Sei sulla pagina 1di 48

www.gazzetta.

it luned 13 febbraio 2012 1,20


ITALIA

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 0262821 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281 POSTE ITALIANE SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO

anno n Anno 116 Numero 37

QUI MILAN MERCOLEDI SERA A SAN SIRO CONTRO LARSENAL NELLANDATA DEGLI OTTAVI

Serie A / 23 GIORNATA
PARTITE ATALANTA LECCE 00 BOLOGNA JUVE rinviata CAGLIARI PALERMO 21 CATANIA GENOA 40 INTER NOVARA 01 LAZIO CESENA 32 PARMA FIORENTINA rinviata UDINESE MILAN 12 Oggi (ore 20.45) NAPOLI CHIEVO (0 1) SIENA ROMA (1 1) CLASSIFICA MILAN 47 JUVENTUS** 45 LAZIO 42 UDINESE 41 INTER 36 ROMA* 35 NAPOLI* 31 PALERMO 31 GENOA* 30 CAGLIARI 30 FIORENTINA** 28 CATANIA** 27 PARMA** 27 CHIEVO* 27 ATALANTA*** 24 BOLOGNA** 22 SIENA** 20 LECCE 18 CESENA* 16 NOVARA 16

El Shaarawy vero Faraone pu battere anche Pato


Con la partenza sprint in grado di superare i numeri straordinari del brasiliano Buone notizie: Boateng, il Papero e Nesta tornano disponibili per la Champions
DELLA VALLE, PASOTTO ALLE PAGINE 1011

3 Stephan El Shaarawy, 19 anni ANSA

*Una gara in meno. **Due gare in meno. ***Una gara n meno e 6 punti di penalizzazione.

LA CRISI COME ALLANDATA IL NOVARA STENDE I NERAZZURRI (10)

INCUBO INTER
Dopo i 4 gol di Roma, la batosta contro lultima in classifica Moratti furioso, sotto accusa anche il tecnico che per ora non rischia
CECERE, DALLA VITE, ELEFANTE, TAIDELLI, DA PAGINA 2 A PAGINA 9

ilCommento

RANIERI VA SUPPORTATO
dI ALBERTO CERRUTI

Dalla grande abbuffata di dome nica scorsa, con 9 partite in con temporanea, ai 3 avanzi di uno spezzatino surgelato, rimasto sullo stomaco allInter. Tra un gi rone e laltro sono cambiati gli al lenatori, non la rima per Gasperi

ni e Ranieri: Novara sempre amara. Battuta 31 dalla neopro mossa guidata da Tesser che non aveva ancora vinto in A, ribattuta 10 ieri dalla Cenerentola del cam pionato, ora affidata a Mondoni co, al primo successo in trasferta.

3 Wesley Sneijder, 27 anni, disperato. A destra lesultanza di Andrea Caracciolo, 30 anni PEGASO LIGA PREMIER COPPA DAFRICA

LARTICOLO A PAGINA 31

LE ALTRE ATALANTA PARI COL LECCE

Il Catania stritola il Genoa Stasera Napoli e Roma


CARUSO, LICARI, MACONI, FINOCCHIARO ALLE PAGINE 14 E 15

Il Real festeggia Batte il Levante va +10 sul Bara

Il City in testa E ora Mancini riapre a Tevez

Lo Zambia vince Inchiesta: i Giochi in Europa nella sua Superga non sempre sono un flop Drogba tradisce
ARCOBELLI, IARIA A PAGINA 47

ROMA 2020 OGGI INCONTRO MONTIPETRUCCI

SERIE B LIVORNO RIMONTA COL VICENZA

IL ROMPI PALLONE
DI GENE GNOCCHI

Sassuolo fa il colpo a Bari e riaggancia il Toro in vetta


CALVI, PELUCCHI A PAGINA 25

CONDO A PAGINA 21

BOLDRINI A PAGINA 20

RICCI A PAGINA 23

Moratti: Ranieri rimane. Davanti alle scuole elementari di Appiano Gentile serve un nonno vigile.

20 2 1 3> 9 771120 506000

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A 23a GIORNATA

da Novara...

20 settembre 2011 Finisce 3-1: il progetto Gasperini arriva al capolinea Sul sintetico del Piola di Novara si compie il destino del tecnico che lInter aveva ingaggiato dopo laddio estivo di Leonardo. La squadra di Gasperini cade sotto i colpi di Meggiorini e Rigoni, che firma una doppietta FORTE

Record di sconfitte alla 23 Eguagliato il primato negativo di sconfitte dopo 23 partite di campionato che fu stabilito dai nerazzurri nel 1946/47 (15 sconfitte alla fine, 10 posto in campionato) e bissato nel 1957/58 (furono 12 i k.o. complessivi, 9 posto)

Peggior posizione dal 2004/05 Dal ritorno della A a 20 squadre, 2004/05, lInter non era mai stata cos in basso dopo 23 giornate. E se stasera la Roma dovesse vincere, lInter sarebbe sesta, peggiorando ulteriormente il primato gi poco lusinghiero

5 -8 30
Punti rispetto allo scorso anno In 23 gare lInter ha collezionato 36 punti; lo scorso anno, nello stesso periodo, ne aveva 44 ed era seconda in classifica, a -4 dal Milan capolista che poi avrebbe vinto il campionato proprio davanti ai nerazzurri

Reti subite LInter ha incassato 30 reti in 23 giornate (1,3 a partita, in media): non subiva cos tanti gol dalla stagione 1998/99 (chiusa all8 posto). In passato era successo anche nel 1958/59, campionato poi terminato al terzo posto

INTER DI NUOVO STESA DAL NOVARA: ANATOMIA DI UN K.O. E DI UNA CRISI SEMPRE PIU PROFONDA
olpita e (ancora) C
Caracciolo-gol ed notte fonda per i nerazzurri. Troppo poco il rigore negato e la traversa di Sneijder

NICOLA CECERE MILANO

Affondata
dellinterista si spostata a Novara: 1-3 allandata, con esonero di Gasperini, 0-1 al ritorno. Con esonero di Ranieri? Mah, la Champions sta per riprendere... Non pare la scelta giusta, per...
Quelle mosse La posizione del tecnico non pu non essere discussa in queste ore. Ieri le sue scelte sono apparse sbagliate, o confuse, o contraddittorie: era vittima della macumba di

Dopo i quattro ceffoni di Roma, un altro pomeriggio di un giorno da cani. E questo fa pi male al tifoso nerazzurro. Perch perdere a San Siro con lultima della classe peggio della debacle dellOlimpico: significa venir meno, clamorosamente, proprio quando devi ripartire. Da ieri la Caporetto

Gasperini? Se dici di volerti affidare al genio di Sneijder devi metterlo dove lui rende meglio: trequartista. Invece nel primo tempo Ranieri di mezzepunte ne ha inserite due, ricorrendo al compassato Alvarez nel tentativo di scardinare la linea a cinque di Mondonico con palloni rasoterra e triangolazioni in stile calcetto, laddove occorrevano ritmo, velocit, aggressivit. Risultato: una sola occasione, stroncata rude-

mente da Garcia ai danni di Poli, tra i pochi a salvarsi. Per spedito anzitempo sotto la doccia con decisione politica: via il pi giovane, i senatori restano in campo. Con Forlan ala destra e Sneijder ala sinistra pi Milito e Pazzini in area lInter andata allassalto rischiando due volte di prendere il secondo gol (c un errore arbitrale pure ai danni del Novara) ma alla fine Mondonico ha sfatato legittimamente il

suo tab (mai vincente a San Siro contro lInter) rilanciando le speranze dei suoi.

Quel rigore Era da rigore quel

disperato intervento del difensore novarese Garcia su Poli al 36? S, nove arbitri su dieci lo avrebbero assegnato. E probabilmente la gara sarebbe cambiata. Ma se perdi in casa contro lultima puoi attaccarti a una svista arbitrale? Ci sono altri episodi che ti hanno detto

male, in primis la traversa di Sneijder e allultimo istante la girata di Pazzini sventata dal portiere. LInter avrebbe meritato il pareggio, certo, ma non di pi: e ieri doveva assolutamente vincere per avvicinare il terzo posto e tenere a bada la Roma. Che stasera, a Siena, pu ricacciare i nerazzurri al sesto posto, dilatando la crisi.

Cosa fare Gi, la crisi. E stata

sviscerata nei dettagli durante

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

36
Punti: quinto peggior rendimento Nellera dei tre punti (1994/95), solo quattro volte lInter aveva raccolto meno. Nel 2004/05 era a 32; nel 2000/01 a 34; nel 1995/96 e nel 1998/99 a 35

34
Gol fatti Lattacco nerazzurro il quinto reparto offensivo del campionato (ma molte squadre devono recuperare varie gare). Era dal torneo 2000/01 che lInter non segnava cos poco (ne aveva fatte 29 in 23 partite)

...al Novara

clic
I PIEMONTESI A QUOTA SEDICI PUNTI SEI CONTRO LINTER!
Se i piemontesi giocassero sempre contro i nerazzurri sarebbero da scudetto. Sei dei sedici punti raccolti dal Novara in questo campionato sono arrivati dalle due vittorie contro lInter, sia al Piola lo scorso settembre sia a San Siro ieri pomeriggio. Per sfortuna del Novara, per, in questa stagione le partite contro la squadra di Ranieri (e di Gasperini allepoca) sono finite. LInter, per la stessa ragione, pu tirare un sospiro di sollievo...

12 febbraio 2012 Ancora i piemontesi mettono a nudo i limiti della squadra C Ranieri e non pi Gasperini sulla panchina dellInter; c Mondonico e non pi Tesser sulla panchina del Novara. Ma lesito alla fine lo stesso, passano i piemontesi anche a San Siro. E lInter si scopre ufficialmente in crisi BOZZANI

Il presente E intanto il Bologna

INTER

NOVARA

0
(4-3-2-1) Julio Cesar; Zanetti, Lucio, Cordoba, Chivu (dal 25 s.t. Nagatomo); Poli (dal 17 s.t. Forlan), Stankovic, Cambiasso; Alvarez (dal 1 s.t. Pazzini), Sneijder; Milito. PANCHINA Castellazzi, Palombo, Ranocchia, Obi. ALLENATORE Ranieri. ESPULSI nessuno. AMMONITI nessuno. GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORE Caracciolo all11 s.t. ARBITRO Russo di Nola.
NOTE spettatori 21.703, incasso di 1.298.537 euro (compresa quota abbonati). Angoli 8-7. In fuorigioco 1-3. Recuperi: p.t. 2; s.t. 3.

1
(3-5-1-1) Ujkani; Lisuzzo, Centurioni, Garcia; Dellafiore (dal 14 p.t. Morganella), Porcari (dal 1 s.t. Pesce), Radovanovic, Rigoni, Gemiti (dal 20 s.t. Paci); Jeda; Caracciolo. PANCHINA Fontana, Rinaudo, Gabriel, Rubino. ALLENATORE Mondonico. ESPULSO Radovanovic al 34 s.t. per doppia ammonizione (g.s. e c.n.r.). AMMONITI Porcari per gioco scorretto, Morganella per comportamento non reg.

e poi il Marsiglia ricordano che c un presente da onorare al meglio. Perch senza Champions i piani di rilancio si ridimensionano giocoforza e il campionato ha detto in maniera lampante che alle spalle del tandem di testa manca continuit, dunque lInter pu di nuovo inserirsi nella corsa al terzo posto. Se da questa lezione impartita dal Novara si trarr un insegnamento utile e dimenticando il precedente filotto di successi. Quanto a Mondonico, pu essere orgoglioso dellimpresa compiuta: lui si esalta quando pu lottare per un obbiettivo. Ora ce lha per davvero.
Il Novara La sua squadra esce da San Siro con una mega iniezione di speranza: dai che possiamo giocarcela. Ha condotto la partita attenta e prudente che ci si attendeva, salvo colpire (e che gol Caracciolo! Sinistro a girare dai venti metri) al momento opportuno per poi difendersi con ordine, senza affanni. Mondonico ha inserito il suo quarto stopper (Paci) per neutralizzare lassalto di Ranieri e intanto Morganella e Rigoni hanno cercato di incrementare il vantaggio. Abbiamo detto del rigore pro Inter, ora sottolineiamo che Rigoni stato fermato in contropiede due-contro-uno per un fallo inesistente. E pure lespulsione di Radovanovic, che ha ridotto in dieci il Novara nel quarto dora conclusivo, apparsa severa se rapportata al precedente metro di giudizio. Insomma, una gran giornata che riapre il cuore della neopromossa alla speranza. E regala una immensa e meritata gioia al Mondo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

POSSESSO PALLA

PASSAGGI TOTALI

INTER 69,6% TIRI IN PORTA

NOVARA 30,4%

INTER 491 TIRI FUORI

NOVARA 176

IIIIII
INTER 6

IIII IIIIIIIIIIIIII
NOVARA 4 INTER 14

I
NOVARA 1

MOMENTI CHIAVE PRIMO TEMPO 10 Sneijder si fa luce al limite e prova di destro, Ujkani in angolo. 22 Porcari arriva sul fondo e mette in mezzo, la deviazione di Caracciolo troppo centrale. 36 Poli entra in area e sta per calciare quando Garcia, da dietro, entra in scivolata ostacolandolo: larbitro lascia correre.

SECONDO TEMPO c GOL! 11 Contropiede del Novara, pallone ai venti metri su Caracciolo, Chivu lo lascia calciare e lattaccante indovina langolo opposto. 12 Stankovic dal limite, di un soffio fuori. 33 Morganella da lontano, si salva il portiere. 42 Gran destro di Sneijder, traversa piena 48 Botta da due passi di Pazzini, Ujkani sventa.

la tremenda prima parte del girone di andata, quando la squadra aveva messo a nudo i suoi molti difetti. E, come sempre capita in questi casi di fallimento annunciato, ha doverosamente investito tutti i settori del club: dalle operazioni di mercato ai rapporti interni; dai troppi allenatori cambiati da Moratti nel dopo Mourinho alla mancanza di una programmazione in grado di andare oltre quei sentimenti di gratitu-

dine verso il gruppo dei pluridecorati, oggi svuotati di energie psicofisiche. E stata anche avvertita la mancanza di una figura prestigiosa in grado di collegare la Pinetina a Corso Vittorio Emanuele: lo faceva Facchetti, lo faceva Oriali, il vuoto andrebbe colmato.
Il presidente Questa societ ha

Discutibili le scelte di Ranieri. Soprattutto il cambio di Poli: fin l il pi vivace

sempre avuto per in Massimo Moratti il suo cardine. Ieri, dalle riprese tv, il presidente ap-

parso prima rabbioso (il rigore non dato) poi via via sempre pi sfiduciato, come se fosse ripiombato negli incubi del passato: non facile mettere le mani in questa situazione, il primo a rendersene conto. La squadra andrebbe rifondata, questo appare chiaro, e per farlo servono dieci elementi di qualit. Ma il momento economico sconsiglia le follie di una volta e allora come si fa? Ranocchia, Poli, Castaignos, Alvarez, Nagato-

mo, Faraoni, Pazzini, Guarin, Zarate, Obi: questi i giovani su cui si pu contare. Sono da vertice? Dove andare a pescare i sostituti di Julio Cesar, Maicon, Zanetti, Cambiasso, Stankovic, Milito, Lucio, Samuel, Chivu, Sneijder, Cordoba, cio il gruppo storico dei grandi trionfi? Perch una rifondazione non pu prescindere dal razionale, anche se sentimentalmente cinico e quindi crudele, addio alla vecchia guardia.

COPPA DEL MONDO


55 Trofeo Luxardo

PalaFabris Padova

SCIABOLAMASCHILE 1719 2012 febbraio INDIVIDUALE E A SQUADRE


Partners Istituzionali Sponsor Evento Partners Federazione Italiana Scherma

foto Bizzi

Occhiuzzi Montano

Tarantino Pastore

federscherma.it www.trofeoluxardo.it

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 23a GIORNATA

Ranieri al buio
Rinforzi, formazioni, cambi: quanti equivoci
MATTEO DALLA VITE LUCA TAIDELLI MILANO

I blackout

POLI IL RIGORE CERA

i1

La sconfitta con il Napoli


Al primo big match della sua gestione, Ranieri incassa un sonoro 3-0 casalingo contro il Napoli. Era solo alla sua seconda uscita in campionato.

i2

Lo scivolone con la Juve


Il mese di ottobre si chiude malissimo con la sconfitta, ancora interna, contro la sua ex squadra: Marchisio e Vucinic rallentano i nerazzurri.

Dejan Stankovic, 33 anni FORTE

Il tecnico dellInter fa capire che il mercato lo ha deluso Ma non convince sulla sostituzione di Poli e su Forlan esterno i 3 avvio shock Dicembre,
Cambi Laver tolto Poli (uno dei pi energici) e aver messo solo nella ripresa un altro che corre (Nagatomo) in una squadra incollata a terra, lo mettono ancora di fronte ad altre domande. Ho tolto Poli - risponde - perch sono passato al 4-2-4 e avevo bisogno di due esperti l in mezzo come Stankovic e Cambiasso. E poi Poli si sa che ha spesso i crampi. Forlan largo? Lo so che una seconda o una prima punta, ma dovevo aprire il gioco. E qui si sente la mancanza della punta esterna (chiesta e non avuta), ma anche della confusione nel mettere prima due trequartisti, poi 4

Negli almanacchi, in sequenza, rester scritto: Roma-Inter 4-0 e Inter-Novara 0-1. Negli almanacchi non comparir la traversa di Sneijder e nemmeno Ujkani che para una botta centrale di Pazzini. No. Negli annali resteranno due voragini impensabili e scorticanti che in soldoni fanno una sconfitta sconvolgente dopo unaltra devastante. Allenatore, Ranieri.
Secondi tempi Oggi Claudio Ra-

punte, poi uno che vede la porta lontano dalla porta stessa. Come Milito nel primo tempo: stava pi largo che di fronte a Ujkani. Aprire il Novara ok, improvvisare no.
Ammutinamento E anche il tur-

nover, pare non previsto. Un giorno, Ranieri disse: I senatori li faccio giocare anche per riconoscenza per quanto hanno vinto. Riconoscenza infinita? Per dirla in breve: sarebbe stato cos scandaloso se fosse uscito Cambiasso (31 partite stagionali su 32, e consecutive), invece di Poli? Altra domanda: Ranocchia dov finito? Aveva proble-

mi intestinali, ha detto Baresi per giustificare la presenza di Cordoba: vero, ma marted scorso, non nei giorni successivi. E Sneijder? Indiscrezione: aveva la febbre anche lui, sabato sera, ma ha giocato. Su Wes Ranieri ha detto tutto (Deve parlare la lingua della squadra!) e il suo contrario (Ci prenda per mano). O luna o laltra. Quando a Ranieri fanno la domanda Perch solo Zanetti ha dato un senso di reazione dopo il k.o. di Roma?, lui ha risposto: I ragazzi non si sono tirati indietro. Nessun ammutinamento insomma. Il Bologna dar tante risposte.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Prima del filotto positivo arrivano 2 k.o. di fila in casa. Con lUdinese (espulso Zanetti, foto AFP) e in Champions con il Cska (ininfluente).

Stankovic: Ora diamoci dei nuovi obiettivi


MILANO

nieri ha due chance forti per riprendersi (Bologna e OM) ma anche domande impellenti sulla schiena. Sia chiaro, lui risponde a quasi tutto: per esempio che il 13 palo che prendiamo, che abbiamo imperversato, che rigore quando arbitro fischia e che per questanno siamo spesso penalizzati. Ma il punto anche il seguente: perch, da due partite a questa parte, la formazione (quasi) giusta arriva nella ripresa? A Roma - dato per assodato il no contest totale - il 4-5-1 del secondo tempo aveva molta pi logica, cos come le due punte della ripresa contro il Novara avevano pi senso rispetto allalbero di Natale proposto al pronti-via contro un Novara che per forza chiudeva varchi soprattutto centralmente.
Mercato Claudio Ranieri risponde. Anche senza rispondere. Quando - giustamente gli viene chiesto se si aspettasse una punta esterna (e se laspettava s, Palacio), lui dice che il mercato finito, sorridendo amaro. Il mercato di gennaio non lha soddisfatto. Punto. E la curiosit vedere che al pronti-via non ce nera uno in campo acquistato nellultima sessione di mercato.

LA CAMPAGNA DI RANIERI IN NERAZZURRO

i4

Difesa senza difesa


Laver subito per due gare consecutive 4 gol ha minato sotto laspetto mentale tutta la squadra. Contro Palermo e Roma qualcosa si incrinato.

Le espressioni sono scure, ma la faccia e le parole ce le mettono soltanto Stankovic e Poli. Dopo il k.o. col Novara, diversi giocatori dellInter lasciano San Siro da uscite secondarie. Sneijder ha parlato a Ranieri (Lo Zenit vuole Wes? Mi ha detto che qui si sente importante e che vuole restare racconta il tecnico), gli altri dribblano (La societ non vuole spiega il silenzio Forlan, che non deve avere gradito lo spezzone da centrocampista periferico), allungano il passo (Ho il figlio che mi aspetta fa Cordoba) o sembrano ancora sotto choc (Cambiasso). Muto Nagatomo, che ai media nazionali non si era mai negato.
Poli...tically correct Quelli del Novara difendevano in 11 dietro - spiega Poli - e avremmo dovuto sfruttare le occasioni create. Sullo 0-0 cera anche un rigore su di me, ma sarebbe sbagliato recriminare su questo o sulla traversa di Sneijder. Cerchiamo di capire dove sbagliamo e torniamo a vincere contro il Bologna. Ora va tutto storto, ma 7 gare di seguito non le vinci per caso. Siamo stati puniti da un gran gol di Caracciolo. Deki, nuovo obiettivo Da qui par-

i5

La gestione dei senatori


da sempre la questione pi delicata. Lultima, in ordine di tempo, ha visto il sacrificio di Poli contro il Novara per lasciare in campo Cambiasso.

te anche Stankovic, al rientro dopo quasi due mesi: Complimenti a Caracciolo. Di momenti cos ne abbiamo gi passati, dobbiamo recuperare pi di testa che di gambe. E preoccupante sia il ritardo sulla terza sia la sfida col Marsiglia. Dobbiamo cercare un nuovo obiettivo, quello di non mancare la prossima Champions. E normale che il pubblico fosse nervoso. Moratti venuto nello spogliatoio, come fa spesso. Non posso dire che era tranquillo, ma niente di particolare.
lu.tai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Un vero uomo se ne intende di macchine e sa come risintonizzare il suo decoder.

l ree su AX f rrestre DM le te digita NALE 52 CA Sky


e su 140. canale

dmaxitalia

Top Gear.
Tutti i Luned alle 21.15 su DMAX.
Il canale oltre le solite regole.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A 23a GIORNATA

Moratti congela la rabbia: no alle scelte drastiche


Il presidente sceglie di stare vicino a Ranieri Ci ripenser solo se con Bologna e Marsiglia...
ANDREA ELEFANTE MILANO

Salvare il salvabile, perch il futuro adesso e anche da questo dipende laltro futuro, nel quale lInter entrer alla fine di questa stagione: quando sar quello s il momento di altre scelte, anche drastiche. Salvare il salvabile non la priorit che Massimo Moratti aveva in mente quando ha scelto Ranieri per sostituire Gasperini, ma quella che suo malgrado si imposto oggi. Se dopo la sconfitta di Roma il presidente era infuriato e preoccupato, dopo quella di ieri era soprattutto amareggiato: cos com quando si interroga su errori che non pensava di dover ammettere come tali; cos com tutte le volte che si sente attaccato dai tifosi nerazzurri, ed successo anche ieri; cos come lo hanno visto la squadra e Ranieri quando sceso nello spogliatoio alla fine della partita con il Novara.
Non perfetto, ma... Ma non

Nonostante tutto, 3 posto Un atto dovuto perch non tutte le colpe per questa situazione sono di Ranieri, chiamato per gestire una squadra alla cui costruzione ha contribuito in maniera oltremodo marginale. Una squadra che i nuovi arrivi della scorsa estate, avallati anche da Moratti, non hanno certo rafforzato (alla luce della cessione di Etoo) e quelli di gennaio non hanno per ora potuto rilanciare (e se n andato anche Thiago Motta). La cosa pi sensata perch, nonostante tutto, c ancora un domani concreto che si chiama terzo posto e dunque prossima Champions League, non facile ma neppure impossibile. E qui non pi questione di credo tattico da rivedere; forse, a questo punto, neanche di preparazione fisica da riconsiderare: quando scelse Ranieri per Gasperini la squadra aveva bisogno di una scossa e aveva ancora un sacco di tempo davanti; oggi ne ha molto meno e pi che di un trauma ha bisogno di dimenticare quelli avuti, anche da poco. Dunque, paradosso per paradosso, la vera scossa pu chiamarsi stabilit: correggere ancora, ma senza stravolgere di nuovo. Il crocevia Bologna-Marsiglia E

IL CONFRONTO I TECNICI NERAZZURRI DOPO MOURINHO

Il disappunto di Massimo Moratti, 66 anni, ieri in tribuna PHOTOVIEWS

tempo di piangersi addosso, aveva detto a tutti gioved, quando era salito alla Pinetina per incontrare la squadra, e ha (ri)detto ieri anche a se stesso. N di prendere decisioni affrettate, tantomeno quella di mettere subito in discussione Ranieri: e non perch questo aveva appena messo in chiaro con il suo comunicato di met settimana scorsa. In controtendenza con scelte fatte in passato,

Moratti si imposto di non dar retta alla pancia, ma solo al cervello: il presidente sa di non avere un allenatore infallibile, ha raccolto sensazioni e indicazioni su alcuni limiti della sua gestione, ha verificato anche ieri certe difficolt a tirare fuori il meglio da tutta la rosa, ma sa che almeno provare a sostenerlo in questo momento un atto dovuto, oltre che la cosa pi sensata.

se non dovesse bastare neanche questo? Se il Bologna e poi il Marsiglia dovessero mettere il dito in piaghe nel frattempo non sanate? Ecco, a questo oggi Moratti non vuol neanche pensare, perch sa che, nel caso, invece dovr farlo. E con altro rigore nel dispensare a tutti anche a Ranieri, che a quel punto non si potr sentire garantito come oggi la fiducia che ora sta raschiando dal fondo del suo senso di responsabilit, pi che del suo entusiasmo.
RIPRODUZIONE RISERVATA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A 23a GIORNATA


le Pagelle
di NICOLA CECERE

INTER POLI VIVACE, CHIVU CHE ERRORE 4,5 h 6,5 Sneijder Allenatore Ranieri Il migliore
Non paga la scelta iniziale del doppio rifinitore. Quindi la corregge. Per Forlan allala un non senso e Nagatomo serviva prima: tra i pochi a garantire la velocit. Impreciso, certo. A volte anche individualista, concesso. Per il pi insidioso e ci prova fino allultimo, anche da fuori ruolo: quella traversa a portiere battuto sta ancora tremando.

NOVARA UJKANI DECISIVO,


Una impresa titanica che rid senso allintera stagione

Pure sfortunata, certo, ma se perdi in casa con lultima...

7,5

7,5
Allenatore Mondonico
Non aveva mai battuto lInter a San Siro e una soddisfazione del genere se l proprio meritata. Controbattendo puntualmente alle mosse di Ranieri ha rilanciato la speranza.

LISUZZO IMPLACABILE h 7 Caracciolo Il migliore


Pericoloso in apertura con un contropiede sventato dalluscita di Julio Cesar, inventa una rete tanto spettacolare quanto preziosa: sinistro dal limite a girare! Tre punti per risorgere.

6
Julio Cesar
Prende un gol da fuori area per era un gran tiro. Una buona uscita allinizio su Caracciolo, poi due interventi fra i pali su tiri da lontano, ma insidiosi perch toccano terra davanti a lui.

6
Zanetti
Il capitano lunico che in tre circostanze riesce a guadagnare il fondo del campo per dei cross ben confezionati. Buona nel primo tempo lintesa col giovane Poli.

6
Cordoba
Prima partita da titolare nella stagione! Forse serviva di pi contro... Miccoli. Qui deve guardarsi dagli inserimenti di Jeda e fa qualche raddoppio su Caracciolo.

5,5
Lucio
Va a cercare gloria in area avversaria, il portiere gli para il tiro e rilancia, lui mentre cerca di tornare in difesa assiste impotente al gol partita. Napoleone voleva generali fortunati...

4,5
Chivu
Fa quello che un difensore non deve mai fare cio lasciare tempo e spazio al centravanti: Caracciolo tira senza alcun disturbo, lui arretra per coprire Rigoni. (Nagatomo 6)

6,5
Poli
Il ragazzo fa la sua parte: aggredisce (lunico) in pressing e poi cerca degli inserimenti. Sta per calciare in porta quando viene steso da tergo... Non meritava la sostituzione.

7
Ujkani
Una paio di interventi normali su Sneijder e Milito ma con lultima parata diventa fondamentale per il successo: tuffo reattivo a bloccare la staffilata di Pazzini da pochi passi.

7
Lisuzzo
Tutto pelato sembra il nipote del mitico Udovicich. Non concede respiro n spazi agli attaccanti nerazzurri quando larea diventa intasatissima.

7
Centurioni
Rischia il cartellino per unentrataccia a piedi uniti su Stankovic: larbitro lo perdona. Registra una linea difensiva attenta e puntuale che non va mai in affanno.

7
Garcia
Con quellintervento in tackle scivolato da dietro ferma Poli lanciato verso il gol: un rischio calcolato e inevitabile. Gli dice bene. Per il resto sempre efficace.

s.v.
Dellafiore
Gioca appena 13 minuti e fa in tempo a intervenire in spaccata su una iniziativa di Milito pilotata verso il fondo del campo. Proprio dopo questa entrata chiede il cambio.

6
Porcari
Un primo tempo volitivo e fin troppo grintoso: dopo il primo giallo ne meriterebbe un secondo per una entrata scomposta a piedi uniti. Fa bene il Mondo a lasciarlo negli spogliatoi.

5
Stankovic
Solito cuore, solito furore (anche eccessivo, su Caracciolo) ma resta lontano dal suo standard. Un tiro pericoloso in mezzo a errori di misura. Ma importante averlo di nuovo.

5
Cambiasso
Primo tempo ai margini della contesa, come se fosse fuori ruolo. Migliora nella ripresa, quando emerge la tempra del combattente. Ma non riesce a incidere nel tentativo di rimonta.

4,5
Alvarez
Troppo compassato nel suo girovagare da destra a sinistra. Inconcludente nei suoi tentativi di andar via in dribbling. Inevitabile il precoce cambio.

5,5
Milito
Servito poco e male una sola volta riesce a farsi luce fra le maglie difensive di Mondonico e conclude con rabbia, centralmente, ignorando Pazzini a centro area.

5
Pazzini
Sul suo piede destro, al minuto 93, arriva in mischia la palla del pareggio. Calcia con forza, ma centralmente. In precedenza era stato anche murato da Paci. Altro spreco.

5
Forlan
Nel primo tempo si era avvertita la sua mancanza. Ranieri gli concede la mezzora finale, lui si piazza sulla fascia destra da dove si sposta per cercare i tiri dal limite: orribili.

6
Radovanovic
Lascia la squadra in dieci nellultimo quarto dora per una leggerezza commessa in precedenza da altri giocatori non sanzionati: allontanare il pallone dopo il fischio.

6,5
Rigoni
lui a distrarre Chivu da Caracciolo nellazione del gol. Ed sempre lui a rubar palla a Stankovic per un contropiede pericolosissimo stroncato dallarbitro. Erroneamente.

6
Gemiti
Una cura della fascia dove Poli e Zanetti lo impegnano allo stremo. lascia per esigenze tattiche a Paci. (Paci 6,5 Salva in spaccata su Pazzini smarcato al tiro facile da Lucio)

6
Jeda
Si sdoppia con generosit nel lavoro di appoggio a Caracciolo e di collegamento (con tanti rientri) al centrocampo. Non ha occasioni per rendersi pericoloso.

6,5
Morganella
Entra a freddo ( proprio il caso di dirlo, eravamo sotto zero) per linfortunato Dellafiore ma si cala immediatamen te nella contesa andando pure al tiro pericoloso.

6,5
Pesce
Rileva lammonito Porcari e disputa lintero secondo tempo con la grinta necessaria per reggere la pressione interista. Mai in vera difficolt, dinamico e intraprendente.

TERNA ARBITRALE: RUSSO 4 Giornata no. Manca un rigore per lInter e dovrebbe cacciare Porcari. Il Novara lamenta il fischio sul contropiede di Rigoni e il rosso a Radovanovic. Altomare 6; Giallatini 6

TwitTwit

LE REAZIONI MESSAGGI ALLEX CT DELLINGHILTERRA E AL CLUB, MA CE NE ANCHE PER I GIOCATORI NERAZZURRI

A CACCIA TRA CHI CINGUETTA

Rossi ironico: Stasera non vorrei essere il portacenere di Moratti Alcuni tifosi hanno gridato a Moratti: Vendi la societ. La rabbia si scatena pure sul web
LUCA TAIDELLI MILANO

Stadio schierato contro Capello E poi il coro: Andate a lavorare

Il tifoso, si sa, ha la memoria corta. AllInter sarebbe bastato battere lultima in classifica e le quattro pappine dellOlimpico sarebbero state come minimo ridimensionate. Invece il Novara bissa il successo dellandata e a San Siro girano i santissimi di brutto.
Valentino Rossi, 33 anni fra tre giorni, tifoso interista
Il cancelletto su twitter un must, unisce. #Amala lo usano i tifosi per condividere pensieri e parole sullInter (da Pazza Inter Amala, linno nerazzurro). E ogni domenica uno specchio di stati danimo di tifosi noti e sconosciuti. Scatenatissimo Valentino Rossi (@ValeYellow46) che si piazza davanti alla tv e firma un Forza ragazzi, durante la gara infila nellordine: Ah ho capito, quelli bianchi sono il Real Madrid non il Novara; Il cambio Eto'o Forlan paragonabile a quello Roberto Carlos Pistone e Anche sfigati. Poi sintetizza: Non vorrei essere il portacenere di Moratti stasera. Critico @enricobertolino: Preso freddo per niente a San Siro ma almeno io ci ho messo l'anima altri nemmeno quella.... Pure i piccioni sul campo si annoiano firmata invece Nicola Savino (@NicoSavi), Claudio Cecchetto (@CloCecchetto) interpreta lamore infinito: Anche dopo la delusione, come sempre FORZA INTER come @MartyFcIm: Incazzati ma sempre innamorati. Splendido @maurorotelli Caro sponsor, dopo la prestazione di oggi ti sei giocato un treno di termiche: ho scelto Yokohama. tweet scelti da @manliogas Capello no Eppure i ventimila

che hanno sfidato il gelo avevano iniziato con un atto di fede. Non lo vogliamo, Capello non lo vogliamo, aveva intonato unaltra volta la Curva Nord, che al proposito ha sempre avuto le idee molto chiare. Un messaggio chiaro a chi ha troppo Milan e Juve nel dna e continua a idolatrare Giraudo e Moggi dunque anche alla societ Inter ma in fondo pure una difesa di Ranieri. Una frangia di stadio, a dire tutta la verit, sin da subito tiepida anche col tecnico di Testaccio, tanto che quando lo speaker annuncia le formazioni urlando il nome perch il pubblico risponda col cognome, il Ranieri esce abbastanza moscio.
A lavorare Se per la squadra gioca un primo tempo a ritmi da Subbuteo e il gioco resta un optional, la stessa Curva ha poco da trascinare il resto delle tribune. Dalla rossa partono i

S
La delusione di Lucio, 33 anni, e Javier Zanetti, 38. A destra, i tifosi nerazzurri urlano la loro rabbia dopo il fischio finale
ANDREOLINEWPRESS

primi mugugni. Oltre a Chivu, uno dei bersagli preferiti Alvarez. Perso nel marasma generale, Ricky sembra tornato allindolenza di inizio stagione e la gente non gliene perdona una. Lo sviluppo della gara impietoso e dopo larbitro Russo, reo di non avere fischiato un rigore per fallo di Garcia su Poli, nel mirino finiscono un po tutti. Con la Nord stessa che chiude con gli eloquenti Fuori i c..., tirate fuori i c... e A lavorare, andate a lavorare. Sono i cori che scattano in automatico quando la pazienza dei tifosi ormai prossima a raggiungere il livello di guardia e infatti la vera contestazione esplode alla fine: non vio-

lenta come pure successo in passato, ma la squadra accompagnata, al rientro negli spogliatoi, da una buona razione di fischi.
Moratti, vendi Qualche tv privata in serata parla di insulti degli ultras anche nei confronti dello stesso Moratti. In verit il presidente dagli spalti viene risparmiato e nei suoi confronti si riversata solo rabbia in ordine sparso, da parte di tifosi isolati, alluscita dalla tribuna autorit: piccoli capannelli nerazzurri che lo hanno apostrofato al grido di Se non hai i soldi, vendi la societ. E pure Sneijder, evidentemente non soddisfatti delle ultime

mosse di mercato.
Nostalgici di Mou e Oriali Meno morbidi, anzi alcuni di pessimo gusto, i commenti che arrivano dal web. Su alcune pagine Facebook circolano fotomontaggi brutali, come quello che ritrae Moratti, Branca e Ranieri impiccati; oltre a epiteti violenti e proposte di organizzare contestazioni pubbliche. Il tecnico riscuote ben pochi consensi, cos come il direttore dellarea tecnica, cui non vengono perdonate le ultime campagne acquisti in cui sono stati ceduti Balotelli, Etoo e Thiago Motta. Tanto che gran parte dei tifosi rimpiange i tempi di Jos Mourinho e Lele Oriali.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A 23a GIORNATA

il Personaggio EMILIANO MONDONICO

IL MATCH WINNER

Caracciolo e il 7o gol allInter: Fossi Moratti, mi comprerei...


MILANO (lu.tai.) Fossi Moratti, mi comprerei.... Andrea Caracciolo segna per la settima volta allInter (la quinta a San Siro) e la battuta ci sta tutta. Lumore alle stelle, tanto che lAirone fa pure un siparietto con Mondonico, anche lui collegato con la Rai, ma da un altro studio: Mi presento, sono Caracciolo. E non Bonazzoli.... Pare infatti che il Mondo lo chiami cos.
Colpaccio benedetto Il Novara aveva bisogno di questo colpaccio si fa serio lattaccante , da qui riparte il nostro campionato anche se era stato importante pure il punto fatto contro il Cagliari. Per salvarsi conta la solidit difensiva e non aver preso gol nelle ultime due gare un segnale decisivo. Ma devo dire che anche prima il clima nel nostro spogliatoio era sereno. Certo, stavolta abbiamo festeggiato un po. Forse anche per questo non so dirvi che rumori provenivano dallo spogliatoio dellInter. Devo ringraziare i compagni che mi hanno sempre fatto sentire importante. Il gol? E stato bravissimo Rigoni, ha ingannato Chivu, io ho avuto lo spazio per calciare, andata bene. Julio Cesar fortunatamente non c arrivato. Alcuni giornali consigliavano allallenatore di lasciarmi fuori? Facevano bene, questanno ho fatto solo una rete, quindi ci sta che fossi un po sotto accusa.

Benvenuti nel calcio di una volta: il Novara vince la gara perfetta


Il tecnico: Come un trionfo a Sanremo. Catenaccio? No, tattica
MATTEO DALLA VITE MILANO

La Panc Revolution trovare un uomo che vince giocando il calcio meno rivoluzionario che ci sia. Calcio semplice, calcio basic, calcio che non ha data di scadenza. Abbiamo vinto col calcio di una volta fa Emiliano Mondonico : molti lo distruggono, ma un calcio che va, funziona. Chiamiamolo contropiede, non ripartenza: in uno di questi abbiamo fatto gol, altri li abbiamo sbagliati. Il calcio semplice, pi semplice di come tanti vogliono farlo passare. E fare una gara tattica contro una squadra pi forte non significa fare catenaccio. Il Novara oggi ha fatto una gara perfetta, una gara di una volta.
Sanremo Il Bel Mondo (a cui San Siro ha dedicato uno striscione di Bentornato) parla lentamente ma rasserenante come un calciobalilla vicino a una

le vittorie a San Siro del Mondo: non succedeva da 24 anni, nel 1988 la sua Atalanta batt il Milan 2-1
playstation: a calciobalilla sempre un piacere giocare. Da commentatore mi piace guardare il Barcellona, ma la partita di oggi del Novara stata incredibile dal punto di vista tattico. LInter ha tentato in tutte le maniere di vincere: la differenza che noi abbiamo concretizzato. Ci siamo difesi perch pi deboli, abbiamo fatto gol e anche con un po di fortuna abbiamo vinto. Siamo stati un vero muro di gomma, abbiamo vinto il Festival di Sanremo: capita di partecipare a Sanremo e vincerlo. Noi abbiamo vinto. Per me il calcio comincia e finisce qui. E la seconda volta che Mondonico vince a San Siro: la prima il 20 novembre 1988, Mi-

lan-Atalanta 1-2; la seconda ieri. Oggi diverso di quando noi indiani vincemmo contro i cowboy. Per c una cosa: solo nel calcio succede che il pi debole vince sul pi forte. Solo nel calcio.
Novara mon amour Poi, chiaro

che si parla anche del rigore su Poli. Se volete che dica che rigore va bene - sorride Mondo -, tanto non cambia il risultato... La nostra bella storia continua, abbiamo capito che in serie A possiamo starci. Se lInter avesse pareggiato con quel tiro di Pazzini nel finale? B, mi sarebbero girate le balle.... E invece gira il Mondo. Il Novara, a differenza degli altri, ha chiesto non come stavo ma il mio aiuto. Mi ha detto "Abbiamo pensato a lei", ed stato un regalo che spero di ripagare con la salvezza. Il fatto che io sia qui gi una grande vittoria. Pausa. Ora per pensiamo allAtalanta fa. Pensiero retr: mai fuori moda.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Emiliano Mondonico, 64 anni, terza partita sulla panchina del Novara BOZZANI

SCOPRI LE FILIALI P VICINE

10

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A

Numeri
le partite di El Shaarawy con Genoa, Padova e Milan. E stato titolare 30 volte, ha giocato 10 gare per intero, 18 volte subentrato per un totale di 2.735 giocati; 13 i gol segnati, 4 col Milan e 9 col Padova

140

MARCO PASOTTO MILANO

48

le partite giocate da Pato in rossonero, 105 volte stato titolare e ha giocato 57 incontri per intero, 35 volte subentrato dalla panchina per un totale di 9.384 minuti; 61 le reti segnate

El Shaarawy, che partenza: Milan, sembra il primo Pato


Coppe Aprono i rossoneri mercoled Chiude lInter il 22

faraonici
i minuti giocati da Pato quando ha segnato la sesta rete in rossonero, traguardo che El Shaarawy pu migliorare: ha a disposizione 179 minuti per realizzare altri 2 gol con il Milan

Che coppia, che intesa, tutti adesso a dire. Gi, una coppia supercollaudata: prima di sabato sera Maxi Lopez ed El Shaarawy avevano giocato insieme ben sei minuti (in Coppa Italia contro la Juve). Eppure hanno rimesso in quota un Milan che stava andando in stallo, sballottato da forti correnti discendenti. Un gol e un assist a testa (ma s, quello di El Shaarawy chiamiamolo cos per comodit): tutta roba loro, tutta fra di loro, tutto in 23 minuti. Abbiamo parlato e giustamente celebrato la favola di Maxi Lopez, passato dagli arresti domiciliari in hotel al primo gol con la maglia rossonera nellarco di due settimane. Ma c anche quella di El Shaarawy, autore di un altro gol decisivo. Dopo aver vagato a vuoto per un tempo e mezzo, a Udine il piccolo Faraone ha approfittato dellassistenza di Maxi per lasciare un altro segno importante in vista del Milan che verr. Altro che prestarlo in giro a gennaio in modo da farlo giocare di pi.
Subito dietro Ibra Ovviamente arriver il momento in cui lattacco ritrover i protagonisti principali. E Stefano si riaccomoder in panchina. Ma sar tutta unaltra storia rispetto a

893

Segnando altre 2 reti nelle prossime 2 gare, il Faraone potrebbe migliorare la media-gol del Papero nel 2008

la media-voto in questo campionato Solo una volta insufficiente, 4 in pagella a Bologna. La migliore prestazione proprio quella di sabato a Udine, gratificata con un 7

gare in A senza prendere gol Prima di Udine, Amelia aveva subito reti solo da Di Vaio e Diamanti a Bologna, dove il Milan aveva pareggiato per 2-2

LANTICIPO / 1

Rimonta del Milan con Maxi Lopez ed El Shaarawy


UDINESE-MILAN 1-2
MARCATORI Di Natale (U) al 19 p.t.; Maxi Lopez (M) al 32, El Shaarawy al 40 s.t. UDINESE (3-5-1-1) Handanovic 5; Benatia 4,5, Danilo 6, Domizzi 6; Basta 6, Abdi 6, Pazienza 6 (dal 43 s.t. Torje s.v.) , Fernandes 6, Armero 5,5; Isla 6,5 (dal 16 s.t. Pasquale 5,5); Di Natale 6,5 (dal 31 s.t. Floro Flores 5,5). PANCHINA Padelli, Coda, Ferronetti, Pereyra. ALL. Guidolin 6.

Massimiliano Allegri, 44 anni ANSA


Questa settimana tornano le coppe europee, con gli ottavi di Champions (spalmati su 9 giorni) e i sedicesimi di Europa League. Ecco il programma delle squadre italiane rimaste in gara. CHAMPIONS LEAGUE Mercoled 15, ore 20.45 MILAN-Arsenal (diretta su Rai 2, Sky Sport 1, Sky Calcio 1, Premium Calcio). Ritorno: marted 6 marzo. Marted 21, ore 20.45 NAPOLI-Chelsea (diretta su Sky Sport 1, Sky Calcio 1, Premium Calcio). Ritorno: mercoled 14 marzo. Mercoled 22, ore 20.45 Marsiglia-INTER (diretta su Sky Sport 1, Sky Calcio 1, Premium Calcio). Ritorno: marted 13 marzo.

Amelia, le mani sullo scudetto Certe partite sono segnali


Stephan non pi una promessa. Se giochi tanto, puoi far vedere quanto vali
FABIANA DELLA VALLE MILANO

MILAN (4-3-1-2) Amelia 7; Abate 5,5, Mexes 5, Thiago Silva 6, Mesbah 6; Emanuelson 5,5, Ambrosini 7, Nocerino 6 (dal 22 s.t. Maxi Lopez 7); Seedorf 4; Robinho 4,5 (dal 43 s.t. Bonera s.v.), El Shaarawy 6,5. PANCHINA Roma, Cristante, Zambrotta, Antonini, Inzaghi. ALL. Allegri 6,5. ARBITRO Bergonzi di Genova. AMMONITI Ambrosini, Thiago Silva, Armero, Abdi.

Media da titolare Amelia ha gio-

far bene in Champions.


Sogno azzurro Amelia al Milan ha trovato stabilit dopo le ultime stagioni travagliate tra Palermo e Genoa. Non facile sapere di non essere la prima scelta ma farsi sempre trovare pronto quando c bisogno di te. Amelia non ha mai dubitato di se stesso e in poco tempo riuscito a conquistarsi la fiducia del tecnico e dei compagni e a convincere anche i pi scettici. Ora nessuno si preoccupa pi di tanto quando Abbiati non c. Cresciuto nelle giovanili della Roma, Amelia ha bruciato le tappe in poco tempo: campione dEuropa Under 21 nel 2004, bronzo allOlimpiade di Atene nello stesso anno e campione del Mondo nel 2006. Poi stato scavalcato nelle gerarchie da altri portieri, ma non ha mai messo in soffitta il sogno azzurro: Sarebbe bello an-

Edy Reja, 66 anni LAPRESSE


EUROPA LEAGUE Gioved 16, ore 19 LAZIO-Atletico Madrid (diretta su Premium Calcio). Ritorno: gioved 23 febbraio. Gioved 16, ore 21.05 UDINESE-Paok Salonicco (diretta su Italia 1, Premium Calcio 1). Ritorno: gioved 23 febbraio.

Chiamatelo pure portiere di scorta, lui non si offender. Marco Amelia non tipo da perdere tempo dietro a stereotipi e definizioni. Ha una tale solidit mentale che niente pu scalfire la sua sicurezza. E semmai gli dovesse venire qualche dubbio, al numero due rossonero (che per porta l1) baster andare a riguardare qualche cifra della stagione in corso per non dimenticare quanto stato fondamentale finora.

cato finora 11 partite (contro le 23 di Abbiati) e a parte Bologna ha collezionato solo voti positivi, con una media di 6,083. Le sue parate sono state pi volte decisive. Prendiamo la gara di Udine: se non fosse stato per i suoi interventi prodigiosi (quello su Danilo pi di tutti) probabilmente il Milan non sarebbe riuscito a riprendere la sua corsa per lo scudetto. Spero che questa sia stata la partita della svolta ha detto il portiere a Sky Sport 24 . I tre punti conquistati a Udine sono importanti a livello psicologico, danno tanto entusiasmo a tutti. Abbiamo vinto su un campo difficile, con tanti giocatori indisponibili e contro una squadra forte. Anche le condizioni erano particolari, perch faceva davvero molto freddo. Noi abbiamo fame, vogliamo confermarci in campionato e

dare agli Europei, ho fatto cinque anni in nazionale e mi sono tolto grosse soddisfazioni. Da qui a maggio non so che cosa succeder. Di sicuro sa che questo un momento positivo a livello personale e di squadra. Quando si gioca con continuit si possono esprimere al meglio le proprie qualit. El Shaarawy non pi una promessa. Sta dimostrando il suo valore in mezzo a tanti campioni, bello che il Milan abbia deciso di puntare su un giocatore cos giovane. Ibrahimovic straordinario, in Champions ci dar una grossa mano. Se Abbiati star bene mercoled Amelia si riaccomoder in panchina, ma di sicuro non ne far un dramma. Il portiere di scorta sa che presto ci sar unaltra occasione. Basta saperla sfruttare al meglio, come ha sempre fatto fino ad ora.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LANTICIPO / 2

Pinilla porta in alto il Cagliari e mette k.o. il Palermo


CAGLIARI-PALERMO 2-1
MARCATORI Pinilla (C) all11, Dessena (C) al 36, Hernandez (P) su rigore al 38 s.t. CAGLIARI (4-3-1-2) Agazzi 6,5; Perico 5,5, Canini 5,5, Astori 6, Agostini 6; Dessena 7, Conti 6 (dal 20 s.t. Ekdal 6), Nainggolan 6,5; Cossu s.v. (dal 6 p.t. Ibarbo 7,5); Thiago Ribeiro 6,5 (dal 39 s.t. Ariaudo s.v.), Pinilla 7. PANCHINA Avramov, Gozzi, Ceppelini, Larrivey. ALL. Ballardini 7. PALERMO (4-3-2-1) Viviano 6; E. Pisano 5, Silvestre 5,5, Mantovani 5, Balzaretti 5; Barreto 6, Donati 6, Bertolo 5 (dal 15 s.t. Migliaccio 5,5); Ilicic 5, Zahavi 5,5 (dal 15 s.t. Hernandez 6,5); Budan 5 (dal 24 s.t. Vazquez 5,5). PANCHINA Tzorvas, Muoz, Aguirregaray, Della Rocca. ALL. Mutti 5,5. ARBITRO Giannoccaro di Lecce AMMONITI Bertolo, Donati e Silvestre, Conti, Perico, Agazzi.

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

11

il gol vittoria

Un destro che non lascia scampo


Potrebbe essere uno dei fotogrammi pi importanti del campionato rossonero. A Udine il 40 della ripresa: Maxi Lopez scappa sulla destra, alza la testa e serve El Shaarawy, che scarica un destro potente e preciso dove Handanovic non pu arrivare. E il gol dei tre punti, il gol che toglie il Milan dallangoscia AFP

riore (di 23) rispetto a quella di Stephan. Ora El Shaarawy ha la possibilit di superare Pato anche come partenza fulminea al Milan. Da gennaio 2008 in poi il brasiliano impieg 438 minuti per segnare quattro gol. Dunque una quota molto inferiore rispetto ai 714 dellitalo-egiziano. Anche per il gol numero 5 El Shaarawy non ha possibilit: quello di Pato arriv dopo 694 minuti, e lui li ha gi superati. Ma si aprono scenari molto interessanti sul sesto gol, che il Papero mise a segno dopo 893 in campo. Ballano 179 minuti. Ovvero due partite secche. In pratica, fra Arsenal e Cesena El Shaarawy potrebbe migliorare la gi ottima media gol del primo Pato rossonero.
Gol pesanti Allegri si abbando-

cosquestanno
STEPHAN EL SHAARAWY 19 ANNI ATTACCANTE ALEXANDRE PATO 22 ANNI ATTACCANTE

RITORNI

Gazzetta.it
Gazza

PRESENZE

15
GOL

15 4 8 806 202

Nesta, Boa e Abbiati pronti per lArsenal


MILANELLO

T f v

4 6
MINUTI GIOCATI

GARE DA TITOLARE

714
MINUTI PER GOL

un mese fa. Adesso Allegri sa di avere sul serio unarma in pi, in grado di fare bene indipendentemente dal compagno di reparto. Pato, ad esempio, molto presto per il Faraone diventer un brutto concorrente. Ma El Shaarawy ha le possibilit di mettersi sulle sue tracce. Di ripercorrere lo strepitoso avvio in rossonero del brasiliano. Quello di Udine stato il quarto gol complessivo di Stephan col Milan. Due in campionato (entrambi allUdinese) e due in Coppa Italia (Novara e Juve). Per arrivare a questa quota non deve ingannare il numero di presenze (15), ma bisogna guardare i minuti trascorsi in campo:

714, ovvero una media di un tempo a partita circa. Un magnifico rapporto gol-impiego che escludendo Maxi Lopez, autore di una rete su 42 minuti totali di campo colloca il Faraone direttamente alle spalle del mostro sacro Ibrahimovic. Zlatan (2.200) viaggia sulla media aliena di un gol ogni 105 minuti, El Shaarawy di uno ogni 179.
Speedy Stephan Meglio di Pato

questanno, tanto per stringere il confronto intorno ai due baby dellattacco rossonero. Anche il brasiliano in questa stagione ha segnato 4 reti. Ma in 806 minuti: un gol ogni 202, dunque una media supe-

na difficilmente alle sirene delle statistiche, ma la facilit e la frequenza con cui El Shaarawy trova la porta un dato che non si pu evitare di considerare. Tanto pi che delle quattro reti di Stefano, tre sono state decisive. Nel portare punti in campionato o nel passaggio del turno in Coppa Italia. Allegri reclama giustamente qualche gol in pi dagli attaccanti? Ecco la risposta del reparto avanzato alle smodate ambizioni dei centrocampisti. In una manciata di minuti il Faraone riuscito a far registrare una media gol migliore di Pato, Cassano e Robinho. Che dite, non una favola anche questa?
RIPRODUZIONE RISERVATA

179

In questa stagione litalo-egiziano ha gi una media-reti migliore rispetto al Papero, Cassano e Robinho. Davanti a lui solo Ibra

Finalmente cominciano ad arrivare le buone notizie. Dopo aver toccato il fondo (il Milan a Udine aveva 14 giocatori indisponibili tra infortunati, squalificati e assenti), ecco i primi rientri in gruppo. Importantissimi, visto che mercoled i rossoneri affronteranno lArsenal in Champions League nella delicatissima sfida dandata degli ottavi di finale. Ieri Nesta, Boateng e Pato hanno lavorato con il gruppo: cambi di direzione, tattica e infine un lavoro sulla fase difensiva. Allegri conta di recuperarli gi per il turno di Coppa: per Nesta e Boateng, cos come per Abbiati, non dovrebbero esserci problemi, con Pato il Milan potrebbe decidere di utilizzare qualche cautela in pi, visti i frequenti infortuni muscolari, e magari farlo rientrare contro il Cesena. Anche Flamini ieri ha lavorato con il gruppo, mentre Aquilani e Yepes hanno proseguito nel loro lavoro personalizzato. Se tutto andr per il verso giusto, Allegri potrebbe riaverli a disposizione per la sfida di San Siro con la Juventus (25 febbraio). Con lArsenal ci sar anche Ibrahimovic, squalificato in campionato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Claudio Ranieri, 60 anni ANSA

INTERVISTE E STATI DANIMO AL MEAZZA


Lamarezza di Claudio Ranieri con la crisi dellInter e la felicit di un uomo letteralmente rinato come Emiliano Mondonico, vittorioso a San Siro col suo Novara. Sono le interviste che potrete vedere su GazzettaTv.

CE EXTRA TIME LA RUBRICA VIDEO SUL CALCIO ESTERO


Ormai un appuntamento abituale per gli appassionati di calcio internazionale. Extra Time la rubrica curata da Stefano Cantalupi che racconta i personaggi del weekend appena vissuto nei maggiori campionati europei.

12

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A

il Film
Appena tre gol E solo quello fatto allInter da tre punti
JUVENTUS-BOLOGNA 1-1 21 settembre 2011 Vucinic apre le marcature, poi si fa espellere poco prima dellintervallo. E il Bologna raggiunge il pareggio ANSA INTER-JUVENTUS 1-2 29 ottobre 2011 E il montenegrino a portare in vantaggio la Juventus a San Siro. Poi, arriveranno il pareggio di Maicon e il gol-partita del Principino Marchisio REUTERS JUVENTUS-CAGLIARI 1-1 15 gennaio 2012 Secondo gol casalingo di Vucinic, che porta in vantaggio i bianconeri. Ma la Juve si spegne e pareggia Cossu ANSA

JUVE DA SORPASSO
Vucinic sprinter Conte si affida allo specialista
Il 72% dei gol di Mirko arrivato da gennaio in poi: la sua classe pu fare la differenza
G.B. OLIVERO MILANO

COS A PARMA

Pepe, dura Giaccherini: Mese decisivo


Oggi seduta soprattutto tattica a Vinovo. Conte comincia a preparare lundici anti Parma. Pepe sta facendo di tutto per esserci, ma difficilmente verr rischiato mercoled, a dieci giorni dalla sfida scudetto con il Milan. E allora si va verso la conferma del 3 5 2, con Barzagli, Bonucci e Chiellini dietro, Lichtsteiner e De Ceglie sulle fasce, il solito trio in mezzo (Vidal, Pirlo e Marchisio) Vucinic Matri coppia dattacco. Di fatto, lo stesso undici che avrebbe affrontato il Bologna se la gara non fosse stata rinviata. Intanto, Giaccherini parla, ai microfoni Sky, di periodo decisivo. Ci attende un calendario intenso. Con due partite da recuperare, pi la Coppa Italia, giocheremo praticamente ogni tre giorni. Andiamo incontro a un vero tour de force, ma siamo pronti. Mister Conte bravo nel far ruotare i giocatori e ha inculcato a tutti la stessa mentalit. La rosa ampia e di qualit, dunque non ci saranno problemi. Il Milan? Ho visto la partita di Udine, sta facendo davvero un grande campionato.

