Sei sulla pagina 1di 11

Il paradiso in terra

Che hai trovato lamerica? Questa espressione ha radici antiche, il paradiso in america, il paradiso in occidente, nel nuovo mondo. C questidea che ci che nuovo nasce ad occidente dove muore il sole, mentra ci che vecchio a oriente dove il sole nasce. Il tempo segue il corso del sole, da oriente ad occidente. Questa struttura del tempo associata al ciclo solare evidente nel modo in cui i mappamondi medioevali rappresentano la storia dellumanit. C una marcia che nasce in oriente e finisce in occidente. Lidea teorizzata in maniera chiara da Ugo di san Vittore, teologo del XII sec. Egli spiega che Dio aveva creato il mondo, aveva posto Adamo ed eva in un posto bellissimo, per il peccato aveva infranto questo piano divino e Dio ha ricreato il mondo, ha ripristinato la sua opera di amore verso lumanit. Questa opera di restaurazione si svolge secondo Ugo da san vittore attraverso le 2 categorie dello spazio e del tempo. C unza sequenza spaziale e una successione di eventi. Lo spazio e il tempo per sono intimamente intrecciati. Sono intrecciati perch la successione degli avvenimenti storici, il baricentro della storia, cio gli avvenimenti pi importanti dal punto di vista della storia dellumanit procedono dalloriente vero occidente. In oriente i primi avvenimenti, in occidente gli ultimi. In oriente si trova il giardino delleden e si trova allinizio del mondo inteso come spazio e tempo. Loriente nel senso dellalba delumanit, la condizione aurorale. Questo inizio coincide con linzio dellumanit. Dalloriente si sposta verso occidente. E cos dopo il diluvio universale, gli assiro babilonesi dei greci dei romani, fioriscono luno dopo laltro imperi. Questa marcia ideale porta sempre pi verso occidente. Cosicch la fine del mondo ins enso spaziale e temporale coincidono. La storia si ormai spostata nel bacino del mediterraneo, ha raggiunto il suo limite estremo occidentale. La storia sta per finire. Dal paradiso originale si giunge allannunzio del regno di Dio. Questa progressione dal paradiso oltre le colonne di ercole rappresentato nelle mappe medioevali. Qui vediamo che la fine dello spazio annuncia la fine dle tempo e della storia. Superare le colonne dercole entrare nel futuro. Le colonne dercole sono i cancelli del paradiso. Oltre le colonne dercole il paradiso. Ma non era in oriente? Lidea che lestremo oriente e lestremo occidente si tocchino gi stata avanzata da Aristotele. Nel medioevo Bacone ribadisce che probabilmnete lIndia non lontana dallafrica occidentale, quindi se il paradiso in Oriente, si pu arrivare in paradiso navigando verso occidente. LUlisse di dante arriva alla montagna del purgatorio navigando verso occidente. Ma il paradiso oltre le colonne dercole non il paradiso delle origini, quello destinato da Dio ai santi, che li protegger alla fine del mondo. 1498 venezuela: cristoforo colombo ha tenuto una rotta molto a sud il terzo viaggio nel nuovo mondo. Cerca nuove terre. partito dalla spagna. Trova la terra. Da lontano si vedono tre cime, la santissima trinit. Prima di partire ha chiesto la benedizione della santissima trinit. Trinidad, lisola. Colombo vede le coste, gli indigeni. Lestuario grande, i velieri entrano nellorinoco. Strano sembra di navigare in salita . Forse la terra non un globo, ma ha una forma di pera. Il clima diverso pi fresco, gli indigeni sono belli. Colombo sta cercando una nuova rotta per lasia. Se al primo viaggio non era lontano dalla cina, allora anche qui pi a sud non devono essere lontani dalloriente. Sono vicini alla linea equatoriale, quindi sono vicini al paradiso terrestre. Lo dice la bibbia: il signore piant un giardino ad oriente. Lo dicono i teologi: il giardino in oriente si trova nel lembo pi orientale dellasia equatoriale. Adesso ad oriente ci sono arrivati da occidente. il paradiso, ecco perch i 4 fiumi, sono i grandi fiumi della terra che vengono dal paradiso terrestre che si immergono nellceano e poi riemergono sulla terra. I fiumi che stanno andando verso la cima, salendo sulla montagna del paradiso. Colombo non aveva nessuna intenzione di entrare nel paradiso terrestre, sapeva benissimo che questo esisteva sulla terra ma che era inaccessibile, pensava di trovarsi per vicino ad esso. Egli pensava di entrare nel paradiso non in senso spaziale ma temporale. Pensava che il suo viaggio fosse voluto da Di0o, che la predicazione del vangelo fosse segno della fine imminente e che quella fossoe lultima tappa della storia del mondo.

Lumanit che si avvicina alleden, dove pu recuperare la purezza delle origini nel compimento dei tempi, sotto il nuovo cielo la nuova terra dellapocalisse. Il nuovo mondo. Il paradiso del futuro in america, il segno che stava per venire finalmente lunit dellumanit. Sin stava per affemare la rivelazione completa del volere divino. La rivelazione geografica cos una rivelazione religiosa. Passare le colonne dercole, andare ad ovest verso il nuovo mondo lamerica il segno del ritorno alla perfezione iniziale, la fine della storia verso il paradiso finale. Questa idea di marcia verso loccidente come risalire allinverso il flusso del tempo caratterizza la colonizzazione del nuovo mondo. Gli esploratori di fronte agli indigeni e alla natura rigogliosa credono di ritrovare la purezza delle origini. Per i protestanti inglesi la storia sacra iniziata con la riforma che adesso si trasferisce in occidente. In questo nuovo mondo non a caso rivelatori solo ai tempi della Riforma, un segno della Provvidenza divina. Il paradiso americano diventa il sogno americano, la terra promessa. Il maryland il nuovo paradiso, il nuovo eden. Si rompe con il vecchio mondo per ritornare alla purezza del cristianesimo primitivo, per aprire una nuova frontiera. Vediamo in questo lorigine religiosa dellamerican way of life. C una novit nuove citt nuovi paesi. Rifondare lesistenza, sperare di rinascere.

