Sei sulla pagina 1di 20

EquazioniEquazioniEquazioniEquazioniEquazioniEquazioniEquazioniEquazioni eeeeeeee disequazionidisequazionidisequazionidisequazionidisequazionidisequazionidisequazionidisequazioni linearilinearilinearilinearilinearilinearilinearilineari

1. Introduzioni

Definizione 1: un’identitàidentità è un’uguaglianza tra due espressioni algebriche sempre vera per qualsiasi valore attribuito alle lettere.

Esempio (x+2) 2 =x 2 +4x+4

Definizione 2: un’equazioneequazione è un’uguaglianza tra due

espressioni algebriche, dette membrimembri dell’equazionedell’equazione, vera

per particolari valori attribuiti a una lettera che si dice

incognitaincognita. I termini non contenenti l’incognita si dicono

terminitermini notinoti.

Esempio

x-2=4

2

Definizione 3: la soluzionesoluzione o radiceradice di un’equazione è quel

valore che, sostituito all’incognita, rende l’equazione un’uguaglianza vera, cioè rende uguali i due membri dell’equazione. L’insieme S di tutte le soluzioni di un’equazione

si dice insiemeinsieme soluzionesoluzione o insiemeinsieme delledelle soluzionisoluzioni.

Esempio L’unica soluzione dell’equazione x-3=7 è 10, quindi S={10}.

Definizione 4: il dominiodominio di un’equazione è l’insieme nel quale

si cerca la soluzione dell’equazione. Se non è espressamente dichiarato, il dominio è R.

Esempio

L’equazione 3x=2 in N e in Z non ha soluzione, mentre in Q ha

2

3

soluzione

x =

.

3

2.2. LeLe equazioniequazioni

Definizione 5: due equazioni si dicono equivalentiequivalenti se hanno lo stesso insieme soluzione.

Le equazioniequazioni di primo grado o linearilineari in una sola incognita hanno forma normale del tipo:

ax = b

• Se a≠0 l’unica soluzione è

x =

b

 

a

• Se a=0 Λ b≠0 l’equazione è impossibile

• Se a=0 Λ b=0 l’equazione è indeterminata

4

2.12.1 RegoleRegole pratichepratiche perper lala risoluzionerisoluzione

Per risolvere un’equazione algebrica numerica intera lineare in una incognita si procede nel seguente modo:

1. si eseguono le operazioni indicate;

2. se nell’equazione compaiono dei denominatori numerici si riducono i termini dei due membri allo stesso minimo comun denominatore;

3. si moltiplicano ciascun membro per il denominatore comune prima calcolato (eliminando così il denominatore dall’equazione);

4. si trasportano in uno stesso membro i termini contenenti

l’incognita e nell’altro membro quelli che non la contengono;

5. si riducono i termini simili fino a giungere ad un’equazione che scritta in forma normale sarà del tipo ax=b;

6. se a≠0 si dividono entrambi i membri per a ottenendo la soluzione x=b/a, se a=0 Λ b=0 l’equazione è indeterminata, se a=0 Λ b≠0 l’equazione è impossibile.

5

EsempioEsempio

x

2

1

 

+

x

=

 

2

x

2

1

 

+

x

=

 

2

x

2

1

 

+

x

=

 

2

x

2

1

 

+

x

=

 

2

x

2

1

+

2x

 

2

x

2

1

+

2x

x

2

+

2x

x

2x

=

4

=

=

2

1

2

1

2

1

2

x

[(

1

]

)

2

x

+

+

+

2

[

x

2

[x

2

2

+

4

+

4x

3]

4x

+

4x

+

3

2

2

 

x

+

4x

+

3

 

2

x

2

+

4x

+

3

4x

=

3

+

1

x

= −

2

1

]

[1]

 

[1]

[1]

[2]

[3]

[4]

[5-6]

6

2.22.2 EquazioniEquazioni numerichenumeriche frattefratte

Un’equazione è fratta se anche in un solo dei suoi denominatori compare l’incognita.

Il procedimento di risoluzione è analogo a quello visto per le equazioni lineari; è necessario però, prima di eliminare il

denominatore comune porre le condizionicondizioni didi esistenzaesistenza

(C.E.C.E.), cioè escludere dall’insieme delle soluzioni i valori dell’incognita che possono annullare anche uno soltanto dei denominatori. Perciò, dopo aver determinato le eventuali soluzioni dell’equazione è necessario controllare che esse non corrispondano ai valori esclusi dalle condizioni di esistenza.

