Sei sulla pagina 1di 46

Alef_brochure_XP7.

qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 1

E. BERTI C. ROSSITTO F. VOLPI

dall’antichità
a oggi

Espansioni
in A l e f
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 2

© 2010, Gius. Laterza & Figli, Roma-Bari

Questo prodotto è stato realizzato nel rispetto delle regole


stabilite dal Sistema di gestione qualità conforme ai requisiti
ISO 9001:2000
valutato da AJA e coperto
dal certificato numero AJAEU/09/11317

Editori Laterza
Piazza Umberto I, 54 70121 Bari
e-mail: redazione.scol@laterza.it
http://www.laterza.it
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 3

In ottemperanza a quanto stabilito dalla Legge 133/2008 art. 15, che prevede
l’adozione di «libri di testo disponibili, in tutto o in parte, nella rete internet»,
l’offerta didattica di E. Berti - C. Rossitto - F. Volpi, Antologia di Filosofia dall’an-
tichità a oggi si amplia attraverso il database Alef, ARchivio Laterza per l’Edu-
cazione Filosofica, archivio di testi filosofici.
Il database comprende circa 400 testi, dai Presocratici a oggi; tutti i brani
presenti in Alef sono consultabili on line e disponibili in formato Word.
La nostra proposta di integrazione/espansione dell’antologia prevede, per
ciascuna parte:

• Percorsi tematici: permettono di ampliare l’antologia con unità didattiche


tematiche costruite sui brani presenti nel database.

Attraverso le funzioni di ricerca e archiviazione di Alef è possibile per il do-


cente creare nuovi percorsi personalizzati, ampliare o modificare i percorsi for-
niti. Le Istruzioni per la navigazione in Alef sono disponibili sul sito. Attenzio-
ne: i risultati di qualsiasi ricerca compaiono in ordine strettamente alfabetico.

I testi del periodo Antichità e Medioevo sono stati selezionati e curati da Cri-
stina Rossitto; i testi del periodo Età moderna da Enrico Berti; i testi del perio-
do Ottocento e Novecento da Franco Volpi.

Ciascun testo è dotato di un apparato didattico costituito da:

• una breve scheda biografica dell’autore: tratta da E. Berti - F. Volpi, Storia


della Filosofia dall’antichità a oggi;
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 4

4 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

• una fonte bibliografica del brano;


• una introduzione al brano;
• un apparato di note a carattere esplicativo.

Avvertenza:
Per facilitare la lettura delle parole greche traslitterate, la redazione ha prefe-
rito corredarle di un semplice accento tonico.

La numerazione dei frammenti e delle testimonianze relativi ai presocratici è


quella curata da H. Diels e W. Kranz, Die fragmente der Vorsokratiker, Berlin
196612, mentre per l’edizione degli Storici antichi si è tenuta presente la rac-
colta di H.F. Von Arnim, Stoicorum Veterum Fragmenta, Stuttgart (1859-1931).
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 5

PARTE PRIMA
ANTICHITÀ
E MEDIOEVO

PERCORSI TEMATICI
L’INDAGINE SULLA NATURA
Il primo periodo della storia della filosofia occidentale, intesa tradizionalmen-
te come ricerca razionale dei princìpi di tutta la realtà, è caratterizzato da un
susseguirsi di indagini sulla natura, proprio perché i pensatori che ne fecero
parte ritenevano che la realtà consistesse appunto nel mondo naturale e che
dunque questo fosse ciò che doveva essere spiegato. Di qui la consuetudine di
indicare le loro dottrine in generale come «filosofia della natura».
Numerose sono le figure di filosofi, quasi sempre organizzati in vere e pro-
prie scuole di pensiero, di cui ci è rimasta notizia, ma pochissimo ci è perve-
nuto delle relative opere. Per tale motivo qui proponiamo, a integrazione dei
testi presenti nell’Antologia, uno scritto di Ippocrate, il più importante espo-
nente della scuola medica di Cos, sua città natale.

IPPOCRATE
ANTICA MEDICINA
I caratteri della scienza medica
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 6

6 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

L’ETÀ ELLENISTICA
L’età ellenistica, il cui inizio è convenzionalmente fatto coincidere con la
morte di Alessandro Magno (323 a.C.) e la fine con la conquista romana del-
l’Egitto ad opera di Ottaviano (30 a.C.), presenta una serie di sviluppi deci-
sivi per il pensiero greco, anche e proprio in seguito ai mutamenti storico-
politici. Grazie alle conquiste macedoni, infatti, non solo si assiste alla diffu-
sione della cultura greca nel bacino del Mediterraneo, ma le stesse monar-
chie, subentrate alle pòleis, si fecero promotrici di importanti istituzioni di ri-
cerca.
La filosofia in particolare, configurandosi sostanzialmente come logica, fisi-
ca e, soprattutto, etica, lascia ampio spazio allo sviluppo delle scienze partico-
lari, ossia delle discipline «scientifiche» in senso stretto, che divengono sem-
pre più specialistiche e matematizzate.
I brani che presentiamo, a integrazione dei testi presenti nell’Antologia, ri-
velano alcuni esiti esemplificativi di questa nuova situazione culturale. Il pri-
mo è dedicato allo stoicismo, una delle tre celeberrime scuole di pensiero na-
te in questo periodo; i successivi mostrano alcuni sviluppi nel campo delle
scienze particolari, specificamente della meccanica, con Archimede (287-212
a.C.), e dell’astronomia, con Ipparco di Nicea (II sec. a.C.).

STOICISMO ANTICO
TESTIMONIANZE E FRAMMENTI
L’«Inno a Zeus» di Cleante di Asso

ARCHIMEDE
METODO PER LA SCOPERTA DEI TEOREMI MECCANICI
Il metodo intorno ai teoremi meccanici

IPPARCO DI NICEA
COMMENTO AI «FENOMENI» DI ARATO E DI EUDOSSO
Precisione filologica e osservazione astronomica
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 7

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 7

LA FILOSOFIA A ROMA
Lo sviluppo della filosofia a Roma, che si può collocare tra il II sec. a.C. e il
II sec. d.C., copre un periodo di tempo che dal punto di vista filosofico vie-
ne a coincidere nella sua prima parte con l’età ellenistica e nella sua secon-
da parte con l’avvio del pensiero cristiano. Esso può essere considerato frut-
to della rilevante e generale ellenizzazione della cultura romana che ebbe
luogo in seguito alla conquista della Grecia da parte di Roma, conclusasi nel
168 a.C.
Gli esponenti di spicco della cultura filosofica romana, del resto, si rial-
lacciano più o meno esplicitamente al pensiero delle scuole filosofiche
greche, accogliendone in diversa misura le dottrine, ma rielaborandole si-
gnificativamente, sia nel senso di una maggior attenzione all’ambito poli-
tico e giuridico, sia nel senso di originali combinazioni fra le une e le al-
tre.
I brani che presentiamo sono tratti dalle opere dei filosofi romani maggior-
mente rappresentativi al riguardo, e precisamente:
1. Lucrezio (I sec. a.C.), che riprende l’epicureismo;
2. Cicerone (I sec. a.C.), che condivide lo scetticismo e l’eclettismo;
3. Seneca (I sec. d.C.), che accoglie lo stoicismo, ma con un’attenzione par-
ticolare alle religioni del vicino Oriente;
4. Epitteto (I-II sec. d.C.), anch’egli fautore dello stoicismo, che rilegge alla
luce della sua esperienza di schiavo;
5. Marco Aurelio (II sec. d.C.), ugualmente fautore dello stoicismo, che però
rilegge alla luce della sua esperienza di imperatore.

