Sei sulla pagina 1di 75

CIVILT DELLO STRETTO

QUADERNI BAGNARESI
Anno II nr. 6 (Settembre - Novembre 2012)

TITO PUNTILLO

OMAGGIO A LOBIETTIVO

Periodico bimestrale pubblicato dal Gruppo Cristiano di Impegno Sociale


sotto gli auspici dellindimenticabile Abate mons. Cassone

La Bagnarota e il Matriarcato
note, integrazioni e appunti sulla figura della donna di Bagnara

Bagnara 1967: il varo serale delle palamitare prevedeva


la sfilata lungo la riva del paese prima di virare verso il
largo
(cartolina spedita dal cav. Vincenzo Cristina nel 1967)
Vincenzo Cristina oper con dedizione a favore della lotta
allanalfabetismo, voluta dallAssociazione Nazionale per gli Interessi
del Mezzogiorno dItalia, coordinata da Benedetto Croce e Giustino
Fortunato. Si menziona il Nostro nella pregevole pubblicazione Il
nostro lavoro nel Mezzogiorno (tip. Mattei, Catania 1922, pg. 20) per
aver condotto la scuola serale elementare di Porelli, unitamente
allemerito Giuseppe Cesario per quella di Pellegrina.

ARCHIVIO STORICO FOTOGRAFICO BAGNARESE EDIZIONI


BAGNARA CALABRA

Settembre Dicembre 2012

LA FORZA DALL'AMORE
LA FEDELTA' PER SEMPRE
T.P.

QUADERNI BAGNARESI
Redazione: Tito Puntillo, Piazza Rivoli, 7- 10139 Torino
Puntillo_44@libero.it 338.75.87.681
Periodico dellArchivio Storico Fotografico Bagnarese destinato ai Soci.
Vi lobbligo di citare la fonte, nel caso di utilizzo del materiale documentario.
Gli eventuali contributi si possono inviare per file a uno dei due indirizzi indicati.
---ARCHIVIO STORICO FOTOGRAFICO BAGNARESE

Sito internet: Bagnaracalabra.biz


Corrispondenza: a.s.f.bagnarese@alice.it
Direttore: Gianni Saffioti

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 2

Io nacqui a debellar tre mali estremi:


tirannide, sofismi, ipocrisia;
ondor maccorgo che con questa armonia
Possanza, Senno, Amor minsegn Temi.
Questi princip son veri e sopremi
della scoverta gran filosofia,
rimedio contra la trina bugia,
sotto cui tu piangendo, o mondo, fremi.
Carestie, guerre, pesti, invidia, inganno,
ingiustizia, lussuria, accidia, sdegno,
tutti a qu tre gran mali sottostanno,
che nel cieco amor proprio, figlio degno
dignoranza, radice e fomento hanno.
1
Dunque a diveller lignoranza io vengo.
TOMMASO CAMPANELLA, Delle radici d gran mali nel mondo,
in: T.C., Poesie filosofiche di Settimontano Squilla, cavate d su
libri detti La Cantica, con lesposizione, La Letteratura Italiana,
Storia e Testi, vol. 33, R.Ricciardi ed., Milano-Napoli 1956, pag. 793.

LA CULTURA E LA CONOSCENZA STORICA TONIFICANO LA NOSTRA COSCIENZA


INDIRIZZANDOLA VERSO SENTIMENTI DI PARTECIPAZIONE E DUNQUE CI INDICANO
LA CORRETTA VIA DA PERCORRERE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA NOSTRA
CONDIZIONE SOCIALE.
NON CASUALE CHE SOLO I TIRANNI, LE PERSONE MEDIOCRI E I DELINQUENTI,
NE SIANO I PI ACCANITI NEMICI.
TP

1 - La Tirannide, la Sofistica e lIpocrisia sono la contraffazione delle tre Primalit metafisiche di Potenza, Sapienza e Amore, e partoriscono tutto il
male nel mondo. Ogni peccatore, in quanto pecca, ignorante. (T.C., ivi, p. 793)
Temi (Themis) era la Dea della Giustizia nellantica Grecia, con un seguitissimo Oracolo in Atene.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 3

INDICE DEGLI ARGOMENTI:


1)

La Bagnarota: falsit e verit sulla figura della donna di Bagnara.


1.1 - una protesta rimasta inascoltata
1.2 - la Bagnarota: non fu Matriarcato. Introduzione e commento ad un articolo
pubblicato trentanni fa sul periodico del nostro abate mons. Cassone
lObiettivo, gestito dal gruppo cristiano di impegno sociale di Bagnara
1.2.1) se il Matriarcato sia esistito
1.2.2) Bagnara e la questione del Matriarcato
a.- premessa
b.- Bagnara nel secolo XVIII: problemi di comportamento
economico e Matriarcato
c.- Bagnara nella congiuntura calabrese del secolo XVIII:
Matriarcato o sussitenza?
d.- Bagnara e la crisi della classe dirigente:
Bagnarota, lavoro comunitario e conquiste di territorio
e.- il 1783 e il declino bagnarese verso lAltopiano
f.- la ricostruzione: la fine dellazienda contadina familiare e declino
conseguente della figura della Bagnarota responsabile in proprio
nel commercio di II livello
g.- la Bagnarota fra guerra civile, invasione francese e restaurazione.
i massacri di Bagnara
h.- la Bagnarota del Novecento. loblio elevato a mito
i.- la Bagnarota del dopoguerra. la ricchezza economica del legno
- nota: il pesce spada

pg. 7
pg. 7

pg. 29
pg. 35
pg. 37
pg. 39

2)

Donne meridionali in armi amore e morte al Sud


Michelina De Cesare
Arcangela Cotugno e Elisabetta Blasucci
Francesca La Gamba
Maria Oliverio
appendice bibliografica

pg. 40
pg. 41
pg. 42
pg. 43
pg. 45
pg. 46

3)

la Bagnarota di Mim Bert

pg. 48

4)

Bagnarote in battaglia. la Bagnarota nellepopea di Lepanto: Anastasia Mandile

pg. 52

5)

grandissime Bagnarote delezione: Ada Fonzi

pg. 61

pg. 10
pg. 10
pg. 19
pg. 19
pg. 20
pg. 22
pg. 24
pg. 26

pg. 27

6)

rappresentazioni in negativo della donna: la Pietra del Diavolo

pg. 62

7)

le donne e la memoria. un contributo unico di solidariet femminile

pg. 67

8)

lObiettivo: Donne di Bagnara

pg. 68

9)

il viaggio Il paradiso delle donne. Calabria lungo gli itinerari della Magna Grecia.
per ritrovare paesaggi e atmosfere. e la storia delle mitiche signore di Locri Epizefiri

pg. 74

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 4

Propriet letteraria riservata.


Non copiare testi e figure senza lautorizzazione
dellAutore.

I rimandi bibliografici fanno riferimento esclusivamente


a testi e documenti presenti nella mia biblioteca o che ho
avuto modo di consultare in strutture pubbliche e presso
privati..

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 5

1.- LA BAGNAROTA: falsit e verit sulla figura della Donna di Bagnara.


1.1 - UNA PROTESTA RIMASTA INASCOLTATA
Molto successo ebbe a Bagnara la ricerca di una certa Mirella Violi sulla Bagnarota, ricerca osannata sulla
stampa locale, applaudita allUniversit La Sapienza di Roma e laudata perfino da Donna Camilla di Borbone
delle Due Sicilie, Duchessa di Calabria (amica-conoscente della cennata autrice?).
LAmministrazione Comunale dedic allevento due
pubblicazioni: la prima edita nel marzo 2002 e la seconda un
poco arricchita, nel marzo 2006.
In entrambe, il Municipio si mostr orgoglioso per aver
auspicata, finanziata ed editata liniziativa.
Ne venni a conoscenza nel 2007, per la segnalazione di
un cortese amico che mi procur le pubblicazioni, e mi
protest il dubbio che si trattasse di una copiatura.
Lessi questo duplice studio e dopo un attimo di collera, mi
ritrovai a cullare un senso di soddisfazione per il bel lavoro
del quale fui autore insieme a Enzo Baril, copiato nelle parti
migliori e pubblicato da altri, e questo perch premiato e
apprezzato.
Decisi di protestare presso la ricercatrice, non per
accusare lintrusione nel mio lavoro, ma per fare notare

La Bagnarota edizione 2002


quanto sia nociva lestrapolazione di pezzi dal contesto
entro il quale lautore primario li colloca al fine di una
corretta rappresentazione delloggetto del suo studio.
La Bagnarota che si rappresent a Roma,
celebrata nelle pubblicazioni cennate, una deviazione
rispetto alla realt entro la quale questa figura si
colloca.
Una visione completa si pu trovare nel saggio gratuito
pubblicato in ASFB e intitolato La Bagnarota, e il
completamento a questo saggio, contenuto proprio
nella nota di contestazione inviata a M. Violi e per
conoscenza, a Daniela De Blasio (allepoca apprezzata
rappresentante provinciale per le Pari Opportunit),
allAssessore Spoleti e al Sindaco di Bagnara.
Al solo fine, ripeto, di un corretto inquadramento
della figura della Bagnarota nella realt locale e
regionale calabrese (lappropriazione delle notizie storiche la considero acqua passata), ritengo utile riprodurre
quella nota inviata alle cennate personalit.
In essa la Bagnarota rappresentata come figura eminente del lavoro materiale, e da qui ricondotta alla generale
rivalorizzazione del lavoro della donna calabrese, secondo concetti che ritengo corretti.
La Bagnarota edizione 2006

In tal senso, il volume curato da Daniela De Blasio, con la collaborazione di Rosanna Carullo, Eliana Rugolo,
Tiziana Romeo, Ignazia Croc e Renata Melissari: Donne che portano pesi (Citt del Sole ed., Reggio C. 2004),
resta esemplare ancora oggi.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 6

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 7

La nota inviata a Mirella Violi, fu indirizzata al Comune di Bagnara, affinch la inoltrasse allinteressata, non essendo
io a conoscenza del suo recapito.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 8

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 9

1.1)

LA BAGNAROTA: NON FU MATRIARCATO.


INTRODUZIONE E COMMENTO AD UN ARTICOLO PUBBLICATO TRENTANNI FA SUL PERIODICO
DEL NOSTRO ABATE MONS. CASSONE LOBIETTIVO, GESTITO DAL GRUPPO CRISTIANO DI
IMPEGNO SOCIALE DI BAGNARA.

Nel 1985 LObiettivo ospit un mio intervento sul problema del Matriarcato a Bagnara, allepoca concetto sposato
2
dalla gran parte dellopinione pubblica nazionale.
Secondo questa teoria, a Bagnara erano le donne ad occuparsi del lavoro e della famiglia, mentre gli uomini giocavano
un ruolo marginale, comunque estremamente secondario, dedicandosi per lo pi a fatiche domestiche.
Ci in base a una teoria che asserisco essere priva di significato antropologico.
1.2.1) Se il Matriarcato sia esistito
3

Lo studio fondamentale sul Matriarcato resta la ricerca di Johann J. Bachofen secondo il quale il Matriarcato
esistito in tempi lontanissimi, anche se molti storici e antropologi che seguono la scrupolosa metodologia della ricerca
scientifica, sostengano il contrario.
Sostengo anchio che, a parte la mitizzazione in epoca arcaica, il Matriarcato non esistette, se non nel conscio e
nellinconscio maschile, in quanto elemento veicolante della struttura sociale e della visione del mondo, che maschile.
Come tale, il Matriarcato lelemento che porta con s il significato della vita e della morte insieme, poich la donna la
terra ed dunque una forza materiale, mentre luomo depositario della forza spirituale, universale.
La terra la forza materiale e da essa scaturisce imperiosa, la legge del sangue che conduce dallo splendore della
nascita alla tragedia della morte, in modo inesorabile e incontrovertibile, ma anche irrinunciabile!
Ecco perch, nel conscio e inconscio delluomo, il Matriarcato esistette ma sotto forma di paura della donna, elemento
disarmonico, elemento che eleva a religione la forza materiale della terra, come proiezione presente dellepoca violenta
4
cos come fu alle origini.
Insomma: il Matriarcato , ancora oggi, timore diffuso del ritorno del potere femminile in una societ matriarcale che ha
come fondamento lo stato di barbarie che si contrappone allo stato di cultura e civilt, cos come definito nella Grecia
Classica.
Se si volesse delineare una cronologia del fenomeno matriarcale, si potrebbe fare riferimento allo stesso Bachofen
ma, a mio avviso, con una attenta storicizzazione su quanto sopra definito:
a)

b)
c)

Momento della promiscuit assoluta: durante il quale uomini e donne vissero in piena libert sessuale, stando in
comunit domestiche (ampie costruzioni per i membri del villaggio di ambo i sessi). In quelle situazioni, era difficile
determinare con certezza la paternit dei nascituri, per cui la discendenza si stabiliva facendo riferimento alla madre
(matrilinearit).
Momento della promiscuit relativa: durante il quale luomo, grazie alla sua superiorit fisica, tenne sottomesse le
donne in una societ che prevedeva pi mogli per un solo uomo;
Momento monogamico: a mezzo di motivazioni fortemente religiose, la donna conquista il matrimonio
monogamico, col che la sua influenza nella famiglia e nella comunit del villaggio, aument. Infatti in questo periodo
prevalsero nel quotidiano, i principi naturali legati alla terra e alla sua armonia materiale. La donna madre e quindi
tutti gli esseri umani sono fratelli e come tali, eguali fra loro nelluso delle risorse naturali.

2 - Scriveva Mario La Cava intorno al 1949:


Andate sul versante tirrenico e in prossimit di Reggio, considerate Bagnara con il tipo singolare delle sue donne mascoline che
lavorano al posto degli uomini e come uomini: la rusticit gagliarda degli antichi romani in loro. Certamente una grande
differenza fisica sta alla base della straordinaria variet psicologica dei caratteri individuali
(MARIO LA CAVA, I misteri della Calabria, Casa Editrice Meridionale, Reggio C. 1952, riediz. Qualecultura, Vibo V. 2003, pg. 72).
La Cava nacque a Bovalino (11 settembre 1908 - ivi 16 novembre 1988). Grande intellettuale, giornalista, saggista e romanziere, rimase fedele alla
sua terra dorigine offrendo della Calabria saggi di grande umanit e sensibilit.
3 - JOHANN J. BACHOFEN, Il Matriarcato. Ricerca sulla ginecocrazia nel mondo antico nei suoi aspetti religiosi e giuridici, 2 vol., Einaudi ed.,
Torino 1988, ma anche J.J.BACHOFEN, Le madri e la virilit olimpica, Garzanti ed., Milano 1949 e J.J.BACHOFEN, Introduzione al diritto
materno, Editori Riuniti, Roma 1983. Per un inquadramento generale dellopera di Bachofen, si veda: EVA CANTARELLA, Introduzione a Il
potere femminile, storia e teoria, di J.J.Bachofen, Il Saggiatore ed., Milano 1977.
Si ebbero diverse variazioni e interpretazioni sul Matriarcato. Uno dei primi studi antropologici sulle societ primitive, si deve a Asher Wright; ebbe
come oggetto il comportamento dei Seneca, con la conformazione del villaggio verso una unica, grande unit abitativa (le case lunghe) e
lorganizzazione del villaggio affidata alla matriarca e alle donne ad essa collegate. (A.WRIGHT, Studio sugli Indiani Seneca, Houghton Library,
Universit di Harward, vol. 247); la responsabilit della conduzione del villaggio, conferiva alla popolazione femminile delle Nazioni Indiane del
Nord-America, una condizione di privilegio e rispetto. Su questi temi importante la serie di studi di Judith Brown sulle popolazioni irochesi (cfr.:
JUDTH BROWN, To Have and to Hit: Anthropological Perspectives on Wife-Beating; con i contributi di Dorothy Counts and Jacquelyn Campbell,
Universit dellIllinois ed.1999; inoltre: Women among Women: Anthropological Perspectives on Female Age Hierarchies, con i contributi di
Jeanette Dickerson-Putman, Universit dellIllinois ed.1998). Anche presso le comunit Hopi venne riscontrato un ruolo forte del Matriarcato e Uwe
Wesel ha potuto osservare come il legame fra moglie e marito passi in subordine rispetto a quello tra madre e figli e fra fratelli e sorelle (UWE
WESEL, Il mito del Matriarcato, Il Saggiatore ed., Milano 1985). Sulla debolezza delluomo in una societ matriarcale primitiva, e i legami fra
figli e madri, cfr: ALICE SCHLEGEL, Adolescence. An Anthropological Inquiry, (con Herbert Barry III), The Free Press, New York 1991. Secondo
Mumford, nelle societ neolitiche il ruolo della donna fu di potere pressoch assoluto, e cos fino allevoluzione verso una societ organizzata e
linizio di modi di produzione pianificati (LEWIS MUMFORD, La citt nella storia, Edizioni di Comunit, Milano 1963).
Per laspetto specifico calabrese, cfr.: J. BERARD, La Magna Grecia, Einaudi ed., Torino 1963. Unampia bibliografia sul problema del Matriarcato
in EVA CANTARELLA, Matriarcato, Enciclopedia delle Scienze Sociali, 1996, ad vocem.
4 - Una eccellente esposizione di questi concetti in IDA MAGLI, Matriarcato e potere delle donne, Feltrinelli ed., Milano 1982. Si possono infine
trovare ottimi spunti di approfondimento nellintervento di FRANCO GIANOLA, Matriarcato, che incubo!, ora in storiain.net.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 10

d)

Momento patriarcale: nel divenire sociale, cadenzato dallo sviluppo dellagricoltura, quindi delle manifatture, il
commercio, le scoperte scientifiche e di nuovi continenti, il ruolo delluomo, in quanto depositario di valori superiori
(forma e spirito invece di natura e materia), condusse a un superamento del Matriarcato (nella rappresentazione
prima cennata, e cio potere domestico della donna) a favore della moderna concezione dello Stato, che dello
5
spirito umano la sintesi.

Il ridimensionamento ideologico-spirituale del ruolo della donna nella Societ, fino a giungere ad assegnarle, di fatto,
funzioni marginali nel divenire dal presente al futuro del destino dellessere umano, fu prima teorizzato e poi definito e
codificato dalle caste religiose, che operarono a supporto del potere politico e sociale in tipi di Societ che, ripeto,
andavano progressivamente evolvendosi dallo strato primitivo-naturale-pastorale, a Societ agricole, manifatturiere,
industriali.
Oltre alleclatante episodio della Donazione di Costantino, gli esempi in tal senso sono talmente numerosi e
frequenti in tutte le Civilt vicine e lontane, che sarebbe impossibile riassumerle in anche abbondanti apparati di note e
commenti.
Le Caste sacerdotali si composero (e in massima parte ancora si compongono) di uomini. Esse stettero accanto al
monarca, il feudatario europeo, lo sceriffo arabo, il maharaja, lo zar, il sultano, il tenno, il sakem, limperatore, il khan, il
faraone ecc., supportando colle loro interpretazioni, orazioni, premonizioni, sacrifici propiziatori agli Dei, le azioni
governative attuate dal potere.
Notevole anche la presenza di sacerdotesse, ma il loro fu sempre un ruolo conservativo: custodi del fuoco sacro,
delle dimore del Dio o della Dea in templi di maestosa fattura, delle consacrazioni di agnelli sacrificali, ecc. e si tese a
circoscriverle in aree claustrali, spesso nello status di vergini, perch legate alla divinit Terra, una Matrona a sedere,
venerata.
vestita dhabito pieno di varie
dunque a mio avviso storicamente determinato che il Matriarcato non esistette, herbe e fiori, con la destra
ancorch lintera umanit naturale, ebbe nella donna la custode del focolare, lanima mano tenghi un globo, in capo
domestica del villaggio e delle comunit in genere, la cura e difesa delle greggi e dei una ghirlanda di fronde, fiori e
pascoli, la genitrice dei figli da allevare. Insomma: la tutrice del processo naturale frutti, e dei medesimi ne sar
pieno un corno di dovizia, il
dellUmanit, dalla nascita alla morte: la Grande Madre Terra
quale tiene con la destra mano,
Gli uomini cacciatori o guerrieri, accettarono questo ruolo femminile, ma e a canto vi sar un Leone, e
6
conservarono quello strategico-politico-sociale, come prima esposto.
altri animali terrestri.
Linvoluzione del concetto di Donna dunque, fece riferimento soprattutto alle interpretazioni religiose che
accompagnarono la trasformazione delle Societ da pastorali-naturali ad agricole e successive. Queste interpretazioni
variarono da territorio in territorio, secondo il variare delle fedi religiose nel mondo, tutte assolute e ognuna detentrice
della unica e vera verit. In esse, la figura della donna appare quasi ovunque subordinata, se non sottomessa a quella
delluomo.
che la solitaria tua fronte
onde balz l'unica nata
Pallade Atena dagli occhi
chiari vergine prode
artefice meditabonda
patrona dei vertici forti
nemica del cieco tumulto
lucida regolatrice
del combattimento ordinato
che reca al sicuro trionfo!
GABRIELE DANNUNZIO, Laudi del cielo, del mare,
della terra e degli eroi, a cura di Gianni Oliva, Newton
Compton ed., Roma 1995, ora in Libelliber.it, ed. Febr.
2010, pg. 78

Si potrebbe illustrare qualche esempio, ma solo in estrema sintesi, data


la complessit e articolazione dellargomento.
Per esempio:
per San Paolo luomo stato creato dal Soffio Divino e quindi una
creatura spirituale, mentre la donna una derivazione materiale delluomo,
una sua costola modificata e dunque, cos come la Chiesa si sottomette a
Cristo, cos le donne siano sottomesse in ogni cosa al marito.
SantAmbrogio, accus la donna di aver innescato il peccato
originale e dunque deve accettare il dominio del maschio proprio perch lo
ha originariamente indotto al peccato.
San Giovanni Crisostomo asser che la donna la pi nociva fra le
belve, concetto rimarcato da SantAgostino: la donna una bestia che indica
7
la via per ogni malvagit.

Dal concetto del Peccato Originale in avanti, potremmo continuare e giungeremmo fino alla contemporaneit, con la
donna alla quale continuano ad esser negate funzioni spirituali, riservate ai religiosi maschi.

5 - Cos anche in E. Cantarella, op. cit., p. 10


6 CESARE RIPA, Iconologia overo Descrittione d'Imagini delle Virt, Vite, Affetti, Passioni humane, Corpi celesti, Mondo e sue parti. Opera di
C.R. Perugino, Cavaliere de' Santi Mauritio et Lazaro. Fatica necessaria ad Oratori, Predicatori, Poeti, Formatori d'Emblemi et d'Imprese,
Scultori, Pittori, Dissegnatori, Rappresentatori, Architetti et Divisatori d'Apparati; Per figurare con i suoi proprii simboli tutto quello che pu cadere
in pensiero humano. Di novo in quest'ultima Editione corretta diligentemente et accresciuta di sessanta e pi figure poste a' luoghi loro: Aggiontevi
copiosissime Tavole per sollevamento del Lettore. Dedicata all'Illustrissimo Signore il Signor Roberto Obici. In Padova per Pietro Paolo Tozzi.
M.DC.XI.
7 - Siate sottomessi gli uni agli altri nel timore di Cristo.(Nuovo Testamento: Epistolario. SAN PAOLO, Lettera egli Efesini, 21; Le mogli siano
sottomesse ai mariti, come al Signore (ivi 22); Il marito infatti capo della moglie, come anche Cristo capo della Chiesa, (ivi 23); Come la Chiesa
sta sottomessa a Cristo, cos anche le mogli siano soggette in tutto ai loro mariti (ivi 24); Le mogli siano sottomesse ai mariti, come si conviene nel
Signore. (ivi, Lettera ai Colossei, 18); Voi, mariti, amate le vostre mogli, e non siate duri con loro (ivi 19); Luomo [in Chiesa] non deve coprirsi il
capo, poich egli immagine e gloria di Dio, la donna invece gloria dell'uomo (ivi, Lettera ai Corinzi 11,7)

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 11

Nel Deismo di Pitagora, il concetto negativo del femminile fu ancora pi


preciso: il Principio Buono luomo perch egli ha creato lordine e la luce, mentre il
principio cattivo la donna, che ha creato il caos e le tenebre. Anche nei Miti Greci
troviamo Oreste che chiese aiuto interpretativo ad Apollo contro lattacco delle Erinni,
che lo accusavano dellassassinio della madre Clitennestra, ancorch i due fossero
legati da vincoli di sangue, in modo tale che ella lo port sempre sotto il suo cuore.
E loracolo di Delfo rispose per conto di Apollo: la madre non la genitrice di quel che

si dice figlio suo, bens solo depositaria tutelare del seme appena piantato e destinato
a germogliare. Genitore colui che la cavalca. 8

La Venere di Willendorf risale


a oltre 23.000 anni fa

Dunque la donna-madre fu considerata estranea al concepimento attivo,


essendo invece lelemento veicolante che conduceva al concetto di fecondit e, come
tale, garante naturale del proseguimento della vita. Dunque: la madre come depositaria
del processo naturale della rigenerazione umana.
Concetti come si nota, che transitano

da quelli incentrati sulla matrilinearit, che lessenza della natura e come tale, videro la donna ricondotta
concettualmente a divinit naturale, riconosciuta e venerata presso tutte le societ arcaiche, ove la si
rappresent con forme anatomiche floride e abbondanti, a significare la prosperit della vita
a quelli di donna relegata in subordine al ruolo maschile nella Societ.
Come dunque intendere il Matriarcato?
Sempre in estrema sintesi, proporrei questa definizione:
nelle antiche Civilt natural-pastorali e fino a tutto il periodo classico, venne
riconosciuta e venerata la figura della Dea Madre, o Grande Madre.
La Dea Madre Gea (o Era), Astarte degli Accadi, Cibele, Kal degli Indiani, Iside degli
Egizi; Inanna dei Sumeri, Ishtar dei Semiti, Anath dei Cananei, Kwan-yi dei Cinesi,
Coatlicue degli Aztechi, Kannon dei Giapponesi, Nerthus dei Teutoni, a seconda
dunque, delle ere storiche e delle latitudini.
La donna una componente, anche importante, della struttura sociale, con potere
decisionale nella conduzione domestica del villaggio, ma non riconducibile al potere
decisionale sulla politica strategico-sociale del villaggio, che restava di pertinenza
maschile, attraverso il Consiglio degli Anziani e la Casta Sacerdotale. Ad asseverare
questa asserzione, interviene laspetto reale. In quei villaggi che per motivi di guerra o
caccia stagionale, vedevano gli uomini assentarsi per periodi anche superiori allanno,
le donne, rimaste da sole, prendevano abitudini alimentari, igienici e sociali tali da
causare un cattivo odore, talvolta nauseabondo, proveniente dal loro corpo.
Tutto cessava quando gli uomini rientravano nel villaggio e le abitudini di promisquit
tornavano a prevalere. Nel mito, un fenomeno del genere venne attribuito alle
Amazzoni, dal corpo fetido tranne in quelle fasi in cui gli uomini venivano ammessi nei
villaggi per gli accoppiamenti necessari per la riproduzione delle guerriere.
Era dunque la promisquit la condizione naturale di una corretta esistenza di uomini e donne.

La dea Ascera

Ancora in estrema sintesi, si pu delineare uno standard di vita matriarcale cos definibile:
a)
b)
c)

d)
e)

f)

La Comunit forma un villaggio costituito da famiglie, ognuna delle quali vive in una capanna, baracca, tenda
ecc.
Al centro del villaggio si trova la casa comune, in genere un edificio religioso.
Gli uomini del villaggio, per lo pi guerrieri e cacciatori, si dedicano alla caccia allinterno di foreste o lungo le
pianure, o alla pesca lungo le rive di fiumi, marine e lagune. Per poter divenire guerriero e cacciatore,
ladolescente maschio doveva sottoporsi a rituali prove di forza, coraggio e resistenza al dolore, cio doveva
dimostrare di aver conseguito la virilit.
Attraverso la caccia e la pesca, i guerrieri procuravano al villaggio quanto necessario per nutrirsi, vestirsi, oltre
a utensili vari.
Il mantenimento in ordine del villaggio, lamministrazione, conservazione e preparazione delle derrate, la
lavorazione del latte, lallevamento di animali da cortile e pascolo, la cura della prole, erano di competenza della
donna, che integrava lattivit maschile con la coltura degli orti e giardini per lapprovvigionamento di prodotti
agricoli.
La gestione domestica del villaggio, dava luogo inevitabilmente a una struttura di governo domestico, col
riconoscimento di una matriarca e di una struttura di supporto.

8 - Cfr.: ESCHILO, Agamennone Coefore Eumenidi, a cura di Dario Del Corno, v. 778, Mondadori ed., Milano 2005.
L'uccisione di un uomo non consanguineo, anche se marito dell'assassina, espiabile e perci non riguarda le Erinni, il cui
ufficio solo di punire i delitti tra consanguinei, e il matricidio, secondo il diritto matriarcale, il pi grave ed inespiabile dei
delitti. Apollo si presenta come difensore di Oreste. Atena fa votare gli Areopagiti, scabini del tribunale di Atene; i voti di
condanna eguagliano quelli di assoluzione; allora Atena, come presidentessa, vota a favore di Oreste e lo proscioglie. Il diritto
patriarcale ha riportato la vittoria sul diritto matriarcale
vedi in dettaglio: FRIEDIRCH ENGEL, Lorigine della Famiglia, della Propriet e dello Stato, prefazione alla quarta edizione (Londra
18.VI.1891), Editori Riuniti, Roma 2005).

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 12

Se volessimo immaginare una semplice scena che riassuma quanto fin qui esposto, potremmo pensare a un gruppo
di cacciatori che rientra nel villaggio portando una preda. La depositano al centro del cortile e si fanno da parte
sedendosi al limite del cortile per fumare, bere e dialogare,
mentre la matrona con le altre donne, procede alle operazioni di
trattamento della preda, organizza la cucina, prepara il pranzo,
mette in ordine e chiude la giornata. In questi frangenti, lei ad
amministrare il villaggio e gli uomini non intervengono, anzi
obbediscono, mostrando rispetto, alle istruzioni che da lei
provengono: quando e dove si mangia, quando e dove si pu
andare a sedersi in circolo, quando la capanna pronta per
andare a riposare e perfino cosa serve da andare a prendere nel
magazzino, nella dispensa ecc., se i fanciulli e le altre donne
fossero tutti impegnati.
In quel caso gli uomini sottostanno e ubbidiscono.
Questo non significa che gli uomini sottostanno alle
donne.
Gli uomini partecipano al Consiglio di Guerra, eleggono i
componenti, tutti uomini, della casta sacerdotale, stabiliscono le
strategie del villaggio (spostamenti di sito, matrimoni con
componenti di altri villaggi, alleanze, campagne di caccia, nuove
costruzioni, ecc.), dettano le leggi e i regolamenti, difendono la
comunit da attacchi di avversari e nemici. Insomma: gli uomini
cedono volentieri il comando del villaggio alle donne per quanto
attiene la gestione domestica, ma subentrano di forza quando si
tratta di fare prevalere lindirizzo politico-economico-sociale del
villaggio; conservano insomma, il comando effettivo e
sostanziale.
Un comando che per moltissimo tempo ha attinto dalla
interpretazione simbolica su tutto quanto avveniva intorno a loro:
tuoni, lampi, piogge, terremoti, ecclissi, carestie, epidemie, gelo
e clima torrido, venivano percepiti come fenomeni della natura
che si ribella, che si ritiene offesa o propizia a seconda dei casi.
Bisognava dunque assolutamente evitare che la Natura,
dominata dagli Dei, mostrasse la sua ira per qualche torto subto
o un rituale non appropriato.
I sacerdoti proprio per questo, assunsero un ruolo primario nel
9
governo delle popolazioni.
Per i nostri antenati dunque
Le cose e le attivit erano sacre, cio intoccabili nei loro caratteri
fissi, perch erano esistite e si erano compiute in tempi
primordiali e sacra era anche la persona addetta ad esse. I
simbolismi della Terra Madre, dei fenomeni naturali e fisiologici,
dei cicli riproduttivi animali e vegetali e degli stessi uomini, erano
per loro ierofanie solo in quanto parti di una realt pi antica e
10
preesistente a loro

La dea Astarte
Tavoletta fenicia ora al Louvre, Parigi
Astarte deriva dl greco Ashart, la dea fenicia della
fecondit e nella sostanza, reinterpretazione di Ishtar la
dea babilonese della prosperit.
Da Astarte, Grande Madre fenicia e cananea, dipendeva la
fertilit di Sidone, Tiro e Biblo. Il suo culto si estese anche
nel Mediterraneo fino a Tharros in Sardegna, ed Erice in
Sicilia (Venere Ericina). Nel culto dellAntico Egitto
Astarte venne identificata con la dea Iside, a partire dalla
XVIII Dinastia.. Ma levoluzione pi rimarchevole si ebbe
durante la Grecia Classica, quando Astarte divenne in tutto
e per tutto la dea Afrodite, la romana Venere, dea
dellamore, con Cipro centro principale del culto
Suoi simboli erano il leone, il cavallo, la sfinge e la
colomba. Nella rappresentazione primaria, Astarte appare
come figura femminile armonicamente disegnata con
forme abbondanti. Poggia su due Leoni, a significare la
forza della natura dominante ed affiancata da due
civette, il rapace depositario della saggia conoscenza che
non teme loscurit della quale, anzi, sovrano.

Dunque societ e religione si condizionavano a vicenda e


facevano riferimento sempre alla natura depositaria della fertilit
che si ripete di stagione in stagione ed alla quale tutto appartiene
poich da essa tutto si genera e tutto si distrugge, secondo la
costante della nascita e della morte.
Questa visone si applicava in toto al mondo vegetale, animale e allessere umano. Per gli esseri umani, era la donna
depositaria della capacit di dare alla luce nuove creature, nutrirle dal proprio seno e ripetersi in questo mistero, tracciato
dal rito del sangue mestruale, periodico come periodico il ciclo della natura.
Ecco dunque che la figura della Donna saccomunava a quella della Terra Madre e tutto confluiva nella Grande Madre,
Dea Terra e Dea Natura, Gaia Greca e Tellus Italica, Tellus Romana e Dea Strenua ovvero, in sintesi, la
COSTANTE TELLURICA
della vita terrena.

