Sei sulla pagina 1di 41

Questo Manua,le ha 10 scopo di tornire agll organ;,.

zaf Piaggio Ie istruzloni nscassarle per 18 rnanutenzlone e riparazlorre del velcoll lndicatl in copertlna.

A tale proposlto tratta i sequenti argomenti:

- Nmme generali d1 manutenzlone dei veicoli.

- lndlviduaziuna ad aliminazione guasti ed irre-

gollarita dl funzionamento.

- Illustrazlon: e norma per 10 emontaqplo. revtsrone e dmontaggio.

- Giochi di monta.ggio deli principali organi.

- Attrezzatura OCCOrrente per Ie normall opera-

zloni da.esequlre sui veiCOIL

.1

Se in nuure verranrio Introdolle modlflche al velcoll, che comportlno l!uso dl nuovi aUrenl ache eomunque interesslno II- presente manu!!le, sarannc distdbulle apposlle varlarntl.

Fig. 1 • Ctctcmotere {~CIAO.J.io

Indlce degli argome·ntl

Caralterlstiche , " ,..... Pag. 2

Schema molore e Irasmlsslone 4 Norme. geno;>ra!! dl manutenzlone e·

lubrlflcazlone "." " 5

Ricerc!! ed ellmlnazlone Inconvenlentl " 6

inslallazione Impla.nloelettrlco

Ciao-Bravo : , " » 9

Installazlotlle implan·to elellrlco 51 .• ", " 10

tnslallazlorne Implanto elellrlco SI

co'n accensione eleltronlca .......•.•.... »

Accenslone eletlronlca

••• , •••••• * •••••••• ,»

. Smontaggio:

Attrezzi per smontaggio, ravislone

e rirnontaqplo- , Pag.14

Molore nelle sue parn .. ,..... . ,....... 17

Sterzo . . .. .. .. . .. . .. .. .. .. . ....." 21

Sospenslone anterlore ~ 22

Revislonl:

G,iochi di montaggio ... ,................. Pag. 24

Messa.a punto carburatore •. , , ,," 25

Revisione puleggia motrtcs 26

Revisione oavallstto oi appoggiO » 26

Revisione grLJPPO bobine ruttore , " 27

Sostltuzlone antlturto n 27

Lubrlflcazione gl,laine Irasmlssioni ..•... , •. n 27 Sostituzione trasmlsslonl e

cavettl etettrlci . . . . . . . . . . .» 29

Vernlci.atura ., _ n 29

Rimonl:aggio:

11 Note relative al rimontaggio ........••.. Pag. 29

12 ~~~~: coppie .d.i.bl.ec~a~~.i: .. :::::::::::: ::: ~~

Fasatura motors ...• ,., " 32

Mezzo posterlore .....................•... " 34

Registrazione cingtlia traamtsstone ... , ... .» 34

Sospensione anterlore . .., .......•.•..... " 35

Sterzo " 35

Cenlrollq consumi su sirada .• , < , •••••••••• f< 37

Messa a punto ·del vslcolo prima

dell'lrnpieqo »

38

Fig, 3 ~ etctomctcre ",51 ...

CaraUerls'llc he

Ciao P • PV • PX • PXV

BJallo [F" _. PV

Telalo: monoscocca portants a guscio im [amielra di acclaio a tcrma slPells avenle anone fun~"one dl serbajoio m.iscela.

SO$pen$lone !lnterlore: a forcella elasfica (bracci csclllanti con melle eHicoldali).

$0~p&n8!one po~te'lore: aella con di sposltivo elasl'i· co osct llante pe·~ I a ve rslone [P'X e PXV.

Frenl: sulte ruote del tipo a qanasce ad espanslone. FUllzlonam&nlo Con m!;t(;>!!!;JI b~nz;inl!-oiiio a12% (20 cC.' <II oi[,o per II. di baneina tipo normals per auto) 0110 COn$lg!!aIO i P DUIE T.

Consumo (GUNA): -- 1,5 lIirl per 100 Km. Ca;paelttlse-rbal.olo (compresa rtserva :- O,511.}: ~ It 2,8

Velocil~ mn. seconde 'Ie prescrlzlont vigent!. Aulonoml<!l; - ~85 Km.

Inl!i'fft!l$e " .. ";Ita: 1025· rnm.

LRrg~,,_ ~!ilI(. $~l m~m:'bnQ: 6-60 rnm. Ll.ingha"~!11 mllll.:160D mm,

AUene malr.: 1000+1070 mm.

Pe80 lolale a 1[11010'; ~ 40 Kg"

Ruole: da.17"' del tlpo II raggi tBngenii. PneumalleJ: I[ po 2-17"

Pre9910ne pneumallcl:

Fiuola anl8rlol&': 1,4 atm. R IJIOla p081&rlor(l; 2,5 atm.

Talalo: costltulto dB. una struttura eentrale in tubo dl acclalo a sezlone <t_l,Iadlriingolare,

SO$penilillM Imterlore: a Ioroella talesooploa Soep'm5lone po9Ie~lore: con due ammortlzzatort "meccanlol" a molla, che eontrasteno Ie oscilla:zioni del braceto porta motore e ruota, lulcrato anteriormente' al tstal o,

Franl: sutle ruots del tlpo IlJ ga:n·as·(:e ,ad espansiono, Funzlonemen'lo con ml'~c .. la b~M'!na-ollo ai 2% [~O' CQ. di 01,10 per It di banzina !'po norrnale pet auto) olilo con.S!lgl~8IOIP DlIe f.

Consumo, (CUNA,: -11,6 mri par 100 Km. C.apBcllilBlllbBtolo (cornpresa risen'a - 0,5 111.):-11. 3 Veloolfa max. sacondo lie prescnzionl viigentl. Aulonomla: -166 [Km.

Il1lera!lI:e 11Iole: 105{l'mm.

Lal'ghezz!I ma.~. sui manub<lo: 8·70 rnm, Lung;lIle'z:tll mall.!lS9S mm.

Allezz8, mali.: 10-'10 mm.

. Peso l·olale.8 VUOlO: - 48 Kg ..

flt'-QI8; {Iii 16" (ieij tipc in leg'« leggerca 0 a I[«g:gii t.angenti.

Pne·umallel;1tipo 2'!.-15"

Pressione :pneu,mallcl:'

Runta ,8:1lterlore: 1, ~ -0-1 .2 atm. RlllIota posterlore: 2: atm.

."

SI ~SIM • SI'I)

Tllialo: monOSCOCCIl portents a guscio in tamlera di accjalo a torma aparta avents anche runztone dl serbatoio miseela.

Sospen51:ona ant;e!lore! a lomella teleseoplca, Sospens'one p05lerlore: del tipo "Cantil ",VIO! r" costltuita da un bracelo oscltlente fulcrato a[ t",laio e 80- apeeo con tm elernento a moll a e tamponi, GoessLa~memte alla rnolla e montato un amrnortlzzatore ldraunco,

Franl: lwlle ruots del tipo a ganasce ad t>span5iono_ Fl,lnziQ~me",!o eon mlscela benalna-ollo III 2% (.20 cc. Q! olio per !1. dli benzlna uoo normats per auto) 0110 ¢onslg'lIalo IP DUE T.

censume (CUNA); - 1,61itri per 100 Km.

C'apaellll ~rba'olo (comprasa nsorva - 0,5 lt.): .~ II.U

Veloeltll max, secondo ie' prescnztonl ~igeIlH. AuiolilOml8: ~ 260 Km.

IniemMe r\io!!i': 1090 mm.

Larghez'![I>! ma". suI manllbria:: 670 mm. I.\lnghf!!~ max:.::1670 mm,

.4:lIe.z:za max.:: 103·7 mm.

Peso total~e· a vuolo: - 51 Kg.

Ruote: de. 16" del npo in lega leggera 0 a r{lggn tang:e·nti.

IPmlumallcl: tipo 21',·16". IPre!'s'lone pneulmallcl:

Ruot. anterlore: 1, 1 +~ ,2 aim. ~uot!l posterlore: 2 atm.

..

'.

Ciao - Bravo - 51

L

Molora: monocil1ndrico a due tempi, con dlstrlbuzlone "rolanle".

Alesagglo: mm. 38,2.

Corsa: mm. 43.

ClUndrala: em" 49,28.

Rapporlo dl compresslone: 9.

Antlclpo accenslone: 19"30'±2°30' prima del P.M.S. per II Clao-Bravo-51 e Iso±2"30' a 5000 girl prima del PMS per il SI con accsnsione elsttronlca.

Candela: Mareili CW4N oppure Bosch Wl0A; Champion L90; AC 422Z; Lodge CN; NGK B5HS; KLG F70.

Candela: per ':81" aeoenslona stettroruca: Marelti CW5A oppure Bosch W7A; Champion L6BA; Lodge

HN; NGK B6HS. .

Carburalore: oeu'orto SHA 12/10 per il Ciaoe 12/12 per Bravo e SI.

Trasmlsslone: dal rnotore alia ruota e reallzzatacon cinghia trapezoidale, frizione automatics e riduttore ad ingranaggi per i veicoll monomarcia.

Per i veicoli con varlatore automatico di velocita e invece renllzzata, con pulegge espansibili, cinghia trapezoldale e ridullore a ingranagg i.

I rapporti rnotore-ruota valgono: 1/13,04 per CilloBravo-SI mopomarcla: 1/12,04';'1/20,62 per if Ciao varlalore; 1/12.76+1/24 per il Bravo v.rlalore; 1/12,7971/21,52 per il SI variatore.

Inoltre i veieoli sono muniti di Irasmissione ausiflaria alia ruota posteriore, can peoau. moitiplica, catena a rulll, rocchetto a "ruota Jibera" con rapporti: 28/18 per II Ciao; 30/16 per il Bravo; 23/16 per il 51,

,

Dall matrlcolarl

Ciao

Modello Versione Prefisso Motore Prefisso tetaio
P - PX Monomarcia C1M C7E2T
PV - PXV Variatore C1M C7V2T
P Monomareia 811M EEM2T
PV Varlatore SI1M EEV2T
SIM Monomarcia 811M SIM1T
SIV Variatore 811M SIV1T Bravo

81

3

Schema del mot ore e trasmissionl

J

Fig 4

1. - G(UPPO frizioni automatiche per velcotr C7E2 - EEM2 - SIM1; A) Masse cenlrHughe pel trasmlsslcne moto dal motors: B) Massa centri1ughe per rawremeeto.

