Sei sulla pagina 1di 835

..................................................................................................................

A un certo punto non fu più la biologia a dominare il destino dell'uomo, ma il


prodotto del suo cervello: la cultura. L'Universo ha elargito un grande dono
all'uomo: con i suoi migliori atomi ha creato una parte di sè stesso dentro la sua
mente per studiare il resto di sè. Cosicchè: "Le uniche leggi della materia sono
quelle che la nostra mente deve architettare e le uniche leggi della mente sono
architettate per essa dalla materia" (Maxwell)

...........................................

TABELLA I
( dall'anno 5.000.000 all'anno 3500 a. C - 178 pagine )

ANDATURA A DUE GAMBE - INFORMAZIONI -


CONOSCENZA - GENIALITA' - CREATIVITA' - NEURONI e
SINAPSI - CERVELLO e MEMORIA - PRIMI UTENSILI -
CIOTTOLI - PIETRE SCHEGGIATE - FUOCO - AMBIENTE -
LINGUAGGIO GESTUALE - GIAVELLOTTO - COTTURA CIBO -
DIETA MISTA - FOCOLARE - AMORE e FAMIGLIA - GRANDI
MIGRAZIONI - LINGUAGGIO LARINGEO - ARTE RUPESTRE -
ARCO e FRECCE - BALESTRA - ARCO LUNGO - TORCIA -
LUMI OLIO - ANIMALI DOMESTICI - AGRICOLTURA - VANGA
- ZAPPA - MOLA - MULINO - MACINAZIONE - PANE -
LIEVITO - CALCOLARE - ANNO LUNARE - ABITAZIONI -
ARCHITRAVE - PALAFITTE - CERAMICA - TELAIO -
TESSITURA - LINO - VESTIARIO - PETTINE - COSMETICI -
ZATTERE - FALCE - AGO - AMO - CHIODO - CHIODO
RIBATTUTO - VITE - COLLA - ABACO - NUMERI - CANALI -

Pagina 1 di 835
IRRIGAZIONE - ALLEVAMENTO PESCI - CIBO SECCO -
AFFUMICATURA - SALATURA - BILANCIA - METALLI - RAME
- ORO - FILO D'ORO - FILO DI FERRO - FILO SPINATO -
ARGENTO - MERIDIANA ARCAICA - ORE E MINUTI -
CRONOLOGIA - BRONZO - COLTELLO - CUCCHIAIO - RUOTA
- CARRI - RUOTA IDRAULICA - RUOTA VOLANO

TABELLA II
( dall'anno 3500 al 550 a.C. - 133 pagine )

SCI - BARCHE - NAVI - GEROGLIFICI - SCRITTURA -


ALFABETO - PENNA D'OCA - BULINO - ARATRO - NAZIONE
STATO - VINO - VITE - BIRRA - OLIVO - OLIO - TORCHIO
SPREMITURA - CANDELE - STRUMENTI MUSICALI - ARPA -
DIGA - SAPONE - SEDIA - SEGA - GUERRA - MISURE -
CALENDARIO SOLARE - MONUMENTI - PIRAMIDI - MENIR -
MEGALITI - CROMLECH - DOLMEN - SCULTURA -
LETTERATURA - PAPIRO - PERGAMENA - VETRO -
FINESTRE . PRODUZIONE LASTRE VETRO - ASFALTO -
BITUME - COMPASSO - LEGNO COMPENSATO - GALLERIA -
FOGNATURA - CAVALLO - BOTTONE - BOTTONE
AUTOMATICO - SPECCHIO METALLICO - FORBICE -
MANTICE - TELEGRAFO - PALLA - CALCIO - PALLONE -
PALLONE COL BRACCIALE - ASTRONOMIA - ASTROLOGIA -
OSSERVATORIO ASTRONOMICO - PLANISFERO
TERRESTRE - PLANETARIO ASTRONOMICO - LEGGI -
INSEGNAMENTO - SCUOLE - MEDICINA - ALFABETO -
GUERRA NAVALE - TINTURE - COLORI - VERNICI - DAMA -
SCACCHI - NAVIGAZIONE - NAVI - BIREMI - TRIREMI -
CARTE GEOGRAFICHE - CARTE ROMANE - PORTOLANI -
CORAZZA - ARMATURE - PATTINI SU GHIACCIO - PATTINI
A ROTELLE - COSTITUZIONE - OMBRELLO - MACCHINE
D'ASSEDIO - OLIMPIADI - ARCO - VOLTA - ANCORA -
ACQUEDOTTI - AQUILONE - ZOO - MERIDIANE - PROTESI
DENTARIE - DENTI ARTIFICIALI - DENTIERE - DENTIFRICIO
- BIBLIOTECHE - MONETE - TEGOLA - ECLISSI - ELEMENTI -
TORNIO

Pagina 2 di 835
TABELLA III
( dall'anno 550 a.C. al 1180 d.C. - 137 pagine )

LA TERRA PIATTA - LA TERRA AL CENTRO DELL'UNIVERSO


- LA TERRA A SFERA - LOGICA - TAPPETI - NUMERI
IRRAZIONALI - VENERE - ARGANO - ANATOMIA
RUDIMENTALE - OSTRACISMO - PONTE - SOGNI - ATOMI -
EPILESSIA - CATAPULTA - AQUILONE - ACCADEMIA - LICEO
- GINNASIO - SCUOLE - MUSICA - ANIMALI
CLASSIFICAZIONE - CARTA DEL CIELO - LE RIVE
DELL'INDO - BOTANICA - VIAGGI MARI DEL NORD -
STRADE - AUTOSTRADE - GRU - GEOMETRIA - MUSEO-
BIBLIOTECA - ANATOMIA MODERNA - LUNA SOLE
DIMENSIONI - FARO - OROLOGIO - OROLOGIO A PENDOLO
- PESO SPECIFICO - POMPA A VITE - POMPA ASPIRANTE -
LEVA - SEZIONI CONICHE - POLVERE DA SPARO - FUOCHI
ARTIFICIALI - TE' - TERRA DIMENSIONE - CRONOLOGIA
DELLA STORIA - CALCESTRUZZO - GAGNO - TERME -
PERGAMENA - CALENDARIO ROMANO - GENNAIO-
FEBBRAIO - ASTROLABIO - SESTANTE - OTTANTE -
DISTANZA LUNA - ACQUEDOTTO ROMANO - FORNELLI -
CARTA DEL CIELO - LA VIA DELLA CINA - PLANETARIO -
VETRO - VETRO SOFFIATO - VETRO POLICROMO - VETRO
OTTICO - VETRO A LASTRE - VETRO DI MURANO - VETRO
DI JENA - VETRI DI SICUREZZA - BOTTIGLIE - TUBAZIONI -
RUBINETTI - BOTTI - BARILI - FORZA IDRAULICA - MULINI
A VENTO - FIOCCO - ANNO BISESTILE - BIBLIOTECA
PUBBLICA - IL GLOBO TERRA - FARMACI - FORZA VAPORE
- CONTACHILOMETRI - CONTAGIRI - PODOMETRO -
CRISTALLINO DELL'OCCHIO - CARTA - CARTA DA PARATI -
LA SETTIMANA A ROMA - SISTEMA TOLEMAICO - MIDOLLO
SPINALE - GALENO - MAPPA STRADALE - REGOLA DEL TRE
- REGOLA DEL CERCHIO 3,14 - NATALE - ORGANO -
ORGANO HAMMON - PALPAZIONE DEL POLSO - CARRIOLA
- SCAFANDRO - TUTE PRESSURIZZATE - SETA - FUOCO
GRECO - PORCELLANA - CAMPANE - CAMPANILI -
MERCATO SETTIMANALE - ACIDO ACETICO - ORGANO IN
CHIESA - FERRI DI CAVALLO - ZERO - CASE DELLA
SAPIENZA - POLICLINICO - ARCOLAIO - MANOVELLA -
CAFFE' - CIRCOLO POLARE ARTICO - ISLANDA - FINIMENTI
- COLLARI CAVALLI - BRIGLIA - STAFFA - ENCICLOPEDIA
ARABA - PALERMO ARABA - SCUOLA MEDICA DI SALERNO
- LINGUA ITALIANA - TAVOLE TRIGONOMETRICHE -
GROENLANDIA - VINLAND - LA TERRA E' SFERICA -

Pagina 3 di 835
MUSICA - NOTE - NOTAZIONE MUSICALE -
CAMPIONAMENTO - BALESTRE A MANOVELLA -
FORCHETTA - ARCHI GOTICI - BUSSOLA MAGNETICA -
BUSSOLA GIROSCOPICA - MAGNETISMO, MAGIA E ROGHI.

TABELLA IV
( dall'anno 1202 - al 1598 - 141 pagine )

NUMERI - CARBONE - TIMONE - LENTI - OCCHIALI -


MARTINETTO - TAVOLE ALFONSINE - POSTA - MARCO
POLO IN CINA - FILATOIO A RUOTA - ACIDO SOLFORICO -
LA COMETA DI GIOTTO - OROLOGIO MECCANICO - COLORI
A OLIO - PROSPETTIVA - ARTIGLIERIA - CARTE DA GIOCO -
CAMBIALE - BOMBARDA - MORTAIO - OBICE - CANNONE -
BOMBE - ( GRANATE - BOMBE A MANO - BOMBE AEREE -
BOMBA ATOMICA - BOMBA IDROGENO - BOMBA VOLANTE
- BOMBARDIERI )- ARCHIBUGIO - STAMPA - STAMPA A
COLORI - ROTATIVA - LINOTYPE - FOTOCOMPOSIZIONE -
INCHIOSTRO - CARILLON - CATENE - CAPO DI BUONA
SPERANZA - NUOVO MONDO - DECLINAZIONE MAGNETICA
- SFILIDE - AFRICA DOPPIATA - VARTA VETRATA -
PROTESI - ARTI ARTIFICIALI - FEMORE ARTIFICIALE -
SCOPERTA DELL'AMERICA - AMERIGO VESPUCCI -
VOCABOLARIO - ENCICLOPEDIA - DIZIONARIO - DRAGA -
MARI DEL SUD - FLORIDA - XILOGRAFIA - ACQUAFORTE -
MESSICO - MAYA - TOLTECHI - ATZECHI -
CIRCUMNAVIGAZIONE DELLA TERRA - PERU' - INCAS -
PISTOLA - RICOLTELLA - COLT - REVOLVER - MISSISSIPI -
RIO DEGLI AMAZZONI - SISTEMA ELIOCENTRICO - NUOVA
ANATOMIA - TAVOLE PLANETARIE - TROMBA
D'EUSTACHIO - PASSAGGIO A NORD EST - MINERALOGIA -
TABACCO - ASSOCIAZIONI SCIENTIFICHE - MOSCHETTO -
MATITA - PLANISFERO TERRESTRE - ATLANTE -
PLANISFERO MERCATORE - STELLE SUPENOVE - COMETE -
PREFABBRICATI - EDILIZIA MODULARE - TERRA DEL
FUOCO - STRETTO DI DRAKE - PENDOLO - SIBERIA -
CALENDARIO GREGORIANO - WATER A SIFONE - FRAZIONI
DECIMALI - IDROSTATICA - NICOTINA - PIPA - SIGARETTA -
MARTINETTO - CADUTA DEI CORPI - MACCHINA
MAGLIERIA - MICROSCOPIO - CANNOCCHIALE -
TELESCOPIO SPAZIALE - TERMOMETRO - PRESSIONE
ATMOSFERICA - BAROMETRO - TERMOMETRO A
MERCURIO - SCALA FAHRENHEIT - SCALA CELSIUS -

Pagina 4 di 835
TERMOMETRO CLINICO - TERMOMETRO ASSOLUTO -
ARCHEOLOGIA - POMPEI - PI GRECO - ALCHIMIA
MEDIEVALE - GIORNALE - GAZZETTA - QUOTIDIANO -
PERIODICO -

TABELLA V
( dall'anno 1600 al 1737 - 180 pagine )

LA TERRA MAGNETE - LA SCIENZA DI GIORDANO BRUNO -


LATTA - VIRGINIA (STATI UNITI) - PANTOGRAFO -
TELESCOPIO - CANADA - ORBITE PLANETARIE - LA VIA
LATTEA - LA LUNA - INCUBATRICE - GIOVE - VENERE -
MACCHIE SOLARI - VELOCIPEDE - BICICLETTA -
LOGARITMI - DILIGENZA - METODO SCIENTIFICO - REGOLO
- GAS - TAVOLE RUDOLFINE - MANHATTAN -
CIRCOLAZIONE DEL SANGUE - POLMONI FUNZIONAMENTO
- SCONTRO SCIENZA E RELIGIONE - GEOMETRIA
ANALITICA - BAIONETTA - CARBONE COOKE - CHININO -
PASCALINA - BAROMETRO - VUOTO PNEUMATICO - PESO
DELL'ARIA - PRESSIONE ATMOSFERICA ALTITUDINE -
PRESSIONE IDRAULICA - FUCILE - CARTUCCIA FUCILE -
CARROZZELLA PER INVALIDI - ETA' DELLA TERRA -
PROTESI ACUSTICA - PROBABILITA' - GLI ANELLI DI
SATURNO - OROLOGIO A PENDOLO - CADUTA DEI CORPI -
ENTOMOLOIA - EMATOSI - GLOBULI ROSSI - CAPILLARI -
ELETTRICITA' STATICA - BANCONOTA - ELEMENTI CHIMICI
- LEGGE SUI GAS - LEGGE DI BOYLE - SCIENZIATO -
ACCADEMIA DELLE SCIENZE - CELLULA - DIFFRAZIONE
DELLA LUCE - ROTAZIONE DEI PIANETI - SPETTRO
LUMINOSO - GENERAZIONE SPONTANEA - TELESCOPIO A
SPECCHIO - MATEMATICA SUPERIORE - CALCOLO
INFINITESIMALE - FOSFORO - GEOLOGIA - FOSSILI -
DIABETE - SATELLITI DI SATURNO - DISTANZA DEI
PIANETI - AUTOPOMPA - VELOCITA' DELLA LUCE -
MICRORGANISMI - SPERMATOZOO - STELLE DEL SUD -
PENTOLA A PRESSIONE - SFRUTTAMENTO DEL VAPORE -
MACCHINA A VAPORE - IL SESSO DELLE PIANTE - BATTERI
- DIMENSIONE DELLA TERRA - NUMERI IMMAGINARI -
CARTA METEREOLOGICA - CLASSIFICAZIONE VEGETALI -
GRAVITAZIONE UNIVERSALE - LEGGI DEL MOTO -
CHAMPAGNE - LASTRE DI VETRO MODERNE -
CLASSIFICAZIONE ANIMALE - CALCOLATRICE DI LEIBNIZ -
STATSTICA DELLA MORTALITA' - TASSO DI MORTALITA' -

Pagina 5 di 835
TAVOLE DI MORTALITA' - MINER'S FRIEND - VIAGGI DI
HALLEY - VOLUME E TEMPERATURA DEI GAS -
CLARINETTO - SISTEMA BINARIO - I-CHING - ORBITE
DELLE COMETE - ALTOFORNO - PIANOFORTE - FUCILE -
DIAPASON - MACCHINA A VAPORE - SCALA DI
FAHRENHEIT - ECLISSI SOLARI - MOTO DELLE STELLE -
ISOLA DI PASQUA - VIOLINO - LONGITUDINE -
CRONOMETRO DI BORDO - ABERRAZIONE DELLA LUCE -
STRETTO DI BEERING - ODONTOIATRIA - CONDUTTANZA
ELETTRICA - NAVETTA VOLANTE (FLYING SHUTTLE) -
NOMENCLATURA BINOMIA - TASSONOMIA - ALESATRICI -
COBALTO

TABELLA VI
( dall'anno 1738 al 1795 - 152 pagine )

BINARI - FERROVIA - TRAM - LOCOMOTIVA A VAPORE -


LOCOMOTIVA ELETTRICA - LOCOMOTORE A DIESEL -
LOCOMOTORE A MONOROTAIA - LOCOMOTIVA A
CREMAGLIERA - MASSICCIATA - FERRI DA STIRO - SCALA
CELSIUS - CONGETTURA DI GOLDBACH - STUFA -
BOTTIGLIA DI LEYDA - ACIDO SOLFORICO - AVITAMINOSI -
SCORBUTO - ZUCCHERO - EDULCORANTI INTENSI - NULLA
SI DISTRUGGE... - ETA' DELLA TERRA - NICHEL -
ENCICLOPEDIA (DIDEROT) - PARAFULMINE - ANIDRIDE
CARBONICA - GALASSIA - MOVIMENTO DEI CONTINENTI -
COMETA DI HALLEY - OMUNCOLI - EMBRIOLOGIA -
CARDATRICE - PATOLOGIA - CRONOMETRO MARINO -
IMPOLLINAZIONE - ASSEGNO - MACCHINA A VAPORE DI
WATT - IDROGENO - AUSTRALIA - ISOLE HAWAI - ISOLE
SANDWICH - SANDWICH (PANINO) - ACQUA GASSATA -
PRIMO VEICOLO A MOTORE - FILATOIO MECCANICO -
FILATOIO JENNI - VIAGGI NEOCOLONIALISMO - NEBULOSE
- LE PIANTE RESPIRANO - DIAMANTE - AZOTO - BACILLI -
OSSIGENO - CICLO RESPIRAZIONE - CLORO -
MAGNETISMO CURATIVO - FARMACI VEGETALI -
ERBORISTERIA - WATER CLOSET - RAZZE UMANE -
FECONDAZIONE - FOTOSINTESI - ELETTRICITA' ANIMALE -
OTTONE - TEODOLITE - URANO - NETTUNO - PLUTONE -
STELLE BINARIE - STELLE DOPPIE - CRISTALLOGRAFIA -
MOTO DEL SOLE - LA NOSTRA GALASSIA - RESPIRAZIONE
- MONGOLFIERA - AEROSTATO - DIRIGIBILE - IDROGENO E
ACQUA (FLOGISTO) - TELLURIO - COULUMB UNITA' -

Pagina 6 di 835
ELETTROSTATICA - UNIFORMISMO - ALPINISMO -
M.BIANCO 1a ASCENSIONE - IL LINGUAGGIO DELLA
CHIMICA - BATTELLO A VAPORE - MECCANICA ANALITICA -
GHIGLIOTTINA - LEGGE CONSERVAZIONE DELLA MASSA -
URANIO - SISTEMA METRICO - METRO - CHILOGRAMMO -
LITRO - MISURE INGLESI - UN INVENTORE COPISTA (USA)
- TITANIO - MANICOMI - GINNATRICE - SGRANATRICE DEL
COTONE - STELLE CADENTI - ASTEROIDI - METEORITI -
MATITA - CONSERVAZIONE DEL CIBO - CIBI IN SCATOLA -
RAZIONE K -

TABELLA VII
( dall'anno 1796 al 1830 - 149 pagine )

VACCINAZIONE - VACCINI - VAIOLO - IPOTESI NEBULOSE -


CROMO - PARACADUTE - LITOGRAFIA - MASSA
TERRESTRE - ANATOMIA COMPARATA - TEORIA
MALTUSIANA - PRESSIONE DEMOGRAFICA - AMMONIACA -
PEZZI DI RICAMBIO - PRODUZIONE DI SERIE - BERILLIO -
GEROGLIFICI - STELE DI ROSETTA - PILA DI VOLTA - PILA
DI DANIEL - ELETTROMAGNETISMO - ESPERIENZA DI
OERSTED - GALVANOMETRO - AMPEROMETRO - H2 O -
SCOMPOSIZIONE DELL'ACQUA - RADIAZIONE INFRAROSSA
- RADIAZIONE ULTRAVIOLETTA - ILLUMINAZIONE - GAS
ILLUMINANTE - LAMPADE A GAS - LAMPADA AD ARCO -
LAMPADINA - LAMPADA AL NEON - LAMPADE
FLUOROSCENTI - LAMPADE DI SICUREZZA - LAMPADA A
PETROLIO - FOOT BALL INGLESE - CAMPIONATO DI
CALCIO - TELAIO JACQUARD - ASTEROIDI - CAFFE' -
CAFFETTIERA DI KARLSBAD - CAFFETTIERA NAPOLETANA
- CAPPUCCINO - KRAPFEN - CORNETTO - CAFFETTIERA
MODERNA - MOKA - CAFFE ESPRESSO - CAFFE' SOLUBILE
- ACCUMULATORE - TEORIA ATOMICA - LOCOMOTIVA A
VAPORE - MORFINA - CARTA CARBONE - ELETTROCHIMICA
- SODIO E POTASSIO - ILLUMINAZIONE STRADALE -
EVOLUZIONE LAMARKIANA - AERODINAMICA - ALIANTE -
APRISCATOLE - GIROSCOPIO - LEGGE DI AVOGADRO -
LEGGE SUI GAS - METRONOMO - EVOLUZIONE
CATASTROFISTA - NOMENCLATURA CHIMICA - SIMBOLI
CHIMICI - SPETTROSCOPIA - RIGHE SPETTRALI - UNITA'
ANGSTROM - STETOSCOPIO - ESTINTORE - CLOROFILLA -
BICICLETTA DRAISINA - COMETA ENCKE - PESI ATOMICI -
PESI MOLECOLARI DI BERZELIUS - CHININO -

Pagina 7 di 835
ELETTROMAGNETISMO DI AMPERE - TERRA
DELL'ANTARTIDE - MOTO ELETTRICO - CALCOLATORI -
LIQUEFAZIONE GAS - ELETTROCALAMITA - ALFABETO
BRAILLE - CEMENTO - CEMENTO ARMATO -
CALCESTRUZZO - POZZOLANA - EFFICIENZA VAPORE -
TERMODINAMICA DI CARNOT - DISTANZA DAL SOLE -
SILICIO . LOCOMOTIVA A VAPORE - ALLUMINIO -
ELETTROMAGNETE - ELETTROCALAMITA - ASTIGMATISMO
- RETE LETTI - MATERASSI - LEGGE DI OHM - TURBINA -
ELICA NAVALE - GAMETI FEMMINILI - CLASSIFICAZIONE
DEL CIBO - SCIENZIATO (NOME) - INDUZIONE MAGNETICA
- COMPOSTI ORGANICI - CRAKER - GRISSINI - POPOCORN -
TERMOSTATO

TABELLA VIII
( dall'anno 1830 al 1848 - 134 pagine )

PRINCIPI DI GEOLOGIA - ETA' DELLA TERRA - PARAFFINA -


CAMPANELLO ELETTRICO - FIAMMIFERI -
PIEZOELETRICITA' - CRISTALLI PIEZOELETTRICI -
ACCENDINO PIEZOELETTRICO - CLOROFORMIO -
ELETTROLISI - DIASTASI - ENZIMA - LIEVITO - MIETITRICE
MECCANICA - CELLULOSA - GHIACCIO - GHIACCIO SECCO -
RIVOLTELLA - PEPSINA - STENOGRAFIA - CEMBALO
SCRIVANO - STENOGRAFIA A MACCHINA - TASTIERA
QWERTY - ERA GLACIALE - GRANDEZZA DELL'UNIVERSO -
TEORIA CELLULARE - PROTEINA - TELEGRAFO - ALFABETO
MORSE - FOTOGRAFIA DI NIEPCE - PILA A IDROGENO -
BICICLO - GOMMA - GOMMA PER CANCELLARE -
IMPERMEABILI - GOMMA VULCANIZZATA - GOMMA
SINTETICA - GOMMA DA MASTICARE - CHEWING GUM -
GOMMAGUTTA - GOMMAPIUMA- GOMMALACCA -
FRANCOBOLLO - TERMOCHIMICA - OZONO - FUNE
METALLICA - FUNICOLARE - FUNIVIA - MIETITRICE -
TREBBIATRICI - MIETITREBBIATRICE - FOTOGRAFIA -
DAGHERROTIPO - NEGATIVO FOTOGRAFICO - LASTRE
FOTOGRAFICHE - OBIETTIVO FOTOGRAFICO - PELLICOLA
FOTOGRAFICA - MACCHINA FOTOGRAFICA (KODAK) -
MACCHINA FOTOGRAFICA (LEICA) - PELLICOLE A COLORI -
OBIETTIVO ZOOM - POLAROID - FOTOGRAFIA DIGITALE -
MICROFILM - FERTILIZZANTI - EFFETTO DOPPLER -
MACCHIE SOLARI - FAX - MANOMETRO -
TRANSATLANTICO - TELEGRAFO A RELE' - COCAINA -

Pagina 8 di 835
MORFINA - DROGHE - SASSOFONO - ROTATIVA -
NITROCELLULOSA - FULMICOTONE- NEBULOSE SPIRALI -
GALASSIE (KANT) - GAS PERMANENTI - ANENOMETRO -
ANESTESIA - PIANETA NETTUNO - MACCHINE PER CUCIRE
- CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA . PARTO INDOLORE -
NITROGLICERINA- LOGICA SIMBOLICA - ZERO ASSOLUTO -
SECONDO PRINCIPIO TERMODINAMICA - SPILLA DI
SICUREZZA

TABELLA IX
( dall'anno 1850 al 1868 - 143 pagine )

CAVI SOTTOMARINI - SIRINGA IPODERMICA - ROTAZIONE


TERRESTRE - OFTALMOSCOPIO - POMPE DI CALORE -
ASCENSORE - ETA' DEL SOLE E DELLA TERRA - ALIANTE -
PATATINE CHIPS - CHEROSENE - COLERA - PERFORATRICE
- LAVAGGIO A SECCO - LATTE IN POLVERE - LATTE
CONDENSATO - SISMOGRAFO - PIROSSILLINA -
PARKESINA - ACCIAIO - COLORANTI SINTETICI - UOMO DI
NEANDERTAL - FORNO DOMESTICO A GAS - FORNO
MICROONDE - BETONIERA - EVOLUZIONE PER SELEZIONE
NATURALE - ORIGINE DELLA SPECIE - FRIGORIFERO -
APRISCATOLE - PETROLIO - BENZINA - DINAMO - COLORE
RADIAZIONI - RIGHE SPETTRALI - SPETTROSCOPIO -
NUMERO DI AVOGADRO - LINOLEUM - ROTATIVA -
CERVELLO AREA DI BROCA - FRENOLOGIA - POLIMERI -
GERMI PATOGENI - FRESATRICE - NAVE CORAZZATA -
MITRAGLIATRICE - EMOGLOBINA - MUNGITRICE -
METROPOLITANA - SONNIFERI - BARBITURICI -
TRANQUILLANTI - STERILIZZAZIONE - CHIRURGIA
ANTISETTICA - PASTORIZZAZIONE - VACCINAZIONE -
ANTIRABBICA - VIRUS - MALATTIE INFETTIVE -
TUBERCOLOSI - PARALISI INFANTILE - POLIOMELITE -
OLEODOTTO - LEGGE EREDITARIETA' (MENDEL) -
ACCENDISIGARI - SERRATURE - SODA - ENTROPIA -
DINAMITE - NITROGLICERINA - TNT - TRITOLO - CICLONITE
- SILURI - TERMOMETRO CLINICO - NUCLEO DELLA TERRA
- PILA A SECCO - MACCHINA PER SCRIVERE - BICICLO A
MOTORE - MOTOCICLETTA - CENTAURI - SEMAFORO -
ENDOSCOPIA - CISTOSCOPIA - ELIO - NEFOSCOPIO -
UOMO DI CRO MAGNON - VITA PROFONDITA' MARINE -
SCALDABAGNO - STUFA ELETTRICA

Pagina 9 di 835
TABELLA X
( dall'anno 1869 al 1885 - 154 pagine )

ACIDO NUCLEICO - CELLULE - CELLULOIDE - MARGARINA -


TELES - TELESCRIVENTE - TELETEX - TELEVIDEO -
SISTEMA PERIODICO DEGLI ELEMENTI - ANTIPARASSITARI
- DDT - RISCOPERTA DI TROIA - EVOLUZIONE UMANA -
MARTELLO PNEUMATICO - LAVATRICE - POEMA DI
GILGAMESH - LA SCRITTURA CUNEIFORME -
BATTERIOLOGIA - PSICOLOGIA SPERIMENTALE -
PSICOLOGIA FISIOLOGICA - LEBBRA - PIASTRINE DEL
SANGUE - TROMBOCITI - ELEMENTO GALLIO - CRISTALLI -
JEANS - CARAMELLE - AROMI - FECONDAZIONE -
BULLDOZER - TELEFONO - CARTONI ANIMATI - MOTORE A
SCOPPIO - AUTOMOBILE - MOTORE WAKNKEL - MOTORE
ELETTRICO - SEDIA ELETTRICA - CENTRALE ELETTRICA -
GRAFFETTA _ ELICOTTERO - OSSIGENO LIQUIDO -
FONOGRAFO - CANALI DI MARTE - SATELLITI DI MARTE -
LUCE ELETTRICA - SACCARINA - REGISTRATORE DI CASSA
- PROTOZOI - MALARIA - SISMOLOGIA - SCOPERTA
DELL'INCONSCIO - CALCOLATRICE ELETTROMECCANICA -
RAGGI CATODICI - PIEZOELETTRICITA' - CARBONCHIO -
PNEUMOCOCCO - MITOSI - CROMOSONI - CROMATINA -
TUBERCOLOSI - PNEUMOTORACE - ENFISEMA
POLMONARE - POLMONE D'ACCIAIO - GRATTACIELO -
ACCIAIO AL MAGNESIO - ACCIAIO LEGATO - CORRENTE
ALTERNATA - RAYON - MEIOSI - FAGOCITI - DIFTERITE -
MITRAGLIATRICE MAXIM - EUGENETICA -
MIGLIORAMENTO RAZZIALE - COCA-COLA - TURBINA A
VAPORE - AEREO A REAZIONE - MOTORE A REAZIONE -
TURBINA A JET - TURBINA TERMOELETTRICA - ENERGIA
GEOTERMICA - TURBINA GEOTERMICA - LINOTYPE -
PENNA STILOGRAFICA - PENNA A SFERA (BIRO) -
ANTIRABBICO - IDROFOBIA - VIRUS - RETICELLA PER
LUME -

TABELLA XI

Pagina 10 di 835
( dall'anno 1885 al 1899 - 155 pagine )

AUTOMOBILE - AUTO ITALIANA - AUTO FIAT - FRENO -


MAGNETE - CANDELA - FRIZIONE - CAMBIO - IMPRONTE
DIGITALI - LINOTYPE - ALLUMINIO - STAGNOLA -
GERMANIO - FLUORO - DISPROSIO - AZOTO E PIANTE -
LENTI A CONTATTO - ELETTROCARDIOGRAFIA -
ELETTROCARDIOGRAMMA - VELOCITA' DEL SUONO -
NUMERO DI MACH - MONTACARICHI - ASCENSORE -
PNEUMATICO - RADIOONDE - ONDE HERTZIANE -
IONOSFERA - FONOGRAFO - DISCO FONOGRAFICO -
GIRADISCHI - GRAMMOFONO - MICROFONO -
FOTOGRAFIA DI MASSA - CICLOSTILE - XEROGRAFIA -
FOTOCOPIATRICE - TRATTORE - NEURONE - SINAPSI -
DISSENTERIA - PESTE BUBBONICA -TETANO - CORDITE -
CENTRO MECCANOGRAFICO - SCHEDE PERFORATE -
CINEMA - CINEPRESA - CINEMA SONORO - CINEMA
COLORI - CINEMA STEREO - CINEMASCOPE -
PITECANTROPO - CANCRO MAMMELLA - GUANTI
CHIRURGICI - SEDIA ELETTRICA - CERNIERA LAMPO - PILA
ELETTRICA - TORCIA ELETTRICA - PILA A SECCO -
ELETTRONE - ABRASIVI - PROFUMI SINTETICI - ACQUA DI
COLONIA - POP CORN - BOTTIGLIA DI DEWAR - THERMOS -
PSICOANALISI - CORRENTE ALTERNATA - FEBBRE DEL
TEXAS - PIROPLASMOSI - FIBRE DI VETRO - ARGO - SCALA
MOBILE - RAGGI X - TORNIO - TOSTAPANE - ANTENNA
RADIO - PERISCOPIO - URANIO - BERI BERI -
SFIGMOMANOMETRO - ASPIRINA - PARTICELLA
SUBATOMICA - RADIAZIONI URANIO - RAGGI ALFA E BETA
- MALARIA - OSCILLOSCOPIO - TUBO DI BRAUN - TUBO
CATODICO - MOTORE DIESEL - ALTOPARLANTE -
MAGNETOFONO - REGISTRATORE A NASTRO - WALKMAN -
CUSCINETTO A SFERE - POLONIO - RADIO -
RADIOATTIVITA' - NEON, CRIPTO, ZENO - IDROGENO
LIQUIDO - ELIO LIQUIDO - VIRUS - ADRENALINA -
SOMMERGIBILE - SOTTOMARINO - LAVASTOVIGLIE

TABELLA XII
( dall'anno 1900 al 1915 - 165 pagine )

AUTOMI - ROBOT - CHITARRA - TAYLORISMO -


PRODUZIONE IN SERIE - CATENA DI MONTAGGIO -
QUANTO - TEORIA DEI QUANTI - RAGGI BETA - RAGGI
GAMMA - EMISSIONE ELETTRONI - VALVOLA - MENDEL

Pagina 11 di 835
RISCOPERTO - MUTAZIONI - TRASFUSIONE SANGUE -
GRUPPI SANGUIGNI - SANGUISUGHE - SALASSO - SOGNO -
DIRIGIBILE - CRETA, CNOSSO - ENERGIA RADIOATTIVA -
RADIO - ONDE MEDIE - RADIOONDE CORTE - RADIOONDE
HERTZIANE - ONDA SONORA - RADIOGONIOMETRO -
RADIONAVIGAZIONE - RADIOTELESCOPIO - RASOIO -
RASOIO DI SICUREZZA - LAMETTE DA BARBA - RASOIO
ELETTRICO - ASPIRAPOLVERE - CONDIZIONATORE -
ALLERGIE - SHOCK ANAFILATTICO - CHIRURGIA SU VASI
SANGUIGNI - AEROPLANO - EVOLUZIONE AEROPLANI -
MISSILI - RAZZO - V1 E V2 - VETTORI SPAZIALI - VOLO
SPAZIALE - ALISCAFO - CELLULA FOTOELETTRICA -
VALVOLA TERMOIONICA - DIODO - RADDRIZZATORE -
VALVOLE DI SICUREZZA - STRUTTURA ATOMICA -
RELATIVITA' RISTRETTA - TEST INTELLIGENZA - SILICONE
- FOTONI - FOTOCELLULA - FOTOELETTRCITA' - EFFETTO
FOTOELETTRICO - CELLE FOTOVOLTAICHE - PANNELLI
FOTOVOLTAICI - ENERGIA FOTOVOLTAICA - SATELLITE
FOTOVOLTAICO - MASSA-ENERGIA - TRAPANO - GALLERIA
DEL SEMPIONE - RADIOONDE E SUONO - TRIODO -
VITAMINE - JUKE BOX - BACHELITE - CELLULOIDE -
CELLOFAN - GOMMA SINTETICA - PLEXIGAS - POLIETILENE
- NYLON - RAYON - TEFLON TEFAL - DRACON - PVC -
POLIPROPILENE ISOTATTICO - MOPLEN - CHEMIOTERAPIA
- DROSOFILA - RIFLESSI CONDIZIONATI - DIMENSIONE
ATOMO - GEIGER CONTATORE - BATTISTRADA
PNEUMATICI - SIFILIDE - GENI - TUGSTENO - POLO NORD -
LUCE AL NEON - GENE X E GENE Y - FRULLATORE -
ATOMO STRUTTURA - CARICA DELL'ELETTRONE - RAGGI
COSMICI - MAPPA CROMOSONICA - TUMORI DA VIRUS -
IDROVOLANTE - POLO SUD - MOTORINO D'AVVIAMENTO -
DERIVA DEI CONTINENTI - TUBO DI COOLIDGE -
OZONOSFERA - REGGISENO - BIKINI - CRUCIVERBA -
ENIGMISTICA - NUMERO ATOMICO - CARRO ARMATO -
GAS ASFISSIANTI - IPRITE - FOSGENE - MASCHERA
ANTIGAS - LANCIAFIAMME - PELLAGRA

TABELLA XIII
( dall'anno 1916 al 2004 - 285 pagine - parziale )

RELATIVITA' GENERALE - BUCHI NERI - RADIO


SUPERETERODINA - DETERSIVI - ECOGONIOMETRO -

Pagina 12 di 835
SONAR - AMMONIACA - PRIMA REAZIONE NUCLEARE -
ETA' DELLE PIANTE - DENDROCRONOLOGIA - ANEMIA -
REGOLO CALCOLATORE - REFRIGERAZIONE -
FRIGORIFERO - INSULINA - RACHITISMO - VITAMINA D -
MACCHINA DELLA VERITA' - PORTAEREI - BULLDOZER -
RADAR - SURGELATI - SINTESI DELLA MORFINA -
AUTORESPIRATORE - AEROSOL - SPRAY -
NEBULIZZATORE - FREON - BUCO NELL'OZONO -
MECCANICA ONDULATORIA - PACCHETTI D'ONDA -
MECCANICA QUANTISTICA - RAZZO - PRINCIPIO
D'INDETERMINAZIONE - TELEVISIONE - TELEVISIONE
COLORI - SCHERMO CRISTALLI LIQUIDI - SCHERMO AL
PLASMA - ANTIBIOTICO - PENICILLINA - STREPTOMICINA -
NASTRO ADESIVO - TEORIA DEI GIOCHI - ACCELERATORE
PARTICELLE - PLUTONE - CICLOTRONE - PLEXIGAS -
NEOPRENE - DIMENSIONE VIRUS - PALLONI
STRATOSFERICI - NEUTRONE - NUCLEO DELL'ATOMO -
POSITRONE - PARCHIMETRO - AUTORADIO - ZERO
ASSOLUTO - CATARIFRANGENTE - PRMONI - ESTRONE -
ANDROSTERONE - PROGESTERONE - EMBOLIA -
BATISFERA - COMPUTER - CORTISONE - PRESSOFUSIONE -
ELETTROSHOCK - PENNA BIRO (BIC) - CARTA DI CREDITO -
FOTOCOMPOSIZIONE - ROTOCALCO - JEPP - DDT
PESTICIDA - DRAKON - WALKIE TALKIE - PILA ATOMICA -
REATTORE NUCLEARE - CENTRALE ELETTRICA ATOMICA -
BAZOOKA - BOMBA - BOMBA AL NAPALM - BOMBA
CHIMICA - BOMBA A SPILLO - PVC - RENE ARTIFICIALE -
MACCHINA DI TURING - COMPUTER BESSIE - COMPUTER
MARK 1 - ENIGMA - COLUSSUS - BUG (baco) - BOMBA
ATOMICA - COMPUTER ENIAC - BIT - MOTOSCOOTER -
LAMBRETTA - VESPA - CICLOMOTORE - CUCCIOLO -
FOTOGRAFIA TRIDIMENSIONALE - OLOGRAFIA -
TRANSISTOR - COMPUTER UNIVAC 1 - MINIELABORATORE
- CIRCUITO INTEGRATO - CHIP - COMPUTER ELEA 93 -
MOUSE - WORD PROCESSOR - PROGRAMMA 101 - RAM -
DISCO 78 GIRI - LONG PAYNG - MICROSOLCO - DISCHI 33
GIRI - COMPACT DISC - BATISCAFO - COSMETICI
MASCARA - RIMMEL - ANTICELLULITE - ROSSETTO
INDELEBILE - PACEMAKER - BATTELLO PNEUMATICO -
CANOTTO - FUORIBORDO - PLASTICA MOPLEN -
MACCHINA CUORE-POLMONE - TRAPIANTI ORGANI - SOIA
- CIBI ARTIFICIALI - VACCINO SALK - CENTRALE ATOMICA -
ENERGIA SOLARE - FOTOVOLTAICO - BATTERIA SOLARE -
ROBOT - AUTOMAZIONE - SERVOMECCANISMI -
CIBERNETICA - PROFILATTICO - PILLOLA
ANTICONCEZIONALE - CONTRACCETTIVO - FIBRE OTTICHE
- HOVERCRAFT - ALISCAFO - VIDEOTAPE -
VIDEOREGISTRAZIONE - VIDEOREGISTRATORE -
VIDEOCAMERA - AMNIOCENTESI - SATELLITI ARTIFICIALI -
SPUTNIK 1 - SATELLITE GEOSTAZIONARIO - ASTRONAUTI -

Pagina 13 di 835
ASTRONAUTICA - UOMO SULLA LUNA - STAZIONI
SPAZIALI - SONDE SPAZIALI - SINTETIZZATORE MUSICALE
- SINTETIZZATORE VOCALE - LASER - CD COMPACT DISC -
CD-ROM - VIDEODISCO - PHOTO CD - CD-ROM-W -
CIRCUITO INTEGRATO - VALVOLE CARDIACHE - FIBRE DI
CARBONIO - MINIGONNA - TRAPIANTO DI CUORE - UOMO
SULLA LUNA (i protagonisti) - AIDS - CUORE ARTIFICIALE
- BYPASS CORONARICO - FLOPPY DISK - CALCOLATRICE -
CALCOLATRICE MECCANICA - CALCOLATRICE
ELETTROMECCANICA - CALCOLATRICE A SCHEDE -
CALCOLATRICE ELETTRONICA - CALCOLATRICE TASCABILE
- MICROPROCESSORE - COMPUTER QUANTICO -
VIDEOGIOCO - TOMOGRAFIA ASSIALE COMPUTERIZZATA -
RISONANZA MAGNETICA - SPET - TEP - PET - BOTTIGLIE DI
PLASTICA - INGEGNERIA GENETICA - DNA - GENOMA
UMANO - UOMO IN PROVETTA - FECONDAZIONE
ARTIFICIALE ANIMALE, VEGETALE, UMANA - SCOPERTO IL
10° PIANETA DEL SISTEMA SOLARE: "DESNA"

Per allestire queste pagine sono state consultate molte opere


sia per le singole invenzioni e scoperte, sia per fare una
comparazione
nelle date; e dove ho notato discordanze ho approfondito
altre opere specifiche elencate nella mia personale biblioteca

Bibliografia essenziale:
Cronologia Universale, Rizzoli, 1987
Cronologia Universale, Utet, 1979
Cronologia Universale Garzanti, 1994
Jean Marie Burre, La dietetica del cervello, Sperling & Kuffer, 1990
John C. Eccel, La conoscenza del cervello, Piccin, 1976
Karl S. Lashley, La fisica della Mente, Boringhieri, 1974
B. Viacav, 50 anni di elettronica e dintorni, Mursia, 2002
AA.VV. Dizionario enciclopedico di Meccanica, Jackson, 1987
AA.VV. Dizionario enciclopedico di Matematica , Jackson, 1987
AA.VV. Dizionario enciclopedico di Astronomia, Jackson 1987
AA.VV. Dizionario enciclopedico di Fisica, Jackson 1987
I. Asimov, Cronologia delle scoperte scientifiche, Cde,1991
G. Reviccio, Enciclopedia cronologica scoperte e invenzioni,
Rusconi, 1995
A. Mayer, 6000 anni di esplorazioni, Bompiani 1949
I. Del Giudice, Le grandi scoperte scientifiche, Nerbini, 1941
A. Ferrario. Invenzioni e inventori nel XX secolo, Bompiani, 1938
von Pflugk-Harttung, Storia universale, lo sviluppo dell'umanità,
Soc. Libraria, 1930

Pagina 14 di 835
ALLA H.P. DI CRONOLOGIA
CRONOLOGIA è protetto da Copyright Autore: Francomputer N. di repertorio (Olaf) SIAE
9503092
Brevetto del nome "CRONOLOGIA" e "CORRIERE DEL 2000" patent. No. Dep. VI97C000377-78

.........

NOTA: Le invenzioni-scoperte sono in ordine cronologico, ma in alcune sono accennate le


successive evoluzioni, anche se le stesse sono poi riportate in dettaglio nei rispettivi anni di
scoperta.

TABELLA 1

Pagina 15 di 835
( dall'anno 5.000.000 all'anno 3500 a. C )

ANDATURA A DUE GAMBE - INFORMAZIONI - CONOSCENZA - GENIALITA' -


CREATIVITA' - NEURONI e SINAPSI - CERVELLO e MEMORIA - PRIMI UTENSILI -
CIOTTOLI - PIETRE SCHEGGIATE - FUOCO - AMBIENTE - LINGUAGGIO
GESTUALE - GIAVELLOTTO - COTTURA CIBO - DIETA MISTA - FOCOLARE -
AMORE e FAMIGLIA - GRANDI MIGRAZIONI - LINGUAGGIO LARINGEO - ARTE
RUPESTRE - ARCO e FRECCE - BALESTRA - ARCO LUNGO - TORCIA - LUMI
OLIO - ANIMALI DOMESTICI - AGRICOLTURA - VANGA - ZAPPA - MOLA - MULINO
- MACINAZIONE - PANE - LIEVITO - CALCOLARE - ANNO LUNARE - ABITAZIONI -
ARCHITRAVE - PALAFITTE - CERAMICA - TELAIO - TESSITURA - LINO -
VESTIARIO - PETTINE - COSMETICI - ZATTERE - FALCE - AGO - AMO - CHIODO -
CHIODO RIBATTUTO - VITE - COLLA - ABACO - NUMERI - CANALI - IRRIGAZIONE
- ALLEVAMENTO PESCI - CIBO SECCO - AFFUMICATURA - SALATURA -
BILANCIA - METALLI - RAME - ORO - FILO D'ORO - FILO DI FERRO - FILO
SPINATO - ARGENTO - MERIDIANA ARCAICA - ORE E MINUTI - CRONOLOGIA -
BRONZO - COLTELLO - CUCCHIAIO - RUOTA - CARRI - RUOTA IDRAULICA -
RUOTA VOLANO

5.000.000 a.C.

____ ANDATURA A DUE GAMBE - Non avvenne per caso ma fu


un atto voluto; provando e riprovando un pongide fece la sua
prima sensazionale "scoperta": che poteva rimanere eretto.
Quando ebbe questa idea di erigersi su due gambe e
camminare, liberando le mani dal compito di locomozione,
questo essere, nel fare il primo tentennante passo, diede
inizio alla lunga avventura di quello che d'ora in avanti
chiameremo ominide. Quando, nonostante gli insicuri
tentativi, espresse una cosciente "caparbietà" di voler
rimanere eretto, e pur con degli inconvenienti fisiologici che
ancora oggi sono causa di disturbi, questa "volontà" segnò
l'inizio di molte altre scoperte, e quindi del progresso
dell'uomo.
La Terra offriva allora un aspetto non molto differente da
come si presenta oggi. In luogo della vita intelligente e attiva
che circonda sulla sua superficie; in luogo di queste città
popolate, dei nostri villaggi e delle nostre abitazioni; di questi
campi coltivati, dei vigneti e dei giardini; delle strade e delle
ferrovie, dei navigli, delle officine nostre e dei laboratori; in
luogo di questi palazzi, dei monumenti, dei templi; in luogo di
questa incessante attività umana che trae profitto
attualmente di tutte quante le forze della natura, penetra le
profondità terrestri, interroga gli enigmi del cielo, studia gli
avvenimenti dell'Universo, e sembra concentrare in se stessa
l'intera storia del creato...... non vi erano che foreste

Pagina 16 di 835
selvagge ed impenetrabili, fiumi che scorrevano
silenziosamente in mezzo a rive solitarie,
montagne senza anima viva che le ammirasse,
valli senza traccia di capanne, e sere senza
incanti, e notte stellate senza alcuno che le
contemplasse. Non scienza, né letteratura; non
arti, né industria, né politica, né storia; non
parola, né intelligenza, né pensiero.

Ma ecco LUI ! non è ancora un uomo, ma non è neppure un


antropomorfo, è già qualcosa di diverso. Abbiamo detto
"volontà", perchè il processo evolutivo (ammettendo che ve ne
sia uno) non aveva ancora fisiologicamente modificato le ossa
della sua postura; ancora oggi la colonna vertebrale dell'uomo
non è "ingegneristicamente" una costruzione perfetta, cioè
atta a camminare eretta su due gambe, presenta -lo abbiamo
appena accennato- degli inconvenienti fisiologici, perchè la
struttura è poco resistente per sorreggere il peso di tutto il
busto con la testa. Infatti, questo ominide nel voler insistere
la sua deambulazione eretta, in un tempo relativamente
breve, con una colonna vertebrale nata per stare in
orizzontale, la sua postura ha dato origine a schiacciamenti
delle vertebre, a dislocazione o degenerazione dei dischi
intervetebrali, alle cosiddette infiammazioni, alle sciatiche,
alle ernie, ai dolori nella regione sacrale, alle scoliosi, alle
discopatie, e perfino a una fragilità nelle ginocchia.
Nonostante siano passati circa 5-6 milioni di anni da questo
primo tentativo, quasi metà del genere umano ancora oggi
nello stare eretto soffre di mal di schiena. Questo perchè per
darci un portamento, per equilibrare il peso abbiamo curvato
nella parte inferiore della schiena la colonna vertebrale, che
ha assunto una forma a S. Nessun altro organismo presenta
questa flessione all'indietro, non esistono altri animali
quadrupedi che stanno eretti con questo accorgimento
volutamente espresso dalla volontà. Mentre tutti gli altri
animali che sono veramente bipedi (es. struzzi, polli ecc.)
hanno un baricentro "ingegneristicamente" quasi perfetto.

Anche se non sappiamo ancora da quale scimmia noi


discendiamo, non possiamo chiudere gli occhi quando
accertiamo che il nostro corpo è costruito come quello degli
animali superiori. Se l'uomo fosse stato l'oggetto diretto di
una creazione speciale, estranea a quella delle altre specie
viventi, questa rassomiglianza organica non avrebbe alcuna
ragione di essere.

Pagina 17 di 835
E se dallo scheletro ci spingiamo più oltre e consideriamo il
complesso dell'organismo corporeo; e se andando ancora più
in là, osserviamo l'organizzazione intellettuale, la vita e i
costumi di alcuni tipi di scimmie, la rassomiglianza con
l'umanità si fa sempre maggiore. "Giammai, questa putrida
affinità" dicevano ancora i nostri bisnonni; infatti, ancora a
metà '800 questa rassomiglianza con sdegno la si negava;
però !!!... la si confermava per alcune razze di uomini allora
ritenute inferiori. Autorevoli pubblicazioni scientifiche
stabilivano che vi era un legame fisico e intellettuale fra le
razze inferiori del pianeta (ottentoti, boscimani, negri,
pellirossa, ecc.) e le scimmie antropoidi. Che quelli erano e
sarebbero rimasti sempre animali! "Molti dotti dicon che son
al primo stato dell'uomo antico e naturale: La prima opinione
è un errore, la seconda è sentimentalismo, non regge al
raziocinio: sono figli di un putrido tronco... E' sentenza ormai
degli universali fisiologi e degli uomini di scienza che quegli
uomini hanno per natura nessun intelletto. Padre Gregorie (un
missionario Ndr.) sperava prodigi in una sviscerata sensibilità,
ma ahimè, l'esperienza non corrisponde al suo desiderio,
quella sua speranza è pura follia. Con quegli più nulla s'ha da
fare, solo mettergli le catene al collo e alle caviglie!"
(Marmocchi "Geografia Universale, Storia dell'Umanità", pag. 312, 3°
volume ). Era il 1853 !!. Ma William Sherman segretario della
"Guerra agli indiani" nel 1868 era ancora più radicale: "Non fa
molta differenza se butteremo fuori i pellirossa mediante
l'imbroglio o uccidendoli". Chissà cosa direbbero oggi
Marmocchi e Sherman nel vedere questi "figli del putrido
tronco" in molti posti di comando americani perfino strategici,
uscire dalle accademie e dalle università, essere insigniti di
premi Nobel, o insegnare nelle cattedre perfino ai bianchi!

All'inizio abbiamo indicato 5 milioni di anni, ma secondo le


ultime scoperte (del Paleontologo francese Yves Coppens - Inchiesta
sulle origini dell'Umanità, anno 2000 ) la divisione tra scimmie e
ominidi, i nostri primi antenati diretti, si è verificata circa 7,5
milioni di anni fa, in Africa , quando si produce l'immensa
spaccatura della Rift Valley, la faglia geologica che corre
lungo l'Etiopia, il Kenia e la Tanzania, dove viveva un piccolo
antenato comune di ominidi e grandi scimmie, il Kenyapiteco
(10 milioni di anni fa, discendente dei primi primati superiori,
il Preconsolo, 22 milioni di anni fa; a sua volta discendente
dall' Egittopiteco, 35-40 milioni di anni fa), che popolava le
rigogliose foreste dell'Africa equatoriale. Jean-Jaques Jager,
dell'università di Montpellier (sulla rivista scientifica Nature,

Pagina 18 di 835
1991), riferisce la scoperta in Namibia di un antenato comune
dell'uomo e delle grandi scimmie, in una scimmietta del peso
di meno di un chilo, vissuta 50 milioni di anni fa, evolutasi
quando i dinosauri si estinsero.

Torniamo ai 7,5 milioni di anni fa. Mentre le scimmie rimaste


nel versante occidentale continuano a vivere nella foresta, i
nostri antenati isolati a Est devono invece adattarsi alla
savana; adeguarsi a un ambiente diverso, arido e con pochi
alberi. Sono queste le prime famiglie di ominidi; e ad una di
queste famiglie appartiene la famosa "Lucy", la prima donna
dell'umanità, di cui oggi abbiamo come reperti 52 frammenti
di ossa; ritrovati in Etiopia, che ci confermano da uno studio
osseo una stazione eretta del corpo (la famosa S ). A Est della
Rift Valley vissero dunque solo pre-umani. A Ovest, i pre-
scimpanzè e pre-gorilla.
La posizione eretta dei primi, la locomozione bipede, lo
sviluppo del cervello, la fabbricazione dei primi manufatti
sono il risultato di un adattamento a un ambiente più arido.
Nella savana, i nostri antenati dovettero alzarsi per esigenza
sulle zampe posteriori per scampare ai pericoli, per scorgere
una preda, per trovare cibo per i loro piccoli. Con il corpo
eretto improvvisamente è cambiata la concezione del mondo
del nostro antenato; il suo campo visivo non è più quello di
una scimmia a quattro zampe; ora abbraccia l'orizzonte,
l'infinito, e forse la coscienza dell'umanità emerse quando
l'uomo con lo sguardo rivolto al cielo iniziò a guardare il
firmamento. "Siamo diventati intelligenti solo quando ci siamo
alzati in piedi" - diceva Andrè Leri-Gourhan del College de
France - "Dobbiamo rassegnarci. La nostra storia è cominciata
coi piedi". (Pietro Del Re - Inchiesta sulle origini dell'Umanità)
"Dunque l'evoluzione tecnologica prende il sopravvento. E non
è più la biologia che domina il destino dell'uomo. Ma il
prodotto del suo cervello: la cultura. Già allo stadio Homo
habilis (3 milioni a.C.), è l'esperienza acquisita che diventa
prioritaria. Da questo momento, dalle varie sollecitazioni
dell'ambiente l'uomo riceve solo delle risposte culturali, non
più biologiche. L'evoluzione, la selezione naturale,
l'adattamento del corpo a uno squilibrio qualsiasi, sono
fenomeni che non intervengono più, perchè non sono più
necessari alla sopravvivenza della specie. Che continua nella
sua evoluzione culturale, prima con l'Homo sapiens di
Neandertal (90.000 a.C.), poi con il definitivo l'Homo sapiens
sapiens di Cro Magnon (40.000 a.C.). Ma sono solo
microevoluzioni "culturali" dovute al suo cervello più

Pagina 19 di 835
organizzato, e questa nuova organizzazione dà origine alla
neocorteccia, la parte più recente del nostro cervello. Più
organizzato perchè esso è stato sollecitato a diventare tale; e
se prendiamo gli ultimi studi della neuroscienza, il nostro
cervello diventa ordinato e si creano delle particolari aree,
solo dopo molte specifiche (culturali) informazioni introdotte.

Immagini del cervello di una persona che si applica a compiti diversi, rilevate alla
Pet del centro dell'Università di Los Angeles. Si noti però in fondo la maggiore
attività del metabolismo nel LAVORO, dove occorre, vedere, sentire, pensare,
ricordare, agire.

____ INFORMAZIONI - Solo con le informazioni nascono le


ramificazioni neurali, con i gangli, gli assoni (uniscono due
neuroni), i dendriti, le sinapsi, con gli impulsi (afferenti) della
periferia al sistema centrale, che fanno prima le associazioni,
poi le comparazioni di quanto immagazzinato, poi forniscono
le risposte con altri impulsi (efferenti) in base alle esperienze
negative o positive già fatte; dopodichè sollecitate entrano in
azione "le risposte", con i sistemi nervosi sensoriali, dell'agire
o non agire, del difendersi o aggredire, dello scappare o
affrontare il pericolo (e ancora oggi: di parlare o starsene
zitti) se si ha l'impressione che la risposta è istintiva e non
sufficientemente razionale, cioè già vagliata con diverse
ipotesi, che sono poi il frutto di tutte quelle informazioni che
abbiamo in precedenza inserite - e siamo certi di averle
inserite dentro il nostro cervello, ecco perchè alcune volte
abbiamo dubbi. In un tuffo da un aereo in volo, l'istinto di
conservazione ci trattiene, ci crea dubbi e timori, anche
quando abbiamo un paracadute; ma se superiamo questa fase
(ma alcuni proprio non ci riescono - e lo so per esperienza per
aver fatto l'istruttore di paracadutismo) nei successivi lanci -
dopo aver convinto la parte più antica del nostro cervello con
quella più recente dove è depositata la nuova informazione
che dice che nella caduta ho un paracadute che si apre, e
quindi non c'è nulla da temere - l'istinto primordiale (neuroni
con le antiche informazioni conservate nel nucleo
dell'amigdala, sito in profondità negli emisferi cerebrali) viene
inibito dall'informazione più recente che nella sua nuova
logica razionale ha vagliato e spazzato via tutti gli antichi i
Pagina 20 di 835
dubbi. Ma se non faccio crescere il dendrite della nuova
informazione - ripetendomi più volte che ho un paracadute
(analisi razionale) - ha il sopravvento la risposta del cervello
antico (mirante alla conservazione) che dice... "no, non devi
buttarti!". Fa cioè il suo dovere, innesca la difesa, ci trattiene
da una decisione improvvisa per noi pericolosa; ma se
insistentemente noi gli segnaliamo l'analisi razionale, lui
spegne la reazione di paura e ci lascia agire.
C'entra poco la quantità di materia grigia, la superiorità del
nostro cervello è dovuta alla ricchezza di connessioni
interneuronali sviluppate e mantenute con l'apprendimento,
l'esperienza, l'istruzione, la cultura, piuttosto che
all'estensione di talune aree corticali o al numero delle cellule
della corteccia cerebrale.
Ripetere più volte l'informazione significa far crescere le
"strade" che devono percorrere i dendriti e gli assoni, è più
queste strade sono battute, maggiore è la velocità di
connessione con altri neuroni o intere zone di neuroni che
contengono le informazioni che sono necessarie ad una
risposta dopo aver fatto una domanda.
Es. a scuola impariamo una poesia dopo che l'abbiamo
ripetuta tante volte, creando così una buona "strada"
associativa verso quei neuroni che hanno ricevuto più volte le
ripetute informazioni. Ma se per anni non ripetiamo quella
poesia, non la ricordiamo più. Questo perche le connessioni se
non usate tendono a regredire a regredire, fino a scomparire
del tutto. E' come una città che isolandosi da altre città, le
strade cadono in disuso, ci crescono le erbacce, scompaiono
del tutto, con la conseguenza che gli abitanti -isolandosi- non
avendo più informazioni dal di fuori, entrano in declino e si
impoveriscono. Anche quando un volenteroso vorrebbe uscire,
rompere l'isolamento, non lo può più fare perchè non esistono
più strade ma solo più una impenetrabile foresta. Così i
cervelli ! (di alcuni). L'atrofia precede di poco la morte dei
neuroni, dei dendriti, di alcune o di tutte le aree cerebrali. Se
poi c'è un trauma, una ischemia, il processo del "suicidio"
delle cellule neuroniche è ancora più accelerato.

Pagina 21 di 835
In polemica con Cartesio, Locke negò che esistono idee innate
e che "l'intelletto prima del processo cognitivo è
completamente privo di ogni nozione, è tabula rasa, una
pagina bianca su cui non è scritto nulla". Cartesio se poteva
dire "io penso quindi io sono" è perchè aveva introdotto delle
informazioni apprese da altri, di aver interagito. Se nasceva e
viveva in una foresta da solo, senza contatti umani, non
avrebbe mai potuto nè pensare nè esprimere un concetto.
Locke senza avere la PET anticipa la Neuroscienza di duecento
anni. La PET è la Tomografia ad Emissione Protoni, che nella
corteccia cerebrale, soprattutto nella neocorteccia individua i
neuroni che hanno o non hanno una informazione
bioelettricamente depositata negli stessi, evidenzia la
formazione o non formazioni di dendriti e sinapsi che le stesse
informazioni se ricevute hanno creato fra un neurone e l'altro
per fare associazioni, dare una risposta a una domanda, o
autoassociandole farsi una domanda, porsi un dubbio o
esercitare la propria creatività mettendo tanti associazioni di
informazioni insieme in un modo diverso da come le abbiamo
immagazzinate. E i tanti "magazzini" sono la nostra
"conoscenza".

____ CONOSCENZA - "Ogni nostra conoscenza -affermava


Locke- ha origine dall'esperienza esterna (dai sensi);
dall'esperienza derivano le idee semplici che l'intelletto poi
elabora e sintetizza costruendo con esse le idee complesse. La
riflessione non è un'attività spirituale: non è altro che senso
interno".
Locke anticipa intuitivamente il meccanismo neuronico. Lui
allora non poteva certo immaginare che tutti i nostri sensi in
effetti non sono altro che impulsi biolettrici scaturiti dalla

Pagina 22 di 835
polarizzazione-depolarizzazione di una sinapsi, che converte
ioni in quanti, e li trasmette tramite gli assoni alle singole
aeree del cervello, che decodificano l'impulso, da biochimico a
elettrico (a livello di sinapsi, l'azione chimica cede il posto
all'impulso elettrico), da analogico a digitale, e depositano nel
neurone la sequenza di impulsi in quanti; questa sequenza
prende il nome di engramma (che assomiglia molto alle
etichette codice barre di una scatola di pelati comprata al
supermercato, che ci dice dove è stata prodotta, chi l'ha
confenzionata, la quantità, la qualità, il costo, la scadenza
ecc.).

Cartesio poteva sì dire "io penso e dunque io sono" ma si


dimentica che lui può pensare solo perché ha interagito con un
suo simile, cioè ha ricevuto tramite un linguaggio (mimico o
verbale) delle informazioni, che gli permettono di pensare.
Senza informazioni non potrebbe nè pensare e tanto meno
pensare di essere. Cartesio è insomma -nelle sue esperienze,
nelle sue conoscenza, nei suoi pensieri - sempre debitore di
qualcuno che a sua volta ha esperienze e conoscenze.
E' da bambini che inizia questa lenta trasformazione da
creature che appena sanno, a creature che sanno di sapere, il
che è l'essenza dell'autocoscienza. Ma non lo hanno appreso
da soli, hanno bisogno di interagire con altri: all'inizio col
padre e la madre, poi con gli amici di scuola, infine con
l'ambiente in cui vivono. E se l'ambiente è culturalmente ricco
ci si avvantaggia rispetto a coloro che vivono in un ambiente
povero di esperienze e di conoscenze. Solo così si può
imparare un linguaggio (verbale o mimico), con questo
ricevere informazioni, e con le acquisite informazioni pensare,
cioè scoprire e rappresentarci il mondo che ci circonda.
"Perfino il libero arbitrio è un fatto di esperienza. E' qualcosa
che ciascuno di noi prova. Nessuno avrebbe immaginato che il
libero arbitrio esistesse se non ne avesse fatto esperienza,
con il che io intendo la capacità di effettuare delle azioni in
base alle informazioni-esperienze introdotte, o almeno il
tentare di effettuarle" (John Eccles, Nobel 1963, La conoscenza del
cervello, Piccin editore, Padova).
Non dimentichiamo che un cieco e sordo dalla nascita (i due
principali sensi-veicoli dell'informazione verso il cervello
tramite i meccanismi centrali della trasmissione sinaptica),
nulla sa, nè del pensiero, nè sa che esiste, perchè nulla a lui
possiamo comunicare, non riceve nessuna informazione dal
mondo che lo circonda. Non sa cos'è la luce, i suoni, il
linguaggio, l' infinito o il definito. Nulla! E senza percepire

Pagina 23 di 835
nulla, nulla può pensare e nulla può elaborare (e che è così
basta visitare un istituto dei cosiddetti handicappati totali -
alcuni sono vere e proprie "piante vegetali", con il cervello
"piatto", con dentro (lo mette in evidenza la PET) proprio
nulla, i neuroni ci sono ma non hanno ramificazioni, nemmeno
un "stradina", nessun dendrite).
La storia della scienza è una dimostrazione di come il cervello
sappia elaborare l’ immaginario percettivo generando logiche
interpretative con cui vengono affrontate le problematiche
osservate o udite per dimensionare un pronostico anticipativo
degli eventi e pertanto esplorare il futuro.
Oggi le "neuroscienze cognitive" hanno iniziato a comprendere
le basi neurologiche per mezzo delle quali il cervello
acquisisce una percezione significativa del mondo generando
una percezione sensoriale che altro non è che lo scenario delle
nostre interazioni possibili con l’ ambiente in cui viviamo.

____ CREATIVITA' - Tutti i sensi potenzialmente a posto, poi


l'ambiente, l'istruzione e una grande assimilazione di
informazioni mettono in luce e utilizzano in modo corretto
(alcuni bene, altri male) quello che abbiamo immagazzinato.
Alcuni lo fanno disordinatamente, altri nel disordine tuttavia
sono ancora capaci di fare poi ordine, ed altri ancora
nell'associarle le informazioni in un certo modo creano
qualcosa di completamente diverso da un suo simile pur
avendo ricevuto le stesse informazioni. Il sapiente dà una
risposta a una domanda quasi meccanica (nozionistica); Il
sapiente-intelligente invece a una domanda dà una risposta
con molte altre idee collaterali associate; mentre il sapiente-
intelligente-creativo (il genio, l'inventore, lo scopritore) dà
invece una risposta senza che nessuno abbia fatto una
domanda, esprime quello che lui ha creato all'interno, che è il
frutto di varie associazioni (ovviamente se le ha
immagazzinate). La creatività di Beethoven è impostata tutta
sulle 7 note che tutti noi conosciamo, soltanto che lui nel
creare i suoi capolavori le sette note le ha disposte in un modo
diverso. La creatività di un tale che ha inventato la radio, può
essere ripresa da quel prigioniero che in un campo di
concentramento costruì una piccola radio con un po di filo,
una scatola di sardine e la grafite di una matita; ma gli fu
possibile solo perchè aveva precedentemente appreso qualche
nozione di come costruire una radio. Il primo è un creativo,
mentre il secondo ha solo utilizzato - anche se brillantemente -
solo alcune fondamentali nozioni apprese. In certi gruppi
umani, antichi e moderni, e così anche in intere nazioni, è

Pagina 24 di 835
accaduta la stessa cosa: alcune hanno avuto dei creativi, altre
li hanno solo utilizzati, e altre ancora hanno fatto nulla.
Spesso non per destino ma per la scellerata scelta politica del
loro governante.
Considerando comunque la genialità come un aspetto
fondamentale della creatività, è possibile ammettere che in
alcune persone dotate di particolari doti di genialità, si
evidenzi una peculiare attività di connessioni sub-corticali che
generano peculiari livelli di integrazione delle aree cerebrali
superiori, favorendo combinazioni
“innovative ” di concetti già acquisiti,
capaci però di modificare il punto di
vista tradizionale delle più antiquate
acquisizioni mentali, permettendo in
tal modo di intravedere e prevedere
nuove soluzioni. Purtroppo la genialità
non sempre viene condivisa; da che è
mondo essa al contrario rischia spesso
di essere considerata dai
contemporanei una inutile stranezza
(es. Beethoven a suo tempo); addirittura stupidità (es. la
vaccinazione immunitaria); irrazionalità (es. tentare di far
volare in cielo un oggetto da 100 tonnelate); o pura follia (es.
la possibilità di parlare con vostra zia in Australia con una
piccola scatoletta in mano (il cellulare!).

____ IL "COMPUTER" CERVELLO - Quello che oggi appare


stupefacente, scoperto dai neuroscienziati, è che i neuroni nel
sistema nervoso centrale degli esseri umani e di altri animali
superiori, obbediscono alle stesse leggi che in questo
momento stanno facendo funzionare il computer che avete
davanti, che usano nei circuiti del proprio microprocessore
l'on-off. Così come i bottoni sinaptici della nostra rete neurale
nel ricevimento degli stimoli (delle informazioni dei cinque
sensi) sono "inseriti" o "disinseriti" (on-off), per effetto della
differenza del potenziale elettrochimico ionico delle rispettive
membrane.

L'SNC, il sistema nervoso centrale è quasi identico a un nostro


computer, è uguale perfino alle telecomunicazioni di oggi in
forma analogica-digitale. Cordoni micellari, fasci di cavi detti
fibrille (proprio come sta succedendo ora sul nostro doppino
telefonico) hanno una identica tecnologia di trasmissione;
utilizzano nei cavi per costruire e inviare le informazioni,
quantità di energie di comode dimensioni, le compattano e

Pagina 25 di 835
sono distribuiti "a pacchetti" (uno spinge l'altro che gli è
davanti, come gli elettroni in un cavo) ad alta velocità sulla
rete neurale trasformando il flusso elettrico da digitale in
analogico e riconvertendolo poi da analogico in digitale. In
sostanza é quanto avviene nel nostro Modem. Perfino alcune
trasmissioni della codifica e decodifica dei segnali della nostra
vista (immagini) al nostro SNC, funzionano come l'ISDN, la
linea dedicata, la commutata, la futura optoelettronica, o le
porte logiche del ns. PC.
L'informazione globale, le interconnessioni, la optoelettronica,
tutta la struttura, le ramificazioni, i nodi, i messaggi afferenti
e efferenti su tutto il pianeta e la loro funzione (creare, infine
trasmettere informazioni ai suoi abitanti - leggi "internet") "è"
la perfetta riproduzione in macro del nostro apparato neurale,
come struttura, come tecnica e come filosofia; perfino nei
minimi particolari. Persino il potenziale elettrico della
trasmissione del messaggio è quasi uguale (- 0,30 mVolt +0,70
mVolt - con questo potenziale infatti operano le sinapsi -
quando determinano l'apertura o chiusura delle stesse
membrane). Alcune frequenze di un telefonino cellulare sono
identiche a quelle dei campi magnetici che coordinano,
equilibrano e poi inviano gli impulsi al sistema nervoso
centrale (infatti i campi magnetici possono causare disturbi al
SNC, proprio perchè riescono a interferire con questo).
Nella interconnessione delle attuali telecomunicazioni vi é
perfino un'analogia con la stessa struttura fisica della
interconnessione delle reti neurali. I cavi "assoni-(come i cavi
coassiali o il semplice doppino)" sono schermati e rivestiti di
mielina (un polimero proteico-lipidico che forma una "guaina"
intorno in funzione protettiva estremamente necessaria per
inibire la dispersione di campi bio-elettrici negli assoni, cioe’
nelle fibre nervose che propagano le informazioni al cervello)
per non andare in corto e impedire interferenze da campi
magnetici esterni. Nodi e internodi che amplificano il segnale
sono presenti negli stessi assoni della nostra rete neurale e si
chiamano in termini neuroscientifici, proprio nodi e internodi,
come, e tale e quali le antenne ripetitrici (celle), o i server dei
provider (che interconnettono i nodi della rete).

Pacchetti di quanti (ioni) sono presenti nelle porte sinaptiche


che operano e creano gli impulsi (come "i clock" del ns.
computer). Nelle porte delle membrane l'impulso sinaptico si
verifica con un aperto-chiuso, un vero e proprio on-off creato
da un potenziale elettrico biochimico provocato dai
neuromediatori, e sono proprio simili alle porte logiche di un

Pagina 26 di 835
computer-rete. E cosa curiosa, la trasmissione, dal e verso il
mondo esterno, avviene in entrambi -cervello e computer- da
analogica in digitale e riconversione da digitale in analogica.
Perfino la nuova tecnica optoelettronica è presente nei nostri
occhi in quella che chiamiamo vista; qui le frequenze delle
onde fotoniche fanno accendere i "pixel" in una area corticale
(una specie di schermo monitor) specializzata: la v1,v2 per i
contorni la v3,v4,v5 per i colori. Insomma funziona
esattamente come la griglia di un monitor RGB che riceve i
diversi impulsi dal nostro scanner digitale. Il tipo, il sistema e
la frequenza nella codifica/decodifica e la trasmissione come
nella multiplazione ottica è simile - e all'oscilloscopio il
tracciato è quasi indistinguibile se trattasi di impulsi neurali o
impulsi di una porta logica elettronica di un computer
collegato alla rete.
Perfino un tecnico allenato all'oscilloscopio, non è in grado di
distinguere la traccia del suono di una parola umana, da
quella creata da un sintetizzatore vocale che di umano non ha
nulla, solo bit, creati da una sequenza di impulsi elettrici
prima convertiti e poi usciti da un altoparlante.
L'intera percezione dei nostri sensi, infatti, non é altro che un
impulso elettrico creato dal mutamento della concentrazione
di ioni di idrogeno sulla superficie delle cellule cerebrali; é
continuo cambiamento di equilibrio fra sodio e potassio
attraverso le membrane neuroniche. Ogni membrana di una
cellula costituisce un generatore elettrico in miniatura.
E come velocità il potenziale d'azione viaggia sull'
"autostrada" assone a una velocita inferiore a una Ferrari,
cioè fra i 150 e i 280 km ora (e sono queste differenti velocità
che determinano i nostri tempi di reazione).
Insomma un meccanismo perfetto costruito in circa 350 milioni
di anni. "Il primo neurone comparve sul capo di un calamaro
con un solo ganglio (un dendrite) che gli avvolge tutto il
mantello con delle sinapsi che agiscono come dei sensori"
(Hodgkine Huxley, Nobel 1963). Ad ogni contatto con oggetti la
sinapsi invia un messaggio bioelettrico al nucleo del neurone,
che risponde "conosco già questo", oppure con alcune
molecole codifica il nuovo in "questo non lo conosco", in modo
da essere pronto a riconoscerlo in un altra occasione di
pericolo, oppure premiante. Ogni messaggio-esperienza é un
codice e ogni codice é un'esperienza acquisita. Il calamaro che
ha più informazioni e ha immagazzinato più esperienze,
sfugge alla cattura e sopravvive. Insomma il più informato è
meno vulnerabile.
Nietzsche osservando gli uomini si espresse anche lui in

Pagina 27 di 835
questo chiarissimo modo "La selezione spazza via sempre il
più debole, e negli umani il più debole é lui! l'uomo
ignorante!".

Questi ioni di cui abbiamo appena parlato, generano un flusso


di corrente negli assoni in pacchetti di quanti, che vanno poi a
depositarsi nei neuroni lasciandovi (immagazzinandovi) una
traccia; è la "traccia mnestica" (presunta registrazione fisica -
"in bit", "in quanti di energia") dei nostri ricordi o esperienze;
una traccia che nessuno fino a oggi ha mai visto, ma che i
neuroscienziati che la cercano, gli hanno già dato un nome
"ENGRAMMA". ( !!! )

John von Neumann, lo scienziato teorico dell'informazione ha


stimato che i ricordi memorizzati durante una vita umana
media dovrebbero ammontare a 2,8-10/20 (280 miliardi di
miliardi) di bit (engrammi); fra quelli che ricordiamo e quelli
che abbiamo immagazzinato ma che non abbiamo più
richiamato alla nostra mente. Ma ci sono! Questo già lo
sappiamo con la PET (Tomografia a Emissione di Positroni)
eccitando alcuni neuroni. Alcuni sono ancora vuoti, altri hanno
pacchetti di quanti depositati, cioè informazioni, visive, tattili,
sonore, olfattive, gustative (i ricordi di esperienze fatte).

Ma non è la quantità di neuroni che sono presenti che formano


un buon cervello. Solo da pochi decenni (Eccles, Nobel '68)
conosciamo queste ramificazioni e la loro funzione. Il metro
delle precedenti osservazioni dei paleoantropologi dell '800,
era quello della capacità cranica. A maggior volume si pensava
corrispondesse un grado superiore d'intelligenza. Era una
cantonata. Oggi con la neuroscienza sappiamo che non é così.
Einstein aveva solo 1400 cc. di materia grigia; il grande Dante
1420. Entrambe sotto la media di un uomo degli ultimi 30.000
anni. Perfino di molto inferiori al cervello dell'uomo di
Neandertal vissuto 90.000 anni fa.
Questo perchè loro vivendo in un ambiente culturale ricco, le
informazioni depositate nei neuroni hanno fatto"germogliare"
rami dendritici e sinapsi verso altri neuroni. Ogni neurone può
- se vengono immesse informazioni - far "germogliare" 10.000
rami dendritici esplorativi verso i circa 100 miliardi di neuroni
di cui siamo dotati fin dalla nascita; ripetiamo ognuno di essi
ha la stessa potenziale capacità di sviluppare altri 10.000
"germogli", creando così una intricata "rete" di "strade" e
"stradine" (cioè dieci milioni di miliardi di "connessioni" - è
insomma un "internet" un po' più grande, ma molto simile. E

Pagina 28 di 835
nel cercare un ricordo, dobbiamo agire come facciamo con
Google, dobbiamo impostare bene la nostra "ricerca" in modo
tale da non creare una grande confusione di risposte. Se su
Google cerchiamo solo "Michelangelo" si accavallano risposte
con gli hotel che si chiamano Michelangelo, ma se mettiamo
"Michelangelo pittore" le risposte sono mirate al grande
artista perchè la ricerca avviene in una particolare area dove
sono memorizzati i pittori. Idem nel nostro cervello: la
domanda se mirata, la risposta viene cercata e subito trovata
in quella particolare area dove noi (con metodo) abbiamo
depositato i pittori e assieme ad essi (nelle "stradine" vicine a
quest'area, e su altri neuroni) sono associate particolari loro
opere. Ecco perchè spesso ricordando l'opera ci viene in
mente anche il pittore, o all'incontrario, il Giudizio Universale
ci richiama Michelangelo, associandolo al Giudizio.
Ovviamente se noi abbiamo messo insieme le due
informazioni. E questo è il metodo.

Risulta così superfluo che un soggetto abbia a disposizione


alla nascita 100 miliardi di neuroni se poi non ha costruito con
le informazioni la "rete" che gli serve per fare associazioni,
elaborazioni e quindi dare delle risposte. Inutile costruire una
città se non si fanno poi strade verso altre città e paesi. Così i
computer, a cosa servirebbero 10.000.000 di computer se poi
non li colleghiamo a una rete e se questa non ha rimandi ad
altre informazioni dove in qualche luogo queste sono
depositate. Nel caso del nostro cervello il buon Dio ci ha dato
sì tutti i neuroni alla nascita, ma le strade ci ha detto
"costruitevele voi".

In sostanza l'engramma dovrebbe comportarsi in questo


modo; ad ogni ricezione di pacchetti di quanti, lascia una
traccia dentro le nostre "scatolette" (neuroni). Si comporta
come il classico "codice a barre" che il commesso di un
supermercato applica su una scatola di pelati e poi li mette
nelle "aree" dei vari "magazzini"; il suo generatore di impulsi
elettronici, in pacchetti di quanti, scrive una traccia ("elettro-
mnestica" stampata su un'etichetta la cui copia è
magnetizzata su una memoria), ed ogni qualvolta senza la
presenza del magazziniere se la commessa al banco deve
leggere prezzo, caratteristiche o altro, usa all'inverso un
lettore che legge la "traccia di quanti" "memorizzata" dal
magazziniere. Ogni aerea di una memoria é inserita in molte
altre connessioni, e ciascuna connessione è implicata in vari
altri "magazzini" memorie - la nostra rete neurale è fatta

Pagina 29 di 835
proprio così, comprese le "aree", i "magazzini", le "memorie",
le "connessioni".

Il proto-cervello del nostro antenato inizia avere un'area del


suo cervello sempre più sviluppata. Il mondo più vario, le
continue esperienze, le molte informazioni gli creano la
necessità di avere "magazzini" più ampi, e chi ne ha di più ha
quindi più informazioni e quindi sopravvive meglio. Più tardi
farà ancora di meglio, non adibisce una sola aerea, ma
allestisce diverse aree, ognuna specializzata in qualcosa, onde
non dover cercare nell'intero "magazzino" con una grande
perdita di tempo. Ma per farlo come fa un buon magazziniere,
deve creare delle aree specifiche. Usa cioè un metodo.

I neuroni hanno molte informazioni immagazzinate dalle


esperienze, e ognuno è collegato ad altri neuroni che hanno a
loro volta altre informazioni immagazzinate. Le informazioni
intergiscono svilluppando altri collegamenti dendritici,
cosicchè gli scambi diventano sempre più numerosi, dando la
possibilità di elaborare una massa enorme di informazioni già
immagazzinate; ogni neurone riceve domande, fa confronti
con ciò che già possiede, chiede (con i rami dendritici
esplorando con le sinapsi) aiuto ai neuroni vicini della stessa
area, se non trova si spinge in altre aree, fatto questo, elabora
delle risposte. Avviene questo perchè oggi sappiamo che sono
le stesse informazioni a far crescere i milioni di dendriti, e
molti dendriti sviluppano sinapsi che si connettono ad altri
dendriti, pronti a scambiarsi le reciproche informazioni e fare
numerose associazioni, elaborazioni e fornire una o diverse
risposte.
E' questo il primo efficiente cervello a stimolazione elettrica
biochimica (essenzialmente sodio/potassio) oggi facilmente
rilevabile con la Pet e la Tep. Il cervello del nostro ominide è
ormai una vera e propria centrale chimica e bioelettrica che
fabbrica neurotrasmettitori, endorfine, adrenaline. ecc.
insieme o singolarmente, creando messaggi elettrici affarenti
e efferenti. Messaggi premianti o punitivi.

Pagina 30 di 835
Le interruzioni o eccitazioni provocate dagli impulsi elettrici
dalle sinapsi fra neuroni, viaggiano su assoni con un
potenziale elettrico - abbiamo già detto- fra i -30 e +70 mvolt
(simile a un on-off di un processore di computer); le più
vecchie cellule cerebrali o quelle in cui mettiamo ora una
informazione, viaggiano sia nell'andata che nel ritorno sempre
con gli stessi potenziali elettrici. Questi impulsi sono provocati
dai neurotrasmettitori, sia quando un evento invia
informazioni al neurone, sia quando quelli piú arcaici (frutto di
lunghe esperienze) emergono e le contrastano inviando un
proprio messaggio inibitore. Quelle acquisite dopo la nascita
vengono sì immagazzinate nella neo-corteccia (la piu' recente)
ma sono sempre collegate con alcuni rami dendritici arcaici
situate nell'ippocampo, che hanno per milioni di anni fatto il
loro dovere per la conservazione della specie (come la fame, il
pericolo, la riproduzione ecc.). A contribuire alla nascita di
queste reazioni chimiche sono alcune sostanze note come
mediatori contenute sottoforma di molecole presenti in alcune
particolari sostanze usate nell'alimentazione (una serie di
amminoacidi - circa 50 quelle fino ad oggi conosciute).
Sostanze alcune volte incompatibili tra loro, che venendo a
contatto emettono una scarica elettrica; cioè inviano un
particolare impulso che in sequenza va a depositarsi in uno o
piu' neuroni. Ogni impulso è una sequenza di pacchetti di
quanti, e ogni pacchetto scrive un engramma.
Il "Microprocessore" è ormai formato, lo "schema logico" non
cambierà più; solo i "rami" dendritici, gli assoni, i gangli, le
sinapsi potranno svilupparsi. Quando il "computer" cervello è
ormai costruito; aumenterà solo la capacità della "Ram" e
come usare i "sistemi operativi", cioè il "software" - che è in
sostanza come fare a ricevere (acculturarsi) e come mettere in
ordine le informazioni.
Lo schema è simile in entrambi nel cervello e nel computer:
sensori, impulso elettrico, trasmissione dell'impulso, entrata
nel deposito, elaborazione con i confronti delle precedenti
informazioni, scelta di una strategia, infine l'attuazione di una
risposta fisica o verbale. Proseguendo su questa strada il
nostro antenato organizza ogni giorno la casualità degli eventi
del mondo che lo circonda in strutture bene organizzate e in
zone e aree ben precise. Chi lo fa a casaccio introducendo le
nuove informazioni disordinatamente, senza ripartirle in aree
ben precise, al momento di richiamarle fa fatica; quindi una
maggiore intelligenza non è data dalla maggiore quantità di
materia grigia, ma come questa viene organizzata fin dal

Pagina 31 di 835
primo momento, cioè quando andiamo a formare le aree, i
nostri "magazzini".

Un neurone nel cervello di un neonato. A mano a mano che la


corteccia cerebrale estende le sue cellule embrionali, sempre più
numerose si estendono le ramificazioni dei neuroni;, le reazioni
sensoriali si sviluppano e si instaurano tutte quelle attività che
selezionano e stabilizzano le sinapsi. E' l'epigenesi.

L'uomo alla nascita ha nel cervello circa 100 miliardi di


neuroni (si formano nelle prime sedici settimane dopo la
fecondazione, dopo smettono di dividersi perchè hanno
raggiunto il loro numero massimo anche se il cervello pesa
solo 200-300 grammi), ma sono tutti vuoti, infatti mancano le
esperienza, le informazioni, il deposito di queste, e mancano
innanzitutto le connessioni tra loro. Queste connessioni i
neuroni iniziano a costruirle dal primo istante (vedi l'immagine
sopra).
Ma anche quando queste informazioni vengono depositate a
milioni e milioni, se non sono utilizzate frequentemente,
nonostante anche una buona sistemazione, la connessione
regredisce, si accorcia, perde il contatto con gli altri neuroni,
scompare del tutto, e diventa difficile nel momento che
sollecitiamo la memoria di fare delle associazioni con altre
informazioni depositate in altri neuroni. Il magazzino é pieno
ma manca la strada nei due sensi di marcia per "veicolare"
l'informazione (sia per l'azione come per la retroazione - il
cosiddetto feed-back).
Un bambino se nasce in Cina e impara nei suoi primi due-tre
anni il cinese, se si trasferisce in un altra nazione non parla
più la sua lingua ma quella del paese dove lui cresce; della sua
lingua originale -se non si esercita a parlarla con altri cinesi-
non saprà (apparentemente) più nulla, anche se ha tutti i
vocaboli (ascoltati nei due anni precedenti) depositati nei suoi
neuroni in una precisa area (di Broca), in tanti "engrammi"

Pagina 32 di 835
I dendriti, le sinapsi, gli assoni (se non utilizzati) lo abbiamo
già detto, vanno in atrofia, si comportano come alcune strade
periferiche, che dopo averle costruite, se non utilizzate,
diventano impraticabili proprio quando necessita percorrerle.
Alle volte piccoli dendriti (stradine) portano a grandi strade
(assoni), a banali ricordi che possono ricondurci però a fatti
importanti, o perchè affini, o perchè collegati, o perchè vicini
a quella zona; nulla va perso, ma tutto viene depositato.
Infatti quando quella risposta giusta che cercavamo ci arriva
in ritardo, diciamo "e pensare che questo lo sapevo". E
diciamo una cosa giusta, possiamo pensare fin che vogliamo,
ma se non abbiamo tenuto libere le "stradine" la causa è
nostra, non del nostro cervello, dove nulla è andato perso;
solo che non sono mai state o sono state poco utilizzate le sue
"stradine". E cosa curiosa, quando abbiamo attivato il circuito,
anche quando non abbiamo più bisogno, il cervello ci da sì una
risposta, ma in ritardo, perchè ha dovuto "camminare" con
fatica in stradine quasi impraticabili.
Con la ripetizione e l'esercizio mentale non solo contrastiamo
il logoramento, non solo rinforziamo le antiche associazioni,
ma ne creiamo sempre delle nuove anche se siamo vecchi. E'
robusta una memoria ancorata ad estese associazioni, che non
solo sfida il tempo, ma sfida quelle cancellazioni suscettibili
alla debilitazione improvvisa (come può essere una lesione, un
ictus) oppure a quella debilitazione lenta dovuta alla
inesorabile e progressiva senilità.
Come le mille stradine che sono ai lati delle grandi autostrade,
sembra servono a poco, poi ognuno di noi per entrare in
autostrada ne utilizza una, così fanno tutti gli altri, quindi
occorrono, sono necessarie: senza le piccole stradine di
accesso le belle e grandi autostrade sarebbero del tutto
inutili. Senza dendriti e sinapsi anche il cervello è inutile. E i
dendriti e le sinapsi non ce li fornisce la natura, siamo noi a
costruirli, con il sapere, la conoscenza, le esperienze.

Per concludere la stazione eretta è stata una "scoperta",


un'esperienza positiva che si è poi voluta ripetere, ed è
diventato poi (per i vantaggi) un "atto di volontà", e la
insegniamo che è tale ai nostri piccoli fin dalla nascita. Infatti,
se un neonato cresce isolato in una foresta (ed è accaduto)
senza ricevere nessun insegnamento, nè ha la possibilità di
imitare un suo simile, continua a camminare su quattro
zampe. Se non riceve informazioni, diventa sì adulto, ma il suo
comportamento si riduce a pochi atti istintivi, rimane
selvatico, nè è in grado, nè lo sarà mai per tutta la vita di

Pagina 33 di 835
esprimersi con un liguaggio, e quindi non ha neppure le
capacità di pensare. Non potrà mai dire "Cogito ergo sum"
perchè non ha mai costruito un pensiero con la razionalità,
non è dotato della facoltà intellettiva, nè ha coscienza e
sensazione della propria esistenza.

Alla nostra nascita abbiamo a disposizione circa 100 miliardi di


neuroni (vuoti di informazioni), la cui rigenerazione é quasi
inesistente nel corso della vita di un uomo (anche se recenti
scoperte sulle "cellule staminali" nel cervello hanno eliminato
il vecchio dogma della Neurologia per cui si riteneva che le
cellule neuronali del cervello fossero incapaci di riprodursi.
Oggi sappiamo invece che in un ambiente ampiamente
stimolato, anche nell’ adulto la rigenerazione è sempre
possibile a partire da "cellule staminali" cosi dette "Toto-
potenti", che in qualità di precursori indifferenziati possono
però differenziarsi in diverse forme cellulari. Però è anche
vero che esistono nel cervello processi di stabilizzazione che
rallentano e diminuiscono il numero di neuroni nel cervello e
rallentano la crescita di nuove cellule neuronali), a partire dai
25 anni costantemente muoiono (per tanti motivi, senilità,
radicali liberi, ecc.) all'anno l'1% del totale) sia quelli densi di
informazioni accumulate, sia quelli vuoti a disposizione ma
non utilizzati ( che in un uomo pur di media cultura sono di
circa l'80/90% del totale). Spetta solo a noi movimentare le
informazioni acquisite, trasferendole nei miliardi di neuroni
che non abbiamo mai utilizzati. Si dovrebbero fare spesso
queste movimentazione per richiamare le informazioni - fin
che c'è ancora qualche traccia di "sentiero" - e depositarle nei
neuroni ancora sani. (infatti, come abbiamo detto sopra, se
ripetiamo ogni tanto quella stessa poesia non la
dimentichiamo più per tutti gli anni della nostra vita). E' ormai
accertato che i dendriti si diramano verso altri neuroni anche
quando si è vecchi, perfino a 100 anni. Non è la vecchiaia che
fa diventare stupidi, ma sono gli stupidi che non hanno messo
in conto, già a partire da 30 anni, questa lenta e progressiva
distruzione di neuroni che trasforma il nostro cervello in un
colabrodo (sono poi i cosiddetti "vuoti di memoria"); a circa
45-50 anni di neuroni ne mancano all'appello una buona metà.
La rieducazione dei cerebrolesi consiste proprio in questo: far
rinascere le connessioni in neuroni ancora sani e vuoti; ma se
quelli precedenti sono andati distrutti senza aver
movimentato le informazioni che contenevano, la rieducazione
diventa difficile, bisogna partire da zero, come alla nascita;
cioè insegnare al cerebroleso nuovamente a parlare, a

Pagina 34 di 835
camminare, a pensare, ecc. ecc.
La natura ha creato un meccanismo perfetto. In parole povere,
prima che un neurone muore, vicino a questo ci sono altri
mille neuroni vuoti e inutilizzati pronti con i loro piccoli bracci
a sostituirsi ad essi e quindi accogliere il "bagaglio" di
informazioni se queste informazioni però le seguitiamo a
movimentare, cioè a trasferire.
(se in una alluvione, prima che si allaghino i piani bassi
portiamo ai piani alti tutto quello che possiamo salvare dalla
distruzione, non perdiamo nulla. Mentre se restiamo passivi
perdiamo tutto ciò che avevamo accumulato, soldi, mobili,
vestiti, album dei ricordi ecc.; dobbiamo ricominciare tutto da
capo - ed è quello che deve fare un cerobroleso, sempre che
abbia accanto chi gli fa "nuovamente" da "mamma"; una
"paziente mamma", non mettendogli accanto solo una badante
filippina o marocchina che al massimo lo aiuta solo a fare
qualche banale operazione). ( vedi anche le pagine di
"CERVELLO e MEMORIA" )

Torniamo al discorso della "stazione eretta" sopra accennato:


le due (possiamo dire, anomale) curvature (fra i dischi lombari
e quelli cervicali) garantiscono una elasticità maggiore,
necessaria per sostenere il peso del corpo e della testa,
mentre nelle scimmie la colonna vertebrale è quasi diritta; e
sia quando camminano a quattrozampe, sia quando stanno
erette la colonna resta sempre a forma di arco.
La volontà nel nostro ominide fu più forte dell'architettura
ossea, e anche se causò qualche problema, lo sviluppo della
stazione eretta - con tutti i vantaggi in grado di compensare
gli inconvenienti detti sopra - procedette nelle savane africane
su "due gambe" a spron battuto, e non solo metaforicamente.
Una fase indispensabile quella dell'equilibrio nella
deambulazione a due gambe, perchè liberando gli arti
anteriori dalla locomozione essa favorì il secondo stadio
dell'evoluzione del nostro antenato: un'organizzazione
migliore degli arti superiori che via via si accentrarono nella
specializzazione delle mani come principali organi del lavoro.
E' da questo momento che il nostro proto-ominide inizia a
diventare Homo habilis. A "scoprire" il mondo innanzitutto,
toccando, guardando, ascoltando, provando e riprovando
come fa un inventore oggi.

Pagina 35 di 835
Le articolazioni delle zampe anteriori non più impiegate per arrampicarsi sui rami, o
appoggiate a terra per camminare,
si raddrizzarono, e le falangi si accorciarono in un assetto tale da poter svolgere un
lavoro manuale. Determinante fu il pollice più corto e la sua flessione all'interno
della mano, un movimento estremamente necessario alla presa.

John E. Pfeiffer (nello scritto The emergence of Man La nascita


dell'uomo), dimostrò che "lo sviluppo delle articolazioni
precedette lo sviluppo del pensiero". Più precisamente, nel
graduale adattamento questi ominidi prima di conseguire un
aumento dell'encefalo, specializzarono le articolazioni
superiori ed in particolare le mani. Lo sviluppo della
neocortecia fu quindi una conseguenza dell'eleborazione di
nuove attività indi all'accumulo di nuove esperienze. "il
miglioramento della presa precede il miglioramento del
pensiero" (Pfeiffer, 1971). Come ribadisce anche Bardiga, la
struttura del cervello degli ominidi, è dunque "in stretto
rapporto con l'esercizio della tecnica [lavoro]", cioè con il
grado tecnologico raggiunto dalle specie. In particolare, la
porzione del cervello che si è sviluppata sotto gli stimoli
dell'attività umana è la regione fronto-temporo-parietale
media che, già con i primi ominidi, ha subìto il continuo
aumento della superficie della corteccia cerebrale (Bordiga,
1973).
Quando questo "primo passo" verso il futuro fu compiuto e da
quale specie di ominide, è impossibile stabilirlo con certezza.
Tra il 1997 e il 2001 sono stati scoperti un certo numero di
frammenti datati tra i 5,2 e i 5,8 milioni di anni e sembrano
fare parte di una nuova specie, L’Ardiphithecus ramidus
kababba. Le notizie emerse su questa nuova (presunta!)
specie sono troppo rare e confuse per fare delle valutazioni
attendibili, ma se questi resti appartenessero veramente ad
un antenato primordiale dell’uomo, potremmo spostare
indietro l’orologio della storia fino a 6 milioni di anni.

