Sei sulla pagina 1di 1

RELAZIONE RAGAZZO NEGRO

TITOLO: Ragazzo negro AUTORE: Richard Wright CASA EDITRICE: Einaudi GENERE DEL LIBRO: Autobiografia LUOGHI DOVE SI AMBIENTA LA STORIA: Stati Uniti DAmerica TEMPO: Prima met del Novecento PERSONAGGI PRINCIPALI: Il protagonista, Richard, un ragazzo di colore che vive nellAmerica del Nord dove il problema razziale molto sentito; la madre e la nonna, che hanno entrambe una malattia grave; Zia Maggie, la zia di Richard; il fratello e il padre di Richard e la Signora Moss. TRAMA: Questo libro racconta le vicende di un ragazzo di colore nella prima met del novecento. Da bambino Richard non riusciva a distinguere le nette differenze tra bianchi e neri ma poi avanzando con let si accorge che i bianchi sono i padroni. Richard nasce nel Mississippi nel 1908. Improvvisamente il padre lascia la famiglia e la madre di Richard diventa paralitica. La mamma quindi si ammala e Richard e il fratello sono costretti a separarsi. Richard visse uninfanzia difficile caratterizzata dalla fame e dalla povert. Dopo aver fatto alcuni anni di scuola cerca lavoro per mettersi da parte qualche soldo per andare al nord : lavora in un laboratorio di ottica, in una drogheria, in un albergo e in un cinema. Dopo un po di anni comincia ad appassionarsi alla lettura cosi che entra in una biblioteca e compra dei libri grazie a un ragazzo bianco che laiuta. Dopo aver risparmiato qualche soldo va a Memphis dove incontra la Signora Moss, una signora che ci teneva talmente tanto a Richard da chiedergli di sposare la figlia. Dopo aver lavorato molto decide di andare a Chicago insieme alla mamma, alla zia Maggie e al fratello. TECNICA NARRATIVA: Il racconto scritto in prima persona dal narratore che il protagonista. COMMENTO PERSONALE: Questo libro mi piaciuto molto perch mi ha fatto capire come nella prima met del Novecento venivano sfruttati i neri negli Stati Uniti e non solo. Inoltre mi ha fatto capire la vera povert, la vera fame, e il vero bisogno di soldi per comprarsi da mangiare. Il testo molto scorrevole e non noioso come tanti altri ed il linguaggio semplice.