4

Fig. 5

2~3 ... Gruppo vartatore autornauco e fril.ionl automatlche par lJel~oli C7V:2 - EEV2 - SlVt'C~ Masse centrifughe del varlators: D~ Puleggia espaneibue.jato varlatcre: E~ Masse centrilughe trtefooe per avviamento; F) Masse centrifughe "l,'one per tresmissione moto del motors: 0) Puleggia espanslblla tato trlztone,

-,
Norma generall dl manulenzlone e lubrlflcazlone
Gruppo Dopo 1 prlml100D Km. Ognl 4000 Km. Ognl 8000 Km. In case dl revlslone Lubrlflcantl
Motore - Disincrostazlone plato- - Pulitura e disrncrosta-
ne, testa, tucl cllindro: zlons delle parti del
pulitura esterna cilln- motore ancora utlllz-
dro zahlll
MOllO posteriore - - Verifiea e rlpritino Ilvello Sostituzione 0110 ("·A) (<II) IP PONTIAX
olio (<I-A) fino a slio- FZ GBOW-90
rare il foro di carlco
Fillro aria - Smontaggio e pulltura - Smontagglo e pulitura
in banzlna: aseiugare in benzina: asciugare
qulndi con aria corn- quindl aeon aria com-
pressa pressa
Volano magnete (escluso - - Pulitura puntlne platina- Sostituz. rullore <in ca-
iI ciclomotore SI con te del ruttore e regi· so di necesslta) oppu-
accensione elettronica) strazione aperture re pulitura e reg istra-
max. a 0,4 mm. zione puntine
Candela Controllo distanza elet- Pulitura, dislncrostazio- - Sostituzlone candela
trod I ne registraz. distanza (se necessaria)
elettrodi a 0,5 mm.
Marmitta - Pulitura del tuba dl sea- - Pulitura del tuba di sea-
. rico (6) . rico (8)
Variatore automauco - - - Ingrassaggio (e) (e) IP ATHESIA
GREASE 3
Gruppa frizione - - - Ingrassaggio (e)
Forcella telescopic a - - - Soslituire l'olio (*-C) (*) IP RUDIAX
S20W-20
Trasmissioni flesslbili Registrare - Ingrassaggio (D) Ingrassaggia (e)
FaUro del vola no - - Ingrassaggla (el Ingrassaggio (e)
Dadi e bulloni principali Controllo bloccag. (ved. - - Contrallo bloccag. (vsd.
del velcolo labella delle coppie di tabella a pag. 30)
bloccacglo a pag. 30) 5

In case di ~ung-.l inaUiwito'. del vetcolc osservare 16 seguent~ norms: 1) Pulire Il velcolo - 2) TogHere il carburante oar velcolo - 3) smcntere la candela, imrnsttere dal Ioro di ssse 10';.15 C.C. dl olio IP DUE T (e opportune eseguire tate operatiOne dopo aver sonevato in alto la ruota antertora): azlonando i pedali. far complere qualche giro 81 motors. 8 rimontare la candela - 4) Spalmare di grasso antiru9gi.,e Ie paru metalliche non verntclate- 5) Tenere scnevate da lena le ruote del vercorc.

A) - Oue-rtnetlvc di olio nuovo: flflO a snorare H foro dj earlco '-60 c.c.).

8) - Opereztone da eUeltuare COil un 1110 di ferro ad onemo ad anche con aria compressa Immessa net noccnertone di fissaggio at cilindro.

C) - La quantlta di olio per ogni etemento deve rtsuttare gt. 30.

D) - vedere a pag. 27 Ie rstruzfcnl e l'appllcazione de Ito speciflcn attrezzo.

N.B. ~ Saltuariarnenle e:,seguire, come per Ie norman btctctette. ta ~ubrUlcazione dalla catena e deglf euaccht pedal! e ruote: verlucare ta taosrone della cinghla e quells deUa catena.

Norme per 18 ricerca e per I'eventuale eliminazlone degli inconvenlenli

Rlc.rea ed Indlvldua,lone dell'lncon •• nl.nte

Not"

Olfflcoltll. dl avvlamenlo

Getti carburatore e rubinetto ostrultl 0 sporchi. Smontare e lavare in benzina pura e asciugare can aria compressa,

Motore ingollato. Chiudere il rubinetto del serbatoio, ruotare tutta la manopola del gas ed agire sui pedale fino ad avviamento avvanuto. Non verificandosl I'avvlamento, procedere alia manovra a spinta 0 diversamente smontare la candela, pull ria 0 sostituirla, prima di rimontare quest'ultima far girare II motore per espellere I'eccesso di carburante.

6

Motore

searse rendimento searsa compresslone Fughe dl gas

- Allentamento delle viti e del dadl del varl organ I.

Plo ••• dlmen!!

Riprlstinare il bloccaggio dei dadi e dei bulloni degli organi interessat! del motore (Fig, 6) - carburatore, testa cilindro, attacco marmitta - osservando i valori delle relative coppie indicate In tabella di paq. 30,

Tendenza del motore a lermarsl alia massima apertura gas.

- Getto sporco, carburazlone povera. - Lavare II getto in benzina pura ed asciugare con aria

compressa.

- Controllare la candela,

- Lavare II carburatore (se sporeo) con benzina pura ed

asciuqare can aria cornpressa.

- Se avariate sostltuire Ie guarnizloni.

Afflevollmento at rumore dl Icarlco.

Eceesso di inerostazione sulle luei del cillndro. - Dislncrostare (ved. fig, 7).

- Silenziatore otturato. - Disincrostare con fila di ferro piegato ad unclno od anche can

aria compressa Immessa dal bocchettonedi flssagglo al cillndro.

Fig, 6 - Gruppo motore

Fig. 7 - Tesla clllndro-plolon6

..

Rloor". od !ndlvlduallono dell'lnconvenlonle

PrO'A'edimenU

Nolo

Scorlce Irregolare del motore, scopplettll In rlpresa 0 In sallta.

- Fillro sporco.

- Candela dlfettosa,

Carburalore.

- Ingollato per lmpurita nel carburante.

Consumo elevalo~

- Fillro aria otturato 0 sporco.

- Coman do starter in posizione di aperto 0 bloccato.

Motore non lunzlona al mlnlme.

- Possibi Ie otturazione condollo aria e nusso minimo per lunga inattlvlta del veicolo.

Sterzo

- Indurimento.

- Eccessivo gloco.

Trasmlsslonl

- Oifettoso scorrimento dei cave Iii nelle proprie guaine.

- pulire 0 sosilluire.

- Oisincroslare, rlpristinare la distanza alettrodi 0 sostlluire

(ved, fig. 8), impiegando sempre tlpl di candela consigliali a pag.3.

N.B. - Tenere preaente cne molt I tnccnvenienu al motors cenvano dall'lmpiego dl una candeta non appropriala 0 oa uso dl mlscala con olio lnadattc 0 in percentuats di'lllersa dalla prescrltte.

- Smontare e lavare in banzina pura, asciugare con gello di aria compressa.

- Lavare con benzina pura, asciugare con aria compressa.

- Sbloccare la levetta del comando slarter a lubrificarla.

- Pulira il condotto, dalle lrnpurita depositate, con I'ausilio dl un fIIo di acciaio 0 0,5 mm. come tndlcato nel dattaqllo "0" in fig. 9 e solfiare i concern.

- Verificare il sarraggio della ghiera superiore. Se persistono lrregolaritll nella rotazione della sterzo anche dopa la suddetta regolazione, verificare Ie sed i d i rotalamenlo sfere dei cuscinelli: sostiluirle so sono incassate.

- Vedera specifiche norme per I'impiego dell'apposilo attrezzo aile pagg. 27 e 28.

I r----- ,J;
J1
ilI==
I~
I\DETT.D
~
DETT. D
Fig. 9 - Cemuralor. 7 Fig. a- Candoll dl ace 8n810n.

8

Sospenslonl

- Battlto 0 difettoso funzlonamento.

Prov~edlm8ntl

Ricercllled Indlwlduazlone deU'lnconvenlente

Not ..

Implanlo dllrenatura

- Frenatura inefficiente.

La reg lstrazl one dei freni sl effettua regofando i comandi mediante gil apposltl regislri indlcati can la lellera "A" In fig. 10, tenendo presante che con Ie leve dl comando in posizione di riposo Ie ruote devono glrare liberamente.

N.B. - L'aztone trenente deve lnlztare appena 51 agisce sui cornanen treno,

Nel caso che con Ie normali regolazioni sulle trasmissioni non sia possibile eliminare gli eventuall inconvenientl, procedere 81 controllo delle ganasce e del tamburL

Se 5i riscontrano usure eccesslve 0 rigalure, effettuare Ie necessarte sostltuzioni.

- Sa I ceppl avessero assorbito olio, ad esempio per perdlte dl 0110 attraverso gil anelll dl tenuta, prima di sostituiril 51 PUQ provare a rlmetterli In efficienza lavandoll con benzina ed asciugandoll all'arla.

Ciao

- Verlficare il bloceaggio dell'ancoraggio delle molle, e dei bulloni dl flssaggio brace I oscillanti.

- Controllare ed eventual mente sostltulre i tamponi dl scontro, Ie bussole e i dlstanziali del bracei oscillanti.

Bravo·SI

- Controllare ed eventualmente sostituire i tamponi dl seontro della lorcella telescoplca, controllare Ie molle, I bloccaggi delle molle stesse e degll stall, immellere (se necessario) olio nelle zampe come prescrilto nella tabella di pag. 5.

Controllare Ie molle, I'efficienza degli ammortlzzatorl e i bloccaggi del relativi ancoraggi.

Verificare II bloccaggio del bullone, controllare le condizionl del dlstanztala, dells bussole (per i1 Bravo) 0 astueei a rullinl (per II SI), del gruppo oscillante.

Avvertenza • Nella verlfiea delle coppie di bloceaggio attenersl sempre a quanto prescitto nell'apposita tabella rlportata a pag.30.

Fig, 10 - Regls' ... z-Ione fren.

N.B. - Qualora sl presentassero snconvententt dovutl a cause non pre v rste dana specchlo (ad esempio rumoroslta anormau, rotture 0 prematura usura degli orqan! meccantct etc.j occorre locallzzare t'evarla 9 prccedere a seoonda del cast, aUa eoentuztoee del pezzt 0 alia loro revlelone: ricordare in oroposno cne gil accopplamentt dei principall orqanl (pistone-cllindro, anelll dl tenuta-pjstcne, atc.). debb'9l1o funzionare con giochi corrispondentl a quelli indlcati oeUe tabette a psg. 24.

Schema impianlQ eleltrico "Ciao" - "Bravo"

1. Gruppo proiettore con comrnutatore tuct - 2. Pulsante claxon -3. Claxon - 4. Candela - 5. Bobina A.T. - 6. Valana magnele - 7. Fanalino posleriore - Le lampade sana; 6V - 15W per luce anabbaglianlo 0 luce di cilia; 6V - 4W per luce posizlone posteriore.

Fig. 11

9

Schema Implanto elettrlco "SI"

'.

10

1. Gruppo proiellore con cemmutators lucl . 2. Pulsante claxon -3. Claxon - 4. Candela - 5. Bobina A.T.· 6. Vola no maqnete -7. Fanalino posteriore - Le: lampade sana; 6V - 15W per tuce anabbagUante e tuce dl citt~; 6V - 4W per luce posizione posterjcre.

Fig. 12

"

Schema implanto eleltrico "SI" con acconslone elettronica

1. a .... upoo profettoce con comrnutatcre luci • 2. Pl.d~ante claxon ~,3. ClaixOIii ~ 4.. C;fIndcla - .5. centrattna eteurontca - 6. V'olano magnoetQ·7. F'amillno posterlure - Le Ismpade so no: av -15W per tuce anabbaqtlante e luce di clua, 6V - 4W per tuce PQ$il.iOlle pcsteriore.

fig, 13

11

Accensiolle elettronl ca

1) Vanlaggl prlnclpa'll

Rispetto all'accensfone tradlzionale, sta a magnate che a batterla, l'accenslone elettroruca "a scarlca di condensators'' presenta dlversi vantaggl di natura elettrlca e meocanlca dei quail riassumtamo i prineipall:

dizlona!i. e essenztejmente quells di presentare una pUlnta dl ~en5lone Ipill ,'e'l1l18,. raggiunlll In lempo assai mlnore , con una minor eurata lola Ie della searica slessa.

