Sei sulla pagina 1di 21

LE BIOMOLECOLE

LE BIOMOLECOLE
ORGANICHE;

DETTE ANCHE MOLECOLE


CARBOIDRATI

LE BIOMOLECOLE

LIPIDI
PROTEINE

sono
ACIDI
molecole complesse

NUCLEICI
=

POLIMERI

formate dall'unione di
molecole semplici =

MONOMERI

I CARBOIDRATI
Sono chiamati anche GLUCIDI; sono fra i composti organici pi abbondanti sulla Terra e rappresentano
la prima sorgente di energia per l'uomo;

I Carboidrati sono formati da carbonio C, idrogeno H e ossigeno O;


Esse si suddividono in tre importanti gruppi:
MONOSACCARIDI [1 sola molecola] es. glucosio, fruttosio galattosio;
CARBOIDRATI

DISACCARIDI [2 molecole di monosaccaride unite] es. saccarosio, lattosio;


POLISACCARIDI [pi molecole di monosaccaride unite] es. amido, cellulosa;

MONOSACCARIDI

DISACCARIDI
I DISACCARIDI sono formati dall'unione di due molecole di monosaccaridi che si uniscono eliminando
una molecola d'acqua (condensazione) reversibilmente.

POLISACCARIDI
Sono polimeri ad alta massa molecolare dei monosaccaridi naturali (da 100 ad oltre 3000 unit). fanno
parte dei polisaccaridi: l'amido, la cellulosa, il glicogeno.

I CARBOIDRATI sono presenti in molti cibi ma principalmente sono contenuti nella pasta e nel pane.

I LIPIDI
I LIPIDI insieme ai carboidrati rappresentano le principali molecole energetiche;
Sono costituiti principalmente da atomi di C, H, O, a volte sono presenti atomi di N, P;

solubili nei solventi


ad
acetone, ecc.. che

CARATTERISTICHE:
Insolubili in H2O POLARE, sono
organici come
esempio CCl4 tetracloruro di carbonio, (C2H5)2O etere C3H6O
sono APOLARI;
Sostanza di riserva ENERGETICA;
Funzione strutturale (presenti nelle membrane cellulari);

Essi vengono distinti in:

ACIDO GRASSO lunga catena di atomi di C (da 4 a 22 atomi) legati tra loro con all'estremit un gruppo
CARBOSSILICO
COOH;
A secondo se gli atomi di Carbonio formano legami semplici o doppi si distinguono:
ACIDI GRASSI

SATURI
INSATURI consideriamo i seguenti

ACIDI GRASSI:

10

LE PROTEINE
Sono composti organici quaternari formati da C, H, O, e N;
Si formano per polimerizzazione di AMINOACIDI. negli organismi viventi esistoni molti aminoacidi, ma
solo 20 si trovano in tutte le cellule e vengono utilizzati nella sintesi delle proteine.
GRUPPO R

GRUPPO
AMMINICO

GRUPPO
CARBOSSILICO

Il gruppo NH2 prende il nome di gruppo amminico mentre il gruppo COOH il gruppo
carbossilico. Tutti gli amminoacidi contengono questi due gruppi ma differiscono per il gruppo R che pu
essere costituito da un solo atomo di carbonio o da una catena di atomi di carbonio.

11

Gli 8 aminoacidi essenziali sono tali perch l'organismo animale non riesce a sintetizzarli e devono essere
assunti attraverso la dieta.

12

IL LEGAME PEPTIDICO
Nelle proteine gli amminoacidi sono legati tra loro da un legame particolare chiamato LEGAME
PEPTIDICO che si forma quando il gruppo carbossilico di un amminoacido si lega con il gruppo
amminico di un altro amminoacido con eliminazione di una molecola di H2O. Un dipeptide formato da
due amminoacidi legati tra loro; un tripeptide da tre amminoacidi legati tra loro; un polipeptide una
molecola formata da pi amminoacidi, anche parecchie centinaia.

PROTEINE NEL NOSTRO ORGANISMO


Tra le pi importanti proteine fibrose abbiamo:
il collagene che entra nella costituzione del tessuto connettivo, del tessuto osseo e cartilagineo;
la cheratina che entra nella composizione dello strato pi esterno della pelle, dei peli e delle
unghie;
il fibrinogeno, che una proteina plasmatica, responsabile della coagulazione del sangue;
la miosina e lactina, che sono responsabili della contrazione muscolare;
lalbumina e le globuline, che sono contenute nelle cellule, nel siero del sangue;
lemoglobina, che trasporta lossigeno a tutti i tessuti;
gli enzimi, che intervengono nei processi metabolici;
gli ormoni, prodotti dalle ghiandole endocrine, che stimolano particolari organi bersaglio, che, a
loro volta, avviano e controllano fenomeni importanti;
gli anticorpi o immunoglobuline, che vengono prodotti nel siero del sangue in seguito al
riconoscimento degli antigeni da parte delle cellule del sistema immuni

LA STRUTTURA DELLE PROTEINE


Esistono diverse possibili modalit con cui una lunga collana pu essere disposta nello spazio:
linearmente,

13

avvolta su se stessa a gomitolo. a zig-zag, ecc. Cos le lunghe catene proteiche possono assumere diverse
disposizioni spaziali, che dipendono dalla sequenza di amminoacidi di cui sono costituite; ogni proteina si
organizza nello spazio assumendo una specifica struttura, la quale garantir una certa funzione.
LA STRUTTURA PRIMARIA corrisponde
lineare
degli amminoacidi che
informazioni ereditarie contenute nella
Linsulina, ad esempio, una proteina

alla semplice sequenza


determina dalle
molecola del DNA.
disposta
nello

spazio in

semplicemente lineare.

modo

LA STRUTTURA SECONDARIA
La struttura secondaria la forma che la
catena polipeptidica assume nello

lamine beta ( o pi semplicemente a


foglietto ripiegato) come nelle proteine
fibrose che costituiscono i capelli, la
lana e la seta. Responsabili del
mantenimento di tale struttura sono i
legami a idrogeno che si vengono a
formare tra amminoacidi in posizioni
diverse della catena.

struttura secondaria
La cheratina o la miosina dei muscoli sono proteine con
struttura ad elica; il collagene, i cui sono costituiti i tendini,
risulta dallattorcigliamento ad elica di tre catene proteiche.
La fibrina ha invece una disposizione a foglietto ripiegato.
\ spazio ripiegandosi su se stessa e
che pu essere ad alfa elica, in cui la catena di amminoacidi si avvolge come un
nastro attorno ad un asse, oppure a

LA STRUTTURA TERZIARIA
La struttura terziaria consiste in un ulteriore
avvolgimento della molecola, che si verifica
quando si stabiliscono legami a idrogeno o di
altro tipo tra i gruppi R degli amminoacidi, e
determina
una
struttura
tridimensionale complessa che spesso
conferisce alla proteina una forma globulare.
Questa struttura tipica infatti delle proteine
globulari, tra cui molto importanti sono gli
enzimi e gli anticorpi.
LA STRUTTURA TERZIARIA
14

Quando pi molecole proteiche con una struttura terziaria si uniscono tra di loro si ottiene un ulteriore
complessit strutturale, detta struttura quaternaria, come nel caso dellemoglobina, che risulta sempre
formata da quattro catene uguali a due a due.

GLI ACIDI NUCLEICI

IL NUCLEOTIDE:

15

DNA

STRUTTURA DEL DNA

16

RNA

17

STRUTTURA DEL RNA

DUPLICAZIONE DEL DNA

COSA SUCCEDE:
18

COSA SI OTTIENE:

19

FASI DELLA DUPLICAZIONE:

20

21