Sei sulla pagina 1di 20

Radio Mater

47

01/09/2007
Radio Mater C. Post. n. 1 - 22030 Longone al Segrino (CO) Tel. 031.646000 - Segr. 031.645214 Fax 031.6490527 Capp. e fax 031.611608 Capp. preghiera 031.3355586 www.radiomater.com e-mail: info@radiomater.com Poste It. Spa Sped. in A.P. DL 353/2003 (conv. I.27/2/04 n.46) art.1, comma 2, DCB Como - Registro stampa tribunale di como n. 1/96 dell8/1/1996 Lett. in famiglia Pro Manoscritto di Radio Mater Arcellasco dErba (CO) A. 2005 Dir. Resp. Don Luigi Bianchi

Festa di Radio Mater esperienza di fede, gioia e fraternit


Abbiamo ancora tutti nel cuore lindimenticabile Festa del 3 Giugno. Tutta la cara Famiglia di Radio Mater, presente o allascolto, ha potuto sperimentare quanto la fede e la fraternit vera possano legare i cuori nella preghiera e nella gioia. E questo, o Mamma, lo dobbiamo a Te. Non pu essere semplicemente una voce che vibra nello spazio a compiere riunioni cos A Te dobbiamo tutto, o Mamma! Tu hai voluto, attraverso linvito della Chiesa, la nascita di questa radio, pur tra tante difcolt e sofferenze. Tu lhai portata avanti, pur nella nostra inesperienza, con veri miracoli anche nanziari, suscitando la generosit di tutti. Tu lhai dotata di cuori stupendi, che qui collaborano e parlano con immensi sacrici, ma con la gioia di essere apostoli ed eco del Tuo cuore di Mamma. Tu hai creato, giorno per giorno, ascoltatori che, nella fede, sentivano sbocciare la fraternit e la gioia di sentire la Chiesa in casa e di diventare, ogni giorno pi, una vera famiglia nellamore. Tu ci hai custodito perch difcolt e sopraffazioni non ci facessero scomparire e questa Tua radio potesse continuare a fare da Mamma a tanti cuori nella sofferenza, solitudine e abbandono. Tu con questa radio hai acceso tanta luce di fede nelle menti, tanto ardore damore nei cuori, tanto desiderio di vita con Te e col Tuo Ges. E, con la fedelt di ogni giorno, ci hai portato alla Festa

di questanno col cuore aperto a farTi sentire il nostro amore e ad accogliere tutto il Tuo amore di Mamma. E in tanti siamo arrivati, o Mamma, da Te. Mamma, Tu ci hai visti tutti, presenti e allascolto, ci hai visti nel cuore, e hai capito quanto Ti vogliamo bene e quanto desideriamo che Tu ci porti, ogni giorno pi, al Tuo Ges e alla Sua Chiesa. E proprio Chiesa siamo stati in quel giorno! Come Chiesa ci hai rivolti a Lui, per lodarLo, ascoltarLo, riceverLo. Abbiamo ricevuto in dono la presenza di due meravigliosi cori: della Risurrezione e del Pellegrinaggio di Rodano e del movimento Gloriosa Trinit, di Milano, che hanno gioiosamente accompagnato tutto lincontro. Al mattino abbiamo ascoltato le riessioni sulla SS. Trinit. Che gioia: la festa di Radio Mater immersa nella Festa liturgica della SS. Trinit! Ecco poi la prima processione col cuore rivolto al progetto di Dio che incominciava il Suo cammino tra gli uomini col Mistero dellAnnunciazione e dellIncarnazione. La vita divina che ci raggiunge in Cristo! E poi tante belle testimonianze che ci hanno toccato il cuore e hanno cantato il miracolo della Vita. E stata anche una grande gioia avere tra noi tante Suore. Ciascuna ha dato testimonianza di quanto bello offrire la propria vita a Ges, alla Chiesa e alle anime. Grazie, grazie di cuore, siate sempre anche voi la cara famiglia di Radio Mater. Alle ore 12 abbiamo recitato lAngelus con il Santo Padre e il caloroso applauso nale voleva esprimere la gioiosa obbedienza di tutti noi fedeli a Sua Santit. E, dopo la pausa-pranzo, ecco i nostri giovani, ragazzi e bambini a portarci nellatmosfera della Sacra Famiglia, a chiedere fede e grazia, aiuto e serenit sulle nostre famiglie e tutte le famiglie del mondo, anche con altre belle testimonianze che dicono a tutti quanto bella e graticante, pur in mezzo a tanti sacrici, una famiglia vera. Con la presenza di tanti bambini e ragazzi sul palco e la loro consacrazione a Maria, abbiamo avuto la graditissima visita del Vicario Episcopale della nostra zona di Lecco, Mons. Bruno Molinari, la sua preziosa parola, la paterna benedi-

