Sei sulla pagina 1di 103

Manuale a cura del Cappellaio Matto di animalibera.net

“LO SPIRITO E' COME L'ATLETICA: SE NON LO SI ESERCITA OGNI GIORNO, SI INDEBOLISCE IN POCO TEMPO LA CAPACITA' PERCETTIVA, SI AFFIEVOLISCE LA VOLONTA' E SI PERDE L'ISPIRAZIONE”

AFFIEVOLISCE LA VOLONTA' E SI PERDE L'ISPIRAZIONE” Fare il proprio volo ogni giorno! Almeno un momento

Fare il proprio volo ogni giorno! Almeno un momento che può essere breve purché sia intenso. Ogni giorno un "esercizio spirituale", da solo o in compagnia di una persona che vuole parimenti migliorare. Esercizi Spirituali per Uscire dalla durata, Eternarsi superandosi. Sforzarsi di spogliarsi delle proprie passioni, delle vanità, del desiderio di rumore intorno al proprio nome (che di tanto in tanto prude come un male cronico). Fuggire le maldicenze. Deporre la pietà e l'odio. Amare tutti gli uomini liberi. (G. Friedmann)

Stampate o copiate i contenuti essenziali su un quadernino, su un file, l'i-pad, etc

Questo quaderno pratico è incentrato sul motto “Fedele al proposito di aiutare gli altri a sbrigarsela da sè”. Ricordatevi di consultare questo manualetto quando avete voglia di esercitarvi o sentite l'esigenza di riflettere, rilassarvi, stare meglio , mettervi alla prova

Nel complesso vi ho fornito una bozza, uno schema generale, una specie di coreografia mentale per far fronte alle tensioni e agli stati d'animo che emergono nel quotidiano. Mano a mano che interpretate questa coreografia adattatela al vostro stile, ricordandovi che potete sempre scegliere la variante migliore. [Naturalmente potete arricchire il testo con altre brevi indicazioni personali ]

L'elenco degli esercizi potrebbe subire aggiunte o modifiche nel tempo

Per adesso è così spartito in 4 sezioni:

1) SEZIONE INIZIALE

FOGLIO DEGLI OBIETTIVI

DEDICATI ALLA TUA PULIZIA

LASCIA ANDARE IL BISOGNO DI

Il Buongiorno si vede dal Mattino

L'EFFETTO DOMINO INTERIORE

PADRONEGGIA L'INVISIBILE

LIBERATI DAL CARCERIERE DEL TEMPO

IL GIOCO DELLA RI-CREAZIONE UNIVERSALE

BUSSOLA INTERIORE

SDRAMMATIZZA E RIDUCI L'IMPORTANZA

IL POTERE DELLA GRATITUDINE

CENTRO DI GRAVITA' PERMANENTE

CUSTODISCI L'ENERGIA

TAGLIA LE CORDE ETERICHE

IMPREGNA L'ANIMA

FOLLIA CONTROLLATA

Dominio del Volere

ALLENTA LA PRESA Modifica il DIALOGO INTERIORE:

OGNI ELEVAZIONE E' UNA CONQUISTA

DISIDENTIFICAZIONE DALLE MASCHERE

2) SEZIONE INTERMEDIA

CONOSCERE-VOLERE-OSARE-TACERE

DONWLOAD CONSAPEVOLEZZA

DIGIUNA UN PAIO DI VOLTE AL MESE + NUTRIRSI DI EMOZIONI

ESERCITA LA MEMORIA

CIRCOSCRIVI IL PRESENTE

TIROCINIO DELLA MORTE

PREFIGURAZIONE CIRCOSTANZE INATTESE

TRASFORMAZIONE DELLO SGUARDO

SCOMPOSIZIONE DEI MOMENTI

SOSPENSIONE DEL PENSIERO LOGORROICO

3) IMPUT PER LE VOSTRE NEUROTROFINE

NEUROBICA MENSILE

DOMANDE DI QUALITA' PRODUCONO VITA DI QUALITA'

CONNESSIONE ALLA SORGENTE

AGIRE "COME SE"

AMPLIARE LA MAPPA PERCETTIVA

SARÒ FELICE QUANDO… ?

ORA !!!!

SANTE FATICHE -> SUPER SFORZI CONSAPEVOLI

IL POTERE DEL FOCUS MENTALE

INTERRUTTORE PSICHICO

FAR PIAZZA PULITA DI TUTTI I PARASSITI

RIVISITAZIONE ONIRICA

SVILUPPA L'AUTOCONTROLLO

DIARIO MAGICO

MOLLA MOTIVAZIONALE

SCOMPONI - RICOMPONI LO SPAZIO TEMPO

MUOVITI CON LA MENTE E PENSA CON IL CORPO

RIVISITAZIONE del Libro della Vita

GESTIONE del TEMPO

SCOLORARE LE EFFIGI MENTALI

FARSI CONDURRE DA UNA VISION STIMOLANTE

IMPARA A DIRTI "IO SONO NESSUNO"

DISFATI DEI RETAGGI COGNITIVI

RAPIDI SUGGERIMENTI DI CIRCOSTANZA

SEI ESERCIZI dall'Enciclopedia Anticrisi (FREENOTING + IMAGE MORPHING + LIBERE ASSOCIAZIONI + STRAVOLGIMENTI + INIEZIONE DI FIDUCIA)

LASCIA PARLARE LE ESPERIENZE

LIVELLI NEUROLOGICI

IL RESET EMOZIONALE

L'ARTE DEGLI SCARABOCCHI

PROBLEM REVERSAL (ROVESCIO)

LISTA DI OSBORN

RISVEGLIA L'OSSERVATORE INTERIORE

4) APPENDICE

BREVI FORMULE

PROMEMORIA BUDDHISTA

PROMEMORIA TAOISTA

INDUZIONE RELAX AUTO-IPNOTICO VOCABOLARIO TRASFORMAZIONALE AFFERMAZIONI SULLA LIBERTA' SPIRITUALE

AFFERMAZIONI SULLA PACE INTERIORE

AFFERMAZIONI SU CREATIVITA' E PROSPERITA' FRASI MEDITATIVE

MANTRA

INVOCAZIONI E INNI SACRI

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SEZIONE INIZIALE

Il quotidiano (la vita di tutti i giorni) in realtà è un'immensa "PALESTRA" per l'uomo consapevole, fondamentale terreno di

prova per forgiare la capacità di migrare / sopravvivere al di fuori della "palestra".

La Vera Conoscenza è una continua Trasmutazione.

Applicati come, dove, quando puoi / vuoi !

Fai della Conoscenza un costante esercizio spirituale.

Tieni conto dei tuoi Progressi!

Un importante requisito è la capacità di scegliere sempre l' UNITA' DI BASE più FUNZIONALE, ovverso l'abilità di sapersi regolare a seconda delle varie circostanze.

Non leggere ciò che segue tutto d'un fiato, ma ritagliati quotidianamente una piccola fetta di tempo: dieci minuti oggi, cinque domani, venti la prossima settimana. Così facendo consenti alle informazioni che stai leggendo di depositarsi GRADUALMENTE e comodamente nel tuo inconscio; l'apprendimento è un processo che richiede le giuste pause di riflessione.

Spezzetta la tua lettura in modo che tra un concetto e l'altro ci sia sempre una tua personale elaborazione di idee e l'assimilazione

di nuove sensazioni.

Buon Divertimento !

l'assimilazione di nuove sensazioni. Buon Divertimento ! "Iniziare un nuovo cammino spaventa. Ma dopo ogni passo

"Iniziare un nuovo cammino spaventa. Ma dopo ogni passo che percorriamo ci rendiamo conto di come era pericoloso rimanere fermi"

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

FOGLIO DEGLI OBIETTIVI E DEGLI ESERCIZI PERSONALI

FOGLIO DEGLI OBIETTIVI E DEGLI ESERCIZI PERSONALI Copiate su un foglio questa tabella e schematizzate il

Copiate su un foglio questa tabella e schematizzate il modo in cui desiderate raggiungere i vostri scopi: partite da iniziative semplici, da poter ripetere facilmente REGOLARMENTE durante un giorno qualunque. Ad esempio potete scegliere specifici esercizi proposti in questo manuale, inserendo prima quelli principali (i più facili o piacevoli) poi i secondari (più impegnativi), i terziari (quelli che richiedono maggior tempo).

Fissate i fogli su cui avete formulato i vostri obiettivi e le rispettive indicazioni pratiche in luoghi dove passate la maggior parte

del vostro tempo (ufficio, specchio del bagno, cucina

ricordarvi di fare ogni giorno qualcosa per i vostri obiettivi; lo "spuntare" i passi che avete già compiuto vi regalerà una buona

sensazione, concedendovi delle ricompense inaspettate. Col passare del tempo e della vostra maggiore dimestichezza, vedrete che anche la distanza dalle Grandi Mete sarà più breve di quanto avevate immaginato .

). Altrimenti salvateli sul cellulare, I-phone, I-pad

Ciò servirà a

Cercate di MANTENERE LA FIAMMA PILOTA SEMPRE ACCESA !

Non è necessario dedicare troppe ore alla propria PRATICA: all'inizio uno può dedicare dieci minuti,

quarto d'ora, al massimo mezz'ora, e già questo basta per tenere sempre la amma pilota sotto Quella

stessa fiamma pilota genera dei grossi cambiamenti e le conseguenti trasformazioni. In seguito potrai scegliere se mantenere un regime graduale oppure incrementarlo, cercando di raggiungere risultati in modo più rapido, sapendo però che più si velocizza il percorso e più le controindicazioni aumentano.

un

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

DEDICATI ALLA TUA PULIZIA

TRASFORMA L'AMBIENTE IN CUI VIVI

PRIMA CHE LUI TRASFORMI TE!

DEVI PREDISPORRE LE CONDIZIONI FAVOREVOLI per mantenerti serenamente motivato, anche di fronte alle difficoltà !

Cura il tuo TEMPIO interiore (corpo, mente, spirito), esteriore (luoghi, persone, routine-abitudini).

1) PULIZIA INTERIORE

-> Ricerca la bruttezza/negatività e trasformala in bellezza-positività

-> Sciogli le Contrazioni e i Blocchi Psico-Fisici, Trascendi i vecchi Limiti dei Pensieri PARALIZZANTI-Restrittivi-Punitivi, le emozioni corrosive e invalidanti

-> Ogni giorno sta ATTENTO a quello che SEMINI e RENDI GRAZIE A CIO' CHE RACCOGLI.

Lasciati guidare interiormente da pensieri nobili, parole preziose;

Lasciati andare esteriormente con piccole e buone azioni.

Le gocce d'acqua (i tuoi atti), cadendo una ad una, riempiono l'intero vaso (il tuo organismo).

2) PULIZIA ESTERIORE

Prendersi cura del -> Clima Ambientale + Alimentazione + Esposizione a Fonti Rigeneranti (Contatto con le Sorgenti Naturali,

Sole, fiori-piante-animali

+ Frequentazioni sociali (amici, parenti, colleghi scontrosi (da evitare)

+ Cultura (Espandere le conoscenze in diversi campi - arte, logica, zen, scienza, poesia

+ Coltivare Comportamenti-Abitudini Potenzianti

)

)

Quando senti che l'ambiente in cui ti trovi emana energie destabilizzanti o invadenti, ALLONTANATI, ripulisciti e ricompatta il tuo spazio personale. Liberati da ciò che frena e mina il tuo benessere, siano essi pensieri, oggetti o persone.

Datti al “GIARDINAGGIO PSICOLOGICO” e Prenditi cura del tuo ORTICELLO INTERIORE:

ELIMINA I FIORI APPASSITI, I RAMI SECCHI E LE ERBACCE INFESTANTI, ovvero i parassiti psicosomatici.

Esegui una regolare sfoltitura atta a favorire un armonioso e progressivo sviluppo di tutta la flora.

Fai crescere le tue piante all’interno del giusto clima, predisponi le condizioni per un terreno fertile e un prato fiorito.

“ Favorisci i PENSIERI DISTILLATI, cioè RIPULITI dagli elementi insigni canti e fuorvianti”

“Distillare non è altro che separare il soile dal grossolano e il grossolano dal so ile, è rendere indistru ibile il fragile e il delicato, immateriale il concreto, spirituale il corporeo, è rendere bello il volgare.” -Hieronymus Brunschwig-

Le possibilità dell’allenamento del pensiero sono infinite, il suo risultato è eterno, e finora pochi si prendono la briga di dirigere i loro pensieri in canali che porteranno benefici, ma anzi lasciano tutto al caso. (Marden)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

LASCIA ANDARE IL BISOGNO DI :

• Scervellarvi in imprese "donchisciottesche" per solleticare la vostra misera vanità

• PIACERE AGLI ALTRI Impressionare gli altri -> Affascinare, DIMOSTRARE, attrarre,

sbalordire, incantare, LODARE, nascondere l'irritazione, l'ansia, il nervosismo, la tensione

Dover vivere una vita all’altezza delle aspettative altrui

l'ansia, il nervosismo, la tensione ☠ Dover vivere una vita all’altezza delle aspettative altrui

Richiamare l'Attenzione, Elemosinare il riconoscimento, la considerazione altrui

• Fare i MORALIZZATORI (Millantare immensi Valori Ostentazione di buoni sentimenti e malcelata benevolenza Buonismo, Perbenismo di bassa lega ) • Dover "INSEGNARE agli altri come stanno le cose", "metterli sulla strada giusta", convincersi di sapere qual è il corretto "modo di fare, praticare, essere"

Esortare-Consigliare-Persuadere-Approvare

PREVEDERE (lo svolgersi episodico, l'operato-pensiero-emozione altrui)

• Avere tutto sotto controllo

Avere sempre ragione (Razionalizzare troppe cose, fatti o persone) + Dover attribuire un Senso o un Significato Categorico Criticare Correggere gli altri, operare noiose distinzioni, farsi ossessionare da etichette, tassonomie, attributi psicologici.

• PERFEZIONISMO-ESIBIZIONISMO Imporsi di fare carriera a tutti i costi, progettare

ogni cosa nei minimi dettagli, non accettare la sconfitta con la scusa di non arrendersi mai, fissarsi con la Puntualità, possedere la massima padronanza-

competenza-audacia, sorriso forzato, energia, rapidi, innovativi,

+ Voler essere sempre attivi, pieni di

• DOVER ESSERE SEMPRE RASSICURATI Paura di perdere il rispetto, la propria posizione, il potere, la fiducia, l'amore o l'entusiasmo del momento + Paura di venir DISAPPROVATI, RIFIUTATI, insultati, sgridati, derisi, detestati

• RIMUGINARE Avvilirsi e ripensare continuamente allo stesso evento-persona-

emozione Nutrire chiacchiere mentali controproducenti [Giustificarti , lamentarti e inventare scuse]

Resistere al cambiamento, NON ACCETTARTI così come sei, Sentirti inadeguato, fuori luogo, inutile, incapace, pieno di difetti-errori

• Assecondare credenze limitanti

Trovare sempre un colpevole

Nutrire Paure irrazionali, IRREALI, illusorie

Ancorarti al Passato ---> Attaccamenti fittizi

[ QUANDO TI ACCORGI DI CADERE NEI TRANELLI DELLA TUA STESSA MENTE, RIPETI A TE STESSO: LASCIO ANDARE IL

BISOGNO DI

]

" IL VERO CONFLITTO AVVIENE DENTRO DI TE ED E’ LI CHE DOVRESTI GESTIRLO ADEGUATAMENTE: Quando entri in conflitto con un'altra persona, immagina che tale conflitto si stia verificando con un tuo alter ego, con una parte di te stesso, con l'immagine speculare del tuo io. Alla fine chiediti: Perché sto lottando contro me stesso? Perché me la sto prendendo tanto con una mia proiezione mentale?" "

Fintanto che ti preoccupi di quello che gli altri pensano di te, appartieni a loro” (N. Walsh)

Siate sempre voi stessi , che tanto gli altri vi percepiscono sempre in uno, nessuno, centomilamodi.”

Smettila di far PROSTITUIRE la tua mente e i tuoi sentimenti alle Autorità Esterne.

Permettiti di scegliere ciò che ti aggrada, senza dover ogni volta prendere troppo in considerazione il tornaconto o il giudizio del magnaccio psicologico di turno.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il Buongiorno si vede dal Mattino

IL MATTINO è ORO IL POMERIGGIO ARGENTO LA SERA PIOMBO

Se scali l’Everest al mattino, il resto della giornata sarà in discesa

Crea delle piacevoli routine mattutine.

Realizza che hai a disposizione 86.400 secondi per rendere stupenda la tua nuova giornata.

Devi investire ogni secondo nel migliore dei modi !

Approfittando del fatto che all'inizio della giornata la MENTE SOTTILE è più ATTIVA e malleabile, potrai instaurare abitudini edificanti, introdurre rituali potenzianti di qualunque genere:

Svegliati con la sensazione di essere RIGENERATO (Rievoca un senso di Estasi o Beatitudine Celestiale) come se avessi ricevuto importanti “Istruzioni durante il sonno

Prima di appoggiare i piedi giù dal letto, SORRIDI !!! (Non importa perché, TU FALLO e basta!, le tue

neurotrofine sanno il motivo per cui questo semplice atto funziona alla GRANDE! vedrai che non ti deluderà!)

Fidati del tuo sorriso!,

“La mattina quando vi alzate, fate un sorriso al vostro cuore, al vostro stomaco, a i vostri polmoni, al vostro fegato. Dopo tutto, molto dipende da loro” (Tiziano Terzani)

FAI BRILLARE IL TUO SOLE INTERIORE ANTICIPANDO INCONDIZIONATAMENTE LA TUA

FELICITA'

PROVANDO GRATITUDINE PRIMA ANCORA CHE LA GIORNATA ABBIA INIZIO SENTENDO GIOIA PER QUELLO CHE LA VITA TI PUO' DONARE

Inventa (ANTICIPA) la tua “Giornata Ideale”

- Concentrarsi o formulare dei buoni propositi (vedi Appendice)

- Meditare

- Uscire per una Passeggiata;

- Ripetere 15 addominali o 10 piegamenti sulle braccia; Correre; Fare 10 min. di yoga (es. 5 tibetani) (respirazione profonda) + stretching (distensione muscolare)

+ qi gong

- Visualizzare qualcosa di curioso e divertente o focalizzarsi per 5 minuti su pensieri costruttivi.

- Ascoltare canzoni galvanizzanti (per darti la carica) o suoni rilassanti (per amplificare le sensazioni piacevoli)

- Bere un caffé sfogliando un libro

- Farsi una doccia

Adotta questo motto: “La mattina, prima di iniziare a correre per gli altri, preferisco correre per me stesso.”

P.S.

Alla SERA:

1) RINGRAZIA PER CIO’ CHE HAI VISSUTO

2) RIESAMINA I MOMENTI PRINCIPALI DELLA GIORNATA E POI DISTACCATI DAL PESO DELLE INTER- AZIONI, RILASCIANDO LE EMOZIONI , i PENSIERI DISFUNZIONALI, i BLOCCHI PSICOLOGICI con il relativo RISTAGNO SENTIMENTALE

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SFRUTTA L'EFFETTO DOMINO INTERIORE

Ogni pensiero possiede una sua frequenza.

Tu sei una radio rice-trasmittente di Frequenze (Pensieri), ne trasmetti approssimativamente 60.000 al giorno e ne ricevi altrettanti.

Il pensiero è una sorta di estensione "fisica" di te stesso/a, come le tue mani, con cui puoi raggiungere e "catturare" ciò di cui necessiti in questo illimitato oceano di energie.

In sostanza, ciascun pensiero (parola, gesto, emozione) è come un singolo tassello del domino.

Basta una minuscola spintarella per far scattare una grande reazione a catena.

Una volta innescato l'effetto domino tutto prende forma, assume nuovi colori, sapori, profumi, sensazioni che pervadono la tua mente, il tuo corpo, la tua vita.

In pochi attimi si può essere travolti dalla reazione a catena generata da una piccola idea (similia similibus curantur).

Ogni cosa, in ogni momento della tua giornata, può contribuire all'effetto domino portando pace e serenità oppure accumulando ulteriore stress e malessere

Innescare questo effetto è come inserire il pilota automatico ---> ricorda che l'inconscio agisce "in playback", cioè riproduce comportamenti pre-registrati

La mente, con i suoi 60'000 pensieri al giorno è spesso sovraccaricata da troppi pensieri

La mente, con i suoi 60'000 pensieri al giorno è spesso sovraccaricata da troppi pensieri ingombranti, che si alimentano a vicenda innescando altri stimoli irritanti.

FAI ATTENZIONE A COME PENSI (O NON PENSI) !

Allenando la tua mente ad avere pensieri (e quindi emozioni-sensazioni) edificanti, otterrai un doppio vantaggio:

1- Ti rafforzerai progressivamente, giorno dopo giorno.

2- Ti proteggerai dall'inquinamento dei pensieri malsani e paralizzanti.

FONDITI CON I TUOI INTENTI

I pensieri sono una tua estensione: se emani pensieri creativi e propositivi, il tuo presente e futuro saranno radiosi.

I pensieri sono i nostri figli, a volte li mandiamo a dormire, a volte li richiamiamo per svilupparne le idee, ma sono sempre il dito che indica la Luna, NOI SIAMO LA LUNA.

---------------------------------------------------------------------------

PADRONEGGIA L'INVISIBILE

SCRUTA IL RECONDITO INOSSERVATO

INTRAVEDI I FILI OCCULTATI

PERCEPISCI L'INESPRESSO, L'INAVVERTITO, IL SOTTACIUTO

("Non c'è nulla di più visibile del nascosto")

L'ESSENZIALE SI CELA OLTRE LE PAROLE ! Non tutte le cose si possono rivelare, la

L'ESSENZIALE SI CELA OLTRE LE PAROLE !

Non tutte le cose si possono rivelare, la maggior parte di un messaggio (pensieri e sentimenti) resta nel non detto, al di là delle parole.