Saranno i bioritmi. O magari il clima. O forse sar semplicemente che Mirko Vucinic fatto cos: talentuoso, un po svagato, a volte poco cattivo, di sicuro elegante, quando vuole decisivo. E solitamente lo vuole nella seconda parte della stagione. Lo racconta la sua storia: Mirko parte piano, ma poi accelera e non si ferma pi. Dei suoi 78 gol in serie A ne ha segnati 22 prima di San Silvestro e 56 (il 72%) da gennaio in avanti. Se si stringe la ricerca alle reti realizzate da febbraio in poi bisogna togliere i 9 gol di gennaio per trovare comunque un dato molto interessante: 45 centri nel momento decisivo della stagione.
A quota tre Nel 2009-10, lan-

Finora la punta a quota 3 reti, anche a causa dei compiti tattici in fase di copertura
negrino faccia qualcosa di simile: potrebbe essere la svolta nella volata-scudetto della Juve. In effetti finora Mirko ha segnato poco: tre gol, tutti decisivi, che hanno fruttato due pareggi (casalinghi contro Bologna e Cagliari) e una vittoria (a San Siro con lInter). E stato prezioso con alcuni assist e con la costante partecipazione alle azioni offensive della Juve, ma chiaro che da lui ci si aspetta di pi. Ci sono partite intere in cui Mirko corre, si sbatte, dialoga, triangola, passa, dribbla, ispira. Ma non tira. E un attaccante deve tirare.
Il lavoro di Etoo Se lo fa meno di quanto dovrebbe, probabilmente la colpa anche dei suoi compiti tattici. Colpa si fa per dire, perch a ben guardare potrebbe essere un merito. Da quando arrivato alla Juve

no in cui la Roma sfior lo scudetto e per alcuni minuti nellultima giornata fu virtualmente campione prima del gol decisivo di Milito a Siena, Vucinic realizz 11 gol su 14 da gennaio in avanti. Adesso Antonio Conte spera che il monte-

Vucinic ha messo da parte ogni egoismo e ha seguito alla lettera le indicazioni di Conte. Che gli chiede di fare per lui quello che Etoo fece per Mourinho, ovviamente con le sue caratteristiche. Nel 2009-10 Mourinho ottenne dal camerunese un duplice lavoro sulla sinistra: copertura e ripartenze, recuperi e discese. Naturalmente Etoo segn molto meno di Milito (22 a 12 in campionato, 30 a 16 in assoluto, sempre per largentino), ma fu altrettanto importante. Addirittura indispensabile dal punto di vista tattico. In estate Conte aveva fortemente voluto Vucinic perch secondo il tecnico della Juve uno dei pi forti attaccanti del mondo. Mirko ha sentito la fiducia di Conte e si allenato con dedizione assoluta dimostrando di meritare la considerazione dellallenatore e di poter davvero svolgere il doppio ruolo. Vucinic talmente importante che senza di lui Conte cambia modulo passando dal 4-3-3 al 3-5-2. Per adesso servono i gol. Perch sono i gol a decidere lo scudetto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mirko Vucinic nato a Nikic il primo ottobre 1983 FORTE FABRIZIO

GLI IMPEGNI DELLA JUVE...

...E QUELLI DEL MILAN

15-2 Parma-Juventus (campionato) 18-2 Juve-Catania (campionato) 25-2 Milan-Juve (campionato) 3-3 Juve-Chievo (campionato)

15-2 Milan-Arsenal (champions) 19-2 Cesena-Milan (campionato) 25-2 Milan-Juve (campionato) 3-3 6-3 11-3 Palermo-Milan (campionato) Arsenal-Milan (champions) Milan-Lecce (campionato)

7-3? Bologna-Juve (campionato) 11-3 Genoa-Juve (campionato)

ALLARME METEO OGGI I LAVORI PER LIBERARE IL TARDINI DALLA NEVE

A Parma sono sicuri: contro la Juve si gioca


Le previsioni per mercoled parlano di nubi sparse e temperatura intorno allo zero
SANDRO PIOVANI PARMA

ma-Juve promette scintille.


Ancora 3-5-2 E Donadoni do-

time previsioni parlano di nubi sparse e temperatura intorno allo zero per dopodomani allora del recupero.
Task force Ci credono i tifosi e

I tifosi del Parma hanno passato la domenica a consultare il meteo. Si gioca, si gioca... Stavolta si gioca. Il riferimento naturalmente a Parma-Juventus, gi rinviata il 31 gennaio scorso e in programma mercoled alle 18.30. Le ul-

ci crede anche il Parma: la societ ha convocato per oggi una task force per liberare definitivamente il Tardini dal ghiaccio e dallultima neve caduta sino alla tarda mattinata di ieri. Insomma, questa dovrebbe essere la volta buona. Parlando di calcio giocato, Roberto Donadoni sabato, una volta appreso che anche Parma-Fiorentina di ieri non si sarebbe giocata, aveva spremuto la squadra in un lungo allenamento terminato con una

partitella in famiglia. E poi ha concesso una domenica di riposo ai suoi giocatori, che torneranno ad allenarsi sui campi di Collecchio questa mattina. Il Parma, da mercoled sino al 25 marzo scender in campo, meteo permettendo, per ben otto volte. Il tecnico dunque dovr dosare le forze fisiche e mentali della squadra. Anche se, come accade ormai da anni, la gara con la Juventus, dalle parti del Tardini, molto sentita. Un passato di sfide al vertice, incroci di ex ed ora anche le polemiche dopo lultimo rinvio. Scarsa organizzazione, impianti vetusti i temi pi ripetuti in casa Juve. Blizzard o gelo che sia, Par-

vrebbe confermare quel 3-5-2 visto a Verona nella gara vinta dagli emiliani con il Chievo. I ballottaggi comunque non mancano. In porta Pavarini ha dimostrato grande sicurezza, ma Mirante ormai guarito e sta bene. A centrocampo c da scegliere il sostituto dellindisponibile Galloppa. Gobbi sembra il favorito, ma Donadoni ha provato anche Valdes e Musacci per quel ruolo. In tre per una maglia anche nella zone destra della linea mediana: Valiani (favorito), Biabiany e Jonathan. Alcuni dubbi e una sicurezza: ci sar Giovinco che ha firmato, nel maggio scorso, lultima sconfitta della Juventus. Perch in fondo, anche la cabala pu dare una mano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Cos il Tardini il 1o febbraio, giorno del rinvio di Parma-Juve LA PRESSE

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

13

Millimetro

COSA FA UN UOMO INNAMORATO PER SAN VALENTINO?

IN ESCLUSIVA
DA DOUGLAS

VA SU WWW.DOUGLAS.IT E LA RENDE FELICE!


Per il regalo alla tua lei ci pensa lui: Douglas.it il sito dove trovi i marchi di bellezza pi famosi del mondo, per farle un regalo che la colpir al cuore!

14

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A 23a GIORNATA


ATALANTA LECCE
GIUDIZIO 77 ATALANTA (3-4-1-2) Polito; Lucchini (dal 5 s.t. Raimondi), Stendardo, Manfredini; Schelotto, Brighi, Carmona (dal 13 s.t. Cazzola), Peluso; Moralez; Denis, Marilungo (dal 25 s.t. Gabbiadini). PANCHINA Frackowiak, Carrozza, Minotti, Ferreira Pinto. ALLENATORE Colantuono. LECCE (3-5-2) Julio Sergio; Oddo, Miglionico, Esposito (dal 7 s.t. Di Matteo); Cuadrado, Giacomazzi, Blasi, Delvecchio, Brivio; Di Michele (dal 40 s.t. Bertolacci), Bojinov (dal 14 s.t. Muriel). PANCHINA Petrachi, Obodo, Giandonato, Seferovic. ALLENATORE Cosmi. ARBITRO Gervasoni di Mantova. ESPULSI nessuno. AMMONITI Stendardo (A) proteste; Giacomazzi (L) e Miglionico (L) gioco falloso.
NOTE paganti 2.219, incasso 19.971 euro; abbonati 9.658, per una quota di 144.456,43 euro. Angoli 6-3. Tiri in porta 5-1. Tiri fuori 6-6. Fuorigioco 7-2. Recuperi: 1 p.t.; 3 s.t.

0 0

I NUMERI

4
0

le Pagelle
di F.LI.

le reti segnate in casa dallAtalanta nelle ultime tre partite; non succedeva dal 2008 quando tra il 22 marzo e il 20 aprile i bergamaschi pareggiarono 0-0 col Catania e persero 2-0 con lInter e 4-0 con la Juventus
Loccasionissima capitata allatalantino Peluso, 27 anni: sul cross rasoterra di Moralez centra il palo con Julio Sergio battuto ANSA

STENDARDO C OK SCHELOTTO GIACOMAZZI: REGIA SAPIENTE BOJINOV NULLO


ATALANTA 6
POLITO s.v. Dal Lecce arriva soltanto un tiro in porta. LUCCHINI 6 Bojinov si marca da solo, Di Michele quasi. RAIMONDI 5,5 Qualche problema in pi con Muriel. STENDARDO 6,5 Il Lecce non entra in area: anche merito suo. MANFREDINI 6 Ha il lavoro pi duro per il movimento di Cuadrado: niente di preoccupante per. IL MIGLIORE h 6,5 SCHELOTTO Avanti e indietro, pi quantit che qualit: ha la meglio su Brivio, deve soffrire un po con Di Matteo. Suo il bel cross tagliato per Peluso che colpisce il palo. BRIGHI 6 Con il ritmo di Blasi e le geometrie di Giacomazzi non si scherza. Tiene, recuperando mille palloni. CARMONA 6 Pi agile del collega di reparto, d profondit e cambia gioco. Deve uscire per infortunio. CAZZOLA 6 Tanto agonismo. PELUSO 6 Un palo esterno, un colpo di testa, ma anche tanta imprecisione. Sempre alto, lascia spazio a Cuadrado. MORALEZ 5,5 Gioca dietro le punte, offre qualche sponda ma rinuncia alluno contro uno: quindi non crea mai superiorit. DENIS 5,5 Si sbatte tra centrocampo e attacco, ma spazi non ce ne sono. Un tiro, deviato. Per labbraccio di Blasi da rigore. MARILUNGO 5 Il palo su assist maldestro di Oddo. Poco altro. GABBIADINI 6 Julio Sergio gli para una bella punizione. All. COLANTUONO 6 Troppi gli assenti, ma forse la difesa a tre esagerata in questo caso.

LAtalanta fermata anche dal Lecce Non sa pi vincere


Il gioco non pi fluido, Denis ha smesso di segnare Ai bergamaschi manca un rigore, ma il pari giusto
DAL NOSTRO INVIATO

due centrali erano pi che sufficienti e cos si sarebbero riequilibrati i conti a centrocampo. Qui, invece, Cosmi guadagna la superiorit invertendo subito Blasi e Giacomazzi: il quale, da play consumato, acchiappa palloni, d profondit e soprattutto gestisce il ritmo senza sprecare un pallone. Ai suoi fianchi Delvecchio (nel primo tempo) e Blasi (ripresa) portano avanti manovra e pallone infilandosi tra le linee del centrocampo dellAtalanta, un po fragile in Moralez e impreciso in Peluso. Insomma: tanto lavoro, giro palla e rincorse, e il gol sarebbe anche stato giusto, ma niente sfracelli.
E il rigore? La fatica inutile si pa-

partite consecutive senza reti per il Lecce, dopo lo 0-0 casalingo di domenica scorsa con il Bologna. Lultimo precedente simile per i salentini in A 6 anni fa: 0-0 a Cagliari e in casa con la Reggina tra il 12 e 19 febbraio

FABIO LICARI BERGAMO

Con uno striscione in rima, arricchito da un inequivocabile Cristiano fottiti!, la curva sembra chiudere i conti con il passato. Quei conti che invece lAtalanta non riesce a saldare con il Lecce, complici due pali in due minuti e larbitro Gervasoni che non vede un bellabbraccio di Blasi a Denis in area. Ma da qui a dire che la banda Cosmi rubi qualcosa ce ne vuole: tenendo le fila serratissime, cambiando in corsa play (da Blasi a Giacomazzi) e mai rinunciando alle ripartenze, alla fine il Lecce concede due-tiri-due in area e un possesso palla neanche esagerato.

Troppo poco per urlare contro il cielo: infatti Colantuono non fa drammi, bench si tratti di due punti persi, parole sue. Di pi: se il mucchio selvaggio leccese avesse avuto collaborazione dalla coppia sballata e indisponente Di Michele-Bojinov, poteva finire diversamente. Ma non ci piove: lAtalanta che ha sprecato loccasione.
Black-out Qualcosa nel mecca-

nismo di Colantuono s inceppato rispetto alla partenza annulla-gap. Dal 6 novembre a oggi, escluso il doppio successo contro il Cesena, zero vittorie. E in casa il gol non arriva ormai da 289. Gi complicato fare a meno di Cigarini, Bonaventura, Capelli, Bellini e pensare che tutto fili liscio. Se poi Mora-

lez rinuncia a fare il fantasista sudamericano, quello che salta luomo e lancia gli attaccanti, se Denis non segna pi, se non c alternativa ai cross dalle fasce di Schelotto e Peluso, tutto pi facile per chi si difende. E il Lecce si difende benino. Quasi bene. Con un 3-5-2 che soffre soltanto due minuti di black-out, a met primo tempo: prima con Oddo che rinvia sciaguratamente verso Peluso, poi quando Schelotto conclude lennesima rincorsa con un diagonale taglia-difesa. Marilungo e Peluso, per, incocciano il palo e amen.
Superiorit Il 3-4-1-2 di

Di Michele e Brighi a duello


MAGNI

Colantuono forse troppo: contro Di Michele e Bojinov

ga e cos il copione cambia. LAtalanta in debito, il Lecce capisce che pu trascorrere 45 pi tranquilli (osare di pi no, non se parla). Luscita di Esposito rafforza la difesa: Brivio meglio da centrale e Di Matteo d spinta e copertura a sinistra. Se Cazzola e Gabbiadini regalano vivacit e altri due tiri , Julio Sergio non deve fare miracoli: la parata pi bella del Lecce di Gervasoni che, vai a capire come, non vede laggancio di Blasi a Denis in area. Tutto perfetto per Cosmi se non fosse per il Novara che, da San Siro, cambia prospettiva a qualunque risultato. Anche a questo 0-0.
RIPRODUZIONE RISERVATA

i pareggi consecutivi tra le due squadre in casa a Bergamo, anche il 2-11-2008 era finita senza reti, mentre il 12-9-2004 fin di 2-2

LE REAZIONI COLANTUONO FELICE PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO: PECCATO NON AVER FESTEGGIATO CON LA VITTORIA

La curva condanna lex idolo Doni


Cosmi deluso: Siamo stati troppo timorosi
GUIDO MACONI BERGAMO

i pari ufficiali tra Cosmi e lAtalanta, il secondo con il punteggio di 0-0: il precedente il 10 dicembre 2000 sempre a Bergamo. Il bilancio, dopo 11 confronti, vede Cosmi in vantaggio con 5 vittorie e 3 sconfitte

LECCE 5,5
JULIO SERGIO 6,5 Tanto possesso per lAtalanta, ma alla fine deve parare su Gabbiadini e Cazzola. Pi due pali naturalmente. ODDO 6 Innesca Peluso con assist maldestro, ma con esperienza se la cava anche da centrale. MIGLIONICO 6 Preciso e spesso in anticipo. ESPOSITO 5,5 Qualche esitazione, ma di l passa Schelotto. DI MATTEO 6 Dentro per Esposito, si allarga a sinistra e d una bella spinta. CUADRADO 6 Bel giocatore, tanta tecnica, ma il doppio lavoro da esterno del 3 5 2 lo sfianca. IL MIGLIORE h 6,5 GIACOMAZZI Da mezzala subito centrale: mossa vincente. Contrasti, anticipi, geometrie: indispensabile nel gestire il fortino leccese. BLASI 6 Agonismo fino al 90.

Sperava di festeggiare il rinnovo (ieri diventato ufficiale) con i tre punti, invece il tecnico dellAtalanta Stefano Colantuono si deve accontentare del pareggio. Manteniamo comunque il Lecce a distanza di sicurezza. E non dimenticatevi che lAtalanta finora sul campo ha fatto 30 punti... In questo momento siamo anche piuttosto sfortunati negli episodi decisivi: le occasioni le abbiamo avute, ma ci mancata precisione. In compenso il Lecce non ha mai tirato in porta. Denis ancora a secco? Ha fatto 12 gol, non segna da alcune partite, ma per ora non un problema. Cera anche un rigore su di lui: la trattenuta di Bla-

si mi sembrata clamorosa. un periodo sfortunato anche sotto questo punto di vista. Colantuono si pu godere il prolungamento del contratto fino al 2014. Peccato non poterlo festeggiare con una vittoria, ma sono comunque felicissimo. Bergamo casa mia.
Felicit Da festeggiare c an-

Lo striscione esposto nella curva dellAtalanta: la pesante contestazione annuncia la rottura tra i tifosi nerazzurri e Cristiano Doni
MAGNI

un momento forse un po difficile, ma limportante che la squadra ci sia.


Qui Lecce Serse Cosmi non

che il rientro di Matteo Brighi. Ho avuto una pubalgia, ma ora finalmente sto bene. Spero di far vedere quello che non ho fatto vedere in questi mesi. German Denis cerca ancora il primo gol nel 2012. Il gol tarda ad arrivare ha detto a Sky e sul piano personale

del tutto soddisfatto. Il punto va bene, ma nel primo tempo abbiamo sbagliato lapproccio e siamo stati troppo paurosi. Molto meglio nella ripresa, quando con un pizzico di lucidit avremmo anche potuto ottenere qualcosa in pi. Ma se devo essere sincero il pareggio giusto, se lAtalanta fosse passata in vantaggio nel primo tempo non ci sarebbe stato nulla da dire.
Condanna Da segnalare infine

la netta presa di posizione della Curva nord nei confronti dellormai ex idolo Cristiano Doni. Dopo uno striscione rivolto solo allinterno e gli articoli apparsi sul giornalino dei tifosi, per la prima volta anche la curva condanna e scarica lex capitano con un lungo striscione esposto a inizio secondo tempo. In unintervista preparata la parola scusa non lhai mai pronunciata... Per te una partita combinata una goliardata... Parli di Bergamo e dellAtalanta come la tua vita, ma forse questa gente non lhai mai capita!!! Cristiano fottiti. Pi chiaro di cos...
RIPRODUZIONE RISERVATA

DELVECCHIO 6 Non solo ritmo: per un tempo il miglior collaboratore di Giacomazzi. Cala nella ripresa. BRIVIO 5,5 Subisce Schelotto. DI MICHELE 5 Rispetto a Bojinov difende meglio la palla, ma pi impreciso quando la gioca (Bertolacci s.v.). BOJINOV 4,5 Non gli riesce nulla. MURIEL 5,5 Tira invece di lanciare Cuadrado. Cosmi sinfuria. All. COSMI 6 Difesa e centrocampo cortissimi e ha un po di fortuna: con Di Michele in versione fenomeno avrebbe potuto far danni.

TERNA ARBITRALE: GERVASONI 5 Tutto ok ma sullabbraccio di Blasi a Denis vede male. Dobosz 6,5; Di Liberatore 6,5

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

15

SERIE A 23a GIORNATA


le Pagelle
di F.C. di VINCENZO CITO

LE QUATTRO PERLE UN RIGORE NEL PRIMO TEMPO, POI NELLA RIPRESA FESTA ARGENTINA
1 2 3 4

Zupping

IZCO E LODI REGALANO BELLE GIOCATE KALADZE INGUARDABILE


CATANIA 7,5
KOSICKY 6,5 Conferma quanto di buono aveva gi fatto vedere nello spot di mercoled contro la Roma. MOTTA 6,5 Esordio positivo per lex Juve che va vicino al gol. LEGROTTAGLIE 6,5 Giornata di tutta tranquillit per i centrali. SPOLLI 6,5 Come sopra: nessun lavoro extra per lui. MARCHESE 6,5 Buono il primo cross per la girata di Barrientos (parata) poi si defila un po.

Bravo Montella che deve retrocedere

1 Lodi spiazza Frey e trasforma il rigore concesso per fallo su Gomez: l1-0 2 Barrientos sigla il 2-0 con un destro da centro area 3 Largentino segna di sinistro la sua doppietta personale 4 Bergessio firma il 4-0 scavalcando Frey con un pallonetto FOTOPRESS, GETTY, FOTOPRESS, LIVERANI

h 7,5 IL MIGLIORE IZCO


Non perde mai la palla e regala giocate sopraffine, come il lancio al volo per il 2 a 0. BIAGIANTI 6 Pian piano sta ritrovando la condizione. LODI 6,5 Segna il sesto gol dellanno su rigore e disegna precise geometrie in campo. ALMIRON 6,5 Parte lentamente e si riprende alla distanza, bel velo sul terzo gol. RICCHIUTI 6 Entra a risultato acquisito e fa il suo. BARRIENTOS 7 Un gol mancato, 2 realizzati e alcuni bei numeri. LLAMA 6 Altro passo avanti alla conquista della forma migliore. BERGESSIO 7 Completa il poker e regala lassist del terzo gol. GOMEZ 7 Conquista il rigore che sblocca la gara e crea spesso la superiorit sul suo lato. All. MONTELLA 7 Carica la squadra a puntino e trova la meritata prima vittoria del 2012.

Il Catania a tutto gol con super Barrientos


Grande partita dei siciliani, Maxi Lopez non un rimpianto Mal di trasferta per il Genoa, soltanto in Sicilia 9 reti in 2 gare
FRANCESCO CARUSO CATANIA

Vincenzo Montella, 37 anni, allenatore del Catania AFP

GENOA 4
FREY 5,5 Nessuna responsabilit specifica sui 4 gol ma non riesce mai a metterci una pezza. MESTO 5,5 Perde il duello con Gomez, poche volte spinge in avanti. GRANQVIST 5 Giornata negativa, rinvia male il cross di Gomez da cui scaturisce poi la terza rete. KALADZE 4 Il peggiore della difesa, paradossale poi lasciarsi scavalcare dal rinvio di Kosicky che lancia a rete Bergessio. ROSSI 5 sua la corta respinta che genera il raddoppio, non chiude con tempestivit in altre occasioni. BIRSA 5 Commette il fallo su Gomez dal quale nasce il rigore che sblocca la gara. JORQUERA 5,5 Entra quando la gara ha preso una brutta piega.

Un poker che spazza via la nostalgia. E il modo che il Catania sceglie per scacciare il fantasma di Maxi Lopez decisivo nella vittoria del Milan a Udine. Quattro gol e una bella gara per cantare scurdammoce o passato. A farne le spese il Genoa di Marino, indimenticato ex dello storico ritorno in A. Ma il calcio non vive di riconoscenza e il tecnico di Marsala esce assai stropicciato da quello che fu il suo stadio. Non solo, ma proprio la Sicilia in generale a portargli male questanno: nel giro di 3 settimane becca la bellezza di 9 gol fra la Favorita e il Cibali. E cos il Catania pu finalmente chiudere in gloria lastinenza da vittorie del 2012.
Mal di trasferta Del resto andiamoci per logica: per una squadra alla ricerca del primo successo del nuovo anno, cosa poteva esserci di meglio che ospitare un avversario reduce da 4 sconfitte esterne di fila (3 di campionato e 1 di Coppa Italia)? E sempre a livello deduttivo: se il Catania la squadra ad aver usufruito in questa stagione del maggior numero di rigori (7) e il Genoa quella che ne ha subiti di pi (8), in che modo si poteva sbloccare questa partita, se non dal dischetto? Anche se a dire il vero i siciliani un paio di volte sfiorano il gol

gi prima: molto bella la girata al volo di Barrientos in area, respinta da Frey. Poco dopo, unincursione in area di Gomez frenata da Birsa che gli aggancia il piede. Dagli 11 metri Lodi sigla la decima rete in A. Il Genoa orfano di Gilardino (e altri 5) ma soprattutto privo di molti requisiti indispensabili. A cominciare dalla difesa troppo farfallona. Marino inizia col 4-4-2 che dopo una decina di minuti corregge abbassando i 2 mediani, Biondini e Belluschi e schierando un trittico di trequartisti alle spalle di Palacio.
Super Barrientos Ma la partita la fa il Catania. Montella conferma la fiducia a Kosicky in porta e inserisce uno solo dei nuovi, Motta che si dimostra allaltezza. Lodi, Almiron e pi di tutti Izco al centro dettano i tempi e rilanciano la manovra. Barrientos dopo una bella triangolazione con Gomez spreca il raddoppio. Ma lo sigla nella ripresa a conclusione di unazione avviata da un magnifico lancio di Izco per Lodi il cui traversone in area respinto da Rossi e ripreso dallargentino. Che non contento fa anche il tris su assist di Bergessio e velo di Almiron. Completa il poker lo stesso Bergessio servito da Kosicky direttamente su rinvio che taglia fuori tutto il Genoa. Un bel Catania. Lunica consolazione per Marino che in Sicilia, almeno questanno, non deve pi giocare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tre sole partite da far vedere ma siamo sicuri che a Novantesimo minuto (Rai Due) si inventeranno qualcosa per tenerci avvinti ai teleschermi, specie dopo lannuncio del conduttore Franco Lauro Vi attendiamo per unaltra grande puntata. E infatti il primo servizio lo presenta cos: Gol, spettacolo ed emozioni in questa supersfida! E Bari-Sassuolo. Tre sole partite ma a Quelli che il calcio (Rai Due) non lo capiscono subito. Si comincia a giocare e fra i risultati che scorrono sullo schermo ci sono anche questi. Bologna-Juventus 0-0. Parma-Fiorentina 0-0 Rinviate per neve Voglio fare i miei complimenti a Montella che al secondo anno su una panchina di serie A fa giocare molto bene il Catania pur essendo una squadra che deve retrocedere... che dovrebbe lottare per non retrocedere (Massimo Caputi, Rai). La Juventus ha due punti... ha due giornate... ha due partite da recuperare (Enrico Varriale, Rai) In tribuna c anche Mark Cavendish, il nostro collega di Sky. (Tania Zamparo, convinta che Mark Cavendish, ciclista del Team Sky, sia un giornalista Sky). Il Milan mercoled stato eliminato dalla coppa Italia, ha perso in casa 2-1 con la Juventus (Riccardo Gentile, convinto che la semifinale di coppa Italia non preveda una gara di ritorno). Stefano Benzi (Eurosport) Questa lottava finale di coppa dAfrica di cui faccio la telecronaca, non tutte per Eurosport. Ma questo non importa. Figurati a noi. Luned scorso Raisport ci ricorda, con spot su spot, la diretta alle 20.30 del posticipo di Lega C, quasi quasi ce la vediamo. Uno sguardo a Televideo per le ultime novit: Bassano-Alto Adige stata giocata alle 15 ed finita 0-0. Per me qui Castrogiovanni deve fare una gran cosa. Adesso qui deve fare una gran cosa. Ma la fa, la fa perch sa che il posto giusto per farla (Vittorio Munari, Italia-Inghilterra di rugby su Sky)
RIPRODUZIONE RISERVATA

I giocatori del Catania esultano a fine gara dopo la vittoria col Genoa LIVERANI

CATANIA

GENOA

(4-3-3) Kosicky; Motta, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco (dal 20 s.t. Biagianti), Lodi, Almiron (dal 28 s.t. Ricchiuti); Barrientos (dal 23 s.t. Llama), Bergessio, Gomnez. PANCHINA Carrizo, Seymour, Catellani, Ebagua. ALLENATORE Montella.

(4-4-2) Frey; Mesto, Granqvist, Kaladze, Rossi; Birsa (dal 5 s.t. Jorquera), Belluschi, Biondini, Jankovic (dal 21 s.t. Veloso); Sculli, Palacio (dal 29 s.t. Ze Eduardo). PANCHINA Lupatelli, De Carvalho, Sampirisi, Meucci. ALLENATORE Marino.

GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Lodi su rigore al 7 p.t.; Barrientos al 4 e al 7, Bergessio al 17 s.t. ARBITRO Giacomelli di Trieste.

ESPULSI nessuno. AMMONITI Birsa (G), Biondini (G), Jankovic (G), Mesto (G) gioco scorretto, Kaladze (G) proteste.
NOTE spettatori paganti 3.400, incasso 30.280 euro; abbonati 9.206, quota non comunicata. Tiri in porta 7-4. Tiri fuori 4-8. In fuorigioco 0-1. Angoli 4-5. Recuperi: p.t. 2; s.t. 3.

6 BELLUSCHI

IL MIGLIORE

Lunico che riesca a salvarsi dal naufragio generale, suo uno dei rari tiri nella porta etnea. BIONDINI 5 Unaltra giornataccia, da quando ha cambiato casacca gli capita spesso. JANKOVIC 5 Tanto movimento per nulla. VELOSO 5,5 Difficile farsi notare entrando sul 4 a 0. SCULLI 5,5 Comincia da punta, torna a fare il trequartista ma il risultato non cambia. PALACIO 5 Solo unoccasione di testa, sfruttata male, in 90. ZE EDUARDO 5,5 Non becca un pallone decente e non se ne procura. All. MARINO 5 Questanno la sua Sicilia gli porta male: 9 gol subiti sullasse Palermo Catania.

DAGLI SPOGLIATOI LANALISI DEI DUE TECNICI

Montella: Velocit e talento Marino: Che polli fuori casa


GIOVANNI FINOCCHIARO CATANIA

LA SFIDA DI MERCOLEDI

Oggi la decisione sul recupero Cesena-Catania


(a.b.) Cesena Catania rischia il nuovo rinvio. La gara rinviata il 4 febbraio e in programma mercoled alle 18.30, potrebbe slittare ancora a causa della sicurezza dello stadio Manuzzi. Oggi, in merito, prender una decisioni il Gos (Gruppo Operativo Sicurezza), ma la sensazione negativa: infatti la citt completamente sommersa dalla neve e sulle coperture delle tribune sono presenti 65 cm di neve, mentre grandi blocchi di ghiaccio pendono sulla curva Ferrovia, sul lato che affaccia sul campo.

TERNA ARBITRALE: GIACOMELLI 6,5 Giusto il rigore su Gomez, per il resto decisioni facili. Manganelli 6,5; Padovan 6,5.

Persino Montella perde il proverbiale equilibrio dialettico: Catania a tutta velocit, specie in avvio dei due tempi. Abbiamo dominato il campo, spero non sia un episodio isolato. E rivolto a Barrientos: Il Pitu un talento purissimo, da lui ci aspettiamo gol come quelli che hanno piegato il Genoa, non solo le giocate di classe che propone. Catania che rimonta: Lobiettivo arrivare a piazzarci stabilmente nel-

zione in A. Dice: Abbiamo cominciato la gara in maniera assurda: eravamo rinunciatari, passivi. E a centrocampo abbiamo sbagliato gestione della partita, sia in fase offensiva che difensiva. Sono molto arrabbiato e le assenze non possono giustificare una prestazione del genere. Sono preoccupato perch fuori non ci esprimiamo, abbiamo una doppia personalit, ma non possibile essere cos diversi a distanza di una settimana. Dobbiamo troNon ci siamo Arrabbiato e delu- vare una soluzione, di certo il so Pasquale Marino, al suo en- Ferraris non ce lo possiamo nesimo ritorno a Catania, do- portare in trasferta. RIPRODUZIONE RISERVATA ve aveva conquistato la promo-

la parte sinistra della classifica. Recuperi (Cesena e Siena, ndr) permettendo potremmo arrivarci. Molto dipender da questo e dalla trasferta di Torino, veri banchi di prova. Un plauso a Kosicky, protagonista anche con la Roma, arriva direttamente da Pulvirenti. Il presidente rivela: Quando era ancora il terzo portiere gli abbiamo rinnovato il contratto, questo gesto spiega quanta fiducia abbiamo in lui.

16

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A POSTICIPI 23a GIORNATA

Siena-Roma gi futuro
C Destro-Borini Questa non una partita per vecchi
Classe 91, compagni nellUnder, protagonisti Le cose anche in Italia stanno cambiando

SIENA (4-4-2)-ROMA (4-3-1-2)


OGGI ore 20.45 ARBITRO Rocchi di Firenze (Iannello-Viazzi/Guida). PREZZI da 25 a 45 euro TV Sky Calcio 2 HD e Supercalcio HD; Premium Calcio 2.
SIENA PANCHINA 12 Farelli, 26 Pesoli, 80 Contini, 17 Grossi, 10 D'Agostino, 83 Reginaldo, 81 Bogdani. ALLENATORE Sannino. BALLOTTAGGI Vergassola-D'Agostino 60-40%; Brienza-Contini 60-40%. SQUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Calai, Rossi, Destro, Brienza, Del Grosso. INDISPONIBILI Brkic (7 giorni), Bolzoni (7 giorni). ALTRI Acosta, Sestu, Belmonte, Larrondo, Codrea, Mannini, Parravicini, Rossi, Gonzalez, Angelo. ROMA PANCHINA 1 Lobont, 3 Jos Angel, 44 Kjaer, 23 Greco, 20 Perrotta, 14 Bojan, 9 Osvaldo. ALLENATORE Luis Enrique. BALLOTTAGGI Juan-Kjaer 70-30%, Viviani-Greco 65-35%, Borini-Bojan 75-25%. SQUALIFICATI De Rossi (1). DIFFIDATI Cassetti, Gago, Kjaer, Juan. INDISPONIBILI Burdisso (90 giorni), Gago (5 giorni). ALTRI Curci, Cicinho, Cassetti, Piscitella.

domande a...
CIRO FERRARA
di FRANCESCO VELLUZZI

Borini bravo nel pressing Destro ha fisico e ottimi piedi


Ciro Ferrara il ct. dellItalia Under 21, che sta giocando le qualificazioni per la fase finale dellEuropeo 2013 ed in testa al girone.

identiKit & CARRIERA

Cos vicini, cos diversi. Sono nati a nove giorni e 350 km di distanza. Mattia Destro il 20 marzo 1991 ad Ascoli Piceno, Fabio Borini il 29 a Bentivoglio, provincia di Bologna. Luno centravanti, laltro punta esterna. Compagni di Under 21, perfettamente complementari. Due anni fa, allEuropeo Under 19 in cui lItalia di Piscedda ebbe poca fortuna, erano il numero 9 e il 10. Oggi sono il presente felice di Siena e Roma, e soprattutto la speranza di vita del calcio italiano. Destro ha gi segnato 5 gol in campionato e una rete in Coppa Italia che ha regalato al Siena uno storico approdo alle semifinali. Borini il volto pi sorprendente della Roma giovane di Luis Enrique: attaccante tuttofare, votato al sacrificio, a suon di gol e rientri ha tolto il posto ad un certo Bojan Krkic. Il club giallorosso ha gi comprato dal Parma la met del suo cartellino. I successi di questi ragazzi rappresentano una speranza per tutto il movimento azzurro. Sicuramente la prima decisa inversione di tendenza del calcio italiano. Questanno le cose sono cambiate riconosce Destro , ci sono molti ragazzi che si stanno mettendo in mostra. Noi giovani, se sentiamo la fiducia, possiamo affrontare le cose con la testa giusta.

Duello a distanza Destro segna

per il Siena e per il suo avvenire. Sogna una grande squadra, piace alla Juventus, da piccolo tifava per i bianconeri, stato sedotto e abbandonato dallInter. Qualche giorno fa, ha rivelato proprio ad un sito juventino: Voglio dimostrare a me stesso e a chi non ha creduto in me che posso raggiungere certi livelli. Destro ha imparato il mestiere da Ibrahimovic allInter e da Toni al Genoa. Sannino a Siena stata la svolta della sua carriera. Mi sta cambiando, con lui sono migliorato soprattutto nella fase difensiva. Borini gi in una grande squadra, e sogno di restarci. La Roma una seconda chance dopo la prima fallita al Chelsea. Lui la sta sfruttando facendo il doppio lavoro: ha il senso del gol di Inzaghi e la duttilit di Marco Delvecchio. Il ricordo delle difficolt londinesi in quellesultanza col coltello tra i denti. Cos mi ricordo che devo sempre lottare.... Destro e Borini, stasera cos vicini.
RIPRODUZIONE RISERVATA

identiKit & CARRIERA


a. cat.

ALESSANDRO CATAPANO FRANCESCO ODDI

Destini incrociati Oggi Mattia

Destro veste la maglia del Siena, il suo cartellino appartiene al Genoa, si fatto le ossa nelle giovanili dellInter, vincendo in ogni categoria: scudetto con Giovanissimi e Allievi, torneo di Viareggio e titolo di capocannoniere con la Primavera. Un talento che la Roma si lasciata

sfuggire. La storia poco nota: nel 2005 pap Flavio, ex difensore con 142 presenze nellAscoli, lo port a Trigoria. Mattia si era fatto notare nei Giovanissimi regionali dellAscoli. Provino superato, ma

il padre chiedeva un posto da allenatore nelle giovanili giallorosse. La Roma non lo accontent, cos la famiglia Destro emigr in Lombardia. Pap Flavio sulla panchina della Berretti del Montichiari, Mattia nei Giovanissimi dellInter. Dove sarebbe oggi Borini se le cose con Destro fossero andate diversamente? Magari sarebbero compagni di squadra e la Roma non avrebbe avuto bisogno di affidarsi a Bojan.

1. Ferrara, ci racconti Borini. E un giocatore che risente in maniera positiva dellesperienza fatta nel campionato inglese. E uno che non molla mai e che detta tutti i tempi del pressing. Va sempre a cercare di rubar palla allavversario. E un gran professionista, molto volenteroso. Ha grandi qualit ed riuscito a trovare uno spazio da titolare nella Roma. Cosa non facile. E ci riuscito pure recuperando bene da un infortunio. Per la mia Nazionale un punto fermo, ma tutti i miei attaccanti, tranne Gabbiadini, che, per ha fatto 11 gol in 13 gare, stanno giocando con continuit. Il reparto non mi preoccupa.

2. Ora ci racconti Destro.


Ha una struttura fisica pi imponente rispetto a Borini. Anche Mattia ha grandi qualit, ma soprattutto ha doti tecniche sopraffine, ottimi piedi. Il gol che ha fatto con lUnder in Turchia, nella partita pi importante, stato un vero capolavoro. In due anni cresciuto tanto e soprattutto con Sannino a Siena dove diventato titolare in serie A.

3. Insomma gli attaccanti giocano, forse soffrono pi i centrocampisti che trovano meno spazi. A centrocampo si fa forse pi fatica a dare fiducia ai giovani. Ma mi sembra che un po le cose stiano cambiando e qualcuno stia emergendo (lesempio Marrone, che alla Juve rimasto facendo molto bene quando ha giocato ndr). Anche tra i miei.
TORNEO DI VIAREGGIO

HA DETTO

x
S

QUI SIENA DOPO LE BUONE PROVE CON JUVE E NAPOLI

Sannino prepara un altro scherzetto


ALESSANDRO LORENZINI SIENA

HA DETTO

x
S

QUI ROMA DOPO IL TIRA E MOLLA PER IL MALTEMPO

Sullorario gelo con Mezzaroma


ROMA

Da domani via agli ottavi Oggi c Lippi


VIAREGGIO Domani il Torneo di Viareggio Coppa Carnevale entra nel vivo con gli ottavi di finale. Al termine delle 8 sfide, tabellone tennistico fino alla finale di luned 20. Una novit: Atalanta Roma si gioca a Gavorrano e non a Monterotondo Marittimo causa neve. Oggi alle 18, intanto, a Viareggio sfida tra la Nazionale MontePaschi e la Nazionale Allenatori Aiac con incasso allassociazione Il mondo che vorrei che riunisce i familiari delle vittime dellincidente ferroviario del 29 giugno 2009. Parteciperanno tra gli altri Lippi, Galli, Chiesa, Protti, Edy Baggio e Galante.

Su Luis Enrique In tempi non sospetti, ho sostenuto che avrebbe portato un'idea nuova di calcio. Mi piace molto: uno che va avanti per la sua strada

Dopo aver braccato la Juve a Torino, sconfitto in Coppa il Napoli, il Siena vuole scaldarsi ancora. Sannino cerca la continuit, ma definisce la Roma la squadra pi in forma, anche pi della Juventus. In tempi non sospetti (prima dellandata a settembre, ndr), sono stato fra i pochi a sostenere che Luis Enrique avrebbe portato un' idea nuova di calcio. Mi sembra sia stata una profezia azzeccata. Mi piace molto perch un tecnico che va avanti per la sua

strada, ha dovuto giocare anche contro i fantasmi. Adesso la Roma somiglia al Barcellona per il pressing che riesce a fare sul portatore avversario. Gioca con tanti pseudo-attaccanti, ma riesce comunque a far gol. Chi togliere a Luis Enrique? Dovrei fare troppi nomi, da Totti a Borini, un giovane-vecchio per la maturit con cui scende in campo. Sannino dovrebbe tornare al 4-4-2: La Roma assomiglia un po al Napoli. Dovremo essere umili e saper soffrire. I rinvii? Danno fastidio: alcune squadre giocano gi sapendo i risultati delle altre.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Luis Enrique e il pericolo ghiaccio: Prima viene la salute dei calciatori. Poi, se si pu giocare, vale la nostra proposta di sempre: allattacco

Ceravamo tanto amati? Gelo sugli spalti e gelo nei rapporti tra Roma e Siena. Almeno, il club giallorosso rimasto di sasso per il tira e molla sullorario di inizio del match. A Trigoria erano convinti che Massimo Mezzaroma considerato un presidente amico oltretutto non avrebbe opposto resistenza ad anticipare la sfida almeno alle 18, orario che, sempre secondo la Roma, avrebbe accolto le esigenze di tutti, club, spettatori e pay tv. Cos non stato, e la resistenza

del Siena a giocare alle 20.45 ora rischia di compromettere i rapporti tra i club. Opinioni diverse anche sulla temperatura di stasera: la Roma ha in mano previsioni tra -6 e -8, Mezzaroma temperature pi rassicuranti. Il sopralluogo sul campo fatto ieri sera dai dirigenti giallorossi (-2 e 48% di umidit) per ora d ragione al presidente del Siena. A Luis Enrique il pericolo ghiaccio preoccupa il giusto. La prima cosa la salute dei calciatori. Poi, se si pu giocare, noi faremo sempre la stessa proposta: allattacco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

17

SERIE A POSTICIPI 23a GIORNATA

Napoli, adesso fai il... Chievo


Il tecnico Mazzarri: Dobbiamo essere pi umili e feroci, come loro. Stavolta serve il risultato
DAL NOSTRO INVIATO

NAPOLI (3-4-2-1)-CHIEVO (4-3-1-2)


OGGI ore 20.45 ARBITRO Gava di Conegliano (Stefani-Rosi, Damato) PREZZI da 10 a 100. TV Sky Calcio 1 HD e Sport 1 HD; Premium Calcio 1 e Calcio HD2
NAPOLI PANCHINA 83 Rosati, 2 Grava, 11 Maggio, 4 Donadel, 20 Dzemaili, 29 Pandev, 16 Vargas. ALLENATORE Mazzarri BALLOTTAGGI Gargano-Dzemaili 60-40%, Fernandez-Grava 55-45%, Hamsik-Pandev 60-40% SQUALIFICATI Cannavaro (1). DIFFIDATI Aronica, Inler, Hamsik, Dzemaili. INDISPONIBILI nessuno ALTRI Colombo, Campagnaro, Fideleff, Lucarelli.

MIMMO MALFITANO CASTELVOLTURNO (Caserta)

Al diavolo la prestazione! Vuole vincere, Walter Mazzarri, al di l del bel gioco. Alla fine, anche lui si dovuto arrendere alla praticit, perch tutto sommato contano i risultati. E quelli del Napoli sono stati mediocri in questa prima parte del nuovo anno. I numeri sono impietosi, gli ricordano che in campionato ha ottenuto un solo successo, a Palermo, alla ripresa dopo la pausa natalizia. Lultima delusione, in ordine di tempo, risale a gioved scorso: il Napoli stato sconfitto nella gara dandata della semifinale di Coppa Italia dalle seconde e terze linee del Siena.
Squadra aggressiva Inutile

dobbiamo ritrovare lumilt. Ci serve una prestazione da Chievo, nel senso che dobbiamo avere il loro stesso ardore, ha spiegato Mazzarri.
Turnover Lo far, il tecnico napoletano, relativamente alla difesa dove Fernandez e Grava si contenderanno il posto di Campagnaro e Britos sostituir Cannavaro. A centrocampo, invece, ci sar il ritorno al primo minuto di Gokan Inler, mentre in attacco il tridente non verr modificato. Allan-

data, lho fatto proprio con il Chievo e sono stato criticato. A Siena, in Coppa Italia, non lho fatto e abbiamo perso ugualmente. La verit che ci sono ragazzi che devono ancora crescere e maturare. Con la primavera ed i campi asciutti le cose miglioreranno, vedrete. Sul suo futuro e su alcune indiscrezioni di mercato, Mazzarri stato lapidario: Io ho un contratto fino al 2013, penso solo al Napoli. Del resto non me ne frega niente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gokan Inler, 27 anni FOTOCUOMO

CHIEVO PANCHINA 17 Puggioni, 21 Frey, 5 Mandelli, 10 Luciano, 25 Vacek, 8 Cruzado, 9 Moscardelli. ALLENATORE Di Carlo. BALLOTTAGGI Paloschi-Moscardelli 51-49%, Cesar-Andreolli 60-40%, Rigoni-Vacek 60-40%. SQUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Mandelli, Thereau, Pellissier, Luciano, Sammarco, Dainelli, Dram, Bradley. INDISPONIBILI Sammarco (8 giorni), Morero (8 giorni), Dainelli (10 giorni). ALTRI Squizzi, Coletta, Jokic, Uribe, Gulan, Facchinetti, De Paula.

chiedergli del Chelsea e della Champions League: c ancora una settimana prima di questo evento e nel bel mezzo situata la trasferta di campionato, a Firenze, nellanticipo di venerd sera. Lasciamo perdere i londinesi e concentriamoci soltanto sul Chievo, adesso. Ci serve il risultato pieno, lho detto anche ai ragazzi. arrivato il momento di darci dentro, cos come abbiamo fatto nella scorsa stagione quando, anche con fatica, riuscivamo a fare risultato pieno. Voglio vedere ferocia in fase difensiva e serenit quando abbiamo la palla. Troveremo un Chievo che ci dar battaglia, giocher compatto e poi ripartir. Un po come facevamo noi lo scorso anno, in questo abbiamo fatto tendenza.
Meno presunzione Lidea che s fatto Mazzarri su questa crisi di risultati chiama in causa tutto il collettivo, a partire dalla difesa. La squadra viva, secondo me sottovalutiamo, seppure inconsciamente, le insidie del confronto contro le "piccole". Se invece di Reginaldo ci fosse stato Dzeko, nella situazione di gioved, paradossalmente quel gol non lo avremmo preso. Ci siamo sentiti pi forti e sicuri. Ed invece,

QUI CHIEVO DI CARLO

Abbiamo le armi per metterli in difficolt


VERONA (g.t.) Dobbiamo riscattarci subito dopo il passo falso col Parma. Mimmo Di Carlo carica i suoi anche se consapevole della forza dellavversario. Il Napoli temibile, soprattutto davanti, ma il Chievo ha le armi per metterlo in difficolt. Il tecnico decider solo all'ultimo se adottare il consueto modulo tattico, o scegliere una difesa a 5 che gi in passato mise in crisi il Napoli. Molto dipender dal recupero di Andreolli, convocato ma allenatosi senza forzare per tutta la settimana. Nel caso sarebbe sacrificato Paloschi con Thereau accanto a Pellissier.

18

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SERIE A

Crac Udinese
Di Natale rischia lo stop di un mese Isla, stagione finita
Senza il capocannoniere e il centrocampista Guidolin si dovr inventare un altro modulo
ta riguarda Mauricio Isla. La diagnosi per il centrocampista cileno, come si prevedeva, spietata: distorsione del ginocchio destro con interessamento capsulo-legamentoso. Lesione del legamento collaterale e interessamento del crociato anteriore. La stagione di Isla finisce qui. Se ne riparla a giugno (per il mercato, con lInter in pole position) o a luglio (per il ritiro, se rimarr bianconero). Guidolin aveva capito tutto. Ma ha provato a convincersi che non fosse cos. Ancora una volta aveva trovato un modulo con Isla trequartista, quasi seconda punta, capace di far malissimo al Milan e a chiunque. Ora deve disegnare unaltra Udinese, un altro attacco, un altro centrocampo. Ma deve lavorare sulla psicologia dei suoi ragazzi che, per la prima volta (dopo la prima sconfitta in casa), si trovano a gestire una situazione pesantissima. Le parole dei giocatori fanno ben sperare. Gelson Fernandes d la carica: La voglia di ricominciare col piede giusto enorme. Almen Abdi: La voglia di reagire tanta.
Europa Gi gioved lUdinese

I NUMERI

4
37

A FORMELLO DOPO 11 GIORNI DI GELO

le reti realizzate dalla Lazio che per ora ha il secondo migliore attacco del campionato alle spalle del Milan (45 reti)

La Lazio a casa Falcao incorona Hernanes


Il brasiliano ex romanista: E lunico che mi somiglia

i gol segnati in questa stagione dalla squadra di Reja nelle 33 partite giocate. Solo 6 volte la porta avversaria rimasta immacolata: in campionato 5 volte e in Europa League in casa del Vaslui

57

Il centrocampista brasiliano Hernanes, 26 anni IPP


STEFANO CIERI ROMA

Tot Di Natale, 34 anni, esce dal campo zoppicante AFP


FRANCESCO VELLUZZI

Mauricio Isla, 23 anni, a terra dolorante ANTEPRIMA

Il giorno pi brutto nella bellissima stagione dellUdinese arrivato ieri. Antonio Di Natale ha riportato una minuta frattura del secondo dito del piede destro. Il giocatore dovr osservare alcuni giorni di riposo. Questo il comunicato della societ. La realt molto pi allarmante. Il capocannoniere del campionato, che anche sabato sera aveva messo il timbro (il 17) nella partita col Milan, rischia di fermarsi per un mese. Una mazzata. Perch lUdinese ha sofferto senza di lui mostrando uninsostenibile leggerezza offensiva (non un caso che, col Milan, uscito Tot, per unentrata durissima ed evitabile di Thiago Silva, la partita sia stata ribaltata dai rossoneri) e

perch, finora, non ha affrontato unemergenza simile. In societ vanno cauti, ma le voci che filtrano parlano di un mese di stop. Che vorrebbe dire rinunciare al ritorno in Nazionale il 29 a Genova nellamichevole con gli Stati Uniti (solo un miracolo pu farlo recuperare), quella in cui Di Natale avrebbe dovuto provare lintesa con Balotelli. E un piccolo problema per Cesare Prandelli, che sa di poter contare sullunico attaccante della A che d piene garanzie, un grande problema per Francesco Guidolin che ha saputo dosare al meglio Tot trovando un sistema di gioco che fa rendere al meglio lui e lUdinese.
Isla Un sistema perfetto che si

Lattaccante ha riportato una microfrattura al secondo dito del piede destro Per il cileno distorsione del ginocchio destro: k.o. collaterale e crociato anteriore

sfascia completamente perch laltra terribile notizia di giorna-

non pu fallire: al Friuli arriva il Paok Salonicco per landata dei sedicesimi di Europa League. Che nonostante se la passi malino ha uno zoccolo duro di tifosi che ha polverizzato subito i 1.600 biglietti del settore ospiti prendendone poi altri 2.300. Arriveranno in 4 mila, ma forse in 6 mila. I sostenitori dellUdinese non sostengono con uguale calore una squadra che merita tanto per quel che sta facendo. Finora in prevendita, i friulani hanno comprato solo 4 mila biglietti. In questo contesto Guidolin deve pensare una squadra per il Paok, con Floro Flores (che non al meglio) obbligato a star davanti e col solo Fabbrini come alternativa o spalla. Ma deve pensare anche a una squadra per il Cagliari con Torje candidato a giocare nel ruolo di Di Natale. La crescita del romeno, che ora ha la sua grande occasione, fa ben sperare. Anche perch Abdi, ormai, certificato che renda meglio da mezzala e non da trequartista o seconda punta. Sar, invece, Pinzi a ricoprire il ruolo di Isla con Fernandes (utilizzabile solo in campionato) a giocarsi laltro posto in mezzo con Pazienza, meno corridore, ma pi incontrista. LUdinese deve ripartire. Dalle brutte sconfitte, e quella col Milan la pi devastante della stagione, spesso nascono le imprese.
RIPRODUZIONE RISERVATA

i giorni trascorsi dallultima rete ufficiale con la Lazio di Kozak prima di quella contro il Cesena

57

Ritorno alla normalit. Per Roma citt ed anche per la Lazio. Londata di freddo e neve che ha colpito la capitale sembra volgere al termine, e pare finita anche lemergenza vissuta dalla squadra di Reja per colpa del maltempo.
Riapre Formello Da oggi infatti i biancocelesti

tornano ad allenarsi a casa loro, nel centro sportivo di Formello. E un evento che non si verifica da 11 giorni. Lultimo allenamento in sede i biancocelesti lo svolsero il 2 febbraio, dopo la vittoria sul Milan. Poi il giorno successivo rimasero bloccati dalla forte nevicata che interess Roma e in particolare la zona nord della capitale (dove c appunto Formello). E da allora i tre campi del centro sportivo laziale, sommersi dalla neve (poi trasformatasi in ghiaccio) sono diventati impraticabili. Tanto che la settimana scorsa Reja stato costretto a portare la squadra ad allenarsi su campi del litorale romano (dove la neve non arrivata): prima allo stadio di Ostia, quindi al Mancini Park sulla Pontina. Si temeva che le peregrinazioni laziali dovessero continuare ancora per tutta questa settimana, perch spalare i campi di Formello avrebbe potuto compromettere a lungo la tenuta del manto erboso. Ieri pomeriggio per arrivato latteso colpo di scena. Una squadra di esperti, grazie alluso di prodotti speciali, riuscita a sciogliere neve e ghiaccio senza rovinare il terreno sottostante. Per il momento stato liberato uno solo dei tre campi, oggi toccher agli altri due. Per la felicit di Reja che non tollerava pi i trasferimenti coatti. E che potr cos preparare nel migliore dei modi il match di gioved con lAtletico Madrid.
Falcao e Hernanes E a proposito di volti felici, un

altro quello del brasiliano Hernanes. Non solo per i gol segnati ultimamente, ma anche per lattestato ricevuto ieri da Falcao. E lunico giocatore che davvero mi somiglia. Ha un profilo simile al mio, ha detto lex romanista, ora allenatore del Bahia. Un paragone che inorgoglisce il centrocampista della Lazio. Anche se arriva da colui che stato uno dei simboli della Roma.

