Sei sulla pagina 1di 36

TRASMISSIONE DEL CALORE

Dalla termodinamica abbiamo appreso che: Il calore Q (come del resto il lavoro) non una propriet del sistema, ma una forma di energia in transito. Si pu quindi dire che un sistema possiede energia (ad esempio energia interna U, energia cinetica Ec o energia potenziale Ep), ma si deve dire che un sistema scambia calore con un altro sistema. La quantit di calore scambiata pu essere quantificata. Il passaggio di calore da un sistema ad un altro pu avvenire se sono soddisfatte le seguenti condizioni: I due sistemi si devono trovare a temperature diverse Non devono essere separati da una parete adiabatica Per il primo principio la quantit di calore trasferito ad un sistema eguaglia lentit dellincremento di energia del sistema stesso. Per il secondo principio il calore si propaga nella direzione delle temperature decrescenti, da una regione ad alta temperatura ad una regione a bassa temperatura.

TRASMISSIONE DEL CALORE


Il sistema A ed il sistema B rimarranno alla stessa temperatura QAB=0. Il sistema A isolato termicamente dal sistema B. Parete adiabatica Anche in questo caso QAB=0. I sistemi, pur non essendo termicamente isolati, si trovano alla stessa temperatura. Parete diatermica

T1 100C A

T2 50C B

T1 100C A

T2 100C B

TRASMISSIONE DEL CALORE

T1 100C A

T2 50C B

In questo caso QAB>0. Se non interverranno altri fattori, dopo un certo periodo di tempo, T1=T2, dopo di che QAB=0. Parete diatermica

Con lanalisi termodinamica si pu determinare la quantit di calore trasferito per un qualunque processo senza avere alcuna informazione sulla durata di questultimo, poich la termodinamica si occupa della quantit di calore scambiato da un sistema con lambiente nel passaggio da uno stato di equilibrio ad un altro, scambio termico che avviene nel rispetto del principio di conservazione dellenergia.

TRASMISSIONE DEL CALORE


Nei problemi pratici quello che interessa maggiormente LA RAPIDITA CON CUI AVVIENE LO SCAMBIO, piuttosto che la quantit di calore scambiata. Esempio del thermos: Dopo quanto tempo il caff che si trova inizialmente a 90C raggiunge gli 80 C? Lanalisi termodinamica ci consente di valutare la quantit di calore scambiato ma non il tempo. La trasmissione del calore ci consente di valutare il tempo. La determinazione della velocit di propagazione del calore verso o da un sistema e quindi i tempi di raffreddamento e di riscaldamento, cos come la variazione di temperatura costituiscono loggetto della trasmissione del calore

POTENZA TERMICA E FLUSSO TERMICO


Quando si conosce la potenza scambiata Q , la quantit totale di calore scambiato Q durante un intervallo di tempo t si pu determinare con la relazione: T

QdT

Nel caso particolare in cui Q costante: Q

Q T

Si definisce FLUSSO TERMICO la potenza riferita ad una superficie di area unitaria. Il flusso termico medio su una superficie si esprime: W Q

m2
Q

A
24W
Q A

cos t.
4 W m2

A=6m2

24W 6m2

OBIETTIVI DELLA TRASMISSIONE DEL CALORE


Il calore non si distribuisce istantaneamente in tutti i punti del sistema Allinterno di un sistema possono stabilizzarsi condizioni diverse di temperatura da un punto ad un altro e di conseguenza pu permanere un flusso di calore da un punto ad un altro. In un sistema la temperatura in un punto pu variare nel tempo o rimanere costante e cio il sistema pu essere in regime variabile o permanente La trasmissione del calore si occupa dello studio dellinsieme di leggi che governano il passaggio di calore da un sistema ad un altro, o da un punto ad un altro di uno stesso sistema e delle leggi che danno la distribuzione di temperatura allinterno di un sistema in funzione dello spazio e del tempo.

Le finalit di questa parte del corso sono le seguenti: Determinazione del calore scambiato tra un punto ed un altro; Determinazione della distribuzione di temperatura nei vari punti ed eventualmente la sua variazione nel tempo.

I MECCANISMI DI TRASMISSIONE DEL CALORE


I meccanismi di trasmissione del calore sono tre: CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO. Tutti e tre i meccanismi richiedono lesistenza di una differenza di temperatura; si verificano spontaneamente da un sistema a temperatura pi alta ad un sistema a temperatura pi bassa; la conduzione e lirraggiamento danno luogo esclusivamente a trasferimento di calore, mentre la convezione comporta sempre anche trasporto di massa; in natura o nei problemi tecnici molto raro che si presenti uno solo dei tre meccanismi; generalmente sono associati tra loro in varie combinazioni.

