Sei sulla pagina 1di 107

ETICA PROFESSIONALE E COMPORTAMENTO IN SERVIZIO

a cura di Dr. Marco SGARBI - Dirigente della Polizia Municipale di Torino


1

PREMESSA

Letica professionale non esiste come materia insegnata nelle scuole, almeno nel nostro campo, e non esistono modelli predefiniti di comportamento
occorre usare intelligentemente logica e molto buon senso

ricordarsi che al cittadino non sfugge latteggiamento ed il modo di porsi dellagente


2

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

PREMESSA

Da questo nasce quasi sempre un giudizio dellimmagine e dellefficienza dellAmministrazione Locale di cui loperatore fa parte
Un comportamento non consono al ruolo, bene saperlo, sicuramente non porterebbe giovamento al rapporto con il cittadino, gi di per s alquanto conflittuale.

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

PREMESSA

I maggiori giudizi pervengono in gran parte da coloro che transitano sulla strada e non dai pochi utenti che vengono in contatto diretto con loperatore
Occorre:
- usare cura della persona, dellabbigliamento e dellequipaggiamento - avere un atteggiamento composto ed autorevole - essere disponibile

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

INTRODUZIONE

ETICA (significato)

dal greco thos (costume, carattere, norma di vita) - thik (relativo al carattere) una serie di regole da seguire per lo svolgimento di una PROFESSIONE nel miglior modo possibile, nel rispetto delle leggi, dei colleghi di lavoro, e del cittadino/utente

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

INTRODUZIONE

ETICA (significato)

linsieme delle norme di condotta, pubblica e privata, che una persona o un gruppo di persone scelgono e seguono nella vita, in una attivit, in una organizzazione, etc. [ il come viene richiesto di essere SE SI FA PARTE di un determinato gruppo]

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

INTRODUZIONE

ETICA (significato)

ogni lavoro ha delle regole comportamentali che derivano: da esperienze fatte e tramandate da coloro che hanno svolto lattivit in precedenza; da tecnologie; da nuovi sistemi Il lavoro dellagente di p.m. si pone al servizio del cittadino per far osservare le regole di vita che la comunit si data
7

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

ETICA PROFESSIONALE

Professionalit = valori etici + contenuti professionali onest correttezza disponibilit consapevolezza


(chi si - cosa si fa perch lo si fa)

Valori etici e morali

Sacrificio Impegno Dedizione


Coscienza di operare sempre ed in ogni caso per il bene comune

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

INTRODUZIONE

ETICA

Chi sceglie di svolgere lattivit di P.M. deve sapere quale tipo di lavoro andr ad affrontare Questo un mestiere a molti sconosciuto: sa appassionare, ma pu rivelarsi assai difficoltoso

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino 9

INTRODUZIONE

ETICA

Bisogna essere consapevoli della complessit del ruolo rivestito. A mansioni elementari si accostano situazioni a volte drammatiche, complesse, che richiedono capacit immediata di valutazione, obiettivit, una conoscenza approfondita del territorio e del suo contesto sociale, uno spiccato senso di responsabilit A gentilezza e disponibilit,ad una presenza rassicurante, si deve contrapporre la determinazione necessaria per contrastare crimini e devianze.

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino 10

INTRODUZIONE

ETICA

Lattivit della P.M. non si svolge dietro ad una comoda scrivania, a proprio agio, dove pu essere possibile consultare testi e documenti prima di procedere Lattivit si svolge sulla strada, nel rapporto immediato con il cittadino presente sul posto che interagisce e interferisce con loperatore
11

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

PAROLE - CHIAVE

PER AVERE RISPETTO


Vedere se stesso negli altri Riconoscere la dignit dellaltro Oltre la divisa (non trincerarsi dietro) Ascolto Attenzione per luomo, ai suoi bisogni Educazione

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

12

PAROLE - CHIAVE

PER AVERE AUTOREVOLEZZA


Onest Seriet Professionalit Chiarezza Precisione Decisione Equilibrio e coerenza


13

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

PAROLE - CHIAVE

CONDIVIDERE

Allinterno del Corpo Allesterno con il cittadino Esperienza Immagine

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

14

PAROLE - CHIAVE

LO SPIRITO DI CORPO SERVE A:


Difesa Uniformit Cooperazione interna tra colleghi Senso di identit, di appartenenza Solidariet reciproca Evitare le divisioni interne

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

15

PAROLE - CHIAVE

LA DISCIPLINA E:

Rispetto delle regole Ordine Osservanza Formalit

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

16

LAGENTE DI P.M.

