Sei sulla pagina 1di 216

Universit`

a degli Studi di Verona


` DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE
FACOLTA
Corso di Laurea Specialistica in Linguistica

Tesi di laurea magistrale

Il colore e il lessico dei colori. Aspetti psicofisici,


cognitivi e linguistici.

Relatore:
Prof.ssa Gloria Menegaz

Candidato:
Veronica Valdegamberi
Matricola VR055915

Anno Accademico 2007-2008

I do not know what I may appear


to the world, but to myself I seem
to have been only like a boy
playing on the sea-shore, and
diverting myself in now and then
finding a smoother pebble or a
prettier shell than ordinary,
whilst the great ocean of truth
lay all undiscovered before me.
I. Newton

INDICE

Introduzione

Color Vision

11

1 La luce

15

2 Il sistema visivo umano


2.1 La struttura dellocchio . . . . . . . . . . . . .
2.2 I neuroni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3 La retina e la teoria tricromatica . . . . . . . .
2.4 La teoria dei processi opposti . . . . . . . . . .
2.5 Le vie ottiche centrali . . . . . . . . . . . . . .
2.6 Organizzazione dei neuroni lungo le vie ottiche
2.7 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

21
21
22
23
29
31
33
37

3 La percezione del colore


3.1 Cos`e il colore . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2 Meccanismi della visione a colori . . . . . .
3.2.1 Fenomeni visivi di basso livello . . .
3.2.2 Fenomeni visivi di alto livello . . . .
3.2.3 Meccanismi visivi di ordine superiore

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

39
39
40
40
45
48

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

4 Colorimetria
51
4.1 Spazi colore, modelli colore, sistemi colore . . . . . . . . . . . . . 53
3

4.2
4.3
4.4
4.5
4.6

4.7

II

Grandezze radiometriche e fotometriche . . . . . . . . . . . . .


Efficienza luminosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Color matching functions . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il triangolo cromatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gli spazi colore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.6.1 Gli spazi colorimetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.6.2 Gli spazi device-oriented . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.6.3 Gli spazi user-oriented . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I sistemi colore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.7.1 Il sistema Munsell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.7.2 Il Sistema Naturale dei Colori (Natural Colour System)
4.7.3 Il sistema OSA-UCS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

Color Naming

5 Lineamenti di una
5.1 Introduzione . .
5.2 Ottocento . . .
5.3 Novecento . . .
5.4 Conclusioni . .

55
56
58
60
64
64
68
70
70
71
72
75

77
storia
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .

degli studi attraverso due


. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . .

secoli
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

81
81
81
85
89

6 Le posizioni universaliste
6.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.2 Berlin e Kay: Basic color terms: their universality
6.3 Critiche al lavoro di Berlin e Kay . . . . . . . . . .
6.4 Il World Color Survey . . . . . . . . . . . . . . . .
6.5 Modifiche alla teoria di Berlin e Kay . . . . . . . .
6.6 Gli studi sulla prototipicit`a di Eleanor Rosch . . .
6.7 Studi recenti a favore delluniversalismo . . . . . .
6.8 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

91
. . . . . . . . 91
and evolution 91
. . . . . . . . 100
. . . . . . . . 106
. . . . . . . . 107
. . . . . . . . 116
. . . . . . . . 118
. . . . . . . . 125

7 Le posizioni relativiste
7.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.2 La percezione categorica . . . . . . . . . . . .
7.3 Lo studio delle lingue berinmo e himba . . . .
7.4 Lo studio sullacquisizione dei termini himba

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

129
129
131
133
137

8 Altre tematiche relative al lessico dei colori


8.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.2 Lacquisizione dei termini di colore nei bambini
8.3 I modificatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.4 La Lens brunescence hyphothesis . . . . . . . .
8.5 Un dodicesimo colore basico? . . . . . . . . . .
8.5.1 Il caso del russo . . . . . . . . . . . . . .
8.5.2 Il caso dellungherese . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

143
143
143
148
151
152
152
158

8.6
8.7
8.8
8.9

8.5.3 Il caso di altre lingue . . . . . . . . . . . . . . . .


Casi di regressione nei sistemi di colore: un caso italiano
Il contatto tra lingue nei lessici di colore . . . . . . . . .
Le differenze di genere nellambito del colore . . . . . . .
Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

159
161
163
165
166

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

9 I dizionari di colore
9.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.2 Il sistema ISCC-NBS . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.3 Il sistema CNS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.4 Il sistema CNM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.5 Il modello proposto da Mojsilovic . . . . . . . . . . . .
9.6 Il sistema X11 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.7 Il sistema Hollasch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.8 Il sistema Resene . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.9 Il sistema Crayola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.10 Dizionari nati da esperimenti sul web: il sistema CNE
9.11 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

169
169
171
173
175
176
178
182
183
184
184
188

10 Esperimenti nellambito del lessico dei colori


10.1 Due esperimenti di color naming a confronto
10.2 Esperimento di color listing . . . . . . . . . .
10.2.1 Descrizione obiettivi . . . . . . . . . .
10.2.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.2.3 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.2.4 Influenza dei dati personali sul numero
10.2.5 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . .

. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
forniti
. . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

191
191
194
194
195
196
197
198

. . . . .
. . . . .
. . . . .
. . . . .
. . . . .
di colori
. . . . .

Conclusioni

201

Bibliografia

204

Introduzione

ll colore `e un fenomeno che da sempre ha suscitato linteresse e lattenzione di


un grande numero di discipline molto eterogenee tra loro, che lo affrontano sotto
aspetti e con metodologie diverse.
Il colore di una luce o di un corpo non `e una propriet`a intrinseca di quella luce o
di quel corpo, ma `e un aspetto che il nostro sistema visivo attribuisce loro: una
fiamma non `e gialla, una foglia non `e verde, ma noi vediamo gialla la fiamma e
verde la foglia. Il colore che noi attribuiamo alla luce o agli oggetti `e il risultato
di un processo complesso che inizia nei nostri occhi per azione di radiazioni di
opportuna lunghezza donda che gli oggetti osservati ci riflettono, successivamente lelaborazione di questa informazione continua nel cervello.
La nozione di colore pu`o quindi essere analizzata sotto tre punti di vista: fisico,
in riferimento alla radiazione elettromagnetica che colpisce locchio, psicofisico
in riferimento a ci`o che locchio riceve, cognitivo in riferimento alla percezione
cromatica che ne deriva.
Dal punto di vista fisico non si pu`o dare una definizione alla parola colore: il
colore infatti non esiste che per gli occhi. Da questo punto di vista esistono solo le radiazioni che realizzano ci`o che si chiama spettro elettromagnetico e il
colore rappresenta solamente un punto di questo spettro che `e suscettibile di stimolare elettivamente i recettori del nostro occhio. Dal punto di vista psicofisico
il colore `e quella caratteristica della luce che ci permette, ad esempio, di distinguere luno dallaltro due oggetti con la stessa forma, grandezza e struttura.
Dal punto di vista cognitivo, ogni sensazione luminosa pu`o essere caratterizzata
da tre variabili, quali tinta, luminosit`a e saturazione. Una volta percepito il
colore, si profila il problema di come comunicare questa sensazione soggettiva.
Questa comunicazione pu`o avvenire linguisticamente, attraverso il linguaggio
7

umano, oppure si pu`o tentare di formalizzare la nozione di colore in modo da


renderla comprensibile anche da parte di un calcolatore.
Da questa breve introduzione sono gi`a emerse diverse discipline che studiano il
colore: la fisica per tutto ci`o che avviene allesterno del sistema visivo; la fisiologia per quanto riguarda il funzionamento dellocchio e la generazione, elaborazione, codifica e trasmissione dei segnali nervosi dalla retina al cervello; le
neuroscienze e la psicologia per quanto riguarda linterpretazione dei segnali
nervosi e la percezione del colore; la psicofisica per quanto riguarda la relazione
tra lo stimolo e la risposta del sistema visivo; letnolinguistica e la psicolinguistica che studiano lesistenza di un continuum che ogni lingua divide in segmenti
diversi, levoluzione verso sistemi di denominazione sempre pi`
u complessi e differenziati; la matematica e linformatica, necessarie per lo sviluppo di modelli
formali rappresentativi della visione del colore.
Mentre le discipline sopra elencate sono necessarie per comprendere il fenomeno
del colore, altre lo studiano o se ne avvalgono, senza per`o essere necessarie alla sua comprensione. Ad esempio, il colore pu`o avere effetti psicologici non
trascurabili, pu`o avere un ruolo nelle convenzioni socio-culturali, per esempio
nellabbigliamento e nelle comunicazioni visive, ed `e una delle componenti pi`
u
importanti delle arti figurative, ed in particolare della pittura. In biologia ci
si interessa al colore del mondo vivente, in mineralogia al colore del mondo inorganico dove il colore, ad esempio, `e utilizzato come caratteristica distintiva
dei minerali. Ancora, fattori genetici possono influire sulla maggiore o minore
ricchezza di sensazioni cromatiche percepibili da un soggetto.
Un argomento dunque di grande complessit`a, quello del colore, con implicazioni
in tanti diversi campi delle nostre conoscenze e della nostra vita.
Per comprendere i molti aspetti del colore dobbiamo quindi compiere un viaggio
attraverso molte discipline. Nonostante queste possano sembrare cos` distanti,
uno degli obiettivi di questa tesi `e quello di far emergere come le varie idee e
le varie metodologie tipiche di queste convergano, traendo beneficio luna dallaltra, e mostrare come queste discipline siano indispensabili luna allaltra in
modo da non rendere possibile la comprensione del fenomeno colore senza una
stretta collaborazione tra di esse. Lapproccio che si `e seguito `e stato quindi
quello della multidisciplinarit`a.
Questa tesi di laurea `e organizzata come segue. Nella prima parte si `e seguito
il percorso che la luce compie fino a diventare percezione cromatica, partendo
dal fenomeno fisico di onda che viene recepita dallocchio umano e trasformata
ed elaborata da una serie di strutture che la trasmettono fino al cervello, dove
si traduce in percezione.
In seguito si `e fornita unampia panoramica degli esperimenti psicofisici volti
a cercare di formalizzare il concetto altamente soggettivo di colore, che hanno
portato alla nascita di spazi colore standard attraverso i quali il colore pu`o essere misurato. Abbiamo quindi presentato la disciplina che si occupa di questo,
la colorimetria, mostrando vari sistemi di misurazione esistenti. Non essendo
possibile misurare il colore in modo esatto `e necessario approssimarne la misurazione; questo `e il motivo per cui esistono molti spazi colore, ognuno dei quali
8

presenta una serie di pregi e difetti.


La seconda parte della tesi riguarda invece la tematica del color naming. Con
questo termine ci si riferisce allattribuzione di termini a percezioni cromatiche,
ovvero allattribuzione di etichette linguistiche ad esperienze sensoriali soggettive. Le discipline elette che si occupano di questo sono la linguistica e la psicolinguistica, ma anche lantropologia, la psicologia e le scienze sociali trovano
applicazione in questo campo.
Storicamente, si sono delineate due posizioni filosofiche che presentano punti di
vista diversi riguardo al rapporto tra linguaggio e pensiero. Mentre luniversalismo sostiene che per dote innata ragioniamo tutti allo stesso modo e che le
differenze linguistiche esistenti non intacchino la sostanziale universalit`a degli
esseri umani, il relativismo nega linnatismo delle categorie mentali, sostenendo che la conoscenza si acquisisca attraverso lesperienza. Esperienze diverse
porteranno a modi diversi di pensare. Questi due approcci hanno trovato larga
applicazione anche in linguistica, e uno dei domini allinterno dei quali si `e
cercata una risposta alla questione `e stato quello del lessico cromatico. Si presenteranno poi altre tematiche relative allo studio nellambito del color naming,
prevalentemente con lo scopo di mostrare lampio respiro e la multidisciplinarit`a di cui questo gode.
La tesi si conclude con una panoramica dei dizionari di colore, volti a discretizzare uno spazio colore utilizzando etichette linguistiche del linguaggio umano.
Questi dizionari hanno un duplice scopo, quello di far capire univocamente di che
colore si sta parlando e quello di essere intuitivi e facilmente ricordabili. Sono
stati infine svolti degli esperimenti dai quali sono emersi interessanti aspetti del
lessico dei colori in lingua italiana.

10

Parte I

Color Vision

11

It would be possible to describe


everything scientifically, but it
would make no sense; it would be
without meaning, as if you
described a Beethoven symphony
as a variation of wave pressure.
A. Einstein

13

14

CAPITOLO

1
La luce

La luce visibile `e la porzione dello spettro elettromagnetico visibile allocchio


` energia raggiante costituita da onde elettromagnetiche che, colpendo
umano. E
locchio umano, determinano la sensazione della visione. Nella fisica moderna
la luce viene descritta come composta da pacchetti (quanti) del campo elettromagnetico, chiamati fotoni. La natura dellenergia luminosa `e la stessa di
quella delle altre radiazioni elettromagnetiche tra cui le onde radio, i raggi X e
le radiazioni gamma.
Tutte le radiazioni elettromagnetiche, compresa quindi la luce, si trasmettono
in linea retta alla stessa velocit`a, circa 300.000 km al secondo. Le principali
grandezze che contraddistinguono unonda sono la lunghezza donda e lampiezza (figura 1.1), nonostante ci`o in fisica vengono calcolate altre importanti quantit`
a derivate utili a comprendere meglio il comportamento di unonda.
Si consideri per semplicit`a unonda piana, lampiezza a misura la distanza
tra il punto pi`
u alto raggiunto dallonda (cresta) e la posizione di equilibrio.
Lunit`a di misura dellampiezza `e il metro.
La lunghezza donda, che indicheremo con la lettera , `e la distanza fra i due
punti di ampiezza massima (creste) o minima (ventri) di due onde successive.
La lunghezza donda `e anche detta periodo spaziale poiche rappresenta ogni
quanto, nello spazio, londa si ripete. Lunit`a di misura della lunghezza donda
`e il metro.
Unaltra quantit`a caratteristica dellonda `e il periodo temporale T, che rappresenta il tempo necessario ad unonda per completare unoscillazione; la sua unit`a
di misura `e il secondo. Analogamente a T, il periodo spaziale rappresenta ogni
15

Figura 1.1: Unonda piana e le principali grandezze ad essa associate.


quanto, nel tempo, londa si ripete.
La frequenza f e il numero di oscillazioni che unonda compie in ogni secondo,
ovvero il numero di creste dellonda che passano in un secondo. Periodo e
frequenza sono legate dalla relazione:
f=

1
T

In altre parole, frequenza e periodo sono uno il reciproco dellaltro. Lunit`a


di misura della frequenza `e lhertz, che definisce il numero di volte che unonda
oscilla in un secondo. La frequenza `e legata alla lunghezza donda anche dalla
seguente relazione:
c
f=

Il valore di c rappresenta la velocit`a con cui londa si propaga. Nello studio


dei fenomeni della visione, in condizioni normali, le onde si muovono alla velocit`a
della luce, quindi c = 300000000 metri al secondo. Data la lunghezza donda,
una grandezza con lo stesso significato fisico `e il numero donda k, legato a
dalla seguente relazione:
2
k=

Unultima quantit`a (derivata) importante `e la frequenza angolare di un onda


; questa quantit`a rappresenta la frequenza in termini di radianti al secondo,
ed `e legata a frequenza e periodo dalla relazione:
= 2f =

2
T

La lunghezza donda di alcuni tipi di radiazioni elettromagnetiche (come


ad esempio le onde radio) ha un valore molto elevato tanto da essere espressa,
usualmente, in metri o in Km. La lunghezza donda delle radiazioni luminose,
invece, `e molto ridotta tanto da essere espressa generalmente in nanometri (nm).
Il nanometro corrisponde ad un miliardesimo del metro. Le vibrazioni elet16

Figura 1.2: Le varie tipologie di onde con relativa lunghezza donda. Le


lunghezze donda percepite dallocchio umano sono ingrandite per apprezzarne
il colore percepito.

tromagnetiche conosciute si sviluppano su uno spettro continuo (definito come


spettro delle radiazioni elettromagnetiche) che si estende su unampia gamma
di lunghezze donda (figura 1.2).
Le radiazioni visibili per locchio umano sono comprese in una fascia molto
limitata di tale spettro, con una certa variazione da persona a persona, compresa tra le lunghezze donda di circa 380 nm avvicinandosi agli ultravioletti e
17

di circa 740 nm avvicinandosi agli infrarossi. In figura 1.2 `e mostrato lintera


gamma delle radiazioni elettromagnetiche, dai raggi cosmici alle onde utilizzate
per le trasmissioni di potenza e, in corrispondenza dello spettro delle radiazioni
visibili, `e stato ingrandito lintervallo in modo da apprezzare meglio il legame
tra lunghezza donda (in questo caso misurata in nanometri) e sensazione cromatica che essa provoca. Il fatto che noi riusciamo a percepire sotto forma di
luce soltanto una parte cos` limitata delle radiazioni elettromagnetiche `e dovuto
alla particolare natura del nostro occhio. Ad esempio `e noto come alcuni animali
riescano a percepire le radiazioni infrarosse (lunghezza donda compresa tra 740
nm ed 1 mm) e quelle ultraviolette (lunghezza donda compresa tra 380 e 100
nm). Una propriet`a molto importante dei nostri occhi `e la facolt`a di distinguere
i diversi colori, la capacit`a cio`e di stabilire un confronto fra onde di differente
lunghezza dello spettro visibile. Un colore rappresenta la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina mandano al cervello
quando assorbono radiazioni elettromagnetiche di determinate lunghezze donda e intensit`a. Quando locchio riceve una radiazione la cui lunghezza donda
`e, ad esempio, di circa 470 nm noi diciamo di vedere una luce blu, mentre una
radiazione di circa 600 nm corrisponde ad una luce di colore arancione. I vari
colori fondamentali corrispondenti alle diverse oscillazioni comprese nei limiti
sopra indicati (380 nm e 740 nm) sono ben distinguibili nellarcobaleno e sono
indicati nellelenco in tabella 1.1. Va tuttavia precisato che i nomi dei colori che
essa riporta sono solamente delle etichette che vengono attribuite agli stimoli
visivi una volta che questi vengono interpretati dal cervello. Per questo motivo
la corrispondenza tra colore e lunghezza donda deve essere interpretata come
qualcosa di indicativo e non codificato.

Colore
violetto
blu
ciano
verde
giallo
arancione
rosso

Lunghezza donda ()
380-430
430-500
500-520
520-565
565-580
580-625
625-740

Tabella 1.1: Le lunghezze donda delle radiazioni corrispondenti ai sette colori


dellarcobaleno.
Quando le varie oscillazioni corrispondenti alle sopraindicate lunghezze donda colpiscono contemporaneamente locchio i loro effetti si integrano dando luogo alla cosiddetta luce bianca. La luce bianca non corrisponde dunque ad una
determinata lunghezza donda ma `e prodotta dalla fusione delle varie luci colorate che costituiscono lo spettro visibile. Ci`o pu`o essere dimostrato grazie al
famoso esperimento del prisma che Isaac Newton [1] fece nel 1666. Egli fece
18

Figura 1.3: Il prisma di Newton scompone la luce bianca nei colori


dellarcobaleno.
passare un fascio di raggi solari attraverso un prisma di vetro (figura 1.3), e
not`o come questo si scomponesse nella gamma dei colori dellarcobaleno, ovvero
si scindesse nelle sue componenti, non suscettibili di ulteriori suddivisioni, ma
complete ed indivisibili. In questo modo defin` la luce come insieme di onde
elettromagnetiche con lunghezza donda compresa tra i limiti suddetti, a ognuna delle quali corrisponde una ben precisa componente cromatica. Dato che
lindice di rifrazione non `e uguale per tutte le lunghezze donda ed `e tanto pi`
u
elevato quanto minore `e la lunghezza donda stessa, dalla parte opposta del
prisma si vedr`a emergere una successione di raggi luminosi il cui colore passa
dal violetto al rosso.
Newton utilizz`o poi un secondo prisma per ricombinare nella luce bianca di
partenza tutti i colori che erano stati scissi dal primo spettro. Prov`o anche
a ricombinare solo alcune parti dello spettro, bloccando alcuni colori prodotti
dal primo prisma. Combinando le due estremit`a dello spettro (rosso e violetto)
in diverse proporzioni, riusc` ad ottenere un nuovo insieme di colori porpora
(purple colors) che spaziavano dal rosso al violetto. Questi colori porpora sono
noti come colori non spettrali, in quanto non appaiono nello spettro della luce
bianca.

19

20

CAPITOLO

2
Il sistema visivo umano

2.1

La struttura dellocchio

Il sistema visivo degli esseri umani `e straordinario per la quantit`a e la qualit`a


delle informazioni che fornisce sul mondo. Con un rapido sguardo esso `e in
grado di descrivere ubicazione, dimensioni, forma, colore, consistenza, caratteristiche strutturali degli oggetti, oltre alla loro direzione e velocit`a nel caso siano
in movimento.
Locchio `e lorgano esterno della vista. Nella figura 2.1 `e possibile osservarne
la struttura. Esso consiste nel bulbo oculare, formato da tre membrane: la
sclerotica, la coroide e la retina.
La sclerotica `e la membrana pi`
u esterna, bianca e resistente, di natura fibrosa.
Anteriormente essa diventa trasparente e lascia entrare la luce formando la
cornea.
La coroide `e la membrana intermedia; `e di colore scuro e in corrispondenza della
cornea assume vari colori formando, sulla parte anteriore, un piccolo disco: liride. Esso, grazie alla contrazione e dilatazione della pupilla, il foro che si trova
al suo centro, regola la quantit`a di luce che entra nellocchio, contribuendo in
questo modo alla nitidezza delle immagini.
La membrana pi`
u interna `e la retina, il vero recettore, costituita da cellule nervose in grado di ricevere stimoli luminosi. Dietro liride si trova il cristallino,
una vera e propria lente. Esso proietta le immagini sulla retina, rimpicciolite e
` in grado di autoregolarsi grazie a un particolare sistema di muscoli
capovolte. E
21

e legamenti attraverso i quali modifica la curvatura e consente di mettere a fuoco nitidamente oggetti collocati a distanze diverse dallosservatore. Al fine di
adattare il potere risolutivo del sistema ottico alla distanza dalloggetto osservato, il cristallino diventa relativamente sottile e tende ad appiattirsi nel caso
di visione di oggetti distanti, in caso di visione da vicino invece diventa pi`
u
spesso e assume una forma pi`
u arrotondata. Tra la cornea e liride e tra liride e il cristallino si trova lumor acqueo, un liquido acquoso e trasparente che
rifornisce di sostanze nutritive queste strutture; nellinterno del bulbo oculare
si trova unaltra sostanza gelatinosa e trasparente, chiamata umor vitreo, il cui
compito `e quello di eliminare eventuali scorie che potrebbero interferire con la
trasmissione della luce. Il cosiddetto punto cieco si riferisce allunico punto sul
fondo dellocchio umano, unarea di 1,5 mm di diametro circa, in cui non si
trovano le cellule nervose preposte alle ricezione della luce (fotorecettori) perche
in questo punto gli assoni delle cellule gangliari si uniscono a fascio formando
il nervo ottico che invia le informazioni relative alla stimolazione della retina.
Questa regione della retina, proprio perche non contiene fotorecettori, non `e
sensibile alla luce, `e una zona senza informazioni e dove limmagine non pu`o
essere percepita, motivo per cui viene chiamata anche macchia cieca. Tuttavia
il cervello riesce a ricostruirla deducendola da ci`o che c`e intorno attraverso un
processo chiamato filling in (riempimento) e grazie alla visione stereoscopica.

2.2

I neuroni

I neuroni sono le cellule base di tutto il sistema nervoso. Sono unit`a fondamentali tutte simili tra loro, pur potendo differire per dimensioni e forma, che
generano e trasmettono impulsi elettrici tra di loro. In figura 2.2 `e possibile
osservare la struttura del neurone.
La parte centrale del neurone `e costituita dal corpo cellulare in cui risiedono
il nucleo e le altre parti deputate alle principali funzioni cellulari. Dal corpo
cellulare si dipartono da un lato molti prolungamenti brevi, detti dendriti, che
conferiscono al neurone le propriet`a di eccitabilit`a e conducibilit`a, dallaltro un
solo prolungamento lungo, lassone, che nellultimo tratto si ramifica. I dendriti
hanno diramazioni simili ad un albero e attraverso questi il neurone riceve il
segnale da neuroni afferenti e lo propaga verso il nucleo della cellula. Al polo
opposto ha origine lassone, un ottimo conduttore grazie alla sua composizione
chimica, che conduce i segnali verso i dendriti di altri neuroni. La parte finale
dellassone `e unespansione detta bottone terminale. Attraverso i bottoni terminali un assone pu`o prendere contatto con i dendriti o il corpo cellulare di
altri neuroni affinche limpulso nervoso si propaghi lungo un circuito neuronale.
I punti di congiunzione tra neuroni, attraverso cui comunicano, sono detti sinapsi.
Il funzionamento del neurone `e molto semplice: attraverso i dendriti il neurone
riceve in ingresso segnali dagli assoni di altri neuroni, se questi segnali di ingres22

Figura 2.1: Anatomia dellocchio umano. Tratto da [2].


so superano una certa soglia questo si eccita e scarica un potenziale elettrico,
detto potenziale dazione, attraverso lassone, che fa da input ad altri neuroni.

2.3

La retina e la teoria tricromatica

Nonostante la sua posizione periferica, la retina fa parte del sistema nervoso


centrale ed essendo una componente di questo sistema `e formata da circuiti nervosi complessi che convertono lattivit`a elettrica graduata dei fotorecettori in
potenziali dazione che tramite il nervo ottico viaggiano fino allencefalo.
Essa `e una sottile membrana nervosa che riveste internamente il globo oculare
ed `e divisa in tre strati, ognuno dei quali `e formato da diversi corpi cellulari; le
cellule in ognuno di questi strati ricevono informazioni dallo strato precedente
e le trasmettono al successivo in maniera sequenziale ed ordinata. Nella retina
sono presenti cinque tipi di neuroni: fotorecettori, cellule bipolari, cellule orizzontali, cellule amacrine e cellule gangliari. Lo Strato Nucleare Esterno (SNE),
il pi`
u profondo e lontano dal cristallino, contiene i fotorecettori; lo Strato Nu23

Figura 2.2: Il neurone e la sua struttura.


cleare Interno (SNI) contiene le cellule bipolari, orizzontali e amacrine; lultimo
strato, quello pi`
u vicino al cristallino, `e quello in cui si trovano le cellule gangliari. Gli assoni di tutte le cellule gangliari della retina convergono verso il
punto cieco, dove si uniscono per formare il nervo ottico, un cavo che conduce
linformazione visiva fino al cervello per la successiva elaborazione.
Delle cellule contenute nella retina i fotorecettori sono le uniche ad essere sensibili alla luce. Essi si dividono in coni e bastoncelli; nella retina umana ci sono
circa 120 milioni di bastoncelli e 6 milioni di coni. Entrambi questi fotorecettori
presentano un segmento esterno che contiene un fotopigmento (pigmento visivo,
sensibile alla luce) e un segmento interno che contiene il nucleo della cellula
e d`a origine alle terminazioni sinaptiche che entrano in contatto con le cellule
bipolari e con le cellule orizzontali. La struttura dei due tipi di fotorecettori `e
visibile in figura 2.3.
Lassorbimento della luce da parte del pigmento fotosensibile presente nel
segmento esterno dei fotorecettori d`a inizio ad una serie di eventi a catena che
modifica il potenziale di membrana del recettore e quindi la quantit`a di neurotrasmettitore liberato attraverso le sinapsi che collegano i fotorecettori con le
cellule con cui essi entrano in contatto. Quando la luce piena colpisce un fotorecettore, questo subisce una iperpolarizzazione della membrana cellulare, al buio
il recettore `e in stato di depolarizzazione e libera trasmettitore in continuazione.
Questa modalit`a di funzionamento `e necessaria in quanto la successiva elaborazione visiva `e una relazione sistematica tra le variazioni del livello di luminosit`a
e lattivit`a dei fotorecettori. La componente proteica del fotopigmento, diversa
nei coni e nei bastoncelli, determina la specializzazione funzionale di questi due
tipi di recettori.
Questi si distinguono per la loro forma (figura 2.3), da cui prendono il nome, per
24

Figura 2.3: Rappresentazione dei fotorecettori presenti nella retina: a sinistra


la struttura dei bastoncelli (A), a destra quella dei coni (B). Tratto da [2].

il tipo di pigmento visivo che contengono, per la loro distribuzione allinterno


della retina e per le particolarit`a delle loro connessioni sinaptiche.
Il sistema dei coni e quello dei bastoncelli sono specializzati in aspetti differenti della funzione visiva. Il sistema dei bastoncelli permette la visione periferica e in condizioni di scarsa luminosit`a, `e quindi specializzato nellaspetto
della sensibilit`a a discapito del potere di risoluzione spaziale che `e molto basso.
Essi rendono possibile quella che si definisce visione scotopica (cio`e a livelli di
illuminazione bassi). Il sistema dei coni permette la visione dei dettagli e la
visione cromatica, `e caratterizzato da un potere di risoluzione spaziale alto ma
`e relativamente insensibile alla luce, di conseguenza `e specializzato nellaspetto
dellacuit`a visiva a scapito di quello della sensibilit`a. La visione mediata dai
coni `e detta visione fotopica. A livelli di illuminazione elevati la reazione alla
luce giunge a saturazione nei bastoncelli, il potenziale di membrana in questi ultimi cio`e, raggiunto un certo valore, non varia pi`
u in funzione dellilluminazione.
Infine si ha la visione mesopica, quella a livelli di luce in presenza dei quali svolgono un ruolo sia i coni che i bastoncelli.
Da quanto detto risulta chiaro che la vista `e mediata prevalentemente dal sistema dei coni e che la perdita della loro funzionalit`a ha risultati devastanti.
Perdere la funzionalit`a dei bastoncelli significa avere difficolt`a visive solo in condizioni di scarsa illuminazione, perdere la funzionalit`a dei coni porta a cecit`a
totale. Strutturalmente i due tipi di fotorecettori presentano delle differenze.
25

I bastoncelli sono pi`


u lunghi e contengono fotopigmento in quantit`a superiore
rispetto ai coni, cosa che permette loro di captare pi`
u luce. Inoltre i bastoncelli
sono in grado di rispondere ad un singolo fotone, sono dunque pi`
u sensibili e
hanno una maggiore capacit`a di amplificazione del segnale luminoso. Per attivare un cono invece servono almeno 100 fotoni.
Un fattore cruciale `e quello della visione cromatica. Tutti i bastoncelli contengono lo stesso fotopigmento (rodopsina), mentre ogni singolo cono contiene
uno dei tre diversi fotopigmenti che complessivamente sono contenuti nei coni.
Questi tre diversi tipi di pigmenti fotosensibili (opsine) sono caratterizzati da
spettri di assorbimento diversi. I tre tipi di coni si distinguono quindi sulla
base della loro diversa sensibilit`a a tre diverse lunghezze donda dello spettro di
luce visibile (che corrispondono allincirca ai colori blu, verde, rosso) e possono
rispondere solo nei termini del tipo di impulsi a cui sono specificamente deputati. La mescolanza in proporzioni opportune degli impulsi provenienti dai coni
dei tre tipi suddetti porterebbe alla percezione dei colori di tutti gli altri tipi.
Questo modello `e definito tricromatico.
La teoria tricromatica viene chiamata anche teoria di Young-Helmholtz [3, 4],
dal nome dei due studiosi che la scoprirono nel corso dell800. Si dovette aspettare per`o circa un secolo per averne la conferma sperimentale grazie alle
rilevazioni rese possibili da sofisticate tecniche di microspettrofotometria. Data una lunghezza donda, tutti i bastoncelli sono ugualmente sensibili a quella
lunghezza donda e quindi consentono solo una visione priva di colori. Variando
la lunghezza donda, la sensibilit`a dei bastoncelli varia. Ogni cono invece, ha una
sua curva di risposta al variare della lunghezza donda e la combinazione delle
tre diverse curve garantisce la copertura di uno spettro luminoso che va da 380
nm a 740 nm circa (lo spettro visivo). I coni del blu, cio`e quelli la cui massima
sensibilit`a `e per il colore blu (coni S, da short-wavelength sensitive cone) sono
pi`
u sensibili a lunghezze donda corte, i coni del verde, sensibili principalmente
al colore verde (coni M, da middle-wavelength sensitive cone) sono sensibili a
lunghezze donda intermedie e i coni del rosso, sensibili principalmente alla gamma dei rossi (coni L, da long-wavelength sensitive cone) a lunghezze donda pi`
u
elevate. La diversa sensibilit`a dei coni alle diverse lunghezze donda `e rappresentata in figura 2.4.
Sul totale dei coni la distribuzione tra i tre tipi `e circa del 60% per i coni L, 30%
per i coni M e 10% per i coni S. Lattivit`a di ciascuno di questi tre gruppi di
coni genera i segnali retinici che in ultima analisi danno origine alla sensazione
visiva del colore.
La distribuzione di coni e bastoncelli sullintera superficie della retina varia
notevolmente. I coni sono gli unici fotorecettori presenti nella fovea (figura 2.5),
una fossetta con diametro intorno ai 1-2 mm su cui vengono proiettate le immagini del punto di fissazione nel campo visivo. Questo `e il motivo per cui
lacuit`a visiva in questa zona raggiunge il suo massimo. Man mano che ci si
allontana da essa il numero dei bastoncelli aumenta. Anche se i coni sono presenti anche allesterno della fovea, la loro minore densit`a in questa zona, come
26

Figura 2.4: Grafico rappresentante la sensibilit`a dei tre tipi di coni alle diverse
lunghezze donda della luce.

pure la minore densit`a delle cellule gangliari con le quali essi sono legati, spiega
il perche della diminuzione di acuit`a visiva in funzione delleccentricit`a. Nelle
parti pi`
u periferiche quindi non vengono distinti ne la forma ne il colore degli
oggetti, ma quando un oggetto entra nel campo visivo dellocchio, i bastoncelli determinano il movimento istintivo della testa e dellocchio stesso al fine di
portare limmagine nella zona centrale della retina, dove si ha la massima capacit`a di vedere. Al contrario, lassenza dei bastoncelli dalla fovea e la loro
presenza massiccia allesterno di essa spiegano perche la soglia per la percezione
di uno stimolo luminoso `e molto pi`
u bassa allesterno della regione della visione
centrale. Si riesce a vedere pi`
u facilmente un oggetto dai contorni incerti se si
evita di guardarlo direttamente, di fissarlo, in modo che esso possa rimanere
alla periferia del campo visivo.
Unaltra differenza tra i due tipi di fotorecettori `e il loro grado di convergenza su altri tipi di cellule presenti nella retina. Il sistema dei coni presenta
una convergenza bassa, nel centro della fovea `e facile che un singolo cono contragga sinapsi con una sola cellula bipolare che a sua volta contrae sinapsi con
una sola cellula gangliare. Il sistema dei bastoncelli invece ha una convergenza
decisamente alta: molti di essi contraggono sinapsi con una sola cellula bipolare
e molte cellule bipolari che ricevono segnali nervosi dai bastoncelli convergono
sulla medesima cellula gangliare. Anche se lalta convergenza rende il sistema
dei bastoncelli un buon rivelatore di luce, essa provoca allo stesso tempo una
diminuzione del potere di risoluzione spaziale, dato che la fonte di un segnale
trasmesso potrebbe trovarsi in un punto qualsiasi della retina. Per il motivo op27

Figura 2.5: Distribuzione di coni e bastoncelli nella retina umana.


posto, la bassa convergenza del sistema dei coni `e ci`o che rende loro la massima
acuit`a visiva. Infine, sono diversi i percorsi attraverso i quali le informazioni
trasportate dai due tipi di fotorecettori giungono alle cellule gangliari per essere
trasmesse alle strutture visive centrali. Nonostante i rispettivi percorsi siano
diversi, le informazioni convogliano sulle stesse cellule gangliari.
Queste cellule vennero distinte per la prima volta da Kuffler [5], che studi`o
la retina dei gatti, in cellule a centro on e cellule a centro off, la cui importanza venne successivamente ulteriormente dimostrata in [6]. Kuffler scopr`
che ciascuna cellula gangliare risponde alla stimolazione di una piccola e circoscritta area circolare della retina che delimita il campo recettivo della cellula.
I due tipi di cellule scoperte sono presenti in numero pressoche uguale e i loro
campi recettivi (insieme dei recettori la cui attivit`a pu`o influenzare lattivit`a del
neurone stesso) presentano distribuzioni che si sovrappongono: ogni punto della
superficie della retina (quindi ogni parte dello spazio visivo) viene analizzato da
molte cellule gangliari di entrambi i tipi.
La loro attivit`a comunica tipi diversi di informazioni alle strutture visive centrali; strategia utilizzata per venire a capo della ricchezza di informazioni che la
scena visiva contiene. Dirigendo un fascio di luce sul centro del campo recettivo
di una cellula gangliare a centro on si registra un improvviso rapido aumento
della sua attivit`a elettrica; se si fa lo stesso con una cellula gangliare a centro
off la frequenza di scarica degli impulsi diminuisce e la cellula risponde con
una scarica di potenziali dazione quando si spegne la luce. Le informazioni
sullaumento o la diminuzione del grado di luminosit`a vengono comunicate al
cervello in modo indipendente da questi due tipi di cellule gangliari della retina,
che comunicano quindi tipi differenti di informazioni alle strutture visive centrali.
Le cellule gangliari sono sensibili alle differenze tra il livello di luce che cade sul
centro del loro campo recettivo e il livello di luce che cade sulla periferia del cam28

po; sono sensibili quindi ai contrasti di luminosit`a. Esse rispondono in modo pi`
u
deciso a uno stimolo luminoso puntiforme indirizzato sul centro del campo recettivo o sulla sua periferia, piuttosto che a livelli assoluti di luce (illuminazione
uniforme). Ci`o che `e pi`
u importante nel segnale inviato dalla retina al cervello
non `e tanto il livello di illuminazione di fondo, quanto le caratteristiche salienti
dello stimolo visivo, in particolare il suo contrasto con lambiente circostante.
Lesistenza di due canali distinti per la trasmissione al cervello delle informazioni
relative alla luminosit`a significa che le variazioni di intensit`a della luce vengono
sempre comunicate da un processo eccitatorio anziche da diminuzioni di attivit`a
che, scendendo al di sotto di una soglia di riposo, si incaricherebbero di segnalare
una diminuzione del grado di luminosit`a. Tutto ci`o `e rappresentato in figura 2.6.

Figura 2.6: Risposta delle cellule gangliari a centro on e a centro off alla
stimolazione di zone diverse del loro campo recettivo. Lo stimolo luminoso `e
rappresentato con il colore giallo.

2.4

La teoria dei processi opposti

Oggi `e generalmente accettato un modello della visione dei colori basato su due
stadi, che concorrono entrambi alla determinazione finale del colore percepito:
il primo stadio, definito dalla teoria tricromatica (vi sono tre tipi di coni,
dalla cui azione combinata dipende la determinazione del colore in base
alla lunghezza donda della radiazione incidente);
il secondo stadio, definito dalla teoria dei processi opposti (la visione di
un colore dipende dallazione combinata di due canali cromatici, costituiti
ciascuno da una coppia di colori complementari antagonisti, pi`
u un canale
dedicato alla luminosit`a).
29

La teoria del fisiologo tedesco Ewald Hering (1834-1918) sulla visione del colore postula lesistenza di tre coppie opponenti di colori: bianco e nero, rosso e
verde, giallo e blu [7, 8]. Questi sei colori sono detti primari psicologici. Hering
sosteneva che i recettori retinici erano s` tre (come sostenuto da Helmholtz), ma
che ciascuno di essi inviava segnali corrispondenti a coppie di colori antagonisti
anziche a singoli colori. Si trattava quindi di tre meccanismi bipolari.
Gli studi di Hering indicano che le suddette coppie di sensazioni cromatiche sembrano essere in mutuo antagonismo fra loro da un punto di vista percettivo e
che laggiunta di due tipi di luci in antagonismo tende ad eliminare la percezione
cromatica e a produrre la sensazione di bianco, come se gli stati percettivi indotti dai due colori che formano la coppia fossero di segno differente. Se un
recettore relativo alla coppia giallo-blu viene stimolato, il messaggio che invier`a
corrisponder`a al giallo, se invece inibito, al blu, e cos` per le altre coppie.
Questa teoria prende il nome di teoria dei processi opposti (o teoria delle coppie di colori antagonisti) e nacque per spiegare alcuni fenomeni che riguardano
la visione del colore, come quelli del contrasto e delle immagini consecutive,
che paiono suggerire che per ogni colore esista un colore complementare e che i
colori di ogni coppia siano organizzati in modo antagonistico, che non potevano
essere spiegate alla luce della teoria di Young-Helmoltz. Questa teoria postula la
presenza di tre canali percettivi ad un livello di elaborazione successiva rispetto
ai coni (figura 2.7):
un canale specializzato nella visione alternativa del giallo e del blu. Quando leccitazione combinata dei tre tipi di coni produce la visione del blu
in una certa zona, `e inibita in quella stessa zona la visione del giallo, e
viceversa;
un canale specializzato nella visione alternativa del rosso e del verde.
Quando leccitazione combinata dei tre tipi di coni produce la visione
del rosso in una certa zona, `e inibita in quella stessa zona la visione del
verde e viceversa;
un canale specializzato nella visione della componente di bianco o di nero.
Questo canale non `e basato su meccanismi antagonisti, come i due precedenti, ma sul presupposto di una uguale stimolazione dei tre tipi di coni:
a stimolazioni di bassa intensit`a corrispondono grigi molto scuri; a stimolazioni della massima intensit`a corrisponde la visione del bianco.
Dopo decenni di roventi dibattiti tra le due fazioni, si arriv`o a capire che le
due teorie erano entrambe valide, ma andavano applicate a due stadi successivi
di elaborazione. Infatti i recettori retinici sarebbero s` sensibili a tre colori (e
non coppie), ma i segnali in uscita dai coni vengono organizzati in tre canali
separati che codificano le differenze tra bianco e nero, rosso e verde, giallo e blu.
A livello cerebrale, in pratica, si ritrovano meccanismi sensibili alle tre coppie
di colore previste da Hering.

30

Figura 2.7: Illustrazione schematica della teoria dei processi opposti.

2.5

Le vie ottiche centrali

Le vie ottiche sono essenzialmente i canali attraverso i quali limmagine registrata dallocchio viene trasmessa al cervello. Con il termine corteccia visiva si
intende quellarea della corteccia cerebrale deputata esclusivamente allelaborazione delle informazioni sensoriali provenienti dalla retina. In corrispondenza
di ciascuna stazione della via ottica principale si trovano singoli neuroni specificamente preposti al compito di estrarre dagli stimoli i diversi tipi di informazioni
visive per poi codificare tutte le informazioni ricavate. Man mano che si procede
nella via della visione le cellule rispondono a stimoli sempre pi`
u complessi.
Per comprendere come sono organizzate le vie ottiche `e necessario conoscere
alcuni concetti sul funzionamento del campo visivo (figura 2.8), cio`e quella parte
di spazio che ciascun occhio riesce a vedere restando immobile in una determinata posizione. Le informazioni sul mondo esterno arrivano ad entrambi gli
occhi con un elevato grado di sovrapposizione. Ci si pu`o render conto di ci`o se
si prova a chiudere un occhio, ed in tal caso ci si accorge che lampiezza della
visione nel rimanente occhio `e limitata principalmente dalla presenza del naso.
Immaginiamo di dividere ciascuna retina e corrispondente campo visivo con una
linea verticale e una orizzontale che si intersecano al centro della fovea, formando
quattro quadranti. La linea verticale divide la retina nel settore nasale (vicino
al naso) e in quello temporale (vicino alla tempia), mentre la linea orizzontale
la divide in settore superiore e inferiore. Per quanto riguarda lo spazio visivo,
due linee corrispondenti, una orizzontale e una verticale, si intersecano in corrispondenza del punto di fissazione e definiscono i quadranti del campo visivo.
Il passaggio della luce attraverso gli elementi ottici fa s` che le immagini degli
oggetti che si trovano nel campo visivo risultino capovolte e presentino uninversione destra/sinistra sulla superficie della retina. Quindi, nellocchio destro, la
retina nasale vede la met`a destra del mondo e la retina temporale vede la met`a
sinistra, per locchio sinistro vale il contrario. Per entrambi gli occhi la parte
31

superiore vede gli oggetti situati nella parte inferiore del campo visivo e viceversa. Bisogna inoltre notare che la retina nasale destra e la retina temporale
sinistra vedono praticamente la stessa cosa: tracciando una linea immaginaria
a partenza dal naso, esse vedrebbero solamente ci`o che si trova a destra della linea. Questa parte del campo visivo `e chiamata emicampo destro. Analogamente
lemicampo sinistro `e la parte del campo visivo vista dalla retina temporale destra e la retina nasale sinistra. Cos` ogni cosa che vediamo `e divisa in una met`a
destra e in una met`a sinistra. Ciascun occhio riceve linformazione da entrambi
gli emicampi. In questo modo ogni oggetto osservato viene visto da entrambi
gli occhi (e questo `e fondamentale per il senso di profondit`a) ma le immagini
cadono sulla retina nasale di uno e sulla retina temporale dellaltro.

La parte pi`
u interna del sistema visivo nasce dagli assoni delle cellule gangliari che escono dalla retina passando per una regione circolare detto disco ottico,
dove si uniscono a fascio formando il nervo ottico. In uscita dalla retina i due
nervi ottici, unendosi, formano una struttura ad X (chiasma) disposta sopra
unimportante ghiandola del cervello chiamata ipofisi.
Allinterno del chiasma, parte delle fibre dei nervi ottici si incrociano tra loro:
le fibre provenienti dalla parte nasale di ogni nervo ottico passano cio`e dal lato
opposto, mentre le fibre provenienti dalla parte temporale di ogni nervo ottico
rimangono dallo stesso lato. In questo modo ciascun braccio della X chiasmatica
`e formato dalle fibre temporali di un lato e dalle fibre nasali del lato opposto.
La parte posteriore di ogni braccio del chiasma viene chiamata tratto ottico
(sinistro e destro) e al suo interno le fibre nervose mantengono la stessa disposizione del chiasma.
I tratti ottici terminano a livello di zone del cervello chiamati corpi genicolati
laterali; da qui partono le radiazioni visive, ultima parte delle vie ottiche, costituite dalle fibre nervose che si separano a ventaglio e, percorrendo tutto il
cervello, arrivano alla corteccia visiva primaria, la parte di cervello localizzata in sede occipitale, cio`e a livello della nuca, cui vengono inviate tutti i vari
dettagli registrati dalla retina ottenendo cos` una visione dinsieme complessiva.
La corteccia visiva primaria `e divisa in una met`a destra e in una met`a sinistra;
ciascuna met`a `e poi ulteriormente suddivisa in una parte inferiore e in una superiore dalla scissura calcarina. Il percorso appena descritto `e visibile in figura 2.9.

Esistono poi le aree associative visive, direttamente connesse con la corteccia visiva primaria che aggiungono informazioni su un determinato oggetto. In
mancanza di queste aree tutto ci`o che noi vediamo rimarrebbe semplicemente
unimmagine priva di senso che non saremmo assolutamente in grado di capire
e di mettere in relazione con le altre parti della scena visiva.

32

Figura 2.8: Proiezione dei campi visivi sulla retina sinistra e sulla retina destra.
A) Proiezione di unimmagine sulla superficie della retina. B) I quadranti di
ciascuna retina e il loro rapporto con lorganizzazione dei campi visivi monoculari e binoculari, come si osservano dalla superficie posteriore degli occhi. C)
La proiezione del campo visivo binoculare sulle due retine e il suo rapporto con
lincrociarsi delle fibre nel chiasma ottico.

2.6

Organizzazione dei neuroni lungo le vie ottiche

Le cellule gangliari della retina proiettano in modo ordinato sul corpo genicolato
laterale secondo una rappresentazione topologicamente organizzata in relazione
alla retina, ovvero al campo visivo: informazioni provenienti da regioni adiacenti nella retina proiettano su regioni adiacenti del corpo genicolato laterale. I
neuroni di questultimo, a propria volta, conservano questa organizzazione topografica anche nelle loro proiezioni alla corteccia visiva primaria. Le strutture
visive centrali, pertanto, rivelano una rappresentazione ordinata dello spazio vi33

Figura 2.9: Le vie ottiche centrali viste da una sezione del cervello.

sivo.
In precedenza avevamo visto che una prima divisione delle cellule gangliari
pu`o essere effettata in base alla modalit`a di risposta agli stimoli luminosi. Esistono infatti cellule a centro on e a centro off. Questa non `e lunica cosa che
le differenzia. In realt`a esistono diverse popolazioni funzionalmente distinte di
cellule gangliari, e ognuna di queste popolazioni si divide a sua volta nei sottotipi a centro on e a centro off.
Una distinzione importante `e quella tra cellule gangliari M e cellule gangliari P,
le prime hanno corpi cellulari pi`
u voluminosi e hanno un campo recettivo pi`
u
grande; inoltre i loro assoni hanno una pi`
u elevata velocit`a di conduzione degli
impulsi nervosi. Alla presentazione di stimoli visivi le cellule M rispondono con
unattivit`a transitoria mentre le cellule P rispondono in maniera prolungata,
inoltre queste ultime sono in grado di trasmettere informazioni riguardo ai colori in quanto il centro e la periferia del loro campo recettivo vengono attivati da
classi diverse di coni (da quelle sensibili al rosso, blu e verde). Nelle cellule M
invece sia il centro che la periferia non fanno distinzioni tra i tipi di coni dai
quali ricevono stimoli e vengono attivati da tutti i tipi di coni indifferentemente.
Le cellule M e P terminano in strati diversi del nucleo genicolato laterale:
le prime terminano negli strati magnocellulari, le seconde negli strati parvocellulari, da cui prendono i loro nomi. Le informazioni visive comunicate dalla
corrente parvocellulare sono cruciali per la visione a elevata risoluzione e per
lanalisi dettagliata della forma, dimensioni e colori degli oggetti; la corrente
magnocellulare comunica informazioni essenziali per analizzare il movimento
34

degli oggetti nello spazio.


Una particolarit`a della corteccia visiva primaria `e la modalit`a in cui i neuroni
sono raggruppati lungo il suo spessore. Si tratta di unorganizzazione colonnare;
a medesime colonne equivalgono neuroni che presentano analoghe modalit`a
di risposta agli stimoli. Nonostante essi rispondano a stimoli provenienti da
entrambi gli occhi, agli estremi di questo insieme sono presenti neuroni che
rispondono quasi esclusivamente a segnali che provengono dallocchio sinistro
o viceversa da quello destro; mentre nella parte centrale troviamo neuroni che
rispondono in ugual modo ai segnali provenienti da entrambi gli occhi. Anche
le risposte ad altre caratteristiche degli stimoli (es. colore, direzione del movimento) sono distribuite in strutture che si ripetono in modo regolare e che sono
sistematicamente legate luna allaltra.
La quantit`a di area della corteccia visiva primaria dedicata ad ogni singola area
della superficie sensoriale non `e uniforme, ma riflette la densit`a dei recettori
e delle fibre sensoriali presenti nella regione periferica. Pertanto la rappresentazione della fovea `e sproporzionatamente grande, occupando la maggior parte
dello spazio.
Ciascuna cellula della corteccia visiva primaria risponde in massimo grado ad
una gamma ristretta di tipi di orientamento spaziale degli stimoli presentati
(lorientamento preferito della cellula). Quindi tutti i tipi di orientamento
spaziale presenti nella scena visiva sono codificati nellattivit`a di popolazioni distinte di neuroni caratterizzati da specifiche preferenze di orientamento spaziale.
Inoltre, allinterno di una classe di neuroni con determinate preferenze si distinguono alcuni sottotipi che presentano sottili differenze gli uni dagli altri.
In confronto alle cellule gangliari della retina, i neuroni dei livelli superiori della
via ottica diventano progressivamente pi`
u selettivi in fatto di modalit`a di stimolazione che occorrono per indurne lattivazione. Ad esempio i campi recettivi
di alcune cellule, chiamate cellule semplici, sono composti da zone a risposta
on e zone a risposta off, le une separate spazialmente dalle altre. Altri
neuroni, le cellule complesse, presentano una commistione di risposte on e
off in tutto il campo recettivo. Le cellule ipercomplesse sono sensibili a stimoli molto complessi come ad esempio alla lunghezza di una barra luminosa che
venga spostata attraverso il loro campo recettivo; la frequenza delle risposte di
questi neuroni diminuisce quando la lunghezza della barra luminosa supera un
determinato limite.
Unaltra caratteristica che differenzia le risposte dei neuroni della corteccia visiva primaria rispetto a quelle dei neuroni di precedenti stazioni di elaborazione
della via ottica `e il fatto che si tratta di risposte binoculari. Infatti il nucleo
genicolato laterale riceve assoni da entrambi gli occhi, ma al suo interno questi
terminano in strati separati, per cui i singoli neuroni vengono attivati dai segnali che provengono dallocchio sinistro o da quello destro e non da entrambi.
Oltrepassato questo punto della via ottica i segnali provenienti dai due occhi
vengono integrati a livello delle cellule. Il fatto che a livello della corteccia visiva primaria si verifichi una integrazione delle informazioni provenienti dai due
occhi costituisce il fondamento della visione stereoscopica, cio`e uno degli indizi
35

Figura 2.10: Le risposte di cellule gangliari ad opponenza cromatica semplice


ed opponenza cromatica complessa. Le frecce rappresentano colore e locazione
dello stimolo luminoso.

pi`
u importanti per la percezione della profondit`a. Le cellule vengono attivate in
massimo grado da stimoli che cadono su parti non corrispondenti delle due retine (cosa che avviene in quanto i due occhi vedono la realt`a da due angolazioni
leggermente diverse, e quindi gli oggetti che si trovano davanti o dietro il piano
di fissazione proiettano a punti non corrispondenti delle due retine). Alcuni neuroni si attivano in risposta alle disparit`a tra le immagini dei punti che si trovano
oltre il piano di fissazione, altri in risposta a quelle che si trovano davanti ad esso.
Anche riguardo alla percezione cromatica il sistema visivo dei primati `e caratterizzato da neuroni che rispondono a stimoli sempre pi`
u complessi man mano
che si prosegue lungo le vie ottiche. Ci`o avviene per qualsiasi altro tipo di
percezione visiva; ad esempio, nel caso della forma, nelle prime stazioni della
via ottica si trovano neuroni che rispondono a particolari orientamenti; proseguendo troviamo neuroni che rispondono a orientamento e lunghezza, fino ad
arrivare alle ultime stazioni dove i neuroni rispondono a forme complesse come
le facce umane.
Secondo la teoria tricromatica, la percezione del colore inizia dalla retina
con i tre tipi diversi di coni. I neuroni che rispondono allo stimolo pi`
u semplice deputati alla percezione del colore si trovano nel corpo genicolato laterale.
Questi neuroni sono caratterizzati da centro recettivo concentrico ad opponenza
cromatica semplice. Leccitazione del neurone avviene se il centro del campo recettivo viene colpito da un colore, mentre si ha uninibizione della risposta
36

quando la periferia del campo recettivo risulta colpita dal colore opposto (rossoverde, giallo-blu). A livello della corteccia visiva primaria troviamo neuroni con
risposte pi`
u complesse. Questi neuroni sono caratterizzati da campi recettivi
ad opponenza cromatica doppia. Un neurone di questo tipo viene eccitato ad
esempio da una luce rossa al centro e da una luce verde alla periferia, e viene
inibito da una luce rossa alla periferia e da una luce verde al centro. Questi
due tipi di cellule gangliari sono mostrati in figura 2.10. Un ultimo esempio di
neuroni che rispondono a stimoli luminosi riguardanti il colore sono i neuroni
complessi ad opponenza doppia che hanno le stesse propriet`a delle cellule semplici ad opponenza cromatica doppia ma sono indipendenti dalla localizzazione
del contrasto di colore a livello del campo visivo, ovvero non sono caratterizzati
da campi recettivi concentrici e rispondono in caso di contrasto cromatico.

2.7

Conclusioni

Una volta che il cervello ha ricevuto le informazioni relative allo stimolo visivo
entra in gioco il livello linguistico. In questa fase il cervello interpreta dal punto
di vista semantico gli stimoli ricevuti e assegna loro delle etichette linguistiche.
Il linguaggio ha quindi un ruolo decisamente importante in quanto ci permette
di comunicare informazioni relative al colore e di rendere condivisibile unesperienza del tutto soggettiva. La percezione dei colori e la relativa terminologia
cromatica sono strettamente connesse tra loro, e non solo legate sequenzialmente. Nella seconda parte della tesi, dedicata al lessico cromatico, si approfondir`a questo argomento. Mentre la percezione del colore sembrerebbe essere
comune a tutti gli esseri umani, il modo in cui questi esprimono linguisticamente
il colore mostra molte differenze. In riferimento al funzionamento del sistema
visivo umano affrontato in questo capitolo e per ulteriori approfondimenti si
veda [2, 9, 10].

37

38

CAPITOLO

3
La percezione del colore

3.1

Cos`
e il colore

Non tutti gli esseri viventi dotati di un sistema visivo vedono il mondo allo
stesso modo. Esso infatti appare in tinte diverse agli occhi di creature diverse.
Per questo motivo la domanda Di che colore `e/sono. . . ? non ha alcun senso.
Gli oggetti non sono colorati, il colore `e unesperienza del tutto soggettiva che
dipende da due elementi: la luce che gli oggetti riflettono e le propriet`a del sistema visivo di chi guarda. Tuttavia, normalmente il colore non `e considerato un
oggetto della percezione, ma piuttosto una caratteristica degli oggetti presenti
nel nostro mondo fenomenico, si presenta cio`e come oggettuale. Il colore viene
visto sulla superficie degli oggetti, ma appare come il colore di tutto loggetto, come una caratteristica del materiale di cui esso `e costituito. Una delle
prime funzioni del colore `e quindi quella di rivelare il tipo di materiale di cui
`e fatto un oggetto. Ci`o concorda con il fatto che normalmente le condizioni di
illuminazione e di ombra non vengono colte esplicitamente, poiche sono caratteristiche variabili rispetto alla costituzione degli oggetti. La luce viene vista
come qualcosa di contingente, del tutto irrilevante rispetto a ci`o che interessa
maggiormente, ovvero gli oggetti nella loro concretezza e stabilit`a. Le caratteristiche inerenti agli oggetti non risultano influenzate dal fatto che la luce sia
tanta o poca, pi`
u o meno cromatica.
Nonostante ci`o, fino a poco pi`
u di tre secoli fa si era convinti che il colore
fosse una indissolubile propriet`a degli oggetti. Fu Newton [1] a dedurre che
39

la luce bianca non fosse pura ma composta di colori diversi. Per essere pi`
u
chiari, non dobbiamo pensare che i raggi luminosi siano di per se colorati; il
colore `e invece legato alla capacit`a di certe radiazioni di produrre certe risposte
nel nostro sistema nervoso. Quando la luce del sole (luce bianca) illumina un
oggetto, si danno tre casi:
1. Tutto lo spettro viene riflesso; loggetto appare bianco.
2. Tutto lo spettro viene assorbito; loggetto appare nero.
3. Una parte dello spettro viene assorbita e laltra riflessa, e loggetto appare
del colore della luce riflessa. Ci`o che viene assorbito non raggiunge locchio
e quindi non pu`o essere percepito.

