Sei sulla pagina 1di 13

SCENARI FINANZIARI

JOHN MAULDIN'STHOUGHTS FROM THE FRONTLINE Newsletter settimanale - Versione Italiana a cura di Horo Capital

I pericoli del Fiscal Cliff


di John Mauldin | 22 ottobre 2012 - Anno 3 - Numero 42

In questo numero: Il problema con l'austerit Il problema del Fiscal Cliff PIL = C + I + G + Esportazioni Nette Indicatori economici per le elezioni. E' l'economia stessa. Stupido! Brasile, Uruguay, Argentina, Chicago, New York e North Dacota

"La Spagna non la Grecia" - Elena Salgado, Ministro delle finanze spagnolo, febbraio 2010 "Il Portogallo non la Grecia" - The Economist, aprile 2010 "La Grecia non l'Irlanda" - George Papaconstantinou, ministro delle Finanze greco, novembre 2010 "La Spagna non n l'Irlanda n il Portogallo" - Elena Salgado, ministro delle Finanze spagnolo, novembre 2010 "L'Irlanda non si trova in 'territorio greco'" - Il ministro delle Finanze irlandese, Brian Lenihan, novembre 2010 "N la Spagna n il Portogallo sono l'Irlanda" - Angel Gurria, segretario generale dell'OCSE, novembre 2010 "L'Italia non la Spagna" - Ed Parker, Fitch MD, 12 Giugno 2012 "La Spagna non l'Uganda" - Primo Ministro Spagnolo Mariano Rajoy, giugno 2012 "L'Uganda non vuole essere la Spagna" - il ministro degli esteri ugandese, 13 giugno 2012 Essendo stato in tutti i paesi sopra elencati, ad eccezione dell'Uganda (anche se sono stato in 15 paesi dell'Africa alcuni confinanti con l'Uganda), sono molto felice di confermare che sono tutti diversi tra loro. Proprio come voi mi garantite il fatto che gli Stati Uniti non sono il Regno Unito e che la Francia non l'Argentina. Per parafrasare Tolstoj i paesi disfunzionali approdano ognuno a modo loro alle loro infelici situazioni. Come si fa a confrontare la crisi finanziaria di un paese con quella di un altro? Il Fondo Monetario Internazionale ha cercato di fare proprio questo, scatenando di conseguenza un dibattito piuttosto acceso negli ambienti economici. E mentre oggi vedremo le loro analisi, il punto chiave che i modelli economici utilizzati per guidare la politica monetaria e fiscale non stanno funzionando come succedeva invece in passato. La settimana scorsa in questa lettera, ho ipotizzato una condizione che ho chiamato la Singolarit Economica. Proprio come la singolarit al centro di un buco nero crea una regione in cui i modelli matematici si scontrano, una grande massa di debito creer la sua propria singolarit economica proprio dove i modelli economici non funzionano pi come ci si aspettava. Dato che nel giro di poche settimane nel Congresso esploder un dibattito molto acceso

su come affrontare il "Fiscal Cliff", con entrambe le parti che mostreranno dei modelli economici intenti a dimostrare la netta superiorit delle loro soluzioni e il disastro totale che comporterebbe invece l'applicazione dei piani dell'opposizione; penso che sia utile analizzare alcune delle ipotesi di base. Tenuto conto del fatto che quasi tutti compreso il vostro umile analista, sono arrivati alla conclusione che se gli aumenti fiscali e i tagli alla spesa dovessero essere attuati con l'attuale normativa ci potremmo trovare di fronte in un breve periodo di tempo ad una recessione piuttosto dura, quindi a tale proposito potrebbe esserci d'aiuto considerare alcune ipotesi di base e poi valutarle. Nella lettera di oggi guarderemo al di la del Fiscal Cliff e vedremo quali sono i modelli economici e cosa possono raccontarci sulla spesa pubblica. E se abbiamo tempo daremo uno sguardo ad un interessante studio che usa l'economia per prevedere l'esito di queste elezioni presidenziali americane.