LUCREZIO
LA NATURA
Lo scopo del poema sulla natura

CICERONE
SUL FATO
Lo scetticismo nei confronti del fato
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 8

8 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

SENECA
SULLA PROVVIDENZA
La provvidenza e il problema del male

EPITTETO
DIATRIBE
La vera libertà

MARCO AURELIO
RICORDI
Un principe stoico

L’INCONTRO TRA LA FILOSOFIA GRECA E LE RELIGIONI BIBLICHE


A partire dal III sec. a.C. si assiste all’incontro fra il pensiero greco e le religio-
ni bibliche, avvenimento carico di conseguenze sia per l’uno che per le altre,
ma in generale per l’intera cultura del mondo occidentale.
I brani che presentiamo corrispondono ad alcuni dei momenti più signifi-
cativi al proposito dal punto di vista filosofico, nel senso che risultano funzio-
nali alla comprensione dei nuovi sviluppi della filosofia o rivelano senz’altro
l’avvenuta compenetrazione tra filosofia greca e pensiero cristiano.
In quest’ottica consideriamo:
1. l’Antico Testamento, fonte principale delle religioni ebraica e cristiana;
2. Filone di Alessandria (I sec. a.C. - I sec. d.C.), autore del primo grande
tentativo di sintesi tra la rivelazione ebraica e la filosofia greca;
3. il Nuovo Testamento, che contiene la rivelazione dei misteri fondamen-
tali del cristianesimo;
4. Giustino Martire (II sec. d.C.), il più importante degli apologisti, che si im-
pegnarono nella difesa della dottrina cristiana avvalendosi della filosofia greca;
5. Valentino Gnostico (II sec. d.C.), noto esponente della gnosi, corrente filo-
sofica influenzata dal cristianesimo, ma da quest’ultimo considerata un’eresia.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 9

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 9

ANTICO TESTAMENTO
GENESI
Creazione del mondo e peccato originale

FILONE DI ALESSANDRIA
LA CREAZIONE DEL MONDO SECONDO MOSÈ
La doppia creazione del mondo

NUOVO TESTAMENTO
ATTI DEGLI APOSTOLI
L’appropriazione del «Dio dei filosofi»
VANGELO DI GIOVANNI
Il Verbo divino e la sua incarnazione

GIUSTINO MARTIRE
DIALOGO CON TRIFONE
La vera filosofia è il cristianesimo

VALENTINO GNOSTICO
TESTIMONIANZE
La generazione degli eoni, il peccato e la riparazione

IL PLATONISMO MEDIO E IL NEOPLATONISMO


Il platonismo medio (I sec. a.C. - II sec. d.C.) e il neoplatonismo (III-V sec. d.C.)
possono essere considerati filosofie «pagane» nel senso che i loro esponenti, in
un periodo in cui le dottrine ebraiche e cristiane erano ormai diffuse in tutto il
mondo ellenizzato, non intesero aderire né alle une né alle altre, bensì ripro-
porre in qualche modo l’adesione alle antiche religioni politeistiche.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 10

10 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

A integrazione dei testi in Antologia, presentiamo un brano di Albino-Alci-


noo (II sec. d.C.), quale rappresentante del platonismo medio, o medioplato-
nismo, corrente caratterizzata dalla ripresa del platonismo antico in ambito
neopitagorizzante e da una particolare attenzione al Platone dei dialoghi.
Quali esempi invece di pensiero neoplatonico, l’ultima grande filosofia pa-
gana contemporanea e contrapposta al cristianesimo e alle filosofie che a que-
sto si ispiravano, presentiamo brani tratti dalle opere di:
1. Porfirio (233/234-305 d.C. circa), discepolo di Plotino ed editore della
sua opera, le Enneadi;
2. Proclo (410-485 d.C.), ultimo grande esponente del neoplatonismo.

ALBINO-ALCINOO
DIDASCALICO
La materia, le idee e Dio

PORFIRIO
ISAGOGE
Gli universali, il genere e la specie

PROCLO
TEOLOGIA PLATONICA
L’interpretazione teologica del «Parmenide» di Platone

LA SCIENZA NELL’ETÀ IMPERIALE


Nell’età imperiale, cioè nell’ultimo periodo dell’evo antico (I-V sec. d.C.), si as-
siste ad un notevole sviluppo anche in campo scientifico, tanto che gli esponen-
ti delle varie discipline, in generale gravitanti intorno al centro culturale costi-
tuito dal Museo e dalla Biblioteca di Alessandria d’Egitto, vengono considera-
ti come coloro i quali, eredi della tradizione greca classica, ne elaborarono ed
approfondirono i contenuti consegnandoli al medioevo e all’età moderna.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 11

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 11

I brani che presentiamo sono tratti dalle opere di cultori di due tra le scien-
ze più note a quel tempo:
1. Claudio Tolomeo (II sec. d.C.), teorizzatore del sistema che da lui prese
il nome, per quanto riguarda l’astronomia;
2. Claudio Galeno (II sec. d.C.), noto anche per le notevoli scoperte in am-
bito anatomico, per quanto riguarda la medicina.

CLAUDIO TOLOMEO
ALMAGESTO
L’universo a due sfere

CLAUDIO GALENO
MANUALE DI MEDICINA
La salute, la malattia e i relativi sintomi

LA PATRISTICA E LA CONCLUSIONE DELLA FILOSOFIA ANTICA


La Patristica, intesa come l’insieme delle dottrine dei Padri della Chiesa, cioè
di quei pensatori che assunsero come verità, valida anche filosoficamente, il
contenuto della Bibbia, costituisce, insieme e parallelamente al neoplatoni-
smo, l’espressione più significativa della cultura della tarda antichità (III-VI
sec. d.C.), sia nella sua parte greca (impero romano d’Oriente), sia in quella
latina (impero romano d’Occidente), e conduce alla conclusione della filoso-
fia antica, convenzionalmente stabilita nel 529 d.C., anno in cui l’imperatore
Giustiniano ordinò la chiusura delle scuole pagane.
I brani che presentiamo, a integrazione dei testi presenti nell’Antologia, so-
no tratti dalle opere degli autori più noti in questo senso:
1. Agostino (354-430 d.C.), riconosciuto come il massimo esponente della
patristica, e non solo di quella latina, della quale pur era espressione;
2. Severino Boezio (475/480-524), pensatore cristiano di orientamento filo-
sofico neoplatonizzante, indicato come l’ultimo rappresentante della filosofia
antica in Occidente;
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 12

12 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

3. Pseudo-Dionigi Areopagita, anonimo teologo cristiano orientale autore


del Corpus Dionysianum (V-VI sec. d.C.), ritenuto come l’ultimo rappresentan-
te della filosofia antica in Oriente e in generale.

AGOSTINO
DE CIVITATE DEI
La teologia della storia

SEVERINO BOEZIO
DE CONSOLATIONE PHILOSOPHIAE
La felicità, il Bene e l’Uno

PSEUDO-DIONIGI AREOPAGITA
I NOMI DIVINI
Il «Bene» quale primo nome di Dio

LA SCOLASTICA A PARIGI NEL XIII SECOLO


Il XIII secolo è unanimemente considerato come il periodo in cui la Scolasti-
ca raggiunge il suo momento più alto, e questo per almeno tre ordini di mo-
tivi: la riscoperta delle opere principali di Aristotele, l’istituzione delle Univer-
sità e la nascita degli ordini religiosi mendicanti, francescano e domenicano.
Tra i centri che maggiormente possono essere considerati espressione di que-
sta situazione così favorevole per la filosofia vanno senza dubbio annoverate
Parigi e Oxford.
Per quanto riguarda in particolare la Scolastica parigina, presentiamo a in-
tegrazione dei testi in Antologia alcuni brani delle opere elaborate da alcuni
dei più celebri maestri della scuola domenicana:
1. Alberto Magno (1193 o 1206/7-1280), primo insegnante domenicano di
rilievo e maestro di Tommaso d’Aquino;
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 13

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 13

2. Tommaso d’Aquino (1221/27-1274), il filosofo e teologo domenicano le


cui opere sono considerate uno dei vertici della Scolastica per originalità e si-
stematicità.

ALBERTO MAGNO
TRACTATUS DE NATURA BONI
La virtù come medietà

TOMMASO D’AQUINO
SUMMA THEOLOGIAE
Il carattere analogico dei nomi divini

LA CONCLUSIONE DELLA SCOLASTICA


Il XIV secolo vede il progressivo concludersi della Scolastica, e dunque della
filosofia medioevale nel suo complesso, ma non mancano certo anche in que-
sto periodo figure di notevole rilievo. Tre sono i pensatori che qui considere-
remo quali espressioni di questo secolo, assai noti dal punto di vista culturale
in genere, ma non meno rappresentativi dal punto di vista filosofico:

1. Dante Alighieri (1265-1321), quale esponente dell’aristotelismo «radica-


le», in contatto con le Università di Bologna e Padova;
2. Guglielmo di Ockham (1280 ca.-1347/49), quale ultimo grande filosofo
della Scolastica medievale, che insegnò all’Università di Oxford;
3. Giovanni Buridano (1290 ca.-1358), quale esempio degli sviluppi consegui-
ti nel campo della fisica nel XIV secolo, che insegnò all’Università di Parigi.