3.2

Meccanismi della visione a colori

La percezione del colore pu`o essere influenzata da un grande numero di fattori; le


caratteristiche spaziali e temporali di uno stimolo, le dimensioni, lilluminazione
e la geometria giocano un ruolo fondamentale nella percezione del colore.
Nel seguito di questo capitolo verranno presentati alcuni fenomeni di basso ed
alto livello della visione [11]. I fenomeni di basso livello sono caratterizzati da
un comportamento abbastanza semplice e possono essere facilmente modellati.
Daltro canto i fenomeni di alto livello sono molto pi`
u complessi e si `e ancora
molto lontani dalla loro comprensione, tuttavia vanno tenuti in considerazione
nella progettazione di test psicofisici. I meccanismi di ordine superiore, sono
ancora pi`
u complessi, non ancora modellati formalmente e non vi `e nemmeno
consenso nella comunit`a scientifica sul loro ruolo e funzionamento. Questi meccanismi riguardano il modo in cui il cervello processa linformazione cromatica
proveniente dallocchio attraverso i canali opposti.

3.2.1

Fenomeni visivi di basso livello

La legge di Weber-Fechner
La legge di Weber-Fechner fu uno tra i primi tentativi di descrivere la relazione
tra la portata fisica di uno stimolo e la percezione umana dellintensit`a di tale
stimolo. La relazione tra uno stimolo e la percezione che si ha dello stesso `e
stata studiata inizialmente da Weber (1795-1878) [12], e fu in seguito elaborata
sotto forma di modello teorico da Fechner (1801-1887) [13].
La scoperta della relazione esistente tra stimolo e percezione venne fatta da
Weber grazie ad un esperimento nel quale veniva chiesto ad alcune persone se
riuscissero a notare la differenza tra due stimoli (in questo caso dei pesi). Il
risultato fu che la pi`
u piccola differenza percepita (just noticeable difference,
JND) era allincirca proporzionale allintensit`a dello stimolo. Ad esempio, se
una persona riusciva correttamente a notare come un peso di 110 g fosse pi`
u
pesante di un peso di 100 g, allora essa avrebbe notato anche la differenza tra
40

1100 g e 1000 g.
In pratica Weber, scopri che se L rappresenta lintensit`a iniziale di uno stimolo
e L rappresenta il minimo incremento dellintensit`a dello stimolo necessario
a percepire una differenza, allora risulta che il rapporto tra L e L rimane
costante, formalmente:

L
= Costante
L
Le ricerche condotte su tutte le modalit`a sensoriali (tatto, udito, vista e cos`
via) hanno dimostrato la validit`a di questa legge ad un livello di approssimazione
decisamente soddisfacente, salvo che per i valori estremi delle scale di intensit`a.
Nel caso del sistema visivo umano, ad esempio, essa `e valida per quanto riguarda la percezione del colore o della luminosit`a. Per verificarla basta svolgere un
semplice esperimento psicofisico in cui viene mostrato ad un osservatore uno
stimolo come quello indicato in figura 3.1, sulla sinistra.

Figura 3.1: Sulla sinistra lo stimolo osservato dai soggetti, sulla destra la curva
risultante dallesperimento.
Lo schermo `e composto da uno sfondo uniforme di intensit`a L ed un piccolo
cerchio grigio di intensit`a L + L. Per ogni valore di L dello sfondo, viene
misurata il minimo incremento necessario a distinguere il cerchio (L/L). La
curva risultante `e mostrata in figura 3.1 sulla destra. Si pu`o notare che per
gran parte dei valori di L questa risulti costante, in accordo alla legge di WeberFechner. Questo significa che un incremento dell1-3% sullo stimolo luminoso
del cerchietto, `e sufficiente per essere percepito se lilluminazione dello sfondo ha
medi valori. In caso di sfondo molto scuro o molto chiaro (estremi del grafico),
ci`o non `e pi`
u vero. Ci`o non contraddice la legge che rimane semplicemente una
buona approssimazione di un fenomeno psicofisico. Formulando questa legge,
Fechner apriva un capitolo di notevole rilievo della scienza moderna, quello della psicofisica, che avrebbe poi dato luogo ad un numero altissimo di applicazioni.

41

Funzioni di sensibilit`
a al contrasto
Il modo in cui uno stimolo colorato appare ai nostri occhi dipende dalla sua
frequenza spaziale e temporale. I tre canali opposti hanno differenti risoluzioni
spaziali. Le caratteristiche del sistema visivo umano dal punto di vista spaziale
e temporale sono definite dalle Contrast Sensivity Functions (CSF). Le CSF
sono misurate presentando ad un osservatore uno stimolo che varia in modo
sinusoidale nel tempo o nello spazio (figura 3.2).

Figura 3.2: In questa immagine il contrasto varia verticalmente, la frequenza


spaziale varia orizzontalmente. Si osservi come per frequenze medie `e necessario
meno contrasto per osservare le sbarre.
Far variare la frequenza temporale dello stesso stimolo significa ad esempio
mostrare alternativamente una barretta bianca e una nera con un certo intervallo
di tempo. In questo modo il contrasto del target viene variato e si determina
quando losservatore nota la differenza. Il contrasto `e normalmente definito
dalla seguente relazione:

C=

Lmax Lmin
Lmax + Lmin

Il contrasto `e quindi uguale alla differenza tra lintensit`a massima dello stimolo e lintensit`a minima dello stimolo diviso la somma delle due intensit`a. I
principali risultati di questo esperimento sono riassunti nei due grafici in figura
3.3. Osservando i grafici, la prima conclusione alla quale si giunge `e che i tre
canali opposti hanno sensibilit`a differenti: si noti la frequenza minore per il
canale yellow-blue rispetto a quello red-green dovuta al basso numero di coni S
42

nella retina, mentre la CSF relativa alla luminanza `e molto pi`


u alta rispetto alle
due CSF cromatiche. Questo denota una maggiore sensibilit`a a piccoli cambiamenti nel contrasto di luminosit`a rispetto al contrasto cromatico. Landamento
della sensibilit`a alla variazione di frequenza spaziale o temporale rimane pi`
uo
meno lo stesso. La seconda importante conclusione `e che la sensibilit`a al contrasto `e massima per le medie frequenze, mentre tende a zero per altre frequenze,
ovvero dove locchio umano non riesce pi`
u a distinguere i dettagli.

Figura 3.3: CSF per il contrasto cromatico e di luminanza. A sinistra CSF


spaziali, a destra CSF temporali.

Mescolanza cromatica additiva


I colori che non corrispondono a luce di una singola lunghezza donda possono
essere ottenuti solo mescolandone insieme due o pi`
u. La mescolanza di luci `e
diversa da quella operata dal pittore che mescola pigmenti, cio`e sostanze colorate; nel primo caso parliamo di mescolanza additiva (figura 3.5, sinistra) e nel
secondo di mescolanza sottrattiva (figura 3.5, destra). Si tratta di due meccanismi con cui si forma il colore. La differenza `e quella tra la percezione di colori
come risultato di luci provenienti direttamente da una sorgente luminosa e la
percezione di colori come risultato di luci riflesse da superfici interposte tra una
sorgente ed i nostri occhi. Pur dando luogo alla stessa sensazione, la natura
dei due processi `e profondamente diversa. La prima `e un fenomeno biologico,
la seconda invece ha cause esclusivamente fisiche. La mescolanza sottrattiva
verr`a presa in esame nel prossimo capitolo sulla colorimetria, non essendo un
meccanismo psicologico e percettivo come invece `e la mescolanza addittiva.
Il fatto che luci di differente lunghezza donda, le quali, viste singolarmente,
ci appaiono ciascuna colorata in modo diverso, generino, sommate insieme, la
visione del bianco, `e un fenomeno che viene definito mescolanza additiva. In
questo caso si producono effetti di luce sovrapponendo fasci luminosi provenienti da diverse sorgenti monocromatiche. Le luci delle sorgenti luminose nei
43

colori primari vengono mescolati per produrre il colore desiderato. In condizioni


di osservazione fissate, una qualunque miscela di due o pi`
u radiazioni elettromagnetiche nellintervallo visibile corrisponde sempre ad uno stesso colore. Ci`o
permette di identificare qualsiasi colore percepito in funzione delle sole componenti fisiche che danno come esito percettivo quel determinato colore.
La mescolanza additiva pu`o avvenire per media spaziale o temporale. Nella
mescolanza additiva per media spaziale leffetto `e prodotto dalla sovrapposizione
di luci su una stessa porzione di spazio; piccoli punti colorati non distinguibili
dallocchio, vengono mescolati addittivamente da esso. Nellesempio in figura 3.4 lalternarsi di giallo e blu, ad un certo punto, non viene pi`
u riconosciuto
dallocchio umano, che percepisce il colore grigio (essendo questi due colori complementari). Allo stesso modo dei piccoli punti rossi stampati su carta bianca,
visti da sufficiente distanza, causano la percezione del colore rosa. Il rosa `e, in
questo caso, un colore prodotto dalla mescolanza additiva in media spaziale del
bianco e del rosso. Nella mescolanza additiva in media temporale diversi stimoli
di colore colpiscono locchio non contemporaneamente ma in rapida successione.
Quando il ritmo del loro alternarsi `e sufficientemente elevato, i recettori della
retina non sono pi`
u in grado di discriminare tra due sensazioni successive, che
vengono quindi fuse nella percezione di un unico colore-somma.

Figura 3.4: Mescolanza additiva in media spaziale. Si noti come due colori
complementari, il giallo e il blu, diano origine ad un immagine grigia.

Meccanismi di adattamento
La definizione propria di adattamento dice che un sistema sensoriale varia il suo
stato di sensibilit`a in funzione della stimolazione cui `e soggetto. Ladattamento
`e un fenomeno che si sviluppa nel tempo, riguarda cio`e caratteristiche temporali
della percezione visiva.
Quando lorgano di senso `e stimolato a lungo e ad un alto livello di intensit`a,
la sua sensibilit`a diminuisce, la stessa stimolazione quindi provoca un effetto
minore e per avere lo stesso effetto ci vuole una stimolazione pi`
u intensa. Al
44

Figura 3.5: Nella figura di sinistra `e rappresentato lo schema classico della sintesi
` leffetto che si ottiene sovrapponendo tra loro tre raggi luminosi:
additiva. E
uno verde, uno rosso ed uno blu. Al centro, dove i tre raggi si sovrappongono,
appare il bianco. Il tipo di mescolanza additiva mostrata `e detto spaziale,
perche leffetto `e prodotto dalla sovrapposizione di luci su una stessa porzione
di spazio. Nella figura di destra lo schema classico della sintesi sottrattiva che
verr`a trattata in seguito.
contrario, quando lorgano `e poco stimolato la sua sensibilit`a aumenta e anche
uno stimolo debole provoca una forte risposta sensoriale. Detto questo risulta
chiaro il perche passando da un ambiente scuro a uno molto luminoso rimaniamo abbagliati: locchio `e abituato ad un livello basso di stimolazione, `e troppo
sensibile per stimoli cos` intensi e si satura facilmente. Si parla in questo caso
di light adaptation. Ritornando in un ambiente buio non ci si vede quasi pi`
u,
perche la sensibilit`a dellocchio `e troppo bassa e la stimolazione ambientale non
riesce a provocare una risposta sufficiente. In questo caso si tratta di dark adaptation. La principale differenza tra light adaptation e dark adaptation `e il tempo
che richiedono per essere completate. La prima `e molto pi`
u veloce richiedendo
meno di un minuto, la seconda richiede circa mezzora.
Lultimo tipo di adattamento `e il chromatic adaptation, che `e causato da simili
meccanismi fisiologici. Ad esempio, se si fissa un colore saturo per un p`o di tempo e poi si sposta lo sguardo su un foglio bianco, si vedr`a una debole immagine
di un colore diverso, allincirca del colore complementare a quello fissato. Queste
immagini consecutive vengono dette negative proprio perche sono del colore
complementare a quello osservato in precedenza (figura 3.6). Lesposizione anche brevissima a una luce molto intensa genera invece unimmagine dello stesso
colore, che viene detta positiva. Ci si riferisce a questi episodi con il nome di
fenomeno delle immagini consecutive (afterimages).

3.2.2

Fenomeni visivi di alto livello

Costanza cromatica
La costanza cromatica `e un fenomeno per cui il colore percepito di un oggetto
tende a rimanere costante nonostante la composizione spettrale della luce che lo
illumina cambi, ovvero cambino le condizioni di illuminazione, e di conseguenza
45

Figura 3.6: Adattamento cromatico. Fissare il punto bianco nella bandiera per
30 secondi. In seguito fissare il punto nero nel riquadro bianco a destra. A
causa del fenomeno delladattamento cromatico, nel quadrato bianco apparir`a
una immagine uguale a quella del riquadro a destra ma in cui i colori originali
sono sostituiti dai rispettivi colori complementari. Apparir`a quindi la bandiera
americana.

anche la composizione spettrale della luce che loggetto riflette. Ci`o permette
di identificare oggetti in molteplici diverse condizioni di illuminazione.
Questo fenomeno `e mediato da meccanismi che operano a livelli diversi del sistema visivo, tra cui i meccanismi delladattamento cromatico (chromatic adaptation) e della memoria del colore (color memory), ed `e basato sullo sfruttamento inconsapevole di parecchi indizi. Il meccanismo del color memory `e legato al
fatto che noi sappiamo qual`e il normale colore degli oggetti o quali sono i colori
prototipici degli oggetti riconoscibili, la nostra percezione del colore `e quindi
influenzata da ci`o che sappiamo degli oggetti. Tuttavia la costanza cromatica
tende a verificarsi puntualmente anche con oggetti non familiari del cui vero
colore non possiamo avere idea.
La costanza cromatica `e prevalentemente un fenomeno relazionale. Le cose
che vediamo non sono isolate, ma circondate da altri oggetti. Fra lo spettro
della luce riflessa da un oggetto e lo spettro della luce riflessa dal suo sfondo
esiste una certa relazione che chiamiamo rapporto spettrale. Quando lilluminazione cambia i singoli spettri riflessi cambiano a loro volta, ma il rapporto
spettrale tra loro rimane invariato. I due oggetti riflettono lunghezze donda
in percentuale diversa, ma al variare dellilluminazione il contrasto locale, inteso come rapporto spettrale, resta invariato. Inoltre occorre precisare che la
costanza di colore `e mediata tanto da questo contrasto locale che dal contrasto
globale, ovvero dalle informazioni provenienti dallintera scena. Questo sistema
della costanza cromatica tuttavia a volte fallisce: il meccanismo si `e evoluto per
compensare le variazioni naturali nella composizione spettrale della luce solare,
non delle luci artificiali.
In figura 3.7 si osserva un esempio di costanza cromatica. Se nella prima figura
si osserva la maglietta della donna, questa ci appare chiaramente gialla. Nellimmagine centrale possiamo osservare limmagine originale non filtrata e la nostra
46

risposta viene confermata. Limmagine a destra rappresenta limmagine originale con solamente la maglietta filtrata (ovvero come ci appariva nella figura a
sinistra), la maglietta ci appare ora verde. A causa della costanza cromatica abbiamo correttamente visto la maglietta gialla anche se la sensazione che i nostri
fotorecettori hanno registrato era quella del verde.

Figura 3.7: Un esempio del fenomeno della costanza cromatica.

Contrasto cromatico simultaneo


Al fine di spiegare questo fenomeno `e necessario ribadire il concetto di colore
complementare. I colori complementari sono quelli che mescolati assieme danno
un colore acromatico. Ogni colore, assieme al suo complementare, d`a origine
a una miscela perfettamente proporzionata dei tre colori primari, che al nostro
occhio appare bianca.
Il contrasto cromatico `e un fenomeno secondo il quale ogni colore acquista
percettivamente una componente complementare al colore adiacente, uno sfondo chiaro ci far`a apparire lo stimolo pi`
u scuro di quanto sia in realt`a, uno sfondo
rosso ci far`a apparire lo stimolo pi`
u verde e cos` via. Come risultato due colori
complementari diventano pi`
u saturi, due colori non complementari assumono
una tinta leggermente diversa. Ci`o che accade `e che si percepisce lo stesso colore in modo differente in dipendenza dai colori che lo circondano. Ad esempio lo
stesso colore appare pi`
u luminoso se posto su uno sfondo scuro e meno luminoso
se posto su uno sfondo chiaro. Ci`o `e evidente nellesempio mostrato in figura 3.8.
Il contrasto di colore consiste in unesaltazione della differenza tra il colore
di due superfici adiacenti, ma non rappresenta lunico modo in cui colori vicini
possono interagire tra loro. In alcuni casi due superfici adiacenti si influenzano nel modo opposto: la differenza tra loro diminuisce anziche aumentare.
Questo fenomeno, opposto rispetto al contrasto cromatico, prende il nome di
assimilazione cromatica.
47

Figura 3.8: Esempio di contrasto cromatico simultaneo. I due quadratini interni


appaiono di colori differenti pur essendo fisicamente dello stesso colore.

3.2.3

Meccanismi visivi di ordine superiore

C`e accordo generale sul fatto che le informazioni cromatiche vengano processate da meccanismi gerarchici: al primo stadio i segnali provenienti dai tre tipi
di coni, ognuno con il suo fotopigmento, vengono linearmente combinati per
formare i tre canali opposti al secondo livello. La natura interattiva di questo
secondo stadio `e ampiamente accettata e supportata da diversi esperimenti psicofisici. A partire da quel livello, il comportamento del sistema visivo umano per
quanto riguarda il trattamento delle informazioni cromatiche `e molto discusso e
lontano dallessere compreso e spiegato in modo soddisfacente. Stiamo parlando dei meccanismi visivi di ordine superiore (higher order color mechanisms),
ovvero di quei meccanismi che vanno oltre quelli di secondo livello [14].
La percezione della distribuzione spaziale del colore `e stata studiata per cercare di capire il grande numero di meccanismi che questo tipo di esperienza
implica. Osservando una scena colorata infatti vengono coinvolti una moltitudine di meccanismi che operano ad un livello post-recettorale (cognitivo).
Ad esempio, anche se il contrasto rispetto allimmediato background ha una
larga influenza sul modo in cui il colore ci appare, questo non `e sufficiente a
spiegare come il colore di un oggetto venga percepito in condizioni di visione
` stata infatti notata linfluenza di elementi cromatici remoti sulla
pi`
u naturali. E
percezione dei colori e si `e scoperto un effetto di induzione indipendente dalla
distanza. Gli effetti del contesto cromatico sono molto diversi dai cambiamenti
nel modo in cui i colori appaiono dovuti al contrasto cromatico immediato. Leffetto di induzione cromatica prodotto da background cromatici distanti dipende
dal contrasto, mentre il suo effetto sarebbe minimo quando non c`e contrasto
cromatico tra il test e il contorno immediato. Limportanza della variazione allinterno dello stimolo ai fini della determinazione del modo in cui questo appare
`e stata sottolineata da molti studi recenti.
Oltre a questultimo sono stati osservati un grande numero di fenomeni, ma la
maggior parte di essi sono difficili da capire e da modellare. Forse questo accade
perche non siamo in grado di determinare quali sono le componenti basiche del
48

sistema visivo umano e le loro caratteristiche. Il sistema visivo umano si avvale


di un numero di attributi nei compiti visivi di ogni giorno, come la configurazione spaziale, la profondit`a, il colore e la luminanza.

49

50

CAPITOLO

4
Colorimetria

Nelle pagine precedenti abbiamo analizzato una serie di fenomeni riguardanti la


percezione del colore. A questo punto `e opportuno chiedersi come sia possibile
comunicare il colore. Gli esseri umani non hanno memoria per esso: per ricordarci un colore lo dobbiamo sempre associare ad un oggetto, seppure in modo
inconsapevole. Come `e possibile quindi comunicare il colore in maniera univoca
se la percezione `e del tutto soggetta a parametri instabili e soggettivi?
Un colore pu`o innanzitutto essere rappresentato da tre numeri e questo deriva
dalla fisiologia del sistema visivo umano. La luce visibile `e infatti convertita in
tre segnali ed inviata al cervello; ognuno dei differenti segnali corrisponde ad
uno dei tre tipi di coni. Ogni luce colorata pu`o essere rappresentata dalla sua
distribuzione spettrale, che mostra la potenza in funzione della lunghezza donda, questa viene successivamente convertita nei tre valori di risposta dei coni L,
M e S. Da ci`o derivano due importanti principi:
Tricromaticit`a: qualsiasi spettro (che rappresenta un colore) pu`o essere
ridotto a tre valori senza alcuna perdita di informazione rispetto al sistema
visivo.
Metamerismo: tutti gli spettri che creano la stessa risposta tricromatica
sono indistinguibili.
Il principio della tricromaticit`a non dice che L, M e S sono gli unici valori con
cui si pu`o descrivere un colore, ma semplicemente che esistono terne di numeri
che descrivono un colore.

51

Per riuscire a dare una risposta alla necessit`a di rendere oggettivo il colore
`e nata la colorimetria, una disciplina che si occupa di standardizzare la misurazione del colore attraverso lo studio dei modelli di colore [10, 15, 16]. Il suo
obiettivo `e quello di associare uno o pi`
u parametri al determinato colore per renderlo misurabile in modo significativo, espressivo, consistente e riproducibile. Il
problema principale che questa scienza si propone di risolvere `e quello di cercare una corrispondenza tra una grandezza fisica misurabile ed oggettiva (fotoni
percepiti dallocchio) e una grandezza psicologica soggettiva e non fisicamente
osservabile (la sensazione che percepiamo); questa operazione `e detta specificazione del colore.
A questo proposito si sono mossi organismi internazionali quali la Commission

Internationale de lEclairage
(CIE) e lOptical Society of America (OSA). Ci
sono certe differenze nel giudizio del colore da parte dei singoli osservatori, e
proprio uno dei primi scopi della CIE fu quello di stabilire uguaglianze di colori
che possono essere accettabili per un osservatore medio, standard. Parleremo
di ci`o in seguito.
I colori si differenziano luno dallaltro sulla base di tre caratteristiche distinte:
1. Tinta (hue): `e quello che nel linguaggio comune si chiama semplicemente
colore, si riferisce a quella qualit`a che permette di distinguere il verde
dal rosso, dal giallo, dal blu e cos` via. Si chiamano cromatici i colori
che possiedono una tinta, e acromatici quelli che non la possiedono (bianco, nero e grigio). Una tinta non `e un colore ma una famiglia di colori.
Quando si cita una tinta, ad esempio rosso, non si intende parlare di un
particolare colore rosso ma dellintera famiglia dei rossi.
2. Chiarezza/Brillanza (lightness/brightness): questi due attributi si riferiscono a quanto il colore `e chiaro o scuro, e sono legati alla quantit`a di
luce riflessa fisicamente dalla superficie.
La brillanza (brightness) `e lattributo di una sensazione visiva secondo il
quale uno stimolo visivo appare pi`
u o meno intenso, o emettere pi`
uo
meno luce. Essa `e quindi legata alla quantit`a di luce riflessa da un oggetto, dipende dalla sorgente luminosa. La chiarezza o luminosit`a (lightness)
`e lattributo di una sensazione visiva secondo il quale uno stimolo visivo
appare pi`
u o meno intenso, o emettere pi`
u o meno luce in proporzione a
quella emessa da unarea similmente illuminata percepita come bianca.
Essa `e quindi la percentuale di luce riflessa da un oggetto. Si tratta cio`e
della brillanza relativa.
Un quadrato grigio su un pezzo di carta bianca, visto dentro una casa, ha
una certa brillanza. Alla luce del sole esso avr`a una brillanza maggiore.
La chiarezza invece, giudicata in relazione a quella del bianco della carta,
rimarr`a costante. Quindi la brillanza dipende dal colore e dalla luce che
illumina loggetto, mentre la chiarezza non ha legami questultimo aspetto. In realt`a i due termini vengono spesso confusi perche non esiste una
nomenclatura italiana standardizzata, ci`o `e tuttavia in corso di definizione.
52

3. Saturazione (saturation): `e chiamata anche purezza in quanto si riferisce


a quanto il colore `e puro (intenso, vivido) o pallido. Tecnicamente esprime
la quantit`a della componente cromatica rispetto a quella bianca, cio`e la
concentrazione della componente cromatica. Ad esempio, il rosa e il rosso
hanno la stessa tinta, ma il rosa `e meno saturo (pi`
u impuro) del rosso
perche `e pi`
u vicino al bianco. Nel rosso la componente cromatica predomina sul bianco, nel rosa avviene il contrario. Lo stesso avviene per celeste e
blu. La purezza varia da valori prossimi allo 0% nel caso di tinte pastello,
fino al 100%, massima purezza della tinta cromatica.
Sarebbe auspicabile un accordo nazionale per definire in modo non ambiguo
una terminologia in lingua italiana riguardante i colori. Tuttavia il compito `e
particolarmente difficile in quanto non sembra esserci unautorit`a in grado di
fare proposte che possano essere ampiamente accettate. La conseguenza `e che
il ricercatore scientifico deve necessariamente ricorrere alla terminologia internazionale in inglese.

4.1

Spazi colore, modelli colore, sistemi colore

Ogni radiazione elettromagnetica che entra nellocchio pu`o essere classificata


mediante una terna di numeri che rappresentano le attivazioni dei tre tipi di
coni. Queste terne di numeri sono efficacemente rappresentate da punti (vettori) in uno spazio tridimensionale, noto come spazio del tristimolo.
Una propriet`a tridimensionale importante, e forse la pi`
u conosciuta, `e la posizione di un punto nello spazio: per specificarla possiamo utilizzare un insieme
di tre variabili ed un sistema di coordinate. Le tre variabili utilizzate per descrivere la posizione di uno stesso punto possono essere differenti, dipende tutto dal
sistema di riferimento e dal significato dei tre valori che utilizziamo. Ad esempio in figura 4.1, osserviamo come lo stesso punto P possa essere identificato da
coordinate diverse. Esso pu`o ad esempio essere descritto da [x, y, z] oppure da
[, , z].
Uno spazio colore, o modello colore, dunque, nasce dalla definizione di un sistema tridimensionale di coordinate colore che, in quanto tali, possono assumere
una rappresentazione spaziale. In questo senso, ogni singolo colore assumer`a nello spazio una diversa posizione, che lo distinguer`a da tutti gli altri.
Le coordinate colore possono essere associate a varie componenti costitutive del
colore in esame: per lo spazio RGB, ad esempio, la terna di coordinate [1, 0, 1]
rappresenter`a un colore composto da una unit`a di R, zero di G e una di B.
Essendo lo spazio RGB definito come la composizione dei tre colori fondamentali nella sintesi additiva, cio`e R=red=rosso, G=green=verde e B=blue=blu,
il colore RGB=[1, 0, 1] sar`a un viola. Come nel caso del punto P, uno stesso
colore pu`o essere anche descritto da una diversa terna, i cui elementi avranno
chiaramente un diverso significato. Ad esempio, esistono spazi le cui coordinate non corrispondono a colori fondamentali ma ad attributi quali la chiarezza
53

Figura 4.1: Un punto nello spazio e due possibili terne di coordinate che lo
identificano.
(lightness), la saturazione (saturation) e la tinta (hue). Cos` `e, in effetti, per lo
spazio HLS, in cui per esempio, lo stesso viola RGB=[1, 0, 1] avr`a coordinate
HLS=[300 , 1, 1].
Un modello colore `e una rappresentazione matematica astratta che descrive
come i colori possano essere rappresentati come insiemi di numeri (tipicamente
3), detti componenti del colore. Quando un modello `e associato ad una descrizione precisa di come interpretare le componenti otteniamo uno spazio colore.
Allinterno dello spazio dei colori il sottoinsieme dei colori rappresentabili con
un certo modello di colore costituisce a sua volta una regione di colori pi`
u limitata che `e detta gamma o gamut.
La distinzione tra modello colore, spazio colore e sistema colore `e labile,
facciamo quindi un esempio per spiegarla meglio, prendendo il modello colore
RGB che descriveremo meglio in seguito. Abbiamo appena detto che questo
modello definisce un colore come una mescolanza additiva di rosso (R), verde
(G) e blu (B). Dati quindi i valori [0.3, 0.7, 0.1] il colore risultante sar`a creato
aggiungendo 0.3 di rosso, 0.7 di verde, e 0.1 di blu. Intuitivamente questo non
`e sufficiente per definire un colore perche rimane da specificare cosa voglia dire
0.3 di rosso e cosa voglia dire rosso, ovvero bisogna assegnare uninterpretazione alle tre componenti del colore. Questa interpretazione rende il modello
uno spazio.
Un sistema di colori invece rappresenta un colore con una terna di numeri senza
che questi abbiano nessun legame con alcun sistema di interpretazione del colore.
` quindi equivalente a prendere tutti i colori, ordinarli e numerarli in qualche
E
modo: le componenti colore non possono quindi essere interpretate semanticamente facendo riferimento ad attributi del colore. Loperazione principale da
svolgere quando si crea un sistema colore `e quindi quella di ordinare i colori
54

secondo un qualche criterio, per poterli poi associare a dei valori. In questo
capitolo verranno presentati tre sistemi di colori cosiddetti percettivi, molto
noti e usati in tutto il mondo: il sistema Munsell, il Sistema Naturale dei Colori
e il Sistema OSA-UCS.
Il termine spazio colore tende ad essere utilizzato anche per identificare un
modello colore visto che identificare uno spazio colore identifica immediatamente
anche il modello colore associato. Da questo momento utilizzeremo il termine
spazio colore sia per identificare uno spazio che un modello.
In letteratura esistono un centinaio di spazi colore comunemente utilizzati ed
esistono molti modi di classificarli, le principali propriet`a degli spazi colore sono
le seguenti:
Device-oriented : La rappresentazione del colore dipende dal dispositivo
utilizzato. Questi spazi colore sono limitati dal gamut, o gamma dei colori
che un particolare dispositivo `e in grado di riprodurre. Per fare un esempio
i vecchi televisori o monitor non erano in grado di riprodurre tutti i colori.
Esempi sono RGB, sRGB, CMY, CMYZ.
User-oriented : Questi modelli colore enfatizzano le nozioni di colore intuitive di luminosit`a, tinta e saturazione. Esempi di questi modelli colore
sono HSV, HSI e HSL.
Colorimetrici : Gli spazi colore colorimetrici sono basati sui principi della
tricromaticit`a e sono utilizzati da dispositivi che misurano e riportano i
valori del colore direttamente, sono quindi basati su misurazioni del colore. Permettono di predire se due colori appaiono in modo identico in condizioni di osservazione date. Un esempio di modello colorimetrico `e il CIE
XYZ, esempi di modelli colore percettivamente uniformi sono il CIELAB
ed il CIELUV. Gli spazi colore percettivi correlano i valori cromatici alle
risposte umane. In pratica richiedono che colori simili, che quindi hanno
simile risposta dal sistema visivo umano, abbiano valori cromatici (le tre
coordinate) simili.

4.2

Grandezze radiometriche e fotometriche

Molti concetti della teoria del colore non possono essere pienamente compresi
senza una chiara definizione di alcune unit`a di misura radiometriche e fotometriche. Le unit`a di misura radiometriche sono relative alla radiazione elettromagnetica, ovvero la luce. Ad ogni grandezza radiometrica corrisponde una
grandezza fotometrica che `e la rispettiva grandezza radiometrica valutata secondo la risposta del sistema visivo umano; le prime quindi sono grandezze fisiche
ed osservabili, le seconde psicofisiche. Le grandezze fotometriche sono delle
misure definite a partire dalle grandezze radiometriche mediante pesatura con
la curva di risposta spettrale dellocchio umano. Vengono impiegate al posto
delle grandezze radiometriche in quanto queste ultime non sono direttamente
utilizzabili in scienza del colore, mentre le grandezze fotometriche quantificano
55

lemissione luminosa in termini della risposta del sistema visivo umano, il quale
presenta sensibilit`a non uniforme alle diverse lunghezze donda. A parit`a di
energia di due onde cio`e, il nostro sistema visivo risulta essere pi`
u sensibile ad
onde di particolari zone dello spettro della luce visibile.
Le principali grandezze radiometriche e le corrispettive grandezze fotometriche
sono riportate sono:
Energia radiante (radiant energy): `e lenergia trasportata da un qualunque
campo di radiazione elettromagnetica. Lunit`a di misura `e il joule. La
corrispondente unit`a fotometrica `e lenergia luminosa (luminous energy)
la cui unit`a di misura `e il lumens secondo.
Flusso radiante (radiant flux ): `e lenergia radiante nellunit`a di tempo,
` considerata la
ovvero quanta energia radiante arriva ogni secondo. E
grandezza radiometrica fondamentale, sulla base della quale sono definite tutte le grandezze successive. La sua unit`a di misura `e il watt.
La corrispondente unit`a fotometrica `e il flusso luminoso (luminous flux )
ovvero la quantit`a di energia luminosa emessa da una determinata sorgente
nellunit`a di tempo; la sua unit`a di misura `e il lumens.
Radianza (radiance): Energia totale emessa da una sorgente di luce, `e
misurata in watt per steradian per metro quadrato. La corrispettiva unit`a
di misura fotometrica `e la luminanza che esprime la quantit`a di energia
percepita da un osservatore. La luminanza (luminance) `e quindi una parte
della radianza di una sorgente di luce e viene misurata in candele per metro
quadrato.

4.3

Efficienza luminosa

Quando la luce entra nellocchio ed arriva alla retina, lenergia viene assorbita
dai fotopigmenti di coni e bastoncelli. La sensibilit`a luminosa, come discusso in
precedenza, `e soggettiva e varia se si cambia la lunghezza donda della radiazione luminosa.
Per misurare come variano le risposte dellocchio al variare della lunghezza donda bisogna trovare una procedura per determinare quando due luci monocromatiche di differente colore hanno la stessa luminanza. Per dare una risposta a
questo problema, Crawford condusse nel 1949 un esperimento nel quale proiett`o
su di uno schermo in un campo bipartito (figura 4.2), due luci monocromatiche
in condizioni di bassa illuminazione [17].
La prima luce fu detta luce primaria, la seconda luce di test. Il test
consisteva nel variare lintensit`a luminosa della sorgente primaria in modo da
risultare indistinguibile dalla luce di test al fine di determinare la sensibilit`a dei
bastoncelli al variare della lunghezza donda. Una volta ottenuto il match
vennero misurate le radianze delle due luci e venne calcolata lefficienza luminosa (o sensibilit`a luminosa) che indica quanta porzione della radiazione emessa
viene utilizzata (percepita) dal sistema visivo umano.
56

BIPARTITE FIELD

PRIMARY
LIGHT

TEST
LIGHT

Figura 4.2: Lo schermo bipartito utilizzato negli esperimenti di Crawford.

Si noti che il fatto di lavorare in condizioni di bassa illuminazione non consente ai


soggetti di distinguere i colori delle due luci e ci d`a una buona approssimazione
della sensibilit`a dei bastoncelli allo stimolo luminoso. I valori registrati al variare della lunghezza donda dello stimolo di test permisero di tracciare la curva
scotopica V 0 (). Landamento della curva mostra come la radiazione luminosa
a cui il nostro occhio `e pi`
u sensibile durante la visione notturna si trova a circa
505 nm, in corrispondenza del blu.
Una seconda importante curva `e la curva fotopica V (). Per poter tracciare
questa curva `e stato compiuto un esperimento analogo a quello appena presentato, questa volta per`o in condizioni di elevata illuminazione, eccitando in questo
modo il sistema dei coni. Landamento della curva mostra come la radiazione
luminosa a cui il nostro occhio `e pi`
u sensibile durante la visione diurna si trovi
a circa 555 nm, in corrispondenza del colore giallo. La curva fotopica e la curva
scotopica sono riportate in figura 4.3.
Tramite le due curve V () e V 0 () vengono definite le grandezze fotometriche.
Ad esempio, una volta calcolata lenergia radiante di una sorgente, V () viene
impiegata per calcolare lenergia luminosa. Si noti anche come al di fuori dello
spettro del visibile, le due funzioni valgano sempre zero, ci`o sta a significare che
tutta lenergia radiante di una sorgente che trasmette non viene percepita dal
nostro occhio, in pratica ci dice che non potremo mai vedere unonda radio o
una radiazione ultravioletta o un raggio X.
Queste curve per`o non devono essere considerate come perfettamente accurate,
sono semplicemente rappresentazioni della sensibilit`a dellocchio umano e sono
considerate come punto di partenza per ogni esperimento psicofisico riguardante
la scienza del colore. Sono uno standard della CIE.
57

Figura 4.3: La curva scotopica e la curva fotopica rappresentano la sensibilit`a di


bastoncelli e coni alle diverse lunghezze donda, rendendo possibile la relazione
tra grandezze fotometriche e radiometriche.

4.4

Color matching functions

Come si `e accennato allinizio di questo capitolo, la CIE, fin dagli inizi del 1900,
si rese conto di dover formalizzare alcuni standard sul colore e realizz`o una serie
di esperimenti e di studi che portarono alla creazione di spazi colore matematici
in grado di descrivere in modo oggettivo, ovvero indipendente dal particolare
dispositivo usato, tutti i colori visibili allocchio umano. Per far ci`o si serv`
delle curve fotopiche e scotopiche in modo da legare la percezione del colore a
fenomeni fisici.
Il metodo di lavoro adottato dalla CIE fu quello degli esperimenti di color matching. Lesperimento di color matching e le color matching functions calcolate a
partire da questo esperimento sono alla base di tutti gli spazi colore percettivi
esistenti in letteratura e della teoria tricromatica. Lobiettivo era quello di calcolare lanalogo di V () e V 0 () separatamente per tre stimoli colore predefiniti,
R, G, B. In pratica, data una luce monocromatica a lunghezza donda , si voleva capire la quantit`a percepita dei tre stimoli R, G e B.
Prima di spiegare lesperimento `e necessario introdurre le leggi di Grassmann
[18] che stabiliscono importanti propriet`a empiriche degli stimoli colore. Se A,
B, C e D sono distinti stimoli colore, e se il simbolo = indica uguaglianza visiva,
le leggi stabiliscono che:
a) Se lo stimolo colore A `e identico allo stimolo colore B, allora lo stimolo colore
B `e identico allo stimolo colore A. Questa `e la legge della simmetria.
b) Se A `e identico a B e B `e identico a C, allora A `e identico a C. Questa `e la
legge della transitivit`a.
58

c) Se A `e identico a B, kA `e identico a kB, dove k `e una costante arbitraria che


cambia il potere radiante dello stimolo colore mantenendo invariata la sua
distribuzione spaziale relativa. Questa `e la legge della proporzionalit`a.
d) Se A, B, C, D sono quattro stimoli colore e se due delle tre seguenti
uguaglianze `e vera (A `e identico a B, C `e identico a D e (A + C) `e
identico a (B + D)), allora (A + D) `e identico a (B + C), dove (A + C)
(B + D) (A + D) (B + C) denotano rispettivamente mescolanze addittive
di A e C, B e D, A e D, e B e C. Questa `e la legge delladditivit`a.
Assumendo che le tre leggi di Grassmann valgano, e che quindi ogni colore possa
essere riprodotto attraverso un mix di luci rossa, verde e blu, inizialmente (1931)
gli esperti della CIE [19] definirono i seguenti tre colori primari da utilizzare nei
loro esperimenti: R (rosso a 700 nm), G (verde a 546,1 nm), B (blu a 435,8
nm).
Successivamente, ad un campione di soggetti con capacit`a visive normali, venne
chiesto di osservare uno schermo su cui venivano proiettati due semicerchi affiancati in modo da dare luogo ad un unico cerchio. Su un semicerchio veniva
proiettata una luce monocromatica pura, sullaltro semicerchio veniva proiettata una combinazione di luci R, G, B. Ciascun osservatore poteva aggiustare le

Figura 4.4: Lesperimento di color matching. Il soggetto osserva un campo


bipartito e aggiusta le intensit`a delle tre luci primarie per far coincidere la
somma delle tre luci con la luce test. (A) Vista dallalto dellesperimento. (B)
Lo schermo bipartito utilizzato per la presentazione dello stimolo al soggetto.
intensit`a delle tre luci primarie per far coincidere la somma di queste tre con
la luce test e, quando riteneva che i due semicerchi avessero lo stesso colore,
premeva un pulsante. Con questo procedimento, la CIE ricav`o una serie di associazioni tra lunghezza donda monocromatica e combinazione di quei primari
scelti (R, G, B) per ogni lunghezza donda dello spettro visibile e per ogni osservatore del campione.
Facendo una media tra tutti i dati ricavati dallesperimento, gli scienziati della
CIE elaborarono le prime tre CMF (Color Matching Functions, o funzioni di
riferimento) denominate r(), g(), b() che sono rappresentate nel grafico in
59

figura 4.5. Questo grafico ci dice, fissata una lunghezza donda qualsiasi allinterno dello spettro visibile, con quale percentuale di R, G, B si ottiene un
colore uguale a quello monocromatico caratterizzato dalla lunghezza donda fissata. Valori negativi stanno ad indicare che la luce di quel particolare primario
va rimossa dal mix proiettato sul secondo semicerchio e va aggiunta alla luce
monocromatica proiettata sul primo.

Figura 4.5: Color matching functions.


Lutilizzo di queste prime funzioni venne quasi subito abbandonato a causa
della loro scarsa propensione a farsi manipolare matematicamente. Questa loro
caratteristica negativa `e dovuta, tra le altre cose, anche al fatto che esse possono
assumere valori negativi. La CIE decise cos` di ripetere lesperimento di color
matching in modo diverso. In primo luogo invece di usare i tre colori primari
reali R, G, B descritti sopra, defin` tre primari immaginari, che chiam`o X, Y e
Z. Per comprendere meglio come questi tre primari immaginari siano stati creati
introduciamo il triangolo cromatico [20].

4.5

Il triangolo cromatico

Immaginiamo che le tre luci R, G, B occupino gli angoli di un triangolo equilatero e che si irradino verso linterno, in tutta larea del triangolo stesso. Si
presuppone che agli angoli del triangolo la quantit`a della particolare luce colorata sia il 100% e che man mano che ci si allontana dallangolo la luce diventi
uniformemente pi`
u debole, in modo che quando raggiunge un punto qualsiasi
del lato opposto la sua intensit`a sia zero. Al centro del triangolo tutte e tre le
luci, avendo percorso uguale distanza, sono presenti in uguale quantit`a. In figura 4.6, le tre luci colorate sono indicate dai rispettivi nomi (verde, blu e rosso).
Al punto rosso la luce rossa `e al 100%, al punto C, sulla linea blu-verde, non
c`e pi`
u rosso come in qualsiasi punto lungo questa linea. Lo stesso vale per le
luci degli altri due angoli. Se lintensit`a delle tre luci `e scelta opportunamente,
60

leffetto dei colori combinati al punto O, al centro del triangolo, sar`a il bianco.
Se partiamo dal punto Y, dove non c`e traccia di blu, e ci spostiamo attraverso
il triangolo, vediamo che appena iniziamo a spostarci, veniamo a trovarci sotto
linfluenza di quantit`
a crescenti di luce blu che si diluisce sempre di pi`
u con gli
altri due primari. Continuando ad aggiungere blu si arriva fino a quello pi`
u
carico che si trova nellangolo relativo del triangolo. La stessa cosa avviene per
le altre parti del triangolo.
I colori lungo i lati del triangolo sono meno saturi dei colori simili dello spettro,

Figura 4.6: Rappresentazione del triangolo cromatico.


ovvero dei colori spettrali. Non `e possibile in alcun modo ottenere, ad esempio,
i blu-verdi puri dello spettro con nessuna miscela delle luci blu e verde. Se lo
vogliamo ottenere dovremo invece diluire il colore spettrale con una certa quantit`a di luce rossa. Dal punto di vista matematico, ci`o equivale a sottrarre rosso
dalla miscela delle luci blu e verde, ovvero aggiungere una quantit`a negativa di
rosso alla miscela. Il punto chiave `e che allinterno del triangolo RGB i colori
vengono creati per sintesi additiva a partire dalle tre luci monocromatiche R,
G e B e non `e possibile con tale paradigma sottrarre un colore. Questo fatto `e
ben visibile osservando i valori negativi che la color matching function r() ha
in corrispondenza dei blu-verdi.
Nella figura 4.7 si pu`o notare che, per ottenere un punto in cui il valore del
rosso sia negativo, dobbiamo andare oltre la linea blu-verde, proseguendo fuori
dal triangolo. Il colore spettrale viene quindi sistemato nel punto C 0 . Estendendo questa esperienza a tutti i colori spettrali `e possibile ottenere unesatta
uguaglianza solo tra i tre primari rosso, verde, blu e il rosso, verde e blu che si
trovano agli angoli del triangolo. Tutti gli altri colori spettrali cadono al di fuori
di esso ed avranno bisogno di unaggiunta negativa del terzo colore primario per
essere riportati nella direzione del centro del triangolo fino a prendere posto
sui lati. Unendo tutti i punti fuori dal triangolo nei quali si trovano i colori
spettrali, otteniamo la curva dei colori spettrali, mostrata in figura 4.8.
61

Figura 4.7: Rappresentazione, allinterno del triangolo cromatico, di esempi di


quantit`a di rosso necessari ad ottenere un determinato colore. Si noti come in
alcuni casi sia necessario aggiungere una quantit`a negativa del colore.

Figura 4.8: Il triangolo cromatico e la curva dei colori spettrali.


Allinterno di questo triangolo `e possibile trovare tutte le tinte che possono
essere percepite dallocchio umano, ma non `e ancora possibile ottenere la saturazione necessaria per riprodurre tutti i colori spettrali poiche cadono al di fuori
del campo dei tre primari scelti. Se si usano i primari reali questa difficolt`a
di trovare alcuni colori fuori dal cerchio `e inevitabile, non essendo questi colori
ottenibili con miscele positive dei colori primari.
Il sistema CIE cos` ha adottato tre primari di riferimento che sono concettualmente teorici, in quanto si suppone che abbiano una saturazione maggiore rispetto ai colori spettrali e conseguentemente si trovino al di l`a del luogo spettrale.
Si evita cos` luso di valori negativi. Questi tre primari teorici, irreali, come
a volte vengono chiamati, non sono riproducibili in realt`a e vengono chiamati
stimoli. Dobbiamo pensare a questi tre stimoli come a entit`a matematiche
basate su colori reali modificati per mezzo dellapplicazione di formule. Essi
vengono chiamati X, Y, Z, e sono stati scelti per poter includere tutti i colori
62

spettrali. Tutti i colori spettrali cadono entro il triangolo che si ottiene congiungendo questi tre colori primari irreali ipersaturi, e in questo modo non serve pi`
u
usare valori negativi. Nella pratica `e necessario per`o usare colori reali, quindi questi tre stimoli sono definiti per mezzo delle tre luci spettrali. Una volta
ottenuto un paragone con i colori reali, il risultato pu`o essere trasformato in
termini di X, Y, Z.
A questo punto quello che otteniamo non `e un triangolo equilatero, cosa che
sarebbe auspicabile per rendere pi`
u semplici i calcoli, ma una volta definiti gli
stimoli X, Y, Z `e possibile situare tali punti agli angoli di un triangolo equilatero.
I valori di questi tre stimoli possono cos` essere usati per i calcoli esattamente
come prima si usavano il rosso, il verde e il blu. Qualsiasi colore si trova su un
punto che ha determinati valori positivi rispetto ai tre stimoli X, Y, Z. Siccome
la somma delle coordinate in un triangolo equilatero `e uguale a 1, `e sufficiente
stabilire il valore di due sole coordinate per dedurre per differenza il valore della
terza. Cos` si `e trasformato questo triangolo in un triangolo rettangolo, in cui
si ha la possibilit`a di riferirsi soltanto a due stimoli primari X e Y.
Quando i valori tristimoli X, Y e Z vengono riferiti come coordinate di cromaticit`a, vengono indicati dalle lettere minuscole x, y e z che rappresentano
le proporzioni relative dei tre stimoli primari necessarie per definire un colore.
La forma del triangolo a cui si arriva, mostrata in figura 4.9, viene chiamata
diagramma cromatico CIE.

R
B
X

Figura 4.9: Il triangolo cromatico calcolato a partire dai tre colori primari teorici
X, Y, Z. Si noti come ora anche i colori non spettrali cadano allinterno del
triangolo.
63

Essendo il colore tridimensionale, manca un terzo fattore da prendere in considerazione affinche esso sia completamente definito. La tinta e la saturazione di
un colore sono completamente definite dalle coordinate cromatiche, che indicano
in quale punto del triangolo cada il colore, ma resta da specificare la luminanza.
Si trova utile uguagliare il valore di Y al fattore di luminanza. A questo punto
i valori tristimolo danno una descrizione completa del colore. Per descrivere in
maniera univoca il colore nel sistema CIE dobbiamo fornire i valori dei tre tristimoli, oppure esprimere la sua posizione nel triangolo fornendo le sue coordinate
cromatiche e il fattore di luminanza. Il risultato dellintroduzione dei tre nuovi
coefficienti tristimolo X,Y e Z furono le tabelle di Guild [21] e Wright [22] del
1931 che originarono le CMF x
(), y(), z() relative allOsservatore Standard
a 2 .
Il cambio di coordinate `e stato scelto in modo che tutti i colori visibili alluomo,
ovvero il suo gamut, sia totalmente riproducibile tramite valori positivi delle
color matching functions. I risultati che la CIE raggiunse nella creazione di
questo spazio furono i seguenti:
Le nuove color matching functions sono ovunque maggiori uguali a zero.
Nel 1931 tutti i calcoli venivano fatti a mano e questa specifica fu utile
per semplificare i calcoli.
Visto che tutta linformazione sulla luminanza fu posta in Y, y() risult`o
uguale alla curva fotopica V (). Anche questo risultato serv` per semplificare i calcoli.
Il bianco ad energia costante risulta essere in corrispondenza di x
= y =
z = 1/3.
Il gamut di tutti i colori spettrali giace nel triangolo di vertici [1 0], [0 0],
[0 1].
Dal momento che le CMF del 1931 e le loro varianti avevano una serie di
limiti che si manifestavano in condizioni di visione particolari, nel 1964 la CIE
fece un ulteriore esperimento di corrispondenza colori utilizzando un insieme
leggermente diverso di primari, chiamati ancora X, Y e Z [23].
Questa volta per`o vennero modificate le condizioni di visione delle persone del
campione allargandone il campo ottico a 10 . Inoltre si eseguirono gli esperimenti utilizzando particolari accorgimenti tecnici e correzioni al fine di evitare distorsioni visive. Vennero cos` create le CMF x
(), y(), z() relative allOsservatore
Standard a 10 .

4.6
4.6.1

Gli spazi colore


Gli spazi colorimetrici

Lo spazio CIE XYZ


Nello studio della percezione del colore, uno dei primi spazi colore definiti
matematicamente fu il CIE XYZ (1931). Questo spazio colore nacque da una
64

serie di esperimenti psicologici compiuti negli anni 20 da Wright [22] e Guild


[21]. I risultati ottenuti furono combinati nella specificazione dello spazio XYZ,
che presenta caratteristiche matematiche pi`
u semplici (figura 4.10) a differenza dello spazio RGB (basato sulle color matching functions r(), g(), b()).
Unaltro importante miglioramento ottenuto utilizzando X, Y e Z anziche R, G
e B `e stato quello di poter rappresentare nello spazio tutti i colori percepibili
dallocchio umano utilizzando solo valori positivi, quindi tutti i colori spettrali.
Qualsiasi metodo per associare i valori di tristimolo ad un colore `e chiamato

Figura 4.10: Lo spazio XYZ (centro) corrisponde ad un semplice cambiamento


di coordinate a partire dallo spazio RGB (sinistra). A destra il diagramma di
cromaticit`a x, y.
modello colore. Il CIE XYZ, ad esempio, `e uno spazio colore che utilizza direttamente questi tre valori. Altri spazi utilizzano trasformazioni di questi tre
valori. La cromaticit`a di un colore fu specificata da due parametri derivati x ed
y, due dei tre valori normalizzati che sono funzioni dei tre valori di tristimolo.
x=

X
X +Y +Z

y=

Y
X +Y +Z

z=

Z
X +Y +Z

La figura 4.11 mostra il diagramma di cromaticit`a che illustra alcune importanti propriet`a dello spazio colore CIE XYZ. Il diagramma di cromaticit`a `e una
proiezione dello spazio sulle coordinate x ed y e specifica come locchio umano
percepisca la luce di un dato spettro. Le caratteristiche di questo diagramma
di cromaticit`a sono le seguenti:
Il diagramma rappresenta tutte le cromaticit`a visibili dallocchio di un
osservatore standard. Le cromaticit`a sono mostrate tramite colori e questo
diagramma rappresenta il gamut della visione umana. Il limite del gamut
`e chiamato locus spettrale e corrisponde alle luci monocromatiche le cui
lunghezze donda sono mostrate in nanometri.
I colori meno saturi appaiono nellinterno della figura, il bianco si trova
per convenzione al centro.
65

Figura 4.11: Il diagramma di cromaticit`a dello spazio CIE XYZ.


