di azioni sismiche, la
resistenza plastica della sezione lorda, N
pl ,Rd
, deve risultare minore della resistenza a rottura delle sezioni
indebolite dai fori per i collegamenti, N
u,Rd
(comportamento duttile).
N
pl ,Rd
N
u,Rd
=
0, 9 A
net
A

f
yk
f
tk


m2

m0
(3.20)
34
3.4 Resistenza delle membrature
3.4.2 Compressione
Un elemento `e considerato compresso se `e soggetto ad azione assiale centrata oppure se `e pressoinesso
e leccentricit`a `e comunque estremamente modesta. Nella pratica progettuale leccentricit`a si considera
trascurabile se non eccede 1/1000 della lunghezza dellelemento stesso.
La forza di compressione di calcolo N
Ed
deve rispettare la seguente condizione:
N
Ed
N
c,Rd
(3.21)
dove la resistenza di calcolo a compressione della sezione N
c,Rd
vale:
per le sezioni di classe I, II e III:
N
c,Rd
=
A f
yk

m0
(3.22)
per le sezioni di classe IV:
N
c,Rd
=
A
ef f
f
yk

m1
(3.23)
Lo stato di sollecitazione di compressione semplice `e sempre associato al fenomeno dellinstabilit`a.
La verica di resistenza deve essere quindi sempre accompagnata dalla verica di stabilit`a. La verica di
resistenza in s`e `e signicativa solo per elementi tozzi.
3.4.3 Flessione semplice
Il momento ettente di calcolo M
Ed
deve rispettare la seguente condizione:
M
Ed
M
c,Rd
(3.24)
dove la resistenza di calcolo a essione retta della sezione M
c,Rd
si valuta tenendo conto della presenza
di eventuali fori in zona tesa per collegamenti bullonati o chiodati. La resistenza di calcolo a essione
retta della sezione M
c,Rd
vale:
per le sezioni di classe 1 e 2 si eettua lanalisi platica:
M
c,Rd
=
W
pl
f
yk

m0
(3.25)
per le sezioni di classe 3 lanalisi elastica:
M
c,Rd
=
W
el
f
yk

m0
(3.26)
per le sezioni di classe 4 lanalisi elastica relativa alla sezione ecace:
M
c,Rd
=
W
ef f
f
yk

m1
con W
ef f
= J
n,ef f
/y
max
(3.27)
Posso, andando a favore di sicurezza, eettuare unanalisi elastica anche per le sezioni di classe 1 e
2.
35
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
3.4.4 Taglio
Il valore di calcolo dellazione tagliante V
Ed
deve rispettare la condizione:
V
Ed
V
pl ,Rd
(3.28)
dove la resistenza a taglio plastica di progetto V
pl ,Rd
in assenza di torsione, vale:
V
pl ,Rd
=
A
v
f
yk

3
m0
(3.29)
dove A
v
`e larea resistente a taglio, diversa per ogni tipo di sezione (Per prolati ad I e ad H caricati
nel piano dellanima `e per esempio: A
v
= A 2 b t
f
+ (t
w
+ 2r ) t
f
);
La verica a taglio della sezione pu`o anche essere condotta in termini tensionali (analisi elastica) nel
punto pi`u sollecitato della sezione trasversale utilizzando la formula (teoria di Jouwrasky):

max
=
V
sd
S
y,max
J
y


f
yk

3
m0
(3.30)
Deve inoltre essere vericata la resistenza allinstabilit`a per taglio. Per unanima non irrigidita questa non
va vericata se:
d
t
w
69 (3.31)
3.4.5 Flessione e Taglio
Se il taglio di calcolo V
Ed
`e inferiore a met`a della resistenza di calcolo a taglio V
c,Rd
:
V
Ed
0, 5V
c,Rd
(3.32)
si pu`o trascurare linuenza del taglio sulla resistenza a essione, eccetto nei casi in cui linstabilit`a
per taglio riduca la resistenza a essione della sezione.
Se il taglio di calcolo V
Ed
`e superiore a met`a della resistenza di calcolo a taglio V
c,Rd
bisogna tener conto
dellinuenza del taglio sulla resistenza a essione. Posto:
=

2V
Ed
V
c,Rd
1

2
(3.33)
la resistenza a essione si determina assumendo per larea resistente a taglio A
v
la tensione di
snervamento ridotta (1 )f
yk
. Dovr`a quindi essere vericato che:
M
Ed
(1 ) M
c,Rd
(3.34)
Con M
c,Rd
calcolato come sopra nel caso di essione e dierenti classi di sezione.
Posso altrimenti eettuare unanalisi elastica assumendo il criterio di Huber:

i d
=

2
+ 3
2

f
yk

m0
(3.35)
con:
=
M
Ed
J
y
z e =
V
Ed
S
y,max
J
y

(3.36)
36
3.5 Linstabilit`a delle membrature (cenni)
3.4.6 Flessione e Forza assiale
Per sezioni di classe 1 e 2 in assenza di taglio si eettua la verica a essione con un momento plastico
di progetto ridotto dallo sforzo normale N
Ed
:
M
Ed
M
N,Rd
con M
N,Rd
= M
pl ,Rd

N
Ed
N
pl ,Rd

(3.37)
ci`o equivale ad applicare il criterio di resistenza:
M
Ed
M
pl ,Rd
+

N
Ed
N
pl ,Rd

2
1 (3.38)
Per sezioni di classe 3 il criterio da applicare `e di tipo elastico ed `e una sovrapposizione degli eetti
(EC3):
N
Ed
A f
yd
+
M
y,Ed
W
el ,y
f
yd
+
M
z,Ed
W
el ,z
f
yd
1 (3.39)
con:
f
yd
=
f
y

m0
, My, Ed = momento sul l

asse f or te Mz, Ed = momento sul l

asse debol e (3.40)


Per sezioni di classe 4 il criterio da applicare `e di tipo elastico ed `e una sovrapposizione degli eetti
(EC3) dove si crea un momento aggiuntivo a causa dellinstabilit`a delle parti non ecaci che sposta il
baricentro creando una eccentricit`a:
N
Ed
A
ef f
f
yd
+
M
y,Ed
+ N
Ed
e
ny
W
ef f ,y
f
yd
+
M
z,Ed
+ N
Ed
e
nz
W
ef f ,z
f
yd
1 (3.41)
3.5 Linstabilit`a delle membrature (cenni)
Per il generico elemento compresso, nellipotesi che non siano presenti imperfezioni e che sia realizzato da
un materiale avente legame costitutivo elastico-lineare (asta ideale o di Eulero), esiste un valore del carico,
denito carico critico elastico, N
cr
, che attiva il fenomeno dellinstabilit`a dellelemento. Generalmente
la verica a instabilit`a `e sempre la pi`u penalizzante.
N
cr
=

2
EJ
l
2
0
(3.42)
con l
0
lunghezza libera di inessione (g. 3.15).
Se si tiene conto solo della limitata resistenza del materiale f
y
e si trascura linuenza delle imper-
fezioni meccaniche e geometriche: il dominio di resistenza di unasta compressa nel piano `e dato
dallintersezione tra liperbole di Eulero (che individua il collasso per instabilit`a) e la retta = f
y
(collasso
plastico)(g. 3.16). Quando il punto rappresentativo dello stato tensionale dellelemento sta allinterno
di tale dominio non si ha collasso.
Il punto P di intersezione tra le due curve (retta = f
y
ed iperbole di Eulero) denisce il limite di
snellezza
y
al limite di proporzionalit`a superato il quale
y
si ha collasso per instabilit`a (snellezza a
cui corrisponde un carico critico euleriano
cr
pari alla resistenza a compressione semplice del materiale
f
y
).
37
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
Figura 3.15: Determinazione delle lunghezze libere di inessione in funzione dello schema statico
Figura 3.16: Iperbole di eulero per aste ideali
Figura 3.17: Andamento della snellezza per aste reali
N
cr
=

2
EJ
l
2
0
=

2
E A
2
mi n
l
2
0
=

2
EA

2
=
cr
=

2
E

2
= f
y
=
y
=

E
f
y
(3.43)
Nel caso di aste reali (industriali), la presenza di imperfezioni meccaniche e geometriche condiziona
fortemente la capacit`a portante nel campo delle medie snellezze. La tensione di collasso delle aste con
grandi snellezze
e
`e ancora determinata dalla legge di Eulero mentre la tensione limite delle aste
tozze < 0, 2
y
`e pari al limite plastico del materiale. Il punto di inessione della curva che descrive
il comportamento delle aste reali determina il limite delle medie snellezze (g. 3.17). Le aste con medie
snellezze collassano per instabilit`a elasto-plastica: quando lelemento instabilizza alcune bre della sezio-
ne trasversale hanno gi`a raggiunto lo snervamento (lo stato tensionale non `e uniforme allinterno della
sezione): il carico limite (critico) non `e pi`u funzione della sola snellezza ma dipende anche dalla distribu-
zione delle tensioni residue e dalla non linearit`a dellasse dellelemento nella congurazione indeformata.
38
3.5 Linstabilit`a delle membrature (cenni)
A seguito delle imperfezioni geometriche iniziali, che si possono schematizzare con uneccentricit`a iniziale
del carico di compressione, lasta risulta pressoinessa.
La risposta dellasta, in termini di relazione forza-spostamento trasversale, inizialmente coincide con quel-
la dellelemento ideale con imperfezione iniziale (il materiale `e in campo elastico). Raggiunto a livello
locale il valore della tensione limite (snervamento) si ha un decremento di rigidezza associato ad un valore
ridotto (o nullo) del modulo elastico del materiale nelle zone della sezione sollecitate in campo plastico.
Il valore del carico N
u
< N
cr
corrisponde al raggiungimento della resistenza massima dellelemento.
La verica dellelemento compresso viene eettuata controllando che il valore della tensione non ecceda
un valore limite (inferiore o al pi`u uguale alla tensione resistente di progetto del materiale) funzione di:
snellezza dellelemento;
forma della sezione trasversale;
tipo di acciaio.
3.5.1 Verica dellinstabilit`a per elementi compressi (NTC 2008-EC3)
La normativa, in accordo con lEC3 denisce quattro curve di instabilit`a in funzione delle caratteristiche
della sezione trasversale degli elementi. In funzione del tipo di sezione e del tipo di acciaio considerato
si ricavano i coecienti riduttivi in funzione della snellezza adimensionale

=

Af
y
/N
cr
. La verica
consiste nellaccertare che:
N
Ed
N
b,Rd
(3.44)
Dove N
b,Rd
`e pari a:
per le sezioni in classe 1,2 e 3:
N
b,Rd
=
A f
y

m1
(3.45)
per le sezioni in classe 4:
N
b,Rd
=
A
ef f
f
y

m1
(3.46)
con:
=
1
+

2
+

2
1 e = 0.5[1 + (

0.2) +

2
] (3.47)
Nel caso in cui

sia minore di 0,2 oppure nel caso in cui la sollecitazione di calcolo N
Ed
sia inferiore
a 0,04N
cr
, gli eetti legati ai fenomeni di instabilit`a per le aste compresse possono essere trascurati.
3.5.2 Verica dellinstabilit`a per elementi inessi (NTC 2008-EC3)
Glie elementi inessi possono manifestare una particolare forma di instabilit`a costituita dallinstabilit`a
laterale, anche chiamata svergolamento o instabilit`a esso-torsionale. Questa `e dovuta alla forza di com-
pressione che agisce su una parte del prolo (per elementi in semplice appoggio con carichi verticali `e lala
superiore del prolo) e che pu`o provocare sbandamento laterale e al contempo torsione, ossia traslazione
e rotazione della sezione senza che il prolo possa esplicare le proprie risorse essionali.
39
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
Si studia il fenomeno in maniera semplicata scomponendo il momento sollecitante M
sd
in una coppia di
forze applicate in corrispondenza delle due piattabande della trave N=M/h. La piattabanda compressa
tender`a a sbandare nel piano di minor rigidezza (verticale) ma essendo vincolata allanima trasler`a oriz-
zontalmente provocando la deformazione dellanima stessa e la torsione della trave. Con questo approccio
(comunque a favore di sicurezza) non si tiene conto in modo accurato della rigidezza torsionale della trave
e delleetto irrigidente dellanima.
Il carico di collasso (momento critico) per instabilit`a esso-torsionale dipende da:
la distanza L tra due ritegni torsionali consecutivi;
la rigidezza essionale EJ
z
nel piano orizzontale;
la forma della sezione: sezioni compatte con poca distanza tra le due piattabande garantiscono una
notevole resistenza nei confronti dello sbandamento laterale;
landamento del momento ettente, nel caso in cui il momento sollecitante non sia costante gli
eetti instabilizzanti risultano inferiori;
La normativa, in accordo con lEC3, impone la seguente verica:
M
Ed
M
b,Rd
(3.48)
Dove M
b,Rd
`e pari a:
per le sezioni in classe 1,2 e 3:
M
b,Rd
=
LT
W
pl ,y
f
y

m1
(3.49)
per le sezioni in classe 4:
M
b,Rd
=
LT
W
ef f ,y
f
y

m1
(3.50)
3.6 Stati limite di esercizio, veriche
In condizioni di esercizio lo stato tensionale `e ben distante dai valori di rottura, perci`o la legge costitutiva
del materiale ed il metodo di analisi strutturale adottati sono sempre lineari.
In quanto ai carichi, si utilizzano per essi valori aventi una probabilit`a di essere superati maggiore rispetto
a quelli utilizzati per le veriche allo stato limite ultimo (e quindi pi`u bassi). Anche in questo caso la
verica `e positiva se:
S
d
R
d
(3.51)
3.6.1 Controllo degli spostamenti verticali
Le deformazioni delle membrature in acciaio devono essere contenute entro limiti sucientemente piccoli
per evitare che:
lutilizzazione dellopera venga impedita o ridotta (funzionalit`a degli impianti, confort abitativo);
gli elementi portati (tamponamenti, pavimenti, rivestimenti) siano danneggiati;
40
3.6 Stati limite di esercizio, veriche
Figura 3.18: Denizione degli spostamenti verticali per le veriche di esercizio
la ripartizione degli sforzi sia alterata rispetto allanalisi eettuata (solitamente analisi del I ordine).
Con riferimento alla gura 3.19 si ha:

max
=
1
+
2

c
(3.52)
dove:

1
`e la freccia dovuta ai carichi permanenti:

2
`e la freccia dovuta ai carichi variabili pi`u eventuali deformazioni variabili nel tempo dovute ai
carichi permanenti;

c
`e la controfreccia
La verica di deformabilit`a che corrisponde allo stato limite di esercizio risulta spesso determinante
nel dimensionamento delle strutture metalliche. La verica consiste nel vericare che la freccia massima
si minore dei rapporti riportati in gura 3.19 e 3.20.
Figura 3.19: Limiti di deformabilit`a per gli elementi di impalcato delle costruzioni ordinarie
3.6.2 Stato limite di vibrazioni
Nel progetto bisogna prendere idonei provvedimenti verso i carichi imposti che possono produrre urti,
vibrazioni ecc..(si hanno frequenze vicine alla frequenza propria della struttura questa entra in risonanza).
41
Membrature semplici e metodi di verica agli stati limite (NTC 2008, EC3)
Figura 3.20: Limiti di deformabilit`a per costruzioni ordinarie soggette ad azioni orizzontali
Nel caso di solai caricati regolarmente da persone, la frequenza naturale pi`u bassa della struttura del
solaio non deve in generale essere minore di 3 Hz, ci`o `e soddisfatto se linessione totale istantanea
ottenuta con la combinazione quasi permanente `e minore di 28 mm.
Nel caso di solai soggetti a eccitazioni cicliche la frequenza naturale pi`u bassa non deve in generale
essere inferiore a 5 Hz, ci`o `e soddisfatto se linessione totale istantanea ottenuta con la combinazione
quasi permanente `e minore di 10 mm.
Le strutture di elevata essibilit`a, quali edici alti e snelli, coperture molto ampie, ecc., devono esse-
re vericate per gli eetti indotti dallazione dinamica del vento sia per le vibrazioni parallele che per
quelle perpendicolari allazione del vento (secondo EC1).
Le veriche devono condursi sia per le vibrazioni indotte dalle rache, sia per quelle indotte dai vortici.
42
4
La Fatica
La fatica `e un fenomeno che interessa principalmente le costruzioni metalliche, in ambito strutturale pu`o
presentarsi nella costruzione di ponti e carroponti.
Spesso si vericano cedimenti di strutture ed organi meccanici sottoposti allazione di forze ripetute nel
tempo anche se queste mantengono la struttura in campo elastico: in questi casi si dice che il guasto `e
avvenuto per fatica.
Gli elementi meccanici sono spesso soggetti a sollecitazioni che variano ciclicamente nel tempo, cio`e sono
soggetti a storie di carico nelle quali si pu`o identicare una successione di valori massimo (picchi) e minimi
(valli) alternati. Si noti che nella vita a fatica di un materiale contano soltanto i livelli dei picchi e dei
valli della storia di carico e non la forma della funzione compresa tra essi.
La resistenza a fatica `e la resistenza che il materiale ore a carichi applicati in modo ciclico.
I vari tipi di ciclo, caratterizzati dallampiezza di oscillazione attorno al valore medio
m
oppure tramite
il parametro R =
mi n
/
max
e il valore
max
, sono riassunti nella seguente tabella:
La fatica si suddivide in:
classica: si ha quando il n

di cicli `e maggiore di 10 000 e questi avvengono ad una tensione

max
<
y
di snervamento;
oligociclica: si ha quando il n

di cicli `e compreso tra 10 e 10 000 e questi avvengono ad una


tensione
max
=
y
di snervamento (per esempio nel caso si sisma o di piegatura).
4.1 Curve di Wohler e Limite di resistenza a fatica
Per determinare la resistenza del materiale sotto lazione di carichi di fatica i provini vengono assoggettati
a forze variabili ciclicamente nel tempo tra un valore massimo
max
e un valore minimo
mi n
pressati
contando i cicli necessari per la rottura. Queste prove vengono eseguite attraverso una apposita macchina
chiamata macchina di Moore. Per caratterizzare il ciclo, queste prove vengono eseguite con R o
m
costanti.
Riportando i risultati su di un graco in scala bi-logaritmica si ottiene una curva con landamento tipico
di gura 4.1 dove N indica il numero di cicli alla rottura. Tale curva `e detta curva di Wohler
1
e stabilisce
la resistenza a fatica dellacciaio.
1
A. W ohler (Soltau 1819 - Hannover 1914), della provincia di Hannover, ingegnere ferroviario, pioniere degli studi sulla
fatica.
43
La Fatica
Figura 4.1: Curva di Wohler (
m
= cost)
44
4.2 La rottura
Figura 4.2: Diagramma di Moore-Kommers-Jasper
Limite di resistenza a fatica
Dallanalisi della g. 4.1 si nota che lultimo tratto della curva tende a divenire orizzontale oltre il milione
di cicli. Tale asintoto orizzontale rappresenta la tensione al limite di resistenza a fatica dove per limite
di resistenza a fatica si intende il n

di cicli oltre il quale non intervengono pi`u per un dato tipo di ciclo
fenomeni di fatica. Per gli acciai `e dellordine dei 2 milioni di cicli.
Unaltra rappresentazione utilizzata nel caso di cicli di carico ad ampiezza costante `e quella di Moore-
Kommers-Jasper (g. 4.2) che utilizza gli stessi parametri adottati per le curve di Wohler: N,
max
ed
R.
Ad ogni valore di N corrisponde una curva che fornisce la tensione di rottura al variare del rapporto di
fatica R. Nel diagramma, tutti i punti al di sotto della curva limite (caratterizzata da N = 2 10
6
cicli)
rappresentano situazioni di non rottura, cio`e la vita dellelemento pu`o essere ritenuta innita.
4.2 La rottura
4.2.1 Fasi del danneggiamento
Il danneggiamento dovuto a fenomeni di fatica si pu`o dividere in tre fasi successive:
1. Incrudimento plastico del materiale: dipendente dallo stato iniziale del materiale e dallampiezza
degli sforzi e delle deformazioni a cui `e sottoposto. Questa fase `e caratterizzata dai cambiamenti
nella microstruttura del metallo che interessano lintero volume caricato;
2. Enucleazione della cricca a livello microscopico: consiste in una fessurazione del materiale che
prende luogo in una piccola parte del volume totale e specicamente nello strato superciale.
Pertanto, risulta particolarmente importante conoscere la concentrazione degli sforzi sulla supercie
che provoca lapertura della fessura;
3. Propagazione della cricca: la cricca si espande no alla rottura nale controllata da un parametro
che `e la deformazione plastica concentrata nella zona che si trova alle estremit`a della cricca stessa.
45
La Fatica
Figura 4.3: La rottura per fatica
4.2.2 Cause
La rottura per fatica `e dovuta principalmente a fenomeni derivanti da:
Difettosit`a interne: queste possono essere linomogeneit`a e lanisotropia dei cristalli che com-
pongono il metallo, le inclusioni o altri difetti interni;
Difettosit`a superciali: sono dovute alla lavorazione eseguita sulla supercie, la sua rugosit`a
infatti costituisce un invito (innesco) al formarsi della cricca per fatica. Linuenza `e tanto pi`u
grave quanto pi`u rugosa `e la supercie e quanto pi`u duro e meno plastico il materiale;
Forma delle sezioni: brusche variazioni della sezione comportano brusche variazioni dello stato
tensionale.
In corrispondenza di una discontinuit`a (foro, variazione di sezione, ecc..) si possono raggiungere
tensioni di snervamento con conseguente plasticizzazione del materiale. Aumentando i cicli di carico la
zona plasticizzata si degrada no a portare alla crisi per fatica. La deformazione plastica oscillante `e la
causa nale della rottura per fatica.
Altri fattori che possono inuenzare la resistenza a fatica sono:
Frequenza di oscillazione: nel campo pratico cio`e per frequenze comprese tra 1 30 H
z
non
incide.
Per frequenze pi`u alte porta ad un lieve incremento della resistenza a fatica se la temperatura viene
mantenuta costante;
Dimensione dei pezzi: in generale incide molto poco sulla resistenza. Nei provini non saldati
sembra comunque che essa decresca leggermente allaumentare del provino infatti pi`u la dimensione
`e elevata e pi`u si ha il propagarsi delle cricche;
Corrosione: produce ovviamente una diminuzione della resistenza a fatica. In questo caso la curva
di Wohler non raggiunge pi`u il limite di fatica (lasintoto della curva non `e pi`u orizzontale) di
conseguenza si parla di resistenza a termine;
46
4.3 Veriche relative alla fatica
Stato di tensione: In questo caso il comportamento a fatica non ha ancora trovato una soluzione
univoca. Sembra che in questo caso sia pi`a idoneo il criterio della tensione massima principale
rispetto al criterio di Von Mises.
4.3 Veriche relative alla fatica
Fino al 1985 la normativa Italiana prevedeva che il fenomeno di fatica, anche per giunti saldati, dipendesse
oltre che dalla anche dalla
m
. Venivano infatti forniti una serie di diagrammi di Moore-Kommers
che fornivano i valori delle e
amm
in funzione del tipo di acciaio, del tipo di giunto e del particolare
costruttivo. Le curve erano fornite per un pressato n