Applica il Defocusing ---> SPOSTARSI SUL NON OSSERVABILE

il Defocusing ---> SPOSTARSI SUL NON OSSERVABILE --> Riflettere semplicemente sulle cose che non si

--> Riflettere semplicemente sulle cose che non si possono vedere, ma che esistono o potrebbero comunque esistere.

Rimpiazzare IL NOTO (i vecchi modelli, NORMALI ASPETTATIVE, simulacri , guru, idoli, verità preconfezionate) con L'IGNOTO (L'INASPETTATO, L'IMPREVISTO, Nuove ed Infinite Possibilità)

La vita è una continua ESPLORAZIONE di nuovi orizzonti:

Vivi da ESPLORATORE dell'IGNOTO

Padroneggia le cose invisibili :

- i pensieri, le parole

- gli stati d'animo, le emozioni

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

LIBERATI DAL CARCERIERE CHIAMATO TEMPO

Fluisci con le trasformazioni della vita. Non restare intrappolato in un tempo che non esiste più !

FARE (azione frenetica) = TEMPO = STRESS

NON FARE (O AGIRE DISINTERESSATO, IMPERSONALE ) = NON TEMPO (eternità) = PACE INTERIORE

Il Tempo è soggettivo e dipende dalle tue ASSOCIAZIONI.

Più ti concentri sul PROCESSO (quello che accade realmente) più il tempo sembra volare via velocemente, poiché hai prodotto pochissime Associazioni (pensieri, sentimenti, fantasticherie, illusioni) e sei totalmente immerso nel flusso del momento. In questo modo il tempo è come se si fermasse e concedesse all'anima di gustare qualche istante di Beatitudine.

all'anima di gustare qualche istante di Beatitudine. Non "Divorare" il futuro o seppellirti nel Passatto.

Non "Divorare" il futuro o seppellirti nel Passatto.

Fa' una cosa alla volta, con attenzione chirurgica e profonda concentrazione.

Siamo mentalmente dipendenti ed incastrati in un’assurda dimensione temporale che ci costringe a rosicchiare gli istanti della nostra stessa vita quotidiana, a rincorrere ritmi disumani, giustificando tutto con il ritornello che “non devi o non puoi mai perdere tempo”, trasformandoci in vittime sacrificali della tirannia mentale che ci porta a considerare ogni minuto perso quasi un reato che sfocia in RIMPIANTI A CATENA.

---> Svincolati dall’insensata corsa contro il tempo

----> Esci dalla finta prigione abitudinaria programmata dalle lancette mentali

LENERGIA CHE PRIMA VENIVA SOTTRATTA ALLA MENTE SI TRASFORMERAIN PRESENZA MENTALE !

---> COMPLETA la seguente TRANSIZIONE:

1) -> da Kronos = TEMPO ARTIFICIALE [Costruzione] CHE MISURA GLI EVENTI NATURALI, tempo lineare, sequenziale, quantitativo, cronometrico, mania della puntualità, Turni Lavorativi, routine, precisione meccanica - scorrere dei minuti)

2) -> a Kairos = FLUSSO SPONTANEO, SCORRERE NATURALE DEGLI EVENTI, Sincronia, Tempo provvidenziale, Onirico, Psicologico-Emotivo, Discrezionale-Ludico, Sacro, qualitativo, soggettivo, fluido, Ciclico-Biologico, momento opportuno, RITMO adeguato, istanti decisivi-creativi, artistici, magici, profetici)

3) -> fino ad Aion = ETERNITA', Pienezza, Maestosa Beatitudine, Assenza Tempo, REVERSIBILITA’ (viaggiare nel tempo)

Pedagogia della LENTEZZA IMPARA A RALLENTARE E AD INCREMENTARE, ALLUNGARE L’INTERVALLO

DEL TEMPO DISCREZIONALE (libero dalle pesanti incombenze formali-lavorative-burocratiche)

RECUPERA IL PIACERE DEL PROCEDERE CON CALMA, PIAN PIANO, SEGUENDO SENTIERI INESPLORATI E COGLIENDO OCCASIONI CHE CORRENDO NON VEDRESTI NEPPURE ,

FERMATI AD AMMIRARE LE MERAVIGLIE NASCOSTE DALL'ASSILLANTE FRENESIA METROPOLITANA

CONCEDITI LA LIBERTA' DI INDUGIARE, "PERDERE TEMPO", RIDURRE LA VELOCITA' E I RITMI PRODUTTIVI O ARTIFICIALI PER VALORIZZARE QUELLI NATURALI RISPETTA I CICLI BIOLOGICI DEL TUO ORGANISMO

GODITI TUTTI I PICCOLI PARTICOLARI E LE GRANDI SENSAZIONI DELLA "MOVIOLA DELLA VITA"

Fai sì che la lentezza diventi un'angolazione particolare da cui osservare il mondo!

---------------------------------------------------------------------------

GODITI IL GIOCO DELLA RI-CREAZIONE UNIVERSALE

« Un uomo di conoscenza vive agendo, non pensando ad agire, non pensando a che cosa penserà quando ha finito di agire » (Castaneda)

Evita di proiettare in anticipo una "Necessità" o un'Aspettativa" qualsiasi !

Ciò che deve accadere, accadrà, che ti piaccia o meno.

CERCA DI OTTENERE RISULTATI INVECE DI FARE SUPPOSIZIONI ! Se valuti sempre in anticipo le situazioni, con ogni probabilità non sperimenterai nulla di interessante.

Preoccupati delle pagliuzze e le travi si arrangeranno da sole.

Nell'istante in cui non te ne CURI più, la questione X SPARISCE e la soluzione Y SI MANIFESTA , (o se sei sfortunato

appare un X + n

ad ogni modo ciò che si deve verificare, si verificherà in ogni caso, indipendentemente dal tuo disappunto)

---------------------------------------------------------------------------

BUSSOLA INTERIORE

BUSSOLA INTERIORE Spesso la nostra bussola interiore è parecchio sballata e

Spesso la nostra bussola interiore è parecchio sballata e ci dimentichiamo che dovremmo lasciare più spazio allo spazio e tempo al tempo, affinché essi si dispongano come meglio è per tutti.

Durante gli alti e bassi della vita, ricorda questa massima di Rumi:

LA MOLTITUDINE GIRA - DISORIENTATA - PER IL MONDO A CERCARE IL TESORO CHE AVEVA GIA' IN CASA

Dice Mencio: La VIA è in voi e la cercate lontano, sta nelle cose facili

Dice Mencio: La VIA è in voi e la cercate lontano, sta nelle cose facili e la cercate nelle difficili !

Prima di agire, il saggio, si pone delle valide ALTERNATIVE e in seguito osserva l'INCLINAZIONE delle circostanze per adottare la posizione migliore. Fa procedere la sua spontanea propensione secondo il suo flusso naturale delle cose, lasciando che ogni risorsa trovi i propri canali espressivi. Il suo alloggio mentale non è rigido e immobile, ma flessibile e mobile. Prende in prestito una Posizione Provvisoria; non si fissa rigidamente su un unico punto di vista, ma lo rinnova in ogni istante.

---------------------------------------------------------------------------

• SDRAMMATIZZA, RIDUCI L'IMPORTANZA di TUTTO e TUTTI

« Non ti stupire di nulla »

« Non affliggerti di nulla »

“Il guerriero è tale perchè muore alla sua importanza personale”

Se vuoi goderti la vita, prenditi un po' meno sul serio.

Non farti prendere dall’ansia dei risultati.

Sii più auto-ironico, non darti troppa importanza.

Accogli serenamente qualsiasi risultato, senza creati false aspettative.

Lasciati scivolare addosso tutto ciò che non conta. Lascia correre l'ansia e fai scivolare sul corpo le tue paure peggiori come fossero gocce di rugiada

Invece di Pre-Occuparti di qualcosa di INTANGIBILE, sgradevole e magari presente solo nella vostra testa, OCCUPATI DI QUALCOSA DI CONCRETO, piacevole e rilassante!

Quando scoprirai chi Sei, RIDERAI di ciò che hai creduto di essere!

[ Un uomo è ricco in proporzione al numero di cose a cui può permettersi di rinunciare

]

"Quando un arciere scocca una freccia senza traguardi agonistici, mette in mostra tutta la sua abilità. Se c'è in palio una medaglia di bronzo, comincia a diventare nervoso. Se si tratta di una coppa d'oro, diventa cieco, vede due bersagli e si deconcentra. La sua abilità è sempre la stessa, ma il premio lo rende più preoccupato di vincere che di tirare con l'arco. La tensione della vittoria lo indebolisce"

- Tranxu, saggio cinese

ESTIRPA L' IMPORTANZA PERSONALE ->

il 90% della nostra energia la consumiamo nel tentativo di difendere la nostra importanza personale

Spesso la troppa importanza produce un meccanismo di forte attaccamento (inconscio) ad informazioni superflue. Questo processo psicologico vi porta ad attrarre persone o situazioni di vita molto sgradevoli.

ad attrarre persone o situazioni di vita molto sgradevoli. Fin da piccoli ci hanno insegnato a

Fin da piccoli ci hanno insegnato a dare importanza agli aspetti più superficiali della nostra vita, e col passare degli anni ci siamo abituati a valorizzare i fattori più irrilevanti, futili, marginali e insignificanti per il nostro benessere, la nostra crescita e la nostra felicità. Per uscire da questo circolo vizioso dobbiamo dapprima ridimensionare i livelli d’importanza attribuiti a certi aspetti della vita. Dovete decidere se volete continuare a dare importanza a cose irrisorie, trascurabili e insensate oppure se preferite valorizzare l’incalcolabile bellezza e le meravigliose opportunità che la vita può offrirvi.

Allenatevi a spostare (quotidianamente) la vostra attenzione dalle informazioni superflue (quelle che vi portano in mezzo alle burrasche della vita) verso quelle significative (quelle che vi conducono verso l’armonia, la pace interiore, l’equilibrio, la felicità). Eliminate tutto quello che non è indispensabile, Minimizzate la percentuale delle informazioni inutili e inopportune, massimizzando di conseguenza le informazioni utili e costruttive.

di conseguenza le informazioni utili e costruttive. Non date troppa importanza alle suggestioni esterne,

Non date troppa importanza alle suggestioni esterne, tendenti a privarvi della vostra dignità: esse sono soltanto chiacchiere, voci, pettegolezzi di disfattisti che cercano di sminuire il valore della vita.

Perché mai dovreste permettere a qualcosa di deturpare la vostra mente o le vostre emozioni?

Se qualcosa vi deprime o v’innervosisce dovete semplicemente lasciarla perdere, ignorarla o evitarla. Non c’è alcun motivo per

dare importanza ad una cosa che vi irrita o v’infastidisce.

Prendete le distanze (per quanto vi è possibile) da tutti i fattori ingombranti (notizie, ricordi, emozioni, pensieri, individui,

abitudini, luoghi

)

che intasano le vostre giornate.

Spesso è l’erronea valutazione delle informazioni o degli eventi, perpetrata negli anni, che ci fa vivere in maniera corrucciata e infelice.

anni, che ci fa vivere in maniera corrucciata e infelice. Ogniqualvolta assegniamo troppo importanza a qualcosa

Ogniqualvolta assegniamo troppo importanza a qualcosa o a qualcuno, proviamo delle emozioni che – secondo le circostanze – generano in noi nuova energia oppure ci spingono a disperdere il nostro flusso energetico residuo. Nel primo caso le emozioni possono essere delle risorse utili per accumulare maggiore energia. Nel secondo caso le emozioni possono determinare un inutile dispendio energetico. È come se, in quest’ultima circostanza, le emozioni fossero le ventose di una sanguisuga: la sanguisuga possiamo paragonarla a quell’informazione a cui abbiamo attribuito troppa importanza, mentre le ventose sono rappresentate dalle potenti emozioni che succhiano (metaforicamente) la nostra energia, riducendo così la lucidità, la consapevolezza e la chiarezza del nostro intento.

In altri termini, quando siamo troppo coinvolti in una situazione, accumuliamo una forte carica emotiva che può portarci (spesso involontariamente) a bloccare il corretto flusso energetico oppure a dissipare le nostre risorse interiori e la nostra forza vitale.

Azzera le aspe ative☛
 senza aspe ative non vivi più schiacciato tra passato e futuro

sei PRESENTE

Prendi l'abitudine "idiota" di gioire degli insuccessi, ridere delle paure, delle preoccupazioni, delle SOFFERENZE, del PASSATO, delle tue STORIE, dei guai, degli intoppi, dei nemici

Smetti di prendere tutto e tutti "DANNATAMENTE SUL SERIO" o di metterla sempre sul personale

SDRAMMATIZZA di più, mal che vada ti sei fatto una risata.

IMPARA A DESTRUTTURARE LE DESCRIZIONI ORDINARIE DEL MONDO, ossia quei MODELLI che pretendono di importi regole rigide e verità assolute.

PROVA AD INVERTIRE L’IMPORTANZA:

Ciò che prima era insignificante, privo di valore, vedilo ora come se fosse la cosa più importante di questo mondo.

Dedica un po’ di tempo per qualcosa a cui prima non ti eri mai interessato ( nuovi libri, riviste, articoli, video, canzoni)

Inizia ad attribuire maggior valore alle piccole cose di tutti i giorni ( forme, colori, suoni, sorrisi, abbracci, natura).

“Nessuna delle cose umane merita che le si attribuisca grande importanza” - Platone

“Se si riduce l'importanza, gli ostacoli si eliminano da soli. Se l'ostacolo non si lascia smuovere, non occorre affrontarlo ma semplicemente aggirarlo” (V. Zeland)

---------------------------------------------------------------------------

IL POTERE DELLA GRATITUDINE

“Ogni respiro contiene due benedizioni, la vita nell'ispirazione e il rigetto dell'aria viziata e inutile nell'espirazione. Ringrazia dunque Dio due volte per ogni respiro” (Gulistan di Sa'di)

L’abbondanza della vita è sempre a totale disposizione della nostra persona e dei rece ori spirituali, psichici e sici in ogni direzione.

 ori spirituali, psichici e sici in ogni direzione. ☼ Sacralizza tutti i momenti della giornata.

Sacralizza tutti i momenti della giornata.

Goditi la Bellezza IRRIPETIBILE di OGNI ISTANTE.

Considera la tua intera esistenza come un incessante processo di purificazione.

CHE TUTTA LA TUA VITA SIA UNA FESTA CELESTIALE.

Celebra una festa (in tuo onore) ogni giorno.

PROVA A DIRE CONTINUAMENTE "GRAZIE" DALLA MATTINA ALLA SERA,

QUALSIASI COSA TI ACCADA , BELLA O BRUTTA, E INIZIERANNO A MANIFESTARSI INCREDIBLI SORPRESE !

Rimanere in uno stato di GRATITUDINE è così potente che la maggior parte degli esseri umani non ne ha alcuna consapevolezza.

Prima di coricarti o di alzarti dal letto, inizia a dire GRAZIE anzichè lamentarti delle tue disgrazie.

Cerca di non farti trascinare dal pensiero invadente che tenta di sminuirti o di farti credere che la

felicità sia in un altro punto o in momento diverso dal qui ed ora.

Benedici silenziosamente tutto e tutti !

Rispetta il bisogno degli altri di giungere alla verità a modo loro, con i loro tempi.

Cambia il tuo stato d'animo, ADESSO !!!

Impara a creare stati d’animo più piacevoli in ogni momento della giornata, a comando

Comincia usando il tuo corpo: raddrizza la tua postura e respira profondamente. Sorridi più spesso !!!

Esercita la tua volontà per cambiare i contenuti su cui poni l'attenzione.

Richiama qualche ricordo gioioso: Ingrandisci quello che vedi, alza il volume e SENTITI BENE !!!

Hai soltanto una vita, per cui rendila grandiosa, attimo dopo attimo!

Festeggia qualsiasi passo del tuo cammino, esulta anche per i risultati più piccoli! Congratulati con te stesso/a !

Goditi quello che hai a tua disposizione.

Gioisci e divertiti mentre vivi le tue esperienze !

Essere grati favorisce il benessere naturale di corpo-mente; ciò avviene con il sostegno del tuo stesso cervello, il quale - di fronte al semplice dire grazie - secernerà sempre più ormoni e neurotrasmettitori benefici.

Proietta vibrazioni dal cuore alle persone con cui stai conversando o all'ambiente in cui ti trovi e vedrai che la tua comunicazione sarà molto più e #cace e piacevole.

Hai mai riflettutto sulle piccole fortune della vita di tutti i giorni che siamo soliti trascurare ? Ti sei mai alzato ringraziando per ciò che la vita ti ha donato ?

Un corpo dotato di incredibili interfacce sensoriali che permettono di vedere magnifici colori, sentire suoni e voci, parlare, cantare, abbracciare una persona cara, correre all'aria aperta

Tutte attività che diamo per scontato, come fossero banalità, ma che ad un'attenta osservazione si rivelano come privilegi davvero preziosi ! Ci sono persone che tutto questo non lo potranno mai sperimentare: sii grato di ciò che sei e per ciò che hai !

Coltiva Compassione, calma, pazienza, gentilezza.

La temperanza, la discrezione sono il vero antidoto a qualsiasi gesto irritante: Reagisci in modo garbato e gli altri saranno garbati con te. Se rimangono irritati, tu sorridi e passa oltre con scioltezza.

in modo garbato e gli altri saranno garbati con te. Se rimangono irritati, tu sorridi e

PERDONA te stesso/a , gli altri, il tuo passato e qualunque altra cosa ti disturbi emotivamente.

Frena la collera e chiedi scusa [anche se è troppo tardi, non tirarti mai indietro per orgoglio] carattere con tutti i mattoni che ti hanno tirato addosso.

carattere con tutti i mattoni che ti hanno tirato addosso. Costruisci la fortezza del tuo “

Costruisci la fortezza del tuo

Come avete ricevuto gratuitamente, così date gratuitamente” (Matteo 10, 8)

---------------------------------------------------------------------------

INDIVIDUA IL TUO CENTRO DI GRAVITA' PERMANENTE

INDIVIDUA IL TUO CENTRO DI GRAVITA' PERMANENTE Al centro di tutto c'è sempre l'ESSERE.

Al centro di tutto c'è sempre l'ESSERE.

“ Esercitatevi nella non-intenzionalità, e lasciate agire l'Essere. Questa Via è inesauribile, senza fine”

“ Esercitatevi nella non-intenzionalità, e lasciate agire l'Essere. Questa Via è inesauribile, senza fine”

---------------------------------------------------------------------------

CUSTODISCI LE TUE ENERGIE COME FOSSERO ORO

Nella vita incontrerai due categorie di persone:

1) individui che sanno sprigionare un'intensa energia

2) altri che sanno solo SPRECARLA.

un'intensa energia 2) altri che sanno solo SPRECARLA. I primi è come se al loro interno

I primi è come se al loro interno contenessero dei Centri Magnetici il cui nucleo (punti rossi) racchiude un'essenza vitale completamente libera.

Tu devi unirti a loro e soprattutto agire come loro !

(punti rossi) racchiude un'essenza vitale completamente libera. Tu devi unirti a loro e soprattutto agire come

Una loro peculiarità è l'uso dei loro centri magnetici: essi sono in grado di servirsi del filo invisibile che li unisce per accordare, modulare il loro allineamento; a differenza delle altre sfere, non si disperdono nel marasma generale. Esteriormente sono come gli altri ma interiormente hanno un nucleo che (assieme al relativo campo energetico) conservano accuratamente lontano da occhi e mani indiscrete.

Se vuoi fare come loro allora CUSTODISCI LE TUE ENERGIE COME FOSSERO ORO: Non buttare le tue Perle ai porci.

Evita di farti contaminare dall'impuro.

Mobilita le tue energie verso l'alto, cioè rendile più raffinate, OPERA DELLE CONTINUE SUBLIMAZIONI.

---------------------------------------------------------------------------

TAGLIA LE CORDE ETERICHE NOCIVE, RIMUOVI LE EFFIGI MENTALI

E LE SCORIE EMOTIVE

--> IMPARA A RICONOSCERE LE IMPRESSIONI come sostanze della mente, intese come qualcosa di vibrante, immateriale, impalpabile, ma diffuso e pervasivo con cui veniamo condizionati o ci nutriamo quotidianamente [entrano attraverso i canali sensoriali e si riproducono nelle periferie sinaptiche].

Fai in modo di SUBLIMARE tali impressioni nocive in INSPIRAZIONI (pneuma, sottile sostanza raffinata, più elevata rispetto alla fantasia spiccia degli slogan New Age )

Non sperperare le tue energie psichiche nutrendo forme pensiero viziate, larve eteriche, vampiri energetici, spettri e facoltà

mentali immaginarie (Maestri Ascesi, Gerarchie interdimensionali, gossip complottistici

)

Se noti che qualcosa comincia a puzzare di marcio, taglia corto e passa subito ad altro.

Poniti sempre dubbi e domande, ma al tempo stesso accresci l'autostima sforzandoti di superare certi limiti (scavalca una barriera dopo l'altra, PROCEDI PER GRADI, senza essere troppo impulsivo, cominciando con le piccole cose)

Castaneda parla di impeccabilità

☟☟

Essere "impeccabili", significa non esaurire la propria energia, conservare il potere personale. L'impeccabilità è fare il meglio che si può sempre, in qualunque cosa.

Recuperare tutta la propria energia vitale lasciata dispersa e, nel contempo, espellere tutta quella estranea a noi, che non corrisponde ai nostri fini.

L'energia sarebbe così reintegrata al proprio essere per recuperare la "totalità di se stessi", la propria "conformazione energetica" originaria.

L'impeccabilità è semplicemente il miglior uso del nostro livello di energia

esige disciplina, frugalità, sollecitudine, semplicità.

La miglior via per conservare energia è la nostra impeccabilità.