2.000.000 a.C.

Pagina 36 di 835
CIOTTOLI - UTENSILI - Dalle prime
esperienze con le mani l'Homo
habilis cui abbiamo accennato
sopra ha avuto fino a questa data
un tempo per specializzarsi di
circa 3-4 milioni di anni (corrispondono a circa 120-160.000
generazioni). Dei precedenti "lavori", dei primi "attrezzi", non
abbiamo reperti, perchè essendo questi fatti in legno o in
osso, quindi deperibili, non sono giunti fino a noi; non così
quelli realizzati con le pietre, che hanno all'incirca questa data
e proseguono in una varietà infinita per altre 40.000
generazioni.

O dagli scimpanzè, o dai primi ominidi austrolopitechi (che


significa scimmia australe), o dai primi homo habilis, questi
rudimentali utensili (detti choppers) erano quindi da molto
tempo già usati.

Alcuni, i primi, erano piuttosto semplici e grezzi, impiegati per


difesa o per attacchi agli animali ma anche come offesa ai
propri simili per impossessarsi di un territorio; altri successivi,
sono meglio lavorati, più scheggiati, adatti a semplificare
certe operazioni quotidiane soprattutto nella caccia, per
tagliare pezzi di carne, per le rudimentali lance idonee a
colpire gli animali da lontano, o per farne asce e mazze dopo
averle legate all'estremità di un robusto ramo. Per
quest'ultima idea-operazione, non sempre si poteva trovare la
pietra adatta all'uso, ma utilizando solo quella che era
disponibile; il primo "scalpellino" della storia cercò di
sagomarla percuotendola con un'altra pietra, scheggiandola
fino al punto di adattarla all'estremità dell'impugnatura
lignea. Ha insomma il nostro ominide realizzato il primo
"oggetto" durevole fatto con le proprie mani, il primo prodotto
artigianale della storia, anche se, prendiamone atto, era già
una vera e propria arma aggressiva che nei vari contrasti,
dispute, liti, usò senza scrupoli contro un suo simile.

Pagina 37 di 835
I primi strumenti acheuleani, risalgono a 1,6 milioni di anni
orsono. Si tratta di utensili ancora scheggiati su una faccia ma
hanno già una perfezione e una simmetria che evidenzia non
solo abilità ma anche della creatività. E sono oggetti-
strumenti che variano in funzione dello scopo.

1.000.000 a.C.
____ PIETRE - A quest'epoca le pietre scheggiate e usate come
utensili sono decisamente migliori....

...la tecnica neolitica si perfeziona, la presenza di questi


manufatti tra i reperti di scavo di questo periodo, indica una
tecnologia sempre più avanzata nella scheggiatura di ciottoli,
che non sono più solo unifacciali, ma bifacciali. La cosiddetta
"amigdala".
In essi: "si riconosce la ricerca deliberata, vale a dire
consapevole, di strumenti con una forma predeterminata, che
in precedenza esistevano soltanto nella mente dell'autore"
(Arsuaga, 2001). Belli come sculture moderne, dimostrano di
essere anche funzionali agli scopi per cui vennero costruiti. La
cosiddetta età della pietra levigata rappresentò la prima
grande rivoluzione tecnologica, la prima tappa verso
l'affermazione dell'homo sapiens.

E' un crescendo nella tecnica non solo della scheggiatura ma


anche nella levigatura; un'operazione questa che fatta con lo
sfregamento, che fornisce alla pietra scheggiata una estremità

Pagina 38 di 835
affilata o delle aguzze punte alla lancia e alle frecce; vengono
realizzati perforatori, raschiatoi per lavorare le pelli, asce
forate, mazze, accette. L'abilità nello scheggiarle, l'esperienza
acquisita nel tempo che fa migliorare sempre di più lo
strumento, dopo aver scoperto le operazioni più valide il
nostro ominide le ha immagazzinate nel cervello che si sta
sempre di più ingrandendo, e cerca di ripeterle queste azioni
migliorandole e tramandando poi il "come si fa" ai suoi
discendenti.

Questo periodo "della pietra" inizia e finisce in tempi diversi a


secondo della zona geografica perché legato a un
miglioramento tecnologico strettamente locale ma anche
all'approvvigionamento di particolari ciottoli, come la selce
(presente in Francia e in Inghilterra), o la ossidiana (un
ciottolo vetroso fragile ma duro, di origine vulcanica che si
trova solo nell'isola di Lipari, Pantelleria, Sardegna, nell'isola
Egea di Melos, in Anatolia, Armenia, nei Carpazi). Ed è curioso
che si sono ritrovati alcuni di questi semplici utensili anche in
zone prive della materia prima; questo significa che fra tribù
anche lontane già erano in atto degli "scambi commerciali".

500.000 a.C.
____ FUOCO - Quando l'uomo scoprì che era possibile
controllare il fuoco e, in molte cose, il suo utilizzo poteva
essere vantaggioso, si ebbe un salto considerevole
nell'organizzazione degli ominidi.
Il fuoco è sorgente di calore nelle stagioni fredde oltre che una
sorgente di luce nella notte. Inoltre il fuoco è una arma di
difesa e di offesa. Cosicchè l'utilizzo del fuoco, permise
all'umanità di compiere il primo grande passo verso la
comprensione delle leggi della natura, e dall'emancipazione da
essa. I vantaggi acquisiti riguardavano sia miglioramenti della
vita nelle dimore che nelle tecniche di caccia. All'interno delle
caverne e nelle capanne vennero create zone di sonno, calde e

Pagina 39 di 835
luminose di notte, in cui era possibile difendersi dai grossi
predatori. La fobia del fuoco degli animali fu utilizzata anche
come strategia di caccia, come spingere gli animali in una
trappola. Inoltre s'inventò una nuova tecnica -forse scoperta
per caso- per rendere lance e giavellotti di legno con l'uso
della fiamma più duri ed efficaci.
Probabilmente il fuoco era conosciuto prima di questa data
(Dagli scavi nella grotta di Swartkrans in Sudafrica è emerso il
primo focolare, datato circa 1,5 milioni di anni fa (Renfrew e
Bahn, 1995). Ma probabilmente era un fuoco originato da
fulmini, dalle lave dei vulcani, dall'autocombustione di
sterpaglie nelle torridi estati, che poi veniva conservato
alimentandolo con altro materiale infiammabile come la legna.
Purtroppo quando per tante cause il fuoco si estingueva
bisognava aspettare un nuovo incendio. Tuttavia si era già in
grado di conservarlo e anche di trasportarlo durante gli
spostamenti. Perfino difeso strenuamente chi voleva
impossessarsene. E forse fu durante una di queste carenze
che l'uomo notando che lo sfregamento di due bastoncini di
legno dolce emanavano calore, ebbe l'idea di insistere nello
sfregamento fino ad infuocare uno dei bastoncini, al punto di
accendere il fuoco in un cumulo di foglie secche. Altri
ipotizzano che nello scheggiare le selci, le scintille furono il
primo accendino semi-naturale per i successivi fuochi.
Comunque sia, gli uomini il fuoco non lo ricevettero un bel
giorno dal mitico Prometeo, nella realtà, lo hanno acquisito
con la conoscenza della natura attraverso il tempo.
L’osservazione dei fenomeni e i vari tentativi di riproduzione o
di controllo di essi, ha fatto sì che in alcuni casi si arrivasse a
felici risultati. Il più importante, da quando il fuoco l'uomo lo
poteva ottenere quando voleva -procurandosi così calore- fu
quello di poter fare migrazioni in altri luoghi lontani più freddi.

Fornì inoltre la possibilità di allungare il giorno. Con più tempo


a disposizione, la sera i nostri antenati si sedevano attorno al
fuoco, e indubbiamente fra gesti e grugniti, questi convegni
stimolarono lo sviluppo del linguaggio parlato, dando impulso
alla cooperazione e alla socialità.

200.000 a.C.
____ AMBIENTE - Scoperta la funzionalità delle mani, dopo aver
modellato un bastone, scheggiato una pietra, costruito un
utensile, l'uomo inizia a trasformare anche l'ambiente, dove
vive e opera con altri suoi simili. Ma nei rapporti con gli altri

Pagina 40 di 835
bisogna capirsi, ed ecco nascere un "linguaggio" che non è
ancora fonico, ma mimico, gestuale. Nel corso di altre 8.000
generazioni questi gesti ripetuti milione di volte diventarono
un vero e proprio linguaggio (non del tutto scomparso).

100.000 a.C.
____ LINGUAGGIO GESTUALE - MIMICO - E' il primo vero e
pratico linguaggio della "comunicazione" fra gli ominidi.
Inizialmente i gesti furono accidentali ma nel ripeterli per farsi
capire diventarono mimici, poi espressivi, poi simbolici ed
infine tecnici con una precisa codifica. Questo linguaggio,
ancora primitivo, si tramette a vista, ma serve benissimo per
eprimersi e farsi capire. Inizialmente lo si usò per indicare
cose, azioni, pericoli, successivamente l'espressività dei gesti
- soprattutto quelli della faccia per le varie occasioni - furono
in grado di esprimere anche i propri pensieri e i sentimenti. I
primi gesti furono semplici, i successivi ibridi (combinazione di
due gesti distinti) poi si giunse a quelli composti, che sono più
gesti indipendenti ma che in sequenza possono formare una
frase e perfino un intero discorso (ancora oggi i gesti mimici li
utilizziamo: se ci fermiamo al bar e indichiamo al barista con
l'indice il tavolino, portiamo indice e pollice alle labbra, e
mimiamo l'atto di bere, il barista -senza che noi pronunciamo
una sola parola - capisce subito che deve fare quattro
operazioni: servirci, al tavolino, il caffè, dentro una tazzina.
Ancora oggi esistono dei gesti basati su un sistema formale,
cioè sono codificati, hanno un proprio significato - come quello
dei sordomuti, delle bandiere aereo-portuali, della borsa, del
vigile ecc. ).
Il linguaggio gestuale lo potremmo definire di comprensione
universale, ma come sono oggi le parole di altre lingue, anche
il gestuale è soggetto a diverse interpretazioni, perchè, come
le parole, molti gesti sono locali. Fino al punto che alcuni
possono essere amichevoli in un luogo e ostili in un altro,
perchè in modo diverso inizialmente furono codificati nei vari
luoghi. Oltre a questi gesti che indicano cose e azioni, nascono
gesti di rito, della soddisfazione o dell'amarezza, quello dei
saluti, dell'accoglienza e del commiato, con tutte le variazioni
Pagina 41 di 835
di gerarchia e di ruolo sociale. Nascono anche quelli più
complessi, e sono quelli del "legame", del "contatto fisico", un
linguaggio prudente che deve superare l'inclinazione naturale
di ogni individuo che vuol difendere il proprio spazio fisico
personale. Per alcuni nostri simili certi contatti ravvicinati con
gli altri sono ancora oggi una vera fobia angosciosa ed
esistenziale - guai a toccarli mentre si parla, e si sentono
perfino a disagio se ci avviciniamo un po' troppo a loro.
Questo perchè i nostri progenitori ci hanno lasciati impressi
nel nostro ipotalamo centinaia di segnali spiacevoli sul
contatto fisico. Alcuni, anche se ci sembrano incomprensibili e
banali, creano avversione, ostilità, angoscia, repulsione verso
un nostro interlocutore, anche se oggi facciamo fatica a
capirne il motivo. Bellissmo il volume di Desmond Morris,
"L'uomo e i suoi gesti - La comunicazione non-verbale nella
specie umana". Mondadori, 1977. Un libro sulle azioni, sul
modo in cui le azioni diventano gesti e i gesti trasmettono
messaggi. Un catalogo completo del comportamento umano,
un'antologia del linguaggio del corpo, dei gesti e delle
espressioni del viso che accompagnano i nostri veri
sentimenti, spesso nascosti sotto la maschera delle
convenzioni, verbalmente recenti rispetto al linguaggio dei
gesti che si era invece perfezionato (e nonostante il parlato,
hanno resistito) nell'arco di centomila anni. E sono gesti con i
quali noi esprimiamo mimicamente il significato che sta sotto
il nostro comportamento esteriore in tutta una gamma di
occasioni sociali: rapporti famigliari, amichevoli, di lavoro, di
accoppiamento, della preminenza, dello status, della difesa
del territorio, e degli innumerevoli riti.
E oltre ai gesti, spesso solo dopo un prudente contatto fisico
scopriamo verso i nostri simili alcune inclinazioni o avversioni,
e quest'ultime sono alcune volte intolleranti anche se il
malcapitato è da tempo un nostro carissimo amico/a. Ancora
più complesso poi, il linguaggio mimico è il contatto fisico con
l'altro sesso. L'intimità non la conquistiamo abitualmente solo
con un colto e intelligente discorso; ma solo con i gesti e con
un cauto preliminare contatto fisico, che soprattutto per la
donna è spesso essenziale oltre che determinante per
giungere ad una vera e propria unione fisica oltre che
psicologica. Si può fingere per opportunismo (es. sposare un
uomo ricco) ma poi per entrambi la vita a due è un inferno se
non esiste un'affinità a livello "epidermico" (e non solo
metaforico) .

____ GIAVELLOTTO - A parte la clava, la prima vera arma,

Pagina 42 di 835
costruita per tale scopo e con la volontà di farla diventare tale
fu senza dubbio il giavellotto realizzato in duro legno, con la
punta indurita sul fuoco. Noi abbiamo forse qui presente il
giavellotto che si usa e viene lanciato nelle competizioni di
atletica leggera, mentre quello antichissimo anche se aveva la
stessa foggia, non veniva lanciato solo con le mani (forse i
primi) ma faceva uso di un geniale propulsore. Questo
consisteva in una striscia di pelli di animali, cioè una correggia
avvolta in parte al giavellotto, con lo scopo di aumentare il
braccio di leva onde scagliarlo il più lontano possibile;
imprimeva inoltre un moto rotatorio all'arma in modo da
stabilizzare la traiettoria. Acquisita una certa abilità l'uomo
preistorico nel praticare la caccia riusciva a colpire con
precisione la preda a distanze di sicurezza notevole, anche da
50-80 metri. Dalla preistoria il sistema passò agli egiziani e ai
babilonesi, ma questi non più impegnati nella caccia ma solo
nelle guerre il sistema del lancio fu abbandonato e per colpire
i nemici in battaglia si ritornò all'arcaico ravvicinato lancio a
mano. Anche i Greci sia in guerra che nei giochi lo utilizzarono
come semplice lancia come quello attuale. Furono poi Romani
a riscoprire il lancio del giavellotto con la correggia (chiamato
"pilum"). Ma crollato l'impero, quest'arma scomparve dai
campi di battaglia. Nel 1900, ricomparve l'attrezzo greco, ma
solo per le manifestazioni sportive.

80.000 a.C.
____ COTTURA CIBO - Nell'utilizzare il fuoco la scoperta più
importante fu che le carni cotte sui carboni ardenti o su pietre
riscaldate dalla fiamma, erano non solo più saporite, ma anche
meno dure da masticare. Inoltre la cottura uccide i parassiti e
i batteri, responsabili di numerose malattie. Si pensa che l'uso
di arrostire le carni risalga a questa età. Prima di allora, i
denti utili per macinare e frantumare erano grandi, dopo
questa data si fanno piccoli, perchè poco impegnati a fare
grandi sforzi nella masticazione. L'usanza di cuocere il cibo
può aver contribuito a rimodellare i contorni del volto umano.
"I cibi più morbidi sollecitano meno la mascella e i muscoli
mascellari, che divennero più piccoli insieme ai molari. Questo
a sua volta si ripercosse sul disegno dell'intera faccia: le
grosse e prominenti sporgenze ossee sopraorbitali, e altre
spesse protuberanze ossee, sostegno dei potenti muscoli
mascellari, si ridussero di molto quando il volume dei muscoli
diminuì. Il cranio divenne più sottile, favorendo un'espansione

Pagina 43 di 835
della calotta cranica che doveva ospitare un cervello di
maggior volume" (Pfeiffer, 1971).

60.000 a.C.
____ DIETA - Per Alan Woods e Ted Grant, la modifica delle
relazioni sociali è in relazione con il consumo di carne,
l'organizzazione della caccia e l’aumento del volume del
cervello (Wood e Grant, 1997). Quest’ultimo consuma il 20%
dell’energia prodotta dall’organismo, nonostante costituisca
soltanto circa il 2% del peso totale. A sostenere l'incremento
dell'encefalo, come conferma anche Francesca Giusti, vi fu il
passaggio all'alimentazione carnea (Giusti, 1994). La carne
con il suo contenuto di calorie, proteine e grassi fornì una
serie di sostanze importantissime per l’organismo umano,
soprattutto per il rinnovamento dei tessuti (Engels, 1876).
Tale alimentazione, con la cottura, accorciò i tempi di
digestione e i processi vegetativi. La cottura è in sostanza una
frantumazione delle grandi molecole di proteine, carboidrati e
grassi in molecole più piccole, più digeribile e assimilabili. In
definitiva, la carne "portò all’acquisto di tempo, di sostanze e
di energia" (ibidem).
Il fuoco rivoluziona quindi la dieta. Nuovi alimenti vegetali ed
animali immangiabili crudi, permettono ora in territori pur
ristretti la vita di comunità più numerose. Infatti, insieme ai
cambiamenti fisici si verificarono nuovi stimoli alla vita di
gruppo, il mangiare insieme favorisce l'aggregazione (ancora
oggi si va a cena con gli amici anche se non si ha per nulla
fame). Gli uomini potevano passare più tempo nelle loro
dimore attorno al focolare, mangiando insieme agli altri
membri del gruppo e passando il tempo a gesticolare. Le ore
dopo il tramonto, di relativo riposo, potevano essere
impiegate per progettare le attività sempre più complesse del
giorno successivo. Questa nuova complessità richiedeva
l'evoluzione di più elaborati e raffinati mezzi di
comunicazione. "Il linguaggio, la forma più umana dell'umano
comportamento, deve aver preso un enorme impulso quando
la caccia si sviluppò e i focolari ardevano allegri dopo il
tramonto" (Pfeiffer, 1971).
Ma come vedremo più avanti, il fuoco, o meglio il focolare,
ebbe un ruolo centrale anche nelle prime esperienze mistico-
religiose dell'uomo. Ovvero tracce di manifestazioni nella
sfera spirituale. Coscienza del se. Immedesimazione nei suoi
simili. Culto dei propri famigliari morti. Credenze che la vita
continua dopo la morte. Convinzione soggettiva con una

Pagina 44 di 835
sensazione dell'esistenza di un essere supremo che governa la
natura, gli uomini, l'universo. Forse per gli stessi motivi, e
come riti propiziatori, nei più remoti meandri delle caverne,
nacquero all'incirca in questo periodo, le prime espressioni di
arte, i primi dipinti, i primi graffiti. E ancora, il fuoco rese
molti millenni dopo possibile vari cambiamenti chimici nella
materia inanimata, come la fusione dei metalli.

50.000 a.C.
____ FOCOLARE - Il focolare, il luogo di incontro giornaliero del
gruppo, dove si consumava il cibo frutto dell'organizzazione
sociale e della caccia, fu sicuramente anche il posto dove
lentamente si sviluppò il linguaggio umano. La facoltà di
esprimersi per mezzo della parola o l'espressione stessa; un
insieme di locuzioni con cui l'uomo esprime i propri pensieri e
sentimenti. Ancora oggi in alcuni popoli il focolare è sacro. Lo
è fra le tribali genti delle montagne caucasiche della Cecenia,
ma lo è anche nelle civilissime metropoli del Giappone. Ma
anche in occidente, fino a pochi decenni fa ogni cosa - non a
caso - la si apprendeva accanto al focolare, il cosiddetto "filò".
Da questi filò, prima ancora dell'alfabetizzazione di massa, e
prima ancora dell'avvento della scrittura, sono stati
tramandati i miti, le grandi epopee del passato, i disastri
provocati dalla natura, le prime cronologie dell'umanità, le
prime storie di un popolo, di una tribù, del proprio clan, quelle
della propria famiglia e quelle di ogni componente. La data di
estinzione del focolare o caminetto (per la duplice funzione
che aveva in casa - cuocere le vivande e riscaldare) è
abbastanza recente: 1742, quando Benjamin Franklin inventò
la "stufa" in ferro, quella che fino a pochi anni fa avevamo
tutti in casa con i neri tubi in ferro. (vedi - "stufa" anno 1742).

40.000 a.C.
____ AMORE e FAMIGLIA - Con molta probabilità fu accanto al
focolare che nacque l'amore e anche il concetto di famiglia.
Nel momento in cui era già avvenuto un personale processo di
identificazione con la conoscenza del mondo del Sè e dell'Io,
forse fu nel buio di una grotta, rischiarata da una calda
fiamma di un focolare, che un uomo e una donna guardandosi
scoprirono sulle reciproche labbra un sorriso e
improvvisamente si levò ad entrambi un lampo di felicità,
un'espressione di gioia intensa, una emozione nuova. Il
processo di identificazione dei due crea da quell'istante un
Pagina 45 di 835
"Noi", un legame capace di costruire una vita con un suo fulcro
e una precisa direzione che porta a vivere questo "noi"
insieme, uniti. Non è ancora un matrimonio, ma non è
nemmeno una semplice unione carnale o di beni. Ma è
un'unione di felicità condivisa da due individui uniti nell'anima
con un anelito interiore, quello di vivere nel profondo una
comunanza di vita. Nasce così la prima cellula famiglia, una
istituzione sociale che porterà in breve alla nascita della vera
e propria società umana. Nella famiglia formatasi con i figli
inizia la suddivisione dei compiti, ci si organizza nelle funzioni,
nasce la cooperazione e il rispetto gerarchico di padri e figli,
di giovani e vecchi; mentre prima d'ora questi ultimi erano
quasi considerati inutili al gruppo. Ed infatti, nei reperti delle
esumazioni, troviamo solo da questa data i primi scheletri di
persone anziane, perchè prima non erano nè inumati nè
venerati. E' da questo momento che l'anziano assume
un'importanza determinante per la famiglia e per il gruppo
anche se non è più impegnato nella caccia e nelle altre attività
faticose. Infatti, è lui, con molto tempo a disposizione, a
raccogliere le notizie dei fatti, è lui il privilegiato osservatore
di ogni cosa. Ed è sempre lui a ricombinare le notizie, a
metterle in associazione, per creare quindi nuove strategie
della cooperazione legate alla sopravvivenza "si fa questo,
non si fa quest'altro". Quando poi più tardi nascerà il
linguaggio parlato sarà lui a raccontare agli altri le storie, gli
avvenimenti del mondo che lo circonda, a narrare cose che
non ha mai visto direttamente ma sa che esistono, di cose che
non ha mai fatto ma sa come si fanno. Lui diventa il
"magazzino" delle esperienze sue e di altri del gruppo. Questi
altri, fra di loro, impegnati come sono nella caccia si
conoscono poco, ma l'anziano patriarca li conosce tutti, al
ritorno vede gli umori, osserva i loro visi, le loro espressioni di
gioie o di dolori, coglie le sfumature di ogni manifestazione
dei sentimenti. Con i suoi occhi indaga, e il suo sguardo
scrutatore alcune volte quasi paralizza l'osservato, perchè è
ormai capace di intuire anche ciò che gli si vuol nascondere.
Questo disagio millenario resiste tutt'oggi. Gli occhi puntati su
di noi ci creano un indefinito malessere, temiano di essere
messi a nudo. Ci sono mille ragioni per cui un individuto che si
sente fissato in viso, storna gli occhi, ma il nostro vecchio ora
le ha comprese tutte. Questo vecchio è il "saggio" del
villaggio, poi diventa lo "stregone", ma in effetti è il primo
psicologo. E' diventato il lettore dell'animo altrui, e allenato
com'è a osservare tutte le mille sfumature dei suoi simili,
capisce intenzioni, verità e menzogne già al primo sguardo.

Pagina 46 di 835
40.000. a.C.
____ MIGRAZIONI - Dopo aver nella sua dieta alimentare
bilanciato da quasi 100.000 anni carne e vegetali, con i famosi
8 amminoacidi essenziali e le vitamine che alterna o
contemporaneamente unisce alle proteine animali, il nostro
ominide con un cervello più sviluppato (rispetto a precedenti
gruppi che già si erano spinti in Europa) da queste sostanze
alimentari e in parallelo dalle esperienze che lo stesso cervello
gli ha permesso di fare, è ormai padrone del suo ambiente e
del territorio che lo circonda. Sviluppato il senso dello spazio e
del tempo, coordinati i comportamenti del gruppo, questo
inizia a muoversi con maggiore intelligenza in ogni direzione.
E questi nuovi gruppi sono i primi veri esploratori del Pianeta
Terra. Grandi migrazioni lo portano a una comparsa
poligenetica nei vari continenti partendo (anche questa, come
la precedente) da un origine policentrica individuata nella
zona della Rhodesia, considerata la culla dell'umanità intera
(come emerge dai lavori del gruppo di Cavalli Sforza). Nel
corso dei successivi millenni questi insediamenti creeranno
quelle che scientificamente sono dette differenze razziali. E
sono differenze esercitate dall'ambiente, dalle latitudini dove
si sono insediati, soprattutto nei quattro caratteri principali
visibili: pigmentazione della pelle, capelli, altezza, morfologia
del volto.

A questi nuovi gruppi (identificati col tipo Cro-Magnon, mentre


i precedenti erano del tipo Neanderthal, estintosi), bastano
5000 anni (circa 200 generazioni) per diffondersi in tutte le
zone dei continenti, occupandoli, vivendoci, modificando
subito i territori dove fanno i primi insediamenti fissi, e quindi
hanno più tempo da dedicare alla comunità cui appartengono,
e dove ancora a gesti si discute ci si organizza. Da queste
sinergie nascono gli stimoli a voler riversare ai propri simili le
innumerevoli comuni esperienze. Come dice un antico detto

Pagina 47 di 835
cinese "se io so una cosa e tu ne sai un'altra, se ce la
scambiamo, dopo, entrambi sappiamo due cose". Ma per
poterlo fare bisognava prima dare un nome alle cose, e a ogni
nome di cosa il suono doveva essere diverso da un altro. O
almeno modularlo diversamente per non confonderlo con altri.

30.000 a.C.
____ LINGUAGGIO e LARINGE - L’uomo forse proprio accanto al
focolare e con tanto tempo a disposizione elaborò una forma
di comunicazione straordinariamente complessa, riuscendo a
dare ad ogni cosa un significato specifico. Questo perché,
"l’uomo riuscì ad articolare suoni più complessi degli animali
grazie all’uso delle consonanti, possibile soltanto con lo
sviluppo della stazione eretta" (Wood e Grant, 1997). Già con il
bipedismo, l'uomo aveva sviluppato una serie di modifiche che
riguardarono la testa. La sua posizione rispetto al corpo,
cambiando, era diventata anch'essa eretta, allineata con la
spina dorsale. La mandibola subì un ridimensionamento.
Anche la posizione della lingua cambiò, invece di essere
situata completamente all’interno della bocca, una parte di
essa si adagiò nel cavo, e una parte si posizionò all’interno
della gola andando a formare la parte posteriore del tratto
orofaringeo. La mobilità della lingua consentì non più un
suono gutturale ma la modulazione dello stesso suono nella
cavità orifaringea. Ma..."La forma dell’apparato vocale e la
capacità fisica di combinare vocali e consonanti sono i
presupposti fisici del linguaggio umano, ma niente di più. Solo
lo sviluppo della mano, connesso inscindibilmente con il
lavoro e la necessità di sviluppare una società altamente
cooperativa, ha reso possibili l’aumento delle dimensioni
cerebrali e del linguaggio" (ibidem).

Comunque sia, sappiamo, dopo attenti studi che i primi


utilizzatori del linguaggio (escludendo i gridi a bocca
spalancata) pronunciarono come prima sillaba la P; è il fonema
che si ottiene nel modo più semplice: dopo la chiusura della
bocca basta spingere con forza fuori l'aria e aggiungere i 5
principali suoni non occlusivi che sono poi le vocali; formando
cosi pa, pe, pi, po, pu. Seguì poi strigendo le labbra la B e la M
, più tardi le palatali C , infine le dentali T, D, G, N, e per
ultime la S, Z ecc. Con questi suoni ancora quasi gutturali,
nacquero le prime sillabe, che accoppiate (ma spesso anche
singole come vedremo più avanti) formarono i primi vocaboli
per dare un nome alle cose. E sono tutti nomi semplici, quasi

Pagina 48 di 835
tutti bisillabi occlusivi. Se sfogliamo un antico dizionario
Babilonese, Caldeo, Sanscrito, Egiziano, troviamo che quasi
tutti i vocaboli risentono di quest'iniziale periodo arcaico,
diciamo di "esplorazione" fonetica: mas indicava il mese, mon
la luna, tag il giorno, set la settimana, vag le stelle erranti (i
pianeti), anu era il cerchio ma poi indicò l'arco dell'anno, buc
indicava la bocca o il mangiare, l'illirico bat il bastone,
l'egiziano ba o bai il cavallo, il sanscrito bad il bagno,
sempre in sanscrito pa il padre, pitu il bere, par il parlare,
pat l'arrabbiato pazzo e stupido, mentre pac un pecorone; e
molti altri, che dopo 25 mila anni in alcune lingue sono rimasti
tali e quali, oppure come radice.
In sostanza questi suoni articolati provati e riprovati iniziano a
creare dei fonemi e questi, soli o abbinati ad altri, formano
tutti i vocaboli che conosciamo. Con soli 40 fonemi si può
creare una lingua. I primi linguaggi forse fino al 5000 a. C non
andarono oltre questa cifra. Successivamente si arrivò al
massimo, cioè a 124 fonemi. Con questi 124 "suoni" oggi
(strano ma vero) si possono pronunciare tutte le parole
esistenti in qualsiasi lingua, compresi tutti i dialetti. (nel
mondo sono circa 10.000 i linguaggi). Un buon sintetizzatore
vocale oggi ne utilizza 120-122 di fonemi. L'autore qui di
Cronologia, ha utilizzato pionieristicamente circa 25 anni fa i
primi sintetizzatori vocali della Texas Instrument; quando
dalla stessa tastiera bisognava creare con le lettere
dell'alfabeto i vari fonemi per far dire al computer questo o
quel vocabolo. Oggi è tutto più semplice, con l'immissione
diretta o di una registrazione vocale, è il computer che lavora,
scinde i vari fonemi in bit, poi li riproduce fedelmente. Sembra
che parli pure lui con la laringe, ma in effetti ci rimanda
indietro velocissimamente -in un insieme- una lunga serie di
suoni più o meno modulati dal sintetizzatore, che operando in
un altro modo, se vogliamo, ci suona Beethoven, Mozart, ci fa
sentire il cinguettio di un uccello, e genera perfino gli
ultrasuoni che noi non siamo in grado di sentire con le nostre
orecchie.

Pagina 49 di 835
Le famose pitture rupestri della grotta di Lascaux in Dordogna

20.000 a.C.
____ ARTE - Le prime manifestazioni artistiche sono di questo
periodo. La celebre serie di animali delle grotte di Altamira, di
Lascaux, di Trois Freres e altre, ne sono la straordinaria
testimonianza. Significato e funzioni di tali opere hanno dato
origine a diverse intepretazioni. L'ipotesi più accettata è
quella secondo la quale quest'arte avrebbe un origine magica,
propiziatoria. Il fatto che queste espressioni figurative sono
presenti in buie grotte e cavità quasi nascoste, significa che
non erano semplici decorazione di un ambiente abitato, ma
erano queste caverne dei sacri "santuari" visitati dai
"pellegrini" abitanti in grotte vicine; e forse l'artista era lui
stesso stregone. Nella maggior parte sono raffigurati degli
animali, con uomini attorno che li cacciano, ed esprimono in
tal modo il desiderio dell'occasionale "pellegrino", delle azioni
che lui vorrebbe compiere sull'oggetto reale.

Graffito trovato in una regione desertica del Nordafrica

COLLOCAZIONE SPAZIALE E TEMPORALE


Oggi in Europa si contano 350 località, in cui sono state
trovate tracce di dipinti o sculture paleolitiche. In Francia sono
stati individuati almeno 160 siti. Alcuni di questi sono
veramente importanti: Lascaux, Niaux, Les-Trois-Freres, Font-

Pagina 50 di 835
de-Gaume, Les-Combarelles, Chauvet, Cosquer, Cussac e
Rouffignac. Tutti questi luoghi rivaleggiano in bellezza con la
grotta d'Altamira in Spagna. Le zone a maggiore
concentrazione artistica sono: il Perigord, Quercy (la valle del
fiume Lot), i Pirenei e la valle di Chauvet (Ardeche). I Pirenei
francesi e la Spagna Cantabrica, possono essere considerati,
come un'unica area. Nella zona del Perigord sono concentrati
più di sessanta siti differenti: Lascaux, Rouffignac, Font-de-
Gaume (importanti per i dipinti), Les-Combarelles e Cussac
(per le incisioni), Cap Blanc (per i bassorilievi). Nell'area di
Quercy, numericamente meno consistente, si trovano, circa,
trenta caverne dipinte. I siti principali sono Cougnac e Pech-
Merle. I Pirenei, costituiscono un gruppo numericamente
equivalente a quello di Quercy. La maggior parte dei siti
contenuti in quest'area risalgono al Magdaleniano, ma alcuni
di essi appartengono a periodi precedenti (Gargas, alcune
gallerie in Les-Trois-Freres ed Portel). Le grotte e i ripari sono
accorpati in piccoli raggruppamenti, come le caverne basche
nelle montagne di Arbailles, le tre caverne di Volp e le sei nel
bacino di Tarascon-sur-Ariege. Tra queste sono significative:
Niaux, Les Trois-Freres, Tuc d'Audoubert, Le Portel, Gargas. La
valle del Ardeche, contenente il sito di Chauvet, può essere
considerata di secondaria importanza, con circa una ventina di
caverne. Altri ripari e caverne sono sparsi in vari luoghi: la
caverna Provenzale di Cosquer, Pair-non-Pair nella Gironde, i
tre siti di Le-Placard, Chaire-a-Calvin, Roc-de-Sers nel
Charente, Roc-aux-Sorciers e le sculture di Angles-sur-l'Anglin
nel Vienne, le due caverne di Arcy-sur-Cure in Borgogna, la
grotta di Mayenne Sciences in Mayenne, uno o due ripari nella
foresta di Fontainebleau ed altre due caverne, compreso
Gouy, in Normandia (Clotters, 2002). Nel Sud Italia vi sono
alcune grotte istoriate, soprattutto in Puglia, in Sicilia ed in
Calabria.

L'arte parietale può essere inserita in un arco temporale che


va dal Perigordiano ed il Magdaleniano in Francia ed in
Spagna. In Italia oltre al Gravettiano ed Epigravettiano, si
hanno anche casi neolitici. Il rinoceronte realizzato nella
grotta Chauvet-Pont-d'Arc, risale al primo periodo (31460 +/-
460 BP), le impronte negative della grotta H.Cosquer,
appartengono al Perigordiano finale (27110 +/- 390 BP),
mentre il bisonte nero trovato nella stessa grotta è stato
realizzato nel Solutreano (18010 +/- 190 BP), un altro bisonte
nero trovato a Niaux appartiene al periodo successivo, il
Magdaleniano (12890 +/- 160 BP), allo stesso periodo

Pagina 51 di 835
appartengono il piccolo bisonte nero della grotta di Altamira
(13570 +/- 190 BP) ed un altro bisonte trovato nella grotta di
Covaciella nelle Asturie (14260 +/- 140 BP), mentre il suolo di
carbone di Lascaux risale al 12.000 a.C. In Italia, le tre figure
di cavalli della grotta Pagliacci, risalgono all'Epigravettiano
(18.000 BP). Allo stesso periodo, probabilmente,
appartengono anche la crosta stalagmitica della grotta di
Santa Maria di Agnano (25.000-12.000 BP) e le figure di grotta
Paglicci (15.000-20.000 BP), mentre la grotta dei cervi ha
soltanto frequentazioni Neolitiche. Le incisioni della grotta del
Genovese risalgono al 9230 a.C., mentre quelle del riparo di
Addaura al 10.000 a.C. (data incerta). Il bue di grotta Di
Romito in Calabria invece risale al 9.500 a.C. Infine le iscrizioni
della Valcamonica sono databili a partire dal 8.000 a.C.

Il motivo che determina la scelta di concentrare i luoghi


dell'arte parietale in alcune aree, piuttosto che in altre, non è
ancora chiaro. Sicuramente, la scelta degli uomini paleolitici,
non era condizionata dalla presenza di un numero consistente
di ripari e caverne nei territori prescelti. In Francia, luoghi
ricchi di grotte e ripari, come la Lingue-doc, Roussillon, la
Provenza o ancora le valli nel sud di Quercy e di Aveyron,
erano scarsamente considerate dagli artisti paleolitici.
Sicuramente esistevano delle motivazioni culturali, legate al
mondo magico-rituale che, oggi comprendiamo solo in parte
(Clotters, 2002).

LE TECNICHE
Le capacità artistiche degli esecutori variano moltissimo.
Alcune opere sono molto semplici e modeste, mentre altre,
per la loro precisione nell'esecuzione, sono sbalorditive. Le
tecniche di base utilizzate dagli artisti paleolitici per l'arte
rupestre o parietale sono: la pittura e l'incisione. Da
un'evoluzione di quest'ultima, derivano i bassorilievi, che sono
le rappresentazioni più belle ed impegnative. Tra i bassorilievi
più antichi vi sono la Venere di Laussel ed il pesce realizzato
sul soffitto della grotta di Abri-du-Poisson, entrambi,
appartenenti al Gravettiano (28-20 mila anni BP) e situati nel
dipartimento di Dordogne, in Aquitania, ma la maggior parte
dei basso-rilievi appartengono ai periodi successivi, Il
Solutreano ed il Magdaleniano. Al primo periodo appartengono
le incisioni di Roc-de-Sers (Charente) e Fourneau-du-Diable
(Bourdeilles, Dordogna). Nella prima, sono rappresentati una
decina figure di animali allineati su dei blocchi di pietra,
invece, nella Fornace del Diavolo sono raffigurati due bovini

Pagina 52 di 835
selvatici ed una terza figura poco chiara. Invece, le tre figure
femminili associate ad alcuni animali, trovati ad Angles-sur-
L'Anglin, ed i due grossi cavalli, trovati nel sito di Camp-Blanc,
appartengono al Magdaleniano.
Le incisioni più semplici, sono chiamate lineari. Si tratta della
più diffusa forma di arte delle caverne. Questa tecnica ha
moltissimo in comune con la pittura. Il modo con cui sono
tracciati i contorni con limitate sfumature e tipico anche di
quest'ultima (Collins, 1980). Una serie di incisioni di questo
tipo, tra cui la testa di un cavallo, particolarmente ben fatta,
si trovano all'interno di una grotta, presso il castello di
Commarque. Questo luogo, anch'esso molto importante, fu
scoperto dall'abate Breuil nel 1915. Altre Incisioni si trovano
anche nella Grotta di Chabot, su una superficie di 3 per 0,80
metri. Tra i vari segni è distinguibile la sagoma di un mammut.
Altri esempi famosi sono: la testa d'orso e la silhouette
femminile di Pech-Merle, la testa di cervo della grotta di
Pergouset, il bellissimo cavallo di Lascaux, la renna di Les-
Combarelles e i bisonti di Mairie-de-Tayjat.
Gli artisti per realizzare le loro opere si servivano di un bulino,
per le incisioni più recenti, ma tale tecnica non era conosciuta
prima dei 27.000 a.c. In alcuni casi durante gli scavi
archeologici sono stati scoperti gli scalpelli, come a Roc-de-
Sers. Ad esempio, la renna di Belcayre (Dordogna, 30.000
a.C.), fu realizzata in maniera molto rozza, con un oggetto
appuntito, simile ad un piccone. I lineamenti del corpo,
realizzati con quest'attrezzo, risultarono molto grossolani, ad
eccezione della testa che fu eseguita con una cura maggiore.
Un esempio di tecnica più raffinata si trova a Le-Ferrassie,
dove le linee furono realizzate attraverso l'incisione di una
serie di piccoli fori.
La pittura è il mezzo d'espressione più spettacolare, secondo
in bellezza, soltanto ad alcuni bassorilievi. Leroi-Gourhan
divise l'arte paleolitica in quattro stili, o periodi. Il primo fu
definito "arcaico" per la sua semplicità di esecuzione. Si
sviluppò nel Aurignaziano, tra il 30.000 e il 23.000 a.c. Il
secondo, sviluppatosi tra il 17.000 e il 15.000 a.c. (tra il
Perigordiano e l'inizio del Solutreano), fu caratterizzato dalla
rappresentazione completa dei contorni degli animali. NeI
terzo stile, definito "manierista" (tra il 17.000 e il 15.000
a.c. ), si sviluppò la ricerca del movimento nella
rappresentazione, oltre che ad una maggiore precisione nella
descrizione dei dettagli anatomici e l'introduzione della
bicromia. Ad esso appartengono le opere di Roc-de-Sers,
Lascaux, ecc. Nell'ultimo periodo, definito "il barocco del

Pagina 53 di 835
Magdaleniano" (fino all'8500), si ebbe una maggiore
attenzione per i volumi. Le figure assumevano posizioni
complesse, dimostrando la conoscenza problematiche tipiche
della pittura occidentale. Altamira, Niaux e Rouffignac
appartengono a questo periodo (Leroi-Gourhan, 1977).
I colori utilizzati erano soltanto tre: il tuorlo, il rosso ed il
nero. Da questi si potevano ottenere una grande varietà di
sfumature, come a Font-de-Gaume e Altamira. Il colore rosso
era ricavato attraverso la lavorazione dei minerali di ossido di
ferro (limonite e ematite), mentre il nero era realizzato
attraverso il diossido di manganese. Durante il Musteriano, il
minerale era utilizzato in pezzi, simili a dei pastelli. Nei periodi
successivi, gli uomini paleolitici impararono a polverizzare i
minerali, e ad applicarli sulle pareti, una volta diluiti.
Il colore era applicato sulle pareti con la punta delle dita, in
modo da ottenere una fila di impronte digitali, oppure era
spalmato quando si volevano realizzare dei tratti continui
(Collins, 1980). gli stencil delle mani erano realizzati
attraverso l'impiego di una tecnica differente. La tinta,
contenuta nella bocca, era soffiata sulla mano utilizzando un
corto cilindro in osso. Tale tecnica è stata utilizzata per
realizzare le impronte nere e le macchie dei cavalli di Pech-
Merle (ibidem).

L'artista nell'eseguire il suo dipinto, in molti casi si limitava a


tracciare soltanto il contorno delle figure, come nei siti di
Pech-Merle e Cougnac, mentre avvolte ne sfumava alcune
parti, ottenendo un effetto policromo di particolare bellezza.
Esistono anche degli esempi in cui tutta la figura era riempita
di colore, come a Font-de-Gaume, Altamira, Lascaux e
Chauvet. Per realizzate le sfumature era utilizzata una spatola
o un tampone di pelliccia, con cui era stesa la tinta (ibidem).
In un caso, il cavallo di Ekain, fu realizzato un contorno ben
preciso mentre la profondità fu realizzata attraverso l'uso del
chiaroscuro (Ramirez, 1994). Mentre il bisonte di Marsoulas fu
realizzato attraverso una moltitudine di punti rossi
discontinui. Lo spettatore poteva percepire il volume
dell'animale soltanto ad una certa distanza (Ramirez, 1994).
Non sono rari i casi, in cui, furono associate diverse tecniche
artistiche, soprattutto pittura ed incisione. Come sui
bassorilievi di Camp-Blanc e Roc-aux-Sorciers dove sono state
scoperte tracce di coloranti. Un altro caso particolare, consiste
nei bisonti di Tuc-d'Audoubert, realizzati in argilla, sono un
esempio straordinario delle capacità artigianali degli uomini
paleolitici.

Pagina 54 di 835
LA PROSPETTIVA e gli altri espedienti tecnici
La prospettiva è una tecnica utile a dare tridimensionalità ad
oggetti rappresentati su una superficie piana secondo un
punto fisso detto "punto di vista". La tecnica moderna si basa
sull'impiego di raggi immaginari che partono dal contorno di
un oggetto osservato ed arrivano verso l'occhio
dell'osservatore. L'intersezione di questi con un piano
verticale, danno il "quadro". Il problema della
rappresentazione tridimensionale su superfici piane venne
affrontato per la prima volta dai Greci verso la fine del V sec
a.C. Gli artisti paleolitici non conoscevano la prospettiva, ne
gli altri metodi moderni utili a dare profondità alle opere,
tuttavia riuscirono ad elaborare delle tecniche particolari, con
il quale riuscirono a superare i limiti delle rappresentazioni
bidimensionali. Per la rappresentazione degli animali era
preferito il profilo laterale, ma spesso, tale metodo limitava la
realizzazione di elementi particolari. Un esempio calzante è lo
stregone di Les Trois Frères. L'uomo che ha realizzato
quest'opera ha dovuto superare la difficoltà di rappresentare
elementi particolari disposti su piani differenti, come le corna
e la coda, su una superficie piana a due dimensioni. La
soluzione venne trovata nel torcere artificialmente la figura.
La testa venne rappresentata utilizzando una visione frontale,
il resto del corpo attraverso il profilo laterale. L'artista inventò
una tecnica che Collins chiama "prospettiva di torsione"
(Collins, 1980), utilizzata anche in altre epoche storiche. Gli
egizi usavano, spesso, rappresentare il corpo secondo una
visione frontale ad eccezione della testa, vista di profilo.
Numerosi esempi sono riscontrabili nel catalogo curato da
Cristiane Ziegler per una mostra, da lei realizzata, a Palazzo
Grassi (Ziegler, 2002). Anche gli artigiani greci, a partire dal
VII sec. a.C., impiegavano espedienti simili per realizzare le
decorazioni su vari materiali: armi di bronzo, ceramiche,
monete e gemme in pietra dura. Tra tutte le ceramiche attiche
conosciute, segnaliamo come esempio, un cratere ateniese del
750 a.C. parte di un corredo funebre. Nell'illustrazione della
scena funebre rappresentata su di essa, la muta dei cavalli è
stata realizzata in modo da dare maggiore profondità alla
scena, espedienti simili non sono rari nell'arte paleolitica.
L'uso di combinare la testa di profilo ed il corpo di prospetto
unito ad una serie di gesti, secondo Alan Johnston, serviva agli
artisti greci a creare flusso e movimento (Boardman, 2002). A
tale scopo gli artisti Paleolitici avevano adottato anche altri
espedienti. Un caso interessante è il cinghiale della grotta di
Altamira in spagna. L'animale è stato disegnato con 8 zampe

Pagina 55 di 835
piuttosto che 4. Alcuni esempi interessanti in cui si è cercato
di superare i limiti delle due dimensioni, sono: i tori eseguiti
nella medesima grotta ed i cervi della grotta di Lascaux. In
entrambi i casi la superficie rocciosa viene utilizzata per dare
alla figure volume e movimento. La policromia ed un saggio
utilizzo di sfumature, avevano il medesimo scopo di dare
profondità ai soggetti. A Font de Gaume
e a Lascaux troviamo alcuni esempi.

I TEMI della rappresentazione


I disegni erano rinnovati ogni anno, sovrapponendo i nuovi ai
precedenti. Gli artisti nell'esecuzione dei disegni non
seguivano alcun criterio. Non seguivano un unico asse
orizzontale, tutti gli elementi avevano angolazioni differenti e
non vi era proporzioni tra essi. Non erano raffigurati alberi,
piante o elementi topografici. Non vi è nessuna
rappresentazione che riguardi gli astri, come il sole e la luna,
o nuvole (Collins, 1980).
Le categorie dei soggetti rappresentati sono quattro: figure
animali, figure umane, simboli (antropomorfi o geometrici) ed
insiemi di linee indeterminate. Leroi-Gourhan realizzò
un'analisi sulla frequenza dei soggetti rappresentati,
basandosi su un campione di 66 siti. Nel 63 % dei casi si
trattava di immagini di animali, tutti i segni insieme erano il
34%, e soltanto nel 4% dei casi furono identificate delle figure
umane. L'animale più rappresentato era il cavallo, ed in ordine
decrescente, il bisonte, lo stambecco, il cervo, il mammut, e la
renna. E' stato notato che, i primi due animali, spesso, erano
associati all'interno della stessa rappresentazione. Ma le
associazioni tra soggetti potevano variare, anche
notevolmente, da sito a sito. A Font-de-Gaume delle 200
immagini individuate, tra animali e simboli, 84 riguardavano
soltanto bisonti. Vi sono alcuni luoghi, in cui, i segni sono
numericamente più significativi, rispetto alle rappresentazioni
animali. Un esempio è la grotta di Niaux, in cui i segni sono tre
volte di più numerosi degli animali. Le rappresentazioni
umane sono molto meno numerose. Inoltre, nella maggior
parte dei casi, si tratta di esecuzioni molto sommarie, in cui è
distinguibile soltanto la silhouette. Alcuni tipi di segni sono in
relazione al corpo umano, perché ne riproducono alcune parti.
Si tratta degli organi sessuali maschili e femminili, e gli stencil
delle mani, riscontrabili in numero elevato; A Quercy, nei
Pirenei centrali e nella Spagna Cantabrica, sono state
scoperte più di 500 impronte di mani.
Gli animali disegnati, appartenevano alla fauna locale. Avvolte

Pagina 56 di 835
l'insieme dei soggetti rappresentava una scena di caccia, ed in
casi molto particolari, alcuni di essi venivano trafitti da frecce
o colpiti da bastoni o da boomerang (Campbell, 1990). Una
scena di questo tipo fu eseguita nella grotta di "Les-Trois-
Frères". Al suo interno, è stata scoperta un'intera parete
ricoperta di incisioni. I soggetti (mammut, rinoceronti, bisonti,
cavalli, orsi, asini, renne, ghiottoni, bue muschiati), furono
inseriti in una scenografia completata da una serie di lance
scagliate su di essi. In generale, bisonti e orsi erano gli
animali più rappresentati nei siti Aurignaziano-Magdaleniani.
Su gli orsi, in alcune occasioni, erano rappresentati anche i
fori delle ferite (ibidem). Nell'Italia Meridionale il bue
sostituisce il bisonte. Un caso particolare sono il salmone di
Abri du Poisson ed i tonni della grotta del Genovese.
I simboli, ad eccezione di quelli a carattere sessuale, nella
maggior parte dei casi non sono comprensibili. Nei periodi più
antichi i simboli vulvari sono a forma di pera, mentre nel più
tardo Aurignaziano diventa più comune una forma a triangolo
rovesciato. Vi sono anche esempi di falli, alcuni incisi su pietra
e uno proveniente dal rifugio roccioso di Blanchard scolpito
intorno ad un corno di bisonte. Nel Magdaleniano si
diffondono anche le vulve a coda di pesce, falli circoncisi e
segni a punta. Nella grotta di Pech-Merle, ed in altri casi,
furono disegnate file di dischi, macchie o linee. Nella grotta di
Fount de Gaume sono stati scoperti dei segni simili ai tetti a
spiovente delle case, e per questo sono stati chiamati
tectifomi. In alcuni casi, questi insiemi erano così grandi e
complessi da essere definì dagli esperti: "Grandi Simboli".
Questi complessi di linee, in alcuni casi erano distinguibili in
tre gruppi differenti (Collins, 1980). Per Giedion "tutti i grandi
simboli sono deliberatamente oscuri, essi erano destinati ad
essere incomprensibili a tutti tranne che agli iniziati" (ibidem).
Fatta eccezione per le rappresentazioni simboliche degli
organi sessuali, le rappresentazioni umane sono
estremamente rare. I soggetti maschili erano più ricorrenti su
piccoli oggetti, come statue, utensili decorati o placche. Tra i
rari casi pittorici vi sono gli uomini con le lance situati nelle
grotte di Cognac e Pech-Merle. I soggetti femminili erano più
frequenti, la Venere di Laussel è forse la più famosa. Le
rappresentazioni femminili, soprattutto nell'arte mobiliare,
avevano tutte caratteristiche simili. Erano tutte piuttosto
grasse, alcune presentano i segni della gravidanza. I glutei
erano grandi e molto accentuati (in alcuni casi sono
steatopigie, cioè presentano un accumulo di adipe nei glutei,
riscontrato nelle donne delle popolazioni boscimane). Il seno

Pagina 57 di 835
era prosperoso. I volti erano realizzati in maniera molto
approssimativa. Le caratteristiche facciali erano rare, occhi,
naso e bocca spesso non erano rappresentati. Le braccia
snelle erano incrociate sul petto. Le cosce erano ben
modellate, ma le gambe e i piedi erano raramente compresi
nelle rappresentazioni. Sia i simboli sessuali che le veneri
indicano un'interesse degli uomini e le donne paleolitici per la
fertilità. Nel Magdaleniano l'interesse per le figure umane
incominciò ad aumentare. Le figure sono spesso "piegate" o
curve all'altezza della vita a forma di boomerang. La testa è
rappresentate di rado e i piedi e le braccia sono ugualmente
poco importanti. A quest'epoca appartengono un'importante
serie di figure maschili. Tra queste soltanto alcune sono
identificabili come tali, mediante la rappresentazione del
pene. Alcune di loro presentano attributi animali. L'uomo di
Gabillou, in Dordogna, ha le corna di bisonte, mentre lo
stregone di Les-Trois-Frères ha delle corna ramificate, oltre ad
una serie di altre caratteristiche animali. A Tuc-D'Audobert,
invece, sono stati scoperti degli uomini con testa d'alce. Nel
celebre sito di Lascaux, all'interno di una cripta, si trova una
figura maschile distesa. La silhouette, posta in posizione
orizzontale, ha il pene eretto ed un becco d'uccello. Qualcosa
di simile si trova nel sito di Addura, presso il Monte pellegrino,
vicino Palermo. Qui troviamo un incisione in cui viene
illustrata una danza rituale comprendente: figure distese,
organi sessuali in evidenza e musi a becco di uccello. Anche la
postura dei soggetti richiama quella degli animali, obliqua o
orizzontale. Non esiste nell'arte parietale, una singola
rappresentazione maschile dipinta in una posizione
completamente eretta, con lineamenti facciali chiaramente
umani, e comunque trattati con la stessa precisione dedicata
agli animali (Collins, 1980). Secondo Giedion: "Gli uomini
raffigurano se stessi solo di rado, ma gli animali
costantemente, sembra che essi vogliano essere animali, non
hanno alcuna arroganza nella loro umanità"(ibidem).
IN ITALIA esistono un numero minore di grotte contenenti
esempi di arte parietale. Nel Sud Italia vi è una maggiore
concettrazione, soprattutto in Puglia, in Sicilia ed in Calabria.
La Puglia è la regione più rappresentativa. All'interno del suo
territorio si trovano: la grotta Romanelli, la prima in Italia a
restituire testimonianze artistiche risalenti al paleolitico. Al
suo interno è stato scoperto una gran quantità di pietre incise
con motivi geometrici o zoomorfi. Le incisioni su parete più
interessanti sono un bovide ed un'alce, mentre tra i soggetti
geometrici troviamo un ciottolo dipinto con cerchi pieni di

Pagina 58 di 835
colore rosso. I soggetti astratti sono
stati accorpati da Graziosi nello stile
"mediterraneo", documentato
soprattutto nell'arte mobiliare. Oltre
a grotta Romanelli, altri esempi sono
stati scoperti a grotta delle veneri di
Parabita, grotta del cavallo presso
Santa Maria di Leuca e grotta Sacara presso i laghi Alimini
(Orlando, ...; Ingravallo, 2004). La grotta di Parabita è famosa
anche per le due piccole statuine in osso di età gravettiana.
Nella grotta Paglicci, sono presenti delle pitture parietali in
ocra rossa, le uniche conosciute in Italia, tra cui tre cavalli, di
cui uno rampante, associati ad impronte di mani e stencil).
Nella grotta dei Cervi è possibile trovare vari soggetti umani
ed animali stilizzati, la figura di uno stregone, e molte
rappresentazioni simboliche, tra cui vi sono quelle
"spiraliformi" e le impronte di mani. All'esterno della grotta di
Santa Maria di Agnano, in cui sono state scoperte due
sepolture epigravettiane, sopra una crosta stalagmitica posta
all'esterno della grotta, sono stati individuati alcuni segni
geometrici. La seconda area importante è la Sicilia, dove a
partire dal 9000 a.C. fioriscono le arti figurative. Qui troviamo
la grotta del Genovese, situata sull'isola di Levanzo
(nell'arcipelago delle Egadi); In una grande caverna, scoperta
nel 1947, accessibile soltanto attraveso un basso corridoio
naturale, sono stati scoperti 4 figure umane danzanti, 10
bovidi, 12 equidi, 6 cervi e un felino. Sulle pendici del Monte
Pellegrino, presso Palermo, nel 1953 è stato scoperto il riparo
dell’Addaura. Nella scena centrale, già precedentemente
illustrata, sono raffigurati nove uomini disposti in cerchio,
nell'atto di intraprendere una danza rituale. Due di esse si
trovano all'interno del cerchio, stese per terra, piegate in
maniera innaturalmente. In una cavità vicina, Addaura III,
sono state scoperte altre figure di uomini e di animali, che non
presentano criteri compositivi. Nella Grotta Niscemi sul
versante opposto del Monte Pellegrino, invece sono stati
scoperti bovidi, capridi ed equidi. In Calabria, in località
Papasidero (Cosenza), nella grotta di Romito, sono state
scoperte diverse figure animali, tra cui quella di un bue. Nel
Nord italia il sito più importante si trova in Valcamonica, dove,
lungo il corso del fiume Oglio, sono visibili almeno 200.000
figure incise sulla roccia (nell'immagine sotto)

I graffiti più antichi sono rappresentazioni di figure animali,


per lo più cervidi, incise a semplici linee con pietre silicee. In

Pagina 59 di 835
Località Villabruna, in provincia di Belluno, presso una
sepoltura mascile epigravettina sono stati scoperti ciottoli
dipinti con linee ondulate rosse.

IL SIGNIFICATO dell'arte delle caverne. - REALTA' e


rappresentazione.
L'arte può essere intesa come una descrizione mimetica della
realtà, oppure come la volontà di esprimere un concetto
simbolico-astratto. I maestri del 500 italiano, come Raffaello o
Caravaggio, si sono distinti per la loro capacità di riprodurre la
realtà percepita, fin nei minimi particolari. All'opposto,
Picasso, Derain, Mondrian, ecc., hanno elaborato un
linguaggio pittorico tendente al massimo grado di astrazione,
fortemente simbolico. Oggi è difficile dimostrare, a posteriori,
la capacità degli artisti paleolitici di elaborare dei concetti in
chiave simbolica. Sono in molti a sostenere che, l'arte
paleolitica era per chi la eseguiva soltanto un passatempo,
praticato durante il tempo libero. L'artista, non faceva altro
che rispondere al suo istinto "naturale" di decorare. Si
trattava di "arte per l'arte", emersa dal riconoscimento da
parte dell'uomo di casuali somiglianze nella natura (Pfeiffer,
1971; Collins, 1980). Probabilmente, almeno all'inizio, il
significato dell'arte era quello di rappresentare la realtà. La
rappresentazione, ai suoi esordi, era frutto di un processo di
elaborazione analogico (imitazione delle forme che
percepiamo guardando), scomposto in due fasi: percezione ed
interpretazione della realtà. In questo caso, qualsiasi
rappresentazione prevedeva la conoscenza della realtà
oggettiva, ed allo stesso modo, la conoscenza si manifesta
attraverso una rappresentazione mimetica. Successivamente,
le rappresentazioni risultarono essere frutto di un'idea
dell'artista, cioè della sua elaborazione della realtà in forma
ideologica, utilizzando un procedimento di tipo logico. Il
prodotto dell'artista si allontana da un'elaborazione
naturalistica, per assumere sempre più caratteristiche
antinaturalistiche e concettuali. L'arte, nel suo nuovo
significato, assunse un ruolo centrale all'interno di pratiche
religiose. La rappresentazione artistica aveva un forte
contenuto simbolico, legato alla caccia e la procreazione
(Campbell, 1990).

Se analizziamo, ad esempio, una delle categorie più ricorrenti


nell'arte rupestre, il mondo animale, si vede che l'uomo

Pagina 60 di 835
tendeva ad aderire ad una descrizione di tipo analogica-
naturalistica. Gli artisti adoperavano ogni tipo di accorgimento
tecnico, per far si che i soggetti dipinti o scolpiti si
avvicinassero alla realtà. Gli animali erano riprodotti con un
impressionante cura dei particolari. L'aderenza alla realtà,
sembrava dipendere esclusivamente dalle capacità artistiche.
Ma un'analisi più profonda dei soggetti, dimostra la presenza
di un contenuto concettuale anche in questo tipo di
rappresentazioni. Infatti, esiste un legame molto forte tra il
linguaggio analogico con cui sono realizzati e le manifestazioni
mistico-religiose cui sono collegati.

In primo luogo, l'ossessione per il mondo animale e la scarsa


volontà di autorappresentarsi o di rappresentare qualsiasi
altro elemento naturale, è spiegabile soltanto se si considera
l'ammirazione per gli animali, come una forma di culto o di
animismo (Collins, 1980). Scrive Giedion: "La figura dell'essere
umano appariva trascurabile a paragone con la bellezza e la
forza della figura animale... L'auto esaltazione con cui sia
l'uomo che la donna erano presentati nudi alla luce del sole
nella scultura greca era totalmente inimmaginabile per l'uomo
primitivo" (Collins, 1980). Nessun altro elemento
appartenente alla realtà riusciva ad ottenere la stessa
attenzione degli animali. Il sole, la luna, le nuvole, o qualsiasi
altro elemento legato al territorio non vennero mai illustrati.
Ugualmente si può di dire per il fuoco, i fulmini o l'acqua.
L'uomo stesso è presente in pochissime rappresentazioni.
In secondo luogo, l'arte parietale era inserita all'interno di un
contesto specifico: le grotte e i ripari. Questi luoghi, di difficile
accesso e, in alcuni casi, senza la possibilità di utilizzo di una
fonte di luce diretta, erano le sedi più improbabili per
esecuzione di lavori artistici così impegnativi, a meno ché, non
esistessero delle motivazioni culturali specifiche. È da scartare
l'ipotesi secondo cui gli artisti Paleolitici fossero dei
Bohemien, ribelli ed emarginati dalla società in cui vivono. Al
contrario, gli artisti erano integranti in essa, e ben voluti,
perché con la loro opera esprimevano le speranze e i timori
dell'intera comunità. L'artista, prima di essere un abile
disegnatore, era un mago potente. Le grotte decorate erano le
sedi dei santuari mentre gli animali erano una
rappresentazione degli spiriti che questi popoli veneravano.
Secondo alcuni, tale sistema magico-religioso era sorretto da
due principi complementari, identificati nelle due specie
animali più rappresentati il cavallo e il bisonte (Ramirez,
1994).

Pagina 61 di 835
PERCEZIONE E RAPPRESENTAZIONE
L'esperienza artistica, per certi aspetti, è comparabile
all'esperienza della caccia. In essa vigono gli stessi processi
percettivi utilizzati dall'uomo per individuazione delle tracce
lasciate dalle sue prede. Come dice Brusa -Zappellini, la
traccia è un indizio, "è un segno che ha un senso in sé", ma
allo stesso tempo è anche "un segnale che ha un senso fuori di
sé", perché aldilà della sua forma, permette di identificare la
fattezze dell'animale che l'ha lasciata (Brusa -Zappellini,
2002). "L'impronta della preda evoca, dunque, qualcosa
d'altro, costringe la mente a riflettere sul nesso che unisce lo
spazio al tempo, l'assenza alla presenza" (ibidem). La
percezione dei segnali, inducono l'osservatore ad elaborare
una realtà fittizia, senza la quale è impossibile impostare le
proprie strategie di caccia. L'artista-stregone opera come un
cacciatore. Egli però non deve trovare degli indirizzi materiali
su di un'azione avvenuta in passato, deve, invece, trovare
delle forme in grado di assumere l'aspetto dell'animale da
rappresentare, egli si avvale della "capacità evocativa delle
linee e dei volumi di creare un riconoscimento fittizio, di
carattere illusorio" (ibidem). Soltanto successivamente,
quando avrà soddisfatto questo primo principio, darà inizio
all'opera. All'origine dell'arte vi è quindi un "attitudine
proiettivo-fantastica dell'immaginazione" utilizzata in maniera
di
fferente dal cacciatore e dall'artista-stregone (ibidem). La
scelta di simulare la realtà attraverso la natura, risultava
essere doppiamente suggestiva quando, per realizzare le
proprie opere, venivano scelti corridoi contorti e oscuri
all'interno di grotte naturali. La sensazione che si provava
immergendosi in tali luoghi, non era soltanto di caratteristica
illusorio. "Nella mentalità primitiva, fortemente animistica, le
analogie formali dovevano evocare, nello spazio magico delle
infinite fluttuazioni visive, osmosi e metamorfosi continue" tra
il mondo animale e quello minerale (ibidem). La mano
dell'artista, attraverso il ritocco dei contorni, oltre a
riprodurre degli elementi del mondo reale voleva anche
celebrare l'unione dei mondi naturale e minerale, attraverso
una prospettiva animistica. Il processo di creazione artistico
doveva essere suddiviso in tre fasi: "a) il riconoscimento
isomorfo affidato all'intuizione del momento; b) il ritocco teso
a sottolineare l'avvenuto riconoscimento; c) l'attività
figurativa vera e propria che cristallizza, nell'immagine
dipinta, l'apparizione fissandola nel tempo" (ibidem). Esistono
numerosi esempi di adattamento dei soggetti alle forme della

Pagina 62 di 835
natura. Nella Grotta di Altamira, sono stati realizzati due
bisonti sfruttando due grandi sporgenze ovali della volta
rocciosa. A Rouffignac dei serpenti sono stati realizzati
partendo dalle fratture naturali della parete. Nella Grotta di
Niaux, una testa di cervo è stata realizzata partendo da una
cavità naturale completata con l'aggiunta delle corna. A
Lascaux, invece è stato realizzato un branco di cervi, che
sembrano emergere dall'acqua mentre attraversano un fiume,
in questo caso la rocca è stata utilizzata per simulare l'acqua
del fiume.

IL GESTO ARTISTICO. Un confronto con l'arte contemporanea


Il grande maestro Fontana, nel suo Manifesto Blanco, scrisse
che, il "gesto" e l'invenzione artistica nell'arte sono più
importanti del suo contenuto materiale, essi sono: "gli unici
atti di eternità possibili per l'uomo". Secondo Fontana, l'arte
diventa eterna attraverso il significato che vuole tramandare,
non attraverso le tecniche con cui è realizzato. La stessa cosa
si potrebbe dire per l'arte paleolitica, Essa dovrebbe essere
analizzata per i suoi significati e non per l'abilità tecnica con
cui è realizzata. l'arte preistorica presenta molte analogie con
le opere degli artisti contemporanei. Guardando meglio,
sembra che "Concetto spaziale. Attese" dialoghi
perfettamente con molte delle opere segni che primitive, anzi,
potrebbe essere una loro naturale evoluzione. Nel quadro di
Fontana, il gesto rapito che taglia la tela, sembra offrire la
possibilità di oltrepassare la dimensione abituale, per essere
proiettati all'interno di un mondo fantastico (Mirolla, Gallo,
Zucconi, 2002). Ma questo non è, anche, lo scopo dell'arte
paleolitica? Non c'è dubbio. Le figure, i segni e i luoghi
esprimono, tutti, la volontà degli uomini paleolitici di varcare
quella soglia. Quando gli uomini paleolitici incidevano la roccia
dura, esprimevano la stessa volontà di oltrepassare la
materia, lo spazio conosciuto? È possibile. In alcuni casi, il
linguaggio utilizzato è raffinato, come ad Altamira e Lascaux,
in altri è sintetico e sgraziato, in altri casi ancora è essenziale
e misterioso, come quando vengono utilizzati dei segni. Le
soluzioni tecniche impiegate, in alcuni casi, sono così
innovative che, gli artisti-stregoni che le hanno inventate
dimostrano di essere dei precursori degli artisti delle
avanguardie. Il cinghiale della grotta di Altamira ad esempio,
è stato disegnato con otto rampe, anziché quattro. Questo
espediente venne adottato perché l'esecutore voleva
rappresentare l'animale in movimento. Se confrontiamo
questo soggetto con "Il ciclista" di Natalija Goncarova, un

Pagina 63 di 835
esponente del cubofuturismo russo, riconosciamo l'utilizzo di
una tecnica simile per descrivere la velocità ed il movimento.
Esaminando la tecnica pittorica del bisonte di Marsualas,
notiamo l'utilizzo di una tecnica che si basa su un principio
scoperto dagli impressionisti, ed utilizzato nella forma più
estrema dai divisionisti e dai fauves. Gli impressionisti
avevano scoperto che, se due colori venivano stesi puri sulla
tela, attraverso dei piccoli tocchi, questi ad una certa distanza
risultavano fusi insieme, un esempio classico dell'utilizzo di
questa tecnica nell'ottocento è "Grenouillère" di Monet (Cioffi,
Finocchi Ghesi,Picone, Zucconi, 2000). I Fauves,
successivamente, utilizzarono lo stesso principio, separando
in maniera più marcata i colori, "Barche a Collioure" di Derain
e "Lusso, calma e voluttà" di Matisse costituiscono un esempio
dell'evoluzione estrema della tecnica divisionista. Gli artisti-
stregoni, in alcuni casi, dimostravano di conoscere già questo
principio, anche se espresso in maniera monocromatica. Un
ultimo esempio, può essere attinto dall'arte mobiliare, si
tratta della venere di Ostrava (27.000). Una piccola statuina
femminile in ematite, di cui ci è giunto soltanto il tronco, alta
5 cm. Scoperta nel sito Gravettiano di Ostrava-Petrkovice in
Moravia, nella Repubblica Ceca. Guardandola con attenzione,
emerge una similitudine clamorosa con uno dei dipinti simbolo
dell'arte delle Avanguardie. Si tratta di "Les Demoiselles
d'avignon" di Pablo Picasso. in questa opera, le figure
vengono scomposte e ricomposte in un insieme di frammenti
che seguono prospettive differenti (Mirolla, Gallo, Zucconi,
2002). La Venere di Ostrava sembra dare fattezze reali alle
damigelle rappresentate nell'opera manifesto del cubismo.
Tale somiglianza diventa ancora più sbalorditiva se si pensa
che le due opere sono state eseguite a 25.000 anni di
distanza.
(dalla pagina "I nostri primi antenati" )

____ ARCO e FRECCE - Forse erano già in uso prima di questa


data, ma non abbiamo certezze. Le prime che conosciamo
sono quelle presenti nelle pitture rupestri accennate sopra.
Come fanno pensare nuove scoperte, in Africa sembra che
l'uso risalga già attorno al 46.000 a.C. A parte l'uso pratico
che era poi quella di poter colpire le prede da una maggiore
distanza, l'invenzione dell'arco è la prima "macchina" che
immagazzina energia; infatti ha questa caratteristica:
l'energia muscolare del braccio viene lentamente
immagazzinata nel tendere l'arco trattenuto alle due
estremità da una corda e poi rilasciata tutta in una volta. E'

Pagina 64 di 835
una vera e propria macchina, che continuò ad essere usata
-assieme alle catapulte che sfruttavano lo stesso principio di
una corda tesa- fino a quando nel XV secolo fu realizzato
l'archibugio. Ma poco prima era stato inventato un certo tipo
di arco più grande orizzontale che in seguito si chiamò....

____ BALESTRA - Questo attrezzo veniva usato in Estremo


Oriente già nell'anno 2000 a.C. Nel 1000 a.C. i cinesi ne
realizzarono un tipo capace di lanciare perfino dardi a
ripetizione. Ma la vera classica balestra nacque in Francia
intorno al 1050 con un marchigegno micidiale; l'arco non
veniva più teso dalla muscolatura umana ma da una duplice
manovella, e al rilascio improvviso della corda, scoccava un
dardo piuttosto corto che aveva una gittata di circa 300 metri.
L'attrezzo micidiale era composto da una molla semiellittica
composta da più fogli di legno per dare elasticità (in seguito
perfezionandola fu costruita con fogli di flessibile acciaio).
Sembrò un'arma così terrificante che in un concilio
ecclesiastico del 1139 si cercò di limitarne l'uso, ovviamente
consentendolo soltanto contro coloro che non erano cristiani.
Aveva però un difetto, era molto pesante, e fatto molto più
importante, ad ogni freccia la balestra doveva essere
nuovamente caricata. Questo svantaggio fu subito eliminato
dai Gallesi che crearono nel 1298 l'...

____ ARCO LUNGO - Era nuovamente verticale, misurava 180


centimetri e aveva frecce di 90 centimetri. Un abile arciere era
in grado di scoccare una freccia a quasi 230 metri e
ricaricandolo in brevissimo tempo ne poteva lanciare 5-6.
Questo voleva dire che se una squadra di arcieri operava in
sincronia alternata potevano lanciare contro il nemico in
continuazione una nuvola di frecce. Edoardo I d'Inghilterra,
formò proprio questa squadra e la mise alla prova contro gli
scozzesi nella battaglia di Falkirk, il 22 luglio 1298. Ottenne i
risultati sperati sbaragliando il campo nemico. Ma l'arma non
era poi così semplice, per tendere il grosso arco occorreva la
forza di un gigante, e per non disperdere inutilmente le frecce
anche una certa precisione. Rimase un'arma usata solo dagli
inglesi, nessuna altra nazione la utilizzò. Di archi lunghi gli
inglesi ne fecero largo uso e si distinsero nel XIV secolo nella
guerra dei Cent'anni. Gli speciali reparti di "arcieri"
diventarono perfino un fiore all'occhiello degli inglesi. Ancora
oggi esistono in Inghilterra "Gli arcieri (guardie) della Regina".

Pagina 65 di 835
____ CORDA - In parallelo all'arco fu perfezionato la corda; che
non era sconosciuta, le prime erano fatte di fibra vegetale
intrecciata. Le successive, già migliori, realizzate con sottili
strisce di pelli, nel 3000 a.C. sono già di cuoio, e con questo
tipo di corde verosimilmente innalzarono i grandi blocchi per
costruire le piramidi. Quelle che per i successivi cinquemila
anni furono poi le tradizionali corde, nascono in Cina,
utilizzando e intrecciando una fortissima fibra: la canapa.
Dall'Oriente le corde in canapa si diffusero anche in Occidente
e sappiamo che i Romani nei cordami di ogni tipo, soprattutto
nelle navi ne facevano largo uso, utilizzarono pure loro la
canapa. Nel primo millennio non ci furono grandi innovazioni,
e quasi per l'intero secondo millennio; le migliorie furono fatte
nel '700 e '800 solo nelle macchine per fabbricare le funi;
prima occorrevano molti uomini per distendere, unire,
intrecciare, torcere la bira, con le macchine ne bastava uno
solo di uomo per fare chilometri di cordami in un giorno. Nel
1950 iniziarono a diffondersi le fibre artificiali (es. Nylon) che
mandarono ben presto in soffitta quelle di canapa. Le prime
rispetto alle secondo, a parità di diametro, hanno non solo una
robustezza 3-4 volte superiore, ma hanno anche una migliore
maneggevolezza e scorribilità; oltre che essere impermeabili.

____ TORCIA - LUMI AD OLIO - Fu anche questa una invenzione


occasionale di questo periodo, forse dovuta a un attenta
osservazione. Nell'arrostire le carni, il gocciolio del grasso che
si depositava sulla legna, formava una fiamma senza però
consumare il legno; questo fin quando lo stesso legno era
impregnato di grasso liquido come olio. Asportando un ramo
infiammato esso diventava una ideale torcia, trasportabile,
per essere impiegata dove necessitava, come in una grotta. E
se si consumava l'olio, bastava immergere un'altra volta il
legno nell'olio. A qualcuno venne un'idea geniale: mettendo
molto olio in un pietra concava e al centro una specie di
stoppino di dure fibre vegetali porose, per effetto della
capillarità delle fibre lo stoppino bruciava e nello stesso
tempo si autoprelevava l'olio necessario per continuare a
bruciare. Nelle caverne dopo il "riscaldamento" anche la "luce"
fu assicurata. Una tappa successiva fu quella di una specie di
candela, realizzata nel 3000. a.C. (vedi), figura infatti in un
dipinto egiziano di quell'epoca.

12.000 a.C.

Pagina 66 di 835
____ ANIMALI DOMESTICI - I primi reperti che sono stati trovati
sono di una caverna in Irak, a Kirkuk. Sono resti fossili di cani
insieme a resti di scheletri umani. E ciò fa pensare che
coabitavano, e che quindi erano stati addomesticati. Forse
non in un modo intenzionale ma nella maniera più banale, cioè
allevando dei cuccioli orfani per dilettare qualche bambino.
Crescendo insieme si stabilì un legame affettivo e quindi
anche quando divennero grandi non solo non furono mangiati
ma ci si accorse che erano buoni compagni e amici dell'uomo,
a casa come guardiani e a caccia come collaboratori, pur
accontentandosi di qualche rimasuglio del
banchetto. L'animale successivo fu forse
la capra, che non aveva le stesse funzioni
del cane, ma ne aveva una molto
importante, quella di fornire latte, carne e
pelli. Inoltre essendo erbivora non era un
problema alimentarla, non rubava i
bocconi agli uomini. Accrescendone il
numero, l'allevamento in definitiva era a
buon mercato e, senza dispendio di energie, un prezioso
sostituto della caccia. Nè si era più impegnati a inseguire le
mandrie di animali in migrazione. Scoperta questa manna,
l'allevamento poi si estese anche ad altri animali di piccola
taglia. All'inizio selvatici ma con le varie selezioni e abitudini
nella cattività molte specie diventarono tutti docili animali
domestici, e magazzini viventi di cibo sempre a disposizione.

8000 a.C.
____ AGRICOLTURA - Fin quando i primi uomini conducevano
una vita nomade, o costretti a inseguire animali da cacciare se
volevano alimentarsi, non ebbero tempo per occuparsi di
agricoltura. Era del resto ancora carnivoro, e quindi i vegetali
interessavano ancora poco. Probabilmente in una certa data ci
fu una periodo di carestia, dovuta ad una caccia povera.
Dovettero per forza di cose trovare alternative alimentari per
sopravvivere. Questo grosso problema si pose nella zona nord
dell'Iraq - che più tardi doveva diventare l'Assiria - e nella
zona meridionale degli Zagros, dove non molto lontano a
ovest sorgeranno i futuri stati di Sumer, Akkad e dell'Elam;
cioè la Mesopotamia. Da circa 25.000 anni gli ominidi della
seconda grande migrazione erano giunti in queste zone
iraniche, e dopo circa 800 generazioni che si erano da allora
succedute, gli insediamenti dovevano essere numerosi. Lo
testimoniano moltissimi insediamenti di civiltà neolitiche non

Pagina 67 di 835
ancora dissepolti. Qui sorse il "Paradiso Terrestre" (l'etimo
nacque proprio qui in Iran) della vegetazione mondiale. Sulle
rive del Caspio c'è il museo naturale dell'agricoltura
mediterranea e perimediterranea. I maggiori centri della
coltura intensiva sono qui. Qui l'origine di quasi tutti i frutti e
le varietà di verdure che si conoscono al mondo, compresa
tutta la varietà di cereali, riso, grano, segala, soia,
granoturco; compresi gli agrumi, i legumi, il cotone, il tabacco,
il tè, la canna da zucchero, gli olivi; la stessa vite è stata
specificatamente individuata come originaria di questa zona,
nel Turkestan, sulle sponde del Caspio. Se da poco avevano
addomesticato i piccoli animali per la propria alimentazione,
qui "addomesticarono" anche le piante. La vegetazione
spontanea esisteva, ma non era certo sufficiente
all'alimentazione per lunghi periodi. Ciononostante tutto partì
da questi "Giardini" (anche questo etimo da "zardis" nacque
qui, e indica ancora oggi in Iran gli orti e i frutteti locali, cioè
degli appezzamenti di terreno coltivati e recintati) e ogni
pianta o frutto raggiunse in varie epoche sia l'Occidente sia
l'Oriente (non per nulla che la pista per la Cina rimase per altri
7000 anni quella del Turkmenistan, trasformandola nel
crocevia di due mondi. Da questi luoghi e proprio da queste
piste scesero in estremo Oriente le piante selvatiche,
trasformando i cinesi nei migliori ibridisti del mondo.
In questi territori iraniani del Caspio, prosperano ancora oggi
tutte le famiglie delle piante selvatiche sopra citate. Che sono
in pratica quasi tutte le piante che ci sono utili
nell'alimentazione vegetale. Ma anche l'allevamento intensivo
nacque qui. Sembra proprio che il nonno della pecora e della
capra siano entrambi del Turkmenistan dove vive l' argali, una
pecora selvatica dei monti Elburz. Il bovino, il bos primigenius
é nativo di questa zona; era un animale gigante, ma gli
abitanti selezionarono le specie nane (quelle attuali) e le
addomesticarono. Per quanto riguarda il maiale, le più antiche
ossa finora note al mondo (della Sus scrofa) sono quelle
recuperate dalla spedizione di Coon proprio sulle sponde del
Mar Caspio (a Belt).
E arriviamo alla coltura dei cereali e dei legumi. Nascono qui
(ed esistono ancora) le prime piante selvatiche di quasi tutti i
cereali che conosciamo. Prendiamo i due più importanti per la
futura alimentazione umana: il grano e il riso. La coltivazione
avvenne forse occasionalmente per un errore che la natura
ogni tanto commette. Nella sua forma selvatica, la pianta del
frumento regolarmente giunta alla maturazione, il suo
baccello inizia ad aprirsi facendo cadere i semi che si

Pagina 68 di 835
disperdono sul terreno pronti a rinascere la
successiva stagione. Probabilmente non
avendo altro da mangiare gli abitanti si
misero (facendo concorrenza agli uccelli) a
raccogliere con tanta pazienza i chicchi sul
terreno sparpagliati. La lingua sumerica
diede il nome all'oggetto con il verbo
chiamando il chicco gran o ghan , che
significa appunto sparpagliare.

Di tanto in tanto la pianta selvatica annuale subisce per


alcune ragioni (es. il clima) un mutamento che ne determina
accidentalmente l'estinzione quando la spiga (o il baccello di
alcune leguminose) perde la propria capacità di aprirsi. Il
chicco non cade e la pianta marcisce con il suo stelo assieme
ai suoi potenziali semi. Quando questo accade, non solo a
terra non ci sono chicchi da raccogliere ma l'anno dopo in
questo terreno non vi cresce ovviamente nulla. L'osservazione
avvenuta forse in più stagioni, portò alla grande scoperta. Se
infatti l'uomo interviene su questa piantina prima che
marcisca e provvede al momento giusto a raccogliere i chicchi
battendo la spiga con i baccelli non aperti, non solo ottiene il
prodotto da utilizzare subito nell'alimentazione ma può usarne
anche una parte per la successiva e necessaria seminagione.
Inoltre può tagliare le spighe e portarle a casa, senza perdere
neppure un chicco se raccolte al tempo giusto: cioè con un
chicco già maturo ma non abbastanza maturo per cadere. E
cosa più interessante e pratica, può seminarli questi chicchi in
un terreno vicino alla sua dimora. Iniziò tutto così. I primi
proto-agricoltori iraniani da semplici raccoglitori si
trasformarono in coltivatori seminatori dopo aver sgranato (!!)
da queste spighe i semi, assicurandosi così non solo la pappa
quotidiana ma anche il prossimo raccolto se fatto con oculata
intelligenza: cioè attento a far ripetere ad ogni stagione quello
che prima faceva la natura con la piantina; cresceva, emetteva
il chicco, questo maturava, cadeva, e l'anno dopo (se c'erano
però le condizioni) tornava nuovamente a germogliare.
Altrettanto accadeva alla piantina del riso, ai piselli, alle fave,
alle lenticchie, e a molti altri cereali, legumi e tante varietà di
verdure. Molti ortaggi vanno in semenza, ma se il clima non è
favorevole, la semenza non cade ma marcisce sulla stessa
pianta.

____ VANGA - ZAPPA - Per rompere la terra e mettere a dimora


i semi occorreva un attrezzo, e questo fu all'inizio una specie

Pagina 69 di 835
di punteruolo in selce con una impugnatura (che usiamo
ancora oggi per mettere a dimora semi o piantine già
germogliate), poi si ricorse a una rudimentale zappa, in
seguito qualcuno ebbe l'idea di far trascinare questa zappa da
un animale, e meglio della zappa utilizzò scapole di animali di
grossa taglia per tracciare il solco, infine iniziò a modellare un
grosso tronco di legno con una punta curvata, che via via
migliora fino a diventare poi l'aratro che
vedremo in seguito, sempre più
perfezionato. Nel 500 a.C. con a disposizione
il bronzo gli aratri cambiarono anche la
foggia: furono realizzati pesanti, capaci di
penetrare più a fondo nel terreno. Nel II
secolo d.C. con a disposizione una buona
fucinatura del ferro l'aratro compare munito
di una grossa lama verticale che taglia il
terreno (coltro) e una triangolare affilata
(vomere). Più tardi gli si aggiunse il "versoio" che ha la
caratteristica di riversare ai lati del solco la terra arata. Fu
l'attrezzo più importante della storia della civiltà.

____ MOLA (vedi sotto)


____ MULINO (vedi sotto)
____ MACINAZIONE - Per i cereali, soprattutto per il grano la
macinazione all'inizio non fu un compito facile, richiedeva
pazienza, resistenza fisica e tanto tempo. All'inizio si usava
per i cereali un utensile ideato molto tempo prima per pestare
bacche. Consisteva in una base di pietra, e una pietra più
piccola che veniva impugnata. Spingendo quest'ultima sulla
prima, avanti e indietro, frantumava i chicchi, li riduceva in
farina che poi scendeva ai lati. Di altre soluzioni col tempo ne
trovarono diverse. Una fenditura laterale, poi una scanalatura
centrale, poi per frantumare e schiacciare s'inventarono un
sistema tipo grosso mattarello. Quest'ultimo metodo suggerì
forse quello definitivo: apparso nel V secolo a.C. consisteva in
un grande sasso al centro con sopra una specie di grande
mattarello fatto a ruota, che girava in cerchio sulla stessa
pietra, macinando e riducendo in farina ogni cosa. Era nato un
nuovo straordinario attrezzo: la mola. Che aveva due altre
grosse potenzialità, una tecnica e l'altra economica: la prima
(subito applicata) era che piazzando un palo in orizzontale con
una estremità infissa nella mola e all'altra estremita una forza
motrice a spinta muscolare, il lavoro era di molto semplificato;
inoltre essendo un banale moto rotatorio si potevano
impiegare anche animali tipo asini che dovevano

Pagina 70 di 835
semplicemente girare in cerchio attorno al
basamento della mola. La seconda
potenzialità (anche questa subito divenuta
effettiva) era che procedendo in questo
modo la farina ottenuta in una sola giornata era prodotta in
una quantità enorme, tale che l'operatore si trovò a praticare
un'attività molto redditizia, quella di macinare una grande
quantità di grano anche per terzi. Era nato il mugnaio del
molino che lavora per conto terzi. Ma da cosa nasce cosa;
avendo disponibile la materia prima, presto i mugnai
divennero anche fornai. Allestendo grandi forni per cuocerci
dell'ottimo pane (nell'immagine sotto mola e forni dell'epoca
romana sono ancora visibile a Pompei - si noti al centro della
mola il foro quadrato dove veniva inserito il palo per la
trazione animale).

____ PANE - Quando un uomo o una massaia impastò la prima


farina di grano, oppure di orzo, farro, miglio, segala, avena, e
la mise a cuocere a forma di focaccia sulla cenere calda, una
data precisa non la si conosce. Forse da qualche millennio. Ma
ciò che ottenevano doveva essere poco presentabile, poco
buono, e anche poco digeribile. Galeno che fu il primo
dietologo della storia, nei suoi trattati di medicina
occupandosi del pane, ancora nella sua epoca (129-201 d.C.),
quindi già piuttosto avanzata, affermava "il pane cotto nella
cenere è pesante e di difficile digestione. Quello cotto in un
piccolo forno o in una stufa causa dispepsia ed è indigesto.
Quello cotto su un braciere è piuttosto malsano. Mentre il
pane cotto in grandi forni eccelle invece in tutte le buone
qualità, giacchè ha un buon sapore, fa bene per lo stomaco, è
facilmente digeribile e viene assimilato molto facilmente".
Dunque, quando insieme ai mugnai nacquero anche i grandi
forni del pane, questo alimento migliorò in modo
considerevole, in tutte le sue specie: fatto a focaccia, a
pagnotta, a cialda ecc. Ovviamente la principale bontà era
data dal tipo di farina, questa dal tipo di grano, quest'ultimo
secondo il tipo di terreno e di coltivazione, ed infine come e
con che cosa si impastava la farina, perchè oltre la semplice
acqua era già in uso aggiungere olio o strutto per rendere il
pane soffice. Quello spugnoso, lievitato (da levit che significa
alzarsi), sembra sia nato in Egitto. Qui un particolare tipo di
grano la cui farina ottenuta conteneva una maggiore quantità
di glutine, una volta impastato in condizioni ideali e quando
probabilmente alcuni microrganismi favorevoli si insinuarono,

Pagina 71 di 835
fermentando produceva anidride carbonica, formando così
minuscole bolle di gas nell'impasto. Quest'ultimo lasciato per
un po' di tempo da parte prima della cottura, cioè a lievitare
quanto bastava, nel cuocerlo il pane ottenuto aveva quella
fraganza che ancora oggi tutti conosciamo. Essendo stato
quello della fermentazione un processo accidentale, per
riprodurlo deliberatamente si mobilitarono tutti i "chimici" del
tempo con scarsi risultati. Il metodo più comune rimase per
secoli quello di usare "quella materia serbata del dì innanzi".
Cioè conservare una piccola quantità di pasta fermentata e
incorporarla nell'impasto del giorno successivo. Ancora oggi
pur essendoci i lieviti secchi pronti all'uso quasi istantanei, il
metodo del "dì innanzi" è tuttavia sempre rimasto in uso.

____ CALCOLARE - Nella necessità di fare delle distribuzioni del


cibo e del raccolto, oppure contare il numero degli animali che
aveva catturato durante la caccia, l'uomo sentì il bisogno
d'inventarsi un metodo di conteggio, e sicuramente, non
bastandogli più le dita delle mani, iniziò a fare delle tacche nel
suo bastone di legno. Ma erano conti statici, non modificabili
con una operazione aritmetica, salvo usare diversi bastoni per
avere un reale totale. Una vera e propria operazione di calcolo
(perchè le tacche diventarono palline che si potevano
spostare) arrivò più tardi con l'invenzione del primo
rudimentale ABACO ( vedi anno 5000)

____ ANNO LUNARE - Il nostro saggio vecchio, che ha sempre


molto tempo per meditare, e sempre attento sulle azioni,
passioni e sentimenti dei suoi simili, la stessa attenzione la
rivolge al mondo circostante, e osserva, s'interroga sui
fenomeni che dominano il mondo. Nelle tanti notti insonni,
guarda il cielo fuori dalla sua capanna, scopre così che la luna
dopo vari giorni è ritornata a risplendere con la sua faccia
piena, scopre la periodicità, afferra la nozione del tempo, che
non è solo quella del giorno e della notte, ma intuisce che è
molto più esteso, articolato e ciclico. Ne vuole scoprire il
segreto, e nei tanti mesi e anni che lui ha già vissuto (anche
se non ha ancora una nozione precisa cosa sia un mese e un
anno) ricorda che la luna dopo aver peregrinato nel cielo qui e
là, dopo un certo periodo di tempo sorge puntualmente in
cielo con le sue fasi e infine piena come sempre. Ma
dall'ultima volta - si chiede- quanto tempo è passato? Prende
il suo solito bastone e ogni fine del giorno quando nel cielo
buio compare la luna, inizia a fare una tacca (tag= in caldeo
significa incidere, ma significa anche giorno in sancrito)

Pagina 72 di 835
(Questi primi documenti scritti su un bastone (risalenti a 12-
10.000 a.C.) sono stati ritrovati in un sito africano
dall'archeologo Alexander Marshak. Vi sono una serie di
tacche e di punti incisi, che segnerebbero le fasi lunari. In una
punta di zanna rinvenuta in Cecoslovacchia si susseguono
gruppi di 16, 15, 15 (le fasi lunari divise in due); mentre in una
zanna le tracce vennero incise in sequenze di sette. E nel
bastone d'osso detto di "La Marche" in Francia compaiono sei
lunghe serie di tacche che in totale danno 356 tacche.
Un'ottima approssimazione di un anno lunare che è di 354
giorni).

Ricostruiamo questi tentativi - Dopo 28 notti osservandola, la


Luna è ancora lì sorta in cielo e presenta la stessa faccia piena
come quando lui fece la prima tacca. Ha quindi scoperto
questo primo fenomeno ciclico (mensile) , ma non basta,
perchè ricorda che dopo tanto tanto tempo, dopo le quattro
stagioni, sorge proprio in un punto preciso, sempre sulla cima
di quel colle che ha davanti. Deve esserci un altro segreto, un
ciclo molto più ampio, che a lui è ancora sconosciuto, ma che
nell'apprenderlo sarebbe utile in attività importanti legati alla
stagione (migrazioni temporanee in zone di caccia, di pesca,
raccolta di bacche e frutti, e forse la prima agricoltura). Cosa
fare? iniziare un'altra serie di tacche? Certo, perchè lui vuole
ora capire e per capire deve misurare questi singolari periodi.
Ciò che ha gia ottenuto, la ricomparsa mensile della luna
piena, ha capito è la misura di un periodo, che lui chiama mas
(mas=mese in sanscrito significa appunto misura - questa radice
arcaica mas=misura segue tutte le lingue; mensis in latino, messen in
tedesco, measure in inglese, e ancora dal sanscrito mas-mon =
misura-luna dà il nome a luna e mese (moon-month, che sarà mutuato
nell'inglese.)
Continua ad osservare per mesi e mesi e fa una scoperta
ancora più interessante e strabiliante. Dopo 13 mas (dopo 13
bastoni riempiti di tacche) la luna è nella stessa precisa esatta
posizione. Intuisce tutto, dalla grotta chiama tutti fuori, e
predice quella sera che la luna sorgerà esattamente in quel
preciso punto del cielo. Poi spiega col suo bastone in mano il
fenomeno, la sua scoperta, tracciando per terra per farsi
capire un simbolico cerchio del percorso che fa la luna in cielo.
E cerchio o anello in sanscrito è anu. E' nato l'anno, l'anno
lunare dei mesi, l'anu composto dai vari mas mon (mesi
lunari). Quanto alle fasi, ha scoperto sempre dal suo bastone
che sono sempre quattro divisi in gruppi di sette, e ogni

Pagina 73 di 835
periodo di una fase lo chiama set.
Il set (set-=settimana) è quindi diviso in sette. Ad ogni tacca gli
dà un mome. Oltre che la Luna, in cielo vi erano 5 stelle che
non erano fisse ma nel cielo vagavano (dal sanscrito vag=
errante). La Luna, il Sole e i cinque pianeti visibili, erano allora
i 7 corpi celesti conosciuti erranti e prima ad ognuno di essi e
poi anche ai sette giorni furono dati il nome degli dei e delle
dee allora ritenuti importanti. Nelle successive migliaia di anni
i nomi non cambieranno più. In particolare il Giorno della Luna
( mon-tag) e il giorno del Sole (sun-tag) furono perfino inseriti
così com'erano nella lingua anglosassone dal monaco Wulfrid
(lui il padre del vocabolario germanico, e in seguito ispiratore
di quello anglo-sassone - era di padre goto e madre greco-
mesopotamica). Nel comporre questo vocabolario - e per
conciliare certi fonemi già esistenti presso i goti- Wulfrid usa
un po' di tutto, parole mesopotamiche, egiziane, greche,
latine). Infatti si è conservato in tedesco il nome del giorno
(tag) e in inglese quello della luna (moon), che diede poi la
radice al mese (lunare, poi solare) month, e al lunedi monday.
De resto anche nell' italiano rimase il "lune-dì" che significa,
giorno della Luna.