di cicli (2 10
6
, 6 10
5
, 1 10
5
) ad ampiezza
costante (cicli uniformi di fatica).
Tutto questo concordava con la teoria classica della fatica.
In realt`a, gi`a attorno agli anni 70, si `e visto che questo tipo di approccio andava rivisto, soprattutto
per gli elementi saldati. Al tempo, infatti, si era appurata sperimentalmente liniuenza (a livello di
resistenza a fatica) del processo di distensione nei provini a scala ridotta. Questo risultato era quindi
stato erroneamente esteso anche alle strutture reali.
Le sperimentazioni degli anni 70, realizzate su strutture in scala reale, portarono invece alle seguenti
conclusioni per le strutture saldate:
la variabile che inuenza maggiormente la fatica `e lescursione di tensione e cio`e la dierenza
tra la
max
e la
mi n
applicate;
particolari costruttivi simili e di analoga fabbricazione anche se costituiti da acciaio di tipo diverso
non hanno dimostrato dierenze signicative per quanto riguarda il valore della resistenza a fatica;
nessuno dei particolari costruttivi e delle travi provate ha presentato un limite di fatica in situazioni
inferiori ai 2 10
6
cicli;
la vita a fatica risulta essere distribuita secondo una legge normale (gaussiana) a quasi tutti i livelli
di escursione (g. 4.4);
Figura 4.4: Distribuzione prove a fatica
47
La Fatica
4.3.1 CNR 10011-88
La norma CNR (molto simile allEC3) impone per procedere alle veriche di fatica la conoscenza dello-
scillogramma di tensione (g. 4.5a) e conseguentemente dello spettro di carico (g. 4.5b) che genera
queste tensioni.
(a) Oscillogramma delle tensioni (b) Spettro di carico
Figura 4.5
La stessa denisce poi:
Ciclo di tensione: il tratto di un diagramma tempo-oscillazione che ha inizio in corrispondenza di
una tensione minima ed ha ne in corrispondenza della tensione minima successiva (g. 4.5a);
di tensione: la dierenza algebrica fra la tensione massima e quella minima di un ciclo di tensione.
Esso verr`a designato con o a seconda che sia un relativo alle tensioni normali o tangenziali;
Spettro di carico dei di tensione: il diagramma che mette in relazione i vari
i
che si vericano
in un punto di una struttura con il numero di cicli ad esso relativo (g. 4.6).
Figura 4.6: Spettro dei di tensione
48
4.3 Veriche relative alla fatica
Per ogni particolare costruttivo la norma riporta il
a
(delta di tensione ammissibile corrispondente
a sollecitazioni di ampiezza costante a 2 10
6
cicli)(g. 4.12 e seguenti); Questo
a
`e il parametro che
li caratterizza ed `e chiamato categoria del particolare. I particolari aventi la medesima categoria hanno,
dal punto di vista della fatica, la stessa probabilit`a di rottura. Essi vengono poi suddivisi in quattro gruppi
principali:
Gruppo I - Particolari non saldati sollecitati a trazione-compressione;
Gruppo II - Particolari saldati sollecitati a trazione-compressione;
Gruppo III - Particolari sollecitati a sforzi tangenziali;
Gruppo IV - Particolari di strutture tubolari.
La norma fa inoltre corrispondere ad ogni particolare costruttivo una linea S-N in un diagramma di
Wohler in doppia scala logaritmica. In ogni linea si ritrova il limite di resistenza a fatica a costante
(5 10
6
10
7
) e il limite di troncamento cio`e il limite oltre il quale non si considerano inuenti i cicli nel
calcolo a fatica (10
8
cicli)(g. 4.7 e g. 4.8). Le linee S-n corrispondono allequazione
m
n = cost
dove m assume valori diversi in relazione al tipo di sollecitazione e al numero di cicli. In particolare le
linee con m=3 sono derivate dallanalisi statistica dei valori sperimentali e rappresentano i valori medi
diminuiti di due deviazioni standard.
Figura 4.7: Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a trazione o compressione
49
La Fatica
Figura 4.8: Linee SN dei particolari strutturali sollecitati a sforzi tangenziali
50
4.3 Veriche relative alla fatica
La resistenza a fatica dei vari particolari costruttivi dipende poi dallo spessore. In particolare se t > 25
mm la
a
dovr`a essere ridotta ed il suo valore calcolato con la formula:

a,t
=
a
4

25
t
(4.1)
dove:

a
`e il tabulare a 2 10
6
cicli;
t `e lo spessore della parte pi`u sollecitata del particolare strutturale;

a,t
`e il corretto da impiegare per lo spessore t.
Veriche a fatica
In generale nessuna verica a fatica `e richiesta se:
se tutti i di trazione-compressione sono minori di 26N/mm
2
o comunque al limite di fatica
D
;
se tutti i di taglio sono minori di 35N/mm
2
;
se il numero totale dei cicli `e minore di 10
4
.
In tutti gli altri casi si deve eettuare la verica a fatica considerandola relativa ad uno stato limite
di servizio in campo elastico (verica con carichi desercizio).
Indicata con
r
la resistenza a termine individuata sulle curve S-N e con S il delta di tensione per cicli
di carico ad ampiezza costante si deve avere:

s
S =

r

m
(4.2)
ove
s
`e il coeciente parziale di sicurezza relativo alle azioni di fatica (poiche `e un carico desercizio
sar`a
s
=1) e
m
`e il coeciente parziale relativo alla resistenza che tiene conto delle incertezze sul ma-
teriale. I valori dei coecienti
m
da adottare nelle veriche delle strutture sono riportati in tabella 4.1
in funzione delle conseguenze delleventuale rottura per fatica.
Tabella 4.1: Coecienti parziali
m
Numero di derivazioni
Standard adottato 2 2,5 3 3,5
Coeciente
m
1,0 1,1 1,2 1,3
Si adotter`a
m
=1 se la rottura comporta solo un danneggiamento locale (es. struttura iperstatica),
un
m
=1,3 se la rottura comporta il collasso globale della struttura.
Se i cicli non sono ad ampiezza costante la verica a fatica potr`a essere eettuata con il metodo
della Regola di Miner o con quello del equivalente. La determinazione dello spettro dei di tensione
51
La Fatica
deve essere ottenuto dalloscillogramma delle tensioni secondo il metodo del serbatoio. Il diagramma
dellandamento nel tempo delle tensioni viene considerato come prolo di fondo di un serbatoio pieno
dacqua (g. 4.9; gli estremi sono costituiti dal tratto che converge verso il punto di massimo assoluto
del diagramma (punto A) e da un tratto corrispondente, reale o ttizio, posto a termine del diagramma
stesso. La determinazione dei vari cicli si eettua immaginando di svuotare il serbatoio scaricando dal
punto pi`u basso D, al vuoto dacqua che si forma corrisponde il 1

ciclo ed il ad esso relativo `e la


discesa di livello D

D. Si formano ora dei bacini secondari semplici o multipli; i bacini multipli vengono
anchessi svuotati a partire dal punto pi`u basso come in precedenza e al vuoto lasciato corrisponde il
secondo ciclo e cos` via no ad aver svuotato lintero serbatoio.
Figura 4.9: Metodo del Serbatoio
Metodo della regola di Miner
Dovr`a essere vericata la seguente condizione:
D =
n
i
n
i

1 (4.3)
dove:
D `e il danno;
n
i
`e il n

di cicli eettivi relativi al


i
o al
i
;
n
i
`e il numero di cicli che sulla linea SN di riferimento corrisponde al
i
o al
i
.
Metodo del equivalente
Viene indicato campo equivalente di uno spettro ed indicato con
ef
o con
ef
il campo di ampiezza
costante che operando per un numero di cicli pari al numero totale n di cicli dello spettro da luogo al
medesimo danneggiamento a fatica dello spettro stesso. (applico la regola di Miner considerando
costanti equivalenti).
Esso `e dato dalle seguenti espressioni:
52
4.3 Veriche relative alla fatica
Figura 4.10: Coeciente di riduzione per tensioni interne

ef
=
3

3
i
n
i
n
nel caso di spettri relativi a tensioni di trazione-compressione;

ef
=
5

5
i
n
i
n
nel caso di spettri relativi a tensioni tangenziali.
La verica a fatica si eettua confrontando il equivalente con il resistente
r
o
r
ricavato
dai diagrammi 4.7 e 4.8 in corrispondenza dello stesso numero di cicli n; si tratta pi`u precisamente di
vericare che sia:

s

ef


r

m
o
s

ef


r

m
(4.4)
Sollecitazioni pluriassiali
se sono minori del 15 % delle coesistenti tensioni normali il loro eetto pu`o essere trascurato;
se > 15 % e cio`e quando lo stato di sollecitazione nei gradini di uno spettro `e caratterizzato
da cicli simultanei di tensioni normali e tangenziali, si eettuer`a per ciascun gradino il calcolo delle
tensioni principali in corrispondenza delle tensioni minime e massime, se ne ricaver`a il relativo e
la verica a fatica verr`a fatta sullo spettro dei delle tensioni principali cos` ottenuto (criterio della
massima tensione principale);
se le tensioni normali e tangenziali non sono contemporanee si pu`o applicare la regola di miner
n
i
/n

i
(caso raro).
Strutture esenti da tensioni interne
Per strutture non saldate o saldate e poi trattate in modo da eliminare le tensioni interne da ritiro della
saldatura, si possono aumentare i campi di resistenza mediante il coeciente K fornito in funzione del
rapporto R=
mi n
/
max
(g. 4.10).
53
La Fatica
Se invece il di calcolo ha una componente di trazione ed una di compressione la norma stabilisce
che si pu`o impiegare una ttizio ottenuto sommando alla componente di trazione il 60% di quella di
compressione.
4.4 Prove a fatica con carichi variabili
Sovraccarico ed Allentamento
Quando un provino `e soggetto ad un ciclo base di carico, salvo temporanei intervalli di tempo nel quale il
carico si accresce o si riduce, si constata che il campione `e sottoposto temporaneamente a cicli di tensioni
alterne su sezioni al limite di fatica. Si trova successivamente un limite pi`u basso di quello che si sarebbe
ottenuto senza lapplicazione temporanea della sovratensione (raggiungo la rottura ad un numero pi`u
basso di cicli).
Questo eetto si dice di SOVRACCARICO.(g. 4.11a)
Viceversa se si assoggetta il provino per brevi intervalli di tempo ad un livello di tensione inferiore a quella
del ciclo base, si ottiene una risposta a fatica con un valore superiore a quello del ciclo base.
Si parla in questo caso si ALLENAMENTO del provino (g. 4.11b).
Relativamente alle gure 4.11 si deniscono poi lIndice di sovraccarico I = AE/AB e lEetto di
sovraccarico E = FD/CD.
(a) Sovraccarico (b) Allenamento
Figura 4.11
54
4.4 Prove a fatica con carichi variabili
Figura 4.12
55
La Fatica
Figura 4.13
56
4.4 Prove a fatica con carichi variabili
Figura 4.14
57
La Fatica
Figura 4.15
58
4.4 Prove a fatica con carichi variabili
Figura 4.16
59
La Fatica
Figura 4.17
60
4.4 Prove a fatica con carichi variabili
Figura 4.18
61
La Fatica
62
5
Unioni chiodate
Lutilizzo dei chiodi come come metodo di unione tra elementi metallici non `e pi`u ormai molto utilizzato,
principalmente per gli alti costi di legati alla manodopera e alla poca praticit`a propria di questo metodo.
Il chiodo `e costituito da una testa forgiata assieme al gambo, laltra testa viene ottenuta per battitura
dopo aver riscaldato alla temperatura del rosso il gambo e posto il chiodo in opera nellapposito foro.
Il rareddamento del chiodo comporta una contrazione dello stesso che comprime i pezzi con cui `e a
contatto, realizzando ununione che trasmette sforzi anche per attrito (anche se nel calcolo la resistenza
per attrito di questo sistema non viene considerata) e che garantisce nel tempo unadeguata assenza di in-
ltrazioni. Il sistema a chiodi non permette nessun gioco tra gambo e foro, realizzando unioni molto rigide.
Per il calcolo si considera esclusivamente la resistenza a taglio del chiodo.
Sono previsti chiodi dei seguenti diametri (misure in mm):
chiodo 10 13 16 19 22 25
foro 10,5 14 17 20 23 26
Le tensioni ammissibili sono:

b,adm
= 50 MPa

b,adm
= 120 MPa
La forma dei chiodi pu`o essere di diverso tipo, la normativa CNR 10011 ne specica le caratteristiche:
Figura 5.1: Tipologie di chiodo
63
Unioni chiodate
In relazione allo spessore complessivo t da chiudere si impiegheranno diversi tipi di chiodi:
chiodi a testa tonda e a testa svasata piana per
t
d
4, 5mm ;
chiodi a testa svasata con calotta per 4, 5mm
t
d
6, 5mm .
Le caratteristiche dimensionali sono da calcolarsi sulla base del diametro del foro e sul sistema usato
per la ribaditura.
Figura 5.2: Dimensioni dei chiodi
=
4
3
d (a macchina); =
7
4
d (a mano)
64
6
Unioni bullonate
Questo tipo di unione risulta risulta pi`u deformabile delle unioni chiodate (a causa del foro pi`u grande del
gambo), ma grazie ad una maggiore praticit`a nella posa in opera e nel recupero, stanno trovando un uso
sempre pi`u vasto. Questa deformabilit`a `e comunque manifesta solo ben oltre il carico di servizio in quanto
il preserraggio imposto dalle norme fa lavorare il giunto prevalentemente ad attrito e, solo nellultima fase,
a taglio. Nelle giunzioni ad attrito possono essere impiegati solo bulloni ad alta resistenza.
6.1 Classicazione dei bulloni
I bulloni sono organi di unione costituiti da:
vite con testa per lo pi`u esagonale e gambo completamente o parzialmente lettato;
dado, anchesso di forma per lo pi`u esagonale;
rondelle per lo pi`u di forma circolare.
Figura 6.1: Bulloni
65
Unioni bullonate
Le classi delle viti e bulloni che possono essere accoppiati sono le seguenti (CNR 10011):
Normali Alta resistenza
Vite 4.6 5.6 6.8 8.8 10.9
Dado 4A 5D 5S 6S 8G
Le tensioni ammissibili espresse in MPa per le varie classi di viti:
Classe f
bt
f
y
f
k,N

b,adm

b,adm
4.6 400 240 240 160 113
5.6 500 300 300 200 141
6.8 600 480 360 240 170
8.8 800 640 560 373 264
10.9 1000 900 700 467 330
Ai ni del calcolo quello che interessa `e il valore caratteristico f
k,N
della resistenza del materiale
costituente la vite (o, in sua assenza, il valore il valore della tensione limite di deformazione permanente
dello 0,2%). Si assume, convenzionalmente:
f
k,N
= mi n

0, 7 f
t
f
y
(6.1)
6.2 Geometria dei bulloni
I bulloni che vengono usati per carpenteria metallica possono avere i seguenti diametri nominali:
d [mm] 12 14 16 18 20 22 24 27 30
A
r es
[mm
2
] 84,3 115 157 192 245 303 353 459 581
Le varie dimensioni utili alla denizione della geometria dei bulloni possono riassumersi in:
Figura 6.2: Dimensioni dei bulloni
66
6.3 Serraggio
p - passo della lettatura
d - diametro nominale del gambo
d
n
- diametro del nocciolo
d
m
- diametro medio
d
r es
= ( d
n
+ d
m
) / 2 - diametro della sezione resistente
A questi diametri `e possibile associare le seguenti aree:
A = d
2
/ 4 - area della parte non lettata del gambo
A
r es
= d
2
r es
/ 4 - area resistente della parte lettata
Tolleranze dei bulloni
Laccoppiamento fra bulloni e piastre richiede delle tolleranze, sia per quanto riguarda il gioco foro-bullone,
sia per quanto concerne leventuale lunghezza del tratto non lettato del gambo.
Indicato con il diametro del foro, viene normalmente ammesso un gioco foro-bullone d pari a :
d 1mm per d 20mm
d 1, 5mm per d > 20mm
Con lausilio di accoppiamenti di precisione e possibile scendere a valori minori:
d 0, 3mm per d 20mm
d 0, 5mm per d > 20mm
La lunghezza della parte non lettata deve essere tale da intersecare tutti i piani di taglio delle piastre
da unire. Nel caso in cui ci`o non fosse possibile, ovvero quando il gambo lettato intersecasse un piano
di taglio, larea di calcolo per la verica a taglio sar`a lA
r es
.
6.3 Serraggio
Nel serraggio del bullone, allavvitamento del dado corrisponde un allungamento del gambo che, unita-
mente al torcente applicato, crea uno stato di autotensioni che si esplica in:
una pretrazione del bullone equilibrata da una precompressione delle piastre;
una torsione nel bullone equilibrata dallattrito fra piastra e bullone;
Il serraggio `e beneco in quanto aumenta le prestazioni dellunione nei confronti degli stati limite di
esercizio quali:
lo scorrimento delle piastre con conseguente ripresa del gioco foro-bullone per unioni in cui i bulloni
lavorino a taglio;
67
Unioni bullonate
il distacco delle piastre per unioni in cui i bulloni lavorino a trazione, con conseguente eliminazione
dei pericoli di corrosione.
Daltra parte il serraggio non deve essere spinto oltre un certo limite per non compromettere la capacit`a
ultima dellunione. Nei giunti con bulloni ad alta resistenza precaricati la resistenza ad attrito dipende
dalle modalit`a di preparazione delle superci a contatto, dalle modalit`a di esecuzione e dal gioco foro-
bullone. In via semplicativa la resistenza di progetto allo scorrimento di un bullone ad attrito si calcoler`a
assumendo una forza di precarico pari al 70% della resistenza ultima a trazione del bullone. (4.2.8.1.1
delle NTC)
F
p,Cd
= 0, 7
f
tb
A
r es

M7
(6.2)
La norma armonizzata UNI EN 13499-1 prescrive che viti, dadi e rondelle siano forniti dal medesimo
produttore e che rechino la marchiatura CE. La norma armonizzata prevede che vengano eseguite, tra
laltro, prove sistematiche di serraggio del complesso vite, dado e rondella(e); queste prove forniscono
informazioni sul fattore k che lega la forza di precarico F
p,Cd
ed il momento di serraggio M. Si ha:
M = k d F
p,Cd
(C4.2.106 circolare esplicativa) dove d `e il diametro nominale della vite. Il valore del fattore k, secondo
le prescrizioni della norma, `e indicato sulle targhette delle confezioni (dei bulloni, oppure delle viti) per le
dierenti classi funzionali (4.4.4 NTC).
Nel caso il momento di serraggio non sia riportato sulle targhette delle confezioni, ma compaia il solo
fattore k secondo la classe funzionale, per facilitare gli operatori addetti ai montaggi, si pu`o fare riferimento
alle Tabelle C4.2.XX e C4.2.XXI (che si riferiscono alle viti di classe 8.8 e 10.9 rispettivamente) per denire
il momento di serraggio dei bulloni.
6.4 Stato limite ultimo
Per ogni tipo di unione si ha interesse a valutare, oltre alle condizioni in esercizio, anche le prestazioni al
collasso. I vari meccanismi che interessano le componenti di ununione bullonata sono i seguenti:
rottura per taglio del bullone;
rottura per rifollamento della lamiera;
rottura per taglio della lamiera;
rottura per trazione della lamiera.
La resistenza delle unioni bullonate pu`o venir determinata convenzionalmente sulla base di veriche
numeriche, che interpretano dei comportamenti statici semplicati. Si distinguono le unioni in cui il
bullone `e sollecitato:
a taglio;
a trazione;
a trazione e taglio.
Per ognuno di questi tipi di unione si deve distinguere la resistenza nei riguardi:
68
6.4 Stato limite ultimo
Figura 6.3: Meccanismi di rottura
69
Unioni bullonate
dello stato limite ultimo;
dello stato limite di esercizio.
In questa sezione (quella relativa allo stato limite ultimo) verranno trattati sia il funzionamento dei
diversi tipi di unione che il metodo di verica a stato limite ultimo; mentre nella sezione successiva
verranno solo spiegate le veriche allo stato limite di esercizio.
6.4.1 Unioni a taglio
Verica a taglio (meccanismo a) gura 6.3)
I valori di resistenza che seguono, possono essere utilizzati come valori della resistenza di progetto, ma
non hanno un chiaro signicato statistico: sono valori convenzionali per i quali lesperienza costruttiva e
levidenza sperimentale hanno mostrato un corretto funzionamento.
Ununione bullonata `e tanto pi`u correttamente concepita quanto pi`u vicini fra loro sono i carichi di rottura
corrispondenti ai meccanismi sopra elencati.
Per denire la resistenza di progetto a taglio di ogni sezione resistente non ha senso ricorrere al criterio
di Huber Von Mises, in quanto la lunghezza della vite `e dello stesso ordine di grandezza del diametro
(quindi non pu`o essere considerato una trave inessa).
Per ogni piano di taglio che interessa il gambo dellelemento di connessione viene quindi assunta una
resistenza pari a:
F
v,Rd
=
0, 6 f
tb
A
r es

M2
(6.3)
per bulloni di classe 4.6, 5.6 e 8.8. Mentre
F
v,Rd
=
0, 5 f
tb
A
r es

M2
(6.4)
per bulloni di classe 6.8 e 10.9.
A
r es
indica larea resistente della vite e si adotta quando il piano di taglio interessa la parte lettata
della vite. Nei casi in cui il piano di taglio interessa il gambo non lettato della vite si ha una resistenza
pari a:
F
v,Rd
=
0, 6 f
tb
A
r es

M2
(6.5)
La verica sul bullone viene condotta vericando che lo sforzo di taglio agente F
v,Ed
sia minore del
valore resistente F
v,Rd
. Ovvero:
F
v,Ed
F
v,Rd
(6.6)
La resistenza complessiva della singola unione a taglio `e perci`o data da mi n(F
v,Rd
; F
b,Rd
)
1
.
1
F
b,Rd
`e la resistenza a rifollamento della lamiera, denita nel prossimo paragrafo.
70
6.4 Stato limite ultimo
Verica a rifollamento della lamiera (meccanismo b) gura 6.3)
La verica a rifollamento della lamiera consiste nellassicurare che lo stato tensionale in prossimit`a del
foro sia compatibile con le caratteristiche del materiale. La verica viene condotta ipotizzando una
distribuzione delle tensioni a plasticizzazione avvenuta. La norma impone che:

r i f

adm
con

r i f
=
N
d t
dove [CNR 10011]

=
a
d
2, 5
Appare chiaro come convenga quindi assumere a = 2, 5 d. In generale si assume = 2, cio`e a = 2d.
La resistenza della lamiera a rifollamento [NTC 2008] si calcola nel seguente modo:
F
b,Rd
=
k f
tk
t d