Oa elo deriva:

- Funzienamento r.egolare del rnotore anche con c.andele imbraltale e coni elettrodt non correttamente distanziatl.

A) Vantaggi dl natura elettrlca

La caralleristica partlcolars clell'a. scarlca A.T. con accenalone elel1ronica. rtspetto aile accensloru Ira-

- Magg~ore faclllta dl avviamento a Ireddo.

12

Fill, 14

- Maggiore durata delle candela per mlnore usura degli elettrodl.

- Minorl posslbnita di formazione di arco alia candela.

B) Vaniagg:1 meccanlci

L'elimlnaziol'le degli organi sottoposti ad usura quali II gruppo ruttore-camrna comporta:

- lnalterablllta. nel tempo, delll'anlicipo accenslone.

- lnsenstbtnta 9lgli agentl atrmosferici.

- Regolare lunzlonamento del motore anche ai re-

glmi elevatl.

- Funzlonarnento sicuro dell'aceenstona anche dopo lunghi periodn di inattivila del veicoro.

A questl vantaggi prevalentemente tunzlonall sl agghmge. non meno irnportante, queue di una quasi totale assenza di manutenzione.

2) DeS'crizlone del disposilivo

In fig, 14 sono iIIustratn i prlncipali cornponentl del gruppo generatore e il dlsposltlvo el&tlronico con bobina A.T_ tncorporata (centralina).

SI puo osservare che H qensratore e realtzzato can lnduttors a 4 poll, con calarnite ceramicns.

Lo statore realizzato con 2' boblne (ulna per l'allmentazlone dei clrcultl di B,T. !'allra per Iii ricarica de' ccndensatore) til provvisto di un pik-up ancorato su di un appendlce dell'lndotto, l'eccltazlone del pikup, mediante Ie espanetoru rlcavate nel clrculto rnagl1elieo dell'i nduttore, genem II segn!lle. per il comando dell'accansione.

1..0 schema elettrlco "di princlpio" In fig. 15 iHuslra i vari componentl che coatituiscono il sistema eli accenslona.

L'Induttore genera sull'avvolqimento (8) una tenstone alternata che, raddrizzaia dal diodo (D1) serve a carlcars n condensatore (G1). II gruppo pik-up (P) fornisee. all'istante vol LItO. il segnal'e dl cornando al

diode controllato (S,C.R); questo, lnnsscato, realilzza la scarica del candensatore (el) sui primario delta boblna di accensione e qui ndl produce sul seoondane la tensione necessaria per ,Ia sGinlillia all.a camdeta.

4) Norme da esegulre In C8S0 di Intervento ali'impia rllo eleltrlco

A) Avvertenze londamentali

ll controllo 0 comunque l'Interventosui clrculf dei dispostivl per J'accanslone erenrontca puc essere etfettuato can ralatlva facilita dagli ,eilettro-fipar"torl oeue Officina delle Stazioni di servtzto: iii tullavia essenzlale che essi tengano presentt Ie avvenenze sottorlportate lnquantocne. in case di mencata 0$servanza, danneggerebbero ureparabllrnente i dispositivi stessi.

Tulle ~a operazloru di controllo dell'impianlo che comoortlno ctstnserlmentl di cavettl (verutcne riel collegamenti €I dei dlspositivi tacentl parte del clrculto di accenslonej d,evono euere el1ettllate a molore spen10: iii (:"",0 contrarlo la centralina pub sublre avarte irreparatntl.

fo pertanto trnportante €I necessarlo che in oeso dl smonlaggio 0 scoltegamento dei cavettl, al rlmonlag9,io si ponqa attenzrone a rlconaqare ccrrsttamenle clascun cavetto al corrlspondente lnnesto rlspettando Ie cotorazlonl distlnte (ved. fig. 16) a lale

scope e sampre conslqllabtle consultare gli schernl dei libratli "tJso e MamUitenzione",

B) Verillche da enetluare In case di irre!lolarlt!l 81- "aCeenslone

In case di rnancato e anormale tunzlonamento delt'acoenslone, Ie cui cause non siano indivicluab'ilii da un esarne a vista" occorre per prlmo procsdere alia sostttuzlona della centralina con una corrtsponcente, slcuramente tunztonante,

Hicordare che gil scolleqarnenf e collegamenti per ta sostituztone darla centrallna devono euere eS8- gulll a molore fermo.

Sa Ia soslituzione rrpnstina II tunztonamento dell'accenslone, I'anomalia e da rlcercarsl nella centratina cne ovvlamonte deve essere '60sllluila,

Nel caso In cui psrslsta il mancato hmzionamento occorre procedere a controtlt sui genera tore e sui partlcotari dello statore come segue:

Dopo un asarne a vlsta delle ccnnesstonl, statore a lnnesil, 51 eftettuano mlsurazlonl sulla bobina di carica e sui pick-up usando un ohm metro. capace dli (iIevare Ie resistenze da t a 1000 ohm, come segue::

Collegarl) loetrurnento Ira II cavettc verde a queilio bianco "fig, H}; deve essercl contlnulta e valore ohmlco 43(J±30 ohm, Collegare 10 strumento Ira il cavetto rosso a bianco (fig. 18); deve essarvi continuiita e valors onmico 56±5 ohm.

Se daJ contrclll sulla boblna dl carica e sui pick-up

Fig. 15

emergono anomaue, proced.re alia sosllluzlone delIa sl'alore €I delie partl avarlate.

Se non e dtsponteue uno strumenlo ,per I controlli delio statcre, quando sl sla accertato che nncoovenlente an'accenstone non e dovulo ne alia centrallna ne ad altre cause visiblli (errate connasslonl: avaria cavettkavarla candela) procederealla sostltuzlone delle stators complete.

In relazione a quanto descrltto neil puntl precsdantj, consiglliamo pertanto ad lncludere negll anrezzl per II controuo anchs un ohmmatro avente Ie caratterlstlche illustrate al punto B).

Fig. 17

Flg.18

13

Con.rollo della fasalura a,ccen$lolle

II controllo deilia lasatura puo esssre ad es. utile n@1 case in cui II motore non tunzionl regolarmer'lte; sa l'anomalta non dlpende dalla carourazrone. puo de" rivare da irregoh.rita della fasatl.lra di accenslone (vedere a pag. 33 il caeneto relative aile operazioni di fasatura del motore).

Questa eVBl1Ilualitll e comunque da rltenersl pluttoSIO rara: l'inconvemente puo Infalli pili spesso derivare da irregolare lunzionamento del pick-up 0 della centrallna, p&r accertarsene si procsda ad effetiU'8.re Ie verifiche illustrate al punti precedentl.

Avverlenza - II materlale ceramico che costituisce Ie calamite de] volanl ,e da conslderarsl praticarnente non smapnetlzzabtle, pertanlo non sl rende necessarla ta rlmapnetlzzazlone.

14

AUrezzi per smontagglo, rillilontaggio e revislonl

Attn.no 9 ~ag,
T. 0017104 Plnze per aneltt elasticl 17-18
19·33
19.1.20017 Fornello (220V-50 Hz oppu re 18-31
260V-50 Hz.),
19.1,20018 Attr. tubrt]. guairle trasrniss. 27 AttrGllCi 9 psg"
19.1 .. 2,0059
19.1.20060
19.1.20061 Punzoni per mOrllaggio 33-34
19.1 .. 2,0062 asluccl a rullinl
19.L20063
19.1.2.0064
T. 19559 Attr. 'Per controuo albero motors I 31
T. 0023465 Disco graduato per Iasaiura 32 AUre2:ZO a pag.
I
00236.38 Pinza per anetli elastic; 19
.
T. 0021533 Apparecchlo per fasatura 32
motore
T. OG30259 I noic€! fisso per fasatura motore 32 Au,eno a pag ..
T. 0035463 Attrezzo saparazlone carter 11-31
T. 0035485 Estraltor8 volano 17
T. 003!>486 ESlrattore cusclnetti dan'albero 18
motore AttrezztJ a pail.
T. 0035507 6a1le p. mont. cuscmettt di 31
banco sull'albaro motors
T. 0035797 Punzcns per mont. astuccla 33
fi,lliini
T.00360>17 Estrattore cuscinettl di banco 18-22
dal carter 15

16

At I rezeo 8 p'8g.
T. 0040380 Punzone per mont. astucci a 26
rullini
T. 0040971 Punzone per mont. anelli di 3~
ten uta
T. 00440Z3 Punzone per mOIl1, bussols 26
T. 0044055 Eslraltw", sede inferiore dali 23
tubo sterzo Attreno

T. 0044074 Attrezzo per smonlaggio e 19

rimontagglo della puleggia condotta completa

Note

Gli Agen!i in possesso degili anrelli (preesistentl) T. 0014499 - T. 0021467 potrarmo usarli in luogo del corrlspondentl: T 01).36486 - T. 0036017 dotandolt d'ei seguenti particolari:

- Part. 17 per Iii T. 0014499.

- II parno, 14 e il partie. 17 e 18 per II

T.0021467.

Attrei::zo

a pogo

Smonlagglo complete del vel call

111 questa rubrlca sono Illustrate le prlncipah operazioni di smontaggio, per Ie quali occorrono attrezz! specittcl e accorgimenti parncotarl. Non sono ripertate Ie operazlcnl di facile ssecuzlone, che cossono essere complute con cacetavttt. chiavi, pinze normaii, etc" a-cne sono di immediata lntuizlone da parte dell'operatore.

Rlchiarmiamo duncue rattenzlone dell'operators sulla necssslta di esequire correttarnente te operaztonl di smonlag!}lo e rimonlagglo del vari gruppi, dl saguito descritte, al fine di evltare posaibllh cetormazionl (ad esempio sedi dei c;:us;c~netll, relatlvl allog91, ecc.).

N.B. - Quando non sana rlporl'ate speclllche anneta.llonl; Ie operallonl Illustrllle nella presente ~ubrlca "I IlIItandono v"lIde per tum I modelll di veicoll in copertina.

Smontagglo

Molore'dal telalo •

- Scolleg;are i cavettl elettricl dall'alternators e dalla bobtna AT

-- Disancorare Ie trasmlssionl Ilessibili, srnontare til carburatoro ella rnarrnllta.

Fi'g, n

- Tenendo otoecato II volano, con I'ausilio dli un cacclavhe, come rappresentato in fig. 19, logliare II dado !'A" a rlmuovere II gruppo fr,iziome (veico~i monomarclaj 0 iii gr'uppo vartatore di veloclta.

- Dope aver 10ilO I dadi e bullone "B" (fig. 19) onentara verso II basso Ie testata del motore e contemporaneamente lnellnarlo versodestra (n91 sense dl marcia)', fino a psrmettere la SUII estrazjone dat tetato, senza torzare sults parell dello steese,

Fig. 20

Fig. 20 - Tesla e cllindro: rimuovere II coperchio cntocciola agendo sui 4 fissaggi; log II are ta cande la e srno n I are testa e cW n d ro med I ante i 3 115sagg i sulla testa.