1.1.

EsempiEsempi

1

4

x

1

4

x

(

2x x

2

=

4x

x

2

2

=

(

x 4

x

)

4

)

(

8 x

2x

1

2x

8

2x

1

(

2 x

4

)

)

+

4

=

4

(

x 2x

1

)

2x

2

8x

15x

(

2x x

8x

8x

+

8x

x

36 =−
36 =−

36

=−

4

)

+

2x(x

2

x

4)

32

4

2x

+

=

=−

32

4

 

36

12

x

=

 

=

 

15

5

C.E.

2x

0

x

0

x

4

0

x

4

soluzione

accettabile

2.2.

 

1

3

 

1

 

=

x

2

+

2x

+

(

x

+

2

)(

x

1

)

x

2

x

 
 

1

3

 

1

 

+

=

x

(

x

+

2

)

(

x

+

2

)(

x

1

)

(

x x

1

)

 

1

3

 

1

 

=

x

(

x

+

2

)

+

(

x

+

2

)(

x

1

)

x (x

1)

(

x

− +

1

)

3x

=

(

x

+

2

)

x

x

x

(

x

+

2

)(

x

− +

1

+

3x

3x

x

)

1

x

= +

= +

2

2

1

(

x x

)(

1 x

+

2

)

3x

=

3

x

=

1

soluzione non accettabile

C.E.

x

0

x

x

x 10 x 1

+

2

0

≠−

2

3.3. LeLe disequazionidisequazioni

Prima di parlare delle disequazioni occorre introdurre gli

intervalliintervalli, i quali rappresentano la soluzione delle disequazioni. Quando si da una soluzione di una disequazione non si parla più, in genere, di un singolo valore o di un numero finito di valori che soddisfano la disequazione, ma bensì di un numero infinito di valori. L’unico modo “finito” che si ha di rappresentare questi infiniti valori è l’intervallo.

Gli intervalli si distinguono in limitatilimitati ed in illimitatiillimitati a

seconda che entrambi gli estremi siano numeri (limitati) oppure solo uno (illimitati).

10

3.13.1 IntervalliIntervalli limitatilimitati

nome

scrittura

scrittura

 

rappresentazione

intervallo

simbolica

insiemistica

 

grafica

aperto

(a,b)

{ R,a

x

x

<

x

<

b}

aperto ( a,b ) { R,a x x ∈ < x < b }

c

hi

uso

b

[a, ]

{ ,a

x

x

R

x

b}

c hi uso b [ a, ] { ,a x x ∈ R ≤ x ≤

chiuso a

   
chiuso a    

sinistra

e aperto

a destra

[a,b)

{ R,a

x

x

x

<

b}

aperto

   
11
11

a sinistra

e chiuso

a destra

(a,b]

{ R,a

x

x

<

x

b}

3.23.2 IntervalliIntervalli illimitatiillimitati

nome

scrittura

 

scrittura

 

rappresentazione

Intervallo

simbolica

insiemistica

grafica

aperto

   
aperto    

illimitato

(b,+∞)

{

x

x

R,x

>

b}

superiormente

 

chiuso

   
chiuso    

illimitato

[b,+∞)

{

x

x

R,x

b}

superiormente

 

aperto

   
aperto    

illimitato

(−∞,a)

{

x

x

R,x

<

a}

inferiormente

 

chiuso

   
12
12

illimitato

(−∞,a]

{

x

x

R,x

a}

inferiormente

 

3.33.3 DisequazioniDisequazioni linearilineari

Una disequazionedisequazione razionalerazionale interaintera di primo grado o

linearelineare è riconducibile alla forma normale:

ax > b

se a>o allora la soluzione è

se a<0 allora la soluzione è

b

x >

a

 

b

x <−

 

a

se a=0 allora

a   b x <−   a se a=0 allora se b ≥ 0 allora è

se b

0 allora è impossibile

se b<0 allora è sempre vera

EsempiEsempi

1.1. 2x >−3

2.2. 2x > 5

3.3. 0x > 5

4.4.

5.5.

0x > 0

0x >−5

 

3

x >−

 

2

 

5

x <−

 

2

0 > 5

impossibile

0 > 0

impossibile

0 >−5

sempre vera

6.6.