Il flusso di calore pu essere definito dalla relazione:

=costante T
dove costante: coefficiente che tiene conto della maggiore o minore facilit, con la quale, a parit di T, ha luogo il trasferimento di calore; T: differenza di temperatura

I MECCANISMI DI TRASMISSIONE DEL CALORE


I meccanismi di trasmissione del calore sono tre: CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO. Tutti e tre i meccanismi richiedono lesistenza di una differenza di temperatura; si verificano spontaneamente da un sistema a temperatura pi alta ad un sistema a temperatura pi bassa; la conduzione e lirraggiamento danno luogo esclusivamente a trasferimento di calore, mentre la convezione comporta sempre anche trasporto di massa; in natura o nei problemi tecnici molto raro che si presenti uno solo dei tre meccanismi; generalmente sono associati tra loro in varie combinazioni.

Il flusso di calore pu essere definito dalla relazione:

=costante T
dove costante: coefficiente che tiene conto della maggiore o minore facilit, con la quale, a parit di T, ha luogo il trasferimento di calore; T: differenza di temperatura

CONDUZIONE
E il trasferimento di energia che si verifica per effetto dellinterazione delle particelle di una sostanza dotata di maggiore energia con quelle adiacenti dotate di minore energia. Pu avvenire - nei liquidi; - nei solidi; - nei gas. Nei liquidi e nei gas dovuta alla collisione delle molecole nel loro moto caotico. Nei solidi dovuta alla vibrazione delle molecole allinterno del reticolo e al trasporto di energia da parte degli elettroni liberi.

La potenza termica trasmessa per conduzione attraverso una lastra piana di spessore costante data da:
Potenza termica trasmessa per conduzione [W]

Differenza di temperatura [K o C]
T1 Flusso di calore T2

QCOND

T x

Costante di proporzionalit o conducibilit termica del materiale [W/mK] Superficie normale alla direzione di trasmissione del calore [m2] Spessore [m]

CONVEZIONE
E il trasferimento di energia tra una superficie solida e il liquido o il gas adiacente in movimento. Implica gli effetti combinati di conduzione e trasporto di massa; Il calore trasmesso per convezione aumenta con la velocit del fluido.
CONVEZIONE FORZATA Avviene quando il fluido forzato a scorrere su una superficie da mezzi esterni (ad esempio un ventilatore). CONVEZIONE NATURALE (O LIBERA) Avviene quando il moto del fluido causato da forze ascensionali che sono indotte dalle differenze di densit dovute alla variazione di temperatura del fluido in un campo gravitazionale.

CONVEZIONE
Ts

Aria Tf

Ts

Acqua Tf
QB

A
QA QB > Q A

La potenza termica trasmessa per convezione espressa dalla relazione: Q conv = h A (Ts - Tf) h = coefficiente di scambio termico convettivo [ W/m2 K] A = superficie normale al flusso [m2] Ts = Temperatura solido [K] Tf = Temperatura fluido [K]

IRRAGGIAMENTO
E il trasferimento di energia che avviene attraverso le onde elettromagnetiche (o fotoni) prodotte da variazioni nelle configurazioni elettroniche degli atomi e delle molecole. Non richiede la presenza di un mezzo interposto (quindi avviene anche nel vuoto) Avviene alla velocit della luce Il sole trasferisce lenergia alla terra per irraggiamento Tutti i corpi a temperatura superiore allo zero termico emettono radiazione termica.
La potenza massima termica trasmessa per irraggiamento da una superficie a temperatura assoluta Ts [K] data dalla LEGGE DI STEFAN BOLTZMANN

LEGGE DI STEFAN BOLTZMANN Q e max =


A= = Ts=

A (Ts)4

Area della superficie [m2] Costante di Stefan Boltzmann pari a 5,67 x 10 -8 [W/m2K4] Temperatura della superficie [K]

La superficie ideale che trasmette tale potenza detta CORPO NERO L'irraggiamento emesso da un corpo nero detto radiazione di un corpo nero. La potenza emessa per irraggiamento da una qualsiasi superficie reale data dalla relazione:

Q emiss =
=

A (Ts)4

Emissivit della superficie il cui valore, compreso tra 0 e 1, la misura di quanto il comportamento di una superficie si approssima a quella del corpo nero, per il quale =1

