Sei sulla pagina 1di 48

www.gazzetta.it lunedì 27 febbraio 2012 1,20 € REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL.

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 0262821 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281
POSTE ITALIANE SPED. N A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO Anno n
anno 116 ­ Numero 49
ITALIA

LA CORSA SCUDETTO CONTINUANO LE POLEMICHE DOPO IL BIG MATCH leOpinioni


a pagina 24
Milan­Juve: è guerra SERVE PIU’ SERENITA’

Una bufera su Buffon


di UMBERTO ZAPELLONI

GIGI SCACCIA LE PAROLE


E la rissa prosegue a colpi di nuove immagini televisive di LUIGI GARLANDO

Romagnoli, la svista costa la carriera. Tagliavento a riposo


NESSUNO SCANDALO
BOCCI, CENITI, GALDI, GRAZIANO, LAUDISA, LICARI, OLIVERO, PASOTTO DA PAG. 8 A 13 3 Il gol fantasma di Muntari di BEPPE BERGOMI

ROMA
SUPER NAPOLI

IL POCHO CON LAVEZZI


RIVEDE IL 3° POSTO
Un caso De Rossi
Fuori a Bergamo
e l’Atalanta vola

AFFONDA BIANCHI, CECCHINI, MACONI ALLE PAGINE 16­17

UDINESE E LAZIO
Di Natale torna e segna

RANIERI
Quinta sconfitta consecutiva per l Inter
che mai aveva perso 11 volte nelle
Reja vince: «Ora resto»
CALAMAI, TOSI, ZANARINI, PALOMBO, CIERI, STOPPINI PAG. 19­21

NAZIONALE
Prandelli chiama Borini
prime 25 partite. Il tecnico nerazzurro: Balo e Osvaldo a casa
«Mi confermo al 100%, non ho colpe». VERNAZZA A PAGINA 15
Moratti si prende una notte di riflessione
CECERE, ELEFANTE, MALFITANO, SCHIANCHI, TAIDELLI DA PAG. 2 A PAG. 7
Serie A / 25ª GIORNATA
PARTITE CLASSIFICA
ilCommento Sabato MILAN 51 ATALANTA** 31
LE HA PROVATE TUTTE G E N OA PA R M A
MILAN JUVENTUS
2 ­2
1­1
JUVENTUS* 50
UDINESE 45
CAGLIARI 31
GENOA 31
Ieri LAZIO 45 PARMA* 29
di ALBERTO CERRUTI ATALANTA ROMA 4­1 NAPOLI 40 FIORENTINA* 28
L’orgoglio non basta. L’Inter, che si era illusa di avvici- BOLOGNA UDINESE 1­3 ROMA 38 BOLOGNA* 28
narsi a Juve e Milan con 7 vittorie consecutive, continua CAGLIARI LECCE 1­2 INTER 36 SIENA 26
la sua via crucis nella stazione di Napoli, dove perde la CATANIA NOVARA 3­1 PALERMO 34 LECCE 24
quinta partita di fila, settima nelle ultime otto. CHIEVO CESENA 1­0 CATANIA* 33 NOVARA 17
LAZIO FIORENTINA 1­0 CHIEVO 33 CESENA* 16
L’ARTICOLO A PAGINA 5 3 Lavezzi e Cavani in festa NAPOLI INTER 1­0
* Una partita in meno
SIENA PALERMO 4­1 ** 6 punti di penalizzazione

w
SUPERBIKE PRIMO GP IN AUSTRALIA SCI AL 2° SUCCESSO STAGIONALE IL ROMPI ESTERO
PALLONE
Biaggi dà spettacolo: Blardone raddoppia: DI GENE GNOCCHI Tacco Ronaldo gol mai visto
«La vittoria più bella un gigante anche Buffon: «Non ho visto, ma Messi mette k.o. Simeone
anche se avessi visto non
con l’Aprilia perfetta» sulla neve marcia avrei parlato». Provenzano: Al Liverpool la Carling Cup
GOZZI ALLE PAGINE 30­31 MOLINARO ALLE PAGINE 34­35 «Mi piace questo picciotto» BOLDRINI, RICCI ALLE PAGINE 26­27

Joymax EVO 300i Citycom.300i


www.preference.it

* Promozione valida presso


i concessionari SYM che aderiscono
all’iniziativa e riservata ai veicoli
in pronta consegna.
✔ ✔
HD2
a lis tin o: € 4 .4 o
0 6,00 a lis tin o: € 4 .0 o
9 1,00
20 2 2 7>

pr ez zo pr om pr ez zo pr om Prezzo promo
€ 3.7sc0on0to ,00 € 3.4sc5on0to ,00
* *
compresi
ffferta
f t valida
v d
HD2 125dal € 2.625,00
9 771120 506000

da 1°
1 Febbraio

€ 706,00 € 641,00
al
a 311 Marzo 2012.
HD2Messaggio
200i
Me sagg € 2.825,00
o pubblicitario
con finalità promozionali.

Offerta valida dal 1° Febbraio al 31 Marzo 2012. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. I prezzi al pubblico si intendono Franco Concessionario, sono pertanto
escluse le spese di immatricolazione ed il Sym Assistance. Spese di Immatricolazione consigliate inclusive di Sym Assistance: € 250,00 per motocicli - € 135,00 per ciclomotori.
Assistenza SANYANG Italia S.r.l.
stradale
Via delle Industrie, 12
SYM sceglie lubrificanti Motorex
inclusa foratura
per l’intero periodo Arese - Milano http://www.sym-italia.it
di garanzia
Telefono 02 9345641
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
2

SERIE A 25a GIORNATA


1
NAPOLI INTER

1
(3-4-2-1) (4-3-1-2)
0
De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Julio Cesar; Faraoni, Lucio, Samuel, Na-
Aronica; Maggio, Inler, Gargano, Zuniga; gatomo; Zanetti, Stankovic (dal 21’ s.t. Po-
Dzemaili (dal 44’ s.t. Dossena), Lavezzi li), Cambiasso; Sneijder (dal 1’ s.t. Cordo-
(dal 37’ s.t. Britos); Cavani. ba); Milito, Forlan (dal 1’ s.t. Pazzini).
PANCHINA Rosati, Fernandez, Grava, PANCHINA Castellazzi, Palombo, Obi, Za-
Pandev, Vargas. rate.
ALLENATORE Mazzarri. ALLENATORE Ranieri.
ESPULSI Aronica al 34’ s.t. per gioco scor- ESPULSI nessuno.
retto. AMMONITI Nagatomo, Milito, Cordoba,
AMMONITI Gargano per gioco scorretto. Faraoni e Poli per gioco scorretto.

GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0


MARCATORE Lavezzi (N) al 14’ s.t.
ARBITRO Bergonzi di Genova.
NOTE spettatori 41.034, incasso di 1.111.150 euro. In fuorigioco 0-0. Angoli 11-0. Recuperi: p.t. 0’,
s.t. 3’.

POSSESSO PALLA PASSAGGI POSITIVI

NAPOLI 49% INTER 51% NAPOLI 77% INTER 76%


TIRI IN PORTA TIRI FUORI

IIII I IIIIII IIII


NAPOLI 4 INTER 1 NAPOLI 6 INTER 4

MOMENTI CHIAVE
PRIMO TEMPO SECONDO TEMPO
25’ Gran botta di Dzemaili dalla distanza, vola 7’ Maggio stacca di testa da pochi metri: fuori.
Julio Cesar a deviare in angolo. c GOL! 14’ Percussione di Dzemaili che serve a
29’ Cavani di testa a lato, una punizione di Inler. sinistra Lavezzi: diagonale all’angolino.
31’ Julio Cesar esce di testa fuori area a 19’ Dzemaili da fuori: Julio Cesar devia in tuffo.
precedere Gargano. 26’ Maggio in area in torsione sfiora il palo.
43’ Punizione di Sneijder dai 20 metri di poco 43’ Cross teso di Nagatomo, a centro area
fuori. Pazzini, solo, manda fuori di testa.

NAPOLI, SPALLATA A
Lavezzi-gol: il tecnico vacilla Chivu) e un timido Nagatomo
non se la sentivano di uscire dal
guscio mentre Sneijder rientra-
va raramente e quando lo face-
va veniva stritolato dal dinami-

Inter, mai 11 k.o. in 25 gare smo di Inler e Gargano.

La chiave Insomma tanto Napo-


li, anche se poco concreto. Ma il
lavoro ai fianchi trova il suo rac-
Vola invece la squadra di Mazzarri, che coglie la quarta vittoria consecutiva colto dopo un’ora, grazie a una
percussione centrale di Dzemai-
Ennesima bocciatura per Sneijder e Forlan, sostituiti alla fine del primo tempo li, che somiglia tanto a un’azio-
ne di rugby poiché si vedono
due nerazzurri, Stankovic e Lu-
DAL NOSTRO INVIATO
ma sconfitta alla 26a). Napoli in- adesso l’Inter ha perso total- poi tanto tranquilla per l’allena- La superiorità Se nel primo tem- cio, tentare di opporsi al napole-
NICOLA CECERE vece continua a cantare il suo mente di vista. Definitivamen- tore questa vigilia non lo sia sta- po il Napoli non è riuscito a con- tano sul piano della forza fisica.
NAPOLI soldato innamorato: quarto te, anche? Beh, in attesa delle ta, al di là delle dichiarazioni cretizzare questo controllo tota- Ma senza risultato: travolti gli
successo consecutivo, terzo su misure che Moratti vorrà pren- pubbliche, poiché il Napoli gio- le del territorio lo si deve a un ostacoli e giunto al limite, Dze-
Cucù... sette-te... Ecco lo tre contro l’Inter in questa sta- dere nelle prossime ore, la situa- ca sempre allo stesso modo e bel volo di Julio Cesar su staffi- maili appoggia a sinistra per La-
sberleffo del Pocho scugnizzo a gione, con sei reti realizzate e zione appare compromessa e quindi non era difficile prevede- lata di Dzemaili, alle chiusura vezzi che di prima indovina l’an-
un’Inter che precipita nella bol- nessuna subita. Gli azzurri si so- non solo in classifica. re che presentandosi con il rom- di Lucio-Samuel su Cavani e a golo opposto. Un gran bel gol
gia dantesca del contrappasso: no confermati nettamente supe- bo l’Inter avrebbe subìto l’infe- qualche imprecisione in rifinitu- giunto proprio quando l’Inter
sette vittorie l’avevano risolle- riori pur in una serata in cui La tattica Ranieri ha aspettato ra che ha coinvolto anche un La- sembrava più logica, meglio or-
riorità numerica in mezzo al
vata da quell’avvio-choc, e ades- hanno pagato (Cavani in parti- 45’ minuti prima di riequilibra- vezzi comunque sempre insi- ganizzata e perciò in grado per-
so la settima sconfitta in un me- colare) gli sforzi della Cham- re la situazione tattica organiz- campo. Situazione che il Napo- dioso. Facendo rientrare Dze- lomeno di portare a casa lo 0-0.
se, quinta di fila, la riporta sul- pions. Ma a Mazzarri è bastato zando a spese di Sneijder e For- li ha sfruttato facendo possesso maili spesso e volentieri sulla li-
l’orlo del precipizio. Sono 11 un innesto rispetto al successo lan, parsi subito allo sbaraglio palla e sfiancando i tre malcapi- nea mediana, Mazzarri poteva L’Inter Ma, attenzione, c’è una
k.o. su 25 partite di campiona- sul Chelsea, Dzemaili, per ani- in quanto totalmente scollegati tati senatori, Zanetti-Stanko- contare su cinque uomini laddo- bella differenza con l’amara bef-
to: mai così tante nella storia mare la scena e meritarsi i tre dal resto della squadra, un vic-Cambiasso, che in questo ve Ranieri ne poteva opporre fa di Marsiglia. Qui i nerazzurri
dell’Inter a questo punto del tor- punti del rilancio verso quel ter- 3-5-2 improvvisato ma grosso momento oltre l’orgoglio e il spesso solo tre. Perché il giova- non meritavano il pari — sebbe-
neo (quelle del 1946-47 e zo posto che un mese fa appari- modo speculare al modulo di temperamento poco hanno da ne Faraoni (entrato in forma- ne Pazzini nel finale (43’) lo ab-
1947-48 incassarono l’undicesi- va come un miraggio. E che Mazzarri. È questa la spia che spendere. zione in extremis per sostituire bia incredibilmente mancato
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
3

2 3
IL BOTTINO
DI RANIERI
ALL’INTER lacrisi
GIOCATE IL FUTURO DEL TECNICO
30
VITTORIE

15 Cambiare o no?
PAREGGI

3 Per Moratti
è l’ora della scelta
SCONFITTE

12
GOL FATTI
Il presidente, che aveva detto «proviamo ad andare
40
avanti», non vorrebbe cambiare. Una notte per riflettere.
GOL SUBITI
Suggestione Zenga, Baresi e Stramaccioni traghettatori
37
K.O. DI FILA
1 Il gol-vittoria di Lavezzi, al quarto centro in
tre partite (Champions compresa): al 14’ della 5 DAL NOSTRO INVIATO
ANDREA ELEFANTE
ripresa l’argentino riceve l’assist di Dzemaili e NAPOLI
colpisce con un diagonale FOTOCUOMO
2 Ranieri incrocia Lavezzi col pallone tra le Forse la panchina di
mani: le due facce della serata di ieri ANSA Claudio Ranieri ieri ha esalato
3 La delusione di Pazzini, che si è divorato l’ultimo scricchiolio su quel
un’occasione d’oro nel finale, e di Poli INSIDE doppio cambio deciso all’inter-
vallo: come un segnale di resa,
e chissà che anche Moratti non

A RANIERI
decida di arrendersi suo mal-
grado. All’evidenza e a un istin-
to trattenuto fino a oggi: quel-
lo dell’esonero. Quel «forse»
resta, perché il presidente, an-
cora alla vigilia della partita di Da sinistra, il tris di possibili sostituti di Ranieri: Walter Zenga, 51 anni,
Napoli, considerava l’ipotesi Giuseppe Baresi, 54, e Andrea Stramaccioni, 35 LAPRESSE/REUTERS/MANCINI
come extrema ratio: se avesse
con un colpo di testa a botta si- visto una squadra che ha sbra- to: calcistico, però. A Ranieri candosi a un 3-5-2 condito di
cura da pochi passi — per il nul- cato, ormai scollegata dall’alle- l’Inter è scoppiata in mano, rassegnazione, ad un calcio di-
la creato davanti. L’unico tiro
la Moviola natore. O se avesse visto che dal loro ritorno: gli si è squa- ventato quasi implorazione:
di FRANCESCO CENITI
nello specchio è arrivato da lon- l’allenatore non è più collega- gliata sotto gli occhi giorno do- cerchiamo di non farci male, e
tano su punizione di Cambias- to con la missione che gli po giorno, e non l’ha ritrovata speriamo che non ce ne faccia-
so decretata per un fallo di Aro-
nica su Faraoni (che ha spedito
Aronica: è giusto il rosso aveva affidato a settem- più. Dal Napoli al Napoli, un no. Moratti, davanti alla televi-
bre. mese esatto senza mai rivede- sione, avrà avuto la stessa sen-
sul fondo un bel tiro al volo dal Bergonzi fa un figurone re la luce: sette sconfitte nelle sazione di manifesta inferiori-
limite all’ultimo minuto) abile Salto nel vuoto Ieri se- ultime otto partite, cinque di tà, di impotenza che non è nel
a rubar palla in zona minata e Ossigeno puro. La buona direzione di
ra a guardarlo così, fila; 19 gol subiti in dieci parti- suo dna.
perciò steso dal napoletano. Bergonzi in una gara difficile e piena d’insidie
come quella del San Paolo, serve a ridare un po’ in piedi davanti alla te, l’ultima vergine fu il derby
Inevitabile il rosso che ha ani- panchina, le brac- del 15 gennaio; sette delle ulti- Le soluzioni Oggi tutto sembra
mato gli ultimi minuti. di tranquillità al gruppo degli arbitri e al
designatore Braschi. Il fischietto di Genova ha cia conserte, abbando- me otto partite senza lo strac- fatica, in questa Inter e di que-
interpretato bene la sfida, fischiando tutti i falli e nato a lunghi silenzi e cio di un gol. Il buio, solo buio. sta Inter. E ancora una volta
Il Napoli Ricordando, oltre alla
in questo non seguendo la «moda» di lasciar rare indicazioni, che oggi Moratti affronterà la fati-
parata di Julio Cesar su Dzemai-
correre molti contrasti che si sta rilevando un quasi si è sbracciato di Moratti davanti alla tv Su quegli ca che sperava di non dover fa-
li, che Maggio ha spedito di po-
pericoloso boomerang. L’arbitro fa capire subito più Beppe Baresi, non interruttori spenti come al soli- re: tradurre quel «proviamo a
co a lato due colpi di testa da quale aria tira: ammonito Nagatomo, che sbaglia è sembrato l’allenato- to, Ranieri ha provato a fare vedere se andare avanti così»
posizione invidiabile, bisogna l’anticipo su Maggio e poi lo trattiene. Cartellino
concludere che gli azzurri sono re che tanta fiducia di- «clic» con quell’ultima mossa: di venerdì, scegliere se andare
anche per Gargano che stende Sneijder. Subito spensa a parole, profes- fuori Sneijder e Forlan, come avanti ancora o cambiare. I no-
stati più pericolosi pur non gio- dopo si accende una mischia, ma Bergonzi riesce
cando una gara strepitosa, gio- sando un ottimismo di a Roma gli capitò di mettere mi, nel caso, sono i soliti. La
a controllarla. Altro giallo, questa volta per Milito cui non si è vista traccia suggestione Walter Zenga, op-
va ribadirlo. Ma c’era stato il fuori all’intervallo Totti e De
duro su Cannavaro. pure la doppia soluzione inter-
Chelsea a divorare tesori di neanche nella partita di Rossi. Quel giorno Ranieri vin-
Nella ripresa ennesimo fallo di Cordoba su
energie, ribadiamo pure que- ieri sera. Un coraggio di se un derby, ieri forse ha perso na: la coppia Baresi-Bernazza-
Cavani: arriva l’ammonizione. Stessa sorte per
sto. E così il Napoli spedisce il certo non nascosto die- l’Inter. Perché c’è modo e mo- ni, magari con Luis Figo al loro
Faraoni (affossato Zuniga). Al 32’ gol annullato al
suo messaggio a chi gli sta da- Napoli per un fuorigioco di Campagnaro. Al 34’ tro quella doppia sostitu- do di perdere, e perdere male fianco, oppure il tecnico della
vanti: intendiamo lottare an- espulso Aronica: decisione giusta, Faraoni gli zione dopo 45’: fuori We- non significa solo prendere Primavera, Andrea Stramac-
che per il terzo posto. In attesa ruba la palla e sta per involarsi da solo verso la sley Sneijder e Diego For- un’imbarcata come quella del- cioni. Vedi Napoli e poi chissà:
di Stamford, e dopo Stamford: porta. In pieno recupero resta qualche dubbio lan, quelli del salto di qua- l’Olimpico. Può significare an- chi l’avrebbe detto un mese
of course. per un contatto in area tra Zuniga e Pazzini. lità diventato un salto che perdere 1-0 arrendendosi fa?
© RIPRODUZIONE RISERVATA nel buio. O nel vuo- come una provinciale, attac- © RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
4
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
5

SERIE A 25a GIORNATA


le Pagelle di ANDREA SCHIANCHI

NAPOLI MAGGIO MANDA IN TILT OGNI RIVALE INTER ZANETTI CAMMINA, MILITO SVUOTATO

7
Padrone del
7
Allenatore Mazzarri
Insiste sui soliti noti, quelli che
gli hanno regalato gioie contro il
h 7
Il migliore Lavezzi
È imprendibile. Sgomma a
sinistra che è un piacere e nel
4,5
Imbarazzan-
5
Allenatore Ranieri
Non aver ancora capito che
questa Inter non può reggere
h 6,5
Il migliore Julio Cesar
Tiene la squadra in partita nel
primo tempo quando toglie dal
campo Chelsea (tranne Dzemaili per primo tempo mette in croce la te. Non un trequartista (Sneijder) più «sette» una conclusione di
sempre, Hamsik), e ha ragione: i suoi difesa dell’Inter. Quando cala un corre, due punte (Forlan e Milito) è una Dzemaili. Attento nelle uscite, sia
non soffre ragazzi hanno energie, idee po’, tutta la squadra ne risente. non lotta, colpa. E la soluzione non è alte sia di piede. Non può nulla
neppure in 10 ed entusiasmo da vendere. Il gol è precisione e potenza. non gioca. nemmeno il 3 5 2 della ripresa. sulla conclusione gol del Pocho.

6,5 6 6 4 6,5 6,5 5 5,5 5 5 5 5


De Sanctis Campagnaro Cannavaro Aronica Maggio Inler Faraoni Lucio Samuel Nagatomo Zanetti Stankovic
Si distende su Gioca d’anticipo Puntuale Insicuro e Spinge Dirige le Terzino destro Il più in forma Non ha la In crisi dall’inizio Cammina per il Lento e
una conclusione sia su Milito sia nell’aggressione impreciso nei sull’accelerato operazioni con nella difesa a della difesa, rapidità per alla fine. Patisce campo e, impacciato nel
da fuori area e su Forlan. Non e nel recupero disimpegni, re fin dall’avvio maestria, quattro: non prova anche a chiudere Cavani Maggio come gli obiettivamente, dirigere il
blocca con è che sia un del pallone. nonostante e manda in tilt sempre pronto riesce mai a spingere in e Lavezzi. Ci spettatori del non combina traffico.
sicurezza. lavoraccio, Le punte avesse davanti gli avversari. a cercare il lato trovare i tempi aggiunta ai mette la gamba, San Paolo granché. Non Gli manca la
Per il resto è vista la forza dell’Inter gli il nulla degli Cambiasso, che debole della giusti per centrocampisti. ma non basta. soffrono il ha più la forza benzina per
una serata di degli fanno il solletico attaccanti lo dovrebbe difesa l’intervento e Alcune buone E non trova vento gelido per i classici tenere il ritmo
tutto riposo. Lui avversari... e lui se la cava nerazzurri. tenere, non ce avversaria con per l’anticipo. chiusure, ma giovamento della serata. raid offensivi e degli avversari
è bravo, quando E poi prova senza patemi. E poi combina il la fa, Nagatomo lanci precisi. Va Esterno di ha il grave nemmeno Una sola cosa non riesce a e va in affanno
chiamato in qualche volta a Anche nel finale pasticcio del nemmeno e lui in pressing con centrocampo peccato di farsi quando la buona: il cross tenere a bada i quando viene
causa, a fare spingere sulla è ordinato a fallaccio su è padrone tempismo su nel 3 5 2: mai superare difesa, nella che mette centrocampisti pressato da
anche il libero e destra per guidare la Faraoni che gli assoluto della Sneijder e vince una volta che nell’azione ripresa, si Pazzini davanti del Napoli. Dzemaili e Inler.
impostare. aiutare Maggio. retroguardia. costa il rosso fascia. i contrasti. incida. del gol. compatta. alla porta. Energie zero. (Poli 5,5)

6 6,5 7 6 s.v. s.v. 5 5 4 5 5 5


Gargano Zuniga Dzemaili Cavani Britos Dossena Cambiasso Sneijder Milito Forlan Cordoba Pazzini
Si dovrebbe Difficile Gioca da vice Meno Entra sul calare Al posto di Altro uomo a Mai in partita, Impacciato, Dovrebbe Entra nel Sembra più
occupare di arginarlo Hamsik, più appariscente di della partita al Dzemaili, negli fine corsa: galleggia tra le irriconoscibile. essere la secondo tempo vivo di Milito e
Zanetti, ma quando parte e avanzato altre volte. Nel posto di ultimi minuti, quelli del Napoli linee come un Pur nelle seconda punta, perché Ranieri Forlan e non si
capisce subito si sovrappone rispetto p.t. tiene Lavezzi per per arginare il gli passano pesciolino difficoltà del in realtà fa vuole difendere capisce perché
che può a Lavezzi sulla al solito. occupati Lucio dare una mano disperato davanti che impaurito. Non momento, mai soltanto con tre centrali. Ranieri lo abbia
disinteressarsi sinistra. Bravo Si disimpegna e Samuel, ma là dietro, visto assalto finale sembrano in imposta, non che detti il confusione. Gli Sul gol tenuto fuori nel
del problema e con i piedi e nel con eleganza, si non ha che Aronica è dell’Inter. Se la moto. Destinato accelera, non passaggio in arrivano pochi dovrebbe primo tempo.
badare di più a dribbling, più di butta negli spazi occasioni. Nella stato espulso. cava senza inizialmente su conclude. profondità o palloni, ok, ma essere su Nel finale, però,
costruire. una volta si e inventa con ripresa, con più Fa il suo problemi e Maggio, viene Insomma, non che tenti quei pochi li Lavezzi: invece fallisce
Non è proprio il libera con una ripartenza spazi, si lancia dovere riesce pure a dirottato su fa lo Sneijder. l’azione tratta davvero il colombiano un’occasione
suo mestiere, facilità di micidiale alla ricerca del mettendoci spingere. Inler. Ma non Perlomeno non solitaria. male. Sempre non riesce a d’oro, di testa,
ma ci mette Faraoni e va al l’azione del gol gol. Sempre concentrazione vede neppure quello ci aveva Sembra anticipato dai trovare il tempo con la porta
l’anima. cross. di Lavezzi. altruista. e grinta. lui... abituato. svuotato. difensori. dell’intervento. spalancata.

TERNA ARBITRALE: BERGONZI 7 Dirige con autorevolezza una gara non facile. Deve usare i cartellini per tenere in mano la partita, ma lo fa bene. Giusta l’espulsione di Aronica. Manganelli 7; Padovan 7

L’orgoglio non basta. L’Inter, che si era illusa un gol. Numeri da brivido che rimettono ultimi scudetti, erano riusciti a vincere a
di avvicinarsi a Juve e Milan con sette vittorie impietosamente a nudo i peccati estivi e Napoli, perché non c’entra né la scaramanzia,
dallaPrima consecutive, continua la sua via crucis nella invernali della società, incapace di dare né la storiella del campo stregato. Se
stazione di Napoli, dove perde la quinta prima a Gasperini e poi a Ranieri rinforzi Cambiasso non ce la fa a rincorrere Inler,
partita di fila, settima nelle ultime otto, tra adeguati. mentre due anni fa sarebbe successo il
di ALBERTO CERRUTI Coppa Italia, campionato e Champions. Il contrario, significa che la benzina è finita. E
tunnel della crisi sembra infinito, senza lo Anzi, nel caso di Ranieri, capace di cedere lo stesso discorso vale per Stankovic, uscito
spiraglio di luce invocato da Ranieri, che le Thiago Motta, che il tecnico voleva trattenere, stremato per far posto all’acerbo Poli. Con o
LE HA PROVATE prova tutte, nella ripresa persino la difesa a
tre di Gasperini, per fermare la pericolosa
prendendo al suo posto Palombo, titolare
soltanto in panchina e Guarin titolare in
senza Sneijder, rimpianto quando non c’è,
criticato quando c’è, con il rombo o il
DAVVERO TUTTE retromarcia dalle ultime disperate speranze di
agganciare il terzo posto, o almeno il quinto
infermeria, mentre Muntari è andato a
rinforzare il Milan. Ma se non si vogliono fare
quadrilatero, l’Inter ormai fa scena muta
ovunque e comunque. Con la sfortuna di
per consolarsi in Europa League. dolorosi confronti con i vicini di casa, basta Marsiglia, o con l’orgoglioso affanno finale di
farli con il Napoli che non dimostra la stessa ieri sera. E allora è facile pensare che, come
Il bivio del San Paolo valeva doppio anche fame con cui ha azzannato il Chelsea, ma al solito, pagherà Ranieri, al quale non si può
per questo, perché sarebbe bastato il primo mette sotto l’Inter, resistendo anche in dieci certo rimproverare di essere stato cocciuto
0-0 della gestione Ranieri per tenere a portata nel finale dopo l’espulsione di Aronica. E lo fa nelle sue scelte, semmai di avere confuso le
di sorpasso il Napoli, e la Roma sconfitta a stravincendo a centrocampo, dove nessuno idee a giocatori che già si confondono da soli.
Bergamo, anche se Udinese e Lazio, che nota l’assenza dello squalificato Hamsik, Se sarà così, vuol dire che 3 non è soltanto il
hanno già 9 punti in più, sembrano ormai perché Mazzarri ai titolari già forti dell’anno numero perfetto della tripletta di Mourinho,
irraggiungibili per i nerazzurri. E meno male scorso può aggiungere due veri rinforzi: Inler ma è anche il numero maledetto della difesa
che il Palermo non ha vinto a Siena, e soprattutto Dzemaili, che fa la differenza in scelta da Gasperini e improvvisata da Ranieri.
altrimenti l’Inter oggi sarebbe ottava, altro occasione del gol partita del solito Lavezzi. E in ogni caso in bocca al lupo a chi guiderà
che terza, bendata come una mummia nelle l’Inter domenica prossima contro il Catania.
sue strisce di 5 sconfitte senza segnare mai, e Non è il caso, quindi, di ricordare che Perché non basta cambiare la panchina per
Wesley Sneijder, 27 anni, sul prato di Napoli INSIDE di 9 gare in cui ha sempre incassato almeno nemmeno Mancini e Mourinho, i tecnici degli rivedere la luce.

GRAN PRIX FIE Palasport G. Gianquinto


Arsenale di Venezia
PROVA DI COPPA DEL MONDO
FIORETTO MASCHILE 3 4
marzo 2012
INDIVIDUALE
35° Coppa Città di Venezia
2° Trofeo Alilaguna
Partners Istituzionali

Main Sponsor Evento Sponsor

Partners Federazione Italiana Scherma


foto Bizzi

www.federscherma.it www.coppacittadivenezia.it
Aspromonte Baldini Cassarà Avola
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
6

SERIE A 25a GIORNATA


LA TENDENZA IL CAMPIONATO NERAZZURRO PASSO PER PASSO

GAZZETTA DELLO SPORT

ro? Non sono io il presidente,

Ranieri: «Non mi dimetto io non mi dimetto, perché cre-


do in questa squadra e vedo
che continua a lottare. Anche
se capisco che ho molti spon-
sor sull’argomento... Non ho
clic
PER L’INTER SONO

Credo in questi ragazzi»


colpe e se fossi Moratti mi con- 5 SCONFITTE DI FILA
fermerei al 100%». NEL 1993-94 ARRIVÒ A 6
La gara E mentre Zanetti ripe-
te la frase dell’ultimo mese
«Non ho colpe, se fossi il presidente Moratti mi confermerei («periodo difficile, restiamo
uniti»), Ranieri va con l’analisi
della (non) partita e del mo-
Anche a Napoli ho visto la voglia di lottare della squadra» mento in generale. «Abbiamo
perso delle gare, ma abbiamo
voglia ed energia per risalire.
DAL NOSTRO INVIATO Sapevamo che il Napoli ci
LUCA TAIDELLI
NAPOLI
I tabù avrebbe aggredito e abbiamo
provato ad aggredire noi. È an-
La squadra sarà anche
con lui. Lui, per ora, è ancora
i
ATTACCO ANCORA
data male. Il traguardo Cham-
pions? Tutte le cose si fanno
un passo alla volta, per ora
con la squadra. E pure stavolta
A SECCO: ULTIMO pensiamo a tornare al gol (che
Claudio Ranieri riesce a na-
manca da 471 minuti, ndr) e
scondersi dietro al ritornello GOL IL 1o FEBBRAIO alla vittoria. A fine primo tem-
che ha accompagnato un feb- po faccio sempre dei cambi?
braio da incubo: «La porta è Abbiamo delle difficoltà, la Quella di ieri è stata la
stregata, abbiamo preso un squadra lo sa e ne abbiamo 5ª sconfitta di fila per l'Inter
gol incredibile e uno incredibi- I GOL in gare ufficiali: 0-4 a Roma,
L’Inter non segna dall’1 febbraio.
parlato. Avevo cercato di met-
le ne abbiamo sbagliato con tere qualche elemento fresco 0-1 in casa col Novara, 0-3
Pazzini». Eppure, come a Mar- La disperazione di Giampaolo Pazzini, 27 anni, attaccante ANSA Sono 4 partite consecutive in col Bologna in casa, 0-1 a
campionato (ultima rete Milito al che non aveva giocato merco-
siglia l’Inter ci prova, ma pro- 61’ di Inter Palermo 4 4), 5 gare ledì in Coppa. Abbiamo preso Marsiglia (nella foto il gol di
prio non ci riesce. Il Napoli cor- soddisfa significa ammetterne un’infiammazione all’orec- ufficiali se si considera anche la un gol stupido su contropiede Ayew) e 0-1 a Napoli. Per
re a velocità doppia e nemme- la pochezza e viene da ridere a chio). Con Massimo Moratti ri- Champions: in totale 471’ (7 ore nato da una palla nostra, poi trovare un filotto peggiore
no un altro rombo suicida pro- ripensare che la prima e unica masto saggiamente a Milano, e 51 minuti). All’Inter non siamo tornati alla carica senza bisogna risalire al 1993-94
duce qualcosa. Tanto che il tec- incazzatura in nerazzurro del sono stati il d.t. Marco Branca accadeva dal 1974 75 (520’ farcela». Ma ormai a vedere le con 6 k.o. consecutivi: 13
nico nell’intervallo aggiunge sor Claudio era arrivata dopo e il d.s. Piero Ausilio a fermar- senza gol). marzo Parma-Inter 4-1, 15
cose in un certo modo è rima-
confusione a confusione con l’ultima vittoria, che ora sem- si a lungo con Ranieri nel dopo sto solo lui. Tanto che il picco- marzo Uefa Inter-Borussia
l’ennesimo sistema di gioco bra appartenere al mesozoico: gara. E quando il tecnico final- LA VITTORIA Dortmund 1-2, 20 marzo
All’Inter la vittoria manca dalla lo Filippo — quello dello stri-
(3-5-2) che manda definitiva- 2-1 sulla Lazio, il 22 gennaio mente si presenta davanti ai 19a giornata di campionato, 22 scione «potete vincere che se Milan-Inter 2-1, 27 marzo
mente in tilt i suoi. scorso. Una squadra allo sban- media e ti aspetti un passo in- gennaio scorso, Inter Lazio 2 1. no a scuola mi prendono in gi- Inter-Genoa 1-3, 30 marzo
do che, oltre a sette delle ulti- dietro, lui invece fa una di Da allora un punto nelle ultime ro» — sta pensando di studia- Uefa Cagliari-Inter 3-2, 4
Ripartenza Insistere nel dire me otto gare, perde pure i pez- quelle ripartenze che non rie- sei giornate. re da casa. aprile Juve-Inter 1-0.
che la squadra lo segue e lo zi (ieri è toccato a Chivu, per scono mai ai suoi: «Il mio futu- © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
7

SERIE A 25a GIORNATA


dare avanti senza porci limiti.

Il Pocho cannoniere È importante restare umili e


cercare di continuare su que-
sti livelli», ha osservato Lavez-
zi. Che ha in Thomas, il suo fi-
4
I NUMERI Palacio trascina
GLI ANTICIPI DI SABATO/1

glioletto, il vero e proprio por- il suo Genoa

all’amuleto Thomas tafortuna: da quando c’è lui,


infatti, il papà ha invertito la
tendenza sotto rete. «Dovrò fa-
re in modo che resti qui con
me», ha ribattuto il Pocho. Vi-
le partite
5
utili
Rimonta sul Parma
GENOA-PARMA
MARCATORI Gobbi (P) al 6’ p.t.; Floccari
2-2

«Resta qui a Napoli» di fila


ve in Argentina con la mam- (P) all’8’, Palacio (G) al 33’ e al 51’ s.t.
GENOA (4-3-1-2) Frey 6; Rossi 6, Gran-
ma, Thomas, e soltanto di tan- del Napoli in
qvist 5,5, Kaladze 6, Moretti 5,5 (dal 23’
to in tanto raggiunge il suo pa- campionato. Dopo s.t. Ze Eduardo 6,5); Kucka 6, Veloso 6,5
pà a Napoli. «I gol? Sto lavo- la sconfitta col (dal 12’ s.t. Mesto 5,5), Constant 4,5; Bel-
rando per perfezionarmi. Cre- Genoa (3-2), gli luschi 5 (dal 44’ s.t. Jorquera 6,5); Janko-
do che sia l’unica dote che mi azzurri hanno vic 6, Palacio 7. PANCHINA Lupatelli, Car-

Lavezzi è al 4o gol di fila: «Farò in modo che mio figlio manca. E se riuscirò ad essere
continuo sarò anche un gioca-
pareggiato 0-0
con Cesena e
valho, Alhassan, Birsa. ALL. Marino.
PARMA (3-5-2) Mirante 6,5; Zaccardo
6, Ferrario 5,5, Lucarelli 5; Biabiany 7,

non torni in Argentina... Lottiamo per i primi posti» tore diverso», ha detto l’attac-
cante argentino che ha voluto
Milan, battuto il
Chievo (2-0) e la
Galloppa 6,5, Musacci 6 (dal 12’ s.t. Mor-
rone 5,5), Mariga 6,5, Gobbi 6,5 (dal 26’
tranquillizzare i tifosi sul futu- Fiorentina (3-0), p.t. Modesto 5); Floccari 6,5 (dal 16’ s.t.
Valiani 5,5), Giovinco 6,5. PANCHINA Pa-
strazione di forza che ha ridot- ro: «Per il momento, io penso prima del colpo di varini, Jonathan, Santacroce, Okaka.
MIMMO MALFITANO to l’Inter ai minimi termini co- a far bene soltanto per il Napo- ieri con l’Inter
NAPOLI ALL. Donadoni.
sì com’era accaduto anche per li». ARBITRO Romeo di Verona.

470
il Chelsea, abbattuto dai colpi ESPULSI Lucarelli. AMMONITI Rossi, Mi-
Quarto gol consecutivo, di Cavani e dello stesso Lavez- Grande vittoria È rammaricato, rante, Musacci, Valiani, Kucka, Biabiany.
come mai era accaduto prima: zi. E anche ieri sera al San Pao- Walter Mazzarri, per il risulta-
il nuovo corso di Ezequiel La- lo è prevalso il gioco di rimes- to striminzito. «È stata una i minuti GLI ANTICIPI DI SABATO/2
vezzi coincide con il ritorno sa, quelle ripartenze che han- grande vittoria, ma potevamo d’imbattibilità
del Napoli dopo un periodo di no mandato in tilt la difesa in- fare gol anche nel primo tem- per la porta del Pareggio e veleni
risultati alterni. Dopo aver ridi- terista e che hanno permesso a po quando abbiamo costretto Napoli. L’ultima
mensionato le ambizioni euro- Dzemaili di correre indisturba- l’Inter sulla difensiva. Julio Ce- rete in nel derby d’Italia
pee del Chelsea, il Pocho ha to verso Julio Cesar e di porge- sar ha compiuto un paio di pa- campionato è A San Siro è 1-1
spazzato via quelle di ripresa re al Pocho il pallone per il toc- rate importanti. Analizzando stata subita al 25’
dell’Inter. È nell’insieme, tutta- co vincente. la partita, abbiamo creato sicu- della ripresa di MILAN-JUVENTUS 1-1
via, che il collettivo napoleta- ramente più che con il Chel- Genoa-Napoli
no ha ricominciato a stupire. Terzo posto Quello che era sem- sea», ha spiegato l’allenatore (autore Palacio) MARCATORI Nocerino (M) al 14’ p.t.; Matri
Se Lavezzi ha segnato quattro brato un traguardo quasi im- del Napoli. Che ha voluto elo- (J) al 38’ s.t.

0
reti in tre partite, il Napoli ha possibile fino a un mese fa, og- giare la squadra come non ave- MILAN (4-3-1-2) Abbiati 6,5; Abate 6,
Mexes 6, Thiago Silva 5,5, Antonini 5,5;
sommato la quarta vittoria gi è nuovamente l’obbiettivo va mai fatto prima: «Sono in- Nocerino 7, Van Bommel 6,5, Muntari 7;
consecutiva, compresa quella da raggiungere. Le vittorie di namorato di questi ragazzi, Emanuelson 6 (dal 27’ s.t. Ambrosini 6);
di martedì notte in Cham- Udinese e Lazio hanno lascia- credo che nessuno avrebbe le sconfitte Pato 5 (dal 1’ s.t. El Shaarawy 6,5), Ro-
pions League. Tre punti impor- to invariate le cose, però, an- pensato, quando sono venuto di Mazzarri binho 7,5. PANCHINA Amelia, Yepes, Bo-
tanti, che gli permettono di ag- che se il Napoli ha recuperato qui, di poter arrivare a questo con Ranieri. nera, Zambrotta, Inzaghi. ALLENATORE
Allegri 6,5.
ganciare il quinto posto e di su- una posizione. «Dobbiamo an- punto. Il rosso ad Aronica? Cinque le vittorie, JUVENTUS (3-5-2) Buffon 7,5; Barzagli
perare la Roma. Giusto, Faraoni sarebbe anda- sei i pareggi 6,5, Bellucci 4,5, Chiellini 6,5; Lichtstei-
to da solo in porta. I gol di La- ner 6, Vidal 5, Pirlo 6,5, Marchisio 6,5,
Che forza «È stato sicuramente Mazzarri esulta: vezzi? Pocho ha fatto dei passi Estigarribia 5,5 (dal 1’ s.t. Pepe 6,5); Qua-
gliarella 5 (dal 25’ s.t. Matri 7,5), Borriello
un successo importante, per- «Sono innamorato da gigante come realizzatore,
5 (dal 9’ s.t. Vucinic 6). PANCHINA Storari,
ché accresce in noi la fiducia. è un campione, se diventa an-
Questo Napoli può lottare per di questi ragazzi. che un bomber diventa fuori-
Caceres, Giaccherini, Del Piero. ALLENA-
TORE Conte 6,5.
i primi posti», ha detto l’attac- Passi da gigante classe assoluto», ha concluso ARBITRO Tagliavento di Terni.
cante argentino nel dopo parti- per l’argentino» Mazzarri. ESPULSI Vidal al 44’ s.t. AMMONITI Thiago
ta. Una vera e propria dimo- L’esultanza degli azzurri dopo il gol-vittoria REPORPRESS © RIPRODUZIONE RISERVATA Silva, Mexes, Muntari, Barzagli, Pepe.

“NUOVO DUCATO DA 13.900 EURO,


UN’OFFERTA CHE TI LASCIA DI STRUZZO.”

SU TUTTA LA GAMMA FIAT PROFESSIONAL


ANTICIPO ZERO E PREZZI BLOCCATI FINO AL 29 FEBBRAIO.
E in più, fino a 1.000 euro di extrabonus sui veicoli in pronta consegna.

DUCATO Furgone 28 CH1 2.0 Multijet 16v 115CV EURO 5 - Prezzo Promo Detax € 13.900 (IVA, MIS e IPT escl.) e € 17.645 (IPT esclusa).Esempio di Finanziamento: Anticipo € 0, 48 mesi, 1ª rata a settembre 2012, 42 rate mensili di € 527,50,
GUIDASINCERA.IT Importo Totale del Credito € 19.240,48 (inclusi Prestito Protetto e SavaDna per € 1.280,86, spese pratica € 300, Bolli € 14,62), Importo totale dovuto € 22.169,05, Interessi € 2.757, spese incasso Rid pari a € 3,5 a rata, spese invio estratto conto
LA GU DA PER CHI È ALLA GUIDA
€ 2,81 per anno, TAN fisso 5,95%, TAEG 10,72%. Salvo approvazione Iniziativa valida fino al 29/02/12. Foglio Informativo su www.sava.it. Messaggio Pubblicitario a scopo Promozionale. Offerta valida in caso di permuta o rottamazione.
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
8

SCUDETTO AL VELENO LA POLEMICA

qui Milan Retroscena

Ma sarà impossibile non parlarsi


L’alleanza La riprova l’avremo sul caso Beretta
ro da digerire. Anche ieri i se- to a repentaglio. Difficile cre-

è un ricordo CARLO LAUDISA


twitter@carlolaudisa
MILANO
gnali sono stati poco incorag-
gianti. Da anni i rapporti tra
Juve e Milan non erano così te-
si: soprattutto dopo l’ingresso
dere, però, che i vertici di via
Turati e corso Galileo Ferraris
azzerino le relazioni diploma-
tiche da un giorno all’altro.