Diventare INACCESSIBILE ai più al mondo di mercanti, agli impiccioni, alla gente troppo curiosa Devi RIMANERE

ACCESSIBILE E APERTO, SOLO A CHI VUOI TU Devi mostrare alla gente solamente quello che tu vuoi far vedere, non quello che “LORO” pretendono da te.

---------------------------------------------------------------------------

IMPREGNA L'ANIMA DELL'INTUIZIONE FONDAMENTALE

Quando scopri la ragione per cui TU ESISTI

e FINALMENTE sei al cospetto del TUO DESTINO,

qualunque cosa ci sia attorno diventa IRRILEVANTE !!!

Esempio di intuizione fondamentale ---> "Sono consapevole che ad ogni azione, ogni parola, ogni pensiero lo Spirito [Dio, il Sé Superiore, etc.] è presente come testimone e custode"

->

RIATTIVA IL REALE NUCLEO PERCETTIVO

->

RIPULISCI I CENTRI DI CONSAPEVOLEZZA

-> FILTRA TUTTI I DATI CHE ENTRANO IN TE (Non infangare il tuo Essere, Nel tuo Paradiso non deve entrare neppure un grammo di inferno)

Ogni giorno, sempre alla stessa ora, dedica un po' di tempo a coltivare una sana abitudine (innesta un'idea meravigliosa nel tuo inconscio), un rituale benefico (evoca un'immagine mentale, regola l'atto respiratorio, ripeti un'affermazione, un mantra, un

esercizio ginnico, formula un'invocazione, una preghiera, recita un salmo, etc

Vedi APPENDICE)

"Coloro che cercano cerchino finché troveranno.

Quando troveranno, resteranno turbati.

Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto."

(Vang. Tommaso)

---------------------------------------------------------------------------

NON AGIRE (o NON FARE)

+

FOLLIA CONTROLLATA (CONSAPEVOLE VOLONTARIA)

“L'azione libera / disinteressata (il non agire, l'agire senza riserve / scopo / ricompensa / aspettativa / riconoscimento / merito) assomiglia a quella di un artigiano che fabbrica con la stessa cura, attenzione e precisione tanto l'oggetto che verrà esposto quanto quello che finirà nel buio della cantina”

"Non Fare" non significa non fare nulla dalla mattina alla sera, bensì vuol dire agire senza interferire con la naturalezza delle cose. Il "non fare" si riferisce alla TUA TENDENZA. Se ad esempio la tua tendenza è non fare niente tutto il giorno, il NON FARE vuol dire che ti devi mettere in opera, non devi stare tutto il giorno a gozzovigliare.

SIGNIFICA TENDERE DEGLI AGGUATI AI TUOI SCHEMI ABITUDINARI

“Fare l'agguato a se stessi”, cioè “catturare” i propri vizi e “Smontare” tutte le altre abitudini malsane

☆ Concediti piccole trasgressioni quotidiane!

PRENDITI IN CONTROPIEDE, di soppiatto, alla sprovvista, così da disarmare quelle tendenze automatiche e le movenze logoranti inconsce, che operano a tua insaputa.

ESEGUI AZIONI INSIGNIFICANTI, INUTILI, INSENSATE cioè prive di Necessità, partecipazione emotiva, un obiettivo, un

fine particolare, uno scopo prestabilito, un desiderio, un bisogno, un'urgenza

SPONTANEE, ossia non causate o giustificate da un movente esterno, dalla volontà altrui

Queste azioni disinteressate possono suscitare un intenso sentimento di libertà, di liberazione dai pesi quotidiani

Quando rompiamo gli automatismi, si perde la meccanicità dei propri gesti e ciò porta a una maggiore padronanza di se stessi, dei propri pensieri, della propria volontà.

Questo atteggiamento simboleggia l'Agire senza Agire.

Ciò è un'anteprima di azioni veramente LIBERE e

Esempi:

Scegliere un dato momento della giornata, una data ora, es. le 9 del mattino e compiere un'azione che di solito non viene mai richiesta, quindi un'azione completamente inutile, stupida, insensata o irragionevole come toccarsi la caviglia, decidere di disegnare su un foglio un fiore, oppure di prendere una scala, salire e toccare il soffitto e rimettarla a posto; o ancora decidere di andare in garage aprire lo sportello della macchina e richiuderlo.

Sembrano azioni inutili ma ci accorgeremo che quando compiamo quell'azione esse è in realtà l'unica azione libera che compiamo durante il giorno: l'unica azione che possiamo dire che abbiamo deciso noi, con la nostra volontà, senza spinte di desideri, pensieri estranei, preoccupazioni.

Oppure:

- Rispondere in maniera volutamente ambigua o provocatoria,

- Usare la mano sinistra per scrivere, lavarti i denti, stringere la mano a un ospite.

- Camminare all'indietro,

- Prendere una via a caso, la prima che capita, seguire una direzione sconosciuta,

- Fare qualcosa a occhi chiusi (vestirsi, muoversi, bere, mangiare

- Perdere volontariamente del tempo osservandosi intorno, fare qualcosa di stravagante disinteressandosi alle altre opinioni.

),

LASCIA FILTRARE PIU' CASUALITA' nella preparazione / esecuzione di qualche attività, così da renderla

appunto IMPREVEDIBILE

di trovare sempre il risultato sperato, rimuovere tutte le barriere che ostacolano il processo creativo.

Ciò ti aiuterà ad aggirare l'impulso al controllo, la resistenza alle novità, il desiderio

Quando Pasteur affermò che il caso favorisce le persone preparate, intendeva dire che non bisogna cercare quotidianamente di particolare, ma è necessario lavorare sodo per lasciare che la contingenza entri nel nostro raggio d’azione. Significa anche esporsi all'involucro della serendipità, ossia quella fonte d'incertezza positiva che aumenta la probabilità di coincidenze significative.

che aumenta la probabilità di coincidenze significative. “ FOLLIA CONTROLLATA ” ☞ Riuscire a SEPARARSI DAL

FOLLIA CONTROLLATARiuscire a SEPARARSI DAL MONDO, RESTANDO IN ESSO, continuando a viverci

Non “darsi” (attaccarsi) al mondo, ma “godere” di esso.

Follia controllata, è l’atteggiamento di chi ha imparato a «vedere» che si trova circondato dalla mera follia e nonostante ciò è in grado di immergersi in essa senza perdere le staffe, mantenendo il pieno controllo. La follia controllata è l'arte di fingere di essere completamente immersi in qualcosa a portata di mano - e fingere tanto bene che nessuno possa vedere la differenza tra vero e falso. La follia controllata non è un vero e proprio inganno, ma un mezzo sofisticato e artistico di essere separati da tutto pur restando parte integrale di tutto. «La follia controllata è difficile da apprendere. Molti non riescono a sopportarla, non perché ci sia in quell'arte qualcosa di male, ma perché richiede molta energia nel praticarla».

Non lasciatevi "trascinare" dalle situazioni. Se cominciate a inquietarvi e ad impazientirvi, a disperarvi, sarete abbattuti senza pietà dai TIRATORI SCELTI

Se invece agite senza macchia e avete sufficiente potere personale per eseguire i vostri compiti, si attuerà per voi la REALIZZAZIONE dell'INTENZIONE (Castaneda)

DELL'IGNOTO

---------------------------------------------------------------------------

•Dominio del Volere

POCHI AGISCONO,

MOLTI SONO AGITATI

Eseguire azioni che di solito rimandiamo o che ci risultano fastidiose.

Sforzati di agire nel luogo e nel tempo voluto.

Se dobbiamo fare una cosa, invece di dire "la faccio dopo", diciamoci "la faccio subito!".

Può essere utile anche decidere di smettere di pronunciare una data parola, rinunciare a un piccolo vizio, non bere in un

certo momento, cercare di mutare la nostra postura, stare più eretti, osservarci come stiamo seduti, innaffiare a una certa

ora

Imporsi una qualche attività sportiva e così via.

CHIEDITI:

“Cosa farei nella giornata di oggi, di diverso da quello che faccio usualmente, IMMAGINANDO CHE IL MIO PROBLEMA SIA COMPLETAMENTE SCOMPARSO

E fra tutte le cose che ti vengono in mente e che potresti fare, scegli la più piccola, la più minimale e mettila in pratica.

La prossima volta estenderai la lista delle cose che hai fatto

Ogni mattina, quando ti lavi, ti vesti, ti prepari, pensa a come ti comporteresti se fossi sempre stato un ragazzino deciso e non fossi mai stato insicuro e poi fra tutte le cose che ti vengono in mente, scegli la più semplice ma concreta e mettila in pratica. Ogni giorno fai (o almeno PENSA) qualcosa di diverso, innovativo, sensazionale o paradossale.

L'AGIRE (fare qualunque cosa) ci RENDE FELICI perché tiene il corpo in attività e allo stesso tempo ci distoglie dal ronzio mentale

Non fare troppo: intrattieniti con poche, semplici ma essenziali conoscenze. Non fare troppo poco: mantieni sempre l'essenziale lucidità della mente e la preziosa armonia del cuore. Seguendo queste brevi indicazioni percepirai meglio lo scorrere del flusso vitale.

---------------------------------------------------------------------------

ALLENTA LA PRESA

“ Quello a cui si RESISTE, PERSISTE ”

“ Quello a cui tenti di aggrapparti, se la svigna ”

“ Ciò che legherete sulla terra sarà legato anche in Cielo, ciò che slegherete sulla terra sarà slegato anche in Cielo ” (Mt.

18,15-35).

LEGARE = stringere, fissare, fermare, non lasciar scorrere, arrestare, bloccare, limitare (Stop) = leggi, convinzioni, indottrinamenti (scuole, religioni, dogmi, culti), imposizioni, abitudini, rituali (ORARI), regole/convenzioni sociali, attaccamenti, vincoli.

SLEGARE = liberare dalle costrizioni forzate, REGALARE, lasciar muovere, sciogliere i nodi, lasciar andare, non fissare =

libertà, fluidità, scorrevolezza, possibilità di cambiamenti, sviluppo, dinamismo

Allargare i confini del tuo essere!

Nella vita non c'è niente da OT-TENERE e R-AGGIUNGERE, dobbiamo solamente smettere di STRATIFICARE, ostacolare, R- ESISTERE

Noi siamo (e saremo) sempre esseri vulnerabili , con o senza maschera, scudo e armatura. Ciò però non deve essere motivo di astio o timore, bensì di maggior umiltà e accettazione incondizionata di noi stessi e del mondo. La vulnerabilità consapevole è in realtà segno di forza e saggezza. Adesso molla lo scudo, la lancia e l'armatura dell'ego con cui sei stato condizionato e hai resistito a tutto e a tutti. Accetta te stesso così come sei e gli altri così come sono. E' tempo che Don Chisciotte deponga le sue armi e abbandoni la sua battaglia immaginaria contro i mulini a vento.

la sua battaglia immaginaria contro i mulini a vento. Lo sforzo che impieghiamo per resistere ci

Lo sforzo che impieghiamo per resistere ci PROSCIUGA la vitalità. Quando permettiamo alle sensazioni di essere quel che sono, scorrono via.

Accogli l'attimo presente con un sorriso.

Sciogli il nodo paralizzante e lascia fluire ciò che soffocava e ostruiva la tua Vita.

Solo così le corde dell'anima torneranno a vibrare”

LA VERA FORZA STA NELLA CEDEVOLEZZA

Seguire la “Via della Cedevolezza” non significa rimanere inattivo, ma seguire il flusso e sferrare il tuo attacco al momento opportuno.

DISARMO INTERIORE = Abbandonarsi al flusso vitale, SCIVOLANDO ALLEGRAMENTE SUGLI ATTRITI PSICO- EMOTIVI

Percorri le linee di minor resistenza.

Sappi che il corpo non può sorregge tutti gli sforzi che vengono imposti dal sistema; non fare la fine di Atlante

costringendoti a dover sostenere sulle tue spalle il peso insopportabile della volta celeste ALLENTA la MORSA con cui la tua mente si avvinghia su ogni cosa.

Lascia andare la presa,

In senso figurato, il corpo umano è fatto per il 90% di ANSIA , RESISTENZA E RIGIDITA!

COMPENSA LA TUA ENERGIA:

In un sistema duale, quando ti polarizi in un punto qualsiasi (a destra o sinistra, verso l'alto o il basso) sappi che un giorno dovrai controbilanciare la tua posizione con una spinta nella direzione opposta. In un sistema polare devi sempre raggiungere il Punto Zero, cioè un risultato di Equilibrio, Neutralità, Conciliazione

Quando si perturba un sistema con una certa tensione, questo deve sempre tornare alla sua forma originale.

questo deve sempre tornare alla sua forma originale. Bada a non attaccarti a una posizione fissa,

Bada a non attaccarti a una posizione fissa, sii flessibile!

Non arenarti su un'idea, non immobilizzarti su un punto di vista particolare. Non lasciarti rinchiudere in una certa visione delle cose (neppure la tua personale) senza più poterne uscire e modificarla.

Ogni tanto, durante la giornata, rifletti sulla tua CONDIZIONE INTERIORE IN RAPPORTO AL CICLO UNIVERSALE del PIACERE/SOFFERENZA

SOFFERENZA --> TENSIONE + CARICO (pesantezza/spossatezza)

PIACERE --> SCARICO (leggerezza, abbandono) + RILASSATO

Sai bene che tutto PULSA seguendo il ritmo della natura

delle cose, senza interruzioni/blocchi - sinonimi di inibizioni / malattie / disagi / paure / limiti.

Un normale ciclo inizia con la tensione di un carico (fisico o mentale) e termina con il sollievo (rilassatezza) di uno scarico (emozionale), a cui può seguire una RICARICA ENERGETICA.

la felicità sta nel completare con successo il ciclo, o corso naturale

Chiarito ciò, abituati a chiederti:

In questo momento mi sento teso, rilassato, sovraccarico o scarico?

Tieni conto che possono esistere tipologie di individui in base a queste 4 fasi:

1. il tipo troppo teso che non riesce mai a rilassarsi;

2. quello troppo rilassato che non prende mai iniziative;

3. il tipo sempre carico che non si scarica, cioè non butta fuori ciò che prova, non esprime ciò che sente, non libera la rabbia repressa e finisce per scoppiare;

4. all'inverso, quello molto scarico è talmente spompato da non riuscire neppure a rilassarsi

Naturalmente tutto sta nel trovare la giusta misura.

Sotto un certo punto di vista anche i pensieri (o le emozioni ad essi associate) rappresentano delle tensioni o delle forme di resistenza, poiché sono vere e proprie scariche neuro-elettro-chimiche prodotte ininterrottamente dal nostro cervello. In ciò non c'è ovviamente niente di male (anche perché sarebbe impossibile azzerare tale tensione o vivere in loro totale assenza), ma indubbiamente ridurre la quantità di lavorio mentale può apportare molto sollievo, soprattutto se si tratta di pensieri logoranti, irritanti, di cui potremmo benissimo fare a meno.

E' quindi importante favorire una pulizia mentale che interrompa , o per lo meno riduca, alcuni meccanismi di autosabotaggio.

Tra questi meccanismi c'è quello dell'EVASIONE dalla REALTA' ATTUALE. Si tratta di quei castelli in aria che costruiamo per eludere il qui ed ora, deformare o alterare l'evidenza dei fatti, fuggire il momento presente.

Mentre la tua mente vive nell' ERA MEGLIO CHE Tralascia un dettaglio non da poco:

LA VITA PUO' ESISTERE SONO NEL PRESENTE

, nell' AVREI DOVUTO

, nel DOMANI SARO' o SPERO CHE

E indovina un po' il paradosso ?

Proprio quando credi che la tua mente sia assente, poiché smette di confabulare su ciò che dovrebbe accadere, in quell'esatto

momento, la Vita è Presente e ti Attraversa

Nel preciso istante in cui interrompi il travaglio mentale inizi a vivere veramente

Ciò che E' include ciò che DOVREBBE essere.

La Realtà va accettata "Così com'è" e non come "Dovrebbe Essere" secondo il proprio sistema di preconcetti.

Economizza le tue risorse mentali: quel Dovrebbe trasformalo in un "E' Così !"

Dovrebbe Essere Così

ACCETTAZIONE

------>

E' Così

RICONNETTITI CON OGNI ISTANTE e APPREZZALO PER CIO' CHE E'

Non accettare le cose come stanno significa creare un conflitto tra ciò che ci si immagina e ciò che è realmente.

Un conflitto costa energia, tempo, risorse e blocca il processo di sviluppo, ostacola la fruizione di soluzioni alternative.

Accettando le cose come stanno gli si permette di fluire liberamente, passando da una metamorfosi all'altra.

Spogliarsi di tutto ciò che ci si porta faticosamente appresso e rimanere senza baldacchino, senza protezione, appoggio, punti di riferimento;

Azzittire ogni groviglio interiore, disattivare ogni tensione nell'interrogare la realtà per pretendere conferme immediate, risposte chiare e precise.

Questo ritrovarsi in esilio, senza patria, senza geografia né storia è come un morire rispetto al troppo pieno di sé; E' un fare vuoto

per situarsi in uno spazio sconfinato, dove poter bere la luce sfavillante dell'essere.

Lavorare a fare vuoto è opera mai compiuta, poiché deve fare i conti con la tendenza della mente a operare continui riempimenti, che noi scambiamo per azioni vitali, non avvertendo l'ingombro crescente in cui l'Essere non trova più luogo. Di spossessamento in spossessamento bisogna arrivare ad essere soltanto ciò che non si può né lasciare né perdere

Non crucciarti se il mondo non è come te lo sei immaginato (se quella persona ha delle caratteristiche divergenti dalle tue, vuol dire che la natura ha decretato a modo suo delle qualità peculiari per ogni creatura). C'è chi comincia da x e arriva a y , chi inizia dalla fine (o da sinistra) e arriva all'inizio (a destra), e chi non privilegia né x né y ma parte da k

“La vita sarebbe insopportabilmente piatta se non avessimo degni avversari e sane opposizioni per i quali sprecare fatiche ed energie. Sarebbe di una noia mortale se non venissimo stuzzicati da brevi intervalli di antagonismo ed incertezza”. N. Taleb

"Se te ne freghi di tutto, ti fidi di te stesso e ti abbandoni al corso degli eventi, entri senza sforzo in sintonia con l'energia universale, la coscienza universale. Così facendo, oltre a sentirti al meglio, inizi ad attrarre miracoli nella tua vita"

al meglio, inizi ad attrarre miracoli nella tua vita" Piccola Digressione: Esistono tantissime forme di

Piccola Digressione:

Esistono tantissime forme di resistenza. Sotto una certa angolazione noi NON POSSIAMO NON RESISTERE.

Il nostro corpo, la nostra mente non possono non resistere perché qualsiasi grandezza fisica presente in natura [per mantenersi in vita] manifesta una tensione, un attrito, una

forza [elettromagnetica, di gravità, di attrazione, di repulsione, etc.] in corrispondenza di determinati legami biochimici, condizioni termiche, passaggi di corrente

Vedila così: nel nostro corpo ci sono sempre muscoli che si contraggono come il cuore e altri muscoli involontari, che producono 24ore al giorno energia necessaria per gli sforzi quotidiani, come il semplice camminare, respirare, digerire, dissipare calorie, etc

Il rilassamento fisico è un riposo muscolare "Apparente", in quanto è sempre presente una leggera contrazione detta "tono muscolare", che è uno stato permanente ed

involontario di "tensione attiva".

Senza il principio della resistenza queste attività non sarebbero realizzabili e non avrebbero alcun senso. Questa doppia valenza della resistenza non va sottovalutata.

La cosa curiosa è che apparentemente tali forme di resistenza ci danno l'impressione di restare lontani dall'Unità.

E'

pur tuttavia vero che ogni pensiero, parola o gesto esprime una tensione, una specie di RESISTENZA all'Unità, uno sforzo di restare lontani dall’Uno.

Il

punto è che la nostra vita è già [di per sé] uno sforzo [ anche senza il nostro diretto o volontario intervento], è già una tensione che resiste a quell'Unità localizzabile

costantemente a nostra completa disposizione nel qui-e-ora. In questo preciso momento, mentre state leggendo, quell'illuminazione che cercate, quell'Unità è già presente, quell'Uno è già in noi, eppure allo stesso tempo ne siamo infinitamente distanti proprio per le ragioni esposte poco fa, ossia a causa dell'incessante metamorfosi con cui la vita si dispiega in ogni istante, creando attriti e producendo spontaneamente sforzi costanti. Senza tali sforzi si realizzerebbe all'istante l'Unità, ma ciò comporterebbe la dissoluzione o fusione della nostra individualità, della nostra singolarità. Bel paradosso, vero?!

L’Assoluto, l'Uno, l'Unità sono già qui, lo siamo già mentre ce ne stiamo qua seduti, ne siamo impregnati, non possiamo allontanarcene in nessun modo

di tutto per restarne lontani.

È l’Uno che legge questo articolo, quindi l’illuminazione c’è già. Ma attraverso pensieri, parole, azioni – cioè attraverso il tempo – ci distraiamo dall’illuminazione che

abbiamo già Adesso, qui-e-ora. RESISTIAMO INCONSAPEVOLMENTE A DIO, ALL'UNO, AL SACRO. Siamo così abituati – così assuefatti – che non ce ne accorgiamo più. È come portare un peso sulla schiena

eppure facciamo

dopo qualche ora non lo senti più.

Il momento in cui vi sforzate di ricordarvi di voi stessi – di essere presenti – è l’unico momento in cui interrompete la vostra RESISTENZA nei confronti dell’Unità.

Imparando, quotidianamente, a sciogliere le tensioni e a mollare la presa da ciò cui opponete resistenza, rompiamo lo sforzo inconsapevole a cui eravamo assuefatti e

assaporiamo degli istanti di Unità.

