Sei sulla pagina 1di 11

TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE esercizi risolti Classi quarte L.S.

In questa dispensa verr riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti l'applicazione del primo principio della termodinamica, per il calcolo del lavoro prodotto in un ciclo ed il rendimento reale/ideale di una macchina termica. Riprendiamo alcuni concetti utili.
STATO TERMODINAMICO : Maniera di presentarsi di un qualsiasi sistema termodinamico relativamente alle tre variabili termodinamiche macroscopiche P , V , T , le quali sono correlate ad un preciso stato

microscopico del gas (collegato alle propriet cinematiche delle sue particelle, ossia alle posizioni e alle velocit delle molecole). Sul piano di Clapeyron (V,P) denotato da un punto.

ENERGIA INTERNA U : Viene denita come somma delle varie forme di energia che il sistema possiede. Se il sistema particellare, come un gas perfetto, l'energia U denita dalla relazione:
N

U=
i=1

Ei

dove Ei l'ammontare di energia della iesima particella ed N il numero totale di particelle del gas. E' ovvio che l'energia interna collegata allo stato termodinamico, per cui, come vedremo, U sar sempre collegato ad una variazione dello stato stesso. In tal senso si dice che U una funzione di stato. Nell'ipotesi che il gas segua la teoria cinetica, l'energia associata a ciascuna particella puramente cinetica e quindi l'energia interna funzione della sola temperatura (ricordare la relazione di Boltzmann fra l'energia cinetica media delle particelle e la temperatura assoluta). In tal caso U T . L'energia interna si pu anche considerare una sorta di serbatoio energetico per il gas: la sua variazione sar quindi dovuta ad un travaso di energia dall'ambiente a sistema, oppure ad una fuoriuscita di energia dal sistema all'ambiente (vedremo, sottoforma sia di calore acquisito/ceduto che di lavoro fatto sul/dal sistema)
TRASFORMAZIONE TERMODINAMICA : Ogni processo o fenomeno che comporta una variazione dello stato termodinamico. Avviene sempre tra uno stato iniziale S0 ed uno nale Sf . Essa pu avvenire

in vari modi:

a) trasformazione IDEALE o QUASISTATICA, quando la variazione dello stato avviene cos lentamente da far passare il sistema attraverso stati contigui di equilibrio, dando cio tempo al gas di abituarsi via via alla nuova condizione. In tal caso si parla anche di trasformazione REVERSIBILE, perch mediante una trasformazione INVERSA possiamo ripristinare, a partire da Sf , lo stato iniziale S0 . Sul piano di Clapeyron (V,P) denotata da un qualsiasi tratto di curva continua. b) trasformazione REALE o IRREVERSIBILE: quella che avviene in modo repentino o violento, non passando attraverso stati contigui di equilibrio e quindi non essendo per essa possibile eseguire una trasformazione inversa che ritorni allo stato iniziale. Sul piano di Clapeyron (V,P) denotata da una linea a zig-zag. c) trasformazione CICLICA, quando lo stato nale coincide con quello iniziale. Essa per forza di cose la successione di almeno due trasformazioni in sequenza. Sul piano di Clapeyron (V,P) denotata da una qualsiasi curva chiusa.
PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA : Relazione che esprime la variazione dell'energia interna

in funzione dei fenomeni che la provocano. Tale principio postula che, ai ni della variazione dell'energia interna di un sistema termodinamico, sono equivalenti l'azione del calore Q (che pu essere fornito o sottratto al sistema) o la produzione di lavoro L (fatto dal sistema o prodotto sul sistema). Convenzionalmente, al calore fornito si d segno positivo mentre a quello sottratto si attribuisce segno negativo. Per il lavoro, quello compiuto SUL sistema ha segno positivo, mentre quello fatto DAL sistema assume segno negativo. Matematicamente, il primo principio assume la formulazione:
U = Q L