zione, anche a nome dellArcivescovo Card. Tettamanzi, la sua cordialit con bambini e ammalati. Come dimenticare licona di quando Lei, Monsignore, inginocchiandosi ha deposto un bacio sulla piccola Sara, uno splendido angioletto sofferente, deposto e avvolto dalle braccia e dal grembo della mamma che, seduta a terra, la offriva alla Sua benedizione. Grazie di cuore, Padre caro, a nome di tutti. Come Comunit credente, abbiamo visto in Lei la presenza di Ges, il Suo amore gratuito, lalleanza fedele e ostinata di Dio. Ci venuto nel cuore poi il momento della Croce e di Cristo Risorto, che ammalati e tutti abbiamo vissuto intensamente: una croce da portare infatti, sulla quale soffrire, ce labbiamo tutti: limportante saperla vivere con Ges e offrirla a Lui. Mamma Tu sai quanto bisogno abbiamo di qualcuno che ci aiuti a donarci, perch questo il progetto per cui siamo fatti. Si svolta poi la processione con il Cristo crocisso, accompagnato dai nostri cari sofferenti. E passata in ogni settore anche la reliquia contenente il sangue di Padre Pio, portata da Luca, suo glio spirituale. Poi, con spirito di fraternit, abbiamo conosciuto alcuni collaboratori della

Comunit di Maria e conduttori di Radio Mater, ai quali abbiamo fatto sentire la riconoscenza del nostro cuore per tutti i sacrici che compiono per farci famiglia. Un grazie che abbiamo esteso poi a tutti gli organizzatori dei pullmans.

La Mamma sapr ricompensare tutti.

Ecco poi il Trionfo a Maria.


Una processione che ha portato la statua della Madonna della nostra Cappellina in mezzo a tutti, in un tripudio di fazzolettini che la salutavano, come a Fatima, e col cuore che cantava: Ave, Ave, Ave, Ave o Maria!. E tutti abbiamo avvertito i suoi occhi meravigliosi, colmi di tenerezza, che ci ssavano con amore e il Suo cuore di Mamma che ci assicurava: Coraggio, col mio Ges sono con te: e ci siamo sentiti rassicurati Confortati e rafforzati a continuare il cammino della vita con Lei, abbiamo respirato lamore, la fede, lunit, la speranza, la gioia E Lei ci ha portato al Suo

loro benedizione, ci impegniamo tutti a continuare il cammino nel cuore della S. Madre Chiesa. E, dopo le S. Comunioni, ecco la Processione Eucaristica come ultima carezza della giornata, assicurazione che Ges veramente con noi e ci ama, Lui il dono del Padre. Egli il DONO, la GRAZIA, la VITA per tutti, presente e futura. Egli ci chiama ad aver ducia, a lasciarci incontrare da Lui, ad ascoltarLo, a gioire nellincontro, ad aprirci alla presenza dello Spirito che vivica e ci apre a nuovi orizzonti per credere, conoscere, cambiar vita e rinati metterci al Suo seguito. E la Sua Benedizione Eucaristica ha suggellato questa giornata incisa indelebilmente nel cuore, dandoci la gioia di un ritorno che non niva una bella realt, ma la continuava con tutta la vita di Radio Mater nei nostri cuori e nelle nostre case. Era il signicato profondo di quellArrivederci che abbiamo cantato tutti insieme, come appuntamento di vita. Grazie Ges Grazie Trinit SS. Grazie Mamma Grazie Chiesa per una giornata vissuta cos. Siate sempre con noi ad aiutarci nel cammino della vita assieme a quella meravigliosa famiglia che per tutti Radio Mater.

Ges: alla S. Messa, concelebrata da tanti Sacerdoti che donano il loro servizio anche in Radio Mater. A loro va la gratitudine del nostro cuore per il bene che compiono in mezzo a noi. Anche i telegrammi del Papa e del nostro Arcivescovo ci hanno fatto sentire quanto prezioso lapostolato radiofonico che insieme portiamo avanti e, con la

Grazie a tutti

Don Mario

La Voce e il Cuore della Chiesa


Il timbro ecclesiale sulla Festa di Radio Mater dato anche dai paterni telegrammi del Santo Padre e del nostro Arcivescovo Card. Tettamanzi, che tanta gioia liale hanno portato al nostro cuore. Eccoli:

Occasione annuale festa di Radio Mater sommo Pontece rivolge suo pensiero at codesta importante opera pastorale at servizio del Vangelo e della Chiesa e mentre invoca celeste protezione Vergine Maria volentieri imparte at lei collaboratori et ascoltatori tutti implorata Benedizione Apostolica
Cardinale Tarcisio Bertone Segretario di Stato

Reverendo Don Mario Galbiati, la ringrazio della sua lettera del 10 maggio scorso e, nel giorno della Festa di Radio Mater, mi unisco alla vostra gioia e alle vostre preghiere perch il cuore materno di Maria guidi sempre il nostro cammino di crescita nella fede, nella speranza, nella carit. A tutti auguro pace e serenit nel Signore e per tutti imploro la Sua benedizione Con affetto
+ Dionigi Tettamanzi Arcivescovo

Questi scritti li sentiamo anche come ducioso incoraggiamento a proseguire nella difcile missione radiofonica e di accoglienza spirituale, che tanti sacrici chiedono a tanti cuori generosi, che amano veramente essere al solo servizio del bene. Grazie di cuore, Santo Padre Grazie di cuore, Eminenza Vi sentiamo vicini con la Vostra paternit e la Vostra preghiera, soprattutto nei momenti pi costosi del nostro cammino. Ed bello ricordare anche lintervento del nostro Vicario Episcopale Mons. Bruno Molinari alla Festa di Radio Mater, per continuare il dialogo damore di quel giorno, come tra padre e gli.

Esortazione di Mons. Molinari durante la F esta


Carissimi sorelle e fratelli, saluto cordialmente e fraternamente voi tutti. E specialmente Don Mario che ringrazio di cuore per avermi invitato a questa bella festa di radio Mater. Anche questanno non ho potuto e non ho voluto mancare a questo appuntamento - con voi che siete qui radunati in questo luogo nella preghiera e nella gioia della comunione - ma anche con tutti coloro che sono in ascolto alla radio e, particolarmente fra loro, gli ammalati, gli anziani, coloro che portano qualche ferita nel cuore, le persone sole che hanno come unica e provvidenziale compagnia proprio Radio Mater. Sento il bisogno di ringraziare tutti coloro che, a nome del Signore e della Madonna attraverso la radio fanno del bene, danno consolazione e speranza, mantengono viva la fede e la devozione, aiutano e sostengono la preghiera di molti fratelli, insegnano con semplicit a darsi di Dio e ad accogliere docilmente e lietamente la Sua volont, cos come ha fatto Maria. Il nostro Arcivescovo - che abbiamo festeggiato in Duomo per il suo 50 anniversario di sacerdozio e che oggi ha incontrato migliaia di cresimandi allo stadio di Milano - nel percorso pastorale della diocesi Ambrosiana, ci ha parlato questanno della famiglia come luogo in cui lAmore di Dio pu trovare casa. E ci ha indicato la gura luminosa di Maria Santissima come colei - che ci aiuta a incontrare lamore di Dio proprio nellesperienza della famiglia (pensiamo alla casa di Nazaret, a Betlemme, alla Visitazione) - che ci d lesempio di come si ascolta il Signore e come si obbedisce alla Sua Parola (pensiamo allAnnunciazione e alla beatitudine espressa da Ges proprio in relazione a Sua Madre) - che presenta a Suo Figlio le nostre necessit e le nostre povert (pensiamo alle nozze di Cana, dove la Madonna intuisce con lintelligenza della carit i veri bisogni della famiglia). Ecco, allora noi possiamo imparare da Maria, che nostro modello e nostra Ausiliatrice, a dire con tutte le nostre forze, con il cuore e con la ragione, con tutto noi stessi insomma, il s della fede, anche quando ci fa passare attraverso la Croce, attraverso la fatica a comprendere i suoi misteriosi disegni. Anzi, come ci ha ripetuto pi volte papa Benedetto XVI, Maria ci insegna e ci aiuta a collocare gioiosamente il piccolo s della nostra esistenza e della nostra vocazione cristiana, dentro il grande s che Ges ha pronunciato e offerto al Padre, da Betlemme

