Sei sulla pagina 1di 9

La maggior parte del globo coperta dai mari e oceani.

. Nella crosta terrestre si possono quindi riconoscere due tipi di strutture, oceani e continenti. La differenza tra oceani e terre data dalla linea di costa che varia a seconda del livello del mare.

Nei fondi oceanici ci sono delle fosse oceaniche, cio delle depressioni profonde anche pi di 10000 metri. La caratteristica pi importante per, sono le dorsali oceaniche, vere e proprie catene montuose sottomarine. Infine sono presenti delle fratture trasversali, chiamate faglie trasformi.

Nei continenti si possono riscontrare strutture fondamentali costituite dagli scudi continentali e dalle catene montuose. Negli scudi continentali si trovano le rocce pi antiche della terra e i pi importanti giacimenti minerari. Nelle catene montuose invece si trovano dei fenomeni di corrugamento di settori della crosta terrestre.

Circa 200 milioni di anni fa tutti i continenti erano uniti in un grande continente detto Pangea che poi si sarebbe fratturato in vari blocchi, mentre tutti i mari si chiamavano Panthalassa. Questa teoria stata sviluppata da Alfred Wegener, uno studioso tedesco, chiamata teoria della deriva dei continenti.

Dopo la seconda guerra mondiale le ricerche nei fondali si intensificarono, il mondo scientifico rimase di stucco scoprendo lesistenza delle dorsali oceaniche. Dopo queste scoperte il geologo Harry Hess svilupp la teoria dellespansione dei fondi oceanici, dove le rocce fuse si muovono nella crosta terrestre secondo correnti di convenzione legate alle dorsali oceaniche.

Nella seconda met del XX secolo alcuni geologi svilupparono la teoria della tettonica delle placche, secondo cui la parte esterna della litosfera fratturata in una serie di placche. Le placche sono in costante movimento e questi movimenti sono la conseguenza dei terremoti sulla terra.

I margini delle placche possono essere di tre tipi: margini divergenti, convergenti e di scivolamento. I margini divergenti sono due placche si allontanano luna dallaltra. I margini convergenti sono quelli quando una placca si consuma sprofondando sotto unaltra placca. Infine i margini di scivolamento sono due placche che scivolano luna accanto allaltra.

Le montagne si sono formate proprio secondo la teoria della tettonica delle placche: lungo i margini convergenti si verifica il sollevamento di una catena montuosa. La crosta oceanica affondata sotto quella continentale e si formano le cordigliere vulcaniche. Questo procedimento lha subito anche la catena montuosa dellHimalaya in seguito alla collisione tra lIndia e lAsia.