COLONIZZAZIONE Inizia nel periodo Elisabettiano con gli infruttuosi tentativi di H.Gilbert (1583) fondatore colonia newfoundland e del fratellastro W.Raleigh che lanno seguente in nome della regina Elisabetta prese possesso delle terre da lui battezzate Virginia (virgin queen). Nel 1606 la virgin company su concessione di Giacomo I fonda JamesTown Le colonie erano viste come espansione commerciale quindi promosse. Nel 1609 pubblicato il saggio Virginia richly valued by the description of Florida her next neighbour. opera in cui la Virginia descritta come una terra piena di ricchezze (contiene anche la traduzione dell'opera di de Soto). questi racconti ebbero grande influenza su scrittori e poeti dell'epoca (es shakespeare tempesta) Nei versi di J.Donne : usa la metafora della nuova terra l'America per descrivere facile bellezza della propria dama. descritta come un regno (kindom/emperery), che promette infinite ricchezze (mine of precious stones) richiamando Eldorado*. Il poeta si definisce BLEST: benedetto dalla provvidenza, fortunato ad avere scoperto fare tesoro. Kingdom of heaven: terra della provvidenza correlata alla ricchezza terrena. stessa immagine nel libro Nova Britannia: offering most excellent fruites by planting in Virginia. pubblicato con l'obiettivo di reclutare coloni per Jamestown. Inoltre descrivere la natura dei nativi a cui era necessario portare la luce divina.* Nella copertina keyword OFFERING, viene offerta la promessa di most excellent fruites by planting in Virginia, cio ottenere dalla coltivazione della terra i migliori frutti al mondo*. Tale pubblicit si rivolge ai potenziali settlers invitando chi ha coraggio* a sfidare l'ignoto per conquistare un posto in paradiso. L'immagine della nave, un veliero con il vento in poppa simbolo di viaggi avventura e commercio. Direzione della nave da ovest verso est (cambier). Nova Britannia una denominazione latina che d il significato alla colonizzazione di fare dell'America una estensione del regno = una nuova Inghilterra. Mito dell'eden Una delle componenti del sogno americano e quindi la fede non nuovo inizio, concetto non nato in America, ma nell'immagine utopica che essa aveva prima di essere scoperta.alla fine del 400 quando i conquistatori raggiunsero il nuovo mondo essa divenne la terra dei sogni europei di pace felicit e ricchezza. per comprendere ci necessario partire dal mito dell'eden cio quel sogno di felicit perduta e mai ritrovata. il paradiso terrestre fu considerato per tutto il 500 una realt storia geografica di cui la Bibbia e

*Eldorado: leggenda che nasce dal 500 al 600 hombre dorado paese magico dalle strade ricoperte di oro

*from their blind superstition to the light of Religion.

*Icona del frutto straordinario *Exciting all such as be well affected to further the same

testi antichi fornivano testimonianza. Soltanto tra il 500 e 600 con le scoperte geografiche tali credenze furono messe in dubbio. In origine la parola paradiso significava il giardino delle delizie di Adamo ed Eva. La parola persiana apiridaeza indicava infatti orto circondato da un muro. l'ebraico la trasform nella forma pardes. infine i Settanta*tradussero con paradeisos con pardes o con il termine ebraico per giardino gan. questo giardino delle delizie era ad oriente in una campagna felice (eden) dove l'uomo alla donna viveva in armonia con la natura e la loro felicit era immortale. quindi felicit e giardino sono collegati. Tre grandi miti favorirono l'idea di una terra beata: l'et aurea i campi Elisi Le isole Fortunate

La bibbia dei 70 la prima versione in greco dell'antico testamento

Et dell'oro descritta da Esiodo in Le opere e i giorni, cos come presente sia nelle metamorfosi di Ovidio che nella IV Egloga di Virgilio, secondo cui il tempo della felicit torner in un futuro prossimo, e allora la terra dalla solo buoni frutti, e animali vivranno in pace e gli uomini lavoreranno senza fatica. Parole simili pronunciate dal profeta Isaia per descrivere Gerusalemme. I campi Elisi considerati dimora eterna degli eroi, poeti ed anime virtuose. Un'isola dove confluiscono tutte le beatitudini*.
Canto IV odissea: prometeo annuncia a menelao: nella pianura elisia ai confini del mondo ti condurranno gli dei e la bellissima per i mortali la vita.

Le isole fortunate descritte da Orazio nel XVI degli Epodi si collocavano al di l di Atlante (ovest) isole beate riservate da Giove ai giusti. Quindi giardino di natura prodigiosa.nell'immaginario collettivo tale tema si arricchisce di un nuovo elemento: in molti testi medievali il paradiso terrestre descritto come scampato al diluvio universale perch collocato su un monte. Quindi anche se inaccessibile non era scomparso dalla terra e vicino ad esso si trovavano paesi meravigliosi raggiungibili solo da uomini audaci. Il paradiso terrestre anche elemento fondamentale della cosmo grafia medievale che influenza la cartografia del tempo. A partire dal XV sec. con le scoperte geografiche l'eden perde il suo posto nelle mappe. Questo non accade al mito delle isole fortunate, terre che conservavano le caratteristiche del paradiso terrestre, leggenda alimentata dalla scoperta delle nuove terre piene di flora e fauna paradisiacache. Mundus novus Cos fu denominato il mondo appena scoperto, e le cui descrizioni portano un ricco bagaglio di metafore ed immagini. anche Cristoforo colombo interpret la scoperta come se si trattasse veramente del paradiso. Nella lettera del 1501 a Ferdinando Isabella dichiar con me la scoperta fosse il compimento di ci che fu detto da Isaia e nell'apocalisse di Giovanni. anche Amerigo Vespucci nelle sue descrizioni pone suggestioni dantesche del Purgatorio in cima al quale Dio colloc il paradiso dopo la cacciata di Adamo ed Eva. La parola America trae origine da Americus Vespucious, che compare nel 1507 in una mappa di Waldsemuller, il quale spiega di aver scelto tale nome in quanto Vespucci era stato il primo a rendersi conto di trovarsi in una terra sconosciuta. In una lettera a Soderini Vespucci dichiara che lecito chiamarla Nova terra in quanto gli antecessori non avevano avuta mai prima conoscenza. Vespucci racconta il nuovo continente riferendosi al canto XXXVI dell'inferno di Dante. l'Ulisse dantesco diverso da quello omerico: egli immagina l'Ulisse tornata in patria che riparte alla ricerca infinita del sapere. Esplorazione del mondo senza gente, al di l delle colonne d'Ercole area interdetta agli uomini per volere degli dei. Ulisse cerca di superare i limiti della conoscenza umana ma in questo, per l'immaginario medievale, si legge la sfida a Dio. Ulisse come lucifero ed Adamo ha violato il comando divino, e viene punito con la morte. La Nova terra il compimento del piano di grazia che Dio ha preparato per l'uomo, i nuovi cieli e la nuova terra descritti da Isaia e dall'apocalisse di Giovanni la promessa di una salvezza.in tale ottica il viaggio verso occidente sembra voler superare i limiti dell'esistenza umana alla ricerca di quel paradiso perduto e desiderato, sfidando ignoto e ira divina. Quindi il nuovo mondo rappresenta una dimensione esistenziale pi che territoriale, cio il compiersi di quel progetto divino di armonia giustizia che all'inizio dei tempi non si era realizzato