DANTE ALIGHIERI
CONVIVIO
L’esercizio della filosofia come suprema felicità
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 14

14 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

GUGLIELMO DI OCKHAM
SUMMA TOTIUS LOGICAE
La dottrina della «supposizione»

GIOVANNI BURIDANO
QUAESTIONES SUPER LIBRIS QUATTUOR DE CAELO ET MUNDO
La teoria dell’«impetus»
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 15

PARTE SECONDA
ETÀ
MODERNA

PERCORSI TEMATICI
IL QUATTROCENTO FRA UMANESIMO ITALIANO
E TRADIZIONE FILOSOFICO-SCIENTIFICA

Il Quattrocento è il secolo a cui si è soliti attribuire l’inizio di una sostanziale


rinascita dell’intera cultura europea. Si tratta di un secolo di passaggio che è
stato visto indifferentemente come l’autunno del Medioevo e il vero e proprio
inizio dell’età moderna.
Questa rinascita, cominciata innanzitutto in Italia, è stata principalmente
determinata dallo studio della letteratura profana (humanae litterae), quale si
poteva trovare negli autori greci e latini, in quanto contrapposto allo studio
della teologia. Vista come studio rivolto alla formazione dell’uomo nel suo
complesso, essa è venuta a differenziarsi anche dall’indagine sulla natura pra-
ticata nell’ambito della filosofia e della scienza. E per questo ha inizialmente
preso il nome di Umanesimo.
Col tempo, però, questa rinascita ha finito con l’investire anche la tradizio-
ne filosofico-scientifica, attraverso l’introduzione di considerevoli istanze di
rinnovamento sia all’interno della tradizione platonica, interpretata essenzial-
mente come neoplatonismo, sia all’interno della tradizione aristotelica, non
più filtrata dalle interpretazioni elaborate all’interno della Scolastica.
I brani che presentiamo documentano questo duplice aspetto del rinnova-
mento culturale verificatosi nel Quattrocento. In particolare i primi due, trat-
ti dalle opere di Coluccio Salutati (1331-1406) e Leonardo Bruni (1370-1444),
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 16

16 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

costituiscono una strenua difesa degli studi profani, visti come strumenti indi-
spensabili per la formazione completa dell’uomo sia a livello etico-politico sia
etico-religioso. Gli altri, invece, presentano alcune delle principali istanze di
rinnovamento introdotte all’interno della tradizione filosofico-scientifica du-
rante il Quattrocento. Infatti i brani tratti dalle opere di Nicola Cusano (1401-
1464) rientrano a tutti gli effetti nella tradizione platonica interpretata in sen-
so neoplatonico, mentre quello scritto da Pietro Pomponazzi (1462-1525) sul-
l’immortalità dell’anima fa parte di una rinnovata tradizione aristotelica, let-
ta in senso rigorosamente laico.

COLUCCIO SALUTATI
EPISTOLARIO
Epistola a Giovanni Dominici in difesa degli «studia humanitatis»

LEONARDO BRUNI
DE STUDIIS ET LITTERIS LIBER
Lo studio dei classici

NICOLA CUSANO
DE DOCTA IGNORANTIA
La dotta ignoranza
La coincidenza degli opposti
DE CONIECTURIS
L’uomo come microcosmo

PIETRO POMPONAZZI
TRACTATUS DE IMMORTALITATE ANIMAE
È impossibile dimostrare l’immortalità dell’anima
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 17

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 17

IL CINQUECENTO TRA RINASCIMENTO, RIFORMA E CONTRORIFORMA


Fu nel Cinquecento che le istanze di rinnovamento già presenti nel secolo
precedente determinarono, in concomitanza con altri fattori, una trasforma-
zione profonda e complessa dell’intera cultura e vita spirituale europea. I bra-
ni che presentiamo forniscono alcune esemplificazioni di questa trasforma-
zione che venne a prodursi attorno ai contesti più significativi della riflessio-
ne europea cinquecentesca:
1. l’Umanesimo. L’adesione agli ideali dell’Umanesimo portò Erasmo da
Rotterdam (1466 o 1469-1536) e Thomas More (1478-1535) a immaginare
una sorta di riforma religiosa ante litteram a livello sia etico-religioso sia etico-
politico, rispettivamente con la nozione di follia come saggezza pratica e con
il concetto di Utopia come costituzione politica ideale;
2. la Riforma protestante. Iniziata da Martin Lutero (1483-1546), ha rappre-
sentato una vera e propria riformulazione della religione cristiana a partire
dal tentativo di renderla più pura e rigorosa. Il suo nucleo centrale sta nella
dottrina della giustificazione per fede;
3. il pensiero politico. A partire dalla riflessione di Niccolò Machiavelli
(1469-1527), i cui testi sono in Antologia, e Jean Bodin (1530-1596), sull’ori-
gine, la natura e il fine del potere, il pensiero politico si sviluppa come filoso-
fia o scienza politica autonoma da ogni altra forma di sapere;
4. l’aristotelismo. Si distinguono due tendenze all’interno della tradizione
aristotelica: un aristotelismo laico, che vede nell’Università di Padova il suo
centro più importante, e della cui scuola Cesare Cremonini (1550-1630) fu
l’ultimo importante esponente, e un nuovo aristotelismo scolastico che si svi-
luppò in Italia, Spagna e Portogallo nell’ambito degli ordini religiosi, in par-
ticolare domenicani e gesuiti. Nel contesto della Controriforma la figura più
importante tra i gesuiti portoghesi e spagnoli fu Francisco Suárez (1548-1617)
che, attribuendo all’essere in quanto essere, o essenza universalissima, la na-
tura di oggetto della metafisica generale, prepara la fondazione dell’ontolo-
gia come disciplina filosofica;
5. la filosofia naturale. Si delineano due motivi all’interno dell’indagine sul-
la natura, i quali nell’arco di alcuni secoli inizieranno a distinguersi in manie-
ra sempre più nitida: un motivo scientifico che farà un ricorso sempre più am-
pio ai metodi e alle astrazioni della matematica, e che per molti versi vede in
Niccolò Copernico (1473-1543) il suo iniziatore, e un motivo naturalistico di
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 18

18 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

impronta esoterica, che trova espressione nelle filosofie di Bernardino Tele-


sio (1509-1588) e Tommaso Campanella (1568-1639).

ERASMO DA ROTTERDAM
ELOGIO DELLA FOLLIA
La follia è più saggia della sapienza
Solo la follia rende felici
La vita cristiana è simile alla follia

THOMAS MORE
UTOPIA
L’etica degli Utopiani
Il principio della tolleranza religiosa
Elogio della proprietà comune

MARTIN LUTERO
DELLA LIBERTÀ DEL CRISTIANO
La giustificazione per fede

JEAN BODIN
SIX LIVRES DE LA RÉPUBLIQUE
Il concetto di sovranità

CESARE CREMONINI
LE ORAZIONI
Prolusione all’insegnamento padovano

FRANCISCO SUÁREZ
DISPUTAZIONI METAFISICHE
L’ente reale come oggetto della metafisica
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 19

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 19

NICCOLÒ COPERNICO
DE REVOLUTIONIBUS ORBIUM CAELESTIUM
La dedica del «De revolutionibus»

BERNARDINO TELESIO
DE RERUM NATURA IUXTA PROPRIA PRINCIPIA
La struttura del mondo e la grandezza e natura dei corpi

TOMMASO CAMPANELLA
DEL SENSO DELLE COSE E DELLA MAGIA
«Ente nullo potere ad altri dare quel ch’egli in sé non ha»
«Il Mondo, dunque, tutto è senso e vita e anima e corpo»

LA RIVOLUZIONE SCIENTIFICA DEL SEICENTO: GALILEO GALILEI


La rivoluzione scientifica rappresenta l’avvenimento più importante che si ve-
rificò nella cultura europea tra Cinquecento e Seicento perché diede inizio a
quella che si suole definire età moderna. Si parla unanimemente di rivoluzio-
ne perché la scienza nata in questo periodo a differenza di quella antica, che
aveva un’impronta qualitativa e finalistica, proponeva di indagare la natura
mediante metodi rigorosamente quantitativi, come se essa consistesse in una
sorta di meccanismo artificiale fatto di ingranaggi che si trasmettono il movi-
mento mediante azione reciproca.
Il brano che presentiamo, a integrazione di quelli in Antologia, è di Galileo
Galilei (1564-1642), che può essere considerato l’artefice della rivoluzione
scientifica. In esso vi è la confutazione del moto del sole intorno alla terra, la
quale poggia sull’analisi del fenomeno delle maree. L’artificio retorico attra-
verso cui Galilei confuta la tesi geocentrica suscitò l’ira di papa Urbano VIII e
lo portò alla condanna definitiva del 1633.

GALILEO GALILEI
DIALOGO SOPRA I DUE MASSIMI SISTEMI DEL MONDO
Il finale del «Dialogo»
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 20

20 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

GLI INIZIATORI DELLA FILOSOFIA MODERNA


Stando a come essi stessi hanno concepito il proprio lavoro, sono Francis Ba-
con (1561-1626) e René Descartes (1595-1650) i veri e propri iniziatori della
filosofia moderna. Moderna perché individua nella nuova scienza, con la qua-
le nasce e si evolve, lo strumento privilegiato non solo per conoscere, ma so-
prattutto per realizzare il dominio dell’uomo sulla natura. I brani che presen-
tiamo esemplificano i punti essenziali di novità contenuti nella riflessione di
Bacon e integrano i testi presenti nell’Antologia.
Essi riguardano il compito pratico del sapere e soprattutto il metodo per per-
seguire questo tipo di conoscenza. Tale metodo è descritto nella sua pars con-
struens rappresentata dalla ricerca delle cause dei fenomeni attraverso la loro re-
gistrazione in tre tipi di tavole (tabula praesentiae, tabula absentiae, tabula graduum).

