Sei sulla pagina 1di 2

La trasmissione dei caratteri ereditari

I geni sono le unità di informazione ereditaria che vengono


trasmesse da una generazione alla successiva. Essi sono frazioni di
DNA presenti nei cromosomi.
Il gene può presentarsi in 2 o più forme alternative,
chiamate alleli (allele ⇒ configurazione di un certo gene).
Il genotipo è l’insieme dei geni posseduti da un individuo per un
carattere.
Il fenotipo è la manifestazione esterna di un carattere.
Per carattere si inrende una caratteristica fisica osservabile
Il locus genico e’ la posizione di un gene lungo il cromosoma.

Le leggi di Mendel
Mendel impollinava fiori di pisello, castrati dell'apparato maschile,
appartenenti a una linea pura, con componenti di un'altra linea
pura, che però differivano per un solo carattere.

Mendel si accorse che, se si incrociano individui omozigoti che


differiscono per una sola coppia di alleli, uno dei due alleli
dominava sull'altro (era l’unico a manifestarsi nel fenotipo), e fu
quindi chiamato dominante, l'altro invece recessivo.

Differenza tra omozigote ed eterozigote


Omozigote= due alleli identici nel locus genico.
Eterozigote= due alleli diversi

1a legge di Mendel (della dominanza o dell’uniformità dei


caratteri):
"incrociando individui omozigoti che differiscono per una sola
coppia di alleli, tutti i discendenti della 1 a generazione filiale (F1)
presenteranno uguale genotipo e uguale fenotipo, e vengono
chiamati ibridi o eterozigoti".

Mendel proseguì reincrociando tra loro gli ibridi della F1, e osservò
nella F2 il riapparire dei fenotipi della generazione parentale (P) e
dellaF1.

2a legge di Mendel (della disgiunzione o della segregazione dei


caratteri):
"Incrociando tra loro gli ibridi della FI, nella seconda generazione
filiale F2 ricompaiono i fenotipi portati dalla generazione parentale
P e dalla F1.
Il riemergere nella F2 di caratteri della P dimostra che nella F1 i
caratteri non si mescolano, ma conservano la loro
individualità.

Reincrocio (Testcross): serve a determinare il genotipo di un


individuo (omozigote o eterozigote) con fenotipo dominante: si
incrocia questo individuo con uno dal fenotipo recessivo
(omozigote): se nella discendenza il 50% ha fenotipo dominante e
il 50% recessivo, il genitore è eterozigote. Se invece tutti i
discendenti presentano carattere dominante, il genitore è
omozigote.

3a legge di Mendel (dell'indipendenza dei caratteri) :


"Incrociando individui che differiscono per 2 o più caratteri
(diibridi o poliibridi), questi appaiono trasmissibili in modo
indipendente, e seguono indipendentemente le prime due leggi.