al calvario, dentro lumile ma prezioso s che Lei stessa ha espresso al Signore, dentro il grande s che la Chiesa rinnova ogni giorno portando il Vangelo in tutto il mondo e celebrando leucaristia su ogni altare. E, per concludere, vorrei consegnarvi alcune intenzioni di preghiera che ci debbono stare molto a cuore e che non dovrebbero mai mancare nel nostro quotidiano colloquio con Dio. La prima intenzione riguarda proprio il s coraggioso delle vocazioni, oggi reso quanto mai difcile da un clima di egoismo, di supercialit, di relativismo, di materialismo, di paura a donarsi per sempre: - la vocazione santa del matrimonio che fa nascere la famiglia cristiana come sacramento - e poi le vocazioni di speciale consacrazione al Signore: nel sacerdozio, nella vita religiosa maschile e femminile, nella vita missionaria, nel diaconato - ma anche la vocazione meno conosciuta eppure tanto feconda di bene negli istituti secolari di consacrazione al Signore nella vita laicale. Preghiamo perch tutte le diverse e complementari vocazioni siano una manifestazione dellunico amore di Dio. E tutte siano radicate e fondate proprio in questo amore che la santissima Trinit ci insegna e ci dona. Finch non si scopre questo amore originale, non si ha la forza delle scelte e delle decisioni coraggiose e denitive che la vocazione cristiana esige Una seconda intenzione vorrei afdare alla vostra preghiera. Dallanno scorso nella nostra Diocesi, ma anche altrove stanno nascendo forme nuove di cura pastorale: sono le Comunit Pastorali. E il tentativo di far camminare insieme, in uno spirito evangelico di comunione e di missione, due-tre o pi parrocchie vicine, sullo stesso territorio. E questo avviene un po per rispondere alla sempre pi evidente carenza numerica di sacerdoti, ma anche per affrontare meglio la sda di un mondo che sta cambiando tanto velocemente. Non facile, ci sono ostacoli, difcolt, obiezioni, timori, abitudini antiche, che frenano questo cammino di unit.

E necessaria una conversione spirituale e pastorale sia dei sacerdoti, sia dei Consigli Pastorali, sia dei collaboratori e dei fedeli tutti nelle parrocchie. Penso che la preghiera possa spianare un po questo cammino, e possa far sentire a tutti che imparare pian piano a lavorare insieme gi testimonianza di vangelo e di carit. Dunque non manchi questa intenzione nella vostra orazione. E inne vi do un terzo motivo di preghiera: riguarda quella che oggi possiamo veramente chiamare emergenza educativa. Tutti sentiamo le notizie di fatti inquietanti o addirittura drammatici che coinvolgono i giovani, gli adolescenti, i ragazzi, i bambini, nella famiglia, nella scuola, persino negli ambienti educativi delle nostre comunit cristiane. Tutti vediamo come si fatto sempre pi difcile educare al bene, al vero, al giusto, al bello, perch nella confusione e nel disorientamento morale del nostro tempo mancano punti di riferimento, manca la chiarezza di valori grandi e assoluti, manca la forza delleducare soprattutto con lesempio coerente e credibile. E davvero una emergenza educativa, ma ha radici in una pi estesa e preoccupante emergenza del vivere sociale in una perdita generalizzata di valori, di fede e di speranza. La nostra preghiera invochi la luce e la sapienza dello Spirito Santo che riesca a orientare i cuori verso lo splendore della verit. Prima di concludere con la benedizione, vorrei salutare ancora tutti voi: tutti coloro che ascoltano per radio, tutti coloro che mi conoscono personalmente, ma in modo tutto speciale le persone che fanno parte delle 182 parrocchie della zona pastorale di Lecco: i sacerdoti e i loro collaboratori. Vi porto tutti davanti al Signore nella preghiera chiedendo per voi i doni tanto necessari della speranza e della pazienza.

Grazie anche a Lei, Mons. Molinari ci tenga sempre nel suo cuore e nella sua preghiera e venga ancora a trovarci: La aspettiamo! Sono arrivati poi per la Festa altri scritti di Vescovi, Sacerdoti e Religiosi. Ringraziamo sentitamente ciascuno di loro, sentendo la loro amicizia fraterna e la loro vicinanza come gioia e incoraggiamento a proseguire questo Progetto di Maria qui e avvertendo nel cuore quanto sia con noi la Mamma per portarci al Suo Ges e farci sempre pi Chiesa.