Dobbiamo attuare una sistematica rottura della nostra RESISTENZA quotidiana alla Totalità dell'Esistenza, alla globalità dell'Essere. Dobbiamo Cessare di produrre sforzi

per resistere all'Evoluzione Universale, al Cosmo

Rinunciare all'auto-oppressione con cui ci urtiamo, generando attriti e sofferenza reciproca momento dopo momento,

giorno dopo giorno. Una sofferenza perenne che striscia poco al di sotto della coscienza. Uno stato di ansia e stress incessanti che oramai fanno parte del nostro esistere quotidiano. Se si prestasse attenzione agli innumerevoli attimi che sfuggono alla nostra consapevolezza, ci potremmo accorgere di quanta energia utilizziamo per scappare dal Creatore, dall'Unità, dall'Unione con lo Spirito ! Riusciremmo a SENTIRE “nella carne” con quanta forza ci teniamo lontani tutti i giorni, con quanta forza e tensione ci separiamo gli uni dagli altri, gli uni dall'Uno. In pratica non c’è niente da raggiungere, c’è solo da smettere di resistere. Ciò che cerchiamo di raggiungere è in verità ciò a cui stiamo resistendo in ogni istante. Questa comprensione è già illuminazione. Questa accettazione è già Unità. Questa conoscenza è già l'Uno. Questo istante è già l'eternità.

---------------------------------------------------------------------------

Modifica il DIALOGO INTERIORE

“ La maggior parte del "pensare" ha luogo a livello inconscio”

parte del "pensare" ha luogo a livello inconscio” “ Voi, per tu " o il parlare

Voi, per tu "o il parlare che fa #, sie # imbroglia $ da % e parole. Sie # in & appola$ dai loro signi ca$

Quando il dialogo in #rno si ferma, il

mondo co %assa, e a orano aspe " i s & aordinari di noi s #ssi, come se fossero sta $ severamen # #nu $ so"o sorveglianza da%e nos & e parole

( Don Juan Matus )

Padroneggia e rendi coerente il discorso interno, il linguaggio interiore, ordinandolo a partire da un principio semplice e universale, come la distinzione tra ciò che dipende e non dipende da noi, tra la libertà dell'uomo e quella della natura

SMETTILA DI CORRERE DIETRO A TUTTI I TUOI PENSIERI, SPARSI DISORDINATAMENTE NELLA TUA MENTE

I TUOI PENSIERI, SPARSI DISORDINATAMENTE NELLA TUA MENTE “ARRESTARE IL "DIALOGO INTERIORE” ☞ “ FERMARE

“ARRESTARE IL "DIALOGO INTERIORE” FERMARE la DESCRIZIONE del MONDO”

☟ ☟

Far CROLLARE IL MONDO E POI RIMETTERLO IN PIEDI

Ogni volta che il dialogo interno si interrompe, il mondo sprofonda e affiorano straordinarie sfaccettature di noi, come se fossero state fino a quel momento tenute nascoste dalle nostre parole.

Per Fermare il mondo si deve imparare una nuova descrizione in un senso totale, allo scopo di contrapporla a quella vecchia e, in questo modo, spezzare la certezza dogmatica, che tutti abbiamo, secondo la quale la validità delle nostre percezioni, o la nostra realtà quotidiana, non si devono mettere in discussione.

Il passo successivo è quello di VEDERE l’altro mondo, raggiungere e ottenere la PURA PERCEZIONE e “PARTECIPAZIONE”

DIRETTA con lo Spirito.

Il modo migliore per creare nuove esperienze consiste nel modificare la tua reazione a ciò che accade; in base alla naturale legge di causa-effetto, la nuova reazione produrrà nuovi risultati, che poi sperimenterai come una nuova realtà.

La tua reazione (ciò che scegli di vedere, cioè la tua interpretazione degli eventi) determina le tue future esperienze.

L'atteggiamento mentale da adottare è il seguente: "QUALSIASI COSA MI ACCADA E' LA MIGLIORE CHE POSSA

CAPITARMI"

"Dietro ogni svantaggio c'è sempre un VANTAGGIO".

Agisci come se ciò che ti accade fosse la cosa migliore che possa capitarti.

Le tue azioni creano un vortice di energia” che attira i necessari elementi per il tuo sviluppo e per il raggiungimento di Nuovi risultati = Divertimento, Felicità, Soddisfazione.

di Nuovi risultati = Divertimento, Felicità, Soddisfazione. Non dare priorità e urgenza a ciò o a

Non dare priorità e urgenza a ciò o a chi non lo merita !

SCALA LA MARCIA, RALLENTA, sorridi e goditi AL RALLENTATORE ogni attimo, PROLUNGA gli istanti di INTENSA bellezza.

Osserva e CATTURA OGNI MOMENTO ESSENZIALE !

Vivi IN DIRETTA le gioie della vita,

trasmettendo le futilità IN DIFFERITA, lasciandole scorrere e DISSOLVERE SULLO SFONDO

Con il dialogo ordinato con te stesso e gli altri - anche scrivendo - riuscirai a condurre lucidamente i tuoi pensieri, approdando a una trasformazione totale della tua rappresentazione del mondo, della tua atmosfera interiore e del tuo comportamento esteriore.

tua atmosfera interiore e del tuo comportamento esteriore. A ciò si aggiunga il potere terapeutico del

A ciò si aggiunga il potere terapeutico del pensiero o della parola giusta espressa al momento giusto -> il potere delle parole:

Una parola incauta, crudele può far divampare un conflitto, ferire, instillare odio, devastare una vita.

Una parola gioiosa, cortese, dolce, tempestiva, può aprire molte porte, illuminare una giornata, curare il corpo e l’anima, può ridurre l’ansia.

AMPLIARE il proprio VOCABOLARIO TRASFORMAZIONALE

I pensieri e le parole sono degli INCANTESIMI.

Ci

coinvolgono e ci condizionano in positivo o negativo, a seconda di come li esprimiamo.

Le

nostre parole ci ipnotizzano, per questo è bene ampliare il proprio vocabolario, usare un Vocabolario Trasformazionale cioè

ampliare il nostro linguaggio abituale, riconoscere la contingenza storica di ogni linguaggio, sostituire i vecchi vocaboli per

integrare nuovi termini (emozionalmente edificanti), sbarazzandosi di quelli ingombranti e perniciosi.

E' bene servirsi spesso della nuova terminologia (è sufficiente memorizzare poche ma buone parole per sentirsi ispirati e percepire una notevole differenza nella qualità della propria vita).

Puoi allenarti con un vocabolario per 10-15 minuti al giorno, cercando 20/30 parole nuove, straniere o complesse da memorizzare e utilizzare al momento opportuno ☜ Se lʼesercizio è sistematico si otterranno notevoli miglioramenti delle capacità verbali.

SELEZIONA con CONSAPEVOLEZZA le PAROLE che utilizzi:

OGNI ESPRESSIONE HA UNA SUA FREQUENZA, una sua INTENSITA' EMOTIVA, che a sua volta può INNALZARE o ABBASSARE LA TUA VIBRAZIONE INTERIORE [RISONANZA].

Entrare in risonanza con vibrazioni devastanti, devasterà la tua vita!

In sintesi, ricorda la regola delle 5 P:

Parole

Poco

Pensate

Portano

Pentimento

---------------------------------------------------------------------------

OGNI ELEVAZIONE E' UNA CONQUISTA

Osservati con meraviglia via via ascendendo.

[Se vuole spiccare il volo, la colombra deve prima dibattersi ogni istante contro il villano pieno di piombo in corpo]

La vita è in salita e salire è difficile

ma più sali

più il panorama è bello.

Non vorrai fermarti al primo gradino, vero !? Caro mio, così è troppo comodo Cerca

Non vorrai fermarti al primo gradino, vero !?

Caro mio, così è troppo comodo

Cerca di non fermarti proprio adesso

Una volta ingranata la marcia cerca di non cambiarla in quanto riprenderla ti costerà sempre molta più fatica. Lo sai quanto è abitudinario il tuo vivere e quanto dura sia riprendere il giusto passo se tu lo dovessi perdere o anche solo allentare

Datti la spinta ricordandoti che:

OGNI SOFFITTO RAGGIUNTO DIVENTA PAVIMENTO!

Se cadi in una difficoltà corri svelto in un altro punto dello spazio-mente

che la tua mente prenda il volo nell'aria, che il PENSIERO SI SLANCI VERSO cose "Elevate" spazio puro dell'infinito.

Non ricodurre sempre il pensiero a te stesso, ma lascia

Lascia il suolo per librarti nello

La mia visione è più alta del cielo, ma la mia attenzione alle azioni e ai risultati è più profonda del pavimento” - Dudjom Rinpoche

---------------------------------------------------------------------------

DISIDENTIFICAZIONE DALLE MASCHERE

Siamo tremendamente INTRAPPOLATI, attaccati, IDENTIFICATI con la nostra STORIA PERSONALE ESCI DAL CIRCOLO VIZIOSO

Siamo tremendamente INTRAPPOLATI, attaccati, IDENTIFICATI con la nostra STORIA PERSONALE

ESCI DAL CIRCOLO VIZIOSO DELL'EGO-STRESS

Ma allo stesso tempo cerca di avere una precisa coscienza delle tue risorse e dei tuoi limiti (fisici, energetici, mentali, ecc ); non uscirne mai in misura eccessiva (eccedere laddove non è più tua competenza ti causerebbe solo inutile stress).

è più tua competenza ti causerebbe solo inutile stress ). Non farti soggiogare dalle sub-personalità, cioè

Non farti soggiogare dalle sub-personalità, cioè dalle auto-immagini o rappresentazioni di sé con cui ognuno di noi, chi in un modo e chi in un altro, mostra la vanità del proprio Ego.

CANCELLA LA TUA STORIA PERSONALE e SVINCOLATI DAL PASSATO

-> Tu non sei la tua storia, il tuo passato,

TU SEI QUALCOSA DI INDESCRIVIBILE e INCOMMENSURABILE,

non c'è storiella personale che regga il tuo autentico Essere, il quale è appunto IMPERSONALE.

Lo Spirito Libero non parteggia per nessuno: Sii uno spirito IMPERSONALE !

Il tuo io non esiste, o meglio esiste ma muta continuamente con l'avanzare del tempo. Tu non sei la stessa persona di un attimo fa, il tuo essere si rinnova attimo dopo attimo.

Prima c'era un io numero 1, ora c'è un io num. 2, poi ci sarà un io n°3, io 4

io (n) , e così via all'infinito.

Ogni anno, mese, giorno, minuto, secondo, istante, tu sei “un io-persona-individuo” differente, che muta senza sosta, incessantemente.

---------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------

SEZIONE INTERMEDIA

Conoscenza (SAPERE)

+

Volontà (POTERE)

+

Coraggio (OSARE)

+

Silenzio (TACERE)

[Sul tacere sappi che non appena confidi i segreti degli autentici insegnamenti a dei PROFANI, ATTIRI su di te l'ostilità e la SVENTURA]

NON DISCUTERE DI QUESTIONI NUMINOSE IN ASSENZA DI LUCE

---------------------------------------------------------------------------

DOWNLOAD CONSAPEVOLEZZA

“Il mio cervello è solo un ricevitore, nell'Universo vi è un nucleo da cui si o iene la conoscenza, forza e ispirazione. Non ho penetrato i segreti di questo nucleo, ma so che esistono” - Nikola Tesla

ACCERTATI DI FARE OGNI GIORNO IL PIENO DI CONSAPEVOLEZZA. IL TUO ORGANISMO è COME UN

ACCERTATI DI FARE OGNI GIORNO IL PIENO DI CONSAPEVOLEZZA.

ACCERTATI DI FARE OGNI GIORNO IL PIENO DI CONSAPEVOLEZZA. IL TUO ORGANISMO è COME UN ENORME

IL TUO ORGANISMO è COME UN ENORME RECETTORE , anzi un insieme di ricettori BIOELETTRICI INTERATTIVI.

, anzi un insieme di ricettori BIOELETTRICI INTERATTIVI. Sintonizzarsi con le forze cosmiche QUANDO SARAI

Sintonizzarsi con le forze cosmiche

QUANDO SARAI SUFFICIENTEMENTE PRONTO E RICETTIVO, SARAI IN GRADO DI SCARICARE DIRETTAMENTE DAL COSMO UNA MAREA DI INFORMAZIONI A CUI PROBABILMENTE ORA NON HAI ACCESSO.

DI INFORMAZIONI A CUI PROBABILMENTE ORA NON HAI ACCESSO. Per il momento prenditi cura delle tracce

Per il momento prenditi cura delle tracce che si depositano sul tuo nastro esistenziale, prestando attenzione alla:

SINTONIZZAZIONE DELLA TUA TV-RADIO MENTALE

Le nostre rappresentazioni (costruzioni) mentali dipendono dal flusso di informazioni a cui abbiamo accesso, ovvero

Le nostre rappresentazioni (costruzioni) mentali dipendono dal flusso di informazioni a cui abbiamo accesso, ovvero dal modo in cui riusciamo a disporre e sviluppare le risorse presenti nell'ambiente in cui siamo inseriti.

Immagina che sia possibile scaricare flussi di informazioni proprio come scarichi i file (filmati, canzoni, libri) da internet o SINCRONIZZI gli mp3 del tuo i-tunes / i-pod.

da internet o SINCRONIZZI gli mp3 del tuo i-tunes / i-pod. Riflettici un attimo. Credi ci

Riflettici un attimo.

Credi ci sia differenza tra i comuni file multimediali e quei pacchetti di informazione definiti "immagini mentali, pensieri, ricordi,

visioni, esperienze oniriche, deja vu

"?

ricordi, visioni, esperienze oniriche, deja vu "? No, non c'è alcuna differenza: si tratta in entrambi

No, non c'è alcuna differenza: si tratta in entrambi i casi di segnali elettrici rielaborati da un processore esterno [computer]

oppure interno (cervello

canale comunicativo onnipresente tramite cui vengono trasferite le nostre appercezioni, le quali in un secondo tempo

s'imprimono in noi così da fornirci l'ipseità - "coscienza dell'io o del sé).

da non confondere con la mente, la quale invece è un’entità non riducibile o localizzabile, è quel

Pensate alla scena di Matrix, in cui Neo viene addestrato "virtualmente" tramite dei sofisticati programmi

Pensate alla scena di Matrix, in cui Neo viene addestrato "virtualmente" tramite dei sofisticati programmi di simulazione in grado di riprodurre qualsiasi componente del mondo reale per poi ristrutturarlo nella mente umana.

“ DEVI LASCIARTI TUTTO DIETRO, NEO

PAURA , DUBBIO, SCETTICISMO

DEVI LASCIARTI TUTTO DIETRO, NEO PAURA , DUBBIO, SCETTICISMO SGOMBRA LA TUA MENTE “ Gli stessi

SGOMBRA LA TUA MENTE “

Gli stessi videogiochi, servendosi di tecnologie di "realtà aumentata", sviluppano il principio dell'apprendimento virtuale di nuove abilità.

principio dell'apprendimento virtuale di nuove abilità. L'assimilazione di tali abilità è paragonabile al

L'assimilazione di tali abilità è paragonabile al caricamento di un software o di un'applicazione sul vostro computer. Naturalmente l'interiorizzazione consapevole di nuove conoscenze richiede dei prerequisiti che andrebbero affrontati in un'altra sede.

Ma tornando in tema, senza complicarci troppo la vita con interfacce interdimensionali, prendiamo in considerazione i più semplici passaggi di comunicazione a nostra disposizione: i cinque sensi.

di comunicazione a nostra disposizione: i cinque sensi. Attraverso i nostri sensi entrano costantemente miriadi di

Attraverso i nostri sensi entrano costantemente miriadi di contenuti, senza che noi ce ne rendiamo conto veniamo bombardati da stimoli di ogni genere. Il primo modo per "scaricare" consapevolezza consiste nell’incanalare diversamente i flussi di energia attraverso i sensi. Un esempio banale è immaginare che i biofotoni dei raggi solari, colpendo i nostri occhi, la pelle, il plesso solare, ci forniscano messaggi , dei codici che verrano decifrati (il modo ora non ci interessa) dalle cellule del nostro organismo.

E' sufficiente alzarsi all'alba e fingere di "scaricare" per un paio di minuti contenuti dei biofotoni all'interno del proprio "sistema operativo organico".

del proprio "sistema operativo organico". Oppure, semplificando ulteriormente, immaginare di essere

Oppure, semplificando ulteriormente, immaginare di essere una pila che viene ricaricata di "consapevolezza" per mezzo dei sogni

(apportatori di immense miniere d'oro), della meditazione, dell'immaginazione attiva (visualizzazione creativa) sbizzarrire come si vuole.

Ci si può

creativa) sbizzarrire come si vuole. Ci si può Se qualcuno lo no desidera, può fingere di

Se qualcuno lo no desidera, può fingere di assorbire informazioni grazie al contatto con qualsiasi piattaforma (libro, filmato, discussione, conferenza) o con qualunque forma di energia (organica o meno, reale o immaginaria).

forma di energia (organica o meno, reale o immaginaria). Sta al singolo affinare la sua abilità

Sta al singolo affinare la sua abilità nell'entrare in comunione d'intenti con la Grande Sorgente.

in comunione d'intenti con la Grande Sorgente. Un consiglio rapido può essere questo: Terminata una

Un consiglio rapido può essere questo:

Terminata una particolare esperienza di transizione (qualunque esperienza psico-emotiva-onirica-astrale) esprimi con fermezza il TRASFERIMENTO COMPLETO E IMMEDIATO di quella memoria (o ricordo transitorio) alla Consapevolezza fisica,

come se l'essenza di quell'esperienza si impiantasse dentro di te incrementando il tuo livello attuale di Coscienza. In aggiunta proponiti di TRASFERIRE LA CONSAPEVOLEZZA ALL'INTERNO DEL TUO CORPO ENERGETICO (chiamato anche Corpo Astrale-Mentale-Volitivo, Doppio, l'Essere Luminoso, il Sé, l'Altro, il Corpo di Gloria, di Grazia, di Luce, Adamantino,

Kesdjiano, Soma Pneumatico

)

--------------------------------------------------------------------------- DIGIUNA PER UN GIORNO, ALMENO UN PAIO DI VOLTE

---------------------------------------------------------------------------

DIGIUNA PER UN GIORNO, ALMENO UN PAIO DI VOLTE AL MESE

(se possibile digiunare una settimana intera, ogni 5 o 6 mesi)

+

NUTRIRSI DI EMOZIONI

“Per distoglierci dall’eccessivo attaccamento al cibo fisico occorre ritornare a dare importanza ad altri fattori che ci gratificano e ci fanno stare bene. Uno tra questi e per me molto importante è il fattore emozionale. Provare e quindi sentire ma anche esprimere emozioni è di fondamentale importanza per il benessere psicologico e dunque anche per controllare il nostro eventuale ed eccessivo attaccamento nei confronti della nutrizione materiale. Perché specialmente oggi l'atto di mangiare a tavola o come spuntino è divenuto qualcosa che va oltre le nostre reali necessità fisiche, così facendo si perde il controllo dinanzi al cibo, la finta fame dilaga e nel tempo crea malessere. Le emozioni invece hanno la capacità di ridimensionare molti vuoti interiori e ci aiutano a controllare i nostri falsi appetiti.”

(Andrea Bertoni)

---------------------------------------------------------------------------

ESERCITA LA MEMORIA, ALLENA LE FACOLTA' VOLITIVE

Alla mattina, prima di alzarti dal letto, richiama alla mente gli eventi del giorno precedente, cercando di ripeterli mentalmente, in

ordine cronologico (Cosa hai detto, chi hai incontrato, cos'hai mangiato, ecc

[Se hai abbastanza tempo prova a ripetere le azioni-frasi che hai compiuto-pronunciato]

)

Oppure:

Al mattino, si esaminerà in anticipo ciò che si deve fare nel corso della giornata, e si fisseranno in anticipo i principi che dirigeranno e ispireranno le azioni.

Alla sera il soggetto si esaminerà nuovamente, per rendersi conto dei progressi compiuti.

Si esamineranno anche i propri sogni.

[

sarebbero reali quando l’individuo smette di vedersi vinto, umiliato, tormentato in sogno da qualche paura o passione vergognosa, oppure se non è più consenziete ad alcunché di violento e malvagio. Quando le facoltà dell'anima risplendono come un oceano diafano di serenità significa che stiamo facendo buoni progressi, che ci stiamo purificando]

Zenone pensava che, grazie ai propri sogni, ognuno potesse avere coscienza dei progressi che faceva. Questi progressi

---------------------------------------------------------------------------

CIRCOSCRIVI IL PRESENTE

Circoscrivi il momento attuale, delimita il presente, cerca di intravvedere quanto sia infinitesimo l'istante in cui il futuro diventa passato.

Immergiti nella STANZA DELL'ETERNO PRESENTE.

Isolati dal vortice caotico della vita mondana.

Circoscrivere il presente - ricordava M. Aurelio - significa liberare l'immaginazione dalle rappresentazioni passionali del

rimpianto e della speranza, dalle inquietudini o preoccupazioni superflue

E' un autentico esercizio di "Presenza", rinnovando

ogni istante il consenso della nostra volontà alla volontà Universale.

---------------------------------------------------------------------------

TIROCINIO DELLA MORTE

“Vuoi una morte facile? morire senza dolore o agonia? Allora muori ad ogni istante, lasciando il passato e permettendo alla luce della tua presenza di spazzare il pesante sé temporale che hai creduto essere te stesso E. Tolle

MORIRE al MONDO , per RINASCERE in Sè STESSI

Significa ESERCITARSI A MORIRE all'individualità, al Passato, alle passioni, agli instinti, alla parte ferina e selvaggia del

nostro essere, per aprirsi, rinascere e vedere le cose nella prospettiva dell'Univiersalità, della Totalità della coscienza.

entrare nell'interiorità

AGISCI "COME SE" fosse l'ULTIMA ORA della tua VITA sulla TERRA

Perdi il tuo io teatrale per Ritrovare il vero Sé ----> Dissoluzione delle componenti vili e sublimazione di quelle virtuose ---> dissociazione progressiva degli elementi più bassi (del composto umano) dagli elementi più elevati.

