Sei sulla pagina 1di 16

I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s.

2010-2011

the design of he Forth Bridge (Scotland) 1883-1890


by Sir John Fowler and Sir Benjamin Baker
“Gli uomini di esperienza sanno bene che una cosa è, ma non sanno il perché; gli uomini d’arte conoscono il perché e la causa.”
Ippocrate

CLASSE 4 A

APPUNTI DAL CORSO DI COSTRUZIONI

PREDIMENSIONAMENTO DI UN FABBRICATO INDUSTRIALE IN ACCIAIO

(ESERCIZI DI RIEPILOGO DEL PROGRAMMA SVOLTO NEL CORSO DEL 1°QUADRIMESTRE)

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


1
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

Esercizio

Dimensionare gli elementi strutturali per il capannone industriale in acciaio in figura sito in provincia di Modena a
600m di quota sul livello del mare. L’edificio è collocato in una zona non urbana con ostacoli diffusi.

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


2
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

ANALISI DEI CARICHI

PERMANENTI
g1 ) peso proprio degli elementi strutturali : 0,40KN/m
g2 ) peso proprio degli elementi non strutturali : 0,20KN/m

N.B. I PESI PROPRI VENGONO IPOTIZZATI SECONDO UNA INCIDENZA MEDIA, DIMENSIONATA LA STRUTTURA OCCORRERA’ VERIFICARE LA
CORRISPONDENZA CON LE IPOTESI ASSUNTE IN PARTENZA

VARIABILI: NEVE

L’edificio si trova in zona tipo : I MEDITERRANEA

Abbiamo un valore caratteristico della neve al suolo di:


2 2
qsk = 1,39* [1+(as/602) ] KN/m (essendo as > di quella di riferimento)
2 2
qsk = 1,39* [1+(600/602) ] = 2,691 KN/m

Il carico neve si ottiene applicando l’espressione [vedi NNTC 3.3.7]


qs = µι qsk CE Ct

essendo µι = 0,8 [vedi NNTC Tab.3.4.II] , CE = Ct = 1.00

Abbiamo per i tre casi: 1) neve senza vento; 2) neve con vento da DX; neve con vento da SX
2
qs = 0,8*2,691 = 2,153 KN/m

VARIABILI: VENTO

L’edificio si trova in zona tipo : II EMILIA ROMAGNA

vbo = 25 m/sec
ao (m)= 750 m
ka = 0,015

Essendo as < ao (m) possiamo impiegare vb = vbo

Il carico vento si ottiene applicando l’espressione [vedi NNTC 3.3.2]


qs = qb Ce Cp C d
2 2
con: qb = 0,5*1,25*25 = 390,625 N/m

Calcoliamo I coefficienti di esposizione e quello di forma:

Per l’edificio si adotta la classe C di rugosità, da cui si ricavano dalle tabelle i parametri per la definizione del
coefficiente di esposizione.
S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -
3
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

La categoria di esposizione del sito è la IV

L’ altezza del fabbricato al livello della gronda è pari a +6,40m e risulta inferiore al valore Zmin tabellato.
Ce(z) = Ce(zmin)
2
Ce(z) = Kr Ct ln (z/zo) [7+ ln (z/zo)]
2
Ce(z) =0,22 ln (8/0,3) [7+ ln (8/0,3)] = 1,634

Calcoliamo il coefficiente di forma. L’edificio può considerarsi del tipo non stagno,

Cp = Cpe ± Cpi

I coefficienti esterni ed interni si devono combinare in modo da avere la combinazione più sfavorevole per la struttura:
A) Cpe = 0,8+0,2 = 1,00 ; B) Cpe = (-0,4)-0,2 = - 0,6 ; C),D) Cpe= - 0,6

Si ottengono i seguenti valori unitari della pressione del vento:

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


4
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

Applicando i carichi unitari alle aree di influenza di ogni nodo della trave reticolare si ottengono i valori dei carichi ai
nodi per il dimensionamento degli elementi strutturali

I nodi terminali hanno un area di influenza di: Ai = 1.00x5.00 = 5mq


I nodi interni hanno una area di influenza di: Ai = 2.00x5.00 = 10mq

Otteniamo:
G1 = 2*0,4 = 0,8KN - (G1= 0.4KN nei nodi terminali)
G2 = 0,2* 10 = 2KN - (G2= 1KN nei nodi terminali)
Qs = 2,153*10 = 21,53 KN – (Qs = 10,76KN nei nodi terminali)
Qw = 0,38*10 = 3,8KN – (Qw = 1,9KN nei nodi terminali)