Tutte le cromaticit`a visibili corrispondono a valori non negativi di x, y e
z ( e quindi a valori non negativi di X, Y e Z).
Presi due punti sul diagramma di cromaticit`a, ovvero prese due cromaticit`a (due colori), tutti i colori che possono essere formati mescolando queste
due cromaticit`a giacciono sulla linea che congiunge i due punti.
Tutti i colori che possono essere formati mescolando tre colori giacciono
nel triangolo avente come vertici i tre colori dati.
Una distanza sul diagramma di cromaticit`a x,y non corrisponde in generale
al grado di differenza percepita tra due colori. Per ottenere tale propriet`a
sono stati proposti gli spazi percettivamente uniformi, di cui si parler`a in
seguito.
Lo spazio CIELAB
Nella costruzione del triangolo XYZ rimase un problema: a causa delle particolari caratteristiche dellocchio, uguali distanze euclidee in aree diverse del
triangolo non rappresentano uguali differenze percettive. Questo significa che
lo spazio colore XYZ, cos` come quello RGB, non `e percettivamente uniforme.
MacAdam comp` degli studi che lo portarono a definire quelle che sono oggi
conosciute come le ellissi di MacAdam [24]. Le ellissi rappresentano regioni
nel diagramma di cromaticit`a x, y allinterno delle quali locchio umano non
riesce a percepire alcuna differenza di colore. Gli stimoli in quelle regioni sono
quindi percettivamente costanti. Come si vede in figura 4.12, le ellissi hanno
66

aree molto differenti, ci`o significa che in alcune aree dello spazio colore, ad esempio nella zona del verde, sia necessario percorrere grandi distanze prima che
venga percepito un cambiamento nella tonalit`a, mentre in altre zone, ad esempio nella zona del rosso, venga percepito un cambiamento di tonalit`a ad uno
spostamento minimo nello spazio.
Per ovviare allinconveniente si attu`o unulteriore trasformazione del triangolo,

Figura 4.12: Le ellissi di MacAdam.

deformandolo ancora una volta in modo che alcune aree venissero selettivamente ampliate. Nel triangolo risultante, chiamato triangolo di cromaticit`a
uniforme, le distanze uguali rappresentano pi`
u fedelmente ci`o che locchio percepisce come uguali mutamenti di tinta e saturazione. Non esiste comunque una
esatta relazione tra la differenza visiva del colore e la distanza nel triangolo di
cromaticit`a uniforme.
Lo spazio colore CIELAB fu introdotto per cercare di risolvere questo problema.
Le tre coordinate del CIELAB rappresentano la luminosit`a del colore ( L = 0
indica il nero, L = 100 indica il bianco) e la posizione tra gli assi rosso-verde
(a ) e giallo-blu (b ) e la sua caratteristica principale `e quella di essere percettivamente uniforme. Cambiamenti uniformi nelle componenti dello spazio colore
L a b corrispondono a cambiamenti uniformi del colore percepito, in modo da
approssimare le differenze percepite tra due colori come la distanza euclidea tra
le tre componenti.
67

4.6.2

Gli spazi device-oriented

Lo spazio sRGB
Il modello colore RGB `e un modello di tipo additivo che si basa sui tre colori
rosso, verde e blu, dalle cui iniziali deriva il suo nome. Ci`o si rif`a alla stessa
struttura e funzione dei fotorecettori presenti nella retina dellocchio.
Per definire lo spazio sRGB (standard RGB) [25] `e necessario definire le esatte cromaticit`a di rosso verde e blu e del bianco di riferimento. Visto che la base
di tutti gli spazi colore `e lo spazio colore CIE XYZ, lo spazio sRGB definisce
queste quantit`a utilizzando i valori di cromaticit`a x, y e z. Ad esempio, questa
`e la scelta operata per le tre primarie:
Cromaticit`a
x
y
z

R
0.6400
0.3300
0.0300

G
0.3000
0.6000
0.1000

B
0.1500
0.0600
0.7900

Una volta definiti R, G e B in funzione di x, y e z, si pu`o facilmente calcolare


il gamut dello spazio, ovvero i colori che lo spazio pu`o rappresentare.
Questo modello tridimensionale viene rappresentato da un cubo (figura 4.13)
i cui tre assi corrispondono alle tre componenti con cui si identifica un determinato colore. In questo spazio, un punto qualsiasi rappresenta il colore che si
ottiene da tanto rosso, verde e blu quanto valgono rispettivamente le sue coordinate. Ad ogni angolo del cubo corrisponde, per cos` dire, un colore puro. La
diagonale evidenziata nel disegno, con uguali quantit`a di ciascun fondamentale,
rappresenta i livelli di grigio, che va dal nero [0, 0, 0] al bianco [255, 255, 255].
Talvolta si usa la scala da 0 a 255, altre volte la scala da 0 a 1. Per lo spazio
` lo
sRGB avremo soltanto valori positivi per ognuna delle tre coordinate. E
spazio colore tipicamente usato in ambito informatico ed `e caratterizzato da una
semplice rappresentazione binaria che si avvale di un byte di informazione per
ognuna delle tre componenti sRGB. Ognuna di queste componenti pu`o assumere
un valore che va da 0 a 255, esistono dunque 256 valori possibili per ognuna di
esse, per un totale di 2563 colori visualizzabili nel caso di un display capace di
una rappresentazione a 24 bit. Si pu`o facilmente intuire che da nessuna luce
(0R+0G+0B) si ottiene il nero, mentre dalla piena luce (255R+255G+255B) si
ottiene il bianco.
Lo spazio CMY(Z)
Anche questo spazio viene rappresentato come un cubo. La differenza rispetto
allo spazio sRGB consiste nellusare come colori fondamentali i complementari
di RGB, ovvero ciano (C), magenta (M) e giallo (Y) ed una sintesi di tipo sottrattivo anziche di tipo additivo.
Mescolanza sottrattiva `e una definizione in parte impropria, in quanto il termine mescolanza indica il mettere insieme, mentre laggettivo sottrattiva
68

Figura 4.13: Rappresentazione spaziale dello spazio sRGB.

indica sottrarre, separare. In realt`a si riferisce alla mescolanza di pigmenti,


i quali agiscono sulle radiazioni elettromagnetiche in modo sottrattivo, come
avviene in un filtro. La colorazione degli oggetti comporta meccanismi sottrattivi, in quanto si basa sulla loro capacit`a di assorbire componenti cromatiche
della luce. Il colore `e dato dalle componenti che non sono state assorbite.
Il punto di partenza della sintesi sottrattiva `e la luce bianca: poiche questa
contiene tutti i colori, per ottenere il colore voluto occorre eliminare i restanti
assorbendoli. In questo processo la luce riemessa `e minore di quella che cade
sul corpo. Quindi da un insieme di radiazioni ne vengono arrestate o ridotte di
intensit`a alcune, come avverrebbe con un filtro.
Ad esempio, mescolando giallo e blu, il pittore otterr`a come risultato il verde.
La luce, che contiene tutte le lunghezze donda, colpisce il pigmento giallo e
quello blu. Il primo riflette le onde corrispondenti al giallo, arancio e verde e
assorbe tutte le altre, il secondo riflette quelle corrispondenti al blu, verde e
viola e assorbe tutte le altre. Mescolandoli, ognuno dei due continuer`a ad assorbire (cio`e a sottrarre, da qui il nome) le stesse lunghezze donda di prima. Il
blu verr`a assorbito dalla componente gialla e il giallo da quella blu. Le uniche
componenti che continueranno ad essere riflesse sono quelle del verde, dato che
sono le uniche che entrambi riflettevano, comuni a entrambi.
Tornando allo spazio CMY, i colori sono quindi specificati da ci`o che viene sottratto dalla luce bianca, piuttosto che da cosa viene aggiunto alloscurit`a. Le
coordinate [0, 0, 0] identificano quindi il bianco mentre le coordinate [1, 1, 1]
` lo spazio usato dai dispositivi di stampa. Una variante `e
identificano il nero. E
lo spazio CMYK, dove K rappresenta il nero che viene aggiunto in questo nuovo
modello in base alla constatazione che il nero ottenuto depositando i tre tipi di
inchiostro ciano, magenta e giallo fornisce abitualmente una resa molto bassa.
69

4.6.3

Gli spazi user-oriented

Lo spazio HSV
Lo spazio colore HSV, o HSL `e una diversa rappresentazione di un punto nello
spazio colore RGB. In pratica `e semplicemente una trasformazione dello spazio
che fa corrispondere un punto [R, G, B] ad un punto [H, S, V] . Il gamut `e lo
stesso dello spazio colore RGB su cui poggia.
Questo spazio parte dal metodo usato dagli artisti per definire i colori, un pigmento puro pu`o essere reso pi`
u tenue aggiungendo del bianco e pi`
u scuro aggiungendo del nero. Infatti non `e facile ottenere un colore che si desidera mescolando
tra loro le quantit`a giuste di rosso, verde e blu (come nel caso dello spazio RGB).
Permette quindi di specificare un colore in maniera abbastanza naturale, non
essendo legato ad alcun dispositivo hardware di rappresentazione.
Si avvale di tre valori caratteristici, di cui due lineari ed uno angolare. Una
delle rappresentazioni spaziali di questo spazio colore `e il cono (figura 4.14).
Lasse verticale della piramide, V (value) in HSV o L (lightness) in HSL, porta
le informazioni relative alla luminosit`a del colore (tendenza al bianco o al nero)
e varia da 0 per il nero a 1 per il bianco ed i colori luminosi. H (hue), la
tinta, `e la coordinata angolare. Registra la rotazione attorno allasse verticale
in senso antiorario, necessaria per selezionare la tinta desiderata. Zero gradi
corrispondono al rosso, 120 gradi al verde e 240 gradi al blu. La coordinata S
(saturation) corrisponde alla saturazione, i colori desaturi assumono un valore
S uguale a 0, i colori massimamente saturi (puri) assumono un valore di 1.

Figura 4.14: Rappresentazione spaziale dello spazio HSV.

4.7

I sistemi colore

I sistemi di ordinazione del colore si dividono in tre gruppi principali [10]. Quelli
presentati in questa sede sono quelli che si basano sui principi della percezione
del colore e sono talvolta chiamati per questo motivo color appearance systems o
70

sistemi percettivi. In essi uguali differenze in ogni regione dello spazio corrispondono a uguali differenze percettive. I sistemi di colore degli altri due gruppi si
basano sui principi della mescolanza addittiva e della mistura di coloranti.

4.7.1

Il sistema Munsell

Questo sistema [26] pone alla sua base il concetto di uguali differenze tra colori
contigui. Nel caso dei grigi, vennero messi in fila ordinata tutti i tipi di grigi
a disposizione in modo che la differenza percepita tra un determinato grigio
e quello che lo precede fosse uguale a quella percepita tra quello stesso grigio
e quello seguente. In questo modo i grigi nella scala creata sono spaziati da
differenze uguali tra loro. Essendo Munsell un sostenitore del sistema metrico
decimale, divise la scala dei colori acromatici dal nero al bianco in dieci gradini.
Egli pose il nero allinizio di questa scala (valore 0) in modo tale che i grigi pi`
u
chiari assumessero via via valori maggiori fino al bianco (valore10). In questo
modo si pu`o identificare un particolare grigio in base al numero dei gradini unitari che lo separano dal nero, ma non si dice nulla su come quel grigio appaia.
La grandezza che varia lungo questa scala dei grigi `e la lightness (scala chiaroscuro), e la sua misura `e stata chiamata value.
Un procedimento analogo a questo `e stato poi utilizzato da Munsell per numerare tutte le tonalit`a cromatiche contenute nel cerchio dei colori. Nellintero
cerchio individu`o 100 colori tutti equidistanziati dal punto di vista percettivo
uno dallaltro. Qui per`o era pi`
u difficile, trattandosi di un cerchio, individuare
un punto di partenza (che `e anche punto di arrivo). Individu`o cos` cinque colori
di un certo rilievo, in modo da definire per interpolazione gli altri cinque necessari per arrivare a dieci. Scelse il rosso come inizio della sequenza, poiche
risulta essere il colore che spicca maggiormente per le sue qualit`a cromatiche.
Divise quindi il cerchio in dieci parti, creando quindi cinque archi principali
(0-10, 20-30, 40-50, 60-70, 80-90) che si alternano con i cinque archi secondari
(10-20, 30-40, 50-60, 70-80, 90-0). Al primo arco viene attribuito il colore rosso,
e il colore in posizione 5 (5R), cio`e al centro dellarco, rappresenter`a il rosso
pi`
u rosso. Si trattava a questo punto di assegnare un colore agli altri 4 archi
principali: al terzo attribu` il giallo, al quinto il verde, al settimo il blu, al nono
il porpora. Questa grandezza si chiama hue.
Munsell non prest`o molta attenzione ai nomi utilizzati dato che secondo lui la
cosa pi`
u importante per identificare una tonalit`a senza ambiguit`a era localizzarla in una precisa posizione del cerchio; tutte le tinte sono infatti identificate
da un numero.
Lultima cosa da fare era organizzare e numerare i colori appartenenti ad una
stessa tinta. Prendendo tutti i colori di superficie che si possono raccogliere, isol`o
dei mazzetti di colori di uguale tinta che dovevano successivamente essere ordinati. Oper`o poi unaltra cernita allinterno di ogni mazzetto, per individuare
quei colori che apparivano della stessa chiarezza di un particolare grigio della
scala acromatica. In questo modo, per ognuno dei dieci livelli della scala bianco71

nero, si avr`a un certo numero di colori appartenenti ad una stessa tinta. Tra
questi venne scelto quel particolare colore che si differenziava dal corrispettivo
grigio in maniera uguale a quanto questo si differenziava dai due grigi immediatamente vicini. Estrasse quindi dal mazzetto altri colori in modo da formare una
sequenza equispaziata che, partendo dal grigio, si dirigesse verso colori sempre
meno grigi, cio`e pi`
u colorati. Ci`o che contava era la posizione di ciascun colore nella relativa scala. Munsell chiam`o chroma la variabile che caratterizzava
questa scala. Partendo dallo zero (colore acromatico) essa assume valori pi`
u alti
per colori sempre pi`
u lontani dal grigio.
Le tre grandezze individuate (value, hue e chroma) sono indipendenti e caratterizzano uno spazio tridimensionale nel quale la scala dei grigi costituisce un
asse verticale. Intorno ad esso si dispongono le diverse tonalit`a secondo il cerchio
cromatico, e per ogni livello di chiarezza valori crescenti di croma si allontanano
dallasse verso lesterno. Idealmente si andrebbe a formare un cilindro (qualora
per ogni livello di chiarezza il numero di gradini di croma fosse uguale per tutte
le tonalit`a), ma essendoci delle restrizioni naturali la forma concreta dello spazio
occupato dal sistema Munsell `e un albero irregolare, detto albero di Munsell
(figura 4.15). Il sistema Munsell non prevede che ogni colore formi con quelli adiacenti salti percettivamente uguali in tutte le direzioni dello spazio, ma
soltanto in alcune.

Figura 4.15: Rappresentazione spaziale del sistema Munsell.

4.7.2

Il Sistema Naturale dei Colori (Natural Colour System)

Questo sistema [27, 28] `e stato pubblicato dallIstituto Scandinavo dei Colori di
Stoccolma. Esso si basa sul modo in cui i colori vengono percepiti e sulle tre
72

paia di colori opposti (bianco-nero, rosso-verde, giallo-blu) proposti da Hering.


Tutti i colori che possiamo immaginare sono descrivibili mediante questo sistema attraverso una notazione NCS precisa e il concetto che ne sta alla base `e
quello di somiglianza. Se chiediamo a dei soggetti di ordinare, senza specificare
secondo quale criterio, un insieme di tante carte colorate di diversa tonalit`a, il
compito verr`a svolto arrivando ad una disposizione che gli stessi soggetti riterranno alla fine immodificabile. Tutti gli esseri umani ordineranno quelle carte
allo stesso modo, seguendo il criterio di mettere vicini colori che si somigliano.
Il criterio seguito da questo sistema `e basato sulle caratteristiche dei colori cos`
come appaiono (somiglianza percettiva), e non sullequispazialit`a, caratteristica
fondamentale ad esempio nel sistema Munsell.
Il cerchio dellNCS viene diviso in quattro parti separate dai colori unici o
puri (psychologically unique hues, rosso, giallo, verde, blu), chiamati in questo
modo in quanto non assomigliano a nessun altro e non appaiono contaminati da
sfumature di nessun altro colore (caratteristica di purezza soggettiva) [29].
I colori compresi tra due tinte uniche somigliano a entrambe in maniera pi`
uo
meno accentuata, tale somiglianza si manifesta anche osservando il colore da
solo. Ci`o `e possibile perche i colori unici sono prototipici, cio`e connaturati
al nostro sistema visivo, indipendenti dalla nostra esperienza [30]. Le tinte
miste, ovvero quelle non uniche, non assomigliano mai a pi`
u di due tinte uniche
diverse, in particolare quelle che limitano lintervallo entro il quale si trovano.
Gli intervalli compresi tra due tinte uniche vengono chiamati scale bipolari, in
quanto i colori compresi in questi intervalli possono variare la loro somiglianza
con i due estremi in modo che ad un aumento da un lato corrisponda sempre
una diminuzione dallaltro.
Si pu`o quindi dividere il cerchio in due parti: da una parte troviamo tutti i
colori rossastri e dallaltra tutti i verdastri. Un colore non pu`o appartenere
contemporaneamente ai due semicerchi perche non pu`o somigliare a entrambi
questi colori: questa propriet`a `e definita opposizione o incompatibilit`a. Il cerchio
pu`o essere diviso ulteriormente in altre due parti, da una parte troviamo i colori
giallastri, dallaltra i colori bluastri. Anche in questo caso si applica la stessa
propriet`a di opposizione. Per rappresentare queste caratteristiche il cerchio
viene diviso in quattro quadranti uguali in modo che due tinte percettivamente
opposte si trovino agli estremi di un diametro, e le altre due si trovino agli
estremi di un altro diametro perpendicolare rispetto al primo. Ci`o `e facilmente
comprensibile osservando la figura 4.16 (in alto a sinistra).
In questo sistema la notazione quantitativa numerica esprime la caratteristica visibile del colore in termini della sua somiglianza con una o due delle tinte
uniche. Un colore giallo-verde che sembra per met`a simile al giallo e per met`a
al verde, viene definito 50%G e 50%Y (G50Y ). Se un altro giallo-verde somiglia
al giallo al 70%, la somiglianza con il verde risulter`a essere del 30%, in modo
che il totale sia sempre del 100%. In questo modo sar`a sufficiente un solo valore per esprimere entrambi i gradi (in questo caso G70Y, ovvero colore verdino
somigliante al giallo per il 70%). Per i colori unici sar`a sufficiente la notazione
73

Figura 4.16: In alto a sinistra il cerchio NCS. A destra il triangolo delle sfumature di una stessa tinta. Nel vertice superiore (W, white) si trova il bianco perfetto, nel vertice inferiore (S, schwarz ) si trova il nero perfetto e nellaltro vertice (C) la nuance di massima cromaticit`a per quella determinata tinta. Allinterno del triangolo si trovano tutti i colori che assomigliano
in grado diverso ai tre colori estremi, nelle proporzioni indicate dai numeri
a lato. In basso, solido dei colori del sistema NCS: se si dispongono tutti
i triangoli delle diverse tonalit`a intorno al comune asse dei grigi, si viene a
formare un solido regolare a forma di doppio cono. Immagini tratte dal sito
http://www.ncscolour.com/webbizz/mainPage/main.asp.

G, Y, R, B; in quanto la somiglianza con i relativi colori `e del 100%, non assomigliando a nessunaltra tinta.
Va ricordato che la quantificazione numerica usata da questo sistema esprime
diversit`a qualitative fra colori, ovvero somiglianze percettive, e non quantitative
in senso fisico. Quello che si misura `e una qualit`a percettiva. Nel caso della scala
bipolare bianco-nero, in cui il bianco ha valore 0 e il nero ha valore 100, i valori
crescenti nella notazione indicano la somiglianza con il nero. I colori nellintervallo vengono numerati in funzione della loro somiglianza con i due estremi.
In modo analogo a quanto visto finora `e possibile ordinare tutti colori disponibili di una certa tonalit`a (detti nuances, o sfumature) in modo da mettere vicini
colori che si somigliano. Lordinamento che ne risulter`a sar`a bidimensionale,
distendendosi su un piano con una forma triangolare (figura 4.16, in alto a de74

Figura 4.17: Un esempio di notazione NCS.


stra). Verso i vertici del triangolo i colori assomigliano sempre di pi`
u al bianco
da un lato, al nero da un altro e al colore massimamente carico dal terzo.
Si creano cos` tre scale bipolari che costituiscono i lati del triangolo: una scala
`e compresa tra la nuance massimamente carica (cromatica) della tinta in questione e il bianco, una seconda tra la stessa e il nero, una terza tra il nero
e il bianco. Qualsiasi colore situato lungo una di queste scale bipolari si collocher`a in una particolare posizione in funzione della sua somiglianza con gli
estremi, e quindi verr`a identificato da una notazione numerica che esprimer`a
tali somiglianze con lo stesso criterio percentuale e complementare visto precedentemente. Tutte e tre le scale conterranno valori che variano in somiglianza
con un estremo da 0% a 100%. Per questo motivo il triangolo equilatero `e quello
pi`
u adatto, in quanto le scale sono rappresentate da segmenti uguali.
Mettendo a confronto tutti i triangoli (per ogni colore) possiamo isolare allinterno di ognuno colori di uguale bianchezza, nerezza e cromaticit`a. Per ognuna
di queste caratterizzazioni, le linee sono parallele tra di loro e opposte al vertice cui mostrano la somiglianza in oggetto. Quindi qualsiasi nuance manifesta
qualche somiglianza con ciascuno dei tre vertici, i tre valori che esprimono tale
somiglianza assommano sempre a 100%. Una nuance viene quindi identificata
da una terna di numeri, notazione che allo stesso tempo rende anche laspetto
percettivo del colore, esprimendone le caratteristiche essenziali, cio`e quanto appare cromatico, bianco e nero.
Come si sar`a notato, in questo sistema non si fa riferimento alla saturazione,
sebbene questa sia facilmente individuabile nel triangolo. La linea di massima
saturazione (bianchezza uguale a zero) `e quella che unisce il nero con il massimo di cromaticit`a. La minima saturazione si ha lungo la scala dei grigi, dove la
cromaticit`a `e zero.
Per rappresentare tutti i possibili colori di superficie si dispongono tutti i triangoli delle diverse tonalit`a intorno al comune asse dei grigi, e si viene cos` a
formare un solido a forma di doppio cono, visibile in figura 4.16, in basso. Due
esempi concreti di notazione NCS sono forniti per la bandiera svedese in figura
4.18. Si veda anche la figura 4.17.

4.7.3

Il sistema OSA-UCS

LOSA-UCS [31] `e un sistema sviluppato dalla Committee on Uniform Color


Scales della Optical Society of America tra il 1947 e il 1974 che contiene un
insieme basico di di 424 campioni di colore organizzati in tre dimensioni. I campioni di colore sono sistemati in una forma romboedrica regolare (figura 4.19)
75

Figura 4.18: I colori della bandiera svedese sono stati ufficialmente stabiliti in
NCS 0580-Y10R per il giallo e NCS 4055-R95B per il blu.
nella quale ogni colore `e circondato da dodici colori vicini, tutti percettivamente
equidistanti dal colore considerato. Le coordinate utilizzate sono L (lightness),
j (asse giallo-blu) e g (asse rosso-verde).
Questo sistema ha il vantaggio di organizzare i colori nello spazio in modo
percettivamente equo, il suo principale inconveniente `e tuttavia quello di non
estendersi a regioni molto sature. Questo sistema `e disponibile in forma di atlante, il quale contiene dei tasselli colorati che rappresentano, quando osservati con
illuminazione diurna (D65 ) e su uno sfondo grigio medio, i colori del sistema
OSA come specificati dalle coordinate CIE 1964 [23].

Figura 4.19: Rappresentazione spaziale del sistema OSA-UCS.

76

Parte II

Color Naming

77

If one says red(the name of a


color) and there are fifty people
listening, it can be expected that
there will be fifty reds in their
minds. And one can be sure that
all these reds will be very
different.
J. Albers

79

80

CAPITOLO

5
Lineamenti di una storia degli
studi attraverso due secoli

5.1

Introduzione

Il problema della denominazione del colore nei suoi vari aspetti ha costituito
e costituisce ancora oggi un campo di osservazione privilegiato per linguisti,
psicologi e antropologi. Gi`a nel corso dellOttocento ci si inizi`o ad interessare e
a dedicare allo studio dei termini di colore. In questo capitolo si accenner`a per
sommi capi, data la vastit`a della relativa bibliografia, alla storia dei vari tipi di
approccio alla terminologia cromatica a partire dal diciannovesimo secolo fino a
giungere al 1969, con il lavoro di Berlin e Kay [32].
Questa scelta `e stata dettata dal fatto che il loro lavoro `e ancora oggi considerato
il pi`
u importante e decisivo in questo campo, e verr`a quindi analizzato in modo
separato e pi`
u dettagliato. Gli stessi Berlin e Kay fecero unoperazione simile
nel loro testo, delineando la storia degli studi condotti prima di loro, operazione
utile per rendere giustizia alla ricerca precedente, ma anche per collocare il loro
studio in una prospettiva storica.

5.2

Ottocento

Nella seconda met`a dellOttocento il movimento scientifico evoluzionista cerc`o,


nella terminologia cromatica in generale e nei nomi dei colori dei testi omerici
81

in particolare, un appoggio e una conferma alla teoria che sosteneva. Lumanit`a preistorica, completamente cieca al colore e sensibile solo alla luce, avrebbe
lentamente sviluppato il senso cromatico che si sarebbe via via affinato nel corso
del processo evolutivo. Si contrapponevano a queste posizioni, che chiamiamo
evoluzionistiche, le posizioni culturalistiche. In questo stesso periodo, divenne
di conoscenza comune tra gli studiosi il fatto che i principali nomi di colore nelle
diverse lingue non erano perfettamente traducibili da una lingua ad unaltra.
Per alcuni questa era una prova dellesistenza di differenze percettive a base
biologica tra i diversi gruppi di esseri umani.
Il primo lavoro sullo sviluppo del senso cromatico di cui si ha traccia `e quello
di William Gladstone [33], studioso di Omero. Proprio studiando questa figura, egli si rese conto dellapparente mancanza di termini di colore astratti nei
suoi scritti. Riscontr`
o anche delle incertezze e inconsistenze nellapplicazione
e nelluso di questi termini che lo portarono a sostenere che i greci del tempo
di Omero non avessero una chiara nozione del termine colore e non avessero
ancora sviluppato pienamente una capacit`a di percepire i colori. Queste persone
possedevano a suo avviso abilit`a meno affinate rispetto alluomo moderno, pur
distinguendo tra gradi di luminosit`a, cio`e tra chiaro e scuro, oltre ad avere un
lessico poco sviluppato privo di termini veramente astratti e di termini specifici
per le lunghezze donda corte corrispondenti al verde e al blu.
Lazarus Geiger [34], in modo analogo, sostenne che la sensibilit`a delluomo al
colore non fosse stata cos` fine fin dallinizio della sua storia, ma che esistessero
un affinamento e uno sviluppo continuo nella capacit`a umana di percepire i
colori. Fu quindi il primo a sostenere lesistenza di una sequenza universale
nellacquisizione dei colori basici. Basandosi sulle sue dettagliate analisi di
vari testi scritti antichi, egli ipotizzava un periodo iniziale di vaga sensibilit`a
al colore nella storia dellumanit`a caratterizzato da una capacit`a di ricognizione
indifferenziata del colore, cui sarebbe poi seguita la possibilit`a di percepire grado a grado alcuni colori. Luomo avrebbe acquisito consapevolezza riguardo ai
colori nellordine in cui questi compaiono nello spettro, a partire dalla lunghezza donda pi`
u lunga. Propose sei periodi nello sviluppo della terminologia dei
colori:
1. vago concetto di qualcosa di colorato, non ci sono distinzioni di colore;
2. distinzione di nero e rosso;
3. aggiunta del giallo (che include al suo interno il verde);
4. aggiunta del bianco;
5. aggiunta del verde;
6. aggiunta del blu.
Una dura critica alle posizioni di Geiger e Gladstone arriv`o da parte di
Grant Allen [35]. Egli sosteneva che la scarsit`a di termini di colori nelle lingue
82

primitive non indicava affatto un mancato sviluppo nelle capacit`a percettive.


Le lingue che mancano di termini primari astratti infatti si avvalgono in cambio di numerose denominazioni secondarie concrete, come termini derivanti da
nomi di oggetti. Una delle ragioni che spiegano la mancanza di termini astratti
sarebbe la diversit`a dei colori degli oggetti e della natura circostanti dei popoli
primitivi rispetto a quelli moderni. Riguardo allapplicazione vaga e imprecisa
dei termini di nomi da parte di Omero mostr`o, portando degli esempi, che anche
uno scrittore moderno pu`o mostrare tale vaghezza, magari proprio per scelta,
pur avendo un senso del colore ben sviluppato.
I termini di colore, a suo avviso, sono sempre vaghi. Il motivo della mancanza
di nomi di colore astratti nei popoli antichi poteva essere che gli oggetti a cui
erano interessati (gli oggetti della natura) erano di tinte talmente varie che nomi
di colori astratti sarebbero stati troppo vaghi per descriverli. Luomo primitivo aveva, nonostante ci`o, una capacit`a percettiva per i colori molto affinata e
proprio per questo motivo si avvaleva di un ampio numero di nomi di colori
concreti che noi chiameremmo ora secondari.
Alla fine dellOttocento si era diffusa la consapevolezza che le terminologie cromatiche nelle varie lingue fossero diverse e si ammetteva lesistenza di un numero di termini primari pi`
u ridotto nelle fasi arcaiche delle lingue europee e dei
popoli primitivi contemporanei rispetto alle lingue europee moderne. Inoltre si
riconosceva, seppur in modo ancora vago, lesistenza di una sequenza di sviluppo precisa, secondo la quale comparirebbero per primi i termini relativi alla
luminosit`a e poi quelli relativi alla tonalit`a (in primo luogo il rosso). Si riteneva
tuttavia che la discussione sarebbe rimasta aperta fino a che non si fosse compresa la connessione tra sviluppo della terminologia e sviluppo fisiologico delle
capacit`a percettive e la loro possibile indipendenza luno dallaltro.
Il primo a capirlo fu un oftamolgista tedesco, Hugo Magnus [36], il quale
sosteneva la tesi evoluzionistica di Geiger e riteneva che si era avuto uno sviluppo progressivo dellorgano della vista cos` come degli altri organi di senso in
generale. Ci sarebbe quindi stata unepoca in cui luomo non distingueva che il
bianco e il nero, cio`e la luce dalloscurit`a. Pian piano la sensibilit`a cromatica
si sarebbe perfezionata permettendo di percepire i vari colori secondo lordine
rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola. Limperfezione del senso cromatico
era dovuta alla struttura ancora primitiva della retina.
Successivamente [37] egli realizz`o che terminologie di colore che aumentano in
complessit`a nel tempo non riflettono necessariamente cambiamenti nellabilit`a
di discriminare colori. Geiger poteva quindi aver ragione riguardo allevoluzione
filologica-linguistica, ma non riguardo alla presunta evoluzione fisiologica. Magnus decise cos` di trattare i due aspetti separatamente attraverso uno studio
crossculturale che avrebbe permesso di determinare se e fino a che punto la
presenza o lassenza della percezione cromatica dovesse risultare nella presenza
o nellassenza di una analoga espressione linguistica. Egli condusse questo studio inviando dieci campioni di colore standardizzati rappresentanti punti focali
del bianco, nero, rosso, verde, giallo, blu, marrone, viola, arancione e grigio
(gli 11 colori basici ad eccezione del rosa) a missionari, ufficiali e altre persone
83

in molte parti del mondo, accompagnati da istruzioni dettagliate in inglese e


tedesco. Queste istruzioni contenevano unesplicita avvertenza che includeva
una chiara distinzione tra aspetto fisiologico e filologico del problema e spiegava
che il fatto che una lingua non distinguesse lessicalmente tra due colori non
implicava necessariamente che i parlanti di quella lingua non li distinguessero
percettivamente. Ricevette questionari compilati su 25 lingue africane, 15 lingue
asiatiche, 3 lingue australiane, 15 lingue nordamericane, una lingua sudamericana e 2 lingue europee.
I risultati a cui arriv`o dicono che labilit`a di percepire il colore non `e meno
sviluppata nei popoli primitivi, ma semplicemente che questi hanno un lessico
cromatico limitato. Riscontr`o tuttavia ampie differenze tra i vari popoli analizzati. Due dati che lo impressionarono particolarmente furono lelaborazione di
nomi di colori secondari in aree di alto interesse culturale e una pi`
u facile identificazione lessicale dei colori di lunghezza donda lunghe (rosso) rispetto a quelle
di lunghezze donda medie e corte dove spesso mancava una precisa differenziazione (blu e verde). Questi due colori erano quasi sempre designati da uno
stesso nome (neutralizzazione lessicale). Altra cosa che lo colp` fu la scoperta
che larancione (alta lunghezza donda) fosse spesso incluso nel rosso o nel giallo. Questo dato lo avrebbe dovuto costringere a rivedere la sua ipotesi secondo
la quale i colori appartenenti alle alte lunghezze donda fossero maggiormente
codificati nel linguaggio, ma prefer` giustificarlo adducendo che il colore arancione `e un colore di transizione tra rosso e giallo e che molte trib`
u presentano
problemi riguardo ai colori di transizione, problemi dovuti ad uninsufficiente
pratica. Una sua ipotesi era anche quella dellemergere del giallo sempre prima
del verde, ma anche questa venne smentita dai dati. Magnus concluse il suo
studio con un elenco di 10 punti:
1. Tutti i popoli primitivi analizzati possiedono un senso del colore che in
genere `e uguale a quello dei popoli pi`
u civilizzati.
2. La percezione del colore e la sua codifica nella lingua non coincidono. In
mancanza della seconda non si pu`o postulare la mancanza della prima.
3. La percezione e lidentificazione del colore sono particolarmente sproporzionati in molti popoli primitivi nei quali una percezione ben sviluppata
`e spesso accompagnata da una terminologia molto ridotta.
4. In caso di terminologia inadeguata, molto spesso essa mostra una forma
regolare.
5. Espressioni linguistiche per colori donda lunga sono sempre molto meglio
definiti rispetto a quelli di onda corta.
u chiaramente sviluppata, poi
6. Lespressione per il colore rosso `e quella pi`
seguono quelle per giallo, verde e blu.
7. Confusione tra espressioni linguistiche avviene di solito tra colori vicini
nello spettro. Vengono unificati linguisticamente colori vicini nello spettro.
84

8. I colori che vengono unificati pi`


u spesso sono verde e blu.
9. La terminologia pu`o essere ridotta al punto che tutti i colori donda lunga
vengono riuniti sotto lespressione rosso e i tutti i colori donda corta
sotto lespressione nero o scuro.
10. Anche nelle terminologie pi`
u sviluppate accade che i colori donda corta
siano uniti nel concetto linguistico di buio o indefinito.
Il lavoro di Magnus rimane comunque, nonostante qualche debolezza, quello
pi`
u importante e comprensivo del suo tempo. Le caratteristiche della terminologia cromatica, successivamente, non vengono pi`
u messe in rapporto con
una eventuale insufficienza fisiologica nella percezione, bens` con limportanza
maggiore accordata alla luminosit`a rispetto alla tonalit`a; di ci`o parleremo nel
seguito. Abbiamo parlato della terminologia cromatica greca; per quanto riguarda invece il lessico dei colori in latino, esso `e stato studiato prevalentemente da
Andr`e [38].

5.3

Novecento

Allinizio del ventesimo secolo la questione dellevoluzione del senso del colore
nelluomo venne riaperta da Rivers [39, 40] che offr` una revisione della relativa
letteratura. Egli studi`o il problema del rapporto tra percezione e denominazione
dei colori e della loro evoluzione con ricerche sul campo, soprattutto con una
spedizione etnografica compiuta tra il 1898 e il 1900 a Torres Straits in Nuova
Guinea. Una valutazione oggettiva di questo problema poteva essere raggiunta solo attraverso lo sviluppo di metodi sperimentali moderni. I suoi studi lo
portarono a identificare la presenza di vari stadi nellacquisizione della terminologia cromatica, corrispondenti a stadi di sviluppo culturale. In contrasto con
le posizioni di Magnus e Allen, Rivers riapr` la possibilit`a che i popoli primitivi
percepissero i colori in maniera diversa ritenendo che quando la confusione tra
verde e blu si manifesta a livello lessicale, si manifesta anche a livello percettivo.
Questa minore sensibilit`a per il verde e blu e conseguente confusione terminologica era secondo lui dovuta ad una forte pigmentazione della retina che
assorbirebbe la luce alle lunghezze donda corte. La denominazione, secondo
questo punto di vista, sarebbe subordinata alla percezione. Il lavoro di Rivers
fu lultimo tentativo di discutere levoluzione della nomenclatura del colore prima di quello di Berlin e Kay, che si colloca circa 70 anni pi`
u tardi.
In generale, tutti gli studi sui nomi di colore e sullarbitrariet`a o meno con
cui le lingue segmentano e codificano il continuum del colore, si collocano nella
pi`
u generale problematica del rapporto tra lingua e pensiero. Riguardo a questo
rapporto si oppongono storicamente due posizioni filosofiche, universalismo e
relativismo. Il primo sostiene che, per dote innata, gli esseri umani ragionino
tutti allo stesso modo. Le evidenti differenze che si riscontrano nella realt`a non
85

intaccano in alcun modo la sostanziale universalit`a degli essere umani. Il relativismo invece sostiene che la conoscenza venga acquisita attraverso lesperienza,
e di conseguenza se lesperienza `e diversa, anche il modo di pensare lo sar`a a
sua volta. Mentre nel diciannovesimo e nella prima parte del ventesimo secolo i ricercatori vedevano le differenze nei lessici delle lingue in una prospettiva
evoluzionistica, nella seconda met`a del ventesimo secolo si inizi`o ad opporsi a
spiegazioni di questo tipo e ad indirizzarsi verso la relativit`a culturale e linguistica. Nel campo della linguistica, le due visioni si tradussero nelle due teorie
linguistiche descritte nel seguito.
Relativismo linguistico. Le lingue modellano il modo di conoscere e concettualizzare il mondo, le operazioni cognitive sono dipendenti dalla lingua usata. Chi conosce linguisticamente il mondo in un certo modo, ne sar`a influenzato
di conseguenza.
Questa teoria `e conosciuta come ipotesi di Sapir-Whorf. Lorigine dellipotesi di Sapir-Whorf pu`o essere fatta risalire al lavoro di Franz Boas sulle lingue
amerindie [41]. Di origine tedesca, trasferitosi negli Stati Uniti venne a contatto
con queste lingue, appartenenti a famiglie linguistiche completamente diverse, e
si chiese se le differenze culturali e le differenze nello stile di vita si riflettessero
nella lingua parlata. Il lavoro di Boas fu continuato da Sapir [42], uno dei suoi
studenti pi`
u brillanti e da Benjamin Lee Whorf [43], a sua volta allievo di Sapir,
ai quali si deve il delinearsi di questa teoria. Ecco alcune loro citazioni che ci
illustrano i punti chiave della loro visione:
` unillusione immaginare che uno si adatti alla realt`a senza luso
E
della lingua e che la lingua sia meramente un mezzo incidentale per
risolvere specifici problemi di comunicazione. Il fatto `e che il mondo reale `e in larga misura costruito sulle abitudini linguistiche del
gruppo. Nessuna lingua `e sufficientemente simile a unaltra per essere considerata rappresentante della stessa realt`a sociale. I mondi in
cui vivono societ`a diverse sono mondi distinti, non meramente lo
stesso mondo con attaccate diverse etichette. Sapir [42].
Il principio della relativit`a linguistica [. . .] vuol dire, in termini informali, che gli utenti di grammatiche marcatamente diverse vengono
indirizzati dalle loro grammatiche verso tipi diversi di osservazioni
e valutazioni diverse di atti di osservazione esternamente simili, e
dunque non sono equivalenti come osservatori ma devono arrivare a
interpretazioni diverse del mondo. Whorf [43].
Noi sezioniamo la natura secondo le linee tracciate dalla nostra lingua madre. Le categorie e le tipologie che isoliamo dal mondo dei
fenomeni non sono evidenti e individuabili per qualsiasi osservatore;
al contrario, il mondo si presenta come un flusso caleidoscopico di impressioni che devono essere organizzate dalla nostra mente; e questo
86

significa soprattutto dal sistema linguistico della nostra mente. Noi


ritagliamo la natura, la organizziamo in concetti, le diamo i significati che le diamo, in gran parte perche ci siamo accordati per organizzarla in questo modo; un accordo, il nostro, che vale nella comunit`a linguistica cui apparteniamo e che `e codificato dalle forme
della nostra lingua. Laccordo `e ovviamente implicito e tacito, ma i
suoi termini sono assolutamente obbligatori; non abbiamo nessuna
possibilit`a di parlare se non accettando lorganizzazione e la classificazione dei dati che esso decreta. Whorf [43].
Questo punto di vista guadagn`o legemonia nei campi delletnologia e della
linguistica negli Stati Uniti, egemonia che venne mantenuta per diversi anni e
si diffuse in diversi altri luoghi. Solo alla fine del ventesimo secolo si diffusero
luniversalismo e il nativismo chomskiani. La versione forte del relativismo `e
comunque difficile da sostenere, poiche `e fuori discussione che esistano degli
universali condivisi. Oggi prevale una versione debole di questa ipotesi, secondo
la quale solo alcune categorie mentali pi`
u generali e astratte sono innate, mentre
la forma effettiva con cui sono realizzate `e il risultato dellesperienza.
Per quanto riguarda il lessico dei colori, che era solitamente lesempio principe
presentato a sostegno di questa tesi nonostante la scarsit`a di prove, secondo
questa teoria la suddivisione linguistica dello spettro avviene in maniera arbitraria sia per quanto riguarda il numero di colori nelle diverse lingue che per la
posizione dei confini tra i colori. Inoltre non esiste relazione biunivoca tra le parole e una zona particolare dello spettro e alle tre dimensioni del colore possono
essere attribuiti valori differenti a seconda dei sistemi lessicali. Il mondo viene
quindi percepito e concepito in modo diverso da comunit`a linguistiche diverse ed
esisterebbe un rapporto di causalit`a tra la struttura cognitiva dei membri della
stessa comunit`a linguistica e la loro lingua, un condizionamento linguistico della
percezione e della conoscenza della realt`a.
Universalismo linguistico. Tutte le lingue hanno a che fare con la stessa
realt`a, pensiero e comportamento sono indipendenti dalla lingua usata. Anche
in questo caso dobbiamo riconoscere delle versioni deboli, le quali riconoscono
certamente lesistenza di differenze tra lingue, tuttavia ritengono che queste non
intacchino il concetto di universalismo, il quale si riferisce alla presenza di strutture universali che accomunano tutte le lingue.
Lenneberg e i suoi collaboratori [4447] cercarono di interpretare le categorie
cromatiche come manifestazioni di una Weltanschauung (esperienza, modo di
vedere il mondo), ovvero come determinate culturalmente e quindi secondo una
visione relativista. Si assumeva quindi che il colore fosse una esperienza universale e che ogni cultura avesse una propria categorizzazione e classificazione di
questa esperienza.
Ipotizzavano che una categoria percettiva con una frequenza doccorrenza alta avesse un valore maggiore e che le categorie pi`
u facilmente denominate,
87

ovvero le pi`
u frequenti e codificate con nomi di lunghezza inferiore, occupassero
i gradini pi`
u alti nella gerarchia cognitiva.
A questo scopo condussero degli esperimenti sulla ricognizione dei colori in rapporto alla loro maggiore o minore codificabilit`a, valutata secondo i diversi gradi
di precisione nel nominare e la lunghezza o il numero delle parole utilizzate.
I risultati dimostravano che tra le due variabili esiste una correlazione significativa. La codificabilit`a `e definita come misura dellefficienza con la quale
un colore pu`o essere codificato in una lingua data e viene messa in relazione
con la memoria; `e quindi legata ad un comportamento non linguistico misurato
attraverso laccuratezza della ricognizione. Sotto certe condizioni la memoria
del colore `e influenzata dalle abitudini di denominazione. Un colore che ha un
nome inequivocabile in una lingua ha migliori possibilit`a di essere riconosciuto
correttamente rispetto ad un colore meno facilmente denominabile. La precisione della denominazione sembra essere massima nei punti focali e diminuisce
allontanandosi da questi.
A questi studi di Lenneberg e collaboratori si ispirano alcune ricerche sul
lessico dei colori in soggetti bilingui, come [48]. Sembra infatti che parlanti
bilingui strutturino lo spazio colore nella loro lingua madre in modo diverso dai
monolingui. Nel caso del bilinguismo si assiste ad un fenomeno di interferenza
semantica, si ha cio`e un mutamento di significato dei termini sotto linflusso di
una seconda lingua. Ervin elabor`o un metodo di predizione della terminologia
cromatica dei bilingui. Vengono determinate quattro situazioni di conflitto:
1. Un termine per un referente `e di alta probabilit`a in una lingua e non lo `e
nellaltra;
2. Esiste una differenza nelle zone non focali nel caso di due categorie simili;
3. In una lingua vengono utilizzate due categorie per coprire una sola categoria dellaltra;
4. In una lingua si usino tre categorie per coprirne due dellaltra.
Le ricerche sulla relazione tra attivit`a cognitive e linguaggio sono state continuate da E. Rosch Heider e dai suoi collaboratori [4953] che si sono concentrati
sulla rilevanza dei colori focali rispetto a quelli non focali, e sul ruolo della rilevanza percettiva e cognitiva di certe aree dello spazio del colore nello sviluppo
e nel mantenimento dei significati fondamentali universali dei nomi di colore:
sono infatti i colori focali quelli che il bambino impara a denominare per primi.
Il dominio del colore sarebbe strutturato in categorie semantiche non arbitrarie
che si manifestano attorno a prototipi naturali percettivamente rilevanti. Sulla base di alcuni esperimenti sulla formazione dei concetti e sulla maniera in cui
si imparano le categorie cromatiche conclusero, in opposizione a Lenneberg [47],
che i fattori percettivi e cognitivi (rilevanza e memorizzabilit`a di certe aree dello spazio colore) possono influenzare la formazione delle categorie linguistiche.
Si parler`a ulteriormente degli studi di E. Rosch Heider nel capitolo successivo,
poiche si collocano temporalmente in anni posteriori allo studio di Berlin e Kay
88

[32].
Discostandosi dal relativismo culturale, Van Wijk [54] fu in qualche modo un
precursore di Berlin e Kay che tent`o di formulare una teoria transculturale dei
termini di colore. Egli propose che le differenze tra le strutture dei lessici cromatici nelle diverse lingue fossero basate sulla relativa importanza che ha, nella
percezione del colore, la dimensione della luminosit`a rispetto alla dimensione
della tonalit`a, importanza che dipende dalla posizione geografica delle comunit`a
linguistiche. Le societ`a vicino allequatore, dove lintensit`a media di luce `e pi`
u
alta, avrebbero lessici che si focalizzano sulla dimensione di luminosit`a, mentre
le societ`a vicino ai poli si focalizzano prevalentemente sulla tinta (influsso della
latitudine sulla percezione e denominazione dei colori). Secondo questa ipotesi quindi la percezione della luce (e di conseguenza del colore) `e condizionata
originariamente dalle propriet`a della luce.
Il punto principale che sfugg` a Van Wijk e che attir`o le critiche di Berlin e Kay `e
che la luminosit`a `e una dimensione di contrasto (la principale) presente in tutti
i sistemi linguistici di colore. Quando il sistema colore introduce il contrasto di
tonalit`a, il contrasto di luminosit`a non perde importanza ma semplicemente il
sistema diventa pi`
u complesso. Secondo la versione pi`
u raffinata di Berlin e Kay,
che aggiunge la variabile dello sviluppo tecnologico-culturale, i termini per la
luminosit`a sono i primi ad apparire in ogni lingua e a questi si aggiungono i termini di colore basici quando le comunit`a rispettive diventano tecnologicamente
e culturalmente pi`
u complesse. Ad unanalisi empirica, risulta che un numero
alto di culture relativamente semplici si trova ai tropici, mentre un numero alto
di culture complesse si trova in aree temperate. La conferma di ci`o sarebbe che
culture primitive in aree temperate (per esempio, Nord America) tendono ad
avere terminologie cromatiche relativamente semplici dominate dalla luminosit`a,
mentre culture complesse in aree tropicali (per esempio, Indonesia) tendono ad
avere terminologie cromatiche complesse dominate dalla tonalit`a. Quindi una
versione pi`
u corretta della teoria di Van Wijk potrebbe prevedere che i sistemi tropicali siano dominati dalla luminosit`a e che i sistemi temperati siano
dominati da luminosit`a + tinta.

5.4

Conclusioni

Come `e evidente, nelle loro versioni pi`


u estremiste e rigide, entrambe queste posizioni filosofiche e linguistiche sono incapaci di spiegare in modo soddisfacente
quanto `e riscontrabile empiricamente, e cio`e da parte delluniversalismo le indubbie differenze culturali e linguistiche, e da parte del relativismo gli indubbi
universali condivisi. Daltra parte, non `e difficile riconoscere come le versioni
deboli di entrambe queste posizioni sostengano nella sostanza la stessa idea, pur
evidenziandone e mettendone in luce aspetti diversi. Luniversalismo mette in
luce gli universali facilmente identificabili tra le diverse lingue, minimizzando le
altrettanto evidenti differenze; il relativismo fa esattamente lopposto. Questo
potrebbe avvenire in parte perche queste sono le idee di fondo da cui gli studiosi delle due teorie sono stati guidati nei loro studi. Uscendo per`o da una
89

visione dualista, non `e difficile avere unimmagine che unisca le due posizioni
pacificamente e le trasformi in ununica visione.

90

CAPITOLO

6
Le posizioni universaliste

6.1

Introduzione

Sullo sfondo del relativismo linguistico si staglia il lavoro di Berlin e Kay del
1969 [32], che arriva a conclusioni in netto contrasto con questa visione. Da allora in poi questo studio costituir`a la pietra miliare allinterno di questo ambito
di ricerca. Esso scaten`o una fortissima ondata di interesse per largomento, e
ci`o provoc`o un moltiplicarsi di ricerche le quali miravano ad indagare la validit`a
o meno della teoria dei due studiosi.
In questo capitolo vedremo quindi nel dettaglio questo studio, seguito dalle
critiche che ha ricevuto e dalle modifiche che gli stessi autori ne hanno successivamente apportato. Si concluder`a con una presentazione degli studi pi`
u recenti
che portano prove a favore della visione universalista.

6.2

Berlin e Kay: Basic color terms: their


universality and evolution

Questo studio sostiene che nel dominio del lessico dei colori esistano degli universali semantici che sembrano essere correlati allo sviluppo storico di tutte le
lingue in un modo da poter essere definito evolutivo.
Come gi`a visto la dottrina prevalente in quel periodo tra linguisti e antropologi, soprattutto negli Stati Uniti, era quella della relativit`a linguistica, dottrina
secondo cui ogni lingua `e semanticamente arbitraria. Secondo questo punto di
91

vista, la ricerca di universali semantici `e inutile e infruttuosa dato che ogni lingua segmenta il continuum del colore arbitrariamente e in maniera indipendente
rispetto alle altre lingue.
Berlin e Kay sostengono che, nonostante diverse lingue codifichino nel loro linguaggio diversi numeri di categorie di colore basici e lo facciano in modo diverso,
esista un inventario universale di esattamente undici colori basici, da cui ogni
lingua trae i suoi nomi di colore, il cui numero sar`a compreso tra due e undici. Questi termini, nelle diverse lingue, si riferiscono per`o alle stesse aree dello
spazio colore. Gli autori identificano queste undici categorie nei colori:
White, black, green, yellow, blue, brown, purple, pink, red, orange, grey.
Chiaramente, qualora una lingua abbia meno termini di colore, ogni termine
dovr`a denotare una gamma pi`
u ampia di colori, ovvero una porzione pi`
u ampia
dello spazio colore. La seconda scoperta cui arrivano `e che ci sono strette limitazioni riguardo a quali siano le categorie che una lingua codificher`a e allordine
con cui lo far`a, che non `e casuale. Le restrizioni di tipo distribuzionale di nomi
di colori sono le seguenti:
1. Tutte le lingue contengono termini per il bianco e il nero.
2. Se una lingua possiede tre termini, allora conterr`a un termine per il rosso.
3. Se una lingua possiede quattro termini, allora conterr`a un termine per il
verde o per il giallo (non entrambi).
4. Se una lingua contiene cinque termini, allora conterr`a termini sia per il
verde che per il giallo.
5. Se una lingua contiene sei termini, allora conterr`a un termine per il blu.
6. Se una lingua contiene sette termini, allora conterr`a un termine per il
marrone.
7. Se una lingua contiene otto o pi`
u termini, allora conterr`a un termine per
il viola, rosa, arancione, grigio o qualche combinazione di questi.
Questi fatti distribuzionali sono rappresentati nella tabella 6.1, in cui ogni
riga corrisponde ad una tipologia di lessico di colori basici. Solo le 22 combinazioni mostrate in tabella si riscontrano nelle lingue del mondo, su un totale
di 2.048 combinazioni possibili. Si tratta allincirca dell1%.
I 22 tipi mostrati in tabella 6.1 sono correlati tra loro in quanto generati da
una semplice regola che viene sintetizzata in figura 6.1, dove la seconda rappresentazione mostra un ulteriore affinamento. Date due categorie distinte (a, b),
lespressione a < b significa che a `e presente in qualsiasi lingua in cui `e presente
b e anche in qualche lingua in cui b non `e presente (secondo il concetto di implicazione utilizzato in logica).
Questo non rappresenta solo una dichiarazione di distribuzione per le lingue, ma
anche un ordine cronologico che le lingue seguono nel codificare le categorie di
92

Type
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22

No. of
basic
color
terms
2
3
4
4
5
6
7
8
8
8
8
9
9
9
9
9
9
10
10
10
10
11

Perceptual categories encoded in the basic color terms


white
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

black
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

red
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

green
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

yellow
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

blue
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

brown
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

pink
+
+
+
+
+
+
+
+

purple
+
+
+
+
+
+
+
+

orange
+
+
+
+
+
+
+
+

grey
+
+
+
+
+
+
+
+

Tabella 6.1: Le 22 tipologie che effettivamente si riscontrano nella realt`a


linguistica dei lessici di colori basici.

Figura 6.1: La gerarchia implicazionale di Berlin e Kay [32]. Sotto, una sua
rappresentazione diacronica.

colore interpretato dunque come una sequenza di 7 stadi evolutivi. Non rappresenta quindi solo lo stato sincronico delle lingue, le quali, in un dato momento
storico, apparterranno ad un preciso stadio (anche se ci sono casi di transizione),
ma rappresenta anche lordine cronologico in cui queste codificano le categorie
fondamentali di colore, rappresenta quindi il loro sviluppo diacronico. La classe
[verde, giallo] corrisponde al terzo e quarto stadio piuttosto che ad uno stadio
singolo (ci`o `e evidente nella seconda rappresentazione in figura 6.1).
Riassumendo, due sono le scoperte pi`
u importanti:
I nomi dei colori basici di tutte le lingue sembrano essere tratti da un
insieme di 11 categorie percettivamente universali.
Queste categorie vengono codificate nella storia di ogni singola lingua
secondo un ordine fisso.
93

Sembrerebbe non esserci prova del fatto che differenze nella complessit`a del lessico di colori basici tra due lingue rifletta differenze percettive tra i parlanti delle
stesse due lingue.
La ricerca sperimentale venne condotta su venti lingue1 , geneticamente diverse
tra loro. Gli autori usarono 329 stimoli colore standardizzati forniti dalla Munsell Color Company; 9 di questi tasselli erano acromatici, gli altri 320 di tinte
equamente spaziate e con 8 livelli di luminosit`a, tutti alla massima saturazione.
I dati vennero raccolti in due momenti. In un primo momento venne stimolata
la produzione dei nomi dei colori basici, successivamente venne chiesto ad ogni
soggetto di collocare sia il punto focale che i confini di ognuno dei termini utilizzati.
Ogni lingua ha un numero molto ampio di espressioni che utilizza per descrivere le sensazioni di colore. Alcuni esempi in inglese sono: scarlet, blue-green,
blond, bluish, lemon-colored, salmon-colored ecc. Queste espressioni per`o vennero escluse dal novero dei nomi di colore basici, concetto che tuttavia non `e
del tutto chiaro. Proprio per questo motivo i due autori propongono 8 caratteristiche, 4 primarie e 4 secondarie, che devono essere soddisfatte da un nome
di colore affinche questo possa essere considerato un nome di colore basico. Nel
caso in cui le prime 4 non siano sufficienti per stabilire i termini basici di colore
(bcts, basic color terms) di una lingua, occorrer`a ricorrere agli ultimi 4.
1. Il termine `e monolessematico, cio`e, il suo significato non `e deducibile a
partire da quello delle parti di cui `e composto (come in bluish).
2. Il suo significato non `e incluso in quello di nessun altro nome di colore
(come in scarlet, che `e incluso in red ).
3. La sua applicazione non deve essere ristretta ad una classe di oggetti (come
in blond, che si applica solo al colore dei capelli).
4. Devessere psicologicamente saliente per i parlanti di quella lingua. Indizi che spingono a diagnosticare questa salienza possono essere molti, ad
esempio la tendenza a nominarlo allinizio di una lista di nomi di colori
stimolata, una certa stabilit`a tra parlanti e in varie situazioni duso, loccorrenza nellidioletto di tutti i parlanti di quella lingua.
5. La distribuzione morfologica deve essere simile a quella degli altri termini
basici (es. in inglese esistono i termini greenish e bluish ma non aguaish e
chartreusish).
6. Non deve essere anche il nome di un oggetto che ha quel colore come
caratteristico (es. gold, silver, ash). Questo criterio escluderebbe anche
1 Le lingue esaminate erano arabo (Libano), bulgaro (Bulgaria), catalano (Spagna), cantonese (Cina), mandarino (Cina), inglese (USA), ebraico (Israele), ungherese (Ungheria),
ibibio (Nigeria), indonesiano (Indonesia), giapponese (Giappone), coreano (Corea), pomo (California), spagnolo (Messico), swahili (Africa orientale), tagalog (Filippine), thai
(Tailandia), tzeltal (Messico del sud), urdu (India), vietnamita (Vietnam).