“ Se vuoi distruggere la tua paura del tempo e della morte immagina la vita come un cerchio senza inizio ne’ fine. Considera l’istante presente come il punto che indica l’inizio e la fine nello stesso tempo ” (Dugpa Rimpoce)

Ricordate, o fratelli , queste mie parole: tutte le cose composte sono destinate a disintegrarsi! Attuate con diligenza la vostra propria salvezza!” - Buddha

-----

Di notte, prima di dormire, immagina di:

1) Celebrare metaforicamente la morte dell'Ego, del Corpo e degli Attaccamenti Fisici.

Immagina che una parte di te, quella illusoria, perisca.

Fai finta che gli aspetti puramente ornamentali e superficiali del tuo autentico essere muoiano e svaniscano.

2) In secondo luogo immagina che la tua Essenza, la tua parte Eterna (Anima) , nel momento in cui ti addormenti, si possa librare ovunque desideri. Svincolata dagli impedimenti diurni, se ne andrà spensierata per i fatti suoi.

3) Infine al mattino, appena sveglio, l'anima ritorna ad animare il corpo e tu ritorni a vivere. Vedila come una sorta di Risurrezione!

Per il momento fallo per gioco, poi, quando avrai imparato ad educare le componenti del tuo Essere, diventerà qualcos'altro.

------

Per gli stoici il tirocinio della morte è il tirocinio della libertà.

Per Seneca, "Chi ha imparato a morire ha disimparato a servire":

" Mentre si attende di vivere [come si vorrebbe], la vita ci passa davanti [indisturbata alle nostre pretese]"

Per gli stoici, l'unica cosa che dipende da noi, dalla nostra volontà, è la Virtù e il vizio , quelle erano in nostro potere, ma tutto il resto, vita, morte, ricchezza, povertà, piacere, dolore, sofferenza, fama, non dipendono da noi, accadono indifferentemente [e

accidentalmente] ai buoni e ai cattivi, in virtù della decisione iniziale della Provvidenza o della concatenazione necessaria delle cause.

Per altri ricercatori, il pensiero (corretto) della morte trasforma il tono e il livello della vita interiore:

"Che la morte ti sia davanti agli occhi ogni giorno - dice Epitteto - e non avrai mai alcun pensiero basso né alcun desiderio eccessivo."

Per Marco Aurelio si deve: "Agire, parlare, pensare sempre come qualcuno che possa essere in punto di morte".

Per Atansio , occorreva svegliarsi pensando che forse non si arriverà fino a sera, addormentarsi pensando che forse non ci si sveglierà.

Lettera ai corinzi (15, 31): "Io muoio ogni giorno"

"Vivi come se tu dovessi morire subito, pensa come se tu non dovessi morire mai.” Giorgio Almirante

Questo tema si ricollega a quello del valore infinito del momento presente che occorre vivere come se fosse insieme il primo e l'ultimo.

Dice Epicuro: "Supponi che ogni giorno che brilla sia per te l'ultimo; sarà allora con gratitudine che riceverai ogni ora insperata".

Per Heiddeger, l'autenticità dell'esistenza sta nella lucida anticipazione della morte: a ciascuno la scelta tra lucidità e miopia.

Per altri, come Platone, l'esercizio della morte è inteso come separazione dell'anima (puro intelletto) dal corpo (bassifondi dell'ego), consiste nel cambiare prospettiva e passare da una visione dominata dalle passioni carnali-individuali a una rappresentazione del mondo governata dall'universalità e dalla sensibilità, eternità e acutezza dell'intelligenza. E' una conversione che si realizza con la totalità dell'anima verso l'Intelletto, il Cosmo, l'Uno.

Trionfare sulle Passioni -> MORTIFICARE LA PROPRIA VOLUTTA' -> Attenersi ai propri propositi di rettitudine -> ESPORSI alle tentazioni e ai SENTIMENTI, SENZA ESSERNE SUCCUBE!

Quando ti serve un incitamento per esprimere un'azione o una parola, riproponiti questo passo Sufi:

“Il mio tempo è prezioso, poiché è la MORTE A CERCARMI,

Non posso permettermi di sprecarlo !”

In questa nuova prospettiva del pensiero depurato, le cose "umane, troppo umane", appaiono ben piccole.

Bisogna abituare sempre l'anima a medicare e a raddrizzare con la massima prontezza ciò che è malato e decaduto, e a eliminare i piagnistei con l'applicazione del rimedio migliore

] [

In un'esplosione totale dell'individualità, diventa identico con l'Uno.

Spoglia l'anima di ogni forma particolare o di ogni pensiero determinato, scarta tutte le cose. Allora si compie, in un attimo fuggevole, la METAMORFOSI: in quell'istante non ti distingui più dall'oggetto che guardi, non ti senti più separato, in qualche modo sei diventato altro, non sei più te stesso né altro da te stesso, ma uno con l'UNO, come il centro di un cerchio coincide con un altro centro.”

(Plotino)

-----

Il saggio, elevando il pensiero fino alla prospettiva del tutto, lo libera dalle illusioni dell'individualità.

DAVANTI ALL'ETERNO (istante della morte)

da "il canto del derviscio" di Rumi:

In quell'istante non pensavo più a nulla. Mi trovavo in uno stato alterato di coscienza. Il mondo, le cose, gli uomini mi

In quell'istante non esistevo più, e al contempo

] [

apparivano come fantasmi. Sublimi, sicuramente, ma vuoti e inconsistenti

vedevo tutti dentro la mia persona

Ora, scampato all'estremo momento, sono tornato sulla terra a condividere i timori degli

uomini

E come loro, assegno nomi alle cose, e parlo di "Bontà, Misericordia, Compassione" e così via. Mentre la realtà è unica, come ho capito in quel breve istante, Splendido istante.

Se il sovrano mi avesse ucciso, allora, mi avrebbe dato l'eternità, non la punizione.

"Capisci ora perché deploro l'uomo che mi ha strappato dal Paradiso di quell'attimo?"

--

“ Memento Mori (Ricordati che sei mortale) ”

----------------------------------------------------------

PREFIGURAZIONE DELLE CIRCOSTANZE INATTESE

Ci si rappresenti in anticipo le difficoltà della vita: separazione, perdita, povertà, sofferenza, morte

ricordando come non siano dei mali (perenni), poiché non dipendono da noi; si fissi nella propria memoria le incitazioni sui

processi della vita ("niente dura per sempre, tutto muta e si trasforma"). Tali esortazioni, giunto il momento critico, ci aiuteranno

ad accettare quegli eventi che fanno parte del corso naturale dell'Universo.

Le si guardi in faccia,

----------------------------

TRASFORMAZIONE dello SGUARDO

« Non esistono due mondi separati, due realta' diverse, un mondo normale e uno paranormale

esiste un mondo unico, che si puo' "guardare" o

"VEDERE"» (Castaneda)

Trasformare lo sguardo vuol dire guardare l'effimera realtà con occhi disillusi. Significa vedere con spietata imparzialità la corrente caotica che trasporta i fenomeni impermanenti. Implica la fermezza e il vigore per assestare un colpo di spugna al manto

di frivolezza che ricopriva i nostri occhi addormentati.

Bisogna trasformare lo sguardo languido, rassegnato, ingenuo, illuso in uno sguardo consapevole, disincantato, distaccato (immune al buonismo di bassa lega e ai puerili sentimentalismi) ma anche ricettivo (in grado di cogliere ogni dettaglio), pienamente presente, conscio sia delle risorse sia delle lacune. Questo sguardo va allenato tutti i giorni poiché è più che probabile l'assenza di capacità discriminatoria nella maggior parte degli esseri umani, i quali è come se indossassero una pellicola oculare che deforma la prospettiva visiva, ingigantendo, rimpicciolendo o dipingendo le impressioni di rosa o di grigio.

Per trasformare lo sguardo non bastano qualche settimana di auto-osservazione, servono mesi e mesi, in molti casi sono necessari degli interi anni, per cui non prendete sotto gamba questo processo.

"Un immenso campo si schiuderà davanti a te, poiché tu col pensiero abbracci la totalità dell'universo, percorri l'eternità della durata, consideri la veloce metamorfosi di ogni cosa individuale, quanto sia breve il tempo dalla nascita alla dissoluzione, infinita al contrario l'età precedente la nascita come quella che seguirà la dissoluzione Cosicché lo sguardo dell'anima venga a coincidere con quello divino della natura universale. " (M. Aurelio)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SCOMPOSIZIONE DEI MOMENTI

Il metodo della scomposizione consiste nell'esaminare con metodo, accuratezza e buon senso ognuno degli oggetti che si presentano nel corso della vita.

Consiste nell'isolare col pensiero un dato momento/aspetto di un continuum spazio -temporale, e poi ricavarne un'osservazione significativa: es. un canto è un insieme di note, la vita è una successione di istanti fuggevoli, di sensazioni piacevoli o sgradevoli, e così via.

Separare le componenti, aiuta a prendere coscienza e distinguere ciò che dipende da noi (il presente) da ciò che non dipende da noi (passato-futuro immaginario).

Inoltre, il dividere in piccoli pezzi qualcosa di più grande - che potrebbe turbarci per la sua dimensione - come dividere e ridurre una difficoltà o un'iniziativa apparentemente insormontabile in piccoli punti di vista e piccole iniziative, ci fornisce una spinta vitale che non avremmo mai avuto se ci fossimo lasciati spaventare o scoraggiare dalla rappresentazione generale di tutte le situazioni fastidiose della vita.

Considera quante cose si producono all'interno di noi, in un istante infinitesimale, sia nel campo fisico che psichico. Allora non ti sorprenderai se un numero di cose di gran lunga maggiore, anzi se tutti gli effetti della natura, si producono simultaneamente in quest'unità e totalità che chiamiamo cosmo.

L'altro tipo di divisione consiste nel distinguere tra le componenti costitutive o essenziali e quelle superflue. Di fronte a una persona o un oggetto ci si chieda:

"Qual è l'elemento fondamentale?

Qual è la causa ?

Qual è il suo rapporto con il cosmo, con il resto della realtà ?

Qual è la sua durata naturale ? "

Queste domande hanno l'effetto di situare l'evento o l'oggetto in una prospettiva ben definita, in una cornice a noi più comprensibile.

Se eseguo bene l'analisi, mi accorgerò che ogni parte dell'oggetto osservato si trasformerà in qualche altra parte più piccola [o grande] dell'universo e questa muterà in un'altra ancora e così via all'infinito.

In questa prospettiva, la nascita e la morte dell'individuo diventano momenti dell'universale metamorfosi di cui si compiace la natura.

La visione del fiume impetuoso, ricolmo di sostanza universale e del tempo indefinito che porta seco le vite umane, si ricollega alla capacità di carpire la concatenazione necessaria e naturale degli eventi, avvertirne gli intrecci e di valutare le circostanze sotto un'altra angolazione, scevra dai meschini pregiudizi umani, non gonfiata da ingannevoli opinioni o rappresentazioni artificiali.

Definire o dividere l'oggetto di studio equivale a togliergli quel falso valore che l'opinione pubblica gli attribuiva. Significa farlo passare dalla sfera banale e misera degli interessi umani alla sfera ineluttabile dell'ordine naturale, misurare non più con la ridotta scala umana ma con quella della natura universale.

“ Ti dissuaderai da canti seducenti e danze conturbanti, se dividerai la voce armoniosa in ciascuno dei suoni che la costituiscono, e per ognuno di essi, chiederai a te medesimo:

"E' questo che mi trascina?" - allora te ne ravvederai. E farai lo stesso riguardo ad altro. E così, ogni cosa, tranne per la virtù , rammentati di giungere al più presto alle parti considerate in se stesse, e di arrivare a rivalutarle, con la divisione che fai di esse.

Trasferisci anche questo metodo all'insieme della vita.

Non lasciarti turbare dalle gigantografie, dalle rappresentazioni generali della tua vita intera.” (M. Aurelio)

Come è un'illusione immaginare che un canto sia qualcosa di diverso da una successione di note, che la danza non sia una serie di figure successive, che un film non sia una rapidissima sequenza di fotogrammi, così è un errore funesto lasciarsi turbare dalla rappresentazione globale di tutta la propria vita, dall'accumulazione di tutte le prove o di ! coltà parziali che ci attendono. Come ogni processo, anche la propria vita svanisce all'improvviso, quando meno ce lo aspettiamo, ma non collassa l'esistenza nella sua totalità.

---------------------------------------------------------------------------

SOSPENSIONE DEL PENSIERO LOGORROICO

Escludendo i classici strumenti spirituali [meditazioni, yoga visualizzazioni, training autogeno

accorgimenti quotidiani , alla portata di tutti, che consentono di permanere in uno stato di quiete in cui i pensieri si arrestano,

come dissolti e sospesi in un sottile stato di coscienza. E' come se a d'un tratto ti accorgessi di poter arrestare facilmente, con un click, il logorante pensiero frammentario, il borbottio mentale. Chiunque può individuare, da sé, a modo suo, degli accorgimenti personali così da "ritrovarsi" in quel particolare stato di

acquietamento [senza mezzi o tecniche complicate]

], esistono rapidissimi

Anche tu puoi (e devi) farlo!

Non ti dirò "come" fare, [e ti sconsiglio di chiederlo o fidarti del primo istruttore che capita], perché l'effetto di quell'accorgimento è influenzato direttamente dalla tua pura, sensibile e personale capacità attentiva.

Procedi per tentativi, prove ed errori. Solo così lo troverai

Il tuo compito è trovare questo INGRESSO e perseverare nei suoi dintorni. Una volta impossessatoti di un'escamotage semplice, rapido, "personale", efficace, per APRIRTI IL PASSAGGIO, cioè sospendere il chiacchericcio mentale , cerca di applicarlo quotidianamente, così da prolungare gradualmente la durata di quello stato interiore. [Prima per qualche secondo, poi pochi minuti e progredire via via, di settimana in settimana]

anzi, sarà "Quello stato di quiete" che troverà te!

Quando sarai più esperto riuscirai ad ENTRARE e USCIRE DALLA FESSURA FRA I DUE MONDI con la stessa semplicità con cui ATTRAVERSI UNA NORMALE PORTA.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

IMPUT PER LE VOSTRE NEUROTROFINE

[ Crea Nuove NEUROCONNESSIONI e

RIPROGRAMMA il tuo sistema nervoso!!!)

NEUROCONNESSIONI e RIPROGRAMMA il tuo sistema nervoso!!!) Le neurotrofine sono piccole proteine secrete dal sistema

Le neurotrofine sono piccole proteine secrete dal sistema nervoso e governano vita e morte delle cellule nervose. Ogni cellula , sulla propria parete, può avere milioni di recettori che possono legarsi con diversi tipi di ligandi: i neurotrasmettitori (8%), gli steroidi (2%) e i peptidi (90%). Il tipo di sostanza chimica prodotta è determinato principalmente da ciò che pensiamo o sentiamo.

Noi siamo come un vasto Recettore.

I neuropeptidi si agganciano alle cellule e creano fenomeni fisiologici infinitesimali che possono tradursi in “grandi cambiamenti” nel comportamento, nell'attività psico-fisica, persino nell'umore; queste sostanze chimiche svolgono un ruolo importante nella regolazione di quasi tutti i processi vitali. Quando i peptidi si legano ai recettori, assumono il controllo

delle attività cellulari; se rimanete depressi per un'ora, avrete prodotto circa 18 miliardi di nuove cellule con un numero sempre crescente di recettori che attirano peptidi "deprimenti". E' come se trilioni di recettori gridassero: "Mandami più depressione!". In breve, i pensieri tetri creano un organismo che avrà più facilità a provare tristezza che gioia, manifestando una malinconia- dipendenza sotto forma di appetito per gli stati emotivi angoscianti.

Mantenere una corretta linea di pensiero è importante, soprattutto se si considera che una parte del cervello non è in grado di discernere tra un'esperienza immaginaria e una reale.

---------------------------------------------------------------------------

NEUROBICA MENSILE

Prova qualcosa di nuovo e diverso per i prossimi 30 giorni fatto.

Qualcosa che avevi intenzione di fare, ma che alla fine non hai

Esempi di attività che potete introdurre un po' per volta nei prossimi 30 giorni:

- APPRENDI NUOVE ABILITA' ( implementa le tue facoltà apprendendo ogni giorno qualcosa di innovativo, qualunque cosa sia: disegnare, suonare, recitare, ballare, memorizzare una canzone, imparare nuovi giochi, apprendere una lingua, etc.)

- Scrivere un'idea al giorno, aggiornare un quaderno ricreativo, un DIARIO di BORDO

- Tieniti in movimento : fare tot. km al giorno (in bici, a piedi) ;

fare 5 min. di ginnastica al giorno

- Abolire la monotonia, ma in un modo insolito.

Esempio: Fare la doccia (o vestirsi) a occhi chiusi , cambiare il percorso per andare al lavoro, lavarsi i denti con la mano sinistra (la destra per i mancini)

- Rinunciare a zucchero, caffé, sigarette o altri vizi

- Leggere brevi aforismi, poesie, articoli alternativi

- Scattare una foto al giorno

- Elimina i pensieri negativi con la dieta mentale da pensieri nocivi. (rifiutati di indugiare su sensazioni o pensieri debilitanti).

- Cura la tua disposizione d’animo al mattino appena alzato perchè la giornata cominci serenamente; Ripeti a te stesso

"Ogni giorno ricreo a livello mentale e fisico condizioni ricche di risorse (sicurezza, ottimismo, autostima)"

”Comincerò la giornata in maniera entusiasmante”.

“Ogni giorno miglioro sotto ogni aspetto”

---------------------------------------------------------------------------

DOMANDE DI QUALITA' PRODUCONO UNA VITA DI QUALITA'

LE DOMANDE SONO I PORTALI DELLA COSCIENZA: Porsi le giuste domande apre i giusti portali e viceversa

Sapete che in questo preciso momento siete circondati dall'eternità?

E sapete che potete usare questa eternità, se lo desiderate?

Sapete

Sapete che potete

che ogni momento può essere eternità?” (D. Juan)

estendervi per sempre in ogni direzione ?

Le domande ci danno la possibilità di rinnovare la nostra indagine, stimolando la continua ricerca di nuovi significati. Secondo Jung, la mancanza di significato impedisce la pienezza della vita ed è pertanto equivalente alla malattia: è importante dunque chiarire i propri dubbi e colmare quei vuoti conoscitivi che ci stanno particolarmente a cuore, prima che diventino dei pericolosi buchi neri in grado di risucchiarci nella loro voragine.

Inoltre le domande sono come delle guide interiori che dirigono il Focus mentale.

Esse sono il modo più semplice che abbiamo a disposizione per spostare il nostro focus o quello di qualcun altro. Ciò su cui ci concentriamo, su cui focalizziamo la nostra attenzione, diventa la nostra realtà. Inoltre colui che pone domande detiene il controllo della comunicazione stessa, avendo la possibilità, nel farlo, di guidare dove meglio desidera il suo interlocutore, che sarà così costretto a seguire la traccia indicata.

Le domande ci aiutano a fare tre cose contemporaneamente:

1. Spostare il focus

2. Cambiare stato d’animo

3. Accedere a nuove risorse

Molte domande hanno in sé la caratteristica di avere dei presupposti (assunti), cioè contengono al loro interno delle premesse, delle opinioni velate, delle assunzioni di significato che, nel momento stesso in cui diamo la risposta, vengono accettate per vere dalla nostra mente.

In altre parole le domande possono essere costruttive, motivanti oppure improduttive e demotivanti.

Quelle proattive contengono presupposti creativi, espansivi e stimolanti, mentre le domande improduttive presentano assunti restrittivi e scoraggianti.

“Cosa stai pensando ora? Come ti senti? Ecco, se ciò che provi ti rende gioioso, continua pure a farlo

stai attirando altra gioia!”

Ecco alcuni es. di domande di qualità da porre a se stessi per continuare ad evolvere e rinascere:

« Perché mai dovrei permettere a qualcosa/qualcuno di deturpare la mia mente o le mie emozioni? »

« Quali sono i contenuti della mia mente? »

« Questa scelta mi porterà più energia oppure mi ruberà energia (vitale, creativa ecc.)?»

« Utilizzo questa situazione come un catalizzatore per crescere ed evolvermi oppure per buttarmi giù?»

« Come posso la prossima volta a riuscire ancora meglio? »

« Come trascorro la maggior parte del mio tempo? »

« Cosa farei se fossi ultracarico, supergasato e se sapessi di non poter fallire mai? »

« Se dovessi morire domani, o tra una settimana, a cosa mi dedicherei più attivamente? »

« Quando è stata l’ultima volta che ho appreso una nuova abilità (un esercizio, un gioco, una lingua, un ballo, una tecnica, una soluzione, un trucco un linguaggio di programmazione, etc.)? »

« Quando è stata l’ultima volta che ho affrontato una mia paura? »

« Se dovessi essere privato di questa vita domani, quali sono le cose che più mi mancherebbero al mondo? »

« Se dovessi morire oggi, quali sono le cose che più rimpiangerei di non aver fatto о di non aver portato a termine? »

« Cosa cercherei con tutte le mie forze? Tra 50 ani cosa mi pentirei di non aver fatto, cercato, costruito, inseguito? »

« Cosa cerco costantemente in tutte le mie giornate? »

« Quando è stata l’ultima volta che ti sei bruciato le navi alle spalle e ti sei imbarcato in un nuovo progetto?»

« Con quale aspetto della mia personalità mi sto identificando? »

« Che tipo di realtà sto proiettando? »

« PERCHE' SONO QUI?»

« VALE LA PENA RESTARE? »

« Come si sente il mio corpo? »

« Quali emozioni sto percependo? »

« Che vantaggio ne ricavo continuando questo schema di pensiero? »

« Come sto respirando? Dovrei respirare più lentamente? »

« Che cosa sta avvenendo nel mio dialogo interiore? »

« Come posso riuscirci anch'io? »

« In che modo si riesce a fare quella data cosa? »

« Come potrei impiegare meglio, ora, il mio tempo? »

« Voglio andare proprio in questa direzione?»