FRANCIS BACON (BACONE)


NOVUM ORGANUM
La «tavola della presenza»
La «tavola dei gradi»
Il metodo induttivo

FILOSOFIA E POLITICA AGLI INIZI DEL SEICENTO


Il tentativo di indagare scientificamente la realtà investe durante il Seicento an-
che quelle discipline che per tradizione rientravano nell’ambito della filosofia
pratica, in particolare il diritto e la politica. La corrente che divenne dominan-
te all’interno di queste discipline prende il nome di giusnaturalismo e consiste
nella pretesa di dedurre scientificamente la politica e il diritto (ius) a partire da
alcuni princìpi evidenti, innati in ciascun uomo o relativi alla natura umana.
I brani che presentiamo esemplificano la tendenza a trattare scientificamen-
te il diritto e la politica. Essi sono tratti dall’opera più importante di Ugo Gro-
zio (1583-1645), il De iure belli ac pacis, che è l’esponente più rappresentativo
del giusnaturalismo moderno, e dal De homine di Thomas Hobbes (1588-
1679), che invece provò a svolgere un discorso scientifico sulla politica e il di-
ritto ispirandosi al meccanicismo baconiano e cartesiano.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 21

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 21

UGO GROZIO
DE IURE BELLI AC PACIS
La natura umana fonte del diritto

THOMAS HOBBES
DE HOMINE
Il discorso e le scienze

IL DIBATTITO SUL CARTESIANESIMO IN FRANCIA: PASCAL


Durante la seconda metà del Seicento, in quasi tutta l’Europa continentale, e
in modo particolare in Francia, si assiste a un profondo e intenso dibattito sul-
la filosofia cartesiana. A questo dibattito partecipano sia coloro che si ritengo-
no seguaci della filosofia di Descartes, e che quindi cercano di risolvere alcu-
ne delle aporie presenti al suo interno, prima tra tutte quella relativa al rap-
porto tra corpo e anima, sia coloro che ne criticano le assunzioni fondamen-
tali, per esempio la stessa necessità di iniziare la fondazione della conoscenza
a partire dall’applicazione del dubbio metodico.
All’interno del dibattito svoltosi in Francia spicca la figura di Blaise Pascal
(1623-1662), che è stato a un tempo acuto filosofo e grande scienziato. I bra-
ni di Pascal che presentiamo integrano quelli presenti nell’Antologia e riguar-
dano alcuni dei temi più importanti della sua indagine filosofica e scientifica:

1. il valore e i limiti del metodo sperimentale, grazie al quale gli uomini di scien-
za moderni hanno acquisito una superiorità su quelli antichi ma che, se perse-
guito soltanto attraverso esperimenti, non potrà mai avere quella validità univer-
sale che solo riesce a dare la dimostrazione matematica, ossia la pura ragione;
2. le riflessioni che Pascal pensò come apologia del cristianesimo. Esse verto-
no sul divertissement, il segno più chiaro della miseria della condizione umana.

BLAISE PASCAL
TRATTATO SUL VUOTO
Gli antichi e il vuoto
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 22

22 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

PENSIERI
Il «divertissement»

BARUCH SPINOZA
Il filosofo che trasse le conseguenze più coerenti e radicali dalla filosofia car-
tesiana, giungendo a ideare un sistema filosofico geniale e originale, è senza
ombra di dubbio Baruch Spinoza (1632-1677). I brani che presentiamo ri-
guardano alcuni dei punti più importanti del sistema spinoziano:
1. l’importanza del metodo geometrico per la filosofia, descritto dettagliata-
mente nei Renati Des Cartes Principia philosophiae (Princìpi della filosofia di Carte-
sio) da Ludovico Mayer e da Spinoza stesso e applicato in maniera sistematica
in Ethica ordine geometrico demonstrata (Etica);
2. la natura, il compito e i limiti dello Stato, discussi nel Trattato politico, l’ul-
tima opera di Spinoza, in cui egli fornisce l’esposizione più matura del suo
pensiero politico.

BARUCH SPINOZA
PRINCÌPI DELLA FILOSOFIA DI CARTESIO
Il metodo geometrico
TRATTATO POLITICO
Il potere assoluto dello Stato

JOHN LOCKE
Il maggiore filosofo inglese della seconda metà del Seicento è John Locke (1632-
1704). Nel suo pensiero vengono a intrecciarsi due istanze inscindibili: la neces-
sità di esaminare dettagliatamente la facoltà conoscitiva propria di ciascun uo-
mo, a partire dalla sua genesi empirica, al fine di individuare quali conoscenze
siano alla sua portata e quali invece le siano precluse, e il tentativo di fondare su
questa disamina la legittimità dei moderni Stati liberali, in particolare del na-
scente modello costituzionale inglese, in cui la libertà di cui ciascun uomo è per
natura dotato possa esercitarsi in pace e tolleranza per il bene comune.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 23

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 23

Non è un caso che Locke venga unanimemente considerato l’autore del pri-
mo vero trattato di gnoseologia moderna, il Saggio sull’intelletto umano, in cui
egli espone fin nei minimi dettagli la sua concezione empiristica della cono-
scenza. Da quest’opera sono tratti i brani che presentiamo e che riguardano
la teoria lockiana della conoscenza.

JOHN LOCKE
SAGGIO SULL’INTELLETTO UMANO
Il problema della conoscenza
La sostanza

GOTTFRIED WILHELM LEIBNIZ


Filosofo e scienziato di altissimo livello, Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-
1716) esercita la sua riflessione in un’epoca – la seconda metà del Seicento e
gli inizi del Settecento – fortemente caratterizzata dal contrasto tra la filosofia
tradizionale di matrice scolastica e la nuova filosofia, che si alimentava invece
di un cartesianesimo collegato all’indagine scientifica sulla natura. Il pensie-
ro di Leibniz può esser visto come l’impresa, grandiosa e difficilissima, di con-
ciliare proprio queste due tendenze.
Il brano che presentiamo, a integrazione di quelli presenti nell’Antologia,
ruota attorno a un luogo fondamentale della riflessione leibniziana, la conci-
liabilità della filosofia tradizionale con la scienza moderna, idea che Leibniz
sostenne fin dall’inizio della sua riflessione, ma che trova nel Discorso di meta-
fisica la sua più compiuta chiarificazione. Qui, infatti, egli argomenta in favo-
re di uno dei concetti più importanti della filosofia di matrice aristotelica, va-
le a dire il concetto di forma sostanziale, che però trova una giusta collocazio-
ne nella metafisica, ossia in quel discorso razionale che trascende i limiti del-
la fisica.

GOTTFRIED WILHELM LEIBNIZ


DISCORSO DI METAFISICA
Fisica e metafisica
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 24

24 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

GIAMBATTISTA VICO
Di fronte ai grandi cambiamenti a cui la filosofia e la scienza europea andava-
no incontro durante il Seicento, la cultura filosofica italiana manteneva un at-
teggiamento contrastante che può così descriversi: da un lato essa si era chiu-
sa rispetto alla diffusione della nuova filosofia, principalmente a causa degli
esiti avuti dal “caso Galilei”, dall’altro aveva promosso una serie di ricerche
sperimentali che di fatto si ispiravano ai lavori del grande scienziato pisano.
Questa situazione però mutò, e in termini considerevoli, tra la fine del Sei-
cento e gli inizi del Settecento, quando il cartesianesimo, imperante in Euro-
pa, fece sentire anche in Italia, e specie nelle Accademie, la sua enorme capa-
cità di innovazione. A questa nuova tendenza, che iniziava a prender piede an-
che nella cultura filosofica italiana, si oppose in maniera decisa il filosofo na-
poletano Giambattista Vico (1668-1744), che dai gesuiti aveva ricevuto un’e-
ducazione rivolta allo studio dei classici, della filosofia tradizionale (logica e
metafisica scolastica) e della giurisprudenza. Fin dagli anni della sua forma-
zione egli preferì all’opera di Cartesio, dove domina la matematica, l’opera
dello storico latino Tacito, che contempla l’uomo così come è, gli scritti di Pla-
tone che contemplano l’uomo così come deve essere e i lavori di Bacone che,
a differenza di quelli cartesiani, hanno valorizzato non tanto la deduzione del-
la matematica, quanto l’arte di scoprire nuove verità a partire dall’esperienza.
Il brano che presentiamo, a integrazione dei testi in Antologia, è tratto dall’o-
pera più importante di Vico, i Princìpi di scienza nuova, in cui egli si propone di
dimostrare l’azione della provvidenza divina, non più a partire dall’ordine na-
turale delle cose, bensì a partire dalla storia degli uomini, attraverso i metodi
della filologia (che ha per oggetto il certo) e la riflessione della filosofia (che
ha per oggetto il vero). L’intervento della Provvidenza sarebbe attestato dal pas-
saggio degli uomini dalla condizione di bestie feroci a quella di esseri civili.