9- Cfr.: UBERTO PESTALOZZA, Religione mediterranea, a cura di M. Untersteiner e M. Marconi, Bocca ed., Torino 1951;
GIOVANNI PATRONI, Studi di mitologia mediterranea ed omerica, Hoepli, Milano 1951
10 - MIRCEA ELIADE, Il sacro e il profano, Bollati Boringhieri ed., Torino 1973.
Sulle opere dello studioso di origine rumena, esiste una vastissima bibliografia alla quale si rimanda.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 13

La Donna e la Terra diviene dunque la Donna la Terra nella sua espressione maggiore. E luomo
rispetter questa convinzione allinterno del villaggio ove il Matriarcato deve a tal punto intendersi come complesso di
11
azioni di governo domestico che sincaricano di mantenere viva lidea essenziale della vita naturale.
Se poi le comunit del villaggio conducevano una vita di totale promiscuit fra uomo e donna, e tale da rendere
pressoch impossibile lidentificazione della paternit per il nascituro, lorganizzazione domestica orientata sulla
matrilinearit era accettata e, anzi, voluta. La matrilinearit anzi, si caratterizzer anche in societ pi evolute quando il
concetto di Grande Madre pass da un simbolismo essenzialmente naturale alla rappresentazione universale del
mistero femminile e dunque le donne fecero riferimento alla Dea Madre, che le proteggeva donando loro la capacit di
12
concepire, formare e gestire la prole, in un rapporto direttissimo Madre-Figlio che, di fatto, escludeva il genitore.
Mi accingo a cantare alla Terra, / Madre universale dalle solide fondamenta,
vecchia venerabile, / che nutre quanto si trova sulla superficie di essa.
Da te procede la fecondit e la fertilit, / o Sovrana!,
e da te proviene dare e togliere la vita / agli uomini mortali.
Beato colui al quale tu, benevola, / rendi onori;
questi ha tutto in abbondanza... / dea augusta, generosa divinit!
Salve, Madre degli Dei, sposa del Cielo stellato
Concedimi una vita felice come premio al mio canto!
13
D'ora in poi mi ricorder di te nei rimanenti canti
11- Cfr.: J.J. BACHOFEN, Le madri e la virilit olimpica, a cura di Julius Evola, Bocca ed., Torino 1955; EMILIO SERENI, Comunit rurali
nellItalia antica, Edizioni Rinascita, Roma 1955. Questultimo testo di notevole interesse per comprendere levoluzione delle comunit rurali
dellItalia Meridionale fino alle epoche moderne e contemporanee.
12 - La Grande Madre pi venerata fu Demetra (Ge-Metra = Terra Madre), la Madre incorruttibile e infaticabile (SOFOCLE, Edipo re, a cura di
Dario Del Corno, Mondadori ed., 2006), nonch capace di accudire a tutte le cerature della Terra, del Cielo e del Mare e Madre anche di tutti gli Dei
dellOlimpo (Omero, soprattutto nellIliade, V-898; XIV, 201 e 261; e nellOdissea, IX, 106 sgg.); anche per questo si trova frequentemente
lespressione madre degli Uomini e degli Dei (PINDARO, Pitica III per Ierone di Siracusa in Pitiche, a cura di F. Ferrari, Rizzoli ed., Milano
2008) o anche: Tutto ricade nella Terra e da essa tutto procede (CICERONE, De natura deorum, 2, 26), donde la supplica che si rivolgeva alla
Dea durante le cerimonie nei templi a lei dedicati: .
Sacra dea Terra, madre della natura, che continui a generare e rigenerare tutto...
Dacci il cibo necessario per vivere con fedelt (costanza) perpetua cos che, quando l'anima s'invola, possiamo rifugiarci nel tuo
seno.
Tutto quanto elargisci ricade dentro di te, cos che a ragione tu (Terra) sei chiamata Grande Madre degli di... Tu sei la Madre
degli uomini e degli di, senza di te niente nasce, niente giunge a maturazione.
Tu sei Grande, tu, dea regina delle divinit. Dea, ti adoro e invoco la tua divinit!
(Precatio Terrae Matris Supplica alla Madre Terra in Anthologia latina a cura di FRANCIS J. THACKERAY, 1, 27, vv.
1-2, 12-15, 17-20 Edit. Bcheler-Riese-Lommatzsch, Lipsia 1894).
E fondamentale la lettura di: WALTER F. OTTO, Gli dei della Grecia. Limmagine del divino riflessa dallo spirito greco, La Nuova Italia ed.,
Firenze 1944.
Allinizio fu pur sempre una figura femminile che diede origine a tutte le cose.
Nel mito pelasgico della creazione troviamo:
Allinizio Eurinome, Dea di Tutte le Cose, emerse nuda dal Caos e non trov nulla di solido per posarvi i piedi: divise allora
il mare dal cielo e intrecci, sola, una danza sulle onde. Sempre danzando, si diresse verso Sud e il vento che turbinava alle sue
spalle le parve qualcosa di nuovo e di distinto; pens dunque di iniziare con lui lopera della creazione. Si volt allimprovviso,
afferr codesto Vento del Nord e lo soffreg tra le mani: ed ecco apparire il gran Serpente Ofione.
Eurinome danzava per scaldarsi, danzava con ritmo sempre pi selvaggio finch Ofione, acceso dal desiderio, avvolse nelle sue
spire le membra della Dea e a lei si accoppi. Ora il Vento del Nord, detto anche Borea, un vento fecondatore.
Spesso infatti le cavalle, accarezzate dal suo soffio, concepiscono puledri senza laiuto di uno stallone. E cos anche Eurinome
rimase incintae da questa unione nacquero tutte le cose.
(ROBERT GRAVES, I Miti Greci. Dei ed Eroi in Omero, vol. I, Longanesi, Milano 1963, pg. 21). La fecondazione delle cavalle
per merito di Borea, in PLINIO, Storia Naturale, IV, 35, ma anche in OMERO, Iliade, XX, 223. La donna dunque domina
luomo e ha come compagno-simbolo il Serpente Demiurgo, e questa sar la costante rappresentazione della Dea prima di
tutte le cose.
Nel mito omerico-orfico della creazione troviamo:
Certuni dicono che tutti gli Dei e tutte le creature viventi nacquero dal fiume Oceano che scorre intorno al mondo, e che Teti
fu la madre di tutti i suoi figli.
Gli Orfici dicono invece che la Notte dalle ali nere, una Dea che simpose perfino al rispetto di Giove, fu amata dal Vento e
depose un uovo dargento nel grembo dellOscurit; e che Eros nacque da quelluovo e mise in moto lUniverso
(R.GRAVES, cit., pg. 24; si noti che Oceano ha una perfetta somiglianza simbolica col Serpente).
Nel mito olimpico della creazione troviamo:
Allinizio di tutte le cose, la Madre Terra emerse dal Caos e gener nel sonno suo figlio Urano. Dallalto delle montagne Urano
guard la Dea con occhio amoroso e vers piogge feconde nelle sue pieghe segrete, ed essa gener erba, alberi e fiori, unitamente
alle belve e agli uccelli (R:GRAVES, cit., pg. 25).
La Chiesa ha ripetutamente screditato la Mitologia, per dare risalto alla Genesi e al ruolo decisivo dellUomo-Adamo, creato prima della Donna, che
dellUomo un derivato formatasi da una sua costola e quindi sottomessa a lui.
Con queste doti divine dunque, la Grande Madre lessenza stessa di tutto ci che esiste nella vastit del cielo e su tutta la terra, che luomo percorre
dalla nascita alla morte. Questo perch, dopo aver generato lUmanit, ella la nutre e, alla fine, tutta laccoglie fra i suoi seni rispettando un ciclo
vitale che immutabile (ESCHILO, Sette contro Tebe, a cura di Franco Ferrari, Rizzoli ed., Milano 2006).
13 OMERO, Ode alla Madre Terra - vv. 1-3, 6-9, 17b-20

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 14

Appendice bibliografica
Scrivono Simon Price e Peter Thonemann che, soprattutto ad iniziare dal IV sec. d.C., i mutamenti religiosi devono inquadrarsi
allinterno delle grandi differenze fra la Religione greco-romana da una parte, e il Cristianesimo dallaltra. Quella greco-romana non
si basava su testi sacri o templi comunitari, daltro canto aveva divinit maschili e femminili con sacerdoti e sacerdotesse; la
cristiana ebbe in principio martiri di ambo i sessi, ma dal IV secolo in avanti ormai cerano solo preti e vescovi maschi, e questo
mutamento nellautorit sessuale la rendeva una Religione del Libro, come lEbraismo:

SIMON PRICE PETER THONEMANN, In principio fu Troia. LEuropa nel mondo antico, Laterza ed., Bari 2012, da
pg. 327).
In questo senso, la Matrilinearit un concetto negato dal Cattolicesimo, poich Maria non fu fecondata, rimase Vergine & Madre
nel contempo per sola opera divina. Non vi dunque nesso fra la gravidanza divina di Maria e quelle terrene delle donne.
Tuttavia, la matrilinearit fu applicata ed accettata ab antiquo, ancor prima che i Fenici navigassero lungo le rotte del Mediterraneo
occidentale:
CESARE CANT, Schiarimenti e note alla Storia Universale, vol. I, pg. 265 - libro LXXXII, G. Pomba ed., Torino 1838,
testo di fortissimo spessore al quale abbinare:

G. CONTENAU, La Civilisation Phnicienne, Payot ed., Parigi 1949).


Se cos intesa, la figura femminile idealizzata, mitizzata fino a farla confluire nel concetto di Dea Madre e quindi Terra Madre,
rappresenta davvero la Grande Dea che ebbe come suo simbolo, come ho annotato, il Serpente adottato poi anche da Esculapio.
Esculapio era figlio del Dio Apollo ed era venerato soprattutto a Epidauro. La sua storia significativa per quanto qui stiamo
analizzando: Apollo vide un giorno la bella ninfa Coronide mentre faceva il bagno in un lago. Se ne innamor perdutamente e
Coronide si offr al Dio con passione. Quando Apollo dovette lasciare Coronide per rientrare in olimpo, incaric un corvo a vegliare
sulla ninfa, rimasta in stato interessante dopo lamore col Dio.
Coronide, temendo di restare sola con un figlio da accudire, decise di accettare i sentimenti di Ischys. Il corvo si accorse di
quellidillio solo quando li vide assieme, e subito vol da Apollo per allertarlo del tradimento. Apollo decise allora di punire il corvo
reo di non aver impedito che il corteggiatore savvicinasse alla ninfa, e gli cambi da bianche a nere le penne.
Venuta a conoscenza dellepisodio di Ischys, Artemide (Diana per i Romani), sorella di Apollo, uccise Coronide. Apollo salv il
nascituro e decise di dare al piccolo il nome di Esculapio, poi divenuto il Dio della medicina e rappresentato con un bastone attorno
al quale stava avvinto un serpente.
Apollo dunque il Dio olimpio della luce solare e il dominatore del Cielo, e secondo Franciosi in opposizione alle divinit ctoniche
della Terra:

MICHELE FRANCIONI, Dalla prima Italia alla Magna Grecia. Testimonianze antiche e moderne, Brenner ed., Cosenza
1990 da pg. 30;
a mio avviso Apollo in realt il complemento agli elementi della Terra fino al raggiungimento della perfetta armonia fra Natura e
Spirito: Apollo fratello di Artemide. E questo proprio in virt di quella differenziazione fra Religione classica e Religione del Libro.
Si possono trovare spunti dinteresse sullo sviluppo dei concetti attorno alla Grande Madre in:

MARIO BACCIEGA, Dio Padre o Dea Madre? Libreria editr. Fiorentina, Firenze 1976;

SILVIO ACCAME, La formazione della Civilt mediterranea, La Scuola ed., Brescia 1966.
La Calabria ebbe un ruolo primario nello sviluppo del culto della Dea Madre. Per alcuni studiosi Italia (che fu lantica
denominazione della Calabria), significava in lingua jonica Terra dei viletti e per altri Terra del re Italo, definito saggio
legislatore e reggitor di genti:

ANTIOCO DA SIRACUSA, Dion. Halic., I-35;


inoltre cfr.:

CRISTINA CUSCUN, I frammenti di Antioco da Siracusa, Edizioni dellOrso, Alessandria 2003;

GIUSEPPE GALASSO, LItalia come problema storiografico, UTET ed., Torino 1979;

F.W. WALBACK, The Historian of Greek Sicily, Kokalos 14-15 (1968-69), 476-498;

ANALDO MOMIGLIANNO, Sesto contributo alla Storia degli studi classici e del mondo antico, t. I, Edizioni di Storia e
Letteratura, Roma, 1960; G. MADDOLI, Mgale Hells: genesi di un concetto e realt storico-politiche;Mgale Hells,
nome e immagini, Atti del XXI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Guida ed., Napoli 1982.
La Calabria col nome Italia era nota ai naviganti per essere la Grande Madre delle selve montane e dei cicli vitali e questo
proprio per essere la terra dei vitelli e della natura rigogliosa. Il culto di una antichissima Dea-Madre era testimoniato dalla
presenza di un imponente Santuario sul Promontorio Lacinio:

GUGLIELMO GENOVESE, I Santuari rurali nella Magna Grecia, LErma di Breetschneider ed., Roma 1999,
soprattutto da pg. 145;

PAOLA ZANCANI MONTUORO, Sibari, Posidonia e lo Heraion, Archivio Storico per la Calabria e la Lucania, XIX
(1950), 65-84;

PAOLA ZANCANI MONTUORO UMBERTO ZANOTTI BIANCO, Heraion alla foce del fiume Sele, vol. I-IV, Istituto
Poligrafico dello Stato, Roma 1951
Frequente la definizione di Italia nomen sacrum in quanto generatrice di comunit montane, pastorali ed agricole:

FR. ALTHEIM, Epochen der rmischen Geschichte, Klostermann ed., Francoforte 1934;

EMILIO SERENI, Comunit rurali nellItalia Antica, L'Erma di Bretschneider ed., Roma 1955
Altre indicazioni si possono reperire in:
- UBERTO PESTALOZZA, Religione mediterranea; vecchi e nuovi studi ordinati, a cura di Mario Untersteiner e Momolina
Marconi, Bocca ed., Milano 1952.
Pestalozza torn sugli argomenti trattati nel 1952 con un nuovo contributo:
UBERTO PESTALOZZA, Nuovi saggi di religione mediterranea; con unappendice di alcuni altri saggi, Sansoni ed., Firenze 1964
nel quale si trovano anche aggiornamenti al suo noto:
UBERTO PESTAALOZZA, Eterno Femminismo mediterraneo, Neri Pozza ed., Milano 1954.
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 15

Inoltre:
L. BRENAB BREA, La Sicilia prima dei Greci, Il Saggiatore, Milano, 1958;
V. CHITI - R. LEONARDO - A. BIN, Mediterraneo. LEuropa alla riscoperta del suo cuore meridionale, Vallecchi Eed., Firenze,
1996,
S. MARCONI, Reti mediterranee. Le censurate matrici afro-mediorientali della nostra civilt, Gamberetti ed., Roma, 2003
oltre al sempre indispensabile
DIODORO SICULO, Biblioteca storica. Libri I-VIII, Rusconi ed., Rimini, 1998 e Libri IX-XIII, Rusconi ed., Rimini, 1992 .
Negli usi e nelle tradizioni calabresi, sono frequenti i richiami alla donna, il suo ruolo nella societ patriarcale, la condizione di
mamma, il legame coi figli, la sua funzione civile. Si veda per esempio:
CORRADIO ALVARO, Calabria, con una prefazione di Libero Bigiaretti
e il saggio di:
DOMENICO SCAROGLIO, Una profonda civilt umana. Linee di un cataclisma, Qualecultura ed., Vibo V. 1990;
ROBIN LANE FOX, Eroi viaggiatori. I Greci e i loro miti nellet di Omero, Einaudi ed., Torino 2010;
MICHELE FRANCIOSI, Dalla prima Italia alla Magna Grecia. Testimonianze antiche e moderne, Brenner ed., Cosenza 1990;
DOMENICO MINUTO, Tradizione. Opinioni sul costume calabrese, Citt del Sole ed., Cosenza 2011;
W. BURKERT, La religione greca di epoca arcaica e classica, Jaca Book, Milano 1984
U. FABIETTI, Elementi di antropologia culturale, Mondadori ed., Milano 2004.
AA VV, Hra. Images, espaces, cultes, a cura di J. DE LA GENIRE (Atti del Convegno di Lille, 29-30 novembre Napoli 1993),
J. SCHMIDT, Mitologia greca e romana, Roma 1989;
G. GIANNELLI, Culti e Miti della Magna Grecia, Firenze 1963
RUSSO A. 2006, Nereo, Scilla e le Sirene. Miti e viaggi per mare oltre lOceano, in AA.VV., Coralli segreti. Immagini e miti dal
mare in Oriente e in Occidente, Potenza 2006;
ALPHONSE DUPRONT, Il sacro. Crociate e pellegrinaggi, Linguaggi e immagini, Bollati Boringhieri, Torino 1993
I Greci in Occidente. Santuari della Magna Grecia in Calabria, a cura di E. Lattanzi, M.T.Iannelli, S. Luppino, C. Sabbione, R.
Spadea, Catalogo della Mostra, Electa ed., Napoli 1996.
La citt delle immagini. Religione e societ nella Grecia antica, a cura di A. Pontrandolfo, Panini ed., Modena 1986.
- Hra. Images, espaces, cultes, Actes du Colloque International du Centre de Recherches Archologiques de lUniversit de Lille III
et de lAssociation P.R.A.C., Lille, 29-30 novembre 1993, prsents par J. de La Genire, Centre Jean Brard, Naples, 1997
(Collection du Centre Jean Brard, 15).
- F. BARELLO, M. CARDOSA, E. GRILLO, M. RUBINICH, R. SCHENAL PILEGGI, I pinakes di Locri Epizefiri. Musei di
Reggio Calabria e di Locri, a cura di E. Lissi Caronna, C. Sabbione, L. Vlad Borrelli, Atti e Memorie della Societ Magna Grecia,
IV Serie, Parti I-III.
R. TREUIL, P. DARCQUE, J. C. POURSAT, G. TOUCHAIS, Les Civilisations gennes du Nolithique et de lAge du Bronze,
Paris 1989
G. TOUCHAIS, LEgeo prima dei Greci, in I Greci. Storia, Cultura, Arte, Societ, a c. di S. Settis, Torino 1996
O. DICKINSON, The Aegean Bronze Age, Cambridge 1994.
- I Greci. Storia, Cultura, Arte, Societ, a cura di S.Settis, 2: Una storia greca 1. Formazione, Torino 1996
SENOFONTE, Xenophontis Opera Omnia, a cura di E.C. Marchant, V. Opuscula, Clarendon Press , Oxford 1920.
F. BOGGIO, G. DEMATTEIS, Geografia dello sviluppo. Diversit e disuguaglianze nel rapporto Nord-Sud, UTET, Torino 2002.
R. INFANTE, Lo sposo e la sposa. Percorsi di analisi simbolica tra S. Scrittura e Cristianesimo delle origini, S. Paolo ed. , Milano
2004
La Calabria tirrenica nellantichit. Nuovi documenti e problematiche storiche. Atti del Convegno (Rende 23-25 nov. 2000) a cura
di Giovanna De Sensi Sestito, Rubbettino ed., Soveria M. 2008
Gli Italici del Mtauros, Catalogo della Mostra nel Museo Nazionale Archeologico di Reggio C. (29 aprile-31 ottobre 2005), a cura
di Rossella Agostino, Laruffa ed., Reggio C. 2005
ROBERT GRAVES, I miti greci. Dei ed Eroi in Omero, Longanesi ed., Milano 1963
FERNAND BRAUSDEL, Memorie del Mediterraneo. Preistoria e antichit, Bompiani ed., Milano 1998
LUNETTO VERCILLO, Omero.Gli itinerari marittimi dal Circeo a Troia nellOdissea e nellIliade e il Manuale omerico della
navigazione a vela attraverso il Tirreno, lo Jonio e lEgeo, Artigrafiche Perri, Castrolibero 1982
EVA CANTARELLA, Itaca. Eroi, donne, potere tra vendetta e diritto, Feltrinelli ed., Milano 2009
ROBERTO A. POZZI, La Grecia antica. Letteratura e filosofia, Cavallotti ed., Milano 1948
VITTORIO VISALLI, Scritti storici. Tisia nella Brezia. Della condizione civile dei Bruzi sotto la dominazione romana, introduzione
di Antonio Jofrida, Brenner ed., Cosenza 1998
DOMENICO MARINCOLA PISTOJA, Opuscoli di storia patria, tip. del Pitagora, Catanzaro 1871 (ried. in anastatica Brenner ed.,
Cosenza 1980)
VITTORIO VISALLI, Calabria antica. Studi storici e corografici, Introduzione di Antonio Jofrida, Brenner ed., Cosenza 1991
ATTILIO PEPE, Si deve alla Calabria lorigine del nome Italia, Pellegrini ed., Cosenza 1963
G. MINASI, La pretesa fondazione delle antiche citt sul litorale mediterraneo prima del decimoquinto secolo dellEra Volgare.
Dissertazione preistorica, tip. Lanciano e Verardi, Napoli 1908
VALERO MASSIMO MANFREDI, Mare greco. Eroi ed esploratori nel Mediterraneo antico, Mondadori ed., Milano 1992
ANDREW ROBERT BURN, Storia dellantica Grecia, Mondadori ed., Milano 1991
ANTONIO SOLANO, Bruttium paleocristiano, Grafica Meridionale ed., Vibo V. 1976
DOMENICO TOPA, Le Civilt primitive della Brettia. Paletnologia, A. Genovesi & F. ed., Palmi 1927 (rist. in anastatica: Oppido
M. 1980)
VALERIO M. MANFREDI, I Greci dOccidente, Mondadori, Milano 1996
NICOLA LEONI, Studii istorici su la Magna Grecia e su la Brezia dalle origini italiche in fino tempi nostri, Stabilimento
tipograficvo-litografico dellAteneo, Napoli 1862 (rist. in anastatica: F.Pancallo ed., Locri 2002
FRANCO DOMESTICO, Civilt Magno-Greca in Calabria, tip. La Tipomeccanica, Catanzaro 1980
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 16

PIER GIOVANNI GUZZO, Le Citt scomparse della Magna Grecia, dagli insediamenti protostorici alla conquista romana: un
viaggio affascinante in una terra antichissima, Newton Compton ed., Roma 1982
GUSTAVO VALENTE, La costa dei Dioscuri: Caop Colonna, Frama Sud ed., Chiaravalle C. 1973
NICOLA LEONI, Della Magna Grecia e delle tre Calabrie. Ricerche etnografiche, etimologiche, topografiche, politiche, morali,
biografiche, letterarie, gnomologiche, numismatiche, statistiche, itinerarie, tip. V. Prigiobba, Napoli 1844 (Pancallo ed., Locri 2007)
DLOMENICO MINUTO, Foglie lievi. Scritti su Greci, Chiesa dOriente, Bizantini, beni culturali e altro nella Calabria
Meridionale, Citt del Sole ed., Reggio C. 2007
GIANLUCA SAPIO, Divit e territorio. Santuari demetriaci tra Locri e Medma, Citt del Sole ed., Reggio C. 2012
LAURA FARANDA, Le lacrime degli Eroi. Pianto e identit nella Grecia antica, con una Prefazione di Luigi M. Lombardi
Satriani, Qualecultura ed., Vibo V. 1992
FRANCESCO CAPALBO, La Civilt della Magna Grecia bizantina o basiliana e i suoi rapporti col rinascimento ellenistico in
Italia, tip. de Il Giornale di Calabria, Cosenza 1922 (Brenner ed., Cosenza 1997)
GAUDIO INCORPORA, Miti e Leggende dellarcheologia magnogreca, introduzione di Ugo Mollica, Pancallo ed., Locri 2002
ORAZIO LUPIS, La Magna Grecia, premessa alla ristampa di luigi Malafarina, Casa del Libro ed., Reggio C. 1982
GIULIO GIANNELLI, Culti e miti della Magna Grecia. Contributo alla storia pi antica delle Colonie greche in Occidente,
prefazione alla ristampa di Gaetano Briguglio, con tavole a colori fuori testo, Pancallo ed., Locri 2005
ORESTE KESSEL PACE, Artemide. Rhgium Julium, 60 d.C., Casa Editrice Leonida, Reggio C. 2011
FILIPPO VIOLI, Storia della Calabria graca, con particolare riguardo allodierna isola ellenofona, dalle origini ai nostri giorni,
Kaleidon ed., Reggio C. 2006
Il teatro: la tragedia greca, introduzione di Simone Beta, Il Giornale ed., Milano 2009
GEORGES DUMZIL, La religione romana arcaica, con una appendice su la religione degli Etruschi, Rizzoli ed., Milano 1977
EDWARD GIBBON, Declino e caduta dellImpero Romano, Mondadori, Milano 1986
EUGENIO TREVES, Dei ed Eori. Mitologia greca e romana, Principato ed., Messina 1953
TEODORO MOMMSEN, LImpero di Roma, DallOglio ed., Milano s.i.d.
MARIO ATTILIO LEVI, LImpero romano. Dalla battaglia di Azio alla morte di Teodosio I,Societ Editrice Internazionale, Torino
1963
SIMON PRICE PETER THONEMANN, In principio fu Troia. LEuropa nel mondo antico, Laterza ed., Bari 2012

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 17

La Dea Artemide o Diana Efesina dalle "molte mammelle",


sorella gemella di Apollo e protettrice delle partorienti e della fertilit
Si venerava a Efeso in un maestoso tempio, una delle Sette Meraviglie del Mondo antico.
Dea santa Terra, genitrice delle cose della natura, che tutto generi e rigeneri nel giorno, che sola
proteggi le viscere delle genti, divina arbitra di cieli e mari e di tutte le cose, per la quale la
natura si acquieta e il sonno accoglie, ed anche la luce ricomincia e la notte fugge: tu le ombre
dell'Orco ricopri e la Discordia immensa e i venti e le piovose tempeste trattieni, e quando vuoi, le
lasci andare e inciti il gorgo e la fuga del Sole e le bufere scateni e lo stesso, quando desideri, ci
concedi un giorno sorridente.
Tu gli alimenti della vita doni in perpetua fiducia, e quando l'anima si allontana, in te ci
rifugiamo: perci, qualsiasi cosa doni, in te tutto ritorna.
Con ragione ti chiamiamo Grande Madre degli Dei, perch in piet vincesti i numi divini.
E tu veramente sei la genitrice degli Dei e delle genti.
Senza la quale niente pu maturare n nascere.
Tu sei Grande, e tu sei la regina degli di, oh divina.
Te, dea, io adoro, e il tuo nume io invoco, e indulgente garantiscimi ci che ti richiedo; e affido
grato a te, Dea, meritata fiducia.
Esaudiscimi, ti prego, e favorisci i miei propositi; ci che io ti chiedo, Dea, tu voglia
garantirmelo.
Le erbe, qualunque genera la maest tua, per causa salutare affida a tutte le genti: questo, ora, mi
permetta la tua medicina.
Venga la medicina con le tue virt: qualunque cosa ci faccia, che abbia un buon evento, e lo
stesso a chiunque la dar, e lo stesso a chiunque da me la accetter, mantienili sani. Infine ora,
Dea, questo mi garantisca la tua maest, ci che io, supplice, ti richiedo
(cfr.: ANTIPARTO DI SIDONE, Epigrammi, in The Greeck Anthology, vol. III The Epigrammi
Cyzicene Harvard University Press, 1916, IX.58 sgg.; scrissero sulle Sette Meraviglie anche Strabone
ed Erodoto, oltre a Diodoro di Sicilia).
Le Sette Meraviglie furono:
1.
La Grande Piramide di Giza o Piramide di Cheope, allepoca ancora rivestita del suo
intonaco bianco splendente, con la chiave di volta, in alto, dorata e le costruzioni laterali che
conducevano al porto;
2.
I Giardini Pensili di Babilonia (ma la meraviglia, in questo caso, fu il grandioso sistema che
consent di fare giungere fin sulle altissime mura della Citt, lacqua del fondo valle);
3.
Il Mausoleo di Alicarnasso, vero inno allamore eterno. Fu distrutto dai Crociati perch
utilizzato come cava di pietra da costruzioni fortificate!
4.
Il Faro di Alessandria, i cui resti parziali sono ancora oggi sui fondali esterni del porto;
5.
La statua di Giove a Olimpia, Ritenuto da tutti il capolavoro assoluta dellarte scultorea;
6.
Il Tempio di Artemide a Efeso, che era immenso e tuttavia architettonicamente armonico;
7.
Il Colosso di Rodi, fuso in bronzo e con linterno cavo. Fu distrutto da un terremoto
potentissimo e se ne sono perse le tracce.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 18

1.2.2) Bagnara e la questione del Matriarcato


da queste parti luomo fa s che la donna si renda conto
subito che il suo posto un gradino al disotto di lui. In tutte
le allegre tavolate cui ho assistito non cerano donne. Il loro
compito di occuparsi delle faccende domestiche. Solo
rarissimamente vengono utilizzate nei lavori sui campi.
Quando una donna torna a casa col marito, ella lo segue
carica come una bestia da soma, mentre lui se ne viene
trotterellando, tutto impettito sul suo asino..
J.H.BARTELS, Lettere dalla Calabria e dalla Sicilia,
Gottinga 1787 (ora Lettere sulla Calabria, a cura di Teodoro
Scamardi, Rubbettino ed., Soveria M. 2007)

a.- Premessa
Se dunque il Matriarcato antico si configur nelle realt locali come specifiche responsabilit assegnate alla
donna e da ella gestite in forma autonoma, e non come potere di governo sociale-politico, sar mai possibile che esso
abbia trovato spazio dazione nellera moderna?
Ho annotato che lo sviluppo sociale ed economico ha accentuato la differenza di sesso e accetto anchio la definizione
delluomo che nel suo inconscio, teme la donna: luomo che ha una paura atavica della donna e, sempre come
inconscio, si comporta di conseguenza.
Che questa asserzione sia asseverata, lo dimostrano le azioni che vengono oggi attuate per promuovere la parit di
sesso.
Luomo non accetta il concetto di eguaglianza morale-sessuale con la donna perch i fattori di dominio domestico e
sociale, devono a lui fare riferimento.
La donna dunque, costretta nel continuo a rivendicare non tanto leguaglianza di sesso, quanto addirittura il
riconoscimento del diritto a essere presente nelle organizzazioni che regolano la vita sociale.
La legge che impone che quote rosa, da questo punto di vista si una vittoria della donna, ma una triste vittoria
perch la valorizzazione della donna imposta da una legge e non generata dalla intima convinzione, dalla
consapevolezza delluomo di essere moralmente uguale alla donna.
Il femminismo con le sue diramazioni, non dunque un movimento di emancipazione/liberazione, quanto una
denuncia della donna verso la condizione di sottomessa o di emarginata, condizione che perdura oltre e malgrado le
leggi di parit.
In questo senso, mi colloco fra coloro che si dichiarano contrari in linea di principio - alle quote rosa, provvedimento
14
che intendo come misura protettiva, che colloca inevitabilmente chi ne beneficia, in una condizione di debolezza.
Lemancipazione della donna non deve passare per imposizione di una legge, deve autogenerarsi nella Societ
attraverso un processo di rinnovamento del concetto di umanit. Ma esso non pu essere imposto per legge, perch
comunque sia, non verrebbe sentito e partecipato dalluomo, deve essere invece convintamente sentito e, come tale,
scomparire fra le cose ovvie e naturali! E come quasi sempre, questopera di rinnovamento non pu iniziare che nelle
scuole della prima infanzia.
Perch? Perch lintroduzione del divorzio, la decriminalizzazione dellaborto, il nuovo Codice di Famiglia, la
cancellazione dellomicidio classificabile come motivo donore, la ricollocazione della violenza sessuale nellelenco dei
delitti contro la persona, adeguano gli status ai tempi, ma la resistenza nella difesa della cultura arcaica della virilit
sta oggi rimontando, cos come la conquista maschile della donna intesa come trofeo. Una buona parte di questa
anomalia, mantenuta viva dai mezzi di comunicazione di massa che distinguono (trattano diversamente) fatti che
hanno protagonisti gli uomini, da quelli che vedono protagoniste le donne. Fateci caso!
Questa sottolineatura allarga il concetto di vera emancipazione della donna fino a farlo confluire in quello pi ampio di
emancipazione della Terra, la religiosit ecologica nel senso pi ampio possibile:
Le donne devono rendersi conto che per loro non ci pu essere liberazione n ci pu essere soluzione alla crisi ecologica
allinterno di una societ il cui modello fondamentale di relazioni quello del dominio. Esse devono unire le rivendicazioni del
movimento femminile con quelle del movimento ambientalista per proporre una radicale riorganizzazione delle relazioni
socioeconomiche fondamentali e rivedere i valori della moderna societ industriale
(RADFORD R RUETHER, Symbolic and Social Connections of the Oppression of Women and the Domination of Nature, in C.J. ADAMS,
Ecofeminism and the Sacred, Continuum, New York 1993). 15

Dunque riappare, oggi, la visione della Donna quale simbolo della Terra-Madre, protettiva e generatrice di vita? Riappare
allinterno del vasto problema ecologico-conservativo che interessa il nostro pianeta? Ebbene: (Confessioni religiose
permettendo) riappare per adesso in modo periferico, fino al momento in cui diverr, con certezza quasi assoluta, il suo
16
elemento principale.

14 - Cfr.: ISABELLA TONDO, Quote rosa e cultura. Intervista a Eva Cantarella sulle donne allUniversit, Meno di Zero, Rivista dellUniversit in
Movimento (13/IX/2012);
si veda anche: EVA CANTARELLA, Le donne e la citt. Per una storia della condizione femminile, New Press ed., Como 1985;
E.CANTARELLA-GIULIO GUIDORIZZI, Agor, Einaudi ed., Torino 2007 e Polis. Societ e Storia, Einaudi ed., Torino 2010.
15 - Ho estrapolato il concetto da: BRUNA BIANCHI, Ecofemminismo: il pensiero, i dibattiti, le prospettive. Ora in: D.E.P. Deportate, esuli,
profughe. Rivista telematica di Studi sulla memoria femminile (a cura di Annalisa Zabonati), Universit C Foscari, Venezia Luglio 2012, pg. II.
16 - RADFORD R RUETHER, Gaia e Dio: una teologia femminista per la guarigione della terra, Queriniana ed., Brescia 1995, da p. 204.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 19

b.- Bagnara nel sec. XVII: Problemi di comportamento economico e Matriarcato


Allinterno di questo scenario complessivo (ripeto) forzatamente sintetizzato, quale dunque il concetto di
Matriarcato a Bagnara?
A mio avviso si deve applicare alla realt dal XVII al XIX secolo di Bagnara, la definizione di Engels sul ruolo della donna
nella Societ: la divisione del lavoro fra uomo e donna fu un dato assodato e frequentemente la mole del lavoro
femminile fu superiore a quella che luomo saddoss. Ma questa divisione del lavoro non fu condizionata dalla posizione
della donna nella Societ. Luomo conserv una posizione virile, prevalente e tuttavia la considerazione che egli riserv
17
alla donna, fu sentitissima, certamente ben pi profonda che quella che la Civilt Moderna le riserva.
Ed appunto con questa asserzione iniziale che si deve introdurre il tema del Matriarcato a Bagnara.
Il prodotto delle rasole bagnaresi durante tutto il secolo XVI e XVII fu abbondante. Il lavoro attuato da generazioni di
contadini, aveva creato un imponente apparato di rasole lungo i versanti della Costera e perfino sui burroni a picco verso
labisso.
I trasporti utilizzarono la salita delle rasole verso laltopiano del SantElia e la collina di Ceramida, oppure la discesa
verso il mare per il carico sulle paranze da trasporto. Vi fu anche un tracciato orizzontale a met costa che finiva al
Malopasso.
I collegamenti logistici, come noto, furono in mano alla Bagnarote e in questa maniera il prodotto pot essere
concentrato in Paese nella stessa mattinata.
Si tratt di un raccolto abbondantissimo e variegato: finocchi, insalata, pomodori, zucchine, fichi dindia, uva, fichi, altri
ortaggi (basilic e prezzemolo) e frutta di ogni tipo.
Nelle mezze stagioni, carciofi, zibibbo, carote (e fustunaci), costine e erba i macera, broccoli, ecc.
Vi era poi lattivit legata al baco da seta (commerciato prevalentemente in contrabbando) e la pesca soprattutto
stagionale: tonni, alalunghe, costardelle e pesce-spada.
Il problema che incentiv i fattori di produzione, fu il collocamento del prodotto, considerando lisolamento naturale del
Paese colla conseguente difficolt a raggiungere i mercati di sbocco dellAltopiano e della Piana.
La produzione fu a Bagnara, a costi molto alti. Coltivare le rasole fu mestiere:

Difficoltoso per via della non agevole posizione dei terrazzamenti


Specialistico occorse una notevole esperienza e maestria per mettere a coltura i terrazzamenti
Disaggregato i collegamenti fra i luoghi di produzione (le rasole) e i centri di raccolta in Paese, furono difficilissimi e
praticamente solo possibili col trasporto a sangue, non potendosi utilizzare carriaggi.

Un costo di produzione altissimo, non consent di collocare il prodotto sul Mercato a prezzi competitivi rispetto a eguale
offerta proveniente dalla Piana o dallAltopiano, con strade meglio percorribili, sistemi di messa a dimora semplificati e
disponibilit di mano dopera.
Lofferta di prodotti del sistema bagnarese, super peraltro, quella nei paesi viciniori, perch la coltura dellAltopiano era
dedicata allulivo e ai cereali e quella della Piana, oltre lulivo, si incentr sugli agrumi con veri e propri boschi (labirinti).
Tre dunque i problemi che occorse superare per innescare la commercializzazione del sovrappi bagnarese:

Azzerare la distanza con le difficolt geografiche insite;


Agire in tempo reale sul Mercato di sbocco: cio la qualit del prodotto doveva risultare fresca come quella della
concorrenza;
Offrire il prodotto a prezzi competitivi.