« Da chi o cosa sono circondato? »

« Cos’è che mi sta paralizzando in questo momento?

A cosa sto opponendo resistenza?

Cosa sto evitando da giorni o mesi?

Cosa mi terrorizza? »

« Perchè sta succedendo questo proprio a me in questo momento?»

« Come posso estrarre forza e potere da questa situazione da incubo?»

« Cosa sono io e come sono fatto veramente?»

« Quali sono i miei punti deboli che finora mi hanno portato a mettere a rischio e repentaglio la mia stessa vita?» «Come posso dare il meglio in questa situazione?» «Come posso ottenere il meglio da questa situazione?» «Cosa c’è di buono in tutto ciò?» «Come posso raggiungere il mio obiettivo e divertirmi nel farlo?» «Quali risorse ho a disposizione per raggiungere questo obiettivo?» «Come posso sfruttare al meglio ciò che ho?» «Cosa posso imparare in questa situazione?» «Come posso migliorare questo?» «Come posso usarlo per migliorare me stesso?» «Cosa posso fare per essere al mio meglio adesso?» «Come posso fare realmente la differenza?» «Come posso sorprendere gli altri o me stesso?» «Cosa potrei fare che altri non possono o non vogliono fare?» «A cosa mi sono fermato finora? E come potrei fare un passo in più?» «Cosa, se cambiato, cambierebbe in meglio la circostanza o situazione?» «Mi conviene agire sulla situazione, sulle sue cause, o sui suoi effetti?» «Come posso far si che ciò diventi ciò che io desideri?»

« Come posso dare il mio meglio in questa situazione, donando amore, felicità e divertimento a me stesso e agli altri? »

--------------------------------------------------------------------------------

CONNESSIONE ALLA SORGENTE

Al risveglio, per prima cosa, ricollegati con la tua più profonda dimensione interiore.

• Forse non lo sai, ma il tuo cervello dà costantemente per scontate verità che non fanno altro che limitarti o che semplicemente sono false o parziali. Sì, sta accadendo anche in questo preciso istante.

• Esci dallo stagnamento cerebrale. Evoca pensieri differenti. Altera il tuo stato di coscienza. Provocati. Porta la tua mente a

nuovi livelli di pensiero

Quindi, quando vuoi più coraggio, semplicemente evoca il tuo io coraggioso e lascia che arricchisca quello timoroso. Quando vuoi più serenità evoca il tuo io sereno, e lascia che rilassi l'inquieto. Quando vuoi dare inizio ad una rivoluzione,

Se cerchi di risvegliare forze sopite dentro di tè, ricrea

evoca il tuo io creativo, e lascia che illumini quello senza idee. [

In cuor tuo sai anche tu che la tua mente possiede molte più risorse di quanto tu possa credere.

]

dentro e fuori le condizioni che in passato hanno fatto sì che tali forze si manifestassero. (Y. Takumi)

• Evita le vaghezze interiori e i punti in cui la tua mente tende a ricadere nelle solite "trappole" e si inganna in un loop (circolo vizioso) che ti tiene al di fuori di determinate verità.

• Riequilibra il livello energetico ogni volta che stai per incontrare / affrontare persone - situazioni nuove e dopo che le hai incontrate.

• Rafforzare il tuo sistema energetico visualizzando anche degli assistenti (forze neutrali, campi energetici favorevoli, figure

immateriali, animali sacri, ecc

).

• Ricentralizza le tue energie ogni 3-4 ore con stati di leggero e breve rilassamento, anche di pochi minuti.

• Utilizza ogni momento libero che hai per canalizzare l'energia mentale verso una riprogrammazione positiva delle tue abitudini, piuttosto che lasciare la mente disperdersi in mille rivoli di pensieri del tutto improduttivi.

• Tieni d'occhio il tuo respiro , mantenendolo sempre ampio, diaframmatico e pranico (cioè consapevole).

• Quando ti corichi visualizza un fascio sottile che ti collega al piano superiore e racchiude il tuo corpo in un bozzolo aurico dorato che lasci libero solo la sommità della testa da cui passerà il veicolo astrale durante i fenomeni onirici.

• Impara a trasformare qualsiasi dissonanza in armonia, in melodia.

• Tratak = Rimani per un certo periodo (pochi minuti) con gli occhi fissi su un punto. Puoi fissare qualunque oggetto esterno, come la fiamma di una candela, un puntino nero su uno sfondo bianco, le foglie e così via. Questa breve contemplazione è un preliminare alla vera e propria meditazione.

L'uso della candela è particolarmente efficace poiché facilita la concentrazione sull'effige mentale (l’immagine della fiamma impressa nella retina).

La contemplazione delle foglie invece può creare una condizione favorevole tale da aprire una piccola e impercettibile fessura trascendentale, un piccolo spazio contemplativo distaccato dal mondo caotico.

Una terza alternativa è il sungazing (Rimirare il sole), che sostanzialmente significa nutrirsi con l'energie del sole, assorbirne le proprietà riabilitanti. E' sufficiente esporti a questa fonte energetica per ottenere benefici. Nello specifico, la pratica prevede il rimirare per pochi istanti il Sole dell'alba o del tramonto, per un paio di volte al giorno. Lo si può fare a occhi socchiusi e successivamente si può eseguire il palming (comprirsi gli occhi con il palmo delle mani) o girarsi di spalle in modo da essere in

grado (ad occhi chiusi) di visualizzare (spostare, ingrandire, rimpicciolire

)

il puntino di luce impresso nella mente.

---------------------------------------------------------------------------

• AGIRE “COME SE”

Vuoi gioia ?

Agisci come se tu stesso fossi la personificazione di tale gioia.

Desideri Amore e Beatitudine?

Agisci come se fossi Amore e Beatitudine!!

Auspichi prosperità e abbondanza?

Agisci come se tu fossi una fonte ambulante di prosperità e abbondanza!!

Ogni giorno, comportati "COME SE

Immagina i tuoi problemi scomparsi e gli obiettivi già realizzati, proprio in questo istante.

"

(ciò che auspichi fosse già accaduto o stesse per accadere

).

Rilassati e fai tutto con nonchalance, naturalezza, non-curanza, "Come Se" tu stessi prendendo il giornale o bevendo un tè.

E' tutto così sublime che tu non devi far altro che beneficiare di questo istantaneo compimento !

Cosa ci perdi a giocare d'immaginazione ?

Nulla !

Cosa ci guadagni ?

Tutto !!!

---------------------------------------------------------------------------

AMPLIARE LA MAPPA PERCETTIVA

Il pensiero per poter funzionare anestetizza le percezioni; il pensiero ordinario (quello della vita quotidiana) assorbe la maggior parte delle nostra attenzione e dunque, delle nostre energie, a discapito della PURA PERCEZIONE (relegata e bistrattata nei Sogni).

Dentro ciascuno di noi esiste una copia o rappresentazione (detta "mappa") del mondo effettivo, cioè dell'ambiente esterno; quante volte accade che la nostra capacità di vivere un'esperienza viene limitata dai nostri programmi interni, dalle idee che ci siamo fatti, su come dovrebbe essere la tal persona o su quale significato deve avere la tal cosa?

Una percezione più flessibile della realtà provoca un ampliamento della mappa interna e quindi delle possibilità con cui cercare una via di uscita dalle situazioni scomode.

Al ne di Prevenire ciò che fa scattare l'allarme interiore (es. il brusco tono di voce, una parola o un argomento

scottante

comportamento

),

chiediti: Quali strani signi cati, brutti ricordi o cattive sensazioni ho associato a questa persona-

?

Come posso modi carli

?

Quali nuove associazioni creative posso plasmare?

Ricopri il piacere di trovare Alternative! Immagina il mondo come grande zona di comfort, dove puoi sentirti a tuo agio in qualunque luogo. Usa l'immaginazione e la vostra nuova percezione, per visualizzarti mentre vivi una nuova vita, un nuovo sogno in cui non hai bisogno di giustificare la tua esistenza, un ambiente in cui sei libero di essere o di fare qualunque cosa.

---------------------------------------------------------------------------

SARÒ FELICE QUANDO… ? ORA !!!!

La mente è abituata ad aspettare che ci troviamo coinvolti in determinate attività prima di innescare un certo stato d'animo, così commettiamo l'errore di credere che per essere felici ci sia bisogno di una ragione, un motivo preciso, e tendiamo a ragionare in "

questo modo: "io sarò felice solo se

- "Se non accade questo non sarò felice".

Facciamo dipendere la felicità da tutto eccetto noi stessi: questo è il vero autosabotaggio che la mente commente automaticamente; ricercare qualcosa che giustifichi uno stato d'animo positivo.

In realtà possiamo essere felici in qualunque momento della giornata, in automatico, con naturalezza, senza l'esigenza di trovare una spiegazione logica o plausibile.

Sii un auto-generatore di felicità.

Tieni viva in te la capacità di continuare a meravigliarti.

Abituandoti a far nascere dall'interno la tua serenità consentirai al tuo cuore di aprirsi progressivamente verso una gioia e un amore incondizionato.

Utilizzate le vostre sensazioni come una fonte di saggezza interiore.

FELICITA’ ANTICIPATA

Assumere in anticipo uno stato di appagamento, gioia, estasi, è il modo più rapido, divertente e meraviglioso per ottenere tutto ciò che si desidera.

NEUTRALIZZA brutti ricordi e i pensieri disturbanti con la continuità di scenografie mentali creative, la CONCATENAZIONE DI IMMAGINI MENTALI piacevoli, surreali o paradossali SOVERCHIA CON INSISTENZA, PERSEVERANZA, PAZIENZA, CALMA L’INTRUSIONE DI FIGURE DESTABILIZZANTI CON FIGURE RIVITALIZZANTI

IL FATTORE “WOW”

Prova Meraviglia, ogni giorno per ogni cosa, sollecitando la tua curiosità con piccole esclamazioni di stupore.

Giorno dopo giorno, devi diventare cosciente della tua capacità di Operare SCELTE (Sostituzioni) Intenzionali.

COLLAUDA Il TUO INTERRUTTORE PSICO-EMOZIONALE CON NUOVI ACCORGIMENTI MENTALI.

Disfati dei nodi a cui ti sei ingarbugliato: spazio, tempo, personalità, concupiscenza, rabbia, etc.

Sono tutti nodi che puoi sciogliere o slegare da un momento all'altro, la scelta è tua!

Sfida te stesso a prendere una decisione, ORA!

Fai qualcosa che hai rimandato, impara qualcosa di nuovo, scegli di dire o fare qualcosa che nessuno si aspetterebbe da te, improvvisa, cambia prospettiva, modifica il tuo modo di reagire, usa più fantasia.

NON RIMUGINARE TROPPO E IMPARA A PRENDERE DECISIONI RAPIDE di ogni sorta (es. datti max 5-10 sec. per decidere di fare-evitare qualcosa o andare da qualche parte)

Ogni giorno, avrai sempre a disposizione 86.400 secondi, né un sec. in più, né uno in meno.

Sfrutta questi secondi per Elicitare stati mentali salutari , edificanti

Fiducia - rispetto di sé, dignità - libertà dai desideri - libertà dall’avversione, gentilezza amorevole, accettazione paziente, chiarezza e acutezza, energia, entusiasmo, perseveranza - elasticità mentale - accuratezza, coscienziosità - non violenza, compassione - stabilità - freschezza mentale, capacità di

accogliere il nuovo - libertà dalle preoccupazioni - umiltà

accogliere il nuovo - libertà dalle preoccupazioni - umiltà

---------------------------------------------------------------

SANTE FATICHE -> SUPER SFORZI (Doveri dell'Essere, Sforzi Coscienti)

Le endorfine sono sostanze oppiacee naturali che vengono rilasciate non solo quando siamo rilassati ma anche dopo uno sforzo fisico, dopo una gran risata, quando facciamo l'amore, etc.

dopo una gran risata, quando facciamo l'amore, etc. Nell'atto stesso di sfidare i tuoi limiti, vada

Nell'atto stesso di sfidare i tuoi limiti, vada come vada, stai diventando una persona migliore, più forte, abile, completa.

Spingendoti oltre la zona di comfort, al di là dei paletti convenzionali , ti avvicinerai sempre più a quello che desideri essere.

• Sfida il tuo “io” pigro, il tuo io passivo, il tuo io timoroso, e non consentirgli di tenerti lontano dalla tua felicità alla pari di come non lo consentiresti ad un nemico che ti ostacola. (Y. Takumi)

Bisogna compiere Sforzi coscienti senza sfociare nella sindrome da "consumatore cronico di esercizi, dissipatore di discipline fine a se stesse" , ma per un'EDUCAZIONE dell'ANIMA , con la consapevolezza che la SOFFERENZA CONSAPEVOLE implica una profonda trasformazione interiore.

GLI SHOCK ADDIZIONALI, cioè lo SFORZO COSCIENTE e la SOFFERENZA INTENZIONALE / VOLONTARIA incentivano a fare affidamento sulle proprie forze.

Per quanto possa sembrare insolito, stare davanti alla propria INADEGUATEZZA e SOFFRIRE CONSAPEVOLMENTE è un'esperienza salutare.

SOFFRI FINO A QUANDO QUELLA SOFFERENZA NON SI DILEGUA.

QUANDO QUELLA SOFFERENZA SVANISCE, SI APRIRA' UNA NUOVA PROSPETTIVA!

è simile al concetto di "SECONDO FIATO " in atletica, dove se sai come resistere allo stress e alla fatica quando viene il fiato corto e il cuore in gola, dopo alcuni minuti il corpo entra in una SECONDA FASE, ANNULLANDO LA SOFFERENZA E LA FATICA, incrementando la risposta sia fisica che psicologica così che da li in poi puoi metterti a correre come un cavallo.

In molti casi accade la stessa cosa a livello psico-emozionale (e quindi anche fisico) : alcuni soggetti sembrerebbero passare dallo stato di dolore/trauma emotivo ad uno stato di estasi o comunque una situazione psichica dove le sofferenze sono annullate e in gioco forza subentrerebbe uno stato di maggior cognizione/comprensione/consapevolezza.

[Si escludono naturalmente le situazioni estreme

]

• Allena la tua RESILIENZA !!!! La resilienza è la capacità di resistere a qualsiasi condizione, senza perdere la determinazione a raggiungere i propri obiettivi, è il segreto di chi ce la fa. Questo aspetto caratteriale non è innato: va

allenato, come un muscolo. In che modo? Pensa a tutte quelle volte che sapevi esattamente cosa avresti dovuto fare, ma

non l’hai fatto. Pensa a tutte quelle volte che avresti dovuto stringere i denti, ma hai mollato. Pensa a tutte quelle volte

che avresti dovuto tirare fuori le palle, ma hai frignato.

(A. Giuliodori)

-----------------------------------------------------------------

IL POTERE DELL' OSSERVAZIONE e del FOCUS MENTALE

“Dove rivolgi il tuo pensiero, là vivi la tua vita”

In fisica quantistica quando un'Onda elettromagnetica (Energia) viene Osservata si Trasforma in Particella (corpuscolo , quindi Materia).

Perciò:

Occhio a dove fate cadere il vostro OCCHIO INTERIORE ; in quel punto farete collasare la relativa funzione d'onda e di conseguenza farete Manifestare un determinato aspetto della Realtà.

Valuta gli eventi non in base alle sue manifestazioni esteriori, ma in base alla risonanza interna individuale

mai che le manifestazioni esterne sono il risultato di ciò che si è generato interiormente: in pratica considera che l'esterno non esista senza l'interno!

Non dimenticare

---------------------------------------------------------------------------

INTERRUTTORE PSICHICO

INTERRUTTORE PSICHICO Normalmente lo stress, causato dal groviglio di pensieri in

Normalmente lo stress, causato dal groviglio di pensieri in cui ci troviamo, fa diminuire la capacità di controllo del proprio comportamento; è come se non fossimo più in grado di decidere liberamente come reagire. In questi casi è utile abituarsi ad interrompere l'automatismo di disturbo servendosi di un "Separatore" di programmi inconsci" o un "Interruttore" che attivi

nuove modalità di pensiero.

Per azionare questi interruttori può bastare la ripetizione di parole come:

"Rilascio",

"Stop !" ,

"Leggerezza",

"Relax",

"Distacco",

"Ripristino coerenza interna",

"Risata Cosmica",

"Bagno Beatitudine Oceanica",

"Suprema Armonia",

"Allineamento Vibrazionale",

"Auto-Controllo" ,

"Assenza di Pensieri",

"Chiara Visione",

"Ricordo di Sé"

etc.

P.s.

Un bizzarro escamotage per distrarre la micidiale accoppiata “Ment- Emozionale” consiste nel parlare “DELIBERATAMENTE” A VANVERA” , producendo un cortocircuito all’interno di quel circolo vizioso cristallizzato dalle consuetudinarie forme-pensiero. Naturalmente ciò non significa andare in giro a millantare castronerie al primo che capita, bensì significa mettere in gioco il proprio logocentrismo, sfatando gli intrugli metafisici che tintinnavano i nostri sentimenti.

Vuol dire giocare consapevolmente con le proprie parole per accelerare i processi di apprendimento indiretto.

---------------------------------------------------------------------------

FAR PIAZZA PULITA DI TUTTI I PARASSITI

Stila un elenco dei tuoi parassiti, delle tue piccole grandi ossessioni:

la paura di fare una brutta figura,

la gelosia,

il dover dimostrare di valere qualcosa,

il non riuscire a dire di no,

credere che i soldi, il sesso o la politica siano “cose sporche”,

la paura di restare senza soldi o senza un partner,

credere ciecamente in qualcuno o in qualcosa (in una religione, nella scienza, in un’ideologia), ecc.

Appena ti accorgerai di essere attaccato a pensieri disfunzionali e sensazioni sgradevoli, per prima cosa rivolgi l’attenzione alla tua postura e al tuo respiro: assumi una posizione rilassata affinché il respiro possa tornare a scorrere liberamente.

---------------------------------------------------------------------------

RIVISITAZIONE ONIRICA

Esamina un sogno, uno qualsiasi. Nel momento in cui hai ben chiaro in mente il suo svolgimento, scrivilo su un foglio come se fosse un breve racconto, molto semplicemente. Ti consiglio l’uso di un sogno recente, affinché il ricordo sia mediato il meno possibile dalle riflessioni. Una volta scritto (o DISEGNATO), leggilo e, all’occorrenza, correggilo. Il sogno ha già subito una contaminazione con la scrittura: la correzione, ulteriore contaminazione, può essere utile a rendere più efficace, agile ed essenziale una scena del racconto.

Partendo da questo sogno-scritto comincia a riconsiderare la tua vita quotidiana confrontandola con quella onirica [cosa le accomuna o le differenzia ?], inizia a progettare nuovi obiettivi, prova a produrre nuove idee.

INTEGRA LE COMPONENTI DEL CONTENUTO ONIRICO CON LE RISORSE DELLA VITA QUOTIDIANA!

---------------------------------------------------------------------------

SVILUPPA L'AUTOCONTROLLO con la ginnastica della volontà

Esercizi piccoli, ma ripetuti con costanza, è questo il segreto della disciplina.

Si scelga un'azione, anche non impegnativa, da ripetere ogni giorno, per un periodo definito.

Un es. è la RINUNCIA a piccoli gesti abitudinari (non aprire email, non commentare su facebook, non criticare, non

abbuffarti di dolciumi

).

Altri esempi:

Riporre al loro posto oggetti che normalmente si lasciano in giro, leggere una poesia o una pagina di un determinato libro.

Classici sono gli "esercizi inutili" in cui, per es., si rovescia una scatola di fiammiferi e li si rimette dentro uno ad uno ripetendosi internamente "lo faccio perché lo voglio".

Oppure REGALARE, dare in BENEFICENZA tutto ciò che è ingombrante, ciò di cui puoi fare benissimo a meno (libri, riviste, oggetti, abiti malandati), quello che non hai usato negli ultimi anni.

---------------------------------------------

DIARIO MAGICO

Revisiona i tuoi momenti magici, indimenticabili, travolgenti.

i tuoi momenti magici, indimenticabili, travolgenti. Rivedi anche i dettagli più piccoli del tuo presente o

Rivedi anche i dettagli più piccoli del tuo presente o del passato (purché siano speciali) e IMPRIMILI sul tuo diario della gratitudine.

Trascrivi in qualunque momento della giornata, anche d'impulso, appena ti capita qualcosa di bello e positivo, che ha lasciato il segno (anche un semplice abbraccio).

Assicurati di coprire TUTTE le aree: salute, amore, finanze, tutto quello che e' importante per te, non ti scordare del tuo corpo, della tua energia e del tuo spirito.

------------------------------

MOLLA MOTIVAZIONALE

Dentro di noi esiste una potentissima forza propulsiva che può incrementare esponenzialmente la nostra energia:

Dentro di noi esiste una potentissima forza propulsiva che può incrementare esponenzialmente la nostra energia: per poter liberare pienamente la nostra forza motrice interiore dobbiamo essere congruenti, ovverosia dobbiamo desiderare qualcosa visceralmente, con ogni fibra del nostro essere.

La Motivazione “Verso

La motivazione può essere di due tipi:

“ VERSO

“ LONTANO DA

è generata da forze centripete propulsive – come il coraggio, la curiosità, l’amore, la gioia,

l’entusiasmo, la passione, la determinazione, l’intento, la volontà, lo spirito d’iniziativa, il gusto dell’avventura, l’ottimismo – che ci spingono “incontro” alla realizzazione dei nostri sogni, obiettivi, desideri, ambizioni.

dei nostri sogni, obiettivi, desideri, ambizioni. È una motivazione interna, che genera energia positiva e

È una motivazione interna, che genera energia positiva e che possiamo sprigionare come e quando vogliamo.