GIAMBATTISTA VICO
PRINCÌPI DI SCIENZA NUOVA D’INTORNO ALLA COMUNE NATURA DELLE NAZIONI
L’azione della provvidenza nella storia
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 25

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 25

L’ILLUMINISMO INGLESE: BERKELEY E HUME


Con il termine “Illuminismo” si suole indicare una tendenza filosofica larga-
mente diffusa nel XVIII secolo, la quale si fonda sulla convinzione che sia la
ragione la sola facoltà capace di illuminare o rischiarare l’umanità dalle tene-
bre in cui essa è relegata dall’ignoranza, dal pregiudizio e dalla superstizione.
Per ragione si intende sostanzialmente la ragione della scienza e della tecni-
ca; dunque, non una ragione che si oppone all’esperienza, come si potrebbe
pensare, quanto piuttosto una ragione che presuppone l’esperienza e si muo-
ve nell’ambito di essa. Non è un caso che, anche per ragioni prettamente sto-
riche, l’Illuminismo sia nato in Inghilterra, e di lì si sia poi diffuso in Francia,
dove ha raggiunto la sua forma più compiuta, e in Germania e in Italia, dove
ebbe sviluppi comunque importanti. In Inghilterra, infatti, esso trovò un ter-
reno estremamente fertile, preparato dalla filosofia sperimentale e, in parti-
colare, dall’empirismo di Locke.
Le caratteristiche fondamentali dell’Illuminismo inglese, oltre alla forte im-
postazione empirista che lo contraddistingue, sono il deismo e il sentimenta-
lismo: rispettivamente, la dottrina secondo cui della religione sono accettabi-
li soltanto gli aspetti intrinsecamente razionali, la cosiddetta religione natura-
le, e non piuttosto quegli aspetti che sono tradizionalmente considerati rive-
lati, come per esempio i dogmi; e il tentativo di costruire un’etica autonoma
dalla religione, ossia un’etica fondata sulla capacità innata che l’uomo avreb-
be di distinguere il bene e il male, in base al sentimento di approvazione o di-
sapprovazione che certe azioni generano in lui.
I brani che presentiamo, a integrazione dei testi in Antologia, provengono
dal Trattato sui princìpi della conoscenza umana di George Berkeley (1685-1753),
il vescovo anglicano che, pur sostenendo una dottrina della conoscenza di ti-
po empiristico, fu uno dei critici più agguerriti del deismo, e dalle Ricerche sul-
l’intelletto umano di David Hume (1711-1776), il filosofo scozzese che portò
l’empirismo verso esiti scettici e pose la morale e la religione su un fondamen-
to esclusivamente emotivo e sentimentale.
Per quanto riguarda Berkeley il brano esplica la convinzione che le leggi di
natura non siano altro che l’ordine impresso da Dio alle idee che percepiamo
in noi stessi. Per quanto riguarda il brano di Hume, invece, il filosofo precisa la
natura del suo scetticismo.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 26

26 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

GEORGE BERKELEY
TRATTATO SUI PRINCÌPI DELLA CONOSCENZA UMANA
Dio e le leggi di natura

DAVID HUME
RICERCHE SULL’INTELLETTO UMANO
Sullo scetticismo

L’ILLUMINISMO FRANCESE
Pur essendo influenzato dalle tendenze provenienti dall’Inghilterra, in Fran-
cia l’Illuminismo assunse caratteri più radicali e polemici. La presenza di un
regime politico di tipo assolutistico, infatti, spinse le tendenze riformistiche
del paese verso forme esasperate di democrazia e il predominio della religio-
ne cattolica, usata strumentalmente per giustificare e conservare il potere po-
litico vigente, determinò forti istanze anticlericali e finì col fomentare un atei-
smo peraltro già presente tra gli uomini di cultura del tempo. In questo con-
testo si formarono e si affermarono quelle tendenze che furono tipiche del-
l’Illuminismo francese.
Nei brani seguenti, che integrano quelli dell’Antologia, presentiamo alcune
di queste tendenze:
1. la critica alla filosofia tradizionale, mossa da François-Marie Arouet, det-
to Voltaire (1694-1779). Il filosofo francese critica alcune posizioni filosofiche,
come l’ottimismo leibniziano e la scienza aristotelica, da lui guardate con un
atteggiamento di distacco e superiorità;
2. la critica al principio d’autorità, mossa da Jean Baptiste d’Alembert (1717-
1783) nel discorso preliminare dell’Enciclopedia. Si tratta di una critica rivolta
verso la cultura antica, importante sotto l’aspetto letterario ma non sotto l’a-
spetto filosofico, e verso la cultura medievale, dominata dai teologi timorosi
dei danni che l’uso della ragione avrebbe potuto apportare alla fede cristia-
na. Essi infatti, secondo d’Alembert, hanno eretto a dogmi di fede le loro per-
sonali opinioni. Sono stati, invece, i primi filosofi moderni coloro i quali han-
no permesso all’umanità di uscire dall’oscurantismo in cui per secoli era sta-
ta relegata;
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 27

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 27

3. il materialismo esteso dall’universo all’uomo, che viene concepito come


una macchina da Julien Offray de La Mettrie (1709-1751). Questi prova a mo-
strare, infatti, come la vita dell’anima si possa ricondurre al funzionamento
del corpo, il quale a sua volta non può che essere inteso come una macchina;
4. la riflessione politica, portata da Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) su
posizioni nuove e originali. Secondo il filosofo, per riappropriarsi della sua in-
nocenza originale, nonché di un radicale sistema di uguaglianza, l’uomo de-
ve stipulare con il suo prossimo un nuovo contratto sociale, in cui ciascuno
consegna i propri diritti nelle mani dell’intera comunità, la quale esercita non
volontà particolari ma un’unica volontà generale che mira all’utilità pubbli-
ca.

VOLTAIRE
QUESITI SULL’ENCICLOPEDIA
La critica alla filosofia tradizionale

JEAN BAPTISTE D’ALEMBERT


DISCORSO PRELIMINARE ALL’ENCICLOPEDIA
Critica al principio di autorità

JULIEN OFFRAY DE LA METTRIE


L’UOMO-MACCHINA
«L’uomo è una macchina così complessa»

JEAN-JACQUES ROUSSEAU
IL CONTRATTO SOCIALE
La volontà generale
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 28

28 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

L’ILLUMINISMO TEDESCO E ITALIANO


Caratteri analoghi a quelli emersi in Inghilterra e in Francia l’Illuminismo li
manifestò anche in Germania e in Italia. Mentre in Germania questo “rischia-
ramento” venne visto in stretto legame col sapere scolastico, che veniva inse-
gnato nelle università, ed era teso a realizzare il perfezionamento morale del-
l’uomo, in Italia esso assunse delle connotazioni civili, volte a coniugare la ri-
flessione filosofica con l’impegno politico, inteso in senso fortemente riformi-
stico.
I brani che presentiamo, a integrazione dei testi in Antologia, documenta-
no queste tendenze presenti nell’Illuminismo tedesco e italiano:
1. per la Germania leggiamo passi dall’opera del matematico Johann Hein-
rich Lambert (1728-1777) che, distinguendo fra concetti a priori e concetti a
posteriori, sviluppò una concezione della scienza del tutto originale;
2. per l’Italia, invece, il brano proposto è di Pietro Verri (1728-1797), con-
cernente il piacere e il dolore.

JOHANN HEINRICH LAMBERT


NUOVO ORGANO
I concetti fondamentali

PIETRO VERRI
DISCORSO SULL’INDOLE DEL PIACERE E DEL DOLORE
Il dolore è il principio motore dell’uomo

LA SCIENZA NEL SETTECENTO


Il Settecento è il secolo in cui si assiste a un poderoso progresso e a un’enor-
me estensione della scienza moderna. I brani che presentiamo riguardano i
punti di maggiore novità emersi nella scienza settecentesca, in particolare in
biologia, in chimica e in fisica:
1. il lavoro svolto dal naturalista svedese Carl von Linné, detto Linneo (1707-
1778), nella classificazione generale degli animali e delle piante; e per contro
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 29

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 29

la riflessione dinamica, di storia naturale, condotta da Georges-Louis Leclerc


de Buffon (1707-1788), in cui si sostiene la derivazione di tutte le specie viven-
ti da un numero ristretto di prototipi;
2. la nascita della chimica come scienza, principalmente a opera dello scien-
ziato francese Antoine Laurent Lavoisier (1743-1794) il quale, confutando la
teoria del flogisto, scoprì la vera natura della combustione e la composizione
dell’acqua, da sempre considerata un elemento non decomponibile;
3. lo studio scientifico dei fenomeni dell’elettricità, in cui si collocano gli
esperimenti condotti sulle rane dal fisico italiano Luigi Galvani (1737-1798),
il quale credette di aver scoperto il fenomeno dell’elettricità animale.