M2
(6.7)
dove d `e il diametro nominale del gambo del bullone, t `e lo spessore della piastra collegata, f
tk
`e la
resistenza a rottura del materiale della piastra collegata,
= mi n

e
1
3d
0
;
f
tb
f
t
; 1

per bulloni di bordo nella direzione del carico applicato,


= mi n

p
1
3d
0
0, 25;
f
tb
f
t
; 1

per bulloni interni nella direzione del carico applicato,


k = mi n

2, 8
e
2
d
0
0, 17; 2, 5

per bulloni di bordo nella direzione perpendicolare al carico applicato,


k = mi n

1, 4
p
2
d
0
0, 17; 2, 5

per bulloni interni nella direzione perpendicolare al carico applicato,


essendo e
1
, e
2
, p
1
e p
2
le dimensioni indicate in gura 6.4 e d
0
il diametro nominale del foro di
alloggiamento del bullone.
La verica consiste nellassicurare che
F
v,Ed
F
b,Rd
(6.8)
71
Unioni bullonate
Figura 6.4: Dimensioni sulle piastre
Verica a taglio della lamiera (distanze dai bordi) (meccanismo c) gura 6.3)
Per cautelarsi da questo tipo di rottura vengono denite delle distanze per il posizionamento dei fori, alle
quali si assume che altri tipi di rotture prevalgano su quella a taglio della lamiera.
Sempre con riferimento alla gura 6.4 `e possibile denire due condizioni per i passi p
1
e p
2
: per elementi
tesi avremo
25 t
mi n
p
i
3 d
0
mentre per elementi compressi
15 t
mi n
p
i
3 d
0
dove t
mi n
`e il minore tra gli spessori delle lamiere componenti lunione.
Per quanto riguarda le distanze dai bordi abbiamo:
e
1
> 2 d
0
e
e
2
> 1, 5 d
0
Le limitazioni superiori sono da distinguersi per lamiere con bordo irrigidito:
e
1
6 t
mi n
e
e
2
6 t
mi n
e per lamiere senza bordo irrigidito
e
1
9 t
mi n
e
e
2
9 t
mi n
Valori pi`u aggiornati sono disponibili nella Tabella 4.2.XIII (Posizione dei fori per unioni bullonate e
chiodate) delle NTC 2008.
Verica a trazione dei piatti (meccanismo d) gura 6.3)
72
6.4 Stato limite ultimo
Figura 6.5: Distribuzione degli sforzi
Anche la resistenza di progetto per rottu-
ra a trazione del piatti costituenti lunio-
ne viene determinata in modo convenzio-
nale. In eetti la distribuzione degli sfor-
zi in una sezione forata `e del tipo di quel-
la illustrato in gura 6.5 in campo ela-
stico. La ridistribuzione degli sforzi al
collasso consente luso di un valore me-
dio.
Chiameremo in maniera del tutto convenzionale questa resistenza B
v,Rd
2
.
B
v,Rd
= f
bt
A
nom
(6.9)
dove A
nom
= t
mi n
(b ).
Nel caso che vi siano pi`u bulloni la scelta della sezione critica pu`o diventare complessa: essa deve venir
fatta sulla base della resistenza a collasso per trazione e taglio della piastra, in funzione delle possibili linee
di rottura. Una regola empirica, che si `e sempre dimostrata a favore di sicurezza `e quella che corrisponde
al minimo percorso passante per uno o pi`u fori.
Figura 6.6: Scelta della sezione critica
Ad esempio, la sezione critica della piastra illustrata
in gura 6.6 `e quella caratterizzata dal valore minimo di
area fra:
2L
1
+ 2L
2
2L
1
+ 2L
3
+ L
4
2L
1
+ 2L
3
+ 2L
5
Nel determinare il valore di sollecitazione corrispon-
dente B
v,Ed
3
si utilizza il metodo delle corde. Posto
che lunione sia sollecitata da uno sforzo di trazione pari a
N, questo viene ripreso in maniera distribuita dalle n le di
bulloni che la compongono. La distribuzione reale di tale
sollecitazione risulta essere parabolica (vedi gura 6.16),
ma, per semplicit`a, essa viene assunta costante per tutte le n le. Il metodo consiste nel considerare il
numero di corde tagliate dal percorso condiderato per calcolare il B
v,Rd
. La formula sar`a quindi:
B
v,Ed
=
c
C
c
T
N
Sd
(6.10)
dove per c
C
si intende il numero di corde tagliate dal percorso considerato, mentre per c
T
il numero
totale di corde (numero totale di bulloni).
2
non `e prevista nella nomenclatura delle NTC 2008. Si veda nei paragra successivi la Resistenza di progetto a rottura
per taglio (V
u,Rd
)
3
notazione assunta nellambito di questo testo e non prevista nella nomenclatura delle NTC 2008.
73
Unioni bullonate
Figura 6.7: Determinazione del carico
Quindi, come illustrato in gura, ai percorsi sopra
determinati corrisponderanno i seguenti sforzi:
2L
1
+ 2L
2

3
8
N
Sd
2L
1
+ 2L
3
+ L
4

5
8
N
Sd
2L
1
+ 2L
3
+ 2L
5

6
8
N
Sd
Nel caso di giunto non simmetrico si ipotizza un compor-
tamento plastico (materiale snervato con tensione uniforme in
tutti i pezzi). Varr`a dunque la seguente equazione:
=
F
1
A
1
=
F
2
A
2
da cui le forze sulle singole lamiere
F
1
=
F A
1
A
1
+ A
2
; F
2
=
F A
2
A
1
+ A
2
ci`o provoca linsorgere di un momento ettente rispetto alla linea media della lamiera centrale pari a:
M = F
2

t
2
2
+
t
0
2

F
1

t
1
2
+
t
0
2

6.4.2 Unioni a trazione


Le unioni a trazioni si ritrovano ogni qualvolta si vuole ripristinare la continuit`a degli elementi strutturali
mediante giunzioni angiate. Per comprenderne il comportamento si consideri lunione costituita da due
elementi giuntati con un unico bullone e sollecitati da una forza esterna F
N
.
Figura 6.8: Sollecitazione di trazione
74
6.4 Stato limite ultimo
Prima dellapplicazione del carico esterno F
N
ciascuna testa del bullone trasmette alle lamiere del
giunto uno sforzo totale di compressione di risultante pari allazione assiale N
S
presente nel gambo del
bullone dovuta al serraggio: a tale azione corrisponde un allungamento iniziale del gambo del bullone.
Allagire del carico F
N
lo sforzo del gambo del bullone si aumenta di un aliquota X che determina un
leggero allungamento del bullone: la risultante di compressione sulle lamiere si riduce di conseguenza di
una quantit`a Y . Se Y risulta inferiore a N
S
le parti restano ancora in contatto e lallungamento L
1
del
bullone coincide con la decompressione L
2
della lamiera. Questi risultano:
L
1
=
X
k
1
; L
2
=
Y
k
2
dove k
1
e k
2
sono le rigidezze estensionali del bullone e delle piastre rispettivamente. La rigidezza del
bullone vale:
1
k
1
=
L
1
EA
+
L
2
EA
r es
essendo A e A
r es
rispettivamente larea della sezione del gambo e di quella resistente, L
1
e L
2
la lunghezza
della parte non lettata e di quella lettata interessata dal collegamento.
Pi`u dicile `e la valutazione della rigidezza delle piastre: lo stato tensionale `e infatti tridimensionale e
dipende dalla estensione della zona di contatto. In prima approssimazione si pu`o porre k
2
=
EA
ef f
t
, dove
A
ef f
`e larea convenzionale della zona soggetta a compressione ipotizzando una diusione a 45

e t `e
lo spessore della piastra. Per disposizioni costruttive iniziali che presuppongono spessori t maggiori od
eguali al diametro d del bullone `e k
2
10k
1
. Diagrammando gli allungamenti con lo sforzo normale
applicato `e possibile notare il diverso ordine di grandezza esistente tra piastre e bullone:
Figura 6.9: Rigidezza delle lamiere e dei bulloni
Per lequilibrio del bullone deve risultare:
X + Y = F
N
Per la congruenza deve essere:
L
1
= L
2
=
X
k
1
=
Y
k
2
75
Unioni bullonate
Risulta pertanto:
X =
F
N
1 +
k
2
k
1

F
N
11
Y =

1
1
1 +
k
2
k
1

10
11
F
N
Lincremento X dello sforzo di trazione nel gambo corrisponde quindi a non pi`u del 10% dello sforzo di
trazione esterno F
n
applicato. Nelleventualit`a poi che il bullone, sempre per eetto di N
S
sia inizial-
mente sollecitato oltre il limite elastico si ottiene una rigidezza del bullone k
1
tendente a zero; pertanto
lincremento X risulta del tutto trascurabile.
Le relazioni precedentemente dedotte hanno valore no a quando le piastre restano a contatto: cio`e
per Y < N
S
. Per Y > N
S
si determina il distacco delle piastre ed il bullone viene cos` a sopportare
lintero valore del carico esterno F
N
. Linizio del distacco avviene quindi per F
N
1.1N
S
. In gura 6.10
a) `e diagrammato il legame tra carico esterno F
N
e allungamento del bullone L, mentre in b) viene
rappresentato il legame che intercorre tra carico esterno F
N
e azione assiale N agente nel gambo del
bullone. Se il bullone non `e serrato, al crescere di F
N
cresce in egual misura N (curva a) e, raggiunto
il limite elastico, si entra in campo plastico no al raggiungimento della rottura per un valore del carico
N
U
. Se il bullone `e serrato, anche per forza esterna nulla, `e presente nel gambo unazione assiale N
S
cui
corrisponde un allungamento L
S
. Al crescere della forza esterna F
N
lazione assiale nel gambo N cresce
molto lentamente no a quando `e F
N
= N
P
1, 1 N
S
, cio`e no al valore che porta alla decompressione
delle piastre (curva b). Per F
N
> N
P
lazione assiale N ritorna ad essere uguale al carico applicato F
N
no a rottura.
Figura 6.10: Relazione tra azione applicata e allungamento / azione interna
La resistenza di calcolo a trazione semplice degli elementi di connessione F
t,Rd
pu`o essere assunta
pari a:
F
t,Rd
= 0, 9
f
tb
A
r es

M2
(6.11)
Inoltre, nelle unioni bullonate soggette a trazione `e necessario vericare la piastra a punzonamento;
ci`o non `e richiesto per le unioni chiodate. La resistenza a punzonamento del piatto collegato `e pari a
76
6.5 Stato limite di esercizio
B
p,Rd
=
0, 6 d
m
t
p
f
tk

M2
(6.12)
dove d
m
`e il minimo tra il diametro del dado e il diametro medio della testa del bullone; t
p
`e lo spessore
del piatto e f
tk
`e la tensione di rottura dellacciaio del piatto.
La verica a stato limite ultimo viene condotta assicurando che:
F
t,Ed
F
t,Rd
(6.13)
La resistenza della singola unione a trazione `e quindi ottenuta come mi n(B
p,Rd
; F
t,Rd
).
6.4.3 Unioni a taglio e trazione
Nel caso in cui vi sia la presenza combinata di taglio e trazione si pu`o adottare la formula di interazione
lineare:
F
v,Ed
F
v,Rd
+
F
t,Ed
1, 4 F
t,Rd
1 (6.14)
Questa formula (NTC 2008) risulta particolarmente cautelativa in quanto risultati sperimentali hanno
evidenziato un dominio ultimo ellittico di equazione:

F
v,Ed
F
v,Rd

2
+

F
t,Ed
F
t,Rd

2
1
6.5 Stato limite di esercizio
6.5.1 Unioni a taglio
Per i bulloni di classe 8.8 e 10.9 (alta resistenza), nella verica di deformabilit`a in condizioni di esercizio,
si pu`o tenere conto del funzionamento ad attrito del giunto. Si ammette cio`e che per carichi minori del
limite di scorrimento per attrito, il giunto sia rigido.
Si riporti in un diagramma (gura 6.11) lo scorrimento relativo L fra i punti A e B delle piastre in
funzione del carico applicato F
V
. Si possono osservare quattro fasi di comportamento ben distinte fra
loro:
1. Lo scorrimento `e praticamente nullo al crescere del carico: la trasmissione della forza avviene quindi
per attrito fra le lamiere. La fase ha termine per un valore F
V,f
del carico applicato che corrisponde
al superamento dellattrito fra le lamiere.
2. Si manifesta un brusco scorrimento della giunzione in corrispondenza del carico esterno F
V
F
V,f
.
La fase ha termine con la ripresa del gioco foro-bullone.
3. Lo scorrimento `e praticamente proporzionale al carico, evidenziando il comportamento elastico
dellunione. La fase elastica ha termine con il raggiungimento del limite elastico o nelle piastre
collegate o nel bullone.
4. Si manifestano grandi scorrimenti per piccoli incrementi di carico. La fase ha un termine con il
collasso della giunzione in corrispondenza del carico ultimo F
V,u
.
77
Unioni bullonate
La norma prevede che per le unioni a taglio per attrito con bulloni ad alta resistenza la massima forza
trasmissibile sia pari a:
F
s,Rd
=
k
s
n

M3
F
p,Cd
(6.15)
dove:
F
p,Cd
`e la forza di progetto di precarico denita al punto 6.5.8.2 dell EC3, n `e il numero delle superci
di attrito, `e il coeciente di attrito tra le piastre (denito in seguito).
Il coeciente k
s
deve essere determinato come segue:
k
s
= 1, 0 Quando i fori in tutti i piatti hanno gioco foro-bullone normale;
k
s
= 0, 85 Per i fori maggiorati o per fori ad asola corta;
k
s
= 0, 7 Per fori ad asola lunga.
Per i bulloni disposti in fori aventi il gioco foro-bullone normale e per bulloni in fori asolati con lasse
dellasola perpendicolare alla direzione di applicazione del carico, il corciente parziale di sicurezza
Ms
per la resistenza allo scorrimento deve essere preso pari a:

Ms,ul t
= 1, 25

Ms,ser
= 1, 10
I collegamenti con bulloni in fori maggiorati o in fori asolati con lasse dellasola parallelo alla direzione
di applicazione del carico devono essere calcolati come appartenenti alla categoria C, resistenti allo
scorrimento allo stato limite ultimo.
In questo caso il coeciente parziale di sicurezza per la resistenza allo scorrimento deve essere preso pari
a:

Ms,ul t
= 1, 40
Figura 6.11: Scorrimento di un giunto da attrito
78
6.5 Stato limite di esercizio
La forza di precarico F
p,Cd
in caso di serraggio controllato, pu`o essere assunta pari a 0, 7 f
tb
A
r es
,
invece che pari a 0, 7 f
tb

A
r es

M7
.
Il coeciente di attrito dipende dalla classe del trattamento superciale (Norma di riferimento
8):
= 0, 50 per superci di classe A: superci sabbiate meccanicamente o a graniglia, esenti da incrosta-
zioni di ruggine e da vaiolature; superci sabbiate meccanicamente o a graniglia e metallizzate a
spruzzo di alluminio; superci sabbiate meccanicamente o a graniglia e metallizzate a spruzzo con
una vernice a base di zinco certicata per assicurare un coeciente non minore di 0,5.
= 0, 40 per superci di classe B: superci sabbiate meccanicamente o a graniglia e verniciate con
silicato di zinco alcalino applicando uno spessore dello strato di 50 80m;
= 0, 30 per superci di classe C: superci pulite mediante spazzolatura o alla amma, esenti da
icrostazioni di ruggine;
= 0, 20 per superci di classe D: superci non trattate;
Qualora un collegamento ad attrito sia soggetto ad una forza di trazione F
t
, oltre allazione di taglio
F
v
che tende a provocare lo scorrimento, la resistenza allo scorrimento di un bullone deve essere assunta
come segue:
Categoria B: il collegamento resistente allo scorrimento allo stato limite di sevizio:
F
s,Rd,ser
= k
s
n
F
p,Cd
0, 8 F
t,Sd,ser

Ms,ser
Categoria C: collegamento resistente allo scorrimento allo stato limite ultimo.
F
s,Rd
= k
s
n
F
p,Cd
0, 8 F
t,Sd

Ms,ul t
6.5.2 Unioni a trazione
Figura 6.12: Eetto leva
La principale dierenza fra lo schema illustrato in gura 6.10 e il
comportamento reale della unione consiste nel fatto che il carico
F
N
non `e applicato alla testa del bullone, ma vi `e trasmesso at-
traverso le lamiere che subiscono deformazioni essionali in conse-
guenza delle quali il completo distacco non `e mai possibile. (Figura
6.12) Ne risulta che il valore N
P
1.1N
S
sopra dedotto rappre-
senta il limite superiore della forza assegnabile al bullone prima del
distacco della unione. Lassumere come resistenza allo stato limite
di decompressione un valore della forza pari a quello della azione
assiale N
S
indotta dal serraggio del bullone risulta quindi sempre
cautelativo.
Da un punto di vista costruttivo `e evidente che se si vuol elimi-
nare leventualit`a di un distacco delle piastre si deve operare un
serraggio secondo le modalit`a indicate nella normativa NTC 2008
e si devono adoperare bulloni di classe 8.8, 10.9 o 12.9 per evitare la perdita di serraggio nel tempo per
eetti di rilassamento del materiale.
79
Unioni bullonate
6.5.3 Unioni a taglio e trazione
Il carico F
v
per cui avviene lo scorrimento di una giunzione a taglio, a parit`a di coeciente di attrito,
`e proporzionale alla forza di precompressione fra le superci a contatto. Il dominio della resistenza `e
quindi rappresentato in gura 6.13 ed `e espresso dalla relazione F
v
= F
v,Rd
(1
F
b
F
p,Cd
), dove F
b
`e la forza
assiale sul bullone.
`
E opportuno limitare il campo di validit`a della formula a valori in F
b
0, 8 F
p,Cd
per
garantire un adeguato margine nei riguardi della decompressione delle piastre.
Figura 6.13: Concomitanza di taglio e trazione
6.6 Eetti delle caratteristiche di sollecitazione e veriche
Le unioni bullonate possono essere sostanzialmente sollecitate in due modi diversi:
sollecitazioni di taglio e torsione che agiscono nel piano delle lamiere collegate dai bulloni e i cui
eetti ne impegnano a taglio i gambi;
sollecitazioni assiali e ettenti che agiscono in piani paralleli al gambo dei bulloni e che quindi li
impegnano a trazione.
La ripartizione di tali eetti sui singoli bulloni viene eseguita sulla base di metodi convenzionali,
suragati da risultati sperimentali. Nel seguito si riportano i metodi pi`u comunemente adottati e le
ipotesi su cui questi si fondano.
Figura 6.14: Concomitanza di taglio e torsione
80
6.6 Eetti delle caratteristiche di sollecitazione e veriche
6.6.1 Sollecitazione di taglio e torsione
Con riferimento al problema indicato in gura, risulta necessario individuare il punto pi`u adeguato alla
denizione del momento torcente che impegna lunione. Le ipotesi che stanno alla base di questo calcolo
sono due:
lamiere innitamente rigide;
bulloni perfettamente elastici.
Figura 6.15: Concomitanza di taglio e torsione
Lo spostamento relativo di ogni bullone `e costante per eetto del taglio e proporzionale alla distanza
dal baricentro dei bulloni per eetto del momento F e. In questo modo non si considera la ridistribu-
zione delle dai bulloni pi`u sollecitati a quelli meno sollecitati, si ipotizza invece una plasticizzazione locale
(ovalizzazione) attorno ai fori per distribuire gli sforzi nei bulloni.
Figura 6.16: Distribuzione delle tensioni
Il ruolo del gioco foro-bullone e delle ovalizzazioni
dei fori `e messo in evidenza dal giunto in gura
6.16. Se si ammettesse un comportamento per-
fettamente elastico delle lamiere e dei bulloni e si
escludesse ogni gioco foro-bullone, la distribuzione
delle forze sui bulloni, anzich`e costante, avrebbe
un andamento a catenaria e i bulloni estremi sa-
rebbero i pi`u caricati. Proprio per lesistenza del
gioco foro-bullone `e invece pi`u aderente alla realt`a
equiripartire la forza esterna fra tutti i bulloni, a
patto che il giunto non sia troppo lungo: ci`o im-
plica contenere gli interassi entro i limiti indicati in
precedenza e soprattutto ridurre la lunghezza del
giunto in direzione parallela alla forza F
V
applicata.
81
Unioni bullonate
Distribuzione della componente tagliante
Conseguentemente alle ipotesi sopra discusse la componente tagliante pu`o essere considerata ripartita in
egual misura su tutti i bulloni.
Il carico agente su ogni faccia risulta pertanto:
V =
F
V
n n
V
dove n `e il numero di bulloni presenti nel giunto e n
V
il numero di sezioni resistenti per ogni bullone.
Distribuzione della componente torcente
Il momento torcente si ripartisce sui bulloni in ragione della loro distanza dal baricentro. Risulta quindi
sul bullone i-esimo:
V
T,i
= k a
i
essendo a
i
la distanza fra il centro del bullone ed il baricentro della bullonatura. Dallequilibrio alla
rotazione:
T = n
V

n
1
V
T,i
a
i
si ricava:
V
T,i
=
Ta
i
n
V
a
2
i
6.7 Categorie di collegamenti bullonati
Leurocodice 3 prescrive che il progetto del collegamento bullonato debba essere conforme ad una delle
seguenti categorie:
Categoria A Collegamenti a taglio - In questa categoria si devono impiegare bulloni ordinari o bulloni
ad alta resistenza dalla classe 4.6 no alla classe 10.9 compresa. Non sono richiesti precarico e
prescrizioni particolari per le superci di di contatto. Il carico ultimo di progetto non deve eccedere
n`e la resistenza di progetto a taglio, n`e la resistenza di progetto a rifollamento.
Categoria B Collegamenti ad attrito resistenti allo stato limite di servizio - In questa categoria si devono
impiegare bulloni ad alta resistenza precaricati con coppia di serraggio controllata. Non si deve avere
scorrimento allo stato limite di servizio. La combinazione delle azioni da considerare deve essere
selezionata in funzione delle condizioni di carico per le quali `e richiesta la resistenza allo scorrimento.
Il carico di progetto a taglio allo stato limite di servizio non deve eccedere la resistenza di progetto
allo scorrimento. Il carico ultimo di progetto a taglio non deve eccedere n`e la resistenza di progetto
a taglio, n`e la resistenza di progetto a rifollamento.
Categoria C Collegamenti ad attrito resistenti allo stato limite ultimo - In questa categoria si devono
impiegare bulloni ad alta resistenza precaricati con coppia di serraggio controllata. Non si deve
avere scorrimento allo stato limite ultimo. Il carico ultimo di progetto a taglio non deve eccedere
n`e la resistenza di progetto allo scorrimento, n`e la resistenza di progetto a rifollamento.
82
6.7 Categorie di collegamenti bullonati
Categoria D Collegamenti caricati a trazione con bulloni non precaricati - In questa categoria devono
essere impiegati bulloni ordinari (prodotti con acciaio a basso contenuto di carbonio) o bulloni ad
alta resistenza no alla classe 10.9 compresa. Non `e richiesto precarico. Questa categoria non
deve essere usata qualora i collegamenti siano frequentemente soggetti a variazioni della forza di
trazione. Essi tuttavia possono essere impiegati nei collegamenti calcolati per resistere ai normali
carichi di vento.
Categoria E Collegamenti caricati a trazione con bulloni ad alta resistenza precaricati - In questa cate-
goria si devono impiegare bulloni ad alta resistenza precaricati con coppia di serraggio controllata.
Tale precarico migliora la resistenza a fatica. Lentit`a del miglioramento dipende comunque dai
dettagli costruttivi e dalle tolleranze.
Per i collegamenti caricati a trazione di entrambe le categorie D e E non `e necessario alcun trattamento
delle superci di contatto, ad eccezione dei collegamenti di categoria E soggetti alla combinazione di
trazione e taglio (combinazione E-B oppure E-C). Si veda la tabella in gura 6.17 di cui indichiamo la
simbologia:
Figura 6.17: Connessioni EC3
F
v,Sd,eser
Forza di progetto a taglio per ogni bullone allo stato limite di servizio
F
v,Sd
Forza di progetto a taglio per ogni bullone allo stato limite ultimo
F
v,Rd
Resistenza di progetto a taglio di un bullone
F
b,Rd
Resistenza di progetto a rifollamento di un bullone
F
s,Rd,eser
Resistenza di progetto allo scorrimento di un bullone allo stato limite di servizio
F
s,Rd
Resistenza di progetto allo scorrimento di un bullone allo stato limite ultimo
F
t,Sd
Forza di progetto a trazione per ogni bullone allo stato limite ultimo
83
Unioni bullonate
F
t,Rd
Resistenza di progetto a trazione di un bullone
6.8 Distribuzione delle forze fra i dispositivi di giunzione
La distanza delle forze interne fra i dispositivi di giunzione allo stato limite ultimo deve essere proporzionale
alla distanza dal centro di rotazione solo per:
collegamenti resistenti ad attrito di categoria C;
altri collegamenti a taglio dove la resistenza di progetto a taglio F
v,Rd
di un dispositivo di giunzione
`e inferiore alla resistenza di progetto a rifollamento F
b,Rd
.
Negli altri casi la distribuzione delle forze interne fra i dispositivi di giunzione allo stato limite ultimo pu`o
essere o come indicato sopra o altrimenti plastica. Pu`o essere ipotizzata ogni ragionevole distribuzione
purch`e essa soddis determinati requisiti
4
In un giunto a sovrapposizione, si deve assumere per ciascun dispositivo di giunzione la stessa
resistenza al rifollamento in ogni particolare direzione.
6.9 Detrazione dellarea dei fori per dispositivi di giunzione
Il calcolo dei collegamenti di membrature compresse `e normalmente richiesto senza considerare alcuna
detrazione dei fori per i dispositivi di giunzione ad eccezione del caso di fori maggiorati o asolati.
Per il progetto dei collegamenti degli altri tipi di membrature si applica quanto indicato al paragrafo 5.4
dellEC3.
Il meccanismo di collasso block shear in una serie di fori per dispositivi di giunzione vicini allestremit`a
dellanima di una trave o di una squadretta deve essere prevenuto mediante unopportuna spaziatura dei
fori. Questo tipo di collasso consiste generalmente in una rottura a trazione, lungo la linea dei fori, sulla
supercie tensionata del gruppo di fori e in uno snervamento a taglio nella sezione lorda, in corrispondenza
della la di fori, lungo la faccia sollecitata a taglio dei fori stessi. La resistenza a taglio ultima di progetto
V
u,Rd
lungo la linea di rottura per meccanismo tipo block shear dovr`a essere assunta pari a:
V
u,Rd
=
(f
y
/