Galliani Ci sono ancora troppi ve-


leni nell’aria per pensare che
la nube tossica di San Siro pos-
sa essere spazzata in breve
in scena di Andrea Agnelli.
Nell’ultimo anno i due club
hanno rinsaldato un asse nato
nel ’94 e messo a rischio dalle
La prima verifica si avrà vener-
dì prossimo, al quarto piano di
via Rosellini, per l’assemblea
della Lega di serie A. E’ un ap-

furibondo tempo. Il plateale sfogo di


Adriano Galliani nell’interval-
lo della sfida-scudetto sarà du-
turbolenze di Calciopoli. E
ora? Le polemiche arbitrali ri-
schiano davvero di mettere tut-
puntamento più importante di
altri perché all’ordine del gior-
no c’è la richiesta di dimissioni

Tutto parte dal giudizio su


Ibra. «Juve, che arroganti» 4
I NUMERI

6
fine gara, e sarebbero volate
ALESSANDRA BOCCI specificazioni non positive ac-
twitter @picobocci
MILANO coppiate alla parola spia, segui-
te su considerazioni tipo «vi ab- rigori a favore
biamo purgato ancora». Il para- del Milan
Siamo ai titoli di coda. Ai piglia era generale, pare ci si sia quest’anno:
racconti sugli insulti (non tra- fermati alle parole (i cazzotti dopo il Catania
dotti) in dialetto salentino, alla erano già volati in campo fra al- (8) è con Siena
conta dei dirigenti che erano ne- tri protagonisti) ma conta poco. e Cesena la
gli spogliatoi e non avrebbero Fra Milan e Juve c’è guerra. squadra che ne
dovuto essere lì, ai rabdomanti ha avuti di più
del web in cerca di immagini Prove e tentazioni Giovedì, il
buone per le prove tv. La Santa giorno del giudizio universale,

GUERRA
Alleanza di qualche anno fa era si è confermato che Ibra sareb-
già stata messa in cantina, poi be rimasto fuori da Milan-Juve.
aveva ripreso vigore, ora resta I poveri giudici, secondo le fon-
schiacciata sotto una serie di ri- ti di via Turati, avrebbero vissu-
picche. Adriano Galliani, l’uo- to in situazione di grande
mo che all’arbitro avrebbe det- stress, con "gli altri" sul piede di
to solo «perché, perché, per- guerra. "Gli altri", nella fattispe-
ché?», è stato protagonista con cie Agnelli, se l’erano anche pre-
Antonio Conte del rusticano sa in settimana con il presiden-
duello centrale. Avvenuto, pre- te federale Abete reo di essere
cisano al Milan, in una zona di intervenuto su alcune dichiara-
scorrimento, diciamo così, do- zioni di Conte, e la cosa che
ve i dirigenti possono sostare. avrebbe infastidito Galliani.
Galliani stava aspettando l’arbi- Nel memorandum milanista le
tro (e questo non è permesso), dimostrazioni di arroganza si sa-
ma pare che alla fine manco l’ab- rebbero susseguite e alla fine il
bia incrociato (così sostiene l’ar- verdetto di Galliani è inappella-
bitro). Dunque, il fatto non sus-
siste. Ma le battute (anche su ar-
gomenti tricologici), gli applau-
si ironici e lo scambio di opinio-
bile: gli juventini non li vuole
più vedere. Basta telefonate
amichevoli, basta dichiarazioni
di non belligeranza sul merca-
cartellini (5
7
ni con Conte (vocaboli salentini ammonizioni e
to. C’è chi starebbe tentando di
compresi) restano. 2 espulsioni)
convincere il furibondo Gallia-
in 12 partite
ni non solo a buttare a mare il
Spy story Il Milan è inviperito
quest’anno
dialogo con la Juve, ma a spin-
per Kevin
perché pensa che la Juve abbia gersi a un abbraccio con l’Inter.
Prince
preparato la battaglia mediati- Una bella lega milanese per con-
Boateng: è il
ca molto in anticipo. All’origine trastare le pretese di scudetti
rossonero con
di tutto, Ibrahimovic: la sua (da vincere o da farsi restituire)
più cartellini.
squalifica senza sconti, le dela- della Juve. E fin qui, per ora,
Dopo di lui c’è
zioni in Coppa Italia. La racco- non pare che Galliani si voglia
Alessandro
mandazione di Chiellini a usare spingere. Ma la Milano-Torino
Nesta, con 6
la prova tv anche per la ditata di ormai è bollente su tutte e due
cartellini gialli
Zlatan a Storari era stata presa le corsie. À la guerre comme à la
male e le tossine non se ne van- guerre. E la guerra è guerra an-
no in fretta. Ambrosini e Chielli- che sui pianerottoli di San Siro.
ni si sono confrontati sabato a © RIPRODUZIONE RISERVATA

LA NOTTE DEL CAVALIERE «RISULTATO FALSATO, SERVE LA TECNOLOGIA IN CAMPO. IL MILAN HA I TITOLI PER VINCERE LO SCUDETTO»

Berlusconi: «Noi più forti di invidie e ingiustizie»


— fra i commensali anche Fede cato se contestualizzata alla sfi- pre un sostenitore della tecnolo- ragazzi, spronandoli a conti-
MARCO PASOTTO
MILANO
e l’ex ministro Meloni — allen-
tano un po’ la tensione e lascia-
no spazio a un’analisi più mira-
da con i bianconeri.

Interpretazioni Per il resto, sono


gia in campo. In gare così im-
portanti sarebbe opportuno
che l’arbitro potesse avere un ri-
« Pato deve avere
più fiducia in se
stesso. Van
nuare perché ritengo che il Mi-
lan abbia tutti i numeri per vin-
cere. Complimenti anche ad Al-
I tifosi che lo aspettano ta. Quando Berlusconi lascia il considerazioni piuttosto ovvie: scontro. In uno sport dove certe legri. Peccato, perché una vitto-
per strada alle 3 del mattino, ristorante «Giannino» non lan- «Il gol di Muntari era assoluta- decisioni possono diventare Persie? La rosa ria avrebbe portato maggiore
fuori dal ristorante, gli chiedo- cia accuse dirette e plateali agli mente evidente, il 2-0 avrebbe molto importanti dal punto di è a posto così solidità per il prosieguo del
no di comprare Messi e non ven- avversari, anzi racconta «di cambiato l’andamento della vista economico, sarebbe auspi- campionato». Chiusura con ac-
dere El Shaarawy. Ma questa non avere critiche da muovere partita. Il risultato finale è stato cabile avere dalla tecnologia cenno di mercato: «Van Persie?
non è l’occasione adatta per par- per l’atteggiamento della Ju- falsato da questo errore arbitra- un’interpretazione corretta». Abbiamo dimostrato di essere a
lare di (fanta)mercato. Silvio ve». Nemmeno per quello dei le. Non credo che Tagliavento posto così. Pato? E’ un grandis-
Berlusconi ha da poco lasciato giorni che hanno preceduto la sia stato condizionato dalle po- Consigli a Pato Se non altro Ber- simo giocatore, ma bisogna che
San Siro, che gli ha regalato partita. Il suo è più un discorso lemiche della Juve. E’ uno sba- lusconi ha potuto vedere per la abbia fiducia in se stesso. E’ mia
una serata agrodolce: Milan interlineare: bisogna leggere glio che può succedere, non vo- seconda volta consecutiva un intenzione confermarlo per i
bello, direzione arbitrale pessi- fra le righe, e allora il messag- glio pensare a un complotto Milan finalmente tornato sulla prossimi anni». Domanda mali-
ma. Il Cavaliere era uscito dal gio si svela di colpo. Una frase contro il Milan, sebbene nel cal- strada giusta. Una squadra di ziosa: anche a fronte di un’offer-
Meazza evitando qualsiasi com- su tutte: «Il Milan ha i titoli per cio ci siano tante situazioni in- nuovo veloce e dinamica, capa- ta indecente? Berlusconi pren-
mento. In certi casi il silenzio fa vincere il campionato, la nostra terpretabili in una direzione o ce di produrre gioco e non solo SILVIO BERLUSCONI de tempo e poi dice: «Io credo
molto più rumore e soprattutto missione è quella di essere più in un’altra». Altri messaggi in- possesso palla fine a se stesso. PATRON DEL MILAN che Pato vada bene al Milan e
protegge da dichiarazioni delle forti di invidie, sfortuna e ingiu- terlineari? Forse sì, forse no. «Abbiamo confermato di avere auspico che possa restare». Che
quali la rabbia è spesso cattiva stizie». Una frase che l’ex pre- Non tutti, comunque. Perché una rosa competitiva nonostan- serva di nuovo la traduzione in-
consigliera. Poi due chiacchie- mier ha detto spesso in passato, per il Cavaliere la soluzione è te tantissimi giocatori indispo- terlineare?
re con le gambe sotto il tavolo ma che appare carica di signifi- molto chiara: «Io sono da sem- nibili. Ho fatto i complimenti ai © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
9

qui Juve
del presidente Maurizio Beret- la federcalcio e la recente pole-
ta. Otto club hanno sottoscrit- mica con Abete è la riprova del
to questa petizione, Inter com- gelo con il numero uno di via
presa. E non è un mistero che Allegri. E non a caso il presi-
sinora Juve e Milan abbiano dente bianconero tiene aperta
capeggiato in silenzio il parti- la porta al presidente del Coni,

Linea chiara
to della continuità. Dura crede- Gianni Petrucci, il promotore
re, insomma, che Galliani e di quel tavolo della pace che
Agnelli non solidarizzino in soprattutto avrebbe dovuto
una partita che mette in gioco riaprire il dialogo tra i bianco-
interessi economici e politici neri e l’Inter. Proprio in quella
di rilievo. Ma se anche questa
puntata non portasse ad un
riavvicinamento, vanno messi
nel conto altri passaggi più o
sede Adriano Galliani era uno
dei garanti dell’auspicato riav-
vicinamento tra i duellanti del
2006. Non ci si sorprenda, allo-
nel silenzio
meno all’orizzonte.
Di sicuro il Milan s’è allarmato
nel momento in cui Antonio
Conte ha associato il tema arbi-
ra, se più avanti ritoccasse dav-
vero a Petrucci il compito di
rasserenare i rapporti tra i due
grandi amici di sempre. E’
Hanno fatto
trale ai fantasmi di Calciopoli.
In parallelo Andrea Agnelli
continua la sua battaglia con
un’emergenza anche questa,
da intervento super partes.
© RIPRODUZIONE RISERVATA tutto loro
Il club ritiene facili moralismi
S
La rissa del
dopogara:
Chiellini
4
I NUMERI
i giudizi sulle parole di Buffon
e Van
Bommel

1
facili moralismi: «Non mi sono
vengono MIRKO GRAZIANO accorto che la palla fosse entra-
separati PEGASO MILANO
ta — ha detto il capitano azzur-
rigore ro sabato sera —, ma sono sin-
a favore della Il giorno dopo, la Juven- cero: se l’avessi visto avrei ta-
Juve: dopo il tus non si scompone. Guerra ciuto». A dare fastidio, in corso
Napoli, contro fredda o calda che sia, da corso Galileo Ferraris, sono stati so-
cui ancora non Galileo Ferraris non arrivano prattutto i commenti prove-
ne hanno reazioni ufficiali alla bufera nienti dal mondo Milan. «Noi
fischiato post San Siro. Ufficiosamente, non abbiamo mai parlato degli
uno però, la posizione torinese è la altri club - hanno ripetuto più
seguente: «Noi non siamo mai volte Marotta e Conte —, si è
entrati in urto con il Milan». Co- discusso di arbitri, rivendican-
do uniformità in generale». Co-

APERTA
me dire: sabato sera il polvero-
ne è stato alzato solo da una sì come sulla squalifica di Ibra,
parte. in effetti, la questione è sempre
stata fra il Milan e la federazio-
Sorpresa e amarezza Un polve- ne. Pensieri passati e presenti
rone che non ha tra l’altro per- che servono a rafforzare il «noi
so consistenza nella giornata mai in urto con il Milan» trape-
di ieri, ulteriormente alimenta- lato da Torino.
to sia via rete sia con altri mez-
zi mediatici più o meno legati Incrocio a Varsavia Prossimo
al club rossonero. Presenti, contatto fra i club? Forse già
sempre su internet, le risposte stasera a Varsavia, dove Juve e
del popolo bianconero, si è in- Milan sono attese per l’assem-
vece potuto appunto solo inda- blea generale Eca (European
gare sugli umori dei vertici del- Club Association) in program-
la Juve. Emergono allora senti- ma domani. Ma a rappresenta-
menti di sorpresa e amarezza re i rossoneri non ci sarà Adria-

8
per la veemenza della reazione no Galliani: annunciato il diret-
rossonera. Nessuno in casa Ju- tore organizzativo Umberto
ve ha mai negato l’enormità Gandini. Per i bianconeri pre-
ammonizio- dell’errore sul gol non dato a sente invece il numero due del
ni per Arturo Muntari, ma tutto ciò che ne è club, l’amministratore delega-
Vidal, il seguito (uragano Galliani in to Beppe Marotta. E mentre il
giocatore della primis) avrebbe indispettito presidente Andrea Agnelli è ri-
Juve che ha non poco Agnelli e soci. Le du- masto ieri in famiglia, l’amico e
beccato più re puntualizzazioni rossonere consigliere d’amministrazione
cartellini in sono apparse poco obiettive Pavel Nedved (pure lui duro
questo agli occhi della Juve: nella stes- con gli arbitri settimana scor-
campionato. sa gara ci sono stati pure il fuo- sa) è volato a Dublino per ritira-
Dopo il cileno ci rigioco inesistente di Matri, il re il prestigioso premio «Perso-
sono Bonucci, colpo proibito di Mexes a Bor- nalità Internazionale dell’an-
Chiellini e riello e la scarica di manate di no» (già andato a Becken-
Marchisio, tutti Muntari ai danni di Lichtstei- bauer, Eusebio, Gullit, Moore e
con cinque gialli ner. Muro alzato, poi, di fronte Platini), nell’ambito dell’Inter-
alla «crociata» contro Buffon, national Football Awards, con
«scivolato», per troppa sinceri- Giovanni Trapattoni ospite
tà e trasparenza, nella spirale d’onore.
di quelli che a Torino appaiono © RIPRODUZIONE RISERVATA

OGGI I PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE SPORTIVO LO SCONTRO GALLIANI-CONTE SUL TAVOLO DI TOSEL, MEXES VERSO LA PROVA TV

La rissa continua a colpi di immagini televisive


Muntari duro con be avuto tra gli «spettatori» an- lazzi dovrà anche decidere se
che i due sostituti della Procura LONTANO DAGLI OCCHI, LONTANO DAL FISCHIETTO trasmettere al giudice sportivo
Lichtsteiner, federale incaricati di stare at- anche la richiesta di utilizzare
il Milan risponde tenti proprio a quello che pote-
va accadere nello spogliatoio.
1 2 4 la prova televisiva per il colpo
rifilato da Mexes a Borriello a
con Pirlo su Oggi il procuratore federale Ste- pallone lontano e non rilevato
fano Palazzi riceverà la relazio- dalla terna arbitrale o dal quar-
Van Bommel ne dei suoi uomini e la trasmet- to uomo. Nelle ultime ore stan-
terà a Tosel, competente per no anche circolando immagini
MAURIZIO GALDI tutto quello che avviene allo sta- del milanista Muntari che usa
dio. Se il diverbio fosse avvenu- le mani in maniera poco orto-
Oggi poco dopo le 16 si co- to pubblicamente, nella mix zo- 3 dossa per liberarsi dalla marca-
nosceranno i provvedimenti ne e davanti alle televisioni, la tura di Lichtsteiner (difficile co-
del giudice sportivo Giampaolo Procura avrebbe dovuto aprire munque che questo secondo
Tosel su Milan-Juve di sabato. un fascicolo ed eventualmente episodio possa essere invocato
La lista degli episodi su cui sarà procedere con deferimenti alla dalla Procura federale come
chiamato a decidere è lunga. Disciplinare. A Tosel dovrebbe- prova televisiva), cui il Milan
ro arrivare comunque anche re- ha replicato sul proprio sito se-
Acceso diverbio Innanzitutto ci lazioni o referti arbitrali sul «vi- gnalando due gomitate di Pirlo
sarebbe lo scontro tra Galliani, vace» dopo gara che ha coinvol- 1 Una marcatura fin troppo energica di Stephan Lichtsteiner, 28 anni, nei confronti di Sulley Muntari, 27 a Van Bommel, con tanto di mi-
e Conte. L’acceso confronto sa- to diversi calciatori. FERRERI 2 Dalle immagini di Sky, il ghanese reagisce usando le mani per liberarsi dallo svizzero 3 Il pugno di nuto e secondi (22’56" e 31’54"
rebbe avvenuto nell’intervallo Philippe Mexes, 29 anni, a Marco Borriello, 29, a inizio ripresa, episodio per il quale il francese è a rischio della ripresa).
davanti allo spogliatoio e avreb- Prove televisive Entro le 16 Pa- prova tv 4 Andrea Pirlo, 32 anni, a contatto con Mark van Bommel, 34: per il Milan è una gomitata © RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
10

SCUDETTO AL VELENO IL DISASTRO ARBITRALE


schietto di Terni saranno ritor-

Romagnoli, la svista nate in mente le parole di Al Pa-


cino nel film Ogni maledetta do-
menica che Braschi aveva fatto
appendere nelle stanze degli ar-
bitri durante il raduno di Sporti-
IL CAPO DEGLI ARBITRI

«Amareggiati
gli costa la carriera Ora lasciateci
lia: «O risorgiamo come squa-
dra, oppure cederemo...». Il de-
signatore ha insistito molto sul
concetto di squadra. Spesso so-
no stati gli assistenti a salvare e un po’ tranquilli»
Tagliavento a riposo
aiutare i direttori di gara. A San
Siro non è andata in questo mo- «I fatti accaduti in Milan-Juve ci addolo-
do. Tagliavento aveva avuto la rano. Dopo ciò che è successo c’è poco da ag-
percezione del gol, ma non era giungere». Il giorno dopo i veleni arrivano le
sicuro. Al momento del gol fan- parole di Marcello Nicchi, presidente dell’Aia,
tasma era al limite dell’area (po- che ha visto dal vivo il naufragio di Romagnoli
L’assistente di Milan-Juve uscirà dai quadri Can. Per sizione esatta su un angolo) e
aveva Buffon che gli copriva
e Tagliavento. L’amarezza per le sviste (in pri-
mis il gol fantasma di Muntari) è evidente, ma
palla e linea. Quindi, una giu-
l’arbitro stop di 2 turni. Ma prima Germania-Francia sta percezione ma non la certez-
za. E questo ha fatto la differen-
Nicchi ha scelto di non restare in silenzio, cer-
cando di far capire lo stato d’animo del grup-
po: «Ora lasciateci tranquilli, perché sono co-
re a Romagnoli questa umilia- za. L’arbitro ha indicato il cen- se che davvero ci addolorano. Siamo i primi a
FRANCESCO CENITI zione, concedendogli un’ulti- trocampo, ma poi Romagnoli è dover riflettere affinché non succedano più.
ma passerella in A: magari una Ironiasulweb rimasto al suo posto e gli ha ur-
lato nell’auricolare «Non è en-
Chiedo solo di rispettare la nostra amarezza.
partita di fine stagione senza L’introduzione della tecnologia in aiuto? Ne
La carriera di Roberto Ro- trata, non è entrata. Sono sicu- parleremo al momento opportuno, adesso bi-
magnoli ha imboccato il bina- nessun obiettivo in ballo. Mol-
ro». A quel punto il gioco di sogna tenere alto il morale di un gruppo che
rio morto al minuto 25 di Mi- to dipenderà dallo stesso Roma-
squadra ha fatto il resto. E’ un stava facendo bene. È mio dovere preservarne
lan-Juventus. A fine stagione gnoli: solo se dimostrerà di ave-
paradosso, ma se si fosse tratta- la tranquillità», ha ricordato Nicchi.
sarà dismesso con tanti ringra- re assorbito la botta, avrà la pos- to di una gara di Terza catego-
ziamenti per i 10 anni trascorsi sibilità di chiudere con una par- ria (dove tutte le decisioni sono Braschi e i 5arbitri Non ha lasciato dichiarazio-
alla Can A, ma nella memoria tita diversa da Milan-Juve. di pertinenza dell’arbitro), ni ufficiali, invece, Braschi. Ieri il designatore
di tutti resterà il fantasma di un quel gol sarebbe stato assegna- è stato a Bergamo, per vedere Atalanta-Roma.
In famiglia Ieri l’assistente è rien- to. E invece era Milan-Juve e Ta-
gol dentro di oltre mezzo me- Sabato sera ha visto da casa Milan-Juve e do-
trato a casa, dopo aver trascor- gliavento si è fidato del collabo-
tro. «Indifendibile», è stato il po il naufragio ha preferito lasciar passare
so una notte quasi insonne a Mi- ratore, meglio piazzato e con una notte prima di parlare con Romagnoli e
giudizio a freddo dei vertici ar-
lano. Ha rivisto le immagini ed certezze di cartapesta. Un gio- Tagliavento. Lo sbaglio dell’assistente è consi-
bitrali. L’assistente veniva da
è rimasto senza parole. Non sa co di squadra che gli costa caro: derato gravissimo, ma anche l’arbitro ha avu-
due anni quasi perfetti, dove darsi una spiegazione: il dispia-
aveva sbagliato al massimo Braschi presenterà un conto pu- to una ramanzina. Resta inspiegabile il perché
cere più grande è quello di aver re all’arbitro. Stop di un paio di dell’errore: forse il guardalinee ha perso l’atti-
qualche fallo laterale. Ecco per- indotto all’errore Tagliavento.
ché una deroga che gli avrebbe settimane, non di più. Anche mo fuggente per seguire Vidal (fuori dal cam-
La domenica è trascorsa in fami- perché altrimenti salterebbero po), decisivo nel tenere in gioco proprio Mun-
consentito di restare in campo glia: l’affetto dei figli Leonardo gli equilibri di un gruppo già in tari. Ma qualunque cosa sia accaduta, non ha
anche nella prossima stagione, e Sofia (gemelli), ha lenito un fermento. E comunque dopo la paracadute. Semmai si ritornerà a dibattere
era considerata fino a sabato se- po’ la ferita. Da stamani ritorne- punizione ci sarà anche un peri- sull’utilità del giudice di porta. Nicchi ha parla-
ra un’ipotesi molto probabile. E rà ad occuparsi dei suoi clienti odo nel quale Tagliavento do- to di tecnologia, ma gli arbitri fanno notare
invece il 2-0 negato a Muntari (fa il commercialista), ma non vrà risalire la china, partendo come la presenza di uno di loro dietro la linea
ha mandato tutto in frantumi. sarà facile cancellare il fanta- da gare di seconda fascia. Si po- di fondo serva in molti casi. Ne sa qualcosa
Fine della corsa. Non solo, non sma di Muntari. Anche perché trà consolare in Europa, dove proprio Tagliavento che mercoledì scorso aiu-
è da escludere che Romagnoli sa benissimo che sarà ricordato gode di stima illimitata: merco- tava (con Rocchi) Rizzoli nella gara di Cham-
non riveda più il campo: quella solo per quell’episodio. ledì a Brema dirigerà l’amiche- pions Basilea-Bayern. Un caso come quello di
di San Siro potrebbe anche esse- Due immagini ironiche apparse ieri sul vole di lusso Germania-Fran- Muntari avrebbe avuto un finale diverso.
re l’ultima gara. Dipenderà da Stop Tagliavento Meno compli- web. In alto la porta difesa da Buffon con la linea cia. Un bel modo per dimentica- cen
come girerà la stagione. Il desi- cata la posizione di Tagliaven- modificata. Sotto nel cerchio rosso, l’assistente re San Siro. © RIPRODUZIONE RISERVATA
gnatore Braschi potrebbe evita- to, ma non così tranquilla. Al fi- Romagnoli con la maglia della Juventus © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
11
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
12

SCUDETTO AL VELENO LA RETE NON VISTA

QUATTRO PRECEDENTI FAMOSI

Inghilterra-Germania (1966) Inter-Milan (1967) Manchester Utd-Tottenham (2005) Germania-Inghilterra (2006)


IL GOL MONDIALE DI HURST RIVERA: E NASCE LA MOVIOLA DENTRO DI UN METRO! BEFFA MONDIALE PER LAMPARD
Inghilterra-Germania 4-3, finale Mondiale ’66: la palla di Hurst Inter-Milan 1-1, il gol di Rivera... non è gol. Se ne accorge Carlo United-Tottenham 0-0: il tiro da 60 metri di Mendes sbatte sul Mondiale 2010, Germania-Inghilterra sul 2-1. Lampard-gol
non supera la linea ma per l’arbitro è gol. Inglesi campioni Sassi che l’indomani manda le immagini rallentate. La moviola! portiere Carrol ed entra di un metro. L’arbitro non vede AP ma per l’arbitro Larrionda la palla è fuori. Finisce 4-1 IPP

Caccia ai gol fantasma


GLI ESPERIMENTI C’È ANCHE L’OCCHIO DI FALCO Sono arbitri, non guardalinee:
quante federazioni possono per-
mettersi le cinquine? La tecnolo-
gia è meno cara. Comunque o si
applica l’una o l’altra, tutt’e due
assieme è difficile». Decide il Bo-
ard, dove Blatter ha 4 voti e Plati-
ni zero.

Doppio Board: ordinario La situa-


zione si complica, al punto da ri-
chiedere due International Bo-
ard nel 2012. Il primo, quello or-
dinario, sabato a Bagshot (Lon-
dra): i depositari delle regole (4
voti Fifa, 4 alle federazioni bri-
tanniche) valuteranno i test del-
le 8 tecnologie in gara (tra cui
quella Cnr-Figc sperimentata a
Udine: i «sensori»). Chi supere-
rà questo turno svolgerà altri tre
mesi di test durante le partite uf-
ficiali (ma con risultati segreti).
Blatter deve qualcosa agli ingle-
si: si dice che le loro proposte (ti-
po occhio di falco) siano in van-
taggio.

Doppio Board: straordinario


Non è finita. All’Euro 2012 si
concluderà la sperimentazione
degli arbitri di porta dopo Cham-
pions ed Europa League. Platini
si gioca tutto: un fallimento pub-
blico sarebbe la fine, ma un bel
risultato conquisterebbe l’opi-
nione pubblica. Il 2 luglio a

Blatter ha detto:
«Tecnologia e
arbitri di porta
assieme no». Chi
avrà la meglio?
GDS

Kiev, il giorno dopo la finale, Bo-

Tecnologia o arbitri di porta ard straordinario per decidere:


1) se e quale aiuto introdurre;
2) se entrambi (difficile) o me-
no; 3) dove sperimentare (si par-
la di campionati nazionali

A luglio la decisione. Difficile 2012-13). Però sta succedendo


qualcosa dietro le quinte: Blat-
ter era sicuro di avere l’appog-
gio delle britanniche (Inghilter-
ra, Scozia e Nord Irlanda sono
Anni di test ed esperimenti che si concluderanno dopo Euro 2012 con un favorevoli alla tecnologia), ma
Platini ha rotto il fronte conqui-
International Board straordinario. Sullo sfondo, la battaglia tra Blatter e Platini stando alleati. Alla Fifa sono ner-
vosi. Ribaltone in vista?

1) Tecnologia Riassunto. Da an- 2) Arbitri di porta In contempo- Federcalcio Da anni la Figc inve-
FABIO LICARI ni Blatter lascia intendere che ranea si lavora su un altro fron- ste sulla tecnologia: i sensori, in
la tecnologia — ma non la mo- te: Platini vuole gli arbitri di por- collaborazione con l’Udinese,
Per il «gol fantasma» di viola perché «interrompe il gio- ta. Arbitri (non guardalinee), si- sono una realtà. Ma non è che
Muntari è anche eccessivo sco- co» — può entrare nel calcio. stemati dietro la porta, dal lato possano essere usati domani
modare la tecnologia, basta Esperimenti, Board, ma non del guardalinee, con il compito senza autorizzazione Fifa. Nè ci
un guardalinee non in succede niente: il «boss» si agi- di monitorare l’area, vedere fal- si può inventare una Coppa Ita-
stand-by. Sensori, telecamere ta perché tutto resti come pri- li e simulazioni, dare un occhio lia con i cinque arbitri. Sarebbe-
e palloni col chip dovrebbero ma. Platini è d’accordo. Poi, a ai «gol fantasma», fare da deter- ro iniziative fuorilegge. Dice An-
essere utili nei casi di «ve- Sudafrica 2010, il fattaccio sot- rente per colpi proibiti. Speri- tonello Valentini, d.g. federale:
do-non vedo» sulla linea che, to gli occhi del mondo: il «gol mentazione in corso nelle cop- «Il caso Muntari ha soltanto ri-
sempre più spesso, avvelena- fantasma» di Lampard. Blatter pe europee: per l’Uefa è ottima; lanciato la questione. Che per
no partite e animi. Comunque salta sul carro e annuncia la per la Fifa così così. noi va risolta presto: o con la tec-
ci siamo, il 3 luglio l’Internatio- battaglia per la tecnologia. Pri- nologia o con gli arbitri per i
nal Board deciderà qual è il fu- ma, però, chiede — giustamen- Solo una delle due Ecco la batta- quali, comunque, ci sono pro-
turo del calcio: 1) se con le te — una sperimentazione se- glia politica in corso. Blatter, vi- blemi di organico, di addestra-
macchine; 2) se con gli arbitri ria: le proposte devono essere sto oltretutto che non sono mento ed economici. Ma decide
di porta; 3) se come prima. Sul- affidabili (anche se il 100% è un’idea sua, non ci sta. Dice alla la Fifa: noi non possiamo fare
lo sfondo, una battaglia per il un sogno), rispondere imme- Gazzetta il 6 dicembre: «Michel niente senza l’okay del Board e
potere che coinvolge Fifa e Ue- diatamente ed essere a disposi- propende per gli arbitri di porta, Il gol fantasma di Muntari a San Siro: evidenziata la parata di Buffon di Zurigo».
fa, Blatter e Platini. zione soltanto degli arbitri. io no. Idea brillante ma costosa. ben oltre la linea della porta. Sullo sfondo il guardalinee, in linea SKY © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
13

SCUDETTO AL VELENO IL NUOVO CASO

story DOMANI LA RIPRESA


Guai in difesa:
il Milan spera
Da Pellissier di riavere Nesta
a Drogba: MILANELLO Due giorni
i suoi di riposo, poi si ricomincia con
la testa già alla trasferta di
precedenti Palermo. Il Milan tornerà al
lavoro domani con tanti
nazionali assenti e con la
13 marzo 2005 CHIEVO-JUVE 0-1 10 marzo 2009 JUVE-CHELSEA 2-2 speranza di recuperare
Cannonata di Pellissier, Papi e Paparesta si sbagliano Drogba tira la botta, Buffon risponde. Oltre la linea qualche infortunato. I problemi
Un violento tiro di Pellissier colpisce la traversa, rimbalza oltre la linea, va di nuovo Ottavi di Champions: punizione di Drogba, Buffon vola sulla sua sinistra e mette sono soprattutto in difesa:
sulla traversa e poi fuori: l’arbitro Paparesta e il guardalinee Papi lasciano giocare via, ma quando la mano del portierone respinge la palla era già entrata AFP Nesta ha saltato la partita con
la Juve per il solito
risentimento muscolare che lo

Buffon... mancata denuncia TV E TIFO

Insulti a Conte
tormenta già da un po’, Mexes
ha giocato 90 minuti ma il
ginocchio non è ancora a
posto e poi c’è il rischio che
debba saltare Palermo per

Nasce un caso, si discute di Pellegatti


Poi le scuse
La polemica nella
squalifica (nel caso in cui
vengano acquisite le immagini
del colpo a Borriello per la
prova tv), Bonera ha un
problema al polpaccio (ma
Il portiere aveva spiegato: «Se avessi visto che era gol, non lo polemica. Milan-Juve si
porta dietro anche
dovrebbe recuperare) e
Yepes è appena rientrato

avrei detto all’arbitro». E poi: «Per la beatificazione c’è tempo» strascichi giornalistici.
Ed esplode il caso.
dall’infortunio ma è stato
convocato dalla Colombia per
Pensando di essere fuori l’amichevole con il Messico e
onda dopo la rientrerà da Miami venerdì.
G.B. OLIVERO telecronaca, Carlo Allegri dovrà valutare anche le
MILANO
Pellegatti ha usato condizioni di Pato, che ieri è
termini pesantemente stato sostituito da El
E pensare che, al di là di offensivi nei confronti Shaarawy nell’intervallo per un
tutto, erano due parate straordi- della Juve e di Conte. Sul risentimento muscolare. La
narie. «Soprattutto la prima — web impazza la buona notizia è che il tecnico
racconta Gigi Buffon — sul col- registrazione in cui del Milan recupererà di sicuro
po di testa di Mexes. Sulla se- Pellegatti dà del «malato Ibrahimovic: lo svedese ha
conda Muntari mi ha un po’ aiu- mentale» al tecnico, scontato le tre giornate di
tato perché l’ha appena appog- accusato di «rompere i squalifica ed è pronto a
giata e ci sono arrivato». Oltre cog...» e di essere una tornare in campo sabato
la linea, però, e lì ovviamente «testa di c...». I tifosi contro il Palermo. Difficile
nasce il problema. Quanto acca- juventini, ovviamente, invece rivedere anche
duto sabato in un secondo e non gliela perdonano. Il Boateng: l’entità del suo
mezzo sul prato di San Siro va telecronista, che per infortunio (risentimento alla
sezionato in tre differenti mo- Mediaset si occupa da coscia sinistra) non è ancora
menti. Il primo riguarda il gesto tifoso delle partite del stata chiarita, ma il
tecnico: quella è stata una dop- Milan, si è scusato ieri centrocampista sembra
pia parata memorabile. Con un con un comunicato su destinato a stare fuori ancora
altro portiere non ci sarebbe sta- Sportmediaset.it: «Da per un po’. Idem Aquilani, che
ta nessuna polemica perché già anni sono il telecronista è ancora alle prese con il
dopo il primo colpo di testa, sulle reti Mediaset per problema alla caviglia sinistra
quello di Mexes, la palla sareb- quanto riguarda il e non è pronto per il rientro.
be finita in fondo alla rete, quin- Da un’altra prospettiva, Gigi Buffon ribatte su Sulley Muntari ma la palla era già entrata in porta AFP commento fazioso, che © RIPRODUZIONE RISERVATA
di a prova di svista arbitrale. io ho sempre preferito
Con Buffon, però, nulla è come che in occasione del raduno de- viene respinta da Buffon oltre pre collaborazione e io la do: definire "appassionato",
sembra. Il secondo momento ri- gli azzurri a Genova. la linea, ma l’arbitro Mallenco con l’Udinese sono stato io a di- cercando comunque di
guarda la percezione del portie- Undiano (sbagliano anche al- re all’arbitro che avevo deviato mantenere sempre, nei
re: gol o non gol? Dentro o fuo-
ri? Parola a Gigi: «Assolutamen-
I precedenti di Buffon In passato
Gigi si è già trovato due volte
l’estero e spesso di più) lascia
correre.
un tiro e da quel corner manca
poco che becco il gol. Io non
confronti delle squadre
avversarie e degli
clic
te non mi sono accorto che la nella stessa situazione. I prece- vado a perdere la faccia per cer- arbitri, un atteggiamento
palla fosse entrata». Il terzo mo- denti risalgono al 2005 e al Dialogo e orticelli Per capire be- te cose: dico le cose come stan- corretto e soprattutto IL DIFENSORE ASTORI
mento entra nella sfera dei se e 2009. Nel primo caso si tratta ne chi sia Buffon, bisogna an- no, ma pretendo la stessa serie- educato. Atteggiamento UNICO DEI NOSTRI 1OO
dei ma: cosa avrebbe fatto Buf- del gol fantasma di Pellissier in che ricordarsi di quanto acca- tà da tutti. Altrimenti cosa fac- che è venuto meno ieri, A INDOVINARE TUTTO
fon se si fosse accorto che la pal- Chievo-Juve 0-1: il pallone col- duto il 28 gennaio 2012 duran- ciamo? Ci mettiamo a guarda- quando ho usato parole
la era effettivamente entrata? pisce la traversa, rimbalza ol- te Juve-Udinese: il portiere re- re ciascuno al proprio orticel- sconvenienti ed Davide Astori,
Anche in questo caso parola a tre la linea, finisce nuovamen- gala un angolo dichiarando di lo? E dove si va a finire?». E’ il offensive, pensando di difensore del Cagliari e
Gigi: «Non l’avrei detto. Ragaz- te contro la traversa e conclu- aver deviato un tiro. Il 5 febbra- momento di riflettere sulla ri- non essere in onda, ma della Nazionale è l’unico, tra
zi, per la beatificazione c’è tem- de la sua corsa fuori dalla por- io i bianconeri ospitano il Sie- sposta. Soprattutto se la do- questo non deve essere i 100 interpellati dalla
po... Sono sempre onesto e vi as- ta. L’arbitro Paparesta e il guar- na, l’arbitro Peruzzo chiede a manda, che a questo punto una attenuante. Chiedo Gazzetta, che ha indovinato
sicuro che se me ne fossi accor- dalinee Papi non si accorgono Buffon se ha deviato un tiro di coinvolge tutti, la fa uno come scusa alla Juve, a Conte in pieno il risultato (1-1) e i
to non avrei dato il gol al Mi- di nulla. Gigi poi dirà: «Giuro Gazzi. Gigi risponde di no, ma Gigi Buffon. e ai tifosi juventini. marcatori (Nocerino e
lan». Questa frase, naturalmen- che non ho visto se il pallone l’arbitro assegna ugualmente © RIPRODUZIONE RISERVATA Capita di trovare una Matri) di Milan-Juve. A
te, ha scatenato il dibattito e le fosse entrato o no». Il secondo il corner. E Buffon, sempre se- buca sulla strada della votare per l’1-1 sono stati in
polemiche: è giusto che il capita- episodio ci riporta alla Cham- reno di fronte a ogni decisione LE OPINIONI vita, io l’ho trovata un 23, a puntare sul pareggio
no della Nazionale si sia espres-
so così? Oggi se ne parlerà an-
pions 2008-09: Juve-Chelsea
2-2, una punizione di Drogba
arbitrale, si infuria: «Negli in-
contri collegiali si chiede sem-
sul caso Buffon
a pag. 24 & sabato di febbraio». in 34.

L’INIZIATIVA OGGI A COVERCIANO PRIMA DELLA CONSEGNA DELLA PANCHINA D’ORO


zie a noi si sente ancora vivo,

Gli angeli custodi dei veterani del Verona utile. Ad altri abbiamo dato sol-
di per trovare casa dopo lo sfrat-
to o per rifarsi i denti. Alla no-
stra ex magazziniera, che ha 80
Alla Onlus fondata Enzo Bearzot. A poco più di un vazione. La scelta di effettuare una squadra di calcio è una fa- anni e deve vivere con 600 euro
anno dalla morte, la Federcal- la cerimonia davanti agli allena- miglia per sempre. «Quando ho di pensione, diamo un contribu-
nel 2009 la borsa cio (rappresentata dal diretto- tori di A e B non è casuale, ma visto la realtà di Barcellona — to per l’affitto. Il nostro motto
re generale Antonello Valenti- un ulteriore omaggio alla me- spiega Nanni — ho voluto fon- è: a fare del bene non si sbaglia
di studio Bearzot. ni) assegnerà la prima borsa di moria di Bearzot. Così come dare un’associazione simile an- mai. Secondo uno studio euro-
Aiuta gli ex, tra studio intitolata al mitico Ve-
cio, campione del mondo con
non è casuale che per la borsa
di studio sia stata scelta la
che da noi, a Verona. I veterani
del Barça, venendo in Italia a il-
peo, su 50 mila ex calciatori,
10-12 mila se la passano male.
loro anche Calloni l’Italia nel 1982. Onlus nata da un’idea di Fran- lustrare il loro impegno, mi han- Con me a Coverciano ci sarà an-
co Nanni, 67 anni, terzino del no dato la credibilità per parti- che Ramon Alfonseda, che pre-
Solidarietà La commissione, for- Verona dal 1969 al 1976, e poi re. Dal 2009 abbiamo distribui- siede la Agrupacion de vetera-
ROBERTO PELUCCHI mata dall’ex portiere Dino Zoff realizzata grazie al volontaria- to 75 mila euro, non soltanto a nos del Barça e l’Efpa, l’associa-
e dai giornalisti Alberto Cerruti to di tanti ex dell’Hellas, da Ba- ex calciatori dell’Hellas, ma an- zione europea di veterani. Al-
Oggi a Coverciano si asse- e Gigi Garanzini, ha stabilito gnoli a Mascetti, da Fanna a che alle associazioni che lavora- l’estero hanno rispetto per i vec-
gna la panchina d’oro al miglio- che l’assegno di 25 mila euro va- Maddè. L’associazione, che si no sul territorio veronese». chi giocatori, perché sono la sto-
da all’Associazione sportiva di- ispira a quella del Barcellona, ria. Spero che altri seguano il
re allenatore della passata sta-
lettantistica ex calciatori Hellas esistente da 50 anni, ha 200 Calloni Tra gli ex aiutati c’è an- nostro esempio. Qualcosa fan-
gione. Ma prima, alle 11, verrà Verona, «in perfetta sintonia iscritti e sede dentro il Bentego- che Calloni, «lo sciagurato Egi- no gli ex del Torino, mente quel-
ricordato un tecnico che d’oro con la sensibilità umana e socia- di, e si propone di sostenere gli dio». «Ha avuto due ischemie li della Fiorentina si sono infor-
lo è stato per tutta la vita, come le dell’indimenticabile c.t. az- ex gialloblù in difficoltà. Un mo- ed era precipitato nella depres- mati. Ma più siamo, meglio è».
professionista e come uomo: zurro», come si legge nella moti- do concreto per dimostrare che sione — racconta Nanni —. Gra- Egidio Calloni, 59 anni NEWPRESS © RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
14
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
15

NAZIONALE MERCOLEDI’ ITALIA-USA

Italia, l’ultima nuova è Borini I CONVOCATI


Oggi entro le 12
raduno a Genova
Balotelli e Osvaldo fermati dal codice etico, in azzurro l’altra punta della Roma poi allenamento
Questo è l’elenco dei
Perché Balzaretti e De Rossi sì convocati per l’amichevole di
SEBASTIANO VERNAZZA
Promosso Tra gli espulsi di ieri c’è anche mercoledì contro gli Stati Uniti
dall’Under 21, Balzaretti, ma, a differenza di (oggi entro le 12 il raduno a
Contrordine compagni, Osvaldo, il palermitano è sta- Genova, alle 15 l’allenamento).
dove lo to convocato perché diverse Portieri: Buffon (Juventus),
Borini convocato in Nazionale
A come anticipato dalla Gaz-
sostituisce sono le dinamiche dei due ros- De Sanctis (Napoli), Sirigu
zetta nei giorni scorsi. Il picco- El Shaarawy si. Osvaldo è stato cacciato per (Paris St. Germain), Viviano
lo Rooney romanista è l’unico un calcio a un avversario con (Palermo). Difensori: Abate
vero volto nuovo dell’Italia, in palla lontana; Balzaretti per (Milan), Astori (Cagliari),
vista dell’amichevole di merco- un normale fallo. Anche De Balzaretti (Palermo), Barzagli
Di Natale prossimamente Pran- Rossi, tenuto fuori da Luis En- (Juventus), Bonucci (Juventus),
ledì contro gli Stati Uniti a Ge-
delli si è sentito al telefono rique a Bergamo, sarà oggi al Chiellini (Juventus), Criscito
nova (20.45, diretta su Raiu- con Totò Di Natale, ieri in cam- raduno di Genova: la sua man- (Zenit San Pietroburgo), Maggio
no). Confermata l’esclusione po e in gol a Bologna. L’attac- canza disciplinare in gialloros- (Napoli), Ogbonna (Torino).
di Mario Balotelli per ragioni cante dell’Udinese però è fre- so non è considerata grave. Centrocampisti: De Rossi
disciplinari. sco di infortunio, gioca con (Roma), Marchisio (Juventus),
una protezione. Di Natale sarà Quattro portieri Curioso che Montolivo (Fiorentina), Thiago
Borineide Prandelli ha chiama- testato prossimamente. Rin- per un’amichevole Prandelli Motta (Paris St. Germain),
to Fabio Borini per rimpiazza- vio anche per Simone Farina abbia voluto con sé 4 portieri: Nocerino (Milan), Pirlo
re Osvaldo, auto-esclusosi dal- del Gubbio: l’«eroe» che ha de- a Buffon, Sirigu e De Sanctis si (Juventus). Attaccanti: Borini
la Nazionale con la brutta nunciato un tentativo di illeci- aggiunge Viviano, al ritorno in (Roma), Giovinco (Parma),
espulsione rimediata ieri a Ber- to farà passerella a Covercia- Nazionale dopo l’ infortunio. Matri (Juventus), Pazzini (Inter).
gamo per gioco violento. Il c.t. no più avanti. © RIPRODUZIONE RISERVATA Fabio Borini, 20 anni, attaccante della Roma ed ex Chelsea INFOPHOTO
è rigido nell’applicazione del
codice etico. Né Osvaldo né Ba-
lotelli. SuperMario paga la ma-
xi-squalifica (4 giornate) subi-
ta un mese fa in Inghilterra
per aver calpestato Scott
Parker del Tottenham. Borini
però era in cima ai pensieri di
Prandelli, a prescindere dalle
disavventure disciplinari degli
altri attaccanti azzurri. Nei
giorni scorsi il c.t. aveva deci- con il volume

Quotazioni usato
so di inserirlo nel gruppo an-
ti-Usa, poi ci aveva ripensato e
l’aveva lasciato a Ciro Ferrara
per l’amichevole dell’Under
21 domani in Francia. Il rosso
a Osvaldo ha determinato il ri-
pensamento-bis: Borini —
l’unico giallorosso a salvarsi
nella disastrosa Roma di Ber-
gamo — va dritto in Nazionale
A e il milanista El Shaarawy lo
sostituisce in Under 21.