Questo tipo di motivazione non va confuso con:

la Motivazione “Lontano da

non va confuso con: la Motivazione “Lontano da ” La motivazione “lontano da”, al contrario di

La motivazione “lontano da”, al contrario di quella “verso”, è spesso una motivazione negativa perché tende a farci focalizzare sugli aspetti più negativi della nostra vita. Se da un lato le forze centrifughe e limitanti della motivazione “lontano da” ci consentono di allontanarci da qualcosa che ci procura ansia e stress, dall'altro ci spingono nella traiettoria dell’attaccamento a bisogni superflui, all’eccessiva dipendenza da persone o eventi esterni e nel peggiore dei casi ci rendono schiavi di abitudini controproducenti. In altre parole la motivazione “lontano da” è una motivazione esterna, che provoca delle correnti energetiche e psicologiche di sudditanza, assuefazione, subordinazione, assoggettamento e oppressione.

È come se queste due motivazioni rappresentassero le principali polarità del vostro Focus Mentale:

Il Focus Mentale è quel magnete che vi può condurre verso la polarità di carica

Il Focus Mentale è quel magnete che vi può condurre verso la polarità di carica positiva oppure nella direzione della carica negativa. I padroni di questa calamita non sono gli eventi circostanti o le persone con cui vi relazionate I PADRONI SIETE VOI STESSI! Sono le vostre scelte, le vostre azioni e il vostro atteggiamento mentale che determinano la rotta e reggono il timone del vostro destino.

----------------------------------------

• SCOMPONI - RICOMPONI LO SPAZIO TEMPO

Interrompi la frenetica corsa della quotidianità e tutte le normali aspettative che porta con sé

Chunk Down , SPEZZETTA IL TEMPO e lo SPAZIO

Pensare in minuti o secondi, anziché in ore, giorni, settimane, mesi

fare attenzione alle piccole cose che abbiamo sotto il naso, considerare meglio chi ci sta vicino, notare i dettagli

OSSERVATI INTERIORMENTE, SCOMPONENDO GLI ELEMENTI COSTITUTIVI DEL TUO CORPO

Guarda te stesso e gli altri facendo una SCANSIONE ai raggi x, riconoscendo di essere composti da un preciso sistema nervoso, una massa muscolare, un tessuto epidermico, una struttura scheletrica, diversi organi interni, etc

Riscopri la natura stessa del tuo organismo, acquisisci familiarità con il tuo Micro-Cosmo.

Quando si presenta un pensiero o un'emozione destabilizzante, porta dolcemente l'attenzione o la consapevolezza al tuo interno, percependo il corpo nella sua interezza, eseguendo una rapida scansione fisiologica.

Quando perdi le staffe, immagina ironicamente che in fin dei conti non siamo altro che scheletri ambulanti!

Chunk Up, DILATA il TEMPO, ESTENDI lo SPAZIO

Pensare in lunghi periodi: generazioni, ere, millenni

Oltrepassare la normale percezione temporale, espandendosi verso l'eternità, le infinite possibilità, l'incalcolabile portata dell'Universo e delle sue variabili

Esci dal flusso caotico del mondo.

USCIRE DAL MONDO significa TRASCENDERE ogni restrizione (vincoli, limiti di durata e di dimensione), spingersi al di là di ogni frontiera, ROMPERE i vecchi SCHEMI!

---------------------------------------------------------------------------

• MUOVITI CON LA MENTE E PENSA CON IL CORPO

MUOVITI CON LA MENTE -> Lascia che i pensieri volino con le ali della fantasia

E PENSA CON IL CORPO (e il CUORE) -> Renditi conto di tutte le sensazioni fisiche (contrazioni-distensioni). Ascolta e decifra tutti i messaggi del tuo corpo (fronte, collo, spalle, braccia, gambe, busto, schiena e così via). Chiediti: "Cosa mi vuole comunicare il mio corpo ?" ; " Cosa può significare questo segnale ? "

Nei momenti di ristagno emotivo o di blocchi emotivi, MUOVITI, fai qualunque

cosa pur di evitare di restare fermo immobile, irrigidito CIRCOLO L’ENERGIA VITALE

METTI IN

Quando il tuo corpo o la tua mente accusano i danni dello stress cerca di distogliere la tua attenzione da ciò che stai facendo o pensando: sciogli la muscolatura, concentrati sulla Respirazione Addominale, rilassandoti con dei respiri regolari e profondi

---------------------------------------------------------------------------

RIVISITAZIONE del Libro della Vita

---> Riscrivi il tuo copione/script, disegna mentalmente storie grandiose con scenari sensazionali, osservati in prima persona o distaccato mentre revisioni la tua LINEA del TEMPO.

Se tu avessi una penna magica, cosa vorresti che accadesse al tuo personaggio?

Dai le direttive all'inconscio, fallo per pura curiosità; evita di scrivere o pensare dettagli che ti potrebbero mettere in crisi , con domande del tipo: “ma come faccio ad arrivare a ciò?”, oppure con sentenze tipo “questo non è proprio possibile, non accadrà mai!”.

Gioca semplicemente di Fantasia e divertiti nel ricostruire la tua vita parallela, la realtà virtuale.

Disegna , nella tua mente, delle scene, che ti facciano sentire bene.

Comincia fin da ora a pensare in termini di abbondanza, prosperità, alternative, semplicità.

ALLINEA te stesso con il tuo "io ideale", SINTONIZZATI con il modo in cui ti vorresti sentire, IMMAGINA che tutta l'abbondanza (che in realtà già possiedi) si manifesti nel tuo presente fino a circondarti completamente.

Permetti alla tua mente di focalizzarsi su una particolare scena che desideri sperimentare, visualizzando te stesso proprio nel momento in cui la stai vivendo. Ciò scatenerà automaticamente una risposta inconscia, dovuta allo stimolo di ormoni peptidici come l'ossitocina o neurotrasmettitori come la serotonina.

Oppure realizza una Mappa Mentale delle nuove possibilità dove gestire il tuo laboratorio creativo.

nuove possibilità dove gestire il tuo laboratorio creativo. A cosa servono le mappe mentali, immagine- tratta

A cosa servono le mappe mentali, immagine- tratta da www.mappementaliblog.blogspot.com

Procurati dei fogli e chiamali rispettivamente, " il mio corpo" , " la mia casa" , " le mie relazioni" , " il mio lavoro" , "la mia

salute"

Poi comincia ad aggiungere dentro ciascun foglio quello che vuoi ottenere in quella determinata situazione.

Alimenta l'entusiasmo sognando senza limiti e annotando qualsiasi cosa tu voglia fare, essere, condividere, avere, dare, imparare

La focalizzazione su ciascuna area di esistenza ti aiuterà a identificare più chiaramente gli obiettivi più importanti per te, cioè le tue priorità (vedi prossimo passaggio).

---------------------------------------------------------------------------

GESTIONE del TEMPO

“ Il Tempo non esiste, è un'illusione: Come puoi gestire qualcosa che non esiste?”

• Se c’è qualcosa da fare che richiede meno di 2 minuti fatela immediatamente – non rimandate!

• FAI DI OGNI ISTANTE IL TUO ISTANTE: Ritrova ogni volta la tua motivazione, individua velocemente quell’incrollabile determinazione che nasce da dentro.

• Ogni tanto fate un check up, ossia verificate le vostre esperienze: Che cosa avete imparato nell’ultimo periodo (giorni, settimane o mesi)? Cosa vi ricordate? Cosa avete scoperto di nuovo? Avete fatto dei progressi?

Questa tabella indica la quantità di tempo che potreste sviluppare nei prossimi anni se vi dedicaste rispettivamente 10, 15, 30, 60 e 120 minuti al giorno ad un qualunque hobby.

10, 15, 30, 60 e 120 minuti al giorno ad un qualunque hobby. • Identificate la

• Identificate la cosa più importante nella vostra vita: mettete tutto il resto in secondo piano.

• Padroneggia il minuscolo momento presente, lascia perdere ciò che non puoi controllare: solo l'istante dipende da te, dalle tue azioni; se adesso c'è qualcosa che non va bene, accetta l'avvenimento presente voluto dal destino. La retta azione è conforme al buon senso.

• Imparate a dire NO! Eviterete inutili scocciature e noiose perdite di tempo.

NO! Eviterete inutili scocciature e noiose perdite di tempo. Siate onesti con voi stessi e cercate

Siate onesti con voi stessi e cercate di ottimizzare quotidianamente la percentuale che dedicate al tempo presente!

Oppure, se desiderate potenziare ulteriormente la consapevolezza del presente, chiedetevi sempre:

• Sono a mio agio in questo momento?

• Che cosa sta avvenendo dentro di me in questo momento?

• Sono consapevole del ritmo del mio respiro e del battito del mio cuore?

• Sono pienamente consapevole degli spostamenti che avvengono nell’ambiente in cui mi trovo?

• Sono concentrato sul presente oppure il passato e il futuro assorbono gran parte della mia attenzione?

• Sono consapevole dei cambiamenti che avvengono dentro e fuori di me?

• Che genere di pensieri sta producendo la mia mente? Continuo a rimuginare sugli errori e sui fallimenti del passato?

• Mi perdo in ridicole fantasie? Sto creando inutili castelli in aria?

in ridicole fantasie? Sto creando inutili castelli in aria? OBIETTIVI URGENTI E IMPORTANTI In quest’esercizio

OBIETTIVI URGENTI E IMPORTANTI

In quest’esercizio imparerete a gestire il tempo e gli obiettivi, distinguendo le attività importanti da quelle urgenti. Le attività importanti sono tutte quelle attività che ci appassionano e che possiamo fare quando e dove vogliamo. Le attività urgenti riguardano invece la risoluzione di problemi pressanti o d’emergenze, la gestione delle pratiche d’ufficio, gli impegni inderogabili, le riunioni o gli appuntamenti, le scadenze di certi progetti, etc.

Il vostro compito è quello di gestire meglio il vostro tempo, dando la priorità (laddove è possibile) agli obiettivi importanti.

priorità (laddove è possibile) agli obiettivi importanti. Copiate semplicemente i titoli di ciascun quadrante e di

Copiate semplicemente i titoli di ciascun quadrante e di volta in volta inserite (in matita) gli obiettivi corrispondenti a ciascun quadrante. Nel quadrante in alto a sinistra (obiettivi importanti e urgenti) scrivete tutte quelle cose su cui volete investire la maggior parte del vostro tempo, della vostra attenzione e delle vostre energie. In quello in alto a destra (obiettivi più importanti e meno urgenti) inserite le attività che non devono essere portate a termine nel breve periodo e si possono quindi sospendere, rimandare, posticipare o sostituire con attività più rilevanti. In quello in basso a sinistra (obiettivi più urgenti e meno importanti)

aggiungete le attività che per voi non sono molto significative ma che – per un motivo o per un altro – dovete portare a termine.

In basso a destra (meno importanti e meno urgenti) inserite le attività che possono essere tralasciate o delegate ad altre persone.

A questo punto non dovete far altro che gestire il tempo seguendo le vostre priorità. Di volta in volta potete anche modificare gli

obiettivi importanti o quelli urgenti; la cosa principale è che riusciate ad ottimizzare il vostro tempo, avendo ben chiaro cosa va

fatto immediatamente e cosa può essere rimandato o tralasciato.

------

MUOVERSI SULLA LINEA DEL TEMPO E RIPULIRE LE POSIZIONI PERCETTIVE

”Ciò che non c’è nella memoria è come se non ci fosse mai stato, perché la memoria è semplicemente una registrazione… e la registrazione può anche essere cambiata”

e la registrazione può anche essere cambiata” 1 - Pensa a una situazione del passato, del

1 - Pensa a una situazione del passato, del presente o del futuro che ti irrita e ti agita. (Posizione 1)

2 - Ora distanziati mentalmente dalla tensione di quella situazione e rievoca un momento positivo, in cui ti sei sentito a tuo agio,

sicuro, protetto, amato, accettato

3 - Richiama alla mente le risorse della "Posizione 2" : sensazioni piacevoli, ambiente accogliente, atmosfera coinvolgente,

divertimento, serenità, armonia

4 - Ora ritorna all'evento del passato o del futuro che ti creava particolare disagio e sostituisci l'io teso e nervoso della Posizione 1

con l'io rilassato e allegro della Posizione 2. In altre parole, trasferisci le risorse della 2° posizione (energia vitale, entusiasmo,

spontaneità, distacco, auto-ironia, determinazione, autostima

differente al vecchio ricordo o alla brutta aspettativa. Replica la tecnica del trasferimento di risorse con tutte quelle situazioni che

ti causano disagio o insoddisfazione, finché non ti sei sbarazzato degli elementi fastidiosi.

nella 1° posizione, così da associare un'impressione e una cornice

(Posizione 2)

In altre parole aggiungi tutto ciò che può arricchire la tua esperienza.

)

aggiungi tutto ciò che può arricchire la tua esperienza. ) Giocate con la linea del tempo:

Giocate con la linea del tempo: coloratela, rimpicciolitela, ingranditela, riducetela o allungatela a vostra discrezione.

Se non vi piace qualche punto della vostra linea temporale, siete liberi di modificarne gli eventi mediante la vostra fantasia.

---------------------------------------------------------------------------

Troverai solo sofferenza vivendo nel passato

• SCOLORARE LE EFFIGI MENTALI

Smettila di colorare tutte le tue IMPRESSIONI, le tue EFFIGI MENTALI con inutili parole.

Smettila di condire e poi fagocitare un mondo fittizio riprodotto da continui Movioloni che ingigantiscono stupidi dettagli, decorati da concetti pressapochisti, giudizi perbenisti.

Cerca piuttosto di DIVENTARE UN ATLETA DELL'ARTE DEL PURO PERCEPIRE, ossia Percepire le così "COSI' COME SONO" e non come gli altri o tu stesso le hai Colorate e Deformate !

Molte persone sembrano camminare all'indietro attraverso la vita, con lo sguardo fisso esclusivamente al passato. Ma, ovviamente, quando si cammina all'indietro è assai più grande il pericolo di inciampare o di sbagliare strada. Continuare a rimestare i problemi del passato serve solo ad alimentarli, dando loro maggiore attenzione. Innescate piuttosto una marcia in avanti, muovete verso nuove mete, scegliete percorsi diversi, formulate obiettivi più allettanti (che vi attirino magneticamente), attivate schemi di pensiero creativo. Se vi portate sempre nella testa un'auto-immagine sgradevole, il vostro subconscio influenzerà il vostro comportamento in modo da farvi muovere irrimediabilmente verso ciò che detestate. Se invece siete accompagnati da un'auto-immagine piacevole, il subconscio farà in modo di avvicinarvi irresistibilmente a ciò che desiderate.

A volte ci facciamo imprigionare a tal punto dal nostro dialogo interiore che il mondo circostante sembra non esistere più. Molte volte questo testardo commentatore interiore ci fa perdere le staffe o il controllo della situazione, per cui va ridimensionato e regolato di volta in volta, cambiando il nostro modo di comunicare, modificando le nostre espressioni , le immagini, i messaggi che trasmettiamo al nostro inconscio.

------------------------------------------------------------------------

LASCIATI CONDURRE DA UNA VISION STIMOLANTE

Individua pochi ma sani principi (linee guida, valori essenziali, semplici regole di vita) e non separarti mai da tali principi

fondamentali, né quando dormi, né quando mangi, bevi o t'intrattieni con altri individui sempre sottomano, ben innestati, registrati nella tua memoria.

All'inizio si tratta di formulare a se stessi alcune esortazioni, "mettersi davanti agli occhi" gli eventi visti alla luce della regola

fondamentale (es. "l'unica cosa costante è il cambiamento"

Si avranno dunque sottomano (grazie alla memoria, alla memorizzazione) tali massime , brevi sentenze, argomentazioni persuasive che si potranno ripetere a se stessi nelle circostanze difficili, per arrestare il moto di timore, collera o tristezza.

Tale pratica permetterà di essere pronti nel momento in cui sorgerà una circostanza inattesa, e forse drammatica. Consentirà

).

Fai come se avessi questi principi

anche di conservare maggior calma possibile e serenità nella sventura.

Questa attitudine favorisce una

COSTANTE VIGILANZA MENTALE

SULLE PROPRIE INTENZIONI

Suggerimento: al mattino, quando sei restio a svegliarti, abbi sottomano qualche pensiero, principio-linea guida che renda viva nella tua anima un'idea incisiva, un intento significativo.

------------------------------------------------------------------

IMPARA A DIRTI "IO SONO NESSUNO"

« Chi non dà a se stesso nessuna importanza diventa invulnerabile » (Castaneda)

La disidentificazione dall'ego fa emergere la nostra vera essenza.

Servendoti di questo Accorgimento Mentale, prendi atto che c'è una certa situazione, un sentimento, un dolore e al contempo ti

accorgi che essi non meritano tutta quell'importanza

più ragione di esistere proprio perché tu non sei Nessuno e quindi non può colpirti

Dirsi "io mi sento nessuno" vuol dire comprendere di non essere quella persona che ha litigato con il figlio, la madre o la moglie;

Vuol dire dimenticarsi per un istante la propria

storia, il proprio ruolo, la propria maschera sociale. La storia non è altro che una serie di avvenimenti che si sono appiccicati a una parte di noi, del nostro percorso, ma tale attaccamento non coincide con l'essere autentico presente in noi. Dentro ogni individuo c'è qualcosa che ha indotto (senza che ce ne accorgessimo) milioni di trasformazioni fino ad arrivare a quello che siamo adesso; ciò che siamo ora non è ciò che saremo fra qualche istante; siamo esseri in continua trasformazione per questo è meglio non arenarsi su una fittizia stabilizzazione identitaria.

comprendi di non essere quello che deve vergognarsi, giustificarsi, vendicarsi

Proprio quando emerge un disagio - es. ansia, gelosia, panico - esso non ha

Ripeti "io sono nessuno" durante le pause giornaliere, ad es. mentre guidi ("Sono Nessuno che sta guidando") , mentre fai l'amore ("Sto facendo l'amore con nessuno"), mentre mangi ("Sto nutrendo nessuno"), ecc

Ti accorgerai che capiteranno tante cose, che si svolgeranno tanti gesti, tante azioni dove tu non sarai più lì a ragionarci o a

pensarci su, poiché tali azioni esse diventeranno sempre più spontanee, naturali, semplici. Tutte le volte che arriva un disagio, la

prima cosa che devi dirti è "io sono nessuno, non ho alcun commento da fare" devo dare nessuna risposta, NON HO NESSUN DISAGIO.

In questo stato di Nientità il cervello sembra offrire soluzioni innovative e capacità operative che portano miglioramenti inaspettati; il vero Benessere è quando siamo così allegri che non ce ne accorgiamo neppure, perché tutto vola via come fosse una leggera piuma. Il vero benessere non viene dallo sforzo ma dall'ABBANDONARSI a questo stato transitorio del Nulla.

Se sono nessuno non ho alcun problema, non

----------------------------------------------------------------------------------------

• DISFATI DEI RETAGGI COGNITIVI

TIENI LE DISTANZE RISPETTO ALLA TENDENZA IMPERATIVA DI AUTOAFFERMAZIONE dell'io, che opera tramite intricati tecnicismi psicologici.

• Non sottovalutare la tendenza della mente a RIEMPIRE in continuità qualsiasi cosa con qualsiasi contenuto; questo riempimento impulsivo viene scambiato inconsapevolmente per un'azione vitale anziché essere riconosciuto come un'ingombrante accumulo di prodotti artificiali in cui l'Essere non trova più luogo.

• Mantieni la mente ricettiva, aperta, pronta ad accogliere l'imprevisto, libera dalla tensione di appellarsi alla ragione per imporre le proprie condizioni e la rete di codici predefiniti che ingombrano i tessuti della psiche fino ad impedirci di respirare l'immediatezza e le diverse sfaccettature della realtà.

• Sgravati dall'inquinamento cognitivo e dai rifiuti depositati nei bassifondi dell'inconscio

• Disfati della logica della PRENSIONE sulle cose-persone che ti circodano e SCIOGLITI nella distensione- rilassatezza-accettazione paziente/empatica.

• Allena te stesso a portare l'attenzione verso la tua sfera interiore

• Quel che fa la differenza non è il banale "buon proposito" o il saltuario gesto fraterno bensì l'attitudine e l'applicazione costante di pochi ma efficaci principi.

------------------------------------------------------------------------

•RAPIDI SUGGERIMENTI DI CIRCOSTANZA

•RAPIDI SUGGERIMENTI DI CIRCOSTANZA • COGLI OGNI PAGLIUZZA DI GIOIA !

• COGLI OGNI PAGLIUZZA DI GIOIA !

•RAPIDI SUGGERIMENTI DI CIRCOSTANZA • COGLI OGNI PAGLIUZZA DI GIOIA !

Gioisci di tutto quello che hai in questo preciso momento. Permettiti che la Festa sia sempre con te, irradiala ovunque così che le persone intorno percepiscano questa sensazione di Giubilo e Allegria

intorno percepiscano questa sensazione di Giubilo e Allegria ✓ ATTRARRE IL MICRO PER GIUNGERE AL MACRO

ATTRARRE IL MICRO PER GIUNGERE AL MACRO

Concentrati intensamente per attirare qualcosa di piccolo, facile da ottenere

quando avrai affinato la tua capacita’ di attrarre,

sarai pronto per attirare e creare cose ancor piu’ grandi !