Le leve potevano attuarsi se:

La distanza fosse stata coperta a costo zero;


Si fosse utilizzata una logistica diretta, dal produttore al consumatore, senza intermediari
Il prodotto provenisse dalla stessa fonte: cio lo stesso produttore fosse il venditore. Ci significava che una famiglia si
dovesse interessare in toto della produzione e della commercializzazione della merce.

Furono circostanze riscontrabili un po ovunque il Calabria nellattivit della piccola propriet. Ma il caso di Bagnara
fu particolare proprio per il problema dellazzeramento logistico che consentisse di eliminare lhandicap del mancato
tempo reale.
Queste circostanze innescarono un fenomeno che potr considerarsi unico in Calabria e anticipazione di quanto
avverr altrove solo dalla met dellOttocento in avanti:

la divisione del lavoro

allinterno di una unit produttiva

strutturata per centri di responsabilit.

Fu da queste circostanze che nacque la figura della BAGNAROTA, erede di una tradizione di donne gagliarde, rotte al
sacrificio, insensibili al dolore fisico, votate al lavoro quasi in modo maniacale, inattaccabili fisicamente e
caratterialmente.
Questa Bagnarota che nella sostanza nacque dopo Lepanto, oper allinterno di unazienda complessa.
Lattivit di produzione sulle rasole non conosceva soste stagionali, fra le azioni di dissodamento, seminagione, potatura,
irrigazione, raccolta e conservazione. Vi era poi il mantenimento delle rasole: consolidamento, riparazione,
manutenzione ordinaria, ristrutturazione (nuovi pali e paloni, nuovi gradini ecc.).
17 - F.ENGELS, Lorigine , prefazione cit.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 20

Lo stesso avvenne per lattivit marinara: stazionamento sul mare, manutenzione delle barche, ordinaria e straordinaria,
manutenzione delle reti e delle fiocine, trasporto del legname.
Non si pot dunque pensare a un abbinamento delle attivit di produzione e commercializzazione.
Nacque allora una vera e propria azienda familiare, orientata non sul profitto tout-court, quanto sulla soddisfazione della
domanda.
Come dire che il profitto derivava non dalla massimizzazione dei guadagni, per esempio attuando una politica di prezzi
ribassata, ma dal consenso della domanda.
Il profitto dunque fu una conseguenza del buon lavoro svolto, garantito dalla qualit del prodotto offerto.
I contadini e i pescatori di Bagnara si gettarono anima e corpo per conseguire il primo risultato: un prodotto di qualit,
ricavato da un ambiente geografico difficile da governare ma genuino.
Restava il problema della logistica e della commercializzazione. Unattivit che le Bagnarote gi sviluppavano fin dalle
origini della Bagnara. Solo che, adesso, fu lintera responsabilit di questa gestione che ricadde sulle loro spalle.
In chiave moderna, diremmo che:
-

si crea unazienda familiare


coesa ed omogenea
che ha come obiettivo la produzione e la distribuzione del prodotto;
lazienda si costituisce con un, diciamo, consiglio di amministrazione
formato da marito e moglie
che studiano le strategie e determinano le azioni produttive e commerciali da attuare;
lazienda opera per centri di responsabilit:
il marito responsabile della produzione (e noi abbiamo annotato con quali difficolt!);
la Bagnarota responsabile del trasporto e della commercializzazione.

Vi prego di notare la particolarit perch davvero importante: la Bagnarota oper su una SUA produzione, cio un
prodotto che proveniva dallattivit SUA E DELLA SUA FAMIGLIA.
Questa fu la vera particolarit che distinse la Bagnarota dalle altre donne calabresi. Stessa fatica, stesso spirito votato al
lavoro, stesso carattere volitivo, ma differente la mission:

la Bagnarota oper su beni che provenivano dalla sua sfera produttiva


le altre Donne di Calabria, prevalentemente trasportarono o lavorarono per conto altrui.

Dunque unattivit economica a ciclo continuo chiuso che consent alla Bagnarota di conservare una preminenza
commerciale inalterata nel tempo, garantendo forniture anche durante terremoti e calamit.
Lazienda familiare oper in questi frangenti in modo continuo e non dunque paradossale affermare che la natalit a
Bagnara aument proprio mentre la fase congiunturale raggiunse il massimo della crisi. I figli furono cercati per il
bisogno di braccia che consentissero il mantenimento dei cicli produttivi e la sostituzione dei figli maggiori in et
matrimoniale o in partenza sotto una leva militare o dei genitori anziani, con nuove forze da esperenziare.
La Bagnarota insomma, cavalc la crisi a dimostrazione che vero che in Calabria manc il nesso:
attivit di produzione attivit di trasformazione
Questultima componente ove si riscontr, fu comunque insignificante e determin il perpetuarsi della crisi economica
calabrese nel tempo.
La nomea che si fecero queste Bagnarote imprenditrici, fu generalizzata in tutta la Calabria meridionale:
i Bagnarote si cangiaru a San Petru chi patati. 18
allora errato identificare nel XVII secolo, come una Matriarca che govern in modo virile
(cio in sostituzione del maschio) i destini della sua famiglia, una Bagnarota che invece si
divise il lavoro familiare col marito sopperendo in tale maniera alla penalizzante situazione
geografica della Citt.

18 - Bibliografia e approfondimenti in: TITO PUNTILLO-ENZO BARILA, Civilt dello Stretto, cit., da pg. 99.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 21

c.- Bagnara nella congiuntura calabrese allinizio del sec. XVIII: Matriarcato o sussistenza?
Verso la fine del XVII secolo, anche la Bagnarota fu fermata dalla furia della natura e dalla malvagit della gente.
La Bagnarota risent dunque della grave e lunga fase congiunturale dovuta ai cordoni sanitari anti epidemici e alla
diminuzione della domanda proveniente dallAltopiano. Vi si associ proporzionalmente la diminuzione del raccolto, per
via della carestia che impervers sul Canale.
Maria Carbone, moglie di Padron Placido Foti e Natuzza Foti, loro figlia legittima e naturale, moglie di Antonio Romano di
Giovanni, tutti della Citt di Bagnara () espongono allIll.ma qualmente trovandosi P.n Placido Foti e Antonio Romano loro
Mariti respectiv depressi da molti debiti, per li quali si trovano da molto tempo carcerati, et in conseguenza essi, poveri supp.ti
con molti altri figli in grandissima miseria, per cause che vien proibito a detti loro mariti di poter travagliare e sostenere come
facevano in passato le s.te s.ti e le loro povere famiglie () vendono una casa dotale con la sua pergola sita in Bagnara contrada
San Tommaso, stimata per ducati 130 a mastro Santo Barbara per Ducati 123 e un carlino ()
3 settembre, 1710
Albina Zuco della Citt di Bagnara, moglie di Giacomo Palumbo supplicando espone di havere et possedere come vera porzione
di propria dote un punteggio di terra in contrada Pellegrina, stimato per ducati 11 e perch per raggion della sua notoria povert
havendo il marito in et decrepita, vivono di elemosina e si vedono morir di fame ()
3 settembre 1710
Nuzza Rocco vedova di Mercurio Zuco della Citt di Bagnara, supplicando espone di havere tenere et possedere un pezzo di
terra inculta, sita in contrada Pellegrina stimata per il prezzo di ducati 12 e mezzo, e perch non percependo nessuno guadagno et
inutile a sovvenire alla sua notoria povert campando di elemosina, c suoi molti figli poveri che si vedono morir di fame in
questi calamitosi tempi, desidera vendere ()
3 settembre 1710
Sara Savoja della Citt di Bagnara supplicando dichiara di havere tenere e possidere un punteggio di terreno inculto () stimato
per il prezzo di ducati 8, volendo vendere et alienare per sua estrema necessit, vedendosi mori di fame in questi tempi calamitosi
c suo marito e sua famiglia essendo notoria la sua povert ()
3 settembre 1710
Agostina Barbaro, moglie di Giacomo de Rosa, possiede una terza porzione di casa solarata consistente in mezzo catojo e met
del mezzo solaro sita e posta in detta Citt di Bagnara in contrada Caravilla, con il censo perpetuo di annui carlini quattro e grana
quattro; per causa del fondo di debiti alla Corte ducale di detta Citt ed anche col peso di censo di annui carlini otto e grana tre e
un terzo per capitale di docati 25 dovuti al Venerabile Convento di San Domenico, vende con il consenso, lassenso e il
beneplacito del marito Giacomo, al Signor Vincenzo Sciplino per ducati 62 e mezzo. La casa viene stimata da mastro Giuseppe
Veneziano e mastro Nicola Lombardo ()
24 febbraio 1721
() Agostina Calabr della Citt di Bagnara, toglie il debito di docati dieci che aveva contratto suo marito con la Cappella e
Congregazione del SS. Crocifisso ()
22 gennaio, 1720. 19
Notate: Bagnarote in primo piano che cercarono di superare la terribile crisi cedendo alla fine, ci che possedevano di
pi perezioso e quasi sempre unico bene, pur di sostenere la famiglia. E i compratori furono di alto livello, tutti della
classe emergente, in caccia di terreni e case.
Ma fu una crisi che alla fini si riusc a gerstire.
Messina, vero, era in preda a lotte fra consorterie per il controllo della Citt, con sommosse che durarono fino al 1721
e infine la Citt fu attaccata dagli spagnoli e severamente punita.
Queste circostanze frenarono il tasso di crescita macroeconomico dellentroterra e del Marchesato, e interessarono solo
marginalmente i paesi anseatici del Canale, a cominciare da Monteleone e fino alla Fossa di San Giovanni.
Usufruendo delle aperture contenute nella politica economica del Viceregno e poi dei ministri illuministi di Don Carlos, il
Canale si mantenne fuori dal centro della crisi politica e gest quella economica con sacrifici e coraggio. Lattivit dei
mercanti genovesi e fiorentini in questo senso, aument e aiut il recupero dellArea.
Scilla continu a detenere il quasi monopolio sui commerci fra il Jonio e lAdriatico settentrionale. I felucari scillesi, ai
quali saffiancarono felucari bagnaroti ancorch in misura minore, trasportavano lungo le rotte fra Gallipoli, Ancona,
Venezia e Trieste, con puntate frequenti fra le isole dalmate.
La Fossa di San Giovanni produceva radica di qualit, e nel circondario, si dissodavano per la sistemazione a giardino,
molti campi prima abbandonati.
A Bagnara leconomia sub unaccelerazione straordinaria. La crisi di Messina e le difficolt dellAltopiano a
diversificare la produzione agricola, fecero aumentare la domanda di derrate fresche e di alimenti conservati, oltre ai
manufatti dellartigianato.
La Bagnarota dunque, come fattore indispensabile per lo scambio di secondo livello (i rapporti con i piccoli proprietari, i
negozianti, i mastri di bottega e la vendita porta a porta). Lattivit non contrastava col grande commercio dei Mercanti
per cui la Bagnarota pot operare liberamente sui traffici con lAltopiano e Messina. Il trasporto su Messina avvenne con
speronare, barche a sei remi e due vele di supporto e in molti casi furono le stesse Bagnarote a governare le
speronare, costeggiando verso Scilla e da qui, secondo il flusso delle correnti del Canale, sul Faro o direttamente sul
Porto siciliano.

19 - Per il rimando bibliografico, cfr.: TITO PUNTILLO-ENZO BARILA, Civilt , cit., pg. 172.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 22

A questa intensa attivit, saggiunse lo sviluppo di quelle intorno alla lavorazione del legno e segnatamente la
cantieristica, lesportazione di semilavorati e lattrezzatura di supporto per la manutenzione e il governo delle rasole,
garantita dal lavoro maschile.
La Bagnarota di questo periodo dunque, fu sempre pi un elemento portante dellattivit economica della Cittadina e
questa attivit divenne talmente febbrile che tutti i comportamenti cominciano a tendere verso un processo di
razionalizzazione, guidato dal lavoro maschile: presto e bene.
()Die decima Septima Mensis Januarii, Septime Indictionis, Millesimo Septigentesimo Quadragesimo Quarto (17.1.1744), in Civitate
balneariae, Regnantes.
Nella nostra presenza personalmente costituti Padron Antonio Polejo con alcuni suoi marinari di detta Citt, agente e interveniente alle cose
infrascritte per s e suoi Eredi e Successori, dalluna parte, e Padron Fabrizio Cardone dellanzidetta Citt, agente parimente ed interveniente alle
cose infrascritte per s e suoi Eredi e Successori dallaltra parte.
Asseriscono esse parti verter tra di loro alcune differenze per raggion di conto, che il suddetto Cardone deve dare a P.n Antonio Polejo e suoi
marinari, ed avendono considerato che il dedurre le scambievoli prestazioni alla Corte potrebbe loro cagionarvi dispendj ed interessi oltre li
rancori che dagli liti sogliono nascere, fidati perci della fede, prudenza ed integrit dei Dottori Sig. Don Francesco Sciplini e Sig. Don Vincenzo
Maria Parisio, questi hanno eletti sincome per il presente atto eliggono per loro Arbitri, Arbitratori ed amichevoli compositori, colla facolt di
conoscere de jure e de facto le di loro differenze e quelle determinare, venendo, abulando in qualsivoglia maniera loro piacesse, etiam sine figura
judicis summariae, et de plano, sola facti naturali inspecta.
E promettono alla loro determinazione stare ed acquietarsi senza potersi da quella riclamare proporre rimedio di nullit etiam col loro giuramento
() 20

Come si nota, linfluenza determinate sulle cose della Citt, rest sempre in mano maschile,.

20 - Latto notarile del 1744 del Notaio Vincenzo Sofio e precede di poco la nota controversia fra Clero e Domenicani a Bagnara. Per tutto,
compresa lampia bibliografia, vedi T.PUNTILLO-E.BARILA, Civilt, cit., pg. 164 sgg.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 23

d.- Bagnara e la crisi della Classe Dirigente: Bagnarota, lavoro comunitario e conquiste di territorio.
La lunga congiuntura, che fu gestita in modo eccellente dal piccolo commercio (o di secondolivello), rese
invece a Bagnara precarie le grandi attivit commerciali e questa circostanza stava provocando lacuirsi delle rivalit fra
consorterie, con danni sulla produttivit e il governo delle colture messe a dimora.
Soprattutto lattivit della seta a Bagnara cominci a soffrire di questo inizio di disorganizzazione, di mancata
collaborazione fra produttori. I bachi vennero riposti in stanze anguste, alcune ne erano stracolmi e, non bastando,
occuparono parte delle abitazioni private. La mancata aereazione fece poi esalare un odore nauseabondo al quale i
Bagnaroti si dovettero abituare ben. Il Secondo Strato sociale di Bagnara invece, continu a sostenere leconomia di
base: la filiera diretta produttore-consumatore, attraverso il lavoro dei contadini da una parte e la responsabile attivit
commerciale delle Bagnarote.
La domanda di derrate alimentari fresche provenienti dallorto e dal giardino, unitamente a pesce fresco, uva e agrumi, fu
sempre sostenuta e lAltopiano fu ancora pi ricettivo di prima. Infatti le campagne si stavano sistemando ormai quasi
tutte a ulivo, e cos avveniva anche sulla Piana, soprattutto attorno a Gioja, ove peraltro si piantarono ulivi ma poi, non
curati, crebbero allo stato naturale, creando da l a poco dei veri e propri boschi, dei quali ancora oggi v traccia.
Dunque il raccolto di vigne, giardini e rasole, fu richiesto nel circondario e anche a
CICIRINELLA
Messina, dopo che la Citt riprese il cammino di ottimizzazione delle attivit lavorative.
Cicirinella aviva nu cani
Dunque la Bagnarota della seconda met del Settecento si organizz attuando un
Azzannava i Cristiani
lavoro
pianificato per recuperare efficienza nella logistica e smaltire cos il prodotto
Muzzicava i fimmini belli
presto e bene. La produttivit insomma, raggiunse livelli eccellenti.
Era u cani i Cicirinella
Il trasporto avveniva a mezzo di larghe ceste portate in equilibrio sul capo. Le
Bagnarote pi robuste portavano anche un ampio lenzuolo di arbascio entro il quale si
metteva la minutaglia (limoni, mandarini, zinzuli, luppino, ecc.) che poi si legava a m di
sacco da portare a braccio o a m di bisacciera.
Le Bagnarote in genere raggiungevano la Livara ove si formavano le squadre. Le pi giovani si avviavano veloci
raggiungendo in sequenza i diversi punti di riferimento lungo la strada sterrata che conduceva allAltopiano della Corona
ed era seguita dal grosso della carovana, formata dalle Matriarche con i carichi pi pesanti e di valore. Alla retroguardia
stavano Bagnarote con carichi pi leggeri. I gruppi si distanziavano alla voce in modo da soccorrersi a vicenda in caso
di aggressioni. Ma lungo la storia dal Seicento allOttocento, non si conobbero casi di attacco alle Bagnarote da parte di
briganti che, pure, stavano ai passi e nel Grande Bosco di Solano. Si consideri che i viaggiatori che attraversarono quel
tratto della Bassa Calabria, si dotarono a Palmi di scorta armata e di un pilota, per evitare lassalto dei briganti. 21
Raggiunto lAltopiano dopo Pellegrina, la carovana si divideva secondo le mete: Palmi, Sinopoli SantEufemia e
Aspromonte Centrale, Solano e Aspromonte Meridionale.
I trasporti erano in genere cos distribuiti:
ADA FONZI, il fratello del littorio,
Bollati Boringhieri, Torino 1990, pg. 20.

Colonna davanguardia: giovani Bagnarote molto veloci. Frutta e verdura fresca, legumi, ortaggi.
Colonna centrale: possenti Matriarche. Pesce fresco e conservato. Frutta e Verdura fresca, legumi, prodotti artigianali,
minutaglie.
Colonna di retroguardia: Bagnarote anziane. Frutta e Verdura fresca, ortaggi.

Le Bagnarote erano armate. Sotto le saje ondulate portavano la fondina che ospitava un lunghissimo coltello affilato e si
sostenevano nellincedere con un bastone lungo quanto la loro altezza, bastone che sapevano adoperare con incredibile
maestria.
Erano le Matriarche le pi temibili perch operavano la difesa a quadrato entro il quale stavano le altre (le giovani e le
anziane) pronte alla successiva difesa. Il quadrato di difesa era dunque un pullulare di roteanti bastoni e luccicanti
coltellacci, mentre da esso proveniva un unico, spaventoso urlo di guerra e rabbia, fra il digrignare di denti e sguardi di
inaudita ferocia.
Cera praticamente nessuno in grado di batterle.
Ma quando raggiungevano i mercati di sbocco e trattavano davanti alluscio
delle abitazioni la vendita del prodotto, divenivano disponibili e gentili,
conservando, a detta di testimoni nel tempo, austerit e un cipiglio che le
altre donne calabresi non possedevano; era il retaggio della Bagnarota
dello splendido isolamento.
Una differenziazione va evidenziata.
Le Bagnarote della Montagna di questo periodo operavano in
cooperativa, nel senso che il trasporto spesso era comunitario e si
provvedeva successivamente a ripartire le competenze.
Fu cos anche per le Bagnarote della Marina, cio quelle che seguivano i
percorsi della riviera verso Scilla ove si concentravano le merci da
traghettare e infine le Bagnarote che si organizzavano in equipaggi per
governare le speronare che salpando da Bagnara, prendevano da l la rotta
Modello di Speronara
per Messina.
Una osservazione: il commercio di primo livello mai si pose il problema dellespansione verso linterno, per
ragioni logistiche (mancanza di strade rotabili) e di business. In effetti la capacit di acquisto degli operatori
dellAltopiano, non fu considerata bastante. Il tutto ad esclusione della seta, che ebbe a Seminara ancora il suo punto di
raccordo per le destinazioni continentali.
21- TITO PUNTILLO, Donne di Bagnara, LObiettivo, a.IX (1985) nr. 64.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 24

Chi ebbe capacit e opportunit per emergere, non pot che seguire i canali gi aperti e consentiti dai
collegamenti con Reggio e Messina o con i trasporti mercantili delle rotte con Napoli, Genova, Marsiglia.
Si perpetu infine, lisolamento fra le comunit della Bassa Calabria. Non vi fu sintonia fra le comunit; ognuna viveva
per proprio conto, senza cercare di amalgamare gli interessi comuni, unire gli sforzi, darsi maggior capacit produttiva e
aumentare i valori di scambio.
Sulla marina, Bagnara, Monteleone, Scilla, Palmi, migliorarono le condizioni e dunque i livelli di lavoro e reddito. Su
queste localit si espresse una nuova classe di mercanti attorno ai quali si coagul lo svilupo di un commercio
specializzato, quasi di nicchia, facendo funzionare, per effetto riflesso, le strutture comuni.
Ma questa positiva lievitazione delleconomia locale, sembr arrestarsi quando la mancanza di potenziamento e
miglioramento dei fattori di produzione nei mercati calabresi e la mancata ricerca di nuovi mercati di sbocco, inizi a
saturare il macro-rapporto domanda-offerta.
Per Bagnara allora, lespansione verso linterno torn ad essere lunica opportunit positiva.
Ecco perch lattivit delle Bagnarote continu febbrile, garantendo che la produzione di qualit portata avanti dai
contadini, giungesse ai consumatori dellAltopiano, di Reggio, Messina e la riviera fino a oltre Tropea, trasformando i loro
bisogni secondari in bisogni primari e come tali, assolutamente necessari.
Peggiorarono per, come gi notato, i rapporti sociali fra gli abitanti di Bagnara, per effetto della incipiente
saturazione delle capacit economiche espresse dalle singole componenti del commercio di primo livello e lavanzare di
artieri, padron di barca, piccoli proprietari-produttori, per i quali saprirono nuovi spazi di opportunit al seguito delle
attivit produttive gestite dal commercio di secondo livello.
La Bagnarota consolid ancora le posizioni gi favorevoli, presenti nella dinamica commerciale del Canale, protetta da
una forza desunta dellindipendenza assoluta della propria sfera di attivit. La Bagnarota del Settecento erede delle
grandi Bagnarote dellepoca del Priorato e anche prima, commercializzava adesso ci che la famiglia produceva, in un
ambiente strutturato come una piccola azienda divisa in Reparti o meglio in Centri di Responsabilit:
-

la Produzione, la Manutenzione (gestiti dal marito e ai figli maschi),


il Trasporto e la Commercializzazione (gestiti dalla Bagnarota),

nellambito, ripeto, di ununica unit produttiva. E per rafforzare le posizioni e rendere efficace il gi efficiente sistema
logistico-commerciale, si consorziava con lobbiettivo di diversificare lofferta e quindi la presenza anche nella lontana
periferia delle zone dinfluenza.
Una donna manager dunque in pieno Settecento e nel cuore della Bassa Calabria.
Un fulgore che raggiunse il massimo allinizio degli Anni Ottanta del Secolo.
Ma ancora una volta la rappresentazione di questo tipo di Bagnarota ben lontano, lo avrete notato, dal
concetto di Matriarcato inteso come potere dominante che tra laltro, proprio in questa fase storica, vide gli esponenti
delle Congreghe, gli Eletti col Sindaco in testa, il Duca e il suo corteggio, i Magnifici, gli emergenti, in prima linea nella
22
gestione delle sorti della Citt e i rapporti, i difficili rapporti, con i centri vicini e Reggio.

22 - Su questi aspetti cfr.: T.PUNTILLO-E.BARIL, Civilt dello Stretto , cit., passim.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 25

e).- Il 1783 e il declino del commercio bagnarese verso lAltopiano


Dal 5 febbraio 1783, il Grande Terremoto cominci a cancellare la realt magica del Canale, le sue espressioni
e manifestazioni.
Il tessuto sociale ed economico entro il quale la Bagnarota si muoveva certa e sicura, fu annientato, in molte particolarit
per sempre.
Morirono quasi tutti i mastri e i lavoranti che operavano nelle piccole botteghe del quartiere e le poche donne,
quasi tutte anziane, che stavano nelle abitazioni.
Notevole la percentuale di decessi anche fra i contadini, soprattutto i rasolari, sepolti dalle imponenti frane di Cocuzzo,
Malarosa, Sirena e la lunga Costiera fin sotto Palmi.
La ricostruzione inizi fra notevoli difficolt.
Le frane delle abitazioni crollate luna sopra laltra fra strettissime viuzze a Purello, resero impossibile raggiungere le
migliaia di morti
Si salvarono solo le Bagnarote che stavano in giro a commerciare e quelle che si trovavano in campagna, ai Piani della
Corona.
I danni alla struttura agricola furono rilevanti, aggravati dal disseccamento di molti corsi dacqua.
Dopo tre anni da quellevento, le condizioni della Cittadina continuavano ad essere infelici. Il 16 Ottobre 1786 il dottor
fisico Don Saro Messina-Spina convoc un Parlamento Generale nel quale espose al popolo bagnarese superstite, le
condizioni infelici dellUniversit e port a conoscenza di tutti come egli, appoggiato dai magnifici e dai
galantuomini di Bagnara, era ricorso invano presso il Maresciallo di Campo Principe Francesco Pignatelli, Vicario
Generale del Re per le Calabrie, onde ottenere il ripristino della Gabella del Guadagno e che sera a mala pena riusciti
ad ottenere un piccolo prestito dalla Cassa Sacra e limposizione di una Gabella del Minuto per sopperire ai pesi forzosi
23
dellUniversit da esigersi nella immissione e n soli passi.
Purtroppo la situazione non miglior comera nelle previsioni, perch lintero sistema agricolo bagnarese era
praticamente franato e i rasolari riuscivano a rimettere a dimora poche colture, anche per la mancanza dacqua, perch
la rete idrica praticamente non esisteva pi.
Uneconomia paralizzata dunque, e la circostanza coinvolse anche i grandi mercanti e possidenti, perch i flussi
provenienti dallAltopiano erano drasticamente diminuiti.
Quello che si stava verificando, fu lirrigidimento nel comportamento delle persone.
Si andavano rarefacendo le manifestazioni di giubilo, le feste laiche, perfino i giochi dei fanciulli sulle strade. Il
comportamento stava divenendo asciutto, essenziale, privo di particolari non necessari e soprattutto la dedizione al
lavoro stava divenendo maniacale avendo per effetto riflesso, la venerazione del nucleo familiare, ove lo spirito e il
corpo, la sera, potevano ritemprarsi, ma solo perch il giorno successivo, il lavoro potesse riprendere con maggior lena.
La Bagnarota speriment in questo durissimo periodo della storia bagnarese e in generale della Bassa
Calabria, quanto potesse essere duro rimettere in sesto le rasole per reiniziare a coltivare e raccogliere, per poi
interagire con un ambiente paralizzato, incapace di riprendere con tenore sostenuto, il processo del miglioramento
sociale ed economico del Canale.
Nellambito del sottosviluppo che si gener dallAltopiano alle coste dello Stretto, la Bagnarota si trov improvvisamente
in una condizione di subalternit, quasi a dire che dovette dipendere dalle circostanze economiche per continuare a
24
gestire le rasole.
La Bagnarota di fine-secolo dunque, lott per difendere, insieme a tutta la sua famiglia, la rasola e il proprio circuito
commerciale, ma dovette spostare lasse verso lo Stretto, anche perch i processi che savviarono per la ricostruzione,
furono pi marcati e veloci proprio lungo il Canale.

23 - Questa normativa entr in vigore nel 1787, in concomitanza con la riscossione del prestito ottenuto dalla Cassa Sacra.
La bibliografia in: T.PUNTILLO-E.BARILA, Civilt, cit., pg. 199.
24 - Il prof. Rosario Villari estende questi concetti al mancato collegamento fra lavoro contadino e sviluppo complessivo delle capacit produttive
dellintera societ. Il mancato sviluppo di questultima, induce il lavoro contadino in un stato di vischiosit, che quindi si atrofizza nel
tradizionalismo. La vanga sar dunque sempre loggetto primario del lavoro sui campi, e perdurer lassenza di attrezzi agricoli moderni. Nessuna
tecnologia perch nessuna innovazione strutturale avveniva nellintera societ.
(ENZO CREA, Immagini di persone in Calabria, con una Introudione di Rosario Villari, Edizioni dellElefante, Verona 1982, pg. 14/15)l

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 26

f).- La ricostruzione: la fine dellazienda contadina familiare e declino conseguente della figura della Bagnarota
responsabile in proprio del commercio di secondo livello
Ci vollero pi di dieci anni prima che una parvenza di ripresa economica e un riassestato sistema di sentieri,
consentisse alla Bagnarota di riprendere lattivit commerciale. Ma non fu pi come prima del Grande Terremoto.
La ricostruzione fece aumentare la domanda di lavoro specializzato (carpentieri, muratori, vetrai ecc.) e la dedicazione al
riassetto delle campagne e delle rasole richiese fatiche enormi alle famiglie di contadini. Ma alla fine sul litorale si
cominci a tornare alla normalizzazione delle attivit.
Non cos nellentroterra ove la furia del Grande Terremoto sera formata. Le economie locali si focalizzarono sulle grandi
estensioni di ulivo e una residua attivit legata alla seta. Palmi stava recuperando una buona identit e la ricostruzione
era stata ben pianificata e veloce. Ma altrove, fra gli sparsi centri dai Piani della Corona ad Aspromonte, le condizioni
erano ancora terribili, soprattutto quelle dei rapporti sociali.
La Bagnarota che con suo marito e la sua famiglia riusc a ripianificare la propria condizione domestica e
rimettere in sesto le rasole, non pot che rivolgersi con pi frequenza sul Canale, Reggio e la strada sterrata
dellAffacciata che conduceva a Palmi e, da qui, Gioja e Rosarno.
Ma ci furono gruppi di Bagnarote, anche consistenti purtroppo, che avendo perso la famiglia e i beni, adesso
cominciavano a prestarsi per commerciare e trasportare beni altrui. La Bagnarota stava dunque perdendo la
configurazione mitica di essere libero e capace di collocare beni prodotti nella sua azienda e iniziava a divenire un altro
soggetto, una donna forte, abituata ai lunghi trasporti di pesanti carichi, avvezza a superare difficolt logistiche
impossibili per gli altri, a risolvere immediatamente problemi di qualsiasi tipo, legati al trasporto, al clima mutante
allimprovviso, alle sorprese possibili lungo la via quali animali selvatici e briganti, ora vendeva la propria capacit
lavorativa a un acquirente e per questi, iniziava a lavorare.
Il fenomeno principale che si nota in questo periodo dunque cos sintetizzabile:

Le Bagnarote che possedevano ancora una famiglia e lattivit di un campo, una vigna, una bottega, non
avevano pi la possibilit di gestire anche la commercializzazione del loro prodotto, impegnate comerano
nellopera di ricostruzione o perch avevano avuta la famiglia dimezzata dal disastro o anche perch gli uomini,
i figli, erano impegnati per loro stessi e per gli altri contadini.

Al mattino presto, prima delle cinque, queste Bagnarote portavano la merce ai punti di raccolta. Qui le
Bagnarote disponibili attendevano con le ceste ove la sera prima avevano gi deposto le merci ricevute dai
commercianti e dagli artigiani. Acquistavano questa merce o contrattavano con le cedenti il valore che
avrebbero ricevuto dopo la vendita del prodotto nei luoghi di destinazione.

Formato il carico, intorno alle cinque (ma qualche carovana sincamminava gi poco prima delle quattro) le
Bagnarote affrontavano lerta dellAffacciata verso Palmi, o il litorale verso Scilla.

Fra le otto e le dieci di mattina, la merce era gi proposta per la vendita da Rosarno a Reggio a Messina. Alle
cinque del pomeriggio, le carovane rientravano ma adesso con le ceste stracariche di merce domandata dalla
Cittadina o da quelle vicine, alle quali sarebbe stata venduta la mattina seguente.

Dunque la Bagnarota di fine Settecento, comprava la merce da una fonte economica e la rivendeva a un
altro soggetto economico dal quale spesso acquistava per rivendere altrove. Serano per converso ridotte
in modo sensibile, le Bagnarote autonome.
E questa figura di Bagnarota dedicata alla compravendita, che si conosce e si celebra anora oggi.
A maggior ragione e per quanto esposto, certamente questa figura non pu ricondursi a quella di una Matriarca
dai poteri di governo illimitati!
Potremmo definire il post-terremoto come il circuito della ricostruzione al quale la Bagnarota partecip in modo
sostanziale dopo essersi riconvertita da operatore commerciale autonomo a commerciante-viaggiatrice dedita alle
operazioni di scambio.
Furono tempi di grandi sacrifici per la Bagnarota.
Il clima sociale divenne teso, si viveva in mezzo alle macerie e ai morti che ogni tanto sintravvedevano sotto qualche
zolla dissodata e lungo viottoli pericolosi; la fame aleggi ovunque. E poi le epidemie di tifo, linvasione della malaria
dovuta alle acque stagnanti e la psiche della gente talmente sconvolta da bloccare le funzioni vitali, compresa la
capacit di procreare.
Cari lettori: nasce cos, dopo il 1783, lo rimarco ancora, la Bagnarota cos come oggi la immaginiamo e la
interpretiamo, dunque con forti limitazioni.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 27

La Bagnarota Moderna non si limit a carriare un carico di ceste o viaggiare con le saje dondolanti per
andare a vendere in cima al mondo, la Bagnarota Moderna, erede di quella che abbiamo visto in giovent e celebriamo
ai nostri giorni, fu una femmina che aveva perso lautonomia lavorativa riconvertendosi a un lavoro squisitamente
commerciale, basato sullacquisto di un bene e la sua vendita altrove ove per si acquistava un altro bene e si vendeva
ancora altrove e cos via e pi avanti si giunse alla figura della Bagnarota che vendeva la propria forza-lavoro per poter
contribuire al sostentamento delleconomia familiare.
Fu la fine di un mito, un grande mito che ebbe come riferimento direttamente il Gran Conte Ruggero il Normanno, lo
splendido isolamento delle Bagnarote Normanne e la naturale evoluzione: la Bagnarota dellEra Medievale e della
prima Et Moderna: la Matriarca alta, bella, dallo sguardo fiero e i modi mascolini ereditati dallEt Militare della
Balnearia, custode dei principi etici del lavoro come gratificazione della vita familiare e compartecipe insieme al suo
maschio, della gestione imprenditoriale della propria azienda.
La natura e il ritardo terribile nello sviluppo della societ civile in Calabria, ridimensionarono la figura della Bagnarota
riducendola a lavoratrice spesso occasionale e comunque disponibile a lavorare ma oramai non pi solo per il proprio
business.