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

19

Serie A / 23 GIORNATA
RISULTATI
ATALANTA-LECCE BOLOGNA-JUVENTUS 0-0 rinviata
SQUADRE MILAN JUVENTUS LAZIO UDINESE INTER ROMA NAPOLI PALERMO GENOA CAGLIARI FIORENTINA CATANIA PARMA CHIEVO ATALANTA * BOLOGNA SIENA LECCE CESENA NOVARA PUNTI 47 45 42 41 36 35 31 31 30 30 28 27 27 27 24 22 20 18 16 16 G. 11 11 12 12 12 11 11 11 11 12 11 11 10 11 11 10 10 11 10 12 IN CASA V. N. 7 3 7 4 6 4 10 1 6 2 6 3 4 5 9 0 7 2 4 6 6 3 5 4 5 3 5 3 4 5 3 2 4 3 1 3 2 3 2 5 P. 1 0 2 1 4 2 2 2 2 2 2 2 2 3 2 5 3 7 5 5 G. 12 10 11 11 11 11 11 12 11 11 10 10 11 11 11 11 11 12 12 11

CLASSIFICA
PARTITE RETI FUORI TOTALE IN CASA FUORI TOTALE DIFF. V. N. P. G. V. N. P. F. S. F. S. F. S. RETI 7 2 3 23 14 5 4 24 5 21 15 45 20 +25 5 5 0 21 12 9 0 21 7 12 6 33 13 +20 6 2 3 23 12 6 5 17 9 20 15 37 24 +13 2 4 5 23 12 5 6 23 7 11 15 34 22 +12 5 1 5 23 11 3 9 21 14 13 16 34 30 +4 4 2 5 22 10 5 7 23 11 13 15 36 26 +10 3 5 3 22 7 10 5 21 13 15 11 36 24 +12 0 4 8 23 9 4 10 26 14 7 20 33 34 -1 2 1 8 22 9 3 10 19 13 12 29 31 42 -11 3 3 5 23 7 9 7 12 10 10 14 22 24 -2 1 4 5 21 7 7 7 19 10 4 9 23 19 +4 1 5 4 21 6 9 6 15 8 12 21 27 29 -2 2 3 6 21 7 6 8 19 12 8 22 27 34 -7 2 3 6 22 7 6 9 10 9 9 19 19 28 -9 3 4 4 22 7 9 6 11 9 14 18 25 27 -2 2 5 4 21 5 7 9 9 13 9 13 18 26 -8 0 5 6 21 4 8 9 16 8 5 14 21 22 -1 3 3 6 23 4 6 13 10 18 12 20 22 38 -16 2 1 9 22 4 4 14 8 10 7 24 15 34 -19 1 2 8 23 3 7 13 13 21 7 21 20 42 -22 RIGORI PUNTI POSIZIONE ULTIME FAVORE CONTRO 2010-2011 STAGIONE QUATTRO E DIFF. 2010-2011 GARE T. R. T. R. 6 6 1 1 48 (-1) 1 VPNV 1 1 3 1 35 (+10) 8 V=N= 4 4 4 4 41 (+1) 5 VVPV 4 3 5 4 37 (+4) 6 PVPP 4 3 6 3 44 (-8) 2 PNPP 3 2 3 3 42 (-7) 4 NPV= 4 1 0 0 43 (-12) 3 PNN= 4 4 4 4 37 (-6) 6 VNVP 2 2 8 7 30 (=) 10 V=VP 3 3 2 2 32 (-2) 9 PVNV 5 5 3 3 28 (=) 12 V=V= 7 6 3 3 23 (+4) 17 N==V 5 4 2 2 25 (+2) 15 N=V= 2 1 5 3 30 (-3) 10 PVP= 4 3 5 5 in B in B V=PN 2 2 5 5 26 (-4) 14 N=N= 4 4 4 3 in B in B P=N= 3 3 4 4 24 (-6) 16 VPNN 6 4 6 5 21 (-5) 18 PN=P 3 3 3 2 in B in B PPNV

MARCATORI
17 RETI: Di Natale (3) (Udinese) 15 RETI: Ibrahimovic (6) (Milan) 12 RETI: Denis (3) (Atalanta); Jovetic (4) (Fiorentina); Palacio (2) (Genoa); Milito (3) (Inter); Klose (Lazio); Cavani (1) (Napoli) 10 RETI: Miccoli (1) (Palermo) 9 RETI: Matri (Juventus); Giovinco (3) (Parma); Calai (3) (Siena) 7 RETI: Mutu (2) (Cesena); Hernanes (3) (Lazio); Nocerino (Milan); Osvaldo (Roma) 6 RETI: Di Vaio (1) (Bologna); Lodi (4) (Catania); Marchisio (Juventus); Di Michele (2) (Lecce); Hamsik (Napoli); M. Rigoni (3) (Novara) 5 RETI: Moralez (Atalanta); Bergessio (Catania); Jankovic (Genoa); Pazzini (Inter); Pepe (Juventus); Rocchi (Lazio); Pandev (Napoli); Borini (Roma); Destro (Siena) 4 RETI: Ramirez (Bologna); Pinilla (1) (2 con il Palermo) (Cagliari); Paloschi, Pellissier e Thereau (Chievo); Lulic (Lazio); Boateng e Maxi Lopez (2) (3 con il Catania) (Milan); Lavezzi (Napoli); Budan e Hernandez (2) (Palermo); Bojan e Totti (2) (Roma); Basta (Udinese) 3 RETI: Acquafresca (Bologna); Conti (1), Larrivey (1) (Cagliari); Almiron, Barrientos e Legrottaglie (Catania); Moscardelli (Chievo); Cerci (Fiorentina); Gilardino (2 con la Fiorentina), M. Rossi (Genoa); Cambiasso e Thiago Motta (Inter); Vucinic (Juventus); Giacomazzi (Lecce); Robinho (Milan); Morimoto (Novara); Biabiany e Modesto (Parma); De Rossi, Juan e Pjanic (Roma); Isla (Udinese) 2 RETI: Marilungo (Atalanta); Diamanti (1) (Bologna); Ibarbo e Thiago Ribeiro (Cagliari); Eder e Candreva (1) (Cesena); Sammarco (Chievo); Kukca e Veloso (Genoa); Nagatomo (Inter); Lichsteiner e Vidal (1) (Juventus); Sculli (Lazio); Cuadrado, Grossmuller e Muriel (Lecce); Cassano, El Shaarawy e Seedorf (Milan); Campagnaro, Dzemaili e Maggio (Napoli); Caracciolo (1 rete con il Genoa) e Mascara (1 rete con il Napoli) (Novara); Bertolo, Ilicic, Mantovani, Migliaccio, Silvestre e Zahavi (Palermo); Floccari (Parma); Fabio Simplicio (Roma); D'Agostino (1) (Siena); Floro Flores (Udinese) 1 RETE: Cigarini, A. Masiello, Peluso, Schelotto e Tiribocchi (Atalanta); Cherubin, Loria e Portanova (Bologna); Biondini, Cossu, Dessena, Ekdal, El Kabir, Nainggolan e Nen (1) (Cagliari); Catellani, Delvecchio, Gomez e Marchese (Catania); Guana, Iaquinta (1) e Parolo (Cesena); L. Rigoni e Sardo (Chievo); Cassani, Gamberini, Lazzari, Montolivo, Natali e Silva (1) (Fiorentina); Constant, Granqvist, Jorquera, Mesto e Pratto (Genoa); Alvarez, Casteignos, Coutinho, Faraoni, Forlan, Lucio, Maicon, Ronocchia e Sneijder (Inter); Bonucci, Chiellini, Estigarribia, Giaccherini, Krasic e Quagliarella (Juventus); Biava, Cana, Cisse, A. Gonzalez, Kozak e Ledesma (1) (Lazio); Bertolacci, Corvia, Esposito, Ferrario, Mesbah, Oddo (1) e Strasser (Lecce); Ambrosini, Aquilani, Nesta, Pato, Thiago Silva, Yepes e Zambrotta (Milan); Gargano e Zuniga (Napoli); Gemiti, Jeda, Marianini, Mazzarani, Meggiorini, Paci, Porcari, Radovanovic e Rubino (Novara); Galloppa, Gobbi, A. Lucarelli, Morrone, Paletta, Pell, Valdes e Valiani (Parma); Burdisso, Gago, Lamela e Taddei (Roma); Bolzoni, Gazzi, P. Gonzalez, Grossi e Vitiello (Siena); Asamoah, Benatia, Domizzi, Ferronetti, Pazienza, Pinzi e Torje (Udinese) 1 AUTORETE: Brivio (Lecce) pro Cagliari; Acquafresca (Bologna) pro Lazio; Lodi (Catania) pro Milan; Centurioni (Novara) pro Parma; De Sanctis (Napoli) pro Roma; Pisano (Cagliari) pro Milan; Ludi (Novara) pro Palermo; Granqvist (Genoa) pro Cagliari; Rinaudo (Novara) pro Cesena; Izco (Catania) pro Udinese; M. Rossi (Cesena) pro Atalanta; Luciano (Chievo) pro Parma RETI: in questo turno 16 (3 rigori); in totale 558 (64 rigori, 12 autoreti)

CAGLIARI-PALERMO 2-1 Pinilla (C), Dessena (C), Hernandez (P) rigore CATANIA-GENOA 4-0 Lodi (C) rigore, Barrientos (C), Barrientos (C), Bergessio (C) INTER-NOVARA Caracciolo (N) 0-1

LAZIO-CESENA 3-2 Mutu (C), Iaquinta (C) rigore, Hernanes (L), Lulic (L), Kozak (L) NAPOLI-CHIEVO SIENA-ROMA stasera, ore 20.45 rinviata stasera, ore 20.45 PARMA-FIORENTINA

UDINESE-MILAN 1-2 Di Natale (U), Maxi Lopez (M), El Shaarawy (M)

PROSSIMO TURNO
Venerd 17 febbraio, ore 20.45 FIORENTINA-NAPOLI INTER-BOLOGNA Sabato 18 febbraio, ore 20.45 JUVENTUS-CATANIA Domenica 19 febbraio, ore 15 LECCE-SIENA (ore 12.30) CESENA-MILAN GENOA-CHIEVO NOVARA-ATALANTA PALERMO-LAZIO ROMA-PARMA UDINESE-CAGLIARI (ore 20.45) RECUPERI Mercoled 15 febbraio, ore 18.30 ATALANTA-GENOA (21a g.) PARMA-JUVENTUS (21a g.) CESENA-CATANIA (22a g.) (0-0) (3-1) (1-1) (0-3) (0-1) (1-2) (1-2) (0-0) (1-0) (0-0) (2-2) (1-4) (0-1)

La classifica tiene conto di quest'ordine preferenziale:1) punti 2) minor numero di partite disputate 3) differenza reti 4) numero di gol segnati 5) ordine alfabetico. Le ultime tre retrocedono in serie B. *sei punti di penalizzazione. U CHAMPIONS U PRELIMINARI DI CHAMPIONS U EUROPA LEAGUE U RETROCESSIONE

laMoviola
di FRANCESCO CENITI fceniti@gazzetta.it

Russo un disastro: negati due rigori allInter Blasi trattiene Denis: Atalanta penalizzata
Solo tre partite in una domenica molto particolare. Le migliori notizie per il designatore Stefano Braschi arrivano da Catania, dove era impegnato un arbitro della Can B, Giacomelli. Scivola su un rigore non dato, invece, Gervasoni a Bergamo, mentre da dimenticare la prestazione di Russo a Milano. Penalizzata soprattutto lInter, ma sviste importanti anche ai danni del Novara. Una giornata davvero negativa per il fischietto di Nola. Oggi tocca a Gava (Napoli-Chievo) e Rocchi (Siena-Roma): la speranza che sia un luned avaro di proteste e polemiche. ATALANTA-LECCE 0-0 Gervasoni di Mantova Lepisodio pi importante accade a met ripresa, quando dopo un cross dalla destra c la prolungata trattenuta di Blasi su Denis. Il giocatore del Lecce in ritardo e da dietro placca lavversario che ha lunico torto di accentuare un poco la caduta. Il rigore, comunque, ci stava: Gervasoni non di questo avviso. Nel primo tempo davvero pochissimo da segnalare: regolare la posizione di Schelotto quando

CONCORSI
CONCORSI N. 13 DEL 12/2/2012 Per il rinvio di Parma-Fiorentina, Reggiana-Sorrento, Spal-Como, Prato-Andria e Bologna-Juventus in palinsesto per i concorsi pronostici sportivi Totocalcio e Totogol n. 13 del 12 febbraio 2012, e, limitatamente a Parma-Fiorentina e Reggiana-Sorrento, per il concorso pronostici sportivi Il9, i concorsi pronostici sportivi Totocalcio e Totogol n. 13 del 12 febbraio 2012 sono dichiarati annullati e si dispone il rimborso totale delle giocate effettuate dai partecipanti.

Gazzetta.it
A GAZZAOFFSIDE ALLE 10.30 SI PARLA DI INTER E MILAN
Dopo la sconfitta col Novara lInter rischia di non arrivare in Europa? E la vittoria del Milan sullUdinese davvero un passo avanti? Diego Antonelli e Alberto Cerruti ne parlano dalle 10.30 in GazzaOffside. Ospite in studio Nicola Cecere.

Il fallo da rigore di Garcia su Poli ANSA


serve un prezioso suggerimento a Peluso che poi colpisce il palo esterno. CATANIA-GENOA 4-0 Giacomelli di Trieste Buona la direzione di Giacomelli (arriva dalla Can B) che si fa trovare subito pronto dopo 7 minuti quando assegna un giusto rigore al Catania: Birsa sbaglia il tempo dellentrata andando a colpire Gomez. Nella ripresa buon lavoro anche dellassistente Padovan: non c fuorigioco di Lodi e Gomez che avviano le azioni poi concluse a rete da Barrientos.

Centurioni affossa Cambiasso SKY


lascia giocare. Durissimo il tackle di Centurioni su Stankovic: sarebbe da arancione, ma Russo neppure lo ammonisce e poi fatica a controllare un accenno di rissa tra i giocatori. Nella ripresa: okay il gol di Caracciolo, mentre evidente lerrore al 35: Rigoni ruba palla a Stankovic in moro regolare ma fermato quando sta per avviare un pericolosissimo contropiede per un inesistente gioco pericoloso. Al 36 il Novara resta in 10: Radovanovic allontana il pallone a gioco fermo, si becca il secondo giallo.

INTER- NOVARA 0-1 Russo di Nola Davvero negativa la prestazione di Russo. Nel primo tempo non si accorge del brutto gesto di Stankovic che passeggia con i tacchetti sulla schiena di Caracciolo. Rischia Porcari, gi ammonito, dopo un fallo su Sneijder. In pochi minuti negati due rigori allInter: netto quello del 35 quando Garcia entra in scivolata su Poli colpendo lavversario sul ginocchio destro e poi anche sul piede. Il bis arriva su Cambiasso travolto in area da un ingenuo Centurioni: anche questa volta larbitro

20

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

MONDO INGHILTERRA
ASTON VILLA MANCHESTER CITY
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORE Lescott (MC) al 19 s.t. ASTON VILLA (4-4-2) Given 6,5; Hutton 6, Collins 6, Dunne 6 (dal 46 s.t. Baker sv), Cuellar 5,5; Heskey 5 (dal 24 s.t. NZogbia 5,5), Petrov 5,5, Garnder 5,5, Albrigthon 5,5 (dal 32 s.t. Ireland sv); Bent 5, Keane 5. PANCHINA Guzan, Warnock, Bannan, Weimann. ALLENATORE McLeish 5. MANCHESTER CITY (4-2-3-1) Hart 7; Zabaleta 7, Kompany 6,5, Lescott 7, Kolarov 6; De Jong 6, Barry 6,5; Johnson 6 (dal 39 s.t. Nasri sv), Silva 6 (dal 47 s.t. Richards sv), Milner 6; Aguero 5,5 (dal 44 s.t. Dzeko sv). PANCHINA Pantilimon, Savic, Clichy, Pizarro. ALLENATORE Mancini 7.

0 1

IL CASO

LA TRATTATIVA

Capello gi a Mosca Ora lAnzhi crede nel s

Luis Suarez, 25 anni EPA


ARBITRO Oliver 6,5. AMMONITI Dunne (AV), Petrov (A) NZogbia (AV), tutti per gioco scorretto. NOTE spettatori 35.132. Tiri in porta: 4-7 (1 palo). Tiri fuori: 2-4. Angoli: 5-8. In fuorigioco: 1-1. Recuperi: 1 p.t.; 6 s.t.

Il City corre in testa: da sinistra lautore del gol Joleon Lescott inseguito da Vincent Kompany e David Silva REUTERS

Suarez: Evra, ho sbagliato Ora mi scuso


BIRMINGHAM Il giorno delle scuse. Tardive, frutto dellindignazione popolare che ha attraversato la Gran Bretagna dopo il rifiuto di Luis Suarez di stringere la mano ad Evra prima di Manchester United Liverpool, ma sono arrivate. Il Liverpool ha condannato il gesto del giocatore che, secondo club e Dalglish, aveva promesso di stringere la mano ad Evra. Suarez, in un comunicato diffuso dal sito internet del club, ha ammesso le sue colpe: Ho commesso un errore e mi dispiace quanto accaduto. Avrei dovuto stringere la mano ad Evra, lo avevo promesso allallenatore e mi voglio scusare. Ora voglio lasciarmi questa vicenda alle spalle e concentrami sul calcio. Anche Dalglish, manager dei Reds, ha cambiato atteggiamento: Era giusto chiedere scusa. Suarez me lo aveva promesso ad inizio settimana. Onestamente mi ha choccato sapere che poi non lo aveva fatto. Quando sono andato di fronte alle telecamere, non sapevo che cosa fosse realmente accaduto. Mi dispiace per il mio comportamento anche perch tutti rappresentiamo il Liverpool. La federazione ha fatto sapere che non prender provvedimenti, ma ha invitato i club a rispettare il codice etico. La recrudescenza di episodi di razzismo continua per a preoccupare il governo britannico: il premier conservatore David Cameron ha convocato una riunione dei vertici del calcio per affrontare il problema.
bold

Fabio Capello, 65 anni LAPRESSE


CARLO LAUDISA twitter@carlolaudisa MILANO

Il City torna primo e Mancini ora riapre a Tevez


Lo United pi forte, ma noi meritiamo il primato. Contro lAston Villa decide Lescott
DAL NOSTRO INVIATO

sito dopo una stagione intera senza giocare: a tutto c un limite.


La partita L1-0 del City a Birmingham si porta dietro tante cose. In trasferta, nelle ultime spedizioni la squadra di Mancini aveva vinto solo sul campo del derelitto Wigan. Dal 12 dicembre, erano maturate ben tre sconfitte (Chelsea, Sunderland, Everton). Mancini ha aggiunto muscoli nella gara di ieri: Nasri in panchina e centrocampo governato dalla coppia De Jong-Barry, con Johnson e Milner sulle corsie laterali. Un City pi inglese che latino almeno negli uomini, anche se largentino Zabaleta stato tra i migliori, Silva lunica fonte di fantasia e il possesso palla, alla fine, da calcio spagnolo: 60% a 40%. LAston Villa ha pensato solo a difendersi, rendendo ancora pi impopolare lallenatore McLeish, contro il quale ha marciato ieri mattina un gruppo di tifosi. Il gol di Lescott arrivato dopo un palo colpito da Johnson (27 p.t.), un salvataggio sulla linea di Hutton, unoccasione sprecata da Silva e una sassata in corsa di Zabaleta. Una rete molto british: angolo di Milner, torre di Barry e girata di Lescott. Il City ha cercato di chiudere i conti, ma Aguero non era in giornata. Hart ha compiuto un mezzo miracolo sullunico tiro in porta di Bent, Cuellar ha divorato il pareggio di testa, ma alla fine il fortino ha resistito. Mancio prende i punti ed elogia la squadra: Abbiamo giocato bene e sprecato diverse occasioni. Torniamo in testa con una consapevolezza: lo United pi forte, ma noi meritiamo il primato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

STEFANO BOLDRINI BIRMINGHAM (Inghilterra)

Una vittoria modello Manchester United: un gol con una girata rabbiosa di Lescott, tre punti, cinismo e difesa del fortino al momento dellassalto finale. Il City di Roberto Mancini torna da solo in vetta alla Premier e lallenatore italiano lascia lo stadio di Birmingham su di giri: con questi successi che si conquistano i campionati. La lunga traversata nel deserto di gennaio e met febbraio conclusa: Sapevamo che questi quarantacinque giorni sarebbero stati difficili perch tra giocatori impegnati in Coppa dAfrica, infortuni e squalifiche, sarebbe stata durissima. Ma ora lemergenza finita, dal prossimo turno avr tutti a disposizione.
Tevez in arrivo ? Mancini po-

trebbe giocarsi nella volatona finale una carta a sorpresa: Carlos Tevez. Qualcosa si sta muovendo. Le dichiarazioni di Mancio (se Tevez torna e si mette a disposizione, potr giocare anche lui) hanno riaperto la questione. La condizione necessaria che lui chieda scusa. Manca da tre mesi, lultima volta che ho parlato con lui risale ad una settimana dopo lepisodio di Monaco. Ora tutto nelle mani, e, soprattutto, nella testa di Tevez e del suo agente. I tre mesi di fuga in Argentina hanno alleggerito il conto in banca del centravanti: tra stipendi non percepiti, multe e royalty saltate, sei milioni di sterline in meno. Una follia. Se il denaro aveva allontanato Tevez dal City, lo stesso denaro potrebbe riportarlo in Inghilterra, fino al termine della stagione. Poi, da copione, le strade si divideranno nuovamente. Tevez non pu pensare di mettersi sul mercato e di guadagnare uno spropo-

LA SITUAZIONE

West Bromwich Che tripletta di Odemwingie


Nell'altro posticipo il West Bromwich si imposto per 5-1 sul Wolverhampton con tripletta di Odemwingie. 25a GIORNATA Ieri: Wolverhampton-West Bromwich 1-5; Aston Villa Manchester City 0-1 CLASSIFICA: Manchester City 60; Manchester United 58; Tottenham 53; Arsenal, Chelsea 43; Newcastle 42; Liverpool 39; Norwich City 35; Sunderland, Everton 33; Swansea, Fulham, Stoke City 30; West Browmich 29; Aston Villa 28; Wolverhampton, Qpr, Blackburn 21; Bolton 20; Wigan 19.

A Mosca giurano daverlo visto ieri mattina alluscita dellhotel Kempinski. Dal suo entourage assicurano che ieri Fabio Capello era in Svizzera con la moglie. Il giallo nei fatti. E comunque i russi sono maestri nei blitz con i voli privati. Altrettanto certo che lAnzhi sta stringendo i tempi per chiudere a breve con lormai ex c.t. dellInghilterra. Sul tavolo c una proposta principesca: subito 10 milioni netti, per gradire. Poi un triennale da 10 milioni a stagione. E in pi limpegno per una ricchissima campagna di rafforzamento in vista dellestate. Nel mezzo c un cambio della guardia ai vertici del club di Soulymen Keirimov. Via il direttore generale e oggi saspetta il precoce addio al tecnico Krasnozhan gi pronto a tornare al suo incarico federale. E per completare il quadro la squadra domani partir per il ritiro in Turchia sotto la guida del suo vice. Al raduno sono attesi anche Samuel Etoo e Roberto Carlos, principali sponsor del cambio tecnico.
Filo diretto Proprio il brasiliano il gancio tra lAnzhi e Capello. Gi a settembre Roberto Carlos sera speso per questa soluzione, con German Tatchenko in prima fila. E in questo weekend il manager ha ripreso il potere: forte del via libera per don Fabio. I prossimi giorni saranno molto caldi , nonostante il riserbo di Capello. Intanto lAnzhi si muove con il Cagliari per Davide Astori, ma Cellino non lo cede.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GERMANIA I POSTICIPI

Hertha: via Skibbe Dopo 5 scon-

BRASILE

LAmburgo vede lEuropa Colonia, crollo e polemiche


PIERFRANCESCO ARCHETTI

LAmburgo ha perso soltanto una partita nelle ultime 13 uscite. Thorsten Fink, lallenatore chiamato in ottobre a sostituire Michael Oenning, ha portato la squadra dallultimo posto al 10. Adesso ad Amburgo parlano di Europa League, anche se il 7 posto, che potrebbe bastare, distante 5 punti. La serie dellottimismo stata rafforzata ieri a Colonia: 1-0, con rete di Paolo Guerrero all88. Ancora una volta positiva la prestazione dellitaliano Jacopo Sala.

Podolski critico La giornata del Colonia finita come era iniziata, in maniera pessima. Unintervista (non autorizzata) di Lukas Podolski ha fatto infuriare la societ. Se guardiamo alle prospettive e a quanto stiamo raccogliendo, la stagione deludente. Mi aspettavo altro. Qui si promette tanto e si mantiene poco. Podolski, che infortunato e ieri era sorridente in tribuna, lascer il Colonia a fine stagione; lo Schalke 04 in prima fila, ma si parla anche di un ritorno al Bayern. Intanto dovr pagare una multa sostanziosa.

fitte in 5 partite, lHertha licenzia lallenatore Michael Skibbe: il tecnico, che aveva sostituito Markus Babbel, ha lavorato nella capitale solo 41 giorni. Curiosit: fra i successori di Skibbe potrebbe esserci Stanislawski, esonerato in settimana dallHoffenheim che ha preso Babbel, proprio quello cacciato da Berlino.
21a GIORNATA. Ieri: Augsburg-Norimberga 0-0; Colonia-Amburgo 0-1. Venerd: Wolfsburg-Friburgo 3-2. Sabato: Bayern-Kaiserslautern 2-0; Borussia Do-Leverkusen 1-0; Mainz-Hannover 1-1; Stoccarda-Hertha 5-0; Werder-Hoffenheim 1-1; Borussia M.-Schalke 04 3-0. CLASS. Borussia Do. 46; Bayern 44; Borussia M. 43; Schalke 41; Werder 33; Leverkusen, Hannover 31; Wolfsburg 27; Stoccarda, Amburgo 26; Hoffenheim 25; Colonia 24; Mainz 23; Norimberga 22; Hertha 20; Augsburg, Kaiserslautern 18; Friburgo 17.

Falcao e Cerezo, amici a confronto Tanti complimenti ma nessuna rete


SALVADOR (Brasile) Risultato amichevole per gli ex compagni di centrocampo della Roma e della nazionale brasiliana. Il Bahia di Falco, che esordisce sulla panchina del club locale, pareggia per 0 0 il derby con il Vitria, allenato da Toninho Cerezo. Il confronto di tradizione (a settembre saranno passati 80 anni dal primo duello), vale per il campionato dello stato di Bahia. Protagonisti Sono arrivato da due giorni. Il Vitria comunque ha gi cominciato la stagione con lo stesso allenatore. Vediamo cosa riesco a fare, dice Falco prima della gara. Presentato marted, Falco ha cominciato ad allenare il Bahia venerd. Cerezo invece era stato annunciato come tecnico del Vitria nello scorso dicembre per preparare la stagione 2012, che in Brasile coincide con lanno solare. Poche emozioni: Bahia un po meglio nel primo tempo. Cerezo riconosce alcuni disagi della sua squadra: Il Bahia partito bene. Stiamo giocando in maniera disordinata. Siamo cresciuti dopo, quando abbiamo cominciato ad aver pi possesso. Nel corso della ripresa, Cerezo cerca di rendere il Vitria pi offensivo: fa entrare Pedro Ken e Arthur Maia, due centrocampisti avanzati. Ma la musica non cambia: il derby del campionato bahian finisce a reti inviolate. Ma i due amici si abbracciano.

Paolo Guerrero, 28 anni AFP

RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

21

MONDO SPAGNA
REAL MADRID LEVANTE 4 2
Cristiano Ronaldo, 27 anni AFP

GIUDIZIO 7777 PRIMO TEMPO 1-1 MARCATORI Cabral (L) al 4, C. Ronaldo (RM) su rig. al 45 p.t.; C. Ronaldo (RM) al 5 e all11, Kon (L) al 18, Benzema (RM) al 21 s.t. REAL MADRID (4-2-3-1) Casillas 6; Arbeloa 6, Pepe 5.5, S. Ramos 5, Coentrao 6.5; Granero 7 (dal 31 s.t. Khedira sv), Xabi Alonso 6.5; Ozil 7 (dal 36 s.t. Kak sv), Benzema 7, C. Ronaldo 7.5; Higuain 6 (dal 22 s.t. Callejon 6.5). PANCHINA Adan, Carvalho, Albiol, Sahin. ALL. Mourinho 7. LEVANTE (4-4-2) Munua 7; Javi Venta 5.5, Ballesteros 6.5, Cabral 6.5, Del Horno 6 (dal 12 s.t. P. Lopez 5); El Zhar 6 (dall1 s.t. Pallardo 5), Farinos 6.5, Iborra 5, Serrano 6; Valdo 6 (dal 31 s.t. Botelho sv), Kon 6.5. PANCHINA Navas, Juanfran, R. Suarez, Ghezzal. ALL. Martinez 6.5. ARBITRO Undiano Mallenco 6. ESPULSI Iborra al 44 p.t. per doppia ammonizione. AMMONITI S. Ramos, Cabral e Pepe per gioco scorretto, Arbeloa e Serrano per c.n.r. NOTE spettatori 70 mila. Tiri in porta: 12-2. Tiri fuori: 9-1. Angoli: 11-1. In fuorigioco: 6-1. Recuperi: 2 p.t.; 2 s.t..

23 TURNO LA GUIDA

BARCELLONA VERSO LA CHAMPIONS

Racing-Atletico Madrid 0-0; OsasunaBarcellona 3-2; Betis-A. Bilbao 2-1; EspanyolSaragozza 0-2; Malaga-Maiorca 3-1; Rayo VallecanoGetafe 2-0; Valencia-Sporting Gijon 4-0; VillarrealGranada 3-1; Real MadridLevante 4-2. OGGI Real SociedadSiviglia CLASSIFICA Real Madrid 58; Barcellona 48; Valencia 40; Levante, Espanyol 32; Atl. Madrid, Malaga, Osasuna 31; A. Bilbao 30; Rayo Vallecano 28; Getafe 27; Siviglia, Betis, Villarreal 26; Maiorca, Granada 25; Real Sociedad 24; Racing 23; Sporting Gijon 19; Saragozza 15
Carles Puyol, 33 anni, difensore del Bara IPP

Difesa Puyol: Non siamo macchine


Con la Liga che si allontana, Guardiola spera nel recupero di Busquets per Leverkusen
MADRID

Ancora Ronaldo show Mou ipoteca la Liga


Il Real soffre e va sotto con il Levante, poi Cristiano ne fa tre tra cui il nO 4000 dei blancos al Bernabeu. Ora +10 sul Bara
DAL NOSTRO INVIATO

PAOLO CONDO MADRID

Dieci punti, game over. Jos Mourinho cala su Levante, Barcellona e Liga una scure chiamata Cristiano Ronaldo, dilata il vantaggio e si prepara a festeggiare lo scudetto spagnolo dopo quelli portoghese, inglese e italiano. Il ritmo che il suo Real ha impresso al torneo ha ormai spezzato la resistenza catalana; e da domani leterno duello si sposta in Champions.
Sorpresa Prima che il gallo canti lalba del match, il Levante rende onore al suo nome levandosi mentre il Real ancora dorme, e andando in vantaggio. Un fallo di distrazione di

Sergio Ramos costa una punizione dalla trequarti, la testa del difensore argentino Cabral ultimo della fila intercetta una traiettoria soltanto sfiorata dal grappolo di saltatori: palo e gol, ecco servita al Real Madrid la consueta partenza ad handicap. Rispetto alle formazioni recenti, illuminate dal talento visionario del tandem di trequartisti Ozil-Kak, Mourinho leva il brasiliano per inserire Higuain: la mossa discutibile sia perch riattizzer i discorsi sulladdio a fine stagione di Ricardo, sia perch estrae dallarea Benzema per far posto allargentino. Tanto varrebbe giocare 4-4-2. Invece il francese gira al largo, Cristiano intervalla le sue furibonde accensioni a momenti di pausa, Higuain non trova lo spazio per

il secondo dribbling; il peso della creazione offensiva grava quindi su Ozil, che mette in vetrina le sue delikatessen, e sul bravo Granero (la scoperta dellinverno, by Mou).
Rigore Lassedio costante su un piano territoriale, perch in pratica si gioca nella sola met campo levantina, ma a intensit variabile: ci sono periodi nei quali il portiere Munua deve intervenire a ripetizione (su Higuain e Ronaldo), e periodi nei quali gli ospiti, ultradifensivi ma bene organizzati, riescono a respirare. Quando per la sponda dellintervallo dista due sole bracciate, un campanile che plana in area viene maldestramente controllato di mezzo braccio dal gi ammonito Iborra. Il rigore c, e Ronaldo lo trasforma; ma il

secondo giallo persecutorio, e uccide la partita. Il Levante rientra dal riposo disposto 4-4-1, e nel sabba degli ex interisti (oltre a Mourinho, c pure Roberto Carlos in visita) impressiona il gran lavoro del vecchio Farinos. Ma il Real ormai uno squalo che ha sentito lodore del sangue: finalmente acclamato dalla gente, Ronaldo segna subito il 2-1 di testa e il 3-1 ( il gol numero 4.000 del Real Madrid al Bernabeu) con un gran destro da fuori. E a tripletta compiuta corre verso la panchina ad abbracciare stretto Mourinho. Poi Kon riaccende un minimo di interesse, uno splendido destro a giro di Benzema lo rispegne, il resto accademia degli imminenti campioni di Spagna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Barcellona parte questa mattina per la Germania, dove domani sera, in casa del Bayer Leverkusen, sar la prima delle candidate alla Champions League a rimettersi in cammino. Anche se sul concetto tutti glissano, abbastanza evidente che la brutta sconfitta di Pamplona probabile capolinea dei sogni di Liga sia figlia del calendario: stretto fra la delicata semifinale di ritorno di coppa del Re contro il Valencia (mercoled) e limportantissimo ritorno in Europa (domani), Guardiola ha sperato di sfangarla in casa dellOsasuna, che in stagione aveva gi battuto tre volte su tre, lasciando a riposo lintero centrocampo titolare. La mossa, rischiata anche perch la Liga era comunque quasi persa, gli si ritorta contro non tanto per la cattiva prestazione dei giovani (anzi), quanto per la difficolt a ottenere un buon rendimento dalle stelle schierate. Piqu ha giocato la partita pi distratta dellanno, Puyol stato superato pi volte, Dani Alves e Abidal sono stati mediocri e Messi il pi penalizzato da un terreno infame non ha risolto il malessere che da qualche tempo pare frenarne lo spunto. E s che gli stessi uomini, in particolare i difensori, erano stati straordinari in coppa. Il che spiega perch Guardiola la stia facendo cos lunga con la storia del rinnovo: nelle gare meno motivanti diventato difficile maneggiare la testa dei suoi campioni dopo tre anni e mezzo di trionfi.
Convocati Sullaereo per Colonia oggi saliranno tutti tranne i lungodegenti Villa, Afellay e Fontas. Ci sar viceversa Busquets anche se il suo recupero non ancora certo: ma Pep, che almeno avr freschi Xavi (molto centellinato questanno), Iniesta e Fabregas, ritiene il mediano lunico equilibratore del Bara, e fino allultimo aspetter lok medico. Ieri ci ha messo la faccia Carles Puyol, il capitano: La Liga non perduta, ma ormai un obiettivo difficilissimo. Non siamo macchine, non pensiate che noi si accenda o si spenga il chip a seconda della competizione; per i numeri dicono che nelle trasferte di Liga un problema esiste, e con questo problema ci dobbiamo confrontare.
p.c.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FRANCIA I PARIGINI SI FERMANO DOPO SEI VITTORIE CONSECUTIVE (QUATTRO IN CAMPIONATO E DUE IN COPPA)

Taccuino
RUSSIA

Ancelotti, serie interrotta: 0-0 a Nizza


Il tecnico del Psg: Il pari pu starci, non pensavamo mica di poter vincere sempre...
DAL NOSTRO INVIATO

Criscito ricoverato domani non giocher


(l. cal.) Non c pace per Spalletti a pochi giorni dalla sfida di Champions col Benfica. Dopo Dan ny, si ferma anche Criscito, ricove rato in ospedale a San Pietroburgo per uninfiammazione addominale. Niente di grave, ma domani sera non sar in campo. Infortunato pu re il portiere Malafeev (fastidio mu scolare). Problemi anche per il Ben fica che non potr contare sul cen trocampista Javi Garcia che reste r a Lisbona per curarsi una con trattura.

za di vantaggio sul Montpellier, ma lascia probabilmente un po troppa pressione sulla squadra, in previsione di una settimana-chiave per il futuro della stagione. Ci aspettano una partita di coppa mercoled, poi la sfida con il Montpellier domenica. Pressione su di noi? La stessa che avranno i nostri avversari.
Andamento lento Di sicuro, ieri,

NIZZA-PARIS SG 0-0
NIZZA (4-3-3) Ospina 6; Clerc 6, Gomis 6,5, Civelli 6, Monzon 6; Abriel 6 (dal 33 s.t. Palun 6), Digard 6 (dal 44 s.t. Sabl sv), Anin 6; Mounier 6, Mouloungui 6,5 (dal 36 s.t. Goncalves sv), Dja Djedje 6, 5. PANCHINA Fernandez, Malaga, Meriem, Gui Gui. ALLENATORE Marsiglia 6. PSG (4-3-2-1) Sirigu 6,5; Bisevac 5,5, Alex 5,5 (dal 1 s.t. Jallet 6), Sakho 6, Maxwell 6,5; Sissoko 6, Thiago Motta 6, Bodmer 5,5 (dal 30 s.t. Matuidi 6); Menez 6, Nene 5,5; Gameiro 6 (dal 17 s.t. Hoarau 6). PANCHINA Douchez, Armand, Lugano, Chantome. ALLENATORE Ancelotti 6. ARBITRO Varela 5. NOTE spettatori 8 mila. Espulso il vice del Psg Makelele, per proteste al 24 p.t. Ammoniti Nene (P) e Sissoko (P).

FILIPPO GRIMALDI NIZZA (Francia)

I nizzardi parlano benissimo litaliano: prova ne siano i vaffa in serie che per tutta la partita con il Psg non risparmiano Carletto Ancelotti (impassibile davanti agli insulti del tifo di casa). Soddisfatto a met, a fine gara, il nuovo condottiero dei parigini: dopo sei successi consecutivi (quattro in campionato e due in Coppa di Francia), la serie doro finisce qui (Non pensavamo certo di poter vincere sempre...) e il nostro uomo a Parigi torna a casa con un punticino che vale di nuovo il primato solitario in classifica, con una lunghez-

qualcosa non ha funzionato. Buona la fase difensiva, mentre mancata un po di intensit in attacco, la mezza ammissione di Ancelotti. In particolare, la squadra ha patito il ritmo basso imposto a centrocampo dallex interista Thiago Motta, utile per rompere la manovra avversaria ma poco propositivo al momento di far ripartire lazione. Non un caso che, di fronte a un Nizza fanalino di coda del campionato, il Psg si sia dovuto affidare a super Sirigu (decisivo su Dja Djedje nel primo tempo e su Abriel nella ripresa) per evitare il rischio di una sconfitta.

OLANDA

Carlo Ancelotti, 52 anni, battibecca con larbitro Varela a Nizza REUTERS

Trono per Psv e AZ


21a GIORNATA Twente He racles 2 3, AZ Alkmaar Excelsior 2 0, Venlo Groningen 2 0, Ro da NEC 1 0, Nac Ajax 0 2, Utre cht Den Haag 1 1, Psv De Graaf schap 4 1, Waalwijk Heerenveen 0 1, Feyenoord Vitesse 3 1. CLASSIFICA PSV, AZ Alkmaar 45; Hee renveen, Feyenoord 40; Twente 39*; Ajax 37; Vitesse 32; Roda 31; Groningen 29; Heracles 27; Waalwijk 24; Nijmegen, Den Haag 23; Utrecht, Breda 22; Venlo 16; Excelsior 14; De Graafschap 13*. * una gara in meno.

Tardivo il risveglio degli ospiti (contro un avversario superiore sul piano del ritmo e del pressing, ma non della qualit del gioco), forse penalizzati anche da alcune decisioni arbitrali poco gradite dalla panchina dei parigini. Ne ha fatto le spese Makelele, vice di Ancelotti, espulso nel corso del primo tempo per proteste nei confronti dellarbitro Varela. E il pareggio non ha fatto comunque perdere il buonumore a

Carletto. Alla domanda sullepisodio, se l cavata cos: Hanno parlato in francese, quindi io non ho compreso granch. E sulla partita il tecnico italiano ha fatto comunque buon viso a cattiva sorte: Non siamo stati straordinari, il pari ci sta. Lunica vera occasione per gli ospiti arrivata sui piedi di Nene nel finale: tutto inutile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SITUAZIONE
23a GIORNATA Auxerre-Lorient 1-1, Lione-Caen 1-2, Montpellier-Ajaccio 3-0, Valenciennes-Nancy 1-0, Rennes-Sochaux 1-0, Brest-Digione 1-1, Lilla-Bordeaux 4-5, Tolosa-St. Etienne 0-1, Evian-Marsiglia rinviata. CLASSIFICA Psg 50; Montpellier 49; Lilla, Lione, Rennes 39; Marsiglia 38; St. Etienne36; Tolosa 34; Bordeaux 33; Lorient 27; Valenciennes 26; Brest 25; Evian, Caen, Nancy, Digione 23; Ajaccio 22; Nizza, Auxerre 20; Sochaux 19.

22

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

23

MONDO COPPA DAFRICA

Drogba k.o. Ai rigori in trionfo lo Zambia


La punta del Chelsea ha fallito dal dischetto nei 90. Nellalbo doro c una nuova nazione
COSTA DAVORIO ZAMBIA 7 8
DAL NOSTRO INVIATO

LALBO DORO
1957 Egitto 1959 Egitto 1962 Etiopia 1963 Ghana 1965 Ghana 1968 Congo 1970 Sudan 1972 Congo 1974 Zaire 1976 Marocco 1978 Ghana 1980 Nigeria 1982 Ghana 1984 Camerun 1986 Egitto 1988 Camerun 1990 Algeria 1992 Costa d'Avorio 1994 Nigeria 1996 Sudafrica 1998 Egitto 2000 Camerun 2002 Camerun 2004 Tunisia 2006 Egitto 2008 Egitto 2010 Egitto 2012 Zambia LEgitto la nazione che lha vinta pi volte, ben 7. Seguono Camerun e Ghana (4), Congo e Nigeria (2)

FILIPPO MARIA RICCI Twitter @filippomricci LIBREVILLE (Gabon)

AI CALCI DI RIGORE; 0-0 DOPO 120. GIUDIZIO 777 RIGORI Costa dAvorio: Tiot gol, Bony, gol, Bamba gol, Gradel gol, Drogba gol, Tiene gol, Ya Konan gol, K. Tour parato, Gervinho alto. Zambia: C. Katongo gol, Mayuka gol, Chansa gol, F. Katongo gol, Mweene gol, Sinkala gol, Lungu gol, Kalaba alto, Sunzu gol ZAMBIA (4-4-2) Mweene 7; Nkausu 5, Sunzu 7, Himoonde 7, Musonda s.v. (dall11 p.t. N. Mulenga 7; dal 29 s.t. F. Katongo 7); Lungu 7, Sinkala 7, Chansa 7, Kalaba 7; C. Katongo 8, Mayuka 7. ALLENATORE Renard 8. COSTA DAVORIO (4-3-3) Barry 7; Gosso Gosso 6.5, K. Tour 7, Bamba 6.5, Tiene 6; Y. Tour 6 (dal 41 s.t. Bony 6.5), Zokora 5 (dal 30 s.t. Ya Konan 5), Tiot 5.5; Kalou 5 (dal 18 s.t. Gradel 6.5), Drogba 4, Gervinho 5. ALLENATORE Zahoui 5. ARBITRO Diatta (Senegal) 6.5 NOTE Amm. Tiot e Bamba (C), N. Mulenga (Z) .Tiri in porta 4-3. Tiri fuori 5-5, Angoli 10-5, Fuorigioco 3-1. Rec. 2 p.t. e 4 s.t.

Dopo un lunghissimo 0-0 e 18 rigori lo Zambia vince la sua prima Coppa dAfrica. Lo fa con emozione enorme, nella citt da dove nel 1993 era decollato laereo che sinabiss quasi subito portandosi via unaltra grande nazionale zambiana.
Subito Zambia Francois Zahoui

Drogba ha appena sbagliato il rigore, il suo errore risulter decisivo La Costa dAvorio lascia la Coppa allo Zambia
REUTERS

sare il suo primo gol del torneo: angolo di Kalaba e dopo un tocco di Katongo la palla arriva a Sinkala gran tiro e gran risposta a terra di Barry. Gli Elefanti ci mettono un po a riprendersi e pur controllando la gara non tirano fino al 20 (Kalou) e non sono pericolosi per altri 10 minuti, quando Yaya Tour spreca una grande occasione. In mezzo, una punizione di Kalaba toccata da Tiot sfiora il palo.
Senza creativit Lentusiasmo dello Zambia prevale sulla superiorit tecnica della Costa dAvorio, che non riesce a far arrivare nulla di decente al suo trio di appannate star, Drogba, Kalou e Gervinho. In mezzo al campo per un volta Yaya Tour non simpone e la velocit di Katongo, Mayuka e Kalaba tiene in costante apprensio-

ne la difesa ivoriana. La Costa dAvorio non ha giocatori di grande creativit cos dopo unora abbondante Zahoui decide di cambiare davanti: fuori Kalou (notato solo durante gli inni per le strisce nere che si dipinto sotto gli occhi), dentro il giovane Gradel.
Lerrore di Drogba La mossa sveglia gli Elefanti, che rapidamente rimediano un rigore per una spinta di Chansa a Gervinho. Sul dischetto va Drogba che sbaglia il suo secondo rigore in questa Coppa sparando il pallone alto sopra la traversa. Prima dei supplementari la Costa dAvorio ha unaltra grande occasione ma il tiro di Gradel muore a pochi centimetri dal palo. Palo che colpisce Katongo nel primo tempo supplementare.

sceglie di non fare cambi, Herv Renard ne fa due, richiamando Lungu e Chamanga, stranamente in panchina allinizio della semifinale contro il Ghana e poi decisivi nella vittoria. Fuori Kasonde e Chamanga. Tempo 3 minuti e la Costa dAvorio rischia dincas-

I rigori Poi i rigori: Mweene para il rigore di Bamba, ma incredibilmente larbitro senegalese ordina la ripetizione perch il portiere dello Zambia ha abbandonato la linea. Segnano tutti e Drogba si presenta per tirare il quinto rigore: lo stadio fermo, ma Didier stavolta non sbaglia. Lultimo dello Zambia lo tira il portiere Mweene, e segna. Si va a oltranza, e al quindicesimo tiro Kolo Tour sbaglia. Nessuno della Costa dAvorio voleva andare a tirare, e Zahoui gridava disperato Gervinho!. Il primo matchpoint tocca a Kalaba, che per lo spreca tirando alto. Ecco Gervinho, luomo che voleva Zahoui: tira anche lui sopra la traversa. Secondo rigore decisivo, si presenta lo stopper Stoppila Sunzu, e segna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I TOP FIVE

Kalaba su tutti Poi Yaya Tour e Msakni


Aubameyang e Alvarez chiudono la nostra classifica
DAL NOSTRO INVIATO

I MIGLIORI CINQUE

A
S

Rainford Kalaba, 25 anni

LIBREVILLE (Gabon)

La nostra palma di miglior giocatore della Coppa dAfrica 2012 va a Rainford Kalaba, il motore creativo dello Zambia. Se il Chipopolopolo arrivato in finale molto lo deve al suo Iniesta. Carriera senza luci in Europa (male a Nizza e a Braga), uno dei migliori del ricco e vincente TP Mazembe congolese (quello del Mundialito con lInter). Secondo posto per Yaya Tour (e non ce ne voglia Didier Drogba), che torna da Roberto Mancini galvanizzato da un grande torneo: stato uno dei giocatori pi efficaci della Coppa dAfrica e la Costa dAvorio, che lo fa giocare sul centrodestra in posizione avanzata, si abituata ad affidarsi a lui per gestire le partite. Sul podio sale anche Youssef Msakni, tunisino di 19 anni grande promessa africana. Tecnico e intelligente, se continua cos sentiremo parlare di lui.
Ex milanista Gli ultimi due posti li usiamo simbolicamente per giocatori dei Paesi organizzatori, che hanno fatto molto meglio di quanto era lecito attendersi. Lex milanista Pierre Emerick Aubameyang per il Gabon, nonostante il rigore sbagliato nei quarti di finale: se le Pantere sono arrivate fin l stato grazie al loro attaccante che assomiglia a Neymar, almeno per la pettinatura. Infine David Alvarez, noto come Kily, per la Guinea Equatoriale. un terzino di 28 anni che gioca nel Langreo, quarta serie spagnola, e del quale probabilmente non sentiremo parlare granch. In carriera meritava di pi e forse tardi, ma le prestazioni dellex canterano dellAtletico Madrid per la squadra che lo ha nazionalizzato qui sono state brillanti.
f.m.r.
RIPRODUZIONE RISERVATA

S
Yaya Tour, 29 anni

S
Youssef Msakni 21 anni

S
Emerick Aubameyang, 22

S
David Alvarez, 18 anni

24

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

25

SERIE BWIN I POSTICIPI DELLA 27a GIORNATA

Spettacolo Sassuolo E la corsa continua


Acrobazia di Terranova e Sansone su rigore: Bari k.o. Pea riprende il Torino con il nono risultato utile di fila
BARI SASSUOLO
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-1 MARCATORI Terranova (S) al 9 p.t.; Sansone (S) su rigore al 13, Borghese (B) al 16 s.t. BARI (4-3-3) Lamanna 5,5; Crescenzi 5,5 (dal 41 s.t. Cavanda s.v.), Borghese 6, Ceppitelli 5, Garofalo 5,5; De Falco 5 (dal 16 s.t. Castillo 6), Romizi 6, Bogliacino 6; Stoian 5, Caputo 6, Forestieri 5,5 (dal 31 s.t. Galano s.v.). PANCHINA Koprivec, Polenta, Scavone, Simon. ALLENATORE Torrente 5,5. SASSUOLO (3-4-3) Pomini 7; Marzoratti 6,5, Bianco 6, Terranova 7; Gazzola 6,5, Magnanelli 7,5, Valeri 7, Longhi 6,5; Missiroli 5,5 (dal 35 s.t. Boakye s.v.), Marchi 6,5 (dal 17 s.t. Bianchi 6), Sansone 6,5 (dal 44 s.t. Troianiello s.v.). PANCHINA Bassi, Consolini, Donazzan, Cofie. ALLENATORE Pea 7. ARBITRO Candussio di Cervignano 5. GUARDALINEE Manna 5,5 - Cucchiarini 6. AMMONITI De Falco (B), Longhi (S), Borghese (B), Romizi (B), Bogliacino (B) e Caputo (B) per gioco scorretto. NOTE paganti 419, incasso di 3.560 euro; abbonati 4.440, quota di circa 28.000 euro. Tiri in porta 5-4. Tiri fuori 6-4. In fuorigioco 0-2. Angoli 4-4. Recuperi: p.t. 0, s.t. 4.

LE 8 GARE RINVIATE
Sono otto le partite di B rinviate: sei date dei recuperi sono gi state fissate, per le ultime due si attendono decisioni in settimana dalla Lega di B (il Modena ha tre gare da recuperare). Ecco il riepilogo.

LALTRA PARTITA BOTTA E RISPOSTA

Gran gol a Livorno Pinardi si sblocca poi Dionisi replica


Il pareggio contro il Vicenza stato firmato dalle prodezze dei due attaccanti
DAL NOSTRO INVIATO

1 2

cenzo Torrente (46, proprio ieri) si arrende dinanzi al muro invalicabile per le sue punte. Pea vuole sorprendere con un attaccante in pi, Marchi. Esibisce una gabbia impenetrabile, nella quale il Sassuolo nasconde il pallone e, dalla fitta ragnatela di passaggi, sa impostare micidiali ripartenze. I tre centrali difensivi contano sempre sullapporto di esterni duttili come Gazzola e Longhi, efficaci quando arretrano e lesti a garantire lavvio della manovra. A luccicare, per, sono soprattutto Magnanelli e Valeri: difensori aggiunti e rifinitori alternativi, entrambi firmano prestazioni da elegantissimi medianacci. Capacit di fare pressing a tutto campo e abilit nel disegnare precise controffensive, il

LIVORNO VICENZA
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0

1 1

MARCATORI Pinardi (V) al 6, Dionisi (L) al 32 s.t. LIVORNO (4-4-2) Bardi 6; Salviato 6, Bernardini 6, Lambrughi 6, Meola 6; Siligardi 7 (dal 37 s.t. Schiattarella s.v.), Belingheri 6 (dal 21 s.t. Bernacci 6), Luci 6,5, Bigazzi 5,5 (dal 21 s.t. Morosini 6,5); Dionisi 7, Paulinho 6,5. PANCHINA Mazzoni, Torri, Filkor, Rampi. ALLENATORE Madonna 6. VICENZA (4-3-3) Frison 7; Tonucci 6, Augustyn 5, Martinelli 6,5, Giani 6; Rigoni 6, Paro 6,5, Botta 6 (dal 43 s.t. Soligo s.v.); Pinardi 7, Abbruscato 6 (dal 46 s.t. Bastrini s.v.), Maiorino 6 (dal 34 s.t. Paolucci s.v.). PANCHINA Acerbis, Pisano, Possebon, Zanchi. ALLENATORE Cagni 6. ARBITRO Di Paolo di Avezzano 5. GUARDALINEE Bianchi 6 - Raparelli 6. ESPULSI Augustyn (V) al 44 s.t. per doppia ammonizione (entrambe per gioco scorretto). AMMONITI Bigazzi (L) e Tonucci (V) per gioco scorretto; Luci (L) per proteste. NOTE paganti 659, incasso di 2.980 euro; abbonati 3.075, quota di 16.308,77 euro. Tiri in porta 8-5 (con una traversa). Tiri fuori 6-5. In fuorigioco 1-0. Angoli 16-2. Recuperi: p.t. 0, s.t. 5.

S
25a giornata Modena AlbinoLeffe Recupero marted 21, ore 18.30 Sampdoria Empoli Recupero marted 6 marzo, ore 18.30 26a giornata Pescara Reggina Recupero venerd 24, ore 20.45 Gubbio Modena Recupero sabato 25, ore 15 Sassuolo Ascoli Recupero sabato 25, ore 15 Brescia Torino Recupero domenica 26, ore 12.30 27a giornata Modena Padova Recupero: data da definire Pescara Juve Stabia Recupero: data da definire

ROBERTO PELUCCHI LIVORNO

h 7,5 il migliore
MAGNANELLI (Sassuolo) Onnipresente: costruisce gioco, si trasforma in difensore e fa il rifinitore

DAL NOSTRO INVIATO

GIUSEPPE CALVI BARI

Il Sassuolo non sbaglia pi un colpo. Vince a Bari per 2-1, allungando la serie positiva a 9 turni (6 successi e 3 pareggi), e affianca il Torino in vetta alla classifica, in attesa dei recuperi. Essenziale, a tratti anche bella e sprecona, la squadra di Pea una macchina perfetta, a bordo della quale non si esalta solo Sansone, specialista goleador, a bersaglio su rigore e sono 16 reti - ma pure il cecchino di complemento Terranova, al terzo centro stagionale (3 vittorie).
Colpo in acrobazia Il difensore apre al 9, con rovesciata da con-

sumato attaccante, ma De Falco e Romizi stanno a guardare, poi Sansone chiude, trasformando un penalty assegnato generosamente dallarbitro Candussio, Borghese-Marchi (al limite, ci sarebbe una spintarella di Crescenzi). Sullo 0-2, consumata unora, il Bari ha un sussulto. Grazie a unincornata di Borghese, riapre la partita e, passato al 4-2-4 con lariete Castillo, tenta un confuso assalto ma rischia di essere ancora infilzato da Missiroli (che errore!).
Sassuolo, che spettacolo Nel con-

Il gol in acrobazia segnato da Emanuele Terranova, 24 anni, difensore del Sassuolo, al terzo centro in questo campionato DE
BENEDICTIS

Sassuolo poggia sul terminale offensivo Marchi, che fa da apripista per Missiroli, bravo a sacrificarsi ma poco incisivo, e Sansone, uno spauracchio.
Bari, troppo tardi Terranova potrebbe anche raddoppiare, per stoppato da Romizi, poi Missiroli e Sansone (invoca un rigore, dopo uno scontro con Borghese) mandano fuori. Il Bari punge sullo 0-1 solo con una girata di Caputo, che Pomini devia. Nella ripresa, subito pericoloso Sansone, la squadra pugliese paga uningenuit di Ceppitelli in disimpegno e, su regia di Magnanelli, Marchi si procura il rigore. Pur crescendo e rimettendosi in corsa, il Bari impegna Pomini soltanto da fuori area.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La differenza, nel calcio, la fanno da sempre i talenti. Chi li ha in squadra ha pi possibilit di vincere le partite. O, almeno, di non perderle. Alex Pinardi e Federico Dionisi fanno parte della categoria per meriti acquisiti sul campo e sono stati proprio loro a decidere Livorno-Vicenza, sfida ghiacciata che nessuna delle squadre poteva permettersi di prendere sotto gamba. Pinardi, dopo mesi di impiego a singhiozzo a Novara, si gi ambientato bene a Vicenza, il primo gol alla terza partita con la nuova squadra la ciliegina, ma la torta tutto quello che riesce a dare in pi con le sue giocate mai banali, anche se schierato come esterno del tridente e non come trequartista. Dionisi, lui, oggi una bella fetta di Livorno: 9 gol in 21 partite, capocannoniere certo, ma anche un costante pericolo per le difese avversarie. Pinardi ha 31 anni e una maturit che gli consente di giocare in scioltezza, Dionisi ne ha soltanto 24 e una vitalit che gli permetteranno di fare presto il salto di qualit.
Armi pari La gara terminata

in parit perch, al di l dei due bellissimi gol, nessuna del-

fronto tra allenatori nati sotto il segno del maestro Simoni, solo Pea pu festeggiare il compleanno (venerd ne ha fatti 45, e i due tifosi neroverdi al seguito gli dedicano lo striscione auguri in... posticipo), mentre Vin-

h7 il migliore
DIONISI (Livorno) Come Pinardi: qualit, pericolosit e il gol bellissimo del pareggio

le squadre ha giocato la partita perfetta. Il Livorno, che nelle ultime sei partite in casa ha racimolato appena quattro punti, ha prodotto qualcosina in pi, ha spremuto 16 calci dangolo, ha dato lavoro a Frison soprattutto con Siligardi, Dionisi e Paulinho, e pu arrabbiarsi per un contatto Tonucci-Dionisi in area non punito con il rigore. Il Vicenza, reduce dal tonfo contro il Cittadella, ha patito in avvio e dopo l1-0 di Pinardi (un bel destro dal limite nellangolino basso), ma ha anche colpito una traversa con Tonucci, sprecato unoccasione doro con Botta (assist al bacio di Pinardi) e sfiorato il raddoppio con lo stesso Pinardi. Il capolavoro di Dionisi, destro imparabile dal limite, ha premiato la buona volont e le qualit dellattacco del Livorno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SQUADRA IN CRISI E IL CAMBIO NUMERO 19 IN QUESTO CAMPIONATO

CLASSIFICA
SQUADRE PT SASSUOLO 53 TORINO 53 PESCARA 51 VERONA 51 PADOVA 45 VARESE 44 REGGINA 39 BRESCIA 38 SAMPDORIA 37 BARI (-2) 36 CITTADELLA 34 GROSSETO 34 JUVE STABIA (-4) 33 LIVORNO 30 VICENZA 28 CROTONE (-1) 27 24 MODENA EMPOLI 23 ALBINOLEFFE 23 GUBBIO 23 ASCOLI (-7) 22 NOCERINA 18 PARTITE G V N P 26 15 8 3 26 15 8 3 25 16 3 6 27 15 6 6 26 13 6 7 27 12 8 7 26 10 9 7 26 10 8 8 26 8 13 5 27 10 8 9 27 9 7 11 27 8 10 9 26 10 7 9 27 7 9 11 27 6 10 11 27 6 10 11 24 5 9 10 26 6 5 15 26 5 8 13 26 5 8 13 26 8 5 13 27 3 9 15 RETI F S 36 18 32 16 55 36 36 25 38 28 34 25 44 34 29 26 31 21 32 30 32 36 28 36 36 34 29 31 30 38 28 36 25 40 31 44 27 41 24 38 28 36 34 50

Taccuino
TORINO BRESCIA

Empoli, salta anche Carboni Torna Aglietti per la salvezza


Bilancio impietoso per il tecnico, che ha conquistato solo due punti nelle ultime 8 gare
GIACOMO CIONI EMPOLI (Firenze)

Si riprende domani Guberti ancora out


TORINO Il Toro riposa ma ha gi nel mirino la Samp, e da do mani mattina si torna al lavoro alla Sisport. Luned prossimo, contro i doriani, mancher ancora Guberti, mentre Ventura pu sfogliare la margherita in attacco: Bianchi in crescita, Meggiorini si candida, An tenucci il pi in forma, Sgrigna ci prova.

Rossi in dubbio con Accardi e Foti


BRESCIA Ripresa degli alle namenti oggi pomeriggio al centro sportivo San Filippo per una squa dra lanciatissima: 6 vittorie e un pa reggio in 7 gare di gestione Calori, 630' di imbattibilit per Arcari (se sto nella classifica dei portieri del Brescia di tutti i tempi). Da verifica re le condizioni dei convalescenti Accardi, Foti e Rossi.

visti con su scritto: torna all'inizio.