In generale, quindi, lo scambio di calore o la produzione di lavoro sono sempre correlati in maniera equivalente alla variazione dell'energia interna del sistema.
TRASFORMAZIONE ISOBARA : Trasformazione dello stato di un gas che avviene senza variazione della

pressione a cui soggetto il gas stesso (es. variazione della temperatura e quindi del volume di un gas entro cilindro con pistone mobile che esercita sul gas sempre la stessa pressione). Il legame a pressione costante, tra V e T espressa dalla prima legge di Gay-Lussac che bene scrivere nella forma:
V = cost T

ove V il volume del gas perfetto e T la temperatura rigorosamente espressa in gradi Kelvin. Sul piano di Clapeyron (V, P ) denotata da un segmento orizzontale. Una siatta trasformazione sempre associata alla produzione di lavoro L, dovuta alla variazione di volume V :
L = P V

Il calore Q scambiato tra sistema ed ambiente proporzionale alla variazione di temperatura, tramite la relazione:
Q = n CMP T

ove n il numero di moli del gas, CMP la capacit termica molare a pressione costante (prodotto della massa molare del gas e del calore specico cP a pressione costante del gas stesso). In una trasformazione isobara, la variazione di energia interna quindi ascrivibile sia al calore che al lavoro. Ci signica, per esempio che se si riscalda un gas a pressione costante, l'energia immessa (sottoforma di calore Q) parte va ad aumentare l'energia interna (e quindi la T del gas) e parte serve per la produzione di lavoro da parte del gas, dovuto alla sua espansione.
TRASFORMAZIONE ISOCORA : Trasformazione dello stato di un gas che avviene senza variazione del

volume (es. variazione della temperatura e quindi della pressione di un gas entro cilindro con pistone bloccato). Il legame a volume costante, tra T e P espressa dalla seconda legge di Gay-Lussac che bene scrivere nella forma:
P = cost T

ove P la pressione del gas perfetto e T la temperatura rigorosamente espressa in gradi Kelvin. Sul piano di Clapeyron (V, P ) denotata da un segmento verticale. Una siatta trasformazione non mai associata alla produzione di lavoro L, visto che la variazione di volume V nulla, per cui L = 0. Il calore Q scambiato tra sistema ed ambiente proporzionale alla variazione di temperatura, tramite la relazione:
Q = n CMV T

ove n il numero di moli del gas, CMV la capacit termica molare a volume costante (prodotto della massa molare del gas e del calore specico cV a volume costante del gas stesso). In una trasformazione isocora, la variazione di energia interna quindi ascrivibile solo al calore. Ci signica, per esempio che se si riscalda un gas a volume costante, l'energia immessa (sottoforma di calore Q) va totalmente ad aumentare l'energia interna (e quindi la T del gas). Di conseguenza, una stessa quantit di energia Q comunicata al medesimo gas in maniera nel primo caso isobara e nel secondo isocora, produce un maggior incremento di T nel sistema a cui il calore stato fornito a volume costante, per cui TV > TP . Dunque, se Q = n CMV TV = n CMP TP signica che CMP > CMP ed anzi, si pu dimostrare che:
CMP CMV = R

relazione questa, detta relazione di Mayer.

TRASFORMAZIONE ISOTERMA :Trasformazione che avviene mantenendo costante la temperatura del

gas, producendo quindi una variazione di pressione in seguito ad una varazione di volume o viceversa.E' espressa dalla legge di Boyle-Mariotte :
P V = K P0 V0 = P1 V1 = ...