Fig, 21 - Splnolto-plsloM e '1olano venlola: 'con Ie apposite pinze T. 0017104 rlrnuovere, datla 10m sade, g!1 anelli elastlel ';C" d i ritegno sprnotto &d agendo con una spina dl (') ssterno 11 mm. espellere 10 sptnotto,

Appllcare l'estrattore T. OUl3548S sui vola no vantola e, tenendolo tsrmo COil c:hiave platta, agire sulla vae centrale "V" fino ,ad estrazicne avvenuta.

- Anello di tenuts lalo volano: per [a sostiluzlone dl questo anello non e necessaria separare i semicarters; e sufflciente operare con una punta ricurva (ad uncino).

Fig, 22 - Separazlone sel)!ll,cart.m': IOijl'ler& 15. dadi di bloccaggio del semtcarters at! appjlcare rattrezzo T, 0035483 ancorandoro sui sermcarter lato volano (uliUzzando, I 3 tort di anooragglo della cuffla dl ral(reddamento), qulndi agira sullll vlte centrale "V" dell'attrezzo fino ,alila cornpleta separazjone.

,,"U!I. - Durante l'operazicne sostenere ill carter per ovltare ehe cadendo sl danFleggi in modo lrreparabile,

"j

, .. ::'.'_.

--~ .. ~ ..

17

Fig. 23 - .Albero molore dal semlcarier chlu5ura metore: scaldare, can il torneno 19.1.20017 la zona dil alloggio cusclnstto operando dal late esterno dell samlcarter chiusura motora, e battare leggermenle sui lato intemo del sernlcarter per tacilitare la tuonusclta dell"albero motore.

Fig. 24 - Cuscilneltl a stare dl. banco dall'albero moo. tore: applicare l'estrattore T. 0035486 e·d, agire sulI'limpugnatura "V" fino ad estrarre i due cuscinetti.

II suddetto smontaqqio, In assanza della specifieo attre~zQ, puO essere elfettualo mediante I'impiego del corrlspondsma T. 0014499 munito del parucotare 1'7. .

_ Cusc:lnetlil a slere dl banco dai temlcprter$: ne'lI'eventuamacne, con I'estrazione dall'albaro rnotore, uno od entrambi i cusclnettl di banco rlm_a.ngano montati sui semtcartere, appilicare 10 specttico attrszzo T. 0036017 munito dei partlcolart t €I 2, 9Ppure il corrlspondente T. 0021467 munito de~partll::olari 14 e 17.

Fig. 25 - Gruppo pUleggla molr,lce-frlzlone (per rnonomarcla): sfilare labussola lntsrna e, con ~'etremll.a

~

16

fig, 23

dl ~!1 cacciavlte, togliere dal lato lnterno della puleggla motrice, l'anelto dl tsnuta: procsdere a questo punto alla estrazlone dell'anello elastica opsrando dal lato epposto con le apposite pinze T, 0017104, Complelale Ie operazioni di smontaggno dei suddetti anslll, poslzlonare, dopa aver ,estratto Ie rondetls di rasamento, la puleggia motrice SU una apposlta base di appoggio (0 esterno mm. 45, 0 tnterno mm. 28 e alta mm. 50) e procedsre alla esputstone dell'astucclo a rullini "0" mediante 1';"jusUio dl un punzone di 0 esterno mm. 1 B.

.Ig, 24

Fig. 25

Trasmlssionl posteriori

Liberare II galoppino tencicatena cperando, dall'mterno del telalo, sui relalivo dado di bloccaggio e rlmuovere il rocchetto con ruota libera, utilizzando una chlave platta con apsrtura mm 36 tenendo pressnte che delta chlavs. nella zona di tavoro, non deve suporare 10 spessore dl circa mm. 8 rlchtesto per permsttsrs l'lnqresso alt'lntsmo della ruota llbera.

Fig. 26 - Puleg!lia c·ondotl'a: posizfonars un loro delIa pulaggia in corrispondenza delta terltola rlcavata sui copercnlo mozro, lnserlrvl l'estremita di un cacciavite; reauzzato il suddetto bloccaggio a91r9, con chlavs B. tubo, sui dado di bloccaggio "0" fino 11 permettsrs l'estrazlone della puleggia stessa.

fig. 26

Fig. 27 - 'Grupp" puleggia condotla-'rlzlone (per veicof provvlsti dl variatora autornanco di verocuaj: ancorare il tamburo della trtzrone con Ulna chiave a 11.8Stro del tlpo per 1IIIri a Olio; svitare II dado dii bloccagglo "E", estrarre II tamburo trlzione, la relatlva chiavetta e rimuovere II gruppo puleggia condoneIrizione.

fig. 28 - Masse !rizione di avviamenl(l (veicoll rnonomarcta e variatore): 10gUere, con Ie apposite plnze 002363B, I'anello elastlco "I''' sfllare il batestrtno "G" e Ie masse di avviarnento "H"

Altvetletlz!l - AI rlmontaqqlo d,e,lIe masse sul tarnburo (In fig. e rappresentato II madelia con vertatore), comronare cne lie guarnizlonl non presentino tracca di olio 0 gras$O nel qual case prceedere aile operazlonl di sqrassatura, con trielina, ·6 carleggio con tela abrasive fine.

Fig. ~9 - SemlpUle~{lla ,condotla IIssa e mobile: fissare II gruppo n",11 attrezzo T. (J044074 e mediante raztone del dado '"A" comprlrnere Is molls" raddrizzare a questo punta la rondena Irene "B" e precedere alto svuarnento del dadO "C": agire nuovamente sui cado "A'" fino a scartcare tantamsnte la mona. Olsancorare. con l'estrernlta di un cacclavlte, Ie 3 molle "D" e rimuovere Ie masse della frizione.

N.B_ - t.'attrezz o T, 004.4074 deve essere reimpleqato nelia cparazloni dl rimontaggiO operando in senso

fig. 27

lnversoaue operazioni di smontagglo sopra nescritte.

Fig'. 31 - Ruola e mozzo poslerio're: sganciare il cavetto cornando freno. svltare i 4 bullnnl "L" (due per parte) che trseano il rnozzo at tetato, togliere la rueta, astrarre la flangia' portacuscinetto e slilare II mezzo complete d a !la ruota ..

Fig. 30 - Astuc;cl a rulilini dai boccolo del variiatore: toqllere. con l'estrernlta di un cacclavlte, gil anelll di tenuta e mediante Ie' apposite pinze T. 0017104 t'anello elastico e 1!1 rondella. Appoggiare il boccoto del vartators su oi una apposlta base (0 esterno mm. 45, 0 interna mm. 28, all!! mm. 50) ed esosuoro, con I'ausllio di iJli'l punzcne di 0 estarno mrn. 18, i due astucct a rulilini "I".

N.B. - Per evitare tuortusclta d,i olio dar roro ell snato del mozzo stssso, tenerlc in modo che conservl la postzlone di monlaggio sui velcoio.

Per 10 svuotamento detrouo del maZZO e necessarlo rlrnuovere <it tappo a vite "M",

19

Fl!l.29 "

Fig. 32 - Ganasela "reno posterlore: per smontare la ganascia e necessaria, cope aver 10110 "<ln9110 elasuco "N", sganclare la rnolla dl rlchlarno dall'orscchletta della gahascia stessa, lacendo leva con un apposite attrezzo illustrato nEIl dellaglio "0". Effetluato 10 spanctamsnto della molla rimuove:re la ganascla Irene.

Fig. 33 - Mozzo pesterlere: togliere, mediante' ra ostrazlone del 4 bulloni "P'" , II coperchlo mozzo e smornare gli ingranaggi.

Fig. 34·- Asluccl II rulllni del coperchlo mozza posterlore: appoggiare II coperchlo su ,di una apposlta base piana in modo da evitare possibili deforrnazionl del coperchlo stesso e proceders alia espulslone del relatlvl astuccl a rulllni impiegando un punzorre eli 0 esterno mm. 20 per i veicof monornarcta, e punzoni con 0 esterno rnrn. 18 e mm.12 per f velcoli con varlators auto matico dl velocita,

N.8, - In figum e rappresentato II coperchio def rnozzo per I veicoli provvlsf di varlatore di veloclta.

Fig. 35 - Asluccl a rulllni dal earter mozze j'loslerloFe: appoggiare il carter 5U dl una. base plana in modo do evitare possH,il i delormazloni del carter stesso ed aspsltere, con l'austflo di un punzons di 0 esterno mm. 24, l'astucclo a ru~llnl "R" dell'elbero porta ruo-

20

Fig. 32

DETTAGlIO ··0 .•

la e, con un punzons 0 esterno mm. 12, l'astucctc a rulllni dell'alberino porta puleggia.

- Velcoll pravvlsti dl varll1lors dll velocitA: espeltere, con l'auslllo dl un punzone di 0 esterno mm. 24, t'astuecro a rullini "jR" dsll'albero portaruota e, con un punzone'0 esterno mm. 12 gli astuccl a rulilini "5" oell'alberlno porta Irlzlone e degli alberilll di rinvio.

N.B. - In figura '13 rappresentato II carter del mozzo per veico!i provvisti di varlatore dli vetocita,

Fig. 3:1

~.

,

lFii!). 36 - Bracclo o8clllant~; dtsancorare il bracclo osclllante mediante la- rlmozlone del dado di btoccagglo lnlerlore ammoruzzatore "'A" e del bullcna anteriore IIBJ1_

Avverlenza - In figura e rappresentata 18 sospenslone postsnora del ciclomotore "SI". La sosoensione del clctornotore "Bravo" dlflerlsoe solo per avere due arnmortlzzatori e due bussole anzicne due astueel a ruillni, nel collegamenl(> del bracero osclllante al tetalo.

Fig. 35

Flg.36

Fig_ 37 - Slatia dil Suppot!o e ammorllulltora (clclomolore "SI"'): dopo aver tolto i bulloni "C" aspcrtare stafta e' emmortlzzatore dOli telalo, qUiAdi svltare II dado "D" a stltare l'ammortizzatore dalla staffa stessa,

I'lg. :17

Fig. 38 - Cono superlora a loreella anlerlore (Ciao -SI)!: d lsanco rare II cavetto de~ frenoantertors, aillentare I dVJ8 buuoni di lissaggio'proiallom in modo da peter sbloccare, con chlave da mm 11, II tlrante di bloccagglo manubrio; seuevare il manu brio stesso e' ribaltarlo sui davanti del vetcoto.

Haddrizzare la rondella freno "E" II con una chlave, da 32 mm per il "Ciao" e da 36 mm per ll "SI", smontare il dado passarne "IF'; estrarre la rondeua treno "E", svitare [Iii sede superior .. "G" ad estrarrs [a gabbie a stera "5".

Fig, 38

Fig, 39 - Cono superlore e forcella anle~lore (Bravo): aprire ra scatota porta far-o, sfilare lie spine clei cavetti elettrtcl dal disPQ$itiv~i e arnontare la scatota porta taro cornptsta mediante i due nuuont di ancoraggio. Disancorare ii cavetto del freno anteriore, svitare i ,dadii dei ponlicelli "H", to\lliere il marsubrio e la piastrina di fermo dado sterzo "I'". Svitare i due bulgol'll di lissaggio steli "L" e, con chtave da 36 mm il dado stsrzo "M", RimLJovere quindi la staffa "N" e svitare ,Ia sede superiore "0",

Fig_ as

21

22

Fig, 40 - SO!lpenmlone anlerlore (Giao): log:118r8 il bullone "S" e meolante l'estrazlone del dado "R" II bullona "P" fino a perrnettere 10 snnontatlgio dGI bracero sospenslone oornptsto oi molls.