Il confronto Impossibile fare un

Da Aglietti ad Aglietti. Quattro mesi di tentativi, di timide reazioni, poche vittorie e tante delusioni abbinate a passaggi a vuoto e sconfitte senz' anima. Adesso, in piena zona retrocessione, dopo due punti in otto gare e il k.o di Reggio Calabria, il presidente Corsi e il d.g. Vitale riprovano a dare una nuova svolta: richiamano Aglietti ed esonerano Guido Carboni. Si riparte daccapo. Aglietti, 41 anni, dopo aver guidato gli azzurri per tutta la stagione precedente sfiorando i

Alfredo Aglietti, 41 anni SCOLPINI

playoff era stato sollevato dall' incarico nella notte tra il 1 e 2 ottobre dopo la sconfitta in casa col Padova. Torna per preparare proprio la trasferta dell'Euganeo. Il suo posto lo aveva preso Bepi Pillon a sua volta esonerato il 20 novembre, dopo la sconfitta in casa col Verona. Da Aglietti a Pillon, da Pillon a Carboni, da Carboni al punto di partenza. Come se l'Empoli avesse trovato nel suo Monopoli degli allenatori la carta impre-

paragone fra i tre tecnici. Con Aglietti e Pillon c'era un Tavano capocannoniere di B, Carboni ha avuto per buona parte della sua esperienza l'attaccante infortunato. In ogni caso questi sono i numeri: Carboni ha conquistato 8 punti in 10 gare (2 vittorie, 2 pari e 6 perse), Pillon 9 punti in 9 gare (2 vittorie, 3 pari e 4 sconfitte), Aglietti 6 punti in 7 gare (2 vittorie e 5 sconfitte). Sono molto motivato - ha detto Aglietti - conosco bene la squadra. L'ultima volta che l'Empoli ha richiamato in corsa un tecnico fu nell'ultima A con Cagni, che riprese la panchina dopo Malesani.
I cambi Sono 19 (divise tra 14 squadre) le panchine saltate in B dopo 27 giornate, 9 in pi rispetto allo scorso campionato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

SAMPDORIA

VARESE

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

Riecco Costa e Rispoli Guai per Martinetti Ok Eder e Munari Moment si allena
GENOVA Il tecnico Iachini ha concesso alla squadra un gior no in pi di recupero, visto anche che il match con il Torino in pro gramma luned. I giocatori blucer chiati riprenderanno la preparazio ne domani pomeriggio. Il tecnico re cuperer Costa e Rispoli, reduci da squalifica, da verificare invece le condizioni di Eder, che dovrebbe farcela dopo lo stop forzato di sa bato, e Munari, che uscito con i crampi durante la gara di sabato contro lAlbinoLeffe. Anche per il centrocampista, comunque, non dovrebbero esserci problemi. VARESE Oggi pomeriggio al le 14.30 il Varese si ritrova al Fran co Ossola per riprendere la prepa razione in vista della gara di sabato con il Sassuolo capolista. Il tecnico Maran deve valutare le condizioni di Martinetti: lattaccante, reduce da un lieve stiramento, torna ad al lenarsi con i compagni ma la sua convocazione per la trasferta an cora in forte dubbio. Moment, che stato operato a novembre per la rottura del legamento crocia to, tornato a correre ma la sua riabilitazione prevede ancora tem pi lunghi.

PROSSIMO TURNO
Sabato 18, ore 15 ALBINOLEFFE-PESCARA (3-5), ASCOLI-GROSSETO (3-3), BRESCIA-MODENA (1-1), LIVORNO-BARI (0-1), NOCERINA-CITTADELLA (3-1), PADOVA-EMPOLI (4-2), SASSUOLO-VARESE (1-0), VERONA-GUBBIO (1-1), VICENZA-CROTONE (2-2) ore 18 JUVE STABIA-REGGINA (2-1) Luned 20, ore 20.45 TORINO-SAMPDORIA (2-1)

MARCATORI
17 RETI Immobile (2, Pescara) 15 RETI Sansone (5, Sassuolo) 14 RETI Tavano (1, Empoli) 13 RETI Sau (1, Juve Stabia), Abbruscato (4, Vicenza) 12 RETI Jonathas (3, Brescia), Sansovini (Pescara) 11 RETI Sforzini (1, Grosseto)

26

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

PRIMA DIVISIONE GIRONE A 23a GIORNATA


lAnalisi
di NICOLA BINDA
twitter@nickbinda

Una diligenza che corre sotto attacco

Il campionato marcia come una diligenza nella valle degli Apaches. Il passo spedito, ma gli attacchi si fanno sentire e il cammino rallenta. Il maltempo ha dimezzato il programma e solo dopo il 7 marzo il quadro sar completo (ma quando si rigioca BassanoPergocrema?), sperando che oggi si giochi il big match Benevento (gli sforzi degli spalatori vanno premiati).

E poi sono arrivate le penalizzazioni per le carenze del primo trimestre, sapendo che quella di domani una data cruciale: va dimostrato di aver pagato stipendi e contributi del secondo. E il volto triste della Lega Pro, che dopo laccordo per i diritti tv della legge Melandri mette una pezza, ma non risolve il problema: sar il Consiglio federale a dover scrivere la tanto attesa

riforma, che dovrebbe evitare certi guai in futuro. Meno male che la Lega Pro ha anche un volto felice ed quello delle partite. Le penalizzazioni si sentono (vero Dionigi e Sottil? I flop e le loro espulsioni non sono casuali...), ma in campo fioccano gol e belle notizie. Guardate il Trapani, splendida rivelazione che si avvicina a grandi passi verso la Serie B: nemmeno lo

Spezia riuscito a fermare la squadra di Boscaglia. E se una grande favorita come quella di Serena deve a questo punto pensare solo ai playoff, ecco avvicinarsi la Cremonese, che ha trovato i gol di Davide Possanzini, una delle stelle del torneo. Ne riparleremo dopo la sosta, i primi recuperi e lo step di marted. Poi la diligenza sar pronta a ripartire.
RIPRODUZIONE RISERVATA

girone A
CLASSIFICA
SQUADRE PT G 22 23 23 22 22 22 22 22 23 22 23 23 22 23 21 23 22 22 TERNANA 48 TARANTO (-3) 46 CARPI 41 PRO VERCELLI 40 SORRENTO (-2) 38 BENEVENTO (-2) 35 LUMEZZANE 31 AVELLINO 31 FOGGIA (-2) 30 COMO (-2) 30 TRITIUM 30 PISA 27 REGGIANA (-2) 26 MONZA 21 SPAL (-4) 18 VIAREGGIO (-1) 15 FOLIGNO (-4) 12 PAVIA 10 PARTITE V N P 14 6 2 14 7 2 12 5 6 11 7 4 11 7 4 11 4 7 9 4 9 9 4 9 8 8 7 9 5 8 8 6 9 6 9 8 8 4 10 4 9 10 6 4 11 4 4 15 4 4 14 1 7 14 RETI F S 30 13 27 8 35 19 31 13 29 18 33 25 19 22 26 30 24 22 30 32 21 26 21 22 26 29 21 31 19 26 13 37 16 30 20 38

Il Taranto va Ma il Carpi lo riprende


Bocalon risponde a Di Deo ed pari
Espulsi Sosa e poi il tecnico Dionigi DAddario contestato: Fuori i soldi
DAL NOSTRO INVIATO

IL POSTICIPO

Oggi, ore 15 A Benevento c la Ternana


Gran posticipo oggi tra Benevento e Ternana. Nonostante il maltempo, si dovrebbe giocare: gli spalatori hanno ripulito campo e spalti, stamane si attende il via libera del Gos. Nel Benevento out Cipriani (recupero vicino), lultimo rinforzo Luisi va in panchina: ballottaggio tra Siniscalchi e Signorini, come esterno dattacco Kanoute favorito su Cia. Nella Ternana 4 squalificati (oltre al tecnico Toscano: in panchina Napoli): Ambrosi recupera, giocano Fazio per Bernardi e Miglietta per Carcuro, in attacco pi Sinigaglia di Giacomelli; in panchina Chianello, appena tesserato, e Danti dopo le due giornate di squalifica.
Cos in campo (ore 15, differita su Raisport 1 alle 20.45): BENEVENTO (4-3-3) Gori; DAnna,

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
AVELLINO-PRO VERCELLI BENEVENTO-TERNANA FOLIGNO-PAVIA PISA-LUMEZZANE REGGIANA-SORRENTO SPAL-COMO TARANTO-CARPI TRITIUM-MONZA VIAREGGIO-FOGGIA rinviata al 18 oggi, ore 15 rinviata al 19 0-2 rinviata al 19 rinviata al 29 1-1 1-3 0-2

Il gol di Guido Di Deo, 30 anni, che ha illuso il Taranto INGENITO


1 1

TARANTO CARPI

GENNARO BOZZA TARANTO

Per capire davvero il clima di Taranto, bisogna staccarsi per un momento dal campo e rivolgersi alla curva, quella che non aveva mai preso di mira il presidente Enzo DAddario, anche nei momenti pi difficili. A met del primo tempo, e col Taranto in vantaggio, partono i cori. In italiano: DAddario paga gli stipendi. E poi in dialetto: DAddario iss l sold. C bisogno della traduzione? Comunque eccola: Tira fuori i soldi. Il tutto in contrasto con uno striscione che ricorda Erasmo Iacovone, il centravanti la cui scomparsa, 34 anni fa, travolto da unauto pirata dopo una partita, stata celebrata la settimana scorsa: rimasto nei cuori dei tifosi e a lui intitolato lo stadio. Un contrasto evidente alla vigilia del luned che rappresenta la scadenza ulti-

GIUDIZIO MARCATORI Di Deo (T) al 5, Bocalon (C) al 38 p.t. TARANTO (3-4-3) Bremec 6,5; Sosa 5, Di Bari 6, Prosperi 5,5; Antonazzo 6, Di Deo 6,5, Pensalfini 6, Rizzi 6; Chiaretti 5,5 (dal 23 s.t. Cutrupi 6), Guazzo 5,5 (dal 14 s.t. Girardi 5), Rantier 6 (dal 34 s.t. Bradaschia s.v.). (Maraglino, Garufo, Giorgino, Alessandro). All. Dionigi 5,5. CARPI (4-4-2) Mandrelli 6,5; Laurini 6, Terigi 6, De Paola 6, Poli 6,5; Boniperti 6, Sogus 6, Perini 6 (dal 34 s.t. Potenza s.v.), Pasciuti 6,5; Bocalon 6,5 (dal 29 s.t. Kabine s.v.), Eusepi 6,5. (Bastianoni, Donnarumma, Lollini, Perrulli, Ferretti). All. Notaristefano 6. ARBITRO Merlino di Udine 6. NOTE paganti 2.866, abbonati 1.171, inc. di 33.373,42 euro. Espulsi Sosa al 20 s.t. e il tecnico Dionigi al 45 s.t.; amm. Mandrelli, Eusepi, Bocalon e Rizzi. Angoli 4-4.

+++

ma per evitare altri 4 punti di penalizzazione: stipendi pagati o tanti saluti alla Ternana.
La chiave Cos, inevitabile che

pure ha il vantaggio di una partenza sprint, con Di Deo che segna al 5, di testa, su corner battuto da Rantier, poco alla volta mostra un nervosismo che si aggiunge ai suoi limiti tecnici in attacco. Non un caso che l1-0 e un quasi gol arrivino su calci da fermo. Di Deo, si avvicina al raddoppio con una staffilata su punizione da 25 metri al 39 della ripresa, sulla quale Mandrelli fa una bellissima deviazione in angolo. Poi, solo due altre opportunit: al 29 cross di Rantier per Guazzo, che prima viene anticipato da un miracoloso intervento di Poli, poi tira in rovesciata, traversa sfiorata; al 47, mischia in area e Di Deo non riesce ad arrivare di testa per la deviazione finale a porta vuota. Niente altro. Aggiungiamoci lespulsione di Sosa per doppia ammonizione, la seconda per fallo ingenuo, e si capisce la giornata no.
Rimpianti E non certo quella
VIAREGGIO FOGGIA 0 2

la tensione si ripercuota in campo. E in effetti il Taranto, che


0 2

giusta per avere esitazioni del genere, perch di fronte c un bel Carpi, che meriterebbe la vittoria per le tante occasioni create e perch si dimostra pi compatto ed equilibrato, pronto a colpire a ogni errore dei tarantini. Come fa Bocalon, al primo centro col Carpi, al 38: Taranto tutto in avanti, Sosa sbaglia un cross e il centravanti se ne va in contropiede contro un solo avversario, Prosperi, lo fa sbilanciare, si presenta solo in area e segna. Bremec battuto dopo 810. Poi, tante occasioni. Due tiri di Boniperti nel primo tempo, al 12, deviato da Bremec, al 45 poco alto. Nella ripresa, Bocalon poco alto al 18, palo di Eusepi al 31, uscita di Bremec fuori area su Eusepi al 38, Kabine tira fuori al 40, Boniperti in ritardo su cross di Kabine al 43 e infine Poli al 45 manda fuori da centro area. Pi che abbastanza per rimpiangere la vittoria mancata.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 26 FEBBRAIO ORE 14.30 CARPI-AVELLINO (0-1) COMO-PISA (0-1) FOGGIA-TRITIUM (1-1) LUMEZZANE-FOLIGNO (2-1 MONZA-VIAREGGIO (1-1) PAVIA-SPAL (0-4) PRO VERCELLI-REGGIANA (1-1) SORRENTO-BENEVENTO (0-1) TERNANA-TARANTO (1-0)

MARCATORI
13 RETI Ginestra (2, Sorrento); Arma (2, Spal). 10 RETI Perna (3, Pisa). 9 RETI Alessi (1, Reggiana). 8 RETI Cia (Benevento); Filippini (Cremonese; 8 con 5 rigori nel Como); Malatesta (Pro Vercelli). 7 RETI Eusepi (1, Carpi); Tavares (Como); E. Bortolotto (Tritium).

Siniscalchi, Pedrelli, Frascatore; Rajcic, De Vezze, La Camera; Pintori, Altinier, Kanoute. (Mancinelli, Signorini, Luisi, Vacca, Cia, Sy, Montini). All. Imbriani Martinez. TERNANA (3-4-3) Ambrosi; Ferraro, Pisacane, De Giosa; Fazio, Cejas, Miglietta, Gotti; Nol, Litteri, Sinigaglia. (Virgili, Chianello, Camillini, Arrigoni, Della Penna, Giacomelli, Danti). All. Toscano. ARBITRO Abbattista di Molfetta (Lo Cicero Leali).

girone B
CLASSIFICA
SQUADRE PT G 23 23 23 23 23 22 22 23 21 22 23 23 21 22 22 21 22 23 TRAPANI 46 SIRACUSA (-5) 40 CREMONESE (-6) 35 SPEZIA 35 BARLETTA 35 CARRARESE 34 PORTOGRUARO 34 ALTO ADIGE 32 LANCIANO (-1) 32 PERGOCREMA (-2) 32 TRIESTINA 27 LATINA 23 FROSINONE 23 PRATO 22 ANDRIA 21 PIACENZA (-6) 19 BASSANO 19 FERALPI SALO' 17 PARTITE V N P 14 4 5 13 6 4 12 5 6 9 8 6 9 8 6 9 7 6 9 7 6 8 8 7 9 6 6 10 4 8 8 3 12 5 8 10 6 5 10 5 7 10 4 9 9 7 4 10 4 7 11 3 8 12 RETI F S 41 22 30 20 30 17 27 22 27 24 32 23 28 23 24 19 24 23 26 29 32 35 26 31 23 28 20 25 23 32 23 35 14 29 12 25

I RECUPERI

PISA LUMEZZANE

TRITIUM MONZA

1 3

Il quadro delle 28 gare da giocare


La Lega Pro ha fissato gran parte dei recuperi ( ore 14.30). PRIMA DIVISIONE GIRONE A Sabato 18: Avellino-Pro Vercelli (23 giornata). Domenica 19: Lumezzane-Spal (22), FolignoPavia e Reggiana-Sorrento (23). Mercoled 29: Spal-Como (23). GIRONE B Domenica 19: Lanciano-Frosinone e Piacenza-Portogruaro (22) e Prato-Andria (23). Mercoled 29: Frosinone-Carrarese (23). Mercoled 7 marzo: Lanciano-Piacenza (23). SECONDA DIVISIONE GIRONE A Mercoled: Cuneo-Pro Patria (23). Mercoled 22: Casale-Rimini, Cuneo-Alessandria, Giacomense-Lecco, San Marino-Savona, Santarcangelo-Bellaria e Valenzana-Montichiari (24). Mercoled 14 marzo: Bellaria-Mantova, Giacomense-San Marino e Rimini-Poggibonsi (25). Da definire: Treviso-Valenzana (25). GIRONE B Mercoled 22: Celano-Giulianova, Chieti-LAquila, Fano-Aprilia e Isola Liri-Vigor Lamezia (26). Mercoled 29: Campobasso-Ebolitana (27). Mercoled 14 marzo: Giulianova-Normanna e LAquila-Milazzo (27).

Sprofondo Pisa: 3 ko in casa di fila Il Lumezzane fa il colpaccio


MARCATORI Gasparetto al 1, Ferrari su rigore al 15 s.t. PISA (4-1-4-1) Pugliesi 6; Benvenga 5,5, Buscaroli 5, Sodano 5, Colombini 6; Genevier 6,5; Strizzolo 5,5 (dall8 s.t. Gatto 5,5), Obodo 6 (dall8 s.t. Perez 5,5), Scampini 5 (dal 17 s.t. Benedetti 6), Favasuli 6; Perna 6,5. (Sepe, Bizzotto, Ilari, Tulli). All. Pagliari 5. LUMEZZANE (4-3-1-2) Brignoli 6,5; Diana 6, Luciani 6,5, Guagnetti 6, Pini 5,5; Fondi 6, Sevieri 6,5, Finazzi 5,5 (dal 43 s.t. Djengoue s.v.); Antonelli 6; Gasparetto 6,5 (dal 33' s.t. Balde s.v.), Ferrari 6 (dal 45' s.t. Inglese s.v.). (Pascarella, Dadson, Faroni, Maccabiti). All. Nicola 6,5. ARBITRO Soricaro di Barletta 5,5. NOTE paganti 829, abbonati 2.124, incasso di circa 24.000 euro. Espulsi il tecnico Pagliari al 40' p.t. e Buscaroli al 13' s.t.; ammoniti Perez e Finazzi. Angoli 7-1. GIUDIZIO

Il Viareggio spreca troppo Foggia pi forte delle assenze


MARCATORI Pompilio al 39 p.t.; Defrel al 44 s.t. VIAREGGIO (4-4-2) Gazzoli 6; Carnesalini 5,5, Fiale 6, Conson 6, Martella 6; Cesarini 5 (dal 31 s.t. Maltese s.v.), Berardocco 5,5 (dal 27 s.t. Scardina 5), Tarantino 6, Lepri 6 (dal 12 s.t. Pizza 5,5); Zaza 5, Cristiani 5,5. (Merlano, Pellegrini, Lamorte, Sorbo). All. Bertolucci 5,5. FOGGIA (3-4-3) Ginestra 6,5; DOrsi 6, De Leidi 6,5, Gigliotti 6; Cortesi 7, Perpetuini 6, Velardi 6, Cardin 6; Pompilio 6,5 (dal 20 s.t. Reali 6), Lanteri 6 (dal 37 s.t. Defrel 6,5), Venitucci 6,5 (dal 20 s.t. Toppan 6). (Botticella, Meduri, Marinaro, Ferreira). All. Stringara 6,5. ARBITRO Aversano di Treviso 7. NOTE paganti 57, abbonati 460, incasso di 3.125 euro. Ammoniti Zaza, Scardina, Velardi, Cortesi e Perpetuini. Angoli 6-0. GIUDIZIO

E una Tritium irriconoscibile Il Monza vola con un gran derby


MARCATORI Torregrossa (M) al 13 e al 16, Valagussa (M) al 29 p.t.; E. Bortolotto (T) al 30 s.t. TRITIUM (4-4-2) Nodari 4,5; Fondrini 5, Teso 5,5, Dionisi 5,5, Possenti 5,5; E. Bortolotto 6, Di Ceglie 6 (dal 1 s.t. Daldosso 6,5), Malgrati 5,5, Casiraghi 6,5; Sinato 5 (dall11 s.t. Magnaghi 6), R. Bortolotto 5 (dal 1 s.t. Spampatti 6). (Pansera, Cremaschi, Suagher, Chimenti). All. Boldini 5,5. MONZA (4-3-1-2) Castelli 6; Cattaneo 6,5, Zullo 6,5, Boscaro 6,5, Bugno 6,5; Valagussa 7, Biso 7, Lewandowski 6,5 (dal 25 s.t. Romano 6); Iacopino 7; Tiboni 7 (dal 39 s.t. Rosseti s.v.), Torregrossa 7,5 (dal 32 s.t. Pandiani s.v.). (Marcandalli, Zenoni, Anghileri, Prato). All. Motta 7. ARBITRO Saia di Palermo 6,5. NOTE spettatori 400 circa, paganti, abbonati e incasso non comunicati. Ammoniti Bugno, Di Ceglie, Fondrini ed E. Bortolotto. Angoli 8-1. GIUDIZIO MONZA Quarto risultato utile di fila per il Monza che con un grande primo tempo mette al tappeto una Tritium irriconoscibile. Partono forte i ragazzi di Motta, approfittando anche dellinconsistenza a centrocampo e in difesa della formazione di Boldini. Al 13 cross di Cattaneo per Tiboni, la palla deviata da Dionisi sui piedi di Torregrossa che senza difficolt supera lincolpevole Nodari. Il Monza si esalta, la Tritium non capisce nulla. Al

Mirco Gasparetto ha 32 anni TERRUSO


ai tempi in cui possedeva il Cuoiocappiano, ossia il tecnico Alessandro Pane. Regalo Primo tempo giocato sotto ritmo. Il Pisa attacca lasciando troppo isolato un vivace Perna: Brignoli al 1' gli nega il gol, mentre al 27' rischia di essere beffato da pallonetto da fuori area. Gli ospiti rimangono con sette uomini dietro la palla e i tre davanti serviti poco e male, oltrech svagati. Sembra che la partita sia destinata a un deludente 0-0, invece al primo minuto della ripresa Sodano, nel tentativo di rinviare, manca il pallone permettendo all' ex Gasparetto una palombella imparabile. Pagliari a quel punto inserisce Perez e Gatto passando al 4-4-2, ma il Lumezzane assieme al gol ha ritrovato anche compattezza e verticalizzazioni. Al 13' del secondo tempo Antonelli prende contro tempo Buscaroli che lo stende: espulsione (chiara occasione da gol) e rigore (ma il fallo avviene fuori): Ferrari, altro ex, dal dischetto spiazza inesorabilmente Pugliesi. Il Pisa si spegne e la partita finisce praticamente qui. Alessio Carli

Paolo Stringara, 49 anni, allena il Foggia FOTOPRESS


gio dopo lincoraggiante pareggio del turno precedente contro il Taranto. La partita Nel primo tempo il Viareggio partito molto bene e ha sfiorato il gol all8 con Cristiani e poi al 20 con Berardocco, ottimamente servito da Cesarini. Ma la beffa era dietro langolo e al 39 ha dovuto capitolare per il gran gol di Pompilio che ha sfruttato al meglio gran conclusione da 15 metri un corto rinvio di Carnesalini, su cross di Cortesi. Nella ripresa, i bianconeri hanno conquistato di nuovo campo e spazi, costringendo il Foggia a rintanarsi sulla difensiva ma prima Lepri (all8) e poi Cristiani (un minuto dopo) hanno fallito favorevoli occasioni per il pareggio. Il portiere ospite Ginestra al 14 stato poi superlativo nel deviare in angolo una conclusione dalla distanza ancora di Cristiani. Al 31 stato Tarantino a sfiorare il pareggio in mischia, prima del raddoppio di Defrel che ha capitalizzato al meglio un cross di Cortesi e ha messo la parola fine alla partita. Giovanni Lorenzini

Ernesto Torregrossa, 19 anni LIVERANI


16' Torregrossa vince un rimpallo a centrocampo e vola veloce verso la porta trezzese senza che nessuno lo ostacoli: quasi un gioco per il bomber mettere la palla sopra Nodari in uscita. Dominio Monza I padroni di casa non riescono a bloccare un Monza a trazione anteriore sorretto a centrocampo da un superlativo Biso, da Lewandowski che sa dove appoggiare i palloni per un Tiboni perfetto e un Torregrossa ispirato. Al 29' il patatrac: su di una conclusione innocua, Nodari non trattiene la palla, una gravissima papera, che regala a Valagussa la palla dello 0-3. Al 40 Iacopino, a portiere battuto, centra la traversa. Nel secondo tempo il Monza arretra il baricentro, la Tritium attacca e va a tiro con Spampatti, lesordiente Magnaghi e Daldosso senza mai impensierire Castelli. Al 30' da un cross di Malgrati, la deviazione in rete di Enrico Bortolotto per il definitivo 1-3. A fine gara mister Boldini ammette che c' molto da rivedere per arrivare alla salvezza, Motta soddisfatto invita a guardare al futuro con tanta prudenza. Pierfranco Redaelli

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
BARLETTA-BASSANO 1-0 CREMONESE-SIRACUSA 3-1 FERALPI SALO'-PERGOCREMA 0-3 FROSINONE-CARRARESE rinviata. al 29 LANCIANO-PIACENZA rinviata al 7 marzo PORTOGRUARO-ALTO ADIGE 1-0 PRATO-ANDRIA rinviata al 19 TRAPANI-SPEZIA 1-0 TRIESTINA-LATINA 2-2

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 26 FEBBRAIO ORE 14.30 ALTO ADIGE-BARLETTA (1-1) ANDRIA-CARRARESE (1-3) BASSANO-PORTOGRUARO (1-1) CREMONESE-TRAPANI (luned 27, ore 20.45)(0-0) LATINA-PRATO (1-2) PIACENZA-FERALPI SALO' (1-0) SIRACUSA-PERGOCREMA (0-2) SPEZIA-LANCIANO (0-0) TRIESTINA-FROSINONE (1-2)

++

+++

PISA Nel ballo stanco tra le peggiori squadre del girone di ritorno (un punto a testa prima di questo scontro diretto) il Pisa si pesta i piedi da solo e il Lumezzane ringrazia sentitamente, prendendosi la vittoria dopo quattro sconfitte esterne di fila. Per i nerazzurri quello di ieri il terzo tonfo consecutivo in casa, ma Dino Pagliari al momento non rischia. Lo ha ribadito il presidente Carlo Battini, anche se si parla dellarrivo di un suo pupillo

VIAREGGIO (Lu) Il Foggia pi forte delle numerose assenze (a cominciare dagli squalificati Traor e Wagner) e castiga uno sterile Viareggio, davvero troppo inconcludente in fase offensiva per sperare di ottenere qualcosa: adesso sono ben 276 i minuti senza gol. Per i rossoneri pugliesi il giorno del riscatto dopo la sconfitta interna di una settimana fa contro il Como. Per i bianconeri versiliesi, invece, un brusco ritorno alla triste realt di un campionato gri-

+++

MARCATORI
12 RETI Godeas (Triestina). 11 RETI Pavoletti (Lanciano). 10 RETI Mazzeo (1, Barletta); Corazza (Portogruaro); Evacuo (6, Spezia). 9 RETI Gaeta (5, Carrarese); Le Noci (4, Cremonese); Barraco (4) e Madonia (Trapani).

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

27

PRIMA DIVISIONE GIRONE B 23a GIORNATA

Trapani mette le mani sulla B Ciao Spezia


Decide Gambino nel finale ed ora fuga Palo ed espulsione: Serena recrimina
TRAPANI SPEZIA 1 0
FABRIZIO VITALE TRAPANI

Salvatore Gambino (28) FOTOPRESS

GIUDIZIO MARCATORE Gambino al 32 s.t. TRAPANI (4-4-2) Castelli 6,5; Lo Bue 6 (dal 24 s.t. Cavallaro 6), Pagliarulo 6,5, Filippi 6,5, Sabatino 6; Barraco 6,5, Caccetta 6, Pirrone 6 (dal 16 s.t. Tedesco 6), Madonia 6; Abate 5,5, Gambino 6,5 (dal 39 s.t. Priola s.v.). (Pozzato, Domicolo, Perrone, Mastrolilli). All. Boscaglia 6,5. SPEZIA (4-4-2) Russo 6,5; Madonna 6, Lucioni 5,5, Murolo 6, Mora 5,5; Casoli 6, Lollo 5,5, Bianco s.v. (dall8 p.t. Grauso 6), Testini 5; Iunco 6 (dal 18 s.t. Vannucchi 5), Marotta 5. (Conti, Ricci, Gentili, Guerra, Evacuo). All. Serena 5. ARBITRO Coccia di San Benedetto del Tronto 6. NOTE paganti 3.067, abbonati 910, incasso di 42.251 euro. Espulsi Testini al 48 p.t. e Ricci (dalla panchina) al 35 s.t.; ammoniti Pirrone, Lo Bue, Lollo, Lucioni, Murolo, Pagliarulo e Marotta. Angoli 6-4.

+++

Prova di fuga riuscita. Il Trapani allunga verso la B e stacca le dirette inseguitrici con una gara fatta di sofferenza e intensit. Perch lo Spezia, allultima chiamata per puntare alla vetta, ha dato parecchio filo da torcere ai granata, puntando pi sulla fisicit che sul maggiore tasso tecnico di cui dispone. Sui liguri pesa anche lespulsione di Testini in chiusura di primo tempo. Senza luomo che crea negli ultimi 16 metri per i bianconeri diventa tutto pi difficile. Serena recrimina sugli episodi arbi-

trali a sfavore (lespulsione e un fallo in area su Marotta nel secondo tempo) e punta tutto sui playoff. Boscaglia si gode il suo miracolo. Sei punti di vantaggio sulla seconda, undici sulle terze sono un bottino niente male.
Equilibrio Il Trapani meno bello dello solito, ma centra lo stesso lottava vittoria consecutiva con concretezza e sacrificio. Il primo tempo una battaglia e gli scontri in campo fioccano a ripetizione. Serena perde Bianco all8, al suo posto entra Grauso. Lo Spezia preme e verticalizza con Testini, i granata tengono botta per un quarto dora poi vengono fuo0 3

ri con le incursioni di Barraco sulla destra. I suoi assist, per, non trovano pronto Abate che, nel giro di 1, divora due occasioni nette davanti a Russo. I bianconeri ci provano allora sulle ripartenze, al 34 Iunco di testa manda a lato su suggerimento di Testini. Non c un attimo di sosta, perch dopo 3 minuti Russo compie un miracolo con un doppio intervento su Gambino e Abate. Al 46 non gli da meno Castelli con due uscite a distanza ravvicinata su Iunco e Marotta. Al 48 Testini va a chiudere su Pagliarulo rifilandogli una manata. Larbitro tira fuori il rosso diretto. Nella ripresa ti aspetti un Trapani rinvigorito dalla superiorit numerica, e invece sono gli uomini di Serena a fare la partita. Al 9 Lollo serve Iunco che gira di prima intenzione, ma Castelli devia sul palo. Il Trapani avverte il pericolo scampato e si ricompatta. Madonna libera sulla linea un spiovente di Gambino. Serena gioca la carta Vannucchi per Iunco, ma il Trapani ritrova sulla sinistra guizzi di Madonia che al 32 va in slalom tra Madonna e Lucioni e piazza un assist perfetto per il tap-in vincente di Gambino che decide la partita.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le magie di Possanzini stendono il Siracusa


CREMONESE SIRACUSA 3 1
GIUDIZIO MARCATORI Possanzini (C) al 4 e al 12 p.t.; Longoni (S) al 13, Musetti (C) al 36 s.t. CREMONESE (4-3-3) Alfonso 6,5; Semenzato 6, Minelli 7, Rigione 7, Polenghi 6,5; Tacchinardi 7,5, Pestrin 7, Dettori 7; Filippini 6,5 (dal 18 s.t. Nizzetto 6), Coralli 6,5 (dal 28 s.t. Musetti 6,5), Possanzini 8 (dal 46 s.t. Sambugaro s.v.). (Bianchi, Cesar, Degeri, Le Noci). All. Brevi 7. SIRACUSA (4-4-2) P. Baiocco 5,5; Lucenti 5,5 (dal 1 s.t. Longoni 7), Moi 6, Fernandez 6, Capocchiano 5,5 (dal 38 p.t. Pippa 6); Giordano 4, Mancosu 6, Baiocco 6,5, Spinelli 6; Coda 5,5 (dal 27 s.t. Testardi 5), Zizzari 5,5. (Fornoni, Ignoffo, Bongiovanni, Pepe). All. Sottil 5,5. ARBITRO Bindoni di Venezia 5,5. NOTE pag. 926, abb. 1.649, inc. di 13.541 euro. Espulsi il tecnico Sottil al 26 e Giordano al 35 s.t.; amm. Minelli, Pestrin, Dettori, Pippa, Moi e Giordano. Angoli 2-5.

++++

da in gol due volte uno strepitoso ragazzino che si chiama Possanzini (al 4 e al 12) e sfiora il terzo con un pallonetto da met campo di Coralli che supera di poco la traversa.
Emozioni Ma anche grazie al Si-

GIORGIO BARBIERI CREMONA

Ride la Cremonese, ma nel gelo dello stadio Zini e sotto una leggerissima nevicata vince soprattutto lo spettacolo. Per merito della squadra di casa nel primo tempo, che man2 2

racusa nella ripresa, che con lingresso di Longoni affiancato a Baiocco prende in mano il gioco a centrocampo e mette sotto costante pressione la difesa della Cremonese. Il gol di Longoni al 13 riapre la partita, Sottil (che poi verr espulso per proteste) le prova tutte per raggiungere il pareggio e in questa fase la Cremonese va in apnea difensiva. Ma al 35 un fallo di Giordano su Possanzini costa il secondo giallo al centrocampista del Siracusa. Sulla punizione Dettori colpisce il palo alla sinistra del portiere Baiocco e sulla ribattuta Musetti tocca la palla in rete per il 3-1 definitivo. La gara si fa calda e spigolosa ma rimane bella sino al 49, al triplice fischio di Bindoni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

BARLETTA BASSANO

1 0

FERALPI SAL PERGOCREMA

TRIESTINA LATINA

PORTOGRUARO ALTO ADIGE

1 0

Barletta: Di Costanzo ok con Pane-Schetter


MARCATORE Schetter al 38 p.t. BARLETTA (4-4-2) Pane 7; Minieri 6, Migliaccio 6,5, Pelagias 6, Petterini 6,5; Simoncelli 6,5 (dal 34 s.t. Franchini s.v.), De Liguori 6,5, Romondini 6,5, Schetter 7 (dal 22 s.t. Mazzarani 6,5); Infantino 5,5 (dal 1 s.t. Cerone 6), Mazzeo 6,5. (Marino, Masiero, Di Cecco, Hanine). All. Di Costanzo 6,5. BASSANO (4-3-1-2) Grillo 5,5; Maniero 5,5 (dal 25 s.t. Giacobbe 5,5), Basso 5, Drudi 6, Tabacco 5,5; Mateos 6, Caciagli 5,5 (dal 19 s.t. Ferretti 6), Morosini 6,5; De Gasperi 5,5; Galabinov 5, Gasparello 5,5. (Poli, Guariniello, Iocolano, Martina, Proietti). All. Iaconi 5,5. ARBITRO Bruno di Torino 5,5. NOTE paganti 699, abbonati 1.242, incasso di 11.509 euro. Ammoniti Maniero, Minieri, Morosini, Petterini, Tabacco, Mateos e Romondini. Angoli 7-4. GIUDIZIO

Pergo show con Pi Feralpi contestata


MARCATORI Tamburini al 7 p.t.; Pi al 7 e al 36 s.t. FERALPI SAL (4-3-3) Branduani 5; Bianchetti 5,5, Blanchard 5,5, Camilleri 5, Cortellini 5,5; Drascek 5 (dal 10 s.t. Sedivec 5,5), Castagnetti 5 (dal 44 s.t. Fusari s.v.), Muwana 5,5; Bracaletti 6, Montella 5,5, Tarana 5 (dal 26 s.t. Defendi 5,5). (Zomer, Turato, Allievi, Savoia). All. Remondina 5. PERGOCREMA (4-4-2) Cicioni 6,5; Celjak 6, Fabbro 6, Cuomo 6, Tamburini 6,5; Merito 6 (dal 41 s.t. Adeleke s.v.), Angiulli 6,5 (dal 37 s.t. Menicozzo s.v.), Coletti 7, Bab 7; Volpato 5,5 (dal 37 s.t. Joelson 6,5), Pi 7,5. (Prisco, Romito, Mattia, Corsi). All. Brini 7. ARBITRO Manganiello di Pinerolo 6. NOTE spettatori 400 circa, paganti, abbonati e incasso nc. Ammoniti Bianchetti, Muwana, Celjak e Volpato. Angoli 5-4. GIUDIZIO

Triestina, che errori Il Latina ne approfitta


MARCATORI Kolawole (L) al 32 p.t.; Godeas (T) al 2, De Vena (T) al 4, Jefferson (L) su rigore al 26 s.t. TRIESTINA (3-5-2) Gadignani 6; Lima 6,5 (dal 41 s.t. C. Rossi s.v.), Gissi 6, Mannini 6; Galasso 6,5, For 5,5 (dal 1 s.t. De Vena 6,5), Allegretti 6, Princivalli 6,5 (dal 19 s.t. Villanovich 5,5), Cecchini 6,5; Motta 6, Godeas 6,5. (Vigorito, Pratolino, Miani, Danso). All. Galderisi 6. LATINA (4-3-3) Baican 6,5; Cafiero 6 (dal 1 s.t. Bruscagin 6,5), Burzigotti 6, Farina 5,5, Toscano 6; Citro 6, Matute 7, Burrai 6,5 (dal 32 s.t. Giannusa s.v.); Kolawole 7, Bernardo 6 (dal 17 s.t. Jefferson 6,5), Martignago 6,5. (Radio, Carta, Berardi, Addessi). All. Ghirotto 6,5. ARBITRO Chiffi di Padova 5,5. NOTE paganti 224, abbonati 2.951, incasso di 11.446 euro. Ammoniti Citro, Farina, Princivalli, Godeas, Galasso e Martignago. Angoli 8-8. GIUDIZIO TRIESTE La Triestina non riesce pi a vincere, neanche contro avversarie di retroguardia. Per di pi ha regalato al Latina due reti. Un pasticcio a met campo (uno scontro fra Lima e Mannini) consente al 32 a Martignago di filare sulla sinistra per mandare al centro un pallone che Kolawole liberissimo spedisce in rete. Nella ripresa in quattro minuti la Triestina ribalta il punteggio. Al 2 Galasso da destra manda al centro, al volo Godeas realizza il

Il Porto ritrova il gol LAlto Adige spento


MARCATORE De Sena al 19 s.t. PORTOGRUARO (5-3-2) Bavena 5,5; Lunati 5,5 (dal 29 s.t. Lorenzini s.v.), Regno 6,5, Cristante 7, Radi 7, Pondaco 6,5; Coppola 6, Cunico 6, Herzan 6; Luppi 6 (dal 45 s.t. Liccardo s.v.), De Sena 7 (dal 35 s.t. Corazza s.v.). (Mion, Bognanni, Fedi, Salzano). All. Rastelli 6,5. ALTO ADIGE (4-2-3-1) Iacobucci 6; Iacoponi 5,5, Cascone 5, Kiem 5,5, Legittimo 5; Calliari 5,5 (dal 38 s.t. Pfitscher s.v.), Santonocito 6; Schenetti 5 (dal 17 s.t. Campo 6), Fischnaller 5 (dal 29 s.t. Chinellato s.v.), Uliano 5,5; Giannetti 5. (Miskiewicz, Boscolo, Giardiello, Eisenstecken). All. Stroppa 5. ARBITRO Ros di Pordenone 5,5. NOTE paganti 198, abbonati 174, incasso di circa 3.800 euro. Ammoniti Lunati, Radi, Giannetti, Legittimo, Luppi e Corazza. Angoli 5-1. GIUDIZIO PORTOGRUARO (Ve) Nella sfida tra le due squadre pi giovani del girone, il Portogruaro interrompe il digiuno in casa (non vinceva dal 4 dicembre, 1-0 con il Frosinone) e in attacco (era a secco da 334), e riprende la corsa verso i playoff. Primo tempo dominato dal freddo, nella ripresa si rivisto il Porto spumeggiante, che passa al 19 con colpo di testa di De Sena, 100 gol dei granata in Prima divisione. Sterile lAlto Adige: primo tiro al 33 con Santonocito, poi su errore in uscita di Bavena, al 49 Cascone grazia i granata. Alberto Francescut

Nello Di Costanzo, 50 anni, tecnico del Barletta CALVARESI


Gasparello e il direttore di gara assegna il rigore: calcia Galabinov e Pane respinge prima sullattaccante e poi sulla ribattuta di Caciagli. La risposta Scampato il pericolo i biancorossi si rituffano in avanti. Al 20 Schetter fa tutto da solo, ma giunto al limite calcia a lato. Lattaccante si rif al 38: Basso colpisce allindietro di testa per servire il portiere Grillo, ma non si accorge della presenza di Schetter che rovescia al volo e realizza. Padroni di casa troppo lunghi ed esposti alle ripartenze ospiti, tanto da indurre il tecnico Di Costanzo a passare dal 4-4-2 al 4-2-3-1 ad inizio ripresa: dentro Cerone, che si posiziona sulla trequarti, fuori lattaccante Infantino. Il Bassano preme, senza tuttavia rendersi pericoloso, e i biancorossi sprecano con Mazzeo che colpisce due pali al 2 e al 24. Rosario Mastromatteo

Inacio Pi, 29 anni, autore di una doppietta CELESTE


squadra. In una giornata gelida (-3) a scaldare la partita ci pensa subito Tamburini, che dopo appena 7 manda in frantumi le gi fragili certezze del Sal con un colpo di testa su un angolo di Bab. Con la disinvoltura di una squadra solida e organizzata, il Pergocrema gestisce il vantaggio fino allintervallo, e in avvio di ripresa, subito dopo aver rischiato il pareggio (respinta di Cicioni su tiro da due passi di Bianchetti), piazza il colpo del ko con Pi, implacabile nella deviazione sottomisura ispirata da un traversone del solito Bab. E Pi va ancora a segno al 37 con una travolgente azione personale in contropiede, prima che il neoentrato Joelson centri in pieno il palo. Ma il 3-0 basta e avanza a un Pergocrema in forma smagliante (4 risultato utile e 2 vittoria esterna di fila) per affondare questa Feralpi Sal. Giulio Tosini

Denis Godeas, 36 anni, il leader della Triestina LIVERANI


pareggio. E due minuti dopo lo stesso Godeas, atterrato con la palla al piede, usufruisce del vantaggio: il pallone continua la corsa, Baican esce ma il neoentrato De Vena pi lesto nel battere a rete. Vantaggio triestino rovinato per da un rigore provocato con ingenuit da Villanovich, chiamato a sostituire linfortunato Princivalli. Kolawole atterrato, per larbitro rigore: il Latina pareggia al 26 con Jefferson. Il resto della gara laffannata ricerca del nuovo vantaggio da parte dei triestini, che sbattono contro Baican che cresce col passare dei minuti e si fa sempre trovare pronto. Difficile fare meglio dopo due settimane trascorse senza allenarsi sul campo lamaro commento di Galderisi, mentre Ghirotto con i suoi esulta per il punto guadagnato in casa di una diretta concorrente per la salvezza. Dante di Ragogna

+++

+++

++

BARLETTA Esordio con successo per Nello Di Costanzo sulla panchina del Barletta. Decisivi Pane e Schetter: il portiere respinge un rigore sullo 0-0, lattaccante realizza il gol che vale il ritorno alla vittoria dopo un mese (lultima il 15 gennaio in casa col Prato). Parte bene il Bassano: al 4 Pane devia in angolo su un fendente di Galabinov. Risponde Simoncelli che al 10 si gira bene in area veneta, ma spedisce alto. Al 17 Minieri commette fallo in area su

SAL (Bs) Il Pergocrema torna a respirare laria dei playoff gelando una Feralpi Sal in crisi di risultati e di identit, che al termine della partita contestata per la prima volta. Un punto nelle ultime cinque gare e la sconfitta pi pesante della stagione sono del resto una zavorra che comincia a far scricchiolare anche la panchina di Remondina, subentrato a Rastelli proprio nella gara dandata contro i cremaschi e sempre sconfitto quando incontra il Pergocrema, sua ex

++

serie D
22a giornata

GIRONE A
RISULTATI
ACQUI-F. CARATESE rinv. al 22 ALBESE-BOGLIASCO rinv. al 22 ASTI-BORGOSESIA rinv. al 22 CHIAVARI-CANTU' SAN PAOLO 4-0 CHIERI-PRO IMPERIA rinv. al 22 DERTHONA-VILLALVERNIA rinv. al 22 LAVAGNESE-LASCARIS 3-0 NAVIGLIO TREZZANO-VERBANO rinv. VALLE D'AOSTA-NOVESE 3-1 ha riposato SANTHIA'

(25a)
CLASSIFICA Valle d'Aosta* p. 53; Chieri* 46; Santhi (-3) 43; Derthona* 40; Novese* 36; Pro Imperia* 35; Villalvernia** 34; Lavagnese*, Naviglio Trezzano* e Chiavari* 33; Borgosesia** e Acqui** 31; F. Caratese* 30; Bogliasco* 29; Verbano** 26; Albese** (-3) e Asti** 19; Cant 6; Lascaris** 3. ( hanno gi riposato, * una gara in meno, ** due in meno).

GIRONE B
RISULTATI
CARONNESE-GALLARATESE 1-0 CASTIGLIONE-CARPENEDOLO rinv. COLOGNESE-GOZZANO 2-0 DARFO-MAPELLOBONATE rinv. al 22 FIORENZUOLA-CASTELLANA rinv. al 22 OLGINATESE-AURORA SERIATE 3-1 PIZZIGHETTONE-FIDENZA rinv. al 22

(25a)
CLASSIFICA

GIRONE C
RISULTATI
GIORGIONE-ITALA SAN MARCO 4-1 LEGNAGO-UNION QUINTO rinv. al 22 MEZZOCORONA-SAN GIORGIO 1-1 PORDENONE-SACILESE 0-1 PORTO TOLLE-CONCORDIA rinv. al 22 SANDONA'JESOLO-MONTEBELLUNA 2-2 SAREGO-BELLUNO 0-2 TAMAI-SANVITESE 1-1 VENEZIA-MONTECCHIO 2-3

GIRONE D
CLASSIFICA
Venezia p. 48; Porto Tolle* e Legnago* 40; Montebelluna 37; Tamai 35; Mezzocorona e SandonJesolo 33; Pordenone e San Giorgio 32; Giorgione 30; Union Quinto* 27; Concordia* e Sacilese 24; Belluno 23; Montecchio 22; Sarego 20; Sanvitese 16; Itala San Marco 8. (* una gara in meno).

(25a)
CLASSIFICA
Este p. 48; Castelfranco* e Virtus Vecomp 46; Forl* 45; San Paolo e Mezzolara 40; Lanciotto Campi 38; Cerea* 37; Scandicci* e Pistoiese 35; Rosignano e Tuttocuoio 30; Bagnolese* e Camaiore 28; Ravenna* (-1) 27; Forcoli*, Pavullese* e Villafranca* 24; Santacroce 15; Sestese* 14. (* una gara in meno.

RISULTATI
CASTELFRANCO-SESTESE rinv. al 22 FORLI'-BAGNOLESE rinv. al 22 LANCIOTTO CAMPI-ESTE 2-2 PAVULLESE-CEREA rinv. al 2 2 PISTOIESE-SAN PAOLO 3-2 RAVENNA-SCANDICCI rinv. al 22 ROSIGNANO-MEZZOLARA 0-2 SANTACROCE-VIRTUS VECOMP 1-1 TUTTOCUOIO-CAMAIORE 0-0 VILLAFRANCA-FORCOLI rinv.

Saltate 51 partite Venezia, che crollo


Rinviate per il maltempo in tutto 51 gare. Nel girone F nessun incontro, nellE uno solo, nellH due. A rischio i recuperi di mercoled nei gironi A e B. Cade il Venezia nel testa-coda con il Montecchio. Tra le prime hanno vinto Valle dAosta, Salerno (il Marino ha perso e va a -6) e Martina.

Castiglione** p. 48; Caronnese e MapelloBonate* 43; Pizzighettone* 42; Olginatese 41; Pontisola* 38; Voghera* 37; Castellana* 32; AlzanoCene*, Darfo*, Pro Piacenza* e Aurora Seriate 30; Rudianese* 29; Gozzano* 28; Seregno**, CoPONTISOLA-PRO PIACENZA rinv. al 22 lognese e Carpenedolo* 26; RUDIANESE-VOGHERA 0-1 Fiorenzuola* 24; Fidenza* SEREGNO-ALZANOCENE rinv. al 22 22; Gallaratese* 19. (* una gara in meno, ** due in meno).

PROSSIMO TURNO (26a) Domenica 19 Febbraio, ore 14.30 Acqui-Albese (0-1); Bogliasco-Lavagnese (1-1); Borgosesia-Derthona (0-3); F. Caratese-Chieri (3-4); Lascaris-Santhi (1-2); Novese-Naviglio (0-2); Pro Imperia-Valle d'Aosta (2-4); Verbano-Asti (2 1); Villalvernia-Chiavari (1 0); riposa Cant San Paolo.

PROSSIMO TURNO (26a) domenica 19 Febbraio, ore 14.30


AlzanoCene-Caronnese (1-2); Aurora Seriate-Fiorenzuola (2-0); Castellana-Castiglione (1-2); Fidenza-Seregno (1-1); Gallaratese-Colognese (2-1); Gozzano-Carpenedolo (2-4); MapelloBonate-Pizzighettone (0-0); Pro Piacenza-Darfo (5-1); Rudianese-Olginatese (0-3); Voghera-Pontisola (2-1).

PROSSIMO TURNO (23a) domenica 19 febbraio, ore 14.30


Belluno-Concordia (3-3); Itala San Marco-Mezzocorona (1-4); Montebelluna-Pordenone (3-1); Montecchio-Tamai (2-2); Sacilese-Sarego (2-1); SandonJesolo-Legnago (2-2); San Giorgio-Venezia (3-5); Sanvitese-Porto Tolle (0-1); Union Quinto-Giorgione (1-2).

PROSSIMO TURNO (26a) domenica 19 Febbraio, ore 14.30


Bagnolese-Castelfranco (0-2); Camaiore-Rosignano (2-3); Cerea-Lanciotto Campi (1-2); Este-Ravenna (1-0); Forcoli-Pistoiese (1-1); Mezzolara-Forl (2-2); San Paolo-Santacroce (0-1); Scandicci-Tuttocuoio (1-0); Sestese-Villafranca (0-0); Virtus Vecomp-Pavullese (2-1).

GIRONE E
RISULTATI
AREZZO-VITERBESE rinv. al 22 CASTEL RIGONE-FLAMINIA rinv. al 22 ORVIETANA-SANSEPOLCRO rinv. al 22 PIERANTONIO-DERUTA rinv. al 22 PONTEVECCHIO-SPOLETO rinv. al 22 SPORTING TERNI-SANSOVINO 1-1 rinv. al 22 TODI-PONTEDERA rinv. al 22 TRESTINA-PIANESE ZAGAROLO-GROUP C. DI CASTELLO rinv. al 22

GIRONE F
CLASSIFICA
Pontedera* p. 46; Arezzo* 42; Castel Rigone*, Sporting Terni 34; Pianese* 33; Deruta* e Pontevecchio* 30; Spoleto* 29; Viterbese* 28; Pierantonio* 26; Flaminia*, Orvietana*, Trestina* e Sansovino 25; Sansepolcro* e Group Citt di Castello* 22; Todi* 20; Zagarolo* 16. (* una gara in meno).

GIRONE G
CLASSIFICA
Teramo p. 51; Sambenedettese 47; Ancona 44; Civitanovese 43; Isernia 36; Atletico Trivento 32; San Nicol 31; Jesina, Vis Pesaro e Recanatese 28; Olympia Agnonese 26; Riccione e Atessa VdS 25; Santegidiese 21; Luco Canistro 19; Renato Curi 17; Miglianico 16; Real Rimini 4.

GIRONE H
CLASSIFICA
Salerno p. 47; Marino 41; Budoni* e Porto Torres* 36; Selargius 32; Astrea* e Fidene 31; Palestrina* 29; Arzachena, Sora* e Pomigliano 28; Monterotondo* 25; Anziolavinio e Civitavecchia 24; Cynthia* 23; Sant'Elia 19; Bacoli 18; Atletico Boville* 14. (* una gara in meno).

GIRONE I
CLASSIFICA
Martina p. 47; Ischia* 42; Sarnese* 41; Campania 39; Casertana* 37; Francavilla S.* 36; Turris* e Nard 35; Brindisi* 32; Casarano* 29; Fortis Trani* e Internapoli 26; Irsinese* e Grottaglie* 18; Real Nocera* 17; Gaeta* (-1) 15; Cristofaro* e Viribus Unitis* 11. (* una gara in meno).

RISULTATI
JESINA-ANCONA rinv. al 22 MIGLIANICO-RICCIONE rinv. al 22 OLYMPIA AGNONESE-VIS PESARO rinv. al 22 REAL RIMINI-TERAMO rinv. al 22 RECANATESE-LUCO CANISTRO rinv. al 22 RENATO CURI-ATESSA VDS rinv. al 22 SAMBENEDETTESE-ISERNIA rinv. al 22 S. NICOLO'-ATL. TRIVENTO rinv. al 22 SANTEGID ESE-CIVITANOVESE rinv. al 22

RISULTATI
ARZACHENA-SALERNO 1-2 ASTREA-BUDONI rinv. al 22 BACOLI-ANZIOLAVINIO 1-2 CIVITAVECCHIA-POMIGLIANO 4-0 CYNTHIA-PORTO TORRES rinv. al 22 MONTEROTONDO-ATL. BOVILLE rinv. al 22 SANT'ELIA-FIDENE 3-0 SELARGIUS-MARINO 2-1 SORA-PALESTRINA rinv.

RISULTATI
BRINDISI-GAETA rinv. al 22 CASARANO-SARNESE rinv. al 22 CRISTOFARO-VIRIBUS UNITIS rinv. al 22 FRANCAVILLA S.-ISCHIA rinv. al 22 GROTTAGLIE-CASERTANA rinv. al 22 INTERNAPOLI-CAMPANIA 0-0 MARTINA-NARDO' 6-0 REAL NOCERA-IRSINESE rinv. al 22 TURRIS-FORTIS TRANI rinv. al 22

RISULTATI
ACIREALE-MESSINA 0-1 ACRI-SANT'ANTONIO ABATE rinv. al 22 HINTERREGGIO-MARSALA rinv. al 22 NISSA-ADRANO 0-2 NOTO-BATTIPAGLIESE 0-1 NUVLA S. FELICE-CITTANOVA rinv. al 22 SAMBIASE-LICATA 2-1 SERRE ALBURNI-COSENZA rinv. al 22 VALLE GRECANICA-PALAZZOLO 2-1

CLASSIFICA
Hinterreggio* p. 41; Adrano 35; Palazzolo 34; Cosenza* 32; Marsala* 31; Battipagliese* 33; Licata, Nuvla San Felice*, Messina (-7) e Acri* 30; Serre Alburni* 29; Noto e Sant'Antonio Abate* 25; Acireale* e Sambiase 23; Valle Grecanica 21; Cittanova* 19; Nissa 16. (* una gara in meno).

PROSSIMO TURNO (21a) domenica 19 Febbraio, ore 14.30


Deruta-Trestina (2-0); Flaminia-Zagarolo (3-3); Group Citt di Castello-Sporting Terni (2-3); Pianese-Arezzo (1-4); Pontedera-Castel Rigone (1-0); Sansepolcro-Todi (0-0); Sansovino-Pierantonio (2-0); Spoleto-Orvietana (0-5); Viterbese-Pontevecchio (1-1).

PROSSIMO TURNO (21a) domenica 19 febbraio, ore 14.30


Ancona-Real Rimini (3-0); Atessa Vds-Recanatese (0-2); Atlet co Trivento-Miglian co (3-3); Civitanovese-Renato Curi (2-1); Isernia-Santeg diese (1-2); Luco Canistro-Olympia Agnonese (0-4); Riccione-Jesina (0-0); Teramo-Sambenedettese (3-1); Vis Pesaro-San Nicol (1-0).

PROSSIMO TURNO (21a) domenica 19 Febbraio, ore 14.30


Anziolavinio-Arzachena (0-4); Atletico Boville-Astrea (1-2); Budoni-Cynthia (1-0); Fidene-Selargius (1-1); Marino-Sora (1-1); Palestrina-Monterotondo (1-0); Pomigliano-Bacoli (1-1); Porto Torres-Civitavecchia (2-2); Salerno-Sant'Elia (3-1).

PROSSIMO TURNO (21a) domenica 19 Febbraio, ore 14.30


Campania-Martina (0-1); Casertana-Casarano (0-0); Fortis Trani-Real Nocera (4-2); Gaeta-Internapoli (0-1); Irsinese-Francavilla S. (1-1); Ischia-Cristofaro (1-0); Nard-Grottaglie (0-0); Sarnese-Turris (1-2); Viribus Unitis-Brindisi (1-2).

PROSSIMO TURNO (21a) domenica 19 Febbraio, ore 14.30


Adrano-Nuvla San Felice (4-3); Battipagliese-Acri (1-3); Cittanova-Valle Grecanica (0-0); Cosenza-Sambiase (1-0); Licata-Noto (1-2); Marsala-Acireale (1-1); Messina-Serre Alburni (1-1); Palazzolo-Hinterreggio (3-3); Sant'Antonio Abate-Nissa (1-1).