per la libera scelta dell'uomo. l'eden ancora ben presente nell'immaginario statunitense. Esempio la pubblicit della campagna di presentazione di un mensile del 1997 dedicato agli appassionati del mare: Coastal Living. L'attenzione richiamata subito dalla parola found scritta in rosso ( dal registro cromatico costituito da colori naturali). E la parola che decodifica tutto l'annuncio. lo slogan una citazione indiretta del poema di Milton paradise lost, che narra l'episodio biblico della caduta dell'uomo e della cacciata dal paradiso terrestre. LOST: ha doppia estensione semantica: geograficamente = smarrito; in senso etico= dannato FOUND: evidenzia quindi la connotazione spaziale del paradiso che in cielo ma anche quello ritrovato nella nuova terra. Inoltre, compaiono innumerevoli e richiami visivi alle origini degli Stati Uniti come la casa in stile coloniale*, o come la nuvola in alto a destra che guida la lettura dall'esterno verso l'interno, richiamo al viaggio dei colonizzatori da est verso ovest, fino alla parola found. Il gioco di rimandi fra cottage, regno dei cieli e America si risolve nel testo verbale.il giornale descritto come strumento che pu aiutare il lettore a trasformare la sua casa in un angolo di paradiso (into your own slice of heaven). Paradiso che ritorna nella raffigurazione in basso a destra, in cui un interno, probabilmente quello della casa, si affaccia su un giardino in cui si erge un albero.da notare la presenza emblematica di due giubbotti (Adamo ed Eva coppia).
L'architettura della casa richiama visivamente uno dei simboli dell'arte statunitense, quadro American gothic del 1930 di Wood, espressione del movimento regionalista che celebrava le virt morali dell'America agreste e opposto all'astrattismo europeo.

Citt sulla collina La colonizzazione puritana dopo la Virginia il secondo insediamento uk si ebbe nell'area della nuova Inghilterra per iniziativa di gruppi di dissidenti inglesi che fuggivano dalle lotte religiose europee, alla ricerca di un luogo dove professare la propria fede Le colonie puritani hanno avuto un ruolo fondamentale per la nascita del nuovo Stato americano e nell'influenzare con la loro cultura l'immaginario della nazione, come sottolineato da Tocqueville. i proletari crearono una societ profondamente religiosa, attiva e politicamente innovativa in cui si svilupp presto la coscienza di un'identit nazionale separata dalla madrepatria. gi dei primi del 700 il teologo Marther utilizza il termine americani anzich inglesi per indicare i connazionali stabilitisi nel new england. fu soprattutto l'utopia puritana il disegno politico religioso di costruire in terra la Gerusalemme celeste ad influenzare la cultura americana. Esso fu base per la creazione degli Stati Uniti, considerato infatti dai padri fondatori l'ideale a cui attingere per definire l'identit della nazione. Da questo trae l'origine la concezione dell'America come nazione sacra, a cui Dio ha affidato la missione di diffondere democrazie libert nel mondo. Raffigurazione che trova espressione metaforica dell'immagine della citt sulla collina, oggi pilastro del discorso politico statunitense in quanto usata per entrambi gli schieramenti per celebrare l'unit della nazione e dare speranza alla comunit. La colonizzazione puritana ebbe inizio nel 1620 con lo sbarco nel Massachusetts di un gruppo di dissidenti protestanti inglesi, i pilgrim fathers. questi diversamente dai membri della Virginia company fedeli alla Chiesa d'Inghilterra, lasciarono la madrepatria perch perseguitati. il puritanesimo era infatti un movimento interno all'anglicanesimo, che si proponeva di riformare la Chiesa d'Inghilterra in conformit ai principi del calvinismo. in nome dell'austerit calvinista puritani si opponevano all'atto di supremazia di Enrico VIII e di uniformit della regina Elisabetta accusata di voler conservare residui di idolatria papista. si aspiravano ad una chiesa pura, in cui ciascuno potesse avere un rapporto diretto con Dio e la cui unica fonte normativa fosse la Bibbia. Si opponevano alle strutture gerarchiche in favore di un regime in cui le autorit era affidata agli anziani (presbiteri) eletti dalle singole congregazioni. per le loro posizioni polemiche questi non conformisti (dissenters) furono perseguitati, e quindi molti decisero di lasciare la madrepatria alla ricerca della libert religiosa. un gruppo di essi originari della contea di nottingham, si rifugi inizialmente in Olanda (dal 1607) e successivamente decide di partire per il nuovo mondo autofinanziandosi il viaggio. Ottenuto dal re Giacomo I una concessione per la Virginia lungo il fiume hudson, e la promessa di non interferenza della corona, si assicurarono un contratto con la compagnia commerciale London company.partirono il sei settembre 1620 da Plymouth a bordo del Mayflower.nel novembre arrivate le coste del new england, pi al Nord del luogo di destinazione decisero di stipulare tra di loro un patto per il governo della colonia. il documento sul modello di un patto religioso costituiva un COVENANT, accordo attraverso il quale ciascun colono s'impegnava solennemente e reciprocamente davanti a Dio e agli altri

Calvinismo: dottrina religiosa sviluppata da Calvino nell'ambito della riforma protestante. Si contraddistingue per la teoria della predestinazione delle anime, rifiuta la struttura gerarchica della Chiesa e prevede la partecipazione dei laici alla vita ecclesiastica introducendo il concetto di comunit dei fedeli e il principe elettivo. Sul piano etico si distingue per un forte rigore morale ed un'esaltazione del