Risolviamo la struttura reticolare con il metodo di Ritter applicando i seguenti schemi di carico:
carichi :
1) G1+G2 ; 2) Qs ; 3) Qw

Per il dimensionamento degli elementi strutturali dovremo valutare le combinazioni di carico più sfavorevoli
applicando il metodo dei coefficienti parziali:

Assumiamo per G2 gli stessi coefficienti che impieghiamo per G1

γG (G1+G2) + γQ (QS) + ψ γQ (Qw)

γG (G1+G2) + γQ (QW) + ψ γQ (QS)

Con i coefficienti: γG= 1.00; γ G = 1.30; γQ = 0.00; γQ = 1.50; ψw = 0,6; ; ψs = 0,5

Applicati nelle varie combinazioni in modo da ottenere la massima sollecitazione negli elementi.

Per tenere conto di tutte le combinazioni possibili al variare dei coefficienti parziali e dei coefficienti di combinazione
conviene analizzare singolarmente la struttura rispetto ai carichi elementari ed applicare i coefficienti rispetto agli
sforzi assiali che si rilevano nelle aste impegnate nel dimensionamento.

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


5
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

CARICO G1+G2 – considerata la simmetria della struttura e dei carichi si può analizzare metà trave reticolare

Risoluzione con la procedura delle sezioni di Ritter - Correnti inferiore e superiore


6 8-11
∑M = 14.00*(10) -1.4*(10) -2.8*(8) -2.8*(6) -2.8*(4) -2.8*(2) –N *(1.8) = 0
8-11
N = 140-14-2.8*(20)/1.8 = 38.90KN (trazione)
3 8-9
∑M = 14.00*(4)-1.4*(4)-2.8*(2) - N *(1.257) = 0
8-9
N = 56-5.6-5.6 / 1.257 = 35.64KN (trazione)
8 5-6
∑M = 14.00*(6)-1.4*(6)-2.8*(4) – N *(1.435 cos 5°10’) = 0
5-6
N = 84-8.4-11.2 / 1.43 = 45.03KN (compressione)
2 10-9
∑M = 14.00*(2)-1.4*(2)– N *(1.08) = 0
10-9
N = 28-2.8 / 1.08 = 23.3KN (trazione)

Diagonali e montanti
2 1-10
∑M = 14.00*(2)-1.4*(2)– N *(0.98) = 0
1-10
N = 28-2.8 / 0.98 = 25.70 KN (trazione)
1 2-9
∑M = 2.8*(2)-23.33*(0.9)+ N *(1.10) = 0
2-9
N = -5.6+20.997 / 1.10 = 14.00 KN (trazione)
1 2-10
∑M = -23.33*(0.9)+N *(2.00) = 0
2-10
N = 20.997 / 2.00 = 10.50 KN (compressione)

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


6
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

CARICO QS – considerata la simmetria della struttura e dei carichi si può analizzare metà trave reticolare

Risoluzione con la procedura delle sezioni di Ritter - Correnti inferiore e superiore


6 8-11
∑M = 107.65*(10) -10.76*(10) -21.53*(8) -21.53*(6) -21.53*(4) -21.53*(2) –N *(1.8) = 0
8-11
N = 1076.50-107.65-21.53*(20)/1.8 = 299.05KN (trazione)
3 8-9
∑M = 107.65*(4)-10.76*(4)-21.53*(2) - N *(1.257) = 0
8-9
N = 430.6-43.04 -43.02/ 1.257 = 274.09KN (trazione)
8 5-6
∑M = 107.65*(6)-10.76*(6)-21.53*(4) – N *(1.435 cos 5°10’) = 0
5-6
N = 645.9-64.59-86.12 / 1.43 = 346.29KN (compressione)
2 10-9
∑M = 107.65*(2)-10.76*(2)– N *(1.08) = 0
10-9
N = 193.78 / 1.08 = 179.42KN (trazione)

Diagonali e montanti
2 1-10
∑M = 107.65*(2)-10.76*(2)– N *(0.98) = 0
1-10
N = 215.3-21.53 / 0.98 = 196.52 KN (trazione)
1 2-9
∑M = 21.53*(2)-179.42*(0.9)+ N *(1.10) = 0
2-9
N = 43.06-161.48 / 1.10 = 107.65 KN (trazione)
1 2-10
∑M = -179.42*(0.9)+N *(2.00) = 0
2-10
N = 161.48 / 2.00 = 80.74 (compressione)

