Sei sulla pagina 1di 170

APPARATO RADIO MH904/8

APPARATO RADIO MH904/8

APPARATO RADIO MH904/8

APPARATO RADIO MH904/8

APPARATO RADIO MH904/8


MANUALE TECNICO MARCONI SELENIA COMMUNICATIONS S.p.A. 149--- 0899/00I

MANUALE TECNICO

MANUALE TECNICO

MANUALE TECNICO

MANUALE TECNICO

MARCONI SELENIA COMMUNICATIONS S.p.A. 149--- 0899/00I

MARCONI SELENIA COMMUNICATIONS S.p.A. 149--- 0899/00I

MARCONI SELENIA COMMUNICATIONS S.p.A. 149--- 0899/00I

MARCONI SELENIA COMMUNICATIONS S.p.A. 149--- 0899/00I

COMMUNICATIONS S.p.A. 149--- 0899/00I

APPARATO RADIO MH904/8


MANUALE TECNICO MARCONI SELENIA

DIREZIONE GENERALE DELLE TELECOMUNICAZIONI, DELLINFORMATICA E DELLE TECNOLOGIE AVANZATE

MINISTERO DELLA DIFESA

APPARATO RADIO MH904/8


MANUALE TECNICO

MARCONI SELENIA COMMUNICATIONS 149---0899/00I

ELENCO PAGINE VALIDE


La presente pubblicazione composta da n_ 162 pagine e n_ 1 allegati cos distribuite: Pagina Frontespizio A da pag. i a pag. xiv da pag. 1---1 a pag. 1---4 da pag. 2---1 a pag. 2---4 da pag. 3---1 a pag. 3---6 da pag. 4---1 a pag. 4---2 da pag. 5---1 a pag. 5---6 da pag. 6---1 a pag. 6---2 da pag. 7---1 a pag. 7---78 da pag. 8---1 a pag. 8---24 da pag. 9---1 a pag. 9---4 da pag. 10---1 a pag. 10---6 da pag. 11---1 a pag. 11---14 da pag. A---1 a pag. A---2 n_ 1 Allegato Revisione Base 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004 2004

Nota 1: Nota 2:

I fogli con stampato in margine due numeri di pagina hanno il retro bianco. I fogli che hanno subito una revisione portano un tratto verti cale sulla parte destra o sinistra (esterna) in corrispondenza delle righe che hanno subito una modifica.
Copyright 2004 Marconi Selenia Communications S.p.A. --- Tutti i diritti riservati Questo documento e di propriet dellaMarconi Selenia Communications S.p.A..

A termine di legge si fa divieto di riprodurlo e di renderlo comunque noto a terzi o ad Aziende concorrenti senza lautorizzazione scritta della Marconi Selenia Communications S.p.A..

149- 0899/00I

REGISTRAZIONE DELLE VARIANTI


REV. N. 1 DATA REV. REVISIONE FIRMA

10

149- 0899/00I

DISTRIBUZIONE
N. COPIE CONTRASSEGNO NUMERICO DELLENTE

Richiesta di ulteriori copie della presente pubblicazione dovranno essere inoltrate al seguente indirizzo:
MARCONI SELENIA COMMUNICATIONS S.p.A. Ufficio Pubblicazioni Tecniche Via Di Francia, 1 16149 GENOVA-- ITALIA

ii

149- 0899/00I

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI COLLEGATE

iii

149- 0899/00I

ATTENZIONE !

Alcune parti di questo apparato sono sottoposte alla tensione 60 VOLT c.c. Attenersi alle norme di sicurezza.

iv

149- 0899/00I

PRIMI AIUTI IN CASO DI FOLGORAZIONE


NON TOCCARE IL PAZIENTE CON LE MANI NUDE fino a che il circuito non interrotto Interrompere il circuito aprendo gli interruttori di linea, se ci non possibile PROTEGGERSI CON DEL MATERIALE ASCIUTTO indi liberare il paziente dal conduttore. RESPIRAZIONE ARTIFICIALE -- Metodo bocca a bocca essenziale iniziare senza indugio la respirazione e chiedere immediatamente lintervento di un medico. 1. Porre il paziente supino con le braccia parallele al corpo; se il paziente adagiato su un piano inclinato, accertare che lo stomaco sia leggermente pi basso del petto. Aprire la bocca del paziente e controllare che non vi siano corpi estranei (dentiera --- gomma da masticare --- ecc.). 2. Inginocchiarsi vicino al paziente alla stessa altezza della sua testa, mettere una mano sotto la testa ed una sotto il collo (Fig. 1). SOLLEVARE IL COLLO DEL PAZIENTE E FARNE RICADERE LA TESTA IL PI POSSIBILE ALLINDIETRO. 3. Spostare la mano dal collo al mento del paziente: porre il pollice fra mento e bocca, lindice lungo losso mascellare, tenere chiuse le altre dita (Fig. 2). Nel fare queste operazioni, iniziare lauto---ossigenazione mediante profonde inspirazioni a bocca aperta. 4. Col pollice fra mento e bocca del paziente tenerne chiuse le labbra; applicare le labbra sulle narici del paziente e soffiare nelle cavit nasali (Fig. 3). 5. Durante queste operazioni osservare se il petto del paziente si solleva (Fig. 4). In caso contrario possibile che il naso sia ostruito: allora facendo leva sul mento con la mano, aprire il pi possibile la bocca del paziente, mettervi le labbra attorno e soffiare nella cavit orale. Osservare se il petto del paziente si solleva. Si pu usare questo secondo metodo in luogo del primo anche quando il naso del paziente non sia ostruito, purch venga occluso stringendone le narici con la mano dopo averla spostata dalla testa. LA TESTA DEL PAZIENTE DEVE ESSERE MANTENUTA IL PI POSSIBILE INCLINATA ALLINDIETRO. 6. Cominciare con dieci rapide e profonde espirazioni, indi proseguire al ritmo di dodici/quindici espirazioni al minuto. Continuare fino a quando il paziente riprenda conoscenza, o un medico ne constati il decesso. TERAPIA PER USTIONI FIG. 2

FIG. 1

FIG. 3

FIG. 4

Questa terapia va applicata dopo che il paziente ha ripreso conoscenza. Pu essere applicata anche quando la respirazione artificiale in atto (devono esserci per almeno due persone). a) NON CERCARE DI STACCARE IL VESTIARIO DALLE PARTI USTIONATE. b) Applicare sulle ustioni garza asciutta. c) NON applicare pomate o altre tinture oleose.

149- 0899/00I

DISTRUZIONE DELLAPPARATO
PERCH -- Per impedire al nemico di usare o recuperare lapparato a proprio beneficio. QUANDO -- Quando comandato dal tuo comandante. COME -- 1. Rompendo.

-------

2. 3. 4.

Tagliando. Facendo esplodere. Interrando o sparpagliando.

Usare qualsiasi cosa a disposizione per distruggere questo apparato.


CHE COSA --Spaccare il cofano, i pannelli ,i rel, gli strumenti, le resistenze, i condensatori, gli interruttori....

--- --- ---Tagliare i conduttori, i cavi, gli avvolgimenti dei rel e dei trasformatori.... --- --- ---Bruciare la riproduzione dei circuiti, i manuali tecnici.... --- --- ---Interrare e sparpagliare tutti i pezzi rimasti dalla distruzione.

DISTRUGGERE QUALSIASI COSA

vi

149- 0899/00I

INDICE DEI CONTENUTI

1 CONFIGURAZIONE GENERALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.1 COSTRUTTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2 PONTE RADIO MH904/8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 SCOPO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.1 GENERALIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2 CONTENUTO DEL MANUALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3 GLOSSARIO E ACRONIMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 CARATTERISTICHE TECNICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1 CARATTERISTICHE GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1.1 Trasmissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1.2 Ricezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1.2.1 Antenna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1.3 Caratteristiche di allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2 CARATTERISTICHE FISICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2.1 Modulo IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2.2 Modulo ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3 CARATTERISTICHE AMBIENTALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3.1 Modulo IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3.2 Modulo ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.1 Compatibilit elettromagnetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.2 Alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.2.1 Modulo IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.2.2 Modulo ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.3 Traffico principale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.4 Canale ausiliario a 64Kb/s . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.5 Canale di servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.5.1 Estensione canale di servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.5.2 Posto operatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.6 Controllo locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.7 Controllo remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.8 NMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.9 Aggregato principale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.10 Aggregato servizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.11 Interfaccia ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.11.1 Trasmissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.11.2 Ricezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 DESCRIZIONE MECCANICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1 MODULO IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1---1 1---1 1---1 2---1 2---1 2---1 2---2 3---1 3---1 3---1 3---1 3---2 3---2 3---2 3---2 3---2 3---2 3---2 3---3 3---3 3---3 3---3 3---3 3---3 3---4 3---4 3---4 3---4 3---4 3---5 3---5 3---5 3---5 3---6 3---6 3---6 3---6 4---1 4---1

vii

149- 0899/00I

4.2

MODULO ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4---2 5---1 5---1 5---2 5---3 6---1 7---1 7---1 7---4 7---4 7---6 7---12 7---14 7---14 7---14 7---14 7---14 7---14 7---15 7---15 7---15 7---16 7---16 7---17 7---18 7---18 7---19 7---21 7---23 7---23 7---24 7---24 7---26 7---31 7---31 7---31 7---42 7---61 7---61 7---71 8---1 8---1

5 GENERALIT SUL FUNZIONAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1 GENERALIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2 TRASMISSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.3 RICEZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 ATTREZZATURE DI PROVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 INSTALLAZIONE ED APPRONTAMENTO ALLUSO . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.1 IMPIEGHI TIPICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2 CONNESSIONI E CONTROLLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.1 Modulo IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.1.1 Connettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.2 Modulo ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3 INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.1 Predisposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.2 Installazione dei moduli e allineamento antenne . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.2.1 Installazione Modulo IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.2.2 Installazione Modulo ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.3 Collegamento di terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.4 Collegamento allalimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.5 Collegamenti iniziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.6 Procedura daccensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.7 Puntamento delle antenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.8 Verifiche con disponibilit di tratta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.9 Verifiche con un unico apparato MH904/8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4 ISTRUZIONI PER L USO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.1 Configurazione IDU+ODU: inizializzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.1.1 Informazioni permanentemente visualizzate . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.2 Descrizione tasti AS109 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.3 Descrizione tasti AS107 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.4 Modi di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.5 Modo men . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.6 Modo diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.7 Modo immediato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.5 SCORRIMENTO DELL ALBERO DEI MEN . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.6 COMANDI/FUNZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.6.1 Sottomen SEL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.6.2 Sottomen PROVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.6.3 Sottomen VIS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.6.3.1 Sottomen VIS VALORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.6.3.2 Sottomen VIS ALLARMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 DESCRIZIONE DETTAGLIATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1 MODULO IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

viii

149- 0899/00I

8.1.1 Generalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.2 Unit IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.2.1 Convertitore CC/CC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.2.2 Banda Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.2.3 Sezione CPU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.2.4 Sezione 140 MHz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.3 PIASTRA CHIPBRIDGE (140---1471/01) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.3.1 Segnali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1.4 PIASTRA POSTO OPERATORE (140---1448/01) . . . . . . . . . . . . . . 8.1.4.1 Unit POSTO OPERATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2 MODULO ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2.1 Generalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2.2 PIASTRA INTERFACCIA (141---3800/05) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2.2.1 Sezione alimentazione (foglio 7 di 7) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2.2.2 Sezione controllo (foglio 4 di 7) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2.2.3 Sezione 140 MHz TX . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2.2.4 Sezione 140 MHz RX . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 OPERAZIONI PER LA MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.1 GENERALIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.2 MANUTENZIONE DI PRIMO ANELLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.2.1 Ispezione visiva e pulizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3 MANUTENZIONE DI SECONDO ANELLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3.1 Verifica di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3.1.1 Verifiche con disponibilit di tratta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.3.1.2 Verifiche senza disponibilit di tratta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 SMONTAGGIO E RIMONTAGGIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.1 GENERALIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.2 MODULO IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.2.1 Smontaggio copertura posteriore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.2.1.1 Smontaggio piastra P.O. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.3 MODULO ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.3.1 Smontaggio copertura posteriore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.3.2 Smontaggio Modulo IF--- Controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 OPERAZIONI PER LA RIPARAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.1 GENERALIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.2 RIPARAZIONE DI PRIMO ANELLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.3 RIPARAZIONE DI SECONDO ANELLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . APPENDICE A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

8---1 8---1 8---2 8---5 8---13 8---14 8---15 8---15 8---16 8---16 8---21 8---21 8---22 8---22 8---23 8---24 8---24 9---1 9---1 9---1 9---1 9---2 9---3 9---4 9---4 10---1 10---1 10---1 10---1 10---2 10---3 10---3 10---3 11---1 11---1 11---1 11---2 A---1

ix/(x blank)

149- 0899/00I

INDICE DELLE FIGURE

FIG. 1.1 --- MODULO IDU --- VISTA DASSIEME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 1.2 --- MODULO ODU --- VISTA DASSIEME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 4.1 --- MODULO IDU DISASSIEMATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 4.2 --- TESTATA RF ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 5.1 --- MODULO IDU --- SCHEMA FUNZIONALE . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.1 --- STAZIONE IN SEMPLICE TERMINALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.2 --- STAZIONE IN DOPPIO TERMINALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.3 --- DISPOSITIVI SUL FRONTALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.4 --- DISPOSITIVI ESTERNI MODULO ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.5 --- TERMINALE DOPERATORE AS109 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.6 --- ALBERO MEN MODO DIRETTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.7 --- SEQUENZA CHIAMATA C.D.S. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.8 --- SOTTOMEN SELeziona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.9 --- SOTTOMEN PROVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.10 --- LOOP TX MUX IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.11 --- LOOP TX IF IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.12 --- LOOP TX IF ODU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.13 --- LOOP RX IDU LN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.14 --- LOOP RX IDU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.15 --- COLLOCAZIONE GENERATORE PRBS E MISURATORE DI BER . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.16 --- SOTTOMEN VIS VALORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 7.17 --- SOTTOMEN VIS ALLARMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 9.1 --- DETTAGLIO LED A FRONTALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 10.1 --- SMONTAGGIO COPERTURA POSTERIORE IDU . . . . . . . . . . FIG. 10.2 --- SMONTAGGIO PIASTRA P.O. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 10.3 --- SMONTAGGIO COPERTURA POSTERIORE . . . . . . . . . . . . . . FIG. 10.4 --- APERTURA MODULO IF--- CONTROLLO . . . . . . . . . . . . . . . . . FIG. 10.5 --- SMONTAGGIO MODULO IF--- CONTROLLO . . . . . . . . . . . . . . FIG. 11.1 --- FUSIBILI SUL FRONTALE DEL MODULO IDU . . . . . . . . . . .

1---2 1---4 4---1 4---2 5---5 7---2 7---3 7---5 7---12 7---23 7---25 7---28 7---32 7---44 7---46 7---48 7---50 7---52 7---54 7---56 7---62 7---72 9---3 10---1 10---2 10---3 10---5 10---6 11---2

xi/(xii blank)

149- 0899/00I

INDICE DELLE TABELLE

TAB. 1.1 --- MODULO IDU --- CODICE M. 145---0497/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 1.2 --- MODULO ODU --- CODICE M. 144---0396/..* . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 7.1 --- DISPOSITIVI SUL FRONTALE DEL MODULO IDU . . . . . . . . TAB. 7.2 --- AS109: INFORMAZIONI PERMANENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 7.3 --- AS109: DESCRIZIONE TASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 8.1 --- MODULO IDU --- CODICE M. 145---0497/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 8.2 --- CAPACIT CAN. IEEE 802.3 --- CANALI 2048 ITU---T G.703 . . TAB. 8.3 --- MODULO ODU --- CODICE M. 144---0396/..* . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 9.1 --- ELENCO MANUTENZIONI PERIODICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 9.2 --- DETTAGLIO DEI LED A FRONTALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 11.1 --- PRIMO ANELLO DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . TAB. 11.2 --- SECONDO ANELLO DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . .

1---2 1---3 7---4 7---20 7---21 8---1 8---6 8---21 9---1 9---3 11---3 11---9

xiii/(xiv blank)

149---0899/00I

1
1.1
--- Nome --- Indirizzo

CONFIGURAZIONE GENERALE
COSTRUTTORE
MARCONI SELENIA TIONS S.p.A. COMMUNICA-

Via A. Negrone, 1A GENOVA --- CORNIGLIANO

--- Codice Nato

A0069

1.2

PONTE RADIO MH904/8


MODULO IDU 145---0497/03.01 come da tabella 1.1 MODULO ODU 144---0398/..* come da tabella 1.2

--- Denominazione modulo interno --- Codice Marconi --- Composizione --- Denominazione modulo esterno --- Codice Marconi --- Composizione

NOTA:

Le ultime quattro cifre del codice di identificazione del modulo esterno Modulo ODU vanno completate in accordo alle sottogamme di frequenza utilizzate.

1---1

149---0899/00I

TAB. 1.1 --- MODULO IDU --- CODICE M. 145---0497/03


RIF. DENOMINAZIONE CODICE M. Q.T

1 2 3 4 5 6

UNIT IDU 8 Mb/s ASSIEME COFANO UNIT LED ASSIEME STAFFA RACK 19 PIASTRA POSTO OPERATORE UNITA SNMP

141---3938/01 341---4650/02 141---5979/01 341---4626/01 140---1448/01 141---3962/01

1 1 1 2 1 1

FIG. 1.1 --- MODULO IDU --- VISTA DASSIEME

1---2

149---0899/00I

TAB. 1.2 --- MODULO ODU --- CODICE M. 144---0396/..*


RIF. DENOMINAZIONE PARTI COMUNI 1 2 3* 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 4** 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 ASSIEME SUPPORTO PRINCIPALE COPERTURA ASSIEMATA PARTI ALTERNATIVE ASSIEME SUP. SUPPORTO PRINCIPALE (8 Mb/s) ASSIEME ISOLATORE + CIRCOLATORE ASSIEME UNITA DOWN---UP CONVERTER ASSIEME FILTRO ASSIEME FILTRO UNITA AMPLIFICATORE DI POTENZA ASSIEME SUP. SUPPORTO PRINCIPALE (8 Mb/s) ASSIEME ISOLATORE + CIRCOLATORE ASSIEME UNITA DOWN---UP CONVERTER ASSIEME FILTRO ASSIEME FILTRO UNITA AMPLIFICATORE DI POTENZA 141---4018/01 141---4024/01 141---4014/01 141---3625/01 141---3625/51 141---4035/01 141---2955/04 141---4018/51 141---4024/01 141---4014/01 141---3625/51 141---3625/01 141---4035/01 141---2955/04 N.D. N.D. N.D. N.D. 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 341---0523/01 341---0530/01 1 1 CODICE M. Q.T

3.5.1 Amplificatore di potenza 4,4 ! 5 Ghz

4.5.1 Amplificatore di potenza 4,4 ! 5 Ghz 1 2 3 4 ANTENNA PARABOLICA 1,2 m ANTENNA PARABOLICA 2 m ANTENNA PARABOLICA 2,4 m ANTENNA PARABOLICA 3 m

PARTI ALTERNATIVE --- FORNITURA ESTERNA

NOTA:

* Per la presente configurazione il Codice Marconi del Modulo ODU 144---0398/01. ** Per la presente configurazione il Codice Marconi del Modulo ODU 144---0398/51.

1---3

149---0899/00I

FIG. 1.2 --- MODULO ODU --- VISTA DASSIEME

1---4

149---0899/00I

2
2.1

SCOPO
GENERALIT

L apparato radio MH904/8 composto dal modulo interno IDU e dalla Testata RF ODU stato progettato per usi strategici miltari ed opera in NATO IV (4,4 ! 5 GHz).

2.2

CONTENUTO DEL MANUALE

Il contenuto di questo manuale utilizzato per fornire al personale di manutenzione le informazioni necessarie per luso e la manutenzione dellapparato. Il manuale suddiviso nei seguenti capitoli: Capitolo 1: Capitolo 2: Capitolo 3: Capitolo 4: Capitolo 5: Capitolo 6: Capitolo 7: Capitolo 8: Capitolo 9: Capitolo 10: Capitolo 11: Configurazione Generale Scopo Caratteristiche Tecniche Descrizione Meccanica Descrizione Generale Attrezzature di prova Installazione e Approntamento alluso Descrizione Circuitale Operazioni per la manutenzione Smontaggio e Rimontaggio Ricerca guasti

Capitolo 1 : contiene i dati di identificazione dellapparato, la tabella di composizione e le figure per lindividuazione dei principali componenti. Capitolo 2 : contiene lo scopo dellapparato, la struttura e luso del manuale. Capitolo 3 : contiene le principali caratteristiche tecniche e fisiche dellapparato. Capitolo 4 : contiene una descrizione delle caratteristiche meccaniche dellapparato. Capitolo 5 : contiene una descrizione del principio di funzionamento dellapparato. Capitolo 6 : contiene la lista degli apparati di prova consigliati. Capitolo 7 : contiene una descrizione delle operazioni di installazione e configurazione. Inoltre fornita una descrizione del software di gestione dellapparato.

2---1

149---0899/00I

Capitolo 8 : contiene una descrizione circuitale delle principali unit. La descrizione dettagliata di ogni singola unit preceduta da una breve descrizione dellutilizzo. Capitolo 9 : contiene le procedure di manutenzione. Capitolo 10 : contiene le procedure di smontaggio e rimontaggio dellapparato. Capitolo 11 : contiene semplici procedure di ricerca guasti.

2.3
AGC: AIS: AMP. BB: BER: BITE CCITT: CC: C.d.S.: CONFIG: CPU: CRR: DPRAM: DRAM: DRO: DTE: ECL: EEPROM: EHF: EMC: EMI:

GLOSSARIO E ACRONIMI
Automatic Gain Control Alarm Inibition Signal Amplificatore Banda Base Bit Error Rate Built---In Test Equipment Comit Consultatif International de Telephonie et de Telegraphie Corrente Continua Canale di servizio Configurazione Central Processing Unit Controllo Remoto Radio Dual Port Random Access Memory Dynamic Random Access Memory Dielectric Resonator Oscillatore Data Terminal Equipment Emitter Coupled Logic Electrically Erasable Programmable Read Only Memory Extremely High Frequency Electro---Magnetic Compatibility Electro---Magnetic Interference

2---2

149---0899/00I

EMP: EPROM: EUROCOM: FEC: FI: FPGA: FSK: FW: GND: HDB3: HW: IC: INT: IDU: I/T: LED: MMIC: MOSFET: MUX: P: N.A.: NMC: NRZ: ODU: OL: OP.AMP.: O---QPSK: ORT: PAL: PGA:

Electro---Magnetic Pulse Erasable Programmable Read Only Memory Communications Committee of Eurogroup Forward Error Corrector Frequenza intermedia Field Programmable Gate Array Frequency---Shift Keying Firmware Massa High Density Bipolar, al max 3 zeri consecutivi Hardware Integrated Circuit Intermedio In---Door Unit Intermedio/Terminale Light Emitting Diode Monolithic Microwave Integrated Circuit Metal Oxide Semiconductor Field Effect Transistor Multiplexer Microprocessore Non Applicabile Network Management Channel Non Ritorno a Zero Out---Door Unit Oscillatore locale Amplificatore Operazionale Offset---Quadrature Phase---Shift Keying Operational Readiness Test Programmable Array of Logics Programmable Gate Array

2---3

149---0899/00I

PLL: P.O.: pp: ppm: PRBS: PTT: PWM: QPSK: RAM: RF: rx: RX: SCC: SPI: SSD: SW: TERM: TTL: tx: TX: UART: VCO: VT:

Phase Locked Loop Posto Operatore picco picco parti per milione Pseudo Random Bit Sequence Press To Talk Pulse Width Modulator Quadrature Phase---Shift Keying Random Access Memory Radiofrequenza Ricezione Ricevitore Serial Communication Controller Serial Peripheral Interface Static Sensitive Device Software Terminale Transistor Transistor Logic Trasmissione Trasmettitore Universal Asynchronous Receiver Transmitter Voltage Controlled Oscillator Video Terminale

2---4

149---0899/00I

3
3.1

CARATTERISTICHE TECNICHE
CARATTERISTICHE GENERALI
4,4 ! 5 GHz 100 MHz 125 KHz 80 O---QPSK Connettore N 10 MHz

Gamma di frequenza Separazione Tx/Rx Risoluzione di frequenza Numero canali per ogni sottogamma Tipo di modulazione Interfaccia dingresso/uscita Larghezza gamma

3.1.1

Trasmissione
140 MHz 0 ! ---5 dBm 50 sbilanciato

Frequenza Intermedia in ingresso Livello in ingresso al Modulo ODU Impedenza di ingresso Modulo ODU

Potenza di uscita al connettore dantenna 27 dBm del feed attenuabile da 0 a 30 dB a passi di 2 dB ROS accettabile in uscita Stabilit in frequenza 2:1 max ! 5 ppm max.

3.1.2

Ricezione
6 dB al connettore dantenna 2:1 max 140 MHz >90 dB ! 5 ppm max. ---82 DBm nominale

Figura di rumore ROS accettabile in ingresso Frequenza Intermedia (FI) Reiezione della frequenza immagine Stabilit in frequenza Sensibilit con BER 1x10 ---4

3---1

149---0899/00I

Tempo di sintonia

<1s

3.1.2.1

Antenna
Consultare la documentazione del fornitore.

NOTA:

3.1.3

Caratteristiche di allarme
Coppia di contatti di rel sospesi da massa Circuito chiuso Sul frontale del modulo IDU, visualizzati sul display del terminale doperatore

Tipo di interfaccia Condizione di allarme Disposizione allarmi

3.2
3.2.1
Peso

CARATTERISTICHE FISICHE
Modulo IDU
89 x 483 x 351 mm 5 Kg max.

Altezza x Larghezza x Profondit

3.2.2
Peso

Modulo ODU
358 x 340 x 429 mm 12 Kg max.

Altezza x Larghezza x Profondit

3.3
3.3.1

CARATTERISTICHE AMBIENTALI
Modulo IDU
---25 _C ! +70 _C ---10 _C ! +55 _C

Gamma di temperatura immagazzinamento Gamma di temperatura operativa

3---2

149---0899/00I

Umidit relativa Installazione

95% max. a +55 _C Fissa o su shelter

3.3.2

Modulo ODU
---55 _C ! +70 _C ---40 _C ! +55 _C 95% max. a +55 _C Su palo o a muro tramite mensola

Gamma di temperatura immagazzinamento Gamma di temperatura operativa Umidit relativa Installazione

3.4
3.4.1
EMI/EMC Prove

CARATTERISTICHE ELETTRICHE
Compatibilit elettromagnetica
IAW MIL---STD---461D, 462 IDU: CE102, CS101, CS114, RE102, RS103 ODU: CS114, RE102, RS103

3.4.2
3.4.2.1
Tensione

Alimentazione
Modulo IDU
19 ! 58 Vcc, 48 Vcc nominali "20 W (esclusa la sezione telealimentazione)

Consumo (max.)

3.4.2.2
Tensioni

Modulo ODU
58 Vcc 3% (telealimentazione proveniente dal modulo IDU) 19 ! 58 Vcc, 48 Vcc nominali (alimentazione proveniente da batteria) "40 W

Consumo (max.)

Tensioni duscita Conv. CC/CC ODU + 5,0 Vcc 1%, ---5,1 Vcc 1%,+15,0 Vcc 3%, ---15 Vcc 3%, + 8 Vcc 1%

3---3

149---0899/00I

3.4.3
Capacit Forma donda

Traffico principale
n 1 canale a 8 Mb/s oppure n 4 canali a 2 Mb/s HDB3 (a norma ITU---T G.703) 2 Vpp 75 ! sbilanciati

Livello segnale Impedenza

3.4.4
Capacit Forma donda

Canale ausiliario a 64Kb/s


n 1 canale a 64 Kb/s codirezionale (a norma ITU---T G.703) 2 Vpp 120 ! bilanciati

Livello segnale Impedenza

3.4.5
3.4.5.1
Capacit Forma donda

Canale di servizio
Estensione canale di servizio
n 1 canale a 16 kb/s bifase condizionato (a norma Eurocom D/1) 2 Vpp 130 ! bilanciati

Livello segnale Impedenza

3.4.5.2
Interfaccia Impedenza

Posto operatore
EUROCOM D1---IA8 punti A e B 600 !

3---4

149---0899/00I

3.4.6
Bit ---rate Modo Trasmissione

Controllo locale
2,4 Kb/s Asincrono Full---duplex ITU---T V.10 8 bit, 1 bit di stop, nessuna parit

Interfaccia elettrica Formato

3.4.7
Bit ---rate Modo Trasmissione

Controllo remoto
2,4 ! 9,6 Kb/s Asincrono/sincrono Full---duplex/half---duplex ITU---T V.10/V.11 selezionabile HW N/A

Interfaccia elettrica Formato

3.4.8
Bit ---rate Modo Trasmissione

NMC
2,4 ! 9,6 Kb/s Asincrono Full---duplex ITU---T V.10/V.11 selezionabile HW N/A

Interfaccia elettrica Formato

3.4.9

Aggregato principale

L aggregato principale un flusso a 11 Mb/s ottenuto dallaffasciamento dei seguenti segnali: a) b) c) d) e) Traffico principale a 8 Mb/s o 4x2 Mb/s Canale ausiliario a 64 Kb/s Canale di servizio a 16 Kb/s Canale dati per il controllo remoto radio NMC

3---5

149---0899/00I

Il canale d) generato internamente allapparato. Al segnale aggregato applicato un FEC di tipo Reed---Solomon e un interleaving convoluzionale.