Sul piano di Clapeyron (V, P ) denotata da un ramo di iperbole equilatera. Una siatta trasformazione sempre associata alla produzione di lavoro L, dovuta alla variazione di volume V . Si pu dimostrare che il lavoro prodotto nella trasformazione isoterma alla temperatura T tra due stati rispettivamente a V0 e Vf vale:
L = n R T ln Vf V0

Se in tale trasformazione non si ha una variazione di temperatura, ci attendiamo che non si abbia nemmeno una variazione di energia interna, per cui, se U = 0 allora Q = L, cio il calore scambiato pari al lavoro prodotto.
TRASFORMAZIONE ADIABATICA : Trasformazione termodinamica che avviene senza che intervengano scambi di calore fra il sistema e l'ambiente, quindi a Q = 0. La legge che regola una trasf. adiabatica

la relazione di Poisson : Il coeciente vale:

P0 V0 = P1 V1 = ... = Pf Vf = cost = CMP CMV

ed uguale per gas della stessa specie (mono-,bi-,tri-atomici). Altre forme della legge di Poisson sono:
T V 1 = cost, T P
1

= cost

Sul piano di Clapeyron (V, P ) denotata da un ramo di curva esponenziale a pendenza maggiore di un'isoterma. Se in una adiabatica non possono avvenire scambi di calore, si ha produzione di lavoro solamente a spese dell'energia interna, quindi:
L = U = n CMV T

Si ha dunque una trasformazione adiabatica quando un gas produce lavoro per esempio per espansione, rareddandosi e non riversando nell'ambiente l'energia interna perduta.
MACCHINA TERMICA E' un qualsiasi dispositivo che ha la funzione di convertire il calore Q2 prelevato da una sorgente a temperatura T2 in lavoro L, riversando l'energia rimasta Q1 ad una sorgente pi fredda a T1 < T2 . Una macchina lavora grazie ad un uido termodinamico, idealmente un gas

perfetto, a cui viene fatta compiere una trasformazione ciclica (successione di trasformazioni ideali). E' ovvio che L = Q2 Q1 . Importante il concetto di rendimento , espresso come rapporto fra lavoro prodotto e calore usato per alimentare la sorgente calda:
= Lprod Qass

Il teorema di Carnot prevede che ci sia sempre un limite superiore al rendimento di una macchina termica reale r che lavora tra due temperature di riferimento T1 e T2 : detto limite corrisponde al rendimento C di una macchina di Carnot ideale che lavora fra le stesse due temperature (dette di esercizio):
r = 1 Q1 T1 < C = 1 <1 Q2 T2

STUDIO DI UNA TRASFORMAZIONE ADIABATICA


1
2 litri di un gas monoatomico ( = 1, 66) si trovano in condizioni normali di pressione e temperatura. In seguito ad una dilatazione adiabatica, arrivano ad occupare un volume nale di 2, 8 litri. Calcolare i valori nali di P e T ed il lavoro fatto dal gas nell'espansione, sapendo che la sua capacit termica CMV vale 12, 45 J/mK e che il gas composto da 3 moli.

Secondo la legge di Poisson P V = cost, uguagliando i prodotti fra stato iniziale e stato nale, abbiamo:
P0 V0 = Pf 0Vf Pf = P0 V0 Vf

sostituendo i valori (che possiamo anche fare a meno di convertire in unit del S.I.), abbiamo:
Pf = 1 2 2, 8
1,66

0, 57 Atm

Per calcolare il valore di Tf , usiamo la seconda forma dell'equazione di Poisson, ossia:


T0 V0 1 = Tf Vf 1 = Tf = T0 V0 Vf
1

In tal caso:

2 = 273 0, 80 2, 8 Per calcolare il lavoro, usiamo la formula: L = n CMV T : Tf = 273, 16

1,661

218, 77

L = 3 12, 45 (218, 77 273, 16) = 37, 35 (54, 39) = 2031, 47 J

Come si vede, si tratta di un lavoro positivo, quindi fatto dal gas verso l'esterno a causa della sua dilatazione.