Fig, 40

Fig. 41 - ZBmpa f,orcelll!lBOlpElnslone anterlora (Bravo - SI): tcqllere iltapilo di carlcc olio "T" e svuotare roue contenuto dalta zampa, rlmuovere con l'ausllio di una cnlave II rnaschlo ssaqonate di 6 mm la vile "Q" PEl" permettere la estrazione del sottoelencatl partlcolart illustrati in fig, zarnpa "P"" scodel!ino intertors ·'En• molla "0'''. scoceutno superiore "G". parapolvere "8" e rondella '''Au Cornpletate Ie suddette operazionl svttare la ghi,era "()I' e srnontara 1,0 ststo "F",

Fig. 42 - Anello di tanuta: appl icare restrattore T, Q0360'11 munlto del partlcotar] 1 e 6 (oppure chi ne e in posssssc I'",stra!lore T. 0021467 con i particolari 17 e 18) e agim sui dado centrale "H" II no ad estrerre II paraolto,

l.O0360 17

Fig, 42

Fig, 43 - Sede inferlor,Q e superlore del cusclneiil s'lerzo: tntrodurra dal lato superiore del cannotto stsrzo, un punzone di 10 esterno - rnrn, 20 lungo - mm. 400 ed espellere, mediantecolpi di mazzuolo.Ia sede superiors "F" del cuscinetto inferiore sterzo: agire in modo analoqo, operando dal lato inferiore del cannotto, per l'esputslona delta sees Inferiore "E" del cusclnetto suparlore,

Avverlen:l!a - Per l'espulslone del.la sede lnlerlore del cusctnetto inferiore dsl tubo stsrzo agire con I'estre mila dl un cacclavite.

Per ii clclomotore "Clao" sa sl presentassero delle diUiicoltil, operando come sopra descritlo .. usare 10 specltlcc atirezzo T, 0[144055 mustrato in fig. 44 ad estra rre la sede "G",

23

Gloehl di montaggio

I plstonl ad i tilindrl fornili dalla Casa come partl dl rlcambto sono contrasseqnatl con lellere dell'allfabeta. Nel Ca50 one ~engano sostltultl sta if plstcns

CllIndro-Plalone (Fig. <1\5)
DenomEnaz. Ciao Bravo Campo dJ
def pezzo SI lolieralllza
Cillndro E=38,2 E=38,2 + 0,025
normaie - 0.005
Pistone C=38.105 C=38,085 ± 0.015
normale
Cilindro E=38,4 E=38,4 -0
1 .a maQQ. + 0,002
Pistone C=38.28S C=38,285 ± 0,01
1.a magg.
Cilindro 10=38.6 E=38,6 -01
2 .a magg. -I- 0',002
Pistone C=38,485 C=39,485 ± 0,01
2 .a magg. 51 con cliindro In alllllmlnl,o
Olllndro E=38,2 + °
- 0,035
Pistone C=38,150 ± 0,015
mm.O,WS
Gioce al Ciao
montaggio mm.0,125
per gruppi Bravo-SI
normal] mm.O,SO
81 con oil. oil.
Gloco al I mm. 0.125
montaggio CiBo
per gruppi Bre.vo
24 maqqioratl 81 cne il cltindrc, occorre accopplare pezzi contrassegMti dalla stessa lettera,

Qualora lnvece si dsbba maggiorare ill cutnero, la mlsura "E" (fig. 45) dovra superare la rnlsura "O" del plstone da montare (seqnata sui pistone stesso] del varora lndlcatn per ogni vetcoro, "Gloco d i rnontaqgio·". rtportato In basso a slnlstra della paglna.

Fig. 45

AI (l1f110nleggio del pis',orJ:a neJ clunoro porte attanatone ehs fa 1 .... ""11 ~t.mpt9t!.11 .ul elel.; ,.,,1 pl.lone .1. rlvoU. .... 0 I. I uee dl searleo dellill~n~'o.

Anelll dl tanuta (Fig. 46)
An9110 G~oco "A" Anallo GiO(:o ~'A"
supencre .1 tntsrtore al
iiionla9gio monla'9gio
Ciao 38,2 0,1-0'0,25 38,2 0.170,25
Bravo 38.2 O.2~O,3 38,2 0.1+0.25
51
Ciiao-Bravo 38,4 0.2+0,3 38,4 0.1+0,25
51
1,amagg,
ei'ao-Bravo 38,6 0,2';-0,3 313,6 Q,1+0,25
SI
2 .a magg. N.B. - Pfl:r II cleicrnotore 81 con cilindn;) in alhJmlnio (Inon fetllflc",'b~le)" p9~nTl.an~OilO validli II Y'alo·d scpra indicall ~:s.cIIj,.l$lO le m~ggio1azionl.

Fig, 47 - Plede dl'blella - Gabbla B fulll - Spl'notto: le bielle e Ie galbbie sana divlse in 4 cateqorls (segnate con incision! presso II priede' della biella stessa e sull telaio delle gabble),

BI'ells di 1.a cal. con gabbia di 4.a cat

Bleil a di 2.a cat. con gabbia dl 3.<1 cat,

Biella di 3"a cat con gab-bill dl 211 cat.

Siella di 4.8 cat. con gaobia dl 1.<1 cat.

Avverlenza - tn caso di rumorosua usare g'abbiedi categoria lmmedlalamente Infertore

Fig. 48 -IPlstone, Splnotlo: 10 splnotto viene accopplato al pistons can gioco 0 al montaggia, i,1 gloco max. amrnesso dopa I'i,jSO deve conslderarsi di 0,02 mm.

N.B.· II gioco asslala masslmc della biella ·SmmeSSQ DOPO L'USO (scornmento longitudinale sui bonone dl rnanovetla] ~ di mm. 0,7.

Fig. 47

fig.4l>

Revlsioni

Revlslone carburetor.

Srrnontare iI carburatore neile sue part], [avare accuratarnente tuttl i partlcolari che 10 compongono in benzina pura. asciugare can ana compressa anche tulle Ie canallzzazlonl del corpo per assicurarsl una completa pulizia.

Controliare attentamente 10 state di tutti ii partlcotan,

La; ~al ... ola, g8$ deve scorrere liberamenle nella camera rnlscela, In caso eli gioco eccasslvo per usura, sostituire.

Presentan.dosi tracee oi usura nella camera miscela, tall (la non parmettere una normale tenuta od un ubero scorrimento della valvola (anche se nuova) sostttulra II carburatore,

E buena norma ad ogrli rl/lllOnlaggio sostituire I,e guarnizioni.

Ca .. a~leri5ti~rne Ciao Bravo
SI
Tipo dell'Orlo SHA 1:2/10 12/12
iDiffusore mm.10 mm.12
Getto i'rilax. 42/100 49/100 ... Ois-posutivo -OJ avvlamento - 2. sutro miscela • 3,. Vile reQol.a:zron61 vajeora gas- 4. GelW masstrno -:5. Spilio (:,hiusura Ibenzin;a - 8. G3illagSiante -·7. valvore gals.

25

Revlslone puleggla motrlee con varlatore(Fig, 50) Dopo aver smontato iI grup·po dal velcolo, come indicato a pag. 17 nel capttclo smontaggio, procedere al controllc ed alreventuate sostttuzlone det particoIa.ri usurati (ad esernpio il boccolo "A", 111 bussola delia semipuleggia motrics "8", i semigusci per rullo "C", ecc.): lubrltlcare COin grasso IP ATHIESIA GREASE 3 i contenttcri del rul]l "D", i rum e il boccolo "A".

All'atto del rimontaggio sostltulre la rondatta freno "E" e blcccare, mediante una chiava dinarmometriea, iI dado "F" a Kgm, 2+2,5,

Revl910ne dell'altacco del braccio 0gelllante., smenIIlgglo (Fig. 51)

Con rausulo di un punzone dl010 rnrn. e lungo 200 mm. espenere. dopa aver 10110 il dlstanzlats, i dlUe astuccl a ruiiini "(3" 0 le due bussoie, a seconda che t'intarvento si eflettui sui clclomotore "S(," 0 "Bravo", Gon Ie suddstta espulslone avviene automaticamenIe anche 13 rimozlone dei due anelli parapolvere "H", Rimontagglo (fig, 52),

Posizlonare. a secondo delia versione, gli astucci a rullil1i "G" 0 1'13 bussoie utlllzzando gil specttlci punzonl l, 0040380 (per poslzlonamento astuccl a rullinil e T. 0044023 (per postzlonarnsnto hussole). Effeltuato il posizionamento procecers alla I ubrineazlone, degli astucci a rullini 0 delle bussoie, con grasso liP ATHeSIA GREASE 3 e montare gli analIi parapolvere "H" Impiegando, come sopra de-

sorltte i punzoni T, 00403800 T. 00440'23; lnsert re a questo punto ul tubetto dlstanzlala "I",

IRevlslone cavalleUo di appogglo

IEspulslone perno dl 811111:0ragglio ,cBVII,lt8t,to (Fig. 53) IEsegv.iire (cope avere preventlvamente srnontato la rnarrnltta, la copertura laterale destra, ta pedivella slnistra e, per Iii cictomotore Ciao. rabaro padlvetle) con una punta da 13 mrn, la toratura dl una estremlta del perno "P" per una protondita di 5 mrn, fino a permettere ta estrazlone dei perno etesso.

Fig. 51

Rlmontagglo, e cianfrlnatura del perno dl anco,ragglo cavalletlo (Fig. 54)

Posizionare il cavatlstto nel relatlvo allog9io del telaio; iimpi,,'gare un nuovo perno (Pj in figura54) introducendolo conternporaneamente alia rnolla di richiamo preoeuentsmarna estratta nella lase dl espulsione del' preeslatente perno "P",

Pmcedere quindi alia clnfrinatura finale delle eslremlra del' perno "PI" operendo strnuuansamante med,ianle due apposltl punzonl "A" da reaUzzare nelle dimensionl luustrats in Fig, 54,

Fig, 50

26

IFi·g,52

Fig. 54

Aevlfllone gruppo b-obine ruttor\>

Fig, 55 - Per 1a. rlmozione 'delle oue bobtns di bassa tanstone e sutfictante a9irs con un cacclavlte sulle riapettlve viii "A" dl Ilssaqqlo vlsibili ln figura, Operare analoqamente, aqendo sui relalivi lissag·gi, per 10 smonta9gio del gruppo ruttore "B'" e condenSa lure "C",

AI rimonl3g:gio del suddettl partlcolarl, erie et eftettua mediante il bloccaggio delle eorrlspondentl vW. ricordarsi che prima di procedere al poslzjonamento

finale del voleno-rnaqnets sull'albaro motors a necesaario etfettuare II nnonlaggio dena, carnma "D" e della rondella "E" sulla chlavetta dell',albero motore stesso avendo cura, lnoltre .. di rBgo~are rapsrtura max. dlel ruttore a mrn. 0,4,

,Ayye~lenza - Completate le suddette operazroru procsdere al controlto final,,, della, Iasatura secondo le tndlcanonl illustrale a pag. 32.

fiig. 56 - Smontaggio e rimontaiiiiio antllurto: per sostltuire rantiturto agilfe con un cacclavlte (come rappresentato in figural fino all'estrazione del copercnletto "F" e nvetto .. G· ".

lntrodurrs la chlave nella sarratura, portarta nella normate postzjone eli "aperto" e still are II gruppo serratura dal SLID al~oggio, AI rirnontaggioe eonsigliabi Ie usare ribattlnl nuovl,

Oualora sia stata smarrita la chi ave dell'antlfurto, per smootare II ctsposlttvo e nscessarto consumers II blocchetto rotante dell gruppo palette, ad esempio can una punta da trapano 06-;-10 rem,

Fig. 56

LUbrlflcazione glldine irasmisslonl

AI 'Ii ne di prevsmrs 0 rimuovere possibili inconvenient] $\illia corretta tunalonatlta delle trasmlssloni causal! da !enomenl dl osslrdazlone, ill state definito Il'attrezzo 19, 1.200j8 (fig. 57) cne permette di rlmuovere Ie suddette I'lilorliallie mediante una effi<;>"ce lubritlcaztone lntsrna delle guaine cornando trasmlssroni cne 51 effeltua direttamenle sul velcoio senza rlcorrere a partlcolarl smolllag'9i.

t.'attrezzo unitamente alia sua guamizione interna Irealizza.la can diverse scanalature per rlcsvere gUJai ne e trasmlsslonl di dlversl diametri) e prowlsto di una teritcia "6" che permette I'inlroduzione laterale dei cavetti, cne non potrebbero passare nal foro "A" (lig. 57) perche provvisti di terminale satdato Sulfa estrernita.