 

1

)

2

 

2

3

 

5

 

(

x

 

x

+ 2

 

 

x

+

x

 
 

 

 

2

4

 

2

 

2

5

4

 

x

+

1

2x

x

+

4

x

+

3

5

x

x

2

+

4

1

2x

x

2

2

+

16

+

8x

 

5

x

+

4

3

5

x

 

4

 

4

5

 

4

5x

2

+

5

10x

5x

2

80

40x

 

4x

+

12

25x

   
 

20

20

10x

40x

4x

 

+

25x

≤− 5 +

80

+

12

29x

87

 

x

≥−

87

 
15
15
 

29

 

87

;+∞

)

 

29

3.43.4 DisequazioniDisequazioni frattefratte

Una disequazione è frazionaria se l’incognita compare al denominatore di almeno un termine. Per risolvere una disequazione frazionaria occorre portare tutti i termini al primo membro e ridurre ad una sola frazione del tipo:

N(x)

D(x)

≷≷≷≷

0

e studiare il segno del numeratore e del denominatore e mettere tutto nella tabella dei + e dei -.

EsempioEsempio

x

+ 1

2

x

 

x

x

2

+

x

+ 2

<

4

x

2

-2

¼

2

x

x

+ 1

2

+

2 x

x

+ 2

+

x

2

x

< 0

4

 

- -

 

+ +

 

x

+ 1

2 x

 

x

     
 

+

 

+

 

< 0

 

- +

   

- -

x

2

x

+ 2

 

(x

2)(x

+

2)

     

(x

+

1)(x

+

2)

+

(2

x)(x

2)

+

x

< 0

 

- +

+ +

 
 

(x

2)(x

+

2)

x

2

+

2x

+

x

+ 2

x

2

4 +

4x

+

x

< 0

 
-
-

+

-
-

+

 

(x

 

2)

 

2)(x

+

 
 

8x

2

< 0

 

Soluzione:

 
   

(x

2)(x

+

2)

x<-2 U 1/4<x<2 (-∞,-2) U (1/4,2)

N

>

0 :

8x

2

>

0

x

>

1

 

4

D

>

0 :

(x

2)(x

+

2)

x

2

>

0

x

>

2

 

x

+

2

>

0

x

>−

2

 

17

Esercizi

1.

2.

3.

4.

5.

6

.

7.

8.

9.

10.

(

(

x

2x

2

1

3x

2

)(

)

2

1

(

5 1

1

)

+

=

+

(

3x

x

2 x

)

1

=

)

2

4

1

)

x

+

)

(

3x(x

)

(

+

=

2

5

)

3

9x

5

7x

=

(

2

2

)

)

3x

(

2 3

2 3x

+

4

(

x

+

+

+

x

(

3 x

4 x

)

17

+

− −

(

[

- - 3x -

2x(3x

]

+

=

3x

2)

15

(3x

7x

1)

2

3)

+

7x

2x

5

3

=

x

x

3

4

x

-

1

4x

4

=

3

x

+

1

-

+

1

2

3

8

=

5x

x

6

+

9

3

x

+

1

x

2

- 2 =

x

+

2

1

x

+

13

2

- 2x

=

4x

+

4

18

 

4 x

+

9

4 x

+

5

=

 

1

.

x

2

9

x

2

3 x

x

2

+

3 x

 

7

1

23

x

7

1

 

+

 

=

 

+

 

.

   
 

x

3

3 x

12

 

4 x

 

.

6x

-

(

4

- x

)

<

8 x

+

(

1 - 2x

)

.

(

x

- 2

)

2

+

x

+

2

(

x

- 1

)(

x

+

1

)

.

x

+

x

+

x

>

x

11

 

4

6

8

.

3x

- 8

 

>

1 - x

1

 

5

4

 
 

3

- x

-

2 (
3

x

2

)

>

1

.

3

.

5

>

0

 

x

- 3

3x

+

2

<

 

0

 

.

 

x

- 1

11

12

13

14

15

16

17

18

19

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

.

.

.

.

.

.

.

.

.

2x

+

3

x

-

2

>

2

x

3

2x

x

1

x

3 x

2

2x

3

-

x

3

2

2 x

-

9x

6

x

2

-

2

x

5

-

2x

<

<

0

0

1

0

7

4

-

x

3x

2

<

3

x

(

5

-

2

x

x

+

2

)

>

0

0

0

20