3.4.10

Aggregato servizi

L aggregato servizi un flusso a 78,7692 Kb/s ottenuto dallaffasciamento dei seguenti segnali: Lato tx (IDU ' ODU) a) b) c) a) b) c) Estensione del canale di servizio verso ODU a 16 Kb/s (fonia) PTT associato al clock a 16 Kb/s Tx Canale dati per il controllo ODU a 9600 bps Estensione del canale di servizio verso IDU a 16 Kb/s (fonia) PTT (16 Kb/s) Canale dati da ODU a 9600 bps

Lato rx (ODU ' IDU)

3.4.11
3.4.11.1
a) b)

Interfaccia ODU
Trasmissione
FI Formato FI Formato 140 MHz O---QPSK 10 MHz CP---FSK

Aggregato principale: Aggregato servizi:

3.4.11.2
a) b)

Ricezione
FI Formato FI Formato 140 MHz O---QPSK 10 MHz CP---FSK

Aggregato principale: Aggregato servizi:

3---6

149---0899/00I

4
4.1

DESCRIZIONE MECCANICA
MODULO IDU

Il modulo IDU essenzialmente costituito da un contenitore in materiale plastico chiuso mediante un pannello frontale in metallo. Il contenitore in materiale plastico realizzato mediante saldatura ad ultrasuoni di due gusci ed trattato superficialmente con materiale conduttivo per realizzare una schermatura elettromagnetica. Il pannello frontale in materiale metallico, che permette laccesso alla circuiteria interna, presenta tutti i dispositivi di controllo e tutti i connettori di ingresso/uscita segnali del modulo. Il modulo IDU munito di staffe laterali per il montaggio a rack 19. Dette staffe possono essere regolate per ladattamento ad altri rack.

FIG. 4.1 --- MODULO IDU DISASSIEMATO

4---1

149---0899/00I

4.2

MODULO ODU

Il modulo ODU essenzialmente costituito da un supporto, da una antenna e da una copertura in plastica. Il supporto, atto a contenere i moduli interni e lantenna, presenta una struttura che facilita lo smaltimento del calore. Il supporto rigidamente connesso al dispositivo di fissaggio, questultimo provvisto di regolazioni angolari zenitale ed azimutale necessarie per lallineamento dellantenna. L antenna costituita da una parabola, dallilluminatore e da un sostegno per il fissaggio al contenitore.

FIG. 4.2 --- TESTATA RF ODU

4---2

149---0899/00I

5
5.1

GENERALIT SUL FUNZIONAMENTO


GENERALIT

L apparato MH904/8 un ponte radio digitale multicanale operante nella banda NATO IV da 4,4 GHz a 5 GHz. L apparato costituito da due moduli, uno previsto per installazioni al coperto detto IDU ed uno previsto per installazioni allesterno detto ODU, connessi tra loro tramite un cavo apposito che pu raggiungere la lunghezza di 300 metri. Il modulo esterno ODU si connette allantenna tramite un connettore serie N. Il modulo ODU riceve normalmente lalimentazione dal modulo IDU (58 Vcc) ma pu essere alimentato anche da batteria esterna. L MH904/8 pu operare con una capacit di traffico di banda base di 1 canale a 8 Mb/s o quattro canali a 2 Mb/s utilizzando come tipo di modulazione la O---QPSK. L apparato inoltre in grado di gestire un canale ausiliario a 64 Kb/s, un canale dati a 2,4 Kb/s per il controllo locale, un canale dati a 2,4 ! 9,6 Kb/s per il controllo remoto, un canale NMC di transito per la supervisione e il C.d.S. a 16 Kb/s; detti canali, opportunamente multiplati e trasformati in frequenze intermedie vengono poi inviati al modulo ODU. L MH904/8 soddisfa tutti i requisiti relativi alle raccomandazioni EUROCOM D/1---IA11. Durante il funzionamento normale entrambi gli operatori (cio loperatore collegato al microtelefono del Modulo IDU e quello collegato al Modulo ODU) sono in ascolto sul C.d.S. e possono occupare la linea in modo mutuamente esclusivo. L MH904/8 e un apparato a filtri RF fissi, con passo di duplex 100MHz. Convenzionalmente, le sottogamme determinate dalla banda passante dei filtri rivengono identificate come AN e AP. Se per esempio lapparato locale equipaggiato in ricezione con la sottogamma AN, per realizzare la tratta radio quello remoto dovr essere equipaggiato con la sottogamma AP (e viceversa per la trasmissione). Per ciascuna sottogamma Tx o Rx loperatore ha a disposizione 80 canali spaziati tra loro di 125 KHz. L intero funzionamento dellapparato gestito dalle CPU del modulo IDU e del modulo ODU, che comunicano tra loro tramite un canale dati dedicato generato internamente dallapparato. La CPU del modulo IDU deve essere in grado perci di verificare il corretto funzionamento del proprio modulo e contemporaneamente di supervisionare le funzioni del modulo ODU (sintonia, controllo del TX, diagnostica e monitoraggio prestazioni). Il colloquio operatore---macchina avviene invece tramite un terminale alfanumerico VT100 compatibile, collegato al modulo IDU mediante una linea di controllo locale; per mezzo di tale terminale, loperatore ha accesso ai parametri operativi dellapparato e pu controllare sia il modulo ODU sia apparati radio remoti. Detto terminale pu essere anche collegato direttamente al modulo ODU.

5---1

149---0899/00I

L apparato pu essere collegato ad un sistema di supervisione mediante la linea di controllo remoto (attacco predisposto sul modulo IDU). Sono accessibili le stesse funzioni disponibili alloperatore locale: lIDU fornisce laccesso ad un canale per il transito di informazioni di supervisione; il transito sul canale trasparente. In accordo alla raccomandazione ITU---T G.821, lIDU genera la statistica delle prestazioni del collegamento radio, visualizzabile sia localmente sia sul terminale di controllo collegato al modulo IDU. Il ponte radio MH904/8 pu essere utilizzato nella configurazione in singolo non protetta oppure nella configurazione in doppio protetta che prevede lutilizzo di due apparati MH904/8 e dellapparato di scambio automatico AS309H. Per ulteriori informazioni sulle possibili installazioni consultare il capitolo 7 della presente monografia. La figura e lAllegati 1 mostrano rispettivamente lo schema a blocchi di funzionamento del modulo IDU e del modulo ODU.

5.2

TRASMISSIONE

Il modulo IDU in Tx provvede a rigenerare il segnale di BB proveniente dallutenza, ad estrarre il clock ed a convertire il codice di linea in NRZ. Il traffico a 8 Mb/s (o 4x2 Mb/s), il C.d.S. a 16 Kb/s, il canale ausiliario a 64 Kb/s, il canale CRR (generato internamente) a 2,4 ! 9,6 Kb/s, ed il canale NMC per la supervisione vengono tutti affasciati dal modulo IDU in un unico flusso a 11 Mb/s , a cui viene poi applicato un FEC di tipo Reed---Solomon ed un Interleaving convoluzionale. Detto segnale viene poi convertito alla frequenza intermedia FI a 140 MHz mediante modulazione O---QPSK. Similmente vengono affasciati un canale a 16 Kb/s per la fonia da modulo IDU verso modulo ODU, un canale per il PTT verso ODU (associato ad un clock a 16 Kb/s utilizzato dal modulo ODU) ed il canale di controllo ODU a 2,4 ! 9,6 Kb/s. Ne risulta un aggregato servizi a 78 Kb/s. Detto segnale viene convertito alla frequenza intermedia FI a 10 MHz mediante modulazione CPFSK. L aggregato principale a 140 MHz e laggregato servizi a 10 MHz vengono applicati ad un diplexer per la trasmissione verso il modulo ODU mediante cavo. Il segnale proveniente dal modulo IDU arriva allUnit Interfaccia del modulo ODU dove viene applicato al circuito di interfaccia cavo e quindi al trasformatore di disaccoppiamento. Il segnale viene poi amplificato ed applicato ad un circuito diramatore per la separazione dellaggregato servizi a 10 MHz dallaggregato principale a 140 MHz. Il segnale a 10 MHz viene demodulato in CP---FSK. L aggregato servizi viene pertanto deaffasciato per ottenere il canale dati di controllo da IDU, il P.O. da IDU ed il PTT.

5---2

149---0899/00I

L aggregato principale viene applicato ad un circuito a controllo automatico di guadagno (AGC) per mantenere costante il livello di uscita. Il circuito di abilitazione Tx permette leffettuazione di loop di controllo interno. Il segnale viene quindi inviato alla piastra Sint---IF attraverso un attenuatore variabile. Il segnale in uscita viene inviato al 1_ Mixer ove, per battimento con la 1a frequenza OL (672 MHz) si ottiene in uscita la 1a frequenza FI (532 MHz). Il segnale quindi, dopo essere stato filtrato e amplificato, viene applicato al 2_ Mixer. Per battimento con la 2a frequenza OL (1344 MHz), si ottiene la 2a frequenza FI (1876MHz). Il segnale in uscita dalla piastra Convertitore IF---L, opportunamente filtrato ed amplificato, viene quindi applicato al Mixer dellup---converter del modulo Front---End dove, per battimento con la 3a frequenza OL (2524---3124 MHz), si ottiene il segnale RF alla frequenza desiderata. Il segnale in uscita dal 3_ Mixer attraversa un filtro passa banda e uno stadio di amplificazione. Il segnale viene passato allamplificatore di potenza e quindi inviato al filtro passa banda Tx. Il segnale viene quindi portato al connettore dantenna tramite circolatore.

5.3

RICEZIONE

Il circolatore del modulo Front---End connesso al connettore dantenna separa il segnale di Tx da quello di Rx. Dopo aver attraversato il filtro passa banda Rx, il segnale ricevuto viene applicato allLNA per migliorare il rapporto segnale/rumore. Il segnale cos amplificato viene filtrato e arriva al 1_Mixer di ricezione dove, per battimento con la 1a frequenza OL (2524---3124 MHz), viene convertito nella 1a frequenza FI (1876 MHz). Dopo opportuno filtraggio e conseguente amplificazione il segnale viene applicato al mixer della piastra Sint---IF e mediante battimento con la 2a frequenza OL (1344 MHz), viene convertito nella 2a frequenza FI (532 MHz). Detto segnale viene ancora filtrato, amplificato e rifiltrato ancora prima di essere convertito alla frequenza di 140 MHz mediante battimento con la 3a frequenza di OL (672 MHz) proveniente dalla sezione Sint. della piastra Sint---IF. Segue un ulteriore filtraggio e amplificazione. Il segnale in ingresso allUnit Interfaccia viene inviato al circuito AGC, che ha lo scopo di mantenere costante il livello del segnale in uscita al variare del segnale ricevuto. Un circuito monitorio fornisce una tensione proporzionale al livello della potenza ricevuta. Il canale a 16 Kb/s della fonia verso IDU, il canale a 16 Kb/s relativo al PTT e il canale a 2,4 ! 9,6 Kb/s per il controllo verso IDU vengono affasciati nellaggregato servizi a 78 Kb/s e poi convertiti alla FI di 10 MHz modulato CP---FSK.

5---3

149---0899/00I

Il segnale a 140 MHz, mediante un apposito circuito, viene poi combinato con il segnale a 10 MHz. Il segnale risultante viene amplificato ed applicato al circuito di interfaccia cavo e tramite il trasformatore di disaccoppiamento il segnale viene inviato al modulo IDU mediante cavo a 75 !. Nel modulo IDU il segnale ricevuto, dopo essere stato applicato al circuito di interfaccia cavo e al trasformatore di disaccoppiamento, viene inviato ad un amplificatore a larga banda e poi al circuito diramatore per la separazione del segnale a 140 MHz da quello a 10 MHz. Il segnale viene inviato al circuito AGC per mantenere costante il livello. Il circuito di abilitazione Rx permette leffettuazione di loop di controllo interno. Il segnale a 10 MHz viene demodulato in CP---FSK per estrarre laggregato servizi a 78 Kb/ s, che viene poi deaffasciato per ottenere il canale a 16 Kb/s per la fonia da modulo ODU verso IDU, il canale a 16 Kb/s per il PTT da modulo ODU verso IDU ed il canale di controllo da ODU a 2,4 ! 9,6 Kb/s. Il segnale a 140 MHz similmente viene demodulato in O---QPSK per ottenere laggregato principale a 11 Mb/s, a cui vengono applicate la funzione Interleaving inversa di quella utilizzata in tx, e la correzione propria della decodifica FEC. Segue il deaffasciamento per estrarre il canale di traffico a 8 Mb/s, il C.d.S. a16 Kb/s, il canale ausiliario 64 Kb/s, il canale di controllo remoto radio a 2,4 ! 9,6 Kb/s e il canale per la supervisione a 2,4 ! 9,6 Kb/s. Il modulo IDU esegue la conversione da NRZ al rispettivo codice di linea per tutti i segnali che devo essere inviati lato linea.

5---4

CONN. SERVIZI

Contr. REM NMC

*CRR
AFF. SERVIZI
Contr. ODU Agg. Servizi 78 Kb/s 10 MHz

* Contr. da ODU

CONN. CONTR.

Contr. LOC.

P.O. CRR P.O.

CPU

MOD. CP- FSK

* PTT * P.O.

PTT

ALLARMI E CONTROLLI

USC.
DIPLEX.

TERMINALE DI OPERAT.

C.d.S.
C.d.S.

PTT P.O. C.d.S.

CONN. LINEA

A
MOD. O- QPSK

C.d.S. TRAFFICO

AFF. PRINCIPALE
TRAFFICO AUSILIARI NMC Agg. Principale 11 Mb/s

INTERF. DI LINEA

FEC INTERLEAV.

140 MHz

FIG. 5.1 --- MODULO IDU --- SCHEMA FUNZIONALE

5---5/(5---6 blank)
TRAFFICO

CONN. LINEA

I N T E R F A C C I A O D U

AUSILIARI NMC

TENSIONI STABILIZZATE

AUSILIARI

DEAFF. PRINCIPALE
FEC INTERLEAV. AGC DEM. O- QPSK EQUALIZ.
140 MHz Amplif. larga banda

ING.
DIRAMAT.

*C.d.S. *CRR * * *
PTT P.O. Contr. da ODU

DEAFF. SERVIZI
10 MHz

140 MHz

B
DEM. CP- FSK

CONN. ALIM.
TELEALIMENTAZIONE

149---0899/00I

CONV. cc/cc

149---0899/00I

ATTREZZATURE DI PROVA

Per la manutenzione e la riparazione dellapparato MH904/8 non richiesta nessuna attrezzatura di prova. In caso di guasto o malfunzionamento, accertare che la causa sia addebitabile allapparato MH904/8 utilizzando il BITE di apparato e le segnalazioni luminose come dettagliato nei Capitoli 9 e 11.

6---1/(6---2 blank)

149---0899/00I

INSTALLAZIONE ED APPRONTAMENTO ALLUSO


IMPIEGHI TIPICI

7.1

L impiego del ponte radio MH904 prevede diverse configurazioni: --- STAZIONE IN SEMPLICE TERMINALE --- STAZIONE IN DOPPIO TERMINALE La configurazione IN SEMPLICE TERMINALE di figura 7.1 comprende: --- Un Ponte Radio MH915/8, costituito da un modulo IDU e da un modulo ODU; --- Una utenza a 8 Mb/s o 4 utenze a 2 Mb/s; --- Un terminale doperatore AS109 o VT100 compatibile. La configurazione IN DOPPIO TERMINALE di figura 7.2 comprende: --- Ununit Scambio tipo AS309H; --- Due Ponti Radio MH915/8, ciascuno costituito da un modulo IDU e da un modulo ODU; --- Una utenza a 8 Mb/s o 4 utenze a 2 Mb/s; --- Un terminale doperatore AS109 o VT100 compatibile. La funzione dello Scambio quella di collegare automaticamente il Ricetrasmettitore in servizio allutenza (1x8 Mb/s o 4x2 Mb/s), e di abilitare il TX in servizio se stato scelto il modo isofrequenza. Il terminale predispone e controlla sia lo Scambio sia i Ponti radio, e consente di commutare il microtelefono in modo indipendente dai segnali di BB.

7---1

149---0899/00I

CANALI USILIARI SERVIZI

UTENZA

8 Mb/s

FIG. 7.1 --- STAZIONE IN SEMPLICE TERMINALE

7---2

149---0899/00I

AL MODULO ODU
ALIM.

IDU ( MH904/1)

UTENZA

8 Mb/s

TX

RX

AS309
NMC
CANALI AUSILIARI

IDU ( MH904/2)

ALIM.

AL MODULO ODU

FIG. 7.2 --- STAZIONE IN DOPPIO TERMINALE

7---3

149---0899/00I

7.2
7.2.1

CONNESSIONI E CONTROLLI
Modulo IDU

I connettori di interconnessione, le segnalazioni visive e il morsetto di messa a a terra sono montati sul frontale dellapparato.

TAB. 7.1 --- DISPOSITIVI SUL FRONTALE DEL MODULO IDU


SERIGRAFIA DESCRIZIONE RIF.

Morsetto a pressione per il collegamento di terra V24/48 J01 = Connettore ingresso alimentazione in c.c. Led di colore VERDE/ROSSO: - VERDE: presenza alimentazione - ROSSO: sovraccarico/bassa tensione/sovratensione Led di colore ROSSO: quando acceso allarme del modulo IDU Led di colore ROSSO quando acceso allarme del modulo ODU Led di colore VERDE/ROSSO/GIALLO: - VERDE: loperatore locale ha occupato il C.d.S. - ROSSO: il C.d.S. occupato - GIALLO con luce fissa: ricezione di una chiamata per Intermedio/Terminale normale - GIALLO con luce intermittente: indica ricezione di una chiamata per Terminale urgente Connettore traffico e telealimentazione ODU Connettore canale ausiliario e NMC Connettore servizi e remoto Connettore terminale e microtelefono

1 2 3

IDU ODU CDS

4 5 6

ODU Y01 AUSILIARI Y03 SERVIZI Y04 CONTROLLO Y05

7 8 9 10

7---4

149---0899/00I

TAB. 7.1 --- (CONTINUA)

SERIGRAFIA

DESCRIZIONE

RIF.

LINEA TX J06 LINEA RX Y07 I F1/F2 Y08

Connettore per il collegamento con lUtenza a 8 Mb/s o ad eventuale apparato di Scambio Automatico Connettore per il collegamento con lUtenza a 8 Mb/s o ad eventuale apparato di Scambio Automatico Interruttore daccensione/spegnimento Fusibili di protezione dellalimentazione (6,3 A) Connettore per collegamento Ethernet

11 12 13 14 15

15

14

13

10

11

12

FIG. 7.3 --- DISPOSITIVI SUL FRONTALE

7---5

149---0899/00I

7.2.1.1

Connettori

Il modulo IDU presenta sul frontale tutti i connettori per il collegamento . CONNETTORE DALIMENTAZIONE

A1

A2

A3

V24/48 (J01) PIN A1 A2 A3 SEGNALE +VBATT GND ---VBATT TIPO CC COMUNE CC INTERF.TO DESCRIZIONE Ingresso positivo alim. CC massa Ingresso negativo alim. CC IN DIR. IN

CONNETTORE PER IL COLLEGAMENTO AL MODULO ODU

A5

A4

A3

A2

A1

ODU (Y01) PIN A1 A2 A3 A4 A5 SEGNALE IF_TX +VTLA GND ---VTLA IF_RX TIPO analogica 75 CC COMUNE CC analogica 75 ODU ODU INTERF.TO ODU ODU DESCRIZIONE FI a 140 MHz verso ODU Positivo telealimentazione. ODU massa meccanica Negativo telealimentazione ODU FI a 140 MHz da ODU OUT IN DIR. OUT OUT

7---6

149---0899/00I

CONNETTORE PER IL COLLEGAMENTO DEI CANALI AUSILIARI

15

AUSILIARIO (Y03) PIN 1 2 3 4 4 4 7 8 9 10 11 12 13 14 15 GND COMUNE GND COMUNE AUX_OUT_B AUX_IN_B CDC---AMI CDC---AMI GND COMUNE SEGNALE AUX_OUT_A GND AUX_IN_A TIPO CDC---AMI COMUNE CDC---AMI INTERF.TO DESCRIZIONE Uscita canale AUX massa Ingresso canale AUX riservato riservato riservato massa riservato Uscita AUX complementata Ingresso AUX complementato riservato massa riservato riservato massa IN OUT IN IN OUT IN OUT IN OUT IN OUT DIR. OUT

7---7

149---0899/00I

CONNETTORE SERVIZI

13

25

14

SERVIZI (Y04) PIN 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 HI_BER LO_BER GND GND GND SC_IN GND AL_C AL_P GND NMC_OUT_A NMC_OUT_B O.C. O.C. COMUNE COMUNE COMUNE O.C. COMUNE O.C. O.C. COMUNE 103a 103b Scambio Scambio Scambio Scambio Scambio COM_DCE COM_DTE NMC_IN_A NMC_IN_B AL_EXT_1 AL_EXT_2 102b/103 b 102a/104 b 104a 104b rel rel Superv. Superv. VDC CC Scambio SEGNALE GND REM_IN_A REM_OUT_A TIPO COMUNE 104/104a 103/103a INTERF. Superv. Superv. Superv. DESCRIZIONE massa di protezione Ingresso linea remoto Uscita linea remoto non utilizzato Alimentazione scambio non utilizzato Com. TX rem/OUT rem. complem. Com. RX rem/IN rem. complem. ingresso canale NMC ingr. canale NMC complem. Estensione allarmi Estensione allarmi Non utilizzato Riservato per usi futuri Riservato per usi futuri massa massa massa Ingr. comando da scambio massa Allarme verso scambio Allarme verso scambio massa uscita NMC uscita NMC complem. OUT OUT OUT OUT IN OUT OUT OUT IN IN IN IN/OUT IN/OUT OUT IN OUT DIR.

7---8

149---0899/00I

CONNETTORE PER IL COLLEGAMENTO DEL TERMINALE DOPERATORE

13

25

14

CONTROLLO (Y05) PIN 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 VTERM COM_TERM CC COMUNE Terminale Terminale PTT O.C. Microtel. Auricolare analogico Microtel. COM_Microfono analogico Microfono analogico Microtel. Microtel. COM_LOC 102 (V.24) Terminale SEGNALE GND IN_LOC OUT_LOC RTS_LOC TIPO comune 104 (V.24) 103 (V.24) 105 (V.24) INTERF.TO Terminale Terminale Terminale Terminale DESCRIZIONE massa di protezione Ingresso seriale locale Uscita seriale locale Presenza terminale Non utilizzato Non utilizzato Comune seriale locale Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato Comune microtelefono Fonia da microfono Non utilizzato Fonia verso auricolare Non utilizzato Non utilizzato PTT da microtelefono Non utilizzato Alimentazione terminale Ritorno alimentazione terminale Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato OUT IN/OUT IN OUT IN/OUT IN IN/OUT IN OUT IN DIR.

7---9

149---0899/00I

CONNETTORE PER IL COLLEGAMENTO DELLA LINEA TX

A1

A2

A3
3

1 4

2 5

A4

LINEA TX (J06) PIN 1 2 3 4 5 A1 A2 A3 A4 LIN_B_IN LIN_C_IN LIN_D_IN LIN_A_IN HDB3 HDB3 HDB3 HDB3 coax. 75 coax. 75 coax. 75 coax. 75 GND COMUNE SEGNALE EOW_IN_A EOW_IN_B TIPO Bifase cond. Bifase cond. INTERF.TO DESCRIZIONE Ingresso estensione C.d.S. Ingresso estensione C.d.S.complementato Non utilizzato massa Non utilizzato Ingresso 2 Mb/s B Ingresso 2 Mb/s C Ingresso 2 Mb/s D Ingresso 2/8 Mb/s A IN IN IN IN DIR. IN IN

7---10

149---0899/00I

CONNETTORE PER IL COLLEGAMENTO DELLA LINEA RX

A4

3 A3

A2

A1

LINEA RX (Y07) PIN 1 2 3 4 5 A1 A2 A3 A4 LIN_B_OUT LIN_C_OUT LIN_D_OUT LIN_A_OUT HDB3 HDB3 HDB3 HDB3 coax. 75 coax. 75 coax. 75 coax. 75 GND COMUNE SEGNALE EOW_OUT_A EOW_OUT_B TIPO Bifase Cond. Bifase Cond. INTERF.TO DESCRIZIONE Uscita estensione C.d.S. Uscita estensione C.d.S. complement. Non utilizzato massa Non utilizzato Ingresso 2 Mb/s B Ingresso 2 Mb/s C Ingresso 2 Mb/s D Ingresso 2/8 Mb/s A OUT OUT OUT OUT DIR. OUT OUT

7---11

149---0899/00I

7.2.2

Modulo ODU

Per motivi di installazione il connettore per il collegamento delleventuale terminale doperatore AS109 (rif. 2 di Fig. 7.4) e il passacavo per il collegamento al Modulo IDU (rif. 1 di Fig.7.4) si trovano nella parte inferiore.

Conn. dantenna

FIG. 7.4 --- DISPOSITIVI ESTERNI MODULO ODU


CONNETTORE PER IL COLLEGAMENTO AL MODULO IDU Il dispositivo serigrafato IDU (rif.1 di Fig. 7.4) un passacavo che permette il collegamento dei cavi per il transito dei segnali tra Modulo IDU e Modulo ODU. Vengono di seguito forniti i segnali che transitano tra i due moduli. IDU PIN A B C D SEGNALE +VTLA IF_RX ---VTLA IF_TX TIPO CC analogica 75 CC analogica 75 INTERF.TO ODU ODU ODU ODU DESCRIZIONE Positivo telealim. IDU FI 140 MHz verso IDU Negativo telealim. IDU FI 140 MHz da IDU DIR. IN OUT IN IN

7---12

149---0899/00I

CONNETTORE PER IL COLLEGAMENTO DEL TERMINALE DOPERATORE

13

25

14

CONTROLLO PIN 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 VTERM COM_TERM CC comune Terminale Terminale PTT O.C. Microtel. AURICOLARE analogico Microtel. COM_Microtel MICROTEL. analogico analogico Microtel. Microtel. COM_LOC 102 (V. 24) Terminale SEGNALE GND IN_LOC OUT_LOC RTS_LOC TIPO comune 104 (V. 24) 103 (V. 24) 105 (V. 24) INTERF.TO Terminale Terminale Terminale Terminale DESCRIZIONE massa di protezione Ingresso seriale locale Uscita seriale locale Presenza terminale Non utilizzato Non utilizzato Comune seriale locale Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato Comune microtelefono Fonia da microfono Non utilizzato Fonia verso auricolare Non utilizzato Non utilizzato PTT da microtelefono Non utilizzato Alim. terminale Ritorno alim. terminale Non utilizzato Non utilizzato Non utilizzato OUT IN/OUT IN OUT IN/OUT IN IN/OUT IN OUT IN DIR.

7---13

149---0899/00I

7.3

INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI

La procedura descritta di seguito da intendersi di carattere generale.

7.3.1

Predisposizioni

Alcuni parametri di funzionamento dellapparato possono essere modificati in accordo alle esigenze operative. Le istruzioni per cambiare i suddetti parametri saranno descritte nei paragrafi successivi.

7.3.2

Installazione dei moduli e allineamento antenne

Nel presente paragrafo viene fornita una procedura generale per linstallazione dei Moduli IDU e ODU e per il puntamento delle antenne.

7.3.2.1

Installazione Modulo IDU

Posizionare il Modulo IDU nella propria sede di installazione. Nel caso in cui il modulo fosse gi installato, controllare lintegrit dei cavi di collegamento facendo particolare attenzione al collegamento di terra.

7.3.2.2

Installazione Modulo ODU

Il modulo ODU pu essere fissato, per esempio mediante staffe, alla base della struttura che supportera lantenna.

N.B.:

Per il fissaggio e lorientamento dellantenna si rimanda alla consultazione della documentazione del fonitore.

7.3.3

Collegamento di terra

Allo scopo di proteggere il personale e lapparato da sovratensioni dovute a fenomeni atmosferici o altri, necessario collegare il Modulo IDU a terra utilizzando lapposito morsetto a frontale (rif. 1 di Fig. 7.3). Utilizzare per il collegamento a terra un filo intrecciato. Per verificare lefficienza del collegamento a terra, collegare un ohmetro tra il morsetto di terra del modulo IDU e il riferimento (terra) e verificare che il valore di resistenza misurato sia inferiore a 1 !.

7---14

149---0899/00I

7.3.4

Collegamento allalimentazione

--- Verificare che linterruttore di alimentazione del Modulo IDU (rif. 13 di Fig. 7.3) sia nella posizione di spento (verso il basso). --- Verificare che lalimentazione sia nei limiti previsti (19!58 Vcc). --- Connettere lapparato allalimentazione utilizzando lapposito cavo di collegamento (rif. 2 di Fig. 7.3). --- Il Modulo ODU, in mancanza del Modulo IDU, pu essere alimentato separatamente mediante una batteria esterna. Verificare pertanto che linterruttore di alimentazione sia nella posizione di spento.