Gazzetta.it
Gazza
EDIZIONE
Tvf AGGIORNATA
A SOLO €2,00* IN PIÙ

Il capolavoro di tacco di Ronaldo


*Quattroruote + Volume Quotazioni Usato € 7,00, solo Quattroruote € 5,00

GLI HIGHLIGHTS DI A
E IL TACCO DI RONALDO
GUARDA TUTTI I GOL
Il supergol di
Marchese? Il tacco di
Ronaldo? La cinquina
dell’Arsenal? Sul nostro sito
potete gustarvi gli
highlights del grande calcio
internazionale: dalla Serie A
alla Liga, dalla Premier alla
Bundes. Da non perdere

IL MEGLIO DEL BASKET


E DEI GRANDI TORNEI
DEL TENNIS MONDIALE
Spazio anche al
grande basket con gli Inoltre su
highlights della giornata di
Serie A, quelli della Lega
Due e la Top Ten con le
azioni più spettacolari. Per
• Scoop! Nuova Smart e baby SUV Fiat • Analisi qualità sulla nuova Panda
• Ecco la nuova Audi A3 • Benzina no logo: conviene davvero?
gli appassionati di tennis le
immagini più belle dei tornei
di Memphis e Dubai
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
16

SERIE A 25a GIORNATA

Din don Denis


le Pagelle
di FA.BI.

MORALEZ E’
UN PEPERINO
JUAN BALLERINO
GAGO SEMPRE
Tre gol e Roma suonata
SUPERATO
ATALANTA 7
De Rossi punito: tribuna
CONSIGLI 6 Non chiude le gambe
in opposizione a Borini, ma è più
Grande Atalanta e il centravanti si scatena. I giallorossi
sfortunato che brocco.
LUCCHINI s.v. Si stira subito.
finiscono in 9: espulsi Osvaldo e Cassetti. E scoppia un caso
BELLINI 6 Difensore di lungo
corso, sale ma poco ma bene. DAL NOSTRO INVIATO
me centrale difensivo. Non davvero oltre la sufficienza,
STENDARDO 6,5 Osvaldo è un
FABIO BIANCHI ha l’esplosività, il senso della Denis non con un tiro in mezzo alle gam-
BERGAMO posizione, l’elevazione, se vo- segnava dal 21 be di Consigli è riuscito ad ac-
osso duro ma, fin quando c’è, lo
gliamo anche la furbizia e la corciare le distanze. Il «Roo-
contiene.
La partita orribile e iste- cattiveria dell’azzurro. Risul- dicembre. Di ney de noantri» è il solo nella
MANFREDINI 6,5 Sicuro al centro, rica della Roma a Bergamo fa tato, 4 sberloni in faccia e due Marilungo il primo Roma che mantiene un alto li-
ma non c’è moltissimo da fare.
quasi passare in secondo pia- espulsi per rabbia da impoten- gol atalantino vello di rendimento e Pran-
PELUSO 6,5 Elegante ed efficace, no l’esclusione per scelta tec- za: Osvaldo a inizio secondo delli ci ha ripensato, visto che
bei recuperi e tampona Borini. nica-disciplinare di De Rossi round per un calcio da terra a in serata lo ha premiato con
CARROZZA 5,5 Prima da titolare da parte di Luis Enrique. Qua- Cigarini; Rosi al tramonto del- Roma isterica, la prima convocazione in Na-
così così. Perde una chance in si, perché il disastro comincia la sfida per insulti al guardali- zionale A. Comunque qui il to e Luis ha ringraziato.
area. si salva soltanto
da lì, dall’assenza di Capitan nee. suo temporaneo 2-1 è stata
SCHELOTTO 6 Entra e si vede che Futuro nel baricentro della Borini: il piccolo appena un’illusione di rimon- Numeri negativi Così la Roma
è stanco: scatta al rallenty. Roma. Senza di lui, la propo- Denis, il ritorno La Roma è riu- Rooney all’ottava ta, perché la Roma, vuoi per ha aggiornato tutti i suoi nu-
CIGARINI 6,5 All’inizio subisce il sta (come lo spagnolo chia- scita a risvegliare il goleador rete stagionale l’assenza di Capitan Futuro e meri più brutti. I gol subiti,
titic titoc della Roma, poi si ma il suo stile di gioco) non dormiente. E che risveglio. pure quella di capitan presen- che ora sono 31. Le espulsio-
distende. Suo il lancio a Denis per il sta in piedi, perde l’equili- Denis, che non infilava la por- te Totti, vuoi per la testa al ni, che ora sono 7. Curioso
quarto gol. brio, è come un viaggiatore ta dal 21 dicembre, firma una derby, non c’è mai stata. Luis che 5 siano opera di Damato,
BRIGHI 6 L’ex di turno (come che ha perso la bussola. L’im- tripletta di ottima fattura, gra- groppone Juan, una Heinze. Enrique è ammirevole quan- che aveva espulso Juan,
Osvaldo) fa legna in mezzo. portanza di De Rossi della Ro- zie anche a Marilungo, degno E tutte anche Gago. Attenzio- do applica la legge uguale Bojan e Gago a Firenze. Pen-
MORALEZ 7 Peperino devastante, ma è ancora più evidente partner di scambi e di gol. ne: l’Atalanta ha grandi meri- per tutti, ma poi deve avere sa tu, qui non ha visto anche
se in giornata. E quanto aiuta L’azione da calcetto per il ter- un calcio di Rosi da terra a Ci-
quando non c’è. E’ l’unico in ti. Ha giocato con grinta e ve- un po’ di elasticità tattica e
dietro. garini, sarebbero state 6... E
grado di fare il doppio ruolo zo, con doppio triangolo tra i locità, ha disegnato una si- trovare qualche piccola va- infine, le sconfitte, che ora so-
IL MIGLIORE richiesto da Luis al play- due fino al tocco finale dell’ar- gnora partita, i suoi attaccan- riante alla «proposta» se man- no 11. Tante, troppe, anche
h 8 DENIS maker: impostare l’azione
quando si ha la palla tra i pie-
gentino, è da incorniciare.
Gli altri invece sembravano
ti sono stati implacabili. Ha
sofferto solo nell’ultimo quar-
ca un punto cardine. I tentati-
vi in corsa dello spagnolo (La-
per un progetto nascente.
Riecco il serial bomber di inizio L’Atalanta, che ha fatto una
campionato. Un tris di qualità, e in
di e poi piazzarsi in mezzo al- fatti in fotocopia: lancio lun- to d’ora del primo round, mela in mezzo e Pjanic tre- campagna acquisti molto me-
più l’assistenza al compagno di la difesa per allargare i centra- go, difesa sbilanciata e in for- quando si è allungata e ha per- quartista, dentro Josè Angel no dispendiosa, senza la pe-
reparto. li e far salire senza timori gli ma pessima, dribbling o spiz- so per un po’ le posizioni. e Cassetti per Rosi e Juan) nalizzazione avrebbe soltan-
esterni. Contro l’Atalanta ha zicata e atalantini pronti al non hanno sortito grande ef- to un punto in meno in classi-
MARILUNGO 7,5 Palo, gol, assist. fatto le sue veci Gago, che va duello in solitaria con Steke- Il piccolo Rooney Borini (otta- fetto. Alla fine, con la Roma fica.
Una minaccia costante. Che bene come regista, ma non co- lenburg. Due reti ce le ha sul vo gol stagionale), l’unico in 9, l’Atalanta non ha infieri- © RIPRODUZIONE RISERVATA
crescita.
GABBIADINI 6 Dà il suo
contributino. Con quei due davanti,
è dura.
All. COLANTUONO 7 Squadra
determinata, veloce. Che sa quel
il Film
che vuole.

ROMA 4 Cinque reti,


due espulsioni
STEKELENBURG 5,5 Senza
nessuno nel fortino, l’assalto lo Giallorossi
travolge.
ROSI 5 Non tiene Moralez, in
indifendibili
compenso nemmeno spinge bene.
JOSE’ ANGEL 5,5 Un pochino 10’ primo tempo 20’ primo tempo 36’ primo tempo 9’ secondo tempo
meglio di Rosi, più intraprendente.
L’apertura di Marilungo Il raddoppio di Denis L’illusione di Borini L’espulsione di Osvaldo
JUAN 4,5 Si fa bere da Moralez e L’Atalanta passa in vantaggio: Denis segna il primo dei suoi tre gol: è il Borini illude la Roma accorciando le Damato espelle Osvaldo. Più tardi
Denis, sempre molle. contropiede di Marilungo LIVERANI temporaneo 2-0 dell’Atalanta RICHIARDI distanze a 9’ dall’intervallo LIVERANI anche Cassetti riceverà il rosso ANSA
CASSETTI 4 Non giocava da 3
mesi. E subito fa una stupidaggine.
HEINZE 5 Il primo round è o.k., poi
sbraca pure lui. Pure a parole.
TADDEI 6 Il suo dovere lo fa,
Il Personaggio GUIDO MACONI
BERGAMO
pallone. «Mi era già capitato
nel primo anno di Napoli».
Quella volta era stata la Reggi-
mancano ancora troppe parti-
te, per questo penso solo alla
salvezza». Risposta in fotoco-
aiutato dall’Atalanta che sceglie la
fascia destra per sfondare.
PJANIC 5,5 Stranamente pigro,
poco incisivo. Qualcuno vocifera
GERMAN DENIS Tre gol in un colpo solo
per rompere un digiuno di
na a soccombere sotto le can-
nonate del Tanque, tre anni e
mezzo fa. Alla fine i gol furo-
pia anche su un possibile futu-
ro in una big. «Ho firmato un
contratto di 4 anni con l’Ata-
che ha in testa la prestigiosa due mesi. Tre gol che valgono no 8, ora ne ha già fatti quasi lanta, il mio futuro è a Berga-
bene un premio, anzi due. Il il doppio. Quanto basterebbe mo. Ad altro non penso».

La tripletta
amichevole col Brasile di martedì.
GAGO 5 Stare dietro non è il suo
primo German Denis se lo tie- per strizzare nuovamente l’oc-
ruolo, ma è sempre superato. ne stretto sotto il braccio ed è chio al trono dei bomber. «Ma Serenità In fondo lui a Berga-
il pallone della partita. «L’ho mo ha trovato la sua dimensio-
GRECO 5 Entra e non si nota,
tranne che per un fallaccio.
fatto autografare ai compagni ne ideale: gli vogliono tutti be-

regala altri
e lo regalerò a mio figlio che è ne e lui sa farsi voler bene.
MARQUINHO 5,5 Prima da titolare: il mio primo tifoso». Si tratta Mai un eccesso, ma una paro-
generosità e un paio di tiri. Poco.
di Matias, 9 anni, il più gran- la fuori posto, tanto lavoro
LAMELA 5,5 Sembra ispirato. Poi de dei suoi tre figli, anche lui oscuro. Anche quando magari
comincia ad avvitarsi su se stesso. con una grande passione per la ruota girava per il verso
OSVALDO 4,5 Con Borini, è il più
attivo. Poi lascia la Roma in 10.

IL MIGLIORE
h 6,5 BORINI
30 mila euro il calcio. Il secondo premio ar-
riverà presto: sono i 30 mila
euro previsti da contratto al
raggiungimento dei 15 gol.
storto. Come negli ultimi due
mesi. Nessun gol, ma tre le-
gni a ribadire che quando
non vuole entrare, non en-

e il pallone
tra. «Sono sempre rima-
Mica per il gol. Si sbatte sempre Tripletta Il bonus è scattato sto tranquillo. Non ho
come un matto, e con qualità. Con
8 reti in stagione, è il
ieri a metà ripresa mai temuto di non segna-
capocannoniere della Roma. quando ha infilato per re più. Sapevo che conti-
la terza volta Stekelenburg e nuando a lavorare per la
All. LUIS ENRIQUE 4,5 Non ha
ancora in mano del tutto la
Raggiunto il bonus per i quindici gol ha gridato alla Serie A che il
Tanque è tornato. German De-
squadra, sarebbero ritor-
nati anche i miei gol. Me
squadra. Va bene la coerenza
disciplinare ma poi bisogna trovare
«Prima la salvezza, poi potrò pensare nis accarezza il suo pallone co- lo ha sempre ripetuto anche
me se fosse una sfera di cristal- Colantuono: mi ha fatto senti-
rimedi validi. a vincere la classifica dei cannonieri» lo. «Prima ci salviamo e poi po- re sereno e aveva ragione. Il
TERNA ARBITRALE tremo anche divertirci. E la primo gol è stato il più impor-
German
DAMATO 5,5 Non vede il salvezza a questo punto dipen- tante: mi sono sbloccato e poi
Denis,
calcione di Rosi a Moralez. de solo da noi». Non è la pri- ho giocato sereno».
30 anni
Giusto rosso a Osvaldo. ma volta che si porta a casa il © RIPRODUZIONE RISERVATA
LAPRESSE
Marzaloni 5,5: Grilli 6
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
17

ghia: «Io ero pronto alle 7 di mat-


tina: io. Ciò che penso lo dico in
Il retroscena faccia ai calciatori. Forse ho sba-
gliato, forse questo ha innervosi-
to la squadra, ma nella stessa si-

Ritardo alla riunione tecnica


tuazione lo rifarei e lo rifarò.
Con un altro calciatore non sa-
rebbe andata diversamente. La
squadra va sempre avanti a qual-

poi scontro con l’allenatore siasi giocatore e occorre discipli-


na. Devo fare ciò che vogliono
gli altri o ciò che voglio io? Se va

E Luis Enrique: «Lo rifarò...»


bene è così, se no può venire un
altro». Il tecnico però ha visto lo
sfaldamento ottenuto. «E infatti
la cosa mi preoccupa. A breve
Daniele De Rossi, 28 termine può essere uno sbaglio,
anni, con la barba, in ma sono convinto che a lungo
tribuna a Bergamo ANSA termine è la decisione giusta.
Non sono un allenatore di gran-
de esperienza. ma ho vissuto per
15 anni negli spogliatoi e cono-
sco i giocatori. Se vogliamo esse-
re una squadra nel futuro vanno
fatte certe scelte». Al momento
comunque la casella di sconfitte
stagionali è arrivata a quota 11:
German Denis, decisamente troppe. e soprattut-
30 anni, segna il to in vista di un derby in cui man-
gol del definitivo cheranno Gago, Cassetti e Osval-
4-1 IPP do squalificati.

Baldini a disagio E la dirigenza?


A parole appoggiano l’allenato-
dalla rissa all’amore. La cosa in- re, ma la mimica dei volti tra-
ATALANTA 4 ROMA 1 DAL NOSTRO INVIATO
MASSIMO CECCHINI vece andava interpretata nel mo- Baldini: «Regole smette disagio. «Peccato sia toc-
ATALANTA (4-4-2) Consigli; Lucchini ROMA (4-3-1-2) Stekelenburg; Rosi (dal BERGAMO do più semplice per chi conosce uguali per tutti. cato a un giocatore esemplare —
(dall’8’ p.t. Bellini), Stendardo, Manfredi- 1’ s.t. Josè Angel), Juan (dal 12’ s.t. Casset- l’universo di Luis Enrique: il gio-
ni, Peluso; Carrozza (dal 7’ s.t. Schelot- ti), Heinze, Taddei; Pjanic, Gago (dal 23’ «Ci sono più cose in cielo e catore ha infranto le regole e va Peccato per De dice Baldini — ma se dalle po-
che regole che abbiamo si dero-
to), Cigarini, Brighi, Moralez; Denis, Mari-
lungo (dal 31’ s.t. Gabbiadini).
s.t. Greco), Marquinho; Lamela; Osvaldo,
Borini.
in terra di quanta ne sogni la tua punito. Rossi, un ragazzo ga se ne pagano le conseguenze.
filosofia», ammoniva William esemplare» È pericoloso fare eccezioni. De
PANCHINA Frezzolini, Cazzola, Bonaven- PANCHINA Lobont, Perrotta, Piscitella,
Shakespeare. Chissà se al d.g. La discussione Se l’allenatore si Rossi? Sfido a prenderla bene,
tura, Tiribocchi. Bojan.
Franco Baldini, noto appassiona- limita a dire: «Daniele non era non era felice, ma ha accettato la
ALLENATORE Colantuono. ALLENATORE Luis Enrique. to di teatro, sarà tornato in men- pronto», il d.g. Baldini spiega: ruvidamente. Tutto ciò ha irrigi- decisione. Luis era scosso, scuro
te questo verso quando Luis Enri- «Ha avuto un ritardo alla riunio- dito le posizioni e a nulla è valso in volto, aveva un tormento inte-
que, a ridosso dell’inizio della ne tecnica, è stata una distrazio- l’intervento di gente esperta co- riore. Credo che la squadra ab-
GIUDIZIO 777 ARBITRO Damato di Barletta.
partita, gli ha comunicato che ne». Sui dirigenti torneremo do- me Perrotta e Heinze per far bia risentito della decisione e l’al-
PRIMO TEMPO 2-1
ESPULSI Osvaldo al 9’ s.t. per gioco scor- Daniele De Rossi sarebbe rima- po, perché il vero protagonista cambiare idea allo spagnolo: De lenatore sapeva che avremmo
MARCATORI Marilungo (A) al 10’, Denis (A) retto; Cassetti (R) al 37’ s.t. per proteste. sto fuori per motivi disciplinari. dello psicodramma è l’allenato- Rossi in tribuna (ma l’a.d. Fenuc- potuto pagare dazio. Comunque
al 20’, Borini (R) al 36’ p.t. Denis (A) al 2’ e
al 21’ del s.t. AMMONITI Moralez (A), Cigarini (A), Man- La filosofia, quindi, ha vinto sul- re. Per Luis Enrique arrivare in ci assicura che poi il giocatore ha ci saranno conseguenze. Non na-
fredini (A), Peluso (A) e Greco (R) per gio- la pratica. Che poi si perda la par- ritardo a quella riunione è quasi chiesto scusa), come Kjaer alle scondo che la rigidità potrebbe
NOTE paganti 6.459, incasso di 92.786 co scorretto; Gago (R) per proteste. tita diventa un dettaglio, seppur come giungere dopo il fischio prese con misteriosi postumi in- essere pericolosa, ma non può
euro; abbonati 9.658, quota di doloroso. Giusto? Di sicuro è un d’inizio: un peccato imperdona- fluenzali. passare il concetto che un gioca-
144.456,43 euro. Tiri in porta 5-3. Tiri fuo- caso che, all’annuncio delle for- bile. E quando lo ha detto all’az- tore importante possa essere gra-
ri 3-7. In fuorigioco 4-0. Angoli 2-3. Recu- mazioni, a Roma si colorava di zurro questi ci è rimasto male, «Lo rifarei e lo rifarò» Incalzato ziato». Così è se vi pare.
peri: p.t. 3’, s.t 2’. tinte fantasiose che spaziavano anzi, si è seccato e gli ha risposto dalle domande Luis Enrique rin- © RIPRODUZIONE RISERVATA

I carichi più preziosi si meritano un partner affidabile.


Un marchio Daimler.

Scopri le nostre soluzioni.


www.mercedes-benz-van.it/5annitasso0

Ti facciamo respirare.
Solo su Sprinter 5 anni a tasso 0.*
Motorizzazioni brillanti, bassi consumi e i migliori sistemi
di sicurezza come l’ADAPTIVE ESP e il Brake Assist.
Mercedes-Benz Sprinter è costruito con la massima qualità per
durare nel tempo, qualunque sia il tuo lavoro. E da oggi la sua
efficienza è diventata ancora più accessibile.
Scopri come su www.mercedes-benz.it/van

*Esempio di finanziamento su tutta la gamma Sprinter, importo finanziato 20.000 euro, 60 rate mensili da 333 euro, T.A.N. 0%, T.A.E.G. 0,89% ,
di cui spese d’istruttoria 300 euro. Offerta valida fino al 31/03/2012, salvo approvazione di Mercedes-Benz Financial Services Italia S.p.A.
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
18

yamatovideo.com
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
19

SERIE A 25a GIORNATA

Klose a segno, avanti Reja 4


I NUMERI
le Pagelle
DI STEFANO CIERI

Lazio pronta per il derby 3


le sconfitte
consecutive della
MAURI CRESCE
MARCHETTI
E’ DECISIVO
Dopo i giorni di caos, il tedesco firma il 13o gol che abbatte la Fiorentina Lazio in partite
ufficiali, prima di E QUEL SALIFU
e allunga la permanenza del tecnico fino alla sfida contro la Roma ieri sera. Nel
conteggio i due E’ DA SEGUIRE
k.o. in Europa
a Delio Rossi, prova con l’albe- League con
ro di Natale, difesa a quattro l’Atletico Madrid LAZIO 6
inedita nel modulo e nei nomi e in casa e fuori MARCHETTI 6,5 La parata su
soprattutto attacco fantasma: oltre a quello di Nastasic vale 3 punti.
Jovetic è un centravanti improv- Palermo
SCALONI 6 Inesauribile, anche se
visato e Romulo e Ljajic due tre- con stile un po' approssimativo.

3
quartisti così impalpabili che
Rossi li butterà fuori a inizio ri- DIAKITE 6 Attento, concentrato,
presa, sostituendoli con Salifu di testa non sbaglia nulla.
e Cerci. Le cose miglioreranno le sconfitte BIAVA 6 Stavolta è regista
un po’. consecutive per difensivo: senza errori.
la Fiorentina: il GARRIDO 6 La traversa gli nega il
Ancora lui Partita brutta, perché k.o. di Roma fa gol: sarebbe stato il premio alla
la Lazio trotterella e perde do- seguito allo 0-3 prima prova convincente da
po mezzora l’unico piè veloce, di Napoli e allo laziale.
Lulic, un’assenza che nel derby 0-2 di Bologna ZAURI 6 Provvidenziale in alcune
potrebbe pesare, e la Fiorenti- nel recupero di chiusure.
na fa solo mucchio a metà cam- martedì scorso GONZALEZ 6 Corre un po' a vuoto
po, chiudendo gli spazi, ma sen- all'inizio, poi entra in gara e non

13
za mai tentare una ripartenza. spreca più uno scatto.
Per sbloccare e decidere la par- LEDESMA 6,5 Anima di una
tita ci vuole la giocata del soli- squadra alla ricerca del risultato
sta. Ci prova Mauri e l’imbucata le reti scacciacrisi.
realizzate da MAURI 6,5 Alla terza apparizione
Klose in questo sembra già il Mauri migliore. Cala
E Faverani, campionato; solo un po' nel finale.
assistente di quando segna lui HERNANES 6,5 Una magia l'assist
la Lazio resta per Klose. Inedito (e utilissimo)
Brighi, vede bene imbattuta, quando fa l'interditore nella
sulla rete 3 pareggi e 8 ripresa.
annullata a Cerci vittorie LULIC 6 Buone accelerazioni, un
guaio muscolare lo mette k.o.
CANDREVA 5,5 Perde qualche
conferma di un terzo posto in Il momento del per Klose provoca un mezzo ri- pallone di troppo.
LAZIO 1 RUGGIERO PALOMBO comproprietà con l’Udinese gol di Miroslav gore di Nastasic che l’arbitro
ROMA che dovrebbe valergli, aspettan- Klose, 33 anni. IL MIGLIORE
FIORENTINA 0
do Zola, una conferma almeno Contro la
Brighi non ritiene tale, ci ripro-
va Hernanes, stessa modalità, e h 7 KLOSE
GIUDIZIO 77 La categoria dei guardali- fino al derby. Per il meno preca- Fiorentina il Klose sul filo del fuorigioco non Un altro gol, il numero 13 in
PRIMO TEMPO 1-0 nee, messa a dura prova dal si- rio Delio Rossi, alle prese con la tedesco ha perdona. Gol numero 13 in campionato, e ancora un gol da tre
MARCATORI Klose al 36’ p.t. gnor Romagnoli, quello di Mi- terza sconfitta consecutiva, un firmato la sua campionato, nel Bayern Mona- punti: la Lazio è lui. KOZAK s.v.
LAZIO (4-2-3-1) Marchetti; Scaloni, lan-Juventus, rialza la testa. E inquietante affaccio verso il pre- prodezza co non ne aveva mai fatti così
dice grazie al signor Faverani. cipizio: la B oggi dista 4 punti. numero 13 in All. REJA 6,5 Alla fine di una
Diakite, Biava, Garrido (dal 1’ s.t. Zauri); tanti. settimana unica e incredibile
Gonzalez, Ledesma; Mauri, Hernanes, Lu- L’assistente dell’arbitro Brighi campionato,
riesce comunque a tirare fuori il
lic (dal 30’ p.t. Candreva); Klose (dal 32’ decide Lazio-Fiorentina con Decimazione Due squadre deci- ancora decisiva Viola pallido Coi due cambi la
s.t. Kozak). meglio.
due chiamate impeccabili e mil- mate, Lazio e Fiorentina. Tra REUTERS
Fiorentina passa al 4-3-1-2, con
ALLENATORE Reja. squalifiche e infortuni prevale
limetriche: è regolare la posizio-
PANCHINA Bizzarri, Sbraga, Zampa, Alfa- ne di Klose che scarta Boruc e fa la Lazio 8-6: niente Dias, Matu-
Cerci e Jovetic in avanti, Lazza- FIORENTINA 5
ro. ri alle loro spalle e l’interessan-
13 sul finire del primo tempo, è zalem, Konko, Radu, Brocchi, BORUC 6 Incolpevole sul gol, per il
FIORENTINA (4-3-2-1) Boruc; De Silve-
te Salifu centromediano. Ma
in fuorigioco la posizione di Rocchi, Cana e Stankevicious resto presente.
stri, Natali, Nastasic, Pasqual; Behrami l’indolenza di Montolivo e Jove-
Cerci che all’inizio della ripresa da una parte, niente Gamberi-
(dal 34’ s.t Vargas), Montolivo, Lazzari;
ni, Cassani, Olivera, Amauri, tic, e l’aggiunta nel finale di un DE SILVESTRI 6 Le sue discese
Romulo (dal 1’ s.t. Salifu), Ljajic (dal 1’ s.t. ribadisce in gol sulla deviazio- mettono in apprensione la Lazio
Kroldrup e Kharja dall’altra. irriconoscibile Vargas, rivelano
Cerci); Jovetic. ne di Marchetti dopo colpo di nella ripresa.
testa di Nastasic. L’1-0 è tutto Reja inventa l’ennesima difesa che i mali della viola sono pro-
ALLENATORE D. Rossi.
con laterali Scaloni e Garrido, fondi. La Lazio sbuffa e arran- NATALI 6 Tiene in gioco Klose sul
PANCHINA Neto, Camporese, Felipe, Mar- qui, in questi due episodi di un gol. Per il resto se la cava con
match mediocre, dove alla La- due che non hanno mai brillato ca, qualche vip sa sacrificarsi
chionni. mestiere.
zio dominatrice del primo tem- per dinamismo ma che per una (Hernanes e Mauri), i subentra-
AMMONITI Biava (L), Cerci (F) per gioco
po manca un probabile rigore sera faranno gli straordinari ti Candreva e Zauri per una vol- NASTASIC 6 Rischia il rigore su
scorretto.
ta non fanno danni. E la barca Klose, ma sfiora anche un grande
iniziale (Nastasic su Klose) e do- (Garrido colpirà pure una tra- gol.
ARBITRO Brighi di Cesena. biancoceleste, tra uno psico-
ve la Fiorentina si prende il se- versa), il modulo è quello che
NOTE paganti 5.419; abbonati 20.672, Incasso e
condo tempo senza mai andare piace tanto a Lotito e Tare, dramma e i soliti insulti della PASQUAL 6 Affondi controllati,
quota non comunicati. Angoli: 2-5. Tiri in porta: discreto presidio della zona.
4 (una traversa)-5. Tiri fuori: 2-2. In fuorigioco: al di là dell’occasione del gol an- 4-2-3-1 con Gonzalez arretrato curva a Lotito, va.
2-6. Recuperi: p.t. 1’; s.t. 3’. nullato. Per il precario Reja la sulla linea di Ledesma. Quanto © RIPRODUZIONE RISERVATA
IL MIGLIORE
h 6,5 BEHRAMI
Ex particolarmente avvelenato.
IL FUTURO DOPO LE POLEMICHE E LA RICOMPOSIZIONE CON LOTITO AMAREZZA VIOLA Lotta su tutti i palloni, ne sbaglia
pochi. VARGAS s.v.
Rossi: «La classifica è chiara,
Il tecnico: «Chissà se resto... siamo in lotta per la salvezza»
MONTOLIVO 5 Assente
ingiustificato. Sembra già con la
testa altrove. Alla prossima

Zola? Merita una piazza così» ROMA Quando Delio Rossi


esce dallo stadio, del suo
chewingum non resta più
importanti, e di qualità. Il gol?
Merito di un rimpallo buono, ma
Hernanes è stato bravo. E a palla
squadra.
LAZZARI 5,5 Male all'inizio, un po'
meglio quando avanza nella
non lo so, nel calcio non si può che lo accompagnerà nella sua granché. Torna all'Olimpico da ex scoperta, non si sale». E, poi, ripresa.
DAVIDE STOPPINI avventura romana: dovrebbe e la sua apprensività — per tutta ricorda anche il modo con cui è
mai dire», ancora Reja. «Sì, Zo- ROMULO 5 Qualche iniziativa, ma
ROMA esserci anche Gigi Casiraghi, la partita rimane in piedi, si scesa in campo la sua squadra:
la lo conosco, ci siamo sentiti, anche molti errori.
lo facciamo spesso al telefono. ex giocatore biancoceleste, sbraccia, urla, e mastica «La pressione l'abbiamo data, SALIFU 6,5 Discreta tecnica e
Chissà se la Lazio di ieri Gli auguro di diventare presto già compagno nell’Under 21. nervosamente senza sosta — è ma non siamo stati abbastanza prestanza atletica. Ragazzo da
sera è piaciuta anche a Gian- allenatore in Italia, magari an- Aspetta un segnale, Zola, per giustificata pure da questo, oltre pericolosi, dobbiamo crescere seguire.
franco Zola. Di certo Miro Klo- che qui alla Lazio». tornare a Roma. Ma nel frat- che dall'andamento «troppo ancora, e correggere molti nostri LJAJIC 4,5 Si nasconde invece di
tempo il segnale l’ha dato altalenante della squadra», come errori». E con soli 4 punti sul provare a fare qualcosa. Rossi
se ha fatto felice Edy Reja, che
Tweet Sarà d’accordo anche il
Reja: «Con Lotito ci siamo chia- ammette a fine gara. La Nord gli Lecce c’è poco da essere sereni: giustamente lo toglie.
guida al derby una squadra ter- riti — ancora il tecnico gorizia- riserva un grande applauso, al «Siamo tutti coinvolti: dobbiamo
za in classifica e con sette pun- figlio di Gianfranco Zola, An- CERCI 5,5 Si da molto da fare, ma
no —. Ogni tanto ci può stare suo ingresso in campo, e un bel reagire. Se siamo in questa spreca anche un po' troppi palloni.
ti di vantaggio sulla Roma. drea, che con il suo tweet di
che si litighi, ma poi magari il coro a fine primo tempo. Per il posizione in classifica, è perché JOVETIC 5,5 Inesistente da punta
«Sì, ma non dite che la Lazio ieri ha mandato su tutte le fu- rapporto diventa ancora più resto, come dice, il suo è stato non riusciamo a dare il massimo: centrale. Qualcosina in più quando
ha giocato per me — afferma rie la Lazio. Nella valigia del solido. Piuttosto, mi auguro di anche «nervosismo per uno i nostri attaccanti non sono mai può duettare con Cerci.
il tecnico —. E’ stata una vitto- padre c’è l’accordo per diventa- arrivare alla sfida con la Roma scontro importante, con una in grado di andare a fare gol».
re — prima o poi, al più tardi a All. ROSSI 6 Se ne inventa più
ria importante, determinante, senza altri infortuni: anche Lazio che ha giocato bene, era Finisce così: con l’uscita dallo d'una per tenere a galla la
anche se ancora una volta sia- giugno — allenatore della La- Hernanes ha qualche proble- grintosa, e impediva il nostro stadio a passo lento, e con i squadra, i giocatori non lo
mo stati condizionati dagli in- zio. La stretta di mano è stata ma agli adduttori. E con un de- gioco». Ma il suo commento, non tifosi biancocelesti così seguono.
fortuni (Lulic è a rischio per il confermata da un altro incon- siderio: non è giusto che la si limita a questo, «perché la sentimentali, che ancora lo
derby, ndr). Sono stati giorni tro, andato in scena nella not- gente fischi a prescindere un Fiorentina nel secondo tempo fermano, gli chiedono TERNA ARBITRALE:
diversi dal solito, ma la prossi- te tra sabato e domenica con nostro giocatore (Candreva, meritava di più, dopo un primo l'autografo, e gli augurano buona BRIGHI 6 Resta il dubbio sul
ma sarà una settimana norma- la società biancoceleste. Tan- ndr)». Pure Zola sarà d’accor- tempo così così, stava reagendo notte. contatto Nastasic Klose.
le». Allora, tutto a posto? «Se to che Magic Box avrebbe già do. bene: si sono viste diverse azioni Gabriella Greison
Faverani lo assiste benissimo.
Faverani 8; Stefani 6,5
resto fino alla fine? Questo individuato lo staff tecnico © RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
20
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
21

SERIE A 25a GIORNATA


BOLOGNA
UDINESE
GIUDIZIO 777PRIMO TEMPO 0-1
1
3 4
I NUMERI
Zupping

MARCATORI Di Natale (U) su rigore al 38’ di VINCENZO CITO

7
p.t.; Basta (U) all’11’, Kone (B) al 36’, Floro
Flores (U) al 39’ s.t.
BOLOGNA (3-4-2-1) Gillet; Raggi, Porta-
nova, Antonsson; Pulzetti (dal 25’ s.t. Ko-
Quel Toro
la striscia
ne), Mudingayi, Perez (dal 38’ s.t. Belfo-
dil), Morleo; Ramirez, Taider (dal 1’ s.t. Ac-
interrotta che dà
L’Udinese
quafresca); Di Vaio. PANCHINA Agliardi,
Cherubin, Garics, Rubin. ALL. Pioli. interrompe la soddisfazione
serie senza
UDINESE (3-5-1-1) Handanovic; Benatia,
Danilo, Domizzi; Basta, Fernandes, Pa- sconfitte del alla Ventura
zienza, Asamoah, Armero; Fabbrini (dal Bologna nel
31’ s.t. Battocchio); Di Natale (dal 23’ s.t.
Floro Flores). PANCHINA Padelli, Ferronet-
2012 (3 vittorie C’è un rigore per il Siena,
ti, Coda, Pasquale, Torje. ALL. Guidolin. e 4 pareggi) così Davide Polizzi a Diretta
gol Sky. «E’ tutto pronto,

336
ARBITRO Mazzoleni di Bergamo. Bogdani contro Viviano.
AMMONITI Perez, Taider, Asamoah, Arme- Parte Bogdani col destro ma
ro, Pazienza e Benatia per gioco falloso; bisogna ripetere perché Gava
Ramirez per c.n.r. non aveva ancora fischiato.
i minuti di
NOTE paganti 3.719, incasso di 24.920 euro; ab-
imbattibilità L’attaccante albanese era
bonati 12.490, quota di 134.404 euro. Tiri in por-
ta 5-6. Tiri fuori 3-4. In fuorigioco 2-1. Angoli 3-3. L’ultimo gol alla riuscito a insaccare... Si
Rec.: p.t. 2’; s.t. 3’. Antonio Floro Flores, 28 anni, infila la terza rete che chiude la partita, dopo il gol della speranza rossoblù di Konè PIERANUNZI porta emiliana rinnova il duello fra Bogdani
portava la firma e Viviano. Lunga rincorsa di
lin applaude. Ma bisogna ap- del giallorosso Erjon Bogdani...parte col

Di Natale si arrangia plaudire anche il tecnico dei Pjanic nell’1-1 destro... Erjoooon
friulani capace di dare cuore e casalingo del 29 Bogdaaaaaniii!. E’ il suo
idee alla sua squadra. L’Udine- gennaio scorso, primo gol con la maglia del
se, nonostante una rosa ridotta prima del rigore Siena! E’ l’albanese a
all’osso, riesce a navigare felice- di Di Natale riportare il risultato in parità!

e accende l’Udinese
mente tra campionato e Euro- Al gol di Budan ha risposto
Erjon Bogdani!... Scusate, ho

3
pa League, facendo a meno di
un giocatore determinante co- preso un abbaglio
me Asamoah per tutta la Cop- clamoroso. Era Terzi...
pa d’Africa e riuscendo a vince- sconfitte Andiamo a Catania». Che è

Il Bologna al tappeto
re anche senza Di Natale. In- consecutive meglio
somma, «l’idea» vale più di Sono i k.o.
qualsiasi giocatore. Questa Udi- A Sky calcio show c’è
esterni in
nese può lottare fino all’ultimo Simona Ventura collegata da
campionato da Los Angeles, così la
per un posto in Champions e a cui arrivava
giugno preparatevi a altre ces- conduttrice Ilaria D’Amico
l’Udinese:
Totò si procura e trasforma un rigore dubbio. Basta sioni milionarie. Un giocatore
come Asamoah, tutto sostanza
contro Genoa,
Juventus e
all’opinionista Gianluca
Marchegiani presente in
e qualità, può essere ceduto a studio «Tu sei stato l’ultimo
fa il bis, Floro Flores chiude. Rossoblù: 1˚ k.o. nel 2012 peso d’oro.
Fiorentina Toro a dare soddisfazione a
Simona»

DAL NOSTRO INVIATO


LUCA CALAMAI
palla sul dischetto e batte Gil-
let con una conclusione centra-
le. Per Di Natale è il gol nume-
NEL DOPOGARA
Stop Bologna E il Bologna? La
squadra di Pioli interrompe
bruscamente una striscia di ri-
2
vittorie
A «Stadio sprint» (Rai Due)
dopo Atalanta-Roma l’inviata
Francesca Sanipoli arriva
BOLOGNA ro 18 che vale la conferma del Pioli: «Il rigore? Non lo so...» sultati positivi che durava da 7
esterne con una notizia, c’è stato un
partite. La squadra rossoblù
primato nella classifica dei can- Guidolin: «Vogliamo stupire» stavolta è mancata nei suoi gio-
Secondo incontro chiarificatore fra De
Cercasi aggettivi per Di nonieri. L’attaccante dell’Udi- successo Rossi e Baldini, il caso si sta
Natale. Geniale? Implacabile? ielli: evanescente Ramirez, po-
nese è riuscito a prendere in BOLOGNA Francesco Guidolin commenta co incisivo in fase conclusiva Di consecutivo in sgonfiando. Il conduttore
Carismatico? Chi ha qualche contropiede anche il cittì Pran- con la consueta pacatezza il secondo colpo partite ufficiali Enrico Varriale la ringrazia
Vaio, generoso Taider. Proba-
idea originale si faccia avanti. delli che non lo ha convocato esterno dell’Udinese in 4 giorni. «Abbiamo vinto per la squadra così «Questa potevi darla
bilmente l’ultimo Diamanti (as-
Intanto Totò continua a fare il per l’amichevole contro gli Usa su un campo difficile contro una squadra in un sente per squalifica) sarebbe di Guidolin: la dopo»
suo mestiere: scaraventare pal- perché pensava che non fosse grande momento, dando seguito al bel successo stato molto utile. Il Bologna co- vittoria di
loni in rete. Guidolin lo ripre- ancora guarito del tutto. Nes- di Salonicco. Soprattutto nella ripresa la mia munque ha riaperto per qual- Bologna fa La nuova opzione di Fabio
senta dopo un periodo di stop sun problema. Totò ci sarà agli squadra è cresciuta forte, mostrando personalità che minuto la partita grazie a seguito al 3-0 in Caressa alla fine del primo
per infortunio e lui non tradi- Europei. e buona tenuta atletica e direi che abbiamo vinto Kone (bello l’assist di Di Vaio) Grecia di tempo «L’arbitro manda tutti
sce la fiducia dell’allenatore. Al- con merito» ha detto l’ex di turno accolto con ma, stavolta, si è trovato davan- giovedì. Ultimo sotto la doccia a prendere
la prima palla buona, nella fase Udinese inossidabile Cercasi ag- pesanti cori dalla curva rossoblù. ti un avversario superiore. Ap- precedente un tè caldo!»
finale del primo tempo, impo- gettivi anche per l’Udinese che «Di Natale ha stretto i denti dimostrando di plausi convinti a inizio partita circa un anno fa (Atalanta-Roma, Sky).
sta e chiude un micidiale con- grazie al 3-1 rifilato al Bologna essere un fuoriclasse, vogliamo stupire il mondo per Daniele Portanova al quale quando i friulani La nuova opzione di Alba
tropiede dell’Udinese. L’ultimo difende il terzo posto in classifi- ancora per due mesi» ha aggiunto il tecnico dei Di Vaio ha ceduto, per una not- vinsero Parietti a «Quelli che il
dribbling è su Perez che lo met- ca e la zona Champions. Di Na- friulani. In casa Bologna, Stefano Pioli non fa te la fascia di capitano. Un ge- consecutivamen- calcio» (Rai Due).
te giù all’altezza della linea tale entra da protagonista an- polemica sul rigore: «Dalla panchina non sono sto di stima a difesa di un com- te in «La vendetta è un piatto che
bianca dell’area di rigore. L’ar- che nella seconda rete friulana riuscito a vedere, è stata l’unica occasione che gli pagno che ha ricevuto un avvi- campionato in va mangiato caldo»
bitro Mazzoleni, raccogliendo (11’ s.t.) con un tocco che libe- abbiamo concesso nel primo tempo e purtroppo so di garanzia dalla Procura di casa di Juve,
probabilmente la segnalazione ra in area Basta bravo a control- ne hanno subito approfittato». «Senza quel rigore Bari nell’ambito di scommetto- Cesena, Dopo l’1-0 del Real Madrid.
del suo collaboratore La Rocca, lare e a beffare Gillet con un ge- sarebbe stata un’altra partita, è una settimana poli. Domenica il calendario Palermo e «Impressionante, amici! C’è
decide per la massima punizio- niale cucchiaio. La rete del defi- davvero triste per gli arbitri» attacca invece il propone Bologna-Novara: una Cagliari un silenzio qui a Mosca, che
ne. Questione di centimetri in nitivo del 3-1 la realizza, inve- vice presidente del Bologna Maurizio Setti. partita da vincere se la squadra non si sente una mosca»
un senso o nell’altro. Il Bolo- ce, con una girata al volo Floro Nicola Zanarini di Pioli non vuole farsi risuc- (Josè Altafini, Sky, Cska
gna protesta ma Totò piazza la Flores (assist di Basta). Guido- chiare in una zona pericolosa. Mosca-Real Madrid di
Champions League)

le Pagelle di ANDREA TOSI Napoli-Chelsea, 19’ del


secondo tempo. «Quello che
mi preoccupa è Lavezzi, lo
TAIDER E RAMIREZ IN SERATA NO. BASTA, CHE COLPI. ASAMOAH: GRAN REGIA vedo un po’ giù»
(Massimo Mauro, Sky)
PEREZ 5 Nervoso e falloso, causa ASAMOAH 6,5 Lavora tanti Napoli-Chelsea, 20’ del
BOLOGNA 5 il rigore del vantaggio ospite. Nel UDINESE 7 palloni, quasi tutti a buon fine, un secondo tempo «Cavani a
secondo tempo sparisce regista occulto, preciso e Lavezzi, 3-1 per il Napoli!»
GILLET 6 Non può nulla sui tre gol, completamente di scena (Belfodil HANDANOVIC 6 Prende una intelligente.
stavolta la difesa non lo copre. scarpata in faccia da Di Vaio ma (Maurizio Compagnoni, Sky)
s.v.).
non batte ciglio. Solito e stoico. ARMERO 6 Fa l’elastico tra difesa
IL MIGLIORE MORLEO 4,5 Un suo brutto liscio e mediana con molta quantità e Fischio d’inizio, subito una
h 6,5 RAGGI innesca il contropiede che porta al
rigore, in ritardo anche sul
BENATIA 6,5 Presidia la sua
fascia senza problemi, poca qualità. notizia. «Il Siena attacca da
sinistra a destra». La seconda
Il più tonico e reattivo dietro. Salva secondo gol. applicandosi con molta FABBRINI 5,5 Unico a stonare nel
almeno un paio di situazioni concentrazione. gran coro bianconero, prende
notizia «E il Catania,
pericolose. TAIDER 6 Come vice Diamanti non ovviamente, da destra a
DANILO 6,5 Un muro contro il molti colpi (Battocchio s.v.).
ha i colpi ma ci mette molta sinistra» (Lucio Rizzica, Sky,
quale rimbalzano tutti gli
PORTANOVA 5,5 Promosso sostanza. nel recupero
attaccanti rossoblù.
capitano per una notte, viene
toreato da Basta nell’azione del
ACQUAFRESCA 5 Subentrato in
avvio di ripresa, non aggiunge
DOMIZZI 6 Prova sicura con una h 7,5 DIIL MIGLIORE
NATALE infrasettimanale)
sola macchia: non chiude la Al rientro si procura e firma il
secondo gol. nulla davanti. «Mi è arrivato un uccello
diagonale del momentaneo 1 2. rigore poi serve l’assist per il
ANTONSSON 5 Meno sicuro RAMIREZ 5 Dal gol spettacolare raddoppio. Può bastare così.
dietro!» (Gianmarco
BASTA 7,5 Il suo gol è un master
rispetto alle ultime uscite. anti Fiorentina, al quasi nulla di di tecnica e freddezza col colpo
Pozzecco, La7, all’avvicinarsi
ieri: il talento non basta per sotto di esterno destro. Fa anche FLORO FLORES 6,5 Sigilla la della mascotte prima di
PULZETTI 5 Sulla sua fascia non perdonare i peccati di gioventù. Sassari-Avellino, basket)
l’assist del terzo gol. vittoria con un perentorio destro
si fa vedere.
DI VAIO 5,5 Fa l’assist per Kone, al volo strozzando sul nascere le
FERNANDES 6,5 La sua mobilità
KONE 6 Inserito a gara ma non trova mai la porta. Perche dilata la forza del centrocampo.
speranze di rimonta dei padroni di Pippo Calia (La7) a Paolo
compromessa, trova il gol che non viene assistito a dovere. casa. Flammini, alla fine del gp
riaccende le speranze. PAZIENZA 6 Qualche fallo di d’Australia del Mondiale
All. PIOLI 5,5 Un passo indietro troppo, viene risparmiato da un ALL. GUIDOLIN 7 Qui lo fischiano
MUDINGAYI 5,5 Preso in mezzo nel gioco, finisce la striscia giallo che avrebbe potuto condurlo per vecchie ruggini, ma il gioco e Superbike «Una grande
dal folto centrocampo avversario, positiva mentre si assottiglia il all’espulsione, poi fa bene la sua la superiorità della sua squadra partenza di campionato,
i suoi tiri sono da dimenticare. vantaggio sulla terzultima. parte. sono da applausi. nonostante qualche
incidentuccio».
TERNA ARBITRALE: MAZZOLENI 5,5 Si dimentica alcuni gialli, il rigore ci può stare per una questione di centimetri. La Rocca 6, Bianchi 6. Sei fratturati e un morto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
22

SERIE A 25a GIORNATA

DOPO PARTITA DOPO PARTITA


Zamparini: «Gava Il tecnico felice:
è stato scandaloso «Sto bene qui,
Ha aiutato il Siena» spero di restare»
SIENA Duro il commento CATANIA Vincenzo
del presidente rosanero Montella superstar. Tutti lo
Zamparini a fine gara: applaudono, le grandi squadre
«L’arbitraggio di Gava è stato (Napoli) lo puntano. Il tecnico
scandaloso. Il Siena che come del Catania ride di gusto: «Sto
punto di riferimento ha una bene a Catania. Anzi, spero di
grande banca (Mps, ndr) è continuare qui. Partita
stato aiutato però molte cose perfetta, contro il Novara?
nel Palermo non mi sono Bravi tutti, ma negli ultimi 20’
piaciute, ne parlerò con Mutti». ci siamo allungati troppo
La replica di Mezzaroma, cercando il quarto gol. Alla
numero uno bianconero: fine ne abbiamo beccato uno
«L’uscita di Zamparini è noi». In casa Novara, Emiliano
incomprensibile». Poi Mutti: Mondonico è ancora fiducioso:
«Balzaretti non era ultimo «Nel secondo tempo abbiamo
uomo. E Brienza ha ammesso fatto meglio noi. Alla salvezza
che non c’era il rigore». Ma bisogna credere fino
Sannino: «Vittoria meritata». all’ultimo».
Alessandro Lorenzini Giovanni Finocchiaro
Rossettini, festeggiato dopo il gol da Terzi, Destro e Bogdani ANSA Gomez festeggiato da Spolli, Almiron, Lodi e Barrientos LAPRESSE

Rosso e via Il Catania


le Pagelle le Pagelle

di FI.GRI. di F.C.