28

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

29

SECONDA DIVISIONE
girone A
25a giornata
ALESSANDRIA CASALE 1 1 LECCO CUNEO 0 2

girone B
27a giornata

ARZANESE PERUGIA

1 1

CATANZARO FANO

4 1

VIGOR LAMEZIA VIBONESE

4 1

Taddei nel derby salva il Casale Il Cuneo corre Pro Patria show
Allultimo momento salta anche la partita di Treviso, per la neve. Lo storico derby con lAlessandria regala un punto prezioso al Casale, reduce da una settimana difficile e salvato da Riccardo Taddei; i grigi sono vicini ai 100 anni e festeggeranno sabato sera nellanticipo contro laltra capolista Rimini. Si avvicina alla zona promozione diretta il Cuneo, che con un gol per tempo va a vincere a Lecco. Continua a fare punti la Pro Patria, che senza i 13 di penalizzazione sarebbe a pieno titolo nei playoff. Vince il Savona, in attesa che il gruppo Delle Piane pianifichi il salvataggio dopo il fallimento. MONTICHIARI ENTELLA
GIUDIZIO

GIUDIZIO MARCATORI Segarelli (A) al 29 p.t.; Taddei (C) al 2 s.t. ALESSANDRIA (4-3-3) Servili 6,5; Marchetti 6, Cusaro 6, Cammaroto 6,5, Sabato 6; Motta 6,5, Segarelli 7, Roselli 6; Santoni 5,5 (dal 35 s.t. Giardina s.v.), Pires 5 (dal 21 s.t. Barichello 6), Florian 6,5 (dal 40 s.t. Pasino s.v.). (De Marco, Scarabelli, Del Brocco, Nocciola). All. Sonzogni 6. CASALE (4-3-1-2) Adornato 6; Silvestri 6, Vignati 6, Ciccomascolo 6, Marchi 5,5; Capellupo 6, Gambadori 5,5 (dal 40 s.t. Agnesina s.v.), Iannini 6,5; Taddei 6,5; Curcio 5,5, Petrilli 5 (dal 14 s.t. Peluso 6). (Pomat, Naglieri, Lamberti, Lillo, Napoli). All. Buglio 6. ARBITRO Rocca di Vibo Valentia 6. NOTE spettatori 1.700 circa, incasso di 14.218 euro. Ammoniti Marchetti, Pires, Pasino, Capellupo, Taddei e Petrilli. Angoli 1-4. (n.p.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Fantini al 13' p.t.; Di Quinzio al 40' s.t. LECCO (4-3-3) Aprea 6,5; Castelnuovo 6 (dal 1' s.t. Tabbiani 6), Merli Sala 5, Ischia 6,5, Sciannam 5; Civilleri 5, D'Amico 6,5, Guerci 5,5 (dal 33' p.t. Galli 6); Dell'Acqua 5,5 (dal 28' s.t. Fall 6), Fabbro 6,5, Valtulina 6. (Durandi, Rudi, Conti, Rebecchi). All. Modica 5,5. CUNEO (4-4-2) Rossi 6,5; Passer 6, Cintoi 6, Sentinelli 6, Donida 6; Cristini 6 (dal 27' s.t. Galfr 6), Lodi 6, Longhi 6 (dal 41' s.t. Chirico s.v.), Garavelli 6,5; Fantini 7, Ferrario 6 (dal 21' s.t. Di Quinzio 6,5). (Negretti, Garcias, Morabito, Person). All. Rossi 6,5. ARBITRO Oliveri di Palermo 6. NOTE spettatori 600 circa, incasso non comunicato. Espulso Sciannam al 44' s.t.; ammoniti Ferrario, Sciannam, Cristini, Ischia, Tabbiani, Civilleri e Lodi. Angoli 8-2. (m.v.)

+++

Calabria: assalto al Perugia


Il Perugia si salva sul campo dellArzanese (unico pareggio della giornata) e alle sue spalle sente pi vicina la coppia di Calabria: vittorie strepitose con 4 gol per Catanzaro e Vigor Lamezia (nel derby con la Vibonese). Il Gavorrano si piazza in zona playoff: Nocciolini sbaglia un rigore, Nohman segna 50 secondi dopo il suo ingresso e Fioretti va a 21 gol. Paganese ok contro lex Capuano. PAGANESE FONDI
GIUDIZIO

GIUDIZIO MARCATORI Castellano (A) al 22 p.t.; Balistreri (P) al 29 s.t. ARZANESE (4-3-2-1) Fiory 6,5; Nocerino 6,5, Riccio 6, Caso 6,5, M. Esposito 6,5; Improta 6,5 (dal 48 s.t. Florio s.v.), Gori 6,5, Castellano 6,5; Sandomenico 6,5 (dal 44 s.t. Lorenzi s.v.), Fragiello 6 (dal 24 s.t. Tenneriello 6); Incoronato 6,5. (Parisi, Tommasini, Elia, Mascolo). All. Nutolo 6,5 (Fabiano squalificato). PERUGIA (4-3-1-2) Giordano 6,5; Anania 6, Cacioli 6, Borgese 6, Pupeschi 6; Moscati 5,5 (dal 10 s.t. Zanchi 5,5), Borghetti 6, Benedetti 6,5; Clemente 6 (dal 40 s.t. Ferri Marini s.v.); Tozzi Borsoi 6,5, Margarita 6 (16 s.t. Balistreri 6,5). (Despucches, Russo, Mocarelli, Moneti). All. Battistini 6,5. ARB. Fabbri di Ravenna 6,5. NOTE spettatori 400 circa, incasso nc. Ammoniti Tozzi Borsoi, Gori, Esposito, Pupeschi, Borgese, Benedetti e Borghetti. Angoli 6-8. (g.ar.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Narducci (C) al 5, Esposito (C) al 9, Colombaretti (F) al 17, Masini (C) al 40 e al 47 s.t. CATANZARO (3-4-3) Mengoni 6; Mariotti 6,5, Accursi 6 (dal 1 s.t. Narducci 7), Sirignano 6; Giamp 6, Maisto 6, Quadri 6,5, Squillace 7; Esposito 7 (dal 14 s.t. Bruzzese 6), Masini 7,5, DAnna 6,5 (dal 26 s.t. Bugatti 6). (Scerbo, Mannone, Ulloa, Gigliotti). All. Cozza 7. FANO (4-4-2) Beni 6,5; Colombaretti 6,5, Antonioli 5, Cossu 5,5, Amaranti 6,5; Cazzola 5,5 (dal 14 s.t. Bartolini 5,5), Ruscio 6, Berretti 5,5, Raparo 5,5; Noviello 6, Innocenti 6. (Orlandi, Misin, Mucciarelli, Zebi, Mancini, Serafini). All. Baldassarri 6. ARB. Ceccarelli di Rimini 6. NOTE spettatori 3.500 circa, incasso nc. Espulso Antonioli al 49 s.t.; ammoniti Berretti, Cazzola, Masini, Esposito, Bruzzese, Ruscio e Mengoni. Angoli 9-5. (i.m.)

++++

GIUDIZIO MARCATORI Coco (V) all8', Franchino (VL) al 16', Mancosu (VL) rig. al 23' p.t.; Mancosu (VL) al 34', Cane (VL) al 49' s.t. V. LAMEZIA (4-2-3-1) Forte 6; Franchino 7, Marchetti 6,5, Gattari 6,5, Bonasia 6; Giuffrida 6,5, Cerchia 7; Rondinelli 6 (37' s.t. Visone s.v.), De Luca 7,5 (dal 28' s.t. Lattanzio s.v.), Mancosu 7,5; Romero 6,5 (21' s.t. Cane 6,5). (Calderoni, Mercurio, Mangiapane, Erbini). All. Quarta 7 (Costantino assente). VIBONESE (4-1-4-1) De Filippis 5,5; Di Berardino 4, Salvatori 5, Caridi 5,5, D'Agostino 5; Benincasa 6; Coco 6,5, Corapi 6,5 (dal 17' s.t. Mazzetto 5,5), Vitale 5 (dal 7' s.t. Mastroianni 5), Doukara 5,5; Visconti 5,5 (7' s.t. Cosenza 5,5). (Pronest, Mercuri, Cosentino, Caraccio). All. Ferrante-Viola 5,5. ARB. Intagliata di Siracusa 7. NOTE spett. 1.300, inc. 6.400 euro. Espulso Di Berardino 23' p.t.; amm. Cerchia, Romero, Caridi, Vitale. Angoli 3-0. (f.c.)

+++

1 1

RENATE SANTARCANGELO

1 0

BORGO A BUGGIANO PRO PATRIA

2 4

SAVONA SAMBONIFACESE

2 1

1 0

GAVORRANO ISOLA LIRI

3 1

NEAPOLIS CHIETI
GIUDIZIO

0 2

APRILIA CELANO

3 1

++

MARCATORI Rosso (E) al 24, Altobelli (M) al 36 s.t. MONTICHIARI (4-4-2) Gambardella 6; Filippini 6,5, Verdi 6,5, Bettenzana 6,5, Materazzo 6,5; Muchetti 7, Dolce 6, Filiciotto 6, Severgnini 5,5 (dal 23 s.t. Spagna 6); Altobelli 7, Florian 6. (Polizzi, Pedon, Zambelli, Catalano, Ruta, Murano). All. Ottoni 6. ENTELLA (4-3-1-2) Paroni 7; Falcier 6,5, Russo 7, Bertoli 6, Zampano 6,5; Hamlili 5, Favret 7, Garin 5,5; Ciarci 6 (dal 16 s.t. Simeoni 6); Lenzoni 6,5 (dal 29 s.t. Talignani 6), Rosso 7. (Otranto, Fantoni, Musso, Serlini, Lazzaro). All. Prina 6,5. ARBITRO Formato di Benevento 6,5. NOTE spettatori 200 circa, incasso non comunicato. Espulso Hamlili al 18 s.t.; ammoniti Bettenzana, Altobelli, Favret, Hamlili, Russo e Bertoli. Angoli 6-4. (n.s.)

GIUDIZIO MARCATORE Cortinovis al 31 s.t. RENATE (4-3-3) Pisseri 7,5; Adobati 6, Cortinovis 6,5, Bergamini 6, Gavazzi 6; Gualdi 7, Cavalli 6, Mantovani 6 (dal 17 s.t. Gaeta 5,5); Battaglino 6, Mazzini 6 (dal 30 s.t. Dalla Costa s.v.), Mangiarotti 6 (dal 38 s.t. Mastrototaro s.v.). (Lenzi, Praino, Ferrari, Valerio). All. Magoni 6. SANTARCANGELO (4-2-3-1) Nardi 6; Arrigoni s.v. (dal 14 p.t. Fabbri 6,5), Antoniacci 6, Gregorio 6, Locatelli 5,5; Obeng 6, Schiavini 6; Baldinini 6,5 (dal 24 s.t. Scotto 5,5), Zavalloni 6, Graziani 6; Ferri 5,5 (dal 17 s.t. Bacchiocchi 6). (Bicchiarelli, Laezza, Bazzi, Tonelli). All. Angelini 6. ARBITRO Mangialardi di Pistoia 5,5. NOTE spettatori 150 circa, incasso non comunicato. Espulso Ogeng al 31 s.t.; ammoniti Adobati, Dalla Costa, Antoniacci, Obeng, Gregorio e Schiavini. Angoli 0-1. (f.c.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Serafini (PP) all8, Grassi (BaB) al 44 p.t.; Cozzolino (PP) all11 e al 15, Mora (PP) 23, Grassi (BaB) su rigore al 34 s.t. BORGO A BUGGIANO (4-3-1-2) Grandi 5; Tafi 5, Castaldo 5, Settepassi 5 (dal 42 s.t. Mugelli s.v.), Crociani 5; Maretti 5,5, Tognozzi 5 (dal 15 s.t. Santini 6), Gialdini 6; Grassi 6,5; Paganelli 6, Gucci 5,5 (dal 22 s.t. Rocchi 5,5). (Strambi, Di Stefano, Lorenzini, Corsi). All. Firicano 5,5. PRO PATRIA (4-3-1-2) Frasca 6; Gambaretti 6, Rudi 6, Nossa 6, Taino 6; Bruccini 6, Vignali 7, Mora 6,5; Giannone 7 (dal 36 s.t. Viviani s.v.); Serafini 7, Cozzolino 7 (dal 30 s.t. Chiodini s.v.; dal 45 s.t. Artaria s.v.). (Andreoletti, Botturi, Bonfanti, Iuliano). All. Didon 7 (Cusatis squalificato). ARB. Giovani di Grosseto 6,5. NOTE spettatori 200 circa, incasso di quasi 1.500 euro. Amm. Grassi, Bruccini, Rocchi e Chiodini. Angoli 8-2. (e.c.)

++++

GIUDIZIO MARCATORI Buglio (Sav) su rigore al 13', Zanetti (Sam) al 42' p.t.; Ucha (Sav) al 35' s.t. SAVONA (4-4-2) Aresti 6; Vinatzer 6,5 (dal 15' s.t. Giorgione 6), Quintavalla 5,5, Marconi 6,5, Pellini 6; Demartis 6,5, Molino 7, Buglio 6,5, Mezgour 6,5; Santi 6 (dal 20' s.t. Ucha 6,5), Meloni 5,5 (dal 28' s.t. Biava 6). (Giorelli Risso, Terzoni, Cattaneo, Tonetto). All. Corda 6,5. SAMBONIFACESE (4-4-2) Bonato 6; Caraceni 6, Dal Degan 5,5, Orfei 5,5, Viskovic 6; Creati 6 (dal 23' s.t. Peretti 6), Tecchio 6, Marianeschi 5,5 (dal 40' s.t. Carlini s.v.), Finotto 6,5 (dal 28' s.t. Baltieri 6); Zanetti 6,5. Brighenti 6. (Nardoni, Messina, Ruggeri, Pisani). All. Carnovelli 6. ARBITRO Ferrari di Mestre 6. NOTE spettatori 350 circa, incasso di 1.448 euro. Espulso Carlini al 44' s.t.; ammoniti Tecchio, Molino, Creati, Santi, Marianeschi e Brighenti. Angoli 3-5. (o.ste.)

++

++

MARCATORE L. Orlando al 42' s.t. PAGANESE (4-3-2-1) Robertiello 6,5; Balzano 6, Pepe 6, Nigro 6, Agresta 6; Galizia 7, Tricarico 7, Giglio 6 (dal 10' s.t. Fusco 6); F. Orlando 6 (dal 31' s.t. Errico 6), Neglia 6 (dal 20' s.t. Cognigni 6); L. Orlando 7. (Stillo, Pastore, Loiacono, Sicignano). All. Palumbo 6. FONDI (3-5-2) Mezzacapo 6; Palumbo 6, Rinaldi 6,5, Conte 6; Alleruzzo 6, Rossini 6, Tamasi 6 (dal 44' s.t. Formuso s.v.), Cucciniello 6,5, Schettino 6 (dal 26' s.t. Chiarini 6); Ricciardo 6, Bernasconi 6 (dal 33' s.t. Finocchio 6,5). (De Lucia, Iovinella, Pacini, Vaccaro). All. Capuano 6. ARBITRO Barbeno di Brescia 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Giglio, Rossini, Bernasconi, Fusco e Alleruzzo. Angoli 6-3. (a.c.)

GIUDIZIO MARCATORI Nohman (G) al 21, Fioretti (G) al 34, Nocciolini (G) al 35, Russo (IL) al 46 s.t. GAVORRANO (4-2-3-1) Addario 6; Tognarelli 6,5, Miano 7 (dal 42 s.t. Alderotti s.v.), Dascoli 6,5, Menichetti 6; Lo Sicco 7,5, Nicoletti 6,5; Nocciolini 6,5, Rosati 5 (dal 20 s.t. Zane 6,5), Pulina 5 (dal 20 s.t. Nohman 7); Fioretti 7,5. (Santandrea, Sgambato, Manzo, Corbelli). All. Buso 7. ISOLA LIRI (4-3-3) Mariosi 5,5; Paloni 6, Romeo 5,5, Falco 5, La Rocca 5,5 (dal 30 s.t. Redzic s.v.); Raffaello 6,5 (dal 38 s.t. Di Lullo s.v.), Costanzo 5,5 (dal 40 s.t. Lucchesi s.v.), Bussi 5; Martinelli 5,5, Russo 6, Caira 5. (Coletti, Ferrara, Maiorano, Soudant). All. Grossi 5. ARBITRO Casaluci di Lecce 6. NOTE spettatori 200 circa, incasso di 678 euro. Ammoniti Paloni, Nocciolini e Falco. Angoli 6-3. (a.f.)

++++

++

MARCATORI Berardino al 7' p.t.; Lacarra al 29' s.t. NEAPOLIS (4-2-4) Pettinari 5,5; Moscarino 5, Cancelli 5, Monticelli 5,5, Polverino 5,5; Bianchi 5, Manco 5; Marinucci Palermo 5 (dal 14' s.t. Cariello 5,5), Foggia 5,5, Carotenuto 6 (dal 14' s.t. Caggianelli 5,5), Moxedano 5 (dal 30' s.t. Pellecchia 5). (Sollo, Sansone, Bonanno, De Falco). All. Ferazzoli 5. CHIETI (4-2-3-1) Feola 6,5; Bigoni 6, Malerba 6, Amadio 7, Pepe 6,5; Migliorini 7, Fiore 6; Del Pinto 6 (dal 31' s.t. Petrocchi 6), Sabbatini 7, Berardino 7 (dal 22' s.t. Gammone 6); Lacarra 7 (dal 35' s.t. Alessandro s.v.). (Pelucchini, Serpico, Rossi, Di Noia). All. Paolucci 6,5. ARBITRO Borriello di Mantova 5,5. NOTE spettatori 100 circa, incasso nc. Ammoniti Manco, Foggia, Bianchi, Caggianelli e Malerba. Angoli 8-6. (a.v.)

GIUDIZIO MARCATORI Bonaiuto (A) al 31, Pignalosa (A) al 37, Calderini (A) al 39 p.t.; A. Croce (C) al 23 s.t. APRILIA (4-4-2) Bifulco 6; Grieco 6,5, Gritti 6, Aquino 6, Carta 6; Gomes 6, Cruciani 6,5, M. Croce 6 (dal 32 s.t. Salese 6), Bonaiuto 6,5 (dal 32 s.t. Lacheheb 6); Calderini 6,5, Pignalosa 6,5 (dal 16 s.t. Diakite 6). (Pellegrini, Di Libero, Germani, Iovene). All. Vivarini 6,5. CELANO (4-3-3) Liverani 5,5; Funari 5,5, Rapino 6, Bianciardi 6, DAngelo 5,5; Granaiola 5,5 (dal 18 s.t. Sciamanna 6), De Risio 5, Marfia 5 (dal 1 s.t. Barbetti 6); Puntoriere 6 (dal 32 s.t. Amadio 5,5), A. Croce 6, Luzi 6. (Agostini, Bagaglini, Ferrara, Sabatini). All. Facciolo 6,5. ARBITRO Pierro di Nola 6,5. NOTE spettatori 100 circa, incasso non comunicato. Espulsi Gritti al 6 s.t. e De Risio al 31 s.t.; ammoniti Granaiola, Calderini, Bifulco, Gritti e De Risio. Angoli 4-1. (v.a.)

+++

CLASSIFICA
SQUADRE CASALE RIMINI CUNEO SAN MARINO TREVISO (-2) ENTELLA RENATE POGGIBONSI ALESSANDRIA (-2) SAVONA (-4) PRO PATRIA (-13) BELLARIA MANTOVA GIACOMENSE PARTITE RETI G V N P F S 45 24 13 6 5 36 21 45 23 14 3 6 28 21 42 23 13 3 7 39 29 40 23 12 4 7 42 28 39 24 11 8 5 36 21 38 25 10 8 7 35 21 35 25 9 8 8 27 24 33 24 9 6 9 34 32 30 24 8 8 8 27 28 29 24 8 9 7 28 23 28 24 11 8 5 34 22 28 23 7 7 9 26 30 28 24 6 10 8 24 32 27 23 6 9 8 31 37 PT

RISULTATI
ALESSANDRIA-CASALE 1-1 BELLARIA-MANTOVA rinviata al 14 marzo BORGO A BUGGIANO-PRO PATRIA 2-4 GIACOMENSE-SAN MARINO rinviata al 14 marzo LECCO-CUNEO 0-2 MONTICHIARI-ENTELLA 1-1 RENATE-SANTARCANGELO 1-0 RIMINI-POGGIBONSI rinviata al 14 marzo SAVONA-SAMBONIFACESE 2-1 TREVISO-VALENZANA rinviata

REGOLAMENTO

CLASSIFICA
SQUADRE PERUGIA CATANZARO L'AQUILA PAGANESE GAVORRANO ARZANESE CHIETI APRILIA FANO (-5) GIULIANOVA (-2) NEAPOLIS (-2) FONDI MILAZZO VIBONESE EBOLITANA (-1) MELFI (-4) ISOLA LIRI (-2) CELANO PARTITE RETI G V N P F S 55 26 16 7 3 39 18 52 25 15 7 3 38 17 48 24 13 9 2 29 12 46 26 12 10 4 31 19 42 26 11 9 6 42 30 39 26 9 12 5 33 31 37 24 11 4 9 32 27 36 24 10 6 8 39 30 27 25 9 5 11 29 32 27 24 8 5 11 27 32 26 26 6 10 10 29 37 26 26 7 5 14 24 34 24 25 5 9 11 20 27 24 26 5 9 12 27 38 23 25 6 6 13 20 38 20 25 6 6 13 27 37 18 24 5 5 14 25 35 13 25 3 4 18 21 50 PT

RISULTATI
APRILIA-CELANO 3-1 ARZANESE-PERUGIA 1-1 CAMPOBASSO-EBOLITANA rinviata al 29 CATANZARO-FANO 4-1 GAVORRANO-ISOLA LIRI 3-1 GIULIANOVA-NORMANNA rinviata al 14 marzo L'AQUILA-MILAZZO rinviata al 14 marzo NEAPOLIS-CHIETI 0-2 PAGANESE-FONDI 1-0 VIGOR LAMEZIA-VIBONESE 4-1 ha riposato MELFI

COPPA ITALIA

Salgono in sei Scendono in nove con nuovi playout


Ecco il regolamento della Seconda divisione. PROMOZIONI Salgono dirette le prime due dei rispettivi gironi, pi le due vincenti dei playoff: sono ammessi terza, quarta, quinta, sesta e lo svolgimento il solito. RETROCESSIONI Scendono dirette le ultime tre dei due gironi e altre tre dopo i nuovi playout: si sfidano quartultima e quintultima di ogni girone (andata e ritorno) e chi perde retrocede, le due vincenti si affrontano (andata, ritorno e rigori) e chi perde retrocede.

VIGOR LAMEZIA 50 25 14 8 3 35 18

Mercoled 14.30 ci sono due gare nei gironi A e B


Mercoled ritorna la Coppa Italia con le partite dei gironi A e B rinviate la settimana scorsa: ecco il quadro e le gare (ore 14.30). GIRONE A Piacenza Lumezzane. Classifica: Tritium e Lumezzane p. 1; Piacenza 0. GIRONE B Carpi Spezia. Classifica: Spal p. 3; Spezia e Carpi 0. GIRONE C Latina Pisa 0 3. Classifica: Pisa e Lanciano p. 3; Latina 0. GIRONE D Foggia Andria 6 1. Classifica: Foggia e Catanzaro p. 4; Andria 0.

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 19 FEBBRAIO ORE 14.30 ALESSANDRIA-RIMINI (sabato 18, ore 20.30) CASALE-GIACOMENSE CUNEO-BELLARIA ENTELLA-SAVONA MANTOVA-BORGO A BUGGIANO POGGIBONSI-LECCO PRO PATRIA-TREVISO (luned 20, ore 20.45) SAMBONIFACESE-MONTICHIARI SAN MARINO-RENATE SANTARCANGELO-VALENZANA (0-1) (4-2) (1-2) (1-1) (2-1) (2-2) (2-0) (2-0) (0-1) (4-2)

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 15 FEBBRAIO ORE 14.30 CELANO-ARZANESE CHIETI-CATANZARO FANO-CAMPOBASSO FONDI-L'AQUILA ISOLA LIRI-MELFI MILAZZO-GAVORRANO NORMANNA-NEAPOLIS (ore 15) PAGANESE-VIGOR LAMEZIA PERUGIA-GIULIANOVA VIBONESE-APRILIA Riposa EBOLITANA (2-3) (1-2) (3-1) (0-0) (2-1) (1-1) (1-2) (1-1) (1-0) (2-3)

SANTARCANGELO 33 24 10 3 11 27 25

NORMANNA (-1) 34 24 9 8 7 20 19

BORGO A BUGGIANO 30 25 8 6 11 31 36

CAMPOBASSO (-2) 27 25 7 8 10 23 29

MONTICHIARI (-2) 25 24 7 6 11 31 39 SAMBONIFACESE 24 25 6 6 13 26 43 VALENZANA LECCO 15 23 3 6 14 18 35 14 24 2 8 14 16 49

MARCATORI
15 RETI Lapadula (San Marino). 12 RETI Grassi (1, Borgo a Buggiano); Rosso (1, Entella); Pera (4, Poggibonsi); Serafini (3, Pro Patria). 11 RETI Taddei (Casale); Perna (3, Treviso).

MARCATORI
21 RETI Fioretti (6, Gavorrano). 16 RETI Clemente (4, Perugia). 13 RETI L. Orlando (1, Paganese). 12 RETI Masini (2, Catanzaro); Mancosu (4, Vigor Lamezia). 11 RETI Ceccarelli (3, Aprilia).

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

30

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

31

ilCaso
di RINO TOMMASI

DAI RACCATTAPALLE AI DIRIGENTI IL TENNIS CHE DOBBIAMO CAMBIARE


numero 48 abbiamo un problema. Potevamo avere pi fortuna nel sorteggio ma questo non avrebbe migliorato la situazione, anzi ci avrebbe impedito di guardare in faccia la realt. Volendo cercare una causa o una giustificazione, la potremmo anche trovare nella scomparsa dei raccattapalle, che costituivano la porta dingresso dei poveri in uno sport che non popolare anche se ha molto allargato la base dei praticanti. Ai recenti campionati dAustralia su sette giocatori ammessi al singolare sei sono stati eliminati al primo turno, uno al secondo. Solo sfortuna? E stato probabilmente un errore consolarci con gli eccezionali risultati delle ragazze che tuttavia hanno vinto per tre volte la Fed Cup senza essere le pi forti del mondo (ed un titolo di merito non indifferente). Non solo ma anche in quel settore abbiamo un problema di ricambio al quale bisogner provvedere. Forse abbiamo anche un problema di dirigenti, da troppi anni sempre gli stessi. L'unico errore che non dobbiamo fare quello di essere contenti della nostra situazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

errore scoprire la crisi S arebbe unabbiamo persosettore del tennis italiano, almeno nel maschile, perch un incontro di Coppa Davis contro una squadra molto forte. Semmai il modo stato poco incoraggiante al punto che ci viene il sospetto che forse avremmo perso anche contro le riserve della Repubblica Ceca (Simone Bolelli, nella foto Reuters, autore dellunica vittoria). Il nostro problema vecchio di trentanni, da quando Adriano Panatta ha abbandonato lattivit, ed evidenziato dai risultati e dalle classifiche. Se il primo giocatore italiano (Seppi)

dallaPrima

laVignetta
di STEFANO FROSINI

Tanto un gioco
di LUIGI GARLANDO

INTER: PER RISORGERE, RANIERI VA SUPPORTATO NON SOPPORTATO


di ALBERTO CERRUTI

grande abbuffata di domenica scorsa, D alla uno spezzatino contemporanea, aisulcon nove partite in tre avanzi di surgelato, rimasto lo stomaco all'Inter. Tra un girone e laltro sono cambiati gli allenatori, non la rima per Gasperini e Ranieri: Novara sempre amara. Battuta 3-1 dalla neopromossa guidata da Tesser che non aveva ancora vinto in A, ribattuta 1-0 ieri dalla Cenerentola del campionato, ora affidata a Mondonico, al primo successo in trasferta, lInter teoricamente fa ancora in tempo a raggiungere il terzo posto. Ma per ottenere il massimo risultato del suo incerto presente, considerato il minimo quando sulle maglie nerazzurre luccicava lo stemma di campioni del mondo, serve unimpresa, anche se i 6 punti di distacco dalla Lazio non sembrano incolmabili. Mai come stavolta, infatti, non basta aggrapparsi ai calcoli, gi fatali dopo il successo nel derby, perch le ultime quattro partite con tre sconfitte, senza nemmeno un gol, e un 4-4 con il Palermo, sono un allarme che Moratti non pu

ignorare. E troppo facile prendersela con gli allenatori, considerandoli ciliegie come ha detto Ranieri. Se allInter si sono gi alternati quattro tecnici in meno di due stagioni, significa che le colpe non sono (soltanto) di chi va in panchina. Pi di Benitez, Leonardo, Gasperini e Ranieri, sono stati i mancati, o sbagliati, rinforzi le ciliegie che hanno tirato uno dopo laltro nuovi errori. Per limitarci a ieri, allinizio erano in campo soltanto due acquisti dellestate scorsa: il sempre pi impalpabile Alvarez e il promettente Poli, usciti nella ripresa quando rispuntato il fantasma di Forlan. Nel gennaio di un anno fa, Moratti corse ai ripari acquistando Pazzini, Ranocchia e Nagatomo. Stavolta ha ceduto Motta, che Ranieri voleva trattenere, cercando di rimediare con Palombo, ieri in panchina, e linfortunato Guarin non utilizzabile in Champions. In questi giorni, invece, la Juve ha battuto il Milan con la doppietta di Caceres, lo stesso Milan ha vinto a Udine con il primo gol di Maxi Lopez, il Cagliari ha piegato il Palermo con gli ultimi arrivati Pinilla e Dessena, il Novara infine ha colpito con il suo nuovo airone Caracciolo. Accantonata loperazione ricambio dopo la fuga di Mourinho, per eccessiva riconoscenza, fallita loperazione ricostruzione lestate scorsa, sottovalutato laddio di Oriali, lInter non ha soltanto il diritto di sperare nel terzo posto. Ha anche il dovere di programmare un nuovo futuro, con un piano di ringiovanimento che punti su giocatori, n troppo acerbi come Coutinho, n troppo consumati come Forlan, possibilmente italiani come Faraoni, senza navigare a vista e soprattutto in sintonia con i desideri dellallenatore. E proprio perch il terzo posto non un miraggio, Ranieri dovr essere supportato, e non sopportato, da Moratti. Se, invece, gi si pensa che sia tutta colpa sua, lInter rischia di finire sempre pi gi, come la Juve un anno fa: fuori dalla Coppa Italia, dalla corsa per lo scudetto, da quella per un posto in Champions e persino in Europa League.

Stephan e Mario gi decisivi i figli della nuova Italia


Lo hanno dimostrato tutti e due a Udine, a 19 anni, un giorno di febbraio

TwitTwit

IL CINGUETTIO DEL GIORNO

LANCE ARMSTRONG
Ex ciclista, 7 volte re del Tour

Ora di partenza in media per una tappa del Tour de France? Mezzogiorno. Sveglia? Alle 9. Questo triathlon... partenza alle 6.45, sveglia alle 3.45. Grande differenza
(ieri 2 nel Triathlon di Panama) @lancearmstrong

Stephan El Shaarawy LIVERANI

Mario Balotelli IMAGE SPORT

coincidenza. LInter aveva alle spalle tre G uarda lavittorie in campiopartite senza nato e si present a Udine in piena emergenza: 4 squalificati, Thiago Motta al centro della difesa, al posto dellacciaccato Materazzi. Campionato 2009-2010, 26 giornata: Udinese-Inter. Pi o meno come il Milan che, dopo le sconfitte con Lazio e Juve, e il pari con il Napoli, si affacciato al Friuli senza 14 giocatori. Momento delicato, che diventa ancora pi critico a partita in corso. QuellInter capolista and sotto per un gol di Pepe col rischio di ritrovarsi il Milan a un solo punto; questo Milan andato in svantaggio per un gol di Di Natale, con la paura di ritrovarsi a 7 punti dalla Juve capolista. E poi? Poi ci hanno pensato due ragazzi di 19 anni, due italiani con un po di Africa nel sangue. Nello stesso mese, a febbraio. Guarda la coincidenza. Udine, 28 febbraio 2010: quattro minuti dopo il vantaggio di Pepe, Mario Balotelli tuona in rete il pareggio con uno spettacolare destro di controbalzo. Poi Maicon fa 2-1 e Milito 3-1, grazie a un assist di Balotelli, il migliore in campo. Finisce 3-2 per i nerazzurri. La chiamano la vittoria della svolta, infatti Mou conquister il titolo. Quello segnato a Udine da Balotelli verr definito gol-scudetto. E non il primo. In coda al torneo 2007-08, Mario aveva segnato gol decisivi a Bergamo e in casa con la Fiorentina. Nel campionato 2008-09: doppietta alla Roma (3-3), gol alla Juve (1-1) e soprattutto prodezza nel 2-2 di Verona col Chievo che di fatto timbra il 17 scudetto. Segnare gol decisivi con il sangue freddo, quando agli altri ribolle, non simpara a scuola. E un talento che ti ha messo in tasca il buon Dio. Per questo Lippi forse sbagli a non consi-

WALTER GARGANO
Centrocampista del Napoli

Manca poco piccolo!!!


@GarganoOfficial

derare Balotelli in quel 2010. Il c.t. azzurro fece visita a Milanello, ma non alla Pinetina. Non ci sono giocatori italiani, si giustific Lippi. Intanto cera il glorioso Materazzi di Berlino. E poi meritava due parole il giovane italiano Mario Balotelli, quello dei gol decisivi, che non trema neanche davanti al demonio. Avrebbe fatto molto comodo in Sudafrica. Infatti al momento buono, contro la Slovacchia, la palla del destino capitata al buon Pepe e siamo tornati a casa. Sabato sera il Milan ha ribaltato la partita a Udine. Lhanno chiamata la vittoria della svolta. Il gol-partita lha segnato Stephan El Shaarawy. Magari tra qualche mese lo definiranno gol-scudetto. Di sicuro anche il piccolo Faraone ha ricevuto dal buon Dio il talento del gol decisivo e lanima salda nel momento del bisogno. Al secondo spezzone di serie A col Milan, Stephan era gi in gol, proprio contro lUdinese. Sabato, con i 19 anni che aveva Balotelli nel 2010, El Shaarawy ha strappato il Diavolo dallinferno e lha trascinato in testa alla classifica, istigando il pareggio di Maxi Lopez e firmando il 2-1. Prandelli, in attacco, pi attrezzato di Lippi nel 2010: ha Balotelli e una ricca batteria di punte. Ma non perde di vista la crescita del Faraone, che migliora al ritmo dei predestinati. Il c.t., educatore di anime verdi, sa che un giovane pronto meglio di un senatore imperfetto. Noi gi pregustiamo la suggestione della coppia Balotelli-El Shaarawy, che potrebbe spianarci la strada per il Mondiale brasiliano. Due ragazzi figli della nuova Italia, con lo stesso talento in tasca: lo hanno dimostrato passando da Udine in un giorno di febbraio, quando avevano 19 anni.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Massimo Moratti, 66 anni LAPRESSE

RIPRODUZIONE RISERVATA

loSpunto

MOU METTE LA LIGA IN CASSAFORTE LO SPOGLIATOIO REAL GLI DA LA LINEA


di ALESSANDRO DE CAL

ipseDIXIT

punti di vantaggio sul Bara, la C on diecinessunocassaforte. Nel campionaLiga di Mou in to spagnolo, mai stato capace di rimontare un distacco cos ampio. Al massimo, il Valencia era riuscito a trionfare ripartendo da un -8: vittima il Real di Carlos Queiroz, portoghese come Mourinho, Ma quello del 2003-04 era un Madrid zavorrato dai galacticos, avanti con gli anni, mentre questo ha un altro passo e un diverso futuro, a prescindere da chi lo guider in panchina. Nel 2010, Florentino Perez aveva strappato Mou a Moratti proprio per tentare di interrompere lintollerabile egemonia del Bara di Pep Guardiola. Allo Special One era appena riuscito il colpaccio contro i blaugrana in Champions; tutto lasciava supporre che potesse concedere, subito, un bis con i blancos. Invece il primo anno stata una lunga rincorsa in salita, a tratti penosa per i "fuoricampo" accesi attorno alla grande sfida. La Coppa del Re, vinta ai supplementari con un gol di Ronaldo, una briciola in confronto alla trionfale stagione del Bara, segnata dai successi nella Liga (terzo titolo consecutivo) e nella Champions (seconda coppa sollevata in tre anni), oltre che dalla continua e ostinata esibizio-

ne del miglior calcio del pianeta. Ma quella briciola serve comunque. E un cuneo piantato nel fianco delle certezze: fa capire, chiaro e tondo, che anche questo magnifico Barcellona una squadra battibile. Paradossalmente, il punto di svolta dellallungo decisivo del Real sul Bara arriva con un pareggio nello scontro diretto al Camp Nou che vale quanto una sconfitta, visto che costa leliminazione in Champions, ma pesa molto pi di una vittoria, perch dimostra che i blancos possono non essere inferiori sul piano del gioco. Sono le vecchie querce dello spogliatoio che convincono Mou a giocarsela in quel modo, dopo il fallimento del suo modello ultradifensivo, con Pepe spedito a centrocampo per calpestare anche le mani di Messi. Il paradosso che il Real prende il largo nel momento in cui ritrova la vecchia anima grandiosa, che costringe Mou a uscire dal suo solco per inseguirla e cavalcarla. Va via o resta? Incombe il tormentone su Mourinho mentre il Bara si suicida con le trasferte in Liga (5 pari, 2 kappa su 11 match) spianando la strada al Madrid. Nel dubbio ora che non c pi Zapatero e il governo tornato alle destre c sempre un arbitro disposto a dare una mano. Al resto ci pensa Ronaldo: la Liga in cassaforte, la Champions verr.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Avverto nei miei confronti la fiducia della societ al cento per cento
CLAUDIO RANIERI ALLENATORE INTER

Ho solo qualche piccolissimo dubbio: mi hanno ritirato il pass per il parcheggio, laccredito per lo stadio, e per la trasferta di Champions a Marsiglia, mi hanno fatto un biglietto aereo di sola andata. Ma dovrei preoccuparmi per questo?
Vincenzo Cito

32

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

33

MOTORI
MONDIALE RALLY QUATTRO SCANDINAVI DAVANTI A TUTTI NEL SECONDO APPUNTAMENTO IRIDATO
Mads Ostberg per il terzo posto. Il capo Malcolm Wilson lo assolve ricordando che era solo la sua seconda gara con la Fiesta, ma facile che si aspettasse qualcosa di pi. Dietro anche a Evgeny Novikov, di nuovo convincente, Sbastien Loeb non nasconde una certa delusione, ma si consola con i 3 punti supplementari intascati con il miglior tempo nella Power Stage che, sommati a quelli del 6 posto, gli consentono di restare in testa alla classifica iridata: Poteva andarmi anche peggio....
Classifica Rally di Svezia: 1. Latvala (Fin-Ford) in 3h1828"3; 2. Hirvonen (Fin-Citron) a 16"6; 3. Ostberg (Nor-Ford) a 38"8; 4. P.Solberg (Nor-Ford) a 114"3; 5. Novikov (Rus-Ford) a 241"4; 6. Loeb (Fra-Citron) a 255"1. Mondiale (dopo 2 tappe): 1. Loeb 39 punti; 2. Hirvonen 32; 3. P.Solberg 31; 4. Latvala 26. Prossima tappa: 8-11 marzo Rally del Messico.

Latvala, luomo delle nevi fa bis in Svezia


Il fordista ripete il trionfo del 2008 e sale in classifica Loeb limita i danni centrando 11 punti
GUIDO RANCATI

che certo che per continuare a pensare al titolo dovevo vincere. Lha fatto. Sulle strade dove quattro anni fa aveva firmato il suo primo rally iridato, il finlandese della Ford ha aggiunto unaltra perla (la sesta) alla sua collanina di vittorie.
Brivido I tabulati danno la misura dellautorit con la quale s imposto: in testa dopo la 3 prova, ha ripreso il pallino sul finire della prima giornata e non lha pi mollato. Ha legittimato il successo mettendosi tutti dietro in 9 delle 24 prove speciali in programma. S anche concesso un brivido imprevisto nel terzultimo tratto cronometrato: primo con oltre mezzo minuto di vantaggio su Mikko Hirvonen, ha incoccia-

Tutto bene quel che finisce bene. E alla fine della sfida sul ghiaccio e sulla neve scandinavi, Jari-Matti Latvala torna a sorridere. Non stato un fine settimana semplice. Dopo il passo falso al Montecarlo, avevo addosso una pressione enorme: sapevo di non poter sbagliare di nuovo, ma ero an-

to una pietra con la ruota anteriore destra. Ovviamente non stavo pi attaccando, ma non sono riuscito a evitarla e quando mi sono reso conto che la gomma si stava afflosciando mi si gelato il sangue, confessa Latvala. Non s fermato, ha solo ridotto il ritmo per evitare guai maggiori e al controllo-stop, preso atto di avere ancora una buona manciata di secondi di vantaggio, ha tirato il fiato. Poi, per chiarire bene le sue intenzioni, andato a vincere la prova successiva.
Delusione Per un pilota Ford

che ride, un altro che mastica amaro. Anche lui rallentato da una gomma squarciata da una pietra, Petter Solberg ha perso il duello tutto norvegese con

Il finlandese Jari-Matti Latvala, 26 anni: 6 centri nel Mondiale EPA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Aprilia, solo un gallo canter


Biaggi al primo test Superbike: Laverty? Un compagno veloce, ma a Portimao io ero senza staff...
la scheda
CINQUE VOLTE IRIDATO
PAOLO GOZZI

sto lanno della verit e daremo battaglia.


Avversari I campioni Che-

Max Biaggi nato a Roma il 26 giugno 1971. Ha corso 7 anni in 250, 4 in 500 e 4 in MotoGP. Ha vinto 4 Mondiali in 250: 3 con lAprilia e 1 con la Honda. Ha conquistato 42 GP e 56 pole. Capitolo Superbike: sta per iniziare la sua sesta stagione, la quarta con lAprilia. Ha vinto il titolo 2010. Convive con Eleonora Pedron e ha due figli ALEX PHOTO

Tra i 24 iscritti al Mondiale Superbike Max Biaggi guarda tutti dallalto in basso: per anagrafe (41 anni il 26 giugno), esperienza (23a stagione di corse), palmares (5 titoli, 58 vittorie) e carisma. Nella notte italiana, per la prima delle 5 giornate di test a Phillip Island (Australia) prima del via iridato il 26, il fuoriclasse dellAprilia si lanciato alla riconquista della corona strappatagli nel 2011 da Carlos Checa con la nemica Ducati. Tra scrosci di pioggia e squarci di sole tipici del periodo, ecco il Max-pensiero alla vigilia.
Futuro Sono in gran forma e

ca-Ducati restano il binomio da battere. La Bmw ha cambiato moto, squadra e preso Melandri, quindi diventa pericolosa. Kawasaki e Honda sono le incognite, poi ci sono le sorprese come il francese Guintoli: nessuno lo considera, ma a Phillip Island va fortissimo, e potrebbe vincere.
Handicap I 6 kg di zavorra sulla Ducati sono uno specchietto per le allodole. Fosse un problema avrebbero girato tutto linverno per risolverlo, invece Checa debutta con la 2012 qui. Non sono preoccupati.... Squadra In inverno c stata

14 TAPPE NEL 2012


Questo il calendario Sbk 2012

Taccuino
SUPERCROSS

Villopoto re a S. Diego
(m.z.) Seconda vittoria con secutiva di Ryan Villopoto nella 6a tappa del Supercross Usa a San Diego (California) davanti a 60.000 spettatori. Cos lufficiale Kawa saki consolida il primato, battendo Chad Reed (Honda) che a 2 giri dal la fine era passato in testa; 3o Ryan Dungey (Ktm). Nella Lites Wilson (Kawasaki) ha preceduto Tomac (Honda) e gli ha tolto il comando in campionato; 16o Musquin (Ktm),2o in qualifica, ma caduto in gara.

Sono in forma, niente pantofole! Ducati con 6 kg di zavorra? Per loro non un problema

linattesa fuga di cervelli dallAprilia. Ho perso tutto il team e sul momento mi sono arrabbiato, poi ho capito che le corse sono il regno dellopportunismo e la riconoscenza merce rarissima. LAprilia ha risposto bene, ho un nuovo capotecnico e meccanici allaltezza. A fine anno vedremo se ci ho rimesso pi io o il mio vecchio staff.
Capo Lavorer con Aligi Dega-

MAX BIAGGI PILOTA APRILIA SBK

nello, lex capotecnico di Simoncelli. Il primo test servir per conoscersi. Io sono diverso da Marco, ma con Aligi ci aiuteremo a vicenda. Non porter su tuta e casco alcun segno del Sic: credo che il cordoglio non vada esibito. Quel che provo lo porto dentro.
Compagno Laverty un compagno tosto. giovane, ma pu vincere gare e lottare per il titolo. Non puoi aspettarti aiuti da nessuno, in pista sei solo con te stesso. Nei test di novembre a Portimao stato un pelo pi veloce di me, ma non fa testo, perch non avevo la mia squadra. LAprilia ha messo due galli nello stesso pollaio, alla fine solo uno canter. Strategia In Superbike decidi la tattica in gara, perch avversari e condizioni cambiano in un baleno. Ho curato la preparazione nei minimi dettagli per partire subito forte. In Australia sar al 98 per cento, dalla quarta gara a Monza (con un nuovo motore, n.d.r.) andremo al massimo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

motivatissimo. A fine stagione scade il biennale con Aprilia e mi sembra che loro siano ben disposti. La mia compagna Eleonora Pedron non mi vede ancora pronto per stare a casa in pantofole. Se mi richiamassero in MotoGP? Valuterei....
Moto Abbiamo vinto nella stagione del debutto (il 2009, a Brno, n.d.r.) e conquistato il Mondiale nella seconda stagione: fare cos in fretta stata una sorpresa anche per noi. Nel 2011 siamo rimasti in gioco per il bis finch la sfortuna non ci ha tagliato fuori. Quando mi sono rotto il piede, senza cadere, ce la stavamo giocando. E perdendo 6 gare siamo arrivati comunque terzi. La Rsv4 un progetto maturo, tra 2 anni arriver il nuovo modello. Que-

26 febbraio Australia Phillip Island 1 aprile Italia Imola 22 aprile Olanda Assen 6 maggio Italia Monza 13 maggio Europa Donington 28 maggio Stati Uniti Salt Lake City 10 giugno San Marino Misano 1 luglio Spagna Aragon 22 luglio Repubblica Ceca Brno 5 agosto Gran Bretagna Silverstone 26 agosto Russia Mosca 9 settembre Germania Nrburgring 23 settembre Portogallo Portimao 7 ottobre Francia Magny Cours

SBK INGLESE

Haga sulla Yamaha


Con i test in Australia parte il Mondiale Superbike ma non c uno dei suoi eroi, Noriyuki Haga. Il giapponese, per, potrebbe evita re la pensione anticipata. In Gran Bretagna danno infatti per pratica mente concluso laccordo tra Haga e la squadra Yamaha Swan, al po sto di Ian Hutchinson, vittima di un infortunio durante unesibizione, per il campionato Superbike britan nico, che scatta nel week end di Pa squa (6 8 aprile) a Brands Hatch.

SOLIDARIETA DA CORSA

Sponsor per Giorgi


Da giorni su Facebook si scatenata una corsa per sensibiliz zare qualche finanziatore che pos sa aiutare Simone Grotzkyj Giorgi. stato creato un gruppo con quasi 400 aderenti, molto attivi con mes saggi a raffica. Il pesarese, malgra do sia stato appiedato a 6 gare dal la fine, nel 2011 stato il migliore degli italiani in 125 (16o) ma per ora non ha trovato una Moto3.

1 SUPER SERIES

Gare rinviate al 2013


(g.cor.) Liuzzi, Fisichella, Ale si, Frentzen e Villeneuve non sono arrivati e nemmeno i piloti indiani. Cos la i1 Super Series morta pri ma di iniziare. Nel fine settimana si dovevano disputare in Qatar le pri me 2 gare con le barchette Radical SR3, ma gli organizzatori hanno spostato la serie al 2013 (erano gi saltate le gare in Malesia e India). Il problema lindisponibilit dei trac ciati e dei piloti, ma anche dei pro prietari dei team: Ci vuole tempo hanno detto per educare i tifosi e costruire il sostegno delle citt in diane che dovevano dare il nome alle squadre.

34

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 allindirizzo internet:

RESPONSABILE amministrazione, bilanci, contabilit generale, banche, clienti, fornitori, reporting. Gestione dipendenti. Inglese. Trentennale esperienza, passaggio diretto. 333.81.20.889.

SOCIET settore sicurezza e messa a norma seleziona venditori per sviluppo rete vendita Milano. Fisso pi provvigioni. 02.33.40.53.06.

INGEGNERE referenziato cerca appartamento monolocale/bilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25.

www.piccoliannunci.rcs.it
oppure tutti i giorni feriali a: MILANO : tel.02/6282.7555 02/6282.7422, fax 02/6552.436. BOLOGNA : tel. 051/42.01.711, fax 051/42.01.028. FIRENZE : tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34. BARI : tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126. NAPOLI : tel. 081/497.7711, fax 081/497.7712. BERGAMO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 035/35.87.77, fax 035/35.88.77. COMO : tel. 031/24.34.64, fax 031/30.33.26. CREMONA : Uggeri Pubblicit s.r.l. tel. 0372/20.586, fax 0372/26.610. LECCO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0341/35.74.00, fax 0341/36.43.39 MONZA : SPM Monza Brianza s.r.l. tel. 039/394.60.11, fax 039/394.60.55. OSIMO-AN : tel. 071/72.76.077 071/72.76.084. PADOVA : tel. 049/69.96.311, fax 049/78.11.380. PALERMO : tel. 091/30.67.56, fax 091/34.27.63. PARMA : Publiedi srl tel. 0521/46.41.11, fax 0521/22.97.72. RIMINI : Adrias Pubblicit di Rimini tel. 0541/56.207, fax 0541/24.003. ROMA : In Fieri s.r.l. tel. 06/98.18.48.96, fax 06/92.91.16.48 SONDRIO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0342/20.03.80, fax 0342/57.30.63 TORINO : telefono 011/50.21.16, fax 011/50.36.09. VARESE : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0332/23.98.55, fax 0332/83.66.83 VERONA : telefono 045/80.11.449, fax 045/80.10.375. Per la piccola pubblicit allestero telefono 02/72.25.11 Le richieste di pubblicazione possono essere inoltrate da fuori Milano anche per telefax e corrispondenza a Rcs MediaGroup S.p.A. Divisione Pubblicit agli indirizzi di Milano sopra riportati. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

ADDETTI PUBBLICI ESERCIZI

1.5
DIRIGENTI PROFESSIONISTI

3
RICERCHE 3.2 COMPRAVENDITA

7
IMMOBILI TURISTICI

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI

8
8.1

AZIENDA commerciale nel settore agricolo ricerca partner finanziari per sviluppo nuovi progetti. Contattare: newmta@virgilio.it

SRILANKESE con esperienza. Offresi come aiuto cuoco, cameriere. Buon inglese, italiano. 320.84.27.503.

OFFERTA 7.1

COLLABORATORI FAMILIARI

1.6

AUTISTA direzione 45enne, ex maresciallo carabinieri.,esperienza, offresi aziende o privati, professionalit. 347.32.39.328 COLLABORATRICE famigliare stiratrice guardarobiera italiana lunga esperienza pregressa, referenziata offresi part-time/ ore. 333.31.41.538. SRILANKESE in regola, referenziato con esperienza offresi come domestico, custode, badante. 380.26.84.099.

AZIENDA rivestimenti murali tessili cerca export manager, inglese francese fluente. Inviare curriculum : caterina@giardini.it NOTAIO con avviata sede secondaria in Milano cerca colleghi per progetto associativo; mail: cguidobonocavalchini@notariato.it

2
RICERCHE DI COLLABORATORI

IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA

5
5.1

VENDITA MILANO CITTA'

IMPIEGATI

2.1

A MILANO impieghiamo 3 ambosessi per gestione clienti e back-office. Full-time. Tel. 02.24.01.154. AZIENDA ricerca sede di Milano (zona sudest) numero 1 addetto all'amministrazione del personale. Diploma e/o laurea in materie economiche/giuridiche. Inviare curriculum e-mail: plurimasede@plurimaconsorzio.it AZIENDA ricerca sede di Milano (zona sudest) numero 1 addetto ufficio acquisti / ciclo passivo. Diploma e/o laurea in materie economiche / amministrative. Inviare curriculum e-mail: plurimasede@plurimaconsorzio.it AZIENDA ricerca sede di Milano (zona sudest) numero 1 addetto ufficio amministrazione e contabilit. Esperienza e ottima conoscenza sistemi informatici. Invio cv plurimasede@plurimaconsorzio.it

ADIACENZE MM Maciachini vendiamo trilocali varie metrature, ottimo investimento. Terrazzi. Box. Pronta consegna. 02.69.90.15.65 - http://murat.filcasa.it CE: C - IPE: 85,6 kWh/mq. CORSO Sempione, nuovo trilocale, piano alto, terrazzo. Alti standard energetici, costruttivi. Disponibilit box. 02.34.93.16.65 - www.filcasaservice.it - Valore di progetto. CE: B - IPE: 50,2 kWh/mq. PIAZZALE BARACCA adiacenze ultimo piano completamente ristrutturato: soggiorno, cucina, 2 camere, 2 bagni CE: B in fase di progetto IPE: 45 kWh/mq 02.49.52.39.50 - 366.56.52.599. SAN SIRO / Fiera nuovo ultimo trilocale doppi servizi, 4 piano, CE: B - IPE: 41 kWh/mq doppio terrazzo, tranquillit. 395.000. 035.75.11.11.

IMMOBILI RESIDENZIALI AFFITTI

6
6.2

VENDITORI E PROMOTORI

2.3

RICHIESTA

S.P.A. ricerca funzionari. Fisso. Alte provvigioni.Territorio nazionale. 015.25.58.215 - 02.87.36.62.21.

BANCHE multinazionali necessitano di appartamenti o uffici. Milano e provincia 02.29.52.99.43.

A abbagliante fronte mare 5Terre casetta mediterranea restaurata terrazze terreno vista mare, 100 metri calette insenature euro 205.000,00 (CE: G) www.immobiliare5terre.com 0187.92.09.70. A abbisognosi bella casa Courmayeur, villa bifamigliare nuovissimo. Finiture personalizzate, ampio giardino... 99.000 euro + mutuo (anche permutabile). CE: B - IPE 92 kWh/mq annuo valore di progetto. 035.51.07.08. A attenti investitori: non perdete tempo, pensateci ora! Vacanze a Pantelleria in vero dammuso proprio sul mare. 99.000 euro arredato... vista strepitosa. (Immobile non soggetto a CE). 035.51.07.80. A patiti sky... sempre! Proprio sulle piste Gressoney, in tipico resort alpino tutto pietra-legno a vista, euro 139.000 villino... ultimo rimasto! Vista Monterosa. CE: C - IPE: 105 kWh/mq annuo valore di progetto. 035.51.07.80. AMANTI tranquille vacanze lago Garda: Moniga il pi bel posto! Villetta piano unico, porticato, barbecue, piscina, solarium... Euro 179.000 (CE: G - IPE: 512 kWh/mq.) 030.91.40.277. CAP MARTIN lato Montecarlo. Prestigiosi appartamenti in costruzione. Vista mare mozzafiato, piscina. Italgestgroup.com 0184.44.90.72. COLLINE PIACENTINE rustici in sasso, casali ristruttrati, case campagna, ville con giardino. Tanti affari. Tutti i prezzi www.collinepiacentine.it 335.20.66.40. COLLINE PIACENTINE Val Tidone, villa ristrutturata mq. 200. Porticati. Arredata. Giardino mq. 2.000. Euro 320.000,00 www.collinepiacentine.it 335.20.66.40. GRESSONEY Staffal baita '800 da ristrutturare zeta@gressoney.it S.MARGHERITA mq 360 villa centrale, vista mare, giardino, boxes, divisibile, Euro 2.500.000 www.portofinoimmobiliare.it 340.76.49.777.

A 7,5 % reddito garantito Milano affare vendesi 2 negozi in blocco locati a banca e a primaria societ. Gradite collaborazioni - classe energetica: g - ipe: 69,42 kwh/mc - eg: 111,02. 02.48.02.20.69 www.falcoimm.it Falco immobiliare CAIROLI adiacenze Bonaparte nuovi uffici informatizzati alta rappresentanza 373 mq. Divisibili, personalizzabili. 02.89.09.36.75. CE: C - IPE: 20,03 kWh/ mc. CENTRO storico / Cusani vendiamo uffici prestigiosissimi monumentale palazzo epoca affrescato consegna fine 2013. 02.89.09.31.72 - 02.88.08.31 valore da progetto CE: D - IPE: 104,5 kWh/mc. MM ROVERETO vendiamo laboratorio con permanenza di persone, 78 mq. 85.800,00 euro. 02.88.08.31. CE: G - IPE: 108,26 kWh/mc. MM TURRO vendiamo negozio 21 mq da ristrutturare libero subito. 02.88.08.31. CE: G - IPE: 111,57 kWh/mc. QUADRONNO prestigioso contesto vendiamo/affittiamo nuovo splendido ufficio 100 mq. Possibilit box. 02.88.08.31. CE: G IPE: 69,00 kWh/mc. S.AMBROGIO in prestigioso stabile ristrutturato ufficio alta rappresentanza 230 mq. Pianta regolare, flessibile. Finiture di pregio. 02.88.08.31. CE: D - IPE: 37,95 kWh/ mc. SARPI luminoso caratteristico vendiamo loft plurilivello/show-room, posto auto. 02.34.93.07.53 - http://sarpi.filcasaservice.it - Valore di progetto CE: B - IPE: 36,8 kWh/mc.

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

18

ACQUISTIAMO ORO Argento, Monete, Diamanti. QUOTAZIONI:

ORO USATO: euro 27,15 / grammo ORO PURO: euro 39,75 / grammo ARGENTO USATO: euro 405,00 / kg ARGENTO PURO: euro 555,00 / kg - MISSORI MM DUOMOCurtini, via Unione 6 Gioielleria
02.72.02.27.36. - 335.64.82.765.

19
AUTOVEICOLI

AUTOVETTURE

19.2

CQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 - 02.89.51.11.14.

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

12

PALESTRE SAUNE E MASSAGGI

21

ATTIVIT da cedere/acquistare artigianali, industriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14.

1
OFFERTE DI COLLABORAZIONE

IMPIEGATI

1.1

DA OGGI IL TUO ANNUNCIO DIVENTA MULTIMEDIALE...