LA FIGURA

Lattivit viene svolta in UNIFORME e ci comporta: essere un punto di riferimento per tutti (turisti, commercianti, ragazzi, per i cittadini in genere) Lagente di P.M. rappresenta verso tutti la Citt, lAutorit comunale, lIstituzione

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

17

LAGENTE DI P.M.

LA FIGURA

da come si veste luniforme, da come viene eseguito il saluto e dal modo di rapportarsi si viene giudicati dal cittadino Attraverso la figura, si rispecchia la Citt di cui lagente lespressione esterna; lagente rappresenta, come comunemente si usa dire, il biglietto da visita della Citt

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

18

LAGENTE DI P.M.

LA FIGURA

Il modo di apostrofare le persone, di gesticolare di camminare, di contestare le infrazioni o di tenere un comportamento sconveniente, viene osservato e focalizzato da chi spettatore, dalluomo della strada

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

19

LAGENTE DI P.M.

LO STATUS GIURIDICO

Lagente di P.M. ha una veste giuridica diversa da quella degli altri impiegati comunali ha qualifica di Pubblico Ufficiale (art. 357 c.p.) [ Pubblico Ufficiale colui che esercita una pubblica funzione legislativa, giudiziaria o amministrativa ]
20

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LO STATUS GIURIDICO

La pubblica funzione amministrativa: disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi caratterizzata dalla formazione o manifestazione della volont dellEnte svolta per mezzo di poteri autoritativi o certificativi
21

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LO STATUS GIURIDICO

agente di P.G. (art. 57 c.p.p. e art. 5 L. 65/86) e svolge funzioni di polizia stradale e di ausiliario di pubblica sicurezza, nei limiti territoriali del Comune di appartenenza

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

22

LAGENTE DI P.M.

LO STATUS GIURIDICO

I compiti (art.3 L.R. 58/87): prevenzione e repressione infrazioni alle norme di Polizia Locale vigila sullosservanza delle Leggi statali, Regionali, dei regolamenti e delle Ordinanze svolge i servizi di Polizia stradale espleta servizi di informazione, di accertamento e di rilevazione connessi ai compiti distituto
23

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LO STATUS GIURIDICO

I compiti (art.3 L.R. 58/87): (segue) vigila sullintegrit e conservazione del patrimonio pubblico presta servizi dordine, vigilanza e scorta esegue le notificazioni degli atti presta opera di soccorso in occasione di calamit e disastri e privati infortuni
24

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

ETICA PROFESSIONALE

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Durante lo svolgimento della propria attivit, lagente di P.M. ha un costante rapporto con la collettivit, con la parte attiva della popolazione lagente di P.M. ha modo di avere contatti con tutti: il pensionato, lo studente, il professionista, il commerciante, lavvocato, il magistrato, il medico, la massaia, lartigiano, il trasportatore, il teppista, ecc.
25

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

ETICA PROFESSIONALE

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Lutente desidera che ogni operatore sia in grado di:


Infondere sicurezza
(perch in grado di risolvere problemi e situazioni negative)

Portare aiuto Saper ascoltare le giustificazioni durante la contestazione Agire con autorevolezza
(non autoritario non ironico non irriverente)

Essere sereno e garbato Essere fermo e deciso


(nel reprimere le violazioni gravi che ledono la sicurezza della collettivit)

Essere elastico
(nel perseguire violazioni minori che potrebbero apparire come pignolerie o vessazioni burocratiche)

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

26

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Si ha a che fare con persone che appartengono a diversi strati sociali, con diverse culture ed esigenze eterogenee. ..che hanno diversi caratteri, che non accettano il richiamo, che contestano qualunque cosa, o perch troppo giovani per capirla, oppure troppo presuntuosi nel conoscerla

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

27

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Con alcuni difficile avere un dialogo e talvolta giusto non crearlo, per dare il meno possibile inizio a delle polemiche Ci non vuol dire che il cittadino non debba avere, una volta fermato, i giusti ragguagli o le spiegazioni sui motivi del richiamo o delle infrazioni riscontrate

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

28

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

La forza dellagente di P.M. sta nella sua calma nellatteggiamento corretto che assume davanti al cittadino. Un atteggiamento corretto richiede innanzi tutto di presentarsi a chiunque, ai cittadini, come ai colleghi o ai propri superiori, con il saluto portando la mano alla visiera del berretto

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

29

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Il saluto non indice di militarismo o di subordinazione, bens una palese dimostrazione di rispetto nei confronti del cittadino, e nel contempo segnala al cittadino stesso che si richiede rispetto per lIstituzione che si rappresenta

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

30

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Il saluto, si badi, s un formalismo ma che racchiude la dignit, il prestigio e lorgoglio del ruolo ricoperto e che lagente di P.M. deve sentire, proprio perch si rende utile alla gente e perch porta avanti determinate tradizioni di valori.