Filastrocca dei bambini


di Bagnara
Cala cala cicaleja
Ca ti mbogghiu nta pareja.
A pareja esti china rogghiu,
cala cala ca ti mbogghiu
(TOTO VIZZARI, Modi di dire con detti proverbiali, motti, filastrocche del
dialetto bagnarese, a cura dellAssociaz. Culturale Capo Marturano, Ediz.
Ofdficina Grafica, Villa S.G. 2006, pg. 23)

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 28

g).- La Bagnarota fra guerra civile, invasione francese e restaurazione. I massacri di Bagnara.
Questo dunque lo scenario ove oper, dopo il Grande Terremoto del 1783, la Bagnarota.
I massacri e le violenze non cessarono ed anzi ebbero recrudescenze continuative durante la Repubblica Partenopea
del 1799 e ancora durante il periodo francese col regno di gioacchino Murat.
Circostanze che videro coinvolte anche molte Bagnarote.
Usciti i Francesi da Bagnara dopo la battaglia di Maida, per correre in aiuto del Generale Reynier, Bagnara rimase in
mano ai briganti filoborbonici, nel vuoto temporale prima dellarrivo degli Inglesi da Messina.
Il Brigante Fica cal dunque in Paese pretendendo che tutti i Galantuomini si radunassero sulla Piazza del Mercato
(ora Piazza G.Denaro), e seppe che in casa Spina, forse la famiglia pi odiata dai Briganti bagnaroti, vi era della gente.
Donna Maria Giuseppina Spina era una Bagnarota colta, bellissima e dai modi garbati. Si era sposata con Don Peppino
Versace Spina ed era in effetti in casa con la sua famiglia mentre il marito sera rifugiato a Messina per sfuggire a una
certissima esecuzione sommaria.
Pensava ella che stando ritirata in casa propria, nulla le potesse accadere e quindi, per non creare disagio alla sua
famiglia, prefer non seguire i Francesi nel ripiegamento su Monteleone.
I Briganti circondarono labitazione e quindi la incendiarono senza curarsi se fosse abitata o deserta.
La donna e i bambini saltarono da una finestrella che dava sul cortile e fuggirono aggrappati lun laltro e a testa bassa e
quella corsa li pose in salvo mentre la casa era avvolta dal fumo acre dellincendio.
La povera donna era incinta e quellesperienza la prov per sempre. Dalle alture dei Cappuccini a Messina, Don
Peppino Versace osservava col cannocchiale il fumo della sua abitazione piangendo di disperazione. La famiglia si
rifugi in casa di amici fidati e quindi fu portata a Palmi in salvo.
Fica era il soprannome di Francesco Zagari, un rozzo Bagnaroto che aveva stretto alleanza con la banda Farao di
Pellegrina, la banda Malovento di Solano e le bande Fazio e Ronca operanti sullAltopiano.
Avevano tutti a Bagnara il supporto di Peppino Sofio, detto il Diavolello.
Fica fu in grado di armare una banda terribile composta (non sono stato in grado, per il momento, di associare i nomi ai
soprannomi): oltre ai Farao, i Grillo, Carminuzzo, Ticaffo, Colarino, Ciancianoso, Corazzo, Iona, Micidaro, Bannello,
Ciccione, Manale, Forgarello, Occhiuzzi, Castagnella, Maisi, Bascio, Labruzzi, Pisciallaro, Branca, Totto, Tat e alcuni
membri della famiglia Zoccali.
La banda attacc le abitazioni ove risiedevano le famiglie di coloro che avevano seguito i Francesi a
Monteleone.
Il Notaio Don Carlo La Piana fu scoperto in casa Saffioti ove si era rifugiato.
Fu trascinato per le gambe sulla strada ove gli vennero cavati gli occhi e quindi fatto a pezzi con accette da macellaio. Il
figlio Peppe venne battutto su tutte le ossa e gettato in una fetida galera ove mor poco dopo dasfissia.
Quindi diedero la caccia e trovarono il giurista Don Giannino Messina. Lo pugnalarono allaltezza dellintestino per fargli
versare le viscere nel mentre lo trascinavano lungo la via e in mezzo alla strada lo finirono a calci.
Tocc poi a Don Mimmo Messina e Don Peppino Caruso al quale tagliarono col rasoio la mascella inferiore da un
orecchio allaltro, cos che morisse lentamente fra infiniti strazi.
Non anticipo oltre i terribili episodi del massacro di Bagnara, che, per i pochissimi che la conoscono, si interpreta come
una vergogna imperdonabile, ripeto, ancora oggi, man mano che i fatti si svelano, per tutti i contendenti: francesi, inglesi
e briganti medesimi.
Cito solo il ruolo che ebbero alcune Bagnarote in quei frangenti.
I cadaveri delle persone trucidate dai Briganti, si stavano caricando
su dei trasporti con destinazione il cimitero, quando una torma di
DONNE DI CALABRIA
Bagnarote, fedeli alleate dei Briganti, raggiunse quegli uomini feroci
Lusata e pomposa frase emancipazione della donna e, minacciando e bestemmiando in modo osceno, impedirono quella
non pu ragionevolmente significare se non che sepoltura, si impossessarono dei cadaveri e li condussero al Pinno,
emanciparla dalla miseria e dallignoranza; le due da dove li precipitarono nel vuoto affinch fossero pasto per i cani.
fonti perenni e quasi uniche di ogni suo pi grave Comandava questa torma scatenata, una certa Catuzza Gentilomo,
sconforto.
conosciuta come La Catinota, che peraltro aveva la famiglia
verr rintracciata,
(CESARE TROMBETTA, La Calabria di Cesare rifugiata a Messina. Al ritorno dei Francesi,
25
Lombroso, tip. Del Giornale del Sud, Catanzaro 1898, pg. arrestata e giustiziata sulla pubblica piazza.
Non ritengo necessario continuare un racconto che sar
109)
esposto in ogni suo feroce dettaglio in un mio studio dedicato alle
dure fasi del Brigantaggio a Bagnara.
I fatti terribili durarono fino a tutto il 1815 ma poi proseguirono in lotte fra famiglie.
Bagnara soffr ancora per molto tempo i riflessi di quella carneficina.
A questo stato terrificante della societ bagnarese, si aggiunse lira della natura che nel 1816 si scaten con un uragano
di quattro giorni alla fine dei quali, i torrenti strariparono e fu un disastro per la gi dimessa economia Bagnarota.
Dopo la Restaurazione si tent di riorganizzare la dissestata Cittadina anseatica, la cui unica colpa fu esser stata patria
di liberali giacobini ma anche di difensori fedeli della Monarchia Borbonica, ed entrambi gli schieramenti proposero
elementi militanti che si distinsero in battaglia, nellorganizzazione delle Armate, nella politica locale.
E anche le Bagnarote parteciparono alluno o allaltro gruppo, vittime e attrici, di volta in volta, dei fatti, del massacro di
Bagnara.
Vionenze e precariet che durarono fin oltre il passaggio di Garibaldi da Bagnara.
Altro che Matriarcato!

25 - Il materiale documentario conservato a Torino, archivio privato

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 29

La Bagnarota riattiv un suo circuito verso linterno e verso Palmi, Gioja e Rosarno, verso la fine del XVIII
secolo; ma adesso non erano pi le carovane che si spostavano in base a una perfetta organizzazione militare, ma
gruppi che col tempo si stabilizzarono in unorganizzazione di routine: sempre lo stesso percorso e la medesima
quantit e mix di prodotto da offrire, alle stesse persone o negozi finali.
DAgostino nel 1922 descrisse le comitive di Bagnarote con entusiasmo, paragonandole a una organizzazione militare; si
tratt di una replica estremamente ridotta rispetto a come le Bagnarote organizzarono le loro spedizioni fino a tutto il
Settecento.
Le Bagnarote che si spostavano verso Reggio e Messina, gestirono occasioni allargate, oltre ai circuiti normalizzati.
Esercitarono anche il contrabbando, sulla scia delle loro antenate, specializzate nel traffico della seta, col trasporto dei
bozzoli pronti alla schiusa, in mezzo alle mammelle e sotto le ampie gonne ondulate. Il contrabbando fu al minuto e si
rifer a tutte le merci sottoposte al controllo del Regio Fisco sulle transazioni al mercato degli scambi.
Oggi diremmo che si evitv di pagare lIVA.
La Bagnarota proprietaria di qualche rasola, non ebbe pi, come evidenziato, una azienda capace di garantire prodotto
da offrire in buona quantit e ampio mix e quindi coprire le spese del campo o della rasola oltre al sostentamento della
famiglia.
Le Bagnarote rimaste senza famiglia e senza propriet, perch distrutte dal Grande Terremoto o perch ridotte in
povert a causa delle guerre e devastazioni, si ritrovarono ai punti di raccolta, ma offrendosi per il solo trasporto.
Compravano tutto o sincaricavano di vendere il prodotto altrui percependo una percentuale sul guadagno.
Fu facile confondere questa donna divenuta solitaria perch vedovata a ventanni per cause naturali, di guerra, di
epidemie, di emigrazione, con una donna padrona della situazione avendo il marito un ruolo assolutamente defilato.
Una Cittadina dunque, ove si esercit il Matriarcato in modo assoluto?
Non fu cos, la nomea prese piede velocemente sullerrore iniziale e si moltiplic nel tempo e nello spazio.
La conseguenza fu che una Donna rimasta priva di tutto e che comunque fu in grado di resistere e addirittura rinascere,
venne indicata come lunica capace di lavorare nella sua famiglia, dimenticando che la sua famiglia, nella maggior parte
dei casi, in pratica non esisteva pi.
Nel tempo linterpretazione non si corresse e a lungo andare, anche quando le famiglie si ricostituirono sulla seconda e
terza generazione unitaria, la presenza sul territorio di quella Bagnarota ancora bella, alta, dallo sguardo fiero e la voce
sonante, venne interpretata come elemento dominante del Matriarcato bagnaroto, anche se il marito stava sulle rasole o
a mare a buttare sangue per recuperare proprio quel poco che la moglie, la Bagnarota, avrebbe poi proposto per la
vendita inssieme allaltra merce di scambio.
Questa la Bagnarota dellOttocento.
Nove anni prima di Lear, un altro inglese, pittore illustre anchegli, aveva viaggiato a piedi lungo la Calabria,
raggiungendo Bagnara il 6 maggio 1838.
Ci interessa perch John Arthur Strutt ritrasse una Bagnarota, affascinato dal suo costume che poi descrisse nelle sue
note a margine.
Leggiamo dunque come Strutt vide la Bagnarota, nove anni prima di Lear e a poco pi di trentanni dopo la strage anglofrancese.
26
Si tenga conto che questa la prima descrizione del costume della Bagnarota che si conosca:

26 - Arthur John STRUTT, A pedestrian tour in Calabria & Sicily, T.C.Newby ed., Londra 1842, traduz. In italiano: Calabria e Sicilia 1840,
avventure di un Inglese nel Mezzogiorno borbonico, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1970, pg. 207.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 30

Discendemmo a zig-zag verso Bagnara, dove sostammo brevemente, tentati dallaspetto di alcuni fichi verdi fatti
maturare prima del tempo con segni precisi incisi con la punta di una spina.
Ne avemmo nove per tre tornesi, una moneta del valore di un farthing. Ma anche ci
fermammo per ritrarre una donna il cui costume ci sembr molto pittoresco.
Ella indossava una giacca larga su di un giubbetto azzurro allacciato davanti, un
grembiule verde corto e una sottana bianca; i piedi erano nudi; i capelli intrecciati con
nastri azzurri, erano attorcigliati intorno alla testa, sulla quale portava invece di tenerlo in
mano, un piccolo vaso di perfetta forma classica.
La naturale dignit del suo incesso assicurava la stabilit del contenuto del vaso.
Viaggio del maggio 1838.
Una fascia temporale dunque, entro la quale, in trentanni, la Bagnarota ci appare ormai
in uno standard lavorativo assestato, cos come pocanzi abbiamo provato a delineare.
Come possiamo provare a immaginare visivamente il costume della
Bagnarota di Sir John Strutt?
Nel 1829 due grandi stampatori napoletani, Domenico Cuciniello e Lorenzo Bianchi,
pubblicarono a Napoli un album litografico (uno dei primi, splendidi esperimenti
dellepoca in Italia), che conteneva il risultato di un viaggio lungo il Regno di Napoli, per
la formazione di una vista dinsieme di vedute, costumi e usi. 27
Il costume della Bagnarota, nel 1820, data della riproduzione in loco, quello qui di
seguito riprodotto.
Probabilmente le differenze fra Cuciniello & Bianchi (1820) e Strutt (1838), derivano
dalla circostanza che nel 1820 Cuciniello & Bianchi ritrassero la Bagnarota in abito da
festa e Strutt la disegn cos come le apparve sulla via. Se ne pu esser certi perch
durante le giornate lavorative, la Bagnarota camminava scalza e cos fu sempre.
Come si nota, il costume della Bagnarota nel 1820 sub,
fino alla descrizione di Strutt del 1838, solo qualche
tratto evolutivo: nel 1820 la giacca sempre larga
sopra un giubbetto rosso sempre allacciato davanti. Il LA BAGNAROTA NEL 1894
grembiule appare sempre verde ma pi lungo e la sottana non bianca ma rossa come
il giubetto; ai piedi la Bagnarota del 1820 porta un paio di scarpette nere; i capelli sono
sempre intrecciati forse con nastri azzurri, e comunque sempre attorcigliati intorno alla
testa, sulla quale non porta il vaso ma una corona che scende poi come velo lungo i
fianchi.
Probabilmente fa riferimento proprio allopera dei due valenti litografi napoletani, la
collezione di immagini che Gustavo Valente diede alle stampe nel 1993, affidando a
Antonio Cicala la confezione di quelle immagini.
Mutano talvolta i colori, ma il rosso prevale, anche se la
giacca quasi sempre nera.
Eppure Valente non fa menzione delle litografie di
Cuciniello & Bianchi anche se, rapportando la stampa
con quella dei due litografi napoletani, la somiglianza
notevole. 28
La Bagnarota
di Gustavo Valente

Come cambia il costume della Bagnarota nel tempo?

La prima documentazione che, a mia conoscenza, abbiamo disponibile, una fotografia


del 1894 ove per la prima volta venne inquadrata, seppur in secondo piano, una
Bagnarota fra le macerie di una casa distrutta dal Terremoto del 1894.
La fotografia conservata presso la Biblioteca Reale di Torino.
Ho riprodotto la fotografia qui di seguito per esteso, ricavandola dalla prestigiosa Storia
dItalia della UTET, e da essa ho ritagliato langolo ove appare la nostra Bagnarota.
Ecco dunque la nostra prima Bagnarota fotografata dal vero, ed una Bagnarota del
1894.
E sorprendente la somiglianza del costume con quello del 1820, cio di pi di
settantanni prima.
Non c la giacca, che per un capo da festa, ma un corpetto sicuramente cucito a
mano perch aderisce perfettamente al busto della Bagnarota.
La gonna lunga e rilasciata, con leggere ondulazioni e sulla stessa gonna, il grembiule
lungo come quello della stampa del 1820.

La Bagnarota nel 1820


Stamperia di Cuciniello & Bianchi
Napoli 1825

27 - D.CUCINIELLO-L.BIANCHI, Viaggio pittorico nel Regno delle Due Sicilie, dedicato a Sua Maest il Re Francesco Primo, Codimel ed.,
Napoli 1829, ristampato a Napoli nel 1978 in 3 vol. presso Comedil ed.
28 Costumi di Calabria, immagini e luoghi, a cura di Gustavo Valente, disegni di Antonio Cicala, Laruffa ed., Raggio C. 1993 su una precedente
edizione dello stesso editore del 1985.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 31

Sul capo un ampio fazzoletto nero, e questa del fazzoletto la vera variante rispetto al 1820.
Questo costume per menare non mut superando anche il Grande Terremoto del 1908 e fu solo allesordio degli Anni
Cinquanta nel Novecento, che compariranno le saie a piccole pieghe e con la lunghezza accorciata fino al ginocchio in
molti casi.
Il corpetto della Bagnarota del 1894, fu sostituito da un corpettino attraversato da un elastico appena sotto i seni, il
fazzoletto piegato dietro la nuca.
Ometto la pubblicazione di questi ultimi costumi perch a tal punto essi sono patrimonio di tutti perch presenti in
numerose pubblicazioni, anche disponibili su questo sito.
Manca invece, del costume moderno della Bagnarota, quello della festa.
I miei ricordi di giovent, cio di pi di cinquantanni fa, me lo fanno ricordare appena.
Durante la festa della Marinella e quella dellAssunta, le Bagnarote della Marinella e della Bajetta venivano in
Centro per assistere alle processioni e indossavano delle stupende saje di seta ricamata, dai colori variegati e un
corpettino in genere di organzino ricamato, sul quale erano applicate pietre naturali scintillanti e numerosi nastrini
argentati.
Il fazzoletto era di seta purissima, ampio, bello da morire e cingeva il capo di queste donne incantevoli.
Ci sar ancora in qualche armadio della Marinella o della Bajetta, un costume del genere?
Che gioia immensa per chi ha gi una certa et e che esperienza unica per i bambini e i ragazzi di Bagnara sarebbe
mostrarlo nel suo splendore.
La gente capirebbe allimprovviso chi fu veramente la Bagnarota!
Nel senso di un soggetto economico e sociale capace di percepire il gusto del bello, di mostrare che anche la Bagnarota
e il suo grande Paese, furono una volta prosperosi e ricchi di civilt, quella che si desumeva dal lavoro nella famiglia.

CANTO DELLEMIGRANTE
CALABRESE
Romani partu, piacendu a Ddiu
E cullamici mei marracumannu;
si partu ku duluri u sacciu,
u sannu locchi mei ki chiantu fannu,
ahi quandarrivu ristinu meu,
intra na littira cori ti mandu,
ma ritornu nun sacciu quando.
Partu ka su custrittu ri partiri.
E cuntrariu n pozzu fari,
chianti, lamenti e suspiri
n mi fammi di tia licenziari
se ti veni nova r m morti,
bella, fammi tu funerali.
Assettiti nd scaluni ra porta
Ghiangimi suttuvuci e n grirari
(CESARE TROMBETTA, La Calabria di Cesare Lombroso, tip.
Del Giornale del Sud, Catanzaro 1898, pg. 82)

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 32

Solano di Bagnara dopo il terremoto del 1894


fotografata da Pietro Rebuschini il 16.11 1894

Leggiamo cosa scrisse Pietro Rebuschini di quei tragici giorni a Bagnara (P.REBUSCHINI, In Calabria. Impressioni ed istantanee,
Tip. Cooperativa Comense, Como 1895, da pg. 60):
Lalba del 29 (agosto)ci trov in completo assetto di marcia perch quel giorno si doveva compiere una lunga escursione
nellaltipiano per visitare localit che ci erano state indicate come delle pi danneggiate e delle meno soccorse perch fuori mano.
Infatti, per arrivare al ciglio dellaltipiano dovemmo inerpicarci () attraversammo fitte boscaglie di castagno e verdeggianti
praterie ci portarono al paesello di Melia () giunti al paesello, composto tutto di miseri tuguri, non trovammo che una rovina: gli
abitanti, circa 600 tutti poverissimi, nella mancanza di ogni soccorso, vivevano a circa un mese riparati in orribili capanne di
frasche e terra, come tane di lupi ()
Scendemmo pio a Solano inferiore, frazione del comune di Bagnara costruita, come un nido di aquile, sullorlo di una profonda
valle () potei prendere la veduta della piccola borgata che appariva in qualche punto come un mucchio di rovine: quivi si ebbero
anche parecchie vittime, nella sola chiesa per la caduta della volta del coro, si ebbero sei morti e tredici feriti. Trovammo ospitalit
in un crollante casino del deputato Patamia dove erano stati ricoverati tutti i santi della chiesa () seppi che pressoch tutto quel
villaggio e le terre circostanti erano di propriet di due latifondisti di Bagnara, ed avendo chiesto che cosa avessero fatto i detti
signori a sollievo di tanta sciagura mi si disse che uno aveva permesso ai suoi contadini il taglio della legna nelle foreste padronali
e che laltro, milionario e commendatore, non aveva fatto nemmeno questo tenue sacrificio e non aveva mandato un solo centesimo
()Pi avanti trovammo la strada carrozzabile che attraversando laltipiano unisce Bagnara a santa Eufemia dAspromonte ()
incontrammo i ridenti villaggi di Ceramida e Pellegrina situati sovra clivi ricchi di vigneti e cedri, aranci e ulivi () arrivammo a
Bagnara che il sole tramontava.
Anche a Bagnara le consuete rovine e miserie: la citt (cos vuol essere chiamata) di oltre diecimila anime, completamente inabitata
e tutta la popolazione accampata nei rifugi costruiti lungo la grande strada e sulla spiaggia: specialmente alla marina trovammo
numerosi baraccamenti pieni di fumo e di gente che in quellora vespertina attendeva alla modesta cena; spiccavano per tra di essi
per pi solida e ampia costruzione la baracca del municipio e della pretura e, qua e l, qualche vecchia paranzella tirata in secco e
convertita in abitazione. Lo dovemmo alla cortesia del capitano Michele Venci che ci ospit nella sua baracca, se in quella sera ne
fu dato di riparare, con inattesa dovizia, alle esigenze dello stomaco ()A tarda notte, passeggiando in stazione nellattesa del
treno, osservai su di un binario morto una lunga fila di carri-merci rigurgitanti di gente: vi stavano riparate le famiglie degli
impiegati ed addetti alla stazione e qualche povera famiglia bagnarese rimasta senza tetto e senza baracca: in taluna di quelle
rotanti abitazioni si sentivano pianti di bambini assonnati o la voce impietosa del capo di casa che ordinava ai figli di andare a letto,
in altre si conversava e rideva lietamente ed in una di queste al suono monotono di una fisarmonica, sfiatata, si ballava la tarantella.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 33

BAGNARA: TERREMOTO DEL 1894

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 34

h.- La Bagnarota del Novecento. Loblio elevato a mito.


Credo che il lettore abbia a questo punto una visione attendibile del personaggio Bagnarota lungo il corso
della storia di Bagnara e dei suoi dintorni, e abbia potuto cogliere come ella lentamente sia stata soggetta a un
ridimensionamento del ruolo e della personalit.
La vera Bagnarota, quella elitaria che ben avrebbe potuto esser presa a simbolo del riscatto femminile in Calabria, oper
pur con diverse sfumature, fino alla met del Settecento; il Grane Terremoto, come commentato, min il territorio ove la
Bagnarota operava e la costrinse a introdurre nella sua attivit di libera lavoratrice, delle mediazioni, soprattutto per
quelle rimaste senza famiglia, vedove o senza pi campagna.
E abbiamo annotato come questultima condizione abbia fatto sorgere lequivoco del Matriarcato a Bagnara.
Abbiamo anche preso nota di quanto fu lunga la fase di destabilizzazione economica creata dalla Guerra Civile nel 1799,
con i suoi drammi immensi proprio a Bagnara, e che i vollero ancora molti anni prima che la Bagnarota riprendesse una
normale attivit economica.
Alla fine dellOttocento, la situazione torn a mostrare segni di miglioramento.
Le campagne litoranee furono interessate da una riconversione delle colture, con incremento della vite e degli agrumi
mentre si accentu la dedicazione a ulivo sulla fascia settentrionale della Piana e su praticamente tutto lAltopiano.
La Bagnarota sinser nel nuovo scenario perch le monocolture della Piana e dellAltopiano, resero di nuovo necessarie
le derrate agricole delle rasole e dei giardini.
Intanto per leconomia agraria calabrese inizi ad essere assassinata in due momenti esatti:
a)

b)

La politica economica del Governo di Roma, influenzata in modo determinante dagli industriali del Nord e
dallatteggiamento operaista dei Sindacati. Il contadiname meridionale fu lasciato allo sbando dai Deputati e
Senatori del Sud, consenzienti verso la politica economica di Roma in cambio della tranquillit delle loro
gestioni nei Collegi Elettorali del Sud; questa circostanza provoc la progressiva caduta della competitivit del
prodotto agricolo meridionale, non supportato dagli investimenti della sua pavida Classe Dirigente e dai
supporti finanziari, assenti nella gi cennata Politica Economica del Governo;
Limpreparazione cronica dei proprietari terrieri, ignoranti nobilucci dediti a una vita di istinti quotidiani,
incapaci di osservare al di l del proprio naso, e soprattutto, traditori del ruolo che si vantavano di possedere,
quello di Classe Borghese in cima alle Amministrazioni Comunali, nei Priorati delle Congreghe, nella cariche
c.d. benefiche, nei Circoli privati, e soprattutto di grandi proprietari di terre e case; tanta terra. Appena un
contadino trovava difficolt a sopravvivere, lavvocaticchio di turno era pronto a colpire come una iena, in modo
inesorabile. E conquistata la terra, vi schiavizzava una famigliola di miserabili agricoltori, contentandosi di una
parte del raccolto, poich non una lira veniva investita nel miglioramento dei campi.

In questo duplice scenario da Regione Coloniale sudamericana, dal 1863 dilag la Pebrina, unepidemia che
distrusse i gelsi in modo inesorabile e la mosca olearia attacc i boschi di ulivo
DONNE DI CALABRIA
della Piana. La conseguenza fu il crollo del mercato della seta e dellolio Maliditta chija donna
calabresi nel giro di pochi anni, limmiserimento di molti piccoli agricoltori, Ki si pigghia pecuraru
detentori di unarte millenaria di tiratura e preparazione dei fili e una N sira rormi nt lettu
conseguente, massiccia ondata di emigrazione. Molti di questi mastri darte, Vinti novi pagghiaru
trovarono lavoro nelle filande di Como e Biella, innescando la floridit e la Faci jornu marvizzu
ricchezza di quegli Imprenditori, e moltissimi nelle lanerie del Sud America, molte E a notti n pagliarizzu
anche le famiglie che si trasferirono in Liguria, una Regione che seppe Ku na petra p capizzu
approfittare della valente esperienza di questa gente nel trattamento delloliva. E peri cinnirazzu.
Da qui tra laltro nacque quella generazione di meridionali che seppero Maliditta chija donna
impiantare piantagioni soprattutto di garofani, vanto di una Regione prima al Ki si pigghia pecuraru
mondo nella floricultura.
N sira rormi nt lettu
Fra il 1875 e la fine del Secolo, la crisi agraria del Canale sub Vinti novi pagghiaru
unaccelerazione spaventosa.
Acqua, nivi e ventulizzu
Nel 1875 la Gonema attacc arance, mandarini, bergamotti e limoni sugli alberi, Pecuraru nt pagghiaru
facendoli ammuffire inesorabilmente.
Ku na petra p capizzu
Nel 1881 la Gommosi, che i nostri amati Padri chiamarono a Nira, attacc le E peri cinnirazzu.
piante dalle radici, facendole indebolire e poi morire una ad una.
(CESARE TROMBETTA, La Calabria
Fra il 1880 e il 1890 la prima filossera e la peronospora uccisero la vite del di Cesare Lombroso, tip. Del Giornale
29
Canale.
del Sud, Catanzaro 1898, pg. 180)
Lelenco serve solo a fare comprendere cosa sia significata la gestione agraria
nel Canale, affidata a persone che non ebbero cognizione dei moderni mezzi di prevenzione e cura delle campagne.
Poche le voci che si elevarono a difesa del Sud.
A parte i grandi Meridionalisti, lasciati da soli, fu nel 1880 il Segretario Generale della Camera di Commercio di Reggio,
don Carmelo Carbone Grio, a lanciare lallarme per il progressivo immiserimento della Calabria Meridionale chiedendo
un intervento dello Stato con sgravi fiscali e pi attenzione alla politica sociale, soprattutto scuole e istituti di ricerca.
Lemigrazione di fine secolo aument ancora, in modo impressionante.
Interi Paesi si svuotarono, molte attivit artigianali iniziarono a estinguersi, le comunit tornarono a isolarsi luna con
laltra e alla fine tutto si ridimension, scese di livello.
29 - GAETANINA SICARI RUFFO, Donne ed eventi tra fine Ottocento e primo Novecento, in: Le donne e la memoria, un contributo unico di
solidariet femminile, a cura di Daniela De Blasio, con prefazione di Rita Levi Montalcini, Luca di Montezemolo, Agazio Loiero, Pietro Fuda e
Daniela De Blasio, Citt del Sole ed., Raggio C. 2006, pg. 75 (Leconomia calabrese tra Otto e Novecento; il lavoro femminile nelle industrie e
nellartigianato).

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 35

Notevolissimo fu lo sforzo dei contadini del Canale per recuperare. Con coraggio, vennero ripiantate le viti, rinvigoriti gli
agrumeti, riallaciati i rapporti con lEstero, approfittando della rinascita del porto di Reggio. Messina non era pi lunico
polo attraverso il quale passare per collocare il prodotto. Reggio cerc di assumere la guida della sua Provincia e ci
stava riuscendo.
A Bagnara la crisi agraria colp in modo impressionante, salvando praticamente solo i boschi di castagno e faggio.
La Bagnarota perse la capacit commerciale e, a cavallo del secolo, aument la propria presenza sui campi e sulle
rasole accanto alla famiglia. Molte anche a Bagnara peraltro, le famiglie che scelsero la via atlantica lasciando il Paese.
La crisi di fine secolo che colp duramente anche la piccola attivit agricola, mise in ginocchio le Bagnarote dei giardini
che scesero di numero in modo vistoso.
Restavano quelle della Marina, che si incaricavano del collocamento del pescato e questa attivit continu senza
eccessivi traumi.
Ecco perch agli inizi del 1900, si incominci a vedere prevalentemente la Bagnarota del pesce rispetto a
quella dei giardini e perch, conservandosi ancora in giro la noma del Matriarcato, il mito sar riferito alla Bagnarota
che vandija il pesce allalba nei paesi dellAltopiano.
La realt, abbiamo notato, fu diversa.
Ci fu la possibilit per una ripresa in grande stile nel primo decennio del XX secolo e molto si dovette alla
ferrovia che nel 1885 aveva raggiunto Bagnara.
Il miglioramento delle comunicazioni signific in molti casi la ripresa economica di attivit che si credevano ormai in stato
asfittico.
Lolivicoltura riprese quasi da zero e recuper una parte dellhandicap; notevole il reimpianto delle coltivazioni in
agrumeti, mentre il gelso, travolto dalla concorrenza orientale e francese, croll definitivamente.
I giardini di arance, mandarini e limoni si diffusero velocemente lungo tutto il Canale e adesso anche la parte meridionale
della Piana, era un fitto bosco di agrumeti.
Ci spinse la Bagnarota a riprendere il suo giro e in effetti si torn a
28 dicembre 1908
una logistica in grado di coprire la domanda di prodotti freschi,
domanda proveniente dalle comunit sempre pi dedite alla Ridea la Luna sulle nostre case
monocoltura e allattivit estensiva, come nel caso dei campi a Ieri; non guarda oggi n cerca e muove
frumento.
Cheta pel Ciel, n un tetto erto rimase
Le Bagnarote dei giardini erano adesso molto di meno, la prevalenza E son ruine e cimiteri, dove
era di Bagnarote del pesce, ma le aspettative erano pi che Ridea la Luna sulle nostre case!
promettenti.
contessa Vittoria Aganoor Pompilj
Il treno e le autocorriere, divennero la loro forza.
Perugia, 8 dicembre 1909

Il Grande Terremoto del 1908 tranci nuovamente di netto (MICHELE CALAUTI, Ricordi di un dissepolto.
La tragedia familiare di un poeta nel Terremoto
tutto il sistema economico e sociale del Canale.
Molte realt, e Bagnara fu una di queste, furono di nuovo radicalmente di Reggio e Messina, a cura di Enzo Romeo,
Rubbettino ed., Soveria M.2007, pg. 40
azzerate.
Il lettore ha a disposizione adesso unampia documentazione, ospitata in questo sito, per valutare cosa pot significare
quella catastrofe, per Cittadine come Bagnara.
Anche dopo il Grande Terremoto del 1908, la ripresa fu lenta e difficile. I ritardi del Governo centrale furono
impressionanti e solo grazie alla solidariet e allaiuto concreto delle comunit italiane e internazionali, si riusc a ricucire
la ferita gestendo poi il quinquennio della Grande Guerra alla quale le Comunit del Canale diedero un enorme
contributo umano.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 36

i.- La Bagnarota del dopo guerra. La ricchezza economica del legno.


Alla fine di questa fase di forte sacrificio e di traumi, la Bagnarota era di nuovo cambiata.
Adesso le vie scelte per i suoi commerci passavano per la stazione ferroviaria e i traghetti di Villa San Giovanni.
Dopo la Grande Guerra lemigrazione riprese impetuosa da Aspromonte a Reggio e questa circostanza abbass
sensibilmente la domanda proveniente dallAltopiano, adesso raggiungibile con le corriere che collegavano tutti i paesi

DONNE DI CALABRIA

Straordinaria fotografia dellinizio degli Anni


Cinquanta: la ragazza nelle segherie ISA di
Villa S. Giovanni
(Foto di Cinzia Basile, ora in: Le Donne che portano pesi,
cit., pg. 44)

Le Donne di Calabria:
la superiore dignit di esseri meravigliose,
capaci di generare un Popolo che,
sparso per il mondo,
onora il lavoro
contribuendo in modo determinante
al progresso civile della Societ.
Tito Puntillo

dellinterno con Palmi e Gioja.


Cambi la mentalit perch i rapporti commerciali si erano incentivati e le comunicazioni viaggiavano veloci lungo i fili
del telegrafo e del telefono.
Intorno agli agrumeti e agli uliveti, si concentr leconomia del Canale e Bagnara seppe riemergere come stella di prima
grandezza, soprattutto per la diversificazione dalle altre realt locali: il legno.
Lattivit del legname esplose a seguito della domanda internazionale di contenitori da spedizione, sulla scia del
potenziamento delle comunicazioni ferroviarie che consentirono anche ai prodotti deperibili, di raggiungere mercati
lontani con i treni e gli aerei.
La Bagnarota si inser in questo nuovo circuito e si diversific in tre direttrici principali:

La via commerciale verso linterno e i Paesi della Costa. Ereditata dalle Bagnarote dellOttocento, questa via
era adesso gestita da piccole comitive che continuavano a raggiungere Palmi, Sinopoli, Aspromonte, Gioja
ecc., per collocare prodotto fresco dei giardini. Si tratt di raccolto proveniente dalle rasole ripristinate, in parte
coltivate da anziani contadini e dalle loro famiglie, poi affidate alle Bagnarote per la vendita. Una vendita che
adesso faceva i conti con la concorrenza perch quasi tutti i centri aspromontani oltre naturalmente a quelli
litoranei, erano raggiungibili dai trasporti su scala provinciale per la grande distribuzione di prodotto conservato,
prevalentemente scatolame, che si prestava a sostituirsi a quello fresco. Il processo iniziato in modo marcato
dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, sub un iter impetuoso e alla fine divenne inarrestabile. La
presenza della Bagnarota continu fino alla met degli Anni Sessanta ma poi si concluse rapidamente perch
assolutamente non pi competitiva.
Il trasporto di legname. La Bagnarota della Ricostruzione prese il posto di prima donna rispetto a quella dei
giardini. Il crollo della domanda di prodotti ortofrutticoli ridimension leconomia delle rasole riducendola a
produzione bastante per i fabbisogni del Circondario. Fabbisogni che aumentarono al seguito dellincremento
del lavoro attorno alla trasformazione del legno: segherie, laboratori familiari e attivit boschiva. Uneconomia
che travolse letteralmente lidentit di Bagnara, trascinando nelle segherie e nei castaniti, giovani che
lasciavano i giardini e le rasole con la speranza di un guadagno migliore. Intere famiglie si trasformarono in
coffari, chiudendosi nelle stanze oscure per turni di lavoro a cottimo anche di dodici ore e in una situazione del

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 37

genere, la Bagnarota non pot che rinunciare alla gestione commerciale di un prodotto ormai poco vendibile e
vendere invece la propria forza-lavoro alle segherie e alle agenzie di trasporto. E cos alle carovane che
saddentravano verso linterno con grossi carichi di prodotto locale, si sostituirono le carovane di Bagnarote che
trasportavano circhi, tavole, doghe dai castaniti alle segherie, dalle segherie alla spiaggia e dalla spiaggia sulle
passerelle dei piroscafi. La Bagnarota adesso, lavorava in cambio di una mercede; non pi una lavoratrice
libera, in grado di gestire il proprio tempo sfruttando al meglio le opportunit che le si offrivano. Ora tutto era
cambiato: doveva correre perch era il cottimo che le poteva garantire la sopravvivenza.
La Bagnarota del pesce aveva invece conservato la propria fisionomia settecentesca di lavoratrice che gestiva
un ciclo che iniziava dal bagnasciuga del mare e terminava sulle strade della Cittadina e sui mercati di Messina,
Reggio, Palmi e linterno aspromontano. La vigoria e la determinazione era la stessa, in genere i marinai delle
barche erano i mariti o i fratelli di queste Bagnarote e dunque il ciclo continuava ad essere quello di sempre. Le
Bagnarote che raggiungevano Messina esercitavano il contrabbando di ritorno, e anche in questo caso
ereditando unantichissima tradizione Bagnarota.