Il problema con l'austerit


Il capo economista del Fondo Monetario Internazionale Olivier Blanchard e il suo collega Daniel Leigh ci hanno dato una chiara chiave di lettura in tre pagine, sepolte in un insieme di 250 pagine del World Economic Outlook che stato rilasciato la settimana scorsa (http://www.imf.org/external/pubs/ft/weo/2012/02/pdf/text.pdf). Hanno studiato un concetto economico chiamato il moltiplicatore fiscale, che di solito definito come la variazione del PIL reale che prodotta da un cambiamento nella politica fiscale pari all'1% del PIL. Quindi in parole semplici, se si presume che il moltiplicatore fiscale sia pari a 1.0 a quel punto un cambiamento della spesa pubblica dell'1% (sia in aumento o in diminuzione) produce una corrispondente variazione del 1% del PIL. La maggior parte dei principali economisti che operano nelle istituzioni prima della pubblicazione di questo lavoro assumevano che il moltiplicatore fiscale fosse di circa lo 0,5. In modo semplicistico questo significa che tagli della spesa pubblica pari all'1% del PIL, avrebbero comportato il prossimo anno una diminuzione del PIL reale di circa lo 0,5%. Una caduta del PIL naturalmente ridurrebbe le entrate fiscali, il che significherebbe un taglio effettivo di meno dell'1% del deficit. Se come in questo esempio l'aliquota fiscale fosse del 30% il deficit si ridurrebbe dello 0,85%. Questo pu essere un risultato accettabile quando l'economia cresce, ma quando abbiamo un deficit e un debito totale che sono troppo elevati e il mercato obbligazionario sta costringendo il governo ad effettuare dei tagli forse lo meno. Mentre Blanchard e Leigh concordano sul fatto che in passato il moltiplicatore fiscale era generalmente pari a circa lo 0,5% ora ritengono che con la recente crisi fiscale il moltiplicatore fiscale sia molto pi alto. Il loro studio suggerisce che esso sia almeno lo 0,9% e forse anche del 1,7%. Questo certamente sembra essere proprio il caso per la Grecia e la Spagna, dove le loro misure di austerit sembrano funzionare al contrario. Gavyn Davies del Financial Times prende in considerazione la ricerca del FMI che guarda le prospettive dell'Inghilterra, dove il governo sta applicando un 40%. Purtroppo i risultati sono meno gradevoli: "Se il moltiplicatore fosse del 1.7 lo stesso taglio iniziale della spesa pubblica pari al 1 per cento del PIL ridurrebbe la produzione reale del 1,7 per cento. Gli effetti del secondo turno di questa riduzione della produzione porterebbero poi una riduzione fiscale o aumenterebbero i trasferimenti dello 0,68 per cento. Il netto miglioramento complessivo

del deficit di bilancio sarebbe quindi solo dello 0,32 per cento. L'economia entrerebbe in recessione e difficilmente migliorerebbe il deficit di bilancio. Anche se ci fosse accettabile per i governi, non sarebbe per accettabile per un periodo prolungato dai loro elettori. "Questa calcolo matematico cos pessimistico non cos lontano dal descrivere ci che sta realmente sta accadendo negli ultimi due anni in alcuni paesi, come ad esempio il Regno Unito. Inoltre se prendiamo questi calcoli come un dato di fatto, ci saranno delle notizie ancora peggiori. Le quattro maggiori economie avanzate sono ora tutte intente nell'aumentare la pressione fiscale, in media per valore intorno al 1 per cento del PIL annuo. "... Con un moltiplicatore fiscale che nemmeno lontanamente si avvicina alla parte superiore dell'intervallo consigliato da Blanchard / Leigh, gli effetti di questi cambiamenti di politica elimineranno per qualche tempo qualsiasi possibilit di rimbalzo dei normali tassi di crescita nelle economie avanzate. interessante notare che la stretta di bilancio prevista nelle economie in difficolt della zona euro pi grande di quanto non sia per le principali economie a causa del recente allentamento di alcuni obiettivi di budget. Anche in questo modo difficile comprendere come questi piani potranno essere sostenuti, anche se il moltiplicatore fiscale si trovasse nel limite superiore indicato dal modello." Ma c' un problema con questa analisi come Davies e altri sottolineano. Si presuppone che i risultati di un paese siano abbastanza vicini a quelli di qualsiasi altro paese. Tuttavia anche se ad esempio si elimina la Grecia o la Germania praticamente si elimina il moltiplicatore fiscale. Non che tutto ci avrebbe portato Paul Krugman e i suoi compagni keynesiani a strombazzare questa analisi come motivo per astenersi da tutte le forme di austerit. In ogni caso la ricerca non richiama l'attenzione sui pericoli della creazione di modelli economici che vengono utilizzati per guidare la politica pubblica. Davies continua: "... Il declino [nel modello del FMI del moltiplicatore fiscale] si verificato principalmente perch gli economisti sono diventati molto pi consapevoli sulla necessit di fare delle ipotisi di politica monetaria quando si effettuano delle stime. Se la banca centrale si prendesse l'impegno di contenere la crescita monetaria e l'inflazione ad un tasso predefinito quando si decide di attuare una dura politica fiscale, allora i tassi di interesse si ridurrebbero e questo compenserebbe alcuni degli effetti negativi dati dai cambiamenti fiscali. Il moltiplicatore a quel punto sarebbe pi basso. "E' anche vero il contrario. Ora che i tassi di interesse sono bloccati al limite inferiore cio pari a zero, le banche centrali non possono ridurre i tassi quando la politica fiscale molto inasprita e il corrispondente moltiplicatore sta aumentando." (Il grassetto mio) Ho menzionato pi volte il paper di Christina e Paul Romer (lei era il presidente del Consiglio dei consulenti economici di Obama), dove hanno dimostrato che il moltiplicatore sia con i tagli fiscali o con gli aumenti delle tasse circa pari a 3 negli Stati Uniti. Di conseguenza un aumento delle tasse o un taglio pari al 1% del PIL dovrebbe impattare sull'economia degli Stati Uniti per un 3%. Davies osserva che Larry Summers e Brad DeLong hanno sostenuto che nella situazione attuale il moltiplicatore deve essere considerato come minimo pari a 1.0. [Il loro lavoro] spiega molto chiaramente perch il moltiplicatore dovrebbe essere molto pi alto del normale quando l'economia si trova in una fase di recessione con tassi di interesse pari a