7.3.5

Collegamenti iniziali

Facendo riferimento alla figura 7.3 procedere come riportato di seguito: --- Collegare mediante cavo opportuno il connettore serigrafato ODU (rif. 7 di Fig. 7.3) del Modulo IDU con il connettore relativo del Modulo ODU. --- Collegare mediante cavo opportuno i connettori LINEA TX/RX (rif. 11 e 12 di Fig. 7.3) allutenza se presente. --- Collegare il canale Ausiliario (se disponibile) al connettore serigrafato AUSILIARIO (rif. 8 di Fig. 7.3). --- Collegare il Terminale dOperatore AS109 (o similare) al connettore serigrafato CONTROLLO (rif. 10 di Fig. 7.3).

7.3.6

Procedura daccensione

--- Posizionare linterruttore di alimentazione del Modulo IDU (rif. 13 di Fig. 7.3) nella posizione di acceso (verso lalto). --- Verificare che si accenda il Led verde serigrafato = (rif 3 di Fig. 7.3). S Se detto Led si illumina con luce rossa, significa che esiste un sovraccarico sullalimentazione o una tensione duscita fuori dai limiti previsti. Nel caso il Led fosse acceso con luce rossa si consiglia di spegnere lapparato e di riaccenderlo dopo qualche istante. S Se il detto Led non si accende, provare ad invertire la polarit dellalimentazione e, per ultimo, verificare lintegrit dei fusibili (rif. 14 di Fig.7.3). --- Allaccensione il Modulo IDU attiva una procedura di Auto---test atta a verificare il corretto funzionamento della CPU, delle periferiche e delle memorie. Viene inoltre eseguito il lamp test che prevede laccensione di tutti i led sul frontale per qualche istante. Se lAuto---test ha avuto buon esito si spengono i suddetti led (alcuni led potrebbero rimanere accesi per la presenza di allarmi) ad eccezione del led verde serigrafato = che normalmente deve rimanere acceso.

7---15

149---0899/00I

--- Una volta terminata la fase di Auto---test, eseguire i test operativi descritti nei paragrafi successivi. Se anche questi ultimi avranno buon esito lapparato risulter pronto per la messa in servizio.

7.3.7
N.B.:

Puntamento delle antenne


Per lorientamento delle antenne consultare la documentazione del fornitore.

L installatore, dopo aver effettuato un puntamento grossolano delle antenne a vista, ha la possibilita di utilizzare il Sottomenu Valori e in particolare la funzione 01 che permette alloperatore di conoscere il valore attuale della potenza ricevuta espresso in dBm. Sul display compare: PRX = -pp 01[/] DBM

Dove ---pp rappresenta lattuale livello di potenza ricevuta. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per visualizzare le altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Quando la potenza ricevuta al di sotto del campo misurabile, visualizzato il seguente messaggio: PRX = < -min DBM 01[/] Quando la potenza ricevuta al di sopra del campo misurabile, visualizzato il seguente messaggio: PRX = > -max DBM 01[/] Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: ODU N.A.

7.3.8

Verifiche con disponibilit di tratta

La possibilit di avere a disposizione la tratta radio consente alloperatore di verificare la corretta operativit dellintero apparato. Consultare, per maggiori dettagli, la descrizione del software dapparato nel seguito del presente capitolo.

7---16

149---0899/00I

--- Impostare tramite il comando CAN TX e CAN RX del sotto---men SEL il canale RF desiderato epr la trasmissione e per la ricezione. --- Verificare lo stato del trasmettitore con il comando SEL TX del sotto---men SEL e, nel caso fosse spento, accenderlo. --- A questo punto, se disponibile lutenza, dovrebbero essere spente tutte le segnalazioni di allarme del sotto---men ALLARMI e dovrebbero essere spenti anche i due led di allarme sul frontale del modulo IDU (rif. 4 e 5 di Fig. 7.3). --- In mancanza dellutenza pu essere attivata la funzione PROVA G>R che abilita una sequenza PRBS. Prima di procedere allutilizzo dellapparato disabilitare tutte le funzioni di LOOP (consultare, per maggiori dettagli, la descrizione del SW dapparato nel seguito del presente capitolo).

7.3.9

Verifiche con un unico apparato MH904/8

La disponibilit di un solo MH904/8 (Modulo IDU+Modulo ODU), per esempio nel caso di prima installazione, non permette alloperatore di eliminare tutte le segnalazioni di allarme. --- In mancanza del MUX o dellaffasciatore pu essere attivata la sequenza pseudorandom tramite il comando PROVA G>R (consultare, per maggiori dettagli, la descrizione del software dapparato nel seguito del presente capitolo). --- L operatore ha comunque a disposizione diversi loop per verificare il corretto funzionamento dellapparato. Il LOOP TX IF ODU permette di controllare tutta la circuiteria dellapparato ad eccezione della sezione RF (consultare, per maggiori dettagli, la descrizione del software dapparato nel seguito del presente capitolo). --- A questo punto dovrebbero rimanere attive le segnalazioni di allarme relative alla sezione RF ed ovviamente rimarr acceso il led di allarme serigrafato ODU sul frontale del modulo IDU (rif. 5 di Fig. 7.3). Prima di procedere allutilizzo dellapparato disabilitare tutte le funzioni di LOOP (consultare, per maggiori dettagli, la descrizione del software dapparato nel seguito del presente capitolo).

7---17

149---0899/00I

7.4

ISTRUZIONI PER LUSO

Questa sezione descrive come usare, lunit di controllo AS109 oppure un qualunque terminale VT100 compatibile, per muoversi lungo lalbero dei men ed eseguire le varie funzioni e comandi. Per facilitare la comprensione dei comandi e delle funzioni ogni descrizione accompagnata dalla rappresentazione grafica di ci che appare sul display. Ciascuno dei due moduli pu essere controllato separatamente da un terminale doperatore AS109 (o VT100 compatibile). L operatore ha a disposizione i comandi relativi sia al Modulo IDU che al Modulo ODU. Il terminale doperatore pu essere indifferentemente collegato al Modulo IDU o al Modulo ODU. Nel caso in cui il terminale doperatore sia collegato sia al Modulo IDU che al Modulo ODU, il display dei due terminali , istante per istante, identico perch il linguaggio uomo---macchina gestito dallunit CPU sul Modulo IDU. In caso di mancato collegamento tra i due moduli, lODU attiver la sua interfaccia uomo--macchina. L allegato 1 in calce al presente manuale riporta lalbero dei men dellapparato radio MH915/8 per la configurazione IDU + ODU.

7.4.1

Configurazione IDU+ODU: inizializzazione

Allaccensione dellapparato viene eseguita automaticamente la routine di auto---test. MH904 AUTOTEST ###### il carattere # descrive lo stato dellautotest sullaffasciatore servizi. Pu essere sostituito da uno tra i caratteri: --- * errore sul canale a 78 Kb/s --- $ mancato allineamento della trama servizi --- . riconoscimento errori sui canali dellaffasciatore Terminata la fase di inizializzazione la schermata la seguente : MH904/yyy F=ss mmmmmmmmmmm **** ss indica la sottogamma di funzionamento corrente; essa viene letta dal Front---End se presente o dalla EEPROM interna del mP se il Front---End assente. Pu assumere uno dei seguenti valori: AN, AP, BN, BP, CN, CP, DN, DP. Per la presente fornitura vengono utilizzate le sottogamme AN/AP. yyy indica la capacit di traffico selezionata (4x2 o 1x8). mmmmmmmmmmm indica lo stato dellapparato determinato al termine dellautotest di start---up e pu assumere uno dei seguenti valori: ERR 29F040 ERR 29F016 Errata configurazione della flash EPROM 29F040 (per il FW) Errata configurazione della flash EPROM 29F016 (per le FPGA)

7---18

149---0899/00I

ERR FPGA CRR OK ERR SUP AFF SRV ODU N.A. CONFIG FE CONFIG FI CNF FI+FE LIV FI---FE ALL ODU ERR LP IF ERR ODU LIF AFF ODU FPGA ODU PRONTO GAMMA MOD

Mancata programmazione FPGA Corretto funzionamento del canale CRR (messaggio di collaudo) Errore nella verifica dellinterfaccia seriale per la Supervisione (messaggio di collaudo) Guasto dellaffasciatore servizi Mancata connessione con la ODU (equivalente a PRONTO in caso di IDU stand---alone) Assenza, guasto o errata programmazione del Front---End Assenza, guasto o errata programmazione del modulo FI della ODU Assenza, guasto o errata programmazione del Front---End e/o del modulo FI della ODU Inconsistenza tra la potenza massima di ingresso del Front---End e la potenza massima di uscita del convertitore FI Fallimento nel ripristino del canale RF Fallito auto---test a livello di Loop FI (su IDU) Fallito auto---test a livello di Loop FI (su ODU) Malfunzionamento dellaffasciatore servizi ODU Mancata programmazione della FPGA ODU Apparato pienamente operativo e funzionale stato montato un Front---End con sottogamma di funzionamento differente dalla precedente

MESSAGGIO DI ERRORE RIPRISTINA MH mmmmmmmmmmm La presente visualizzazione deve essere considerata un allarme grave quando lapparato gi operativo e non vi sia stato alcun aggiornamento del firmware. Se detta visualizzazione invece conseguente ad un aggiornamento del firmware o si verifica alla prima accensione dellapparato deve essere considerata come una richiesta di inserimento dei principali parametri operativi (vedi par. 7.6.1). La visualizzazione di ripristina rimane attiva finch non viene impostato almeno uno dei suddetti parametri operativi. Se non vengono impostati dalloperatore tutti i parametri richiesti, lo schermo di ripristina continuer ad essere visualizzato alla successiva accensione dellapparato.

7.4.1.1

Informazioni permanentemente visualizzate

Nellangolo in basso a destra del display sono presenti 4 indicazioni di stato/funzionamento/ allarme. Dette indicazioni sono permanentemente visualizzate.

7---19

149---0899/00I

wxyz --- il carattere che compare nel campo w fornisce una indicazione di allarme di BB. --- il carattere che compare nel campo x fornisce una indicazione di allarme della sezione interfaccia ODU e per informazioni inerenti il collegamento tra il modulo IDU e il modulo ODU. --- il carattere che compare nel campo y fornisce una indicazione sullallarme della sezione SINT e FI e sul collegamento fra il modulo IDU e il modulo ODU. --- il carattere che compare nel campo z fornisce una indicazione dellallarme del Front--End e sul collegamento fra il modulo IDU e il modulo ODU. La tabella 7.2 fornisce il significato dei caratteri che compaiono nei campi sopracitati.

TAB. 7.2 --- AS109: INFORMAZIONI PERMANENTI CAMPO w w x x x y y y z z z CARATTERE B (blank) I (lampeggiante) I (fisso) (blank) S (lampeggiante) S (fisso) (blank) F (lampeggiante) F (fisso) (blank) SIGNIFICATO Allarme di Banda Base (IDU) Nessun allarme di Banda Base Mod. ODU non connesso al mod. IDU Piastra Interfaccia (ODU) in allarme Nessun allarme relativo alla Piastra Interfaccia Mod. ODU non connesso al mod. IDU Allarme SINT --- FI (ODU) Nessun allarme FI Mod. ODU non connesso al mod. IDU Front---End in allarme (ODU) Nessun allarme relativo al Front---End

7---20

149---0899/00I

7.4.2

Descrizione tasti AS109

La tabella 7.3 riporta la descrizione dei tasti del terminale doperatore AS109.

TAB. 7.3 --- AS109: DESCRIZIONE TASTI


SEQUENZA TASTI
[F1] [F2] [F3]

FUNZIONE
MEN PROVA MODO ESPERTO NON UTILIZZATO MEN SEL MODO ESPERTO MEN VIS MODO ESPERTO NON UTILIZZATO LAMP TEST IDU DISABILITA TEST ATTIVAZIONE CHIAMATA CONTROLLO REMOTO

DESCRIZIONE
Permette di accedere al men PROVA in modo esperto. Loperatore pu editare il numero relativo al comando

Permette di accedere al men SEL in modo esperto. Loperatore pu editare il numero relativo al comando Permette di accedere al men VIS in modo esperto. Loperatore pu editare il numero relativo al comando

[F4] [SP] [A] [B] [C]

Attiva la procedura di lamp test accendendo tutti i led sul frontale del modulo IDU Disattiva tutti i test al momento attivi Permette alloperatore di accedere alla procedura di chiamata

[D]

Permette di controllare lapparato remoto

[E] [2nd] [+] [2nd] [-- ]

FINE DEL CON- Termina la procedura di controllo dellapparato remoto TROLLO REMOTO TX ON TX OFF Comando immediato che manda in potenza il TX Comando immediato che spegne il TX

7---21

149---0899/00I

TAB. 7.3 --- (CONTINUA)


SEQUENZA TASTI
[2nd] [*]

FUNZIONE
CICALINO ABILITATO CICALINO DISABILITATO MEN RISERVATO

DESCRIZIONE
Abilita il cicalino dellAS109

[2nd] [/]

Disabilita il cicalino dellAS109

[2nd] [=]

Accesso al men riservato di configurazione.

0.....9

Permette alloperatore di editare il numero relativo al comando desiderato e di impostare dei parametri di funzionamento TASTO PER LA Consente alloperatore di cancellare il valore numerico visuaCANCELLAZIONE lizzato MEN PRECEDENTE Premendo detto tasto si torna indietro nella struttura ad albero del SW e contemporaneamente si accede al men successivo rispetto a quello al momento selezionato

[BS]

[CLR]

[2nd] [F4]

Permette alloperatore di mantenere sullo schermo i dati corBLOCCO SCHERrenti senza visualizzare laggiornamento degli stessi. MO Ripremendo i due tasti si sblocca nuovamente lo schermo. CONFERMA Tasto da utilizzare per confermare i dati impostati e per entrare nei men selezionati con il modo sequenziale

[ENT]

[#]

MEN/COMANDO Permette alloperatore di visualizzare il men precedente e di PRECEDENTE accedere al comando precedente allinterno del men MEN/COMANDO Permette alloperatore di visualizzare il men successivo e di SUCCESSIVO accedere al comando successivo allinterno del men SELEZIONE PARAMETRO/ CARATTERE SELEZIONE PARAMETRO/ CARATTERE Permette alloperatore di selezionare il parametro/carattere successivo (a destra)

["]

[!]

[z]

Permette alloperatore di selezionare il parametro/carattere precedente (a sinistra)

7---22

149---0899/00I

FIG. 7.5 --- TERMINALE DOPERATORE AS109

7.4.3

Descrizione tasti AS107

L utilizzo del terminale doperatore AS107 del tutto simile a quello del terminale doperatore AS109. La sostanziale differenza consiste nel fatto che alcune funzioni dellAS107 non sono direttamente accessibili premendo un solo tasto; per esempio se si vuole utilizzare la funzione [CLR] necessario premere i tasti [2nd] e [CLR] anzich il solo tasto [CLR] come per lAS109. Altre piccole differenze sono facilmente riscontrabili utilizzando il terminale doperatore.

7.4.4

Modi di comando

L interfaccia comandi dellapparato MH915/8 fornisce tre modi comando che assicurano la massima facilit di utilizzo ad operatori esperti e non. I modi possibili sono: --- MODO DIRETTO --- MODO MEN --- MODO IMMEDIATO

7---23

149---0899/00I

7.4.5

Modo men

Questo modo consente laccesso a tutte le funzioni ed a tutti i comandi per mezzo di un sistema a men. L albero dei men e le istruzioni per muoversi allinterno dello stesso verranno fornite nei paragrafi successivi.

7.4.6

Modo diretto

Il Modo Diretto consente agli operatori di escludere il men di sistema per selezionare una funzione. Nel modo diretto le funzioni sono selezionate premendo [F$], dove $ individua il men desiderato, seguito da ##, dove ## il codice corrispondente al comando/funzione desiderato. Fare riferimento alla figura 7.6 per identificare il numero corrispondente al comando/funzione desiderato. I tasti per accedere direttamente al men desiderato sono: [F1] [F3] [F4] Esempio: selezionare la funzione frequenza di trasmissione nel men SEL. Se loperatore gi nel men, deve ritornare alla condizione di partenza premendo [CLR] (una volta dal men principale, due volte dal men individuale). MH904 mmmmmmmmmmm **** Premere il tasto relativo al men desiderato, nel nostro esempio [F3], viene visualizzato: MEN SEL FUNZIONE ? PROVA SELeziona VISualizza

SEL indica che stato selezionato il men SELezione desiderato. Sulla seconda riga del display compare la domanda, comando/funzione; loperatore dovr digitare da tastiera il codice corrispondente al comando/funzione desiderato (nel nostro esempio 04) ottenendo un messaggio simile al seguente : SEL CAN xxx 04[DATI] ?

A questo punto, loperatore fornisce i dati in modo normale; ricordiamo che, per usare nuovamente il modo diretto partendo da questo punto, o da qualsiasi altro punto allinterno del men, necessario ritornare alla condizione di partenza.

7---24

149---0899/00I

Il modo diretto permette direttamente di accedere ad un comando, ma non di mandarlo in esecuzione. Questo pu essere fatto, ma solo per un numero molto limitato di funzioni, usando il modo immediato. Se come prima cifra del codice si digita una cifra sbagliata, essa pu essere corretta usando la sequenza [BS], che permette di ritornare allo schermo di prompt e reimpostare la cifra. Se invece si completa lintroduzione di un codice inesistente, sar visualizzata la seguente schermata di errore : SEL <>BANDA Da tale schermo, loperatore per correggere il codice errato deve digitare [BS] seguito dal codice corretto. Per abbandonare la procedura di accesso diretto utilizzare il tasto [CLR] (che riporta alla schermata iniziale). Per accedere alla struttura dei men, partendo dalla visualizzazione iniziale, premere [] o [].
INIZIALIZZ.

[F3] SEL [F1] PROVA [F4] VIS

[01] [02] [03] [04] [04] [05] [06] [07] [08] [09] [10] [11] [12] [13] NOME LOGICO ATT. POTENZA TRASM. TRASMETTITORE AC/SP SELEZ. CANALE TX SELEZ. CANALE RX CONFIG. BB 4x2/1x8 CANALE ETHERNET ABIL/DIS. CAN TRIB. ABIL/DIS. CAN AUX. PRED. C.d.S. T/I PRED. CRIT. OCC. I/E PRED. C.d.S. RAD/ODU PRED. LINGUA ITA/ENG PRED. SUONERIA AC/SP [01] [02] [03] [04] [05] [06] [07] [08] [09] [10] [11] [12] [13]

LOOP TX (LATO MUX) LOOP FI TX IDU LOOP FI TX ODU LOOP RX IDU LN LOOP RX IDU MIS. BER OFF-LINE GEN. PRBS I/E DIS. MOD. IDU I/E TEST C.d.S. SU IDU TEST FONIA ODU I/E RESET STAT. G821 DIS P.TA.ALL IDU RESET ALL. IDU [01] [02] [03] [04] [05] [06] [07] [08] [09] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24]

POTENZA RICEVUTA LIMITI FREQ. TX LIMITI FREQ. RX FREQUENZA TX OPER. FREQUENZA RX OPER. GUAD. CATENA RIC. LOG/RECORD (IDU) LOG/RECORD (ODU) STTOTAL (G.821) AS% (G.821) ES% (G.821) SES% (G.821) DM% (G.821) VERSIONE SOFTWARE GAMMA OPERATIVA VERS. FPGA IDU VERS. FPGA ODU CAN. TRIB. A/B CAN. TRIB. C/D TRAFFICO LAN VIS. ALL. IDU VIS. ALL INT. ODU VIS. ALL. IF-SINT VIS. ALL.FRONT-END

FIG. 7.6 --- ALBERO MEN MODO DIRETTO

7---25

149---0899/00I

7.4.7
A) B) C) D) E) F) G) H) I) J)

Modo immediato
[A] [B] [C] [D] [E] [2nd][+] [2nd][---] [2nd][*] [2nd][/]

In modo immediato possono essere eseguite le seguenti funzioni: Prova Led pannello frontale (IDU) Disattivazione test di apparato (IDU e ODU) Chiamata operatore remoto (IDU) Abilitazione controllo remoto (IDU e ODU) Disabilitazione controllo remoto (IDU e ODU) Trasmettitore Acceso Trasmettitore Spento Abilitazione suoneria AS109 Disabilitazione suoneria AS109

Men riservato [2nd][=] Il suddetto Men e riservato al personale qualificato della Marconi S.p.A.; il suo utilizzo pertanto protetto da password per evitare che impostazioni errate possano danneggiare il funzionamento dellapparato stesso. Viene esclusivamente consentito laccesso al sottomen CONFIGurazione per particolari predisposizioni in fase di installazione.

Il modo immediato permette lesecuzione istantanea dei comandi/funzioni elencati, dopodich il sistema si porta in situazione di attesa. Di seguito viene riportata una descrizione dettagliata delle funzioni attivabili nel modo immediato.

A) Prova pannello frontale


Per poter eseguire la prova dei led posti sul frontale, premere [A]. Questo comando provoca lilluminazione per circa 2 secondi di tutti i led a frontale. Durante la procedura di Autotest viene visualizzato: MH904 ATTENDI MH904 FATTO F=ss **** F=ss

Dove ss pu assumere uno dei seguenti valori: AN, AP, BN, BP.

B) Disattivazione test di apparato


La pressione del tasto [B] consente alloperatore di disattivare gli eventuali test precedentemente attivati. Il display mostra: MH904 ATTENDI F=ss ****

7---26

149---0899/00I

MH904 F=ss mmmmmmmmmmm **** Dove ss pu assumere uno dei seguenti valori: AN, AP, BN, BP. mmmmmmmmmmm pu assumere il seguente valore:

TEST DIS
RIPRISTINA MH mmmmmmmmmmm

Test disabilitato

MESSAGGIO DI ERRORE

Il sistema rimane in attesa; premere [CLR] per ritornare alla schermata di start---up o impostare un nuovo comando immediato.

C) Chiamata operatore remoto


Premere [C] per ottenere sul display questo messaggio: TX CH I/TR/TE UN[</>] Sulla riga superiore indicata la selezione del tipo di chiamata inviata dal P.O.; le tre possibili opzioni indicano: Chiamata predisposta per terminale lato radio (normale o urgente) Chiamata predisposta per terminale lato MUX (estensione) (normale o urgente). La riga inferiore indica che necessario usare i tasti [] o [], per poter scegliere tra una chiamata urgente o una chiamata normale ed i tasti [] e [] per scegliere la direzione della chiamata. La selezione corrente lampeggiante. Premendo il tasto [] si seleziona una chiamata urgente e il display mostra: TX CH DIS URG

I TR TE

Chiamata predisposta per intermedio (solo normale)

Questo convalida la condizione di chiamata urgente e la riga inferiore indica che necessario usare [] per disabilitare la chiamata (esiste un tempo limite di attivazione della chiamata dopo il quale la chiamata viene disattivata automaticamente). La procedura per selezionare una chiamata normale opposta alla precedente, occorre pertanto premere [] per selezionare una chiamata normale ed il tasto [] per disabilitarla. Sul display comparir: TX CH DIS NRM

7---27

149---0899/00I

Disabilitando la chiamata, si ritorna alla schermata iniziale per linvio di chiamate ed il sistema rimane in una situazione di attesa; premere [CLR] per ritornare alla schermata iniziale o dare un nuovo comando di modo immediato. [C] TX CH I/TR/TE # U N [/] [ ] NOR [ ] # [CLR] # # # # # # # [# ] CH TX DIS # [ ] # # # #

TX CH # DIS # RX URG RX NOR CH N xx [DATI]

URG

ALLA SCHERMATA INIZIALE

FIG. 7.7 --- SEQUENZA CHIAMATA C.D.S.


Quando viene ricevuta una chiamata, il display mostra:

se il C.d.S. dellapparato locale predisposto come Terminale e viene ricevuta una chiamata di tipo URGente.

se il C.d.S. dellapparato locale predisposto come Terminale o Intermedio e viene ricevuta una chiamata di tipo NORmale. Premere il PTT del microtelefono per cancellare il messaggio.

D,E)Attivazione/Disattivazione del modo controllo remoto


La pressione del tasto [D] determina la seguente visualizzazione:

Dove xx pu assumere un valore da 00 a 99. L operatore deve ora editare da tastiera il nome logico dellapparato che deve essere controllato e premere [ENT]; il programma stabilisce il collegamento dati. Se lapparato chiamato nello stato dattesa viene visualizzato:

7---28

149---0899/00I

MH904 RPRONTO

F=ss

Dove ss pu assumere uno dei seguenti valori: AN, AP, BN, BP. Il primo carattere della seconda riga R indica che si sta utilizzando il Modo Controllo Remoto. L operatore pu ora operare come se controllasse lapparato locale. Per disabilitare il Modo Controllo Remoto e per tornare alla schermata relativa allapparato locale premere il tasto [E]. MESSAGGIO DI ERRORE CH xx TX NA Trasmissione fallita (non disponibile). Pu essere presente un problema HW. Il Modo Controllo Remoto non pu essere attivato; non pertanto necessario premere il tasto [E] per uscire dalla funzione. ........... TR=RIC Il nome logico dellapparato chiamato uguale a quello dellapparato chiamante. Il Modo Controllo Remoto non pu essere attivato; non pertanto necessario premere il tasto [E] per uscire dalla funzione. ........... TO RX Non si ricevuta nessuna risposta dal sito remoto entro il tempo massimo di attivazione della chiamata.

F,G) TRASMETTITORE ACCESO/SPENTO


Il comando utilizzato per accendere o spegnere, in qualunque istante, il TX. Tale funzione implementata premendo [2nd][+] (TX acceso) e [2nd][---] (TX spento).Il display risponde con uno dei seguenti messaggi: MH904 ATTENDI F=ss ****

MH904 F=ss mmmmmmmmmmm **** Dove ss pu assumere uno dei seguenti valori: AN, AP. mmmmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

TX ACCESO

Trasmettitore acceso

7---29

149---0899/00I

TX SPENTO ODU N.A. LIV. IF---FE


NOTA:

Trasmettitore spento ODU non accessibile Inconsistenza tra la potenza massima di ingresso del Front---End e la potenza massima di uscita del convertitore FI

Spegnendo il TX, in mancanza di altri allarmi, il led ODU lampeggia.

MESSAGGIO DI ERRORE In caso di allarme dovuto alla memoria EEPROM non programmata oppure deteriorata il display mostra RIPRISTINA MH CH MENU Il sistema rimane in attesa; premere [CLR] per ritornare alla schermata di start---up o impostare un nuovo comando immediato.

H,I) SUONERIA ABILITATA/DISABILITATA


Il comando utilizzato per abilitare o disabilitare la suoneria dellAS109 (o simile). Se abilitata, si avvertir un suono ogni 5 secondi circa in presenza di un allarme o di ricezione di una chiamata. Se disabilitata, il suono sar udibile solo in presenza di una chiamata ricevuta. Tale funzione implementata premendo [2nd][*] (suoneria abilitata) e [2nd][/] (suoneria disabilitata). Il display risponde con uno dei seguenti messaggi: MH904 ATTENDI F=ss ****

MH904 F=ss mmmmmmmmmmm **** Dove ss pu assumere uno dei seguenti valori: AN, AP. mmmmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

SUON ACC. SUON SP.

Suoneria accesa Suoneria spenta

MESSAGGIO DI ERRORE In caso di allarme dovuto alla memoria EEPROM non programmata oppure deteriorata il display mostra RIPRISTINA MH mmmmmmmmmmm

7---30

149---0899/00I

Il sistema rimane in attesa; premere [CLR] per ritornare alla schermata di start---up o impostare un nuovo comando immediato.

7.5

SCORRIMENTO DELLALBERO DEI MEN

L allegato 1 in calce al presente manuale rappresenta, in modo dettagliato, la struttura ad albero del software dellapparato MH904/8. Per entrare nella struttura dei men dalla schermata iniziale, premere [] oppure []. Tutti i messaggi dei men hanno lo stesso formato: MENU $$$$$ ?

Dove $$$$$ indica il nome del men attuale ed il ? un prompt. Per muoversi allinterno del men principale si utilizzano i seguenti tasti:

[] Opzione successiva,

[]Opzione precedente,

[ENT]Conferma selezione

Per muoversi allinterno del men principale (SELeziona, PROVA e VISualizza) utilizzare i tasti [] o []. Il men principale ed il sottomen VISualizza (VALORI e ALLARMI) sono circolari; premendo il tasto [] da SELeziona si passa a VISualizza; premendo il tasto [] da ALLARMI si passa a VALORI. Per accedere allinterno dei vari men, premere [ENT] in corrispondenza della schermata di accesso. Per abbandonare il men principale e ritornare alla schermata iniziale, occorre premere [CLR]. Per muoversi allinterno dei sottomen, sono utilizzate le due frecce verticali ([] o []).

7.6

COMANDI/FUNZIONI

Questo paragrafo fornisce una descrizione dettagliata di tutti i comandi/funzioni dellapparato MH904/8, che appaiono sul display dellAS109 (o simile). Vengono fornite inoltre le istruzioni per memorizzare i valori e sono indicati i possibili messaggi derrore.

7.6.1

Sottomen SEL

A partire dalla schermata iniziale, premere [] o [] per entrare nel men principale. Il sottomen SELeziona la prima opzione cui si accede. Sul display compare: MENU SEL ?

premere [ENT] per selezionare questo men oppure [] per spostarsi al successivo. Allinterno di detto men vi sono 14 comandi/funzioni, ognuno dei quali visualizza solamente oppure visualizza/modifica i parametri. Ci si muove attraverso di essi usando il tasto

7---31

149---0899/00I

[]. Premere [ENT] per convalidare una selezione. Per uscire da qualsiasi punto del men premere [CLR], in questo modo si ritorna al men principale e si passa alla opzione successiva. NOTA: Tutti i comandi del sottomen SELeziona possono essere selezionati in modo Esperto premendo il tasto [F3] seguito dal codice di comando.