Fig, 57 - Disancorare il cavetto: e convements a tal proposito operare all'estramita del cavetto pi\,! facilmente accessiblle. tntrocurre qulndi dal foro "A" la trasrnlsslone sull'attrezzo (in questo case trattasi di un cavstto privo di terminale satcato: se invecs s' tratta - come nel oaso spsciflco dei veieoll osscntn ad ililustrati MI pre",,,,nte Manuale S.S. - di irasmlsstone, avente it cavetto con termlnate saldato, I'inserimento dei caveno nall'attrezzo dovrebbe essen; tatto attraverso la feri'tola laterale "9'" fino a posizlonarlo come rappresenteto in Ilg. 58.

27

28

Fig. 58 - Oontrollars, dalla ferltoia "9", che la protezione "Go. deUla quaina trasmtsstons sis posizionata in modo tale ehe non ostrulsca I'ugello '''0'' - avenle o 1,B mrn. per rlcevera i! tubetto della bomboletta spray sotto descritta - dl immissfone Iiquido lubrilican te (vedere deltaglio "Y" dl fig, 58): agire pO-I sul pomello "'E" dell'attrazzo e serrate a fonda fino ache 11'1 fer~tol'a della guamizione, richiudendpsi su se atesse, blocchi il cavetto freno come tndlcato nel deltaglh) "Z" di fig, 58.

comotsteto il serraggio sopra csscntto. procedere alia. operazlons finale di lubrificazione impiegando una bomboletta dl Iliquid/) lu~rillc.nte spray (ad es.:

C.R,C. 0 prodottl sirntlart di analoghe caratteristiehe) come lndlcato schernatlcamente In tig, 58/1

fill· sa

Fig. 58/1 - II liquid" lub,rilicanie spinto attraverso l'uqallo "0", mediante t'azlonamonto del pulsante spray, risallra all'lnterno della glmina completando l'azione lubrificante con h! fuoriusclta del IlIquldo siano dalla elltr.mlla opposta della gualna trasmlsslone.

Fig, ,all

Sosliluzlone gruppo cavelli

1} - Dissaldare 0 slaeclare i terminali e, I", fascette di

fissag{lio_ -

2) - Legare un fllo ptlota alt'estrernita del cavern per facilitare il rimontaggio_

3) - Slliars i cavl comanno gas, freno posteriors, freno anteriore e cornanoo decompressore.

4) - Sfilare i cavetti eleUrici da sotto 10 sterzo.

Verniciatui'a

51 ncntarna rattenztone sull'importanza che, per it buon i~sullalo delle ritoccature, venga attuato con cura ji, procedlrnento seguerlte::

- P,reparare i prodotti necessar!

Cicio A - Rilocchi di notevole entna: la larniera e stata mossa an udo e si present a ossidata 010 strata verniciato non e sufficientemente aderante.

1) - Carleggiare abbondantemente in modo da pullre bene Ia lamiera portandola a nudo. Asctuqare e spotverare can stracci ben puliti,

2) - spruzzare I'anliruggine ed esslccara.

3) - Stuccare ed esstccare.

4) - Carteggiare can carla abrasive fiinisslma (mi"irna 320).

5) - Spruzzare 10 srnalto ed essiccare,

Cicio B - Per i plccou rltccchi par i quall non sla necessarta I'applieaziona di un prodotto antiruqqine,

- Carteggiare come al punlo (1).

- Sa necessaria, esepuire Ie operazlonl 3 e 4 del cicio A.

- Eseg ui re t'oporazlone 5 del ciclo A_

RlmonlBggio del veicoli

Note relalive al rlmontaggl'o

In questa capltolo sono Hlustrate quelle operalioni di rimontaggio. per Ie quah OGGOfirOnO altrezzl specitici 0 accorqimenti particolerl.

Non sono rlportate le aperazioni oi facile esecuzlone aha l'os50no essere prontarnente campi ute can cacclaviti, chiavi, pinze norman ace. e ens sono ,di lmmeolata intuizlone cia parte dell"esecutore: analogamenle non sono Illustrate le operazlon] gl1l descrute nel capitolo "Smontaggio" rlspstto alle quali

basta 8'seguire it prooedtmento tnversc, _

Ah'atto del timQntaggio sottoporre tutti i particolan smcntatl ad una accurate pullzia ad atressme dello state di usura.

Hlcordare in parncolare che:

- I semic8rte~ del matore e del mezzo ruota non devono presentare crettature 0 delormazioni; le s·edi dei cusdnetli devono essere priva di abraslonl.

- Cusclnellia ,Iere: conlrollare che Siano in perfette condlztonl e non presentrno eccesslvi giochi asslall ,e radlall; ,9 buona norma ccntrollarns la scorrevolezza facendoli ruotara a rnano: S8 dopa pulizia (IOIvagg,io in benzlna). 81 avvertono ruvldita neua rotazlone sostltulrli.

AI rimontaggio lubrltlcare i cuscmetn con grasso IP ATHES:IA GREASE 3.

- Astuccla a rulllnl: ad ognl rimontaggio impiegare astuccl nuovl: osservando Ie seguenti norms:

Lavare l'astuccio nuevo in benzlna pura 0 petrolto neutro per eliminare l'an,tiru99ine protsttlva; dopo I'ingrassaggio apphcarll COil la taccla su cui e st8m.pgllala la sigl!!, rlvolta verso l'esterno.

Per II loro posizlonamento operare come indicato nelle rlspetttve ligllre del presents capitolo, usando Ie specifiche attrezzatura.

- Alber! edl assi: Ie superfici di scorrimento e di rotolamento non devono presenters intaccature a abrasioni tali da compromsttarne II buon Il.Inz!onamento e devono essere converuentemente lubnlh::ate.

- Ingranag!!l: asaminare 10 state di usura, della dentatura, se presenta scheqqiaturs 0 eccessiva usura sostltulre con particolari nuovr,

- Fare sempre usa di guarnlzlollll, copplglle e rondell~ Ireno nuove.

29

Blillionerla: copple dl' 1)100089910, Kgm.

PARTICOLARE Coppl. I'n Kg m, PARTICOI.ARE Copple In Kg",.
Cillo Br,a'lo I 81 Ciao I Bravo 51
Grllppo motore Dado puleggia 1,3-;'3,3 '1,3+3,3 1,3+3.3
Dadi accopplamento semicarters 1+1.3 i-d,3 1-7-1,3 Dado tamburo frl'zione (') 2+<,,5 2+2,5 2+2.5
iJ,edi tissagglo testa eitlndro 1+1,4 1+0.4 1-;-1.4 Dado semlpuleqqla condotta (') 6.5-;-7 6,5-H 6,5+7
Canda'a UI+2,4 1,8+2,4 1-,8+2,4
Vite fissaggio condensators 0,,10-;.0,20 0,10+0,20 0,10+0.20 G;ruppo lel'1I10
Vile lis,sagglo gruppo ruttors 0,10+0,20 0,10+0,20 01,10+0,20
Vile lissaggio boblna B,T" 0.20+0,25 0,20';-0,25 0,20';'-0,,25 Dado fiss" grl.lPPo osclllante al telalo - 3,3+5,3 3,3+5,3
Vile lissagglo deflettore al elllndro 0,20+0,30 0,:20+0,30 01,20+0,,30 Dadl bloccaggio serbatolo al telalo _ 0,6+1,05 _
Vile fissaggio coperchio chrocelcla 0,110+0,20 0,10+0,20 0,10+0,20 Dado chravetta pedal" 0,5+0,8 0,,5+0,6 0,5-;-0,8
8ullonl illoccaggio motora al
grupp,o oscltlanta - 0,8+1.2 0,8-;-U!
Gruppo .tau:o I Bullon! bloccagglo motore al telaio 0.8+1,:2 - -
Dado superlore sterzo 5+6 3+4 6+7 Dado blocc. marmitta ai' clllndro 0,8-;-1,2 0,8+1,2 0,6+1,2
Dadi per ponticelll manubrlo _ 0,8+'1,2' _ Bultone bloccaglgio marmitta al
Sada superlore sterzo 3(+) :31+) 3 (+) grvppo oscil.lanle - 1,6+:2,6 1,6+2,6
Bullone bloGCaggio marmltta ai, telalo 1,6+2,6 _ I _
Dado bloccaggio ammortizzatore
Gruppo tQspellslona ,onlerlor,e posterlore al telaio _ 3+4 1,9+3,1
Dad~ asse ruota 4+5 4,5+5 4.5+5 Dado bloccagglo ammortizzatore
Bullone ancoraggiopiastre agll sleli 1.!372,2 posteriore al grup,po osclllante - 3.;-4 3,3-;-5,3
_ _
8ullone inferiore ~IQccaggio stele 1,8+2,2 Bullone plastra amm. al talalo - _ 1,6+2,{i
,_ ~ Dado bloccaggio boblna AT.
Bullone fissaggio zampa auo stelo - 0,8+1,2 0,.8+1,2 0,4+0.65 0,,4+0,65 0,-4+0,65
Dado per braccetto osolllants 2,3+2,6 _ -
Bullone fissagglo molla alia torcella 0,65'7-1,05 - _ Grllp po ru ala pOllerlo ra
GIliera slali loreella antertoro - 3+4,5 3+4,5 Boccolo poria ruota libera 6,5+10 6,5-;'10 - 6.5+10
Dado per tubetto porta tarnponl _ 1+1,2 1+1,2 Bulloni blQccagglo mezzo al telaio 3,6+5,4 3.6+5,4 3,6+5.4
Dado morsetto freno anteriore 0,6+1 0,,6+1 0,0+1 Dado rnorsetto treno posterlore 0,6+1 0,671 0,6'-;-1
GrllPPo trasmlll,lonl (+) Rlii9Siunto il :bloccagglo coerlspondente a 3
Dado Irizlona 2-;-2,Jj 2+2,,5 2+2,5 Kgm, lQrn:p:re mdietro dl circa 125" (clrca 113 di
girOI,
Dado centrifuga-n 2-;-2.5 2-i-2,5 2-i-2,5 ('") Per I velcoH con varlatore automauee d! 'r/elociMi 30

Rlmonlaggio

Atbero molore

Fig. 59 - CU!K'lnalli a slare dl banco; tnteodurre l'albsro motors netl'appostta base T. 0035507 come rappresentato I~ figura, poslztonare la rondella "A", montare it cusclnetto "6", scaldato in bagno d'olio a 100°C, sull'albero mot are utitizzando coma punzone, uno spezzone di tunc "C" can 0 interno mm. 16, ana!ogamente a quanto sopra descrltto operate per il tato trasnusstone.