Non così il primo giorno della settimana. Questo, dai Sumeri-


Babilonesi, era dedicato al Sole, e in entrambe le lingue
inglese e tedesco (perché refrattari ai cambiamenti papali o ai
cesaro-papisti di turno) è rimasto fino ad oggi da allora, Son-
tag e Sun-day, il giorno del Sole; cioè la nostra Domenica che
invece i sacerdoti cristiani dopo Costantino vollero dedicare al
Signore (da dominus- signore dominatore).

In seguito sumeri e babilonesi fecero qualcosa di più. I Pianeti


nel corso dell'anno passavano attraverso conglomerati di
stelle: le costellazioni, cui diedero ognuna il nome di un
zoe=animale, zoes= animali, in seguito in greco = zodiakos. Lo
zodiaco lo divisero in 12 parti uguali che corrispondono
appunto a 12 segni zodiacali. Che però sono oggi spostati
rispetto allora, per effetto del fenomeno della precessione
degli equinozi. Altro clamoroso errore è che calcolando l'anno
con i 12 mesi lunari (che sono più corti di quelli attuali solari)
le stagioni nel tempo erano sfasate anche di un mese rispetto
al reale anno solare che è poi quello che determina le stagioni.
Molto empiricamente aggirarono l'errore aggiungendo
periodicamente un tredicesimo mese per riagguantare una
primavera che in pochi anni ovviamente era diventata inverno.
Quando poi in seguito alcuni di loro emigrarono in occidente,

Pagina 74 di 835
prima gli etruschi poi i greci, l'errore lo importarono anche nel
mondo romano. I Romani lo modificarono più volte l'anno
lunare (o di Numa), ma era sempre impreciso (fra l'altro
esisteva - rispetto alla Mesopotamia- anche una discreta
differenza di latitudine, figuriamoci l''inizio della Primavera
come doveva essere: piuttosto ghiacciata). Tale calendario
rimase fino all'epoca di Giulio Cesare, quando con la
spedizione in Egitto i Romani scoprirono dagli astronomi
egiziani l'anno solare di 365 giorni divisi in 12 mesi da 30
giorni e aggiungevano a fine anno 5 giorni. Tramite
l'astronomo greco Sosigene, lo si introdusse a Roma nel 46
a.C. col nome di "anno giuliano" anche se tardò a imporsi
amministrativamente. Inoltre non era proprio esatto, mancava
un quarto di giorno ogni anno (0,25 - quindi un giorno ogni
quattro anni). Sia gli Egiziani che i Romani rifacendo i calcoli
ricorsero allora al sistema degli anni bisestili. Un giorno da
aggiungere appunto ogni quattro anni trasformando l'anno
bisestile in 366 giorni. Ma anche questo col tempo risultò
astronomicamente impreciso. La Terra infatti non compie un
giro intorno al Sole in 365,25 giorni (cioè 365 giorni e 6 ore),
ma in 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi. Di
conseguenza vi era una sfasamento all'indietro di 11 minuti e
14 secondi ogni anno, cioè circa tre giorni ogni 400 anni, che a
lungo andare faceva anticipare gli equinozi, e quindi le
stagioni.
Nel 1582 fu Papa Gregorio XIII (e da lui poi prese il nome come
"anno gregoriano") a interessarsi al problema, e affidò il
compito al matematico gesuita tedesco Klau (o Clavius) che
con una singolare soluzione fece abolire 11 giorni che si erano
nel frattempo nell'errore accumulati e stabilì che l'anno
bistestile di 366 giorni non lo si applicava negli anni secolari,
esclusi però quelli divisibili per 4, come l'anno 1600, il 2000,
che sono appunto bisestili. Fece insomma quadrare i conti,
anche se rimase ancora un errore dello 0,0003 giorni ogni
anno. Occorrono però migliaia di anni prima che ci sia lo
sfasamento di un solo giorno.
La curiosità è questa. I Cinesi influenzati dall'astronomia
babilonese, proseguendo gli studi avevano già allestito nel
300 a.C. un calendario con l'anno di 365,25 giorni (anno di
Chuan YU) e più tardi anche le ore del giorno e della notte,
come del resto avevano fatto oltre due millenni prima gli
Egiziani dividendole in 12 ore notturne e 12 diurne
(avvantaggiati dal fatto che in Egitto, essendo quasi
sull'Equatore, la notte e il giorno hanno quasi sempre lo
stesso numero di ore).

Pagina 75 di 835
7.500 a.C.

____ ABITAZIONI - Le grotte erano sempre stati i ripari dei


primi ominidi. Forse spingendosi nella savana dove questi
ripari naturali non erano presenti, i cacciatori fin dal 10.000
a.C. avevano improvvisato la costruzione di capanne a
struttura conica formata da pali robusti, riuniti al vertice e
ricoperta da frasche o da pelli. Per difendersi da animali
predatori, lungo il perimetro esterno, venivano infissi
profondamente nel suolo altri pali robusti perpendicolari al
terreno. Forse da queste costruzione a qualcuno venne l'idea
di utilizzarle come pareti di un abitazione, ricoprendole con
dei grossi pali, facendo nascere i primi tetti, i primi orizzontali
o inclinati, in seguito erigendo a fronte un'altra palizzata a
struttura a doppio spiovente gravante su un grosso trave
centrale. Questo permise un ampia metratura e all'interno le
prime divisioni in locali. Con lo stanziamento fisso e la nascita
della civiltà agricola, questi ripari oltre che costruirli con
questa tecnica, avendo più tempo a disposizione,
probabilmente per chiudere gli interstizi si usò fango argilloso
crudo che al sole indurisce come una malta. Questo materiale
suggerì un'altra idea, di "prefabbricare" dei blocchi di fango
seccati al sole per poi utilizzarli a piacere; nel ca. 7000. a.C.
già vi sono alcune case costruite con mattoni crudi, con
ambienti interni intonacati, perfino colorati, ed alcune perfino
imponenti di 6 m per 4. Uno dei più antichi che si conoscono
di questi villaggi è quello di Qual'at Jarmo che sorge su un
ettaro e mezzo nella pianura di Chamchama (Iraq
settentrionale). Poco lontano in Giordania, subito dopo, sorse
su quattro ettari Gerico, e a Konya in Anatolia su dodici ettari
Catal Huyuk.
Queste costruzioni contenevano all'interno un focolare
centrale, vari utensili, e più tardi, nel 6000-5000 a.C. anche
decorazioni interne. Il sistema dei mattoni di argilla cotti al
sole divenne usuale in molti luoghi. Inoltre, le case iniziarono
ad essere quasi sempre quadrate o rettangolari. Alcune con i
muri rialzati senza un'apertura e per accedere all'interno si
entrava da una terrazza sul tetto tramite una scala di legno.
Con più ingegnosi accorgimenti -forse nel costruire edifici

Pagina 76 di 835
sacri - nacque la prima idea dell'....

____ ARCHITRAVE - Esso rappresenta il


primo elemento costruttivo impiegato
dall'uomo in opere edili. Costituito da una
trave orizzontale, sostenuta da due elementi verticali. Ideale
per costruire la cornice superiore di una porta d'entrata, o
finestre. Quando poi si cominciò a utilizzare la pietra, da
Stonhenghe alla porta dei Leoni di Micene, dal tempio di
Karnak (che ha colonne alte 21 metri, 3 di diametro con sopra
un architrave di 70 t ) e fino al Partenone di Atene, Egiziani e
Greci portarono al massimo grado di grandiosità le costruzioni
fatte con architravi. Furono poi i Romani a sviluppare il
principio dell'arco, diventandone maestri. (vedi "arco" anno
759 a.C.)

____ PALAFITTE - Pur con le prime case in pietra e mattoni, la


costruzione della casa in tronchi di legno - retaggio arcaico -
non fu del tutta abbandonata dagli abitanti di zone lacustri. Il
miglior sistema per difendersi da animali aggressivi era quello
di costruire capanne sopra una piattaforma ricavata da pali
infissi nel terreno acquitrinoso o sulle rive dei laghi. Sembra
che questa tecnica "palafitticola" sia stata praticata -prima
ancora dei laghi prealpini- nell'antica Tracia, sulle sponde del
mar Nero, alla foce del Danubio. Qui - a Varna- esistono ancora
numerosi siti archeologici di antichi villaggi palafitticoli
databili 4000-5000 a.C. Ma ne esistono anche in Italia, fra i
quali quello al lago di Ledro (TN); dopo il prelievo di acqua per
una diga, è emerso dal lago un intero villaggio palafitticolo del
1500-1000 a.C., con numerosi reperti che sono i più antichi
rinvenuti in Italia, e che dimostrano che queste genti erano in
stretto contatto con i micenei, ma anche con gli scandinavi (si
è rinvenuto un pugnale che è molto simile a quello trovato a
Micene nella tomba dell'olio databile 1500 a.C., e si è trovata
dell'ambra la cui provenienza è indubbiamente del mar
baltico). Le capanne del villaggio erano costruite su
piattaforme sollevate sopra il livello dell'acqua, mediante pali
tondeggianti infissi nella melma del fondo. Il tavolato era pure
questo costruito con tronchi d'albero, talvolta spaccati in due,
e non si limitava a sostenere una sola capanna, ma si
estendeva sotto l'intero villaggio. - Sulle sponde del lago oggi
sorge uno dei più interessanti e importanti musei italiani
dell'epoca palafitticola. Da questo e altri laghi vicini, i
palafitticoli verso il 1000 a.C. li abbandonarono, scesero nella
pianura Padana, disperdendosi e integrandosi con le culture

Pagina 77 di 835
locali. Meno un gruppo che portandosi a est sulle rive
dell'Adriatico, quando in seguito dovettero trovare un luogo
non accessibile ai nemici, l'antica tecnica della palafitticultura
fu riesumata e iniziarono a costruire su delle isolette degli
insediamenti, che via via perfezionandosi portarono a far
sorgere Venezia.

7000 a.C.

____ CERAMICA - Se le mani erano da tempo operose, come il


fabbricarsi un ricovero o i numerosi attrezzi, nel momento in
cui lo stanziamento in un luogo divenne fisso, il bisogno di
avere degli oggetti utili quotidiani era enormemente cresciuto
e fra questi i contenitori. Probabilmente erano state fatte
ceste per il trasporto di cose o i prodotti dei raccolti. Quanto
ai liquidi per trasportarli quasi certamente venivano usati già
da millenni contenitori di legno cavi o lungo le coste grosse
conchiglie. Pur sempre utili ma non proprio ideali. Forse
proprio da una cesta dimenticata nel fango argilloso, un
attento osservatore nel recuperarla, notò che il fango
seccatosi e induritosi al sole aveva casualmente fatto un
contenitore ideale per trasportare liquidi o per farne delle
urne. E se il caso aveva modellato grezzamente una specie di
vaso, abilità manuale e ingegnosità avrebbero potuto fare di
meglio. Poi un ingegno ancora più aperto, non utilizzò più la
cesta come anima, ma solo più l'argilla. Modellata e "cotta" al
calore del sole, questa induriva velocemente. Poi forse un
giorno in cui il "vasaio" aveva fabbricato molti vasi e il sole era
mancato, lui ebbe l'associativa idea che se il sole dava calore,
anche il fuoco lo dava, e quindi pensò bene di essiccare i suoi
manufatti vicino al fuoco; così scoprì che
l'azione del calore molto più intenso del sole
aveva reso ancora più dura l'argilla dei suoi
vasi, non più porosi e fragili come i precedenti,
e decisamente molto resistenti all'acqua
(nell'intenso calore un processo chimico fa
fondere i quarzi contenuti nell'argilla,
rendendola dura e vetrosa). Il metodo non fu più
abbandonato, ma anzi migliorato, e nel farne
tanti di vasi l'abilità pure migliorò. All'inizio erano vasi grezzi,

Pagina 78 di 835
asimmetrici, spesso con
volto umano come quelli
nell'immagine sopra; ma a
forza di rigirarseli fra le
mani a qualcuno venne
d'idea di mettere il vaso su
una specie di ruota e far girare insieme alla ruota
anche il vaso mentre una mano con un leggera
pressione sull'argilla morbida modellava via via un prodotto
con l'azione circolare, cioè simmetrico, oltre che
esteticamente più bello a vedersi. E quanto al bello qualcuno
iniziò anche a dipingerli, all'inizio con qualche ornamento
geometrico o astratto...

... poi acquisita i pittori abilità e tecnica, iniziarono a


rappresentare delle scene, dalle più banali a quelle per
ricordare grandi eventi, come le battaglie.

Questa abilità si spinse così a fondo che ancora prima della


scrittura, proprio le figure dipinte su i vasi di ceramica, ci
narrano con una certa accuratezza e per circa 3000 anni le
prime storie, tramandandoci volti di personaggi, scene di
battaglie, i miti, ma anche la vita e le molte attività di un
popolo; proprio come un vero libro illustrato.

6000 a.C.
____ TELAIO
____ LINO
____ TESSUTI

Pagina 79 di 835
____VESTIARIO - Fino a questo periodo i nostri progenitori per
ripararsi dal freddo o dal sole avevano utilizzato pelli e
pellicce; ma questi capi non erano porosi, nelle giornate calde
erano pesanti e puzzavano pure. La tecnica della concia non
era ancora un arte, il metodo usato risaliva alla preistoria, ed
era quello di far seccare al sole le pelli, più tardi utilizzarono il
sale per renderle imputrescibili, e prima di usarle venivano
ammorbidite con olio vegetale o grasso di animali.
Mentre qualche anno fa, si pensava che i primi tessitori
appartenessero al neolitico, cioè non prima di
5,000 o 10,000 anni. Oggi, si hanno le prove che
l'arte di tessere e cucire era già praticata 30 mila
anni fa. Le donne del paleolitico inferiore erano
delle abili tessitrici. Tra le prove più importanti vi è
il ritrovamento di una novantina di frammenti di
argilla rinvenuti nell'Ex-Republica Ceca, datati
attorno ai 27.000 anni fa. La stessa equipè (Soffer
et. allievi) ha scoperto una serie di attrezzi d'osso e
di avorio ed altri oggetti che probabilmente
venivano usati come pesi, utili per filare e tessere.
Ma le traccie dell'abilità di tessitori dei popoli del paleolitico
superiore si trovano in numerose statuine ritrovate in Europa
ed in Russia, soprattutto nelle "Veneri". Su alcune di queste
sono visibili alcuni esempi di vestiario. Le Veneri di Willendorf
(Austria) e di Kostenky (Russia), sono adornate con un
copricapo a forma di cesto.
La tecnica di intrecciare delle sottili liane o il vimine ricavato
dai sottili rami di salici e tigli per farne robusti cordami o
oggetti per ogni esigenza come le ceste, era indubbiamente
conosciuta da millenni. Questa esperienza deve aver suggerito
l'idea di realizzare sempre con l'intreccio una fibra vegetale
molto diffusa e sottile che era il lino, relativamente corto ma
che la torcitura progressiva con aggiunta continua di fibra
(tramite il fuso, arnese di legno che fatto ruotare su se stesso,
provoca la torsione dello stoppino) fa allungare il filo
all'infinito. Se poi questo filo viene lavorato a ordito (insieme
di fili messi in verticale destinati a formare la larghezza di un
tessuto) e a trama (fili che s'intrecciano con l'ordito su un
semplice telaio orizzontale - e i primi telai di questo periodo
sia in Egitto che in Mesopotamia sono molto semplici, cioè
orizzontali come l'immagine a fianco) secondo l'abilità e la
detrezza del tessitore si ottiene un discreto tessuto. All'inizio
era forse solo una specie di rete, come quella dei nostri grezzi
sacchi di juta, ma costruendo telai migliori e soprattutto
verticali, con l'agginta di una pedaliera, che compaiono verso

Pagina 80 di 835
il 2500-2000 a.C. (come quello nell'immagine
di apertura sopra) manovrando l'intreccio
con destrezza e precisione, il risultato iniziò
ad essere tale da ottenere dei "teli" sempre
più sottili, che iniziano a chiamarsi "tessuti" (da "texla"), ideali
per confezionare mantelli, copricapi, tuniche, e altro genere di
vestiario. La stessa tecnica fu poi applicata per le fibre di
cotone (in India) e di lana negli altri paesi. Tre fibre che ben
presto rivoluzionarono l'abbigliamento umano fino all'avvento
delle fibre artificiali.
Quanto ai telai, questi - pur con qualche miglioria - rimasero
molto simili a quelli antichi fino alla fine del medioevo, pur
realizzando tessuti di pregio. I migliori rimasero sempre quelli
orientali, dove l'arte tessile era giunta a tecniche
straordinarie. E proprio due città orientali sono rimaste
famose nella storia della tessitura mondiale: nella irachena
Mosul dove prese il nome la famosa "mussola" o "mussolina"
(un tessuto finissimo di cotone, ma anche di seta e di lana,
molto utilizzata per biancheria intima o leggerissimi abiti
femminili), e nella siriana Damasco, dove presero il nome i
tessuti "damascati", una particolare lavorazione che dà effetti
diversi di lucentezza, creando disegni opachi su fondo
satinato.
Nel 1467 un italiano - Giovanni Calabrese - realizzò un telaio
per particolari tessuti, con una serie di monopole che - da una
grossa intelaiatura posta in alto- bisognava alzare e abbassare
per farvi passare il fuso che forma la trama. Un altro, molto
simile ma sempre rudimentale fu il telaio di un francese
Claude Dangon realizzato nel 1605. Più ingegnoso quello
fabbricato da Basile Bouchon, che eliminò le monopole e iniziò
a usare dei grossi aghi e degli arpini. Ma si deve attendere il
1677 per avere un primo telaio quasi automatico realizzato da
un francese - De Gennes. Ma era ancora nulla a confronto della
miglioria che apportò nel telaio nel 1733 l'inglese John Kay,
quando inventò la "flying shuttle " (ovvero la "navetta
volante") due spolette che si muovono velocissimamente
dentro due scatole con la forma della stessa spoletta, su una
rotaia e attraverso la quale a turno rimbalzando tramite due
molle laterali - una da un lato l'altra l'altra dall'altro lato -
introducono il filo automaticamente nell'ordito. Queste
macchine erano ancora in funzione negli anni '50 nelle
numerose tessiture di Biella. Entrando nel reparto telai, c'era
da impazzire dal rumore che decine di telai facevano con le
navette, che erano sì "volanti" ma anche "scioccanti" per il
secco "schiocco" del duplice rimbalzo.

Pagina 81 di 835
Si afferma che la "navetta volante" fu
l'attrezzo che sconvolse il mondo del lavoro; la
prima innovazione tecnologica che non solo
rivoluzionò la tessitura ma innescò la rivoluzione
industriale, riducendo alla disoccupazione una miriade di
tessitori artigiani casalinghi, che pochi anni dopo ricevettero
un altro micidiale KO dall'inglese Edmund Cartwright quando
nel 1785 (vedi) l'inserzione della trama alzando i licci (un
meccanismo che alza e abbassa i fili dell'ordito per far passare
la navetta del filato della trama) la rese la tessitura
automatica; e dal francese Joseph Marie Jacquard quando nel
1808 realizzò il telaio automatico a schede perforate. Nel
primo caso non occorreva più il tessitore che alzava i licci, e
nel secondo non serviva più l'uomo per dare le istruzioni alle
navette quando queste nell'ordito e nella trama tracciavano i
disegni sul tessuto. Il lavoro umano era ormai ridotto a
pochissime operazioni. E scomparvero pure queste quando
l'americano James Northrop a fine Ottocento realizzò una
macchina completamente automatica in uso ancora oggi.
Anche se oggi con l'elettricità e l'elettronica si inserisce la
scheda e il telaio lavora 24 ore su 24 ore senza mai fermarsi.
Le emuli di Penelope ormai non occorrono più, oggi la stessa
Penelope sarebbe o in cassa integrazione o disoccupata. E le
Penelopi biellesi in questi ultimi tempi ne sanno qualcosa.

____ PETTINE - Con sempre più rapporti sociali, donne e uomini


avevano inziato a curare anche la propria persona. Una poca
attraente forma di trascuratezza erano i capelli, lunghi,
impastati, sporchi. Probabilmente lavando le lunghe chiome
sorse anche la necessità di disterderli, raccoglierli, cioè di
pettinarli. I primi pettini in legno o in avorio con una fila di
denti erano probabilmente già usati a partire dall'8000 a.C. in
Scandinavia (dove i capelli sono abbondanti e lunghi rispetto a
quelli ricci dei paesi mediterranei o africani). Tuttavia anche
nei reperti egiziani scopriamo che erano molto diffusi
nell'anno 3000. Nelle camere funerarie delle piramidi, fra gli
oggetti delle donne compaiono veri e propri necessaire per la
bellezza del viso e del capo: creme, unguenti, civettuoli
specchi, e pettini in avorio molto simili agli attuali. I pettini
con materiale artificiale furono invece fabbricati in parkesina
nel 1862 (precedendo di cento anni quelli di plastica).

____ COSMETICI - L'uso e quindi la loro origine sembra


provenire dall'antico Oriente. Ma anche in Egitto e in

Pagina 82 di 835
Mesopotamia si sono ritrovate le prime testimonianze nelle
tombe reali fin dal 3500-3000 a.C.. Scatolette contenenti
belletti, unguenti per la pelle, creme per il viso, profumi, e
perfino rossetti per le labbra e ombretti usati per il trucco
intorno agli occhi, con dei veri e propri trattati di cosmesi e
manuali di come preparare le creme. Fino a pochi anni fa una
celebre industria di cosmesi aveva come sua icona
pubblicitaria l'immagine della regina egiziana Nefertiti vissuta
nel 1370 a.C. che ha un trucco di una accuratezza molto simile
a quello oggi praticato dalle donne più moderne. Prima in
Grecia poi a Roma, l'arte della cosmesi fu molta praticata dalle
classi patrizie e ricche, con un'ampia gamma di belletti che
andavano dalle ciprie per schiarire le guance ai vari rossetti
per labbra, fino ai famosi maniacali bagni di latte di Poppea,
consorte di Nerone. Con il crollo dell'impero Romano, l'uso
delle donne di farsi belle scomparve e non certo per una loro
scelta. Un po' perchè i Barbari che occuparono e dominarono
la penisola non avevano questi civili abitudini, ma soprattutto
perchè nella concezione cristiana la cura del corpo era segno
di vanità, e questa era considerata la figlia della
cuncupiscenza, il cui padre era il malefico tentatore Satana.
Per quasi l'intero medioevo imperò più soltanto il grigiore
della vita e come compagna la rassegnazione che andava
sempre vestita di nero, come se la vita fosse una perenne
vigilia del proprio funerale.
Furono poi le Crociate a far riscoprire agli europei i cosmetici,
i profumi, le creme di bellezza, le tinture per capelli ecc. Molti
nobili si erano trasferiti in Medio Oriente nel corso dell'Impero
Latino, e vivendo a contatto con il lusso di certi arabi, non
trovarono nulla di peccaminoso mutuare le abitudini degli
"infedeli"; anzi, quando molti di loro tornarono in patria,
diffusero nelle corti di tutta europa l'arte della cosmesi,
soprattutto femminile; iniziò così la gara di dame e regine a
farsi belle, ma che solo a inizio del 1900 si estese a tutte le
donne, anche se non mancarono mai i "bacchettoni", e le
"bacchettone", come la stessa Simone de Beauvoir, che nella
sua bibbia del femminismo del dopoguerra (Deuxieme sexe)
occupandosi dei cosmetici li critica severamente, sostenendo
che "servono soltanto a rafforzare la posizione delle donne
come oggetti sessuali". Per fortuna che anche le femministe
non pensarono che il trucco è soltanto un artificio inteso
soltanto a mistificare e a ingannare gli uomini: chiaramente
alle donne piace truccarsi per loro stesse e per le altre donne
non meno che per gli uomini. Ogni donna che vuol sentirsi
felice fin dalla mattina, anche se non deve incontrare nessuno,

Pagina 83 di 835
è abituata ad applicarsi un minimo di trucco, perchè il trucco
può servire a far cambiare l'umore dell'intera giornata. Inoltre
è un divertimento che ultimamente anche i "bacchettoni,
ipocriti" uomini hanno scoperto ("finalmente - dicono alcune
donne - molti non si rendevano conto che erano brutti e molto
spesso puzzavano pure").
Fino al 1960 in Italia il maquillage femminile era ancora
considerato un prodotto della cuncupiscenza, e per chi non lo
sapesse era proibito entrare in chiesa con il rossetto sulle
labbra. Altrettanto considerato sconveniente entrare nelle
scuole di ogni grado. Guardata male anche quella donna che
osava usare rossetti vistosi. A inasprire questa "peccaminosa"
tendenza della scoperta della donna dei prodotti della bellezza
ci pensò pure una "tempestiva" ipocrita canzone moralista,
straziante, il cui ritornello era: "Mamma mormora la piccina,
compri solo profumi e belletti e non balocchi per me". Ma non
era vero! Semmai ne compravano ancora troppo pochi! Nel
1959 l'Italia era ancora a queste bassissime percentuali:>
Uso del rossetto .........ITALIA 22 %-.OLANDA 58% -.G. B. 73 %
-.FRANCIA 61 % -.GERM.41%
Uso shampoo .............ITALIA 19 % -.OLANDA 80% -.G.B 63 %
- .FRANCIA 69 % -.GERM. 68 %
Uso profumi ...............ITALIA 20 % -.OLANDA 68% -.G. B. 43 %
-.FRANCIA 85 % -.GERM. 69 %
Maquillage donne........ITALIA 15 % -.OLANDA 58% -.G. B. 58 %
-.FRANCIA 55 % -.GERM. 49 %

____ ZATTERE - Indubbiamente fu una esigenza dell'uomo


quella di galleggiare per attraversare un fiume e gli stagni, o
per andare sui laghi a pescare. Lo avevano fatto fino ad ora
utilizzando un tronco, ma poi a qualcuno venne l'idea di
accoppiare due, tre, quattro tronchi, legarli con delle liane e
formare piccole o grandi zattere in grado di tenere a galla
sulla superficie uno o più uomini oltre le loro merci. Usando
poi dei bastoni come pagaie e come timone trovarono anche il
modo di scivolare sulle acque nella direzione voluta.

____ FALCE - Non era ancora quella che conosciamo oggi in


metallo, ma era quasi simile. Si trattava sostanzialmente di
coltelli ottenuti da pietre scheggiate e affilate che fissate
all'estremità di un corto bastone erano in grado di tagliare
steli del grano o altro. Dalla pietra si passò all'uso delle ossa;
infatti la più antica falce realizzata con questo materiale, con
la classica curvatura, è stata ritrovata in Palestina e risale a
oltre 6000 anni. a.C.

Pagina 84 di 835
Anche quando si iniziò a farle in metallo, per altri due millenni
la foggia rimase sempre uguale. Un corto manico con
all'estremità una piccola lama curvata, che ancora oggi si
chiama "falcetto". Chi la usava doveva chinarsi ed era
piuttosto faticoso. La falce come la conosciamo oggi, in
occidente non era sconosciuta, fu introdotta in Europa durante
le crociate. Mentre i Principi erano impegnati in altri
questioni, un anonimo contadino al seguito catturò l'idea da
un orientale e al ritorno dopo averne fatta una uguale bel
presto si diffuse in tutta Europa. L'idea era piuttosto banale,
l'orientale la lama l'aveva realizzata molto ampia, e alla stessa
aveva applicato un lungo bastone, in modo che stando eretto
con un abile movimento del braccio, con meno fatica e più
risultati tagliava gli steli, il fieno e ogni altra cosa.

____ AGO - Anche se i primi, realizzati in osso, sono stati


ritrovati in caverne che datano 20.000 a.C. indubbiamente per
cucire unite le pelli, inventato il filo, quindi il telaio e il
tessuto, l'attrezzo divenne indispensabile per creare
indumenti e quindi anche l'ago fu perfezionato pur nella sua
semplicità e praticità, infatti ancora oggi lo usiamo. Quelli di
questo periodo sono ancora in osso, successivamente verso il
3000 a.C. compaiono quelli realizzati con la forgiatura dei
primi metalli.

____ AMO - I primi - anche questi inizialmente in osso - sono


stati rinvenuti nei pressi del mar Nero in questo periodo.
Furono molto usati dai palafitticoli visto che vivevano
perennemente sull'acqua e da essa ricavavano abbondante
cibo. Ma è accertato che nel 25.000 a.C. un popolo che abitava
nelle zona della Dordogna usava una sorta di amo (Coles e
Himgs, Thechaolegy of Eary Man, Londra 1969, p. 233). Può darsi
che la tecnica di caccia consistente nel deporre qua e là esche
per attrarre prede animali abbia suggerito per la prima volta
all'uomo l'idea di indurre i pesci a tentare di mangiare un'esca
legata all'etremità di una lenza. Forse i primi ami erano delle
spine, ma poi tecniche perfezionate di lavorazione dell'osso
condussero ben presto a inventare un amo. In Francia e in
Spagna, attorno al 12.000 a.C. all'amo si era poi aggiunto
l'arpione, e non doveva essere difficile ai lacustri infilzare
qualche grosso pesce.

____ CHIODO - Prima ancora di quelli in metallo, quasi


certamente furono usati quelli in legno (i falegnami li usano
ancora oggi, detti anche cavicchi a misura variabile).

Pagina 85 di 835
Inizialmente si usarono forse per chiudere fessure, poi per
unire tra loro due parti in legno quando costruivano mobili.
Questo tipo di chiodi in legno sono stati trovati in
Mesopotamia e datano 3500 a.C. Con l'uso dei metalli, e
soprattutto del ferro, il chiodo inizia ad assumere la forma
attuale: un asticella di metallo battuta a caldo per forgiare
una punta aguzza da una parte e una copocchiuta dall'altra; su
quest'ultima per conficcarla nel legno si batte con un martello.
"Chiodo" viene infatti probabilmente dalla radice latina
"clavu(m) che significa "battere". Se qualcuno ha avuto modo
di vedere qualche casa o mobile demolito, avrà notato questo
tipo di chiodi con il gambo non rotondo ma quadro, che fino al
tardo ottocento e primo novecento si usavano ancora; e
qualche fabbro li fabbrica ancora oggi.

____ CHIODO RIBATTUTO - Quando dopo il XIII secolo vi era già


un certa diffusione del ferro, usato nelle cerniere dei portoni,
nei chivistelli, ed altro, sorse la necessità di avere un tipo di
chiodo non solo in ferro ma capace di sfidare la trazione che
esercitava l'applicazione; l'accorgimento fu quello di far uscire
dall'altra parte il chiodo e ribatterlo formando così un'altra
capocchia che teneva saldamente uniti i due elementi. Era
decisamente poco estetico. Più tardi - nel 1556 - fu un tedesco
- George Bauer - a risolvere il problema, illustrando su un suo
trattato come realizzare uno spesso chiodo conico appuntito
che aveva lungo il gambo un filo sinistrorso; era insomma nata
la ....

____ VITE ... per farla entrare nel legno si poteva anche usare il
martello, ma il problema nasceva quando bisognava estrarla.
Fu più tardi trovata la soluzione, predisponendo alla capocchia
una fenditura sulla quale veniva appoggiato un primordiale
"toglivite", in gergo popolare "cacciavite". Ma non tutti
usavano queste viti, perchè il processo di fabbricazione fino al
1760 avveniva a mano; il filo a spirale sulla vite bisognava
farlo a colpi di lima, e per fare una decina di viti occorreva
quasi un'ora, quindi era un processo piuttosto costoso. Il
problema dei costi fu poi risolto in Inghilterra; le macchine
passo passo stavano allargando il loro regno e a contribuire
non poco a questo sviluppo furono due inglesi i fratelli William
e Job Wyatt, brevettando una macchina che automaticamente
da un grosso fil di ferro tramite una fresa tracciava la spirale,
poi altrettanto automaticamente lo spezzava nella lunghezza
voluta, un altra macchina faceva la capocchia e su questa
tracciava la fenditura. In un'ora si riuscivano a produrre oltre

Pagina 86 di 835
500 viti.
Nulla a confronto della macchina poi realizzata
a Birmingham dall'inglese George Nettleford,
che nel 1849, "sparava" automaticamente, quasi senza
intervento dell'uomo, a getto continuo viti di ogni misura
desiderata; George Nettleford creò così quell'impero
dell'industria meccanica che è ancora oggi la GKN (la prima e
ultima lettera sono le sue iniziali).

La vite occupò un posto importante nella meccanica di


Leonardo da Vinci; di varie specie compaiono in molti suoi
schizzi nei famosi quaderni nei quali insieme ad altri con molta
intuizione alcuni disegni anticipano moderne invenzioni. Il
modello preferito da Leonardo è quello della "vite retrosa" che
combina su uno stesso gambo una filettatura sinistrosa e una
destrosa. Inoltre nei disegni figura anche una macchina per
produrre le viti (nell'immagine sopra); una manovella aziona,
tramite ingranaggi, due gambi laterali sui quali scorre la fresa
che filetta il "pezzo centrale". Sotto il banco sono disegnati
diversi ingranaggi che possono essere sostituiti a seconda del
passo richiesto. Quella dei due fratelli inglesi William e Job
Wyatt come idea non era poi molto diversa.

____ COLLA - Oltre i chiodi, i falegnami egiziani in questo


stesso periodo per tenere insieme e far aderire materiali vari
usavano anche alcuni tipi di colla. Per quasi sette millenni il
procedimento per ottenere la cosiddetta "colla da falegname"
rimase invariato. La ottenevano, bollendo ossa, zoccoli, corna,
pelli. Altre colle più blande erano quelli ricavate da alcuni
vegetali o da pesci. Dal '900 in poi la chimica facendo passi da
giganti, iniziò a realizzare una lunga serie di colle adesive
ricavate da materie chimiche artificiali, soprattutto dai
derivati del petrolio; come il vinile un radicale monovalente
presente in molti composti organici. O dalle varie resine. Nei
grandi laboratori chimici, e nelle relative industrie oggi si
producono diverse migliaia di tipi di colle; da quella applicata
al francobollo, a quella che unisce le due ali di un aereo. Sono
a lenta essicazione oppure - le supercolle- induriscono in pochi
secondi.

5000 a.C.
____ ABACO - Sembra che sia stato inventato dagli Assiri.
Consisteva in una tavoletta con scanalature in cui si
collocavano delle piccole pietre . Altri storici affermano

Pagina 87 di 835
inventato dagli Egizi. Comunque sia i mercanti che dovevano
tenere il conto di grandi carichi, avevano ideato inizialmente
un sistema di scanalture nella sabbia, in cui mettevano in
verticale dei sassolini per indicare la quantità di merce o
sacchi che passavano davanti loro. Da qui va ricercata
indubbiamente l'origine del nostro metodo di mettere i numeri
in colonna per le addizioni. I "contabili" spostavano da una
scalatura all'altra un sassolino quando la colonna di destra era
piena, così come noi riportiamo le decine, le centinaia e le
migliaia da una colonna di destra a quelle di sinistra.
Probabilmente in seguito fu costruita una vera e propria
calcolatrice "portatile" (come la tavoletta assira) e più avanti
ancora si usò una serie di asticelle di metallo in cui scorrono
dei dischetti o delle palline ("pallottoliere"), forse di origine
cinese, e che gli arabi da loro mutuarono nel IX secolo,
insieme all'uso delle cifre indiane che comprendevano anche
lo zero.
Il sistema dell'abaco si basa sul "principio di posizione", e il
pallottoliere è un esempio di numerazione posizionale, perchè
in esso le palline assumono un valore diverso secondo la
propria posizione. Le prime tracce di tale sistema risale
anch'esso agli indiani che ne facevano uso fin dal VI secolo.
Pur essendo un antico strumento per fare delle semplici
operazioni aritmetiche, oggi in molti paesi mediorientali e
orientali l'abaco è ancora in uso; e prima dell'invenzione delle
calcolatrici elettromeccaniche poi elettroniche, era
impressionante la velocità degli abili commercianti
nell'eseguire i calcoli .

In questo caso, dopo aver addizionato e quindi spostato le varie palline


la somma ci offre alla base il risultato di 8.157.402
(da notare: qui lo zero lo abbiamo aggiunto noi, e sembra incredibile che
nessuno fino a quando lo introdussero gli indiani, nessuno aveva dato un nome
al simbolo della colonna vuota - sicchè il 402 diventava 42 con non poca
confusione. Gli arabi prendendolo in prestito dagli indiani cominciarono ad
indicarlo con un puntino 4.2 - Poi adottarono il simbolo indiano: lo 0.

Pagina 88 di 835
Prima ancora dell'apparizione dello zero, la numerazione
inventata dai romani comprendeva già il decimo segno
matematico, rappresentato dalla X. Ed era una numerazione a
base cinque e dieci. Ma le operazioni matematiche con le cifre
romane rappresentate da due gruppi uno inferiore I - V - X e
uno superiore L - C - D - M, erano piuttosto complesse. Una
semplice cifra come 673 la si scriveva D C L X X I I I e se volete
provare solo ad addizionarla, viene il mal di testa, descrivere il
metodo per fare una moltiplicazione o una divisione, il mal di
testa aumenta ancora di più.
Si preferì adottare il vecchio sistema "abacus" (del tipo assiro-
egiziano, una tavoletta in legno o in terracotta), e i sassolini li
chiamarono "calculi" (da qui la parola "calcolo" per indicare un
procedimento operativo).
Da non dimenticare infine un antico sistema di numerazione
binario (cinese), cioè a base 2 costruito con due sole cifre: 1 e
0, rappresentate da una linea intera e da una spezzata, che è
tornato di attualità perchè oggi con questo sistema si possono
eseguire calcoli utilizzando circuiti elettrici, e combinando più
circuiti elettrici si è potuto realizzare il calcolatore elettronico,
cioè il nostro computer (vedi a tale proposito i CHING e
ovviamente anche il COMPUTER).

____ NUMERI - Nozione matematica di primaria importanza,


furono introdotti, più o meno consapevolmente, fin
dall'antichità al fine di poter operare su quantità di elementi
costituenti insiemi o su quantità esprimenti misure di entità
materiali. La prima numerazione scritta risale al 3500 a.C.
presso i Sumeri, in Mesopotamia. La numerazione posizionale
attuale, con nove cifre e lo zero, è stata elaborata in India
intorno al V secolo d.C., ma da come vediamo in tabella il
Pagina 89 di 835
decimale non era sconosciuto agli egiziani, ai babilonesi, ai
cinesi e persino ai maya. Tuttavia la prima esposizione
sistematica è del matematico indiano Brahmagupta nel VII
secolo d.C. Furono poi gli Arabi - con il matematico
Muhammad ibn Al-Khwarizimi (780-850) - durante la loro
dominazione a utilizzarli (come concetto ma non come
scrittura) e solo molto più tardi con la possibilità di fare
risultati di aritmetica pratica, fu Leonardo Fibonacci (1170-
1230) a diffonderli nell'Europa medioevale, con il suo trattato
"Liber abaci". Essendo notoriamente "usati" dagli arabi,
impropriamente si chiamarono "numeri arabi", invece la
scrittura vera e propria era quella indiana. Da notare che i
Maya utilizzavano già la numerazione decimale, con una
singolarità: sono espressi in due modi, come i cinesi, perfino
più elegantemente: in punti e linee (vedi immagine sopra)
L'arabo Muhammad ibn Al-Khwarizimi intorno all'810 scrisse
anche un libro di matematica coniando un termine che in
italiano divenne "algebra".

____ CANALI - IRRIGAZIONE - Da cosa nasce cosa. Gli iraniani


dopo i primi risultati come coltivatori dei "giardini", si
conquistarono anche la fama mondiale di maestri nell'arte
dell'irrigazione e distribuzione delle acque (ancora oggi in Iran
i canali sono sotto il controllo politico). A causa di qualche
periodo di siccità, l'acqua necessaria alle colture scarseggiava.
Nè si poteva stare con le mani in mano a veder bruciare i
raccolti fra una pioggia e l'altra. Salvo quelli che erano
vicinissimi ai fiumi, se non pioveva i terreni interni
diventavano aridi, e se vi erano delle colture queste andavano
perse. Sorsero così i primi ingegneri fluviali che non si
limitarono a deviare le acque dei fiumi e dei laghi con una rete
di migliaia di canali, ma scavarono dentro le montagne grandi
gallerie (le qanat - ed esistono ancora quelle fatte seimila anni
fa) per portare il prezioso liquido nei più lontani
"giardini", insegnando quest'arte al resto del mondo (Anche
gli Egizi, i territori degli ultimi 600 chilometri del Nilo erano
all'epoca della prima dinastia ancora impraticabili ! Il fiume
straripando creava in un luogo migliaia di piccoli canali che
resistevano un anno, ma l'anno dopo ne creava altri mille in un
altro terreno, lasciando i precedenti all'asciutto. Mesopotamici
e Egiziani li insegnarono anche ai Romani dopo quattromila
anni. - Leggi la prima parte della Storia di Roma.)
Ma se la carenza di pioggia causava le siccità e le carestie, la
troppa abbondanza di pioggia causava danni maggiori, quando
i fiumi uscendo dal loro letto invadevano campagne, colture e

Pagina 90 di 835
fattorie seminandovi la distruzione con le alluvioni. Bisognava
quindi aprire canali di scolo, dragare i letti dei fiumi, costruire
argini capaci di contenere le piene. L'imbrigliamento delle
acque inoltre con una intelligente rete di canali consentiva a
molti chilometri di distanza una intelligente "irrigazione" (da
un termine latino che significa "annaffiare verso l'interno"), e
gli "ingegneri" seppero fare benissimo il loro mestiere, fecero
lavori ingegnosi oltre che ciclopici. A Ninive il re assiro
Sennachireb fece costruire per il rifornimento idrico della
città, un canale rivestito di lastre di pietra, largo 20 metri e
lungo circa 80 chilometri.
(Per altre notizie sul Caspio, di questo periodo e su questa
prima civiltà vedi "Sul Caspio il "Paradiso" della Terra")

____ ALLEVAMENTO PESCI - O PESCHIERA - Se in Mesopotamia


e in Egitto erano degli artisti nel creare canali, dighe, paratoie
e laghi artificiali, in Cina non è che erano indietro. Oltre che
creare una serie di terrazzamenti per le colture vegetali,
costruirono una serie di vasche per l'allevamento dei pesci,
trasformandole in permanenti risorse alimentari. Le prime
peschiere risalgono al 4500-4000 a.C.

____ CIBO SECCO - (vedi sotto)


____ CIBO AFFUMICATO - Entrambe i due procedimenti per
conservare il cibo erano già conosciuti verso questa data. Il
primo, eliminando la parte umida impedisce all'alimento di
avariarsi a causa della proliferazione di batteri o di funghi
nocivi. Specialisti dell'essicazione furono le popolazioni
nordiche. Probabilmente notando salmoni, merluzzi e aringhe
scaraventati dalle onde sulla battigia, scoprirono che quelli
seccati dal sole si potevano conservare per molto tempo, e se
bagnati essere usati nell'alimentazione (lo stoccafisso ancora
oggi è uno dei più famosi). Antichissime relazioni commerciali
dei Paesi mediterranei, prima ancora di aver scoperto i paesi
del Gotland, parlano di "mercanti di pesce secco dei mari del
Nord". In seguito, nel Medioevo, ma anche più recente (1940)
per accaparrarsi i mercati del pesce secco ci furono vere e
proprie guerre (famosa quelle "delle Aringhe", all'epoca di
Giovanna D'arco). E parlando di aringhe, oltre l'essicazione, in
parallelo sorse anche la tecnica dell'affumicazione, che grazie
all'azione degli effetti antiossidanti e antibiotici presenti nel
fumo contribuisce alla conservazione dell'alimento. Ancora
oggi in Islanda e in Scozia si usano nell'affumicatura le stesse
antiche tecniche. Altrettanto antiche sono quelle adoperate
dalle popolazioni soprattutto alpine, dando la preferenza a ciò

Pagina 91 di 835
che hanno a disposizione: carne di cacciagione, di maiale, di
manzo, o salumi fatti con le stesse carni ecc. Famosi sono gli
"speck" tirolesi, o le "bresaole" valtellinesi. Un'altra tecnica di
conservazione è quella della...

____ SALATURA - Una operazione anche questa per prolungare


la conservazione di alcuni cibi, soprattutto carne e pesce, ma
anche vegetali, conosciuta come operazione della "salamoia".
Il più famoso è il "salame" che prende il nome proprio dal
"sale". Anche un tipo di pesce nordico poco dissimile
dall'aringa, molto diffuso, col nome di "salacca", prende il
nome da "sale". Nei Paesi mediterranei era questa un
operazione poco diffusa, anche perchè il sale è sempre stato
carente, e quindi prezioso, fino al punto che lo si usava ancora
nel periodo romano per pagare i soldati come denaro, il
cosiddetto "salario".

____ BILANCIA - Nascendo il commercio soprattutto delle


derrate alimentari, fu un esigenza quella di pesarle per dare
una più o meno quantità delle stesse. Il congegno più semplice
fu quello di utilizzare un bastone messo in equilibrio o
trattenuto al centro, con appesi alle due estremità opposte
due piatti. Su uno le merci, sull'altro dei pesi convenzionali,
ognuno dei quali rappresentava un certa quantità delle stesse
merci. Il primo utilizzo lo si fa risalire a questo periodo. Nel
3500 a.C. questo tipo di bilance, figurano prima nei graffiti poi
nei papiri egiziani. Molto simili sono le bilance Mesopotamiche
dello stesso periodo. Un tipo di bilancia comparve nel periodo
romano ed era costituita da una leva a braccia
diseguali, con un peso costante che scorreva su un
braccio, e all'estremità sorreggeva o un gancio o un
piatto; era chiamata "stadera".
5.000 anni dopo, a metà del nostro Novecento
entrambi i due sistemi erano ancora in uso in molti
negozi e nei mercatini delle nostre città, e lo sono ancora in
molte arretrate contrade del mondo. Quelle moderne ormai
sono elettroniche, con alcuni modelli di alta precisione che
possono misurare anche il milionesimo di grammo.

4000 a.C.
____ METALLI (vedi sotto e sgg.)
____ RAME - Con le tante pietre che scheggiavano ormai con
una discreta abilità, gli uomini s'imbatterono in alcuni strani
ciottoli che invece di frantumarsi sotto i colpi si deformavano;

Pagina 92 di 835
quando non erano verdi (perchè già ossidati) questi ciottoli
erano rossicci lucidi ed anche più pesanti. A questo strano
oggetto con la martellatura gli si poteva dare la foggia
desiderata. Inizialmente essendo raro si fecero solo oggetti
ornamentali. I primi reperti martellati sono di questa data,
rinvenuti in Turchia nel giacimento di Cayonu Tapesi. La
singolare materia di cui era fatto il ciottolo non era ancora in
forma pura ma in minerale, cioè misto a roccia; ma quando
-forse accidentalmente- uno di questi oggetti martellati cadde
in un grande fuoco (il rame fonde a 1083° C) scoprirono che
non solo fondeva ma lo si poteva ottenere in forma pura;
inoltre quand'era fuso nel successivo raffreddamento la
sostanza assumeva la forma del terreno dov'era scivolata la
colata.
L'idea fu allora di preparare uno stampo particolare in modo
che assumesse la forma dello stesso. Furono così ricavati lame
di coltelli, falcetti, aghi, punte di freccia. La scoperta
indubbiamente fu rivoluzionaria; il cercare questo tipo di
ciottoli presto divenne un'attività frenetica, fino al punto che
questa singolare sostanza prese il nome di "metallo", che
appunto deriva da una antica parola greca che significa
"cercare", e la tecnica di fonderlo con il fuoco si chiamò
"metallurgia". Il primo giacimento di questo minerale di rame
sembra sia stato nell'isola di Cipro.

____ ORO - (vedi sotto)


____ ARGENTO - Entrambi i due metalli forse fecero la loro
comparsa contemporaneamente al rame. L'oro scoperto non
proprio in forma di minerale (si trova raramente in natura) ma
in pepita che provengono di solito da giacimenti primari
primitivi entro filoni quarzosi; o da giacimenti secondari
originati dal disfacimento dei primi; oppure trovato in polvere
nelle sabbie e arenarie aurifere alluvionali. La rarità di questi
ritrovamenti ("metalli" come abbiamo detto significa appunto
"cercare") la non ossidazione, la bellezza del metallo, anche se
non era utile per fare altri oggetti perchè tenero,
indubbiamente sollecitarono la "ricerca". Quanto all'argento
forse fu estratto dallo stesso rame - come si fa ancora oggi
mediante processi di cianurazione del piombo argentifero o da
sottoprodotti della metallurgia del rame.
L'oro fonde quasi alla stessa temperatura (1083° C) del rame -
a 1063° C-, mentre l'argento a 960° C. - Con gli scarsi mezzi
che avevano a disposizione, prima del 2500 a.C. anche l'oro e
l'argento inizialmente era lavorato martellandolo. Le prime
fusioni dell'oro e dell'argento e perfino tracce di saldatura

Pagina 93 di 835
compaiono in Mesopotamia solo in questa data per fabbricare
monili personali, vasellame, oggetti vari. Il metodo della
saldatura per fusione - pur migliorandolo- proseguì per il resto
dei secoli, fino al 1877, quando lo statunitense Elihu
Thompson introdusse la saldatura elettrica a resistenza.
Migliorata nel 1907 quando la Aeg rese noto il procedimento
della saldatura ad arco.

____ FILO DI FERRO (vedi sotto)


____ FILO D'ORO - Si parla di fili d'oro già nel libro dell'Esodo
nell'Antico Testamento intorno al 2000 a.C. Il metallo molto
duttile e malleabile veniva prima ridotto con la martellatura in
sottili fogli; separato poi in striscioline, torcendole come le
normali fibre vegetali, si otteneva un filo per confezionare
collane, ma anche per fabbricarci tessuti. Con lo stesso
sistema del foglio e delle striscioline fu poi trattato, l'argento,
il rame e in seguito il ferro. La trafilatura per ottenere il filo
metallico (da una verga rovente un maglio idraulico dà
continui colpi e lo fa uscire da un foro - detto appunto trafila)
apparve solo nel IX secolo anche se in una forma rudimentale;
tuttavia tale metodo continuò fino al tardo Ottocento. Oggi si
usa lo stesso sistema, soltanto che le macchine sono
automatizzate, e dalla trafila possono uscire in un solo giorno
chilometri di filo di vari metalli per tutti gli usi; fil di ferro in
grosse bobine, per poi realizzare in particolari macchine,
chiodi, viti, aghi, anelli per confezionare catene; fil di rame
per l'industria elettrica. Inoltre con lo stesso sistema
dell'intreccio dei fili per la tessitura, unendo assieme diversi
fili di ferro si possono ottenere cavi di ogni spessore, fino a
quelli che oggi sostengono gli imponenti ponti sospesi.
Dal filo di ferro fu in seguito ricavato con una particolare
macchina il ....

____ FILO SPINATO - Realizzato dall'americano Joseph Glidden


nel 1873; ma aveva una funzione precisa, quella di recintare
alcuni appezzamenti di terreno dove gli animali praticavano il
pascolo. La banale idea passò in mano agli strateghi militari e
già nella Prima Guerra Mondiale, se ne fece largo uso nelle
trincee: grandi spirali di filo di ferro spinato erano disseminati
in vari modi e in vari sbarramenti successivi, lungo i campi di
battaglia; questi ostacoli determinavano l'arresto dei soldati
che andavano all'assalto delle postazioni nemiche. Vi erano
alcuni reparti speciali che dotati di trinchetto, con vere e
proprie azioni quasi suicide, aprivano varchi in una prima
trincea, ma spesso perivano sotto il fuoco del nemico nel

Pagina 94 di 835
secondo sbarramento o nel terzo (in alcuni casi anche nel
settimo). Il sacrificio di centinaia di migliaia di italiani nella
Grande Guerra, fu dovuta per la maggior parte a questi cinici
ordini di "assalti alla baionetta" suicidi.

____ MERIDIANA ARCAICA - Le più antiche sono state rinvenute


in Mesopotamia e in Egitto. E risalgono all'VIII-VII secolo a.C.
Ma si pensa che fossero già conosciute nel 4000 a.C. in Egitto.
Anche perchè essendo sempre costanti le ore del giorno
nell'arco dell'intero anno, il compito dello stilo che faceva
ombra su un quadrante graduato era piuttosto facilitato, non
occorreva rimuoverlo seguendo l'arco che compie in cielo il
sole nelle varie stagioni, non essendoci in Egitto nè giornate
lunghe nè giornate corte, il sole nasce e tramonta nell'arco
dell'anno quasi sempre alla stessa ora.....

____ ORE E MINUTI ....Infatti, proprio per questo motivo sulla


misurazione del tempo di un giorno non sempre lo stesso
sistema fu adottato dalle antiche civiltà. Alcune come in Egitto
la giornata di luce -ripetiamo essendo quasi sull'Equatore- era
quasi costante, sulle 12 ore, ed infatti furono proprio gli
egiziani a dividere il giorno in dodici ore, in oru, che erano
delle coppe d'oro che in base alla loro ombra interna graduata
davano la frazione di un giorno. Con lo stesso principio delle
ombre furono poi inventati gli gnomoni (un antenato della
meridiana, conosciuto in Cina nel 3000 a.C.) messi attorno alla
base di un obelisco; l'ombra del medesimo posandosi su un
gnomone indicava una certa ora del giorno. Gli Egiziani
avevano adottato la numerazione sassagesimale, e furono
appunto loro a creare con gli gnomoni un "antenato" del
"quadrante" del futuro orologio. Con le 12 oru e anche i 60
minuti. I cosiddetti minu che gli egiziani sacerdoti del Sole nel
dividere il cerchio (la matematica in Egitto non fu mai - in
quasiasi epoca- molto avanzata) mutuarono dai conducenti di
muli. Una legge già millenaria imponeva loro di non caricare
gli animali con sacchi oltre i 64 minu di grano; questo minu
era la singola (legale-codificata) razione di grano che ogni
operaio riceveva in un giorno. In seguito anche la numerazione
sessagesimale partì da questa diffusa e comune divisione del
carico in uso in tutti i granai d'Egitto, che permetteva i calcoli
della divisione anche a un bifolco, infatti gli bastava tracciare
in terra un cerchio (in questo caso specifico un cono di grano)
e poteva facilmente dividere lo stesso con delle linee
ricavando così 1, 2, 4, 8, 16, 32, 64 razioni. I sacerdoti del sole

Pagina 95 di 835
usarono lo stesso sistema ma lo adattarono a 60. E più tardi
sembra che abbiano gli egiziani inventato anche il quadrante
dei gradi, con 4 volte 60, cioè sempre impostato sul sistema
numerico sessagesimale, usato per dividere gli angoli (in
gradi, minuti, secondi e, come abbiamo appena letto, anche il
tempo, dividendolo in ore, minuti, e in seguito seguendo il
sistema anche in secondi.
Stranamente in Cina, (vedi i CHING) quasi alla stessa epoca
viene impostato un quadrante con I-Ching, ma con 64 (non
minu) ma esagrammi, e non 60. Inoltre lo gnomone era
conosciuto fin dal 3000 a.C. - Sull'evoluzione invece del vero e
proprio orologio vedi l'anno 270 a.C.

3760 a.C.
____ CRONOLOGIA - Questa disciplina che studia gli eventi
storici e la loro successione temporale, secondo i vari popoli
hanno una data di riferimento che varia nelle diverse epoche e
civiltà. Gli Ebrei seguono il testo sacro della loro religione e
fanno risalire l'inizio cronologico al 3760 a.C. - I Greci
computano il tempo iniziando dalla prima Olimpiade svoltasi
nell'anno 776 a.C.- I Romani iniziano la narrazione degli
avvenimenti partendo dalla fondazione di Roma avvenuta il
753 a.C. - I Musulmani inziano a conteggiare anni e a riferire
avvenimenti partendo dall'Egira (fuga di Maometto a Medina)
anno 622 d.C. - Ovviamente qui abbiamo utilizzato come punto
di riferimento gli anni convenzionalmente usati dall'era
cristiana (dalla nascita di Gesù Cristo).

3600 a.C.
____ BRONZO - Erano passati appena qualche secolo dalla
scoperta del rame, quando in altri ciottoli fra i tanti
selezionati per ricavarne rame, comparve un altro metallo di
colore biancastro. Era questo il minerale cassiterite o stannite,
cioè lo stagno. Messo sul fuoco insieme al minerale di rame
(che fonde a 1083°) fondendo a soli 231° il risultato di questo
miscuglio rame-stagno, fu il bronzo; si era cioè creata una
lega, che una volta raffreddata era un metallo così duro da
competere con la pietra; e proprio perchè diversamente dal
rame era meno malleabile e meno duttile, usandolo per
fabbricare coltelli, falci, segacci ecc. questo nuovo metallo
conservava molto più a lungo l'affilatura.
La prima scoperta del metallo fu all'incirca in questa data
(probabilmente in Armenia o nell'Anatolia) ma prima che si
Pagina 96 di 835
trovasse un procedimento per ottenere
una valida metallurgia per fabbricare
arnesi, armi e corazze passeranno
alcuni secoli. Nel 3000 a.C. il Medio
Oriente si trovava in piena età del
bronzo, che si allargò poi in tutte le
direzioni. In Europa circa 1000 anni
dopo; in Italia le prime zappe, pugnali,
accette in bronzo datano il 1800 a.C.
(Cultura di Polada - nei primi villaggi
palafitticoli - lago di Ledro, lago di
Garda, lago d'Iseo, lago di Fimon ecc. ). E alla stessa data in
Puglia. Il termine "bronzo" alcuni storici lo fanno derivare da
Brindisi. Il Berthelot che lo fonda su una forma basso-greca
"brontesion", trovata nello scritto di un alchimista, pensa
appunto a Brindisi (conosciuta sotto l'antico nome
Brundusium, e col latino Brundisium), dove gli artigiani locali
fondevano e lavoravano magistralmente questo metallo che
proveniva dal vicino Medio Oriente. Furono per secoli i
maggiori specialisti nell'arte di fabbricare specchi, i primi che
si conoscono fatti con una certa maestria nella lucidatura della
superficie, non essendoci ancora a quel tempo quelli in vetro
(vedi "SPECCHI" anno 2000 a.C.)

____ COLTELLO - Con le pietre scheggiate alcuni esperti


artigiani, dalla selce avevano già ricavato e realizzato uno
strumento molto simile a un pugnale, ve ne sono alcuni quasi
perfetti che datano 25.000 a.C. Gli ultimi assomigliano a uno
stiletto con la lama sottile e appuntita. Con il bronzo prima e
con il ferro poi gli artigiani si sbizzarrirono nelle fogge e nei
motivi incisi, spesso unici perchè personali; forniti di manico
per l'impugnatura, utilizzati per svariati usi. In periodo
romano compaiono quelli forgiati in acciaio; sono di ogni tipo e
uso, per la caccia, per la guerra, o più semplicemente da
utilizzare a tavola per mangiare; quella era allora l'unica
posata. Fino all'anno 1000 d.C. la forchetta era ancora
sconosciuta, anche se alcuni coltelli da tavola già si
fabbricavano con due punte per infilzare meglio i pezzi di
carne. I primi ovviamente furono i fabbri a realizzarli; ma
alcuni si erano così specializzati nell'arte della coltelleria, che
già a Firenze nel tardo Medioevo esisteva una corporazione di
"coltellai". Non erano da meno altre città, o piccoli paesi
italiani che sono ancora oggi i più grandi produttori mondiali
di coltelleria. Furono realizzati sempre in ferro, quindi con il
brutto difetto di arrugginire con l'acqua o l'umidità, fino a

Pagina 97 di 835
quando nel 1921 la statunitense International Silver Company
realizzò i primi coltelli in acciaio inossidabile.

____ CUCCHIAIO - Al pari del coltello, il suo uso risale alla


preistoria. Indubbiamente l'antenato fu una conchiglia, che
fornì poi l'idea per farne uno in legno con un manico prensile.
Erano di foggia piuttosto grossa, dei mescoli, abitualmente
usati per mescolare nella cottura i cibi liquidi e le minestre nei
grandi calderoni. Sulle tavole invece comparve tardi, nel XVII
secolo, perfino dopo la forchetta
che prima del 1000 d.C. in
Occidente era del tutto
sconosciuta.

3500 a.C.

____ RUOTA
____ CARRI - Anche prima di questa data il trasporto delle cose
era già in uso da millenni, ma il sistema consisteva nel
trainare con braccia umane o con animali da tiro il carico, se
questo era un unico pezzo; se erano tanti e piccoli venivano
messi sopra una specie di slitta fatta strisciare per terra.
Forse nel voler spostare carichi molto pesanti sotto questi
strascichi furono posti dei tronchi che fungevano come rulli
facilitando così l'avanzamento del carico (in certi casi lo
facciamo ancora oggi). Ovviamente questi rulli dovevano
essere raccolti da dietro e rimessi davanti, ed era una bella
fatica se si doveva fare un lungo percorso, inoltre era una
gran perdita di tempo. Qualcuno pensò di utilizzare questo
principio del rullo, che però è la semplice rotazione di un
tronco su se stesso, quindi non si poteva applicarlo fisso alla
slitta. Ma due sezione di questo tronco con al centro un mozzo
applicato alla slitta lateralmente da una parte e dall'altra,
potevano ruotare liberamente e far muovere la slitta più
rapidamente. L''idea fu geniale, e visti gli immediati risultati i
miglioramenti non mancarono; ben presto la tecnica di
costruire una ruota fece passi da gigante, rivoluzionando tutto
il trasporto via terra, prima a due poi a quattro ruote. Un tipo
di tali carri sembra siano nati nella terra dei Sumeri verso il
3000 a.C.. Dalla ruota piena a due tre sezioni, si passò a quella
più leggera fatta a cerchio con 2, 4, 8 raggi in legno, fino a
giungere, quando si usarono i metalli, alle ruote con attorno al
cerchio di legno una fascia in ferro, sì più pesanti, ma
nell'impiego soprattutto su strade accidentate, più resistenti

Pagina 98 di 835
del legno. La più antica ruota in Italia -
la prima nell'immagine sopra a un solo
raggio - è stata rinvenuta nel villaggio
palafitticolo di Mercurago (Lago
Maggiore); la si fa risalire al 1500 a.C.

____ RUOTA IDRAULICA - Una ruota a pale fatta girare dalla


caduta dell'acqua, viene attribuita al meccanico greco Ctesibio
nel 250 a.C.. Altri affermano inventata da Erone di Alessandria
nel 120. a.C. Ma sembra che in Oriente, in Cina, questa tecnica
di sfruttare l'acqua fosse conosciuta fin da tempi
immemorabili, forse dal 1500 a.C., infatti venivano usate con
l'acqua in caduta che colpiva le pale poste sul bordo esterno
della ruota. Quella di Ctesibio rimase quasi sconosciuta per
oltre 1500 anni, fino agli anni delle Crociate. Proprio in
Terrasanta gli europei scoprirono la forza idrica, che gli arabi
avevano appreso proprio dai Cinesi da circa cinque secoli che
però questi ultimi la usavano quasi esclusivamente per far
funzionare mulini per la macinazione dei cereali. Gli europei
invece iniziarono ad usarla come vera e propria forza motrice;
la ruota faceva girare un mozzo centrale con un ingranaggio e
tramite una cinghia muoveva un volano che con le varie
riduzioni alimentava di una infinità di macchine; fra le tante
quelle delle segherie (ancora oggi in esercizio), nelle ferriere,
nelle industrie tessili e in altri settori di produzione . L'idea
molto più tarda, con quasi lo stesso principio diede poi origine
alla turbina idrica nel 1827 e mezzo secolo dopo alla turbina
azionata dal vapore. (vedi "turbina" anno 1884)

____ RUOTA VOLANO - Furono realizzate nelle macchine


accennate sopra; piuttosto grandi, all'inizio in legno, in
seguito in metallo sempre molto pesanti. Furono poi applicate
anche nei primi motori ad alimentazione a vapore poi in quelli
elettrici; lo scopo era quella di far diventare la grande ruota
solidale a un asse o a un albero motore, col compito di
regolarizzare in modo costante il movimento rotatorio tramite
la forza motrice immagazzinata invece a scatti. Negli sbalzi
dello stantuffo azionato dal vapore, e in seguito anche dalla
corrente elettrica, per inerzia il pesante volano permetteva di
far funzionare la macchina in un modo quasi continuo.

Pagina 99 di 835
ritorno alla tabella indice - ritorno alla home
page
CRONOLOGIA è protetto da Copyright Autore: Francomputer N. di repertorio (Olaf) SIAE
9503092
Brevetto del nome "CRONOLOGIA" e "CORRIERE DEL 2000" patent. No. Dep. VI97C000377-78

.
TABELLA 2
( dall'anno 3500 al 550 a.C. )

SCI - BARCHE - NAVI - GEROGLIFICI - SCRITTURA - ALFABETO - PENNA


D'OCA - BULINO - ARATRO - NAZIONE STATO - VINO - VITE - BIRRA -
OLIVO - OLIO - TORCHIO SPREMITURA - CANDELE - STRUMENTI
MUSICALI - ARPA - DIGA - SAPONE - SEDIA - SEGA - GUERRA - MISURE
- CALENDARIO SOLARE - MONUMENTI - PIRAMIDI - MENIR - MEGALITI
- CROMLECH - DOLMEN - SCULTURA - LETTERATURA - PAPIRO -
PERGAMENA - VETRO - FINESTRE . PRODUZIONE LASTRE VETRO -
ASFALTO - BITUME - COMPASSO - LEGNO COMPENSATO - GALLERIA -
FOGNATURA - CAVALLO - BOTTONE - BOTTONE AUTOMATICO -
SPECCHIO METALLICO - FORBICE - MANTICE - TELEGRAFO - PALLA -
CALCIO - PALLONE - PALLONE COL BRACCIALE - ASTRONOMIA -
ASTROLOGIA - ANELLO - FEDE - OSSERVATORIO ASTRONOMICO -
PLANISFERO TERRESTRE - PLANETARIO ASTRONOMICO - LEGGI -
INSEGNAMENTO - SCUOLE - MEDICINA - ALFABETO - GUERRA NAVALE
- TINTURE - COLORI - VERNICI - DAMA - SCACCHI - NAVIGAZIONE -
NAVI - BIREMI - TRIREMI - CARTE GEOGRAFICHE - CARTE ROMANE -
PORTOLANI - CORAZZA - ARMATURE - PATTINI SU GHIACCIO -
PATTINI A ROTELLE - COSTITUZIONE - OMBRELLO - MACCHINE
D'ASSEDIO - OLIMPIADI - ARCO - VOLTA - ANCORA - ACQUEDOTTI -
AQUILONE - ZOO - MERIDIANE - PROTESI DENTARIE - DENTI
ARTIFICIALI - DENTIERE - DENTIFRICIO - BIBLIOTECHE - MONETE -
TEGOLA - ECLISSI - ELEMENTI - TORNIO

ANNO 3000 a.C.

Pagina 100 di 835


____ SCI - L'uso degli sci sembra sia stato
il più antico mezzo di locomozione
inventato dall'uomo, prima ancora della
ruota. Un'incisione rupestre all'isola di
Rodoy in Norvegia databile nel 3000 a.C.
raffigura uomini che hanno ai piedi degli
sci. A confermare questa scoperta, in una torbiera di Hoting in
Svezia, ne sono stati rinvenuti un paio in ottime condizioni di
conservazione databili 2500 a.C.
Ma sembra che l'invenzione dello sci e insieme della slitta,
affonda nella preistoria e che perfino la prima e originaria
colonizzazione dell'America sia avvenuta proprio con gli sci ai
piedi. Alcuni grandi esploratori e storici (Luther, Nansen)
studiando le origini degli sci, fanno risalire questa invenzione
nella zona della Siberia e della Mongolia. Precisamente
nella zona degli Altai. Fu qui che si formarono - prima della
fine dell'ultima era glaciale - due correnti migratorie: una
verso la Manciuria e proseguendo attraverso lo stretto di
Bering ghiacciato entrarono nell'Alaska poi in Canadà
colonizzando il continente; mentre l'altra dirigendosi a ovest
attraverso la Siberia sarebbe pervenuta nei paesi scandinavi
sul Baltico. (Non dimentichiamo che si possono percorrere con
gli sci ai piedi dai 300 ai 400 chilometri al giorno. Il record é
del finlandese Rantenen con 401,28 km. Quello femminile
detenuto da Kainulaisen é invece di 330 chilometri. Poi non
dimentichiamo l'impresa dello stesso Nansen (direttore del
museo di Bergen) che nel 1888 in 39 giorni raggiunse la
Groenlandia, la attraversò interamente e raggiunse la baia di
Baffin (America). La teoria di Luther e di Nansen è
avvalorata dal rinvenimento di questi attrezzi (sci e
racchette) nelle tribù athabasca del Canadà che hanno una
straordinaria somiglianza a quelle in uso nelle popolazioni
arcaiche in Islanda, in Finlandia, in Lapponia ed infine dopo
aver fatto mezzo giro del mondo rinvenute proprio nel nord-
est asiatico in Manciuria e nella punta estrema della Siberia.
Una saga norvegese narra che il paese venne occupato circa
8000 anni fa da un popolo di sciatori venuti dal nord-est.
Mentre una cronaca della Cina Manciù, nella regione di
Mukden (nello Shen-Yang) narra l'incontro di un gruppo di
cacciatori con delle assicelle di legno con la punta ricurva
fissate ai piedi con dei lacciuoli, che scivolavano velocissimi
sulla neve aiutandosi con due bastoncini. Luther ha pure
scoperto nell'arcaico alfabeto cinese un ideogramma che
significa e indica un preciso attrezzo: la "tavoletta per
scivolare". Veri specialisti degli sci (dato l'ambiente) furono

Pagina 101 di 835


però i Lapponi; circa 2000 anni fa calzavano uno sci lungo e
sottile, quasi come quello attuale nel piede destro, mentre nel
sinistro ne calzavano un altro più corto con sotto una pelle di
foca, usato per appoggiarsi e darsi la spinta. Questo
particolare mezzo di locomozione era ancora in uso in
Lapponia fino all'inizio del nostro secolo. Una cronaca
Norvegese ancora del 1200 narra che in una famosa battaglia
(quella di Isen) i soldati calzarono gli sci. Ma é tre secoli dopo
che in Svezia inizia la vera leggenda dello sci. Re Gustavo I di
Vasa, convinto di aver perso la guerra contro i Danesi fuggì
verso la Norvegia, mentre i suoi sudditi ritornati alla riscossa
avevano ripreso in mano la situazione nel paese. Due di loro
per dargli la bella notizia e farlo tornare indietro, per
raggiungerlo percorsero senza mai fermarsi 89 chilometri. (In
memoria della leggendaria "galoppata" nel 1923 é stata
istituita la famosa Vasa-loppet).
Il primo manuale-trattato di sci che si conosca (come si
fabbricano e come si usano; insegnandolo perfino con delle
illustrazioni) è quello di un vescovo svedese Olaus Magnus,
che però rientrando in Italia dai Paesi nordici pubblica il
volume a Roma nel 1555. Quel trattato rimase nell'Urbe una
bizzarria e nulla più.
Una prima mostra di sci lapponi si svolse in una Fiera
Commerciale nel 1636 a Worms, ma anche qui molti dei
visitatori presero quelle assicelle come una stramberia
degli uomini delle nevi, attrezzi adatti ai primitivi del nord.
Nelle valli alpine italiane gli sci invece arrivarono con
moltissimo ritardo, ma non in una zona molto limitata della
Carnia per una singolare circostanza: nella Guerra dei
trentanni partecipò un gruppo di soldati scandinavi, che alla
pace di Westfalia del 1648 rimasero in Carnia (Cortina e
dintorni) trapiantandovi così questo costume che non fece
molta presa sui nativi, anche perchè grandi distese di terreno
piano innevato come nei paesi nordici non ce ne sono, ci sono
valli e montagne; i valligiani indigeni alla prima discesa
ruzzolavano, e sappiamo tutti, quanto bisogna insistere senza
scoraggiarsi per stare in piedi con gli sci. I montanari
rinunciarono subito a imparare pensando che quelli erano
"diavoli", già nati con gli sci ai piedi, quindi inutile insistere a
volerli imitare. Anche se col tempo i "Cortinesi" diventarono
poi dei grandi campioni. Il resto d'Italia dovrà aspettare più di
due secoli, e per merito di un altro "diavolo", "el diau". L'ing.
Adolf Kind (Coira 1848 - Bernina 1907) Svizzero, di antica
origine Walser, arrivò a Torino nel 1890. Vi aprì una fabbrica
di lucignoli incurante della diffusione delle lampadine

Pagina 102 di 835


alimentate dalle centrali idroelettriche che
Giovanni Giolitti disseminava in tutto il
Piemonte.
Ma Adolf Kind ci interessa per la sua
intraprendenza, non tanto industriale quanto
sportiva. Di ritorno da uno dei suoi viaggi, un
giorno del 1897, portò infatti con sé dalla Svizzera (qui
esistevano artigiani che già firmavano i propri sci) ) un paio di
ski di frassino marca JAKOBER , il cui uso Kind illustrò nel
salotto di casa agli sbigottiti amici, poi cominciò a portarli a
Bardonecchia, e lui che era già partico esibendosi con grande
abilità nei pendii insegnò loro i primi rudimenti. Facciamo
notare che aveva già 50 anni! Si dice che i montanari che per
primi videro quell'uomo scendere leggero dai pendii,
skivolando sulla neve, rosso in viso e con una fluente barba
bianca, scapparono gridando spaventati: "el diau, el diau". Un
buon diavolo però, la cui passione per la montagna fece
nascere in breve tempo vari Ski Club in Italia (per la nascita di
questi Club e le prime gare di sci vedi la pagina dedicata in
"Sport Sci").

____ BARCHE - Le prime imbarcazioni sono di un'epoca molto


più antica di questa data, si pensa al 7.500 a.C.. Ma erano più
che altro una specie di piroga, ricavate da tronchi cavi o
svuotati, oppure erano zattere che abbiamo già accennato
nell'anno 6000 a.C. Vere e proprie costruzioni di natanti si
hanno invece in questo periodo sulle sponde del Nilo. La
civiltà egizia era nata del resto esclusivamente lungo le rive di
questo enorme, lungo ma anche placido fiume, facilmente
navigabile. Formandosi la Nazione-Stato, la via d'acqua
rappresentava l'unico modo per fare scambi (la ruota pur
conosciuta dai vicini Sumeri fu dall'Egitto sempre poco
utilizzata, perchè più che strade, utilizzava la grande via
d'acqua e una miriade di canali nell'immediato entroterra).
Occorrevano quindi per lo scopo dei natanti, capaci di
trasportare grossi carichi oltre che persone da una città
all'altra. Purtroppo in Egitto non esistevano foreste, e quindi il
legname per costruire barche era del tutto assente. Ricco
l'Egitto era invece di enormi canneti, le famose piante
chiamate "papiro". Utilizzarono questi e altri tipi di grossi
giunchi legandoli con dei cordami pure questi vegetali,
creando così dei natanti leggeri ma molto pratici, che nella
dolce superficie del fiume senza turbolenze filavano lisci per

Pagina 103 di 835


tutto il suo corso. Solo più tardi, con le stesse barche,
costeggiando le coste si avventurarono nel Mediterraneo,
raggiunsero il Libano e scoprirono il famoso e resistente legno
cedro e costruirono vere e proprie navi, pochi esemplari che
fra l'altro utilizzarono poco: gli Egiziani rimasero legati al loro
Nilo, e su questo le modeste imbarcazioni seguitarono per
oltre tre millenni a scivolare a valle o a risalirlo utilizzando
controcorrente anche delle vele quadre, ma pure queste in
giunco (nell'immagine).
____ NAVI - Cominciano a chiamarsi così nel 2500 a.C. le
imbarcazioni che navigano nei mari del Mediterraneo
orientale. Il nome sembra derivare dall'antico sanscrito "nav-
ate" = muovere). Sono in legno robusto, con chiglia e fiancate,
hanno vele quadrate in tela. Mille anni dopo (dal 1500 al 1000
a.C.) sono i Fenici a realizzare con i legni del Libano (cedri
ecc.) navi a chiglia tonda, che utilizzano nei commerci, sono
quindi già navi mercantili, fornite di spaziose stive per i
carichi. Inizialmente sono a vela e navigano fiancheggiando le
coste, quando inizieranno a navigare in mari aperti e a
orientarsi con le stelle, per non cadere in bonaccia e restare
fermi e isolati in mezzo al mare giorni e giorni, alle fiancate
aggiunsero i rematori. Nel 700 a.C. i cantieri navali fenici già
costruivano le prime biremi, e nel 600 a.C. le triremi, nelle
quali potevano essere sistemati dai 120 ai 200 rematori.
Dai Fenici il dominio del mare e gli scambi commerciali, dal
600 al 400 a.C. passano ai Greci. Nei loro cantieri navali
vengono costruite navi ancora migliori e più grandi di quelle
fenicie, con ponti, stive, fiancate con 3, 4, e anche cinque
ordini di remi, e un più efficente timone a remo.
Termina la dominazione marittima greca, si fa senpre più
incontenibile quella Romana, che nel 100 a.C. ha già navi
mercantili enormi, lunghe anche 50-60 metri, del peso di circa
450 t., dotate di vela quadra nell'albero maestro, ma anche di
vele più piccole a prora, e in seguito adottarono il fiocco, una
vela triangolare chiamata "vela latina". Ma i remi sono sempre
presenti azionati dai numerosi schiavi che le grandi campagne
militare forniscono in abbondanza.
Dopo la caduta dell'impero Romano, i barbari che dominano
sia l'impero d'Occidente come quello d'Oriente non hanno nè
vocazione né predisposizione alla navigazione. Quasi tutti i
cantieri navali mediterranei cadono in disuso, sono
abbandonati, scompaiono. Con la dominazione araba dal 600
all'anno 1000, tornano i commerci, i cantieri della costa
africana e quella spagnola tornano a fiorire, le navi sono
sempre quelle, anche se più possenti, confortevoli, dotati di

Pagina 104 di 835


strumenti. Negli ultimi anni del 1100, iniziano le "Crociate",
occorrono navi, e sono pronte a rispondere all'appello con i
loro cantieri Genova, Pisa, Venezia, Amalfi. I 200 anni di
dominazione del Regno Latino d'Oriente (Egitto, Grecia,
Bisanzio) permette alle quattro città di trasformarsi in potenze
marittime; a primeggiare la potente Serenissima. I cantieri
navali di Venezia sono la prima industria della città lagunare;
e vara navi di ogni tipo, fino a tre alberi, con vele latine
(triangolari), timone a poppa,
attrezzature complete.
Siamo alla vigilia delle grandi
esplorazioni oltre gli oceani.
Le navi a vele sono sempre
più grandi; nascono i galeoni,
le fregate, le caracche a due
tre alberi, a due castelli, che
hanno già nei ponti e lungo
le fiancate batterie di
cannoni. La dominazione dei
mari dopo il primo periodo
portoghese e spagnolo passa
agli inglesi che realizzano nuovi scafi, veloci, snelli, con una
chiglia e un pescaggio diverso. A utilizzarle i pirati del mare,
che spesso sono agli ordini della stessa regina, e i bottini
vanno a riempire i tesori di stato. Denari che li utilizza bene.
Inizia a diversificare le costruzioni navali, quelle commerciali
distinte da quelle di guerra. Nasce insomma la "marina di
guerra", una potenza incontrastata quella inglese su tutti i
mari del mondo, esercitando il colonialismo e l'imperialismo,
fino alla seconda guerra mondiale, quando emerge possente
quella degli Stati Uniti d'America. (per "navigazione" vedi
anno 1000 ) - (per i "battello a vapore" vedi 1787 ) - (per le
"navi corazzate" vedi anno 1862 ).

____ SCRITTURA (vedi sotto)


____ ALFABETO - (vedi sotto)
____ GEROGLIFICI - La scrittura, prima di essere una sequenza
di lettere, è un segno, e se prima nel linguaggio si erano -per
dare un nome alle cose- create delle parole usando dei
semplici suoni modulati della voce, anche il segno seguì la
stessa procedura, invece dei suoni "modularono" il segno. Di
segni, sottoforma di graffiti esistevano da qualche decina di
migliaia di anni. Alcuni molto semplici già davano l'idea che
cosa volevano rappresentare perchè erano essenzialmente

Pagina 105 di 835


abbozzi di figure abbastanza note. Una antica leggenda narra
come nacque il primo geroglifico "ideo-pittografico". Un
pastore con il figlio muto si trovava lontano da casa, preso da
un attacco d'asma gli occorreva con urgenza quella pozione
che sua moglie gli dava in quelle circostanze per riprendersi;
non potendosi muovere pensò di mandare il figlio, ma quello
era muto, come fare? Prese una pietra, disegnò sopra una
piccola ampolla - dentro la quale la moglie conservava la
pozione - e mandò di corsa il figlio a casa; la moglie avrebbe
subito capito. Erano dunque segni pittorici ideografici, in molti
casi comprensibili perchè i pochi segni raffiguravano poche
cose. Il problema nacque quando le cose furono molte. Non si
poteva rappresentare ogni cosa con un disegno, inoltre non
tutti erano all'altezza di capirne il significato; per associare il
disegno a una cosa come minimo quella cosa dovevano averla
vista almeno una volta. Proviamo a pensare se uno - dopo
averlo visto solo lui - tornando al villaggio dopo un lungo
viaggio voleva descrivere un vulcano in eruzione. Poteva
disegnare con pochi segni, una montagna con in cima del
fumo, ma l'altro non capiva, non avendo mai visto un vulcano
in attività.

Bisognava elaborare un sistema fonetico, e questo fu molto


simile al primo, cioè pittorico, ma con dei simboli. I Sumeri di
sistema ne inventarono uno: il cuneiforme; una serie di segni
a forma di cuneo, che disposti in un certo modo avevano
valore tanto ideografico quanto fonetico. Nel fare questi segni
utilizzavano uno stilo che produceva appunto segni a cuneo su
una tavoletta di argilla molle. Nel diventare più stilizzati,
questi segni, persero la loro funzione pittorica e ideografica e
assunsero solo più a un significato sillabico volendo legarsi i
letterati sumerici al fonetico, dandogli una simbologia. La
difficoltà era che non tutti potevano memorizzare centinaia e
anche migliaia di simboli diversi, cosicchè quando apparve
quello fenicio, gradualmente il cuneiforme fu soppiantato, e fu
quello su cui si modellarono in seguito quelli degli altri popoli.
Sicuramente quando qualcuno riferì che i Fenici con 22 lettere
riuscivano a scrivere ogni cosa, l'incredulità fu tanta, e
probabilmente qualcuno disse che "era impossibile", che
quella era proprio una bella storiella di qualche ciarlatano.

Anche gli Egiziani contemporaneamente ai Sumeri (ma la


disputa di chi inventò la scrittura è ancora attuale)
s'inventarono qualcosa di simile: prima pittorica-ideografica
(volendo scrivere "Sole" lo si indicava con un disco stilizzato)

Pagina 106 di 835


chiamata scrittura "geroglifica", poi ideogrammatica che era
in sostanza sempre ideografica, ma corrispondeva a un suono;
cioè ogni rappresentazione ideogrammatica aveva un suono
corrispondente. E il suono di ciò che si rappresentava con una
figura acquistava il valore di una sillaba e veniva usato per
comporre altre parole. Il sistema anche se restò alla base della
scrittura egiziana, di modifiche ne ebbe molte, aggiungendo -
in quella "demotica" segni fonetici per facilitare la lettura, ma
non diede mai luogo a una vera a propria notazione alfabetica.
Servì solo più tardi - tremila anni dopo, nel 1799- a decifrare i
migliaia e migliaia di geroglifici anche di antichissima data.
Questo perchè col tempo gli egiziani in quella antica
"pittorica-ideografica" si erano industriati a renderla o più
dotta o più facile; ne avevano formata una "jeratica" usata dai
sacerdoti (alla portata di pochi); sullo stesso tipo, ne
formarono poi, un'altra, chiamata "demotica", perchè alla
portata di tutti (demos significa popolo). Così quella
"geroglifica" vera e propria si relegò all'uso delle iscrizioni
monumentali, quella "jeratica" per compilare i manoscritti e
quella "demotica" per compilare gli atti pubblici che tutti
dovevano capire. La prima era, dunque, figurativa, volendo
solo esprimere l'immagine dell'oggetto di cui voleva suscitare
l'idea; la seconda simbolica, volendo esprimere idee astratte;
l'ultima popolare volendo non rappresentare idee ma cose
pratiche.

Quella alfabetica fenicia ricordata già sopra, anch'essa non ha


una precisa paternità, si accenna ai Sinaiti; la tradizione
cinese l'attribuisce al dotto Ts'Ang Scian; al dio Nebo la
tradizione assira; a Brahama la tradizione Indù; al mitico re
Tothe in Grecia; così via. Ma con ogni probabilità - perchè sono
i più antichi reperti giunti fino a noi - la tradizione classica
attribuisce ai Fenici l'invenzione della scrittura fonica, cioè
costituita da segni ognuno dei quali è corrispondente a un
suono della lingua parlata. Lo straordinario fu che usarono
solo 22 segni - che oggi chiamiamo alfabetici- per scrivere
chiaramente ogni parola; e non più con lo stilo su materiale
duro, né occorreva abilità per fare figure come i geroglifici, ma
si cominciò ad usare un semplice pennellino e un calamaio
d'inchiostro; questo era noto e in uso presso gli Egizi fin dal
3000 a.C., che era ottenuto a caldo mescolando nerofumo
(prodotto dalle lampade a olio), acqua e resina come collante
per renderlo indelebile).
Non sappiamo esattamente quando iniziò questo tipo di
scrittura, ma la più antica iscrizione fenicia è del 1650 a.C., .

Pagina 107 di 835


perchè è di quel tempo una iscrizione funeraria del locale re
Shaphatba, rinvenuta negli scavi della città fenicia di Byblos.

L'idea ebbe una diffusione rapida e larghissima, ma ad


avvantaggiarsi più di ogni altra contrada furono i greci che
con i Fenici avevano per via dei commerci frequenti rapporti.
Infatti, le prime lettere alfabetiche che comparvero in Grecia
sono del X-IX secolo a.C. Da quelle le mutuarono prima gli
Etruschi poi i Latini. (vedi in ETRUSCHI "l'alfabeto Cretese
lineare A" )
I greci diedero un grosso contributo alla formazione
dell'alfabeto, quando vi aggiunsero i segni delle vocali. Da
questo risultò l'alfabeto greco classico.
Come oggi Internet, ieri il libro stampato, anche l'introduzione
della scrittura fu biasimata. Nel Fedro di Platone si narra del
mitico re Toth cui si attribuiva l'invenzione della scrittura e di
un re egiziano che esprimeva al suo dio la diffidenza sull'uso
della scrittura, soffermandosi sul "grave danno" che avrebbe
potuto procurare: "gli uomini apprendendo le cose dalla
scrittura (e non da racconti orali da memorizzare) non
eserciteranno più la memoria impoverendo così l'inventiva".
(vedi pagina I PRIMI ALFABETI)
____ PENNA D'OCA - per scrivere - Lasciamo da parte gli stiletti
per incidere su tavolette di argilla sia in Egitto come in
Mesopotamia e occupiamoci invece dell'attrezzo che proprio
gli egiziani usarono per riportare su papiri o su stoffe i loro
primi geroglifici. Utilizzarono duri steli di vegetali vuoti e
appuntiti intinti in inchiostri colorati anch'essi vegetali;
oppure utilizzavano il nero ottenuto mescolando fuliggine dei

Pagina 108 di 835


lumi (nerofumo) con acqua e una particolare resina che
fungeva come collante. Questa tecnica con poche variazioni
continuò per oltre 3000 anni. Nel 500 d.C. in Europa alcuni
iniziarono a usare penne d'oca ed anche questa fu piuttosto
longeva, resistette per 1300 anni, fin quando nel 1830 un
inglese - Perry - inventa il "pennino". Nel 1884 un americano la
"stilografica" (vedi anno 1884 "STILOGRAFICA"- vedi anno
1938 "PENNA A SFERA")

____ BULINO - (o bolino) Non conoscendo ancora il metallo, i


primi erano già presenti in questo periodo realizzati con pietre
scheggiate molto aguzze, per incidere oggetti d'osso. Con
l'avvento dei metalli, ma soprattutto quando furono realizzati i
primi acciai molto duri, l'arnese fu un indispensabile
strumento degli orefici incisori
(l'etimologia è incerta, ma alcuni
linguisti la fanno risalire agli orefici
longobardi, con la radice del celtico
"bor" = punta, in tedesco "bohere"=
trapanare, in inglese "bohren"
=forare ). Dal XV secolo in poi (fino
all'avvento dell'acquaforte, della litografia, e in seguito dei
cliche fotografici) il bulino in duro acciaio - con varie punte -
divenne essenziale nell'arte dell'incisione grafica,
indispensabile per illustrare i numerosi libri che con l'avvento
della stampa iniziarono a diffondersi. Il tramonto dell'arnese
iniziò quando si cominciò ad usare alcuni acidi mordenti su
superficie metalliche trattate, dove è possibile disegnarci
sopra (in seguito anche fotografarci) in modo naturale, poi è
l'acido a scavare l'incisione nel metallo.

____ ARATRO - Intorno a questa data veniva usato dai Sumeri


in Mesopotamia; è infatti raffigurato in un bassorilievo
rinvenuto nella necropoli di Ur, nella Caldea, databile IV
millennio a.C.. Mentre in alcune pitture tombali egiziani del
primo Regno sono riportate scene di lavori campestri in cui è
già presente l'aratro. Consiste in un grosso bastone di legno
biforcuto curvato in punta e che, messo al traino animale o
umano, affonda nel terreno, lo rimuove e nel contempo traccia
un solco in cui vengono poi messi a dimora i semi. Serve
quindi a dissodare il terreno, ad esporlo agli agenti
atmosferici, a seppellire le erbacce o i resti dei raccolti
precedenti, ad aumentare i fattori nutritizi occorrenti al nuovo
seme.

Pagina 109 di 835


Fu l'attrezzo più importante della storia della civiltà,
Nel 500 a.C. con a disposizione il bronzo gli aratri cambiarono
anche la foggia: furono realizzati a punta, pesanti, capaci di
penetrare più a fondo nel terreno. Nel II secolo d.C. con a
disposizione una buona fucinatura del ferro l'aratro compare
munito di una grossa lama verticale che taglia il terreno
(coltro) e una triangolare affilata (vomere). Più tardi gli si
aggiunse il "versoio" che ha la caratteristica di riversare ai lati
del solco la terra arata.
Dello stesso periodo dei primissimi aratri è anche il giogo, un
attrezzo di legno sagomato, applicato al collo dei bovini per
sottoporli in coppia al lavoro di traino dell'aratro, di un carro o
altro. I cavalli - ancora sconosciuti - furono utilizzati
nell'aratura solo a metà del secondo millennio. (vedi "cavallo"
anno 2000 a.C. - e vedi "finimenti", "collari", "staffe" e altro
nell'anno 900 d.C.)

ANNO 3100 a.C.


____ NAZIONE - STATO - L'unione, la prima cooperazione dei
singoli uomini, poi delle famiglie, delle tribù, dei clan, avevano
creato le prime comunità, i primi villaggi, indipendenti da altri.
Ma ognuno pur trascorrendo la propria esistenza nel proprio
territorio, la vita e le attività erano condizionate da altri
villaggi, e spesso ne dovevano subire anche le conseguenze.
La maggior parte delle popolazioni sorgevano sulle rive dei
fiumi, e questi per quanto ci si adoperasse per arginarli, o si
impiegassero sommi ingegneri per costruire utili canali di
irrigazioni per l'agricoltura, diventavano lavori inutili se a
monte di quel fiume altri villaggi prelevavano acque
provocando la mancanza di flusso delle stesse a valle. Dannosi
poi se i villaggi a monte non curavano letti a argini quando le
piene stagionali si abbattevano su altri villaggi a valle
distruggendo ogni cosa. Necessaria era quindi una unione, con
un unico governo che guidasse e disciplinasse i lavori di
carattere generale, e nel contempo prelevasse da ogni
villaggio l'onere necessario per affrontarli i lavori. Una di
queste prime civiltà agricole il cui fiume rappresentava la vita,
era l'Egitto, interamente adagiato nelle rive del Nilo per quasi
mille chilometri. E per le ragioni sopra esposte (secondo
Menetone che scrisse una storia dell'Egitto intorno all'anno
300 a.C.) nel 3100 le città stato lungo il fiume, dal basso
all'alto Egitto, erano tutte unite, e sotto un unico regno del
mitico faraone Menes (o Mene) - capostipite della prima
dinastia .

Pagina 110 di 835


Gli scambi matrimoniali tra gruppi vicini contribuì ad
instaurare relazioni amichevoli, attraverso la diffusione dei
legami di sangue su una vasta area, e come oggi sappiamo in
breve tempo tutti i villaggi, tutte le città stato, presentarono
una lingua e una cultura comuni. A Menes convenzionalmente
si attribuisce la nascita della prima nazione del pianeta Terra.
Con la città-stato inizia la storia e lo sviluppo di tante, diverse
civiltà. La struttura che segna il passaggio dalla libera tribù
primitiva allo stato organizzato, diventa a piramide, ai due lati
della base contadini e schiavi, su un gradino più alto artigiani
e mercanti, più in alto ancora sacerdoti e capi militari, e al
vertice il Re.

ANNO 3000 a.C.


____ VINO (vedi sotto)
____ VITE - La vite ha origini antichissime, foglie e semi sono
presenti nei fossili risalenti all'Era Terziaria. Alcune specie di
piante selvatiche prosperavano nelle rive del mar Caspio, nel
cosiddetto "paradiso terrestre" (è stata specificatamente
individuata come originaria di questa zona, nel Turkmenistan,
sulle sponde del Caspio) e fu probabilmente in tale area che la
pianta verso il 3000 a.C. fu sottoposta in principio a
coltivazione dopo averne scoperte le molte gradite
caratteristiche inebrianti. Si estese nella Mesopotamia, da qui
in Egitto, attraverso il Caucaso verso le rive del mar Nero e
quindi in seguito in Grecia. Quando furono utilizzati i suoi
grappoli per farne del vino esistono solo molte leggende:
nettare regalato dagli dei e mille altri racconti pittoreschi.
Verosimilmente verso il 6000-5000 a.C. l'idea venne dal caso,
e fu quando un recipiente contenente uva (usata come frutto)
fu lasciato da parte per una dimenticanza; che il suo
contenuto fermentò grazie all'azione naturale dei suoi
microrganismi; che una qualche persona curiosa assaggiò e
trovò di suo gradimento il succo fermentato; e volle ripetere
deliberatamente il procedimento ottenendo altro succo.
Alla stessa data la vite e quindi anche il succo era conosciuta
in Egitto, ma destò solo l'interesse della classe sacerdotale, e
anche se erano ormai divenuti molto esperti nella vinificazione
il vino non si diffuse mai come bevanda popolare. Non così
nell'area mediterranea dove la coltivazione della vite ebbe
vasta diffusione, favorita dal clima ideale, nè troppo secco nè
troppo freddo. In Tracia e in Anatolia prima, in Grecia poi. Ma
la vite era presente in Tracia già da un paio di millenni, prima
che i greci vi giungessero "saltando da un 'isola all'altra da
una città all'altra, gonfiandosi come ranocchi in uno stagno"
Pagina 111 di 835
scrisse un antico. Infatti Dionisio (Bacco per i Romani) non è di
origine greca ma Trace. Alcune testimonianze storiche sono
quelle di Omero che ci narra che navi Traci portavano
quotidianamente a Troia del buonissimo vino trace, "un
nettare!". Luogo per eccellenza doveva quindi essere il mar
Nero, alle foci del Danubio, e più precisamente a Varna nei
villaggi palafitticoli, dove esistono reperti dell'antichissima
civiltà Tracia (ancora tutta da scoprire). Da lì i Greci la
importarono, e in seguito la esportarono nelle prime
esplorazione a sud della penisola Italica, o in Toscana tramite
gli Etruschi. Ma le primi viti non giunsero nè in Toscana nè a
Roma da quella strada. I Traci palafitticoli, proprio da Varna
risalendo dal 2000 al 1000 a.C. il Danubio, stanziandosi con i
loro villaggi palafitticoli nei laghi prealpini, lì coltivavano già
la vite; poi discesi fra il 1000 e l'800 a.C. nella pianura padana,
in Toscana e infine a nel Lazio (vedi: inizio Storia di Roma),
furono loro i primi coltivatori. A Ledro (Tn) dove esistono
ancora oggi le fondazioni di un antico villaggio palafitticolo
databile 1400-1200 a.C. sono stati trovati grossi depositi di
vinacce che indubbiamente servirono a fare del vino, e forse
usato perfino per fare un distillato, un tipo di alcool, che era
ricavato non solo da vinacce ma anche da altri frutti e bacche.
Si è anche propensi a credere che i villaggi venivano posti
dove c'era abbondanza di bacche e terreni ideali alla vite.
Nei primi anni dopo la fondazione di Roma la viticultura era
appena conosciuta a poco praticata; e sebbene i "Vinalia"
compaiono nel calendario di Numa, fin dall'epoca repubblicana
(509 a.C.) la vite non era coltivata a grande dimensione. Ci
sono poi "storie" nel periodo del regno che indicano il vino
come un medicinale, e ve ne sono altre più tarde che
accennano a una proibizione della coltura della vite e della
relativa bevanda, anche se ormai la vite si era diffusa in tutte
le regioni e il vino era diventato popolare in ogni ceto.
Tuttavia quelli locali italici non importati non erano di grande
qualità, la comparsa del primo grande vino italico era
l'opimiano prodotto solo nel 121 a.C., seguito da altri vini che
divennero poi famosi come il falerno. La migliore tecnologia, i
terreni più adatti, una selezione migliore, trasformarono molti
vini italici nei migliori vini del Mediterraneo soppiantando
quelli greci che usavano nella vinificazione metodi antiquati,
inoltre la scarsa produttività greca non era più in grado di
soddisfare la forte domanda di Roma e di tutti quei paesi dove
il dominio romano si era espanso.
Caduto l'impero Romano, il consumo del vino subì un arresto
per l'intero medioevo, con la vite coltivata solo più dai monaci

Pagina 112 di 835


fino all'anno Mille; dopo questa data, si riprese la coltivazione
e il vino tornò ad essere presente anche sulla tavola del più
umile popolano. In Piemonte la produzione e vendita del vino,
fino agli anni della dominazione austriaca (1848) rappresentò
una delle fonti principali dell'economia della regione.
Perfezionatasi anche la distillazione, nel 1500 furono gli
scozzesi e gli olandesi i grandi produttori, che iniziarono a
ricavare il distillato dall'orzo germinato (il whisky); seguita
dalla Francia che invece si specializzò nel distillato di
particolari vinacce ottenendo un altrettanto particolare
distillato (il cognac). In Italia il distillato non ebbe invece una
grande diffusione, salvo in alcune regioni alpine dell'attuale
Trentino, Veneto e Friuli (la graspa, o grappa).