94

orange, qualora esso fosse stato ancora in dubbio dopo aver analizzato i
primi 4 criteri (ma non `e cos`).
7. Non deve essere un prestito recente da altre lingue.
8. Non deve essere morfologicamente complesso.
Il quarto criterio `e stato pi`
u volte messo in discussione in quanto, a differenza
degli altri, non `e un criterio linguistico, e il concetto di salienza psicologica non
sembra essere chiaro e univoco, ne misurabile in modo inequivocabile e scientifico.
Dopo aver stimolato verbalmente lelenco totale dei nomi di colore basici
per ogni soggetto, gli stessi vennero mappati sempre dal soggetto. Lo scopo era
di scoprire larea totale coperta da una categoria basica, e determinare i punti
focali o i membri prototipici per ognuna di esse.
Dopo aver mappato tutte le lingue, Berlin e Kay unirono tutti i risultati riguardo
ai punti focali di tutti i termini di tutte le lingue. I risultati di questa comparazione mostrano che i punti focali delle categorie sono simili tra le varie lingue
analizzate e che la categorizzazione dei colori non `e quindi casuale. Questo
smentirebbe la teoria relativista.
Un altro aspetto sollevato da questo studio e unulteriore prova a favore delluniversalit`a della categorizzazione `e data dal fatto che la locazione dei punti focali
varia leggermente di pi`
u tra parlanti della stessa lingua di quanto non vari tra
parlanti di lingue diverse. A causa di un difetto dello studio, il quale prendeva
in esame nella maggior parte dei casi solo un soggetto per ogni lingua, confronti
intralinguisitici furono possibili solo per la lingua tzeltal, unica lingua analizzata
in un numero pi`
u ampio di soggetti. Venne fatto un confronto interlinguistico
tra i punti focali di alcuni colori nei soggetti giapponesi, coreani e cinesi (un
soggetto per ognuna di queste lingue) e gli stessi punti focali nei vari parlanti della lingua Tzeltal. Le distanze interlinguistiche tra punti focali vengono
puntualmente superate da quelle intralinguistiche registrate nei diversi parlanti della lingua Tzeltal. La variabilit`a intraculturale `e almeno uguale a quella
interculturale, in ogni modo non `e maggiore ad essa. Ci sono quindi notevoli
differenze individuali tra parlanti della stessa lingua. A questo proposito si veda
anche [55].
In generale, nonostante ci`o, la localizzazione dei vari punti focali risult`o essere
molto attendibile, cosa che non pu`o dirsi per i confini tra categorie che risultarono molto instabili, anche in uno stesso soggetto. Ci`o risulta evidente anche
dalla facilit`a con cui i soggetti individuarono i punti focali, in contrasto con
le difficolt`a che incontrarono nello stabilire i confini tra categorie. I soggetti
hanno lunghe esitazioni nello svolgere questo compito, chiedono chiarificazioni
e istruzioni pi`
u precise, esprimono a parole il fatto di trovare difficile il compito.
` possibile che, a livello cerebrale, le procedure primarie di immagazzinamento
E
della realt`a fisica dei colori riguardino dei punti delle superfici, piuttosto che
volumi estesi. Processi secondari invece si potrebbero occupare dellestensione
95

a punti del solido che non sono inclusi nel punto focale.
Entrando pi`
u nel dettaglio, la seconda scoperta riguarda lesistenza di una
sequenza fissa di stadi evolutivi nellacquisizione dei nomi di colore basici. Ogni
lingua deve passare attraverso questa sequenza man mano che il suo lessico dei
colori basici si espande.
Dopo essere arrivati a questa conclusione gli autori ampliarono le lingue prese in
esame dalle 20 iniziali, analizzate sperimentalmente, e aggiunsero 78 lingue sui
cui sistemi di colore raccolsero dati e informazioni in modo indiretto, avvalendosi
di materiale tratto da fonti pubblicate e comunicazioni personali con linguisti
ed etnografi che possedevano conoscenze specifiche delle lingue in questione. I
gradi di precisione per ogni lingua erano quindi diversi.
La regola vista precedentemente riguardo allordine di acquisizione dei termini di
colori vale, oltre che per le 20 lingue iniziali, anche per quelle aggiunte successivamente. Se una lingua codifica delle categorie di uno stadio, allora codificher`a
anche le categorie appartenenti agli stadi precedenti. Gli stadi precedenti costituiranno quindi gli stadi precedenti di sviluppo di ogni specifica lingua, e lacquisizione o perdita di un termine da parte di una lingua seguir`a lordine dettato
dalla regola. In realt`a la perdita di termini, intendendo con ci`o la perdita vera
e propria e non la sostituzione con un nuovo termine, avviene molto raramente.
In ogni momento una lingua apparterr`a ad uno solo dei 7 stadi ed avr`a superato
nella sua storia gli stadi precedenti.
La distribuzione delle lingue del campione rispetto agli stadi proposti era di 9
lingue appartenenti allo stadio I, 21 appartenenti allo stadio II, 8 appartenenti
allo stadio III a e 9 al III b, 18 appartenenti allo stadio IV, 8 allo stadio V, 5
allo stadio VI e 20 allo stadio VII.
L emergere delle categorie verde e giallo segna due separati stadi di sviluppo,
e solitamente il giallo emerge prima del verde. Lo stadio III vede la comparsa
di una di queste due categorie, mentre lo stadio IV vede lemergere di quella di
queste due categorie che non `e apparsa nello stadio III. Nel campione preso in
esame si trovano lingue che possiedono uno di questi due termini ma non laltro.
Ci`o contrasta con lipotesi che i due termini appaiano simultaneamente.
Analizzando il primo e lultimo stadio, Berlin e Kay [32] notarono che non vi
era alcuna lingua in cui mancasse uno dei due termini previsti dal primo stadio
(bianco/tinte chiare, nero/tinte scure), ovvero che non esistono sistemi ad un
solo termine. Similarmente, per lultimo stadio c`e una forte tendenza per una
lingua che possiede uno di questi termini a possedere anche tutti gli altri.
Sembra esserci anche una correlazione tra complessit`a culturale/livello di
sviluppo tecnologico e complessit`a del lessico dei colori.
Tutte le lingue di popoli europei e asiatici industrializzati si trovano allo stadio
VII, mentre tutte le lingue che si trovano agli stadi I, II e III sono parlate da persone che appartengono a popolazioni esigue e con limitata tecnologia, situate in
regioni isolate. Non `e per`o possibile specificare meglio questa correlazione fino a
che i concetti di livello di sviluppo tecnologico e grado di complessit`a culturale
non saranno meglio capiti e misurati. Il vocabolario totale di lingue parlate
96

da popoli poco sviluppati tende a essere pi`


u ridotto rispetto a quello di lingue
parlate da popoli pi`
u avanzati.
Lincremento dei termini di colore basici potrebbe essere parte di un aumento
generale nel lessico della lingua, in risposta ad un ambiente culturale pi`
u ricco
di informazioni riguardo alle quali il parlante ha bisogno di esprimersi e comunicare.
Man mano che si procede negli stadi di evoluzione dei termini di colore basici,
le categorie precedenti riducono la loro portata perche nuove categorie vengono
introdotte e occupano parte dello spazio occupato prima da quelle precedenti.
Quando una lingua arriva allo stadio VII, c`e una rapida espansione allintero
insieme dei colori basici. In questo stadio vengono raggruppate le lingue che
possiedono da 8 a 11 termini.
Riassumendo, si possono riconoscere sette stadi nellevoluzione dei termini
di colore basici:
Stadio I: black, white
Stadio II: black, white, red
Stadio IIIa: black, white, red, green [che si estende nei blu]
Stadio IIIb: black, white, red, yellow
Stadio IV: black, white, red, green, yellow
Stadio V: black, white, red, green, yellow, blue
Stadio VI: black, white, red, green, yellow, blue, brown
Stadio VII black, white, red, green, yellow, blue, brown, purple, pink, orange,
grey [in questo stadio possiamo trovare otto, nove, dieci o undici termini]
Berlin e Kay portano degli esempi concreti di lingue che appartengono ad ognuno
degli stadi che hanno delineato.
Nel caso di lingue allo stadio I, suggeriscono che talvolta possano trovarsi termini
per indicare altri colori, ma che questi siano estremamente specializzati e usati
in contesti molto ristretti, ad esempio per riferirsi ad una determinata sostanza
o oggetto. L appartenenza dei colori a due sole categorie `e regolata dal grado
di luminosit`a del colore specifico (quelli pi`
u chiari appartengono alla categoria
bianco, quelli pi`
u scuri alla categoria nero).
Lo Stadio III viene distinto in III a qualora si affermi per primo il termine
verde, III b nel caso si affermi per primo il termine giallo.
Nel caso della lingua Tzeltal, allo stadio IV, gli autori sostengono fosse in corso
un passaggio allo stadio successivo proprio nel momento in cui svolsero la loro
indagine, e che quindi quello fosse un periodo di transizione. Lindizio che li fa
propendere per questa ipotesi `e il fatto che 31 su 40 soggetti analizzati indicano
il punto focale del termine per verde precisamente nellarea dello spettro in
97

cui viene collocato in inglese. Il blu veniva riconosciuto come distinto. Per tutti
i parlanti di questa lingua era chiaro che il termine per verde includeva al suo
interno due centri percettivi distinti e importanti, verde e blu. Forse il contatto
con parlanti di lingua spagnola negli ultimi 400 anni aveva accentuato questo
aspetto che stava per emergere.
Lo stadio VII `e rappresentato da venti delle 98 lingue del campione. Nella
maggioranza dei casi le lingue che appartengono a questo stadio possiedono
tutti gli 11 termini di colore basici. Oltre a esserci lingue che ne possiedono di
meno, ci sono casi di lingue che possiedono pi`
u termini basici per uno stesso
colore, ad esempio in ungherese ci sono due termini basici per rosso. In modo
simile il russo possiede due termini per blu: sinij (blu) e goluboj (azzurro), e
ci`o avviene per molte altre lingue slave. Gli autori sostengono per`o che lo status
di goluboj non sia chiaro, in quanto sembra essere meno saliente e meno ben
compreso dai bambini russi rispetto agli altri termini di colore basici del russo.
Ipotizzano quindi che il termine goluboj sia un termine secondario e che sinij
contenga al suo interno due categorie secondo lo schema illustrato in figura 6.2.

Figura 6.2: Termini russi sinij e goluboj. Il secondo potrebbe essere un termine
secondario il cui significato `e contenuto nella categoria linguistica sinij.
Berlin e Kay riconoscono lesistenza di alcune eccezioni e casi problematici. Alcuni di questi problemi si riferiscono a casi in cui non risultava chiaro
quali termini dovessero essere classificati come basici. Per esempio, il soggetto
catalano considerava negre, nero, come una specie di gris, grigio, pur distinguendo black e grey in inglese. Ci`o indica che negre potrebbe non essere un
termine basico, e in questo modo il catalano mancherebbe di un termine basico
per nero, violando in questo modo la gerarchia.
Un altro problema riguardava il cantonese, che possiede termini per bianco,
nero, rosso, verde, giallo, blu, rosa e grigio, ma a cui manca un termine per
marrone, contravvenendo ancora alla gerarchia. In questo caso gli autori suggerirono che i termini per rosa e grigio fossero stati recentemente introdotti nella
lingua e che non fossero termini basici.
Altre lingue sono problematiche in riferimento alla gerarchia in quanto mancano
di un termine basico che avrebbero dovuto possedere, oppure perch`e acquisirono
un termine prima di aver raggiunto lo stadio che lo prevedeva.
Nei capitoli successivi parleremo di alcuni studi, tra cui [5659], condotti su
alcune di queste lingue che sembrano contenere un dodicesimo termine di colore
basico come il russo e lungherese, creando un problema allinterno di questa
98

teoria. Dato che solo una parte esigua delle lingue del campione presentava dei
problemi, Berlin e Kay non modificarono la loro teoria ma le considerarono delle
eccezioni.
Nella linguistica storica, la ricostruzione linguistica interna `e un procedimento comune. Gli autori si avvalgono di questa metodologia per affermare la loro
teoria evoluzionista dellacquisizione dei termini di colore basici. I presupposti
da cui partono sono due:
I termini di colori che appaiono come prestiti sono probabilmente pi`
u
recenti dei termini nativi.
I termini di colori che sono analizzabili sono probabilmente pi`
u recenti
di termini non analizzabili. In particolare, i termini vengono considerati
analizzabili se:
contengono affissi derivazionali;
contengono pi`
u di una radice;
contengono affissi o radici analizzabili;
contengono elementi con il significato colore, colorato, color di...
ecc;
contengono il nome (o sono anche il nome) di oggetti che sono tipicamente di quel colore.
Se la teoria evoluzionista `e corretta, i termini adottati negli stadi pi`
u avanzati
dovrebbero essere pi`
u recenti di quelli adottati negli stadi pi`
u primitivi. Questa
teoria viene corroborata quando i principi di ricostruzione interna sono applicati
ai dati raccolti. Ad esempio, in molti casi di lingue allo stadio II, il nome per
rosso deriva dal nome per sangue (ad esempio negli aborigeni del Queensland [39]), mentre i termini bianco e nero non presentano una tale origine.
Nella conclusione gli autori azzardano un parallelo tra lo sviluppo del lessico
dei colori e lo sviluppo della fonologia.
Gli stadi di sviluppo del lessico dei colori sembrano ai loro occhi essere paralleli
a quelli della teoria dello sviluppo fonologico proposta da Jakobson e Halle [60].
Sia il suono che il colore, daltra parte, sono fenomeni donda, lenergia totale
corrisponde nel suono alla sonorit`a e nel colore alla luminosit`a, la frequenza
corrisponde nel suono al timbro e nel colore alla tinta, la purezza dellonda corrisponde alla musicalit`a o compattezza nel suono e alla saturazione nel colore.
Come nel caso del colore, la fonologia inizia con due categorie e non con una,
come descritto dal labial stage di Jakobson e Halle. Ad esempio in /pa/ troviamo una occlusiva, che esprime la massima limitazione nellemettere energia,
e una vocale aperta che rappresenta la massima emissione di energia di cui
lapparato vocale umano sia capace. Si nota un parallelo con le categorie nero
(minima luminosit`a) e bianco (massima luminosit`a). Nel secondo stadio si aggiunge la dimensione della frequenza. Nella fonologia, dopo un primo stadio in
99

cui esiste solo un attributo, quello della sonorit`a, si introduce un altro attributo,
il timbro, e si stabilisce cos` la prima opposizione (/p/ e /t/). Nel campo del
colore si introduce la tinta, con larrivo del rosso. Dopo i primi due stadi, il
parallelo risulta essere meno perfetto. In entrambi i domini si assiste comunque
ad una scissione delle categorie esistenti.
Un problema che gli autori lasciano aperto nella conclusione `e quello dellordine di acquisizione dei termini di colore basici chiedendosi quale sia la spiegazione di quellordine preciso. Le conclusioni dei due autori riguardano solo il
problema della crescita numerica del lessico, ma non viene fornita alcuna spiegazione fisiologica della rilevanza apparentemente maggiore degli undici stimoli
di colore particolari. Inoltre non viene spiegato lordine nel quale i punti focali
verrebbero codificati universalmente nei lessici.

6.3

Critiche al lavoro di Berlin e Kay

Questo testo, come gi`a accennato, ha avuto leffetto di una vera e propria
rivoluzione negli studi sulla denominazione dei colori. Molte sono state anche le critiche rivolte a questo studio e al metodo utilizzato per condurlo, che si
sono concentrate sulla dubbia qualit`a dei dati empirici usati.
Di seguito si cercher`a dapprima di sintetizzare i punti chiave delle critiche mosse
nei loro confronti, esaminando poi pi`
u nel dettaglio le critiche di Collier [61], che
critica il metodo utilizzato da Berlin e Kay [32], pur arrivando poi alle stesse
conclusioni universaliste, e di Lucy [62].
Molte delle fonti secondarie utilizzate sono del secolo precedente anche in
casi in cui ne sarebbero esistite di pi`
u recenti.
Per alcune lingue gli autori hanno usato molti informatori (ad esempio
per lo Tzeltal), mentre per la maggior parte solo uno, non si poteva
quindi essere certi che i risultati riflettessero la lingua nel suo insieme
o semplicemente lidioletto di quel determinato parlante.
Gli informatori provenivano principalmente dallarea di San Francisco ed
erano bilingui, i risultati potevano essere quindi soggetti allinfluenza della
lingua inglese. Ci`o senza considerare pi`
u nello specifico il rapporto tra
rappresentazione del colore e bilinguismo.
Gli intervistatori, per la maggior parte, non erano parlanti delle lingue
studiate.
Per uninchiesta lessicale vennero utilizzati campioni colorati artificiali: ci`o
pu`o essere considerato un metodo poco attendibile e potrebbe invalidare
i risultati.
Si trovano classificazioni confuse delle lingue e trascrizioni fonetiche errate
o erratamente ricopiate da altre fonti.
100

Viene criticato anche il criterio di inclusione delle lingue nel campione. Le


lingue esaminate tenderebbero a coincidere con determinate aree geografiche e famiglie linguistiche.
Un ulteriore problema `e quello che si riscontra nellapplicare i criteri da
loro proposti a lingue particolari, poiche i cambiamenti nelle lingue sono
sempre graduali e quindi ci sono molti casi di transizione. In casi di
transizione solitamente si riscontra ampia variazione tra parlanti, cosa che
complica ulteriormente la questione di quali siano i nomi di colore basici
di quella lingua.
La nozione e la definizione di termini di colore basici non offrono caratteristiche linguistiche abbastanza stabili, tali da permettere di opporli nettamente ai termini definiti secondari.
I quattro criteri per definire i nomi di colore basici non sono sempre chiari
nella loro applicazione; e la rilevanza psicologica non `e una caratteristica
cos` facilmente e inequivocabilmente osservabile. I termini di base, definiti in base a questi criteri, sembrano approssimazioni ad una terminologia
tecnica piuttosto che segmenti di una lingua naturale.
Lelenco di questi termini sembra peraltro fondarsi sul modello delluso
angloamericano e sulla sua pretesa corrispondenza a qualche struttura
immanente.
Quello che va ribadito inoltre `e la difficolt`a che nasce dallapplicazione di
questi criteri a casi particolari. Abitualmente per`o questi casi riguardavano un singolo termine o una singola area dello spazio colore, indicando
che quellarea stava subendo un cambiamento.
Un problema riguarda il primo criterio che prevede la non predicibilit`a
del significato di un termine di colore a partire dal significato delle sue
parti. Si `e notato che in molte lingue oceaniche e australiane, molti di
quelli che vengono considerati termini di colore basici sono infatti forme
duplicate la cui radice denota oggetti che notoriamente mostrano il colore
corrispondente.
La distinzione tra colori basici e gli altri `e inevitabilmente un fatto interno
ad una lingua data in una cultura data. Cercare se una lingua esprime
o meno un determinato colore non porta quindi ad unanalisi interna a
quella lingua.
George A. Collier [63] revision`o questo lavoro mettendo in luce il fatto che cera
una forte associazione tra regioni degli stimoli proposti con alti livelli di saturazione e il raggruppamento delle risposte.
Il fatto che i punti focali corrispondessero in tutte le lingue analizzate spinse
Berlin e Kay a ritenere le categorie universali. Collier mise in discussione che
questo fatto fosse prova della loro universalit`a, e ritenne invece che si trattasse
di un artefatto della procedura sperimentale adottata, di un difetto nellorganizzazione del materiale da loro utilizzato.
Il materiale adottato dai due studiosi includeva colori per ogni combinazione di
101

tinta e chiarezza, ma con una saturazione che risultava sempre massimizzata.


Gli stimoli infatti variavano sistematicamente in tinta e chiarezza, ma in modo
irregolare per quanto riguardava la saturazione, producendo cos` zone con saturazione molto pi`
u alta rispetto ad altre.
Osservando i risultati da loro ottenuti Collier not`o che le regioni in cui venivano
localizzati i punti focali delle categorie cromatiche corrispondevano quasi perfettamente a colori stimolo in cui la saturazione era estremamente alta. Questi
venivano per`o selezionati per la loro salienza visiva, e diventa difficile separare i
risultati da questo elemento viziato. Per questo motivo Collier decise di replicare
questa procedura con un array in cui la saturazione fosse tenuta costante, eliminando cos` regioni con saturazione molto alta. I risultati, ci anticipa, potrebbero
comunque confermare lesistenza di tali universali.
Per replicare lesperimento realizz`o due diversi grafici di colore, uno sostanzialmente identico a quello di Berlin e Kay [32] e laltro che incorporava le modifiche
previste da Collier per quanto riguarda i livelli di saturazione. La procedura originale venne ripetuta su 24 soggetti di lingue diverse (questo campione
presenta per`o le stesse problematiche di quello di Berlin e Kay, trattandosi di
soggetti bilingui trovati nella zona di San Francisco). In entrambi i casi le
risposte furono conformi a quelle di Berlin e Kay. Questo ulteriore test indic`o
che ci sono alcune regioni di tinta, allinterno di quellinsieme di colori per i
quali si pu`o ottenere alta saturazione, che sono predisposte ad essere i punti
focali dei termini di colore basici. Venne quindi provato che i nomi di colore
sono associati ai colori con alta saturazione.
Nel 1976 [61] pubblic`o i risultati di questa sua replica dellesperimento in cui
venne controllata la saturazione negli stimoli usati. Ci`o lo port`o ai medesimi
risultati ottenuti da Berlin e Kay.
Lucy [62] ritiene che nella ricerca sui termini di colore sia sempre mancata
una seria analisi linguistica.
Per quanto riguarda la caratterizzazione delle categorie linguistiche, Berlin e Kay
utilizzarono una nozione di significato troppo limitata, confinata ad aspetti
denotativi e decontestualizzati. Essi si avvalsero infatti di campioni colorati e
cercarono di sviluppare una semantica primariamente in termini della capacit`a dei soggetti di etichettare tali referenti ignorando quindi aspetti contestuali
e strutturali del significato, come la gamma referenziale caratteristica di un
termine (il suo uso tipico in una variet`a di contesti diversi) e il suo potenziale
distributivo formale (la sua posizione contrastiva e combinatoria allinterno delle
categorie disponibili nella lingua). Luso referenziale ordinario, di tutti i giorni,
di questi termini non venne affatto considerato, ne venne considerato il loro
status grammaticale allinterno della lingua. Come rappresentativo dei contesti
di tutti i giorni, questo insieme di campioni colorati era quindi molto ristretto
e limitato e addirittura, in un certo senso, dettava in anticipo i possibili significati che i termini potevano assumere dato che i campioni non ne includevano
altri possibili oltre alle dimensioni di tinta e chiarezza, escludendo altre possibili
componenti non cromatiche.
Linsieme degli stimoli era allo stesso tempo molto complesso: i compiti di
102

nominare gli stimoli obbligavano i soggetti a fare microconfronti e dare giudizi


raramente riscontrabili nella vita quotidiana. Sembra quasi che lo scopo sia
quello di ottenere accuratezza nellattribuire nomi piuttosto che intelleggibilit`a.
Lucy porta, come esempio positivo di analisi linguistica, seppur ancora imperfetto, uno studio di Conklin [64] sulle categorie di colore Hanunoo (Filippine).
Conklin prepar`o degli stimoli artificiali che includevano dei fogli e delle stoffe
dipinti, registrando anche, nelle risposte dei soggetti, delle descrizioni di oggetti specifici di ci`o che circonda luomo, siano essi elementi naturali o artificiali.
Questo rese possibile scoprire i referenti tipici di questi termini senza pregiudizi.
Facendo utilizzare i termini in modo effettivo in un compito diverso rispetto a
quello di attaccare delle etichette agli stimoli, il loro valore referenziale tipico
venne preso in considerazione.
Le parole non esistono solamente per fornire un elenco di etichette, ma soprattutto per motivi comunicativi, ed `e a questultima funzione che ci dobbiamo
riferire se vogliamo comprendere la loro semantica. Le strutture linguistiche
sono costruite allo scopo di servire funzioni comunicative e codificheranno formalmente quegli aspetti dellesperienza che sono massimamente utili per la comunicazione, mentre ignoreranno quelli di scarsa utilit`a.
Conklin scopr` che i quattro termini (nero, bianco, rosso, verde chiaro) che
aveva classificato per lHanunoo non si riferivano solo ad attributi puramente
cromatici, ma avevano legami con lambiente esterno, avevano cio`e altri valori
referenziali. Alla fine classific`o i quattro termini secondo i seguenti livelli di
distinzione: chiaro/scuro, umido/secco, indelebile/sbiadito, sostenendo che
quella che sembrava confusione riguardo al colore, nel sistema di questa lingua,
derivava in realt`a da una conoscenza inadeguata da parte sua della struttura interna del sistema stesso. Una conoscenza adeguata per`o non verr`a mai ottenuta
restringendo gli stimoli a tasselli colorati e il compito ad una fredda attribuzione
di etichette.
Oltre al problema referenziale, Berlin e Kay sbagliarono anche nel non analizzare il ruolo sintattico dei termini. Parlarono solo, in qualche senso, di ruolo
sintattico nellenunciare i criteri che definiscono un termine basico. Quindi,
secondo Lucy, piuttosto che usare lanalisi formale come una procedura per scoprire come funziona la lingua, essa venne usata solamente per giustificare quello
che era gi`a stato deciso a priori su base intuitiva.
Quello che Berlin e Kay hanno fatto, `e stato di estrarre un insieme di oggetti
lessicali dalla grammatica, primariamente sulla base della loro capacit`a di riferirsi ad un insieme fisso di stimoli artificiali. Anche Conklin `e andato in questa
direzione, ma almeno ha iniziato chiedendosi quali erano le regolarit`a interne al
sistema e sulla base di esse ha definito il suo insieme di quattro termini.
Lucy [62] propone la tabella 6.2 che mostra la potenziale distribuzione per
alcuni aggettivi inglesi che si riferiscono a qualit`a visive, e che viene qui inserita per rendere pi`
u concrete le sue critiche. Ci`o ci permette di osservare come
questi aggettivi riferiti al colore siano molto eterogenei, sia nella loro similarit`a
103

con altri aggettivi, sia in termini di sottogruppi interni. Queste differenze nel
potenziale contribuiscono e allo stesso tempo derivano dai significati dei termini
stessi. Guardando la tabella 6.2, ad esempio, ci si pu`o chiedere il perche della
mancanza di forme in -ing nei gruppi F e G: mentre gli aggettivi degli altri gruppi presentano la possibilit`a di creare forme in -ing, questa possibilit`a non esiste
per gli aggettivi dei gruppi F e G. Oppure, qual`e il motivo della mancanza di
forme in -en in tutti i gruppi da E a J? C`e sicuramente qualche differenza nel
significato lessicale che motiva il trattamento differenziato. Perche i termini del
gruppo B non sono considerati nomi di colori? Oltre a queste, sorgono molte
altre domande, ma il punto non `e la mancanza di risposte a queste domande,
dato che in molti casi `e possibile farlo. Il punto `e che tutti gli approcci ai termini
di colore mancano di una seria analisi comprensiva della dimensione grammaticale di queste forme, manca un intero livello di analisi, manca lattenzione alla
struttura e alla distribuzione che i termini di colore occupano nella lingua. In
questo modo si perdono degli importanti aspetti del significato di queste forme.
Lucy dice, riferendosi alla letteratura relativa a questo dominio, che non serve
avere alcuna conoscenza di lingue o di linguistica per leggere questa letteratura,
ne per condurre una ricerca allinterno di questa tradizione. Gli articoli che
studiano i termini di colore nelle varie lingue non parlano mai di quelle lingue,
non c`e alcuna investigazione sulla lingua e nemmeno sul valore strutturale dei
termini studiati. Ci si limita invece a estrarre dalla lingua i termini che interessano (nella fattispecie, termini di colore) che sembrano non fare parte di un
sistema linguistico, ma essere elementi isolati e autonomi.
Il secondo punto riguarda il confronto crosslinguistico tra categorie, ed `e
ancora pi`
u problematico in quanto `e proprio in sistemi diversi dal nostro che
dovremmo stare alla larga dalle intuizioni e che laffidamento a metodi formali
`e indispensabile. Quello che abitualmente accade `e che la nostra concezione del
colore limiti la nostra comprensione. Si guardano e analizzano le lingue del mondo attraverso le lenti delle nostre categorie, in particolare si raggruppano i lessici
delle varie lingue sulla base di quanto essi corrispondono al nostro. Questo tipo
di approccio preclude anche la possibilit`a di stabilire se un sistema di colore
esista effettivamente in una data lingua come dominio ben definito e saliente.
Conklin descrisse le sue difficolt`a nello stimolare la produzione di termini nei
soggetti. Chiedeva loro come ti appare questo?, e quando i soggetti rispondevano, chiedeva loro di evitare i tipi di termine che non gli interessavano, ad
esempio i termini di forma. Ma, considerando pure che tutti i termini che
vengano in mente ai soggetti riguardino solo attributi cromatici, potrebbe trattarsi di termini complessi, quindi lo sperimentatore non terr`a in considerazione
termini che riterr`a essere non basici e prender`a come buone solo le risposte che
incontreranno questi requisiti. Evidentemente lo sperimentatore sta cercando
delle forme come quelle della sua lingua e della sua cultura, tutto ci`o che si
allontana da questo non verr`a preso in considerazione. I nostri modelli grammaticali saranno lo standard sulla base dei quali si identificheranno forme di
colore appropriate. Questa procedura pu`o portarci a dire quanto il sistema
104

B
C
D
E

I
J

hard
rough
bright
light
dark
black
white
red
yellow
brown
tan
grey
green
blue
pink
orange
purple
blond
maroon
silver
beige
aqua
crimson
scarlet
violet
dry
clear
glossy
shiny
pale
vivid
brilliant
luminous
ruddy

lightish
darkish
blackish
whitish
reddish
yellowish
brownish
tannish
greyish
greenish
bluish
pinkish
orangish
purplish
blondish

harden
roughen
brighten
lighten
darken
blacken
whiten
redden

hardening
roughening
brightening
lightening
darkening
blackening
whitening
reddening
yellowing
browning
tanning
greying
greening
bluing

dark black
light white
dark/light red
dark/light yellow
dark/light brown
dark/light tan
dark/light grey
dark/light green
dark/light blue
dark/light pink
dark/light orange
dark/light purple
dark/light blond
dark/light maroon
dark/light silver
dark/light beige
dark/light aqua
dark/light crimson
dark/light scarlet
dark/light violet

drying
clearing
glossing
shining
palish

Tabella 6.2: Potenziale distributivo di alcuni aggettivi inglesi (riferiti a qualit`a


visive). Tratto da [62].

105

dei colori di quella lingua `e vicino e assomiglia al nostro, ma non come quel
sistema `e in generale, considerato isolatamente.
Detto questo, ci`o che meraviglia maggiormente `e che, nonostante lutilizzo di
metodologie cos` inquinate, vengano alla luce ancora cos` tante differenze tra sistemi. Hickerson [65] studi`o la terminologia dei colori nella lingua Zuni (U.S.A.)
e scopr` che essa possedeva due tipi di termini che si riferivano al colore: termini
astratti derivanti da verbi, e termini specifici derivanti da sostantivi. Mentre
questi ultimi sono forme nominali che si riferiscono a colori intrinsechi, specifici
di una sostanza o di un oggetto, i primi derivano da verbi i quali si riferivano a
processi di cambiamento, di divenire. I due tipi di termini quindi riflettevano due tipologie di esperienze diverse tra loro. Allo stesso tempo i significati
culturali e sistemici dei termini Zuni sono completamente diversi dai nostri e,
anche qualora ci fossero delle sovrapposizioni tra le loro categorie e le nostre, il
valore del significato resterebbe diverso.
In generale, i concetti di colore possono essere espressi da verbi, sostantivi, aggettivi, particelle libere e altro, e sebbene solitamente siano trattati come aggettivi
nelle lingue che hanno questa categoria, ci`o non deve essere affatto considerato
universale. Inoltre, non tutte le forme rilevanti devono necessariamente cadere
allinterno della stessa categoria formale in una stessa lingua.
In conclusione, Lucy sostiene che le conclusioni universaliste a cui arrivarono
Berlin e Kay siano costruite allinterno della metodologia e della concettualizzazione della lingua che vengono utilizzate in questa ricerca. Lucy parla di universalismo radicale, riferendosi al fatto che se si parte convinti di sapere quale
sia la realt`a, si scoprir`a esattamente quello che si pensava di scoprire, perche la
metodologia usata la presupporr`a in ogni suo punto. Le scoperte universaliste
sono gi`a impacchettate allinterno delle assunzioni del metodo di ricerca. Allo stesso modo, Lucy critica il relativismo radicale, ovvero quello che porter`a
certamente a scoprire che le lingue sono realt`a completamente diverse e inintelleggibili tra loro. Ci`o perche la metodologia di ricerca utilizzata presuppone che
ogni fatto formale corrisponda a una differenza nella realt`a.

6.4

Il World Color Survey

Un sondaggio molto ampio dei sistemi di colore nelle lingue del mondo ha prodotto ampi dati di alta qualit`a che permisero di ottenere un quadro molto pi`
u completo dei sistemi di termini di colore di tutto il mondo.
Il World Color Survey (WCS) `e un sondaggio sui sistemi di termini di colore di
110 lingue minori realizzato da Cook, Kay, Regier [66, 67] grazie ai finanzia` un progetto di
menti della National Science Foundation (NSF) e altri enti. E
ricerca nato nel 1976, ideato per validare, invalidare, espandere ed eventualmente modificare le principali scoperte di Berlin e Kay [32], il cui studio era
limitato nel numero e nella tipologia di lingue esaminate. Si trattava infatti di
lingue scritte di paesi industrializzati, ed era difficile accettare la loro generaliz106

zazione, a partire da questo tipo di lingue, a tutte le lingue del mondo. A questo
fine, il WCS raccolse dati in loco sui nomi di colori in 110 lingue non scritte
di comunit`a non industrializzate, parlate su piccola scala. Lo studio di Berlin
e Kay pu`o in effetti essere considerato un progetto pilota che ha poi ispirato
questo studio su pi`
u ampia scala.
Alla fine degli anni 70 grazie alla collaborazione del SIL (Summer Institute
of Linguistics), che contava una buona rete di linguisti-missionari in giro per
il mondo, vennero raccolti in situ dati sui sistemi di colori di parlanti di 110
lingue non scritte rappresentati ben 45 diverse famiglie linguistiche.
Per ogni lingua si raccolsero dati da una media di 24 parlanti tra uomini e donne,
possibilmente monolingui. Ai soggetti veniva chiesto di dare un nome a 330 tasselli colorati prodotti dalla Munsell Color Company, mostrati in ordine costante
e casuale, e successivamente di indicare il migliore esempio (o i migliori esempi)
per ognuno dei termini basici che era stato utilizzato dallo stesso soggetto. Lo
scopo era di ottenere nomi, confini di categorie e migliori esempi dei termini di
colore basici in ogni lingua (i termini di colore basici erano definiti come il pi`
u
piccolo insieme di parole semplici con le quali il parlante pu`o nominare qualsiasi colore). La metodologia utilizzava prevalentemente coincideva con quella
utilizzata da Berlin e Kay.
Nel 1980 circa la fase di raccolta dati era terminata e questi vennero analizzati.
A partire dal 2000 si `e deciso di rendere disponibili questi dati attraverso un
archivio online2 . I file che si trovano in questo archivio riportano tutti i risultati
che questo studio ha dato, comprese le istruzioni originali che vennero fornite a
coloro che avevano svolto lindagine sul campo.
Parleremo ancora di WCS, poiche i dati che ha raccolto sono stati utilizzati
ed analizzati per alcuni degli studi pi`
u recenti che presenteremo nelle prossime
pagine. In particolare in [67] si presentano i risultati ottenuti grazie a questi
dati.

6.5

Modifiche alla teoria di Berlin e Kay

In seguito Kay, da solo o in collaborazione con altri, ha proposto varie revisioni


della teoria originale di Berlin e Kay [32]. Per larga parte questi studi hanno
confermato le scoperte originali dei due, tuttavia sono state fatte importanti
modifiche alla gerarchia da loro creata (per esempio [68, 69]) in modo da accomodare alcuni tipi di lingue che non erano attestate nel loro studio originale o
che erano trattate come eccezioni e ne sono state studiate le basi fisiologiche.
Nel 1975 Kay [68], partendo dalla teoria elaborata precedentemente insieme
a Berlin e con lausilio di nuovi dati, rianalizz`o la sequenza temporale della
codifica dei punti focali e ne diede uninterpretazione che spiegava non solo il
meccanismo di codifica dei nuovi punti focali, ma anche linterazione tra punti
focali e non focali.
2 http://www.icsi.berkeley.edu/wcs/data.html

107

Per quanto riguarda la revisione della sequenza, egli ritenne che al primo stadio si trattasse non di sistemi a due termini in contrasto di luminosit`a (bianco
e nero), ma di sistemi che oppongono tonalit`a scure e fredde da una parte e
tonalit`a luminose e calde dallaltra.
Il punto focale blu sembrerebbe poter essere codificato prima o simultaneamente con il punto focale verde. Nello stadio III della sequenza, lelemento
operativo non sarebbe quindi verde o blu ma la categoria grue. Questa
categoria pu`o essere codificata prima o dopo la categoria giallo, ma non si
scinde mai in verde e blu e non viene codificata mediante due termini fondamentali se non dopo la codifica del punto focale giallo.
In questa versione rosso emerge da bianco e non in parte da bianco e in
parte da nero, come nella versione precedente. In figura 6.3 viene mostrata
la sequenza riadattata. Kay elenca le seguenti predizioni sulla variazione dei

Figura 6.3: Riadattamento della sequenza temporale di acquisizione dei termini


basici, ad opera di Kay [68].
termini basici dal punto di vista sincronico:
Se tutti i parlanti di una lingua sono, per quanto riguarda i termini di
colore basici, ad un dato stadio n, i termini secondari pi`
u salienti saranno
quelli che diventeranno basici agli stadi n+1, n+2 ecc;
I gradi relativi di rilevanza dei termini secondari seguono lordine della
sequenza evolutiva;
In una comunit`
a con cambiamenti in atto del lessico cromatico fondamentale, non tutti i parlanti sono allo stesso stadio, ma ogni parlante sar`a
classificabile rispetto ad un suo stadio;
In una comunit`
a di questo tipo tutti gli stadi presenti saranno contigui
nella sequenza;
Le difficolt`a di classificazione dei parlanti rispetto allo stadio riguarderanno solo stadi adiacenti della sequenza;
I termini di colore basici aggiunti in stadi successivi sono presenti come
termini secondari ai parlanti in stadi precedenti;
Lo stadio di un parlante `e correlato con vari fattori dipendenti dal contesto
sociale e anche dallet`a (i pi`
u giovani hanno sistemi di termini di colore
basici pi`
u avanzati rispetto ai parlanti pi`
u anziani);
108

Successivamente Kay, in collaborazione con McDaniel [70], forn` unulteriore


revisione della teoria iniziale. Essi forniscono un modello formale per descrivere
la semantica del colore e levoluzione dei sistemi di colore. Questo modello utilizza il formalismo della fuzzy set theory per descrivere la struttura e le relazioni
tra categorie allinterno del dominio dei colori.
La fuzzy set theory si `e sviluppata a partire da modifiche apportate ai concetti
della standard set theory. La differenza di base tra le due `e che nellultima lappartenenza ad una categoria `e definita in modo rigoroso (un elemento appartiene
o non appartiene ad un dato insieme), mentre la fuzzy set theory riconosce ai
membri diversi gradi di appartenenza ad un insieme. Si assegna quindi ai membri un valore da 0 a 1, il quale esprime il grado di appartenenza ad un dato
insieme.
Linadeguatezza di un un trattamento di questi membri come discreti (non continui) `e evidente nel caso di espressioni quali yellow-green, le quali non sono
evidentemente contradditorie e hanno invece significati abbastanza chiari. Un
oggetto di colore giallo-verde `e di colore giallo per un certo grado e di colore
verde per un certo grado. Quello che questa teoria permette ad un elemento `e
di appartenere ad una categoria ad un certo grado, consentendogli allo stesso
tempo di appartenere anche ad altre categorie. Le funzioni di appartenenza
risultano quindi essere continue.
Il contributo pi`
u importante del modello `e il fatto di fornire un collegamento
tra la fisiologia della percezione del colore e le categorie semantiche universali
di colore. Gli universali semantici vengono considerati come derivati da propriet`a del sistema visivo e come inerenti alla percezione umana del colore. La
percezione del colore sarebbe, in tutti i popoli, il risultato di processi neurofisiologici comuni, che costituiscono la base dei modelli universali dei significati
dei termini basici di colore. Gli universali semantici avrebbero dunque una base
biologica e sarebbe la percezione a determinare la lingua (lesatto opposto di ci`o
che sostiene il relativismo).
Il modello spiega anche perche alcune categorie, come grue, abbiano punti focali multipli (colori giudicati come migliori esempi di una categoria), cosa che
prima non si riusciva a spiegare in modo soddisfacente. Berlin e Kay ritenevano
erratamente che ogni categoria fosse associata ad un solo focus. In questa
sede viene messo in discussione anche il fatto che i termini di colore con punti focali simili riflettano le stesse categorie basiche universali, anche quando i
termini hanno estensioni molto diverse. Un modello adeguato, secondo Kay e
McDaniel dovrebbe tenere in considerazione le estensioni dei termini, oltre che
i loro punti focali.
Il modello fornisce una nuova prospettiva sulla natura delle categorie di
colore basiche. Diversamente da quanto assunto da Berlin e Kay, ovvero che
tutte le 11 categorie basiche avessero uguale valore, Kay e McDaniel sostengono
che non tutte le categorie siano dello stesso tipo, ma che ne esistono di tre
diverse tipologie:
Categorie primarie: sono costituite dai primari di Hering, cio`e nero,
109

bianco, rosso, giallo, verde, blu;


Categorie composite: sono costituite dallunione di due o pi`
u primari
di Hering. Es. luce-caldo (bianco o rosso o giallo), scuro-freddo (nero o
verde o blu), caldo (rosso o giallo), freddo (grue verde o blu);
Categorie derivate: sono costituite dalle mescolanze dei sei primari di
Hering. Es. marrone (nero+giallo), viola (rosso+blu), rosa (rosso+bianco),
arancione (rosso+giallo), grigio (bianco+nero).
In tutto, le categorie di colore fondamentali sono quindici. Inoltre gli autori
sostengono che non esista un limite massimo di categorie basiche codificabili in
una lingua, e che il fatto che nessuna lingua conosciuta ad oggi possieda pi`
u
di undici termini basici sia un fatto esclusivamente accidentale. Con levolversi
delle lingue, alcuni colore che attualmente non sono basici lo diventeranno. Inoltre, in ogni momento, lo stesso termine pu`o essere basico per alcuni parlanti e
non esserlo per altri. Se lo status di un termine come termine basico pu`o variare
nel tempo e in parlanti diversi, `e importante sviluppare un metodo accurato per
identificare se un termine `e o non `e basico in un dato momento per un dato
parlante. Propongono quindi una procedura per distinguere tra termini basici e
non basici. Questa si basa sullidentificazione di funzioni di appartenenza; ogni
categoria si avvale di una funzione diversa, in base alle sue caratteristiche.
Infine, la sequenza evolutiva viene reinterpretata e vista non pi`
u come una semplice codifica successiva di singoli punti focali, ma come una progressiva differenziazione della categorie di colore fondamentali previamente esistenti, partendo
da un basso numero di categorie ampie, le quali restringono la loro estensione
denotativa man mano che nella lingua vengono introdotti nuovi termini di colore
(figura 6.4). Lo spazio colore viene quindi rinegoziato ad ogni nuovo termine
introdotto.
Successivamente Kay, in collaborazione con Kempton [71], ha ripreso una
versione attenuata dellipotesi relativista.
In esperimenti condotti su soggetti parlanti inglese e tarahumara (una lingua
parlata nel Messico del Nord) sono state poste in correlazione due variabili: la
variabile cognitiva (distanza soggettiva tra i colori, i giudizi soggettivi sulla loro
somiglianza e diversit`a) e la variabile linguistica (le possibilit`a di distinzione
cromatica offerte dalle due lingue). Lobiettivo era di capire se le differenze
strutturali tra sistemi linguistici sono accompagnate da differenze cognitive nei
parlanti nativi di due lingue diverse.
Per verificarlo, Kay e Kempton condussero due esperimenti con la tecnica della
presentazione di stimoli in triadi. In entrambi gli esperimenti i soggetti dovevano individuare quale tra i tre stimoli era maggiormente diverso rispetto agli
altri due. Queste triadi coinvolgevano un confine linguistico presente in inglese
(green-blue), ma non presente in tarahumara, lingua nella quale esiste un unico
termine che significa verde o blu, siy
oname. Come sottolineano gli autori, la
maggiorparte delle lingue che hanno il termine grue, e non termini separati per
verde e blu, contengono comunque espressioni come grue like the sky o grue
110

Figura 6.4: Sequenza evolutiva dello sviluppo dei termini di colore. Tratto da
[70].

like the leaves, che dimostrano che i concetti blu e verde sono presenti
anche se non vengono espressi separatamente a livello terminologico. Queste
categorie quindi sono presenti cognitivamente per i parlanti di tutte le lingue,
indipendentemente dal fatto di essere codificate linguisticamente.
Nel primo esperimento, che conferma lipotesi relativista, i tre stimoli vengono
mostrati contemporaneamente. Essendo molto simili tra loro, `e difficile per i
soggetti esprimere un giudizio. Secondo Kay e Kempton, a livello cognitivo, il
soggetto ricorre alle etichette linguistiche per discriminare tra i diversi stimoli.
Questa strategia prende il nome di name strategy, e non `e disponibile per i parlanti tarahumara, i quali non hanno due etichette linguistiche diverse per gli
stimoli presentati. Questa strategia, inoltre, opera fuori dalla consapevolezza
del soggetto, e non pu`o essere tenuta sotto controllo.
Il secondo esperimento nacque proprio dallesigenza di designare un esperimento
in cui la name strategy non potesse essere usata, e per verificare se in questo
caso leffetto linguistico scomparisse. Gli stimoli erano gli stessi usati nel primo
esperimento, ma non venivano mostrati contemporaneamente. Essi venivano
mostrati a coppie. Nel mostrare la coppia A e B, lo sperimentatore faceva notare come il tassello A fosse pi`
u verde di B. Nel mostrare la coppia B e C faceva
notare come C fosse pi`
u blu di B. Dopo ci`o, si chiedeva al soggetto quale differenza fosse maggiore: quella tra i primi due tasselli mostrati, o tra gli ultimi
due. I soggetti potevano continuare ad osservare le coppie a loro piacere, ma
non i tre tasselli insieme. In questo modo si bloccava il ricorso alla strategia di
cui abbiamo parlato, e in questo secondo esperimento infatti leffetto del confine
di categoria lessicale osservato nel primo non si verific`o.
I risultati sembrano quindi confermare che le differenze linguistiche influen111

zano le differenze cognitive. Lipotesi della name strategy sostenuta dai due
autori non concorda con una forma radicale di determinismo linguistico, in cui
la struttura della lingua impone le sue categorie come le uniche nelle quali possiamo esperire il mondo. La versione relativista accettata qui `e una versione
attenuata, secondo la quale le lingue differiscono semanticamente, ma non senza limiti.
Bornstein [72, 73] studi`o i fattori fisiologici del sistema visivo che sottostanno alle differenze tra le terminologie cromatiche in rapporto anche alla loro
distribuzione geografica. Osserv`o i sistemi di denominazione dei colori di circa
150 comunit`a in diverse parti del mondo, constatando che con il maggior approssimarsi delle comunit`a allequatore i nomi di colore applicati alle lunghezze
donda corte si identificano pi`
u frequentemente luno con laltro o addirittura
con il nero. Questo fenomeno, chiamato identit`a semantica, consiste nellapplicazione di un termine di colore primario a due o pi`
u categorie rilevanti. I tipi
di identit`a pi`
u frequenti sarebbero: verde=blu, blu=nero, verde=blu=nero.
Bornstein opera con termini di colore primari, ovvero i termini pi`
u vecchi, pi`
u
inclusivi e pi`
u facilmente nominati dai soggetti nei test di riconoscimento. I
nomi secondari sono quelli apparsi pi`
u tardi, i derivati, le combinazioni di termini primari, le loro qualificazioni specifiche rispetto alla luminosit`a o alla saturazione ed i nomi di oggetti. Secondo Bornstein, i sistemi di denominazione dei
colori primari in varie parti del mondo riflettono le differenze nella quantit`a di
pigmentazione intraoculare delle popolazioni, differenze attribuibili ad un adattamento allambiente locale. La sensibilit`a ridotta alle lunghezze donda corte,
soprattutto nella zona blu-verde, sembra essere frequente nelle popolazioni con
una maggiore pigmentazione, quelle vicine allequatore. Il meccanismo che contribuirebbe dunque al crollo dei sistemi di denominazione dei colori `e organico.
La biologia del sistema visivo quindi precondizionerebbe la denominazione dei
colori. A livello primario dei sistemi di denominazione, le categorie biologiche
della tonalit`a eserciterebbero un controllo sulle categorie lessicali del colore.
Con lutilizzo dei dati del WCS, Kay e Maffi [74] produssero una nuova classificazione dei sistemi di termini di colore che modific`o la gerarchia originale di
Berlin e Kay in modo considerevole, pur continuando a mostrare che i sistemi
attestati sono solo un piccolo sottoinsieme di quelli logicamente possibili.
Kay e colleghi [67] notarono lesistenza di sei colori fondamentali (bianco, nero,
giallo, blu, rosso e verde) e che lordine di apparizione dei termini di colore basici
che non includono nella loro denotazione uno di questi colori `e meno prevedibile. La loro classificazione dei sistemi fu fatta considerando solo termini la cui
denominazione includeva almeno uno dei colori fondamentali. Poi questa veniva
semplicemente aumentata con una lista di quali altri termini basici esistevano
nella lingua. Tuttavia, Kay Berlin e Merrifield [69] notarono che mentre i termini viola e marrone potevano essere osservati in lingue che non avevano termini
separati per verde e blu, contrariamente alla gerarchia di Berlin e Kay, i termini per arancione e rosa non apparivano normalmente prima che la lingua non
avesse termini separati per verde e blu. Kay [68] aveva gi`a notato che il termine
112

grigio a volte appariva nelle lingue anche quando queste non avevano ancora
sviluppato termini per alcuni colori che secondo la gerarchia di Berlin e Kay
dovevano essere lessicalizzati prima del grigio.
La conclusione generale che possiamo trarre da queste scoperte `e che lordine in
cui questi termini emergono in una lingua non sembra essere del tutto prevedibile, anche se appare esserci una tendenza generale.
Unaltra differenza tra il lavoro di Berlin e Kay e quello di Kay e Maffi [74] `e
che, mentre i primi hanno classificato i termini solo in base alla locazione dei
loro prototipi, i secondi hanno prestato attenzione allintera gamma denotativa
dei termini. Classificarono infatti i termini in base a quali colori fondamentali
questi contenevano, piuttosto che solo in termini di quali colori fondamentali
corrispondevano al prototipo del termine, cosicche per esempio due termini che
avevano entrambi prototipi rossi sarebbero stati classificati differentemente se
uno veniva usato anche per nominare una gamma che includeva il giallo, mentre
laltro no.
Berlin e Kay, avendo notato lesistenza di lingue con due soli termini basici,
assunsero che questi sistemi dividessero lo spazio colore in colori chiari e scuri,
pur non investigando la questione in modo sperimentale. Tuttavia, nello studio
della lingua melanesiana Dani, parlata in Papua Nuova Guinea, Heider e Olivier
[52] scoprirono che i due termini dividevano lo spazio in modo che un termine
(mola) denotasse colori chiari ma anche tinte gialle e rosse di media chiarezza,
mentre laltro (mili ) denotava i colori scuri ma anche tinte blu e verdi di media
chiarezza. Le loro denotazioni risultavano quindi complementari, coprendo lintero spazio colore.
Ulteriori ricerche hanno dimostrato che tutte le lingue con due termini, estremamente rare, appartengono o a questo tipo che divide lo spazio in una categoria
bianco-rosso-giallo e una nero-blu-verde, o al tipo che semplicemente divide tra
chiaro e scuro, come sostenuto originariamente da Berlin e Kay. Inizialmente
si credeva che in entrambi questi sistemi un termine avesse il suo prototipo nel
bianco e laltro nel nero, ma Kay e colleghi [67] notarono che non era sempre cos`
e che questi termini compositi potevano avere il loro focus in corrispondenza
di un altro dei colori fondamentali, per esempio una categoria bianco-giallo-rosso
pu`o avere il suo prototipo in corrispondenza del rosso piuttosto che del bianco.
Nellesperimento di Berlin e Kay [32], molti tasselli colorati vennero lasciati
senza nome, e ci`o port`o a pensare che in alcune lingue (ad esempio il cinese
mandarino) alcuni colori non potessero essere espressi con nessun termine di
colore. Ci`o contrastava con lingue come linglese, per le quali la maggior parte
dei parlanti erano in grado di specificare un termine di colore basico per ogni
campione presentato, sebbene anche in inglese fosse difficile scegliere un nome
per alcuni campioni che si trovavano vicino ai confini di denotazione di due o
pi`
u termini basici. Sembra tuttavia che queste situazioni fossero un prodotto
del modo in cui alcuni linguisti che compivano gli studi stimolavano le risposte,
e che invece in quasi nessuna lingua esistano aree dello spazio colore che non
possono essere indicate con un nome basico.
113

Kay e colleghi [67] mapparono le aree dello spazio colore che potevano essere
nominate da ogni termine. Mostrarono che se molti parlanti della stessa lingua
venivano intervistati, e che se solo quei tasselli di colore che tutti gli informanti
ritenevano poter essere chiamate con un nome venivano mappati su un array
di Munsell, allora ci sarebbero tipicamente stati grandi intervalli tra le aree denotate da ogni termine. Ci`o in quanto non tutti i parlanti erano daccordo su
quale parola dovesse essere usata per nominare i membri pi`
u marginali di ogni
categoria di colore. Tuttavia, se il criterio per considerare un colore come interno alla denotazione di un termine viene ridotto al 30% di accordo tra parlanti,
gli intervalli tra i termini di colore nello spazio colore scompaiono per la maggior
parte.
MacLaury [75] not`o ancora come lampiezza dei confini di un termine tracciata
da un parlante dipenda dal tipo di istruzioni che vengono lui date. Mentre in un
primo momento gli informanti solitamente includono solo un numero abbastanza basso di tasselli allinterno della denotazione di un termine, se viene loro
chiesto se esiste qualche altro tassello che potrebbe essere chiamato con quel
nome, essi sono molto propensi ad aggiungerne diversi altri. Quindi sembra che
tutti i termini di colore basici di una lingua, insieme, coprano lintera gamma di
colori possibili, ma siccome alcuni colori sono solo esempi marginali di termini
basici, i parlanti potrebbero essere riluttanti nellincluderli nella denotazione di
un termine.
Kay e Maffi [74] non trovarono nessuna lingua nel WCS che lasciasse alcune regioni dello spazio colore innominate, sebbene per alcune di esse lattribuzione di
nomi fosse molto inconsistente tra parlanti e sebbene sia possibile che in alcuni
di questi casi i termini per alcune parti dello spazio non soddisfino i criteri di
Berlin e Kay per lo status dei termini basici.
Riconoscono per`o riconoscono lesistenza di una lingua, Yel Dnye (Papua Nuova Guinea), documentata da Levinson [76], che costituisce il primo esempio ben
documentato di lingua che lascia innominate alcune parti dello spazio colore e
a cui manca un insieme di termini basici che lo suddividano. Per essere pi`
u
chiari, questa lingua ha solo tre termini di colore basici (kpedekpede nero,
kpaapikpaapi bianco e mtyemtye/taataa rosso), la cui denotazione per`o, a
differenza di altre lingue simili, non si estende fino ad includere lintero spazio
colore, cos` che ampie aree di esso restano senza nomi capaci di esprimerle linguisticamente. Levinson precisa per`o che `e possibile formare delle espressioni
per descrivere altri colori. Questa lingua viene considerata uneccezione da Kay
e Maffi, che ritengono che praticamente tutte le lingue suddividano lo spazio
colore in modo che esista un termine per nominare qualsiasi colore; questultimo caso costituisce a loro avviso la regola. Levinson allo stesso tempo sostiene
che queste eccezioni siano molto pi`
u diffuse di quanto non venga riconosciuto
da Kay e Maffi.
Kay e Maffi specificano quali tipologie di sistemi lessicali di colore siano
attestati nel WCS. Propongono che le lingue evolvano da uno stadio in cui dividono in due soli termini lo spazio colore, aggiungendo gradualmente pi`
u termini
114

senza mai perderne e quindi suddividendo progressivamente larea dello spazio


colore nominata da ognuno dei termini, fino a che tutti i colori fondamentali
siano chiamati con un termine separato. L83% delle lingue del WCS si posizionano a loro avviso in un qualche punto presente lungo la traiettoria presente in
figura 6.5.
Questa traiettoria, che prende quindi la forma di una sequenza evolutiva, sem-

Figura 6.5: La traiettoria evolutiva di Kay e Maffi [74].


bra ignorare le lingue che dividono semplicemente tra colori chiari e scuri lo
spazio colore, senza raggruppare il rosso e il giallo con il bianco da una parte,
e il verde e il blu con il nero dallaltra. La motivazione di ci`o potrebbe essere
che questi termini non vengano considerati veri e propri termini di colore, dato
che la distinzione chiaro/scuro potrebbe essere considerata esterna al dominio
del colore.
Le lingue in cui ogni colore fondamentale viene espresso con un termine separato
si trovano in fondo al diagramma, le lingue che si trovano a stadi intermedi si
trovano lungo la traiettoria, appartenendo ad uno dei 5 stadi previsti oppure
trovandosi in un periodo di transizione tra due stadi successivi. In questultimo
caso, si verifica tipicamente disaccordo tra parlanti riguardo a quanti termini
basici la lingua possieda, di solito perche i parlanti pi`
u anziani non useranno i
termini entrati recentemente nel linguaggio. In questi casi una lingua dovrebbe
essere classificata come appartenente ad uno stadio per alcuni parlanti che non
usano questi termini recenti, e ad uno stadio successivo per quei parlanti che li
utilizzano. Delle 91 lingue collocate da Kay e Maffi lungo questa traiettoria, 18
vennero considerate transizionali tra due stadi.
Gli autori riconoscono che non tutte le lingue sembrano seguire la traiettoria
indicata sopra, almeno non per tutta la lunghezza del loro sviluppo. Per questo
motivo spiegano alcune diramazioni possibili che le lingue possono intraprendere,
seguendo in questo caso cammini diversi rispetto alla norma. Ne prendiamo uno
a titolo esemplificativo.
Abitualmente, una volta raggiunto il secondo stadio, le lingue guadagnano un
termine extra, in modo che il termine che esprime nero-verde-blu venga rimpiazzato da due termini, uno per nero e uno per verde-blu. Tuttavia sembra che
115

alcune lingue invece dividano il termine per rosso e giallo in due termini distinti, lasciando il termine nero-verde-blu ancora intatto. A questo punto, una
lingua pu`o prendere due strade. Una di queste prevede la divisione del termine composito nero-verde-blu in un termine per nero e uno per verde-blu. In
questo modo la lingua rientrer`a nella traiettoria con un sistema a cinque termini. Laltra prevede che il termine composito venga diviso in modo diverso,
cio`e producendo un termine per nero-blu e uno per verde. Successivamente si
divider`a il termine nero-blu in due termini distinti, rientrando nella traiettoria
principale.
In conclusione, alcune lingue del WCS sembrano non rispettare la teoria di
Kay e Maffi rappresentata in figura 6.5. Ad esempio, alcune lingue sembrano
aver saltato degli stadi intermedi previsti. In questi casi `e possibile che questo
fenomeno sia dovuto a cambiamenti molto rapidi nelle societ`a in cui queste
lingue sono parlate, dato che, in generale, appare esserci un correlazione tra il
livello di sviluppo tecnologico in una comunit`a e il numero di termini di colore
presenti nella lingua stessa. Quindi se il livello di sviluppo incrementa in modo
molto veloce, `e possibile che si verifichi un rapido incremento nel numero dei
termini; ci`o pu`o causare il salto di uno degli stadi della teoria.