Per un eorretto montaggio dei cusclnettl di ibanco tenere presente ens suli'albero motora late votano, de'l8 assers montalo II cu!u::ll1Iello, can gloco redlale ma9glorato, Identlflcalo con la slgla C3 0 CAR 53, starnplqllata sulla pista estern a del euscinetto stesSO.

Fig. 60 -, Conlra:llo allinear:nenio alaere motare: con l'appcslta attrezzatura T. 19669 rappresentata in lig. controuare ehe l'sccentrtclta della superflele del 0 "0" rtsuttl compresa entro 0,057 mm. (limite rnassirna di lettura sull'oroloqlo cornparatore): contronars inollre reccentnclta del 0 "E", per cui e ammessa una lettura masslma dl 0,01 mrn. Niel caso di sccantrlctta non malta superior; II quelle prescrltte, esegulre la rBddrlualura dsll'atbero agendo Ira I contrappesl can una zeppa 0 serrandoli in rnorsa (dorata di boccola di alluminlo) a seconda della necessltil.

[:J
P! ~~J
IA,J IJ'\SlI Fig. 59

Fig. 61-62 " Accopplamanlo semlearlers; scaldare, alia temperatura dl 80·C, III semicaner tato volano nellazona d:1 alloggllo cuscinetto di banco can ll 'forneno 19.1.20017 (fig. 611) e montara I'albero motore. Apptlcare l'attrezzo T. 00135483 (fig. 62) e avvrtare la ville centrale "V" fino a leggero contatto con l'estremilil dell'atbero motors senza torzars.

- Scatdare, analogamente a quanta ,effettuato in fig. 61 per 1'1 eamlcarter iato volano, II carter chlusura motore.

- Appllcare una nueva guarnlzione sui semlcarter ehlusura motor .. e aceopplare i semlcarters facendoli combaciare.

- Monlare i bullonl di unione. wndelle e dadl, bloccando ques.ti ultirni ..

- Srnontare l'attrezzo T. 0035483 scontrollare che l'albsro giri aqevclmente: se necassarlo dare legger! colpl dl mazzuoto in legno sui semtcartsr dl cnlusura motore unoac cnenere ohe l'albero ruon ttberaments: In ogni cast) non a.gire mai col mazzuolo sutrestremjta dell'alibero motors.

T,19559

------....

Figl.6G

Fig. 61

Fig. 62

31

Fig, 63 - Anello dl tenula dl banco sui semlear'e,s: lnsarlre l'anello dl tanuta "G" lato voleno, mediante I'impiego di uno spezzona di tube con IZl esterno mm. 26 e 0 lnterno mrn: 16,

Avverlenza - l'anello di len'tJla lato volano deve, a rimontaggilo effettulalo, rlsuuars a 1110 del piano carter,

- Pistone - Splnolto - Clltndro - Testa acc,: II monlagglo Cli Ofuesii gruppl nom rlchiede alcun accorqimenlo partt col a fa, 8 sufI I ci ein'le I n I II ttl operare In senso lnverso an'oroine dl smontapqlo.

De8crizlone delle operBzionl per 18 lasBturB: polche le boblne sana man-tate direttamenta sui carter, iI controno della tasatura ,b limitate all'accertarnento che l'apertura dei contaUi ruttora inizi can II corretto antlcloo di accenslone,

Per i contronl e messa a punto della lasalura, procedere come segue:

1)- Monlare l'lndlce "A" (attr, T. 0030259) in luog'o della candela e aneorare dlretlamente sutl'albero motors 01 disco graduato· "C", (sttr. T_ 0023465) can !'apposito dado a collare,

Appllcare l'appareccnlo "D" (attrezzo T. 0027533, funzionan\:e in commie alternate a tensione 220V).

2} - Ancorars ad un buttons del 'carter un tndlcs ns.so "8" (ved, figural di fi!o di ferro,

32

Fig, B3

II P.M.S. oorrtsponde alia media delle grsdLJszionl1 angolarl lette sul disco "C" aile dUB poslztonl di batluts. del ptstene centro l'I"dlce "A". Tali posizionli sono oltenute tacondo ruotare (8. mano) In sernso ora rio l'albero motore fino alta suddetta battuta dell pistone ed invertendo quindll iii eenso dl rotaztone fino ad onenere nuovam ente la battuta.

3) - SmOiltare I'~ndice "A" e spestare II pistone In a 110', Ilno 81 P"M_S.: la gradVJ8zlone corrlsponoente del clsco (vBd. punto 2) vienB' a cotltmare oon l'trrdtce "8"_ Rispetlo a tale g,ad'u8zione spostara ora i~

plstone, ruotando I'albaro rnotore in sense a,nllora~Io <Ii un anqolo uguale a quello dell'antici'po dell'accenslone (ved, caratteristiche a p1iI9, 3).

4) - Allentare 181 ville "S" per fissaggio squadretta ruttore e tacendo leva suua tacca "TH, mediante un cacciavite, spostare .il ruuore fino ad otienere iI conlatto con ta camma: l'lnlzlo del dlstaceo puntlne e avvertlblle dall'accenslone della lampadina di spill dell'apparecchlo T. 0027533 (l'tnterruttore dave essere in postztona dl "acceso"]. Blooears qliillldl la

vtte "s"" -

"

Fig. 64

5) - Hiportare iI plstone, ruotando iI votano, sui P,M,S. e, controuare con uno spesslmetro, che I'apertura doli contatti del ruttora sia compresa Ira 0,4 e· O,5mm,

Se, avendo eflelluato la regola.zione secondo Ie nor me riportate, non si riesee ad ottenere la regolazlone sopra indieata, e necessaria procedere alia soslltuzione del qruppo ruttore.

'Contrallo della tasatara motore "51" accenslone eleltronica

1) - Per elfelluare if controllo della fasatura utlllzzare una larnpada stroboscopiea (tipo TEONOTEST 130/P 0 allra slmilare che sta in grado di lunzionare correttamente lino ad alrneno 11,000 larnpl al mlnuto) collegandol8, mediante l'apposua plnza, al cavo AT"

Avviare quindi il motore e portarlo fino al regime costa note di 5000 g/1' prescritto per questo cont rolla.

2) -, l.a corretta tasatura del motore e gararntita quando il piolo "Z" (fig. 65), rlsulta atltnsato, a discostate di ±1",30, rispetto alia corrtspcndente traccia rlcsvata s,ul coparchlo chlocclola.

Qualora non sl verlflcassero queste condlzioni 0

comunque, sl notassero - alia luce st:roboscoplca - lnstablllta dell'immagine, In ambedue i easl procacere ai nsceasarl contronl ad eventuau sostttuzlonl come descrtttc aile pagg. 12-\4.

III.B. - III valore detl'amlclpo accensicne ritevato a reglmi di rota.ziona interiurl a 5000 girl IlOIi! deve dise(l$bu~! oltre I 3' rlspettoa quello preserlUo nella prova a 5000 gi~i del punto 2).

Si rlcorda lnoltre erie 17181 particolare equipaggiamento di accenstono la Irequenza della scarlca A.T, e doppia rtspetto ai giri del majora; tale partlcotartta pUlo deterrnlnare, al primo tentative di ettettuazlone di verifiea delta fasalma, la mancata vlslone del plo- 10 "Z'" nella zona di comrotlo percne spostato di H!O' in tale caso 51 dsve lnterrompere il j'unzionamenio del flaslh stroboscoplcn e rtattlvarlo per rlcercare, nella zona di controllo, la corretta vlslone (Ii'll proto !!Z",

Fig, 66 - Astueelo a fulllni Bulla puleggla motrlce: appoggiare la pulegg[a motnce su, di una base' ed tntrocurre (rispet:tanda 'Ie noeme riportate a psg, 29) con 10 specltlco plJnzone·19.121l059 rasurccto a rullIr1i"A",

Elf.ettualo il rnontaqgio cetrastuccto a rullini inserire sui oorrtspondants alloggio Ie 3 rondelle. 2 df rasa-

menlo e 1 di spaltamento, tenendo presente che la ronoeua di spallamsnto (idenlificabile per il toro con 012 mm.) deve essere lntarposta Ira Ie 2 rondelle di rasarnento, quind] montara I'anello elastlco util~zzando Ie apposite pinze T. 0017104 e con l'ausluo di un punzone di 26 rnrn., come rappresentato iA figura, posizlonara 1I';;"ello eli tenuta "6",

Fig, 67 - Astucel a rulllni sui boccolo del varialore: appoggiare il boccolo del variatore sull'epposita base dsscrltta a pag. 19 fig. 30 per Ie operazloni dl smoniaggio, Introdurre (rlspettando Ie norme ripertate a pag. 29) con 10 specmco punzone T. 003571)7 rastucoio a rulli ni "C" e, con un punzone di 0 esterno rnm, 22 I'anello dl ten uta "0",

Ripetere Ie operazioni sopra descrltte, opsrando dal lata opp':!s.to a quelto Irappre.se':ltato in ,fi9ura, pe,~ II montagglo del secondo estucclo a rullinl e relative anello di tenuta.

Procedere a questo punta al posizionamento della randalia di spallarnento, mndelila di rasamento e, can Is pinza T. OOU104, ranauo elastico di ritegno.

N.B. - La carnera Interna del boccolo deve essere nempua con grass.o IP' ATHIESIA GR'EASE 3.

11 I 'D

T.0035197

33

Fig. 68 -A.tuccl a rulllni $u! semlcarlermozzo: montars nei r'elaHvl a IIoggl (risp'ettando Ie norme rlportate a paq, 29) gli astuccl a rullini "A" e "S". Utllizzando gil speclficl punzom 19.1.20061 per 1'1'1- stuocio a rullini "A" e 19'.1.20060 per gli astucci a rullln! "8".

Poslztonare qulndl opsrando cal lato cpposto a queue rappressntato in Ilgma, l'anelio d I tenuta dell'albero ruota medianle l'ausilio di Lin punzone di 0 es!erno 30 mm.

Fig. 69 - Astuccl a, rulllni coperchlo semlcllrter mozzo: analogamen!e a quanto efie!tuato per il sernjcarter rnozzo, mornere nella propria sede gil astucci a rullinl "E", "F" e "G" a seconda delle versioni, utjlizzendo I sottoelenoatl IPunzoni; astuccto a rulllnl "F' (veiooli monomarcia e varlatore) - pum:;(me 19.11.20064 -. astucclo a rullinl "'F" (veicoli monomarcia) - punzone 19.1.20062 - (veicolli con vanatore) - punzone 19.1.20063 -, astuccl a. rullln] "G" (velcoli con varlatore) - punzons 19.1.20060.