____ BIRRA - Come bevanda anch'essa ha origini antichissime,


tra l'8000 e il 6000 a.C. La fermentazione di una varietà
primitiva del frumento per ottenere questa bevanda era
conosciuta dagli antichi Sumeri e pare che producessero nel
3000 a.C. già otto tipi di birra (nella leggenda era la dea
Ninkasi a manipolare il cereale germogliato).
Contemporaneamente una buona tecnica di fabbricazione era
conosciuta anche in Egitto al metà del terzo millennio. Come
abbiamo visto per il pane lievitato, la fermentazione era in
gran parte fortuita dovuta a un microrganismo, finchè non
furono disponibili lieviti puri. Infatti nel periodo proto-egizio la
birra si otteneva non direttamente con cereali crudi fatti
germogliare ma con pane cotto nel cui impasto vi erano
cereali germogliati. Questi "pani", divisi pezzi e immessi in
acqua, si lasciavano fermentare per un giorno, dopo di che il
liquido veniva filtrato e la birra era pronta a bersi. La tecnica
era così semplice che ogni contadino egiziano produceva la
sua birra, chiamata "haq", di varie gradazioni; tali (fino a 12°)
che col tempo preoccuparono il governo, visto che nel 1400
a.C. su un papiro rinvenuto, si mettevano in guardia i bevitori:
"Non ubriacatevi di birra nelle taverne, potreste diventare
irresponsabili delle vostre azioni, o dire cose spiacevoli senza
che sappiate neppure di averle dette". E, come oggi, quando
questo accadeva, l'ubriacatura era una aggravante davanti a
un giudice.
Altrettanta diffusione era avvenuta in Mesopotamia, dove
anche qui proliferarono le taverne che non sempre
rispettavano la qualità rispetto al prezzo; se ne fa cenno nel
Codice di Hammurabi, dove vi sono previste condanne per i
disonesti produttori di birra, adulterata, di bassa gradazione,
venduta però a prezzi altissimi.

Pagina 113 di 835


Quando in Mesopotamia diventò difficile coltivare cereali
(l'irrigazione artificiale era sì valida ma rese acidi i terreni), i
Sumeri modificarono le loro abitudini e si convertirono al vino
(usando per produrlo anche il dattero). In seguito anche in
Anatolia e poi in Grecia, non vi erano abbastanza cereali per la
produzione della birra e anche qui intensificarono altre culture
cioè solo più la vite, e il vino divenne la bevanda principe nelle
case, ma anche per gozzovigliare nelle feste fatte in onore di
Dionisio. Al contrario in Egitto - dove il clima molto secco del
terreno era il meno adatto alla coltivazione della vite, mentre
invece le varietà di grano (soprattutto "l'orzo rosso del Nilo")
erano molte e abbondanti, la bevanda principale rimase la
birra.

____ OLIVO - (vedi sotto)


____ OLIO - La pianta dell'olivo era conosciuta già nel 6000 a.C.,
cresceva molto diffusa al margine orientale del Mediterraneo,
ma non era quella che conosciamo. Era piccola, selvatica,
spinosa e le sue bacche contenevano pochissimo succo. Con i
primi stanziamenti fissi, seguita dalla pratica dell'agricoltura,
la genialità dell'uomo la trasformò in una pianta che procurava
una sostanza che era gradevole come cibo, serviva come
illuminazione, e perfino usata come medicina: l'olio d'oliva.
Il popolo che riuscì ad ottenere grandi quantità di questo
prodotto si arricchì pure, perchè l'olio d'oliva era ormai
richiesto in tutto il mondo antico. A iniziare una coltivazione
intensiva fu Creta nel 2500 a.C.. Allora Creta era boscosa
come lo era la Grecia. Nell'abbattere gli alberi per far posto
agli uliveti si arricchì doppiamente, nell'esportare il legname e
nell'esportare olio. I vicini Greci non rimasero a guardare, li
imitarono e ben presto (a spese di Creta) furono loro - con i
commerci e l'uso del denaro - ad avere il monopolio dell'olio.
All'epoca di Solone, Atene si arricchì non solo esportando
l'argento delle miniere del Laurio ma soprattutto con l'olio
verde dorato estratto dalle sue olive. E come aveva fatto
Creta, cambiò presto il paesaggio: via dai boschi tutti gli alberi
(che con le radici robuste e ramificate, hanno un'azione
positiva di consolidamento, conservazione o nutrimento della
parte superficiale del suolo), per far posto agli ulivi che con le
radici a fittone (radici a cono rovesciato che attingono acqua a
grande profondità) non esercitano in superficie alcun
consolidamento del terreno. Le piogge di centinaia di anni
fecero il resto, slavando il terreno dall'humus superficiale,
mettendo a nudo solo più l'arido calcare. Platone che
conosceva questo periodo del disboscamento selvaggio, nel IV

Pagina 114 di 835


secolo rimpiangeva "...i verdi pascoli, i boschi, le sorgenti, i
fertili terreni, il paesaggio della Grecia di un tempo passato".

____ TORCHIO SPREMITURA - Essendoci il vino indubbiamente


esisteva anche una specie di torchio per la spremitura
dell'uva, ma non aveva ancora nulla di quello attuale; per lo
più era a foggia di compasso coricato, usato come ganascia a
forza di braccia. Quando per i greci nel VI secolo l'olivo e
quindi l'olio divenne una delle principali risorse della loro
terra, ne realizzarono alcuni a vite, in verticale, che nel II
secolo avevano quasi le attuali caratteristiche. Un contenitore
costituito da una piastra di fondo fissa e da un altra superiore
che viene fatta scendere attorno a un albero a vite, in modo
da comprimere e spremere vinacce, olive, semi oleosi o altre
sostanze che si pongono tra le due piastre. Una manovella
dotata di ingranaggio sull'albero a vite rende poco faticosa
l'operazione.
I Romani nel periodo cesareo ne costruirono un altro mediante
la pressione del piano superiore contro quello inferiore
tramite una leva basculante. In seguito più perfezionato
ricomparve quello a vite, mentre quello romano tornò ad avere
successo quando fu inventata la stampa; quasi tutti i torchi
tipografici nei successivi cinque secoli furono impostati sul
tipo di torchio a leva, anche se il piano inferiore lo si costruì
scorrevole, per inchiostrare la matrice e adagiarvi la carta.
Ancora oggi nelle acqueforti e nella litografia sono
ampiamente usati.

____ CANDELE - Dalla torcia e al lume d'olio (che era poi in


genere anche grasso di animali) si passò a una specie di
candela, un lume da portare in giro senza rovesciare nulla.
Riscaldato più volte, il grasso con il raffreddamento tende a
solidificare. Probabilmente qualcuno vedendo solidificato
quello che era dentro un contenitore con in mezzo lo stoppino,
gli venne l'idea di prendere il tutto e di sagomarlo a cilindro
con all'interno uno stoppino lungo quanto il cilindro. Le prime
candele si vedono in dipinti egiziani che risalgono al 3000 a.C.
- La candela in seguito prima dell'invenzione delle ore solari o
delle clessidre, ebbe anche la funzione di misurare il tempo.
Consumando lentamente e quasi sempre in un modo costante,
a qualcuno venne l'idea di fare delle tacche, ognuna
corrispondeva a un lasso di tempo quasi sempre identico.

___ STRUMENTI MUSICALI - I primitivi datano perfino 25.000


a.C. ma erano piuttosto rudimentali; per lo più zufoli fatti con

Pagina 115 di 835


l'argilla (forse imitando le canne che ovviamente oerchè
deperibili non sono giunti fino a noi). Fu poi usato l'osso e in
seguito i metalli; l'arcaico zufolo diventa nell'era dei metalli
già una specie di vero e proprio flauto. Strumenti più
complessi iniziano a comparire nei reperti e nelle
raffigurazioni a partire dal 3000 a.C. e sono legati alle prime
esperienze musicali egiziane, indiane (nei Veda ancor prima
che nella Bibbia, sono contenuti preziosi riferimenti musicali)
e cinesi. Solitamente, un periodo aureo nel campo della
musica antica occidentale viene indicato nella fioritura della
musica greca. Seguirono poi i canti della cristianità, ma anche
questi erano un riflesso dei più antichi canti ebraici, a loro
volta influenzati dalle preesistenti civiltà Indiane, Egizie, e
Mesopotamiche.

____ ARPA - La prima compare con le prime manifestazioni


musicali in Mesopotamia, ed è raffigurata su un vaso
rinvenuto nella necropoli reale di Ur (oggi a Londra al B.
Museum). Ma anche in Egitto un arpa è raffigurata in una
pittura nello stesso periodo. Nella stessa custodia di questo
strumento è raffigurato - non sappiamo per quale intimo
motivo del pittore - un asino che lo suona, uno sciacallo che
percuote un tamburello, un orso che danza. Si pensa che sia in
Egitto come in Mesopotamia fosse già in atto un sistema
musicale pentatonico, cioè un suono basato su una scala di
cinque suoni. Questa musica - abbinata al canto -
essenzialmente era usata per accompagnare riti religiosi e
celebrativi. (vedi anno 1025 "Musica" "Notazione musicale")

____ DIGA - Città, coltivazioni e le popolazioni della civiltà


egizia si erano sviluppate lungo l'intero corso del grande
fiume Nilo. L'acqua era quindi l'elemento principe in tutti gli
aspetti della vita che vi si svolgeva, quindi materia da
controllare da una amministrazione centrale, composta
principalmente da sacerdoti che sovrintendevano poi i lavori
con numerosi tecnici dediti alle grandi opere di irrigazione,
costruendo canali di derivazione nell'immediato retroterra,
paratie negli stessi, e perfino grandi dighe. Una delle più
antiche, costruita nell'Antico Regno, lunga 106 metri costruita
non in terra battuta ma in muratura, risale al 3000 a.C.,
chiamata in seguito "Diga dei Pagani". Lo storico Procopio nel
590 d.C. ne descrisse una sulla frontiera Persiana, quella di
Daras, fatta costruire da Giustiniano; sembra che fosse come
quelle attuali: una costruzione arcuata in muratura fra due
pareti rocciose che sbarrava un corso d'acqua creando a

Pagina 116 di 835


monte un lago. Una simile, alta 40 metri, mille anni dopo fu
costruita in Spagna ad Alicante nella valle del Tibi. Anche le
successive avevano tutte la funzione di creare delle riserve di
acqua. Quando però furono inventate le turbine idriche, le
dighe con tali riserve di acqua, munite di condotte forzate,
furono costruite in gran numero e impiegate per produrre
corrente elettrica. Spesso impiegando la stessa corrente
elettrica nelle ore non di punta, per ripompare l'acqua dagli
invasi a valle verso quelli posti a monte.

____ SAPONE - Non era del tutto sconosciuta a Ur in


Mesopotamia l'arte di ottenere una sostanza saponosa
facendo bollire olio vegetali o di animali (sego, sugna, ma
anche ossa) con una soluzione alcalina (potassa). A Roma
invece fino alla caduta dell' Impero, usavano la porosa pomice
insieme a olio di oliva. Quello fatto con ossa animali fino alla
decomposizione tramite una base in sali acidi sbarcò nella
penisola quando nei regni italici subentrarono gli orientali
bizantini.
Nel frattempo gli arabi nei primi anni dell'Islam erano
diventati specialisti nella fabbricazione, creando dei saponi
molto fini, con essenze, profumati, spesso utilizzando piante il
cui gambo o le bacche forniscono una particolare saponina di
odore gradevole.
Questo tipo di sapone rimase però confinato in quei luoghi
fino a quando la dominazione araba lo fece conoscere nelle
coste del Mediterraneo. Nell' 870 oltre che introdurre la
tecnica della saponificazione, a Palermo gli arabi avevano
costruito un grande orto botanico dove vi erano presenti
molte piante orientali ancora del tutto sconosciute in Italia.
Famose e singolari quelle saponarie con le quali gli arabi
fabbricarono e introdussero le prime profumate saponette da
toilette. La saponaria è una pianta rizomatosa con fiori rosa,
molto odorosa che cresce in Oriente, ma che ancora oggi dopo
la dominazione araba, le possiamo trovare nell'antico orto
botanico di Palermo; dove sono presenti altre piante
saponarie che forniscono la saponina tramite alcune tenere
bacche che assomigliano e sono grandi come nocciole.
A parte la Sicilia e la Spagna, i primi saponi profumati
comparvero in Europa dopo la fine delle Crociate; a Venezia ne
circolava uno di lusso; in Castiglia era abbastanza comune; ma
a specializzarsi più di ogni altra città europea fu Marsiglia. Ma
fino alla fine del '700, il sistema per fare sapone domestico
per tutti gli usi rimase - come ai tempi dei Romani - quello
delle ossa; era di così facile preparazione che moltissime

Pagina 117 di 835


famiglie lo producevano in casa, utilizzando la cenere del
focolare e la soda. Quest'ultima non era allora molto
disponibile, quindi i saponi erano molli, grezzi, grassi. Quando
però il processo per ottenere la soda nel primi anni del 1800,
divenne industriale, la grande produzione di sapone fece
diminuire fortemente il prezzo e solo da allora l'abitudine di
lavarsi con il sapone divenne di uso quasi quotidiano e
altrettanto abituale fare il bucato. Per quest'ultimo nessuno
superò la qualità del famoso sapone di Marsiglia, bianco,
profumato, duro, con forte potere sgrassante. Quello invece
da toilette, con varie sostanze a base di sali alcalini di acidi
grassi ricchi di carbonio e utilizzando vari olii vegetali
crearono una gamma infinita di prodotti per l'igiene
personale. E fra questi anche quelli liquidi, specifici per alcune
pelli, per i capelli o altri usi. (per "saponi in polvere" vedi
"detersivi" anno 1917 )

____ SEDIA - Forse per degustare vino e birra nelle "taverne" di


cui parlano il "troppo uso" egiziani e mesopotamici, l'idea di
uno sgabello con dietro un appoggio fu probabilmente nata
per coloro che "bevevano" un po' troppo. Quelle ritrovate in
Egitto risalgono appunto a questa data: 3000 a.C., meno
prosaicamente furono utilizzate nelle cerimonie con il faraone
assiso su quello che ben presto divenne il trono di tutti i
governanti nei successivi secoli. Gli stili si adeguarono ai
popoli e a certe funzione che aveva la sedia medesima; i
romani oltre quelle di uso comune fornite di schienale,
s'inventarono quella da barbiere con i braccioli, e quella a
forma di lettiga per le visite dal medico. L'uso di imbottirle
venne dagli arabi, sul modello dei famosi "divani" "ottomani".
Una sedia particolare apparve in Italia nel tardo medioevo, a
forma di X chiamata poi "savonarola"; a partire dal
Rinascimento ci fu la gara a farle sontuose, scolpite,
imponenti, damascate, imitando quelle arabe, col nome
"poltrone". Nei successivi cinque secoli, con o senza braccioli,
con o senza imbottitura, si imposero stili diversi; si iniziò con
il "pesante" Barocco, si arrivò nel XVIII sec. al "capriccioso" e
pieno di fronzoli del Rococò, si giunse nel periodo napoleonico
allo stile "decorativo" Impero", ma a partire dall'inizio del '900
si imposero le "linee pure", razionali, pur essendo
confortevoli, ed alcune anche anatomiche. Non dimentichiamo
quelle comuni, di larga diffusione nei comuni ambienti
casalinghi, come le sedie impagliate, o le panche imbottite o
no di stile tirolese. Poi con l'impiego di altri materiali come la

Pagina 118 di 835


plastica a partire dagli anni '60, si diffusero un certo tipo di
sedie con un singolare stile, con firme di grandi designer,
realizzate in pressofusione in un unico blocco; ma nell'ambito
della casa anche ultramoderna, queste -salvo alcune
eccezioni- hanno trovato una collocazione solo in ambienti
esterni, quali giardini, bar, verande, oppure in particolari
ambienti quali uffici, ospedali, o negli spalti dei campi di gioco
di ogni genere.

____ SEGA - Anche la sega compare in Egitto in questo periodo.


In un primo tempo è in rame, poi con la scoperta del bronzo fu
realizzata con questo metallo. La forma era come quella del
"segaccio" attuale , con l'impugnatura a pistola.

ANNO 2950 a.C.


____ GUERRA - Forse la prima campagna militare della storia è
quella che compare in Egitto su un bassorilievo rupestre del
faraone Udimu della prima dinastia. Con la nascita degli stati
appena uniti all'inizio del primo regno, erano sicuramente
iniziati anche i contrasti con coloro che non volevano essere
sottomessi a un potere centrale; e queste contese non
potendosi definire per via diplomatiche, si disputarono con le
armi. Passò un secolo e le guerre non furono soltanto interne
ma anche fuori dai confini. Infatti il faraone Semerkhet celebra
con rilievi rupestri nella valle dell'Uadi-Marghara, una vittoria
sui popoli del Sinai nel 2850 a. C.. Il suo successore Qai (2845
a.C.) nei suoi 25 anni di regno, consolidata l'unità politica
dell'Egitto, inizia una serie di campagne militari
espansionistiche in Nubia verso sud, in Libia a nord-ovest, e
ancora nel Sinai a nord-est. Sono ancora guerre con eserciti di
fanteria, con battaglia fatte uomo contro uomo. Circa mille
anni dopo, nel 1730 a.C. , saranno gli Hyksos a far cambiare la
strategia della guerra; con a disposizione cavalli e armi in
ferro iniziarono a seminare il terrore nello stesso Egitto
prendendo infine possesso di ampi territori nelle regioni
settentrionali del paese che cadde per la prima volta davanti a
invasori stranieri. Gli egiziani soccombenti diventarono
vassalli e pochi decenni dopo, nel 1674 a.C., gli invasori
inizieranno perfino una loro dinastia di Faraoni, detta anche
dei Grandi Hyksos.

ANNO 2900 a.C.


____ MISURE - Con l'inizio delle costruzioni di vario tipo, piccole
case e grandi palazzi, indubbiamente sorse la necessità di
Pagina 119 di 835
creare un sistema di unità di misura della lunghezza. Sia i
Sumeri che gli Egiziani adottarono il cubito. Una misura
lineare che è la lunghezza esteriore che va dalla piegatura del
gomito alla estremità del dito medio: che corrisponde
all'incirca ai nostri 45 centimetri; e forse da qui in seguito
presero origine i sottomultipli palmi, pollici, piede prima della
definizione universale del "metro" (la diecimilionesima parte
della distanza dall'equatore della terra a uno dei suoi poli).
Anche i sistemi di misura del peso, sono di questo periodo. Il
campione di riferimento era il grano, i suoi multipli, il siclo
(divenne poi anche una moneta presso gli ebrei), la mina (o
minu - dalle fonti greche si apprende che erano all'incirca i
nostri 324 grammi) e il talento (che corrispondeva a 60 mine).
ANNO 2800 a.C.
____ CALENDARIO SOLARE - (vedi anche ANNO LUNARE 8000
a.C.) - Dopo la scoperta di quel saggio che abbiamo letto in
precedenza, gli osservatori mesopotamici delle stelle, dei
pianeti, del sole e della Luna (che iniziano a chiamarsi
astronomi) utilizzando le 12-13 lunazioni, inventarono
all'incirca in questa data un sistema per calcolare un anno.
Non essendo quello lunare al passo con le stagioni (la luna
impiega 29 o 30 giorni per attraversare il suo ciclo di fasi, e ci
vogliono 12 e più di questi cicli per completare il ciclo delle
reali stagioni) elaborarono un ciclo di 19 anni di 12 mesi e in
certi anni (quando si accorgevano che erano sfasati,
soprattutto per il tardo risveglio vegetale della primavera)
aggiungevano un mese. Questo sistema resistette vino
all'epoca di Giulio Cesare e anche oltre in moltissime regioni
del mondo di allora. Fu adottato prima dai mesopotamici, poi
dagli ebrei come calendario liturgico, poi dai greci, dagli
etruschi, dai latini, infine mutuandolo dagli stessi ebrei
(ignorando quello riformato da Giulio Cesare) dai cristiani, che
ancora oggi (idem gli ebrei) lo usano per determinare la
Pasqua (che ovviamente rispetto all'anno solare, può cadere
in marzo come in aprile, secondo il numero delle lunazioni
prescritte dalla Bibbia e dal Vangelo. Non così in Egitto (dove
lo apprese Giulio Cesare). I sacerdoti del Sole, 2800 anni a.C.
sapevano all'incirca le stesso cose degli astronomi
mesopotamici (i 12-13 cicli lunari) ma non avevano usato lo
stesso sistema per fare un calendario. Si suppone che i
sacerdoti che erano anche i magistrati alle acque del Nilo,
dovendo studiare le periodiche piene del fiume scoprirono che
queste con una costante precisione si verificavano ogni 360-
365 giorni. Era un periodo questo che trovava conferma anche
con le ombre degli obelischi che indicavano che quello era
Pagina 120 di 835
l'esatto tempo impiegato dal Sole per percorrere l'apparente
viaggio intorno al cielo. Questo tempo (senza seguire le fasi
della luna) lo divisero in 12 mesi assegnando ognuno 30
giorni; ottenevano così 360 giorni, alla fine aggiungevano 5
giorni e ricominciavano da capo. Era molto semplice, e anche
quasi perfetto, per far coincidere i quattro periodi in cui gli
equinozi e i solstizi vanno a formare le quattro stagioni. Così
perfetto che per quasi tremila anni non fu mai modificato fin
quando ci si accorse che l'anno era di 365,25 (cioè un quarto
di giorno in più ogni anno). Questo fu quello introdotto a Roma
da Cesare. I cinque giorni egiziani servirono per fare diversi
mesi. Cinque mesi avevano 30 giorni, sette mesi 31 e uno di
28 (a quest'ultimo ogni 4 anni si aggiungeva un giorno) e il
mese diventava "bisestile". (bi-sesto, perchè era l'intercalare
aggiunto al sesto giorno dell'inizio di marzo. Oggi invece lo
aggiungiamo al 28 del mese di febbraio). Ma anche questo
"anno giuliano non era astronomicamente del tutto preciso
per una manciata di minuti che però nei secoli assommandosi
diventavano giorni. Con la riforma del calendario operata nel
1582 da Papa Gregorio (e da lui prese il nome: "anno
gregoriano") furono aboliti 10 giorni che si erano nel ritardo
accumulati e fu stabilito che l'anno bistestile non lo si
applicava negli anni secolari, esclusi quelli divisibili per 4,
come l'anno 1600, il 2000, che sono appunto bisestili.
ANNO 2650 a.C.
____ MONUMENTI -
PIRAMIDI - Nella
nascita dell'Arte,
abbiamo già visto
varie espressioni
artistiche, come la
pittura murale, i
graffiti, le
decorazioni sui vasi ecc. Altro tipo d'arte fu l'architettura. Le
prime manifestazioni espresse furono certamente nel
costruire i luoghi di culto, i templi, le ricche abitazioni di
alcuni personaggi molto influenti, i cosiddetti "palazzi"; o la
costruzione suntuosa e monumentale della grande casa del
sovrano, detta "faraone" (che significa "grande casa"), sede
del re che ne prese anche il nome, ovvero "uomo della grande
casa", come noi oggi indichiamo "l'uomo della Casa Bianca"
per accennare al presidente degli Stati Uniti. Altre espressioni
dell'architettura -che diventarono poi una consuetudine dei
successivi sovrani dall'inizio del Regno Antico - furono la
costruzione di tombe commemorative degli stessi sovrani o di
Pagina 121 di 835
importanti funzionari del regno, che secondo la religione
egiziana - che contemplava l'immortalità - erano ritenute
residenze per preservare il corpo (imbalsamato) onde
garantirne l'immortalità. Le prime erano le mastabe,
caratteristici tumuli sepolcrali a forma rettangolare in pietra,
già in uso in Mesopotamia (le Ziggurat, costruzioni a terrazze
adibite però a tempio) e a questa data anche in Egitto. Ma
pochi anni dopo nel 2686 a dare il via alle nuove espressioni di
monumenti sepolcrali particolarmente elaborati fu il faraone
egiziano Zoser, della terza dinastia. Il suo geniale architetto
era Imhotpe, che su un rettangolo di 122 per 107 metri,
soprintese alla costruzione di sei mastabe di pietra, una sopra
l'altra, ognuna più piccola di quella inferiore; l'ultima
raggiungeva l'altezza di 61 metri.
Divenne quasi una moda questo tipo di
monumento. Ma dobbiamo ancora
attendere più di tre secoli per restare
stupiti della grandiosità di un nuovo tipo
di monumento sepolcrale: la PIRAMIDE
vera e propria: quattro facce piane
costituite da triangoli isosceli a vertici
congiunti.
La prima realizzata, fu quella del faraone
Khufu (Cheope per i greci) nel 2530 a.C. a el-Ghiza, costituita
da 23 milioni di blocchi con un peso medio di 20 quintali, che
ancora oggi sostanzialmente quasi intatta, sorge su una base
quadrata di 230 metri su ogni lato e raggiunge i 137 metri di
altezza. Opera dell'architetto Hemiunu all'interno un labirinto
di corridoi conducono a una camera funeraria al centro della
stessa piramide, che doveva contenere la bara del re, i suoi
tesori, alcuni arredi e comuni oggetti utilizzati dal defunto che
lo accompagnavano nel regno dei morti.
____ MENIR - (vedi sotto)
____ MEGALITI - (vedi sotto)
____ CROMLECH - (vedi sotto)
____ DOLMEN - Altre opere monumentali con significati non
ancora del tutto compresi, sono le costruzioni megalitiche. Le
prime che risalgono al 5000 a.C., piuttosto rudimentali, sono
costituite da enormi blocchi di pietra; quelli di Carnac in Gran
Bretagna, sono databili nel 2000 a.C.. I Cromlech sono un
insieme di menir (crom signifiva in gallese "curvo" e "lech"
pietra) disposti in cerchio. Tra le più celebri costruzioni di
questo tipo, quello di Stonehenge vicino a Salisbury in Gran
Bretagna. Alcuni pensano che fosse un tempio al dio Sole, con
funzione quindi non solo religiosa ma anche astronomica.

Pagina 122 di 835


Sembra che la costruzione appartenga a
due epoche diverse con la più antica
databile tra il 2200 e il 1600 a.C. Si
presenta come una serie di opere
circolari e concentriche. La esterna ha
56 buche con pilastri incassati pesanti 26 t ciascuno.
All'interno una serie di triliti, ciascuno composto da due
pilastri, pesanti fino a 40 t., sormontati da un'imponente
architrave. Quella sotto una immagine con la ricostruzione
della disposizione originale dei monoloti.
Ma se nella la costruzione di Stonehenge la sua funzione è
ancora un mistero (anche se dai celti è considerato un
sacrario), un mistero più grande è il Cromlech scoperto nella
penisola di Sillustani presso Umago in Perù, che ha molte
somiglianze con Stonehenge, e anch'essa circolare e utilizza
momoliti giganteschi. Come possono avere appreso questa
architettura popoli divisi da un oceano resta anche questo un
mistero. Oppure non lo è se noi prendiamo in considerazione
che alcuni popoli all'incirca in questa epoca si sono spinti
volutamente nel continente americano, oppure vi sono
approdati spinti da una tempesta. Del resto quasi tutte le
civiltà pre-colombiane appartengono a una lunga serie di
enigmi storico-geografici che dell'antica geografia -
principalmente il continente americano- fanno uno dei più
entusiasmanti argomenti di studio.
Teniamo pure in considerazione che anche nell'architettura
delle Piramidi, quelle realizzate dalle civiltà pre-
colombiane, assomigliamo molto alla prima
piramide a forma di "mastaba" mesopotamica, cioè
a gradoni, costruita poi in Egitto nel 2686 a.C. dal
faraone egiziano Zoser della terza dinastia; una
costruzione di sei mastabe di pietra, una sopra
l'altra, ognuna più piccola di quella inferiore; con
l'ultima che raggiungeva l'altezza di 61 metri.
____ SCULTURA - Prima abili nel modellare il legno,
poi specialisti nello scheggiare le pietre, l'arte
della scultura era anche questa dagli uomini
praticata da alcuni millenni. Sono infatti note
alcune veneri di epoca neolitica, monili in oro, in
argento, in ambra. Ma la vera espressione di quest'arte iniziò
nell'area mesopotamica e in quella egizia cominciando con
figure a bassorilievo (famosi anche i sigilli cilindrici o a
timbro). Quella della scultura in rilievo piatta (senza
prospettiva come nella pittura sui papiri), poi in mezzotondo,
divenne in Egitto una millenaria espressione d'arte per

Pagina 123 di 835


raffigurare ogni genere di attività umana, ma soprattutto le
guerre, le battaglie, i riti, le vittorie dei sovrani, ma anche
alcune attività umane.

Poi si continuò - forse imitando la plasticità delle figure


realizzate con la più maneggevole argilla- a scolpire la pietra a
tutto tondo iniziando così l'arte statuaria, lasciandoci dei veri
e propri giganteschi capolavori come in Egitto (la Sfinge) o in
Mesopotamia (varie divinità o sovrani); figure - con l'alto
livello raggiunto - in alcuni casi insuperate come bellezza
plastica e vigore nella rappresentazione, scolpite su materiale
vario, marmo, onice, avorio, alabastro, nelle durissima pietra
basaltica o in granito nero. Una serie di statue celebrative
della figura del sovrano sono quelle realizzate in
Mesopotamia, a Lagash. Uno dei più antichi esempi di
rappresentazione artistiche del genere.
ANNO 2500 a.C.
____ LETTERATURA - Scoperti i primi segni per mettere in
scritto le parole, gli scribi che erano nel frattempo diventati
molti, impiegati soprattutto nelle amministrazioni statali,
cercarono di riportare in scritto anche quelle storie di saghe e
leggende che gli abili narratori raccontavano oralmente da
alcune migliaia di anni, tramandandole da generazione in
generazione.
Al tempo di queste prime espressioni di letteratura, esisteva
ancora in Mesopotamia la scrittura cuneiforme su tavolette di
argilla, mentre in Egitto erano utilizzati i geroglifici dipinti sui
papiri. L'insegnamento delle lettere era comunque già una
realtà in Mesopotamia; infatti alla data convenzionale del
2460 a.C.. a Lagash il re Eannatum aveva fondato una scuola
per scribi, destinato a divenire un centro importante per la
cultura mesopotamica e soprattutto per la sua nutrita
biblioteca di tavolette, accuratamente catalogate.
Ma avremmo oggi poco o quasi nulla, se l'archeologo inglese
George Smithnon non avesse scoperto nel 1872, una vera e
propria biblioteca di proprietà di re Assurbanipal. Che pur
essendo vissuto e regnato duemila anni dopo re Eannatum,
nel 668 a.C., avendo la passione per l'archeologia, nel corso
della sua vita aveva raccolto nel suo palazzo gli antichi

Pagina 124 di 835


reperti, e le tavolette scritte dai Sumeri e dai Babilonesi 2000
anni prima, allestendo nel suo palazzo una vera e propria
biblioteca (30.000 tavolette) contenente ogni genere di opere,
scientifiche, economiche, matematiche, linguistiche, letterarie
del tempo di Lagash e qualcosa anche del periodo di Sargon II
il Grande (2375-2320).
Fra queste opere, 12 tavolette di argilla (oggi visibili a Parigi
al Louvre) recanti la storia del re sumero Gilgamesh. La
singolarità di questo racconto è che vi si narra la grande
innondazione che devastò alcuni secoli prima di lui la valle del
Tigri e dell'Eufrate. Racconto che fu ripreso in seguito dagli
scrittori biblici, che narrarono quell'inondazione come il
Diluvio Universale mandato da Dio per castigare gli uomini.
Oggi noi sappiamo che non era universale (in Egitto non esiste
traccia di una simile inondazione, salvo quelle periodiche del
Nilo), e che nella Mesopotamia prima di allora più volte si
erano verificate alluvioni catastrofiche. Oggi i sondaggi con le
carote nel terreno a grandi profondità ci testimoniano che ci
furono in precedenza molte alluvioni, e in tempi passati anche
maggiori di quelle narrate dalla Bibbia.
Anche in Egitto in questo stesso periodo alcuni scribi portati
per la letteratura, oltre ai testi funerari, religiosi e
amministrativi, avevano iniziato a compilare testi letterari. Del
2350 sono le "Massime di Ptahhotep", e dello stesso periodo
un racconto popolare che compare nel "Papiro Westcar".
Più tardi, nel 1900 a.C. si assiste a una diffusione massiccia
dei "Testi delle Piramidi", e nel 1850 prende inizio un vero e
proprio periodo classico, con opere notevoli di narrativa e di
tipo filosofico: Il "Racconto di Sinuhe", Il "Racconto del
naufrago", il "Dialogo dello stanco della vita con l'anima" e
altri.
Mille anni dopo (nel 750 a.C. - altri affermano l'850) in Grecia
avviene la composizione delle due opere omeriche; prima
l'Iliade, un decennio dopo l'Odissea. I due più antichi
documenti conosciuti della letteratura greca.

____ PAPIRO - Sopra, nel parlare di letteratura, non abbiamo


accennato su cosa essa veniva scritta. In Mesopotamia come
abbiamo in precedenza letto, in uso c'erano le tavolette e i
caratteri cuneiformi impressi con uno stilo nell'argilla che
veniva poi cotta al sole se si volevano conservare a lungo e
per farne biblioteche come quella di Ninive. Mentre in Egitto
dove si disponeva di una particolare pianta, fin dal Primo
Regno, si usarono i papiri: o meglio il "midollo" (sottili falde
interne) del fusto di un genere di palma erbacea palustre

Pagina 125 di 835


-chiamata papiro- (famiglia delle ciperacee) che cresce solo in
Egitto. Furono questi "fogli" a soddisfare per tremila e più
anni (il più antico foglio di papiro ritrovato non scritto è del
2950 a.C., scritto è del 2400 a.C.) la domanda interna degli
scribi. Quando però dall'anno 1000 in poi si diffuse l'alfabeto
fenicio, e la scrittura si diffuse, l'esportazione di papiro in altri
regni divenne così massiccia che gli egiziani si rifiutarono di
soddisfarla per non rimanerne senza o per conservarne il
monopolio. A farne una consistente richiesta era stato nel 170
a.C., Eumene II, re di Pergamo. Un regno piccolo ma uno dei
più splendidi regni del mondo ellenistico. L'illuminato sovrano
era intenzionato a fare una biblioteca pari a quella di
Alessandria (quasi tutta in papiro), ma carente della materia
prima che gli era stata negata dagli egiziani, e perfino
indispettito, incaricò i suoi studiosi d'inventare un tipo di
supporto surrogato del papiro.
Le pelli degli animali da tempo immemorabile erano
occasionalmente già utilizzate per scrivere. Ma erano grezze.
A tenderle, a raschiarle e a pulirle per ottenere un foglio molto
sottile, quasi bianco furono appunto i tecnici di Pergamo.
Ottennero così un "foglio" (nome mutuato dall'ex foglia di
papiro) che però prese il nome dalla località:....cioè la...

____ PERGAMENA - ... Era molto più resistente e poteva essere


utilizzata per scrivere su entrambi i lati. Era abbastanza
costosa ma diversamente dal papiro durava per sempre. Per
sempre il supporto, ma non i contenuti, perchè se questi erano
poco interessanti, venivano raschiati dalla pergamena che
veniva poi riutilizzata un'altra volta. Non sempre fu questa
una felice idea; essa impedì di farci pervenire dal passato
molti testi che furono allora ritenuti si scarso interesse.
La pergamena ridotta a fogli, se riempiti da lunghe iscrizioni
soprattutto dai funzionari del regno quando venivano uniti
tutti insieme formavano un codice, mentre se contenevano un
breve e intero testo, per conservarli singolarmente, si
arrotolavano formando il volvumen, il volume.
Anche se in Oriente la carta (ricavata dalla cellulosa di alcune
piante) era già stata realizzata nel 105 a.C., in Medio Oriente
questo procedimento giunse solo negli anni 800, durante
l'espansione dell'impero islamico. Da Baghdad dove
funzionavano moltissime cartiere, ne venne vagamente a
conoscenza anche l'Occidente, soprattutto tramite la Spagna,
dove nell'anno 1000 già esistevano enormi biblioteche di libri,
ricopiati dagli scribi arabi in ogni angolo del mondo
conosciuto. Mentre la vera e propria diffusione della carta in

Pagina 126 di 835


Europa avvenne quando gli Europei con le
Crociate sbarcarono in Oriente,
s'impossessarono della tecnica della
fabbricazione araba e la riportarono in
patria. (Dell'invenzione della "carta" parleremo ancora
nell'anno 105 d.C.- e nell'anno 1350 d.C.)
Sui nomi antichi di fogli, carta, codice, libro, volume vale la
pena ricostruirli. In Egitto prendono il nome "Folium" (fogli) le
foglie di papiro (erano in effetti sottili falde interne, come
quelle delle nostre bianche betulle anche se esterne).
"Librum" (libro) dalla pianta stessa (la sezione ad anelli del
tronco che ci indica l'età - si chiama ancora così). "Codex"
(codice) dalla radice della pianta (traslato starebbe a indicare
la radicie della storia scritta nel codice. "Volumen" (volume)
da volvere, volvumen "rotolo avvolto" (impropriamente rimase
questo nome anche se il libro o il codice non veniva più
avvolto). Più controversa l'etimologia del termine "charta"
(carta). La carta quando apparve per la prima volta in Europa
si presentava in grandi fogli, ed era nel formato prodotto dalla
cartiera (all'incirca 70 x 100 cm - ancora oggi nel parlare di
formati si parte sempre da questa misura, e il formato di un
libro lo si indica con fogli piegati in 4, in 8, in 16, in 32). Per
l'utilizzo pratico questo grande foglio veniva diviso in quattro
e un foglio si chiamava appunto "quarto". E' Du Cange nel
1078 a nominare il foglio "quarta", in latino "charta", in
italiano volgare "carta". Testi latini degli anni successivi
riportano ancora "quartola" ma anche "quarta" per indicare
una quarta parte del foglio. Altri però affermano che carta
derivi dal Celto della inglese Caledonia: "chairt". Che è
abbastanza strano, perchè gli inglesi seguitarono a chiamare
(e tutt'oggi chiamano) la carta, con il nome egizio "paper" (in
fonia papir). A noi ci sembra più documentato e credibile il
primo etimo che non il secondo.
____ FERRO - Contemporaneamente in Egitto e in Mesopotamia,
compare questo nuovo metallo. La tecnica della fusione del
minerale che lo conteneva, molto simile a quello del rame e
dello stagno (che uniti avevano dato più tardi il bronzo)
utilizzando il solito metodo non ebbe i risultati sperati. Per il
semplice motivo che il fuoco per quanto ben nutrito non
raggiungeva quella temperatura elevata (1200-1300°)
necessaria a fonderlo per poi utilizzarlo negli stampi. Come
all'inizio per il rame, la lavorazione la si fece con la tecnica
della martellatura, con il "batti e ribatti", ottenendo oggetti
vari, soprattutto utilizzando il rarissimo ferro non di origine
minerale ma meteoritico essendo nei "sideriti" presente il

Pagina 127 di 835


ferro in nove decimi. Purtroppo le sideriti non sono così
frequenti a trovarsi, quindi il ferro pur essendo un metallo
brutto, specialmente quando ossida (ruggine) ma molto
resistente divenne un metallo "cercato" al pari dell'oro.
("cercare" significa "metallo"). In alcuni casi il siderite perchè
proveniva dal cielo divenne anche un oggetto sacro (quello
alla Mecca, è appunto un siderite). E non a caso "siderite"
significa "ferro".
Solo intorno al 1700-1600 a.C. (ma alcuni monili datano anche
il 3000 a.C.) gli Ittiti scoprirono un metodo per ottenere ferro
dal minerale, utilizzando non la legna, ma il carbone di legna.
Fu una soluzione forse fatta a casaccio, non potevano certo
immaginare che nel processo termochimico solo quando il
carbonio si unisce al ferro, forma quella lega resistente che
noi chiamiamo acciaio (la durezza degli acciai è in relazione
alla quantità di carbonio contenuta: i più duri all' 1% , i più
dolci 0,06)
I primi risultati degli Ittiti non furono incoraggianti, e solo nel
1400-1300 a.C. insistendo con il carbone, e lavorando il ferro a
caldo (ma non ancora fuso, quindi una lavorazione detta
fucinatura) ciò che ottennero era qualcosa di molto resistente,
già utile per fare solide armi; e proprio per questo la tecnica
della fucinatura divenne un segreto di Stato. Nel 1200 a.C.
solo chi conosceva questa tecnica riuscì a ottenere la
predominanza sulle armi dei nemici. Quando i Dorici
sconfissero i Micenei, questi (narra Omero) possedevano
ancora armi in bronzo, mentre i primi avevano armi in
durissimo ferro. Altrettanto gli israeliti a Canaan dove
sconfissero i filistei e fondarono il loro impero. - Una prima
messa a punto di un procedimento per produrre un acciao con
una buona percentuale di carbonio (pari al 0,12%) furono gli
Indiani nel 200 a.C.. Il metodo era quello di mettere nel
crogiolo il carbone di legna. Il ferro attenuto messo in
commercio in pani, veniva forgiato per ottenere i vari utensili,
e soprattutto le famose lame cosiddette "damaschine" perchè
ottenute con la "Tecnica di Damasco". O perchè era un
segreto, o perchè più nessuno si interessò alla tecnologia
della fusione, il metodo indiano fu riscoperto quasi 2000 anni
dopo; quando nel 1740 l'inglese Benjamin Huntsman lo utilizzò
per caso, ottenendo gli acciai per costruire quelle prime
macchine della "rivoluzione industraile" che presto farà
cambiare la civiltà occidentale.
In parallelo erano apparsi anche gli acciai prodotti da Abraham
Darby (1678-1717) utilizzando nella sua ferriera il carbone
coke, il carbon fossile distillato. (vedi anche anno 1709 era

Pagina 128 di 835


moderna - ALTOFORNO)

____ VETRO - Conoscendo molto bene il fuoco, e quindi anche la


fusione dei primi metalli, in qualche modo la sostanza vetrosa
-che si ottiene nel riscaldare ad alta temperatura la sabbia
silicea- era già stata scoperta chissà da quanto tempo. Nella
fusione i quarzi contenuti nella sabbia diventano liquidi come
il rame e lo stagno e nel raffreddarsi il prodotto che si ottiene
è anche più tagliente, ma aveva un difetto grossissimo: era
fragile, quindi poco utilizzabile per attrezzi, strumenti vari e
tantomeno per le armi. Lo si usò per altre cose, per farne
oggetti d'ornamento. All'interno delle tombe egizie di questo
periodo (ma anche in Mesopotamia, in Grecia, a Micene) la
presenza di monili in vetro inizia ad essere molto comune, e
dovranno passare più di mille anni, prima che il vetro venga
utilizzato per farci altri oggetti, come i recipienti (salvo
minuscole bottigliette che comparvero in Egitto fin dal 1400
a.C.) .
Non abbiamo notizie storiche certe sulla nascita dell'industria
vetraria; ma se leggiamo quanto ci riferisce Plinio il Vecchio,
dobbiamo asserire che non si può parlare di invenzione del
vetro, bensì di scoperta, perche secondo la leggenda alla
quale, appunto, accenna Plinio, sarebbe stato casualmente
che i Fenici rinvennero nella sabbia della costa di quella
regione che è oggi la Siria, una massa fusa trasparente nelle
ceneri ancora calde di un fuoco. Qualunque sia il peso che a
questa leggenda vogliamo dare, è certo che i vetri fenici erano
famosissimi già millecinquecento anni prima di Cristo, e si
può, quindi, affermare che, se i Fenici non furono gli scopritori
del metodo di fabbricazione del vetro, furono certo fra i primi
perfetti artefici dell'industria vetraria.
Più che per la praticità (vi erano abbondanti stoviglie in
ceramica e con i metalli erano già stati realizzati perfino dei
bellissimi calici indistruttibili finemente decorati) la scelta fu
certamente dettata dalla bellezza che il vetro ha come
maggiore caratteristica rispetto a tutte le altre sostanze:
quella della trasparenza (anche se allora era piuttosto opaco).
Un fascino che divenne ancora maggiore quando, alcune
impurità presenti o aggiunte deliberatamente, si riusciva ad
ottenere vetri colorati. Inoltre utilizzando particolari sabbie
con silice di maggior qualità, il prodotto ottenuto era un vetro
sottilissimo, cristallino, di grande lucentezza. I primi oggetti
furono delle grezze e asimmetriche ampolle, dei calici,
vasellame vario, che gli artigiani egiziani di Alessandria
ottenevano versando il vetro fuso in apposite forme o stampi,

Pagina 129 di 835


che poi univano; solo molto più tardi, sempre in Siria nel 100
a.C. - venne introdotto il metodo della soffiatura, che permise
di realizzare alcune bottiglie, recipienti e innumerevoli vasi
artistici, senza la fastidiosa riga centrale dell'unione. Ma
quest'arte non ebbe una grande diffusione (vedi anno 100 a.C.
"vetro soffiato")

____ FINESTRE (vedi sotto)


____ PRODUZIONE LASTRE DI VETRO - Nelle antiche case sia
egiziane che mesopotamiche, luoghi quindi dove non vi erano
basse temperature, le finestre erano delle semplici aperture
dove passava un po' di luce. Anche se conoscevano la fusione
del vetro, nessuno pensò mai di fare delle lastre da porre alle
finestre. Si usavano dei teli bianchi impreganti di grasso o
piccoli telai dove applicavano trasperenti pezzi di vescica di
maiale, e più tardi la pelle degli animali ridotta a sottile
pergamena. Nei primi secoli di Roma era in uso questo
sistema, ma durante l'impero erano già note piccole lastre di
grezzo vetro, non certo allora trasparente, normalmente
spesse un centimetro. Una testimonianza l'abbiamo nei resti
di Pompei, dove le case dei patrizi e dei ricchi avevano alle
finestre dei telai di bronzo con inserite queste piccole lastre.
Ma terminato l'impero romano, anche le rare industrie che
producevano questo tipo di vetro scomparvero e durante tutto
il medioevo fino al XII secolo la maggior parte delle case le
finestre erano tornate al vecchio sistema della pergamena. Il
vetro era ancora molto costoso, solo le prime cattedrali, poi
anche le altre chiese utilizzarono piccole lastre di vetro,
spesso a vari colori per formare le grandi vetrate policrome. In
Normandia nel XIV secolo con una particolare lavorazione
nacque la prima lastra di vetro, il cosiddetto "crown", piatto,
sottile, ideale per finestre, ma non era ancora del tutto
trasparente, ma opaco, e con tracce di fastidioso colore. E non
era trasparente neppure quello degli abilissimi artigiani
veneziani nello stesso periodo e nel successivo (XIV-XV sec.);
era bellissimo, sottile, ma era opaco, infatti lo chiamarono col
nome del "cristallo" che gli somigliava: quello di "rocca". Solo
pochi patrizi si potevano permettere di avere finestre con
questo tipo di vetro fabbricato anche a lastre.
Anche in Francia nel XVII secolo furono realizzate lastre di
vetro piane abbastanza trasparenti, con la lucidatura in
entrambe le due facce, come da tempo si faceva per le lenti
ottiche, ma il metodo anche se era efficace era troppo costoso
perchè potesse diffondersi. Nel 1640 in Inghilterra, a Balls
Park comparve un tipo di vetro fatto a lastre; i carpentieri

Pagina 130 di 835


fabbricarono delle finestre dette "a ghigliottina" , cioè erano
scorrevoli; un sistema che ancora oggi è usato in Inghilterra.
Più tardi, nel 1688, venivano realizzate a buon mercato lastre
per finestre permettendo così finalmente ad alcune case di
avere la luce nelle stanze.
Tuttavia, la vera diffusione della finestra a vetri del tutto
trasparenti si diffuse solo dopo duecento anni, quando in
Germania nel 1884 comparve il "vetro di Jena", utilizzando del
silicato borico. All'inizio del '900, il vetro divenne poi sempre
di più di normale impiego perchè economico - quando le
macchine industriali iniziarono a produrre lastre di vetro a
ciclo continuo. Ed ancora più economico quando si usò a
produrre le lastre con il metodo del "galleggiamento" (To flat)
messo a punto dall'inglese Alastair Pilkington nel 1952; ancora
oggi il metodo più utilizzato.

____ ASFALTO (vedi sotto)


____ BITUME - Le prime notizie dell'impiego di questa sostanza
(che è una miscela di idrocarburi fluidi e viscosi di origine
organica, parzialmente ossidati, con impurità minerali) sono di
questa data, soprattutto nei luoghi dove oggi sorgono i pozzi
petroliferi. Fu usato per sigillare i muri di mattoni delle Terme
di Mohenjo-Daro, nell'attuale Pakistan; ma in seguito anche
per pavimentare alcune strade dedicate agli dei in
Mesopotamia. Avendo la caratteristica particolare di
impermeabilizzare, quando furono costruite le navi in legno, il
bitume fu usato per calatafare lo scafo; ma anche usato sui
tetti o nei terrazzi delle case. Nel 673 d.C. sembra che una
miscela simile (mischiata a zolfo e resine) inventata da un
certo Callinicus, fu usata come arma dai Bizantini contro le
navi arabe; conosciuto come il "fuoco greco". Essendo leggero,
lanciato sull'acqua fluido o in blocchi, continuava a bruciare,
mettendo nel panico le navi nemiche costrette a ritirarsi.

____ COMPASSO - L'uso di questo semplice strumento non ha


una data certa. Inizia sicuramente a diffondersi - quasi
contemporaneamente - presso tutte le civiltà conosciute a
partire da questa metà del secondo millennio. Forse originario
è dell'India dove la scoperta di cerchi perfetti su tavolette di
argilla fa supporre l'uso di questo strumento.

____ LEGNO COMPENSATO - Di accoppiare fogli di legno con


una fibra orizzontale con una verticale per ottenere fogli
resistenti, ma sottili e flessibili, era già in uso a questa data
presso gli egiziani per diversi lavori realizzati in legno, come il

Pagina 131 di 835


rivestimento di mobili. L'uso venne ripreso dai falegnami
europei nel XVIII secolo, impiegato poi abitualmente, fino ai
nostri giorni, per costruire mobili con tavole meno
indeformabili, o per rivestire tavole di legno scadente, con
sottili fogli di legno più pregiato.

____ GALLERIA - La prima con la funzione di vera e propria


strada, fu costruita in Mesopotamia dai Babilonesi. Non
essendoci ancora una valida tecnica costruttiva capace di fare
un ponte per attraversare il grande corso d'acqua Eufrate,
scavarono sotto il fiume un passaggio, perfino rivestito con
mattoni. Più tardi a Samo, nel 498 a.C. un certo Eupalinos
progetta e fa costruire una galleria stradale sotto il monte
Kastro. Nell'eseguire i lavori Teodoro di Samo usa per primo
un curioso strumento che gli è molto utile proprio nell'opera
che sta realizzando: la livella e la squadra.
Le prime gallerie occidentali furono realizzate quando iniziò a
diffondersi la ferrovia, soprattutto dove questa fece i suoi
primi passi. Infatti nel 1826 iniziarono i lavori di scavo della
galleria ferroviaria che univa Liverpool a Manchester,
inaugurata poi nel 1829. Quelle stradali furono realizzate
quando si diffusero gli autoveicoli dato che la pendenza dei
passi alpini ne ostacolavano la scorrevolezza.

____ FOGNATURA - Forse nel costruire canali destinati a


distribuire acque di fiumi o a smaltire acque stagnanti, a
qualche ingegnere venne l'idea di farne uno - soprattutto in
città - che smaltisse unicamente acque di scarico mischiate ai
ributtanti e puzzolenti rifiuti organici. La più antica venne
costruita nella città di Mohenjo-Daro nell'attuale Pakistan nel
2500 a.C. In Italia la più antica è quella costruita durante i
primi regni di Roma, nel 578 a.C.: la Cloaca Massima, lunga
600 metri che raccoglieva le acque nere della città capitolina
per riversarle poi nel Tevere. Un colossale opera che servì
anche a prosciugare i bassi terreni paludosi - creati dalle
piene del fiume - a nord del Palatino.
Oltre che funzionali quelle romane erano anche dei capolavori
di ingegneria. Con la caduta dell'impero romano, buona parte
senza più la manutenzione, rimasero intasate; nè nel periodo
barbaro - perfino nelle grandi città - se ne costruirono delle
altre. La maggior parte delle case dei ricchi - nel medioevo ma
anche durante e dopo il Rinascimento- erano dotati di pozzi
neri, non sempre efficienti, e furono questi i maggior
responsabili delle numerose epidemie di pesti e di tifo proprio
per le acque inquinate, soprattutto quelle delle sorgenti e

Pagina 132 di 835


delle falde acquifere (perchè anche gli acquedotti
caddero in disuso, e si attingeva acqua nei pozzi
che non erano molto lontano da quelli usati per
scaricarvi escrementi). Qualcosa si fece nel
periodo della Rivoluzione industriale, quando
alcune città per la presenza di industrie si erano
sovrappopolate mentre i centri urbani erano carenti per lo
smaltimento delle acque nere. Alcune città se erano situate o
sulla costa marina o vicino a fiumi, brevi tubazioni scaricavano
su questi. Mentre in altre si iniziò ad adottare altri sistemi,
come quello di trattare chimicamente le acque di scarico o
ricorrendo all'immissione di batteri naturali per ottenere la
depurazione. Presero il nome di "fosse biologiche", o "vasche
biologiche". Con questo metodo, nel 1914 sorse una dei più
grandi sistemi di depurazione biologica a Manchester. Metodo
che fu poi seguito da tutte le città del mondo, anche quelle
vicine a fiumi o mari, evitando così di inquinarli.
ANNO 2000 a.C.
____ CAVALLO - Fino a questo periodo in Egitto, al traino di
mezzi agricoli come l'aratro o i carri venivano usati asini e
buoi. Per entrambi i due impieghi, il primo era piuttosto
piccolo e debole, mentre il secondo anche se era grande e
forte era decisamente più lento e anche più stupido. E proprio
per questi due svantaggiosi motivi i due quadrupedi domestici
non si potevano utilizzare con buoni risultati in guerra. Al
massimo i pesanti e lenti carri potevano servire per
raggiungere le retrovie con le provviste, oppure fare qualche
sfilata con il sovrano sopra. Del resto non c'era di meglio in
giro come animali.
Non così in Iran, dove gli abitanti del regno dei Mitanni
(indicati come Hyksos), avevano a disposizione allo stato
selvaggio un animale forte, slanciato, veloce: il cavallo. Lo
addomesticarono, lo imbrigliarono con un morso, iniziarono a
cavalcarlo, realizzando perfino un carro leggero riducendolo a
una piattaforma posta tra le due robuste ruote a raggi
(l'antesignana della biga)
Ben presto si ritrovarono in mano una potente arma da
guerra. Una compagine di soldati a cavallo e su i carri, quando
assalivano gli uomini delle fanterie avversarie, seminavano il
terrore. Gli Hyksos erano un popolo nomade che viveva
soprattutto di razzie, quindi il cavallo e i carri divennero la
loro arma vincente: di sorpresa e in un lampo attaccavano e si
ritiravano velocemente. Avevano iniziato a fare queste razzie
prima in Mesopotamia, poi avevano continuato nella terra di
Canaan, e tre secoli dopo, diventati specialisti delle scorrerie
Pagina 133 di 835
e dei saccheggi, nel 1730 a.C. iniziarono una serie di
scorribande in Egitto, prendendo infine anche possesso di
ampi territori nelle regioni settentrionali del paese che cadde
per la prima volta davanti a invasori stranieri; gli egiziani
diventarono vassalli e pochi decenni dopo, nel 1674 a.C. gli
invasori inizieranno perfino una loro dinastia di Faraoni, detta
anche dei Grandi Hyksos.

____ BOTTONE - Questo piccolo oggetto fatto a disco di


materiale vario, piatto, convesso, talvolta ricoperto di tessuto,
che infilato all'occhiello serve per allacciare le parti di un
indumento , ma anche per ornare, era già in uso in Medio
Oriente all'incirca a questa data anche se era di foggia diversa
e senza occhiello. In occidente ne fecero largo uso i Romani e
sembra che siano stati i loro sarti a inventarsi l'occhiello. Da
allora il bottone non smise mai di essere usato; specialmente
in Italia sorsero nel medioevo numerose le fabbriche di bottoni
di ogni tipo, ed alcuni anche preziosi.

____ IL BOTTONE AUTOMATICO , quello dei due dischetti


metallici, uno dei quali si incastra nell'altro per pressione, fu
invece realizzato dal francese George Abraham nel 1901.

____ SPECCHIO - Con il bronzo non furono fabbricati solo armi e


arnesi vari, ma lucidato e levigato finemente furono realizzati
dei civettuoli strumenti: gli specchi, ideale arma di seduzione
soprattutto delle donne. I primi sono documentati in epoca
anteriore al 2000 a.C. Abbiamo già ricordato (in "BRONZO"
anno 3500 a.C.) quelli magistralmente realizzati - intorno a
questa data - dagli artigiani di Brindisi) ma per altri tre
millenni non ebbero quasi nessun miglioramento, salvo quelli
realizzati in lastre di argento. I primi in vetro con un lato
ricoperto da un sottilissimo foglio di stagno o usando
mercurio, furono realizzati dai vetrai veneziani nel XIV secolo.
Ma anche questo procedimento (fra l'altro tenuto segreto)
rimase per circa cinque secoli immutato. Solo nel 1935 per
realizzare i moderni specchi fu messo a punto un particolare
processo inventato dal tedesco Justus von Liebig, che utilizzò
l'argento per ricoprire il retro del vetro. ( vedi "vetro" -
descrizione vari tipi fino XIX secolo- nell'anno 100 a.C.) (e vedi
"lenti" anno 1249)

____ FORBICI - Le prime realizzate furono in bronzo molto simili


alle attuali; comparvero in Asia e in Europa all'incirca in
questa data (2000 a.C.). Furono in seguito migliorate usando

Pagina 134 di 835


metalli come il ferro. Mentre quelle realizzate in acciaio
comparvero in inghilterra nel 1761, per merito di un artigiano:
Robert Hinchcliffe.

____ MANTICE - Uno strumento molto simile era già conosciuto


dagli egiziani nel secondo millennio a.C. Ed era un otre che
aspirava e mandava fuori aria principalmente usato per
alimentare il fuoco. In seguito quando si apprese la fusione dei
metalli duri, fu utilizzato nella metallurgia e per attivare il
fuoco della fucina dei fabbri fin quasi a nostri giorni. Dai
bizantini i mantici furono invece utilizzati per fare degli
strumenti musicali, come gli organi a canne (vedi "organo"
anno 274 ). Utilizzando l'aria di un otre soffiata in una o più
sottili canne, nacquero poi le cornamuse, e successivamente
in Sicilia - forse introdotti dagli arabi o dagli stessi bizantini -
gli organetti di Bagheria, progenitori della fisarmonica.

____ TELEGRAFO - Se vogliamo risalire tutto l'albero


genealogico del telegrafia e del telefono a filo, dobbiamo
portarci a questa data (circa 2000 a.C.) in Cina, dove si
cercava già di parlare a distanza con un mezzo assai puerile, è
vero, ma che come idea base, può considerarsi in certo qual
modo analogo al nostro moderno apparecchio; questo mezzo
era formato da due canne di grosso bambù (una funzionava da
microfono, l'altra da ricevitore), collegate da un sottile filo,
lungo talvolta anche qualche centinaio di metri. La immissione
del suono avveniva dentro la prima canna, trasmetteva le
vibrazioni lungo il filo, e all'altro capo le stesse vibrazioni si
ampliavano nel vuoto dell'altra canna, permettendo di
ascoltare a distanza ciò che non sarebbe stato possibile in
altro modo ascoltare. In un certo senso è ciò che avviene oggi
col nostro telefono che sfrutta le vibrazioni vocali create in
una piccola membrana posta a capo di un filo, potenziandole
con un elettromagnete le trasmette all'altro capo del filo dove
in un'altra membrana si riproducono le vibrazioni. Non
dimentichiamo che Morse per trasmettere a distanza, ad ogni
tratto del percorso dovette mettere un relè per ripotenziare il
segnale elettrico fino alla successiva stazione, e da questa
all'altra e così via. Nè dimentichiamo che "telegrafo" il senso
etimologico della parola non ha nulla a che vedere con
l'elettricità, ma significa solo "scrivo lontano". In ogni forma di
trasmissione a distanza questo termine calza perfettamente
(segnali ottici, a bandiere, con i fuochi, col fumo, ecc.)
____ PALLA (vedi sotto)
____ CALCIO - (vedi sotto)

Pagina 135 di 835


____ PALLONE - L'antichissima origine è poco conosciuta, ma le
prime documentazioni dell'impiego di una palla sembra di
questo periodo. Maggiori informazioni le abbiamo dall'antica
Grecia. Il calcio era conosciuto come l'episciro, (episkyros)
giocato con i piedi, e il pheninda giocato utilizzando anche le
mani. Nel mondo romano poi prese il nome di harpastum, o
anche detto in volgare il piede-palla. In tempi antichi si
praticava anche in Cina, chiamato tsu ciu, che significa calcio
palla. Le palle in Grecia erano fatte di vescica di maiale
gonfiate. Le prime in "gomma", cioè "caucciù", furono
realizzate al tempo dei Maya nell'america centrale. Colombo e
i suoi uomini nel secondo viaggio, quando sbarcarono
nell'isola di Haiti, trovarono gli abitanti che giocavano con
strane palle che rimbalzavano. Erano fatte di caucciù - una
sostanza fornita da una pianta chiamata Hevea Brasiliensis.
Una pianta quasi simile era già conosciuta nell'antichità. In
India nel 2000 a.C. col nome di "lacca", in Egitto col nome di
"Kuma" o "Komè", in greco divenne Kommi, in latino Gummi, in
italiano Gomma. Quella americana prese poi questo nome, ma
molto tardi quando un francese, Condamine, reduce da un
viaggio in Amazzonia nel 1735, descrisse al suo governo le
proprietà di questa sostanza, insieme ad alcuni oggetti
fabbricati dagli indigeni. Ma non gli prestarono molta
attenzione. Furono poi gli inglesi a scoprirne alcune proprietà
e fra i tanti oggetti realizzarono anche una palla in gomma e
cuoio e quindi i due tipi di calcio che leggeremo più avanti.
In Italia nel periodo rinascimentale il gioco della palla fu molto
praticato e giocato nelle piazze di Firenze. Con alcune regole,
lo si chiamò calcio fiorentino (florentinum harpastum).
Abbiamo però molte testimonianze che si giocava anche a
Bologna, Padova, Urbino, Mantova e Venezia. In alcune città lo
si proibì perchè si era trasformato in un gioco violento dei
giocatori e anche dei tifosi. I primi trattati dedicati al calcio
sono proprio fiorentini, di Antonio Scaino, Trattato del gioco
della palla, e quello di Giovanni de Bardi, Discorso sopra il
gioco del calcio fiorentino. Dai due trattati scopriamo che
questo antico gioco della palla era molto diverso dal moderno
calcio; le caratteristiche sono piuttosto più vicine al rugby che
non al calcio moderno. Significa che gli inglesi tre secoli dopo
inventarono proprio nulla.
Prima ancora che il calcio inglese si diffondessero in Italia
nell'800, c'erano i giochi "sferistici" che da quattrocento anni
la facevano da padroni. Su tutti, il più amato e il più praticato
era il....

Pagina 136 di 835


____ PALLONE COL BRACCIALE ( vedi
pagina dedicata in Storie di Sport )-
Per oltre quattro secoli, a partire dal
Cinquecento, il bracciale ha tenuto
banco fino a toccare nell'Ottocento i vertici massimi del
consenso e della popolarità. La straordinaria abilità dei
giocatori "nell' addomesticare" con un pesante attrezzo irto di
punte (il bracciale) una capricciosa sfera di cuoio e scagliarla
con precisione e vigore da una parte all'altra di un rettangolo
da gioco, in un duello a distanza di botta e risposta, estasiava
talmente le folle che annotava messer Antonio Scaino da Salò:
"tanto è il piacere dè spettatori, ch'io più volte gli ho veduto in
tal modo intenti che nè trar fiato, nè aprir bocca, nè batter
occhi si vedevano" .
Tra la fine del Settecento e gli inizi del secolo successivo, con
la costruzione di impianti specifici (i sferisteri - i campi di
calcio di allora), con la codificazione delle regole e con il
propagarsi del professionismo, il pallone assurse al ruolo e
all'importanza di sport nazionale acquisendo tutte le
caratteristiche dello spettacolo pubblico modernamente
inteso.
Numerose insigni testimonianze del tempo ci fanno conoscere
il vastissimo seguito che il gioco aveva: Wolfgang Goethe, per
esempio, ricordava di aver assistito, a Verona nel 1786, ad
una partita in compagnia di altri quattro- cinquemila
spettatori ; De Amicis confermava lo stesso numero di
presenze nello sferisterio di Bologna a fine Ottocento; alla
metà dello stesso secolo, ci informa Pesci, l'arena del pallone
fuori della porta a Pinti a Firenze "non bastava a contenere i
numerosissimi spettatori, e molti dovevano restar fuori dallo
steccato ad aspettare le notizie della partita ed i palloni
sbagliati". Discorso a parte il .... (foot ball inglese, il calcio
moderno, le gare e i campionati di calcio - vedi anno 1800 )
ANNO 1800 a.C.
____ ASTRONOMIA - ASTROLOGIA - Con una intensa
osservazione del cielo e la scoperta dei primi misteri degli
astri, come la periodicità, i cicli ecc., si svilupparono due
correnti di pensiero.
In precedenza c'era solo la casta sacerdotale che sfruttando
l'ignoranza della gente con le stelle aveva fino a questo
momento propinato le sue assurdità. Un'altra casta era invece
quella degli scienziati, dei matematici che con precisi calcoli
erano in grado di prevedere dove la Luna, i pianeti e le stelle
Pagina 137 di 835
si sarebbero trovati in un determinato giorno. Solo questi
scienziati che studiavano gli astri e scoprivano le leggi dei
fenomeni celesti, si potevano considerare gli astronomi
(astron= astro, nomos=legge) "uomini che conoscono la legge
degli astri".
Ma temendo di essere esautorati da questi sapienti soggetti, i
sacerdoti (che erano poco abili nei calcoli ma abilissimi a fare
ipotesi immaginose sul futuro di ogni cosa e per questo erano
tenuti in alta considerazione dal popolino ignorante)
fondarono sulle stesse nuove scoperte astronomiche tutta una
serie di influssi che ogni astro, costellazione, pianeta
esercitava sulla nascita e la vita dell'uomo. In sostanza
(all'incirca nel 350 a.C.) gli astrologi babilonesi s'inventarono i
segni zodiacali e con abili chiacchiere proponevano assurdità
di ogni tipo (astrologo= astron=astro, logos=discorso=
chiacchiere) "uomini che fanno chiacchiere".
Divisero lo zodiaco in 12 sezioni di 30 gradi ciascuno e come
sistema di riferimento, presero il movimento del Sole e dei
Pianeti.
Ricordiamo che per effetto della precessione degli equinozi, le
costellazioni di oggi non le vediamo nella stessa posizione; da
allora si discostano rispetto ai tradizionali 12 segni zodiacali di
oltre 30°. Già Tolomeo (I sec.) nell'Almagesto di costellazioni
ne elenca 48; attualmente il cielo è diviso in 88 costellazioni,
29 sono a nord dei mitici 12 segni zodiacali, 47 sono a sud.
Pertanto i segni dello zodiaco hanno un interesse puramente
astrologico.
Da notare che fin dal 130 a.C., Ipparco di Nicea (disegnando
una carta delle costellazioni) aveva scoperto la precessione
degli equinozi; già allora paragonando le posizioni delle stelle
con quelle rilevate dagli astronomi più antichi, rilevò che la
volta celeste e quindi le costellazioni si spostavano da
occidente a oriente a un ritmo che le avrebbe condotte a
effettuare il giro completo del cielo in 26.700 anni.
Ma imperterriti gli astrologi continuarono a veder in cielo le
costellazioni ferme per l'eternità. E continuano a vederle
tuttora.

anello sigillo, anello etrusco, anello romano, anello longobardo, anello nuziale,
anello ornamentale

Pagina 138 di 835


____ ANELLO - (vedi sotto)
____ FEDE - L'anello è di origine antichissima, forse orientale,
ma compare nella civiltà cretese-minoica intorno al 1800 a.C.
poi in tutte le mitiche leggende greche. Prometeo liberato
dalle catene, Giove impone di portare un anello di ferro in cui
è incastonato un frammento di rupe del Caucaso; Teseo,
sfidato da Minosse a raccogliere l'anello da questo lanciato nel
mare, viene condotto dai delfini nella reggia sottomarina di
Anfitrite che gli consegna l'anello; Gige si rendeva invisibile
girando verso il palmo della mano il cammeo del suo anello.
Quando l'anello si diffonde in Grecia non era ancora prezioso
nè era un ornamento. Era un anello sigillo che esprimeva
autorità e serviva al monarca a sigillare documenti. Non
dimentichiamo che prima, sia presso i Sumeri che presso gli
Egiziani esisteva il "cilindro" in bassorielevo del monarca che
veniva impresso sulla tavoletta di argilla. Il metallo più usato
per realizzarlo era il prezioso oro, ma altrettanto prezioso era
allora il ferro (per lo più meteorico). Comunque sia, sulla
facciata l'anello riportava una incisione che restava impressa
sul papiro e in seguito sulla pergamena. Questo significato di
autorità come vedremo più avanti fu poi nel medioevo ripreso
dagli anelli papali, imperiali e reali.
Quando la Grecia vive i suoi anni migliori, l'anello comincia ad
essere diffuso come segno distintivo di classe, non è già più
un sigillo, ma un oggetto ornamentale che inizia a riportare
una figura o delle figure. Quando giunsero in Italia gli Etruschi
conservarono questa abitudine ornamentale con anelli
finemente cesellati. Roma eredita da loro non solo questa
moda ma anche l'arte del cesello, e apre l'arte di incastonarci
qualcosa (una moneta, una piccola chiave, delle pietre, e mille
altre cose) diventando spesso anelli amuleti. Inizia anche ad
avere la forma di un semplice cerchietto, con dei valori
simbolici, il primo dei quali è quello di pegno di fedeltà
("anulus pronubus") , o anello nuziale ("vinculum"). Resta
comunque in alcuni anelli il significato di autorità quando un
certo tipo di anello è portato dai senatori e dai nobili. L'usanza
rimase, ma non fu peculiare, perchè subito dopo nel I sec. d.C.
diventa e si diffonde come un facoltativo segno distintivo di
un cittadino romano libero per distinguerlo dallo schiavo. Si
diffondono così gli anelli ornamentali, con gemme-corniole,
onice, incisi minutamente dagli abili artigiani, spesso
raffiguranti divinità varie a cui si attribuivano capacità
protettive. Non vi era mai stato un dito particolare, lo si
portava nelle dita della mano destra come in quelle di sinistra;
poi il nuziale inizia ad essere portato solo nel quarto dito, che

Pagina 139 di 835


ben presto lo stesso dito prende il nome dell'anello, cioè
"anulare". L'avvento del cristianesimo spazza via tutti i simboli
pagani dell'anello, ma anche l'anello stesso, perchè è simbolo
di civetteria (che è la sposa del diavolo tentatore), e torna
all'anello col significato di autorità e in parallelo mutua dal
"nuziale" la formula di "fedeltà", di "vincolo". Nasce l'anello
episcopale, e nel riceverlo dalla più alta autorità della Chiesa il
vescovo è ammonito "Prendi questo anello simbolo della fede
e della fedeltà, perchè con fede e fedeltà devi custodire e
difendere la Chiesa". L'anello torna così ad essere usato come
sigillo, e torna ad esprimere il potere; e in un certo senso
torna ad essere un "talismano", infatti chi bacia l'anello del
vescovo o del papa ha una sorte di protezione divina. Più tardi
ritorna anche l'uso dell "anello nuziale" nella sua forma più
semplice (un cerchietto), che nel matrimonio celebrato dal
prete mutua la formula recitata dal vescovo (quello della fede)
ed infatti l'anello inizia a chiamarsi "fede".
I "barbari" che per la maggior parte non erano legati alla
Chiesa, imitano la moda dell'anello, ma i primi che realizzano
sono come stile proprio "barbari".
Mentre gli anelli del potere ecclesiastico iniziano per tutto il
medioevo ad essere belli, con pietre preziose incastonate,
oppure d'oro finemente cesellati. Nel 1265 è celebre quello
papale, di Clemente IV, che prende il nome "del pescatore"
perchè porta impressa l'immagine di San Pietro. Usato poi da
tutti i papi per lettere private e concessioni di grazie.
A partire dagli anni delle Signorie, l'anello (nuovamente
simbolo di potere) compare nelle varie corti, sfarzoso, sempre
più prezioso e si diffonde presso i duchi, marchesi, principi,
conti, ma quando inizia il "liberale" Rinascimento, anche i
parvenu, i nuovi arricchiti e le loro dame, imitano alla grande
e portano non solo un anello in un dito ma più anelli in tutte le
dita. A Firenze, Venezia, Parigi, fioriscono così le arti della
cesellatura, dell'orificeria, delle pietre preziose. Questa
opulenta moda continua nell'età barocca, fino alla Rivoluzione
Francese, che spazza via con molte teste coronate anche i
simboli del potere. L'anello torna ad essere severo, i simboli
diventano politici e storici, e come metalli si usano gli austeri
rame e ferro. Si ingentiliranno un po' con i cammei. Con la
Restaurazione gli anelli sfarzosi, preziosi con grandi gemme,
smeraldi, diamanti, zaffiri, ricompaiono in tutte le corti, ma
anche i nuovi ricchi non se li faranno più mancare, e i ricchi
iniziano con la rivoluzione industriale ad essere tanti. Di
tradizione in tradizione, di epoca in epoca, l'anello è tornato ai
giorni nostri a non avere più un significato di potere ma solo

Pagina 140 di 835


un semplice oggetto ornamentale preferito da molti e foggiato
in bellissime forme, grazie al gusto e alla perfezione ormai
raggiunti nell'arte dell'oreficeria.

____ OSSERVATORIO ASTRONOMICO (vedi sotto)


____ PLANISFERO TERRESTRE (vedi sotto)
____ PLANETARIO ASTRONOMICO - Al pari degli Egizi e dei
Babilonesi, anche i Cinesi nel corso 2° millennio a.C. avevano
buone conoscenze della volta celeste, fino al punto di
costruire - nel 2068 a.C. - sotto l'imperatore Hoang Ti, un
efficiente Planetario Astronomico (e forse per questo
proseguendo gli studi avevano già allestito nel 300 a.C. un
calendario con l'anno di 365,25 giorni - anno di Chuan YU. Del
Planetario gli astronomi di Babilonia probabilmente ne ebbero
conoscenza, e nel 504 a.C. ne fu realizzato uno alla sommità
del tempio di Belus. Più tardi durante la dominazione araba,
nell'anno 800, a Baghdad era già in funzione un efficiente
planetario dentro gli edifici dell'insegnamento superiore, una
specie di Università di Stato, un Politecnico.
In Siria, nel 1232, prima ancora che cadesse l'Impero Latino in
Oriente, partì un planetario di accuratezza e precisione
sconosciuta in Europa, in regalo all'imperatore Federico II,
dono del Sultano di Damasco.
Nello stesso periodo in parallelo si erano anche realizzati
accurati planetari terrestri, con conoscenza geografiche del
tutto ignorate in occidente. Nel 1200, alla corte normanna di
Federico
c'era già un planisfero che indicava con l'Africa, il polo
australe e la stella polare, ma non la solita, ma la Croce del
Sud. Il primo a parlarne (in Europa cento anni dopo) fu Dante,
che direttamente o indirettamente (la sua presenza in Sicilia
non è accertata) indubbiamente lo apprese dai libri custoditi o
usciti dalle corte di Sicilia; molti non capirono alcune criptiche
frasi inserite nel suo poema. E forse neppure lui. Le vogliamo
riportare: Nel Primo canto del Purgatorie Dante dice: "Io mi
volsi a man destra/ e puosi mente all'altro polo/ e vidi quattro
stelle/ non viste mai fuor ch'alla prima gente". Nei versi 28-31:
"Com'io dal loro sguardo fui partito/ Un poco me volgendo
all'altro polo/ Là onde il Carro già era sparito/ Vidi presso di
me un veglio solo..."
Poi in un altro punto al canto quarto, versi 55 e sgg, Dante
riferisce d'esser "giunto nell'emisfero meridionale e di aver
visto il sole a nord". Insomma troppo preciso. Non può essere
una invenzione nè teorica nè poetica. Qualcosa di certo

Pagina 141 di 835


doveva sapere. Ma oltre i testi arabi alla corte di Sicilia di
Ruggero II - con la presenza nel 1144 a corte del famoso arabo
Ibn Edrisi -medico, astronomo, geografo, ma anche
leggendario navigatore - questo aveva addirittura inciso su
una gigantesca lastra d'argento la prima rappresentazione del
mondo australe. Nessuno fino al 1487 (prima di Cao e poi Diaz,
col periplo dell'Africa) aveva mai navigato fino allora oltre il
20° parallelo a sud, e la Croce del Sud e visibile solo dal 30°
parallelo.
Il primo planisfero che rappresentava il mondo in generale con
una certa esattezza (grazie anche a tutte le nozioni
geografiche delle esplorazioni di quasi 70 anni) fu quello di
Mercatore (vedi "planisfero" anno 1568).

ANNO 1792-1750 a.C.


____ LEGGI - Il più importante
documento giuridico espresso
dalle antiche civiltà
mesopotamiche è il Codice di
Leggi promulgato da re
Hammurabi nell'arco
convenzionale degli anni che
abbiamo indicati. Consiste in una
stele di dura diorite alta quasi
due metri e mezzo. Queste leggi
sono messe per iscritto in caratteri cuneiformi e descrivono
per sommi capi quasi trecento regole della società, in modo
che tutti possano vedere da sè quali sono, e in modo che non
possono venire distorte o modificate in modo ingiusto o
arbitrario. Affermano anche -per la prima volta- l'autonomia
del potere regio rispetto a quello sacerdotale (che già allora
interferiva nella politica). Sorge spontaneo il sospetto che i
potenti - e non solo nell'antichità e nei secoli successivi ma
tuttora - inventino o alterino alcune regole solo a proprio
vantaggio.
ANNO 1680 a.C.
____ INSEGNAMENTO -
____ SCUOLE - L'insegnamento era già da tempo praticato: ci
riferiamo a quello della scrittura, ma in seguito anche a quello
della matematica e per apprendere la geometria, come il
calcolo dell'area delle superficie piane, dei quadrati, triangoli,
rettangoli, cerchio, utili all'agrimensura delle terre, poderi,
canali, costruzioni varie. Le prime testimonianze certe sono

Pagina 142 di 835


queste tavolette (oggi a Londra)
sempre della scuola di Lagash (come
abbiamo visto già attiva come scuola di
scribi nel 2460 a.C.). Vi sono riportati i problemi, le figure
geometriche e i vari calcoli svolti per ottenere i risultati, che
erano indubbiamente "compiti in classe" che l'alunno svolgeva
a scuola. Dentro la quale già esisteva una "scuola di classe",
con i soliti favoritismi. La testimonianza ci viene da alcune
tavolette (visibili al Louvre) rinvenute in una casa che è da
presumere quello di uno studente figlio di contadini sceso in
città a studiare assieme ai figli dei ricchi; avendo capito che il
professore lo trascurava per le sue umili origini, scrisse al
padre di inviare al professore le migliori prelibatezze della
fattoria. Una successiva tavoletta conferma che il dono fu
molto gradito, visto che il figlio, scrivendo nuovamente al
padre dice che il professore ora gli dedica molta attenzione e
che seguita a rammentargli in ogni momento - forse perchè ne
desidera altri - la bontà dei prodotti ricevuti in dono. (vedi
ancora "scuole" nell'anno 387 a.C. dove accenniamo
all'"accademia", al "liceo", al "ginnasio", e le scuole del
medioevo)
ANNO 1550 a.C.
____ MEDICINA - La storia della medicina risale a tempi
antichissimi, fin dall'origine dell'uomo attraverso le varie
epoche che ne contraddistinguono l'evoluzione. Concetti
medici si trovano nella medicina di tutte le razze e si
ricollegano con quelle delle origini più remote, preistorica
naturale, ed essenzialmente empirica, unite sempre a
concezioni animistiche ed a procedure magiche. Su questo
terreno semplicistico si sviluppò tuttavia bene o male quelle
pratiche che hanno precorso le scoperte della medicina
moderna. Anche nella chirurgia l'archeologia ha scoperto
strumenti costituiti da pietre acuminate che servivano alle
operazioni più gravi. E in seguito veri e propri strumenti
chirurgici come vediamo dall'immagine sopra. E fu anche
naturale come da questa medicina primitiva nascesse
l'organizzazione di caste per l'esercizio di essa, per lo più
sacerdotale, la quale sola questa conosceva la segreta virtù
delle erbe e degli intrugli vari. Inoltre erano questi sacerdoti
ad asserire di avere contatti con la divinità e di saper cacciare
gli spiriti maligni. Il santuario del resto è per lungo tempo la
scuola medica, dove alcuni insegnanti già praticavano la
medicina con criteri scientifici. Sempre a Ninive (oggi a Londra
al British Museum) sono state rinvenute tavolette in cui sono
già espressi alcuni concetti fondamentali di notevole
Pagina 143 di 835
importanza.
Se già nel 2200 a.C. nell'antica Mesopotamia si era già
costituita una legislazione medica, che puniva (codice
Hammurabi) perfino chi sbagliava le operazioni, o non
possedeva un corredo di validi strumenti chirurgici (vedi
immagine), o prescriveva cure errate, anche in Egitto l'arte
della medicina con le sue cognizioni abbraccia alcuni millenni.
Del 3000 a.C. operava la scuola di Osiride ad Eliopoli. Anche
qui all'inizio la medicina fu mistica e sacerdotale, per poi
divenire prevalentemente empirica e realista. Lo si ricava da
una serie di antichi papiri, soprattutto da una raccolta di
scritti medici che sono sì del 1550 a.C. (Papiro Ebers, e di
Brughsch) ma sembra risalgono a tempi molto più lontani e
all'accennata scuola di Osiride. Contengono chiare indicazioni
di operazioni chirurgiche, acute osservazioni diagnostiche,
prescrizioni razionali. Quello di Ebers contiene quasi mille
ricette di medicine che venivano prescritte in quelle forma che
sono ancora in uso ai nostri tempi. Come narra Erodoto, alcuni
curavano gli occhi, altri la testa, altri i denti, altri l'addome.
Ma anche dalle tracce tramandate dai monumenti e dai papiri
molto bene conservati risulta che nella legislazione medica
egiziana davano grande importanza anche alle cognizioni
psicologiche, nè era assente una medicina che faceva parte di
un'architettura sociale (es. le norme igieniche onde prevenire
le malattie).
E' comunque con la Scuola Jonica in Grecia che iniziò il periodo
della scienza dell'osservazione, e in parallelo incominciano i
primi albori della medicina scientifica, unita al fiorire della
filosofia greca. Quest'ultima come sappiamo abbracciava
anche le scienze, la biologia e anche chi studiava l'Universo
ridiscendeva allo studio dell'individuo. Con la successiva
scuola italica, emergono poi nomi come Pitagora, e dove fiorì
la sua scuola a Crotone, prende maggior fondamento la
medicina scientifica con un indirizzo particolare. Pitagora
stesso fu un ricercatore dell'organismo umano, e proprio dalla
sua scuola venne fuori il discepolo Alereone che visse nel 500
a.C. e si ritiene che fosse il primo a praticare sezioni
anatomiche e, secondo lui, è nel cervello che si deve ricercare
la sede delle sensazioni, e ancora a lui si deve la spiegazione
dei fenomeni della circolazione nelle arterie e lo studio delle
cause dei disturbi funzionali (nervosi) che possono derivare da
lesioni nel cervello. Dal concetto della disposizione organica
dell'individuo e dell'influenza che questa può avere
sull'origine delle malattie, derivarono quei principii
fondamentali della scuola di IPPOCRATE (nato intorno al 460

Pagina 144 di 835


a.C.) , considerato il padre della medicina. Infatti sotto di lui la
medicina ebbe un indirizzo quasi definitivo, liberandosi da
ogni influsso sacerdotale e da lui emanarono quei principi
essenziali della vera medicina scientifica. Appartengono ad
Ippocrate gli scritti: "del medico, dei precetti, dell'anatomia,
della natura delle ossa, degli umori, delle crisi, della
dentizione, del parto in sette otto mesi". Infine il più famoso di
tutti, quello "della Legge"" in cui sono contenute tutte le
disposizioni riguardanti l'esercizio della medicina. E se sono
importanti anche i suoi scritti sulle malattie epidemiche,
altrettanto lo sono quelli sulla "diagnostica" con rigorose
osservazioni nell'esame delle malattie, onde addivenire alle
prognosi i cui segni sono in stretta relazione con quelli della
diagnosi.
Più tardi Galeno di Pergamo (129-201 d.C.) considerato il più
grande medico dell'antichità, codificò in chiari termini il
sapere dell'epoca: la sua influenza fu immensa in tutto il
Medio Evo e fin sulla soglia dell'era moderna. Nel 1543
comparve ANDREA VESALIO, che con la ripresa delle
osservazioni con le dissezione dei cadaveri (fino allora
proibite) si ebbe un continuo, ininterrotto e attivissimmo
fiorire di osservazioni sull'anatomia umana e quindi
esperimenti. Vesalio, partito dal presupposto che il vecchio
insegnamento fosse costellato di gravi errori, fece tabula rasa
delle nozioni acquisite e considerate certe dai suoi
contemporanei, e riedificò dal nulla la scienza anatomica sulla
base delle sue dissezioni cadaveriche. Descrisse, per la prima
volta, il decorso delle vene e l'anatomia del cuore.
Dati i tempi ovviamente fu messo sotto accusa
dall’Inquisizione Pontificia, che lo processò, lo fece
incarcerare, condannare a morte - per “…Divulgazione di
Ignominiosae atque mentognere idee, contrarie alla Gratia
Divina…". (vedi biografia ANDREA VESALIO)
ANNO 1500 a.C.
____ ALFABETO - Deriva dalle due prime lettere greche alfa e
beta. L'idea dell'alfabeto fu introdotto in Grecia dai Fenici
(vedi 3600 a.C. "SCRITTURA" )
ANNO 1300 a.C.
____ GUERRA NAVALE - Se le prime immagini di una guerra
terrestre è del 2950 (vedi), la prima battaglia navale è di
questo periodo, riportata su una vaso firmato da Aristonoto
(oggi custodito nel Palazzo dei Conservatori a Roma)

Pagina 145 di 835


ANNO 1200 a.C.
____ TINTURE - Fin dall'invenzione dei primi tessuti, sempre più
perfezionati, più fini, si tentò con qualche risultato di
modificare il colore degli stessi quasi sempre ottenuti con quel
perenne giallastro; iniziarono dunque a tingerli. All'inizio
(usati anche nelle antiche pitture) erano colori ricavati dalle
terre (come le ocre), poi con colori estratti dalle piante come
l'indaco, il bianco dal gesso in natura o macinando conchiglie,
dalla radice della pianta robbia veniva ricavato il rosso, più
tardi un rosso cupo dall'ossido di ferro; il nero dalla fuliggine.
In seguito non mancarono altri colori, ma quasi tutti o per la
lavatura o per effetto dell'esposizione al sole, scolorivano. Fu
in questo periodo in Fenicia, a Tiro che scoprirono di aver in
casa nelle proprie acque un mollusco prodigioso: il Murex
brandaris, che ha nella gola una vena piena di umore rosso.
Non solo era un brillante rosso acceso ma rimaneva tale col
tempo. Ben presto si sviluppò una fiorente industria della
tintura che fece prosperosa la città fenicia . Il colore venne
chiamato Porpora di Tiro. La produzione essendo limitata ma
la domanda da ogni parte del mondo conosciuto molto alta, i
prezzi della porpora salirono a livelli astronomici.

____ COLORI - (vedi sotto)


____ VERNICI - Come detto sopra, i colori - dette anche vernici
erano ricavate da vari materiali. I colori più antichi erano già
conosciuti da almeno 20 millenni, le pitture nelle grotte di
Altamira, di Lascaux, di Trois Freres e altre, ne sono la

Pagina 146 di 835


straordinaria testimonianza. Nei colori elencati sopra (oltre il
rosso di Tiro) rari e quindi assenti fino al 3000 a.C. era
l'azzurro, il verde, il giallo. Furono gli Egiziani a fabbricarli per
primi, macinando finemente pietre e lapislazzuli per ottenere i
primi due colori, e dalla curcuma e da un tipo di zafferano
ricavarono il giallo. Oltre il vero e proprio colore, svilupparono
anche le sostanze che dovevano trattenere il colore nei vari
oggetti che dipingevano utilizzando la cera d'api, l'albume
d'uovo e in seguito una resina vegetale: la gomma arabica
ricavata dalla pianta acacia. Solo nel XV secolo, merito di un
pittore fiammingo Van Eyck, fu utilizzato l'olio di semi di lino
che oltre che dare e far conservare ai colori una certa
brillantezza li rende anticorrosivi all'aria umida e quindi di
lunghissima durata. Nacquero così i "colori a olio" per la
pittura non solo su tela, ma su legno, metalli ecc. Solo nel XIX
secolo i colori comparvero con i vari derivati dal petrolio come
il fenolo, i pigmenti sintetici, le varie resine acliliche, le
poliuterane, gli acetati di polivinile.

____ DAMA - Ha un'origine incerta e remota. Il ritrovamento di


scacchiere e di pedine in numerose tombe, fra cui quelle della
città sumerica di Ur (II° millennio a.C.) e nell'antico Egitto
(epoca di Ramsete III XI sec. a.C.) , è testimonianza
dell'origine antichissima di un gioco simile alla dama.
Conosciuta anche nell'antica Grecia, ne fa un accenno Omero,
ne parla Platone. Dalla Grecia ebbe qualche diffusione anche
presso i Romani. In Italia e in Europa cominciò ad essere molto
conosciuta nel XVI sec. come "scacchi per dama" (donde il
nome). Quella attuale (32 caselle nere e 32 bianche con 12
dischetti bianchi e 12 neri) prende il nome "iudus dominarium"
e si gioca in due. A partire dalla stessa data nascono
variazioni Spagnole, Inglesi, Francesi, Turche, e Portoghesi e
iniziano ad essere pubblicati numerosi trattati con le regole
del gioco.

____ SCACCHI - Anche le origini di questo gioco sono incerte,


sembra proveniente dall'Oriente. Si parla della sua esistenza
in Cina nel I secolo a.C., ma la scacchiera ( siang-ki) ha campi
di 90 e 100 case. Recenti ricerche lo fanno risalire al V sec.
a.C., nei Discorsi di Buddha in lingua pali si accenna a un gioco
simile (campo di 64 case collegati all'uso dei dadi). Dalla Cina
sarebbe passato in India dove fiorì nei primi secoli dell'era
volgare, con il nome "caturanga" e da lì si sarebbe diffusa in
Persia sotto la dinastia sasanide, prendendo il nome di
"chatrang"; viene più volte citato nel Libro dei Re di Ferdusi.

Pagina 147 di 835


Dopo la conquista araba, il gioco assume il nome di
"chatrang", raggiunge livelli elevati, molti pezzi assumono
nuovi nomi che resteranno poi nelle lingue occidentali. "Shah"
è il re, e "shah mat" è "il re è morto" (scacco matto). "ruck"
(torre) diventerà "rocco".
Verso il IX secolo si era già diffuso in Europa occidentale,
nonostante le riprovazioni della Chiesa. A partire dal Trecento
si ha notizia di giocatori professionisti; col Rinascimento
l'Italia mantiene il primato su questo
gioco, cui sono apportate alcune
modificazioni, e nascono regole e
trattati che ebbero larga diffusione.
Nel secolo successivo furono i
Francesi, Inglesi e Tedeschi a
dominare (famose le partite fatte per
corrispondenza tra Volatier e
Federico II di Prussia); nel 1774 nasce
in Inghilterra il primo circolo scacchista. Il primo torneo si
svolse nel 1851. Dopo cominciarono un po' dappertutto le
federazioni nazionali, la prima fu quella degli Stati Uniti, nata
nel 1858. Un primo torneo svoltosi in Italia è del 1881 ed ebbe
luogo a Venezia; la Federazione italiana nacque invece nel
1920. I campionati del mondo iniziarono nel 1886 (vinti da
Steiniz). A partire dagli anni '50 inizia la supremazia russa con
Petrosian ('63), Spasskij (1969), una parentesi americana con
Fisher (1972), per poi continuare con Karpov. Dal 1980
compaiono le prime modeste scacchiere elettroniche, nel 1990
iniziano ad essere quasi imbattibili perchè non hanno più
limiti; sono in grado di avere in memoria tutte migliori partite
finora nel mondo disputate, e sono in grado di "fotografare" il
gioco all'istante e ripetere la strategia di una partita vincente.

ANNO 1100 a.C.