2
Un gas biatomico, inizialmente a pressione atmosferica e volume V0 = 5 l compresso adiabaticamente sino a raggiungere una pressione nale di Pf = 1, 13 Atm. Calcola il volume occupato alla ne della trasformazione ( = 1, 4)
Usando l'equazione di Poisson, si ha:
P0 V0 = Pf 0Vf V0 Vf

Pf P0

Prendiamo ora i logaritmi di entrambi i membri:


ln V0 Vf

= ln

Pf P0

Per le note propriet dei logaritmi, si ha:


V0 Vf Pf P0 Pf P0 ln V0 ln = ln Vf = Pf P0

ln

= ln

ln V0 ln Vf = ln

Inserendo i valori numerici:


1, 4 ln 5 ln ln Vf = 1, 4

1, 13 1

1, 522

Ora, se ln Vf = 1, 522, esponenziando in base e si ha, per la nota relazione fra esponenziale e logaritmo della stessa base:
eln Vf = e1,522 Vf = e1,522 4, 58 l

STUDIO DI UNA TRASFORMAZIONE ISOTERMA


3
Due moli di gas perfetto sono compresse isotermicamente alla temperatura T0 = 15C . La pressione varia da 0, 8 a 1, 6 atmosfere. Calcola il lavoro per eettuare tale trasformazione
Come noto, il lavoro prodotto in una trasformazione isoterma vale:
L = nRT0 ln Vf V0

Il rapporto Vf /V0 si dice rapporto di compressione K . Se a temperatura costante Pf /P0 vale 2, signica che il gas ha un rapporto di compressione pari a 1/2. Dunque, osservando che 15 C sono 15 + 273, 16 = 288, 16 K :
L = 2 8, 314 288, 16 ln(1/2) 3321, 23 J

Si tratta di un lavoro negativo, dovuto alla compressione del gas, quindi eseguito sul gas stesso dall'esterno.

4
Calcolare il numero di moli di un gas che a temperatura costante di T0 = 350K compresso sino a raggiungere il 35% del volume iniziale attraverso un lavoro esterno pari a L = 6 KJ
Il rapporto di compressione isoterma K vale quindi 0, 35, per cui, ricordando la formula del lavoro per una trafs.isoterma, possiamo dire che:
L = nRT0 ln K n = L RT0 ln K

Dunque:
n=

6.000 6.000 = 8, 314 350 ln 0, 35 8, 314 350 (1, 05)

1, 964 moli

5
Una mole di gas occupa inizialmente un volume V0 = 8 l e compie una trasformazione isoterma alla temperatura costante di T0 = 300 K , producendo un lavoro di 150 J . Quale il volume nale del gas?
Ricordando l'espressione del lavoro per una trasf.isoterma, possiamo scrivere che:
L = nRT0 ln K

essendo K il rapporto di compressione. Da questa formula troviamo K come segue:


L L nRT 0 K=e ln K = nRT0

Nel nostro caso:

15 K = e 1 8, 314 300 = e0,06

1, 061

Per cui, se

Vf = 1, 061 si ha che V0

Vf = V0 1, 061

8.5 l

STUDIO DI TRASFORMAZIONI ISOCORE ED ISOBARE


6
Un gas che, sottoposto alla pressione costante di P0 = 1 Atm subisce una dilatazione V = 1 l. Quale il lavoro compiuto dal gas?
La trasformazione ovviamente isobara. Ricordando che per una trasformazione isobara si ha:
L = P0 V 1 103 m3 , P0 = 1, 013 105 P a. Quindi:

Se si vuole il lavoro in Joule, pressioni e volumi vanno convertiti in unit del S.I. Si ha che V =
L = P0 V = 1, 013 105 1 103 = 101, 3 J

7
Se vengono compiuti 20 KJ di lavoro su un gas comprimendolo isobaricamente del 10%, a che pressione si trova il gas?
Una compressione del 10% corrisponde ad una variazione di volume pari a
V = 100 10 = 1/9 = 0, 11 m3 100

Se poi L = P0 V , ricordando che il lavoro fatto sul sistema assume segno negativo, abbiamo:
P0 = L 20.000 = = 181818, 2 P a V 0, 11 1, 8 Atm