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

31

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO


La funzione dellagente di P.M. racchiude in s diversi fattori: la disponibilit il senso del dovere la competenza professionale leducazione nel modo di esprimersi una buona dose di psicologia, per vagliare immediatamente il caso che ha di fronte, prima di procedere con la dovuta fermezza
32

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO


Una volta iniziata unazione lagente di P.M. non pu tornare indietro Tornare sui propri passi a met strada segno di debolezza e non porta certo onore a chi lo compie E giusto quando si inizia unazione essere certi del suo futuro, corretto, compimento

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

33

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Lagente di P.M. colui che sulla strada deve fare rispettare delle norme, le pi eterogenee, nei confronti delle persone pi disparate, con fermezza ed educazione Lagente, anche se giovane, deve usare il vaglio del saggio, comportandosi adeguatamente, caso per caso, senza montare in cattedra e non divenire solo un soggetto automatico, distributore di contravvenzioni
34

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON IL CITTADINO

Il cittadino deve vedere nellagente di P.M. non solo un tutore dellordine, ma anche colui al quale chiedere consiglio e nel quale riporre fiducia perch conosciuto come quella autorit che ti aiuta in caso di bisogno E importante sapere di lavorare e di essere coscienti che chi ci osserva non vede in noi solo unautorit repressiva, ma anche un servizio per la comunit a cui essa porta rispetto e stima
35

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

Un saluto, una risposta garbata, uninformazione data con cortesia, una sanzione inflitta con questo metodo e con questo senso di rispetto DISARMANO lo stesso contravventore da qualsiasi volont contestatrice

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

36

LAGENTE DI P.M.

Viceversa, una risposta data in modo superficiale, vaga, con noncuranza, con fare sufficiente, o una contestazione fatta in modo arrogante e provocatorio, anche se la violazione stata palesemente commessa, inducono il cittadino ad una reazione, poich si sente ingiustamente colpito e da trasgressore tende a diventare vittima
37

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO

D.M. Funzione Pubblica 28/11/2000

Indica i PRINCIPI e i CRITERI per il comportamento quotidiano dei dipendenti pubblici, in servizio e fuori servizio, al fine di assicurare il rispetto degli obblighi di DILIGENZA, LEALTA,IMPARZIALITA, stabiliti dalla Costituzione
38

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO

Al codice di comportamento si affiancheranno gli ulteriori codici emanati dalle singole amministrazioni Il codice di comportamento uno strumento finalizzato ad assicurare la qualit dei servizi erogati dalla P.A. ha natura contrattuale in quanto la sua efficacia determinata dal suo recepimento nel CCNL
39

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO

La sua violazione d luogo a responsabilit civile e disciplinare verso terzi e verso la P.A. La correlazione tra doveri violati e tipo di sanzione irrogabile stabilita nel CCNL, eventualmente integrato dal codice adottato dalla singola Amministrazione

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

40

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO I PRINCIPI ETICO-PROFESSIONALI:


Imparzialit (garantire parit di trattamento) Efficienza (ottimizzazione risorse/risultati) Responsabilit (rispondere del proprio operato) Cura dei beni e riservatezza Collaborazione (con la cittadinanza e lutenza) Semplificazione (dellattivit amministrativa) Sussidiariet (svolgimento delle funzioni da parte dellAutorit pi vicina ai cittadini)
41

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO

Il dipendente: non deve chiedere regali da soggetti che abbiano tratto o possano trarre benefici da decisioni o attivit inerenti allufficio non partecipa ad associazioni od organizzazioni la cui attivit possa rivelarsi in conflitto con gli interessi dellAmministrazione non deve accettare retribuzioni o altre utilit, da soggetti diversi dallAmministrazione, per svolgere prestazioni alle quali tenuto per lo svolgimento dei propri compiti dufficio
42