Poker Siena BRIENZA SUPER


DESTRO PUNGE
MUNOZ MALE
tre per due REGIA ALMIRON
BENE MARCHESE
CLASSE RIGONI
Il Palermo SIENA 7 Montella CATANIA 7

non ci sta senza freni


PEGOLO 6 Gran riflesso su Budan. CARRIZO 7 Fa 3 belle parate.
VITIELLO 6 Attento. Gara positiva. MOTTA 6 Il suo lo fa.
ROSSETTINI 6,5 Sostanza e BELLUSCI 6 Entra e dà una mano.
qualità. Firma il gol che affonda il LEGROTTAGLIE 6 Va bene fino al
Palermo. gol del Novara: si perde Rubino.
TERZI 6,5 Freddo nella doppia
Dopo 73" espulsione ingiusta esecuzione del rigore.
DEL GROSSO 6,5 Buona spinta a
Gol di Bergessio, Marchese e SPOLLI 6,5 Registra la difesa,
solo una volta gli sfugge Rigoni.

di Balzaretti ma rete di Budan sinistra (Belmonte s.v.).


GIORGI 6 Salta male sul gol di
Gomez, regia di Lodi: con il IL MIGLIORE
h 8 MARCHESE
I toscani reggono, poi dilagano Budan, ma poi si riprende.
REGINALDO 6 Cerca di sfondare Novara c’è la 2a vittoria di fila Non perde una battuta in chiusura
e segna una rete da antologia.
sulla destra.
SEYMOUR 6,5 Deve inserirsi nei
il provvisorio pari di Terzi. VERGASSOLA 6,5 Ritmi non alti, Napoli, 4 mesi fa, mette l’ex nuovi schemi, ma la stoffa c’è.
SIENA 4 Aguirregaray non butta giù ma tiene in mano il centrocampo. CATANIA 3 rossazzurro esterno sinistro di
LODI 7 Avvia l’azione del primo gol,
PALERMO 1 Brienza. Il quale, secondo gli ex GAZZI 6 Efficace, sbaglia poco. NOVARA 1 un centrocampo a 4 con Gemi- disegna per Marchese la parabola
compagni, avrebbe addirittura ti opposto di destra, al suo po- del secondo, entra nel terzo.
ammesso di non avere subito IL MIGLIORE sto in difesa c’è Dellafiore, Ri-
GIUDIZIO 777
PRIMO TEMPO 2-1 fallo. h 7 BRIENZA 7 GIUDIZIO 777
PRIMO TEMPO 1-0 goni trequartista e Caracciolo ALMIRON 7 Un’altra prova super.
MARCATORI Budan (P) al 12’, Terzi (S) al punta. Ma i rovesciamenti non BARRIENTOS 6 Non al meglio ma
23’ su rigore, Bogdani (S) al 34’ p.t.; Ros-
Un colosso in mezzo. Spinta MARCATORI Bergessio (C) al 30’ p.t.; Mar-
Quanti errori Una giornataccia, bastano a mettere le ali ai piedi lascia il timbro.
settini (S) al 1’, Brienza (S) al 13’ s.t. continua, punizione splendida. chese (C) al 2’, Gomez (C) al 10’, Rubino (N)
SIENA (4-4-2) Pegolo; Vitiello, Rossetti- insomma, per Gava (e, per l’assi- al 39’ s.t. della pericolante piemontese RICCHIUTI 6,5 Gioca 17 minuti e
ni, Terzi, Del Grosso (dal 35’ s.t. Belmon- stente Carrer), definito «scanda- BOGDANI 6,5 Festeggia il primo così come non sortisce effetto ispira un paio di giocate.
CATANIA (4-3-3) Carrizo; Motta (dal 25’
sigillo con la maglia del Siena. la scelta di saltare la rifinitura
te); Giorgi (dal 16’ s.t. Reginaldo), Vergas- loso» da un irritato Zamparini, s.t. Bellusci), Legrottaglie, Spolli, Marche- BERGESSIO 7 Molto attivo, sei gol.
sola, Gazzi, Brienza; Bogdani, Destro (dal che sorvola poi su un possibile DESTRO 7 Costringe al rosso se; Semyour, Lodi, Almiron; Barrientos della vigilia. EBAGUA 6 Deve lavorare tanto.
30’ s.t. Mannini). PANCHINA Farelli, Pesoli, Balzaretti, serve l’assist del bis. (dal 32’ s.t. Ricchiuti), Bergessio (dal 14’
Parravicini, Gonzalez. ALL. Sannino.
fallo di Rossettini in area ai dan- GOMEZ 7 Realizza il 3 a 0 con
MANNINI 6 Volenteroso, può fare s.t. Ebagua), Gomez. PANCHINA Kosicky, Che passo Il Catania ha il passo
PALERMO (4-3-1-2) Viviano; Pisano, Sil- ni di Bertolo quando la gara era Llama, Lanzafame, Catellani. ALLENATO- serpentina e gran diagonale.
vestre (dall’11’ p.t. Munoz), Mantovani, Bal- sul tre a uno, caricando ulterior- molto di più. del pugile sornione, apparente-
RE Montella. All. MONTELLA 7 Ha reso la sua
zaretti; Bertolo, Donati, Barreto; Ilicic (dal- mente di tensione la partita. Il All. SANNINO 6,5 Va oltre le mente compassato ma che sa
l’8’ p.t. Aguirregaray); Miccoli (dal 20’ s.t.
NOVARA (4-4-1-1) Ujkani; Dellafiore, Li- quando sferrare il colpo del squadra un meccanismo automatico.
Siena preferisce tirare una riga polemiche e si tiene stretto un suzzo, Centurioni, Garcia; Gemiti, Porcari,
Vazquez), Budan. PANCHINA Tzorvas, Del-
sulle polemiche, festeggiare i successo d’oro. Radovanovic (dal 4’ s.t. Morganella), Ma-
ko. Rumina calcio per una mez-
la Rocca, Zahavi, Mehmeti. ALL. Mutti.
suoi quattro cannonieri di gior- scara (dal 4’ s.t. Mazzarani); Rigoni; Carac- zoretta, finché una «veloce» Lo- NOVARA 5,5
ARBITRO Gava di Conegliano Veneto. nata (tutti al primo centro) e go- PALERMO 5 ciolo (dal 21’ s.t. Rubino). PANCHINA Fonta- di-Barrientos-Bergessio con
UJKANI 5,5 Piccola responsabilità
ESPULSI Balzaretti (P) al 2’ p.t. per g. sc. dersi tre punti doppiamente pe- na, Paci, Rinaudo, Jeda. ALLENATORE Mon- tocco finale da sottomisura
donico. solo sul terzo gol.
AMMONITI Budan (P), Terzi (S), Rossettini santi per la sua traballante clas- VIVIANO 5 Bravo in avvio su Del spezza l’equilibrio. Il Catania
(S) e Barreto (P) per g. scor. Viviano (P), Grosso e Destro. gioca su un piano inclinato DELLAFIORE 5 In ritardo su 2 gol.
sifica, visto che là dietro il Lecce ARBITRO Calvarese di Teramo.
Donati (P) e Miccoli (P) per proteste.
non molla un colpo. PISANO 5,5 Cala nel finale. AMMONITI Rigoni, Centurioni (N) proteste. mentre il Novara avverte scie LISUZZO 5 Ha tanto lavoro.
NOTE paganti 981, incasso di 9.925 euro; abbona- SILVESTRE s.v. Va subito k.o. NOTE: paganti 4.050, incasso 44.000 euro; abbo- insaponate sotto i piedi. E infat- CENTURIONI 5,5 Un po’ di
ti 7.623, quota di 68.781 euro. Tiri in porta 7-5.
L’illusione Il quattro a uno finale
nati 9.206, quota non comunicata. Tiri in porta ti i piemontesi nella prima par- attenzione in più non guasterebbe.
Tiri fuori 3-1. In fuorigioco 7-0. Angoli 6-7. Recu- MUNOZ 4,5 Colleziona errori. 8-5. Tiri fuori 8-8. In fuorigioco 1-0. Angoli 7-3 . te non riescono a piazzare un
peri: p.t. ’3’; s.t. ’3’. è figlio del rosso in avvio. Mutti MANTOVANI 5 In ritardo. Non Rec. p.t. 1’; s.t. 4’. GARCIA 5,5 Si fa vedere sulla
solo tiro nello «specchio». Poi fascia ma soffre Barrientos.
(già privo di Migliaccio) ha per- chiude su Bogdani sul 2 1. Mondonico cambia Mascara e
so anche Silvestre, sacrificando GEMITI 5,5 Perde la sfida a
DAL NOSTRO INVIATO BALZARETTI 5 Sorpreso da FRANCESCO CARUSO Radovanovic con Mazzarani e
FILIPPO GRIMALDI Ilicic e ridisegnando la squadra distanza con Gomez.
Destro, rosso eccessivo. CATANIA Morganella: un po’ meglio, so-
SIENA con Munoz in difesa. Un Siena prattutto col primo. Ma è anco- PORCARI 6 Lotta a centrocampo
tosto, ma pur con l’uomo in me- BERTOLO 5,5 Meglio nella ripresa.
ra la formazione di casa ad an- ma senza troppa convinzione.
Non c’è davvero limite al no gli uomini di Mutti sono an- DONATI 5 Molte pause. Dice 33, il Catania. Sei dare in gol e che gol. Dalla ban- RADOVANOVIC 5,5 Sparisce nella
peggio, in questo turno di cam- dati per primi a segno con Bu- BARRETO 5,5 Pochi spunti, punti in 4 giorni e nono posto dierina Lodi disegna una larga ragnatela etnea.
pionato carico di veleni ed erro- dan su angolo di Miccoli. Il sempre in affanno. in classifica. Ora viene il bello, parabola che va a depositarsi MORGANELLA 5,5 Poco o nulla.
ri arbitrali: dopo Genova e Mila- 4-3-1-2 iniziale dei siciliani è di- ILICIC s.v. Subito fuori per scelta per la squadra di Montella lan- sul piede di Marchese apposta-
no, ieri Siena-Palermo ha chiu- ventato un 3-4-2, con Aguirre- tecnica. MASCARA 5,5 Giocare sotto una
ciata verso orizzonti sconosciu- to fuori area: l’impatto è mici- selva di fischi è difficile.
so il cerchio. Difficile immagina- garay e Bertolo pronti ad arre- AGUIRREGARAY 5 Incolpevole sul ti e una partita da recuperare. diale e la sventola al volo fulmi-
re cosa sarebbe successo senza trare in fase di copertura. rigore, sbaglia il tempo sul 3 1. Seconda vittoria consecutiva, IL MIGLIORE
na Ujkani. C’è il tempo per al-
l’espulsione (inesistente: non
era chiara occasione da gol) del- Il patatrac siciliano Ma il Siena,
MICCOLI 5 Il corner dell’uno a
zero, poi scompare.
in assoluto (col recupero di Sie- tre 2 reti. La terza rossazzurra h 6,5 MAZZARANI
na) e in casa, con la bellezza di giunge ancora su iniziativa di Qualcosa di buono combina.
l’incolpevole Balzaretti dopo 73 che non poteva permettersi ulte- VAZQUEZ 5,5 Molto mobile, cerca 7 gol realizzati al Cibali in 180 Lodi che porge a Gomez, l’ar-
secondi (!) dal fischio d’inizio. riori passi falsi dopo le due scon- invano lo spunto vincente. RIGONI 6 Della serie, viva i
minuti (e solo uno subito). gentino elude Dellafiore e infi- monocoli nel regno dei ciechi.
Pronti, via e siciliani con l’uomo fitte consecutive, ha superato lo la con un preciso diagonale
IL MIGLIORE CARACCIOLO 5 Un tiro appena.
in meno. Da lì in poi si sviluppa
un’altra partita: Mutti, furioso e
choc. Sull’uno a uno, Munoz si è
fatto bruciare da Destro: cross
h 6 BUDAN 6 Modulo Montella recupera in
extremis Barrientos, lancia
che Ujkani lascia sfilare alla
sua sinistra. Infine Rubino, ser- RUBINO 6 Si fa trovare nel posto
ancora alla ricerca del primo per Bogdani e toscani in vantag- Grande guizzo sul gol, sfiora il bis. Semyour a centrocampo e tor- vito nell’area piccola da Rigo- giusto al momento giusto.
successo esterno stagionale, è gio. Il gol di Rossettini in avvio All. MUTTI 5,5 Gara subito in na alla difesa a 4 col rientrante ni, trova il punto della bandie- All. MONDONICO 5,5 Meglio
costretto a rivoluzionare il Pa- di ripresa, e il capolavoro di salita, lui fa quel che può. Motta che ha scontato la squali- ra. Il Catania domenica va a far partire con Mazzarani e Rubino.
lermo in corsa (alla nona scon- Brienza su punizione, hanno fica. Il Novara mescola un po’ visita all’Inter e poi recupera la
fitta su 13 gare esterne), ma al- chiuso la contesa. Ciao Paler- TERNA ARBITRALE: le carte e passa al 4-4-1-1. Mon- gara di Cesena: con la serenità TERNA ARBITRALE:
la lunga soccombe contro un mo, e sabato arriva al «Barbera» GAVA 4 Davvero difficile donico cui evidentemente non di chi ha virtualmente in tasca CALVARESE 7 Un
Siena attento e bravo pure ad il Milan, l’altra vittima illustre fare peggio di così. avevano raccontato dei fischi la salvezza e sa di poter riscri- arbitraggio corretto e privo
approfittare della generosa con- delle sviste arbitrali… Giornataccia. Altomare 4, subiti da Mascara quando ven- vere la storia. di sbavature. Viazzi 7-
5-Carrer 5. Cariolato 7.
cessione del rigore da cui nasce © RIPRODUZIONE RISERVATA ne a Catania con la maglia del © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
23 #

SERIE A 25a GIORNATA

E I TIFOSI PROTESTANO IL TECNICO DEL CESENA


Beretta: «Il rosso
a Lauro ingiusto,
è stato decisivo»
VERONA Di Carlo si gode il
ritorno al successo in casa.
«Era una squadra forzatamente
molto diversa — dice il tecnico —
rispetto a Genova e reduce da
Cellino amaro: una settimana tribolata per
l’influenza. Siamo stati bravi a
«Al S.Elia è come non concedere spazi ai loro
giocare fuori casa» attaccanti, non era facile
scardinare la loro attenta
CAGLIARI (m.f.) Cosmi è retroguardia». Ritorno amaro a
felice: «Vittoria meritata». Cellino: Verona per l’allenatore Beretta.
«Se avessimo vinto poi ci saremmo «Abbiamo fatto tutto quello che
annoiati... Ora due trasferte, avevamo preparato in
meglio: in casa giochiamo per noi settimana concedendo nulla al
stessi. Non si può andare in Uefa Chievo. La gara è stata decisa
con questo stadio di m...». Intanto i dall’espulsione ingiusta di Lauro
tifosi (foto SKY) hanno protestato e dal gol fallito da noi».
sventolando fazzoletti neri. Giancarlo Tavan
Il gol decisivo di Andrea Bertolacci, 21 anni, centrocampista ANSA Davide Moscardelli, 32 anni, realizza il gol per il Chievo LAPRESSE

Cosmi ok Moscardelli
le Pagelle le Pagelle

di G. CAL. di M.D.V.

a Cagliari GIACOMAZZI
E’ OVUNQUE
ASTORI SOFFRE
ci mette BRAVO ACERBI
MUTU CHI
L’HA VISTO?
E’ un Lecce CAGLIARI 5,5 il codino CHIEVO 6

non stop Il Chievo va


AGAZZI 5,5 Forse sul tiro di SORRENTINO 6 Gli arriva poca
Muriel potrebbe fare di più. roba per poter soffrire.
PISANO 5,5 Davanti, ha una SARDO 6 Bel cross per Paloschi e
prateria ma spinge poco (Ekdal tenuta.
s.v.). ANDREOLLI 6 Attento con
CANINI 4,5 «Scherza» con Muriel. chiusura importante nel p.t.
Con Muriel e Bertolacci arriva E si merita l’espulsione.
ASTORI 5,5 Anche lui soffre,
Alla prima di Beretta il Cesena ACERBI 6,5 Gioca (e bene)
nonostante la morte del papà.

il 4o risultato utile dei pugliesi infilato in velocità.


AGOSTINI 5,5 Balla con sfiora il vantaggio, poi viene JOKIC 6 Una bella discesa, duelli
con Comotto.
Cuadrado, poi abbandona.
I sardi pagano caro le assenze ARIAUDO 6 Almeno punge. punito dall’esperto attaccante VACEK 6 Se la vede con Parolo,
tutto bene (Gulan s.v.).
DESSENA 6 Costruisce. RIGONI 6 Ordine e qualche idea
Ballardini, il genietto Cossu e lo CONTI 5,5 Andamento lento. ve salvarsi. Ah, sia chiaro: i ro- nel caos.
CAGLIARI 1 stoccatore Pinilla, infortunati. CHIEVO 1 magnoli si lamentano per HETEMAJ 6,5 Assist per
NAINGGOLAN 6 Fa filtro e tira.
LECCE 2 Senza di loro, il progetto del Ca- CESENA 0 l’espulsione di Lauro, ma il fat- Moscardelli, tanta legna.
gliari è davvero monco. Troppo THIAGO RIBEIRO 6 Inventa to è che non è tutto lì. Così co-
qualcosa. CRUZADO 4,5 Morbido e mai
GIUDIZIO 777PRIMO TEMPO 0-1. elaborato e prevedibile, il gioco GIUDIZIO 7 PRIMO TEMPO 0-0 me il Chievo non è tutto da ap- dentro la partita.
MARCATORI Muriel (L) al 44’ p.t.; Larrivey poggia sull’asse Conti-Thiago Ri- IBARBO 6 Pericoloso nell’uno MARCATORE Moscardelli (Ch) al 33’ s.t. plausi. Anzi.
beiro, con lenta trasmissione di contro uno. IL MIGLIORE
(C) su rigore al 5’, Bertolacci (L) al 16’ s.t.
CAGLIARI (4-3-1-2) Agazzi; Pisano (dal palla e scarsi rifornimenti per IL MIGLIORE
CHIEVO (4-3-1-2) Sorrentino; Sardo, An-
dreolli, Acerbi, Jokic; Vacek (dal 34’ s.t. Pochezze Per un tempo il calcio h 6,5 MOSCARDELLI 6,5
35’ s.t. Ekdal), Canini, Astori, Agostini
(dal 1’ s.t. Ariaudo); Dessena, Conti,
Ibarbo e Larrivey. Almeno intra-
prendenti in avvio, con Astori su-
h 6,5 LARRIVEY Gulan), Rigoni, Hetemaj; Cruzado (dal 21’
s.t. Moscardelli); Pellissier, Paloschi (dal
non scorre mai: falli micro e
macro, lanci lunghi, paura,
Quarto gol, il terzo decisivo.
Nainggolan; Thiago Ribeiro; Ibarbo, Larri- Segna su rigore e solo Benassi gli 41’ s.t. Cesar). PANCHINA Puggioni, Man- qualche boiata, tanta pochez- PELLISSIER 5 Un totem, in fase
vey (23’ s.t. Ceppelini). PANCHINA Avra-
bito insidioso, i rossoblù - la loro nega il raddoppio.
serie positiva si è fermata a 4 tur- delli, Frey, Uribe. ALL. Di Carlo za. Il tutto è parzialmente com- involutiva.
mov, Perico, Gozzi, Nenè. ALL. Ballardini.
ni - hanno cercato, invano, di far CEPPELINI 5,5 Senza sbocchi, CESENA (3-5-2) Antonioli; Rodriguez, prensibile da parte romagnola PALOSCHI 5,5 Non prende la
LECCE (3-5-2) Benassi; Tomovic, Car-
rozzieri, Miglionico; Cuadrado, Delvec- crollare la diga eretta dal Lecce. può fare poco. Guana, Lauro; Comotto, Santana, Coluc- perché a 16 punti hai il morale porta, ma si sbatte tanto (Cesar
ci (dal 39’ s.t. Martinez), Parolo, Pudil (dal agli inferi; lo è un po’ meno da s.v.).
chio, Giacomazzi, Bertolacci (32’ s.t. Gian- Solo le accelerazioni di Ibarbo e ALL. BALLARDINI 5 La manovra è 39’ s.t. Ceccarelli); Iaquinta, Mutu (dal 14’
donato), Brivio; Muriel (44’ s.t. Esposito), l’abilità di Thiago Ribeiro a muo- involuta e la difesa rischia troppo. s.t. Rossi). PANCHINA Ravaglia, Rennella,
parte del Chievo, perché i 30 ALL. DI CARLO 6 Tre punti
Di Michele. PANCHINA Julio Sergio, Di Mat-
versi tra le linee hanno prodotto Malonga, Del Nero. ALL. Beretta punti coi quali inizia la gara de- confusi. Grazie a Pudil.
teo, Piatti, Bojinov, Corvia. ALL. Cosmi. vono dare più fluidità. Di Carlo
qualche pericolo per Benassi. LECCE 6,5
ARBITRO Rocchi di Firenze. ARBITRO De Marco di Chiavari mette Cruzado dietro a Palo- CESENA 5
ESPULSI Canini (C) al 38’ s.t. per doppia Lecce maturo Si scrive 3-5-2, si BENASSI 7 Devia sulla traversa, ESPULSO Lauro (Ce) all’11’ s.t. per gioco schi e Pellissier. Cruzado è ine-
ammonizione (per gioco scorretto). legge 5-3-2: è il marchio della poi si supera su Larrivey. scorretto e doppia ammonizione. sistente. Beretta cambia: dife- ANTONIOLI 6 Guarda il gol. Il resto
AMMONITI Conti (C), Delvecchio (L), Ariau- fabbrica Cosmi, 16 punti in 12 in- AMMONITI Rigoni (Ch), Vacek (Ch), Pellis- sa a tre con Guana centrale, è «basic».
TOMOVIC 6 Fa a sportellate con
do (C), Ceppelini (C) gioco scorretto; Di contri. La sua creatura sa arroc- Larrivey. sier (Ch), Pudil (Ce), Guana (Ce) per gioco due esterni da spinta, Santana RODRIGUEZ 6 Blocca tentativi e
Michele (L) per comport. non regolamen.
carsi con 5 giocatori sulla linea
scorretto; Iaquinta (Ce) per proteste. a collegarsi con Mutu-Iaquin- pericoli.
CARROZZIERI 6 Di forza e di ta. Morale: 2 tiri morbidi (Pel-
NOTE spettatori circa 6.000 (paganti, abbonati NOTE paganti e abbonati: non comunicati. Spet-
arretrata, con Cuadrado e Brivio mestiere, sa guidare il reparto. GUANA 6 Da centrale difensivo,
e incasso n.c.). Tiri in porta 6 (compresa traver-
lesti però a fuggire sulle corsie
tatori 6000 circa. Tiri in porta 3-2. Tiri fuori 9-3. lissier e Santana), un diagona- una sbavatura sola.
sa)-3. Tiri fuori 5-5. In fuorigioco 2-3. Angoli MIGLIONICO 5,5 Barcolla su In fuorigioco 4-5. Angoli 1-2. Recuperi: p.t. 2’, le (Pudil) e una testata alta (Pa-
8-0. Recuperi: p.t. 1’, s.t. 4’. esterne. Mancato il bersaglio al Ibarbo e paga, oltre misura, sul s.t. 5’ LAURO 5 Prima ammonizione
loschi) che danno il senso del
30’ con Di Michele, il Lecce ha rigore. stupida, seconda che ci sta.
«vorrei ma non riesco».
DAL NOSTRO INVIATO
sfondato al 44’: Canini ha indu- CUADRADO 7 Aiuta in difesa. DAL NOSTRO INVIATO COMOTTO 6 Vicino al gol, energie
GIUSEPPE CALVI giato e il «topolino» Muriel è MATTEO DALLA VITE sempre accese.
DELVECCHIO 6 Svetta sui palloni Il «Mosca atomico» Lato B, qual-
CAGLIARI scappato, infilando Agazzi con VERONA cosa succede: Lauro — già am- SANTANA 5 Perde la palla dell’1 0,
alti.
un destro liftato. Nel secondo monito — saltando colpisce cerca fiammate.
Ora tutti devono fare i con- tempo, sfruttando con Larrivey IL MIGLIORE
ti con i terribili ragazzi del muret- un rigore (rocambolesco e sfortu- h 7,5 GIACOMAZZI Ha il codino, non è divi-
no, ma un certo «appeal» da ri-
con la mano Paloschi, altro gial-
lo, Cesena in 10 all’11’ s.t., Be-
COLUCCI 5,5 Attento in chiusura,
incasinato nel proporre (Martinez
to. Con una rapina a piede... ar- nato mano di Miglionico), il Ca- E’ davvero ovunque. Senso della solutore ce l’ha. Nato in Belgio, retta infila Rossi per Mutu, di- s.v.)
mato di Luis Muriel (20 anni) e gliari si è rimesso in gara. In un posizione, forza atletica e abilità italianissimo, trentaduenne da fende a 4 e il Chievo schiuma. PAROLO 5,5 Confuso, e con pochi
con una micidiale girata di An- assalto di 5 minuti, la pattuglia nella costruzione del gioco. Robe da gol? Due, e paradossal-
poco, Davide Moscardelli infila stimoli nel ripartire.
drea Bertolacci (21), il Lecce bat- di Ballardini ha sfiorato tre volte mente è il Cesena a sfiorarlo
BERTOLACCI 6,5 Si sacrifica e il piedone per la quarta volta PUDIL 4,5 Moscardelli in agguato:
te il Cagliari e resta in volo nel il raddoppio: ma la traversa (pu- per primo. Minuto 26: Iaquinta
trova il guizzo per il gol stagionale e per la terza decide gli fa fare gol (Ceccarelli s.v.).
cielo della speranza. La squadra nizione di Thiago Ribeiro devia- va a prendersi una palla impos-
ta dal portiere) e un eccezionale (Giandonato s.v.). una partita. Il «Mosca atomi- IAQUINTA 6 Quasi assist a
di Cosmi si candida ormai al ruo- co». Gli era già successo contro sibile, rientra, cross che taglia Comotto. Un leone, troppo solo.
intervento di Benassi hanno sal- BRIVIO 6 Dà equilibrio a sinistra.
lo di mina vagante nella zona-sal- Napoli e Genoa. Bum, e anche tutti, arriva Comotto in spacca-
vato i giallorossi. Attendisti eppu- MURIEL 7,5 Velenoso, ruba palla e ta e quasi rete. Minuto 33, gol MUTU 5 Due giocatine, poi chi l’ha
vezza: arrivata al quarto risulta- scappa via (Esposito s.v.). il Cesena diventa un budino. visto?
re capaci di mettere paura in con- vero: palla taglia-difesa di He-
to utile consecutivo (la sua mi- tropiede, Giacomazzi, davvero DI MICHELE 5,5 Un voto in meno temaj, Pudil non tiene Moscar- ROSSI 5,5 Si mette centrale,
gliore serie stagionale, che è val- un moto perpetuo, e compagni per le due occasioni mancate. Espulsione Già, il Cesena: è la sbarella nel finale.
sa 8 punti), si mantiene a 2 punti delli, il «Mosca Atomico» mette
hanno svoltato con Bertolacci. Il ALL. COSMI 6,5 Ha reso solida la
prima di Mario Beretta, che al- il piede, 1-0 ed è il classico epi- ALL. BERETTA 5,5 Studiata per
dal Siena, attuale più diretta con- centrocampista di scuola Roma la sua squadra chiede compo-
difesa più sgangherata. Ed esalta i sodio che strappa un match in- non perderla, troppo poco per
corrente, e fa tremare anche ha fatto le prove al 14’, poi con colombiani. stezza, equilibrio, tenuta e torpidito e intorpidente. Evi- vincerla.
qualche formazione che magari una girata di sinistro ha firmato qualche sprazzo. Il fatto è che il denze finali: il Cesena è a 10
si illudeva di essere già fuori dal- il gol del pesantissimo successo. TERNA ARBITRALE: suo gruppo — depresso da una punti dal quart’ultimo posto, il TERNA ARBITRALE:
la mischia. Nel finale, lo spreco del Lecce ROCCHI 6 Decide bene sul classifica tetra — a tenere quel- Chievo a qualche passo dall’Eu- DE MARCO 6 Lauro salta
con Di Michele e la resa del Ca- rigore assegnato al Cagliari l’equilibrio ci pensa troppo: ropa. Due Izoard sì, ma quello scomposto e pericoloso: è
Cagliari monco Gli assenti han- gliari, in 10 (espulso Canini). per il momentaneo 1-1 non edifica, non brucia l’erba, romagnolo fa paura. da giallo. Rigoni-gomito è
Galloni 6; Schenone 5 rigore? Iannello 6; Dobosz 6
no avuto ragione. Tanta roba per © RIPRODUZIONE RISERVATA non mostra le scintille di chi de- © RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
24

senzaFrontiere
di ALESSANDRO DE CALÒ
MA AL BERNABEU E A OLD TRAFFORD
SONO ABITUATI A RISSE COME QUESTA
C erto è brutto vedere le immagini di una ris-
sa scorrere insieme ai titoli di coda di Mi-
lan-Juve. Le due squadre più forti del nostro cal-
rinho aveva allungato un braccio, nel marasma
generale, per infilare un dito nell’occhio al pove-
ro Tito Villanova, vice di Guardiola.
cercare di annullare il gap tra merengues e blau-
grana.
Neppure nell’algida Premier, spesso ammirata
cio. Dirigenti di lungo corso. Allenatori rampanti. Quello che è successo tra Galliani e Conte — paro- per il british style, le sfide tra le squadre più forti
Giocatori di livello internazionale. Qual- le in libertà — è poca roba, in confronto. sfuggono completamente alla logica della rissa.
che campione ben pagato che rischia di Nel frattempo, i due colossi di Spagna, Il City e lo United, per dire: dopo quel 6-1 in cam-
fare a cazzotti, alla fine, neanche fosse le squadre più forti e più ricche del mon- pionato, la rivincita in coppa (2-3) è arrivata tra i
un dilettante della domenica su un cam- do, hanno continuato a sfidarsi, in cam- veleni per l’espulsione di Kompany e le accuse
petto di provincia. Brutto, certo. Ma è un pionato e coppe, usando ogni volta un (ricambiate) di Mancini a Rooney. La moviola in
sintomo tutto italiano? Basta girare il na- tono più alto. Per dirla tutta, è il Madrid campo, probabilmente, avrebbe asciugato molto
so per scoprire che non siamo soli. In che ha sempre cercato di buttarla in ris- queste esibizioni. E adesso potremmo parlare di
agosto, il classico dei classici Barça-Real sa. Anzi, è stato Mourinho in persona — calcio, invece di continuare a mettere in fila tan-
Madrid si era concluso con una mega al di là delle mani di Messi calpestate te risse, in questo gioco senza frontiere.
rissa, in fondo alla quale il lucido Mou- da Pepe — a imbarbarire il clima, per © RIPRODUZIONE RISERVATA

ilCommento
TwitTwit
IL CINGUETTIO DEL GIORNO
Tanto
è un gioco d Dai retta
allo zio

lafrase
di LUIGI GARLANDO di BEPPE BERGOMI

MICHAEL OWEN
Attaccante del Manchester Utd
E adesso Gigi Macché scandalo
Avete visto il gol di Ronaldo
per il Real Madrid?
smanaccia via sappiamo che
«Non
Un incredibile colpo di
tacco. Il ragazzo è una
quelle parole mi sono va sempre così
macchina da gol... Buffon e il gol fantasma di Muntari: può accorto Bisogna tener conto del peso della
@themichaelowen un capitano azzurro legittimare la frode? che la partita, i tifosi si sentirebbero traditi
palla fosse
LEBRON JAMES entrata,
Stella del basket americano ma con
Congratulazioni al Liverpool onestà
Chiellini discute con Nocerino e Van Bommel PHOTOVIEWS per la Carling Cup!! Felice e devo
Orgoglioso per i ragazzi. dire che
Il dopo Milan-Juve #YoullNeverWalkAlone
di sicuro
@KingJames non l’avrei
tra veleni e lezioni: detto
KEVIN LOVE all’arbitro»
serve più serenità Fuoriclasse dei Wolves in Nba

Così Gigi
di UMBERTO ZAPELLONI
Buffon
(foto Forte)
portiere di
M ilan-Juve lascia dietro di se tanti veleni,
ma pure alcune lezioni. I veleni saranno Juve e
difficili da digerire soprattutto se alla fine del Nazionale,
campionato saranno i tre punti in palio sabato
sera a San Siro a decidere l’assegnazione dello
Imiracoli,
l portiere salva con la imposizione delle
mani. Le cronache gli attribuiscono
ma non possiamo pretendere che sia
sabato sera C’ è tanta gente che è rimasta sorpresa
dalle parole di Buffon e di Conte nel
dopo Milan-Juve. E si è rivolta a me, come fa
scudetto. Ma le lezioni dovrebbero servire a co- un santo e che corra dall’arbitro a denunciare a proposito la Gazzetta, per chiedermi come mi sarei
struire un futuro migliore, possibilmente con Un paio di minuti e andrò giulivo un gol fantasma. Ok, in un della comportato al suo posto. Buffon ha detto di
l’aiuto della tecnologia (o almeno degli arbitri agli Oscar. Quanto vi piace mondo perfetto dovrebbe accadere, ma in un respinta sul non essersi accorto che il pallone di Muntari
di porta) con un calcio da vivere appassionata- il mio look da Oscar? mondo perfetto anche noi avremmo il colpo di era entrato e ha poi aggiunto che se avesse
mente, ma senza fanatiche esagerazioni che colesterolo a posto. Quindi umanissima percepito che era gol non lo avrebbe detto
portano poi molti diretti interessati a dichiarare @kevinlove compassione per Gigi Buffon. Se dice che non testa di all’arbitro. Siccome Gigi è un campione e un
guerre eterne. ha visto quel fantasma, sforziamoci di Muntari, con esempio di lealtà e sportività per i ragazzi,
La Gazzetta lo aveva scritto il 10 febbraio: «se IVAN BASSO credergli. Ci sta, in una rovente sfida scudetto, il pallone in molti si dicono scandalizzati da questa
Milan e Juventus continueranno a punzecchiar- Campione di ciclismo detto da uno juventino educato dalla regola che era ammissione. Io non sono scandalizzato: so
si così la temperatura attorno alla partita ri- Un’ora per spiegare a mio bonipertiana: «Vincere non è importante, è dentro di che va così. E non da ieri.
schia di salire oltre i limiti». Era una previsione l’unica cosa che conta». Ma Premetto una cosa importante: secondo me
facile facile e puntualmente si è avverata. Attor-
figlio Santiago il mio ritiro
poi perché, a mente fredda, a doccia fatta, oltre mezzo Gigi si è accorto subito di aver parato oltre
al Gp Lugano.....
no alla «finale scudetto» c’era una tensione ec- Aiutooooooo chiosare: «Lo avessi visto, di sicuro, non metro. la linea bianca. E proprio per questo si è
cessiva e, soprattutto dalla sponda bianconera, l’avrei detto all’arbitro»? Perché accendere un Sarebbe affrettato a rinviare il pallone sfruttando con
non si è fatto nulla per togliere il piede dall’acce- @ivanbasso cerino nelle polveriera? eccezionale reattività quei frangenti di
stato il 2-0
leratore anche quando si rischiava di entrare in Qui non serve essere santi, basta essere incertezza dell’arbitro: così facendo ha
curva a velocità troppo elevata (leggi la polemi- uomini responsabili. E non è una scelta: è un per il Milan. salvato il 2-0. Visto con occhi bianconeri, è
ca di Agnelli con Abete). dovere. Soprattutto da parte del capitano stato bravissimo, decisivo. E io stesso, che
Ci sono nazioni in cui i presidenti delle due av-
versarie si siedono uno accanto all’altro per assi-
stere alla partita. In Italia se continuiamo così
ipseDIXIT della Nazionale che ha commosso il
Presidente Napolitano. Non ci si può
impegnare al Quirinale per rappresentare le
pure guido l’Atalanta Berretti, pur
predicando sportività e lealtà ai miei ragazzi
non me la sentirei di rimproverare il mio
bisognerà separarli con una fila di poliziotti. Vi energie migliori di un Paese in difficoltà e poi portiere se seguisse l’esempio di Buffon in

