Sei sulla pagina 1di 4

Matteo Nobile

20111119

Mercati Weekly 20111119 Risk off ! Pessima settimana per i listini azionari e in generale tutte le classi di rischio. Chi si aspettava che la nomina di Mario Monti potesse finalmente risolvere la questione europea stato smentito rapidamente. Di certo, stata rimossa un po' di incertezza, ma la soluzione dei problemi italiani e di altri paesi europei non si trova con un nuovo primo ministro, sia questo tecnico o politico: ci si dovr rendere conto che il cammino per sdebitarsi sar lungo e pieno di insidie. Non solo: l'Italia, anche se sotto i riflettori, non la sola a dover percorrere questa strada. Ne stata una dimostrazione netta l'emissione di titoli spagnoli per i quali sono stati richiesti rendimenti appena sotto il 7%, un valore considerato da alcuni lo spartiacque tra la possibilit di stare a galla e la necessit di richiedere il salvagente di EFSF, FMI, BCE, Proprio alla BCE sono stati rivolti appelli supplichevoli perch diventi, quanto pi rapidamente possibile, il prestatore di ultima istanza: un parolone per dire stampiamo quanta pi carta possibile e monetiziamo il debito. Richiesta respinta con forza, almeno al momento, dalla Germania, che richiede prima le misure di risanamento e di ristrutturazione.

Equity World Europe USA Emerging Govi USA 2y USA 10y EU 2y EU 10y Risks iTraxx 5y CrossOver 5y Financial 5y VIX Currency EURUSD USDCHF USDJPY GBPUSD EURCHF Comm Commodity Precious Industrial Energy Agri

ultimo settimana 1157.500 -3.98% 80.570 -3.61% 1160.620 -3.82% 934.080 -3.82% ultimo settimana 0.278 0.048 2.010 -0.046 0.468 0.065 1.967 0.079 ultimo settimana 188.542 15.375 759.890 34.015 299.505 29.630 32.000 -0.810 ultimo settimana 1.353 -1.64% 0.917 1.90% 76.910 -0.38% 1.581 -1.61% 1.240 0.17% ultimo settimana 291.300 -2.71% 267.080 -4.17% 155.503 -1.39% 101.886 -3.13% 76.205 -2.72%

mese -3.08% -2.83% -1.82% 1.52% mese 0.012 -0.166 -0.114 -0.046 mese 12.608 25.827 57.084 0.680 mese -1.65% 1.99% 0.12% 0.59% 0.30% mese -0.03% 5.13% 2.44% 1.08% -6.07%

Le difficolt per i mercati finanziari si sono quindi moltiplicate con le preoccupazioni sull'impatto economico della crisi del debito, con Draghi che ha annunciato un aumento dei rischi di recessione e le possibili implicazioni per le banche non solo europee, ma anche statunitensi, con il moltiplicarsi delle statistiche di quale banca pi esposta a quale debito. Il tutto ha portato quindi una correzione piuttosto importante sui mercati azionari mondiali, senza esclusione nemmeno per i paesi emergenti (che continuano ad essere i grandi perdenti dei mercati mondiali con un -17% da inizio anno, contro un -7.2% dell'indice World). La discesa dei mercati azionari stata accompagnata da un aumento del rischio di credito e una discesa delle materie prime, a sottolineare che l'impatto del problema debitorio potrebbe in effetti ripercuotersi sulla crescita economica stessa (e quindi con una minore richiesta di materie prime). In realt per, i tassi di interesse tedeschi (Europa) sono saliti in modo poco intuitivo, rispettivamente, sono scese in modo pi marcato i metalli preziosi (-4.17%) che non i metalli industriali (-1.39%). Insomma, come al solito, un po' di illogicit ci vuole sempre (sarcasmo).