____ NAVIGAZIONE - NAVI - BIREMI - TRIREMI - In questo
periodo erano i Fenici a dominare i mari esercitando i lucrosi
commerci dalla Grecia alle coste africane spingendosi fino
all'Europa meridionale. La navigazione a vela già da 2000 anni
(vedi anno 3600) era praticata; in Egitto era piuttosto facile
perchè la navigazione quasi totalmente si svolgeva nelle
placide acque del Nilo, ma anche nel mar Egeo la navigazione
era facilitata perchè avveniva da isola a isola. Più tardi i fenici
si erano avventurati nel mar Mediterraneo costeggiando la
lunga costa africana. Erano questi viaggi lunghi, di giorni e
giorni, notti e notti. E forse fu in una di queste notti che
qualcuno scoprì che le sette stelle della costellazione dell'Orsa
Pagina 148 di 835
maggiore, erano sempre situate a nord, e sempre visibili per
tutta la notte. La principale delle sette stelle posta in
prossimità del Polo Nord celeste, era un infallibile punto di
riferimento ogni qual volta la nave per tanti motivi perdeva la
rotta. Essendo il metodo molto affidabile, più volte
sperimentato, l'ardire di spingersi in mare aperto fu subito
preso in considerazione perchè con lo sguardo fisso a quella
stella non c'era più il timore di perdersi.
Ma per spingersi nelle acque non bastava solo questo metodo,
in mare aperto c'era il rischio di rimanere fermi in mezzo al
mare. Fino allora per navigare si erano usate le vele, e con i
venti piuttosto bizzarri la navigazione dipendeva dal loro
capriccio, se poi addirittura mancavano si rimaneva in stallo
(in bonaccia anche per giorni e giorni). Questa volta i fenici
imitarono gli Egiziani che già da 2000 anni per navigare sul
Nilo nelle loro piccole imbarcazioni usavano i remi. Ed anche
Omero cita dei rematori. Bastava -pensarono i Fenici- fare
delle navi più grandi e alle fiancate mettere file di rematori.
Possedevano il Libano e le famose foreste di cedro;
costruirono così delle robuste navi, delle spaziose stive, e le
fiancate per alloggiarvi i rematori. Era insomma nata la galea.
Nel 700 a.C. i cantieri navali fenici già costruivano le prime
biremi, e nel 600 a.C. le triremi, nelle quali potevano essere
sistemati dai 120 ai 200 rematori. Fino
all'avvento dei motori marini le navi con le vele
e i rematori dominarono il Mediterraneo nei
successivi secoli.
ANNO 1000 a.C.
____ CARTE GEOGRAFICHE - La più antica che
conosciamo è una mappa disegnata dagli Egizi
durante il regno del faraone Sethos I (circa
3000 a.C.), e rappresenta la zona mineraria di
Hammarat dove gli egiziani estraevano oro. Un'altra antica
non fu realizzata su papiro ma su una tavoletta d'argilla
rinvenuta nella pianura mesopotamica, nell'attuale Irak,
risalente al 1000 a.C.. Rappresenta la Terra su un disco
circondata dall'acqua, con la città di Babilonia al centro.
Un'altra mappa del mondo abitato e conosciuto fu quella di
Anassimandro ( vedi anno 547 a.C.). Il suo allievo Ecateo di
Mileto (560-490 a.C.) buon viaggiatore e indubbiamente con
buone conoscenze geografiche dell'antichità in Occidente,
potendosi spingere anche in Oriente dentro l'impero Persiano
-in quel periodo piuttosto stabile- viaggiando all'interno
dell'Asia, al suo ritorno scrisse una "Descrizione della Terra",
Pagina 149 di 835
disegnando un disco - sempre circondato
dall'acqua- con tutti continenti allora
conosciuti.

____ CARTE ROMANE - Durante il periodo delle conquiste


romane, la cartografia ebbe una maggiore diffusione, ma
essenzialmente nei luoghi dove i Romani portavano i loro
eserciti e vi espandevano il loro Impero. Giulio Cesare e dopo
di lui Augusto oltre ai censimenti impiegò diversi funzionari
per mettere sulla carta quello che era allora il "grande"
Impero Romano". Da questi rilevamenti nacquero le famose (e
pratiche) "itinera pieta" , che in sostanza erano degli itinerari,
che riportavano ogni particolare utile a chi si accingeva a
compiere un viaggio in una certa località. Con la creazione di
una grande rete stradale gli eserciti si muovevano
speditamente dalla Iberia alla Parthia, dall'Africa ai Paesi
germanici e sassoni.
La più famosa di queste carte è la "Tabula Peutingeriana" che
porta il nome del suo recente scopritore il tedesco Peutinger;
la carta è del VI secolo, lunga 6,28 m larga 34 cm. Disegnata
dal geografo romano Castorius, essa si propone di dare un
quadro completo della rete delle comunicazioni, e particolare
rilievo è dato alle strade di interesse strategico.
Tornando alle carte della Terra, Claudio Tolomeo (90- 168 d.C.)
, esponendo il suo sistema astronomico che da lui prese il
nome ("Tolemaico", l'universo con al centro la Terra) nel 160
d.C. anche lui espose (nella sua "Guida alla Geografia", meglio
conosciuta come "Cosmographia o Geographia"), un mappa
della Terra molto simile alla precedente, utilizzando le
coordinate dei luoghi registrate da Tolomeo stesso, anche se
spesso non dava ascolto alle informazioni raccolte dai
navigatori per il fatto che non si accordavano con le sue
teorie; tuttavia ottenne le prime rappresentazioni disegnate in
proiezione conica. La sua carta del mondo - che conteneva
8000 località - continuò (anche se non in originale ma in copie
rifatte) ad essere fino al tardo medioevo la carta più diffusa,
visto che ancora oggi ne esistono oltre 120 esemplari (anche
se conteneva grossolani errori ed era impostata su
informazioni geografiche piuttosto empiriche - e anche in
quella rifatta dal monaco benedettino Niccolò Germano nel
1482, non sono riportate le informazioni già disponibili sulla
costa occidentale dell'Africa, la stessa Africa a sud termina a
metà, la forma dell'India è stata male interpretata, e alcune

Pagina 150 di 835


isole dell'oceano indiano sono incredibilmente esagerate,
forse a causa della loro importanza come centri commerciali.
Tutte le altre edizioni realizzate dopo quella di Niccolò
Germano, riportano chi tanto chi poco gli stessi errori.
Solo dopo tredici secoli abbiamo una più dettagliata
descrizione della Terra con il geografo tedesco Gerardo
Mercatore (1512-1594). Grande riformatore della cartografia,
adottò per primo procedimenti scientifici-
matematici al posto di quelli empirici fino
allora usati. Nel grande mappamondo in 18
fogli del 1569 applicò la proiezione
cilindrica isogena a latitudini crescenti; la
cosiddetta "proiezione di Mercatore".
Partendo da queste carte, con i numerosi
viaggi di esplorazione la cartografia iniziò a
riportare sempre più dettagliatamente le
contrade dei vari continenti. Tutte le successive carte
geografiche furono poi realizzate dalle numerose spedizioni
geografiche nei vari luoghi della Terra, ma a partire dal XVIII
secolo la rilevazione topografica passò in mano agli ingegneri
militari. Quando poi all'inizio del Nocevento iniziarono ad
essere utilizzati gli aeroplani, speciali velivoli con la tecnica
fotografica iniziarono a produrre carte geografiche accurate (il
pilota italiano Piazza insieme al pilota Gavotti il 23 febbraio
1912, furono i primi a realizzare le prime fotografie aeree
della storia, fissando al velivolo delle comuni macchine da
ripresa). La tecnica della ripresa si perfezionò nei successivi
anni (soprattutto durante la Seconda guerra mondiale)
realizzando macchine fotografiche speciali, che per evitare la
distorsione fotografavano il sottostante territorio da una
stretta fessura in sincronia con la pellicola che avanzava alla
stessa velocità dell'aereo.
Nulla a confronto delle successive rilevazioni fotografiche
effettuate con l'avvento dei satelliti spaziali, che oggi riescono
ad ottenere una precisione di dettaglio di qualsiasi territorio
del globo con un'approssimazione di pochi metri.

____ PORTOLANI - Per tornare alle carte di uso pratico, quando


nel XVI secolo ci fu la ripresa dei viaggi per mare e la vivace
attività commerciale delle Repubbliche marinare, si fece
sentire l'esigenza di avere carte che disegnassero con la
maggior precisione possibile i profili delle coste e la posizione
dei porti, che tenessero conto dei fondali e delle maree, che
misurassero con la maggior esattezza possibile le distanze.
Tali carte vennero chiamate "portolani" e comprendevano sia

Pagina 151 di 835


le mappe sia le ampie didascalie a esse
relative, ma anche notizie etnologiche ed
economiche. Una fitta rete di linee rette
ricopriva i luoghi e su tali linee si
misuravano le distanze. Con i "portolani" -
anche se erano limitate alle coste e alle rotte marittime - la
cartografia fece con queste conoscenze - soprattutto con i
navigatori italiani - un notevole ed efficace passo avanti
(quella nell'immagine riportano i punti di approdo delle navi
sul mar Nero)

___ CORAZZA - (vedi sotto)


___ ARMATURE - Le più antiche, applicando sul vestiario delle
lamine di metallo a squame, sono raffigurate sulla porta di
bronzo nell'antica città mesopotamica di Bolowat in questo
periodo (900 a.C.). In precedenza per proteggersi veniva usato
del cuoio, e con lo stesso materiale erano realizzati anche una
specie di elmetti e di scudi. Le foggie più note storicamente
sono quelle del periodo delle guerre peloponnesiache in
Grecia dette "loriche", una serie di lamelle di ferro legate
insieme fissate su una tunica. I Romani nel II sec. a.C. a questi
tipi di armature vi aggiunsero un pettorale e uno schienere, in
seguito anche bracciali. Nel 200 d.C. pur avendo già realizzato
alcune corazze intere, per avere una certa libertà di
movimento tornarono non proprio alla lamelle, ma a cotte o
tuniche usate dai Parti in Medio Oriente; erano fatte da tanti
piccoli anelli inseriti uno dentro l'altro formando così una fitta
maglia corazzata aderente al corpo. Anche gli stessi cavalli
avevano un simile bardatura ai lati per evitare i colpi di lancia
del nemico. Con queste armature si combatterono pure le
Crociate. Specialisti in Europa i moltissimi armaioli Milanesi.
Terminato il Medioevo, andarono di moda le intere armature
fatte in acciaio realizzate dai primi magli che utilizzavano la
forza motrice delle prime ruote idrauliche. Alcune erano
pesantissime, per nulla pratiche nei veri combattimenti ma
normalmente usate nei tornei. Altrettanto pesanti quelle che
bardavano i cavalli. Si possono oggi ammirare nei tanti musei,
ma uno particolarmente interessante è quello situato in Val
Venosta nel Castello di Sluderno - eredi Conti Thun - che
raccoglie un centinaio di armature dell'intero medioevo.

____ PATTINI SU GHIACCIO - Come per gli sci (vedi anno 3500
a.C.) l'invenzione non poteva non essere di origine nordica. I

Pagina 152 di 835


primi sono stati infatti ritrovati in Norvegia e datano il 1000
a.C. Anche quando furono realizzati in metallo, i primi sono
sempre di origine scandinava e risalgono al 250 a.C. Quelli
moderni fissati direttamente allo scarpone provengono invece
da un altro paese freddo, dal Canadà, ad opera dello sportivo
John Forbes nel 1854. Questo che era probabilmente un
singolare mezzo di locomozione si trasformò in una attività
sportiva, che ebbe poi imitatori anche nei paesi senza
ghiaccio, mettendo invece che delle afffilate lame, delle
rotelle. Nacquero così i ...
____ PATTINI A ROTELLE ... realizzati per la prima volta nei
primi anni dell'Ottocento in Belgio da un uomo d'affari - Joseph
Merlin. Un modello perfezionato fu costruito da un inglese -
Robert Tyres - nel 1823. Ancora più perfezionato, dotato di
una rotella freno, furono quelli realizzati dallo statunitense
Plimpton, nel 1863. Nel 1900 con già a disposizione i primi
cuscinetti a sfere furono ulteriormente migliorati.

ANNO 850 a.C.


____ COSTITUZIONE - Nel passato vi erano già un complesso di
leggi e costumanze elaborate dai saggi e applicate
rigidamente nei villaggi. Ma è in questa data tradizionale che
compare il mitico legislatore Licurgo, ed elabora a Sparta la
sua severa costituzione. E' inoltre un ordinamento basato su
di una rigida divisione sociale: gli Spartiati (i ricchi e i nobili), i
Perieci (i cittadini liberi ma senza diritto di voto), gli iloti (gli
schiavi).
La utopistica "democrazia" inizia ad essere esercitata solo da
una classe superiore (non sempre legata alla quantità di
saggezza posseduta , ma spesso solo alla quantità posseduta
di denaro; e quindi normalmente formata da pochi soggetti.

____ OMBRELLO - Anche questo semplice oggetto ha una sua


lunga storia. Nella Cina di questo periodo (800-900 a.C.) era
considerato un arnese di rango sociale alto, infatti veniva
usato come parasole dai monarchi. L'idea di usarlo come
parapioggia è invece molto più tarda; i primi compaiono in
Francia nel 1750. Nel 1874 l'inglese Samuel Fox ne realizza
uno piuttosto ampio con l'intelaiatura metallica. Nel 1887
sempre in Inghilterra l'ombrello diventa piccolo e personale,
ha sempre l'intelaiatura, ha una chiusura pieghevole che
scorre sull'asta, e quando è chiuso diventa un l'inseparabile e
civettuolo bastone da passeggio dei Lords (abbinato
all'altrettanto inseparabile copricapo a cilindro). A renderlo

Pagina 153 di 835


popolare, maneggevole, telescopico, con il
l'asta retrattile è un tedesco nel 1930, Hans
Haupt.
ANNO 800 a.C.
____ MACCHINE D'ASSEDIO - Le guerre
disputate fino a questo periodo erano già
organizzate con eserciti e con le più strane
armi. Ma oltre a fare le battaglie, erano già
praticati gli assedi. E fu proprio in uno di
questi, che gli Assiri inventarono una potente arma di guerra:
torri di legno per avvicinare e scalare le mura nemiche o "carri
armati" con un ariete per abbatterle o per travolgere il
nemico. Le "panzerdivision" hitleriane con i loro "blitz" non
erano già conosciute dagli Assiri.
ANNO 776 a.C.
____ OLIMPIADI - I giochi fra gli uomini fin dall'antichità erano
sempre stati praticati. Giochi e gare si disputavano nella
stessa Grecia molto prima delle Olimpiadi. Già gruppi di atleti
gareggiavano tra di loro. Infatti fu proprio riscoprendo certi
giochi del passato, che gli abitanti del distretto di Pisa, per
celebrare la vittoria di Ifito sull'Elide, sollecitarono il ritorno ai
fasti di quella singolare e affascinante manifestazione di
tempi remoti (forse di mille anni prima, del 1700 a.C.) (vedi
OLIMPIADI)
ANNO 750 a.C.
____ ARCO- Fino a questo periodo nelle costruzioni di
un'entrata di un tempio o per la luce di una porta, finestra,
ponte, si utilizzava un elemento orizzontale appoggiato su due
elementi verticali. (vedi "architrave" anno 3500 a.C.). Ciclopici
sono i massi sovrastanti la porta dei Leoni o le tombe di
Micene (qui a fianco nell'immagine). I Sumeri già conoscevano
l'arco a tutto sesto; così pure gli egiziani, ma lo usarone rare
volte nelle costruzioni (un arco di 4 metri di diametro compare
in un granaio di Tebe nel 1400 a.C.). I primi a utilizzarli furono
gli Etruschi. I Romani poi ne divennero maestri, usandoli
anche come monumenti di trionfo o trionfali. Fra i più famosi
quelli di Tito, di Settimio Severo, e di Costantino a Roma, di
Traiano a Benevento, di Augusto ad Aosta, di Settimio Severo
a Leptis Magna. Poi applicarono gli archi nella costruzione di
ponti, acquedotti, inseriti negli edifici pubblici ecc. ecc. Gli
ingegneri romani s'inventarono per costruirli la "centina"; cioè
la posa delle pietre erano di solito sostenute da un grande
telaio di legno. Una tecnica che ancora oggi non è

Pagina 154 di 835


abbandonata, anche se al posto dei pali si usano elementi
modulari in acciaio.
In seguito nella dominazione musulmana - ma utilizzando
sempre la "centina" romana - comparvero in Spagna e in
seguito in Europa quelli arabi a semicerchio (a tutto sesto),
lobato, fiammeggiante o inflesso, a sesto acuto. Nel 786 nel
costruire la moschea di Cordova che si protrae fino al 990 gli
arabi impiegano per la prima volta l'arco a ferro di cavallo che
diverrà caratteristico dell'architettura islamica. Nel resto
d'Europa dopo il periodo dei "barbari", nel XII sec. furono
realizzati quelli ad arco acuto "gotici" (così chiamati dai latini
in senso spregiativo). Una delle prime chiese cristiane in cui
s'impiegò l'arco a sesto acuto (che permette alte navate, ma
non è adatto a costruire le arcate dei ponti) fu la Cattedrale di
Durham, in Inghilterra, nel 1093.

____ VOLTA - Legata all'arco fu anche la volta, che è poi un


arco, esteso, fino a formare la copertura di un edificio.
Normalmente la volta poggia su una base orizzontale interna.
La tecnica per costruirla non era sconosciuta in Egitto e
neppure in Mesopotamia. La si usò comunque poco, perchè la
forte spinta laterale costringeva a edificare i muri di base con
un grande spessore. Proprio in Mesopotamia, a Lhorsbad,
nella salla dell'Aram, che risale al 700 a.C., i muri che
sostengono una volta di nemmeno cinque metri, sono spessi
otto metri. Fino all'epoca romana la volta non ebbe grandi
diffusione. E come erano diventati maestri nell'arco, così i
romani diventarono maestri delle volte. Gli ingegneri dell'Urbe
s'inventarono la volta a crociera; una delle più famose
costruzioni sono le sale delle Terme di Caracalla, realizzate nel
302 d.C.. Quella più grande che ancora oggi possimao tutti
ammirare ha un'ampiezza di 60 m x 30.
Terminato l'Impero Romano, terminano anche le grandi
costruzioni, e dobbiamo arrivare al dopo 1000, per vedere
qualcosa di nuovo; e fu la medesima cattedrale di Durham, in
Inghilterra -già ricordata sopra - a concepire un inedito motivo
architettonico: la volta a costoloni. Ne furono costruite altre,
si arrivò cosi all'arco e quindi alla volta a sesto acuto,
destinati entrambi a dominare per quasi quattrocento anni. La
volta a costolone tornò ad essere usata a fine Ottocento nelle
tante stazioni ferroviarie delle metropoli, quando furono
impiegate le "coste" in ghisa e in acciaio, ricoperte poi da
lastre di vetro. L'uso poi del cemento armato a partire
dall'inizio del Novecento non è che abbia apportato

Pagina 155 di 835


accrescimenti di rilievo. Salvo qualche caso isolato, artistico, e
piuttosto limitato come ampiezza.

ANNO 700 a.C.


____ ANCORA - Il primo impiego- ma non ancora nell'attuale
foggia- dalla storia greca è attribuito a Eupalamo e consisteva
in un fusto di legno riempito di piombo. Quella che conosciamo
(in Grecia l'invenzione è attribuita ad Anacarsi lo Scita)
compaiono nel IV secolo a.C., e sono raffigurate già su alcune
monete romane.

____ ACQUEDOTTI - Il più antico che si conosca è quello di


Ninive in Mesopotamia, realizzato sotto il re Assiro
Sennacherib. Di poco posteriore è quello greco costruito
nell'isola di Samo. Mutuati da questi, ma utilizzando
l'architettura ad arco, furono poi realizzati gli imponenti
acquedotti Romani (anche a tre arcate, alti fino a 60 metri)
per far giungere fino alla città di Roma acqua potabile. Il più
antico quello dell'Acqua Appia e dell'Acqua Marcia del 300 a.C.
Del 146 a.C. quello dell'Acqua di Porta Maggiore lungo 90
chilometri. Altri famosi nel territorio dell'impero Romano: in
Francia (Nimes, Lione, Arles ecc.), in Spagna (Segovia, Siviglia
ecc.), In Germania (Magonza), in Dalmazia (Spalato), in Africa
(Leptis Magna, Cesarea, Cartagine, Costantina ecc.).

____ AQUILONE - Il primo accenno (o lui stesso inventore) di


questo singolare "velivolo" (che precorre l'aliante e a sua volta
precorre l'aereo) è del greco Archita di Taranto.

____ ZOO - L'allevamento animali era ormai praticato da


qualche millennio. Ma erano domestici, non fiere. Queste per
la loro pericolosità si cacciavano solo. Il fascino però di
catturarle e metterle in un recinto doveva essere una grossa
soddisfazione, oltre che ricavarne prestigio. Ad avere questo
primo hobby fu un re assiro, Sennachireb (già citato come
primo costruttore di acquedotti a Ninive), che nel suo palazzo
allestì un vero e proprio zoo di bestie feroci; vi primeggiava il
"re" degli animali: il possente leone.

____ MERIDIANE - Un orologio solare formato da un complesso


di linee orarie tracciate su un muro o pavimento, ove uno stilo
proietta la sua ombra durante le varie ore del giorno. Non
nella forma che conosciamo, ma sottoforma di obelischi e
gnomoni (significa "indicatore") era conosciuto dagli Egizi fin

Pagina 156 di 835


dal 4000. a.C. Perfetti e monumentali quelli di Eliopoli. Ma
erano imponenti e soprattutto in mano ai sacerdoti del sole.
Ben presto per la loro semplicità nel costruirne uno e
soprattutto per la loro utilità si diffusero anche anche quelli a
parete. I primi compaiono nello stesso Egitto fra il 1000 e il
700 a.C. Anassimando nel 610 a.C. la introdusse in Grecia, e la
perfezionò in modo da tener conto del variare delle stagioni.

____PROTESI DENTARIA - (vedi sotto)


____ DENTI ARTIFICIALI - Non era ancora una professione quella
del dentista, ma già nell'antichità, alcuni medici si prendevano
cura dei denti dei loro illustri pazienti. Nell'antico egitto,
esaminando oggi alcune mummie ai raggi X, o da altri reperti
risalenti addirittura al Primo Regno (3000 a.C.) alcuni studiosi
affermano che si praticassero abitualmente non solo le
estrazioni ma anche le otturazioni da carie. Meglio
documentati sono alcuni reperti etruschi, dove all'incirca a
questa data, 700 a.C. non solo a un paziente fu estratto un
dente, ma gli fu rimesso al suo posto uno artificiale.

____ DENTIERE - L'intera esportazione della intera corona


dentale, sostituita da una nuova, fu una operazione molto più
tarda. Il primo ad applicarla nel 1770 fu un medico francese
Alexis Duchateau.
____ DENTIFRICIO - Confermando la tesi egiziana sopra
esposta, che avevano cura dei propri denti, nel 3000 a.C. sono
documentate le prime tracce di una pasta che doveva servire
per pulire i denti, formata da un miscuglio di incenso, piombo
e verderame.

ANNO 640 a.C.


____ BIBLIOTECHE - "Biblion significa libro e theke significa
ripostiglio. Una certa tradizione afferma che furono gli Egizi a
fondare la prima biblioteca, ma l'esistenza non è abbastanza
documentata. La prima e la più famosa di cui abbiamo
testimonianze è quella rinvenuta quasi completa a Ninive
dall'archeologo inglese George Smithnon nel 1872. Qui il
sovrano assiro Assurbanipal amante di tutto lo scibile umano e
di antichi reperti, attorno al 650 a.C. raccolse nel suo palazzo
una biblioteca composta da ben 30.000 tavolette d'argilla
incise a caratteri cuneiformi che risalgono al 2500 a.C.
contenente ogni genere di opere, scientifiche, economiche,
matematiche, linguistiche, letterarie del tempo di Lagash e
qualcosa anche del periodo di Sargon II il Grande (2375-2320).

Pagina 157 di 835


Sono state proprio queste tavolette - uscite indenni da un
distruttivo incendio del palazzo - a permettere di conoscere
bene la storia e la civiltà dell'antica Mesopotamia.
Più tardi si allestì un'altra famosa biblioteca, forse la più ricca
di tutti i tempi, ed era quella di Alessandria d'Egitto fondata
dai Faraoni nel IV secolo a.C., ma purtroppo non era formata
da tavolette di argilla ma da 700.000 rotoli di papiro, che
raccoglievano tutta la cultura dell'antichità, che faceva di
Alessandria il più grande centro culturale dell'intero bacino
mediterraneo nell'epoca detta appunto alessandrina. Un
patrimonio dell'intera umanità che finì tutto in cenere dopo un
incendio appiccato dai soldati romani quando gli eserciti di
Giulio Cesare invasero l'Egitto nel 48 a.C. - Quello che non
andò distrutto, però, fu l'ideale che aveva animato Tolomei, di
lasciare un segno imperituro del suo regno, oltre il concetto
che il sapere fosse "una risorsa, un genere di prima necessità,
una forma di capitale da acquisire e serbare per la piena
soddisfazione dei governanti". Probabilmente da parte dei
romani più che cinismo, ci fu disinteresse perchè tutto ciò che
conservava Alessandria era scritto in un lingua per loro ancora
incomprensibile. Per fortuna che tale ideale pochi anni dopo
attecchì anche a Roma con Augusto che fece ritornare -
fondando la grande Biblioteca Palatina accanto al Tempio di
Apollo - la passione di allestire biblioteche. Purtroppo con la
calata in Italia degli analfabeti barbari, dopo la caduta
dell'Impero, non solo tale ideale andò scemando, ma non
rimase quasi più nulla di quanto si era raccolto.
Ottocento anni dopo, per merito degli Arabi, fu realizzata una
grande biblioteca statale a Baghdad. Dopo quella le
biblioteche proliferarono in altre città musulmane, ma anche i
privati iniziarono a possedere notevoli biblioteche personali,
alcune con 30-50 mila volumi. Addetti alle ricerche
raccoglievano testi in ogni parte del mondo conosciuto, e
reggimenti di copisti traducendoli in arabo, rifornivano
biblioteche e bibliofili del mondo arabo.
Prima i Mongoli nel 1258, poi i Turchi di Tamerlano nel 1394 la
invasero Baghdad, distruggendo ogni cosa, compresa la
biblioteca dove si conservavano centinaia di migliaia di libri
che provenivano da tutti gli angoli del mondo e 2000 anni di
conoscenza. " Inizialmente li buttarono tutti nel Tigri, ma
erano così tanti che in un'insenatura del fiume si creò una
diga dove il fiume quasi straripava, ed allora accatastarono
montagne di libri e ne fecero un grande falò che bruciò per
dieci giorni interi" da una relazione di uno storico arabo. Le
spoliazioni che erano avvenute durante i duecento anni delle

Pagina 158 di 835


crociate si rivelarono poi paradossalmente preziose. Molti
testi greci e latini originali si salvarono in questo singolare
modo e sbarcarono in Europa. Anche Federico II in Oriente ne
aveva fatto incetta durante i suoi buoni rapporti con gli
"infedeli" e li aveva trasferiti in Sicilia, come aveva già fatto
prima di lui Ruggero. Andò un po' meglio in Spagna dopo la
cacciata degli arabi; anche qui esistevano enormi biblioteche
pubbliche e private che fortunatamente non furono distrutte
dal bigottismo religioso; furono queste a far scoprire agli
occidentali molti testi dell'antichità che gli arabi avevano
ricopiato dal greco e dal latino. E furono proprio questi testi a
far "risvegliare" l'Europa, a dare impulso all'umanesimo, a far
conoscere le opere dei grandi filosofi greci, e
paradossalmente, tradotti dall'arabo, a far conoscere anche
quelli che erano stati scritti nel periodo romano in latino (vedi
anno 2500 a.C. - LETTERATURA )

____ MONETA - L'uso di una specie di moneta, è forse


contemporaneo alla scoperta dei metalli. Essendo questi rari e
ricercati (metallo significa "cercare"), soprattutto l'oro così
bello a vedersi, desiderabile, sempre lucente perchè non
ossida, divenne ben presto un oggetto come veicolo di
scambio per altre merci. A parte gli oggetti ornamentali
ricavati con la martellatura, probabilmente l'oro circolava in
pepite o in piastrine che bisognava però pesare ogni volta. La
fusione era già da tempo conosciuta. Ma a coniare pezzi d'oro
di peso standard, sui quali era contrassegnato il peso e un
ritratto del monarca fu il re di Lidia, il padre (Gige) o il figlio
(Ardi) intorno al 648-613 a.C. Oltre che procurare la semplicità
negli scambi, i pezzi emessi dal re davano anche una certa
garanzia ai contraenti. Ben presto i governi dei regni più
progrediti introdussero anche loro la moneta accelerando
enormemente gli scambi commerciali. Roma inizierà la
coniazione di monete d'argento nel 269 a.C.
Il precedenza vigeva il baratto, oppure una "pre-moneta"
erano gli animali, soprattutto le pecore . Testimonianze dell’
uso del bestiame come moneta ci vengono dalle più antiche
legislazioni (che fissano le multe da pagare in buoi e pecore),
ma soprattutto dal linguaggio, (pecunia significa infatti
gregge) (vedi "Origine della Moneta")

ANNO 590 a.C.


____ TEGOLA - Le capanne prima, le case e i palazzi poi, da
tempi immemorabili, per coprire il tetto venivano usati travi di
legno ricoperti di paglia. Il pericolo di incendi era piuttosto
Pagina 159 di 835
frequente, con il rischio di estendere le fiamme nelle case
vicine (un simile incendio avvenne a Roma al tempo di Nerone,
ma anche a Londra del XV secolo, quando la città andò quasi
interamente distrutta). Forse per questo motivo che
l'architetto Byzes di Nasso, ancora nel 590 a.C. usò un
accorgimento singolare per l'epoca. Sopra le travi fece
sistemare delle lastre sottili di pietra, forse di ardesia (pietra
grigio nera che si sfalda in lastre sottili). La tegola era stata
inventata! Ne furono in seguito fatte anche in terracotta, di
due tipi: piatte o in forma cilindrica-conica, detti "coppi".
I romani nelle loro costruzioni oltre che usare queste ultime
tegole, utilizzarono quelle inventate da Byzes, in pietra, in
arenaria, e in particolare di nuovo utilizzando l'ardesia, tipo di
tegole che tornarono ad essere di uso corrente a partire dal
XII secolo.
Utilizzando sottili lastre in granito ancora oggi sono impiegate
per coprire i tetti delle case in Val d'Aosta e in molti altri paesi
montani. Mentre nei Paesi del Nord Europa, o in Russia, che
possiedono abbondanza di legname, molte case, da tempi
immemorabili, ma ancora oggi, usano tegole in legno; magari
ponendole sopra una soletta realizzata in cemento. Di
cemento, quasi piatte, sono pure quelle realizzate
ultimamente , ma anche queste spesso hanno una funzione
decorativa, e quasi sempre vengono appoggiate su una soletta
fatta con una intelaiatura di travi in legno con una
intercapedine di materiali ignifugo o isolante.
ANNO 585 a.C.
____ ECLISSI - Come per le stelle, nell'antichità questi fenomeni
celesti erano stati in precedenza monopolizzati dai sacerdoti
prima e dagli astrologi poi. Anche quando gli astronomi
osservando il cielo impararono a prevedere quando si
sarebbero verificate, i primi, conoscendo da loro questa
prevedibilità, seguitarono a rappresentare l'evento come un
cattivo presagio, o per atterrire i miseri mortali, dicendo che
erano punizioni mandate agli uomini dagli dei. Gli eclissi di
Luna sappiamo sono più frequenti e quindi da tempo questi
erano conosciuti. Inoltre avvengono di notte, sono meno
emotivi. Quelli di Sole (soprattutto quelli totali) sono frequenti
anche questi su tutto il pianeta ma si verificano e si possono
osservare solo in una limitata zona del mondo, quindi
nell'antichità erano poco conosciuti, ma quando si verificavano
-oscurando il giorno - la sensazione minima era l'angoscia. A
prevedere il primo eclisse di sole nell'antichità fu il filosofo
TALETE (624-546 a.C.). Sapendo dove viveva, a Mileto, oggi
con un buon programma astronomico sul computer, chiunque
Pagina 160 di 835
calcolando all'indietro può vedere nel suo schermo che
l'eclisse prevista e descritta da Talete era avvenuta il giorno
28 maggio del 585 a.C. (non ve ne sono stati altri a quella
latitudine e longitudine).
ANNO 580 a.C.
____ ELEMENTI - L'appena citato Talete (fondatore della scuola
filosofica-scientifica ionica), secondo Aristotele, fu il primo a
ricercare l'archè, il principio di tutte le cose. Fu il primo
"razionalista" a dire che l'Universo non dipendeva dagli dei o
dal soprannaturale. "Ciò da cui tutte le cose si generano" è
l'acqua. Tutta la materia era fondamentalmente costituita da
acqua.
____ CINQUE ELEMENTI - Più tardi Aristotele ricapitolò tutto ciò
che si era ipotizzato in precedenza, e quindi affermava che il
mondo fosse composto da quattro elementi - terra, acqua, aria
e fuoco. La Terra era una palla di terra, circondata da una
palla di acqua, e a sua volta questa circondata da una palla
d'aria, e esterna a questa una palla di fuoco. Ciò che era
invece diverso era il cielo, costituito da un quinto elemento
che chiamò "etere".
ANNO 550 a.C.
____ TORNIO - L'invenzione del tornio in Grecia, viene attribuito
intorno a questa data al greco Anacarsi lo Scita. Ma questa
innovazione forse lui in Grecia la introdusse solo, perchè
secondo alcuni storici la tecnica era da tempo già conosciuta
dagli egiziani e dai mesopotamici, ma anche prima; infatti
l'uomo arcaico aveva già ideato un banalissimo sistema per far
girare un oggetto, utilizzando un arco dove era tesa una
corda. Quest'ultima veniva avvolta attorno al pezzo da
lavorare, poi l'arco spostandolo avanti e indietro faceva girare
nei due sensi il pezzo. Se il pezzo era una punta dura,
l'attrezzo funzionava come il nostro attuale trapano (vedi
"trapano" 1905), cioè praticava un buco. Se invece al pezzo
che girava gli si accostava e si premeva contro una punta
dura, il pezzo assumeva la forma voluta (agiva come una
moderna fresatrice). Nel lontano 500 a.C. fu realizzata una
vera e propria macchina: il tornio a balestra fornito di pedale.
Il moto era sempre alternato ed era determinato da una corda
avvolta intorno all'asse di rotazione. Una estremità della corda
era fissata a un pedale, mentre l'altra era assicurata a una
molla a balestra, che provocava il richiamo di ogni mezza
rotazione dello strumento; il pedale permetteva all'operatore
di avere le mani libere per modellare a piacimento il pezzo con

Pagina 161 di 835


una maggiore precisione. Un tipo di macchina del genere la
troviamo ancora duemila anni dopo sul Codice Atlantico di
Leonardo da Vinci. Sono torni grandi, sempre a balestra, ma vi
compaiono ingranaggi, bielle, manovelle. La rivoluzione
industriale non era ancora avvenuta, i metalli non erano
ancora così tanto necessari, le sofisticate macchine dovevano
ancora nascere, quindi le maggior parte delle lavorazioni
avvenivano su materiale legno. Quando poi ci fu la necessità
di disporre di perfetti alberi di trasmissioni in metallo, viti e
ingranaggi ecc. l'efficienza dei torni, di frese, mole, alesatrici,
fu prioritaria e furono le stesse macchine a dare la possibilità
di creare più precisi torni e quindi più efficienti macchine.
(vedi "tornio moderno" anno 1895 )

ritorno alla tabella indice - ritorno alla home


page
CRONOLOGIA è protetto da Copyright Autore: Francomputer N. di repertorio (Olaf) SIAE
9503092
Brevetto del nome "CRONOLOGIA" e "CORRIERE DEL 2000" patent. No. Dep. VI97C000377-78

.
TABELLA 3
( dall'anno 550 a.C. al 1180 d.C. )

LA TERRA PIATTA - LA TERRA AL CENTRO DELL'UNIVERSO - LA TERRA


A SFERA - LOGICA - TAPPETI - NUMERI IRRAZIONALI - VENERE -
ARGANO - ANATOMIA RUDIMENTALE - OSTRACISMO - PONTE - SOGNI
- ATOMI - EPILESSIA - CATAPULTA - AQUILONE - ACCADEMIA - LICEO -
GINNASIO - SCUOLE - MUSICA - ANIMALI CLASSIFICAZIONE - CARTA
DEL CIELO - LE RIVE DELL'INDO - BOTANICA - VIAGGI MARI DEL NORD
- STRADE - ASUTOSTRADE - GRU - GEOMETRIA - MUSEO-BIBLIOTECA -
ANATOMIA MODERNA - LUNA SOLE DIMENSIONI - FARO - OROLOGIO -
OROLOGIO A PENDOLO - PESO SPECIFICO - POMPA A VITE - POMPA
ASPIRANTE - LEVA - SEZIONI CONICHE - POLVERE DA SPARO -
FUOCHI ARTIFICIALI - TE' - TERRA DIMENSIONE - CRONOLOGIA DELLA
STORIA - CALCESTRUZZO - GAGNO - TERME - PERGAMENA -

Pagina 162 di 835


CALENDARIO ROMANO - GENNAIO-FEBBRAIO - ASTROLABIO -
SESTANTE - OTTANTE - DISTANZA LUNA - ACQUEDOTTO ROMANO -
FORNELLI - CARTA DEL CIELO - LA VIA DELLA CINA - PLANETARIO -
VETRO - VETRO SOFFIATO - VETRO POLICROMO - VETRO OTTICO -
VETRO A LASTRE - VETRO DI MURANO - VETRO DI JENA - VETRI DI
SICUREZZA - BOTTIGLIE - TUBAZIONI - RUBINETTI - BOTTI - BARILI -
FORZA IDRAULICA - MULINI A VENTO - FIOCCO - ANNO BISESTILE -
BIBLIOTECA PUBBLICA - IL GLOBO TERRA - FARMACI - FORZA VAPORE
- CONTACHILOMETRI - CONTAGIRI - PODOMETRO - CRISTALLINO
DELL'OCCHIO - CARTA - CARTA DA PARATI - LA SETTIMANA A ROMA -
SISTEMA TOLEMAICO - MIDOLLO SPINALE - GALENO - MAPPA
STRADALE - REGOLA DEL TRE - REGOLA DEL CERCHIO 3,14 - NATALE -
ORGANO - ORGANO HAMMON - PALPAZIONE DEL POLSO - CARRIOLA -
SCAFANDRO - TUTE PRESSURIZZATE - SETA - FUOCO GRECO -
PORCELLANA - CAMPANE - CAMPANILI - MERCATO SETTIMANALE -
ACIDO ACETICO - ORGANO IN CHIESA - FERRI DI CAVALLO - ZERO -
CASE DELLA SAPIENZA - POLICLINICO - ARCOLAIO - MANOVELLA -
CAFFE' - CIRCOLO POLARE ARTICO - ISLANDA - FINIMENTI - COLLARI
CAVALLI - BRIGLIA - STAFFA - ENCICLOPEDIA ARABA - PALERMO
ARABA - SCUOLA MEDICA DI SALERNO - LINGUA ITALIANA - TAVOLE
TRIGONOMETRICHE - GROENLANDIA - VINLAND - LA TERRA E'
SFERICA - MUSICA - NOTE - NOTAZIONE MUSICALE -
CAMPIONAMENTO - BALESTRE A MANOVELLA - FORCHETTA - ARCHI
GOTICI - BUSSOLA MAGNETICA - BUSSOLA GIROSCOPICA -
MAGNETISMO, MAGIA E ROGHI.

ANNO 547 a.C.


____ LA TERRA PIATTA - Successore di Talete, Anassimandro
(610-547 a.C.) formula la prima teoria sulla forma della Terra,
che egli concepisce come un disco piatto situato al centro
dell'Universo e Contemporaneamente, realizza la prima mappa
di tutta la Terra abitata.
Uscito pure dalla scuola di Talete, e allievo dello stesso
Anassimandro, Ecateo di Mileto (560-490 a.C.) buon
viaggiatore e indubbiamente con buone conoscenze
geografiche dell'antichità in Occidente, potendosi spingere
anche in Oriente dentro l'impero Persiano -in quel periodo
piuttosto stabile- viaggiando all'interno dell'Asia, al suo
ritorno scrisse una "Descrizione della Terra", disegnando come
il suo maestro una accurata mappa della Terra abitata dentro
un cerchio con intorno il mare. Vi notiamo che la Libia
(com'era chiamata allora l'Africa) nella sua estremità a sud è
circondata dal mare. Erodoto ( 484-420 a.C.) più tardi
descrisse un epico viaggio effettuato dagli antichi fenici.
Questi avevano narrato di essere scesi dal mar Rosso a sud, e
dopo aver circumnavigato la Libia, dopo tre anni di
navigazione erano rientrati nel Mediterraneo da occidente.
Erodoto espresse dubbi sul racconto perchè i fenici
Pagina 163 di 835
affermavano che giunti a doppiare la punta estrema della Libia
(l'odierno Capo di Buona Speranza), il Sole di mezzogiorno si
trovava a nord. Ora se non avessero i fenici effettivamente
visto il fenomeno con i propri occhi non potevano certo
inventarsi una simile ridicola e gratuita storia, cioè parlare di
una cosa fino allora non solo mai esistita ma nemmeno poteva
essere compresa. Questo conferma che i Fenici abili navigatori
e ottimi osservatori del cielo in mare aperto, abbiano
effettivamente navigato prima nell'oceano indiano, per la
prima volta circumnavigato l'Africa e nel rientro navigato
nell'oceano Atlantico. Ci vorranno quasi duemila anni per
trovare questo passaggio a sud del continente africano. (vedi
anno 1487 -

____ LA TERRA NON AL CENTRO - Qualche anno dopo, dalla


scuola Crotonese di Pitagora, un discepolo, il filosofo FILOLAO,
elaborò un suo sistema cosmico, che però ricevette poca
attenzione. La Terra - affermava- con tutti i pianeti visibili,
compreso il Sole, ruotano intorno a un fuoco centrale. E' il
primo a ipotizzare che la Terra non fosse al centro
dell'Universo.
Altra ipotesi, ma più tarda, quasi simile ma diversa fu quella di
Eraclide Pontico (390-322 a.C.): suppose che Mercurio e
Venere girassero intorno al Sole (prima ipotesi di un parziale
eliocentrismo) e che il Sole insieme ai due pianeti, girasse
intorno alla Terra.

____ LA TERRA A SFERA - Pitagora stesso, sembra che sia stato


il primo a ipotizzare che la Terra non fosse piatta ma sferica.
L'ipotesi la riprese poi Aristotele aggiungendovi dei motivi
credibili ai più attenti osservatori: il primo era che l'ombra
della Terra durante un eclissi di Luna era sempre circolare; il
secondo era che le navi quando si allontano (o si avvicinano)
in un mare e verso qualsiasi direzione, scompaiono (o
compaiono) gradualmente alla nostra vista se siamo noi
osservatori al livello del mare, mentre torniamo a scorgerle
anche lontanissime se ci portiamo in un posto di osservazione
più alto; infine riferendosi al cielo, le stelle che sorgono al di
sopra dell'orizzonte settentrionale, tramontano sotto
l'orizzonte meridionale, e accade l'incontrario se noi ci
spostiamo a sud.

____ LOGICA - I ragionamenti fatti sopra corrispondevano a un


sistema di pensiero che Aristotele iniziò ad elaborare in base a
qualcosa, che chiamò "logica": uno stato mentale normale che

Pagina 164 di 835


ragiona in maniera razionale, quindi non influenzato dalle
emozioni o da credenze soprannaturali. Un cacciatore scopre
la preda che si è nascosta se segue le orme, capisce pure la
direzione che ha preso, e se conosce il tipo di orme, sa anche
che tipo di animale è, se deve fuggire o affrontarlo. Cioè il
cacciatore si rifà alle sue esperienze e conoscenze, e su
entrambe applica una logica razionale prima di prendere una
decisione. Nel procedere non si affida solo alla protezione
degli dei, valuta invece i mezzi che ha a disposizione
prefigurandosi l'animale che deve affrontare. Questa è "logica
razionale".

ANNO 500 a.C.


____ TAPPETI - Fin dall'antichità esisteva l'abitudine di coprire i
pavimenti con delle stuoie di giunchi intrecciati, anche perchè
i primi pavimenti delle capanne e in seguito delle prime
rudimentali abitazioni erano allora erano in terra battuta. Ma
anche quando si usarono mattoni o più frequentemente
pavimenti in legno, la copertura rimase. A realizzarli con i fili
di una fibra diversa dal giunco, annodati su un elementare
telaio, furono i Cinesi nel V secolo a.C. La materia più usata fu,
ed è ancora oggi, la lana di pecora, o per fabbricare quelli di
gran lusso anche la seta. Uno dei più antichi che si conosca è il
tappeto di Pazyryk, realizzato nella zona dell'Altai nel 500
a.C.. Forse di qui partì la tecnica di fare tappeti, che si diffuse
particolarmente nei territori persiani. Nei tappeti di
Samarcanda, Kashgar, Yarkland e Khotan ancora oggi si
riscontra una derivazione cinese, sia per la forma decorativa,
sia per la gamma di colori (azzurro, giallo, avorio). Quando poi
quelle contrade furono islamizzate, gli Arabi divennero loro
dei grandi produttori di tappeti, sorsero in tutte le grandi città
dei grandi laboratori, soprattutto in Anatolia e nell'attuale Irak
e Iran. Con la loro dominazione nelle coste mediterranee
giunsero ovviamente anche nelle corti dei califfi in Spagna,
dove sorsero anche qui i primi laboratori di tappeti, con
qualche esemplare esportato nei paesi europei. Ma fu al
tempo delle crociate, e al termine di queste, che i tappeti si
diffusero in tutte le corti d'Europa. Nel XV e XVI secolo dalla
Spagna i laboratori si diffusero anche in Francia: nel 1606 era
in funzione un laboratorio nei pressi di Parigi, ma famose
divennero le manifatture di Savonnerie e di Chaillot, che si
distinsero anche per l'originalità nei disegni e nei colori.
Anche in Italia nello stesso periodo si ebbe una produzione di
tappeti in Sardegna, Calabria e soprattutto in Abruzzo (famosi

Pagina 165 di 835


quelli di Pescocostanzo), ma pur essendo abbastanza pregiati
rimasero rustici.
Arte, tecnologia, abilità, e uso di filati sempre più pregiati,
fecero diffondere il tappeto, non più con quella funzione
iniziale che aveva (di ricoprire tavolacci o grezzi pavimenti in
mattoni o pietra) ma con una funzione decorativa, spesso per
dare prestigio alle abitazioni dei ricchi. Nei tempi moderni si
sono realizzate macchine veloci per fabbricarli, usando anche
fibre artificiali, ma i tappeti annodati ancora a mano e in pura
lana dagli artigiani dei Paesi Orientali restano sempre i più
ricercati e ovviamente anche i più costosi (come quelli di
Buhara).

ANNO 520 a.C.


____ NUMERI IRRAZIONALI - Fondatore della scuola pitagorica a
Crotone, Pitagora (571-497) oltre l'importante contributo nel
campo della matematica con la formulazione del famose
teorema, e altri progressi nella geometria piana, va il merito
della scoperta dei numeri irrazionali. Cioè non
esprimibili come quozienti di due interi.

____ VENERE - Si ritiene che sia stato lo stesso


Pitagora a dare al pianeta il nome di Afrodite
(Venere). I greci consideravano la stella della
sera un astro e quella del mattino un altro.
Pitagora forse lo apprese dai Babilonesi
(soprattutto dai Caldei molto più progrediti nella
conoscenza del cielo e quindi dei pianeti) che si
trattava dello stesso astro, o meglio di un pianeta, cui diede il
nome della dea dell'amore, perchè con questa stella iniziano le
notti degli amanti e perchè il mattino è la stella della bellezza,
grande e lucente nel cielo (furono poi i romani a chiamarla
Venere).

___ ARGANO - Se ne ha notizia nel V sec. a.C. dal medico greco


Ippocrate che lo usò (come si fa ancora oggi) per distendere
gli arti fratturati dei suoi malati. Nel III sec. a.C. una
descrizione di questo strumento per sollevare pesi la da
Archimede, e in seguito nel I sec. a.C ne parla anche Erone di
Alessandria. L'argano è formato da un palo di legno alla cui
estremità si inserisce una ruota con una scanalatura su cui si
avvolge una fune che azionata manualmente permette il

Pagina 166 di 835


sollevamento dei pesi. Il più largo
impiego fu nei pozzi per attingere dal
fondo l'acqua con un contenitore
legato all'etremità della fune, poi fu impiegato nell'edilizia per
sollevare materiali vari. Più tardi con la tecnologia e l'impiego
dell'elettricità la fune in acciaio verrà avvolta su un asse
orizzontale azionato da un motore elettrico, principalmente
usato nell'edilizia, in particolare nelle gru; viene detto anche
"verricello".

____ ANATOMIA RUDIMENTALE - Dopo aver già accennato in


"Medicina - ( vedi anno 1550 a.C. ) - i primi studi anatomici
tramite la dissezione dei cadaveri furono fatti da Alereone, poi
in questa data (520 a.C.) Alcmane, forse un suo allievo, portò
avanti lo studio dell'"anatomia" umana (da anatomè=
dissezione). Confermò per primo -anche se in un modo
rudimentale- la differenza tra le arterie e le vene e affermò
che gli organi sensori erano collegati al cervello tramite una
ramificata serie di nervi. Calato il silenzio fin quasi alla fine
del Medioevo, gli studi anatomici presero vigore dal XIII secolo
in poi per merito delle università, specie italiane. Iniziò la
celebre scuola di medicina di Salerno, poi venne Bologna e
Padova altrettanto celebri centri di studi in questo campo.
Dopo Andrea Vesalio (vedi biografia ANDREA VESALIO),
l'anatomia patologica inizia con G.B. Morgagni (1682-1771)
che introduce in medicina il metodo sperimentale, e stabilì per
primo i rapporti fra i sintomi clinici e il quadro anatomo-
patologico ricercando le cause delle malattie attraverso
l'indagine anatomica. (vedi più avanti "Anatomia moderna "
anno 280 a.C.)

ANNO 487 a.C.


____ OSTRACISMO - Fu un'invenzione di carattere politico nella
democratica Grecia. Una sorta di bando che in Atene e in altre
città greche colpiva il cittadino sospettato di aspirare alla
tirannide. Il nome derivava dal coccio (ostrakon) sul quale
veniva scritto il nome di coloro che a giudizio dei cittadini,
dovevano essere allontanati dalla città. La prima forma di
ostracismo ateniese contro il pisistrato o Atistide Ipparco è del
487 a.C.

ANNO 480 a.C.

Pagina 167 di 835


____ PONTE - I primi di cui si hanno notizia sono del 10.000 a.C.
iin Mesopotamia e in Egitto. Indubbiamente questo tipo di
costruzione utili nell'attraversare piccoli corsi d'acqua
proseguirono nei secoli con tecniche sempre migliori. Nel 2500
a.C. non essendoci ancora una valida tecnica costruttiva
capace di fare un ponte per attraversare l'Eufrate, il grande
corso d'acqua mesopotamico, i Babilonesi preferirono scavare
sotto il fiume una galleria. Un ponte di notevole lunghezza fu
quello allestito da Serse sull'Ellesponto. A parte quelli di Roma
costruiti sul Tevere a partire dal periodo dei Regni dei sette re
di Roma, abbiamo una buona ricostruzione storica di quello
fatto costruire da Traiano sul Danubio nel 105 d.C. Affinchè le
comunicazioni tra la destra e la sinistra fossero più sicure e
spedite, l'imperatore fece costruire un gigantesco ponte di
pietra sul fiume che univa le due rive nei punti in cui oggi
sorgono la città serba di Kladova e la rumena di Furnu
Severinulum. Architetto fu il famoso Apollodoro di Damasco e
l'opera riuscì grandiosa, della lunghezza di 3570 piedi, pari a
110 metri, con venti pile alte ciascuna centocinquanta piedi e
larghe sessanta, i cui resti, anche oggi, in tempo di portata
minima del fiume, sono visibili.
Di un ponte sospeso in Cina si hanno notizie nel 610 d.C. Del
1570 si costruiscono in Europa grandi ponti prima travata in
legno, poi nel 1755 le travate sono in ferro, in un ponte sul
Rodano progettato dal francese Garvin. Il progenitore di un
ponte sospeso è quello ad arco e con tirante a corda è quello
realizzato dall'ingegnere ferroviario inglese Robert
Stephenson. Ma il vero primo ponte interamente sospeso
viene realizzato negli Stati Uniti nel 1871 dall'ingegnere James
Finlay. Con l'impiego del cemento armato nel 1896 viene
progettato un ponte in Austria sul fiume Ybbs a Gross-
Holestain. Con ques'ultima tecnica si costruiscono la maggior
parte dei ponti fino al secondo dopoguerra. L'avvento della
nuova tecnica del cemento precompresso viene inaugurata
dall'ingegnere francese Eugene Frayssinet.

____ SOGNI - Ad accennare ai sogni, fu il filosofo greco Eraclito


(540-480 a.C.). Fino allora si riteneva che i sogni fossero
guidati dagli dei, da forze soprannaturali, dai morti che
dall'oltretomba parlavano e comparivano ai vivi. Gli stregoni
con la solita oscura dialettica li circondavano di opportunistica
magia, soprattutto quando i sogni erano incomprensibili
perchè privi di senso anche se fantastici. Eraclito spazzò via
queste assurdità e sostenne che i sogni non avevano alcuna

Pagina 168 di 835


origine soprannaturale. Erano semplicemente milioni di
pensieri di esperienze terrene di ogni individuo che nel riposo
vagavano nel suo cervello e che a caso come un puzzle
ricostruivano storie passate, e proprio perchè fatte a caso
spesso non avevano alcun senso (anticipava le moderne teorie
della nuova

ANNO 440 a.C.


____ ATOMI - A spazzare via altre assurdità sugli avvenimenti
avvolti nel mistero, a dire che non vi erano nelle cose terrene
del soprannaturale, ma erano tutti collegati a cause naturali,
fu il filosofo greco Leucippo. Era la prima visione scientifica
come risposta a un oscuro problema sull'origine e
sull'esistenza delle cose animate o inanimate. Ad approfondire
questa tesi fu un suo discepolo, Democrito (460-370 a.C.).
sostenendo con una singolare congettura, che tutta la materia
fosse composta da minuscole particelle, così piccole da essere
indivisibili e che chiamò "atomi" (che significa appunto
"indivisibile").
Dunque alla realtà Democrito dava una funzione
meccanicistica e materialista, risolvendo con l'esistenza degli
atomi anche la realtà spirituale e la conoscenza. Non ci
dobbiamo meravigliare se i filosofi del suo tempo respinsero
con veemenza le sue congetture. Occorreranno duemila anni
prima che si ricominci a lavorare nuovamente su queste
intuizioni. La fisica atomica aprì la porta nella conoscenza
della materia, la neuroscienza la spalancò dentro il nostro
cervello scoprendo, neurotrasmettitori, neuroni, sinapsi, ioni,
e la presenza di particolari sostanze chimiche che modificano
la personalità dei soggetti.

ANNO 420 a.C.


____ EPILESSIA - Era anche questa considerata una malattia del
demone, un castigo divino, quando un malato all'improvviso si
comportava come un ossesso. Ippocrate proseguendo gli studi
di medicina e sostenendo che tutte le malattie avessero cause
naturali, affermava che per essere in perfetta salute fisica e
psichica, occorreva nel corpo il giusto equilibrio di quattro
"umori", che indicava nel sangue, flegma, bile gialla e bile
nera.
Non era proprio così ma nemmeno si sbagliava sulle cause
naturali. Oggi sappiamo che equilibrando (o modificando)
alcune sostanze chimiche, del nostro sistema nervoso
Pagina 169 di 835
possiamo curare ogni tipo di malattia (o
uno stato leggermente alterato). Sostanze
che nell'insieme sovrintendono, e in casi
patologici (farmaci con le medesime
sostanze) riequilibrano e quindi curano tutte le funzioni
fisiologiche e quelle psicologiche alterate da eventi interni o
esterni.

ANNO 400 a.C.

____ CATAPULTA - La si può definire la prima arma a lunga


gittata, una antesignana dell'artiglieria ovvero del
bombardamento dall'alto. Dopo la realizzazione della balestra
(arma personale a lunga gittata) con la stessa tecnica fu
realizzata quest'arma per assalire una città, o questa per
difendersi dai nemici che l'attaccavano dall'esterno. L'arma
scagliava grossi massi sfruttando la forza di un gigantesco
arco. Sembra che l'invenzione sia opera degli strateghi
siciliani sollecitati del re di Siracusa, Dionisio (regno 405-367
a.C.) ____ CARRUCOLA - Questo banalissimo congegno fu
realizzato dal filosofo Archita di Taranto (428-347 a.C.). Ultimo
seguace della scuola di Pitagora, Archita trovò anche la
soluzione geometrica della duplicazione del cubo.

____ AQUILONE - Sempre ad Archita di Taranto è attribuita


l'invenzione di questo antenato dell'aeroplano. Ma sappiamo
oggi che era già molto diffuso in Estremo Oriente fin
dall'antichità, usati perfino per scopi partici; ancora oggi in
Cina, Giappone e Corea oltre che essere "i cervi volanti" una
vivissina passione, sono oggetto di antichissimi culti. In
occidente si rivelarono pratici quando gli scienziati di fine
settecento iniziarono a fare esperimenti metereologici di vario
generi, applicando i più strani strumenti di rilevamento.
Ricordiamo che nel 1751 Beniamino Franklin usò un aquilone
per fare i suoi esperimenti sull'elettricità. Più tardi furono di
valido aiuto ai novelli Icari per studiare l'aerodinamica, le
correnti aeree, l'atmosfera ecc. e qualcuno osò perfino
cavalcarli; infatti di esperimenti di voli umani su grandi
aquiloni se ne fecero molti, alcuni anche tragici. L'evoluzione
dell'aereo ha poi relegato l'aquilone a semplice giocattolo di
bambini.

ANNO 387 a.C.

Pagina 170 di 835


____ ACCADEMIA - (vedi sotto)
____ LICEO - (vedi sotto)
____ GINNASIO (vedi sotto)
____ SCUOLE - L'insegnamento delle lettere era già una realtà
in Mesopotamia; alla data convenzionale del 2460 a.C.. (vedi
relativo anno) a Lagash il re Eannatum aveva fondato una
scuola per scribi; in seguito nel 1680 a.C. (vedi realtivo anno)
vi si apprendeva anche lo studio della matematica e della
geometria. Le scuole che possiamo definire "superiori" sono
invece di questo periodo, sorte in Grecia. La prima fu avviata
nel 387 a.C. , sulla proprietà di un certo Accademus (prese
infatti il nome di "Accademia", vale a dire la prima università
del mondo). A fondarla fu Platone (428-348 a.C.). Un suo
discepolo (Aristotele (384-322 a.C.) continuò la sua opera
d'insegnamento fondando presso il tempio di Apollo nelle
vicinanze di Atene il "Liceo". Ma prima di questo operava già il
celebre "Ginnasio" fondato da Pisistrato ed accresciuto da
Pericle, inizialmente destinato ai soli esercizi fisici della
gioventù e solo dopo divenne un centro di studi filosofici-
letterari. Sotto i suoi portici e nei giardini Aristotele
"passeggiando" (che proprio per questo fu anche detta scuola
dei "Paripatetici") spiegava la sua filosofia ai suoi discepoli
(per ricerca delle verità essenziali). Le scuole dalla Grecia
furono mutuate anche dai romani, ma prima ancora che
crollasse l'impero romano, nel 394 d.C. in tutto l'impero si
spegne la "luce". Teodosio ha
già abolito l'anno precedente in Grecia le Olimpiadi, fa poi
abolire la musica, l'arte, la scultura, le accademie, le scuole. Si
entra nei secoli bui, dove si vivrà soltanto più di
rassegnazione, aspettando fino alla morte quella provvidenza
divina che per la maggior parte non arriverà mai. Una
rudimentale scuola nasce nel 787 d.C. con l'impulso dato da
Carlo Magno all'istruzione con la creazione della prima vera e
propria istituzione scolastica con la Scuola Patavina; ma era
poca cosa, fra l'altro settaria e morto lui l'Europa ripiombò nel
medioevo. Unico risultato fu che sulle orme della scuola
patavina sorse poi l'Università di Parigi. Mentre in Italia per i
successivi 1074 anni le cose non cambiarono molto (salvo un
paio di Università), complice la disunione e la mancanza di una
nazione e quindi di una coscienza nazionale. Si accumulò così
un enorme ritardo culturale rispetto ad altri paesi vicini (come
l'Austria e la Germania). Un ritardo incredibile e devastante. E
anche quando ci furono le riforme, la scuola italiana rimase
sempre una scuola incapace di adeguarsi agli altri paesi anche

Pagina 171 di 835


se confinanti. Agli esami di ogni tempo è stata sempre
bocciata oppure sempre agli ultimi posti.

ANNO 350 a.C.


____ MUSICA - Le origini della musica si perde nella notte dei
tempi, come del resto anche la foggia degli strumenti usati
per farla. Esperienze musicali risalgono alla cultura Egizia,
ricca di numerosi strumenti a fiato (flauti, trombe) e a corda
(arpe). Anche nei Veda indiani ancor prima che nella Bibbia,
sono contenuti preziosi riferimenti musicali. E tali sono anche
quelli in Cina. Le tappe dell'evoluzione del canto prima e degli
strumenti poi furono quindi tante, ma il periodo aureo viene
indicato nella fioritura della musica greca. Di questo periodo è
infatti ricordato uno dei massimi teorici dell'arte musicale
greca: Aristosseno di Taranto. Scrive due libri fondamentali
per la successiva evoluzione della musica: "Trattato di
armonia" e "Ritmica". In entrambe egli afferma che la bellezza
di una opera musicale sta nella convenienza delle parti che la
compongono e che la comprensione di essa si fonda sulla
percezione sensibile e la memoria "perchè si deve percepire il
suono presente e ricordare il passato". Inoltre quest'arte si
esprime per mezzo di suoni combinati tra loro seguendo
determinate regole. E a queste regole si erano già interessati i
grandi filosofi e matematici come Pitagora, Platone,
Aristotele, soprattutto soffermandosi sulla musica quale
componente della vita umana, orientandone gli sviluppi in
quelle forme che, pur attraverso mutamenti sconvolgenti
(chiusura delle scuole, delle accademia, messa al bando degli
strumenti di ogni tipo ecc) sopravvissero poi fino al medioevo.
Anche i canti cristiani, unificati poi nel canto gregoriano, e in
seguito anche i canti e la musica profana, sono un riflesso
della più antica civiltà musicale, ivi comprese le influenze
delle antiche melodie greche di questo periodo aureo.

ANNO 345 a.C.


____ ANIMALI CLASSIFICAZIONE - Aristotele stabilitosi a
Mitilene, nell'Isola di Lesbo, si interessa in modo particolare
agli studi di biologia e zoologia e inizia la stesura delle sue più
importanti opere su queste due scienze: Storia degli Animali,
Generzione degli Animali, Parti degli Animali.

____ CARTA DEL CIELO - Se Ecateo di Mileto (560-490 a.C.) nel


547 a.C. (vedi), aveva disegnato una carta della Terra, il
Pagina 172 di 835
matematico Eudosso (400-350 a.C.) volle su una grossa
pergamena rappresentare il cielo. Non era una cosa facile
perchè se nella terra c'erano punti di riferimento fissi, la volta
celeste con le sue stelle mutava continuamente. Ecateo ideò
un sistema che ancora oggi è la base della cartografia celeste
(detta Astronomica) e anche di quella terrestre (detta
Geofisica); prese come punto di riferimento la Stella Polare, e
da questa tracciando immaginarie linee che si allontanavano,
fu in grado di situare le stelle in un modo inequivocabile. Le
linee divergenti di Ecateo sono quelle che oggi noi conosciamo
come "longitudine", mentre le altre linee parallele che con le
prime formano angoli retti è la "latitudine". Molto più tardi
sulla stessa idea di Ecateo, fu elaborato un sistema che parte
da un punto dell'Equatore celeste o dall'Equatore terrestre; e
a seconda che il punto si trovi nell'emisfero boreale o in quello
australe, si distingue in latitudine Nord e Sud. La distanza
angolare viene misurata in gradi e frazioni di gradi.

ANNO 327 a.C.


____ LE RIVE DELL'INDO - Nella sua spedizione in Asia,
Alessandro Magno si spinge in Oriente, scoprendo sulla via del
ritorno le rive dell'indo. A completare le scoperte di carattere
geografico e naturalistico nel mar Eritreo (oggi mar Arabico) è
Nearco che con una sua flotta, via mare si ricongiunge con
l'esercito di Alessandro che via terra era giunto a Susa.

ANNO 320 a.C.


____ BOTANICA - Uscito dalla scuola di Aristotele, che poi in
seguito diresse dopo la sua morte, il filosofo greco Teofrasto
di Ereso (371-288 a.C.) proseguendo gli studi di biologia,
s'interessò in modo particolare al mondo vegetale. Studiando
anche specie provenienti da luoghi lontani, divenne l'autore
dei primi sistematici trattati di botanica. Frutto di ricerche
originali ed accurate descrisse nel suo libro 550 specie
vegetali.

____ VIAGGIO NEI MARI DEL NORD - Poco o quasi nulla si


conosceva delle coste europee atlantiche da Gibilterra alla
foce dell'Elba (Mar Baltico). Pitea di Marsiglia (360-290 a.C.)
intraprese un lungo viaggio di esplorazione verso il nord (nella
mitica Tule - forse la Norvegia) compiendo poi sulla via del
ritorno la circumnavigazione della Gran Bretagna. Al ritorno
raccontò che nelle coste della Manica si verificavano
Pagina 173 di 835
gigantesche alte maree, anche di 10 metri (di tale entità
sconosciute nel Mediterraneo perchè chiuso dallo stretto di
Gibilterra). Fu anche il primo a mettere in rapporto le alte
maree con la Luna e le sue fasi. La prima asserzione fu presa
come una "storiella" da marinaio (nel Mediterraneo le maree
sono infatti di pochi centimetri), mentre la seconda ipotesi
non fu presa nemmeno in considerazione anche perchè il
fenomeno - per le ragioni dette sopra- era piuttosto
trascurabile.

ANNO 312 a.C.


____ STRADE - Nell'antichità per trasferirsi da un luogo all'altro
vi erano indubbiamente delle piste. Con l'avvento della ruota e
dei carri queste piste divennero delle strade di terra battuta,
che però nei giorni di pioggia, diventavano impraticabili,
proprio per il continuo passaggio di grosse e pesanti ruote. Di
farle resistenti divenne una necessità prioritaria quando
l'espansione romana con le sue legioni si era spinta in
contrade molto lontane da Roma. Se importante erano i
collegamenti stradali con quelle contrade con qualsiasi tempo,
ancora più importante erano i tempi per essere
strategicamente efficienti. Il più sensibile a questi problemi fu
un alto funzionario romano il Console Appio Claudio. Iniziò la
prima strada di grande comunicazione da Roma a Capua, su
una distanza di 212 chilometri. All'inizio fu ricoperta da ghiaia,
ma in seguito la tecnica escogitata fu quella ancora più
resistente al tempo, ricoprendo la massicciata di grossi
blocchi, cioè pavimentandola. Era nata l'"Appia", prolungata
poi fino a Brindisi. Così resistente che ancora oggi esistono dei
tratti perfettamente efficienti. Fu quella una tecnica che si
estese poi anche nelle vie cittadine rendendole solide, meno
fangose e anche più pulite.
Nel corso della sua lunga storia, Roma costruì nei suoi domini
altre importantissime strade di grande comunicazione, che in
totale raggiunsero gli 80.000 chilometri. Fra le più antiche:
l'Aurelia (da Roma in Liguria) del 241 a.C., la Flaminia (da
Roma a Rimini) del 220 a.C., l'Emilia (da Rimini a Piacenza) del
187 a.C., la Postumia (da Aquileia a Genova) del 148 a.C., la
Claudio Augusta da Aquileia a Costanza, e moltissime altre.
Questi rimasero i due metodi applicati in seguito per costruire
strade; o con i blocchi (con un alta spesa di manodopera) o la
semplice strada battuta (che aveva gli inconvenienti detti
sopra).
Nel Medioevo le strade italiane cominciarono a non essere più

Pagina 174 di 835


percorse, a deteriorarsi, a sparire inghiottite dalla
vegetazione. Da notare che questo fenomeno non fu dovuto
soltanto a un processo di decadenza generale, dovuto allo
spopolamento dei territori, ma rispose anche a una logica
difensiva razionale, benché distruttiva. Spiega Beretta: “Nel
Medio Evo il meraviglioso ed efficiente sistema stradale
romano fu ridotto in pessime condizioni. La distruzione delle
strade costituì a quell’epoca un valido mezzo di difesa contro
le invasioni delle popolazioni barbare che calavano dalle Alpi”.

Nel 1764 l'architetto francese Pierre Treasagut nel fare strade


utilizza i due antichi metodi, però invece dei blocchi propose
per la massicciata le pietre frantumate in ghiaia, compressa
poi da un rullo. Era in sostanza ciò che avano fatto i romani
prima di pavimentarle, e presentarono gli stessi problemi, che
la ghiaia nel continuo passaggio o con la pioggia, sprofondava
nel fango e solo questo rimaneva in superficie. A risolvere il
problema ci pensò l'inglese Thomas Telford, che nel 1824
diede una solida base alla massicciata preventivamente
stendendo prima uno strato di pietre di una media grandezza,
e su queste uno strato di ghiaino. Il principio era buono
perchè lo strato sotto raccoglieva l'acqua sopra. Fu chiamato
metodo "Telford". Ma non era ancora la soluzione definitiva.
Tre anni dopo - nel 1827- tenendo presente l'idea di "Telford",
fu l'ingegnere scozzese John McAdam a risolvere il problema: il
suo metodo detto poi "macadam" consisteva di stendere
diversi strati di ghiaini a diversa volumetria, con il più piccolo
(quasi sabbia) in superficie spianato da un rullo compressore.
Ogni strato filtrava a quello sottostante l'acqua stagnante,
permettendo così alla superficie di rimanere -appena cessava
di piovere- asciutta e senza pozzanghere.
Tuttavia il macadam fu posto in crisi dall’avvento del trasporto
automobilistico. Il traffico di automobili creò infatti gravi
ostacoli a tutto il sistema di manutenzione delle strade, le
quali accusarono un eccessivo logorio delle massicciate con la
conseguente formazione di buche profonde e pericolose se
non riparate in tempo. A ciò bisogna aggiungere il grave
disagio provocato dal sollevamento della polvere originato
dall’aumentata velocità di traslazione dei veicoli a motore.
Nel frattempo - già nel 1810- su un marciapiede di Lione era
apparso un nuovo rivoluzionario metodo - che non era nuovo
ma non era stato mai applicato nella pratica. Ed era quello di
mischiare all'ultimo strato di sabbia dell'asfalto caldo liquido.
Il conglomerato sempre compresso da un rullo, una volta
asciutto non solo rendeva le strade perfettamente lisce ma le

Pagina 175 di 835


proteggeva con un manto impermeabile. A partire dal 1835
l'asfaltatura delle strade principali fu il definivo metodo per
costruire strade efficienti e soprattutto con meno
manutenzione. In Italia il sistema dell'asfaltatura venne
introdotto nel 1900, quando furono costruiti due tratti di
provinciale vicino a Lugo di Romagna.

____ AUTOSTRADE - Con la diffusione dei veicoli a motore, con


auto e motociclette sempre più potenti, costruire strade veloci
e sicure sia per gli automobilisti come per i pedoni, senza
quindi l'attraversamento di centri abitati, era il sogno dei
primi, e per la propria incolumità desiderio dei secondi. La
prima strada con queste caratteristiche, oltre a possedere
un'ampia carreggiata, fu l'autostrada italiana Milano-Laghi, di
85,007 chilometri, realizzata il 30 ottobre 1924. Conduceva da
Milano ai laghi lombardi di Como, di Varese e Maggiore.
Furono in seguito costruite ed entrate in esercizio dal 1924 al
1935: il 24.9.1927 la Milano-Bergamo km 50,007 - il 3.6.1929
la Napoli-Pompei km 23,347 - nell'agosto 1931 la Bergamo-
Brescia km 47,647 - nell'ottobre 1932 la Torino-Milano km
127,000 - nell'agosto 1933 la Firenze-Mare km 81,333-
nell'ottobre 1933 la Padova-Mestre km 24,600 - nell'ottobre
1935 la Genova-Serravalle km 50,040. (una buona panoramica
sulle strade e austostrade d'Italia vedi "Strade e Autostrade
d'Italia" - Dalle origini )

____ GRU - L' invenzione la si attribuisce ad Archimede che con


lo stesso principio della leva, aveva costruito un attrezzo per il
sollevamento dei pesi. Più tardi nel I sec. a.C., con un
perfezionamento viene descritto dall'architetto romano Marco
Vitruvio Pollone e consisteva in due pali, uniti insieme a forma
di V capovolta, muniti di un paranco e un sistema di carrucole,
alcune fisse e alcune mobili. Dall'edilizia, l'uso si estense ben
presto nelle officine e in operazioni di carico e scarico di merci
nelle aree portuali (ancora oggi usate da piccole imprese
edilizie). Quelle grandi, le prime furono azionate da un motore
a vapore (1805) e più avanti con motore elettrico. Sempre più
perfezionate e imponenti, quelle a traliccio con un braccio
mobile comparvero nel 1933.

ANNO 300 a.C.


____ GEOMETRIA - A parte ciò che abbiamo visto fino ad ora
(come le scuole mesopotamiche nell'anno 1680 a.C.) la
geometria con i greci divenne una vera e propria scienza

Pagina 176 di 835


parallela alla matematica. Se prima le misurazioni
essenzialmente di carattere pratico riguardavano solo i
costruttori di edifici (nell'antico Egitto, le Piramidi), i
costruttori di canali, o i semplici artigiani nelle loro varie
lavorazioni, i filosodi incominciarono ad occuparsene anche
dal punto di vista teorico (un po' meno in quello
sperimentale). Ai filosofi non occorreva nè il cubito in mano nè
fare le misurazioni. Con la loro logica ragionavano con punti,
linee, curve, piani e solidi e si lanciavano nei più approfonditi
studi della matematica e della geometria.
Di Pitagora abbiamo già parlato nel 520 a.C. Da quella via
tracciata alla scuola di Crotone fino alla successiva Accademia
di Platone gli studi matematici erano progressivamente
proseguiti, e di seguaci sen'erano formati tanti e fra questi
Euclide. Che però emigrò nel 320 ad Alessandria d'Egitto.
Questa città ad occidente del Nilo era stata fondata durante la
sua permanenza in Egitto da Alessandro Magno nel 331, ed
era sorta con l'ambizione di trasformarsi in un centro
cosmopolito oltre che culturale. Tolomeo I (366-283 a.C.) alla
morte di Alessandro ci stabilì la capitale e come autentico
protettore delle arti e della cultura esortando scienziati e
filosofi a trasferirsi, Alessandria l'aveva trasformata in poco
più di dieci anni nel più grosso centro culturale. Molti greci
avevano accolto l'invito, e fra questi il matematico Euclide.
Non sappiamo quanto aggiunse di suo, ma sappiamo che iniziò
a raccogliere tutte le scoperte geometriche degli antichi
matematici in un testo che venne chiamato "Gli Elementi".
L'opera di Euclide inizia con definizioni intuitive, ma si basa su
postulati e assioni dai quali viene dedotta tutta la geometria,
che si ritrovò presto dotata di solidi basi e di una buona
struttura che ha sfidato tutti i tempi e utilizzata ancora oggi.

____ MUSEO - BIBLIOTECA - Dello stesso periodo, e sempre


dovuto a Tolomeo I e a suo figlio Tolomeo II, nella stessa
cosmopolita Alessandria d'Egitto, viene fondato il Museo (così
chiamato perchè dedicato alle Muse protettrici delle arti e
della cultura) che sostanzialmente era una grande e
prestigiosa Università. Un centro di studi dotato anche di una
straordinaria Biblioteca che in pochi anni divenne la più
grande di tutte le biblioteche esistenti. Vi si raccoglievano
codici e volumen, in pergamena e papiri, provenienti da tutto
il mondo conosciuto. Sembra che alla data della sua
distruzione, avvenuta con un irresponabile e barbaro incendio
durante l'invasione romana all'epoca di Giulio Cesare (48 a.C.),

Pagina 177 di 835


erano state raccolte nella biblioteca circa 700.000 opere
dell'antichità.

ANNO 280 a.C.


____ ANATOMIA MODERNA - Al Museo di Alessandria, oltre che
la matematica gli studi dell'anatomia umana erano
sistematicamente portati avanti da scienziati greci di altissimo
livello. Fra questi scienziati EROFILO (355-280 a.C.) e il suo
discepolo ERASISTRATO. Il loro più grande interesse era
rivolto al cervello e ai nervi del corpo umano. Il primo divise i
nervi sensori dai nervi motori (quelli che stimolano l'azione).
Mentre il secondo non d'accordo con PRESSAGORA (che pur
distinguendo le vene dalle arterie, affermava che le prime
portavano sangue, le seconde aria - sbagliava, ma gli rimase il
nome, perchè arteria significa appunto "portatore d'aria")
sosteneva che le arterie non portavano aria, ma pulsavano e
anch'esse mettevano in circolazione il sangue. Oltre questo,
descrisse il fegato, la milza, la retina dell'occhio e studiando la
prima parte dell'intestino gli diede lui il nome: duodeno.
Ovviamente questi esperimenti e scoperte avvenivano con la
dissezione dei cadaveri, e purtroppo il Museo-Accademia, non
era in Grecia, ma era sorto in Egitto, nella patria delle
mummie, e proprio perchè credevano gli egiziani che
bisognava giungere nell'aldilà con il corpo intatto, non
tolleravano lo scempio del corpo dei defunti. Gli esperimenti
anatomici furono proibiti, e la scienza che si era rivolta a
studiare il corpo umano, qui ebbe la sua prima battuta
d'arresto; quella definitiva la ebbe poi all'alba del medioevo.
Per più di 1500 anni non si parlò più di medicina e tantomeno
di anatomia. Qualcosa fece Galeno nativo di Pergamo (129-201
d.C. dal 161 a Roma fino alla morte) considerato il più grande
medico dell'antichità (anche lui trascorse 5 anni nella scuola di
Alessandria). Dobbiamo arrivare al 1543 quando ANDREA
VESALIO riprese le osservazioni con le dissezione dei cadaveri
e da allora - pur con tanti ostacoli dell'Inquisizione (fu
condannato a morte per la “…Divulgazione di Ignominiosae
atque mentognere idee, contrarie alla Gratia Divina…") si ebbe
un continuo, ininterrotto e attivissimmo fiorire di osservazioni
sull'anatomia umana e quindi esperimenti ricercando le cause
delle malattie attraverso l'indagine anatomica. (vedi biografia
ANDREA VESALIO)

ANNO 270 a.C.

Pagina 178 di 835


____ LUNA E SOLE - LE DIMENSIONI - Questa domanda in
precedenza se l'erano posta in tanti nell'antichità. Poi
Anassagora (500-428 a.C.) aveva avuto l'ardire di ritenere che
il sole era grande quanto la Grecia meridionale, ma pochi gli
prestarono attenzione anche perchè la sua tesi non si
appoggiava alla matematica che era a quel tempo ancora agli
albori, non così nei due secoli successivi quando ebbe un
grande incremento, e fu proprio in questa data che
l'astronomo greco ARISTARCO proprio con delle credibili
argomentazioni matematiche, durante l'osservazione di
un'eclisse di Luna notando la dimensione dell'ombra della
Terra sulla Luna stabilì che questa fosse un corpo pari a un
terzo della Terra. (Ricordiamo che la terra ha un diametro di
12.757 km circa, la Luna di circa 3.470 km - e Aristarco
conosceva con i suoi mezzi solo la figura piana, mentre oggi
noi sappiamo che come volume la Luna è 49 volte più piccola
della Terra).
Con lo stesso metodo operando con la trigonometria riuscì
anche a stabilire che il Sole aveva un diametro pari a sette
volte quello della Terra, e si trovava lontano a una distanza
venti volte la distanza dalla Terra alla Luna. Tali proporzioni
sappiamo non erano esatte, a causa di strumenti inadatti, ma
il concetto come ragionamento scientifico era giusto. Inoltre
s'inoltrava in un campo minato dalle nozioni bibliche e degli
inossidabili miti dell'antichità. Il suo ardire era che affermava
che i corpi celesti erano degli oggetti con delle dimensioni
paragonabili a quelle della Terra e che la Terra era al pari
degli altri oggetti celesti una sfera. Accertato questo, 30 anni
dopo, un nuovo genio matematico, non solo confermava
inconfutabilmente che la terra era una sfera, ma ne misurava
anche la circonferenza, e la determinò con un errore
trascurabile, 40.232 chilometri, mentre è in realtà 40.053
( vedi sotto, anno 240 a.C.)

____ FARO - Fin quando non fu inventato l'astrolabio nel 200


a.C., la navigazione era quasi sempre avvenuta ad una certa
distanza dalla costa, a circa 10-20 chilometri. I grandi porti
che avevano grande traffico di navi in arrivo oppure di
passaggio, nelle ore notturne segnalavano la presenza
accendendo grandi fuochi. L'idea di innalzare questi fuochi per
renderli visibili a grande distanza venne a Tolomeo Filadelfo
sovrano d'Egitto. Sull'isola di Faro presso Alessandria fece
costruire una struttura alta circa 85 metri. Poggiava su un
grande basamento e presentava all'interno delle scalinate
lungo le quali venivano portate fino alla sommità carichi di

Pagina 179 di 835


legna. La luce della legna bruciata si poteva vedere in mare
aperto fino a 30 chilometri di distanza. Completato nel 279
a.C., elencato dagli antichi tra le sette meraviglie del mondo,
rimase in piedi per sedici secoli prima di venir distrutto da un
terremoto; ma il nome di quella lingua di terra - Faro - dov'era
nato rimase al tipo di costruzione. Ma anche al tipo di faro.
Quello a "lenti di Fresnel" con una luce emessa da una
lampada elettrica fu ideato nel 1827 dal francese Augustin
Jean Fresnel (1788-1827); anche questa luce concentrata dalle
lenti è visibile a circa 30 km di distanza.

ANNO 270 a.C.


____ OROLOGIO - Degli obelischi, gnomoni e meridiane ne
abbiamo già parlato fin dall'anno 4.000 a.C. Seguirono le
candele graduate che nel consumarsi indicavano un dato
tempo; infine una specie di grande clessidra ad acqua (quelle
a sabbia è piuttosto tarda, di epoca medievale attribuita agli
Arabi) che gocciolando da un contenitore a un altro in
quest'ultimo un galleggiante alzandosi indicava su un'asta
alcune tacche graduate. Uno simile compare nel 1360 a.C. in
Egitto. Erano tutti strumenti piuttosto utili, li possiamo
chiamare "misuratori del tempo", ma non erano veri e propri
"orologi". Con questo nome nasce invece in Grecia realizzato
da Ctesibio ed era pure questo ad acqua molto simile a quello
egizio. Invece di un'asta graduata, quando l'acqua si alzava un
marchingegno galleggiante spostava una lancetta su un vero e
proprio quadrante dove vi erano indicate le 12 ore. Era nato l'
orologion - ora e logion dal greco lego=leggere; "leggere
l'ora". Pur essendo oggetti rudimentali erano in grado di
indicare il tempo in modo soddisfacente. Nei secoli bui del
medioevo - nel clima di rassegnazione in cui si viveva - non
ebbe più importanza la misurazione del tempo, tutta l'intera
esistenza era scandita solo più dal battito della campanella,
poi campana, che indicava a tutti i "peccatori" - mattina,
mezzogiorno, pomeriggio e sera di ogni giorno e in ogni
stagione, le ore della preghiera. La frazione della notte non
esisteva.
Bisogna arrivare al X secolo, dentro i monasteri, per trovare
gli "svegliatori meccanici", orologi muniti di ruote dentate e
palette dotate di pesi. Molto simili furono anche i primi orologi
meccanici azionati sempre da pesi, verso il XIII secolo (vedi
più avanti ANNO 1335 "orologio meccanico"). Uno famosissimo
fu quello realizzato a Londra nel 1367 che batteva anche le
ore, e che ben presto si diffuse in tutti i campanili delle chiese

Pagina 180 di 835


della cristianità. Un grosso
orologio per uso casalingo a
molla fu realizzato nel 1450.
L'evoluzione di questo fu così
rapida che già nel 1480
comparvero i primi orologi
soprammobili e per i
benestanti perfino da tasca. Ma quello che entrò in quasi tutte
le case di ogni ceto fu il diffusissimo ....

____ OROLOGIO A PENDOLO - ... che sfrutta la regolarità del


moto oscillatorio, realizzato da Christian Huygens nel 1657
(ma il primo accenno fu di un ragazzo diciassettenne toscano,
Galileo Galilei nel 1581 - vedi anno 1581) , con il quale diviene
finalmente possibile effettuare misure precise del tempo.
Huygens e altri dopo di lui migliorarono anche quelli a
scappamento applicando al meccanismo il bilancere, l'ancora e
una molla a spirale.
Nell'orologio a pendolo il fenomeno di breve durata e costante
è l'oscillazione del pendolo. Questa come ha insegnato Galileo,
è isocrona; cioè le oscillazioni del pendolo, se sono piccole
sono tutte di uguale durata, anche se non sono di uguale
ampiezza. Il pendolo è un'asta, sostenuta di solito da due
appoggi a coltello, che tiene nella parte inferiore un peso. Al
disopra del punto di sospensione il pendolo si prolunga in una
appendice che va a impegnarsi tra i denti di un ingranaggio.
Questo ingranaggio, se non fosse trattenuto dal
prolungamento del pendolo ruoterebbe rapidamente libero,
mosso dalla ruota di carica dell'orologio. Invece per ruotare
con la cadenza giusta, occorre che il pendolo oscilli liberando
dal sistema di impegno i suoi denti uno per uno. Questo è il
sistema di scappamento. Così l'ingranaggio che permette il
moto all'orologio a pendolo esplica due funzioni: la prima è
quella di far procedere il meccanismo dell'orologio al ritmo
delle oscillazioni del pendolo; la seconda è quella di
sospingere delicatamente il pendolo in modo che compia una
oscillazione dopo l'altra senza arrestarsi, imprimendogli a ogni
oscillazione una piccola spinta.
Nell'orologio a bilanciere la funzione del pendolo è sostituita
da quella di una ruota imperniata su due punte tra cuscinetti:
la ruota è tenuta nella posizione di equilibrio da una molla
spiroidale. Il meccanismo a scappamento ad ancora, che
agisce come tramite tra la molla di caricamento e il bilancere,
influisce sulla velocità di oscillazione di quest'ultimo secondo
la tensione di carica della molla. Il vantaggio del bilancere e

Pagina 181 di 835


della molla rispetto al pendolo è quello di poter funzionare in
qualunque posizione; il pendolo invece deve essere mantenuto
rigorosamente verticale. Il primo in un secondo oscilla cinque
volte, nel pendolo invece solitamente ogni mezza oscillazione
è un secondo. Dopo quelli ad àncora, diventano molto esatti
anche quelli da tasca nel 1704 quando uno svizzero Nicholas
Faccio impiega per i cuscinetti degli orologi i rubini. Il
Cronometro nasce prima marino (inventato dall'inglese John
Harrison nel 1761 per calcolare la longitudine - vedi anno 1728
) poi con la miniaturizzazione finirà al polso di molta gente
negli anni 1920. Si impiegano poi i cristalli di quarzo nel 1929;
l'orologio diventa perfino atomico nel 1948; a fine anni
Sessanta ne compaiono alcuni a diapason (fabbricati
inizialmente per gli astronauti), infine l'orologio perde il
quadrante e diventa digitale nel 1971 per merito degli
ingegneri americani George Theiss e Willy Crabtree (chiamato
anche "orologio a pulsar" per le sue 32.768 vibrazioni al
secondo). Orologi questi che si dotarono poi anche di altre
funzioni quali i giorni della settimana, del mese, l'ora locale e
quella di altri fusi orari, ed infine assolvendo la funzione di
cronometro, di calcolatrice e perfino di sveglia. Nel 1980
anche la Svizzera tradizionale paese degli orologi meccanici di
alta precisione, decide di impiegare l'elettronica e lancia sul
mercato gli orologi con batteria dotati di un microcircuito
integrato (che assolvono i compiti come 1000 transistor).
Nello stesso periodo compaiono anche quelli senza batteria
ma funzionanti - tramite celle fotovoltaiche - a energia solare
Attualmente negli orologi scientifici come unità di misura si
adotta un multiplo del periodo di una particolare radiazione.
Un intervallo di tempo definita nel 1967 come la durata di
9.192.631.770 oscillazioni della radiazione emessa dall'atomo
di cesio (133 Cs) nel suo stato fondamentale.
(vedi più avanti ANNO 1335 "orologio meccanico").

ANNO 260 a.C.


____ PESO SPECIFICO - Archimede di Siracusa scopre il
principio (peso di un corpo riferito all'unità di volume) e lo
espone nella sua opera "Sul galleggiamento dei corpi". Pone
anche nello stesso periodo le basi teoriche sull'equilibrio delle
forze.

Pagina 182 di 835


____ POMPA A VITE - Sempre Archimede
con le sue ricerche di meccanica
inventa la famosa pompa a vite (o
coclea) che porta il suo nome. Dello stesso periodo - o forse
qualche decina di anni dopo - è la più pratica...

____ POMPA ASPIRANTE ...e premente, sempre per il


sollevamento dell'acqua, che secondo fonti storiche è stata
inventata da Ctesibio di Alessandria.
____ LEVA - E' ancora Archimede a elaborarne il principio. Era
dai tempi preistorici che la si usava (si pensi agli Egizi nel fare
le piramidi con i grossi blocchi) ma erano in gran parte
tentativi fatti a naso, con la pratica, mentre è Archimede a
darci l'esatta regola relativa all'azione di un dispositivo per il
sollevamento di grossi carichi. A seconda della posizione
assunta dal fulcro rispetto alla forza attiva ed all'azione
resistente, si ha: il primo genere, se il fulcro si trova tra la
forza attiva e quella resistente; di secondo genere, se l'azione
resistente è applicata tra fulcro e forza attiva; di terzo genere
se la forza attiva è applicata tra il fulcro ed azione resistente.
____ SEZIONI CONICHE è l'opera di Apollonio, nella quale
definirà le leggi geometriche generali e la nomenclatura
introducendo i termini di ellisse, parabola e iperbole.
Apollonio dopo aver studiato nel Museo di Alessandria sotto la
guida dei successori di Euclide, insegnerà poi a Pergano.

ANNO 250 a.C.


____ POLVERE DA SPARO - Se non sappiamo chi la inventò, né
precisamente quando, sappiamo invece che in questo periodo
si accenna al suo uso. E' una "polvere nera", una miscela di
salnitro, di potassio, polvere di carbone e zolfo, fabbricata
dagli alchimisti cinesi (libri del 1044 spiegano come la si
fabbrica, indicando le esatte proporzioni), ma alcuni
affermano inventata dai Mongoli (forse perchè furono loro a
farla conoscere in occidente al tempo delle loro invasioni). In
Cina da qualche secolo era utilizzata soprattutto per
fabbricare i cosiddetti...

____ FUOCHI ARTIFICIALI ... per divertire ma forse usati per


fare anche grossi botti per spaventare il nemico. La polvere fu
usata anche per fare razzi pirotecnici, questi in seguito molto
probabilmente ispirarono prima gli arabi poi gli occidentali per

Pagina 183 di 835


utilizzarla come arma, inventandosi il "cannone" (vedi Anno
1453), poi l'"archibugio" (vedi Anno 1450) ed infine il "fucile"
(vedi Anno 1650).
Ruggero Bacone già nel 1249 aveva scritto qualcosa sulla
polvere da sparo.

____ TÈ - L'uso di bere questa bevanda nasce in Cina. Il paese


molte volte era percorso da drammatiche pesti, che gli annali
cinesi riportano meticolosamente in quale zone si erano
verificate e quante erano state le vittime. La medicina anche
in Cina da secoli era già abilmente praticata, e i medici
dovevano aver scoperto che uno dei maggior responsabile
della diffusione del morbo pestifero erano le acque
contaminate da piccoli microrganismi; ma avevano anche
scoperto che bollendo l'acqua essa tornava ad essere potabile
senza altra conseguenza per l'organismo. Ovviamente la
prevenzione ben presto si diffuse, o forse fu severamente
imposta a tutti i cittadini e soprattutto anche ai contadini,
perchè questi allora erano importanti, la maggior parte di loro
lavoravano per gli ammassi statali. Ma bere acqua bollita non
era molto piacevole, qualcuno volle renderla gradevole e
l'unico modo era quello di fare un infuso con uno dei tanti
vegetali. Chissà dopo quante prove e quante varietà, furono
scelte le foglie di una pianta coltivata in India (precisamente
orginiaria di Assam) il cui nome scientifico è "Camellia
sinensis" o "Thea sinensis", che ha foglie ricche di caffeina,
tannino, sostanze aromatiche, e che essiccate e poi usate nel
preparare un infuso forniscono la famosa bevanda: il Té. Forse
l'atto del bere essendo legato a una questione scaramantica di
vita e di morte, divenne un rito, sempre più sentito anche
interiormente con grande partecipazione dei convitati.

ANNO 240 a.C.


____ TERRA - DIMENSIONE - Abbiamo visto nel 270 a.C. i primi
tentativi di Aristarco nel voler dare una dimensione alla Terra.
Nella sua logica le intuizioni erano valide, ma carenti erano gli
strumenti. A scoprire uno di questi strumenti - fra l'altro
naturali - fu ERATOSTENE di Cirene. Anche lui approdato in
Egitto da Atene con la grande "fuga di cervelli" già
menzionata, era diventato il più grande astronomo della
scuola alessandrina. Qui gli avevano riferito che nel giorno del
solstizio d'estate (22 o 23 giugno, cioè quando il Sole si trova
allo zenit dei due punti della superficie terrestre situata al
tropico del cancro) a Syene (odierna Assuan) 782 chilometri a

Pagina 184 di 835


sud rispetto ad Alessandria, il sole a perpendicolo su un
obelisco non proiettava nessuna ombra. Alessandria si trovava
a nord di 7 gradi dallo Zenit, ma l'ombra nello stesso istante
era diversa perchè indubbiamente da Syene ad Alessandria la
Terra si curvava. Conoscendo i gradi e conoscendo la distanza
che separava Alessandria da Syene, Eratostene iniziò a
calcolare quante volte si sarebbe dovuta ripetere quella
curvatura per fare un giro completo, cioè i 360 gradi di una
sfera.
Sommando sempre 7 gradi, per arrivare a 360, bisogna
aggiungere 51,4 volte il 7. Sapendo che Syene era distante
circa 782 chilometri da Alessandria, moltiplicando 782 x 51,4
volte Eratostene otteneva esattamente la circonferenza del
Globo Terra pari a 40.232 chilometri e il diametro di 12.812
chilometri, che in realtà è rispettivamente di 40.053 chilometri
e di 12.756. Visti gli strumenti usati e la conoscenza all'incirca
della distanza tra Cyrene e Alessandria, il risultato è
abbastanza prodigioso, se pensiamo che Eratostene lo ottenne
senza muoversi da Alessandria.

____ CRONOLOGIA della STORIA - Gli avvenimenti dei tempi


antichi erano in questo periodo ancora un po' confusi come
datazione. Questo perchè le civiltà esistenti ognuna di esse
riportava i fatti facendo riferimento agli anni di regno del
proprio sovrano (spesso erano anni imprecisi, con regnanti
confusi con altri dello stesso nome, o confondendo padre e
figlio, o perchè un re era stato deposto per un certo periodo
poi ritornato sul trono ecc.). Con queste condizioni, chi avesse
voluto comparare gli avvenimenti degli altri con i propri,
alcuni fatti non corrispondevano. Ma un tentativo per fare di
tanti sistemi un unico sistema era possibile se si analizzavano
tutti i sistemi che si conoscevano e si comparavano.
Eliminando il più possibile gli errori di ognuno, e prendendo
come punto di riferimento il sistema con meno errori, e con
più corrispondenti incroci di fatti significativi, si riusciva a
dare una data precisa a un avvenimento verificatosi anche in
un altra unità politica (Poteva capitare che un popolo non
registrava una battaglia persa, volendo forse dimenticarla,
mentre la stessa veniva eccome registrata da quel popolo che
invece la ricordava come una vittoria epica).
A interessarsi a questo problema, e a risolverlo come detto
sopra, fu ancora una volta Eratostene ad Alessandria. Prese
come punto di riferimento il primo anno dell'era dei Seleucidi,
che avevano cominciato a governare con Seleuco I dal 312 a.C.
e a contare gli anni a tempo indefinito, cioè senza far

Pagina 185 di 835


riferimento agli anni di regno del Sovrano nè tantomeno ai
suoi successori, ma solo all'anno lunare (ma che oggi facciamo
presto a tradurre in precisi anni solari).