Ma com facile intuire, tutto ruot attorno allattivit principale del legno e dei suoi derivati e s messa in evidenza la
debolezza di questa economia, poggiante praticamente su niente: nessuna attivit di ricerca e sviluppo, nessun
investimento in innovazione tecnologica, nessun potenziamento delle strutture di supporto e soprattutto aumento
dellisolamento fra le diverse comunit limitrofe, circostanza che non consent lo sviluppo di uneconomia complementare
in grado di governare il cambiamento.
Non cos al Nord, ove i centri industriali si specializzarono ognuno sviluppando componenti utili alle produzioni
innovative e i trasporti veloci collegarono i diversi poli industriali in modo sempre pi efficiente e veloce.
Cos la plastica travolse Bagnara, come evidenziato negli altri studi pubblicati anche su questo sito.
Si tratt del Miracolo Economico che mentre condannava Bagnara nella sua totalit, svuot radicalmente le
comunit del Canale.
Lemigrazione sud americana, statunitense, canadese, nord europea e australiana, adesso si spost sulla Pianura
Padana e avvenne in modo massiccio: treni giornalieri stracarichi portarono al Nord intere famiglie e si cancellarono cos
professionalit secolari sul Canale.
La Bagnarota che attorno alleconomia del legno sembr essere una stella di prima grandezza, usc definitivamente di
scena quando dalla scena locale usc Bagnara, collassata su s stessa.
Le ultime generazioni non ricordano la Bagnarota delle saje dondolanti, delle ceste trasportate sulla testa, del pesce
vandiato per le strade di Bagnara, Palmi, Reggio, Messina perch il processo di degrado fu talmente rapido che perfino
la memoria storica ne rimase compromessa.
In cinquantanni, dal 1908 al 1958, la Bagnarota classica mut da soggetto economico indipendente a salariata
occasionale. Divenne cio veloce la trasformazione della Bagnarota Settecentesca in quella Ottocentesca; adesso in
poco meno di cinquantanni, il processo era di nuovo accelerato, divenendo ancora pi veloce.
Dagli Anni Cinquanta agli Anni Settanta, il processo acceler vieppi e nel giro di una decina danni Bagnara
collass su s stessa facendo scomparire la Bagnarota.
In simili circostanze, fu facile identificare la Bagnarota come una meteora straordinaria decifrandola come presente e
attiva nel novecento e adesso evocata e trasformata in mito.
Ma non fu cos nella realt.
Bagnara e la Bagnarota: si racconta su questo connubio, una storia lunga secoli e secoli, attraverso i quali emerge la
dedizione al lavoro di un Popolo capace di stare a contatto con una natura bellissima ma infida affrontando sfide
grandiose, e sempre uscendo da esse vittorioso e predisposto al futuro in modo positivo.
Abbiamo poi appuntato in questo studio e negli altri pubblicati, quali furono gli errori e le mancanze; quali le circostanze
interne a Bagnara e che attorno ad essa, decretarono la fine della Bagnarota.
E alla fine del nostro percorso, possiamo parlare della Bagnarota circondandola con una frase di lode estesa a tutte le
Donne di Calabria:

le Donne di Calabria
si riassumono in una sintesi concettuale
nella Bagnarota,
perch alle Bagnarote
mancarono la forza e la fortuna
non lonore.
Tito Puntillo
La Bagnarota: non fu Matriarcato ed oggi rappresenta, si, un mito, ma nel senso di cosa sia significato il lavoro a
Bagnara, lavoro che oggi non c.
La Bagnarota il simbolo insieme della floridezza e della resistenza attiva alle forze della natura per far vincere il lavoro,
e battere, sempre, le avversit sociali.
Si tratta di requisiti che oggi, a Bagnara, sono scomparsi e ci fa ricomprendere Bagnara nellinsieme della situazione di
sottomissione e dipendenza che oggi deprime la Calabria, una volta patria di Dei ed Eroi ascesi allimmortalit.
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 38

IL PESCE SPADA
Come ogni anno, il primo sabato dopo Pasqua era dedicato al sorteggio dei posti di avvistamento per la pesca del pesce
spada.
Anche questo non accade pi perch ormai questo meraviglioso purosangue degli abissi non pi una delle
caratteristiche della gastronomia della Costa Viola, ma diventato una delle tante componenti della cucina italica.
Ora lo si pesca in centinaia di esemplari sbarrandogli la strada, che segue il perimetro del Mediterraneo, con le reti dette
derivanti, lunghe anche cinque chilometri, che stanno uccidendo con lui tartarughe, delfini, balene e tanti altri poveri
pesci non commestibili. Per la verit, gi prima i delfini e gli squali (palombo e verdesca) venivano decapitati e spediti
sui mercati del nord dove finivano a cotolette per gli studenti, i carcerati e gli ammalati.
Il pesce spada invece veniva pescato solo nella baia fra Villa S.Giovanni e Palmi e lungo la costa di Messina;
praticamente allimbocco dello Stretto. L cio dove concorrono alcune condizioni naturali: la profondit del mare che
raggiunge i 500 metri, la corrente che viene su dallo Stretto proveniente dal Golfo di Taranto e porta enormi
quantit di plancton che costituiscono il cibo di quel pesce azzurro del quale si nutre il pesce-spada ()
Arriva perci allinizio della primavera tondo grosso e pronto alla riproduzione. Il che gli conferisce una carne morbida
rosea e profumata ()
Nel periodo degli amori da Maggio a Luglio il pesce spada nuota prevalentemente in superficie () Prima che la
tecnologia sconvolgesse la natura, i pescatori avevano un solo motore, i loro muscoli, e per la pesca del nostro spada,
veniva usata una barca specialissima, sottile, tutta dipinta di nero allesterno e verde allinterno, lunga non pi di tre
metri ()
A ogni barca veniva assegnato, per sorteggio, un tratto di mare che sulla costa aveva lavvistatore () che fra urla a noi
incomprensibili e i segnali dati con uno straccio bianco legato a un pezzo di canna, riusciva a portare lontre vicinissimo
al pesce ()
Il sorteggio aveva luogo a Bagnara, centro fisico della zona di pesca e patria dei veri marinai, quelli capaci di andare per
mare con ogni tempo. Tanto che a Palmi, a Gioia come Scilla e Villa, i pescatori, quelli cio che rifornivano di pesce il
mercato, erano conosciuti come i Bagnaroti()
FELICE BADOLATI, Profumo di Antico, fatterelli e racconti della Palmi che fu, Klipper Ed.,
Cosenza 2005. Pgg. 54-61

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 39

2.-

La Conquista
Che per costringere il Mezzogiorno allassetto unitario fosse legittimo luso della forza, fu
posizione assunta dagli uomini di governo in Italia sin da Cavour.
Questi infatti, ribadiva come compito indiscutibile quello di imporre lUnit alla parte pi

corrotta, pi debole dellItalia. Sui mezzi non vi pure gran dubiezza: la forza morale e
se questa non basta, la fisica
LUIGI N. LOMBARDI SATRIANI MARIANO MELIGRANA, Diritto egemone e diritto popolare. La
Calabria negli studi di demologia giuridica, Qualecultura ed., Vibo V. 1975, pg. 13.
La citazione tratta da: Il carteggio Cavour-Nigra dal 1858 al 1861, Zanichelli ed., Bologna 1929, pg. 29

Il canto per la libert perduta


pure vha una poesia, la quale pi forte, pi elevata sgorga dal cuore di chi canta. Amore,
fede, stoicismo, religione, pianto, riso, stringonsi in istrano connubbio e lun laltro si sostituiscoono.
Parlo d canti del condannato, tanto popolari in Sicilia, Calabria, Napoli, Corsica, quanto scarsi in
Roscana, Lombardia, Venezia, e altrove. Quello vero tipo di poesia, che fa impallidire i poeti da
gabinetto e quanti stimano di poter salire soltanto per istudio e per arte le vette dElicona, le quali
unicamente per genio dato di guadagnare. In essi, la piena degli affetti irrompe, e come lava del
nostro vulvano, si riversa impetuosa e non sarresta, ma seppellisce e gorgoglia. Lelemento
costitutivo di questo genere di canti il sentimento della libert perduta
GIUSEPPE PITR, Studio critico sui canti popolari, Canti popolari siciliani I p. 67, Clausen ed.,
Palermo 1891

Canto del Brigante di Solano


Cu rici ko carciri esti rovina
Non sapi ko carciri esti na scola!
Si trasi armatu j ferru e catina
Si nesci homu j parola
FRANCESCO SPOLETI, La canzone del Popolo,
in: Un anno in provincia, tip. Pierro e Verardi,
Napoli 1900, pg. 53

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 40

2.- Donne meridionali fra amore e morte

MICHELINA DE CESARE
Michelina era una giovane contadina che osservava con sdegno le manovre delle colonne mobili piemontesi che davano
la caccia ai Briganti. Gli invasori penetrando nei villaggi, violavano le case, assembravano sulle piazze tutti i maschi,
ragazzi compresi, minacciavano e spesso saccheggiavano viveri e corredi dei poveri abitanti. Pass fra le campagne di
Caspoli ove ella abitava, il brigante Francesco Guerra e fu grandissimo amore a prima vista.
A fianco di Don Ciccio, Michelina divenne donna di coraggio e azione e la sua storia pass di bocca in bocca: la
bellissima e impavida Lina divenne esperta del territorio e della tattica della guerriglia, tanto da riuscire a prevenire gli
attacchi dei bersaglieri piemontesi.
Il 30 agosto 1868 la banda Guerra fu massacrata.
Michelina non fu presa perch in ricognizione ma saputo del massacro, cedette al dolore e in preda alla pazzia, fu
facilmente catturata dai piemontesi. Venne torturata e violentata dai liberatori fino a quando, a causa delle atroci
sevizie subite, mor in una orrenda cella.
I piemontesi la denudarono e collocarono il cadavere sulla piazza del paese quale monito verso chi avresse ancora
osato proteggere i Briganti..
Leffetto fra le popolazioni meridionali fu la lievitazione di un odio profondo verso i piemontesi e i loro fiancheggiatori,
quasi tutti appartenenti alla imbelle borghesia meridionale.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 41

ARCANGELA COTUGNO & ELISABETTA BLASUCCI


Arcangela era nota con lappellativo di Dolinda era una donna energica e bellissima.
Il fratello segu speranzoso Garibaldi, distinguendosi per valore durante la battaglia del Volturno. La discesa dei
Piemontesi signific per la famiglia di Arcangela e per quella del marito Rocco Chirichigno (noto come Coppolone),
la negazione a due pezzetti di campagna promessi da Garibaldi in cambio dellarruolamento.
Il tradimento alla parola donore data con fiducia, provoc in Coppolone la voglia di vendetta contro quei massacratori
venuti da sopra. Si dette alla macchia nei dintorni di Montescaglioso.
Pressato dai bersaglieri, resistette il 23 agosto 1863 alla cavalleria del maggiore Mennuni nei dintorni di Irsina e
combatt ancora con determinazione fino a quando, nel febbraio 1865, venne gravemente ferito dai piemontesi fra le
campagne di Ginosa. Mor di stenti e setticemia per lapprossimata cura sanitaria che gli offrirono gli invasori.
Dolinda trov allora accoglienza da Elisabetta Blasucci, nota come A Pignatara, moglie del brigante Gianni
Libertone.
Combatterono come uomini, mantenendosi con aiuti di abitanti dei villaggi e depredando capi di bestiame e sacchi di
grano fra le masserie del Matese.
Alla fine, stanche e deluse, e con Dolinda ammalatasi gravemente, furono sorprese e catturate.
La foto qui sopra venne scattata dopo la cattura quale documento allegato al processo, e la condanna fu di ventanni
di carcere. Dolinda appare nella foto stanca ma con lineamenti orgogliosi, sguardo fiero e dritto, certezza nel giusto A
stento sono cos celati i segni della sofferenza. Mor in carcere dopo tre anni dalla condanna e quindi la segu nella
stessa sorte Elisabetta Blasucci.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 42

FRANCESCA LA GAMBA
Francesca apparteneva a una famiglia di contadini di Palmi, overa nata nel 1768. A quindici anni, come duso in tuutta
larea, la giovane fu mandata a lavorare in una delle tante filande che erano attive attorno al mercato della seta di
Seminara. Si spos poi con un compaesano, Saverio Saffioti e si form cos una famiglia, una volta che nacquero
Carmine e Domenico.
Saverio si ammal poco dopo la nascita del secondo figlio e usc
di vita a ridosso del 1799, quando in Calabria iniziarono i
fermenti antirivoluzionari che preannunciavano la venuta del
Cardinale don Fabrizio Ruffo-Bagnara alla guida della Armata
della Santa Fede e contro i Giacobini della Repubblica
Partenopea, appoggiati dai Francesi.
Rimasta vedova, Francesca resse la famiglia a forza del proprio
lavoro e proprio per tale motivo, ebbe modo di conoscere don
Tot Gramuglia, un giovane di Bagnara che allepoca
commerciava proprio fra Palmi e Seminara.
Si sposarono e Francesca fece felice il marito con la nascita di
una bambina.
Francesca, non appena ne aveva la possibilit, seguiva il marito
fra Bagnara, Palmi e Seminara e fu proprio durante uno di questi
spostamenti che fu notata da uno degli ufficiali francesi che dal
1806 avevano iniziato a presidiare lAltopiano e la costa, dopo
linstaurazione a Napoli della Monarchia di Gioacchino Murat
(1808).
Nel tempo le avances del francese si fecero insistenti ma
Francesca non cedette e, anzi, si ribell a quel corteggio che
riteneva odioso e insultante.
La vendetta del francese fu tremenda.
Don Tot venne arrestato con laccusa di illecito traffico darmi
a favore degli insorgenti calabresi che erano attivissimi fra il
grande bosco di Solano e la Piana e non davano tregua alle
guarnigioni dOltralpe.
Di fronte alla continuata resistenza della donna, vennero arrestati anche i figli di Francesca, processati in modo
sommario e fucilati per sospetto brigantaggio. Don Tot non resistette al dolore e mor in carcere di crepacuore.
Francesca allora, abbandon tutto e si diede alla macchia trovando asilo fra i boschi di castagno, ove presto divenne
leader di una piccola banda di briganti.
Da allora fu vista con uno schioppo armato sempre in spalla e sempre alla testa del manipolo che assaltava gli
avamposti francesi e i convogli che facevano la spola fra la Piana e il Piale, ove Re Gioacchino aveva stabilito il suo
quartier generale per lattacco a Messina e linvasione della Sicilia.
Contro di lei venne spedita una colonna mobile. Il danno per lattacco a quei convogli e la destabilizzazione della zona
che scaturiva dalle sue gesta, stava divenendo veramente preoccupante.
Una colonna mobile riusc alla fine a intercettare la banda ai Piani della Corona, mentre stava per trasferirsi dentro il
grande Bosco di Solano. Favoriti dal terrenno pianeggiante, i bersaglieri riuscirono a circondare la banda che per tenne
duro riuscendo a mantenere a distanza gli assalitori fino a quando altri banditi abitatori del Bosco, avvertiti da pastori
che assistettero alla scena, scesero per dar man forte agli amici circondati. La situazione si ribalt velocemente e i
bersaglieri furono battuti. I briganti fecero molti prigionieri e fra costoro, Francesca individu lufficiale che per cos
tanto tempo laveva perseguitata causando alla fine, la morte dei suoi cari.
Mentre i suoi compagni sostenevano lufficiale, gi ferito, per le braccia, Francesca si arm di un lungo coltello e inizi
a squartarlo vivo, con calma, seguendo la tecnica dei macellai alla prese con un grosso vitello.
La banda di Francesca continu a dominare la scena lungo la direttrice Solano Seminara Palmi, usufruendo degli
ospitali valloni dellAspromonte boscoso, impenetrabile.
30

Quando il Principe Luigi dAssia-Philippsthal, peraltro appassionato collezionista di reperti antichi,


gi valoroso
difensore della fortezza di Gaeta sul finifre del 1806, nel Maggio 1807 sbarc a Reggio per muovere contro i Francesi e

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 43

rimettere sul trono Ferdinando di Borbone, quasi tutte le bande che operavano nel reggino, sullAspromonte e lAltopiano
e sulla Piana, accorsero a Reggio per mettersi al servizio del Principe. Francesca venne accolta nel Quartier Generale
dellesercito borbonico con molta affabilit e laiuto offerto dalle bande, venne accolto con favore. Intanto navi borboniche
sbarcavano alle porte di Crotone le bande di Antonio Santoro e Nicola Gargiulo. Esse avevano lordine di prendere il
porto, occupare la citt e organizzare un contingente che muovesse verso Catanzaro collintento di prendere i Francesi
alle spalle. Vennero immediatamente bloccati dai Francesi e successivamente neutralizzati.
Il 26 maggio 1807 il Principe mosse da Rosarno, ove sera fermato per consolidare la logistica e attendere le ultime
masse di irregolari, verso nord. A Mileto la colonna militare, adesso forte di 3.500 soldati regi e una moltitudine di
irregolari, si ferm perch il Principe era indeciso su come impostare lavanzata successiva verso il polo strategico di
Monteleone, ove i francesi del generale Reynier avevano concentrato oltre 5.000 uomini.
Il colonnello Vito Nunziante che faceva parte del suo Stato Maggiore, sollecit il Principe a non arrestare la marcia e
guadagnare posizioni di teatro favofrevoli, essendo i dintorni di Mileto con le sue dolci colline, una comoda zona per unj
contrattacco nemico.
Ma il Principe non volle dare ascolto ai consigli di prudenza e incitamento nel contempo, e diede ordine di fermare
lavanzata e pens anche di inviare un parlamentario a Monteleone per sollecitare i Francesi ad abbandonare la citt per
evitare un forte sacco e vittime anche fra i civili. Il parlamentario venne ovviamente respinto.
Il 28 maggio, quando ormai la mattinata era trascorsa, i Volteggiatori e i Fucilieri francesi iniziarono loffensiva con una
fucileria che dallalto delle colline di Nao e Pizzinni, fece vittime e semin lo scompiglio fra i Borbonici.
Questultimi pensarono allora di ritirarsi nellabitato di Mileto per poi sovrapporlo fra loro e i Francesi allinseguimento.
Vennero raggiunto dentro labitato e lo scontro si trasform in assalti alla baionetta, agguati, saccheggi.
Vittoriosi fra le vie di Mileto, i Francesi uscirono di corsa dal paese lanciandosi allinseguimento fra le campagne che
stavano fra Mileto e Roasarno. Non diedero tempo ai Borbonici di riorganizzarsi e formare una linea difensiva sicch il
Principe dovette abbandonare anche Rosarno e poi Gioia, lasciando per la via, armamenti, cannoni, bagaglio e
provviste. Reynier ordin al generale Camus di formare una retroguardia con il suo 52 Reggimento e recuperare il
recuperabile oltre a fermare i numerosi sbandati che vagavano per la campagna. Racconta il Generale Guglielmo Pepe
che aveva combattuto contro i Sanfedisti del Cardinale Ruffo nel 1799 e adesso faceva parte del Comando Francese,
che i prigionieri a un certo punto furono una moltitudine e che lui stesso saccorse che un piccolo assembramento di
francesi osservava un ferito disteso fra le zolle. Savvicin accorgendosi che si trattava di una donna in abiti militari e che
delirava ripetendo il nome del marito mentre stringeva saldamente al petto uno schioppo.
Il Principe pens di deviare su Seminara ove contava di poter recuperare il vantaggio della perfetta conoscebnza del
territorio da parte dei combattenti irregolari. Raggiunto dalle truppe francesi, il Principe lanci di di esse la cavalleria
convinto di poter sbaragliare lo schieramento di Reynier. I Francesi erano per dei valenti soldati di mestiere, con ottima
esperienza acquisita sui campi di battaglia. Si ricompattarono immediatamente formando diversi quadrati difesi da
baionette e lance. Contro di essi piomb la cavalleria borbonica che si scompagin e di fronte alla susseguente,
micidiale fucileria proveniente dai quadrati, ripieg precipitosamente travolgendo i Cacciatori e i soldati di linea
biorbonici. Il contingente del Principe dovette cos scendere precipitosamente verso Reggio, inseguito dalla cavalelria di
Reynier. Mentre i guerriglieri a massa in qualche modo frenavano lincedere francese, i Borbonici raggiunsero Reggio
ove, aiutati dalle cannonate del naviglio britannico in rada, riuscrono a reimbarcarsi per la Sicilia.
Alle bande a massa, altro non rimase che recuperare dai corpi dei caduti quanto necessario e possibile e quindi ridarsi
31
alla macchia.
Le relazioni borboniche riferirono di una inaudita ferocia delle bande a massa. Ma i Briganti, governati certamente dagli
istinti, presero a schioppettate con rabbia i fuggitivi e poi, passando loro accanto, li spogliarono di ogni cosa.
Il 9 giugno il Monitore Napolitano attacc il Principe Phillipsthal accusandolo di essersi servito di bande organizzate a
massa e governate dallindisciplina e la violenza. E cos si ribalt una verit pi che assodata: la rabbia dei Briganti per il
tradimento e la fuga dei Borbonici, vebbe fatta passare per ribalderia votata allassassinio e la predazione.
I percorsi che la banda di Francesca utilizzava per spostarsi fra Solano e Palmi, vennero presto individuati dagli
esploratori francesi e la minaccia di un attacco in forze dei volteggiatori nel Bosco di Solano, costrinse Francesca a
riparare in Sicilia. Appena in tempo perch durante il trasferimento sulla marina per limbarco, venne intercettata e per
farsi strada, dovette combattere rimanendo anche ferita.
Nella Piazza di Messina, Francesca ricevette le cure e quindi fu incasermata. A lei fu affidato il compito di istruttrice nelle
tattiche di guerriglia e combattimento ravvicinato.
A questa attivit si dedic a lungo e con entusiasmo fino a quando decise di restituirsi alla vita civile, dopo la Seconda
Restaurazione borbonica.

30- Nel castello di Fulda del principe dAssia si conservano ancora numerosi reperti risalenti al periodo magno-greco di Medma. Il Principe,
conosciuto anche come esagerato bevitore di buon vito, era cugino della Regina Maria Carolina.
31 - Monitore napolitano, 9 giugno 1807. Cfr.: VITO CAPIALBI Memorie per servire alla storia della Santa Chiesa Militese, tip. di Porcelli, Napoli
1835, ristampato con le Appendici e gli Aggiornamenti e inIntroduzione di Vincenzo F. Luzzi, Opera Pia S.Francesco di Paola ed., Polistena 1980;
DOMENICO TACCONE GALLUCCI, Monografia della citt e diocesi di Mileto, Societ Tipografica, Mocdena 1882 e, con notte e aggiunte
dellAutore, id., Modena 1902 ristampa anastatica a cura di Forni ed., Bologna 1984; F. PTITTO, La battaglia di Mileto, Archivio Storico della
Calabria (ASC), a. 1912; F.PITITTO, Racimolature storiche. La Badia della Trinit in Mileto, ASC., a. 1914; CARMINE NACCARI, Cenni storici
intorno alla Citt di Mileto, Stab. Tip. "Il Progresso", Laureana di Borrello 1931; FRANCESCO PITITTO, La battaglia di Mileto: 28 maggio

1807, p.121, Tip. A. Signoretta, Mileto, 1917 (Estratto da: Archivio Storico della Calabria, a. IV - 1916)
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 44

MARIA OLIVERIO
Maria nacque a Casole Bruzio il 30 agosto 1841. Come frequentemente accadeva in Calabria a quei tempi, il
mantenimento di una figlia femmina comportava aggiuntivit di sacrifici per una povera famiglia di contadini, ancorch
quasi sempre esse si applicassero ai servizi della casa e sui campi, con una forza, costanza e dedizione che i figli
maschi talvolta non riuscivano ad eguagliare. Dunque a 17 anni Maria fu destinata sposa, a Pietro Monaco e si
trasferisce in casa del marito, a Spezzano. Pietro Monaco era stato un valoroso garibaldino e aveva seguito il Generale
fino a Capua, partecipando poi a quellassedio e distinguendosi per valore. Gli tocc comunque la sorte di quasi tutti gli
altri volontari e venne dunque smobilitato e rispedito a casa. Una condizione che provoc una profonda amarezza a
Pietro. Le nuove leggi savoiarde impattarono su una Presila gi in condizioni economiche vicine alla sussistenza e
diversi contadini provarono a ribellarsi contro il mancato rispetto dei patti che prevedevano la distribuzione ai contadini
delle terre demaniali della pre-Sila, provocando la dura reazione dei
Carabinieri e dei Bersaglieri piemontesi. Pietro Monaco, come tanti,
avrebbe poi dovuto presentarsi al comando militare per essere
reinquadrato nellEsercito o deportato nel Forte di Exilles. Fu uno di
quelli che alla sottomissione prefer la macchia fra i boschi della Sila
cosentina, ove trov asilo fra i Briganti, formando poi una propria
banda e battezzato dal popolino Brutta Cira. La forza di questa
banda aument progressivamente cos come progressivamente,
aumentavano le azioni destabilizzanti dei Briganti Bonaro, Borjes,
Piluso (meglio noto come Tabbacchera). I latitanti erano sempre
sfuggiti agli agguati e agli inseguimenti, acquisendo cos la fama di
imprendibili. Fu cos che i militari decisero di colpire i latitanti alle
spalle, mettendo in atto una infame azione di rappresaglia. Nel
marzo 1862 il maggiore Piero Fumel fece irruzione con la truppa in
casa di Pietro Monaco, a Spezzano, arrestando Maria con aleatorie
accuse di collaborazionismo. Nel contempo unaltra squadra
arrestava la solrella di Maria, Teresa. Maria fu rinchiusa nelle
segrete del vecchio convento di San Domenico a Celico, e la notizia
dellarresto fu diffusa rapidamente in modo che giungesse a Pietro.
In tal modo le autorit speravano che Pietro, pur di salvare la
moglie, accettasse di indicare i rifugi dei Briganti silani uccidendo lui
stesso i pi pericolosi. Dopo due mesi di cella, Maria fu liberata
proprio mentre i pi pericolosi Briganti silani venivano individuati e
uccisi. Teresa era gi uscita di prigione e aveva frequentato Pietro
con una certa assiduit. Maria venne a conoscenza di una profonda
relazione fra la sorella e il marito e, armatasi di scure, affront la
Maria Oliverio, ferita, viene fotografata dopo la
sorella. Davanti ai tre figli piccoli della sorella, la uccise con 48
cattura e prima della deportazione al Forte di
accettate. Dopo il delitto, fugg precipitosamente raggiungendo la
Fenestrelle, fra le Alpi piemontesi.
banda del marito. Da quel momento Maria, soprannominata
Ciccilla partecip a quasi tutte le scorrerie della banda Monaco. Il 18 giugno 1863 Ciccilla prese parte al sequestro di
don Achille Mazzei, che faceva parte dellentourage del Governatore della Calabria, don Donato Morelli, e del sindaco
don Tot Parisio, componente della prestigiosa Famiglia Parisio, avvenuto nei pressi di Rogliano. Venne chiesto un
riscatto di di 20.000 ducati, pagati dalle famiglie dei due notabili. Il 31 agosto 1863, Ciccilla partecip al sequestro di
nove notabili di Acri. Si trattava di personalit eminenti del Regno, quali i parenti di Gio:Batta Falcone, il patriota che fece
parte dei volontari della Spedizione di Sapri, il Maggiore Raffaele Falcone, Ferdinando Spezzano (che oppose resistenza
e fu ucciso sul posto), Angelo Feraudo, Domenico Zanfini, Carlo Baffi, don Francesco e don Saverio Benvenuto e Mons.
Filippo Maria De Simone, Vescovo di Tropea.
Questo sequestro fece aumentare a dismisura il prestigio della Banda Monaco, e di conseguenza il timore nelle autorit
che il tasso di approvazione del nuovo Regno scendesse di livello e in modo preoccupante.
Ma gi il 1 settembre 1863, il Generale Giuseppe Sirtori (ex Capo di Stato Maggiore di Garibaldi durante la spedizione
dei Mille) prese il comando dei contingenti impegnati nelle azioni anti-brigantaggio in Calabria.
Lunico modo per battere la Banda Monaco, parve essere fomentare la discordia allinterno della Banda e a questo punt
il controspionaggio sapientemente guidato dal Generale Sirtori. Il 23 dicembre 1863, Pietro e Ciccilla parteciparono al
cenone di Natale organizzato nel rifugio nei pressi di Pedace. Dopo il cenone e i festeggiamenti, Pietro e Ciccilla si
ritirarono in un essiccatoio per castagne e presero sonno. Nella notte irruppero nella capanna, il suo vice Salvatore De
Marco, detto Marchetta, Salvatore Celestino, Jurillu e Vincenzo Marrazzo, Diavolo. Pietro Monaco fu freddato
allistante con una pallottola che gli trapass il cuore e, uscendo dalla schiena, fer Ciccilla al braccio.
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 45

Ciccilla balz in piedi armandosi di moschetto e pistole, mentre i traditori fuggivano rendendo vano linseguimento della
donna, intenzionata a vendicare luccisione del marito. Resasi conto che i fuggitivi erano armai imprendibili, torn sui
suoi passi e decapit il cadavere del marito per evitare che esso divenisse oggetto di oltraggio da parte dei Piemontesi.
Bruci la testa ai piedi di un castagno e quindi si dilegu riparando fra le foreste silane, assistita dal fratello Raffaele,
Antonio Monaco e al resto della banda. La latitanza di Ciccilla si protrasse per oltre un mese, riuscendo sempre ad
evitare il contatto coi Piemontesi, decisi a catturarla ad ogni costo. La ferita, medicata in modo approssimato, doleva
sempre pi, provocandole febbri e spossatezza. Alla fine fu individuata in una grotta a strapiombo sul Neto nei pressi di
Caccuri. Si accese un violento scontro e le schioppettate della Banda di Ciccilla, centrarono a morte due bersaglieri e
uno scherano del Barone Barracco. Alla fine i Briganti furono sopraffatti. Antonio Monaco fu fucilato sul posto e quindi
decapitato. Ucciso sul posto anche Pasquale Gagliardi. Ludovico Russo riusc a mettersi in salvo cos come Saro
Mangone e Gino Romanelli, Cacciafrittule, che per furono successivamente bloccati dagli scherani del Barone
Drammis in una grotta vicino a Santa Severina e uccisi per asfissia, dopo che la grotta ove reistevano, venne affumicata.
infine alla banda di Sijnardi/De Luca di Pietrafitta e Pedace).
Ciccilla dunque, venne catturata e rinviata a processo con 32 capi daccusa: praticamente tutto il repertorio presente nel
Codice Penale.Il processo si tenne a Catanzaro nel febbraio 1864. Il Tribunale di Guerra la condann a morte.
Per intercessione del Generale Sirtori e di don nicola Parisio, giudice della Corte dAppello, Vittorio Emanuele concesse
che la pena fosse tramutata in ergastolo con lavori forzati a vita.
Ciccilla fu tradotta nella fortezza di Fenestrelle, il baluardo che protegge lingresso in pianura dalla parte della Val
32
Chisone, ove visse ancora per circa quindi anni prima di morire. Non si conosce il luogo della sua sepoltura.

32 - Sul Brigantaggio esiste una copiosa produzione storica dalla quale estrapolerei le seguenti indicazioni:
-

GIORDANO BRUNO GUERRI, Il bosco nel cuore. Lotte e amori delle Brigantesse che difesero il Sud, Mondadori, Milano 2011
CARLO GUARNA-LOGOTETA, Storia di Reggio Calabria dal 1797 al 1860, in continuazione della Storia di D.Span-Bolani, con note e
bibliografia di Domenico De Giorgio, Barbaro ed., Oppido M. 1994;
GIUSEPPE SILVESTRI SILVA, Memorie storiche della citt di Palmi, Tip. Nazionale, Genova, 1930;
VITTORIO DAVISO, Alcuni pensieri intorno allindole del Brigantaggio nelle Calabrie ed ai mezzi pi acconci ad estirparlo, Tip. Nazionale di
D.Morone, Vigevano 1866; ;
M.MONNIER, Notizide storiche documentate sul Brigantaggio nelle Province Napoletane dai tempi di Fr Diavolo sino ai nostri giorni,
aggiuntevi lintero giornale di Borjes finora inedito, Barbera ed., Firenze 1862;
VITTORIO VISALLI, I calabresi nel Risorgimento italiano : storia documentata delle rivoluzioni calabresi dal 1799 al 1862, Tip. G.Tarizzo & F.,
Torino 1893;
ANTONIO DE LEO, Briganti, sbirri, cafoni e manutengoli in Calabria. Nota sul Brigantaggio calabrese negli anni 1799-1870, Pellegrini ed.,
Cosenza 1981; ANGIOLO DE WITT, Storia politico-militare del Brigantaggio nelle Province Meridionali dItalia, Cappini ed., Firenze 1884;
G. DE MATTEO, Brigantaggio e Risorgimento: tra i Borbone e i Savoia .Guida Edit. Napoli 2000;
PASQUALE SPOSATO, Per la storia del Brigantaggio nrlla Calabria del Settecento: episodi di malvivenza a Nocera, feudo ecclesiastico del
Baliaggio gerosolimitano di SantEufemia, Archivio Storico per la Calabria e la Lucania, a. XXXV (1967), da pg. 157;
GIORDANO BRUNO GUERRI, Il sangue del Sud. Antistoria del Risorgimento e del Brigantaggio, Monadori ed., Milano 2010;
GAETANO CINGARI, Brigantaggio, proprietari e contadini nel Sud (1799-1900), Editori Meridionali Riuniti, Reggio C. 1976;
MARIAROSA CUTRUFELLI, LUnit dItalia, guerra contadina e nascita del sottosviluppo del Sud, Bertani ed., Verona s.d.;
FERDINANDO SCAGLIONE, Riflessioni sul Brigantaggio calabrese, tip. Migliaccio, Cosenza 1865;
DE JACO (a cura di), Il Brigantaggio meridionale, Editori Riuniti, Roma 1969;
FRANCAMARIA TRAPANI, Le Brigantesse, Canesi ed., Roma 1968;
ROSARIO ROMEO, Risorgimento e Capitalismo, Laterza ed., Bari 1970;
VALORI, Contro il Brigantaggio, Carabinieri, Roma 1955;
MENOTTI CALCAGNI, Figure ed episodi della reazione legittimista nellex Regno delle Due Sicilie, Casa Editrice Salviamo il Fanciullo, Arco
131;
GIORGIO CANDELORO, La nascita dello Stato unitario, Editori Riuniti, Roma 1964;
J.GELLI, Banditi, Briganti e Brigantesse nellOttocento, Bemporad ed., Firenze 1931;
AURELIO LEPRE, Contadini, borghesi ed operai nel tramonto del feudalesimo napoletano, Marzorati ed., Milano 1961;
RAFFAELE CALIGIURI, Il processo beffa di Maria Oliverio, Soveria M., 2003;
FRANCESCO BARRA, Cronache del Brigantaggio meridionale, 1806-1815; Societ Editrice Meridionale, Salerno 1981;
GIORGIO CANDELORO, Storia dellItalia Moderna, vol. V, Feltrinelli ed., Milano 1968;
EMILIO SERENI, Il capitalismo nelle campagne, Einaudi ed., Torino 1968;
CARMINE CROCCO, Come divenni brigante, Manduria ed., Bari 1964;
M.MONNIER, Notizie storiche documentate sul Brigantaggio nelle Province Napoletane dai tempi di Fr Diavolo sino ai giorni nostri (1862),
s.i.t., Napoli 1965;
A. BASILE, Le origini sociali del Brigantaggio silano secondo un giudice borbonico, Atti del II Congresso Storico Calabrese, Fiorentino ed.,
Napoli 1961;
MARIO DE BONIS, Bandi e manifesti sul Brigantaggio nella Calabria dellOttocento, Periferia ed., Cosenza 1988;
ALDO DE JACO, Il Brigantaggio meridionale. Cronaca inedita dellUnit dItalia, Editori Riuniti, Roma 1969;
PIETRO DAMBROSIO, Brigantaggio. Pietro Monaco e Maria Oliverio. Storia e documenti di un mito della Presila, Brenner ed., Cosenza 2002;
VINCENZO VILELLA, I Briganti del Reventino. Panedigrano e le insorgenze antifrancesi in Calabria (1799-1814), CittCalabria ed., Soveria M.
2006;
FRANCESCO MANFREDI, Nicola Gualtieri detto Panedigrano. Storia della rivolta antinapoleonica nella Calabria dei Borboni (1799-1815), a
cura di Maio Iazzolino, Calabria Letteraria ed., Soveria M. 2007;
POMPEO STILLO, Ciccilla. La lupa della Sila, s.i.t., Rende (CS), 2007;
SILVANA PALAZZO NANDO PACE, Ribellismi. Storie di banditi e Briganti, reazionari e rivoluzionari, vincitori e vinti, Falco ed., Cosenza
2011;
GIOVANBATTISTA MAONE, Cronache di Briganti, contadini e baroni a Savelli e in Sila dal 1796 al 1876, Effe Emme ed., Chiaravalle C.,
1978;
FRANCESCO MONTEFREDINE, Memorie autografe del Generale Manhs intorno Briganti, Stamp. F.lli Morano, Napoli 1861;
PEPPINO CURCIO, Ciccilla. Storia della brigantessa Maria Oliverio del Brigante Pietro Monaco e della sua comitiva, Pellegrini ed., Cosenza,
2010;
ALESSANDRO DUMAS, Pietro Monaco sua moglie Maria Oliverio e i loro complici, L'Indipendente, Napoli 1864;
GIOVANNI DI MATTEO, Brigantaggio e Risorgimento - legittimisti e briganti tra i Borbone e i Savoia, Guida Ed., Napoli, 2000;