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO

non sfrutta la posizione che ricopre nella P.A. per ottenere utilit o privilegi che non gli spettano nei rapporti privati non ritarda n affida ad altri dipendenti il compimento di attivit o ladozione di decisioni di propria spettanza non utilizza le linee telefoniche dellufficio per esigenze personali

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

43

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO

non utilizza i veicoli di servizio a fini privati o per il trasporto abituale di persone estranee allAmministrazione non usa a fini privati materiale o attrezzature di cui dispone per ragioni dufficio non rifiuta le prestazioni richieste dai cittadini motivandole genericamente con la quantit di lavoro da svolgere o con la mancanza di tempo a disposizione
44

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

IL CODICE DI COMPORTAMENTO

rispetta gli appuntamenti con i cittadini e risponde sollecitamente ai reclami si astiene da partecipare a decisioni o ad attivit che possano coinvolgere interessi propri o di suoi parenti entro il quarto grado o conviventi limita le assenze dal luogo di lavoro a quelle strettamente necessarie

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

45

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON I GIOVANI

Soprattutto di fronte ai ragazzi, il modo di comportarsi dellagente di P.M. deve essere da esempio I giovani vedono nella divisa lautorit, e si aspettano da questa un atteggiamento consono al ruolo ricoperto ed alla funzione sociale esercitata

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

46

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON I GIOVANI

E un momento delicato e sta al comportamento dellagente, al dialogo appropriato ed al modo consono di agire, non rompere il rapporto di fiducia e di credibilit che con gli anni la P.M. ha saputo crearsi (la grande attivit svolta nelle scuole per insegnare i principi stradali)

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

47

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON I GIOVANI

Il giovane, proprio per let che ha, pi orgoglioso; vuole affrontare i problemi come ladulto ma pi suscettibile perch gli manca lesperienza portata dallaver gi vissuto certi fatti; ha invece la presunzione di saperne di pi Talvolta basta una frase, un modo di dire, un fare sgarbato per azionare il meccanismo della suscettibilit
48

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON I GIOVANI

Quando lagente di P.M. interviene, oltre ad agire con rigore e fermezza, deve usare tatto e cortesia, in modo da mantenere la fiducia e non creare pretesto alcuno per farla venire meno Occorre sempre che lagente di P.M. non tratti mai tutti i ragazzi come dei teppisti, ma sappia scindere valutando il caso, linfrazione e la persona che ha di fronte
49

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON I GIOVANI


Mai, quindi, usare linguaggio scurrile, di minaccia, di intimidazione. Serve a poco. Anzi, serve solo a provocare una reazione negativa dallaltra parte, a far cadere il senso di rispetto che magari il ragazzo aveva avuto sino ad allora, facendo scendere quel senso di stima, non solo verso quellagente, ma verso lintero Corpo di appartenenza
50

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

I RAPPORTI CON I GIOVANI

Usando il giusto linguaggio, quella competenza nel contestare i fatti, quel modo corretto e convincente verso il soggetto che si ha di fronte, si creano le condizioni affinch questi non si senta ingiustamente colpito nel suo orgoglio, nella sua dignit, e veda nel gesto di chi lo sanziona una giusta punizione e non un atto arbitrario
51

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

Il modo di agire dellagente di P.M. particolarmente significativo allatto della contestazione di una infrazione Non importa precisare quali tipologie di violazioni, importante il modo in cui esse devono essere contestate

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

52

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

Lagente, prima di iniziare la contestazione vera e propria, si presenter davanti al soggetto salutandolo nella forma dovuta, e cos dovr fare al momento del congedo. Tale atteggiamento, come si gi detto, una forma di rispetto che si dimostra verso il cittadino, che notato dalla cittadinanza e che valorizza lagente e gli attribuisce autorevolezza di fronte a tutti
53

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

quando si in abiti civili occorre prima di tutto qualificarsi esibendo in modo chiaro la tessera di riconoscimento, al fine di evitare equivoci Bisogna evitare di drammatizzare i fatti contestati e di esprimere considerazioni moralistiche, o mortificare il trasgressore

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

54

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

occorre prestare molta attenzione al richiamo del trasgressore quando avviene di fronte a dei ragazzi e specialmente se questi sono i figli Ladulto visto, in genere, dai giovani con un senso di stima e di rispetto e, quindi, anche se ha sbagliato, non va messo in ridicolo o in difficolt di fronte a loro