6.6

Gli studi sulla prototipicit`


a di Eleanor Rosch

Gli studi di Rosch (alcuni pubblicati con il suo nome precedente Heider) si concentrano soprattutto sullo studio delle propriet`a che si attribuiscono ai termini
di colore basici, in particolare la prototipicit`a. Rosch ha fatto dei colori focali
universali il punto di forza maggiore della sua spiegazione dellipotesi universalista.
La funzione centrale di un termine di colore `e chiaramente quello di identificare una serie di colori, cos` che il termine possa servire a distinguere questi
colori da quelli che quella parola non denota. Tuttavia, i termini di colore non
denotano solamente una serie uniforme di colori; alcuni colori sono membri della
categoria corrispondente a quel termine ad un grado maggiore rispetto ad altri.
Tipicamente, per ogni termine di colore ci sar`a un singolo colore che i parlanti di
quella lingua considereranno essere il migliore esempio di quel termine, e questo
colore viene definito colore prototipico. Spostandoci dal prototipo, i colori
diventeranno man mano esempi sempre meno buoni di quella categoria, diventando sempre pi`
u dissimili dal prototipo. Ad un certo livello di dissimilarit`a dal
prototipo, troveremo colori per i quali sar`a difficile determinare se appartengano
alla categoria in questione o se siano fuori dai suoi confini. Per questi colori non
`e chiaro se il termine possa essere usato per denotarli. Questa parte dello spazio
colore `e conosciuta come categorys fuzzy boundary, dove i limiti tra categorie
non risultano chiari [77].
C`e unimportante inconsistenza riguardo a dove le persone posizionino i limiti
di una categoria di colore; infatti se a diverse persone che parlano una stessa
lingua chiediamo di tracciare i confini di un termine di colore in un insieme
116

di tasselli colorati, essi con buona probabilit`a posizioneranno i confini in punti


diversi. Inoltre, se alla stessa persona viene chiesto di ripetere il compito una
seconda volta, `e molto improbabile che posizioner`a il confine esattamente nello
stesso punto in cui lo aveva posizionato la prima volta. Ci`o significa che anche
nello stesso parlante esiste inconsistenza riguardo ai confini di categoria.
Lesistenza della propriet`a della prototipicit`a `e chiaramente dimostrata anche
da espressioni quali a good red , sort of red , slightly red , nessuna delle
quali avrebbe senso qualora tutti i colori rossi fosse ugualmente buoni esempi
del termine rosso [70]. I termini di colore sembrano quindi essere uno dei
migliori esempi che si possono portare per spiegare questa propriet`a, che comunque pu`o essere applicata anche ad altri aspetti del linguaggio.
Heider ha inoltre condotto alcuni esperimenti psicologici che hanno dimostrato lo status psicologico speciale degli unique hues, sono conosciuti con questo
nome quei colori che si trovano nei punti dello spazio colore (unique hue points)
corrispondenti ai migliori esempi (prototipi) dei termini di colore inglesi red,
yellow, green, blue (i colori cromatici primari, secondo la teoria di Hering) e
che solitamente ricoprono lo stesso ruolo anche nelle altre lingue. Essi non sono
equidistanti nello spazio colore concettuale.
Heider [49] si chiese se i colori che erano stati consistentemente scelti come prototipi delle categorie di colori nello studio di Berlin e Kay fossero pi`
u salienti
rispetto agli altri colori. Mostr`o ai bambini di tre anni delle file di tasselli colorati con gli stessi livelli di chiarezza e saturazione, chiedendo loro di prenderne
alcuni. Not`o in questo modo che i colori prototipici venivano scelti molto pi`
u
frequentemente di quanto ci si sarebbe aspettati se la scelta fosse stata casuale,
e ci`o la port`o a credere che quei colori fossero pi`
u salienti perche attraevano
maggiormente lattenzione dei bambini. In un ulteriore esperimento, ai bambini
vennero mostrati dei tasselli colorati, una alla volta, e veniva poi chiesto loro
di trovare il tassello osservato allinterno dellinsieme di tutti i tasselli. Ancora
una volta i bambini indicavano il tassello corretto pi`
u frequentemente quando il
colore da trovare era prototipico. Anche questa `e unulteriore prova delle propriet`a speciali di questi colori.
Heider [50] si chiese se alcuni effetti che mettono in luce lo status speciale dei
colori prototipici possano essere dovuti al loro status di prototipi delle categorie
linguistiche ed essere quindi dei prodotti della terminologia cromatica, piuttosto
che essere una causa delle restrizioni tipologiche sui sistemi di termini di colore.
Cerc`
o di capirlo svolgendo degli esperimenti che testavano la memoria del colore
su parlanti monolingui della lingua Dani, la quale possiede solo due termini di
colore (un problema di questo approccio `e che il Dani ha solo due termini basici,
ma ha anche dei termini non basici i quali potrebbero interferire con i risultati
degli esperimenti. Tuttavia probabilmente nessuna lingua ha veramente due
soli termini di colore, quindi nessuna lingua pu`o approssimare una lingua con
un sistema a due termini pi`
u di quanto possa fare il Dani). Ad ogni soggetto
veniva mostrato un tassello che veniva rimosso dopo 5 secondi. Dopo un intervallo di 30 secondi veniva chiesto di sceglierlo da un array di tasselli di Munsell.
Analogamente agli esperimenti precedenti, i soggetti erano pi`
u accurati nella
117

scelta del colore corretto quando si trattava di un colore prototipico. I risultati


ottenuti sono quindi simili a quelli ottenuti nello studio precedente con bambini
americani, e ci`o confermerebbe il fatto che questi colori siano pi`
u facili da ricordare per tutti, indipendentemente dalla lingua che si parla.
Sempre in questo lavoro, Heider si chiese se i parlanti Dani avrebbero trovato pi`
u
facile imparare nomi di colori prototipici piuttosto che di altri colori. Condusse
un esperimento in cui veniva loro insegnato ad associare dei nomi a 16 tasselli
colorati, met`a dei quali corrispondevano ai prototipi degli otto colori cromatici, laltra met`a corrispondeva a parti dello spazio colore che generalmente non
forma prototipi di termini di colore. Lo sperimentatore dava un nome ad ogni
tassello, e chiedeva al soggetto di ripeterlo. Poi i tasselli venivano presentati al
soggetto in un ordine casuale ed egli li doveva nominare. In caso di produzione
di un nome errato, gli veniva ripetuto quello corretto. I soggetti vennero testati
in questo modo per cinque volte al giorno fino a quando non avessero acquisito
tutti i termini correttamente. Il numero medio di errori era significativamente
pi`
u alto per colori non prototipici rispetto che per quelli prototipici; `e quindi
pi`
u facile imparare questi ultimi. Heider sugger` che questo mostra che i coloriprototipo vengono mantenuti pi`
u facilmente nella memoria a lungo termine,
motivo per cui vanno a formare i prototipi dei termini di colore.
Negli studi Heider consider`o i prototipi dei colori rosso, giallo, verde, blu, viola,
arancione, marrone e rosa, ma sugger` che i prototipi corrispondenti alle unique
hues vengono ricordati meglio e pi`
u facilmente rispetto agli altri; ci`o suggerisce
che il loro status speciale sia dovuto allinfluenza della neurofisiologia della visione cromatica.
Rosch [78] investig`o sullabilit`a umana di acquisire categorie di colore artificiali. In alcune di esse i colori prototipo erano centrali, in altre essi erano pi`
u
periferici oppure non ne contenevano affatto. Per evitare interferenze da parte
di altri termini di colore, Rosch svolse questo esperimento ancora una volta con
parlanti monolingui Dani. Not`o che anche in questo caso i soggetti imparavano
con meno errori categorie in cui i prototipi erano centrali, mentre il maggior
numero di errori lo si aveva con categorie che non ne contenevano. I casi intermedi erano quelli in cui i prototipi erano periferici. Ancora, venivano fatti meno
errori nellacquisizione quando i colori prototipo corrispondevano a unique hues.

6.7

Studi recenti a favore delluniversalismo

Gli studi condotti per portare conferme alla teoria originale di Berlin e Kay,
cos` come quelli condotti per smentirla, sono vasti e numerosissimi. Nellimpossibilit`a di presentarli tutti, nel seguito se ne presenteranno alcuni. Tra essi si
presentano studi condotti dallo stesso Kay in tempi pi`
u recenti, allo scopo di
rettificare la teoria iniziale.
In uno studio sulle differenze nelle strutture semantiche e percettive tra parlanti inglesi e cinesi [79], vennero comparati i giudizi di similarit`a tra gli otto
118

colori cromatici basici tra questi due gruppi di parlanti usando come stimoli sia
i nomi di colori stessi che campioni di colore (si veda figura 6.6). I soggetti erano
parlanti madrelingua cinesi mandarini e madrelingua inglesi.
In questo studio ogni partecipante complet`o quattro compiti: due compiti prevedevano la presentazione di coppie di campioni colorati o di termini di colore,
negli altri due gli stimoli colore (campioni o termini) venivano presentati in triadi. In tutti e quattro i test, ai soggetti veniva chiesto di esprimere dei giudizi
di similarit`a. Nei compiti a triade, ai soggetti venivano presentate tutte le 56
combinazioni triadiche possibili di termini di colore o di campioni colorati, con
listruzione di scegliere il colore (termine di colore o campione) pi`
u diverso dagli
altri due. Nei compiti di comparazione a coppie, ai soggetti venivano presentate tutte le 28 coppie possibili di termini di colore o di campioni colorati, con
listruzione di dare un giudizio di similarit`a tra di essi su una scala da 1 (pi`
u
diversi) a 7 (pi`
u simili).

Figura 6.6: Gli stimoli usati in questo esperimento. A sinistra i termini di colore
in inglese, a destra i caratteri cinesi e al centro le coordinate OSA dei campioni
di colori focali. Si noti come i caratteri cinesi terminino con una sorta di suffisso
che li identifica come termini di colore. Tratto da [79].
Le scoperte maggiori di questo studio indicano che persone che parlano
lingue diverse classificano gli otto colori basici e i relativi termini in modo simile
sebbene ci siano delle variazioni individuali significanti allinterno di ogni lingua. I partecipanti di lingua inglese e quelli cinesi giudicano la similarit`a tra
colori in modi molto simili. Non fa molta differenza se siano i nomi di colore o
dei campioni di colore ad essere usati come stimoli, o se, per raccogliere i dati,
si utilizzino triadi o coppie in cui i diversi colori vengono presentati. Non fa
119

una grande differenza se i dati vengono raccolti su soggetti femminili o maschili.


Ci sono per`o delle differenze individuali misurabili e significanti, il cui totale `e
maggiore alla somma degli altri tre tipi di variazione presi in considerazione.
Gli autori credono alla teoria di Berlin e Kay e in loro favore dicono che:
Le lingue possono avere o non avere sviluppato un lessico dei colori elaborato, estensivo e sistematico. Alcuni studi infatti descrivono lingue che
non lo possiedono, come la lingua Yel Dnye studiata da Levinson [76].
Non tutte le parti dello spazio colore hanno le stesse probabilit`a di ricevere
dei nomi.
Non tutte le parti dello spazio colore hanno bisogno di ricevere dei nomi
con le quali venire indicate, anche in lingue che hanno una terminologia dei colori completa. Per esempio, i colori saturi potrebbero avere pi`
u
bisogno di essere nominati rispetto ai colori non saturi. Lo spazio colore,
insomma, non viene suddiviso secondo un criterio matematico di divisione
in categorie mutualmente esclusive ed esaustive. Kay e Maffi [74] propongono la Emergence Hypothesis, che sostiene appunto che non tutte le
lingue possiedano un copertura lessicale completa dello spazio colore e
che alcune aree pi`
u salienti vengano assegnate ad un nome con maggiori
probabilit`a rispetto alle aree meno salienti.
` pi`
E
u produttivo focalizzarsi sui punti focali che sui confini tra colori.
I punti focali sono molto pi`
u facili da quantificare rispetto ai confini in
quanto metodologicamente `e pi`
u facile misurare e quantificare un singolo
punto in un sistema di coordinate.
Le differenze individuali stanno ricevendo attenzione sempre crescente nel
campo della visione, e in futuro diventeranno unarea di ricerca sempre
pi`
u importante. Stiamo parlando in questo caso di variazioni inter- e
intra-individuali, che sono considerate normali e che ci si deve aspettare.
Tuttavia i motivi di queste variazioni restano ancora incerti, anche se
giacciono probabilmente a livello della fisiologia del sistema visivo. Questo
studio smentisce la motivazione proposta da Furbee e colleghi [80] ovvero
che queste variazioni dipendano dal colore degli occhi.
Si dovrebbe considerare che tutti i dati hanno una larga componente di
errori derivanti da una variet`a di effetti casuali. Questo significa anche
che nessuna teoria sar`a mai in grado di rendere conto di tutti i dati.
Bisogna focalizzare lo studio sulla stima, ovvero la quantificazione e la
misurazione, delle dimensioni o dellammontare degli effetti piuttosto che
assumere una posizione polare o chiedersi se ci sia un effetto. Ci`o significa
non assumere posizioni totalitarie del tipo tutto o niente, ma misurare
accuratamente gli effetti dei fenomeni che si sta tentando di spiegare.
Kay e Regier [81] presentano dei test statistici condotti su un corpo di dati
sui lessici di colore di lingue industrializzate e non molto ampio, e mostrano
120

che esistono forti tendenze universali sia nelle prime che nelle seconde. Uno dei
principali problemi sollevati dagli oppositori dellipotesi universalista `e infatti
la mancanza di test oggettivi volti a confermare lipotesi stessa.
Tra i tanti difetti che si contestavano a Berlin e Kay, cera il fatto che quasi
tutte le lingue da loro analizzate sperimentalmente fossero lingue scritte di societ`a industrializzate, e quindi non era lecito generalizzare da quelle ad altri tipi
di lingue. I risultati raggiunti avrebbero insomma lasciato aperta la possibilit`a
che la denominazione di colori fosse simile prevalentemente tra quelle lingue
legate le une alle altre da un processo globale di industrializzazione. Proprio
per questo motivo, Kay, Cook e Regier [66] avevano condotto il World Color
Survey raccogliendo dati su lingue non scritte di paesi non industrializzati.
La prova pi`
u pesante contro lipotesi universalista `e che ci sono lingue che sembrano non aderire ai modelli universali proposti. Interessante `e il fatto che
queste lingue sono tendenzialmente lingue non scritte parlate in societ`a non
industrializzate, e ci`o `e coerente con lidea che le similarit`a potrebbero essere
limitate nella loro portata cross-linguistica. La maggior parte di queste lingue
hanno un termine unico (grue) per esprimere i termini di colore verde e blu.
Altre si avvalgono di termini di colore che riflettono concetti extracromatici,
come ad esempio aridit`a e freschezza.
Queste differenze nei lessici del colore sono a volte correlate a differenze negli
aspetti cognitivi legati al colore, e ci`o ha portato a ritenere che le categorie
linguistiche possano essere costruzioni arbitrarie delle specifiche lingue, legate
tra loro solo da principi molto generici.
I due autori hanno affrontato la questione delle tendenze universali nel
dominio del lessico dei colori ponendosi e cercando di rispondere a due domande:
1. I termini di colore di diverse lingue nel WCS si raggruppano insieme nello
spazio colore ad un grado maggiore rispetto al caso?
2. I termini di colore del WCS, tutti derivanti da lingue non scritte di paesi
non industrializzati, cadono vicino ai termini di colore delle lingue scritte
di paesi industrializzati? I due insiemi di dati si somigliano pi`
u di quanto
ci si aspetterebbe se fosse dovuto al caso?
Cera quindi un confronto interno ai dati WCS, e un confronto tra quei dati
e quelli raccolti nello studio di Berlin e Kay [32].
Per quanto riguarda il primo punto, si rappresentarono i termini di colore
come punti nello spazio colore, utilizzando lo spazio CIELAB (era necessario
uno spazio in cui fosse possibile calcolare le distanze psicologiche), e poi si analizz`o quanto questi punti si raggruppassero nello spazio. Ogni termine di colore
T venne rappresentato in ogni lingua L dal suo centroide nello spazio. Per farlo,
per prima cosa si localizzava nello spazio il centroide di ogni parlante che usava
il termine T nella lingua L tra i campioni chiamati T da quello stesso soggetto.
Successivamente veniva fatta una media dei centroidi del termine in generale.
Alla fine il centroide ottenuto veniva ricondotto allo stimolo che pi`
u gli si avvici121

nava. Una volta ottenuti questi punti nello spazio per tutti i termini di colore
per tutte le lingue, venne testato se questi punti fossero pi`
u raggruppati (vicini)
tra le varie lingue di quanto ci si potesse aspettare se ci`o fosse dovuto al caso,
attraverso un test di Monte Carlo. Questo test richiede una misura del raggruppamento reale dei termini e poi unindicazione di quanto ci si aspetterebbe
che i termini si raggrupperebbero in modo casuale. Calcolarono la distanza tra i
termini nei dati del WCS, equivalente alla distanza nello spazio tra le rappresentazioni dei loro punti. Per farlo utilizzarono D, ovvero la misura di dispersione
dei termini. Bassi valori di D indicano raggruppamento, cio`e che si ha poca
dispersione. Per determinare D nel caso in cui questa fosse casuale, crearono
un insieme di dati casuale (attraverso simulazione al computer) e misurano D
anche in questo insieme. Per essere certi che questi dati ipotetici rispettassero i
principi naturali di categorizzazione interna delle lingue, partirono dai dati del
WCS e li fecero ruotare, fecero ruotare cio`e ogni termine centroide per ogni lingua nel piano a*b* (tinta) in modo casuale, lo stesso per tutti i termini interni
ad una lingua, ma in modo casuale diverso per lingue diverse. Questo processo
crea un insieme di dati ipotetici che preserva le strutture interne alle lingue,
mentre rende casuale la struttura cross-linguistica. I risultati mostrano che il
valore di D nei dati WCS `e ben sotto il livello pi`
u basso di D nellinsieme dati
ipotetico; mostrano quindi che nel WCS il raggruppamento `e molto pi`
u alto di
quanto ci si aspetterebbe per caso.
Per rispondere alla seconda domanda usarono unaltro test di Monte Carlo
in cui vennero creati 1000 insiemi di dati ipotetici a partire dai dati WCS usando
la tecnica precedente. In questo caso non si misurava la dispersione alinterno di
un unico dataset, bens` le distanze tra i due insiemi di dati che portavano a una
misura S della separazione tra i dati del WCS e quelli di Berlin e Kay. Per ogni
termine di colore c in ogni lingua l dei dati WCS, trovarono il pi`
u vicino termine
c in ogni lingua l nel dataset di Berlin e Kay e sommarono queste distanze per
ottenere S. Ci`o li port`o a concludere che i dati WCS sono significativamente
pi`
u vicini ai dati di Berlin e Kay di quelli del dataset ipotetico; il valore S nei
dati WCS `e molto pi`
u basso del limite pi`
u basso riscontrato nella distribuzione
ipotetica. Ripeterono poi lo stesso test eliminando dal set di Berlin e Kay i dati
delle poche lingue non scritte di societ`a non industrializzate (Ibibio, Pomo e
Tzeltal) e lo fecero rigirare. Ottennero in questo modo gli stessi risultati qualitativi. Questo risultato indica una similarit`a nel lessico dei colori tra le lingue
di societ`a industrializzate e non.
Entrando nel dettaglio dei nomi di colori e facendo un confronto tra linglese
e le lingue del WCS si nota come i termini inglesi blue, green, purple e brown
abbiano picchi molto vicini (tra inglese e lingue WCS). I termini inglesi yellow,
orange, pink e red hanno picchi che si trovano nelle vicinanze dei picchi nel
WCS. Nei dati WCS c`e un picco anche tra i termini inglesi green e blue, dovuto al fatto che quasi tutte queste lingue hanno il termine cosiddetto grue per
esprimere entrambi questi colori. Pink e orange mancano nella maggioranza di
queste lingue che includono il rosa nel rosso e arancione nel giallo.

122

La conclusione a cui giungono `e che, nonostante le lingue varino molto per


numero di termini di colore basici che possiedono e possono variare molto nella
locazione dei confini tra termini, alcuni punti privilegiati nello spazio colore sono
ancorati nei vari sistemi di lessico dei colori delle varie lingue del mondo. Ci
sono quindi chiare tendenze statistiche cross-linguistiche per le categorie di termini di colore a raggrupparsi insieme in questi punti privilegiati. Questi punti
privilegiati sono simili per le lingue non scritte di societ`a non industrializzate
e per le lingue scritte di societ`a industrializzate, inoltre tendono a giacere in
corrispondenza o vicino a quei colori chiamati in inglese red, yellow, green, blue,
purple, brown, orange, pink, black, white, grey.
In Kay e Regier [82] vengono presentati in modo estensivo i dati raccolti
sulla lingua berinmo studiata da Roberson e colleghi [83], una lingua parlata in
almeno due villaggi (Bitara e Kagiru) della Papua Nuova Guinea. Linglese e il
berinmo hanno due sistemi di colore molto diversi. Come abbiamo gi`a accennato, le differenze tra i confini delle categorie cromatiche probabilmente causano,
o sono comunque correlate, a differenze in memoria, acquisizione e discriminazione tra colori.
Gli autori cercano per`o di smentire lipotesi relativista sostenuta da Roberson e
colleghi sulla base di questo loro studio che affronteremo nel prossimo capitolo
dedicato alle ipotesi relativiste, ed in particolare cercano di smentire lipotesi
secondo cui lunico vincolo universale sarebbe il raggruppamento per similarit`a. Questo vincolo si basa sul fatto che non esiste nessuna lingua che possiede
una categoria che includa due aree dello spazio colore (es. giallo e blu) ma
che escluda unarea tra esse (es. verde). Non esiste alcuna catena associativa
di similarit`a che pu`o connettere il giallo con il blu senza passare attraverso il
verde. Il raggruppamento quindi segue sempre principi di similarit`a (cos` come
sono definiti dalla discriminazione percettiva) e lunico parametro libero appare
essere la localizzazione dei confini tra categorie.
Roberson e colleghi sostengono che, se i parlanti del berinmo sembrano raggruppare insieme aree contigue dello spazio colore, cosa che avviene in tutte le lingue
investigate, non ci sono per`o prove del fatto che queste sezioni corrispondano
ad un insieme limitato di categorie di colore basiche universali. Leffettiva localizzazione delle categorie nello spazio colore `e un parametro libero, stabilito
esclusivamente da una convenzione linguistica. Kay e Regier vogliono invece
dimostrare che anche la lingua berinmo segue un modello molto specifico e
ampiamente distribuito e che a loro avviso la localizzazione dei confini tra categorie segue ed `e guidata da forze universali.
Per dimostrarlo, partono dal presupposto che, qualora i ragionamenti di Roberson e colleghi fossero corretti, non dovrebbero esserci locazioni privilegiate per i
confini tra categorie, le quali si sarebbero potuti trovare in molte altre posizioni.
Lunico vincolo da loro imposto `e infatti il raggruppamento per similarit`a, ma
la localizzazione delle categorie sarebbe libera. A questo scopo Kay e Regier
propongono i dati effettivi della lingua berinmo e 19 varianti ipotetiche, che vengono ottenute ruotando i dati originali. Questo passaggio `e evidente nella figura
6.7 , dove in a possiamo vedere rappresentata la divisione reale in categorie
123

linguistiche della lingua berinmo nello spazio colore, mentre in b e c osserviamo


due divisioni dello spazio non reali, ottenute ruotando i dati originali.
In questo modo otteniamo evidentemente un insieme di lingue ipotetiche basate

a.

b.

c.

Figura 6.7: Berinmo a) non ruotato, b) ruotato di 4 colonne, c) ruotato di 8


colonne.
sul berinmo nelle quali il principio del raggruppamento per similarit`a resta invariato rispetto alloriginale. Inoltre viene mantenuta anche la forma delle categorie e la loro posizione una relativamente allaltra. Lunica cosa che varia `e la
locazione delle categorie allinterno dello spazio colore, nel rispetto dellipotesi
di Roberson e colleghi che lo consideravano un parametro libero.
Se la locazione dei confini ha qualcosa di universale, la loro posizione originale
dovrebbe essere pi`
u simile alla posizione dei confini che troviamo nelle altre
lingue, altrimenti nelle altre lingue dovremmo trovare casi di posizioni ruotate rispetto alloriginale berinmo (pi`
u precisamente, la posizione originale non
dovrebbe essere privilegiata rispetto a quelle ruotate).
Gli autori comparano i confini delle categorie nella versione reale e in quelle
ipotetiche del berinmo con quelli delle altre 110 lingue presenti nel WCS, creando delle mappe dei confini per ognuna di queste lingue. Il risultato `e che
il berinmo `e pi`
u simile alle altre lingue quando non ruotato anziche quando
ruotato, quindi obbedisce a dei vincoli universali ben pi`
u forti del semplice
raggruppamento per similarit`a. Maggiore `e il grado di rotazione rispetto alloriginale, minore `e la corrispondenza con i confini delle lingue del WCS, come si
vede in figura 6.8.
Per dare pi`
u forza a questa loro conclusione, analizzano i confini di categoria anche in unaltra lingua studiata da Roberson e colleghi [84], la lingua
himba (che ha anchessa cinque termini di colore basici, come il berinmo). Con
lo stesso criterio quindi gli autori confrontarono inizialmente il berinmo con le
110 lingue analizzate nel WCS, poi con la lingua himba, e infine con otto lingue
scelte dal WCS che, come il berinmo, possiedono cinque termini di colore. Dal
confronto tra i sistemi di termini di colore di berinmo e himba, Kay e Regier
124

Figura 6.8: Corrispondenza dei confini media con dati WCS di varie versioni
ruotate del Berinmo (0=nessuna rotazione).
notarono molte similarit`a; ci`o li port`o quindi agli stessi risultati. Successivamente, confrontarono il berinmo e le altre otto lingue con sistemi di cinque
colori basici selezionate dal WCS (sette delle quali appartengono a sette diverse
famiglie linguistiche, mentre lottava `e una lingua isolata), come si vede nella
figura 6.9. Tutte queste lingue mostrano delle similarit`a tra di loro e con il
berinmo, indipendentemente dalla loro appartenenza genetica e geografica.

6.8

Conclusioni

Pur a distanza di quarantanni, ancora oggi lo studio di Berlin e Kay si trova


nella bibliografia di tutti gli studi che si occupano del lessico dei colori.
Sicuramente va loro riconosciuta la grande innovazione rispetto alle idee che
circolavano in quel periodo e londata di interesse che hanno suscitato dietro di
se. Nonostante ci`o, riconoscendo al loro studio tutti i meriti che gli spettano, va
anche detto che spesso `e stato sopravvalutato e ha avuto un influsso negativo
` stato sopravvalutato in quanto non si possono nasconsugli studi successivi. E
dere i numerosi errori compiuti e i difetti di cui abbiamo gi`a detto.
Riguardo allinflusso negativo sugli studi successivi, va detto che, essendo considerato il lavoro pi`
u importante, la pietra miliare del settore, quasi nessuno si
`e mai (per cos` dire) permesso di uscire dagli schemi e i confini che esso aveva tracciato. Questo ha fatto s` che alcuni studi successivi si siano limitati a
tentare di riprodurre quello di Berlin e Kay, anzich`e sperimentare altre vie e
125

Figura 6.9: Risposte dei parlanti berinmo e dei parlanti di otto lingue tratte dal
WCS, tutte con sistemi di cinque termini basici. La percentuale tra parentesi
indica la percentuale di corrispondenza con il berinmo.

altri metodi per investigare allinterno di questo dominio.


A titolo esemplificativo di questo influsso negativo, si pu`o accennare allesclusione dei termini definiti non basici dal novero dei termini presi in esame. Ci`o
consegue direttamente dalla metodologia di Berlin e Kay, i quali avevano stabilito una serie di criteri molto rigorosi che i termini dovevano rispettare per essere
considerati basici. Tutto ci`o che non soddisfava questi criteri, veniva considerato non basico e quindi escluso dai dati. Va detto che loro erano alla ricerca di
prove che dimostrassero la loro ipotesi universalista: cercavano quindi elementi
che accomunassero le lingue (in riferimento al dominio del colore) e non elementi che le differenziassero. Detto questo, saremmo legittimati a credere che le
scoperte a cui sono giunti nascano proprio dai presupposti dai quali partivano, i
quali erano gi`a delineati in quella direzione. Questa `e infatti lopinione di alcuni
studiosi, tra cui Lucy [62]. Se infatti Berlin e Kay volevano dimostrare quei
processi comuni tra lingue nellattribuire nomi ai colori, non ha senso utilizzare
lo stesso metodo quando si vuole indagare sulle differenze, che innegabilmente
esistono, nei domini di colore dato che sono proprio i termini non basici a esemplificare maggiormente le differenze tra lingue in questo dominio.
Probabilmente c`e un altro aspetto ancora pi`
u importante da tenere in considerazione. Negli studi di color naming va evitato in qualsiasi modo il pre126

condizionamento sulla base delle proprie categorie cromatiche, che nel nostro
caso potremmo identificare nelle categorie (linguistiche) del mondo occidentale.
Molte lingue lontane da quelle parlate nei paesi pi`
u sviluppati hanno dei sistemi di denominazione cromatica totalmente diversi dal nostro che classificano il
colore sulla base di dimensioni completamente diverse dalle nostre. Per comprenderle, sar`a necessario uno sforzo particolare che ci permetta di allargare i
nostri orizzonti.
Ancora, molti studi recenti si preoccupano di stabilire lesistenza o meno di
un dodicesimo colore basico in alcune lingue. Tuttavia si `e stati spesso riluttanti
a riconoscere lesistenza di pi`
u di undici termini basici, anche laddove ci fossero
prove molto evidenti. Ci`o in quanto lo studio di Berlin e Kay aveva stabilito in
undici il numero massimo di termini basici di colore che si possono trovare nelle
lingue. Tuttavia, successivamente, fu lo stesso Kay [70] a rettificare questa loro
dichiarazione, sostenendo invece che non esista alcun motivo per cui 11 debba
essere il numero massimo di termini basici codificabili. Le lingue sono vive ed
evolvono naturalmente, e termini che oggi non lo sono potranno divenire basici
in futuro.
Un altro aspetto da sottolineare `e dettato dai rischi che si corrono nel condurre un esperimento di produzione linguistica in cui vengono posti dei vincoli
per il parlante. Uno dei punti cruciali in esperimenti di questo tipo `e quello
di fare ricorso alle intuizioni che i parlanti nativi hanno riguardo alla propria
madrelingua e per fare ci`o le persone hanno bisogno di esprimersi liberamente.
Limposizione di vincoli rende il processo non pi`
u intuitivo ma ragionato, in
quanto il soggetto deve filtrare le sue intuizioni sulla base delle richieste specifiche dellesaminatore. Se il soggetto filtra la propria lingua, allora il prodotto che ne risulta non `e la lingua reale, ma per cos` dire un prodotto lavorato,
il quale ha solitamente caratteristiche diverse da quelle del prodotto di origine. Lesistenza di questo processo `e dimostrata dalle numerose difficolt`a che i
soggetti incontrano posti di fronte a compiti di questo tipo. Tipicamente essi
mostrano grandi incertezze e chiedono continue delucidazioni. Ci`o `e contrario
allenorme naturalezza con cui ognuno di noi parla la propria lingua.

127

128

CAPITOLO

7
Le posizioni relativiste

7.1

Introduzione

La dottrina del relativismo linguistico deve essere compresa storicamente come


una reazione allattitudine denigratoria nei confronti di lingue non scritte, attitudine diffusa dalle visioni evoluzionistiche, prevalenti durante il diciannovesimo
secolo in ambito antropologico.
Secondo il relativismo linguistico le persone organizzano a livello cognitivo e
dividono il continuum del colore in modo diverso, sulla base di come la loro
lingua suddivida questo continuum in categorie linguistiche. Il punto principale `e quindi che il linguaggio influenza lorganizzazione cognitiva: il fatto di
esprimere diversamente i colori comporta una diversa percezione del colore, che
non `e quindi considerata universale e uguale per tutti, ma dipendente dalla determinata lingua parlata.
A questo proposito, ad esempio, Uusk
ula [85] studi`o la distribuzione dei
termini di colore in cinque lingue, due lingue indoeuropee (russo e inglese),
e tre lingue uraliche (estone, finlandese e ungherese), e cerc`o di stabilire i
migliori esempi (punti focali) per ogni termine basico in ognuna di queste lingue.
Lautrice si rifece alla classica definizione di punto focale, definito come quellarea dello spazio colore che `e pi`
u esemplificativa del nome di colore basico in
ogni lingua. Individu`o quindi i punti focali sulla base della frequenza con cui
un nome veniva attribuito ad uno stimolo colore.
Scopr` che sia la distribuzione, sia i migliori esempi variavano molto tra queste
129

lingue, sia per le lingue imparentate che per quelle che non lo erano. I migliori
esempi di colore e i punti focali non coincidevano in lingue diverse, nemmeno in
quelle appartenenti ad una stessa famiglia linguistica come il finlandese e lestone, nei quali i prototipi di alcuni colori che sono indicati quasi con lo stesso nome
(es. punainen e punane, che significano entrambi rosso) non corrispondevano
luno allaltro. Questo fenomeno viene visto come specifico e relativo ad una
determinata lingua e cultura, evidenziando quindi una visione relativista.

Uninfluenza importante nella formazione del lessico dei colori viene riconosciuta anche alla cultura. Anche luniversalismo le assegna un ruolo cruciale, la
gerarchia descritta da Berlin e Kay infatti dovrebbe evolvere anche sulla base
della necessit`a di una lingua di esprimere i colori in modo pi`
u dettagliato. I
bisogni comunicativi riguardo al colore variano in modo molto ampio da cultura
a cultura e sembra esserci un rapporto di tipo implicazionale tra la complessit`a
culturale e tecnologica di una societ`a e la complessit`a della terminologia cromatica di cui quella societ`a dispone.
Molte lingue del mondo, soprattutto occidentale, possiedono undici categorie
linguistiche di colore. Queste potrebbero essere un ottimo insieme per i loro
bisogni comunicativi, data la vasta gamma di colori disponibili nel loro ambiente. Lutilit`a di un nome nel distinguere tra oggetti individuali di un insieme `e
attenuata dal contesto: nel caso in cui, ad esempio, tutti i funghi siano arancioni,
il termine arancione `e meno utile. Dallaltra parte, molte culture tradizionali
dispongono di meno di undici categorie, ognuna delle quali contiene unampia
gamma di esemplari e si estende a colori molto desaturi, con basso accordo
inter-individuale sulla locazione dei migliori esempi. Senza lintera gamma di
stimoli saturi che pu`o essere riprodotta artificialmente, le comunit`a tradizionali
potrebbero non aver bisogno di distinzioni categoriche pi`
u fini, che sono richieste
quando una variet`a pi`
u ampia di questi stimoli `e disponibile. Mancherebbe, in
questi casi, la motivazione a rendere pi`
u dettagliato il lessico dei colori.
Sono quindi le circostanze ecologiche e culturali ad incrementare la divergenza
delle categorie di colore in queste comunit`a. Lindustrializzazione pu`o sicuramente incoraggiare lintroduzione di nuovi termini e categorie, ai fini di incrementare sia il potere comunicativo, sia la discriminabilit`a. Esiste quindi un
principio di economicit`a: `e controproduttivo che un sistema sia pi`
u comunicativo di quanto serve ai suoi bisogni, e solo qualora se ne riscontri la necessit`a, un
sistema introdurr`a dei nuovi termini.

Al di l`a del dominio della terminologia dei colori, la relativit`a linguistica `e


stata proposta in altri ambiti cognitivi. Ad esempio Gumperz e Levinson [86]
scoprirono che variazioni nei sistemi numerici adottati conducevano a differenze
nel ragionamento numerico, ma anche nei domini di materiale e forma [87],
tempo [88] e altri sono state tratte conclusioni relativiste; si `e cio`e concluso che
il modo in cui questi domini sono organizzati cognitivamente `e influenzato dalle
lingue che li codificano in modi diversi.
130

7.2

La percezione categorica

La percezione categorica (categorical perception, CP) si rivela quando stimoli che


stanno a cavallo tra due categorie vengono percepiti come pi`
u distinti rispetto a
stimoli interni ad una categoria, distanziati tra loro in modo uguale rispetto ai
primi nello spazio colore percettivo utilizzato. Siccome i confini tra categorie,
secondo lipotesi relativista, variano da lingua a lingua, i parlanti di lingue
diverse apprendono il colore in modo diverso; queste differenze linguistiche sem
brano quindi effettivamente causare differenze cognitive. Recentemente, Ozgen
[89] ha delineato la sua posizione relativista andando oltre i soliti schemi e con
centrandosi proprio sulla percezione categorica. Ecco la domanda che Ozgen
si
pone:
Languages differ in the parts of the color spectrum for which they
have names. For example, some languages have a single name to
mean both blue and green [...]. If you spoke such a language, what
would happen when you look at the rainbow? Would you still see
a blue band, a green band, and so on? Or instead would you see
bands of hues that correspond to the categories mapped out by your

own language? Ozgen


[89].
Roberson e colleghi [83] hanno proposto che i punti focali universali non
giochino un ruolo centrale nellattribuzione di nomi ai colori. La loro ipotesi `e
che le categorie cromatiche sono determinate nei loro confini direttamente dalle
singole lingue, e lunico vincolo che esse devono rispettare `e quello del raggruppamento per similarit`a, secondo il quale colori simili tenderanno a ricevere lo
stesso nome. Il fatto di aver studiato lingue di comunit`a non industrializzate `e
ritenuto molto importante da loro, i quali ritengono che proprio per non averlo
fatto Berlin e Kay [32] ottennero dei risultati molto limitati.
Prima di descrivere gli studi che sembrano giustificare la posizione relativista
analizziamo quindi il concetto di percezione categorica che viene rappresentato
nellimmagine (figura 7.1).
La figura mostra quattro colori separati luno dallaltro da intervalli uguali
nello spazio colore (distanza d ), rappresentati dalle doppie frecce. Due di questi
colori (B1 e B2) sono esempi di blu, mentre gli altri due (G1 e G2) sono esempi
di verde. La linea tratteggiata verticale indica il confine tra le due categorie
cromatiche. Nonostante gli intervalli tra i colori siano uguali, numerosi studi
hanno dimostrato come sia pi`
u difficile discriminare tra B1 e B2 o tra G1 e
G2 piuttosto che tra due elementi appartenenti uno ad una ed uno allaltra
categoria. La distanza percettiva Pd, diversa dalla distanza d, `e quindi maggiore
in questultimo caso, rispetto alle coppie che appartengono alla stessa categoria.

P dB2,G2

>

131

P dB1,B2
o
P dG1,G2

Figura 7.1: Quattro stimoli colore appartenenti a due categorie diverse divise
da una linea tratteggiata che rappresenta il confine tra le due. I due stimoli
a sinistra appartengono alla categoria B (blu), quelli a destra alla categoria G
(verde).
Se lipotesi relativista fosse esatta, la percezione categorica dovrebbe essere
funzione della lingua del parlante. Diversi ricercatori hanno studiato questo
fenomeno sia sul campo che in laboratorio per testare questa predizione, proponendo discriminazioni tra confini di categorie esistenti in una lingua presa in
esame ma non nellaltra.
Si pu`o indagare questo fatto attraverso un compito di ricerca visiva, in cui si
mostra ai partecipanti uno stimolo colore, chiamato target, e poi un insieme di
stimoli di colori diversi (distrattori). Il compito consiste nellindicare in questo
insieme di distrattori gli stimoli uguali al target. Ad esempio, nel caso in cui il
target sia blu e i distrattori verdi o viceversa, gli inglesi sono pi`
u veloci nello svolgere il compito rispetto agli africani. Ci`o perche blu e verde sono due categorie
distinte in inglese, ma appartengono ad una sola categoria (grue) nella maggior
parte delle lingue africane. Al medesimo risultato si `e giunti analizzando i dati
provenienti da soggetti turchi e inglesi: i turchi erano pi`
u veloci nel discriminare tra stimoli blu e azzurri, che in turco, cos` come in russo, costituiscono due
categorie linguistiche diverse, rispetto agli inglesi. I parlanti della lingua nella
quale il target e i distrattori appartengono a categorie diverse sono pi`
u veloci nel
discriminare rispetto a quelli che non possiedono questa distinzione nella loro
lingua. Le categorie linguistiche quindi influenzano la velocit`a in un compito di
discriminazione tra stimoli.
A questo punto verrebbe naturale dire che la natura categorica della percezione del colore non `e innata ma viene acquisita, eppure la ricerca condotta
sulla percezione cromatica nei neonati sembra smentire questa affermazione rivelando risultati contraddittori. Alcuni studi hanno messo in luce la possibilit`a
che i neonati percepiscano in modo categorico il colore, pur non avendo ancora sviluppato nessuna abilit`a linguistica. Allo stesso tempo altri studi hanno
132

portato a pensare il contrario. Forse gli effetti della percezione categorica nella
discrimazione del colore vengono effettivamente acquisiti molto presto, non solo
attraverso il linguaggio ma anche attraverso la percezione continua di categorie
cromatiche comuni che circondano i bambini sin dalla nascita (giocattoli, abiti
ecc.).
` possibile che parlanti di lingue diverse vedano i colori in modi diversi solo se
E
`e possibile che ci sia un reale cambiamento nella percezione del colore a bassi
livelli (primi stadi) del processo visivo. Se non `e possibile che la percezione cambi, non `e possibile che essa vari tra culture e lingue. La domanda da farsi quindi
`e: la percezione del colore negli adulti `e identica a quella dei neonati, o questa
pu`o subire delle modifiche? Una buona prova del fatto che la percezione pu`o
essere effettivamente modificata `e quella che viene chiamata apprendimento
percettivo (perceptual learning), che si riferisce ai miglioramenti che si possono ottenere mediante pratica ripetuta, in una determinata abilit`a percettiva.
Attraverso la pratica, le persone possono migliorare le loro performance in qualsiasi abilit`a percettiva e ci`o `e dovuto al fatto che il cervello `e un organo plastico
ed adattivo, in continuo cambiamento sulla base delle richieste dellambiente.
Questo `e specialmente vero e al suo massimo livello durante linfanzia, ma con` improbabile che la percezione del colore
tinua anche durante let`a adulta. E
faccia eccezione e sia un rigido meccanismo che rimane invariato.

7.3

Lo studio delle lingue berinmo e himba

Gli studi pi`


u importanti e citati a favore del relativismo sono quelli condotti da
Roberson e colleghi che hanno preso in esame due lingue non scritte di paesi
non industrializzati: berinmo e himba. Li analizzeremo in queste pagine.
In [83, 90] vengono presentati una serie di esperimenti con i quali gli autori tentarono di replicare i dati ottenuti da Rosch Heider [52] nel suo classico studio
sulla lingua dani con uno studio sulla lingua berinmo, unaltra lingua melanesiana parlata nella parte nordest della Papua Nuova Guinea, confrontata con
la lingua inglese. I risultati di Heider erano stati interpretati a supporto dellesistenza di categorie universali di colore e quindi confermavano, secondo lautrice
stessa, la teoria di Berlin e Kay.
La scelta del berinmo fu dettata dal fatto che, nonostante questa lingua si trovi
ad uno stadio evolutivo pi`
u avanzato (possiede cinque termini di colore, contro
i due del dani) il suo lessico dei colori `e sufficientemente limitato e il colore,
come attributo relativo agli oggetti della natura, `e di scarsa salienza allinterno
di quella cultura. Venne pertanto ritenuta adatta a replicare lo studio sul dani.
Tuttavia, in questo studio Roberson e colleghi arrivarono a conclusioni diverse,
opposte a quelle di Heider.
Innanzitutto essi sostengono che non esista una buona corrispondenza tra le
categorie cromatiche dellinglese e quelle del berinmo. Questa lingua possiede
cinque categorie linguistiche (figura 7.2), identificate con i termini wap (bianco
e tutti i colori pallidi, termine usato anche per denotare una persona europea o bianca), wor (colore delle foglie che stanno per cadere da un albero, co133

pre una gamma di colori giallo/arancione/marrone e khaki), nol (verde/giallo,


verde/blu/viola), mehi (rosso, indica il colore del frutto di una palma rossa) e
kel (nero, si riferisce a qualsiasi cosa bruciata, significa anche sporco). Quindi,
ad esempio, il berinmo non distingue tra blu e verde, ma possiede un confine di
categoria che in inglese non esiste, quello tra wor e nol.
Gli autori studiarono le risposte dei due gruppi riguardo ad un confine di categoria presente solo nella lingua berinmo (quello appena descritto), e uno presente
solo nella lingua inglese (quello tra blue e green). Se leffetto categorico `e determinato da propriet`a universali del sistema visivo, entrambe le popolazioni
dovrebbero mostrare gli stessi modelli di risposta. Se invece leffetto categorico
`e ristretto a confini linguistici, i due gruppi dovrebbero mostrare risposte marcatamente diverse tra i due confini di categoria proposti. In effetti fu proprio
cos`, i soggetti inglesi discriminavano meglio tra stimoli appartenenti a categorie
diverse in inglese, mostrando un vantaggio nella discriminazione delle categorie
blue-green, ma non presentavano lo stesso vantaggio per le categorie wor-nol del
berinmo. Lesatto opposto si verific`o nei parlanti berinmo, che mostrarono un
vantaggio per le proprie categorie linguistiche, ma non per quelle appartenenti
alla lingua inglese. Secondo gli autori, la percezione categorica quindi esiste, ma
solo per i parlanti della lingua che formalizza questa distinzione.
Il secondo passo tentato fu quello di insegnare la distinzione blue-green ai
soggetti berinmo e quella wor-nol a quelli inglesi. Se le categorie si formano
attorno a linee naturali imperfette nello spazio colore percettivo, dovrebbe essere relativamente facile imparare le categorie appartenenti ad unaltra lingua.
Per entrambi i gruppi questo ulteriore compito risult`o complesso. Anche questo
dimostrerebbe una base linguistica per la categorizzazione del colore.
Sulla base di una variet`a di compiti diversi a cui i soggetti vennero sottoposti,
Roberson e colleghi arrivarono a concludere che la percezione e la categorizzazione del colore hanno una base linguistica in quanto rispecchiano e sono
dipendenti dalla specifica lingua in esame, piuttosto che rispecchiare degli universali percettivi.
Roberson, Davidoff, Davies e Shapiro [91] replicarono ed estesero le scoperte
precedenti fornendo un ulteriore modo per esaminare la relativit`a linguistica. Se
esiste un modello regolare di evoluzione nella terminologia linguistica, allora ci
si dovrebbe aspettare che due lingue allo stesso stadio evolutivo abbiano simili
rappresentazioni cognitive del colore, pur essendo parlate in ambienti completamente diversi. Decisero cos` di studiare una lingua che si trovasse allo stesso
stadio evolutivo del berinmo: la lingua himba. Stavolta quindi confrontarono
due lingue con lo stesso numero di termini di colore, cinque, ma i cui parlanti
vivono in ambiente completamente diversi.
La lingua himba `e parlata in in Namibia del nord, Africa. Questo popolo `e seminomade e abita regioni molto aride, la sua dieta visiva `e costituita da aperto
deserto, cespugli e montagne, un ambiente completamente diverso rispetto a
quello dei parlanti berinmo, che vivono nella profonda ombra di foreste e boschi.
Le comunit`a dei villaggi hanno una base permanente alla quale tornano nella
breve stagione delle piogge, ma durante la stagione secca si muovono attorno ad
134

Figura 7.2: Distribuzione media dei termini di colore basici nei parlanti berinmo
per i 160 tasselli dellarray di Munsell. I numeri nel grafico indicano il numero
di soggetti (su un totale di 25) che scelsero un particolare tassello come miglior
esempio della categoria. Tratto da [83].

una serie di accampamenti temporanei per trovare erba e acqua per il bestiame. Larea ha poche risorse naturali, quindi le case, gli abiti, gli strumenti e gli
artefatti sono costruiti con prodotti ricavati dal bestiame stesso.
Lhimba `e un dialetto della lingua herero, ma a causa di un lungo isolamento culturale negli ultimi cento anni sono nate delle profonde differenze culturali
e linguistiche con lherero, la cui cultura si `e negli ultimi anni aperta alla cultura occidentale, come dimostrano i prestiti dallinglese grine (da green) e pinge
(da pink ) che lhimba non usa. Il popolo himba ha una forte identit`a culturale tradizionale, ha mantenuto le sue tradizioni nel tempo e limita al minimo
i contatti con le altre culture. Per un buon numero di soggetti esaminati, lo
sperimentatore costituiva la prima persona bianca mai vista.
Non essendo presente nel WCS, gli autori innanzitutto identificarono i cinque
termini basici himba (figura 7.3) nei termini serandu (allincirca corrispondente
a rosso, arancione e rosa), dumbu (allincirca corrispondente a beige, giallo;
indica anche una persona bianca), zoozu (tutti i colori scuri e nero), vapa (tutti
i colori chiari e bianco) e burou, recentemente preso in prestito dallAfrikaans
attraverso lherero (allincirca corrispondente a verde, blu e viola) e notarono
luso ampio di termini secondari normalmente usati per descrivere il colore della
pelle degli animali. Le scelte dei migliori esempi erano molto diverse, ma questa
135

mancanza di accordo tra parlanti venne riscontrata anche tra parlanti berinmo,
dani e in molte altre lingue di paesi non industrializzati.
Una cosa interessante che venne notata fin dallinizio fu la minor consistenza
nelle risposte date dai parlanti himba rispetto ai parlanti berinmo. Potrebbero
avere contribuito a questo uso meno omogeneo dei termini tre fattori:
1. Il tipo di vita dei parlanti himba li vede vivere su ampi territori e ci`o
implica poca attivit`a cooperativa, ci`o contrasta con i parlanti berinmo che
vivono cacciando in comunit`a e svolgendo attivit`a di gruppo, formando dei
gruppi sociali ben uniti. Potrebbero essere diversi quindi sia le opportunit`a
che il bisogno di comunicare.
2. Leconomia himba `e centrata sul bestiame, ci`o potrebbe aver sviluppato
un ricco vocabolario di termini secondari che sono usati di frequente, ma
con poco consenso.
3. Mentre i parlanti berinmo sembrano essere attratti dalla sfida di fornire
delle descrizioni per ogni colore ed ogni oggetto intorno a loro, i parlanti
himba appaiono pi`
u reticenti e pensierosi e lasciano pi`
u frequentemente
gli stimoli innominati.
Svolgendo numerosi esperimenti su questi parlanti, simili a quelli condotti
nello studio precedente sul berinmo, gli autori arrivarono ancora una volta a
concludere che parlanti di lingue diverse codificano, ricordano e discriminano
stimoli in modi diversi. Per esempio, si analizz`o in questo caso la percezione
categorica su tre confini linguistici: i due confini appartenenti alla lingua inglese e berinmo utilizzati anche nello studio precedente (blue-green e wor-nol ),
e uno della lingua himba (dumbu-burou). I dati raccolti dalla lingua himba
diedero gli stessi risultati dei dati raccolti precedentemente sulla lingua berinmo. Nonostante le somiglianze tra le categorie linguistiche di colore tra queste
due lingue, sembrano tuttavia esistere degli effetti linguistici specifici. I soggetti
himba mostrarono vantaggi nella percezione categorica solo per le proprie categorie linguistiche e non per quelle berinmo ne per quelle inglesi.
Gli autori si posero due domande. La prima, quantitativa, `e: quanto devono
essere diversi due insiemi di termini prima che si abbiano delle conseguenze
cognitive di queste differenze per i loro parlanti? Secondo i risultati ottenuti
in questo studio, differenze piccole nella posizione dei confini tra categorie sono
sufficienti per portare a differenze cognitive osservabili.
La seconda, qualitativa, `e: le categorie devono essere definite dai migliori esempi
oppure dalla loro intera ampiezza? Quando ci si chiede se due categorie in due
lingue sono identiche, dovrebbe essere considerata lintero insieme di esemplari,
piuttosto che solo il centro della categoria. I confini delle categorie sono ritenuti
altrettanto salienti quanto i loro centri.
Un approccio alternativo potrebbe rispondere a queste domande concentrandosi
sulle similarit`a tra le varie lingue nei sistemi lessicali di colore piuttosto che sulle
136

differenze. Le somiglianze potrebbero a loro volta far rifiutare la visione relativista, specialmente perche queste somiglianze spesso si estendono a moltissime
lingue del mondo che si trovano in parti del mondo completamente diverse.
Gli autori precisano tuttavia che questi sistemi di codifica dei colori potrebbero
non essere cos` simili come potrebbe sembrare ad una prima analisi, e ci`o per
due motivi. Primo, la similarit`a tra himba e berinmo per gli stimoli saturi non
si estende agli stimoli a bassa saturazione, per i quali risultano meno simili tra
loro di quanto ognuno dei due non sia con linglese. Sia linglese che lhimba
usano un alto numero di termini secondari per nominare questi stimoli, mentre il berinmo estende prontamente i termini basici anche per essi. Laffidarsi
allattribuzione di nomi a soli stimoli saturi, in passato, potrebbe aver portato
a sovrastimare la similarit`a tra sistemi di colore. Secondo, per semplicit`a solo
i termini basici vengono considerati e utilizzati. Ma quando si lascia libert`a ai
soggetti nella scelta dei nomi senza imporre vincoli e si analizzano i termini non
basici le differenze aumentano in modo non trascurabile.

7.4

Lo studio sullacquisizione dei termini himba

In seguito Roberson e colleghi [93] proposero tre ipotesi per cercare di dare una
spiegazione ai risultati ottenuti nei loro studi precedenti.
La prima ipotesi dice che tutti gli adulti potrebbero avere un insieme universale
di categorie cognitive che potrebbe essere determinato in modo innato e indipendente dai termini usati per descriverle. Nonostante ci`o, gli adulti potrebbero
sempre reclutare un sistema di nomi specifico ad una cultura, anche quando
danno dei giudizi percettivi sui colori, in modo che due oggetti chiamati con lo
stesso nome verrebbero sempre giudicati pi`
u simili di due oggetti chiamati con
due nomi diversi. Tuttavia questa opzione sembra improbabile agli autori che
non credono in un sistema di categorizzazione universale.
La seconda alternativa dice che tutti gli umani potrebbero essere nati con un
insieme universale di categorie cognitive che poi vengono distorte nel corso dellacquisizione dellinsieme appropriato di categorie nella propria lingua. Queste
distorsioni potrebbero aver vita se le categorie di colore acquisite attraverso la
lingua fossero mentalmente rappresentate da prototipi e queste rappresentazioni
si comportassero come dei magneti percettivi distorcendo lo spazio colore percepito. In questo caso si potrebbe parlare di acquisizione come perdita, gli
umani perderebbero linsieme universale a favore di un insieme specifico alla
loro lingua.
Lultima possibile spiegazione `e quella secondo la quale non esiste un singolo
insieme di categorie che sia universale e indipendente da lingua e cultura e secondo la quale tutte le divisioni del continuum di colore percepito devono essere
acquisite. In un caso del genere, gli individui che non hanno ancora acquisito linsieme di categorie appropriato alla propria cultura e lingua potrebbero
137

Figura 7.3: Distribuzione dei termini di colore in himba e scelte dei migliori
esempi per larray di 160 stimoli comparata alla distribuzione dei termini dellinglese per lo stesso array. Come nella figura precedente, i numeri rappresentano
il numero dei soggetti che hanno scelto un esemplare come migliore esempio di
una categoria. Tratto da [92].

raggruppare i colori secondo qualche principio come ad esempio quello di similarit`a, ma fallirebbero nel categorizzare secondo le linee dellinsieme universale
proposto.
Questa questione venne esaminata rivolgendosi ad unaltra fonte di prove:
lacquisizione dei termini di colore nei bambini. Le stime sullet`a in cui i bambini
acquisiscono un lessico minimo dei colori sono scese drasticamente dai 7-8 ai 2-3
anni. Nonostante ci`o, un uso competente di questi termini si riscontra relativamente tardi, soprattutto se comparato con termini relativi ad altri domini. Lo
stesso vale per bambini di lingua inglese, per i quali linsieme di termini basici da
acquisire sarebbe esattamente quello che si ritiene essere universale e presente
in ogni individuo in maniera innata, prima che venga acquisita la terminologia
relativa alla propria lingua. Bornstein [94] riteneva, allinterno di una cornice
138

universalista in cui esiste un insieme universale fisso e innato di categorie di colore, che fosse ancora pi`
u difficile acquisire questi termini per bambini che stavano
imparando una lingua in cui linsieme universale doveva essere sovrascritto da
un nuovo insieme, anche se questo comprendeva un numero di termini inferiore.
I bambini potrebbero dover assimilare le loro categorie universali in un nuovo
insieme di categorie linguistiche basate su unaltra dimensione, come ad esempio la chiarezza nel caso della lingua dani [52]. Lacquisizione di un insieme di
categorie diverso da quello che si presume essere innato e universale potrebbe
mostrare un modello di sviluppo diverso da quello dei bambini di lingua inglese,
i quali avrebbero un lavoro pi`
u facile da svolgere dovendo solamente attribuire
delle etichette linguistiche alle categorie cognitive che gi`a possiedono.
Roberson e colleghi [93] esaminarono sistematicamente comprensione, memoria, e assegnazione di nomi a stimoli colore su due gruppi di bambini, uno inglese
e laltro himba. Tra gli scopi dello studio cera anche quello di capire se lacquisizione dei termini di colore potesse o meno differire in parlanti di lingue diverse.
La conoscenza e la memoria di termini di colore da parte di tutti questi bambini
venne testata per un periodo di tre anni, ad intervalli regolari di sei mesi. Ai
bambini veniva chiesto di svolgere quattro tipi di test.
Il primo era un compito di produzione di un elenco di nomi di colori (dimmi
tutti i colori che conosci), il secondo un compito di attribuzione di nomi a
colori (che colore `e questo?), il terzo un compito di comprensione di termini di colore (ne vedi uno rosso?), infine lultimo era un compito di memoria/riconoscimento.
Nonostante considerevoli differenze ambientali, linguistiche ed educative tra i
due gruppi, le teorie universaliste della categorizzazione del colore predicono
che entrambi i gruppi di bambini avranno la stessa organizzazione cognitiva iniziale dello spazio colore (undici categorie) e che questa organizzazione cognitiva
rimarr`a per entrambi i gruppi di bambini, nonostante la sovrapposizione di insieme diversi di categorie linguistiche [78, 94].
A partire dai dati raccolti, Roberson e colleghi [92] presentano tre argomenti
principali contrari alla posizione universalista.
Il primo riguarda gli errori compiuti dai bambini nei compiti di riconoscimento. Anche la ricerca precedente con gli adulti [83] si era avvalsa degli errori di
memoria come il principale dato per confermare la relativit`a linguistica, anche
se quella procedura `e stata criticata in [95] in cui si sostiene che gli errori specifici ad una lingua potrebbero semplicemente derivare dal fatto che il soggetto
utilizzi un codice verbale per ricordarsi i colori, non contraddicendo necessariamente la teoria universalista.
Questi argomenti non possono essere applicati per`o a bambini che non conoscono
ancora alcun termine di colore. In entrambi i gruppi, questi bambini mostravano
dei modelli di errori di memoria molto simili tra loro, ma nessuno di questi due
modelli ricordava quello che deriva dalle categorie basiche dellinglese. Entrambi i modelli di errore si basavano sulla distanza percettiva piuttosto che su un
insieme particolare di categorie predeterminate, e non cera alcun vantaggio di
139

memoria per termini che erano focali nelle due lingue. Questo supporta lidea
che le undici categorie basiche dellinglese non siano universali cognitivi. Tuttavia il fatto che un grande numero di lingue del mondo abbiano lo stesso numero
di categorie cromatiche (undici) ha portato a pensare che sia la combinazione
ottimale per la discriminabilit`a e leconomia cognitiva per il riconoscimento e
la rappresentazione di un ampio numero di colori. Il fatto che possa essere la
combinazione ottimale, non implica per`o che sia innata.
Dopo un momento iniziale di appoggio sulle similarit`a percettive, osservabile
nei bambini che ancora non conoscevano termini di colore, divenne evidente un
vantaggio e una performance migliore per linsieme di colori focali appropriato alla propria lingua non appena i bambini acquisirono i relativi termini. La
conoscenza anche di un solo termine di colore sembrava far gi`a cambiare lorganizzazione cognitiva, e, da quel punto in avanti si riscontravano differenze
dipendenti dalla lingua tra i due gruppi; questa influenza linguistica nei compiti di memoria incrementava inoltre con let`a. Una volta che la conoscenza `e
acquisita, essa sembra ristrutturare lorganizzazione cognitiva del colore. Questa rapida divergenza nellorganizzazione cognitiva del colore per i due gruppi
suggerisce che le categorie cognitive di colore siano acquisite anziche innate.
Riassumendo, un continuum del colore inizialmente guidato percettivamente,
appare essere progressivamente organizzato in insiemi appropriati ad ogni lingua e cultura.
Il secondo punto riguarda la possibile esistenza di un ordine predicibile in
cui i termini di colore vengono acquisiti. Anche se questo si rivelava diverso a
seconda della misura usata e mostrava grandi variazioni individuali, in nessun
modo venne riconosciuto il modello predetto dalla teoria universalista secondo
il quale i colori primari (rosso, blu, verde e giallo) vengono acquisiti per primi.
Nel corso dello studio longitudinale, nessuna delle due popolazioni mostr`o un
ordine fisso e predicibile di acquisizione, e ci`o supporta altre scoperte precedenti.
Il terzo punto riguarda il ruolo particolare dei colori focali. Come abbiamo
visto, il vantaggio per i colori focali increment`o per tutta la durata dello studio. Quindi limportanza che Rosch [78] assegna alla focalit`a nello stabilire le
categorie sembrerebbe essere ribadita dai presenti dati, anche se va sottolineato
che, secondo gli autori, la focalit`a non `e universale ma language-dependent.
Nonostante le similarit`a nella traiettoria di acquisizione dei termini tra le due
popolazioni, i bambini inglesi acquisirono i loro primi termini di colore prima
dei bambini himba. Per i bambini inglesi questo fatto non meraviglia, dato
che questi sono semplicemente i colori che sono insegnati fin dalla pi`
u tenera
et`a e che pi`
u presto sono disponibili nei loro ambienti di gioco. La maggiore
esposizione ad oggetti colorati e la salienza culturale del colore, maggiore nelle
societ`a occidentali, potrebbero contribuire ad una comprensione maggiore del
colore dal punto di vista concettuale come una dimensione separabile.
Per i bambini himba la focalit`a `e determinata sulla base dellaccordo negli adulti
nel dare nomi. Ognuno dei cinque termini basici dellhimba contiene un numero
ampio di esemplari e si estende a colori molto desaturi e con poco accordo tra
140

gli adulti su dove si localizzino i migliori esempi delle categorie. I bambini himba non incontrano presentazioni costanti di colori altamente saturi, attraverso
stampe, immagini video o altro. Nel loro ambiente vedono solo colori naturali,
per i cui nomi gli adulti spesso non si trovano in accordo. Inoltre, i bambini himba potrebbero essere svantaggiati per il fatto di dover sovrascrivere un
insieme di categorie linguistiche, quello appropriato alla loro lingua, sopra a
quello di categorie cognitive universali fornitogli alla nascita. I bambini quindi
dovrebbero esser pi`
u veloci nellimparare quei colori che tutti gli adulti chiamano
con lo stesso nome, da qui i risultati pi`
u accurati per i colori focali. In effetti,
senza quellampia gamma di stimoli saturi che possono essere prodotti artificialmente, le comunit`a tradizionali potrebbero non aver bisogno di distinzioni
categoriche pi`
u fini, richieste invece quando una variet`a pi`
u ampia `e disponibile,
e cos` potrebbe mancare la motivazione a rendere pi`
u dettagliato il lessico dei
colori. Lacquisizione dei termini di colore appar` essere genuinamente lenta,
difficoltosa e produttrice di molti errori in entrambe le culture.