coloni a dar vita ad un civil body politic (Organismo civile e politico) e ad emanare leggi per il benessere generale della colonia. il documento fu denominato Mayflower conpact nel 1793 dai padri fondatori, che nel tentativo di organizzare un nuovo governo per le ex colonie divenute stati indipendenti, si ispirarono ad essi e li denominarono padri Pellegrini a creare una ideale ascendenza. Nella orazione di Adams tenuta a Plymouth nel 1802, si descrive il Mayflower compact come unica applicazione riuscita nella storia dell'umanit di quel patto sociale indicato dai filosofi come principale fonte di legittimazione di un governo democratico. Ai padri Pellegrini si ricollega anche il thanksgiving day, celebrazione dei valori americani.il primo fu festeggiato nellinverno del 1621 (harvest festival). Modello di carit cristiana Dal 1629 un consistente gruppo di puritani segu le orme dei padri Pellegrini fondando pare coloni fra cui la Massachusetts bay colony. uno dei motivi principali di tale viaggio fu di carattere religioso in quanto essi credevano che ad essi spettasse trasformare il deserto su cui erano sbarcati da terra senza Dio a paradiso terrestre. Oltre a sentirsi investiti dal compito di salvare il cristianesimo dalla corruzione e fondare la nuova Gerusalemme. la concezione puritana del mondo (puritan new world vision) identifica nella scoperta di colombo un segno del destino: l'avvento del regno di Cristo in terra. quindi un ruolo profondamente religioso: essi si consideravano il nuovo popolo eletto e l'America il suolo vergine su cui edificare la citt santa. Sostenevano anche che tale missione, fondare la comunit perfetta, gli era stata affidata da Dio attraverso un patto (covenant) che rinnovava l'alleanza tra Dio e Israele. La scelta del termine covenant significativa in quanto costituisce la traduzione inglese della parola ebraica berith, cio il patto tra Dio e Abramo, tra Dio e il suo popolo, in cui il Signore promette ad Abramo la terra dove costruire la citt santa. Nel 1630 j. Winthrop, proclama a bordo dellArabella, il sermone a model of christian charity che illustra la visione del mondo puritana, con l'obiettivo di preparare i coloni allo sbarco in America e alla creazione di una societ in un ambiente ostile. Cedere il passo che richiamando un brano del Vangelo di Matteo, descrive la futura colonia come una citt sulla collina splendenti esempi di carit cristiana che avrebbe ispirato tutto il mondo. Il modello sociale a cui si rif una chiesa-Stato, una comunit fondata per compiere il volere divino, unita per affrontare le sfide dell'ambiente da cui trae maggior forza. comunit a cui spetta il compito di illuminare il mondo, con la purezza del proprio esempio, redimendolo grazie alla propria moralit. il compito della costruzione di un nuovo eden in terra il colono risponde all'idea di un dovere morale da compiere (moral duty), ripreso nella dichiarazione d'indipendenza, e al contempo ottiene la benedizione divina. L'immagine utilizzata da Winthrop rappresenta l'intera Chiesa cristiana rinnovata. Partendo dal sermone della montagna (vedi Isaia Geremia ecc) la citt sulla collina richiama Gerusalemme costruita sul colle di Sion prefigurazione della Gerusalemme celeste (che ha origine il discorso di Mos al suo popolo prima dell'ingresso nel paese di Caanan) che descrive la terra promessa con le caratteristiche di un nuovo paradiso. La missione sacra che annuncia a bordo della Arabella, espressa dalla metafora della citt sulla collina ha inciso sulla coscienza collettiva della nazione fino al punto di essere ancora oggi utilizzata da molti presidenti di entrambi gli schieramenti per rappresentare la missione dell'America: essere modello di democrazia e libert. Due esempi: il discorso tenuto da Clinton in occasione della nomina candidato democratico per le presidenziali del 92 e l'appello alla nazione del presidente George Bush dell'11 settembre 2001. Nel luglio del 92 Clinton governatore dell'Arkansas pronunci il proprio Acceptance speech a vision for america: a new covenant in cui delinea il suo progetto per una nuova America.gi nel titolo si identifica la promessa di un futuro migliore assieme ad una assunzione di responsabilit. l'espressione a new covenant si riferisce al patto sociale di evocazione biblica sul quale si fonda la comunit americana. L'11 settembre 2001 George Bush us le seguenti parole america was targeted for attack because were the brightest beacon for freedom and opportunity in the world..and no one will keep that light from shining. l'immagine del faro che illumina il mondo con il suo esempio di libert d'opportunit rappresenta la citt sulla collina, quel modello di societ fondata sul covenant che Winthrop si proponeva di creare.

lavoro come valore religioso.

Il logo della company, compagnia commerciale a cui Carlo I aveva concesso l'autorizzazione di fondare una colonia era caratterizzato dalla presenza di un indiano che idealmente chiedeva aiuto ai coloni

.. la mia alleanza con te e sar il padre di una moltitudine di popoli.. non ti chiamerai pi Abram ma Abraham perch padre di una moltitudine di popoli..

Ritroviamo gli stessi temi nelle due orazioni di j.f.kennedy e reagan. il discorso che kennedy pronunci davanti alla General court of the Commonwealth of Massachusetts nel 61, conosciuto come il city upon the hill speech, in cui il ne avrete presidente si dichiar ispirato dalle parole di winthrop, oltre a dichiarare che i puritani avevano contribuito a forgiare il destino dell'America prima della nascita di questa grande Repubblica. Sua missione quindi portare a Washington i valori che avevano dato vita alla Massachusetts bay colony (coraggio, discernimento, integrit morale e dedizione), per far s che l'America tornasse ad essere luce guida per il mondo. (vedi discorso). Nel gennaio del 74 il governatore della California reagan, durante la First conservative political action conference, pronunci il discorso city upon a hill in cui invitava ad una politica opposta rispetto a quella dei presidenti democratici che avevano appesantito i costi dell'apparato statale e quindi influito negativamente sull'economia del paese. La stessa metafora utilizzata quindi per esprimere contenuti diversi. Reagan infatti cita winthrop il suo discorso man che si propone come suo erede spirituale affinch i valori da lui celebrati siano ripristinati. Egli inoltre conclude la sua presidenza con un discorso in cui fa riferimento alla city upon a hill. Consegnando il testimone al suo successore Bush ha degli spetta ora il compito di mantenere la citt sulla collina forte e libera, cos da portare a compimento la missione affidata da Dio, cio rappresentare the last best hope of man inj the earth. La luce guida La missione che di affidato l'America codificata nella metafora della citt sulla collina trova a livello visivo una delle prime rappresentazioni nello stemma della citt di Boston fondata nel 1630 dallo stesso winthrop. Nel passo del Vangelo di Matteo da esso citato l'immagine della citt si affianca quella della luce: voi siete la luce del mondo; non pu restare nascosto la citt collocata sopra un monte. La luce uno dei principali simboli nel testo biblico: compare sin dal primo capitolo della genesi*. questo passo cos come altri nell'antico e nuovo testamento, essere la luce del mondo significa essere il popolo scelto da Dio per realizzare la sua missione, si accompagna al dovere morale di testimoniare grazie al proprio operato, la sua gloria. Non destino da celare, bens reso manifesto al mondo in quanto segno del volere divino*. Quando nella cultura statunitense si vuol riferirsi a tale ruolo si utilizza la parola BEACON, tradotta come faro. in realt tale termine deriva dall'inglese arcaico beacen, e indica un segnale di guida o avvertimento di fronte a un pericolo, oppure una collina dove sono collocati i segnali (quindi una torre o un faro). inoltre il termine utilizzato anche come sinonimo di beckon: cenno, invito ad entrare. la parola italiana fare invece deriva dal greco pharos*. Solo figurativamente indica centro di irradiazione e di riferimento (= faro di civilt). Nell'immaginario americano la metafora del beacon perde la componente negativa di avvertimento in favore dell'immagine di luce guida. Inoltre al significato originale si aggiunge un altro livello semantico derivante dalla citazione fatta da winthrop del testo biblico: per w. se la citt sulla collina che la luce devono testimoniare come il progetto divino si incarni in un particolare progetto politico sociale*. L'idea di accoglienza s'incarna visivamente nella statua della libert faro all'ingresso di New York che si rivolge agli oppressi e li invita ad entrare. Dalla seconda met del XIX sec la metafora del beacon si fonde con il simbolo del grattacielo per celebrare il progresso scientifico e tecnologico, oltre che morale politico della nazione.
( creata dopo il cielo e la terra: Dio vide che la luce era cosa buona e separ la luce dalle tenebre) Non si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra le lucerniere perch faccia luce

Isolotto nei pressi di Alessandria d'Egitto in cui fu costruito il celebre faro.