3) A
v,ef f

M0
(6.16)
4
I collegamenti possono essere progettati distribuendo le forze ed i momenti interni nel modo che risulta il pi`u razionale
purch`e:
le forze ed i momenti interni assunti siano in equilibrio con le forze ed i momenti applicati;
ciascun elemento del collegamento sia in grado di resistere alle forze ed alle sollecitazioni considerate nellanalisi;
le deformazioni derivanti da questa distribuzione non superino la capacit`a di deformazione dei dispositivi di giunzione
o saldature delle parti collegate;
le deformazioni assunte in qualsiasi modello di progetto basato sulle linee si snervamento siano basate su rotazioni
rigide (e deformazioni nel piano) che siano sicamente possibili.
Inoltre, la distribuzione assunta delle forze interne deve essere realistica per quanto riguarda le rigidezze relative nel giunto.
Le forze interne cercheranno di seguire il percorso di maggior rigidit`a. Tale percorso deve essere identicato con chiarezza
e coerentemente seguito lungo tutto il progetto del collegamento.
84
6.9 Detrazione dellarea dei fori per dispositivi di giunzione
Figura 6.18: Distribuzione delle forze fra i dispositivi di giunzione
85
Unioni bullonate
dove A
v,ef f
`e larea netta del meccanismo block shear che deve essere determinata nel modo seguente:
A
v,ef f
= t L
v,ef f
dove
L
v,ef f
= L
v
+ L
1
+ L
2
con la limitazione L
v,ef f
L
3
nella quale
L
1
= a
1
con la limitazione L
1
5 d
L
2
= (a
2
k d
0,t
)(f
u
/f
y
)
L
3
= L
v
+ a
1
+ a
3
con la limitazione L
3
(L
v
+ a
1
+ a
3
nd
0,v
)(f
u
/f
y
)
dove
a
1
, a
2
, a
3
eL
v
sono indicate in gura;
d `e il diametro nominale del dispositivo di giunzione;
d
0,t
`e la larghezza della supercie trazionata del foro, in genere il suo
diametro, ma per fori asolati orizzontali si deve considerare la lunghezza
dellasola;
d
0,v
`e la larghezza della supercie del foro soggetta a taglio,
in genere il diametro del foro, ma per fori asolati verticali si deve
considerare la lunghezza dellasola;
n `e il numero dei fori per dispositivi di giunzione nella supercie
soggetta a taglio;
t `e lo spessore dellanima o della squadretta;
k `e un coeciente con i seguenti valori:
per una la di bulloni: k = 0, 5;
per due le di bulloni: k = 2, 5;
6.10 Membrature soggette a trazione assiale
Per membrature soggette a trazione assiale il valore di progetto della forza N
Sd
in corrispondenza di
ciascuna sezione trasversale deve soddisfare la relazione
N
Sd
N
t,Rd
dove N
t,Rd
`e la resistenza di progetto a trazione della sezione trasversale, pari al valore minore fra:
1. la resistenza plastica della sezione lorda: N
pl ,Rd
= A f
y
/
M0
2. la resistenza ultima di progetto della sezione netta in corrispondenza dei fori per i dispositivi di
giunzione: N
u,Rd
= 0, 9 A
net
f
u
/
M0
86
6.10 Membrature soggette a trazione assiale
Figura 6.19: Block shear
87
Unioni bullonate
Per le giunzioni di categoria C progettate per resistere allo scorrimento allo stato limite ultimo, la re-
sistenza plastica di progetto della sezione netta in corrispondenza dei fori per i dispositivi di giunzione
N
net,Rd
non deve essere assunta maggiore di
N
net,Rd
= A
net
f
y
/
M0
Qualora sia richiesto un comportamento duttile, la resistenza plastica di progetto N
pl
deve risultare
inferiore alla resistenza ultima di progetto della sezione netta in corrispondenza dei fori per i dispositivi di
giunzione N
u,Rd
cio`e:
N
u,Rd
N
pl ,Rd
ci`o sar`a soddisfatto se: 0, 9[A
net
/A] [f
y
/f
u
][
M2
/
M0
]
Cio`e se il rapporto A
net
/A sar`a maggiore delle seguenti percentuali:
82% Fe360
81% Fe430
87% Fe510
88
7
Unioni saldate
La saldatura `e un processo di giunzione che consente di unire elementi metallici in modo permanente
realizzando la continuit`a del materiale mediante fusione. Confrontando le unioni saldate con le unioni
bullonate si nota che i collegamenti saldati risultano pi`u rigidi e semplici ma necessitano un maggiore
controllo al ne di evitare possibili riduzioni di resistenza o rotture fragili associate al procedimento di
saldatura stesso. Per tale motivo, nella realizzazione di una struttura metallica si preferisce eseguire la
maggior parte delle unioni saldate in ocina dove vi `e maggiore controllo e la possibilit`a di utilizzare
attrezzature automatizzate e sosticate.
7.1 Generalit`a delle unioni saldate
7.1.1 Procedimenti di saldatura
Nelle unioni saldate il materiale base `e quello dei pezzi da collegare mentre il materiale di apporto `e il
materiale che viene introdotto allo stato fuso tra gli elementi. I procedimenti di saldatura si distinguono
in procedimenti autogeni e procedimenti eterogeni:
nei primi si ha fusione sia del materiale base sia del materiale di apporto eventualmente introdotto tra gli
elementi da collegare. I procedimenti eterogeni prevedono invece solo la fusione del materiale di apporto
ad una temperatura inferiore. Generalmente si impiegano procedimenti autogeni distinti a seconda dei
metodi impiegati per ottenere la sorgente termica e per proteggere il bagno di fusione, questi sono:
saldatura ad arco con elettrodi rivestiti: Rappresenta la tecnica pi`u usata e semplice da eseguire.
Infatti bastano un semplice generatore di corrente dal quale si dipartono due cavi, uno da collegare
al pezzo da saldare e laltro munito di una speciale pinza portaelettrodo. Lelettrodo viene posto a
brevissima distanza dai pezzi da saldare in modo da far scoccare larco elettrico tra i due elementi.
La sorgente di calore che si viene a formare risulta localizzata e produce altissime temperature
(3000-5000

C) che fanno fondere rapidamente sia il materiale base che lelettrodo dando luogo
ad un bagno di fusione il cui successivo rareddamento forma il cordone di saldatura che unisce i
pezzi saldati.
Lelettrodo `e formato da un metallo analogo a quello da saldare ed `e rivestito da un materiale le
cui funzioni sono quelle di formare una atmosfera gassosa che protegge larco elettrico e dare luogo
a una scoria pi`u leggera del metallo che galleggia nel bagno di fusione che solidicandosi protegge
89
Unioni saldate
il bagno fuso e limita la velocit`a di rareddamento del bagno stesso prevenendo la formazioni di
difetti. Gli elettrodi impiegati dovranno essere del tipo omologato dalle norme UNI 5132;
saldatura ad arco sommerso: lelettrodo `e costituito da un lo avvolto a matassa (bobina) che un
opportuno dispositivo provvede a far avanzare man mano che questo si fonde per formare il cordone
di saldatura (lo continuo); la protezione del bagno di fusione `e adata ad una polvere granulare
(usso) che ha la stessa funzione degli elettrodi rivestiti. Questo usso viene distribuito sul giunto
ed al suo interno scocca larco che di conseguenza risulta sommerso ed invisibile;
saldatura con protezione di gas ed elettrodo fusibile (MIG e MAG): sono anchesse saldature
a lo continuo dove la protezione del bagno `e adata ad un gas inerte (saldature MIG) o ad un
gas chimicamente attivo (MAG). Tali procedimenti hanno un costo elevato e vengono impiegati
per saldare acciai particolari (acciai al nichel-cromo, acciai inossidabili ecc.) La presenza del gas
previene la formazione di ossidi e nitruri.
Qualica dei procedimenti di saldatura (CNR 10011)
Limpiego di elettrodi omologati secondo UNI 5132 esime da ogni prova di qualica del procedimento.
Per limpiego di altri procedimenti di saldatura (arco sommerso o sotto protezione di gas) occorre eseguire
prove preliminari di qualica atte ad accertare:
lattitudine ad eseguire i principale tipi di giunto della struttura ottenendo giunti senza difetti (da
accertare con radiograe e prove di rottura del giunto);
la resistenza a trazione su giunti testa a testa mediante provette trasversali al giunto, resistenza
che deve essere maggiore di quella del materiale base;
capacit`a di deformazione del giunto mediante prove di piegatura a 180

su mandrino con = 3t
per S235-275 (Fe 360,430) e = 4t per S375 (Fe 510);
prove di resilienza su provette intagliate a V secondo UNI 4713 ricavate trasversalmente al giunto
saldato. E richiesta una resilienza maggiore a 27 J a 20

C se la struttura deve essere impiegata
a temperatura maggiore di 0

C, a 0

C se deve lavorare a temperature minori.
7.1.2 Classicazioni delle saldature
Le unioni saldate si possono classicare in vari modi che tengono in conto di alcune caratteristiche della
saldatura stessa:
- in funzione della posizione dei cordoni di saldatura (g. 7.1a):
saldature in piano;
saldature frontali;
saldature verticali;
saldatura sovratesta (quando si esegue dal basso verso lalto).
- in relazione alla posizione dei pezzi da saldare(g. 7.1b):
90
7.1 Generalit`a delle unioni saldate
a) giunti testa a testa;
b) giunti dorlo;
c) giunti dangolo;
d) giunti a T;
e) giunti a L;
f) giunti per sovrapposizione.
- in funzione della lavorazione delle parti a contatto, limitatamente ai giunti testa a testa:
giunti a V;
giunti a U;
giunti a X;
giunti a Y.
- in funzione della sezione trasversale di un cordone dangolo(g. 7.1c): pu`o essere piana, concava
o convessa.
- in funzione della direzione dello sforzo le saldature possono essere(g. 7.1d):
a) laterali;
b) frontali;
c) oblique.
Ai ni delle veriche di resistenza le norme (CNR10011, D.M. 2008) fanno riferimento a due categorie
di unioni saldate (g. 7.4):
1. giunti a completa penetrazione (testa a testa, a croce, a T);
2. giunti a cordone dangolo e a parziale penetrazione (g. 7.2,7.3).
Limitatamente ai giunti a completa penetrazione, le norme (CNR10011) distinguono due classi di
saldatura:
CLASSE I: comprende i giunti eettuati con elettrodi di classe 3 o 4 secondo UNI 5132 o altri
procedimenti qualicati di saldatura. Devono soddisfare lesame ai raggi x con i risultati richiesti
per il raggruppamento B, UNI 7278. Laspetto della saldatura deve essere regolare e non ci devono
essere discontinuit`a con il materiale base (realizzati in ocina);
CLASSE II: possono essere eettuati con elettrodi di clesse 2,3,4 secondo UNI 5132, devono
soddisfare ai requisiti del raggruppamento F, UNI 7278. Laspetto della saldatura deve essere
quello della classe I (realizzati in cantiere, sono ammesse piccole dietosit`a).
Gli elementi tipici di giunti a completa penetrazione sono (g. 7.5):
langolo di smusso ;
la sua profondit`a d;
91
Unioni saldate
(a) Classicazione in funzione della posizione dei cordoni (b) Classicazione in relazione alla posizione dei pezzi
(c) Classicazione in funzione della sezione trasversale di un cordone
dangolo
(d) Classicazione in funzione della direzione dello sforzo le saldature possono essere
Figura 7.1
92
7.1 Generalit`a delle unioni saldate
Figura 7.2: Saldature di testa a parziale penetrazione
(EC3)
Figura 7.3: Saldature di testa a T (EC3)
la spalla rettilinea s;
la distanza fra i lembi g.
La distinzione tra queste due classi `e associata alla bont`a di esecuzione dellunione saldata e si traduce
in una dierente capacit`a portante dellunione: maggiore per le unioni di prima classe rispetto a quelle
della seconda.
I giunti con cordoni dangolo, eettuati con elettrodi di qualit`a 2,3 o 4 devono essere considerati come
appartenenti ad un unica classe caratterizzata da una ragionevole assenza di difetti interni e di assenza
di incrinature interne o di cricche a strappo sui lembi dei cordoni.
7.1.3 Difettosit`a delle saldature
Come conseguenza dei fenomeni metallurgici (solidicazione del materiale fuso e trattamento termi-
co del materiale di base che circonda la saldatura) si possono avere difetti dellunione saldata: difetti
metallurgici (cricche, strappi lamellari, inclusioni) e geometrici (mancanza di penetrazione, disassamento).
Le cricche (g. 7.6) sono microlesioni che interrompono la continuit`a della saldatura. Si distinguono
le cricche a caldo che si generano nella zona fusa a causa di un elevato tenore di impurezze presente e le
cricche a freddo che si manifestano ai margini del cordone di saldatura e sono provocate dalleccessiva du-
rezza che si produce nel materiale base in seguito al rapido rareddamento del bagno di fusione (tempra).
Gli strappi lamellari (g. 7.7) corrispondono a cricche dovute ad una sollecitazione di trazione or-
togonale al piano di laminazione del materiale base (sono generate dalle tensioni di ritiro successive al
rareddamento e dal notevole spessore del materiale base).
La mancanza di penetrazione (g. 7.8)si manifesta quando esistono zone in cui il materiale fuso non `e
penetrato e la saldatura dellunione non risulta pertanto continua. Il disassamento (g. 7.8) dei lembi `e
dovuto invece ad un montaggio imperfetto delle componenti da unire che pu`o provocare una variazione
della geometria del prolo assemblato.
93
Unioni saldate
Figura 7.4: Tipologie comuni di giunti saldati (EC3)
94
7.1 Generalit`a delle unioni saldate
Figura 7.5: Elementi dei giunti a completa
penetrazione
Figura 7.6: Cricche nei cordoni di saldatura
Tutti questi difetti possono arrecare notevoli danni alla resistenza dei giunti. I mezzi pi`u diusi per
il loro riconoscimento sono: lesame radiograco che utilizza i raggi x o gamma, lesame agli ultrasuoni,
lesame magnetoscopico e lesame con liquidi penetranti.
7.1.4 Particolari imposizioni normative (CNR 10011)
Il progetto deve essere redatto col criterio di limitare il pi`u possibile le saldature in opera. La posizione
dei giunti deve essere tale da agevolare lesecuzione, da evitare la concentrazione di saldature in zone
ristrette e da permettere che i giunti di testa siano suscettibili di controlli non distruttivi (in corso dopera
o a opera nita). In particolare:
nelle saldature di testa gli elementi di spessore diverso sollecitati normalmente al giunto, lelemento
di spessore maggiore deve essere rastremato come in g. 7.9. I valori maggiori di L sono da
adottarsi in presenza di sollecitazioni a fatica;
Figura 7.7: Tipici strappi lamellari
Figura 7.8: Difetti nelle saldature
95
Unioni saldate
Figura 7.9
Per gli attacchi di estremit`a di aste sollecitate da sforzo normale, realizzati soltanto con cordoni
dangolo paralleli allo sforzo di sollecitazione, la lunghezza minima degli stessi cordoni deve essere
maggiore di 15 volte lo spessore t;
limpiego di saldature entro fori o intagli deve essere considerato eccezionale; qualora non si possa
evitarlo il loro contorno non deve presentare punti angolosi ne raggi di curvatura minori di met`a
della dimensione minima dellintaglio;
devono essere previsti di classe I i giunti a testa di maggior importanza appartenenti a membrature
tese esposte a temperature minori di 0

C;
devono essere evitate per quanto possibili le discontinuit`a locali; tale regola deve essere sempre
osservata in presenza di sollecitazioni a fatica o di basse temperature;
la saldatura a tratti `e ammessa solo per cordoni dangolo e deve essere evitata nelle membrature
sollecitate a fatica (g. 7.11);
i cordoni dangolo che uniscono due laminati di spessore t
1
e t
2
devono avere il lato b (g. 7.10)
soddisfacente le condizioni di calcolo e la limitazione seguente:
t
2
2
b t
2
(7.1)
Per spessori t
1
20 mm invece conviene di regola che sia b b
1
purch`e non in contrasto con la
precedente limitazione; i valori di b
1
sono riportati in tabella 7.1;
nei giunti a croce o a T a completa penetrazione deve essere previsto un graduale allargamento
della saldatura (g. 7.10), la cui larghezza deve essere almeno pari al 1,3 volte t in corrispondenza
della lamiera in cui viene ad innescarsi.
Tabella 7.1: Altezza limite b
1
del cordone
t
1
b
1
mm mm
20 6
30 8
50 11
70 13
100 14
96
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate
Figura 7.10
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate
Nei giunti a testa a completa penetrazione, in assenza di difetti interni, lo stato di tensione pu`o essere
assimilato a quello di un pezzo continuo. La sezione resistente della saldatura ha come lunghezza lintera
lunghezza L della saldatura e come altezza t il minore dei due spessori collegati nel caso di giunti testa
a testa oppure lo spessore dellelemento completamente penetrato nel caso di giunti a T o a croce (g.
7.12).
Nei giunti a cordone dangolo la sezione resistente chiamata sezione di gola viene identicata dalla
lunghezza L del cordone di saldatura moltiplicata per laltezza di gola a ovvero laltezza del triangolo
inscritto nella sezione trasversale del cordone di saldatura (g. 7.13, 7.14).
Si assume lipotesi semplicativa di considerare le tensioni uniformemente distribuite nella sezione di
gola e si individuano convenzionalmente con la seguente simbologia (g. 7.15):

rappresenta la tensione che agisce in direzione normale alla sezione di gola;

rappresenta la tensione che agisce nella sezione di gola in direzione perpendicolare allasse del
cordone;

//
rappresenta la tensione che agisce nella sezione di gola in direzione parallela allasse del cordone;

//
rappresenta la tensione che agisce in direzione parallela allasse del cordone sulla sua sezione
trasversale.
La sezione di gola pu`o essere ribaltata, a seconda della convenienza, sul piano verticale o su quel-
lo orizzontale, ovvero secondo qualsiasi altra giacitura, al ne di semplicare la quanticazione delle
sollecitazioni per la fase di progetto e di verica.
7.2.1 La trazione
Nel caso di unione saldata interessata da una forza di trazione F i cordoni possono essere paralleli alla
forza (cordoni laterali), perpendicolari (cordoni frontali) o inclinati (cordoni inclinati).
Cordoni laterali
Con riferimento alla gura 7.16 le tensioni possono essere determinate direttamente sulla sezione di gola
di ogni cordone nella sua posizione eettiva oppure ribaltato sul piano verticale o su quello orizzontale.
In ogni caso si hanno contributi tensionali
//
il cui valore `e dato dallespressione:
97
Unioni saldate
Figura 7.11: Saldature a cordoni dangolo discontinue (EC3)
98
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate
Figura 7.12

//
=
F
4 L a
(7.2)
Cordoni frontali
Con riferimento alla gura 7.17 non risulta agevole eettuare la stima delle tensioni direttamente sulla
sezione di gola di ogni cordone. Ipotizzandola ad esempio inclinata di 45

sullorizzontale (piano x-z) si


ha:

=
F
2 L a

2
2

=
F
2 L a

2
2
(7.3)
Se per`o ribaltiamo la sezione di gola sul piano verticale (y-z) o su quello orizzontale (x-z) si pu`o
semplicare la stima delle tensioni. Nel piano verticale si hanno tensioni normali alla sezione di gola date
da:

=
F
2 L a
(7.4)
Nel piano orizzontale si ha invece:

=
F
2 L a
(7.5)
Cordoni inclinati
Nel caso di due cordoni inclinati nella sezione di gola agisce una forza scomponibile in un contributo
tangente (V=F cos ) ed uno normale (N= sin) allasse del cordone. Facendo riferimento alla gura
7.18 se la sezione di gola viene ribaltata sul piano orizzontale le tensioni associate sono interamente
contenute in questo. Le componenti sono:

=
F si n
2 L a

//
=
F cos
2 L a
(7.6)
99
Unioni saldate
Figura 7.13: Altezza di gola di una saldatura a
cordoni dangolo
Figura 7.14: Altezza di gola di una saldatura a
cordoni dangolo a forte penetrazione
Ribaltando la sezione di gola nel piano verticale si hanno invece i seguenti contributi tensionali:

=
F si n
2 L a

//
=
F cos
2 L a
(7.7)
Combinazione di cordoni
Nel caso siano presenti pi`u tipologie di cordoni `e bene adare lintero carico ad un solo tipo di cordone.
E buona norma che le altezze di gola dei cordoni di saldatura siano uguali, in modo da poter sfruttare la
loro mutua collaborazione.
7.2.2 La essione e il taglio
Questo tipo di sollecitazione `e estremamente frequente nelle unioni saldate per costruzioni ad uso civile
e industriale.
Cordoni frontali longitudinali
La sezione resistente (g. 7.19) giace nel piano verticale (y-z) ed `e costituita da due sezioni rettangolari,
corrispondenti alla sezione di gola di ogni cordone di altezza a e lunghezza h:

,max
=
F L
b
W
=
F L
b
2 a h
2
/6

//
=
F
2 h a
(7.8)
Cordoni frontali trasversali
La sezione resistente (g. 7.20) giace nel piano verticale (y-z) ed `e costituita da due sezioni rettangolari
orizzontali, corrispondenti alla sezione di gola di ogni cordone di altezza a e lunghezza b:
100
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate
Figura 7.15: Stato tensionale nella sezione di gola
Figura 7.16: Unione con cordoni laterali

,max
=
F L
b
W
=
F L
b
(b a) h

=
F
2 b a
(7.9)
Combinazione di cordoni
Nel caso di collegamenti saldati per prolati con sezioni a I o ad H si possono utilizzare cordoni trasversali
combinati con cordoni longitudinali (g. 7.21). Se le dimensioni dei cordoni sono appropriate allo spessore
delle ali e dellanima del prolo da collegare le tensioni nella saldatura possono essere valutate considerando
le caratteristiche inerziali di una sezione resistente composta dai cordoni danima (assorbono il taglio) e
dai cordoni perimetrali della ali (assorbono la essione). Ribaltando le sezioni di gola nel piano verticale
y-z si ha:
Figura 7.17: Unione con cordoni frontali
101
Unioni saldate
Figura 7.18: Unione con cordoni inclinati
Figura 7.19: Unione inessa con cordoni frontali longitudinali

,max
=
F L
b
W
=
F L
b
(L
1
a
1
h
1
) + 2 (L
2
a
2
h
2
)

//
=
F
2 a
3
L
3
(7.10)
7.2.3 La torsione e il taglio
Per eetto di azioni eccentriche su unioni saldate in cui i cordoni resistenti e la retta di applicazione
del carico appartengono ad un unico piano si pu`o originare uno stato di sollecitazione caratterizzato da
contemporanea presenza di torsione e taglio.
Cordoni laterali
Lazione torcente viene bilanciata da una coppia di forze dei cordoni di intensit`a H (g. 7.22):
H =
F e
h
(7.11)
Allazione H `e associata nei cordoni una tensione tangenziale riferita alla sezione di gola
//
pari a:

//
=
F e
h a L
(7.12)
102
7.2 Le sollecitazioni nelle unioni saldate
Figura 7.20: Unione inessa con cordoni frontali trasversali
Figura 7.21: Combinazione di cordoni frontali longitudinali e trasversali
Nel piano orizzontale:

=
F
2 a L
(7.13)
Nel piano verticale:

=
F
2 a L
(7.14)
Cordoni frontali
Lazione torcente viene bilanciata da una coppia di forze dei cordoni di intensit`a V (g. 7.23):
V =
F e
z
(7.15)
Allazione V `e associata una tensione tangenziale nei cordoni:

//,1
=
F e
2 (a L)
(7.16)
Al carico F `e associata:
103
Unioni saldate
Figura 7.22: Unione a torsione e taglio con cordoni laterali
Figura 7.23: Unione a torsione e taglio con cordoni laterali

//,2
=
F e
2 (a L)
(7.17)
La tensione massima totale risulta quindi:

//
=
//,1
+
//,2
(7.18)
7.3 Resistenza e verica delle unioni saldate
Lapproccio seguito nei criteri di verica consiste nel ricondurre lo stato tensionale pluriassiale ad uno
stato equivalente ideale monoassiale e confrontarlo con la resistenza del materiale opportunamente ridotta
per tener conto della presenza di eventuali difetti.
7.3.1 Unioni a completa penetrazione
Nel caso di unioni a completa penetrazione (g. 7.24) le veriche andranno eettuate solo per i giunti
di classe II (0.85f
d
) in quanto per i giunti di classe I la resistenza di progetto della saldatura `e uguale a
quella del materiale base (CNR 10011). Se nel giunto agiscono contemporaneamente tensioni normali e
tangenziali si adotta il criterio di Hencky - von Mises:
104
7.3 Resistenza e verica delle unioni saldate
Figura 7.24: Tensioni nei cordoni di saldatura

i d
=

+
2
//


//
+ 3
2
//
0, 85f
d
(7.19)
Dove f
d
= resistenza di progetto del materiale base.
7.3.2 Giunti con cordoni dangolo
I metodi proposti a livello normativo per la verica dei cordoni dangolo sono di origine sperimentale. Si
`e visto che le
//
non inuenzano il comportamento del cordone e quindi possono essere trascurate. Le
prime esperienze (anni 50) su cordoni soggetti a sforzi interni comunque diretti nel piano normale allasse
del cordone (

,
/
) furono condotte da Van den Eb con la nalit`a di denire il dominio spaziale
delle resistenze. Il dominio spaziale corrispondente a suddette prove fu chiamato peroide(g. 7.25).
Il peroide pu`o essere approssimato mediante un elissoide con semiasse nella direzione

C
1

= 0.58

mentre nella direzione delle


//
`e C
2
0.7

. Negli anni successivi furono proposte da vari autori e


successivamente recepite dalle normative internazionali diverse equazioni di domini di resistenza (elissoidi,
sfere etc.) che si adattavano al peroide sperimentale (g. 7.26).
Al ne di esemplicare le veriche sul cordone, le varie norme tendono a consentire di non eettuare
le veriche sul piano di gola, ma pi`u semplicemente sul piano di attacco al cordone per una sezione di
ampiezza a pari allaltezza di gola. Inoltre, al ne di poter eettuare indierentemente le veriche sui
diversi piani, si cerca di adottare un dominio sferico.
Prima di elencare le veriche diamo alcune prescrizioni (EC3):
Lunghezza ecace:
Sar`a pari alla lunghezza del cordone a piena sezione. Le saldature con L ecace inferiore ai 40 mm o a
6 volte la sezione di gola devono essere trascurate.
Sezione di gola (g. 7.13, 7.14):
Sar`a pari allaltezza del triangolo pi`u grande che pu`o essere iscritto fra le facce di fusione e la saldatura,
essa non deve essere inferiore a 3 mm.
Secondo il D.M. 14.01.2008, la verica pu`o essere condotta sia nella sezione di gola ribaltata, secondo
il criterio della sfera mozza CNR 10011, sia considerando la sezione di gola nella sua eettiva posizione.
105
Unioni saldate
Figura 7.25: Peroide sperimentale
106
7.3 Resistenza e verica delle unioni saldate
Figura 7.26: Diversi domini di resistenza
Verica della sezione di gola nella sua eettiva posizione
- Con riferimento alle g. 7.24 e 7.15 dovr`a essere controllata la disuguaglianza (metodo basato sul
controllo dello stato tensionale, criterio di Huber-Von Mises):

+ 3 (
2

+
2
//
)
f
tk

M2
(7.20)
Dove:
f
tk
rappresenta la resistenza a rottura dellelemento pi`u debole;
`e uguale a:
0,80 per acciaio S235 (Fe 360);
0,85 per acciaio S275 (Fe 430);
0,90 per acciaio S355 (Fe 510);

M2
coeciente di sicurezza (Tabella 4.2.V NTC 2008).
Tale metodo `e contenuto anche nellallegato M dellEC3 dove per`o contemporaneamente a 7.20 deve
essere vericato che risulti anche:


f
u

Mw
(7.21)
Dove:
f
u
rappresenta la resistenza a rottura dellelemento pi`u debole;

Mw
coeciente di sicurezza per la resistenza dei giunti saldati;
107
Unioni saldate
-In alternativa sempre per le NTC 2008 (metodo usato anche nellEC3) si pu`o usare un metodo che
semplica il dominio assumendolo pari ad una sfera di raggio f
vw
= f
tk
/
M2

3 pari al semiasse
minore dellelissoide, con coeciente di correlazione che tiene conto dellecienza del cordone rispetto
al materiale base avente valori come visto in 7.20. Si dovr`a avere:
F
w,Ed
F
w,Rd
(7.22)
dove F
w,Ed
`e la forza di calcolo che sollecita il cordone dangolo per unit`a di lunghezza e F
w,Rd
`e la
resistenza di calcolo del cordone dangolo per unit`a di lunghezza pari a:
F
w,Rd
= f
vw
a =
a f
tk

3
M2
(7.23)
con f
vw
resistenza a taglio di progetto.
Ci`o equivale a dire che deve essere vericata la seguente disuguaglianza:

2
d
+ (
2
d
+
2
//d
) f
vw
(7.24)
(nell EC3 tale verica viene utilizzata anche per le sezione di gola in posizione ribaltata ovviamente
proiettando le tensioni sul piano di attacco del cordone

t
2
nd
+ t
2
d
+
2
//d
f
vw
, le
//d
restano le
stesse)
Verica della sezione di gola in posizione ribaltata
In questo caso le NTC 2008 adottano un dominio a sfera mozza (g. 7.27) ottenuta dallintersezione
di una sfera di raggio 0.7 f
uw
con un cubo di lato 2 0.58f
uw
dove f
uw
= 1.2 f
u
per Fe 360 e f
uw
= f
u
per Fe 430 e 510 (CNR 10011) rappresenta la resistenza a trazione della sezione di gola.
Figura 7.27: Dominio a sfera mozza
Dovranno quindi essere vericate contemporaneamente la condizione di appartenenza alla sfera:

t
2
nd
+ (t
2
d
+
2
//d
)
1
f
yk
(7.25)
e al cubo:
108
7.3 Resistenza e verica delle unioni saldate
Tabella 7.2: Valori dei coecienti
1
,
2
S235 S275-S355 S420-460

1
0.85 0.70 0.62

2
1.00 0.85 0.75
|t
d
| +|t
nd
|
2
f
yk
(7.26)
Dove
1
,
2
hanno i valori riportati in tabella 7.2.
109
Unioni saldate
110
8
Giunzioni
La giunzione fra membrature pu`o essere realizzata interamente saldata o completamente bullonata o
in parte saldata e in parte bullonata. Si denisce quindi come collegamento un insieme di pi`u unioni
bullonate e/o saldate.
`
E estremamente dicile sistematizzare in modo organico una materia siatta soprattutto perche essa
`e in continua evoluzione. Infatti la concezione di un giunto dipende sia dal tipo di attrezzature e di
lavorazione che la carpenteria metallica `e in grado di prestare, sia dalla destinazione dellopera e delle
modalit`a di trasporto e di montaggio.
`
E suciente che lintroduzione di una nuova macchina permetta
nuovi tipi di lavorazione o che divenga determinante il volume rispetto al peso trasportato via mare, per
rendere ottimale un tipo di giunzione rispetto ad un altro.
Gli sforzi attuali di molti progettisti e sperimentatori sono quelli di concepire collegamenti sempre pi`u
semplici, al ne di eliminare quei dettagli costruttivi che incidono sul costo della giunzione, ma non risul-
tano determinanti ai ni della resistenza della giunzione stessa.
`
E questo uno degli studi pi`u dicili, in quanto, per denizione, il giunto costituisce un particolare costrut-
tivo in cui vi `e una concentrazione di sforzi e pertanto il suo comportamento non pu`o comunque essere
colto nellambito delle ipotesi che stanno alla base dei casi classici di St. Venant. La modellazione di una
giunzione pu`o essere fatta solo sulla base del calcolo a rottura, andando ad individuare delle soluzioni
equilibrate e conformi ai criteri di resistenza.
8.1 Classicazione dei giunti
Nella progettazione di una trave continua esistono sva-
riati modi per realizzare il giunto dellappoggio centrale.
Esso pu`o essere realizzato in modo da assicurare diver-
si valori di M
u
trasmissibile, garantendo in ogni caso
lequilibrio.
1. Se, ad esempio, si realizza un collegamento a completo ripristino della sola resistenza a taglio, si
deve avere che la trave AB e BC deve poter assorbire in campo elastico un momento M =
1
8
ql
2
e
la giunzione deve poter consentire una rotazione
B
= ql
3
/24EJ in semplice appoggio.
2. Se il giunto, viceversa, `e a completo ripristino della sezione M
B
=
1
8
ql
2
allora non `e richiesta
nessuna capacit`a di rotazione del giunto.
111
Giunzioni
3. Se il giunto `e a parziale ripristino della resistenza essionale (M
B
= ql
2
con 0
1
8
), bisogna
assicurare che la trave possa sopportare il carico q ed il momento M
B
oltre poter consentire la
rotazione
B
= (q q
1
)l
3
/24EJ con q
1
= 8M
B
/l
2
Si possono allora trarre le seguenti conclusioni:
I giunti a completo ripristino della sezione possono essere localizzati in qualsiasi sezione della
struttura.
I giunti a completo ripristino della sola resistenza essionale possono essere collocati in ogni
sezione in cui V V
l i m
/3 (in questo caso `e trascurabile la deformazione aggiuntiva da taglio del
collegamento), deve comunque essere vericato che il taglio V sia trasmissibile dal collegamento.
i giunti a parziale ripristino della resistenza essionale devono essere in grado di consentire le
rotazioni conseguenti la distribuzione dei momenti ettenti assunti.
C`e poi da fare unimportante distinzione per quanto riguarda la possibilit`a di consentire o meno sposta-
menti relativi tra i pezzi da collegare:
le articolazioni consentono, nelle usuali condizioni di esercizio, spostamenti relativi fra i pezzi col-
legati senza per`o provocare plasticizzazioni localizzate negli elementi costituenti il collegamento.
Queste, che realizzano un cinematismo attivo e funzionante nelle normali condizioni di esercizio,
possono essere distinte in articolazioni a perno, articolazioni per contatto o articolazioni in materiale
sintetico. Le articolazioni, diuse e comuni nel mondo delle costruzioni in acciaio no ai primi de-
cenni del secolo scorso, sono ancora frequentemente utilizzate soltanto per applicazioni particolari
quali principalmente appoggi per ponti e viadotti.
i giunti, che non consentono invece spostamenti relativi a meno che non si generino plasticizzazioni
locali nei dettagli componenti lunione. In questi particolari costruttivi si hanno concentrazioni di
sforzi e pertanto la modellazione basata sui casi classici della Teoria di De Saint Venant non pu`o
essere utilizzata.
8.1.1 Giunti intermedi
La struttura in acciaio nasce dallassemblaggio di elementi monodimensionali, lavorati in ocina ed
assemblati in sito. Generalmente `e possibile trasportare, in condizioni normali, elementi di lunghezza
non superiore a 12-13 m, e pertanto, nel caso di prolati singoli (tipicamente i prolati ad I ed a H,
correntemente utilizzati per realizzare travi e colonne), lunghezze maggiori possono essere movimentate
soltanto ricorrendo a trasporti eccezionali.
Giunti trave-trave
I giunti intermedi tra travi possono costituire, come anche per tutte le altre tipologie di giunto, soluzioni
a parziale ripristino come a completo ripristino delle sollecitazioni. Nel primo caso conviene posizionare
il giunto in zone opportune (ad esempio, se il giunto non garantisce un signicativo grado di continuit`a
essionale, in prossimit`a delle zone a momento nullo). In dettaglio `e possibile individuare:
giunto con piastre in acciaio (ange) saldate allestremit`a di ogni trave e bullonate in opera;
112
8.1 Classicazione dei giunti
giunto con piastre coprigiunto saldate (interamente in opera oppure allestremit`a di una trave in
stabilimento ed a quella dellaltra in opera);
giunto con saldature testa a testa nelle ali e nellanima delle estremit`a delle travi collegate. Usual-
mente, per questa soluzione, `e conveniente che le estremit`a delle travi siano opportunamente
lavorate in ocina.
Figura 8.1: Giunti tra travi
Giunti colonna-colonna
I giunti intermedi tra le colonne sono prevalentemente compressi o presso-inessi e di conseguenza anche
la problematica dellinstabilit`a deve essere tenuta debitamente in conto.
a) giunto con doppie piastre coprigiunto dala e danima bullonate in opera;
b) giunto con doppie piastre coprigiunto dala bullonate in opera;
c) giunto con piastre coprigiunto dala singole e piastre coprigiunto danima doppie bullonate in opera;
d) giunto per contatto con piastre coprigiunto interne saldate alle ali dei proli;
e) giunto per contatto con piastre coprigiunto dala interne al prolo e bullonate;
f) giunto per contatto con angia saldata in stabilimento allestremit`a della colonna inferiore ed in opera
alla colonna superiore;
g) giunto per solo contatto tra ange saldate in stabilimento allestremit`a di ogni colonna.
113
Giunzioni
Figura 8.2: Giunti tra colonne
8.1.2 Giunti di estremit`a
Esistono dierenti tipologie di giunti di estremit`a, classicabili in base agli elementi che vengono collegati.
Ci si ririferir`a ai seguenti tipi:
giunto tra travi, ossia tra elementi orizzontali inessi ed ortogonali tra loro;
giunto tra trave e colonna;
attacco per controventi;
giunto di base delle colonne.
Giunti tra travi
Innumerevoli sono le soluzioni di collegamento tra trave principale e trave secondaria ed in gura 8.3 ne
vengono proposte alcune a titolo di esempio:
Giunti tra trave e colonna
I giunti trave-colonna possono essere realizzati collegando la trave allala della colonna oppure vincolandola
alla sua anima. In gura 8.4 sono presentati alcuni tipici collegamenti allala della colonna. In dettaglio,
114
8.1 Classicazione dei giunti
Figura 8.3: Giunti tra travi
le soluzioni considerate, possono essere comunque utilizzate anche per vincolare la trave allanima alla
colonna.
Giunti per elementi di controventi
Le giunzioni tra le membrature principali e le diagonali che realizzano i controventi trasferiscono forze tra
elementi dierentemente orientati. Usualmente il dimensionamento dei controventi viene eseguito consi-
derando gli elementi diagonali soggetti soltanto ad azioni assiali, ossia ipotizzando cerniere allestremit`a.
(gura 8.5)
115
Giunzioni
Figura 8.4: Giunti tra travi e colonne
Figura 8.5: Giunti per controventi
116
8.1 Classicazione dei giunti
Giunti di base
Una componente sempre presente nel giunto di base delle colonne `e la piastra saldata, generalmente con
cordoni dangolo, allestremit`a inferiore della colonna, che usualmente poggia su uno strato di malta di
livellamento, allestradosso della fondazione in conglomerato cementizio (eventualmente armato). In que-
stultima vengono annegati i tirafondi (generalmente barre in acciaio lettate alle estremit`a) unitamente
ad eventuali perni di centraggio che agevolano la fase di assemblaggio del giunto stesso. La piastra deve
avere le superci spianate e forate per consentire il passaggio dei tirafondi.
Figura 8.6: Giunti di base
Giunti tra elementi in acciaio ed elementi in calcestruzzo (gura 8.7)
Negli edici in acciaio, i controventi verticali possono essere costituiti, in alternativa a specici sistemi in
acciaio, dai vani scala e/o vani vani ascensore o da pareti a taglio in conglomerato cementizio armato.
Sorge quindi lesigenza di vincolare le componenti in acciaio alle pareti del controvento in calcestruzzo.In
gura vengono preposte alcune soluzioni per i collegamenti di elementi di dierente materiale, per i
quali possono essere garantite inevitabilmente tolleranze dimensionali sensibilmente diverse (per lacciaio
nellordine dei millimetri e per il calcestruzzo dei centimetri).
117
Giunzioni
Figura 8.7: Giunti tra elementi in acciaio ed elementi in calcestruzzo
8.2 Modellazione dei giunti
Preliminarmente alla trattazione di alcuni concetti relativi alla modellazione dei giunti viene introdotta
la specica terminologia. In dettaglio, intendendo il nodo come il punto di intersezione tra gli assi di
due o pi`u elementi, appare evidente che che la teoria di base per la progettazione degli elementi mono-
dimensionali non risulta pi`u direttamente applicabile in queste zone in quanto vengono trasferite forze di
elevata entit`a in zone di dimensioni limitate. Facendo riferimento alla gura, relativa ad un nodo tra due
travi ed una colonna interna ad un sistema intelaiato piano, si distinguonole seguenti componenti:
il collegamento , ossia il dettaglio o linsieme degli elementi che rendono possibile lunione tra due
dierenti membrature (piastre, angolari, bulloni, saldature, ecc.);
il giunto , ossia la zona in prossimit`a del collegamento in cui si manifestano interazioni speciche tra gli
elementi collegati;
la zona nodale , ossia la zona individuata da tutti i giunti che concorrono in un nodo.
118
8.2 Modellazione dei giunti
8.2.1 Giunti a cerniera
In questa sezione si illustrer`a il funzionamento di alcuni tipi di collegamento tra travi principali e secondarie
funzionanti con uno schema statico assimilabile a quello di una cerniera.
Nodo cerniera per travi appoggiate
Il nodo tra trave principale e trave secondaria che pu`o essere assimilato ad una cerniera, presenta
solamente resistenza a taglio. La squadretta consente infatti rotazioni relative tra le due travi senza
che insorga alcun momento ettente aggiuntivo allappoggio. La giunzione pu`o essere provvista, inoltre,
di squadrette inferiori, utili allappoggio e al centraggio della trave secondaria al momento della posa in
opera, o di piatti di irrigidimento trasversali alla trave principale, utili a prevenire fenomeni di instabilit`a
locale.
Lancoraggio alla trave secondaria (della squadretta o del piatto) pu`o avvenire tramite bullonatura o
saldatura.
Nodo cerniera bullonato
Figura 8.8: Fila singola
Per travi secondarie molto basse (g. 8.8) `e possibi-
le che le restrizioni dimensionali consentano di colloca-
re solo una la di bulloni: Dallequilibrio alla rotazione
rispetto al bullone pi`u esterno si ha:
V
max
= T
g
c
Ne consegue che:
V
mi n
= T V
max
H = 0
R
max
= V
max
119
Giunzioni
Per la squadretta connessa con una la di n bulloni avremo
che il taglio che si scarica su ogni bullone `e pari a:
V =
T
n
mentre per quanto riguarda la reazione orizzontale massima, essa
risulta ricavabile tramite
H
max
= f
1
Ta
h

dove f
1
=
6
n
n 1
n + 1
.
In questo caso
R
max
=

H
2
max
+ V
2
Nel caso siano presenti pi`u le di bulloni, ad esempio due, disposte parallele o sfasate, si ritrovano i
seguenti valori di sollecitazione:
Figura 8.9: Fila doppia con n+n bulloni
Per le le parallele indicate in gura 8.9 il massimo sforzo verticale agente sar`a pari a
V =
T
2n
dove n `e il numero di bulloni per la. Lo sforzo orizzontale massimo viene invece valutato come
H
max
= f
2p
Ta
h

120
8.2 Modellazione dei giunti
dove f
2p
=
6
2n
n 1
n + 1
=
f
1
2
. In questo caso la reazione di taglio massima sul bullone `e pari a
R
max
=

H
2
max
+ V
2
Nel caso di bulloni a le sfasate le formule saranno analoghe: per la massima reazione verticale
V =
T
n
1
+ n
2
mentre per quella orizzontale
H
max
= f
2v
Ta
h

dove f
2v
questa volta viene denito come f
2v
= 6
n
2
1
n
2
(2n
2
1)
e a =
n
1
a
1
+ n
2
a
2
n
1
+ n
2
. La R
max
si ottiene
come sopra.
Per altre congurazioni di bulloni si faccia riferimento alla seguente tabella:
Figura 8.10: Da A. Gregor - Der Fraktische Stahlbau - Band IV - Tragerbau - pag. 284
121
Giunzioni
Esempio - Unione trave-trave
Figura 8.11: Unione tra trave principale e trave secondaria
Nellesempio indicato in gura 8.11 dovremo determinare le azioni che nascono sulla squadretta e
sulla trave sia principale che secondaria, e controllare che esse siano compatibili con la resistenza dei
materiali. Con riferimento alla gura avremo che:
M = Ta V = T

M =
T
2
b

V =
T
2
122
8.2 Modellazione dei giunti
dove M viene detto momento parassita e

M momento di trasporto. Conseguentemente le reazioni sui
bulloni saranno:
V =
T
n

V =
T/2
n
H
max
=
M
h

f

H
max
=

M
h

f
R
max
=

V
2
+ H
2
max

R
max
=


V
2
+

H
2
max
1
Si esegue la verica nella sezione 1:
Bulloni (1)
La verica consiste nel vericare che F
v,Ed
= R
max
sia minore di F
v,Rd
(gi`a denito precedentemente al
6.4.1 pag. 70). Supponendo di utilizzare bulloni di classe 8.8:
F
v,Rd
=
0, 6 f
bt
A
r es

M2
F
v,Ed
= R
max
=

V
2
+ H
2
max
Angolari (1)
La resistenza degli angolari va vericata sia a essione che a taglio, considerando
larea ecace (al netto dei fori). La presenza contemporanea di essione e taglio
impone un controllo delle tensioni considerando la
i d
:

max
=
M
W
ef f

m
=
T
A
ef f

i d
=

2
max
+ 3
2
m
Per quanto riguarda poi le distanze dai bordi vale quanto gi`a riportato al 6.4.1
pag. 72. Anche per il rifollamento, la verica da condurre `e riportata al 6.4.1
pag. 71. Le veriche da condurre sulla trave secondaria prevedono poi che nel
caso le estremit`a della trave siano mortesate, venga valutato lindebolimento della
sezione (6.9 pag. 84).
Nodo cerniera saldato
Pu`o essere conveniente saldare gli angolari alla trave secondaria in modo da evitare due bullonature in
opera.
In questo caso non si tratterebbe pi`u di angolari ma di un piatto saldato ortogonalmente allanima della
trave secondaria, successivamente bullonato allanima della trave principale. Solitamente le saldature
sono a cordoni dangolo.
In questo caso leccentricit`a del taglio T rispetto al baricentro della lunghezza di gola `e molto piccola
quindi si pu`o trascurare il momento parassita.
1
in questo caso f = f
1
123
Giunzioni
La verica che si conduce in questo tipo di giunzioni riguarda la resistenza a taglio del cordone dangolo:
si deve vericare che la
//
, calcolabile come