zero. Un altro paper degno di nota prodotto da Auerbach e Gorodnichenko dice che il moltiplicatore durante una recessione potrebbe essere di circa 1,5-2, mentre in una fase di espansione pu scendere a zero." Inoltre Robert Barro di Harvard ha indicato che il moltiplicatore delle imposte pari a 1. In un altro articolo il professor Carlos Vegh dell'Universit del Maryland ha elencato un sacco di dati che indicano invece che il moltiplicatore sarebbe molto diverso da paese a paese, e "l'intero esercizio di cercare di prevedere la crescita di molti paesi utilizzando essenzialmente un unico moltiplicatore qualunque sia il suo valore di per se un esercizio futile". (FT) Si pu tranquillamente scegliere un moltiplicatore fiscale che funzioni per i risultati desiderati e trovare uno studio accademico che lo sosterr. E questo il punto. Gli economisti vogliono creare dei modelli. E' nel loro DNA (forse un po' difettoso lo ammetto). E a volte si devono fare delle ipotesi al fine di rendere i modelli avvicinabili ad un qualcosa che potrebbe essere definito utile. Il problema che in particolare i politici non guardano alle ipotesi di base, ma utilizzano le parti degli studi che meglio riflettono i loro particolari pregiudizi. Il rapporto del FMI utilizza i dati provenienti da molti paesi che sono di fatto differenti tra di loro. Confrontare la Grecia con la Germania e utilizzare i dati per suggerire delle politiche alla Spagna e all'Irlanda una modalit che lascia forti dubbi. Non ci sono abbastanza dati tali da concludere che possa essere statisticamente valido, ma questo non fermer i politici dall'utilizzare lo studio del FMI qualora dovesse supportare il risultato della politica che loro preferiscono. Il FMI per quanto possa avere delle buone ragioni che sono state spiegate fino in fondo nelle note, ha escluso paesi come la Nuova Zelanda e quelli baltici che hanno raggiunto dei buoni risultati tramite delle politiche di austerit, poich la loro inclusione avrebbe potuto alterare lo studio.

Absolute Return Partners di Niels C. Jensen - www.arpllp.com - la societ partner di John Mauldin per il mercato Europeo. Horo Capital - www.horocapital.it - il partner di Absolute Return Partners per il mercato Italiano. Tel. 02 89096674 - rcarraro@horocapital.it

Il problema del Fiscal Cliff


Nel terzo trimestre del 2011 il Congresso degli Stati Uniti ha accettato a partire dal gennaio 2013 degli aumenti fiscali piuttosto significativi e dei tagli alla spesa, al fine di poter effettuare un aumento del tetto del debito. Inoltre a gennaio ci si attende un forte taglio sulla Social Security e sull'indennit di disoccupazione. Tutto sommato se non cambia nulla questo brusco cambiamento nella politica fiscale si tradurr in un duro colpo per l'economia per un importo pari a circa $650 miliardi di dollari o poco pi del 4% del PIL, in un momento in cui l'economia probabilmente cresce meno del 2% all'anno. Permettetemi quindi di elencare le principali componenti del fiscal cliff: 1. L'abolizione dei tagli fiscali di Bush che ammontano a $265 miliardi dollari, di cui $55 miliardi dollari erano per i pi "ricchi" e $210 miliardi dollari per la "classe media" (tutti gli