«
sembra logico che la tribuna d’onore si trasfor- legittimare pubblicamente la frode, perché una partita di quella importanza.
mi in un’area di rigore? E’ normale che per com- Quando salgo dal vantarsi dell’omertà davanti a un’ingiustizia E già, bisogna tener conto anche del peso di
mentare un errore arbitrale un allenatore come sottopassaggio sportiva significa legittimare l’illegalità e una gara. Se Brienza ottiene un rigore per
Conte tiri ancora in ballo calciopoli sei anni do- mi aspetto di non sporcare un po’ anche la splendida un fallo inesistente con il Siena a 36 punti
po? Vi sembra normale che Galliani possa scen- trovare gente giornata di Rizziconi. Gigi, l’autogol può anche dire all’arbitro: «Sono caduto
dere negli spogliatoi a cercare l’arbitro nell’in- l’hai fatto, ma forse l’arbitro non ha da solo». Con il Siena a 23 punti non lo
tervallo, dopo averne già dette di tutti i colori al che mi insulta visto e fai ancora in tempo a può dire, i suoi tifosi non capirebbero, si
designatore in tribuna? Vi pare lecito che il vice- ANTONIO CONTE smanacciarlo fuori, come il pallone di sentirebbero traditi. Questa è una
ALLENATORE JUVENTUS
presidente rossonero incrociando Conte lo pren- Muntari. Oggi che sei azzurro, a «legge» in vigore su tutti i campi,
da a brutte parole e che lo stesso Conte lo ricam- Genova, correggi quella frase, derivante dalla nostra cultura «non
bi con accuse pesantissime? Vi pare educativo rinnegala, spiega alle migliaia di ragazzi sportiva». Siamo rimasti all’epoca di
sentire il capitano della nazionale ammettere che ti prendono per modello: «Lo sport è Machiavelli: il risultato con qualsiasi
che non avrebbe aiutato l’arbitro se si fosse ac- rispetto delle regole senza compromessi, mezzo.
corto di aver respinto oltre la linea? senza eccezioni. Punto. Non fate come ho Per noi italiani non esiste una verità
Attorno a Milan-Juve ci sono stati tanti, troppi, detto. Aiutate gli arbitri». Era solo una oggettiva, bisogna piegare e distorcere
errori arbitrali, ma a San Siro non hanno sba- battuta? E’ riuscita maluccio, spiegala. Sei anche le immagini più eloquenti, se ci
gliato solo Tagliavento & c. In troppi hanno esa- cresciuto in una bella famiglia di sportivi danno torto, nel verso dei colori che uno
gerato alzando i toni come avevano cominciato appassionati e praticanti (genitori, sorelle): rappresenta perché la tua fazione si
a fare da 15 giorni. E quanto è successo allo sta- nessuno di loro può riconoscersi nelle attende questo. Antonio Conte, che è una
dio e nella sua pancia deve diventare una lezio- parole di San Siro, giusto? La precisazione persona intelligente, a caldo dopo la
ne per il futuro. Non si può arrivare ad una parti- Mi insultano già tanto farebbe bene anche alla Juve, società che partita ha polemizzato su Sky con Zvone
ta continuando ad accusare gli avversari di ogni in campo, e sempre con nella storia ha meritato di essere accostata Boban difendendo una tesi indifendibile: i
nefandezza tirando in ballo il passato remoto e stupidi riferimenti ai al concetto di stile proprio per il due errori della terna hanno avuto lo
assurdi complotti. Un po’ di serenità alla vigilia capelli finti. A Bergamo, comportamento dei sui campioni. stesso peso sulla partita. Ma dai... E’
avrebbe messo meno pressione a quei 90 minu- una volta, mi lanciarono Probabilmente oggi chiederà conto anche evidente che se il Milan va sul 2-0 per la
ti e forse arbitro e assistenti sarebbero stati più anche dei parrucchini... Prandelli, che ha fatto del codice etico una Juve c’è una montagna da scalare! Conte
tranquilli. Se poi herr Blatter e monsieur Platini E, alla lunga, uno si bussola di navigazione, come hanno appena lo sa e infatti si è poi scusato con Boban.
facessero tutto ciò che è nelle loro facoltà per scoccia. Così quando mi sperimentato Balotelli e Osvaldo. Di questa Ho partecipato di recente a un convegno
aiutare gli arbitri, avremmo un paracadute sup- sono trovato davanti Italia, Buffon resta degno capitano. Della sua con i vertici arbitrali sul tema del
plementare. Un salvagente a cui non è più possi- Galliani con la sua testa sportività parla una carriera intera, solare e fuorigioco. Beh, per i dirigenti dell’Aia un
bile rinunciare nel 2012. Per salvare un campio- lucida ho pensato che gloriosa. Un’uscita balorda può capitare errore sulla situazione di Matri, cioè
nato, ma anche la credibilità di tutto il calcio. fosse una provocazione. anche al numero uno. Gigi, togliti il fango dai 20-30 cm dentro o fuori, non è
twitter@uzapelloni Roberto Pelucchi guanti e para pro nobis. Amen. considerato un errore.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
25

Serie A / 25ª GIORNATA


RISULTATI CLASSIFICA MARCATORI
18 RETI: Di Natale (3) (Udinese)
ATALANTA-ROMA 4-1 PARTITE RETI RIGORI PUNTI POSIZIONE ULTIME 15 RETI: Denis (3) (Atalanta); Ibrahimovic
Marilungo (A), Denis (A), Borini (R), Denis (A), Denis (A) SQUADRE PUNTI IN CASA FUORI TOTALE IN CASA FUORI TOTALE DIFF. FAVORE CONTRO 2010-2011 STAGIONE QUATTRO (6) (Milan); Cavani (2) (Napoli)
E DIFF. 2010-2011 GARE 14 RETI: Palacio (2) (Genoa)
BOLOGNA-UDINESE 1-3 G. V. N. P. G. V. N. P. G. V. N. P. F. S. F. S. F. S. RETI T. R. T. R. 13 RETI: Klose (Lazio)
Di Natale (U) rigore, Basta (U), Kone (B), Floro Flores (U) MILAN 51 12 7 4 1 13 8 2 3 25 15 6 4 25 6 24 16 49 22 +27 6 6 1 1 52 (-1) 1 NVVN 12 RETI: Jovetic (4) (Fiorentina); Milito (3)
CAGLIARI-LECCE 1-2 JUVENTUS 50 12 8 4 0 12 5 7 0 24 13 11 0 24 8 13 7 37 15 +22 1 1 3 1 41 (+9) 7 NNVN (Inter)
11 RETI: Miccoli (1) (Palermo)
Muriel (L), Larrivey (C) rigore, Bertolacci (L) UDINESE 45 13 10 2 1 12 3 4 5 25 13 6 6 23 7 14 16 37 23 +14 5 4 5 4 43 (+2) 5 PPNV 10 RETI: Matri (Juventus); Calaiò (4) (Siena)
CATANIA-NOVARA 3-1 LAZIO 45 13 7 4 2 12 6 2 4 25 13 6 6 18 9 21 20 39 29 +10 4 4 4 4 45 (=) 4 PVPV 9 RETI: Giovinco (3) (Parma)
Bergessio (C), Marchese (C), Gomez (C), Rubino (N) NAPOLI 40 13 6 5 2 12 4 5 3 25 10 10 5 24 13 18 11 42 24 +18 5 2 0 0 49 (-9) 2 NVVV 8 RETI: Di Vaio (1) (Bologna); Nocerino
(Milan)
CHIEVO-CESENA 1-0 ROMA 38 12 7 3 2 13 4 2 7 25 11 5 9 24 11 14 20 38 31 +7 3 2 4 4 42 (-4) 6 NPVP 7 RETI: Lodi (5) (Catania); Mutu (2)
Moscardelli (Ch) INTER 36 13 6 2 5 12 5 1 6 25 11 3 11 21 17 13 17 34 34 0 4 3 6 3 47 (-11) 3 PPPP (Cesena); Hernanes (3) (Lazio); Di Michele
(3) (Lecce); Osvaldo (Roma)
GENOA-PARMA 2-2 PALERMO 34 12 10 0 2 13 0 4 9 25 10 4 11 31 15 8 24 39 39 0 4 4 5 5 40 (-6) 8 VPVP 6 RETI: Bergessio (Catania); Marchisio
Gobbi (P), Floccari (P), Palacio (G), Palacio (G) CATANIA 33 12 6 4 2 12 2 5 5 24 8 9 7 18 9 14 24 32 33 -1 8 7 3 3 26 (+7) 15 VPVV (Juventus); Hamsik e Lavezzi (Napoli); M.
LAZIO-FIORENTINA 1-0 CHIEVO 33 12 6 3 3 13 3 3 7 25 9 6 10 11 9 10 21 21 30 -9 2 1 6 4 31 (+2) 12 PPVV Rigoni (3) (Novara); Budan (Palermo); Borini
Klose (L) (Roma);
ATALANTA * 31 13 6 5 2 12 3 5 4 25 9 10 6 16 10 14 18 30 28 +2 4 3 5 5 in B in B NVNV 5 RETI: Moralez (Atalanta); Ramirez
MILAN-JUVENTUS 1-1 CAGLIARI 31 13 4 6 3 12 3 4 5 25 7 10 8 13 12 10 14 23 26 -3 4 4 2 2 35 (-4) 9 NVNP (Bologna); Thereau (Chievo); Jankovic
Nocerino (M), Matri (J) GENOA 31 13 7 3 3 12 2 1 9 25 9 4 12 21 16 12 30 33 46 -13 3 2 8 7 32 (-1) 10 PPPN (Genoa); Pazzini (Inter); Pepe (Juventus);
Rocchi (Lazio); Pandev (Napoli); Destro
NAPOLI-INTER 1-0 PARMA 29 11 5 4 2 13 2 4 7 24 7 8 9 19 12 10 25 29 37 -8 5 4 3 2 26 (+3) 15 VNPN (Siena); Basta (Udinese)
Lavezzi (N) FIORENTINA 28 12 6 3 3 12 1 4 7 24 7 7 10 19 13 4 12 23 25 -2 5 5 3 3 32 (-4) 10 VPPP 4 RETI: Marilungo (Atalanta); Acquafresca
SIENA-PALERMO 4-1 (Bologna); Larrivey (1) e Pinilla (1) (2 con il
BOLOGNA 28 12 4 2 6 12 3 5 4 24 7 7 10 12 16 12 13 24 29 -5 2 2 5 5 29 (-1) 14 NVVP
Budan (P), Terzi (S) rigore, Bogdani (S), Rossettini (S), Palermo) (Cagliari); Barrientos (Catania);
SIENA 26 13 6 3 4 12 0 5 7 25 6 8 11 21 10 6 18 27 28 -1 6 6 6 5 in B in B VPPV Moscardelli, Paloschi e Pellissier (Chievo);
Brienza (S) Lulic (Lazio); Muriel (Lecce); Boateng, Maxi
LECCE 24 12 2 3 7 13 4 3 6 25 6 6 13 14 19 14 21 28 40 -12 4 4 5 5 24 (=) 17 NNVV
Lopez (2) (3 con il Catania) e Robinho
NOVARA 17 13 2 6 5 12 1 2 9 25 3 8 14 13 21 8 24 21 45 -24 3 3 3 2 in B in B NVNP (Milan); Hernandez (2) (Palermo); Bojan e
PROSSIMO TURNO CESENA 16 11 2 3 6 13 2 1 10 24 4 4 16 9 13 7 25 16 38 -22 6 4 6 5 21 (-5) 19 NPPP Totti (2) (Roma);3 RETI: Diamanti (1)
(Bologna); Conti (1) (Cagliari); Almiron e
sabato 3 marzo La classifica tiene conto di quest'ordine preferenziale: 1) punti; 2) a parità di partite giocate, la differenza reti; 3) numero di gol segnati. Legrottaglie (Catania); Cerci (Fiorentina);
PALERMO-MILAN (ore 18) (0-3) Le ultime tre retrocedono in serie B. *sei punti di penalizzazione. Gilardino (2 con la Fiorentina), M. Rossi
JUVENTUS-CHIEVO (ore 20.45) (0-0) (Genoa); Cambiasso e Thiago Motta (Inter);
domenica 4 marzo, ore 15 U CHAMPIONS U PRELIMINARI DI CHAMPIONS U EUROPA LEAGUE U RETROCESSIONE Vucinic (Juventus); Cuadrado e Giacomazzi
(Lecce); Morimoto (Novara); Silvestre
PARMA-NAPOLI (ore 12.30) (2-1) (Palermo); Biabiany, Floccari e Modesto
BOLOGNA-NOVARA (2-0) (Parma); De Rossi, Juan e Pjanic (Roma); ;
FIORENTINA-CESENA (0-0)

laMoviola
Floro Flores e Isla (Udinese)
LECCE-GENOA (0-0) 2 RETI: Ibarbo e Thiago Ribeiro (Cagliari);
ROMA-LAZIO (1-2) Gomez e Marchese (Catania); Eder e
SIENA-CAGLIARI (0-0) Candreva (1) (Cesena); Sammarco (Chievo);
di FRANCESCO CENITI fceniti@gazzetta.it Kukca e Veloso (Genoa); Nagatomo (Inter);
UDINESE-ATALANTA (0-0)
INTER-CATANIA (ore 20.45) (1-2) Chiellini, Lichsteiner, Quagliarella e Vidal (1)
(Juventus); Kozak e Sculli (Lazio);
mercoledì 7 marzo, ore 18.30,
recuperi
CESENA-CATANIA (22 g.) (0-1)
Gava disastro a Siena Bertolacci e Grossmuller (Lecce); Cassano,
El Shaarawy e Seedorf (Milan);
Campagnaro, Dzemaili e Maggio (Napoli);
BOLOGNA-JUVENTUS (23 g.)
PARMA-FIORENTINA (23 g.)
(1-1)
(0-3) Rigore inesistente Caracciolo (1 rete con il Genoa), Mascara (1
rete con il Napoli) e Rubino (Novara);
Bertolo, Ilicic, Mantovani, Migliaccio e

e beffa per Balzaretti


Zahavi (Palermo); Gobbi (Parma); Fabio
Simplicio (Roma); D'Agostino (1) (Siena)1
CONCORSI RETE: Cigarini, A. Masiello, Peluso,
CONCORSI N. 18 DEL 26/2/2012 Schelotto e Tiribocchi (Atalanta); Cherubin,
TOTOCALCIO - COLONNA VINCENTE
La colonna vincente e le quote non
Sorprende Calvarese Aguirregaray non tocca Brienza: non c’era il rigore ANSA
Loria e Portanova (Bologna); Biondini,
Cossu, Dessena, Ekdal, El Kabir,
Nainggolan e Nené (1) (Cagliari); Catellani e
sono disponibili Delvecchio (Catania); Guana, Iaquinta (1),
TOTOGOL - COLONNA VINCENTE Una settimana da tocco di Perez su Di Natale è dopo un contrasto con Pisano. Parolo e Pudil (Cesena); L. Rigoni e Sardo
dimenticare. Lo stesso davvero al limite. Sembra che il E’ regolare la posizione di LAZIO-FIORENTINA 1-0 (Chievo); Cassani, Gamberini, Lazzari,
La colonna vincente e le quote non Montolivo, Natali e Silva (1) (Fiorentina);
presidente dell’Aia, Marcello piede dell’attaccante tocchi la Muriel in occasione dello 0-1. Bergonzi di Genova
sono disponibili Constant, Granqvist, Jorquera, Mesto e
Nicchi, si è detto «addolorato» linea (che fa parte dell’area), Doppio giallo inevitabile a Dubbi sulla trattenuta di Pratto (Genoa); Alvarez, Casteignos,
per gli errori in Milan-Juve. Il ma resta un minimo dubbio. Di Canini per falli su Muriel. Nastasic su Klose: il tedesco si Coutinho, Faraoni, Forlan, Lucio, Maicon,
guaio è che anche in altre sicuro è decisivo per la scelta il lascia cadere, ma ci poteva Ronocchia e Sneijder (Inter); Bonucci,
partite le cose sono andate contributo dell’assistente La CATANIA-NOVARA 3-1 anche stare il rigore. Regolare Estigarribia, Giaccherini, Krasic e Pirlo
male. Sabato un disastro pure Rocca che chiama il rigore a Calvarese di Teramo il gol decisivo: non c’è (Juventus); Biava, Cana, Cisse, A. Gonzalez
e Ledesma (1) (Lazio); Brivio, Corvia,
Gazzetta.it per Romeo in Genoa-Parma,
ieri malissimo Gava a Siena.
Mazzoleni. L’arbitro di suo fa
confusione sui gialli: è da
ammonizione la strattonata di
Ancora una buona prova per
Calvarese (Can B). Annullata
una rete a Mazzarani: c’è il
fuorigioco di Klose. Annullato
un gol a Cerci: giusto, c’è il
fuorigioco.
Esposito, Ferrario, Mesbah, Oddo (1) e
Strasser (Lecce); Ambrosini, Aquilani,
Emanuelsson, Muntari, Nesta, Pato, Thiago
ATALANTA-ROMA 4-1 Pazienza su Ramirez; severe fuorigioco. Regolare il gol del Silva, Yepes e Zambrotta (Milan); Britos,
Damato di Barletta quelle date a Benatia e a Novara: Rubino è dietro la linea SIENA-PALERMO 4-1 Gargano e Zuniga (Napoli); Gemiti, Jeda,
10.30, GAZZAOFFSIDE Nessun dubbio sui primi due Ramirez. E nella ripresa ci della palla sul tiro-cross di Gava di Conegliano Veneto Marianini, Mazzarani, Meggiorini, Paci,
TUTTE LE POLEMICHE gol dell’Atalanta: Marilungo stava il secondo giallo per Rigoni. Disastro Gava. Il Palermo resta Porcari, Radovanovic (Novara); Barreto e
DEL DOPO MILAN-JUVE scatta dalla propria metà Pazienza. in 10 per l’espulsione di Donati (Palermo); Galloppa, A. Lucarelli,
campo, Denis è tenuto in gioco CHIEVO-CESENA 1-0 Balzaretti, ma è un grave Morrone, Paletta, Pellè, Valdes e Valiani
Tensione ai massimi da Juan e Heinze. Rischia CAGLIARI-LECCE 1-2 De Marco di Chiavari errore considerarla chiara (Parma); Burdisso, Gago, Lamela e Taddei
tra Juve e Milan. Se ne parla (Roma); Bogdani, Bolzoni, Brienza, Gazzi, P.
moltissimo Maxi Moralez: il Rocchi di Firenze Si lamenta il Cesena per il occasione da gol con la palla
Gonzalez, Grossi, Rossettini, Terzi (1) e
dalle 10.30 a GazzaOffside gomito tenuto alto colpisce Molti episodi in area e un rigore secondo giallo a Lauro: può che sta andando in bocca a Vitiello (Siena); Asamoah, Benatia, Domizzi,
(in diretta on demand Rosi. Arriva il giallo, ci poteva assegnato al Cagliari per un sembrare severo, ma le Miccoli... Inesistente il rigore Ferronetti, Pazienza, Pinzi e Torje (Udinese)
stare il rosso diretto. La Roma «mani» di Miglionico. Partiamo disposizioni sono queste. concesso al Sinea: Brienza 1 AUTORETE: Brivio (Lecce) pro Cagliari;
sempre) con Diego Antonelli,
chiude in nove: Osvaldo rifila di qui: sul cross di Pisano il Saltare con il braccio largo è cade da solo e non è neppure Acquafresca (Bologna) pro Lazio; Lodi
Sebastiano Vernazza e un calcio a Cigarini con la palla difensore dei pugliesi allarga il giudicato pericoloso, il sfiorato da Aguirregaray. La (Catania) pro Milan; Centurioni (Novara) pro
Alessandra Bocci in studio e lontana; Cassetti insulta in braccio, la palla sbatte anche difensore dei bianconeri stessa faccia di Brienza Parma; De Sanctis (Napoli) pro Roma;
modo plateale l’assistente. sulla gamba ma è giusto punire colpisce infatti Paloschi al viso. quando si accorge della Pisano (Cagliari) pro Milan; Ludi (Novara)
Alberto Cerruti in pro Palermo; Granqvist (Genoa) pro
collegamento telefonico. E il gesto di Miglionico. Ok non Per il resto, fermato Iaquinta decisione dell’arbitro la dice Cagliari; Rinaudo (Novara) pro Cesena; Izco
BOLOGNA-UDINESE 1-3 intervenire sull’intervento di per un fuorigioco inesistente. lunga... Molto più da rigore il (Catania) pro Udinese; M. Rossi (Cesena)
poi la crisi infinita dell’Inter Mazzoleni di Bergamo Canini che non tocca Resta un dubbio da rigore per contatto tra Rossettini e pro Atalanta; Luciano (Chievo) pro Parma
dopo la nuova sconfitta. Si lamenta il Bologna sul rigore Cuadrado, mentre Di Michele un mani di Rigoni su un colpo di Bertolo. RETI: in questo turno 29 (3 rigori) ; in totale
dato all’Udinese: in effetti il simula, lasciandosi cadere testa di Santana. (Napoli-Inter a pagina 3) 622 (72 rigori, 12 autoreti)
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
26

MONDO INGHILTERRA

Il Cardiff cade ai rigori 4 LE PARTITE DI PREMIER

L’ALBO
D’ORO Rimonta Arsenal
La festa è del Liverpool Carling Cup,
i vincitori
recenti
con il Tottenham
da 0-2 a 5-2
I Reds soffrono ma vincono la Carling Cup. Dal dischetto 1999-2000
Leicester
E lo United vince a Norwich
decisivo l’errore finale di Anthony Gerrard, cugino di Steven 2000-01 Giggs segna alla 900a partita
Liverpool
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
Il film Il Cardiff ha compiuto il 2001-02 LONDRA
suo dovere fino in fondo. È pas- Blackburn
sato al 19’ con Mason — ap- I cori dei tifosi dell’Arsenal sono il simbolo
poggio di Miller e destro preci- 2002-03 della disfatta del Tottenham nel superderby di
so del giovane attaccante —, Liverpool Londra: «Harry for England», per ironizzare sul-
ha incassato il pareggio di Skr- la candidatura di Redknapp alla guida della na-
tel — tiro in mischia, da bom- 2003-04 zionale inglese. Nella batosta degli Spurs, c’è tut-
ber vero — e dopo aver difeso Middlesbrough ta la mano dell’allenatore, che ha sbagliato pri-
il fortino con coraggio, ha avu- ma la formazione (Lennon in panca) e poi i cam-
to, al 43’ della ripresa, il pallo- 2004-05 bi (Sandro e Van der Vaart per Kranjcar e Saha
ne del 2-1. Il centravanti scoz- Chelsea ad inizio ripresa): una giornata da dimenticare.
zese Miller, ad un passo dalla
porta, ha spedito il pallone in 2005-06 Ribaltone Il 5-2 dei Gunners è clamoroso: al 34’
curva: roba da non dormirci Manchester U. viaggiavano sullo 0-2, con le firme di Saha e di
sopra per una settimana. Il 2-1 Adebayor su rigore. Arsenal a pezzi: Wenger a
dei Reds è maturato al 3’ del 2006-07 testa bassa, il proprietario americano Kroenke
secondo tempo supplementa- Chelsea con la faccia scura. Al 40’ è però cambiato il ven-
re: una botta violenta di Kuyt, to: zuccata di Sagna e via al ribaltone. Il 2-2 di
riprendendo una respinta di 2007-08 Van Persie al 43’ è l’ennesimo capolavoro del-
Anthony Gerrard. Sembrava Tottenham l’olandese: un sinistro a giro. Al 51’, il sorpasso:
fatta, ma il Cardiff ha reagito tocco di Rosicky. Sullo slancio e sugli spazi aper-
con orgoglio gallese e dopo 2008-09 ti, gloria per la velocità di Walcott. Prima un con-
una respinta sulla linea di Manchester U. tropiede governato da Van Persie e tocco sotto
Kuyt, ecco il 2-2 in mischia di da manuale, poi lancio al bacio di Song e destro
Turner. Un Cardiff da ammira- 2009-10 preciso: 5-2.
Steven Gerrard, 31 anni, capitano del Liverpool, fa festa con la coppa in mano in mezzo a fiumi di champagne AFP re: l’islandese Gunnarsson in Manchester U.
preda ai crampi, Gestede di- Giggs, 900 e gol E proprio lo United ha lasciato il
Liverpool deludente I 39 tiri in strutto dalla fatica, il capitano 2010-11 segno, vincendo 2-1 a Norwich, con i gol di Scho-
CARDIFF 4 DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
STEFANO BOLDRINI porta complessivi, la traversa Whittingham che ha preso per Birmingham les (7’) e Giggs (90’). Il gallese ha festeggiato la
mano la squadra nell’assalto fi- gara numero 900 con i Red Devils con una rete
LIVERPOOL 5 LONDRA colpita da Johnson dopo appe-
che tiene in corsa i suoi nella volata scudetto: il
na 2’, il salvataggio sulla linea nale. 2011-12
DOPO I RIGORI (pt 1-0; st 1-1; dts 2-2) I rigori sono un proble- Liverpool vantaggio del City resta di due lunghezze. E Gig-
di Taylor e i 19 calci d’angolo
GIUDIZIO 777 ma nella famiglia Gerrard, ma Epilogo Nella lotteria finale, il gs? Sarà lo yoga, ma sembra un ragazzino.
farebbero pensare a un Liver- bold
MARCATORI Mason (C) 19’ p.t.; Skrtel (L) Cardiff si è stretto attorno al
14’ s.t.; Kuyt (L) al 3’, Turner (C ) al 13’ s.t.s. se quello di Steven, capitano pool che ha surclassato l’avver-
SEQUENZA RIGORI S. Gerrard (L) parato, del Liverpool, seppur parato, sario. Non è così, tanto per ri- portiere Heaton, bravissimo
ARSENAL-TOTTENHAM 5-2
Milner (C ) palo, Adam (L) fuori, Cowie (C ) alla fine non è stato decisivo, badire il concetto che il calcio sui rigori. Da copione, ha de-
GIUDIZIO ++++ PRIMO TEMPO 2-2
gol, Kuyt (L) gol, Gestede (C ) palo, Enri-
quello calciato fuori dal cugi- non si può leggere solo con i viato con un guizzo da pante- MARCATORI Saha (T) al 4’, Adebayor (T) su rig. al 34’ p.t.,
que (L) gol, Whittingham (C ) gol, Johnson
numeri. È chiaro che la diffe- ra il destro di Gerrard ed è sta- Sagna (A) al 40’ p.t., Van Persie (A) al 43’ p.t.; Rosicky (A) al
(L) gol, A. Gerrard (C ) fuori. no Anthony, 5 anni in meno to poi graziato da Adam. Ma 6’ s.t., Walcott (A) al 20’ e 23’ s.t.
CARDIFF (4-4-2) Heaton 7; McNaughton dell’illustre parente, ha conse- renza di valori dovesse in qual- ARSENAL (4-2-3-1) Szczesny 6; Sagna 7, Vermaelen 6,
6 (dal 2’ s.t.s. Blake sv), Turner 6 (dall’8’ che modo pesare, ma il Liver- gli errori di Miller (palo), Ge-
gnato la Carling Cup ai Reds, Koscielny 6, Gibbs 6 (dal 30’ s.t. Jenkinson sv); Song 7,
p.t.s. A. Gerrard), Hudson 6, A.Taylor 6; stede e Anthony Gerrard han- Arteta 6,5; Walcott 7,5 (dal 36’ s.t.Oxlade-Chamberlain sv),
spezzando il lungo sogno del pool ha confermato di avere
Mason 6,5 (dal 1’ s.t.s. Kiss 6), Gunnars- no consegnato il trofeo al Li- Rosicky 6,5, Benayoun 7 (dal 43’ s.t. Gervinho sv); Van
Cardiff, squadra della Serie B molto carattere e poco gioco. Persie 7. ALL. Wenger 7.
son 6,5, Whittingham 7, Cowie 6,5; Geste- verpool, lanciato nell’ultimo ti-
de 5, Miller 4. PANCHINA Marshall, Earn- inglese. Dopo 127 minuti di Dalglish è osannato dal suo po- ro da Johnson. Delirio Reds e TOTTENHAM (4-4-2) Friedel 5; Walker 5,5, Kaboul 5, King 5
shaw, Conway, Naylor. ALL. Mackay 6. polo per il grande passato, ma (dal 37’ s.t.Dawson sv), Assou-Ekotto 6; Kranjcar 5 (dal 1’
LIVERPOOL (4-4-2) Reina 6; Johnson 6, calcio britannico, corsa, agoni- Cardiff a testa alta. A voler es- s.t. Sandro 5), Parker 5,5, Modric 5, Bale 5,5; Adebayor 6,
non sempre i vecchi campioni sere pignoli, è sembrato avaro Saha 6 (dal 1’ s.t. Van der Vaart 5). ALL. Redknapp 4.
Skrtel 7, Agger 6 (dal 41’ s.t. Carragher smo e modestia tecnica, con il
5,5), Enrique 6; Henderson 6 (dal 13’ s.t.
diventano bravi allenatori: lo di sentimenti Steven Gerrard: ARBITRO Dean 5.
supplemento dei tiri dal di- scozzese è un esempio lampan- ESPULSO Parker (T) al 42’ s.t. per doppia ammonizione.
Bellamy 5,5), Adam 6, S. Gerrard 5,5,
schetto, il Liverpool torna a ha dato una pacca sulla testa AMMONITI Koscielny (A), Arteta (A), Van Persie (A) e
Downing 5,5; Suarez 6, Carroll 5 (dal 13’ te. Imbarazzanti anche alcuni al cugino Anthony ed è corso a Sandro (T) per gioco scorretto, Modric (T) per proteste.
p.t.s. Kuyt 6). PANCHINA Doni, Rodriguez, sollevare nel maestoso scena- elementi, come il centravanti festeggiare con i suoi. È sem-
Spearing, Kelly. ALL. Dalglish 6. rio di Wembley un trofeo: non Carroll, pagato appena un an- brato un atto dovuto, quasi RISULTATI 26a GIORNATA Ieri Arsenal-Tottenham 5-2,
accadeva dal 2006, quando Norwich-Manchester United 1-2, Stoke-Swansea 2-0.
ARBITRO Clattenburg 6. no fa 35 milioni di sterline, e una pratica da sbrigare. Un ab- CLASSIFICA Man. City 63 punti; Man. United 61; Tottenham
AMMONITI Henderson (L) e Carragher (L) conquistò Coppa d’Inghilterra gente come Henderson e Dow- braccio e due parole in più 53; Arsenal, Chelsea 46; Newcastle 43; Liverpool* 39;
per gioco scorretto, Turner (C) per c.n.r. e Supercoppa. Nella Carling ning: i fuoriclasse della storia Norwich City 35; Sunderland, Fulham, Everton*, Stoke City
NOTE spettatori 89.041. Tiri in porta: 19-4. Tiri
non ci stavano male. Ma forse 33; West Browmich 32; Swansea 30; Aston Villa 29;
fuori: 20-3. Angoli: 19-3. In fuorigioco: 0-0. Recu-
Cup, è il successo numero 8: del Liverpool erano di ben al- pretendiamo troppo. Wolverhampton 22; Qpr, Blackburn 21; Bolton, Wigan 20. *
peri: 1’ p.t.; 4’ s.t.; 1’ p.t.s.; 1’ s.t.s. nessuno come i Reds. tra pasta. © RIPRODUZIONE RISERVATA Una gara in meno.

GERMANIA 23a GIORNATA LIGUE 1 Taccuino


Zebina ferma Didì
Ribery evita la crisi del Bayern Marsiglia, stop
dopo 16 gare utili
BRASILE
Adriano 1o gol 2012
RIO (m.can.) Adriano esulta:
Doppietta del il tecnico gli fosse andato incon- Borussia record Il Bayern si ria- PARIGI (a.g.) Dispetti tra segna il suo primo gol nel 2012 nel
tro ad abbracciarlo, anzi. Ma la nima però il Borussia Dort- ex bianconeri. Il Brest di l’1 0 contro il Botafogo Ribeirão Pre
francese nel mancata serenità nel cambio mund non si ferma: la settima Jonathan Zebina fa lo to nel campionato paulista e per la
era stata sottolineata come sin- vittoria consecutiva (primato sgambetto al Marsiglia di Didier prima volta da quando è al Corin
successo sullo tomo di bufera. Così ieri, quan- societario) lascia tranquillo Deschamps che veniva da 16 thians gioca 90’. L’allenatore Tite,
Schalke. Ma il do Ribery ha segnato allo Jürgen Klopp, che dice: «Tito-
lo? E’ ancora presto». Nel 3-1
risultati utili consecutivi, coppe
varie incluse, compreso l’1 0
però, non vuole illudere l’Imperato
re: mercoledì Liedson, che era indi
Schalke 04, è andato verso la
Borussia vola panchina e ha scambiato il «cin- sull’Hannover, una doppietta rifilato all’Inter mercoledì sponibile, sarà il titolare con il Catan
que» con Heynckes, il quale si di Lewandowski (16 in totale), scorso in Champions League duvense: «Liedson sta giocando
augura di non occupare un po- qualche brivido dopo lo splen- nell’andata degli ottavi di finale. molto bene».
PIERFRANCESCO ARCHETTI In Bretagna decide su calcio
sto vicino a Van Gaal nella con- dido 2-1 all’incrocio di Ya Ko-
siderazione del suo numero set- nan, la sicurezza allo scadere d’angolo al 17’ p.t. la deviazione EURORIVALI
L’assalto all’allenatore, te. E’ dall’estate che Ribery spie- con Perisic. Diciassette partite di testa del terzino Baysse. Az Alkmaar pareggia
dopo una discussione con il me- ga la sua rinascita con l’allonta- Franck Ribery, 28 anni AFP senza perdere, un girone inte- 25a GIORNATA Ajaccio
ro. Digione 2 1; Auxerre St. AMSTERDAM (m.v.) Il Psv
desimo, è una specialità della namento dell’olandese.
biamo comunicare di più e lavo- Etienne 0 0; Evian Nancy 2 0; torna a vincere 3 2 sul Feyenoord,
ditta Ribery. Louis van Gaal © RIPRODUZIONE RISERVATA
rare insieme», ha detto Ribery, Montpellier Bordeaux 1 0; orfano per squalifica di Guidetti.
venne quasi travolto dal picco- Dieci reti La terza doppietta sta- ora a quota dieci reti in Bunde- 23 GIORNATA Ieri: Bayern-Schalke
a
Nizza Caen 1 0; Valenciennes L’Az Alkmaar (prossima avversario
lo francese due stagioni fa, du- gionale di Kaiser Franck evita sliga. Nel suo linguaggio può 04 2-0; Borussia Dortmund-Hannover Lorient 2 0; Lione Psg 4 4; dell’Udinese in Europa League) spre
rante un luccicante 3-1 a Dort- al Bayern il sorpasso da parte anche significare: gli ho fatto 3-1. Sabato: Colonia-Bayer Leverku- Brest Marsiglia 1 0; Tolosa ca pareggiando con l’Heerenveen
mund. Erano i tempi in cui fil- dello Schalke 04 e pure un’al- sen 0-2; Augsburg-Hertha 3-0;
vedere che non mi deve mai to- Mainz-Kaiserslautern 4-0; Stoccar- Sochaux 2 0; Rennes Lilla 1 1. (3 3). 23a GIORNATA Waalwijk Vi
travano dall’ambiente Bayern tra settimana di passione. La gliere. Delizioso il primo cen- CLASSIFICA Montpellier 53; tesse 1 0; Breda Ado Den Haag
da-Friburgo 4-1; Wolfsburg-Hoffenhe-
troppe voci di un conflitto tra classifica è di nuovo degna del- tro, con fuga da metà campo, im 1-2; Werder-Norimberga 0-1. Vener- Psg 52; Lilla 46; St. Etienne 43; 4 0; Roda De Graafschap 0 2;
giocatore e tecnico. Franck, do- le aspettative minime (secon- pallonetto sul portiere in uscita dì: Borussia Monc.-Amburgo 1-1. Lione, Rennes e Tolosa 40; Venlo Almelo 3 1; Nimega Gronin
po un gol, volle mostrare al do posto, superato il Borussia e tocco al volo per infilare. Mer- CLASSIFICA Borussia Dortmund 52; Marsiglia* 39; Bordeaux 36; gen 4 0; Excelsior Ajax 1 4;
mondo che erano fesserie, an- Moenc.), la distanza dalla capo- coledì Ribery sfiderà la Germa- Bayern 48; Borussia Moenc. 47; Valenciennes 30; Brest 29; Psv Feyenoord 3 2; Twente Utre
che se naturalmente era vero il lista Borussia Dortmund inva- nia ma non Lahm, che si toglie Schalke 04 44; Bayer Leverkusen 37; Evian*, Caen, Lorient 27; cht 1 0; Az Alkmaar Heerenveen
contrario. Mercoledì Ribery riata: quattro punti; non pochi Werder 36; Hannover 34; Hoffenheim,
dall’impaccio di dover menare Stoccarda 29; Norimberga 28; Wolf-
Digione, Ajaccio 26; Nizza, 3 3. CLASSIFICA (prime posizioni)
non ha salutato Heynckes però nemmeno una misura to- un compagno sulla sua fascia: sburg, Amburgo, Mainz 27; Colonia 24; Nancy 23; Auxerre 22; Sochaux Psv 48; Az Alkmaar 46; Twente* 45;
quando è stato sostituito in gli speranze. «Ho parlato con ginocchio infiammato, rinun- Augsburg 21; Hertha 20; Kaiserslau- 20. * una gara in meno Heerenveen 44; Ajax 43; Feyeno
Champions, a Basilea: non che l’allenatore dopo Basilea, dob- cia alla convocazione. tern, Friburgo 18. ord 41. *Una gara in meno
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
27

MONDO SPAGNA
ATLETICO MADRID 1 RAYO VALLECANO 0
BARCELLONA 2 REAL MADRID 1
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-1 GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0
MARCATORI Dani Alves (B) al 36’ p.t.; Fal- MARCATORE C. Ronaldo al 9’ s.t.
cao (A) al 3’, Messi (B) al 34’ s.t. RAYO VALLECANO (4-2-3-1) Joel 6,5;
Tito 6,5, Arribas 6,5, Jorge Pulido 6,5, Ca-
ATLETICO MADRID (4-4-2) Courtois 6.5; sado 7 (dal 37’ s.t. Tamudo s.v.); Javi Fue-
Juanfran 6, Miranda 6,5, Godín 6,5, Filipe go 6, Movilla 7 (dal 24’ s.t. Trashorras 6);
Luis 6; Koke 6 (dal 32’ s.t. Salvio 5,5), Tia- Piti 6,5 (dal 14’ s.t. Bangoura 6), Michu 6,
go 6, Gabi 6,5, Arda Turan 6,5 (dal 41’ s.t. Armenteros 6,5; Diego Costa 7. PANCHI-
Silvio s.v.); Adrián 6,5, Falcao 7. NA Cobeño, Raul Bravo, Delibasic, Dia-
PANCHINA Asenjo, Domínguez, Mario, As- manka ALLENATORE Sandoval 7.
sunçao, Perea. REAL MADRID (4-2-3-1) Casillas 7; Ar-
ALLENATORE Simeone 7. beloa 5,5, Pepe 6, Sergio Ramos 6,5,
Marcelo 6,5 (dal 36’ s.t. Granero s.v.);
BARCELLONA (4-3-3) Valdés 6,5; Dani Al- Khedira 6, Xabi Alonso 6,5; Ozil 5, Kakà
ves 6,5 (dal 26’ s.t. Cuenca 5,5), Puyol 6,5, 4,5 (dal 16’ s.t. Coentrao 6), C. Ronaldo 7;
Mascherano 7, Abidal 6; Xavi 7, Busquets Higuain 5 (dal 31’ s.t. Callejon 6). PANCHI-
6, Iniesta 6,5; Sanchez 6,5 (dal 40’ s.t. Pi- NA Adan, Albiol, Carvalho, Joselu. ALLE-
qué s.v.), Messi 8, Fabregas 6,5 (dal 32’ NATORE Mourinho 6.5
s.t. Pedro 6). PANCHINA Pinto, Adriano,
Keita, Thiago. ALLENATORE Guardiola 7. ARBITRO Fernandez Borbalan 5
ESPULSI Rui Faria (RM) per proteste e Mi-
ARBITRO Perez Lasa 6 chu (RV) per gioco scorretto.
AMMONITI Messi (B), Godin (A), Juanfran AMMONITI Sergio Ramos (RM), Diego Co-
(A), Arda Turan (A), Fabregas (B), Tiago sta (RV), Casillas (RM), Marcelo (RM), Xa-
(A), Dani Alves (B), Koke (A), Sanchez (B), bi Alonso (RM), Coentrao (RM), Arribas
Falcao (A), Busquets (B). Ancora una volta Leo Messi, 24 anni, ha regalato il successo al Barça AFP (RV), Pepe (RM). Il colpo di tacco con cui Ronaldo, 27 anni, ha deciso Rayo-Real Madrid

bel gol di Messi è annullato, Zucchero «Siete ingiusti se dite

Messi tiene giustamente, per un decisivo


fallo di mano (con relativo gial-
lo e squalifica da scontare con-
tro lo Sporting); ma funziona
fino al 36’, quando Messi fa da
Tacco-olé che il Madrid ha giocato male.
Siete ingiusti col Rayo, perché
il merito è loro». Mou è tutto
zucchero per gli avversari, sal-
vo quando si lamenta per lo

accesa meraviglia
carta moschicida. Attira a sé 4 scarso numero di tifosi madridi-
avversari al limite dell’area poi sti presenti e per la terza espul-
improvvisamente scarica su Fa- sione stagionale del suo luogo-
bregas a sinistra che con un dia- tenente Rui Faria. Il Real ha
gonale perfetto trova Alves so- vinto 1-0 con un tacco di genio

la speranza di Ronaldo
lo sul secondo palo dall’altra di Cristiano Ronaldo, 29 gol in
parte. Tap-in a porta vuota e 24 partite di questa Liga, 123
balletto (migliorabile). Cesc ar- in 125 col Madrid, che al 9’ del-
riva a 15 assist stagionali, ma la ripresa ha liberato il Real dal-
poi è lui (e non un difensore, e
a l’ingorgo nel quale si era infila-

del Barça Real alla 9


la cosa è tatticamente quanto- to con un taconazo in mischia
meno anomala) che al 3’ della che si è fatto largo miracolosa-
ripresa si perde Falcao sugli svi- mente tra diverse gambe fino
luppi di un angolo con malde- all’angolo della porta di Joel.
stro intervento di Busquets. Il Era il primo tiro nello specchio
colombiano colpisce (spesso del Madrid, che aveva girato a
Con la vittoria al Calderon bene) qualsiasi cosa si muova
nell’area e batte Valdes. L’Atle-
Blancos a fatica contro il Rayo vuoto per quasi un’ora. Emble-
ma della crisi creativa della
con l’Atletico, il team catalano tico trova un pareggio rapido e
inatteso, Falcao arriva a 20 gol Serve una magia di Cristiano: squadra ieri in maglia rossa, il
pallido Kakà. Poco meglio di
stagionali (8 dei 14 fatti dalla
resta a -10 dalla capolista squadra da quando c’è Simeo-
ne), il Barça deve ricominciare
nono successo di fila per Mou lui avevano fatto lo stesso Cri-
stiano, Ozil e soprattutto Hi-
guain.
tutto daccapo. E non è sempli-
giusto 6 minuti col Valencia: ce. Perché il «Calderon» da
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
FILIPPO MARIA RICCI
evidentemente i muscoli del fa- quando c’è Simeone ruggisce e LIGA MADRID
Errori Il primo tempo era stato
MADRID
ro blaugrana stanno meglio, e i giocatori dell’Atletico, apatici caratterizzato dall’assenza ma-
la squadra ne trae beneficio. e disinteressati con Manzano, Sale il Levante dridista e da due episodi nel-
Perché in una serata nella qua- Una di quelle partite che l’area del Real: nel primo l’arbi-
Sopravvive, il Barça. Ag- le il Barça ha praticamente
oggi sono 11 fiere attente e ag- Ora c’è traffico decidono un campionato. tro non ha visto una gomitata
grappato a Leo Messi, creatore gressive.
del primo e autore del secondo
sempre la palla e deve cercare in zona Europa Mou lo sa così bene che passa di Ramos, già ammonito, a Die-
di stanare l’Atletico infilato nel- Sempre Leo Pep avanza Dani Al- buona parte della sua confe- go Costa. Rigore ed espulsione
gol dei suoi, che con merito pa- la sua area da Simeone il gri- 24a GIORNATA Sabato renza stampa a fare i compli- non presi, erroneamente, in
ri alla grande fatica fatta passa- ves passando alla difesa a 3,
maldello Xavi è fondamentale. poi lo cambia con Cuenca ma Racing Sporting G. 1 1; Betis menti agli avversari, cornuti e considerazione. Ed eravamo al-
no 2-1 al «Calderon», uno sta- Giovedì Fabregas ci ha detto Getafe 1 1; Malaga Saragozza mazziati, sconfitti 1-0 per erro- l’alba del partito. Poi prima del-
dio dove Pep da allenatore in le occasioni non arrivano. Il
che si sta adattando al 4-3-3 ed Barça segna di nuovo, e di nuo- 5 1; Espanyol Levante 1 2 ri arbitrali e propri, coraggiosi l’intervallo Piti, dopo aver man-
Liga ha perso 2 volte su 4. È un effettivamente Pep ultimamen- Ieri Villarreal Athletic B. 2 2; ma ingenui. In un pomeriggio dato a spasso Arbeloa, ha spara-
argentino a condannare Diego vo Perez Lasa annulla e ammo-
te usa meno il 3-4-3 per acco- nisce (stavolta Sanchez) per Rayo Real M. 0 1; Valencia di sole, canti e petti nudi, il Ma- to deciso verso Casillas, che,
Simeone alla prima sconfitta modare l’ex capitano dell’Arse- Siviglia 1 2; Osasuna Granada drid ha appena infilato la dop- battuto, ha visto la palla respin-
un controllo con la mano. I mi-
(alla 10a partita). Col Cholo nal. Cambia invece sistema il 2 1; Real S. Maiorca 1 0; pia nona: 9 vittorie di fila in ta dal palo. Rayo belligerante,
nuti passano e allora ci deve
l’Atletico aveva preso 2 reti in Cholo, che senza il brasiliano Atletico M. Barcellona 1 2. Liga, serie iniziata dopo la vivace, senza complessi, Ma-
pensare lui: a 10’ dalla fine
9 incontri, ieri ha raddoppiato. Diego passa dal 4-2-3-1 al Messi batte a sorpresa una pu- CLASSIFICA Real M. 64; sconfitta interna col Barça, 9 drid accartocciato. E liberato
Il Barça resta a -10 dal Madrid 4-4-2 avanzando Adrian sulla nizione e indirizza con preci- Barcellona 54; Valencia 40; vittorie di fila in trasferta, dal suo leader. Il Real ha soffer-
e continua a rincorrere. linea di Falcao. sione mostruosa la palla all’in- Levante 35; Athletic B., Malaga eguagliato il record stabilito to fino alla fine, è stato grazia-
crocio. Con furbizia e maestria e Osasuna 34; Espanyol 33; nel Madrid dall’ingegner Pelle- to dagli errori di Michu e Ar-
Fuori Piqué A Leverkusen Piqué Carta moschicida Per il resto le arriva a 28 reti, una meno di Atletico M. e Siviglia 32; Rayo grini. Non solo, Mou arriva a menteros, salvato da Casillas e
è finito in tribuna, al «Calde- direttive di Simeone sono chia- Ronaldo in questa Liga, 181 31; Betis e Real S. 30; Getafe 50 vittorie nel campionato spa- aiutato da un arbitro in giorna-
ron» scala in panchina. Pep pre- re: le due linee di 4 uomini vici- nelle 200 partite con Pep. E tie- 29; Maiorca e Granada 28; gnolo in 62 partite. Pep ne ave- ta negativa che alla fine ha
ferisce la coppia Puyol-Masche- nissime, palla al Barça, pazien- ne viva la fiammella blaugra- Villarreal 27; Racing 24; va impiegate 67, Muñoz, alle- espulso ingiustamente Michu.
rano e ritrova Xavi, assente sia te e protetta attesa. Il piano na. Sporting G. 21; Saragozza 15. natore mitico per il madridi- f.m.r.
a Pamplona sia in Germania, sembra saltare già all’8’, ma il © RIPRODUZIONE RISERVATA smo, 70. © RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
28