//
=
T
2 L t
sia minore della
adm
, calcolabile con i metodi gi`a illustrati al 7.3.2 pag. 105.
Figura 8.12: Unione tra trave principale e trave secondaria mediante saldature
Esempio - Unione trave-trave, con trave secondaria continua
Nel caso si voglia realizzare la continuit`a della trave secondaria, `e possibile prevedere, oltre alle giunzioni
con squadrette o saldature per collegare le due anime, un coprigiunto, atto a realizzare la continuit`a di
124
8.2 Modellazione dei giunti
trasmissione dello sforzo e dei piatti inferiori per riprendere eventuali giochi.
Figura 8.13: Unione tra trave principale e trave secondaria continua
Si suppone che il momento M venga trasmesso solo dalle piattabande e che il taglio T venga ripreso
solo dagli angolari. Il taglio a destra `e diverso da quello a sinistra e i bulloni di destra portano solo il taglio
T
2
. Per i bulloni sulla trave secondaria bisogna tener conto di un momento parassita dovuto al braccio a.
Si vericheranno ora i vari elementi componenti lunione:
1) Bulloni Angolari
Le azioni agenti si determinano come riportato sopra.
Le resistenze a taglio dei bulloni sono gi`a state esposte al 6.4.1 pag. 70.
2) Angolari (sezione )
La verica degli angolari `e la stessa esposta precedentemente. In pi`u `e necessario vericare anche la
sezione in quanto, pur non essendoci fori, `e sollecitata da un momento T
2
a

125
Giunzioni
3) Bulloni coprigiunto e 4) Coprigiunto
Analogamente ai bulloni degli angolari anche quelli del coprigiunto sono soggetti a prevalenti sforzi di
taglio, quindi `e necessario eseguire:
Verica a taglio del bullone (6.4.1 pag. 70);
Verica a rifollamento della lamiera (6.4.1 pag. 71);
Verica delle distanze dai bordi (6.4.1 pag. 72);
Verica a trazioni dei piatti (6.4.1 pag. 72);
5) Trave secondaria
La trave secondaria va vericata sia a rifollamento, che a taglio (nella sezione ridotta indebolita dai fori
e nella sezione ridotta) con i criteri esposti al 6.9 pag. 84.
6) Trave principale
I bulloni che ssano gli angolari alla trave principale devono essere vericati, come quelli della trave
secondaria, per le azioni di taglio e rifollamento.
Esempio - Unione trave-trave, con trave secondaria continua - Collegamenti saldati
Figura 8.14: Unione tra trave principale e trave secondaria continua
126
8.2 Modellazione dei giunti
Cordone coprigiunto
La sollecitazione nel cordone coprigiunto `e di tipo parallelo
//
ed `e ricavabile come:

//
=
S
2 a
a
per le veriche si rimanda al capitolo sui collegamenti saldati.
Cordone danima
Il cordone verticale deputato al trasferimento degli sforzi di taglio pu`o essere
vericato mediante un calcolo rigoroso o approssimato.
Il calcolo rigoroso prevede che le azioni di calcolo siano:
T
ver i f
= T
2
M
ver i f
= M
ani ma,r i d
=
J
ani ma,r i d
J
x
M
dove
J
ani ma,r i d
=
1
12
s
a,s
h
3
con s
a,s
spessore dellanima della trave secondaria.
Nel calcolo approssimato non si considera il momento di verica. Si tie-
ne conto per`o del M
ani ma,r i d
al ne di pervenire alla denizione dello stato
pluriassiale di tensione:
T
ver i f
= T
2
M
ver i f
= 0
W

=
1
6
2a h
2

=
M
ani ma,r i d
W

//
=
T
2
2a h

i d
=

+
2
//
8.2.2 Giunti angiati
I giunti angiati sono molto utilizzati nella pratica strutturale per la loro
notevole semplicit`a di esecuzione e praticit`a di collegamento. Possono
essere utilizzati sia per giunti di estremit`a, che per giunti intermedi. A
seconda della resistenza della piastra o dei bulloni possono essere con-
siderati a completo o parziale ripristino della resistenza a essione della
sezione.
Unimmediata considerazione sulla dierenza tra queste due categorie
riguarda il diverso posizionamento che i giunti hanno allinterno della
trave. Poiche i giunti a completo ripristino sono pi`u complessi e ne-
cessitano di maggiori lavorazioni rispetto a quelli a parziale ripristino, si preferisce in genere utilizzare
questultimi, posizionando il giunto in una sezione intermedia non particolarmente impegnata; i giunti di
127
Giunzioni
estremit`a saranno considerati delle cerniere plastiche capaci di trasmettere un momento inferiore a quello
delle membrature collegate. Seguendo tale criterio si possono individuare due tipologie di giunti a parziale
ripristino, ambedue capaci di adattarsi plasticamente.
Questo tipo di giunzione angiata `e in
grado di trasmettere il taglio di calcolo V
d
in-
sieme a momenti ettenti di una certa entit`a.
Il criterio di calcolo `e il seguente:
Si ripartisce il taglio in parti uguali sui
bulloni V
Ed
=
V
tot
n
b,tot
;
Si calcola lazione assiale N
f
trasmessa allala tesa N
f
=
F
2
+
M
D
;
Si determina lazione assiale trasmissibile da ogni bullone tenuto conto della presenza del taglio V
ed
:

N
Ed
N
Rd

2
+

V
Ed
V
Rd

2
= 1 N
Ed
= N
Rd

V
Ed
V
Rd

2
Si controlla che sia vericata la resistenza essionale delle sezioni della angia assumendo un valore
arbitrario per la forza di contatto. Deve quindi essere:
Q e =

nN
N
f
2

e M
r es,2
N
f

a
2
=

nN
N
f
2

e M
r es,1
essendo M
r es,1
il momento resistente della sezione a contatto con lala tesa, M
r es,2
il momento
resistente della sezione forata della angia e n il numero di bulloni disposti su una la. La angia di
gura viene dimensionata per trasferire la sola azione tagliante: essa pu`o quindi essere assimilata ad una
cerniera. La fabbricazione di tale giunto necessita di una certa precauzione nei riguardi delle tolleranze
dimensionali relative sia alla lunghezza della trave, che alla ortogonalit`a delle superci: la sua la sua la-
vorazione deve quindi essere pi`u accurata di quelle necessarie per i giunti a squadrette. Per garantire una
suciente capacit`a di rotazione `e opportuno che lo spessore della angia sia compreso fra i 6 e i 10 mm.
La verica del giunto va condotta sulla base delle reazioni R della trave. Essa infatti impegna i cordoni
di saldatura che connettono la angia alla trave e va ripartita egualmente fra tutti i bulloni per calcolarne
il diametro. Inne la verica a rifollamento o la resistenza nei confronti di un valore convenzionale del
momento ettente M =
1
2
R
p
2
d`a la misura dello spessore della angia di estremit`a. Per un giunto di
questo tipo non sono necessarie veriche nella zona compressa.
Come sezione resistente della angia di ipotizza una distribuzione delle forze secondo una legge lineare
che comporta unarea resistente ottenuta secondo una distribuzione a 48

- 45

.
In linea di principio, il valore della larghezza collaborante pu`o essere stabilito istituendo una equivalenza
fra il comportamento reale bidirezionale della angia e quello monodimensionale di una trave di rigidezza
opportuna: si pu`o cos` istituire un modello convenzionale di calcolo, semplice ed utile ai ni progettuali.
Lequivalenza fra sistema reale e modello pu`o essere stabilita in campo elastico e a collasso, indipenden-
temente dallo stato limite che si considera.
Lequivalenza in campo elastico `e sempre prudenziale: sottovalutando le risorse statiche della angia ne li-
mita le deformazioni. Essa `e quindi consigliabile quando si desidera equiripartire le forze su pi`u ordini di bul-
loni.
128
8.2 Modellazione dei giunti
Lequivalenza in campo plasti-
co valuta in modo realistico la re-
sistenza della angia, considerando
il comportamento a rottura. Essa
tiene conto delle forze di contat-
to e pertanto `e utilizzabile per co-
glierne i meccanismi; mal si presta
invece al calcolo delle ange con
pi`u ordini di bulloni.
Lequivalenza in campo elastico `e
basata sui risultati dellanalisi di
una lastra indenita caricata da un carico concentrato F. Nel punto O pi`u sollecitato risultano i valori
seguenti dei momenti ettenti per unit`a di lunghezza:
m
x
= 0, 509 F m
y
= m
x
= 0, 1527 F
Il limite elastico del materiale viene raggiunto per:

i d
=

2
x
+
2
y

x

y
=
6
t
2

m
2
x
+ m
2
y
m
x
m
y
= f
y
Il valore del limite elastico risulta pertanto
F
e
=
1
6
t
2
f
y

0, 509
2
+ 0, 1527
2
0, 509 0, 1527

2, 21
6
t
2
f
y
Per una trave incastrata di larghezza b
ef f
e del medesimo spessore t e aggetto a della angia il valore
del limite elastico F
I
e
risulta:
F
I
e
=
1
6
b
ef f
t
2
f
y
a
Lequivalenza fra trave e angia pu`o quindi istituirsi ponendo F
e
= F
I
e
e quindi per:
b
ef f
a
2, 21
e cio`e per un angolo di diusione = ar ctg

b
ef f
2a

48

. Il problema del calcolo della larghezza b


ef f
rappresenta un problema non ancora risolto in modo esauriente.
La gura 8.15 indica come sia possibile ricavare la larghezza ecace per diverse geometrie.
Sollecitazioni di trazione e essione
La ripartizione delle sollecitazioni assiali e ettenti su un giunto bullonato `e di pi`u dicile individuazione in
quanto dipende essenzialmente dalla rigidezza della lamiera (angia) attraverso la quale lazione esterna
`e applicata.
Per analizzare il problema da un punto di vista qualitativo si fa riferimento alla gura 8.16 che illustra la
129
Giunzioni
Figura 8.15: Larghezza ecace per diverse geometrie
pi`u semplice unione a trazione. Se la angia `e sucientemente rigida `e possibile trascurare la sua defor-
mazione: i bulloni risultano semplicemente tesi e quindi privi di essioni parassite (g. 8.16 a ). Viceversa
se la angia `e pi`u deformabile nascono delle forze Q di contatto e li bullone, per seguire linessione della
angia `e impegnato anche a essione (g. 8.16 b).
Levidenza sperimentale ha messo in luce limportanza di tale fenomeno, anche se `e ben dicile dare delle
leggi di tipo generale per calcolare le forze Q.
Figura 8.16: Flangia rigida e angia deformabile
Se si analizza in dettaglio no a collasso un giunto del tipo di quello illustrato si pu`o aermare che
le forze di contatto Q dipendono dalla rigidezza della angia, da quella del bullone, dal carico applicato
e che il collasso pu`o avvenire:
per snervamento del bullone penalizzato dallintervento di essioni parassite e sollecitato assialmente
dalla forza F
N
= F + Q;
130
8.2 Modellazione dei giunti
per la formazione di una o pi`u cerniere plastiche nella angia che risulta impegnata a essione.
Da queste sommarie considerazioni si evince che si possono seguire due metodi distinti per analizzare
la ripartizione di componenti di trazione e di essione sulle giunzioni. La scelta di uno dei due metodi
dipende dalla deformabilit`a della angia.
a) Si pu`o considerare la angia deformabile a fare appello alle forze Q di contatto per limitare le azioni
ettenti in esse presenti. In questo caso la distribuzione delle forze sui bulloni dipende sia dalla
geometria della sezione che dalla rigidezza della angia. I bulloni andranno vericati tenendo conto
della essione parassita nel gambo e quindi assumendo valori
M
pi`u sfavorevoli. Nelle ange invece
`e possibile superare il limite elastico e tener quindi conto della ridistribuzione degli sforzi dovuti alla
plasticizzazione dei punti pi`u sollecitati.
Il metodo di analisi non `e quindi univoco: va determinato caso per caso ricercando soluzioni
equilibrate e compatibili con la resistenza dei bulloni e delle ange.
b) Si pu`o trascurare la deformabilit`a della angia. Si schematizza allora la sezione come parzialmente
reagente: le trazioni sono assorbite dai bulloni, le eventuali compressioni per contatto. La distribu-
zione delle forze sui bulloni dipende quindi dalla geometria della giunzione.
I bulloni potranno essere vericati trascurando leetto delle essioni parassite nel gambo e quindi
assumendo i valori
M
pi`u favorevoli. Lo spessore delle ange dovr`a essere adeguato per garantire
il rispetto delle ipotesi alla base del calcolo.
`
E quindi opportuno, in assenza di analisi pi`u sosticate,
vericare che in ogni punto delle ange non venga superato il limite elastico: ogni ridistribuzione
degli sforzi dovute alla plasticit`a del materiale comporta infatti un incremento di deformabilit`a, che
pu`o risultare inammissibile con le ipotesi di partenza.
Giunti angiati simmetrici
In gura 8.17 `e rappresentata una angia con due bulloni sollecitata a trazione da un carico F e i suoi
tre possibili meccanismi di rottura.
Se la angia ha delle deformazioni essionali piccole rispetto a quelle assiali dei bulloni il meccanismo `e
illustrato in gura 8.17a. I bulloni saranno sollecitati da uno sforzo N = F/2 e non saranno aggravati
da essioni parassite importanti, mentre la angia dovr`a avere uno spessore adeguato per assorbire un
momento ettente M
2
=
F
2
a.
Se la angia ha delle deformazioni essionali di un ordine di grandezza pari a quelle dei bulloni il
meccanismo di rottura `e del tipo di quello illustrato in gura 8.17b. Nascer`a una forza di contatto Q di
verso eguale a quello di F. I bulloni saranno caricati di una forza N =
F
2
+Q e saranno impegnati anche
a essione in modo non trascurabile, mentre la angia sar`a impegnata da un diagramma di momenti
ettenti intrecciato con valori massimi M
1
e M
2
.
La forza Q `e a priori indeterminata: si dovr`a trovare una soluzione equilibrata e conforme col criterio
di resistenza. Sia M
d,A
il momento resistente della sezione A-A (al netto del foro), M
d,B
quello della
sezione B-B e F
t,Rd
il tiro massimo ammesso per il bullone. Deve risultare:
N =
F
2
+ Q F
t,Rd
Q c M
d,A
Q(c + a) + N a M
d,B
Il valore della forza Q potr`a essere scelto arbitrariamente in modo da soddisfare tutte le disuguaglianze.
Operativamente si pu`o ssare il diametro e la classe del bullone e quindi F
t,Rd
. Risulta allora che, al
131
Giunzioni
Figura 8.17: Meccanismi di rottura della angia
massimo, pu`o essere Q = F
t,Rd
F/2. La angia avr`a allora uno spessore tale da soddisfare le seguenti
limitazioni:

F
t,Rd

F
2

c M
d,A
F
2
(a + c) F
t,Rd
c M
d,B
Inne le deformazioni della angia possono essere grandi rispetto a quella dei bulloni. Il meccanismo di
rottura `e quello di gura 8.17c: si formano due cerniere plastiche in corrispondenza delle sezioni A-A e
B-B. Risulta cio`e:
N =
F
2
+ Q Q c = M
d,A
F
2
a Q c = M
d,B
da cui:
F = 2
M
d,A
+ M
d,B
a
Q =
M
d,A
c
N =
M
d,A
+ M
d,B
a
+
M
d,A
c
Ricapitolando, nel caso di:
Mensola rigida
Vale lequazione F a = 2 M
pl
dove M
pl
=
t
2
f
4
f
y
l (con t
f
spessore della angia e l lunghezza).
F `e assunto pari alla sommatoria degli N:
F = N = 2 N
Avremo quindi:
2N a = 2
t
2
f
4
f
y
l
132
8.2 Modellazione dei giunti
Nominando
t
2
f
f
y
l
a N
come - coeciente di rigidezza della angia - otteniamo:
1 =
1
2
t
2
f
f
y
l
a 2N

t
2
f
f
y
l
a 2N
= 2 = 2
Mensola deformabile
Nel caso in cui la mensola abbia una rigidezza tale da deformarsi sotto lazione dei carichi abbiamo detto
che vale:
F = 2
M
d,A
+ M
d,B
a
che `e possibile approssimare a come:
F = 2
2 M
pl
a
= 4
t
2
f
f
y
l
4 a
=
t
2
f
f
y
l
a
(8.1)
Il valore della forza Q potr`a quindi essere scritto come:
Q =
M
d,A
c

M
pl
c
=
1
c
F a
4
(8.2)
Per avere equilibrio deve essere:
F + 2Q

= F +
F
2
a
c

= N
Ponendo =
c
a
avremo:
F

1 +
1
2

= N F =
2
2 + 1
N (8.3)
Combinando 8.1 e 8.2 con 8.3 si ottiene che il coeciente per le ange deformabili vale:
=
2
1 + 2
Diagrammando il coeciente con la forza F applicata otteniamo una rappresentazione dei valori limite
dei vari meccanismi di collasso (gura 8.18).
Si evince quindi come, nellipotesi che tutta la larghezza l della angia sia ecace, sia un parametro
che lega la rigidezza del bullone a quella della piastra (Eurocodice 3 - J 3.3).
Riassumendo, per calcolare ange di rigidezza intermedia, per le quali Q `e indeterminato, la procedura
da seguire `e la seguente:
si sceglie un valore di Q arbitrariamente in modo da soddisfare tutte le disuguaglianze, in modo che
lequilibrio sia comunque soddisfatto;
si sceglie il diametro e la classe del bullone;
il valore massimo di trazione nel bullone sar`a Q = F
t,Rd
F/2;
si dimensiona la angia con uno spessore tale da soddisfare le:
133
Giunzioni
Figura 8.18: Rigidezza della angia

F
t,Rd

F
2

c M
d,A
F
2
(a + c) F
t,Rd
c M
d,B
Le stesse considerazioni fatte per la piastra saldata valgono anche per le ali dei prolati giuntati come
giunti angiati (T-Stub).
Nel caso in cui la angia rigida non sia soggetta solamente ad uno sforzo normale che potremmo
denire centrato, occorre vericare le propriet`a statiche della giunzione al ne di determinare leettiva
distribuzione di trazioni e compressioni.
Con riferimento alla gura 8.19 si supponga che la forza assiale di trazione F
N
agente sulla giunzione
costituita da n bulloni di egual diametro sia applicata internamente al nocciolo dinerzia della sezione
formata dai soli bulloni. In questo caso la forza N
i
agente sul generico bullone i-esimo, pu`o essere
valutata ipotizzando che la sezione resistente formata dagli n bulloni resti piana.
N
i
=
F
N
n
+
F
N
e

n
i =1
y
2
i
y
i
essendo e la eccentricit`a della forza applicata rispetto al baricentro e y
i
la distanza dallasse baricentrico
dal bullone i-esimo.
Se la forza assiale di trazione `e applicata esternamente al nocciolo dinerzia della sezione formata
dai soli bulloni, oppure la forza assiale di compressione `e applicata esternamente al nocciolo dinerzia
della sezione rettangolare costituita dalla angia, la sezione risulta parzializzata. La piastra reagisce a
compressione per contatto, i bulloni a trazione. Di regola si trascura leetto dei fori per cui la sezione
viene considerata di forma rettangolare e non reagente a trazione, se non per la presenza dei bulloni.
Con riferimento alla gura, se la zona compressa della angia risulta estesa e non irrigidita nelle zone
134
8.2 Modellazione dei giunti
Figura 8.19: Flangia rigida
pi`u esterne, `e ragionevole assumere una distribuzione delle deformazioni e delle tensioni lineari. In tal
caso la sezione ruota attorno allasse passante per il punto C: la forza agente sui bulloni e la tensione
massima di compressione possono essere espresse dalle seguenti relazioni:
N
i
= A
i
k(y
i
y
c
) ;
c
= k y
c
essendo k una costante di proporzionalit`a ed A
i
larea del singolo bullone.
Figura 8.20: Flangia rigida
Imponendo lequilibrio alla rotazione e alla traslazione della sezione si ottengono le seguenti equazioni
determinatrici dellasse neutro in base alle quali `e possibile determinare i valori della pressione massima di
contatto
c
e delle forze assiali agenti sui bulloni:
essione semplice (N = 0):
y
2
c
b
2
+ y
c

n
i =1
A
i

n
i =1
A
i
y
i
= 0
135
Giunzioni

c
=
M y
c
J
con J =
b y
3
c
3
+
n
i =1
A
i
(y
i
y
c
)
2
N
i
=
M
J
(y
i
y
c
)A
i
essione e azione assiale:
y
3
c
b
6
+ y
2
c
b
2
(e
a
2
) + y
c

n
i =1
A
i
(e
a
2
+ y
i
)
n
i =1
A
i
y
i
(e
a
2
+ y
i
) = 0
con e > 0 se N di compressione o con e < 0 se N di trazione.