Le pagine seguenti descrivono i comandi del sottomen SELeziona in ordine crescente rispetto ai loro codici (riferirsi alla Fig. 7.8).
MENU PROVA AL MENU PROVA ? dB ? ? ? ? ? ? MENU VIS ENT SEL N nn 01[DATI] ATT POT 02[/] CLR SEL TX AC/SP 03[/] CAN TX 000 04[DATI] CAN RX 000 05[DATI] ?

MENU SEL

ABIL.CAN.TRIB. 08[ENT] ABIL.CAN.AUS. 09[ENT] SEL CDS 10[/]

T/I?

SEL CR.OCC. I/E? 11[/]

SEL MOD.CDS RAD? 12[/]

BB 4x2/1x8 MB 06[/]

LINGUA ITA/ING ? 13[/] ?

ETHERNET xxxxx 07[/]

SEL SUON AC/SP ? 14[/]

FIG. 7.8 --- SOTTOMEN SELeziona

7---32

149---0899/00I

(1) NOME LOGICO


La funzione 01 permette alloperatore di visualizzare/modificare il nome logico usato per identificare lapparato radio, allinterno del collegamento. Sul display compare: SEL N nn 01[/] ?

nn rappresenta un numero tra 00 e 99, rappresentante il nome logico dellapparato. Usare la tastiera per inserire il valore desiderato da 00 a 99 (il valore di default 00) e confermare il valore digitato premendo il tasto [ENT]. Sul display compare : SEL N xx mmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO E2 FALL SAL FALL

Nome logico memorizzato Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM.

(2) ATTENUAZIONE POTENZA TRASMESSA


La funzione 02 permette alloperatore di visualizzare/modificare il livello di attenuazione della potenza di uscita dellapparato. Sul display compare: ATT POT 02[/] dB?

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare il livello di attenuazione desiderato che pu essere un valore compreso fra 0 e 30 dB a passi di 2 dB. Quando la condizione desiderata visualizzata (p.es 2 dB) premere [ENT] per confermare il dato. Sul display si legge: ATT POT ATTENDI dB

ATT POT dB mmmmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO LIF IF---FE

Impostazione effettuata Impostazione fallita. Dinamica attenuatore insufficiente.

7---33

149---0899/00I

SAL FALL E2 FALL ODU N.A. ERR TX LIV IF---FE

Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM; Modulo ODU non accessibile. Errore Trasmettitore. Dinamica insufficiente livello IF---FE.

(3) TRASMETTITORE ACCESO/SPENTO


La funzione 03 permette alloperatore di visualizzare/modificare la condizione acceso/ spento del TX. Sul display compare: SEL TX AC/SP 03[/] ?

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per scegliere tra ACCESO e SPENTO. Quando la condizione desiderata lampeggiante (p.es AC) premere [ENT]. Sul display si legge: SEL TX AC/SP ATTENDI SEL TX AC/SP mmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO SAL FALL E2 FALL

ERRORE ODU N.A. Modulo ODU non accessibile. ERR GT<>GR Canale incompatibile con il canale TX impostato.
NOTA:

Impostazione effettuata Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM; Impostazione fallita. TX spento per allarme sintetizzatore o DRO;

Il TX pu essere acceso e spento anche utilizzando il modo immediato (rispettivamente [2nd][+] e [2nd][---]).

(4) SELEZIONE CANALE TX


La funzione 04 permette alloperatore di visualizzare/modificare il canale RF TX di funzionamento. Sul display compare:

7---34

149---0899/00I

CAN TX xxx 04 [DATI]

Dove xxx il numero del canale RF TX compreso fra 000 e 079 Il numero del canale RF ottenibile premendo i tasti numerici dellAS109. Il sistema accetter solo i valori compresi nel campo previsto. Premere [BS] per cancellare il campo xxx . Selezionare un nuovo valore o confermare il valore corrente premendo [ENT]. Sul display si legger: ATTENDI

mmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO <> BANDA ERR OLTX FALLITO SAL FALL E2 FALL

Impostazione effettuata Valore al di fuori della sottogamma dellapparato Impostazione fallita. Sgancio PLL sintetizzatore; Impostazione fallita. Sgancio PLL sintetizzatore e DRO Front---end Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM. Errore Trasmettitore.

ERR TX LIV IF---FE Dinamica insufficiente livello IF---FE. ERR GT<>GR Canale incompatibile con il canale TX impostato. (5) SELEZIONE CANALE RX

La funzione 05 permette alloperatore di visualizzare/modificare il canale RF RX di funzionamento. Sul display compare: CAN RX xxx 05 [DATI] ?

Dove xxx il numero del canale RF RX compreso fra 000 e 079 Il numero del canale RF ottenibile premendo i tasti numerici dellAS109. Il sistema accetter solo i valori compresi nel campo previsto. Premere [BS] per cancellare il campo xxx . Selezionare un nuovo valore o confermare il valore corrente premendo [ENT]. Sul display si legger:

7---35

149---0899/00I

ATTENDI

mmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO <> BANDA ERR OLRX FALLITO SAL FALL E2 FALL

Impostazione effettuata Valore al di fuori della sottogamma dellapparato Impostazione fallita. Sgancio PLL sintetizzatore; Impostazione fallita. Sgancio PLL sintetizzatore e DRO Front---end Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM.

(6) BANDA BASE 4x2 / 1x8 Mb/s


La funzione 06 permette alloperatore di visualizzare/modificare la configurazione dellaffasciatore IDU ovvero il tipo di segnale di Banda Base in ingresso allapparato. NOTA: Il comando non permesso se attivo uno tra i seguenti test: a) loop TX affasciatore 4x2 Mb/s; b) loop TX su flusso a 8 Mb/s; c) generatore PRBS; d) misura BER off---line. Sul display compare: BB 4x2/1x8 MB ? 06[/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per scegliere tra 4x2 Mb/s e 1x8 Mb/s. Quando la condizione desiderata lampeggiante (p.es 4x2 MB) premere [ENT]. Sul display si legge: BB 4x2/1x8 MB ? ATTENDI BB 4x2/1x8 MB ? mmmmmmmmmmmmmm

7---36

149---0899/00I

Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO ERR LOOP SAL FALL E2 FALL

Comando eseguito Errore. Test incompatibile attivo Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM.

(7) CANALE IEEE 802.3


La funzione 07 permette alloperatore di visualizzare/modificare la configurazione dellinterfaccia ETHERNET (se installata nel Modulo IDU). Il canale IEEE 802.3 pu essere disattivato (OFF) oppure avere i seguenti valori: 2Mb/s , 4Mb/s, 6Mb/s o 8Mb/s. NOTA: Il comando non permesso se laffasciatore in modalit 1x8 oppure se attivo uno tra i seguenti test: a) loop TX affasciatore 4x2 Mb/s; b) loop TX su flusso a 8 Mb/s; c) generatore PRBS; d) misura BER off---line. Sul display compare: ETHERNET XXX ? 07[/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per scegliere tra OFF, 2M, 4M, 6M o 8M. Quando la condizione desiderata lampeggiante (p.es 4 MB) premere [ENT]. Sul display si legge: ETHERNET ATTENDI XXX ?

ETHERNET XXX ? mmmmmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO ERRORE N.P.

Comando eseguito Errore. Test incompatibile attivo Errore. Affasciatore in modalit 1x8

7---37

149---0899/00I

SAL FALL E2 FALL

Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM.

Nel caso in cui lUnit Bridge sia assente, limpostazione dellinterfaccia ETHERNET non permessa, e viene visualizzata la seguente schermata: ETHERNET N.P. XXX ?

(8) ABIL./DISABIL. CANALI TRIBUTARI (per Conf. BB 4x2)


La funzione 08 permette alloperatore di visualizzare/modificare labilitazione dei canali tributari per la configurazione di BB 4x2. Per la configurazione a 1x8 Mb/s detto comando non ha alcun effetto sul funzionamento, loperatore viene comunque avvisato con un messaggio di errore. La rispettiva visualizzazione sar: ABIL.CAN.TRIB 08 [ENT] ?

La pressione del tasto [ENT] determina le seguenti visualizzazioni: CAN MODO VEL ? cc mmmm vvvv Possibili valori di cc sono A / B / C / D; possibili valori di mmmm sono HDB3 / ESCL. / ETH possibili valori di vvvv sono 2M / --- --- ---. NOTA: Se un canale tributario viene disabilitato, gli allarmi lato tx e lato rx ad esso relativi vengono mascherati.

CAN MODO VEL ? mmmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO SAL FALL E2 FALL

Comando eseguito Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM

7---38

149---0899/00I

CAN MODO VEL ? N.P. Nella modalit 1x8 Mb/s non permessa la configurazione dei canali tributari.

(9) ABIL./DISABIL. CANALE AUSILIARIO


La funzione 09 permette alloperatore di visualizzare/modificare labilitazione del canale ausiliario codirezionale 64 Kb/s. ABIL.CAN.AUS. 09[ENT] ?

La pressione del tasto [ENT] determina le seguenti visualizzazioni: CAN 64 KB [/] S/N ?

CAN 64 KB S/N mmmmmmmmmmmm Possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO SAL FALL E2 FALL

Comando eseguito Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM.

(10) PREDISPOSIZIONE CDS TERM./INTERM.


La funzione 10 permette alloperatore di visualizzare/modificare la funzionalit del C.d.S. in ricezione. La rispettiva visualizzazione sar: SEL CDS 10[/] T/I?

Dove T e I rappresentano la predisposizione del C.d.S. per la ricezione di una chiamata:

T I

C.d.S. predisposto per ricevere una chiamata di tipo terminale C.d.S. predisposto per ricevere una chiamata di tipo intermedio

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare una delle possibili opzioni. Quando lopzione desiderata lampeggia, premere [ENT] per confermare la selezione (p.es. T). Il display mostrer:

7---39

149---0899/00I

SEL CDS ATTENDI

T/I

SEL CDS T/I mmmmmmmmmmm I possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO N.P. SAL FALL E2 FALL

Predisposizione completata con successo; Piastra C.d.S. non configurata; Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM.

(11) PREDISPOSIZIONE CRITERIO OCCUPATO


La funzione 11 permette alloperatore di visualizzare/modificare lo stato del criterio occupato. La rispettiva visualizzazione sar: SEL CR.OCC. I/E? 11[/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare una delle possibili opzioni (I incluso, E escluso). Quando lopzione desiderata lampeggia, premere [ENT] per confermare la selezione (p.es. I). Il display mostrer: SEL CR.OCC ATTENDI I/E

SEL CR.OCC I/E mmmmmmmmmmm I possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO N.P. SAL FALL E2 FALL

Predisposizione completata con successo; Piastra C.d.S. non configurata; Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM.

7---40

149---0899/00I

(12) SELEZIONE MODALIT FUNZIONAMENTO C.d.S.


La funzione 12 permette alloperatore di visualizzare/modificare la modalit di funzionamento del C.d.S.. La rispettiva visualizzazione sar: SEL MOD.CDS eee? 12[/] dove eee assume i valori:

ODU RAD

Abilitazione comunicazione tra IDU e ODU, lato radio escluso Abilitazione comunicazione lato radio tra le IDU corrispondenti

SEL MOD.CDS eee? ATTENDI SEL MOD.CDS eee? mmmmmmmmmmm I possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO SAL FALL E2 FALL

Predisposizione completata con successo; Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM.

(13) SELEZIONE DELLA LINGUA


La funzione 13 permette alloperatore di visualizzare/modificare il linguaggio dei messaggi che compaiono sul display. La rispettiva visualizzazione sar: LINGUA ITA/ING? 13 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare una delle possibili opzioni (ITA=ITAliano oppure ING=INGlese). Quando lopzione desiderata lampeggia, premere [ENT] per confermare la selezione (per esempio ITA). Il display mostrer: LINGUA ITA/ING ATTENDI LINGUA ITA/ING mmmmmmmmmmm

7---41

149---0899/00I

I possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO E2 FALL SAL FALL ODU N.A.

Predisposizione completata con successo Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM; Modulo ODU non accessibile.

(14) ABILITAZIONE/DISABILITAZIONE SUONERIA


La funzione 14 permette alloperatore di visualizzare/modificare lo stato della suoneria dellAS109 (o simile). Se abilitata, si avvertir un suono ogni 5 secondi circa in presenza di un allarme o di ricezione di una chiamata. Se disabilitata, il suono sar udibile solo in presenza di una chiamata ricevuta. Il display mostra: SEL SUON AC/SP ? 14 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare una delle possibili opzioni (AC=ACceso oppure SP=SPento). Quando lopzione desiderata lampeggia, premere [ENT] per confermare la selezione (per esempio AC). Il display mostrer: SEL SUON AC/SP ATTENDI SEL SUON AC/SP mmmmmmmmmmm I possibili valori di mmmmmmmmmmm sono:

ESEGUITO E2 FALL SAL FALL

Predisposizione completata con successo Comando eseguito con successo ma fallita la procedura di scrittura della nuova predisposizione su EEPROM; Comando eseguito con successo ma fallito il salvataggio della nuova predisposizione su EEPROM.

7.6.2

Sottomen PROVA

Dalla schermata di start---up premere [] per entrare nel menu principale. Viene per primo visualizzato il men SELeziona; premere nuovamente [] per accedere alla schermata di accesso del sottomen PROVA ed ottenere il seguente messaggio: MENU PROVA ?

7---42

149---0899/00I

Premere [ENT] per accedere alla prima funzione del sottomen oppure [] per accedere alla schermata di accesso del sottomen VISualizza. I messaggi che compongono il sottomen PROVA hanno il seguente formato : LLLL MMMMMM aaa? T ## [/] dove LLLL il tipo di prova mnemonico, MMMMMM la funzione mnemonica, aaa lo stato/valore, T indica che un test attivo e ## il codice di comando. Vi sono 12 comandi/funzioni, ognuno dei quali consente lesecuzione di una prova. Ci si muove attraverso questi usando [] (elemento successivo) oppure [] (elemento precedente). Premere [ENT] per eseguire una prova e [BS] per cancellare una selezione senza annullare lo stato/valore precedentemente impostato. Per uscire dal men, in qualsiasi momento, premere [CLR], in questo modo si ritorna al men precedente e si passa alla opzione successiva.

NOTA:

Tutti i comandi del sottomen PROVA possono essere selezionati in modo esperto premendo il tasto [F1], seguito dal codice del comando (da 01 a 13).

NOTA:

I loop descritti di seguito, non possono essere abilitati contemporaneamente.

Le pagine seguenti descrivono questi comandi nellordine progressivo dei loro codici.

7---43

149---0899/00I

MENU PROVA

? MENU VIS

MENU SEL ?

AL MENU VIS ENT

LP TMUX IDU I/E? 01[/] LP TIF IDU 02[/] LP TIF ODU 03[/] LP R IDU LN 04[/] LP R IDU 05[/] MISURA BER 06[/] I/E? I/E? I/E? I/E? XXXX?

PR G>R BB 07[/] DIS MOD IDU 08[/]

XXXX? S/N?

TST CDS IDU I/E? 09[/]

TST CDS ODU I/E? 10[/] RES STAT 11[/] DIS PRIO AL 12[/] RES AL IDU 13[/] S/N? S/N? S/N?

CLR

FIG. 7.9 --- SOTTOMEN PROVA

7---44

149---0899/00I

(1) LOOP TX VERSO MUX IDU ABIL./DISABIL.


La funzione 01 esegue il Loop Tx verso il MUX sul Modulo IDU: tutti i canali entranti vengono richiusi in ricezione. Il display mostra: LP TMUX IDU I/E? 01 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (I inserito, E escluso). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: LP TMUX IDU I/E? ATTENDI LP TMUX IDU I/E? mmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ERRORE

Comando eseguito con successo attivo un altro test incompatibile; il comando non viene eseguito

La figura 7.10 mostra lo schema a blocchi relativo loop TX MUX IDU. NOTA: Il loop TX MUX IDU disabilita il segnale Rx, proveniente dalla antenna, verso MUX.

7---45

CONN. SERVIZI

Contr. REM NMC

149---0899/00I

*CRR
AFF. SERVIZI
Contr. ODU Agg. Servizi 78 Kb/s 10 MHz

* Contr. da ODU

CONN. CONTR.

Contr. LOC.

P.O. CRR P.O.

CPU

MOD. CP- FSK

* PTT * P.O.

PTT

ALLARMI E CONTROLLI

USC.
DIPLEX.

TERMINALE DI OPERAT.

C.d.S.
C.d.S.

PTT P.O. C.d.S.

CONN. LINEA

C.d.S.

AFF. PRINCIPALE
TRAFFICO AUSILIARI NMC Agg. Principale 140 MHz 11 Mb/s

TRAFFICO ITU-T G.703

INTERF. DI LINEA INTERLEAV.

FEC

MOD. O- QPSK

FIG. 7.10 --- LOOP TX MUX IDU

7---46
TRAFFICO AUSILIARI NMC

CONN. LINEA

I N T E R F A C C I A O D U

AUSILIARI

DEAFF. PRINCIPALE
FEC AGC EQUALIZ.
140 MHz

CONN. RJ45 CHIP BRIDGE INTERLEAV. DEM. O- QPSK

Amplif. larga banda

ING.
DIRAMAT.

TRAFFICO IEEE 802.3

*C.d.S. *CRR * * *
PTT P.O. Contr. da ODU

TENSIONI STABILIZZATE

DEAFF. SERVIZI
10 MHz

140 MHz

B
DEM. CP- FSK

CONN. ALIM.
TELEALIMENTAZIONE

CONV. cc/cc

149---0899/00I

(2) LOOP TX IF IDU ABIL./DISABIL.


La funzione 02 esegue il Loop Tx a livello IF 140 MHz sul Modulo IDU. L Aggregato Principale a livello IF viene richiuso in ricezione. Il display mostra: LP TIF IDU 02 [/] I/E?

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (I inserito, E escluso). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: LP TIF IDU ATTENDI I/E?

LP TIF IDU I/E? mmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ERRORE

Comando eseguito con successo gi attivo un loop; il comando non viene eseguito

La figura 7.11 mostra lo schema a blocchi relativo loop TX IF IDU. NOTA: Il loop TX IF IDU disabilita il segnale Rx, proveniente dalla antenna, verso MUX.

7---47

CONN. SERVIZI

Contr. REM NMC

149---0899/00I

*CRR
AFF. SERVIZI
Contr. ODU Agg. Servizi 78 Kb/s 10 MHz

* Contr. da ODU

CONN. CONTR.

Contr. LOC.

P.O. CRR P.O.

CPU

MOD. CP- FSK

* PTT * P.O.

PTT

ALLARMI E CONTROLLI

USC.
DIPLEX.

TERMINALE DI OPERAT.

C.d.S.
C.d.S.

PTT P.O. C.d.S.

CONN. LINEA

C.d.S.

AFF. PRINCIPALE
TRAFFICO AUSILIARI NMC Agg. Principale 140 MHz 11 Mb/s

TRAFFICO ITU-T G.703

INTERF. DI LINEA INTERLEAV.

FEC

MOD. O- QPSK

FIG. 7.11 --- LOOP TX IF IDU

7---48
TRAFFICO AUSILIARI NMC

CONN. LINEA

I N T E R F A C C I A O D U

AUSILIARI

DEAFF. PRINCIPALE
FEC AGC EQUALIZ.
140 MHz

CONN. RJ45 CHIP BRIDGE INTERLEAV. DEM. O- QPSK

Amplif. larga banda

ING.
DIRAMAT.

TRAFFICO IEEE 802.3

*C.d.S. *CRR * * *
PTT P.O. Contr. da ODU

TENSIONI STABILIZZATE

DEAFF. SERVIZI
10 MHz

140 MHz

B
DEM. CP- FSK

CONN. ALIM.
TELEALIMENTAZIONE

CONV. cc/cc

149---0899/00I

(3) LOOP TX IF ODU ABIL./DISABIL.


La funzione 03 esegue il Loop Tx a livello IF 140 MHz sul Modulo ODU. Il display mostra: LP TIF ODU 03 [/] I/E?

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (I inserito, E escluso). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: LP TIF ODU ATTENDI I/E?

LP TIF ODU I/E? mmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ERRORE ODU N.A.

Comando eseguito con successo gi attivo un loop; il comando non viene eseguito Modulo ODU non accessibile.

La figura 7.12 mostra lo schema a blocchi relativo loop TX IF ODU. NOTA: Il loop TX IF ODU disabilita il segnale Rx, proveniente dalla antenna, verso il Modulo IDU.

7---49

149---0899/00I

VERSO MODULO SINT- IF

VERSO MODULO SINT- IF

AGC

AGC

PRX

MOD.
Contr. IDU

CP- FSK
10 MHz

PTT

P.O.

DIRAMAT.

LOOP TIF ODU


ALLARMI E CONTROLLI

DIRAMAT.

C.d.S.

CP- FSK

P.O. Contr. LOC. TELEALIM.

I N T E R F A C C I A

I D U

P.O./PTT

TERMINALE DOPERATORE

FIG. 7.12 --- LOOP TX IF ODU

7---50

USC.

ING.

CONVERT. cc/cc

10 MHz

DEM.

78 Kb/s

CPU

P.O. PTT Contr. ODU

TENSIONI STABILIZZATE

140 MHz

149---0899/00I

(4) LOOP RX IDU LN ABIL./DISABIL.


La funzione 04 esegue il Loop RX lato MUX sul Modulo IDU. I singoli canali deaffasciati vengono richiusi in trasmissione. Il display mostra: LP R IDU LN I/E? 04 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (I inserito, E escluso). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: LP R IDU ATTENDI I/E?

LP R IDU I/E? mmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ERRORE

Comando eseguito con successo gi attivo un loop; il comando non viene eseguito

La figura 7.13 mostra lo schema a blocchi relativo loop RX IDU LN. NOTA: Il loop RX IDU LN disabilita il segnale Tx, proveniente dal MUX, verso Modulo ODU.

7---51

CONN. SERVIZI

Contr. REM NMC

149---0899/00I

*CRR
AFF. SERVIZI
Contr. ODU Agg. Servizi 78 Kb/s 10 MHz

* Contr. da ODU

CONN. CONTR.

Contr. LOC.

P.O. CRR P.O.

CPU

MOD. CP- FSK

* PTT * P.O.

PTT

ALLARMI E CONTROLLI

USC.
DIPLEX.

TERMINALE DI OPERAT.

C.d.S.
C.d.S.

PTT P.O. C.d.S.

CONN. LINEA

C.d.S.

AFF. PRINCIPALE
TRAFFICO AUSILIARI NMC Agg. Principale 140 MHz 11 Mb/s

TRAFFICO ITU-T G.703

INTERF. DI LINEA INTERLEAV.

FEC

MOD. O- QPSK

FIG. 7.13 --- LOOP RX IDU LN

7---52
TRAFFICO AUSILIARI NMC

CONN. LINEA

I N T E R F A C C I A O D U

AUSILIARI

DEAFF. PRINCIPALE
FEC AGC EQUALIZ.
140 MHz

CONN. RJ45 CHIP BRIDGE INTERLEAV. DEM. O- QPSK

Amplif. larga banda

ING.
DIRAMAT.

TRAFFICO IEEE 802.3

*C.d.S. *CRR * * *
PTT P.O. Contr. da ODU

TENSIONI STABILIZZATE

DEAFF. SERVIZI
10 MHz

140 MHz

B
DEM. CP- FSK

CONN. ALIM.
TELEALIMENTAZIONE

CONV. cc/cc

149---0899/00I

(5) LOOP RX IDU ABIL./DISABIL.


La funzione 05 esegue il Loop RX lato MUX sul Modulo IDU. Il flusso aggregato a 11 Mb/s viene richiuso in ricezione. Il display mostra: LP R IDU 05 [/] I/E?

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (I inserito, E escluso). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: LP R IDU ATTENDI I/E?

LP R IDU I/E? mmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ERRORE

Comando eseguito con successo gi attivo un loop; il comando non viene eseguito

La figura 7.14 mostra lo schema a blocchi relativo loop RX IDU. NOTA: Il loop RX IDU disabilita il segnale Tx, proveniente dal MUX, verso Modulo ODU.

7---53

CONN. SERVIZI
Contr. REM NMC

149---0899/00I

*CRR
AFF. SERVIZI
Contr. ODU Agg. Servizi 78 Kb/s 10 MHz

* Contr. da ODU

CONN. CONTR.
Contr. LOC.

P.O. CRR P.O.

CPU

MOD. CP- FSK

* PTT * P.O.

PTT

ALLARMI E CONTROLLI

USC.
DIPLEX.

TERMINALE DI OPERAT.

C.d.S.
C.d.S.

PTT P.O. C.d.S.

CONN. LINEA

C.d.S.

AFF. PRINCIPALE
TRAFFICO AUSILIARI NMC Agg. Principale 140 MHz 11 Mb/s

TRAFFICO ITU-T G.703

INTERF. DI LINEA INTERLEAV.


11 Mb/s

FEC

MOD. O- QPSK

FIG. 7.14 --- LOOP RX IDU

7---54
AUSILIARI NMC TRAFFICO AUSILIARI

CONN. LINEA

I N T E R F A C C I A O D U

DEAFF. PRINCIPALE
FEC AGC EQUALIZ.
140 MHz

CONN. RJ45 CHIP BRIDGE INTERLEAV.

DEM. O- QPSK

Amplif. larga banda

ING.
DIRAMAT.

TRAFFICO IEEE 802.3

*C.d.S. *CRR * * *
PTT P.O. Contr. da ODU

TENSIONI STABILIZZATE

DEAFF. SERVIZI
10 MHz

140 MHz

B
DEM. CP- FSK

CONN. ALIM.
TELEALIMENTAZIONE

CONV. cc/cc

149---0899/00I

(6) MISURA BER OFF---LINE


La funzione 06 permette alloperatore di attivare il misuratore di BER off---line. Il misuratore pu essere attivato abilitando il generatore PRBS interno (funzione 06 descritta di seguito) oppure un generatore di pattern esterno collegato al connettore di linea tx; la lunghezza della parola del generatore di pattern (interno o esterno) deve essere predisposta a 215 ---1. Il display mostra: MISURA BER xxxx? 05 [/] Possibili valori di xxxx sono (lattivazione deve essere coerente con laffasciatore): ESCL. 1x8 4x2---A 4x2---B 4x2---C 4x2---D ETHER Prova non attiva; Prova attiva sul traffico a ; Prova attiva sul canale A; Prova attiva sul canale B; Prova attiva sul canale C; Prova attiva sul canale D; Prova attiva sul canale Ethernet;

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare lo stato desiderato: quando lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: MISURA BER xxxx? ATTENDI MISURA BER xxxx mmmmmmmm Dove mmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori: BER>9E---3 XE---Y Perdita dellallineamento trama, misura abortita; Dove X un valore compreso fra 0 e 9 e Y pu assumere un valore compreso fra 3 e 7. Esempio: se X = 5 e Y = 6, il BER misurato sar 5x10 ---6. Il misuratore stato disabilitato. Impostazione misuratore non coerente (es. 1x8 con affasciatore in 4x2 o viceversa)

DISABIL. ERRORE

La figura 7.15 indica la collocazione del misuratore di BER del generatore PRBS.

7---55

CONN. SERVIZI
Contr. REM NMC

149---0899/00I

*CRR
AFF. SERVIZI
Contr. ODU Agg. Servizi 78 Kb/s 10 MHz

* Contr. da ODU

CONN. CONTR.
Contr. LOC.

P.O. CRR P.O.

CPU

MOD. CP- FSK

* PTT * P.O.

PTT

ALLARMI E CONTROLLI

USC.
GEN. PRBS DIPLEX.

TERMINALE DI OPERAT.

C.d.S.
C.d.S.

PTT P.O. C.d.S.

CONN. LINEA

C.d.S.

AFF. PRINCIPALE
TRAFFICO AUSILIARI NMC Agg. Principale 140 MHz 11 Mb/s

TRAFFICO ITU-T G.703

INTERF. DI LINEA INTERLEAV.

FEC

MOD. O- QPSK

FIG. 7.15 --- COLLOCAZIONE GENERATORE PRBS E MISURATORE DI BER

7---56
AUSILIARI NMC

CONN. LINEA MIS. BER


TRAFFICO AUSILIARI

I N T E R F A C C I A O D U

DEAFF. PRINCIPALE
FEC AGC EQUALIZ.
140 MHz

CONN. RJ45 CHIP BRIDGE INTERLEAV.

DEM. O- QPSK

Amplif. larga banda

ING.
DIRAMAT.

TRAFFICO IEEE 802.3

*C.d.S. *CRR * * *
PTT P.O. Contr. da ODU

TENSIONI STABILIZZATE

DEAFF. SERVIZI
10 MHz

140 MHz

B
DEM. CP- FSK

CONN. ALIM.
TELEALIMENTAZIONE

CONV. cc/cc

149---0899/00I

(7) GENERATORE PRBS


La funzione 07 permette alloperatore di attivare il generatore pseudorandom. La sequenza generata pu essere utilizzata al posto del segnale di traffico, normalmente a scopo di test. Il display mostra: PR G>R BB xxxx? 07 [/] Possibili valori di xxxx sono (lattivazione deve essere coerente con laffasciatore): ESCL. 1x8 4x2---A 4x2---B 4x2---C 4x2---D ETHER Prova non attiva; Prova attiva sul traffico a ; Prova attiva sul canale A; Prova attiva sul canale B; Prova attiva sul canale C; Prova attiva sul canale D; Prova attiva sul canale Ethernet;

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare lo stato desiderato: quando diventa lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: PR G>R BB ATTENDI xxxx?