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


7
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

CARICO QW – considerata la simmetria della struttura e dei carichi si può analizzare metà trave reticolare

VA = VB = 5*3.8*cos5°10’ = 18.92KN

6 8-11
∑M = - 18.92*(10) + 1.9*(10.05) + 3.8*(8.04+6.03+4.02+2.01) + N *(1.8) = 0
8-11
N = +189.20 - 19.09 - 76.38 /1.8 = 52.07KN (compressione)
3 8-9
∑M = N *(1.26) - 18.92*(4) + 3.8*(2.01) + 1.9*(4.02) = 0
8-9
N = ( +75.68 - 7.63 - 7.64) /1.26 = 47.94KN (compressione)
7 5-6
∑M = N *(0.72) +52.07*(0.9) - 3.8*(0.06) + 3.8*(1.95) +3.8*(3.96) + 3.8*(5.97) + 1.9*(7.98) – 18.92* (8) = 0
5-6
N = (- 46.86 +0.23 – 7.41 - 15.05 – 22.68 -15.16 + 151.36) / 0.72 = 61.71KN (trazione)
2 10-9
∑M = - N *(1.08) – 18.92*(2) + 1.9*(2.01) = 0
10-9
N = (-37.84 + 3.82) / 1.08 = - 31.05 KN (occorre invertire il verso, l’asta risulta compressa)
2 1-10
∑M = - N *(0.98) – 18.92*(2) + 1.9*(2.01) = 0
1-10
N = ( -37.84 + 3.82) / 0.98 = - 34.71 KN (occorre invertire il verso, l’asta risulta compressa)
1 2-10
∑M = - N *(2.0) + 31.05*(0.90) = 0
2-10
N = 427.94 / 2.0 = 13.97 KN
1 2-9
∑M = - N *(1.10) – 3.8*(2.01) + 31.05 *( 0.9) = 0
2-9
N = - 27.94 + 7.64/ 1.10 = - 18.45 KN (occorre invertire il verso, l’asta risulta compressa)

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


8
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

TABELLA DEI RISULTATI

ASTA G1+G2 (KN) QS (KN) QW(KN)


8-11 + 38.90 +299.05 -52.07
8-9 + 35.64 +274.09 -47.94
5-6 - 45.03 - 346.29 +61.71
10-9 +23.33 +179.42 -31.05
1-10 +25.55 +196.52 -34.71
2-10 -10.50 - 80.74 +13.97
2-9 +14.00 +107.65 -18.45

Per dimensionare le aste dobbiamo combinare i risultati con i coefficienti parziali. Impiegando, per ragioni costruttive,
non più di tre tipi di profilo, possiamo diminuire le aste da dimensionare.

Applichiamo l’espressione per le combinazioni agli SLU

γG (G1+G2) + γQ (QS) + ψ γQ (Qw)

γG (G1+G2) + γQ (QW) + ψ γQ (QS)

Con i coefficienti che assumeranno i valori: γG= 1.00; γ G = 1.30; γQ = 0.00; γ Q = 1.50; ψw = 0,6; ; ψs = 0,5

Corrente inferiore (si assume l’asta 8-11)


COMB. 1
1.3*38.90 + 1.5*299.05 + 0*(-52.07) = 50.57+448.575 +0 = 499.145KN
COMB. 2
1.0*38.90 + 0*299.05 + 1.5*(-52.07) = 38.90 – 78.105 = - 39.205KN

Corrente inferiore (si assume l’asta 8-9)


COMB. 1
1.3*35.64 + 1.5*274.09 + 0*(- 47.94) = 46.33 + 411.135 +0 = 457.465KN
COMB. 2
1.0*35.64 + 0*274.09 + 1.5*(-47.94) = 35.64 – 71.91 = - 36.27KN

Corrente superiore (si assume l’asta 5-6)


COMB. 1
1.3*(-45.03) + 1.5*(-346.29) + 0*61.71= - 58.54 - 519.435 +0 = - 577.975KN
COMB. 2
1.0*(- 45.63) + 0*(-346.29) + 1.5*61.71= -45.63 +92.56 = 46.935KN

Diagonale (si assume l’asta 2-9)