LEGGE DI STEFAN BOLTZMANN


La differenza tra la potenza termica radiante emessa e quella assorbita da una superficie la POTENZA TERMICA NETTA PER IRRAGGIAMENTO. La determinazione della potenza termica netta scambiata complessa in quanto dipende da: Propriet delle superfici Orientamento relativo Caratteristiche del mezzo tra le due superfici che irraggiano. Tc Il caso di una superficie piccola semplice:

Q irr Corpo piccolo Contenitore grande

Q irr =

A (Ts 4- Tc 4)

Bilancio energetico di un sistema uomo - edificio - ambiente MODALITA DI TRASMISSIONE DEL CALORE

10C

20C

25C

SOLE: solo irraggiamento PARETE: conduzione, convezione, irraggiamento UOMO: conduzione, convezione, irraggiamento CORPO SCALDANTE: convezione, irraggiamento

0C 4C

CONDUZIONE
Considerando costanti le temperature dellaria allinterno e allesterno delledificio, la trasmissione del calore per conduzione attraverso una parete di un edificio pu essere considerata: Stazionaria Mono dimensionale Se non vi alcuna generazione interna di calore, per il primo principio: Pot. Termica entrante - Pot. Termica Uscente = Potenza termica dE parete ovvero:

Q e Qu

dt

Poich in condizioni stazionarie la potenza termica accumulata deve essere nulla. Il flusso termico attraverso la parete deve essere costante.

Qcond

cos t. in quanto il flusso


termico entrante T1 (interno) 20C deve uguagliare il (costante) flusso termico uscente.

T2 (esterno) 0C (costante)

CONDUZIONE
La relazione fondamentale per il calcolo del flusso di calore in caso di conduzione pura fu proposta da JOSEPH FOURIER nel 1822

Qcond
Dove:

dT A dx

STAZIONARIA E MONODIMENSIONALE

Q cond
dT dx
A

= quantit di calore che fluisce nella direzione x nellunit di tempo [W] = conducibilit termica del materiale [W/mK] = gradiente di temperatura nella direzione x

= area della superficie normale a x attraverso la quale fluisce calore

Il segno - tiene conto del fatto che il flusso di calore va nel senso in cui dT/dx diminuisce.

CONDUZIONE
T1 T(x) dT dx s T2

Q cond

In condizioni stazionarie, la distribuzione di temperatura in una parete piana una linea retta

Separando le variabili nellequazione di Fourier e integrando da x = 0 dove T(0) = T1 a x = s dove T(s) = T2, si ottiene:
s x 0

Qcond dx

T2 T T1

AdT

Q cond Q cond

T 2 T1 A S S A( T )

Dove /s = conduttanza della parete [W/m2K] s/ = resistenza termica della parete al passaggio del calore [m2K/W]
Dora in avanti chiamiamo RESISTENZA TERMICA la resistenza termica specifica, ossia riferita allunit di area

CONDUZIONE
La proporzionalit diretta tra la quantit di calore e lincremento di temperatura a parit di spessore dimostrabile dalla seguente esperienza. Si porta istantaneamente la faccia destra di una lastra ad una temperatura T1>T0 Durante il transitorio T funzione, oltre che della coordinata s anche del tempo t. Non si quindi in regime stazionario o permanente Nella condizione a regime landamento del profilo delle temperature lineare

T0

T1

T1 T0 0

T1 T0

s 0

T1 T0

CONDUZIONE - RESISTENZA TERMICA


La relazione Qcond
avendo posto

A( T )

RC resistenza termica

pu anche essere espressa nella forma: Qcond

1 A( T ) RC

dalla quale si evidenzia come Q cond sia inversamente proporzionale alla resistenza termica del materiale

La resistenza termica a sua volta : direttamente proporzionale allo spessore della parete; inversamente proporzionale alla conducibilit della parete A parit di spessore, offriranno una maggiore resistenza termica al passaggio di calore la pareti costituite da materiali con pi piccola

[W/mK] 100 100 10 1


gas isolanti
fibre legno schiume

cristalli non met. leghe metall. Argento solidi non met. liquidi
acqua ossidi roccia cibo gomma Lega di alluminio Ferro Quarzo

metalli Diamante puri

0,1 0,01

oli

aria

CONDUCIBILITA TERMICA DI ALCUNI MATERIALI USATI IN EDILIZIA (TEMP. AMB)


La conducibilit termica varia con la temperatura. Per le applicazioni in edilizia si considera costante. VETRO GRANITO GOMMA MATTONE CALCESTRUZZO PINO ABETE SABBIA NEVE GHIACCIO LATERIZIO ORDINARIO INTONACO FIBRA DI VETRO POLISTIRENE SUGHERO 1,4 2,79 0,13 1 - 1,8 1,4 0,11 0,14 0,27 0,049 1,88 0,72 0,25 - 0,72 0,046 0,027 0,039