PR G>R BB xxxx? mmmmmmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ERRORE
NOTA:

Comando eseguito con successo Impostazione misuratore non coerente (es. 1x8 con affasciatore in 4x2 o viceversa)

L attivazione del generatore PRBS determina linibizione del traffico TX proveniente dal MUX.

(8) DISABILITAZIONE MODULAZIONE 140 MHz


La funzione 08 permette alloperatore di inibire la modulazione a 140 MHz del segnale da inviare al Modulo ODU. In antenna viene inviata soltanto la portante radio. Il display mostra: DIS MOD IDU S/N? 07 [/]

7---57

149---0899/00I

La N lampeggiante indica che la modulazione abilitata e quindi il blocco escluso. Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (S inserito, N non inserito). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: BLOC BB ODU S/N ATTENDI BLOC BB ODU I/E ESEGUITO

(9) TEST CDS IDU


La funzione 09 esegue il test del C.d.S. del Modulo IDU inviando alcune chiamate e verificandone la corretta ricezione. Per eseguire detto test lapparato attiva automaticamente il loop TX IF IDU per il tempo strettamente necessario; ultimata la procedura di test vengono ripristinate automaticamente le predisposizioni precedenti alla prova. Il display mostra: TST CDS IDU I/E? 09 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (I inserito, E escluso). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: TST CDS IDU I/E? ATTENDI TST CDS IDU I/E? mmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ERRORE N.P.

Prova eseguita con successo Prova fallita. C.d.S. IDU non funzionante Prova non eseguita. Unit C.d.S. non configurata

7---58

149---0899/00I

(10) TEST CDS ODU


La funzione 10 esegue il test sulla fonia del Modulo ODU. L operatore, dopo aver attivato suddetto test, dovr verificare il ritorno in cuffia mentre parla con il microtelefono. Il display mostra: TST CDS ODU I/E? 10 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (I inserito, E escluso). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: TST CDS ODU I/E? ATTENDI TST CDS ODU I/E? mmmmmmmmm Dove mmmmmmmmm pu assumere uno dei seguenti valori:

ESEGUITO ODU N.A.

Comando eseguito con successo Modulo ODU non accessibile.

(11) RESET STATISTICA G.821


La funzione 11 esegue la reinizializzazione dei registri relativi alla statistica G.821 visualizzati nel Men Valori. Il display mostra: RES STAT S/N? 11 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (S reset, E reset non eseguito). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: RES STAT ATTENDI RES STAT ESEGUITO S/N?

S/N?

NOTA:

La statistica G.821 aggiornata ogni 20 sec. circa. Il reset diviene operativo allaggiornamento successivo della statistica, al pi dopo 20 sec. lesecuzione del comando.

7---59

149---0899/00I

(12) DISABILITA PRIORIT ALLARMI


La funzione 12 disabilita la priorit degli allarmi della IDU: in questa maniera vengono visualizzati tutti gli allarmi senza alcuna mascheratura. Il display mostra: DIS PRIO AL S/N? 12 [/] Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (S disabilita, E abilita). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: DIS PRIO AL S/N? ATTENDI DIS PRIO AL S/N? ESEGUITO

(13) RESET ALLARME IDU


La funzione 13 esegue la reinizializzazione del buffer degli allarmi della IDU. Il display mostra: RES AL IDU 13 [/] S/N?

Usare le frecce orizzontali, [] e [], per selezionare i due possibili stati (S reset, E reset non eseguito). Quando lo stato desiderato lampeggiante, confermare la selezione premendo [ENT]. Sul display avremo: RES AL IDU ATTENDI RES AL IDU ESEGUITO S/N?

S/N?

7---60

149---0899/00I

7.6.3

Sottomen VIS

Dalla schermata di start---up premere [] per entrare nel men principale. Viene per primo visualizzato il men SELeziona; premere nuovamente [] per accedere alla schermata di accesso del sottomen PRova e da questa premendo ancora [] si ottiene la schermata di accesso del sottomen VISualizza. Il messaggio visualizzato sul display dellAS109 il seguente : MENU VIS ?

Il sottomen VISualizza suddiviso in due sottomen : VALORI e ALLARMI, ed i messaggi che appaiono sul display sono: VIS VALORI ?

VIS ALLARMI

Il men VALORI quello che che compare per primo. Premere [] o [] per passare da un sottomen allaltro. Premere [ENT] per selezionare uno dei due sottomen o [2nd][CLR] per tornare al men principale. Dopo aver selezionato un sottomen, premendo [ENT], occorre usare i tasti con la frecce, [] o [], per scorrere attraverso i comandi/funzioni. Dallinterno di un sottomen premendo [2nd][CLR] ci si sposter allaltro sottomen. NOTA: Si pu accedere a tutti i comandi VISualizza in modo esperto, premendo il tasto di accesso diretto [F4], seguito dal codice di comando (da 01 a 20).

Nelle pagine seguenti verr fornita la descrizione di questi comandi, nellordine progressivo dei loro codici di comando.

7.6.3.1

Sottomen VIS VALORI

I valori in questione sono visualizzati contemporaneamente ai comandi. Non vengono pertanto usati i tasti [ENT] e [BS]. La figura 7.16 pu essere utile per muoversi allinterno del sottomen VALORI.

7---61

149---0899/00I

DA/A MENU PROVA DA/A MENU ALLARMI

START UP

CLR

MENU VIS
ENT

AL MENU SEL

CLR

AL MENU SEL

ALLE SCHERMATE DEL MENU ALLARMI

CLR

VIS VALORI
ENT

VIS ALLARMI

?
ENT

PRX = - xx DBM 01 [/]


DALLE SCHERMATE DEL MENU CLR ALLARMI

CLR

CLR

GT = xxxxx-yyyyy 02 [/]

ES% = xx.yy 11 [/]


SES% = xx.yy 12 [/]


CLR

GR = xxxxx-yyyyy 03 [/]

DM% = xx.yy 13 [/]


FT = xxxxx.yy 04 [/]

SW I=x.y O=x.y 14 [/]


FR = xxxxx.yy 05 [/]

GAMMA = xx 15 [/]

GUAD.RF-IF 06 [/]

xxdB

AFF=xx COD=yy 16 [/]


LOG IDU=xxxxxxx 07 [/]


FPGA ODU =xxx 17 [/]


LOG ODU=xxxxxx 08 [/]


TA=ss TB=ss 18 [/]


T= gggGhhHmmMssS 09 [/]

TC=ss TD=ss 19 [/]


AS% = xx.yy 10 [/]

LAN TX=ss RX=ss 20 [/]

FIG. 7.16 --- SOTTOMEN VIS VALORI

7---62

149---0899/00I

(1) POTENZA RICEVUTA


La funzione 01 permette alloperatore di conoscere il valore attuale della potenza ricevuta espresso in dBm. Sul display compare: PRX = -pp 01[/] DBM

Dove ---pp rappresenta lattuale livello di potenza ricevuta. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per visualizzare le altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Quando la potenza ricevuta al di sotto del campo misurabile, visualizzato il seguente messaggio: PRX = < -min DBM 01[/] Quando la potenza ricevuta al di sopra del campo misurabile, visualizzato il seguente messaggio: PRX = > -max DBM 01[/] Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: ODU N.A.

(2) LIMITI FREQUENZE TX


La funzione 02 permette alloperatore di visualizzare i limiti della sottogamma di tx utilizzata. Sul display compare: GT= xxxxx-yyyyy 02 [/] Dove xxxxx il limite inferiore della sottogamma di tx e yyyyy limite superiore. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: GT = ODU N.A.

7---63

149---0899/00I

(3) LIMITI FREQUENZE RX


La funzione 03 permette alloperatore di visualizzare i limiti della sottogamma di rx utilizzata. Sul display compare: GR= xxxxx-yyyyy 03 [/] Dove xxxxx il limite inferiore della sottogamma di ricezione e yyyyy limite superiore. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: GR = ODU N.A.

(4) FREQUENZA DI TRASMISSIONE


La funzione 04 permette alloperatore di visualizzare il valore della frequenza di tx attuale. Sul display compare: FT= xxxxx.yy 04 [/] Dove xxxxx rappresenta il valore intero della frequenza di tx mentre yy la frazione decimale della frequenza. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: FT = ODU N.A.

(5) FREQUENZA DI RICEZIONE


La funzione 05 permette alloperatore di visualizzare il valore della frequenza di rx attuale. Sul display compare: FR= xxxxx.yy 05 [/] Dove xxxxx rappresenta il valore intero della frequenza di rx mentre yy la frazione decimale della frequenza. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

7---64

149---0899/00I

Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: FR = ODU N.A.

(6) GUADAGNO RF---IF


La funzione 06 permette alloperatore di visualizzare il guadagno della catena di rx RF---IF. Sul display compare: GUAD RF-IF xxdB 06 [/] Dove xx il valore del guadagno della catena di ricezione espresso in dB. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: GUAD.RF-IF xxdB ODU N.A.

(7) LOG RECORD IDU


La funzione 07 permette alloperatore di visualizzare il tempo di funzionamento del modulo IDU. Sul display compare: LOG IDU=xxxxxx H 07 [/] Dove xxxxxx pu assumere un valore compreso fra 000000 e 999999 e H indica che il tempo di funzionamento misurato in ore. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

(8) LOG RECORD ODU


La funzione 08 permette alloperatore di visualizzare il tempo di funzionamento del modulo ODU. Sul display compare: LOG ODU=xxxxxx H 08 [/]

7---65

149---0899/00I

Dove xxxxxx pu assumere un valore compreso fra 000000 e 999999 e H indica che il tempo di funzionamento misurato in ore. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: LOG ODU = ODU N.A.

(9) Tempo di osservazione Stotal (G821)


La funzione 09 permette alloperatore di visualizzare il parametro Stotal come definito allAppendice A della Raccomandazione G.821 della normativa CCITT. Questo parametro viene definito come il tempo totale di misura per la determinazione dei parametri di qualit che deve essere ragionevolmente lungo (es. 1 mese). Sul display compare: T=dddDhhHmmMssS 09 [/] Dove: ddd hh mm ss un numero compreso fra 000 e 999, D sta per Days (giorni) un numero compreso fra 00 e 23, H sta per Hours (ore) un numero compreso fra 00 e 59, M sta per Minutes (minuti) un numero compreso fra 00 e 59, e S sta per Seconds (secondi)

(10) SECONDI DISPONIBILI (G821)


La funzione 10 permette alloperatore di visualizzare il parametro AS come definito allAppendice A della Raccomandazione G.821 della normativa CCITT. Questo parametro fornisce una indicazione della disponibilit del collegamento ed una percentuale definita come rapporto tra i secondi disponibili Savail ed il tempo totale di misura Stotal . Come tempo disponibile viene definito il periodo di tempo di 10 secondi consecutivi in cui il BER stato per ciascun secondo migliore di 1 x 10 ---3. Sul display compare: AS% = xx.yy 10 [/] Dove: xx yy un numero compreso fra 00 e 99 un numero compreso fra 00 e 99

Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

(11) SECONDI ERRORATI (G821)

7---66

149---0899/00I

La funzione 11 permette alloperatore di visualizzare il parametro ES come definito allAppendice A della Raccomandazione G.821 della normativa CCITT. Questo parametro fornisce la percentuale di periodi di durata di 1 secondo in cui sia presente almeno 1 errore. Sul display compare: ES% = xx.yy 11 [/] Dove: xx yy un numero compreso fra 00 e 99 un numero compreso fra 00 e 99

Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

(12) SECONDI SEVERAMENTE ERRORATI (G821)


La funzione 12 permette alloperatore di visualizzare il parametro SES come definito allAppendice A della Raccomandazione G.821 della normativa CCITT. Questo parametro fornisce la percentuale di periodi di durata di 1 secondo in cui il BER sia sto peggiore di 1 x 10 ---3. Sul display compare: SES% = xx.yy 12 [/] Dove: xx un numero compreso fra 00 e 99 yy un numero compreso fra 00 e 99. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

(13) MINUTI DEGRADATI (G821)


La funzione 13 permette alloperatore di visualizzare il parametro DM come definito allAppendice A della Raccomandazione G.821 della normativa ITU---T. Questo parametro fornisce la percentuale di periodi di durata di 1 minuto in cui il BER sia stato peggiore di 1 x 10 ---6. Sul display compare: DM% = xx.yy 13 [/] Dove: xx un numero compreso fra 00 e 99 yy un numero compreso fra 00 e 99. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

7---67

149---0899/00I

(14) VERSIONE SOFTWARE


La funzione 14 permette alloperatore di visualizzare la versione e laggiornamento del software del modulo IDU e del modulo ODU. Il display mostra: SW I=x.y O=x.y 14 [/] Dove I indica IDU, O indica ODU; x il numero della versione del Firmware; y il numero di revisione del Firmware. x e y possono assumere un valore compreso fra 0 e 9. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: SW I=x.y O=x.y ODU N.A.

(15) SOTTOGAMMA FREQUENZE


La funzione 15 permette alloperatore di visualizzare la gamma di funzionamento dellapparato. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Il display mostra: GAMMA = xx 15 [/] Dove xx rappresenta la sottogamma di frequenza del Front---End. I possibili valori di xx sono: AN, AP, BN, BP. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: GAMMA = xx ODU N.A.

(16) VERSIONE FPGA IDU


La funzione 16 permette alloperatore di visualizzare la versione della FPGA del Modulo IDU. Il display mostra:

7---68

149---0899/00I

AFF=xxx COD=yyy 16 [/] Dove xxx rappresenta la versione della FPGA dellAFFasciatore mentre yyy rappresenta la versione della FPGA del CODificatore. I possibili valori dei suddetti campi sono: xxx yyy 000 ! 255 000 ! 255

Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

(17) VERSIONE FPGA ODU


La funzione 17 permette alloperatore di visualizzare la versione della FPGA del Modulo ODU. Il display mostra: FPGA ODU=xxx 17 [/] Dove xxx rappresenta la versione della FPGA del Modulo ODU. I possibili valori del suddetto campo sono: xxx 000 ! 255.

Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni. Messaggi di errore/stato: Nel caso in cui il Modulo ODU non sia disponibile viene visualizzato: FPGA ODU = 000 ODU N.A. Nel caso in cui il software del Modulo ODU non supporti detta funzione viene visualizzato: FPGA ODU = 000 DISABIL.

(18) CANALI TRIBUTARI A e B


La funzione 18 permette alloperatore di visualizzare la configurazione dei canali tributari A e B a 2 Mb/s. Il display mostra:

7---69

149---0899/00I

TA=ss TB=ss 18 [/] Dove ss rappresenta pu assumere uno dei seguenti valori:

2M --- ---

Canale configurato Canale non configurato.

Nella modalit di funzionamento 1x8 Mb/s, il valore di ss --- ---. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

(19) CANALI TRIBUTARI C e D


La funzione 19 permette alloperatore di visualizzare la configurazione dei canali tributari C e D a 2 Mb/s. Il display mostra: TC=ss TD=ss 19 [/] Dove ss rappresenta pu assumere uno dei seguenti valori:

2M --- ---

Canale configurato Canale non configurato.

Nella modalit di funzionamento 1x8 Mb/s, il valore di ss --- ---. Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

(20) CANALE ETHERNET


La funzione 20 permette alloperatore di visualizzare lo stato del chip bridge dal lato delle porte LAN. Il display mostra: LAN TX=ss RX=ss 20 [/] Dove ss rappresenta pu assumere uno dei seguenti valori:

OK * --- ---

Presenza di traffico Assenza di traffico Canale non configurato.

7---70

149---0899/00I

Utilizzare le frecce verticali [] o [] per accedere alle altre funzioni.

7.6.3.2

Sottomen VIS ALLARMI

I vari comandi/funzioni vengono visualizzati con il seguente formato: VIS AL MMMMMMMM? ## [/] Dove MMMMMMMM la funzione mnemonica, ## il codice di comando. Ognuna delle funzioni di questo sottomen fornisce, per descrivere la situazione degli allarmi, uno o pi messaggi sul display. In questi messaggi, sulla prima riga compaiono i valori da controllare mentre sulla seconda compaiono le relative situazioni di allarme: --- OK significa nessuna situazione dallarme --- * significa una avaria --- ? significa modulo ODU non accessibile.

7---71

149---0899/00I

ALLA SCHERMATA DI START-- UP

CLR
DA MENU PROVA

AL MENU SEL

MENU VIS
ENT

CLR

ALLE SCHERMATE DEL MENU VALORI

VIS VALORI

VIS ALLARMI
ENT

ENT

VIS AL IDU 21 [/]


CLR

?
ENT

CLR

DALLE SCHERMATE DEL MENU VALORI DA/ALLE SCHERMATE DALLARME INTERFACCIA ODU DA/ALLE SCHERMATE ALLARME IF-- SINT DA/ALLE SCHERMATE DALLARME DEL FRONT-- END

CLR

VIS AL INT ODU ? 22 [/]


CLR ENT CLR ENT CLR ENT


ALLE SCHERMATE ALLARME IDU DALLE SCHERMATE ALLARME IDU

VIS AL IF-SINT? 23 [/]


VIS AL FRONTEND? 24 [/]


FIG. 7.17 --- SOTTOMEN VIS ALLARMI (21) VISUALIZZAZIONE ALLARMI IDU
La funzione 21 permette alloperatore di visualizzare i vari allarmi relativi al Modulo IDU. Il display mostra: VIS AL IDU 21 [/] ?

Premere [ENT] per selezionare questa funzione e successivamente utilizzare le frecce verticali [] o [] per visualizzare le varie schermate che mostrano gli allarmi del Modulo IDU in dettaglio.

7---72

149---0899/00I

AIRX aa

STR aa schermata 1 AIS ricevuto da radio su canale 8 Mb/s [Solo in configurazione 1x8] sovrascrittura memoria elastica canale 8 Mb/s [Solo in configurazione 1x8]

AIRX STR
TT aa AISTX aa

schermata 2

TT AISTX

allarme mancanza dati da MUX su canale 8 Mb/s [Solo in configurazione 1x8] AIS ricevuto da MUX su canale 8 Mb/s [Solo in configurazione 1x8]

TA aa

TB aa

TC aa

TD aa schermata 3 allarme mancanza dati da MUX su tributari 2 Mb/s (A, B, C, D) [Solo in configurazione 4x2]

TA, TB, TC, TD


SA aa SB aa SC aa SD aa

schermata 4

SA, SB, SC, SD


AISATX aa AISBTX aa

allarme sovrascrittura memoria elastica su tributari 2 Mb/s (A, B, C, D) [Solo in configurazione 4x2]

schermata 5

AISATX AISBTX
AISCTX aa

AIS ricevuto da MUX su canale A 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2] AIS ricevuto da MUX su canale B 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2]

AISDTX aa schermata 6 AIS ricevuto da MUX su canale C 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2] AIS ricevuto da MUX su canale D 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2]

AISCTX AISDTX

7---73

149---0899/00I

AISARX aa

AISBRX aa schermata 7 AIS ricevuto da radio su canale A 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2] AIS ricevuto da radio su canale B 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2]

AISARX AISBRX
AISCRX aa

AISDRX aa schermata 8 AIS ricevuto da radio su canale C 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2] AIS ricevuto da radio su canale D 2 Mb/s [Solo in configurazione 4x2]

AISCRX AISDRX
ALAUX aa

AL4x2 aa schermata 9 allarme allineamento trama secondaria allarme allineamento affasciatore 4x2 Mb/s LB aa HB aa schermata 10 allarme demodulatore allarme allineamento correttore indicazione LOW BER (BER>1E ---6 o BER>1E ---5) indicazione HIGH BER (BER>1E ---3) STR1 aa STR2 aa schermata 11 allineamento trama servizi 78 Kb/s sovrascrittura memoria elastica 1 Affasciatore Servizi sovrascrittura memoria elastica 2 Affasciatore Servizi

ALAUX AL4X2
DEM aa AC aa

DEM AC LB HB
ALN aa

ALN STR1 STR2

7---74

149---0899/00I

DEMS aa

MODS aa

schermata 12 allarme demodulatore servizi allarme modulatore servizi

DEMS MODS
ALTXIF aa TL aa

schermata 13 allarme modulatore traffico 140 MHz allarme telealimentatore ODU

ALTXIF TL
T64 aa

schermata 14

T64
AIS64T aa

assenza dati da MUX su canale ausiliario 64 Kb/s

schermata 15 AIS ricevuto da MUX su canale ausiliario 64 Kb/s

AIS64T
STR16 aa

STR64 aa

schermata 16

STR16 STR64
AIS64R aa

sovrascrittura memoria elastica RX canale ausiliario 16 Kb/s (C.d.S.) sovrascrittura memoria elastica RX canale ausiliario 64 Kb/s

schermata 17

AIS64R
ALLNREM aa

AIS ricevuto da radio su canale ausiliario 64 Kb/s ADREM aa schermata 18

ALLNREM allarme allineamento apparato remoto ADREM mancanza dati da MUX su apparato remoto
BRIDGE aa SNMP aa schermata 19

BRIDEGE errore interno chip---bridge SNMP errore interno scheda SNMP

7---75

149---0899/00I

(22) VISUALIZZAZIONE ALLARMI INTERFACCIA ODU


La funzione 22 permette alloperatore di visualizzare gli allarmi relativi allinterfaccia ODU. Il display mostra: VIS AL INT ODU ? 22 [/] Premere [ENT] per selezionare questa funzione e per visualizzare la schermata che mostra gli allarmi dellinterfaccia ODU in dettaglio. Il display mostra: TXPLL aa STR1 aa Dove: RXIDU aa schermata 1 STR2 aa ALN aa schermata 2

TXPLL RXIDU STR1 STR2 ALN

Mancanza segnale modulatore servizi verso IDU Mancanza segnale demodulatore servizi da IDU Sovrascrittura memoria elastica primaria affasc. Servizi ODU Sovrascrittura memoria elastica secondaria affasc. Servizi ODU Mancanza allineamento trama servizi da IDU

Il campo aa sulla seconda riga del display rappresenta lo stato dellallarme, i possibili valori sono: OK * ? non allarme allarme modulo ODU non accessibile

Premere [CLR] per uscire dalla schermata degli allarmi relativi allInterfaccia ODU e per passare alla successiva funzione di allarme.

7---76

149---0899/00I

(23) VISUALIZZAZIONE ALLARMI IF---SINT


La funzione 23 permette alloperatore di visualizzare gli allarmi relativi all unit IF---SINT. Il display mostra: VIS AL IF-SINT ? 23 [/] Premere [ENT] per selezionare questa funzione e successivamente utilizzare le frecce verticali per visualizzare le due schermate che mostrano gli allarmi IF---SINT in dettaglio. Il display mostra SYNT aa SYNRX aa RXL aa schermata 1 CVIF RO1 RO2 aa aa aa schermata 2 Dove: RXL SYNT SYNRX CSY CVIF RO1 RO2 Livello di potenza ricevuta sotto la soglia prevista Sgancio Sintetizzatore TX Sgancio Sintetizzatore RX Allarme Controller Sintetizzatore Sgancio Sintetizzatore converter FI Assenza livello I OL catena di ricezione Assenza livello II OL catena di ricezione

Il campo aa sulla seconda riga del display rappresenta lo stato dellallarme, i possibili valori sono: OK * ? non allarme allarme modulo ODU non accessibile

Premere [CLR] per uscire dalla schermata degli allarmi IF e per passare alla successiva funzione di allarme.

7---77

149---0899/00I

(24) VISUALIZZAZIONE ALLARMI FRONT---END


La funzione 24 permette alloperatore di visualizzare gli allarmi relativi al Front---End. Il display mostra: VIS AL FRONTEND? 24 [/] Premere [ENT] per selezionare questa funzione e successivamente utilizzare le frecce verticali per visualizzare le varie schermate che mostrano gli allarmi del Front---End. Il display mostra: PWR aa Dove: PTHR aa

PWR PTHR

Livello di potenza RF Tx in antenna sotto la soglia prevista Superamento soglia di potenza

Il campo aa sulla seconda riga del display rappresenta lo stato dellallarme, i possibili valori sono:

OK * ?

non allarme allarme modulo ODU non accessibile

Premere [CLR] per uscire dalla schermata degli allarmi del Front---End e per tornare agli allarmi dellaffasciatore ODU.

7---78

149---0899/00I

8
8.1
8.1.1

DESCRIZIONE DETTAGLIATA
MODULO IDU
Generalit

Il Modulo IDU, dal punto di vista circuitale, costituito dallUnit IDU e dallUnit LED. L unit IDU svolge la quasi totalit delle funzioni del modulo IDU. La tabella che segue elenca le suddette piastre con il relativo numero di identificazione.

TAB. 8.1 --- MODULO IDU --- CODICE M. 145---0497/03


RIF. DENOMINAZIONE CODICE M. Q.T

1 2 3 4 5 6

UNIT IDU 8 Mb/s ASSIEME COFANO UNIT LED ASSIEME STAFFA RACK 19 PIASTRA POSTO OPERATORE UNITA SNMP

141---3938/01 341---4650/02 141---5979/01 341---4626/01 140---1448/01 141---3962/01

1 1 1 2 1 1

8.1.2

Unit IDU

L Unit IDU come detto precedentemente svolge la maggior parte delle funzioni del Modulo IDU. Dal punto di vista funzionale pu essere suddivisa nei seguenti blocchi: --------Convertitore CC/CC Banda Base CPU Sezione 140 MHz

8---1

149---0899/00I

8.1.2.1

Convertitore CC/CC

Il Modulo IDU deve essere alimentato con una tensione continua di valore compreso tra 19 e 58 Volt. La circuiteria relativa allalimentazione del Modulo IDU pu essere suddivisa in tre blocchi funzionali riportati, per maggiore chiarezza, su fogli distinti dello schema elettrico 141---3866/01. Detti blocchi sono: --- il blocco funzionale SEZIONE COMUNE (foglio 16 di 19), che comprende alcuni circuiti indipendenti dal funzionamento vero e proprio del convertitore; --- il blocco funzionale SEZIONE LOCALE (foglio 17 di 19), che comprende la circuiteria che fornisce le quattro tensioni continue 5V e 15V riferite a massa (GND) necessarie per lalimentazione del Modulo IDU. --- il blocco funzionale SEZIONE TELEALIMENTAZIONE (foglio 18 di 19), relativo alla telealimentazione verso il convertitore del Modulo ODU al quale fornisce una tensione +60V floating. La tensione di ingresso galvanicamente isolata rispetto a massa (GND) e alla tensione di telealimentazione, pertanto pu funzionare indifferentemente con il polo negativo o quello positivo collegato a massa, oppure floating. 8.1.2.1.1 Sezione comune

INGRESSO ALIMENTAZIONE La tensione continua 1958 V viene applicata allinterruttore generale dapparato SW601. Due fusibili F601 e F602 sono rispettivamente posizionati sul positivo e sul negativo della batteria ed intervengono sul convertitore in caso di cortocircuito proteggendo il mondo esterno (cavo, batteria etc.). La protezione contro le sovratensioni viene invece garantita da una serie di varistori. Dopo un primo filtraggio verso massa troviamo la resistenza R601 (PTC) utilizzata per ridurre lassorbimento allo spunto. Detta resistenza viene cortocircuitata a regime in seguito alleccitamento del rel RL601 e conseguente chiusura dei suoi contatti. Il transistor TR609 protegge il convertitore dallinversione di polarit della batteria. La tensione di alimentazione viene filtrata da L601, C671, C672 e C603 per ridurre eventuali disturbi presenti sulla tensione di ingresso e per evitare che il rumore generato dal convertitore ritorni verso la sorgente di alimentazione. Il diodo D601 costituisce una ulteriore protezione contro le sovratensioni. Il convertitore infatti funziona fino a 60V e resiste elettricamente fino a 100 V. Per questo motivo oltre i 100V D601 va in conduzione proteggendo il convertitore. Il regolatore serie costituito dal TR610, TR601 e D602 viene utilizzato per la generazione della tensione di servizio (SERV) di circa 12,5 V che alimenta i circuiti di controllo del convertitore allaccensione e durante eventuali situazioni anomale di funzionamento (es. sovraccarichi). Durante il funzionamento normale il convertitore si autoalimenta e la tensione di servizio (15 V) viene prelevata dallinduttore L605; questa tensione prevale su quella del regolatore serie mantenendolo in uno stato di interdizione.