SERIE BWIN IL RECUPERO DELLA 26a GIORNATA


BRESCIA 1 CLASSIFICA PRIMA DIVISIONE
TORINO 0 SQUADRE PT PARTITE RETI

GIUDIZIO777 TORINO 56
G V N P
28 16 8 4
F S
34 18 Stasera in tv
PRIMO TEMPO 0-0
SASSUOLO
VERONA
55
54
28 15 10 3
28 16 6 6
36 18
37 25 la Cremonese
MARCATORI autorete di Darmian al 21’ s.t. PESCARA 52 27 16 4 7 56 39
BRESCIA (3-5-1-1) Arcari 7,5; Martinez
PADOVA
VARESE
46
45
27 13 7 7
28 12 9 7
39 29
34 25
col Trapani
5,5, De Maio 6, Caldirola 6; Zambelli 6, REGGINA 42 28 11 9 8 47 36
Mandorlini 6, Salamon 5,5 (dal 25’ s.t. Cor- BRESCIA 42 28 11 9 8 30 26
Il programma della 24ª
dova 6), Vaas (dal 18’ s.t. Piovaccari 6), BARI (-2) 39 28 11 8 9 34 31 giornata sarà completato
Dallamano 6 (dal 33’ s.t Daprelà 6); El Kad- SAMPDORIA 37 27 8 13 6 32 23 stasera (ore 20.45, andata
douri 5,5; Jonathas 6. PANCHINA Leali, Zo- CITTADELLA 37 28 10 7 11 33 36 0-0) da una sfida al vertice.
boli, Martina Rini, Feczesin ALLENATORE GROSSETO 37 28 9 10 9 30 36
La Cremonese ospita il
Calori 6,5 JUVE STABIA (-4) 36 27 11 7 9 38 35
LIVORNO 30 28 7 9 12 30 33 Trapani che ha la possibilità
TORINO (4-3-3) Benussi 6; Darmian 5,5,
VICENZA 29 28 6 11 11 31 39 di allungare sulla seconda.
Glik 6, Ogbonna 6, Parisi 5,5; Basha 6 (dal
31’ s.t. Sgrigna 5,5), Iori 6,5, Vives 6,5; Ste-
CROTONE (-1) 28 28 6 11 11 29 37 Così in campo alle 20.45
MODENA 26 27 5 11 11 25 42 (diretta su Raisport 1)
vanovic 5,5 (dal 38’ s.t. Surraco s.v.), GUBBIO 26 28 6 8 14 26 39
Meggiorini 5 (dal 22’ s.t. Bianchi 6), Ante- ALBINOLEFFE 25 28 5 10 13 28 42 CREMONESE (4-3-3)
nucci 5,5 PANCHINA Morello, D’Ambrosio, EMPOLI 24 27 6 6 15 32 45 Alfonso; Polenghi, Cesar,
De Feudis, Pratali ALLENATORE Ventura ASCOLI (-7) 23 28 8 6 14 28 38 Rigione, Favalli; Degeri,
6. NOCERINA 18 28 3 9 16 34 51 Fietta, Dettori; Filippini,
U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE
ARBITRO Ciampi di Roma 6 Musetti, Possanzini. (Bianchi,
GUARDALINEE Bernardoni 6-Conca 6
Semenzato, Tacchinardi,
PROSSIMO TURNO Nizzetto, Sambugaro, Rabito,
ESPULSI nessuno Venerdì 2 marzo, ore 20.45 VARESE-VICEN-
ZA (2-0). Sabato 3 marzo, ore 15 BARI-CRO- Le Noci). All. Brevi.
AMMONITI nessuno TONE (1-0), EMPOLI-LIVORNO (0-0), TRAPANI (4-4-2) Castelli;
NOTE paganti e incasso non comunicati GROSSETO-TORINO (0-1), JUVE STABIA-NO- Daì, Priola, Filippi, Sabatino;
abbonati 4.016, quota non comunicata. Ti- CERINA (3-2), MODENA-CITTADELLA (0-2),
PADOVA-ALBINOLEFFE (0-1), PESCARA-SAS- Barraco, Caccetta, Pirrone,
ri in porta 2-5 Tiri fuori 4-9. In fuorigioco SUOLO (1-1), REGGINA-ASCOLI (1-1), SAMP- Madonia; Abate, Gambino
2-1. Angoli 7-9. Recuperi: primo tempo 1’, DORIA-VERONA (1-1). Lunedì 5 marzo, ore
secondo tempo 5’ Michele Arcari, 33 anni, al Brescia dal 2007-08, ha debuttato in A la scorsa stagione contro il Napoli LIVERANI 20.45 GUBBIO-BRESCIA (2-2) (Pozzato, Colletto, Cavallaro,
Cianni, Tedesco, Perrone,
casa. Il portiere ha centrato in Mastrolilli). All. Boscaglia.

Bunker Arcari una sola gara un doppio re- ARBITRO Fabbri di Ravenna
IL PORTIERE (Di Vuolo-Mondin)
cord: con 810’ senza prendere
gol, è il primato nella storia del «I playoff del 2010 La situazione del girone B
Brescia e quello europeo stagio-
nale (Neuer del Bayern Mona- e il primato: il Toro dopo 24 giornate: Trapani* p.

il Brescia vola
46; Siracusa (-5) 40; Spezia
co fermo a 771’). Di record in mi porta bene» e Pergocrema (-2) 38;
record, la squadra di Calori ha
Cremonese* (-6), Alto Adige,
preso il volo: nono risultato uti- BRESCIA L’uomo del
Barletta e Portogruaro 35;
le consecutivo (7 vittorie e due giorno è Michele Arcari. Dieci
Carrarese* 34; Lanciano*
pareggi), ad una passo dalla zo- minuti dopo il fischio finale

Torino, che beffa


(-1) 33; Prato 28; Triestina e
na playoff. Il contrario del To- dell’arbitro, su Twitter c’è già la
fotografia dei festeggiamenti Frosinone* 27; Andria 24;
ro, appiedato nella giornata
negli spogliatoi: «Ma io non Latina 23; Bassano 22;
che avrebbe dovuto essergli
sono pratico, ha fatto tutto Piacenza* (-6) 21; Feralpi
amica, terza sconfitta stagiona- Salò 18. (* una gara in meno).
le ed ennesima occasione man- Nicolas Cordova», sorride. Per
poi ammettere: «E’ uno dei Così domenica 4 marzo (ore
cata per prendere il largo. La re-
Il portiere imbattuto da 810’: record europeo azione rabbiosa al vantaggio
del Brescia, in rete con l’unico
giorni più belli della mia
carriera, insieme alla
14.30): Barletta-Triestina
(2-1); Carrarese-Bassano
promozione del 2010. Sempre (0-1); Feralpi Salò-Latina
Un’autorete di Darmian condanna i granata tiro in porta deviato da una sci-
volata sfortunata di Darmian contro il Torino, mi porta
proprio bene. Dedico questa
(1-0); Frosinone-Andria (2-2);
Lanciano-Alto Adige (0-1);
alle spalle di Benussi, ha regala- Pergocrema-Spezia (0-2);
playoff, ed il Toro all’arrem- to ai granata solo due legni cen- gioia a mia madre, sperando
DAL NOSTRO INVIATO non si sia agitata e a Nunzio (lo Portogruaro- Cremonese
FRANCESCO BRAMARDO baggio, deciso a portare a casa VIA CUTTONE trati da Meggiorini e Vives, ed (2-1); Prato-Piacenza (3-4);
storico magazziniere morto due
BRESCIA il bottino pieno per abbozzare un’ammucchiata nell’area di ri- Trapani-Siracusa (1-3).
anni fa, ndr). Un ringraziamento
un tentativo di fuga in vetta. E Modena: squadra gore con conclusioni salvate
a Giacomo Violini, il mio
Bucato dall’unico tiro in così è stato, un film già visto sulla linea di porta.
porta, peggio poi se l’autore dagli uomini di Ventura, chia- accontentata preparatore: senza di lui, sarei La situazione del girone A:
Ternana p. 52; Taranto (-3)
ancora in Lega Pro». Riflettori
del gol è un tuo giocatore, Dar- mati all’assalto all’arma bian- Ritorna Bergodi Autogol Primo tempo con tre oc-
anche per Marco Zambelli, il 47; Pro Vercelli* 43; Carpi e
mian. Non poteva andar peg- ca al fortino contro avversari casioni per il Toro sui piedi di capitano che indossava una Sorrento (-2) 42; Benevento
gio la trasferta del Torino al Ri- arroccati sotto la linea della MODENA (p.r.) Meggiorini, Antenucci e Steva- fascia particolare, dedicata a (-2) e Lumezzane 35; Tritium
gamonti, in linea con le ultime palla. Jonathas l’unico peperi- Esonerato Cuttone, il Modena novic, di Jonathas l’unico tiro Miriana, una bimba di cinque 33; Avellino* 32; Pisa, Como*
uscite lontano dall’Olimpico: no a dar fastidio, nove uomini torna ad affidarsi a Bergodi per di alleggerimento. Ripresa con anni che non è riuscita a (-2) e Foggia (-2) 30;
gara dominata, tante occasioni pronti a disperdersi a raggiera cercare la via della salvezza. Toro più carico. In 5 minuti An- battere una terribile malattia. Reggiana (-2) 27; Monza 21;
sprecate, fino alla beffa finale, per il campo sul ribaltamento Allontanato alla 15ª giornata, il tenucci si mangia un gol, Meg- L’autorete è stata propiziata da Spal* (-4) e Viareggio (-1) 18;
che in questo caso mancava da di fronte. Il Toro la partita l’ha tecnico romano sarà da oggi di giorini centra il palo ed il Bre- lui, che ha fatto vedere allo Pavia 14; Foligno (-4) 13.
Modena, prima di Natale. Di si- interpretata bene, un po’ trop- nuovo al lavoro. La sconfitta di scia reclama un rigore per Sala- stadio un quadro con la foto (*una gara in meno). Così
curo il Brescia non porta bene po sotto ritmo i primi 45’, alcu- Gubbio è stata fatale a mon che strattona però Dar- della piccola. Calori non vuol domenica 4 marzo (ore
al Toro, bocciato ai playoff nel ni solisti meno brillanti delle Cuttone, ma soprattutto la mian. Al 21’ Zambelli sfugge in sentire parlare di buona sorte: 14.30): Avellino-Monza (1-1);
2010 e neppure a Ventura con ultime uscite, Stevanonic in situazione era diventata per lui contropiede a Parisi e crossa in «C’erano due episodi dubbi Benevento-Como (1-2);
l’addio alla panchina del Bari particolare, non al meglio in insostenibile da quando, lo area una palla vagante che Dar- nell’area del Torino prima Foligno- Sorrento (0-1);
successivo al 2-0 al Rigamonti. settimana. scorso 8 febbraio, una mian in scivolata insacca nella dell’1 0, abbiamo cercato e Pisa-Ternana (lunedì 5, ore
delegazione della squadra propria porta. Dopo è assalto meritato il successo». Ventura 20.45; 0-1); Reggiana-Foggia
Equilibri Doveva essere una par- Record La differenza l’ha fatta aveva manifestato alla società con il rischio di beffa finale, il sportivo: «Potevamo segnare (2-0); Spal-Carpi (0-1);
tita dagli equilibri instabili, ancor una volta l’imprecisione forti disagi facendo capire che 2-0 salvata da un’uscita provvi- almeno tre gol. Ma ha vinto il Taranto-Pro Vercelli (0-0);
con i padroni di casa maestri degli attaccanti granata, la sicu- avrebbero gradito il ritorno di denziale di Benussi sui piedi di Brescia, complimenti a loro». Tritium-Lumezzane (0-1);
nel difendere la propria porta, rezza tra i pali di Michele Arca- Bergodi. E così è stato. El Kaddouri. Luca Bertelli Viareggio-Pavia (2-1).
lanciati alla caccia della zona ri, protagonista per i padroni di © RIPRODUZIONE RISERVATA

serie D GIRONE A (27a) GIRONE B (27a) GIRONE C GIRONE D (27a)


24a giornata RISULTATI CLASSIFICA RISULTATI CLASSIFICA RISULTATI CLASSIFICA RISULTATI CLASSIFICA
ALBESE-F. CARATESE 0-1 CARONNESE-AURORA SERIATE 0-0 Castiglione p. 54; Pizzighet- CONCORDIA-SAN GIORGIO 0-0 CASTELFRANCO-MEZZOLARA 1-1 Este p. 52; Forlì 51; Castel-
Valle d'Aosta˚* e Chieri p. 55; Venezia p. 52; Porto Tolle
ASTI-ACQUI 1-2 CARPENEDOLO-FIDENZA 0-1 tone 48; Pontisola, Olgina- GIORGIONE-SACILESE 0-3
Brivido nel girone G CHIAVARI-LASCARIS 5-1
Santhià˚ (-3) 46; Lavagnese˚ e
Novese 41; Chiavari˚ e CASTIGLIONE-MAPELLOBONATE 2-1 tese e MapelloBonate 47;
Caronnese 45; Voghera
LEGNAGO-MONTEBELLUNA 0-1
47; Legnago 46; Montebel-
luna 43; Mezzocorona 36;
Pordenone e Tamai 35;
FORLI'-CAMAIORE
LANCIOTTO CAMPI-VIRTUS VECOMP
4-2
3-1
franco 50; Virtus Vecomp
49; San Paolo 46; Mezzolara
44; Cerea* 43; Lanciotto
CHIERI-BORGOSESIA 1-0 Derthona˚* 40; Acqui* 38; Navi- COLOGNESE-CASTELLANA 1-0 40; Castellana 38; Rudiane- MEZZOCORONA-BELLUNO 0-2 PAVULLESE-SAN PAOLO 0-3
Perdono le prime 4 DERTHONA-BOGLIASCO
LAVAGNESE-PRO IMPERIA
1-2
3-1
glio Trezzano˚* e Borgosesia*
37; Pro Imperia 36; Villalvernia*
DARFO-GALLARATESE
FIORENZUOLA-PRO PIACENZA
1-0 se e Darfo 35; Aurora Se-
1-0 riate 34; Gozzano e Colo-
PORDENONE-MONTECCHIO
PORTO TOLLE-ITALA SAN MARCO
2-0
2-2
SandonàJesolo 34; Gior-
gione e San Giorgio 33; Bel- PISTOIESE-SESTESE
RAVENNA-CEREA
6-2
2-3
Campi 41; Pistoiese 39; Rosi-
gnano 36; Scandicci* 35;
Tuttocuoio 33; Bagnolese
gnese 32; AlzanoCene* e luno, Union Quinto e Sacile-
NAVIGLIO TREZZANO-CANTU' SAN PAOLO 3-2 35; F. Caratese* e Bogliasco* OLGINATESE-VOGHERA 1-0 Pro Piacenza 31; Fidenza SAREGO-SANVITESE 0-1 se 30; Concordia e Mon- SANTACROCE-FORCOLI 1-0 32; Forcoli e Camaiore 28;
Il Cittanova (I) non si è presentato ad SANTHIA'-NOVESE 1-2
33; Verbano˚* 28; Asti* 21;
PIZZIGHETTONE-GOZZANO 3-1 28; Carpenedolo e Fioren- TAMAI-UNION QUINTO 0-2 tecchio 25; Sarego 20; Ravenna* (-2) 27; Villafran-
Albese* (-3) 19; Cantù San SCANDICCI-ESTE 0-3
Acri: altre 3 assenze e sarà escluso dal VALLE D'AOSTA-VILLALVERNIA 1-1 PONTISOLA-ALZANOCENE 2-0 zuola 27; Seregno* 26; Gal- VENEZIA-SANDONA'JESOLO 1-1
Sanvitese 19; Itala San
TUTTOCUOIO-ROSIGNANO 1-2
ca 25; Pavullese* 24; Santa-
Paolo˚ 6; Lascaris* 4. (* una laratese 19. (* una gara in Marco 9. croce 18; Sestese 17.
campionato. Clamoroso nel G: perdono ha riposato VERBANO gara in meno, ˚ ha già riposato). SEREGNO-RUDIANESE 0-1 meno). VILLAFRANCA-BAGNOLESE 1-1 (* una gara in meno).
tutte le prime 4. Il Chieri (A) completa la
rimonta e agguanta il Val d’Aosta. Il PROSSIMO TURNO (28a) domenica 4 marzo, ore 14.30 PROSSIMO TURNO (28a) domenica 4 marzo, ore 14.30 PROSSIMO TURNO (25a) domenica 4 marzo, ore 14.30 PROSSIMO TURNO (28a) domenica 4 marzo, ore 14.30
Castiglione (B) vince lo scontro diretto Acqui-Derthona (0-3); Asti-Chieri (1-2); Bogliasco-Chiavari (1-4); Borgosesia-Valle d'Aosta AlzanoCene-Darfo (1-1); Aurora Seriate-Colognese (0-1); Castellana-Carpe- Itala San Marco-Belluno (1-2); Montebelluna-Giorgione (3-1); Mon- Bagnolese-Pistoiese (2-1); Camaiore-Castelfranco (0-2); Cerea-Scandicci
nedolo (0-0); Fidenza-Olginatese (2-0); Gallaratese-Pizzighettone (0-0); Ma- tecchio-Sarego (1-2); Sacilese-Mezzocorona (2-2); San Giorgio-Le- (1-0); Este-Tuttocuoio (0-0); Forcoli-Pavullese (2-1); Mezzolara-Vi lafranca
e vola a +6. Pari del Venezia (C), Porto (1-3); F. Caratese-Lavagnese (1-1); Novese-Cantù San Paolo (3-1); Pro Imperia-Santhià (1-4); pelloBonate-Gozzano (1-1); Pro Piacenza-Castiglione (3-0); Rudianese-Ca- gnago (1-0); SandonàJesolo-Tamai (1-2); Sanvitese-Concordia (0-1); Rosignano-Forli' (1-1); San Paolo-Lanciotto Campi (0-2);
Tolle a -5. Torna in vetta l’Ischia (H). Verbano-Albese (0-1); V llalvernia-Naviglio Trezzano (1-2); riposa Lascaris. ronnese (1-1); Seregno-Pontisola (1-1); Voghera-Fiorenzuola (4-2). (0-2); Union Quinto-Porto Tolle (2-2); Venezia-Pordenone (3-1). Sestese-Santacroce (0-2); Virtus Vecomp-Ravenna (2-0)..

GIRONE E GIRONE F GIRONE G GIRONE H GIRONE I


RISULTATI CLASSIFICA RISULTATI CLASSIFICA RISULTATI CLASSIFICA RISULTATI CLASSIFICA RISULTATI CLASSIFICA
AREZZO-SPOLETO 4-0 JESINA-ISERNIA 0-0 ARZACHENA-MARINO 3-2 Salerno p. 48; Marino 42; BRINDISI-MARTINA 2-1 Ischia p. 49; Martina 48; ACIREALE-LICATA 0-0 Hinterreggio* p. 42; Adrano
Teramo p. 56; Ancona e
CASTEL RIGONE-SANSOVINO 4-1 Pontedera p. 53; Arezzo 48; LUCO CANISTRO-VIS PESARO 0-2 ASTREA-POMIGLIANO 1-1 Porto Torres 40; Budoni 38; CASARANO-IRSINESE 3-0 Sarnese* 44; Francavilla S. ACRI-CITTANOVA non disputata 38; Battipagliese* 37; Palaz-
Sambenedettese* 49; Civitanovese*
ORVIETANA-FLAMINIA 2-1 Pianese e Sporting Terni 38; MIGLIANICO-TERAMO 1-1 ATLETICO BOVILLE-PORTO TORRES 1-0 Fidene 37; Astrea 36; Selar- CASERTANA-SARNESE 1-2 43; Casertana 41; Campania HINTERREGGIO-COSENZA 1-3 zolo e Cosenza* 36; Licata
47; Isernia* 40; Atletico Trivento* e 34; Acri** e Nuvla San
PIERANTONIO-VITERBESE 1-0 Castel Rigone 37; Pierantonio OLYMPIA AGNONESE-RICCIONE 3-2 gius 35; Palestrina* 33; Po- CRISTOFARO-CAMPANIA 3-2 40; Nardò 39; Turris* e NISSA-NUVLA SAN FELICE 0-1
San Nicolò* 35; Jesina 33; Vis BACOLI-FIDENE 0-1 migliano 32; Arzachena 31; Brindisi 38; Casarano 35; Felice* 33; Messina (-7) 32;
SANSEPOLCRO-PONTEDERA 0-0 33; Spoleto e Deruta 32; Orvie- REAL RIMINI-CIVITANOVESE 1-4 Pesaro* 32; Olympia Agnonese* 30; CIVITAVECCHIA-SALERNO 1-0 FRANCAVILLA S.-GAETA 7-1 NOTO-ADRANO 2-1
tana e Viterbese 31; Trestina e Sora* 29; Monterotondo e Fortis Trani 30; Internapoli Marsala* 31; Serre Alburni*
SPORTING TERNI-PIANESE 1-1 RECANATESE-ATLETICO TRIVENTO 0-2 Riccione e Recanatese** 28; Atessa CYNTHIA-ANZIOLAVINIO 0-0 Anziolavinio 28; Civitavec- GROTTAGLIE-FORTIS TRANI 1-1 28; Irsinese 21; Grottaglie 20; PALAZZOLO-MESSINA 1-1 30; Noto 28; Valle Grecanica
Pontevecchio 30; Flaminia e VdS** 25; Santegidiese* 24; Renato
TODI-GROUP CITTA' DI CASTELLO 1-0 SAMBENEDETTESE-RENATO CURI 0-0 MONTEROTONDO-BUDONI 2-0 chia 27; Cynthia 26; Sant' INTERNAPOLI-NARDO' 0-0 Real Nocera, Cristofaro e SAMBIASE-SANT'ANTONIO ABATE 2-2 27; Sant'Antonio Abate* 26;
Sansepolcro 29; Sansovino Curi* e Luco Canistro** 19; Elia 21; Atletico Boville 20; Viribus Unitis 17; Gaeta (-4) Acireale* e Sambiase 25;
TRESTINA-PONTEVECCHIO 2-1 25; Todi 23; Zagarolo e Group SAN NICOLO'-ANCONA 0-0 M glian co* 17; Real Rim ni 4. (** due SANT'ELIA-PALESTRINA 0-0 Bacoli 18. REAL NOCERA-VIRIBUS 0-1 13. SERRE ALBURNI-BATTIPAGLIESE 1-2 Cittanova** 20; Nissa 19.
ZAGAROLO-DERUTA 4-0 Città di Castello 22. SANTEGIDIESE-ATESSA VDS 3-1 gare in meno, * una in meno). SELARGIUS-SORA 1-0 (* una gara in meno). TURRIS-ISCHIA 4-5 (* una gara in meno). VALLE GRECANICA-MARSALA 1-0 (** 2 gare in meno, * una in meno).

PROSSIMO TURNO (25a) domenica 4 marzo, ore 14.30 PROSSIMO TURNO (25a) domenica 4 marzo, ore 14.30 PROSSIMO TURNO (25a) domenica 4 marzo, ore 14.30 PROSSIMO TURNO (25a) domenica 4 marzo, ore 14.30 PROSSIMO TURNO (25a) domenica 4 marzo, ore 14.30
Deruta-Sporting Terni (0-1); Flaminia-Todi (0-2); Group Citta' di Ancona-Miglianico (1-0); Atessa VdS-Luco Canistro (0-1); Atlet co Anziolavinio-Civitavecchia (2-1); Budoni-Atletico Boville (0-0); Campania-Brindisi (0-1); Fortis Trani-Casarano (1-2); Adrano-Acri (0-1); Battipagliese-Sambiase (4-1); Cittanova-Nis-
Castello-Castel Rigone (2-1); Pianese-Pierantonio (0-3); Trivento-Olympia Agnonese (2-1); Civitanovese-Sambenedettese (1-1); Fidene-Arzachena (1-3); Marino-Sant'Elia (2-2); Palestrina-Se- Gaeta-Cristofaro (1-3); Irsinese-Turris (0-4); Ischia-Real Nocera sa (2-1); Cosenza-Acireale (1-1); Licata-Serre Alburni (1-1);
Pontedera-Orvietana (1-1); Pontevecchio-Arezzo (1-2); Sansovino-Zagarolo Isernia-Real Rimini (2-0); Renato Curi-Santegidiese (0-1); Riccione-San Nicolo' largius (1-1); Pomigliano-Cynthia (2-2); Porto Torres-Astrea (0-0); Martina-Internapoli (0-1); Nardo'-Casertana (2-3); Marsala-Palazzolo (0-2); Messina-Hinterreggio (1-1); Nuvla San
(0-1); Spoleto-Sansepolcro (2-1); Viterbese-Trestina (1-2). (1-5); Teramo-Jesina (2-0); Vis Pesaro-Recanatese (1-1). (0-3); Salerno-Bacoli (3-0); Sora-Monterotondo (2-0). Sarnese-Grottaglie (2-1); Viribus Unitis-Francavilla S. (0-4). Felice-Valle Grecanica (1-1); Sant'Antonio Abate-Noto (1-1).
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
29

SECONDA DIVISIONE
SAN MARINO 1 RENATE 0 PERUGIA 2 VIGOR LAMEZIA 1
girone A CUNEO 1 CASALE 0 girone B APRILIA 0 NEAPOLIS 0
27a giornata 30a giornata
GIUDIZIO +++ GIUDIZIO +++ GIUDIZIO ++ GIUDIZIO +++
Tra San Marino MARCATORI Varricchio (C)
al 7’, Tarallo (SM) al 33’ s.t.
SAN MARINO (4-4-2) Vivan
RENATE (4-3-3) Pisseri 7,5;
Adobati 6, Bergamini 6,5, Fer-
rari 6,5, Gavazzi 6; Gualdi 6,5,
Il Perugia vola MARCATORI Clemente su ri-
gore al 34’ p.t. e al 33’ s.t.
PERUGIA (4-2-3-1) Giordano
MARCATORE Romero al 28’
s.t.
VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1)

e Cuneo è pari 6,5; Farina 5,5 (dal 19' s.t. Del


Duca 6), Fogacci 6,5, Pelagat-
ti 6 (dal 19’ s.t. D’Antoni 6,5),
Cavalli 5,5, Mantovani 6 (dal
19’ s.t. Mastrototaro 6); Batta-
glino 6, Mazzini 6 (dal 17’ s.t.
Dalla Costa 5,5), Mangiarotti
Vigor Lamezia 7; Anania 6,5, Cacioli 6,5, Bor-
ghetti 6,5, Zanchi 6,5; Borge-
se 6 (dall’11’ s.t. Mocarelli 6),
Carloto 6; Margarita 6, Cle-
Forte 6,5; Franchino 6,5 (dal
17’ s.t. Rondinelli 6,5), Mar-
chetti 6,5, Gattari 6,5, Bona-
sia 6; Giuffrida 6, Cerchia 6,5;
Casale bloccato Crivello 6,5; Sorbera 6,5,
Amantini 7 (dal 30’ s.t. Loiodi-
ce 6), Del Sole 6, Villanova 7;
5,5 (dal 32’ s.t. Ghezzi s.v.).
(Borroni, Praino, Morotti, Car-
minati). All. Magoni 6.
e Catanzaro mente 7,5 (dal 35’ s.t. Ferri
Marini s.v.), Moscati 6; Bali-
streri 6 (dal 27’ s.t. Tozzi Bor-
Lattanzio 6,5, Mangiapane 5
(dal 12’ s.t. Romero 7), Manco-
su 6,5 (dal 36’ s.t. Cane s.v.);

Il Treviso è ok Tarallo 6,5, Lapadula 6,5. (Mi-


gani, Pigini, De Santis, Casol-
la). All. Petrone 6.
CASALE (4-4-2) Adornato 7;
Silvestri 6, Gonnella 7, Vignati
6, Naglieri 6,5; Garrone 6, Ca-
lo braccano soi s.v.). (Despucches, Pupe-
schi, Russo, Moneti). All. Bar-
betta 7 (Battistini squalificato
De Luca 6,5. (Calderoni, Mer-
curio, Visone, Erbini). All. Co-
stantino 7.
CUNEO (5-4-1) F. Rossi 6; pellupo 6, Gambadori 6,5 (dal APRILIA (4-4-2) Bifulco 6,5; NEAPOLIS (4-1-4-1) Pettinari
Finisce in parità il big match tra San Marino e Passerò 6,5, Carretto 6, Sen- 42’ s.t Iannini s.v.), Agnesina Il Perugia ringrazia il suo bomber Clemente che Grieco 6, Aquino 6, Gritti 6, 6; Sansone 5,5, Esposito 5,
Cuneo, che non avvicinano né la capolista Casale, tinelli s.v. (dal 19' p.t. Arcari 5,5 (dal 34’ s.t. Miello s.v.); con un gol per tempo stende l’Aprilia e arriva a Carta 6 (dal 39’ s.t. Germani Bianchi 6, Polverino 6; Mari-
né il Rimini, bloccati rispettivamente dal Renate e 6), Cintoi 6, Donida 5,5; Gara- Curcio 5,5, Peluso 5,5 (dal 21’ 20 gol stagionali. Gli umbri restano così al s.v.); Gomes 5,5 (dal 24’ s.t. nucci Palermo 7; Palombo 6,
dal Bellaria. E così l’unica squadra a conquistare i velli 6 (dal 22' s.t. Lodi 6), Cri- s.t. Petrilli 5,5). (Pomat, Cicco- comando del Girone e si preparano al meglio per Pignalosa 6), Cruciani 6,5, Sa- Carotenuto 6 (dal 1’ s.t. Mosca-
tre punti tra le prime cinque è il Treviso che batte stini 6,5, Longhi 5,5, Di Quin- mascolo, Napoli, Gambadori). lese 6, Criaco 6; Calderini 6,5, rino 6), Moxedano 6 (dal 38’
il big match di domenica prossima a Catanzaro,
zio 6,5 (dal 15' s.t. Fantini 6); All. Buglio 6. Lacheheb 5,5 (dal 19’ s.t. Buo- p.t. Monticelli 6), Bonanno 6;
l’Alessandria e torna alla vittoria dopo 3 sconfitte ARBITRO Merlino di Udine 6. che a sua volta passa in trasferta contro il naiuto 6). (Pellegrino, Di Libe- Foggia 6,5 (dal 26’ s.t. Caggia-
Varricchio 7. (Negretti, Genti-
e un pareggio, riavvicinandosi alla zona NOTE spettatori 250 circa, in- Celano fanalino di coda, in attesa del recupero di ro, Diakite, Crialese). All. Viva- nelli s.v.). (Sollo, Terracciano,
le, Ferrario, Personè). All. E.
promozione diretta. Altra impresa della Pro Patria Rossi 6. casso non comunicato. Am- mercoledì a Chieti. Ma attenzione perché in rini 6. Pellecchia, De Falco). All. Man-
che senza il -13 di penalizzazione sarebbe al moniti Gualdi, Capellupo, Pe- mezza a queste due squadre c’è un’altra ARBITRO Coccia di San Bene- go 6 (Ferazzoli squalificato).
ARBITRO Sacchi di Macera- trilli. Angoli 4-6. (f.c.) detto del Tronto 6. ARBITRO Fanton di Lodi 7.
secondo posto. Nelle retrovie, la deludente ta 6. calabrese, la Vigor Lamezia che batte di misura il
prestazione contro il Poggibonsi che è costata NOTE spettatori 3000 circa, NOTE spettatori 1700, incas-
NOTE Spettatori 400 circa, in- Neapolis e resta al secondo posto. In coda altro incasso n.c. Espulso Vivarini so di 7400 euro. Espulso Espo-
alla Sambonifacese una pesante sconfitta, sta casso non comunicato. Am- passo falso dell’Ebolitana: a fine gara è stato al 31’ s.t.; amm. Borgese, Car- sito al 15’ p.t.; ammoniti Giuffri-
facendo balenare nella dirigenza della formazione moniti Cristini, Donida e Loio- esonerato il tecnico Domenico Giacomarro, la ta, Margarita, Gritti, Borghet- da, Lattanzio, Bonasia, Monti-
veneta, di esonerare il tecnico Flavio Carnovelli. dice. Angoli 6-3. (g.b.) squadra è stata affidata a Vincenzo Marino. ti, Zanchi. Angoli 6-4. (a.m.) celli. Angoli 8-4. (f.c.)

BELLARIA 1 TREVISO 3 VALENZANA 1 BORGO A BUGGIANO 1 CELANO 0 PAGANESE 1 CHIETI 2 VIBONESE 1


RIMINI 1 ALESSANDRIA 1 PRO PATRIA 2 LECCO 0 CATANZARO 3 L’AQUILA 1 GAVORRANO 0 ARZANESE 2

GIUDIZIO +++ GIUDIZIO +++ GIUDIZIO +++ GIUDIZIO ++ GIUDIZIO ++++ GIUDIZIO +++ GIUDIZIO +++ GIUDIZIO +++
MARCATORI Zanigni (R) al 2’ MARCATORI Maracchi (T) al MARCATORI Lamenza (V) al MARCATORE Rocchi al 41’ MARCATORI Carboni al 35’, MARCATORI Improta (L) al MARCATORI Bigoni al 3' p.t.; MARCATORI Mascolo (A) al
p.t.; De Luca (B) al 42’ s.t. 40’, Malacarne (T) al 41’ p.t.; Di 12’ p.t.; Serafini (P) su rigore p.t. autorete di Rapino al 38’, Bu- 16’, Scarpa (P) su rigore al 23’ Alessandro al 16' s.t. 19', Figliomeni (V) al 45' p.t.; Ca-
BELLARIA (4-4-2) Venturi 7; Girolamo (T) al 3’, Santoni (A) al al 12’, Bruccini (P) al 43’ s.t. BORGO A BUGGIANO gatti al 47' s.t. p.t. CHIETI (4-2-3-1) Feola 7,5; stellano (A) al 20' s.t.
Severi 6, Bamonte 6,5, Marti- 31’ s.t. VALENZANA (5-3-2) Serena (4-3-1-2) Grandi 6; Tafi 6, Di CELANO (4-1-4-1) Agostini PAGANESE (4-2-3-1) Stillo Bigoni 7, Pepe 6, Migliorini 6, VIBONESE (4-3-3) Saraò 6,5;
nelli 7, Caidi 5,5 (dal 15’ s.t. TREVISO (4-3-2-1) Campironi 6; Crescente 6, Bettati 6, Se- Giusto 6,5, Settepassi 6, Cro- 5,5; Furno 6, Rapino 5,5, Ba- 6; Balzano 6, Pepe 6, Fusco Malerba 6; Amadio 7 (dal 34' Mazzetto 5, Salvatori 5,5, Co-
Rossi 6); Buda 6, Mariani 6 6,5; Paoli 6,5, Di Girolamo 6,5, rao 6,5, Allegrini 6, Forino 6; ciani 6,5; Maretti 6, Gialdini vaglini 6,5, D'Angelo 6; De Ri- 6, Agresta 6; Tricarico 7, Ni- s.t. Cardinali s.v.), Del Pinto sentino 5 (dal 30’ s.t. Caraccio
(dal 32’ s.t. Rolandone s.v.), Cernuto 6,5, Biagini 6; Mala- Pagan 6 (dal 23’ s.t. Bassoli 6,5, Corsi 6 (dal 37’ s.t. To- sio 5,5; Luzi 6 (dal 33' s.t. Pun- gro 6; Galizia 6,5, F. Orlando 6 6,5; Fiore 6, Sabbatini 6,5, 5,5), D'Agostino 5,5; Cosenza
Briglia 6, Scarponi 6 (dal 26’ carne 6 (dal 10’ s.t. Beccia 6), 6), Righini 5,5, Montanari 5,5 gnozzi s.v.); Grassi 6,5; Roc- toriere s.v.), Barbetti 6, Ma- (dal 23’ s.t. Neglia 6,5), Scar- Alessandro 6,5 (dal 18' s.t. Be- 6, Benincasa 6, Vitale 5,5 (dal
s.t. De Luca 6,5); Fioretti 5, Giorico 6,5, Bandiera 7; Marac- (dal 35’ s.t. Enrico s.v.); Mira- chi 6 (dal 17’ s.t. Santini 6), scioli 6 (dal 38' s.t. Sabatini pa 6,5 (dal 46’ s.t.De Martino rardino 6); Lacarra 6. (Peruc- 6' s.t. Coco 6, dal 45' s.t. Satur-
De Cenco 6,5. (Renna, Luppi, chi 7 (dal 28’ s.t. Stentardo coli 6 (dal 20’ s.t. Capellini Gucci 6 (dal 50’ s.t. Di Cre- s.v.), Granaiola 6; Sciamanna s.v.); L. Orlando 5,5. (Rober- chini, Serpico, Pedrocchi, no s.v.); Figliomeni 7, Ma-
Morena, Fabbri). All. Campe- s.v), Torromino 7,5; Ferretti 6 5,5), Lamenza 6. (Bonassi, scenzo s.v.). (Strambi, Di Ste- 6 (dal 15' s.t. Croce 5,5). (Live- tiello, Pastore, Loiacono, Sici- Sciarra, Gammone). All. Pao- stroianni 5, Doukara 6,5. (De
delli 6,5. (dal 17’ s.t. Gallon 6,5). (Sarto- Della Maggiora, Chiazzolino, fano, Mugelli, Paganelli). All. rani, Funari, Ciolli, Amadio). gnano, Giglio). All. Palumbo lucci 7. Filippis, Di Berardino, Mercuri,
rello, Brunetti, Spinosa, Del Alteri). All. Rossi 6. Firicano 6. All. Facciolo 6. 6,5. GAVORRANO (4-2-3-1) Ad- Caridi). All. Viola-Ferrante 5,5.
RIMINI (4-2-3-1) Scotti 7; Pa-
Grande) All. Zanin 7. PRO PATRIA (4-4-2) Frasca L’AQUILA (4-3-3) Testa 6,5; dario 5; Tognarelli 5, Miano 5, ARZANESE (4-3-3) Fiory 7;
lazzi 6, A. Brighi 6,5, Rosini LECCO (4-3-3) Aprea 6; Con- CATANZARO (3-4-3) Mengo-
ALESSANDRIA (4-3-3) Servi- 6; Gambaretti 6, Botturi 6, Pol- Simoncini 5,5, Garaffoni 6, Dascoli 5,5, Angelotti 5,5; Ni- Riccio 6,5, Caso 7, Salvati 7
6,5, Vittori 5,5; Cardinale 6, ti 6, Merli Sala 5,5, Ischia 5, ni 6; Mariotti 6, Siringano 6,5,
li 6; Marchetti 6 (dal 13’ s.t. Ne- verini 6, Taino 5,5 (dal 1’ s.t. Ruggiero 6, Piccioni 6; Carcio- coletti 6 (dal 38' s.t. Lo Sicco (dal 28' s.t. Nocerino 6), Espo-
M. Brighi 6,5; Spighi 5 (dal 16’ grini 5), Sabato 5, Cammaroto Bonfanti 6); Cortesi 6 (dal 44’ Sciannamè 5,5; Galli 6,5, Civil- Papasidero 6,5; Giampà 6, Ul- ne 5,5 (dal 13’ s.t. Perfetti s.v.), Zane 6; Pucciarelli 6, sito 6,5; Manzo 7, Tarascio
s.t. Mastronicola 6), Buono- 6, Cusaro 6; Segarelli 5, Santo- s.t. Capogna s.v.), Bruccini leri 6 (dal 6’ s.t. Temelin 6), loa 5,5 (dal 34' p.t. Bruzzese 5,5), Catinali 5 (dal 13’ s.t. Cap- Nohman 5,5 (dal 13' s.t. Noc- 6,5, Castellano 6,5; Sandome-
cunto 6,5 (dal 41’ s.t. Deluigi ni 5 (dal 39’ s.t. Motta s.v.), Ro- 6,5, Vignali 6,5, Giannone 6,5; D’Amico 6; Rebecchi 5 (dal 14’ 6, dal 29' s.t. Bugatti s.v.), Mai- parella 5,5), Agnello 6; Impro- ciolini 6), Pulina 6 (dal 13' s.t. nico 6 (dal 22' s.t. Improta 6),
s.v.), Onescu 5,5; Zanigni 6,5 selli 5; Fanucchi 6, Nocciola 5 Serafini 6, Cozzolino 5,5. (An- s.t. Mattaboni 6), Fabbro 5, sto 6,5, Squillace 6; Carboni ta 6,5 (dal 23’ s.t. Cunzi 5,5), Manzo 6); Fioretti 6,5. (San- Fragiello 6 (dal 34' s.t. Tenne-
(dal 22’ s.t. Gerbino Polo 5,5). (dal 1’ s.t. Artico 6), Floriano dreoletti, Rudi, Ghidoli, Siano, Fall 6,5. (Durandi, Rudi, Cafo- 7, Masini 6,5, Esposito 6,5 Colussi 5,5, Calvarese, 5,5. tandrea, Alderotti, Menichet- riello 6), Mascolo 7. (Parisi, Go-
(Semprini, Zanetti, Signorini, 5,5. (De Marco, Scarabelli, Viviani). All. Cusatis 5,5. rio, Pizzuti, Castellazzi). All. (dal 14' s.t. D'Anna 6). (Scer- (Modesti Tortora, Giglio, Cam- ti, Sgambato). All. Callai 5,5 ri, Lorenzi, Pettrone). All. Fa-
Favero). All. D’Angelo 6. Giardina, Barichello) All. Sorzo- ARBITRO Peretti di Verona Modica 5,5. bo, Narducci, Corso, Gigliot- pinoti). All. Curci 6 (Ianni squa- (Buso squalificato). biano 7.
ARBITRO Intagliata di Siracu- gni 5. 5,5. ARBITRO Tajoli di Cesena 6. ti). All. Cozza 6,5. lificato). ARBITRO De Faveri di San ARBITRO Giallanza di Catania
sa 6. ARBITRO Cifelli di Campobas- NOTE spettatori 350 circa, in- NOTE spettatori 300 circa, in- ARBITRO Bellotti di Verona ARBITRO Castrignanò di Ro- Donà di Piave 7. 6.
NOTE spettatori 1.000 circa, so 6. casso non comunicato. Espul- casso 1.700 euro. Ammoniti 5,5. ma 6. NOTE spettatori 1.000 circa, NOTE Spettatori 300 circa, in-
incasso non comunicato. NOTE spet. 800 circa, incasso si il tecnico Cusatis al 46’ p.t. Maretti, Settepassi, Gialdini, NOTE spettatori 350 circa, in- NOTE spettatori 1000 circa, incasso non comunicato. Am- casso non comunicato. Ammo-
Espulso all’11’ s.t. Onescu; am- 5.030 euro. Espulso Sabato al e Lamenza all’11’ s.t; ammoniti Corsi, Di Giusto, Civilleri, casso di 2000 euro. Ammoni- incasso non comunicato. Am- monito Dascoli. Angoli 5-9. niti Vitale, Tarascio, Figliome-
moniti Bamonte e Mariani. An- 48’ s.t.; amm. Noselli, Marchet- Vignali, Allegrini, Forino. Ango- Ischia, D’Amico. Angoli 4-3. ti Granaiola, Carboni, Mariot- moniti Garaffoni, L. Orlando. (g.let.) ni, Doukara, Cosentino, Ma-
goli 8-9. (a.p.) ti, Cernuto, Angoli 5-2 (g.z.) li 3-3. (m.c.) (e.c.) ti. Angoli 4-11. (g.a.) Angoli 7-2. (a.c.) scolo. Angoli 5-4. (mi.fa.)