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 46

ROCCO GIUSEPPE GRECO, L'ultima brigantessa. La vera storia di "Ciccilla, Marco Valerio Ed., Torino, 2011;
FRANCO MOLFESE, Storia del Brigantaggio dopo lUnit, Feltrinelli ed., Milano 1976;
STENDHAL, I Briganti in Italia, prefazione di Giuseppe Marcenaro, Il nuovo melangolo ed., Genova 2004;
ANTONIO DE LEO, Don Ciro Annichiarico. Prete-brigante del Salento, Barbaro ed., Oppido M. 1995;
ENZO CICONTE, Banditi e Briganti. Rivolta continua dal Cinquecento allOttocento, Rubbettino ed., Soveria M. 2011;
BASILE, Moti contadini in Calabria dal 1848 al 1870, ASCL, a. XXVI (1958), fsc. I/II;
UMBERTO CALDORA, Fra Patrioti e Briganti, Adriatica ed., Bari 1974;
SCIROCCO, Fenomeni di persistenza del ribellismo contadino; il Brigantaggio in Calabria prima dellUnit, ASPN, a. XCIX (1981);
GAETANO CINGARI, Per una storia della societ calabrese nel XVI secolo, Brenner ed., Cosenza 1964;
NINO CORTESE, Il Mezzogiorno e il Risorgimento italiano, Libreria Scientifica eNapoli s.i.d.;
TOMMASO PEDIO, Brigantaggio Meridionale (1806-1863), Capone ed., Lecce 1997;
G. DI FIORE, I vinti del Risorgimento. Storia e storie di chi combatt per i Borbone di Napoli, UTET ed., Torino 2004;
GIUSEPPE GALASSO, Unificazione italiana e tradizione meridionale nel Brigantaggio del Sud, ASPN, a. CI (1983);
E. GUIDO, Note su Brigantaggio e trasgressione sociale in Calabria Citra tra il 1820 e il 1840, Studi Storici Meridionali, a. VIII (maggio-agosto
1988);
AURELIO LEPRE, Classi, movimenti politici e lotte di classe nel Mezzogiorno dalla fine del Settecento al 1860, Studi Storici, a. XVI (1975) nr. 2;
E. MOLA, Il generale Fumel e il Brigantaggio, L'llustrazione Italiana, 22.VIII.1886;
ATANASIO MOZZILLO, Cronache dellaq Calabria in guerra (1806-1811), Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1972;
AMELIA PAPARAZZO, I subalterni calabresi tra rimpianto e trasgressione. La Calabria dal Brigantaggio post-unitario allet giolittiana,
Franco Angeli ed., Milano 1984;
PIERO PIERI, Il Regno di Napoli dal luglio 1799 al marzo 1802, ASPN, a. XIII, 1927;
V.ROMANO, Brigantesse, Donne guerrigliere contro la Conquista del Sud (1860-1870), ediz. Controcorrente, Napoli 2007;
MICHELE ROCCISANO BRUNO CONGIUSTI, Fell, il bosco che parla. Contadini, briganti, santi e Vagabondi in un bosco di Calabria,
Laruffa ed., Reggio C. 2008;
NICOLA MISASI, Briganteixde, A. Chiurazzi ed., Napoli 1906, ristampa a cura di Laruffa ed., Reggio C., 2007;
ISABELLA LOSCHIAVO PRETE, Il Brigantaggio nella Prima Calabria Ultra allindomani dellUnit, Citt del Sole ed., Reggio C. 2010;
M. RESTIVO, Donne drude brigante. Mezzogiorno femminile rivoluzionario nel decennio post-unitario, Di Girolamo ed., Trapani 2005;
ANTONIO MANHS-R. Mc FARLAN, Brigantaggio. Unepopea dalle origini ai tempi moderni (1700-1900), presentazione di Alessandro
Laporta, Capone ed., Lecce 2001;
VINCENZO LABANCA, Un Brigante chiamato Libero. La straordinaria vicenfa storica di Crocco, Borjs e Ninco-Nanco incastonata in un
meraviglioso romando dai risvolti inediti, Zaccara ed., Lagonegro 2004;
D. SCARFOGLIO S. DE LUNA, Le donne col fucile. Brigantesse dellItalia post-unitaria, Cues ed-, Napoli 2007;
SCIROCCO, Briganti e societ nellOttocento: il caso Calabria, Capone ed., Lecce 1991;
F. TRAPANI, Le Brigantesse, Canesi ed., Roma 1968;

Per una buona documentazione, consiglio in particolare:


GAETANINA SICARI RUFFO, Le donne e la memoria, Su un progetto editoriale di Daniera De Blasio, Citt del Sole ed., Reggio C. 2006
e della stessa Autrice,
Il voto alle donne, con una nota introduttiva di Antonio Canfora, Mondeditori, Roma 2009

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 47

3.- La

Bagnarota di Mim Bert

Nel novembre 2007, Don Peppino Bert scrisse una commovente lettera a Mimmo Gallo, studioso e collezionista di
praticamente tutta la produzione artistica di Mim Bert.
Il Professore si congratulava per lottimo lavoro di Mimmo Gallo, un lavoro toccante:
Toccante perch, da calabrese, hai saputo cogliere e trasmettere i vari e complessi aspetti della natura della Mia
Bagnarota () un inno a Mia Martini grandissima artista interprete e alla nostra terra di Calabria, ricca di geni e di
valori universali.
Mim fu una figlia del popolo meridionale. E spiego il perch. Mim crebbe in pace a Bagnara in un ambiente
straordinario. Bagnara era ancora un tuttuno colla natura e si poteva avvertire il dolcissimo cambio delle stagioni
attraverso la variazione dei profumi dellaria.
E cos in autunno, a sera, lodore gradevole della legna che le bajettote bruciavano davanti alle loro case, per preparare i
bracieri della sera, si confondeva con quello delle castagne valori, nelle aule delle Scuole Elementari, ove maestre
amorevoli, sensibili e competenti, badavano a quei bambini felici. E poi in primavera, quando le rasole venivano invase
da un rigoglioso fiorire e i colori staccavano meravigliose sfumature su per lerta della collina che conduceva ai Cipressi,
poich sempre a Bagnara si visse nella continuit con chi non cera pi.
Si stava felici a scuola perch poi sandava per le vie, lungo la spiaggia, sulle piazzette, sempre a giocare in tanti e ci si
sentiva padroni, possessori di quel Paese tutto raccolto intorno al proprio lavoro collettivo.
Si era felici perch le mamme davano ai figli la sensazione di protezione, di certezza.
Le Bagnarote erano la componente aggiuntiva ideale di quei bambini del 1950.
Ogni tanto, nella foga della corsa, fra schiamazzi e stridolii, capitavano in mezzo a qualcuna di loro, intenta al trasporto
delle coffe, e le Bagnarote se ne lamentavano ma senza alcuna convinzione, un po come il possente leone, infastidito
dalla cucciolata e che, pure, non intende minimente contrastare.
Mim era felice.
Lo testimoniano in tantissimi a cominciare da Mimmo Villari che ne fu compagno di giochi e poi darte.
Quando dovette lasciare Bagnara, lei come in tantissimi, Mim soffr il distacco in modo impressionante, proprio perch
Bagnara era in lei, un rapporto affettuoso che la rendeva un tuttuno con Paese, inteso come cittadina viva, vera, reale.
Per tale motivo Mim tornava a Bagnara costantemente e sempre quando il suo morale crollava.
Si rifugiava da sua zia Sarina che se la
vedeva
comparire
davanti
luscio
dimprovviso: Zia! Cosa mi prepari di
buono da mangiare? era il saluto gaio e
poi, dopo labbraccio liberatore, via di
corsa sulla spiaggia con gli amici, mobilitati
in blocco.
Dopo la disperazione degli Anni Ottanta,
Mim vinse la battaglia contro tutti facendo
prevalere il suo grande senso dellarte e
furono, quelli successivi, anni di trionfo.
Ma a Mim manc tutto il resto affettivo e
alla fine si sentiva sicura solo quando si
rifugiava fra le braccia del padre e Don
Peppino accoglieva quellangelo con una
tenerezza infinita.
Questa lunga introduzione non pu servire
a tracciare il profilo di questa eccezionale
figura, cos poliedrica e intensa e tuttavia
mi auguro possa condurre bene a spiegare
Mim a Bagnara nel 1985
cosa sia stata la Bagnarota per Mim.
Tratto da DOMENICO GALLO, Mia Martini: io sono la Calabria, Laruffa ed., Reggio C. 2007, pg. 73
Mimmo Gallo dedica a questo argomento
lintero Capitolo 3 del suo libro e lo intesta cos: La Bagnarota della canzone.
Introduce poi il tema richiamando la definizione di Bagnarota cos come la scrisse Gianni Saffioti in ASFB. Le Bagnarote
sopperiscono alla mancanza di agevoli vie di comunicazione, di fatto fungendo da vettori, senza le quali la Citt non si
sarebbe potuta sviluppare. E cos sand avanti fino a quando la tecnologia, il progresso, le macchine in genere hanno
sostituito il lavoro degli uomini e delle donne, specie quello pesante sicch il commercio, che praticamente era in mano
alle Bagnarote, mut i propri processi e il lavoro della Bagnarota, motore dello sviluppo di unintera Citt, non ebbe pi
spazio dazione.
Resta il folklore ( sempre Mimmo Gallo che cita Saffioti), costituito da intrecci culturali che nel corso dei secoli si sono
sempre pi complicati man mano che il potere ed il dominio sul popolo e sulla nostra terra cambiava colore e
nazionalit.
V da dire che in realt non scomparsa lattivit della Bagnarota nellambito dellattivit economica a Bagnara, ma,
come abbiamo notato e messo in evidenza, a Bagnara scomparso TUTTO il lavoro, sicch il mito della Bagnarota, che
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 48

celebrato in modo festaiolo, in realt lasseverazione di un declino generale di tutto un popolo, abbandonato a s
stesso in tutti i sensi, come energicamente ho rimarcato.
Ma continuiamo.
E dunque anche qui emerge la particolarit: il lavoro della Bagnarota si sviluppa entro un quadro economico
disarmonico, per cui lazione lavorativa soprattutto
caratterizzata dalla fatica in sovrappi che bisogna fornire per
Veni sonnu di la muntagnella
(ninna-nanna di Mia Martini)
sopperire allhandicap determinato dalle condizioni geografiche
e climatiche. Bagnara lemblema di questa condizione
Ohi veni snnu di la muntagnella
dinferiorit che in genere caratterizza tutta la Calabria e noi
Lu lupu si mangiau la picurella
abbiamo di questo vasto scenario un simbolo: Roghudi, il
Oh mamm, ohi la ninna v ffa.
villaggio a picco sopra il panorama lunare dellAmendolea.
Ohi veni sonnu di la landa mia
Roghudi: selvaggiamente bello nella sua crudele simbologia: il
Lu meu figghiolu muta mi vorria
lavoro del contadino calabrese pervaso dal grande dolore che
Oh mamm, ohi la ninna v ffa,
produce il fatto di vivere, di esistere e che comunque sannulla
ohi la ninna v ffa.
nella terra.
Sempre e comunque la terra per nascervi, viverci e morire.

DOMENICO GALLO, Mia Martini, io sono la Calabria,


Laruffa ed., Reggio Cal., 2007, pg.147.

Tuttavia questa lotta per vivere, attuata attraverso il lavoro in


sovrappi che vi necessita, restituisce a chi lo esercita un carattere forte, una possanza in grado di affrontare il tutto
senza paura poich la morte stessa non che una componente del grande disegno, pi volte ormai cennato fra le
pagine precedenti, che sta alla base motivazionale della Bagnarota.
E dunque naturale che alla domanda:
-

Come sei riuscita a far valere i tuoi impulsi e le tue tendenze artistiche? (pg. 89),

Mim, venuta fuori dal tunnel degli Anni Ottanta, rispondesse candidamente:
-

Come al solito, da donna volitiva e anche abbastanza autoritaria, perch sono di Bagnara Calabra - li le donne hanno
inventato il commercio io volevo fare esattamente quello che avevo in testa di fare

concludendo poi, a una controbattuta dellintervistatore, con unespressione che, per un meridionale cosciente di amare
la propria Regione, cio non per il semplice fatto di esservi nato, ma per sentirvisi parte, il massimo!
-

Ti senti a tuo agio con la musica napoletana?

Si, vero. Daltra parte Bagnara, dove sono nata, non dista poi cos tanto da Napoli e poi per me che sono calabrese,
Napoli la mia citt ideale, perch la Capitale del Sud, del Mediterraneo, della mia terra, delle mie tradizioni, della mia
cultura, delle mie radici.

E per Mim le radici bagnarote erano tutto, diceva che erano la mia sola sicurezza cio lunica cosa certa della mia
vita.
Io ricordo questa intervista perch la vidi in televisione.
Mim era vestita da Bagnarota in mezzo a filari di vite sulle rasole. Praticamente era inquadrata a mezzo busto essendo
la restante figura immersa nella vegetazione. E cos inquadrata, Mim rispose alla domanda:
-

se non avessi fatto la cantante, cosa ti sarebbe piaciuto fare?

la Bagnarota!

E quindi lannotazione: perch le Bagnarote lavorano molto e in pratica sono il motore economico della Citt.
La Bagnarota di Mim non un simbolo languido, ma un metro di riferimento concreto e reale, una matrice alla quale
tendere in continuazione perch totalizzante delle aspirazioni umane.
In tutte le manifestazioni ove compariva, Mim esaltava lascendente bagnaroto.
E questo verissimo, al di l di qualsiasi enfasi o retorica.
Le inquadrature di primo piano mettevano in evidenza laggressivit con la quale Mim affrontava il brano, il soma
contratto che sapeva di selvaggio quasi a dire: io ti affronto a viso aperto e accetto la sfida; tu non mi fai paura, per poi
sciogliersi nella dolcezza quando la musica faceva emergere il bello e il dolce perch in quellatmosfera fiduciosa, alla
fine, era naturale arrendersi.
Mim si spazientiva ogni volta che le chiedevano sera di origine calabrese e rispondeva secca, sempre: attenzione!
io sono calabrese perch mia madre di Bagnara, mio padre di Villa e io sono Bagnarota, insomma: io sono la
Calabria.
E poi: chiedo scusa a tutti gli altri calabresi, ma io SENTO la Calabria.
Ma alla fine, chiede lintervistatore ancora tramortito dal concetto di Napoli Capitale:
-

cosa ti lega alla tua terra?

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 49

la mia terra la terra dalla quale sono spuntata fuori e cosa lega un albero alla terra? Le sue radici, il suo
nutrimento, il suo ossigeno, la sua acqua, la sua aria, la sua musica, i suoi odori.

Ma la grandezza di Mim sta nel finale nella descrizione dei calabresi:

anche se per molti appaiamo testardi e duri, noi calabresi abbiamo una grande dignit, una grande voglia di
lavorare, di vivere.
E lo stesso biografo, nel commentare queste straordinarie considerazioni di Mim, non pu fare a meno di aderire,
trascinato dallentusiasmo, dal sussulto dorgoglio.
Io vorrei, perdonatemi, rimarcare il concetto di Bagnarota per Mim Bert:
la Bagnarota NON E un mito, un emblema da ricordare pi o meno languidamente, come susa fra i Padroni della Storia
e della Cultura bagnarese, manifestazioni comprese.
La Bagnarota di Mim un esempio da imitare il pi possibile, da prendere a metro di riferimento SEMPRE nella vita di
tutti i giorni, attenzione! nei pensieri, nel modo di pensare e nelle azioni.
Questa E la Bagnarota di Mim Bert!
Mim dunque una Calabrese di Bagnara, quasi a definire non una particolarit, ma una collegialit: poich comune il
destino della popolazione della Santa Terra di Calabria, comune il dolore che promana dalla fatica da spendere per
lavorare, comune la strada da percorrere, tutta in salita.
E il particolare della Bagnarota sta nel generale calabrese come appello alla volont, allintelligenza, alla fede, poich
queste caratteristiche non sono astratte nei Calabresi, sono il retaggio dei nostri popoli antichi, sono la forza, il coraggio
e lamore che fu di tutti i nostri antenati: spirito di sacrificio e altruismo, il tutto dentro il brodo primitivo dellamore per la
terra.
La Bagnarota, insomma.

CANTO PER COMUNICARE COL CIELO E QUALCHE VOLTA SENTO DI RIUSCIRCI

Mia Martini

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 50

ESSERE BAGNAROTE NEL 1726


DOTE DI ROSA MELLINO
PER IL SUO MATRIMONIO CON ANTONINO ZAGARI
davanti al Notaro Carmelo Sofio (Archivio di Stato di Reggio: Notai, anno 1726)

() personalmente costituti (Antonino Zagari e Rosa Mellino coi rispettivi genitori parla il padre di Rosa e il Notaio registra)
in PI li promette una paviglione bianco ornato di pizzilli, di pi li promette quattro para di lenzoli, uno con li merletti e laltro
con li guarnizioni, e latri dui simplici, di pi li promette un letto di seta impagliata e un altro di seta torchino e un altro pe minare (=
per tutti i giorni);
di pi li promette dui saj di seta e altri tre per minare, di pi li promette un gippone di oro e altre due uno per li festi e un altro per li
lavoranti;
di pi li promette cinque para di coscina, di pi li promette toccargli cinque buoni (?), di pi li promette cinque conserti boni e
quattro di mina (= tutti i giorni);
di pi li promette due canni (era una misura per il peso) di stuiabuchi (=fazzoletti); di pi li promette tovagli cinque di facci, di pi li
promette una fiannanca di granatini;
di pi li promette tre anelli due torchini e una fede, di pi li promette dodeci fila di coralli e una campanella di argento;
di pi li promette una caldara e una padella, di pi li promette un tripodi con tre piedi (= per il braciere);
di pi li promette quattro huomini di vigna;
di pi li promette due casci e tre seggi, di pi li promette quattro cammisci e tre faddali per essere la verit.
Idem in denari contanti () docati cinque pi una vigna sito e posto in detta Citt nella contrada Cacipullo, limito colla vigna
Docale, limito colla vigna del magnifico Savoja col patto del censo perpetuo dannui grana dodeci e mezzo alla Docal Corte;
di pi () mezza casa in contrada San Nicola col patto del censo perpetuo dannui carlini quattro e cavalli cinque al magnifico
Simone Sciplino () 33

Filastrocca popolare
di Bagnara
Gianni papirigianni,
jetta pirita e faci castagni.
I castagni su valori;
jetta pirita e fa figghioli.
(TOTO VIZZARI, Modi di dire con detti proverbiali, motti,
filastrocche del dialetto bagnarese, a cura dellAssociaz. Culturale
Capo Marturano, Ediz. Ofdficina Grafica, Villa S.G. 2006, pg. 38)

33 - Come si nota, la terra lungo il corso dei secoli, resta il bene principale e si tramanda di generazione in generazione, sempre uguale, anche se,
come in questo caso, la si gestisce a censo perpetuo, e la casa di propriet di un altro e si paga un affitto. Ma la penuria di terre e case era talmente
tanta, che stava come bene prezioso nella dote anche se non di propriet. Lepoca di redazione di questo documento tarda rispetto al periodo storico
qui considerato, e proprio questo mette in luce la forte continuit delle procedure sociali a Bagnara, immutabili nel tempo, come i tre anellini che
passano da madre a figlia e tutte le altre povere cose, cos preziose per la gente dellepoca!
Gli Atti notarili del Seicento e del Settecento, costituiscono una formidabile fonte per lo studio del dialetto primario. Il Notaro riportava in genere un
discorso del testante e gli sfuggiva spesso una parola in dialetto, soprattutto quando non riusciva o faceva in tempo a trovare un controvocabolo
italiano. Soprattutto usava il dialetto quando era necessario abbreviare la spiegazione di un fatto, che in italiano avrebbe chiesto ad esempio cinque
parole, con un solo vocabolo dialettale. Esempio: come se si volesse asserire = Squasu; Magari io potessi avere (quella cosa), ne sarei
soddisfatto al massimo = (quella cosa) malatu era; Ha pronunciato un discorso che nulla aveva a che fare con quanto si aveva in mente di
ottenere = Chi nic-nac? e via cos per uninfinit di espressioni. Sarebbe interessante e costruttivo se qualche giovane si interessasse al recupero
del dialetto arcaico attraverso lo studio scientifico dei documenti antichi e alluso semplificativo che se ne faceva nellansa della Bagnara).

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 51

4.- BAGNAROTE IN BATTAGLIA


La Bagnarota nellepopea di Lepanto: Anastasia Mandile.
Sulla spiaggia di Bagnara, agli scali di Scilla, la Catona e la Fossa, era tutto un fermento perch si sapeva dai trasporti
che scendevano lungo le rotte dellElba, che il Papa stava trattando una grande azione crociata contro il Turco.
Nel 1571 il Papa riusc ad accordare le potenze europee intorno allintervento. Molto di questo successo fu dovuto alla
Serenissima che offr ingenti mezzi finanziari oltre a una potenza di fuoco notevolissima. Era ancora bruciante per i
Veneziani la sconfitta di Cipro del 1570 e il danno economico che riflett questa sconfitta, si stava ulteriormente
moltiplicando. Ma anche la Spagna cercava il riscatto per la sconfitta di Gerba, e infatti Filippo II non aveva ancora perso
le speranze di dirottare le forze dellAlleanza su Tunisi. Comunque queste due circostanze, riuscirono a fare superare le
diffidenze e i sospetti che circolavano fra le corti europee, montanti dopo la battaglia della Prevesa, ove furono numerosi
i defilamenti dopo accordi sottobanco coi Turchi in cambio di concessioni marittime.
Alla fine la Lega Santa si costitu. La formazione militare fu cos composta:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Il Papa
La Spagna
34
La Repubblica di Venezia con tutte le Citt dellentroterra
Il Granducato di Toscana con i Nobili Cavalieri di Santo Stefano
Il Duca di Savoia
Il Sovrano Militare Ordine di Malta, difensore della Sacra Religione
Lucca
Mantova
Ferrara
Urbino

LArmata era forte di:

371 vascelli da guerra


76.000 uomini

LInfante di Spagna aveva ricevuto a Napoli lo Stendardo della Santa Lega e quindi linvestitura ufficiale a supremo
comandante dellAlleanza. Quando Don Giovanni dAustria giunse a Messina al comando della Galee della Murcia e
della Catalogna, erano gi giunti gli ultimi Grandi: Alessandro Farnese, Francesco Maria della Rovere, il Marchese di
Carrara, Ottavio e Sigismondo Gonzaga, Don Francesco di Savoia, il Capitano Ascanio della Cornia, Andrea Provana
Conte di Lein, Gil dAndrate, Giannandrea Doria, Don Alvaro de Bazan Marchese di Santa Cruz, mons. Giulio Maria
Odescalchi, Nunzio Pontificio poi eletto Padre Spirituale della Flotta, Bartolomeo e Nicola Donato, Don Giovanni De
Cardona, il Marchese di Santacroce, il principe di Castelvetrano, Michele Cervantes, Maturino dAux Lescut Cavalier
Romegosso, Don Michele Bonelli fratello del Cardinale Alessandrino e nipote del Papa, Tommaso d Medici, Pandolfo
Strozzi, il dottor Caraffa Duca di Mondragone, Metello Caracciolo, il Duca di Sermoneta, Alessandro Negrone, il
colonnello Pirro Malvezzi, Bartolomeo Sereno, Ruggiero Oddi, Livio Parisani Perugino, Paolo Bernadetti, Ippolito
Teubaldini da Osimo, Flaminio Zambeccani da Bologna, Monsignor Segni Nobile di Carignano, il Conte Sforza di
Santafiora, il Principe dAscoli, Michele Moncado, Lopez de Figueroa, Diego Enriquez, Il Duca di Serra, Otorio de
35
Caravasal, il Marchese di Villafranca, il Conte di Caserta. Si tenne consiglio di guerra a Messina, sotto la sua direzione
nella qualit di comandante supremo della flotta alleata. Suo luogotenente generale fu nominato MarcAntonio Colonna,
generale della flotta pontificia.
Come si nota, ladesione fu massiccia e diversificata.
Ma ladesione pi convinta venne dallo Stretto di Messina e non poteva essere altrimenti, visti gli episodi fin qui narrati.
Sebastiano Veniero si ancor davanti a Tropea e tratt con Stefano Soriano larmamento e il comando di tre Galee con
equipaggio calabrese e 200 fanti, anche loro calabresi. Tratt anche una provvista di vino e ricevette a bordo Gaspare
Toraldo Barone di Badolato che gli offr circa 2000 fanti calabresi, ottenendo il comando della Galea veneziana
34 - Importante lapporto di Brescia, Zanano e Noboli, per partecipare alla spedizione su Cipro, con un Reggimento di mille uomini al comando di
Giancarlo Ducco, con i Capitani Camillo Brunelli, Ortensio Palazzi, Ludovico Ugoni e Mario Provaglio. Duecento militi furono mobilitati dai
Porcellaga e armati a Brescia. La Valtrompia offr armi ed equipaggiamento. Le fucine di Gardone riuscirono a fabbricare 300 archibugi al giorno.
500 bresciani morirono di malattia in attesa di poter sbarcare a Cipro o Candia, un centinaio rientr a Brescia e il resto partecip a Lepanto. Il costo
finanziario per Brescia fu stimato in oltre 20.000 ducati. Dopo Famagosta, a Brescia fu chiesto un nuovo contributo e simbarcarono 338 galeotti,
cio rematori retribuiti, al comando di Gio:Antonio Cavalli e Orazio Fisogni (ERNESTO PINTOSSI, da Zanano e da Noboli nellArmata che
combatt a Lepanto, www.rete5.it/comunesarezzo). Le Galee con Comandanti veneziani alla fine furono ben 110di cui:

38 Galee sottili con equipaggio proveniente da Venezia libere;

16 Galee veneziane forzate;

30 Galee di Creta;

7 Galee delle Isole Jonie;

8 Galee di Dalmazia;

5 Galee dalla terraferma;

6 Galeazze con equipaggio proveniente da Venezia libere


(SAKYA PEGORARO, La Battaglia di Lepanto. Poesia Geografia, Horizon, a. 2001 12 giugno 2001; cfr.: sax.sk@libero.it)
35 - Sotto il Conte di Caserta, combatteranno numerosi calabresi: Scipione Folliero (contatore), Alfonso Scaglione, Gio:Agostino Folliero, Alicandro
De Martuccio, Ottavio Mancuso, Achille De Gaudio, Geronimo Galluccio, Scalabrino Tarsia, Camillo Benincasa, Cesare De Abenante.
(G.VALENTE, cit., pg. 199)

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 52

Pasqualiga sulla quale imbarc il contingente calabrese. Salirono a bordo della flotta di Veniero e di Onorato Gaetani,
anchegli a riposo davanti a Tropea, Leonardo e Cesare Galluppi, Francesco Portogallo, Andrea Frezza, Ferdinando
36
Barone con altri due membri della sua famiglia, tre Fazzari, Giuseppe Carrozza.
Il 17 Luglio MarcAntonio Colonna, proveniente da Belvedere, ancor innanzi a Tropea per avere notizie e qui seppe che
150 navi turche avevano eseguito lacquata in Puglia e pareva stessero poggiando verso la bassa Calabria. Una staffetta
part verso Monteleone per avere conferme da Gerolama Colonna, sorella di MarcAntonio e moglie di Camillo Pignatelli,
Duca di Monteleone. Intanto una fregata messinese approdava a Tropea rettificando la notizia. Si trattava di galee di
37
Sbarcato sulle anse del Canale calabrese, MarcAntonio
Venezia che intanto avevano doppiato Capo dellArmi.
Colonna pass di paese in paese accolto con tripudio: Scilla, Bagnara, Palmi e fino a Gioja e Tropea. Arruol pi di mille
marinai dello Stretto, esperti conoscitori delle correnti e dei venti e vogatori inesauribili. Il Barone Gaspare Toraldo
rispose allappello che gli giunse direttamente da Don Giovanni e mand messaggeri ovunque nei paesi dellinterno,
riuscendo a formare una leva di volontari che alla fine super duemila militi.
Una terza leva fu organizzata e conseguita con successo da Pietro Ramirez e il suo contingente di Calabresi simbarc
sulle Galee di Sicilia. Si coprir di gloria a Lepanto.
Molta attenzione fu posta nel reperimento delle specializzazioni marinare: Scipione Cavallo da Amantea, marito di Livia
figlia di Don Giovanni Ruffo-Bagnara, riarm la Luna di Napoli ad Amantea, imbarcando trenta marinai esperti di crociera
a lungo raggio. Si schierer nel Corno destro, sotto la direzione di Giovanni Rubbi. Vincenzo Marullo Conte di
Condojanni arm due galee e fu fatto Generale della Squadra dei Venturieri; Gianpaolo Francoperta Signore di
Pentedattilo e Principe di Cosoleto, nobile reggino e zio materno di Donna Francesca Pescara Diano, imbarc sessanta
suoi fanti su diverse galee dellAlleanza; Don Vincenzo Passacol Il Monaco da Seminara, arm due galee alla Marina
di Palmi imbarcando mastri dascia, carradori, carpentieri e valenti vogatori, tutti provenienti dallAltopiano e dalle Marine
di Palmi, Bagnara e Scilla e di una, la Ventura prese il comando. Don Cola DOddo arm due Galee con fanti bastanti;
una galea arm il Corsaro di Caulonia Filippo Castelvetro; due Galee Don Gaspare Parisio, consorte di Donna
Francesca Pescara Diano, e una Don Matteo Parisio; una galea famosa, la Santa Maria della Consolazione venne
armata dalle grandi Famiglie Geria, Ferrante, Bosurgi e Galimi e fu affidata a una ciurma di bagnaroti e abilissimi
38
mannesi di Solano. La risposta dellAltopiano allappello non si ferm qui: Capitan Miglio da Melicucc fu eletto per
acclamazione capitano di unaltra galea formata da Bagnaroti. In mezzo a tutta la gente calabrese del Canale e
dellAltopiano, stava il fior fiore dellAristocrazia e della marineria calabrese: Ferrante Faletti da Terranova, il Conte di
Briatico Gian Ferrante Bisbal, il Nobile cosentino Prospero Parisio, Giangiacomo Comperatore da Terranova, Bernardino
Coco da Terranova, Stefano Soriano, tre fratelli della Famiglia Fazzari, Francesco Portogallo da Tropea, Cecco Pisani
della Marina di Belvedere, Don Bernardo Ruffo, Cavaliere di Malta, figlio di Don Carlo I Duca di Bagnara, il Duca di
Seminara e il Principe di Scalea. Don Camillo Comercio da Francica, il Capitano Don Marcello Manuardi da Rogliano.
Dai possedimenti del Principe di Sanseverino giunsero comitive soprattutto di albanesi, decisi a vendicarsi delle scorrerie
turchesche nellarea cosentina. Molti i catanzaresi, sulla scia del Capitano Don Francesco De Riso, che simbarc sotto
le bandiere della Santa Sede; alfiere vessillifero, combatter con valore a fianco del Colonna perdendo un braccio ma
39
continuando a mantenere la posizione. Verr soprannominato per questo Capitano Destro.
Una fregata salp per la Terra dOtranto. Il contingente calabrese doveva completarsi con apporti della marineria
pugliese e questi furono gli ordini con i quali salp il colonnello Tiberio Brancaccio.
Il 20 luglio la grande Galea da guerra di MarcAntonio Colonna entrava nel porto di Messina salutata dalle artiglierie del
forte.
La flotta cristiana, si ormeggi lungo le anse calabresi del Canale, a Reggio e nelle rade fra Messina e Giardini, mentre
la Reale di Don Giovanni si pose in mezzo alla rada del porto messinese insieme alle Capitale degli Stati Partecipanti.
Spettacolare larrivo dei veneziani. Quando la Squadra di Venezia lev lancora da Capo dellArmi, ove sera fermata per
manutenzione, MarcAntonio Colonna usc da Messina con la Squadra di Sua Santit incrociando le veneziane al largo
di Reggio. Le due Squadre si salutarono con tiri dartiglieria e quindi entrarono trionfalmente in Messina.
La logistica della Flotta Cristiana si mise in movimento e il sistema dapprovvigionamento raggiunse ogni angolo della
bassa Costa Calabrese, attivando un canale che rimase movimentato a lungo. Prospero Colonna, Sebastiano Veniero e
molti Capitani erano alla ricerca di biscotto, vino e vettovagliamento di lunga durata.
Le carovane salivano e scendevano dallAltopiano in continuazione, da Reggio verso Aspromonte, da Scilla alla Melia,
da Bagnara verso Sinopoli, Seminara e Oppido. Le barche da pesca stavano sempre a mare e il traghettamento da
40
Bagnara (cos come dalle altre anse) verso Messina era continuo.
La collaborazione era convinta, anzi un clima di entusiasmo accompagnava il lavoro convinto di maestranze, contadini e
pescatori e soprattutto le Bagnarote, stavano in testa a questondata di collaborazionismo che attraversava larea dello
Stretto.

