Sei sulla pagina 1di 1

SCHEDA RAGAZZO NEGRO

TITOLO = RAGAZZO NEGRO AUTORE = Richard Wright Casa editrice = Einaudi Genere libro = autobiografia Luogo dove si ambienta la storia = America del nord Tempo = passato

Personaggi principali = Richard, il fratello, la mamma , la nonna, la zia e molti altri zii Trama = Richard narra le sue esperienze nel sud degli Stati Uniti, dove l'odio razziale divide ancora i bianchi dai neri. In particolare lo scrittore descrive molto bene l effetto che fa il pregiudizio razziale su un ragazzo di colore. Richard, da bambino sapeva solo che cera gente chiamata bianca e gente chiamata nera ma poi scopre la povert e la crudelt della segregazione razziale negli Stati Uniti. Richard nacque il 4 settembre 1908 fra i pi poveri nello stato razzista del Mississippi. Richard vive con i genitori e il fratellino a Natchez, una cittadina del sud. Improvvisamente il padre abbandona il resto della famiglia e la madre diventa paralitica. Per i due bambini un incubo e in seguito verranno aiutati dai parenti ma sono costretti a separarsi. Quando la mamma si ammala un periodo molto significativo nella sua adolescenza perch si responsabilizza e sa che non pu pi contare sulla mamma ma solo sulle sue forze. Dopo varie esperienze, l'autore si render conto della differenza tra neri e bianchi e parla molto bene di come si sono in lui distinte queste due razze e di come i desideri dei neri sono frenati. Richard visse un'infanzia difficile, in cui l'estrema povert rendeva diffide e doloroso tutto il giorno perch soffriva moltissimo la fame, mentre l'eccessiva religiosit protestante da parte della zia opprimevano i suoi sogni. Dopo aver lavorato in un albergo, in un cinema e in un'azienda di ottica l'adolescente che era molto curioso scopre l'universo dei libri in una piccola biblioteca del posto leggendo tutto ci che gli capitava tra le mani. Spinto del rifiuto sia del razzismo che dalla religiosit, Richard si dirige verso il nord a Chicago con la mamma, la zia e il fratello. Tecnica narrativa = il racconto scritto in prima persona e il narratore il protagonista. COMMENTO PERSONALE = A me questo libro piaciuto molto perch mi ha fatto capire realmente la povert, la fame e le ingiustizie che i neri dovevano subire ogni giorno. La storia molto avvincente e mi ha attratto molto. Il racconto inoltre molto scorrevole e sono presenti anche molti discorsi diretti e riflessioni personali.