8---2

149---0899/00I

CONTROLLO SOGLIE ACCENSIONE/SPEGNIMENTO Il circuito di controllo delle soglie di accensione e spegnimento ha il compito di monitorare il livello della tensione di ingresso confrontandola con una tensione di riferimento di 5,1 V (VREF) e di stabilire se accendere o meno il convertitore, gestendo anche il circuito di anti---spunto. Allaccensione viene attivato il circuito di ritardo costituito R614 e C610 che, dopo un certo tempo, manda in conduzione TR602 consentendo leccitamento del rel RL601 che cortocircuita la resistenza PTC di spunto. Nel caso in cui lalimentazione esterna sia inferiore alla soglia stabilita viene generato dallOP.AMP. IC601 un criterio di sotto tensione (UV) che inibisce il funzionamento del convertitore; contemporaneamente si accende il led rosso di allarme alimentazione sul frontale del Modulo IDU. In presenza di una alimentazione esterna nei limiti stabiliti detto led assume la colorazione verde che indica un funzionamento normale. In caso di sovratensione in ingresso viene invece generato un criterio di sovratensione (OV) che determina anchesso lo spegnimento del convertitore rendendolo immune a sovratensioni fino ad un valore di 100 V; il funzionamento riprende regolarmente se la tensione ritorna entro i valori nominali. Il circuito di accensione del led a frontale fa cambiare il colore di detto led da verde a rosso in presenza di uno dei due criteri UV e OV; il led si accende di luce rossa anche in presenza del criterio OC_L che indica un sovraccarico sul convertitore del Modulo IDU. In caso di sovraccarico il convertitore tenta ripetutamente di ripristinare il funzionamento. Il led sopracitato non gestisce eventuali sovraccarichi nella sezione ODU. Il circuito IC602 e R621 viene utilizzato per il lamp---test determinando laccensione del led a frontale in presenza del criterio LT. 8.1.2.1.2 Sezione locale

STADIO DI POTENZA Questo stadio fornisce le tensioni necessarie per il funzionamento del Modulo IDU. Esso comprende i due MOSFET di commutazione TR611 e TR612 pilotati da IC603. Successivamente troviamo il trasformatore di conversione T602 che presenta sul primario il trasformatore T601 utilizzato come sensore di corrente, mentre il secondario diviso in due rami per la generazione delle due coppie di tensione !5V e ! 15 V. Sul primo ramo del secondario del trasformatore di conversione sono presenti due coppie di diodi di rettificazione (D630, D631, D632, D633) seguiti dai filtri LC che filtrano a valore medio le onde quadre provenienti dal trasformatore. In uscita dal convertitore troviamo le due tensioni continue +5VA (per circuiti analogici), +5VD (per circuiti digitali) e ---5V. Il ramo del secondario relativo alle tensioni ! 15V simile a quello visto precedentemente. Alcuni transil proteggono il circuito a valle da possibili sovratensioni delle sopracitate tensioni continue. PWM In questo circuito si trova lintegrato di controllo del convertitore (IC603); in esso abbiamo: un oscillatore che determina la frequenza di conversione e provvede a dare il segnale di sincronismo (SYNC) allaltro convertitore (SEZIONE TELEALIMENTAZ.); un OP.AMP. che esamina il segnale di errore proveniente dal controllo della tensione di uscita (attra-

8---3

149---0899/00I

verso laccoppiatore ottico IC604) e in base al quale regola il duty---cycle del convertitore; un OP.AMP. che controlla il segnale della corrente che circola nel primario del trasformatore di conversione; un generatore di una tensione di riferimento di +5,1Volt ed infine lo stadio di pilotaggio dei mosfet di potenza del blocco di conversione. CONTROLLO DELLA TENSIONE DI USCITA IC606 esamina il valore della tensione di uscita sulla linea +5V e lo confronta con un valore di riferimento (1,25 V) fornita da IC607, provvedendo poi a dare informazione, sul valore di errore riscontrato, al PWM tramite loptoisolatore IC604. Anche le altre tensioni (---5, +15 e ---15) risulteranno controllate, essendo ricavate dal secondario dello stesso trasformatore. CONTROLLO DELLA CORRENTE EROGATA Tramite il trasformatore T601 si ricava una tensione proporzionale alla corrente che circola nel primario del trasformatore di conversione; tale tensione confrontata con quella di riferimento VREF e in presenza di un sovraccarico viene inviato un criterio che inibisce il circuito di pilotaggio dei MOSFET. Il convertitore dotato di protezione contro il corto circuito di tipo hiccup; ci vuol dire che, in caso di sovraccarico di durata superiore a 0,3 ! 0,5 secondi, il convertitore si spegne, rimane spento per un certo periodo di tempo, poi effettua un altro tentativo di accensione e se il sovraccarico ancora presente il ciclo ricomincia. In caso di sovraccarico di questa sezione, viene data indicazione di allarme tramite il led a frontale. 8.1.2.1.3 Sezione Telealimentazione

STADIO DI POTENZA In questo circuito si trovano tutti i componenti dello stadio di potenza del convertitore che genera la tensione +60V: i mosfet di commutazione TR613 e TR614; il trasformatore di conversione T604; i diodi di rettificazione AC 606 e AC607 ed il filtro a valor medio LC. Il trasformatore di corrente T603 ha il compito di generare sul suo secondario un segnale proporzionale alla corrente che circola nel trasformatore di conversione. PWM In questo circuito si trova lintegrato di controllo del convertitore IC608; esso riceve il segnale di clock dal circuito di controllo del convertitore LOCALE. Al suo interno abbiamo: un OP.AMP. che esamina il segnale di errore proveniente dal controllo della tensione di uscita (attraverso un accoppiatore ottico) e in base al quale regola il duty---cycle del convertitore; un OP.AMP. che controlla il segnale della corrente che circola nel primario del trasformatore di conversione; un generatore di una tensione di riferimento di +5.1 Volt ed infine lo stadio di pilotaggio dei mosfet di potenza del blocco di conversione. CONTROLLO DELLA TENSIONE DI USCITA IC612 esamina il valore della tensione di uscita e lo confronta con un valore di riferimento, provvedendo poi a dare informazione, sul valore di errore riscontrato, al PWM tramite loptoisolatore IC609. In questo blocco presente anche un semplice regolatore serie (TR608) necessario per alimentare il circuito stesso.

8---4

149---0899/00I

CONTROLLO DELLA CORRENTE EROGATA Questo circuito (IC611) esamina il valore della corrente nel primario del trasformatore di conversione, invia al circuito del PWM un segnale proporzionale al suo valore istantaneo ed esamina il valore di picco confrontandolo con un livello di riferimento. Il convertitore dotato di protezione contro il corto circuito di tipo hiccup: in caso di sovraccarico di durata superiore a 0.3 ! 0.5 secondi il convertitore si spegne e rimane spento per alcuni secondi, dopodich effettua un altro tentativo di accensione e se il sovraccarico persiste ricomincia il ciclo. In caso di sovraccarico di questa sezione viene inviato un segnale di allarme verso la CPU (senza alcuna implicazione per il led a frontale).

8.1.2.2

Banda Base

La sezione BB dellUnit IDU comprende diversi blocchi funzionali che coincidono praticamente con le funzioni espletate dalle due FPGA dellUnit IDU (IC824 e IC826). Tali funzioni sono: FPGA IC824 (Foglio 13 di 19) ----------------Affasciatore/disaffasciatore a 11 Mb/s Misuratore BER off---line Interfaccia CPU Interfaccia allarmi Pilotaggio led Affasciatore/Disaffasciatore servizi (2x16) ORT servizi Analizzatore di prestazioni (G821)

FPGA IC826 (Foglio 14 di 19) ------Interfaccia tx/rx FEC ed Interleaving Loop interni Interfaccia allarmi

Vengono di seguito descritte le sopracitate funzioni. 8.1.2.2.1 Affasciatore a 11 Mb/s

La sezione traffico della BB accetta in ingresso i seguenti segnali: --n. 1 canale di traffico a 8,448 Mb/s oppure, in alternativa, n. 4 canali di traffico a 2,048 Mb/s (settaggio tramite terminale operatore) in codice HDB3 standard ITU---T G.703, oppure 1 canale IEEE 802.3 a 2048, 4096, 6144 o 8192 kb/s. --n. 1 canale ausiliario a 64 Kb/s, codice codirezionale; --n. 1 C.d.S. a 16 Kb/s, codice bifase. I sopracitati segnali vengono convertiti in codice NRZ e successivamente subiscono un affasciamento asincrono in una trama a 11 Mb/s.

8---5

149---0899/00I

TAB. 8.2 --- CAPACIT CAN. IEEE 802.3 --- CANALI 2048 ITU---T G.703
Capacit canale IEEE 802.3 OFF 2048 kb/s 4096 kb/s 6144 kb/s 8192 kb/s Funzionamento 1 x 8 Mb/s S Il segnale di traffico arriva sullunit IDU dal connettore J06 e raggiunge linterfaccia di linea (foglio 11 di 19), costituita dal trasformatore T801 e dallintegrato IC801, le uscite del quale vengono applicate al buffer IC804 ed allFPGA IC 824 (H1A_IN, H2A_IN). S Il canale ausiliario a 64 Kbit/s in codice codirezionale, indicato sullo schema elettrico come AUX_IN_A e AUX_IN_B, arriva allUnit IDU tramite il connettore Y03 e viene applicato allinterfaccia codirezionale (foglio 11 di 19) mediante il trasformatore di linea T810 gestito dal circuito integrato di interfaccia IC802. Dopo uno stadio di buffer IC806, il suddetto canale convertito in una coppia di segnali NRZ (AUX_IN_A e AUX_IN_B), prima di essere anchessi inviati allaffasciatore principale IC824 per laffasciamento nella trama finale a 11 Mb/s. S Il C.d.S. a 16 Kbit/s (EOW_IN_A, EOW_IN_B), in codice bifase, bilanciato, arriva allUnit IDU mediante il connettore J06 e applicato direttamente alla piastra posto operatore montata sullUnit IDU. Su questa piastra il segnale viene convertito in codice NRZ, passato alla sezione traffico (EOWOUT su Y08---16) e quindi applicato allaffasciatore principale IC824. Il C.d.S. viene quindi inserito nella trama finale a 11 Mbit/s. Allaffasciatore principale, deve essere fornito il clock di trama a 11 MHz (CK11 su IC824---184); a questo provvede loscillatore IC848 e lo stadio di buffer IC846 (foglio 12 di 19). La trama risultante dallaffasciamento in tx effettuato dallFPGA IC824 ed il segnale di clock associato sono quindi inviati ai successivi stadi di codifica (IC826): DINCORR_TX [0:7] da IC824---202 (0) a IC826---104 (0), CKINCORR_TX [0:7] da IC824---199 a IC826---118 (0) FSTINCORR_TX [0:7] da IC824---200 a IC826---110. Oltre ai suddetti segnali vengono affasciati anche un canale per la supervisione, denominato NMC, che transita senza essere utilizzato dal Ponte Radio e un canale per il controllo remoto radio generato dal mP. Funzionamento 4 x 2 Mb/s S I quattro segnali di traffico arrivano sullunit IDU dal connettore J06 e raggiungono linterfaccia di linea (foglio 11 di 19): il canale A utilizza la stessa interfaccia impiegata dal canale a 8 Mb/s; gli altri canali (B, C e D) utilizzano interfacce costituite rispettivamente dai trasformatore T802, T803 e T804 e dalle coppie di integrati TR806 e TR801, TR808 e TR810, TR812 e TR814. Per il canale IEEE 802.3, fare riferimento al par.8.1.3. Le uscite degli integrati vengono applicate al buffer IC804 ed allFPGA IC824 (H1B_IN e H2B_IN,H1C_IN e H2C_IN, H1D_IN e H2D_IN). Capacit canali 2048 ITU---T G.703 4 x 2048 kb/s 3 x 2048 kb/s 2 x 2048 kb/s 1 x 2048 kb/s OFF

8---6

149---0899/00I

8.1.2.2.2

Disaffasciatore a 11 Mb/s

Sul lato rx, gli stadi di decodifica di cui sopra forniscono al disaffasciatore principale FPGA IC824 i seguenti segnali: DOUTCORR_RX [0:7] da IC826---86 (0) a IC824---213 (0), CKOUTCORR_RX da IC826---72 a IC824---224, FSTOUTCORR_RX da IC826---74 a IC824---223. Al termine della fase di disaffasciamento vengono forniti in rx sul connettore Y07: --- n. 1 canale di traffico a 8,448 Mb/s oppure, in alternativa, n. 4 canali di traffico a 2,048 Mb/s (settaggio tramite terminale operatore) in codice HDB3 standard ITU_T G.703, oppure 1 canale IEEE 802.3 a 2048, 4096, 6144 o 8192 kb/s. --- n. 1 canale ausiliario a 64 Kb/s, codice codirezionale --- n. 1 C.d.S. a 16 Kb/s, codice bifase Funzionamento 1 x 8 Mb/s S Il canale di traffico denominato H1A_OUT (IC 824 pin 88) e H2A_OUT (IC 824 pin 87) viene inviato al buffer IC805 e quindi allinterfaccia di linea realizzata con componenti discreti individuabili dai transistori TR802, TR803, e dal trasformatore T805. Per la ricostruzione del clock ricevuto a 8,448 MHz, CKR8448 su IC824---124, si impiega un comparatore di fase, implementato dentro IC824, che fornisce il segnale PHR_8 sul pin 126 di IC824, con cui viene pilotato un circuito PLL composto da un filtro passa basso attivo IC842, da un VCXO IC843 e da uno stadio di buffer IC841 (foglio 12 di 19). Per lalimentazione di questo circuito PLL, si impiega una tensione stabilizzata (+3ST) fornita da IC839. S Il canale ausiliario a 64 Kb/s disponibile su IC824 e viene cos denominato: AUXOUT_A_UB (pin 78) e AUXOUT_B_UB (pin 77); una volta bufferato da IC806, inviato allinterfaccia di linea costituita da T809, D809 e D810 (foglio 11 di 19) e quindi fornito in uscita sul connettore Y03. Per la ricostruzione del clock ricevuto a 64 KHz si impiega un circuito PLL implementato dentro IC824. S Il C.d.S. a 16 Kb/s presente sul pin 154 di IC824 ed denominato EOWIN_XIL; tramite il connettore Y06---11 (foglio 15 di 19), viene inviato alla basetta P.O. dove viene prima riconvertito in codice bifase, poi inviato sulla piastra IDU: EOW_OUT_A su Y08---2, EOW_OUT_B su Y08---4, e quindi allesterno con il connettore Y07 (pin 1 e 2). Per la ricostruzione del clock ricevuto a 16 KHz si impiega un circuito PLL implementato dentro IC824. Oltre ai suddetti segnali vengono deaffasciati anche il canale per la supervisione, denominato NMC, che transita senza essere utilizzato dal Ponte Radio e il canale per il controllo remoto che pu essere utilizzato dallapparato stesso. Funzionamento 4 x 2 Mb/s S Il transito del canale A fisicamente identico a quello del canale a 8 Mb/s visto in precedenza. Per quanto riguarda i restanti canali B, C e D, i canali di traffico denominati rispettivamente H1B_OUT e H2B_OUT (IC 824 pin 86 e 85), H1C_OUT e H2C_OUT (IC 824 pin 84 e 82), H1D_OUT e H2D_OUT (IC 824 pin 81 e 79) vengono inviati al buffer IC805 e quindi alle interfacce di linea realizzate con componenti discreti individuabili come

8---7

149---0899/00I

segue: dai transistori TR804, TR805, e dal trasformatore T806 per il canale B, dai transistori TR807, TR809, e dal trasformatore T807 per il canale C, dai transistori TR811, TR813, e dal trasformatore T808 per il canale D. Per il canale IEEE 802.3, fare riferimento al par.8.1.3. 8.1.2.2.3 Misura BER off line

L FPGA IC824 (foglio 13 di 19) implementa un generatore/ricevitore PRBS con cui e possibile determinare le prestazioni della piastra (se chiusa in LOOP TX) oppure del collegamento radio, in termini di tasso di errore a 8,448 Mb/s. NOTA: Vedere il Capitolo 7 della presente monografia per ulteriori informazioni sui loop disponibili e sul modo di attivare il generatore/misuratore di PRBS.

Se attivata da terminale doperatore, questa procedura inserisce in tx una PRBS in alternativa al traffico entrante: una sequenza PRBS alla bit rate 8,448 Mb/s sul canale di traffico principale in caso di funzionamento 1 x 8 Mb/s; una sequenza PRBS alla bit rate 2,048 Mb/s su uno o tutti i canali entranti (A, B, C, D), selezione fatta tramite il terminale doperatore. In rx si pu a questo punto inserire un misuratore di BER sul traffico ricevuto (sul canale a 8 Mb/s, oppure su uno dei canali a 2 Mb/s) e visualizzare il tasso derrore sul terminale operatore. 8.1.2.2.4 Interfaccia CPU

L FPGA IC824 (foglio 13 di 19) implementa i circuiti di decodifica del bus indirizzi proveniente dal mP : --- A0 su IC824 pin 25 --- A1 su IC824 pin 26 --- A2 su IC824 pin 27 --- A3 su IC824 pin 28 --- A4 su IC824 pin 31 --- A5 su IC824 pin 32 --- A6 su IC824 pin 24 --- E su IC824 pin 34 --- RW su IC824 pin 35 --- CSIO su IC824 pin 33 che generano opportuni impulsi di scrittura o lettura, sia per i registri interni al dispositivo stesso, sia per alcuni registri esterni: IRQ_G821 su IC824 pin 92: informazione di interrupt per P sul calcolo della G821 COM_LOOP su IC824 pin 17: comando per loop a livello FI LAMP_TEST su IC824 pin 15: comando per eseguire il Lamp Test dellapparato EN_DAC_XIL su IC824 pin 20: abilitazione per DAC dellequalizzatore cavo

8---8

149---0899/00I

8.1.2.2.5

Interfaccia allarmi

L FPGA IC824 (foglio 13 di 19) elabora alcuni allarmi, generati internamente o ricevuti dallesterno. Tutti gli allarmi elencati sono attivi bassi (0 = allarme) e vengono riportati: S sul bus dati del mP (DATA0 : DATA7) Configurazione 1x8 Mb/s: ----------------------------------------------------------------AIRX AISTX STR ADREM TT ALLREM SA SB SC SD AL4x2 AISATX TA AISARX AISBTX TB AISBRX AISCTX TC AISCRX AISDTX TD AISDRX STR64 AIS64T T64 AIS64R STR16 ALAUX LB HB MODS AIS ricevuto da radio su canale a 8 Mb/s AIS ricevuto da MUX su canale a 8 Mb/s allarme memoria elastica RX canale 8 Mb/s allarme assenza dati apparato remoto allarme assenza dati da MUX su canale 8 Mb/s allarme allineamento apparato remoto allarme mem. el. RX canale A 2 Mb/s (trib.A pres.) allarme mem. el. RX canale A 2 Mb/s (trib.B pres.) allarme mem. el. RX canale A 2 Mb/s (trib.C pres.) allarme mem. el. RX canale A 2 Mb/s (trib.D pres.) allarme allineamento affasciatore 4x2 Mb/s AIS ricevuto da MUX su canale A 2 Mb/s (trib.A pres.) allarme ass. dati da MUX su canale A 2 Mb/s (trib.A pres.) AIS ricevuto da radio su canale A 2 Mb/s (trib.A pres.) AIS ricevuto da MUX su canale B 2 Mb/s (trib.B pres.) allarme ass. dati da MUX su canale B 2 Mb/s (trib.B pres.) AIS ricevuto da radio su canale B 2 Mb/s (trib.B pres.) AIS ricevuto da MUX su canale C 2 Mb/s (trib.C pres.) allarme ass. dati da MUX su canale C 2 Mb/s (trib.C pres.) AIS ricevuto da radio su canale C 2 Mb/s (trib.C pres.) AIS ricevuto da MUX su canale D 2 Mb/s (trib.D pres.) allarme ass. dati da MUX su canale D 2 Mb/s (trib.D pres.) AIS ricevuto da radio su canale D 2 Mb/s (trib.D pres.) allarme memoria elastica RX canale ausiliario 64 Kb/s AIS ricevuto da MUX su canale ausiliario a 64 Kb/s allarme ass. dati da MUX su canale ausiliario a 64 Kb/s AIS ricevuto da radio su canale ausiliario a 64 Kb/s allarme memoria elastica RX canale ausiliario 16 Kb/s allarme allineamento trama secondaria tasso derrore ricevuto 1E---5 o E---6 (selezionabile) tasso derrore ricevuto 1E---3 allarme sgancio modulatore servizi

Configurazione 4x2 Mb/s:

Configurazione 1x8 e 4x2 Mb/s:

8---9

149---0899/00I

----------------S

DEMS ALN STR2 STR1 ALTXIF TL BRIDGE SNMP

allarme allarme allarme allarme allarme allarme allarme allarme

demodulatore servizi allineamento trama servizi 78 Kb/s sovrascrittura memoria elastica 2 RX servizi sovrascrittura memoria elastica 1 RX servizi modulatore traffico 140 MHz verso cavo telealimentatore piastra chipbridge scheda SNMP

oppure su connettore (Y04): Configurazione 1x8 Mb/s e 4x2 Mb/s: ----------ALL_IDU ALL_ODU ALL_EXT SC_AL_C SC_AL_P Pilotaggio led allarme allarme allarme allarme allarme IDU ODU esterno certo probabile

8.1.2.2.6

I seguenti segnali confluiscono in una logica implementata in IC824 (foglio 13 di 19), che provvede al pilotaggio dei due led presenti sulla piastra IDU: ------------RES_MONO INS OCC_W OCC_E LAMP_TEST TRXCA su su su su su su IC824 IC824 IC824 IC824 IC824 IC824 pin pin pin pin pin pin 125 168 171 165 15 128

con i segnali VE_CDS (IC824---127) ed RS_CDS (IC824---64). 8.1.2.2.7 ------Affasciatore servizi (2x16)

In una trama a 78,7692 Kb/s vengono affasciati : n. 1 canale estensione C.d.S. verso ODU a 16 Kb/s (in modo asincrono); n. 1 canale PTT associato al clock a 16 Kb/s Tx (in modo asincrono); n. 1 canale dati per il controllo ODU a 9600 bps (in modo sincrono).

Il primo canale asincrono a 16 Kbit/s supporta la fonia verso ODU. Il C.d.S. viene disaffasciato e gestito dal Modulo IDU ma la fonia resa disponibile alloperatore ODU mediante il suddetto canale. Il secondo canale asincrono a 16 Kbit/s supporta il segnale PTT inviato dalla IDU verso il P.O. della ODU, associato ad un segnale di clock a 16 KHz, impiegato poi in tx dalla stessa ODU. Il canale sincrono a 9600 bps supporta i dati di controllo della ODU, scambiati con IC408 (DT_CODU sul pin 148 di IC824 e CKT_CODU sul pin 95 di IC824).

8---10

149---0899/00I

Per la formazione dei due canali asincroni viene impiegata una logica implementata in IC824, che permette lo smistamento dei segnali tra il P.O. della IDU, il P.O. della ODU ed il P.O. remoto: Canale 1 Dati DTX_I DRX_I DRX_I DRX_I da Y06---38 a IC824---136 da Y06---42 a IC824---153 da Y06---42 a IC824---153 da Y06---42 a IC824---153 da Y08---22 a IC824---94 da Y06---43 a IC824---152 da Y06---43 a IC824---152 da Y06---43 a IC824---152 (modalit Intercom) (modalit Idle) (modalit inserito IDU) (modalit inserito ODU) (modalit Intercom) (modalit Idle) (modalit inserito IDU) (modalit inserito ODU)

Clock CKLOCN CKRX_I CKRX_I CKRX_I Canale 2 Dati

PTT_IDU da IC409---3 a IC824---147 (ogni modalit) (ogni modalit)

Clock CKLOCN da Y08---22 a IC824---94

Il segnale di temporizzazione della trama servizi CKT_78K a 78,769 KHz viene ottenuto, internamente a IC824 per divisione del segnale CKM, su IC824---181, fornito dalloscillatore a 67,584 MHz (IC845 foglio 12 di 19) e dallo stadio di buffer (IC844). La trama affasciata a 78,769 Kbit/s viene inviata in uscita verso i circuiti di modulazione : TRAMA_78TX pin 11 di IC824. 8.1.2.2.8 Disaffasciatore servizi (2x16)

La trama ricevuta dai circuiti di demodulazione (TRAMA_78RX) viene inviata sul pin 12 di IC824, e ne viene estratto il clock associato alla frequenza di 78,769 KHz, a sua volta impiegato per deaffasciare i singoli canali che compongono la trama: ------il primo canale asincrono a 16 Kbit/s che supporta la fonia inviata dalla ODU verso la IDU. il secondo canale asincrono a 16 Kbit/s che supporta il segnale PTT inviato dalla ODU verso la IDU. Il canale sincrono a 9600 baud che supporta i dati di controllo della ODU, scam--biati con IC408: DR_CODU in uscita dal pin 169 di IC824 e CKR_CODU in uscita dal pin 167 di IC824 (foglio 13 di 19).

I canali deaffasciati giungono alla logica implementata in IC824, che provvede al loro smistamento verso le varie utenze: DRX_I (dal pin 153 di IC824 a Y06---42) selezionato tra: Canale 1 dal disaffasciatore DRX_I da Y06---42 a IC824---153 DRX_I da Y06---42 a IC824---153 DRX_I da Y06---42 a IC824---153 (modalit Intercom) (modalit Idle) (modalit inserito IDU) (modalit inserito ODU)

8---11

149---0899/00I

CKRX_I (dal pin 152 di IC824 a Y06---43) selezionato tra: CKLOCN da Y08---22 a IC824---94 CKRX_I da Y06---43 a IC824---152 CKRX_I da Y06---43 a IC824---152 CKRX_I da Y06---43 a IC824---152

(modalit Intercom) (modalit Idle) (modalit inserito IDU) (modalit inserito ODU)

PTT_V (dal pin 162 di IC824 al pin 15 di IC828) selezionato tra: 1 Logico (modalit Intercom) 1 Logico (modalit Idle) PTT_V dal IC835---8 al pin 162 di IC824 (modalit inserito IDU) Canale 2 dal disaffasciatore (modalit inserito ODU) 8.1.2.2.9 ORT servizi

L autotest dellaffasciatore servizi consiste in una serie di prove con cui verificare il corretto funzionamento del rigeneratore di clock a 78,769 MHz e del transito dei tre canali presenti. La verifica del rigeneratore di clock consiste nel trasmettere sulluscita dellaffasciatore una parola nota ripetitiva e scramblata a 78 Kb/s. La stessa parola viene inviata alla sezione Rx tramite il LOOP_TX e da questa viene estratto il clock associato. Il clock rigenerato a 78 KHz viene inviato nuovamente allaffasciatore dove viene fornito ad un circuito error---detector in cui si rivela leventuale presenza di errori. Per la verifica del corretto transito dei canali nellaffasciatore servizi, la trama affasciata viene richiusa in LOOP_TX sulla sezione Rx, e si verifica il corretto allineamento dellaffasciatore. 8.1.2.2.10 Analizzatore di prestazioni (G821) Viene implementata la logica che permette lo sviluppo della statistica sul funzionamento del collegamento. 8.1.2.2.11 Interfaccia tx FEC ed Interleaving I dati forniti dallaffasciatore IC824 (DINCORR_TX 0:7, FSTINCORR_TX CKINCORR_TX) giungono nellFPGA Correttore IC 826 (foglio 14 di 19), dove viene effettuata la codifica Reed---Solomon (80, 68, 6) ed il processo di Interleaving (profondit I=5). Per questa elaborazione lFPGA impiega una DPRAM (IC840: foglio 12 di 19) opportunamente pilotata dagli indirizzi di scrittura (WADDPR_TX 0:10) e di lettura (RADDPR_TX 0:10). I dati forniti dalla DRAM (DOUTTPR_TX 0:7) tornano allFPGA Correttore, dove vengono serializzati, codificati (QPSK) e forniti in uscita al modem (segnali X_TX e Y_TX). 8.1.2.2.12 Interfaccia rx FEC ed Interleaving I dati differenziali codificati QPSK forniti dal modem (segnali X_RX e Y_RX) giungono allFPGA Correttore IC 826, dove vengono decodificati e strutturati in byte. Segue la fase di ricerca allineamento trama e la funzione di interleaver, con il supporto della DPRAM (IC847: foglio 12 di 19) opportunamente pilotata dagli indirizzi di scrittura (WADDPR_RX 0:10) e di lettura (RADDPR_RX 0:10).

8---12

149---0899/00I

I dati forniti dalla DRAM (DOUTTPR_RX 0:7) tornano allFPGA Correttore, dove subiscono la decodifica Reed---Solomon, con correzione degli eventuali errori rilevati dal codice stesso. I dati in uscita DOUTCORR_RX 0:7, FSTOUTCORR_RX e CKOUTCORR_TX sono infine inviati verso il deaffasciatore IC824. Viene inoltre fornito in uscita il segnale ALLIN_CORR, che indica lo stato di corretto allineamento della trama ricevuta. 8.1.2.2.13 Loop interni Per motivi di test e/o ricerca guasti in IC824 sono implementate alcune funzioni di loop, che permettono la richiusura del segnale trasmesso a 11 Mb/s sulla rx (o viceversa). Sono presenti: A) B) C) D) E) F) G) LOOP LOOP LOOP LOOP LOOP LOOP LOOP MX AFF RAM FEC TX MOD RX (TX su RX) (TX su RX) (TX su RX) (TX su RX) (TX su RX) (TX su RX) (RX su TX)

Questi loop sono a livelli di profondit crescente rispetto ai blocchi funzionali che gestiscono lelaborazione del segnale a 11 Mb/s, in modo da eseguire dei sezionamenti che permettano lindividuazione del livello a cui si manifesta un eventuale guasto. Anche per laffasciatore servizi implementata una funzione di loop in cui il segnale trasmesso a 78 Kbit/s viene richiuso sulla sezione di rx (o viceversa): A) B) LOOP TX LOOP RX (TX su RX) (RX su TX)

NOTA:

Ad eccezione dei Loop Mx e Loop Rx, le altre procedure di test sono riservate alluso interno ditta.

8.1.2.2.14 Interfaccia allarmi Allinterno di IC826 vengono elaborati alcuni allarmi, generati internamente o ricevuti dallesterno, riportandoli poi sul bus dati del mP (DATA0 : DATA7): --- DEC allarme aggancio demodulatore 11 Mb/s --- AC allarme allineamento supertrama COD

8.1.2.3

Sezione CPU

Il funzionamento dellintero apparato gestito dalla sezione CPU dellUnit IDU, che dialoga continuamente con quella corrispondente del Modulo ODU per inviare comandi, predisposizioni e per ricevere allarmi, avvenute predisposizioni, informazioni di stato, etc. La CPU gestisce inoltre il BITE dapparato che permette di verificare il corretto funzionamento dello stesso mediante specifiche procedure di test che possono essere automatiche o richieste dalloperatore mediante il terminale doperatore.