altri). Quasi nessuno su entrambi i lati della navata vuole davvero andare avanti nell'abolire i tagli alle tasse alla classe media. I Repubblicani vogliono mantenere il primo livello di tagli fiscali e secondo me questa merce di scambio (vedi sotto). 2. La legge sul controllo dei bilanci o il tetto sul debito, arriva a circa $160 miliardi con $110 miliardi di dollari sequestrati per lo pi alla difesa e sembra che ci sia un crescente consenso sul fatto che non tutti questi tagli dovrebbero essere fatti. 3. Anche gli stimoli del 2009 stanno arrivando al termine (ossia il 2% relativo alla Social Security e alle indennit di disoccupazione estese). Il ci equivale a $140 miliardi o quasi l'1% del PIL. Quasi tutti sono d'accordo che questi tagli fiscali dovevano essere temporanei. 4. L' "ObamaCare" ha portato ad un aumento fiscale di $24 miliardi di dollari per le famiglie ad alto reddito. 5. Tecnicamente ci sono $105 miliardi di dollari di imposte temporanee che si suppone che ogni anno abbiano fine mentre ogni anno vengono rinnovate, il che ovviamente permette al Congresso e al presidente (che ne ha il controllo) di proiettare in futuro deficit pi bassi anche senza tagli. Se si aggiungono $105 miliardi di dollari di correzioni relative a tagli fiscali sulla classe media si arriva a $315 miliardi dollari, quasi la met del fiscal cliff il che ridurrebbe l'impatto al 2% del PIL. Se si prendono delle giuste misure si pu arrivare a meno dello 0,5%. Ma questo crea un grande ma ... Qual il moltiplicatore fiscale? Non cos semplice come cerca di far apparire il FMI che produce un numero e poi lo estrapola. E' tutto correlato con il debito, ma le somiglianze cominciano a non tenere quando si esaminano i dettagli. Non tutti gli aumenti di tasse o i tagli fiscali hanno lo stesso moltiplicatore, cos come non si possono fare tutti gli aumenti di spesa o i tagli alla spesa. Vi una grande differenza come Gavyn Davies ha sottolineato tra un moltiplicatore fiscale dello 0.5 e uno pari a 1.7. Prima di entrare nel merito di ci che potrebbe essere il nostro moltiplicatore passiamo in rassegna alcuni fatti.

Se qualcosa non pu accadere ...


C' una regola in economia: Se qualcosa non pu accadere, non succeder. Questo pu sembrare un po' ovvio, ma ora ci sono cos tante persone che credono che tutto questo andra avanti all'infinito. Questa volta diverso diciamo a noi stessi. Nel frattempo io e molti altri - David Walker, David Stockman, Alan Simpson, David Bowles, ecc. stanno dicendo che molto di quello che stiamo facendo insostenibile e che ci saranno dei grandi cambiamenti nelle attuali tendenze, per quanto non ci faccia piacere pensare a tutto ci queste saranno inevitabili. Allora cosa dobbiamo pensare e che cosa accadr quando il cambiamento arriver e un paese sar costretto ad accettarlo. A volte si deve pensare l'impensabile. Guardate alla previsione sul debito degli Stati Uniti fatta dalla Heritage Foundation e basata su alcune ipotesi realistiche. Questo un grafico di qualcosa che non accadr. Molto prima di arrivare tra dieci anni ad avere un debito multi-miliardario il mercato

obbligazionario comincer a chiedere tassi molto pi alti di quelli attuali, spingendo in il costo per i nostri tassi di interesse ad un livello tale che le entrate fiscali diventeranno particolarmente dolorose, costringendoci poi a fare dei tagli di tutti i tipi che ora invece consideriamo come assolutamente necessari - come le spese militari, l'istruzione e la spesa sanitaria statale.

Un modo o nell'altro i disavanzi di bilancio previsti - sia quelli da parte della Heritage Foundation o la proiezione ufficiale del governo stanno iniziando a scendere. Possiamo decidere di gestire in modo proattivo il problema del deficit oppure possiamo aspettare fino a quando ci sar una crisi e a quel punto saremo costretti a reagire. Queste scelte alla fine produrranno dei risultati completamente diversi. Qui negli Stati Uniti la vera domanda che dobbiamo porci come nazione : "Quanta assistenza sanitaria desideriamo e quanto siamo disposti a pagare per questo servizio?" Tutto il resto pu essere risolto se saremo in grado di rispondere a questa semplice domanda di base. Possiamo sostanzialmente modificare l'assistenza sanitaria insieme ad altre voci discrezionali del bilancio o possiamo aumentare le tasse o una combinazione di queste due cose. Ogni percorso ha delle conseguenze. I sondaggi ci dicono che c' un ampia maggioranza bipartisan tra le persone che vogliono mantenere sia il Medicare che gli altri programmi sanitari (forse riformandoli), ma allo stesso tempo c' anche un ampia maggioranza bipartisan che non vuole un aumento delle tasse. Non si pu avere entrambe le cose, quindi ci significa che c' un grosso lavoro da

fare in termini di educazione. Purtroppo c' questa situazione perch i politici sembrano sostenere entrambi questi due obiettivi - in quanto la prima cosa nel loro ordine del giorno quello di assicurarsi di poter essere ri-eletti. A mio avviso il punto chiave quello di ridurre il deficit nei prossimi 5-6 anni mantenendo comunque un livello sostenibile al di sotto del tasso di crescita del PIL nominale (che include l'inflazione). Un paese pu avere una costante crescita del deficit se questo sempre inferiore al tasso del PIL e senza a quel punto mettere in pericolo la sua sopravvivenza economica. Mentre pu essere pi saggio avere dei surplus e utilizzarli per pagare il debito, se mantenete il deficit di bilancio ad un livello pi basso rispetto alla crescita del reddito nel corso del tempo il debito diventa a poco a poco un minore problema.