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

55

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

i ragazzi, nel padre e nella madre, vedono un importante punto di riferimento e li collocano in alto al di sopra di tutto infatti, fin dallinfanzia, i genitori, insieme ai maestri delle classi elementari, sono coloro che hanno dato il primo indirizzo della vita con i propri insegnamenti, consigli e a volte castighi

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

56

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

E facilmente immaginabile come sia avvilente per un genitore essere redarguiti di fronte ai propri figli ed mortificante per questi ragazzi vedere umiliare i propri genitori A volte basta unesclamazione violenta, una frase infelice, un modo scorretto, per imprimere nei figli questo fatto che ricorderanno sempre con un senso di astio e di rancore verso lagente che lo ha compiuto
57

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

In questi casi saggio applicare un minimo di psicologia e di sensibilit, doti che un agente deve possedere Si deve operare con rispetto e cortesia, senza rimarcare sullinfrazione commessa, senza creare disagio al trasgressore sottolineando a pi riprese linfrazione compiuta

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

58

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

se a bordo di veicolo, occorre invitare il trasgressore a scendere dal mezzo in modo da spiegargli i fatti e contestargli linfrazione, senza la presenza se possibile dei suoi familiari Nel caso un agente noti un conducente a bordo del proprio veicolo fermo in una zona vietata o dintralcio, questi va subito richiamato con un trillo di fischietto
59

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA CONTESTAZIONE

Infatti linfrazione va subito rilevata, senza attendere che questi rimanga un certo tempo per poi avvicinarlo e contestargli la violazione Se lutente ha osservato che lagente lo ha visto e non ha detto a nulla, egli far affidamento su tale comportamento di tolleranza, con la convinzione che questi possa aver capito le sue esigenze
60

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA PROVOCAZIONE

E un comportamento con il quale viene stimolata una reazione dellaltra parte con un atto arbitrario Lagente nel suo operare con il cittadino deve astenersi da esclamazioni, imprecazioni, commenti sagaci, processi alle intenzioni e da frasi ingiustificate che potrebbero provocare una reazione talvolta spropositata ed ingestibile
61

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA PROVOCAZIONE

Il cittadino a volte, sotto stress, pu vedere nellautorit che lo punisce un comportamento ingiusto Sta nella maniera di affrontare la questione da parte dellagente, fare in modo che latto coercitivo mantenga la sua dignit senza che il dialogo sfoci in una disputa

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

62

LAGENTE DI P.M.

LA PROVOCAZIONE

Anche lagente di P.M. soggetto a momenti di tensione, per vari motivi: stress, affaticamento, pesantezza del servizio, di carattere familiare In questi casi molto probabile cadere nella tentazione di reagire con contestazioni mordaci, battibecchi, o altri atteggiamenti orientati alla provocazione
63

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA PROVOCAZIONE

A volte il trasgressore pu avere problemi di salute, di famiglia, ecc.., e basta una frase, una battuta sgradita, un comportamento ironico o di sufficienza per far scattare limpulso ad una reazione che potrebbe addirittura degenerare nel penale

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

64

LAGENTE DI P.M.

LA PROVOCAZIONE

Attenzione : perch sussista in tale caso un eventuale reato, occorre la volont di offendere il P.U., ma tale volont, se pur manifesta, priva di volontariet perch viziata appunto dalla provocazione, che potrebbe aver fatto sorgere lagente In questo caso non punibile chi commette i reati di cui agli art. 336/343 c.p. se dovuti ad atti arbitrari del P.U.
65

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA PROVOCAZIONE

Quindi sono da evitare battute, rimproveri, affermazioni pesanti che potrebbero indurre linterlocutore, che sa gi di essere in difetto, alle reazioni predette La superiorit del proprio ruolo, della propria competenza professionale e della capacit intellettiva devono essere espresse proprio in queste circostanze
66

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA PERSONALIZZAZIONE

NOI tendiamo a personalizzare Lagente di P.M. deve stare molto attento a questo fenomeno; egli non deve sentirsi parte nei confronti del trasgressore LA.P.M. deve essere al di l delle parti, che sono una il trasgressore laltra la norma violata
67

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LA PERSONALIZZAZIONE

Non deve immedesimarsi nella parte come se il trasgressore abbia voluto appositamente fargli un dispetto personale A volte la personalizzazione porta a vivaci scambi di opinione durante le quali potrebbero sfuggire degli epiteti, con conseguenze negative per lutente ma anche per lagente

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

68

LAGENTE DI P.M.