SAMBONIFACESE 0 SAVONA 1 GIACOMENSE 2 MONTICHIARI 0 NORMANNA 2 FONDI 2 MILAZZO 1 ISOLA LIRI 1


POGGIBONSI 3 MANTOVA 0 ENTELLA 0 SANTARCANGELO 0 MELFI 2 EBOLITANA 0 CAMPOBASSO 1 GIULIANOVA 1

GIUDIZIO +++ GIUDIZIO ++ GIUDIZIO +++ GIUDIZIO + GIUDIZIO ++ GIUDIZIO +++ GIUDIZIO ++ GIUDIZIO +++
MARCATORI Dierna all’11’ MARCATORE Quintavalla al MARCATORI Dal Rio al 1’ e al MONTICHIARI (4-4-2) Poliz- MARCATORI Grieco (N) al 7’ e MARCATORI Ricciardo al 7’ MARCATORI Chiaria (M) su ri- MARCATORI Caira (I) al 14’,
p.t.; Cirina al 37’, Dal Bosco al 34' s.t. 38’ s.t. zi 6,5; Filippini 6, Corallo 6, al 13’ p.t.; Ambrogetti (M) al 19’ p.t.; autor. di Barbone al 31’ s.t. gore al 30' p.t.; Todino (C) al Morga (G) 20’s.t.
43’ s.t. SAVONA (4-4-2) Aresti 7; GIACOMENSE (5-3-2) Poluz- Verdi 6, Severgnini 6; Saleri 6 p.t.; Lionetti (M) al 33’ s.t. FONDI (3-5-2) Mezzacapo 6; 21' s.t. ISOLA LIRI (4-3-3) Mariosi
SAMBONIFACESE (4-3-3) Quintavalla 6,5, Antonelli 6 zi 7; Gorini 7,5 (dal 33’ s.t. Orto- (dal 20' s.t. Dalì 6), Filiciotto 6 NORMANNA (4-3-2-1) Gra- Schettino 5, Rinaldi 6,5, Palum- MILAZZO (4-3-3) Messina 6; 6; Martinelli 5, Falco 6,5, Ro-
Bonato 6; Caraceni 5, Dal De- (dal 18' s.t. Pellini 6), Belotti, lan s.v.), Minardi 7, De March (dal 38' s.t. Agostinone s.v.), gnaniello 5,5; Diana 5, Castal- bo 6,5; Iovinella 6,5, Tamasi 6 Imparato 6, Benci 6 (dal 9' s.t. meo 6, La Rocca 6; Raffaello
gan 5,5, Orfei 5,5, Viskovic 6,5 Marconi 6; Demartis 6,5, 6,5, Cenerini 6, Turi 6; Taba- Dolce 6,5, Loiacono 5; Altobel- do 5,5, Mattera 5,5, Vitale 5,5 (dal 2’ s.t. Vaccaro 6), Rossini Urso 6), cucinotta 6, Quintoni 6,5, Costanzo 6,5, Lucchese
4,5; Creati 5, Montagnani 4,5 Molino 6,5, Buglio 6, Catta- nelli 7, Vagnati 6 (dal 18’ s.t. li 6, Florian 6,5 (dal 43' s.t. (dal 25’ s.t. D’Agostino 5,5); 7 (dal 34’ s.t. Grillo s.v.), Cucci- 6; Cuomo 6, Bucolo 6,5, Pro- 5; Bussi 6,5 (dal 30’ s.t. Conte
(dal 13’ s.t. Ruggeri 5), Maria- neo 7 (dal 23' s.t. Ucha 6); Ferrara 6), Caciagli 6; Staffo- Kyeremateng s.v.). (Gambar- Marano 5,5, Gatto 5,5, Letizia niello 6,5, Alleruzzo 6,5; Ric- ietti 6; Nicastro 6 (dal 17' s.t. 5), Russo 6, Caira 6,5 (dal 26’
neschi 5; Brighenti 4,5, Carlini Mezgour 6, Meloni 6 (dal 36' lani 6,5, Dal Rio 7,5 (dal 40’ s.t. della, Pedon, Justino, Dimas). 5,5; Petagine 5,5 (dal 7’ s.t. ciardo 7,5, Konate 7 (dal 16’ s.t. Ingemi 6), Chiaria 6,5, Scalzo- s.t. Bianchini 5). (Coletti, Fer-
5 (dall’11’ s.t. Finotto 5), Zanet- s.t. Giorgione 6). (Maragna, Vi- Lo Russo s.v.). (Pavenello, All. Ottoni 6. Campanella 5,5), Grieco 6,5; Dionisio 6). (Gasparri, Chiarini, ne 6,5. (Croce, Malafronte, Si- rara, La Rosa, Pozziello, Sou-
ti 5,5. (Nardoni, Botticini, Mes- natzer, Terzoni, Tonetto). All. Scaioli, Mandorlini, Paci). All. SANTARCANGELO (4-3-1-2) Pisani 6. (Russo, Vecchione, Bernasconi, Finocchio). All. Pa- monetti, Strumbo, Fiore) All. dant). All. Sciannimanico 6.
sina, Baltieri, Ebhote). All. Car- Corda 6. Gadda 7. Nardi 6,5; Arrigoni 6, Cola 6, Zolfo, Signorelli, Guarracino). dovano 6,5 (squalificato Ca- Catalano 6,5 (Trimarchi squa- GIULIANOVA (4-3-1-2) Mer-
novelli 5. MANTOVA (3-5-2) Portesi ENTELLA (4-3-1-2) Paroni 6; Del Pivo 6, Locatelli 6; Baldini- All. Romaniello 5,5. puano). lificato). letti 6; Del Grosso 6,5, Terren-
6,5; Fonte 6, Zaninelli 6, Sensi Falcier 6, Villagatti 5,5, Berto- ni 6,5, Zavalloni 6 (dal 19' s.t. MELFI (4-3-2-1) Scuffia 6; EBOLITANA (4-4-2) Nicastro CAMPOBASSO (3-4-3) Se- zio 6,5, Faragalli 6,5, Cavasin-
POGGIBONSI (4-4-2) Spor-
6; Colonetti 6, Spinale 6, Gal- li 6, Fantoni 5; Staiti 5,5 (dal Ferri 6), Bazzi 6; Tonelli 6; Spirito 6, Dermaku 6,5, Bova 5; Giudice 5, De Pascale 5, Bar- natore 6,5; Mateo 5,5, Scudie- ni 6; Bianchi 6 (dal 10’ s.t. Giu-
tiello 6; Cutrupi 6, Cirina 6,5,
biati 6 (dal 36' s.t. Del Sante 20’ s.t. Lazzaro 5,5), Hamlili Scotto 6 (dal 35' s.t. Schiavini 6, R. Russo 6 (dal 33’ s.t. Lio- bone 5,5, Venneri 6; Pepe 5 ri 6, Bertozzini 5,5; Forgione stini 6), Della Pena 6, Di Miche-
Dierna 6,5, Bronchi 6 (dal 44’ 6), Bersi 6,5, Sereni 6,5; Cin- 5,5 (dal 16’ s.t. Serlini 5,5), Vol- s.v.), Graziani 6,5 (dal 39' s.t. netti 6); D. Russo 6,5, Greco 6 (dal 1’ s.t. Liguori 5,5), Corsino 6, Licciardi 5,5 (dal 1' s.t. La le 6 (dal 37’ s.t. Palandrani
s.t. Doveri s.v.); Boldrini 6,5, que 6, Pietribiasi 6,5 (dal 20' pe 5,5; Garin 5 (dal 1’ s.t. Mus- Bacchiocchi s.v.). (Bicchiarel- (dal 1’ s.t. Viola 7), Scarsella 6; 6, Nazzani 5,5 (dal 20’ s.t. Perri- Porta 6), Cirillo 6, Rega 6 (dal s.v.); Rinaldi 6 (dal 1’ s.t. Mor-
Settembrini 6,5, Giunchi 6, s.t. Franchi 6). (Festa, Girelli, so 5,5); Rosso 5,5, Lenzoni li, Antoniacci, Gregorio, Fab- Tirelli 6 (dal 17’ s.t. Simeri 6), no 5,5), Giurdanella 6; Lo Coco 1' s.t. Fassari 6); Giannattasio ga 6,5); Picone 6, Pirelli 6.
Moscarino 6; Falomi 6,5 (dal Ortobelli, Maschio, Pettarin). 6,5. (Otranto, Zamparo, Rus- bri). All. Angelini 6. Ambrogetti 6,5; Improta 6,5. 5,5 (dal 1’ s.t. Pignatta 5), Bro- 5,5, Cruz 6, Todino 6. (Compa- (Sorrentino, Granata, Iachini,
19’ s.t. Dal Bosco 6,5), Pera 7 All. Valigi 6. so, Simeoni). All. Prina 5,5. ARBITRO Bruno di Torino 6. (Dalla Luna, Gerolino, Genna- so 5,5. (Longo, Cutolo, Limato- re, Bruno, Baldares, Mazza). Valori). All. De Patre 6,5.
(dal 38’ s.t. Romanelli s.v.). ARBITRO Magnani di Frosino- ARBITRO Mangialardi di Pi- NOTE spettatori 200 circa, in- ri, Giunta). All. Rodolfi 6. la, Mirante). All. Giacomarro 5. All. Imbimbo 6. ARBITRO Pelagatti di Arezzo
(Gori, Malquori, Bigeschi, Giu- ne 5,5. stoia 6,5. casso non comunicato. Espul- NOTE spettatori 400 circa, in- ARBITRO Todaro di Palermo ARBITRO Zivelli 5. 6.
liacci). All. Fraschetti 7. NOTE spettatori 600 circa, in- NOTE spettatori 150 circa, in- so Loiacono al 12’ s.t; ammoni- casso non comunicato. Am- 6. NOTE Spettatori circa 300, in- NOTE spettatori 600 circa, in-
ARBITRO Spinelli di Terni casso di 3500 euro. Espulsi casso non comunicato. Am- ti Zavalloni, Loiacono, Verdi, moniti Ambrogetti, Sprito, Dia- NOTE spettatori 200 circa, in- casso non comunicato. Am- casso non comunicato. Am-
5,5. l’allenatore del Savona Corda moniti Garin, Musso, Lenzoni, Del Pivo e Dalì. Angoli 3-4. na, Gatto, Letizia, Scarsella, casso n.c. Espulsi Schettino e moniti Mateo, Imparato, moniti Della Penna, Romeo,
NOTE spettatori 250 circa, in- al 16' s.t., Molino al 44' s.t.; Gorini, Cenerini. Angoli 3-3. (n.s.) Castaldo e Lionetti. Angoli 5-7 De Pascale al 42’ p.t.; ammoni- Cruz, Cucinotta, Cirillo, Cuo- Morga, Picone, Giustini. Ango-
casso non comunicato. Am- ammoniti Marconi, Cattaneo, (e.m.) (g.ar.) ti Ricciardo, Tamasi, Venneri, mo, Bucolo. Angoli 7-1. (a.i.) li 3-2. (g.p.)
moniti Dal Degan, Carlini, Mo- Quintavalla, Zaninelli, Cinque. Corsino, Giurdanella, Cucci-
scarino. Angoli 8-10. (f.v.) Angoli 3-5. (o.ste.) niello. Angoli 6-1. (v.a.)

GIRONE A RISULTATI GIRONE B RISULTATI


BELLARIA-RIMINI 1-1
REGOLAMENTO CELANO-CATANZARO 0-3
CHALLENGE TROPHY
SQUADRE PT PARTITE RETI SQUADRE PT PARTITE RETI
BORGO A BUGGIANO-LECCO 1-0 CHIETI-GAVORRANO 2-0
G V N P F S GIACOMENSE-ENTELLA
MONTICHIARI-SANTARCANGELO
2-0
0-0
Promosse in sei PERUGIA
G V N P F S
64 29 19 7 3 46 20
FONDI-EBOLITANA
ISOLA LIRI-GIULIANOVA
2-0
1-1
Domani azzurrini
CASALE 50 27 14 8 5 39 22
RIMINI 47 26 14 5 7 30 24
RENATE-CASALE
SAMBONIFACESE-POGGIBONSI
0-0
0-3
Le retrocessioni VIGOR LAMEZIA 59 28 17 8 3 41 19 MILAZZO-CAMPOBASSO
NORMANNA-MELFI
1-1
2-2
impegnati
SAN MARINO 46 26 14 4 8 49 31 SAN MARINO-CUNEO
SAVONA-MANTOVA
1-1
1-0
sono ancora 9 CATANZARO 58 27 17 7 3 42 17 PAGANESE-L'AQUILA
PERUGIA-APRILIA
1-1
2-0
in Inghilterra
CUNEO 46 27 14 4 9 42 36 L'AQUILA 51 28 13 12 3 30 15
TREVISO-ALESSANDRIA 3-1 VIBONESE-ARZANESE 1-2
TREVISO (-2) 43 26 12 9 5 41 24 VALENZANA-PRO PATRIA 1-2 Ecco il regolamento della PAGANESE 47 29 12 11 6 32 25 VIGOR LAMEZIA-NEAPOLIS 1-0 Gli azzurrini di Lega Pro
GAVORRANO 45 29 12 9 8 46 36 ha riposato FANO
ENTELLA 39 27 10 9 8 37 25 Seconda divisione. di nuovo in campo. Domani c’è
PROSSIMO TURNO PROMOZIONI Salgono dirette CHIETI 44 27 13 5 9 37 27 Inghilterra Italia a Fleetwood,
POGGIBONSI 39 26 11 6 9 38 32
DOMENICA 4 MARZO ORE 14.30 ARZANESE 42 28 10 12 6 35 35
PROSSIMO TURNO
SANTARCANGELO 37 26 11 4 11 29 25 ALESSANDRIA-SAN MARINO (1-1)
le prime due dei rispettivi DOMENICA 4 MARZO ORE 14.30 70 Km da Manchester,
BELLARIA-BORGO A BUGGIANO (0-2) gironi, più le due vincenti dei APRILIA 40 28 11 7 10 43 35 all’Highbury Stadium (20.30 ora
RENATE 36 27 9 9 9 28 28 APRILIA-NORMANNA (1-1)
CASALE-MONTICHIARI (3-2) playoff: sono ammessi terza, NORMANNA (-1) 35 27 9 9 9 22 23 ARZANESE-ISOLA LIRI (0-0) italiana). Il team di Mr. Veneri
BORGO A BUGGIANO 36 27 10 6 11 35 38 CUNEO-VALENZANA (3-3) CATANZARO-PERUGIA (0-2)
quarta, quinta, sesta e lo GIULIANOVA (-2) 34 28 10 6 12 34 37 affronta una partita di
PRO PATRIA (-13) 35 27 13 9 5 41 25 ENTELLA-SANTARCANGELO (0-1) EBOLITANA-VIBONESE (1-0)
LECCO-SAMBONIFACESE (0-2) svolgimento è il solito. FONDI 32 28 9 5 14 28 34 FANO-MILAZZO (1-1) qualificazione nell’ambito
ALESSANDRIA (-2) 34 27 9 9 9 31 33 MANTOVA-TREVISO (2-1) GAVORRANO-VIGOR LAMEZIA (2-2)
RETROCESSIONI Scendono FANO (-5) 31 27 10 6 11 34 35 dell’International Challenge
SAVONA (-4) 33 27 9 10 8 32 28 POGGIBONSI-RENATE (2-4) GIULIANOVA-PAGANESE (2-1)
PRO PATRIA-GIACOMENSE (0-0) dirette le ultime tre dei due NEAPOLIS (-2) 29 29 7 10 12 31 40 L'AQUILA-CELANO (1-0) Trophy, manifestazione sotto
BELLARIA 32 25 8 8 9 30 32 RIMINI-SAVONA (1-1) MELFI-CHIETI (2-1)
gironi e altre tre dopo i nuovi CAMPOBASSO (-2) 28 26 7 9 10 24 30 l’egida della Uefa. Le precedenti
GIACOMENSE 30 26 7 9 10 35 42 NEAPOLIS-FONDI (2-1)
playout: si sfidano quartultima MILAZZO 28 28 6 10 12 24 32 riposa CAMPOBASSO tre edizioni sono state vinte
MONTICHIARI (-2) 29 27 8 7 12 32 40 MARCATORI VIBONESE 27 29 6 9 14 32 43
e quintultima di ogni girone dall’Inghilterra, dal Belgio e dal
MANTOVA 28 26 6 10 10 26 36 18 RETI Lapadula (San Marino). (andata e ritorno) e chi perde EBOLITANA (-1) 23 27 6 6 15 22 44 MARCATORI Portogallo. La competizione
SAMBONIFACESE 24 27 6 6 15 26 47 16 RETI Serafini (5, Pro Patria). MELFI (-4) 21 26 6 7 13 29 39
13 RETI Taddei (2, Casale); Rosso (2, Entella).
retrocede, le due vincenti si 23 RETI Fioretti (7, Gavorrano). prevede l’impiego di giocatori
VALENZANA 18 26 4 6 16 20 39 ISOLA LIRI (-2) 20 27 5 7 15 27 39 20 RETI Clemente (5, Perugia).
12 RETI Grassi (1, Borgo a Buggiano); Pera (4, affrontano (andata, ritorno e Under 23, ma per scelta la Lega
LECCO 17 27 3 8 16 18 52 CELANO 13 27 3 4 20 21 55 13 RETI L. Orlando (1, Paganese); Mancosu (4,
Poggibonsi). rigori) e chi perde retrocede. Vigor Lamezia). Pro partecipa con gli Under 21.
U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE 12 RETI Masini (2, Catanzaro).
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
30

SUPERBIKE GP D’AUSTRALIA

8
BIAGGI SCATT
LE DUE GARE

Max primo PAGELLE

a Phillip Island
dopo 12 anni
Biaggi 10
S
«La vittoria più bella
Vittoria di
forza e
rimonta da
leggenda nella
migliore
con un’Aprilia perfetta»
prestazione in
Superbike.
Il romano: «Ci voleva, ho trascorso due mesi d’inferno»
L’Aprilia che
vola è una sua Max Biaggi, 40 anni, ha vinto
creatura cinque Mondiali: 4 in 250 e
1 in Superbike MAZZERO

La Ducati di Checa davanti all’Aprilia di Biaggi ALEX PHOTO

Costringe Checa a sbagliare


S
Vince gara-1 e poi in rimonta Melandri 9
Ha rivoltato
finisce 2o dietro lo spagnolo la Bmw come
un guanto
portandola
PHILLIP ISLAND dove non era
mai arrivata.
In Sud Africa, nel 1992, Max Biaggi era so- Il buongiorno si
lo un ragazzino che sgomitava con la 250 per vede dal
farsi largo tra i pesci grossi del Motomondiale. mattino
Due decenni dopo, a quasi 41 anni, il vecchio
Corsaro è ancora là in mezzo. Per rischiare, stupi-
re e continuare a vincere. Nell’apertura Super-
bike ha centrato la 17ª vittoria (59 sommando
anche l’era GP), ha riportato l’Aprilia in vetta al
Mondiale dopo 17 mesi di digiuno e infranto il
tabù Phillip Island dove non vinceva dal 2000
con la Yamaha 500GP davanti a Loris Capirossi e
al giovane Valentino Rossi. Ha indotto all’errore
il campione in carica Carlos Checa sul tracciato S
Checa 7
dov’era imbattuto da tre gare, poi ha incrinato le
certezze Ducati risalendo furiosamente dall’ulti- Media tra un
ma posizione. Neanche il contatto alla prima cur- errore da 4 e
va con il duro Tom Sykes scattato in pole è riusci- una riscossa da
to a rovinare la magica giornata. Max ha anche 10. Per battere
rischiato grosso nell’identico punto dove il gior- Max Biaggi
no prima si era spenta la vita del 17enne Oscar bisognerà L’IRIDATO SPIEGA LA CADUTA E LA RESURREZIONE
McIntyre. alzare
l’asticella
Via All’inizio Checa ha provato il contropiede per
non scoprire il fianco in rettilineo dove la Ducati
paga caro: 309 km/h contro 324 dell’Aprilia.
Carlos: «A terra? Volevo la fuga»
Max si è avvicinato in un lampo (nuovo record) e
non ha avuto bisogno di attaccare perché Carlito «Ho aperto il gas PHILLIP ISLAND
letto; n.d.r.). Non era veloce co-
ha fatto tutto da solo sparandosi in aria nella svol- me l’altra ma anche gli avversa- I RISULTATI
ta più impegnativa (4ª marcia, 180 km/h), «la troppo presto. Poi ri, per il gran caldo, hanno ri-
caduta più violenta nei tre anni con la 1198, una in clinica mobile ho Negli altri sport perdi e dotto il ritmo». Due italiani
basta, nelle moto quando va
fortuna non farsi male», Mancavano quindici giri
ma per il cinque volte Mondiale sono stati una S cancellato tutti male rischi pure di farti molto La caduta è stata un errore di già in testa
passeggiata conclusa con 7" di margine, il più al- Sykes 7 male. In tre ore Carlos Checa è strategia? al campionato
to da quando corre in Superbike. La doppietta Non è ancora i brutti pensieri» risalito dall’inferno al paradi- «Volevo scappare via ma quan-
sarebbe stata il colpo ferale ma la disavventura completo ma so. «Mi sono fatto controllare do hai uno come Biaggi dietro Risultati del GP
al via ha ribaltato l’inerzia. Checa ha preso il lar- superarlo in clinica mobile e sono rima- il confine tra il limite e quello d’Australia a Phillip Island.
go (21˚ successo), Max è tornato dentro ultimo, è un brutto sto lì per rilassarmi e smaltire che c’è oltre è molto labile. Ho Gara-1: 1. Biaggi (Ita Aprilia)
staccato di 8”3. A furor di sorpassi ha riacciuffato affare. Perfino l’amarezza — ha spiegato il aperto il gas con troppa decisio- in 34’13"963; 2. Melandri
il 2˚ posto a 5”7 dallo spagnolo, un dato che par- per Max campione del mondo —. Nel ne, anche nel giro precedente (Ita Bmw) a 7"104; 3. Guintoli
la da solo e che ha scatenato polemica in Ducati precampionato siamo andati avevo avuto un avvertimento». (Fra Ducati) a 7"378; 4. Sykes
per voce del manager Genesio Bevilacqua: «Ci bene, non poteva finire così. (GB Kawasaki) a 12"189.
hanno aggiunto 6 kg perché vincevamo troppo, Ho cancellato i brutti pensieri e I sei chili di zavorra che sono Gara-2: 1. Checa (Spa Ducati)
ma se un pilota riesce a risalire da ultimo a secon- sono ripartito all’attacco». stati applicati alla sua Ducati in 34’26"728; 2. Biaggi a 5"707;
do ci viene il dubbio che neppure un campione sono risultati decisivi? 3. Sykes a 12"521; 6. Melandri
come Checa basterà». Marco Melandri (30 pun- L’uscita di Biaggi ha semplifica- «Anche un bambino sa che se a 18"831.
ti) al debutto Bmw ha guidato sopra ai problemi to il lavoro? aggiungi peso vai più piano. Sa- Mondiale: 1. Biaggi 45 punti;
del precampionato agguantando uno strepitoso «La moto era distrutta, l’hanno rebbe meglio rallentare chi vin- 2. Melandri 30; 3. Sykes 29;
2˚ posto. Peccato che la 2ª opportunità sia stata ricostruita a tempo di record ce gara dopo gara. Ma non cer- 4. Checa 25.
compromessa (7˚) da una gomma difettosa. (utilizzando il telaio di riserva co scuse». Prossima tappa: 1˚ aprile a
p.g. concesso dal nuovo regolamen- p.g. Imola.
© RIPRODUZIONE RISERVATA Carlos Checa, 39 anni ALEX PHOTO to che ha invece vietato il mu- © RIPRODUZIONE RISERVATA

MOTOGP DOMANI SCATTANO LE PROVE IN MALESIA IL LATO SENTIMENTALE Taccuino


Rossi e Marwa:
La Ducati ritrova un Valentino in forma amore finito
dopo 2 anni?
INTERNAZIONALI DI CROSS
Frossard re, Cairoli 6˚
(m.z.) Il campione in carica
Guareschi: «C’è zare le nuove 1000 verso la a noi, che noi a lui — dice Vitto- dall’anno scorso. Valentino ha Steven Frossard (Fra Yamaha) si è
strada maestra della competiti- riano Guareschi, responsabile tolto i punti alla gamba destra (m.bru.) Rossi è tornato
più fiducia della vità. Honda e Yamaha sarebbe- in pista —. E poi Barbera è sci- e nemmeno zoppica. Nicky ha single. Lo ha rivelato il Resto
aggiudicato ad Arezzo la prova
d’apertura degli Internazionali d’Ita
ro già pronte per schierarsi al volato mentre provava a fare il fatto un controllo con il dottor del Carlino di Pesaro
stagione scorsa» primo GP, la Ducati è in piena tempo. In Spagna abbiamo Thing: dovrebbe avere un po’ pubblicando in prima pagina
lia di cross. Cairoli (Ktm) sesto.
SUPERCROSS (m.z.) Seconda vit
fase di evoluzione. E proprio esplorato nuove strade per la di dolore solo quando è rannic- la notizia corredata da una
toria stagionale per Ryan Dungey
per questo il ritorno in pista di- gestione elettronica e ora ve- chiato in rettilineo (che qui so- foto del campione con l’ormai
FILIPPO FALSAPERLA (Ktm), a Phoenix. Secondo il leader
venta importante per Rossi e dremo se faranno fare un pas- no due e lunghi, n.d.r.)». ex fidanzata Marwa Klebi,
Ryan Villopoto (Kawasaki).
Hayden. so avanti a Valentino e Nicky. odontoiatra. Le prime
La prova della verità. Do- Non avremo novità sulla moto Avversari La Honda porterà no- avvisaglie della crisi si erano
mani la MotoGP torna a girare Affinamento La rossa è stata in e forse non nemmeno a Jerez vità di ciclistica per Stoner e Pe- avute il 16 febbraio, giorno del
FORMULA 1
per tre giorni: ovviamente a Se- pista a Jerez, in Spagna, setti- (27-29 marzo; n.d.r.)». drosa. La Yamaha ha già deli- compleanno di Vale, quando Hrt supera i crash test
pang, in Malesia perché fa cal- mana scorsa ma ha fatto solo 3 berato una gestione del moto- la ragazza non si era vista alla La Hrt F112 ha passato tutti i
do e soprattutto perché così si decimi meglio della migliore Ottimismo Però l’ex pilota-col- re con meno coppia e più po- festa. Rossi e Marwa si erano crash test Fia e dovrebbe essere in
potrà vedere se 4 settimane di Crt, la Art di De Puniet: «Credo laudatore si mostra ottimista. tenza, ora tocca alla ciclistica. conosciuti circa due anni fa. pista da giovedì a domenica negli ul
lavoro sono servite per indiriz- che si sia avvicinato più Randy «Sento un’atmosfera diversa © RIPRODUZIONE RISERVATA timi test pre Mondiale al Montmelò.
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
31

4
TO MONDIALE
IL RIVALE INSEGUE MAX IN CLASSIFICA

I NUMERI
Melandri fa
PAOLO GOZZI
me piace a me. Volevo il podio
e ci sono arrivato».
14
Trionfi con
volare la Bmw:
PHILLIP ISLAND (Australia)

Scende dal podio appena


Checa si autoeleminato in ga-
ra-1. Che ne pensa?
l’Aprilia Sbk
Biaggi ha firmato
il 14˚ successo in
mai così in alto
sudato e c’è chiedersi come fac- «Che non farà di nuovo un erro- sella all’Aprilia Dai guai nei test al 2˚ posto
cia ad essere ancora così in for- re così. Lui e la Ducati restano Superbike. Con la
ma. Forse il segreto è in quello forti e molto temibili. Vedrete casa di Noale il «Ho guidato con dolcezza
sguardo tornato a brillare di fe- che torneranno a metterci in dif- romano ha
licità come nei momenti d’oro. ficoltà». vinto anche il Ma chi se l’aspettava?»
«Quando sente odore d’impre- Mondiale 2010
sa Max Biaggi c’è sempre, è un La supremazia Aprilia è appar-

16
po’ il mio marchio di fabbrica. sa netta. Durerà? PHILLIP ISLAND
Dopo la vittoria all’esordio in «Ci eravamo preparati bene per
500 a Suzuka nel 1998 e quella quest’appuntamento: io, la Solo pochi giorni fa aveva fatto scattare
al debutto Superbike in Qatar squadra e l’intero reparto cor- Podi l’allarme rosso: «Questa Bmw fatico a guidarla».
nel 2007 questa è stata la mia se. Anche la Pirelli ha fatto un di Marco Poi, in gara, la trasformazione. Marco Melandri
gara più bella. Anzi, la metto al- ottimo lavoro, le nuove copertu- Melandri ha ha portato subito sul podio la moto tedesca, arri-
lo stesso livello delle altre due». re sono un bel passo avanti. Tra conquistato il 16˚ vata nel Mondiale solo nel 2009. Sarà lui a rega-
un mese arriverà Imola, un cir- podio in Sbk, il larle anche la prima vittoria? «È presto per vola-
Partiamo dal fondo. Cos’è suc- Max Biaggi (1˚) e Marco Melandri (2˚) sul podio di gara-1 ALEX PHOTO cuito che sfavorisce noi ed è il primo con la Bmw re così in alto, l’Aprilia per ora è fuori portata. Mi
terreno di caccia della Ducati. godo questo 2O posto insperato. Nel precampio-
ce all’impazzata. Ho avuto pure Meglio stare coi piedi per ter- nato abbiamo avuto qualche problema. Non

« Con Deganello e i
meccanici è nata
una bella chimica,
fortuna».

Cioè?
«Ho puntato la pista alla secon-
SICUREZZA
Nuove protezioni
ra».

Che significa aver vinto con


avevamo simulato la gara e non sapevo
cosa aspettarmi».
una squadra tutta nuova? La Bmw volava. Come ha fatto?
abbiamo lavorato da curva ma poco prima del- dopo la tragedia «Con Aligi Deganello e gli altri «Guidavo dolce per non rovinare la
alla grande l’asfalto c’era uno scalino di pa- di baby McIntyre meccanici ci siamo trovati qui gomma. Ho fatto un sacco di bei sor-
MAX BIAGGI recchi centimetri, mi sono alza- in Australia. È nata una bella passi. Alla fine il francese Guintoli
CINQUE VOLTE IRIDATO to sulle pedane stile crossista (p.g.) La morte di Oscar chimica tra noi, abbiamo lavo- era tornato sotto, ma l’ho rimesso
sperando che la carena non toc- McIntyre, 17 anni, si poteva rato alla grande. Quando ho ta- subito a cuccia, ci tenevo troppo».
casse terra e l’Aprilia restasse evitare. Dopo la tragedia Igor gliato il traguardo ho provato
cesso al secondo via? tutta d’un pezzo». Eskinja, delegato sicurezza una gioia immensa anche per Perché non c’è stato il bis?
«Sykes è entrato dentro fortissi- della Federmoto, ha fatto loro». «La gomma posteriore si è dan-
mo ma a centro curva si è pian- A quel punto altri erano già lon- sistemare 260 metri di barriere neggiata, ho temuto di non arri-
tato. Ho toccato la Kawasaki tanissimi. Come è nata la rimon- «airfence» (moduli in gomma Che dirà adesso il suo ex uomo vare in fondo. Ma va bene così,
con la leva del freno, per fortu- ta? gonfiabili) per evitare che di fiducia Giovanni Sandi torno in Italia 2˚ nel Mondiale die-
na è snodabile e non si è rotta. «Non è facile restare calmi in andando dritti alla prima curva i che l’ha piantata in asso tro a Biaggi: chi l’avrebbe detto?».
Però ho perso la traiettoria ide- quella situazione, specie quan- piloti potessero invadere la per andare in Crt?
ale, trovandomi sparato for- do le gomme cominciano a mol- pista nel tratto successivo. Fino «Ho passato due mesi d’in- È andato sul luogo dell’incidente di
tissimo nella via di fuga. lare e in mezzo al gruppo non a due anni la barriera c’era, ma ferno, temevo che non avrei McIntyre a lasciare un mazzo di fiori.
La RSV4 navigava sul- puoi fare la tua traiettoria. Per- Claude Denis, responsabile dei ritrovato più i miei uomini. «Mi dispiace che non sia stato ordina-
l’erba, ho pestato di un decimo qui e uno là, pas- circuiti MotoGP e Superbike, Ho vinto dove con la Super- to il minuto di silenzio prima del via,
sul freno poste- sarli non è stato facile. Faceva l’aveva dichiarata pericolosa, bike non c’ero mai riuscito. Ba- sarebbe stato un bel gesto».
riore scalan- molto caldo (53˚ sull’asfalto; preferendo la sabbia. sta?». p.g.
do le mar- n.d.r.), condizioni estreme co- © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

Offerta valida fino al 31/03/2012 su Transit Connect passo corto 200S STD 1.8 TDCi 75CV Euro 5, Transit Van 250S 2.2 TDCi 100CV Euro 5 tetto basso e Transit Chassis Cabina Singola 350M 2.2TDCi 100CV Euro 5 trazione posteriore a fronte di rottamazione o permuta di un veicolo
immatricolato prima del 31/12/2002. Solo per veicoli in stock grazie al contributo dei Ford Partner. Transit Connect passo corto 200S STD 1.8 TDCi 75CV Euro 5: consumi da 6,0 a 6,1 litri/100km (ciclo misto), emissioni CO2 159g/km; su Transit Van 250S 2.2 TDCi 100CV Euro 5 tetto
basso: consumi 7,2 litri/100km (ciclo misto), emissioni CO2 189g/km; su Transit Chassis Cabina Singola 350M 2.2TDCi 100CV Euro 5. IVA, IPT e messa su strada escluse. I veicoli in foto possono contenere accessori a pagamento. Il prezzo del Transit Chassis non include l’allestimento.

Ford veicoli commerciali.


Scendono in campo gli Ecoincentivi 2012.

Oltre € 7.000 di vantaggio per il tuo nuovo Ford Transit.

Transit Connect Transit Van Transit Chassis


TDCi Euro 5, Clima e Radio CD TDCi Euro 5, Clima e Radio CD TDCi Euro 5, Clima e Radio CD
€ 10.250 € 14.500 € 17.000
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
32

LO SPORT COME STILE DI VITA.


PROTAGONISTI, IMMAGINI E GRANDI STORIE.
Fotografie, servizi, inchieste, campioni, moda e approfondimenti
per vivere il grande spettacolo dello sport in prima persona.
SCOPRI IL NUOVO SPORTWEEK, OGNI SABATO
IN EDICOLA CON LA GAZZETTA DELLO SPORT.
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
33

CICLISMO IN SVIZZERA
«Il ciclismo è cambiato moltissi-
mo — racconta Capecchi, «ter-
zo uomo» della Liquigas di Bas-
so e Nibali: 9˚ successo 2012
y BELGIO L’IRIDATO A KUURNE

per il team di Amadio —. Sono


in gruppo da 7 anni e ho visto
BASSO
RITIRATO Una volata
tante facce. Se non fosse cam-
biato, non ci sarebbe pane per
da numero 1
chi come me lo interpreta in mo-
do serio e onesto. E’ stato Nibali Cavendish
ad allenarmi tutta la settimana
durante il ritiro in Toscana. Fa- senza rivali
cevamo un’ora tipo corsa, uno
contro uno. Vincenzo mi scatta- GP LUGANO
va sempre in faccia, e allora mi 1. Eros
sono stancato e un giorno gli ho CAPECCHI
detto: "adesso ti lascio lì"...». (Liquigas-Can-
Qui nel 2011 vinse Basso, che nondale, nella
ieri si è ritirato per una lieve for- foto), 178,5 km
ma influenzale. in 4:32’02",
media 39,370; 2.
Ferito Le corse si giocano in po- Damiano Cunego
Eros Capecchi, chi istanti. E dobbiamo ricono- (Lampre-Isd) a
25 anni: nel 2011 scere che, se Scarponi non fos- 4"; 3. Enrico
ha vinto la tappa se finito a terra in un tornante a Battaglin
di San Pellegrino sinistra, in discesa, battendo (Colnago-Csf);
al Giro LUCA BETTINI l’anca e il gomito sinistro, forse 4. Gnezda (Slo);
il Gp Lugano sarebbe andato di-
5. Rubiano (Col);
versamente. Il marchigiano, al
6. San-
debutto stagionale e da vincito-
tambrogio;

Capecchi gran colpo


re del Giro 2011 dopo la squali-
fica di Contador, era incollato 7. Brambilla; Mark Cavendish, 26 anni REUTERS
alla ruota di Capecchi, per stop- 8. Reda;
pare ogni attacco e lanciare Cu- 9. Felline; Era il favoritissimo della
nego: «Lo stavo ormai ripren- 10. Mugerli (Slo); 65ª Kuurne-Bruxelles-Kuurne.
11. De Maria; E, come da copione, il campio-

Per l’Italia è tripletta


dendo...». Scarponi ha già di-
mostrato di pedalare bene, co- 14. Pozzovivo; ne del mondo Mark Cavendish
me tutta la Lampre, del resto, 16. Ulissi; 19. ha stravinto la volata che sulle
che ha corso da padrona della Modolo a 40"; strade della cittadina belga ha
gara. E la rabbia di Cunego, con 27. Di Luca; deciso la «corsa degli asini»,
quel pugno sbattuto sul manu- 79. Evans (Aus); battendo quasi per distacco Hu-
Gp Lugano Il toscano attacca in salita, Scarponi sta per brio, inquadra perfettamente
la delusione del clan di Saron-
88. Scarponi.
Partiti 134,
tarovich, già 2˚ un anno fa. Do-
po la doppietta al Giro del Qa-
tar, Cannonball ha firmato ieri
prenderlo ma cade in discesa. A 4" Cunego su Battaglin ni: «Peccato, proprio peccato,
potevo vincere. Cadendo Scar-
arrivati 98. Tra i
ritirati Basso il tris stagionale, che lo porta a
82 vittorie in carriera: a soli 26
poni, si è fatto il buco e intanto
DAL NOSTRO INVIATO
pochi secondi dall’inseguimen- che ci siamo organizzati Capec- S anni! I compagni del Team
to del gruppo. Poi Cunego, a 4", VISCONTI 7˚ Sky, maestri nel controllare la
LUCA GIALANELLA chi è andato», ha spiegato il ve- corsa dall’inizio alla fine, gli
LUGANO (Svizzera) che ha battuto Battaglin. ronese, che adesso andrà all’as- In Spagna
La svolta è adesso, la stiamo vi- 7˚ posto in hanno servito la vittoria su un
salto della Parigi-Nizza. piatto d’argento. Prima piaz-
L’Italia della rinascita vendo. Dagli sprint di Viviani e Infine Enrico Battaglin, che ave- volata per il
Guardini, alla crescita di Eros tricolore zando tre uomini nelle fughe
esce dalle acque del lago di Lu- va aperto il 2012 al Laigueglia: più importanti, poi tenendo sot-
gano in una giornata estiva che Capecchi, 25 anni, che il succes- «In volata ero troppo indietro, Giovanni
to tiro gli ultimi tentativi in
apre il cuore. Tre su tre in una so nella tappa bergamasca di ma ho dimostrato di essere Visconti
prossimità del traguardo.
corsa del calendario internazio- San Pellegrino al Giro 2011 ha competitivo. E adesso mi prove- (Movistar) nella
nale, con al via cinque vincitori davvero reso consapevole delle rò in corse come la Tirreno mol- Classica di Non al meglio «Il merito del suc-
di grandi corse a tappe che in sue qualità, e al terzo posto di to più impegnative». Almeria. Vittoria cesso è dei miei splendidi com-
tutta la stagione non si ritrove- Enrico Battaglin, 22 anni, capa- © RIPRODUZIONE RISERVATA dell’australiano pagni di squadra — ha detto
ranno più negli appuntamenti ce nel 2011 di vincere (da stagi- Michael Cav — . Mi hanno sempre pro-
sta!) la Coppa Sabatini e ieri, al ASCOLTA Matthews
che contano: Evans (Tour), Cu-
nego, Basso, Di Luca e Scarponi
(Giro). E forse è un segnale che
Capecchi e Battaglin, due dei
secondo giorno di gara, di con-
fermarsi atleta di classe. Cadel Evans, 35 anni, con il figlioletto Robel SIROTTI
le interviste ai big su
www.gazzetta.it $ (Rabobank),
su Bozic (Slo)
e Kluge (Ger)
tetto, poi mi hanno messo nelle
condizioni ideali per impormi.
E pensare che a un certo punto
ho detto a Sutton (1˚ nel 2011,
migliori giovani del nostro mo- ndr) di prepararsi a giocarsi le
S
vimento, siano accompagnati
sul podio del 66˚ Gran Premio
In Malesia BACCAILLE
sue chance. Non mi sentivo al
meglio, poi nel finale la fiducia
Monia Baccaille è cresciuta e ho ritrovato bril-
di Lugano da Damiano Cune- 2ª nell’ultima
go, il più «vecchio» dei nostri lantezza». Il Cavendish visto ie-
giovani, punto di riferimento Guardini, è bis tappa del Tour
della Nuova
ri — bravo a superare muri co-
me Edelareberg, La Houppe,
della Nazionale e corridore sim-
bolo per la tenacia nel lavoro. A
Colbrelli quarto Zelanda: in gara Kanarieberg, Oude Kware-
con la maglia mont, Côte du Trieu, Tiegem-
una settimana dal trionfo di Mo- Al Tour de Langkawi, 24 azzurra, ha vinto berg, Nokereberg — sembra
reno Moser, 21 anni, a Laigue- ore dopo aver rotto il ghiaccio, la volata del già sulla strada giusta per cen-
glia. Sì, il vento è cambiato. Andrea Guardini ha concesso il gruppo a 1’55" trare il bis alla Sanremo. Anche
bis. Il 21enne della Farnese, dall’atleta di se ha ammesso di essere «anco-
Secco In tre, 77 anni. Primo Ca- che a Parit Sulong ha battuto in casa Linda ra 2-3 chili sovrappeso»
pecchi, con un attacco secco in volata Kreder (Ola), Manan Villumsen. Nicolò Licata
cima alla salitella di Albonago, (Mal) e Sonny Colbrelli (sempre Trionfo per la Arrivo: 1. Mark CAVENDISH (Gb,
5 km dall’arrivo, non lontano leader Zabriskie), ci ha preso statunitense Sky), 195 km in 4h27’30, media 43,73
dalla nuova casa di Nibali a Vi- gusto: con i 5 del 2011, è già a 7 Evelyn Stevens, km/h; 2. Hutarovich (Bie); 3. Van Hum-
ganello, e una discesa in cui la centri nella corsa malese prima italiana mel (Ola); 4. Démare (Fra); 5. Serebr-
scivolata di Scarponi l’ha agevo- FOTO BETTINI Tatiana yakov (Rus); 13. Belletti.
lato per mettere al sicuro quei Guderzo, 16ª. © RIPRODUZIONE RISERVATA
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
34

SCI COPPA DEL MONDO


IL PIEMONTESE
la festa E’ della Val d’Ossola
Max Blardone è nato il 26
novembre 1979. Ieri ha
collezionato il 24˚
Bacio alla neve podio in carriera, 8
anni dopo il primo
e la corsa (Flachau 2004)
per esultare
con il fan club

SUPERMAX
Il nuovo Blardone
oltre ogni limite
Secondo trionfo
Rimonta nel gigante di Crans
e batte l’austriaco Hirscher
sulla neve molle che odiava
DAL NOSTRO INVIATO
lici, troppe volte vedeva om- un’altra vit- capace anche nelle condizioni
bre che non c’erano. Adesso è toria. La sua più avverse.
PIERANGELO MOLINARO
CRANS MONTANA (Svizzera) al quarto podio consecutivo.
Si è tirato fuori dal baratro in
solidità men-
tale si vede
clic La prima Non era affatto facile
E’ il Blardone più grande cui stava precipitando e si è nelle situazioni sulla pista del Vallese sciare al-
di sempre, quello che ha fatto salvato dal peggioramento difficili. Otto IL SEGRETO DI la grande. C’era una neve che
la sintesi di tutto ciò che ha im- della posizione di partenza giorni fa in Bulga- HIRSCHER: «PER ANNI nella prima manche non tene-
parato in tredici stagioni di con la vittoria in Alta Badia, si ria si era trovato HO STUDIATO MAX» va ed era scivolosa come una
Coppa del Mondo. Ieri a Crans è piazzato terzo ad Adelbo- contro al via una bu- saponetta appena cercavi
Montana ha vinto il secondo den, secondo a Bansko e ieri fera di vento e neve Belle parole di un’accelerazione, e nella se-
gigante stagionale, il settimo che avrebbe fiaccato Hirscher su Blardone: conda, dopo le prime parten-
in carriera. Ha probabilmente la volontà di un santo, «Non ho frenato ze, si è trasformata in una pi-
ragione Didier Cuche quando E’ il quarto podio eppure è salito sul po- pensando alla Coppa, sta di cross. Blardone ha con-
dice che il meglio uno sciatore consecutivo, la dio. Ieri a Crans Monta- volevo vincere e Max cluso la prima tornata a due so-
lo raccoglie dopo i 30 anni. na ha sfidato una neve mi ha battuto. Da lui c’è li centesimi da Hirscher, senza
Max ne ha 32, la compagna seconda vittoria che ha sempre odiato e, vo- da imparare la capacità prendere il minimo rischio.
aspetta un bebè, ma davvero dopo quella in Alta lando fra le buche, si è mes- di essere aggressivo. Per Una partenza perfetta conclu-
ha iniziato una seconda carrie- Badia so alle spalle l’ultimo grido anni ho studiato la sua sa in vantaggio al primo inter-
ra dopo le delusioni della scor- del gigante, quel Marcel Hir- tecnica, mi sa che, visto tempo sull’austriaco, perché
sa stagione. scher che sta volando verso la come sta sciando, dovrò Max sapeva che il suo tallone
A 32 anni è rinato vittoria in Coppa del Mondo. riprendere a farlo». d’Achille sarebbe stato il lun-
La maturità Tecnicamente il fi- Ha una continuità Solo un anno fa quella neve L’austriaco non andrà a go falsopiano prima della pic-
nanziere ossolano è sempre marcia sotto gli sci gli avrebbe Kvitfjell per le 3 gare veloci: chiata finale. Voleva scatenar-
stato solido, ma qualcosa si mai vista, malgrado mandato l’adrenalina a mille «Mi riposo due giorni, poi mi si nel finale, ma quando ha ca-
era rotto dentro di lui. Non è un problema alla scaricandolo prima del via. Ie- alleno a Schladming sulla pito che l’ultimo muro era peri-
mai stato un mostro di costan- caviglia ri lo ha gasato, gli ha dato mo- pista delle finali della Coppa». coloso non ha preso rischi. «Mi
za, anche nelle stagioni più fe- do di mostrare a tutti di cosa è sono sentito veloce all’ingres-

IL VINCITORE «HO ANCORA DUE GARE PER BATTERE IL MIO RECORD DI PODI IN UNA STAGIONE»
Tomba. Ora anche a questa.