CAPO cantiere tracciamenti, uso computer, coordinamento fornitori e squadre, preposto sicurezza, esperienza pluriennale. 338.97.03.808. DISEGNATORE meccanico di macchine con esperienza in diversi campi industriali, passaggio diretto, Milano e provincia. 338.39.24.937. IMPIEGATO commerciale estero, esperienza ventennale, inglese, spagnolo, francese, portoghese. Liste mobilit. 340.28.52.094. PLURIENNALE esperienza segreteria contabilit magazzino bolle fatture ottimo uso pc inglese. 339.62.51.483.

INVIACI TESTO FOTO E VIDEO E


Per informazioni chiamaci allo 02.6282.7555 / 7422 agenzia.solferino@rcs.it
RCS MediaGroup S.p.A. Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

A AABAA Naturalmente relax. Piacevoli massaggi rilassanti. www.tantrabodymassage.it 02.29.40.17.01 - 366.33.93.110. ABBANDONATI al benessere, nuova gestione, massaggi olistici. Sauna, idromassaggio, relax. Promozioni. 02.58.10.54.01. AMBIENTE elegante ti propone massaggi rilassanti antistress per le tue pause di relax. 02.39.40.00.18. BENESSERE per corpo, mente. Il rito sacro dei massaggi rilassanti. Milano/Lotto. 02.49.47.47.07. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi olistici. 50,00 Euro un'ora. Milano 02.27.08.03.72. CENTRO Coccinella, zona Citt Studi, massaggi rilassanti, vasca idromassaggio, ambiente riservato. 02.39.43.47.54. DEJA VU centro italiano esclusivo, massaggi rilassanti, olistici. Zona San Siro. 02.39.56.67.75. HADO SPA Rilassati nel tempo di un massaggio californiano e thay. Percorso termale. 02.29.53.13.50. IDRORELAX centro climatizzato, ambiente elegante, raffinato, massaggi olistici, rilassanti. Zona fiera. 02.33.49.79.25. MONNALISA ambiente raffinato propone scrub corpo pi massaggio rilassante per un relax completo. 02.66.98.13.15. PETIT SOLEIL promozione tragitto benessere pi massaggio euro 50,00. Tel. 02.70.00.37.36.

24
CLUB E ASSOCIAZIONI
CASALINGHE intriganti 899.11.14.84. Esibizionista 899.89.79.72. Euro 1,80 min./ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 - Arezzo.

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

35

CICLISMO GIRO DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

NESSUNO COME LUI NEL 2012

4
5

nium olimpico. Dobbiamo attenderci un altro botto?

le vittorie di Elia Viviani nel 2012: 6 tappa Tour de San Luis; Gp Costa Etruschi a Donoratico; 1 e 2 tappa pi classifica Giro Provincia di Reggio Calabria

Non credo: se dovessi salire sul podio sarei sorpreso anchio, sebbene la condizione sia superiore alle attese. Diciamo che lobiettivo ragionevole un piazzamento intorno al 5 posto. Sono tornato in pista solo negli ultimi giorni e lavori specifici particolari ne ho svolti pochi.
In quale delle sei specialit dellomnium pensa di essere pi indietro?

COLLI 2 E FELICE

A
S

Tom Boonen (Bel) 7 tappa Tour de San Luis; 1 e 4 tappa pi classifica Giro del Qatar

4 4

In questo momento nel chilometro, ma in chiave Mondiali (a Melbourne dal 4 all8 aprile, ndr) e poi per lOlimpiade c tutto il tempo per colmare il gap. Nel giro lanciato, invece, ho gi avuto buoni riscontri dagli ultimi allenamenti, mentre linseguimento un punto di domanda: tenere un ritmo da 119-121 pedalate al minuto in questo momento mi quasi impossibile. Le altre specialit (eliminazione, scratch e corsa a punti, ndr) sono come sempre un terno al lotto.
Elia Viviani, 23 anni il 7 febbraio, sul traguardo di Reggio Calabria: in meno di due anni tra i pro, il veronese ha gi vinto 17 corse LUCA BETTINI
Dopo la Coppa del Mondo torner su strada: Parigi-Nizza per preparare la prima Sanremo. Un pensierino alla Classicissima?

ARRIVO 1. Elia VIVIANI (Liquigas-Cannondale) km 191 in 4.45, media 40,200; 2. Daniele Colli (Type 1: nella foto Bettini); 3. Max Richeze (Arg, Nippo); 4. Cesaro; 5. Maggiore; 6. Favilli; 7. Baggio; 8. Vigan; 9. Colbrelli; 10. Corioni; 11. Serpa (Col): 29. Cunego a 7". CLASSIFICA FINALE 1. Elia VIVIANI (Liquigas-Cannondale) 8.31; 2. Colli a 8"; 3. Favilli (FarneseSelle Italia) a 16"; 4. Max Richeze (Arg); 5. Cesaro a 20"; 6. Baggio; 7. Frapporti; 8. Preidler (Aut); 9. Cimolai; 10. Rocchetti; 26. Cunego a 27"; 60. Moser a 130"

Andr Greipel (Ger): Circuito di Adelaide; 1 e 3 tappa pi classifica Tour Down Under

Viviani, e 5!
Domina a Reggio: volata e classifica, 5 trionfi in 16 giorni. Sogno loro olimpico nellomnium. E studio il percorso della gara in linea
PAOLO MARABINI

Jonathan TiernanLocke (Gb): 1 e 4 tappa pi classifica Giro del Mediterraneo

Pista e strada a Londra? Io sono pronto a tutto 3


Ancora lui. Sempre lui. Come due settimane fa in Argentina al Tour de San Luis. Come sette giorni dopo a Donoratico. E come sabato nella 1 tappa del Giro della Provincia di Reggio Calabria, che ieri, sul traguardo di Reggio, lo ha visto di nuovo davanti a tutti allo sprint, ancora quasi per distacco, davanti al solito Daniele Colli finitogli di nuovo alle spalle, sia al traguardo sia nella classifica finale. Elia Viviani il corridore del momento, oltre che una delle grandi speranze del nostro ciclismo, ancora diviso tra strada e pista.
Elia, che effetto fa, dopo dieci giorni di corsa, essere gi a quota cinque successi, davan-

La Liquigas ha diverse carte da giocare: Nibali ci ha gi provato nelle ultime due edizioni, Sagan unaltra punta importante. Io posso essere unalternativa, ma la Sanremo per me un salto nel buio: non lho mai fatta, inoltre non so come posso rispondere dopo quasi 300 km di corsa.
E i Mondiali su pista?

A Melbourne far tre gare: lo scratch per rompere il ghiaccio ( vicecampione in carica, ndr), lomnium per la vittoria, lamericana come va.
vero che in questi giorni a Londra andr a provare anche il percorso della gara in linea su strada?

Da gioved corro in Coppa a Londra: la condizione superiore alle attese, mi sono sorpreso pure io

ti a tutti, meglio anche di Tom Boonen?

Per la verit non mi aspettavo di partire cos bene. Per ora un belleffetto, ma siamo solo allinizio: i miei grandi traguardi sono pi avanti.
Tutto facile anche stavolta?

CON MISS ITALIA ELIA VIVIANI FA FESTA CON LA CALABRESE STEFANIA BIVONE, MISS ITALIA (BETTINI)

La volata lo diventata grazie anche allottimo lavoro dei miei compagni. Ma la tappa stata pi dura rispetto a sabato. Temevo i 13 km della salita del SantElia, invece li ho superati bene. Ed questo che mi conforta e mi d grande morale. Quando ho vinto in Argentina e a Donoratico non avevo avuto le stesse sensazioni.
Il prossimo appuntamento da gioved a Londra con la Coppa del Mondo su pista, con in palio i punti decisivi per lom-

Citt sicure per i ciclisti con la Gazzetta


La Gazzetta dello Sport ha sposato la campagna del giornale inglese Times su Citt sicure per i ciclisti. Per appoggiare liniziativa, mandate una email a salvaiciclisti@gazzetta.it

S, probabilmente mercoled: non si sa mai. Comunque allOlimpiade il mio grande obiettivo sar lomnium. E la preparazione nel mese precedente, subito dopo il Giro dItalia, sar finalizzata tutta per la pista. Se poi dovessi essere convocato anche per la strada, non mi tirer certo indietro. Le due gare sono compatibili, la doppia partecipazione assolutamente possibile: un impegno non rischia affatto di compromettere laltro.
Non rischia di tirarsi il collo e di ingolfarsi?

S
Garzelli 3 Il gran finale sul Mont Faron non c stato, per neve: cos lultima tappa del Giro del Mediterraneo si fermata al Col de Gardes (Tolone). Successo di Jonathan Tiernan-Locke (Gb, Endura), 1 anche in classifica, con 17" su Navarro (Spa) e Stefano Garzelli (Acqua& Sapone) al debutto BETTINI

Non penso, finora sono sempre riuscito a gestirmi bene con le due attivit, grazie anche alla Liquigas che mi lascia tranquillo. E poi io non sono uno che si stressa pi di tanto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Video su Gazzetta.it

LA PROTESTA MANIFESTAZIONI A PINTO, DOVE VIVE IL CORRIDORE, E A VALLADOLID

A BRESCIA

In 2000 per difendere Contador


PINTO (Madrid)

Pozzato gi operato Mercoled sale sui rulli

Armstrong secondo nel Triathlon di Panama


Si sta preparando per lIronman alle Hawaii, ottobre: Lance Armstrong, 40 anni, arrivato 2 nel Triathlon a Panama REUTERS

Noi siamo tutti Alberto. E sono scesi in piazza in duemila per difendere il loro idolo, Alberto Contador, e protestare contro la squalifica di 2 anni inflitta dal Tas al madrileno per la positivit al Tour 2010: nelle stesse strade di Pinto dove festeggiavano il ritorno del corridore dopo i trionfi in bici. Persino il Club Atletico Pinto, la squadra di calcio che milita in Terza Divisione, ha giocato con questa maglietta gialla di protesta. I sostenitori indossavano una maschera con il volto di Contador, al quale il Tas ha tolto le vittorie del Tour 2010 e del Gi-

Noi siamo tutti Alberto: lo slogan presente anche sulle maglie della squadra di calcio

ro 2011: lo stop finir il 6 agosto. Alberto, al rientro da una seduta di allenamento con una maglietta bianca, li ha voluti salutare dal balcone del comune. Una manifestazione simile si svolta a Valladolid.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ieri mattina Pippo Pozzato stato operato a Brescia dopo la frattura alla clavicola destra rimediata nella tappa finale in Qatar. Lha operato il professor Terragnoli: mezzora per togliere la placca alla clavicola sinistra (rotta nel 2011) e metterne una in quella destra. Mercoled il vicentino della Farnese Selle Italia vuole salire sui rulli BETTINI

36

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

BASKET LA 4a GIORNATA DI RITORNO IN SERIE A


lAnalisi
di LUCA CHIABOTTI

Serie A: dura e divertente Ma di qualita?


Sassari che vince a Milano, Roma che batte Varese, Cremona che supera Bologna: bel campionato, vero? Diciamo divertente e duro, per chiunque. Ma ancora una volta senza una squadra, esclusa Siena, che riesca a giocare con un minimo di continuit ad alto livello. Milano vince tre partite di fila uscendo da una profonda crisi? La quarta fa ridere: arriva Bremer e va in crisi di personalit Cook. Abbiamo speso parole e speranze per la Virtus che vinceva giocando anche bene? Due sconfitte di fila nel momento di diventare grande. Cant fa provare sensazioni forti in Europa? In campionato da sei. La mancanza di continuit un segnale di mediocrit dal quale forse solo la Bennet potr porre rimedio quando correr, speriamo pi tardi possibile, con un solo obbiettivo. Cos tutti guardano alle Final 8 come alla sola manifestazione dove tutto possibile, anche battere Siena, con una sola grande partita. Errore: ce ne vogliono tre per vincere la coppa. E siamo daccapo: chi pu riuscirci se non la Mps?

Hosley: 31 punti Sassari in festa Milano torna gi


La Dinamo, senza Travis Diener, sempre in vantaggio. Scariolo: Grave sottovalutazione
MILANO SASSARI
(19-28, 33-41; 53-63)
EMPORIO ARMANI MILANO: Cook 9 (1/1, 1/4), Bremer 17 (8/12, 0/5), Mancinelli 2 (1/3), Fotsis 6 (3/3, 0/2), Bourousis 10 (4/4, 0/2); Giachetti (0/2), Hairston 2 (1/2, 0/2), Nicholas 2 (1/2, 0/3), Rocca 8 (3/8), Melli (0/1), Gentile 15 (3/7, 1/1). N.e.: Filloy. All.: Scariolo. BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Pinton 8 (1/1, 2/3), D. Diener 13 (4/7, 0/6), Hosley 31 (9/15, 3/5), Plisnic 8 (2/3, 0/1), Easley 12 (4/5); Metreveli 4 (2/7), Binetti (0/1), Devecchi 3 (0/1, 1/5), B. Sacchetti 2 (0/1 da 3), Vanuzzo (0/2, 0/1). N.e.: T. Diener. All.: R. Sacchetti. ARBITRI: Paternic, Weidmann, Biggi. NOTE - T.l.: Mil 15/19, Sas 19/23. Rimb.: Mil 42 (Rocca 9), Sas 34 (Hosley 6). Ass.: Mil 10 (Bremer 3), Sas 11 (Pinton 4). Progr.: 5 12-12, 15 23-32, 25 41-51, 35 61-72. Usc.5f.: Pinton 3657" (66-76), Rocca 3815" (69-77). Spett.: 3900 per 31.000 euro.

vantaggio con un 9-0 nel primo quarto, la Dinamo si fatta avvicinare pi volte senza mai cedere: -6 nel secondo quarto (29-35), -4 nel terzo (39-43) e nellultimo quarto (59-63). Pensavo che a un certo punto avrebbero fatto due triple di fila e ci avrebbero preso, dice Sacchetti.
Attacco Invece Milano da tre non segna mai e perde 19 palloni, 5 solo Omar Cook che non ne aveva sprecati mai cos tanti. Il play appare in difficolt con larrivo di Bremer. Ci ha provato Gentile attaccando il canestro e subendo falli. Ed rientrato Hairston, assente dalla sconfitta del 26 dicembre a Cant. Esita subito quando riceve la prima palla in lunetta, ha spazio e non tira. Non ancora pronto, evidentemente. Gli ha fatto posto Radosevic, nel turnover dei sette stranieri di Milano. Se fai 2 su 19 al tiro da tre - dice Scariolo - non questione di volont o testa, balistica dura e pura. Aver sbagliato molti tiri aperti ci ha condizionato. Loro hanno chiuso larea, forzando le nostre palle perse. Questa una sberla. Se non ci sei al 100% con la testa, perdi. E arriva il momento in cui ci si stufa di prendere responsabilit che non sono proprie. Ma sono lallenatore e lo devo fare. Perch il punto di partenza di ogni lavoro, non solo nello sport, che ognuno dia il 100 per 100 di se stesso. Non stato il caso di Bourousis, Cook e Nicholas. Sacchetti se la gode: sempre bello vincere a Milano soprattutto per chi come me stato a Varese e non passava molte volte qui. Altri tempi. Oggi il Forum fischia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

71 81

PAOLO BARTEZZAGHI MILANO

La leggerezza di Sassari denuda i limiti di Milano che, dopo le vittorie con Pesaro, a Bologna e con Kazan in Eurolega, deve aver pensato di aver superato i problemi emersi da Natale in poi. La straordinaria partita di Quinton Hosley si contrappone alla sterilit dellattacco di Milano che si aggrappa ai giochi a due tra JR Bremer e Mason Rocca, ma deraglia da tre punti con la peggior serata stagionale: 2 su 19, 11%. Stavolta sono veramente arrabbiato - dice Sergio Scariolo abbiamo commesso un gravissimo errore di presunzione. Forse abbiamo pensato alla facile vittoria dellandata e al fatto che non ci fosse Travis Diener. Una sottovalutazione assolutamente colpevole. Meo Sacchetti stravince: Magari con Travis avremmo perso. Ha il solito problema a

un piede, abbiamo provato prima della partita ma non aveva la faccia di chi avrebbe potuto giocare. Senza di lui, siamo stati bravi a livello mentale. Mi ricorda gara-1 dei quarti dello scorso anno: vincemmo qui proprio senza Diener.
Hosley Come se fosse la squa-

dra teoricamente pi forte, la Dinamo mantiene il vantaggio dalla met del primo quarto alla fine per la 5a vittoria di fila. Hosley ha iniziato lo show nel primo parziale con 11 punti, si riposato nel secondo (zero), poi 12 nel terzo di cui 10 consecutivi nel finale e 8 nellultimo: totale 31. Uscito Stefano Mancinelli per un risentimento muscolare (oggi lecografia), non ci sono stati difensori o zona in grado di fermarlo. Lo statunitense con passaporto georgiano non aveva mai segnato cos tanto in serie A e finora si era segnalato come difensore: il quinto migliore ai recuperi. Preso il primo

COPPA ITALIA A TORINO NBA RISULTATI

NBA I KNICKS VINCONO LA 5 GARA DI FILA

Il campionato si ferma Da gioved Final Eight


TABELLONE APRE SIENA-SASSARI POI MILANO-BOLOGNA
QUARTI 16 febbraio, ore 17.45 1 Siena 8 Sassari SEMIFINALE 18 febbraio, ore 17.45 FINALE Domenica 19 febbraio, ore 17 QUARTI 17 febbraio, ore 17.45 2 Pesaro 7 Venezia SEMIFINALE 18 febbraio, ore 20.30

Denver vince Bryant 27: Lakers battono Toronto


Sabato: Charlotte-LA Clippers 86-111 (K. Walker19; Griffin 21), Indiana-Denver 109-113 (Granger 26, D.West 22; T.Lawson 27, Afflalo 23), Cleveland-Philadelphia 84-99 (Jamison 20; Holiday 20), New Jersey-San Antonio 89-103 (D.Williams 27; Neal 18), Minnesota-New York 98-100 (Love 32, Pekovic 21; Lin, Shumpert 20), Dallas-Portland 97-94 (Nowitzki 20; Aldridge 33), Milwaukee-Orlando 94-99 (Gooden 21; J.Richardson 31), Sacramento-Phoenix 84-98 (Cousins 28; Dudley 20). Ieri: Toronto-LA Lakers 92-94 (Calderon 30; Bryant 27)

Lin, la favola continua Che sfida con Rubio


Jeremy Lin contro Ricky Rubio: chi avrebbe mai immaginato che il piatto forte del sabato della Nba sarebbe stata la sfida tra un giocatore praticamente sconosciuto una settimana fa e un rookie catalano di 21 anni? Ma soprattutto, chi avrebbe immaginato di godersi una grande partita di pallacanestro grazie alle caratteristiche tecniche di questi due ragazzi ai quali Mike DAntoni e Rick Adelman hanno messo in mano Knicks e Timberwolves senza pensarci un secondo di troppo?
Quinta Vince New York la quin-

16 febbraio, ore 20.30 4 Milano 5 Bologna

17 febbraio, ore 20.30 3 Cant 6 Avellino


RCS

Si parte, gioved a Torino. E iniziato il conto alla rovescia per la manifestazione pi divertente del basket italiano, le Final Eight di coppa Italia che si disputeranno dal 16 al 19 febbraio al PalaOlimpico di Torino. Siena ci arriva da favorita col massimo vantaggio in classifica sulla seconda ottenuto finora durante la stagione (6 punti). Lanno passato si present a Torino con 8 punti in pi di Milano e Cant. Curiosit: i milanesi anche allora furono sconfitti in casa alla vigilia da una outsider: Biella.
Neve La neve ha sistemato un

ti da Tel Aviv su Roma per andare direttamente a Pesaro, hanno poi cercato di partire per Milano ma sono stati bloccati nella Capitale e senza bagagli.
Programma Quarti di finale: 16/2, 17.45 Montepaschi Siena-Banco Sardegna Sassari, 20.30 Emporio Armani Milano-Canadian Solar Bologna. 17/2: 17.45 Scavolini Siviglia Pesaro-Umana Venezia, 20.30 Bennet Cant-Sidigas Avellino. Semifinali, 18/2: 17.45 vincenti dei quarti del 16/2, 20.30 vincenti dei quarti del 17/2. Finale, 19/2: ore 17. Biglietti Sono in vendita online

DONNE

Taranto e Schio volata di testa Domani All Star


Domani a Parma (ore 20.30, Rai Sport 1), si gioca lAll Star Game con il debutto sulla panchina azzurra di Roberto Ricchini, 5a giornata: Cus Cagliari GMA Pozzuoli 81 77 (Micovic, Adams 17), Alcamo Le Mura Lucca 57 53 8 (Hampton 20), Famila Schio Pool Comense 79 52 (McCarville 17), Taranto Lavezzini Parma 73 59 (Mahoney 18). Rinviate: Roberta Faenza Bracco Sesto S.G., Erg Priolo Liomatic Umbertide. Classifica: Taranto, Schio 26; Comense 22; Lucca 20; Umbertide, Parma 18; Faenza, Sesto 14; Pozzuoli 10; Priolo 8; Cagliari 6; Alcamo 4.

calendario che vedeva favorite le squadre che disputeranno i quarti il gioved, e hanno un giorno di riposo in pi in vista delle semifinali. Le 4 formazioni impegnate venerd non hanno giocato ieri potendo tirare il fiato in vista delle Final Eight. Tra le novit della manifestazione, il debutto del play della Bennet Cant, Doron Perkins: i canturini, torna-

su www.ticketone.it. Per qualsiasi informazione, il sito dedicato www.final8.it.


Televisione Tutte le gare sono in diretta su La7d. La finale e la prima semifinale del sabato verranno tramesse in diretta su La7. Inoltre, sar possibile seguirle in streaming on demand su www.la7.it.

ta gara di fila da quando Lin ha salvato la panchina del grande Mike dimostrando, alla media di 27 punti a partita, che nella Nba si pu avere successo anche senza le stelle (Anthony e Stoudemire ancora fuori) se hai un playmaker vero che sa guidare una squadra in sintonia col suo coach. La prestazione di sabato, probabilmente, stata la peggiore nella striscia miracolosa di Lin: fino a 40" dalla fine lo scontro tra le due sensazioni lo aveva vinto Rubio. Ma, proprio per questo, stata ancor pi significativa per spiegare il momento di grazia in cui si trova il play cinese-californiano. Lin segna 15 dei 20 punti totali nel primo tempo, la ripresa unincubo: 1/12 al tiro. Ma i Knicks smettono mai di muovere la palla, trovando altri protagonisti, il rookie Iman Shumpert, Landry Fields e il tiratore Steve Novak, autore di due triple negli ultimi minuti, una per il pareggio a quota 98 a 36" dalla sirena. E mentre Rubio (che ha marcato

Jeremy Lin, 23, contro Rubio: ha segnato 20 punti contro Minnesota AP

Lin mentre DAntoni lo ha affrontato con Fields) buttava con due palle perse negli ultimi 26" lottima gara sua e dei Timberwolves (strepitoso Love, anche 21 rimbalzi), Lin ha dimostrato di che pasta fatto.
Finale A 4" dalla sirena, nonostante avesse sbagliato praticamente tutto dal riposo, di fronte al primo possibile mancato lieto fine della sua favola, partito in uno contro uno, subendo fallo e realizzando il libero del vantaggio dopo aver sbagliato il primo. Dove pu arrivare uno che sa giocare a pallacanestro e ha una forza mentale cos? Ho faticato parecchio stasera ha detto Lin alla fine della gara, esausto ma tutti i

compagni sono saliti di livello. Anche quando ho sbagliato il primo libero, non ero preoccupato. Non posso dirvi quanto ami giocare in questa squadra, sono tutti cos altruisti. DAntoni parla di chimica incredibile trovata da un gruppo di giocatori di secondo piano. E adesso, al ritorno dei big? Sar come quando cera Billups assieme a Melo dice Mike . Anthony un grande giocatore di pick and roll. Credo che funzioner. Intanto, nella Nba oscurata in tutto il mondo da Lin, gli Spurs hanno vinto la settima gara di fila e recuperato Ginobili dopo 40 giorni. Ma nessuno ne parla.
chiabo
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

37

RISULTATI
PESARO-CANT CREMONA-BOLOGNA MILANO-SASSARI CASALE-CASERTA SIENA-BIELLA VARESE-ROMA AVELLINO-TERAMO MONTEGRANARO-VENEZIA Riposa: TREVISO rinv. 83-80 71-81 76-77 104-78 76-78 29/02 13/03

CLASSIFICA
SQUADRE SIENA MILANO BOLOGNA SASSARI VENEZIA PESARO CANTU AVELLINO VARESE CASERTA BIELLA ROMA TREVISO MONTEGRANARO TERAMO CREMONA CASALE PT 30 24 24 24 22 22 22 22 20 18 18 18 16 14 12 12 10 G 20 20 20 20 18 18 19 19 20 19 19 20 19 19 18 20 20 V 15 12 12 12 11 11 11 11 10 9 9 9 8 7 6 6 5 P 5 8 8 8 7 7 8 8 10 10 10 11 11 12 12 14 15

Roma: Calvani vince ancora con Datome e Tucker


Varese pu sorpassare sulla sirena, ma Stipcevic sbaglia la tripla decisiva
ANTONIO FRANZI VARESE

La tripla del sorpasso decisivo di Gigi Datome, 24 anni CIAMILLO

Le prime 8 ai playoff, Lultima in Lega 2

PROSSIMO TURNO
Domenica 26 febbraio, ore 18.15

SASSARI AVELLINO 25/2 CANT TREVISO CASERTA VARESE BIELLA CREMONA MILANO CASALE ROMA SIENA BOLOGNA TERAMO VENEZIA PESARO (20.30) RIP.: MONTEGRANARO

S
Quinton Hosley, 27 anni, ala di 2.01, passaporto georgiano, contro Nicol Melli, 21. Hosley alla prima stagione in Italia, lanno scorso era in Spagna, a Badalona CIAMILLO

In una serata in cui Tucker stato un solido punto di riferimento offensivo, una ritrovata Acea mette sotto Varese grazie allo spunto decisivo firmato Datome. E lala azzurra che regala la tripla del sorpasso decisivo (75-76) a 40" dalla fine. Il quintetto di coach Calvani, alla seconda vittoria consecutiva, ha saputo approfittare al meglio di una serataccia complessiva, sia in attacco che soprattutto in difesa, di una Cimberio apparsa spenta e in precaria condizione fisica. Stipcevic e compagni hanno mostrato una sostanziale incapacit di frenare le scorribande di Tucker, con troppe palle perse in attacco. Siamo contenti perch i ragazzi si meritavano questa

soddisfazione dopo aver lavorato con intensit in allenamento nelle ultime due settimane ha dichiarato uno che di vittorie a Masgnago se ne intende, il g.m. capitolino Antonello Riva.
Responsabilit E che le cose sia-

VARESE ROMA
(20-23, 44-40; 58-58)

76 78

Quando Stipcevic, ancora una volta il migliore dei suoi, d la sveglia, Varese raggiunge il massimo vantaggio sul +11 (42-31 al 19').
Tucker L'Acea qui ha il grande merito di non sfilacciarsi. Anzi, si affida a Tucker che diventa inarrestabile per la difesa avversaria. Il terzo quarto vede di nuovo avanti Roma (48-52 al 26'). L'accoppiata Kangur-Diawara d l'illusione alla Cimberio di poter strappare una vittoria con Stipcevic che non sbaglia nulla ai tiri liberi. Due volte di fila per Datome a bloccare le velleit varesine. Si arriva alla volata finale con Tucker che freddissimo dalla lunetta mentre sul 76-78 Stipcevic allo scadere vede l'anello respingere la sua conclusione da tre
RIPRODUZIONE RISERVATA

no cambiate in casa Roma, lo dimostra anche l'ottima distribuzione delle responsabilit offensive con tre giocatori in doppia cifra, con Dedovic terza punta a supportare al meglio l'accoppiata Tucker-Datome. Una situazione che ha permesso all'Acea di riprendere subito in mano una partita che in avvio aveva visto Varese andare fino al +7 (17-10 al 6') con Weeden per la prima volta veramente convincente. Al terzo fallo di Talst, Calvani gioca la carta Varnado. E' d il la a un parziale di 3-13 che mette sul tabellone il primo vantaggio capitolino (20-23 al 9').

CIMBERIO VARESE: Rannikko 5, Weeden 15, Diawara 19, Kangur 9, Talts 2; Garri 2, Stipcevic 18, Reati, Fajardo 6, Ganeto. N.e.: Demartini, Bertoglio. All.: Recalcati. ACEA ROMA: Gordic 8, Tucker 20, Datome 12, Kakiouzis 6, Slokar 4; Maestranzi 3, Dedovic 11, Varnado 4, Crosariol 6, Mordente 4. N.e.: Marchetti, Tonolli. All.: Calvani. ARBITRI: Mattioli, Lo Guzzo, Bettini. NOTE - Antisportivo: Mordente 17'01" (35-31). Nessun uscito per 5 fali. Progressione: 5' 12-8, 15' 30-29, 25' 48-48, 35' 64-69. Spettatori 4.484 per un incasso di 59.719 euro. Statistiche complete non disponibili a causa di un guasto al sistema di rilevazione.

CON BIELLA PRIMI PUNTI IN A PER IL 38ENNE MINESSI

COLPO IN TRASFERTA ESORDIO NEGATIVO PER COACH VALENTINI, NOVIPI ULTIMA


massimo stagionale di punti segnati, 104, mandando a referto tutti i dodici giocatori (con Lavrinovic a riposo). Senza partite da 18 giorni, tra anticipi e rinvii, Biella non fa in tempo a mettere in campo le maggiori energie, travolta dai campioni d'Italia che nei due quarti centrali hanno messo insieme 60 punti, con 17/20 da due e 6/11 da tre per prepararsi al primo turno contro Sassari alla Final Eight di Torino. Dove la prima incontrer la seconda, questo dice la classifica adesso, nota Pianigiani, che festeggia la vittoria numero 300 in carriera. Siena ha soffocato l'Angelico offuscando Pullen, 3/10 e 4 perse, e Coleman, che segna il primo canestro solo dopo 22'. Miralles approfitta degli spazi concessi per partire con 11 punti in 9' (6-11 al 4'30''), e 17 fino al riposo: poi zero nella ripresa. Andersen e Rakocevic dalla panca girano la partita (29-25 al 13'): il serbo va al riposo con 16 punti, Aradori con 13 di cui gli ultimi 8 senesi del primo tempo, innescando con Stonerook il 16-3 per scappare 57-40 a inizio ripresa. Soragna e il risveglio di Coleman ricuciono sul 65-57 al 27', poi 8 punti in un minuto di Carraretto, Zisis e Andersen hanno chiuso sull'84-62 al 31'. Il parziale degli ultimi minuti del terzo quarto ci stato fataledice Cancellieri, che festeggia comunque i primi punti in A del giovane Lagan e della 38enne bandiera Minessi. Dobbiamo resettare subito perch tra tre giorni ci aspetta una partita pi importante a Teramo. Giuseppe Nigro

Siena ne fa 60 in 20 Pianigiani a quota 300


SIENA BIELLA 104 78
(20-21, 54-40; 80-62) MONTEPASCHI SIENA: McCalebb 9 (3/6, 1/1), Thornton 6 (0/2, 2/2), Moss 6 (2/3, 0/4), Stonerook 5 (1/3, 1/3), Lechthaler 4 (2/2); Rakocevic 18 (3/4, 3/4), Andersen 19 (6/8, 1/2), Aradori 19 (7/7, 0/3), Zisis 6 (3/3, 0/1), Ress 2 (1/2), Michelori 2 (0/1), Carraretto 8 (1/1, 2/2). All.Pianigiani ANGELICO BIELLA: Pullen 8 (2/7, 1/3), Coleman 17 (7/11), Soragna 9 (3/3, 1/2), Dragicevic 14 (1/2, 4/6), Miralles 17 (8/12, 0/1); Chessa 2 (1/1), Lombardi (0/1), Jurak 6 (3/5, 0/2), Lagan 3 (1/3), Minessi 2, Magarity, De Vico. All. Cancellieri ARBITRI: Chiari, Filippini, Provini. NOTE T.l.: Mps 16/18, Ang /13. Rimb.: Mps 28 (Andersen 6), Ang 26 (Coleman 5). Ass.: Mps 23 (Zisis 7), Ang 17 (Pullen e Soragna 6). Progr.: 5' 8-12, 15' 33-29, 25' 63-48, 35' 90-73. Spett. 4200 circa SIENA La Montepaschi si presenta alla Coppa Italia onorando la sua unica partita casalinga del mese di febbraio con il

Caserta, decide Smith Maledizione a Casale


CASALE CASERTA 76 77
(20-21, 35-38; 57-57) NOVIPI CASALE: Shakur 16 (4/11, 1/5), Ferrero (0/1 da 3), Temple 13 (2/7, 3/6), Hukic 11 (1/5, 3/4), Chiotti 16 (7/12); Malaventura 4 (2/5, 0/2), Gentile 7 (2/3, 1/3), Pierich (0/1, 0/2), Martinoni, Stevic 9 (4/5). N.e.: Di Prampero, Giovara. All.: Valentini. OTTO CASERTA: Collins 23 (4/6, 3/6), Bell (0/3), Doornekamp 7 (2/5, 1/3), Smith 25 (7/12, 0/2), Stipanovic 6 (3/5); Maresca 5 (0/3, 1/2), Kudlacek 3 (1/1), Righetti 8 (2/2, 0/3), Cefarelli. N.e.: Rianna, Marzaioli, Di Monaco. All: Sacripanti. ARBITRI: Sabetta, Lanzarini, Aronne NOTE - T.l.: Cas 8/11, Ott 21/26. Rimb.: Cas 42 (Hukic 14), Ott 26 (Smith 5). Ass.: Cas 15 (Shakur 10), Ott 11 (Collins 7). Progr.: 5 12-7, 15 29-29, 25 45-46, 35 66-67. Spett. 2800 CASALE - La maledizione di Casale nei finali. La nuova puntata (siamo a 9) si concretizza al termine di Novipi-Otto Caser-

Pietro Aradori, 23 anni CAST

Andre Smith, 26 anni CIAMILLO

ta. Casale, per la prima volta guidata in panchina dal casalese Andrea Valentini (che subentrato a Marco Crespi), perde per mano di Andre Smith, che infila il canestro della vittoria casertana a 3" dalla sirena. Per la Novipi la quinta sconfitta consecutiva in casa che vale lultimo posto solitario. Esulta Caserta che (senza Fletcher) vince la seconda partita consecutiva in trasferta. La partita stata tutta in equilibrio. Casale parte bene e si spinge fino al 15-9 (tripla Hukic) del 6'. Caserta macina il recupero: 12-2 che vale il sorpasso sul 17-21 del 9'. La tripla di Gentile allo scadere fissa il 20-21 del 10'. Sacripanti mette la zona a bloccare il tiro da fuori di Casale. La Otto pareggia a quota 29 (met frazione) e la gara si mette punto a punto, in equilibrio fino allintervallo lungo (35-38). Prova la fuga la Otto in avvio di ultima frazione. +8 (59-67) con tripla e liberi di Collins e canestro di Doornekamp. Ma Casale trova la forza per ribaltare tutto : 14-2 per il +3 (73-69) al 38'. Si arriva in volata (75-73). Collins segna i liberi del 75 pari a 19" dalla sirena. Shakur e Stevic fanno 1 su 4 ai liberi. Lultimo possesso di Caserta che con Smith trova la zampata giusta per appoggiare a canestro il +1 (76-77) a 3" dalla sirena. Casale costruisce ancora lultimo tiro con Hukic ma non va. Sacripanti parla di vittoria importantissima che allontana la zona retrocessione. Valentini di gara decisa, ancora una volta, dagli episodi. Maurizio Neri

DOMANI A MILANO

LEGADUE REGGIO EMILIA RINVIA, PISTOIA SOLA IN TESTA


VERONA BRESCIA 58 70 PISTOIA SANTANTIMO 64 55 BARCELLONA BRINDISI 69 70 BOLOGNA FORLI 97 75 OSTUNI IMOLA 77 68

A. Gentile a GazzaStore
Domani a Milano, al Gazzetta Store di Galleria San Carlo, dalle 14 alle 15, saranno presenti Alessandro Gentile e Ioannis Bourousis, dellEA7 Milano a disposizione dei fans per foto e autografi. CIAO KIRKSAY (a.p.) Montegranaro parte oggi per un torneo internazionale a Rabat in Marocco al via domani fino a domenica. Con la squadra non ci sar Tariq Kirksay che dovrebbe aver gi firmato con i russi del Samara.

CLASSIFICA
SQUADRE PISTOIA REGGIO EMILIA BRINDISI SCAFATI BARCELLONA BRESCIA JESI PIACENZA OSTUNI VERONA BOLOGNA IMOLA VEROLI FORLI S.ANTIMO PT 26 24 24 24 22 22 16 16 16 16 12 12 12 12 10 G 18 16 18 18 18 18 17 18 18 18 17 18 17 17 18 V 13 12 12 12 11 11 8 8 8 8 6 6 6 6 5 P 5 4 6 6 7 7 9 10 10 10 11 12 11 11 13

(12-22, 32-31; 46-53) TEZENIS VERONA: West (6/13, 0/1), Porta 13 (5/9, 1/5), Boscagin 4 (2/7), Banti (0/1, 0/1), Renzi 8 (4/6, 0/2); Waleskowski 2 (1/2), Di Giuliomaria 4 (2/3, 0/1), Mariani 7 (0/1, 1/1), Vukcevic 6 (1/2, 1/5). N.e. Brusamarello, Bordato, Colli. All.: Martelossi. CENTRALE DEL LATTE BRESCIA: Farioli 5 (1/1, 1/2), Rombaldoni 5 (1/5, 1/3), Ghersetti 9 (2/9, 1/5), Goldwire 27 (6/9, 4/9), Gergati 5 (1/6, 1/5); Bushati 13 (3/6, 2/6), Rezzano 6 (0/1, 2/6), Busma. N.e. Thompson, Gattesco, Scanzi, Stojkov. All.: DellAgnello. ARBITRI: Di Francesco, Di Gianbattista, Conti. NOTE T.l.: Ver 7/14, Bre 6/15. Rimb.: Ver 47 (West 9), Bre 40 (Ghersetti 10). Ass.: Ver 7 (Porta 4), Bre 8 (2 con 3). Progr.: 5 6-5, 15 21-26; 25 39-45, 35 48-58. Usc. 5 f.: Busma (a.pe.)

(15-16, 25-30; 49-46) TESI GROUP PISTOIA: Jones 14 (4/9, 0/3), Galanda 7 (2/6, 1/3), Hardy 20 (7/15, 2/9), Gurini 4 (2/4, 0/2), Tavernari 10 (2/3, 2/7); Toppo 3 (1/3), Saccaggi 6 (0/1, 2/3). N.e.: Della Torre, Tuci, Grillini. All. Moretti. SANTANTIMO: Bozovic 3 (1/1), Cittadini 5 (2/6), Campbell 7 (1/4, 0/5), Moraschini 13 (3/6, 1/3), Bell 25 (6/11, 2/7); Rossi (0/1, 0/3), Cantone 2 (1/2, 0/3), Eliantonio (0/2). N.e.: Petruzzuoli, Pranzo. All. Di Carlo. ARBITRI: Di Toro, Masi, Ranaudo. NOTE - T.l.: Pis 7/12, Ant 18/22. Rimb.: Pis 44 (Toppo 12), Ant 39 (Campbell, Moraschini, Bell 8). Ass.: Pis 12 (Galanda 4), Ant 5 (2 con 2). Progr.: 5 13-8, 15 19-23, 25 36-41, 35 60-48. Usc. 5 f: Cittadini 3819 (64-55). Spett. 3.000 circa. (e.c.)

(15-23, 29-33; 52-55) SIGMA BARCELLONA: Green 6 (1/6, 1/2), Hicks 14 (3/7, 1/2), Bucci 9 (0/4, 2/4), Dordei 6 (2/2, 0/2), Martin 3 (1/2); Lukauskis 15 (0/3, 4/7), Da Ros 8 (3/4, 0/3), Mocavero 6 (2/4), Piazza 2 (1/2). N.e.:Bonessio, Rotundo. All. Pancotto. ENEL BRINDISI: Hunter 19 (3/8, 2/7), Renfroe 9 (4/4, 0/1), Borovnjak 17 (6/8), Maestrello, Callahan 6 (2/2); Formenti 2 (0/3 da tre), Poletti, Zerini 9 (3/3, 1/1), Giuri 8 (1/1, 0/1). N.e.:Vorzillo, Preite. All.: Bucchi. ARBITRI:Pasetto, Perretti, Beneduce. NOTE - T.l. Bar 19/31, Bri 23/27. Rimb.: Bar.27 (Green 5), Bri 28 (Zerini 6). Ass.: Bar 10 (Hicks 3), Bri 9 (Renfroe 5). Usc.5 f.: Hicks 3243 66-85). Progr.: 5 7-12, 15 28-27, 25 38-42, 35 59-63. Spet. 2800 circa. (m.i.)

(29-18, 49-32; 75-57) CONAD BOLOGNA: Kelley 19 (4/7, 2/4) Blizzard 20 (4/4, 4/8) Hite (0/1), Baldassarre 8 (3/8, 0/1), Yango 13 (5/6); Pecile 16 (3/3, 4/4), Canavesi 8 (4/4, 0/3), Cutolo 8 (1/1, 2/4), Filippini 2 (1/1), Montano 3 (0/1, 1/1), Chiarini. All.: Markovski. MARCO POLO FORLI: Wanamaker 21 (8/11, 0/1), Freeman 11 (2/5, 1/6) Huff 20 (6/8, 2/6), Trapani 5 (1/4, 0/3), Casoli 4 (2/3); Lestini 5 (1/1, 1/3), Borsato 2 (1/3, 0/1), Campani 2 (0/1), Natali 5 (2/4, 0/2). N.e.: Bianchi. All.: Vucinic. ARBITRI: Ursi, Caroti e Ciaglia. NOTE- T.l. Bol 11/13, For 17/23. Rimb.: Bol 34 (Canavesi 7), For 36 (Huff 9). Ass.: Bol 18 (Kelley 9), For 7 (Freeman 3). Progr.: 5 10-9, 15 31-25, 25 59-43, 35 80-64. Usc 5 f.: Huff (3811, 93-70). Spett.: 3.004. (n.z.)

(14-25, 36-34; 58-55) OSTUNI: Klobucar 2 (1/1, 0/2), Jurevicus 16 (3/6, 2/3), Di Liegro 10 (3/7), Rinaldi 8 (2/5, 0/1), Johnson 19 (8/10, 0/3); Berti 3 (0/2, 1/2), Basei 2 (1/1), Rossetti (0/1), Carenza 17 (7/11, 1/3). N.e: Margio, Sirakov. All. Marcelletti AGET SERVICE IMOLA: Masoni 10 (5/7, 0/3), Kotti 6 (4/6), Prato 12 (3/3, 1/5), Bruttini 16 (3/3, 1/3), Whiting 6 (1/4, 1/5), Cournooh 8 (2/4, 1/4), Foiera 8 (2/3 da tre). N.e. Burresi, Sabattani, Turel. All. Fuc. ARBITRI: Morelli, Materdomini, Pecorella. NOTE - T.l. Ost 15/15, Imo 14/21. Rimb. Ost. 33 (Di Liegro 12), Imo 25 (Kotti 9), Ass. Ost 13 (Jhonson 9), Imo 7 (Masoni 2). Progr. 5' 7-17, 15' 24-30, 25' 43-45, 35' 66-62. Usc. 5 f.: Kotti 38' Di Liegro 39', Masoni 39'. Spett. 1500 (f. pec.)

Anticipo: Scafati-Piacenza 89-71. Rinviata: Veroli-Reggio Emilia (2/3). Prossimo turno (15/2, 20.30) Jesi-Scafati, Bologna-Pistoia, Reggio Emilia-Brescia, Imola-Verona, Piacenza-Ostuni. 16/2: Brindisi-Veroli. 2/3: Forl-Barcellona.

38

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

PALLAVOLO A-1 UOMINI 19a GIORNATA

Vibo si salva dalla tormenta e gela Macerata


Dopo un viaggio infinito, i calabresi escono dalla crisi. Lube al 4 k.o. di fila in campionato
MAURO GIUSTOZZI MACERATA

Risultati
TRENTO-MODENA ROMA-SAN GIUSTINO RAVENNA-CUNEO MACERATA-VIBO PADOVA-BELLUNO MONZA-VERONA PIACENZA-LATINA 3-0 (sabato) 1-3 sospesa 2-3 0-3 3-0 3-1

HANNO DETTO

d
S

CLAMOROSO NELLA SFIDA AL CUNEO

Classifica
SQUADRE PT G V P SV SP

TRENTO MACERATA CUNEO MODENA MONZA BELLUNO PIACENZA VERONA ROMA LATINA VIBO SAN GIUSTINO PADOVA RAVENNA

50 40 39 35 34 32 26 25 24 23 22 19 18 9

19 19 18 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 18

17 14 13 13 12 10 8 8 8 8 8 6 5 2

2 5 5 6 7 9 11 11 11 11 11 13 14 16

54 48 49 43 41 42 34 33 33 35 31 31 26 18

14 27 29 30 33 33 40 43 41 43 42 49 45 49

Matej Cernic (Vibo) La chiave del risultato? L'infinita voglia di vincere perch non meritiamo la classifica che abbiamo

Un raccattapalle asciuga il campo con Corvetta ZANI

Finisce con un capannello di giocatori attorno allarbitro Santi contestato dalla Lube per lammonizione comminata a Omrcen nel tie-break e scortato negli spogliatoi da Recine. Ma la colpa di questa sconfitta, la quarta consecutiva in campionato, non certo da ricercare nella direzione arbitrale. La Callipo risorge nella sfida pi difficile della sua stagione, con una prova di grande carattere e determinazione, presa per mano da un Klapwijk risultato immarcabile per i maceratesi. All' inizio ci eravamo persi -ammette Cernic- poi quando, dopo quel primo set, siamo finiti nella buca, abbiamo avuto la forza di compattarci e dare il meglio di noi stessi. Ci abbiamo creduto con forza: io l'avevo pronosticato e ho avuto ragione.
Stankovic k.o. In effetti linizio della sfida sembrava a senso unico: Macerata aveva dominato il primo set ed era nettamente avanti nel secondo. Poi si spenta la luce e si andati avanti a strappi, con Macerata che ha alternato troppo. Bene il primo e quarto set, in balia dellavversario negli altri. Inizio ottimo -ammette Giuliani- poi la rimonta nel secondo set l'abbiamo subita molto. Loro sono rientrati: Vibo una squadra forte tecnicamente e ci ha messo alle corde. Va detto, per, che a parte un Savani stratosferico (69% in attacco) e un Kovar subentrato per uno spento Parodi a met secondo set, Macerata ha deluso profondamen-

Prossimo turno
26 febbraio ore 18 CUNEO-SAN GIUSTINO RAVENNA-TRENTO MODENA-MACERATA 17.30 LATINA-ROMA BELLUNO-MONZA SABATO 17.30 VERONA-PIACENZA VIBO-PADOVA

A Ravenna piove in campo: gara sospesa sull1-1


SANDRO CAMERANI RAVENNA

S
Luis Diaz (Vibo) Quattro sconfitte consecutive ci avevano creato una classifica pericolosa. Aver vinto a Macerata un segnale forte
Quasi un metro di neve e il ghiaccio che hanno stretto Ravenna in una morsa da una settimana non avevano impedito a Cmc e Bre Banca di scendere in campo e restarci per quasi due ore, ma alla fine la condensa, dovuta al contrasto tra il gelo esterno e il riscaldamento interno, ha costretto prima gli addetti al campo ad asciugare dopo ogni singola azione, e alla fine ha avuto la meglio. Confermando che i dubbi se giocare o meno espressi gi sabato e poi ancora ieri in mattinata, erano pi che fondati. Poi entrambe le squadre avevano optato per provare.
Campo impraticabile Tuttavia, sull1-1 e 8-7 per

100%
MACERATA VIBO

Brinkman perfetto Steve Brinkman, centrale canadese di Trento, stato titolare in 3 gare: in tutto ha effettuato 13 attacchi, tutti a segno (ieri 5/5), per il 100%

2 3

S
Jan Stokr (Trento) Ora pensiamo alla Coppa Italia. Torniamo a Roma dove a maggio vincemmo lo scudetto e io chiusi da Mvp, Vorrei rivivere le stesse emozioni

(25-21, 24-26, 17-25, 25-13, 16-18) LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Parodi 5, Pajenk 13, Omrcen 16, Savani 28, Stankovic 5, Travica 3; Exiga (L), Lampariello, Monopoli, Van Walle 2, Kovar 12, Podrascanin 2. All. Giuliani. TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Cernic 9, N.Nikolov 6, Klapwijk 23, Diaz 16, Rak 10, Coscione; Fanuli (L). Grassano 2, Falasca 1. N.e. Mignolo (L), Serafini, Bander, Barone. All. Blengini. ARBITRI: Santi e Saltalippi.
NOTE Spettatori 1340, incasso 4525 euro. Durata set: 29, 34, 26, 23, 23 totale 135. Lube: bs. 20, v. 11, m. 6, s.l. 16, e. 36. Callipo: b.s. 11, v. 3, m. 3, s.l. 10, e. 21. Ammonito Omrcen nel 5 set. Trofeo Gazzetta: 6 Klapwijk, 5 Rak, 4 Savani, 3 Kovar, 2 Diaz, 1 Coscione.

Niels Klapwijk, 26 anni, alla prima stagione in Italia, arriva da Maaseik LUBE

te. Non servito a Giuliani ruotare la panchina. Anzi, i guai non sono finiti con il ko: Stankovic si fatto male ad una mano nel tie-break ed a rischio per la coppa Italia mentre Omrcen, ammonito, a rischio squalifica perch recidivo. Insomma, per i maceratesi piove sul bagnato. I ragazzi di Blengini, invece, hanno dato una prova di carattere che fa sperare per il futuro. Due punti d'oro per noi -ammette Coscione- determinanti per la classifica e per risol-

levarci da un momento difficile. Piuttosto vorrei ringraziare la Lega per il viaggio allucinante a cui ci ha sottoposto per questa trasferta. L'aver vinto lenisce appena la rabbia per tutto quello che ci capitato. Una Lube che ha avuto un'impennata nel tie-break, recuperando da 12-7 annullando due palle match agli avversari ma poi arrendendosi allo scatenato Cernic autore degli ultimi due punti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ravenna nel terzo set, la partita stata sospesa perch larbitro Padoan, che aveva sostituito in extremis Castagna, impossibilitato a raggiungere la Romagna, ha dichiarato il campo impraticabile. Toccher alla Federazione decidere se riprendere la gara dal punto in cui stata sospesa, farla rigiocare dallinizio, sempre in data da definire (i club hanno indicato 29 febbraio o 1 marzo), o comportarsi diversamente: in Italia non esistono precedenti. Fino al momento della sospensione la partita era stata martoriata dalle soste per asciugare il campo ma anche piacevole e combattuta. Dopo le battaglie con Macerata Plac aveva lasciato a riposo Mastrangelo (oltre a Grbic recuperato ma ancora fuori). E la Cmc che non ha potuto schierare Plesko (la raccomandata per il tesseramento, spedita gioved, non stata ricevuta in Fipav) stata trascinata dal solito Moro. Al settimo set-ball Ravenna chiudeva il 1 set con un muro di Corvetta. Nel secondo le soste sono state sempre pi frequenti, con 10 persone che in pratica ad ogni punto entravano ad asciugare il campo. Cuneo, con un ottimo Ngapeth (e con Caceres al posto di Vissotto) ha pareggiato, quindi arrivata la sospensione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LE ALTRE PARTITE TRENTO PIEGA MODENA CON GLI ACE DI JUANTORENA


TRENTO MODENA
(34-32, 25-21, 25-15) ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 12, Brinkman 5, Raphael 3, Juantorena 17, Burgsthaler 8, Stokr 18; Bari (L); Colaci (L), Della Lunga, Zygadlo, Lanza 1, Sokolov 1. N.e. Djuric. All. Stoytchev. CASA MODENA: Anderson 12, Piscopo 8, Dennis 11, Kooy 11, Sala 10, Esko 1; Mani (L); Carletti, Martino 2, Bellei. N.e. Catellani, Casoli. All. D. Bagnoli. ARBITRI: Pol e Rapisarda. NOTE Spettatori: 3.762. Incasso: 32.650 euro. Durata set: 36, 26, 23; tot: 85. Trento: b.s. 6, v. 7, m. 8, 2a l. 10, e. 7. Modena: b.s. 11, v. 4, m. 7, 2a l. 11, e. 8. Trofeo Gazzetta: 6 Stokr, 5 Juantorena, 4 Kooy, 3 Anderson, 2 Kaziyski, 1 Raphael. TRENTO LItas e Modena hanno messo in scena s rivista una spruzzata di playoff, con trentini e modenesi a giocarsi una serie di vantaggi al cardiopalma. Difese, muri, rigiocate degne di una partita di post-season. Palma nel deserto di una partita che, per il resto, ha confermato lo strapotere della truppa di Stoytchev, primatista della massima serie. Terminato lintermezzo spettacolare che stata la parte finale di primo set, vinto 34-32 dallItas grazie a due errori prima di Kooy e quindi di Esko, i campioni dItalia in carica sono tornati a imporre il proprio attacco. Nel 2o e 3o parziale sfondata quota 70% di squadra in quanto ad attacco, grazie a uno Jan Stokr alla fine Mvp con 18 punti e il 63% in attacco e a Juantorena che nel terzo set ha caricato il cannone al servizio (alla fine 5 ace). Nicola Baldo

A-1 DONNE LA 17a GIORNATA CON DUE RINVII

3 0

MONZA VERONA
(25-15, 25-19, 25-16)

3 0

PADOVA BELLUNO
(22-25, 23-25, 21-25)

0 3

PIACENZA LATINA
(25-14, 19-25, 25-20, 25-16)

3 1

Con Piccinini e Quaranta super Bergamo fa la sorpresa a Villa Cortese


CASTELLANZA (Va) (m.l.) Nellunica partita del giorno (visti i rinvii per neve di Pesaro Novara e Chieri Urbino), Bergamo rialza la testa in campionato dopo due k.o. in trasferta consecutivi e restitui scono pan per focaccia a Villa Cor tese vittoriosa allandata. La Fop papedretti apparsa lucida e con vinta. LMc Carnaghi (Puerari a ri poso per un problema alla schie na) sembrata invece la brutta co pia di quella vista in Champions passeggiare sulla Dinamo Mosca. Senza nulla togliere allottima gara di Bergamo in cattedra per un set e mezzo con Piccinini (sua la chiu sura del primo) e Quaranta (48% in attacco) che ha firmato il 25 20 del 3 0. Era anche una prova gene rale in vista della Supercoppa di gioved al PalaIper di Monza e i quarti di Champions dove andr in scena il derby lombardo. Villa Cortese-Bergamo 0-3 (17-25, 23-25, 20-25) MC CARNAGHI VILLA CORTESE: Berg, L. Bosetti 7, Wilson 7, Pavan 11, Cruz 15, Guiggi 7; Caroc ci (L), Pincerato 1, C. Bosetti, Peri nelli. N.e. Stufi, Barborkova. All. Abbondanza. NORDA FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Serena 5, Vasileva 9, Arrighetti 7, Quaranta 14, Piccinini 13, Nucu 7; Merlo (L), Di Iu lio. N.e. Signorile, Diouf, Ruseva. All. Mazzanti. ARBITRI: Pessolano e Astengo NOTE: Spettatori 1.550,incasso: 13.200 e. Durata set: 24, 28, 26; tot. 78'. Mc Carnaghi: b.s. 7, v. 4, m. 8, s.l. 5, e.21. Norda: b. s. 4, v. 6, m. 6, s. l. 8, e. 14. T.G.: 6 Quaran ta, 5 Piccinini, 4 Serena, 3 Nucu, 2 Vasileva, 1 Cruz. Classifica:Busto 44; Villa Corte se 38; Urbino 30; Bergamo 25; No vara 23; Piacenza 22; Parma 19; Pesaro 18; Modena 17; Chieri 6, Pa via 1. A-2 DONNE (m.l.) Ieri 17o turno: Mercato San Severino Sala C. 3 1 (22 25, 25 19, 25 22, 25 22); Cre ma Matera 3 0 (25 21, 25 16, 25 10); Montichiari Santa Croce 0 3 (16 25, 21 25, 19 25); Sovera to Frosinone 3 2 (17 25, 25 23, 21 25, 25 20, 15 7). Classifica: Loreto 49; Giaveno 47; Crema 45; Busnago, Santa Croce 38; Casal maggiore 37; Soverato 30; Monti chiari 25; Frosinone 23; San Seve rino, Sala Consilina 21; Fontanella to 19; San Vito 17; Pontecagnano 12; Forl 9; Matera 7.