In questa accezione si trova nelle parole di kennedy institutions have served as a beacon lights for other nations as well as our sister states

Nascita degli Stati Uniti d'America Caratteristiche sociali, culturali ed economiche delle 13 colonie inglesi del Nord America suddivisi in tre macro aree: Colonie del new england colonie centrali colonie del sud La colonizzazione inglese del Nordamerica iniziata sotto la regina Elisabetta I, si svilupp lungo tutto il XVII sec, concentrandosi tra il litorale Atlantico e i monti Appalachi, portando persone pettini e gruppi sociali differenti in America che dettero vita a comunit diverse fra loro. Nel sud, accanto alla colonia della Virginia sorsero il maryland (1632) e la Carolina (1663) successivamente divisa in North e south carolina, poi la georgia (1732).

Quindi colonie dall'economia basata sulle piantagioni non differenti dalle haciendas spagnole. erano governate da un'oligarchia formata da persone di origine inglese e confessione anglicana dell'aristocrazia terriera. Nel nord del loro sbarco dei padri pellegrini a cape code unita alla forte emigrazione di puritani successiva al 1630 port alla creazione di colonie come Massachusetts, new hampshire, Rhode island, providence plantation e connecticut. a causa del suolo poco fertile si svilupp l'agricoltura basata sulla piccola propriet affiancata da attivit manifatturiere mercantili assai sviluppate. Era una societ gerarchizzato ma culturalmente progredita vivace, dove matur ben presto la consapevolezza della propria identit nazionale. Infatti proprio a Boston avranno origine le lotte per l'indipendenza*. Nel centro una situazione pi variegata: gli olandesi fondarono le colonie di new netherlands e new Amsterdam, conquistate poi dagli inglesi ( new jersey e new york). Penn, esponente dei quaccheri*, ottiene da Carlo II la regione della pennsylvania, introducendovi ordinamenti basati sulla separazione tra Stato e Chiesa. il delaware colonizzato dagli svedesi nel 1638 fini agli inglesi nel 1664 oltre ad altri territori olandesi della regione. queste quattro colonie centrali con un fertile entroterra e il fiume hudson navigabile, presentava maggior variet di gruppi etnici e confessioni religiose. Le propriet terriere erano meno frammentate rispetto al Nord, e l'economia deriva l'esportazione di legname e pellicce praticata da un ceto di mercanti pi tolleranti e pi liberali rispetto al vecchio mondo. Quindi un insieme di colonie diversificato per condizioni ambientali e economico sociali. Alcune date in concessione dal sovrano ad un privato come il Maryland oppure a compagnie commerciali come la Virginia o il Massachusetts. In ciascuna di esse comunque era presente un'assemblea rappresentativa i cui poteri bilanciavano quelli del rappresentante della corona, del proprietario o del governatore. Lotta con i francesi e gli indiani un'interminabile serie di guerre dal 1688 fra Inghilterra e Francia: nei territori del nuovo mondo di colonie inglesi furono coinvolte nelle guerre vs le colonie francesi in canada e nei territori oltre di Appalachi. I possedimenti francesi erano estesi quanto gli inglesi, ma la loro struttura era pi debole in quanto i francesi avevano creato un'economia prevalentemente commerciale (empori lungo il corso del Missisipi e non veri insediamenti territoriali).* gli inglesi conquistarono facilmente i territori francesi, anche se questi erano appoggiati da inattivi che vedevano il modello di sviluppo inglese, agricolo, una minaccia alla sopravvivenza. La Francia sconfitta nella guerra dei sette anni (1756-1763) canada e Florida passano sotto il dominio britannico (trattato di Parigi 1763). Contemporaneamente parte l'insurrezione delle 13 colonie inglesi verso la madrepatria che intendeva rafforzare la sua autorit e inasprire il regime fiscale. Esse speravano di sfruttare la vittoria con la Francia per espandersi, ma l'Inghilterra si oppose per evitare altre guerre con gli indiani anzi mi chiese alle colonie di contribuire alle spese militari imponendo altri tributi e tasse. le colonie non si comprendeva perch della proibizione all'espansione: era un divieto che si opponeva al desiderio di terra, libert e d'indipendenza che avrebbe poi portato alla conquista delle terre dell'ovest. La rivoluzione americana la risposta alle imposizioni fiscali fu il rifiuto di pagare le tasse non decretate dalle loro assemblee in nome degli stessi principi costituzionali inglesi che sancivano l'iniquit di tributi non approvati dagli organismi rappresentativi locali. si metteva in gioco quindi l'avvenire economico delle colonie considerate dalla corona una fonte di ricchezza a cui attingere. Alle minacce le colonie risposero con il boicottaggio delle importazioni dall'Inghilterra, producendo danni tali da indurre il Parlamento a revocare lo stamp act. per altre imposizioni generarono un inasprimento del conflitto fino al punto che i coloni arrivarono a mettere in discussione i privilegi della corona, dell'aristocrazia e del clero. I pi radicali esponenti del new England e della Virginia, repubblicani puritani e di cultura illuminista. nel 1770 il governo di Londra revoca tutte le tasse eccetto quella sull'importazione del t: la reazione di coloni porta al Boston tea party, primo atto del lotto dell'indipendenza a quello onde reag con misure punitive. I rappresentanti delle colonie si riunirono in assemblea (primo congresso continentale) in solidariet con il Massachusetts e protesta ufficiale contro Londra. Ma il dialogo tra esso radunava Philadelphia e la madrepatria non and bene e si giunse al conflitto aperto. il secondo congresso continentale del 1775 a Philadelphia dette mandato a Washington e organizzare un esercito e nel 1776 vot la dichiarazione d'indipendenza, che trasformava le colonie in Stati uniti d'America. con il trattato di Parigi del 1783 l'Inghilterra riconosce l'indipendenza degli Stati Uniti La rivoluzione porta all'istituzione del regime repubblicano e all'eliminazione di ostacolo all'avanzata. La nascita di un nuovo colonialismo fu bloccata dalla ordinanza di Nord-Ovest del 1787 e successivamente dalla costituzione stessa purch i nuovi territori conquistati sarebbero diventati altrettanti Stati da annettere all'unione.
Nel 1773 Boston tea party: atto di protesta degli abitanti di Boston contro il governo inglese che aveva affidato monopolio del commercio del t alla compagnia delle Indie. Appartenente ad una setta protestante sorta d'Inghilterra nella met del XVII per iniziativa del predicatore Fox, i cui fondamenti dottrinali sono l'autorit suprema della parola di Dio, la soppressione di riti e cerimonie ministri del culto rifiuto del ricorso alla forza e l'assenza di dogmi.