LINNEO
FONDAMENTI DELLA BOTANICA
I fondamenti della botanica

GEORGES-LOUIS LECLERC DE BUFFON


STORIA NATURALE GENERALE E PARTICOLARE
Sul modo di trattare e di studiare la storia naturale

ANTOINE LAURENT LAVOISIER


RIFLESSIONI SUL FLOGISTO
La vera natura della combustione
RIFLESSIONI SULLA COMPOSIZIONE DELL’ACQUA
«Suppongo che coloro che leggeranno queste riflessioni...»

LUIGI GALVANI
MEMORIE SULLA ELETTRICITÀ ANIMALE A LAZZARO SPALLANZANI
La discussione con Alessandro Volta sull’elettricità animale
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 30
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 31

PARTE TERZA
OTTOCENTO
E NOVECENTO

PERCORSI TEMATICI
IL ROMANTICISMO E L’IDEALISMO TEDESCO
Tra le figure che giganteggiano nel panorama del pensiero romantico e idea-
listico in Germania, presentiamo anzitutto i tre filosofi che anticipano e pre-
parano la fioritura del movimento, cioè Johann G. Hamann (1730-1788),
Johann G. Herder (1744-1803) e Friedrich H. Jacobi (1741-1819). Poi Johann
W. Goethe (1749-1832) e, tra i romantici veri e propri, Friedrich Schlegel
(1772-1829) e Novalis (1772-1801).
Tra gli idealisti ci limitiamo a Johann G. Fichte (1762-1814) e Friedrich W.J.
Schelling (1775-1854). Di questi presentiamo, a integrazione dei testi in Anto-
logia, una scelta di brani che documenta le loro teorie più note – come i princì-
pi della dottrina della scienza fichtiana o l’idealismo trascendentale in Schel-
ling – ma anche l’evoluzione e gli sviluppi del loro pensiero, quali la filosofia
dell’Assoluto del secondo Fichte o il concetto di amore di Schelling.

JOHANN G. HAMANN
GHIRIBIZZI E DUBBI FILOLOGICI ATTORNO AD UNA MEMORIA ACCADEMICA
L’uomo come essere dotato di libertà e linguaggio

JOHANN G. HERDER
IDEE PER LA FILOSOFIA DELLA STORIA DELL’UMANITÀ
Che cos’è il linguaggio umano
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 32

32 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

FRIEDRICH H. JACOBI
SULLA DOTTRINA DI SPINOZA
L’ateismo dell’intelletto e il «salto mortale» della «ragione» come «sentimento
del soprasensibile»

JOHANN W. GOETHE
ESPERIENZA E SCIENZA
«I fenomeni, che noi chiamiamo anche fatti, sono certi e distinti per natura»
ANALISI E SINTESI
«Ogni analisi presuppone una sintesi»

FRIEDRICH SCHLEGEL
FRAMMENTI
La poesia romantica

NOVALIS
LA CRISTIANITÀ OVVERO L’EUROPA
Il rinnovamento spirituale dell’Europa nel programma
del romanticismo politico

JOHANN G. FICHTE
FONDAMENTO DELL’INTERA DOTTRINA DELLA SCIENZA
Il principio fondamentale della «Dottrina della scienza» del 1804
SULLA MISSIONE DEL DOTTO
La missione del dotto
INIZIAZIONE ALLA VITA BEATA
L’Assoluto e l’Amore

FRIEDRICH W.J. SCHELLING


SISTEMA DELL’IDEALISMO TRASCENDENTALE
Il primo sistema: l’idealismo trascendentale
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 33

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 33

RICERCHE FILOSOFICHE SULL’ESSENZA DELLA LIBERTÀ UMANA


L’abisso divino e l’amore

GEORG WILHELM FRIEDRICH HEGEL


Vi sono luoghi dell’opera di Hegel (1770-1831) che sono diventati passaggi
inevitabili del pensiero filosofico, testi ormai classici sui quali sempre si è di-
scusso e sui quali sempre si tornerà. Ne presentiamo alcuni a integrazione di
quelli in Antologia:
1. dalla Fenomenologia dello spirito la Prefazione (con l’illustrazione del cam-
mino che la filosofia deve seguire per diventare scienza dell’Assoluto) e il ca-
pitolo dedicato alla contrapposizione della virtù al corso del mondo;
2. dalla Scienza della logica la Prefazione;
3. in testa al percorso proponiamo un celebre testo, Il più antico programma
di sistema dell’idealismo tedesco (1797), che – indipendentemente dall’attribuzio-
ne (Schelling, Hölderlin o Hegel) – documenta sul nascere la vastità del dise-
gno speculativo dell’idealismo.

GEORG WILHELM FRIEDRICH HEGEL


IL PIÙ ANTICO PROGRAMMA DI SISTEMA DELL’IDEALISMO TEDESCO
«Dacché l’intera metafisica si compirà in futuro nella morale...»
FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO
La filosofia come scienza dell’intero
La virtù e il corso del mondo
SCIENZA DELLA LOGICA
La logica speculativa

LA FILOSOFIA DEL PRIMO OTTOCENTO IN FRANCIA


A differenza di quella tedesca, la filosofia francese nella prima metà dell’Ot-
tocento appare caratterizzata più da movimenti di idee che da grandi pensa-
tori. E mentre nell’area linguistica tedesca si hanno opere capitali che costi-
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 34

34 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

tuiscono riferimenti classici per la storia della filosofia, non altrettanto si può
dire per il pensiero francese di questo periodo.
Una tradizione storiografica inveterata tende a prendere in considerazione,
con motivazioni opposte ma simmetriche, soprattutto gli scritti dei socialisti
utopisti (Claude-Henri de Saint-Simon, Charles Fourier, Pierre-Joseph
Proudhon) e quelli dei pensatori tradizionalisti (Joseph de Maistre, Juan Do-
noso Cortés).

CLAUDE-HENRI DE SAINT-SIMON
LETTERE DI UN ABITANTE DI GINEVRA AI SUOI CONTEMPORANEI
Il sogno di una nuova società

CHARLES FOURIER
IL NUOVO MONDO INDUSTRIALE E SOCIETARIO
«Soltanto da un secolo a questa parte ci si occupa di teorie industriali»

PIERRE-JOSEPH PROUDHON
CHE COS’È LA PROPRIETÀ
La proprietà come furto

JOSEPH DE MAISTRE
DEL PAPA
Potere spirituale e sovranità temporale

JUAN DONOSO CORTÉS


SAGGIO SUL CATTOLICESIMO, IL LIBERALISMO E IL SOCIALISMO
L’anarchia della ragione umana e l’ordine delle sacre verità
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 35

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 35

POSITIVISMO ED EVOLUZIONISMO
Positivismo ed evoluzionismo caratterizzano la filosofia europea nella secon-
da metà dell’Ottocento. Il positivismo si affermò a ridosso dello sviluppo del-
le scienze, non soltanto come indirizzo filosofico, ma altresì come visione del
mondo. Si diffuse rapidamente in tutta Europa caratterizzando il pensiero e
la cultura della seconda metà dell’Ottocento e dei primi anni del Novecento,
alimentando il mito ottimistico del progresso e la fiducia nel potenziale eman-
cipatorio della scienza e della tecnica, che caratterizzarono la cosiddetta «Bel-
le Époque».
Tra i molti esponenti della filosofia positivistica ci limitiamo a una figura rap-
presentativa, che tocca nella sua riflessione problemi che non hanno perduto
di interesse: John Stuart Mill (1806-1873). L’evoluzionismo a sua volta si af-
fermò dapprima come ipotesi scientifica ma divenne poi con Herbert Spencer
(1820-1903) una vera e propria filosofia.

JOHN STUART MILL


SISTEMA DI LOGICA, RAZIOCINATIVA E INDUTTIVA
La logica delle «scienze morali»

HERBERT SPENCER
PRIMI PRINCÌPI
Il sistema filosofico dell’evoluzionismo

FRIEDRICH NIETZSCHE
Il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche (1844-1900) è una figura di fine Otto-
cento che proietta però l’ombra del suo pensiero su tutto il Novecento.
Ad integrare i brani presenti nell’Antologia, proponiamo qui un passo trat-
to dal saggio Su verità e menzogna in senso extramorale che illustra la critica della
verità come supremo valore della conoscenza.
SU VERITÀ E MENZOGNA IN SENSO EXTRAMORALE
La verità come errore
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 36

36 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

LA FILOSOFIA TEDESCA TRA SECONDO OTTOCENTO


E PRIMO NOVECENTO

La filosofia tedesca nella seconda metà dell’Ottocento e nel primo Novecen-


to – fino allo scoppio della grande guerra del 1914-18, cioè fino all’evento che
segna la fine della «Belle Époque» e rappresenta nell’atmosfera culturale il ve-
ro spartiacque tra Ottocento e Novecento – è caratterizzata non solo dal posi-
tivismo, ma anche dallo storicismo, una posizione filosofica incentrata sul ri-
conoscimento della storicità quale orizzonte onnicomprensivo dell’esperien-
za umana. Il panorama è arricchito inoltre dalla filosofia della vita, quale esi-
to ultimo dello storicismo; dal neokantismo, che vede nel ritorno a Kant la
possibilità di una teoria della conoscenza e della scienza in grado di tenere il
passo con i progressi del sapere scientifico; dal dibattito sullo «psicologismo»,
in cui spiccano le figure di Frege e Husserl.
La drastica selezione che si rende necessaria ci impone di includere nel nostro
percorso soltanto alcuni tra i pensatori più interessanti: Hermann Cohen (1842-
1918), Paul Natorp (1854-1924) ed Ernst Cassirer (1874-1945) per la Scuola di
Marburgo; Wilhelm Windelband (1848-1915) e Heinrich Rickert (1863-1936)
per quella del Baden; Georg Simmel (1858-1918) e Oswald Spengler (1880-
1936) per la filosofia della vita; infine Max Weber (1864-1920) quale padre-fon-
datore del moderno pensiero sociologico.