COMB. 1
1.3*14.00 + 1.5*107.65 +0*(-18.45) = 18.2 + 161.475 = 179.675KN
COMB. 2
1.0*14.00 + 0*107.65 +1.5*(-18.45) = 14 – 27.675 = - 13.675KN

Montante (si assume l’asta 2-10)


COMB. 1
1.3*(-10.50) + 1.5*(-80.74) +0*13.97= -13.65 -121.11 = - 134.76KN
COMB. 2
1.0*(-10.50) + 0*(-80.74) +1.5*(+13.97) = -10.5 +20.955= + 10.455KN

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


9
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

PROGETTO E VERIFICA DELLE SEZIONI

La sezione maggiormente sollecitata a compressione risulta essere quella appartenente all’asta 5-6
N ≈ - 578KN
L = Lo = 201cm (lunghezza libera di inflessione)

Per la verifica della stabilità dovrà risultare (vedi NNTC 4.2.42) :


1
,

Dove NEd = 578KN (valore di calcolo)


E il valore Nb,Rd è il valore della resistenza ultima della sezione, che essendo nel nostro caso di classe 1, diventa:

 ·  · 
, 



I coefficienti adimensionali  dipendono dal tipo di sezione e dalla qualità dell’acciaio impiegato e si usano per
tenere conto della riduzione della resistenza della sezione a causa dei fenomeni di instabilità.

Quindi la  è funzione della snellezza e delle imperfezioni di realizzazione (vedi NNTC 4.2.45)

1
 1
Φ √Φ
 λ

Nella formula si deve sostituire il valore di Φ e della snellezza adimensionale λ


Φ  0.5 · 1   0.2 
 (vedi NNTC 4.2.45) con α (fattore di imperfezione che si ricava dalla tabella Tab.
4.2 VI e la snellezza adimensionale che si ricava attraverso la formula (per sezioni classe 1,2,3) :
 · 
 


Il valore di Ncr è il carico critico Euleriano ed è basato sulle proprietà della sezione lorda e sulla lunghezza libera di
inflessione dell’asta calcolato per la modalità di collasso

N.B. la snellezza nelle membrature compresse non deve eccedere il valore di 200 nelle principali e di 250 in quelle secondarie

2
Nel nostro caso, assumendo una sezione resistente tipo HeA 160 ed un acciaio tipo S275 , di superficie pari a 38,8cm
2 4
di raggio d’inerzia minimo pari a 3,98cm, modulo elastico E s =210000 N/mm , JMIN = 6160000mm , abbiamo:

Snellezza geometrica:
λ = 201/3.98 = 50,5 < 200

Carico critico Euleriano:


Ncr. = π ES JMIN /Lo = 3.14 *6160000*210000/2010 = 9.859*6160000*210000 /4040100 = 3157KN
2 2 2 2

Snellezza adimensionale:

3880 · 275
   0.581
3157000

Assumiamo il valore di α dalla tabella 4.2 VI

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


10
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

Si deve assumere la curva di instabilità “c”

Il fattore di imperfezione α vale 0,49

Φ  0.5 · 1 0.490.581  0.2 0.581


 = 0.5*(1+0.186+0.337) = 0.76

χ = 1/ 0.76+ w (0.76 - 0.581 ) = 1/0.76 + w(0.577- 0.337) = 1/0.76+0.489 = 1/1.249 = 0.80


2 2

Il diagramma illustra la relazione che intercorre tra la snellezza ed il coefficiente di riduzione 

1.00
0.90
0.80
Coeff. di riduzione X

0.70
0.60 a0
0.50 a
0.40
b
0.30
c
0.20
d
0.10
0.00
20
30
40
50
60
70
80
90
100
110
120
130
140
150
160
170
180
190
200
210
220
230
240
250

Snellezza geometrica

N.B. verificare sul diagramma delle “curve di instabilità” la corrispondenza del valore del coefficiente di riduzione  in relazione alla snellezza
geometrica

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


11
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

Calcoliamo il valore della resistenza ultima:

Nb,Rd = 0.8*3880*275/1.05 = 812952.38N ≈ 812KN

Quindi verifichiamo:

576/812 = 0.71 < 1 – la sezione è verificata

Non occorre verificare la COMB2 in quanto la sezione risulterà certamente verificata a trazione

Dimensioniamo i correnti soggetti a trazione:

L’asta maggiormente impegnata a trazione è la 8-11, questa però è anche soggetta nella COMB2 ad una sollecitazione
di compressione. Il dimensionamento dell’elemento dovrà garantire il soddisfacimento di entrambe le condizioni di
stabilità.