ACQUA PARADISO MONZA BRIANZA: De Cecco 2, Nikic 6, Buti 6, Gavotto 11, Rooney 10, Forni 9; Rossini (L), Ciabattini, Kaszap. N.e. Molteni, Conte, Roumeliotis. All. Zanini. MARMI LANZA VERONA: Meoni, Popp 3, S.Patriarca 9, Gasparini 7; Kromm 9, Postiglioni 4; Smerilli (L), Ter Horst 2, Calderan, Kosmina, Casarin. All. B.Bagnoli ARBITRI: Satanassi e Tanasi. NOTE Spettatori 2.077, incasso 2.380. Durata set: 22, 23, 24; tot. 69. Monza: b.s. 9, v. 4, m. 8, s.l. 7, 3. 16; Verona: b.s. 14, v. 0, m. 5, s.l. 7, e. 30. Trofeo Gazzetta: 6 De Cecco, 5 Forni, 4 Rooney, 3 Gavotto, 2 Buti, 1 Meoni. MONZA Tutto facile per lAcqua Paradiso. Conduce in porto una gara senza guizzi n patemi, complice una Marmi Lanza in gita turistica. Con 30 errori, 14 al servizio, la squadra ospite ha perfino affrettato il ritorno a Verona. Contento Zanini: Dopo tanti viaggi, una settimana tranquilla ci ha permesso di recuperare le energie. Abbiamo gestito bene lincontro approfittando dei loro tanti errori. De Cecco si divertito a gareggiare in bravura con Meoni. Il regista argentino aveva per una squadra attorno. Meo invece, monumento del nostro volley, si trovato praticamente solo, con leccezione di Patriarca, che il suo lavoro lo ha svolto bene. Una passeggiata per i lombardi, con Rooney Mvp, in costante ripresa e i due centrali scatenati. Specialmente Forni, 78% su 9 attacchi. Carlo Gobbi

FIDIA PADOVA: Gonzalez 6, Schwarz 12, Semenzato 3, Rosso 10, De Marchi 12, Suljagic 5; Zingaro (L), Tiberti, Giannotti, Koshikawa 1. N.e. Garghella, Cricca. All. Montagnani. SISLEY BELLUNO: Suxho, Ogurcak 10, De Togni 5, Fei, 14, Horstink, 15, Kohut 8; Farina (L), Abdelaziz, Dolfo, Antonov. N.e. Sorato, Curti, Szabo. All. Piazza. ARBITRI: Piersanti e Boris. NOTE: Spettatori 3000 (esaurito). Incasso 9890 euro. Durata set: 28; 29, 26. Totale 82. Padova: b.s. 12, v. 4, m. 3, 2a l. 7, e. 22. Belluno: b.s. 13, v. 1, m. 11, 2a l. 13, e. 18. T.G. 6 Fei, 5 Ogurcak, 4 Horstink, 3 Schwarz, 2 Farina, 1 De Marchi. PADOVA Quarta vittoria consecutiva per la Sisley che impone la legge del pi forte a Padova, scesa in campo priva di Simeonov (problema alla schiena) e con Rosso in diagonale con Gonzalez. Una mossa che non ha portato i frutti sperati: il martello piemontese ci ha messo lanima ma non riuscito a incidere sulla partita. Suxho ha invece orchestrato al meglio i suoi, andando in difficolt solo su un paio di rotazioni in battuta di Gonzalez, capace di graffiare, soprattutto nel secondo set. La vera differenza per arrivata dal muro (11 a 3) e dalla capacit di Belluno di concretizzare i contrattacchi. Padova andata avanti anche 16-13 nel secondo set, senza per piazzare la zampata decisiva. Massimo Salmaso

COPRA ELIOR PIACENZA: Papi 10, Tencati 3, Nikolov 28, Zlatanov 21, Holt 9, Zhekov 1: Marra (L), Kampa 1. N.e. Kral, Sidib, Massari, Cleber, Marretta. All. Monti ANDREOLI LATINA: Rivera 11, Cester 10, Jarosz 15, Fragkos 7, Gitto 2, Sottile; De Pandis (L), Troy 5, Diachkov, Galabinov. N.e Guemart e Tailli. All. Prandi ARBITRI: Puecher e Zucca NOTE - Spettatori 3300, incasso 11.000. Durata set: 23, 24, 26, 24; tot. 97. Copra: b.s. 15, v. 9, m. 7, s.l. 12, e. 24. Andreoli: b.s. 10, v. 3, m. 7, s.l. 6, e. 21. Trofeo Gazzetta: 6 Nikolov, 5 Zlatanov, 4 Holt, 3 Sottile, 2 Zhekov, 1 Jarosz PIACENZA Torna allantico Piacenza: il Copra conquista la quarta vittoria consecutiva da tre punti, un filotto che gli mancava dalla fine del 2009, quando i successi furono 5. Il poker rilancia la squadra di Monti, passata nellultimo mese dal terzultimo al settimo posto. Un triplo salto in un solo giorno, col sorpasso a Latina, Roma e Verona. Stavolta tocca allAndreoli inchinarsi a una formazione che continua ad avere risposte eccellenti dai suoi attaccanti di palla alta. Nikolov e Zlatanov (49 punti in due) sono i protagonisti di un incontro in cui gli ospiti riescono ad allungare la gara con un buon 2 set, sfruttando Troy, che di mestiere fa lopposto, come centrale. Poi Piacenza fa meglio, soprattutto al servizio e ovviamente in attacco, e i tifosi cantano Luca Monti portaci in Europa. Matteo Marchetti

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

39

TENNIS DOPO LA SCONFITTA IN COPPA DAVIS

Emotivi e mammoni LItalia che non cresce


La secca sconfitta con i cechi conferma il momento difficile degli uomini. Starace: Noi stiamo bene solo a casa nostra
DAL NOSTRO INVIATO

fani", e molti dei migliori italiani di ieri e di oggi sono legati allestero: Possiamo tranquillamente lavorare bene anche in Italia. La qualit media migliorata, il movimento in crescita. Dobbiamo evitare dispersioni, di conoscenze ed esperienze, compresi gli ex giocatori.
Giocatore Che ne pensa il vetera-

la guida Avanti lAustria Croazia: Karlovic piega il Giappone


Dopo 17 anni, lAustria passa un turno di Coppa Davis battendo la Russia, cui non ha giovato linserimento in squadra di Alex Bogomolov Jr, lo statunitense che ha optato per il cambio di nazionalit. A marzo, tra laltro, la federazione austriaca avr un nuovo presidente, Ronnie Leitgeb, gi manager di Thomas Muster e oggi agente di Melzer, di Tamira Paszek e di Nikolai Davidenko. Passa il turno anche la Croazia, che piega il Giappone allultimo singolare con la terza vittoria in tre giorni del gigante Ivo Karlovic, che ha portato due punti in singolare ed risultato decisivo in doppio. Come previsto, dopo la sconfitta nel doppio, la Serbia passeggia contro i singolaristi svedesi e si qualifica ai quarti. Austria-Russia 3-2 (a Wiener Neustadt, cemento indoor). Ieri: Melzer (Aut) b. Bogomolov Jr 6-2 6-4 6-1; Kunitsyn (Rus) b. Haider-Maurer 6-4 4-6 7-6 (4). Canada-Francia 1-2 (a Vancouver, cemento indoor). Ieri: Benneteau-Llodra (Fra) b. Nestor-Raonic 7-6 (1) 7-6 (6) 6-3. Serbia-Svezia 4-1 (a Nis, cemento indoor). Ieri: Tipsarevic (Ser) b. Ryderstedt 6-2 7-6 (5) 7-5; Lajovic (Ser) b. Prpic (Sve) 6-4 6-4. Giappone-Croazia 2-3 (a Hyogo, cemento indoor). Ieri: Nishikori (Giap) b. Dodig (Cro) 7-5 7-6 (4) 6-3; Karlovic (Cro) b. Soeda (Giap) 7-6 (4) 6-1 6-4. Le altre: Spagna-Kazakistan 5-0; Svizzera-Stati Uniti 0-5; Germania-Argentina 1-4. PRIMA ANGELICA Sorpresa a Parigi (600.000 euro, indoor), dove la tedesca Kerber, numero 27 mondiale, dopo aver eliminato ai quarti la Sharapova, conquista il primo titolo in carriera battendo la favorita Bartoli, numero 7. Finale: Kerber (Ger) b. Bartoli (Fra) 7-6 (3) 5-7 6-3. VAI DANIELA La slovacca Hantuchova, allenata da Pistolesi, conferma il titolo a Pattaya (Thai, 167mila euro, cemento): il quinto torneo in carriera. Finale: Hantuchova (Slk) b. Kirilenko (Rus) 6-7 (4) 6-3 6-3.

VINCENZO MARTUCCI OSTRAVA (R.Cec)

Perch noi no? Perch il tennis cos difficile ed avaro di protagonisti? Perch altre nazioni come la Repubblica Ceca, pi povere di mezzi e con pi problemi logistici, continuano a sfornare giocatori di prima qualit (come Tomas Berdych e Petra Kvitova) e a conservare i veterani (come Radek Stepanek)? Perch non abbiamo ricambi? Perch, a differenza delle fiammate delle azzurre, non ci sono pi campioni?
Allenatore Che ne pensa Umberto Rianna, cresciuto fra settore tecnico Fit e Nick Bollettieri Academy, che allena da sempre Potito Starace, ad Arezzo? Non esprimiamo le nostre potenzialit. Alla base, c una fragilit emotiva che coinvolge tutti. Evidentemente, noi tecnici, allinizio, non favoriamo la crescita tecnica, emotiva ed agonistica, tendiamo a proteggere, a non rendere indipendenti i ragazzi, a non fargli assumere le proprie responsabilit. E questo, sul campo da tennis e nella gestione professionale, si paga. E il nostro tallone dAchille. Perch negli altri sport non succede? Nel nuoto, ci sono meto-

Potito Starace, 30, cardine della squadra azzurra: ma dietro la sua generazione non si scorgono ricambi REUTERS

dologie particolari, pi precise e codificate, nel tennis, non conosci la durata, c il punteggio, hai pi varianti e meno riferimenti. La gestione e la crescita che parte da piccoli pi problematica proprio per la caratteristica dello sport e come si concilia con la societ. Dovremmo prestare pi attenzione alla crescita della persona, per arrivare al tennista. Mario Belardinelli, che a Formia allev Panatta, Barazzutti, Bertolucci e Zugarelli, suggeriva: "Prendeteli or-

A OSTRAVA FINISCE 4-1

Bolelli ci regala il punto della bandiera A settembre spareggio per restare in A


Simone Bolelli regala il punto della bandiera allItalia, che ad aprile conoscer lavversaria dello spareggio playoff di settembre per la permanenza in serie A. REPUBBLICA CECA-ITALIA 4-1 CEZ Arena, Ostrava (cemento indoor). Venerd: Stepanek b. SEPPI 4 6 6 4 6 3 3 6 6 3; Berdych b. BOLELLI 6 3 4 6 7 5 6 2. Sabato: Berdych Stepanek b. BRACCIALI STARACE 6 3 6 4 6 2. Ieri: Rosol (Cec) b. SEPPI 4 6 6 3 6 4; BOLELLI b. Cermak (Cec) 6 4 6 4.

no azzurro, Potito Starace? Oggi il tennis soprattutto fisico, non tecnica. E uno sport davvero mondiale: lo giocano, lo conoscono e lo studiano tutti, in tutti i paesi. Per fare un numero 1 non bastano una, due, tre gare, ma tante gare, tutte le settimane. E dura, veramente dura. Soprattutto con le basi che ho io: altrimenti, con unaltra attitudine, non sarei numero 60 del mondo e non avrei questistinto di starmene a fondocampo, sul veloce, dove si gioca di pi. Il tennis unincognita: Ci sono pi varianti: con tutto il rispetto, pista datletica, pedana di scherma e piscina di nuoto sono sempre quelle, con tempi da fare certi, come i chilometri e chilometri dellallenamento. Limiti precisi. Nel tennis cambia tutto: di torneo in torneo, palle, superfici, luci, tu, quando ti alzi dal letto la mattina e lavversario, col quale devi convivere. Troppe variabili, anche in partita. E poi c il mammismo: Ferrer, che un mostro, non accusa i viaggi. Io, adesso che vado in Sud America, sulla terra, mi sentir spaesato. Poi da l, andr direttamente sul cemento Usa, e star 3 settimane almeno fuori casa. S, noi italiani a casa nostra stiamo meglio che ovunque, nel mondo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL COMMENTO di RINO TOMMASI

a pagina 31

40

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

SPORT INVERNALI
GHIACCIO SHORT TRACK
Arianna Fontana, 21 anni, oro europeo, bronzo olimpico e iridato REUTERS

Fontana vince la Coppa dei 500 E la prima volta di unitaliana


La valtellinese prima in Olanda: ed trionfo. Super seconda Martina Valcepina
ANDREA BUONGIOVANNI

i risultati E regina anche del ranking iridato


Uomini. 500: 1. Simon (Usa); 2. Kwak Yoon-Gy (S.Cor); 3. Tremblay (Can); 28. Viscardi; 33. Reggiani. Coppa: 1. Jean (Can) 4000; 43. Reggiani 104. 1000 (II): 1. Noh Jinkyu (S.Cor); 2. Jean (Can); 3. Celski (Usa); 37. Cassinelli; 39. Dotti. Coppa: 1. Kwak Yoon-Gy (S.Cor) 5312; 26. Dotti 427. 1500. Coppa: 1. Noh Jinkyu (S.Cor) 6000; 29. Dotti 267. Generale: 1. Noh Jinkyu (S.Cor); 2. Kwak Yoon-Gy (S.Cor); 3. Jean (Can). Staffetta: 1. Olanda; 2. Canada; 3. Sud Corea; 10. Italia. Coppa: 1. Canada 3600; 10. Italia 570. Donne. 500: 1. Fontana; 2. St-Gelais (Can); 3. M. Valcepina; 19. Viviani. Coppa: 1. Fontana 4800; 2. M. Valcepina 3942; 3. Liu Qiuhong (Cina) 3920. 1000 (II): 1. Gehring (Usa); 2. Drolet (Can); 3. Li Jianrou (Cina); 23. A. Valcepina; 24. Maffei. Coppa: 1. Sakai (Giap) 4202; 30. M. Valcepina 249. 1500. Coppa: 1. Cho Ha-Ri (S.Cor) 5040; 6. Fontana 2525. Generale: 1. Fontana; 2. Sakai (Giap); 3. Cho Ha-Ri; 5. M. Valcepina. Staffetta: 1. Cina; 2. Usa; 3. Giappone; 5. Italia. Coppa: 1. Cina 4000; 4. Italia 2230.

19 anni e, come la collega delle Fiamme Gialle, un futuro tutto da scrivere.


Primizia Per lItalia femminile,

olimpica individuale femminile tricolore: il bronzo, proprio sui 500, a Vancouver 2010.
Dittatura La signorina Fontana, in Coppa, su cinque 500 disputati, ne ha vinti quattro: a Saguenay, in Canada, a Nagoya, in Giappone, a Shanghai, in Cina e, appunto, quello di ieri. Ai quali aggiunge il secondo posto di Mosca di nove giorni fa. E persino due squilli nei 1500 e uno in staffetta. Insomma: un semi dominio. Confermato dal primo posto nel ranking mondiale generale, ottenuto grazie pure al sesto posto nella classifica conclusiva dei 1500.

Infinita Arianna Fontana: la 21enne valtellinese, sul ghiaccio olandese di Dordrecht, vince anche lultimo 500 della stagione di Coppa del Mondo e si aggiudica il titolo di specialit. Trascinando al secondo posto laltrettanto scoppiettante Martina Valcepina,

in quindici edizioni della rassegna, si tratta di una prima volta. In precedenza, individualmente, al successo in casa azzurra era infatti arrivato il solo Fabio Carta, capace di imporsi negli stessi 500 nel 1998-1999 e nei 1500 nel 2002-2003. Poi, nel 2006-2007, era stato il turno di entrambe le staffette. Arianna, pure bronzo iridato in carica e quattro volte campionessa dEuropa, si conferma cos donna abbatti-barriere. Sua stata anche la prima medaglia

La gara Ieri la finale dei 500 stata palpitante: prima una caduta della Valcepina allimbocco della curva davvio, poi una falsa della Fontana e della canadese Maltais. Si cos ricorsi a una terza partenza. Quella buona. Con Arianna a fare subito il vuo-

to e a non mollare mai la presa. Alle sue spalle laltra canadese St-Gelais, quindi Martina, capace di conquistare i punti sufficienti per scavalcare nella generale la cinese Liu Qiuhong. Insomma, un trionfo. Ora i Mondiali: dal 9 all11 marzo, a Shanghai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Kostelic Trionfo e lacrime di paura

PIERANGELO MOLINARO

Quelle lacrime di Ivica Kostelic sul podio della combinata di Sochi (Russia) potrebbero segnare una svolta nella Coppa del Mondo. Il croato ha vinto la terza gara composita su quattro, ma uscito zoppicando dal parterre e, dalle prime indicazioni potrebbe avere problemi al ginocchio destro. Questo dolore lo conosco, potrebbe trattarsi di un menisco, ha sussurrato il croato. Oggi Kostelic voler a Basilea, dove gi pi volte sono intervenuti sulle sue sventurate articolazioni, per esami approfonditi. Sarebbe un peccato dovesse fermarsi, perch la lotta al vertice per la conquista della sfera di cristallo appassionante. Lo svizzero Feuz tiene botta e ieri si classificato secondo. Solo 70 punti li dividono in classifica.
Il capolavoro Quello di Kostelic stato lennesimo capolavoro costruito in slalom. Ha infatti chiuso la discesa con 1"52 di distacco senza prendere mezzo rischio, ma fra le porte strette, se si esclude Benny Raich, ha rifilato due secondi ed oltre a tutti gli altri avversari. Come a Wengen e a Kitzbuehel. Ieri terzo alle spalle di Feuz si piazzato il francese Mermillod Blondin. Le donne Con il vento ancora protagonista, le donne invece a Soldeu (Andorra) sono finalmente riuscite a disputare un gigante, anzi trequarti, perch la seconda manche, proprio per le raffiche, stata accorciata di una ventina di secondi rispetto alla prima, 13 porte in meno. Ne ha approfittato al massimo la francese Tessa Worley, la prima a capire nella prima manche che il tracciato sulla bella pista pirenaica andava affrontato a tutta. Nella seconda discesa, con il vento che imperversava, si limitata a controllare senza rischiare avventure e cos ha chiuso con 16/100 di vantaggio sulla slovena Maze e 75/100 sulla tedesca Riesch.

HA DETTO IVICA

d
S

Gli azzurri Un poco di fortuna

Questo dolore lo conosco, potrebbe trattarsi del menisco. Se si fermasse nella corsa alla Coppa lascerebbe strada a Feuz e Hirscher

non guasterebbe e la giornata di ieri di Coppa del Mondo si chiusa per la squadra azzurra con due quarti posti, quello di Matteo Marsaglia nella combinata preolimpica e di Manuela Moelgg nel gigante. Marsaglia, 13 dopo la discesa con 1"29 di distacco dal leader Feuz, ha disputato un ottimo slalom e con il quinto tempo di frazione risalito sino ai piedi del podio. Matteo ha decisamente un futuro in questa specialit. Loccasione, come a Chamonix, lha persa Paris, terzo dopo la libera a 51/100 da Feuz. Deludente invece la discesa di Innerhofer, solo 16, che poi con lo slalom risalito sino allottavo posto.
Loccasione La grande occasio-

AI PIEDI DEL PODIO

A
S

Laltra neve
FONDO

Staffetta fondo: Italia quarta con rimpianto


Ancora un grande rimpianto, un po dio mancato per lItalia del fondo a Nove Mesto (R.Cec): la staffetta ma schile quarta per un secondo. Tra le donne, invece, azzurre undicesi me dopo le difficolt in alternato. Doppietta norvegese. Risultati. 4x10 km mx (tc/tl) uomini: 1. Nor vegia (Roenning, Dyrhaug, Sundby, Northug) 140"16"8; 2. Russia a 6/10; 3. Svezia a 2"2; 4. ITALIA (F.Pasini, Checchi, Clara, Moriggl) a 3"1; 5. Ger mania a 3"2; 6. ITALIA 2 (Noeckler, Di Centa, Piller Cottrer, Hofer) a 6". Donne, 4x5 km mx (tc/tl) donne: 1. Norvegia (Skofterud, Johaug, Ja cobsen, Bjoergen) 5451"4; 2. Finlan dia a 32"6; 3. Norvegia 2 a 32"6 (ff); 4. Svezia a 54"7; 11. ITALIA (Cavallar, De Martin, Rupil, Brocard) a 324"5.

A sinistra le lacrime di Ivica sul podio. Sotto si sorregge con i bastoni EPA

In combinata il croato ha finito zoppicando: menisco? Due quarti posti per gli azzurri
la guida Alla francese Worley il gigante di Soldeu Azzurre sprecone
SUPERCOMBINATA MASCHILE (Sochi): 1. Kostelic (Cro) 250"21; 2. Feuz (Svi) a 1"16; 3. Mermillod (Fra) 1"77; 4. MARSAGLIA 2"02; 5. Raich (Aut) 2"57; 6. Svindal (Nor) 2"58; 7. Janka (Svi) 2"83; 8. INNERHOFER 2"84; 9. Jansrud (Nor) 2"85; 10.

ne lhanno invece sprecata le azzurre e non solo Manuela Moelgg, che partita con il numero 20, conseguenza delle ultime uscite, ha chiuso la prima discesa al secondo posto alle spalle della Worley a soli 13/100. Erano ben sette le azzurre classificate per la seconda parte con Brignone (6 a 94/100), Sabrina Fanchini (7a a 1"19)e Karbon (8 a 1"21) a portata di podio. Peccato che la Brignone sia scesa troppo tranquilla nella prima tornata rimediando un distacco di quasi un secondo e compromettendo subito la possibilit di vittoria. Nella seconda discesa pi breve invece le cose non sono andate bene: la Brignone non ha trovato la marcia giusta, anche se il tempo di gara era troppo breve per permettere grandi recuperi, la pi piccola delle Fanchini si sdraiata sulla neve e davvero sfortunata ancora una volta stata Denise Karbon che, nonostante i problemi alle ginocchia stava andando bene prima di un errore a 4 porte dal traguardo. Comunque contenta Manuela Moelgg: Dopo le uscite della prime gare, ci voleva un piazzamento, che soprattutto mi permette di rientrare nel primo gruppo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Manuela Moelgg, 28 anni, ieri a Soldeu si piazzata quarta in gigante, piazzamento che le permette di rientrare nel primo gruppo di partenza

COMBINATA NORDICA

S
Matteo Marsaglia, 26 anni, si piazzato quarto nella combinata di Sochi dimostrando di avere un futuro in chiave olimpica nella specialit

Pittin 8ad Almaty e 4 nella generale


ALMATY (Kaz) Recupera 8 posizioni e 58" ma non riesce a salire sul po dio, Alessandro Pittin, in Coppa del Mondo di combinata. Lazzurro ora quarto nella generale. Doppietta del norvegese Kokslien sul giappo nede Watabe, primo nel salto. Hs140 + 10 km): 1. Kokslien (Nor) 2524"2 (10); 2. Watabe (Gia) a 2"7 (1); 3. Gruber (Ger) a 4"9 (2); 4. Ries sle (Ger) a 13"1 (11); 5. Lamy Chap puis (Fra) a 14"6 (6); 8. PITTIN a 27"2 (16); 21. MICHIELLI a 142"2 (24); 26. BAUER a 153"1 (36); 27. L. RUNG GALDIER a 153"2 (38). CdM: 1. Lamy Chappuis (Fra) 983; 2. Wata be (Gia) 813; 3. Kokslien (Nor) 744; 4. PITTIN 724.

SALTO

Colloredo chiude 20 Donne: la Insam 11a


Coppe del Mondo di salto. Uomini, a Willingen (Ger): 1. Bardal (Nor) 277; 2. Koudelka (R.Cec) 270.3; 3. Ito (Gia) 264.4; 20. COLLOREDO 214.5. CdM: 1. Bardal (Nor) 1117; 2. Schlie renzauer (Aut) 1059; 32. COLLORE DO 112. Donne a Ljubno (Slo): 1. Hendrickson (Usa) 259.6; 2. Taka nashi (Gia) 246.7; 3. Seifriedsberger (Aut) 222.4; 11. INSAM 201.8; 25. E.RUNGGALDIER 177.5; 28. DEMETZ 170.9; 31. DAGOSTINA 85.7. CdM: 1. Henrickson (Usa) 789; 12. INSAM 203.

FREESTYLE
FILL 3"08; 15. CASSE 3"87. Rit. Slalom: Paris, Klotz, Pangrazzi. Coppa del Mondo (29 prove): 1. Kostelic (Cro) p. 1043; 2. Feuz (Svi) 973; 3. Hirscher (Aut) 825; 17. Deville 370. Coppa combinata (4 pr.): 1. Kostelic (Cro) 336; 2. Feuz (Svi) 300; 3. Baumann (Aut) 159; 9. Innerhofer 108. GIGANTE DONNE (SOLDEU): 1. Worley (Fra) 201"80; 2. Maze (Slo) a 16/100; 3. Riesch (Ger) 75/100; 4. MOELGG 99/100; 5. Goergl (Aut) 1"00; 6. Fenninger (Aut) 1"14; 7. Gagnon (Can) 1"28; 8. Vonn (Usa) 1"36; 9. Gut (Svi) 1"61; 10. Brem (Aut) 1"93; 12. I. CURTONI 2"12; 13. BRIGNONE 2"20; 15. GIANESINI 2"30; 18. AGERER 2"72; 27. KARBON 12"46. Non qual. II m.: E. Curtoni, N. Fanchini, Gius. Coppa del Mondo (25 prove): 1. Vonn (Usa) p. 1382; 2. Maze (Slo) 972; 3. Riesch (Ger) 856; 17. Merighetti 296. Coppa gigante (5 pr.): 1. Worley (Fra) 310; 2. Rebensburg (Ger) 290; 3. Fenninger (Aut) 262; 7. Brignone 180. PROGRAMMA 18/2: gigante maschile a Bansko (Bul) e discesa donne a Sochi (Rus). 19/2: supercombinata donne a Sochi (Rus) e slalom maschile a Bansko (Bul). 21/2: parallelo maschile e femminile a Mosca (Rus).

Gobbe: Matiz 8
A Beida Lake (Cina), Giacomo Matiz 8 in Coppa del Mondo di gobbe (suo miglior risultato). Uomini: 1. Kin gsbury (Can); 2. Reiherd (Kaz); 3. Marquis (Can); 8. MATIZ. Donne: 1. Kearney (Usa); 2. Dufour Lapointe (Can); 3. Galysheva (Kaz).

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

41

RUGBY

SEI NAZIONI
condo estremo; o come lesperienza di Mauro Bergamasco (sabato all89 cap) venga compensata con la freschezza di Luca Morisi (sabato allesordio). Dal primo giorno inseguo lobiettivo di una squadra equilibrata ricorda Jacques Brunel, c.t. azzurro . Equilibrio fra trequarti e avanti, fra difesa e attacco, fra gioco alla mano e al piede, fra tutte le zone del campo. Lequilibrio non ha bisogno di equilibristi, ma di giocatori, e tanti. Oggi possiamo contare su 60, forse 70 atleti di alto livello: vorrei che diventassero un centinaio. Ed per questo che vado a vedere partite dellEccellenza e, se posso, partecipo agli allenamenti delle squadre che mi cerca-

Come si valuta un giocatore


I giocatori vengono giudicati e selezionati secondo tre parametri: 1) potenza; 2) velocit; 3) abilit. A Treviso devono possedere almeno due dei tre parametri: poi vengono seguiti e allenati per colmare le lacune.

Taccuino
COSTOLA FRATTURATA

Castro, Torneo finito Stop di 30-40 giorni


ROMA Ora ufficiale: il Sei Nazioni di Martin Castrogiovanni gi finito. Ieri pomeriggio il pilone azzurro, do po il trauma subito sabato, stato sottoposto a una Tac che ha eviden ziato la frattura scomposta della settima costola destra: i tempi di ri poso stimati sono di 30 40 giorni (lultimo match in programma il 17 marzo a Roma contro lo Scozia).

Le abilita tecniche e umane


Il set of skills il bagaglio di abilit, formato da una serie quasi infinita di capacit tecniche, ma anche umane: dal passaggio al calcio, dal placcaggio alla corsa, fino a considerare, per esempio, la corsa rotta, che la facolt di correre cambiando gli angoli e formandone di molto stretti. Il set of skills individuale va armonizzato con il set of skills collettivo e studiato per affrontare il set of skills della squadra avversaria.

ASCOLTI TV

Per Sky Sport record da 290.420 spettatori


Ascolti record per Sky Sport per Italia Inghilterra: sabato 290.420 spettatori medi (838.385 contatti unici) hanno seguito il match. Il da to supera il primato stabilito da Francia Italia del sabato preceden te (221.972 spettatori medi).

Equilibrio fra trequarti e avanti, fra difesa e attacco, fra gioco alla mano e al piede, fra giovani e anziani
no, perch so che esistono ancora talenti sconosciuti.
Palafitte Munari sostiene che in

Il rugbista ideale: Morisi


Un giocatore ideale? Luca Morisi, 20 anni il prossimo 22 febbraio, 1,83 per 91, capace di giocare apertura, centro ed estremo, carattere sensibile, personalit forte, e timidezza - sul campo - zero.

A CARDIFF

Galles, tre mete Scozia, altra sconfitta


CARDIFF Dopo un opaco primo tem po, il Galles prende in mano le redini del gioco e di fronte agli 80.000 del Millennium affossa la Scozia, costret ta alla seconda sconfitta consecuti va. Protagonista assoluto Leigh Hal fpenny, autore di 22 punti (con due mete). Agli ospiti non basta Greig Laidlaw, autore di tutti i 13 punti della squadra, prima meta dopo cinque partite comprese. Nella ri prese gialli al gallese Jenkins (al 36) e agli scozzesi De Luca (al 5) e Rory Lamont (al 14). Intanto lIrb, con un comunicato, appoggia la decisione dellarbitro Dave Pearson di rinviare, a causa del gelo, Francia Irlanda cinque minuti prima dellinizio. La decisione aveva provocato il di sappunto dei 78.000 tifosi dello Stade de France e del presidente della federazione transalpina, Pierre Camou. Galles-Scozia 27-13 (3-3). Marcatori: p.t. 23 c.p. Laidlaw (S), 31 c.p. Hal fpenny (G); s.t. 1 m. Cuthbert tr. Hal fpenny (G), 8 c.p. Halfpenny (G), 10 m. Halfpenny tr. Halfpenny (G), 11 c.p. Lai dlaw (S), 15 m. Halfpenny tr. Halfpen ny (G), 23 m. Laidlaw tr. Laidlaw (S). Classifica: Galles. Inghilterra 4; Francia* 2; Irlanda*, Scozia, Italia 0 (*una in meno). Prossimo turno (3 giornata) Irlan da Italia; Inghilterra Galles (sabato 25/2); Scozia Francia (domenica 26/2).

Giovanbattista Venditti, 21 anni, ala degli Aironi, sabato allOlimpico la prima meta in Nazionale FOTOPRESS

Il credo di Brunel Il ruolo non conta Serve lequilibrio


Lala deve saper fare il mediano: Valuto capacit tecniche e morali. Ora abbiamo 60-70 giocatori, ne servono 100
MARCO PASTONESI

tivo, di squadra, forse anche di gruppo, o addirittura di club.


Barzelletta Set of skills: la pri-

Si chiama set of skills e si potrebbe tradurre con bagaglio di abilit: tutto quellinsieme di caratteristiche fisiche, di qualit tecniche, di doti morali, forse anche di valori spirituali che ogni giocatore possiede per natura, educazione, istruzione, allenamento, tradizione, esperienza. E non tutto: perch il set of skills individuale deve sposarsi con quello degli altri giocatori e diventare un set of skills collet-

ma a parlarne, e dunque a studiarlo, osservarlo, costruirlo, stata la Nuova Zelanda. Guardate gli All Blacks, meglio se non negli anni della Coppa del Mondo, quando la pressione li costringe a reprimere il loro spirito libero, e anche il loro "set of skills", alla ricerca del risultato a tutti i costi in modo razionale spiega Vittorio Munari, direttore Benetton e telecronista Sky

. Guardate gli All Blacks e troverete lala giocare in mezzo al campo, o una seconda linea infilato fra i trequarti, o i mediani invertire le loro posizioni. I ruoli? Una barzelletta. Tutti sanno fare tutto. Magari significa farlo solo una volta in 80 minuti, ma che pu essere decisiva.
In casa Qualcosa del genere sta

succedendo anche nella Nazionale italiana: cos si spiega come Luke McLean, che non unala pura ma pi un estremo, sia schierato ala per fare anche da se-

Italia siamo ancora alle palafitte. E aggiunge che la prima cosa da fare costituire un centro studi, come fatto a Treviso, che faccia ricerca e analisi sui giocatori, un identikit, una radiografia, un curriculum da mixare e armonizzare perch lobiettivo che i giocatori pi dotati siano valorizzati da questa alchimia umana e tecnica. Dare un sostegno alle loro abilit. Oggi al gioco, e dunque ai giocatori, si chiedono due cose: intensit e velocit dice Brunel . Ogni partita ha un ritmo, e il ritmo musica. Facendo un po di poesia, ma poi neanche tanta, la squadra come unorchestra, e allorchestra bisogna dare uno spartito anche in base al valore degli orchestrali. La mia musica preferita, cio il mio gioco, potrebbe essere paragonata a una sinfonia che continua a crescere, sempre pi andante, sempre pi in alto. E questo spetta ai trequarti: a ogni passaggio la velocit di esecuzione dovrebbe aumentare. Brunel ricorda un suo allenatore che, esasperato perch non riusciva a farsi capire dai giocatori, un giorno port nello spogliatoio un registratore e lo accese. Era il Nabucco. Restammo folgorati. Ci vennero i brividi. E finalmente capimmo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca Morisi, 19 anni, milanese dei Crociati Parma, sabato allesordio FAMA

A RECCO

Italdonne k.o. Inghilterra facile


(c.b.) Ieri pomeriggio a Recco (Ge), ItaliaInghilterra 3 43 (3 26). Per le azzurre un piazzato di Veronica Schiavon.

SCHERMA COPPA DEL MONDO

Dream Team gi a Londra Urlo Navarria nella spada


Le fiorettiste battono la Russia e guadagnano il pass A Doha sul podio anche Fiamingo e Quondamcarlo

Sabato la tripletta nellindividuale, con Di Francisca-Vezzali-Errigo. Ieri la rivincita del Dream Team di fioretto femminile sulla Russia (che aveva battuto le azzurre nella finale iridata di Catania) che vale la certezza della qualificazione olimpica. Non che ci fossero dubbi sul pass per Londra della squadra numero 1 del ranking mondiale e con due sconfitte in tre stagioni di Coppa del Mondo, ma ora aritmetico. E la giornata speciale completata da unaltra tripletta, stavolta della spada femminile: a Doha la 26enne friulana Mara Navarria (a sinistra) a trionfare per la prima

volta in carriera, con le compagne di squadra Francesca Quondamcarlo e Rossella Fiamingo al terzo posto.
Rivincita fioretto Nella prova a

avversarie. Era una rivincita che le ragazze volevano commenta il c.t. Stefano Cerioni . Il punteggio dice tutto.
Sorpresa spada Se il fioretto

per la qualificazione. Obiettivo gi centrato dalliridato Paolo Pizzo, i 12 punti guadagnati sabato gli assicurano un posto a Londra.
RIPRODUZIONE RISERVATA

squadre Valentina Vezzali, Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Ilaria Salvatori hanno rimesso in ordine la classifica. Il 45-29 in finale sulle russe non ripaga la delusione mondiale, ma conferma lo strapotere delle azzurre (in 4 ai primi 5 posti del ranking mondiale). Nei 4 assalti che hanno portato al successo Vezzali e compagne (con un nuovo balletto portafortuna, nella foto sopra) hanno lasciato in tutto 100 stoccate alle

una garanzia, la spada femminile comincia a diventarlo. Finora le soddisfazioni erano arrivate dalla squadra oro mondiale ad Antalya 2009 e bronzo a Catania 2011 , ieri a Doha in tre sono salite sul podio. Impresa riuscita solo unaltra volta alla spada donne italiana in Coppa, quando il 4 aprile 93 a LAvana Elisa Uga si impose su Roberta Giussani, con Laura Chiesa 3a. Oggi la prova a squadre, con in palio punti

Fioretto donne a squadre a Tauberbischofshein (Ger). Finale 1 posto: ITALIA (Vezzali, Di Francisca, Errigo, Salvatori) b. Russia (Lamonora, Biryukova, 45-29); 3 posto: Polonia b. Sud Corea 29-28. Semifinali: Italia b. Polonia 45-33; Russia b. Sud Corea 43-35. Quarti: Italia b. Francia 45-30. Ottavi: Italia b. Brasile 45-8. Spada donne individuale a Doha (Qatar): Navarria b. Jung (S.Cor) 15-12. Semifinali: Navarria b. Quondamcarlo 15-9; Jung (S.Cor) b. Fiamingo 15-6. Quarti: Navarria b. Luo (Cina) 15-10; Quondamcarlo b. Pantelyeyeva (Ucr) 7-6; Fiamingo b. Dinu (Rom) 15-9.

42
#

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

GOLF EUROPEAN TOUR

SUCCESSI SPAGNOLI

A
S

MCILROY QUINTO
Cos al Dubai Desert Classic sul percorso dellEmirates Gc di Dubai (par 72). 1. Cabrera Bello (Spa) - 18 (63 69 70 68, 270) 315,532 e; 2. Gallacher (Sco) -17 (69 65 68 69, 271) 164.434 e, Westwood (Ing, 69 65 67 70); 4. Siem (Ger) -15 (65 69 68 71, 273) 94.661 e; 5. Coetzee (Saf) -14 (69 66 69 70, 274) 62.666 e, Jamieson (Sco, 65 68 70 71), Kjeldsen (Dan, 68 69 70 67), McIlroy (N.Irl, 66 65 72 71); 9. Bjorn (Dan) -13 (66 65 73 71, 275) 38.369 e, Colsaerts (Bel, 66 72 67 70), Sjoholm (Sve, 71 66 66 72). 16. F.MOLINARI -10(70 68 69 71, 278) 25.038 e; 24. E. MOLINARI -8 (69 72 68 71, 280) 19.406; 42. MANASSERO -4 (71 70 70 73, 284) 10.034 e; 81. COLOMBO +11 (74 69 79 77, 299) 2.810 e.

ITALIANI I 4 RIMASTI

F. Molinari il migliore dei nostri


Chiude 16: Una buona settimana. Edoardo 24

Miguel Angel Jimenez, 48 anni nato a Malaga. Ha vinto il Dubai Desert Classic nel 2010. In carriera ha conquistato 18 titoli del Tour Europeo

S
Alvaro Quiros, 28 anni, nato a Cadice. E stato il vincitore del torneo lo scorso anno. A Dubai a dicembre ha conquistato la finale del Tour Europeo

Francesco Molinari, 29 anni AP

Dubai spagnola Stavolta trionfa Cabrera-Bello


Dopo Jimenez e Quiros, il ragazzo delle Canarie Che gioia lasciarmi dietro Westwood e McIlroy
FEDERICA COCCHI

S
Rafael Cabrera Bello, 27 anni (anche sopra) spagnolo delle Canarie. Ha vinto lAustria Open del 2009 EPA

Aveva iniziato tirando palline nel cortile di casa. Quando, probabilmente, il numero di finestre rotte ai vicini ha iniziato a diventare impegnativo, i signori Cabrera-Bello hanno deciso di mandare il piccolo Rafael a lezione di golf. Fortuna ha voluto che a poca distanza da casa, a Las Palmas, Isola di Gran Canaria, si trovasse un campo su cui a sei anni Rafa ha iniziato la carriera. Chiss se i vicini dalle finestre rotte avranno esultato ieri alla notizia che il piccolo vandalo golfista aveva conquistato il Dubai Desert Classic, uno dei pi prestigiosi appuntamenti dello European Tour.
Tradizione Cabrera Bello (270 -

Ho dimostrato che posso giocare, se voglio, al livello dei migliori al mondo


gnolo di fila a portare a casa il trofeo (e la prima moneta da 315.00 euro) dopo Miguel Angel Jimenez nel 2010 e Alvaro Quiros lanno passato. Sono felice che il mio nome sia scritto sullo stesso trofeo che stato sollevato da Seve Ballesteros, da Olazabal, da Jimenez e dal mio caro amico Alvaro Quiros. Ma la felicit arriva anche dallaver battuto le eccellenze del golf di adesso: da McIlroy a Westwood e Kaymer: E una sensazione indescrivibile - ha raccontato dopo la vittoria che arriva dopo una settimana spettacolare. Sono orgoglioso di quanto sono riuscito a fare

perch in gara cerano avversari fortissimi. Sono riuscito a mantenere la calma, a fare quello che volevo e alla fine, eccomi a sollevare la coppa. Il 27enne spagnolo, al secondo successo sul Tour dopo lOpen austriaco del 2009, ha dato prova di grande solidit nellultimo giro. Partito con un colpo di svantaggio dal leader in clubhouse Lee Westwood, Rafael ha portato a termine il suo giro in 68, senza un bogey ma con quattro birdie fondamentali, tre nelle buche di ritorno, come al par 4 della 17. Westwood invece, che stato anche in testa di due colpi e sembrava avviato al successo, ha avuto difficolt sui green e ha chiuso al 2 posto in coabitazione con Stephen Gallacher. Linglese ex n.1 si consola superando Rory McIlroy nel ranking mondiale e piazzandosi in 2 posizione.
Porte aperte Questo successo

per lo spagnolo, che subito dopo la vittoria ha ricevuto la chiamata della sorella Emma, proette sul tour femminile, un grande passo avanti: passa infatti da 119 al mondo a numero 60 e arriva a due milioni e mezzo di euro in carriera. La vittoria dimostra che sto lavorando nelle giusta direzione ha concluso Cabrera Bello . Questo mi d ancora pi fiducia nelle mie possibilit perch ho dimostrato che posso giocare, se voglio, al livello dei migliori. Spero che un successo cos importante sia la conferma che finalmente ho trovato il gioco che stavo cercando, ho lavorato tanto per questo. Chiedete un po ai vicini...
RIPRODUZIONE RISERVATA

(f.co.) Partiti in sei, il Dubai Desert Classic ha lasciato in gara quattro italiani. Francesco Molinari quello che ha concluso con la classifica pi alta, un sedicesimo posto (278 - 70 68 69 71, -10) che maturato grazie a un ultimo giro con due birdie e un bogey. E stata una buona settimana ha commentato su Twitter , peccato per le occasioni che non ho raccolto nel primo giro. Ora mi dedicher a una settimana di preparazione al match-play. Il fratello Edoardo, che ha compiuto sabato 31 anni, finito poco pi in l, al 24con 280 (69 72 68 71, -8). Per lui tre birdie e due bogey nellultima giornata di gara: Ancora un buon giro con molto vento... affida anche lui il commento al social network . Peccato per il bogey alla 18 con tre putt, ma tutto sommato stata una settimana decorosa. I problemi al polso continuano a condizionare il suo gioco, tanto che proprio in questi giorni, il maggiore dei Molinari, decider come curarsi.
Manny Qualche incertezza per Matteo Manassero, 42 con 284 (71 70 70 73, -4), Finito un'altra giornata!! il suo commento post gara Dopo 4 settimane di caldo ora merito di tornare e provare il vero gelo. Poi match play in Arizona.... Federico Colombo, allesordio in questo torneo, si piazzato 81 con 299 (74 69 79 77, +11) e comunque ha fatto esperienza. Non hanno superato il taglio Lorenzo Gagli e Andrea Pavan, che questa settimana saranno in India per l'Avantha Masters.
RIPRODUZIONE RISERVATA

63 69 70 68, -18) il terzo spa-

LPGA TOUR A MELBOURNE PRIMA VITTORIA PER LA FIGLIA DELLEX TENNISTA CHE L VINSE LUNICO SLAM

Pebble Beach

Korda, lAustralia sulle orme di pap


Del pap ha preso la faccia ( non detto sia una buona notizia), il talento, la forza. Jessica Korda figlia di Petr, ex tennista che nel 98 stato n.2 al mondo, ha conquistato lAustralian Open a Melbourne, il suo primo torneo da professionista. Ad appena 18 anni la sesta pi giovane vincitrice di un torneo Lpga. Per il trionfo un birdie alla seconda buca di un maxi spareggio a sei (72 70 73 74, -3). Giulia Sergas ha chiuso al 37 posto (+8).
Coincidenze Jessica, che ama

leggere e non pu vivere senza iPhone, ha vinto proprio in Australia, dove il Petr (che a volte le fa anche da caddie) ha conquistato lunico Slam in carrie-

Marchio di famiglia: Jessica Korda, 18 anni, esulta con lo stesso salto di pap Petr (sopra)

ra nel 98. E sempre a Melbourne. E per esultare ha fatto lo stesso salto a forbice di pap. Questo un posto davvero speciale per la mia famiglia ha detto la 18enne che passer da n.285 a numero 30 del ranking . Credo che per il primo successo non avrei potuto sperare in un luogo migliore. Subito dopo la vittoria ci siamo sentiti al telefono e ha detto di essere molto orgoglioso di me. Il futuro di Jessica, 19 anni a fine mese, promettente. Rookie of the year nel 2011, gi ora tra le giocatrici pi lunghe del Tour: Mangio tanti spinaci, scherza. E su Twitter subito dopo la vittoria le congratulazioni di due amiche e colleghe: Marika e Daniela Lendl, anche loro promesse del green figlie del grande Ivan.
f.co.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mickelson vittoria n. 40 Tiger rimonta poi cade


Phil Mickelson ha conquistato a Peeble Beach lAt&T National Pro Am, la sua 40a vittoria nel Pga Tour. Secondo, a 2 colpi, il coreano Charlie Wi. Tiger Woods, dopo una straordinaria rimonta dal 17 al terzo posto nella terza giornata di gara, ieri ha rallentato chiudendo solo quindicesimo REUTERS

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

43

TUTTENOTIZIE & RISULTATI


Atletica SFIDA VIRTUALE SUI 400 TRA MEETING IN SALA E ALLAPERTO
Atletica Brava Pennella
Ieri a Firenze, Giulia Pennella, con 7"74, ha centrato la miglior prestazione italiana dei 55 hs (prec. 7"75, Micol Cattaneo; Firenze 2003). A Firenze. Uomini. 55 hs: Mach Di Palmstein 7"68. Asta: DOrio 5.10. Donne. 55 hs: Pennella 7"74. A Modena. Uomini. 60: 2. Checcucci 6"81. 60 hs: Comencini 8"09. Asta: Rubbiani 5.35; Ma. Boni 5.35. Lungo: Braga (j) 7.45. Triplo: Mi. Boni 15.76. Donne. 60: Balboni 7"67 (b); Tomasini 7"70 (b). Asta: Benecchi 4.20. Lungo: Vicenzino 6.27; Zanei 6.04. Triplo: DElicio 13.13. A Schio (Vi). Uomini. Peso: Dal Soglio 18.90; Dodoni 18.21; Ricci 17.58. A Udine. 60: R. Donati 6"84 (b). Donne. 60: Paiero (j) 7"62. A Saronno (Va). Uomini. 60 hs: Redaelli 8"01; Fofana 8"18. Triplo: Magnini 15.86. Donne. 60: Sordelli 7"64 (b. 7"61). 60 hs: Balduchelli 8"42. Alto: Vitobello 1.83. A Ludwigshafen (Ger). Uomini. 60 hs: Dal Molin 777. Donne. 60 hs: Borsi 831. A Vienna (Aut). Uomini. 400. IV: Moraglio 4746. 800. II: Picello 15232. Donne.60: 5. Amidei 757. 400. IV: 2. Marone 5604.

James stende Blake a distanza Conferma Abate: 7"59 nei 60 hs


SILVIO GARAVAGLIA

Johan Blake batte, Kirani James risponde. Il giamaicano debutta nella stagione olimpica correndo un 400 allaperto, nel Camperdown Classic di Kingston orfano di Usain Bolt. Su una distanza per lui quasi inedita, migliora il personale di 31/100, portandolo dopo tre anni da 46"80 a 46"49, battuto da Allodin Fothergill (46"28). Nelle stes-

se ore, il grenadino Kirani James, che della specialit iridato in carica, a Fayetteville (Arkansas, Usa) vola in sala in 45"19. I due a Londra non si scontreranno, visto che Blake si dedicher alla velocit: ma lipotetica sfida a distanza tutta del 19enne Kirani.
Clarke e Madison Diversi altri

limiti mondiali stagionali cadono nei due meeting Usa indoor della notte italiana di sabato, i Millrose Games di New York e, appunto, il Tyson Invi-

tational. In questultimo rispunta, nei 60, liridata del lungo 2005 Tianna Madison che, con 7"02 (aveva 7"18) mette in fila Veronica Campbell (7"08) e Allyson Felix, quarta in 7"11 (personale in batteria con 7"10). Tra gli uomini miglior prestazione mondiale 2012 del giamaicano Lerone Clarke (6"52) davanti a Gatlin e Kimmons (6"57). A New York una ritrovata Sanya Richards fa 50"89 nei 400. E a Seattle la keniana Kipyego sigla gli stagionali di miglio e

5000 (428"41 e 1515"41).


Vai Emanuele Ieri a Karlsruhe gran mezzofondo, un bel 7"16 nei 60 di Ivet Lalova, bulgara dItalia e, proprio in chiave azzurra, altro squillo di Emanuele Abete, terzo nei 60 hs in 7"59 (dopo un 7"63 in batteria), a 2/100 dal suo fresco record italiano. Disco rosso per Silvia Weissteiner nei 3000, nona con 914"30, a 12"20 dal minimo per i Mondiali di Istanbul.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nuoto: sul podio

Grevers vince e chiede le nozze


(al.f.) Al Gp del Missouri di Columbia (Usa), Matt Grevers ha chiesto la mano alla sua fidanzata Annie Chendler nella premiazione dei 100 dorso vinti in 53"37. Volevo una situazione unica per chiederle di sposarmi, le avrei consegnato l'anello sabato se avesse vinto i 100 rana ma la sua gara andata male. Manaudou ok. Risultati. Uomini: 50 sl Cielo (Bra) 2213, Bousquet (Fra) 2226, Lezak 2275; 400 sl Cochrane (Can) 3'5347; 100 do Grevers 5373; 200 ra Shanteau 2'1047. Donne: 50 sl Weir 2544; 100 do Bootsma 1'0020, Manaudou (Fra) 1'0080; 200 fa Maranhao (Bra) 2'0973.

Boxe
CAMMARELLE IN RETE (r.g.) Roberto Cammarelle, oro di Pechino e duplice mondiale (2007 e 2009) qualificato ai Giochi di Londra, ha aperto un sito personale www.robertocammarelle.com per intraprendere un dialogo con i tanti ammiratori, ai quali il pluricampione risponder personalmente, facendo conoscere tutte le fasi della preparazione e gli impegni precedenti a Londra. Il supermassimo azzurro, sar presente ai tornei di Sofia (Bul) dal 20 al 26 febbraio e a quello di Usti (Rep. Ceca) dal 20-25 marzo. Affiancato al sito una finestra anche sul web con Official Website, Official Facebook Page e Twitter profile dove si trover tutta l'attivit del campione italiano pi titolato nei dilettanti. MONDIALE Sorpresa a Los Mochis (Mes) nel Mondiale supermosca Ibf: il campione Rodrigo Guerrero (17-4) ha ceduto lo scettro a Juan Carlos Sanchez (14-2-1) con verdetto unanime ai punti.

i risultati
A Fayetteville (Usa). Uomini. 60: Clarke (Giam) 6"52 (mpm 12); Gatlin 6"57; Kimmons 6"57; Phiri (Zam) 6"59; Thompson (Tri) rit (b. 6"57). 400. I: Pinder (Bah) 45"40. II: James (Grn) 45"19 (mpm 12); C. Smith 45"73. Miglio: S. Kiplagat Ken) 352"63 (mpm 12); Ndiku (Ken) 352"66; D. Komen (Ken) 353"93. 2 miglia: Rupp 809"72. 60 hs: Riley (Giam) 7"53. Triplo: Claye 17.39 (mpm 12). Peso: Whiting 21.43; Rodhe (Can) 20.95. 4x400: Arkansas 303"76 (mpm 12). Donne. 60: Madison 7"02 (mpm 12); Campbell (Giam) 7"08; Ahoure (C.Av.) 7"09 (b. 7"08); Felix 7"11 (b. 7"10); Brooklyn 7"17. 60 hs: Crawford 7"97. Lungo: DeLoach 6.83; Stuart (Bah) 6.79. Triplo: K. Williams 14.28. Peso: Camarena 19.89 (r.n.); Carter 19.09. 4x400: Lsu 331"55 (mpm 12). A New York (Usa). Uomini. 500: Merritt 101"39. Miglio: Centrowitz 353"92. 5000: Lagat 1307"15 (r.n.). 60 hs: Oliver 7"51; Trammell 7"52; A. Merritt 7"53. Alto: Williams 2.32. Donne. 60: Knight 7"25. 400: Richards 50"89 (mpm 12); Hastings 51"85. 1500: Simpson 407"27. 60 hs: Castlin 7"91; Porter 7"93. Asta: Suhr 4.58. Lungo: Kucherenko (Rus) 6.75. A Karlsruhe (Ger). Uomini. 1500: Birgen (Ken) 334"65 (mpm 12); zbilen (Tur) 334"76. 3000: A. Choge (Ken) 729"94 (mpm 12); Soi (Ken) 729"94; Alamirew (Eti) 731"23. 60 hs: Porter (Usa) 7"54; Shabanov (Rus) 7"56 (b. 7"52); ABATE 7"59. Peso: Majewski (Pol) 21.27; Storl 21.03; Cantwell (Usa) 20.68. Donne. 60: Lalova (Bul) 7"16; Bailey (Giam) 7"18. Bat.: Sailer 7"23. 1500: G. Dibaba (Eti) 400"13 (mpm 12); Obiri (Ken) 406"25; Cichocka (Pol) 407"83. 3000: Alaoui (Mar) 836"87; Kibet (Ken) 843"54; Melkamu (Eti) 843"93; 9. WEISSTEINER 914"30. 60 hs: Lewis (Usa) 7"98. Bat.: Nytra 7"97. Alto: Gordeyeva (Rus) 1.93; Friedrich 1.90. Asta: Spiegelburg 4.68.

Canoa
MOLMENTI (a.fr.) Daniele Molmenti, ha chiuso 23, a Penrith, gli Australian Open: una penalit lha tenuto fuori dalla finale ma il 27enne della Forestale resta primo nel ranking mondiale. Vittoria al tedesco Sebastian Schubert sulliridato Peter Kauzer (Slo) e a Vivien Colober (Fra). Ottima prova per il C2 di Camporesi e Ferrari, ottavo; vincono i francesi Klauss e Peche.

Canottaggio
Il grenadino Kirani James, 19 anni, campione del mondo dei 400 REUTERS
INVERNO SUL PO Francesco Pegoraro e Deborah Battagin (Canottieri Varese) vincono la 29 edizione della DInverno sul Po, la regata sui 6 km organizzata dalla Canottieri Esperia. Tra i Senior, i portoghesi Fraga e Mendes si impongono nel doppio maschile, in quello femminile successo di Zuanon e Tipanu. Vittorie per il due senza di Gandiglio, e Tuccinardi e di Sara Brescia e Valeria Monti.

Ippica IERI A PISA E FIRENZE NIENTE CONTROLLI

Biathlon COPPA DEL MONDO IN FINLANDIA: DOPO OLTRE UN ANNO

In Italia arriva la grana antidoping La zampata del pi grande Parigi: Ready k.o., Royal trionfa Bjoerndalen vince per la 94 volta
In Italia le corse sono riprese da due giorni e i problemi sono puntualmente venuti subito a galla. Gli ispettori antidoping sono in agitazione in quanto lUnire ha tolto il secondo controllore al trotto per limare i costi. E cos nella tris di Aversa di sabato i controlli pare siano stati eseguiti da persona senza requisiti specifici, tra le proteste degli ispettori antidoping regolarmente iscritti agli albi. Ieri a Pisa e Firenze lantidoping non stato proprio effettuato. E pensare che il problema dellippica, per la maggior parte delle categorie, sono solo i soldi del montepremi... A Parigi (foto FORNI), invece, una sorpresissima ha caratterizzato uno degli ultimi appuntamenti del meeting. Ready Cash, dopo la seconda vittoria di fila nellAmrique di due settimane fa, finito solo terzo nel Prix de France (m 2100). Lallievo di Thierry Duvaldestin stato battuto da Royal Dream, che lo aveva gi sconfitto nel Belgique ma con 25 metri di vantaggio. Royal Dream ha preceduto il nostro Main Wise As, autore di un ottimo finale a conferma La zampata del vecchio leone. Ole Einar Bjoerndalen (a destra, Reuters), a 38 anni gi compiuti, torna a vincere una gara di Coppa del Mondo dopo quattordici mesi (ultimo successo, Oestersund 2010), conquistando la pursuit di Kontiolahti. E il 93 sigillo del pi grande di sempre, cui va aggiunta una vittoria nel fondo. Quarto dopo la sprint di sabato, il norvegese sposato con litaliana Santer ha approfittato nellultima sessione di tiro degli errori di Fourcade e Svendsen per prendere il comando e arrivare a braccia alzate al traguardo. A tre settimane dai Mondiali di Ruhpolding (OEB vanta 16 ori iridati in carriera) un gran segnale alla concorrenza: E sempre bello vincere ha detto soprattutto dopo unannata cos dura: in estate mi sono allenato male per qualche infortunio di troppo, ma sono sempre stato motivato a tornare in alto. Io amo il mio sport e non ho mai pensato di mollare, questo successo importante perch mi d molta confidenza per i campionati del

Ghiaccio
ASADA BATTUTA Cos a Colorado Springs (Usa) nel Quattro Continenti di figura (oggi differita Gala RaiSport 2 ore 20). Donne. Finale: 1. (2.1.) Wagner (Usa) 192.41; 2. (1.2.) Asada (Giap) 188.62; 3. (4.3.) Zhang (Usa) 176.18. Coppie. Finale: 1. (1.1.) Sui Wenjing-Han Cong (Cina) 201.83; 2. (2.2.) Denney-Coughlin (Usa) 185.42; 3. (3.3.) Marley-Brubaker (Usa) 178.89. Danza. Corto: 1. Davis-White (Usa) 72.15; 2. Virtue-Moir (Can) 71.60; 3. Weaver-Poje (Can) 64.23. PISTA LUNGA Cos ieri ad Hamar (Nor) nella Coppa del Mondo in pista lunga. Uomini. 1500: 1. Davis (Usa) 147"08; 2. Bokko (Nor) 147"21; 3. Groothuis (Ola) 147"55; 19. Anesi 152"36; Nenzi n.p. Inseguimento squadre: 1. Russia 345"42; 2. Sud Corea 346"68; 3. Germania 346"87; 8. Italia (Stefani, Anesi, Cignini) 354"79. Donne. 3000: 1. Sablikova (R.Ceca) 405"88; 2. Beckert (Ger) 406"42; 3. Wst (Ola) 406"57. Inseguimento squadre: 1. Russia 304"83; 2. Polonia 305"57; 3. Sud Corea 305"65.

gliese, ha battuto Castellana (Milushev 13). Gli umbri di Kovac ora vanno a +3 dalla squadra di Di Pinto e domenica prossima c proprio lo scontro diretto in Puglia. Cos la 22: Energy Resources Loreto-Crazy Diamond Segrate 3-1 (25-18, 22-25, 25-21, 25-17); Gherardi Citt di Castello-Caff Aiello Corigliano 3-2 (25-14, 21-25, 18-25, 25-14, 17-15); Cassa Rurale Cant-Cicchetti Isernia 0-3 (21-25, 24-26, 27-29); Molfetta-Bcc Castellana Grotte 3-0 (27-25, 25-23, 25-23); Sir Safety Perugia-Ngm S. Croce 3-2 (25-18, 25-21, 23-25, 21-25, 16-14); Carige Genova-Sidigas Atripalda 3-0 (25-21, 25-20, 26-24); Che Banca! Milano-Club Italia Roma 3-1 (25-23, 22-25, 25-19, 25-23); Sora-Reggio Emilia rinviata. Classifica: Perugia 54; Castellana Grotte 51; Molfetta 46; Citt di Castello 44; Segrate, Milano 42; Genova 39; Loreto 38; Sora* 37; S. Croce 34; Corigliano 29; Isernia 27; Club Italia 25; Atripalda 16; Reggio Emilia* 15; Cant 10. (*una gara in meno). IN RUSSIA (a.a.) Conclusa in Russia la stagione regolare con lOdintsovo di Santilli, 3-0 al Krasnodar, e il Kazan di Valerio Vermiglio, 3-0 allUfa di Angiolino, che vincono i rispettivi gironi e guadagnano i quarti scudetto insieme al Novosibinsk di Giolito e alla Dinamo Mosca. Agli ottavi lUfa e il Fakel Novy Urengoy di Busato, 3-0 allEkaterinburg.