c
=
y
c
y
2
c
b
2
A
i
(y
i
y
c
)
|F
N
|
N
i
= |
c
|
A
i
(y
i
y
c
)
y
c
Le sommatorie sopra indicate si estendono ai soli bulloni tesi; se lasse neutro cos` determinato ha un
ordinata y
c
maggiore dellordinata y
1
del primo bullone che `e considerato teso, bisogner`a ripetere il calcolo
non considerando nella sommatoria il bullone corrispondente.
Quando `e presumibile che la zona di contatto sia di limitata estensione o la angia `e irrigidita (g. )
non ha pi`u senso ipotizzare una distribuzione lineare delle pressioni di contatto. Appare pi`u realistico
concentrare la risultante delle pressioni di contatto in un punto C ragionevole e attorno a questo punto
imporre lequilibrio alla rotazione, assumendo una distribuzione lineare delle forze dei bulloni. Essendo
quindi y
c
determinato a priori ed F
N
positivo de di compressione, risulta:
N
i
= k A
i
(y
i
y
c
)

n
i =1
N
i
(y
i
y
c
) = M F
N
(
a
2
y
c
)
Figura 8.21: Flangia irrigidita
136
8.2 Modellazione dei giunti
Si ha in denitiva:
N
i
=
M F
N
(
a
2
y
c
)

n
i =1
A
i
(y
i
y
c
)
2
A
i
(y
i
y
c
)
Imponendo lequilibrio alla traslazione orizzontale si ottiene il valore della risultante R delle pressioni di
contatto. Esso `e dato da:
R =
n
i =1
N
i
+ F
N
Tale risultante pu`o essere ragionevolmente ipotizzato uniformemente distribuito su unarea rettangolare
di lati b e 2y
c
di cui il punto C `e il baricentro. Risulta quindi:

c
=

n
i =1
N
i
+ F
N
2y
c
b
Si possono inne ricercare le prestazioni ultime della giunzione. In questo caso `e lecito assumere una
distribuzione del tipo illustrato in gura 8.22.
Figura 8.22: Prestazioni ultime
Tutti i bulloni sono impegnati dalle forze assiali di progetto F
t,Rd
(= N
d,0
) e la pressione di contatto
ha il valore di progetto f
d
pari alla resistenza di progetto del materiale costituente la angia. Lunica
incognita del problema `e la posizione dellasse neutro. Essa `e denita dallequilibrio alla traslazione della
sezione. Assumendo per lazione assiale il valore positivo se di compressione `e:
n N
d,0
+ f
d
y
c
b = F
N
essendo n il numero dei bulloni reagenti a trazione.
Risulta:
y
c
=
F
N
+ n N
d,0
f
d
b
Noto y
c
`e possibile determinare il momento ultimo sopportabile, concomitante con lazione assiale F
N
.
Dallequilibrio alla rotazione attorno a O `e:
M
u
= F
N
e = N
d,0

n
i =1
(y
i

y
c
2
) + F
N
(
a
2

y
c
2
)
137
Giunzioni
Tale valore del momento non pu`o per`o essere sempre assunto come valore del momento ultimo sopporta-
bile dalla sezione. Anche ci`o sia vero il bullone pi`u vicino allasse neutro considerato nella verica, deve
poter esplicare il suo carico massimo senza che il bullone pi`u lontano abbia raggiunto un allungamento
pari a quello di rottura. Con riferimento alla gura 8.22 deve cio`e essere
max

t
. Il valore
max
`e
determinato dalla deformazione
1
= f
d,N
/E conseguente la resistenza di progetto f
d,N
del bullone pi`u
vicino allasse neutro che `e stato considerato nel calcolo. Risulta cio`e:

max
=
1
y
max
2y
c
y
1
2y
c
=
f
d,N
E
y
max
2y
c
y
1
2y
c
<
t
Il valore di progetto dellallungamento a rottura
t
del bullone sar`a da assumersi in modo cautelativo e
comunque non superiore ai valori minimi prescritti dalla UNI 3740-65.
Per comprendere i limiti di applicabilit`a dei metodi sopra indicati si deve osservare che questi sono basati
sullipotesi seguente: il comportamento dei bulloni sia indipendente dalle deformazioni della angia. In
realt`a questa aermazione non `e veritiera e per questa ragione le previsioni dei calcoli sono spesso disatte-
se dallevidenza sperimentale. A riprova di ci`o `e utile riportare, almeno qualitativamente, i risultati di una
esperienza (g. 8.23a). Essa `e relativa ad una trave su due appoggi realizzata da due pezzi solidarizzati
da un collegamento angiato. La trave `e composta da un prolo della serie statunitense (W 16x36) di
circa 400 mm di altezza. Le sue prestazioni essionali sono nellordine dell80% di quelle di una IPE 400.
Il giunto (g. 8.23c) `e costituito da 8 bulloni equivalenti a bulloni 20 di qualit`a 8.8 e da una piastra di
spessore di circa 64 mm per il primo campione e 38 mm per il secondo campione.
Figura 8.23: Prove sperimentali
La gura 8.23b mostra il ri-
sultato ottenuto. La trave con
la piastra pi`u spessa raggiunge il
massimo valore compatibile con le
sue prestazioni essionali e il col-
lasso avviene per cedimento della-
la compressa della trave. La trave
con angia di spessore pari a 38
mm cede prematuramente per rot-
tura dei bulloni pi`u vicini al lembo
teso.
Le misure delle forze agenti sui sin-
goli bulloni hanno messo in evi-
denza il comportamento rappre-
sentato qualitativamente in gura
8.23d,e.
La angia di spessore elevato `e
praticamente indeformabile e la di-
stribuzione delle forze sui bulloni `e
lineare.
La deformazione della angia da
38 mm provoca invece una zona di contatto anche nella parte inferiore del giunto e pertanto la di-
stribuzione delle forze sui bulloni `e sostanzialmente diversa da quella assunta alla base del calcolo.
Al ne di evitare collassi di questo tipo sono state eettuate analisi sperimentali che hanno portato a
determinare degli schemi geometrici di progettazione delle giunzioni angiate.
138
8.2 Modellazione dei giunti
Figura 8.24: Collegamenti unicati - Travi IPE con ange sporgenti in acciaio St 37; qualit`a bulloni 10K
Figura 8.25: Collegamenti unicati - Travi IPE con ange a lo in acciaio St 37; qualit`a bulloni 10K
139
Giunzioni
Figura 8.26: Collegamenti unicati - Travi HEB con ange sporgenti in acciaio St 37; qualit`a bulloni 10K
140
8.2 Modellazione dei giunti
Figura 8.27: Rapporto delle frecce in una trave collegata mediante ange
in confronto ad una trave senza giunto
141
Giunzioni
8.2.3 Giunti tesi
La tipologia dei giunti per elementi tesi `e essenzialmente legata a quella degli elementi da collegare.
La gura 8.28a,b illustra dei tipici giunti fra tondi. Questi possono essere considerati a parziale ripristino,
in quanto la sezione lettata `e ricavata per asportazione del materiale della barra: il tirante dovr`a essere
dimensionato in relazione allarea resistente della lettatura, che costituisce comunque un punto di de-
bolezza della struttura: la rottura del tirante pu`o avvenire quando nella sezione corrente non si `e ancora
raggiunto il limite elastico.
Per tale ragione `e preferibile, ove si voglia tener conto della redistribuzione plastica delle azioni interne
nella struttura, ricorrere a tiranti la cui lettatura sia ricavata per rullatura (g. 8.28c).
Figura 8.28: Giunti tesi
In gura 8.28d `e illustrato un attacco a martello per un tondo teso.
`
E composto da due piatti
di lamiera che vengono saldati al tondo e che per contatto trasmettono la forza N ai due proli a C.
Mentre la verica dellunione saldata fra piastre e tondo `e banale, pi`u delicata appare la trasmissione della
forza N ai due proli, anche in relazione alla necessit`a o meno di disporre delle costole con la funzione di
raccogliere il carico e trasmetterlo alle anime dei proli.
Figura 8.29: Giunti tesi (prolati)
142
8.2 Modellazione dei giunti
Nel caso di collegamento tra prolati tesi, essi possono essere realizzati con saldature a completa
penetrazione o con coprigiunti saldati o bullonati. Il primo, se realizzato con saldature opportune, `e a
completo ripristino e non necessita nemmeno di veriche, il secondo e il terzo devono essere vericati
con maggior accuratezza.
I collegamenti tra elementi tesi possono essere costruiti anche con giunti angiati. In gura 8.30a `e
mostrato un collegamento fra due tubi; in gura 8.30b quello tra due prolati e in gura 8.30c,d quello
tra due lamiere, simmetrico il primo, eccentrico il secondo.
Figura 8.30: Giunti tesi (angiati)
Prima di passare allo studio dei giunti compressi vale la pena approfondire la verica di alcuni
componenti dei collegamenti tesi appena visti.
Giunto a martello
La verica della saldatura che collega il tondo alle due ali si eettua tenendo conto dello sforzo di taglio
causato dalla trazione diretta della barra, ma anche della essione parassita che viene ad innescarsi a
causa della larghezza dellala componente il martello:
W =
t l
2
6
=
F
2 t l
;
max
=
F
2

a/2
W

i d
=

2
max
+ 3
2
Dove l `e laltezza dellala del martello, mentre a rappresenta la base.
Oltre alla saldatura `e necessario vericare che lazione agente sui due prolati non superi valori che portino
alla crisi il pezzo.
Si pu`o ritenere che i piatti distribuiscano il carico N sulle ali superiori; queste per essione e taglio lo
143
Giunzioni
riportano sullanima della trave. Si ha allora una pressione specica (g. 8.31a) di contatto p =
N
2at
che
sollecita a essione la angia interessandone una certa zona di larghezza collaborante b
ef f
. Consegue un
momento per unit`a di lunghezza:
m =
N
2

a
2
b
ef f
che impegna le ali e lanima del prolato. Se questa sollecitazione `e incompatibile con lo stato di tensione
ammissibile `e necessario ridimensionare la giunzione.
Figura 8.31: Giunto a martello
Si pu`o poi ritenere che il carico N si scarichi direttamente sullanima della trave. In tal caso si potr`a
ammettere (g. 8.31b) una distribuzione a 45

e ritenere lanima compressa da una pressione specica


pari a:
p =
N/2
(t + 2t
f
)t
w
In conseguenza di tale pressione specica lanima pu`o essere soggetta sia a schiacciamento per eccesso
di pressione specica che da instabilit`a locale. Le veriche nei confronti di questi fenomeni sono
convenzionali e basate su evidenze sperimentali. Secondo tale procedimento, non si deve sommare la
pressione p sopra dedotta alle altre componenti di tensione presenti nellanima: `e suciente controllare
che:
p f
d
con 1 (secondo le CNR-UNI = 1, 15)
per premunirsi dalla possibilit`a di schiacciamento.
Potr`a essere necessario predisporre delle costole che colleghino le ali allanima. Questo collegamento
irrigidisce localmente il prolo rendendo collaboranti anche le ali dello stesso. Quello che bisogna vericare
`e che la pressione specica di contatto
p =
N/2
t a
sia inferiore al valore f
d
.
A causa della eccentricit`a e = a/2 del carico, la sezione a L tender`a a ruotare e pertanto sar`a opportuno
144
8.2 Modellazione dei giunti
collegare fra loro le ange inferiori e superiori per chiudere fra di loro i momenti N/2 a/2 che insorgono,
scomponendoli in due forze:
H =
N
2

a
2
/d
Giunto a coprigiunto
Nei collegamenti con coprigiunto fra due prolati, `e opportuno distribuire le varie unioni in modo da
deviare il meno possibile il usso delle tensioni presenti nella membratura. Se i proli sono soggetti a
forza assiale, conviene quindi distribuire i coprigiunti in parti proporzionali allarea della sezione del prolo
stesso. Con riferimento alla gura , detto N il valore del carico assiale e A = A
f
+A
I
f
+A
w
larea totale
della sezione del prolo, converr`a dimensionare le unioni contrassegnate con A, B, C rispettivamente per
una forza di trazione pari:
N
A
= N
A
f
A
; N
B
= N
A
I
f
A
; N
C
= N
A
w
A
Figura 8.32: Giunto a coprigiunto
Ovviamente le unioni potranno essere saldate o bullonate. Quelle saldate, se progettate a completo
ripristino di sezione (cio`e N = f
d
A), danno buone garanzie di duttilit`a: la rottura pu`o cio`e avvenire fuori
dal giunto e per un valore del carico tale da consentire il raggiungimento del limite elastico in tutto il
prolo.Pi`u fragili risultano invece le giunzioni bullonate. Infatti anche se progettate a completo ripristino
esse collassano per rottura della sezione netta e pertanto non sempre consentono deformazioni plastiche
nelle altre sezioni dellelemento collegato.
Se il coprigiunto non `e doppio ma semplice, si eettua comunque la verica a solo taglio, trascurando il
momento secondario.
Giunto angiato eccentrico
Nel caso in cui non sia possibile eseguire un giunto angiato simmetrico, si pu`o procedere alla giunzione
tramite un collegamento tipo quello indicato in gura 8.33a. In questo caso `e possibile ritrovare uno
schema equilibrato solo mettendo in conto la forza di contatto Q, che si esercita agli estremi della
angia.
Lo schema statico della trave equivalente `e illustrato in gura 8.33b: si ha N = F(a + c)/c, mentre la
angia deve essere dimensionata per un momento M = F a in corrispondenza di una sezione di larghezza
collaborante b
ef f
. Il valore di b
ef f
potr`a essere desunto secondo il metodo illustrato nel paragrafo
precedente.
Se si segue un criterio di equivalenza elastico e si ipotizza una diusione a 45

risulta, (g. 8.33c):


b
ef f
= 2a + d
145
Giunzioni
Figura 8.33: Giunto eccentrico
essendo d il diametro della rondella e quello del foro. Naturalmente per b
ef f
> b si assumer`a
b
ef f
= b .
Se invece si utilizza il criterio di equivalenza a collasso, si pu`o utilizzare il meccanismo di gura 8.33d. La
angia `e per`o pi`u deformabile di quelle simmetriche; appare quindi prudente trascurare il beneco eetto
della ripartizione del carico da parte della testa del bullone o della rondella.
Avremo quindi:
per la lastra: N = F
l i m
(
a
c
+ 1) m
l i m
2
per la trave: F
l i m
a m
l i m
b
ef f
Risulta per lequivalenza:
b
ef f
= a
2
1 + a/c
valida per b
ef f
b . Per b
ef f
b si utilizzer`a una larghezza pari a b .
Se la angia non `e sucientemente rigida e quindi non `e idonea a trasmettere le azioni ettenti do-
vute alla eccentricit`a del carico, si manifestano delle vistose deformazioni trasversali, che portano a un
ricentramento del carico applicato. Questo fenomeno `e illustrato in gura 8.34 dove `e rappresentato il
comportamento di giunti di dierente rigidezza.
La soluzione a) rappresenta un giunto in cui la angia e il bullone sono dimensionati secondo lo schema
precedentemente illustrato.
La soluzione b) simula invece un giunto per cui la angia e il bullone sono calcolati a semplice azione
assiale, senza tener conto delleetto della eccentricit`a. Si pu`o notare dalla gura che, il giunto a) dopo
una prima fase in cui manifesta un comportamento praticamente rigido dovuto al serraggio, evolve in fase
elastica no a circa 38 kN e la componente trasversale di spostamento v `e estremamente contenuta:
il giunto cio`e si discosta poco dalla sua congurazione indeformata. Il giunto b) invece non manifesta
un tratto elastico. Iniziano subito le plasticizzazioni nella angia e il carico pu`o aumentare solo se si
146
8.2 Modellazione dei giunti
mantiene costante il momento ettente: ci`o `e possibile se il braccio della forza diminuisce e cio`e se le
componenti di spostamento trasversai v diventano dello stesso ordine di grandezza delle eccentricit`a del
bullone rispetto alla forza esterna.
Le forme dei provini al temine delle prove mostrano con chiarezza quanto sopra illustrato. Il giunto a)
`e ancora perfettamente rettilineo, il giunto b) si `e deformato trasversalmente no a portare lasse del
bullone in corrispondenza della retta di applicazione del carico.
Figura 8.34: Test sperimentale su giunti eccentrici
147
Giunzioni
8.2.4 Giunti compressi
Figura 8.35: Giunti compressi
Poiche a causa dei fenomeni di instabilit`a non possono in generale essere raggiunti i limiti di resistenza
del materiale, perde di importanza la realizzazione di un giunto a completo ripristino di resistenza della
sezione. Basta infatti che il collegamento possa trasmettere il carico in corrispondenza delle instabilit`a
del prolo che non si ha nessuna penalizzazione dellelemento. Il collegamento viene in genere realizzato
ad una distanza di 80 50 cm dal nodo, in modo che sia facile la sua realizzazione e la sezione sia poco
inuenzata dal fenomeno della instabilit`a.
148
8.2 Modellazione dei giunti
I collegamenti spesso interessano proli di sezione poco diverse tra loro. In questo caso i giunti risultano
molto semplici e possono essere:
giunti saldati;
giunti bullonati;
giunti a contatto.
Giunti saldati
Quando il giunto viene realizzato a completa penetrazione non `e necessario il calcolo della portata, in
quanto il cordone ripristina completamente la resistenza della sezione. Lelemento superiore (g. 8.35b)
avr`a le superci preparate, mentre su una parte di quello inferiore saranno saldate o bullonate opportune
piastre a L o a C atte a posizionare in via provvisoria lelemento superiore e tenerlo sso durante la
saldatura.
Giunti bullonati
I giunti bullonati possono essere a doppio coprigiunto e a semplice coprigiunto. Talvolta il collegamento
`e eseguito solo fra alcune parti della sezione, mentre altre sono lasciate non collegate.
Se il collegamento coinvolge tutte le parti della sezione `e opportuno suddividere le forze fra le varie unioni
in modo proporzionale alle aree delle parti collegate.
`
E comunque preferibile, negli elementi compressi, a
I e a C, solidarizzare meglio le ali che non le due anime: sono infatti le prime che risultano pi`u impegnate
da eventuali eetti essionali.
Nelle giunzioni di colonne importanti `e inoltre opportuno adottare bulloni ad alta resistenza e vericare
lunione ad attrito, in concomitanza dei carichi di servizio. Infatti lo scorrimento delle giunzioni pu`o
comportare deformate residue della struttura, incompatibili con la sua utilizzazione.
Giunti a contatto
Quando gli spessori dei prolati divengono notevoli, non `e pi`u possibile eseguire dei giunti saldati; analo-
gamente non `e pi`u possibile realizzare dei giunti bullonati.
Figura 8.36: Giunti a contatto
149
Giunzioni
Si preferisce ricorrere a ricorrere al contatto fra superci per trasferire il carico. Ci`o pu`o essere
realizzato:
direttamente fra i proli saldati di testa a parziale penetrazione o bullonati (g. 8.36a,b);
interponendo una piastra saldata con cordoni dangolo (g. 8.36c);
interponendo due ange bullonate tra loro (g. 8.36d).
Anche il giunto sia corretto `e necessario che il contatto sia assicurato per tutta la supercie e non
solo per alcune sue parti. In particolare deve essere garantita lortogonalit`a fra la supercie a contatto e
gli assi delle membrature e se le estremit`a non sono provviste di ange, devono essere segate o lavorate
con macchina utensile. I giunti a contatto devono rispondere ai seguenti requisiti:
assorbire le eventuali azioni taglianti e di trazione;
non costituire un punto di crisi nei confronti dellinstabilit`a dellelemento compresso.
Per rispettare la prima condizione i cordoni di saldatura o le bullonature dovranno essere vericati:
per lintero valore delle azioni taglianti;
per gli eventuali eetti di trazione conseguenti a particolari combinazioni di carico.
Per rispettare la seconda condizione i giunti devono essere disposti il pi`u vicino possibile ai vincoli e
comunque a una distanza non superiore a una distanza non superiore al 20% della lunghezza libera di
inessione assunta nei calcoli.
Variazione di sezione
Figura 8.37: Modesta variazione di sezione
Quando la variazione di sezione si mantiene contenuta, si pu`o eettuare una verica della piastra di
collegamento vericandone lidoneit`a a trasferire il carico assiale tramite un comportamento essionale.
Se il collegamento `e fra due prolati si deve trasferire solo la quota parte di carico assorbito dalle ali, in
quanto le anime sono allineate. Indicato con il valore della tensione media agente nel prolo, con f
d
quella di progetto della piastra, e con A
f
= b
f
t
f
larea della sezione di un ala, risulta:
N
f
= b
f
t
f
; M = N
f
e = b
f
t
f
e
150
8.2 Modellazione dei giunti
essendo N
f
laliquota del carico totale N assorbita da unala.
La condizione di verica allo stato limite elastico:
1
6
b t
2
f
d
b
f
t
f
e
comporta che lo spessore della angia risulti tale che sia soddisfatta la seguente disuguaglianza:

t
t
f

2
6
b
f
b
e
t
f

f
d
(in condizioni normali risulta quindi che si debba disporre una piastra di spessore pari a circa due volte lo
spessore dellala)
La piastra sar`a sollecitata da un momento pari a:
M =
1
2
N e
Figura 8.38: Sensibile variazione di sezione
Nel caso in cui la variazione di sezione sia importante occorre predisporre dei dispositivi atti a distribuire
il carico ed evitare pressioni localizzate che porterebbero al collasso del giunto.
Se lo stato di sollecitazione non `e particolarmente impegnativo pu`o risultare suciente un dettaglio del
tipo di quello indicato in gura 8.38a. La piastra, solidarizzata in ocina con lelemento inferiore, `e utile
per facilitare le saldature in opera dellelemento superiore, tenuto fermo dalle squadrette bullonate in fase
di montaggio.
Opportune costole ricevono il carico trasmesso dallala dellelemento superiore e lo trasferiscono allanima
inferiore, che a sua volta lo distribuisce nella parte sottostante. Trascurando le variazioni delle tensioni
normali nello spessore, la forza agente nellala vale:
N
f
= A
f
151
Giunzioni
Essendo A
f
larea dellala e =
N
A
+
M
W
la tensione massima presente. La forza N
f
impegna trasversal-
mente i cordoni W
1
e W
2
e longitudinalmente il cordone W
3
. Lanima deve essere in grado di di
resistere alla concentrazione degli sforzi. Assumendo una distribuzione del carico a 30

deve risultare:
N
f
b t
w
f
d
Questultima verica pu`o non essere soddisfatta se i carichi agenti sulle colonne sono notevoli. Si pu`o
allora ricorrere a un particolare analogo a quello illustrato in g. 8.38b: si realizza una trave a doppio T
che pu`o essere considerata caricata da due forze concentrate:
N
f ,1
=
N
2

M
d
Esse impegnano trasversalmente i cordoni di tipo W
1
e W
2
, e longitudinalmente quelli di tipo W
3
.
I cordoni tipo W
4
assorbono invece le azioni di scorrimento della trave a doppio T.
Unaltra possibilit`a `e illustrata in gura 8.38c. Il giunto risulta rastremato e la risultante degli sforzi
presenti nelle ali viene deviata mediante le due ange saldate, che fungono da tirante e puntone. Se
`e presente solo una azione assiale N, lazione di trazione o compressione nelle costole vale N
f
tg
essendo N
f
= N A
f
/A. Il momento ettente M ingenera invece unazione tangenziale nel pannello di
lamiera il cui valore massimo pu`o essere valutato in = 2N tg/A
w
essendo A
w
larea dellanima e
N
f
= M A
f
/W. Combinando gli eetti dellazione assiale e del momento ettente si dovr`a controllare
la resistenza del pannello danima:

2
w
+ 3
2
f
d
, con
w
= N
f
/A.
8.2.5 Giunti trave-colonna
I giunti fra travi e colonne non si dierenziano sostanzialmente, almeno per quanto riguarda la loro
funzione e il loro comportamento, dai giunti inessi. Anche per i giunti trave-colonna si pu`o mantenere la
distinzione fra giunti a completo ripristino e a parziale ripristino di resistenza, con la seguente precisazione.
Se il giunto collega la colonna a una trave disposta da una sola parte (giunto a ) si intende per ripristino
quello della sezione pi`u debole collegata. Se il giunto collega la colonna a due travi disposte d lati opposti
(giunto a croce +) si intende per ripristino quello della sezione pi`u debole delle due travi collegate.
Esso pu`o essere realizzato mediante angolari o ange, in modo da trasmettere solo il taglio, garantendo
nel contempo la possibilit`a di una suciente rotazione del giunto. Il calcolo dei bulloni e dei fazzoletti
viene fatto allo stesso modo del giunto incernierato trave-trave.
Appoggio a sedia
Un giunto che realizza in modo altrettanto semplice uno schema pendolare per la trave `e quello con
appoggio a sedia. Gli appoggi a sedia possono essere di tipo con sedia a tacco, a sedia irrigidita, e a sedia
non irrigidita.
Le veriche da condurre sono due:
verica della pressione specica sullanima della trave allattacco del raggio di raccordo con lala
inferiore;
verica della sedia.
152
8.2 Modellazione dei giunti
Figura 8.39: Appoggio a sedia
Per la sedia a tacco il valore delleccentricit`a `e trascurabile.