COMB1 = N = 499.145 KN (trazione)


COMB2 = N = - 39.205 KN (compressione)

2
Adottiamo un profilo HeA 100 ed un acciaio tipo S275 , di superficie pari a 21.2cm di raggio d’inerzia minimo pari a
2 4
2,51cm, modulo elastico Es =210000 N/mm , JMIN = 1340000mm , abbiamo:


1
 ,

Nt si assumerà dal minore dei seguenti valori:

Npl,Rd = A fyk /γM0 = 2120 *275/1.05 = 555238.09N


2
Sulla sezione, depurata da 4 fori sulle ali: Af = (4x12x8) = 384mm
Nul,Rd = 0.9 Anet ftk /γM2 = 0.9*(2120-384)*430 / 1.25 = 597184N

Verifichiamo:
499.145 / 555.24 = 0.90 < 1 la sezione è verificata

Verifichiamo la COMB2

L’elemento in trazione si disporrà incernierato tra i due semiarchi (anche per questioni di trasporto e montaggio)
predisponendo delle flange “in attesa” anche per la necessità di diminuire al limite ammissibile la snellezza.

Snellezza geometrica:
λ = 600/2.51 = 239 < 250 (si tratta di un elemento secondario)

Carico critico Euleriano:


Ncr. = π ES JMIN /Lo = 3.14 *1340000*210000/6000 = 77069.21N
2 2 2 2

Snellezza adimensionale:

2120 · 275
   2.75
77069

Il fattore di imperfezione α vale 0,49

Φ  0.5 · 1 0.492.75  0.2 2.75


 = 0.5*(1+1.249+7.56) = 4.906
S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -
12
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

χ = 1/ 4.906+ w (4.906 - 2.75 ) = 1/ 4.906 + w(24.07- 7.56) = 1/8.97 = 1/6.446 = 0.11


2 2

Calcoliamo il valore della resistenza ultima:

Nb,Rd = 0.11*2120*275/1.05 = 61.076KN

Quindi verifichiamo:

39.205 /61.076 = 0.64 < 1 – la sezione è verificata

La verifica dell’asta 8-9 può omettersi assumendo la sezione dell’asta 8-11

Verifichiamo il Montante ( asta 2-10)

COMB. 1
1.3*(-10.50) + 1.5*(-80.74) +0*13.97= -13.65 -121.11 = - 134.76KN
COMB. 2
1.0*(-10.50) + 0*(-80.74) +1.5*(+13.97) = -10.5 +20.955= + 10.455KN
2
Adottiamo un profilo HeA 100 ed un acciaio tipo S275 , di superficie pari a 21.2cm di raggio d’inerzia minimo pari a
2 4
2.51cm, modulo elastico Es =210000 N/mm , JMIN = 1340000mm , abbiamo:


1
 ,

Snellezza geometrica:
λ = 108/2.51 = 43 < 200

Carico critico Euleriano:


Ncr. = π ES JMIN /Lo = 3.14 *1340000*210000/1080 = 2378679.218N = 2378,68KN
2 2 2 2

Snellezza adimensionale:

2120 · 275
   0.495
2378680

Il fattore di imperfezione α vale 0,49

Φ  0.5 · 1 0.490.49  0.2 0.49


 = 0.5*(1+0.142+0.24) = 0.695

χ = 1/ 0.695+ w (0.695 - 0.495 ) = 1/ 0.695+w 0.483-0.245 = 1/1.182= 0.846


2 2

Calcoliamo il valore della resistenza ultima:

Nb,Rd = 0.846*2120*275/1.05 = 469.731KN

Quindi verifichiamo:

134.76/469.731 = 0.286 < 1 – la sezione è verificata

Non occorre verificare il montante a trazione

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


13
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

Diagonale (asta 2-9)

COMB. 1
1.3*14.00 + 1.5*107.65 +0*(-18.45) = 18.2 + 161.475 = 179.675KN
COMB. 2
1.0*14.00 + 0*107.65 +1.5*(-18.45) = 14 – 27.675 = - 13.675KN
2
Adottiamo un profilo HeA 100 ed un acciaio tipo S275 , di superficie pari a 21.2cm di raggio d’inerzia minimo pari a
2 4
2.51cm, modulo elastico Es =210000 N/mm , JMIN = 1340000mm , abbiamo:


1
 ,

Nt si assumerà dal minore dei seguenti valori:

Npl,Rd = A fyk /γM0 = 2120 *275/1.05 = 555238.09N

La sezione sarà interamente reagente (il giunto si realizza saldato a completo ripristino)

Verifichiamo:
179.675 / 555.24 = 0.32 < 1 la sezione è verificata

Non occorre verificare la COMB.2

PREDIMENSIONAMENTO

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


14
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

DIMENSIONAMENTO DELLE TRAVI SECONDARIE (ARCARECCI)

Gli arcarecci servono a trasmettere i carichi gravanti sulla copertura alle sottostanti travi reticolari. Gli arcarecci sono
posizionati in senso ortogonale al piano delle travi reticolari e poggiano sul corrente superiore in corrispondenza dei
nodi . In genere le sezioni degli arcarecci sono soggette a flessione deviata, ma per valori dell’angolo sul piano
orizzontale minori di 10° il contributo della componente flessionale sull’asse debole è praticamente trascurabile.
Nel nostro caso l’angolo è di circa 5° quindi possiamo adottare un profilo tipo IPE non necessitando di particolare
inerzia per le componenti flessionali agenti sull’asse y-y.

ANALISI DEI CARICHI

Abbiamo:
G1 = 0,104 KN/m - (ipotizzando IPE 120)
G2 = (2 x 5)*0,2 / 5 = 0,4KN/m
Qs = 2,153*(2 x 5)/5 = 4,31 KN/m
Qw = - 0,38*(2 x 5) /5 = - 0,76KN/m

Applichiamo l’espressione per le combinazioni agli SLU

γG (G1+G2) + γQ (QS) + ψ γQ (Qw) ; γG (G1+G2) + γQ (QW) + ψ γQ (QS)

La combinazione dei carichi più sfavorevole risulta essere la seguente:

Fd = 1, 3*(0,104+0,4) + 1,5*(4,31) + 0,6*0.0*(-0,76) = 0,655 + 6,465 = 7,12KN

Considerando lo schema di calcolo di una trave appoggiata-appoggiata con luce di 5 metri abbiamo le seguenti azioni
di calcolo:
2
MY-Y = Fd x L /8 = 22,25 KNm
Tz-z = Fd x L /2 = 17,80 KNm
2
Considerando l’impiego di profili in acciaio tipo S275 possiamo contare su una fyd = 275/1,05 = 261.90N/mm

Possiamo ricavare il modulo elastico di progetto ponendo:


4 3
Wpl = 22,25*10 / 2619 = 84,95cm
4 3 2
Assumiamo un profilo IPE160 con Jy-y = 869 cm Wpl = 123,9cm ; A = 20,10cm ; G1 = 17,9 daN/m

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


15
I.t.g . Guarino Guarini di Modena - CORSO DI COSTRUZIONI – prof. STEFANO CATASTA – a.s. 2010-2011

MEd /Mc,Rd  1 ; 22,25*10 / 123,9*2619 = 0,68 < 1.00 (la verifica a flessione è soddisfatta)
Verifiche:
4

VEd/ VCRd  1 → fyd = fyk/γM0

VCRd = Av *fyd / S3
2
Av = A – 2b*tf + (tW+2r) tf ; 2010 – (2*82*7,4) = 796,4mm ( a favore di sicurezza)

VCRd = 796,4*261,9/1,73 = 120565N

17800/120565 = 0,15 < 1.00 (la verifica a taglio è soddisfatta)

VERIFICA AGLI SLE

La massima freccia ammissibile deve risultare:

δmax / L = 1/200 - (combinazione rara)


δ2/ L = 1/250 - (solo carichi variabili)

G1+G2 = 0,179+0,4 = 0,58KNm


Qs = 4,31KN/m

δ1 = 5 (G1+G2 ) *L / 384*Es* Jy-y = 5*0,58*500 /384* 2100000*869 = 0,25cm


4 4

δ2 = 5 (4,31 ) *L / 384*Es* Jy-y = 5*4,31*500 /384* 2100000*869 = 1,92cm < L/250


4 4

δmax = δ1 + δ2 = 2,17 < L/200

S.Catasta – P.Antonini – Materiale didattico in revisione per una pubblicazione -


16