141

142

CAPITOLO

8
Altre tematiche relative al lessico
dei colori

8.1

Introduzione

Finora ci si `e limitati a presentare gli aspetti pi`


u classici storicamente affrontati
negli studi inerenti al dominio del lessico dei colori. In realt`a esistono molti
altri aspetti, pi`
u specifici, che sono stati studiati con lo scopo di ottenerne una
comprensione maggiore. In questo capitolo ne verranno presentati alcuni, con
lobiettivo di dare unidea della vastit`a della ricerca che pu`o essere condotta
allinterno di questo ambito.

8.2

Lacquisizione dei termini di colore nei bambini

Nello sviluppo del bambino lacquisizione dei termini di colore avviene tardi,
tanto da aver convinto in passato alcuni studiosi che i bambini fossero ciechi
al colore perche non erano in grado di applicare loro nomi adeguati ad unet`a
relativamente tarda.
Se allinizio del ventesimo secolo le stime di Binet e Simon riguardo allet`a in
cui il bambino disponeva di un lessico di colori minimo (4 termini) si aggiravano
attorno ai 7-8 anni [96], nel tempo questa si `e abbassata, scendendo gradualmente fino ad arrivare ai 2-3 anni di oggi [97, 98]: questo `e un evidente effetto
143

Figura 8.1: Rappresentazione degli stimoli presentati nellesperimento di Delk


e Fillenbaum [99].
del processo di industrializzazione. La maggior esposizione al colore, tipica delle
culture occidentali, predispone ad un lessico cromatico pi`
u ampio.
La relazione semantica tra colore e termini di colore sembra molto difficile da
affrontare da parte dei bambini, sia nellacquisizione di un lessico di colori iniziale che nel successivo corso di sviluppo. C`e un ampio contrasto tra il periodo
protratto di sviluppo per arrivare ad un uso dei termini di colore appropriato
da una parte, e la facilit`a con cui i bambini acquisiscono termini relativi ad altri
domini (es. forma, dimensione) ai quali sono frequentemente esposti. Allet`a di
2, 3 anni i bambini utilizzano in modo corretto mediamente 3 termini di colore,
il loro lessico relativo ai colori `e quindi molto poco produttivo. Questo `e particolarmente sorprendente dato che a tre anni i bambini hanno solitamente tutti
gli strumenti necessari per usare i termini di colore in modo corretto, essendo il
loro sviluppo linguistico a quellet`a gi`a a buon punto.
Due sono le ipotesi proposte per dare una spiegazione a questo fatto. Una
possibile ipotesi `e che il legame potrebbe essere difficile da stabilire perche il
colore non `e saliente per il bambino (salience argument). In questa prospettiva il colore `e visto come un attributo periferico nel lessico in fase di sviluppo.
Unaltra ipotesi `e che le difficolt`a con i termini di colore nascano a causa della
struttura concettuale del dominio dei colori. In questo caso le difficolt`a sarebbero determinate soprattutto dalle propriet`a semantiche dei termini di colore,
come la vaghezza e il fatto, che segue da questa vaghezza, di non essere organizzati in modo gerarchico. Altri domini, gerarchicamente organizzati, sono
caratterizzati da categorie che hanno un sopraordinato unico e immediato.
In generale, il colore `e difficile perche `e una parte inerente degli oggetti e quindi il
nome del colore verr`a necessariamente dopo il nome delloggetto. Un prerequisito per dare nomi ai colori quindi sarebbe una conoscenza appropriata dei colori
degli oggetti. In un esperimento del 1965, Delk e Fillenbaum [99] tagliarono
delle forme di vari oggetti (una mela, un cuore, un fungo e una campana) da
uno stesso pezzo di cartoncino colorato di colore arancione, come `e evidente
nella figura 8.1. Quando veniva chiesto loro il colore del cartoncino, i soggetti
rispondevano con il colore memoria (memory color ) associato alla forma specifica. Ci`o ci fa capire che il nome del colore a livello cognitivo `e meno importante
del nome del colore degli oggetti.
La spiegazione linguistica `e una variante del salience argument e sostiene che
144

lacquisizione dei nomi di oggetti sia semplicemente pi`


u importante per i bambini rispetto allacquisizione dei nomi di colori. Come conseguenza, le propriet`a
che sono pi`
u pertinenti al dare nomi agli oggetti, come la forma, assumono una
salienza maggiore per il bambino di quanto non faccia il colore. Quando non
hanno a disposizione etichette per gli oggetti, i bambini tendono a classificarli
in base al colore; se per`o hanno delle etichette a disposizione li classificano in
base a categorie diverse dal colore.
La spiegazione semantica e quella della salienza sono molto diverse tra loro, e i
due approcci sono molto diversi: categorie con propriet`a semantiche simili possono tuttavia differire in salienza, e categorie con salienza simili possono avere
propriet`a semantiche molto diverse. Finora non ci sono prove sufficienti per
trarre delle conclusioni.
In linea di principio, tutti i termini di colore dovrebbero essere equamente
soggetti a ritardo in relazione a termini di controllo di altro tipo. Ci sono
per`o chiare indicazioni che spingono a credere che i termini di colore formino
un insieme non omogeneo, e che quindi possano esistere delle differenze nelle
tempistiche con cui alcuni termini vengano acquisiti rispetto ad altri. Berlin
e Kay [32] ritenevano che esistessero colori focali pi`
u codificabili e pi`
u facili
da ricordare rispetto ai colori non focali. Data questa non-omogeneit`a delle
categorie di colore, non dovremmo sorprenderci qualora dovessimo scoprire che
i termini di colore e i processi relativi alla loro acquisizione non fossero omogenei.
Braisby e Dockrell [100] condussero un esperimento in una scuola di Londra
per investigare sistematicamente la produzione di termini di colore e per confrontarla con la produzione di termini di altro genere, scegliendo per il confronto
i termini di animali.
I soggetti erano bambini divisi in due gruppi in base allet`a (primo gruppo di
et`a media di 3 anni e 5 mesi - secondo gruppo di et`a media di 5 anni e 3 mesi) e
testati su un periodo di quattro settimane, e i termini erano categorizzati come
ad alta o bassa frequenza per ognuno dei due domini. Nel caso del dominio
degli animali, gli stimoli erano costituiti da disegni monocromatici; per quanto
riguarda i colori, gli stimoli consistevano in pezze colorate che erano state scelte
come migliori esempi dei colori che rappresentavano.
I risultati non supportarono la spiegazione linguistica o della salienza, in quanto
i termini di colore non provocarono, in generale, un risultato peggiore rispetto
ai nomi di altro tipo. Il modello di risposta per i due domini fu praticamente
identico nel caso di termini ad alta frequenza. Lattribuzione di nomi al colore
fu peggiore solo nel caso di termini a bassa frequenza. Il problema perci`o non
riguardava in generale tutti i termini di colore, ne riguardava in generale tutti
i termini a bassa frequenza ed esisteva una intrinseca difficolt`a in questo senso. Qualsiasi spiegazione dellapparente ritardo nel dare nomi ai colori doveva
essere riferito alle particolari propriet`a dei termini di colore a bassa frequenza.
Per quanto riguarda i termini di animali a bassa frequenza i bambini, trovandosi
in difficolt`a, rispondevano non so, mentre per i termini di colore rispondevano
con un termine di colore errato. Si not`o ancora come lattribuire nomi di animali tra un test e laltro migliorasse in modo pi`
u marcato rispetto ai termini
145

di colore. In realt`a per`o, per i termini ad alta frequenza, il miglioramento era


maggiore per i termini di colore che per i termini di animali. Per tutti i tipi
di nome il secondo gruppo faceva meno errori del primo, let`a quindi gioca un
ruolo importante.
Lanalisi dei tipi di errori compiuti dai bambini pu`o essere una buona fonte di
prove e pu`o essere usata per sviluppare un modello del processo di attribuzione
di nomi da parte dei bambini. Per questo motivo tutti gli errori compiuti vennero classificati in due tipologie: errori generali ed errori dipendenti da diverse
propriet`a semantiche dei due domini analizzati.
Gli errori generali includevano errori fonetici (due termini che condividono il
fonema iniziale o finale), errori assurdi (es. a bumpy), errori like a (es.
like a dinosaur ), circumlocuzioni (un commento riguardo alloggetto che per`o
non viene nominato, es. una cosa grossa e larga), combinazioni (es. fish
horse o blue green). Gli errori fonetici costituivano il 10% del totale, mentre
gli altri tipi di errori generali insieme costituivano circa il 3%.
Gli errori dipendenti da propriet`a semantiche del dominio degli animali riguardavano ad esempio stretta somiglianza fisica, simile habitat (es. animali che
vivono in acqua), simile mezzo di locomozione (es. animali che nuotano, animali che volano). Gli errori nascevano anche sulla base del rapporto sopraordinato/subordinato tra i due termini (richiesto e prodotto).
Gli errori dipendenti da propriet`a semantiche del dominio dei colori erano classificati in base alla similarit`a dei colori a cui ci si riferiva mediante un termine
di colore errato. Si classificavano in: molto plausibile, plausibile e implausibile.
Nel dominio degli animali gli errori specifici risultavano pi`
u coerenti, avevano
cio`e similarit`a su una o pi`
u dimensioni con il target. In questo dominio i bambini
sono pi`
u disposti ad ammettere di non sapere, offrendo delle alternative plausibili in base a complessi principi di similarit`a. Nel dominio dei colori invece
nel 43% dei casi non esisteva nessun tipo di relazione con il target. I bambini,
in questo caso, mostrano la loro sensibilit`a alla vaghezza dei confini tra colori,
offrendo molti errori non plausibili.
Secondo gli autori una spiegazione di tipo semantico `e molto pi`
u fruttuosa
e permette di rispondere ai quesiti che i risultati di questo esperimento pongono. Perche i termini di colore a bassa frequenza ottengono un risultato molto
pi`
u povero rispetto alla controparte dei nomi di animali? La risposta a questa
domanda `e che i due domini possiedono dei confini strutturati in maniera completamente diversa.
I termini di colore formano un continuum e tendono a sovrapporsi, in questo
modo i loro confini si mescolano e diventano indistinti. Sono organizzati secondo
un modello prototipo + struttura circostante. I nomi di animali invece hanno
delle designazioni pi`
u rigide, vengono classificati sulla base del loro possedere o
meno alcune propriet`a. Non possono possedere queste propriet`a solo in parte,
le possiedono o non le possiedono. Le persone non considerano nessuna categoria di animali come esempio di unaltra categoria di animali. In contrasto
con questo concetto, i termini di colore sono necessariamente vaghi cos` come i
loro confini, non chiari, variabili, e possono rientrare in pi`
u categorie contem146

poraneamente. Nel caso dei nomi di animali si ha sempre una risposta certa
riguardo allappartenza o meno ad una certa categoria. I confini sono chiari
e non ci sono sovrapposizioni; ci`o porta alla conseguenza che ogni esempio di
questi termini cadr`a in una e solo una categoria.
La seconda domanda `e perche i modelli di risposta tra i due domini siano cos`
diversi (risposte errate nel dominio di colore, non so nel caso degli animali). In
questo caso la risposta `e che i termini di questi due domini possiedono tipi diversi di criteri semantici di applicazione. Si considera che i termini di tipo naturale
(come i nomi di animali) obbediscano allipotesi di Putnam [101] sulla Divisione
del Lavoro Linguistico, che in breve sostiene che esistano delle persone, allinterno di una comunit`a linguistica, che sono considerate degli arbitri riguardo a dei
sottoinsiemi del linguaggio (linguaggi tecnici). Ricorrendo a questa comunit`a
scientifica la persona normale ritiene di poter risolvere un dubbio sorto riguardo
ad un certo termine. Il singolo parlante pu`o non conoscerli personalmente e pu`o
non conoscere i criteri precisi per lapplicazione e luso di questi termini; nel
dubbio ricorrer`a a questa comunit`a di esperti. Come conseguenza, una risposta
del tipo non so `e semanticamente appropriata per questo tipo di termini, in
quanto riflette semplicemente la mancanza di informazioni da parte del parlante.
La semantica dei termini di colore `e invece diversa. I colori sono osservativi, si
pu`o definire il colore di qualcosa semplicemente osservandola, diversamente dai
nomi di tipo naturale. Proprio per questo motivo, i criteri per lapplicazione dei
termini di colore sono necessariamente disponibili a tutti, e non ad una ristretta
comunit`a di esperti. Qualsiasi parlante dovrebbe, in linea di principio, essere in
grado di determinare se si pu`o applicare un determinato nome di colore. Una
risposta del tipo non so, in questo caso, non indicherebbe una mancanza di
informazioni, bens` unammissione di indeterminatezza. Rispondere in quel modo potrebbe essere meno semanticamente appropriato rispetto al generare un
nome di colore errato.
La spiegazione semantica sembra essere consistente con i dati raccolti in
questo studio. Leffetto frequenza sembra derivare da due fattori:
Non avendo i colori confini netti, per un dato colore esistono spesso almeno
due alternative plausibili. Se c`e pi`
u di un candidato, si crea un conflitto
con la pragmatica dellattribuzione di nomi, che presuppone ci sia un
unico termine appropriato. Per questo motivo le asimmetrie tra termini
candidati si risolvono nella preferenza per un nome che di solito `e quello
di pi`
u alta frequenza.
La differenza semantica tra i due domini offre una spiegazione alle differenze negli errori commessi.
La spiegazione semantica predice anche che le difficolt`a sorgano soprattutto per
esempi che si trovano ai confini tra le categorie cromatiche, e non con esempi
centrali alle categorie stesse.

147

8.3

I modificatori

La maggioranza degli studi nel dominio del lessico dei colori si `e ristretta sui
termini di colore basici, cercando di isolare il pi`
u piccolo insieme di espressioni linguisticamente semplici di una lingua con cui i parlanti potevano nominare qualsiasi colore, escludendo quelli non basici. I risultati universalisti a cui
si `e giunti potrebbero essere il frutto di queste limitazioni e potrebbero aver
oscurato importanti differenze culturali. Le etichette lessicali che descrivono al
meglio le categorie cromatiche di una lingua e cultura potrebbero non essere
necessariamente quelle ritenute basiche. Nellesaminare questi termini prima
ignorati potrebbero quindi emergere delle differenze, laddove ad un semplice
esame dei termini basici erano state riscontrate delle somiglianze, anche perche
linfluenza della cultura si fa sentire maggiormente su questi termini rispetto
ai termini basici pi`
u astratti e pi`
u universali. Non `e quindi da escludere che
queste restrizioni imposte abbiano prodotto unapparenza di universalit`a maggiore rispetto a quella che effettivamente esiste, e ci`o `e possibile se nella vita
di ogni giorno le persone ricorrono a caratteristiche linguistiche che negli studi
sono state isolate ed ignorate.
Ogni lingua ha immense risorse per denotare sensazioni di colore. Per prima
cosa, ogni lingua pu`o creare in modo produttivo espressioni complesse che descrivono il colore di un oggetto indicando la sua similarit`a con un altro tipo di
oggetto che notoriamente presenta quel colore. In secondo luogo, molte lingue
possiedono termini che denotano il colore di una classe di oggetti molto ristretta.
In terzo luogo, molte lingue si avvalgono di processi morfologici e sintattici che
creano termini di colore complessi a partire da termini di colore semplici, come
ad esempio blu-verde o in inglese yellowish. Infine alcune lingue possiedono
molti termini linguisticamente semplici che denotano sottotipi o sfumature di
colori denotati da altri termini semplici, come ad esempio i molti termini che
esprimono specifiche sfumature del colore generico rosso come magenta,
cremisi, Borgogna ecc. Alcuni di questi termini non basici vengono talvolta
associati in modo metaforico, allinterno di alcune culture, a entit`a e credenze
morali, emotive, soprannaturali e ad altre entit`a non fisiche.
I modificatori, quelle parole utilizzate come aggettivi per modificare un termine
di colore, costituiscono una di queste risorse che le lingue hanno a disposizione
per creare nuovi termini. Tipicamente i modificatori si riferiscono alla saturazione o chiarezza (es. chiaro, brillante, vivo), ma possono riferirsi anche ad altre dimensioni (es. sporco, fluorescente).
In [102] viene presentato uno studio nel quale si investiga lo sviluppo dellabilit`a nel discriminare e nominare colori che variano in saturazione e chiarezza
per una stessa tinta e di esplorare come let`a influisca sulla percezione e linterpretazione dei modificatori.
Labilit`a di percepire e discriminare i colori si stabilisce durante linfanzia, infatti i bambini possono distinguere differenze di colore gi`a nelle prime settimane
di vita; tuttavia abbiamo visto il ritardo con il quale i essi sviluppano la capaci148

t`a di usare in modo corretto i nomi di colori. Di conseguenza, i bambini pi`


u
piccoli possono avere delle difficolt`a nellutilizzare modificatori accurati quando
descrivono variazioni lievi di saturazione ed intensit`a. Sulla scia della teoria di
Berlin e Kay [32] relativa allordine di acquisizione dei termini di colore basici,
questo studio mira ad investigare lesistenza di un ordine di sviluppo simile nellacquisizione dei modificatori attraverso let`a.
Per questo esperimento venne utilizzato lo spazio colore HSV suddividendo i
piani saturazione-chiarezza di tre tinte (rosso, verde, blu) in sei regioni e prendendo come stimoli i centri di ogni regione. Il lessico fornito riguardante il
colore consisteva nei modificatori che corrispondevano ad ogni regione del piano
del colore nel sistema ISCC-NBS che presenteremo nel prossimo capitolo. Essi
erano vivid, bright, strong, dull, pale, dark.
I partecipanti vennero suddivisi in tre gruppi in base allet`a: 8-11 anni, 12-15
anni, 19-24 anni (gruppo di riferimento). La procedura sperimentale consisteva
nella presentazione degli stimoli in triadi su di uno schermo a colori calibrato. I sei stimoli derivanti da ognuno dei tre colori fondamentali dava origine
complessivamente a sessanta triadi. Tutte le triadi vennero mostrate a tutti
i soggetti e per ognuna di esse veniva chiesto loro di indicare lo stimolo che
ritenevano pi`
u diverso rispetto agli altri due. Poi, per la stessa triade, si chiedeva di scegliere laggettivo (modificatore di colore) che descriveva meglio il modo
in cui lo stimolo scelto tra i tre differiva dagli altri due. Gli obiettivi erano due:
Determinare se ognuno dei tre gruppi poteva discriminare percettivamente
tra i sei stimoli;
Investigare differenze nellinterpretazione semantica dei modificatori di
colore attraverso le varie et`a prese in esame.
Per quanto riguarda il primo di questi due punti, gli autori calcolarono le distanze percettive tra i vari stimoli. Dallo spazio percettivo creato con i risultati
si arriv`o a concludere che tutti e tre i gruppi discriminavano percettivamente
linsieme degli stimoli in sei diverse categorie.
Il primo gruppo (8-11 anni) utilizz`o in questo esperimento solo tre modificatori
dei sei proposti per nominare gli stimoli: bright, dark e strong. Il primo venne
usato per stimoli con elevata chiarezza, il secondo per stimoli con bassa chiarezza, il terzo per stimolo con media chiarezza. A questa et`a la chiarezza quindi
`e la sola dimensione usata nellesprimere verbalmente differenze tra tonalit`a di
colore e la dimensione della saturazione non ha alcuna influenza nella scelta del
modificatore per la risposta. Il secondo gruppo (12-15 anni) mostra lemergere
della dimensione della saturazione. I modificatori pale e dull comparivano nel
lessico di questo gruppo anche se luso di dull non risultava ancora ben sedimentato e acquisito. Il terzo gruppo (19-24 anni) `e quello in cui la dimensione
della saturazione assume limportanza maggiore. Essa, dopo essere emersa nel
gruppo intermedio, acquista crescente importanza nel tempo. Si nota in questo
gruppo lemergere del modificatore vivid, ma ancora non c`e accordo sulluso di
dull.
In conclusione, let`a non influenza labilit`a di discriminare tra diverse tonalit`a
149

o sfumature di una stessa tinta. Pur in assenza di un lessico ricco per nominare
tutte le regioni dei piani della tonalit`a di colore, i primi due gruppi possono
classificare sei stimoli in modo simile al gruppo di controllo adulto. Gli autori
propongono quindi un ordine di sviluppo nellacquisizione dei termini modificatori in funzione dellet`a. Secondo questa proposta i termini bright, strong e dark
vengono acquisiti al livello della scuola elementare, pale al livello delle scuole
medie, e vivid solo a livello universitario. Il termine dull non ottiene consenso
nemmeno a livello adulto.
Alvarado e Jameson [103] conducono un esperimento spontaneo sulluso dei
modificatori in inglese e vietnamita, applicando a questi termini il metodo della
mappatura di termini nello spazio colore di solito usato con i termini basici,
e facendo poi un confronto crossculturale. Questo studio mette in luce delle
somiglianze e delle differenze crossculturali che gli studi limitati ai termini basici non riescono a cogliere. Dato che lesistenza di tendenze universali per i
termini basici `e gi`a stata scoperta, sembra ragionevole cercare questi universali
in condizioni che si avvicinano maggiormente alluso naturale del linguaggio.
I soggetti di questo studio si avvalgono dei modificatori per descrivere propriet`a
degli stimoli che non vengono catturate dalle prime tre dimensioni del colore.
Ci sono infatti dimensioni di questa esperienza soggettiva che vanno oltre quella
classificazione, e il grado che questa esperienza riveste in una cultura pu`o influenzare il numero dei modificatori che la lingua parlata ha a disposizione. I
soggetti, tutti reclutati negli Stati Uniti, erano divisi in tre gruppi: monolingui
inglesi, monolingui vietnamiti, bilingui inglesi e vietnamiti testati in lingua vietnamita (gruppo di confronto). Nessun vincolo o restrizione veniva imposto sul
tipo di nomi da utilizzare nel dare nomi agli stimoli, tratti dallo spazio colore
OSA.
I risultati mostrarono subito delle importanti differenze tra i tre gruppi. I parlanti inglesi e quelli vietnamiti si avvalsero di strategie diverse nellattribuire
nomi ai colori e usarono in generale modificatori diversi. Gli inglesi disponevano
in generale di una maggior variet`a di termini, e facevano un uso maggiore di
termini composti da una sola parola (single-word color terms), specialmente di
quei termini che si riferiscono ad oggetti o contesti precisi, come olive e lilac
(che, come fanno gli autori, chiameremo object glosses). Nonostante questo
uso di termini monolessemici, gli inglesi mostrarono un lessico di modificatori
pi`
u ampio, e allo stesso tempo le loro scelte riguardo ai modificatori erano diverse rispetto a quelle dei vietnamiti. I vietnamiti mostrarono un uso maggiore
di termini composti (multiparola), termini con modificatori e termini di colore
combinati con object glosses. Ricorrevano in misura minore a termini semplici,
monolessemici, sia basici che non basici, e usavano meno object glosses monolessemici e altamente specifici dellinglese e pi`
u object glosses con modificatori
o come modificatori. Ci`o indica minor affidamento a termini di colore astratti. Quando il parlante ha meno termini monolessemici a disposizione, lo spazio
colore privo di nomi `e pi`
u ampio e sono necessari modificatori e nomi composti
per differenziare oggetti al suo interno. Questo potrebbe essere il motivo del pi`
u
ampio uso di modificatori nei vietnamiti, usati per nominare aree dello spazio
150

colore pi`
u estese. Minore `e il numero di termini monolessemici, maggiore sar`a il
numero di modificatori necessari. Ancora, i vietnamiti erano gli unici ad usare
la ripetizione di termini di colore (es. yellow yellow ).
Il caso dei bilingui `e interessante. Essi mostravano un comportamento a met`a
tra quello degli inglesi e quello dei vietnamiti, anche se pi`
u vicino a quello inglese, mostrando variet`a ridotte sia di modificatori che di termini monolessemici.
Ci`
o `e probabilmente dovuto ad una loro fluttuante fluenza nella lingua nativa
mentre lacquisizione dellinglese `e in corso. Questo mette anche in mostra
le difficolt`a nel condurre studi crossculturali usando popolazioni di immigranti
bilingui, come avvenne nello studio di Berlin e Kay. Gli autori notarono come
le object glosses altamente specifiche e i modificatori cadano in disuso prima dei
termini basici. I bilingui infatti mostravano maggiori somiglianze con il gruppo
degli inglesi che con quello dei vietnamiti. Quando gli stessi modificatori erano
usati da tutti e tre i gruppi, la frequenza di uso per i bilingui cadeva generalmente a met`a tra la frequenza degli inglesi e quella dei vietnamiti. Il gruppo
dei bilingui utilizz`o dei modificatori che non vennero usati da nessuno degli altri
due gruppi. Tutti e tre i gruppi ottennero maggior consenso per termini semplici costituiti da una sola parola, mentre i livelli pi`
u bassi di accordo vennero
ottenuti nel caso di modificatori e nomi composti.

8.4

La Lens brunescence hyphothesis

Alcune lingue possiedono termini separati per blu e verde, mentre altre hanno
un solo termine composto che include al suo interno sia la denotazione del verde
che del blu. Solitamente questa categoria viene chiamata per semplicit`a grue,
o, in italiano, blerde.
Lindsey e Brown [104] propongono una possibile spiegazione dellesistenza e della distribuzione geografica di queste categorie che includono la denotazione del
blu in un termine che include anche il verde e in alcuni casi lo includono in un
termine che esprime i colori scuri come nero (in questi casi un unico termine
esprime la categoria verde-blu-nero).
Secondo questa teoria da loro proposta, che prende il nome di lens brunescence
hypothesis (LBH), i termini grue deriverebbero dallesposizione ad alti livelli di
radiazioni UV-B dalla luce del sole che porterebbero ad un ingiallimento accelerato delle lenti degli occhi e ad una conseguente distorsione dello spazio colore
percettivo, con le lunghezze donda corte che vengono filtrate sproporzionatamente, cos` che il blu appare come verdognolo (o un colore pi`
u scuro tendente
al nero in casi estremi) e viene quindi chiamato con il suo nome.
In supporto a questa loro tesi Lindsey e Brown dimostrano che la proporzione
delle lingue che presentano questi termini `e predicibile sulla base della quantit`a
di radiazioni UV-B provenienti dalla luce solare e che colpiscono le zone della
superficie terrestre in cui queste lingue sono parlate. Dimostrano anche che
soggetti di lingua inglese esposti a stimoli che simulano il risultato di questo ingiallimento della lente estendano il termine verde al punto da fargli includere
151

anche il blu. Questa teoria `e abbastanza controversa almeno per due motivi:
Ci sono prove che dimostrano che lingiallimento della lente potrebbe non
influenzare la percezione del colore nel lungo termine.
Ci sono prove che dimostrano che le lingue in cui manca il termine per
blu tendono ad essere parlate in societ`a con basso livello di sviluppo
tecnologico, e spesso queste societ`a si trovano nei tropici, dove i raggi in
questione sono pi`
u forti.
Questa ipotesi fa una predizione riguardo a quali siano i colori che dovrebbero
essere scelti come migliori esempi dei termini per grue. Se questi sono semplicemente termini per verde estesi al blu a causa di una distorsione percettiva,
allora dovrebbe esserci un singolo picco nella distribuzione dei migliori esempi
e questo dovrebbe cadere da qualche parte tra verde e blu. Se invece non
si trattasse di una distorsione percettiva, ma solo di una semplice astrazione su
verde e blu, i migliori esempi dovrebbero giacere in corrispondenza del verde o
del blu (o di entrambi).Sebbene Lindsey e Brown sembrano intuire che il secondo caso sia quello riscontrato maggiormente nella realt`a, non sembrano temere
che questo possa mettere in dubbio la loro ipotesi nel caso in cui ci`o venisse
dimostrato empiricamente.
Regier e Kay [105] vogliono verificare meglio questa ipotesi, e per farlo si avvalgono del World Color Survey. Si focalizzano su quei parlanti che diedero lo
stesso nome (grue) a tasselli che spaziavano dal verde al blu, esaminando poi le
scelte dei migliori esempi da loro effettuate. La distribuzione che ne conseguiva
suggeriva che i termini per grue tendevano a non essere distorsioni percettive
del verde, ma piuttosto astrazioni genuine su verde, blu e nero. Questi risultati
contraddicono quelli di Lindsey e Brown.
In risposta a questa critica, Lindsey e Brown [106] presentano unulteriore analisi
dei dati WCS. Questa conferma che le scelte dei migliori esempi di grue tendono ad avere dei picchi in corrispondenza dei punti focali del verde e del blu
ed `e contrario alla loro ipotesi. Tuttavia Lindsey e Brown sostengono che rimanga aperta la possibilit`a che ci sia un sottoinsieme di parlanti le cui scelte
dei migliori esempi si posizionino tra i punti focali universali del blu e del
verde. Questo sarebbe conforme alla loro ipotesi. Sono necessari altri studi
che approfondiscano maggiormente questo problema.

8.5
8.5.1

Un dodicesimo colore basico?


Il caso del russo

Lingue diverse dividono linguisticamente lo spazio colore in modo diverso, ad


esempio il lessico dei colori in inglese e russo suddivide lo spettro in modo diverso. A differenza dellinglese, il russo fa una distinzione obbligatoria tra blu
chiaro (goluboj ) e blu scuro (sinij ). Ci`o venne notato dagli stessi Berlin e Kay
152

[32], i quali sostennero che lo status di goluboj non fosse chiaro e che si trattasse
probabilmente di un termine secondario e non basico.
Winawer e colleghi [56] si chiesero se questa differenza linguistica portasse
a differenze nel modo in cui le persone che parlano una lingua piuttosto che
unaltra discriminano tra colori.
Goluboj sembra essere meno saliente rispetto a sinij, ma per alcuni parlanti sembra che questo termine nomini una gamma di colori disgiunta, almeno in alcuni
contesti, da sinij, prova del fatto che entrambi dovrebbero essere considerati
basici. I due termini russi tendono ad essere acquisiti presto dai bambini russi
e condividono molte propriet`a di uso e comportamento con altri termini basici.
Non esiste una singola parola generica per blu in russo.

Figura 8.2: Esempio di schema proposto ai soggetti dellesperimento.


Lesperimento per questo studio venne condotto su due gruppi, uno composto di soggetti di lingua inglese e laltro di lingua russa, a cui si chiedeva di
svolgere un semplice e oggettivo compito percettivo. Ai soggetti venivano simultaneamente mostrati tre quadrati colorati organizzati in una triade (si veda
figura 8.2) e veniva loro chiesto di dire, quanto pi`
u velocemente ed accuratamente possibile, quale dei due quadrati in basso era percettivamente identico al
quadrato in alto.
I vantaggi di questo tipo di esperimento sono che si tratta di un compito oggettivo e non ambiguo, ci`o per evitare che i soggetti si affidassero solo sulla rappresentazione linguistica, cosa che pu`o avvenire nel caso in cui ci si trovi di fronte ad
un compito ambiguo che richiede un giudizio soggettivo. Se la rappresentazione
linguistica si usa solo per dare giudizi soggettivi in compiti ambigui, allora gli
effetti del linguaggio non dovrebbero mostrarsi in un compito di questo tipo,
in cui esiste una risposta chiara e corretta. Un secondo vantaggio consiste nel
fatto che i tre stimoli rimanevano simultaneamente sullo schermo fino a che la
risposta non viene data, limitando quindi al massimo la richiesta di memoria.
153

Infine, gli autori si avvalsero della misurazione implicita del tempo di risposta,
considerato un sottile aspetto del comportamento che i soggetti generalmente
non modulano in modo consapevole. Essendo le risposte di questo esperimento
sempre chiare e non ambigue, `e difficile che il soggetto decida di impiegare pi`
u
tempo in una risposta rispetto ad unaltra.
Laspetto da ricordare `e che questo esperimento testa i parlanti inglesi e russi
in un compito di discriminazione tra colori su un confine che esiste in russo ma
non in inglese. Vennero utilizzati stimoli che si estendevano sulla gamma del
sinij/goluboj russi. In alcune prove il distracter apparteneva alla stessa categoria russa del match (ad es. erano entrambi goluboj o entrambi sinij ). In
questi casi parliamo di within-category trials. In altre il match e il distracter
appartenevano a categorie russe diverse (uno era goluboj e laltro sinij ), si parla
in questo caso di cross-category trials. Per i parlanti inglesi, tutti i colori
mostrati appartenevano alla stessa categoria, blue. Se gli effetti linguistici sulla
discriminazione tra colori sono specifici delle categorie codificate nella lingua del
parlante, allora i parlanti russi dovrebbero discriminare pi`
u velocemente nelle
cross-category trials rispetto alle within-category trials. Per i parlanti inglesi non dovrebbe riscontrarsi alcuna differenza.
Inoltre, se i processi linguistici giocano un ruolo attivo in linea nei compiti
percettivi, allora un compito verbale svolto simultaneamente dovrebbe diminuire
il vantaggio per i parlanti russi, ma lo stesso non dovrebbe accadere nel caso di
un compito non linguistico. Per valutare questa possibilit`a, i soggetti vennero
testati in tre condizioni:
Visione normale, senza interferenze di alcun tipo.
Condizione di interferenza linguistica. Il soggetto, mentre svolge lesperimento, deve ripetere silenziosamente una serie di otto numeri. La sua
memoria viene poi testata facendogli scegliere tra la serie originale di
numeri e una diversa.
Condizione di interferenza spaziale. Il soggetto, mentre svolge lesperimento, deve tenere a mente uno schema visivo e alla fine deve mostrare di
ricordarlo.
In un loro lavoro non pubblicato, gli autori sostengono di aver scoperto che
le categorie linguistiche giocano un ruolo maggiore nei compiti percettivi pi`
u
difficili, che richiedono discriminazioni pi`
u sottili. Per mettere alla prova
questa scoperta, includono negli stimoli discriminazioni pi`
u facili in cui il target
e il distracter sono percettivamente dissimili (far-color comparisons) e altre pi`
u
complesse in cui il target e il distracter sono pi`
u vicini percettivamente (nearcolor comparisons). I soggetti, in generale, erano molto pi`
u veloci nelle far-color
comparisons che nelle near-color comparisons.
Per determinare il confine linguistico del soggetto allinterno della gamma dei
blu utilizzata nellesperimento, venne fatto svolgere ad ogni soggetto un compito
di classificazione al termine di quello percettivo. Quindi, ai soggetti russi veniva
chiesto di classificare ogni stimolo visto in goluboj o sinij, mentre ai soggetti
154

inglesi di classificarli in light blue e dark blue. Il confine proprio di ogni soggetto
era identificato come il punto di transizione nella sua classificazione. Questo
punto era quasi identico per tutti i soggetti.
I risultati dimostrarono che i soggetti russi hanno un vantaggio nel discriminare
due colori appartenenti nella lingua russa a due categorie diverse quando sono
testati senza interferenze. Questo vantaggio viene meno nel caso di interferenza
verbale ma non in caso di interferenza spaziale. Per i soggetti inglesi invece non
si evidenzia alcun tipo di vantaggio, in nessuna delle condizioni sopra descritte.
Inoltre, nei casi di discriminazioni pi`
u difficili (near-color comparisons) gli effetti del linguaggio sono pi`
u pronunciati.
Nonostante il vantaggio dovuto ad una categoria cromatica in pi`
u, i russi erano
in media pi`
u lenti degli inglesi, e ci`o potrebbe essere dovuto al fatto che essi
erano meno abili con luso del computer e con il prendere parte ad esperimenti. Non venne riscontrata nessuna differenza di vantaggio tra la condizione di
interferenza spaziale e la condizione priva di interferenze.
Questi risultati dimostrano che le categorie linguistiche possono influenzare la
percezione in un compito di discriminazione tra colori e che la performance in un
compito di questo tipo `e diversa da un gruppo linguistico ad un altro in funzione
delle particolari distinzioni che abitualmente vengono fatte in una determinata
lingua. Il caso del blu in russo suggerisce che distinzioni categoriche abituali o
obbligatorie presenti in una specifica lingua risultano in distorsioni categoriche
specifiche di quella lingua evidenti nei compiti percettivi oggettivi. La differenza
critica tra inglesi e russi non `e che gli inglesi non possono distinguere tra blu
scuro e blu chiaro, ma piuttosto che i russi non possono farne a meno: devono
farlo per parlare russo in modo convenzionale. Si tratta quindi di una sorta di
requisito comunicativo.
Anche Paramei [57] sostiene che in russo i termini sinij e goluboj non identifichino due diverse sfumature dello stesso colore, bens` due colori diversi e ben
separati. I russi appaiono sorpresi nellapprendere che, ad esempio, in inglese
esista un termine solo per questi due colori.
Paramei sostiene che la divisione in questi due termini non sia recente, ma presente gi`a a partire dallXI secolo. Il loro uso rivela uniniziale differenza riguardo
agli oggetti che venivano designati dai due termini. Inoltre, nella morfologia di
entrambi i termini `e possibile rintracciare dei significati acromatici, implicando
la loro opposizione lungo la dimensione semantica chiaro-scuro. Questo significato antico `e tuttoggi contenuto nei dialetti russi contemporanei. Nel russo
moderno entrambi sono usati per gli stessi oggetti, anche se il contesto semantico del loro uso e la loro collocazione cambiano.
Al di l`a della designazione diretta delle esperienze cromatiche, i due termini
vengono usati anche metonimicamente, invocando diverse connotazioni emotive. Inoltre hanno una semiotica distinta e specifica alla cultura, e non sono
intercambiabili per i parlanti nativi russi. Le due metafore espresse in inglese
con blue stocking e blue blood, per esempio, vengono rese in russo rispettivamente con sinij culok e golubaja krov. In generale, nelle metafore viene spesso
usato goluboj e raramente sinij.
155

Paramei riporta alcuni studi non molto conosciuti sul russo. Tra questi ci sono
gli studi di Frumkina [107109]. Come si vede in figura 8.3, da questi studi
emerge che i due termini vengono mappati dai soggetti come entit`a distinte che
non si sovrappongono. Larea coperta da goluboj, che ha maggiori incertezze
denotative, `e pi`
u ampia di quella coperta da sinij.

Figura 8.3: Mappatura dei punti focali di sinij e goluboj sullarray di Munsell
(su 100 partecipanti). Le croci indicano i migliori esempi dei due termini. Da
[109].
Gli studi di MacLaury [75] rivelano invece una sovrapposizione delle aree
denotative dei due termini. Per alcuni soggetti esaminati, sinij include nella
sua area denotativa anche goluboj, per altri goluboj include al suo interno sinij.
Ci`o `e contrario allidea di una mappatura diversa per i due termini, come quella
visibile in figura 8.3. Gli autori concludono che i due termini si trovano in una
relazione in cui sinij `e il termine dominante e basico, mentre goluboj `e quello
recessivo e non basico. Se goluboj fosse basico, il suo significato centrale sarebbe
diverso da quello di sinij, e ci`o non `e sempre vero.
La relazione in cui si trovano i due termini `e quella in cui due termini di colore
denotano approssimativamente la stessa gamma di colori, cos` da sembrare che
siano in libera variazione e che siano entrambi associati ad una singola categoria
di colore. Tuttavia, in questi casi, uno dei due termini, quello dominante, avr`a
il suo prototipo vicino al centro della categoria, mentre laltro, il recessivo, avr`a
il suo prototipo vicino ai margini. Inizialmente, quando si chiede agli informanti
di indicare lestensione del colore espresso dal termine recessivo, questi tendono
ad includere solo una gamma di colori abbastanza ristretta. Quando si chiede
loro di includere tutti i colori che il termine pu`o denotare, la gamma verr`a estesa
in modo da raggiungere quasi lo stesso numero di campioni associati al termine
dominante.
La ricerca del gruppo di Surrey (tra cui Corbett, Morgan e Davies) stabil` la
156

basicit`a di entrambi i termini sulla base del fatto che entrambi ottennero valori
molto alti in tutte le misure comportamentali prese in esame, tra cui la frequenza di occorrenza del termine, il tempo di risposta e la consistenza duso. Anche
per loro i due termini denotano aree non sovrapposte, a differenza di quanto
sostenuto da Berlin e Kay (secondo i quali goluboj era incluso nel dominio di
sinij ), anche se il termine sinij predomina a bassi livelli di luminosit`a e goluboj a quelli alti. In uno studio analogo [110] si arriv`o alle stesse conclusioni.
Questultimo venne compiuto utilizzando il sistema NCS, allinterno del quale
vennero mappati i termini di colore russi. Ci`o `e visibile in figura 8.4, dove si
vede chiaramente che i due termini non sono sovrapposti sebbene vicini tra loro.

Figura 8.4: Mappatura dei termini di colore russi sul piano cromatico del NCS.
Da [110].
Secondo Paramei [57] questi diversi risultati ottenuti sono dovuti alla diverse
metodologie e sistemi colore utilizzati. Esistono anche dei fattori cognitivi da
tenere in considerazione, come il fatto che luso dei termini pu`o variare tra diverse generazioni, classi sociali, origine urbana o rurale, livello di educazione e
vocazione dei soggetti. Anche il periodo in cui i dati sono stati raccolti `e importante.
Una base non linguistica per linclusione del termine goluboj tra i termini basici viene fornita dallinterpoint-distance model (IDM) [111, 112] che studia le
propriet`a relazionali tra le categorie degli spazi colore. La comparsa di questo
termine seguirebbe da una partizione naturale dellintervallo di colori senza
nome che troviamo tra il blu basico e il bianco, uno dei pi`
u lunghi che si possano trovare nello spazio colore.
Paramei considera goluboj basico dal punto di vista culturale, in quanto i russi
non possono designare alcune cose, come il colore degli occhi o del cielo, senza
usarlo. La descrizione del colore `e legata a referenti locali salienti, il significato
157

dei termini di colore riflette concettualizzazioni specifiche ad una cultura che


funzionano come ancore nella comunicazione intelleggibile con gli altri. Sinij
invece `e basico nel senso che, quando ci si vuole riferire al colore astratto, esso
pu`o essere utilizzato anche per denotare i colori espressi da goluboj. Tuttavia
la situazione `e diversa quando si arriva alluso descrittivo o attributivo, anziche
referenziale, del termine.
In conclusione lautrice nota come una segmentazione della categoria blu simile
a quella del russo venga riscontrata anche in lingue con cui il russo ha dei contatti, come lucraino e il bielorusso. Questo indica che la categoria russa del blu
chiaro `e abbastanza saliente da influenzare il concetto di blu nelle lingue vicine.
Tra le lingue moderne, larea del blu rivela unampia ricchezza terminologica.
Troviamo due termini per questo colore ad esempio in cinese, in alcune lingue
indiane, in giapponese, italiano, spagnolo, turco e altre lingue di cui parleremo
in seguito. Potremmo quindi essere, in questo momento, i testimoni della formazione di un dodicesimo colore basico in molte lingue.

8.5.2

Il caso dellungherese

Berlin e Kay [32] sostenevano che in ungherese, eccezionalmente, esistessero 12


termini di colore perche esisterebbero due termini per riferirsi alla regione rossa
dello spazio colore: piros e v
or
os. Giunsero a questo risultato sulla base di un
solo soggetto, il che risulta essere un metodo inadeguato. Peraltro Uusk
ula e
Sutrop [58] ritengono che nei termini russi proposti come basici da Berlin e Kay
ricorrano delle inaccuratezze dovute al fatto che si risal` ai termini per mezzo
di un dizionario di ungherese pubblicato a Cleveland e di dubbia autorevolezza.
Secondo Uusk
ula e Sutrop i termini di colore ungheresi non sono ancora stati
studiati sufficientemente, con un numero di soggetti e un metodo adeguati. Per
questo motivo compiono questo studio con un metodo diverso rispetto a quello
utilizzato da Berlin e Kay, il quale risulta anche molto costoso in termini di
tempo, affidandosi al metodo sul campo di Davies-Corbett [113].
In questo studio si pongono lobiettivo di determinare se il russo possieda
11 o 12 termini di colore basici. I dati vennero raccolti in molteplici localit`a
dellUngheria e i soggetti vennero sottoposti ad un list task (dimmi tutti i nomi
di colore che conosci) e ad un colour-naming task (che colore `e questo?). In
questultimo caso vennero presentati 65 colori e venne chiesto di assegnare ad
ognuno un termine di colore. Il sistema colore utilizzato fu quello di Ostwald
[114].
Per quanto riguarda lenunciazione di tutti i termini conosciuti, vennero
esaminate la frequenza di una parola (quanti soggetti la proposero) e la sua
posizione media allinterno delle liste fornite dai soggetti (in che posizione quella
parola veniva mediamente offerta). Il termine piros ricopriva il primo posto
(insieme a fekete, nero) in quanto a frequenza, mentre v
or
os si posizionava
intorno al diciasettesimo. Esso venne prodotto da 12 soggetti su 40. Questo non
lo farebbe concorrere alla posizione di termine basico. Anche laltro parametro,
la posizione media, fa propendere per questa ipotesi in quanto non c`e consenso
158

di opinioni tra i soggetti riguardo a quale colore rappresenti in modo adeguato


il termine v
or
os. Solo piros concorre quindi alla posizione di termine di colore
basico.
Dallanalisi combinata dei due parametri, risultano 13 candidati a termini
basici, gli 11 termini proposti da Berlin e Kay (tolto il dodicesimo, v
or
os),
bord
o e s
otetbarna. Questi ultimi due vengono per`o esclusi in quanto il primo
costituisce un prestito dal francese (dal nome della citt`a Bordeaux) e il secondo
(il cui significato `e marrone scuro) non `e monolessemico e il suo significato
pu`o essere dedotto da quello delle parti di cui si compone essendo una parola
composta.
Questi risultati coincidono con quelli di MacLaury [115], il quale sostiene
che entrambi questi termini siano molto salienti. Tuttavia v
or
os viene usato
per nominare una gamma di colori molto pi`
u ristretta rispetto a piros, oltre ad
avere un rosso pi`
u scuro come suo prototipo, e perci`o pu`o essere visto come un
termine non basico. Un caso simile `e quello del giapponese, in cui il termine
ao `e usato sia per tinte verdi che blu, mentre midori `e usato pi`
u comunemente
per riferirsi ad una pi`
u ristretta gamma di tinte blu. Ci`o potrebbe suggerire che
midori sia un termine non basico. Tuttavia midori viene usato maggiormente
per riferirsi a tinte blu rispetto ad ao, ed `e comunque saliente; potrebbero quindi
essere due termini basici, ed `e cos` che vennero considerati da Berlin e Kay.

8.5.3

Il caso di altre lingue

Berlin e Kay proposero solo il russo e lungherese come lingue che presentano
un dodicesimo colore basico, ma in seguito ne vennero scoperte altre come il
peruviano [116], lo spagnolo del Guatemala [117], il nepali [118] e il francese
[119]. Mentre le prime tre avrebbero, come il russo, un secondo termine per il
colore blu, il francese ne avrebbe due per il colore marrone (brun e marron).
Taft e Sivik [59] compirono uno studio su quattro lingue (inglese americano,
polacco, spagnolo e svedese) allo scopo di determinare se esistessero o meno
prove dellesistenza di possibili termini di colore derivati addizionali verificando
la salienza relativa dei termini di colore basici e non basici attraverso il metodo
del list task. Come indicatore di questa eventuale potenzialit`a di un termine
venne utilizzata la salienza psicologica, di cui vennero esaminati tre indici: apparizione allinizio di liste di nomi, stabilit`a di riferimento tra diversi soggetti e
in diverse occasioni, presenza nellidioletto di tutti gli informanti.
I termini derivati definiti da Kay e McDaniel [70] sono definiti dalle intersezioni,
o mescolanze, dei sei basici primari. Ne deriva che esistono quindici possibili
coppie di primari. Tuttavia, la teoria dei canali opposti pone dei limiti per quanto riguarda le coppie possibili (non pu`o esistere la mescolanza di rosso e verde,
ne quella di blu e giallo), e che rimangono tredici combinazioni possibili. Di
queste ne esistono solo cinque, nero-giallo (marrone), giallo-rosso (arancione),
bianco-rosso (rosa), rosso-blu (viola) e bianco-nero (grigio), ma in teoria, secondo il ragionamento fatto, dovrebbero esistere diciannove termini basici.
I termini basici primari risultarono essere i pi`
u salienti, seguiti dai termini basici
159

derivati e infine dai termini non basici. Tuttavia alcuni termini non basici raggiunsero in questo studio frequenze e salienza pi`
u alte rispetto ad alcuni termini
derivati.
Gli undici termini basici proposti da Berlin e Kay costituiscono solo una piccola
parte rispetto al totale dei termini di colore di cui una lingua si avvale, linglese
per esempio ha a sua disposizione circa 4000 termini di colore [120]. Alcuni
termini non basici vengono usati quasi con la stessa frequenza di quelli basici,
sebbene vengano utilizzati con minore consistenza e consenso degli ultimi. I
termini basici non sono solo pochi in relazione al numero dei termini usati comunemente, ma anche la loro copertura dello spazio colore `e minima. Chapanis
[121] stim`o per esempio che una persona non specialista pu`o utilizzare senza
confusione e senza sovrapposizioni circa 50 termini per coprire tutto lo spazio
colore. Inoltre la distribuzione degli 11 termini basici nello spazio colore `e molto
irregolare. C`e quindi disponibilit`a, dal punto di vista spaziale, ad accettare
nuovi termini, ma non `e chiaro quali siano questi termini.

Nelle lingue esaminate in questo studio il numero medio di termini prodotti


da ogni gruppo era molto pi`
u alto di 11. Le liste prodotte dai soggetti contenevano termini corrispondenti ad alcune delle 8 intersezioni che rimangono
togliendo dalle 13 combinazioni possibili le 5 categorie derivate. Tra queste
beige, che si pu`o considerare unintersezione tra bianco e giallo, venne riscontrato in tutte le liste di tutti i gruppi e appar` essere il termine non basico pi`
u
saliente. Questo termine corrisponde allarea dello spazio colore pi`
u ristretta,
sia in termini di punto focale che di confini; nonostante ci`o il consenso tra i
soggetti era molto alto. Una possibile ragione della mancanza di questo termine tra quelli basici `e la mancanza di una sua rappresentazione adeguata nei
campioni utilizzati nei vari esperimenti compiuti. Gli stimoli utilizzati hanno
infatti uninfluenza sul comportamento dei soggetti nella produzione di nomi di
colori.
Altri termini salienti prodotti dai soggetti, corrispondenti ad intersezioni del
blu e del verde, erano gli equivalenti dei termini inglesi turquoise, navy blue e
gold (per tre gruppi su quattro) e sky blue, silver e violet (per due gruppi su
quattro). La pi`
u grande distanza percettiva non coperta da termini derivati si
trova proprio in questarea. Questi termini non soddisfano i requisiti posti da
Berlin e Kay per i termini basici, tuttavia sono salienti nelle liste americane e
svedesi (meno nelle altre) nel senso che la maggioranza dei soggetti li enunci`o
ai primi posti nelle liste di termini di colore.
Il perche di questo andrebbe studiato ulteriormente, cos` come andrebbe studiato ulteriormente il perche alcune aree dello spazio colore siano codificate con
pochi termini, mentre altre siano rappresentate in modo sproporzionato da un
numero di termini molto elevato.

160

8.6

Casi di regressione nei sistemi di colore: un


caso italiano

Berlin e Kay [32] sostennero che levoluzione nel sistema dei colori non fosse
sempre lineare, ma che si potessero osservare fenomeni di regressione e successiva rielaborazione.
Alcuni dialetti italiani, ad esempio, sembrano possedere sistemi di colore semplificati, avvalendosi di meno termini di colore rispetto al latino classico. I dialetti
italiani mostrano alcune delle modalit`a di cambiamento diacronico dei sistemi
di colore.
Secondo Kristol [122], un elemento debole nella teoria di Berlin e Kay `e la
mancanza di informazioni diacroniche per arrivare alla conclusione che abbiamo
indicato, e si propone di completare questa loro teoria con un esempio trovato
nello studio diacronico dei sistemi di colori delle lingue romanze. Se `e possibile
dimostrare che il latino classico ha avuto a sua disposizione un sistema pi`
u ricco
di qualche lingua o dialetto romanzo suo successore, lipotesi della regressione `e
confermata. Il sistema lessicale dei termini di colore in latino venne studiato da
Andre [38], il quale concluse che esso possedeva un sistema di colori allo stadio
V. Per questo suo studio Kristol si bas`o sul materiale raccolto sul campo tra
il 1919 e il 1927 da Scheuermeier e Rohlfs per la creazione del Atlas of Italian
and Southern Swiss dialects (AIS), che venne poi pubblicato quasi totalmente
in [123].
Litaliano moderno standard ha un sistema di colori allo stadio VII, tuttavia
levoluzione dal latino allitaliano non fu lineare. La situazione linguistica in
Italia allinizio del 1900 e fino agli anni 30 era una situazione di estrema frammentazione dialettale ed eccellente preservazione dei dialetti locali, soprattutto
quelli delle zone rurali lontane dai centri urbani. Per secoli questi dialetti esistettero in modo pi`
u o meno indipendente e persino lunit`a politica dItalia non
influenz`o molto questa situazione. In questo modo un certo numero di dialetti
riuscirono a preservare strutture molto arcaiche e (di maggior interesse ai fini
della nostra trattazione) sistemi di colore arcaici. Una nuova indagine al giorno
doggi probabilmente non sarebbe pi`
u in grado di identificare questi vecchi sistemi: la scuola e soprattutto la nascita dei mass media a partire dalla Seconda
Guerra Mondiale hanno diffuso la conoscenza dellitaliano standard attraverso
tutta la penisola. I sistemi di colore si sono per cui di recente italianizzati.
Negli anni 20-30 per`o alcuni dialetti mostravano gi`a segni di co-esistenza di
sistemi di colore vecchi (pi`
u ridotti) e nuovi (pi`
u elaborati).
Lunico termine latino che fu perso e non immediatamente rimpiazzato fu il
blu, caeruleus. Ci`o coincide con losservazione che le comunit`a rurali primitive
possono facilmente fare a meno di questo termine che sembra avere poca utilit`a
pratica al di fuori di campi come la moda, larte e la letteratura. Nonostante
latlante contenesse i termini locali per blu per quasi tutte le localit`a analizzate
(373), la situazione per questo colore nei dialetti italiani risult`o cos` complessa
tanto da non essere poter mappato. Solo in 29 di queste `e stato riscontrato un
161

termine per marrone. Se le regole di codifica sono adeguate e reversibili, nei


dialetti in cui manca un termine per blu dovrebbe mancare anche un termine
per marrone. Nel 10% del corpus totale dei dati si riscontrano situazioni di
dialetti che possiedono un numero di termini di colore inferiore rispetto a quello
dellitaliano standard. Si tratta di casi di regressione, ovvero sistemi di colore
pi`
u poveri in termini di colore rispetto al sistema di cui disponeva il latino. Ci
sono quattro modi in cui una lingua o un dialetto reagiscono alla perdita di un
termine di colore:
1. La perdita `e trascurata, nessuna parola nuova rimpiazza quella perduta.
Questa condizione `e molto instabile in quanto in ogni momento una nuova
parola potrebbe essere introdotta.
2. Il colore a cui ora manca unespressione adeguata viene incluso allinterno
dei confini di un altro termine di colore vicino. Questo `e il caso pi`
u
interessante: lampliamento dei confini di un altro termine di colore `e
il caso pi`
u chiaro di regressione.
3. Formulazioni ad-hoc, che si riferiscono al colore di oggetti caratteristici,
rimpiazzano la parola mancante. Questa situazione potrebbe essere lanticamera dellintroduzione di un nuovo termine attraverso lessicalizzazione.
4. Un nuovo termine viene creato o preso in prestito da unaltra lingua. La
sostituzione di un termine per`o non costituisce regressione.
La mancanza assoluta di un termine per blu `e stata riscontrata in quattro
dialetti. In questi dialetti, a quanto riferisce Kristol, non ci si pu`o riferire per
esempio al colore del cielo. Kristol critica il fatto che questa situazione non
venne considerata da Berlin e Kay ne dalla ricerca successiva, secondo la quale
tutti i colori sembrerebbero essere inclusi in uno o in un altro termine esistente,
in qualsiasi momento dellevoluzione. Dai dati raccolti in questo atlante, invece,
sembra lecito dedurre che in casi di regressione si pu`o sviluppare un vuoto
che pu`o persistere per secoli senza che nessunaltra soluzione venga adottata.
Il fatto che la regressione possa aver luogo `e una prova del fatto che in alcune
situazioni possa non essere sentita la necessit`a di una certa categoria di colore.
(Paul Kay sottoline`o in una comunicazione personale il fatto che il concetto di
mancanza totale di un termine per blu fosse da avanzare con estrema cautela.
Infatti, parlanti di lingue che esprimono in una sola categoria il verde e il blu,
spesso sostengono di non avere alcun termine per descrivere il cielo, intendendo
per`o dire che non hanno un termine speciale per descriverlo. La precariet`a
della conclusione di Kristol `e abbastanza ovvia).
Quando un termine per blu si estingue senza sostituti, la parola pi`
u adatta a
inglobare in se la sua funzione sembra essere il termine verde. Infatti in molti
dialetti il termine per verde `e stato adottato anche per esprimere quello per
blu. Nellatlante a cui ci stiamo riferendo sono stati registrati 13 dialetti che
riassumono nel termine verde le categorie di colore di verde e blu. Molti di
questi sono situati nella stessa zona geografica, ad est e sud-est di Roma 1 .
1 Si

tratta di dialetti delle regioni Abruzzo, Molise, Lazio, Puglia, Campania e Basilicata.