36 - GIUSEPPE CHIAPPARO, I Tropeani a Lepanto, TropeaMagazine.it


37 - GUSTAVO VALENTE, Calabria, Calabresi e Turcheschi nei secoli della pirateria, cit., pg. 186.
38 - La maggior parte delle galee che navigarono verso Lepanto, erano armate con un cannone centrale da 60 libbre, due da sedici e una quindicina di
cannoncini situate a poppa e prua. Il pezzo da 60 libbre sparava un proietto da ben 175 millimetri con gittata di 640 metri ad alzo zero e di tre
chilometri ad alzo 15 gradi. La loro efficacia nelle acque con poco vento del Mediterraneo, era micidiale perch, spinte a remi, manovravano
velocemente rispetto ai velieri. (GEOFFREY PARKER, La rivoluzione militare (The military revolution. Military innovation and the rise of the
West), Il Giornale, Biblioteca Storica (Cambridge University Press), Milano 2008, pg. 160). Con questo vantaggio di manovra, lartiglieria innovativa
che equipaggiava le galee, risult vincente quasi sempre contro i galeoni a vela, anche se questultimi avevano un armamento pi numeroso.
(M.MORIN, La Battaglia di Lepanto: il determinante apporto dellartiglieria veneziana, Diana Armi, IX, I (Genn.1975), ppg. 54-61).
39 - LUIGI CONFORTI, I Napoletani a Lepanto, C.E. Artistico-Letteraria 1886 (XXIV), Napoli 1886, pg. 51; cfr.: G.VALENTE, Calabria, cit., pg.
197.
40 - PAOLO GUALTIERI, Glorioso trionfo, over Leggendario di SS.Martiri di Calabria, tip. Nucci, Napoli 1630, II, pg. 374.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 53

Non cera tempo per fermarsi e riposarsi: uova, pane, verdure, derivati del maiale, tonnina, frutta delle rasole, veniva
preparata, raccolta, confezionata e trasportata alla marina o direttamente a Scilla. E poi le Bagnarote saggregavano ai
convogli militari che risalivano la costiera e fungevano da supporto per la raccolta e il trasporto a mare dei prodotti della
montagna.
Due erano gli obiettivi: rifornire la flotta per le necessit quotidiane e costituire lintero vettovagliamento per il periodo di
navigazione.
Cos come la bassa Calabria, anche la Sicilia Orientale fu mobilitata ma la fama delle Bagnarote viaggi di tolda in tolda.
Le relazioni che riceveva il Marchese di Santa Cruz erano tutte concordi: si trattava di donne abituate a sopportare ogni
privazione, avevano uno spirito di sacrificio elevato, quasi mistico, la loro fedelt verso la Patria, Dio e la famiglia era
assoluta e sapevano stare in mezzo agli uomini come se cos fossero abituate da sempre, come se fosse un retaggio.
Queste doti costituivano il fondamento della loro attivit: assistenza e trasporto logistico, preparazione di vivande in
ambienti difficili e precari, cura dei feriti, riparazioni di biancheria e di componenti di carpenteria, soprattutto manufatti in
legno, sapienza nella conservazione di cibi e bevande, conoscenza del mare e della navigazione. Come le Bagnarote,
anche le Sciglitane che saggregavano a quella compagine dal carattere infernale, militaresco.
Queste donne erano lideale per completare la composizione della retroguardia che era stata affidata al Marchese, un
misto di componenti logistiche, assistenza medica, vettovagliamento e un vasto schieramento di truppe dassalto
soprattutto siciliane, calabresi, napoletane.
Il Conte di Briatico si rec alla spiaggia di Bagnara e da qui nellabitazione di Don Marcantonio Mandile e Donna Antonia
Angiola Cesareo, nobildonna di antica stirpe originaria di Tropea e Nicotera.
Spieg il disegno del Marchese di Santa Cruz
chiedendo il consenso di Don Marcantonio per
limbarco della figlia, Donna Anastasia, una
Bagnarota dal timbro elitario molto sviluppato,
un carattere di ferro e soprattutto tanto
coraggio.
La
Bagnarota
accett
immediatamente e nel giro di qualche giorno,
form una squadra di 18 Bagnarote della
montagna,
cio
le
popolane
che
sincaricavano del collegamento commerciale
giornaliero coi paesi dellAltopiano, e 7
Sciglitane della marina. Una ciurma
specializzata e specialissima che a bordo di
una paranza da loro stesse governata, si
aggreg alla squadra del Santa Cruz, fuori dal
Porto di Messina, fra gli altri trasporti e dietro
le truppe dassalto della Riserva dellArmata.
Prima di salpare, Don Giovanni si rec al Monastero di San Martino ove dimorava il frate calabrese Giovanni Mazza, con
fama e venerazione di Santo e dal santuomo prese la Comunione.
Quindi una solenne cerimonia in Duomo, a Messina, officiata da Padre Lattanzio da Cropani, dellOrdine dei Minori
Conventuali di San Francesco, alla presenza di tutto lo Stato Maggiore alleato.
Tutte le testimonianze e le cronache dellepoca concordano nel descrivere la partenza della Flotta Cristiana dalle sponde
del Canale.
Uno spettacolo che lasciava intontiti e provocava copiose lacrime di commozione.
La Reale di Don Giovanni, con le insegne di Capitana Ammiraglia ed un padiglione ove spiccavano gli stemmi reali,
stava in mezzo al Canale, fiancheggiata dalle Capitane degli Stati alleati e, ai lati, da costa a costa, tutte le galee da
guerra con stendardi e gonfaloni degli Stati di appartenenza, bandiere delle Citt e stemmi araldici di nobili famiglie, oltre
a vele colorate, gonfiate dal vento del Canale. Seguivano le 6 galeazze che navigavano a vela e a remi, imponenti,
maestose e piene di frenetica attivit sui ponti immensi.
Le galeazze che navigavano affiancate e trainate da paranze di scorta, erano navi che fino a quel momento la gente del
Canale aveva mai viste. Dotate di tre alberi, un castello a prua e uno a poppa, aveva due ponti con 46 banchi di
rematori. Si vedevano dalla costa i poderosi cannoni di grosso calibro, per lesattezza 36, oltre a numerosi cannoni di
medio e piccolo calibro e faceva impressione vedere, per la prima volta, le bocche da fuoco montate ai fianchi delle navi,
minacciose, e non pi solo a poppa e prua. Quindi le navi che imbarcavano gli Ordini Religiosi: Domenicani,
Francescani, Benedettini, Minimi, Zoccolanti, Preti secolari, tutte con le insegne degli Ordini alte sui pennoni e le grandi
Croci a prua. Da queste navi si levavano canti gregoriani mentre si celebravano in continuazione riti religiosi.
Quindi la Riserva militare del Marchese di Santa Cruz e infine le grandi navi del trasporto logistico e vettovagliamento,
circondate dalle paranze per il trasporto leggero e il collegamento fra le navi della Flotta.
Dalle due sponde dello Stretto, da Palmi, Bagnara, Scilla, la Fossa di San Giovanni, la Catona e Reggio, oltrech
Messina e tutti i villaggi della costa siciliana dello Stretto, un unico tripudio di gente che sventolava bandiere, panni
colorati fra grandi fal beneauguranti, mentre le campane di tutte le chiese del Canale suonavano a distesa.
La notizia che una potente Armata Cristiana aveva doppiato il Capo Spartivento, raggiunse veloce i Dardanelli.
Caracossa che era riuscito a sbarcare nei pressi di Messina di notte, spi a lungo lArmata allancora, non accorgendosi
per del contingente di Barbarigo, per cui cont circa 150 navi. Era necessario fermarne lavanzata prima che si
presentasse davanti alle coste della Grecia, portando minaccia alla stessa Costantinopoli.
Mehmet Al Pasci, il conquistatore di Famagosta e autore della tortura di Marcantonio Bragadin (venne spellato vivo e
la pelle poi gonfiata come un otre e portata in giro per il campo turco) aveva da tempo radunato le forze di tutti i Signori
del Mare delle coste nord africane e in poco tempo riusc a formare lo schieramento per andare allincontro del nemico.
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 54

Gli esploratori di Cecco Pisani non persero tempo a trovare lArmata Turca in navigazione. Studiando con attenzione il
gioco delle correnti e la direzione del vento, trovarono lArmata dove avevano calcolato che fosse e linformazione giunse
veloce agli strateghi della Reale.
Lavvistamento avvenne poco al largo delle Curzolari e la numerosit delle due Armate, richiese oltre mezza giornata di
manovre prima che i due front-line fossero operativi.
La titubanza su cosa fare aleggiava nella formazione alleata fino a quando Cecco Pisani non riusc a stare appartato con
Colonna e lo dettagli sulla consistenza del nemico; era molto pi numeroso di quanto aveva riferito allInfante. E esort
Colonna a muoversi: Ora o mai pi.
LArmata Cristiana, grazie alle informazioni di Cecco Pisani, si present nella formazione correttamente sgranata e, dopo
lagevole riposizione in front-line, inizi lentamente ad avanzare.
Lo schieramento al completo occupava pi di tre miglia di mare. Allavanguardia, a mezzo miglio dal front line alleato e
distaccate luna dallaltra in modo da presentarsi davanti a tutto lo schieramento, le sei galeazze di Francesco Duodo.
Al centro di 61 galee che erano poi lo schieramento principale dellArmata, stava la Reale di Spagna che imbarcava
lInfante Don Giovanni dAustria.
Ai fianchi stavano in protezione e supporto al comando, la Grifona del Papa con i Cavalieri di Santo Stefano al comando

41

di Marcantonio Colonna, la Duchessa di Savoja con Provana, la Capitana di Venezia con Sebastiano Venier e la
Capitana di Genova con Ettore Spinola e Alessandro Farnese. Gian Andrea Doria ebbe la responsabilit dellala destra
con 53 galee e 53 stavano allala sinistra con Agostino Barbarigo.
Dietro lo schieramento, Don Alvaro De Bazan Marchese di Santa Cruz, aveva disposto le sue 35 navi da battaglia
nascoste a ridosso dello schieramento centrale.
La formazione ottomana si schier a mezzaluna con al centro la Sultana di Mehmet Al; alla destra si schier il Vicer
dEgitto Mehmet Scirocco e alla destra il Bey dAlgeri Ulugh Al (Occhial). Dalla formazione a mezzaluna dellArmata
Turca, 67 galee e 27 galeotte, al comando di Occhial, iniziarono a virare verso il largo collevidente obiettivo di aggirare
lo schieramento alleato e prendere la Reale alle spalle. La manovra fu capita immediatamente e linformazione venne
passata al gruppo di Doria che scost leggermente dallo schieramento, pronto a virare per andare allincontro di
Occhial.
Si procedette cos per pi di unora, con Al Pasci che mostrava sicurezza spolpando tranquillamente una aletta di pollo
sulla tolda della Sultana, incurante dello schieramento alleato che intanto iniziava la lenta manovra per assumere lo

41 - Nello schieramento papale sinquadrarono le 12 galee da guerra toscane senza le insegne di Cosimo d Medici. Infatti a causa della tensione fra
Firenze e Filippo II, la Toscana ader alla Lega Santa ma lArmata figur come noleggiata dal Papa. Per tale motivo inoltre, i Cavalieri di Santo
Stefano non innalzarono le insegne dellOrdine, figurando come alle dirette dipendenze di Sua Santit (CESARE CIANO, I primi Medici e il mare,
Pacini ed., Pisa 1980, pg. 61).

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 55

schieramento da battaglia. Le galere alleate si stavano serrando per chiudere tutti i varchi e quindi operare con fuoco
frontale dartiglieria compatto.
Dietro, le navi delle Congregazioni si erano messe in coda della Riserva, che stava distanziata dallo schieramento da
battaglia. Il Marchese di Santa Cruz aveva infatti lordine di rendere difficile la valutazione sulla numerosit e la capacit
di fuoco della Riserva e quindi la forza da battaglia sera confusa in mezzo alle grandi navi da trasporto e le copiose
paranze che intanto andavano e venivano dallo schieramento da battaglia, portando munizioni, trasferendo soldati da
una nave allaltra, a seconda di come si posizionava il nemico, e ordini dalle Capitane alle galere da guerra.
Era una frenesia unica quella che caratterizzava lo schieramento alleato, mentre lArmata Turca avanzava sicura e
veloce.
Don Giovanni e MarcAntonio Colonna presero posto su due barchette e percorsero tutto lo schieramento ricordando ai
combattenti che si era l per compiere una missione divina e che il Crocifisso era il
Comandante di quella potente armata destinata alla certissima vittoria.
I cappellani di Mons. Odescalchi iniziarono a confessare i soldati e ad assolverli dai
peccati, mentre improvvisamente il mare si calmava e il vento poggiava a favore delle
vele cristiane.
Quando le due flotte furono a vista, lavanzata dellArmata Cristiana rallent, facendosi
distanziare ancora di pi dalle sei galeazze che presero posizione, avanzando a remi, a
circa 500 metri davanti allo schieramento alleato, sgranate in modo tale da coprire tutto
lo schieramento: ala sinistra, centro, ala destra.
Al Pasci continuava intanto a consumare tranquillamente la colazione mentre, pare, i
suoi ammiragli se la ridevano osservando quelle goffe imbarcazioni davanti allo
schieramento nemico. Forse erano state posizionate in quella maniera per ostacolare
larrembaggio turco. Sarebbero state superate di slancio perch si vedeva chiaramente
che avevano grandi difficolt di manovra. Intanto a bordo delle galeazze ferveva lattivit
di preparazione. I Duedo osservavano con sguardo feroce lavanzata turchesca, sguardi
di aperta sfida e di odio immenso. La vendetta per le stragi compiute in seno alla loro
famiglia, era pronta per essere assaporata in pieno.
Sebastiano Venier
Capitano General da mar della
Poco prima di mezzogiorno le due flotte vennero a tiro dartiglieria.
Marina da Guerra della
Dalla Sultana di Al Pasci si spar un colpo davvertimento al quale si replic da parte
Serenissima.
delle Capitane Cristiane.
(dipinto dal Tintoretto)
Il Pasci allora, fece salire sul pennone della Sultana il grande gonfalone di seta con Tratto da: Wikipedia Battaglia di
Lepanto
ricamato 88 volte 88 il nome di Allah. LArmata era pronta alla battaglia.
Fu allora che dalla Reale di Don Giovanni si spar una bordata a salve mentre saliva sul pennone il grandissimo
stendardo ricevuto a Napoli, dipinto da Girolamo Siciolante da Sermoneta, a fiamma rossa bordata doro, sul quale
campeggiava la scena sacra Ges Crocefisso tra S.Pietro e S.Paolo e la scritta In hoc Signo vinces proseguendo
poi per otto metri in campo azzurro.
Contemporaneamente si ammainarono le bandiere e i gonfaloni delle forze alleate. Solo i lunghissimi striscioni colorati
42
che servivano per individuare lappartenenza allo schieramento, restarono alti sui pennoni.
Il gesto simbolico fu emozionante: non le singole Nazioni erano l a combattere, ma una grande Armata, la Nazione di
Cristo, una, cattolica, indivisibile. LEuropa non era l per difendere le ragioni di Venezia e la sua supremazia su Cipro,
ma per fermare, davanti a Cipro, laggressione ottomana al Sepolcro di Cristo in Gerusalemme.
Lemozione colse tutti: si sent una grande ovazione dopo che il monaco Anselmo da Pietramolara, levandosi dritto sulla
prora della galera che lospitava, alzando in alto una grande croce nera, grid verso i Turchi: vittoria!, grido che pass
da nave a nave.
In quel momento, sulla prua di ogni galea fu piantata una Croce di legno nera mentre dalla nave-appoggio di Mons.
Odescalchi, veniva impartita una solenne benedizione con lassoluzione papale da tutti i peccati per i partecipanti
cristiani alla battaglia.
Al Pasci ordin allora, furibondo, lattacco generale e le galere turche forzarono la voga e presero velocit. Pensarono
di attaccare e prendere subito quello che sembrava un grosso convoglio mercantile carico di vettovaglie e dunque
puntarono decisi incontro alle Galeazze e cos sinfilarono sulla loro linea di fuoco.
A questo punto dai bordi delle galeazze inizi un violento fuoco dartiglieria. Una cosa mai vista fino allora! Sia per la
potenza di fuoco e sia per lorigine di quel tiro, perch per la prima volta in un combattimento navale, proveniva dai bordi
di una nave e non pi solo da poppa e prua. Centinaia di cannoni di medio e grande calibro squarciarono fiancate,
divelsero alberi e velature, scombinarono controlli per la navigazione.

Cosa incredibile che da sei sola galeazza, ne fusse uscito un tanto esterminio, non essendosi per avanti
esperimentate in pugna navale. 43
Le galere turche sbandarono e si resero conto di non potere fermarsi in mezzo a quella micidiale sorgente di morte.
Frustarono ancor pi gli schiavi cristiani addetti alla voga e superarono cos la linea di fuoco delle galeazze
presentandosi davanti allArmata Cristiana. Ma il loro schieramento era ormai scombinato.
Lattacco delle galeazze aveva fatto perdere ai Turchi la compattezza e quindi lefficacia dellincursione fu quasi
44
dimezzata.
42 - Con le strisce gialle: Squadra del Corno sinistro (Barbarigo). Con le strisce azzurre: Squadra Centrale (Don Giovanni). Con le strisce Verdi:
Squadra del Corno destro (Doria). Con le strisce bianche: Squadra di riserva (Santa Cruz).
43 - G.PARKER, La Rivoluzione militare, cit., pg. 162.
44 - La galeazza era lunga circa cinquanta metri (le galee erano lunghe 40 metri) e larga 9. Era armata con 8 cannoni di grosso calibro a poppa e prua
e almeno sette cannoni di medio calibro, anti-uomo, su ogni fiancata. Imbarcava inoltre un contingente di archibugieri di almeno duecento uomini
oltre a reparti di fanteria leggera. Unarma micidiale in tutti i sensi.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 56

Con grande esperienza marinara, gli ammiragli turchi si riposero comunque in assetto da battaglia e affrontarono lo
schieramento alleato che sera predisposto al contrattacco. Un nutrito sbarramento di fucileria rinforzato dallartiglieria,
and allincontro dellarrembaggio turco. Lo schieramento sera di nuovo scomposto ma adesso la battaglia si iniziava a
combattere per singoli episodi.
Il primo arrembaggio invest Agostino Barbarigo, che ebbe sempre al fianco la galea di Camillo da Correggio, e riusc,
nonostante la precisa attivit di fucileria degli archibugieri.
Anche la galea di Marino Cantarini si trov chiusa fra sette galere turche. Larrembaggio fu fermato con valore e cost la
vita al grande Capitano. Fu Paolo Orsini a prenderne immediatamente il comando ridando slancio ai Cristiani mentre al
suo fianco simmolavano i Capitani Barone da Gubbio e Gioiano da Vicenza.
Era ormai questione di minuti e la battaglia di Orsini sarebbe stata persa. Allimprovviso per, la galea di Vincenzo
Quirini riusc ad arrembare in mezzo alla confusione generale e a sfondare lo schieramento turco.
I Turchi erano sgomenti per tanta resistenza e iniziarono a retrocedere mentre un enorme frate con barba fluente,
roteando una grande scimitarra, saltava dalla galea di Quirini su quella di Orsini e, con ghigno feroce, trascinava i suoi
allattacco.
I Turchi rientrarono sulle galere e fecero per mettersi a difesa quando gli schiavi cristiani, rotte le catene, s lanciarono su
di loro facendone strage di spada.
Le galee di Orsini e Quirini a tal punto, virarono di bordo e si affiancarono alla galea di Giovanni Contarini, quindi
savvicinarono a quella di Agostino Barbarigo, che stava sostenendo un impari duello con numerose galere Turche.
Barbarigo era stato colpito a un occhio e aveva trasferito il comando a Narni. Lassalto delle due galee amiche consent
a Narni di liberarsi dallassedio, contrattaccare e vincere, anche se, durante il vittorioso arrembaggio finale, Quirini perse
la vita.
Scirocco, che comandava quellassalto turco alla galea di Barbarigo, tent allora la fuga portandosi, pare a nuoto, sugli
scogli rivieraschi, inseguito da Orsini che lo raggiunse e lo giustizi sul posto.
Intanto Narni catturava il Capitano turco Caur-Al sottraendogli la cassa della flotta.
Il Nobile Gaspare Parisio vinse la sua battaglia contro una galera turca catturandone lo stendardo ma ne usc
orrendamente sfregiato da scimitarra. Stessa sorte per Francoperta che, malgrado le orrende mutilazioni, non
abbandon la tolda della sua galea.
Queste e altre eroiche prove della flotta alleata, consentirono a Don Giovanni di continuare a cercare la Sultana di Al. La
trov defilata dietro una scorta di galere; al tentativo di accostamento della Reale, rispose con nutrito fuoco di fila. Invano
MarcAntonio Colonna cerc di affiancare la Reale per raddoppiarne la forza durto. Il Contrammiraglio turco PetrevPasci ne intu il piano e gli si mise contro. Colonna decise di attaccarlo prima che la galera terminasse di porsi in
posizione offensiva e attaccare di punta, e la controffensiva riusc costringendo Petrev-Pasci alla fuga su un caicco di
scorta.
Colonna pot cos sostenere lattacco di Don Giovanni e il contatto colla Sultana avvenne fra una miriade di spari e urla.
I Giannizzeri balzarono sulla Reale sciabolando freneticamente, atteggiamento che non scompose i 400 Archibugieri
Sardi e Spagnoli della Guardia Reale. Di fronte allindecisione dei Giannizzeri, sorpresi dalla precisione di quel fuoco di
fila, la Guardia Reale pass al contrattacco. Riuscirono a scavalcare la fiancata della Reale ma si trovarono di fronte una
marea di corsari che erano giunti di rinforzo su navi leggere. Ci fu un momento di sbandamento fra le fila cristiane
mentre i Giannizzeri, sostenuti da forze fresche, riguadagnavano il ponte della Reale.
Sebastiano Venier saccorse del pericolo e punt immediatamente sulla Reale per sostenerne la difesa, ma venne
speronato da una galera turca di supporto alla Sultana e sarebbe stato sopraffatto se non fosse giunto il soccorso delle
Galee di Cattarino Malipiero e Zuane Loredan, entrambi morti in battaglia per sostenere il Capitano e consentirgli la
vittoria.
Mentre attorno alla Reale infuriava la battaglia, la Grifona del Papa e la Capitana di Venezia viravano in continuazione di
360, nel tentativo di trovare spazio di manovra. La galea di Francesco della Rovere, Duca di Urbino, cerc in tutti i modi
di agevolare questa manovra, governata da Francesco di Savoja Duca di Racconigi. Appoggiato da numerosi membri
della famiglia Canal, il Duca di Racconigi accett battaglia rimanendo ucciso. Anzich ordinare la ritirata, il Conte Andrea
Provana da Leyn che prese il comando della galea, rest nella pugna a fianco della Grifona ove intanto Bartolomeo
Sereni, Onorato Caetani e Alessandro Negroni si opponevano eroicamente alla sovrabbondante forza turca.
Vi fu un momento nel quale le condizioni di teatro consentirono alla Grifona di svincolarsi, circostanza della quale la forte
galea papale subito approfitt tirandosi dietro Provana. La Capitana del pirata Caracossa si trov, isolata, sulla loro rotta
e venne immediatamente attaccata e presa. Caracossa fu ucciso durante lassalto finale.
Si lev dalla Grifona un grido di gioia nel momento in cui la galera ammainava le insegne turchesche e al loro posto,
veniva inalberato lo striscione azzurro del corno alleato. Un grido prolungato perch dalla Grifona si scorgeva ci che
intanto avveniva poco distante: Ruggero Oddi da Perugia che catturava la ex Capitana del Papa perduta a Gerba.
La tutela attorno alla Sultana a quel punto, sindebol. Fallito lattacco primario a bordo della Reale, la Sultana sera
svincolata pur rimanendo da presso, in attesa di ricevere rinforzi per lattacco finale. Ma le circostanze attorno al centro
del teatro bellico, stavano volgendo a favore dei Cristiani e la Sultana era chiaramente in difficolt. I primi ad
approfittarne furono la Galea di Genova, seguita di fianco dalla galea di Bergamo ove ritto sulla prua, Antonio Colleoni
continuava a puntare la grande spada verso la Sultana.
La galea di Genova abbord con grande maestra e il contingente sardo si precipit a bordo della Sultana chiudendo in
un angolo, senza speranza, lAmmiraglio turco.
Fu il momento tanto atteso: Colonna fece alzare sul pennone il segnale dellattacco generale.
La riserva militare di Don Alvaro di Bazan Marchese di santa Cruz, avanz velocemente gettandosi nella mischia come
una furia: ondate di calabresi, siciliani, napoletani si avventarono sui ponti delle galere,trascinandosi dietro gli altri
contingenti di riserva. Le Galee di Sicilia si portarono subito vicino alla Reale e il contrattacco finale riusc a sopraffare la
valorosa resistenza turca. In questa azione fu ferito gravemente al naso il Bagnaroto Vincenzo Cesareo che su una
Galea siciliana aveva trovato posto insieme a un suo servo di Solano, abilissimo fiocinatore da pesce-spada. Durante
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 57

lassalto finale, Cesareo venne chiuso da cinque scimitarre e sarebbe stato sopraffatto se il servo solanoto non fosse
intervenuto alle spalle sciabolando freneticamente e liberando cos Cesareo dallangolo mortale. Un altro Bagnaroto,
Cardonio Pizzarello, che combatt inquadrato nellequipaggio di Capitan Milio da Melicucc, ebbe il viso squarciato da
45
scimitarra durante il contrattacco finale dellArmata Centrale.
Le scorte della Sultana furono quindi sopraffatte gi dopo il primo assalto proprio mentre i Sardi conquistavano lalbero
maestro della Sultana. Si stava profilando una grande vittoria!
Fu in quei frangenti che avvenne un episodio singolare quanto significativo.
Le paranze si erano date da fare durante tutto il corso della battaglia, allineando le galee sugli ordini che partivano dalle
Capitane e le stesse Capitane con la Reale di Don Giovanni.
Nella fase centrale, si preoccuparono di evacuare i feriti consegnando provviste e munizionamento o provvedendo a
46
riparazioni demergenza. Quando il Marchese di Santa Cruz si gett nella battaglia con tutte le forze disponibili, le
paranze si defilarono per agevolare lattacco generale e cos alcune di loro capitarono in mezzo alla scorta della Sultana,
composta da caicchi colmi di vettovagliamento vario e trasporti sui quali avevano trovato posto membri della Corte
Ottomana e dignitari dellImpero Turco.
Su una di queste navi, una saiettia chiamata Fusta del Profeta, stavano affacciate per assistere alla battaglia le
favorite dei Capitani turchi, damigelle suonatrici e vari cortigiani.
In quel momento pass di fianco, navigando lentamente perch carica di agrumi per la truppa, la paranza di Bagnara
con a bordo le 18 Bagnarote e le 7 Sciglitane. Molte di loro riconobbero fra le favorite, alcune calabresi che sulla Costa si
ritenevano schiave ai turchi e che invece adesso apparivano vestite di veli preziosi e con addosso luccicanti gioielli. Era
chiaro che avevano rinnegato la fede cristiana e si erano concesse ai Capitani turchi.
Non era un caso isolato quello delle favorite ex schiave cristiane. A parte il gi narrato episodio di Flavia Caetani, era
ancora recente il ratto a opera di Barbarossa, di Margherita Marsili, detta Rossellana per via dei capelli rossicci, poi
divenuta prediletta di Solimano il Magnifico e suo figlio il successore del Gran Turco col nome di Selim II, o di Cecilia
47
Basso, la bellissima veneziana sposa proprio di Selim II, matrimonio dal quale nascer il futuro Murad III.
La presenza delle favorite turche fu fatta notare immediatamente ad Anastasia Mandile che quella paranza governava e
la Bagnarota non ci pens due volte. Labbordaggio fu perfetto e la paranza si trov a fianco della saiettia turchesca.
Irripetibili imprecazioni furono rivolte alle favorite che risposero indispettite, facendo leva sulla scorta di Eunuchi e della
Guardia dei Giannizzeri della Galera.
A quella risposta, le Bagnarote e le Sciglitane risposero con lanci di oggetti di piccolo e medio calibro e quindi iniziarono
48
un nutrito bombardamento di arance e cedri.
La furia mont inarrestabile e Anastasia abbord definitivamente. Le Bagnarote e le Sciglitane si scagliarono contro le
traditrici, seguendo labbordaggio che intanto operava la Galea di Don Matteo Parisio. Per qualcuna lassalto fu fatale e
per la maggior parte si tratt di nervate, sfregi e pestaggi e lumiliazione del taglio dei capelli.
In quellattacco, Anastasia sub la lacerazione del naso e del mento ma rimase fino alla conclusione della particolare
battaglia combattuta a margine di quella principale.
Fra le damigelle suonatrici ve nera una, bellissima, che disse di chiamarsi Miriam. La danzatrice rivel a Parisio e
Anastasia la presenza sulla saiettia di un barracano e di una bandiera verde, custodita con cura maniacale, quasi fosse
una reliquia. Le schiave furono liberate e la saiettia cambi nome in Santa Maria del Piliero. Dopo di che Anastasia si
diresse a fianco della galea di Capitan Milio e prelev i feriti, fra i quali Cardonio Pizzarello.
Il giovane not la bella Miriam che era rimasta accanto ad Anastasia e decise di porla sotto la propria protezione
chiedendole di assisterlo nella sua condizione di ferito. Anastasia Mandile si mostr consenziente e cos Miriam si pose
a fianco del Crociato bagnaroto, mentre la paranza riguadagnava le retrovie per ricoverare i feriti e rifare i rifornimenti.
Da tutto lo schieramento poi, si osserv allimprovviso che dalla Sultana di Al scendeva lo stendardo della Mezzaluna e
immediatamente dopo veniva innalzato il grande stendardo azzurro con in pieno campo la Santa Croce di Cristo.
Un fremito di gioia e orgoglio percorse lintero schieramento cristiano ma solo Andrea Doria non credette alla vittoria
definitiva. La sua esperienza lo consigli di non abbassare la guardia ed ebbe ragione. Nella confusione generale
succeduta alla resa di Al, Occhial manovr velocemente allargandosi di molto dallo schieramento originario. Avrebbe
continuato cos ancora per quasi cinque miglia dopo di che avrebbe certamente virato buttandosi di fianco sulla reale di
Don Giovanni con tutte le forze dellAla Destra turca. Una situazione di pericolo estremo che fu valutata da Doria appena
in tempo. La formazione cristiana lasci immediatamente la formazione di battaglia e si defil per impedire la crociera al
convoglio di Occhial e offrire battaglia. Circostanza che ovviamente Occhial non accett. Ma intanto fu costretto a virare
stretto, perdendo liniziativa dellattacco in pieno fianco. Sfruttando la maggior velocit delle galere, riusc a far penetrare
nello schieramento cristiano solo quindici galere da battaglia, mentre il resto della sua flotta era bloccato dalle navi di
Andrea Doria.
Immediatamente la Fiorenza con i Cavalieri di Santo Stefano e la San Giovanni, della flotta papale, insieme alla San
Michele Arcangelo Capitana dei Nobili Cavalieri di Malta difensori della Sacra Religione al comando della quale stava
45 - Lo stesso Capitano perdette le gambe nella battaglia per cui i discendenti furono cognominati Gambacorta (G.VALENTE, cit., pg. 201).
46 - Si tenga conto che una Galea in assetto da battaglia, era governata da non meno di 150 rematori (le galeazze ne avevano 250!) e portava non
meno di 250 fanti. Pertanto una galea in assetto da battaglia, vista da lontano, mostrava una sequenza di teste continua da poppa a prua. Difficile fare
con comodit i bisogni fisiologici, e per tale motivo per esempio, la presenza di una galea si poteva accertare anche di notte, se il vento era
favorevole, perch trasportava la puzza di escrementi anche a un paio di chilometri. Ma era proprio la logistica il punto forte che rendeva la galea
vincente. Senza lappoggio logistico, la galea non avrebbe potuto navigare autonomamente per pi di due giornate, poich i rifornimenti che
trasportava, non sarebbero stati sufficienti per tutti n vi sarebbe stato spazio libero per imbarcarne altri. Ecco dunque il prezioso supporto delle
paranze di collegamento fra i galeoni mercantili che fungevano da magazzino, e il front-line di combattimento o, nella trasferta, di schieramento.
47 - ARRIGO PETACCO, La Croce e la Mezzaluna. Lepanto 7 ottobre 1571: quando la Cristianit respinse lIslam, Mondadori, Milano 2005, pg.
30.
48 - Anche gli ultimi Giannizzeri si difesero lanciando arance e cedri, circondati dalla fanteria spagnola vincitrice che, per beffa, raccoglieva quegli
agrumi e li rilanciava verso gli assediati. (G. PARKER, La Rivoluzione militare, cit., pg. 163).

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 58

adesso Fr Pietro Giustiniani, Priore di Messina e Generale della Religione, seguiti dalla seconda Capitana dei Cavalieri
di Malta con Fr Rinaldo Naro, si lanciarono verso il nemico, intanto inseguito da undici galee veneziane del Doria.
Fu una vera immolazione.
La Fiorenza sub lattacco pi forte e i Cavalieri di Santo Stefano furono trucidati. Si salv Tommaso d Medici con soli
15 Cavalieri mentre lequipaggio, per sostenerne la ritirata, si offriva alle scimitarre. Lequipaggio della San Giovanni
venne sterminato, i 36 Cavalieri e lequipaggio della San Michele strangolati, ferito sette volte Fr Giustiniani, ferito tre
volte Fr Naro, decimati i contingenti veneziani nel frattempo accorsi, eroico con la spada in mano il Conte di Briatico
Don Gianferrante Bisbal.
Intanto Doria manovrando con virate continue, piombava alle spalle dellattacco turco e, col supporto di Don Giovanni De
Cardona, affront e batt tutto lo schieramento di Occhial. Il rinnegato calabrese alla fine non accett battaglia e si
diede alla fuga. E consent anche ai Cristiani di sopraffare Al, catturato dalle truppe dassalto spagnole. La
raccomandazione dellInfante era stata di catturarlo vivo, ma troppo forte fu il desiderio di vendetta dei Cristiani che
avevano ancora a mente la descrizione degli eccidi di Famagosta. Il Pasci fu incordato, e quindi gli furono cavati tutti i
denti. Venne quindi deposto sopra un catafalco e decapitato. La sua testa fu posta sopra unaltissima picca e innalzata a
prua della Sultana. Di fronte a quella visione spettrale, le truppe del Sultano abbassarono le armi.
Lentamente, la battaglia si disperdeva in sempre pi isolati duelli fino a che le ultime galere turche si defilarono e presero
la rotta per Costantinopoli.
Dei tremila calabresi presenti a Lepanto, circa seicento perirono combattendo e di questi eroi sconosciuti, il simbolo
perenne, ancora oggi ricordato e ammirato, resta lesploratore calabrese Mastro Cecco Pisani da Belvedere, guerriero
49
senza paura e del mare amico gentile.
NellIsola di Corf, riposano per sempre le spoglie degli eroi di Lepanto.
I Nobili cattolici prima sepolti nella Chiesa della Santissima Annunziata, ora sono nel Cimitero Cattolico dellIsola.
I Nobili ortodossi riposano nella Chiesa dei Vechi di San Nicola e i non nobili nella bellissima chiesetta dei Martiri.
La bandiera della Sultana si trova adesso nella Chiesa dei Cavalieri dellOrdine Sacro Militare Marittimo di Santo Stefano
50
Papa e Martire, Ordine voluto da Cosimo I d Medici Granduca di Toscana.
Lo Stendardo della flotta turca, fu affidato da Don Giovanni al Vescovo di Gaeta, don Pietro Lunello ed ora presso il
locale Centro Storico Culturale.
Il grande Crocifisso in legno, innalzato a prua della Reale un momento prima dello scontro, ancora oggi venerato con
51
intensa religiosit presso la Cattedrale di Barcellona.
San Pio V stabil che il 7 Ottobre fosse ricordato da tutta la Cristianit come il giorno consacrato a Maria Santissima delle
Vittorie. Gregorio XIII trasfer quindi la festa alla prima domenica di Ottobre sotto il titolo di Maria Santissima del Rosario.
Nei nostri cuori di Calabresi, resta immutabile il ricordo di Mastro Cecco Pisani, fulgido esempio di cosa sia lo spirito di
sacrificio, labnegazione e la dedizione al lavoro e alla patria, di un Calabrese lasciato libero di vivere e lavorare.
Il ritorno a Bagnara e Scilla di Anastasia e delle sue guerriere fu trionfale. I trofei che, con laiuto di Miriam, Don Matteo
Parisio aveva recuperato, furono esposti in Duomo a Reggio insieme alla bandiera azzurra dei Parisio. Qualche tempo
dopo, la nobile Famiglia decise di restituire le prede ai Turchi e la stessa Miriam, convertitasi nel contempo al
Cristianesimo, sincaric della riconsegna alla Sublime Porta.
Anastasia pass quindi a Tropea unitamente al dott. Vincenzo Cesareo e le loro ferite di Lepanto vennero curate dei
grandi Vianeo. Cesareo ebbe rifatto il mento e alcuni lembi di pelle furono prelevati dalla gamba del suo servo solanoto,
il micidiale fiocinatore di pesce-spada che a Lepanto gli aveva salvato la vita sfollando il nugolo di turchi che aveva
circondato e oramai sopraffatto il suo padrone sulla Galea di Sicilia overano imbarcati.
Anastasia fu sottoposta a una sofisticata operazione di rinoplastica e ne usc perfettamente restaurata.