Caratteristiche della colonizzazione francese: promossa dalle compagnie commerciali e sostenuta dal governo, mi predominava spirito patriarcale, fede cattolica e influenza dei gesuiti.

Durante la guerra d'indipendenza erano stati approvati alcuni articoli di confederazione nel 1781 che ponevano in essere un'alleanza fra Stati lasciando inalterata la sovranit degli stessi. In tale contesto il congresso federale era privo di poteri reali, pi simile ad una conferenza di ambasciatori. La costituzione degli Stati Uniti d'America ridata nel 1787 dalla Philadelphia convention, riunita s con lo scopo di modificare gli articoli, poste in essere l'attuale ordinamento federale ed entr in vigore nel 1788.

Influssi culturali nelle colonie l'affrancamento dalla corona inglese e la nascita della nuova societ fu accelerata dalla diffusione di idee come il giusnaturalismo, il razionalismo illuminista, l'empirismo inglese, il deismo scozzese, la teologia puritana e l'esperienza evangelica del great awakening di met 700. L'illuminismo affermava valore e dignit originaria di tutti gli uomini, proponendosi di liberarli dall'oscurit e ignoranza, stimolandone l'autonomo uso della ragione. Ci favor la liberazione dai pregiudizi ponendo le basi per la realizzazione di una convivenza civile ispirata alla libert e la felicit. La natura umana concepita in termini ottimistici in quanto ogni individuo era in potenza possessori dei mezzi,spt la ragione, per migliorare se l'ambiente. Ambiente incontaminato, democrazia e applicazioni di scoperte scientifiche avrebbe poi portato alla creazione di una societ giusta, prospera e felice. l'immaginario e americano fu influenzato da tali idee: soprattutto acceler la secolarizzazione dei valori puritani influendo sulle idee di di progresso e di concezione dell'uomo. La promessa di felicit e realizzazione personale si spost infatti dalla storia sacra alla societ in particolare mut nella promessa di uno sviluppo senza limiti, la metafora del progresso infinito. Inoltre l'illuminismo incrina la fissit della societ puritana, riguarda la concezione della grazia divina calvinista.si afferma invece una illimitata fiducia nell'uomo e nelle sue potenzialit di sviluppo (emblema cardine della cultura americana). La diffusione di queste idee fu favorita dall'ascesa della borghesia e dallo sviluppo dei commerci. Infatti le attivit commerciali richiedevano tolleranza religiosa e difesa delle libert civili. Quindi la societ coloniale era ambiente favorevole per lo sviluppo della borghesia delle sue idee poich qui l'agricoltura non era basata su modello feudale ma pi simile ad un sistema di piccoli coltivatori indipendenti i quali anche esportatori erano legati al commercio. In tale contesto trova spazio anche il giusnaturalismo non strina filosofica che postula l'esistenza di uno stato di natura precedente all'affermarsi delle societ organizzate e che vede in queste il risultato di un patto stipulato fra il popolo e i detentori del potere a garanzia dei diritti di tutti. Anche esso mette al centro lindividuo e i suoi diritti naturali inalienabili, garantiti da norme e stato, funzione la cui mancanza autorizza alla rivoluzione x ristabilire ordine e legge universale. Tale filosofia costitu la cornice teorica della battaglia dei suoi puritani inglesi contro l'autorit del re e per la creazione delle colonne della nuova Inghilterra. Dal XVIII sec anche coloni invocare uno il diritto naturale contro la politica della madre patria: dopo aver fatto appello ai loro diritti come inglesi e alle loro costituzioni coloniali, alcuni rivoluzionari come Adams si appellarono alle vindiciae contra tyrannos*. Uno dei maggiori esponenti della filosofia giusnaturalista fu Locke, a cui Jefferson si ispir per redigere la dichiarazione di indipendenza nel 1776. Il grande risveglio la teologia puritana del corso del 700 and incontro ad'una serie di mutamenti dovuti al diffondersi nella tradizione evangelica che culmin nel great awakening. Il grande risveglio da un lato si oppose allo spirito laico e razionalista e dall'alto favor lo sviluppo del pensiero sociale cristiano tra le masse in quanto fin dall'inizio aveva favorito la lotta per i diritti delle minoranze. Il movimento evangelico, gruppo minoritario che incorporava molte delle dissidenze del puritanesimo, contribu in oltre alla realizzazione della democrazia favorendo la diffusione dell'insegnamento, e criticarono la societ divisa in classi. Le classi alte si sentivano minacciate da essi: la dottrina anglicana della necessit di accettare la proposizione l'idea calvinista che pochi saranno salvati erano pi adatte a tale tipo di societ, che non la evangelica secondo cui ogni anima pur umile, comunica direttamente con Dio. Verso la dichiarazione d'indipendenza la rivoluzione americana non fu tanto il risultato di una resistenza all'autoritarismo quanto frutto della nascita e sviluppo di una societ emersa fin dal 700, che condivideva un insieme comune di ideali. Tali ideologie favorirono l'acquisizione di consapevolezza di una propria identit nazionale. Quindi la lotta per l'indipendenza costitu la sanzione formale di un distacco gi in atto. Le basi filosofico-ideologiche della rivoluzione provenienti dalla madrepatria, si fusero e adattarono al nuovo mondo, producendo valori che avevano le radici nella cultura europea come democrazia, libert, diritti umani che i coloni fissarono in documenti scritti (dichiarazione di indipendenza e costituzione). Tali valori finiranno per essere considerati tipicamente americani, soprattutto il diritto alla felicit e il diritto alla libert sanciti nella dichiarazione d'indipendenza saranno le basi del mito dell'America quale terra di libert a cui Dio ha affidato la sacra missione di tutelare i diritti naturali dell'uomo. Dovere morale La dichiarazione d'indipendenza sancisce la separazione fra Inghilterra e le 13 colonie americane, e segna ufficialmente la
Giusnaturalismo: si afferma come ideologia politica contro la concezione dell'assolutismo divino onei secoli xvii e xviii