162

Questo fatto ci permette di ritenere che un importante numero di dialetti simili


esista nel resto dellItalia meridionale, dove lisolamento culturale fu pi`
u marcato rispetto al nord (solo sette delle localit`a esaminate nel centro e nord Italia
presentano questa situazione). I dialetti che utilizzano un termine solo per i colori verde e blu appartengono effettivamente allo stadio IV. Quindi lItalia
presenta chiare prove di sistemi dialettali allo stadio IV, seppur nascosti dietro
lo stadio VII dellitaliano standard. Ci dovremmo quindi aspettare di trovare
dei sistemi colore intermedi tra questi due, e in effetti questi casi esistono. Ci
sono ad esempio alcuni dialetti allo stadio V o VI che usano un termine molto
vecchio e di origine popolare, turchino, per esprimere il colore blu. Per i
colori marrone e grigio tuttavia si avvalgono solo di parafrasi (color caff`e,
color castagna, color cenere ecc).
Lautore conclude dicendo che i dialetti italiani, a causa della loro indipendenza
ed esistenza quasi indisturbata e grazie ad una tradizione fortemente conservatrice soprattutto nel sud del paese, sono simili a dei musei per diversi stadi
evolutivi di sistemi di colore. Alcuni di essi rappresentano casi di regressione
dallo stadio V del latino allo stadio IV, con successiva rielaborazione della terminologia del colore attraverso lintroduzione di parole dallitaliano o coin`e locali,
oppure attraverso la creazione di parafrasi e nuovi termini riferiti ad oggetti.

8.7

Il contatto tra lingue nei lessici di colore

Il contatto tra lingue `e un fenomeno che riguarda lintroduzione, in una lingua,


di parole nuove per effetto del contatto con altre lingue, pi`
u o meno lontane.
Questo fenomeno riguarda qualsiasi dominio lessicale, quindi non risparmia nemmeno quello dei colori. Si pu`o trattare di prestiti tra lingue adiacenti dal punto
di vista geografico, come nel caso dellucraino e del bielorusso che hanno preso
in prestito dal russo un secondo termine per riferirsi al colore blu [57], ma anche
di prestiti da una lingua importante dal punto di vista politico e sociale. Questo
sicuramente `e il caso dei prestiti dallinglese, considerata la maggior lingua internazionale, che per questo motivo influisce sui comportamenti linguistici di
molte comunit`a linguistiche.
In giapponese c`e un uso pervasivo di prestiti in generale e, nello specifico,
nellambito dei termini di colore, cosa che venne per lo pi`
u trascurata da Berlin
e Kay [32]. Molti di questi prestiti sono pi`
u salienti per i parlanti rispetto alle
loro controparti native giapponesi. Il lessico dei colori di questa lingua consiste
di due distinti insiemi di termini, uno di origine nativa e laltro preso a prestito
dallinglese. Questo secondo insieme, secondo Stanlaw [124], sta rimpiazzando il
primo, e ci`o sta avvenendo in un ordine inverso rispetto a quello proposto nella
sequenza evolutiva di Berlin e Kay.
Stanlaw condusse un tipico studio simile a quello descritto da questi ultimi. Se
in generale non `e mai facile determinare se un termine di colore sia o meno
basico, in giapponese `e particolarmente vero in quanto esistono una serie di
complicazioni. Alcuni dei criteri stabiliti da Berlin e Kay per definire la basicit`a
163

o meno di un termine possono non essere quindi facili da applicare. La salienza


rimase per`o un criterio applicabile, e in tabella 8.1 sono elencati i termini di
colore del giapponese in ordine di salienza dal pi`
u alto al pi`
u basso.
Esaminando la frequenza dei termini in giornali e quotidiani, Stanlaw scoJAPANESE
shiro
aka
kuro
ao
ki-iro
midori
cha-iro
murasaki
pinku
orenji
kon
ki-midori
mizu-iro
hai-iro
gin-iro
guree
kin-iro
buraun
kaaki
beeju
kuriimu-iro
remon
emerarudo guriin
hada-iro
nezumi-iro
sora-iro
koge-cha
momo-iro
daidai-iro

ENGLISH
WHITE
RED
BLACK
BLUE
YELLOW
GREEN
BROWN
PURPLE
pink
orange
dark blue
yellow-green
light blue
GREY
silver
grey
gold
brown
khaki
beige
cream
lemon
emerald green
flesh
GREY
sky blue
dark brown
PINK
ORANGE

SALIENCY
97%
94%
92%
91%
81%
77%
60%
50%
43%
39%
26%
25%
24%
15%
14%
12%
12%
10%
9%
7%
6%
6%
6%
6%
5%
5%
5%
4%
4%

Tabella 8.1: Termini di colore giapponesi in ordine crescente di salienza. Tratto


da [124].
pr` una correlazione tra la frequenza/salienza e la sequenza evolutiva proposta
da Berlin e Kay. Almeno i primi otto termini seguono lordine da loro proposto (ad eccezione del fatto che il termine aka sia lievemente pi`
u saliente di
kuro, rispettivamente rosso e nero). Dallottavo posto in poi per`o lordine non `e
affatto rispettato, in quanto spesso troviamo un prestito inglese al posto del termine nativo giapponese che ci aspetteremmo, soprattutto per le posizioni pinku
164

e orenji, che sono quindi pi`


u salienti dei corrispettivi giapponesi. Per questo
motivo Stanlaw propone che il giapponese stia rimpiazzando i termini nativi
con prestiti inglesi con un andamento inverso da quello proposto da Berlin e
Kay e che potrebbe in futuro salire verso le posizioni alte della gerarchia implicazionale. Si riscontr`o una differenza tra termini nativi e prestiti dallinglese,
infatti i due non erano mappati come se fossero sinonimi. I termini presi in
prestito dallinglese portano con se una connotazione pi`
u luminosa rispetto ai
corrispondenti termini nativi. C`e quindi una differenza nei livelli di chiarezza.
Un altro aspetto notato da Stanlaw, e che ancora una volta ci permette di
osservare linfluenza dellinglese sul giapponese, riguarda il termine con cui i
giapponesi si riferiscono al verde dei semafori.
La lingua giapponese in passato utilizzava il termine ao (blu) per indicare in
molti casi anche il colore verde, a cui oggi ci si riferisce con il termine midori.
Ancora oggi esistono per`o differenze denotative tra questi due termini: mentre midori ha un numero ristretto di referenti, ao ne ha molti. I giapponesi si
riferiscono al verde del semaforo con il termine ao, forse perche in questo uso c`e
un riferimento a un significato addittivo che questo termine porta con se, lidea
di inizio, partenza, freschezza. Il verde del semaforo viene quindi letteralmente
chiamato luce blu. Se i colori fossero dei puri denotata, il termine midori
sarebbe invece stato preferito.
Stanlaw condusse uno studio chiedendo a soggetti giapponesi che vivevano negli
Stati Uniti da periodi di tempo diversi (dai 6 mesi ai 15 anni) di scegliere il
tassello dallinsieme usato da Berlin e Kay che secondo loro ricordava meglio il
colore del via dei semafori in Giappone (che non sono diversi da quelli americani o europei). Stanlaw scopr` una correlazione tra la lunghezza del periodo
trascorso allestero e la tinta selezionata: pi`
u lungo era questo periodo, pi`
u blu
era la tinta del tassello selezionato. Il motivo di ci`o probabilmente risiede nel
fatto che, essendo il ricordo visivo pi`
u lontano, e mancando quindi lo stimolo
stesso (la luce verde), i soggetti che da pi`
u tempo vivevano negli Stati Uniti erano costretti a ricorrere al codice linguistico, e ci`o li riconduceva ad ao.
Maggior era il tempo di lontananza, maggiore risultava laffidamento a questo
codice: la luce viene chiamata blu, quindi i soggetti si convincono che la luce
fosse veramente blu.

8.8

Le differenze di genere nellambito del colore

Anche il genere `e considerato un fattore molto importante nel dominio del colore ed `e un argomento che ha ispirato molti studi. Molti di questi, di cui non
ci si occuper`a in questa sede, si pongono come obiettivo quello di capire se ci
siano differenze percettive tra i due sessi, su cui i pareri sono discordanti. Altri
invece sono studi che indagano le differenze nel lessico del colore tra i due sessi,
anche se `e evidente che le differenze percettive potrebbero essere ci`o che causa in
un secondo momento differenze lessicali. Le due cose potrebbero essere quindi
strettamente legate. Ci`o che `e particolarmente interessante `e che i soggetti di
165

sesso femminile tipicamente hanno a loro disposizione un lessico di colori pi`


u
ampio e sfaccettato rispetto ai soggetti di sesso maschile.
In [125] si propose un test in cui si chiedeva ai soggetti (studenti di college
americani) di attribuire dei nomi di colori ad alcuni tasselli colorati. Lipotesi
che questo array di stimoli colorati avrebbe evocato un numero maggiore di
risposte da parte dei soggetti femminili rispetto a quelli maschili venne confermata. La correlazione tra sesso e numero di nomi diversi forniti fu significativa,
cos` come fu significativa la correlazione tra sesso del soggetto e attivit`a del
tempo libero (hobbies) e tra il numero di nomi diversi forniti e gli hobbies. La
variabile degli hobbies fu costruita da informazioni fornite sul questionario e
venne codificata su una scala di 1 a 5. Bassi livelli di questa variabile corrispondevano ad attivit`a scarsamente legate al colore, il contrario per i valori alti. Il
valore medio di questa variabile era di 1.50 per gli uomini e di 2.79 per le donne.
Queste differenze potrebbero essere una funzione di differenze tra sessi nel processo di socializzazione. Le donne, infatti, sono incoraggiate a scegliere attivit`a
per il tempo libero che sono maggiormente dipendenti dal colore rispetto agli
uomini. Di conseguenza, le donne sviluppano un lessico di colori pi`
u esteso.
Si tratta quindi di differenze acquisite nellespressione dellapprezzamento delle
differenze di colore.
In [126] queste differenze vennero indagate attraverso un esperimento di color
listing su 72 soggetti nepalesi. Le donne elencarono un numero di nomi di colore
pi`
u alto rispetto agli uomini. Questa differenza `e statisticamente significativa e
pu`o essere attribuita a variazioni tra uomini e donne nellesposizione al colore e
nel suo uso nellambiente in Nepal. In Nepal le donne indossano abiti molto colorati, mentre gli uomini vestono di nero, grigio, bianco e marrone. La differenza
riscontrata potrebbe quindi anche essere ristretta al particolare ambiente preso
in esame in questo studio. Anche la dicotomia citt`a-villaggio potrebbe giocare
un ruolo importante per la spiegazione di queste differenze. Su 36 soggetti di
sesso femminile presi in questo studio infatti, 25 vivevano a Kathmandu, contro
gli 11 che vivevano in ambiente rurale. Sembra che entrambi i fattori, il genere
dei soggetti e lambiente in cui questi vivono, vadano presi in considerazione
e abbiano un ruolo importante. I due fattori che vengono proposti in questo
studio per spiegare perche le donne producano pi`
u termini di colore sono la
maggior fluenza verbale delle donne e il maggior coinvolgimento delle donne nel
settore specifico del colore.

8.9

Conclusioni

Al termine di questa panoramica di alcuni studi legati a diversi sottodomini di


questo ambito si sar`a colta la grande variet`a di spunti e idee al suo interno. Ad
esempio, si sar`a notato come i potenziali soggetti di esperimenti appartengano a
categorie molto eterogenee: dai bambini, che forniscono informazioni sul processo di apprendimento di questi termini, ai neonati, che forniscono informazioni
sullesistenza di categorie cromatiche antecedenti lo sviluppo linguistico, ai bilin166

gui, interessanti per studiare come la conoscenza di due lingue possa influenzare
le categorie linguistiche cromatiche, agli anziani, che, confrontati con altre fasce
det`a, ci possono dare unindicazione di come questa influenzi il lessico dei colori.
Lo studio di pazienti afasici pu`o invece aiutarci a capire quali siano i processi
cognitivi relativi a questo dominio.

167

168

CAPITOLO

9
I dizionari di colore

9.1

Introduzione

In precedenza si `e visto che esistono dei metodi per specificare il colore in modo numerico preciso e non ambiguo. Un altro metodo per specificare il colore
`e quello di ricorrere allutilizzo di termini appartenenti al linguaggio naturale,
avvalendosi di descrizioni linguistiche. Questo sistema di comunicazione `e ovviamente molto meno preciso, tuttavia `e il pi`
u diffuso e quello meglio compreso dalle
persone. Per molti aspetti `e quindi preferibile ad un metodo altamente preciso
ma difficile da usare.
Questo risult`o evidente in un esperimento [127, 128] in cui vennero comparati tre diversi sistemi di notazione del colore, due dei quali sono sistemi di
notazione numerica (RGB e HSV), mentre il terzo, il CNS, si basa sul linguaggio
naturale, nello specifico la lingua inglese.
Ad ogni volontario che partecip`o allesperimento venne assegnato in modo casuale uno di questi tre sistemi e chiesto di imparare ad usarlo. Successivamente
venne loro chiesto di dare una specificazione, avvalendosi del sistema assegnato, ad una serie di colori che vennero loro mostrati. Per ogni risposta data si
calcol`
o la distanza euclidea tra il colore che il soggetto avrebbe dovuto descrivere e quello corrispondente alla risposta effettivamente data: maggiore era la
distanza, meno accurata la risposta.
Si scopr` che gli utenti del sistema CNS erano significativamente pi`
u accurati
nella specificazione del colore, e ci`o dimostra che `e pi`
u efficace dare allutente
169

la possibilit`a di scegliere da un insieme limitato di valori scelti accuratamente e


basati su fattori umani, piuttosto che da un insieme di valori molto pi`
u ampio
e apparentemente pi`
u flessibile che per`o non si basa su questi principi. Come
ci si aspettava, il sistema HSV ottenne dei risultati migliori rispetto al sistema
RGB, in quanto si basa sugli stessi attributi psicologici anziche fisici del colore,
come il sistema CNS. In pi`
u, il sistema CNS permette di dare risposte basate
sulle esperienze accumulate in una vita con i termini di colore inglesi.
I sistemi linguistici utilizzano nomi di colore comuni, cos` come combinazioni
di questi, per affinare la specificazione del colore. Offrono inoltre molti aggettivi modificatori che permettono ulteriori sottili discriminazioni nella specifica. Oltre alla specifica del colore, le lingue naturali sono comunemente usate
per specificare differenze o cambiamenti di colore, esempi di parole o sintagmi
che esprimono questi concetti possono essere slightly less yellow, much darker,
more saturated, greener, significantly punchier, a smidge lighter. Sebbene queste
espressioni siano certamente molto imprecise vengono usate comunemente da
tutti. Identificare un colore tramite il suo nome `e quindi un metodo di comunicazione comprensibile per chiunque, e per questo motivo sono stati fatti
numerosi tentativi tesi alla creazione di un metodo standard per scegliere nomi
di colori. Ad esempio, il sistema di ordinazione del colore Munsell `e ampiamente
usato in applicazioni che richiedono specifiche precise del colore, come il settore
tessile e quello delle vernici. Uno dei suoi svantaggi `e per`o la mancanza di un
dizionario di colori.
In questo capitolo verranno presentati alcuni dizionari di colore 1 . Ne esiste
un numero veramente ampio, alcuni di essi sono nati con uno scopo generale,
ma la maggiorparte di essi vengono creati direttamente dalle aziende per esigenze puramente commerciali e per specificare i colori legati ad un determinato
prodotto. Hanno quindi una portata ridotta e specifica a quel determinato settore. Solo alcuni di essi possiedono una sintassi sistematica che li rende coerenti
al loro interno e pi`
u facilmente utilizzabili, ma nella maggioranza dei casi essi ne sono privi. Altri ancora, come il CNE [129], nascono non tanto da una
scelta operata dallideatore riguardo a quali colori rappresentare, quanto dal
feedback ricevuto da una serie di soggetti che decidono di prendere parte ad un
esperimento (nel caso specifico, un esperimento online). In questo caso, vengono
certamente rispecchiate molto meglio quelle che sono le intuizioni dei parlanti
di una lingua riguardo ai termini di colore e verr`a rappresentata meglio la lingua
vera.
Il numero dei termini di colore che i diversi dizionari contengono pu`o variare
molto e anche questo aspetto ha un ruolo importante sulla qualit`a del dizionario.
Un numero troppo basso risulta poco rappresentativo, daltra parte un numero
eccessivo `e controproducente rendendo lo strumento difficile da usare.
Dopo averne scelti alcuni, si `e cercato di rintracciarne la struttura per capire se
questa fosse pi`
u o meno affidabile e sistematica. Infine si `e tentato di fare un
1 http://people.csail.mit.edu/jaffer/Color/Dictionaries

170

confronto tra questi dizionari presenti sul mercato, individuando i punti forti e
deboli che presentano. Alla luce di questo confronto si proporranno in conclusione le caratteristiche che dovrebbero essere presenti in un buon dizionario di
colore e quelle che andrebbero sicuramente evitate. Un altro problema relativo
ai dizionari `e il fatto che essi siano tutti in lingua inglese. Per questo motivo si
tenter`a di dare alcune indicazioni riguardo ad un possibile dizionario in lingua
italiana attraverso un esperimento di color listing che `e stato condotto e che
verr`a presentato nel prossimo capitolo.

9.2

Il sistema ISCC-NBS

Il primo elenco di pi`


u di 3000 termini e sintagmi inglesi usati per nominare
colori fu creato da Maerz e Paul e pubblicato nel loro Dictionary of colors nel
1930 [120]. Pi`
u dettagliata fu la circolare 553 pubblicata dal National Bureau
of Standards (NBS), oggi National Technical Information Service (NTIS), la
quale conteneva circa 7500 diversi nomi che venivano usati sia generalmente
che in campi specifici [130]. Il fatto che entrambi questi dizionari contenessero
esempi di termini abbastanza esoterici e oscuri alla maggior parte della gente,
e che questi termini venissero elencati in modo non sistematico, li rese inadatti
ad un uso generale.
Seguendo i consigli dellInter-Society Council (ISCC), lNBS, avvalendosi della notazione Munsell, svilupp`o quindi un lessico standardizzato di nomi che
definisce un insieme di 267 diverse regioni dello spazio colore (267 centroidi),
che andarono a costituire il dizionario ISCC-NBS [131], partendo da un ampio
numero di elenchi di colori presenti in compilazioni in uso negli Stati Uniti in settori molto disparati tra loro. La scelta di 267 centroidi sembr`o agli ideatori una
buona scelta dal punto di vista numerico, trattandosi di un numero abbastanza piccolo da essere imparato facilmente, ma abbastanza grande per operare le
necessarie distinzioni per molte applicazioni.
Il dizionario utilizza termini inglesi per descrivere il colore lungo le tre dimensioni dello spazio colore. Ci sono cinque valori discreti relativi alla chiarezza
(very dark, dark, medium, light, very light), quattro valori discreti relativi alla
saturazione (grayish, moderate, strong, vivid ) e tre termini che denotano combinazioni di chiarezza e saturazione (brilliant, pale, deep).
Si prenda il colore purple per esemplificare lutilizzo dei modificatori. La figura
9.1 rappresenta linsieme completo dei modificatori per questa tinta. I termini
di colore in questa tinta sono quindi vivid purple, dark purple, light purplish
gray eccetera. A causa della non-linearit`a del nostro apparato visivo e delle
irregolarit`a nel sistema del lessico dei colori presente nelle lingue naturali, non
tutte le tinte presentano lintera gamma di modificatori.
A partire da un insieme basico (red, orange, yellow, green, blue, violet, purple,
pink, brown, olive, black, white, gray) vennero costruiti 28 termini riferiti alla
tinta. Alcune coppie di questi nomi possono essere concatenate per denotare
171

Figura 9.1: Rappresentazione del segmento relativo alla tinta purple, grazie al
quale possiamo osservare tutti i modificatori riferiti a questa tinta.

tinte intermedie, ad esempio yellow e green possono dare vita alla forma yellow
green, ma non a quella green yellow. Ancora, altri termini di colore non possono
essere accoppiati in questo modo con le tinte a loro adiacenti per formare tinte
intermedie, `e il caso di red, blue, violet, purple e pink. Un altro modo per definire
tinte intermedie `e quello di aggiungere il suffisso -ish in una coppia modificatoremodificato. Ad esempio, greenish blue `e un blu con una piccola percentuale di
verde al suo interno. Ci sono per`o molte eccezioni a questa regola. Ad esempio,
violet e olive non possono essere ne modificatori ne modificati, orange e pink
non possono essere modificatori, red modifica orange, purple e brown ma viene
modificato a sua volta solo da purple. I nomi acromatici possono essere combinati con nomi cromatici ma non esiste una sintassi sistematica: blackish red `e
valido ma non lo `e blackish brown.
Il principale problema di questo sistema `e quindi che non esiste una regola semplice per determinare quale termine di colore possa essere messo in coppia con
altri, possa modificare o essere modificato, e in che ordine debba apparire. La
sua sintassi `e quindi estremamente difficile da imparare.
Oltre al dizionario dei 267 centroidi di cui abbiamo parlato finora, lNBS
propone una tavola con 5411 nomi di colore, ad ognuno dei quali vengono attribuiti e fatti corrispondere alcuni dei 267 centroidi, talvolta uno solo, in altri
casi molti di pi`
u, fino ad arrivare a un totale di circa venti centroidi assegnati
ad uno stesso nome. A questo proposito si vedano gli esempi in figura 9.2.
Questo lavoro venne fatto prendendo tutti i termini presenti in unampia serie
172

Figura 9.2: Alcuni esempi di centroidi assegnati a nomi di colori.


di elenchi di termini di colore esistenti negli Stati Uniti che venivano utilizzati in
diversi settori: aeronautica, trasporti, agricoltura, filatelia, biologia, decorazione
di interni ecc. In fianco al nome, tra parentesi, viene indicata una lettera che si
riferisce allelenco da cui il nome `e stato tratto, mentre a destra troviamo i centroidi che sono stati assegnati a quel nome. Il fatto che spesso venga assegnato
un numero davvero alto di centroidi lascia un po perplessi, in quanto spesso
questi centroidi rappresentano dei colori che sono molto diversi tra loro. Risulta
quindi inverosimile che ci si possa riferire a colori cos` diversi avvalendosi dello
stesso nome.

9.3

Il sistema CNS

Un problema relativo al dizionario appena descritto era la mancanza di una


sintassi sistematica. Questa fu la questione che si tent`o di affrontare con la
creazione di un nuovo sistema di color-naming (CNS), basato sul modello ISCCNBS, che risultava comunque essere il sistema di notazione pi`
u adeguato tra
quelli esistenti basandosi su termini comuni della lingua inglese, i cui referenti
sono quindi chiaramente compresi. Era per`o necessario semplificarne la sintassi, fornendo una struttura che seguisse poche regole semplici e sistematiche, e
rimuovere alcune disomogeneit`a del lessico.
Il sistema CNS [128] usa le stesse tre dimensioni, ma definisce in una sintassi
formale le regole usate per combinare parole a partire da queste tre dimensioni.
I modificatori riferiti alla chiarezza (very dark, dark, medium, light, very light) e
alla saturazione (grayish, moderate, strong, vivid ) sono presi direttamente dalla nomenclatura ISCC-NBS, ad eccezione di brilliant, deep e pale che vengono
esclusi. Se lattributo di chiarezza viene omesso, si assume una chiarezza media
(medium), se viene omesso lattributo di saturazione, viene assunto vivid. I due
designatori di chiarezza e saturazione possono ricoprire entrambi il primo posto.
I termini relativi alla tinta sono solo vagamente collegati a quelli dellISCC-NBS.
Per quanto riguarda i termini cromatici, vengono usate solo le tinte che giacciono
sul cerchio del colore (red, orange, yellow, green, blue e purple) con laggiunta
173

di brown. Violet, olive e pink vengono omessi. Pink `e facilmente riconoscibile


come light red, e non giace sul cerchio dei colori puri; violet e olive non hanno
la stessa distribuzione in inglese degli altri termini utilizzati. Per esempio, non
possono prendere i suffissi -ish, -er, -est come fanno invece gli altri termini.
Lunico termine incluso ma che non `e presente nel cerchio dei colori puri `e
brown, incluso perche, a differenza di altri colori non puri, non viene percepito come qualitativamente simile alla sua controparte (larancione saturo, brillante). Questa inclusione quindi ci dimostra che i termini sono stati scelti in
base a considerazioni psicologiche e linguistiche; infatti brown sarebbe ridondante, trattandosi di un arancione, ma viene incluso perche i parlanti inglesi lo
percepiscono come un colore separato e per questo gli autori lo hanno ritenuto
importante per il potere descrittivo del sistema.
In totale si ottengono 31 nomi di tinte cromatiche che si formano partendo dai
sette nomi di colore generici attraverso lapplicazione delle regole sintattiche. Ai
sette nomi gi`a citati sopra, vanno aggiunti i termini acromatici black e white. A
partire da essi nascono gli altri termini acromatici (very dark gray, dark gray,
(medium) gray, light gray, very light gray) che hanno necessariamente saturazione zero e che quindi sono denotati da un massimo di due componenti.
Per quanto riguarda la sintassi di questo sistema, tutti i termini di tinta adiacenti
possono modificare gli altri secondo le regole qui di seguito:
Due tinte generiche unite da un trattino denotano una tinta che sta esattamente a met`a tra le due tinte generiche specificate. I due termini green-blue
e blue-green sono quindi equivalenti.
Se si desidera un colore che si trova ad un quarto tra due tinte generiche adiacenti, la tinta pi`
u lontana costituir`a il modificatore, apparendo
per prima con il suffisso -ish, mentre la tinta pi`
u vicina sar`a lelemento
modificato e apparir`a per seconda.
Questa semplice grammatica genera un totale di 24 nomi riportati in tabella 9.1.
Come mostrato dalle parentesi, sette termini addittivi possono essere generati
sostituendo il termine brown al termine orange.
La sintassi di questo sistema `e ortogonale rispetto ai tre termini della specificazione del colore. Tutte le combinazioni possibili sono sintatticamente corrette,
sebbene alcune combinazioni sintatticamente corrette potrebbero non essere realizzabili. Per esempio, se un colore `e molto chiaro o molto scuro, non pu`o essere
pienamente saturo. La saturazione massima possibile di un colore decresce man
mano che il colore diventa pi`
u chiaro o pi`
u scuro. In totale, il sistema CNS
conta 627 nomi di colore (620 termini cromatici + 7 termini acromatici).
La sintassi formale di questo sistema `e la seguente:
< color name >
< achromatic name >
< chromatic name >

::= < chromatic name > | < achromatic name >


::= [< lightness >] gray | black | white
::= < lightness >< saturation >< hue >
|[< saturation >] [< lightness >] < hue >
174

red
orangish red (brownish red)
red-orange or orange-red
(red-brown or brown-red)
reddish orange (reddish brown)
orange (brown)
yellowish orange (yellowish brown)
orange-yellow or yellow-orange
(brown-yellow or yellow-brown)
orangish yellow (brownish yellow)
yellow
greenish yellow
yellow-green or green-yellow
yellowish green

green
bluish green
green-blue or blue-green

greenish blue
blue
purplish blue
blue-purple or purple-blue

bluish purple
purple
reddish purple
purple-red or red-purple
purplish red

Tabella 9.1: I 24 nomi generati dalla grammatica CNS.


< lightness >
< saturation >
< hue >
< generic hue >
< half way hue >
< quarterway hue >
< ish f orm >

::= verydark | dark | medium | light | very light


::= grayish | moderate | strong | vivid
::= < generic hue > | < half way hue >
| < quarterway hue >
::= red | orange | brown | yellow
green | blue | purple
::= < generic hue > < generic hue >
::= < ish f orm >< generic hue >
::= reddish | orangish | brownish | yellowish
greenish | bluish | purplish

Questa sintassi `e espressa in BNF, notazione spesso usata per mostrare la


sintassi specialmente dei linguaggi di programmazione. La sigla sta per Backus
Naur Form, dal nome di chi lha introdotta. Secondo questa notazione il simbolo ::= sta per `e definito da e indica che loggetto alla sinistra di tale simbolo
viene definito come ci`o che si trova alla destra di questo. Il simbolo | sta per
oppure, si pu`o cio`e usare indifferentemente loggetto a destra o quello a sinistra del simbolo. Le parentesi quadrate [] indicano occorrenze opzionali e le
parentesi angolari < > indicano il nome di una categoria.

9.4

Il sistema CNM

Tominaga [132] propose in seguito unestensione del modello CNS che prese il
nome di Color-Naming Method (CNM). Tominaga utilizz`o un insieme predefinito di termini di colore nello spazio colore Munsell. Questi nomi vennero speci175

ficati come appartenenti ad uno su quattro livelli di accuratezza (fundamental,


gross, medium, minute), in modo che nomi appartenenti al pi`
u alto livello di
accuratezza corrispondessero a sezioni pi`
u piccole dello spazio Munsell. Uno dei
pi`
u gravi difetti che vengono solitamente accreditati a questo metodo `e lutilizzo di un lessico di colori non standard, compaiono infatti nomi come lavander,
lilac, sky, gold.

9.5

Il modello proposto da Mojsilovi


c

Mojsilovic [133] tent`o di sviluppare un metodo computazionale di color naming


che fornisse delle descrizioni di colore pi`
u dettagliate rispetto agli altri sistemi
e che permesse comunicazioni inerenti il colore di pi`
u alto livello.
Per creare un lessico dei colori affidabile si eseguirono una serie di esperimenti
soggettivi volti a testare laccordo tra i nomi tratti dal dizionario ISCC-NBS e
i giudizi umani, aggiustando cos` il dizionario per il suo uso nelle applicazioni
automatiche del color naming e per guadagnare una migliore comprensione della categorizzazione umana del colore e dellattribuzione di nomi.
Gli esperimenti condotti furono quattro. Il primo (Color Listing Experiment)
mirava a capire quali fossero i colori basici. Ai soggetti venne chiesto di nominare
almeno 12 colori pi`
u importanti. Oltre agli 11 identificati da Berlin e Kay [32]
vennero individuati anche beige/tan, olive e violet. Nel secondo (Color Composition Experiment) venivano presentate ai soggetti 40 immagini fotografiche
in sequenza e veniva chiesto loro di nominare tutti i colori presenti in queste
immagini utilizzando nomi di colore comuni ed evitando nomi rari. Qualora
venissero riscontrati colori difficili da definire, veniva suggerito di descriverli in
termini di altri colori. Negli ultimi due (Color Naming Experiments) venivano
presentati ai soggetti i 267 centroidi dal dizionario ISCC-NBS e veniva chiesto
loro di nominarli. La differenza tra i due stava nel fatto che nel primo venivano
mostrati pi`
u colori insieme, nel secondo venivano mostrati uno alla volta. Anche
qui si chiedeva di usare nomi e modificatori comuni e di evitare nomi derivati
da oggetti e materiali.
Per quanto riguarda il primo esperimento si trovarono 11 colori basici nella lista
di ogni soggetto. Nove soggetti inclusero beige e quattro inclusero violet. Non
vennero inclusi modificatori di nessun tipo (tinta, saturazione, chiarezza). Nove
soggetti elencarono pi`
u di 14 colori. I vocaboli utilizzati rimasero allincirca
gli stessi nellesperimento di descrizione di immagini, con laggiunta di modificatori, utilizzati solo per distinguere tra diversi tipi della stessa tinta in una
singola immagine.
Il livello pi`
u alto di precisione venne raggiunto negli ultimi due esperimenti, in
cui vennero spesso utilizzati modificatori, creati sia unendo due nomi di tinte
generiche con un trattino, sia attaccando il suffisso -ish al termine del colore
pi`
u lontano Sette soggetti usarono olive, pur non avendolo elencato nel primo esperimento. I modificatori brilliant e deep non vennero usati. Si riscontr`o
grande accordo intersoggettivo tra i soggetti nella scelta dei nomi, che nella
176

maggioparte dei casi corrispondevano a quelli presenti nel ISCC-NBS. La differenza principale tra questo dizionario e i nomi usati stava nei modificatori di
saturazione. I colori apparivano meno saturi ai soggetti, i quali generalmente
applicavano soglie percettive pi`
u alte quando anteponevano modificatori come
vivid, strong e grayish.
Per quanto riguarda le due liste di nomi generate dai due esperimenti di color
naming, va detto che i nomi presenti nel dizionario ISCC-NBS vennero modificati per riflettere lopinione della maggioranza dei soggetti. Tra le due liste si
riscontr`o un buon accordo, lunica differenza riguarda luso dei modificatori di
chiarezza. Lo stesso colore era spesso percepito pi`
u chiaro nel riquadro piccolo
rispetto che nella finestra pi`
u grande.
Per il dizionario finale Mojsilovic adott`o la lista di colori generata dal primo
dei due esperimenti di color naming, in quanto questi nomi sono stati generati
nellinterazione con altri colori e lautrice sente questa scelta come migliore
rappresentante delle applicazioni del mondo reale. Ecco la sintassi che genera
questi nomi:
< color name >
< chromatic name >
< achromatic name >
< lightness >
< hue >
< generic hue >

< half way hue >


< quarterway hue >
< ish f orm >
< achromatic term >
< generic achromatic term >

::= < chromatic name > | < achromatic name >


::= < lightness >< saturation >< hue >
| < saturation >< lightness >< hue >
::= < lightness >< achromatic term >
::= blackish | verydark | dark
| medium | light | verylight | whitish
::= < generic hue > | < half way hue >
| < quarterway hue >
::= red | orange | brown | yellow
| green | blue | purple | pink
| beige | olive
::= < generic hue > < generic hue >
::= < ish f orm >< generic hue >
::= reddish | brownish | yellowish | greenish
| bluish | purplish | pinkish
::= < generic achromatic term > | < ish f orm >
< generic achromatic term >
::= gray | black | white

Omettendo la luminosit`a o la saturazione queste vengono assunte medie. Solo


tinte adiacenti possono essere combinate per formare <halfway hue> e <quarterway hue>.
Questa sintassi permette anche di descrivere il colore a diversi livelli di accuratezza. Al livello fundamental i nomi sono espressi come <generic hue> o <generic
177

achromatic hue>. Al livello coarse, i nomi sono espressi come <luminance>,


<generic hue> oppure <luminance>, <generic achromatic hue>. Al livello
medium i nomi si ottengono aggiungendo <saturation> alla descrizione relativa
al livello precedente. Al livello minute si utilizzano <color name> completi
come specificato nella sintassi sopra esposta. Questi diversi livelli di accuratezza corrispondono a diversi modelli di color naming nei linguaggi umani.
Per esempio, noi usiamo il primo livello quando ci riferiamo ad oggetti ben
conosciuti o quando linformazione relativa al colore non `e ritenuta importante
(es. Color Listing Experiment). Secondo questo studio la descrizione di immagini fotografiche verrebbe formulata con una precisione che corrisponde ai
livelli coarse o medium (Color Composition Experiment), mentre il livello pi`
u
dettagliato (minute) verrebbe usato tipicamente nella descrizione di campioni di
colore isolati (Color Naming Experiments) o oggetti e regioni specifiche (Color
Composition Experiment).
Gli esperimenti condotti in questo studio portano alla luce il fatto che molti
dei termini presenti nellISCC-NBS non sono ben compresi dal pubblico generale. Lobiettivo era per`o quello di correggere solo la sintassi di questi nomi
e non i valori dei prototipi corrispondenti. Il lessico cos` ottenuto pu`o quindi
essere visto come un ISCC-NBS rinominato, poiche opera sullo stesso insieme
di prototipi del modello ISCC-NBS. Le differenze tra i due sono: 1) i prototipi
di colore che non sono stati percepiti consistentemente dai soggetti sono stati
rimossi dal modello e 2) alcuni dei nomi dellISCC-NBS sono stati modificati
per riflettere la maggioranza delle decisioni soggettive.
Una volta realizzato questo dizionario dei nomi di colore, `e stato sviluppato
un algoritmo per assegnare un nome ad un colore input arbitrario. Quello che
si vede in figura 9.3 `e un esempio del risultato a cui si giunge per mezzo di
questo modello. Ad esempio, a partire da unimmagine, il modello `e in grado di
assegnare delle descrizioni linguistiche, ovvero dei nomi, ai colori presenti nella
stessa. Ci`o avviene in un modo che si avvicina molto al comportamento umano.

9.6

Il sistema X11

Questo dizionario contiene 657 termini di colore, anche se convenzionalmente


si parla di 455 poiche nel numero complessivo sono incluse ben 202 variazioni
di grigio, da gray0 a gray100 e da grey0 a grey100. Ad ogni identico colore
grigio viene attribuito un duplice nome di colore, uno espresso utilizzando la
forma lessicale gray, e uno che utilizza la forma grey. Ci`o avviene anche in
altri dizionari di colore, tuttavia non `e del tutto chiaro il motivo che spinge
alladozione di questo metodo, che rende molto pi`
u confuso il sistema e rende
pi`
u alto, ma inutilmente (dato che si tratta degli stessi identici colori), il numero dei termini a disposizione. Gray e grey sono semplicemente due varianti
ortografiche, la prima usata prevalentemente negli Stati Uniti, la seconda nel
Regno Unito.
178

Figura 9.3: In alto varie rappresentazioni della stessa immagine, in basso una
tabella con i vari livelli di descrizione linguistica previsti dal modello e la
descrizione fornita dai soggetti. Tratto da [133].

Per quanto riguarda gli altri termini di colore, la struttura usata ricorre spesso alluso di numeri accanto alle descrizioni linguistiche. Oltre al nome base
(es. turquoise), esistono infatti nella maggiorparte dei casi altre 4 descrizioni
identiche del nome, ma con laggiunta di numeri da 1 a 4. Ad esempio, oltre a
turquoise, abbiamo turquoise1, turquoise2, turquoise3, turquoise4. Come `e evidente, queste descrizioni linguistiche appaiono assolutamente poco intuitive,
in quanto non risulta chiara la differenza tra la forma base e quelle successive
e a quale livello sia la differenza (saturazione, chiarezza, ecc).
Di tutti i termini singoli presenti nel dizionario, elencati qui di seguito, una
piccola parte, indicata nellelenco con un asterisco, non segue questo tipo di
struttura (forma base, forma base1, forma base2, forma base3, forma base4).
Non `e chiara per`o la ragione per cui 12 termini siano esclusi da questo trattamento.

179

turquoise
azure
snow
bisque
green
gold
khaki
wheat
honeydew
ivory
seashell
tan

cyan
aquamarine
chartreuse
orange
sienna
brown
yellow
thistle
red
orchid
blue
salmon

coral
tomato
pink
magenta
chocolate
purple
firebrick
maroon
plum
goldenrod
grey*
gray*

linen*
beige*
black*
white*
peru*
violet*
mocassin*
lavender*
navy*
gainsboro*

Alcune di queste parole sono semplici, altre complesse, ad esempio honeydew,


seashell e firebrick. Ad unanalisi semantica risulta evidente come, accanto a
nomi di colore astratti, ci siano molti termini presi a prestito da nomi di oggetti
e di vegetali, come nel caso di snow, wheat, ivory, plum, lavender, tomato, di
animali, come nel caso di salmon, e di luoghi geografici, come sienna, magenta
e peru. Questi termini non sono propriamente termini di colore, e in molti
esperimenti di color naming non vengono presi in considerazione.
I termini di colore composti invece si possono formare in tre modi diversi:
Semplice anteposizione di un modificatore di chiarezza o saturazione al
nome del colore, come dark blue.
Anteposizione di un nome di oggetto al nome del colore, ad esempio steel
blue. Al nome cos` ottenuto `e possibile poi anteporre un modificatore,
come in light steel blue.
Combinazione di due nomi di colore, in cui il colore principale sta al secondo posto, mentre il primo modifica il secondo, come yellow green, che
`e prevalentemente un verde che per`o tende al giallo.
Questo `e il modo di creare nomi composti che si trova nella quasi totalit`a dei
dizionari di colore analizzati. Nellindagare la struttura di questi ultimi termini
emergono debolezze ulteriori. Prima di spiegarle diamo un elenco di questi termini in tabella , limitandoci ai colori blue e green che sono quelli maggiormente
rappresentati linguisticamente e che ci servono da campione anche per gli altri.
Innanzitutto va detto che non tutti le parole semplici o complesse viste nellelenco precedente vengono riprese per ulteriori suddivisioni, anzi, solo per ventuno di esse ci`o accade. Anche in questo caso la distribuzione tra termini che
possiedono le 4 varianti (forma base+1-2-3-4) oltre alla forma base non `e chiara.
Perche ad esempio light blue possiede le altre 4 varianti, ma ci`o non accade per
medium blue e dark blue? Questo accade anche ai livelli successivi: sea green si
divide in light sea green, medium sea green e dark sea green, ma solo dark sea
green riconosce le 4 varianti.

180

Blue

Sky blue, 1, 2, 3, 4
Steel blue, 1, 2, 3, 4
Slate blue, 1, 2, 3, 4

Green

Royal blue, 1, 2, 3, 4
Dodger blue, 1, 2, 3, 4
Cadet blue, 1, 2, 3, 4
Light blue, 1, 2, 3, 4
Alice blue
Cornflower blue
Medium blue
Dark blue
Midnight blue
Navy blue
Powder blue
Sea green, 1, 2, 3, 4

Spring green, 1, 2, 3, 4
Pale green, 1, 2, 3, 4
Dark olive green, 1, 2, 3, 4
Forest green
Lime green
Lawn green
Yellow green
Light green
Dark green

Light sky blue, 1, 2, 3, 4


Deep sky blue, 1, 2, 3, 4
Light steel blue, 1, 2, 3, 4
Medium slate blue
Dark slate blue
Light slate blue

Light sea green


Dark sea green, 1, 2, 3, 4
Medium sea green
Medium spring green

Tabella 9.2: Elenco dei termini relativi ai colori blue e green tratti dal dizionario
X11.
Per quanto riguarda luso dei modificatori, vengono utilizzati prevalentemente quelli riferiti alla chiarezza: light, medium e dark ; in un solo caso viene
usato dim, cosa che forse andava evitata: non ha senso introdurre del materiale
che rende pi`
u pesante la struttura per usarlo in un solo caso. In alcuni casi
vengono usati anche deep e pale, che si riferiscono sia alla chiarezza che alla
saturazione. Non vengono mai usati modificatori di saturazione.
Il loro utilizzo segue per`o una struttura molto irregolare, come si evince dalla
tabella in cui ad esempio troviamo dark olive green, ma non il livello base di
questo, olive green. Ancora, troviamo light green e dark green, ma non medium green. Allo stesso modo, per quanto riguarda il blu, slate blue si suddivide
in medium slate blue, dark slate blue e light slate blue. Tuttavia steel blue ri181

conosce solo light steel blue, mentre sky blue riconosce solo light sky blue e deep
sky blue. Il colore giallo riconosce un solo grado di chiarezza (light). Troviamo
anche light goldenrod yellow, senza che vi sia traccia di goldenrod yellow. La
decisione di ripetere tutti i termini di colore grigio due volte, utilizzando le due
varianti del termine, viene comunque disattesa. Slate gray infatti si suddivide
nei quattro sottogruppi (slategray1. . . slategray4 ), ma ci`o non avviene per slate
grey che presenta solo la forma base. Lo stesso vale per dark slate gray (dark
slate gray. . . dark slate gray4 ) e per dark slate grey. Probabilmente si tratta di
dimenticanze. Lutilizzo di nomi di colori come modificatori del colore base (es.
yellow green) non `e molto ampio. Si riscontra invece un alto numero di termini
poco formali come white smoke, burly wood, old lace, olive drab e molti altri. Va
per`o notato che questi termini vengono usati dalla maggiorparte dei dizionari
di colore.

9.7

Il sistema Hollasch

Il dizionario Hollasch comprende 190 termini di colore, anche se tra questi presenta un colore ripetuto due volte, ma che presenta due codici esadecimali diversi (goldenrod light e light goldenrod ). La prima cosa evidente `e che questo
dizionario utilizza nella maggiorparte dei casi laggettivo modificatore in seconda posizione anziche in prima. Si trovano quindi blue light, green pale ecc, ma
allo stesso tempo in alcuni casi viene mantenuta la struttura abituale, come in
dim grey, dark orange ecc. Il fatto di anteporre il termine modificato al modificatore, pur essendo agrammaticale nella lingua inglese, potrebbe essere dettato
dal fatto che in questo modo lelemento pi`
u importante, la tinta, possa essere
individuato per primo, o in tempi pi`
u brevi. Tuttavia questa scelta, qualora abbia una sua ragione di esistere, dovrebbe essere usata in modo coerente. Inoltre,
questo procedimento viene usato solo per i termini modificatori di saturazione
e chiarezza, e non per i termini di oggetti o per gli altri aggettivi che possono
precedere e modificare lattributo di tinta (es. chrome oxide green, venetian
red ).
I termini utilizzati sono prevalentemente quelli utilizzati nell X11. La maggiorparte dei composti nascono dallanteposizione di nomi di oggetti al termine
che denota la tinta, mentre i modificatori di saturazione e chiarezza sono usati
molto poco, cos` come lunione di due termini di colore.
I modificatori utilizzati sono medium, light, dark (chiarezza) e deep e pale. Anche in questo dizionario si riscontrano alcune irregolarit`a strutturali. Alcuni
esempi: troviamo cadmium red deep e cadmium red light, ma manca cadmium
red. Troviamo olive green dark, ma non olive green (anche se c`e olive). Anche
questo dizionario, infine, si avvale di un alto numero di termini fantasiosi e poco
formali.

182

9.8

Il sistema Resene

La Resene Paints Limited, a cui si deve la creazione di questo dizionario, `e


una delle aziende private pi`
u grandi della Nuova Zelanda che operano nel settore delle vernici. Il loro dizionario contiene un numero altissimo di termini di
colore, precisamente 1383, con i quali copre unampissima porzione dello spazio
CIELAB in maniera uniforme. Avendo un numero cos` alto di termini, `e inevitabile che molti di essi siano specifici di questo sistema, nonostante ci`o la loro
organizzazione e ampiezza di copertura rende questo sistema meno confuso e
pi`
u utile rispetto ad altri. Ha comunque dei difetti, ad esempio, il bianco di
riferimento `e stato fissato troppo alto e il nero di riferimento troppo basso, cos`
che molti colori hanno componenti RGB di 255 o al contrario di 0.
Dal 2001, data della realizzazione di questo dizionario, la Resene Paints Limited
ha acquisito molte nuove aziende, e di conseguenza i loro colori sono stati incorporati nel suo palette, che ora conta pi`
u di 2400 colori. Il numero dei nomi, nella
versione del 2007, `e quindi quasi raddoppiato. Il bianco e il nero di riferimento
sono stati modificati.
Al di l`a della copertura uniforme dello spazio CIELAB, `e subito evidente
la difficolt`a per lutente di gestire un numero cos` ampio di termini, che risulta
quindi controproducente soprattutto alla luce di un veloce esame dei termini
utilizzati, che sono raramente composti da quelli che intuitivamente riconosciamo tutti come nomi di colore. Gli unici modificatori di saturazione e chiarezza
che compaiono, anche se non assiduamente, sono dark, pale e deep. Essi vengono
anteposti sia a termini di oggetti, come in dark rum, che a termini di colore,
come in dark tan.
I termini utilizzati brillano certamente per la loro originalit`a e fantasiosit`a, ma
quasi sempre il nome non denota in nessun modo il colore a cui `e legato. C`e un
uso ampissimo di termini geografici, talvolta da soli (es. Kabul, Tuscany, Nevada, London hue), altre volte forniti di un piccolo suggerimento che ci permette
di capire almeno che colore sia (es. Paris white, Oslo grey, Morocco brown).
Troviamo anche termini in altre lingue, soprattutto in italiano e spagnolo (es.
melanzane, fuego, hacienda, vida loca). Tra i nomi pi`
u fantasiosi e di cui `e impossibile, a partire dal nome stesso, capire il riferimento cromatico: kidnapper,
mirage, eternity, creole, morning glory, affair, gossip, Bonjour, Just right, half
and half, flirt, rolling stone, lucky, camouflage, horsesneck, shocking, charm,
lucky point, endeavour, illusion. Molti nomi si rifanno a personaggi della politica, letteratura, arte, mitologia, fiabe: Castro,Botticelli, Calypso, Shakespeare,
Cinderella, Crusoe. Vengono usati molti nomi propri di persona: Charlotte,
Edward ecc. Difficile `e anche intuire la differenza tra double spanish white, half
spanish white e quarter spanish white. Se ci trovassimo di fronte a questo elenco
di termini senza sapere cosa riguardi, difficilmente capiremmo che si tratta di un
dizionario di colore (salvo incappare in uno dei rari green o blue sparsi qua e l`a),
piuttosto ci apparirebbe come un elenco di termini tratti dai domini semantici
pi`
u disparati, ma che non presentano alcun tipo di legame tra loro.

183

9.9

Il sistema Crayola

Anche la famosa azienda produttrice di pastelli a cera Crayola ha creato un proprio dizionario. Questo `e consultabile anche sul loro sito web2 , dove ogni colore,
in tutto 120, viene mostrato attraverso una sorta di scarabocchio su uno sfondo
bianco (ad eccezione di quello bianco che si trova su sfondo nero). Crayola non
d`a alcun dettaglio tecnico della loro metodologia di misurazione, ma `e chiaro che
il controllo del processo di colore non `e il loro obiettivo primario. I colori scelti
non sono uniformemente distribuiti nello spazio CIELAB, ma sono presenti zone
molto pi`
u rappresentate di altre. I termini di colore sono volutamente fantasiosi
trattandosi di un dizionario che non ha pretese scientifiche. Non vengono usati
modificatori di saturazione e chiarezza.

9.10

Dizionari nati da esperimenti sul web: il


sistema CNE

Nel 2003 Moroney [129] present`o il suo lavoro di creazione di un sito web 3 nel
quale i visitatori venivano invitati a sottomettere nomi per sette colori scelti
casualmente nello spazio sRGB. In figura 9.7 viene mostrata la grafica del test.
I nomi raccolti in questo modo vennero esaminati accuratamente e, dopo aver
calcolato la media, venne creato il dizionario CNE, da Color Naming Experiment. Lo scopo dello studio era di indagare sui vantaggi e gli svantaggi nelluso
di un esperimento visivo online nellesplorare il tema generale del color naming.
Moroney tenta questo nuovo approccio basato sul web per raccogliere nomi o
categorie di colore, allontanandosi da quello gi`a conosciuto dei test in ambiente
controllato che richiedevano un alto numero di osservazioni da parte di un basso
numero di osservatori, oltre a limitare le risposte a termini singoli e non composti.
Lesperimento mira a raccogliere un basso numero di risposte da un alto numero
di soggetti (possibilit`a offerta dalluso di uno strumento come Internet), facendo
uso della psicofisica distribuita. In essa la richiesta di tempo per ogni osservatore `e ridotta ad un minimo avendo un ampio numero di soggetti, nessuno dei
quali completa lintero test dando un nome a tutti i (216) colori test. Ci`o riduce
limpatto di ogni partecipante e offre un modo per ridurre leffetto di multiple
sottomissioni e di osservatori falsi, oltre a permettere di ottenere un lessico di
colori pi`
u ricco, che risulta dallalto numero di soggetti, che altrimenti sarebbe
stato difficile da raccogliere. Inoltre questo esperimento non limita ne restringe
le risposte in alcun modo.
Lanalisi dei colori focali si basa in questo studio sullanalisi statistica dei colori
che sono stati indicati con parole singole. Fa quindi uso della monolexicality
come criterio per lanalisi dei colori focali. Va detto che solitamente lanalisi dei
2 www.crayola.com
3 http://www.hpl.hp.com/personal/Nathan

Moroney/color-name-hpl.html

184

colori focali viene condotta attraverso il riconoscimento, da parte dei soggetti,


di un tassello colorato allinterno di un insieme di tasselli colorati, che risulta al
soggetto il migliore rappresentante di quel colore. Infine Moroney offre unanalisi pi`
u dettagliata dei colori non basici, tema spesso ignorato.
I vantaggi identificati da Moroney relativi a questo tipo di esperimento sono:
accesso ad un ampio numero di osservatori, automatismo, minima interazione
tra osservatore e sperimentatore, processo diretto dallinput allanalisi e inclusione di fonti di variabilit`a del mondo reale.
Gli svantaggi sono: mancanza di controllo di hardware, software e condizioni
visive, il feedback non avviene in tempo reale e non esistono chiarificazioni interattive, difficolt`a di controllare losservatore, possibilit`a di utenti maliziosi o
che vogliono creare problemi (lanonimato non `e un incentivo allonest`a o alla
buona fede)e inclusione di fonti di variabilit`a del mondo reale.
Come si pu`o notare, linclusione di fonti di variabilit`a del mondo reale costituisce allo stesso tempo un vantaggio e uno svantaggio. Esistono molte altre
variabili, molte legate al computer con il quale lesperimento viene eseguito (ad
esempio et`a, scheda video, calibrazione dello schermo, pulizia, tecnologia del
display, browser utilizzato) altre legate allambiente (ad esempio il colore della
stanza e il livello di illuminazione dellambiente), altre ancora legate allutente
stesso (ad esempio et`a, genere, esperienze, motivazione, deficit e anomalie visive, predisposizioni ed influenze, livello di competenza in inglese).
A fronte di tutti questi svantaggi e delle molte fonti potenziali di variazione del
colore che entrano in gioco Moroney cita Martin [134]:
The more highly controlled the experiment, the less generally applicable the results. . . . if you want to generalize the results of your
experiment, do not control all of the variables.
Come si vede in figura 9.7 allosservatore viene chiesto di usare i migliori
nomi di colore possibili per nominare i quadrati di colore mostrati. Ci`o viene
lasciato intenzionalmente il pi`
u vago possibile per non influenzare il soggetto.
Non ponendo limiti sul tipo di nomi da utilizzare, Moroney ottiene dei risultati
che gli danno unindicazione su quanto spesso gli osservatori nave a cui non vengono posti vincoli utilizzino nomi costituiti da parole singole piuttosto che nomi
composti. Idealmente, lesperimento era costruito per essere sufficientemente
breve e facile in modo da non far perdere troppo tempo ai soggetti pensando a
come chiamare i colori, utilizzando piuttosto un criterio di attribuzione di nomi
pi`
u naturale. Il 54% dei soggetti, pur non avendo ricevuto questa istruzione,
utilizz`o termini singoli. Nomi composti da due parole vennero usati 42% delle
volte, mentre solo 4% delle volte vennero usati nomi composti da pi`
u di due
parole. I soggetti usarono 27% delle volte termini di colore basici e 27% termini
non basici costituiti da una sola parola. Termini basici e non basici vennero usati
quindi equamente, e ci`o potrebbe essere un indicatore del fatto che lesclusione
di quelli non basici in molti esperimenti potrebbe avere portato a dei risultati
quantomeno imprecisi o parziali. In figura 9.4 possiamo vedere la frequenza dei
185

Figura 9.4: Frequenza relativa nelluso dei 20 nomi di colore pi`


u comunemente
usati.
venti termini pi`
u usati. Come si pu`o notare, oltre alluso ampissimo di green
e blue, nelle prime dieci posizioni troviamo anche termini di colore non basici, come lime, dark, light. Altro punto interessante `e lutilizzo del suffisso -ish
con tutti i colori basici ad eccezione di black e white, fatto che solleva alcune
questioni inerenti il potenziale distributivo dello stesso, che potrebbe essere pi`
u
legato a gradazioni di tinta, mentre black e white sono pi`
u vicini a dei colori
assoluti.
Nel momento in cui larticolo venne completato, Moroney sostiene di aver raccolto 4907 nomi di colori a partire da circa 700 partecipanti. Ovviamente la
raccolta dei dati continua tuttora e lesperimento `e stato allargato ad altre venti
lingue, incluso litaliano. Tuttavia, come lamenta Beretta [135], suo collaboratore, solo per la lingua inglese sono stati raccolti sufficienti dati per la creazione
di un dizionario significativo. Per le altre lingue, la raccolta dei dati si rivela
molto pi`
u difficoltosa, nonostante gli sforzi compiuti, anche perche c`e un alta
percentuale di ridondanza che si concentra attorno ai nomi pi`
u frequenti, data
lautonomia con cui i soggetti operano. Beretta lamenta anche la variabilit`a per
quanto riguarda i nomi pi`
u rari, per i quali `e pi`
u difficile raccogliere dati.
Nel 2007 Moroney giunse ad un dizionario dei colori 4 basato sui nomi raccolti
in questo studio. Entrando in questa pagina, lutente pu`o cercare il nome di un
colore. Una volta trovato, potr`a vederlo nel riquadro a sinistra e potr`a leggerne
le coordinate in sRGB e il codice esadecimale. Viene data anche unindicazione
relativa alla frequenza con la quale il termine viene usato (es. rarely used, less
commonly used, widely used ). In basso trover`a la colonna dei sinonimi e quella
dei contrari. Si veda la figura 9.5.
Nella versione italiana `e previsto anche uno spazio in cui lasciare un giudizio,
elemento importante in esperimenti online in cui non si sa nulla sulla compe4 http://www.hpl.hp.com/personal/Nathan

Moroney/color-thesaurus.html

186

Figura 9.5: Grafica relativa al dizionario dei colori con un esempio di nome di
colore.

tenza dei soggetti. A loro viene chiesto di giudicare lassociazione del colore nel
quadrato con il nome assegnato, assegnando a questa corrispondenza un valore
da 1, se i due non combaciano affatto, a 5 nel caso in cui la corrispondenza sia
ritenuta perfetta. Nel caso in cui invece il colore richiesto dallutente non sia
presente nel dizionario, gli verr`a offerta la possibilit`a di costruirlo attraverso
un dispositivo simile ad un telecomando, creato anche per rendere pi`
u interessante e divertente linterfaccia, che suggerisce un comportamento che ricorda
quello dei video games e che permette di proporre un colore premendo ripetutamente sui pulsanti colorati. Anche questo vale solo per la versione italiana.
Il dizionario presenta un numero di termini molto ampio (865 circa). Un colore
viene inserito nel dizionario solo quando un determinato numero di utenti lo
definisce con lo stesso nome. Tuttavia, pi`
u di 800 nomi di colore costituisce
un numero molto alto ed `e evidente che per arrivare a raggiungerlo `e necessario includere anche nomi molto poco usati. Per questo motivo, navigando
attraverso questo strumento scopriamo anche molti colori abbastanza insoliti.
` abbastanza particolare il fatto che i soggetti, posti di fronte ad un colore e
E
chiesto loro di attribuirgli un nome, abbiano pensato, o pensino, a nomi come
salad, dirt, hunter, happy, princess, clear ecc. Traducendo questi termini in
italiano risultano dei nomi che difficilmente useremmo per designare dei colori.
Probabilmente si tratta di termini che sono associati a determinati colori da un
gruppo linguistico che `e quello anglosassone, legati a fattori culturali diversi dai
nostri: il fatto di riscontrare il nome di colore rootbeer, nome di una bevanda
molto conosciuta e venduta solo in America, ne pu`o essere una prova. Il forte
legame con questi fattori culturali risulta dal fatto che non sono termini scelti
casualmente dal creatore del dizionario, ma sono invece termini che gli utenti
hanno identificato come quelli che meglio possono descrivere un determinato
` stata riscontrata la presenza di rouge e noir, oltre ai termini inglesi
colore. E
red e black. Le due coppie corrispondono per`o a colori diversi, essendo le coordinate che li identificano diverse. Ancora, nel dizionario troviamo i termini
187

hunter e hunter green, cos` come fern e fern green. Le coordinate di queste coppie sono quasi identiche, e anche percettivamente la differenza `e quasi invisibile,
quindi ci si potrebbe chiedere se abbia senso inserirli entrambi nel dizionario o
se ci`o non possa creare confusione o portare ad inserire del materiale inutile.
Risulta difficile credere che i parlanti madrelingua inglesi sentano una differenza
tra i due e abbiano la necessit`a di attribuirgli due nomi diversi. Quello che `e
apparso particolarmente strano sono state alcune associazioni tra il colore e il
nome, che risultano completamente errate. Ad esempio il colore ice, che normalmente assoceremmo ad un bianco sporco o tendente allazzurro, corrisponde
nel dizionario ad un verde militare/oliva abbastanza scuro.
Al di l`a di queste considerazioni, va per`o sottolineato che un dizionario di questo
tipo, cio`e che prende vita direttamente dalle intuizioni dei parlanti nativi di una
lingua, ha lindubbio vantaggio di rispecchiare in modo evidente la lingua vera,
piuttosto che delle convenzioni adottate in modo asettico e impersonale. Questi
nomi dovrebbero risultare molto pi`
u familiari e facili da comprendere per gli
utenti, rispetto a quelli scelti a tavolino per altri dizionari che nascono in modi
diversi.
Moroney e Beretta hanno creato allinterno di questo sito anche altri strumenti derivati, come Color Zeitgeist (figura 9.6), che `e stato implementato in
quanto lampio numero di dati a disposizione lo rende molto significativo. Per
usarlo, basta cliccare sul nome di un colore per visualizzare i dettagli su di esso.
La dimensione del nome `e proporzionale a quante persone lo hanno cercato,
in relazione a quante volte sono stati cercati gli altri. Per vedere le ricerche
di colori meno comuni `e sufficiente cliccare sui pulsanti pi`
u vicini alla dicitura
rare queries. Come `e evidente, le ricerche pi`
u comuni riguardano nomi di colori
familiari come rosso, verde, blu, giallo ecc. Man mano che le richieste diventano
pi`
u rare, i nomi diventano pi`
u lunghi ed `e meno probabile che si tratti di parole
singole.
Nel sito si trovano due ulteriori esperimenti inerenti il color naming. Il primo
`e un esperimento di confronto tra nomi di colori (Color Name Comparison Experiment) in cui vengono elencati 11 insiemi di tre colori ciascuno. Allutente
viene chiesto di selezionare il colore tra i tre che `e meno simile agli altri due.
Per esempio, se i nomi fossero peach, salmon e olive, una risposta appropriata
sarebbe cliccare su olive. Il secondo `e un esperimento sulluso linguistico nel
descrivere differenze di colore (Color Difference Description Experiment). Vengono presentate cinque coppie di quadrati colorati, in fianco ad ognuna delle
quali si trova unarea di testo in cui lutente deve descrivere al meglio la differenza tra i due.