Materiali isolanti

CONDUZIONE - PARETE PIANA MONOSTRATO


T
T1

Qcond [W ]
s0 s1

1 A(T1 T2 ) R 1 m2K [m2K ] W

T2

ESEMPIO: Superficie parete: 20 m2 T1: 20 C T2: 0C : 1W/mK S: 0,5 m Flusso di calore

R QC

0,5 1

m2K 0,5 W 800[ W

1 20 (20 0) 0,5 QC A 800 20 W 40 2 m

CONDUZIONE - PARETE PIANA MULTISTRATO


T
T1 T3 T2

Qcond
RT
s0 s1 s2 X

1 A(T1 T2 ) R
R3 S1
1

R1 R 2

S2
2

S3
3

ESEMPIO: s1 s2 0,4 0,1 m2K 0,4 2,5 2,9 Superficie parete: 20 m2 R T 1 0,04 W 1 2 T1: 20 C 1 T2: 0C QC * 20 * (20 0) 138 W 2,9 : 1W/mK S1: 0,4 m QC 138 W : 0,04W/mK 6,9 2 A 20 m S2: 0,1 m Per diminuire il flusso di calore necessario aumentare la resistenza totale della parete

CONDUZIONE
Abbiamo esaminato il fenomeno della trasmissione del calore per conduzione ed abbiamo appreso che: considerando che in una parete piana il flusso di calore sia mono direzionale, ossia normale alla superficie della parete; non vi sia alcuna generazione interna di calore; il regime sia stazionario, ossia che sia superata la fase transitoria e che la distribuzione delle temperature allinterno della parete non risenta del tempo t. La quantit di calore che attraversa la parete nellunit di tempo, integrando la relazione di Fourier la seguente:
Qcond Qcond
N

S 1 A( T ) RT Sn
n 1

A( T )

RT la resistenza termica totale, ossia la sommatoria delle resistenze di ogni singolo strato di materiale considerato isotropo. La resistenza al passaggio di calore per conduzione direttamente proporzionale allo spessore S ed inversamente proporzionale alla conducibilit termica

RT

CONVEZIONE
In una parete piana che separa due ambienti nei quali sono presenti due fluidi (ad esempio aria - aria, aria - acqua, acqua - acqua) la trasmissione del calore deve tenere conto non solo della conduzione, ma anche della convezione.
ARIA 0C ARIA 20C ACQUA 80C ARIA 20C

PARETE EDILIZIA
ACQUA 60C Coibentazione

CORPO SCALDANTE
ARIA 20C

SERBATOIO DI ACQUA CALDA

CONVEZIONE
In una parete edilizia necessario eseguire una analisi completa della trasmissione del calore e quindi tenere conto che il calore si trasmette: per CONVEZIONE tra laria interna del locale e la superficie interna della parete per CONDUZIONE attraverso la parete costituita da uno o pi strati per CONVEZIONE tra la faccia esterna della parete e laria esterna. T
Ti Tpi Tpe Te

In una parete costituita da un solo strato le resistenze termiche non sono una, ma tre. Ti = Temperatura interna Tpi = Temperatura parete interna
s0
s1

Tpe = Temperatura parete esterna


Te = Temperatura esterna

CONVEZIONE
T
Ti Tpi Tpe Te

R tot R tot Q tot


s0
s1

Rconv .i Rcond 1 hi S 1 he Te )

Rconv .e

1 A(Ti R tot

Rconv i

Rcond Rconv e

TRASMITTANZA DELLA PARETE

Le resistenze Rconv i e Rconv e si calcolano, noti i coefficienti conduttivi hi e he dal loro reciproco. Lanalisi del fenomeno convettivo si riduce alla definizione di hi e he.

CONVEZIONE
Consideriamo la parete di un corpo solido lambita da un fluido in moto. Se tra la temperatura della superficie del corpo Ts e quella del fluido Tf vi una differenza. Tra parete e fluido si instaura un trasferimento di calore secondo la gi citata legge:

Qconv

h A (Ts

Tf )

Ts Tf

Q conv

dove h un coefficiente di proporzionalit che prende il nome di coefficiente convettivo o conduttanza convettiva e dipende da: propriet fisiche del fluido dinamica del flusso geometria della superficie della parete

Convezione naturale Convezione forzata gas 3 - 20 [W/m2K] gas 10 - 100 [W/m2K] liquidi 100 - 600 [W/m2K] fluidi viscosi 50 -500 [W/m2K] acqua bollente 1000 - 20000 [W/m2K] acqua 500 - 10000 [W/m2K]

CONVEZIONE
La trasmissione del calore per convezione viene trattata diversamente secondo che questa sia forzata o naturale. FORZATA: quando il moto del fluido indotto da una azione di pompaggio esterna. NATURALE: quando il moto del fluido dovuto allo stesso trasporto di calore in atto.