LA PERSONALIZZAZIONE Lattivit deve sempre essere spersonalizzata

Ogni azione rivolta alloperatore dallutenza non rivolta alla sua persona, ma alla funzione che esercita Le offese rivolte rivolte alla dignit personale o familiare delloperatore sono indirizzate alla funzione che espleta Occorre, quindi, avere consapevolezza che il vero destinatario della minaccia o della lesione la funzione pubblica esercitata

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

69

LAGENTE DI P.M.

LA PERSONALIZZAZIONE

LA.P.M. ha un compito difficile che quello di estraniarsi dai fatti che sta vivendo, cosa molto pi difficile quando lillecito derivato dopo un inseguimento in moto od in auto, durante il quale si sono corsi dei rischi personali

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

70

LAGENTE DI P.M.

LA PERSONALIZZAZIONE

E chiaro che il cittadino, qualunque violazione abbia commesso, deve sottostare a quello che la legge stabilisce e che lagente in quel momento fa rispettare Non si pu attribuirgli, seppur sorga spontaneo, anche uno sfogo personale

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

71

LAGENTE DI P.M.

COSA BISOGNA EVITARE


Indicare che la sanzione pi grave del previsto Far intendere che vi la disponibilit ad ammorbidire il proprio atteggiamento
(applicazione di una violazione diversa con sanzione minore forma di patteggiamento-)

Contestare una violazione a tutti i costi, anche se non si sicuri Contestare violazioni maggiori di quelle commesse come reazione ad un atteggiamento poco rispettoso tenuto dallutente ATTENZIONE ALLABUSO DI POTERE

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

72

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Il cittadino di per s ETEROGENEO proprio per le diversit di categorie che lo caratterizza Lagente deve saper valutare immediatamente il caso che si trova davanti, adeguando il suo comportamento alle varie circostanze che si prospettano

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

73

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI


La strada frequentata da tutti: pedoni, automobilisti, camionisti, motociclisti, ecc Una regola generale per tutti gli utenti della strada, quella del complesso delluniforme Anche il cittadino pi in regola, passando davanti ad una pattuglia, ha un senso di colpa Si domander se il suo veicolo sar fermato, se i documenti sono a posto, se ha il triangolo, ecc.
74

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Il tutore dellordine nei confronti del cittadino ha una posizione di supremazia che non deve mai perdere, cos come il buon senso ed il lato umano lagente potr incontrare pi tipologie di individui a bordo di veicoli, ognuno dei quali, a seconda della categoria rappresentata, potr avere un determinato comportamento
75

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Il soggetto pieno di s, conscio di avere conoscenze altolocate, tenter di mettere in difficolt lagente nominandole, creando ad arte una sottile situazione intimidatoria Questo il tipo che, proprio perch si ritiene pi in alto, non accetter neppure il semplice richiamo.

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

76

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

In queste circostanze, occorre parlare il meno possibile, limitandosi alla contestazione dellinfrazione La persona timida ha un atteggiamento di remissivit al momento, ma pu avere una reazione spropositata se non convinta di quanto gli stato contestato

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

77

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Quando si ha il sentore che la situazione stia per degenerare, la prima cosa da fare, si detto, far scendere dal veicolo la persona Una volta a terra, in genere, di fronte allagente, il comportamento cambia totalmente

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

78

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Poi vi sono i c.d. provocatori che pieni di presunzione contestano qualunque cosa e mettono in dubbio la competenza e la capacit di giudizio dellagente Anche in questi casi assolutamente da evitare la polemica per dimostrare al conducente di essere pi bravo di lui

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

79

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Attenzione: a volte la polemica pu essere suscitata ad arte da taluni soggetti per trascinare lagente su un terreno a lui sfavorevole, mettendolo in difficolt in ordine al giudizio sullinfrazione da contestare Anche se pagher per la violazione commessa, andr via convinto di avere insegnato qualcosa a scapito della dignit personale e della preparazione professionale dellagente
80

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI


Quando si ferma un veicolo, difficilmente si sa gi con quale soggetto si avr a che fare Occorre usare prudenza Lagente si accorger della volont remissiva o provocatrice dei soggetti fermati, dal frasario utilizzato, dal comportamento e da altri segnali evidenti

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

81

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI


Certi soggetti dichiarati in fallo, cercano ogni scappatoia per sfuggire alla punizione talvolta usano frasi provocatorie, tentano di creare veri e propri trabocchetti per indurre lagente ad agire, per poi farlo sentire in stato di colpa per il comportamento avuto o per certe risposte date.