8
8 moli di elio, contenuti entro una bombola a tenuta stagna vengono riscaldati a volume costante, subendo un incremento di temperatura pari a T = 100 C . Quanto vale la capacit termica molare dell'elio se il riscaldamento stato prodotto da una sorgente di calore con potenza K = 17W con t = 10 minuti di funzionamento?
Il lavoro prodotto dalla sorgente vale ovviamente L = K t = 17 10 60 = 10.200 J . Tale lavoro equivale al calore immesso nel sistema, che causa, a volume costante, solamente l'aumento della temperatura. Visto che :
Q = n CMV T

allora:
CMV =

Q 10.200 = = 12, 75 J/mK n T 8 100

9
n = 1, 5 moli di azoto vengono riscaldate innalzando la temperatura del gas da T0 = 8C a Tf = 122C . Sapendo che la capacit termica molare a pressione costante vale CMP = 29, 12 J/mK , calcola il calore che deve essere fornito al gas nel caso in cui il riscaldamento avvenga a pressione costante e a volume costante.

Sappiamo che sussiste dierenza nella risposta di un gas perfetto riscaldato a volume o a pressione costante. Per avere la stessa variazione di temperatura sappiamo che necessario fornire maggior calore se il processo avviene a pressione costante, perch parte di tale calore disperso a causa del lavoro compiuto dal gas per espandersi, cosa che non accade se V = 0. Le formule Q = n CM T si particolareggiano per i due casi distinguendo CMV da CMP . Ricordando la relazione di Mayer:
CMP CMV = R

per cui CMV = 29, 12 8, 314 = 20, 81 J/mK . A pressione costante:


QP = n CMP T = 1, 5 29, 12 (122 8) = 4, 979 KJ

A volume costante:
QV = n CMV T = 1, 5 20, 81 (122 8) = 3, 558 KJ

CALCOLO DI RENDIMENTI
10
Un motore termico reale assorbe Q2 = 200 Kcal da una sorgente di calore e cede Q1 = 135 KCal al uido di rareddamento, a temperatura T1 = 270 K . Calcola il rendimento reale e la minima temperatura che dovrebbe avere la sorgente calda anch il rendimento uguali quello che corrisponde ad una macchina di Carnot che lavora alle stesse temperature
Per denizione di rendimento reale si ha:
r = 1 Q1 135 =1 = 0, 325 = 32, 5% Q2 200

Ricordando il rendimento ideale di un ciclo di Carnot che lavori fra le stesse temperature di esercizio, si ha:
C = 1 T1 T2

Uguagliando i due rendimenti:


r = C = 0, 325 = 1 T1 270 270 0, 325 = 1 0, 325 T2 = T2 270 T2 = = 400 K T2 T2 1 0, 325

11
Una macchina di Carnot eroga una potenza di 4000 W assorbendo 8 KCal dalla sorgente calda ogni t = 3 s di funzionamento. Quale il suo rendimento?
Ovviamente, anche per una macchina ideale il rendimento sar dato dal rapporto = , per cui, Q ricordando la denizione di potenza W :
W = Q = 8 4186 = 33.488 J . Quindi: L L = W T T L

Nel nostro caso il lavoro vale L = 4000 3 = 12000 J . Del resto, il calore utilizzato, in Joule, vale:
= 12000 = 0, 36 = 36% 33.488

STUDIO DI UN CICLO TERMODINAMICO


12
n = 10 moli di Argon (CMP = 20, 79 J/mK ) subiscono una trasformazione ciclica ABCA composta dall'isoterma AB a TA = 300 K che parte dal valore PA = 104 P a, dall'isobara BC a pressione PB = 5 103 P a e dall'isocora CA al volume VC = 2, 5 m3 . Calcolare le quantit di calore scambiate nelle varie fasi ed il lavoro totale prodotto nel ciclo.