E quindi suciente determinare la sezione
dei cordoni di saldatura che uniscono il tacco alla colonna. Le sollecitazioni possono essere assunte pari
a:
T = R ; M = R(a +
b
2
)
essendo a la distanza fra la sezione terminale della trave e la colonna.
Figura 8.40: Calcolo dellappoggio a sedia
Per la sedia irrigidita `e suciente calcolare la dimensione dei cordoni di saldatura che uniscono alla
colonna la costola verticale, purche questa e il piatto orizzontale risultino di spessore almeno pari a quella
dellanima della trave. La pressione su questultima non deve essere superiore a 1, 3 f
d
; per la sedia non
irrigidita la larghezza di sovrapposizione si calcola quindi come:
b =
R
1, 30 f
d
t
w
Per quanto riguarda langolare, la verica a taglio e a essione viene condotta nel seguente modo:

max
=
M
W
=
R e
b
a
t
2
a
6
; =
R
b
a
t
a
;
i d

adm
153
Giunzioni
Trave continua
Un collegamento molto semplice che rende la colonna incernierata alla trave `e
quella `e quello riportato in gura. In questo caso le veriche sul pannello da-
nima si eettua come per il collegamento tra colonne compresse. La colonna,
in questo caso, viene impiegata solo assialmente. Lo schema che ne segue
`e una schematizzazione a pendolo della colonna. Pu`o essere pi`u oneroso di
quello a squadretta visto in precedenza.
Giunti standard trave-colonna
Come gi`a esposto prima, i giunti trave colonna soggetti ad elevati valori di momenti ettenti sono tipici
delle strutture intelaiate. Per esse i nodi possono risultare:
a completo ripristino;
a completo ripristino delle sole capacit`a essionali;
a parziale ripristino con suciente capacit`a di rotazione.
Figura 8.41: Giunti trave colonna
Il giunto a completo ripristino pi`u naturale `e quello interamente saldato in gura 8.41a. Come
anche il collegamento b), anche se costoso, si `e dimostrato molto valido in zona sismica per il buon
comportamento sotto carico alterno. Particolare attenzione deve essere fatta al problema della formazione
di strappi lamellari nelle ali delle colonne dovuti alle deformazioni localizzate nella lamiera per eetto della
saldatura. Questo fenomeno `e tanto pi`u importante quanto pi`u spessa `e lala e resistente `e lacciaio di
cui `e composta (per la sua minore duttilit`a).
154
8.2 Modellazione dei giunti
Questi collegamenti hanno inoltre il vantaggio di non generare ingombri aggiuntivi per la struttura.
Se la colonna non viene nervata, si deve vericare lanima allimbozzamento in zona compressa, allo
strappamento le ali della colonna e la resistenza del pannello danima.
Verica in corrispondenza del lembo compresso
Nella zona compressa lanima pu`o divenire instabile prima di raggiungere i suoi limiti di resistenza. Si evita
tale fenomeno controllando che lo spessore t
w
dellanima, soddis la formula seguente, che interpola, a
favore di sicurezza, i risultati di esperienze statunitensi:
t
w

h
w
30

235
f
d
Se questa limitazione non `e soddisfatta si devono comunque disporre delle costole.
Dalle numerose esperienze condotte negli Stati Uniti e in Olanda si pu`o ritenere che, in assenza di
irrigidimenti, gli eetti di una forza di compressione F possano essere ripartiti su una lunghezza b
ef f
ricavabile come:
Figura 8.42: Valutazione della larghezza ecace al lembo compresso
Avremo quindi:
=
F
t
w
b
ef f

adm
155
Giunzioni
Verica in corrispondenza del lembo teso
Lala della colonna `e inessa dal carico trasmesso dalla trave. La sua resistenza dalla modalit`a dellattacco.
Se esso `e saldato o con coprigiunto saldato, si pu`o manifestare il meccanismo di collasso di gura 8.43b.
Per prevenirlo deve risultare:
F 24 m
r es
Figura 8.43: Valutazione della larghezza ecace al lembo teso
essendo F = M/d la forza agente dellala della trave ed m
r es
il momento resistente per unit`a di
lunghezza dellala della colonna. Per i giunti a completo ripristino risulta a collasso:
F
u
= A
f
f
y,b
; m
r es
= m
u
=
1
4
f
y,c
t
2
f
da cui t
f
0.4

k A
f
essendo k = f
y,b
/f
y,c
il rapporto fra la tensione di snervamento della trave e della colonna.
Inoltre le evidenze sperimentali hanno mostrato che si pu`o ritenere eettiva solo una lunghezza del cordone
di saldatura pari a
b
ef f
= 2t
w
+ 7t
f
se lattacco `e a angia o con coprigiunti bullonati, lala della colonna si comporta come una angia
simmetrica.

E lecito assumere una larghezza collaborante sulla base di una verica a collasso della angia
per i meccanismi gi`a studiati in precedenza.
Lo snervamento dellanima pu`o provocare il distacco dellala. Se lattacco `e saldato, si pu`o ripartire la
forza di trazione su una lunghezza b
ef f
= t
b
+ 5(t
c
+ r
c
) eguale a quella utilizzata per le compressioni
(g. 8.42a). Pi`u favorevole `e invece la diusione dello sforzo di trazione nel caso di giunti angiati e
coprigiunti bullonati (g. 8.43c,d): per essi si pu`o assumere la stessa larghezza utilizzata per il calcolo a
angia dellala della colonna.
In ogni caso si pu`o comunque considerare nellanima della colonna una tensione pari a:
=
F
b
ef f
t
w
Verica dei pannelli danima
I pannelli danima delle colonne sono sottoposte ad azioni taglianti quando:
Le travi sono di altezza diversa (d
1
= d
2
);
I momenti applicati sono diversi (M
1
= M
2
).
156
8.2 Modellazione dei giunti
Se infatti le due travi sono di altezza diversa ma trasmettono lo stesso momento M
1
, nel pannello danima,
per ragioni di equilibrio, discende:
S
1
=
M
1
d
1

M
2
d
2
= M
1

1
d
1

1
d
2

se M
1
= M
2
S
3
=
1
d
3
S
1

d
1
+ d
2
2

Se invece i momenti applicati sono diversi ma le travi sono di altezza uguale, allora lo sforzo di taglio sul
pannello risulta:
S
1
=
M
2
M
1
d
2
; S
3
=
M
2
M
1
d
3
Figura 8.44: Valutazione dellazione tagliante nei pannelli danima
Evidentemente questi eetti possono vericarsi contemporaneamente e possono dar luogo a
=

M
2
M
1
d
2
M
1

1
d
1

1
d
2

1
t
w
h
w
=

M
2
d
2

M
1
d
1

1
t
w
h
w
Per una trave di bordo dove `e presente solamente un momento M la tensione tangenziale `e valutabile
come:
=
M
d
1
t
w
h
w
Per la verica del pannello baster`a quindi vericare che la
adm
.
Se la verica non `e soddisfatta si dovr`a irrigidire lanima con piatti saldati o con opportune costolature
diagonali.
157
Giunzioni
8.2.6 Veriche su un incastro a ange
Gli spessori dei piatti della colonna sono uguali a quelli della piattabanda della trave. I piatti servono per
evitare gli strappi al lembo teso e gli imbozzamenti al lembo compresso. Si dividono gli eetti essionali
da quelli taglianti.
Gli spessori possono essere assunti pari a:
sp
r i nf
= sp
tr ave
sp
pi astr a
= sp
col onna
sp
pi astr a
2 sp
tr ave,pi attabanda
i n IPE
Il calcolo del nodo si conduce dimensionandolo in modo che resista no al momento ultimo della trave.
Per fare ci`o `e necessario determinare il momento ultimo raggiungibile dalla sezione in campo plastico.
Avremo quindi:
M
pl
= f
yd
W
pl
; M
el
= f
yd
W
el
158
8.2 Modellazione dei giunti
Il collasso del pannello si ha per un valore pari a:

s
=
f
yd

3
Il momento plastico massimo sopportabile dal nodo `e pari a:

M
pl
=
s
sp
ani ma
h
r
h
t
dove per h
r
si intende linterasse tra le ali della colonna e per h
t
linterasse tra le ali della trave.
Confrontando le due equazioni (M
pl
=

M
pl
), risulta:
f
yd
W
pl
=
f
yd

3
sp
pan
h
r
h
t
da cui
sp
pan
=

3
M
pl
h
r
h
t
Denito pari a
sp
col
sp
pan
, avremo:
=
sp
col

3
h
r
h
t
W
pl
Nel caso in cui 1 il nodo funziona adeguatamente, mentre se < 1 risulta necessario disporre una
costola diagonale.
Questo rinforzo assorbe la compressione diagonale che si viene a creare a causa del momento ettente:
lo sforzo `e pari a:
N =
M
pl
(1 )
h
t
cos
=
M
pl
(1 )
h
t
h
r

h
2
r
+ h
2
t
= A
d
f
yd
dove A
d
=

h
2
r
+ h
2
t

W
pl
h
r
h
t

sp
col

.
159
Giunzioni
8.2.7 Nodi di travature reticolari
Molti elementi strutturali di un edicio civile o industriale
possono essere realizzati mediante uno schema statico reti-
colare. In particolare, nelledicio civile, si ricorre di norma
ad una struttura reticolare per realizzare i controventi di pia-
no ed i controventi verticali.
Dal punto di vista teorico di assume che tutti gli assi geometrici delle aste conuiscano in un unico punto
e che il vincolo tra le aste sia un vincolo di cerniera.
Al ne di avvicinarsi a questa ipotesi si deve realizzare la piastra di nodo pi` u piccola possibile al
ne di contenere la rigidezza del nodo. Si deve inoltre fare in modo che gli assi baricentrici delle aste
(per collegamenti saldati) o gli assi delle bullonature (assi di truschino, per i collegamenti bullonati)
concorrano in un unico punto che si assume come cerniera ideale.
Se il nodo `e bullonato si devono seguire le seguenti operazioni:
disegno dello schema geometrico del nodo;
disegno delle aste che concorrono al nodo, facendo coincidere lasse di truschino delle forature di
ogni asta con lasse geometrico corrispondente conuente nel nodo;
verica del numero di bulloni strettamente necessari, in funzione degli sforzi nelle aste conuenti e
delle caratteristiche geometriche del nodo;
disegno della posizione dei bulloni nel nodo, compatibilmente con le limitazioni imposte dalla norma;
disegno della piastra di nodo ed indicazione del suo spessore;
verica dei bulloni;
verica delle piastre;
verica delle aste.
Un collegamento teoricamente corretto presuppone, come detto, il rispetto delle seguenti condizioni:
a) Gli assi baricentrici delle aste conuenti nel nodo devono appartenere ad un unico piano (piano di
simmetria della travatura reticolare);
b) Gli assi baricentrici delle aste conuenti nel nodo devono coincidere con gli assi dello schema geome-
trico del nodo.
Di norma la condizione a) `e sempre rispettata (a meno che non si tratti di elementi secondari o po-
co sollecitati) e pu`o essere perseguita sia con prolati singoli che accoppiati. La seconda condizione `e
sempre rispettata nelle unioni saldate, nelle unioni bullonate, esiste talvolta (per esigenze geometriche di
bullonatura) una eccentricit`a fra lasse baricentrico dellasta e quello della bullonatura (gura 8.45a).
Quando possibile comunque si cerca di realizzare il nodo in gura 8.45b poiche non genera momenti
secondari nel nodo e quindi nelle aste. Lo schema b) per`o richiede una maggiore dicolt`a nella realizza-
zione del nodo poiche `e molto pi`u scomodo disegnare la piastra di nodo e le relative forature. La norma
consente il trascinamento sullasse di truschino per strutture reticolari composte da angolari purche si
dimensioni la bullonatura tenendo conto del momento N e. Gli eetti secondari sul nodo in questo caso
160
8.2 Modellazione dei giunti
si considerano trascurabili. Per il calcolo della lunghezza libera l
0
delle aste compresse si deve in ogni
caso considerare la distanza tra le cerniere ideali e non tra i centri della bullonatura. Quando possibile
ovviamente si fa coincidere lasse di truschino con lasse geometrico dellasta.
Figura 8.45: Posizionamento delle bullonature
Per il dimensionamento dei bulloni si consideri lo schema:
La normativa impone:
25 t
mi n
p 3 d
0
mentre per elementi compressi
15 t
mi n
p 3 d
0
dove t
mi n
`e il minore tra gli spessori delle
lamiere componenti lunione.
Poi
a > 2 d
0
; a
1
> 1, 5 d
0
Le limitazioni superiori per lamiere senza bordo irrigidito
a 9 t
mi n
; a
1
9 t
mi n
Lo sforzo ripreso dai bulloni risulta essere pari a:
161
Giunzioni
V =
N
n b
; H
max
= f
N e
h

F
v,Ed
=

V
2
+ H
2
max
con
f =
6(n
b
1)
n
b
(n
b
+ 1)
la verica nei bulloni consiste quindi nel vericare che
F
v,Rd
F
v,Ed
Ponendo particolare attenzione al numero di sezioni resistenti nei casi di angolare singolo () o accoppiato
().
Oltre ai bulloni occorre bisogna vericare la piastra di collegamento e lasta ed eettuare le veriche a
rifollamento (6.4.1 pag.71).
Verica sulla piastra
Per la verica della piastra si ipotizza una diusione dello sforzo a 60

. La verica va quindi eettuata


nella sezione A-A, su una lunghezza c, depurata dei fori. Ne consegue che si deve avere:
=
N
(c )s

adm
dove
`e il diametro del foro interessato dalla sezione A-A
s `e lo spessore della piastra.
Verica sulla piastra
Quando si eettuano le veriche delle aste si deve fare attenzione ai tipi di proli collegati ed al modo
con cui si realizza il collegamento. Possono infatti instaurarsi nelle aste delle sollecitazioni secondarie
162
8.2 Modellazione dei giunti
dovute ad eetti essionali che talvolta incrementano notevolmente le tensioni dovute allo sforzo normale
N se di trazione. La norma specica che per un singolo angolare collegato si deve considerare come area
resistente o ecace:
Figura 8.46: Valutazione dellarea ecace
Per un angolare collegato su entrambe le ali larea resistente da considerare coincide con larea netta:
A
r es
= A
n
Per un angolare collegato su una sola ala (g. 8.46a) larea resistente `e data da:
A
r es
= A
1
+ A
2
dove:
A
1
`e larea netta dellala collegata;
A
2
`e larea netta dellala non collegata;
=
3A
1
3A
1
+ A
2
Nel caso di due angolari eguali accoppiati a T e collegati alla piastra di nodo nel piano delle ali (g.
8.46b), larea resistente `e data da:
A
r es
= 2A
1
+ 2A
2
dove A
1
e A
2
hanno il signicato precedente e
=
5A
1
5A
1
+ A
2
Se i due angolari accoppiati a T sono collegati alla piastra di nodo nel piano dellanima (g. 8.46c) si
avr`a:
A
r es
= 2A
n
dove A
n
`e larea netta di ciascun angolare.
Queste regole pratiche, ispirate a ricerche di Nelson, sono contenute nelle norme inglesi BS 449 e sono
163
Giunzioni
state parimenti adottate anche nelle Raccomandazioni Europee (CECM), nonche dalle Istruzioni CNR-
UNI 10011.
Per i proli a C collegati sullanima e a T sullala (g. 8.46d,e,f,g) possono adottarsi gli stessi criteri
precedentemente esposti per gli angolari. Sono da sconsigliare i collegamenti che interessano una sola
delle ali di un prolo a T o a doppio T (g. 8.46h,i).
Nel caso di aste compresse si deve ovviamente eettuare una verica di resistenza ed una verica di
instabilit`a.
Per la verica di resistenza si opera come nel caso di aste tese:
N
Rd
=
A f
yk

M0
N
Ed
Per quanto riguarda la verica allinstabilit`a si rimanda a quanto gi`a esposto al 3.5 pag. 37.
Il collegamento saldato `e in genere vantaggioso rispetto al collegamento bullonato poiche si ottiene:
un completo utilizzo della sezione poich`e questa non viene penalizzata dai fori;
un collegamento molto pi`u rigido tra le aste per la mancanza dei fori e quindi frecce ridotte;
la coincidenza dellasse geometrico della struttura con lasse baricentrico delle aste.
Figura 8.47: Diusione del carico nelle giunzioni saldate
Per soddisfare questo ultimo punto `e necessario che le lunghezze dei due cordoni dangolo siano
diverse, in particolare si deve avere:

2 a
1
l
1

||,adm
+ 2 a
2
l
2

||,adm
= N
2
||,adm
a
1
l
1
b
1
= 2
||,adm
a
2
l
2
b
2

l
1
=
N
a
1

||,adm

b
2
b
1
+ b
2
l
2
=
N
a
2

||,adm

b
1
b
1
+ b
2
pr ogetto
164
8.2 Modellazione dei giunti
Le altezze di gola a
1
ed a
2
sono in genere legate alla larghezza dei proli collegati.
In una struttura reticolare `e quindi conveniente in genere utilizzare unioni di tipo saldato. Le unioni
bullonate si adottano in corrispondenza delle estremit`a delle travi ed in corrispondenza di giunti interni
realizzati per motivi di trasportabilit`a delle strutture realizzate in ocina.
8.2.8 Collegamento di fondazione
Molti sono i tipi di collegamento colonna plinto di fondazione. La loro dierenziazione `e dovuta princi-
palmente alle caratteristiche della sollecitazione che il collegamento deve trasmettere.
In generale gli sforzi da trasmettere possono essere:
sforzo normale di compressione o di trazione;
presso o tensoessione;
presso o tensoessione + taglio;
In gura 8.6 sono rappresentati dei semplici collegamenti in grado di trasmettere le caratteristiche della
sollecitazione sopra citate. Le dierenze sono minime poiche un vincolo di incastro, nel caso in cui la
colonna sia solo compressa, si pu`o considerare sucientemente duttile consentire la schematizzazione
del nodo come cerniera.
I problemi tipici di questo collegamento sono:
la verica delle dimensioni geometriche in pianta della piastra e denizione del diametro dei tirafondi;
la trasmissione delle azioni taglianti;
il dimensionamento dello spessore della piastra di fondazione in nzione delle eventuali costolature;
il proporzionamento dei tirafondi di ancoraggio.
Di seguito si analizzeranno questi problemi per gli schemi pi`u ricorrenti.
Cerniera per colonne compresse
Questo vincolo viene di norma richiesto per le colonne degli edici multi piano in acciaio con elementi a
schema statico pendolare.
In questo caso, a meno che lo sforzo non sia molto elevato, si ricorre a piastre semplici, ancorate con
quattro tirafondi (g. 8.48a). Per il dimensionamento in pianta della piastra, detta f
cd
la tensione
ammissibile di compressione del calcestruzzo della fondazione, si deve avere:
N
Ed
f
cd

A B 4
d
2
0
4

Se la piastra `e quadrata, sar`a:


A = B

N
Ed
f
cd
+ d
2
0
Per dimensionare lo spessore della piastra, per i prolati della serie HEA, HEB e HEM, si deve assumere
che lo sforzo di compressione dovuto a N sia distribuito su una supercie rettangolare ttizia di dimensioni
165
Giunzioni
0, 8 b 0, 95 h (vedi gura 8.48b). Detto L = max

m
n
e
c
=
N
Ed
AB 4d
2
0
/4
lo spessore t della
piastra si determina in base alla relazione:
M =
c
L
2
2
; W
(1m)
=
t
2
6
da cui:

s
=
M
W
f
yd
t

3
c
L
2
f
yd
Ovviamente, se t risulta troppo grande si ricorre ad una piastra nervata in modo da eettuare la verica
su una sezione del tipo gura 8.48c.
Figura 8.48: Cerniera per colonne compresse
Cerniera per colonne tese
Le colonne dei controventi verticali di un edicio multi piano con colonne aventi schema pendolare o di un
capannone industriale, oltre che a forze di compressione, in presenza della pressione del vento, possono
risultare soggette a forze di trazione. In questo caso, per gli sforzi di compressione, si dimensiona il
collegamento come in precedenza, mentre per gli sforzi di trazione si dovranno dimensionare in modo op-
portuno i tirafondi di ancoraggio. Questi possono trasmettere il tiro alla fondazione in c.a. essenzialmente
in tre modi:
per aderenza tra la supercie del tirafondo ed il calcestruzzo;
per ancoraggio a traverse in acciaio mediante tirafondi con testa a martello;
per aderenza fra la supercie del tirafondo ed il calcestruzzo, oltre al contatto con questultimo di
una rosetta dacciaio, saldata al tirafondo.
166
8.2 Modellazione dei giunti
Tirafondi per aderenza
Detto N lo sforzo di trazione da trasmettere, indicata con A
r es
larea resistente di un tirante (0, 75 A
tot
)
e con n il numero di tiranti si ha:
N =
N
Ed
n

s
=
N
A
r es
f
yd
Se il tirante lavora per aderenza, la lunghezza necessaria pu`o essere determinata una volta nota la tensione
massima ammissibile di aderenza del calcestruzzo f
bd
.
Per impedire lo slamento di una barra da un blocco di calcestruzzo `e necessario che essa sia immersa
per una lunghezza tale da consentire la trasmissione al calcestruzzo dellintera forza di trazione esercitata
sulla barra.
Dallequilibrio alla traslazione si ottiene, indicato con il diametro della barra:
l
b
f
bd
=

2
4
f
yd
l
b
=
f
yd
4 f
bd

Se il tirafondo risulta ancorato con uncini, questi si fanno equivalere ad una lunghezza di ancoraggio di
venti diametri. Se lancoraggio avviene in zona di calcestruzzo non compressa (quello che avviene di
norma) la tensione f
bd
va ridotta del 50 %
2
.
Traverse di fondazione a contatto
Durante il getto della fondazione vengono annegate nel getto delle traverse costituite da due proli UPN.
Il passaggio degli sforzi di trazione N, avviene mediante il contatto delle traverse con il calcestruzzo. La
verica della traversa viene eettuata sullo schema di trave indicato in gura 8.49.
Figura 8.49
2

E necessario vericare la congruenza di queste ultime due disposizioni con il metodo degli Stati Limite
167
Giunzioni
Il carico q distribuito `e fornito dalla seguente espressione:
q = 2 b
b
dove

b
=
2 N
2 b(L 4a)
f
cd
con i termini a e b desumibili dalla seguente gura:
Figura 8.50
mentre per L si intende tutta la lunghezza del prolato UPN.
Va ovviamente vericata anche la saldatura del martello (come gi`a esposto nei paragra precedenti).
Tirafondi per aderenza + Rosetta
Figura 8.51
Quello con la rosetta, pu`o essere considerato un tipo intermedio di collega-
mento tra tirafondi e traverse di fondazione. La tensione
c
nel calcestruzzo
a contatto `e pari a:

c
=
N

4
(c
2
d
2
)
Per quanto riguarda invece la verica a essione della piastra, bisogna con-
siderare la particolare forma del pezzo, che porter`a ad uno stato di tensione
pluriassiale denibile come:

i d
=
c

c/2
s

2
f
yd
`e chiaro come sia possibile agire su spessore e diametro della piastra per far
tornare la verica. Il coeciente `e infatti legato al diametro dal rapporto
c/d:
c/d 1,25 1,50 2 3 5 10
0,124 0,373 0,947 1,96 3,36 5,30
168
8.2 Modellazione dei giunti
Si rende necessaria anche una sorta di verica a punzonamento del calcestruzzo: si consideri un cono
di distacco di semiampiezza 30

e si verichi che le tensioni di trazione che vengono a svilupparsi siano


sostenibili dal calcestruzzo o se sia necessario disporre dellapposita armatura.
Vincolo di incastro
Figura 8.52
Per vincolo di incastro si intende un vincolo in gra-
do di trasmettere le caratteristiche della sollecita-
zione N, M, T.
Per quanto riguarda lazione tagliante, essa si tra-
muta in una tensione ortogonale alla costola di
fondazione di entit`a pari a:

t
=
T
A h
Ovviamente il dimensionamento dello spessore del-
la costola va eettuato in base alla essione della
stessa.
Per la determinazione delle tensioni dovute a alla-
zione normale e essionale, si assimili la supercie
di contatto tra la piastra di base e il calcestruzzo
della fondazione come una sezione rettangolare in
c.a. a semplice armatura pressoinessa. Poiche le caratteristiche della sollecitazione N, M presenti alla
base della colonna, sono dovute a carichi si varia natura (pesi propri, carichi di esercizio, neve, vento,
azioni sismiche, distorsioni, ecc.), si devono eettuare le veriche nelle situazioni pi`u sfavorevoli per
ogni elemento strutturale (base della colonna, calcestruzzo, tiranti). Per ogni coppia di valori (M;N), si
procede come segue: Indicato con n =
E
s
E
c
e A
s
= n
b
A
t
si determina lasse neutro mediante la relazione:
x
3
+ 3

e
B
2

x
2
+ 6n
A
s
A

e + h
B
2

x 6n
A
s
A

e + h
B
2

h = 0
Valutata la posizione dellasse neutro si determina:

max,c
=
N
A
x
2
(h x)n
A
s
x
che rappresenta la tensione massima nel cls, ottenuta imponendo lequilibrio alla traslazione;

t
= n

max,c
x
(h x)
che rappresenta la tensione del tirante nel gambo;

t
=
t
A
t
A
r es
che rappresenta la tensione del tirante in corrispondenza della zona con area resistente pari ad A
r es
(nu-
cleo).
Una volta noti gli sforzi nella piastra si determina il suo spessore o gli eventuali irrigidimenti necessari.
169
Giunzioni
170