In una confusione di date erano anche gli avvenimenti


cronologici dell'antica Grecia, che non usava ancora l'anno
solare e nemmeno quello lunare ma quello quadriennale delle
Olimpiadi. Stessa imprecisione ci furono nelle date degli
avvenimenti nel lungo periodo dell'impero Romano e nei
successivi regni dei barbari. Problematiche furono poi le
ricostruzioni cronologiche prima con Diogine il Piccolo nel 540
d.C. (che tenne poco conto degli anni computati fino allora da
Roma partendo dalla sua fondazione), poi continuò nell'errore
anche Beda il Venerabile quando sull'idea di Diogine, iniziò a
datare gli anni dell'Era Cristiana a partire dalla nascita (fra
l'altro imprecisa) di Gesù Cristo. L'anno corrente che era il
1478 dalla fondazione di Roma, divenne il 725 d.C.
Nel corso dei secoli (oltre gli errori già detti sopra) si sono
registrati diversi spostamenti nei calendari, dovuti a sovrani,
papi e santi vari. Oggi senza tenere conto dei molti calendari
civili ancora oggi in uso nei vari Paesi, si impiega
universalmente quello astronomico. Questo parte dal 1°
gennaio 4713 a.C. (era giuliana). Tutti i giorni successivi
vengono semplicemente numerati progressivamente senza
raggrupparli in mesi o anni. Con questo sistema è semplice la
datazione univoca (quindi matematica) di tutti i fenomeni
celesti e quindi una possibile intercalazione cronologica di
qualsiasi documento "storico" che contenga riferimenti a tali
fenomeni registrati parallelamente nelle cronache del passato.
Un punto di riferimento oggi accettato da tutti gli ambienti
astronomici mondiali di ogni cultura e tradizione.
Facciamo qui un esempio: Talete narrandoci di aver assistito
ad un eclisse solare totale a Mileto, anche se lui ci dà (o è
stata tramandata) una data che risulta imprecisa se questa
intendiamo collocarla nella nostra cronologia, oggi con un
computer e un comune programma astronomico, navigando a
ritroso, matematicamente sappiamo che nel punto
longitudinale di Mileto, si verificò un eclisse totale
esattamente il giorno 28 maggio del 585 a.C. Altrettando
dicasi di note comete viste contemporaneamente da più popoli
della terra, e che oggi noi sappiamo (per la ciclicità) quali sono
quelle comete, e quando nel passato sono apparse in cielo.

ANNO 200 a.C.

Pagina 186 di 835


____ CALCESTRUZZO - Dopo vari
esperimenti sono gli ottimi
ingegneri costruttori Romani a
mettere a punto una formula
quasi definitiva del "calce
structum". Un insieme di calce e
pietrisco per fare muri, volte e coperture tramite gittate
utilizzando centine e casseforme lignee provvisorie. (vedi
anche anno 1824 "calcestruzzo" e "pozzolana")

____ BAGNO - (vedi sotto)


____ TERME - Il bagno era praticato fin dall'antichità, da
Mesopotamici, Egiziani e da altre antiche civiltà. Fu però nel
periodo greco che il bagno insieme all'atletica si diffuse a
livello di massa, perchè sia gli esercizi ginnici come i bagni
ritenevano i greci fossero particolarmente utili a mantenere e
sviluppare la forza, la salute e il coraggio. I bagni erano
istituiti presso le palestre, i ginnasi. Nel V sec. a.C. esistevano
bagni pubblici a Olimpia e a Delo, ma questi edifici svolgevano
un ruolo meramente funzionale. Quando i bagni furono dai
Greci mutuati dai Romani, questi diedero luogo a tipi
architettonici particolari e sorsero edifici grandiosi, costituiti
da vari ambienti, spogliatoi, locali per bagni freddi, altri per
bagni caldi; locali che presero il nome di frigidarium,
aporditeryum, tepidarium, calidarium, palestra,
spahristerium, vestibolo, oltre a sezioni riservate femminili.
Prima ancora che a Roma le terme sorsero in età sannitica
presso Pompei ed Ercolano, che possiamo ancora oggi
ammirare. In molti casi erano dotati di giardini, e vi erano
annesse anche biblioteche in modo da costituire veri e propri
circoli, quindi con funzione anche sociale di luogo di ritrovo. A
Roma le prime terme grandiose furono quelle di Agrippa (25
a.C.) nel Campo Marzio, abbellite poi da Nerone nel 64 d.C.
Anche Tito e Domiziano ne edificarono alcune sul colle Oppio.
Quelle che invece stupirono il mondo furono quelle di
Caracalla costruite nel 216 d.C.; si estendevano su una
superficie di 83.700 mq, con l'edificio centrale rotondo che era
in grado di contenere circa 2600 bagnanti. Sul Viminale
sorsero i bagni di Diocleziano (280-306 d.C.). Sul frigidairum di
questi bagni, più tardi Michelangelo costruì la basilica di Santa
Maria degli Angeli. Le ultime terme furono quelle di Costantino
costruite sul Quirinale - Poi demolite per costruire il palazzo
Rospigliosi. I ricchi romani nei loro palazzi avevano anche
bagni personali utilizzando una tinozza dotata di uno
schienale, detta "semicupio" che tornò poi di moda nel 1928

Pagina 187 di 835


(vedi immagine).
Con il crollo dell'impero Romano, l'uso dei bagni scomparve,
un po' perchè i Barbari che occuparono e dominarono sulla
penisola non avevano questi civili abitudini, ma anche perchè
nella concezione cristiana la cura del corpo era segno di
vanità, e questa era considerata la figlia della cuncupiscenza,
e il padre era il tentatore Satana; nè vollero da Costantino in
poi che si svolgessero esercizi ginnici per dare plasticità al
corpo medesimo. Scomparve la musica d'intrattenimento, le
Accademie, le Olimpiadi, l'Arte, e insieme anche la bellezza e i
bagni. L'uomo e la donna del Medioevo, ma anche durante e
dopo il Rinascimento, entrambi puzzavano. Fino al tardi
Settecento i "grandi maestri di vita" (sic!) predicavano che
l'acqua non faceva bene alla pelle, e non sappiamo come
potessero sopportare le loro narici la puzza quando
s'incontravano con i propri simili. Fra l'altro nel ceto popolare
vi era l'abitudine di andare a dormire vestiti, quindi possiamo
immaginare che fetore emanassero.
Ci si chiede oggi come donne e uomini in quelle condizioni di
bassa igiene potessero esercitare il minimo desiderio e quindi
una attrazione sessuale. Ma anche i ricchi non erano meno
sporchi, ma questi coprivano la loro puzza cospargendosi il
corpo con litri di costose essenze in polvere o liquide.
Solo nei primi anni del XIX secolo l'abitudine dei bagni fu
ripreso, usando grandi tinozze di legno, poi in zinco, in rame,
in ferro, le cosiddette "bagnarole". Alla fine dello stesso
secolo alcune abitazioni di ricchi benestanti iniziarono a
dotarsi di stanzino per il bagno, con vasche dotate anche di
piccole stufe a carbone o legna per riscaldare l'acqua,
sostituite poi dal gas. Quando l'elettricità fu disponibile, nel
1880 comparvero alcune vasche in ferro smaltate con il
riscaldamento dell'acqua prodotto da una resistenza.
Ma ancora nel 1928 la maggioranza delle case italiane non era
dotata di stanzino da bagno e tantomento di riscaldamento
elettrico. Nel catalogo della "Rinascente" di Milano del 1929
(vedi immagine sopra) si offriva (con un ritorno al passato
romano) il "semicupio" e il relativo sacaldabagno a legna. Non
costavano poco, il primo offerto a lire 69,50 il secondo a lire
325. Chi invece desiderava la vasca questa era offerta a lire
210. Fu proprio per questo motivo che in ogni città italiana si
costruirono dei bagni pubblici per i cittadini; con una modesta
somma fila di impiegati con dietro moglie e figli, ancora nei
primi anni Sessanta, sostavano al sabato mattina e
pomeriggio davanti a questi edifici in attesa di farsi il bagno o

Pagina 188 di 835


la doccia settimanale, portandosi da casa asciugamani e
sapone.

ANNO 190 a.C.


____ PERGAMENA - (è di questa data - ma vedi "Papiro" anno
2500 a.C.)

ANNO 153 a.C.


____ CALENDARIO ROMANO - GENNAIO-FEBBRAIO - A partire da
quest'anno Roma stabilisce l'anno di 12 mesi, aggiungendo
Gennaio che diventa così il primo in luogo di Marzo, e Febbraio
il secondo mese utilizzato per pareggiare l'anno lunare con
quello solare. Gli altri mesi, salvo alcuni che cambieranno in
seguito il nome con quello dell'inperatore, restarono come
nomi invariati, il sett-embre, l'otto-bre, nov-embre, dic-embre,
in precedenza il 9°, 10°, 11°, 12° mese.

ANNO 150 a.C.


____ ASTROLABIO - E' lo strumento per misurare l'altezza di un
astro sull'orizzonte, per determinare la posizione, soprattutto
dai naviganti in mare aperto. L'invenzione la si attribuisce in
questo periodo all'astronomo greco IPPARCO di Nicea,
considerato il fondatore della trigonometria; altri lo
attribuiscono al geografo matematico Claudio Tolomeo di
Alessandria d'Egitto. Perfezionato nel VII secolo dai naviganti
arabi, In seguito fu sostituito dal ...
____ SESTANTE realizzato da due inglesi nel 1757 - il
costruttore di strumenti John Campbell e il capitano di marina
George Adams; serve per misurare l'altezza degli astri
sull'orizzonte o la distanza angolare fra due corpi celesti;
usato soprattutto per stabilire la posizione di una nave.
Costituito da un settore circolare ampio 60 gradi, in seguito a
120°. Era molto simile all'....
____ OTTANTE ... uno strumento sempre per l'astronomia
nautica realizzato nel 1731 dall'astronomo inglese John
Hadley, con un arco graduato di 45° anzichè di 60°.

____ DISTANZA LUNA - Fu lo stesso Ipparco, con le sue


conoscenze della trigonometria, a scoprire la precessione
degli equinozi, e a determinare con buona approssimazione la
distanza fra la Terra e la Luna. Convinto anche lui della
sfericità della Terra, conoscendo i risultati di Eratostene (che
Pagina 189 di 835
nel 240 a.C. aveva misurato la
circonferenza della Terra pari a 40.232
chilometri, quindi 12.874 di diametro) misurando la parallasse
della Luna, fu in grado di determinare tramite la trigonometria
che il satellite si trovava a una distanza pari a 30 volte il
diametro della Terra. Cioè a 386.220 chilometri di distanza.
Sbagliò di poco, perchè in realtà la Luna è a una distanza dalla
terra di 384.400 chilometri.

ANNO 144 a.C.

____ ACQUEDOTTO ROMANO - Con già alle spalle cinquecento


anni di forte espansione, Roma pur essendo attraversata dal
Tevere, era diventata una città con una popolazione assetata;
aveva il grosso problema del rifornimento idrico. Gli ingegneri
romani non si persero d'animo, progettarono un opera
colossale. Un acquedotto di 90 chilometri, di cui 10 su arcate,
anche di due, tre piani. Il primo costruito, quello dell'Acqua
Marcia. Due anni dopo altra grande opera sul Tevere, con la
costruzione del primo ponte in pietra: che porta il nome del
promotore della costruzione: ponte "Emilio". Ma non si
limitarono di farli solo a Roma, anche nelle città che
conquistarono e si insediarono, insieme a tanti altri grandiosi
artistici edifici monumentali simili a quelli di Roma,
costruirono acquedotti che hanno resistito al tempo e si
ergono ancora oggi, veri monumenti dell'ingegneria romana
(come quello in immagine che sorge in Francia a Nimes: il Pont
du Gard).

ANNO 140 a.C.


____ FORNELLI - Nella preistoria, ma anche durante le prime
grandi civiltà il modo per cucinare vivande, dall'aperto era
passato all'interno delle abitazioni, ma il sistema era sempre
rimasto uguale, spesso al centro di una stanza ardeva un
fuoco dove venivano arrostite le vivande. Alcune avevano
un'apertura nel soffitto, altre neppure quella. Dobbiamo
arrivare al primo periodo romano per trovare dei focolari
costruiti in un angolo della stanza e dotati di camini. Su questi
si arrostivano le carni o con una catena al centro si appendeva
un paiolo per fare acqua calda o cuocervi minestre. Nel
secondo periodo - le antiche case di Pompei prima si essere
sepolta sotto le ceneri del Vesuvio lo testimoniano -

Pagina 190 di 835


comparvero dei banchi in muratura con dei fori frontali per
inserire la legna da bruciare, comunicanti a delle "buche" sul
piano dove si mettevano le varie pentole o padelle. Erano in
sostanza dei fornelli, alcuni dotate di griglie dove si
mettevano carboni ardenti per cuocere velocemente vivande
di breve cottura (uova, bistecche, ecc.). In molte buche
venivano inserite dei paioli, che sfruttavano ogni piccolo o
grande fuoco per riscaldare l'acqua che contenevano. E spesso
alcuni di questi fornelli in muratura contevano un vano che
veniva usato come forno. Nelle costruzioni successive, gli
artigiani si sbizzarrirono, dotando questi fornelli di tanti
accessori, o realizzandoli in mattoni refrattari (per mantenere
il calore), rivestendoli di piastrelle policrome (ma
normalmente bianche), o dotandoli di una chiusura a sportelli.
Quando a fine Settecento si realizzarono le prime stufe in
ghisa (fu Beniamino Franklin a inventarle, con i classici tubi in
ferro - vedi anno 1742 "stufa") il sistema non era molto
cambiato: fori per la legna e "buche" per i fornelli erano
uguali, anche se iniziarono ad avere sportelli a chiusura quasi
ermetica per non far fuoriuscire fumo, oltre ad essere mobili.
E sempre sullo stesso sistema nel '900 si basarono anche le
successive che iniziarono a chiamarsi "cucine economiche".
Prima l'avvento del gas, poi l'elettricità le cucine economiche
iniziaro ad essere quasi dei mobili decorativi della cucina.
Alcuni - per economia- furono realizzati solo più con la parte
superiore (a uno, due, tre piastre, elettriche o a gas - liquido o
di città) in modo da poterle facilmente usare o trasportare.
L'uso diffuso del forno, fece ritornare alla costruzione della
classica cucina economica, anche se modernissima.

ANNO 134 a.C.


____ CARTA DEL CIELO - Nel 345 a.C. (vedi) Prima Eudosso poi
Ecateo avevano già realizzato una carta del cielo, escogitando
un metodo che ancora oggi è la base della cartografia celeste:
quella della latitudine e della longitudine. Ipparco che era
decisamente molto avanti nella matematica e nella
trigonometria (lo abbiamo visto nel 150 a.C. misurare la
distanza quasi esatta fra la Terra e la Luna) con lo stesso
metodo disegnò anche lui una carta del cielo, ma decisamente
migliore, compilando un catalogo di 800 stelle, divise in sei
classi di grandezza apparenti. E nel farlo scoprì anche la
precessione degli equinozi (ne abbiamo parlato nel 1800 a.C.
in Astronomia-Astrologia).

Pagina 191 di 835


ANNO 126 a.C.
____ LA VIA DELLA CINA - Per l'Occidente la
presenza in oriente di un grande paese
come la Cina fino a questa data era
piuttosto vaga. Solo Alessandro Magno con
il suo esercito si era spinto fino alla
Sogdiana e Battriana, quasi al confine
cinese. Lasciando sempre qualche nucleo di
soldati lungo il percorso, è probabile che alcuni Cinesi
appresero qualcosa del regno del grande Macedone e forse
anche qualcosa dell'impero Romano. Dalla Cina nel 114 a.C.
era partita una missione esplorativa guidata da Chang Ch'ien,
che pure lui nel lungo viaggio durato 12 anni si era spinto fino
al Turkestan, sulle rive del mar Caspio (nel "Paradiso"
vegetale e animale del Pianeta). Nel far rientro in Cina, portò
con sè animali fino allora nel suo paese sconosciuti, e
moltissime piante, tra cui la vite, la canapa e molte altre.
Questo viaggio ebbe il risultato che quella pista diventò ben
presto una via carovaniera di grande comunicazione tra Cina e
Occidente. La città che ben presto sorse, Samarcanda, divenne
il crocevia del mondo. A farla rifiorire e reciprocamente a
commercializzare le mercanzie furono poi gli Arabi nel 712
d.C.

ANNO 104 a.C.


____ PLANETARIO - E' l'ingegnosa opera dell'astronomo cinese
Lo-hsia Hung. Una volta celeste, ovvero una cupola di bronzo
che ruotava su un binario circolare poggiando su una specie di
cuscinetti, sul piano dell'equatore. Mutuandolo dai Cinesi un
vero e proprio Planetario gli Arabi lo costruirono a Baghdad
nell'800 d.C., ma si diffusero poi anche in altre grandi città.
Più tardi, dalla Siria, nel 1232, partì un planetario di
accuratezza e precisione sconosciuta in Europa, in regalo
all'imperatore Federico II, dono del Sultano di Damasco.

ANNO 100 a.C.

____ VETRO - (vedi sotto)


____ VETRO SOFFIATO - Del vetro abbiamo già parlato nel 2500
a.C. (vedi). A quei tempi non riuscendo ad ottenere grandi
temperature, ma in seguito anche per le grosse impurità, la
fusione del vetro non aveva destato molto interesse; pur
Pagina 192 di 835
essendo duro non era un metallo, ed era inoltre fragile, quindi
l'impiego era ristretto a fare solo qualche oggetto
ornamentale. Migliori tecniche nella fusione, permisero di
modellare la pasta vetrosa, come ad Alessandria nel 300 a.C.;
qui per realizzare ad es. una bottiglia utilizzavano due forme
che poi univano. A chi venne l'idea del vetro soffiato non si sa,
ma sappiamo che avvenne in Siria verso questa data;
l'inventore diede una svolta decisiva all'impiego del vetro.
Facendo aderire un blocco di viscosa pasta vetrosa molto
calda a una cannula, poi soffiandoci dentro, il blocco si
gonfiava come una bolla di sapone e lo si poteva modellare a
volontà soffiandolo dentro uno stampo, oppure si manipolava
mentre era ancora densa, la si staccava dalla cannula e infine,
lasciata raffreddare, il prodotto ottenuto assumeva la forma
datagli dal soffiatore: vasi artistici, coppe, ampolle, bottiglie.
La tecnica si diffuse vagamente in tutto il mondo
mediterraneo (La Siria era allora Romana); questi recipienti
non erano ancora del tutto trasparenti ed essendo così fragili
non destò molto interesse.
Solo nel XII secolo la fabbricazione del vetro raggiunse una
buona tecnica. Ci fu anche il boom del...

____ VETRO POLICROMO ... con il quale si costruivano le


grandiosi vetrate delle cattedrali. Nei successivi due secoli
(XIII-XIV) la fusione del vetro giunse alla perfezione,
scegliendo i migliori silicati, e con le nuove tecnologie della
fusione, il calcio fu sostituito dal piombo, il sodio dal potassio.
Si ottennero cristalli di alta qualità e furono questi che
permisero di ottenere il ....

____ VETRO OTTICO ...usato per lenti per gli occhiali. E fu


proprio con questo tipo di "vetro ottico" che Gian Battista
Della Porta concepì e descrisse in un libro nel 1558 il principio
scientifico delle lenti. Ma nella pratica fu l'olandese Jan
Lippershey che riuscì nel 1608 a costruire il primo
cannocchiale, poi perfezionato due anni dopo da Galileo Galilei
nel 1610 applicandovi una serie di lenti speciali che
ingrandivano 20-30 volte un oggetto lontano senza alcuna
distorsione. (ne parliamo in "lenti" e "occhiali" - vedi anno
1249) e in seguito per fabbricare "microscopi" e "cannocchiali"
- ( vedi anno 1590).

____ VETRO A LASTRE - In Normandia nel XIV secolo con una


particolare lavorazione nacque la prima lastra di vetro, il
cosiddetto "crown", piatto, sottile, ideale per le finestre, ma

Pagina 193 di 835


non era ancora del tutto trasparente, ma opaco, e con tracce
di fastidioso colore.
E non era trasparente neppure quello degli abilissimi artigiani
veneziani nello stesso periodo e nel successivo (XIV-XV sec.).
Ma usando un particolare minerale come composto chimico, i
gelosissimi maestri vetrai dell'isola di Murano ottennero a fine
secolo un vetro che fece la fortuna dell'isola e di Venezia. La
Serenissima applicava severissime pene e perfino quella di
morte chi lasciava l'isola di Murano senza autorizzazione per
emigrare clandestinamente in altre regioni d'Europa. Fra
l'altro avevano realizzato i primi specchi con lastre di vetro
utilizzando nel retro un sottilissimo foglio di stagno o usando
mercurio. Ancora oggi se ne trovano in circolazione e sono
alcuni tuttora efficienti.

____ VETRO DI MURANO - Gli artisti vetrai veneziani con la


nuova segreta tecnica ottenevano un bellissimo vetro bianco
opaco, che chiamarono col nome del "cristallo" che gli
somigliava: quello di "rocca". Ancora oggi possiamo ammirare
i bellissimi lampadari con i tanti bracci e il portacandele a
tulipani o i famosi bicchieri, realizzati con questo "cristallo"
assomigliante al ghiaccio.
Nel XVII secolo in Francia realizzarono delle lastre di vetro
piane abbastanza trasparenti, con la lucidatura in entrambe le
due facce, come da tempo si faceva per le lenti ottiche, ma il
metodo anche se era efficace era troppo costoso perchè
potesse diffondersi.
Nel 1675 l'inglese George Ravenscroft - dopo aver usato un
buon silice, ottenne già dopo la fusione - quindi senza
lucidatura- delle lastre molto trasparenti, cristalline, il
cosiddetto " flint". Purtroppo le prime che realizzò duravano
poco si opacizzavano o si creavano delle incrinature, ma in
seguito incorporando nella fusione ossido di piombo, ottenne
un vetro brillante, dalla massima trasparenza; ben presto
ricercato, che prese il nome di "vetro al piombo". Si
adeguarono tutti a questo metodo compresi e veneziani che
ben presto persero il monopolio - come detto sopra -
gelosamente custodito.

____ VETRO DI JENA - E proprio in una regione d'Europa - in


quella di Jena in Germania - nel 1884 nacque un nuovo vetro il
"vetro di Jena", utilizzando il silicato borico. Il vetraio era già
un famoso fabbricante di lenti ottiche: si chiamava Carl Zeiss.
In seguito, dal 1900 in poi, con vari altri procedimenti si riusciì
a produrre i cosiddetti ....

Pagina 194 di 835


____ VETRI DI SICUREZZA ... a prova d'urto, come quello dei
parabrezzi delle auto; quelli infrangibili o se urtati
violentemente tutt'alpiù producono piccoli frammenti ma non
le pericolose schegge.
Mentre per quanto riguarda il vetro in lastre, la produzione e
la diffusione la si ottenne con macchine industriali a ciclo
continuo con il metodo del "galleggiamento" (To flat) messo a
punto dall'inglese Alastair Pilkington nel 1952, ed è tuttora è il
metodo più utilizzato per produrre un vetro brillante oltre che
essere il metodo il più economico.

____ BOTTIGLIE - Con il sistema alessandrino se ne


fabbricavano già nel 300 a.C., col sistema soffiato siriano
pure, tuttavia non destraono molto interesse. Solo nel XVI
secolo le bottiglie ricomparvero in Europa usate come
contenitori per il vino e la birra. Erano però oggetti quasi
preziosi, se poi venivano fabbricate dai soffiatori di vetro di
Murano, lo erano ancora di più. Un veloce processo industriale
per la produzione in serie di bottiglie fu messo a punto solo
nel 1904 dall'americano Michael Owens della Toledo Grass Co.

____ TUBAZIONI - (vedi sotto)


____ RUBINETTI - Le prime tubazioni idriche e di scarico
risalgono al 3000 a.C. e si trovano in Mesopotamia, in
Pakistan, a Creta, in Egitto, nella Valle dell'Indo. Perfino in
tubi metallici ne compare una in Egitto nel 2750 a.C.. Nel 100
a.C. tubazioni dell'acqua corrente nelle case e relativi
rubinetti erano abbastanza comuni in questo periodo a Roma e
nelle città più importanti dove abitavano le famiglie dei patrizi
e dei benestanti. Ne abbiamo testimonianza negli scavi di
Pompei; qui dai reperti -ma anche da una visita in loco-
possiamo vedere i lavori dei bravissimi idraulici romani.
Lunghe tubazioni nelle strade, con le derivazioni nella case,
che terminavano all'interno con dei pratici rubinetti: un
cilindretto cavo che aveva ai due lati un foro (da qui usciva
l'acqua portata dai tubi), un altro cilindretto più piccolo senza
fori inserito dentro nel primo; alzandolo faceva defluire
l'acqua, mentre abbassandolo chiudendo parzialmente o
totalmente i due fori ne regolava l'afflusso.
I rubinetti moderni, quelli a valvola, a vite, a spillo, sono
invece recenti, realizzati in Europa a partire dal 1800. A
partire dal 1900 compaiono quelli a sfera girevole (in ottone o
in ceramica) che hanno anche i miscelatori di acqua calda e
fredda; questi si basano ancora sul principio di quelli romani

Pagina 195 di 835


descritti sopra: chiudono o aprono i fori, o chiudono in parte
entrambi i fori.

____ BOTTI - BARILI - Rarissimi sono gli accenni a questo


particolare contenitore utilizzato per travasare il vino. I
Romani sappiamo che usavano grandi anfore con collo stretto
per conservare vino, olio e altri liquidi. Le prime notizie le
abbiamo da Plinio il Vecchio (23-79 d.C.), quando narra che
vinai delle zone alpine invece di anfore utilizzavano dei grandi
barili in legno, detti "tun". Sembra che i primi siano nati ed
erano già molti diffusi in questa data proprio nei paesi
germanici. Ma anche in Alto Adige, l'arte di fabbricare
imponenti botti, fra l'altro accuratamente scolpite come vere e
proprie opere d'arte, è molto diffusa.

ANNO 85 a.C.
____ FORZA IDRAULICA - La prima fonte di energia usata
nell'antichità in ogni attività era la forza muscolare dell'uomo;
ma abbiamo poi visto nell'8000 a.C. (vedi) quando ci fu
l'invenzione della mola per la macinazione dei cereali
impiegare la forza animale. Il congegno era piuttosto
semplice, bastava inserire un palo in una altrettanto semplice
mola e poi farla girare in circolo trainata da un asino. Si rivelò
dunque un'attività molto redditizia per chi disponeva animali,
mentre tutti gli altri dipendevano da lui. Una nuova invenzione
venne dalla Cina, dove sembra fosse applicata fin dal 300 a.C.
Chi aveva corsi d'acqua vicino, iniziò a sfruttare la forza della
corrente, questa faceva girare una ruota con delle pale, un
lungo asse della ruota faceva girare una specie di ingranaggio,
e l'ingranaggio faceva girare la mola della macina. Era stata
inventata la ruota idraulica!!!
Dalla Cina l'idea passò ben presto in Medio Oriente, e nei
Paesi del bacino del Mediterraneo verso il 300 a.C.: Filone di
Bisanzio descrive infatti, ruote motrici idrauliche destinate ad
azionare mulini, ma a Roma e in Europa rimasero del tutto
sconosciuti. A farne un utilizzo maggiore e non solo nelle
macine dei mulini furono gli Arabi durante il loro periodo
d'oro. Nell'anno 790 a Baghdad viene costruito un grande
mulino idraulico in grado di fornire energia motrice sufficiente
ad alimentare contemporaneamente diverse manifatture. La
diffusione dei mulini idraulici continuò per tutto il IX, X e XI
secolo.
L'occidente li scoprì molto tardi e solo durante le crociate. Il
perfezionamento di questa tecnica, l'uso di ingranaggi

Pagina 196 di 835


perfetti, non solo permise poi di creare mulini a buon mercato,
ma fu usata anche per alimentare altri tipi di meccanismi,
come il maglio nelle industrie metallurgiche, o per tagliare
tronchi nelle segherie; impresse a tutto il lavoro umano un
accelerazione straordinaria, fino all'avvento dei motori a
vapore, elettrici e a combustione interna. Chi qui scrive ha
ancora la rara fortuna di vedere a poche centinaia di metri da
casa sua, una grossa pala perfettamente funzionante che
fornisce forza motrice a una fabbrica di ceramiche.
Con l'avvento dell'elettricità la corrente di un fiume o di un
altro corso d'acqua non fu abbandonata anzi con la sua forza
viva tornò ad essere utilizzata per far girare le turbine
idroelettriche, e quando i corsi d'acqua erano in alcuni mesi
insufficienti si costruirono a monte invasi artificiali tramite le
dighe.

____ MULINI A VENTO - Condizione principale per applicare


l'invenzione sopra era avere vicino un corso d'acqua. Tuttavia
le zone interne che ne erano prive non si scoraggiarono, e
probabilmente qualcuno pensò che se il vento spingeva grosse
navi, lo stesso vento avrebbe potuto far girare una ruota
simile a quella idraulica, sostituendo le pale con delle vele e
con un sistema molto simile di ingranaggi anche queste
avrebbero lavorato come quelle. L' idea sembra sia nata in
Cina; anche Greci e Romani nel I sec a.C. la conoscevano ma
non la utilizzarono mai; eppure Erone di Alessandria descrive
una macchina azionata da una "ruota che girava col vento".
L'idea la conobbero e la sfruttarono bene ancora gli Arabi a
partire dal VII secolo d.C., ne costruirono molti applicandoli
come facevano i cinesi ai mulini per macinare cereali ma anche
per azionare pompe per prosciugare terreni; mentre gli
occidentali riscoprirono i mulini a vento solo nel corso delle
Crociate nel XII secolo. La prima notizia di un mulino a vento
in Europa la si può ricavare da un atto legale stilato in Francia
nel 1180.

Pagina 197 di 835


Ma il più abile a sfruttare a fondo questa
tecnica fu un olandese. Tornato in patria dal
Medio Oriente, non solo utilizzò i mulini a vento
per il classico impiego della macinazione di
cereali, ma usandoli per eliminare le acque
delle alte marea che allagavano i suoi campi,
diffuse così tanto questa tecnica che ben presto imitato da
altri suoi concittadini, questi cambiarono il paesaggio
dell'Olanda. Prosciugando grandi appezzamenti di terreni,
costruendo alte dighe per impedire ulteriori periodici
allagamenti, strapparono al mare migliaia di chilometri
quadrati di ottimo terreno.
Prosperarono per altri sei secoli, nel 1840 in Olanda
funzionavano 8000 mulini a vento, e nella non lontana
Inghilterra oltre 10.000. Poi, come per la forza idrica, anche
quella eolica fu sfruttata per far girare turbine e generare
modeste quantità di elettricità. A produrre il primo generatore
a vento fu un allevatore del Montana - Marcellus Jacobs -
usando un mulino a vento a tre pale di circa 30 metri. Il buon
risultato gli permise di creare anche un industria - la Società
Jacobs - che riuscì a fornire mulini a vento dal 1930 al 1950 a
migliaia di isolate fattorie degli Stati Uniti, che necessitavano
di una quantità di energia sufficiente per il proprio
fabbisogno. Ma quando la fame di energia si fece drammatica
negli anni '70 per la crisi del petrolio, le macchine eoliche
conobbero l'interesse anche delle grandi industrie elettriche
inventandosi particolari turbine e particolari pale che girano
alla velocità ottimale anche con modesti venti, oppure si
autoregolano (piegando le pale) quando la velocità del vento
aumenta a causa di una tempesta. Alcuni di questi mulini
hanno normalmente pale lunghe 60 metri, ma in California nel
1980 è stato costruito un impianto su una torre alta 575 metri
con un rotore a tre pale del diametro di 495 metri, in grado di
produrre 6 milioni di kilowatt in un anno. Sono notevoli fonti
alternative di energia che però i monopolisti petrolieri non
hanno mai visto di buon occhio; non li possono criminalizzare
come le centrali nuclerari, ma sono sempre ugualmente
impegnati a mettere i "bastoni nella pale".

ANNO 50 a.C.
____ FIOCCO - La tecnica della navigazione presso i Romani era
ormai evoluta rispetto a quelle precedenti, anche perchè
alcune navi mercantili romane raggiungevano i 55 metri di

Pagina 198 di 835


lunghezza. E una di queste innovazioni per dare la spinta a
queste grosse navi del peso di circa 450 t., fu una nuova
singolare vela, non più quadra. Viene infatti adottato nei
grandi velieri il "fiocco", una vela triangolare (che prese il
nome di "vela latina") tra l'albero verticale prodiero e il
bompresso. Che poi evolse in seguito fino a diventare le vele
quattro di numero, che assumeranno il nome di trinchettina,
gran fiocco, fiocco e controfiocco. Questa sistemazione della
vela latina nelle navi romane fece sì che i marinai non
dovessero più contare unicamente sui venti di poppa.
Variando l'orientamento della velatura, si potevano sfruttare
anche i venti laterali. Negli anni della dominazione vichinga
apparvero navi e vele che non avevano più nulla in comune
con le vecchi navi, erano lunghe e snelle, adottarono la chiglia
e come vele tornarono alla quadra. Con queste velocissime
navi i vichinghi terrorizzarono le coste francesi, e con le stesse
navi non solo si spinsero in mare aperto scoprendo l'Islanda e
la Goenlandia ma sembra che abbiano raggiunto veramente il
Vinland (le coste dell'America del Nord).

ANNO 46 a.C.
____ ANNO BISESTILE - ( vedi spiegazione "Anno Lunare"
nell'Anno 8000 a.C.)

ANNO 39 a.C.
___ BIBLIOTECA PUBBLICA - In Roma Asinio Pollione istituisce la
prima biblioteca pubblica.

ANNO 25 d.C
____ IL GLOBO TERRA E LE SUE ZONE - Dopo Eratostene che nel
240 a.C. ne aveva perfino misurato la circonferenza, l'idea che
la Terra fosse una sfera a molti altri scienziati non doveva
sembrare del tutto una assurdità. Anche i ragionamenti e le
osservazioni fatte con una logica non erano ancora scesi nel
limbo di quel medioevo che spazzò poi via ogni genere di
studio. E proprio questi studi dalle scuole greche ed egiziane
nel periodo aureo romano si erano ormai trasferiti a Roma,
dando vita a una discreta vita culturale. Filosofi, scienziati,
matematici, astronomi di ogni contrada del grande impero, a
Roma avevano creato un vivaio. Uno di questi era il geografo
latino Pomponio Mela, di origine iberica. Compose uno dei più
antichi trattati di geografia: "De Chorographia". Udendo i
Pagina 199 di 835
racconti di quella moltitudine di gente cosmopolita che
giungeva a Roma, ma anche ascoltando i reduci delle
vittoriose campagne militari in ogni contrada del mondo
conosciuto, fece nella sua opera alcune riflessioni. Chi
viaggiava a nord gli raccontava che in quelle zone il clima era
freddo e gli inverni erano più lunghi che non a Roma, chi
veniva dalla Grecia narrava che il clima era piuttosto
temperato e le stagioni un poì più lunghe, mentre chi era stato
in Egitto riferiva che il caldo era persistente, l'inverno quasi
sconosciuto, e che i giorni e le notti erano quasi sempre uguali
per tutto l'anno.
Convinto anche lui che la terra era una sfera, ebbe l'intuizione
che dovevano esistere due poli uno a nord e uno a sud con
ognuno una zona glaciale; al centro in prossimità
dell'equatore doveva esistere una zona torrida; e fra i poli e
l'equatore due zone temperate, una settentrionale e una
meridionale. E che tale diversità di clima era dato dalla
sfericità del globo terrestre e dalla vicinanza o distanza dal
sole i cui raggi lambivano i poli mentre all'equatore gli stessi
erano perpendicolari.
Pomponio Mela ai suoi tempi non conosceva ancora l'obliquità
dell'asse di rotazione terrestre, rispetto al piano dell'eclittica
(lo misurò per la prima volta l'astronomo cinese Chia K'uei
nell'89 d.C.) che determina sul pianeta consistenti variazioni
climatiche nell'arco dell'anno, ma era andato molto vicino al
concetto. Se poi pensiamo che fino agli anni delle esplorazioni
colombiane, nessuno (salvo nell'antichità che abbiamo già
citato nell'anno 547 a.C.) aveva viaggiato a sud oltre
l'equatore, le sue intuizioni avevano qualcosa di prodigioso.
All'epoca di Colombo persisteva ancora la convinzione che più
si andava a sud e più il clima era torrido, infuocato, invivibile.
Ma anche più tardi, pur con maggiore conoscenze
astronomiche persistette anche un'altra convinzione (ma
qualcuno lo pensa ancora oggi) che nella nostra estate il sole
è più vicino alla Terra mentre nell'inverno è alla maggiore
distanza. Mentre invece è proprio l'incontrario. Il nostro clima
è dato dall'obliquità dell'asse di rotazione terrestre e non dalla
distanza dal Sole.

ANNO 50 d. C.
____ FARMACI - I viaggi che compievano i romani, o le notizie
che si raccoglievano da ogni contrada del mondo dove gli
eserciti imperiali si spingevano, stimolavano gli studiosi ad
approfondire la propria scienza. Se poi con gli eserciti erano

Pagina 200 di 835


gli stessi scienziati a unirsi a loro portandosi in lontani paesi e
città, avevano l'opportunità di apprendere direttamente nuove
conoscenza. Uno di questi fu un medico, Pedanio Dioscuride.
Non il solito medico ma un uno studioso di rimedi ai mali, cioè
uno "studioso di medicinali" (nella traduzione greca =
farmacologo). Viaggiando al servizio dell'esercito in molte
zone del Mediteraneo, studiando le varie proprietà mediche
delle piante in ogni contrada, scrisse "De Materia Medica",
nella quale descrive circa 600 piante, quasi un migliaio di
sostanze medicinali, la posologia, gli effetti. Fu la prima
importante opera di farmacologia.

----- FORZA VAPORE - Che cosa sarebbe potuto accadere se


invenzioni come questa, con le scoperte di Pomponio Mela, e
tutta la scienza di questo periodo greco, romano e
alessandrino avesse progredito? Un ingegnere greco - Erone -
anche lui un "cervello emigrato" nella scuola di Alessandria,
dove diresse la scuola di meccanica, si rese famoso per
l'ideazione e la costruzione di molte macchine. Viene
attribuito a lui l'invenzione del "goniometro" lo strumento per
misurare gli angoli. Conosceva a fondo la proprietà delle leve,
degli ingranaggi; conosceva l'idrostatica e la pneumatica;
costruì apparecchi basati sulla dilatazione dei gas e.... sulla
forza di espansione del vapore acqueo. Realizzò un congegno
che se approfondito e migliorato- avrebbe potuto anticipare
l'idea di Denis Papin (vedi anno 1679), di Savery e di
Newcomen: una energia non più muscolare ma meccanica,
cioè una macchina funzionante con la forza del vapore.

____ CONTACHILOMETRI (vedi sotto)


____ CONTAGIRI (vedi sotto)
____ PODOMETRO - Le capacità inventive di Erone stupiscono
ancora, quando realizza un singolare apparecchio per
misurare un percorso terrestre. Consisteva in una ruota che
ad ogni giro toccando una levetta, questa andava ad
incrementare un contagiri. Tanti giri moltiplicati per la
circonferenza della ruota, il totale forniva la misura del
percorso. Non sappiamo quanti lo utilizzarono, sappiamo solo
che ricompare qualcosa di simile nelle misure topografiche del
1851, quando un geometra inglese - William Grayson - realizza
una ruota per misurare lineramente alcuni terreni. Il
meccanismo è così semplice che da questo strumento e con lo
stesso sistema nascono i primi contagiri dei veicoli a trazione
animale (ma sembra che questi si usassero anche durante
l'impero Romano), fino a realizzare quelli montati su

Pagina 201 di 835


automobili, biciclette, e perfino - anche se in un altro modo-
per misurare i passi (chiamato "podometro").

ANNO 100 d.C.


____ CRISTALLINO DELL'OCCHIO - Erasistrato un sommo della
medicina alessandrina, nel 285 a.C. studiando l'occhio aveva
già descritto la funzione della retina (che trasforma in raggi
luminosi in impulsi nervosi trasmessi ai centri cerebrali). Rufo
medico di Efeso compiendo altri approfonditi studi descrive a
questa data per la prima volta la funzione del cristallino; la
lente dell'occhio che fa convergere i raggi luminosi sulla
retina. Era ancora uno studio approssimativo ma la
descrizione era degna della sua fama di ricercatore.

ANNO 105 d.C.


____ CARTA - Come già accennato (nell'anno 2500 a.C. parlando
del Papiro egiziano -vedi) anche in Cina fino a questa data un
tipo di supporto per scriverci sopra erano delle asticelle di
bambù, molto simili al Papiro egiziano, oppure, più tardi,
quello più costoso era l'uso dei tessuti in seta. A inventarsi un
metodo nuovo fu un funzionario cinese Tsai Lun. Usando ogni
tipo di cellulosa vegetale, compresa la più scadente,
macerandola con un procedimento molto semplice otteneva
una sostanza liquida lattiginosa; riducendola poi in una pasta
fluida, da questa dopo una serie di rulli che la comprimevano e
l'asciugavano, si otteneva la carta. Una carta pregiata la si
otteneva anche con il fiocco del cotone o altre fibre pregiate
come la seta.
Il segreto della fabbricazione fu scoperto poi dagli arabi
quando nell'VIII secolo ai confini del loro impero ebbero
contatti con i Cinesi. Una leggenda narra che un prigioniero
catturato al confine cinese per ingraziarsi gli arabi rivelò la
fabbricazione della carta. Dagli anni 800 al 1100 fabbriche di
carta sorsero un po' ovunque nell'Islam, soprattutto a
Baghdad che ne era una grande consumatrice. Oltre che
essere diventata il normale supporto di ogni comunicazione
scritta, era così diffusa che veniva usata anche per incartare
le merci: un viaggiatore persiano del 1040 osservava che al
Cairo i commercianti erano provvisti di carta per avvolgere la
loro merce.
Migliaia di scrivani nelle università erano impegnati a copiare
centinaia di migliaia di testi antichi e a redigerne altri per farli
pervenire nelle grandi biblioteche sparse nell'intero Islam,
Pagina 202 di 835
compresa la Spagna (che fu più tardi una preziosa fonte di
testi antichi per gli occidentali quando ci fu la cacciata degli
arabi). Ma anche nelle strade di diversi quartieri di Baghdad vi
erano chioschi di copiatori, i warraqin, che su richiesta del
cliente erano in grado di riprodurre un libro di centinaia di
pagine in poche ore. Alla fine del nono secolo al-Ya-qubi contò
più di cento librerie a Waddah, un sobborgo di Baghdad.
Questo diffuso desiderio di libri portò alla nascita di
biblioteche pubbliche e private. La Bayt al-Hikmah, la "casa
della saggezza", fu istituita a Baghdad nell’815 ed era la
biblioteca pubblica più famosa. A Baghdad nel 1200 si
contavano ben 36 biblioteche pubbliche. La Khinzana al-Kutub
al Cairo contava più di un milione e seicentomila manoscritti.
Gli europei solo con le crociate in Medio Oriente scoprirono la
fabbricazione e l'impiego della carta. Al ritorno - verso il 1150-
un certo Polese impiantò nella penisola italica una fabbrica
vicino a Bologna, a Fabriano, che rimase a lungo il maggior
centro italiano di produzione della carta. Il primo processo
industriale della fabbricazione di carta con pasta di legno, con
macchine continue e sbiancanti ottici, fu realizzato dal
francese Louis Robert nel 1798.

____ CARTA DA PARATI - Nel 1509 con ormai a disposizione vari


tipi di fogli di carta, e contemporanemanete della stampa, uno
stampatore inglese iniziò a preparare dei fogli sui quali aveva
riportato in stampa motivi floreali, diffondendo così la moda di
tappezzare in un modo economico le pareti domestiche, in
precedenza - le dimore più ricche - rivestite e decorate da
grandi arazzi, in seguito anche da tessuti. L'dea della carta fu
seguita da altri stampatori, che crearono fogli sempre più
decorativi, a più colori, e in grande formato. Nel 1830
comparvero i primi rotoli e la stampa era ormai di tale qualità
che la carta da parati faceva concorrenza a molti tessuti
stampati. Con l'introduzione delle macchine da stampa sempre
più veloci, la quantità prodotta permise di abbattere i costi.
Con le offset oggi è possibile ottenere anche carta da parati
con la riproduzioni fotografica di paesaggi di ogni genere.

ANNO 123 d.C.


____ LA SETTIMANA a ROMA - Le nuove concezioni
astronomiche applicate all'anno solare introdotto dal
"calendario giuliano", non aveva modificato di molto la vita
romana; i 12 mesi erano sì stati già adottati, ma gli stessi

Pagina 203 di 835


mesi venivano ancora dal tempo del calendario di Numa, divisi
in tre periodi dieci giorni (decadi). Le Idi - a carattere
religioso- era il 15, giorno della divisione di alcuni mesi (idi
significa appunto div-idi).
Agrippa a Roma nel 27 a.C. aveva fatto costruire il Pantheon,
tempio dedicato a Giove (e non a tutti gli dei come si crede
comunemente) per commemorare la vittoria di Azio. Fu detto
"cosa divina" e "celeste" per la sua forma rotonda e la sua
immensa cupola emisferica a mo' di cielo. A questa data, 123,
fu Adriano reduce dai suoi viaggi in Grecia, Egitto e in Oriente,
a far collocare le sette divinità planetarie (Sole, Luna, Marte,
Mercurio, Giove, Venere e Saturno) e nello stesso tempo inizia
ad affermarsi l'uso di raggruppare i giorni in un sistema
"ebdomadario" (giorni che si ripetono dopo un certo periodo)
creando così la "Settimana", sconosciuta nel mondo greco e
romano, ma non in Mesopotamia (come abbiamo visto in
passato - vedi descrizione nell' Anno 8000 a.C.)

ANNO 140 d.C.


____ TOLEMAICO (SISTEMA) - Era da molti anni che Claudio
Tolomeo si interessava di astronomia e di matematica,
ispirandosi a Ipparco e utilizzando il suo astrolabio (vedi anno
200 a.C.). Intorno a questa data, scrive "Il sistema
matematico", meglio conosciuto come "Almagest" (dall'arabo -
il più grande). Ideò e in quest'opera espose il sistema
astronomico che da lui prese il nome, basato sulla concezione
geocentrica. Cioè il pianeta Terra al centro dell'Universo, con
tutti i pianeti che le giravano intorno. Una concezione la sua
che resistette per quindici secoli, fino al 1543, quando
Copernico distrusse definitivamente la cosmogonia tolemaica
e quella aristotelica, con il suo "De revolutionibus orbium
coelestium". Teoricamente e di fatto non poteva dargli titolo
migliore. La cosmogonia eliocentrica rivoluzionava e ribaltava
completamente il concetto tolemaico: era la Terra (e così tutti
gli altri Pianeti) a girare intorno al Sole e non il contrario.

ANNO 161 d.C.


____ MIDOLLO SPINALE - GALENO nativo di Pergamo, dopo aver
frequentato corsi di filosofia nella sua città, si indirizzò agli
studi della medicina. Nella grande "fuga di cervelli" dalla
Grecia - che abbiamo già visto- anche lui si trasferì ad
Alessandria, dove risiederà cinque anni, perfezionando i suoi
studi di anatomia nella celebre scuola. Nel 161 si stabilisce a
Pagina 204 di 835
Roma (fino alla morte, 201) dove inizia a produrre un
vastissmo corpo di scritti scientifici e filosofici; ma le opere
più importanti sono quelle di medicina, destinate a
influenzarne profondamente lo sviluppo nei secoli successivi.
Identificandoli, descrisse molti muscoli, indicando come
funzionavano, a gruppi, e proseguendo accuratamente
nell'anatomia umana dimostrò l'importanza del midollo spinale
(cellule quasi sempre concentrate a formare la sostanza
grigia); formazione nervosa che costituisce il prolungamento
dell'encefalo nel midollo della colonna vertebrale. Il midollo -
scrive - ha funzioni di conduzione degli stimoli provenienti dal
corpo (vie sensorie), degli impulsi motori provenienti
dall'encefalo (vie discendenti), infine dà origine al cosiddetto
arco riflesso, per mezzo del quale uno stimolo, giunto al
midollo spinale, influenza una cellula motrice che manda
l'impulso a un nervo spinale diretto da un muscolo. Galeno son
sapeva ancora tutte queste cose, tuttavia con numerosi
esperimenti, ovviamente sugli animali, recidendo alcuni (ne
esistono 31 paia) nervi del midollo spinale, scoprì la portata
delle conseguenti assenze di alcuni stimoli, cioè si
verificavano delle paralisi. Anticipò di quasi duemila anni le
scoperte della neuroscienza. E proprio per questo è
considerato il più grande uomo di medicina dell'antichità.

ANNO 209 d.C.


____ MAPPA STRADALE - In questa data - anni imperiali di
Settimio Severo- viene collocata su una parete del Foro della
Pace una grande pianta della città di Roma, la cosiddetta
"Forma Urbis Seberiana". Disegnata e incisa su lastre di
marmo, con scrupolosa esattezza e alla scala 1:240.

ANNO 220 d.C.


____ REGOLA DEL TRE - A riportarne per primo la regola è una
pubblicazione cinese, il Ching-Chang suan-shu: "L'arte del
calcolo", che contiene inoltre indicazioni per la misurazione di
superficie piane e solide, quella per l'estrazione di radici
quadrate e cubiche e quelle per il calcolo di equazioni lineari a
una e più incognite.

ANNO 263 d.C.

Pagina 205 di 835


____ REGOLA DEL CERCHIO 3,14 - Un altro matematico cinese -
Liu Hui - partendo dall'esagono regolare in scritto in un
cerchio, fissa il valore del cerchio in 3,14

ANNO 274 d.C.


____ NATALE - L'imperatore Aureliano dopo la sua campagna a
Palmira, conclusasi con il trionfo e la cattura della regina
Zenobia, apprese che in quella città era in uso un antico rito
solare. In un determinato giorno quando - secondo una
concezione - non priva di verità- risalente a qualche millennio
prima, forse di origine egiziana, noti adoratori del sole - l'astro
appare al punto del massimo declino, sembra fermo, per poi
riprendere vigore ( In Astronomia è il giorno quando il sole
apparentemente "si ferma" per invertire il suo moto nel senso
della DECLINAZIONE; è cioè il punto quando raggiunge la
massima distanza dal piano equatoriale. E' il giorno del
solstizio d'inverno - e solstizio significa "sole fermo". In Egitto
che si trova molto vicino alla linea dell'Equatore il fenomeno è
più accentuato, dura ovviamente più a lungo)
A Palmira il Sole era elevato a somma divinità protettrice del
regno, e il grande evento era celebrato con una grande festa il
25 dicembre, col nome di "Sole invictus". Invictus significa non
sconfitto, che ha ripreso vigore, cioè che è rinato; era
insomma la Nascita del Sole (in realtà non avviene il 25
dicembre, ma il 22 o il 23, ma allora i mesi non erano così
precisi).
Aureliano o perché forse affascinato da questi riti, che
avevano anche un certo rigore scientifico, o perchè anche lui
voleva una divinità protettrice del suo Impero (infatti disse
che questa l'aveva incontrata nella fortunata battaglia di
Palmira) ritornando a Roma, dopo il sontuoso trionfo, con
Zenobia vinta che lo precedeva in catene, promosse la
costruzione di un tempio dedicato al Sole, e ordinò che il
giorno della "Nascita del Sole" fosse una giornata festiva da
celebrarsi ogni 25 dicembre. Fondò persino un collegio
senatoriale, il "pontificis dei solis".
Il "solis dominus imperii romani" diventò la religione (pagana)
di Stato, somma divina protettrice dell'impero. Poi con un
altro editto Aureliano diede il nome al primo giorno della
settimana, chiamandolo "Giorno del Sole". Un nome che se
scomparve da Roma con un decreto successivo di Costantino
nel 331 che fece di questo giorno il Dominicus - Domenica=
Giorno del Signore, non scomparve mai invece del tutto nel
nord Europa non legato al cristianesimo cattolico ma

Pagina 206 di 835


all'arianesimo. E lo mantenne inalterato anche fino a Lutero
(ma anche dopo), cioè fino ai nostri giorni, infatti la Domenica
sia in germanico che in anglosassone, come tutti sanno, si
chiama ancora oggi "Giorno del Sole" cioè Sontag e Sunday.
Per spazzare via questo rito pagano la religione Cristiana non
potendo abolire questa festa che i romani celebravano con
grande partecipazione, decisero di farla coincidere con la
nascita di Cristo. In precedenza i cristiani celebravano la
nascita del Cristo -non senza incontrare molte opposizioni
(cito Origene e Arnobio)- il 6 gennaio (Epifania- che significa
l'apparizione, la nascita, quando la stella annunciò al mondo
la nascita del Cristo).
Il culto del Sole e il rito del "Sole invictus" a Roma continuò ad
essere piuttosto sentito; Papa Leone Magno (nel 460 d.C.)
sconsolato, dopo che erano passati quasi centotrenta anni dal
bando del culto solare bandito da Costantino (pur essendo fino
alla morte lui stesso un cultore del Sole), scriveva: "..E' così
tanto stimata questa religione del Sole che alcuni cristiani
prima di entrare nella basilica di San Pietro apostolo, dedicata
all'unico Dio, vivo e vero, dopo aver salito la scalinata che
porta all'atrio superiore, si volgono verso il Sole e piegando la
testa si inchinano in onore dell'astro fulgente. Siamo
angosciati e ci addoloriamo molto per questo fatto che viene
ripetuto in parte per ignoranza e in parte per mentalità
pagana. Infatti anche se intendono venerare il Creatore della
luce leggiadra, e non la luce stessa che è una creatura,
devono astenersi da ogni apparenza di ossequio a questo
culto degli dei; qualora trovasse tra noi una simile usanza,
potrebbe praticare, come incensurabile, questo elemento
delle vecchie credenze perchè lo vedrebbe comune ai cristiani
e agli infedeli." (San Leone Magno, 7° sermone tenuto nel Natale
460 - XXVII -4).
Risolse molto tempo dopo il problema un monaco, nel secolo
XV, un dottore della Chiesa, san Bernardino da Siena (1380-
1440). Al centro invece del disco in oro luccicante, mise una
teca con dentro il simbolo dell'eucaristia il pane. (A. Cattabiani,
Calendario, Le feste e i riti dell'anno, ed Rusconi 1988). Creò così
l'ostensorio.
L'ostensorio della liturgia cristiana, contrariamente a quello
che si pensa non prese il nome dall'ostia, ma l'incontrario. Si
chiamava ostensorio un millennio prima di Cristo; ostiare
corrispondeva a un etimo egizio (e si traslò anche nel latino) e
significava mostrare, far vedere; cioè mostrare il disco solare
ai fedeli. La liturgia cristiana conservò anche l'abbassamento
del capo, perchè nei primi riti di Aton all'aperto, non era una

Pagina 207 di 835


proibizione guardare il sole, ma era solo un accorgimento,
perchè fissando il sole si rischia di perdere la vista. Nei
successivi riti trasferiti all'interno dei templi i sacerdoti di
Aton ricorsero a un disco d'oro con i raggi attorno; appunto
l'ostensorio, che elevato in alto diventa la fase
dell'elevazione, anche questa imitata dalla liturgia cristiana,
assieme all'abitudine di chinare il capo.
L'ostia consacrata risale invece alla fine del XV sec. - dopo le
tante dispute teologiche medievali (come la
transustanziazione cattolica prima e la consustanziazione
luterana poi). Mentre la forma dell'ostia fu stabilita all'epoca
del Concilio di Trento, quando fu riproposta la dottrina della
presenza reale e della messa come sacrificio e la stessa
consacrazione dell'ostia.

____ ORGANO - Esattamente il luogo e la data dove e quando fu


realizzato il primo organo non si conosce. La tradizione ne
attribuisce l'invenzione a Ctesibio di Alessandria intorno a
questa data (270 a.C.) con un prototipo idraulico, che aveva
19 canne e a ciascuna di esse era incernierato un piccolo tasto
che, azionato con un dito, lasciava entrare l'aria nella canna
che emetteva la nota voluta. A Costantinopoli nel II secolo
d.C., suoni che uscivano da alcune canne mediante la
vibrazione dell'aria generata da un mantice non erano
sconosciuti; l'idea col tempo aveva partorito un vero e proprio
strumento musicale, e a quest'epoca era soprattutto usato dal
popolino per fare baldorie, feste, ricorrenze. Quando poi
giunsero gli anni "grigi" del primo medioevo insieme a tante
altre arti, anche la musica considerata pagana sprofondò nel
tombale "silenzio". Tuttavia presso i bizantini lo strumento
rimase vagamente in voga conservando sempre il suo
carattere di strumento profano, fino a quando comparve in
Europa nel 757. L'imperatore (omonimo di quello che l'aveva
proibito nel 318) Costantino V inviò a Pipino re dei Franchi un
Organo, che fu collocato nella chiesa di S. Cornelio a
Compiegne e paradossalmente lo strumento fino allora
considerato pagano diventa da questo momento uno
strumento liturgico per eccellenza.
Nel XV secolo, in Italia vengono introdotti i registri che
permettono di variare il timbro del suono mediante canne
diversamente sagomate. Nel '700 l'organo è dotato di una
pedaliera (per smorzare i suoni) e una tastiera come il
pianoforte (facendo un ritorno a quello realizzato da Ctesibio
quasi duemila anni prima.
Ci si accorse dopo sei secoli che la sua musica non era

Pagina 208 di 835


"diabolica", non "sconvolgeva li menti delli giovini", ma aveva
qualcosa di trascendentale, che raccoglieva lo spirito, lo
innalzava e univa i cuori in un misticismo collettivo della
gente, e che questa, con la "musica che viene dall'alto" poteva
essere guidata ancora meglio. Così l'organo nella Chiesa
diventa quasi parte integrante e di uso esclusivo della chiesa
stessa; il caratteristico suono diventò subito il simbolo di un
rito liturgico particolare, straordinario e quindi più idoneo a
coinvolgere il fedele nella preghiera o nella mistica funzione
rituale.
Oggi siamo tutti propensi ad associare il suono dell'organo al
silenzio delle navate di una cattedrale, mentre in origine era
uno strumento delle feste popolari, di cui ci è rimasto
l'organetto di barberia (antenata della successiva fisarmonica)
cioè strumento di feste paesane di ogni genere; sposalizi,
nascite, feste del raccolto, giochi e sollazzi vari.

____ ORGANO HAMMON - Per analogia lo ricordiamo qui, anche


se non ha più nulla dell'antico organo. E' elettrico, ha delle
ruote foniche, un timbro decisamente moderno e
inconfondibile, che utilizzeranno i musicisti della musica
popolare degli anni 1940 fine anni '50. Ma con la nascita dei
sintetizzatori musicali computerizzati - che permettono ogni
tipo di suono - anche gli "Hammon" conobbero il loro
tramonto.

ANNO 280 d. C.
____ PALPAZIONE DEL POLSO - Il medico cinese Wang Shu-ho
scrive il trattato "Mo-chin" (il canone del polso" in 10 volumi
nei quali sviluppa - per la diagnostica - la teoria della
palpazione del polso.

ANNO 400 d.C.


____ CARRIOLA - Sembra incredibile che a quasi 4000 anni
dall'invenzione della ruota, e a 2000 dalle bighe degli Hyksos,
nessuno avesse mai pensato a costruire un così banale ma
utile strumento di lavoro, che invece di avere due o quattro
ruote come un normale carretto, ne ha una sola posizionata
nel davanti. Erano già conosciute in Cina nel 300-400 a.C.. ma
iniziarono a usarle in Europa solo dopo otto secoli.

____ SCAFANDRO - I primi tentativi di realizzare uno strumento


per far immergere sott'acqua degli uomini furono i romani,

Pagina 209 di 835


allestendo rudimentali scafandri in cuoio connessi a un tubo
per l'aria. Dopo la caduta dell'impero romano più nessuno si
occupò di trovare altre soluzioni, e nemmeno Leonardo -che
fece alcuni studi su questa materia- non approdarono a nulla.
Bisogna attendere il 1840-44 quando compare una tuta in tela
impermeabile, gommata, realizzata dal francese Louis Cabirol.
A renderla efficiente con un apparecchio per la riserva d'aria
furono due francesi nel 1864: Rouquayrol e Danayrouze. Nel
1862 i fratelli francesi Carmagnole abbandonano la tela
gommata e realizzano uno scafandro tutto metallico a
chiusura stagna dotato di bombole e collegato alla nave
appoggio con lunghi tubi. Con altre migliorie - apportate dalla
ditta tedesca Neufeldt & Kuhnke - nel 1923, ne sono realizzate
alcune, muniti di elmo di metallo con visiera e tubi per
respirare e comunicare con la superficie, sono gli scafandri
normalmente impiegati oggi dai palombari per le immersioni.

____ TUTE PRESSURIZZATE - Alcune innovazioni apportate nelle


ultime tute citate sopra, ci furono in Italia nel 1930 quando
sorta la nuova arma aeronautica si volle tentare di realizzarne
alcune a tenuta stagna munite di caschi metallici per i voli ad
alta quota. Gli aerei di allora, ad elica, non erano ancora
pressurizzati, era quindi necessario al pilota l'utilizzo di
queste tute per volare ai limiti dell'atmosfera. Ne indossò una
nel 1937 il pilota Mario Pezzi volando a un'altitudine 15.655
metri. Pochi mesi dopo nel 1938 raggiunse la quota di 17.038
metri conquistando il primato mondiale, fino ad oggi ancora
imbattuto per aerei ad elica. Con l'avvento degli aerei
pressurizzati le tute non furono più utilizzate, ma con i
successivi viaggi satellitari, poi spaziali, le tute diventarono
ancora più sofisticate e quindi più efficienti, dotate di radio
ricetrasmittenti, e tali da sopperire a tutte le necessità
ambientali dell'astronauta, mantenendo all'interno una
normale pressione, fornendogli ossigeno, dandogli protezione
nei grandi sbalzi di temperature, proteggerlo nelle
"passeggiate spaziali" dagli urti con piccoli meteoriti e dai
raggi ultravioletti; dotate perfino di un sistema di sensori
capaci di trasmettere automaticamente ai medici della base
appoggio tutte le informazioni biomediche dell'astronauta,
quali il battito cardiaco, la pulsazione arteriosa, la
temperatura corporea, il respiro e altri dati considerati
necessari.

ANNO 552 d. C.

Pagina 210 di 835


____ SETA - La comparsa della seta sia in Cina come in
Occidente è avvolta nella leggenda. Storie cinesi la fanno
risalire a circa 2600 anni a.C., quando uno zelante tessitore
volle usare il sottilissimo lungo filo del bozzolo per filare e
tessere un impareggiabile e leggerissimo vestito per la sua
bella sovrana. Il bozzolo è quel "miracolo" che compiono dei
piccoli affamati insetti lepidotteri soggetti a metamorosi, di
circa 3 mm, voracissimi di foglie di gelso e che nel giro di un
mese raggiungono la lunghezza di 9 cm, poi si piazzano fra i
rami della stessa pianta che hanno completamente divorato e
filano in 3-4 giorni il bozzolo, formato da un filo dovuto alla
solidificazione a contatto con l'aria di un liquido prodotto da
due ghiandole sericifere che si aprono ai lati della bocca
dell'insetto; chiuse all'interno attendono di trasformarsi in
crisalide. In quest'ultimo stadio abbandonano il bozzolo, che è
poi quella grazia di Dio che è la seta; il bozzolo infatti,
opportunamente sfilacciato fornisce quella sottilissima e
lunghissima fibra che filata e ritorta permette la tessitura dei
pregiati tessuti. Purtroppo quando la crisalide abbandona il
suo bozzolo lo rovina. Ecco perchè prima che questo avvenga,
i bozzoli ancora integri vengono messi in acqua bollente che
uccide la crisalide, in questo modo si ottengono i bozzoli
integri. Da questi con una opportuna lavorazione (la
sfilacciatura) si ottiene quella lunga fibra chiamata seta, con
la quale si producono i vaporosi tessuti. Dalla Cina negli ultimi
due tre secoli a.C. ben presto questi tessuti giunsero in
Europa tramite le piste carovaniere; una era così battuta che
la pista divenne per antonomasia "la via della seta". Un via
però severamente protetta dai cinesi, per non rivelare
all'occidente il segreto della coltivazione del baco, onde
conservare il monopolio di questa ricercata e costosa
mercanzia, soprattutto desiderata dalle donne. Al tempo
dell'impero Romano la seta, in piccole balle, già sfilacciata,
grezza, arrivava all'isola di Coo. qui veniva filata, ritorta,
tessuta, tinta con dei bellissimi colori che solo gli arabi
possedevano il segreto, come il rosso porpora di Tiro che si
ricavava dai murici spinosi di milioni di molluschi gasteropodi
chiamati appunto murex porphyra.
La seta di Coo, così sottile e velata non era frutto della Cina,
ma prodotta dall'abilità dei tessitori dell'isola che avevano
inventato particolari macchine che riuscivano a tessere
stupendamente quei sottilissimi fili che arrivavano
dall'Oriente ma che nessuno conosceva l'origine.
Giustiniano nel VI secolo, volle rompere il monopolio dei
carovanieri aprendo una pista in parallelo, attraverso la

Pagina 211 di 835


Sogdiana la Transoxiana (con Samarcanda in mezzo ) proprio
da quelle piste da dove provenivano i Vandali e i Turchi che
proprio quest'anno hanno per la prima volta stretto alleanze
con la Persia. Non solo ma proprio in quegli anni nella Cina del
nord salì al trono del regno dei CHOU l' imperatore WU-TI che
riunì il Nord della Cina annettendolo al suo regno CH'I.
Sogdiana e Cina sono quindi da questo momento più vicine di
prima con più intensi scambi commerciali. Questi rapporti
commerciali con i persiani di Cosroe, Giustiniano li ha fatti, ma
anche gli stessi persiani di Cosroe hanno fatto pace con i
Turchi; addirittura questi alleandosi li hanno aiutati per
combattere gli Eftaliti Unni Bianchi del nord. Il Khaganato
turco e l'impero persiano per molti anni sarà soltanto diviso
dal fiume Oxus. Gli accordi commerciali di Bisanzio-Persia,
erano ormai fatti compiuti da alcuni anni, quelli Persiani-
Turchi pure, tanto che la seta di cui erano quest'ultimi i
mediatori, permise in Siria la nascita di una attività industriale
e una economia non indifferente per l'impero Bizantino; erano
fiorite industrie grandissime, con grande occupazione di
manodopera, grandi fatturati, quindi grandi profitti per le
finanze dello Stato. Ma i mercanti-mediatori persiani proprio
per questo grande sviluppo si fecero sempre di più esosi. Ne
approfittarono gli arabi invadendo i mercati mediterranei e
facendo loro concorrenza, perchè gli arabi non avevano la
mediazione dei persiani, ma andavano direttamente via
Oceano in Cina, e quindi non avevano di mezzo il mediatore.
Giustiniano risolvette la cosa in un modo radicale: far nascere
la seta sul proprio territorio. Aveva due monaci di religione
persiana originari della Sogdiana, vicino a Samarcanda, li
aveva conosciuti in un concilio e questi dissero fra l'altro che
erano vissuti per qualche tempo in Cina. Giustiniano non fece
cadere il discorso, chiese loro informazioni su come nasceva la
seta, un segreto che si trascinava da 1000 anni ( era infatti
venduta a Bizanzio e a Roma fin dal 300 a.C.). I due monaci
rivelarono gli elementari tre stadi di quel "miracolo" che
compiono i piccoli vermiciattoli. Non si sa con quale ordine e
con quale scusa Giustiniano spedì verso la Cina nuovamente
questi due religiosi, da ogni cronologia storica nessuno ne
parla proprio perché era un segreto di carattere commerciale
di enorme portata. Sappiamo solo -dalla leggenda- che i due
monaci ritornarono con due canne cave con dentro alcuni di
quei piccolissimi insetti che diedero l'avvio a una delle piu'
grandi produzioni in Siria dei bachi da seta, ma che riuscirono
a tener segreto nonostante i rapporti con Roma per altri 630
anni fin quando Ruggiero di Sicilia ruppe il monopolio.

Pagina 212 di 835


L'ammiraglio siciliano GIORGIO ANTIOCHENO, inviato nel 1147
nel mar Egeo con una flotta, s'impadronì di Corfù e di altre
isole compresa Coo. Insieme a un ingente bottino, fece
numerosi prigionieri, uomini e donne che inviò in Sicilia. Molti
di questi erano degli esperti nell'arte segreta della seta; della
coltivazione, del gelso, del baco, della filatura e della
tessitura. La ricchezza giunta in Sicilia con queste prede fu
enorme, arricchì l'isola con il primo stabilimento di
manifatture di seta alle quali Ruggero destinò gli "artisti"
prigionieri. Gli opifici della seta erano nella reggia medesima,
e alla corona di Ruggero poterono i donzelli e gli scalchi
mostrarsi ornati di stoffe, che una volta sfoggiavano solo gli
Augusti d'Oriente.
Solo molto piu' tardi, nel XVI-XVII secolo fu introdotta la
bachicoltura nel resto della penisola, che inchiodò nelle
campagne gli italiani per decine di anni a fare questo lavoro
che assorbiva una enorme quantità di manodopera e che solo i
poverissimi contadini nelle campagne potevano effettuare per
paghe da fame lavorando con tutta la famiglia (bimbi
compresi) le 24 ore di giorno e di notte.
Quando poi imperversò il colonialismo britannico, e la seta
grezza dall'oriente giunse in abbondanza in Europa a buon
mercato, il disastro per le miserabili famiglie che vi si erano
dedicate, non tardò a venire. Il nome "seta" in Europa viene
fin dal basso medioevo da due strade, e questo fa pensare che
la introduzione in occidente non fu solo bizantina prima e le
crociate poi. Infatti in Cina il suo nome era see che diventò poi
la radice latina-greca di seta. Mentre nei paesi nordici in
Sassone, quindi in inglese, lo stesso vocabolo che indica la
seta viene preso pari pari dal mongolo che è infatti sirgk, poi
in inglese silk; evidentemente questo vocabolo è arrivato
direttamente dalle piste provenienti dalla Mongolia senza
passare dal mediterraneo greco-latino. Cioè a Samarcanda, fin
dai primi secoli qualcuno prese non solo la strada per il sud,
ma anche la strada verso il Nord facendo conoscere ai Sassoni
la preziosa merce. Furono poi più tardi, gli stessi inglesi a
sconvolgere i mercati - fino ad avere il monopolio europeo -
quando inventarono e introdussero nelle nuove fabbriche i
filatoi e i telai meccanici ottenendo una produzione di 10, 100,
1000 volte superiore a quello di un artigiano della seta. Poi un
altro sconvolgimento dell'intero mondo della seta - la
produzione di filato e dei tessuti, e la stessa bachicoltura
giunse -a partire dal 1937- la mannaia delle fibre artificiali,
come il Rayon, ma soprattutto il Nylon (vedi anno 1906

Pagina 213 di 835


"polietilene", "nylon" ecc. )

____ FUOCO GRECO - Vedi anno 2500 a.C. "Asfalto-Bitume").

ANNO 700 d.C.


____ PORCELLANA - La ceramica come abbiamo visto nel 7000
a.C. era già conosciuta. La tecnica del vasaio si era poi
specializzata fino a darci le stupende ceramiche greche. La
perfezione non consisteva più nell'arte di fare il manufatto,
ma in quella di impiegare un caolino che nella cottura del
biscotto di argilla offrisse una lucentezza, una durezza, una
vetrosità a grana finissima tale da imitare il "porcello"
("porcellus") tipo di mollusco con la conchiglia lucida, sottile,
perlacea quasi trasparente. Ad avere disponibile e usare
questo caolino, miscelato al feldspado (alluminato di potassio,
sodio o calcio), acqua e quarzo furono i Cinesi. Per il primo
stadio della lavorazione occorrono nella cottura del biscotto
circa 800-900°. Poi coperto di feldspado viene nuovamente
cotto a circa 1200-1400°. A questo punto si procede alle
decorazioni, per poi fare una terza cottura a temperature più
basse. I primi porcellanisti cinesi furono quelli operanti sotto
la dinastia T'ang nel 700 d.C.. La tecnica di questa lavorazione
e quindi le primi porcellane con molto ritardo furono realizzate
in Europa solo nel 1710 a Meissen e nel 1770 a Sevres.

_____ CAMPANE - (vedi sotto)


_____ CAMPANINILI - Proveniente dall'oriente erano già
comparse in Europa nel 550 d.C. le prime campane realizzate
in lamine di ferro battuto, dal suono piuttosto sgradevole.
Centocinquant'anni dopo sempre dall'Oriente giunge una
ottima tecnica della fusione in bronzo e l'arte di fare le
campane, che stimola subito la metallurgia europea per
realizzarle con questo metallo che ha un spiccato suono
squillante. Le prime campane sono inizialmente piccole, ma
diffondendosi l'arte si diffondono anche quelle grandi.
Cominciano ad apparire accanto alle chiese delle torri
campanarie con una o più campane che prendono subito il
nome di "campanili".
Quest'arte ancora artigianale è ancora oggi difficilissima e
particolarissima. Anche in Italia sono rarissimi gli artigiani che
da lontane generazioni vi si dedicano conservando nel
massimo segreto la lega utilizzata e il metodo per l'
esecuzione della colata nello stampo. Chi qui scrive, ha la

Pagina 214 di 835


fortuna di avere a poco più di mille metri di distanza una delle
poche fabbriche di campane esistente in Italia.

ANNO 744 d.C.


____ MERCATO SETTIMANALE - Per diffondere il commercio,
intorno a questa data, in Francia, Pipino il Breve, col
capitolare di Soisson, ordina che ogni "civitates" tenga un
mercato settimanale.

ANNO 750 d.C.


____ ACIDO ACETICO - La scoperta la si deve al più grande
alchimista arabo - Jabei ibn Hayyan (721-815) - meglio noto
agli europei come Geber. Fino a questo momento l'acido più
forte conosciuto era il semplice aceto. Geber distillando
l'aceto ottene del puro acido acetico, capace - oltre il calore-
di provocare trasformazioni chimiche.
Più tardi - nel 780 - viene scoprto e utilizzato l'acido solforico.

ANNO 757 d.C.


____ ORGANO IN CHIESA - L'imperatore costantino V invia al re
dei Franchi Pipino un organo, che viene collocato nella chiesa
di S. Cornelio a Compiegne. E' la prima testimonianza
dell'impiego dell'organo in una chiesa, che ben presto - da
pagano che era e pagano rimase in oriente - diventa lo
strumento liturgico per eccellenza. (vedi la sua storia
nell'anno 247 d.C.)

ANNO 770 d.C.


____ FERRI DI CAVALLO - Sembra che siano stati gli Unni a
introdurre la tecnica di ferrare con un semicerchio di metallo i
zoccoli dei cavalli - che essendo un unghia - sono molto
sensibili all'usura soprattutto in percorsi accidentati.

ANNO 810 d.C.


____ ZERO - La prima esposizione sistematica dei numeri con lo
zero, è del matematico indiano Brahmagupta nel VII secolo
d.C. Furono poi gli Arabi in questo 810 d.C. - con il matematico
Muhammad ibn Al-Khwarizimi (780-850) - durante la loro
dominazione a utilizzarli (come concetto ma non come

Pagina 215 di 835


scrittura) e solo molto più tardi con la possibilità di fare
risultati di aritmetica pratica, fu Leonardo Fibonacci (1170-
1230) a diffonderli nell'Europa medioevale, con il suo trattato
"Liber abaci". Essendo notoriamente "usati" dagli arabi,
impropriamente si chiamarono "numeri arabi", invece la
scrittura vera e propria era quella indiana. (vedi l'argomento
nell' anno 5000 a.C. alla voce "abaco")

____ CASE DELLA SAPIENZA -


____ POLICLINICO - Le prime "case" sorgono a Baghdad
quest'anno (813) volute dal califfo al-Ma'mun, all'inizio dei
suoi vent'anni di califfato; anni che costituiscono uno dei più
gloriosi periodi culturali dell'Islam. In queste "case" vi erano
numerosi studiosi che si dedicavano alla traduzione in arabo
di tutti i testi scientifici, greci, latini e persiani. Oltre che
allestire una grandissima biblioteca nella capitale, un 'esercito
di copisti, fornivano i testi a tutte le città del mondo islamico.
Nell'anno 829 sempre al-Ma'mun fa erigere a Baghdad un
grandiosi osservatorio astronomico.
Nell'anno 832 con ormai Baghdad divenuto un fiorente centro
culturale, il medico Hanain ibn Ishaq (in occidente conosciuto
col nome Jannitius), oltre che organizzare una vasta opera di
traduzione di testi medici, filosofici e scientifici, concepisce un
scuola medica diretta da numerosi professori medici,
finanziata dallo Stato, che prenderà nel 979, il nome di
"policlinico"; una università di medicina, guidata da Adud ad-
Dawla, con un stuolo di 24 medici specialisti.
Nell'anno 850 gli studi sono rivolti all'ottica; a scrivere un
trattato su questa scienza è il fisico-filosofo al-Kindi; vi
compaiono studi sulla riflessione della luce (in Europa questi
studi verranno ripresi mille anni dopo), ed è uno dei più
importanti studiosi della filosofia greca, in particolare scrive i
commenti su Aristotele. Suo contemporaneo Honain ibn Ishaq,
che traduce per la prima volta in arabo opere di Aristotele,
Platone e un gran nummero di testi filosofici e scientifici greci
animando un esercito di traduttori e copisti raccolti nelle
famose "case della sapienza".

____ ARCOLAIO - Attrezzo per dipanare le matasse di filo lo si


attribuisce agli Indiani. Da questi lo scoprirono e lo
utilizzarono gli arabi. Scoperto poi dagli Europei nel periodo
delle Crociate in Medio Oriente, al loro ritorno in patria fu
introtto in una forma più perfezionata.

Pagina 216 di 835


____ MANOVELLA - Pur essendo un banalissimo congegno,
compare e si diffonde in breve tempo in Europa intorno a
questa data. Inizialmente la si applica ad alcuni meccanismi
semplici, come ad esempio le mole per affilare.

ANNO 850 d.C.


____ CAFFE' - (vedi anno 1802 alla voce "caffè")

ANNO 870 d.C.


____ CIRCOLO POLARE ARTICO - Il primo uomo che si spense
oltre Capo Nord, quindi a doppiare la penisola scandinava per
poi continuare a navigare verso est, entrando così nel Mar
Bianco, fu un vichingo chiamato Ottar; fu spinto
semplicemente dalla curiosità e volle veleggiare costa costa
per vedere fin dove finiva la terra.

ANNO 874 d.C.


____ ISLANDA - Sempre spinto dalla curiosità e dall'avventura,
un altro vichingo emulo di Ottar - Ingolfur Arnarson - volle
navigare verso occidente, e dopo aver coperto la bella
distanza di 1046 chilometri (tanto dista l'Isola dalla Norvegia)
approdò nell'Islanda, fondandovi la prima colonia, che nel 930
vantava già la presenza di 30.000 abitanti. Pochissimi nel
resto d'Europa seppero di questa scoperta. Si narra che fosse
già stata scoperta dagli Irlandesi - guidati da un certo Brendan
- intorno al 550, altri narrano che furono dei monaci irlandesi
che vi si erano anche stanziati. Forse per breve tempo e poi
ripartirono. Oppure furono uccisi o cacciati quando vi
approdarono i vichinghi chiamando l'aspra isola "la terra della
neve" "Ice-land", nome che porta ancora oggi derivato dal
ghiaccio che deve aver fatto ancor più impressione che la
neve.

ANNO 900 d.C.


____ FINIMENTI (vedi sotto)
____ COLLARI PER CAVALLI (vedi sotto)
____ BRIGLIA (vedi sotto)
____ STAFFA - Fino a questa data per cavalcare il cavallo si era
usato il sistema a pelle, e come briglia si usava un pezzo di
corda fatta passare intorno alla mascella; questo sistema fin
dal 3000 a.C. mentre nel 1400 a.C. già si usava una briglia in
Pagina 217 di 835
ferro molto simile all'attuale. Ma nell'uso in agricoltura
soprattutto nell'impiego del tiro dell'aratro, il giogo già usato
nei buoi non era possibile applicarlo ai cavalli, ed il sistema
più in uso era quello di mettere delle cinghie al collo
dell'animale che però nel traino gli comprimevano la trachea,
dopo pochi metri doveva fermarsi per respirare. Un tipo di
finimenti era già in uso in Cina; es. la staffa - quell'anello in
cui viene infilato il piede- era in uso fin dal VI secolo a.C.. In
India si diffuse nel IV secolo a.C. - Furono poi gli Unni e gli
Avari provenienti dall'Oriente a introdurre in Europa nel IV e V
secolo d.C. la sella, le staffe, le briglie, i finimenti; che non
solo si diffusero ma furono perfezionati: nelle briglie, nella
sella, ma soprattutto verso l'800-900 d.C. fu nella nuova
bardatura dell'animale che si ebbero progressi impensabili.
Applicata in basso, sulle spalle, la forza del cavallo rese cinque
volte di più, cosicchè nelle arature dei terreni, diminuendo
notevolmente il tempo, permise di arare e coltivare altri
appezzamenti di terreni, facendo così aumentare la
disponibilità di alimenti e di conseguenza l'aumento della
popolazione.

____ ENCICLOPEDIA ARABA - Intorno a questa data viene


pubblicata la grande enciclopedia "al-Havi" (tradotta poi in
Europa in latino nel 1279 col titolo "Liber continens"). L'autore è il
filosofo e medico islamico Abu Bakr ar-Razi (Razes per gli
europei). Nella sua enciclopedia sono raccolte tutte le
conoscenze mediche greche, siriache e arabe. E fra queste vi è
una prima esauriente descrizione del vaiolo e del morbillo.

ANNO 948 d.C


____ PALERMO ARABA - La città viene elevate nel corso di
quest'anno ad "emirato". Subisce una profonda
trasformazione culturale, economica, industriale, agricola e
nell'edilizia, ma soprattutto diventa una delle più fiorenti città
del mondo arabo; culturalmente la migliore in assoluto del
continente europeo. Il più grande crocevia marittimo del
Mediterraneo, che collega il mondo arabo alla Spagna. Fino al
1200 è la più dotta delle città europee, e anche nella
letteratura diventa la progenitrice di quella italiana "sembra
proprio che il meglio venga solo e tutto da lì" (Dante).

ANNO 950 d.C.

Pagina 218 di 835


____ SCUOLA MEDICA DI SALERNO - Uno dei fondatori della
celeberrima scuola di medicina di Salerno è il medico ebreo
Shabbetai Donnolo (913-982) di Otranto.
Nello stesso anno, il medico arabo Hasdai ben-Shaprut.
traduce in arabo l'opera "Sulla materia medica" del medico
greco Dioscuride.

ANNO 960 d.C.


____ LINGUA ITALIANA - In un atto giuridico ("Carta Capuana")
la lingua italiana fa la sua prima apparizione in una formuletta
di testimonianza.

ANNO 970 d. C.
____ TAVOLE TRIGONOMETRICHE - Comprendenti seni e
tangenti, le prime tavole trigonometriche compaiono per la
prima volta in un opera del matematico arabo Abu l'Wafa.

ANNO 982 d.C.


____ GROENLANDIA - Come abbiamo visto in precedenza,
nell'anno 874, i vichinghi partendo dalla Norvegia erano
sbarcati in Islanda e vi avevano creato una base dopo aver
navigato in mare aperto per 1046 km. Erano passati circa
cento anni da allora, nel frattempo nell'isola si parlava sempre
di un'altra grande isola a occidente. Leggenda o no, un certo
Erik Thorvaldson Rauda (meglio conosciuto come "Erik il
rosso" per il colore dei suoi capelli) non sappiamo per quale
motivo (si racconta perchè commise un omicidio) fu punito con
tre anni di esilio. Alcune saghe narrano che partendo su una
nave fu trascinato da una tempesta, altri invece narrano che
volle impiegare quei tre anni per recarsi in esplorazione in
occidente per cercare la grande isola di cui si parlava da
decenni. Quello che sappiamo è che nel 982, dopo appena 322
chilometri, approdò presso l'odierna Julianehaab, che essendo
estate si presentava piuttosto verde, e tale nome gli diede
"Isola Verde" (Groen-land). Vi rimase un paio d'anni poi nel
985 fece ritorno in Islanda per cercare gente disponibile a
seguirlo per colonizzare la nuova isola. Raccontò meraviglie di
questa nuova terra, tanto che convinse una nutrita schiera di
suoi compatrioti a trasferirvisi. Nel 986 un primo gruppo partì
e si insediò sulle rive sud-occidentale dell'isola stabilendo una
colonia a capo della quale fu posto Erik stesso. La vita dovette
assumervi una notevole attività, poichè scambi continui
Pagina 219 di 835
furono iniziati e mantenuti con la terra
d'origine. Ma un mistero grava su
questa colonia, che dopo l'esistenza di
circa tre secoli scomparve. E anche in
questo caso (come per l'Islanda)
l'Europa nulla sapeva della scoperta della grande isola. Si
racconta di un viaggio nei mari del nord di due fratelli
veneziani (Nicolò e Antonio Zeno) ma sembra che si tratti di
fantasie di uno zelante monaco italiano che aveva sentito dire
forse qualcosa in Irlanda; forse voleva solo vantare una
priorità di possesso a carattere religioso rispetto ad altri
monaci irlandesi che sembra si fossero già insediati prima in
Isalnda poi in Groenlandia.

ANNO 1000
____ VINLAND - Varie saghe s'intrecciano su questa avventura
che avrebbe portato i vichinghi a scoprire l'America 500 anni
prima di Cristoforo Colombo. Dalla Groenlandia appena da
qualche anno colonizzata da Erik il rosso, un tale Bjarni
Herjulfson, nell'anno 1000, navigando verso occidente
dell'isola, trascinato da una tempesta approdò nella regione
del Capo Cod -a S E dell'odierna Boston- girando nei paraggi
vide i picchi meridionali nella od. Nuova Scozia ed una parte
della od. Terranova. Non era curioso, e in nessuno dei luoghi
vi sbarcò, aveva solo fretta di trovare la via di casa. Quando
riuscì a tornare in Groenlandia "non sapeva dire nulla di
queste terre", cionostante aveva compilato un preciso "diario
di bordo" che in seguito sarà inserito nella "Saga della
Groenlandia". Curioso era invece Leif Erichsonn, il figlio di Erik
il rosso, che appresa quella storia allestì una spedizione per
andare a verificare cosa c'era di vero nei racconti di Bjarni.
Leif anche lui trovò la terra, toccando prima l’isola di
Terranova, poi costeggiarono anche il Labrador, per loro
Markland (terra delle foreste) si spinsero fino al 42° parallelo
che è a cavallo fra Boston e Newport - dove un tedesco non
stava nella pelle per aver trovato l'uva, ed è per questo che
Leif chiamo la nuova terra il "Vinland". "Quando provarono a
insediarsi dovettero scontrarsi con la ferocia degli indigeni, di
molto superiori di numero, che li ricoprirono di frecce;
decisero che il gioco non valeva la candela. Perciò com'erano
arrivati tornarono indietro". Ma questo lo dissero gli altri in
Europa, dopo che fu scoperto da Colombo il Nuovo Mondo,
mentre in seguito spuntarono dai polverosi conventi delle
dettagliate precedenti relazioni; e sembra che a Roma queste

Pagina 220 di 835


notizie le conoscessero molto ma molto prima che Colombo
iniziasse il suo viaggio. Infatti nel 1480, giunse a Roma un
vescovo proveniente dall'Irlanda, dall'abbazia di Stratflur, che
aveva con sé alcune relazioni di viaggi fatti dai vichinghi in
"America" nel corso di un secolo che prova che i vichinghi con
vari viaggi andavano e venivano.
Per molto tempo storici e appassionati cercarono prove della
presenza vichinga nel Nord d’America e finalmente negli anni
’60, dopo decenni di ricerche fu scoperto un campo di sicura
origine nordica sull’isola di Terranova. Confermerebbero le
relazioni di Leif Erichsonn che alcuni storici definiscono le più
straordinarie fra tutte quelle esistenti nelle esplorazioni del
mondo.
In una Storia ecclesiastica di Amburgo del 1070, compilata da
Adamo da Brema, nel quarto volume, accennando alle isole
settentrionali si dice " il re dei danesi riferisce che oltre
queste isole fu scoperta "da molti" un'altra grande isola
chiamata Vinland, perchè ricca di viti selvatiche che
producono un ottimo vino. Che vi prosperano frutti spontanei
in abbondanza; tutto questo da veridiche relazioni danesi".
(dunque a Roma sapevano)
Se riflettiamo, la vite non poteva prosperare nè in
Groenlandia, nè sulle prime coste del Canadà, perchè il suo
limite coltivativo in America si trova solo al 47° parallelo. Che
corrisponde al golfo di San Lorenzo. Si accennava anche a un
"grano selvatico", un "grano indio", e questo sappiamo ha il
suo limite al 44° parallelo, che corrisponde a una regione fra la
Nuova Scozia e New York. Parlavano di salmoni e il limite
meridionale del salmone è al 41° parallelo. Citavano un grande
fiume che proveniva da un grande lago, e davanti a Terranova
sbuca il San Lorenzo che scende dai grandi laghi. Era quindi da
più di un secolo che i vichinghi, esploravano e andavano e
tornavano dal Vinland.
Negli "Annali d'Islanda" dell'anno 1121, c'è anche una nota
"Erickr bykop leitadi Vinlandz"; il vescovo Erich va in visita nel
Vinland". C'era dunque già un villaggio di vichinghi nel Vinland
come narrano alcune saghe nordiche? Ma anche antiche saghe
precolombiane - quella azteca di Quetzalcoatl- parlavano di
uomini bianchi, biondi, con occhi azzurri, che da mari molto
lontani, su barche come serpenti e draghi (e le navi vichinghe
sulla prua avevano teste di serpenti e di drago) approdarono
alcuni secoli prima nella loro terra . Ma come sapevano gli
aztechi che esistevano uomini dagli occhi azzurri e dai capelli
biondi? Di uomini simili in America non sono mai esistiti!

Pagina 221 di 835


Tutti questi viaggi saranno poi confermati storicamente dal
1900 in poi, quando in America verranno ritrovate pietre
runiche (per molto tempo ritenute false) e oggetti gotici
proprio in quelle zone che erano state sommariamente
descritte in quelle "relazioni nautiche" fatte dai vichinghi; e
comunque esattamente individuabili da molti indizi. A Leif
Erichsonn la città di Boston gli ha dedicato uno splendido
monumento, perchè ha validi motivi di credere che il primo
uomo europeo a mettere il piede sul suo territorio sia stato
proprio lui, il figlio di Erik il rosso.
A quanto pare presso i vichinghi, anche i bambini sapevano
cos'era il Vinland. Nella "Saga della Groenlandia" o in quella di
Erik il Rosso o di Leif, c'era di tutto" e come leggeremo ora
nello "Specchio dei Re" norvegese, compilato nel 1250 c'era
anche qualcosa di più.

____ LA TERRA? E' SFERICA! - Gli arabi con i Paesi del nord
avevano secolari contatti, conoscevano la sapienza in fatto di
geografia, matematica, astronomia dei maestri arabi e non c'è
da meravigliarsi se il re di Norvegia scelse nell'anno 1250
come precettore di suo figlio, proprio un sapientone arabo
della eclettica corte di Baghdad, città che già possedeva le
università, policlinici, immense biblioteche con testi di ogni
tempo.
Ed ecco cosa troviamo di stupefacente nel Konnungsskuggsja
alla corte norvegese, nel 1250!
Rivolgendosi appunto al suo allievo il "professore" precettore
arabo scrive:
"....Ora devi comprendere che la terra è sferica e non
ugualmente vicina al sole in tutti i suoi punti. E là dove
l'arcuato anello della traiettoria solare più s'avvicina alla terra
il calore è massimo, e i paesi esposti all'ininterrotta
irradiazione sono parzialmente inabitabili: sono invece
abitabili quelli che il sole colpisce con i raggi obliqui... Ho già
detto che una zona calda avvolge la terra come un anello
(l'equatore - Ndr) da est a ovest. Se questo corrisponde a
verità è certo che alla estremità meridionale deve far freddo
esattamente come all'estremità settentrionale. Ritengo utile
che tutti i paesi vicini a quella zona calda, tanto a sud quanto
a nord, siano caldi; mentre quelli che ne distano
maggiormente sono freddi. Se tu obbiettassi, o figlio, che tutti
asseriscono i paesi essere tanto più caldi quanto più a
meridione ci si spinge, potrei risponderti che non hai mai
trovato nessuno il quale si sia spinto tanto a sud da avere a
nord di se stesso i paesi caldi. E quanto hai detto che i venti

Pagina 222 di 835


provenienti da sud sono più caldi degli altri, ebbene, è
naturale che il vento si scaldi giungendo a noi anche se
provenisse dalla gelida estremità meridionale del mondo
perché spira attraverso il curvo anello della zona ardente e
giunge a nord riscaldato, anche se da sud soffiava freddo. Se
in quella fredda zona della parte australe abitano uomini ,
come i Groenlandesi abitano quella boreale, tengo per certo
che il vento del nord giunga a loro caldo come a noi quello del
sud, perchè essi debbono guardare il sole a nord, come noi,
che abitiamo a nord del sole, dobbiamo guardare a sud per
vederne i movimenti. ...E quando il sole si trova all'estremo
limite meridionale del suo obbliquo cammino, quelli di laggiù
hanno l'estate e giornate assai lunghe, mentre noi abbiamo
l'inverno e siamo poco esposti ai raggi solari. Quando invece il
sole si volge verso il limite boreale, noi abbiamo l'estate ed
essi l'inverno; e accade sempre che esso salga all'orizzonte
nei paesi nordici quando il medesimo discende per quelli
meridionali".

ANNO 1025
____ MUSICA (vedi sotto)
____ NOTE ( vedi sotto)
____ NOTAZIONE MUSICALE - Aristosseno (detto l'Armonico) nel
350 a.C. scrive e ci lascia tre libri di Elementi di armonia, e a
differenza delle teorie pitagoriche, viene istituito a giudice
supremo l'udito e non le leggi matematiche; come più tardi
(200 a.C.) Alipio, un frammento del quale sembra contenere
un sistema di notazione musicale con lettere; come più tardi
fece Plutarco (49 d.C.).
Alla Grecia è riservata anche la gloria di essere la prima a
occuparsi di estetica musicale e a studiare la sua influenza
sull'animo, sull'educazione e sullo sviluppo del carattere.
Platone ascrisse alla musica una potenza morale, Aristotele
pur d'accordo con lui riconobbe altresì che aveva anche lo
scopo di dilettare (negato però da Platone) e, dilettando, di
nobilitare l'animo. Il sistema musicale greco si fondava sul
tetracordo, serie di quattro toni corripondenti a quella della
lira. Esso consisteva in due toni e un semitono. La scala greca
era composta di due tetracordi o congiunti da un tono comune
o con un intervallo di un tono intero fra l'uno e l'altro.
I Greci avevano sette gamme, o toni, da essi chiamate modi;
questi comprendevano due tetracordi separati, ossia otto
note, o una estensione d'ottava, e servivano a determinare se
non la tonalità nel senso che noi attribuiamo oggi a questa

Pagina 223 di 835


parola, almeno il punto di partenza di ciascun tono o
frammento della scala.Il metodo di notazione era formato col
mezzo di lettere dell'alfabeto distese, capovolte, modificate in
vari modi e variava secondo le voci e gli strumenti.
L'esecuzione comprendeva la musica vocale accompagnata da
strumenti a corda pizzicati (i Greci non conoscevano
l'archetto) o da strumenti a fiato. L'antica questione se i Greci
abbiano conosciuto l'armonia nel senso moderno della parola
sembra essere decisa negativamente.
Questa opinione ormai universalmente accettata, ebbe la
miglior conferma nella scoperta (1893) dell' Inno ad Apollo,
trovato a Delfo, probabilmente del II secolo a.C.: esso è inciso
su una pietra e contiene oltre al testo anche i segni musicali
sopra ogni sillaba, corrispondenti a quelli che abbiamo di
Aristosseno citato all'inizio.
Nel 300 d.C. Flaviano un prete, e Disdoro un laico, mutuando
dai riti del culto giudaico, mettono a punto un sistema
musicale del canto detto antifonale, quello che in pratica è il
canto alternato da due semicori. Siamo quindi agli inizi della
musica occidentale e il percorso sarà ancora molto lungo.
Mentre nello stesso periodo si sta sviluppando la musica
indiana, che non ha e non avrà mai in seguito fino ai giorni
nostri un sistema di notazione che permetta di trascrivere un
brano, pur essendo molto più complesso di quello occidentale.
Con il canto AMBROSIANO, che S. Ambrogio aveva introdotto
dall'Oriente, era sempre comunque costruita con l'antifonia,
che ereditò e mutuò poi in parte il canto GREGORIANO. La
Schola Cantorum fu voluta da Gregorio Magno, e non era una
semplice appendice alla sua normale attività di modificazione
della liturgia, ma la fece diventare una scuola di cantori
ufficiali della Chiesa e con il potere che gli venne dopo come
Papa, riuscì con i suoi vescovi a divulgarla su tutta l'Europa.
Inizialmente trasmesso per tradizione orale in loco, mentre
per la diffusione a lunga distanza fu necessario una notazione
che all'inizio fu riportata su fogli in forma chironomica (gesti
di una mano che indicava il crescere e il decrescere della
melodia) , successivamente si perfezionò con l'adozione di
lettere dell'alfabeto e, finalmente in "neumi", cioè di segni
corrispondenti pressoché alle attuali note; dapprima disposti
su un solo rigo e poi su di un tetragramma (quattro righi =tre
spazi).
Nel nel periodo carolingio la musica acquista sempre maggiore
importanza, e le scuole dei monasteri di Metz e di San Gallo
diventano centri di studi musicali. Vi giungono anche i primi
manoscritti bizantini che contengono una singolare notazione

Pagina 224 di 835


musicale. La notazione è ecfonetica e si serve di un piccolo
numero di simboli, ognuno dei quali rappresenta una formula
musicale stereotipa.
Per giungere ad una vera e propria notazione dobbiamo
attendere il 1040, quando Guido d'Arezzo fa derivare dalle
sillabe dell' inizio di un inno a S. Giovanni Battista attribuito a
Paolo Diacono, le note della scala musicale che tutti
conosciamo, ponendole su un rigo a 4 linee orizzontali, anche
se mancava ancora l'indicazione del ritmo. Tuttavia la
possibilità di poter creare dei suoni, codificarli e quindi
ripeterli senza che la creatività dell'attimo andasse perduta. Il
sistema che proponeva era una scala musicale (ut, re, mi, fa,
sol, la,) per indicare i suoni dell'esacordo mediante sillabe.
Dalla sua idea nascerà poi il rigo musicale a cinque righe, che
inizia a prendere il nome di "pentagramma".
Oggi a scrivere automaticamente le note musicali su un rigo
(oltre che registrare in parallelo il suono eseguito da un
qualsiasi strumento) è il computer, che agisce anche da
sequenzer, modificando i toni, le battute, i tempi; il tutto a
piacere. Nemmeno la più banale prova o esercitazione fatta su
uno strumento musicale va persa, ogni cosa viene registrata
per poi scegliere la migliore; questo modo di scelta si
chiama ....
____ CAMPIONAMENTO - ... un dispositivo elettronico in grado
di registrare brevi suoni in forma digitale e usarli come timbro
nella generazione di note musicali, per simulare strumenti
reali o costruire effetti particolari.