«Visto? I vecchietti non sono da buttare» «Quella vittoria di Alberto mi


gasò. Questa notte mi ha man-
dato un messaggio all’una e
venti, è proprio pazzo...»
«L’ultima vittoria di Questa di Crans Montana è ho gareggiato solo in discesa e
proprio una pista per vec- superG in Coppa Europa, Non poteva dare una soddisfa-
Tomba qui mi gasò chietti: venerdì Cuche, saba- quando ero un ragazzino. Ma zione più grande ai suoi tifosi
All’1 di notte mi ha to Raich e ora lei.
«Beh, questi vecchietti non so-
in settimana mi sono allenato
a Veysonnaz, qui vicino, sul-
arrivati sin qui.
«Sì, sono contento, ma ho vi-
mandato un sms» no proprio da buttare via... So l’alto versante della valle. Ho sto che pure gli svizzeri tifava-
solo che oggi era dura, che la guardato le previsioni metere- no per me, lo fanno anche ad
neve era molle faceva caldo, ti ologiche e, visto che si parlava Adelboden. Spero di farli an-
CRANS MONTANA stancavi anche rimanendo fer- di gran caldo, mi sono allena- cora felici vincendo di nuovo
mo». to sulla parte alta della pista, e di rimanere sempre simpati-
Appena tagliato il tra- dove la neve era più molle». co». In un angolo del tendone
guardo Max Blardone si è La sentiva questa vittoria? delle conferenze stampa, c’è
sganciato gli sci ed è saltato «E’ un periodo che sto bene, Dopo la vittoria in Badia parla- Simona, la compagna che fra
sul sacconi gonfiabili che limi- che scio bene. Per la caviglia va di Hirscher e Ligety come poco più un mese gli darà un
tano la zona di frenata e si è non mi sono allenato tantissi- irraggiungibili. La pensa anco- figlio. «Abbiamo già deciso co-
lanciato verso i suoi tifosi, ur- mo, ma sono molto concentra- ra così? me chiamarlo, ma lo teniamo
lando. Poi ha preso i bastonci- to, andando sempre alla ricer- «Sono ancora il massimo in gi- segreto», afferma.
ni e, alla Usain Bolt, ha scaglia- Scusi Max, ma questo è il mi- ca del miei limiti. Mi è andata gante. Hirscher vedete come
to una freccia in cielo. La gen-
te è impazzita, e non solo gli
ossolani, anche se Hirscher do-
« Parla al bambino
che nascerà,
forse qui dentro il
glior Blardone di sempre?
«Non lo so se sono più forte.
Anche nella stagione
anche bene, nella seconda
manche ho toccato la neve
due volte con lo scarpone e so-
scia, Ligety ha vinto tre coppe
di specialità e non contano le
ultime due gare un po’ storte.
Simona, ma Blardone quanto
pensa a questo erede?
«Gli parla già, forse qui dentro
veva ancora partire. Chissà se 2006/07 ero salito quattro vol- no rimasto in piedi». Sono campioni veri, forse io il poverino ha già una testa co-
quell’urlo della gente è arriva- poverino ha già te sul podio. Adesso vorrei bat- mi sento meno lontano». sì». Beh, in questo periodo
to sino in partenza... Ma chi una testa così tere il mio record personale. Lei questa pista la conosce- può soltanto raccontargli sto-
l’ha visto si è subito reso conto SIMONA Ho davanti Kraniska Gora per va, sapeva come domarla. Lei qualche anno fa raccontò rie belle ed esaltanti.
di aver assistito a una vera im- LA COMPAGNA DI MAX provarci fra due settimane e «Ci ho sciato da bambino, mi che Crans Montana per lei è pa.m.
presa. poi le finali». sono allenato qualche volta, legata all’ultima vittoria di © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
35

h
Plurivincitori
italiani
in Coppa

ACER: SMARTPHONE E
S
MONITOR PREMIATI CON
so del falsopiano e non ho vo- 50
L’iF PRODUCT DESIGN
luto forzare — spiega —.
Avrei voluto spingere un po’
prima del traguardo, ma quan-
do ho sentito che lo sci scarroc-
Alberto
Tomba (35
slalom, 15
giganti)
Merighetti Lo smartphone Acer
CloudMobile, una del
le punte di diamante del
ciava, ho preferito non accele-
rare per evitare di commettere
errori». Il grande rischio l’ha
preso Hirscher a tre porte dal-
la motociclista la nuova collezione, e
il monitor Lcd Acer
S235 Hl hanno vinto il
prestigioso iF Product
la fine, ma gli è andata bene.

La paura Ma l’azzurro non era


sereno: «Non mi levo gli scar- S
a un soffio Design. Organizzato
dall’International Fo
rum Design of Germa
ny il premio viene as
poni perché ho paura che la ca-
viglia destra, quella distorta il
9 gennaio, che si gonfi». Lo ha
rassicurato il fisioterapista
Gustavo
24

Thoeni (11
giganti, 8
da Wonder Vonn segnato dal 1953 ed è
considerato un indica
tore di eccellenza nel design. Un gruppo di esperti internazio
nali giudica infatti i prodotti secondo diversi criteri come la
Oscar Archetti: «Adesso la trat- slalom, 4 progettazione, la scelta dei materiali, il rispetto per l’ambien
tiamo e vedrai che nella secon- combinate, 1
Dada terza nel superG di Bansko dietro te e la funzionalità. Acer CloudMobile è il primo smartpho
da filerà tutto liscio». Si posso-
no avere anche le caviglie dolo-
parallelo) a Lindsey e Weirather. «Forte a 30 anni ne dotato della tecnologia AcerCloud che consente di avere
sempre a disposizione, in maniera sicura, i propri contenuti
ranti, ma quando la testa è a I tecnici dicono che scendo in moto» salvati sul pc connesso al Cloud. Con questo modello è pos
posto non si deve temere nien- sibile condividere le foto, ascoltare, anche quando si è in
te e nessuno. te media della pista (compreso viaggio, la playlist disponibile sul computer e migliorare la
MARISA POLI un erroraccio nella curva a de- produttività grazie a una pratica gestione dei documenti.
Il trionfo La seconda manche stra che ha visto sbagliare anche Acer CloudMobile è ultrasottile e vanta linee morbide con
per i migliori della prima era Vince sempre Lindsey la Merighetti). bordi arrotondati. I particolari in acciaio, il logo Dolby, il
davvero terribile. Ad ogni pas- S Vonn, ma questa si conferma an- soft touch dei tasti volume e del retro della scocca e il di
splay ad alta riosoluzione da 4,3” trasmettono uno stile par
saggio la buca su ogni porta au- 13 che la stagione di Daniela Meri- SuperDada Scesa con il pettora-
mentava. La grande occasione Kristian ghetti. A Bansko, dopo il succes- le numero 2, Dada Merighetti ha ticolare e la sensazione di grande qualità. Acer CloudMobile
la perdevano prima Moelgg e Ghedina (12 so in discesa a Cortina, la 30en- capito subito di aver concluso arriverà sui mercati nel terzo trimestre dell’anno.
poi Borsotti, partiti con una pi- ne bresciana si è presa il lusso di una buona prova in un superG Con un look
discese, 1
sta decente. Si sperava in Si- superare l’antipatia per il su- parente stretto di un gigante. moderno e mi
superG)
moncelli, quinto dopo la pri- perG e di raccogliere il primo po- «Con la pista liscia e non segnata nimalista il mo
ma discesa, ma Davide rovina- dio in questa specialità: terza a è stato tutto più facile, ma era to- nitor Lcd Acer
va tutto prendendo un grande 7 centesimi dalla fuoriclasse sta, bisognava lavorare da cima S235 Hl sfog

NUMERO
4 rischio a 4 porte dal traguar-
do. Pure Svindal, terzo dopo
la prima, si trovava gambe al-
l’aria. In testa si trovava l’au-
Vonn e a soli 2 da Tina Weira-
ther, sempre più rampante.

SuperLindsey Sulla pista Marc


a fondo, senza sosta, con curvo-
ni da gigante. Finire a 7 centesi-
mi dalla Vonn è bellissimo. Sono
stata brava a rischiare al massi-
gia un profilo di
soli 2,5 centi
metri di spesso
re. È caratteriz
zato da un de
striaco Reichelt. Si potevano S Girardelli la statunitense ha infi- mo senza sbagliare troppo, alla
sign asimmetri

5
anche fare due calcoli, scende- 12 lato un altro record: 18 vittorie fine ho commesso soltanto un
co, finitura nera
re senza rischi per salire sul po- Piero Gros in superG, superata anche la Go- piccolo errore in una curva verso lucida, base con
dio, ma a questo Blardone inte- (7 giganti, 5 etschl (a quota 17). Cinquantu- destra su una pista che girava elementi metallizzati e pulsanti a led di colore blu. Le porte
Soli ressa solo la vittoria. Il succes- slalom) no trionfi in Coppa del mondo, tanto. Sono felice per il podio, per i collegamenti sono posizionate sul retro della base per
vincitori so l’ha costruito nei primi 30 10 in questa stagione in cui si è ho dimostrato a me stessa che non intaccare la pulizia delle linee. L’Acer S235 Hl ha una
quest’anno nelle secondi, quando ha sciato con già assicurata le coppette di posso fare bene anche in su- risoluzione Full Hd, un contrasto superiore a 100 milioni:1
specialità una precisione incredibile, ha combinata e discesa. Per la ter- perG. E’ bello arrivare a 30 anni ed è dotato dell’innovativa tecnologia a led senza mercurio
tecniche: perso qualcosa sul falsopiano za dovrà attendere le finali di ed essere così competitiva, è l’in- che consente un risparmio energetico fino al 68 per cento.
Hirscher (5 e si è scatenato sul muro finale Schladming, ma in classifica ha segnamento migliore per anda-
slalom + 3 su cui è entrato con una scelta 94 punti di vantaggio sulla Fen- re avanti. Gli allenatori mi dico-
giganti),
Kostelic (3
di linea perfetta nonostante la
porta fosse cieca. Sapeva al tra-
ninger. Come dire: anche que-
sta è sua. E per strapparle il glo-
no che sembra che scenda in mo-
to, vuol dire che ho un mio stile,
TRENDY E HI-TECH
slalom)
Blardone e
guardo di aver vinto, Hirscher
deve ancora mangiarne di mi-
S
11
bo di cristallo — a 8 gare dal ter-
mine ha 528 punti di vantaggio
ECCO I NUOVI NETBOOK
Ligety (2 giganti)
Deville (1
chette per sciare a questo livel-
lo in tali condizioni. Un giorno
Giorgio
Rocca
sulla seconda in classifica, la slo-
vena Tina Maze — ci vorrebbe
L’azzurra: «Posso
fare bene anche
PACKARD BELL DOT S
slalom). magico, suggellato da quei 11 slalom più di un miracolo. Impressio- Il nuovo Packard
Non accadeva 16/100 che l’hanno diviso dal nante, ieri, il modo in cui negli in superG» Bell dot s è un net
dal 78/80 (a.a.) giovane campione. Ci sono an- ultimi 20 secondi di gara ha re- Elena Curtoni 12a, book da 10,1 pollici
cora due giganti, godiamoceli. cuperato il ritardo accumulato Schnarf 14a ideale compagno di
© RIPRODUZIONE RISERVATA dopo aver pasticciato nella par- viaggio grazie al pe
so leggero, allo spes
che mi ha riportata sul podio». sore estremamente
ridotto e all’autono
la guida Qualificate Nelle 15 altre due az- mia di otto ore. Con
S zurre, Irene Curtoni (12ª) e la porta Hdmi è pos
Hirscher in testa alla Coppa 7 Johanna Schnarf (14ª). Cadura sibile connettersi a
un display esterno e con i processori IntelAtom di terza gene
Uomini a Kvitfjell (velocità) Max senza conseguenze per la Marsa-
glia, mentre Elena Fanchini ha razione a basso voltaggio anche i video in alta risoluzione so
Blardone
donne a Ofterschwang 7 giganti saltato una porta. Per le veloci- no decodificati in maniera impeccabile. Il tutto con una mi
ste ora una lunga pausa, prossi- gliore gestione dei consumi. Semplice e raffinato dot s offre
GIGANTE UOMINI a Crans Montana (Svi): 1. Blardone mo appuntamento le finali di un design compatto e una nuova scelta di colori e texture.
2’33"77; 2. Hirscher (Aut) a 16/100; 3. Reichelt (Aut) a Coppa a Schladming (14-17 Spesso appena un pollice (2,54 centimetri), pesa meno di un
82/100; 4. Grange (Fra) a 96/100; 5. Defago (Svi) a 99/100; chilogrammo anche il caricabatterie in dotazione è ultraleg
6. Schoerghofer (Aut) a 1"03; 7. Mathis (Aut) a 1"09; 8. marzo). Le azzurre qualifica-
te per il superG sono Meri- gero ed è più piccolo di una comune rivista. Dot s è dispo
Dopfer (Ger) a 1"20; 9. Ligety (Usa) a 1"29; 10. Sandell (Fin) a
1"35; 11. Pinturault (Fra) a 1"38; 12. Karlsen (Nor) a 1"41; 13. ghetti, E.Curtoni e Sch- nibile nelle varianti galaxy white e river black e la sua cover
Richard (Fra) a 1"44; 14. Missillier (Fra) a 1"51; 15. Cuche narf, per la discesa Me- evoca l’acqua e le gocce di pioggia viste attraverso una fine
(Svi) a 1"52; 17. Raich (Aut) a 1"55; 20. Borsotti a 1"84; 23. righetti, E. Fanchini, stra. L’eleganza del nuovo dot s è esaltata dall’attenzione per
Moelgg 2"31; 25. Simoncelli 2"32. Rit. I manche: Innerhofer, i minimi dettagli: l’appoggiapolsi richiama il motivo della co
De Aliprandini, Eisath. Non qual. II manche: Casse, Marsa-
Schnarf e Recchia.
© RIPRODUZIONE
ver mentre la parte superiore della tastiera è coordinata con il
glia, Ploner. Rit. II manche: Svindal (Nor).
colore della scocca esterna. La tastiera di grandi dimensioni
Coppa del Mondo (35): 1. Hirscher (Aut) 1135; 2. Kostelic RISERVATA
(Cro) 1043; 3. Feuz (Svi) 1040. rende la digitazione comoda e veloce, i tasti configurabili
Coppa gigante (7): 1. Hirscher (Aut) 545; 2. Ligety (Usa) danno accesso immediato a diverse funzioni e il touchpad
413; 3. Blardone 358. supporta la multigesture. La webcam integrata avvicina vir
SUPERG DONNE a Bansko (Bul): 1. Vonn (Usa) 1’15"66; 2. tualmente ad amici e familiari e per pubblicare sui social net
Weirather (Lie) a 5/100; 3. MERIGHETTI a 7/100; 4. Maze work è possibile sfruttare le connessioni Bluetooth 4.02 o Wi
(Slo) a 33/100; 5. Schild (Svi) a 38/100; 6. M. Riesch (Aut) a
60/100; 7. Gut (Svi) a 63/100; 8. Mancuso (Usa) a 65/100; 9.
Fi mentre l’applicazione Packard Bell Social Networks per
Hosp (Aut) a 89/100; 10. Fenninger (Aut) a 93/100; 11. mette di controllare gli aggiornamenti su Facebook, Flickr,
Aufdenblatten (Svi) a 1"17; 12. E. CURTONI a 1"19; 13. Lin- Twitter e YouTube con un pulsante dedicato. Il nuovo dot s è
dell-Vikarby (Sve) a 1"27; 14. SCHNARF a 1"39; 15. Hronek pronto per essere connesso ai televisori Hd e la webcam da
(Ger) a 1"52; 22. STUFFER a 2"19; 31. Borsotti a 3"62; 35. S 0,3 Mp permette di scattare foto e videochiamare dovunque.
Recchia a 3"98. Rit. Marsaglia, E. Fanchini. Daniela È inoltre possibile trasferire immagini dalla fotocamera digi
Coppa del Mondo (28 prove): 1. Vonn (Usa) 1602; 2. Maze Merighetti, 30 tale al disco fisso da 320 Gb, modificarle con la versione
(Slo) 1074; 3. Riesch (Ger) 1046; 13. Merighetti 407. anni, tre podi in
Coppa superG (6): 1. Vonn (Usa) 413; 2. Fenninger (Aut) completa di Adobe Photoshop Elements 9 e pubblicarle in po
carriera: 1 vittoria chi passaggi. Packard Bell dot s sarà disponibile da marzo.
319; 3. Mancuso (Usa) 301.
Prossime tappe. Uomini: 2-4 marzo a Kvitfjell (Nor) due in discesa, 2˚
superG e una discesa. Donne: 2-4 marzo a Ofterschwang posto in gigante e
(Ger) due giganti e uno slalom. 3˚ in superG a cura di RCS MediaGroup Pubblicità
LA GAZZETTA DELLO SPORT LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012
36

BASKET SERIE A, 7A GIORNATA DI RITORNO


gara in dieci giorni e accusa la
l’Analisi
di LUCA CHIABOTTI
Roma è risorta stanchezza. Difende sempre du-
ro, elimina dal gioco all’inizio
Tucker e Datome, ma in attacco
la lucidità non è delle migliori.

Datome firma
Voce Pianigiani è costretto ad
alzare spesso la voce e lanciare
Romani da pure in un’occasione la lava-
gnetta degli schemi sotto la pan-
playoff, Mps china. Roma dà fastidio sotto

il k.o. di Siena
(Varnado intimorisce con le
calcolatrice stoppate ma in attacco è grezzo
e sbaglia pure uno schiaccio-
Marco Calvani dice che Roma ne), il tecnico della Nazionale
è una squadra forte e di si trova a dare più minuti del
qualità. Finalmente uno che preventivato ad Andersen. E co-
non si nasconde, anche se
ha rilevato la panchina a 4
Due liberi dell’azzurro, poi l’errore di Rakocevic sì tiene botta, pur con due anti-
sportivi sul groppone a Zisis e
Moss, nel secondo quarto, ap-
punti dalla zona
retrocessione. L’Acea ha un Calvani: «Siamo una squadra forte e di qualità» parsi generosi. «In una gara
punto a punto possono avere il
organico da playoff. Ma,
anche dopo tre vittorie di in un Palatiziano (quasi) pie- loro peso, ma se ci attacchiamo
fila, l’emergenza non è finita. ROMA 77 MARIO CANFORA no: sempre punto a punto, Ro- a queste cose non la finiamo
E’ di fronte a tre trasferte ROMA più — dirà il coach dei tricolori
SIENA 76 ma e Siena non hanno mai dato
nelle prossime 4 gare: a —, anzi dopo abbiamo pure rea-
l’impressione di avere qualcosa
Cremona e Caserta (oltre che gito bene. Abbiamo perso per
(22-25, 43-44; 59-61) «Bravo coach», urla un più dell’altra. E infatti i massi-
in casa con Sassari) dovrà dei dettagli, ai ragazzi ho poco
ACEA ROMA: Gordic 11 (4/6, 1/3), Tucker 14 sorridente Claudio Toti mentre mi vantaggi sono stati di 6 pun- da dire. E ora sotto con un altro
dimostrare di aver raggiunto (2/4, 3/6), Datome 8 (2/5, 0/1), Varnado 5 passa davanti all’uscita della sa- ti per i tricolori (19-25 al 9’) e
un rendimento pari alle (1/6), Slokar 8 (4/6); Kakiouzis 8 (2/6, 1/4),
trittico di gare super: giovedì
la stampa. Marco Calvani resta di 4 (13-9) per l’Acea. Sulla car- con Madrid in Eurolega, dome-
aspettative, un vero esame Maestranzi 6 (1/2), Djedovic 14 (2/3, 2/2), di sasso, neppure fa caso al bli- ta, logicamente non dovrebbe
playoff. Siena, per la prima Mordente 3 (1/2 da 3). N.e.: Marchetti, To- nica con Milano in casa e quin-
nolli, Pullazi. All.: Calvani.
tz. Ma è chiaro che dopo il suc- esserci partita. Però la Mps di a Varese dopo tre giorni».
volta nell’era Pianigiani, ha cesso ai danni di Siena, il tecni- (senza Lavrinovic) è alla quinta
perso sei partite nella MONTEPASCHI SIENA: McCalebb 15 (3/6,
stagione regolare. Senza 2/4), Moss 14 (2/3, 2/3), Thornton 8 (1/2,
co dell’Acea diventa il principa- Triple I dettagli sono essenzial-
togliere nulla agli avversari 2/4), Stonerook 6 (0/2, 2/3), Michelori (0/2); le protagonista della rimonta mente tre, a partire dai 7 punti
che l’hanno battuta, questa Lechthaler, Aradori 3 (1/2), Andersen 15 romana verso i playoff. Un me- BIGLIETTI ONLINE di fila di Moss che lanciano Sie-
Mps sembra più calcolatrice (6/16, 1/1), Zisis (0/1), Rakocevic 9 (2/5, se fa, si parlava di zona retroces- na sul 68-73 a -3’17". Le due tri-
di quella che, per anni, ha
1/3), Carraretto (0/2 da 3), Ress 6 (3/6,
0/1). All.: Pianigiani.
sione, con Lardo esonerato. Og- Votate le stelle ple subite da Djedovic e Gordic
gi, dopo tre vittorie di fila, il bic-
sempre tirato al massimo, ARBITRI: Lamonica, Pozzana, Caiazza. chiere è mezzo pieno. per l’All Star (decisivi nell’ultimo quarto, al
pari di Tucker, 6 assist) che por-
anche con vantaggi ciclopici
sulle seconde. Forse oggi non NOTE - T.l.: Rom 17/21, Sie 10/13. Rimb.: italiano di Pesaro tano Roma avanti 75-73 a
Rom 37 (Tucker 7), Sie 33 (Stonerook, Fiducia «Il primo pensiero va al
può più permetterselo. Ma Moss 6). Ass.: Rom 12 (Tucker 6), Sie 14
-1’46". Secondo dettaglio: a 32"
Lavrinovic, fuori anche a (McCalebb, Stonerook 3). Progr.: 5’ 9-6,
presidente e al g.m. Riva che mi Fino a mercoledì 29 dalla sirena McCalebb fa 1/2
Roma per turnover 15’ 32-35, 25’ 47-49, 35' 64-66. F. antis.: hanno dato fiducia e serenità: potete votare sul sito dalla lunetta (75-76), dall’altra
precauzionale, ha giocato Zisis 10’38" (24-25), 14’26" (31-33). Usc. 5 alleno una squadra forte, di www.allstargameitalia.it il parte Datome a 24" mette il 2/2
solo 7 partite in campionato f.: Stonerook 36’17" (66-70). Spet.: 3325. qualità, che si è presa lo sfizio quintetto delle stelle per l’All (77-76). L’ultima azione è dei
(bilancio 6-1 più 2-0 in coppa di battere Siena. Ettore Messi- Star Game dell’11 marzo a campioni, ma Rakocevic a 2"
Italia): un conto è non averlo, na me lo ha sempre detto: biso- Pesaro. I biglietti per la sfida sbaglia l’entrata vincente. Ed è
un altro preferire non farlo gna aspettare l’occasione giu- sono già in vendita online su il dettaglio che manda k.o. Sie-
giocare. L’Italia può sta. Da domani, però, pensia- www.ticketone.it na.
aspettare, l’Europa no. mo a Cremona». Bella partita, © RIPRODUZIONE RISERVATA

SUPERATA TREVISO MA S’INFORTUNA BRUNNER CASERTA PERDE VIOLATO IL PALAMAGGIO’


CANTÙ - «Per la prima volta in questa sta- CASERTA - Successo in salita per la Cim-

Cantù torna a vincere gione siamo riusciti a trasportare il ba-


gaglio di esperienza dal giovedì alla do-
menica, a non farci prendere dall’ansia
Kangur lancia Varese berio Varese che viola il Palamaggiò recu-
perando la buona partenza della Otto grif-
fata dalle triple di Bell, 10-2 al 5'. Replica

pure la domenica nell’unico momento in cui siamo stati sot-


to, a disputare una gara non bella esteti-
camente ma di grande solidità». Trinchie-
Bell 31, ma non basta Diawara, sul quale Sacripanti manda pri-
ma Doornekamp, poi Maresca e Righetti
19-11 al 7', ma è Fajardo che trova il tem-
ri a fine gara fotografa alla perfezione una
gara importante per una Bennet reduce po per discutere pure con l'arbitro Ca-
CANTÙ 79 CASERTA 87 purro, a farsi valere sottocanestro e riav-
da 2 sconfitte consecutive in campiona-
TREVISO 67 to, priva di Basile e che ha perso Brun- VARESE 91 vicina la Cimberio 23-18 al 12'. Difese ser-
ner (gomito) nel finale, ma che ha potuto rate, i tecnici ruotano tutti gli uomini di-
(22-14, 41-35; 58-48) contare sul grandissimo impatto di Leu- (23-16, 47-39; 63-60) sponibili, ma Caserta da tre ha la mano
BENNET CANTÙ: Micov 6 (1/1), Leu- nen (27 val.) e di Shermadini (6 falli subiti). OTTO CASERTA: Bell 31 (6/9, 5/9), Col- felice (7/16, contro il 4/15 di Varese ) e
nen 20 (5/6, 2/5), Mazzarino 12 (1/1, Con Mazzarino leader oscuro in cam- lins 12 (0/3, 3/8), Smith 17 (4/8, 2/3), tiene il vantaggio 47-39 al 20'. Nel terzo
2/7), Cinciarini 1, Shermadini 14 (3/6); po (3 recuperi), determinante in difesa su Doornekamp 2 (1/1), Fletcher 2 (1/2, quarto l'attacco di casa si inceppa, solo
Markoishvili 16 (4/8, 2/4), Perkins 4 (0/1), Thomas e Viggiano e nel dettare i ritmi 0/2); Stipanovic 8 (4/7), Maresca 5 (1/2, Bell riesce a segnare (12 punti), Varese
Marconato 4 (1/2), Brunner 2 (1/2). N.e.: con Perkins (5 falli subiti) i padroni di casa 1/1), Righetti 10 (2/6 da 3), Marzaioli, Cefa- cresce e recupera fino al 55-55 segnato
Abass, Diviach, Bolzonella. All.: Trinchie- si aggiudicano una gara dominata dal ner- relli. N.e.: Di Monaco, Marini. All. Sacri-
ri. al 26' da Kangur. Nel finale Stipanovic
vosismo in parecchi frangenti (due tecni- panti.
BENETTON TREVISO: De Nicolao (0/1, rimette la Otto davanti 63-60. Si prose-
ci, sospensione per 5’ per abbandono CIMBERIO VARESE: Stipcevic 11
0/1), Goree 22 (4/7, 4/4), Thomas 11 del campo da parte degli arbitri con con- gue con allunghi e recuperi, ma dal 72-69
(3/4, 1/3), Diawara 7 (1/1, 1/3), Garri al 34' la Otto subisce dieci punti 72-79 al
(1/3, 3/6), Viggiano 13 (5/6, 1/4), Cucca- seguente allontanamento di uno spettato- (0/2), Kangur 23 (4/6, 4/7), Weeden 4 36' con Talts come protagonista. Da tre
rolo 4 (1/4); Ortner 5 (2/6), Mekel, Beciro- re). Gestita bene dalla formazione di casa (2/3, 0/2); Fajardo 12 (4/5, 1/2), Rannikko
vic 6 (0/5, 0/1), Bulleri 6 (3/3, 0/2), Moldo- che, sempre avanti tranne che sul 44-45 la Cimberio è precisa (5/7) e chiude il ma-
16 (3/4, 2/4), Talts 6 (3/4, 0/1), Demartini 1,
veanu (0/2, 0/1). N.e.: Cecchinato, Rosset- al 25', ha subito messo le mani sulla gara tch con 12 punti e due triple importanti di
Reati 2 (1/2), Ganeto 9 (1/2, 2/4). N.e.: Ber-
to. All.: Djordjevic. (17-6) verso fine 1o quarto. E' il momento Kangur nell’ultimo quarto (nel quale Sti-
toglio. All. Recalcati.
ARBITRI: Facchini, Lo Guzzo, Aronne. che deciderà la gara perché Djordjevic, pcevic distribuisce 5 dei suoi 8 assist)
NOTE - T.l.: Can 29/36, Tre 11/12. Rimb.: costretto a girare quasi tutti gli uomini per ARBITRI: Paternicò, Pinto e Capurro
mentre Caserta protesta per l'ultima dife-
Can 35 (Leunen 6), Tre 26 (Becirovic 7). cambiare una situazione «senza ener- NOTE - T.l.: Cas 14/16, Var 14/21. Rimb.: sa di Fajardo su Righetti. «Siamo calati
Ass: Can 17 (Shermadini 6), Tre 15 (Bulleri gia», non troverà mai il quintetto giusto. Cas 24 (Smith 8), Var 37 (Fajardo 7). Ass.:
in difesa—commenta Sacripanti — loro
6). Progr: 5’ 11-2, 15’ 29-26, 25’ 45-45, 35’ «Deluso dal non impatto di qualche Cas 14 (Collins 6), Var 14 (Stipcevic 8).
sono stati molto precisi al tiro nel finale».
68-61. Usc. 5f.: Bulleri 35’50" (68-61). mio giocatore» dirà poi il coach. La Be- Progr.: 5' 14-7, 15' 30-24, 25' 55-51, 35'
F.tecn.: Djordjevic 28’05” (49-45), Sher- 72-72. Usc. 5 f.: Ranniko 36'53" (72-79), «Contento per la vittoria — dice Recalca-
netton ha potuto contare solo sulla fisici-
madini 34’11" (64-53). Infortunio a Brun- tà di Goree, qualche giocata estempora- Weeden 38'42" (80-85) Tec. Kangur ti — inizio nervoso, poi buon recupero, be-
ner 35’50” (68-61). Spett. 3662 per nea di Thomas e sull’esperienza di Bulleri. (35-25) 16'04". Spett. 3872 per 22.970 ne al rimbalzo e meno nelle palle perse».
39.000 euro. Marty Leunen, 26 anni CIAMILLO Pietro Terraneo euro. Kristjan Kangur, 29 anni CIAMILLO Lucio Bernardo

NBA ALL STAR: LA GARA DELLE SCHIACCIATE E QUELLA DEI TRE PUNTI, VINTA DA LOVE triple, questo dimostra la mia
versatilità e con il lavoro si può
sempre migliorare».
Evans trionfa anche senza benda Erede Prima dell’inizio, il prota-
gonista era stato David Stern
DAL NOSTRO INVIATO
gere il vincitore via sms. Un al- (stanza gremita persino più di
MASSIMO LOPES PEGNA tro Jeremy (come Lin), un no- Lin), che ha raccomandato il
ORLANDO (FLORIDA, USA) me che pare avere effetti bene- suo erede («Se la decisione fos-
fici su chi gioca a basket. se mia, direi Adam Silver»), ma
C’è Chase Budinger (Roc- senza specificare quando lasce-
kets) che schiaccia con una Triple Nella gara da 3 è molto rà: «Sicuramente non ci sarò
benda sugli occhi, come fece bello il gesto di Anthony Mor- per l’eventuale riapertura del-
Cedric Ceballos 20 anni fa, nel- row (Nets), che partecipa in- l’attuale accordo fra 6 anni».
l’All Star Game rimasto famo- dossando la maglia di Drazen Stern ha detto che la Nba sta
so per la partecipazione di Ma- Petrovic. Ma il vincitore è un cercando di mantenere le fran-
gic Johnson, ormai già sieropo- outsider, Kevin Love (Timbe- chigie a Sacramento («La trat-
sitivo. Ma il colpo a effetto del- rwolves), che sta avendo una tativa ha una deadline, il 1˚
lo «Slam Dunk Contest», il piat- stagione fantastica e batte in fi- marzo») e New Orleans («Stia-
to forte del sabato sera, è l’acro- nale Kevin Durant: gli basta mo trattando con un gruppo e
bazia di Jeremy Evans (Jazz) uno scarno 17, che paradossal- ce n’è un altro in attesa»), per
che sbatte nel canestro in rapi- mente non gli avrebbe fatto su- cui la Nba sicuramente non si
da sequenza due palloni servi- perare il 1O turno. Il leader nel- espanderà oltre le 30 squadre
tigli dal compagno Gordon le «doppie doppie» si toglie in Nord America. E in Europa o
Hayward. Ottiene un gran suc- una soddisfazione: «Quando in Cina? «Dovrete parlarne con
cesso fra il pubblico a casa chia- sono arrivato nella Nba mi era Silver nei prossimi 10 anni».
Jeremy Evans, 24 anni, 2.06, degli Utah Jazz REUTERS mato per la prima volta a eleg- stato detto di lasciar perdere le Chase Budinger, 23, di Houston schiaccia bendato EPA © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2012 LA GAZZETTA DELLO SPORT
37

RISULTATI
SASSARI-AVELLINO
ROMA-SIENA
BOLOGNA-TERAMO
CANTÙ-TREVISO
87-73
77-76
86-71
79-67
Il solito Rocca MILANO
CASALE
83
60

sveglia Milano
(15-21, 29-39; 56-48)
CASERTA-VARESE 87-91 EMPORIO ARMANI MILANO: Cook 9 (1/4,
BIELLA-CREMONA 73-62 1/2), Hairston 9 (4/9), A. Gentile 3 (1/1, 0/2),
MILANO-CASALE MONFERRATO 83-60 Fotsis 9 (3/5, 1/1), Bourousis 6 (3/3, 0/1); Gia-
chetti 2 (1/2, 0/2), Mancinelli 12 (6/7, 0/1),
VENEZIA-PESARO 87-61

Casale prende
Rocca 9 (3/5), Filloy 3 (1/2 da 3), Melli 2
Riposa: MONTEGRANARO (0/1, 0/1), Bremer 11 (1/1, 3/5), Radosevic
8 (4/4). All.: Scariolo.
CLASSIFICA NOVIPIÙ CASALE MONFERRATO: Shakur
19 (7/12, 0/4), Minard 11 (3/8, 1/2), Temple 6

un 16-1 e crolla
SQUADRE PT G V P (0/3, 2/4), Hukic 6 (2/2, 0/2), Chiotti 7 (3/7);
SIENA 30 21 15 6 Malaventura 3 (0/3, 1/3), S. Gentile 4 (1/1,
SASSARI 26 21 13 8 0/3), Martinoni (0/1 da 3), Stevic 4 (1/2),
MILANO 26 21 13 8 Ferrero. N.e.: Pierich. All.: Valentini.
BOLOGNA 26 21 13 8 ARBITRI: Cerebuch, Filippini, Vicino.
NOTE - T.l.: Mil 11/20, Cas 14/21. Rimb.: Mil
VENEZIA 24 19 12 7
CANTÙ
PESARO
24
22
20
19
12
11
8
8
Nella ripresa Mason gira il 38 (Radosevic 7), Cas 26 (Chiotti 8).
Ass.: Mil 19 (Cook, Bremer 7), Cas 7 (tre
con 2). Progr.: 5’ 6-16, 15’ 19-28, 25’
AVELLINO
VARESE
22
22
20
21
11
11
9
10
match. Scariolo: «Un nuovo 43-40, 35’ 68-51. Antisp.: Cook 7’59"
(10-18), Temple 27’13" (50-45). Usc. 5 f.:
Temple 34’29" (68-51), Minard con tecni-
BIELLA
ROMA
20
20
21
21
10
10
11
11 innesto dopo l’All Star Game» Stefano Mancinelli, 28 anni LAPRESSE
co 36’22" (71-55). Spett.: 3600 per
29.000 euro.
CASERTA 18 20 9 11
TREVISO 16 20 8 12 dice il tecnico di Milano — ha mo accusato la fatica di giove-
TERAMO 14 20 7 13 PAOLO BARTEZZAGHI fatto un’ottima partita giovedì dì», dice Scariolo riferendosi al-
MONTEGRANARO 14 19 7 12 MILANO DONNE 7A DI RITORNO
contro il Panathinaikos. Dipen- la prima parte.
CREMONA
CASALE MONFERRATO
12
10
21
21
6
5
15
16
de dall’avversario». Milano fini- Pool Comense
Mason Rocca entra in sce il 3o quarto con 4/5 da 3, 7 Mercato E sulla sostituzione di
Le prime 8 ai playoff, L’ultima in Lega 2 quintetto dopo 20’ di panchina assist, costringe Casale a 7 pal- Nicholas: «Non opereremo fi- a valanga: +37
e cambia partita, Milano e Casa- le perse e a tirare malissimo: no alla pausa per l’All Star Ga- contro Sesto
PROSSIMO TURNO le. L’Olimpia era sotto di 10 dopo l’intervallo 4/16 da 2 e me dell’11 marzo. Non abbia-
Domenica 4 marzo, ore 18.15 punti, nel gioco e nell’energia. 1/10 da 3. Il +23 finale è re- mo fretta. Vogliamo capire be- 7a giornata: Famila
L’italoamericano, con la difesa cord stagionale casalingo per ne di che giocatore abbiamo bi- Schio Lavezzini Parma 61 56
TERAMO VENEZIA (sabato, 16.10) e l’abilità di aprire il campo in Milano che supera il +16 con sogno, visto che il livello di chi- (8/2), Roberta Faenza Le Mura
CREMONA ROMA
BIELLA MONTEGRANARO
attacco, l’ha guidata a un par- Montegranaro. mica di squadra ora è eccellen- Lucca 74 62 (Eric 28), Cus
AVELLINO CANTÙ ziale di 16-1 e a raggiungere 8 te. È anche l’ultimo uomo che Cagliari Liomatic Umbertide
VARESE BOLOGNA punti di vantaggio al termine Soddisfazione «Sono molto sod- possiamo inserire quindi dob- 74 82 d. 2ts (Ohlde 15),
PESARO CASERTA di un 3o quarto eccellente. «Nel- disfatto dei primi 2 quarti — di- biamo pensarci bene. Voglia- Alcamo Erg Priolo 59 57
TREVISO CASALE MONFERRATO l’intervallo — dice Scariolo — ce Andrea Valentini, coach di mo ampliare i minutaggi per va- (Cirov 16), Taranto Gma
SIENA MILANO (20.30) abbiamo scelto di abbassarci e Casale — Rocca ha portato lutare i giocatori anche in vista Pozzuoli 83 60 (Ballardini 18),
RIP.: SASSARI dopo siamo stati più aggressivi quell’energia che ha prodotto il della prossima stagione». Infat- Pool Comense Bracco Sesto
e più efficaci contro la difesa break». Nella prima parte, ti hanno rivisto il campo anche S.G. 96 59 (Hicks, Smith 25).
schierata. Con Mason abbiamo Shakur ha segnato 14 punti Giachetti e nel finale Filloy. Ma- Classifica: Taranto*; Schio
S più intensità anche se la spinta con 2 soli errori al tiro, ma lo luccio invece Alessandro Genti- 30; Comense 24; Umbertide*,
Luigi Datome l’ha data Radosevic». Bourou- 0/4 da 3 lo porta a un triste le che ha giocato solo 8’ perden- Lucca 22; Parma 20; Faenza*
Ala, 24 anni, 15 punti di media in sis, invece, non si è alzato più 3/20 nelle ultime 4 partite. do 4 palloni. Come il fratello 16; Sesto S.G,* 14; Pozzuoli 12;
campionato, miglior marcatore italiano dalla panchina. Non è la prima Rocca ha anche fermato Chiot- maggiore Stefano che gli ha pu- Priolo 10; Cagliari, Alcamo 6.
della serie A, quarta stagione a Roma volta, anzi. «Ioannis funziona ti che dopo l’intervallo ha se- re fatto fallo a fine 2o quarto. * una gara in meno
CIAMILLO CASTORIA bene contro centri più fisici — gnato solo un punto. «Abbia- © RIPRODUZIONE RISERVATA

DOPO 3 K.O. CONSECUTIVI PIEGATA TERAMO NELLA RIPRESA CREMONA REGGE UN TEMPO DOPO IL K.O. DI COPPA UMANA DILAGA, BRAVO MAGRO

Bologna si risolleva Soragna e Pullen Venezia, che rivincita


con Douglas Roberts trascinano Biella Pesaro dura un quarto
tra campionato e Coppa Italia. Teramo due (59) non è il massimo delle aspirazio- parti si invertono, non è più la Final Eight
BOLOGNA