Opera francese in cui l'assolutismo concepito come rottura del patto che lega Dio, il re e il popolo, operata dal monarca. Il sovrano delegato ad del popolo si trasforma in tiranno. Questo giustifica la resistenza.

nascita degli Stati Uniti d'America. Il secondo congresso continentale (Philadelphia 10.5.1775) incaric Jefferson, delegato della Virginia, di redigere un documento che dichiarasse al mondo le ragioni di tale separazione. Il testo fu revisionato da una commissione di cinque membri, che apport delle modifiche ma non ne alter l'impostazione. Il documento fu poi sottoposto all'approvazione del congresso il 4 luglio 1776. La D.I anche l'atto di nascita del popolo americano, quindi documento fondante della nazione americana. Nel testo della dichiarazione il governo diviene garante dei diritti inalienabili dell'uomo (i governi sono creati con tale scopo primario), queste segno di vittoria dell'umanit tutta sulla schiavit della tirannia). Qui la scoperta dell'eden diviene testo e si concretizza nel diritto universale alla ricerca della felicit. Diritto alla rivoluzione Jefferson nella D.I si rivolge al mondo intero per spiegare le cause che hanno condotto i coloni verso l'atto di rivolta contro la corona inglese. Il re viene rappresentato come il vero sovversivo i coloni il garante dell'ordine universale (autodefinizione che non abbandoner mai l'immaginario collettivo usa). in questo Jefferson si rif alla teoria del diritto alla rivoluzione di Locke che nel 1690 nei due trattati sul governo, apologia della gloriosa rivoluzione inglese, polemizza contro l'assolutismo e indic modello di governo in cui potere dei governanti limitato i diritti dei cittadini rispettati. Infatti il sovrano stipula con i sudditi un contratto sociale in cui si impegna a governare tutelando i loro diritti naturali che sono intoccabili e che precedono le norme di diritto. Nel caso che il sovrano in Francia tale contratto, si configura per il popolo il diritto a ribellarsi. Jefferson si appella all'onest intellettuale delle potenze del mondo affinch capiscano la situazione e invitino la nascente nazione ad assumere una legittima posizione tra loro. Egli si muove dalle verit di per s evidenti quei diritti naturali descritti da Locke che tutti gli uomini sono creati uguali e che sono dotati dal loro creatore di certi diritti inalienabili fra i quali quelli alla vita, alla libert e al perseguimento della felicit. dato che i governi sono istituiti per tutelare questi diritti e che derivano la loro legittimazione dal consenso dei governati, compito del popolo destituire l'autorit e sostituirla con una nuova capace di garantire il rispetto delle norme di diritto naturale. Scopo di Jefferson provare a un mondo imparziale la colpevolezza del re Giorgio III, la dimostrazione si articola come il processo contro Giacomo II nel Bill of rights: viene accusato di una lunga serie di abusi ed arbitrii compiuti da solo o con il Parlamento, per istituire un regime tirannico nelle colonie. Data questa minaccia di assoluto dispotismo, le colonie hanno il diritto, anzi il dovere di liberarsi di un simile governo e garantirsi altrimenti una protezione per il futuro ( but when a long train of abuses and usurpationand to provide new Guards for their future security). La creazione di un nuovo ordine era presentata come atto di restaurazione dell'ordine divino le leggi della natura ed il Dio della natura a cui il sovrano (rivoluzionario) decide di sottrarsi. La violazione dell'ordine universale da parte del re quindi una sorta di peccato originale simile al peccato di superbia di Adamo ed Eva nell'eden. I coloni, rappresentati come prudenti e pazienti sono disposti a soffrire finch i mali sono tollerabili, pi che a farsi giustizia abolendo le forme di governo a cui sono avvezzi. Ma di fronte all'azione malevola del re, i coloni non possono pi sottostarvi destituiscono il governo inglese. La loro azione si configura non solo come affermazione del diritto alla ribellione di ogni popolo, ma come dovere morale (moral duty) di compiere la missione di affrancarsi da un regime corrotto e costruire in terra un esempio di libert e valori etici per il resto del mondo. Dal universale al particolare la prospettiva universale della D.I risulta fin dalle prime righe, in cui Jefferson si rivolge all'umanit intera affinch comprenda le necessit delle colonie inglesi. Tale prospettiva resta anche nella parte finale del documento, la vede propria dichiarazione, dove i rappresentanti dei nuovi Stati fanno appello al supremo giudice del mondo circa la rettitudine delle intenzioni. Dio dunque il garante del patto che lega tra loro i membri del buon popolo di queste colonne ora cittadini di Stati liberi e indipendenti. Fidando fermamente nella protezione della divina provvidenza i rappresentanti degli Stati uniti danno vita a un civil body politic: come nel Mayflower compact il giuramento di fronte a Dio suggella il patto sociale e crea la comunit, dando origine a un nuovo soggetto politico e un nuovo popolo. Il popolo americano raffigurato qui sia come popolo storico che come universale in quanto testimonia la promessa di libert per il resto del mondo. Il nuovo governo nasce infatti al fine di tutelare quei valori umani fondamentali (uguaglianza, libert, felicit) base della nazione. Diritti naturali garantiti da Dio tramite il covenant, stipulato tra rappresentanti dei nuovi Stati. La tutela di di tali valori di cui si fa garante il nuovo governo e quindi il fondamento stesso della coesione nazionale. Il senso di appartenenza al nuovo Stato prende nella dichiarazione d'indipendenza una nuova dimensione religiosa al di sopra di ogni qualsiasi confessione. Gli Stati Uniti infatti pur essendo la prima nazione a sancire nella costituzione la separazione tra Stato e

That to secute these rights, Governments are instituited among men, deriving their just power from the consent of the governed

La I rivoluzione inglese si conclude e 1646 con la condanna a morte di re CarloI colpevoli di reati contro il popolo e l'istituzione della Repubblica guidata da Cromwell.alla sua morte viene restaurata la monarchia con Carlo II e Giacomo II.si instaur un equilibrio di potere tra corone Parlamento. Giacomo II poi manifest simpatia per la Chiesa di Roma.il Parlamento offre la colonna a Guglielmo dOrange che sottoscrive di Bill of rights che riconosce i diritti dei sudditi e poteri del Parlamento.si compie la seconda rivoluzione cos, chiamata dagli inglesi the glorious revolution.