Matteo Nobile

20111119

Considerazioni Dove e come agire Lo scoramento grande. Circolano le notizie sulle richiesta alla BCE di comportarsi come la FED e stampare EUR come se non ci fosse domani. Molti si chiedono se l'azione della FED abbia portato a qualcosa che non sia un aumento del valore degli asset finanziari. Ogni volta che si parla di aumento delle tasse, le repliche sono le stesse: noi paghiamo gi molto, si faccia pagare ai ricchi/gli evasori. Ogni volta che si parla di tagli al sociale, di nuovo si sentono le solite risposte: si inizi a tagliare i privilegi per la casta/i politici/i pochi. Ora si aggiungono le discussioni sulla perdita della democrazia soprattutto legata ai commissariamenti, le imposizioni di piani (generalmente da parte tedesca/francese) e ai governi tecnici. In un mondo dove ci si aspetta la risposta immediata il fatto che ogni azione per cercare di mettere a posto il disastro richieder comunque tra 5 e 10 anni, esce dai nostri schemi mentali. La risposta quindi quello non serve. Lo spread italiano non sceso, il governo tecnico inutile L'economia USA non sta crescendo, il QE inutile Innanzi tutto, con una volatilit sui mercati, azionari, del 30%-40%, sperare di identificare il cambiamento di trend nel giro di una o due sessioni semplicemente inutile. Il 65% dei movimenti giornalieri compreso tra una volatilit al ribasso e una volatilit al rialzo: tra -2.2% e +2.2%. In un mercato normale con 15% di volatilit, questo movimento compreso tra -1% e +1%. In secondo luogo, dire che l'intervento della FED non servito a nulla altrettanto sbagliato. I tassi USA sono tremendamente bassi, nonostante la situazione debitoria USA non sia molto migliore di molti paesi disastrati in Europa. Questo significa che il tasso di riferimento per finanziarsi sia per le famiglie che per le imprese decisamente pi basso di quanto non sia in Italia o Spagna. Addirittura, lo stato si mette a spingere le famiglie a ristrutturare il credito immobiliare su tassi pi bassi. Per finanziarsi a poco pi di 1 anno, Fiat deve pagare 6.6% di interesse. A 4 anni, ENEL deve pagare 5.10%. A confronto, Honeywell (singola A) paga 1.52% a 5 anni... Per quanto riguarda le tasse e i tagli al sociale, ovviamente non fanno piacere e ogni politico o tecnico dice chiaramente che si dovranno fare scelte difficili e ognuno dovr fare dei sacrifici. Se vero che alcuni/molti/tutti i governi devono fare dei passi avanti enormi in termini di efficienza e taglio agli sprechi, anche vero che non pensabile di lavorare 30 anni, andare in pensione a 50 anni, con una speranza di vita di altri 30 anni. O si accetta di mettere da parte poco meno del 50% del proprio salario per la pensione, oppure non ci si sta dentro: matematico. Se a questo si aggiunge il problema demografico (sempre meno lavoratori che sostengono sempre pi pensionati) i numeri sono ancora pi pesanti. Quindi, non piacevole sentirsi dire che si dovr lavorare pi a lungo e si avranno meno benefit, ma probabilmente si deve anche fare conto che in precedenza molti ricevevano in effetti troppo. Per quello che riguarda la democrazia vale un discorso simile: fintanto che era possibile ricevere sovvenzioni di ogni genere per ogni tipo di progetto da parte dell'Europa, nessuno diceva nulla, anzi, tutti europeisti convinti. Ora che l'Europa chiede di rimettersi in riga, ecco che si urla alla perdita di democrazia. Per favore. Mentre per quello che concerne i governi tecnici vale lo stesso estremo di prima: nessuno si preoccupato di ministri assolutamente impreparati prima, spesso pronti a ragionare solo sui luoghi comuni, ora tutti si preoccupano che i governi sono tecnici e non politici. Io penso che se il risultato dei governi politici quello che vediamo oggi in Europa, allora di gran lunga meglio avere un governo tecnico, anche perch le alternative politiche in passato, in situazioni di crisi come quella attuale, sono state il nazionalsocialismo in Germania e il fascismo in Italia. Ben venga un rettore della Bocconi quindi, apolitico anche se con un passato alla Goldman Sachs. (Molti a dare contro a Monti per il suo passato alla GS: l sono nati gli squali dell'economia. Ma sono forse gli stessi che inneggiavano a Berlusconi perch lui si era fatto da solo, ed era diventato ricco, e render ricchi tutti noi ?)