GRUPPI DI AMIC
COMO INFERMIERE DELLADDOLORATA

BRUGHERIO

AREZZO

BRESCIA E PROVINCIA

CI ALLA FESTA
CARNATE E LIMITROFI

VILLA CORTESE

PISTOIA

SONDRIO

BERGAMO GEMMA

BERGAMO MARGHERITA

TORINO

COLNAGO

LA SPEZIA

CREMONA

CASATENOVO

LANCIANO

MILANO

LUCCA

LISSONE

PAVIA DORNO VIGEVANO CASSONOVO CERANO

MANERBIO

TIRANO PISA E DINTORNI

LODI

SOVICO

ORTA S. GIULIO VERBANIA OMEGNA ROMA

SEGRATE

PRATO

SIENA

Alcuni dei volontari che, con tanto amore, hanno preparato la Festa

Settembre!
Continuiamo e riprendiamo tutti a servire la Mamma
Con coloro che, in Radio Mater, non hanno mai smesso di servire anche nel caldo dellestate, accogliamo con amore e gratitudine i nostri cari collaboratori che riprendono il loro posto, dopo un po di giusto respiro. Quindi il palinsesto di Radio Mater si ricompleta e si arricchisce di altre voci e di altri cuori, che certo la Mamma sceglie e chiama per essere, tutti insieme, eco del Suo cuore materno. Ringraziamo tutti e ciascuno di cuore, lasciando a Lei la giusta ricompensa. Tutti noi, collaboratori e conduttori, ascoltatori e benefattori, stringiamoci ancora pi insieme per fare - della Comunit di Maria - della Cappellina di Maria

- di Radio Mater i mezzi per diventare, in questo nuovo anno radiofonico e spirituale: - veri gli di Maria - santi come Lei - apostoli e discepoli del Suo Ges e della Sua Chiesa. Lei ci formi Lei ci sostenga Lei parli e agisca in noi per il bene di tutti. Grazie Mamma! Tu con noi e noi con Te! Sempre! E la tua Benedizione accompagni lopera di tutti i conduttori e collaboratori. Anche voi, cari sofferenti, cos preziosi al CUORE DI GES, aiutateci ad essere tutti leco del CUORE DELLA MAMMA.

Grazie!

COME A I U TA R E RADIO MATER C.F.: 91006500135


POSTA - C/C n 19311224
Radio Mater - Casella Postale n.1 - 22030 Longone al Segrino (Co)

CIN: V - ABI: 01025 / CAB: 51270 / CONTO: 8131 Coordinate nazionali: V 01025 51270 100000008131 Coordinate internazionali (versamenti dallestero): IBAN IT74 V010 2551 2701 0000 0008 131 - BIC IBSPITTM Gli sportelli dellIstituto S. Paolo non addebitano commissioni o spese RECAPITO per Banca e Posta Radio Mater - Casella Postale n.1 - 22030 Longone al Segrino (Co)

BANCA: Ist. Bancario S. Paolo Imi - Erba (Co)

COME
NEL MONDO

A S C O LTA R E
Posizione: 13 est - Ricevitore: Digitale standard - DVB - (MPEG2) Trasponder: 60 - Frequenza: 11,91928 Ghz Polarizzazione: verticale - FEC: 2/3 - S/R: 27500 KB/s Antenna parabolica consigliata: diametro non inferiore a 80 cm. LNB: universale

IN EUROPA, VIA SATELLITE: SATELLITE Hot Bird 2

IN INTERNET: www.radiomater.com si pu ascoltare la radio posta e.mail: info@radiomater.com

COME

TELEFONARE

TELEFONI: Diretta radio: 031 64.60.00


Segreteria Radio: 031 64.52.14 (13,30-15,30) - Fax: 031 64.90.527 Segreteria Cappellina e fax: 031 61.16.08 (09,30-11,30/13,30-15,30) Per pregare con Cappellina: 031 33.55.586 Per ricevere il giornalino telefonare a Nico e Alessandra: 0322 90.58.21

Segnalazione guasti:
Sig. Giuseppe Petrilli 335 36.05.76

COME
Via Marconi, 85 di fronte Parrocchia SS. Apostoli Pietro e Paolo

ARRIVARE
...con i SERVIZI PUBBLICI
FERROVIA Milano-Erba-Asso (F.N.M.) AUTOLINEA Como - Asso (F.N.M.) AUTOLINEA Como - Lecco (S.P.T.)

...alla RADIO ARCELLASCO DERBA (CO)

...e alla CAPPELLINA DI MARIA

Via Valassina, 29 - Arcellasco dErba (Co) Strada per Longone al Segrino, Canzo, Asso

Informativa ai sensi dellart.13 d. 196/2003. I Suoi dati sono trattati con modalit automatizzate da Associazione Radio Mater. Per il predetto fine, i Suoi dati sono trattati dalle seguenti categorie di incaricati: adetti allimbustamento e confezionamento mailing, elaborazione dati alla stampa delle lettere personalizzate e al data entry. Ai sensi dellart.7, d.igs 196/2003. Lei potr esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, cancellare i Suoi dati od opporsi al loro utilizzo scrivendo al titolare del trattamento (o al Responsabile).

Stampa INGRAF Industria grafica s.r.l. - Milano

ad essere Chiesa in casa!... a vivere e, possibilmente, ad espandersi... per essere Famiglia che tutti abbraccia... conforta... porta a Ges...

con le Tue OFFERTE aiuti RADIO MATER