ANNO 1050
____ BALESTRE A MANOVELLA - Quella antica (era in effetti un
semplice arco azionato dalla muscolatura umana per tendere
la corda) veniva usata in Estremo Oriente già nell'anno 2000
a.C. Nel 1000 a.C. i cinesi ne realizzarono un tipo capace di
lanciare dardi a ripetizione. La classica balestra nacque invece
in Francia intorno al 1050, orizzontale con un marchigegno
micidiale; l'arco non veniva più teso dalla muscolatura umana
ma una duplice manovella tendeva la corda; liberandola
all'improvviso la balestra scoccava un dardo piuttosto corto
che aveva una gittata di circa 300 metri. Sembrò un'arma così
terrificante che in un concilio ecclesiastico del 1139 si cercò di
limitarne l'uso, ovviamente consentendolo soltanto contro
coloro che non erano cristiani. L'attrezzo micidiale era
composto da un arco semiellittica composta da più fogli di
legno per dare elasticità (in seguito perfezionandola fu

Pagina 225 di 835


costruita con fogli di flessibile acciaio). Di archi e dardi ne
fecero largo uso e si distinsero in modo particolarie i Gallesi
nel XIV secolo nella guerra dei Cent'anni. In seguito molti altri
eserciti europei si dotarono di speciali reparti di "arcieri" per
tutto il medioevo. Ancora oggi esistono in Inghilterra "Gli
arcieri (guardie) della Regina".

ANNO 1071
____ FORCHETTA - Una specie di forchetta ha origine quasi
preistorica, insieme ai coltelli quando si iniziarono a utilizzare
i metalli. Anche i Romani usavano un attrezzo a due punte per
infilzare bocconi di carne e altro. Ma ad usarne una a quattro
denti nel "rito" della loro mensa aristocratica furono i Bizantini
intorno all'anno mille. In Europa fino allora tutti, di ogni ceto,
mangiavano con le mani, o al massimo con il ritorno alla civiltà
barbara, usando come posata l'onnipresente coltello. Finchè
nel 1069 troviamo sposata a un ricco patrizio veneziano dedito
a numerosi commerci con Bisanzio, la principessina bizantina
TEODORA DUCAS, insediandosi nel suo grande palazzo a
Venezia, creò scandalo in un grande pranzo ufficiale, quando
per la prima volta a tavola introdusse un aggeggio per
mangiare le pietanze. Cioè fece uso di una forchetta non
volendosi sporcare le dita! Fu considerata dalle dame presenti
l'eccentricità di una donna troppo snob, perfino commentata
con sorrisi di commiserazione, perdonandola solo perchè era
una straniera. Ma indubbiamente non sfuggì il lato igienico, e
quindi in breve tempo la moda si diffuse presso l'aristocrazia
della Serenissima. Mentre nel volgo - abituato sempre a
biasimare le raffinatezze dei ricchi - una certa sarcastica
commiserazione rimase, e non era raro sentir dire che "Dio la
forchetta l'aveva già fatta ed erano le dita". Sembra ora che
nel 2000 il mangiare con le dita stia tornando di moda. Ma
molti sperano di non dover sedere a mensa con questi
seguaci. Dio avrà fatto pure le dita, ma probabilmente non
sporche di unto.

ANNO 1137
____ ARCHI GOTICI - Ad usare i cosiddetti "archi rampanti"
furono degli architetti francesi, sotto la direzione di Suger,
nell'erigere a nord di Parigi l'abbazia di Saint-Denis. Quando
comparve questo nuovo stile architettonico, coloro che erano
legati alla tradizione delle chiese romaniche ad arco, la
chiamarono architettura "gotico", che a quel tempo era un
Pagina 226 di 835
segno di spregio e voleva dire "barbaro". Solo più tardi con la
costruzione di imponenti cattedrali gotiche, questa
architettura divenne così apprezzata da essere considerata in
seguito una delle glorie artistiche del dodicesimo e
tredicesimo

ANNO 1180
____ BUSSOLA MAGNETICA - Si ritiene che questo strumento sia
stato inventato dai Cinesi intorno al IV secolo d.C. ma forse si
tratta solo della conoscenza del minerale metallifero
magnetite. Gli Arabi durante la loro dominazione e i frequenti
contatti ne appresero sicuramente l'uso. Poi gli Amalfitani - in
questo periodo straordinari navigatori in Medio Oriente - a
loro volta l'appresero dagli Arabi, perfezionando e diffondendo
in Europa come un utilissimo strumento per la navigazione. La
tradizione popolare attribuisce l'invenzione alla data che
abbiamo messo all'inizio, all'amalfitano Fravio Gioia. Ma molti
hanno il dubbio che il Gioia non sia mai esistito che è solo una
leggenda.
L'origine europea - del magnete- affonda anche questa nella
leggenda. Si narrava in Grecia nel VI sec. a.C. che un pastore
della Magnesia si accorse che un certo tipo di minerale
attirava il ferro. Tuttavia questo minerale -a parte la leggenda
del pastore- fu studiato e poi citato da Talete, come Pietra di
Magnesia, o Magnete, e il fenomeno di attirare il ferro inizia a
chiamarsi "Magnetismo". Non era nemmeno ignoto che se una
scheggia di magnetite veniva messa nella condizione di girare
liberamente (es. su un sughero che galleggiava) la scheggia
puntava verso nord-sud. Questo fenomeno anche i cinesi lo
conoscevano, ma non l'usarono mai per farne un vero e
proprio strumento di navigazione. Indubbiamente furono gli
Arabi che nei dintorni dell'anno 800-1000 erano loro i padroni
del mare non solo Mediterraneo ma anche dell'oceano Indiano
(i viaggi fino a Canton - grande emporio cinese - erano
frequenti) ad apprendere in Cina la caratteristica della
magnetite e farne un rudimentale strumento montandolo su
un perno. E indubbiamente fu un europeo di ritorno dalle
crociate a riportare in patria questa novità, e forse proprio ad
Amalfi. Poco prima nel 1180 lo studioso inglese Alexander
Nekam (1157-1217) fu il primo a capire la magnetite e la sua
proprietà direzionale. In un breve volgere di tempo,
compaiono degli aghi magnetici su un perno sopra un
cartoncino sul quale erano segnate le varie direzioni dei
quattro punti cardinali. Alcuni riportavano perfino la direzione

Pagina 227 di 835


dei maggiori venti. Qualcuno indubbiamente copiando
fedelmente lo strumento arabo lasciò (e vi rimase per sempre)
un vento; il "grecale". Gli arabi (sul loro territorio) lo avevano
chiamato così perchè d'inverno questo vento spirava da Nord-
Est, proveniente sì da Nord ma apparentemente dalla Grecia,
posta appunto a NE della penisola araba. Per un navigante di
Genova, Amalfi o di Venezia questo vento non corrisponde
certamente alla direzione Grecia che è posta semmai a Sud-
Ovest. Se fossero stati la bussola e i suoi simboli veramente
inventati in Italia, quel vento l'avrebbero forse chiamato
"baltico", "svedese", "norvegese", ma mai "grecale".

____ BUSSOLA GIROSCOPICA - Questa basa il suo


funzionamento sull'effetto dinamico esercitato dalla rotazione
della Terra attorno al proprio asse, anzichè sull'azione del suo
campo magnetico. Funziona per il principio giroscopico (Il
giroscopio era già noto - vedi anno 1810 "giroscopio"). Questo
nuovo strumento rimanendo stabile anche durante i bruschi
movimenti iniziò ad essere usato nella navigazione marittima
e aerea, fu inventato nel 1908 dai tedeschi Hermann Aschutz e
Max Schuler. In seguito fu modificato: quello degli aerei prese
il nome di "Bussola magnetoelettrica" o "girobussola"; quello
delle navi "girostabilizzatore".

RICAPITOLIANO IL MAGNETISMO ANTICIPANDO I VARI IMPIEGHI


CHE GIA' SI TROVANO NEI SINGOLI ANNI

MAGNETISMO, MAGIA E ROGHI


I magneti ai primordi della cultura scientifica vennero considerati
“pietre viventi”. Dell’ elettricita’( dal greco antico “elektron =
ambra”) nella antichita’ si sapeva poco piu’ del fatto che l’ ambra ed
anche i vetri se strofinati con un panno di lana producevano scariche
elettriche.

Plinio il Vecchio (23-79 D.C.) nel Libro di Storia Naturale, narra che il
nome Magnete proviene dal pastore Cretese di nome “Magnes “ il
quale adoperando il suo bastone con una punta di ferro, scoprì la
proprieta’ di attrazione e repulsione di alcune pietre che furono
chiamate magnetiche. Tali pietre oggi sappiamo contengono la
magnetite, un magnete naturale composto di ossidi di ferro (FeO-
Fe2O3 - magnetite). Si ha notizia che anche le antiche culture
alchemiche della Cina e dell’ India conoscevano le proprieta’
magnetiche prima della cultura filosofico-scientifica della Magna
Grecia, ed inoltre erano anche conosciute le proprieta’ di “induzione

Pagina 228 di 835


magnetica” , che si ottengono per contatto di un magnete naturale
con un pezzo di ferro; in quanto quest’ultimo temporaneamente
assume le proprieta’ magnetiche.

Archimede Pitagorico (287-212 A.C.) cerco’ di utilizzare le proprieta’ di


induzione magnetica, magnetizzando le spade dei soldati della sua
citta’ (Siracusa) per disarmare piu’ facilmente i nemici. L’
interpretazione del magnetimo per millenni e’ rimasta intrisa di
riferimenti cognitivi di indole “antropomorfica- vitalistica”. Nell’
antica Cina gia’ da circa 4500 anni fa’ il fenomeno del magnetismo,
venne correlato al dinamismo universale delle forze vitali descritte dal
simbolismo della dicotomia YIN//YANG (maschile/femminile), ed in
sostanza tale spiegazione delle proprieta’ di attrazione/repulsione tra
le polarita’ magnetiche, fu considerata un anello interpretativo tra le
relazioni evolutive tra materia inanimata e materia animata.
La virtu’ di attrarre o respingere di un magnete permanente, in
presenza di altre sostanze, ebbe nell’ antichita’ spiegazioni di
riferimento animistico fino all’ insorgere della scienza moderna.
Spiegare, infatti, significa correlare un evento in un quadro di
preconcezioni generali storicamente affermate. Pertanto la natura
della attrazione magnetica, in mancanza di una spiegazione
scientifica, dette luogo a molte superstizioni utilizzate spesso in
campo medico, per interpretare proprieta’ di contaminazione di effluvi
funesti e nell’ attribuzione di attrazioni fatali nell’ ambito della
preveggenza del destino dell’uomo.
Durante il Medio Evo la “sacra inquisizione”, condanno’ ogni
riferimento a forze misteriose e magiche di indole magnetica nella
spiegazione delle leggi che agiscono sulla struttura dell’ universo.

Ciononostante agli inizi del rinascimento un frate italiano Petrus


Peregrinus scrisse (1269) una Epistola sulle proprieta’ dei dipoli
magnetici ricercando la possibilita’ di attuare il “moto perpetuo”
facendo uso di forze magnetiche, egli , per i suoi studi sul
magnetismo, realizzo’ un modello sferico di magnetite denominato
“terrella”.
Cecco d’ Ascoli, docente all’ Universita’ di Bologna , fu bruciato vivo,
come eretico a Firenze il 16 Sett. del 1327, perche’ ricercava un
determinismo della interpretazione degli eventi, facendo riferimento a
forze invisibili di indole magnetica; egli ad esempio attribui’ alla forza
magnetica della Luna la oscillazione delle maree, sbagliando perche’
la luna non possiede un forte campo magnetico, ma indicando
giustamente nella Luna la sua capacita’ di attrazione delle masse di
acqua del mare, che da origine al fenomeno delle maree.
Ancora per molti anni il magnetismo fu considerato un curioso
fenomeno naturale: Galileo Galilei (1564-1642) ottenne le magnetiti
dalle miniere ferrose dell’ Elba, e studio’ le “calamite” ( magneti
coniati forma di U con i poli nord e sud separati) , principalmente per
studi tecnici della loro potenza nel sollevare pesi di ferro.

Fu soltanto nel 1600, che il medico inglese William Gilbert (1544-


1603) , considerato il padre del magnetismo, scrisse il Libro intitolato
Pagina 229 di 835
“De Magnete” in cui per primo intui’ la correlazione tra forze
magnetiche e forze elettriche, esprimendo l’ insieme come
elettromagnetismo. W. Gilbert costrui anch’egli una sfera di
magnetite “terrella”, come gia’ aveva fatto Petrus Peregrinus, ad
immagine del Globo Terrestre, e delineo’, facendo riferimento a tale
modello, le linee di forza del campo magnetico terrestre, dando cosi’
la possibilita’ ...(di capire il funzionamento della bussola) ... sappiamo
era in uso almeno dal tredicesimo secolo D.C, ed ai tempi di Gilbert
era ormai in utilizzata da vari anni da molti naviganti arabi ed anche
europei per riconoscere la direzione del polo nord anche quando il
cielo era coperto dalle nubi.

Oggi similmente a quanto descritto da Gilbert si ritiene che il centro


della terra sia composto di materiali ferrosi (ed anche di cobalto e di
nichel) allo stato fuso; questi liquidi risentono della rotazione
terrestre generando delle correnti elettromagnetiche, che formano un
asse dipolare tra il Polo Nord ed il Polo Sud; pertanto la bussola
( denominata anche “ compasso magnetico), orienta per rotazione la
punta dell’ ago magnetizzato verso il polo magnetico terrestre dove si
trova piu’ prossima.
Un seguace di W. Gilbert fu l’ americano Benjamin Franklin ( 1706-
1790), sviluppo’ la teoria del “fluido elettrico” e, per dimostrare che
anche i fulmini erano generati da correnti elettriche che scoccano tra
cariche positive e negative originatesi per attrito tra l’atmosfera e la
terra o tra diversi strati di nubi, invento’ il “parafulmini”, dimostrando
che le correnti elettriche piu’ spaventose, un tempo immaginate in
mano al potere del dio Giove dell’ olimpo, potevano essere
convogliate e direzionate a piacimento dalle conoscenze dell’ uomo.

Ma anche tali esperimenti sembravano ai piu’ ancora magici ; infatti


ancora persisteva una logica vitalistica nella scienza. Tale
concettualita’ di base si esauri’ definitivamente nella scienza, in
seguito alla disputa tra Galvani professore di medicina alla Universita’
di Bologna e Volta professore di fisica e chimica alla Universita’ di
Pavia. Il medico bolognese Luigi Galvani (1737-1798) sperimento’
l’azione della corrente elettrica su una zampa di rana ed osservo’ che
essa si contraeva al passaggio delle corrente; pertanto suppose che la
contrazione fosse imputabile al magnetismo animale.

Di parere contrario a tale spiegazione fu il fisico di Como, Alessandro


Volta (1745-1827), il quale sostenne che le contrazioni erano causate
da una differenza di potenziale elettrico estrinseca al corpo animale ,
originata dai contatti tra metalli diversi dei fili metallici con cui
Galvani collegava la zampa della rana per tenerla distesa. Convinto di
cio’, Volta costrui’ la “Pila bimetallica” , che descrisse in una memoria
epistolare datata 20 marzo del 1800 . La scoperta della “Pila” e’ da
considerarsi una pietra miliare dello sviluppo della scienza, in quanto
dette nuove possibilita’ di interpretazione e di successiva utilizzazione
industriale della elettricita’. In suo onore la misura dell’ unita’ di
potenziale elettrico venne denominata “Volt” ; il voltaggio indica la
forza necessaria per produrre una corrente elettrica in un mezzo che a
Pagina 230 di 835
temperatura ambiente ha una definita resistenza al passaggio della
corrente.

Colui che dette un fondamento matematico alla elettrostatica fu l’


ingegnere francese Charles-Augustin De Coulomb (1736-1806). Egli
studio le leggi dell’ attrito elettrostatico e costruì una bilancia
elettrica (1785) ed una bilancia magnetica (1789) di torsione, cioe’ dei
dispositivi sperimentali che misurano la torsione di un filo elastico
sottoposto alle forze elettrostatiche che si originano tra lamine
caricate positivamente e negativamente o tra opposte polarita’
magnetiche. In suo onore la misura della quantita’ di corrente al
secondo e’ stata denominata “Coulomb”. La Pila di Volta e gli studi
del fisico danese Hans Cristian Oersted (1777-1851) sulle interazioni
tra correnti elettriche e magnetiche, ottenute misurando come una
corrente elettrica influenzi la rotazione dell’ ago di una bussola,
interessarono gli studi di elettrochimica di due chimici inglesi ,
Humpry Davy (1778-1829) e del suo giovane assistente autodidatta,
Michael Faraday (1791-1867; essi studiarono le applicazioni delle
elettrolisi per separare i metalli puri dai loro composti disciolti in
acqua o resi liquidi per fusione.

In particolare Faraday dopo aver aver studiato le interazioni


magnetiche di molte sostanze e scoperto che tutte quante sono piu’ o
meno sono attratte ( sostanze Paramagnetiche e Ferromagnetiche) o
respinte (sostanze Diamagnetiche) da un magnete permanente
( Sostanza Ferrimagnetica), formulo’ il concetto di “linee di forza di un
campo elettromagnetico”, dando spiegazione dell’ azione propagata
nello spazio da un magnete permanente, che determina l’ induzione di
polarita’ opposte indotte a distanza in varie altre sostanze. Faraday
dimostro’ inoltre (1831) che il movimento di un magnete entro un
avvolgimento elettrico induceva per mutua induzione una variazione
della corrente elettrica; scoperta che in seguito, nel 1865, dette l’
idea ad Antonio Pacinotti, (1841-1912) Professore di Fisica all’
Universita’ di Pisa, della costruzione della “dinamo”, poi brevettata e
perfezionata dal meccanico belga Zenobe Gramme (1826-1901).

Nel XIX secolo le scoperte sull’ elettricita ed il magnetismo e le loro


applicazioni industriali si susseguirono rapidamente . Il chimico-fisico-
matematico , francese autodidatta, Andre’ Marie Ampere (1775-1836)
dopo appena una settimana dall’ aver ascoltato una conferenza di
Oersted a Copenhagen , sperimento’ che correnti parallele si
attraggono l’ un l’ altra, come se fossero magnetizzate. Ampere
formulo’ matematicamente le sue scoperte sulla elettrodinamica; in
suo onore la unita’ di misura della corrente elettrica venne chiamata
“Ampere” : per definizione 1 Ampere equivale alla corrente che e’
necessaria per depositare all’ elettrodo la quantita’ di 0,001118
grammi al secondo di argento , quando la corrente passa attraverso
una soluzione elettrochimica di nitrato di argento.

Colui che riorganizzo’ sistematicamente il vasto insieme di conoscenze


dei fenomeni elettro magnetici fu il fisico tedesco, insegnante di
Pagina 231 di 835
scuola secondaria, Georg Simon Ohm (1789-1854) che riassunse nella
“legge di OHM” (1827) schematicamente indicata dalla relazione
<V=RI>, la quale dice che il Voltaggio (V) e’ proporzionale alla
Intensita’ di Corrente (I) per la esistenza del mezzo (R)

. In suo onore la unita’ di “Resistenza elettrica” e’ stata chiamata


“Ohm” e corrisponde alla costante di proporzionalita’ <R= V / I>, che
si calcola quando un conduttore viene sottoposto alla differenza di
potenziale di un Volt ed e’ attraversato dalla corrente di un Ampere.

Da allora scoperte tecnologiche e scientifiche si susseguirono a ritmo


incalzante. Nel 1835 l’ insegnante americano di scuola media, Joseph
Henry , inventa il “Rele’ ad induzione magnetica” ; dispositivo che al
passaggio della corrente elettrica in un avvolgimento, fa aprire o
chiudere l’interruttore di un altro circuito; tale scoperta fu
inizialmente utilizzata per costruire campanelli elettrici, ma in vero fu
la importante premessa necessaria per la costruzione dei motori
elettrici e del telegrafo.

Il 24 maggio 1844 Samuel Morse ( 1791-1872), invio’ il primo


messaggio telegrafico tra Washington e Baltimora in USA inoltrando in
tempo reale gli impulsi elettrici nell’ alfabeto Morse, che
corrispondevano alla la frase biblica “Cosi’ ha permesso Dio”. Nel
1860 l’ abate piemontese Giovanni Caselli (1815-1891) sperimento’ il
Pantelegrafo; un pantografo a pendolo, che si muoveva scorrendo su
una vite senza fine, sopra una lastra di rame in cui scritti e immagini
venivano dipinti con un inchiostro isolante cerato; la teletrasmissione
veniva realizzata in quanto il pendolo era accoppiato con un “rele” e,
per mezzo di un pennello di ferro strisciante sulla lastra di rame, si
apriva e chiudeva il circuito elettrico rispettivamente quando veniva a
contatto con il metallo e quando toccava l’ inchiostro isolante; cosi
venivano trasmessi impulsi elettrici i quali riproducevano a distanza
un fax simile del disegno o degli scritti, la’ dove un sistema ricevente
analogo montato con un altro rele’ accoppiato ad una penna, che si
alza e si abbassa, riesce a riprodurre su carta l’ immagine registrata
ed inviata come impulsi elettrici dal sistema trasmittente a pendolo.

Con tale precursore degli attuali fax l’ abate Caselli trasmise il 22


Gennaio 1860 da Parigi a Lione una pagina dello spartito di musica di
Gioacchino Rossini. Nel 1849 il fiorentino Antonio Meucci (1808-
1889),autodidatta, allora attrezzista al Teatro dell’ Avana a Cuba ,
fece i primi esperimenti con telelegrafo parlante; strumento che poi il
Prof. Alexander Graham Bell (1847-1922) perfeziono’ e brevetto’ (il 7
marzo 1876) con il nome attuale di “telefono”, presentandolo alla
esposizione mondiale di Filadelfia (USA), ed in seguito
commercializzandolo tramite la Bell Telephon System, da lui stesso
fondata.

Nel 1877. Un altro grande inventore e impresario americano Thomas


Alva Edison (1847-1931), invento’ e brevetto’ il fonografo a cilindro.
Egli cercava un sistema per memorizzare i messaggi telegrafici e
Pagina 232 di 835
scopri’ che facendo girare velocemente un disco su cui erano stati
incisi i punti e le linee dell’ alfabeto Morse, toccandoli con una punta
metallica si udivano delle note, che potevano essere amplificate
collegando la punta ad un diaframma magnetico. In tal modo incise e
riprodusse per la prima volta come suono l’ inizio di una popolare
filastrocca :”Mary had a litlle lamb”.
Nel 1979 T.A. Edison invento’ la “lampadina”; comprendendone il
valore commerciale, fondo’ la Edison Electric Light Company, che nel
giro di due anni produceva piu’ di 100 mila lampadine all’ anno.
Edison assieme al suo assistente Nikola Tesla (1856-1943 -fisico
americano di origine croata), progetto’ anche le prime centrali
elettriche a corrente continua, che entrano in funzione, una a Londra
(gennaio 1882) e poi l’ altra a New York (settembre 1992). Tesla
entro’ in conflitto con il suo datore di lavoro, perche’ preferi’
progettare centrali elettriche a corrente alternata. Pertanto dette le
dimissioni dalla Impresa di Edison e passo’ ad un’ altra societa’
elettrica la Westinghouse, con cui costrui’ e mise in funzione (1991) la
prima centrale idroelettrica, convogliando le acque delle cascate del
Niagara per azionare motori elettrici, simili a quelli che il fisico
piemontese Galileo Ferraris (1847-1897) aveva costruito, sulla base
della sua invenzione del “campo magnetico rotante”; invenzione
quest’ultima, che fu presentata alla accademia delle Scienze di Torino
il 18-Marzo 1888 e che G. Ferraris non volle brevettare perche’
perseguiva l’ idea che la scienza fosse un bene universale.

In vero ormai le invenzioni tecnologiche sospinte dalla crescita


economica della industrializzazione della produzione, sembrano
sopravanzare gli sviluppi della scienza pura; al contrario scienza e
tecnologia ed economia nell’ epoca moderna divengono sempre piu’
un sistema integrato, dove l’ avanzamento di un fronte coinvolge lo
sviluppo dell’ altro e viceversa.

Una pietra miliare dei fondamenti cognitivi dell’ elettrodinamica e’ da


attribuirsi al fisico tedesco Rudolf Henrish Hertz (1857-1894), che il 13
novembre 1886, dimostro’ che era possibile trasmettere onde
elettromagneriche a distanza accordando per risonanza le frequenze
delle onde elettromagnetiche emesse da generatori. Egli sperimento’
piu’ volte questa possibilita’ con un oscillatore armonico di sua
invenzione a distanze di laboratorio ( tra uno e due metri) e tale
scoperta e’ stata il fondamento della telegrafia senza fili e della radio
inventate in seguito da Guglielmo Marconi.

L’ elettricita’ fino ad allora, era considerata come fluido di onde


elettromagnetiche, ma ancora non si conosceva il fondamento
materiale che le generava, fino a che Joseph John Thomson (1856-194
0 -fisico inglese della Universita’ di Cambridge) nel 1897, scopri’ l’
esistenza di una particella sub-atomica di carica negativa, che egli,
ricordando il nome dato all’ ambra dagli antichi greci, denomino’
“elettrone”.

Pagina 233 di 835


Inizalmente non fu facile credere che l’ atomo che significa
“indivisibile” ( dal Greco “a” che indica negazione e temno =
tagliare ), fosse ulteriormente scindibile in altre componenti. J.J.
Thomson, misurò anche la carica e la massa dell’ elettrone; quest’
ultima risulto’ circa 1800 volte minore di quella del nucleo positivo
dell’ Atomo di Idrogeno La scoperta di J. J. Thomson della esistenza di
particlle sub-atomiche ( elettroni e nuclei), rappresento’ una
rivoluzione scientifica decisiva che fu premessa primaria di un
profondo cambiamento del pensiero scientifico nel XX secolo; J.
J.Thompson ottenne il premio Nobel per la Fisica nel 1906.

Sappiamo oggi infatti che la elettricita’ statica e’ causata da correnti


superficiali di elettroni su materiali isolanti, mentre quella dinamica e’
generata da insiemi di elettroni che scorrono nelle bande di
conduzione dei metalli. Infine le varie tipologie con cui si presentano i
fenomeni magnetici, sono imputabili al fatto che gli elettroni come
altre particelle si comportano, ruotando su se stesse, come dei piccoli
magneti , con un asse di polarizzazione denominato “spin” ( che in
inglese significa rotazione). I vari spin degli elettroni possono creare
dei campi ( o domini) di magnetizzazione permanente naturale, come
nella magnetite (ferrimagnetismo), ovvero magnetizzarsi in presenza
di un campo magnetico inducente, come nel ferromagnetismo ( es:
Ferro, Nichel, Cobalto) o originare campi indotti deboli e fluttuanti
come nel caso delle sostanze paramagnetiche quelle cioe’ che ( come
varie sostanze allo stato gassoso), vengono attratte debolmente da un
magnete permanente , oppure generare repulsione alla
magnetizzazione, ( Diamagnetismo) nel caso in cui le sostanze ( come
l’ Alluminio) abbiano gli spin accoppiati a due e due, che pertanto si
oppongono alla orientazione indotta dalla magnetizzazione poiche’ l’
uno impedisce all’ alto accoppiato di allinearsi nella direzione del
campo magnetico indotto.

Una volta giunti alla comprensione, per merito di J. J.Thomson e di un


buon numero di altri scienziati, che gli atomi sono composti da
corpuscoli sub-atomici , si capi’ anche che tutti i corpuscoli nel loro
movimento di rotazione e vibrazione e traslazione emettono onde
elettromagnetiche nello spazio; quest’ ultime possono essere
generate appositamente ed anche convogliate da sistemi di ricezione
e trasformate in frequenze udibili e visibili da opportuni congegni di
trasformazione della energia associata alle vibrazioni delle onde
elettromagnetiche. Cio’ e’ quanto comprese Guglielmo Marconi (1874-
Bologna- 1937 –Roma), inventore italiano che ottenne il premio Nobel
per la Fisica nel 1909, considerato universalmente il padre delle
moderne comunicazioni.

Egli fu un autodidatta, frequento’ a Firenze un istituto tecnico privato,


senza conseguire alcun diploma. Fu lettore appassionato di articoli di
divulgazione scientifica e conobbe l’ opera di Hertz, cosi’ che
entusiasta di tali conoscemze ed intuizioni, volle sperimentare la
trasmissione di segnali a distanza. Fece i primi esperimenti del
“telegrafo senza fili”, gia’ nel 1894, nelle adiacenze della villa paterna
Pagina 234 di 835
a Pontecchio vicino a Bologna, utilizzado un rele’ connesso ad un
martelletto per rendere udibili le vibrazioni. Nel 1995 riusci’ a inviare
segnali alla distanza di un chilometro e mezzo. Non riuscendo a
trovare chi sostenesse e brevettasse la sua invenzione in Italia,
accetto’ il consiglio di sua madre che era Irlandese, di andare a
Londra da alcuni parenti. In Inghilterra. Dopo aver dimostrato con
successo di saper effettuare trasmissioni telegrafiche senza fili ad una
distanza di 15 chilometri, riusci’ a brevettare la sua invenzione in
Inghilterra , chiedendo che dal pagamento delle Royalties fosse
escusa l’ Italia.

Nel 1990 fondo’ la Marconi’s Wireless Company ed utilizzando onde


lunghe collego’ (1901) in un ponte radio attraverso l’ atlantico il porto
di Poldhu in Inghilterra con St. John in Terranova . Dopo di cio’ fu
colmato di onori anche in Italia , gli fu conferita la laurea Honoris
causa ed in seguito gli fu attribuita la prima Presidenza del Consiglio
Nazionale della Ricerche Italiano.

Concludendo........

questa traccia storico-scientifica, viene spontanea una riflessione.


Proprio oggi, mentre stiamo per augurarci una buona fine ed un buon
principio dell’ anno 2000, con i nostri GSM e con i computer in
internet, .. o semplicemente a voce,.. sappiamo che avanzano le
ricerche sullo sviluppo di materiali superconduttori di elettricita’, gli
studi sulla inversione del campo elettromagnetico per ottenere
lievitazione magnetica, cosi’ come le indagini sul bio-magnetismo e la
struttura del DNA , ecc.. ecc.. comprendiamo pertanto che tali studi
porteranno a nuove scoperte e nuove invenzioni, che dovremo essere
in grado di comprendere, anche per controllarne come cittadini del
mondo coscientemente il loro sviluppo.

Quindi e’ opportuno comprendere a fondo l’ importanza di essere


studiosi motivati a conoscere per capire la natura ed apprendere la
scienza; da cio’ l’ esigenza di non limitasi ad un comportamento di
quegli studenti che si dimostrano piu’ consoni a ripetere
passivamente la lezione, solo per superare gli esami o prendere un
buon voto alle interrogazioni. Infatti e’ importante conoscere il profilo
della storia della elettricita’ e del magnetismo, non tanto per ripeterla
nozionisticamente a pappagallo, ma per rielaborarla anche al fine di
realizzare degli ipertesti da divulgare in rete, in quanto le conoscenze
divengono utili solo se al contempo, terremo sempre ben presente
che, pur essendo passato ormai un secolo dall’ epoca in cui Marconi
invento’ la Radio, molto e’ ancora da comprendere e da sviluppare per
la scienza e la tecnologia del prossimo millennio, quello che sara’
creativamente costruito da quegli e quelle di voi che saranno
preparati motivati ed appagati per essere i protagonisti del proprio
futuro.

FINE TABELLA 3

Pagina 235 di 835


ritorno alla tabella indice - ritorno alla home
page
CRONOLOGIA è protetto da Copyright Autore: Francomputer N. di repertorio (Olaf) SIAE
9503092
Brevetto del nome "CRONOLOGIA" e "CORRIERE DEL 2000" patent. No. Dep. VI97C000377-78

.
TABELLA 4
( dall'anno 1202 - al 1598 )

NUMERI - CARBONE - TIMONE - LENTI - OCCHIALI - MARTINETTO -


TAVOLE ALFONSINE - POSTA - MARCO POLO IN CINA - FILATOIO A
RUOTA - ACIDO SOLFORICO - LA COMETA DI GIOTTO - OROLOGIO
MECCANICO - COLORI A OLIO - PROSPETTIVA - ARTIGLIERIA - CARTE
DA GIOCO - CAMBIALE - BOMBARDA - MORTAIO - OBICE - CANNONE -
BOMBE - GRANATE - BOMBE A MANO - ( BOMBE AEREE - BOMBA
ATOMICA - BOMBA IDROGENO - BOMBA VOLANTE - BOMBARDIERI )-
ARCHIBUGIO - STAMPA - STAMPA A COLORI - ROTATIVA - LINOTYPE -
FOTOCOMPOSIZIONE - INCHIOSTRO - CARILLON - CATENE - CAPO DI
BUONA SPERANZA - NUOVO MONDO - DECLINAZIONE MAGNETICA -
SFILIDE - AFRICA DOPPIATA - VARTA VETRATA - PROTESI - ARTI
ARTIFICIALI - FEMORE ARTIFICIALE - SCOPERTA DELL'AMERICA -
AMERIGO VESPUCCI - VOCABOLARIO - ENCICLOPEDIA - DIZIONARIO -
DRAGA - MARI DEL SUD - FLORIDA - XILOGRAFIA - ACQUAFORTE -
MESSICO - MAYA- TOLTECHI - ATZECHI - CIRCUMNAVIGAZIONE DELLA
TERRA - PERU' - INCAS - PISTOLA - RICOLTELLA - COLT - REVOLVER -

Pagina 236 di 835


MISSISSIPI - RIO DEGLI AMAZZONI - SISTEMA ELIOCENTRICO - NUOVA
ANATOMIA - TAVOLE PLANETARIE - TROMBA D'EUSTACHIO -
PASSAGGIO A NORD EST - MINERALOGIA - TABACCO - ASSOCIAZIONI
SCIENTIFICHE - MOSCHETTO - MATITA - PLANISFERO TERRESTRE -
ATLANTE - PLANISFERO MERCATORE - STELLE SUPENOVE - COMETE -
PREFABBRICATI - EDILIZIA MODULARE - TERRA DEL FUOCO -
STRETTO DI DRAKE - PENDOLO - SIBERIA - CALENDARIO
GREGORIANO - WATER A SIFONE - FRAZIONI DECIMALI -
IDROSTATICA - NICOTINA - PIPA - SIGARETTA - MARTINETTO -
CADUTA DEI CORPI - MACCHINA MAGLIERIA - MICROSCOPIO -
CANNOCCHIALE - TELESCOPIO SPAZIALE - TERMOMETRO -
PRESSIONE ATMOSFERICA - BAROMETRO - TERMOMETRO A
MERCURIO - SCALA FAHRENHEIT - SCALA CELSIUS - TERMOMETRO
CLINICO - TERMOMETRO ASSOLUTO - ARCHEOLOGIA - POMPEI - PI
GRECO - ALCHIMIA MEDIEVALE - GIORNALE - GAZZETTA -
QUOTIDIANO - PERIODICO -

ANNO 1202

____ NUMERI - arabi - Nozione matematica di primaria


importanza, furono introdotti, più o meno consapevolmente,
fin dall'antichità al fine di poter operare su quantità di
elementi costituenti insiemi o su quantità esprimenti misure di
entità materiali. La prima numerazione scritta risale al 3500
a.C. presso i Sumeri, in Mesopotamia. La numerazione
posizionale attuale, con nove cifre e lo zero, è stata elaborata
in India intorno al V secolo d.C., ma da come vediamo in
tabella il decimale non era sconosciuto agli egiziani, ai
babilonesi, ai cinesi e persino ai maya.
I numeri presso i Greci, come già presso i Fenici, venivano
espressi con le lettere attribuendo loro il valore
corrispondente al posto occupato nell'ordine alfabetico (alfa =
1, beta = 2, gamma = 3 ecc.). Le lettere usate come numeri
erano fatte seguire da una specie di apostrofo. Solo i Romani
Pagina 237 di 835
usarono per la numerazione segni speciali diversi dalle lettere
dell'alfabeto; ma la fortuna di questi caratteri venne meno nel
Medio Evo quando i primi Europei, traducendo le opere
matematiche orientali, adottarono anche il modo di
rappresentare i numeri, che presero perciò il nome di cifre
arabiche.
La prima esposizione è del matematico indiano Brahmagupta
nel VII secolo d.C. Furono poi gli Arabi - con il matematico
Muhammad ibn Al-Khwarizimi (780-850) - durante la loro
dominazione a utilizzarli e a importare le cifre e i procedimenti
di calcolo dall'India (come concetto ma non come scrittura)
dove il sistema decimale era applicato fin dal 500 d.C., mentre
i segni numerali da 1 a 9 erano noti già nel Ill secolo a.C.
I numeri arabi occidentali, detti « ghubar » (che ebbero
diversa scrittura da quelli dei Paesi arabi orientali), furono poi
introdotti con la dominazione musulmana in Spagna e da qui
verso il Mille si diffusero negli altri Paesi dell'Europa. In Italia
e nell'Europa medioevale furono diffusi da Leonardo Fibonacci
(1170-1230), con il suo trattato "Liber abaci" pubblicato alla
data riportata sopra (1202). Essendo notoriamente "usati"
dagli arabi, impropriamente si chiamarono "numeri arabi",
invece la scrittura vera e propria era quella indiana. Da notare
che i Maya utilizzavano già la numerazione decimale, con una
singolarità: sono espressi in due modi, come i cinesi, perfino
più elegantemente: in punti e linee (vedi immagine sopra)
L'arabo Muhammad ibn Al-Khwarizimi già intorno all'810
utilizzando i "numeri indiani", divenuti "arabi", aveva già
scritto un libro di matematica coniando un termine che in
italiano divenne "algebra". (per altri notizie vedi anche
"abaco" anno 5000 a.C.)

ANNO 1228
____ CARBONE - L'uso del carbone iniziò in Inghilterra, per un
motivo molto semplice: per avere legna per il riscaldamento
ma soprattutto per alimentare i forni delle numerose fonderie
che erano sorte a partire dall'anno 1000. Gli inglesi avevano
ormai disboscato l'intera isola; il poco legname che era ancora
disponibile aveva raggiunto prezzi esorbitanti. Bisognava
quindi trovare delle alternative, e queste potevano venire solo
nell'utilizzare il carbone. Non era una cosa nuova, l'uso di
questi sassi neri, lucenti (ne parla anche Marco Polo nel suo "Il
Milione") che bruciavano quasi meglio della legna, in Cina fin
dall'anno 1000 a.C. era conosciuto. Tuttavia non si era mai
diffuso in occidente, nè mai alcuno si mise a scavare per

Pagina 238 di 835


cercare il carbone fossile. Del resto non era poi tanto facile
trovare dei giacimenti di carbone nè a cielo aperto nè
tantomeno nel sottosuolo, non tutti i Paesi avevano questi
giacimenti derivanti dalla naturale e progressiva
decomposizione di antiche foreste. Spinti dalla necessità gli
inglesi - si diedero da fare e scoprirono un giacimento nella
zona nord orientale dell'isola - presso Newcastle - dove il
carbone si trovava quasi in superficie, ma ben presto anche
questi naturali giacimenti alla luce del sole, si esaurirono. Se
l'Inghilterra voleva trovarlo doveva scavare nel sottosuolo; fu
così creata nel 1228 la prima miniera di carbon fossile proprio
a Newcastle. Iniziava da quel momento una nuova era che
avrebbe portato l'inghilterra a sviluppare le sue fonderie, le
sue acciaierie, e a far nascere l'era delle macchine. All'inizio fu
proprio il carbone il principale combustibile per generare
vapore, e a far nascere le ferrovie, e in seguito fu ancora il
carbone a far funzionare le centrali termoelettriche per
generare elettricità. Un processo che finirà per caratterizzare
storicamente l'Inghilterra con quel processo di trasformazione
economica che va sotto il nome di "rivoluzione industriale".
(vedi "carbone coke" anno 1640)

ANNO 1241
____ TIMONE - In occidente - nonostante tante migliorie
apportate negli scafi dai Fenici, dai Greci e dai Romani - per
governare una nave vi era un solo modo: quello di avere una
specie di grande remo sul retro dello scafo, manovrato
costantemente da uno o più addetti, che volgendolo da una
parte all'altra deviava la traiettoria della nave oppure
tenendolo fermo manteneva la direzione della rotta che
impartiva il capitano. Gli Arabi grandi navigatori non solo del
Mediterraneo, avevano durante la loro dominazione marittima
inventato un altro sistema, quello di costruire un "timone"
incernierato sul dritto di poppa manovrabile all'interno della
stessa nave. Anche questa novità gli europei la scoprirono nel
corso delle Crociate. Era questo il noto periodo delle storiche
repubbliche marinare, ma più potenti di queste era la
federazione commerciale che era nata nei mari del nord col
nome di "Lega anseatica". E furono proprio alcune navi della
federazione ad utilizzare per primi nelle loro navi il "timone".
In seguito tutte le nuove navi si adeguarono.

ANNO 1249

Pagina 239 di 835


____ LENTI - Hanno un origine molto incerta; alcuni fanno
risalire l'invenzione ai Cinesi della Mongolia. Risalendo nella
storia, noi sappiamo come Nerone, essendo miope, si servisse
di un occhialino di smeraldo, per osservare nell'anfitetaro gli
spettacoli dei gladiatori. Il principio delle lenti è legato alla
struttura delle funzioni dell'occhio e quando questo ha dei
difetti il rimedio sono gli espedienti ottici. Se gli occhi sono
miopi, l'immagine si forma davanti alla retina, ed allora si
usano lenti che hanno per effetto di rimuoverla fino alla
retina; se invece gli occhi sono presbiti, ed in conseguenza
l'immagine si forma dietro alla retina, si adoperano delle lenti
che hanno l'effetto di far avanzare l'immagine fino alla retina
stessa.

____ OCCHIALI - Con le nuove tecnologie della fusione del


vetro, il calcio fu sostituito dal piombo, il sodio dal potassio. Si
ottennero cristalli di alta qualità e furono questi che
permisero di ottenere un vetro "ottico" usato per lenti e
prismi. Ne parla l'inglese Roger Bacon (1220-1292) nel 1249
accennando ad una specie di occhiali con "lenti convesse" per
far migliorare la vista ai presbiti. Sembra che la notizia
provenisse dalla Cina ma testi cinesi successivi affermano che
un tipo di occhiali furono importati nel XIV secolo da
missionari italiani. A realizzarne un prototipo in Europa nel
1270 alcuni testi lo attribuiscono a un frate di Pisa, Alessandro
della Spina; altri lo attribuiscono a Salvino degli Armati di
Firenze nell'anno 1278. Sappiamo da un codice fiorentino che
in un discorso pronunciato dal Pergamo di Santa Maria Novella
nel 1306, frate Giovanni da Rivalto disse fra l'altro "...Non è
ancor vent'anni che si trovò l'arte di far gli occhiali che fanno
veder bene...". Ma alcuni affermano che l'arte di costruire
buone lenti fosse già conosciuta nel XII secolo dai veneziani, i
più grandi esperti in Europa dell'arte vetraria.
Mentre i primi occhiali per miopi li si attribuisce all'umanista
tedesco Nicola Cusano (1401-1464) nell'anno 1450, che usò un
tipo di lenti appena inventate: cioè concave, che in sostanza
sono lenti più sottili al centro rispetto ai margini. Le convesse
erano invece all'incontrario. La popolazione con entrambi i due
difetti della vista era molta, moltissima nell'età matura, quindi
la diffusione degli occhiali si diffuse prestissimo soprattuto fra
i ceti benestanti. (vedi poi "microscopio" e "cannocchiale"
anno 1590 )

Una curiosità: nel 1727 l'ottico inglese Edward Scarlett


inventa la montatura con le stanghette per gli occhiali, che

Pagina 240 di 835


fino a questo momento venivano portati a "pince-nez".

____ MARTINETTO - Inventato per sollevare pesi inizia ad


essere usato in questo periodo realizzato dal francese Villard
de Honnecourt. Ovviamente erano azionati a mano, mentre
oggi pur con la stessa tecnica funzionano con un motore
elettrico.

ANNO 1283
____ OROLOGIO A SCAPPAMENTO - Nel monastero inglese di
Dunstable compare il primo orologio meccanico a
scappamento (a ruote dentate ingranate fra loro per la
trasmissione del moto). Non ha né quadrante né lancette,
segna il tempo suonando le ore.

ANNO 1252
____ TAVOLE ALFONSINE - Fino a questa data, le tavole
planetarie di Tolomeo realizzate nel II secolo d.C. erano quelle
universalmente accettate; che qualcosa non andasse lo
dissero alcuni astronomi spagnoli della corte di Alfonso X di
Castiglia, e amante anche lui di astronomia, volle finanziare
l'impresa di creare nuove carte. Non si fidò molto dei suoi
astronomi, e chiamo a redigerle Alfonso il Saggio; ci fu
qualche miglioramento, ma basandosi ancora sul
geocentrismo tolemaico gli errori furono identici. Passarono
comunque alla storia come le "Tavole Alfonsine".

ANNO 1290
____ POSTA - Il trasporto dei messaggi era sempre esistito da
tempi immemorabili, e avvenivano tramite funzionari dei vari
governi. Ma un vero e proprio servizio postale privato,
usufruibile da tutti, fu quello organizzato da un italiano, il
bergamasco Omodeo Tasso, nel 1290, che appaltò il servizio di
trasporto di messaggi nei principali stati europei. Ma una vera
posta regolare nei propri domini fu istituita nel 1361 da
Galeazzo II Visconti. Tutti quelle successive si basarono su
qusta anche se con rudimentali mezzi più o meno organizzati,
spesso abbinati ad altri servizi che potevano essere privati o
dello stato. Bisognerà attendere i primi anni del 1600 per
vedere il recapito della corrispondenza con un tipo di
organizzazione che iniziò ad usare le cosiddette "diligenze"
("carrosse de diligence" "vetture di fretta" - "dilligere"
Pagina 241 di 835
significa anche "separare" ma anche cosa fatta con
"sollecitazione e sicurezza") per il rapido trasporto
contemporaneo della posta e dei passeggeri. In moltissimi casi
queste ditte erano private ma in alcuni casi in modo
rudimentale erano anche governative.
L'organizzazione di vere poste governative nacque poi in
Inghilterra, quando nella grande Riforma postale voluta da
Rowland Hill, questi iniziò il servizio il 5 dicembre 1839 con
una novità: il "francobollo". In Italia quasi tutti gli staterelli
che allora si dividevano la penisola introdussero pure loro
francobolli e tariffe uniformi tra il 1850 e il 1852: il 1º giugno
1850 il Regno Lombardo-Veneto, in contemporanea con
l'Austria-Ungheria; il 1º gennaio 1851 il Regno di Sardegna; il
1º aprile dello stesso anno il Granducato di Toscana; il 1º
gennaio 1852 lo Stato della Chiesa e il 1º giugno dello stesso
anno i ducati di Parma e di Modena. Nel Regno delle due
Sicilie le novità postali arrivarono solo molto più tardi; il 1º
gennaio 1858 nei domini «di qua dal faro» (Campania,
Abruzzo, Puglie, Calabria e Basilicata), e un anno dopo, in
Sicilia. (vedi anche "francobollo" anno 1840) (e vedi anche la
storia delle "diligenze" anno 1620)

ANNO 1298
____ MARCO POLO - La data sopra è l'anno in cui fu pubblicato
"Il Milione", che ebbe molto successo ma fu accolto anche con
molto scetticismo. Tutto era iniziato nel 1260 quando due
fratelli, Niccolò e Matteo Polo, ricchi mercanti veneziani,
intrapresero un primo viaggio commerciale dall'Europa alla
Cina e tornarono in patria nel 1269. Nel 1275 ne effettuarono
un altro portandosi dietro Marco (1254-1324), figlio poco più
che ventenne di Niccolò. Giunsero fino alla Cina
Settentrionale, lì c'era la capitale presso Pechino, lì la
residenza imperiale del Kublai Khan. Marco vi rimase per circa
venti anni. Nel suo soggiorno aveva imparato la lingua, imparò
a conoscere il paese in numerosi viaggi intrapresi al servizio
del Gran Khan, che lo condussero attraverso la immmensa
pianura cinese nello Sciansi e verso il lontano Iunnan, e
persino in Birmania e in Cocincina. Per tre anni fu governatore
di una città. Viaggiò e osservò tutto con grande coscienziosità.
Darà col suo libro una chiara rappresentazione della Cina e dei
Cinesi, anche se nel riportare alcune cifre, le sue valutazioni
sulle distanze farà sembrare agli europei una Cina molto più
grande di quella che era, per aver spinto troppo avanti i
confini orientali. Tuttavia nel leggere le tante descrizioni di

Pagina 242 di 835


quel mondo - la popolazione, la ricchezza, la tecnologia,
l'organizzazione statale e tutte le amenità di una società civile
qual'era allora la Cina e la Persia, il lettore rivive in certi
momenti il mondo delle Mille e una Notte, e pare quasi di
respirare l'aria densa di vapori e di esalzioni delle città
orientali; quasi ognuno di noi è preso dal desiderio di quelle
remote lontananze, meta meravigliosa per i sognatori europei.
Marco Polo ritornò a Venezia nel 1295, in un momento critico,
e si trovò invischiato in una sfortunata guerra marittima di
Venezia contro Genova. Venne fatto prigioniero, e mentre si
trovava in carcere, iniziò a dettare le sue memorie. Dove fu
poco credibile è quando riferisce alcune terre che non aveva
mai avuto occasione di vedere di persona, e la fantasticheria
in certe narrazioni prese il sopravvento, rendendo incredibile
anche ciò che invece era vero. Tuttavia il viaggio di Marco Polo
aprì la strada ai traffici con l'Estremo Oriente e spalancò una
porta per la quale commercianti e missionari poterono
giungere in Cina. Tutti costoro nei successivi anni hanno
lasciato dei libri più o meno interessanti per la conoscenza
geografica di un mondo che fino allora era poco conosciuto.

____ FILATOIO A RUOTA - Il metodo per filare era rimasto


ancora alla semplice rocca. La fibra prima veniva ridotta dallo
stoppino in filo manualmente con le due dita pollice e indice,
veniva posto sulla rocca per formare un filo ritorto facendo
girare il fuso. Era un lavoro lento, affidato quasi sempre alle
donne, e da ogni operazione si ottenevano poche spanne di
filo. Un sistema rivoluzionario venne dall'Oriente, alcuni
dicono dalla Cina altri dall'India. Consisteva in una grossa
ruota fatta girare all'inizio con una manovella. La ruota era
collegata tramite una cinghia al fuso, la prima faceva girare il
secondo. Fu il primo esempio di "Trasmissione a cinghia". Un
processo molto rapido che fece aumentare la produzione del
filato, moltiplicare i telai degli artigiani e quindi abbassare i
prezzi dei tessuti.
In seguito il "molinello per filare" fu fatto funzionare a pedali,
sembra progettato da Leonardo, che inventò anche un fuso ad
alette. Un sistema che poi fu in seguito adottato anche nelle
macchine moderne (per quelli moderni che hanno
rivoluzionato l'industria tessile vi rimandiamo all'anno 1769
"Filatoio meccanico" e "Filatorio Jenny")

ANNO 1300

Pagina 243 di 835


____ ACIDO SOLFORICO - Dopo il primo acido, quello acetico
realizzato dal famoso Gerber (vedi anno 750), un altro
alchimista volendolo emulare, e forse per avere una fama di
riflesso, assunse il suo nome come pseudonimo o chissà per
quali altre ragioni; si firmò "Gerber" e di lui non sappiamo
quasi nulla (per distinguerlo dal primo lo si indica "Falso
Gerber"). Eppure aveva fatto una delle più grandi scoperte
alchimistiche descrivendo questo acido inodore, incolore, di
consistenza oleosa, che attacca tutti i metalli a eccezione di
oro e platino. Ebbe da allora
grandissima importanza
industriale e lo si usa ancora
oggi nelle industrie di
fertilizzanti, coloranti,
esplosivi, raffinazione di
benzine. (prosegui con l'anno
1597 "alchimia medevale")

ANNO 1301
____ LA COMETA DI GIOTTO (HALLEY) - Nacque quest'anno la
leggenda della Cometa di Betlemme che la tradizione a partire
da questa data la indica come la Cometa della Natività. Prima
di allora non vi era stato mai un accenno a questo fenomeno
celeste. Tutta la storia della cometa nasce da un quadro di
Giotto, che nel 1301 alla Cappella degli Scrovegni; accanto alla
Natività, dipinge l'Epifania e inserisce sopra la capanna una
cometa; per un motivo molto semplice, realistico,
contemporaneo al suo tempo, infatti proprio in quell'anno
1301, a Dicembre, poco prima della data della tradizionale
natività, apparve in cielo la famosa cometa di Halley (allora
molto luminosa e appariscente) e che continuò a risplendere
in cielo anche nei primi giorni di gennaio del 1302; un
fenomeno celeste che nulla ha però a che vedere con la
famosa data della nascita di Gesù Cristo, e che oggi con la
ricostruzione computerizzata dei movimenti celesti, sappiamo
che la Halley era comparsa 66 anni prima della nascita di
Cristo, e ricomparve poi nell'anno 10 d.C. Del resto il racconto
sulla Natività ci narra solo ciò che scrisse Matteo quando nel
suo Vangelo parla di una grande stella luminosa in cielo. Ma si
trattò più semplicemente della congiunzione tra Giove e
Saturno, che per diffrazione della luce (5 volte di piu' della
somma delle due sorgenti luminose prese singolarmente)
appare in cielo quasi come una unica stella; un fenomeno che
avviene ogni 854 anni. Non era insomma una cometa! Poi fu

Pagina 244 di 835


l'astronomo inglese Edmund Halley (1656-1742) a determinare
i calcoli delle orbita delle comete, e in particolare quella che
pur non potendola più vedere ritornare (l'aveva infatti vista
nell'apparizione del 1682) porterà poi il suo nome. Cometa che
ricompare ogni circa 76 anni e qualche mese. Halley, dopo
aver vista in gioventù, iniziò a sfogliare tutti quei libri di
antiche storie che parlavano di comete. Dalle caratteristiche
fatte dai narratori, riuscì a capire che erano sempre le stesse.
Iniziò così lo studio sistematico di questi particolari corpi
celesti che secondo le leggende erano portatrici di sventure,
ma anche segni divini per purificare il pianeta. I calcoli Halley
previdero che la cometa sarebbe ricomparsa in cielo nel 1758.
Cosa che 16 anni dopo la sua morte puntualmente avvenne
casualmente proprio nei giorni di Natale di quell'anno ma
anche nei successivi giorni del gennaio 1759. Ovviamente gli
astronomi in attesa, per loro quella era la cometa di Halley, e
tale nome rimase. Mentre per i credenti quella era la conferma
che era la cometa della divinità, non prestando nessuna
attenzione ai calcoli. ( per l'intera storia di questo evento vedi
ANNO 1 d.C. )

ANNO 1335
____ OROLOGIO MECCANICO - I primi, antenati della successiva
"pendola" casalinga furono costruiti intorno a questa data. Si
abbandonò il vecchio movimento azionato dall'acqua e si
impiegarono dei pesi applicati a una catena o a un fune; i pesi
per la forza d'attrazione verso il basso, provocavano lo
svolgimento della fune e la rotazione di un tamburo; questo
con una serie di ruote dentate ( e altri congegni, quali lo
"scappamento", "bilancere" ecc.) metteva in azione le lancette
che su un quadrante indicavano le ore. Si trovò anche un
sistema che quando la sfera piccola e la grande indicavano
l'ora, una campanella suonava. L'idea piacque ai religiosi (si
ha notizia che questa novità nacque proprio dentro un
monastero - vedi anno 1283 ); iniziarono a costruire grandi
orologi sui campanili dotati di una campana sulla quale un
martelletto batteva le ore. Nel 1335 ne fu costruito uno a
Milano offrendo così ai milanesi con i rintocchi della campana
la prima percezione del tempo. Nel 1389 la cattedrale di Ruen,
ne allestì un altro nel suo campanile con due martelletti e due
campane una piccola e una grande, che battevano non
soltanto le ore ma anche i quarti. (vedi "orologio" anno 270
a.C. con i vari modelli)

Pagina 245 di 835


ANNO 1430
____ COLORI A OLIO - L'uso di questi
particolari colori, come invenzione sono
attribuiti ai due fratelli pittori fiamminghi, Jan e Herbert van
Eyck (1390-1441).

ANNO 1436
____ PROSPETTIVA - La prospettiva insegna a rappresentare
figure ed oggetti su un piano in modo da conservargli lo
stesso aspetto che hanno quando sono guardati nella realtà.
Disegnare un oggetto in prospettiva significa perciò
rappresentarlo nello stesso modo in cui esso appare ad un
osservatore che lo esamina da un punto determinato. Nella
visione diretta di un oggetto tridimensionale si può infatti
costatare che le linee orizzontali che corrono parallele o
inclinate rispetto alla direzione di ossservazione, sia
affiancate che sovrapposte, appaiono sempre convergenti
(classico esempio nell'osservare dei binari). Nella pittura per
tutto il medioevo dalle varie botteghe furono tramandate
forme empiriche di rappresentazione prospettica. Dal punto di
vista della ricerca di un metodo scientifico per la
rappresentazione piana della profondità spaziale, la storia
della prospettiva inizia col Rinascimento, a Firenze, agli inizi
del Quattrocento. L'inventore del metodo della corretta
costruzione prospettica fu Brunelleschi. Il suo metodo di
riduzione prospettica con punto di fuga, fu codificato nel
1453, da Leon Battista Alberti (1404-1472) nel suo trattato
"De Pictura", non a caso dedicato a Brunelleschi, e che trattò
con scrupolosità matematica che costituiva una perfetta
fusione tra scienza e arte e corrispondeva in pieno alla volontà
razionalizzatrice del Rinascimento. Questo metodo si rivelò il
precursore della "geometria proiettiva" che venne sviluppata
quattro più tardi.

ANNO 1439
____ ARTIGLIERIA (vedi più avanti - anno 1453 "Cannone").

ANNO 1440
____ CARTE DA GIOCO - Il gioco delle carte era già antichissimo,
il Cina sono presenti durante la dinastia Liao, nel 950 a.C.;

Pagina 246 di 835


anche se hanno poca somiglianza con quelle Europee, erano
già stampate su cartoncini in serie. Le carte classiche le
"numerali", sono originarie della Provenza e compaiono e si
diffondono nel resto d'Europa intorno al 1200 sembra
importate dagli Arabi. Probabilmente erano già utilizzate per i
giochi d'azzardo, visto che nel 1277 a Firenze il gioco delle
carte fu interdetto. Altri bandi proibitivi sono registrati nel
1400 in Francia, Germania, Svizzera, Olanda. Nello stesso
periodo compaiono i "tarocchi". Il giuoco italiano dei tarocchi
precede quello tutto francese che nella tradizione si racconta
essere stato inventato da Gaetano Vignoles detto La Hire e ha
infatti tutti i caratteri del regno di Carlo VIII. Queste carte
andarono sotto quattro colori o semi, cioè quadri, fiori, picche
e cuori, inoltre rappresentavano varie figure allegoriche,
tratte dall'antica storia, a cui poi si sostituirono re, cavalieri,
dame. Nelle carte italiane invece prevalsero i segni dei denari,
delle coppe, dei bastoni e delle spade; si vuole che
simboleggiassero i denari i mercanti, le coppe il clero, i
bastoni la plebe, le spade i nobili e i cavalieri. L'asso dicono
fosse il simbolo dello stipendio dei soldati.
Da tutte queste carte - con alcune modifiche- presero origine
nelle varie regioni le attuali, variando anche il gioco locale,
con il tressette (era questo il giuco della buona società, che
poi passò nelle taverne), la briscola (detta anche Percossa,
Bussa), la scopa (originato dal fatto che chi vince si prende
tutte o la massima parte delle carte, che sono in tavola
"scopandola".

____ CAMBIALE - Una lettera contenente ordine di pagamento


di una somma, era già usata dai commercianti arabi (che in
fatto di transizioni bancarie erano piuttosto avanti nell'VIII e
XI secolo - loro ad inventare lo che-kè (cheque-assegno), e le
banche perfino a Canton in Cina con i relativi depositi
bancari). Più tardi la "lettera" fu usata anche dai mercanti
veneti nel XII secolo nel periodo delle crociate quando
accaparrandosi i porti in Medio Oriente, probabilmente lì la
scoprirono. Ma un vero e proprio "pagherò", viene attribuita a
Francesco di Marco Tadini, mercante di Prato.

ANNO 1453
____ BOMBARDA (vedi sotto)
____ MORTAIO (vedi sotto)
____ OBICE (vedi sotto)
____CANNONE - Utilizzando la polvere da sparo cinese da

Pagina 247 di 835


tempo conosciuta, fu inizialmente inventata nel XIII secolo la
"BOMBARDA", una rudimentale bocca di fuoco, poggiante
prima su un affusto su cassa, poi con affusto su ruote per
poterlo muovere dove occorreva; lanciava palle di pietra o di
metallo con nella culatta una retrocarica di polvere. Con la
tecnologia della metallurgia (ghisa e bronzo) fu realizzato una
canna massiccia dando vita al vero e proprio cannone. La
canna permetteva alla gittata dei proietti grande velocità, una
più precisa direzione e con la traiettoria "a tiro arcuato" erano
più adatti a colpire obiettivi lontani non visibili, soprattutto in
presenza di colline (curiosamente le bombarde - col nome di
"mortaio" o "obice" tornarono di moda e furono usate durante
la prima guerra mondiale sul fronte austro-ungarico,
essendosi svolta principalmente il conflitto nella accidentata
catena alpina).
Alcuni storici affermano che quello che si può definire già un
vero cannone fu usato da Edoardo III d'Inghilterra quando
entrò in guerra nel 1337 combattento nella battaglia del 26
agosto a Crecy. Erano questi ancora grezzi, primitivi, ma la
tecnologia di quest'arma rivelatasi allora subito possente era
ormai tracciata; l'evoluzione del cannone fu inarrestabile sia
presso l'esercito inglese come in quello francese. In
quest'ultimo fu Carlo VII nel 1439 a voler creare uno specifico
reparto di "artiglieria". Nel farlo ingaggiò due fratelli Jean e
Gaspard Bureau per dotare questa nuova unità di cannoni e
proietti migliori, oltre che preparare specialisti. Una volta
concluso l'allestimento, impiegati i reparti sul campo, si vide
ben presto che la cavalleria era diventata più soltanto un'arma
ausiliara. Ed anche gli arcieri inglesi (fino allora un vanto)- che
di solito erano impegnati negli assedi - di fronte ai risultati
che otteneva l'artiglieria con il bombardamento - furono
anch'essi relegati ad essere un'arma ausiliaria. Gli arcieri dopo
le armi da fuoco sopravvissero ma rimasero un simbolo
coriografico, e lo sono ancora oggi: "Arcieri della Regina".
Con delle migliorie nella canna e nei proietti, i cannoni
dell'artiglieria furono impiegati massicciamente nel 1453
sempre verso la fine della guerra dei cent'anni (che i francesi
vinsero), usando le ....
____ BOMBE ... che non erano più palle di pietra o di metallo
(chiamati "proietti") ma cilindri metallici cavi riempiti
nomalmente di salnitro e zolfo. Il lancio avveniva dopo aver
acceso una miccia e dopo aver sistemata la bomba nella canna
del mortaio. Una operazione piuttosto pericolosa per chi la
doveva eseguire. In seguito la miccia fu sostituita dalla
spoletta (alcune poste dietro la bomba altre poste davanti),

Pagina 248 di 835


che con la sua carica lanciava la bomba senza correre il rischio
di farla esplodere nel momento del lancio. Più tardi si fece uso
di un'altra spoletta sulla punta che faceva esplodere il
proiettile solo nell'impatto innescando così la vera e propria
esplosione con risultati devastanti sull'obiettivo.
Ancora più devastanti furono poi le...
____ GRANATE - un tipo di bomba inventata nel 1803 dal
colonnello inglese Henry Shrapnel. Quando esplodevano le
"shrapnel", poco prima del vero e proprio bersaglio,
contenendo all'interno frammenti di ferro o piccole palle,
queste colpivano un vasto raggio uccidendo quanti si
trovavano in questo raggio. Con lo stesso sistema si
costruirono in seguito, granate incendiarie, oppure
contenente micidiali sostanze chimiche, quali i gas asfissianti.
Per quanto riguarda il cannone, anche questo fu perfezionato
e per dare maggiore precisione alla traiettoria del proiettile
all'interno della canna furono praticate delle scanalature
elicoidali; la granata non era più sospinta nell'aria, ma gli si
avvitava nell'aria mantenendo una più corretta traiettoria.
I primi cannoni in acciao fuso, con canne scanalate e vivoli di
volata, molto resistenti furono realizzati dalla acciaierie Krupp
in Germania nel 1847.
____ BOMBE A MANO - Dalle grosse bombe dei cannoni alle
piccole bombe da affidare al singolo soldato il passo fu
brevissimo. Nel XVI secolo già esistevano piccoli contenitori di
metallo riempiti di polvere nera. Ma un massiccio impiego di
quest'arma con innesco a miccia (bisognava quindi
accenderla) fu fatto durante la guerra fratricida di secessione
americana. La perfezione della bomba a mano si raggiunse
verso la fine della Grande Guerra, nel 1917, quando un inglese
John Mills ne inventò una con un dispositivo di sicurezza
(prima di lanciarla veniva tolta una linguetta, dopo alcuni
secondi necessari al lancio, una sostanza chimica -fino allora
tenuta separata dalla linguetta- si unisce innescando lo
scoppio. Ovviamente occorre essere tempestivi per non
vedersela scoppiare nelle mani o fra i piedi). Le prime erano
molto semplici, con un rivestimento di lamiera di alluminio:
fanno un gran botto e solo qualche danno: seguirono poi
quelle corazzate, con un involucro di metallo fuso, con una
superficie a diamante; le schegge che si disseminano attorno
sono micidiali per più persone se si trovano nel raggio
dell'esplosione.
____ BOMBE AEREE - A inziare il bombardamento dall'alto
furono gli austriaci nella famosa resistenza di Venezia nel
1849. Utilizzarono palloni aerostatici caricati con delle

Pagina 249 di 835


rudimentali bombe a miccia. Mentre le prime lanciate dai
primissimi aerei, furono gli italiani che parteciparono alle
operazioni della Guerra in Libia, nel 1911. Erano anche queste
bombe rudimentali, contenitori che contenevano
nitroglicerina, un esplosivo che detona con il semplice impatto
a terra. Sono pericolose anche nel semplice trasporto.
Utilizzando altri esplosivi più sicuri nel trasporto, furono
realizzate quelle a "caduta". Cilindri cavi con un congegno
d'innesco: una capsula a una estremità con la funzione di
detonatore, e all'altra estremità il percussore e le alette per
stabilizzarle nella caduta dopo averle sganciate da alcune
migliaia di metri di altezza. Dentro il cilindro - come quantità,
da un Kg fino a 10 t. - vi sono vari tipi di esplosivi: a scoppio
ritardato (al TNT); penetranti; incendiarie come quelle al
Napalm o al fosforo bianco o alla termite; lacrimogeni o
asfissianti; oppure caricate con varie altre sostanze chimiche.
Quelle incendiarie usate dagli anglo-americani nell'ultima
guerra mondiale, incenerirono in Germania la città di Dresda e
trasformò in torce umane tutti i suoi 200.000 abitanti. Quelle
usate in Vietnam contenevano invece un semplice concime
fogliare, micidiale però perchè aveva la proprietà di defogliare
il brevissimo tempo intere foreste dove si svolgeva la
guerriglia; e per questo dette "defoglianti".
Infine ci sono le bombe a "reazione nucleare" altamente
distruttiva, detta anche....
_____ BOMBA ATOMICA - Impiegano energia di fissione (le
bombe A), oppure energia di fusione nucleare dell'idrogeno (le
bombe H).
Nella prima bomba (la A a fissione) si impiega come materiale
fissionabile l'uranio (235) o il plutonio (239). L'innesco lo si
ottiene collocando due masse critiche fissionabili (ognuna
delle quali sotto un valore inferiore a quello critico, la reazione
esplosiva non ha luogo). Il decorso esplosivo di entrambe
liberano rapidissimamente enormi quantità di energia, con
effetti devastanti. Tale potenza distruttiva si misura in
kiloton, cioè in migliaia di tonnellate di TNT (circa 20.000).
Impiegando uranio fu quella lanciata il 6 agosto 1945 su
Hiroshima. Impiegando plutonio fu quella lanciata tre giorni
dopo, il 9 agosto, su Nagasaki. Entrambe le due città assieme
ai rispettivi abitanti (oltre 200.000) furono incenerite.
_____ BOMBA IDROGENO - La seconda bomba (la H, a fusione,
detta anche termonucleare) utilizza l'energia sviluppata nel
corso della reazione di fusione di nuclei di idrogeno con
formazione di nuclei di elio. La iniziale reazione perchè
avvenga ha bisogno di alte temperature e pressioni

Pagina 250 di 835


elevatissime (detta appunto, reazione termonucleare) che si
ottengono usando come detonatori bombe atomiche. La
potenza distruttiva della bomba H, non si misura in kiloton
(migliaia di tonnellate di TNT), ma in megaton (milioni di
tonnellate di TNT). Le prime bombe H sperimentate, avevano
una potenza pari a circa 50.000.000 di tonnellate di TNT, 2500
volte più potente della bomba che devastò Hiroshima. (vedi
"Quando dal cielo calò l'inferno sulla terra"). L'uomo si è
costruito con le sue mani un potente vulcano sotto i piedi; un
pazzo anche se governante di uno Stato (ne abbiamo nella
storia tante testimonianze) potrebbe accendere la miccia
facendo esplodere a catena l'intero pianeta. Chissà che spasso
quando un abitante di un lontanissimo pianeta dell'universo
vedrà nel suo firmamento non più la Terra ma un puntino
luminoso!
____ BOMBA VOLANTE - cosiddetta V1 o V2. Sono quel tipo di
bombe costruite dal tedesco von Braun durante la seconda
guerra mondiale. L'arma a razzo in cui credeva ciecamente
Hitler per distruggere la grande isola chiamata "Gran
Bretagna". Fu un fallimento colossale, anche se il genio
(incompreso) che le aveva costruite aveva tutte le carte in
regola per realizzare qualcosa di molto superiore alle V1 (qui
l'intera sua affascianante storia "Dalla V1 allo sbarco sulla
Luna") .

____ BOMBARDIERI - L'aereo che usarono gli italiani in Libia nel


primo bombardamento della storia non erano certo
bombardieri; ma ben presto scoperta quella che già alcuni
ritenevano essere l'arma vincente del futuro - l'Aviazione - ,
iniziarono subito la costruzione di aerei che avevano solo la
funzione di bombardare. Iniziarono i russi prima ancora
dell'inizio della Grande Guerra, con un aereo progettato da
Igor Sikorsky. Furono seguiti dai tedeschi, ch'ebbero subito un
netto predominio sui nuovi mezzi e sulle nuove strategie;
classificando perfino già le operazioni aeree in quattro fasi: a)
ricognizione, b) assalto, c) combattimento aereo, d)
bombardamento. Realizzando i tedeschi nel 1917 il
bombardiere "Gotha" capace di trasportare un carico di bombe
pari a 300 kg applicarono queste strategie bombardando e
terrorizzando Londra. Ma non rimasero indietro neppure gli
italiani quando (nonostante i giudizi della marina e
dell'esercito che ) Progettarono i famosi aerei Caproni (vedi
"Caproni" Biografia). Fulminato come Caproni dai voli di
Wright, un colonnello italiano con una fervida mente, GIULIO
DOUHET, aveva subito visto molto lontano ed era uno dei

Pagina 251 di 835


pochi ufficiali in Europa a sostenere la necessità di formare
"una terza branca delle arti delle guerre"; il futuro delle
nazioni -affermava- risiede unicamente nel "Dominio dell'aria".
Titolo che diede poi a un suo trattato militare d'avanguardia.
In Italia Douhet fu poco ascoltato, e fin dai suoi primi
interventi (non proprio graditi) fu sempre osteggiato dentro lo
Stato Maggiore dell'Esercito e della Marina italiana (a loro
volta reciprocamente insofferenti - ritenevano i risultati
aviatori "pessimi e marginali") .
Mentre influenzati dalle teorie di Douhet non rimasero a
guardare nemmeno Francia, Stati Uniti e Inghilterra. Ognuna
adattando i propri studi alle proprie situazioni particolari.
In America già nel 1911 predisponendo una grossa nave
mercantile, il pilota Ely decollava da una specie di piattaforma
appositamente predisposta. L'anno dopo venne realizzata
appositamente la corazzata Pennsylvania. L'idea di una
"portaerei" non poteva non interessare gli inglesi (posti su un
isola e da sempre a vocazione marinara su "altri" mari) ed
infatti nel 1917-18 mettevano in mare una apposita nave per il
decollo degli aerei, la Argus progettata da Hermes. Douhet
profeticamente aveva scritto che il dominio dell'aria avrebbe
potuto spezzare "le risorse morali e materiali di un popolo".
Mentre il romanziere inglese Wells nove anni prima della
terrorizzante incursione aerea tedesca sull'isola, anche lui
profeticamente aveva scritto che "la potenza aerea avrebbe
provocato una guerriglia universale, che avrebbe
inestricabilmente coinvolto civili e abitazioni". Profetizzò in
difetto; nel 1943, più che una guerriglia proprio con i
bombardieri inglesi, sull'Europa si abbattè una catastrofe;
metropoli distrutte, città polverizzate, paesi inceneriti,
migliaia di aerei inglesi (come i Lancaster) scaricavano ognuno
6.350 kg di bombe; si unirono altre migliaia di bombardieri gli
americani B 17 (fortezze volanti), ed infine comparvero i B. 29
capaci di caricare e sganciare bombe atomiche. ( vedi nei
rispettivi anni )

ANNO 1450
____ ARCHIBUGIO - Furono queste le prime armi da fuoco
portatili, anche se questi primi esemplari non erano ancora
chiamati fucili, ma "schioppi" ed erano piuttosto pesanti.
Sembra sia stato inventato in Spagna in questo periodo. Il
sistema di sparo era molto simile al cannone; quello di dare
fuoco ad una miccia che accendeva la polvere da sparo posta
in un bacinetto (fornello, in seguito con un coperchietto detto

Pagina 252 di 835


copribacinetto) dietro a una lunga canna con il "buco" (prese
appunto il nome di archi-buso). Perfezionandoli nel XVI secolo
l'accensione della polvere era provocata da una scintilla di un
acciarino: una "pietra focaia" (di solito selce) che veniva
urtata con una specie di grilletto da un pezzo d'acciaio. E
proprio dalla pietra focaia prese nome il fucile (dal latino
focus, fuoco, pietra focaia). - (vedi anno 1565 "moschetto" e
vedi anno 1650 - "fucile")

ANNO 1454
____ CARATTERI MOBILI - (vedi sotto)
____ STAMPA - Se vogliamo considerare stampini anche i
cilindri sumerici e egiziani che venivano impressi come
contrassegno su argilla, dobbiamo retrodatare la stampa al
3000 a.C. Con un sistema molto simile nel 1500 a.C. i cinesi
perfezionarono la tecnica trasferendola non sull'argilla ma su
una superficie piana; erano avvantaggiati dal fatto che alcune
espressioni erano i classici simboli della scrittura cinese che
permettono di scrivere con un solo segno anche una intera
frase. Intagliavano su legno, giada, avorio questi simboli al
contrario in bassorilievo, poi inchiostrando le formine questi
"stampini" (normalmente sigilli o bolli reali) venivano impressi
su un foglio. Questi fogli dovevano essere delle bollette di
esattori, dei bandi, o avvisi vari alla popolazione. Con la
stampa il vantaggio era di non dover ripetere la scrittura
molte volte, ottenendo velocemente con gli "stampini" un
numero illimitato di fogli stampati tutti uguali. Se il contenuto
era ampio le "formine" diventavano una "forma" (ancora oggi
nella stampa l'insieme di caratteri che formano una pagina si
chiama "forma"); cioè contenevano una serie di uno o più
simboli, e stampandola si otteneva un'unica pagina con un
lungo testo. Tale sistema in Cina era ancora in uso nell'anno
868 d.C. Lo testimonia un vero e proprio libro stampato (il più
antico che si conosca): il Sutra del Diamante, rinvenuto a Tun-
Huang, stampato con tavolette incise su un lungo rotolo di
carta serica.
In seguito forse sbagliando uno dei tanti simboli, invece di
nuovamente incidere una intera pagina, facendo un tassello su
questa e inserendo il simbolo corretto, venne l'idea di fare
tutti i simboli in singoli "stampini", senza correre il rischio di
sbagliare l'intera pagina, in modo da poterli usare in altri testi
e sistemarli in altre combinazioni. Erano in sostanza dei
"simboli mobili" che nel 1450 erano usati normalmente,
perfino fatti con matrici in metallo. In Europa sembra che in

Pagina 253 di 835


alcuni monasteri si usasse già questa tecnica, ovviamente non
con i simboli cinesi, ma con i caratteri dell'alfabeto,
soprattutto quelli di capoverso molto grandi, fino allora
normalmente dipinti dai monaci per fare messali o libri di
contenuto religioso. Ad applicare l'idea fabbricando le matrici
dei 22 caratteri dell'alfabeto con piombo fuso ottenendo
caratteri più piccoli, e iniziando a comporre e a stampare
interi testi, fu il tedesco Giovanni Gutemberg (1390-1468) di
Magonza, nel 1435, dando il noto nome di "caratteri mobili".
Questi, realizzati (lui era un artista dell'oreficeria) sempre più
piccoli, nitidi, e sempre più belli, nel 1454, Gutemberg
mettendo a punto anche il procedimento di stampa,
consistente in un torchio che comprimeva la carta sulla
"forma" (insieme dei caratteri che formano una pagina) dava
alle stampe la "Bibbia"; 300 copie. Ognuna della quali era
composta da 1282 pagine. Il primo libro stampato, oggi il più
prezioso libro ottenuto con il procedimento detto
"tipografico".

Pare tuttavia che in precedenza le prime stampe del


Gutemberg non fossero altro che stampati con tavole di legno
incise. Aveva sì raggiunto una certa perizia, essendo orefice,
ma non è che aveva modificato di molto il metodo già noto ai
cinesi. Ad un tratto lui inizia a fare caratteri mobili in piombo,
finanziato da un certo Fust. Questo a un certo punto vedendo
che Gutemberg andava troppo per le lunghe abbandonò
perfino l'impresa, lasciando l'orefice in cattive acque
economiche. Gutemberg solo dopo qualche anno riuscì a
completare una certa quantità di caratteri, tali da potersi
permettere di stampare l'opera che si proponeva.

Pagina 254 di 835


In questa ricostruzione c'è però un velo di mistero. Sembra
che il vero inventore dei caratteri mobili sia stato un italiano
di Feltre: Panfilo Castaldi. Ma siccome non ci sono giunti libri
stampati da lui, ma solo la fama, manca un solido elemento
probatore della priorità ed una rivendicazione in piena regola
(salvo accenni di una rivendicazione appassionata fatta da A.
Cambruzzi, nella sua cronaca settecentesca di Feltre; le dotte
ricerche di Alfeo Pozzi nel 1860; quelle dell'Abate Bernardi nel
1864; infine notizie sulla scorta di documenti scoperti
nell'Archivio di Stato di Milano, nel 1880)
Però c' è quest'altro singolare elemento: Gutemberg, con alle
spalle il finanziatore Fust, ad un certo punto -come abbiamo
già detto- si mette a fare i caratteri mobili. Ma questo avviene
soltanto dopo che Fust ha compiuto un viaggio in Italia. Dove?
Ma guarda caso proprio a Feltre, dove la fama di Castaldi
come stampatore di caratteri mobili era già nota. Con il ritorno
a casa di Fust, l'invenzione di Castaldi indubbiamente entrò in
Germania, a Magonza, e dove si reca Fust? da Gutemberg, lo
finanzia pure, salvo poi abbandonarlo.
Nel 1471 in Italia operavano già diversi stampatori, che
pubblicarono edizioni perfette: A Lucca, Simone Niccolò; a
Firenze, Bernardo Cennini, e a partire dal 1472 molti altri in
diverse regioni. Spesso senza aver mai visto carte stampate
da altri, ma per semplice sentito dire. Visto che l'idea si era
diffusa in un lampo in tutta Europa.
Una grande diffusione della stampa in Italia fu dovuta a un
veneto Aldo Manuzio (1450-1515), stampando dal 1502 in poi,
moltissimi titoli in libri di piccolo formati, popolari, ad alte
tirature e quindi a basso costo. Veri e propri "best sellers"
dell'epoca, che entrarono in moltissime biblioteche private.
Non è difficile ancora oggi trovarne qualche esemplare nelle
bancarelle di Piazzola sul Brenta, dove libri antichi si possono
trovare nelle fornitissime 1000 bancarelle.
____ STAMPA A COLORI - Fu inventata nel 1719 da Jacob
Christof Le Bion, di Francoforte. Scomponendo l'immagine in 3
o 4 cliche (in tre colori base più il nero), sovrapponendo la
stampa dei tre colori principali, rosso, giallo e blu, otteneva
l'immagine definitiva con le varie gradazioni a colori.
____ ROTATIVA - Nel 1847 si abbandona il torchio (era stato
inventato dall'inglese Stanhope nel 1880) e dopo le macchine
tipografiche piane già funzionanti con motore a vapore o con
l'elettricità, viene realizzata la "Rotativa": la matrice (che
normalmente è la "forma" che contiene l'insieme di caratteri)
non è più su un piano dove su questo scorre un rullo
portandosi dietro ad intermittenza un singolo foglio, ma è

Pagina 255 di 835


direttamente su un grande rullo; questo - dopo essere stato
inchiostrato da un altro piccolo rullo affiancato- compiendo un
intero giro trasferisce (stampa) ciò che è riportato sulla lastra
flessibile (in gomma o in metallo) aderendo su una bobina di
"carta continua": il procedimento è chiamato appunto "offset",
che in inglese significa "trasferire". Con questa invenzione fu
possibile stampare anche 30-50.000 copie all'ora. Se ne
avvantaggiarono i giornali quotidiani che devono uscire con le
notizie di cronaca nell'arco di un brevissimo tempo.
____ LINOTYPE - Nel 1886 il tedesco Otmmar Mergenthaler, a
Baltimora, inventa la Linotype. Manderà in soffitta la lunga
schiera di compositori intenti a riunire nelle tipografie i
caratteri nel compositoio per fare righe, e con queste fare le
"forme". La macchina dotata di crogiolo di piombo fuso, dopo
aver riunito le matrici di caratteri (scesi da un "magazzino"
tramite una normale tastiera che l'operatore usa velocemente
come una macchina da scrivere) crea quasi all'istante con il
piombo fuso le righe desiderate, che poi riunite formano in
pochi secondi il testo di una pagina. Ma nel 1939 già appare
la....
____ FOTOCOMPOSIZIONE - stampa rotocalcografica inventata
dall'americano William Huebner, che ben presto manda in
soffitta anche la Linotype. Infatti i caratteri non vengono
nemmeno più composti, il testo realizzato (poi a partire dal
1965, utilizzando il computer) nella cosiddetta
"fotocoposizione" assieme alle immagini, fornisce
immediatamente la lastra sul rullo della macchina "offset".
Con questo sistema a partire dal 1839, prendono il via le
numerose riviste, chiamate anche "rotocalchi".
____ INCHIOSTRO - Fino a questa data l'inchiostro di tipo
egiziano ha poche variazioni. Fatto a caldo, con il nerofumo
(prodotto dalle lampade a olio), acqua e alcune resine vegetali
come collante era quello normalmente usato nella scrittura
con le penne d'oca. Troppo fluido per la stampa; si dice che fu
lo stesso Gutemberg a realizzare un composto denso per le
sue impressioni al torchio, esso consisteva in una sospensione
di nerofumo con vari oli minerali, resine o bitumi. In seguito si
realizzarono inchiostri sintetici a vari colori piuttosto densi.
Ma tornarono nuovamente molto fluidi quando si usarono le
veloci macchine tipografiche piane, le offset e le velocissime
rotative.

ANNO 1487

Pagina 256 di 835


____ CARILLON - I primi compaiono in questa data nelle
Fiandre, realizzati dagli abili artigiani fiamminghi di Alost. Un
soprammobile composto da un congegno che produce semplici
motivi musicali, mediante vibrazioni di lamelle metalliche
toccate da un cilindro che ruota e che porta sul tamburo delle
sporgenze disposte in un modo da ricreare in sequenza il
motivetto.

____ CATENE - Con lo scopo di sbarrare una città, un porto, o


luoghi inviolabili, le catene erano conosciute fin dall'antichità
appena le antiche civiltà appresero la metallurgia. Fino al
medioevo si usavano sostituendo le corde nelle primitive
macchine utensili. Anche l'orologio a pendolo se ne avvalse. In
epoca leonardesca, il genio di Vinci, oltre a una serie di
ingranaggi, ne disegnò alcune sul suo Codice Atlantico,
articolate. Sembrarono cose di nessuna utilità, e le varie idee
di utilizzo in quelle pagine rimasero, fin quando nel 1800 tali
idee furono riscoperte per trasmettere i movimenti da una
ruota all'altra sostituendo le varie cinghie che nelle nuove
macchine realizzate, piuttosto pesanti, avevano il grosso
difetto di slittare prima di farle muovere. La rivoluzione
industriale, dando inizio all'era delle macchina, approfittò
subito sia della catena che degli ingranaggi. Entrambe
permisero il funzionamento dalla semplice bicicletta fino alle
catene che usano i veicoli e tutte le macchine in generale

____ CAPO DI BUONA SPERANZA - Ci fu in quest'anno la


scoperta che in fondo all'Africa c'era il mare che si univa a
quello orientale, ma la scoperta non fu utilizzata. Il
portoghese Bartolomeo Diaz aveva deciso di navigare e
spingersi fin dove terminava l'Africa. Quando giunse nella
punta estrema, si rese conto che si poteva navigare verso
oriente, e nel farlo dopo non poche miglia (la costa a sud è di
circa 100 km) scoprì pure che si poteva risalire l'Africa
volgendosi a nord. Ma non potè farlo, prima una tempesta poi
l'ammutinamento dell'equipaggio l'obbligò a far ritorno in
patria ripercorrendo le acque dell'Atlantico da dove era sceso.
Diaz lasciò con amarezza quel luogo, che battezzò Capo delle
Tempeste, comunque ripromettendosi di farvi prima o poi
ritorno. Quando fece la sua relazione a Re Giovanni II di
Portogallo riferendo il passaggio in oriente quasi a portata di
mano, il suo sovrano - convinto che da quel momento la via
delle Indie era stata scoperta - cambiò il nome del capo con un
nome più propiziatorio: Capo della Buona Speranza. Dieci anni

Pagina 257 di 835


dopo la speranza divenne realtà con Diaz ( vedi anno 1497
"Africa doppiata")

ANNO 1492
____ NUOVO MONDO - Mentre Diaz cercava di doppiare l'Africa
per trovare una via per l'Oriente, in Portogallo un navigatore
genovese - Cristoforo Colombo - ardeva dal desiderio di
raggiungerlo l'Oriente navigando a occidente. Dopo numerosi
tentativi fatti alla Corte del Portogallo e in Spagna, Colombo é
riuscito a convincere i sovrani spagnoli a finanziare ed
allestire la spedizione per trovare una nuova rotta per le Indie
navigando ad ovest. Nominato Ammiraglio del Grande Oceano,
il 3 agosto Colombo salpava da Palos con tre caravelle, la
Nina, la Pinta e l'ammiraglia Santa Maria.
Rispettivamente di 100, 140 e 200 tonnellate di stazza. Piccole
se pensiamo che c'erano navi da 600-700 tonnellate (i carrak o
caracche).
Con lui il mastro cartografo Giovanni de la Cosa, il fratello
Francesco, due bravi capitani Alonso Pinzon sulla Pinta,
Vincenzo Pinzon sulla Nina, e 90 marinai come "compagni
d'avventura". Solo la Santa Maria ne aveva 50, le altre due
caravelle 20 ognuna. Dopo 12 giorni giunsero alle Canarie, il 7
settembre ripresero il viaggio. Dopo altri 30 di navigazione, la
Terra promessa da Colombo non appariva. La leggenda narra
che ci fu l'ammutinamento di alcuni marinai. Il Giornale di
bordo di Colombo non ne fa menzione, ma qualcosa accadde:
ad un'attenta osservazione del diario, traspare inoltre una
velata inquietudine. E vi appare anche un inferiore riporto del
numero di miglia percorse per non allarmare troppo gli
equipaggi. Colombo era sì inquieto tuttavia era determinato,
anche perchè tornare indietro sarebbe stato un suicidio.
Finalmente all'alba del 12 ottobre, scorse la Terra. Sbarcò in
una delle isole Lucaie cui dette il nome di San Salvador. Il 15
approdò ad un'altra isola, S. Maria, il 16 alla Grande Exuma, il
28 scoprì le isole poi dette delle Grandi Antille, ed il 6
dicembre nell'isola di Haiti che chiamò Hispaniola. La scoperta
e l'ardimentosa traversata sulle terre che si reputavano far
parte dell'Estremo oriente, si diffuse in un baleno in tutto il
mondo. Al grande ricevimento alla corte di Barcellona era
presente PIETRO D'ANGHIERA, e fu lui a leggere la notizia
ufficiale del resoconto del viaggio; lo fece con tanto
entusiasmo, poi volle commentare ed aggiunse anche d'altro
oltre la notizia, disse che sospettava che non si fosse
raggiunto il lembo più orientale dell'Asia, ma scoperto un

Pagina 258 di 835


NUOVO MONDO.
Non ci fecero tanto caso, ma la coniazione delle "nuove terre"
era ormai cosa fatta; ma perchè "nuove" lo fossero di fatto ci
sarà da attendere qualche anno per confermarlo.
Infatti Colombo non era giunto nelle Indie, ma nel continente
americano, scoprendo un nuovo mondo, lasciandosi alle spalle
il "vecchio" che da quel giorno non sarebbe stato più lo stesso.
(vedi ampia documentazione del viaggio di Colombo,
compresa la sua prima realzione a Re di Spagna in originale)

____ DECLINAZIONE MAGNETICA - Nel corso del suo viaggio


Colombo fece un'altra scoperta, che annotò nel suo famoso
diario, ma anche questa senza rivelarla all'equipaggio. Questo
e Colombo stesso, ma anche allora tutti i naviganti, la bussola
la conoscevano, ma nessuno sapeva ancora perchè l'ago
puntasse sempre verso Nord. Tuttavia tutti la utilizzavano da
oltre due secoli, convinti che qualunque fosse il motivo, l'ago
faceva sempre il suo dovere puntando sempre a nord
permettendo così ad ogni navigante di orientarsi con le stelle.
Prima di Colombo nessuno si era spinto così lontano, e ciò che
lui scoprì in pieno oceano e che non sempre l'ago puntava
sempre e solo a nord ma anche un po' a est. Ma determinato
com'era, annotò solo il fatto, e andò comunque avanti. E il
fatto era che non è che sbagliava la bussola, ma non si aveva
ancora conoscenza della "declinazione magnetica".

ANNO 1495
____ SIFILIDE - Con la scoperta dell'America si diffuse la voce
che dal nuovo mondo i marinai dopo aver contratto una
terribile malattia l'avevano al ritorno diffusa in Europa. Questo
perchè nell'anno 1495 a Napoli era scoppiata una nuova
malattia, che essendo in quel periodo assediata dai francesi,
questi nel far ritorno in patria l'avevano diffusa prima in
Francia e da qui nel resto d'Europa. Le accuse furono
reciproche: i francesi lo chiamarono il "Mal napoletano" e
l'attribuivano ad alcuni marinai che erano stati con Colombo e
che erano poi scesi a Napoli; il resto d'Italia lo chiamarono il
"Mal francese", perchè erano questi che l'avevano diffuso
portandolo da un luogo all'altro. Come andarono le cose
nessuno lo sa, anche perchè in seguito, quando nel Nuovo
continente sbarcarono in massa gli spagnoli, molti indigeni
morirono proprio di questa malattia fino allora sconosciuta e
che probabilmente furono gli europei a portarla. Forse in
Europa la malattia non era del tutto nuova, ma non essendoci

Pagina 259 di 835


ancora nell'antichità e nel medioevo una efficiente
diagnostica, molto probabilmente questo tipo di contagio era
assimilato alle tante pesti, che allora andavano sotto vari
nomi, colera, lebbra, vaiolo, ecc. e alcune sintomatologie
narrate dagli storici qui e là lo confermerebbero. Ma essendo
questa temuta e diffusa dall'attività sessuale era vergognoso
parlarne e quindi sappiamo poco dagli antichi, non è mai
menzionata nelle cronache della buona società.
A dargli questo curioso nome non fu un medico, ma un
astronomo - Girolamo Fracastoro (1478-1553). Preso da una
vena poetica scrisse dei versi in latino narrando le vicissitudini
di un pastore che aveva contratto questa sudicia malattia
venerea che deformava. Al protagonista di questa storia gli
diede un nome inventato "Syphilus", utilizzando la parola
greca "Syphos" che significa "porcile" o da "Siphlos" che
significa "deforme". Il mondo intero usò questo nome per
indicare questa malattia.