8---13

149---0899/00I

Il P utilizzato del tipo 68HC11K4 (IC407, foglio 9 di 19) con memoria EEPROM interna. Allinterno del P loscillatore al quarzo K402 fornisce il clock a 16 MHz, successivamente diviso per 4 per ottenere il clock di bus a 4 MHz. La funzione di reset per il P allaccensione viene invece svolta da IC410 (foglio 9 di 19). Per consentire il funzionamento del P installata una RAM esterna (IC402). Il SW di gestione di tutto lapparato risiede invece su una flash EPROM (IC413) da 512K. Questultima programmabile On---Board. I dati relativi alla programmazione dellFPGA risiedono sulla FLASH EPROM IC429 da 2Mbyte. I dati sono interfacciati mediante il rispettivo bus tramite il transceiver IC403; gli indirizzi sono interfacciati mediante i buffer IC404 e IC405. La PAL IC416 utilizzata per la decodifica indirizzi e come interfaccia verso le SCC IC406 (dialogo con il terminale doperatore o remoto) e IC408 (dialogo con il Modulo ODU mediante la sezione B ed il controllo remoto radio tramite la sezione A). L oscillatore K401 genera il clock a 3,6864 MHz per il funzionamento delle due SCC. L interfaccia V10 costituita da IC423 (tx) e da IC424 (rx), e permette il dialogo con il terminale doperatore (VT100) o con leventuale apparato di supervisione (foglio 10 di 19). L interfaccia V11 costituita da IC427, e permette il dialogo con leventuale apparato di supervisione. Il segnale OUT_LOC costituisce luscita dati per terminale doperatore (o VT100) verso linterfaccia V10 sono; il segnale REM_OUT_A costituisce luscita dati per unit controllo remoto (eventuale apparato di supervisione) verso linterfaccia V10 o V11. Il segnale IN_LOC costituisce lingresso dati per terminale doperatore (o VT100) dallinterfaccia V10 verso la SCC; il segnale REM_IN_A costituisce lingresso dati per unit controllo remoto (eventuale apparato di supervisione) da linterfaccia V10 o V11 verso la SCC. I led sul frontale del Modulo IDU sono pilotati da segnali digitali gestiti da due Darlington array IC421 e IC 422 (foglio 10 di 19). Il rel RL 401 viene utilizzato per lestensione dellallarme generale dapparato. Un convertitore Analogico/Digitale interno al mP permette di gestire la monitoria MON_RX relativa al livello di potenza ricevuta. Il circuito di watchdog (IC412) interviene in caso di malfunzionamento del mP. I segnali MISO, DINI, CCLK e SS di IC407 appartengono allinterfaccia seriale sincrona S.P.I. interna al mP e vengono utilizzati per il caricamento delle FPGA (IC824 e IC826). Il software delle due FPGA risiede sulla flash EPROM IC429.

8.1.2.4
8.1.2.4.1 -----------

Sezione 140 MHz


SEZIONE 140 MHZ TX

Il segnale che proviene dal modulatore (140_TX_C) incontra: il circuito di abilitazione Tx che permette leffettuazione del loop di controllo interno; lamplificatore Tx; il circuito di combinazione del segnale di traffico a 140MHz con il canale di controllo a 10MHz; il driver di linea IC18; il circuito di interfaccia cavo con le protezioni SC01,D15,D16,D17,D18, e il trasformatore T01 di disaccoppiamento.

8---14

149---0899/00I

Il segnale arriva al connettore Y01/A1 e viene inviato alla ODU tramite cavo coassiale a 75.. Viene fornito un allarme di potenza trasmessa (TX_ALL) a livello HCMOS attivo basso (1=funzionamento normale, 0=allarme). 8.1.2.4.2 SEZIONE 140 MHz RX Il segnale che proviene dalla ODU tramite cavo coassiale a 75 ohm e presente sul connettore Y01/A5 e, nellordine, incontra: ------------il circuito di interfaccia cavo con le protezioni SC201, D208, D209, D210, D211, e il trasformatore T02 di disaccoppiamento ; lAMP. di linea IC226 a larga banda; il circuito diramatore che separa il segnale di traffico a 140MHz dal canale di controllo a 10MHz; lequalizzatore di cavo controllato dalla CPU; lAGC per il controllo automatico del livello di uscita; il circuito di abilitazione Rx che permette leffettuazione del loop di controllo interno .

Il segnale 140_RX_D e inviato al demodulatore. Viene fornita una tensione monitoria proporzionale al livello ricevuto.

8.1.3

PIASTRA CHIPBRIDGE (140---1471/01)

L unit chipbridge esegue essenzialmente linterfaccia fra una porta Ethernet IEEE 802.3 (LAN) ed una linea porta seriale (WAN). suddivisa in tre parti funzionali: --- oscillatore XO 40 MHz; --- interfaccia di linea IEE 802.3; --- chipbridge. L oscillatore semplicemente un oscillatore quarzato che fornisce la frequenza master a 40,000 MHz necessaria per il funzionamento dellintegrato chipbridge (IC05 e IC04). L interfaccia di linea rappresentata da un trasformatore integrato che funge sia da terminazione di linea sia da separatore per la linea LAN entrante (IC01). Il chipbridge esegue linterfaccia logica della piastra fra la linea LAN e la linea WAN; per il suo funzionamento necessita del clock a 40,000 MHz, come gi detto, e della RAM 1Mb x 16 (IC02 e IC03).

8.1.3.1

Segnali

Dal connettore J01 vengono ricevute le alimentazioni, mentre sul connettore J02 transitano i segnali di controllo, le monitori e lallarmistica. In trasmissione, il chipbridge riceve il clock WTXC dal connettore J02 e restituisce in uscita i dati WTXD associati al clock medesimo. In ricezione accade linverso (i dati sono nel segnale WRXD ed il clock WRXC).

8---15

149---0899/00I

8.1.4
8.1.4.1

PIASTRA POSTO OPERATORE (140---1448/01)


Unit POSTO OPERATORE

L unit P.O. ha lo scopo di realizzare le funzionalit previste per il C.d.S. (EUROCOM D/1). Nella suddetta unit si distinguono tre possibilit di collegamento: ------lato EST (multiplex); lato OVEST (ponte radio); P.O. locale.

Tutto il funzionamento dellunit basato sul custom VGL (IC10) che svolge le seguenti funzioni: ----------------generazione e riconoscimento dei codici di segnalazione; inserisce il circuito di scrambler (tx) e descrambler (rx) dati sul lato ovest; codifica NRZ/BIFASE e BIFASE/NRZ per collegamento a multiplex; risoluzione delle priorit tra i criteri EOWB (C.d.S. occupato), CALL (attivazione dei criteri di chiamata) e PTT (richiesta di occupazione del C.d.S.); selezione del segnale di rx; distribuzione del segnale in tx; generazione criteri per il pilotaggio di suoneria e led; generazione delle temporizzazioni necessarie al funzionamento del C.d.S. Chiamate lato multiplex in ricezione

8.1.4.1.1

Il segnale bifase EOW_IN_A, B presente sul connettore di ingresso convertito al livello TTL mediante il circuito costituito essenzialmente da R17 e IC06; viene quindi bufferato ed inviato al VGL tramite IC04 e IC03, ed infine si esegue lestrazione del clock e la decodifica dei dati in NRZ. I dati in codice bifase sono inviati alluscita del custom pin H1 (EOWOUT) e il relativo clock sul pin B2 (CKTX). Il VGL genera il criterio EOWB quando viene attraversato dai dati provenienti dal lato Est o Ovest: tale criterio provoca laccensione del led rosso CDS posto sul frontale del Modulo IDU. Tramite il criterio CRTOCC proveniente dalla sezione CPU dellUnit IDU, possibile realizzare il collegamento full---duplex direttamente con il terminale di operatore: un livello basso di CRTOCC inibisce la generazione da parte del custom del criterio di occupato EOWB, ed in questo modo permesso alloperatore di parlare ed ascoltare contemporaneamente. Tramite il criterio PFC proveniente dalla sezione CPU dellUnit IDU, possibile predisporre via SW il C.d.S. come TERM o INT direttamente con il terminale di operatore. Il criterio PFC inoltre inviato allingresso TBCPFC del VGL, ove impedisce che la rx di una chiamata per INT attivi il circuito di preemption (liberazione della linea), quando il C.d.S. predisposto come TERM.

8---16

149---0899/00I

PFC=1:

C.d.S. PREDISPOSTO COME TERM

Quando si riceve una chiamata per TERM si ha: ------RONB=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata. SONB=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata. FCRN=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata.

Quando si riceve una chiamata per TERM urgente si ha: ------RONB=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata. SONB=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata. FCURN=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata. C.d.S. PREDISPOSTO COME INTERMEDIO

PFC=0: -----

RONB=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata. SONB=0 per un periodo equivalente alla durata della chiamata.

Il criterio SONB genera il segnale CALLSON, utilizzato per informare il P dellUnit IDU del termine della chiamata. Il criterio RONB in abbinamento con i criteri FCRN e FCURN utilizzato nellaffasciatore FPGA dellUnit IDU per la generazione dei criteri RC0 e RC1, che interpretati dal suddetto P permettono la gestione delle segnalazioni. Uneventuale chiamata inserita nel segnale in ingresso EOW_IN_A, B viene cos decodificata e rilevata tramite i criteri RC0 nel caso di chiamata normale, RC0---RC1 nel caso di chiamata urgente. Questi criteri giungono tramite linea seriale alla sezione CPU dellUnit IDU, provocando laccensione dei led interessati posti sul frontale e lattivazione della suoneria dellalimentatore e del terminale di operatore in caso di chiamata riconosciuta. Se si riceve una chiamata TERM normale con C.d.S. predisposto come TERM, la chiamata riconosciuta, il criterio RC0 (a livello logico alto) fa si che sul display del terminale doperatore sia visualizzato il tipo di chiamata ricevuta, vengano attivate le suonerie e si accenda, in modo continuo, il led giallo di chiamata CDS sul frontale del Modulo IDU ricevente. Se si riceve una chiamata TERM urgente con C.d.S. predisposto come TERM, la chiamata riconosciuta, i criteri RC0---RC1 (entrambi a livello logico alto) fanno si che sul display del terminale doperatore sia visualizzato il tipo di chiamata ricevuta, vengano attivate le suonerie e si accenda, in modo lampeggiante ad una frequenza di circa 3 Hz, il led giallo di chiamata CDS sul frontale del Modulo IDU ricevente.

8---17

149---0899/00I

Se si riceve una chiamata per INT con C.d.S. predisposto come TERM, in uscita della piastra avremo lo stesso i dati ed il clock, ma il criterio RC0 visto in precedenza non attivo (livello logico basso). Ci non consente di avere lindicazione visiva e sonora, perch la chiamata non stata riconosciuta, ma siccome il C.d.S. risulter comunque occupato, avremo il led rosso CDS acceso. Se si riceve una chiamata per INT con C.d.S. predisposto come INT, il criterio RC0 attivo (livello logico alto), la chiamata viene visualizzata sia sul terminale doperatore, sia sul frontale del Modulo IDU e vengono attivate le suonerie. Non possibile inviare una chiamata di tipo urgente ad un C.d.S. predisposto come INT. Se la linea risulta occupata, un utente predisposto come INT pu inviare solamente una chiamata urgente per TERM. Tale chiamata durer solo 300 msec. e sar possibile inviarne unaltra trascorsi 5 secondi. Il codice di segnalazione della chiamata sar inserito nel traffico. L arrivo di una chiamata sar segnalato allapparato ricevente tramite il lampeggio del led CDS e lattivazione delle suonerie per tutto il periodo di durata della stessa. Se il C.d.S. invece predisposto come TERM, lutente pu inviare su linea occupata qualsiasi tipo di chiamata senza alcun condizionamento. Se infatti desidera inserirsi in linea, non deve far altro che premere il PTT del microtelefono ed inviare una chiamata per INT; in questo caso, visto che ha la priorit, attiva il lampeggio del led CDS riguardante il C.d.S. INT che sta occupando la linea e laccensione continua di tutti gli altri led di chiamata degli utenti intermedi costituenti la tratta. A questo punto, terminata la chiamata, lutente TERM che lha effettuata, avr automaticamente a disposizione la linea. Terminata una chiamata, di qualsiasi tipo, le suonerie verranno disabilitate ma il led di segnalazione CDS rimarr acceso sino a quando loperatore ricevente non premer il tasto PTT. 8.1.4.1.2 Chiamate lato ponte radio in ricezione

I dati disaffasciati provenienti dal lato radio (EOWIN) codificati in bifase giungono sul pin E10 del custom VGL. Il clock ad esso relativo viene estratto internamente dal custom VGL. Tramite il criterio CRTOCC proveniente dalla sezione CPU dellUnit IDU, possibile realizzare il collegamento full---duplex direttamente con il terminale di operatore. Un livello basso di CRTOCC, inibisce la generazione da parte del custom del criterio di occupato lato ovest e del criterio EOWB. In questo modo permesso alloperatore di parlare ed ascoltare contemporaneamente. Nel custom viene eseguito il riconoscimento di eventuali chiamate contenute nei dati EOWIN e, tramite i criteri EOWB, RC0, RC1, vengono segnalate dallunit CPU. Il traffico a questo punto viene codificato, allinterno del VGL, in due flussi di dati a livello TTL contenenti: il primo le transizioni positive, il secondo quelle negative del codice bifase. Dopodich esce dai pin K3 (CDSA) e K1 (CDSB) per essere bufferato, sommato ed adattato in impedenza e livello per la tx in linea.

8---18

149---0899/00I

8.1.4.1.3 ---------

Chiamate lato multiplex in trasmissione

Tramite il terminale di operatore si possono inviare i seguenti tipi di chiamata: chiamata TERM normale; chiamata TERM urgente; chiamata per INT.

Sotto il controllo del P di apparato installato sullUnit CPU, il custom VGL determina il tipo di chiamata da inviare in base allo stato logico dei seguenti criteri: FCN=1, FCUN=1: viene abilitata la chiamata per le stazioni intermedie. FCN=0, FCUN=1: viene abilitata la chiamata TERM normale. FCN=0, FCUN=0: viene abilitata la chiamata TERM urgente. Contemporaneamente il VGL, in caso di chiamata diretta a stazione TERM, determina la direzione verso cui indirizzare la chiamata mediante i seguenti criteri: WN=0: EN=0: abilita lemissione del codice di chiamata sul lato ovest. abilita lemissione del codice di chiamata sul lato est.

Quando si invia una chiamata TERM normale, i criteri FCN(0), FCUN(1), WN(1), EN(0), CALLN(0) provenienti dalla linea seriale della sezione CPU, giungono ai capi del VGL sui pin (A9, B6, A4, C7 e B9), il quale elabora la chiamata e la presenta in uscita sui pin K3 (CDSA) e K1 (CDSB), sotto forma di due flussi bifase a livello logico TTL, in modo da poter essere inviata verso la linea. Il criterio CALLNEG attivo a livello logico basso; in queste condizioni la linea di trasmissione selezionata, o entrambe le linee nel caso di chiamata per INT, vengono collegate al generatore di codici di segnalazione interno al VGL. Il livello di CALLNEG determinato dal P di apparato, su comando delloperatore, impartito tramite terminale doperatore. Suddetto criterio ha un periodo di attivazione di circa 5sec. Quando si invia una chiamata TERM urgente, i criteri FCN(0), FCUN(0), WN(1), EN(0), CALLNEG(0) provenienti dalla linea seriale del mP dellUnit IDU, giungono ai capi del VGL sui pin (A9, B6, A4, C7 e B9), il quale elabora la chiamata e la presenta in uscita sui pin K3 (CDSA) e K1 (CDSB), sotto forma di due flussi bifase a livello logico TTL, in modo da poter essere inviata verso la linea. Quando si invia una chiamata per INT, i criteri FCN(1), FCUN(1), WN(1), EN(1), CALLNEG(0) provenienti dalla linea seriale del mP dellUnit IDU, giungono ai capi del VGL sui pin (A9, B6, A4, C7 e B9), il quale elabora la chiamata; ma essendo in questo caso omnidirezionale, contemporaneamente presente in uscita dal VGL, sia lato Ovest che lato Est. 8.1.4.1.4 Chiamate lato ponte radio in trasmissione

Quando si invia una chiamata TERM normale, i criteri FCN(0), FCUN(1), WN(0), EN(1), CALLNEG(0) provenienti dalla linea seriale del mP dellUnit IDU, giungono ai capi del VGL sui pin (A9, B6, A4, C7 e B9), il quale elabora la chiamata e la presenta in uscita in modo da poter essere inviata agli affasciatori in tx.

8---19

149---0899/00I

Quando si invia una chiamata TERM urgente, i criteri FCN(0), FCUN(0), WN(0), EN(1), CALLNEG(0) provenienti dalla linea seriale del mP dellUnit IDU, giungono ai capi del VGL sui pin (A9, B6, A4, C7 e B9), il quale elabora la chiamata e la presenta in uscita in modo da poter essere inviata allaffasciatore in tx. 8.1.4.1.5 Fonia

In rx la fonia segue lo stesso percorso del traffico proveniente sia dal lato EST sia dal lato OVEST, ma i dati DRX in uscita dal custom (pin G2), insieme al relativo clock CKRX (pin B5), vengono inviati ad un demodulatore Delta, il quale provvede alla decodifica in analogico del segnale digitale. Questultimo viene amplificato in un OP.AMP. ed inviato allauricolare del microtelefono (AURIC). In tx, la fonia (MICRO) amplificata in un OP.AMP., entra nel demodulatore ed esce codificata Delta (DTX). I clock necessari al funzionamento del demodulatore sono due: uno a 16 KHz (CKLOCN) proveniente dal VGL ed uno 1024 KHz (CK_1024) proveniente dallUnit IDU. Il segnale (DTX) in uscita dal demodulatore entra nel VGL sul pin J11 ed esce essendo la fonia bidirezionale sia sul lato EST multiplex (pin K1 e K3), sia sul lato OVEST ponte radio (H1). 8.1.4.1.6 Interfaccia microprocessore

Una circuiteria di interfaccia, consente la decodifica degli indirizzi e il trasferimento di dati tra il mP dellUnit IDU e la piastra P.O.. Il collegamento fra il mP dellUnit IDU e la piastra Posto Operatore avviene tramite linea seriale costituita dai seguenti segnali: --- PO_I --- CCLK Dati in ingresso strutturati in due byte da 8 bit ciascuno; Clock associato ai suddetti dati anchesso strutturato a pacchetto;

--- PO_OUT Dati in uscita dal posto operatore aventi le transizioni coincidenti con i fronti di salita del clock CCLK entrante; --- PO_SEL Selezione del modo di funzionamento dellinterfaccia seriale (attiva a 0).

8---20

149---0899/00I

8.2
8.2.1

MODULO ODU
Generalit

La tabella che segue riporta la composizione del Modulo ODU con i relativi numeri di identificazione.

TAB. 8.3 --- MODULO ODU --- CODICE M. 144---0396/..*


RIF. DENOMINAZIONE PARTI COMUNI 1 2 3* 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 4** 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 ASSIEME SUPPORTO PRINCIPALE COPERTURA ASSIEMATA PARTI ALTERNATIVE ASSIEME SUP. SUPPORTO PRINCIPALE (8 Mb/s) ASSIEME ISOLATORE + CIRCOLATORE ASSIEME UNITA DOWN---UP CONVERTER ASSIEME FILTRO ASSIEME FILTRO UNITA AMPLIFICATORE DI POTENZA ASSIEME SUP. SUPPORTO PRINCIPALE (8 Mb/s) ASSIEME ISOLATORE + CIRCOLATORE ASSIEME UNITA DOWN---UP CONVERTER ASSIEME FILTRO ASSIEME FILTRO UNITA AMPLIFICATORE DI POTENZA 141---4018/01 141---4024/01 141---4014/01 141---3625/01 141---3625/51 141---4035/01 141---2955/04 141---4018/51 141---4024/01 141---4014/01 141---3625/51 141---3625/01 141---4035/01 141---2955/04 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 341---0523/01 341---0530/01 1 1 CODICE M. Q.T

3.5.1 Amplificatore di potenza 4,4 ! 5 Ghz

4.5.1 Amplificatore di potenza 4,4 ! 5 Ghz

NOTA:

* Per la presente configurazione il Codice Marconi del Modulo ODU 144---0398/01. ** Per la presente configurazione il Codice Marconi del Modulo ODU 144---0398/51.

8---21

149---0899/00I

8.2.2
8.2.2.1

PIASTRA INTERFACCIA (141---3800/05)


Sezione alimentazione (foglio 7 di 7)

Il convertitore CC/CC fornisce quattro tensioni continue (5V e 15V) riferite a massa (GND) per lalimentazione del Modulo ODU. Per una migliore comprensione del funzionamento, il convertitore pu essere diviso in due sezioni distinte facilmente identificabili sullo schema elettrico: la prima sezione comprende alcuni circuiti indipendenti dal funzionamento vero e proprio del convertitore; nella seconda sezione presente lalimentatore che fornisce le quattro tensioni continue 5V e 15V. Funziona con una tensione di alimentazione continua di valore compreso tra 19 e 60V. La tensione di ingresso galvanicamente isolata (200 V in continua) rispetto a massa (GND), e pertanto pu funzionare indifferentemente con polo negativo o con positivo collegato a massa, oppure floating. L alimentatore pu essere diviso nei blocchi funzionali descritti qui di seguito. 8.2.2.1.1 SEZIONE COMUNE

INGRESSO ALIMENTAZIONI La tensione di ingresso viene filtrata, mediante L601, L602$L604, C608, C609, C611, C612, C617$C620, C621, C625, C627 e C628, sia per evitare che il rumore generato dal convertitore ritorni verso la sorgente di alimentazione, sia per eliminare eventuali disturbi presenti sulla tensione di ingresso. La tensione di alimentazione, dopo i filtri, viene inviata direttamente ad un circuito di antispunto costituito da RL601 e RV605, e viene nuovamente filtrata ed infine arriva al convertitore CC/CC. Il circuito costituito da RV601$ RV603 fornisce una protezione dalle sovratensioni. Generatore di servizio Il generatore di servizio alimenta i circuiti di controllo del convertitore. In questo blocco presente un regolatore serie (TR605) che ha il compito di fornire la tensione di alimentazione durante la fase di accensione e durante eventuali situazioni anomale (sovraccarichi). Durante il funzionamento normale il convertitore si auto---alimenta per mezzo della tensione prelevata dallinduttore L605; questa tensione prevale su quella del regolatore serie mantenendolo in uno stato di interdizione. Controllo soglie accensione/spegnimento Il circuito di controllo delle soglie di accensione e spegnimento IC607 ha il compito di monitorare il livello della tensione di ingresso e di stabilire se accendere o meno il convertitore gestendo anche il circuito di anti---spunto. In caso di sovratensione in ingresso lalimentatore viene spento rendendolo immune a tensioni fino ad un valore di 100 Vcc; il funzionamento riprende regolarmente se la tensione ritorna entro i valori nominali.

8---22

149---0899/00I

SEZIONE ALIMENTATORE 5V E 15V Stadio di potenza Comprende tutti i componenti dello stadio di potenza del convertitore che genera le tensioni 5V e 15V, i mosfet di commutazione TR603 e TR602, il trasformatore di conversione T602, i diodi di rettificazione D607 e D606 ed il filtro a valor medio LC (L606$L609 e C369$C642). presente inoltre un trasformatore di corrente che ha il compito di generare sul suo secondario un segnale proporzionale alla corrente che circola nel trasformatore di conversione. PWM In questo circuito si trova lintegrato di controllo del convertitore; in esso abbiamo un oscillatore che determina la frequenza di conversione, un OP.AMP. IC601 che esamina il segnale di errore proveniente dal controllo della tensione di uscita (attraverso un accoppiatore ottico) e in base al quale regola il duty---cycle del convertitore, un OP.AMP. che controlla il segnale della corrente che circola nel primario del trasformatore di conversione T602, un generatore di una tensione di riferimento IC604 di +5,1Volt ed infine lo stadio di pilotaggio dei mosfet di potenza del blocco di conversione. Controllo della tensione di uscita IC601 esamina il valore della tensione di uscita sulla linea +5V e lo confronta con un valore di riferimento, provvedendo poi a dare informazione, sul valore di errore riscontrato, al PWM tramite loptoisolatore IC603. La tensione ---5V viene regolata serie da TR608 ed IC601. Il +15V viene invece regolato serie da TR607, RV606 e IC606. Controllo della corrente erogata Il sopracitato circuito esamina il valore della corrente nel primario del trasformatore di conversione, provvede quindi ad inviare un segnale al circuito del PWM proporzionale al suo valore istantaneo e ad esaminare il valore di picco confrontandolo con un livello di riferimento. In caso di sovraccarico di durata superiore a 0.3 ! 0.5 secondi questo circuito invia un segnale al circuito del PWM inibendo definitivamente il funzionamento del convertitore. NOTA: il convertitore anche dotato, tramite piazzola a saldare ( LAT ), di protezione contro il corto circuito di tipo hiccup; ci vuol dire che in caso di sovraccarico il convertitore si spegne, rimane spento per un certo periodo di tempo, poi effettua un altro tentativo di accensione e se il sovraccarico ancora presente il ciclo ricomincia.

8.2.2.2

Sezione controllo (foglio 4 di 7)

Il sistema di controllo dellaffasciatore ODU costituito dal P (IC306) e dalle relative interfacce. Esso gestisce moduli esterni allaffasciatore (Sintetizzatore, Front---End, FI) e funzioni interne allunit. Il sistema di controllo programma la frequenza del sintetizzatore in maniera seriale e ne

8---23

149---0899/00I

acquisisce lallarme di sgancio del PLL in modo parallelo. Per la predisposizione delle frequenze radio operative utilizza una linea seriale SPI. Dal Front End viene ricevuto il segnale di allarme potenza TX, attivo solo a potenza massima e lallarme del PLL a 9 GHz. In maniera seriale viene letta la caratteristica di ingresso/uscita del front---end per la regolazione della potenza di uscita effettuata a livello FI. Il modulo FI fornisce gli allarmi sgancio OL, assenza ingresso FI tx e assenza uscita FI tx letti in modo parallelo. Per la regolazione delluscita verso il TX usata linterfaccia seriale SPI che programma un attenuatore variabile. Internamente vengono gestiti laffasciatore servizi (su PGA), lAGC e linterfaccia cavo; il PGA programmato serialmente dallinterfaccia SPI. La gestione delle altre periferiche effettuata mediante registri paralleli.

8.2.2.3

Sezione 140 MHz TX

Il segnale che proviene dal Modulo IDU su cavo coassiale a 75 ohm inviato al connettore Y02 e, nellordine, incontra : ------------il circuito di interfaccia cavo con le protezioni SC02,D06,D07,D10,D11, e il trasformatore T03 di disaccoppiamento (foglio 1 di 7); lAMP. di linea IC08 a larga banda (foglio 1 di 7); il circuito diramatore che separa il segnale di traffico a 140MHz dal canale di controllo a 10MHz (foglio 1 di 7); lequalizzatore di cavo controllato dalla CPU (foglio 4 di 7); lAGC per il controllo automatico del livello di uscita (foglio 2 di 7); il circuito di abilitazione Tx che permette leffettuazione del loop di controllo interno (foglio 2 di 7).

8.2.2.4

Sezione 140 MHz RX

Il segnale che proviene dalla piastra SINT---IF del Modulo ODU inviato al connettore J14 e, nellordine, incontra: ----------il filtro a 140MHz passa---banda (foglio 1 di 7); il circuito di abilitazione Rx che permette leffettuazione del loop di controllo interno (foglio 4 di 7). il circuito di combinazione del segnale di traffico a 140MHz con il canale di controllo a 10MHz (foglio 1 di 7); il driver di linea IC07 (foglio 1 di 7); il circuito di interfaccia cavo con le protezioni SC01,D04,D05,D08,D09, e il trasformatore T02 di disaccoppiamento (foglio 1 di 7).

8---24

149---0899/00I

9
9.1

OPERAZIONI PER LA MANUTENZIONE


GENERALIT

Nel presente Capitolo sono riportate le procedure atte al mantenimento, al controllo ed alla ricerca guasti dellapparato MH904/8. Le informazioni di questo capitolo permettono al personale addetto alla manutenzione di controllare il corretto funzionamento dei moduli IDU ed ODU costituenti il ponte radio e di localizzare malfunzionamenti allinterno degli stessi. Queste operazioni devono essere eseguite periodicamente e possibilmente in accordo alle tabelle seguenti. La Tabella 9.1 riporta lelenco delle procedure di manutenzione e la periodicit consigliata.

TAB. 9.1 --- ELENCO MANUTENZIONI PERIODICHE


PERIODICIT OPERAZIONI DI MANUTENZIONE PRIMO ANELLO Ispezione visiva e pulizia SECONDO ANELLO Verifica di funzionamento PARAGRAFO

GIORNALIERA MENSILE

9.2.1 9.3.1

9.2

MANUTENZIONE DI PRIMO ANELLO

Questo tipo di manutenzione, di solito affidata alloperatore, consiste nellispezionare gli apparati per mantenerli in condizioni di efficienza senza lausilio di attrezzature particolari.