HERMANN COHEN
SISTEMA DI FILOSOFIA
Il compito della logica trascendentale
Il problema del «dato»

PAUL NATORP
I FONDAMENTI LOGICI DELLE SCIENZE ESATTE
La considerazione filosofico-trascendentale della scienza

ERNST CASSIRER
FILOSOFIA DELLE FORME SIMBOLICHE
Il simbolo come funzione conoscitiva
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 37

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 37

IL CONCETTO DI FORMA SIMBOLICA NELLA COSTRUZIONE DELLE SCIENZE DELLO SPIRITO


«L’unità di un ambito spirituale non può mai essere determinata»

WILHELM WINDELBAND
STORIA E SCIENZA NATURALE
Scienza nomotetica e scienza idiografica

HEINRICH RICKERT
L’OGGETTO DELLA CONOSCENZA
Scienze della natura e scienze della cultura

GEORG SIMMEL
CONCETTO E TRAGEDIA DELLA CULTURA
« L’uomo, a differenza dell’animale, non si inserisce supinamente
nella datità naturale del mondo»

OSWALD SPENGLER
QUESTIONI ORIGINARIE
L’uomo e il destino

MAX WEBER
ALCUNE CATEGORIE DELLA SOCIOLOGIA COMPRENDENTE
«L’atteggiamento umano»

ALTERNATIVE E REAZIONI AL POSITIVISMO


Tra i numerosi pensatori che caratterizzano il periodo dalla seconda metà del-
l’Ottocento alla prima metà del Novecento proponiamo, come ampliamento
ai brani già presenti nell’Antologia, alcune pagine di Benedetto Croce (1866-
1952) per l’area italiana e di Charles S. Peirce (1839-1914) per quella anglo-
americana.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 38

38 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

BENEDETTO CROCE
FILOSOFIA E STORIOGRAFIA
La trasformazione dell’hegelismo

CHARLES S. PEIRCE
CHE COS’È IL PRAGMATISMO?
La definizione di pragmatismo

LA FENOMENOLOGIA
La fenomenologia è stata tra i movimenti di pensiero più influenti nella pri-
ma metà del Novecento. Ha avuto sviluppi significativi in Germania, Francia,
Italia e negli Stati Uniti d’America, mantenendosi viva a lungo anche dopo la
seconda guerra mondiale. Risulta tuttavia difficile definire con precisione i
suoi contorni e, per alcune sue dottrine, essa dovrebbe essere fatta rigorosa-
mente coincidere con l’opera del suo fondatore.
La massima husserliana «alle cose stesse!», che enuncia il programma fe-
nomenologico, era suscettibile di interpretazioni così diverse che – come
Paul Ricoeur ha acutamente osservato – la storia della fenomenologia è di-
ventata in realtà la storia delle sue eresie. Allievi diretti di Edmund Husserl
(1859-1938), come Martin Heidegger (1889-1976), o compagni di cammi-
no, come Max Scheler (1874-1928) e Nicolai Hartmann (1882-1950), o pen-
satori che a Husserl si ispirarono, come Jean-Paul Sartre (1905-1980) e Mau-
rice Merleau-Ponty (1908-1961), raccolsero l’insegnamento fenomenologi-
co più nello spirito che nella lettera, e videro in essa una possibilità da in-
terpretare liberamente più che un corpo di dottrine da seguire in maniera
pedissequa.
Qui proponiamo un brano di Franz Brentano (1838-1917), come amplia-
mento dell’Antologia, sulla funzione della psicologia descrittiva nell’analisi
dei fenomeni psichici.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 39

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 39

FRANZ BRENTANO
PSICOLOGIA DAL PUNTO DI VISTA EMPIRICO
La psicologia descrittiva e il suo compito

MARTIN HEIDEGGER
Il pensiero di Martin Heidegger (1889-1976) – allievo di Husserl a Friburgo –
non è riducibile né alla fenomenologia né all’esistenzialismo, ma, dopo una
iniziale adesione alla fenomenologia e dopo avere largamente ispirato l’esi-
stenzialismo, esso ha aperto e seguito un proprio solitario cammino che mira
a una sola questione, quella dell’essere.
Come integrazione dell’Antologia proponiamo un passo tratto dall’opera
Nietzsche sulla ricchezza semantica della parola «è».

MARTIN HEIDEGGER
NIETZSCHE
L’enigma della polisemia dell’essere

LE FILOSOFIE A INDIRIZZO LOGICO E ANALITICO


Le filosofie a indirizzo logico e analitico, che hanno fatto valere in linea di
principio, ciascuna a suo modo, l’esigenza della rigorosità scientifica del pen-
siero filosofico a costo di limitarne le competenze, sono nate e cresciute prin-
cipalmente nella cultura anglosassone – anche se non va dimenticato che l’im-
pulso iniziale venne ai pensatori del Circolo di Vienna. Esse si sono poi rapi-
damente affermate in tutto il mondo e sono diventate un orientamento di
pensiero molto importante, per non dire dominante, nel panorama della fi-
losofia odierna.
Numerosi e prestigiosi sono gli esponenti e le scuole in cui questa tenden-
za si è manifestata. Il nostro percorso amplia la scelta in Antologia e consi-
dera alcuni tra i pensatori più noti: Gottlob Frege (1848-1925), Bertrand
Russell (1872-1970), Gilbert Ryle (1900-1976), John L. Austin (1911-1960),
Peter F. Strawson (1919-2006), Richard M. Hare (1919-2002) e Willard Van
Orman Quine (1908-2000).
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 40

40 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

GOTTLOB FREGE
LA DISTINZIONE TRA OGGETTO E CONCETTO E LA POLISEMIA DEL VERBO ESSERE
«La parola “concetto” viene usata in sensi diversi»

BERTRAND RUSSELL
I PRINCÌPI DELLA MATEMATICA
La riconduzione della matematica alla logica
LA VISIONE SCIENTIFICA DEL MONDO
Etica della scienza e futuro dell’uomo

GILBERT RYLE
LO SPIRITO COME COMPORTAMENTO
Lo «spettro nella macchina»

JOHN L. AUSTIN
COME FARE COSE CON LE PAROLE
Gli atti linguistici: performativi e constatativi

PETER F. STRAWSON
INDIVIDUI. SAGGIO DI METAFISICA DESCRITTIVA
Metafisica correttiva e metafisica descrittiva

RICHARD M. HARE
IL PENSIERO MORALE
Razionalità e prescrittività nell’analisi filosofica della morale

WILLARD VAN ORMAN QUINE


QUIDDITATES. QUASI UN DIZIONARIO FILOSOFICO
Classi e insiemi
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 41

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 41

LE FILOSOFIE DI ISPIRAZIONE CRISTIANA, LE NUOVE TEOLOGIE,


LA FILOSOFIA DELLA RELIGIONE, L’ESOTERISMO

La ricchezza degli argomenti affrontati nel percorso impone una scelta di te-
sti, che integra quelli dell’Antologia, limitata a pochi autori.
Per le filosofie di ispirazione cristiana prenderemo in considerazione Em-
manuel Mounier (1905-1950) quale rappresentante del pensiero spiritualisti-
co-personalista.
Quanto alla teologia contemporanea è impossibile fornire un’idea anche so-
lo sommaria delle profonde trasformazioni e dei molteplici tentativi di rinno-
vamento che essa ha vissuto. Ci limiteremo qui a Rudolf Bultmann (1884-
1976), per la confessione protestante, a Romano Guardini (1885-1968), Hans
Urs von Balthasar (1905-1988) e Karl Rahner (1904-1984) per quella cattoli-
ca. La nostra proposta è determinata, oltre che dall’importanza di tali autori,
dal fatto che la loro opera presenta un interesse filosofico.
Per quanto riguarda la filosofia della religione e lo studio del mito, presen-
tiamo qualche pagina di Rudolf Otto (1869-1937), Gerhardus Van der Leeuw
(1890-1950), Mircea Eliade (1907-1986) e René Girard (nato nel 1923).