Il flusso del fluido pu essere laminare o turbolento. Nel primo caso, non essendovi rimescolamento, lo scambio di calore avviene per conduzione. Nel secondo caso si verifica, in prossimit della parete, una situazione come quella schematizzata
T
In prossimit della parete si incontra uno strato Strato limite in moto laminare (strato limite) attraverso il Flusso laminare

quale il calore passa per conduzione. Allontanandosi dalla parete si incontra il moto turbolento, forte rimescolamento del fluido ed Flusso turbolento elevato trasporto di calore. La maggiore resistenza al passaggio di calore offerta dallo strato limite. X

CONVEZIONE FORZATA
Il coefficiente h dipende: dalle caratteristiche del fluido: densit ( ), viscosit ( ), calore specifico a pressione costante (Cp), conduttivit ( ) dalle condizioni di moto del fluido (v) dalla geometria della parete: diametro equivalente (D)

hf = h( , , Cp, , v, D)
Applicando lanalisi dimensionale si ottiene che:
a b

hf hf D

cos t

D D D

Cp Cp

cos t

CONVEZIONE FORZATA
hfD
Numero di Nusselt (NNU) si pu ottenere dividendo il flusso di calore per convezione (h T) per il flusso di calore per conduzione ( /D * T) e confronto i due sistemi di trasporto del calore. Numero di Prandtl (NPR): si ottiene dividendo per C p, ossia il coefficiente di diffusione della quantit di moto per il coefficiente di diffusione del calore; esso confronta le due diffusivit molecolari.

Cp

Numero di Reynolds (NRE): indica se il moto in regime laminare o turbolento.

NNU = cost. NREa NPRb

CONVEZIONE NATURALE Il coefficiente h dipende: dalle caratteristiche del fluido: come nel caso precedente, ma in pi: il coefficiente di dilatazione isobara da cui dipende il cambiamento di densit dalle condizioni di moto del fluido: queste, non essendo pi il moto imposto dipendono ancora da , dalla densit media , dalla differenza di temperatura tra parete e fluido e dallaccelerazione di gravit, ossia da g (Tp-Tf) dalla geometria della parete: come nel caso precedente ma con la necessit di conoscere la posizione della parete rispetto al campo gravitazionale.

CONVEZIONE NATURALE Applicando lanalisi dimensionale, si ottiene:

hD

cos t.

g Tp
2

Tf

Cp

Numero di Nusselt NNU

Numero di Grashof Ngr

Numero di Prandtl NPR

NGR un indice del contributo dei moti convettivi allo scambio termico. D una dimensione lineare caratteristica del corpo.
Anche in questo caso la relazione generale pu essere semplificata:

NNU = cost. NGRc NPRd

CONVEZIONE
PARETE VERTICALE: hi = 8,13 W/m2K he = 23,26 W/m2K = 2,3 + 10,5 w se la velocit del vento w maggiore di 4 m/s PARETE ORIZZONTALE (FLUSSO ASCENDENTE) hi = 9,35 W/m2K he = 23,26 W/m2K = 2,3 + 10,5 w se la velocit del vento w maggiore di 4 m/s PARETE ORIZZONTALE (FLUSSO DISCENDENTE) hi = 5,81 W/m2K he = 16,39 W/m2K = 0,7(2,3 + 10,5 w) se la velocit del vento w maggiore di 4 m/s

IL CALCOLO DEL PROFILO DELLE TEMPERATURE


T
Ti Tpi Tpe Te s0 s1 T1 T2 T3

Il flusso di calore dato da:

k (Ti

Te )

Ma anche dalle relazioni:

hi (Ti s he (TPe (TPi

TPi ) TPe ) Te )

X Eguagliando i flussi si ottiene che:

(Ti (TPi

TPi ) TPe )

k (Ti Te ) hi k (Ti s Te )

T1 T2

(TPe

Te )

k (Ti Te ) he

T3

Applicando lo stesso metodo si possono calcolare i profili delle temperature di pareti con pi strati