Distinguiamo le tre trasformazioni in sequenza: 7

1. Espansione isoterma AB . Il gas si espande a temperatura costante. Per la prima legge della termod., a temperatura costante, non si ha variazione di energia interna, quindi il calore scambiato equivale al lavoro fatto dal sistema a causa dell'espansione. Tale calore ovviamente acquisito dall'esterno, per permettere al gas di espandersi, dunque sar positivo. Quantitativamente, si ha:
LAB = nRTA ln VB VA

Il volume iniziale, visto che la trasformazione ciclica, equivale al volume costante dell'ultima isocora, per cui VA = VC = 2, 5 m3 . Calcoliamo il volume VB con la legge di Boyle:
PA V A = PB V B V B = PA V A 104 2, 5 = 5 m3 = PB 5 103 5 2, 5

Il lavoro sar allora:


LAB = 10 8, 314 300 ln = 17.288, 5 J = QAB

2. Contrazione isobara BC . Il gas ora si contrae subendo un rareddamento, dimezzando il proprio volume, per cui il lavoro ora fatto sul sistema e sar pertanto negativo. Essendo una trasformazione isobara, sar:
LBC = PB V = 5 103 (2, 5) = 12.500 J.

Allo scopo di valutare il calore scambiato, troviamo la variazione di temperatura. Usiamo la prima legge di Gay-Lussac:
VC TB VC 300 2, 5 VB = 150 K = TC = TC = TB TC VB 5

Si ha quindi che T = 150 K . Calcoliamo il calore:


QBC = n CMP T = 10 20, 79 (150) = 31.185 J

Secondo il primo principio della termod:


UBC = QBC LBC

quindi, se volessimo trovare di quanto variata l'energia interna, avremmo:


U = 31.185 (12.500) = 18.685 J

3. Compressione isocora CA. Il gas ora viene compresso a volume costante, riportandolo al valore iniziale di pressione per cui, ovviamente, il lavoro prodotto dal sistema nullo. La compressione avviene riscaldando il gas, quindi, fornendogli una certa quantit (positiva) di calore QCA . Se il gas recupera i valori iniziali di volume e pressione, deve recuperare anche il valore della temperatura, per cui TA = 300 e TCA = 150. Calcoliamo il calore, ricordando la relazione di Mayer secondo cui CMP CMV = R CMV = CMP 8, 314 = 12, 48 J/mK :
QCA = n CMV T = 10 12, 48 150 = 18.720 J

In tal caso, il riscaldamento isocoro ha prodotto solamente un'innalzamento dell'energia interna pari al calore fornito. Inne, il lavoro totale prodotto dal ciclo sar:
LT OT = LAB + LBC + LAC = 17.288, 5 12.500 + 0 = 4788, 5 J 0 QT OT = LT OT .

Verichiamo la validit del primo principio della termodinamica: se la trasformazione ciclica, U = Il calore totale scambiato vale:
QAB + QBC + QCA = 17.288, 5 31.185 + 18.720 = 4823, 5 J

che numericamente simile al lavoro totale eseguito, a meno dei valori comunque approssimati per le capacit termiche molari. 8

13
n = 15

moli di ossigeno (CMV = 20, 98 J/mK ) subiscono una trasformazione ciclica ABCA composta dall'isobara AB alla pressione PA = 105 P a che espande il volume da VA = 0, 3 m3 a VB = 0, 4 m3 , dall'isocora BC e dall'isoterma CA alla temperatura TC = TA . Calcolare le quantit di calore scambiate nelle varie fasi ed il lavoro totale prodotto nel ciclo.
Distinguiamo le tre trasformazioni in sequenza: 1. Espansione isobara AB . Il gas si espande a pressione costante. Il gas produce lavoro positivo in seguito ad un riscaldamento:
LAB = PA V = 105 (0, 4 0, 3) = 10 KJ

Dall'esterno gli deve essere fornito il calore QAB , per calcolare il quale ci serve l'incremento di temperatura T . Inizialmente, con l'equazione di stato stimiamo TA :
TA = VA PA 0, 3 105 = = 240, 56 K nR 15 8, 314

Usando la prima legge di Gay-Lussac:


TB TA VB 240, 56 0, 4 TA = TB = = = 320, 75 K VA VB VA 0, 3

Quindi: TAB = 80, 19 K . Calcoliamo il calore, osservando che CMP = CMV + R = 20, 98 + 8, 314 = 29, 37 J/mK :
QAB = n CMP TAB = 15 29, 37 80, 19 = 35.326, 2 J

2. Decompressione isocora BC . Il gas ora si contrae subendo un rareddamento a volume costante, per cui il lavoro nullo. La temperatura deve diminuire in seguito alla decompressione. Allo scopo di valutare il calore scambiato, valutiamo la variazione di temperatura. E' ovvio che TC = TA , visto che un ciclo, per cui TBC = TAB = 80, 19 K : Calcoliamo il calore:
QBC = n CMV T = 15 20, 98 (80, 19) = 25.235, 8 J

3. Compressione isoterma CA. Il gas ora viene compresso a temperatura costante, riportandolo al valore iniziale di pressione. La compressione avviene con produzione di lavoro negativo da parte del gas, per cui, ricordando il lavoro per una trasformazione isoterma:
LCA = nRTA ln VA VC = 15 8, 314 241 ln(0, 3/0, 4) 8646, 32 J

In un'isoterma, il calore pari al lavoro, quindi il gas riversa calore nell'ambiente QCA = LCA Inne, il lavoro totale prodotto dal ciclo sar:
LT OT = LAB + LBC + LAC = 10.000 + 0 8646, 32 = 1353, 68 J

Se si tratta di una trasformazione ciclica, il lavoro prodotto pari al calore scambiato. Quest'ultimo vale:
QT OT = QAB + QBC + QCA = 35.326, 2 25.235, 8 8646, 32 = 1444, 08 J

valore numericamente simile a quello del lavoro prodotto, a meno degli arrotondamenti.

14
moli di elio ( = 1, 67) subiscono una trasformazione ciclica ABCA composta dall'adiabatica AB che porta il gas da una pressione PA incognita, alla pressione PB = 9, 47 Atm partendo da un volume iniziale VA = 6 l, variando la temperatura da TA = 300K a TB = 270K , dall'isobara BC e dall'isocora CA. Calcolare il lavoro totale prodotto dal ciclo. Specicare di quanto variata l'energia interna e perch. Eettuare inne uno studio dei calori scambiati nelle varie fasi e stimare i rendimenti reali e ideali di questo ciclo. Si assuma CMV = 12, 52 J/mK .
n=3

Inizialmente, dopo aver visualizzato la trasf.sul piano di Clapeyron, ci procuriamo i valori incogniti inerenti i vari stati. 1. espansione adiabatica AB . Avviene tra i due stati le cui temperature sono note. Applichiamo l'equazione di Poisson nelle due forme T V 1 = cost e T P (1 )/ = cost per trovare i valori di PA e VB .
1 1 TA VA = TB VB

TA = K 1 TB

essendo K = VB /VA il rapporto di compressione tra i volumi. Si ha TA /TB = 1, 11. Usando le note relazioni fra esponenziali e logaritmi, si ha:
1, 11 = K 0,67 ln 1, 11 = 0, 67 ln K ln K = ln 1, 111 0, 67 0, 157

Dunque:

ln K = 0, 157 eln K = e0,157 K

1, 17

Dunque vuol dire che VB = VA 1, 17 = 7, 02 l. Per le pressioni:


TA PA P
(1 )/

= TB PB

(1 )/

TA = TB

PB PA

(1 )/

Sia H = B il rapporto di compressione tra le pressioni. Si ha TA /TB = 1, 11. Analogamente a PA quanto fatto per i volumi:
ln 1, 111 = ((1 )/ ) ln H 0, 1052 = 0, 4011 ln H ln H = 0, 26

Usando le note relazioni fra esponenziali e logaritmi, si ha:


ln H = 0, 26 eln H = e0,26 H 0, 77

Dunque vuol dire che PA = PB /0, 77 = 12, 3 Atm. Possiamo calcolare gi anche il lavoro eettuato DAL gas durante l'espansione:
LAB = n CMV T = 3 12, 52 (270 300) = 1126, 8 J