EMMANUEL MOUNIER
CHE COS’È IL PERSONALISMO?
«Il personalismo può sembrare inafferrabile»

RUDOLF BULTMANN
IL DIBATTITO SUL MITO
La demitologizzazione del Nuovo Testamento

ROMANO GUARDINI
IL POTERE. TENTATIVO DI UN ORIENTAMENTO
Il concetto teologico del potere

HANS URS VON BALTHASAR


IL TUTTO NEL FRAMMENTO
Finitudine e salvezza dell’uomo
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 42

42 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

KARL RAHNER
UDITORI DELLA PAROLA
L’uomo come apertura a Dio

RUDOLF OTTO
IL SACRO. L’IRRAZIONALE NELLA IDEA DEL DIVINO E LA SUA RELAZIONE AL RAZIONALE
Razionale e irrazionale
Il numinoso
Il sentimento «creaturale» come riflesso del senso del numinoso
nella consapevolezza di sé (Momenti del numinoso I)
Mysterium tremendum (Momenti del numinoso II)

GERHARDUS VAN DER LEEUW


FENOMENOLOGIA DELLA RELIGIONE
«La fenomenologia cerca il fenomeno»

MIRCEA ELIADE
OCCULTISMO, STREGONERIA E MODE CULTURALI. SAGGI DI RELIGIONI COMPARATE
Occultismo ed esoterismo nel mondo moderno

RENÉ GIRARD
LA VITTIMA E LA FOLLA. VIOLENZA DEL MITO E CRISTIANESIMO
Cristianesimo e mito alla luce della teoria del capro espiatorio

LA NASCITA E LO SVILUPPO DELLE SCIENZE UMANE


Le scienze umane, con la loro crescente specializzazione, offrono un panora-
ma ampio e frastagliato, difficile da abbracciare in tutte le sue ramificazioni.
Ciascuna di esse – psicologia, sociologia, scienze politiche e giuridiche, lingui-
stica, etnologia, antropologia, ecc. – richiederebbe un discorso specifico cir-
ca la genesi, lo sviluppo, il metodo e i concetti che la contraddistinguono. Qui
offriamo una scelta di testi sufficientemente rappresentativa che integra il per-
corso dell’Antologia.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 43

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 43

Della psicologia abbiamo voluto documentare alcuni sviluppi recenti più


originali con Jean Piaget (1896-1980).
Per la sociologia ci limitiamo a due classici, Émile Durkheim (1858-1917) e
Vilfredo Pareto (1848-1923), nonché al suo esponente più prestigioso, Niklas
Luhmann (1927-1998).
Per il pensiero giuridico e politico proponiamo alcune pagine dei due gran-
di antagonisti del Novecento, Hans Kelsen (1881-1973) e Carl Schmitt (1888-
1985), oltre a brani di Leo Strauss (1899-1973), di Hannah Arendt (1906-
1975) e, tra le figure del dibattito più recente, di John Rawls (1921-2002).
Per la linguistica diamo alcune pagine di Noam Chomsky (nato nel 1928).
Infine, per il cosiddetto pensiero post-strutturalista francese, abbiamo scel-
to un brano di Michel Foucault (1926-1984).

JEAN PIAGET
INTERVISTA SU CONOSCENZA E PSICOLOGIA
Il concetto di struttura nello sviluppo della mente

ÉMILE DURKHEIM
DIZIONARIO DELLE IDEE
La filosofia positiva e la scienza della società

VILFREDO PARETO
TRATTATO DI SOCIOLOGIA GENERALE
La classificazione delle azioni

NIKLAS LUHMANN
ARCHIMEDES UND WIR
La teoria sistemica della società

HANS KELSEN
LA DOTTRINA PURA DEL DIRITTO
Il concetto di norma
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 44

44 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

CARL SCHMITT
IL CONCETTO DEL «POLITICO»
Il concetto di Stato presuppone quello di «politico»

LEO STRAUSS
CHE COS’È LA FILOSOFIA POLITICA?
«Il significato e il carattere della filosofia politica»

HANNAH ARENDT
VITA ACTIVA
La condizione umana

JOHN RAWLS
UNA TEORIA DELLA GIUSTIZIA
Il velo di ignoranza

NOAM CHOMSKY
RIFLESSIONI SUL LINGUAGGIO
Strutture innate del linguaggio e della mente
Il linguaggio come tratto distintivo dell’uomo

MICHEL FOUCAULT
L’ARCHEOLOGIA DEL SAPERE
Storia delle idee e archeologia del sapere

LA SCIENZA NEL NOVECENTO E LA NUOVA EPISTEMOLOGIA


I continui sviluppi della scienza nel Novecento e la posizione predominante
che essa ha assunto nella vita dell’uomo contemporaneo hanno alimentato
una ricca riflessione filosofica intorno alla sua natura, ai metodi e ai procedi-
menti che la caratterizzano, alle potenzialità che ne fanno uno dei fattori de-
cisivi del mondo moderno; ma hanno anche indotto a pensare ai rischi e ai
pericoli che il suo sfruttamento senza limiti nasconde.
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 45

ESPANSIONI IN ALEF ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI 45

Ha avuto così luogo negli ultimi tempi una profonda trasformazione del-
l’immagine della scienza: partendo da una critica della concezione paleopo-
sitivistica del sapere, la nuova epistemologia ha cercato di definire meglio che
cosa facciamo quando facciamo scienza, quando inventiamo e costruiamo
una teoria scientifica. Ne è scaturita una nuova visione della scienza, della sua
genesi, dei suoi paradigmi e dei suoi criteri di validità, tale da rivoluzionare le
rappresentazioni che se ne avevano in precedenza.
Degli epistemologi che hanno maggiormente contribuito a tale rivoluzione
qui presentiamo, a integrazione dei brani presenti nell’Antologia, alcune pa-
gine di Karl R. Popper (1902-1994) e Thomas Kuhn (1922-1996).

KARL R. POPPER
IL FALLIBILISMO E LA TEORIA DEI TRE MONDI
«Oggi ci sono due mode filosofiche...»

THOMAS KUHN
NUOVE RIFLESSIONI SUI PARADIGMI
Che cos’è un paradigma scientifico

LE PROSPETTIVE DELLA FILOSOFIA OGGI


Quali spazi si aprono ancora, oggi, all’interrogazione filosofica? Quali compe-
tenze spettano a questa attività dello spirito umano, in un sapere che appare
sempre più dominato e colonizzato dalla specializzazione scientifica? V’è una
«razionalità», una forma di argomentazione che il pensiero filosofico possa far
valere come propria nel mondo contemporaneo?
È vero, la filosofia non ha successi concreti da esibire. Ma, come Heidegger ha
notato, pretendere di giudicare la filosofia in base ai suoi successi pratici sareb-
be come voler valutare il pesce in base alla sua capacità di stare all’asciutto. Equi-
varrebbe, in altri termini, ad applicare alla filosofia un criterio che le è per prin-
cipio inadeguato. Al di là di tutti i ragionamenti che si possono fare intorno alla
questione dell’utilità o meno della filosofia, la prova migliore della sua indefes-
sa vitalità la si ha leggendo le opere di pensatori ascoltati nel mondo odierno.
In questa prospettiva proponiamo, come ampliamento dell’Antologia, alcu-
ni brani di Chaïm Perelman (1912-1984) per la nuova retorica; di Joachim Rit-
Alef_brochure_XP7.qxp:Alef_brochure 2-04-2010 16:05 Pagina 46

46 ANTOLOGIA DI FILOSOFIA DALL’ANTICHITÀ A OGGI ESPANSIONI IN ALEF

ter (1903-1974) per la riabilitazione della filosofia pratica; di Hans Jonas


(1903-1993) per il progetto di un’etica della responsabilità; di Georg H. von
Wright (1916-2003) per la teoria del sillogismo pratico; di Alasdair MacIntyre
(nato nel 1929) quale sostenitore del comunitarismo; di Emmanuel Levinas
(1905-1995) per la critica della tradizione metafisica.

CHAÏM PERELMAN
IL CAMPO DELL’ARGOMENTAZIONE. NUOVA RETORICA E SCIENZE UMANE
La teoria filosofica dell’argomentazione

JOACHIM RITTER
IL COMPITO DELLE SCIENZE DELLO SPIRITO NELLE SOCIETÀ MODERNE
«I problemi che oggi affliggono l’università»

HANS JONAS
IL PRINCIPIO RESPONSABILITÀ
Il principio di responsabilità e l’imperativo morale dell’età tecnologica

GEORG H. VON WRIGHT


SPIEGAZIONE E COMPRENSIONE
Il sillogismo pratico
Spiegazione e comprensione

ALASDAIR MACINTYRE
DOPO LA VIRTÙ
Nietzsche o Aristotele?

EMMANUEL LEVINAS
TOTALITÀ E INFINITO
Metafisica e trascendenza