PIL = C + I + G + Esportazioni Nette


In entrambi i casi ossia aumentare la spesa o tagliare le tasse ha degli effetti collaterali che non possono essere ignorati. In entrambi i casi uno o entrambi i fattori renderanno pi difficile la crescita economica. Come promemoria per i lettori di lunga data e per una rapida introduzione ai nuovi lettori, diamo un sguardo ad una equazione economica di base: PIL = C + I + G + esportazioni nette, o il PIL pari ai Consumi (Privati e Imprese) + Investimenti + Spesa Pubblica + esportazioni nette (esportazioni - importazioni). Questo vero in qualsiasi momento e in tutti i paesi. Ora ci che in genere accade in una tipica recessione legata ad un ciclo economico che le imprese che producono troppi beni iniziano a tagliare e di conseguenza a quel punto i consumi iniziano a scendere; a quel punto la risposta keynesiana quella di aumentare la spesa pubblica al fine di aiutare l'economia al fine di iniziare nuovamente a comprare e spendere. La teoria che quando l'economia si riprender sar possibile ridurre la spesa pubblica in termini percentuali sull'economia e quindi pagare il debito che stato precedentemente contratto - resta solo il fatto che questa cosa non successa per un lungo, lungo periodo di tempo. La spesa pubblica ha continuato a salire per decenni. A volte le tasse sono aumentate molto pi velocemente rispetto alla spesa, come durante i fin troppo brevi anni di Clinton-Gingrich. In risposta alla Grande Recessione il governo (di entrambi gli schieramenti) ha aumentato la spesa in maniera massiccia. E tutto questo ha avuto un effetto. E questo non stato solo lo stimolo, ma stata l'incredibile dimensione raggiunta dal governo in relazione al PIL che comunque cresciuto. Ed ora degli enormi deficit sono proiettati per un lungo periodo di tempo, a meno che non decidiamo di fare dei cambiamenti importanti. Il problema che diminuire il deficit avr l'effetto contrario dello stimolo - uno stimolo negativo se cos vogliamo chiamarlo. Perch? Perch l'economia non sta crescendo abbastanza velocemente a tal punto da assorbire la perdita data da questo stimolo. C' ne accorgeremo. E' la componente "G" della precedente equazione (spesa pubblica) che stata sviluppata da Irving Fisher durante il periodo della Grande Depressione. Uno stimolo negativo dovrebbe avere un effetto di breve termine, la maggior parte degli economisti sono d'accordo che questo dura 4-5 trimestri - e poi l'economia ricomincer nuovamente a migliorare, con disavanzi pi contenuti e con una struttura pubblica ridimensionata. Al fine di poter mettere sotto controllo il deficit stiamo parlando di dover ridurre ogni anno il

deficit nell'ordine del 1% del PIL per 5-6 anni. Si tratta di avere un vento fortemente contrario alla crescita, soprattutto in un economia con un 2% e che cerca di cavarsela. Il PIL negli Stati Uniti ha raggiunto ormai una tendenza anemica espressa da una crescita del 2% e con una domanda finale molto debole. Provate a pensare che cosa succederebbe se l'intero taglio del 2% previsto sulla spesa e gli aumenti delle tasse fossero gi stati messi in atto. A quel punto sarebbe molto difficile raggiungere una crescita positiva nel 2013. Inoltre a seconda di quale studio accademico si sceglie, ovunque un aumento delle tasse riduce il PIL da 1 a 3 volte la dimensione della crescita. Dei forti aumenti fiscali inevitabilmente provocano una diminuzione del PIL e di quello potenziale. Questo potrebbe essere il prezzo che si desidera pagare come paese, ma dobbiamo riconoscere che ci sar un costo per la crescita e l'occupazione. Coloro che sostengono che togliendo i tagli fiscali di Bush questi non avranno alcun effetto sull'economia, semplicemente non vogliono tenere in considerazione i dati di fatto che emergono sulla base di una consolidata ricerca. Tutto questo completamente diverso da chi invece ritiene che i tagli non debbano essere rinnovati. Coloro che sostengono che una riduzione della spesa avr comunque un effetto stanno dicendo una cosa giusta. Il governo ha fortemente contributo nel garantire un reddito ai consumatori e di conseguenza i consumi personali che rappresentano una parte di "C" nell'equazione di cui sopra (assieme ai consumo delle imprese). Il grafico riportato qui sotto realizzato da Bridgewater nell'aprile scorso mostra l'effetto aggiuntivo dato dalla spesa pubblica sul reddito disponibile del consumatore americano. Si noti che senza il sostegno del governo il reddito disponibile ora sarebbe notevolmente inferiore. Lasciando scadere lo stimolo "one-time" sulla social security (che gi stato prorogato di due anni) assieme all'estensione dell'indennit di disoccupazione, il tutto si tradurr in un calo del PIL di quasi l'1% assieme alla perdita di un contributo particolarmente significativo per il reddito disponibile.