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

82

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Attenzione : se la colpa risulta essere in eguale parte divisa, lagente sar indotto, a livello psicologico, a recedere dal suo operato, per non avere guai, specie se tale fatto avvenuto in presenza di testimoni

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

83

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Attenzione : mai utilizzare termini tipo ma lei non capisce niente o ma dove va o chi le ha dato la patente Sicuramente il cittadino rimarr mortificato e torner a casa con scarsa fiducia nel tutore dellordine ed amareggiato; avremo agito ma seminato male
84

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

IL CITTADINO E LAGENTE DI P.M.

IL CITTADINO E LE SUE REAZIONI

Attenzione : nel caso in cui il cittadino abbia risposto a capire niente sar lei vi sar un alterco dove lagente, sentendosi leso in questa falsa autorit, salir in cattedra con la sicura conseguenza di una degenerazione del caso

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

85

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

Lagente di P.M. opera in via prevalente sulla strada, e in genere affronta autonomamente innumerevoli difficolt ma la sua opera ha bisogno dellattivit complementare dei suoi superiori, sia per quanto concerne il vaglio nel merito degli atti, che per la loro trasmissione ai vari uffici competenti
86

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

inoltre, il luogo di lavoro dove si ci presenta e si trascorre una parte del servizio anche il proprio Comando in questo ambiente che si parla dei casi e delle esperienze vissute, di qualche episodio particolare per il quale si chiede consiglio ai superiori, ai colleghi pi anziani.

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

87

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

In questo clima di lavoro comune, nasce la solidariet per la condivisione delle stesse problematiche e preoccupazioni e da qui, in genere, origina lamicizia, sentimento che non rimane chiuso nellambiente, ma che accompagna i colleghi anche quando sono fuori servizio

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

88

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

Fuori dal proprio lavoro, o in altre occasioni quando non si indossa luniforme, umano e normale che il saluto fra amici, fra due colleghi avvenga nel modo consueto, magari familiare Ma sulla strada dove luomo in uniforme notato la forma ha la sua importanza Il senso di amicizia si trasforma in quello di rispetto per luniforme e il saluto deve essere quello previsto
89

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

Questo gesto indica il grado di seriet e di rispetto che esiste tra gli appartenenti al Corpo E importante che lagente di P.M. tenga sempre buoni rapporti con gli altri organi di polizia e collabori con questi, secondo le proprie competenze e attribuzioni Dovr, inoltre, usare sempre quella forma di rispetto che, contraccambiata, dar i suoi frutti in caso di bisogno
90

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

I rapporti che devono esistere tra gli appartenenti ai vari Corpi o Organi di Polizia, i quali operano per un unico fine, devono sempre essere improntati al rispetto reciproco senza prevaricazioni o subordinazioni di sorta Il fatto che lagente di P.M. operi su un territorio limitato, non vuol dire che siano limitate anche le sue competenze
91

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

Infatti, oltre alle leggi dello Stato, comprese le leggi penali, lagente di P.M. ha il poteredovere di fare osservare tutte le norme emanate dal Comune ed anche quelle promulgate dalla Regione Quindi si fonda su falsi concetti il porsi fra agenti di Enti diversi su posizioni di supremazia

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

92

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

Lagente di P.M., essendo un dipendente del Comune, dipende dal Sindaco, dallAssessore delegato, dal Segretario Generale, dal Capo del personale. I segni di rispetto che devono essere mostrati nei confronti dei cittadini, a maggior ragione dovranno essere evidenziati alle Autorit citate e in primo luogo al Sindaco
93

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LE AUTORITA ED I COLLEGHI

Oltre alle Autorit menzionate, si far bene salutare il Gonfalone della Citt, le Bandiere militari, i diretti superiori gerarchici e le altre Autorit Istituzionali

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

94

LAGENTE DI P.M.