ElfeUualo II montaggio dei suddettl astucct a rumni, posmonare, operando dal lato opposto a quelto rapprssentato in figura, I'anello di ten uta dell"alberino con rocchetto medlanta un apposttc punzone di o esterno 26 mm.

N.B. - In fig. 68 e 69 II rappresentato it semicarter e il coperchlo rnozzo del veicoli versions variators.

Fig. 70 - Aocopplamelllio temlc8I'1ei'-coperchlo mozzo posterlore (vetcon monomarcla e variatore): inserire

34

sui semlcarter, munit:o delle relative rondells dli rasarnento, I'ing<ar!aggio di rlnvlo ;'11",. I'ingranaggio ozioso "L"', l'albero con rocchetto "M" e l'aloero ruota "N" complete di rcndetle di rasamento, moua d'lnnesto e ruota dentata "0" come rappressntato lin ·fig.70.

Effettuale te suddette operazionl pul i re accuratamente' le supertlol dl acccppiarnento, spalmare con mastlca e montara la guarnizione "H" sui semlca,rter. - Per ottanere un perfetto cornbaclamanto nella zona di unlons sernlcarter-coperch!o, aqlre eventuatrnents can un mazzuoto dl legno, sui coperchlo stesso e btoccars Ie 4 viti con cntave a T di apertura 10mm,

N.B. - A mOi'llaggio effetl~ato e con clclomotora dlrltto, immettere, dal foro dl earico del rnozzo (tlno a sliorarlo) olio IP PONT'IAX FZ G80W-IHl Avverlenz.a - In fig. e· rappresentato II rnozzo pervelcoli con vartators. il 1lll0ZZ0 per veicoli rnonomarcta differisce perche prlvo deH'ingranaggio di rlnvlo ''I'' e deli'ingranaggio ozioso "L".

- Bl'liIceio oselllanle - GII!!IRILCla freno posteriors _. Motore e mozzo 8ullell,Io - AmmortlJtf.atore pOlterlore "51" ece.; II montaggio dei sUlddetti gruppi non richiede nessun accorglimento parlicolare e sulficrente, tntattl, operate in sensa tnverso all'ordlne di smontaggio.

Fig, 71 - Reglslrazlone cinghlelrasmlsslone (Ciao -Bravo monomarcia): sbloccare i builloni di anco-

ra.g910 rnotore e rnarmttta al tetato e mediante l'esiremlte di una spina di 0 - 6 mm., Inserita nel foro del tstato come rappresantato in fig .. agire sull'appostto dente ricavato sui carter motore realizzare. senza eccedere, la tenslone della cillghHa. Effet:luata.la tensione della cinghia rlbloccare aCCUratamente i bullonl del motora e della marmitta. Avverlem:a - Sui ctctomotore "SI" verslons monomarcia la tenstone della clnqhla sl erfetl~a con I'estrsmlta di un cacclavlte facendo lava Ira II bull one inferiore ancoraqqlo motore al lelaio e il bracero porta motors.

"

~ :,

fig. 70

Fig. 71

Fig .. 72 - SospensiQQ" anlerlore (Ciao): prima di (imontara iI bracero oscillante secondo Ie Indlcazlon] qui di seguilo descritte·. assjourarsl sullo state liil usura dell·e boccole dlstanziali, melle & tampcnl Ili scontro, nel qual C1lS0 e consigliabile procedere alia sostituzione del suddettl partlccl a.ri tenendo presente la nscesslta di elletluare la lubrlflcazione (con graseo IP ATHESIA GREASE 3,) deille boccote e dlstanalau: peslzlonare i,l bracclo oscillante nell'allogglo della tercena avsndo cure di ancorare la moll a con U relative bullone "S".

.'

F;g.12

lnserlre a questo punto una spina, con astrernlta conlca, nel foro delta for-cella II dlstanzlale per perrnettere I'alllneamento del ~ori ~icnieMo per ir lI"r'loi1t3ggio del bultcne "'P" ll cul bloccaqqlo (Kgm. 2,3-0-2,6) 51 ellettlla con II dado "R".

Fig. 73 - Sede Inferlore del ,eusclnetto I,nlerlore· ,Iarzo: Introdurre sullo sterzo Is sede infariore "A" e lrn piegando uno spezzcne di tuba (a interne mm. 28 per il Ciao e mrn. 34 psr II Bravo-51, lungo mm. 220)

ng.73

spilllgere mediante colpl di mazzuolo, II battuta Iii sede "A".

Fig. 74 - Gamba .orcella telescoplca (Bravo - 51): con 10 spectttco punzone T. 0040971 spinqere fino a. batt uta raneuo di ten uta "C".

T.0040971

Fig. 1';

35

Fig. 75 - Porcella. tele5coplca (Bravo - SII): ellelluato iI controtlo e Ie avsntuall scstltuzicni del partlcolarl <;lif""tosij (tarnponl dltlne corsa, molle ecc.) montare, dopo aver preventlvaments I ubrificato con grosso ta moira esterna i sottoelencatl parlicolari: randalia "A", protezlona esterna "8", scodellino superiore "C", rnolla "D", sccdenino inleriore "E", gruppo ste!o "F" €I avvttare af bracclo della loreella ra ghiara "0" del gruppo stelo ..

Applicare la gamba "P" e btoccarla mediante la vlte "Q" risp$Uarl(lo la coppla di bloecaggio rlportata in

tabeilia a pag. 30. A monlaggio ultimate immettere dall'apposlto foro di cartco 'T" 3aJ gr, - dl 0,110 IP RUDIAX S20,W-2il fino a sflorare if faro,

Fig. 76 - Sada supenore e Inlerlore cusctnettleterzc: .con t'ausillo del punzons "G" delle dtmanslonl lndlcats in figura spingere Ie sedi "H" e "I" flino a posizlonarls sui cannotto sterzo,

Fie· 77 - Ghlera cU$clnetlo 8'lIperiore rslerzo (CIAO- 51): sostenendo I'a forcella, inserire la gabbia a sfere "S" eavvltars a mana la ghiiera "G" portandola a

36

"I

contatto con Ie stere; continuare l'avvitarnento fino ad! ol\enere una coppla di bloccagqlo d:l 3 Kgm,: ruotare a qussto punto, ln senso contrarto.Ia gi'liera "G" di circa 1125" (circa 1/3 di giro) e, dopo avera montato la rondelta frena "E" bloccare il tutto mediante I'avvilamento diel dado passame "f." rispettando Ie coppie di bloccaggio rlportate 'in tabella a pag, 30,

N.B· .• A bloccag'9io elfetluato ripiegare SIJ urn piano del dado passanta "1"" una delle linguette della rondella trsno.

®-~

@---~", .. , •• :

~

F·ig.77

('

fig, 78 - Ghlera 5l!1per,lore sterzo e plaslra suparlore A'vverlenza - Completa!e Ie cperazicnl mustrate In torcella (BRAVO): effeit.uato II montaggio oeua lig. 77 0 78, (a seconds del ve:icali) oontrollare che 10 ghiera "0", one sl ,effe,HuII anatoqamante a quanto sterzo ,si~ prlvo di gioeo e ruotl llberarnente, lllustrato in fig, 77 per la glhiera ':G", inserlre Ja statra

"N", oloccare idue bullolli "L" di lissaggio steli, it

dado sterzo "M" e, dopo avere preventlvamanta po-

slzlonato 10 piastrlna "I" di fermo dado, bloccare i

relatlvi ponlicelli "H",

E,fietluati i suddetti bloceaggi, seoondo Ie prescrlzioni riportate [leila tabella di paqlna 30. completare il montaggio dei restantl partlcolarl [seatola faro, gruppo ollico ecc.},

~'

Fig, 78

Con'rollo censumt su strada

Per effeltuare correltament:e eventual! prove di consumo su strada, di cui Ili puntl 1),2) II 3) II cnnsiqllabile usare un sarbatoio auslllarto di capaclta nota, con rubinetto a tre vie, tale da potersi inserire aU'ini~ie della prova stessa II dlsinserire ai' termlne.

Si ,censiglla di e,ffetlu,a,re prima della prova I segu1enti conlrolli: pressrons dei pneumatlci, taratura del C8(buratore II elle 'a ruote girino Iliberamenle. Procedere quindi secondo Ie prescrizloni sotto indicate:

1) A bordo clel velloolo deve esservi II solo pllota, di peso non auperlcre a kg, 70: egll covra mantensre per tutta la durata della prova ta postzjone aretta e III vetocna costante ell Km/h. 3(11,

:21 Massima lntenslta d'el verite ammassa: 2+3 rn/sec.; temperatura esterna compresa tra 100 e :20"C,

3) Percorso da eHettuare: circa Km. 30 (di cui 15 I<m. per i'andata e allrettanti per iI ritorno) su strada pianeglgiante astaltata, tipo autostrada, e con fonda ascrutto.

Ri&ullatl delle prove

Eff e ttuato II percorsc di cui al punto 3), II consurno dil benzina puo considerarsi accettabuo - II veicolo rodato edl in buone condlzlonl dl efltclenza- se rlsullEI Km.lll, 62:±7 per II CIAO, Km.!lt, 60±7 per it BRA.VO, Km.llL 6D±6 per II SI.

N.B. - If'er i velcoll da lungo in USc, lin funzlcne delle percorrenze totalizzate e dallo state di manutsnztone, debbono eseere considerate adeguate maggioraztoru per II consume di carburante,

37

Messa a punto del vel col 0, prima deU'jmpiego 4, - Assenza d.i perdite di mlscela ,e di ouo.

5. = Cantrallo prasslone pnsumatlcl (veo Indicazlonl riportate a pag. 2). .

A revisione ultimata del mot are e di altri gruppi del veicalo. prima di ellettmm; I" riconsegna al ellente attettuare I segLJenti controlli e masse a punta:

1. - Verifies serraggio dadi e bullonl: (con partlcolars cure Ell bloccaggio delle ruote e del manubrto).

,2. - Livello olio mezzo: a velcolo diritto il II'Ielio dave sllorare i1 foro dl carloo Sill coparchlo mezzo.

6. - Efficienza dell'lmplanto elettriCO.

7. - oonnono carburazione.

8. - EffiCienza dal Irenl: eventuale lora reqtstrazlone.

3. - Ellleienza della sospensloni anterlore e peste- 10. - Tenuta di strada senza tener Ie man; SLJI rna-

rlore. nubrio.

9. - He,gistrazione camandi.

38

"j

111. - Carretta regolazione del prolettore. 12. - Funzlonarnento dell'antlturto,

II disposttlvo non de·ve essere ingrassato.

13. - Pulizla d's:1 valcolo: per I"e.slemo del motors petrolia: per Ie partl verniciate acqua 9 pelle SC9rnQsclata per ascluqare.

AvverlenZ'B. I Sigg. Agenti son a lnvrtati ad ·eseguire i slIddetli controlli ancne sui veicoli nuovl, prima della conseqna al cliante.

'.

'I

PIAGmo & C,. - S.pA - Pcntedara SAT, • Ulflol(l pubbltcazlont Tocnlche Dis, n. 211554!F'.R, • eOOOi640S

\,j

r \

- __ ___.;.