Non ci sono delle scelte facili. Se non facciamo nulla per affrontare il deficit ci troveremo molto presto vicino al buco nero del troppo debito. Tuttavia nel cercare di fare troppo e troppo in fretta questo porter l'economia pericolosamente vicino alla recessione il che significa un aumento delle spese del governo e una diminuzione dei ricavi, il che render ancora pi difficile riequilibrare il bilancio. Vi siete dimenticati la Grecia e la Spagna, provate a chiedere al Regno Unito come sono gli sforzi di austerit che stanno facendo. Questo un paese che sta tentando in modo serio e credibile di ridurre il disavanzo e

purtroppo alla fine sono caduti in recessione. Non importa quello che gli economisti con i loro modelli e politici con i loro ordini del giorno cercheranno di dirvi, non c' un "facile bottone" che si possa schiacciare. Mentre ci pu essere un percorso corretto al fine di poter ridurre il deficit e non entrare in recessione, questo percorso non per possibile coglierlo dai modelli. Quello che si pu sperare di fare cercare la giusta direzione e lentamente cercare di affrontare con i fatti la riduzione del deficit. Il mio punto di vista che se ci saranno degli aumenti di tasse e tagli alla spesa, questi dovrebbero essere introdotti gradualmente trimestre dopo trimestre. Potrebbe essere meglio invece di tracciare semplicemente una linea su tutti gli elementi che compongono la spesa, provare a tagliare la spesa dove possibile e consentire la crescita della spesa in settori come la sanit. Il mercato obbligazionario continuer a comportarsi positivamente fino a quando il Congresso definir un percorso molto chiaro e credibile attraverso il quale vuole rendere gestibile il deficit. Sia repubblicani che i democratici dovranno scendere a dei compromessi. Questa elezione deve indicare soprattutto la direzione del compromesso. Spero profondamente che entrambe le parti non peggiorino questa crisi. Non ci sar momento migliore dei primi sei mesi del prossimo anno nel quale intraprendere una complessiva riforma fiscale. Una vera riforma fiscale potrebbe effettivamente essere uno stimolo molto importante per l'economia che compenserebbe parzialmente la riduzione del deficit. Una riforma fiscale assieme ad una seria ed intensa politica che incoraggi una pi rapida espansione della produzione nazionale oltre ad un controllo della spesa sanitaria, ci permetter di ridurre il "moltiplicatore fiscale" che particolarmente importante, dato che la politica monetaria molto limitata con i tassi di interesse che sono vicini allo zero. Trovare la giusta combinazione di politiche non sar una cosa facile. Ci deve essere una riduzione del deficit anno dopo anno per poter essere credibili, ma non cos tanto da spingere l'economia in recessione. Francamente saremo fortunati se riusciremo a trovare quel giusto mix data la normale natura del processo politico. Qualunque cosa accada ciascuno dar la colpa all'altro quando ci saranno dei problemi e si prenderanno il merito quando ci saranno dei successi. Questa la natura delle bestie politiche. Dal punto di vista degli investimenti il fatto che in questo periodo gli utili siano molto pi deboli, l'attuale stagione non fa ben sperare per il futuro. A parte un effimero entusiasmo di tanto in tanto la volatilit sar la regola del giorno ancora di pi di quanto abbiamo visto in questi ultimi anni. Il rischio di un "evento inaspettato" aumenter, date le reali possibilit che ci possano essere degli shock esogeni in Europa e in Giappone. Questo non un periodo per lasciare le cose alla casualit o pensare che la recente performance dei mercati azionari sia un indicazione di risultati futuri. Questo un tema sul quale ritorneremo sempre pi spesso nel corso dei prossimi mesi.

Indicatori economici per le elezioni. E' l'economia stessa. Stupido!