Sport invernali
BOB A 4, BERTAZZO 16 A Calgary (Can), nellultima gara della Coppa del Mondo di bob a 4 vinta dal tedesco Machata, Simone Bertazzo 16 e chiude la Coppa di specialit al 12 posto. Bob a 4: 1. Germania 2 (Machata) 147"72 (1+1); 2. Germania 1 (Arndt) a 0"28 (2+2); 3. Russia 1 (Zubkov) a 0"41 (3+5); 16. ITALIA 1 (Bertazzo-Ughi-Fontana-Costa) a 2"31 (17+17). Coppa (8/8): 1. Zubkov 1671; 2. Arndt 1606. GRAN PARADISO (c.g.) A Cogne (Ao) nella Marciangranparadiso (45 km tc) valida per la Coppa Italia, successi di Giovanni Gullo su Orlandi e Zorzi e di Melissa Gorra su Antonelli e Pellegrini. COPPA GRAN FONDO (g.v.) A Mouthe (Fra) nella Transjurassienne, per la Coppa del Mondo grandi distanze, successo nella 76 km tl di Aliaksei Ivanou (Bie) su Sergio Bonaldi e Koukal (R.Cec) e Kostner; 7. Paredi, 13. Santus, 14. Carrara e, tra le donne (54 km/tl), di Valentina Shevchenko (Ukr) su Stephanie Santer e Tatjana Mannima (Est).

di una grande competitivit a questi livelli visto che aveva gi vionto il Prix Laurent. Royal Dream ha sfruttato la maggior velocit iniziale e ha preso il comando, mentre Ready Cash rimasto allesterno scoperto. In retta Royal ha controllato Ready, mentre Main Wise scattato tardi e larrivo del traguardo ha salvato (1.11.6) il francese.
ROMA RECUPERA Oggi a Capannelle (inizio convegno alle 14.30) si recuperano la Gran Corsa Siepi e il Grande steeple chase non disputati sabato per neve. OGGI QUINT A TARANTO Al Paolo Vi (inizio convegno alle 14.50) scegliamo Mike dAlfa (18), Malouin Allez (13), Malva (16), Mescal Dechiari (10), Nyarcos (1) e Norway Cr (3). SI CORRE ANCHE Galoppo: Albenga (15.25). Trotto: Palermo (14.35).

Mondo. E dimostra che nel biathlon tutto possibile. Nella gara del gran ritorno di Bjoerndalen, buon nono posto di Lukas Hofer, che sta ritrovando la condizione dopo lo stop forzato nella tappa norvegese. Tripudio del pubblico nella pursuit femminile, vinta dalla padrona di casa Makarainen.
Uomini, 12.5 km inseguimento: 1. Bjoerndalen (Nor) 3343"9 (2); 2. M. Fourcade (Fra) a 13"8 (3); 3. Malyshko (Rus) a 22"7 (2); 4. Svendsen (Nor) a 37"5 (3); 9. HOFER a 124"7 (4); 20. M. WINDISCH a 224"5 (3). Coppa (19): 1. Fourcade 774; 2. Svendsen 753; 25. HOFER 263. Donne, 10 km inseguimento: 1. Mkrinen (Fin) 3223"0 (1); 2. Neuner (Ger) a 35"9 (4); 3. Domracheva (Bie) a 37"0 (4); 4. Zaitseva (Rus) a 111"7 (0); 29. PONZA a 603"2 (3). Coppa (19): 1. Neuner 930; 2. Domracheva 891.

Nuoto
PARK SI MIGLIORA (al.f.) Il coreano Park Tae Hwan vince i 1500 sl a Sydney (Aus) in 14'4738, record nazionale (prec. 14'5503, 2006) e 15 crono all-time. James Magnussen battuto nei 50 sl da Abood, apre la 4x100 sl del suo club in 4944. Risultati. Uomini: 50 sl Abood 2234, Magnussen 2265, Park (S.Cor.) 2274; 100 fa Wright 5260; 400 mx Seto (Giap) 4'1378 (1 t. stag.). Donne: 200 sl Barratt 1'5692, Schlanger 1'5732; 50 do/200 mx Seebohm 2790/2'1155 (Rice 2'1384); 200 fa Gandy (Gbr) 2'0595 (1 t. stag.). LACOURT FERMO (al.f.) Camille Lacourt, battuto da Florent Manaudou venerd, stato messo a riposo precauzionale dal suo coach Barnier a causa di un forte dolore al gomito. A Marsiglia (Fra). Uomini: 100 sl Mallet 5030; 200 sl/100 fa S. Deibler (Ger) 1'5096 (De Lucia 1'5222)-5422; 200 do Gilardi 2'0296; 50 ra Perez Dortona 2852, F. Manaudou 2872. Donne: 50 sl/50-100 fa Dekker (Ola) 2575/2648-5996; 100 sl Fassone 5668; 100 do Credeville 1'0117; 200 do Heemskerk (Ola) 2'1211. A Sheffield (Gbr). Donne: 400 sl Jackson 4'0848; 200 mx Miley 2'1464.

Ministero per i Beni e le Attivit Culturali


DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL VENETO ARCHIVIO DI STATO DI VERONA AVVISO DI GARA EUROPEA MEDIANTE PROCEDURA APERTA E CON CRITERIO DELLOFFERTA ECONOMICAMENTE PIU VANTAGGIOSA PER LAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIGITALIZZAZIONE E PUBBLICAZIONE DI INVENTARI E SERIE ARCHIVISTICHE - CIG 354735384B. E indetta una gara europea, con procedura aperta e con criterio dellofferta economicamente pi vantaggiosa ai sensi dellart. 54 commi 1 e 2, dellart. 55 comma 5, dellart. 64 comma 1, dellart. 81 comma 1 del D.Lgs. 163/2006. ENTITA TOTALE: 351.000,00 IVA ESCLUSA. DURATA: 24 MESI. SCADENZA DEL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE: ALLE ORE 12.00 DEL 13 MARZO 2012 PRESSO ARCHIVIO DI STATO DI VERONA - VIA FRANCESCHINE, 4 37122 VERONA. DATA DI TRASMISIONE DEL BANDO DI GARA ALLA G.U.U.E.: 01.02.2012. MODALITA DI ACCESSO ALLA DOCUMENTAZIONE INTEGRALE DI GARA: SITO INTERNET www.archivi.beniculturali.it/ASVR/. Per informazioni e chiarimenti: tel. 045/594580 - fax 045/8041453 - e-mail: as-vr@beniculturali.it. LArchivio di Stato Verona IL DIRETTORE - dott.ssa Antonietta Folchi

Slittino CONCLUSI I MONDIALI AD ALTENBERG

Judo COPPA DEL MONDO

La staffetta 5 , Gasparini 9

ALTENBERG (Ger) Chiusi i Mondiali: nella gara femminile la 21enne Sandra Gasparini si piazza nona, bronzo under 23 e miglior risultato in carriera (lanno scorso a Cesana fu decima). Vittoria a Tatjana Huefner; strepitoso argento per la russa Ivanova, in testa dopo la prima discesa. Nella staffetta azzurri solo quinti. Donne: 1. Huefner (Ger) 144"381 (52"183/2+52"198/1); 2. Ivanova (Rus)

La Gwend terza a Budapest


(e.d.d.) Terzo posto di Edwige Gwend nella World Cup a Budapest. Per lazzurra, 21 anni, il quinto podio in Coppa del Mondo, ma il buon risultato non migliora lattuale posizione in World Ranking List, che la mantiene comunque in zona qualificazione. Quattro vittorie su Gercsak (Ung), Aldikova (Kaz), Bjaoui (Tun), Joung (Kor), prima di cedere in semifinale alla Abe (Giap) per due sanzioni a una, quindi la vittoria su Zouak (Mar) per il 3 posto. Eliminate al secondo turno Erica Barbieri (70) e Rosalba Forciniti (52), al primo Valentina Moscatt (48), cos come Andrea Regis (secondo turno dei 73) e Francesco Bruyere (al primo negli 81) sono stati eliminati nella World Cup maschile a Oberwart (Aut).

a 0"101 (52"161/1+52"321/2); 3. Geisenberger (Ger) a 0"403; 9. GASPARINI a 1"136 (52"748/9+52"769/10). Staffetta: 1. Germania 222"003 (Huefner 46"323/1; Loch 47"557/1; Eggert-Benecken 48"123/4); 2. Russia a 0"089; 3. Canada a 0"401; 4. Austria a 0"733; 5. ITALIA a 0"743 (Gasparini 46"940/5; Zoeggeler 47"774/2; Oberstolz-Gruber 48"032/3).

Pallavolo
A-2 MASCHILE (f.c.) Perugia (con 23 palle a terra di Tamburo) supera al tie-break Santa Croce (Cetrullo 24) ma ringrazia il Molfetta (Uchikov 23) che, nel derby pu-

44
#

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

ALTRI MONDI

Il fatto del giorno


DI GIORGIO DELL'ARTI gda@gazzetta.it

_la fine di Whitney

lafrase DEL GIORNO

d Atene in fiamme

DIETA GRECA OLTRE 80 MILA IN PIAZZA

A uccidere la Houston stata la droga o si tolta la vita?


La cantante e attrice trovata sabato in una stanza dalbergo a Beverly Hills. Aveva avuto un enorme successo, poi declino, guai, infelicit
La morte della grande cantante Whitney Houston a soli 48 anni, come del resto sette mesi fa quella di Amy Winehouse, ci dice qualcosa che gi sappiamo e continuamente dimentichiamo: la ricchezza, il successo, la bellezza, il talento non bastano a fare di un uomo o di una donna un essere felice. La felicit qualcosa di pi semplice, talmente semplice da risultare tante volte irraggiungibile. la. arrivata la figlia diciannovenne, Bobbi Kristina, e ha litigato con la polizia che non la faceva entrare. Alcuni dicono che Whitney fosse sdraiata in terra. Altri che sia annegata nella vasca da bagno: aveva preso qualche sostanza, aveva bevuto, s immersa nellacqua in quelle condizioni e s addormentata, scivolando gi quasi senza accorgersene. una sequenza abbastanza incredibile, ma quella pi accreditata nel momento in cui scriviamo. Altre fonti riferiscono che la polizia ha trovato in camera molte pillole. C come sempre il terrore di pronunciare la parola suicidio.
Lesibizione di Whitney Houston ai Grammy Awards del 2000 e il van della polizia che porta via il corpo della cantante REUTERS/LAPRESSE

Furia black bloc Ok dal Parlamento


Governanti assediati contro il via libera al piano di austerity che per passa con 199 s e 74 no

1 morta, quella poveretCome


ta?

La polizia ci sta lavorando. Il corpo stato trovato sabato pomeriggio in una stanza al quarto piano dellhotel Beverly Hilton, a Beverly Hills (Los Angeles). Whitney doveva partecipare alla serata dei Grammy, forse il pi importante riconoscimento musicale americano. Lei laveva vinto sei volte. Sosteneva che era la festa che le piaceva di pi Non si sa chi ha ritrovato il cadavere: la Cnn dice lultimo fidanzato, il cantante Raj Jay. Lannuncio stato dato dalla sua portavoce, Kristen Forster. Tutta la storia durata una decina di ore: alle 15.55 americane la scoperta del corpo (probabilmente da parte di un body-guard), alluna di notte italiana lannuncio che non cera pi niente da fare. Nel frattempo sono stati fatti vari tentativi per rianimar-

serata, dicendo che non valeva niente. Lanno prima Whitney aveva partecipato a X Factor e Mara Maionchi, intervistata ieri, ha raccontato che aveva difficolt a cantare. Una che stava normalmente tre ottave sopra tutti gli altri! Si intuiva che era una donna ammalata, magari distrutta dai medicinali, dai calmanti. Voglio dire non c bisogno di pensare subito alle droghe. Aveva sempre unaria rintronata. Daltra parte, ormai, ce la facevano vedere poco, cera sempre uno staff che la proteggeva. In quello stesso 2009 aveva invano tentato un rilancio con lalbum I look you.

lioni per la realizzazione di sei album. Non una cifra spropositata: in quellanno la Houston aveva gi venduto la maggior parte dei suoi 190 milioni di dischi, aveva gi cantato linno dellOlimpiade di Seul (1988) e vinto lOscar per la migliore canzone originale (1998).

4 la ricordo al cinema. Io me
S, con Kevin Costner, Bodyguard, 1992 (in italiano Guardia del corpo). Un successo di pubblico e soprattutto della canzone I will always love you, cio la colonna sonora di un film pi venduta di tutti i tempi, con 42 milioni di copie. Ora sta per uscire Sparkle, storia di tre sorelle che tentano la carriera musicale negli anni Cinquanta.

2 una qualche ragione 3storia delle droghe per Aveva La


per togliersi la vita? vera.

Il BACIO TRA GAY MI D FASTIDIO Se provo fastidio davanti a baci ostentati in pubblico fra due uomini o due donne? Determinati atteggiamenti possono essere accettabili in certi contesti. Per esempio i nudisti in spiagge appartate e non a Riccione in agosto in mezzo alle famiglie. Oppure come fare pip: la cosa pi fisiologica del mondo, ma di cattivo gusto farlo in pubblico
CARLO GIOVANARDI
EX SOTTOSEGRETARIO ALLA FAMIGLIA (PDL)

La polizia greca carica i manifestanti che lanciano bombe incendiarie in piazza Syntagma ad Atene AFP

Atene ieri bruciava mentre il Parlamento si preparava a votare con un dibattito iniziato in tarda serata terminato con il s di 199 contro il no di 74 il pacchetto di riforme preteso da Ue e Fmi per dare il via libera al secondo piano di salvataggio da 130 miliardi. Almeno in 100 mila ieri sono scesi in strada a protestare (80 mila ad Atene e 20 mila a Salonicco) contro le misure di austerity lacrime e sangue. Nella capitale, in piazza Syntagma, si contavano 54 feriti, di cui 40 poliziotti. Decine di edifici, inoltre, sono stati incendiati, anche lungo le grandi arterie centrali. Tra questi, la biblioteca universitaria, due cinema, le filiali di due banche e almeno un caff Starbucks. La manifestazione a dire la verit, partita tranquilla: gli scontri sono scoppiati quando una colonna di black bloc, al grido di maiali assassini, ha fatto irruzione nella piazza della capitale, tra gli applausi della gente, lanciando molotov e bombe carta. In quel momento iniziata la battaglia con il lancio di lacrimogeni e assalti organizzati. La polizia, schierata a difesa del Parlamento da ore con le maschere antigas e in assetto anti-sommossa ha reagito caricando: sono oltre 22 le persone arrestate.

Non c mai una ragione per togliersi la vita: persone che si trovano in difficolt ben pi gravi di quelle di Whitney Houston resistono e tirano avanti lo stesso. certo che per le cose le andavano male. Da una decina danni non riusciva pi a centrare un successo e lultima tourne, quella del 2010, era stata un disastro, specialmente in Australia. Un disastro anche a Milano, peraltro, dove il pubblico aveva generosamente fatto finta di non accorgersi che non era pi lei. Ma Eros Ramazzotti aveva abbandonato il concerto a met

Si faceva di crac. Da ultimo pare mischiasse cocaina, marijuana e psicofarmaci. Dopo il fallimento della tourne del 2010, sera andata a disintossicare a Parigi. Poi cera probabilmente ricascata: gioved quelli dellAbc dicono di averla vista in una discoteca di Hollywood disorientata e confusa. Altri cronisti hanno scritto che era ormai al verde, chiamava gli amici per farsi prestare cento dollari, lArista, la sua casa discografica, la teneva su anticipandole proventi futuri. Con lArista aveva firmato nel 2001 un contratto da 100 mi-

5 tragedia di questa donna Nella


non centrer anche quel matrimonio sbagliato, quel marito che la picchiava?

notizie Tascabili
Smentito il colloquio segreto

Bobby Brown, rapper, padre di tre figli avuti con tre donne diverse, qualche guaio con la giustizia, di sei anni pi giovane. La riempiva di botte, anche se una volta lei raccont: Contrariamente a quel che si crede, ero io che lo picchiavo. Gli amici dicono che di recente aveva cercato la pace convertendosi allIslam.

Art. 18, Monti-Camusso Nessun incontro


polemica dopo le indiscrezioni rivelate da La Repubblica secondo cui il premier Mario Monti prima della partenza per gli Usa avrebbe segretamente incontrato il segretario Cgil Susanna Camusso per impostare un accordo sullarticolo 18: si sarebbe parlato tra laltro una sospensione (e non cancellazione) della norma per gli ex precari e uninterpretazione meno rigida della giusta causa da parte dei tribunali del lavoro. Ma gli interessati ieri hanno smentito seccamente. Non c stato alcun incontro segreto sullarticolo 18, si legge nel comunicato congiunto di Palazzo Chigi e della Cgil. E la Camusso si chiede polemicamente: Qualcuno vuole far saltare il confronto?.

LA STORIA LEX DISCOGRAFICO RUDY ZERBI: VOLEVA RISCATTARSI E FAR SCORDARE LA SERATACCIA DEI GIOCHI

LItalia la scopr al Festival poi a Torino deluse tutti


ELISABETTA ESPOSITO

you trascinato e faticosissimo.


Voleva riscattarsi Non si mai dimenticata di quella sera racconta Rudy Zerbi, giudice di Amici e Italias Got Talent ma fino a pochi anni fa discografico Sony. Ha lavorato con la Houston per i suoi ultimi due album. Lho incontrata ai Giochi 2006 e lho rivista nel 2008 a New York per larrivo del nuovo disco. Ricorder sempre che mi chiese scusa. Io non capivo, poi mi disse: "Torner in Italia e dimostrer di non essere quella di Torino". Sorrideva, aveva una gran voglia di rivalsa. Ma non ce lha fatta. Ora si dir che una persona cos fortunata non di pu buttarsi via. Ma gli artisti sono esseri speciali, trasmettono emozioni grazie alla loro enorme sensibilit. Che un dono, ma anche una condanna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le spese del capo dello Stato

Una predestinata. Bella come poche e con una voce che squarciava il cielo e arrivava allanima. Whitney Houston era figlia di una cantante gospel che aveva lavorato anche con Elvis e Aretha Franklin, che infatti la sua madrina e cugina di Dionne Warwick. Da giovanissima si d da fare come modella, ma quando il superproduttore Clive Davis la sente cantare tutto cambia: nel 1985 arriva il primo disco (Whitney Houston,

lalbum pi venduto da unesordiente con quasi 29 milioni di copie), poi Whitney (1987), da cui piazza 7 singoli consecutivi al numero 1 della classifica Billboard Hot 100. qui che la vediamo per la prima volta nella tv italiana, al Festival di Sanremo 1987. Canta All at once, esibizione pazzesca e standing ovation. Lultima stata invece ad X-Factor 2009, per presentare il cd I look to you. Esibizione sottotono, ma comunque migliore di quanto fatto vedere durante le celebrazioni per i Giochi di Torino 2006, con un I will always love

Il Quirinale svela i conti Risparmiati 60 milioni


Dallarrivo di Giorgio Napolitano il Quirinale ha dimostrato di saper stringere la cinghia. Ieri, infatti, la Presidenza della Repubblica ha pubblicato sul suo sito internet il bilancio del 2012: a fronte di un fondo di dotazione che ammonta a 228 milioni di euro, le spese a carico dello Stato per il funzionamento dellistituzione Quirinale non sono variate rispetto al 2008. E nel settennato sono stati risparmiati oltre 60 milioni. Il contenimento delle spese stato reso possibile spiegano dal Colle grazie a una serie di provvedimenti, tra cui il blocco del turn over del personale di ruolo, lintroduzione del regime pensionistico contributivo, blocco degli stipendi e delle pensioni al livello del 2008 fino al 2013.

Ospite di X Factor Italia nel 2009

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

45

ALTRI MONDI

SCANDALO INTERCETTAZIONI

Murdoch va a Londra Il Sun non chiuder


sempre pi caos nel giornalismo inglese. Dopo larresto di 5 giornalisti del tabloid The Sun nellambito di uninchiesta su

tangenti alla polizia in cambio di soffiate, interviene Rupert Murdoch (nella foto Reuters): sar a Londra la prossima settimana per rassicurare i giornalisti che The Sun non verr chiuso come accaduto al News of the World, anchesso coinvolto nello scandalo delle intercettazioni illegali.

UN CONTINGENTE CON LONU

Siria, la Lega araba: Ok a forza di pace


I ministri degli esteri della Lega araba hanno deciso di porre fine alla missione dei propri osservatori in Siria. Per porre fine

alle violenze del regime, i ministri chiedono anche che la Lega araba formi un contingente congiunto con lOnu da inviare nel paese. Ok, poi, alla proposta della Tunisia di ospitare una conferenza degli "amici della Siria". Furiosa Damasco che parla di atto ostile.

Emergenza Concordia Un mese dopo lurto si tira via il carburante


Oggi la ricorrenza del naufragio della nave davanti al Giglio Iniziato il pompaggio dai serbatoi. Napolitano: un dolore
FILIPPO CONTICELLO

serbatoi: Cos evitiamo il rischio ambientale, ha detto il prefetto Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile e commissario per lemergenza. In ogni caso un pompaggio non stop: mare permettendo, andr avanti ad una velocit di estrazione di 5-10 metri cubi allora. Il primo deposito, il 67% di tutto il carburante, sar svuotato entro domani, gli altri subito a seguire.
Lindagine Un mese dopo il nau-

SHAKIRA, CHE PAURA

A
S

VIOLENZA/ 1 A MILANO, PRESO UN 16ENNE

Inclinata tra le onde gelate, sembra soffrire come chi continua a guardarla. Lo facciamo tutti da un mese e non sembra ancora vero: dalla notte del 13 gennaio la Costa Concordia adagiata di fronte allisola del Giglio, un gioiello della natura che ora ha paura per il suo futuro e il suo mare. Trentuno giorni fa: erano le 21.42 e la nave da crociera partita da Civitavecchia procedeva spedita con a bordo 4.229 persone. Sicura, come il comandante che adesso conoscono in ogni angolo del mondo. Poi una manovra azzardata, uninsopportabile spacconeria: limbarcazione passa accanto allisola, troppo vicina, e urta gli scogli. Uno squarcio di 70 metri linizio dellincubo: la Concordia pian piano si inclina e la gente fugge con le scialuppe verso la terraferma. Spavento, soccorsi inadeguati e, sopra a ogni cosa,

La Concordia affiancata da unaltra nave che pompa il carburante AP

Continua lindagine su Schettino: i pm guarderanno il filmato mandato in onda dal Tg5

una gigantesca tragedia: 17 cadaveri sono stati trovati e 15 si cercano ancora. Oggi la triste ricorrenza, ieri una prima buona notizia: iniziato il pompaggio del carburante dal relitto, operazione necessaria per portare la Concordia via dalla vista del Giglio. Il cosiddetto defueling iniziato dai primi sei

fragio, attenzione e interesse si concentrano pure sullinchiesta giudiziaria: la procura di Grosseto indaga (per ora) solo sul comandante Francesco Schettino e sullufficiale Ciro Ambrosio. E oggi i pm guarderanno per intero il video in possesso del Tg5 che mostra la plancia di comando, mentre Schettino temporeggia nei momenti confusi dellemergenza. Ogni parola sar confrontata con le testimonianze gi rese, tra cui quella di Domnica Cemortan, ex ballerina moldava che era in plancia al momento dellurto. Domani verr sentito anche lad di Costa spa, Pierluigi Foschi, che ha lanciato lallarme con unintervista a La Stampa: la societ ha perso il 35% dei clienti e il marchio a rischio. Parole addolorate, almeno quanto quelle del presidente Napolitano che ieri ha dichiarato: Esprimo rammarico per la responsabilit italiana e di italiani. Ha detto anche di ammirare la forza e la solidariet degli abitanti del Giglio: come noi, loro osservano da un mese quella nave tra le onde.
RIPRODUZIONE RISERVATA

laFoto Maltempo, Urbino teme lisolamento Un morto a Ascoli


Ancora neve ieri su Marche, Emilia Romagna e Veneto. A Urbino (nella foto Ansa) molti volontari hanno spalato per ore per raggiungere le case di anziani e studenti. Nella notte tra sabato e domenica caduto un altro metro di neve e i muri sono arrivati a quattro metri. I tetti rischiano di crollare e la citt teme lisolamento. E ieri ad Ascoli stato ritrovato il corpo di una donna di 83 anni sommerso dalla neve.

Aggredita da un leone marino Nel pomeriggio di ieri un tweet di Shakira ha spaventato i suoi oltre 13 milioini di followers: Sono appena stata aggredita da un leone marino!. Poco pi tardi su Facebook arriva il racconto completo: Guardavo intenerita foche e leoni marini e ho deciso di avvicinarmi pi degli altri turisti. Improvvisamente uno di loro ha fatto un salto e arrivando a un palmo da me: mi ha guardata, ha ruggito infuriato e ha provato a mordermi. Tutti hanno urlato, compresa me. Ero paralizzata dalla paura e non riuscivo a muovermi, ma mio fratello "Super Tony" saltato sopra di me e mi ha letteralmente salvato la vita, strappandomi a quella bestia. Credo abbia confuso il riflesso del mio blackberry con del pesce

Il luogo dove il 55enne cinese stato ridotto in fin di vita sabato notte a Milano, zona Comasina FOTOGRAMMA

Guarda la ragazza: massacrato di botte Cinese in fin di vita


Massacrato e ridotto in fin di vita in strada da un 16enne ubriaco, a Milano, forse per uno sguardo di troppo lanciato a una ragazza. La vittima un cinese di 55 anni, ora ricoverato allospedale Niguarda, in coma farmacologico, dopo aver subito un intervento chirurgico per rimuovere un ematoma alla testa. Laggressore, invece, un ragazzino ecuadoriano. Tutto cominciato sabato notte attorno alluna, fuori da un locale in zona Comasina, periferia nord della citt: il cinese stava camminando tranquillamente per strada e pare che si sia soffermato a guardare una ragazzina sudamericana che in quel momento si trovava nel gruppo di amici dellecuadoriano. bastato questo, assieme agli effetti dellalcol, a scatenare la violentissima aggressione: il 55enne stato spintonato cos forte da sbattere la testa contro il muro per poi cadere a terra. A questo punto, il 16enne ha infierito ancora con calci e pugni senza alcuna piet, senza preoccuparsi del fatto che il cinese avesse perso conoscenza ed era gi in condizioni gravissime. Il minorenne, che ora deve rispondere di tentato omicidio, stato rintracciato poco dopo laggressione grazie alla testimonianza degli amici che sabato notte erano con lui: quattro minorenni, compresa la ragazza per la quale sarebbe nata la lite, e un maggiorenne, tutti di nazionalit italiana. Quando gli agenti di polizia sono arrivati a casa per arrestarlo, il giovane sudamericano aveva ancora addosso gli indumenti sporchi di sangue.

VIOLENZA/ 2 IN PROVINCIA DELLAQUILA

Stupro selvaggio di una studentessa fuori da un locale


Una serata in discoteca, per divertirsi come giusto fare a 20 anni. Ma per lei, una giovane originaria di Tivoli e trasferita allAquila per frequentare la facolt di Ingegneria, la notte iniziata con gli amici tra sabato e domenica diventata un incubo che non potr pi scordare. La ragazza stata infatti stuprata e aggredita fuori dalla discoteca Guernica, a Pizzoli, dove stava partecipando a una festa. Avevamo appena chiuso racconta il gestore, Luigi Marronaro sono uscito e ho visto la ragazza svenuta in un lago di sangue, seminuda. Se non me ne fossi accorto probabilmente sarebbe morta per il freddo. Ho chiamato subito il 118 ed stata portata in ospedale, poi sono arrivati i carabinieri per i rilievi. La vittima di una violenza definita dagli inquirenti selvaggia in condizioni gravi ma non in pericolo di vita: ha perso molto sangue e sono stati necessari diversi interventi per suturare le ferite. Il gestore e il buttafuori nel momento del ritrovamento hanno visto un ragazzo con gli abiti sporchi di sangue e gli hanno chiesto di attendere larrivo delle forze dellordine. Era vestito normalmente aggiunge Marronaro ma ci ha detto di essere un militare di fuori, in servizio allAquila. Il giovane avrebbe negato ai carabinieri lo stupro, parlando di rapporto consenziente. Verso di lui non sono stati ancora emessi provvedimenti e si pensa che pu non aver agito da solo. Si attende la testimonianza della vittima, la ragazza ancora in stato di choc.

tutta Salute
DI MABEL BOCCHI

Le analisi sul Dna

La ricerca inglese

Male alle coronarie Il rischio di diabete Il gene che lo causa pi alto in chi si eredita dal padre soffre di insonnia
Secondo uno studio delluniversit di Leicester, in Inghilterra, pubblicato sulla rivista The Lancet, il trasferimento da padre a figlio del cromosoma Y esporrebbe il nascituro al rischio di ereditare la coronopatia, nel caso in cui il padre ne fosse affetto o portatore. Gli scienziati sono giunti a questa scoperta con lanalisi del Dna di 3.233 uomini. I test genetici mostravano che il 90% di loro possedeva una delle 2 versioni del cromosoma Y, chiamati aplogruppo I. Il rischio di malattia coronarica tra gli uomini che portano la versione aplogruppo I era del 50% superiore a quello degli altri uomini: per gli scienziati sarebbe proprio questo cromosoma a causare la patologia. Linsonnia e i disturbi del sonno possono incrementare di sette volte il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e di avere problemi cardiaci. A dimostrarlo uno studio condotto dai ricercatori dellImperial College di Londra e poi pubblicato sulla celebre rivista Nature Genetics. Dopo aver esaminato i comporta menti di 20mila persone, gli esperti hanno scoperto che la colpa delle notti in bianco degli insonni sarebbe di un gene difettoso, lMT2, presente nella sequenza della melatonina, che interrompe il nostro ritmo giorna liero sonno-veglia, variando anche quello del rilascio dellinsulina. Conseguenza di tutto ci un controllo anomalo dello zucchero nel sangue.

Studio sulla fertilit

Gruppo sanguigno: con lo "0" difficile diventare mamma


Per chi ha un gruppo sanguigno di tipo 0 pi difficile diventare mamma. Lo sostiene uno studio dellAlbert Einstein College of Medicine di New York, condotto su 560 donne di et media 35 anni, sottoposte a trattamenti di fertilit. A rendere meno produttive queste donne una riserva ovarica pi povera e, con il passare degli anni, qualitativamente pi scadente, nonch livelli di FSH, lormone

prodotto per stimolare i follicoli delle ovaie, quasi raddoppiati. Un campanello dallarme, poich lFSH un indicatore fondamen tale del numero di ovuli e alti livelli di questo ormone sono spia di una loro significativa riduzione. Tra laltro, ad oggi non sono ancora chiare le cause.

46

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

ALTRI MONDI
Oroscopo
LE PAGELLE
21/3 - 20/4 21/4 - 20/5 21/5 - 21/6 22/6 - 22/7 23/7 - 23/8 20/2 - 20/3

Ariete 6
Il lavoro stressa (ma cova buone nuove), leconomia sembra insicura, gli obblighi aumentano. C per un recupero sudombelicale vistoso.
23/9 - 22/10

Toro 6+
La Luna tende i rapporti, crea disagi, vi fa inserire lo strangolatore automatico. Ussignr, calmatevi: Giove assicura fortune! Pure suine.
23/10 - 22/11

Gemelli 7Il vostro umore da luned, ma si delineano trasformazioni e strategie vincentissime. Oltre che face to face sudombelicali briosi.
23/11 - 21/12

Cancro 7,5
Avete idee super esclusive: non fatevele fregare. Nel lavoro, comunque, con voi non c quasi gara. Manco nella fornicazione, a dire il vero.
22/12 - 20/1

Leone 5,5
Tutti vi rompono oggi. Dai colleghi ai familiari, dal cane al calzolaio. Non reagite e non rompete a vostra volta. Lo slancio suino crolla.
21/1 - 19/2

Pesci 8
IL MIGLIORE Luna Ok per viaggi, lavoro, studio. Nel lavoro le soddisfazioni si moltiplicano, voi avete zebedei ferrei. Reiterazioni suine giungono, con poesia
FLAVIA PENNETTA

DI ANTONIO CAPITANI
24/8 - 22/9

Vergine 7+
Inizio di settimana with the bott. Colloqui, viaggi, lavoro, contatti possono procurarvi vantaggi. E il suino in voi espleta con pi perizia.

Bilancia 7
Una news di soldi vi solleva morale & zebedei. Decisioni storiche utili stagliansi, anche per uscir dallo sfigogrigiore amoroso-fornicatorio.

Scorpione 7,5
Luna magica: nel lavoro e nel privato qualcosa di goloso potrebbe iniziare e realizzarsi rapidamente. Sudombelico pieno di gioia di vivere.

Sagittario 6+
Il lavoro offre chance miracolose. Siate selettivi, per. Ma non cordiali come i grizzly. Lamor tutto un afflato tantoromantico-pocosuino.

Capricorno 7
Il lavoro arriva, sfavilla, stravince. E con Marte, Giove e, da stanotte, Mercurio propizierrimi potete strabiliare. Anche col sudombelico.

Acquario 5,5
Lumore e la forma fisica sfigheggiano un cicinn. Concentratevi e dite qualche no, se necessario, anche suino, senza ritrosie n vergogne.

La tennista numero 22 del mondo nata a Brindisi il 25 febbraio 1982. stata la prima italiana a entrare nella Top 10 del ranking Wta

TeleVisioni in chiaro
RAIUNO
6.45 7.00 11.05 12.00 13.30 14.10 15.15 17.00 18.50 20.00 20.30 20.35 21.10 23.20 0.55 1.25 1.30 1.35 UNOMATTINA TG 1 OCCHIO ALLA SPESA LA PROVA DEL CUOCO TELEGIORNALE VERDETTO FINALE LA VITA IN DIRETTA TG 1 - CHE TEMPO FA L' EREDIT TELEGIORNALE QUI RADIO LONDRA SOLITI IGNOTI IL GENERALE DEI BRIGANTI Film PORTA A PORTA TG 1 - NOTTE CHE TEMPO FA QUI RADIO LONDRA SOTTOVOCE

Gazzetta.it
RAITRE
TGR - AGOR RAI 150 ANNI APPRESCINDERE TG3 - RAI SPORT LE STORIE LA STRADA PER... TG REGIONE - TG3 LASSIE COSE DELL'ALTRO GEO GEO & GEO TG31 - TG REGIONE BLOB - COMICHE UN POSTO AL SOLE IL MONDO DEI REPLICANTI Film 22.40 BANLIEUE 13 0.00 TG3 LINEA NOTTE 0.10 TG REGIONE 1.00 METEO 3 1.05 FUORI ORARIO 7.30 10.00 11.00 12.00 12.45 13.10 14.00 15.05 15.55 17.40 19.00 20.00 20.35 21.05

RAIDUE
9.05 9.30 10.00 11.00 13.00 13.50 14.00 16.10 17.50 18.15 18.45 19.35 20.30 21.05 0.10 0.25 1.20 1.30 CARTONI ANIMARTI PROTESTANTESIMO TG2PUNTO.IT I FATTI VOSTRI TG 2 - GIORNO MEDICINA 33 ITALIA SUL DUE TELEFILM RAI TG SPORT TG 2 NUMB3RS L'ISOLA DEI FAMOSI TG2 -20.30 L'ISOLA DEI FAMOSI Reality TG 2 RAI 150 ANNI LA STORIA SIAMO... TG PARLAMENTO SORGENTE DI VITA

CANALE 5
8.50 10.05 10.10 10.15 11.00 13.00 13.40 14.45 16.15 16.55 18.45 20.00 20.30 21.10 0.15 1.00 1.30 2.15 MATTINO CINQUE GRANDE FRATELLO TG5 - ORE 10 MATTINO CINQUE FORUM TG5 SOAP UOMINI E DONNE AMICI POMERIGGIO CINQUE THE MONEY DROP TG5 STRISCIA LA NOTIZIA GRANDE FRATELLO Reality MAI DIRE GRANDE FRATELLO TG5 - NOTTE STRISCIA LA NOTIZIA UOMINI E DONNE

ITALIA 1
CARTONI ANIMATI TELEFILM STUDIO APERTO STUDIO SPORT CARTONI ANIMATI CAMERA CAF THE MIDDLE LA VITA SECONDO JIM TRASFORMAT STUDIO APERTO TUTTO IN FAMIGLIA I SIMPSON C.S.I. C.S.I. NEW YORK Telefilm 23.00 NICKNAME: ENIGMISTA 0.45 ASPETTANDO OKTAGON 2.15 STUDIO APERTO 6.50 8.40 12.25 13.00 13.40 15.30 16.15 16.55 17.45 18.30 19.20 19.50 20.20 21.10

RETE 4
8.20 9.40 10.50 11.30 12.00 13.50 15.10 16.30 18.55 19.35 20.30 21.10 0.00 0.05 1.10 2.30 3.30 HUNTER R.I.S. BENESSERE TG4 - TELEGIORNALE TELEFUILM FORUM FLIKKEN - SENTIERI COMMISSARIO CORDIER TG4 - TELEGIORNALE TEMPESTA D'AMORE WALKER TEXAS RANGER LA BATTAGLIA DEI TRE REGNI Film I BELLISSIMI DI R4 SETA TG4 NIGHT NEWS PIANETA MARE VIVERE MEGLIO

LA 7
7.00 7.30 9.45 11.10 12.30 13.30 14.05 16.15 17.30 19.20 20.00 20.30 21.10 23.45 0.20 0.30 1.25 1.30 OMNIBUS TG LA7 COFFEE BREAK LARIA CHE TIRA I MEN DI BENEDETTA TG LA7 HALIFAX ATLANTIDE LISPETTORE BARNABY GDAY TG LA7 OTTO E MEZZO LNFEDELE Attualit INNOVATION TG LA7 (AH)IPIROSO MOVIE FLASH G DAY

IL SONDAGGIO
Inter in crisi: rischia di perdere l'Europa?

Quattro sconfitte nelle ulti me 5 gare stagionali. Che ne sar della squadra di Ranieri (nella foto)?

IL FORUM
Gli ex coach dellInter dominano allestero

Film sul Digitale Terrestre

Lo Sport in chiaro, sul satellite e sul digitale terrestre


IN DIRETTA
CALCIO
20.45 NAPOLI CHIEVO
Serie A Sky Sport 1 e Sky Calcio 1

PREMIUM
13.40 BRIVIDO BIONDO PREMIUM CINEMA 15.15 SATURNO CONTRO PREMIUM CINEMA 15.40 MADAGASCAR JOI 17.05 MOONLIGHT SERENADE MYA 17.10 C'E' CHI DICE NO PREMIUM CINEMA 18.55 IL CAPO PREMIUM CINEMA 19.30 BASIC PREMIUM CINEMA 21.15 L'ULTIMO SAMURAI JOI 21.15 I MERCENARI PREMIUM CINEMA 23.05 THE NEXT THREE DAYS PREMIUM CINEMA

BILIARDO
12.00 WELSH OPEN
Eurosport

20.00 WELSH OPEN


Eurosport 2

10.25 CALCIO: UDINESE MILAN


Serie A. Highlights

1.30

CALCIO: SIENA - ROMA


Serie A. Highlights

23.15 RUGBY: ITALIA - INGHILTERRA


Sei Nazioni

20.45 GOLF: OMEGA DUBAI DESERT CLASSIC


PGA European

11.10

SKY SPORT 1
9.00 CALCIO: UDINESE - MILAN
Serie A. Highlights

CALCIO: CATANIA GENOA


Serie A. Highlights

SKY SPORT 2
7.30 GOLF: OMEGA DUBAI DESERT CLASSIC
PGA European Tour

SKY SPORT 3
9.30 GOLF: OMEGA DUBAI DESERT CLASSIC
PGA European

22.40 CALCIO: SIENA - ROMA


Serie A

Sul forum di Paolo Cond, approfondimenti su Mou (nella foto) e Mancini in te sta a Liga e Premier

20.45 SIENA ROMA


Serie A Sky Calcio 2

BASKET
21.00 SAN SEVERO BARI
Div. Naz. A Sportitalia 2

9.25

CALCIO: CAGLIARI PALERMO


Serie A. Highlights

9.40

1.00

LOUISVILLE SYRACUSE
NCAA ESPN America

CALCIO: INTER - NOVARA


Serie A. Highlights

9.55

3.00

KANSAS STATE KANSAS


NCAA ESPN America

CALCIO: ATALANTA - LECCE


Serie A. Highlights

10.10 CALCIO: LAZIO - CESENA


Serie A. Highlights

15.00 CALCIO: FAN CLUB MILAN 15.30 CALCIO: FAN CLUB ROMA 16.00 CALCIO: FAN CLUB INTER 16.30 CALCIO: FAN CLUB LAZIO 17.00 CALCIO: FAN CLUB NAPOLI 17.30 CALCIO: FAN CLUB JUVENTUS 1.00 CALCIO: NAPOLI CHIEVO
Serie A. Highlights

EUROSPORT
09.15 CALCIO: ZAMBIA COSTA DAVORIO
Coppa d'Africa. Finale

IL BLOG
La scalata di Moro Al Nanga Parbat

11.30 RUGBY: GALLES - SCOZIA


Sei Nazioni

12.00 CALCIO: OSASUNA BARCELLONA


Liga

14.00 BASKET: NORTH CAROLINA - DUKE


NCAA

14.00 CALCIO: ASTON VILLA MANCHESTER CITY


Premier League

10.30 BIATHLON: COPPA DEL MONDO


Inseguimento donne

16.45 RUGBY: ITALIA - INGHILTERRA


Sei Nazioni

16.15 CALCIO: BARI - SASSUOLO


Serie B

11.15

SALTO SCI: COPPA DEL MONDO


HS 145

21.05 BASKET: NEW YORK KNICKS LOS ANGELES LAKERS


NBA

18.15 CALCIO: REAL MADRID LEVANTE


Liga

18.00 CALCIO: ZAMBIA COSTA DAVORIO


Coppa d'Africa. Finale

Limpresa di Simone Moro (nella foto) raccontata dal protagonista anche at traverso foto affascinanti

GazzaMeteo
A CURA DI

Ieri
ALGHERO ANCONA AOSTA BARI

min max
-3 -4 -11 4 -6 -2 -3 4 -3 -1 -12 -10 2 6 -6 -2 6 -2 -8 -3 -4 -5 6 1 -1 8 -2 7 -1 11 -2 0 0 0 8 10 -3 0 12 2 0 1 -3 -1

Oggi
In Sardegna, in Sicilia e al Sud alternanza di piogge sparse, nevicate sui rilievi e parziali schiarite. Variabile anche al Centro e al Nord, con qualche fiocco di neve pi probabile su Romagna e Triveneto e formazione di alcune nebbie. Trieste
Venezia
4 2 6 1

Domani
Al Nord e al Centro prevalenza del sole, salvo qualche fiocco di neve sulle Alpi e alcune nebbie sulle zone pianeggianti. Sul meridione e tra la Sicilia e la Sardegna invece ancora diverse nevicate sui rilievi e piogge verso le coste.

Dopodomani
Sulla Sardegna, sulla Sicilia e sul meridione le precipitazioni tenderanno a lasciare spazio e schiarite sempre pi ampie. Al Centro e al Nord il tempo risulter prevalentemente soleggiato, eccetto locale variabilit e qualche nebbia.

Trento Aosta
9 0 4 4

Legenda CIELO
Sole Nuvolo Rovesci Coperto Pioggia Temporali Neve Nebbia

BOLOGNA

Milano
8 1

VENTI
Deboli Moderati Forti Molto forti

CAGLIARI CAMPOBASSO CATANIA FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA REGGIO CALABRIA ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Torino
7 0 2

Bologna Genova
3 5 1

Ancona

Firenze
7 0

Perugia
7 2

LAquila
6 0

MARI
Calmi Mossi Agitati

ROMA
7 3

Campobasso
4 1 4

Bari Potenza
1 3 7

Napoli
1 7

Cagliari
2 7

Catanzaro
2 5

Il sole oggi MILANO


Sorge Tramonta

ROMA
Sorge Tramonta

Palermo
4 9

Reggio Calabria
2 10

Il sole domani MILANO


Sorge Tramonta

La luna ROMA
Sorge Tramonta Nuova Primo quarto Piena Ultimo quarto

Catania
5 10

7:30

17:45

7:10

17:38

7:28

17:46

7:09

17:39

23 gen.

31 gen.

7 feb.

14 feb.

LUNED 13 FEBBRAIO 2012

LA GAZZETTA DELLO SPORT

47

OLIMPIADI LINCHIESTA
GazzaFocus

I GIORNI DELLA CANDIDATURA


I NUMERI

Giochi alleuropea: come evitare il flop


Dal virtuosismo di Barcellona ai ritardi di Atene Cos le citt cambiano volto o ne pagano il prezzo
STEFANO ARCOBELLI

4 Roma 2020 coster


LE PREVISIONI DEI CONTI

I COSTI DI QUATTRO OLIMPIADI IN EUROPA

I Giochi in Europa in un confronto che dia lidea tra impatto (decisivo), costi (inevitabilmente in rosso) e ricavi (quasi mai). Citt virtuose, comitati sobri o spreconi, e ci che lascia unOlimpiade per eredit. Nei giorni di fuoco per la presentazione delle candidature, rileggiamo per capire loperazione Roma 2020 , gli esempi precedenti, le esperienze delle citt che hanno gi ricevuto, organizzato, dato.
La rinascita di Barcellona Barcel-

la crescita del Pil (Prodotto interno lordo) della Grecia nel 2003, lanno prima dellOlimpiade. Leconomia ellenica ha continuato a crescere negli anni successivi (+5,9% tra il 2005 e il 2008) prima della recessione iniziata nel 2009: -0,5%.

10%

la met della Grecia: dallo Stato 4,7 miliardi


L85% degli impianti c gi, 29 mila posti di lavoro in un anno
abbiamo una popolazione 6 volte maggiore dei nostri cugini e un Pil (il Prodotto interno lordo) 7,3 volte superiore. Daltronde, la Grecia stato il paese pi piccolo a organizzare unOlimpiade estiva negli ultimi sessanta anni, dopo Helsinki 1952. Detto questo, Roma 2020 sarebbe molto meno impattante sulleconomia italiana di quanto non lo sia stata Atene 2004. Tanto per cominciare, la spesa pubblica netta che si prevede di investire di 4,7 miliardi, quasi la met dellesborso greco (7,2 miliardi, che fanno 8,8 se attualizzati al 2011). La sua incidenza sul debito pubblico italiano sarebbe di appena lo 0,25% contro il 2% di Atene: otto volte di meno. E il divario si allarga se la rapportiamo al Pil: lo 0,3% nel caso di Roma 2020, il 3,9% per lOlimpiade del 2004, cio 13 volte di pi.
Relazione La commissione Fortis-Carraro ha varato uno studio di fattibilit al passo coi tempi: austerity e niente svolazzi. Dei 9,8 miliardi di budget (di cui 8,2 a carico dello Stato), 3,5 sarebbero recuperati con i ricavi da biglietteria, diritti tv, sponsor e valorizzazioni immobiliari: al netto, quindi, lonere pubblico ammonterebbe a 4,7 miliardi. Addirittura lOlimpiade finirebbe per costare ai contribuenti appena 100 milioni se davvero, come sostiene lo studio, si potesse contare su un maggiore gettito erariale pari a 4,6 miliardi. Il punto forte della candidatura rappresentato dalla rete di impianti sportivi esistenti che, contando pure quelli temporanei, coprono l85% del fabbisogno dei Giochi. I costi per costruirne di nuovi o ristrutturare quelli vecchi ammonterebbero a 1,4 miliardi, un terzo dei quali se ne andrebbe per terminare il controverso megaimpianto di Tor Vergata, disegnato da Calatrava; e poi 150 milioni a favore degli stadi di calcio dislocati in sei citt. Secondo lo studio, finito sul tavolo del premier Monti, leconomia ristagnante dellItalia metterebbe le ali grazie allOlimpiade: 17,7 miliardi di euro di crescita del Pil ma anche 29 mila nuovi posti di lavoro nel 2020. Numeri allettanti, con unavvertenza: le cricche vanno tenute a distanza di sicurezza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

9,6%

lona deve al sindaco Maragall il successo dei Giochi della svolta. Una citt che ha riscoperto il porto, ha recuperato la zona della vecchia stazione, migliorato la collina di Montjuic: unOlimpiade vinta ancora prima di assegnare le medaglie, unOlimpiade che idealmente continua ancora oggi nella citt catalana, perch dal 1992 il suo effetto turistico mirabile.
I ritardi di Atene La gestazione

il tasso di disoccupati a Barcellona nel 1992, lanno in cui ospit i Giochi estivi. Nel 1986 era quasi doppio: 18,4%

GDS

dei Giochi ateniesi non stata affatto facile, basti pensare che persino lUnione Europea aveva paventato sanzioni per i preventivi saltati sui 10 miliardi di euro investiti arrivati a 13 (includendo le infrastrutture sulla citt). Il governo greco ha fatto saltare molte teste, e i ritardi hanno provocato lincremento del deficit ed una corsa affannosa finale con relativo aumento del passivo (12%). Il comitato della Angelopoulos ha temuto persino che il Cio spostasse una rassegna, rivelatasi comunque di successo, sostenuta persino dal pil cresciuto nei 7 anni precedenti e nei 5 anni successivi. Ora la Grecia nel dramma finanziario: per lopinione comune anche colpa dei Giochi.
I nodi di Torino Torino 2006 ha

tivit e gestione post-olimpica restano uneredit non felice. Nel caso dellimpianto di bob e slittino sono emerse le contraddizioni sottovalutate quando si individu larea (il Coni era per la costruzione a nord in modo da non patire leffetto-sole).
Londra sotto esame Anche per i

VERSO LAPPOGGIO DEL GOVERNO

Monti incontra Petrucci e decide


(m.gal.) Vertice finale. Oggi Mario Monti dovrebbe incontrare Alemanno, Petrucci e Pescante con un ordine del giorno fatto di un solo punto: la candidatura di Roma allorganizzazione dei Giochi Olimpici 2020. Non stato reso noto lorario dellappuntamento Monti ha unagenda molto fitta e allora di pranzo a Villa Madama dovr ricevere il presidente della repubblica federale tedesca Wulff - ma siamo a 48 ore dalla scadenza prevista dal Cio per partecipare alla corsa, ormai non c tempo da perdere. Oltre alla firma di Mario Monti (come premier e ministro dellEconomia), serve anche lautografo del ministro dello sport, Piero Gnudi. Possibile anche la convocazione di un Consiglio dei ministri domattina. Il Coni manifesta un sereno ottimismo, il Comitato promotore si limita a una speranzosa attesa. Tutto pronto per la spedizione al Cio: il direttore generale del Comitato, Ernesto Albanese, dovrebbe avere gi un volo prenotato per Ginevra e da l proseguir per Losanna. Intanto Josefa Idem a Che tempo che fa su Rai 3 torna alla carica: Fare le Olimpiadi con lorgoglio di essere italiani.

i miliardi di spesa pubblica netta previsti per lOlimpiade di Roma 2020, contro i 7,2 di Atene 2004 (che diventano 8,8 se attualizzati al 2011)

4,7

Il premier Mario Monti LAPRESSE


MARCO IARIA

Giochi di Londra i costi sono lievitati: la Corte dei Conti inglese ha pi volte lanciato lallarme sforamento del budget passato da 10.8 a 13 miliardi di euro. Come per Atene sono i costi sulla sicurezza a rischio impennata. La certezza del comitato di Sebastian Coe che i 9.3 miliardi destinati alle strutture sar per i londinesi la miglior fruizione.
La speranza di Roma Giochi pi sobri, lesperienza del 60 e costi largamente inferiori propone anche rispetto a Rio 2016 e Pechino 2008 Roma 2020: 9,8 miliardi di euro. Dopo la campagna favorevole lanciata da atleti e partiti, industriali e artisti, tocca al presidente Monti dire adesso lultima verit.
RIPRODUZIONE RISERVATA

lincidenza della spesa olimpica a carico di Stato ed enti locali sul Pil del nostro Paese, contro il 3,9% dellesperienza ateniese

0,3%

avuto benefici effetti durante (Medal Plaza, palaghiaccio pieni) e dopo i Giochi dinverno: come per Barcellona, limpulso migliore per la citt derivato dal rilancio turistico e dimmagine. In collina andata peggio: il trampolino di Pragelato e la pista di Cesana, nonch lat-

Roma intravede lo spettro di Atene e simpaurisce, si ricorda della favola di Barcellona e riprende coraggio. Stabilire se conviene o no organizzare unOlimpiade sulla base delle esperienze precedenti un esercizio complicatissimo. Scenari diversi, locali e internazionali, e poi proprio in avventure come questa che si marca il confine tra la buona e la cattiva politica. Certo, se Roma volesse semplicemente specchiarsi in se stessa noterebbe quale immensa eredit la legacy tanto cara ai cittadini le ha consegnato la storica (in tutti i sensi) edizione del 1960: un patrimonio di infrastrutture che, a distanza di mezzo secolo, ancora una bella cartolina da spedire al Cio.
Paragone Mettendo a confronto i Giochi (fatti) di Atene 2004 con quelli (sognati) di Roma 2020, doverosa una premessa: paragonare Grecia e Italia proprio non si pu. Noi

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DIRETTORE RESPONSABILE ANDREA MONTI andrea.monti@gazzetta.it VICEDIRETTORE VICARIO Gianni Valenti gvalenti@gazzetta.it VICEDIRETTORI Franco Arturi farturi@gazzetta.it Stefano Cazzetta scazzetta@gazzetta.it Ruggiero Palombo rpalombo@gazzetta.it Umberto Zapelloni uzapelloni@gazzetta.it PRESIDENTE Piergaetano Marchetti VICE PRESIDENTE Renato Pagliaro AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE Antonello Perricone CONSIGLIERI Raffaele Agrusti, Roland Berger, Roberto Bertazzoni, Gianfranco Carbonato, Diego Della Valle, John Elkann, Giorgio Fantoni, Franzo Grande Stevens, Jonella Ligresti, Giuseppe Lucchini, Vittorio Malacalza, Paolo Merloni, Andrea Moltrasio, Carlo Pesenti, Virginio Rognoni, Alberto Rosati, Giuseppe Rotelli, Enrico Salza DIRETTORE GENERALE DIVISIONE QUOTIDIANI Giulio Lattanzi

RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Quotidiani Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano Responsabile del trattamento dati (D. Lgs. 196/2003): Andrea Monti privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000 COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA Via Solferino, 28 - 20121 Milano - Tel. 02.62821 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306 SERVIZIO CLIENTI Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it PUBBLICIT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE PUBBLICIT Via A. Rizzoli, 8 - 20132 Milano Tel. 02.25841 - Fax 02.25846848

Testata di propriet de "La Gazzetta dello Sport s.r.l." - A. Bonacossa 2012

EDIZIONI TELETRASMESSE Tipografia Divisione Quotidiani RCS MEDIAGROUP S.p.A. - Via R. Luxemburg - 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Tel. 02.95743585 S RCS PRODUZIONI S.p.A. - Via Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S SEPAD S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 - 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Editrice La Stampa SpA - Via Giordano Bruno, 84 10134 Torino S Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel. 080.5857439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. - Zona Industriale Strada 5 n. 35 95030 CATANIA - Tel. 095.591303 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. - Via Omodeo - 09034 ELMAS (CA) - Tel. 070.60131 S BEA printing bvba Maanstraat 13 - 2800 - MECHELEN (Belgio) S Speedimpex USA, Inc. - 38-38 9th Street Long Island City, NY 11101, USA S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nacin - Bouchard 557 - 1106 BUENOS AIRES S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington n. 1808 - OSASCO - SO PAULO - Brasile. S Miller Distributor Limited - Miller House, Airport Way, Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

PREZZI DABBONAMENTO C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI ITALIA 7 numeri 6 numeri 5 numeri Anno: e 299,40 e 258,90 e 209,10 Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it

COLLATERALI * Con la Leggenda del Rally N. 4 e 12,19; con Ballando con le Stelle N. 5 e 9,19 - con Supereroi N. 41 e 11,19 - con Soldatini dItalia N. 36 e 11,19 con Linomania N. 25 e 11,19 - con Ferrari Racing N. 23 e 14,19 - con Montalbano N. 19 e 11,19 - con Bear Grylls N. 17 e 11,19 - con Lupin III Film Collection N. 16 e 11,19 - con Indistruttibili N. 15 e 11,19 con ET Predictor card e 11,19 - con i Miti del Calcio ai Raggi X N. 34 e 4,19 - con Campionato Io Ti Amo e 14,19 - con Alberto Sordi N. 7 e 11,19 - con Mai Dire story N. 7 e 11,19 - con Messi e 14,19 con Paperinik N. 2 e 11,19

Testata registrata presso il tribunale di Milano n. 419 dell1 settembre 1948 ISSN 1120-5067 CERTIFICATO ADS N. 7335 DEL 14-12-2011

PROMOZIONI ARRETRATI Richiedeteli al vostro edicolante oppure ad A.S.E. Agenzia Servizi Editoriali - Tel. 02.99049970 - c/c p. n. 36248201. Il costo di un arretrato pari al doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

La tiratura di domenica 12 febbraio stata di 353.749 copie

PREZZI ALLESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 8,10; Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 64; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 1,85; Marocco g 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 25; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; Ungheria Huf. 600; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 4,00.

48

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 13 FEBBRAIO 2012