49 - Come gi ricordato nelle pagine precedenti, lepisodio di Anastasia Mandile fu pubblicato per la prima volta nel volume TITO PUNTILLO
ENZO BARILA, Civilt dello Stretto, cit., ripreso pressoch integralmente nel cennato pamphlet di Mirella Violi ma con errori da giudicarsi
fondamentali. La ricerca che avevamo condotto, ci fece risalire a un saggio di: G.PARISIO MARZANO, Elenco II delle universit del Regno di
Napoli che figurarono col titolo di Citt, e numero di fuochi di ognuna di esse, saggio erudito pubblicato nella Rivista del Collegio Araldico, a.
XXXIV (1936), pg. 307, che citava la battaglia delle arance. Data la straordinariet dellevento, cercammo conferma del fatto e in parte la
rinvenimmo in: G.PARKER, La Rivoluzione militare, cit., nelledizione della Cambridge University Press. e nel lavoro di GUSTAVO VALENTE,
Calabria, cit., pg. 220. Recentemente sono apparsi in Internet diversi contributi che si richiamano a questo episodio. Per esempio:
TropeaMagazine ha messo in Rete un saggio di GIUSEPPE PARISIO, Baroni e Feudatari nel napoletano, Rivista Araldica, 1939, che noi
consultammo allepoca della nostra ricerca e che nella sostanza richiama il Saggio del 1936. La notizia ripresa anche da SIMONA NEGRELLI, I
fabbricanti di nasi,Il Quotidiano della Calabria, 26/8/2007, recensita in Tropeanews da Salvatore Libertino. La Stanga del Portatore, che un
periodico bimestrale dinformazione edito dalla Benemerita Associazione Portatori della Vara della Madonna della Consolazione
(www.portatoridellavara.it), nel numero 1 del 2005 (anno II - genn.-febbr. 2005), ospita larticolo di NATALE CUTRUPI, Origini del culto della
Madonna della Consolazione allEremo, che cita la Battaglia e lepisodio di Anastasia Mandile.
Una bellissima descrizione della battaglia di Lepanto in: G.VALENTE, Calabria, Calabresi e Turcheschi, cit., pg. 151 sgg.; D.M.VALENSISE,
Il Vescovo di Nicastro poi Papa Innocenzo IX e la Lega contro il Turco, Nicastro 1898, pg. 165-168; p.F.RUSSO, La Calabria a Lepanto, Historica,
a. XXVI (1973), nr,1; P.MOLMENTI, Sebastiano Veniero e la Battaglia di Lepanto, Fi. 1819; D.MARTIRE, Calabria Sacra e Profana, Cs. 1876,
passim; C.DALESSANDRO, Cecco Pisano, leroe di Lepanto nacque a Belvedere Marittimo, Giornale dItalia, 10, V, 1933; C.MINICUCCI, I
Calabresi a Lepanto. Cecco Pisani da Belvedere, Cronaca di Calabria, 21,2,1932; F.NOCITO, Il famoso pilota calabrese vero vincitore della
Battaglia di Lepanto, Giornale dItalia, 17,10,1909; G.A.QUARTI, La guerra contro il Turco in Cipro e a Lepanto, (1570-1571), Venezia 1935;
G.VALENTE, Calabresi del Cinquecento, il Barone di Badolato Gasparro Toraldo, Il Popolo di Roma, 20,9,1935; C.BOGLIETTI, Don Giovanni
dAustria a Lepanto, Nuova Antologia, Ottobre 1887; P.FEDELE, Il vessillo di Lepanto, Arch.Stor.Prov.Napl., a.XXXIV, 1909, fsc. III; A.DE
LORENZO, Le Calabrie e la giornata di Lepanto, Un secondo manipolo cit., passim; D. LOTH, Filippo II, Milano 1959.
50 - UBALDINO MORI UBALDINI, La marina del Sovrano Militare Ordine di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta, Regionale ed.,
Roma 1971.
51 - MARCO TANGHERONI, La battaglia di Lepanto, un episodio glorioso nella storia della Cristianit, Cristianit, nr. 80, dicembre 1991.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 59

Si rec a Tropea anche Cardonio Pizzarello, anchegli col naso maciullato durante la Battaglia. Loperazione risult
complicata e Miriam, che accompagn il Nobile Bagnaroto, offr lembi di pelle della gamba e delle spalle per il
rifacimento del naso di Pizzarello.
I due sinnamorarono profondamente ma fu un amore contrastato: Miriam comprese che la differenza dei natali non
avrebbe mai potuto far concretizzare questamore e decise di ritirarsi monacandosi, come Suor Maria, nel Convento di
52
Seminara.

RITUALE DELLA CACCIATA


DEL MALOCCHIO
Si mette lacqua in una bacinella, si versano tre
gocce dolio e si muove la bacinella sopra il capo
della persona adocchiata che si fatta sedere su una
sedia, al centro di una stanza. Mentre la bacinella
ruota, la donna capace di estrarre il malocchio,
recita tre Gloria, un pater, il Credo e quindi recita la
formula:
Nesci occhiu smalirittu
Pemmi trasi Ges Cristu
Pe lu nomi ri Ges
Nesci malocchiu e non tornari ki.
E p la Santa Notti Natali
Mu squagghi comu londa ru mari
Occhiu, malocchiu, malinconia:
nesci malocchiu ra vita mia
e p a Santa Notti j Natali
mu squagghi comu lunda ru mari!

LE DONNE DI BAGNARA 53
Matriarche con chiome corvinegonne lunghe e larghe color
rosa
o celeste stemperato,
pare che dicano al comandante
tutte insieme con lindice puntato:
su questo mare vira
da questa parte,
falla corta e veloce
non scocciare
BARTOLO CATTAFI, Laria secca del fuoco, Mondadori, Milano 1972,
ora in:
Poesie alla Calabria, a cura di Dante Maffia, Periferia ed., Cosenza 1986,
pg. 126.

DOMENICO CARUSO, Storia e Folklore calabrese,


digilander.libero.it/brutium/folklore

52 - G.PARISIO MARZANO, Elenco II delle universit del Regno di Napoli che figurarono col titolo di Citt e numero d fuochi in ognuna di esse,
Rivista del Collegio Araldico, a. XXXIV (1936), pg. 307; GIUSEPPE PARISIO DEL CARDINALE, Cronache della Vecchia Calabria: I Reggini a
Lepanto, Brutium, a. XXVII, 1948, nn. 11-12, pg. 13. Cfr. le perplessit di GUSTAVO VALENTE, Calabria , cit., pg. 221.
53 - Bartolo Cattafi: Barcellona Pozzo di Gotto 1922 Milano 1979. Poeta amatissimo soprattutto dai giovani, quando scoprono la soave musicalit
dei suoi versi provenienti dal fondo dellanima e immediatamente percepibili dalla sensibilit dal lettore.
Unampia bibliografia su Lepanto in: TITO PUNTILLO, La Bagnarota. La donna di Bagnara ricondotta dal mito alla realt, A.S.F.B. ed., Bagnara
C. 2008, da pg. 62. Disponibile sul Web: Bagnaracalabra.biz

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 60

5.- GRANDISSIME BAGNAROTE DELEZIONE

ADA FONZI

ADA FONZI
Scienziata di fama internazionale nasce a Roma nel 1927 e si laurea in Lettere nel 1948. Docente di Psicologia dellEt Evolutiva a Torino e Firenze
Vice-Presidente del Centro Internazionale per la Ricerca sulla Genesi e lo Sviluppo delle Motivazioni Promosociali e Antisociali. Autrice di oltre 200
pubblicazioni scientifiche, alcune delle quali fondamenti della Psicologia Moderna, come Il bullismo in Italia. Il fenomeno delle prepotenze a scuola
dal Piemonte alla Sicilia (Giunti-Firenze), Il gioco crudele e Le parole sommerse (idem), Gli uomini muoiono, le donne invecchiano, manuale di
Psicologia di vasto respiro. E responsabile di numerosi progetti per il supporto sociale - umanitario alle popolazioni colpite da eventi traumatici, per
conto del MURS, la NATO e la Comunit Europea e su questi temi, collabora con diverse fondazioni universitarie degli Stati Uniti. Il 9 settembre
2005 ha ricevuto la laurea Honoris Causa dallUniversit di Torino per la sua attivit di ricerca che ha dato un contributo decisivo alla comprensione
dei processi che mediano, lungo let evolutiva, lo sviluppo delle relazioni sociali positive con i coetanei. La Professoressa Fonzi, che ha vissuto la
prima parte della sua infanzia nel nostro Paese, ama Bagnara e vi giunge, praticamente da sempre, in Agosto, felice di confondersi fra la gente
semplice del nostro Paese. Durante le sue passeggiate mattutine, ama osservare le Bagnarote che vendono frutta e verdura allombra delle palazzine
INA Casa della via Marina, affascinata dai modi coi quali porgono gli argomenti di vendita, il dialetto fluente e la forte professionalit che
caratterizza la loro attivit.
Ada Fonzi, cugina di Franz e Jose Saffioti (le due mamme erano sorelle), una grandissima Bagnarota acquisita, alla quale il nostro Paese
dovrebbe conferire con riconoscenza la Cittadinanza Onoraria.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 61

6.- RAPPRESENTAZIONI IN NEGATIVO DELLA DONNA

LA PIETRA DEL DIAVOLO


La possibile egemonia del Matriarcato, un Matriarcato dominante, ha sempre, in ogni tempo, preoccupato gli ambienti
confessionali, aspetto gi evidenziato nelle pagine precedenti. Per tale motivo limmagine positiva, del serpente, venne ribaltata
nellassoluto negativo: dallidea del bene allidea del male.
Il serpente era associato alla terra e la rappresentava nella sua forma dinamica. E la terra era la Grande Madre dispensatrice di
ogni bene nella vita e regolatrice del suo ritmo, dalla nascita alla morte nella ripetitivit di questo essere cosa o essere da essa
generati.
La rappresentazione divina era dunque, come s annotato, una figura femminile florida e feconda, spesso con in mano il serpente,
dominante sulla sapienza, rappresentata dalla civetta, e sullenergia, rapperesentata dal leone.
La trasposizione terrena della Grande Madre, era dunque la Donna nel suo essere in grado di generare, allevare, custodire,
perpetuare. La Donna e il Serpente quali simboli terreni del Granmde Amore, che lessenza della Madre Tellurica, la Grande
Madre Terra.
Nel tempo e col prevalere del potere confessionale, questa simbologia venne stravolta: il Serpente divenne il simbolo del Male che
con la sua perfidia, riusc a dominare la Donna ed ella, cos dominata, insidi lUomo trascinandolo nel peccato
La Donna dunque, rappresenta il Male, che da dominare in ogni caso, sempre e comunque.
Se si vuole avere una chiara idea di questa rappresentazione in negativo, si legga con attenzione la novella che narra del mito di
SantElia tentato dal diavolo; il ruolo in negativo della figura femminile, emerge qui nella pi totale nitidezza.

utto avvenne durante un pomeriggio dEstate dellanno 900, quando il giorno stava per lasciare spazio e tempo
allimbrunire. Era stata una giornata di tiepida primavera, talmente bella da consentire a Elia di trovare con pi
facilit il raccoglimento attraverso il quale usava riconciliarsi con Dio.
Il Padre se ne stava accovacciato, in preghiera, di fronte allincredibile panorama dello Stretto, che quasi si riusciva ad
abbracciare dallalto del Monte Aulinas, in cima al quale, egli aveva costruito un piccolo Monastero che portava lo stesso
nome: Aulinas.
Dal fondo del sentiero, tracciato in mezzo a una pineta secolare, si avvicinava a passi lenti un viandante che portava
sulle spalle curvate per il peso, un enorme sacco. Il volto era scuro e gli occhi mai smettevano di fissare il Padre, e anzi,
man mano che savvicinava a questi, essi brillavano con maggiore intensit, evidenziandosi nettamente sul volto scuro e
severo.
Il Padre non fece un gesto, non spost un solo muscolo del suo magrissimo corpo se non che ogni tanto, come da
tempo accadeva, qualche fremito dovuto ai lunghi digiuni penitenziali, pervadeva le sue gambe e le sue spalle, coperte
da una ruvida pelle di capra, dono dei contadini della zona.
Con la fronte appoggiata al lungo bastone di tipo episcopale, il Padre sent la presenza del viandante ormai alle sue
spalle, ove questi si ferm.
Fece un passo per portarsi a fianco del Padre e con voce insinuante, cominci a narrargli delle meraviglie viste durante il
viaggio da Messina fin sullAltopiano delle Saline ove seppe della sua presenza eremitica da poveri contadini provenienti
da Seminara.
Cupole doro, bella gente gaudiosa, donne procaci e disposte al piacere, facilit nei godimenti e soprattutto, facili
guadagni.
Tanto oro, narr il viandante al Padre, che addirittura ne rinvenne una Al venire della Dea ...
... un vitreo vel si stende
notevole quantit in un casolare abbandonato della costa.
Non voleva forse il Padre dividerlo con lui, visto che ne portava in tra le italiche prode e le sicane
Ve', Ve', sul crespo mar quante parvenze!
abbondanza nel sacco?
Cos dicendo, il viandante apr il sacco di fronte al Padre che appena Templi, castella, archi, palagi e alfine
tutta in alto ondeggiar vedesi Zancle.
guard il metallo luccicante ai raggi dellultimo sole.
Con un ghigno sottile, male interpretando la passivit del Padre, il Guarda ognun le confuse aree tinte
viandante prese dal sacco una manciata di monete doro e le porse e i prati e il lido, che la spuma inalba,
con la mano tesa al religioso. Il Padre Elia ebbe uno scatto: si erse ed invece d'un legno e d'un sol pesce
sulla schiena e col bastone colp la mano del viandante in modo ben cento pesci, e cento legni ammira.
energico. Le monete doro cominciarono a rotolare gi per la DIEGO VITRIOLI, Opere Scelte, tip. Ceruso, Reggio C. 1893
scarpata, man mano trasformandosi in Pietre Nere.
Il viandante allora scatt un passo indietro e si gett nel vuoto rantolando ferocemente mentre dalle spalle si formavano
due enormi ali di pipistrello e sulla fronte, spuntavano due corna appuntite e lunghe. Ringhi verso il Padre Elia, ma il
Profeta non si scompose. Rimase fermo con lo sguardo fisso verso il demone che si torceva in aria rantolando e
ringhiando mentre le ali sbattevano con sordo rumore.
Quindi il demone si dilegu scomparendo in mezzo alla pineta, ormai avvolta dalloscurit serale, mentre il tesoro si
polverizzava e disperdeva col favore della brezza della sera e le Pietre Nere terminavano la loro corsa sulla spiaggetta
sottostante..
Il giorno dopo egli si ripresent al Padre. Elia era solito uscire di buon mattino dalla sua grotta per labituale
colazione a base di radici, bacche, cardi per poi ristorarsi presso una vicina sorgente dacqua. Gli si mise al fianco e gli
addit una tavola riccamente imbandita dogni bene. Il Padre ignor sia il tentatore che la tavola imbandita e and ad
accovacciarsi l ove adesso sorgono tre Croci che guardano imperiose Palmi e la Piana.
Rimase nel cilicio per tutto il giorno, immobile, assorto nella meditazione.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 62

Ma il demone non sarrese. Voleva a tutti i costi conquistare quel sito perch luogo divenuto epicentro di unarea di forte
santit, talmente forte da attirare le popolazioni locali che in effetti conducevano una vita serena, pregna di una
confortante spiritualit dovuta allosservanza della Legge di Dio.
Ma per ottenere questo risultato, per fondare sulle falde di quel Monte un ricettacolo del Male, era necessario abbattere
lincorruttibilit del Profeta del Monte Aulinas, il Padre Elia vicino al Signore.
Propose allora un patto al Profeta: la mia tentazione sar forte! Se vincer, mi cederai il Monte; se vincerai, scaglierai il
tuo bastone ed io mi allontaner fino a dove il tuo bastone riuscir a giungere e sogghignava, poich pensava anche
se non vincessi egli non riuscirebbe a scagliare il suo bastone pi lontano di qualche metro, vecchio e debole com!
Quindi e in ogni caso, il Monte sar mio!
Pass qualche giorno e quindi si ripresent per tentare la corruzione.
Questa volta assunse le sembianze di una procace fanciulla, dai lunghi capelli chiari sciolti sulle spalle nude, il corpo
fasciato da una tunica semitrasparente e dal quale si diffondeva per laria un soave profumo ambrato. La fanciulla prese
a invocare misericordia per la triste condizione, abbandonata dal marito in mezzo a una strada. Lamentandosi, saccost
progressivamente e in modo accattivante, al Padre fino a sfiorarlo con i suoi capelli ondulati. Fu a quel punto che il
Padre intravvide in quegli occhi maliziosi, la tentazione diabolica. Elia balz il piedi e la schiaffeggi. La fanciulla ebbe un
sussulto, si rivolt su se stessa pi volte urlando di dolore e quindi, balzando in piedi, riassunse la forma diabolica. Col
braccio teso armato del solo bastone episcopale e passo fermo, Elia spinse gradatamente, con una potente energia che
sortiva dal bastone, il demone verso il precipizio e su una roccia che ne costituiva il limitare, si svolse lultimo, accanito
contrasto.
Il demone ringhiava furioso sbattendo le enormi ali unghiate verso il Padre, mentre questi, fermo nello sguardo e forte
sulle gambe magrissime, resisteva con forza erculea alle spinte poderose del demone che cos, intendeva sopraffarlo
gettandolo a terra e facendolo arrendere.
La lotta procedette furiosa per quasi unora. Lentamente per, il Padre continuava a spingere, centimetro dopo
centimetro, il demone furibondo verso il limitare del precipizio.
Alla fine, la figura diabolica si trov ormai senza pi terreno ove piantarsi per continuare la lotta. Ormai andava
inesorabilmente verso il vuoto.
Il demone alz la testa in alto ringhiando feroce mentre tentava di allontanare il bastone vescovile dal suo volto e

spiegava le ali sollevando un turbinio di polvere che faceva sbattere i rami degli alberi.
Si rese conto che il Padre, con quel bastone protetto dal Divino Amore, era invincibile.
Fermo sullultima pietra prima del baratro, si accese di fuoco infernale che iniziando dal capo cornuto, pervase tutto il
corpo fino a raggiungere i piedi caprini e scaricare infine le fiamme roventi sulla pietra ove stava eretto.
Nel momento in cui il demone avvolto nel fuoco, si gir per osservare il baratro, il Padre prese il bastone
episcopale e lo scagli verso lorizzonte. Il bastone disegn un grandissimo arco che and a curvarsi verso il cratere di
Stromboli.
A quel punto il demone, rabbioso di dolore, fu trascinato via dalla roccia e, rotolando su s stesso, segu il bastone
miracoloso precipitando quindi dentro il Vulcano fiammeggiante.
Il Padre Elia, sorretto dal discepolo Daniele, nel frattempo accorso al ritorno dal suo giro fra i fedeli del circondario, si
volt lentamente e, stremato, si ricondusse allinterno del piccolo Monastero di Aulinas ove si pot ristorare con la
preghiera, tessendo le lodi al Signore.
Da quel momento, lo Stromboli mai cess di agitarsi e ancora oggi le sue eruzioni sono continue.
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 63

Di quellultimo, biblico duello, restano ancora oggi le tracce lasciate dal demone sulla pietra: le due zampe e la coda
54
roventi.
Oh anima, ora che ben sai la via,
rifalla a piedi scalzi la salita
sul rude monte della poesia;
e te accolga pel resto della vita,
tra il cielo e mar, benigno SantElia,
55
nellalta solitudine infinita!

54 Le narrazioni pi conosciute sono quelle di.


-

LEONIDA REPACI, Racconti calabresi, Rubbettino ed., Soveria M. 2001;


DOMENICO MINUTO (a cura di), Profili di Santi nella Calabria bizantina, G. Pontari edit., Reggio Calabria, 2002;
G.MINASI, Le Chiese di Calabria, tip. Lanciano & Pinto, Napoli 1896;
ANTONIO MINASI, La leggenda del diavolo, Turismo Giovanile, Ottobre 1959;
DOMENICO CARUSO, La Pietra del Diavolo; il Monte SantElia di Palmi, Centro Studi San Martino, San Martino di Reggio, 2000;
NINO CALARCO, Un temposullo Stretto; lorigine di Stromboli, Maridelsud.com;
GIUSEPPE CASALINUOVO, SantElia, Nosside, Giugno 1929;
DOMENICO ANTONIO CARDONE, Canti e racconti del SantElia, Antonio Lalli Edit., Poggibonsi, 1976, sul quale cfr.: anche:
SEZIONE BIBLIOGRAFICA DELLA SOCIETA FILOSOFICA CALABRESE (a cura di), Seguito della bibibliografia critica di
Domenico Antonio Cardone (1962-1980), Tipografia MIT, Cosenza, 1980;
ALBERTO CALOGERO, La pietra del diavolo, Paralleo 38 ed., Reggio C. 1975;

55 GIUSEPPE CASALIVUONO, La lampada del poeta, Soc.Tip.Editrice Nazionale, Torino 1907. Nel 1930 lopera di questo grande Poeta
calabrese, nonch avvocato e Presidente del Circolo di Cultura di Catanzaro, fu recensita da U.Bosco per la prestigiosa rivista Leonardo:
U.BOSCO, La Lampada del poeta, in Leonardo, 1930, p. 667
Nel 2003 il Comune di Palmi fece apporre uniscrizione a fianco della Pietra del Diavolo:
Questa roccia simboleggia leterna lotta fra il bene e il male. Da secoli una leggenda popolare narra che in questo luogo il
Diavolo tent invano di distogliere S.Elia (Enna 823-Salonicco 903 dalla sua missione di edificare su questo monte un monastero.
Secondo tale leggenda, le impronte del Diavolo lasciate sulla roccia e ancora visibili, testimoniano lo scontro qui avvenuto tra il
Santo e il demone. Al diavolo sconfitto non rest che, secondo i patti, rifugiarsi nel Vulcano di Stromboli dove il Santo riusc a
lanciare il suo bastone).
Ulteriori informazioni si possono rinvenire in:
FRANCESCO PERRI, Come nacque lo Stromboli, Leggende Calabresi, Societ Editrice Unitas, Milano 1929;
ANTONIO DE SALVO, Da Palmi e dal suo SantElia, Edizione Pro-Loco, Palmi, 1992;
DOMENICO FERRARO, Palmi. Immagini, cronaca, storia, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 1982;
ORESTE KESSEL PACE, S. Elia Juniore, Kaleidon edit. Reggio Calabria, 2012;
VINCENZO MIGLIORINI, Il SantElia, tip. Zappone, Palmi 1931;
ANTONIO DE SALVO, Ricerche e studi storici intorno a Palmi, Seminara e Gioia Tauro, tip. G. Lopresti, Palmi 1899 (ora in ristampa
anastatica per Barbaro ed., Oppido M., s.i.d.);
LEONIDA REPACI, Calabria grande e amara, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2002;
SOCIETA FILOSOFICA CALABRESE, Atti Dal 1948 al 1979, Stab. Tip. Editoriale C. Biondi, Cosenza, 1980;
KAZIMIERA ALBERTI, Lanima della Calabria, Rubbettino, Soveria M., 2007;
FRANCESCO TOMATIS, Filosofia della montagna, Bompiani ed.,Milano 2005;
VITO TETI, Il senso dei luoghi, Donzelli ed., Roma, 2004;
FRANCESCO BEVILACQUA, Genius Loci, Rubbettino, Soveria M., 2010; Il Filosofo e la Citt, Quaderno dellAssociazione Casa per
la Pace D. A. Cardone, Palmi, luglio 2004

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 64

Ho capito fin troppo gli anni e i giorni e le ore (Rocco Scotellaro)


(ENZO CREA, Immagini di persone in Calabria, Edizioni dellElefante, Verona 1982, tav.XLIV)

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 65

DONNE DI CALABRIA
Frammenti dun unico modo di essere.
Viluppi opachi di nere stoffe misteriose
muti telamoni di antichi silenzi
statue ciarliere che ornavano porte socchiuse
ora non siete pi.
Ora vi ritrovate farfalle leggere e curiose
Frammenti dun unico modo di non essere pi
Donne di Calabria.
Felice Badolati
(da: Profumo dantico. Fatterelli e racconti della Palmi che fu,
Klipper ediz., Cosenza 2005, pg. 27)

DONNE DI CALABRIA
Maliditta chija donna
Ki si pigghia pecuraru
N sira rormi nt lettu
Vinti novi pagghiaru
Faci jornu marvizzu
E a notti n pagliarizzu
Ku na petra p capizzu
E peri cinnirazzu.
Maliditta chija donna
Ki si pigghia pecuraru
N sira rormi nt lettu
Vinti novi pagghiaru
Acqua, nivi e ventulizzu
Pecuraru nt pagghiaru
Ku na petra p capizzu
E peri cinnirazzu.
(CESARE TROMBETTA, La
Calabria di Cesare Lombroso, tip.
Del Giornale del Sud, Catanzaro
1898, pg. 180)

28 dicembre 1908

Ridea la Luna sulle nostre case


Ieri; non guarda oggi n cerca e muove
Cheta pel Ciel, n un tetto erto rimase
E son ruine e cimiteri, dove
Ridea la Luna sulle nostre case!
contessa Vittoria Aganoor Pompilj - Perugia, 8 dicembre
1909 (MICHELE CALAUTI, Ricordi di un dissepolto
La tragedia familiare di un poeta nel Terremoto di
Reggio e Messina, a cura di Enzo Romeo, Rubbettino
ed., Soveria M.2007, pg. 40

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 66

7.- Le donne e la memoria,


un contributo unico di solidariet femminile

CLELIA PELLICANO, Donne e Industrie nella Provincia di Reggio Calabria, Nuova Antologia, gennaio 1907,
ora in:: Le donne e la memoria, un contributo unico di solidariet femminile, a cura di Daniela De Blasio e Gaetanina Sicari Ruffo con prefazione di
Rota Levi Montalcini, Luca di Montezemolo, Agazio Loiero, Pietro Fuda e Daniela De Blasio,
Citt del Sole ed., Raggio C. 2006, pg. 132.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 67

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 68

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 69

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 70

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 71

DONNE DI CALABRIA A POLSI.


Una dignit matriarcale, antica e fiera,
domina privazioni e sofferenze di oggi

CALABRIA DI DOMANI.
Quale futuro?

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 72

CANZONE POPOLARE
DELLE GENTI DEL CANALE
Non si faci festi a Sambateddhu
Si non sona u masrhu Cardiddhu!
ntinnamu stu tambureddhu!...
Mpari Peppi, mpari Peppi
Vi pigghiu misura ri li scarpi
Mpari Natu mpari Natu
Viriti ka rumpiti lu mattunatu
E ballati, ballati, ballati
Fimmini schetti e maritati
Ka si non ballati bonu
Non vi canti e non vi sonu
E si non ballati pulito
nci lu ricu a lui vostru zitu
FRANCESCO CHIRICO, Mitico Aspromonte,
tradizioni popolari nel Reggino, Laruffa ed.,
Reggio C. 1998, pg. 26

Filastrocca dei bambini


di Bagnara
Gaineja zoppa zoppa,
Quanti pinni teni ncoppa?
E ndi teni vintiquattru:
una, dui tri e quattru
(TOTO VIZZARI, Modi di dire con detti proverbiali, motti, filastrocche del dialetto bagnarese,
a cura dellAssociaz. Culturale Capo Marturano, Ediz. Ofdficina Grafica, Villa S.G. 2006, pg. 38)

Pili i cannameiu 56
(tradizione popolare bagnarese)

Pili russi ju a la fera


Mi si ccatta i pumarora:
a vilanza non calava;
Pilirussi sarraggiava

LA VECCHIA BAGNAROTA 57
La vecchia Bagnarota
a nero corre
e corre, corre
con bilancia e gerla
i tre pesci elogiando
odor di mare!...
Poco fa disciolto
ha sopra un fiore
daccorato suo canto
immenso lutto

Pierino Ocello

56 TOTO VIZZARI, Modi di dire, con detti proverbiali, motti, filastrocche del dialetto bagnarese, Edizioni Officina Grafica, s.i.d., pg. 62. Sulla

caratteristica del Calabrese del Canale dai capelli rossi, ho gi riportato altre caratterizzazioni nello studio sul Terremoto del 1783 ospitato in questo
sito.
57 prof. PIERO OCELLO, La vecchia Bagnarota, pubblicata in LObiettivo, Periodico mensile del Gruppo Cristiano di Impegno Sociale di
Bagnara, a. III, nr. 11, Novembre 1979.

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 73

Il viaggio

Il paradiso delle donne

Calabria Lungo gli itinerari della Magna Graecia. Per ritrovare paesaggi e atmosfere.
E la storia delle mitiche Signore di Locri Epizefiri...

di Valerio Massimo Manfredi

Pubblicato on line da La Repubblica,


OTTOBRE 1996, SOMMARIO NR. 20

M. ROSSI / L. Ronchi

Si avvicinavano guardinghi spingendo le navi con lento remeggio mentre il navarca da prua scrutava l'entroterra
boscoso che poteva celare qualunque insidia. Gli uomini si preparavano a sbarcare, lasciavano i remi per impugnare le
lance e gli scudi e scendevano a terra appena la nave toccava il fondo con la chiglia. Era quasi sempre l'ora che
precede l'alba, la pi favorevole, la pi silenziosa. Li guidava un vaticinio dell'oracolo di Delfi, la promessa di una nuova
patria, pi generosa di quella di origine. Si trinceravano sulla spiaggia nel punto in cui speravano di edificare la nuova
citt e ponevano su un rozzo altare di pietre ammucchiate il fuoco sacro attinto all'acropoli della citt natale. Cos
nacquero le magnifiche citt greche del Sud d'Italia: Cuma, Taranto, Metaponto, Napoli, Sibari, Locri e tante altre, ancora
oggi vive e vitali. Ma, fra tante, Locri forse la pi particolare. Unica, forse, a non essere stata fondata da un gruppo di
giovani maschi scapoli, l'unica a recare un'inconfondibile impronta matriarcale. Fu fondata nel 679 a.C. da coloni della
Locride greca a ridosso del promontorio Zefirio sulla costa orientale della Calabria.
Oggi parlare di Locride evoca soprattutto tristi fatti di sangue, ma in tempi lontani quella terra era una
meraviglia: monti coperti di pini loricati e di querce facevano da cornice alle fertili pianure costiere, affacciate su mari
incontaminati e pescosi. All'interno abitavano le bellicose trib dei Bruzi, ma la costa era da tempo costellata di approdi
frequentati, fin dall'et micenea, da un notevole traffico commerciale. I locresi vi giunsero, come tutti gli altri greci che in
quegli anni lasciavano la patria di origine, spinti dalla fame di terra coltivabile, ma la leggenda connette la fondazione
della loro citt ad una storia curiosa e affascinante. I coloni sarebbero stati i figli nati dalle donne locresi che si erano
unite ai loro schiavi mentre i mariti erano lontano a combattere una guerra interminabile. Di fatto l'aristocrazia locrese era
fatta di cento famiglie tutte di linea femminile e tutte discendenti dalle "matriarche" che avevano preso gli schiavi nel loro
letto. Gi nell'antichit vi era chi dubitava che in tempi cos lontani i greci possedessero schiavi, ma un'obiezione che
non regge: vero che non c'era ancora lo schiavo-merce, ma esisteva una sorta di servit della gleba come quella degli
iloti di Sparta, di Tessaglia e di Creta e dei killyrioi di Siracusa.
strano che una comunit si vantasse di discendere da una stirpe di illegittimi. Anche perch nell'antichit lo
schiavo era considerato poco pi di un animale domestico. Eppure i segni di una societ matriarcale, almeno nelle
origini, sono numerosi a Locri. Ogni anno, per esempio, la citt inviava a Ilio due vergini perch servissero nel tempio di
Atena Iliaca, in espiazione dello stupro che Aiace Oileo, eroe locrese, aveva consumato sulla principessa Cassandra la
notte dell'eccidio di Troia. Inoltre la divinit pi venerata a Locri era Persefone: al suo santuario si riferiscono forse le
meravigliose tavolette di terracotta dipinta (i famosi pinakes) che venivano dedicati come ex-voto dalle fanciulle e dalle
giovani spose che avevano chiesto una grazia alla dea bella e terribile, sposa del Signore dell'Aldil. Come spiegare
allora questa curiosa leggenda?
C' chi ritiene che i costumi matriarcali esistessero gi nella madrepatria e fossero stati quindi trasmessi con la
fondazione della colonia. Altri pensano che i coloni avessero assorbito queste tradizioni dai siculi, che abitavano il
territorio da lungo tempo. C', forse, un'altra spiegazione che pu conciliare la tradizione mitica con una possibile verit.
Le comunit della Grecia arcaica avevano una vita molto precaria, sia per la forte incidenza della mortalit infantile, sia
per le guerre endemiche che falcidiavano la popolazione dei maschi adulti e pi vigorosi. quindi possibile che le
vedove di guerrieri caduti in battaglia si unissero a maschi di rango inferiore per perpetuare la loro stirpe, trasmettendo ai
figli il proprio nome, di gran lunga pi illustre di quello del nuovo consorte.
La vita della citt era regolata da norme molto rigide che venivano attribuite al legislatore Zaleuco, autore del
pi antico codice di leggi d'Europa. Queste norme facevano s che i patrimoni delle cento famiglie matriarcali
rimanessero intatti, proibivano il commercio consentendo solo transizioni dirette da produttore a consumatore,
impedivano l'estendersi dei patrimoni degli uni a scapito di quelli degli altri. Una simile impostazione egualitaria sembra
confermata dalla grandissima omogeneit dei corredi funebri. Fu in un contesto sociale di questo genere che fior la
poetessa Nosside, l'altra grande gloria locrese, la cui fama non fu inferiore nell'antichit a quella di Saffo. Anche la
politica della citt fu controcorrente: quando Crotone guid una coalizione di tutte le citt achee della costa ionica contro
Siri, Locri si schier al fianco della citt aggredita senza peraltro riuscire a impedirne la distruzione ed esponendosi anzi
a una durissima punizione. I crotoniati erano potentissimi e assai temibili. La loro societ era organizzata in circoli
semisegreti di ispirazione pitagorica, che condizionavano la vita pubblica in tutti i suoi aspetti e, forse in virt delle loro
conoscenze mediche e scientifiche, avevano dato vita a generazioni di atleti invincibili e di guerrieri formidabili.
Spaventati dall'imminenza dello scontro, i locresi chiesero aiuto agli spartani che per non osarono deliberare un
intervento diretto e si trassero d'imbarazzo con l'offerta di un aiuto del tutto simbolico: avrebbero combattuto a fianco dei
locresi gli eroi protettori di Sparta, i Dioscuri Castore e Polluce e le loro immagini furono imbarcate sulla nave locrese
che ritornava in patria.
Fu probabilmente la forza della disperazione quella che anim la "citt delle donne" contro la possente Crotone
che allineava in battaglia centotrentamila guerrieri. La superiorit era praticamente di uno a dieci, eppure i locresi, un
giorno d'estate del 540 a.C., si schierarono coraggiosamente lungo il fiume Sagra per sbarrare il passo al nemico
sperando nell'aiuto degli dei e lasciando vuoto un posto in prima linea perch vi combattesse il loro eroe nazionale Aiace
Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 74

Oileo. Contro ogni previsione, riuscirono a sbaragliare i nemici e la cosa apparve talmente incredibile che fu subito
attribuita ad eventi soprannaturali. Vi fu chi disse di aver visto due giovani coperti da mantelli scarlatti correre al galoppo
mietendo con spade folgoranti i guerrieri di Crotone e poi svanire nel nulla. Qualcuno giur di aver visto, dietro uno
scudo insanguinato, balenare nell'ombra gli occhi rapaci di Aiace Oileo.
Il duce crotoniate, colpito dalla lancia invisibile dell'eroe, aveva riportato una ferita inguaribile che solo la ruggine
della lancia di Achille, custodita in una remota isola del Mar Nero, avrebbe potuto rimarginare. Locri innalz un tempio
meraviglioso ai Dioscuri a perenne memoria della vittoria della Sagra e continu per secoli a inviare le sue pi belle
fanciulle al tempio di Atena in Ilio ogni anno. Nella sequenza di guerre sanguinose e di scontri durissimi, che pure
caratterizz le vicende delle citt greche d'Occidente, la storia delle Signore di Locri e del loro omaggio di espiazione per
un antico stupro, suona ancora oggi per noi, che abbiamo assistito pi di recente agli orrori della guerra balcanica, come
un gesto poetico di piet, come un atto d'amore in un coro di grida di guerra.

Santa Barbara affaccia, affaccia


ka ci passanu tri galeri,
dui j acqua e una j ventu,
Santa Barbara fa bonu tempu.
Giovanni Sole, La pesca e il mare nella Calabria tradizionale,
Daedalus, Luglio Dicembre 1991/Gennaio Giugno 1992;

Quaderni Bagnaresi Omaggio a LObiettivo a. II, nr. 6 (Sett.-Dic. 2012)

Pag. 75