Il mio obiettivo in Thought from the Frontline (Scenari Finanziari) quello di commentare questioni macroeconomiche e sul tema degli investimenti. Cerco di avventurarmi nell'arena politica solo per quanto riguarda le prospettive dell'economia e degli investimenti, piuttosto che esporre in modo palese le mie idee politiche (che comunque i lettori di lunga data possono in ogni caso comprendere). Detto questo mi sono imbattuto in una metodologia molto interessante sulle previsioni

delle elezioni presidenziali basata sull'economia e non sui sondaggi. Ken Bickers e Michael Berry, professori di scienze politiche rispettivamente presso l'Universit del Colorado a Boulder e presso l'Universit del Colorado a Denver, hanno costruito un modello basato sull'economia di ogni singolo Stato e di come ognuno di questi hanno votato a partire dal 1980. Il loro modello "prevede" con una ragionevole accuratezza il vincitore di ogni elezione presidenziale sin dal 1980. Il modello include i dati economici di tutti i 50 stati e del Distretto della Columbia incorporando dati sia dello stato che nazionali in tema di disoccupazione e tra gli altri fattori anche le variazioni del reddito pro-capite. Questa cosa in linea con la famosa campagna di James Carville nel 1992 (era il direttore della campagna di Clinton): "E' l'economia, stupido!" Il punto di vista personale e politico che ci che gli autori in realt stanno cercando di modellare, sono gli elettori indipendenti nei vari stati. Vi segnalo il loro lavoro (trovate qui sotto un link e altri 12 modelli) come un modo diverso per guardare le elezioni che ci saranno tra15 giorni. Secondo le analisi di Bickers e di Berry, Romney dovrebbe ricevere 330 del totale dei 538 voti dei Collegi Elettorali. Il presidente Obama ci si aspetta che riceva 208 voti - in calo di cinque voti dalla loro previsione iniziale e ben al di sotto dei 270 necessari per vincere. Il focus del loro studio il livello di stress economico dei singoli stati. Credo che l'approccio di utilizzare come modello lo stress economico per prevedere i risultati elettorali sia molto interessante. Il loro modello aveva previsto cinque voti elettorali in pi per Obama nel 2008 e quello avrebbe eliminato McCain. Oltre a tassi di disoccupazione a livello di stato e nazionale, gli autori hanno analizzato le variazioni del reddito personale sia prima che dopo le elezioni presidenziali. La ricerca mostra che questi due fattori ossia la disoccupazione e il reddito condizionano in modo diverso le due parti: gli elettori dell'ala democratica sono pi attenti al tasso di disoccupazione, mentre i repubblicani sono molto pi attenti alle variazioni del reddito personale. Di conseguenza - e in relazione a chi siede alla Casa Bianca in quel momento un fattore pu aiutare o danneggiare i principali partiti in modo sproporzionato. Gli autori hanno anche fornito delle ulteriori precisazioni. Il loro modello ha avuto un tasso medio di errore di cinque stati e di 28 voti nei Collegi Elettorali. Fattori che hanno detto potrebbero influenzare la loro previsione incluso anche il periodo dei dati economici utilizzati per lo studio e il fatto che dichiarano che ci sono Stati molto vicini ad avere una ripartizione del 50-50 questo potrebbe portare ad una direzione inaspettata a causa di fattori che non sono inclusi nel modello. In questo momento il loro studio rappresenta una cosa particolarmente interessante, ma se si avvicineranno al reale risultato anche questa volta, come avvenuto in alcune delle passate elezioni, questo potrebbe avere un forte impatto sulle future campagne. Potete leggere il rapporto completo e le analisi su http://www.colorado.edu/news/releases/2012/10/04/updated-election-forecasting-modelstill-points-romney-win-university. Vorrei sottolineare che PS: Political Science & Politics, una rivista molto importante della American Political Science Association ha pubblicato le analisi dei modelli delle elezioni presidenziali ogni quattro anni a partire dal 1996, ma quest'anno i 13 modelli presentati hanno mostrato pi che mai una maggiore spaccatura nei risultati. Cinque prevedono una vittoria di Obama, cinque previsioni una vittoria di Romney e tre ipotizzano per il 2012 un risultato a pari merito. Come nel caso dei modelli economici e dei programmi di austerit, si pu trovare sempre quello che fa proprio il caso del vostro candidato preferito. Qui vi

potete divertire con tutti i 13 modelli http://journals.cambridge.org/action/displayJournal?jid=PSC.