Come si vede, un lavoro positivo, quindi prodotto a spese dell'energia interna. Essendo, inne, una trasformazione adiabatica, essa si svolge senza scambi di calore, quindi di sicuro QAB = 0 J . 2. Contrazione isobara BC . Il gas si contrae dal valore VB al valore VC che per pari a VA dato che l'ultima trasformazione a volume costante. Possiamo gi calcolarci il lavoro, ricordando la formula (e convertendo le unit di misura!):
LBC = PB V = 9, 47 1, 013 105 (VC VB ) = 959.311 (6 7, 02) 103 = 978, 5 J

Per calcolarci il calore scambiato, usiamo la formula:


QBC = n CMP T

10

Ci manca lo sbalzo di temperatura. Per calcolarla, usiamo la legge isobara:


TB TC TB VC 270 6 = TC = = = 230, 77 K VB VC VB 7, 02

quindi T = 39, 23 K : come ci si attendeva, la temperatura calata, visto che il gas si ridotto di volume. Con tale dato:
QBC = 3 (12, 52 + 8, 314) (39, 23) = 2451, 95 J

un calore negativo in quanto legato ad un rareddamento. 3. riscaldamento isocoro CA. Il gas ora viene riscaldato a volume costante, dunque non si ha produzione di lavoro, ma solo comunicazione di calore QCA al gas stesso. Si ha TCA = 69, 23 K . Con tale dato:
QCA = 3 (12, 52) 69, 23 = 2600, 28 J

un calore positivo in quanto legato ad un riscaldamento. A questo punto, possiamo rispondere a tutte le domande. 1. Il lavoro totale sar dato da:
LT OT = LAB + LBC + LCA = 1126, 8 978, 5 + 0 = 148, 3 J

2. La variazione di energia intera naturalmente pari a zero, visto che si tratta di una trasformazione ciclica. Stato iniziale e nale coincidono: visto che l'energia interna dipende solo dallo stato termodinamico in cui si trova il gas, se di fatto, lo stato non varia, si avr U = 0. Nella realt ci non si realizza, perch molte delle ipotesi del problema vengono a cadere: ci sono delle dissipazioni (nei meccanismi della macchina termica che realizzerebbe tale ciclo) e soprattutto non si pu avere a che fare con uidi termodinamici ideali, ma reali, per i quali non valgono le leggi viste!. 3. Nelle varie fasi abbiamo gi calcolato i calori scambiati. Il calore netto scambiato fra gas ed ambiente (di cui fanno parte le due sorgenti, quella calda e quella fredda tra cui si svolge il ciclo) vale:
QT OT = QAB + QBC + QAC = 0 2451, 95 + 2600, 28 = 148, 33 J

Come si vede, identico al lavoro prodotto: il calore si quindi convertito totalmente in lavoro! 4. Il rendimento reale vale:
r = Lprodotto |Qass | |Qceduto | = Qassorbito |Qass |

Il calore assorbito dall'esterno quello della fase CA, per cui |Qass | = |QCA | = 2600, 28 J . Il calore ceduto all'esterno quello inerente la fase BC , quindi |Qceduto | = |QBC | = 2451, 95 J . Il rendimento vale pertanto:
|Qass | |Qceduto | 2600, 28 2451, 95 = = 0, 057 = 5, 7% |Qass | 2600, 28

Il rendimento ideale quello di un ciclo di Carnot equivalente che opera fra le stesse temperature di esercizio. Troviamo le temperature massima e minima. Sappiamo che TA = 300 K , TB = 270, TC = 230, 77 K . Dunque possiamo considerare TC = Tf redda = 230, 77 K , mentre TA = Tcalda = 300 K . Il rendimento ideale pertanto:
C = 1 TC 230, 77 =1 = 0, 77 = 77% TA 300

che superiore al rendimento reale, come dovrebbe essere! 11