9.11

Conclusioni

In questo capitolo abbiamo preso in considerazione una piccola parte dei numerosi dizionari di colore esistenti. Si sono osservati diversi metodi di at188

Figura 9.6: Lo strumento Color Zeitgeist.


tribuzione di nomi ai colori, da metodi che si avvalgono di sintassi pi`
u o meno
strutturata, fino a sistemi che propongono termini che non portano con se alcuna denotazione cromatica. Evidentemente questultimo metodo va scartato:
i termini dovrebbero essere facilmente comprensibili e intuitivi, e dovrebbero
dare immediatamente unidea allutente di quale sia il colore espresso in quel
modo. Per raggiungere questo obiettivo, la presenza di una sintassi sistematica
`e indispensabile.
Una possibile soluzione potrebbe essere quella di allargare al massimo i termini
basici da inserire alla base del dizionario, ovvero aggiungere agli undici termini
basici qualche altro colore con caratteristiche simili e che negli esperimenti di
color naming ottenga dei buoni risultati. Ci`o perche risulta molto pi`
u elementare e facile da capire e usare un sistema con una base pi`
u ampia e un sistema di
modificatori pi`
u limitato, piuttosto che un sistema con pochi termini basici che
vengono poi modificati in modo troppo invasivo attraverso laggiunta di altri
termini modificatori.
Nel prossimo capitolo verr`a presentato un esperimento di color listing che si `e
condotto anche allo scopo di verificare quali termini potrebbero essere utilizzati con successo in un dizionario di colore in lingua italiana. Evidentemente
sarebbero necessari anche dei test relativi alluso dei modificatori da parte dei
parlanti italiani, per evidenziare quali siano i pi`
u significativi. Se per i modificatori di chiarezza ci`o `e abbastanza prevedibile, i modificatori di saturazione
potrebbero rivelarsi pi`
u complicati da individuare.

189

Figura 9.7: Grafica dellesperimento di Moroney [129].

190

CAPITOLO

10
Esperimenti nellambito del lessico
dei colori

In questo capitolo verranno presentati due esperimenti di color naming eseguiti in due diverse condizioni sperimentali (in laboratorio e tramite web) e un
esperimento di color listing ideati presso le universit`a di Siena e di Verona.

10.1

Due esperimenti di color naming a confronto

Uno degli obiettivi di questo studio [136138] `e stato quello di indagare se lo


stesso esperimento di color naming eseguito in due differenti condizioni sperimentali riportasse risultati apprezzabilmente simili. Negli ultimi anni si `e studiata molto la possibilit`a di fare ricerche attraverso internet, si veda ad esempio
[134, 139]. La rete `e diventato un ambiente importante per condurre ricerche
di vario tipo perche risulta il metodo pi`
u economico e veloce. Quello che va
verificato `e quindi se i risultati che si possono ottenere in questo modo siano
comparabili ai risultati che si ottengono attraverso un esperimento condotto in
laboratorio.
Lesperimento di base consisteva nel presentare a sette soggetti 1014 colori
estratti dalla base OSA-UCS estesa (EOSA)[136138], in modo sequenziale e
casuale e in condizioni sperimentali standardizzate. I soggetti dovevano sedersi
ad una distanza di 57 cm da uno schermo CRT (larea dove veniva eseguito il
191

test era oscurata da una tenda) e veniva chiesto loro di mantenere lo sguardo
fisso al centro dello schermo per far cadere limmagine proiettata, un quadrato
colorato di 80*80 px, al centro della fovea. Lo sfondo dello schermo era grigio per
evitare possibili influenze sulla percezione degli stimoli, i colori rimanevano presenti sullo schermo fino al momento in cui il soggetto non dava la sua risposta.
Dopo ogni risposta automaticamente veniva presentato lo stimolo successivo,
non sono stati registrati i tempi di reazione. La risposta del soggetto consisteva
nelletichettare il colore presente sullo schermo come appartenente ad una di 11
possibili classi ( il soggetto doveva digitare sulla tastiera il numero corrispondente alla classe scelta). Le 11 classi erano rosso, verde, giallo, blu, marrone,
rosa, arancione, viola, grigio, bianco e nero.
` da osservare che in generale il set di colori `e stato giudicato insufficiente dalla
E
maggior parte degli utenti, e in particolare tutti i soggetti hanno riportato di
aver sentito la mancanza di una dodicesima classe che permettesse di etichettare
i colori come celeste/azzurro.
Lesperimento appena descritto `e stato eseguito anche in condizioni ambientali tramite web. I soggetti accedevano on-line al test ed eseguivano il compito
direttamente con i propri computer, in ambienti con illuminazione non controllata e a distanze variabili dallo schermo. Gli schermi potevano essere sia LCD
che CRT.
Brevemente, quello che `e stato osservato confrontando i centroidi (fig.10.1) (i
quali erano ottenuti calcolando la media per tutti i campioni chiamati con un
particolare nome, pesata in base al numero di volte per cui quelletichetta era data) `e che i centroidi estratti via web sono mediamente vicini ai centroidi estratti
in laboratorio, le distanze sono riportate in tab. 10.1. Inoltre, come possiamo
osservare sempre dalla figura 10.1, i centroidi estratti via web sono spostati
verso valori di luminanza leggermente pi`
u alti rispetto ai centroidi estratti in
condizioni sperimentali di laboratorio.
Questi risultati portano ad ipotizzare che sia possibile raccogliere dati per
compiti di color naming anche somministrando ai soggetti il test via web, permettendo di raccogliere in minor tempo e con minori difficolt`a un numero
sostanzialmente maggiore di dati di quelli acquisibili avendo come unico canale
il set sperimentale di laboratorio.
Oltre allobiettivo sopra citato abbiamo voluto anche osservare se i centroidi
dei colori di consenso, questa volta analizzati solo per la condizione sperimentale
di laboratorio, fossero fisicamente vicini ai focali della stessa classe. I colori di
consenso sono quei colori che sono stati etichettati come facenti parte di una
stessa classe da tutti i soggetti allunanimit`a, i colori focali sono quei colori
ritenuti dai soggetti pi`
u rappresentativi di una determinata classe. I colori focali erano stati precedentemente determinati attraverso un altro test ad hoc, nel
quale si chiedeva ad alcuni soggetti di indicare, posti di fronte ad alcuni tasselli
di colori appartenenti alla stessa categoria linguistica, quale fosse il pi`
u rappresentativo di quel colore (es. quale di questi rossi secondo te `e il pi`
u rosso?).
192

Figura 10.1: Rappresentazione delle distanze tra i centroidi calcolati a partire


dai dati raccolti dai due esperimenti. I pallini grandi rappresentano i centroidi
ottenuti dal test online, mentre quelli piccoli i centroidi ottenuti dal test in
laboratorio.
Lobiettivo era valutare se la media dei colori etichettati come colori di consenso,
perci`o da tutti ugualmente attribuiti ad una determinata categoria, corrispondessero ai colori valutati dai soggetti come maggiormente rappresentativi di
quella categoria, in altre parole se esista una corrispondenza percettiva tra i
centroidi e i colori focali di una determinata classe. Come possiamo osservare
dalla figura 10.2 i colori focali, rappresentati dai pallini pi`
u grandi, si trovano
fisicamente a distanze variabili dai loro centroidi. I colori acromatici non sono
stati riportati in quanto per essi non sono risultati esserci colori di consenso.
Per il giallo, il marrone, larancione, il rosso e il rosa, le distanze sono minori
(si veda tab. 10.2) delle distanze dei focali dai centroidi per la classe verde,
viola e blu. Questo indica che per le classi verde, viola e blu esiste una bassa
corrispondenza tra i colori etichettati come focali dai soggetti e la media dei
colori di consenso estratta con il set-up sperimentale.
I risultati ottenuti sono molto importanti e aprono nuove prospettive di ricerca.
Tra gli altri, si potrebbero compiere studi che indaghino sulla possibile esistenza
di altri colori universali. Oltre alla regione dello spazio occupata dallazzurro,
che `e risultato molto necessario per i parlanti di questo studio, sarebbe interessante valutare il ruolo di eventuali colori aggiuntivi anche in altre regioni
193

Color class
red
green
blue
yellow
orange
purple
pink
brown
gray
white
black

Distanza euclidea
centroidi WEB VSG
3,68691304518080
0,840446372085484
0,686104302902497
4,75849967257250
7,48676615512987
5,41283261116589
5,58291749681806
4,53843911985220
7,41234944744014
2,52208292799188
7,57959756404318

Tabella 10.1: Distanza euclidea tra i centroidi ottenuti dai due diversi test.
Color class
red
green
blue
yellow
orange
purple
pink
brown

Distanza euclidea
centroidi focali VSG
13,6577604799244
34,6167050785017
34,0554392580362
18,0898208212270
22,8769536536956
33,5488898091992
16,8889966202634
10,9161029178886

Tabella 10.2: Distanza euclidea tra i focali e i centroidi nel test di laboratorio.
dello spazio, soprattutto laddove le distanze tra colori di consenso e colori focali
sono ampie.

10.2

Esperimento di color listing

10.2.1

Descrizione obiettivi

Questo esperimento `e stato compiuto allo scopo di raccogliere un insieme di


nomi di colori particolarmente significativi per i parlanti madrelingua italiani e
di isolarli al fine di dare qualche indicazione riguardo a quali di questi termini
potrebbero essere utilizzati in un dizionario di colore in lingua italiana. Ci`o che
si cercava in particolare era di confermare limportanza degli 11 colori basici e
di verificare quali altri nomi di colori ottenessero unalta frequenza nelle risposte
dei soggetti.
194

Figura 10.2: Rappresentazione delle distanze tra i colori focali (pallini grandi)
e i centroidi (pallini piccoli) per il test di laboratorio.

10.2.2

Metodo

I soggetti di questo esperimento sono 39 persone tra i 15 e i 62 anni, provenienti prevalentemente da tre regioni italiane (Lombardia, Toscana, Veneto). Ai
soggetti veniva chiesto di compilare un questionario. Questo era diviso in due
parti: la prima prevedeva linserimento di alcune informazioni personali, la seconda riportava listruzione del test. Le informazioni personali richieste erano:
sesso, et`a, livello di istruzione e tipo di studi compiuti, professione, provincia di
residenza ed indicazione di altre eventuali province in cui il soggetto ha risieduto per lungo tempo, conoscenza di lingue straniere o di dialetti italiani. Infine
veniva chiesto al soggetto se avesse particolari rapporti col colore per motivi di
lavoro o di interessi personali.
Tutte queste informazioni sono state raccolte in quanto si tratta di fattori che
potrebbero rivelare qualche influenza sui risultati raccolti. Listruzione data
per lesecuzione del test era di elencare tutti i nomi di colore conosciuti in piena
libert`a e senza vincoli di tipo e di numero. Veniva chiesto di svolgere il compito
in piena autonomia, concentrandosi solo su di esso e senza cercare indizi o idee
nellambiente circostante. Questo test `e stato somministrato sia personalmente
(in tutti i casi in cui ci`o era possibile) sia tramite posta elettronica. Non era
previsto nessun limite di tempo.
195

10.2.3

Risultati

I risultati confermano la salienza psicologica e lo status degli 11 termini basici.


Come si vede in tabella 10.5, questi occupano infatti le prime posizioni e hanno
ottenuto una frequenza molto alta. Il bianco `e stato nominato da tutti e 39 i
soggetti, e il colore basico meno nominato (33 soggetti) `e il viola. In mezzo ai
nomi basici troviamo anche azzurro, che, pur non essendo considerato un nome
basico, `e stato nominato da 35 soggetti. Ci`o sottolinea ulteriormente, come gi`a
riferito dai soggetti che hanno preso parte agli esperimenti di color naming di
cui abbiamo parlato sopra, la necessit`a di un nome per denotare quella determinata zona dello spazio colore. Azzurro sembra essere il candidato ideale. Oltre
ad azzurro, altri nomi riferiti a quella zona hanno ottenuto un buon risultato,
come celeste e turchese.
Dopo il viola, ultimo dei colori basici presenti in tabella 10.5, si registra una
sorta di crollo nella frequenza dei nomi. Il nome successivo `e infatti lilla, che
`e stato registrato in 17 liste individuali. Nonostante sia una frequenza molto
pi`
u bassa di quelle precedenti, risulta comunque abbastanza significativa, cos`
come i nomi immediatamente successivi (oro, argento, beige, fucsia, ocra, celeste, turchese, indaco). Successivamente si sono ottenuti una serie molto lunga
di termini prevalentemente composti, forniti da un basso numero di soggetti. In
tutto i nomi forniti sono stati 136.
Un problema `e dato dal fatto che i colori basici inglesi pink e purple siano in
italiano anche nomi di oggetti (rosa e viola). Spesso negli esperimenti di
color listing si chiede ai soggetti di evitare nomi di colore che sono anche nomi di
oggetti: in inglese questo non provoca alcun problema relativamente agli undici
termini basici. In italiano invece ci`o potrebbe implicare luso di un paradigma
di test diverso (o comunque delle istruzioni diverse).
Riguardo al termine celeste (13 soggetti) ci si `e chiesti da quali soggetti fosse
stato usato. Lipotesi era che fosse un termine usato prevalentemente in alcune
zone dItalia, in particolare in Toscana, come alternativa al termine azzurro.
Sui 13 soggetti che lo hanno fornito, 5 erano di provenienza toscana. Ci`o non
risulta quindi particolarmente significativo.
` noto come esistano delle aree dello spazio colore molto estese, come il
E
verde e il blu, che possiedono un solo colore basico. Dallesperimento svolto
appare che, mentre per il blu quasi la totalit`a (90%) dei soggetti sente la necessit`a di inserire altri nomi, per il verde ci`o `e accaduto solo nel 48% dei casi.
Inoltre, mentre nel caso del blu a questo colore aggiuntivo venivano assegnati
nomi prevalentemente semplici con elevato consenso, nella zona del verde ci`o non
accade e sono stati registrati circa trenta nomi diversi per indicare altri tipi di
verde. Tutti questi nomi diversi erano nomi composti, riferiti prevalentemente
ad oggetti (es. verde smeraldo, verde petrolio). Ci`o significa che il consenso
relativo ad un nome aggiuntivo per denotare in maniera pi`
u chiara la zona del
verde `e difficile da raggiungere, a differenza di quanto accade nella zona del blu.
196

verde chiaro
verde scuro
marrone chiaro
marrone scuro
grigio chiaro
bruno scuro
blu chiaro
blu scuro
giallo chiaro
giallo scuro

5
5
2
2
2
1
1
1
1
1

Tabella 10.3: Utilizzo dei modificatori di chiarezza.


Non esistono nomi semplici molto usati e conosciuti come azzurro, da poter
utilizzare per allargare la terminologia riferita alla zona del verde. Forse proprio per questo i soggetti, non numerosi, che hanno utilizzato dei modificatori
di chiarezza, chiaro e scuro (tabella 10.3), li hanno applicati prevalentemente
al colore verde. Un solo soggetto ha proposto un modificatore che potremmo
considerare di saturazione (vivo). Sorprendentemente le altre zone dello spazio
colore che sembrano necessitare di un nome aggiuntivo sono le zone tra il rosso
e il viola e tra il giallo e il marrone, con frequenze di occorrenza ben superiori
rispetto ai nomi proposti per il verde, e con alto consenso (es. magenta, porpora,
bordeaux, lilla, beige, ocra). Forse il fatto che si senta maggiormente la necessit`a di un nome in queste zone piuttosto che in una zona estesa come il verde
`e dovuta al fatto che esistano nomi semplici e abbastanza comuni per riferirsi
a questultima, a differenza di quanto detto riguardo al verde. La mancanza
di termini aggiuntivi per denotare queste zone potrebbe essere sostanziata dal
fatto che, nella maggiorparte di queste classi, i focali e i centroidi risultano lontani tra loro, come abbiamo visto negli esperimenti di color naming descritti in
precedenza.

10.2.4

Influenza dei dati personali sul numero di colori


forniti

Genere. Come si `e detto nel capitolo 8, diversi studi hanno confermato come
le donne producano tendenzialmente pi`
u termini di colore rispetto agli uomini
in esperimenti di questo tipo. Per questo motivo si `e voluto verificare lesistenza
di una correlazione tra il sesso del soggetto e il numero di termini prodotti. I
soggetti si dividevano in 11 maschi e 28 femmine. La media dei termini prodotti
dagli uomini era di 22,63 mentre la media per le donne di 20,42. Per verificare
ulteriormente questo dato si `e calcolata la deviazione standard del parametro.
Essa consiste in una misura della dispersione dei dati dalla media. Pi`
u la deviazione standard `e bassa, pi`
u i dati saranno concentrati intorno alla media.
197

Media
Dev. Std.

Sesso
M
F
22,63 20,42
9,11
9,47

< 30
21,23
8,40

Et`a
30-45
17,07
6,70

> 45
25,33
12,22

Legame
Si
No
26,63 15,75
10,22 3,68

Tabella 10.4: Legame tra dati personali e numero di colori forniti.


Per gli uomini `e di 9,11 mentre per le donne di 9,47. Le distribuzioni dei valori
delle due classi sono quindi abbastanza sovrapposti. I risultati in questo esperimento indicano quindi una produzione di termini pressoch`e uguale negli uomini
e nelle donne.
` stata risconEt`
a. I soggetti avevano unet`a compresa tra i 15 e i 62 anni. E
trata una correlazione tra let`a dei soggetti e il numero di termini da loro forniti.
Il campione `e stato diviso in tre fasce det`a (< 30, 30-45, > 45). Mentre il primo e lultimo gruppo fornivano pressoch`e lo stesso numero di colori, il gruppo
intermedio ne forniva significativamente di meno.
Legame con il colore. In questo caso i soggetti sono stati divisi in due
gruppi, da una parte quelli che non hanno riferito legami con il colore, dallaltra quelli che hanno sostenuto di averne. Si `e considerato come appartenente
a questa categoria chiunque abbia dato qualche indicazione in questo senso,
indipendentemente dal tipo di legame riferito. I soggetti che hanno riferito di
avere un legame col colore hanno fornito un numero significativamente maggiore
di colori.
Tutto ci`o `e visibile in tabella 10.4, dove sono riportate le medie e le deviazioni
standard relative a questi fattori. Oltre ad unanalisi quantitativa del numero
di nomi forniti, si potrebbe rivelare interessante unanalisi qualitativa dei nomi
forniti in relazione a questi elementi e ad altri, come ad esempio la provenienza
geografica.

10.2.5

Conclusioni

Questo esperimento ha portato a ribadire lo status speciale degli undici colori


basici, a cui sembra vada aggiunto un dodicesimo colore, azzurro. Si `e gi`a detto in precedenza come molte lingue possiedano un termine che corrisponde a
questo, al quale i parlanti riconoscono un ruolo molto importante. Il secondo
punto importante che `e stato evidenziato `e la necessit`a da parte dei parlanti
di denotare alcune aree molto vaste dello spazio colore con dei termini aggiuntivi, ma come in alcuni casi sia difficile trovare uno o pi`
u candidati possibili che
abbiano le caratteristiche giuste, quali il fatto di essere nomi semplici. Stiamo
parlando in particolar modo del verde.

198

Colore
BIANCO
ROSSO
GIALLO
NERO
VERDE
MARRONE
BLU
ROSA
ARANCIONE
AZZURRO
GRIGIO
VIOLA
LILLA
(GIALLO) ORO
(GRIGIO) ARGENTO
BEIGE
FUCSIA
(GIALLO) OCRA
CELESTE
TURCHESE
INDACO
BORDEAUX
(ROSSO) MAGENTA
(ROSSO) PORPORA
BLU OLTREMARE/OLTREOCEANO
TERRA DI SIENA (BRUCIATA)
VERDE SMERALDO
(BIANCO) PANNA
VERDE ACQUA
(ROSA) SALMONE
GIALLO LIMONE
AMARANTO
CIANO
CICLAMINO
AVORIO
(GRIGIO) ANTRACITE
ROSSO CARMINIO
BRONZO
(VERDE) PETROLIO
PESCA
VERDE PISELLO
BLU NOTTE
VINACCIA
CREMISI
NOCCIOLA
VERDE ACIDO
GIALLO CANARINO
VERMIGLIO
ROSA CIPRIA
VERDE OLIVA
(ROSSO) MATTONE
GRIGIO PERLA
ECRU
SENAPE
BLU DI PRUSSIA
ROSSO SCARLATTO
BRUNO
ROSA CARNE
PRUGNA
ACQUA MARINA
GHIACCIO
COBALTO
SABBIA
(VERDE) CROMO
GIALLO PAGLIERINO
VERDE MELA
GRIGIO TOPO
CREMA

Freq.
39
37
37
37
36
35
35
35
35
35
34
33
17
17
16
15
15
14
13
12
12
12
10
10
8
8
7
7
6
6
6
6
5
5
5
5
5
5
4
4
4
4
3
3
3
3
3
3
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2

Colore
VERDE PRATO
VERDE MARCIO
VERDE MILITARE
ROSA ANTICO
CORALLO
ROSSO SANGUE
BIANCO PERLA
RAME
GRIGIOVERDE
VERDEMARE
BIANCO SPORCO
TOPAZIO
GIADA
CARTA DA ZUCCHERO
TERRA
LAVANDA
VIOLETTO
GRIGIO FUMO
BLU AVIAZIONE
ROSA PALLIDO
VERDE MUSCHIO
VERDE VESCICA
VERDE MONTANO
INOX
OTTONE
NERO GRAFITE
NERO DI SEPPIA
BIANCO DI ZINCO
BLU GINEPRO
ROSSO BANDIERA
ROSSO RUBINO
GIALLO DI NAPOLI
VERDE BANDIERA
VERDE VAGONE
BLU NAVY
KHAKI
TESTA DI MORO
GRIGIO POLVERE
CASTANO
VERDE BOSCO
GRANATA
CASTAGNO
PERO
CILIEGIO
CARAMELLO
MENTA
GIALLO VIVO
GIALLO ARANCIO
ARAGOSTA
ROSSO VIVO
ROSSO POMPADOUR
BRUNO GIALLO
BLU DI SEVRES
BLU CINA
PERVINCA
VERDE FOGLIA
VERDE CINESE
VERDE IMPERIALE
VERDE NERO
VERDE GIALLO
VERDE FTALO
PORPORA ROSA
OCRA ROSSA
VERDE REALE
VERDE MIRTO
AZZURRO MARINO
VERDE FLUORESCENTE
VERDE PINO

Freq.
2
2
2
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1

199
Tabella 10.5: Frequenza (Freq.) di occorrenza dei nomi di colore sui 39 soggetti.

200

Conclusioni

In questa tesi di laurea ci si `e occupati del fenomeno del colore cercando di


metterne in risalto la natura multidisciplinare.
Nella prima parte sono state introdotte alcune nozioni fisiche relative ad onde e
spettro elettromagnetico. Queste si sono poi rese necessarie per poter attuare o
comprendere gli esperimenti psicofisici volti alla comprensione dei fenomeni che
regolano la percezione del colore. Successivamente si `e cercato di spiegare come
il nostro cervello processi linformazione che giunge dallocchio per dar origine
alla sensazione cromatica. Nonostante i numerosi sforzi compiuti, non si `e ancora arrivati ad una soluzione, il cervello `e un organo ancora troppo complesso per
poterne comprendere appieno il comportamento. Sono state quindi analizzate
le due teorie principali che si occupano di spiegare come avvenga la percezione
del colore. Si sta parlando della teoria tricromatica, la quale spiega lattivit`a
svolta a livello retinico dai tre tipi di coni, e della teoria dei processi opposti,
legata ad un livello successivo di elaborazione dei segnali.
Il passo successivo `e stato quello di legare fisica e percezione ed `e stata quindi
fornita un ampia panoramica degli esperimenti svolti, mirati a tentare di comprendere se esista un modo medio di percepire il colore, ovvero se `e possibile
in qualche modo cercare di formalizzare la percezione o se tutti lo percepiamo
in modo totalmente differente. Ovviamente la risposta `e che il processo di
percezione si pu`o approssimare, e di questo si occupa la psicofisica. Un altro
scopo degli esperimenti svolti era quello di trovare un modo per misurare il
colore, per poter poi risolvere il problema della sua comunicazione. Ad esempio, gli esperimenti di color matching che hanno portato alla nascita delle color
matching functions miravano a riprodurre uno stimolo monocromatico tramite
la sovrapposizione di tre luci monocromatiche, una rossa, una verde ed una blu;
201

in questo modo si pot`e assegnare ad un colore una terna di numeri. Successivi


esperimenti e la nascita della CIE hanno portato alla creazione di numerosi spazi
colore, alcuni di carattere intuitivo, altri meno.
La comunicazione del colore pu`o avvenire anche per via linguistica. Per far ci`o,
appoggiandosi agli spazi colore, sono stati definiti dei dizionari di colore, in cui
oltre ad assegnare una terna numerica, viene assegnato un nome in un linguaggio naturale. Per tutte queste considerazioni, i dizionari di colore possono essere
visti come il corrispettivo linguistico degli spazi colore.
Per quanto riguarda la seconda parte, abbiamo percorso gli studi relativi
al dominio del lessico cromatico a partire dalla met`a dell800 fino ai nostri
giorni. Nella seconda met`a dellOttocento prevalevano posizioni evoluzionistiche, le quali sostenevano che lumanit`a preistorica fosse completamente cieca al
colore e sensibile solo alla luce e che solo attraverso il naturale processo evolutivo
questa capacit`a sarebbe poco alla volta emersa e si sarebbe affinata. Anche il
relativo lessico sarebbe stato poco sviluppato e privo di termini astratti. La non
perfetta traducibilit`a di alcuni termini di colore da una lingua allaltra port`o invece alcuni a ritenere che esistessero delle differenze a base biologica tra i diversi
gruppi di esseri umani. Tra quelli che in quel secolo si occuparono del problema, Magnus fu colui che apport`o il contributo pi`
u importante. Pur essendo
partito da considerazioni evoluzionistiche, comp` degli studi che lo portarono
a concludere che labilit`a di percepire il colore non fosse meno sviluppata nei
popoli primitivi, ma semplicemente che questi avessero a disposizione un lessico
cromatico pi`
u limitato. Fu, insomma, il primo a capire che la percezione del
colore e la sua codifica nel linguaggio non coincidono.
Nel corso del 900 emersero le prospettive relativiste prima, e universaliste
poi. Il principale studio a favore dellipotesi universalista fu quello condotto e
pubblicato da Berlin e Kay nel 1969. Da allora si `e avuta unesplosione di studi
che miravano a confermare o a smentire questultimo. Lo studio presenta per`o
una serie di problematiche che non `e possibile sottovalutare, per questo motivo
vanno ben ponderate le conclusioni universaliste che gli autori hanno creduto
di poter dedurre dai risultati ottenuti. Tra le scoperte a cui sono giunti molte
sono comunque state confermate dalla ricerca successiva. Tra queste, lesistenza
di un insieme di undici categorie cromatiche percettivamente universali da cui
tutte le lingue del mondo traggono i loro nomi basici, e lesistenza di una gerarchia implicazionale nellordine in cui le lingue codificano termini di colore,
che viene seguita da tutte le lingue del mondo, pur con alcune eccezioni.
Molto interessante fu la scoperta di un nesso tra il numero di termini cromatici
di cui una lingua dispone e il livello di sviluppo economico e tecnologico che la
societ`a in cui questa lingua `e parlata ha raggiunto. Vale a dire, pi`
u le nostre
societ`a evolvono e si sviluppano, pi`
u avranno necessit`a di codificare il colore
in modo sempre pi`
u fine, dettagliato e astratto. Ci`o in quanto pi`
u una societ`a
`e sviluppata, pi`
u le comunicazioni avverranno a maggiore distanza. Nei paesi
non industrializzati i termini di colore sono molto diversi da quelli dei paesi pi`
u
ricchi, molto pi`
u legati alla natura piuttosto che a ci`o che `e stato creato dalluo202

mo, molto pi`


u concreti e legati a ci`o che i parlanti vedono intorno a loro nella
conversazione: inutile astrarre quando si pu`o far riferimento a ci`o che si pu`o
vedere coi propri occhi. Infine, esiste un principio di economicit`a cognitiva: `e
controproduttivo per le lingue essere pi`
u comunicative di quanto serva, quindi
non acquisiranno termini superflui di cui non hanno bisogno.
Dallaltra parte troviamo gli studi volti a confermare lipotesi relativista:
in questo caso si tenta di mostrare come ogni lingua codifichi le categorie cromatiche in modo arbitrario, senza seguire regole dettate a livello universale da
strutture innate presenti nel cervello umano. Uno dei punti di forza di questa
ipotesi starebbe nella percezione categorica. Questa si rivela quando stimoli
che appartengono a categorie linguistiche diverse vengono percepiti come pi`
u
distinti rispetto a stimoli appartenenti ad una stessa categoria, distanziati tra
loro in modo uguale rispetto ai primi nello spazio colore. Mostrando a parlanti di lingue diverse stimoli colore che appartengono a categorie diverse in una
lingua ma alla stessa categoria nellaltra, si registrano tempi di risposta molto
diversi. Ci`o starebbe a indicare che le differenze linguistiche causano differenze
cognitive. A questo proposito sono stati presentati studi relativi a due lingue
di paesi non industrializzati, himba e berinmo, confrontate con la lingua inglese.
Non ci si deve per`o fossilizzare su questa visione dualista, e per questo motivo si `e mostrato come il lessico dei colori possa essere studiato anche in altre
direzioni, e come sia un terreno molto fertile allinterno del quale gli aspetti da
indagare siano svariati. Un tema che si pu`o considerare molto attuale `e, ad
esempio, lo studio dellinfluenza di lingue forti dal punto di vista economico
e sociale, come linglese, su altre. Nella fattispecie abbiamo parlato del forte
influsso che linglese sta avendo sul giapponese (sempre in relazione al lessico
cromatico, ma evidentemente questo processo avr`a interessato anche altri domini semantici). Molti termini basici giapponesi sono stati, o stanno per essere,
rimpiazziti dai relativi termini presi in prestito dallinglese che assumono in
alcuni casi unimportanza maggiore a livello psicologico rispetto alle loro controparti native.
La tesi ha presentato poi alcuni tra i vari dizionari di colore esistenti. Purtroppo lanalisi compiuta su di essi ha rivelato come la maggiorparte di essi sia di
scarsa utilit`a a causa dellinadeguatezza della loro struttura. Pochi di essi rivelano una struttura sistematica e dettata da regole che vengono poi rispettate.
Tutti questi erano in lingua inglese, ma sarebbe interessante in futuro ideare
un dizionario simile in lingua italiana. Anche con questo scopo in mente, ma
non solo, si `e realizzato un esperimento di color listing su soggetti madrelingua
italiana. Oltre ad aver confermato la rilevanza e salienza psicologica degli undici
termini basici, esso ci ha ancora una volta mostrato come lazzurro possa aspirare al ruolo di dodicesimo termine basico in quanto rispetta i criteri stabiliti da
Berlin e Kay per lappartenza allinsieme dei termini basici: i parlanti italiani
non possono farne a meno. Ci`o era stato riportato anche dai soggetti che si
erano sottoposti agli altri esperimenti di color naming presentati, in cui i tasti
tra cui i soggetti potevano premere, posti di fronte ad un quadrato colorato su
203

di uno schermo, erano undici e non includevano lazzurro. Essi hanno lamentato
a gran voce questa mancanza. Ancora, emerge come alcune aree dello spazio
colore, soprattutto quella relativa al verde, manchino di una rappresentazione
adeguata a livello linguistico: in questo caso, per`o, a differenza del caso del blu
che trova un valido aiuto nel termine azzurro, i parlanti non concordano su quale
termine possa ambire al ruolo. Non esistono infatti termini basici costituiti da
un solo lessema che possano ricoprire quella funzione.
La ricerca nel dominio del colore presenta attualmente numerose problematiche
ancora aperte che necessitano di ulteriori studi, sia relativamente ad aspetti di
natura fondamentale (quali per esempio percezione ed interazione tra percezione
e linguistica) sia di altro tipo. Si presenta quindi come un dominio molto
stimolante che apre molte possibilit`a e linee di ricerca in diverse direzioni.

204

BIBLIOGRAFIA

[1] I. Newton. Opticks, 1704.


[2] D. Purves, editor. Neuroscienze. Zanichelli, Bologna, 2005.

[3] H. L. F. Helmholtz. Uber


das Sehen von Menschen. Voss, Leipzig, 1855.
[4] T. Young. On the theory of light and colour. Philosophical Transactions
of the Royal Society of London, (92):1248, 1802.
[5] S. W. Kuffler.
Discharge patterns and functional organization of
mammalian retina. J Neurophysiol, 16(1):3768, January 1953.
[6] P. H. Schiller, J. H. Sandell, and J. H. R. Maunsell. Functions of the on
and off channels of the visual system. Nature, (322):824825, 1986.
[7] E. Hering. Zur Lehre von Lichtsinn. Sohn, Wien, 1874.
[8] E. Hering. Outlines of a theory of the light sense. Harvard University
Press, Cambridge, MA, 1920.
[9] F. Purgh`e, N. Stucchi, and A. Olivero. La percezione visiva. Utet, 1999.
[10] G. Wyszecki and W. S. Stiles. Color science. Wiley and Sons, New York,
1982.
[11] M. D. Fairchild. Color appearance models. Addison-Wesley Longman,
Inc., Reading, MA, 1997.
[12] E. H. Weber. De pulsu, resorptione, auditu et tactu. Kohler, Leipzig,
1834.
205

[13] G. T. Fechner. Elemente der Psychophysik. Breitkopf und Hartel, Leipzig,


1860.
[14] M. B. Mandler, J. Krauskopf, D. R. Williams, and A. M. Brown. Higher
order color mechanisms. Vision Research, 26(1):2332, 1986.
[15] D. Malacara. Color vision and colorimetry, theory and applications. SPIE
Press, Bellingham, WA, 2002.
[16] C. Oleari, editor. Misurare il colore. Hoepli, Milano, 1998.
[17] B. H. Crawford.
(B62):321, 1949.

The scotopic visibility function.

Proc. Phys. Soc.,

[18] H. Grassmann. On the theory of compound colors.


Magazine, 7(4):254264, 1853.

Philosophical

[19] CIE Proceedings 1931, Cambridge, 1932. Cambridge University Press.


[20] G. J. Chamberlin. The CIE international colour system. Traduzione
italiana a cura di Volpones, C. Zanichelli Editore, Bologna, 1955.
[21] J. Guild. The colorimetric properties of the spectrum. Philosophical
Transactions of the Royal Society of London, (A230):149187, 1931.
[22] W. D. Wright. A re-determination of the trichromatic coefficients of the
spectral colours. Transactions of the Optical Society, (30):141164, 1928.
[23] CIE Proceedings 1963 (Vienna Session). Committee Report E-1.4.1.,
volume B, Paris, 1964. Bureau Central de la CIE.
[24] D. L. MacAdam. Visual sensitivities to color differences in daylight.
Journal of the Optical Society of America, (32):247274, 1942.
[25] International Electrotechnical Commission.
Part 2-1:
Colour
Management-Default RGB Color Space-sRGB, 1999. IEC 61966-2-1.
[26] A. H. Munsell. A color notation (11th ed.). Munsell Color Company, Inc.,
Baltimore, 1961.
[27] SIS Standardiseringskommissionen i Sverige, Stockholm. Colour Atlas
NCS, 1989. SS 01 91 02.
[28] A. H
ard, L. Sivik, and G. Tonnquist. NCS, Natural Color System-from
concepts to research and applications. Part I and Part II. Color Research
and Application, (21):180220, 1996.
[29] G. Derefeldt. Colour appearance systems. In P. Gouras, editor, The
perception of colour, pages 218261. MacMillan Press, Houndmills, 1991.
206

[30] E. Hering. Grundz


uge der Lehre vom Lichtsinn. In T. Saemisch, editor,
Handbuch der gesamten Augenheilkunde, volume I, pages 1294. Wilhelm
Engelmann, Leipzig, 1905.
[31] D. L. MacAdam. Uniform color scales. Journal of the Optical Society of
America, (64):16911702, 1974.
[32] B. Berlin and P. Kay. Basic color terms. Their universality and evolution.
University of California Press, Berkeley, CA, 1969.
[33] W. E. Gladstone. Studies on Homer and the homeric age.
University Press, London, 1858.

Oxford

[34] L. Geiger. Uber


den Farbensinn der Urzeit und seine Entwicklung, 1871.
[35] G. Allen. The colour-sense. Its origin and development. Trubner and
Company, London, 1879.
[36] H. Magnus. Die geschichtliche Entwicklung des Farbensinnes.
Leipzig, 1877.

Viet,

ber den Farbensinn der Naturv


olker.
[37] H. Magnus. Untersuchungen u
Fischer, Jena, 1880.

[38] J. Andr`e. Etude


sur les termes de couleur dans la langue latine.
Klincksieck, Paris, 1949.
[39] W. H. R. Rivers. Reports of the Cambridge anthropological expedition
to the Torres Straits, chapter Introduction / Colour Vision, pages 17 /
4896. A. C. Haddon (ed.), Cambridge, 1901.
[40] W. H. R. Rivers. Primitive color vision. Popular Science Monthly, 59:44
58, 1901.
[41] F. Boas. Handbook of American Indian languages. Bureau of Ethnology,
Smithsonian Institution, Washington, 1911.
[42] E. Sapir. Language, culture and personality, chapter Selected writings of
Edward Sapir. University of California Press, Berkeley, Los Angeles, 1949.
[43] B. L. Whorf. Language, thought and reality: selected writings by Benjamin
Lee Whorf. MIT Press, Boston, MA, 1956.
[44] R. W. Brown and E. H. Lenneberg. A study in language and cognition.
Journal of Abnormal Psychology, 49:454462, 1954.
[45] E. H. Lenneberg and J. M. Roberts. The language of experience. a study in
methodology. International Journal of American Linguistics, 22(Memoir
13), 1956.
[46] E. H. Lenneberg. Color naming, color recognition, color discrimination: a
reappraisal. Perceptual and Motor Skills, 12:375382, 1961.
207

[47] E. H. Lenneberg. Biological foundations of language. Wiley and Sons,


New York, 1967.
[48] H. J. Landar, S. M. Ervin, and A. E. Horowitz. Navaho color categories.
Language, 36:368382, 1960.
[49] E. Rosch Heider. Focal color areas and the development of color names.
Developmental Psychology, 4:447455, 1971.
[50] E. Rosch Heider. Universals in color naming and memory. Journal of
Experimental Psychology, 93:1020, 1972.
[51] E. Rosch Heider. Probabilities, sampling, and ethnographic method. the
case of the Dani color names. Man. Journal of the Royal Anthropological
Institute, 7:448466, 1972.
[52] E. Rosch Heider and D. C. Olivier. The structure of the color space in
naming and memory for two languages. Cognitive Psychology, 3:337354,
1972.
[53] C. B. Mervis, J. Catlin, and E. Rosch Heider. Development of the structure
of color categories. Developmental Psychology, 11:5460, 1975.
[54] H. A. C. W. Van Wijk. A cross-cultural theory of colour and brightness
nomenclature. Bijdragen tot de Taal-, Land- en Volkenkunde, 115:113
137, 1959.
[55] M. A. Webster and P. Kay. Variations in color naming within and across
populations. Behavioral and Brain Sciences, 28:512513, 2005.
[56] J. Winawer, N. Witthoft, M. C. Frank, L. Wu, A. R. Wade, and
L. Boroditsky.
Russian blues reveal effects of language on color
discrimination. PNAS, 104(19):77807785, May 2007.
[57] G. V. Paramei. Singing the Russian blues: an argument for culturally
basic color terms. Cross-cultural Research, 39:1034, 2005.
[58] M. Uusk
ula and U. Sutrop. Preliminary study of basic colour terms in
modern Hungarian. Linguistica Uralica, XLIII:102123, 2007.
[59] C. Taft and L. Sivik. Salient color terms in four languages. Scandinavian
Journal of Psychology, 38:2934, 1997.
[60] R. Jakobson and M. Halle. Fundamentals of language. Mouton, The
Hague, 1956.
[61] Collier, G. A., Dorflinger, G. K., Gulick, T. A., Johnson, D. L., McCorkle,
C., Meyer, M. A., Wood, D. D., and Yip, L. Further evidence for universal
color categories. Language, 52(4):884890, dec 1976.
208

[62] J. A. Lucy. The linguistics of color. In C. L. Hardin and L. Maffi,


editors, Color categories in thought and language. Cambridge University
Press, 1997.
[63] G. A. Collier. Review of basic color terms. Language, 49:245248, 1973.
[64] H. C. Conklin. Hanunoo color categories. In D. Hymes, editor, Language
in culture and society: a reader in linguistics and anthropology. 1955.
[65] N. Hickerson. Two studies of color: implications for cross-cultural comparability of semantic categories. In The Peter de Ridder Press, editor,
Linguistics and Anthropology: In honor of C. F. Voegelin. 1975.
[66] R. S. Cook, P. Kay, and T. Regier. The World Color Survey database:
History and use. In In H. Cohen and C. Lefebvre (Eds.), Handbook of
Categorization in Cognitive Science, pages 223242. Elsevier, 2005.
[67] P. Kay, B. Berlin, L. Maffi, and W. Merrifield. Color naming across
languages. In C. L. Hardin and L. Maffi, editors, Color categories in
thought and language. Cambridge University Press, 1997.
[68] P. Kay. Synchronic variability and diachronic change in basic color terms.
Language and Society, 4:257270, 1975.
[69] P. Kay, B. Berlin, and W. Merrifield. Biocultural implications of systems
of color naming. Journal of Linguistic Anthropology, 1(1):1225, 1991.
[70] Kay, P. and McDaniel, C. K. The linguistic significance of the meanings
of basic color terms. Language, 54(3):610646, sep 1978.
[71] P. Kay and W. Kempton. What is the Sapir-Whorf hypothesis? American
Anthropologist, 86(1):6579, 1984.
[72] M. H. Bornstein. Color vision and color naming. a psychophysiological
hypothesis of cultural difference. Psychological Bulletin, 80:257285, 1973.
[73] M. H. Bornstein. Considerations sur lorganisation des tonalites chromatiques. In S. Tornay, editor, Voir et nommer les couleurs. Klincksieck,
1978.
[74] P. Kay and L. Maffi. Color appearance and the emergence and evolution
of basic color lexicons. American Anthropologist, 101:743760, 1999.
[75] R. E. MacLaury. Color and cognition in Mesoamerica: Constructing
categories as vantages. University of Texas Press, Austin, TX, 1997.
[76] S. C. Levinson. Yel Dnye and the theory of basic color terms. Journal of
Linguistic Anthropology, 10:355, 2000.
[77] J. R. Taylor. Linguistic Categorization: prototypes in linguistic theory.
Oxford University Press, Oxford, 1989.
209

[78] E. H. Rosch. Natural categories. Cognitive Psychology, 4(3):328350,


1973.
[79] C. C. Moore, A. K. Romney, and T. Hsia. Cultural, gender, and individual
differences in perceptual and semantic structures of basic colors in Chinese
and English. Journal of Cognition and Culture, 2:128, 2002.
[80] N. L. Furbee, K. Maynard, J. J. Smith, R. A. Benfer, S. Quick, and
L. Ross. The emergence of color cognition from color perception. Journal
of Linguistic Anthropology, 6:223240, 1997.
[81] P. Kay and T. Regier. Resolving the question of color naming universals.
Proceedings of the National Academy of Sciences, 100:90859089, 2003.
[82] P. Kay and T. Regier. Color naming universals: the case of Berinmo.
Cognition, 102:289298, Feb 2007.
[83] D. Roberson, I. Davies, and J. Davidoff. Color categories are not universal: Replications and new evidence from a stone-age culture. Journal of
Experimental Psychology: General, 129(3):36998, 2000.
[84] D. Roberson, J. Davidoff, I. R. L. Davies, and L. R. Shapiro. Color
categories: Evidence for the cultural relativity hypothesis. Cognitive
Psychology, 50(4):378 411, 2005.
[85] M. Uusk
ula. Distribution of colour terms in Ostwalds colour space in
Estonian, Finnish, Hungarian, Russian and English. Trames, 10:152168,
2006.
[86] J. J. Gumperz and S. C. Levinson. Rethinking linguistic relativity. Current
Anthropology, 32(5):613623, 1991.
[87] J. A. Lucy. Language and diversity of thought: a reformulation of the
linguistic relativity hypothesis. Cambridge University Press, Cambridge,
1992.
[88] L. Boroditsky. Does language shape thought?: Mandarin and English
speakers conceptions of time. Cognitive Psychology, 43(1):122, August
2001.

[89] E. Ozgen.
Language, learning and color perception. Current directions in
psychological science, 13:9598, 2004.
[90] D. Roberson, I. R. L. Davies, and J. Davidoff. Colour categories in a
stone-age tribe. Nature, 398:203204, 1999.
[91] D. Roberson, J. Davidoff, I. R. L. Davies, and L. R. Shapiro. Color categories: evidence for the cultural relativity hypothesis. Cognitive
Psychology, 50:378411, 2004.
210

[92] D. Roberson, J. Davidoff, I. R. L. Davies, and L. R. Shapiro. The development of color categories in two languages: a longitudinal study. Journal
of Experimental Psychology: General, 133:554571, 2004.
[93] D. Roberson, J. Davidoff, Davies I. R. L., and Shapiro L. R. Colour
categories and category acquisition in Himba and English. In N. J.and
Biggam C. P. Pitchford, editor, Progress in colour studies, pages 159172.
John Benjamins, 2006.
[94] M. H. Bornstein. On the development of color naming in young children:
data and theory. Brain and Language, 26(1):72 93, 1985.
[95] E. Munnich and B. Landau. The effects of spatial language on spatial
representation: setting some boundaries. In D. Gentner and S. GoldinMeadow, editors, Language in mind: Advances in the study of language
and thought, pages 113156. MIT Press, 2003.
[96] A. Binet and T. Simon. The development of intelligence in children.
Williams and Wilkins, Baltimore, 1916.
[97] G. R. Andrick and H. Tager-Flusberg. The acquisition of colour terms.
Journal of Child Language, 13:119134, 1986.
[98] M. Shatz, D. Behrend, S. A. Gelman, and K. S. Ebeling. Colour terms
knowledge in two-year olds: evidence for early competence. Journal of
Child Language, 23:177199, 1996.
[99] J. L. Delk and S. Fillenbaum. Differences in perceived color as a function
of characteristic color. The American Journal of Psychology, 78:290293,
1965.
[100] N. Braisby and J. Dockrell. Why is colour naming difficult? Journal of
Child Language, 26(01):2347, 1999.
[101] H. Putnam. Philosophical Papers: Volume 2, Mind, Language and Reality (Philosophical Papers/Hilary Putnam, Vol 2). Cambridge University
Press, April 1979.
[102] D.R. Wanasinghe, C.N.W. Giragama, and N. Bianchi-Beithouze. Color
tone perception and naming: Development in acquisition of color modifiers. International Conference on Development and Learning, 0:112114,
2005.
[103] N. Alvarado and K. A. Jameson. The use of modifying terms in the naming and categorization of color appearances in Vietnamese and English.
Journal of Cognition and Culture, 2:5380, 2002.
[104] D. T. Lindsey and A. M. Brown. Color naming and the phototoxic effects
of sunlight on the eye. Psychological Science, 13:506512, 2002.
211

[105] T. Regier and P. Kay. Color naming and sunlight: Commentary on


Lindsey and Brown (2002). Psychological Science, 15:289290, 2004.
[106] D. T. Lindsey and A. M. Brown. Sunlight and blue: the prevalence of
poor lexical color discrimination within the grue region. Psychological
Science, 15:291294, 2004.
[107] R. M. Frumkina. O metode izucenija semantiki cvetooboznacenija (vvodnye zamecanija) [On the method of investigation of semantics of color
terms (introductory notes)]. Semiotika i informatika, 10:142161, 1978.
[108] R. M. Frumkina. Ob otnosenijax mezdu metodami i objektami izucenija v
sovremennoj semantike (v svjazi s izuceniem semantiki cvetooboznacenij)
[On the relationship between methods and objects of investigation in modern semantics (in connection with a study on semantics of color terms)].
Semiotika i informatika, 11:149174, 1979.
[109] R. M. Frumkina. Cvet, smysl, sxodstvo. Aspekty psixolingvisticeskogo analiza [Color, meaning and similarity: aspects of psycholinguistic analysis].
Nauka, Moscow, 1984.
[110] N. N. Korzh, I. V. Penova, and O. V. Safuanova. Denotativnye
znacenija cvetonaimenovanij [Denotative meanings of color terms.].
Psikhologicheskij Zhurnal, 12:6979, 1991.
[111] Kimberly A. Jameson. Culture and cognition: what is universal about
the rrpresentation of color experience? Journal of Cognition and Culture,
5(3-4):293348, 2005.
[112] K. Jameson and R. G. DAndrade. Its not really red, green, yellow, blue:
an inquiry into cognitive color space.
[113] I. Davies and G. Corbett. A practical field method for identifying basic
colour terms. Languages of the world, 9:2536, 1995.
[114] W. Ostwald and F. Birren. The color primer. Van Nostrand Reinhold,
New York, 1969.
[115] R. E. MacLaury, J. Almasi, and Z. Kovecses. Hungarian piros and voros.
color from points of view. Semiotica, 114:6781, 1997.
[116] R. Bolton. Black, white and red all over: The riddle of color term salience.
Ethnology, 17:287311, 1978.
[117] S. Harkness. Universal aspect of learning color codes: a study in two
cultures. Ethos, 1:175206, 1973.
[118] R. Bolton, A. T. Curtis, and L. L. Thomas. Nepali color terms: salience on
a listing task. Journal of the Steward Anthropological Society, 12:309322,
1980.
212

[119] I. Forbes. The terms brun and marron in modern standard French. Journal
of Linguistics, 15:295305, 1979.
[120] A. Maerz and M. R. Paul. A dictionary of color. McGraw Hill, New York,
1930.
[121] A. Chapanis. Color names for a color space. American Scientist, 53:327
346, 1965.
[122] A. M. Kristol. Color systems in southern Italy: a case of regression.
Language, 56:137145, 1980.
[123] K. Jaberg and J. Jud. Sprach- und Sachatlas Italiens und der S
udschweiz.
Ringier, Zofingen, 1928.
[124] J. Stanlaw. Two observations on culture contact and the Japanese color nomenclature system. In C. L. Hardin and L. Maffi, editors, Color
categories in thought and language. Cambridge University Press, 1997.
[125] S. Swaringen, S. Layman, and A. Wilson. Sex differences in color naming.
Perceptual and Motor Skills, 47:440442, 1978.
[126] L. L. Thomas, A. T. Curtis, and R. Bolton. Sex differences in elicited
color lexicon size. Perceptual and Motor Skills, 47:7778, 1978.
[127] T. Berk, L. Brownston, and A. Kaufman. A human factors study of color
notation systems for computer graphics. Communications of the ACM,
25:547550, 1982.
[128] T. Berk, L. Brownston, and A. Kaufman. A new color-naming system for
graphics languages. IEEE Computer Graphics and Applications, 2:3744,
1982.
[129] N. Moroney. Unconstrained web-based color naming experiment. In In
Eschbach, R. and Marcu, G. (Eds.), Color Imaging: Device-independent
color, color hardcopy and graphic arts VIII, volume X. Proceedings of the
sPIE, 2003.
[130] K. L. Kelly and D. B. Judd. The ISCC-NBS method of designating colors and a dictionary of color names, volume 553. National Bureau of
Standards, Washington, 1955.
[131] K. L. Kelly and D. B. Judd. Color: Universal language and dictionary of
names, volume NBS Special Publication 440. U.S. Government Printing
Office, Washington D. C., 1976.
[132] S. Tominaga. A color-naming method for computer color vision. Proceedings IEEE International conference on cybernetics and society, Tucson,
Arizona, 1985.
213

[133] A. Mojsilovic. A computational model for color naming and describing


color composition of images. volume 14, pages 690699. IEEE Trans. on
Image Processing, 2005.
[134] M. H. Birnbaum, editor. Psychological experiments on the Internet.
Academic Press, San Diego, CA, 2000.
[135] G. Beretta and N. Moroney. Cognitive aspects of color. IV Conferenza
nazionale del Gruppo del Colore, Como (Italy), 2008.
[136] G. Menegaz, A. Le Troter, J. Sequeira, and Boi J. M. A discrete model for
color naming. Special Issue on Image Perception of the EURASIP Journal
of Advances in Signal Processing, 2007.
[137] G. Menegaz, G. Bartoli, A. Le Troter, J. M. Boi, and J. Sequeira. Topology
preserving resampling of the OSA-UCS. European Conference on Visual
Perception, Arezzo (Italy), 2007.
[138] G. Menegaz, A. Le Troter, J. Sequeira, and Boi J. M. Semantics driven
resampling of the OSA-UCS. In Computational Color Imaging Workshop,
International Conference on Image Analysis and Processing (ICIAP),
pages 216220, Modena (Italy), 2007.
[139] M. H. Birnbaum. Human research and data collection via the Internet.
Annual Reviews in Psychology, 55:803832, 2004.

214