RICORDA CHE è TUTTO FINTO

cose ancor piu’ grandi ! ✓ RICORDA CHE è TUTTO FINTO ✓ Non far entrare notizie

Non far entrare notizie nefaste nel tuo cuore o nella tua mente

ancor piu’ grandi ! ✓ RICORDA CHE è TUTTO FINTO ✓ Non far entrare notizie nefaste

ESCI DAGLI SCHEMI

✓ ESCI DAGLI SCHEMI Finché non lo farai, Rimarrai confinato nel tuo stato mentale --> EGO

Finché non lo farai, Rimarrai confinato nel tuo stato mentale --> EGO (Dividi et Impera)

“Se uno è integro verrà colmato di luce, ma se è diviso sarà riempito di oscurità” (Vang. Tommaso)

Tutto ciò che viene sempre rinviato è un inutile carico mentale. Esso deve essere o realizzato, o buttato via, perché altrimenti consuma l’energia preziosa che non dovrebbe essere sprecata scioccamente!

preziosa che non dovrebbe essere sprecata scioccamente! • Pensa a cosa vuoi, e poi non desiderarlo

Pensa a cosa vuoi, e poi non desiderarlo più: lo hai già. Adesso distaccatene, sarà lui a muoversi verso te. E se non dovesse farlo, tu non morirai per questo

• Le persone che prendono parte a una disputa sono di solito immerse con tutta la testa nel gioco. Dormono di un sonno da cui non le si può svegliare.

La consapevolezza si raggiunse quando ci si estrania dal gioco

In ogni gioco bisogna partecipare estraniandosi, come uno

spettatore recitante

bisogna svegliarsi e attivare il proprio Guardiano interno. ATTIVA il tuo GUARDIANO FIN DALL'INIZIO DELLO

SPETTACOLO , per es. a partire dal MATTINO

L'estraniazione sottintende attenzione e piena chiarezza di pensieroPer non farsi coinvolgere nel gioco,

sottintende attenzione e piena chiarezza di pensieroPer non farsi coinvolgere nel gioco, ✓ VISUALIZZAZIONE BENEFICA

VISUALIZZAZIONE BENEFICA

--> immaginando gli altri felici e realizzati, favorirai la tua auto-realizzazione

Per imparare ad amare e perdonare, vedi te stesso e gli altri come se foste degli Angioletti caduti qua sulla Terra, dimentichi della dimora primordiale e della loro vera natura.

• Non esiste alcun prestigio, alcuna inaccessibilità e alcuna necessità devo far altro che scegliere lo scenario ottimale

Tutto si trova nell'ordine in cui deve essere e io non

è il più grande insegnamento che la vita ci possa offrire”

Prendi lezioni di calma e serenità dai bambini: guarda come sanno vivere ogni istante per il piacere di viverlo. IMPARA DAI BAMBINI, loro sanno che la vita è un gioco, la cui prima regola è far finta che non lo sia.

• “Sbagliare?

• Con la mente invia un'idea, un intento, e poi DISTACCATENE

Lascia che tale entità concettuale si sviluppi e compia la sua

Missione

Tu devi solo OPERARE SENZA ATTACCAMENTO a tale entità

• Dietro le parole c’è un’immagine, e dietro all’immagine c’è un’INTENZIONE. Quando hai l’immagine lascia perdere le parole, e QUANDO HAI L'INTENZIONE DIMENTICA L'IMMAGINE , così SARAI PIù VICINO ALLA REALTà

• Il mondo è dentro di te

• Con quanta più INDIFFERENZA ti metti in attesa del tuo ordine, tanto più velocemente esso verrà realizzato.

• DISTACCATI DAL RISULTATO

Se tu cambi lui è costretto a seguirti.

la tua felicità deve essere indipendente dal risultato finale -> DISTACCO è

DESIDERARE SENZA AVER BISOGNO

• Una Coscienza Lucida è libera di esprimere le proprie intenzioni "Distaccandosi" dai risultati, dalle aspettative e da altre forme di attaccamento

• L’intenzione con un obiettivo specifico, richiede un focus iniziale seguito da un distacco. Prima pensi intenzionalmente a qualcosa, poi te ne distacchi e quel qualcosa accade.

identificati con l'Io essenziale, IL dio interiore, IL TUO centro di autocoscienza e volontà

PORTA SEMPRE CON TE UNA SCORTA DI BUON UMORE così da suscitare la RISATA SALVIFICA

La risata risanatrice facilita lo sviluppo di uno stato mentale positivo e vincente.

Rispondi alle PAURE, alle CRISI, alle DIFFICOLA', alle provocazioni, alle cattiverie, alle critiche, agli insulti, agli improperi con un DISARMANTE SORRISO!!

Lascerai i tuoi TIMORI e i tuoi avversari dialettici a Bocca Asciutta!

Basterà il tuo sorriso a spazzarli via!

Scapperanno con la coda tra le gambe o addirittura imploderanno a causa della troppa boria che hanno covato da anni. TRASFORMERAI I TUOI DEMONI IN ANGELI !!! TRAMUTERAI IL PIOMBO DEI TUOI INCUBI IN SUBLIMI PEPITE D'ORO !!!

Cercate di ridere il più spesso possibile, indipendentemente dal luogo, dal momento, dalle persone che vi circondano o dal vostro stato fisico e mentale. La risata tira fuori il lato festoso, frizzante, ironico, satirico, euforico, divertente e brioso della vita. Ridere è la miglior medicina contro tutti i mali. Tentate d’individuare l’aspetto buffo che si cela dietro ogni situazione di vita personale (lavoro, famiglia, scuola, sport, hobby, ecc.). Questo non significa prendere in giro se stessi o gli altri, ma vuol dire semplicemente non prendersi troppo sul serio e concedersi di essere più allegri. Riempite d’allegria tutto l’ambiente circostante e contagiate di buon umore tutte le persone che si trovano attorno a voi. Fate riaffiorare il ragazzino allegro che è dentro di voi. Scoprite il burlone che si cela dietro alle vostre lagne e ai piagnucolii altrui. Abbandonatevi al tripudio, alla beatitudine, alla giocosità, alla letizia e alla vivacità di una sana risata. Con la risata vi liberate da tutte quelle tossine che si sono accumulate a causa dell ʼ eccessivo stress. Questo vale

non solo per le comuni circostanze della vita quotidiana, ma è valido anche (e soprattutto) per gli imprevisti. Ogniqualvolta vi trovate in difficoltà o dovete affrontare un evento inaspettato, affidatevi prima di tutto al vostro senso dell ʼ umorismo, per sdrammatizzate quel fatto drammatico. In questo modo alleggerite lʼ impatto negativo (e lo stress conseguente) che tal evento può apportare nella vostra vita. Non buttatela sempre in tragedia! Coltivate un atteggiamento più sciolto, più sereno, più impersonale! Si tratta di apprendere a vedere dall’alto la commedia umana, senza troppo parteciparvi emotivamente! Riconsiderare il mondo come una rappresentazione teatrale in cui ognuno recita la propria parte. Questa va recitata nel miglior modo, ma senza identificarsi del tutto col personaggio che s’impersona !

La vita è come una commedia dal copione incerto ma dalla sicura fine” ( frase tratta da “Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano”)

“Sapete perché gli angeli sono capaci di volare? Perché si sanno prendere alla leggera”

• Accettare e lasciar andare significa far passare dentro di se' un fatto e dargli l'addio, dimenando la mano in gesto di saluto. Per contro, accettare e tenere significa prendere dentro di se' e di conseguenza attaccarsi o attaccare, opporsi.

• Prendere l'abitudine "idiota" di gioire degli insuccessi --> Gioisco a bella posta degli insuccessi, provo a cercare in essi un vantaggio, anche se minimo -> Non costringersi sempre a esser vincenti ---> Tanto maggiore è la tensione del desiderio di agire bene, tanto peggiore sarà il risultato. L'unico modo per liberarsi dall'agitazione è rassegnarsi a priori all'insuccesso. Però a una notizia piacevole bisognerà reagire non apaticamente ma gioiosamente, con marcato entusiasmo.Interpretando ogni evento in chiave positiva, vi trovate sempre a sboccare nella diramazione favorevole e con frequenza crescente incontrate l'onda della fortuna.

VIVI DEL TUO AMORE E OVUNQUE TI TROVERAI SARAI COMPLETO

• Non seguire le opinioni dei molti (la massa), ma quelle dei pochi (saggi).

• CHIACCHERA MENO, ASCOLTA DI PIU'.

• Non dare corda agli impostori: l'attenzione e i consigli sono cosa sacra.

• Rifiuta in blocco le scoscciature.

• Impara l'arte del RINUNCIARE al superfluo. MIRA all'essenza della semplicità desiderio smodato.

• Sìì Astuto come un serpente, candido come una colomba

ASTIENITI dall'artificiosità e dal

[ Per non essere ingannato devi imparare ad essere più smaliziato. Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato]

RICORDA CHE IL VERO CAMBIAMENTO COMINCIA DENTRO DI TE

• Esplora la natura, ascolta il silenzio.

Impara a tacere

lascia che la tua mente, quieta, ascolti e impari dal tuo cuore!

• MEDITA (ma non troppo ! Lo stretto indispensabile.)

• Medita mentre passeggi, vai silenzioso e a piccoli passi attraverso la natura, avendo in testa tutti i pensieri luminosi "Cattura il pensiero fallo tuo, soffialo nell'universo e aspetta esso torni a te."

INDIFFERENZA ALLE COSE INDIFFERENTI ----->

cioè coltivare un uguale amore (che non fa differenze) per ogni

istante della vita, per tutte le creature - indifferentemente dalla loro appartenenza e mentalità

neutro (tra il negativo e il positivo), senza più indirizzare la mente verso alcunché, sospendi il giudizio e l’inflessione emotiva

--> Rimani in uno stadio

• Sii presente allo stesso tempo a te stesso, agli altri, al mondo, alll'Universo.

ALIMENTATI DEI BAGLIORI ISTANTANEI Nutriti ad ogni istante della luce emanata dal respiro, del RESPIRO LUMINOSO

• Unisci i puntini dell'esistenza.

• Ricorda di far auto-riflessioni (Auto-Esami) (soprattutto prima di dormire e appena ti svegli), perché se non sei tu a farle è come se ti dimenticassi te stesso. [ Puoi ottenere tutti i 30 e lode delle facoltà Universitarie di questo mondo, ma ciò non ti garantirà di eccellere nell'esame più importante che dovrai affrontare quotidianamente: l'Auto-Esame della tua Vita ]

• Lascia scorrere lo sguardo dove gli pare, in maniera spensierata, usando visione periferica-laterale

SCOLPISCI LA STATUA DI TE STESSO/A:

La statua della tua vita preesiste nel blocco di marmo dell'esistenza, ti basta togliere il superfluo per fare apparire la sua Bellezza. Correggi qualche difetto, senza essere troppo rigido o paranoico.

Brainstorming -> TROVA 10 SOLUZIONI (fantasiose) AL GIORNO per risolvere problemi di qualunque genere

La mancanza di significato impedisce la pienezza della vita ed è pertanto equivalente alla malattia

------------------------------------------------------------------------

• SEI ESERCIZI ESTRATTI DA L'Enciclopedia Anticrisi

Libro III

“Il genio è la capacità di vedere 10 cose dove l'uomo comune ne vede una.” (E. Pound)

1) FREENOTING

Questa pratica può rafforzare il legame tra la mente conscia e la mente inconscia, aumentare l'intelligenza, migliorare il dialogo interiore, migliorare l'esercizio della memoria e moltiplicare le proprie energie creative. Eppure è molto semplice: consiste nel focalizzarsi, per 15 minuti al giorno, semplicemente su un “flusso di immagini” lasciato scorrere senza giudizio, coercizione, o razionalizzazione alcuna e di riportarlo per iscritto. Sfoghi, idee, deliri, storie, racconti, pettegolezzi, immagini, musica. Anche questa pratica può rendere enormemente più fertile il terreno “mentale” su cui andremo a seminare grazie alle tecniche che vedremo.

2) IMAGE MORPHING

La capacità di ragionare per immagini è una prerogativa di molte grandi menti. Basti pensare ad Albert Einstein, la cui mente in continuo movimento intuì la teoria della relatività immaginando di cavalcare un raggio di luce. Allenandosi a ragionare per immagini infatti si potenzia la memoria e la capacità di creare relazioni. Si può

intensificare la produzione di idee, si possono rafforzare i legami con le risorse inconsce del cervello, e si migliora la capacità di risolvere problemi. Dunque fermiamoci per qualche minuto al giorno, e cominciamo a dare una forma, una dimensione, ed un colore a cose che apparentemente non ce l'hanno. Per esempio come ti visualizzeresti una musica suonata al pianoforte? Una suonata bene? Una suonata male? Come ti visualizzeresti l'ispirazione del musicista che, esprimendosi al massimo del suo potenziale, proietta sui tasti una melodia meravigliosa? E come ti visualizzeresti una relazione generica tra due numeri? Ed il dubbio del matematico che deve scoprire tale relazione?

E l'idea che arriva quando tale dubbio viene dissipato? Ora prendi cinque spezie diverse. Che forma e colore

daresti al loro aroma? Cosa differenzia un aroma da un altro? Ed ora prosegui tu. Cerca elementi astratti e comprendi come visualizzarli. Noterai che le capacità del tuo cervello aumenteranno esponenzialmente.

3) LIBERE ASSOCIAZIONI

Esercizio I Scrivi una parola di uso comune su un foglio di carta. Per esempio “crostata”, “famiglia”, o “tranello”, e poi scrivi in due minuti quante più parole possibili riesci ad associare alla parola iniziale.

Esercizio II Scrivi il nome di un oggetto di uso comune su un foglio di carta. Prova con un mattone, una graffetta, una lattina d'olio lubrificante, o con altri oggetti semplici. Poi, sempre in due minuti, cerca di scrivere tutti i possibili usi per quell'oggetto. Non soffermarti su quelli più ovvi, prova ad inventarne di non convenzionali.

Esercizio III Prendi due oggetti, due concetti, due idee che hanno poco o niente a che fare tra loro, e cerca di capire in che modo potrebbero trovare un nesso nella realtà. Un televisore ed un tramezzino al burro. I tasti neri di un pianoforte e le molle di un materasso. Un rotolo di nastro adesivo ed il problema della fame del mondo. Crea ibridi, combinazioni, oggetti inusuali, animali bizzarri, storie incredibili. Non soffermarti alla prima che ti viene in mente, ma producine di svariate. Vedrai che il miglioramento della tua elasticità mentale andrà pari passo con la tua immaginazione e con la tua capacità di stabilire relazioni tra le cose, nonché di utilizzare creativamente tutti gli strumenti che hai a tua disposizione per risolvere i tuoi problemi.

Prova anche a rendere più complesso il tuo esercizio ed a fare le stesse “costruzioni” con tre, quattro, sei oggetti.

4) STRAVOLGIMENTI

Questo esercizio può aiutare a rendere la mente assai più flessibile, elastica, ed abituata a guardare oltre i comuni significati con cui classifica le cose di ogni giorno. Semplicemente stravolgi, rovescia oppure altera in parte qualcosa di comune e di ordinario, e poi chiediti sia in che modo ciò potrebbe esistere realmente nella realtà, che quali sarebbero le conseguenze dell'assurdità pronunciata. Ad esempio prova a domandarti come potresti guadagnare in un'ora lo stipendio di un anno. Come potresti volare senza aereo. Come può esistere un ristorante senza camerieri, od una casa senza pavimenti. E così via. Puoi riferire queste domande sia a tuoi problemi reali che

a fatti completamente slegati dalla tua vita, non è importante. Puoi sfruttare questo esercizio sia per allenare il cervello che per produrre nuove idee, sta a te vedere come e quando usarlo al meglio.

5) INIEZIONE DI FIDUCIA

Comincia poi a dare anche maggiore ascolto e fiducia a tutto ciò che proviene spontaneamente dal tuo cervello. Iniettare fiducia nelle proprie idee è come iniettargli un potente ormone che le ingigantisce all'inverosimile. La fiducia può trasformare una vaga intuizione in una rivoluzione. Viceversa, non c'è niente di peggio che mettere a tacere tutto il tesoro che si ha dentro a causa di qualche preconcetto stupido che mini la propria serenità ed il proprio entusiasmo. Pensa sempre che ogni idea, per quanto possa essere apparentemente assurda, bizzarra, stravagante, fuori dal comune, oppure potenziale oggetto di critiche, opposizioni, ed ostacoli, è ben più unica, rara e complessa del più grande tesoro di questo mondo, ed in quanto tale non va repressa o prematuramente giudicata per nessuna ragione al mondo, ma deve essere sempre ascoltata, rispettata, accettata, compresa, senza filtri di

alcun genere. La sua utilità andrà poi giudicata a posteriori. L'esigenza di un giudizio pratico o razionale va infatti sicuramente soddisfatta, ma al momento giusto. E quando questo momento viene eccessivamente anticipato, l'azione “raffinatrice” del pensiero va inevitabilmente ad interferire con il meccanismo creativo stesso, divenendo così controproducente. Se dunque ti accorgi che la tua mente tende a rifiutare o filtrare gli impulsi creativi prima del necessario, prova a cambiare il suo modo di “rispondere” alle idee. Invece di lasciare che il tuo cervello di fronte al bizzarro, al nuovo, al particolare, all'insolito, al coraggioso, al rischioso, dica sempre: “Perché? Lascia perdere!”, lascia che dica: “Perché no? Guardiamolo, visualizziamolo, proviamo a capire come costruirlo. Se la cosa dovesse comportare dei problemi vedremo poi insieme come affrontarli.”

“Ogni scoperta contiene un elemento irrazionale” (Karl Popper)

Poi abbi fiducia nei risultati a cui può portare la creatività stessa. Non sottovalutare il modo in cui una mente aperta, creativa, audace, e convinta di ridefinire le sfere del possibile possa realmente riscrivere le più indiscutibili tra le leggi. La creatività è una forza primordiale ed unica che, in quanto plasmante, per natura può ridicolizzare qualunque legge preimposta, qualunque convenzione, qualunque pregiudizio. Ricorda che la storia dell'uomo insegna che la fiducia di chi ha saputo dare liberamente ascolto alle mille idee che ribollivano dentro di sé, unite all'applicazione ed all'ingegno necessarie per far prendere loro forma nella vita reale ha sempre aperto porte fino a quel momento comunemente considerate come “inattraversabili”.

“Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.” (Albert Einstein)

Certo, può sempre capitare che questo “come dare una sostanza” alla nostra idea, a conti fatti richieda un tempo superiore a quello che saremmo disposti a spendere, o dei mezzi al di là di quelli che saremmo disposti ad impiegare, ma ciò non toglie che magari in un futuro prossimo e con i giusti piani e le giuste predisposizioni, esso possa divenire realizzabile. L'importante è sempre però non reprimere tale pensiero a priori. Anche perché la vasta complessità tecnologica del nostro mondo attuale getta in realtà le basi per creare già in un futuro prossimo gran parte delle cose che possono scaturire dalla nostra mente.

[

]

La tua mente è come la vegetazione: cresce in un certo luogo con un certo clima e deperisce in un altro.

6) ANNOTA LE IDEE

Tieni sempre un quaderno nel quale raccogliere idee, pensieri, intuizioni. È una pratica utile a tenere queste cose sempre vive nella propria memoria che, se non aiutata, può far sparire dopo pochi secondi una marea di spunti utili. Inoltre rileggendo, sfogliando, consultando il proprio registro è possibile stabilire relazioni, collegamenti, e creare nuove idee che senza l'utilizzo del mezzo scritto non nascerebbero mai.

-------------------------------------------------------------------

LASCIA PARLARE LE ESPERIENZE

"Se esprimerete quanto avete dentro di voi, quello che avete espresso vi salverà. Se non lo avete espresso dentro di voi, quello che non avete coltivato vi farà perire." - Vang. Tommaso

PRENDI NOTA DI CIO' CHE TI ACCADE, dei miglioramenti o dei cambiamenti: è meraviglioso vedere con quanta velocità molte preoccupazioni si dissolvano quando le metti per iscritto

Sviluppa la SINTESI: Sintezza, riassumi in poche parole dei concetti astratti, delle frasi, delle esperienze.

• DARE PAROLE ALL'ESPERIENZA

Descrivere il proprio vissuto. Quando nasce un pensiero o un sentimento, oppure quando fai qualcosa, prendine coscienza. Per es.

di' a te stesso "Mi sento avvolgere dal buonumore, dalla tristezza, dalla gratitudine

stanno contraendo", o ancora "Il pensiero di non farcela è venuto alla mia mente", "sto camminando troppo in fretta".

",

oppure "i muscoli del mio stomaco si

PROVA A DIRE CON PAROLE TUE QUALI SENTIMENTI STAI PERCEPENDO, PROVA A RIFORMULARE IL TUO VISSUTO O A SINTETIZZARE LE INFORMAZIONI CHE TI SONO STATE TRASMESSE

• TRADUCI L'ESPERIENZA IN PAROLE

Descrivi a te stesso cosa sta succedendo. Da' un nome ai tuoi sentimenti. Chiama "pensiero" un pensiero e sentimento un sentimento. Osserva senza farti catturare dai contenuti. Vivi semplicemente l'esperienza senza reagire impulsivamente ad essa.

Un simpatico modo per ASSOCIARE / ANCORARE nuovi VOCABOLI ALLE PROPRIE ESPERIENZE - RICORDI- SITUAZIONI Consiste nell’ASSOCIARE PAROLE A CASO, creando delle LIBERE ASSOCIAZIONI DI IDEE, componendo delle POESIE SURREALISTE che rappresentino le sfaccettature della tua Vita; via via prenderai dimestichezza e riuscirai a trovare le parole giuste per l’episodio giusto!

P.s.

Ricorda il detto "TRADURRE E' TRADIRE".

Alcuni aspetti della vita non possono (e non dovrebbero) essere tradotti con il linguaggio quotidiano, poiché necessitano una terminologia specifica, vocaboli ricercati, supportati da rigorose riflessioni.

Non puoi parlare di iperurania con il camionista o il panettiere sottocasa e aspettarti che comprenda ciò che vuoi comunicargli.

Inoltre non parlare di cose di cui tu non sia stato testimone diretto, di cose che non hai elaborato e approfondito in modo autonomo.

Evita argomenti che non hai metabolizzato a sufficienza.

---------------------------------------------------------------

LIVELLI