FUORI SERVIZIO

Lagente di P.M. non deve mai dimenticare che conosciuto dove risiede ed anche dove svolge le proprie funzioni, anche se veste labito civile Pertanto, opportuno, anche quando si fuori servizio, mantenere sempre un comportamento adeguato al ruolo svolto Ci in ossequio a quel principio che richiede dessere di esempio per gli altri nella societ
95

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

FUORI SERVIZIO

Sarebbe deprecabile tenere un comportamento contrario alle leggi o alle norme regolamentari, trincerandosi dietro il proprio status, oppure apparire in disordine negli abiti e nella persona, specialmente nei luoghi dove si vive o dove si esercita la propria funzione Il cittadino osserva, giudica e critica e ci non riguarda solo il singolo soggetto ma si riflette e si ripercuote in generale su tutto il Corpo
96

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

FUORI SERVIZIO

E chiaro che la libert che il nostro regime democratico ci garantisce DEVE ESSERE interpretata nel modo pi giusto e consono al ruolo che deve svolgere ciascun soggetto preposto alla cosa pubblica Lesempio di saper essere, di sapere chi si , con quella giusta umilt e quella giusta dignit, va dimostrato, prima di tutto, a s stessi
97

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LINCIDENTE

Si vuole qui sottolineare non lincidente sotto il profilo tecnico e giudiziario ma limportanza ed il contributo sociale che lagente di P.M. pu dare e assume verso il cittadino coinvolto in un sinistro stradale Vi lobbligo giuridico oltre che morale di intervenire nei rilievi di un sinistro stradale

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

98

LAGENTE DI P.M.

LINCIDENTE

Inoltre, evidente che esiste una priorit di intervento morale laddove sono rimaste coinvolte delle persone lo scopo quello di prestare soccorso alle persone coinvolte nel sinistro e di raccogliere sul posto prove, tracce, testimonianze per accertare tutti gli elementi ai fini di unequa valutazione della responsabilit
99

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LINCIDENTE

Altro aspetto non meno importante del ruolo dellagente di P.M. quello di essere di aiuto e conforto al cittadino coinvolto nel sinistro Si devono interpellare separatamente le parti coinvolte onde evitare polemiche fra le stesse Astenersi dal contravvenire sulla base di semplici supposizioni di responsabilit

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

100

LAGENTE DI P.M.

LINCIDENTE

Essenziale sentire SUBITO eventuali testi, onde avere la migliore genuinit delle affermazioni Se raccolte DOPO, ovvero in tempi successivi, sia a causa di vuoti di memoria che in seguito a discussioni varie, potrebbero risultare meno obiettive

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

101

LAGENTE DI P.M.

LINCIDENTE

Lagente di P.M. deve in ogni caso saper dimostrare calma e pacatezza, senza creare ulteriori timori di natura psicologica a chi rimasto coinvolto nel sinistro e vede in ogni atto qualcosa contro di lui Anche chi ha sbagliato ha diritto di essere tutelato come cittadino; tutte le parti in quel momento sono scosse, specie se vi sono di mezzo persone ferite o, peggio, decedute
102

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

LINCIDENTE

Il ruolo della P.M. non quello di far sentire colpevoli i presunti tali Il ruolo della P.M. quello di applicare la legge con un senso di umanit, poich la legge perderebbe la sua importanza e la sua forza se fosse applicata in modo sgarbato e vessatorio

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

103

LAGENTE DI P.M.

LINCIDENTE

Lagente di P.M., per ben operare, dovr, agire con tempestivit ed avere la giusta preparazione nello svolgere il proprio ruolo la capacit e la sensibilit di gestire situazioni critiche sulla strada dove mille occhi osservano e, come dicevo, giudicano, dar grande valore alloperato dellagente di P.M., aumentandone lapprezzamento, la gratitudine ed il rispetto da parte del cittadino
104

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

LAGENTE DI P.M.

CONCLUSIONI

La gente comune crede nella figura dellagente di P.M. per ci che rappresenta e, soprattutto, che deve continuare a rappresentare La P.M. si tramandata negli anni una serie di valori, con azioni, atti e servizi svolti nelle citt, spesso in condizioni di disagio, a tutela della comunit

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

105

LAGENTE DI P.M.

CONCLUSIONI

Si sa che certe Istituzioni hanno un prestigio quando allinterno delle stesse vi sono uomini che con il loro comportamento le valorizzano Esse perdono, invece, credibilit quando questi uomini con certi atteggiamenti le fanno degradare sul piano del lavoro (professionalit) e sul piano morale

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

106

LAGENTE DI P.M.

CONCLUSIONI

Non si devono dimenticare due aspetti essenziali della vita delluomo: lumilt e la dignit Questi valori, nel giusto equilibrio, danno un senso reale alla vita; scissi e ingranditi portano luno al servilismo, laltro allarroganza Sta a VOI ricordare sempre questa regola nei rapporti con la comunit di cui si al servizio
107

dr. Marco SGARBI - Dirigente del Corpo di Polizia Municipale di Torino

Potrebbero piacerti anche