ANNO 1497
____ AFRICA DOPPIATA - Dieci anni dopo il fallito tentativo di
Diaz - comunque aveva riportato preziose notizie (vedi 1487) -
intenzionato a cercare la via delle Indie doppiando l'Africa, il
navigatore portoghese Vasco de Gama salpa da Lisbona l'8
luglio del 1497 con quattro vascelli e 160 uomini. Abile
navigatore, con buone cognizione dei mari della zona
equatoriale, quando raggiunse la Nuova Guinea, sdegnò il
viaggio lungo la costa e puntò direttamente a sud, evitando
così le tempeste ma anche le lunghe bonacce entrambi
frequenti nel grande golfo della Guinea. Il 4 novembre
giungeva a Capo di Buona Speranza, alla baia S. Elena. Qui
fecero il primo incontro con gli ottentotti, piccoli e bruni,
viventi di carne di foca e balene e qualche radice. Dopo
diciotto giorni di permanenza in quei luoghi, il 22 novembre
proseguendo il viaggio e facendo varie soste, De Gama risalì
un tratto di costa orientale dell'Africa fino all'attuale
Mozambico superiore dopo aver lasciato alla loro destra il
Madagascar. All'altezza di Mombasa e Melinda incontrarono
naviganti arabi che si mostrarono però mal disposti a dare
delle informazioni, anzi ne diedero di false, o drammatizzando
ciò che volevano fare. Meno uno, che conosceva bene la rotta
per l'India e si offrì di accompagnarli assumendo la funzione di
pilota. Il 24 aprile iniziarono il viaggio navigando in aperto
oceano Indiano; il 20 maggio raggiungevano Calcutta in India.
Fu un viaggio lungo durato 10 mesi, drammatico perchè quasi

Pagina 260 di 835


metà dei marinai erano morti di scorbuto nell'ultimo lungo
balzo durato 26 giorni. Poi ci fu il ritorno altrettanto
drammatico per i monsoni. L'intero viaggio durò 24 mesi su
una distanza complessiva di 24.000 miglia. Ma ebbe delle
conseguenze incalcolabili. Era stata scoperta la via marittima
verso l'India! Prima ancora di aver scoperto il continente
americano e quindi una qualsiasi rotta per le Indie (così
chiamavano allora tutto l'estremo Oriente), il viaggio di Vasco
de Gama fece all'improvviso declinare le 4 potenze marinare
mediterranee (Venezia in testa). D'ora in avanti saranno le
potenze atlantiche a prendere il sopravvento nei commerci e
nella dominazione in Oriente con ripercussioni tanto in Asia
che in Europa; ma anche a dominare, a procurarsi ricchezze e
a guadagnare potere con la scoperta del Nuovo Mondo. Il
Mediterraneo tornò ad essere solo un grande lago come al
tempo dei Cartaginesi, dei Greci e dei Romani.

____ CARTA VETRATA - Se ne ha notizie in questa data,


inventata e usata in Svizzera

ANNO 1500
____ PROTESI (vedi sotto)
____ ARTI ARTIFICIALI - Già lo storico Erodoto nel V secolo a.C.
ci narra di alcuni arti artificiali, menzionando una gamba di
legno dove si appoggiava un moncherino e a una specie di
uncino al posto di una mano, attaccato a un braccio monco.
Non si andò oltre per altri venti secoli. Fu poi un geniale
chirurgo militare francese - Ambroise Pare' - a inventarsi una
pratica gamba con un anima di legno modellata come una
gamba vera e rivestita con cuoio; realizzata questa protesi
non gni mancò l'occasione di realizzare anche un braccio
artificiale dotato di gomito e dita mobili. Era ancora primitivo
ma contribuì moltissimo a far sviluppare le ricerche nel campo
degli arti artificiali, sempre di più perfezionati fino al punto da
non distinguersi da quelli veri.
Oggi poi con l'impiego dell'elettronica e con una maggiore
conoscenza del sistema nervoso si possono costruire arti
artificiali che funzionano mediante gli impulsi capatati dai
muscoli o dai nervi che sono rimasti nel moncherino, e che
sono comunque collegati al cervello. Oltre le protesi degli arti
un'altra conquista si è ottenuta applicando nel sistema
scheletrico danneggiato il ....
____ FEMORE ARTIFICIALE ... quando o per un trauma
(abbastanza frequente le cadute) o per una malattia artritica

Pagina 261 di 835


(altrettanto frequente) si perde la funzionalità
dell'articolazione coxo-femorale. Con l'intervento si rimuove la
testa del femore, lo si sostituisce con un innesto metallico
(normalmente in vitalium, un metallo che non ossida) che ha
una sfera rivestita in materiale plastico (normalmelnte in
teflon) che va ad inserirsi nel cavo (acetabolo) a sua volta
preparato anche questo con il materiale plastico.
L'applicazione di queste prime protesi sono apparse all'inizio
degli anni '60 per merito del chirurgo inglese John Charnley. Il
successo subito ottenuto, ha reso questa operazione
abbastanza semplice e molto diffusa, e per i particolare
materiali usati non si è mai avuta dall'organismo la cosiddetta
"reazione di rigetto".

ANNO 1502
____ SCOPERTA DELL'AMERICA (vedi sotto)
____ AMERIGO VESPUCCI - Mentre Colombo era ancora
impegnato nel terzo e quarto e ultimo viaggio, un fiorentino
addetto alla casa commerciale dei Medici con sede a Siviglia,
si era interessato molto ai viaggi di Colombo e pare che
avesse avuto con lui rapporti. Certo è che un ottimo marittimo
allievo di Colombo - Alonzo de Hojeda- comandò nominalmente
la prima spedizione di Vespucci nel corso del 1499-1500 con
alcune caravelle spagnole. Toccarono la Guaiana, scesero
verso mezzogiorno fino a quella terra dove sulla costa vi erano
case poste sul mare, e che per analogia chiamarono Piccola
Venezia (Venezuela). Percorsero oltre 3000 chilometri di costa
cercando un passaggio. Tornato in Spagna, passò al servizio
del Portogallo, che organizzò un'altra spedizione, questa volta
con Vespucci pilota e cosmografo, partita il 13 maggio 1501.
La destinazione uguale alla precedente, principale scopo
quello di cercare un passaggio per le Indie che Colombo non
aveva ancora trovato. Cosicchè compì una memorabile discesa
a mezzogiorno. Nel gennaio del 1502 fu raggiunto il Rio de
Janeiro, nella brama di cercare il passaggio marittimo per
l'Ovest, si spinse ancora ancora più a sud, raggiungendo -
come asserì lo stesso navigatore -il 50° di latitudine sud (ma
molti geografi non sono concordi - anzi molti critici lo negano
recisamente), ma che il Magnaghi ritiene sia il Porto di San
Giuliano nell'attuale provincia di Santa Cruz. E se così fosse,
ancora un poco che egli avesse proseguito, avrebbe trovato il
passaggio anticipando di venti anni la scoperta di Magellano.
Si sia spinto o no fino a questa latitudine, sta il fatto che la
navigazione di Vespucci rivelò la vastità impensata di quello

Pagina 262 di 835


che da allora si incominciò a riconoscere senza più dubbi come
un Nuovo Mondo. Le sue relazioni diventarono i vangeli della
nuova geografia del mondo, dandogli una fama mondiale,
suscitando osservazioni vivaci ma sempre più approfondite.
Ma più che i viaggi, di primaria importanza furono le
importanti deduzioni che Vespucci faceva. Lui era colpito dal
fatto che nessuna delle terre che aveva visto, o di quelle di cui
avevano parlato altri esploratori, compreso Colombo,
assomigliasse minimamente all'Asia descritta da Marco Polo, e
fu il primo a concludere che non si trattava dell'Asia. Anzi
senza averlo scoperto faceva riferimento a un secondo oceano
che doveva trovarsi tra il nuovo continente e l'Asia. Quando
fece ritorno in Spagna, e nel 1502 pubblicò queste sue
asserzioni, molti si convinsero che quelle terre erano davvero
un nuovo mondo. Ma come chiamarlo? Dell'ingiustizia verso
Colombo non fu Vespucci il responsabile. Il cosmografo
tedesco Martino Waldseemuller, detto classicamente
Hylacomylus, nel 1507, propose in un suo famoso scritto
"Amerigen, quasi Americi terram, sive American". E il nuovo
continente si chiamò America !!!
Vespucci fu poi sollecitato dalla Spagna ad abbandonare il
Portogallo, fu nominato Pilota Mayor della marina spagnola,
indi organizzatore e direttore di tutte le spedizioni che
Vespucci continuò a fare fino al 1512 (quand'egli morì) e in
seguito continuò a fare la Spagna ispirandosi sempre ai
concetti vespucciniani.

____ VOCABOLARIO - (vedi sotto)


____ ENCICLOPEDIA - (vedi sotto)
____ DIZIONARIO - Negli scavi archeologici compiuti nella
seconda metà del XIX secolo, presso Ebla, sono stati rivenute
migliaia di tavolette di argilla contenuti in una antica
biblioteca, con innumerevoli iscrizioni di testi sumerici di vario
genere; ma anche una serie di tavolette (oggi esposte al
Louvre di Parige) che contengono i vocaboli di una lingua con
la definizione del loro significato (si chiamano monolingue) o
con la loro traduzione in una lingua diversa . Veri e propri
vocabolari delle lingue dei vari popoli fino allora conosciuti.
Questo genere di opere in seguito non si diffusero molto; ogni
letterato, storico, insegnante, curava da se un suo personale
vocabolario. Anche Leonardo ci ha lasciato nei suoi codici
innumerovole pagine con la descrizione di moltissimi vocaboli;
e chi voleva imparare le lingue l'unico mezzo oltre che parlare
con chi conosceva la lungua, doveva lui annotare e farsi dei
personali vocabolari. All'inizio del Rinascimento era comunque

Pagina 263 di 835


divenuta una esigenza, ed infatti con l'avvento della stampa,
uno dei primi dizionari alfabetici compare in Italia nel 1502
stampato e pubblicato in Italia da Ambrogio Calepino. Ne
seguirono altri. Il più famoso quello realizzato a Firenze
dall'Accademia della Crusca, nel 1591-1612, con lo scopo di
purificare la lingua italiana. Ed infatti era così autorevole che
dettò legge ai letterati italiani fino a tutto il XVIII secolo.
Un dizionario corposo con 50.000 vocaboli comparve a Londra
nel 1755: due volumi compilati dall'inglese Samuel Johnson. In
Francia nel frattempo, il filosofo Denis Diderot e il matematico
Jean le Rond D'Alembert nel 1743 avevano dato il via a
un'opera singolare, proponendosi di offrire al pubblico più
vasto - non un dizionario - ma in maniera ragionata tutto lo
scibile umano. Il primo volume della famosa "Encyclopedie"
uscì nel 1751, fu completata con il 28mo volume nel 1772.
In Italiano, anche se si erano già molti diffusi, un dizionario
famoso, monumentale, in 7 volumi fu quello realizzato nel
1858 (ma completato nel 1879) da Niccolo Tommaseo e
Bernardo Bellini, fu il primo vero Dizionario della Lingua
Italiana, nato proprio nel corso degli anni dell'Unità nazionale.
Altra monumentale opera fu poi realizzata nel periodo
mussoliniano, quando - per garantirne l'impresa sotto il profilo
economico - con un decreto del Governo fu fondato l'Istituto
omonimo che realizzò l'Enciclopedia Italiana, curata da
Giovanni Treccani, da una equipe di illustri filologi, con
presidente Guglielmo Marconi, anche se la direzione effettiva
fu affidata al filosofo Giovanni Gentile. Nel dopoguerra, fu
invece creato l'altro grande strumento di consultazione: il
Dizionario Enciclopedico Italiano, curato da Umberto Bosco,
edito nel corso degli anni 1955-1961, periodicamente
aggiornato con appendici.

____ DRAGA - Una macchina per scavare in mare o fiumi a


piccole profondità apparve per la prima volta nelle Fiandre,
quando fu usata per lo scavo del canale Rupel-Scheide. Il
marchingegno era stato realizzato dal fiammingo Pieter
Brughel

ANNO 1513
____ MARE DEL SUD - Dopo che Colombo nel suo ultimo viaggio
si era spinto fino alla costa dell'odierno Panama, mentre lui
cadeva in disgrazia e il 20 maggio 1506 moriva a Valladolid
nella dimenticanza generale, la via da lui aperta fu percorsa in
pochi anni da un gran numero di navigatori, di cui alcuni senza

Pagina 264 di 835


scrupoli. Da questo momento le spedizione nel Nuovo Mondo
non hanno più nulla di scientifico, iniziano le spedizioni di
guerra e di rapine. Comincia l'epoca dei "Conquistadores",
bande di audaci e spesso selvaggi avventurieri che si
scagliarono sui popoli di alta civiltà, inermi, o costretti a
difendersi con frecce e lance, contro armi di gran lunga
superiori a quelle degli Atzechi, Inca, Maya, giacchè agli
europei non doveva essere troppo difficile sterminarli con
cannoni e fucili.
Il primo esempio che farà scuola, lo abbiamo quest'anno. Un
nobile decaduto della Castiglia - Vasco Nunez de Balboa - con
300 suoi complici organizzò in Spagna una spedizione privata
di conquista. Giunto all'odierna Panama, partito dalla costa di
Darien, il 25 settembre 1513 giunse sulle rive dell'Oceano
Pacifico. Essendo giunto da nord attraverso istmo gli diede
nome Mare del Sud. Nell'esaltazione della conquista entrò in
acqua vestito della sua armatura, spiegò la bandiara e (anche
se disse "in nome della Corona") prese possesso della costa
"dal polo Nord al polo Sud". In breve tempo seppe crearsi una
certa potenza con il terrore, non solo con gli indifesi indigeni,
ma seppe anche stroncare diversi ammutinamenti con
esemplari esecuzioni capitali; e più che fondare una comunità
creò una banda di rivoltosi pronti al momento opportuno a
colpire lui. Il 9 gennaio 1514, Balboa ritornò sulla costa
dell'Atlantico, allestì una nave piena di ricche ruberie, e fece
ritorno in Spagna per portare la lieta novella della sua
conquista. Quando vi giunse lo aspettava una corte marziale, e
tanti nemici, lo accusarono degli orrendi delitti, fu condannato
a morte.
Ma le cose in America non cambiarono, dopo Balboa fu inviato
il nuovo governatore della provincia "Castilla de Oro",
Pedrarias Davila (uno degli implacabili accusatori dello stesso
Balboa), che fece di peggio, giacchè le crudeltà e le infamie
contro gli indigeni diventarono per lui un gioco; un gioco al
massacro. Il guaio è che i capi minori si comportavano come il
loro capo supremo. E quando vi arrivò Pizzarro, imparò qui il
suo metodo di colonizzazione, poi partì anche lui alla
"conquista".

____ FLORIDA - Fu la prima parte degli odierni Stati Uniti a


essere scoperta e colonizzata a partire dal 3 marzo 1513,
quando lo spagnolo Jaun Ponce de Leon un commerciante di
schivi, partendo da Portorico (luogo scoperto da Colombo nel
primo viaggio), volle cercare a nord altri territori da
conquistare. Per la sua lussureggiante vegetazione

Pagina 265 di 835


primaverile la battezzò "Florida" (fiorita).

____ XILOGRAFIA - (da "xilon" = legno) Inventata dai cinesi in


tempi antichissimi si diffuse in Occidente verso la seconda
metà del Trecento, precisamente in Germania intorno al 1370.
E' la più antica tra le tecniche incisorie e l'unica che
originariamente abbia avuto carattere popolare sia come
mezzo espressivo, (completamento del testo dei rarissimi libri
copiati a mano) sia come destinazione. Prima dell'avvento
della stampa ma anche dopo, la xilografia creò perfino un
linguaggio, che, attraverso l'evoluzione imposta dal tempo e
dal gusto, doveva tuttavia restare fondamentale per l'arte,
anche se fu messa un po' da parte dalla ...

____ ACQUAFORTE - Tra i primi a servirsene furono l'orafo


basilese Urs Graf, autore della prima stampa datata 1513, e
Durer, che incise sei lastre in ferro tra cui il "Cannone" (1518),
ma fu il Parmigianino a intuirne le possibilità e a
perfezionarne la tecnica. Soppiantata la xilografia e in parte il
bulino, l'acquaforte raggiunse il suo apogeo con Rembrandt.
E' una tecnica di incisione su lastre di metallo (comunemente
di rame o zinco ma anche di acciaio), preventivamente
ricoperte di una vernice (es. di cera, bitume, asfalto, ecc.)
resistenti agli acidi. Incidendo la vernice con una punta di
acciaio a mo' di matita (quindi senza tanta pressione come si
fa col bulino), i segni tracciati, sottoposti alla corrosione
(morsura) dell'acido nitrico (volgarmente chiamato "acqua
forte") diventano dei veri e propri solchi nel metallo. Eliminata
la vernice se spargiamo inchiostro tipografico sulla lastra e la
puliamo meticolosamente, l'inchiostro rimane incuneato nei
solchi, pronto a trasferirsi su un foglio leggermente inumidito
di carta a mano, se lo stesso viene sottoposto ad una forte
pressione, normalmente con un torchio tipografico a stella o a
cilindro. Molti artisti dal Rinascimento in poi, si sono cimentati
con l'acquaforte, lasciandoci dei veri e propri capolavori.

ANNO 1519
____ MESSICO - Da Portorico gli Spagnoli che si erano
precipitati massa nella zona, per circa venti anni avevano
perlustrato tutta la zona del Mar dei Caraibi. In particolare nel
1517 Francisco Fernandez de Cordoba, partendo da Cuba
navigando sulla costa interna fino all'attuale Havana, non fece
molto fatica a scoprire di fronte la penisola dello Yucatan; era
abitata da un gruppo della antica civiltà Maia, residuo di un

Pagina 266 di 835


più folto gruppo che due secoli prima l'avevano abbandonata
per andare a fondare all'interno del golfo la civiltà Azteca.
Cordoba fu il primo essere vivente che vide tracce di quel
popolo, e fu il primo a scoprire anche presso di loro un po' di
oro (quello che un po' tutti cercavano) e a riportarlo a Cuba,
confermando così che in quei luoghi doveva esserci tanto altro
oro e, forse da notizie raccolte dagli indigeni, all'interno
dovevano esistere grandi città, o meglio un favoloso impero.
Non si sbagliava, perchè in Messico gli Atzechi erano in quel
periodo circa 5 milioni, l'impero piuttosto fiorente, e sul trono
c'era un re, Montezuma II (1466-1520).

____ MAYA E TOLTECHI - Le prime forme di vita civile si ebbero


nel Messico circa 8000 anni fa. Queste popolazioni quasi
certamente vennero dall' Asia attraverso lo stretto di Bering,
poi andarono a sud fino a raggiungere le Ande. Tra il III ed il
XV secolo i Maya espressero il meglio della loro civilta', che
ebbe come centro di diffusione lo Yucatàn e il messico
meridionale. Tocco' poi ai Toltechi sopraffare i Maya e
coglierne l'eredita' culturale e spirituale che poi trasmisero a
loro volta agli Aztechi, i quali si affermarono tra il XIV ed il XVI
secolo d.c., fino alla conquista spagnola.
Attualmente, nelle enormi caverne Lultun, nello Yucatàn,
ancora non completamente esplorate, vi sono statue colossali
di pietra calcarea, di eta' antichissima, che non hanno alcun
rapporto con gli schemi culturali delle civilta' indoamericane.
Oggi si trovano a parecchie centinaia di metri sotto il livello
del mare, ma, come dimostra la fauna oceanica incastrata tra
le pieghe di queste statue, sono state scolpite sopra l'acqua.

____ AZTECHI - Intorno alla prima meta' del XIV secolo gli
Aztechi si stabilirono su un'isola del lago Tezcoco, fondandovi
la capitale Tenochtilan a piu' di 2000 metri di altezza. La
creazione di opere esclusivamente religiose soffoco' ogni altra
ispirazione e interesse: l'unica scienza veramente
approfondita era l'astronomia, in quanto studio degli déi
celesti. Nell'agricoltura la tecnica era molto primitiva. Ma
questo stesso popolo che non conosceva la ruota, praticava
l'irrigazione artificiale, concimava con cenere vegetale, sapeva
tingere i tessuti e tagliare benissimo pietre preziose (il cui uso
era sacro) come la giada e il turchese.
La maggior parte delle feste e delle cerimonie religiose era
regolata da un calendario diviso in 18 mesi di 20 giorni
ciascuno, piu' 5 giorni detti "senza nome" che, essendo
considerti funesti, non erano contrassegnati da nessuna

Pagina 267 di 835


festivita' (l'anno era comunque composto da 365 giorni).
Il nome degli Aztechi significa popolo di Az. Del resto, quando
gli spagnoli invasero il Messico, gli aztechi stessi dissero loro
che provenivano da un terra nel mare chiamata Aztlan. Per
molti secoli i Maya, i Toltechi e gli Aztechi, come altri gruppi
dell' america centrale, e come i Chibcha, gli Aymara (gli eredi
degli Incas assieme agli Quechua) e i Quechua del sud
america, avevano serbato leggende di misteriosi stranieri
bianchi venuti dall'Est che erano stati per loro maestri di arte
e di civilta', e che se ne erano poi andati promettendo di
ritornare.
Quetzalcoatl (nella lingua precolombiana quetzal: uccello e
coatl: serpente), il dio barbuto degli Aztechi e dei loro
predecessori, i toltechi, secondo le leggende era salpato verso
le sue terre nei mari d'oriente dopo aver fondato la civilta'
tolteca. Inoltre, aveva detto che sarebbe tornato per
governare ancora quella terra. Secondo la tradizione egli
giunse dal mare per insegnare agli uomini l'uso del fuoco, la
costruzione delle abitazioni, e tutte quelle conoscenze
necessarie alla creazione di una vita civilizzata. A differenza di
molte altre divinita' non era un essere antropomorfo ma ci
viene descritto come un uomo bianco, alto robusto, una fronte
ampia e una folta barba.
Questo stesso Quetzalcoatl, "il serpente piumato" era adorato
dai Maya con il nome di Kukulkan, per altri popoli
centroamericani il suo nome era di volta in volta Gucumatz,
Itzamana oppure Votan. Ma anche il Sud America aveva avuto
il suo fondatore di civilta' e cosi' sulle Ande era approdato
Viracocha ("Spuma del mare"), la cui descrizione fisica é la
stessa di Quetzalcoatl.

A puntare le mire su questo territorio fu il governatore


spagnolo di Cuba Diego de Velasques. Trovò l'uomo che faceva
al suo caso in Hernan Cortes, allestì nella primavera del 1519
una piccola flotta, vi caricò sopra circa 600 uomini, dieci
cannoni e diciassette cavalli (i primi cavalli che sbarcarono nel
nuovo mondo) e li mandò a scoprire ciò che si sapeva che c'era
ma non era stato ancora scoperto. Cortes, quando sbarcò su
un isola dello Yucatan, liberò un suo connazionale che vi era
stato fatto prigioniero 6 anni prima: Padre Jeronimo d'Augilar,
che in quegli anni stando in mezzo a loro aveva imparato il
linguaggio maya, e ovviamente conosceva tutta la storia della
civiltà antica e quella che gli era succeduta - gli Atzechi - che
ora dominavano in Messico. Il prete fu di grande aiuto a

Pagina 268 di 835


Cortez, che il 22 aprile 1519 sbarcava in Messico e
conquistava la "Ricca città della vera croce" (Villa Rica de la
Veracruz - ancora oggi il più grande porto del Messico). Da
questa città Cortez cominciò presto la sua marcia all'interno.
Si dice che a un cero punto da un'altura (alcuni affermano le
pendici del Popocatepetl) Cortes vide il gran lago in mezzo al
quale era costruita la città lagunare di Messico. La sua
emozione fu pari a quella del re Montezuma nel veder arrivare
dei bianchi con quegli strani quadrupedi e ordigni
lampeggianti e tonanti. Memore di un antica leggenda degli
Atzechi usurpatori che narrava che un giorno sarebbe tornato
il dio dei Toltechi a riprendersi il regno, Montezuma non
sentendosi sicuro tentò di indurre ad allontanarsi quegli
uomini con ricchi doni, con oro e pietre preziose. Ma nel farlo
commise l'errore più grande: ora Cortez nel riceverli aveva la
certezza di trovarsi in una terra piena di tesori. Nel frattempo
a Cuba il governatore Velasquez geloso dei successi e delle
ricchezze che Cortez stava accumulando, inviò un esercito nel
Messico per farlo imprigionare. Ma fu anche questo un altro
errore; Cortez era divenuto così potente che i soldati che
avrebbero dovuto sottometterlo si unirono a lui. Iniziarono
altre scorrerie per procurarsi tesori, ci furono rivolte degli
Atzechi, Cortez non andò molto per il sottile; anche senza
tante cognizioni tattiche e strategiche, con le armi, i cavalli e i
cannoni iniziò lo sterminio, uccise Montezuma, assoggettò
tutto il Paese. Il 15 ottobre 1522 Carlo V nominò Cortez
governatore della "Nuova Spagna". Della civiltà Atzeca non
rimase più nulla; solo qualche imponente monumento in
pietra. Per quattro secoli, di fronte a questo genocidio e alla
totale distruzione di una cultura, si disse che "dopo tutto il
Messico non era Cristiano".

ANNO 1523
____ CIRCUMNAVOGAZIONE DELLA TERRA - Erano passati
appena trenta anni da primo viaggio di Colombo, e già tutte le
nazioni europee facevano a gara per conquistarsi un pezzo del
Nuovo Mondo, tutti in cerca dell'"El dorado". Spagnoli,
Portoghesi, Inglesi, Francesi, Tedeschi solcavano l'oceano
verso il Nuovo Mondo, chi a sud chi a nord in cerca di nuove
terre, che sembravano non finissero mai. Ma il problema più
grosso non era stato ancora risolto: restava quello di portare
ad effetto il congiungimento delle due vie con la
circumnavigazione del continente americano e con ciò della
Terra stessa. Ma il passaggio tra l'Atlantico e il Pacifico non

Pagina 269 di 835


era stato trovato. Oppure forse dopo Vespucci (che aveva
quasi raggiunto la punta estrema meridionale) qualcuno
sapeva ma lo tenne nascosto. Anche in certi ambienti in
Portogallo sapevano. Qui il banale diverbio di un ufficiale
orgoglioso ma valoroso e pieno d'ingegno fu la causa della
sciocca perdita dell'uomo adatto a quell'impresa. L'ufficiale
era il portoghese Ferdinando Magellano, che nel settembre
1517 lasciò il Portogallo alla chetichella e si recò in Spagna a
Siviglia. Propose l'ardito progetto, lo ascoltarono tutti
interessati, l'anno dopo Carlo V conferì a Magellano pieni
poteri straordinari per portare a termine lil suo ardito piano
che se fosse riuscito avrebbe vibrato un colpo mortale ai
Portoghesi (come poi doveva avvenire).
Dopo aver allestita una flotta di cinque piccole navi con 262
marinai, il 20 settembre Magellano salpava da Guadalquivir.
Fra bufere, ammmunitamenti, e impedimenti vari, giunse
finalmente alla punta estrema dell'America del Sud, solitaria,
senza abitanti, con le alture di una terra ancora sconosciuta a
sud che fino a notte tarda rilucevano nella notte come dei
fuochi, e che per questo fenomeno gli diede il nome "Terra del
Fuego", la Terra del Fuoco. Per cinque settimane dovette
lottare non solo contro le tempeste ma con gli ammutinamenti
della ciurma. Poi quasi a tentoni cercò il passaggio (che porta
oggi il suo nome), fin quando un marinaio che era andato in
perlustrazione (in mezzo a quelle isole che formano la Terra
del Fuoco), tornando disse che a ovest aveva visto il mare
aperto. Ripresero la navigazione il 28 novembre, entrando in
un mare così calmo e così grande che lo chiamarono Oceano
Pacifico. La fortuna volle - cosa insolita per l'infido Pacifico -
che lo percorsero interamente fino alla Filiipine, senza
incontrare una tempesta. Vi giunsero stremati dopo 99 giorni.
Ospiti però non graditi dai locali che in una scaramuccia per
non farsi sottomettere ferirono mortalmente lo stesso
Magellano. L'impresa fu poi portata a termine da un unica
nave capitanata da Juan Sebastian de Elcano, che il 7
settembre del 1522 fece ritorno in Spagna. La
circumnavigazione dopo tre anni era un fatto compiuto. Il
vicentino Antonio Pigafetta che partecipò all'intero viaggio, ci
ha lasciato una delle più interessanti relazioni, del più strano
e drammatico viaggio marittimo di tutti i tempi.

ANNO 1531
____ PERU' - Ciò che era accaduto in Messico, accadde anche
nell'odierno Perù. Lungo la catena montuosa delle Ande viveva

Pagina 270 di 835


una popolazione di 7 milioni di persone, governate da re
Atahualpa, a capo dell'impero. Lo Stato degli Incas
manifestava in tutto una fiorente civiltà, ma anche qui gli
Spagnoli si scatenarono. Francisco Pizarro aveva ottenuto
personalmente da Carlo V il permesso della spedizione. Sbarcò
sulle coste peruviane nel 1532 con 180 uomini, ventisette
cannoni e due cavalli. Il macello cominciò subito e continuò nei
tre anni successivi; essi appartengono agli anni più ripugnanti
di tutta la storia della conquista del Nuovo Mondo da parte del
civilizzato Vecchio Mondo. Ma come accade spesso, le belve si
sbranano a vicenda; un congiura guidata dallo stesso figlio di
Pizarro mandò all'Altro Mondo il "conquistatores". Purtroppo
dei troppi fiduciosi incas ne rimassero pochissimi, furono
sopraffatti da una combinazione di forza e di slealtà.

____ INCAS - Verso il 1400 d.C. la popolazione andina dei


Quechua fece il suo ingresso in Peru', stanziandosi nella
vallata di Cuzco e via via estendendo la propria sovranita',
arrivando ad occupare la zona di Nazca. I Quechua, "popolo
della valle calda", furono chiamati Incas dagli europei, ma in
realtà con questo termine venivano indicati solamente i
sovrani. Il loro dominio pero' duro' poco: nel 1532 Francesco
Pizzarro arrivo' a Cuzco. Gli spagnoli non salvarono niente
dell'ingente patrimonio artistico: fusero tutto per fabbricare
lingotti. Gli Incas adoravano il Sole: il loro fondatore Manco
Capac (XI secolo d.C.) secondo la leggenda era l'unico
superstite dei quattro figli del sole usciti dalla grotta
dell'aurora e diretti verso i quattro punti cardinali. Mama Oclo
e il fratello Manco Capac venivano dall'est. Loro padre, Inti, il
dio Sole, li aveva spediti sulla terra, secondo la leggenda,
impietositosi dello stato miserevole in cui si trovavano gli
uomini. Cosi' fondarono Cuzco (oggi Tahuantinsuyo). Gli Incas
adoravano inoltre Viracocha ("spuma del mare"), dio bianco e
antico signore istruttore del mondo. Egli é il creatore della
Terra, del Sole, della Luna e di tutti gli altri esseri viventi. La
sua descrizione fisica é molto simile a quella del dio azteco
Quetzalcoatl e alla Oannes Babilonese, ma nessun tempio é
stato mai innalzato dagli Incas a Viracocha, ed il suo culto é
poco diffuso. Secondo la teologia Inca la creazione del mondo
é divisa in cinque fasi. La prima era durata 800 anni ed é
molto simile all'eta' dell'oro della mitologia classica. La
seconda eta' era durata mille e trecento anni e durante questa
fase gli uomini vivevano in abitazioni simili a fornaci e si
coprivano con pelli di animali. La terza era durata 1132 anni.
Durante questo periodo gli uomini si moltiplicarono,

Pagina 271 di 835


costruirono case di pietra con il tetto di paglia e formarono
popolazioni governate dai re e dalle leggi, e difese da
guerrieri. A questa era e all'eccessivo aumento demografico
della popolazione terrestre vi pose fine una terribile epidemia.
La quarta eta' ebbe una durata di 1100 anni e fu caratterizzata
da periodi di espansione e di conquista, conclusi da periodi di
pace e di prosperita', durante i quali gli Inca svilupparono la
coltivazione di mais e di patate. La quinta eta' era ancora in
corso al momento dell'invasione spagnola.

ANNO 1540
____ PISTOLA - Fra le varie etimologie, la più verosimile è
quella che accenna al latino "Pistoria" Pistoia, dove si
fabbricavano armi come desumesi anche dalle voci "Pistolese"
o "Pistoria" (e sembra che all'origine fosse il nome di un'arma
da taglio e solo poi passasse all'attuale significato, quando un
armaiolo di questa città Camillo Vettelli costruì quest'arma
con un meccanismo di accensione a ruota.
Nel 1682, un certo Beretta, in Valtrompia, fonda la prima
fabbrica di armi da fuoco, compresa un arma non più chiamata
pistola ma...
____ RIVOLTELLA ... il cui nome proviene da "revoltar". Armi
usate in quasi tutte le 3130 guerre avvenute nel mondo in
questi ultimi 320 anni . Una fabbrica sempre attiva! La sua
crisi è la pace ! Altrettanto strumento di morte la
successiva ...
____ COLT detta anche...
____ REVOLVER - In nome è quello inglese di "revoltar". Una
pistola automatica brevettata dallo statunitense Samuel Colt,
nel 1835, a tamburo rotante che spara sei proiettili a
ripetizione. Visto il grande successo, fondò nel 1852 una
propria fabbrica d'armi. La pistola a sei colpi era del resto un
mezzo maneggevole soprattutto per il "tiro a segno" sugli
indiani locali (che sistematicamente iniziarono proprio in
quegli anni). Uno sport che iniziò a coltivare Buffalo Bill, tutti i
giorni, fin dalle prime luci dell'alba, mentre gli indiani erano
ancora a dormire nelle loro capanne. Colt battezzerrà i suoi
due primi modelli The peacemaker (Il paciere) e The great
equalizer ("Il grande livellatore"). Due nomi molto significativi
per i successivi programmi; e forse per pudore le chiameranno
solo più "Colt"; ma la funzione rimase legata al secondo nome.

ANNO 1541

Pagina 272 di 835


____ MISSISSIPI - Dopo la conquista del Messico, Cortes
s'inoltrò anche all'interno di questa regione, a settentrione,
scoprendo la penisola della Bassa California. Tornato in patria
(dove poi morì in povertà nel 1547), Re Carlo V nel 1539 diede
l'incarico a Hernando de Soto di sbarcare in Florida per
colonizzarla in nome della Spagna. Giunto sul posto dopo aver
assoggettate questa contrada, l'esploratore si spinse anche in
oriente e nel 1541 scopriva il grande fiume Mississipì. Ma
anche lui fu sfortunato, morì l'anno dopo sulle sue rive.

ANNO 1542
___ RIO DELLE AMAZZONI - Mentre Cortez cadeva in disgrazia
nel Nord America rimpiazzato da de Soto (ma pure lui ci lasciò
la vita); nell'America del Sud all'altro "conquistadores"
Pissarro non gli capitava di meglio rimase ucciso in una
congiura capitanata da suo figlio Gonzalo. Che a sua volta fu
ucciso da un altra congiura dopo aver ucciso il governatore ed
essersi ribellato al suo successore Pedro de Gasca un prete
insediato da Carlo V. Quest'ultimo mise pace nelle discorsie,
scegliendo la strada più sbrigativa, benedicendo i seguaci di
Gonzalo e lo stesso Gonzalo non prima di avergli data la pace
eterna al cimitereìo. Prese il posto di Gonzalo un suo aiutante
- Francisco de Orellana, assieme al monaco Carvajal. Dal Perù
vollero esplorare al di là della catena della Cordigliera.
S'imbatterono nelle sorgenti di un fiume (il Napo) e convinto
che navigandolo sarebbe sbucato nell'Atlantico, con delle
fragili canoe iniziarono l'avventura. Ad un certo punto il Napo
sbucò su un altro fiume imponente come una mare. Dovettero
fermarsi costruire delle nuove più resistenti imbarcazione per
poi riprendere il viaggio. Il fiume navigandolo per settimane,
mesi, e per l'intero anno, non finiva mai, ma diventava sempre
più enorme come portata d'acqua. Gli ci vollero 15 mesi per
percorrerlo fino alla foce. Nella traversata avevano incontrato
delle tribù che sembravano guidate da donne, per questo
motivo riallacciandosi all'antica leggenda greca, il fiume venne
chiamato Rio delle Amazzoni.

ANNO 1543
____ SISTEMA ELIOCENTRICO - Esce "De revolutionibus Orbium
Coelestium", dell'astronomo Niccolò Copernico che introduce
la concezione eliocentrica del sistema solare, ossia vi sostiene
che è il Sole e non la Terra, al centro dell'universo,
rovesciando completamente la concezione tolemaica. Questa
Pagina 273 di 835
ipotesi incontrò l'indifferenza della scienza ufficiale anche se
alcuni pensatori, come Giordano Bruno e Galileo Galilei, la
fecere subito loro e la divulgarono. Nel 1615 a causa delle
questioni sorte con Galileo, la teoria venne ufficialmente
condannata dall'Inquisizione e il libro messo all'indice.

____ NUOVA ANATOMIA - Nello stesso anno, da una nuova


conoscenza del Cielo si passa a una nuova conoscenza dell'
Uomo. (alcuni da questo fatidico anno, fanno iniziare la
rivoluzione scientifica). Esce "De corportis humani fabrica" (La
struttura del corpo umano) dell'anatomista fiammingo (con
studi a Padova) Andrea Vesalio (1514-1564). Il libro uscito con
la tecnica della stampa riproduceva accurate illustrazioni di
elementi anatomici ( vedi "anatomia rudimentale" anno 520
a.C. - vedi "anatomia moderna" anno 280 a.C. - e vedi
biografia di Andrea Vesalio )

ANNO 1551
____ TAVOLE PLANETARIE - Il matematico tedesco Erasmus
Reinhold pubblica "Tabular Prutenicae". Passando in rassegna
l'enorme lavoro matematico di Copernico che aveva sì con la
sua teoria indicato i moti planetarie ma non era riuscito a
produrre le tavole necessarie.

ANNO 1552
____ TROMBA D'EUSTACHIO - Parallelo agli studi anatomici
condotti da Vesalio, proseguendo le ricerche in questo campo,
l'anatomista italiano Bartolomeo Eustachio nove anni dopo il
trattato di anatomia di Vesalio, pubblica un libro in cui
descrive con precisione lo stretto tubo che collega l'orecchio
alla gola, che appunto prende il nome "tromba d'Eustachio".

ANNO 1553
____ PASSAGGIO A NORD EST - La corsa per un passaggio verso
l'estremo oriente era da circa sessant'anni una corsa delle
grandi potenze, scese tutte in campo. Il Portogallo aveva
scoperto alla punta estrema dell'Africa il passaggio a sud-est
con Vasco de Gama; la Spagna in sudamerica il passaggio a
sud-ovest con Magellano; impegnati a cercare un passaggio a
nord-ovest i Francesi con Verrazzano che nel 1524 aveva
esplorato buona parte della costa orientale del Nordamerica
ma poi non andò oltre. Altra esplorazione francese con
Pagina 274 di 835
Jacques Cartier che navigando all'interno tra il Labrador e
Terranova (oggi stretto di Belle Isle) era convinto che quel
mare portasse al Pacifico, mentre altro non era che l''attuale
golfo dove sbocca il fiume San Lorenzo; cioè appena all'inizio
di quel grande territorio che è l'attuale Canadà. La Francia
anch'essa era convinta di aver scoperto una nuova terra, ed
infatti continuando poi la sua colonizzazione ed espansione
tramite la Compagnia della Nuova Francia, la rivendicò per
oltre due secoli. Non si diedero però per vinti gli inglesi; dopo
vari tentativi nel 1553 tentarono un passaggio per le indie
navigando non a nord-ovest, ma a nord-est. La nave
capitanata da Richard Chancellor attraverso il Mar Bianco
riuscì ad approdare sulle coste dell'impero di Ivan IV di Russia.
Fu l'inizio di un sodalizio commerciale fra russi e inglesi.

ANNO 1556
____ MINERALOGIA - Si comincia a parlare di questa scienza
dopo la pubblicazione postuma di "De Re metallica" (le cose
metalliche) scritto da George Bauer (1494-1555 - meglio noto
con il nome Giorgio Agricola). Vi si riepiloga tutto il sapere
pratico dei minatori tedeschi, è illustrato con molte tavole con
macchinari per l'estrazione mineraria, vi sono esposti
attentamente i vari procedimenti, compresi quegli studi di
alcuni farmaci di derivazione minerale. Fu insomma il primo
libro importante sui minerali, ecco perchè lo si considera come
base della scienza della "mineralogia".

____ TABACCO - E' l'anno in cui giungono dal Nuovo Mondo in


Spagna le prime piantine di tabacco. Inizialmente il tabacco fu
usato come medicinale e venduto solo in farmacie per alcune
sue proprietà farmacologiche. Ma quattro anni dopo è
l'ambasciatore in Portogallo Jean Nicot a inviare alcuni semi in
Francia e a far conoscere al suo paese e non solo al suo paese
le proprietà del tabacco. Lui a scoprire la sostanza che porta il
suo nome "Nicotina". (per altre notizie vedi anno 1586 -
"nicotina" - "pipa" - "sigarette" )

ANNO 1560
____ ASSOCIAZIONI SCIENTIFICHE - Molti scienziati che in
questo primo mezzo secolo avevano visto stravolgere tante
verità pseudo- scientifiche, si erano resi conto che lo scambio
delle informazioni non potevano circolare solo più
casualmente e verbalmente e spesso solo tramite incontri
Pagina 275 di 835
fortuiti. C'era a disposizione la stampa da oltre mezzo secolo,
il mondo era diventato grande più del doppio, tutte le
comunità scientifiche premevano per avere informazioni. Nel
1560 fu un fisico italiano - Giambattista della Porta (1535-
1615) a prendere l'iniziativa per costituire una "Associazione
scientifica" destinata a uno scambio di idee, fondò
l'"Academia Secretorum Naturae" (Accademia dei misteri della
natura"). Purtroppo in questi stessi anni vi erano
stravolgimenti, non solo nella scienza ma anche nel campo
religioso. Riforma e Controriforma tennero banco, con le
conseguenze che tutti sappiamo. Nei Paesi latini l'inquisizione
iniziò la sua opera, che era poi quella di essere intollerante a
qualsiasi forma di conoscenze. L'"Accademia" fu chiusa. Ma
ormai il seme era stato gettato, e ben presto audaci scienziati
(ma molti finirono sul rogo o seppelliti vivi nelle galere)
formarono altre accademie, altre società scientifiche e furono
queste a dare origine a quella grandiosa "comunità scientifica"
e che iniziò a segnare tutti i progressi di una nuova umanità.

ANNO 1565
____ MOSCHETTO - L'archibugio di cui abbiamo accennato
nell'anno 1450 (vedi) nell'arco di 150 anni si era molto
perfezionato. Le nuove armi sparavano ormai pallottole che
penetravano nelle armature e queste - che fra l'altro erano
piuttosto pesanti- iniziarono a non essere nemmeno più
indossate e nemmeno più fabbricate. Questi nuovi archibugi
cominciarono a chiamarsi "moschetti", forse perchè la
pallottola sfrecciando produceva lo stesso ronzio di una mosca
(l'etimo originale è appunto il francese "mosquet" e ancora più
eloquente il francese antico "mouschete"). Erano anche queste
armi ancora rudimentali, erano difficili da maneggiare, non
facili a caricarsi, ma erano già armi micidiali che continuarono
a perfezionarsi e rimasero - con il successivo "fucile" (vedi
anno 1650) per quasi due secoli le principali armi portatili
usate dai soldati di tutti gli eserciti.

____ MATITA - Un certo Gesner descrive per la prima volta una


matita, formata da un cilindro di legno con una mina di grafite
all'interno. Ma una vera e propria produzione industriale e
quindi la diffusione inizia nel 1795. Un francese - Nicholas
Contè - e contemporaneamente un austriaco - Joseph
Hardmuth, ebbero l'idea di produrla in serie.

ANNO 1568
Pagina 276 di 835
____ PLANISFERO TERRESTRE (vedi sotto)
____ ATLANTE - (vedi sotto)
____ PLANISFERO MERCATORE - Intorno a questa data si erano
apprese le conoscenze geografiche di settanta anni di
esplorazioni, e mentre queste cognizioni erano diventate nella
pratica patrimonio dei Paesi che avevano finanziato i viaggi, le
carte geografiche esistenti erano rimaste antiche, perchè
fatte su conoscenze empiriche, non rappresentavano più il
mondo in generale qual'era, troppi gli errori. Inoltre anche con
la buona volontà dei cosmografi, vi era la difficoltà di
rappresentare una superficie sferica su una superficie piana,
perchè se veniva fatta con il vecchio sistema tolemaico si
incorreva in notevoli distorsioni. Come abbiamo visto nei
precedenti anni, non sempre i grandi navigatori sapevano
esattamente dove si trovavano, nè avevano carte precise per
raggiungere più facilmente le loro destinazioni. Un grande
navigatore arabo che aveva fatto numerosi viaggi nell'oceano
Indiano dall'Arabia fino a Canton, affrontando i terribili
monsoni, quando gli chiedevano come faceva a trovare la
rotta soleva dire "la rotta la so, la so e basta!".
Dopo tredici secoli questo problema fu risolto dal geografo
tedesco Gerhard Kremer (meglio conosciuto col nome di
Gerardo Mercatore - 1512-1594). Grande riformatore della
cartografia, adottò per primo procedimenti scientifici-
matematici al posto di quelli empirici fino allora usati. Nel
grande mappamondo in 18 fogli del 1568 applicò la proiezione
cilindrica isogena a latitudini crescenti; la cosiddetta
"proiezione di Mercatore". Partendo da queste carte, con altri
numerosi viaggi di esplorazione la cartografia iniziò a
riportare sempre più dettagliatamente le contrade dei vari
continenti nella giusta distanza senza incorrere in distorsioni.
Nel suo primo libro di carte, Mercatore aveva messo in
copertina l'immagine di Atlante, il mitologico titano greco, che
sorreggeva il mondo sulle spalle. Di conseguenza tutti i
successivi libri di carte, sono stati chiamati "Atlanti".
Tutti i miglioramenti di questa nuova rappresentazione del
mondo, furono poi realizzati dalle numerose spedizioni
geografiche nei vari luoghi della Terra. Ma diventando sempre
più conoscenze di carattere strategico a partire dal XVIII
secolo la rilevazione topografica passò esclusivamente in
mano agli ingegneri militari. Quando poi all'inizio del
Nocevento iniziarono ad essere utilizzati gli aeroplani, speciali
velivoli sempre militari, con la tecnica fotografica
cominciarono a produrre carte geografiche sempre più
accurate (il pilota italiano Piazza insieme al pilota Gavotti il 23

Pagina 277 di 835


febbraio 1912, furono i primi a realizzare le prime fotografie
aeree della storia, fissando al velivolo delle comuni macchine
da ripresa). La tecnica della ripresa si perfezionò nei
successivi anni (soprattutto durante la Seconda guerra
mondiale) realizzando macchine fotografiche speciali, che per
evitare la distorsione fotografavano il sottostante territorio da
una stretta fessura in sincronia con la pellicola che avanzava
alla stessa velocità di crociera dell'aereo.
Nulla a confronto delle successive rilevazioni fotografiche
effettuate poi con l'avvento dei satelliti artificiali a varie
altezze, che oggi riescono ad ottenere con precisione dettagli
di qualsiasi territorio del globo con un'approssimazione di
uno-due metri.

ANNO 1572
____ STELLE SUPERNOVE - Quando nel novembre del 1572
comparve in cielo una grande stella, più luminosa di Venere,
un giovane astronomo danese - Tyco Brahe (detto Ticone -
1546-1601) - la osservò per 485 giorni. Fenomeni del genere
non erano comuni. Qualcosa del genere era stato osservato
nel 1054 ma non si era andati molto al di là di un bizzarro
fenomeno celeste, anche perchè allora tutto il creato doveva
apparire immutabile, quindi era inutile indagare o fare
azzardate supposizioni. Ticone invece la fece, e quando la vide
sparire in cielo nel marzo del 1574, dopo aver fatto le sue
ripetute osservazioni, pubblicò un libretto osando un titolo
non certo comune "De nova stella" (La nuova stella). Ma
dov'era poi finita? I telescopi non esistevano ancora. Le
conoscenze dell'universo erano ancora quelle dell'antichità.
Tuttavia la stella era apparsa, e l'autore della insolita ipotesi
ebbe anche una certa fama. E da allora ogni nuovo oggetto
celeste apparso in cielo si chiamerà "stella novae", stella
nuova. Noi oggi invece sappiamo che più che nuova è sì una
stella, ma una stella vecchia che all'improvviso aumenta di
miliardi di volte la propria luminosità distruggendosi in una
esplosione che produce un resto gassoso in espansione e forse
una "stella di neutroni" (o un "buco nero"). (prosegui con il
paragrafo sottostante - "comete".)

____ COMETE - Ticone dopo aver avuto la fortuna di vedere la


"novae", che lo fece diventare il più famoso astronomo
d'Europa, nel 1577 ebbe anche la fortuna di vedere apparire in
cielo una cometa molto luminosa. La studiò come aveva fatto
con la stella, seguendola ogni giorno, osservandola sempre

Pagina 278 di 835


attentamente. Il sovrano danese non gli lesinò gli aiuti per
allestire un vero e proprio osservatorio astronomico all'isola di
Hven, dove Ticone vi si installò con tutti i migliori strumenti
che vi erano in giro. Gli antichi astronomi greci da sempre
avevano affermato che le comete erano fenomeni temporanei
atmosferici, e tale tesi (così come per la "novae") nel '500 era
ancora sostenuta. Come aveva fatto per la stella, anche per la
cometa cercò in tutti i modi la parallasse. Nulla. Dunque -
sostenne - la cometa era un oggetto minore del sistema
solare, con una sua propria orbita; ed era anche certo che si
trovasse a una distanza di gran lunga maggiore di quella della
Luna. Gli altri non se ne resero conto, ma Ticone - prima con la
stella poi con la cometa - aveva inferto un grave colpo alla
vecchia astronomia, non solo a quella greca ma anche a quella
a lui contemporanea. - Ticone quando morì nel 1601, lasciò un
degno erede, un giovane astronomo tedesco che l'aveva
assistito nei suoi ultimi anni: Giovanni Keplero. (vedi "orbite
planetarie" anno 1609)

ANNO 1578
____ PREFABBRICATI - L'idea di allestire in appositi luoghi di
produzione elementi di una casa per poi farne il montaggio nel
luogo preferito dal cliente venne a un Olandese nel 1578; ed
esiste ancora: la "Casa Nonesuch". Le tipiche case olandesi -
che utilizzavano molto il legno - favorirono questo tipo di
abitazione e non ebbe seguito in altri luoghi dove le
costruzioni in muratura erano la norma. Salvo l'allestimento di
alcuni chalet, prodotti nelle valli altoatesine a partire dagli
anni 1930, la vera e propria introduzione del prefabbricato
avviene negli anni del dopoguerra, quando ormai il cemento
precompresso e la metallurgia ha permesso ad alcune
industrie di produrre i vari elementi (dai pilastri in ferro alle
pareti) standardizzati che si assemblano in seguito per
formare un edificio o qualsiasi altra struttura. Il prefabbricato
comunque non era nuovo, con un termine più appropriato si
chiama ....

____ EDILIZIA MODULARE - Il principio è molto quasi simile a


quello di sopra ed è quello che seguono anche i bambini
quando hanno in mano una scatola di cubi tutti uguali;
realizzano con questi delle simpatiche casette, ponti, strade,
grandi edifici, torri. E se andiamo nel passato gli stessi
architetti Greci, nel realizzare le loro grandi costruzioni a
colonne (es. il Partenone) utilizzavano dei moduli; cioè prima

Pagina 279 di 835


di iniziare l'opera avevano stabilito in anticipo le colonne che
si sarebbero usate nella intera costruzione. Dopo averle
realizzate nelle cave di pietra, gli addetti al trasporto delle
colonne dovevano solo posarle nel punto indicato dal
progettista. Anche gli architetti delle cattedrali gotiche
seguirono in parte la tecnica dell'edilizia modulare. Che
divenne poi diffusissima quando con a disposizione le grandi
acciaierie, la enorme produzione della ghisa permise di
approntare negli stessi stabilimenti moduli in serie, che poi
assemblati nei luoghi prescelti, in brevissimo tempo creavano
un edificio. Proprio con questa tecnica dopo aver costruito in
acciaieria 3.300 colonne e le corrispettive travi maestre, tutte
identiche, nel 1851 a Londra fu costruito il pochi mesi, il
Crystal Palace, un edificio di 563 m di lunghezza e 137 di
larghezza.
Con la stessa tecnica modulare, ma utilizzando travi realizzate
in acciaio, furono poi costruiti tutti i grattacieli di New York e
altre città. Lo stesso Empire State Building di New York, fu
"montato" in poco più di dodici mesi.
All'inizio del '900 vi erano ancora scarsi studi sul cemento; nè
gli architetti lo usarono per le loro costruzioni. L'utilizzo del
cemento più che un'arte era una scienza, nemmeno affidata ai
geometri, ma riservata solo agli ingegneri. E questi
approfondendo gli studi, adottando nuove tecniche, non solo
realizzarono grandi edifici con pilastri portanti in cemento
armato, ma in Italia costruirono col cemento anche i
grattacieli (il Pirelli di Milano); e come le colonne di ghisa che
erano prodotte in acciaeria, anche i pilastri, le solette, le
pareti, iniziarono ad essere prodotti presso i cementifici,
pronti per essere messi in opera. Oggi perfino i ponti con
lunghe campate sono prodotti "in fabbrica", con il cemento
precompresso, sperimentato per la prima volta nel 1928
dall'ingegnere francese Marie Eugene Freyssinet. A dare fama
ai moduli ( e fu lui ad usare per la prima volta il vocabolo
"modulor") fu poi il grande architetto svizzero Le Courbusier,
creando a Marsiglia nel 1952 l'"unità di abitazione". Nel 1967
l'architetto israeliano Moshe Safdie, andò oltre e presentò le
"unità abitative safdie". Il blocco era un intero cubo (con le
dimensioni desiderate) e costituiva una intera stanza o salone,
con tutte le rifiniture interne, porte e finestre già montate a
piacimento. Con la messa in opera di uno o più cubi, messi a
fianco o sovrapposti, si possono creare anche grandi edifici,
montandoli e anche smontandoli per portarli dove più ci piace,
con una semplice gru e un articolato. Una tecnica simile a
quella del bambino accennato all'inizio: una gioco di cubi!

Pagina 280 di 835


____ TERRA DEL FUOCO - (vedi sotto)
____ STRETTO DI DRAKE - Le imprese di Francis Drake - al
servizio di sua maesta Elisabetta I, col nome di "Ammiraglio
della Regina" - appartengono essenzialmente non alla storia
delle esplorazioni ma alla spedizioni guerresche. E' insomma
passato allo storia come il grande razziatore che ha reso
l'inghilterra -all'inizio della sua potenza marittima - grande
servigi alle finanze inglesi (leggi tesori, che Elisabetta fece
sempre finta di non sapere da dove venivano). Più che un
navigatore Drake era un pirata dei mari (anche se uno dei più
notevoli ed interessanti eroi del mare). Pirata lo era
soprattutto nei mari del Nuovo Mondo dove si erano stanziati
gli Spagnoli, con prevalenza nell'America del Sud. Erano soli,
indifesi, quindi facile preda di Drake, che decise di
intraprendere un viaggio verso quelle terre con il solo scopo di
spogliarli delle ricchezze che da Enrico V in poi stavano
rendendo la Spagna una grande potenza.
Fu una vera e propria guerra non dichiarata di Drake agli
Spagnoli. Primo viaggio nel 1572: raggiunse Panama, e
attraverso l'istmo, fu il primo inglese a vedere il Pacifico. Nel
1577, secondo viaggio, più impegnativo: voleva raggiungere
l'America del Sud, scendere ancora più a sud e oltrepassare lo
stretto di Magellano (dal giorno della scoperta sempre rimasto
in mano agli spagnoli). Nell'avventurarsi in quello stretto, una
tempesta lo spinse verso le isole della Terra del Fuoco, che
oltrepassò, navigando in luoghi dove non era mai passato
creatura umana toccando il 60° parallelo dove vi era non solo
il vero e proprio naturale passaggio per l'oceano Pacifico, ma
un poco più a sud iniziava la punta della penisola (oggi Terra
di Graham) del continente antartico che verrà scoperto solo
nel 1823 da Weddel e da Biscoe nel 1832 e altri.
L'"Ammiraglio della Regina" chiamò quello stretto che porta
ancora oggi il suo nome "Passaggio di Drake", entrò nel
Pacifico e costeggiando tutta l'America orientale del sud e
parte dell'America del nord giunse fino alla baia di San
Francisco. Poi si avventurò nell'oceano Pacifico raggiungendo
l'Inghilterra da dove era partito tre anni prima. Drake fu il
primo a circumnavigare il globo di persona. Infatti, lo
sfortunato Magellano nel 1523 era morto ucciso nelle Filippine
senza poter completare il suo viaggio.

ANNO 1581
____ PENDOLO - Abbiamo già accennato agli orologi a pendolo
parlando di vari "orologi" nell'anno 270 a.C. (vedi descrizione)

Pagina 281 di 835


E abbiamo anche accennato di sfuggita a Galileo Galilei. A
scoprire quella che sarà la "legge dell'isocronismo del
pendolo", fu proprio questo ragazzo di Pisa, allora
diciassettenne con una mente già indagatrice. Osservando
l'oscillazione del grande lampadario della cattedrale, notò che
ampio o ridotto che fosse l'arco descritto, il tempo che il
lampadario impiegava per completare la propria oscillazione
avanti e indietro, sembrava sempre lo stesso. Il ragazzo non
aveva un cronometro nel polso, ma ne aveva uno nel polso
stesso, ed infatti sul battito del proprio polso scoprì quello che
nessuno in migliaia di anni aveva mai notato: un'azione fisica
che si ripeteva a un ritmo costante. Tornato a casa realizzò
due pendoli della stessa altezza, a uno diede una spinta forte
all'altro una spinta debole; entrambi continuavano a muoversi
simultaneamente. Il tempo che impiegava uno a descrivere un
ampio arco era identico a quell'altro con un arco più ridotto.
Galileo però non utilizzò la sua scoperta per farne un orologio,
anzi in tutte le altre sue ricerche e fino alla morte
paradossalmente continuò a misurare il tempo con i soliti
orologi ad acqua. A riscoprire le oscillazioni isocrone del
pendolo ( da isos "uguale" e khronos "tempo" - che avviene a
intervalli di uguale periodo) fu settant'anni dopo Christian
Huygens quando nel 1657 costruì il suo primo orologio a
pendolo, che in un baleno si diffuse e seguitò ad essere
l'orologio più preciso nei successivi 300 anni. (vedi anno 270
a.C. alla voce "orologio" )

____ SIBERIA - I Russi dopo il primo contatto con gli inglesi


avvenuto nel 1553, vollero anche loro entrare nella
competizione delle colonizzazioni, spingendosi a Est, nelle
terre fredde. Morto re Ivan IV, salì sul trono la dinastia giusta:
gli Stroganov che erano diventati potenti proprio con il
commercio delle pellicce da quelle quelle zone glaciali che
indubbiamente i loro mercanti conoscevano molto bene.
Incaricarono un cosacco - Yermak Timofievic - che non solo
andò in esplorazione ma si mise a conquistare quelle terre
dove di anime vive cen'erano ben poche. Prima il regno
mongolo a est degli Urali, poi continuò l'esplorazione verso est
dal grande bassopiano, passò all'esteso altopiano; terre
grandi quattro volte la Russia, che aggregò all'impero con
nome "Siber" (Siberia). Fu solo l'inizio di una più estesa
esplorazione che ben presto portarono i Russi fino alla Siberia
orientale, sull'oceano Pacifico e fino all'Alaska, esplorata poi
da Bering nel 1741, poi venduta dai Russi agli Stati Uniti nel
1867. (vedi a proposito anno 1728 "Stretto di Bering" )

Pagina 282 di 835


ANNO 1582
____ CALENDARIO GREGORIANO (vedi spiegazione "Anno
Lunare" nell'Anno 8000 a.C.)

ANNO 1585
____ WATER A SIFONE - L'invenzione dell'antenato del WC,
battezzato Aiax, viene attribuita alla genialità di un inglese -
John Harrington - che fu il primo intorno a questa data a
dotare la tazza igienica di un serbatoio d'acqua corrente da
usarsi a fabbisogno compiuto. Era ancora rudimentale, e
qualche storico afferma - su ammissione dello stesso
Harrington - copiato in Italia. A migliorarlo nel 1775,
mettendoci un sifone fu un matematico inglese - Alexander
Cummings - Il congegno permetteva di mantenere sempre una
certa quantità d'acqua nella vaschetta, poi con un semplice
scatto si svuotava immediatamente il contenuto assolvendo il
compito della pulizia e automaticamente si riempiva per un
successivo uso utilizzando un galleggiante che interrompeva il
flusso una volta ricolmato il serbatoio. Proprio per questo fu
chiamato "water closet" (chiusura dell'acqua). Non lo brevettò,
ne approfittò tre anni dopo un certo Bramah, inventore di una
serratura moderna (la cosiddetta "serratura a pompa").

ANNO 1586
____ FRAZIONI DECIMALI - Dal tempo dei sumeri e degli
egiziani, il calcolo delle frazioni era un problema molto
complesso. Nemmeno i matematici greci, e poi quelli arabi
avevano trovato una soluzione semplice per addizionare,
moltiplicare, dividere i numeri; si era sempre proceduto con i
vari 1/2, 1/4, 3/5, 7/8 ecc. e questo nonostante l'introduzione
dei numeri posizionali. Ancora oggi un matematico farebbe
fatica a fare calcoli con queste frazioni. A risolvere questo
problema in un modo piuttosto semplice fu il matenmatico
olandese Simon Stevin (1548-1620). Alla destra delle colonne
delle unità, dopo aver messo una virgola, usò gli stessi numeri
decimali procedendo con le colonne delle decine, centinaia,
migliaia ecc. Il 2 1/4, sarebbe diventato il 2,25, il 2 7/8 il 2,875.
e così via. Unico neo è che alcune frazioni non finiscono mai;
un es. il 2 1/3 che fornisce un 2,3333333333.... o un semplice
10 diviso 3 che fornisce all'infinito 3,
3333333333333333333...fino all'infinito.

Pagina 283 di 835


____ IDROSTATICA - Lo stesso Stevin l'anno prima fece anche
un'altra scoperta che sta alla base dell'idrostatica. Dimostrò
che la pressione di un liquido su una data superficie dipende
dall'altezza del liquido al di sopra della superficie e dall'area
della superficie, ma non dipende dalla forma del recipiente
contenente il liquido.

____ TABACCO (vedi sotto)


____ NICOTINA - Prima di Raleigh - citato sopra- un monaco -
THEVET - di ritorno dal Brasile nel 1556 aveva portato con sè
in Spagna le prime piantine di tabacco. Inizialmente furono
usate come medicinale e venduto solo in farmacie per alcune
sue proprietà farmacologiche. Jean Nicot un ambasciatore
francese in Portogallo, con la passione della chimica, nel 1560
- per farle coltivare ne aveva inviate in Francia alcune piantine
e nello stesso tempo ne scopriva la principale sostanza
contenuta che prenderà il suo nome: la NICOT-ina. Che è il
principale alcaloide del tabacco, il cui tasso varia dall'1 all'8 %
secondo il tipo di foglie delle specie coltivate, che funge da
eccitante del sistema nervoso vegetativo. Le foglie di tabacco
contengono anche un ammide - la nicotinammide - acido
nicotinico o vitamina PP, che svolge funzioni fondamentali nei
processi ossido-riduttivi, nel metabolismo dell'emoglobina e
delle proteine vegetali. L'acido nicotinico è un acido
monocarbossolico che fu usato nella cura della pellagra per le
sue proprietà vitaminiche. L'assunzione massiccia o
prolungata della nicotina da origine al "nicotismo", una forma
di intossicazione cronica. Inoltre crea dipendenza come molti
altri alcaloidi.
A parte il primo impiego delle foglie di tabacco essicate,
triturate e introdotte nella pipa per essere fumate, un
singolare impiego fu quello di ridurlo in polvere e inalarlo
attraverso le narici del naso. Nel 1656 papa Alessandro VII -
Fabio Chigi (1599-1667) permise la coltivazione di alcune
piantine di tabacco nel ricco Orto Botanico, avviato nel 1278
da Nicolò III, sito in Vaticano, presso l'Orto dei Frati Minori,
che si trovava dietro il convento di San Pietro in Montecitorio.
Introdusse, lui e non la Francia come erroneamente si
riteneva, la tassa sul tabacco: il monopolio fu affidato ai
farmacisti, poichè inizialmente esso veniva usato a scopo
curativo. Ben presto dall'uso si passò all'abuso: i medici si
scagliarono contro il suo consumo denunciando i danni che
poteva arrecare all'organismo. Per questo motivo lo stesso
papa condannò quelli che aspiravano il tabacco in chiesa. Solo
con papa Benedetto XIV, accanito fumatore, la tassa sul

Pagina 284 di 835


tabacco, quindi il monopolio, venne abolita: da quel momento
chiunque poteva coltivarlo e venderlo anche al di fuori dello
Stato Pontificio senza pagare nessuna tassa. La coltivazione
del tabacco non conobbe soste nel resto d'Europa e il modo di
assimilare nicotina fu vario. Nel 1788 in Germania furono
prodotti i primi sigari, mentre nel 1843 in Francia entra in
commercio la prima sigaretta (vedi più avanti)

____ PIPA - Non si hanno elementi per poter dire che prima del
1492 si usasse in Europa la pipa. Ma l'uso di fumare alcune
erbe diseccate dentro una specie di pipa fatta di legno
vegetale (ma anche in terracotta e di bronzo) risale negli
ultimi secoli a.C., con presenze di tali oggetti in Germania,
Francia, Spagna. Quasi due millenni dopo, quando gli europei
sbarcarono nel Nuovo Mondo, gli indios a scopo non solo
rituale ma anche quotidianamente, utilizzavano un arnese
(chiamato in indios "pipa", formato da un piccolo recipiente
dove bruciavano foglie di un tipo di vegetale ricche di
nicotina, completamente sconosciuto in Europa: il tabacco
(che gli indios masticavano pure). Trascorse quasi un secolo,
quando nel 1586-90 l'Inglese Walter Raleigh introdusse in
Europa questi strani recipienti uniti a un bocchino che serviva
per aspirare la combustione nel cosiddetto "fornello" di foglie
di tabacco (tabaco in portoghese, tabaq in indios). La prima
pipa era come quella originale fatta in vegetale, ma più tardi
nel 1690, in Germania si cominciò ad usare un tipo in
porcellana realizzata dall'austriaco Vilarius. Sessant'anni dopo
- nel 1750 in Ungheria si tornò al vegetale utilizzando la
"schiuma" di una dura radice di un legno particolare piuttosto
pregiato: la radica, che però inizia a diffondersi solo a partire
dal 1850.

____ SIGARETTA - La prima fu fabbricata dalla governativa


Manifacture Francaise des Tabacs. Nel frattempo si era
fortemente diffusa la moda di fiutare polvere di tabacco, e i
ricchi e i potenti spesso oltre che possederle avevano il vezzo
di regalare preziose e ultradecorate tabacchiere. Ben presto
annusare e fumare tabacco non fu prerogativa dei ricchi ma si
allargò alle classi popolari. Ci provarono anche le donne a
fumare, prima in privato poi quando una nota duchessa si
mise a fumare anche in pubblico, questa moda cominciò a
scandalizzare. Fino al punto che nel 1908 le autorità di New
York dichiararono reato per le donne fumare in pubblico. Ma
con la prima guerra mondiale, e ancora di più negli anni '30
fumare divenne cosa normalissima. Con la Seconda guerra

Pagina 285 di 835


mondiale nei generi di conforto giornaliero di ogni militare
comparvero anche le sigarette, e quando poi finì nel
dopoguerra ormai metà della popolazione fumava.
Ma l'uso e l'abuso delle sigarette ha poi allarmato tutti i
ministeri della sanità di ogni stato, non solo per l'assunzione
dannosa della nicotina dei "tabagisti" (i fumatori accaniti), ma
per gli effetti collaterali che provocano alcune sostanze che si
sviluppano con la combustione delle sigarette, fra le quali
alcune sostanze cancerogene quali la catramina e molte altre
sostanze dannose ai polmoni e alla salute in generale, come le
bronchiti e altri gravi disturbi dell'apparato respiratorio.
Purtroppo i governi sono accusati di fare ipocriti allarmismi,
perchè alcuni Stati che detengono il monopolio dei tabacchi
ricavano loro stessi una lucrosa "accisia" (una imposta
indiretta) sulla fabbricazione o sulla vendita dei tabacchi.
Inoltre è una filiera quella del tabacco che si calcola produca
nel mondo una occupazione a 50 milioni di persone addette.
Spesso si verifica questo paradosso, che i governi stanziano
grosse cifre per combattere le malattie provocate dal fumo e
nello stesso tempo ne stanziano altrettante per sostenere le
industria e le coltivazioni del tabacco.

ANNO 1588
____ MARTINETTO - E' l'attrezzo impiegato per sollevare oggetti
molto pesanti, il più conosciuto oggi è quello che usiamo un
po' tutti per sollevare l'auto quando occorre sostituire un
pneumatico. Un simile rudimentale attrezzo a vite senza fine
fu inventato da un ingegnere italiano - Ramelli Agostino -
intorno a questa data, quando in una sua opera "Le diverse et
artificiose macchine" illustrò con alcuni disegni questo utile
aggeggio. In precedenza qualcosa di molto simile era già stato
concepito nel 1250 da un architetto francese - Villard de
Honnecourt - anche lui illustrando con uno schizzo su un
manuale per costruzioni edili. Ma il principio sembra fosse
conosciuto anche dai grecie dai romani quando spostavano o
mettevano sui basamenti le imponenti colonne.

ANNO 1589
____ CADUTA DEI CORPI - Fino ai tempi di Galileo si era
creduto, secondo quanto affermava Aristotele, che i corpi che
cadevano si muovessero con velocità costante. Galileo per
primo si rese conto che tale velocità aumentava sempre più
con l'avvicinarsi del corpo alla terra. La tradizione narra che
Pagina 286 di 835
fece cadere simultaneamente due palle dalla torre pendente
di Pisa. Vero o meno che sia questa storia, resta il fatto che
non vi erano allora strumenti adatti a misurare con precisione
i corpi cadenti. Galileo tuttavia superò queste difficoltà
utilizzando dei piani inclinati. Più il piano era pianeggiante,
più le palle si muovevano lentamente, sottoposte
all'attrazione della forza gravitazionale, e più facilmente
poteva essere misurata la loro velocità di caduta. Fu così in
grado di dimostrare che le palle rotolavano lungo il piano con
un'accelerazione costante - ovvero che acquistavano velocità
in un tempo costante, sottoposte a una forza d'attrazione
gravitazionale costante.
Questo risolse un altro importante problema: Aristotele aveva
sostenuto che per mantenere un corpo in movimento, era
necessario che venisse continuamente esercitata una forza.
Cioè per mantenerlo in movimento sarebbe stato necessario
continuare a spingerlo. Per questo motivo con una tesi
piuttosto singolare, si riteneva che i pianeti nel loro eterno
movimento intorno alla Terra dovessero venir spinti
continuamente da angeli. Galileo invece dimostrò che non era
necessaria una spinta costante per mantenere in movimento
un oggetto, se veniva eliminato l'attrito. Se la forza di gravità
esercitava un'attrazione costante, un oggetto si muoveva a
una velocità costantemente maggiore. Di conseguenza non
erano necessari gli angeli per mantenere in movimento i
pianeti. (con queste affermazioni Galileo inizia ad affrontare il
rischio della scomunica da parte della Chiesa, era in grado di
troncare con un atto di autorità ogni discussione scientifica).
C'era poi un altro probelma che consisteva nel fatto che gli
oggetti leggeri sono ostacolati dalla resistenza dell'aria. Fu
piuttosto facile a Galileo dimostrare che finchè le palle erano
sufficientemente pesanti da non essere praticamente
ostacolate dalla resistenza dell'aria, esse rotolavano lungo il
piano inclinato alla stessa velocità.
Enunciò inoltre per primo, in forma moderna, il principio
d'inerzia che egli stesso applicò alla spiegazione del moto dei
proiettili. Tale principio afferma che un corpo, non sottoposto
all'azione di altri corpi, conserva il suo stato di quiete o di
moto rettilineo con velocità costante. Galileo costatò invece
che i proiettili venivano rallentati dall'aria e attirati verso la
Terra.
Più tardi (nel 1657) il fisico inglese Robert Hooke (1635-1701)
realizzando un vuoto in un grosso recipiente, con una pompa
aspirante aria, migliore di quello di Guerike, fece la
dimostrazione che una piuma e una moneta lasciate cadere

Pagina 287 di 835


dall'alto contemporaneamente cadevano alla stessa velocità

____ MACCHINE PER MAGLIERIA - L'invenzione di questa


macchina è piuttosto emblematica e ha due risvolti uno
positivo e uno negativo. Primo: un pastore inglese - William
Lee- osservando le donne a sferruzzare a maglia, si era reso
conto che un lavoro così banale e ripetitivo, che impiegava a
sproposito l'intelligenza umana, poteva essere fatto da un
semplice congegno. Studiò meglio la cosa e, come esisteva il
telaio di tessitura, così realizzò un telaio da calza.
Quello negativo fu invece il primo esempio di un
intervento dall'alto per ostacolare una
tecnologia che avrebbe minacciato il posto di
lavoro di tante persone. Lee nel richiedere il
brevetto fu la stessa regina Elisabetta a non
concederlo temendo che se la macchina si fosse
diffusa, avrebbe lasciato senza lavoro migliaia
di persone che lavoravano ai ferri. L'inventore
emigrò dall'Inghilterra e portò il suo telaio in
Francia dove ottenne successo. Questa storia è
il primo esempio di come una minaccia della
disoccupazione tecnologica possa rallentare il progresso
tecnologico. Ma questo idealismo di un governo umano, non
ebbe poi seguito; proprio in Inghilterra, pochi anni dopo, telai,
filatoi e mille altre macchine, allargando il loro cinico regno,
sconvolsero e travolsero con la loro tecnologia (e in modo
improvviso) l'intero mondo del lavoro, senza tanto
preoccuparsi i nuovi "deus ex machina" di conservare una
certa stabilità all'interno della società. Ed era solo l'inizio! In
seguito la situazione fu anche drammatica. E lo è ancora oggi,
anche se non è più il progresso tecnologico a minacciare
l'interno della società di una nazione, ma è la dislocazione
delle proprie attività produttive in altri Paesi, e per il solo
fatto che sono più renumerative; ma renumerative per pochi,
dimenticando la società in generale. Ci si chiede con quali
denari potranno acquistare i prodotti i cittadini (disoccupati)
di un Paese, se questi prodotti sono fabbricati in un altro
Paese e sono poi importati nel proprio Paese.

ANNO 1590
____ MICROSCOPIO - Erano ormai da circa due secoli che si
trovavano in commercio lenti di buona qualità sia convesse
che concave con le quali si realizzavano gli occhiali da vista.
Vero centro del "vetro ottico" erano i Paesi Bassi. E furono

Pagina 288 di 835


proprio due fratelli olandesi che costruivano
occhiali - Hans e Zacharia Janssen - a mettere
alle due estremità di un tubo due lenti,
scoprendo che ciò che si guardava veniva
ingrandito. Migliorando questa tecnica il tubo fu
maggiormente perfezionato e permise quasi
subito - poi in crescendo - agli scienziati di
scoprire il meraviglioso piccolissimo mondo della biologia.
Nel 1904 la Zeiss mise sul mercato microscopi binoculari e
stereoscopici, che permisero di percepire la terza dimensione.
Nel 1931 nascono i primi microscopi elettronici - inventore il
tedesco Ernst Ruska - capaci di ingrandire 22.000 volte.

Commercializzati dalla Siemens, nel 1936 questi microscopi


permisero di visualizzare i primi virus rivoluzionando così lo
studio della biologia. A rivoluzionare invece lo studio della
fisica, sono nel 1981, due fisici trentenni Heinrich Roher e
Gerd Binnig: realizzano il "microscopio elettronico a tunnel". Si
entra con questo nel mondo della dimensione atomica; infatti
per la prima volta vengono osservati i singoli atomi. I due fisici
nel 1986 riceveranno il premio Nobel

____ CANNOCCHIALE - Passarono soli pochi anni dall'invenzione


del microscopio che permetteva di vedere in grande il mondo
del piccolo, e già nel 1600 gli scienziati ebbero il primo
strumento per vedere in grande anche l'Universo. Jan
Lippershey (1570-1619), figlio di un costruttore di occhiali,
trastullandosi con le lenti, provando e riprovando, quasi per
gioco trovò la giusta distanza dove metterle per costruire con
un tubo il primo "cannocchiale", chiamato "telescopio" dal
termine greco "vedere lontano". (* vedi poi in fondo). Il
ragazzo aveva disposto a una certa distanza una lente
concava e una convessa e le aveva puntate sul campanile della
città; con somma meraviglia il gallo che serviva da banderuola
sul medesimo gli apparve molto ingrandito, vicinissimo. Il
padrone intuita la grande importanza dell'oggetto - che
poteva essere un valido strumento militare, soprattutto per
scoprire navi nemiche lontane - lo proprose al suo sovrano. Ma
lo strumento era così semplice a farsi, che in un baleno una
volta scoperto come mettere a una certa distanza le lenti se
ne diffuse subito la costruzione e l'impiego. La notizia giunse
presto a Galileo il quale, con il prodigioso intuito del suo
genio, pensò subito all'importanza di uno strumento ottico che
rivolto al cielo avrebbe reso grandi scoperte.

Pagina 289 di 835


Si impegnò a costruire nel 1609 un
cannocchiale, apportandovi tutte
quelle modifiche e quei
perfezionamenti che la sua mente gli
dettava, riducendo lo strumento, che
fino allora era considerato come un oggetto di pura curiosità,
ad uno strumento di ricerca scientifica. Ne costruì diversi
applicandovi una serie di lenti speciali. Ingrandivano 20 - 32
volte un oggetto lontano senza alcuna distorsione.
Rivolgendolo al cielo scoprì i mari e le montagne della Luna, le
fasi di Venere, Giove e i suoi quattro satelliti, le macchie
Solari, ed esplorando la Via Lattea con le innumerevoli stelle,
le nuove "visioni" diedero a Galileo la piena conferma delle
nuove idee copernicane e la costituzione reale dell'Universo
che egli come sappiamo con tanto ardore di dimostrazione
sosteneva in "Sidereus Nuncius" (scritta subito dopo il 12
marzo 1610) che inizia a preoccupare la Santa Inquisizione
perchè in definitiva Galileo comincia ad affermare che la Terra
non è l'unico pianeta nel sistema solare copernicano, e che
nell'universo esistono moltissimi altri corpi distinguendo le
stelle dai pianeti (prima confusi con le stelle).
Un ulteriore miglioramento venne fatto poi nel 1661
dall'astronomo inglese James Gregory; invece di guardare
direttamente il cielo con il telescopio, utilizzò un grande
specchio riflettente concavo; guardava questo con oculare,
ingrandendo centinaia di volte l'oggetto che osservava in
cielo. Newton pochi anni dopo - nel 1668 migliorò lo strumento
utilizzando un altro tipo di specchio. I telescopi di questo
periodo non superarono i 400 ingrandimenti. Un secolo più
tardi furono i telescopi costruiti da Guglielmo Herschell nel
1781 a permettere di arrivare ingrandimenti fino a 6000
voltre; che gli permisero al di là di Saturno, di scoprire Urano
e i suoi satelliti. Lo specchio misurava 1,47 m di diametro, il
cilindro lungo 12 metri, il peso di 10 quintali. Ne seguirono
molti altri, anche con 5 metri di diametro. Ma oggi il pù
sofisticato è il...

____ TELESCOPIO SPAZIALE ... posizionato su un orbita


terrestre a 600 km dalla Terra, portatovi da uno Space Shuttle
il 24 aprile 1990. L' "Hubble" così chiamato, è un colosso di 13
metri, pesante 11 tonnellate, con uno specchio di 2,4 di
diametro; che permette di fare osservazioni (ottiche e
nell'ultravioletto) oltre il filtro dell'atmosfera, quindi capace di
individuare oggetti luminosi 40 volte più deboli di quelli
percepiti da un osservatorio terrestre.

Pagina 290 di 835


(*) Sull'idea di disporre le lenti in un certo modo (quindi la
scoperta dell'olandese è piuttosto tardiva) abbiamo un testo
dell'italiano Giovan Battista Porta, il quale nella sua opera
"Magia naturalis" pubblicata nel 1558 (quarant'anni prima
dell'olandese), ch'ebbe una larghissima diffusione, tradotta in
tutte le lingue europee (compreso l'olandese) e perfino in
arabo, scrisse parlando di lenti al Cap. X: "Posto l'occhio nel
centro dietro la lente, vedrai gli oggetti farsi così vicini che ti
sembrerà di toccarli, e potrai riconoscere gli amici lontani...Se
avrai cura di moltiplicare queste lenti, tu potrai distinguere
piccole lettere scritte anche a cento passi....Con lenti di vetro
concavo vedi gli oggetti in lontananza e piccini, ma limpidi;
con quelle convesse li vedi più grandi ma torbidi; se saprai
unire convenientemente insieme le due lenti, vedrai gli
oggetti lontani vicini oltre che ben chiari". Giovan Battista
Porta non fa parola di tubi, ma esprime un concetto che ha
indotto altri a "mettere insieme le giuste lenti"; e uno di
questi fu indubbiamente - e quindi non "a caso" - l'olandese!

ANNO 1592
____ TERMOMETRO - Fino a questa data, il caldo e il freddo non
avevano dei punti di riferimento precisi, non essendoci un
attrezzo per misurarne l'intensità, inoltre era una sensazione
piuttosto soggettiva. A realizzare un simile strumento fu
Galileo Galilei (1564-1642) nel 1592; riscaldò un ampolla vuota
di vetro con all'estremità un tubo con all'interno acqua. Notò
che mentre l'aria calda presente dentro all'ampolla si
raffreddava, essa si contraeva, e l'acqua veniva attirata verso
l'alto all'interno del tubo. Man mano che la temperatura
cambiava e l'aria all'interno dell'ampolla si raffreddava o si
riscaldava, il livello dell'acqua saliva o scendeva di
conseguenza, e dalla posizione del livello, era possibile
dedurre e quindi si poteva realizzare una scala delle
temperature. Galileo aveva così concepito il primo tentativo di
fare un "termometro" anche se l'idea era piuttosto
rudimentale e non teneva conto della pressione dell'aria
esercitata sull'acqua a diversi livelli d'altitudine.

____ PRESSIONE ATMOSFERICA a scoprirla nel 1654 fu Otto von


Guericke (già inventore della pompa d'aria - vedi anno 1645).
La dimostrazione fu pubblica e spettacolare, davanti
all'imperatore Ferdinando III: Geericke unì due emisferi
metallici e asportò l'aria interna; la pressione atmosferica li
teneva uniti assieme così tenacemente, che nemmeno un tiro

Pagina 291 di 835


di cavalli legati alle due estremità riuscivano a separarli; ma
se aggiungeva dell'acqua all'interno senza alcuna trazione
autonomamente le due sfere si separavano. Le due sfere sono
passate alla storia col nome di "Emisferi di Magdeburgo" (vedi
anche anno 1645 "peso dell'aria")

____ BAROMETRO - Nel 1643 Evangelista Torricelli (1608-1647)


(discepolo nell'ultimo anno di vita di Galileo Galilei)
proseguendo gli studi del maestro inventò il "barometro".
Dopo aver creato il "vuoto torricelliano" per altri impieghi,
nell'utilizzare la colonnina, Torricelli notò che l'altezza del
mercurio - con il quale aveva realizzato la stessa colonnina -
variava lievemente da un giorno all'altro, e ne dedusse che
l'atmosfera possedesse una pressione lievemente diversa in
momenti diversi. Aveva inventato il preciso strumento per
misurare con una scala la pressione atmosferica.
Il "vuoto torricelliano" ispirò quasi subito gli studi di un altro
fisico tedesco, che dimostrò anche quanto pesava l'aria, la sua
densità. (vedi anno 1645 "peso dell'aria").

____ TERMOMETRO A MERCURIO - Quello di Galileo del 1592,


che utilizzava acqua, pur migliorato nel 1616 dal medico
pavese Santorio Santorio per misurare la temperatura
corporea, rimasero entrambi rudimentali. Col primo si
ignorava la pressione esercitata dall'atmosfera, era impreciso
perchè l'acqua non si espandeva nè si contraeva
uniformemente, inoltre era esposto all'aria. Quelli successivi,
pur sigillati, e che utilizzarono come liquido l'alcool, erano
anche questi poco precisi. Troppo sensibile la sostanza a una
discreta alta temperatura (tuttavia ancora oggi -ovviamente
modificati - sono utilizzati per misurare bassissime
temperature. Il mercurio sotto i -30° diventa poco fluido e
quindi poco preciso)

____ SCALA FAHRENHEIT - Nel 1714, fu il fisico tedesco Daniel


GabrielL Fahrenheit (1696-1736) a fare un grosso passo
avanti; anche lui aveva iniziato con l'alcool, ma poi utilizzò il
mercurio, una sostanza che rimane liquida e si espande
uniformemente a temperature non troppo basse e alte.
Trovato il liquido ideale, Fahrenheit volle fare anche una scala
che fosse standard. Una unità di misura della temperatura
definita come la 180-esima parte dell'intervallo tra la
temperatura di fusione del ghiaccio a pressione atmosferica
(32° F) e la temperatura di ebollizione dell'acqua a pressione
atmosferica (212° F). (questa scala viene ancora oggi usata

Pagina 292 di 835


nei termometri degli Stati Uniti).

____ SCALA CELSIUS - A concepire nel 1742 un'altra scala


termometrica centigrada, fu il fisico svedese Anders Celsius.
L'unità di misura la definì la 100-sima parte dell'intervallo tra
la temperatura di fusione del ghiaccio a pressione atmosferica
(0° C) e la temperatura di ebollizione dell'acqua a pressione
atmosferica (100°C). Ed è quello che normalmente viene oggi
usato.

____ TERMOMETRO CLINICO - Dopo che Galileo Galilei aveva


realizzato il suo rudimentale "termometro" (vedi anno 1582
"termometro"), l'idea di poter determinare anche la
temperatura corporea venne a un medico pavese Santorio
Santorio che nel 1616 realizza appunto pure lui un
rudimentale termometro. Non era certo quello di oggi; era
lungo, imgombrante, e occorreva circa 20 minuti per avere dei
dati che non sempre erano precisi. Bisognerà attendere il
1866 per averne uno non più lungo di 15 centimetri e ottenere
i risultati in 4-5 minuti. L'inventore un medico inglese Thomas
Clifford Allbutt (1836-1925). Era così valido che non subì più
nessuna modifica. Misura la temperatura corporea e verifica la
presenza di febbre indicandone esattamente i gradi.

____ TERMOMETRO ASSOLUTO (o di Kelvin) - E' l'ultimo nato: le


sue unità di misura sono state definite nel 1967. La sua scala
è di grande importanza scientifica, assume come origine delle
temperature lo zero assoluto, cioè la temperatura
corrispondente a - 273,16 °C. Che è la temperatura minima
raggiungibile, corrispondente all'assenza di moto, cioè alla
mancanza di energia cinetica. Un metodo per raggiungere lo
zero assoluto era stato suggerito dal fisico Debye nel 1925,
utilizzando e togliendo il campo magnetico alle molecole di
elio. Alla stessa conclusione poco tempo dopo arriverà
indipendentemente il chimico americano William Francis
Giauque.

____ ARCHEOLOGIA - (vedi sotto)


____ POMPEI, LA RISCOPERTA - Prende avvio da questa data
l'Archeologia. Non il vero e proprio studio di questa scienza,
che si affermerà dopo un secolo, ma già nasce la
consapevolezza che per conoscere il presente e il futuro (che
sono entrambi eco e continuazione di tempi lontani) bisogna
studiare il passato. Fu un caso che l'ingegnere italiano
Domenico Fontana (1543-1607) nello scavare un tunnel per un

Pagina 293 di 835


acquedotto nella zona di Pompei-Ercolano, scoprì sepolte ma
integre le prime rovine di quelle due città scomparse sotto
l'eruzione del vesuvio quindici secoli prima. Lo stimolo primo
fu quello di cercare testi con le indicazioni precise di quanto
era allora accaduto; cioè la cronaca di una tragedia che per
secoli era scomparsa dalla memoria collettiva; solo le buie
biblioteche di abbazie conservavano alcuni scritti, e ben
presto proprio da queste opere sepolte nelle polveri dei
conventi iniziarono i primi studi.

____ PI GRECO - Fino a questa data l'esatto rapporto tra la


misura della circonferenza di un cerchio ed il suo diametro era
molto approssimativo. La "quadratura del cerchio" non
l'avevano risolta gli antichi. Archimede aveva ottenuto una
cifra di circa 3,142. Valori più esatti si ottennero nei secoli
successivi. Nel 1596, il matematico olandese Ludolf van
Ceulun (1540-1610) trovò un valore di pi di venti cifre dopo la
virgola. Che perfezionò ancora prima di morire a 35 cifre dopo
la virgola (chiamato anche "numero di Ludolf". Ma anche
questo non era ancora esatto. Dopo di lui è stato calcolato fino
a un numero enormemente maggiore di cifre dopo la virgola,
ma anche questo non è ancora esatto. E' un numero
trascendente, il cui valore è approssimativamente
3,1415926535....... e ci fermiano qui per non riempire l'intera
pagina.

ANNO 1597
____ ALCHIMIA MEDIEVALE - Dopo l'acido acetico di Gerber
(vedi anno 750) e l'acido solforico del "falso Gerber", l'alchimia
non era andata oltre; anzi gli alchimisti si erano persi nei soliti
sogni: come il cercare di tramutare il piombo in oro, oppure a
rincorrere i vari elisir di lunga vita. Ma qualcosa di
interessante comparve in questo anno 1597 ad opera
dell'alchimista tedesco Andreas Linau (1540-1616). Scrisse un
libro - "Alchemia" - in cui ricapitolava un po' tutte le conquiste
del suo campo, che possiamo considerare un vero e proprio
primo manuale di chimica, che pose poi le basi per l'autentica
nascita della chimica moderna. Ma oltre che esporre con
chiarezza le istruzioni per preparare molti acidi, ne fornì due
per preparare due nuovi acidi: l'acido cloridrico, e l'l' "acqua
regia", così potente da dissolvere perfino il re dei metalli,
l'oro.

ANNO 1598
Pagina 294 di 835
____ GIORNALE - Prima ancora degli "avvisi a stampa" (così si
chiamarono i primi fogli realizzati con la stampa a partire dal
1493) vi erano stati nel passato gli "avvisi manoscritti"
dell'epoca romana per informare il pubblico su molti
importanti avvenimenti dell'epoca. I "Diurna acta" (anche detti
"diurnalem" - che ha già un significato di "giornaliero", e da
quelli prese poi il nome "giornale") erano già stati istituiti da
Giulio Cesare nell'anno 50 a.C. Ebbe poca vita perchè poi
Augusto li soppresse; tuttavia continuarono gli "atti" e i
"commentari" che riportavano i fatti più importanti della vita
cvile e politica dell'epoca. Inoltre come fanno ancora oggi in
Cina, molto diffusi erano i "murales"; a Pompei esiste una
nutrita testimonianza di questa forma di diffusione di notizie,
e riportano quasi le stesse cose che noi leggiamo oggi sui
giornali, compresa la pubblicità, gli annunci economici e i fatti
sportivi. Caduto l'Impero Romano, cadde anche l'informazione
di ogni tipo; del resto in quella vita così grigia e isolata, con le
carestie, le pesti e la calata dei barbari analfabeti c'era poco
da apprendere, neppure i governanti, i duchi e gli stessi re,
erano capaci di leggere e scrivere. C'era il latino, ma quello
era un esclusivo privilegio degli ecclesistici, che avevano tutto
l'interesse a rendere incomprensibile ogni cosa.
Nel medioevo nelle corti era comunque in atto un modo di
comunicare le notizie importanti, tramite fogli scritti e copiati
in serie a mano. Nel 1200 quando ai sudditi, all'improvviso
tornò il lume della ragione, e si cominciò nuovamente ad
essere attivi, desiderosi di conoscere, di indagare, di
discutere, quel sistema delle "circolari" fu esteso non solo
nelle corti ma negli ambienti dove iniziavano i primi fermenti
dell'età comunale, ma soprattutto furono dettati dall'età del
ritorno ai commerci. Ed infatti i primi a compilare dei veri e
propri notiziari furono i Genovesi, seguiti dai Veneziani, e dai
mercanti fiorentini. Le stesse cose stavano avvenendo nei
Paesi di quell'Europa settentrionale dedita ai commerci.
Quando poi si arrivò al 1493, già con l'arte della stampa
avanzata, il primi "avvisi a stampa" diedero l'avvio anche a
veri e propri primi "servizi" giornalistici. A Roma un
"corrispondente" fece ad esempio la cronaca e descrisse la
scoperta di Cristoforo Colombo. A Bologna un "inviato
speciale" nel 1514 con un "avviso a stampa" descrisse la
battaglia di Fornovo persa da Carlo VIII. E nel 1514, in un altro
"avviso a stampa" il "cronista" locale descrisse i danni che
aveva provocato a Roma un terribile tempesta. Non era ancora
l'era dei giornali, ma era solo un inizio, quando cominciarono a
comparire foglio con nome di....

Pagina 295 di 835


____ GAZZETTA - (vedi sotto)
____ QUOTIDIANO - (vedi sotto)
____ PERIODICO - Non era ancora come la intendiamo oggi una
rivista ma un semplice bollettino di "Cambi mercantili"
utilizzato dai commercianti di ogni genere. Lo fondò il
fiorentino Paolo Antonio Gigli, pubblicandolo settimanalmente
e spedendolo ai mercanti per fornire notizie rapide e precise
sui prodotti disponibili e quali erano in quel momento i prezzi
correnti di mercato. Qualcosa di molto simile fu pubblicato dai
grandi centri commerciali portuali: ad Anversa nel 1605, e
quattro anni dopo, nel 1609, ad Amsterdam e ad Amburgo;
oltre notizie commerciali, riportavano notizie politiche,
culturali e fatti quotidiani di una certa rilevanza.
Nel 1631 un periodico uscì anche a Parigi e fu battezzato
"gazzetta", aveva gli stessi contenuti dei periodici tedeschi.
Ma "Gazzetta" non era un nome nuovo, a Venezia nel 1563 (lo
scrive il Menagio, il Ferrari, il Malm) veniva già pubblicato un
foglio periodico di annunzi e di notizie, e per acquistarlo
occorreva una "gazzetta", un antica moneta della Serenissima
che andò poi fuori corso perchè boicottata dai banchieri di
Firenze. Quel nome traslato dal costo del periodico rimase poi
al foglio di notizie (e ancora oggi un giornale Veneziano si
chiama "Gazzettino")
Dopo Parigi, ci fu Genova, che nel 1639 iniziò a stampare nella
tipografia di Pietro Calenzano la sua "Gazzetta". Da quel
momento moltissime città (che allora erano piccoli Stati)
ebbero la loro "Gazzetta" anche se alcuni presero un nome
diverso. All'estero alcuni di questi fogli di notizie varie
riportate da periodici iniziarono a chiamarsi "giornale", cioè un
foglio che si pubblicava tutti i giorni, un "quotidiano".
Sembra che la palma di questa prima novità sia della
Germania, con un foglio giornaliero che fece la sua comparsa
nel 1650, col nome "Einkommander Zeitungen" edito dal
tedesco Timotheus Ritzsch. Nel 1660 ne nasce un altro a Lipsia
ed era una "Gazzetta civica". In Inghilterra il primo quotidiano
uscito a Londra nel 1702 fu il "Daily Courant". Più tardi in
Spagna il primo quotidiano comparve nel 1758, aveva un nome
curioso "Diario Noticioso"; Napoli che allora era sotto la
dinastia dei Borboni, con Carlo III, mutuò pari pari questo
nome nel creare il primo quotidiano apparso nella penisola
italica, uscì il 10 agosto 1759; l'anno della morte di Carlo. Alla
Serenissima va il secondo posto, quando il 1° gennaio 1765,
pubblica un quotidiano con un titolo lunghissimo "Diario
Veneto appartenente al commercio civile e delle curiosità". E

Pagina 296 di 835


in effetti c'era di tutto: notizie spicciole, quelle commerciali,
quelle del governo e dato che eravamo in piena fermentazione
di idee, non mancavano i temi politici, letterari e storici. Su
questo modello si ispirarono anche tutti gli altri giornali che si
pubblicarono in Italia: a Milan