Chiesa sono una nazione che trova legittimazione del patto con Dio e nella missione da lui affidatagli. Il diritto al perseguimento della felicit tra i diritti naturali che il governo americano si impegna a tutelare ce il diritto al perseguimento della felicit, che sostituisce propriet di Locke. The pursuit of happiness : ha un ruolo fondante nella creazione dell'immaginario americano in quanto l'eden si intreccia con l'aspettativa di una felicit terrena. La prospettiva della creazione di una societ in cui individui liberi sono alla ricerca della propria felicit. Il diritto al perseguimento della felicit: su di esso si fonda l'America dream, e inizia l'oscillazione tra storia e mito: la felicit da concetto filosofico si trasforma in un diritto naturale tutelato da un governo storico. Dalla storia si ritorna al mito perch perseguimento della felicit rappresenta l'utopia verso cui il paese tende. tale oscillazione si svolge in un contesto culturale permeato dalla cultura religiosa protestante: la dichiarazione infatti abbiamo un conflitto tra bene e male: da un lato le leggi della natura o le leggi divine, dall'altra il re d'Inghilterra colpevole di aver rifiutato obbedienza alla parola di Dio. In questo conflitto i colori che si ribellano diventano i custodi dei valori divini, i veri cristiani cos come lo erano stati i puritani del Massachusetts e si rappresentano come nuovo Israele in fuga dalla servit della Chiesa d'Inghilterra. La nuova nazione quindi incarna le proiezioni della nuova Gerusalemme: terra di vita, prosperit, salvezza e felicit. Non solo felicit spirituale, anche in Isaia si parla di abbondanza e creazione di una comunit terrena. L'ipotesi che dunque all'interno della ricerca della felicit sia contenuto anche il concetto di propriet e ricchezza. La dimensione comunitaria presente anche nella D.I: il termine happiness compare infatti una seconda volta, come fine a cui deve tendere il popolo stesso diritto del popolo.. istituire un nuovo governo, fondandolo sui principi e riorganizzando nei poteri nel modo che vi paia pi conveniente a realizzare la propria sicurezza e felicit. se nell'Illuminismo e della filosofia scozzese del XVIII sec la realizzazione del diritto universale alla felicit demandata ad uno stato benevolo e paternalista, nella dichiarazione d'indipendenza la ricerca della felicit assume un carattere individualistico (anche Locke aveva interpretato la libert come concetto individualista). Il diritto alla felicit si lega al concetto di responsabilit personale e diviene questione politica e dovere sociale. Sono dunque presenti nel documento entrambe le interpretazione dello stesso concetto: la prima individuale e la seconda collettiva. Tale duplicit strutturer l'intero immaginario americano in cui saranno sempre presenti due movimenti antitetici: uno, orizzontale che celebra la comunit e la felicit collettiva, ed uno verticale che celebra lindividualit e l'ascensione sulla massa. Quindi diritto alla felicit come base sociale e fine della societ usa. Nella D.I sancisce il desiderio di realizzare una promise land. La spinta alleccellenza Il processo di affrancamento ebbe luogo in una cornice prettamente britannica: i coloni prida di decidere per la separazione, si erano appellati al re e parlamento, confomamente alle leggi liberari inglesi, ma non ricevettero risposta. In unltimo si erano appellati anche ai fratelli ingkesi (considerati giusti, magnanimi) ma la fratellanza di sangue era destinata a sciogliersiper ch anchessi erano rimasti sordi alla voce della giustizia e consaguineit. Il popolo americano nasce proprio da questa rottura, definendosi unico custode del patrimonio culturale e ideale (come i puritani). Tale autedfinizione sar caratterizzata dal continuo affrancamento dalleuropa e dallaffermazione della superiorit morale sul vecchio mondo ormai irrimediabilmnete corrotto. Questo noi un collante che cementa il patto sociale sancito dai padri fondatori, che rifacendosi aglin ideali puritani, erano arrivati a percepirsi come il nuovo Israele di Dio , un popolo unito da un patto, con un destino e una missione speciali. Jefferson non rappresenta i coloni come rivoluzionari ma come uomini che rischiano vita e reputazione per tutelare lordine naturale del mondo. Questa spinta alleccellenza individuale e collettiva avviene in un contesto in cui la comunit internazionale, grazie alla costruzione retorica della D.I, si trover davanti ad una verit di per s evidente, che non pu non riconoscere, pena il dubbio sulla rettitudine delle sue intenzioni. WHAT IS AN AMERICAN? Nella spinta allautodefinizione, dalla seconda met del 700 ha inizio una tradizione letteraria che aiuta sia leuropa che gli stessi usa a definire ldentit americana. Tradizione che ha inizio con Hector St. John de Crevecoeur letters from an american farmer* dove si interroga sulla natura delluomo americano chi questamericano, questuomo nuovo? Nella nota introduttiva spiega che pur privato questo epistolario viene pubblicato in quanto contiene informazioni autentiche sulle colonie*, e quindi gradite al popolo inglese perch uniche
E si costruiranno case le abiteranno piangeranno vigne n mangeranno il frutto

Raccolta di lettere pubblicata a londra nel 1782, ma scritta nel 1770 ca. The following letters are the

informazioni disponibili a riguardo. (=scopo dellopera sia pubblico che privato). Dalla narrazione della vita nelle colonie descrive una nuova societ caratterizzata da principi di uguaglianza e autodeterminazione, e dalla nascita di una nuova razza umana (americani) originata da etnie. Letters..ebbe gran risonanza nella cultura usa, (what is an american? ritratti americani dip. Stato usa 2002 15 scrittori ritratto della societ e x chiarire quei valori che rischiano fraintendimento). The power of trasplantation Nella lettera terza what is an american? affronta il tema della natura delluomo americano. Parte considerando che gli europei arrivati nel nuovo mondo hanno subito una trasformazione, per lazione combinata del suolo americano + sistema sociale creatosi nelle colonie. Punto di vista da cui analizzato tale processo: quello del gentiluomo inglese (the enlightened englishman), che giunto nelle colonie, guarda al lavoro dei suoi connazionali e si compiace delle loro capacit. Crevecoeur si rivolge al pubblico britannico e cerca di spiegare come una terra selvaggia sia stata trasformata in una versione ottimizzata della madrepatria. Metafora che lui utilizza mutuata dalla natura: transplantation = trapianto descrive lincontro tra un seme e la natura incontaminata. Il buon seme il national genius, il patrimonio culturale che stato portato nel nuovo mondo (arti, scienze, abilit) e che ha consentito ai coloni di creare quel sistema sociale libero e prospero, per tutti. madre Ha reso possibilie tutto questo lincontro con la terra americana = alma mater* generosa, che dalleu, nutre i suoi figli e permette loro di crescere e dare frutti. In questo great american asylum ogni elemento aiuta leuropeo nel processo di trasformazione = rigenerazione. Grazie allincontro con nuove leggi, un nuovo sistema di vita e nuovo sistema sociale,

genuinetoward the affairs of America.

Alma = lat. alere

Every thing has tended to regenerate them.