Brasile, Uruguay, Argentina, Chicago, New York e North Dakota


Domenica prossima parto per il Brasile, Uruguay, Argentina per almeno due settimane e star assieme al mio partner sudamericano, Enrique Fynn di Fynn Investments (che ha sede in Uruguay). Ma far anche quasi una settimana di vacanza a le Cafayete in Argentina, dove i miei amici di Casey Research hanno sviluppato una splendida localit nel nord dell'Argentina. Ci saranno un sacco di buoni amici, delle lunghe conversazioni e inoltre spero di riposarmi e rilassarmi cos da poter terminare di leggere un paio di libri. Quando torner indietro andr poi a Chicago ad un evento con i miei partners in occasione della conferenza di Impact Schwab. Poi andr a New York per la Post Election Summit Conference che ho citato prima. Il giorno dopo la festa del Ringraziamento andr ad una conferenza nel Nord Dakota. E poi torner a New York per l'annuale Festivus (e di raccolta fondi), organizzata da Todd Harrison e dai miei amici a Minyanville. E' davvero il momento di premere il pulsante di invio. Per una serie di ragioni, alcune perfettamente ragionevoli ma alcune non cos tanto questa la lettera che abbia mai inviato cos in ritardo in 13 anni. Devo lavorare di pi per far si che questa lettera possa essere spedita nei tempi previsti, questo il mio nuovo programma. Buona settimana. Questo sar molto corta per me, in quanto devo fare cos tante cose prima di partire. Il tuo analista pronto ad ascoltare l'ultimo dibattito,

John Mauldin subscribers@mauldineconomics.com Copyright 2010-2012 John Mauldin. All Rights Reserved Copyright 2010-2012 Horo Capital. Tutti i Diritti Riservati

Disclaimer: La presente pubblicazione distribuita da Horo Capital srl. Pur ponendo la massima cura nella traduzione della presente pubblicazione e considerando affidabili i suoi contenuti, Horo Capital srl non si assume tuttavia alcuna responsabilit in merito

allesattezza, completezza e attualit dei dati e delle informazioni nella stessa contenuti ovvero presenti sulle pubblicazioni utilizzate ai fini della sua predisposizione. Di conseguenza Horo Capital srl declina ogni responsabilit per errori od omissioni. Horo Capital srl si riserva il diritto, senza assumersene l'obbligo, di migliorare, modificare o correggere eventuali errori ed omissioni in qualsiasi momento e senza obbligo di avviso. La presente pubblicazione viene fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo in nessun caso offerta al pubblico di prodotti finanziari ovvero promozione di servizi e/o attivit di investimento n nei confronti di persone residenti in Italia n di persone residenti in altre giurisdizioni, a maggior ragione quando tale offerta e/o promozione non sia autorizzata in tali giurisdizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un'offerta o una raccomandazione per effettuare o liquidare un investimento o porre in essere qualsiasi altra transazione. Esse non possono essere considerate come fondamento di una decisione d'investimento o di altro tipo. Qualsiasi decisione d'investimento deve essere basata su una consulenza pertinente, specifica e professionale. Tutte le informazioni pubblicate non devono essere considerate una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma d'investimento n raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza trattandosi unicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto. N Horo Capital srl n John Mauldin potranno essere ritenuti responsabili, in tutto o in parte, per i danni (inclusi, a titolo meramente esemplificativo, il danno per perdita o mancato guadagno, interruzione dellattivit, perdita di informazioni o altre perdite economiche di qualunque natura) derivanti dalluso, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalit, dei dati e delle informazioni presenti nella presente pubblicazione. Ogni decisione di investimento e disinvestimento pertanto di esclusiva competenza del Cliente che pu decidere di darvi o meno esecuzione con qualsivoglia intermediario autorizzato; qualsiasi eventuale decisione operativa presa dal Cliente in base alle informazioni pubblicate , infatti, da considerarsi assunta in piena autonomia decisionale e a proprio esclusivo rischio. Il Contenuto presente nella pubblicazione pu essere riprodotto unicamente nella sua interezza ed esclusivamente citando il nome di Horo Capital srl e di John Mauldin, restandone in ogni caso vietato ogni utilizzo commerciale. Si intende per Contenuto tutte le analisi, grafici, immagini, articoli i quali sono tutti protetti da copyright. Horo Capital srl ha la facolt di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi elemento sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira ovvero tratto anche prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della sua clientela. Horo Capital srl pu occasionalmente, a proprio insindacabile giudizio, assumere posizioni lunghe o corte con riferimento ai prodotti finanziari eventualmente menzionati nella presente pubblicazione. In nessun caso e per nessuna ragione Horo Capital srl, sar tenuta, ad agire conformemente, in tutto o in parte, alle opinioni riportate nella presente pubblicazione. Ogni violazione del copyright in qualsiasi modo si esprima ai danni di Horo Capital srl e John Mauldin, sar perseguita legalmente.

Per iscriversi alla newsletter GRATUITA settimanale SCENARI FINANZIARI cliccare qui: www.scenarifinanziari.it/Registrazione.aspx Per modificare il proprio indirizzo email di invio della newsletter, effettuare il login su www.scenarifinanziari.it e andare sulla pagina di registrazione. Per cancellare l'iscrizione alla newsletter scrivere una mail a:info@scenarifinanziari.it Thoughts from the Frontline 3204 Beverly Drive Dallas, Texas 75205 Horo Capital Independent Financial Advisory Firm Via Silvio Pellico, 12 20121 Milano Tel. 02 89096674