9.2.1

Ispezione visiva e pulizia

Questo paragrafo contiene le istruzioni e le procedure per lispezione e la pulizia degli apparati. consigliabile eseguire queste operazioni prima delluso e quando le condizioni ambientali lo rendano necessario. Se durante lispezione viene rilevato un malfunzionamento o un guasto, richiedere lintervento del manutentore abilitato alla manutenzione/riparazione di secondo anello. Date le caratteristiche costruttive del Modulo ODU tipiche per lutilizzo esterno non si richiedono particolari cure dal punto di vista della pulizia e controllo esterno. Vengono comunque di seguito consigliati alcuni controlli prima dellinstallazione.

9---1

149---0899/00I

A)

ISPEZIONE DELLAPPARATO

--- controllare il serraggio delle viti che fissano il pannello frontale al telaio del modulo IDU; --- controllare il fissaggio delle brugole/viti relative al Modulo ODU che fissano rispettivamente: la parabola dellantenna al telaio, lilluminatore alla parabola, il radome alla parabola e la copertura posteriore al telaio; --- verificare che lilluminatore dantenna non presenti alcun danno; --- verificare che siano adeguatamente strette le viti che fissano il Modulo ODU al sostegno; --- controllare il corretto inserimento del cavo di alimentazione e della connessione di terra sul frontale e, se presenti, il corretto inserimento dei cavi di connessione con gli altri apparati sui connettori sul frontale del Modulo IDU; --- controllare il corretto inserimento dei cavi collegati nella parte inferiore del Modulo ODU; --- Quando lapparato in servizio, accertarsi che tutti i LED di allarme a frontale siano spenti. B) PULIZIA DELLAPPARATO

--- utilizzare un panno asciutto senza sfilacciature e/o un pennello per rimuovere polvere e sporcizia da tutte le superfici, compresi cavi e parti minori; --- Passare su tutte le superfici un panno senza sfilacciature imbevuto di solvente per togliere sudiciume e grasso. Asciugare immediatamente con un panno pulito; --- Eseguire le riparazioni minute evidenziate durante lispezione visiva.

9.3

MANUTENZIONE DI SECONDO ANELLO

Il personale addetto a questo anello di manutenzione deve accertare loperativit degli apparati in tutte le sue funzionalit senza lutilizzo di strumentazione esterna. Il compito viene eseguito mediante linterpretazione delle segnalazioni luminose a frontale, le visualizzazioni sul display del terminale AS109 (o altro VT100 compatibile) e lutilizzo degli opportuni comandi doperatore, che permettono lesecuzione di test SW e HW sulle unit dotate di microprocessore. Nel caso si individuino malfunzionamenti necessario richiedere lintervento del personale addetto alla manutenzione di anello superiore.

9---2

149---0899/00I

9.3.1

Verifica di funzionamento

La tabella 9.2 e la figura 9.1 mostrano in dettaglio il significato delle segnalazioni luminose sul frontale del Modulo IDU.

TAB. 9.2 --- DETTAGLIO DEI LED A FRONTALE


SERIGRAFIA = DESCRIZIONE Led di colore VERDE/ROSSO: - VERDE: presenza alimentazione - ROSSO: sovraccarico/sovratensione/bassa tensione Led di colore ROSSO: quando acceso allarme modulo IDU Led di colore ROSSO: quando acceso allarme modulo ODU Led di colore VERDE/ROSSO/GIALLO: - VERDE: segnala che loperatore locale ha occupato il C.d.S. - ROSSO: segnala che il C.d.S. occupato - GIALLO con luce fissa: indica ricezione di una chiamata per Intermedio/Terminale normale - GIALLO con luce intermittente: indica ricezione di una chiamata per Terminale urgente RIF. 1

IDU ODU CDS

2 3 4

FIG. 9.1 --- DETTAGLIO LED A FRONTALE


Realizzare i vari collegamenti fra il Modulo IDU ed il Modulo ODU come descritto al Capitolo 7. --- Allaccensione viene attivato automaticamente il test dei LED forzandone laccensione per circa tre secondi; a conclusione del test, deve spegnersi il LED giallo, mentre deve rimanere acceso il LED verde a rif. 1 di Figura 9.1. Alcuni LED di allarme rimarranno accesi per mancanza di segnali o per particolari predisposizioni interne.

9---3

149---0899/00I

--- Nel caso fosse spento il LED verde a rif. 1 di Fig. 9.1, oppure acceso con luce rossa, spegnere lapparato e consultare il capitolo 11 della presente monografia per la ricerca guasti.

9.3.1.1

Verifiche con disponibilit di tratta

La possibilit di avere a disposizione la tratta radio consente alloperatore di verificare la corretta operativit dellintero apparato. --- Impostare tramite il comando SEL CAN del sotto---men SEL il canale RF desiderato (consultare per maggiori dettagli il Capitolo 7 della presente monografia). --- Verificare lo stato del TX con il comando SEL TX del sotto---men SEL e nel caso fosse spento accenderlo (consultare per maggiori dettagli il Capitolo 7 della presente monografia). --- A questo punto, se disponibili lutenza, dovrebbero essere spente tutte le segnalazioni di allarme del sotto---men ALLARMI e dovrebbero essere spenti anche i due led di allarme sul frontale del modulo IDU (rif. 2 e 3 di Fig. 9.1) (consultare per maggiori dettagli il Capitolo 7 della presente monografia).

9.3.1.2

Verifiche senza disponibilit di tratta

In caso di avaria del ponte radio remoto (o perch questultimo spento) saranno attivi un certo numero di allarmi relativi alla catena di ricezione del ponte radio locale. L operatore ha comunque a disposizione diverse procedure di test per verificare il corretto funzionamento dellapparato locale. --- L attivazione del LOOP TX IF ODU (cio il lato Tx sul Modulo ODU) permette di controllare tutta la circuiteria dellapparato ad eccezione della sezione Sint. e RF (consultare per maggiori dettagli il Capitolo 7 della presente monografia). --- A questo punto dovrebbe rimanere attivo il solo allarme RXL nel sottomen VIS AL IF---SINT mancando il segnale proveniente dal ponte radio remoto. Sar acceso anche lallarme serigrafato ODU sul frontale del modulo IDU (rif. 3 di Fig. 9.1). --- possibile inoltre verificare il BER off line mediante la funzione MISURA BER, abilitando il generatore PRBS (funzione PR G>R BB). Il valore misurato dovrebbe essere 1E10 ---6. Prima di procedere allutilizzo dellapparato disabilitare tutte le funzioni di PROVA (consultare per maggiori dettagli il Capitolo 7 della presente monografia).

9---4

149---0899/00I

10
10.1

SMONTAGGIO E RIMONTAGGIO
GENERALIT

In questo capitolo sono descritte le operazioni di smontaggio dellapparato MH904/8; per il rimontaggio, seguire la procedura di smontaggio in ordine inverso. Le procedure di smontaggio devono essere utilizzate quando necessario rimuovere un modulo per riparazione o sostituzione; gli smontaggi descritti nel seguito richiedono la disponibilit dei seguenti attrezzi: --------cacciavite a taglio a lama media; cacciavite a croce a lama media; cacciavite a croce a lama piccola; chiave dinamometrica da 8 mm.

ATTENZIONE LO SMONTAGGIO DEVE AVVENIRE CON IL CAVO DI ALIMENTAZIONE DISCONNESSO DALLAPPARATO

10.2
10.2.1

MODULO IDU
Smontaggio copertura posteriore

L operatore, rimuovendo la copertura posteriore in plastica, ha la possibilit di accedere alla circuiteria interna del modulo IDU. Per la procedura di smontaggio fare riferimento alla figura 10.1 e procedere nel seguente modo: --- Svitare, utilizzando un cacciavite medio, le 4 viti a taglio imperdibili che fissano la copertura posteriore al telaio del Modulo IDU. --- Sfilare la copertura posteriore aiutandosi con le manglie sul frontale.

Viti di fissaggio

Viti di fissaggio FIG. 10.1 --- SMONTAGGIO COPERTURA POSTERIORE IDU

10---1

149---0899/00I

10.2.1.1

Smontaggio piastra P .O.

--- Procedere allo smontaggio della copertura posteriore come descritto al par. 10.2.1. --- Svitare, utilizzando un cacciavite piccolo, le due viti a croce che fissano la piastra Posto Operatore allUnit IDU vedere fig. 10.2.

Viti di fissaggio

Piastra Posto Operatore

FIG. 10.2 --- SMONTAGGIO PIASTRA P .O.

10---2

149---0899/00I

10.3

MODULO ODU

Allo scopo di evitare eventuali danneggiamenti dellapparato, si sconsiglia lo smontaggio di altre parti del Modulo ODU che non siano descritte di seguito.

10.3.1

Smontaggio copertura posteriore

L operatore, rimuovendo il pannello posteriore, ha la possibilit di accedere a tutte le unit che costituiscono il modulo ODU. Per la procedura di smontaggio fare riferimento alla figura 10.3. e procedere nel seguente modo: --- Svitare, utilizzando un cacciavite medio, le 12 viti a taglio che fissano la copertura posteriore al telaio del modulo ODU. --- Rimuovere la copertura posteriore. VITI DI FISSAGGIO

VITI DI FISSAGGIO

FIG. 10.3 --- SMONTAGGIO COPERTURA POSTERIORE

10.3.2

Smontaggio Modulo IF--- Controllo

--- Rimuovere la copertura posteriore come descritto al paragrafo 10.3.1 --- Svitare, utilizzando un cacciavite a croce piccolo, le tre viti che fissano il fermacavo in plastica nella parte inferiore (Rif. 1 di Fig. 10.4). Rimuovere il fermacavo.

10---3

149---0899/00I

--- Disconnettere i due connettori Flat dalla piastra Interfaccia ODU (Rif. 2 di Fig. 10.4). --- Disconnettere i due cavetti Coax. (Rif. 3 di Fig. 10.4) dai connettori Y01 e Y02 della piastra Interfaccia ODU. --- Disconnettere il cablaggio dal connettore J601 (Rif. 4 di Fig. 10.4) della piastra Interfaccia ODU relativo alla telealimentazione da IDU. --- Scollegare. utilizzando la chiave inglese da 8 mm, le due connessioni SMA dalla piastra Sint---IF (Rif. 5 di Fig. 10.4 e 10.5). --- Svitare, utilizzando un cacciavite a taglio a lama media, le 4 viti imperdibili (Rif. 6 di Fig. 10.4) che fissano il Modulo IF --- Controllo al cofano. Il Modulo e incernierato al cofano nella parte inferiore. --- Ruotare con cautela, di 90_ circa, dallalto verso il basso il Modulo IF --- Controllo. --- Scollegare, utilizzando una chiave inglese da 8 mm, la connessione SMA dalla piastra Sint---IF dal connettore Y04 (Rif. 7 di Fig. 10.5). --- Disconnettere il connettore Flat dalla piastra Sint---IF (Rif. 8 di Fig. 10.5). --- Svitare, utilizzando un cacciavite a taglio a lama media, le 2 viti (Rif. 9 di Fig. 10.4) che fissano il Modulo IF --- Controllo al telaio del cofano. --- Rimuovere il Modulo IF --- Controllo.

10---4

149---0899/00I

5 4

5 6

FIG. 10.4 --- APERTURA MODULO IF--- CONTROLLO

10---5

149---0899/00I

5 7

Apertura

FIG. 10.5 --- SMONTAGGIO MODULO IF--- CONTROLLO

10---6

149---0899/00I

11
11.1

OPERAZIONI PER LA RIPARAZIONE


GENERALIT

La ricerca guasti sullapparato MH904/8 semplificata dalla presenza di un pannello allarmi e da una serie di procedure automatiche di controllo, pilotate tramite microprocessore, in grado di evidenziare le unit responsabili di gran parte dei possibili malfunzionamenti. La constatazione della presenza di un guasto pu avvenire nelle seguenti circostanze: --- in un momento generico della vita dellapparato in seguito ad informazioni derivanti da una indagine a livello dinterfaccia tra lapparato e le altre apparecchiature ad esso connesse; --- in seguito ad esito negativo di qualche controllo in fase di accensione; --- in seguito ad esito negativo di qualche controllo della manutenzione di primo anello; --- in seguito ad esito negativo di qualche misura o controllo durante la manutenzione di secondo anello. Con il termine guasto si intende indicare genericamente il manifestarsi di una delle tre situazioni seguenti, tra loro ben differenziate: 1) 2) 3) mancanza di funzionamento; funzionamento con degradazione contenuta entro limiti moderati. funzionamento con forte degradazione;

In relazione alla condizione riscontrata, si pu richiedere limmediato intervento del personale addetto allassistenza tecnica o decidere di attendere sino alla successiva visita di manutenzione programmata.

11.2

RIPARAZIONE DI PRIMO ANELLO

Il personale addetto alla manutenzione di primo anello deve saper interpretare correttamente le indicazioni del pannello dei LED di allarme ed i messaggi del men VIS ALLARMI sul terminale doperatore AS109 in modo da individuare malfunzionamenti e/o unita guaste. Se allaccensione dellapparato il LED = relativo allalimentazione rimane spento, controllare che il cavo di alimentazione sia collegato correttamente: in caso affermativo assicurarsi che la fonte di alimentazione sia entro la tolleranza richiesta (Vc.c. = 19$58 V). L apparato MH904 non prevede la riparazione di primo anello relativa alla sostituzione di lampadine.

11---1

149---0899/00I

Controllare in fine lintegrit dei due fusibili F1 e F2 sul frontale del Modulo IDU (rif. 1 di Fig. 11.1).

FIG. 11.1 --- FUSIBILI SUL FRONTALE DEL MODULO IDU


Consultare la tabella 11.1 per la ricerca guasti di primo anello.

11.3

RIPARAZIONE DI SECONDO ANELLO

Il personale addetto alla manutenzione di primo anello deve saper interpretare correttamente le indicazioni del pannello dei LED di allarme ed i messaggi del men VIS ALLARMI sul terminale doperatore AS109 in modo da individuare e sostituire gli assiemi/unita guaste. Inoltre, dopo la sostituzione, il personale addetto alla manutenzione deve essere in grado di controllare il corretto funzionamento dellapparato tramite il BITE. Consultare la tabella 11.2 per la ricerca guasti di secondo anello.

11---2

149---0899/00I

TAB. 11.1 --- PRIMO ANELLO DI MANUTENZIONE LED DI ALLARME


INDICAZ. VISIVA LED =
SPENTO

SIGNIFICATO ALLARME

OPERAZIONE CORRETTIVA

- Mancanza di alimentazione c.c.; Verificare lintegrit del cavo di alimentazione - Fusibili F1 e/o F2 interrotti ed il corretto collegamento del relativo connettore. Assicurarsi che lalimentazione c.c. sia entro i limiti (19$58 V c.c.) Verificare lintegrit dei fusibili F1 e F2 ed eventualmente sostituirli. Passare al 2 livello di manutenzione

ACCESO (rosso)

Sovraccarico o tensioni interne fuori dai limiti

Provare a spegnere e a riaccendere lapparato. Se lallarme persiste passare al 2 livello di manutenzione.

LED IDU ACCESO (rosso) Malfunzionamento relativo al Modulo IDU Essendo un OR di pi allarmi si consiglia lutilizzo del sottomen VIS ALLARMI per determinare la causa che ha determinato laccensione del led. Passare al 2_ anello di manutenzione.

LED ODU ACCESO (rosso) Malfunzionamento relativo al Modulo ODU Essendo un OR di pi allarmi si consiglia lutilizzo del sottomen VIS ALLARMI per determinare la causa che ha determinato laccensione del led. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare lintegrit del cavo di collegamento IDU-ODU. Passare al 2 livello di manutenzione

ODU N.A. (display AS109)

Mancanza di colloquio con il Modulo ODU

11---3

149---0899/00I

TAB. 11.1 --- PRIMO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI IDU (1/4)
INDICAZ. VISIVA AIRX SIGNIFICATO ALLARME OPERAZIONE CORRETTIVA

Ricezione AIS da radio su canale Verificare che gli apparati lato radio siano alli8 Mb/s neati. Passare al 2_ anello di manutenzione. Sovrascrittura memoria elastica canale 8 Mb/s Verificare il corretto funzionamento del multiplex e del Modulo IDU remoto. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione.

STR

TT

Assenza dati provenienti dal mul- Verificare il corretto collegamento tra il modutiplex su canale 8 Mb/s lo IDU e lapparato multiplex. Passare al 2_ anello di manutenzione. Ricezione AIS da multiplex su canale 8 Mb/s Verificare che gli apparati lato estensione siano allineati. Passare al 2_ anello di manutenzione.

AISTX

TA,TB, TC,TD

Assenza dati provenienti dal multiplex sui canali tributari 2 Mb/s Verificare il corretto collegamento tra il modu(A,B,C,D); se un canale non lo IDU e lapparato multiplex. configurato non compare nulla. Passare al 2_ anello di manutenzione. Sovrascrittura memoria elastica canali tributari 2 Mb/s (A,B,C,D); se un canale non configurato non compare nulla. Ricezione AIS da multiplex su canali tributari 2 Mb/s (A,B,C,D); se un canale non configurato non compare nulla. Verificare il corretto funzionamento del multiplex e del Modulo IDU remoto. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare che gli apparati lato estensione siano allineati. Passare al 2_ anello di manutenzione.

SA,SB SC,SD

AISATX, AISBTX, AISCTX, AISDTX AISARX, AISBRX, AISCRX, AISDRX

Ricezione AIS da radio su canali Verificare che gli apparati lato radio siano allitributari 2 Mb/s (A,B,C,D); se un neati. canale non configurato non Passare al 2_ anello di manutenzione. compare nulla.

11---4

149---0899/00I

TAB. 11.1 --- PRIMO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI IDU (2/4)
INDICAZ. VISIVA ALAUX SIGNIFICATO ALLARME Allarme allineamento trama secondaria OPERAZIONE CORRETTIVA Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU remoto. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU remoto. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU e del Modulo ODU remoti. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Nel caso il suddetto apparato stia correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU e del Modulo ODU remoti. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Verificare la qualit del collegamento radio. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU e del Modulo ODU remoti. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Verificare la qualit del collegamento radio. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione.

AL4x2

Allarme allineamento affasciatore 4x2 Mb/s

DEM

Mancato aggancio demodulatore da radio

AC

Allarme allineamento correttore

LB

Segnalazione BER > 1x10- 6

HB

Segnalazione BER > 1x10- 3

11---5

149---0899/00I

TAB. 11.1 --- PRIMO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI IDU (3/4)
INDICAZ. VISIVA ALN SIGNIFICATO ALLARME Mancanza allineamento trama servizi da radio OPERAZIONE CORRETTIVA Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Passare al 2_ anello di manutenzione. Passare al 2_ anello di manutenzione. Passare al 2_ anello di manutenzione. Provare a spegnere e a riaccendere lapparato. Se lallarme persiste passare al 2 livello di manutenzione. Verificare il corretto collegamento tra il modulo IDU e lapparato multiplex. Verificare che gli apparati lato estensione siano allineati.

STR1

Sovrascrittura memoria elastica primaria da radio Sovrascrittura memoria elastica secondaria da radio Mancanza segnale demodulatore servizi da radio Mancanza segnale modulatore servizi verso radio Mancanza segnale uscita cavo verso Modulo ODU Sovraccarico telealimentatore verso ODU Assenza dati da multiplex su canale ausiliario 64 Kb/s Ricezione AIS da multiplex su canale ausiliario 64 Kb/s

STR2

DEMS

MODS ALTXIF TL

T64 AIS64T STR16

Sovrascrittura memoria elastica Verificare il corretto funzionamento del Multicanale ausiliario 16 Kb/s (C.d.S.) plex remoto e del Modulo IDU remoto. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU locale. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione.

11---6

149---0899/00I

TAB. 11.1 --- PRIMO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI IDU (4/4)
INDICAZ. VISIVA STR64 SIGNIFICATO ALLARME Sovrascrittura memoria elastica canale ausiliario 64 Kb/s OPERAZIONE CORRETTIVA Verificare il corretto funzionamento del Multiplex remoto e del Modulo IDU remoto. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU locale. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione.

AIS64R ALLNREM

Ricezione AIS da radio su canale Verificare che gli apparati lato radio siano alliausiliario 64 Kb/s neati. Mancanza allineamento apparato Verificare il corretto funzionamento dei Moduremoto li IDU e ODU, sia locale sia remoto. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione. Assenza dati da multiplex su apparato remoto Verificare il corretto collegamento tra il modulo IDU remoto ed il relativo apparato Multiplex. Nel caso i suddetti apparati stiano correttamente funzionando, passare al 2_ anello di manutenzione.

ADREM

BRIDGE SNMP

Errore interno Piastra Chip-Brid- Passare al 2_ anello di manutenzione. ge Errore interno Piastra SNMP Passare al 2_ anello di manutenzione.

11---7

149---0899/00I

TAB. 11.1 --- PRIMO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI INTERFACCIA ODU
INDICAZ. VISIVA TXPLL RXIDU STR1 STR2 ALN SIGNIFICATO ALLARME Mancanza segnale modulatore servizi verso IDU Mancanza segnale demodulatore servizi da IDU Sovrascrittura memoria elastica primaria da IDU Sovrascrittura memoria elastica secondaria da IDU Mancanza allineamento trama servizi da IDU OPERAZIONE CORRETTIVA Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU.Passare al 2_ anello di manutenzione.

ALLARMI SINT-FI
INDICAZ. VISIVA SYNTX SYNRX RXL CVIF RO1 RO2 SIGNIFICATO ALLARME Sgancio Sint. Tx Sgancio Sint. Rx Potenza ricevuta inferiore alla soglia minima Sgancio Sintetizzatore converter FI Assenza livello I OL catena di ricezione OPERAZIONE CORRETTIVA Passare al 2_ anello di manutenzione. Passare al 2_ anello di manutenzione. Verificare la qualit del collegamento radio. Passare al 2_ anello di manutenzione. Passare al 2_ anello di manutenzione. Passare al 2_ anello di manutenzione.

Assenza livello II OL catena di Passare al 2_ anello di manutenzione. ricezione

ALLARMI FRONT-END
INDICAZ. VISIVA PWR PTHR SIGNIFICATO ALLARME Livello di potenza RF di uscita sotto il livello previsto Superamento soglia di potenza OPERAZIONE CORRETTIVA Passare al 2_ anello di manutenzione. Passare al 2_ anello di manutenzione.

11---8

149---0899/00I

TAB. 11.2 --- SECONDO ANELLO DI MANUTENZIONE LED DI ALLARME


INDICAZ. VISIVA LED =
SPENTO

SIGNIFICATO ALLARME

OPERAZIONE CORRETTIVA

- Mancanza di alimentazione c.c.; - Fusibili F1 e/o F2 interrotti Sovraccarico o tensioni interne fuori dai limiti

Sostituire il Modulo IDU.

ACCESO (rosso) LED IDU ACCESO (rosso)

Sostituire il Modulo IDU.

Malfunzionamento relativo al Modulo IDU

Essendo un OR di pi allarmi si consiglia lutilizzo del sottomen VIS ALLARMI (vedere Appendice A) per determinare la causa che ha determinato laccensione del led

LED ODU ACCESO (rosso) Malfunzionamento relativo al Modulo ODU Essendo un OR di pi allarmi si consiglia lutilizzo del sottomen VIS ALLARMI (vedere Appendice A) per determinare la causa che ha determinato laccensione del led. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU, sostituire il Modulo ODU; eventualmente sostituire il Moduolo IDU.

ODU N.A. (display AS109)

Mancanza di colloquio con il Modulo ODU

ALLARMI IDU (1/4)


AIRX STR TT Ricezione AIS da radio su canale Verificare che gli apparati lato radio siano alli8 Mb/s neati. Sovrascrittura memoria elastica canale 8 Mb/s Sostituire nellordine MUX remoto, IDU remoto, IDU locale.

Assenza dati provenienti dal mul- Sostituire nellordine MUX e IDU. tiplex su canale 8 Mb/s

11---9

149---0899/00I

TAB. 11.2 --- SECONDO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI IDU (1/3)
INDICAZ. VISIVA AISTX TA,TB, TC,TD SIGNIFICATO ALLARME Ricezione AIS da multiplex su canale 8 Mb/s OPERAZIONE CORRETTIVA Verificare che gli apparati lato estensione siano allineati.

Assenza dati provenienti dal mul- Sostituire nellordine MUX e IDU. tiplex sui canali tributari 2 Mb/s (A,B,C,D); se un canale non configurato non compare nulla. Sovrascrittura memoria elastica Sostituire nellordine MUX remoto, IDU recanali tributari 2 Mb/s (A,B,C,D) moto, IDU locale. Ricezione AIS da multiplex su canali tributari 2 Mb/s (A,B,C,D); se un canale non configurato non compare nulla. Verificare che gli apparati lato estensione siano allineati.

SA,SB SC,SD AISATX, AISBTX, AISCTX, AISDTX AISARX, AISBRX, AISCRX, AISDRX ALAUX AL4x2 DEM AC LB

Ricezione AIS da radio su canali Verificare che gli apparati lato radio siano allitributari 2 Mb/s (A,B,C,D); se un neati. canale non configurato non compare nulla. Allarme allineamento trama secondaria Allarme allineamento affasciatore 4x2 Mb/s Mancato aggancio demodulatore da radio Allarme allineamento correttore Segnalazione BER > 1x10--6 Sostituire nellordine IDU remoto e IDU locale. Sostituire nellordine IDU remoto e IDU locale. Sostituire nellordine la IDU e la ODU locali. Sostituire la IDU Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU e del Modulo ODU remoti. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Verificare la qualit del collegamento radio.

11---10

149---0899/00I

TAB. 11.2 --- SECONDO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI IDU (2/3)
INDICAZ. VISIVA HB SIGNIFICATO ALLARME Segnalazione BER > 1x10- 3 OPERAZIONE CORRETTIVA Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU e del Modulo ODU remoti. Verificare il corretto funzionamento del Modulo ODU locale. Verificare la qualit del collegamento radio. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Sostituire il modulo IDU. Sostituire il modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Verificare il corretto collegamento tra il modulo IDU e lapparato multiplex. Verificare che gli apparati lato radio siano allineati.

ALN

Mancanza allineamento trama servizi da radio Sovrascrittura memoria elastica primaria da radio Sovrascrittura memoria elastica secondaria da radio Mancanza segnale demodulatore servizi da radio Mancanza segnale modulatore servizi verso radio Mancanza segnale uscita cavo verso Modulo ODU Sovraccarico telealimentatore verso ODU Assenza dati da multiplex su canale ausiliario 64 Kb/s Ricezione AIS da multiplex su canale ausiliario 64 Kb/s

STR1

STR2

DEMS

MODS ALTXIF TL

T64 AIS64T

11---11

149---0899/00I

TAB. 11.2 --- SECONDO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI IDU (3/3)
INDICAZ. VISIVA STR16 STR64 AIS64R ALLNREM ADREM SIGNIFICATO ALLARME OPERAZIONE CORRETTIVA

Sovrascrittura memoria elastica Sostituire nellordine MUX remoto, IDU recanale ausiliario 16 Kb/s (C.d.S.) moto, IDU locale. Sovrascrittura memoria elastica canale ausiliario 64 Kb/s Sostituire nellordine MUX remoto, IDU remoto, IDU locale.

Ricezione AIS da radio su canale Verificare che gli apparati lato radio siano alliausiliario 64 Kb/s neati. Mancanza allineamento apparato Sostituire la IDU locale remoto Assenza dati da multiplex su apparato remoto Sostituire la IDU locale

BRIDGE SNMP

Errore interno Piastra Chip-Brid- Sostituire Piastra Chip-Bridge. Eventualmente ge sostituire la IDU locale. Errore interno Piastra SNMP Sostituire Piastra SNMP. Eventualmente sostituire la IDU locale.

11---12

149---0899/00I

TAB. 11.2 --- SECONDO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua) ALLARMI INTERFACCIA ODU
TXPLL RXIDU Mancanza segnale modulatore servizi verso IDU Mancanza segnale demodulatore servizi da IDU Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Sostituire il Modulo ODU. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU. Verificare il corretto funzionamento del Modulo IDU. Probabile guasto alla Piastra Interfaccia del Modulo ODU. Provare a sostituire il Modulo ODU ed eventualmente il Modulo IDU.

STR1

Sovrascrittura memoria elastica primaria da IDU

STR2

Sovrascrittura memoria elastica secondaria da IDU

ALN

Mancanza allineamento trama servizi da IDU

11---13

149---0899/00I

TAB. 11.2 --- SECONDO ANELLO DI MANUTENZIONE (continua)

ALLARMI SINT-FI
INDICAZ. VISIVA RXL SIGNIFICATO ALLARME Potenza ricevuta inferiore alla soglia minima OPERAZIONE CORRETTIVA Verificare la qualit del collegamento radio. Ispezionare gli allarmi CVIF, RO1 e RO2 e seguire loperazione correttiva per detti allarmi. Sostituire il Modulo ODU. Sostituire il Modulo ODU.

CVIF RO1 RO2

Sgancio Sintetizzatore converter FI Assenza livello I OL catena di ricezione

Assenza livello II OL catena di Sostituire il Modulo ODU. ricezione

ALLARMI FRONT-END
INDICAZ. VISIVA PWR PTHR SIGNIFICATO ALLARME Livello di potenza RF di uscita sotto il livello previsto Superamento soglia di potenza OPERAZIONE CORRETTIVA Sostituire il Modulo ODU (guasto Front-End). Sostituire il Modulo ODU.

11---14

149---0899/00I

APPENDICE A
INDICE DEGLI ALLEGATI ALLEGATO 1 MODULO ODU (sottogamme AN/AP) --SCHEMA FUNZIONALE

A---1/(A---2 in bianco)