Matteo Nobile

20111119

Funds
ISIN BE0943877671 LU0128490280 LU0106258311 LU0189893018 LU0170994346 LU0340553949 ISIN LU0294221097 IE00B11XZB05 LU0585205940 FR0010320077 LU0404167735 LU0256048223 ISIN LU0202403266 FR0010148981 LU0269635834 LU0417495479 LU0232504117 Name PETERCAM B FUND-BONDS EUR-B PICTET-EUR BONDS-P SCHRODER INTL GL CORP BD-AAC SCHRODER INTL GLB HI YD-A$ PICTET-GLOBAL EMERG DEBT-HP PICTET-EMERG LOCAL CCY-HP Name FRANK TE IN GLB TOT RT-ACH- PIMCO-TOTAL RTN BD-E-HD-ACC BSI MULTIINV-GL DYN BD-A EXANE PLEIADE FUND 5-P BSI FLEX-GLOBAL RETURN EUR-I JB ABSO RET BND PLUS-B Name FAST-EUROPE FUND-A CARMIGNAC INVESTISSEMENT ROBECO EMERGING MKT EQY-D$ FIDELITY-GL REAL ASSET-A $A SCHRODER ALT SOL-CMDTY-A AC$ Date 17.11.2011 17.11.2011 18.11.2011 18.11.2011 17.11.2011 17.11.2011 Price 58.97 396.94 8.73 29.86 200.87 118.78 Price 17.16 17.55 134.34 127.15 116.15 123.62 Price 197.83 8027.51 124.72 12.57 133.27 1 week -1.34 -0.98 -0.46 -0.83 -0.76 -0.74 1 week -1.49 -0.96 0.50 -0.27 0.43 -0.25 1 week -2.30 -1.69 -2.15 -4.92 -1.12 1 month -3.77 -1.24 0.81 1.88 1.53 -1.96 1 month -1.21 0.11 3.05 -0.45 0.05 -0.06 1 month 0.47 0.32 1.31 0.72 -0.06 3 month -6.11 -2.11 -1.24 -1.81 0.78 -6.90 3 month -5.51 -2.45 4.63 0.83 2.80 0.03 3 month 4.10 -1.35 -7.44 -1.49 -5.31 6 month -3.36 -0.76 -0.57 -8.12 3.71 -4.00 6 month -6.08 -1.46 6.00 -0.20 2.27 -1.97 6 month -11.05 -2.66 -17.63 -15.69 -9.04 YTD -3.38 -0.43 2.34 -2.58 7.03 0.12 YTD -1.32 1.21 4.52 -0.50 4.00 0.08 YTD -10.44 -10.80 -19.26 -12.59 -5.60 Vola90 4.68 4.85 10.65 7.57 17.43 Vola90 10.55 3.78 8.36 5.84 3.62 Vola90 27.18 17.57 35.58 12.48

18.11.2011 19.11.2011 17.11.2011 17.11.2011 17.11.2011 17.11.2011

18.11.2011 17.11.2011 17.11.2011 18.11.2011 18.11.2011

Durante la settimana, con il movimento simmetrico dei tassi, degli spread di credito, dei mercati azionari e delle commodities, i segni positivi sono davvero pochi. Petercam continua a subire, evidentemente si posizionato su governativi non tedeschi e sta subendo l'allargamento degli spread governativi stessi. Se per avesse ragione, non appena la situazione si normalizzer, inizier a portare a casa i risultati... se invece ha torto... Leggermente meglio il generalista di Pictet mentre i 2 schroder, su corporate e high yield approfittano probabilmente del carry (piuttosto alto). Nel mondo absolute le cose non vanno molto meglio. Per i global bond, di nuovo il BSI che approfitta del movimento EURUSD con il global dynamic. Bene anche il Flex Global, sempre di BSI che riesce a strappare quasi un ulteriore mezzo punto di performance. Difficile invece portare performance nel mondo azionario, con tutti gli indici e tutti i settori che hanno ceduto terreno sulla settimana. Anche nel mondo delle commodities, con tutte le commodities, nessuna esclusa in negativo, il fondo di Schroder non poteva fare performance positiva. Nel mondo asimmetrico Questa settimana, n Carmignac n Fidelity sono riusciti a completare il miracolo ed entrambi hanno sofferto delle perdite. Le opzioni erano troppo distanti dal prezzo corrente dell'indice per offrire una qualche forma di sostegno. Di conseguenza, anche il Blackswan ha sofferto il ribasso degli indici. Difficile dare un valore pi o meno preciso in quanto gioved sono state rinnovate le protezioni. Anche le obbligazioni convertibili hanno dovuto pagare pegno, vista la discesa dei mercati e l'allargamento degli spread. A gioved sera, le top 25 convertible di exane perdevano circa il 2%. L'indice sui dividendi continua invece a decorrelarsi e ha dimezzato le perdite rispetto all'euro stoxx 50. Continuano ad esserci dubbi sui dividendi che il settore finanziario potr pagare, soprattutto con l'annuncio (o meglio la conferma) che Unicredit non pagher dividendo sul 2011.

Matteo Nobile

20111119

Chart (daily a 3 mesi)

MSCI World

DJ-UBS Commodity Total return

Dollar Index

Inflation

iTraxx HiVol 5y

EUR Yield